Sei sulla pagina 1di 41

Università degli studi di Firenze Dipartimento di energetica “Sergio Stecco”

Corso
Corso di:
di:
Interazione
Interazione tra
tra le
le macchine
macchine ee ll’ambiente
’ambiente
a.a.
a.a. 2006/2007
2006/2007

Dimensionamento sistemi di rimozione del particolato


(cicloni, precipitatori elettrostatici e filtri a manica)

1
Dimensionamento cicloni – Definizioni generali

Numero di rivoluzioni effettive nel vortice esterno:


1 ⎡ Zc ⎤
Ne = L +
⎢ c 2 ⎥
Hc ⎣ ⎦
Hc = Altezza del condotto d’ingresso
Lc = Lunghezza del corpo del ciclone
Zc = Lunghezza della zona conica del ciclone

Tempo di residenza del gas nel vortice esterno:


2π rN e
∆t =
Vc
r = raggio del ciclone
Vc = velocità della corrente
gassosa in ingresso al ciclone

Rapporti tra le dimensioni


caratteristiche di un
ciclone standard (Lapple) 2
Dimensionamento cicloni – Definizioni generali

Velocità terminale delle particelle in direzione radiale:


Bc
Vt = dove Bc = Larghezza del condotto d’ingresso
∆t
d p2 ( ρ p − ρ )Vc2
Vt =
18 µ r
ρp = densità delle particelle [kg/m3]
ρ = densità della corrente gassosa [kg/m3]
dp = diametro delle particelle [m]
µ = viscosità [kg/(m s)]

Diametro minimo delle particelle che possono


essere rimossse completamente:
1/ 2
⎡ 9 µ Bc ⎤
d p , min =⎢ ⎥
⎢⎣ π N e ( ρ p − ρ )Vc ⎥⎦
3
Dimensionamento cicloni – Definizioni generali

Diametro minimo delle particelle che possono essere rimosse


con un’efficienza del 50 % (formula semi-empirica di Lapple):
1/ 2
⎡ 9µBc ⎤
d p ,50 =⎢ ⎥
⎢⎣ 2π N e ( ρ p ρ )Vc ⎥⎦

Efficienza di rimozione del ciclone in
funzione della dimensione delle particelle
espressa come rapporto fra dp e dp,50 (curva
di efficienza che tende asintoticamente al
100% idonea per il dimensionamento)

Efficienza di raccolta per ogni dimensione delle particelle (equazione algebrica


di Theodore & De Paola che interpola la curva di Lapple):
1
ηj = ηj = efficienza di rimozione per il range dimensionale j-esimo
1 + (d p ,50 / d p , j ) 2
dp,j = diametro caratteristico del range dimensionale j-esimo

Efficienza di raccolta totale: ηo = ∑η j m j


Dove mj = frazione in massa delle particelle nel range dimensionale j-esimo 4
Dimensionamento cicloni – Definizioni generali

PERDITE DI PRESSIONE

I cicloni presentano una perdita di carico complessiva rilevante:


1) En. Cinetica ingresso ∆pi= ½ ρut12 Localmente:
2) En. Cinetica uscita ∆pu= ½ ρuz22 1 ∂ p u t2 u t21 r1
= = 2
3) Presenza vortice tra r1 e r2: ∆pV= ρut1 (r1/r2-1)
2 ρ ∂ r r r
∆p = ∆pi+ ∆pu+ ∆pV in teoria, in pratica resta forte vorticità nella tubazione di
scarico e la perdita di pressione allo scarico é circa doppia:
Integrando tra r1 e r2:
uz2
∆p = ½ ρut1 2(2r
1/r2- 1) + ρuz2 2
r
r 1

2 ⎛ Dc ⎞
L
1
∆p = ρ gVc ⋅ ⎜⎜ 2 − 1⎟⎟ + ρ gVout
2

2 ⎝ De ⎠ ut1

ρg = densità del gas [kg/m3] De = diametro del cilindro interno [m]


Vc = velocità di ingresso della corrente gassosa [m/s]
Vout = velocità di uscita della corrente gassosa [m/s] 5
Dimensionamento cicloni – Esempio 1

Esempio 1

Un ciclone è stato progettato con una larghezza della sezione di ingresso Bc di 12


cm e 4 giri effettivi (Ne). La velocità di ingresso del gas Vc deve essere 15 m/s e la
densità del particolato ρp è 1701 kg/m3. Calcolare la dimensione delle particelle che
vengono catturate con efficienza del 50%, se il gas è aria e la temperatura 350K.
La viscosità dell’aria a 350K è 2,08*10-5 [kg/m*s]

Risoluzione
1/ 2
⎡ 9µBc ⎤
d p ,50 =⎢ ⎥
⎢⎣ 2π N e ( ρ p − ρ )Vc ⎥⎦
1/ 2
⎡ 9 ⋅ (2,08 ⋅10 [kg / m ⋅ s ]) ⋅ (12 ⋅10 [m]) ⎤
−5 −2
d p ,50 =⎢ ⎥ = 5,92 ⋅10 −6 [m]
⎣ 2π ( 4 )(1700[ kg / m 3
])(15[ m / s ]) ⎦
6
Dimensionamento cicloni – Esempio 2

Un ciclone di dimensioni standard ha il diametro di 1 m. Calcolare l’efficienza di rimozione


complessiva per una portata di aria di 150 m3/min a T=350 K e p= 1 atm, contenente
particelle con una densità di 1600 kg/m3 e con la distribuzione dimensionale di tabella.
Particle Size Range
µ 0.075 kg/m-hr Mass Percent in Size Range
[µ m]
density 1.01 kg/m3 0-2 1
Hc 0.5 m 2-4 9
Bc 0.25 m 4-6 10
Lc 2 m 6-10 30
10-18 30
Zc 2 m 18-30 14
Ne 6 30-50 5
50-100 1
RISOLUZIONE:
Calcolo Vc e dp,50: 150m3 1 1200m
Vc = x =
min (0,5m)(0,25m) min
1/ 2
⎡ kg ⎤
⎢ 9 ⋅ ( 0,075 ) ⋅ ( 0, 25m ) ⎥
d p ,50 =⎢ m − hr ⎥ = 6,26 ⋅10−6 [m]
⎢ 2π (6) ⎡(1600 − 1) kg ⎤ (1200m / min)(60 min ⎥
⎢⎣ ⎢⎣ m3 ⎥⎦ hr ⎥⎦ 7
Dimensionamento cicloni – Esempio 2

E’ poi necessario calcolare l’efficienza di rimozione per ciascun range dimensionale: di solito
si considera il diametro medio
j Particle Size Range dp,j [µ m] dp50/dp,j ηj mj % Collected η jmj %
1 0-2 1 6.235 0.025 1 0.025
2 2-4 3 2.078 0.188 9 1.692
3 4-6 5 1.247 0.391 10 3.914
4 6-10 8 0.779 0.622 30 18.662
5 10-18 14 0.445 0.834 30 25.034
6 18-30 24 0.260 0.937 14 13.115
7 30-50 40 0.156 0.976 5 4.881
8 50-100 75 0.083 0.993 1 0.993
68.316

1
ηj =
1 + (d p ,50 / d p , j ) 2
8
ηo = ∑η j m j = 68%
j =1 8
Dimensionamento cicloni – Esempio 3

Effettuare il dimensionamento di un ciclone multiplo tenendo conto dei parametri


riportati nelle seguente tabella. Utilizzare la procedura iterativa, nella quale
inizialmente si fissa il diametro del ciclone e successivamente si procede al
calcolo del dp,min e delle perdite di pressione. Specificare la scelta finale del
diametro del corpo del ciclone, numero di cicloni, velocità di ingresso del gas e
perdita di pressione.
Dati
Portata volumetrica Q 6 [m3/s]
Velocità in ingresso max ammissibile Vc 20-30 [m/s]
Concentrazione particolato PMI N 217 [mg/Nm3]
Densità particelle ρP 2000 [kg/m3]
Concentrazione max ammessa al camino PMOU T 50 [mg/Nm3]
Viscosità µ 1,82E-05 [kg/(m s)]
Densità gas ρg 1,18 [kg/m3]

217 − 50
Efficienza di rimozione = = 76,96%
217
9
Dimensionamento cicloni – Esempio 3

Calcolo del diametro minimo rimosso al 100% mantenendo


costante il diametro del ciclone e variando la velocità di ingresso
(n° di cicloni in parallelo)
Dc dpmin Ne Vc n Vout ∆ p (Pa) ∆ p (bar)
0,5 2,91311E-06 2 192 1 30,55775 66351,13571 0,663511
0,5 4,11976E-06 2 96 2 15,27887 16587,78393 0,165878
0,5 5,04565E-06 2 64 3 10,18592 7372,348413 0,073723
0,5 5,82621E-06 2 48 4 7,639437 4146,945982 0,041469
0,5 6,5139E-06 2 38 5 6,11155 2654,045429 0,02654
0,5 7,13563E-06 2 32 6 5,092958 1843,087103 0,018431
0,5 7,70736E-06 2 27 7 4,365393 1354,10481 0,013541
0,5 8,23951E-06 2 24 8 3,819719 1036,736496 0,010367
0,5 8,73932E-06 2 21 9 3,395305 819,1498236 0,008191
0,5 9,21205E-06 2 19 10 3,055775 663,5113571 0,006635
0,5 9,66168E-06 2 17 11 2,777977 548,3564935 0,005484
0,5 1,00913E-05 2 16 12 2,546479 460,7717758 0,004608
0,5 1,05034E-05 2 15 13 2,350596 392,6102705 0,003926
0,5 1,08998E-05 2 14 14 2,182696 338,5262026 0,003385
0,5 1,12824E-05 2 13 15 2,037183 294,8939365 0,002949
0,5 1,16524E-05 2 12 16 1,909859 259,1841239 0,002592
0,5 1,2011E-05 2 11 17 1,797515 229,5887049 0,002296
0,5 1,23593E-05 2 11 18 1,697653 204,7874559 0,002048
0,5 1,26979E-05 2 10 19 1,608303 183,7981599 0,001838
0,5 1,30278E-05 2 10 20 1,527887 165,8778393 0,001659
0,5 1,33495E-05 2 9 21 1,455131 150,4560901 0,001505
0,5 1,36637E-05 2 9 22 1,388989 137,0891234 0,001371
0,5 1,39708E-05 2 8 23 1,328598 125,4274777 0,001254
0,5 1,42713E-05 2 8 24 1,27324 115,1929439 0,001152 10
0,5 1,45655E-05 2 8 25 1,22231 106,1618171 0,001062
Dimensionamento cicloni – Esempio 3

Andamento del diametro minimo rimosso al 100% in funzione della


velocità di ingresso del gas

1.80E-05
diametro minimo rimosso al 100%

1.60E-05

1.40E-05

1.20E-05
Diametro particelle [m]

1.00E-05

8.00E-06

6.00E-06

4.00E-06

2.00E-06

0.00E+00
- 50 100 150 200 250
Velocità di ingresso tangenziale [m/s]
11
Dimensionamento cicloni – Esempio 3

Andamento del diametro minimo rimosso al 100% in funzione della


velocità di ingresso del gas confrontato con l’andamento delle perdite
di pressione del gas
1,80E-05 0,7
diametro minimo rimosso al 100%

1,60E-05 Perdita di pressione


0,6

1,40E-05

0,5
1,20E-05

Perdita di pressione [bar]


Diametro particelle [m]

1,00E-05
Perdita di pressione accettabile 0,4

dell’ordine dei millibar


8,00E-06 0,3

6,00E-06
0,2

4,00E-06

0,1
2,00E-06

0,00E+00 0
- 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 110 120 130 140 150 160 170 180 190 200
Velocità di ingresso tangenziale [m/s]
12
Dimensionamento cicloni – Esempio 3

Dettaglio dell’andamento del diametro minimo rimosso al 100% in


funzione della velocità di ingresso del gas confrontato con l’andamento
delle perdite di pressione del gas nel range accettabile

1,80E-05 diametro minimo rimosso al 100% 0,01

Perdita di pressione
1,60E-05

0,008
1,40E-05

1,20E-05

Perdita di pressione [bar]


Diametro particelle [m]

0,006
1,00E-05

8,00E-06
0,004

6,00E-06

4,00E-06
0,002

2,00E-06

0,00E+00 0
- 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 28 30
Velocità di ingresso tangenziale [m/s]
13
Dimensionamento cicloni – Esempio 3
Calcolo del diametro minimo rimosso al 100% mantenendo
costante la velocità di ingresso del gas e variando il diametro del
ciclone (n° di cicloni in parallelo)
Dc dpmin Ne Vc n Vout ∆ p (Pa) ∆ p (bar)
0,05 2,85425E-06 2 20 960 3,183099 719,9559 0,0072
0,1 4,03652E-06 2 20 240 3,183099 719,9559 0,0072
0,15 4,94371E-06 2 20 107 3,183099 719,9559 0,0072
0,2 5,7085E-06 2 20 60 3,183099 719,9559 0,0072
0,25 6,3823E-06 2 20 38 3,183099 719,9559 0,0072
0,3 6,99146E-06 2 20 27 3,183099 719,9559 0,0072
0,35 7,55164E-06 2 20 20 3,183099 719,9559 0,0072
0,4 8,07304E-06 2 20 15 3,183099 719,9559 0,0072
0,45 8,56275E-06 2 20 12 3,183099 719,9559 0,0072
0,5 9,02593E-06 2 20 10 3,183099 719,9559 0,0072
0,55 9,46648E-06 2 20 8 3,183099 719,9559 0,0072
0,6 9,88741E-06 2 20 7 3,183099 719,9559 0,0072
0,65 1,02911E-05 2 20 6 3,183099 719,9559 0,0072
0,7 1,06796E-05 2 20 5 3,183099 719,9559 0,0072
0,75 1,10545E-05 2 20 4 3,183099 719,9559 0,0072
0,8 1,1417E-05 2 20 4 3,183099 719,9559 0,0072
0,85 1,17684E-05 2 20 3 3,183099 719,9559 0,0072
0,9 1,21096E-05 2 20 3 3,183099 719,9559 0,0072
0,95 1,24414E-05 2 20 3 3,183099 719,9559 0,0072
1 1,27646E-05 2 20 2 3,183099 719,9559 0,0072
1,05 1,30798E-05 2 20 2 3,183099 719,9559 0,0072
1,1 1,33876E-05 2 20 2 3,183099 719,9559 0,0072
1,15 1,36885E-05 2 20 2 3,183099 719,9559 0,0072
1,2 1,39829E-05 2 20 2 3,183099 719,9559 0,0072
1,25 1,42713E-05 2 20 2 3,183099 719,9559 0,0072
1,3 1,45539E-05 2 20 1 3,183099 719,9559 0,0072
1,35 1,48311E-05 2 20 1 3,183099 719,9559 0,0072
1,4 1,51033E-05 2 20 1 3,183099 719,9559 0,0072
1,45 1,53706E-05 2 20 1 3,183099 719,9559 0,0072
1,5 1,56334E-05 2 20 1 3,183099 719,9559 0,0072 14
Dimensionamento cicloni – Esempio 3

Andamento del diametro minimo rimosso al 100% in funzione del


diametro del ciclone confrontato con l’andamento delle perdite di
pressione del gas
1,80E-05 0,008

1,60E-05 0,007

1,40E-05
0,006

1,20E-05

Perdita di pressione [bar]


Diametro particelle [m]

0,005

1,00E-05

0,004

8,00E-06

0,003
6,00E-06

0,002
4,00E-06

Diametro minimo rimosso al 100% 0,001


2,00E-06
Perdita di pressione

0,00E+00 0
0 0,2 0,4 0,6 0,8 1 1,2 1,4 1,6
Diametro cicloni [m]
15
Dimensionamento cicloni – Esempio 3

Curva cumulata della distribuzione delle dimensioni delle particelle solide

120%
Equiazione polinomiale che interpola la curva cumulata
(anche se l'interpolazione non è buona per alti valori del diametro
100% è importante che sia vicina nella parte in cui si deve ricavare il
diametro in funzione della percentuale)

80%
y = 1E-09x4 - 2E-06x3 + 0.0004x2 - 0.0322x + 1.0041

60%
y x
76,99% 8,044
40%

20%

0%
0 20 40 60 80 100 120 140
µm

Dalla distribuzione dimensionale cumulata è possibile ricavare il diametro delle


particelle che devono essere intercettate al 100%, per garantire quella determinata
efficienza di rimozione 16
Dimensionamento precipitatori elettrostatici - Definizioni

EFFICIENZA DI CATTURA: η = 1− e ( − wA / Q )

A = area di cattura complessiva [m 2 ]


Q = portata volumetrica di gas [m 3 / min]
w = velocità di drift (velocità terminale in direzione y) [m/min]
VELOCITA’ DI DRIFT
L’effetto di particelle con forme diverse, le variazioni
nel campo elettrico, la non uniformità di
distribuzione della portata di gas, e la risospensione
fanno sì che la velocità di drift calcolata
teoricamente non sia affidabile per il
dimensionamento degli ESP.
Nella pratica quindi la velocità di drift viene valutata
per mezzo di studi pilota o da precedenti
esperienze.
L’espressione della efficienza di rimozione riportata
può essere utlizzata per un primo dimensionamento,
anche se i produttori di ESP hanno modelli
proprietari più dettagliati per il dimensionamento17
finale.
Dimensionamento ESP – Definizioni generali

EFFICIENZA DI CATTURA: η = 1 − e ( − wA / Q )
Efficienza di rimozione al variare della velocità di drift - ESP Efficienza di rimozione al variare dell'area totale dei piatti

100% 100%
90% 90%
80% 80%

Efficienza di rimozione
Efficienza di rimozione

70% 70%

60% 60%

50% 50%

40% 40% Q = 3000 m3/min


30% w = 6 m/min
30%
Q = 3000 m3/min
20% A = 6000 m2 20%

10% 10%

0% 0%
0 5 10 15 20 25 30 0 2000 4000 6000 8000 10000 12000

Velocità di drift [m/min] Area [m2]


Efficienza di rimozione al variare della portata di gas

100%
90%
80%
Efficienza di rimozione

70%
60%
50%
40%
30% A = 6000 m2
20% w = 6 m/min

10%
0%
0 5000 10000 15000 20000
18
Portata gas [m3/min]
Dimensionamento ESP – Definizioni generali

AREA TOTALE DI CATTURA:

A = Ap (n − 1) N s = Ap ( N − N s )
A p = area del piatto sui due lati (= 2HL p ) N = numero totale di piatti nell' ESP
n = numero di piatti in parallelo N s = numero di sezioni nella direzione del flusso

19
Dimensionamento ESP – Definizioni generali
RESISTIVITA’ ELETTRICA (misura della resistenza alla
conduzione elettrica – range di funzionamento 10^8-10^13 ohm-cm)

Effetto della resistività sulla velocità effettiva di


drift.

Effetto di temperatura ed
umidità sulla resistività
di polveri dell’industria
del cemento

Variazione della resistività


di fly ash rispetto al
contenuto di zolfo del
carbone.

20
Dimensionamento ESP – Definizioni generali

CONFIGURAZIONE
INTERNA ESP

Parametri geometrici
di progetto e valori
tipici

21
Dimensionamento precipitatori elettrostatici - Geometria

Definizione del numero totale di condotti.

Q Nd = numero di condotti D = larghezza del canale (distanza piatti) m


Nd = Q = portata volumetrica totale m3/min H = altezza dei piatti
uDH
u = velocità del gas m/min
La lunghezza complessiva dell’ESP L0 è data da:

L0 = N s L p + ( N s − 1) Ls + Len + Lex
Ns = numero delle sezioni elettriche in Len = lunghezza della sezione di entrata m
direzione del flusso m
Lex = lunghezza della sezione di uscita m
Lp = lunghezza dei piatti m
Ls = spazio fra le sezioni m

Lo spazio fra le sezioni può essere 0,5-1,5 m, mentre le sezioni di ingresso ed uscita
possono essere di alcuni metri.
I piatti per ESP molto grandi possono essere alti 6-12 m e lunghi 1-4 m (nella direzione
del flusso)
L’altezza complessiva dell’ESP può arrivare a 1,5-3 volte quella dei piatti a causa della
presenza delle tramogge e di altre strutture.
22
Dimensionamento precipitatori elettrostatici - Geometria

Il numero delle sezioni elettriche può variare da 2 a 8, in funzione delle dimensioni dei piatti

N s = RH / L p R = aspect ratio (lunghezza totale piatti/altezza piatti)

L’area totale di cattura in funzione del numero di sezioni e di condotti risulta:

Aa = 2 HL p N s N d

Durante il processo di dimensionamento, più combinazioni di dimensioni di piatti e


numero di condotti possono essere provate fino a quando si trova un valore di Aa uguale
(o leggermente superiore) a quello valutato con i calcoli relativi all’efficienza.
Le prestazioni di un ESP aumentano con il numero delle sezioni (allineamento degli
elettrodi, etc..operatività anche se una sezione è ferma, etc.) anche se questo aumenta i
costi di investimento.

23
Dimensionamento ESP – Consumi elettrici

Pc = potenza [W]
Pc = I cVavg
I c = corrente [A]
Vavg = differenza di poenziale media [V]
Esistono espressioni sperimentali che permettono di mettere in relazione la velocità
effettiva di drift con la potenza richiesta, come quella riportata (White, 1977):

k è una costante. Per ESP ben


kPc
we = realizzati k è nel range 0,5-0,7
per set di unità di we in ft/sec e
A Pc/A in W/ft2

η = 1− e ( − kPc / Q )

k=0,55 Pc/Q in W/cfs


Accurata per η<98,5%
Per h>98,5% la potenza aumenta 24
molto velocemente
Dimensionamento precipitatori elettrostatici – Esempio 1

Calcolare l’area totale di un ESP con efficienza di rimozione complessiva 98%


che tratta una portata di aria di 10.000 m3/min. La velocità di drift effettiva è 6
m/min. Considerando piatti alti 6 m, lunghi 3 m e due sezioni nelle direzione del
flusso, calcolare il numero di piatti richiesti.

− wA −Q
η = 1 − e ( − wA / Q ) ln(1 − η ) = A= ln(1 − η )
Q w

− 10.000 min
3
m
A= m
ln(1 − 0,98) = 6520 m 2

6 min

A = Ap ( N − N s ) A = A p ( N − 2)

A 6520
N= +2= + 2 = 183.1 = 184 piatti
Ap 3x6 x 2
25
Dimensionamento precipitatori elettrostatici – Esempio 2

Calcolare l’area totale necessaria per due ESP con un’efficienza di rimozione
del 99% che trattano 8.000 m3/min. Le resistività delle ceneri sono:
a) 1,6 1010 ohm-cm b) 2,5 1011 ohm-cm

RISOLUZIONE
Dalla figura si ricava la velocità di drift in funzione
della resistività delle ceneri:
a) log(1,6 1010) = 10,2 ohm-cm Æ w= 6,8 m/min

−Q − 8.000
A= ln(1 − η ) = ln(1 − 0.99) = 5.418m 2
w 6,8

b) log(2,5 1011) = 11,4 ohm-cm Æ w= 3 m/min

−Q − 8.000
A= ln(1 − η ) = ln(1 − 0.99) = 12.280m 2
w 3
26
Dimensionamento precipitatori elettrostatici – Esempio 3

Per un ESP con 99% di efficienze che tratta 20.000 m3/min di gas è richiesta
un’area totale di 14.000 m2. Si stimino la larghezza, lunghezza e altezza
complessiva dell’ESP. Si usino i tipici valori per l’altezza dei piatti, la larghezza del
condotto, la velocità del gas e aspect ratio (R). Le dimensioni dei piatti disponibili
sono altezza 6-12 m e lunghezza 3 m.
Valori tipici: H = 12 m R=1
D = 25 cm u = 100 m/min

Calcolo il numero di condotti

Q 20.000m 3 / min
Nd = = = 67condotti
uDH (100m / min)(0,25m)(12m)
Calcolo il numero di sezioni
(1)(12)
N s = RH / L p = = 4 sezioni
3
Calcolo l’area totale

Aa = 2 HL p N s N d = 2(12)(3)(4)(67) = 19.296m 2 >> 14.000 m2 27


Dimensionamento precipitatori elettrostatici – Esempio 3

Proviamo a cambiare le dimensioni dei piatti: H=10 m

Ricalcolo il numero di condotti

Q 20.000m 3 / min
Nd = = = 80condotti
uDH (100m / min)(0,25m)(10m)
Calcolo il numero di sezioni

(1)(10)
N s = RH / L p = = 3,3 ≈ 4 sezioni
3
Calcolo l’area totale

Aa = 2 HL p N s N d = 2(10)(3)(4)(80) = 19.200m 2 >> 14.000 m2

28
Dimensionamento precipitatori elettrostatici – Esempio 3

Proviamo a cambiare le dimensioni dei piatti: H=8 m


Ricalcolo il numero di condotti

Q 20.000m 3 / min
Nd = = = 100condotti
uDH (100m / min)(0,25m)(8m)
Calcolo il numero di sezioni
(1)(8)
N s = RH / L p = = 3sezioni
3
Calcolo l’area totale

Aa = 2 HL p N s N d = 2(8)(3)(4)(100) = 14.400m 2 R=1,1

14.400m 2 m2
Specific collection area = 3
= 0,72 3
20.000m / min m / min
14.400m 2
Plat area per electrical set = = 4800 m2 29
3
Dimensionamento precipitatori elettrostatici – Esempio 4

ESEMPIO
Un ESP deve trattare 9.000 m3/min di gas da cui è
necessario rimuovere particelle solide con a) il 98% di
efficienza, o b) il 99,8 di efficienza. Usando i dati in
figura si stimi la potenza richiesta in kW.

RISOLUZIONE
Dalla figura:

100W m3 35,3 ft 3 1kW


η = 98% → Pc = x 9.000 x 3
x = 31,8kW
1000acfm min 1m 1000W

330W m 3 35,3 ft 3 1kW


η = 99,8% → Pc = x 9.000 x 3
x = 105kW
1000acfm min 1m 1000W

L’incremento di 1,8% nell’efficienza di rimozione richiede una potenza pari a circa


tre volte. Si verifichi che anche altri parametri importanti, come l’area totale dei
piatti, cambiano significativamente. 30
Dimensionamento filtri a manica

CALCOLO DELLE PERDITE DI PRESSIONE

∆P
Resistenza del filtro: S= [N − min/m3 ] o [Pa− min/m]
V

S = Ke + KsW dove: W = LVt


Ke = resistenza “estrapolata”del filtro a manica pulito [N-min/m3]
Ks = coeff. angolare del filtro a manica considerato [N-min/kg-m]

V = velocità superficia le di filtrazion e = Q / A [m/min]


Q = portata volumetrica gas [m 3 / min]
A = area tota le di filtrazion e [m 2 ]
L = dust loading [kg/m3 ]
t = tempo di funzioname nto [min]
W = densità areale del particolat o [kg/m 2 ]

31
Dimensionamento filtri a manica – Esempio 1

ESEMPIO 1
Sulla base dei dati sperimentali riportati in tabella per un tessuto filtrante pulito, si valuti la
perdita di pressione in un filtro a maniche dopo 70 minuti di funzionamento con L=5,0 g/m3
e V=0,9 m/min
Time ∆P S= ∆ P/V W=LVt
Constant
min Pa Pa-min/m g/m2
0 150 V=0,9 m/min 167 0
5 380 L=0,5 g/m3 422 22.5
10 505 561 45
20 610 678 90
30 690 767 135
60 990 1100 270

RISOLUZIONE
Riportando S e W su un grafico ed interpolando linearmente gli ultimi 4 punti è possibile
ottenere una relazione analitica analoga a:

S = Ke + KsW
E quindi valutare Ke e Ks 32
Dimensionamento filtri a manica – Esempio 1

1200

1000
S=∆ P/V [Pa-min/m]

800

600

y = 2.381x + 454.960
400

200

0
0 50 100 150 200 250 300

W=LVt [g/m2]

S = Ke + KsW = 455+ 2,381W


33
Dimensionamento filtri a manica – Esempio 1

S = Ke + KsW = 455+ 2,381W

Conoscendo i coefficienti del modello di resistenza del filtro è possibile calcolare la perdita
di pressione:

g m g
W = 5,0 x0,9 x70min= 315
m3 min m2
Calcolo S:

Pa− min ⎛ Pa− min− m ⎞⎛ g⎞ Pa− min


S = 455 + ⎜⎜ 2,381 ⎟⎟⎜315 2 ⎟ =1205
m ⎝ g ⎠⎝ m ⎠ m

Calcolo ∆P:

Pa− min m
∆P = SV =1205 x 0,9 =1085 Pa
m min
34
Dimensionamento filtri a manica

Filtri a manica con pulizia a


flusso inverso o a scuotimento

Elementi di dimensionamento

Numero di sezioni in funzione


dell’area netta di filtrazione

Velocità massima di filtrazione

35
Dimensionamento filtri a manica

Filtri a manica con pulizia a flusso inverso o a scuotimento

Conoscendo la massima perdita di pressione accettabile ed il tempo richiesto per la


pulizia è possibile selezionare un tempo di funzionamento ed un tempo di filtrazione
tali che la perdita di pressione si avvicini alla massima accettabile, senza superarla.
Al contrario, fissando un tempo di filtrazione è possibile calcolare la massima perdita
di pressione che è necessario superare per il funzionamento.
Il tempo di filtrazione di ciascuna sezione (N sezioni) è:

t f = N(tr + tc ) − tc tr è il tempo di funzionamento che intercorre fra


la pulizia di due sezioni. tc è il tempo per la
pulizia di una sezione.
t f = tempo di filtrazione [min]
tr = tempo di funzionamento [min]
tc = tempo di pulizia [min]
N = numero totale di sezioni

36
Dimensionamento filtri a manica

Filtri a manica con pulizia a flusso inverso o a scuotimento


Dalla figura precedente si vede che la massima perdita di pressione si raggiunge alla
fine del tempo di pulizia di una generica sezione (j-1), proprio prima che questa rientri
in funzione. In quel momento la sezione j (che è la successiva da pulire) è stata on-
line per un tempo tj uguale al tempo di filtrazione meno un tempo di funzionamento:

t j = t f − tr t j = (N −1)(tr + tc )
Sostituendo tf

Durante il tempo tj la sezione ha


accumulato una densità areale di Wj = (N −1)(VNtr L +VN−1tc L)
particolato pari a:

Ac = area di filtrazione di 1 sezione [m2]

Q Q
QN = QN−1 =
N N −1
QN QN−1
VN = VN−1 =
Ac Ac 37
Dimensionamento filtri a manica

Filtri a manica con pulizia a flusso inverso o a scuotimento

Wj = (N −1)(VNtr L +VN−1tc L)

S j = Ke + KsWj ∆Pj = ∆Pm = S jVj


Per calcolare la perdita di pressione è necessario utilizzare la velocità reale che
si ha nella sezione e non quella media usata fino ad ora. E’ possibile utilizzare:
Numero di sezioni fN=Vj/VN-1
Vj = f NVN−1 3
4
0.87
0.80
5 0.76
7 0.71
La velocità effettiva in una sezione
10 0.67
dipende dal numero di sezioni. 12 0.65
15 0.64
20 0.62 38
Dimensionamento filtri a manica – Esempio 2

ESEMPIO 2
Si valuti la superficie necessaria per un filtro a maniche che deve trattare 18,876 m3/s
(=1132,56 m3/min) di aria che contiene 23 g/m3 di polvere (flour). Si valuti anche il numero
di sezioni richiesto ed il numero totale di maniche di lunghezza 2,44 m e 0,15 m di diametro.
Dalla tabella precedente la velocità raccomandata per questo tipo di polvere è 2,5 ft/min
(0,7625 m/min). Quindi l’area totale di tessuto necessaria è:

3
Q 1132,56 m / min
A= = =1485 m2 ≅ 16.000ft2
V 0,7625 m/ min
Dalle indicazioni in tabella sono richieste 5 sezioni. Per mantenere la velocità di filtrazione di
progetto anche quando una sezione è in pulizia è necessario che ogni sezioni abbia un’area
di 4.000 ft2, per un’area totale di 20.000 ft2 (=1860 m2).
L’area di una manica è circa: Aman = π (0,15)(2,44) = 1,16822 m2

Quindi il numero totale di maniche risulta: 1860 m2


N man = 2
= 1592
1,16822 m 39
Dimensionamento filtri a manica – Esempio 3

ESEMPIO 3
Per il filtro a maniche dell’esempio precedente si utilizzino i seguenti valori di
Ke=1,00 in.H2O-min/ft e Ks=0,003 in. H2O-min-ft/grain. Si consideri inoltre che
una sezione può essere pulita e rimessa in servizio in 4 minuti. Per un tempo di
filtrazione di 60 minuti, si calcoli la massima perdita di pressione che deve
essere superata.
1 in. H2O 249 Pa
1 ft 0.305 m
1 grain 0.064799 grammi

Ke 1 in H2O-min/ft 816.39 Pa-min/m


Ks 0.003 in H2O-min-ft/grain 3.52 Pa-min-m/grammi

RISOLUZIONE
QN 40.000ft3 / min QN −1 40.000ft3 / min
VN = = 2
= 2 ft/ min= 0,61 m/min VN −1 = = 2
= 2,5 ft/ min = 0,7625 m / min
Ac 20.000ft Ac 16.000ft

t f = N(tr + tc ) − tc 60+ 4
tr = (t f + tc ) / N − tc = − 4 = 8,8min
5
40
Dimensionamento filtri a manica – Esempio 3

Poi si calcola la densità areale accumulata


23g ⎡ 0,61m 0,7625m ⎤ g
W j = ( N − 1)(VN t f L + VN −1tc L) = 4x x(8,8 min) + x ( 4 min) = 774
m3 ⎢⎣ min min ⎥
⎦ m2

Da cui è possibile ricavare S

Pa− min Pa− min− m g Pa− min


S j = Ke + KsWj = 816,39 + 3,52 x774 2 = 3539
m g m m

Usando fN (dalla tabella) uguale 0,76 si calcola Vj:

m
Vj = fNVN−1 = 0,76x0,7625 = 0,5795
min
Da cui è infine possibile valutare ∆P:
Pa − min m
∆Pj = ∆Pm = S jVj = 3539 x 0,5795 = 2051 Pa = 8,2 in.H2O
m min 41