Sei sulla pagina 1di 3

1

Partitore di tensione in corrente continua


Claudio B. Caporusso, Flavio DIppolito


Il partitore di tensione un esempio di quadrupolo, ovvero di un circuito con due coppie di terminali (una di
ingresso e una di uscita); nel caso del partitore, sia in entrata che in uscita si ha una tensione.
Dalle leggi di Kirkhoff applicate al circuito si ha nel caso di assenza di carico (R
c
= )

(1)
Nel caso di presenza di carico le equazioni cambiano e si ottiene

(2)
Se si utilizza un potenziometro si pu variare il valore di R
2
lasciando costante R
T
si
vede dalla (1) che in assenza di carico il rapporto di partizione A una funzione
lineare di R
2
. Se invece presente una resistenza di carico R
c
si nota che la relazione
cessa di essere lineare; ma dalla (2) se verificata la condizione R
C
>> R
1
+R
2
si ha A =
R
2
/R
T
e quindi si ritorna al caso di assenza di carico.
Abbiamo realizzato il circuito raffigurato nella figura 2 per effettuare la misura del rapporto di partizione A

in
funzione della variazione di R: R
int
rappresenta la resistenza interna del generatore, del valore di circa 1, R
1
e
R
2
sono le resistenze del potenziometro con R
T
= 1 k e R
C
la
resistenza di carico; sono state fatte misure con resistenze di
carico di 100 , 470 , 1 M.
La tensione fornita dallalimentatore per effettuare la misura
stata pari a 5 V. Sono state collegate quindi le tre resistenze di
carico e misurate, al variare del valore di R
2
tramite la manopola
del potenziometro, le tensioni ai capi delle stesse. I risultati della
misura sono riportati nel grafico 1.
Si nota subito dal grafico come per la resistenza di carico di 1 M
il partitore sia in regime lineare, mentre per valori di resistenze di
carico pi basse il grafico del rapporto di partizione non lo ; questo giustifica la considerazione teorica fatta
precedentemente che per valori molto alti rispetto al valore della resistenza totale del potenziometro si ricade
nel caso di carico assente.

Figura 1 Schema generale di
un partitore di corrente in
continua
Figura 2 Schema del partitore realizzato in
laboratorio
2

0 200 400 600 800 1000
0,0
0,2
0,4
0,6
0,8
1,0
1,2
100
470
1 M
A
R
2
Grafico 1 Andamento sperimentale di A al variare di R
2
per diversi valori della resistenza di carico

Per R = 1 M si calcolata la retta di best fit, infatti si ha un coefficiente di correlazione r = 1, che significa una
perfetta linearit dei punti; la retta calcolata ha intercetta B = 1.69x10
-4
1.94x10
-4
, che compatibile con il
valore di intercetta nulla previsto teoricamente, e pendenza A = 0.001 9x10
-7

-1
. Dalla (1) si ricava R
T
= 1/A e
quindi R
T
= 1000.0 0.9 , valore compatibile con quello nominale fornito dal costruttore. Il valore del










0 200 400 600 800 1000
0,0
0,2
0,4
0,6
0,8
1,0
1,2
A
R
2
Grafico 2 Andamento dei punti sperimentali per R = 1 M e retta di best fit
3

R
2
()


V
I

100
(V)
V
I

470
(V)
V
I

1M
(V)
A
100
A
470
A
1M

0
100
200
300
400
500
600
700
800
900
1000

0
0.26
0.38
0.48
0.58
0.7
0.87
1.11
1.52
2.35
5
0
0.42
0.75
1.04
1.33
1.63
1.99
2.42
2.99
3.79
5
0
0.5
1
1.5
2
2.5
3.01
3.5
4.02
4.52
5.03
0.000
0.052
0.076
0.096
0.116
0.140
0.174
0.222
0.304
0.470
1.000
0.002
0.002
0.003
0.003
0.003
0.003
0.004
0.005
0.006
0.010
0.020
0.000
0.084
0.150
0.208
0.266
0.326
0.398
0.484
0.598
0.758
1.000
0.002
0.003
0.004
0.005
0.006
0.007
0.008
0.010
0.012
0.015
0.020
0.000
0.100
0.200
0.300
0.400
0.500
0.602
0.700
0.804
0.904
1.006
0.002
0.003
0.004
0.006
0.008
0.010
0.012
0.014
0.016
0.018
0.020