Sei sulla pagina 1di 9

Negli anni '30, musicisti jazz iniziarono a trasferirsi a New York.

La scena
swing era popolare sia a New York che a Chicago all'epoca. É da questo
momento lo strumento ha iniziato la sua evoluzione, fino a diventare
molto simile a quello che viene utilizzato oggi. i piatti diventano piu grandi
e spessi , ed il loro utilizzo diventa sempre più frequente, utilizzandoli come

strumento dove scandire il tempo.15 Max Roach è stato uno dei batteristi
responsabili del passaggio dall'era swing del jazz al be-bop. Tra le sue
collaborazioni ricordiamo quelle con grandi come Charlie Parker, Dizzy
Gillespie, Coleman Hawkins, Duke Ellington, Charles Mingus, Sonny Rollins,
ed è noto per il suo leggendario lavoro con il trombettista Clifford Brown. Il
suo lavoro alla fine degli anni '30 contribuì ad affermare il ruolo del
batterista come musicista melodico rompendo ulteriormente la visione del

solo accompagnatore ritmico.16 Il Be-bop ruppe uno degli ultimi legami


restrittivi della catena che legava il batterista alla tradizione militare
( accompagnare durante la marcia ). Il batterista bop modificò anche il
ruolo della cassa facendolo divenire; un altro colore da utilizzare per
colpletare il modo di accompagnare ; l'utilizzo del ride diventa frequente
nella scansione dello swing, anche l'hi hat avrà la funzione di marcare il
tempo come riferimento lascando le altre parti dello strumento più libere

nell'improvvisazione.17La registrazione del 1954 di "Joy Spring" di Clifford


Brown e Max Roach è un grande esempio della melodicità di Max. Nel be-
bop anche l'uso delle spezzale diventa caratterizzante. associato al battere
incessante delle pulsazioni sul 2 e sul 4, nonostante Roach le usi in modo
molto delicato, altri brani dell'album mostrano la sua indipendenza
nell'utilizzo della cassa sui brani up-tempo. In "Joy Spring", le sue idee
melodiche diventano molto percettibili se l'ascoltatore canticchia la melodia
sull'assolo di Max, che inizia al minuto 4.51 nella registrazione originale.
L'influenza dai batteristi prima di Roach pu�essere ascoltata in vari punti,
ad esempio l'omaggio nella traccia, "For Big Sid", in cui suona la melodia dal
brano "Boff Boff", una canzone dei Coleman Hawkins su cui suonava Sid
Catlett. La melodia della batteria solista di Max Roach �stata una delle
molte che si trovano nel suo album Drums Unlimited, pubblicato nel 1966.

Questo album ha ispirato generazioni di batteristi fino ad oggi.18


Parallelamente al periodo Be-Bop, crescevano altri stili che aiutaro la
batteria a divenire uno strumento con un carattere ben definito. Il cool jazz
o west coast jazz, uno dei musicisti rappresentanti f�Sheldon "Shelly"
Manne, che inizi�la sua carriera nelle grandi formazioni degli anni 40,
mettendosi particolarmente in luce nelle orchestre di Stan Kenton e Woody
Herman, dove era una star; era famoso per la sua versatilit�e capacit �di
suonare in moltissimi stili, tra cui dixieland, bebop, free jazz e fusion. Tra la
met�degli anni 50 e l'inizio degli anni 60 il jazz ebb �un ulteriore
mutazione, che port�gli stessi musicisti ad esprimersi sullo strumento in
modo ancora diverso, la nascit�dell'hard bop fece si che batteristi come
Art Blakey, il quale sperimentò le prime poliritmie sovrapponendo al 4/4, il
3/4, 5/4 e 6/4. Divenne parte dei leggendari Jazz Messengers, progetto del
quale divenne in seguito band leader.

15 Shultz, Thomas. A History of Jazz Drumming. Percussive Notes 16, no. 3 (1979): 106-132.
16 Gottlieb, Danny. The evolution of jazz drumming: a workbook for applied drumset students.
Ed. Joe Bergamini. Hudson Music, 2011. pg.102
17 Hoefer, George. "History of the Drum in Jazz," Jazz, November, 1965.
18 Gottlieb, Danny. The evolution of jazz drumming: a workbook for applied drumset students.
Ed. Joe
Bergamini. Hudson Music, 2011. pg. 102
Dopo l'abbandono del gruppo da parte di horace silver. Tra le sue
collaborazioni ricordiamo grandi come Wynton Marsallis, Wayne Shorter,
Freddie Hubbard, Keith Jarrett, Chuck Mangione, Charlie Parker, Miles Davis
e molti altri. Blakey era noto per essere molto esplosivo nel volume, e il suo
album Caravan presenta una serie di assoli di batteria, molto particolari
dove s'indravede l'evoluzione dello strumento non pi�aggrappato alla
struttura del brano, bensi i soli diventano 登 pen� "Il suo drumming
infuocato e vulcanico, �a volte rudimentale, ed �noto che ha rovesciato il

timpano durante un solo." 19 Blakey ripeteva i ritmi su pi�battute,


creando un senso di movimento dando la percezzione di un cambio tempo.
come si pu�sentire nella sua registrazione di "Caravan" dell'album del
1963 Caravan.20 Un altro batterista che ha influenzato la scena hard bop
� "Philly Joe" Jones, da non confondere con "Papa" Jo Jones, Philly Joe
nacque a Filadelfia nel 1923, e nel 1952 si trasfer�a New York per suonare
con Miles Davis, John Coltrane e Paul Chambers, tra gli altri come Lee Konitz

e Tad Dameron.21 Uno dei grandi assoli di Philly Joe pu�essere ascoltato
sull'album Blue Train di John Coltrane nella canzone "Lazy Bird". Il suo
assolo inizia alle 5:44, e presenta molti aspetti dei batteristi che lo hanno
preceduto. Durante questo assolo Jones usa la cassa per chiudere ogni
fraseggio incastrandola tra i tom, e a volte usa l'hi-hat facendolo risaltare
interscambiandolo con il rullante.La particolarit�sta nell'utilizzo della cassa
e dell' hi hat spostati e utilizzati singolarmente nella creazione di figure
ritmiche autonomamente, e non pi�utilizzati come metro dove appoggiarsi
come era stato in passato. Ancora una volta, se l'ascoltatore dovesse
canticchiare la melodia sopra il suo assolo, alcune idee melodiche si
percepiscono. Il suonare melodico di Jones in questo caso diventa �un po
'pi�difficile da individuare a causa della crescente complessit�delle
figure ritmiche suonate sulla melodia, rispetto ai batteristi precedenti. La
sua caratterista era una buona indipendenza tra i piedi e le mani, insieme a
colpi di rim stick-on-stick che rendono i soli molto fluidi creando movimento
tra il rullante e i tom. Tra i celebri batteristi di questo periodo che hanno
contibuito all'innovazione della batteria c'�di certo Elvin Jones Nato nel
1927, �stato un influente batterista del jazz moderno. Jones crebbe in
Michigan con i suoi fratelli Thad e Hank Jones. Apprese i rudimenti del
tamburo nella banda della sua scuola superiore,per poi continuare
nell'esercito. Quando torn�a casa, si trasfer�a New York e suon �con
grandi come Charlie Parker, Miles Davis, Larry Young, Wayne Shorter e molti
altri. ネ noto per A Love Supreme, registrato con il quartetto di John
Coltrane. Elvin aveva uno stile unico, l'impiego estesissimo delle terzine (in
questo anticipato da Roy Haynes) e dei poliritmi, eseguiti grazie a una totale
indipendenza degli arti, e la distribuzione del beat su tutti gli elementi della
batteria, su cui produceva un suono enorme e timbricamente complesso,
che nulla toglieva alla propulsione e allo swin, In The Real McCoy di McCoy
Tyner, si pu�sentire il suo timing. Dove spesso Cambiava la
sua composizione, in modo che ci fosse un'evoluzione in tutta la canzone.
Per identificare lo stile di Elvin Alcuni usano la metafora dei vestiti in una
lavatrice. Per spiegare il senso di galleggiamento del suo drive cosi
particolare. Elvin �stato anche uno dei primi batteristi ad approcciarsi

all'uso dei tempi latin, che spesso fondeva con lo swing.22 Ricordiamo
un'altra grande registrazione di Elvin Jones nell'album di Larry Young, Unity.
Nella traccia "Monk's Dream" il comping della batteria e la linea armonica
sono in stretta correlazione ritmica una sensazione di fusione. Dove la
batteria accompagna rimarcando gli accenti melodici.

19 Shultz, Thomas. A History of Jazz Drumming. Percussive Notes 16, no. 3 (1979): 106-132.
20 Gottlieb, Danny. The evolution of jazz drumming: a workbook for applied drumset students. Ed. Joe Bergamini.
Hudson Music, 2011. pgs.112-115
21 Shultz, Thomas. A History of Jazz Drumming. Percussive Notes 16, no. 3 (1979): 106-132.
22 Gottlieb, Danny. The evolution of jazz drumming: a workbook for applied drumset students. Ed. Joe Bergamini.
Hudson Music, 2011. pgs.184-197

il ponte tra la tradizione ed il moderno è forse segnato da Tony Williams ,


probabilmente il più popolare dei batteristi dell'epoca Be-Bop che ha
portato al jazz moderno, tra gli altri come Jack DeJohnette. Williams suonò
con Miles Davis quando aveva solo diciotto anni, essendo presente in molti
dei suoi dischi come Four e More e ESP. Influenzò notevolmente la musica
di Miles, e in seguito unì le forze con John Mclaughlin e Larry Young per
formare un gruppo di fusion. A questo punto, il jazz aveva raggiunto una
fase molto evoluta, e anche il drumset stava cambiando Aumentando la

quantità di tom e piatti .24 Proprio perchè durante gli anni dell'evoluzione
del jazz, i drum set hanno avuto un ruolo cruciale nella band. Inizialmente
nei primi anni del 1900, il ruolo del batterista era stato visto come
secondario, anche se importante per l'affermazione del timing. Nel corso
dell'ultimo secolo e oltre, artisti rivoluzionari hanno portato il drum set dal
suo ruolo secondario nella jazz band, ad una delle massime impotanze
nello stabilire energia e comunicare complesse idee ritmiche e melodiche.
Il jazz è una combinazione di generi diversi , tra cui ragtime, blues, marce,
New Orleans, Dixieland, Chicago, swing, Kansas City, bebop, cool o west

coast, hard bop, avanguardia, fusione, e molto altro ancora. 25 apprendere


le caratteristiche e la storia della proprio strumento è fondamentale per
comprendere le sue capacità e possibilità. In particolare, la batteria jazz è
importante perché è la radice della musica più popolare eseguita
attualmente. Comprendere gli approcci dei musicisti del passato rafforza la
tecnica di un musicista e ispira approcci unici alla pratica e alle prestazioni.
Lo sviluppo relativamente recente del set di tamburi lascia una varietà di
possibilità per la sua espansione di utilizzo nella musica moderna.
23 Gottlieb, Danny. The evolution of jazz drumming: a workbook for applied drumset students.
Ed. Joe Bergamini. Hudson Music, 2011. pg. 186
24 Ibid. pg. 177
25 Shultz, Thomas. A History of Jazz Drumming. Percussive Notes 16, no. 3 (1979): 106-132.

La percussione è sempre stata una parte importante dell'arte e della


cultura, ma lo sviluppo dei moderni strumenti a percussione, tra cui il
tamburo, è recente, e copre un periodo di tempo di poco più di un secolo.
La musica jazz è uno dei pochi stili musicali sviluppati nel passato culturale
americano. Alla musica etnica suonata nella zona di New Orleans viene
generalmente attribuita la mescolanza di generi che hanno dato origine al
jazz. Quindi la batteria e l'evoluzione del jazz stesso deriva da diversi stili e
approcci. Marshall Stearns, un critico jazz americano e musicologo, cita
Piazza del Congo come il cuore dello sviluppo del jazz. In questo luogo gli
schiavi a volte danzavano publicamente, e alcune di queste danze erano
"Vodun", conosciute anche come voodoo, delle vere e proprie cerimonie
cerimonie. La maggior parte di queste cerimonie si tennero in privato, ma
tra il 1817 e il 1885, alcune furono eseguite publicamente.
Molti dei pedali presentavano un piccolo battitore metallico secondario, che
poteva essere regolato per colpire un cimbal montato accanto al tamburo
basso. L'invenzione del pedale della grancassa è stata importante perché ha
eliminato la necessità di due musicisti in un concerto. Invece di suoni di
rullo e bassi, una persona potrebbe fare lo stesso lavoro. I giocatori hanno
anche iniziato ad aggiungere altri strumenti come blocchi di tempio, cimbali
cinesi, campanacci e vari suoni di percussioni ausiliari.4

Warren "Baby" Dodds ha iniziato a lavorare in gruppi musicali a New


Orleans nei primi anni del 1900 ed è considerato uno dei primi grandi
batteristi jazz. Dopo aver suonato con Louis Armstrong nella band
flubarcata di Fate Marable nel 1918, si trasferì a Chicago nel 1921. Molti
musicisti jazz si trasferirono in questo periodo a causa dello spegnimento
dei luoghi di intrattenimento a Storyville nel 1917, un quartiere di New
Orleans, che ospitava e impiegava molti artisti. Lo spegnimento fu dovuto
alla costruzione di una base navale e alle restrizioni sulle comunità
circostanti. Dodds suonò a Chicago con un certo numero di artisti fino alla
sua morte nel 1959, incluse le registrazioni con Hot Peppers di Jelly Roll
Morton.6 Baby Dodds' mantenimento del tempo stile consisteva
principalmente di quarto note rullante battiti di batteria nella mano destra,
e rulli stampa nella mano sinistra su be ats 1 e 3. Il suo stile successivo a
Chicago vide il passaggio a un'atmosfera swing con rulli stampa su battiti 2 e
4. Dodds suonava in modo molto musicale, usando i suonatori di fasmi
usavano. Questo può essere sentito nella sua registrazione, "Baby Dodds
Tom Tom", che è tratto da un video didattico realizzato da Dodds.7 Usa il
piede per attutire e cambiare il tono di un tom da pavimento, e per tutto il
tempo suona una serie di interessanti frasi musicali. In un'altra
registrazione dello stile successivo di Dodds, si possono udire suoni di vari
altri strumenti.8

4 Shultz, Thomas. A History of Jazz Drumming. Percussive Notes 16, no. 3 (1979): 106-132.

5 Gillaspie, Deborah. "Antique Drum Equipment from the "Chicago" Period." Antique Drum
Equipment from the "Chicago" Period. The University of Chicago Library, 30 July 2006. Web. 25
Dec. 2014. <http://www.lib.uchicago.edu/e/su/cja/cymbal.html >.

6 Gottlieb, Danny. The evolution of jazz drumming: a workbook for applied drumset students.
Ed. Joe Bergamini. Hudson Music, 2011. Pg.23

7Gottlieb, Danny. The evolution of jazz drumming: a workbook for applied drumset students. Ed.
Joe Bergamini. Hudson Music, 2011. CD

8 Dellino, Clive. "Drum Improvisations - Baby Dodds." YouTube. YouTube, 06 Nov. 2014. Web. 24
Dec. 2014. <https://www.youtube.com/watch?v=plfshlhD_BY>.