Sei sulla pagina 1di 2

Esercizi di Struttura della Materia.

VII

(A)

Si consideri una particella di massa m e carica q sottoposta ad un potenziale armonico


in 1D, V (x) = 12 mω 2 x2 . All’istante t = 0 la particella é nello stato fondamentale e viene
acceso un campo elettrico E = Eo e−t/τ con τ = costante. Il campo elettrico é lungo x.
In approssimazione di dipolo calcolare la probabilitá che dopo un tempo t → ∞(t ≫ τ )
il sistema sia transito sul primo stato eccitato.
(B)

Si consideri un atomo d’idrogeno in un campo magnetico uniforme d’intesità 1 Tesla.


i) Scrivere l’hamiltoniana del sistema trascurando l’interazione spin-orbita, ma includendo
l’accoppiamento dello spin dell’elettrone con il campo esterno. Disegnare lo schema dei
livelli energetici dello stato fondamentale (1s) e del primo stato eccitato (2s e 2p) indicando
gli spostamenti in energia (in eV) indotte dal campo esterno (il magnetone di Bohr µB =
0.578810−4 eV/Tesla).
ii) Supponendo che il sistema sia sullo stato fondamentale, indicare quali sono le possibili
transizioni ottiche tra i livelli del punto i) indotte in approssimazione di dipolo da luce
polarizzata linearmente lungo l’asse parallelo al campo magnetico.
iii) Calcolare la rate di una delle transizioni permesse supponendo che la luce incidente
abbia una densità di energia per unità di frequenza pari a 6.6 eV sec/cm3 . Le funzioni
d’onda dell’atomo d’idrogeno sono
1
u100 = √ 3/2
e−r/ao
πao
1 1 r −r/2ao
u200 = √ 3/2
(1 − )e
2 2π ao 2ao
1 r −r/2ao
u21m = √ 3/2
e Y1m (θ, φ)
24ao ao
R∞ n!
Inoltre 0 dyy ne−αy = αn+1

(C)
Si consideri una molecola biatomica rigida di lunghezza d fissata. I due atomi della
molecola hanno masse m1 ed m2 e cariche ±q. (Si pensi ad una molecola di NaCl ad
esempio).
i) Calcolare lo spettro rotazionale della molecola. Scrivere esplicitamente le funzioni
d’onda di stato fondamentale e del primo stato eccitato rotazionali.
ii) Si supponga che all’istante t=0 la molecola sia sullo stato (rotazionale) fondamen-
tale e che venga acceso un campo elettrico E, uniforme (lo si scelga ad esempio diretto
lungo l’asse z) e dipendente dal tempo come E = Eo e−t/τ con Eo e τ costanti positive.
Considerando il campo elettrico una debole perturbazione calcolare in approssimazione
di dipolo la probabilità che ad un istante successivo t ≫ τ il sistema sia sul primo stato
eccitato rotazionale.
(D)
Si considerino due particelle distinguibili con spin 1/2 e operatore hamiltoniano

H = γ(S1z − S2z )
con γ costante positiva e S1z ed S2z componenti dello spin lungo z delle due particelle.
i) Calcolare i possibili valori di energia del sistema considerando i soli gradi di libertà di
spin.
ii) Si assuma che all’istante t = 0 il sistema sia sullo stato eccitato a energia più alta e
venga accesa una perturbazione dipendente dal tempo

HI = a0 S1 · S2 e−γt
γ
per t > 0 e a0 = 2h̄ . Calcolare la probabilità che il sistema sia ancora sullo stato iniziale
ad un istante successivo t ≫ γ1 .
Suggerimento: per il calcolo delle probabilità di transizione si esprimano stato iniziale e
stato finale sulla base degli autostati di S1 · S2 .