Sei sulla pagina 1di 1

DOMENICA 1 DICEMBRE 2019 CORRIERE DELLA SERA LA LETTURA 29

{
La voce del commissario Ricciardi
Quarto romanzo (Einaudi, 2012) del «ciclo Cresta. L’autunno feroce del 1931; l’umidità
Mani in alto delle stagioni» dedicato da Maurizio de che impregna una Napoli fredda e affamata,

Libri Narrativa italiana di Roberto Iasoni Giovanni al commissario Ricciardi, Il giorno in attesa del Duce; la morte misteriosa del
dei morti rinasce audiolibro (Emons, cd mp3, piccolo Tetté; i bimbi abbandonati... Una
9 ore e 29 minuti, e 15,90). Legge Paolo emozionante partitura per voce e pensiero.

Eroine Progettò alcuni degli edifici più belli di Roma senza uscire mai dalla città; disegnò la villa detta del Vascello
pur avendo visto una sola volta il mare; lavorò per il re di Francia. Melania Mazzucco riporta in vita Plautilla Bricci

i
una ragazzina, e poi una donna artista
nella Roma del Seicento? Come emerse il
suo talento? Quali incontri furono deter-
minanti per aprirle una carriera nell’arte
in un contesto storico che, se da un lato
vede la prima insorgenza di donne di Sta-
to forti, come Anna d’Austria e Maria de’
Medici, con i loro equivalenti intellettuali
nelle femmes savantes, Marie de Gour-
nay e Madeleine de Scudéry, dall’altro è
ancora largamente misogino.

Ecco che gli elementi dell’anagrafe di-


ventano i tasselli su cui cresce la trama
romanzesca: l’importanza del padre, Gio-
MELANIA G. MAZZUCCO vanni Bricci, artista e poligrafo, e tuttavia
L’architettrice figlio di un fabbricatore di materassi e
EINAUDI per questo, nonostante una vita spesa a
Pagine 360, e 22 erudirsi, condannato al soprannome po-
co lusinghiero di Giano Materassaio; l’in-
La scrittrice digenza endemica della famiglia costret-
Melania Gaia Mazzucco è ta a frequenti traslochi; la sorella Albina,
nata a Roma il 6 ottobre destinata per bellezza e temperamento a
1966. Ha scritto, tra l’altro, Il prendere marito, e quindi indirettamen-
bacio della Medusa (1996), te responsabile della condizione di vergi-
La camera di Baltus (1998, ne devota all’arte di Plautilla; il fratello
entrambi Baldini & Castoldi), Basilio che le sarà compagno nelle im-
Vita (2003, Rizzoli, poi prese d’arte, l’amicizia con la carmelitana
Einaudi, Premio Strega) e Un Eufrasia Benedetti, a sua volta pittrice di-
giorno perfetto (2005, Rizzoli, lettante e fautrice dell’incontro con il fra-

M L’architettrice
poi Einaudi), da cui Ferzan tello, l’abate Elpidio Benedetti, al quale
elania Mazzucco è tornata Özpetek ha tratto l’omonimo Plautilla si lega a vita in una corrispon-
al romanzo storico per ci- film. Al pittore veneziano denza di sentimenti, di intelletto, di im-
mentarsi, dopo Tintoretto, Tintoretto ha dedicato il prese professionali. Una lunga vita, peral-
con una figura ben più romanzo La lunga attesa tro, che scorre sullo sfondo di una Roma
oscura e inafferrabile, dell’angelo (2008, Rizzoli, fastosa e miserabile al tempo stesso, e
quella di Plautilla Bricci, vissuta a Roma Premio Bagutta), la che la scrittura di Mazzucco rende in tut-

(dimenticata)
fra il 1616 e il 1704. I documenti d’archivio biografia Jacomo Tintoretto & ta la sua matericità: fango nelle strade,
e le fonti la segnalano come pictura et ar- i suoi figli. Storia di una case fredde, sporcizia, malattie, ma an-
chitectura celebris, ma a volerla cercare famiglia veneziana (2009, che l’opulenza delle stoffe, dei colori per
su un manuale di storia dell’arte o su un Rizzoli, Premio Comisso) e il la pittura, il fruscio della carta al lume di
repertorio degli artisti del Seicento ro- docufilm Tintoretto. Un ribelle candela, la porosità del marmo e del tra-
mano non la si troverebbe nemmeno in a Venezia (2019). Nel 2014 vertino posati nei cantieri.

del Barocco
una nota a pie’ di pagina. Eppure Plautilla ha pubblicato Il museo del Le sorti di Plautilla Bricci si dipanano
Bricci ha firmato con grafia elegante e mondo (Einaudi), racconto di in alternanza al racconto del destino ulti-
consapevolezza del proprio ruolo, tanto 52 capolavori dell’arte mo toccato alla sua opera più prestigiosa,
da inventarsi il neologismo architettrice, Il saggio la villa del Vascello sul Gianicolo, utilizza-
opere dipinte e progetti edilizi. Viene da Alla figura di Plautilla Bricci ta dall’esercito garibaldino come ultimo
domandarsi perché sia scomparsa dalla (1616-1704) ha dedicato baluardo a difesa della Repubblica di Ro-
memoria e dalla storia dell’arte, tanto che un saggio Consuelo ma contro le truppe francesi nel 1849. Ciò
la prima e unica monografia a lei dedica- Lollobrigida: Plautilla Bricci. che rimane oggi di quella costruzione ec-
ta ad opera di Consuelo Lollobrigida, Pictura et architectura celebris. centrica e fantastica basterebbe da solo a
Plautilla Bricci. Pictura et architectura di ALESSANDRA SARCHI L’architettrice del Barocco innescare curiosità e interesse per le vi-
celebris. L’architettrice del Barocco ro- romano è uscito per cende della donna che ne concepì il pro-
mano, risale appena al 2017. Come ha po- Plautilla Bricci era una donna. E di donne portanza di una figura di donna pittrice e Gangemi Editore nel 2017 getto.
tuto scivolare nell’oblio l’autrice della do- architetto non solo abbiamo tracce scar- architetto, poiché tale figura manca di (pagine 192, e 24). Il romanzo di Melania Mazzucco ce la
mus magna di Palazzo Benedetti in via se nei secoli, ma anche nella contempo- modelli e di esempi nell’immaginario Nell’immagine a sinistra: restituisce viva, singolare e affascinante
Monserrato, domicilio di Elpidio Bene- raneità le poche note, come Zaha Hadid, antico e contemporaneo. Di qui la neces- Plautilla Bricci, Prospetto come dovette essere quella donna affetta
detti, agente di Mazzarino e poi fiducia- finiscono per essere rappresentate con sità e l’importanza del romanzo di Mela- occidentale di Villa Benedetta, da cataplessia (disturbo che provoca per-
rio del re di Francia e del primo ministro caratteri mascolini, o peggio ancora co- nia Mazzucco, che è dichiaratamente detta del Vascello per la sua dita del tono muscolare), che vide il mare
Colbert, autrice anche della cappella di me «moglie di», sorte toccata a Charlotte opera di immaginazione, ma è proprio di conformazione su un lato una sola volta, non uscì mai da Roma, ma
San Luigi, nella celebre chiesa di San Lui- Perriand, coniuge di Le Corbusier. questa immaginazione che abbiamo bi- dell’edificio, Roma, 1663, arrivò a progettare per il re di Francia.
gi dei Francesi, e della villa detta il Vascel- Da una parte, c’è quindi la storia, che sogno per cominciare a dare voce e carne Archivio di Stato © RIPRODUZIONE RISERVATA

lo, voluta sempre dall’abate Benedetti sul nelle migliaia di carte compulsate dal- a figure che per il semplice fatto di essere
Gianicolo, fuori la porta San Pancrazio? l’autrice rivela in Plautilla Bricci un’artista donne non hanno avuto diritto di rappre-
La risposta per Mazzucco è semplice in contatto con i più grandi della sua epo- sentazione. Stile UUUUU
ed è il motore di un romanzo (L’architet- ca, da Giuseppe Cesari Cavalier d’Arpino Mazzucco intesse un racconto della vi-
trice, Einaudi) che opera su due livelli, la a Pietro da Cortona, dall’altra c’è l’incapa- ta di Plautilla che è attento alla trama dei Storia UUUUU
restituzione storica e quella simbolica: cità della storia stessa a trattenere l’im- rapporti umani: chi poteva frequentare Copertina UUUUU

Tempi moderni La complessa trama di Leonardo G. Luccone contro i cinici del finto ambientalismo
i
specie di “cannibalizzazione
legalizzata”» a base di pannelli

I moscerini del capitale, altro che Volponi


fotovoltaici «di basso costo an-
che a scapito dell’efficienza,
tanto là chi se ne frega che sia-
no efficienti, fa un caldo boia e
per scaldare un po’ d’acqua non
di ALESSANDRO BERETTA ci vuole molto». Leggendo, si
sentono ronzare più cinici d’un

L a romana Bioambiente di
Graziano Fauci è un’azien-
da da 20 milioni di euro di
fatturato annuo con 14 dipen-
denti. Un impero che lavora
militante ambientalista, un suo
modo inquieto di scrivere nelle
pagine intitolate Dal Faldone,
che ricorrono nel libro, e il sag-
gio Questo mondo che respira
usate, oltre alla dominante in
terza persona, dagli appunti
privati al blog, dalle email alle
lettere, a pagine di dialoghi
serrati). A sé, e certo sfidante, è
troppo di una collega in apertu-
ra, all’ingresso in scena ben più
avanti proprio di quella Matilde
come amante di lui. Nella cora-
lità del romanzo, Luccone lan-
tempo, perché ormai di bassa
lega, personaggi che aggiorna-
no il clima industriale de Le
mosche del capitale (1989) di
Paolo Volponi. Contro la finta
negli anni Zero per commesse rifiutato dagli editori. il racconto dedicato a «la venti- cia diverse tracce narrative che cura ambientale, si può solo
ambientali importanti e che, Sono due figure, non le uni- quattrore di papà» scritto dal si annunciano insinuando atte- sperare in certe intuizioni scrit-
per il fondatore, vuole «gettare che, che citiamo per orientarci figlio dei coniugi De Stefano, se nel lettore, per poi sparire e te da Moses: «La natura si salva
le basi per un mondo miglio- in La casa mangia le parole, Emanuele, ragazzo autistico cui riemergere inattese a distanza: LEONARDO G. LUCCONE solo con un colpo di mano. Solo
re», anche se il claim altisonan- esordio di Leonardo G. Lucco- è dedicata la quinta parte. Una un moto carsico delle storie, La casa mangia le parole iniziative diffuse con il passapa-
te nasconde «fuochi di parole e ne, noto editor di narrativa ita- sola pagina, perno affascinante ben gestito e reso possibile PONTE ALLE GRAZIE rola possono modificare il mo-
strategie che erompono come liana, ma anche traduttore di di un rapporto difficile, mentre dall’ampiezza della compagine. Pagine 530, e 18 do di pensare».
proiettili dalle sue labbra disi- autori come John Cheever e F. nel tempo principale del libro il Dietro alle vicende dei perso- © RIPRODUZIONE RISERVATA

dratate». Nella squadra, gli assi Scott Fitzgerald. Un romanzo ragazzo è ormai maggiorenne e naggi, si disegna anche un ri- L’autore
sono l’ingegner De Stefano e ambizioso nella struttura (8 vive in America e sarà al centro tratto piuttosto spietato del- Luccone ha fondato lo studio
Moses Sabatini. E se il primo è il parti scandite in 118 capitoli dell’inatteso finale. l’esaltazione di certo capitali- editoriale Oblique. Questione Stile UUUUU
protagonista delle vicende, il dove si mescolano più piani La vita dei De Stefano è segui- smo che cavalca idee, fonda- di virgole (Laterza, 2018) ha
secondo lo è su un piano ideale, temporali) e nella scrittura (per ta nel suo crollo, dai sospetti mentalmente, per fatturare, vinto il premio Dosi per la Storia UUUUU
con un passato americano da i diversi toni stilistici e forme della moglie per un sorriso di come nel progetto Grecia: «Una divulgazione scientifica Copertina UUUUU