Sei sulla pagina 1di 137

Progetto DPC-Reluis 2005-2008

Linea 3: Valutazione e riduzione del rischio sismico di ponti esistenti

LINEE GUIDA E MANAUALE APPLICATIVO


PER
LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA SISMICA
E IL CONSOLIDAMENTO
DEI PONTI ESISTENTI IN C.A.

Marzo 2009
2 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Il presente documento rappresenta il prodotto finale della Linea 3 del Progetto DPC-
Reluis 2005-2008. Esso stato redatto a cura dellunit di ricerca dellUniversit di Roma
La Sapienza e riflette il contributo delle discussioni avute nello sviluppo del progetto con i
partecipanti alla Linea di seguito indicati:
- Politecnico di Torino, Responsabile Prof. Giuseppe Mancini
- Universit di Pavia, Responsabile Prof. Alberto Pavese
- Universit G. DAnnunzio di Chieti-Pescara, Responsabile Prof. Enrico Spacone
- Universit di Roma Tre, Responsabile Prof. Renato Giannini
- Universit di Cosenza, Responsabile Prof. Alfonso Vulcano
AllUniversit di Roma Tre dovuto lesempio applicativo relativo al viadotto Rio Torto,
nel Capitolo 4.

Universit di Roma La Sapienza


prof. ing. Paolo E. Pinto
dott. ing. Paolo Franchin
dott. ing. Alessio Lupoi
Capitolo 1 : Introduzione ...............................................................................................................1
1.1 Premessa.............................................................................................................................1
1.2 Danni alle infrastrutture di trasporto nei terremoti recenti .......................................4
Capitolo 2 : Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti .............................9
2.1 Obiettivo delle linee guida...............................................................................................9
2.2 Sicurezza e prestazioni attese..........................................................................................9
2.3 Azione sismica.................................................................................................................12
2.3.1 Spettro di risposta elastico in accelerazione ................................................................12
2.3.2 Spettro di risposta elastico in spostamento .................................................................15
2.3.3 Spostamenti massimi assoluti e relativi del terreno....................................................15
2.3.4 Storie temporali del moto sismico ................................................................................16
2.3.5 Variabilit spaziale del moto ..........................................................................................20
2.3.6 Considerazione della componente verticale dellazione sismica ..............................20
2.3.7 Combinazione delle componenti ortogonali del sisma..............................................20
2.3.8 Combinazione dell'azione sismica con le altre azioni ................................................21
2.4 Valutazione della sicurezza............................................................................................21
2.4.1 Dati necessari per la valutazione ...................................................................................21
2.4.2 Livello di conoscenza e fattore di confidenza.............................................................23
2.4.3 Modello strutturale ..........................................................................................................24
2.4.4 Metodi di analisi...............................................................................................................28
2.4.5 Verifiche di sicurezza ......................................................................................................37
Capitolo 3 : Rinforzo sismico dei ponti .....................................................................................43
3.1 Introduzione ....................................................................................................................43
3.2 Rinforzo degli appoggi...................................................................................................43
3.3 Rinforzo delle pile...........................................................................................................44
3.3.1 Incamiciatura in calcestruzzo.........................................................................................45
3.3.2 Incamiciatura in acciaio ..................................................................................................46
3.3.3 Fasciature con FRP .........................................................................................................48
3.3.4 Trasformazione in pila a setto .......................................................................................49
3.3.5 Precompressione verticale..............................................................................................50
3.4 Rinforzo di spalle e fondazioni.....................................................................................50
3.4.1 Spalle..................................................................................................................................50
3.4.2 Fondazioni ........................................................................................................................51
Capitolo 4 : Esempi applicativi....................................................................................................53
4.1 Introduzione ....................................................................................................................53
4.2 Viadotto con pile a fusto unico: stato di fatto ...........................................................53
4.2.1 Descrizione dellopera.....................................................................................................53
4.2.2 Definizione dellazione sismica di verifica...................................................................54
4.2.3 Analisi ................................................................................................................................56
4.2.4 Verifica delle pile .............................................................................................................61
4.2.5 Verifica degli appoggi......................................................................................................64
4 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

4.2.6 Verifica delle fondazioni.................................................................................................64


4.2.7 Conclusioni .......................................................................................................................67
4.3 Viadotto con pile a fusto unico: allargamento ...........................................................69
4.3.1 Descrizione dellopera.....................................................................................................69
4.3.2 Analisi ................................................................................................................................69
4.3.3 Verifica delle pile .............................................................................................................73
4.3.4 Intervento di incremento di duttilit delle pile............................................................75
4.3.5 Isolamento sismico..........................................................................................................78
Verifica dei dispositivi ..............................................................................................................84
Verifica delle fondazioni ..........................................................................................................84
Riepilogo risultati.......................................................................................................................84
4.4 Viadotto con pile a telaio...............................................................................................86
4.4.1 Descrizione dellopera.....................................................................................................86
4.4.2 Definizione dellazione sismica .....................................................................................88
4.4.3 Metodo di analisi..............................................................................................................94
4.4.4 Risultati delle analisi ........................................................................................................95
4.4.5 Verifica delle pile .............................................................................................................98
Riferimenti bibliografici ..............................................................................................................105
Appendice A : Variabilit spaziale del moto ...........................................................................107
A.1 Introduzione .............................................................................................................107
A.2 Descrizione del modello .........................................................................................107
A.3 Generazione di campioni del vettore di moti asincroni ....................................108
A.4 Metodi di analisi .......................................................................................................108
A.4.1 Dinamica aleatoria lineare ...........................................................................................109
A.4.2 Analisi dinamica al passo con campioni del modo correlati ..................................109
A.4.3 Analisi con spettri di risposta multipli.......................................................................109
A.5 Esempio applicativo ................................................................................................112
Appendice B : Interazione terreno-struttura ...........................................................................113
B.1 Il fenomeno fisico....................................................................................................113
B.2 Modellazione ............................................................................................................115
B.2.1 Fondazioni superficiali .................................................................................................115
B.2.2 Fondazioni su pali.........................................................................................................118
B.2.3 Fondazioni a pozzo ......................................................................................................131
CAPITOLO 1: INTRODUZIONE

1.1 PREMESSA
Nel nostro Paese la sensibilit delle autorit preposte e del mondo professionale al
problema della vulnerabilit sismica delle infrastrutture di trasporto e nello specifico dei
ponti si pu considerare molto recente. Una possibile spiegazione data dal fatto che i
danni ai ponti nei due terremoti maggiori avvenuti negli ultimi trentanni: Friuli 1976 e
Irpinia 1980, non hanno avuto conseguenze di particolare rilievo. Nel Friuli la
realizzazione dellinfrastruttura autostradale era appena agli inizi. Nel terremoto Irpino, le
opere darte presenti nel tratto appenninico dellautostrada A16 subirono conseguenze di
qualche rilievo, pi che altro dovute allinadeguatezza degli apparati di vincolo, che
furono prontamente rimosse dallEnte proprietario per mezzo di una sistematica
adozione dellallora innovativa tecnica dellisolamento sismico.
Peraltro occorre osservare che il ritardo evidenziato nella sensibilizzazione al problema
non unesclusiva del nostro Paese. Basti ricordare che dopo il terremoto di San
Fernando nel 1971, che produsse spettacolari collassi di ponti di recentissima costruzione
(Fig. 1.1), furono necessari dodici anni perch venisse pubblicato dalla Federal Highway
Administration (FHWA) un primo documento intitolato Retrofitting guidelines for
Highway Bridges (ATC, 1983). Ancora nel 1989, nonostante fosse gi stato messo in
atto un vasto programma di rinforzo preventivo (rivelatosi del tutto inadeguato), il
terremoto di Loma Prieta evidenzi deficienze di natura sostanziale nelle opere da ponte
in California (Fig. 1.2).
A partire dal 1992, su finanziamento della FHWA, stato intrapreso un ampio
programma di ricerca volto ad approfondire i diversi aspetti del problema della
valutazione e riduzione della vulnerabilit sismica dei ponti.
Il primo prodotto di tale ricerca comparso nel 1995 con il titolo Seismic Retrofit
Manual for Highway Bridges (FHWA-RD-94-052), e i successivi sviluppi trovano oggi
compimento nei documenti Seismic Retrofitting Manual for Highway Structures: Part 1
Bridges e Seismic Retrofitting Manual for Highway Structures: Part 2 Retaining
structures, Slopes, Tunnels, Culverts and Roadways (MCEER-FHWA, 2005).
2 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Fig. 1.1 Terremoto di San Fernando (1971).


In Europa il sistema degli Eurocodici contiene un documento normativo di moderna
concezione allineato ai recenti criteri prestazionali per la progettazione dei ponti di nuova
costruzione, lEurocodice 8 Parte 2 (CEN, 2005), ma per quanto riguarda lesitente si
limita alla valutazione e al rinforzo degli edifici, con lEurocodice 8 Parte 3 (CEN, 2005).
Quando nel 2003 il quadro normativo Italiano ha subito un deciso ri-orientamento nella
direzione dellarmonizzazione alla normativa Europea, la priorit stata data alla
predisposizione di testi per il progetto del nuovo, sia per gli edifici che per i ponti, e per la
valutazione dellesistente, ma limitatamente agli edifici. A loro volta tali testi hanno
costituito il riferimento per la redazione del capitolo 7 della vigente normativa tecnica,
emanata dal Ministero delle Infrastrutture nel 2008 (DM2008).
Parallelamente, con finanziamento del Dipartimento di Protezione Civile (DPC) alla Rete
dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica (Reluis), stato intrapreso un
programma di ricerca di ampio respiro. La prima fase di tale progetto si svolta nel
triennio 2005-2008, e, tra le linee di ricerca, era presente una linea specifica sul tema
Valutazione e riduzione del rischio sismico dei ponti esistenti. Lobiettivo dichiarato di
questa linea era la produzione di un testo di linee-guida riguardanti tale argomento.
Lesigenza di avere a disposizione linee guida sullargomento risale alla data stessa
dellemanazione dellOrdinanza 3274, che prevedeva entro cinque anni dalla sua
emanazione lesecuzione di valutazioni della sicurezza sismica delle opere strategiche. A
tale scopo tra laltro il Dipartimento di Protezione Civile ha recentemente affidato
allANAS il compito di valutare tutte le opere presenti sulla rete di sua pertinenza. Il tema
poi di pressante attualit per i molti lavori di adeguamento funzionale (allagamento) in
corso sulla rete autostradale da parte delle Concessionarie.
Capitolo 1: Introduzione 3

Fig. 1.2 Terremoto di Loma Prieta (1989): sopra, collasso del Cypress Viaduct; sotto,
perdita di appoggio nel viadotto di approccio al East Bay Bridge.
Lo scopo del presente manuale quello di fornire un aiuto per la valutazione dei ponti
esistenti in accordo alle citate linee guida, il testo delle quali presentato nel Capitolo 2.
Per quanto riguarda il progetto delladeguamento, il Capitolo 3 illustra i pi frequenti tipi
di interventi che si rendono necessari per correggere le deficienze rilevate nella
valutazione. Il Capitolo 4 presenta tre esempi di applicazione delle linee guida a ponti con
4 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

pile a fusto unico, sia nello stato di fatto che nellipotesi di allargamento. Completano il
manuale due appendici che propongono metodi per trattare due aspetti pi specialistici
dellanalisi delle strutture da ponte: leffetto del moto non-sincrono alla base delle pile e
linterazione, sia cinematica che inerziale, tra struttura e terreno.

1.2 DANNI ALLE INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO NEI TERREMOTI


RECENTI
Questo paragrafo descrive, senza pretesa di completezza, le tipologie di danno che pi
frequentemente sono state osservate nei recenti eventi distruttivi citati.
Per quanto riguarda gli impalcati, i quali non hanno generalmente una funzione
preminente di resistenza anti-sismica, i danni sono essenzialmente legati a errori di
concezione cinematica e comprendono il martellamento tra campate adiacenti e la perdita
di appoggio. Questultima dovuta a una lunghezza dappoggio inadeguata agli
spostamenti sotto sisma, e allassenza o a un difetto di resistenza di eventuali ritegni
sismici. Questo danno, molto frequente, risulta in collassi spettacolari come mostrato in
Fig. 1.2 e Fig. 1.3. La necessit di un sovradimensionamento degli appoggi risulta evidente
dalla Fig. 1.4, in cui si pu osservare la cerniera di un ponte ad arco a via inferiore appena
realizzato, tagliata di netto per effetto delle azioni orizzontali.

Fig. 1.3 Perdita di appoggio: ponte Nishinomiya-ko, Giappone, Kobe 1995. In questo caso
erano presenti ritegni sismici assolutamente inadeguati costituiti da bulloni colleganti le
lamiere terminali dellarco e del traverso della campata collassata.
Capitolo 1: Introduzione 5

Fig. 1.4 Rottura dellappoggio: ponte Higashi-Kobe, Giappone, Kobe 1995.


I danni di varia entit osservati sulle pile sono generalmente dovuti a difetti di duttilit
flessionale e di resistenza a taglio. Il collasso avviene molto spesso seguendo una
sequenza di snervamento flessionale della pila, degrado ciclico della sezione per
insufficiente confinamento e conseguente decremento della resistenza a taglio. La rottura
osservata denuncia un esaurimento della duttilit flessionale (Fig. 1.5), spesso combinato
con il superamento della resistenza a taglio (Fig. 1.6). Molto pi raramente, su pile tozze,
sono stati osservati collassi a taglio dominante (Fig. 1.7).

Fig. 1.5 Collasso della cerniera plastica per eccesso di deformazione flessionale ciclica,
Viadotto Gothic Avenue (terremoto di Northridge, California, 1994)
6 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Fig. 1.6 Collasso per flessione e taglio, Viadotto Gothic Avenue (terremoto di Northridge,
California, 1994).

Fig. 1.7 Collasso per taglio di una pila: viadotto Wushi (terremoto di Chi Chi, Taiwan,
1999).
Le rotture descritte portano a deformazioni residue anche elevate, con fuori-piombo
significativi. Nel caso di impalcati di grande larghezza con pile a fusto unico, anche a
causa del momento dinerzia prodotto dalla rotazione dellimpalcato, la probabilit di un
collasso completo per perdita di equilibrio molto alta (Fig. 1.8).
La Fig. 1.9 mostra una delle pile del viadotto Hanshin della Fig. 1.8. In questo caso il
cedimento della sezione di base dovuto anche alla frattura delle saldature tra le barre
longitudinali.
Capitolo 1: Introduzione 7

Fig. 1.8 Terremoto di Kobe, Giappone (1995): collasso del viadotto urbano Hanshin.

Fig. 1.9 Terremoto di Kobe, Giappone (1995): viadotto urbano Hanshin, dettaglio.
Nel caso particolare delle pile a telaio, relativamente diffuso tra i viadotti pi vecchi anche
nel nostro Paese, un ulteriore elemento di vulnerabilit rispetto a quelli descritti dato
dallinadeguato dimensionamento dei nodi trave-pilastro. Un caso di particolare evidenza
mostrato nella Fig. 1.10.
8 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Fig. 1.10 Terremoto di Kobe, Giappone (1995): danni su una pila a telaio, viadotto
Shinkansen a Kobe.
CAPITOLO 2: PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER LA
VALUTAZIONE DEI PONTI ESISTENTI

2.1 OBIETTIVO DELLE LINEE GUIDA


Nonostante la loro apparente semplicit, in molti casi le strutture da ponte sono
caratterizzate da una risposta dinamica irregolare. Fa eccezione la categoria dei ponti con
impalcato a travi semplicemente appoggiate, che costituisce peraltro unimportante porzione
del patrimonio di opere darte della rete stradale e autostradale nazionale. Per tale
categoria le presenti linee guida contengono metodi accurati e di semplice applicazione.
Metodi di analisi pi complessi di applicabilit generale sono forniti per opere di schema
statico diverso, quali ad esempio ponti a travata continua, anche ad asse curvilineo o
attraversanti terreni fortemente disomogenei, ponti a stampella, ad arco, ad arco-telaio.
Questo documento riguarda la valutazione della sicurezza sismica e il progetto degli
interventi di adeguamento dei ponti con struttura in cemento armato, cemento armato
precompresso e acciaio.
Le presenti linee guida sono coerenti con le Norme Tecniche per le Costruzioni
(DM14/1/2008, nel seguito indicato brevemente come Norme), le relative Istruzioni
per lapplicazione (in particolare lappendice C8.H) e lEurocodice 8 Parte 2 (EN1998-
2:2005), e forniscono indicazioni di maggiore dettaglio, presentando metodi e strumenti
di analisi e verifica specifici.

2.2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE


In accordo con la filosofia della sicurezza alla base delle norme nazionali e internazionali
vigenti (DM2008, Eurocodici) le opere devono essere dotate di un livello di protezione
antisismica differenziato in funzione della loro importanza, e, quindi, delle conseguenze
pi o meno gravi di un loro danneggiamento per effetto di un evento sismico.
La sicurezza (livello di protezione) determinata dallassociazione di una prestazione
attesa (stato limite) con un livello di intensit sismica caratterizzato da una assegnata
probabilit di superamento PVR in un assegnato periodo di tempo (vita di riferimento,
VR ).
In accordo al DM2008 (para 2.4), la vita di riferimento si ottiene moltiplicando la vita
nominale VN dellopera, funzione del tipo di costruzione, per un coefficiente CU che
funzione della classe duso: VR = CU VN . I valori di VN e CU sono riportati nella
Tabella 2.1 e Tabella 2.2.
10 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

La probabilit di superamento massima accettabile nella vita di riferimento data nelle


norme in funzione dello stato limite considerato. Il DM2008 definisce quattro stati limite,
due di esercizio e due ultimi (la cui definizione riportata nel seguito). I valori di PVR
sono quelli indicati in Tabella 2.3.
Tabella 2.1 Vita nominale (DM2008, T2.4.I).
Tipo di costruzione Vita nominale (anni)
Opere provvisorie, fasi di costruzione 10
Opere ordinarie 50
Opere strategiche 100
Tabella 2.2 Coefficiente duso (DM2008, T2.4.II).
Classe duso I II III IV
CU 0.7 1.0 1.5 2.0
Tabella 2.3 Valori di PVR (DM2008, T3.2.I).
Stati limite PVR
Stati limite di Esercizio SLE SLO (operativit) 81%
SLD (danno) 63%
Stati limite Ultimi SLU SLV (salvaguardia della vita) 10%
SLC (collasso) 5%

Nella Norma lintensit sismica specificata in termini del periodo medio di ritorno TR .
Questultimo si ricava in funzione della probabilit PVR e di VR tramite la relazione:

(
TR = V R ln 1 PVR ) (2.1)

Per le strutture esistenti generalmente ammesso verificare i soli stati limite ultimi, in
alternativa lo stato limite di salvaguardia della vita (SLV) o quello di collasso (SLC)
(DM2008, para 8.3), cos definiti:
- SLV: A seguito del terremoto la costruzione subisce rotture e crolli dei
componenti non strutturali e impiantistici, e significativi danni dei componenti
strutturali cui si associa una perdita significativa di rigidezza nei confronti delle
azioni orizzontali; la costruzione conserva invece una parte della resistenza e
rigidezza per azioni verticali e un margine di sicurezza nei confronti del collasso
per azioni sismiche orizzontali (DM2008, para 3.2.1).

- SLC: A seguito del terremoto la costruzione subisce gravi rotture e crolli dei
componenti non strutturali e impiantistici, e danni molto gravi dei componenti
strutturali; la costruzione conserva ancora un margine di sicurezza per azioni
verticali e un esiguo margine di sicurezza nei confronti del collasso per azioni
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 11

orizzontali (DM2008, para 3.2.1)


Fanno eccezione le opere a carattere strategico, cio ponti in classe duso III e IV, per i
quali necessario verificare che a seguito di un evento sismico intenso sia assicurata la
completa transitabilit. Tale circostanza prevista dalla norma che prescrive la verifica
degli stati limite di esercizio per un valore dellazione sismica caratterizzato da una PVR
inferiore a quella indicata (massima) in funzione del grado di protezione che si vuole
raggiungere.
Lo stato limite associato al mantenimento della transitabilit lo stato limite di danno, cui
la norma associa il valore massimo PVR =63%. Tale stato limite definito nella Norma
come segue:
- SLD: a seguito del terremoto la costruzione nel suo complesso, includendo
gli elementi strutturali, quelli non strutturali, le apparecchiature rilevanti alla
sua funzione, subisce danni tali da non mettere a rischio gli utenti e da
non compromettere significativamente la capacit di resistenza e di rigidezza nei
confronti delle azioni verticali ed orizzontali, mantenendosi immediatamente
utilizzabile pur nellinterruzione duso di parte delle apparecchiature. (DM2008,
para 3.2.1)
La capacit di rigidezza e resistenza alle azioni verticali non risulta compromessa se per effetto
dellazione sismica lescursione inelastica massima (e quindi gli spostamenti residui) risulta limitata.
Indicazioni quantitative sui limiti di duttilit sono fornite al paragrafo 2.4.5.
La scelta di adottare per unopera un valore di PVR <63% per lo SLD (criterio di mantenimento della
transitabilit per sisma intenso) spetta alle Autorit competenti.
Esempio 2-1. Un ponte di importanza normale appartiene alle opere ordinarie, cui corrisponde
una vita nominale V N 50 anni. Se linterruzione del traffico sul ponte (superamento dello
SLV/SLC) non provoca situazioni di emergenza (ad es. il ponte non costituisce lunica via di
accesso a un centro abitato) esso ricade nella classe duso II, cui corrisponde un coefficiente
C U = 1 . La vita di riferimento vale pertanto VR = V N C R = 50 1 = 50 anni. Per tale ponte
possibile verificare solo un stato limite ultimo, SLV o SLC. Con riferimento allo SLV la probabilit
di superamento massima ammessa vale 10%. Il corrispondente periodo medio di ritorno vale 475
anni.
Esempio 2-2. Un viadotto di caratteristiche ordinarie, classificato come strategico dal punto di
vista funzionale, ha ancora una vita nominale di 50 anni ma ricade in classe duso IV cui
corrisponde un coefficiente C U = 2.0 . Tale opera deve essere verificata sia per uno stato limite
ultimo che per uno di esercizio. Per lo SLV la probabilit del 10% in VR = 2 50 = 100 anni
corrisponde a un periodo medio di ritorno di 949 anni. Per lo SLD una probabilit di superamento
del 50%<63% in 100 anni corrisponde a un periodo medio di ritorno di 144 anni ( TR = 100 anni
per PV = 63% ).
R
12 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

2.3 AZIONE SISMICA


Nelle Norme lazione sismica di verifica definita a partire dalla pericolosit sismica di
base del sito della costruzione, specificata in termini di spettro di risposta elastico in
accelerazione della componente orizzontale.
In particolare le forme spettrali sono definite, per ciascuna delle probabilit di
superamento PVR nel periodo di riferimento, a partire dai valori dei seguenti
parametri locali di sito (riferiti a condizioni di campo libero su suolo rigido con
superficie topografica orizzontale):
a g accelerazione orizzontale massima al sito
F0 valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione
orizzontale
TC* periodo di inizio del tratto a velocit costante dello spettro in accelerazione
orizzontale.
Tali valori sono forniti in allegato alle Norme (DM2008, all.B) su un reticolo di punti
che ricopre il territorio nazionale definiti in termine di latitudine e longitudine1.
In accordo alle Norme lazione sismica definita mediante tre componenti, due
orizzontali X e Y e una verticale Z, descritte alternativamente in termini di:
- spettro di risposta elastico in accelerazione (DM2008, para 3.2.3.2)
- spettro di risposta elastico in spostamento (DM2008, para 3.2.3.2.3)
- storie temporali del moto sismico (DM2008, para 3.2.3.6).

2.3.1 Spettro di risposta elastico in accelerazione


Si distinguono ai fini dellamplificazione locale del moto sismico sette categorie di
sottosuolo e quattro condizioni topografiche, riportate rispettivamente nella Tabella
2.4 e nella Tabella 2.5 (dove V S 30 = 30 / h i / V si , N SPT , c u e i sono, rispettivamente,
la velocit delle onde di taglio in m/s media sui 30m superiori, il numero di colpi nella
prova penetrometrica standard, la coesione non drenata in kPa, e linclinazione media
della superficie topografica). Per le ultime due categorie, S1 e S2, richiesta unanalisi
specifica per la definizione per lazione sismica.

1Nellallegato i valori dei parametri sono forniti in funzione del periodo medio di ritorno TR . Se il
valore fornito non tra quelli in tabella si pu interpolare in accordo alla formula:
1
p T T
log p = log p1 + log 2 log R log R 2
p1 TR 1 TR 1
nella quale p il valore del parametro di interesse ( a g , F0 o TC* ), TR1 e TR 2 sono i valori di TR
pi prossimi per i quali si dispone dei valori di p .
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 13

Tabella 2.4 Categoria di suolo (DM2008 T3.2.II, III e V).


Descrizione VS30 SS CC
(abbreviata)
A Ammassi rocciosi affioranti o >800
1.0 1.0
terreni molto rigidi,

B Rocce tenere e depositi di 360-800


ag
1.1(TC* )
0.2
terreni a grana grossa/fine 1.0 1.4 0.4 F0 1.2
molto addensati/consistenti,
g

C Depositi di terreni a grana 180-360


ag
1.05(TC* )
0.33
grossa/fine mediamente 1.0 1.7 0.6 F0 1.5
addensati/consistenti
g

D Depositi di terreni a grana <180


ag
1.25(TC* )
0. 5
grossa/fine scarsamente 0.9 2.4 1.5F0 1.8
addensati/consistenti
g

E Terreni di tipo C o D con


ag
1.15(TC* )
0.4
spessore non superiore a 1.0 2.0 1.1F0 1.6
20m e sottosuolo rigido
g

S1 Terreni con inclusione di <100


strato (>8m) a grana fine
bassa consistenza o strato
(>3m) torba o argilla Sono richiesti studi specifici
organica

S2 Terreni suscettibili di
liquefazione

Tabella 2.5 Topografia (DM2008 T3.2.IV e VI)


Cat. Superficie topografica Ubicazione opera ST

T1 Pianeggiante (i<15) 1.0

T2 Pendio (i>15) In corrispondenza della sommit del pendio 1.2

T3 Rilievi con larghezza in cresta molto In corrispondenza della cresta del rilievo 1.2
minore che alla base e 15<i (falde)<30

T4 Rilievi con larghezza in cresta molto In corrispondenza della cresta del rilievo 1.4
minore che alla base e i (falde)>30
14 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

La definizione dello spettro di risposta elastico per le componenti orizzontali illustrata


in Fig. 2.1, nella quale sono anche riportate le espressioni analitiche dei vari rami.
T 1 T a g , F0 , TC* da all.B tabella 1
a g S S STF0 + 1
TB F0 TB S S , Cc dalla tabella 3.2.V
ST dalla tabella 3.2.VI
a g S S STF0
= 10 (5 + ) 0.55

TC
a g S S STF0
T
TC TD
a g S S STF0
a g S S ST T2

TB = TC 3
TC = CC TC*
TD = 4.0 a g g + 1.6

Fig. 2.1 Spettro di risposta elastico in accelerazione delle componenti orizzontali in


accordo al DM2008.
Per quanto riguarda la componente verticale la definizione analitica la stessa con il
coefficiente di amplificazione F0 sostituito dal coefficiente FV = 1.35F0 a g / g . Inoltre i
valori di S S = 1.0 e dei periodi TB = 0.05s , TC = 0.15s , TD = 1.0s sono indipendenti dalla
categoria di sottosuolo (DM2008, T3.2.VII).
E attualmente disponibile nel sito http://www.infrastrutturetrasporti.it/consuplp il
programma Spettri di risposta che fornisce gli spettri di risposta delle componenti
orizzontali dellazione sismica di progetto per il generico sito del territorio nazionale.
Esempio 2-3. Con riferimento alle opere nellEsempio 2-1 e nellEsempio 2-2, la Fig. 2.2 mostra
gli spettri di risposta ottenuti per il sito di Barberino al Mugello. Il rapporto tra le accelerazioni di
picco al suolo vale a g ,1828 / a g , 475 = 1.57 (valore coincidente con la media per il territorio nazionale;
i valori minimo e massimo di tale rapporto valgono circa 1.33 e 1.76).

0,8
0,7 Ponte ordinario (Vr = 50, Tr=475)
0,6 Ponte strategico (Vr = 200, Tr = 1828)
0,5
Sa (g)

0,4
0,3
0,2
0,1
0,0
0,0 1,0 2,0 3,0 4,0
Periodo T (s)

Fig. 2.2 Spettri di verifica per lo SLV per le opere dell'Esempio 2.1
e dellEsempio 2.2 per il sito di Barberino al Mugello.
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 15

2.3.2 Spettro di risposta elastico in spostamento


La definizione dello spettro di risposta elastico per le componenti orizzontali illustrata
in Fig. 2.3, nella quale sono anche riportate le espressioni analitiche dei vari rami (dove
d g lo spostamento massimo del suolo). Il valore del periodo TE funzione della
categoria di suolo. In particolare esso vale 4.5s, 5.0s o 6.0s rispettivamente per le classi A,
B o C/D/E.

S De
d g = 0.025a g S S ST TCTD T TE
d g F0 + (1 F0 )
TF TE
d g F0

dg
2
T
S e (T )
2

TB TC TD TE TF = 10s
Fig. 2.3 Spettro di risposta elastico in spostamento delle componenti orizzontali in
accordo al DM2008.

2.3.3 Spostamenti massimi assoluti e relativi del terreno


Lo spostamento massimo assoluto del terreno vale:

d g = 0.025a g S s S T TC TD (2.2)

Lo spostamento relativo tra due punti i e j distanti x dato dallespressione:

( )[ (
d ij (x ) = d ij 0 + d ij , max d ij 0 1 exp 1.25(x /V s )0.7 )] (2.3)

d ij 0 = 1.25 d gi d gj (2.4)

d ij ,max = 1.25 d gi2 + d gj2 (2.5)

dove dij0 e dij,max sono rispettivamente lo spostamento relativo tra punti a piccola distanza
(x<20m) e quello massimo nellipotesi di completa indipendenza del moto in i e j. Gli
spostamenti dgi e dgj si calcolano secondo la (2.2) in accordo alle caratteristiche locali di
suolo.
16 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

2.3.4 Storie temporali del moto sismico


Se la valutazione della sicurezza sismica viene effettuata mediante analisi dinamiche al
passo, lazione sismica deve essere rappresentata mediante storie temporali del moto
sismico (normalmente in termini di accelerazione, denominati accelerogrammi, ma anche
in termini di velocit e spostamenti, vedi punto 2.3.5). Gli accelerogrammi potranno
essere artificiali, simulati o naturali (registrati).
Nel caso sia necessaria unanalisi spaziale lazione sismica deve essere rappresentata da
gruppi di tre storie temporali diverse agenti contemporaneamente nelle tre direzioni
assunte come principali.
Condizioni di coerenza con lo spettro elastico in accelerazione
Gli accelerogrammi, artificiali, simulati o naturali (registrati), devono essere coerenti con
lo spettro di risposta elastico in accelerazione di cui al punto 2.3.1. La coerenza con lo
spettro da verificare in base alla media delle ordinate spettrali ottenute con i diversi
accelerogrammi per un coefficiente di smorzamento viscoso equivalente del 5%.
L'ordinata spettrale media non dovr presentare uno scarto in difetto superiore al 10%,
rispetto alla corrispondente ordinata dello spettro elastico, in alcun punto dell'intervallo di
periodi 0,15s2,0s e 0,15s2T, in cui T il periodo fondamentale di vibrazione della
struttura in campo elastico. Nel caso di ponti con isolamento sismico, il limite superiore
dellintervallo di coerenza assunto pari a 1,2 Tis , essendo Tis il periodo equivalente della
struttura isolata, valutato per gli spostamenti del sistema disolamento prodotti dallo
stato limite in esame.
Accelerogrammi artificiali
Il numero di accelerogrammi artificiali o, per analisi spaziali, di gruppi di accelerogrammi
artificiali, deve essere almeno pari a 5, salvo i casi specificati al successivo punto 2.3.5. Nel
caso di gruppi di accelerogrammi ogni componente potr essere generata in maniera
indipendente con gli stessi criteri (di spettro-compatibilit, durata, etc).
La durata degli accelerogrammi artificiali deve essere coerente con i valori della magnitudo
e degli altri parametri fisici che determinano lintensit sismica locale in termini di spettro
di risposta (ovvero i parametri a g , TC* e CC ). In assenza di studi specifici la durata della
parte pseudostazionaria degli accelerogrammi deve essere almeno pari a 10s. La parte
pseudo-stazionaria deve essere preceduta e seguita da tratti di ampiezza crescente da zero
e decrescente a zero.
Accelerogrammi naturali registrati
Il numero di accelerogrammi naturali registrati o, per analisi spaziali, di terne di
accelerogrammi naturali registrati, deve essere almeno pari a 10.
Luso di accelerogrammi naturali registrati ammesso alle seguenti condizioni: a) le
registrazioni siano relative ad eventi sismici con caratteristiche sismogenetiche
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 17

(magnitudo, stile di fagliazione) simili a quelle del sito dove ubicata lopera in esame e b)
che siano soddisfatte le condizioni di coerenza con lo spettro di riferimento sopra
riportate.
Registrazioni naturali del moto sismico possono essere trovate ad esempio in una delle due basi dati
seguenti:
- European Strong Motion Data Base (ESD), presso lImperial College di Londra
http://www.isesd.cv.ic.ac.uk/ESD/frameset.htm
- Strong Motion Catalogne, presso il Pacific Earthquake Engineering Research Center
http://peer.berkeley.edu/smcat/
Il programma REXEL (Iervolino et al, 2008) agevola molto la selezione delle registrazioni compatibili
con lo spettro di normativa, che viene automaticamente generato (a partire dalle coordinate geografiche, la
vita di riferimento, lo stato limite, la categoria di suolo, etc), permettendo inoltre di specificare anche il
campo di variabilit di magnitudo e distanza nel quale cercare ile registrazioni. Lesempio successivo
mostra una selezione mediante il programma REXEL.

Esempio 2-4. Si vogliono selezionare 7 registrazioni naturali dalla base dati ESD utilizzando
REXEL per il sito di Barberino del Mugello, su categoria di suolo B per un periodo medio di
ritorno di 475 anni (SLV, struttura ordinaria). I dati necessari sono mostrati nella Fig. 2.4, che
riporta la maschera di input del programma. Si sono preselezionate registrazioni con magnitudo e
distanza rispettivamente comprese tra 5.5 e 6.5, e 10km e 20km. La tolleranza, sullintervallo di
periodi compreso tra 0,15s e 2.0s, stata assegnata pari a 10%.
La Fig. 2.5 mostra lo spettro di risposta delle registrazioni selezionate, il corrispondente spettro
medio, lo spettro di normativa con le corrispondenti tolleranze inferiore e superiore.
La Fig. 2.6 mostra infine le storie di accelerazione selezionate, gi affette dal valore di scala
necessario per soddisfare i requisiti di spettro-compatibilit assegnati.
18 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Fig. 2.4 Maschera di input di REXEL, selezione registrazioni per Barberino del Mugello.

Fig. 2.5 Confronto tra gli spettri di risposta delle registrazioni selezionate e lo spettro
obiettivo.
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 19

2
a(t) (m/s 2)

Ano Liosia 1999, Mw = 6.0 R = 17km


0

-2
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
2
a(t) (m/s 2)

Friuli (aftershock) 1976, Mw = 6.0 R = 14km


0

-2
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
2
a(t) (m/s 2)

Ano Liosia 1999, Mw = 6.0 R = 20km


0

-2
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
2
a(t) (m/s 2)

Kalamata 1986, Mw = 5.9 R = 11km


0

-2
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
2
a(t) (m/s 2)

Anchialos 1985, Mw = 5.6 R = 15km


0

-2
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
2
a(t) (m/s 2)

Kalamata 1986, Mw = 5.9 R = 10km


0

-2
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
2
a(t) (m/s 2)

Friuli (aftershock) 1976, Mw = 5.5 R = 15km


0

-2
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
t (s)
Fig. 2.6 Registrazioni naturali selezionate da REXEL.
Accelerogrammi simulati
Luso di accelerogrammi generati mediante simulazione fisica della sorgente e della
propagazione, in numero comunque non inferiore a 10, ammessa, a condizione che: a)
siano adeguatamente giustificate le ipotesi relative alle caratteristiche sismogenetiche della
sorgente (magnitudo, stile di fagliazione), del cammino di propagazione (distanza) e alle
20 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

condizioni del suolo del sito e b) che siano soddisfatte le condizioni di coerenza con lo
spettro di riferimento sopra riportate.

2.3.5 Variabilit spaziale del moto


Nei punti di contatto dellopera con il terreno (fondazioni delle pile, spalle), il moto
sismico generalmente diverso, a causa del suo carattere intrinsecamente propagatorio,
delle disomogeneit e delle discontinuit eventualmente presenti, e della diversa risposta
locale del terreno dovuta a particolari caratteristiche meccaniche e morfologiche.
Gli effetti della variabilit spaziale del moto devono essere considerati nellanalisi quando
le propriet del suolo lungo il ponte variano in misura tale che non sia possibile associare
ununica categoria di suolo di fondazione (Tabella 2.4) ai punti di contatto con il terreno.
Gli effetti sulla struttura della variabilit spaziale del moto possono essere valutati
mediante analisi accurate utilizzando modelli rappresentativi della variabilit spaziale del
moto per la generazione di storie sismiche distinte in tutti i punti di contatto dellopera
con il terreno. Modelli di questo tipo sono presentati nellAppendice A.
In alternativa un criterio approssimato e prudenziale per tener conto della variabilit
spaziale del moto consiste nelleseguire lanalisi dinamica della struttura con
accelerogrammi distinti sotto ogni pila, ciascuno compatibile con il relativo spettro di
risposta (trascurando cio la correlazione spaziale tra i moti ai supporti).

2.3.6 Considerazione della componente verticale dellazione sismica


Gli effetti della componente verticale del moto sismico sulle pile possono in generale
essere trascurati. Devono essere considerati ai fini della verifica degli apparecchi di
appoggio e degli impalcati precompressi.

2.3.7 Combinazione delle componenti ortogonali del sisma


Se l'analisi della risposta viene eseguita in campo lineare, la risposta pu essere calcolata
separatamente per ciascuna delle tre componenti e gli effetti combinati successivamente
applicando una delle seguenti regole:

Ed = EdX
2
+ EdY2 + EdZ2 (2.6)

oppure

Ed = 1.0 EdX "+"0.3EdY "+"0.3EdZ (2.7)


Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 21

dove + si legge combinato con, EdX , EdY , EdZ indicano gli effetti delle componenti
dirette secondo gli assi X, Y e Z, e le componenti vanno ruotate per ottenere il massimo
di Ed .
La regola (5) deve essere applicata prendendo per ogni effetto (ad es. lo sforzo normale, il momento
flettente, la curvatura) il massimo:
Ed = max(EdX + 0.3EdY + 0.3EdZ ; 0.3EdX + EdY + 0.3EdZ ; 0.3EdX + 0.3EdY + EdZ )
Se l'analisi viene eseguita in campo non lineare mediante integrazione al passo, le due
componenti di eccitazione orizzontale (e quella verticale, ove appropriato) devono venire
applicate simultaneamente alla struttura.

2.3.8 Combinazione dell'azione sismica con le altre azioni


Ai fini delle verifiche le azioni da considerare in aggiunta a quella sismica sono quelle
dovute ai carichi permanenti e alla precompressione secondo lespressione:

E + Gk + Pk (2.8)
dove:
E Azione sismica per lo stato limite in esame
Gk Carichi permanenti al loro valore caratteristico
Pk Valore caratteristico della precompressione, a cadute di tensione avvenute.

n
Fd = g G k + p Pk + q Q k1 + q ( 0i Q ki ) (2.9)
i =2

2.4 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA

2.4.1 Dati necessari per la valutazione


Le verifiche di sicurezza di cui alle presenti linee guida comportano una analisi strutturale,
di tipo lineare oppure non lineare, e successive verifiche puntuali di deformabilit e
resistenza in tutte le parti critiche dellopera. Lutilizzo delle linee guida richiede quindi la
disponibilit dei valori di tutte le grandezze geometriche e meccaniche che consentono
una verifica del tipo indicato. Nella generalit dei casi limpalcato non significativamente
impegnato nella risposta sismica della struttura. Ne discende che le indagini conoscitive
sono da indirizzare in modo prevalente alle sottostrutture (pile e spalle) e alle fondazioni,
oltre che ovviamente ai sistemi di vincolo e interconnessione tra gli elementi strutturali
(appoggi, giunti, etc).
22 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

In particolare necessario disporre di:


- Geometria dellopera nel suo stato attuale. Essa pu essere desunta dai disegni
costruttivi originali o, a vantaggio di pi sicura attendibilit, dai disegni di
contabilit. Ci si estende naturalmente anche alle eventuali variazioni introdotte
a seguito di interventi di rilevanza strutturale successivi alla costruzione. In
mancanza della documentazione suddetta, necessario procedere a un rilievo
completo della geometria e a indagini conoscitive a campione sulle fondazioni.
- Dettagli costruttivi, ovvero disposizione e quantit delle armature. Essa pu essere
desunta dai disegni costruttivi originali o, a vantaggio di pi sicura attendibilit,
dai disegni di contabilit. Ci si estende naturalmente anche alle eventuali
variazioni introdotte a seguito di interventi di rilevanza strutturale successivi alla
costruzione. In mancanza della documentazione suddetta, necessario procedere
a un numero di saggi che consenta la determinazione delle armature presenti in
un numero di sezioni sufficiente per costruire un modello strutturale adeguato al
tipo di analisi e alle successive verifiche.
- Propriet meccaniche dei materiali: conglomerato e acciai. Le informazioni devono
provenire, oltre che dalle indicazioni iniziali di progetto, da risultati di prove
sperimentali eseguite allatto del collaudo strutturale o successivamente ad esso.
In mancanza della documentazione suddetta, per il conglomerato necessario
effettuare prelievi di campioni da sottoporre a prove di laboratorio. Prove di tipo
non distruttivo eseguite a pi larga scala sono un utile complemento ma non
possono essere utilizzate in sostituzione di quelle distruttive. Per lacciaio, in
assenza di dati sperimentali adeguati, consentito far riferimento alle
caratteristiche del materiale prescritto in sede di progetto previa limitata verifica a
campione delleffettivo utilizzo dello stesso. Le prescrizioni di cui sopra si
riferiscono alle strutture di sostegno degli impalcati, ossia a pile, spalle. Per
quanto riguarda gli impalcati, qualunque sia la loro tipologia, sufficiente la
verifica del loro buono stato di conservazione, anche senza rilevazioni
sperimentali, se ritenute non necessarie dal progettista.
- Caratterizzazione geotecnica (stratigrafia e parametri meccanici) adeguata alla
attribuzione del sito a una categoria di suolo in accordo alla Tabella 4 e allo
svolgimento delle verifiche delle spalle (spinta del terreno retrostante) e delle
fondazioni.
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 23

2.4.2 Livello di conoscenza e fattore di confidenza


Si definiscono i seguenti tre livelli di conoscenza:
- LC1: conoscenza limitata
- LC2: conoscenza adeguata
- LC3: conoscenza accurata
Il livello di conoscenza acquisito sulla base delle indagini e degli approfondimenti di cui al
punto 2.4.1 determina il metodo di analisi e il valore del fattore di confidenza da applicare
alle propriet dei materiali (vedi Tabella 2.6).
Per le opere da ponte si deve in generale acquisire un livello di conoscenza accurata
(LC3), salvo casi eccezionali per i quali, su indicazione della Committenza, ammesso
acquisire un livello di conoscenza adeguato (LC2).
La richiesta del livello di conoscenza accurato giustificata in primo luogo dallimportanza strategica delle
opere da ponte, e in secondo luogo in considerazione dellassenza di elementi non strutturali che limitino
laccessibilit delle strutture.
Le verifiche in-situ limitate servono per verificare la corrispondenza tra le armature o le
caratteristiche dei collegamenti effettivamente presenti e quelle riportate nei disegni
costruttivi, oppure ottenute mediante il progetto simulato. Le verifiche in-situ estese
servono quando non sono disponibili i disegni costruttivi originali come alternativa al
progetto simulato seguito da verifiche limitate, oppure quando i disegni costruttivi originali
sono incompleti. Le verifiche in-situ esaustive: servono quando non sono disponibili i
disegni costruttivi originali e si desidera un livello di conoscenza accurata.
Le prove in-situ limitate servono a completare le informazioni sulle propriet dei materiali
ottenute o dalle normative in vigore allepoca della costruzione, o dalle caratteristiche
nominali riportate sui disegni costruttivi, o da certificati originali di prova. Le prove in-
situ estese servono per ottenere informazioni in mancanza sia dei disegni costruttivi, che
dei certificati originali di prova, oppure quando i valori ottenuti dalle prove limitate
risultano inferiori a quelli riportati nei disegni o certificati originali. Le prove in-situ
esaustive: servono per ottenere informazioni in mancanza sia dei disegni costruttivi, che dei
certificati originali di prova, oppure quando i valori ottenuti dalle prove limitate risultano
inferiori a quelli riportati nei disegni o certificati originali, e si desidera un livello di
conoscenza accurata (LC3).
La definizione dei requisiti quantitativi per il raggiungimento di ogni livello di rilievo e
prove riportata in Tabella 2.7. Nel controllo del raggiungimento della percentuale di
elementi indagati si pu tener conto delle eventuali condizioni di ripetitivit.
24 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Tabella 2.6 Livelli di conoscenza.


LC Geometria Dettagli strutturali Propriet dei materiali Metodi di FC
(carpenterie) analisi
LC2 Disegni costruttivi incompleti Dalle specifiche originali di Tutti 1.20
con progetto o dai certificati di
limitate verifiche in situ prova originali
Da disegni di oppure con
carpenteria estese verifiche in-situ limitate prove in-situ
originali con oppure
rilievo visivo a estese prove in-situ
LC3 campione Disegni costruttivi completi Dai certificati di prova Tutti 1.00
oppure con originali o dalle specifiche
rilievo ex-novo limitate verifiche in situ originali di progetto
completo oppure con
esaustive verifiche in-situ estese prove in situ
oppure
esaustive prove in-situ

Tabella 2.7 Requisiti quantitativi relativi ai rilievi e alle prove sui materiali.
Rilievo (dei dettagli costruttivi) Prove (sui materiali)
Verifiche La quantit e disposizione dellarmatura 1 provino di cls. e 1 campione di armatura
limitate verificata per almeno il 20% delle pile (ma non per almeno il 20% delle pile (ma non meno
meno di 2 pile) di 2 pile)
Verifiche La quantit e disposizione dellarmatura 1 provino di cls. e 1 campione di armatura
estese verificata per almeno il 40% delle pile (ma non per almeno il 40% delle pile (ma non meno
meno di 3 pile) di 3 pile)
Verifiche La quantit e disposizione dellarmatura 1 provino di cls. e 1 campione di armatura
esaustive verificata per almeno il 60% delle pile (ma non per almeno il 60% delle pile (ma non meno
meno di 4 pile) di 4 pile)

2.4.3 Modello strutturale


Il modello strutturale deve riflettere lo stato attuale della struttura o quello in cui essa si
trover a seguito di interventi migliorativi che saranno messi comunque in atto, quali la
solidarizzazione delle solette, o di allargamento per ladeguamento funzionale, etc. Il
modello strutturale deve poter descrivere tutti i gradi di libert significativi caratterizzanti
la risposta dinamica e riprodurre fedelmente le caratteristiche di inerzia e di rigidezza della
struttura, e di vincolo degli impalcati.
Nel caso in cui lanalisi sia di tipo non lineare, il modello strutturale deve poter seguire
levolversi dello stato tensionale e deformativo della struttura oltre la fase elastica,
prodotto dalla formazione di un numero crescente di zone plasticizzate. La
plasticizzazione pu essere considerata concentrata alle estremit degli elementi in
cerniere plastiche, il cui comportamento pu essere definito da un legame momento-
curvatura bilineare o multi-lineare, purch in grado di tener conto dellinfluenza dello
sforzo normale, quando necessario. Ove disponibili sono da preferire modelli pi accurati
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 25

in grado di descrivere la plasticizzazione diffusa (non concentrata alle sole estremit) degli
elementi, sulla base del comportamento di numerose sezioni interne, ottenuto
dallintegrazione sulla sezione stessa dei legami costitutivi non lineari dei materiali
componenti.
Legami costitutivi per analisi non lineari
I legami costitutivi riportati nel seguito costituiscono un riferimento consolidato ai fini
dellanalisi non lineare e delle verifiche degli elementi strutturali. E possibile utilizzare
legami alternativi riportati in letteratura se adottati in codici di calcolo di comprovata
affidabilit.
Il legame costitutivo di Mander, proposto per il conglomerato, riportato nella Fig. 2.7a.
La definizione di tale legame per un conglomerato non confinato richiede la conoscenza
della resistenza cilindrica f c e del modulo elastico iniziale Ec . In presenza di
confinamento sono necessari in aggiunta il valore della percentuale geometrica di
armatura trasversale della relativa tensione di snervamento f y .
Il legame descritto dalla relazione:

c xr
= (2.10)
f cc r 1+ xr
dove :

x = c c 1c (2.11)

r = Ec (Ec Esec ) (2.12)

Esec = f cc c 1c (2.13)

f cc = f c c (2.14)

e e
c = 2.254 1 + 7.94 2 1.254 (2.15)
fc fc

c 1c = 0.002[1 + 5(c 1)] (2.16)


La tensione di confinamento e e i fattori da cui essa dipende sono riportati in funzione
della forma della sezione e della tipologia di staffe nella Tabella 2.8, dove il fattore di
efficienza del confinamento, s linterasse delle staffe, b c , h c sono le dimensioni del
nucleo confinato, n il numero di barre longitudinali direttamente trattenute da staffe o
cravatte, b i la distanza tra barre trattenute adiacenti, Dc il diametro del nucleo
26 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

confinato, A s rappresenta larea complessiva dei bracci di staffe presenti in ciascuna delle
due direzioni (sezioni rettangolari, il valore della tensione di confinamento si prender
pari a e = ex ey ) o larea della staffa circolare/spirale.
Tabella 2.8 Modello di Mander: tensione di confinamento e suoi fattori.
Sezione Rettangolare Circolare
Staffe circolari Spirale
e fy 0.5fy
x = Asxbc/(bchcs) Dc2
= Dc As / s = 4 As /(Dc s )
y = Asyhc/(bchcs) 4
s s i =1 bi2
n
s
2
s
= 1 1
1 = 1 = 1
2h 2D
2bc c 6b h
c c 2 Dc c

Per quanto riguarda lacciaio, vengono dati come riferimento due legami costitutivi, quello
bilineare e quello non lineare isteretico di Menegotto-Pinto. Il primo rappresenta
unapprossimazione accettabile per lanalisi momento-curvatura monotona di sezione. Il
secondo uno di quelli indicati per lo svolgimento di analisi dinamiche non lineari.
La definizione del legame bilineare richiede la conoscenza del valore della tensione di
snervamento f y , del modulo elastico Es e del rapporto di incrudimento b .
Il legame di Menegotto-Pinto mostrato in Fig. 2.7b. La definizione di tale legame
richiede la conoscenza del valore della tensione di snervamento f y , del modulo elastico
Es , del rapporto di incrudimento b , delle costanti della funzione di transizione R che
regola leffetto Bauschinger: R 0 , a 1 , a 2 . Il legame descritto dalla relazione:

( )
1

* = b * + (1 b ) * 1 + * (2.17)
R
R

dove :

* = ( r ) ( 0 r ) (2.18)

* = ( r ) ( 0 r ) (2.19)

R ( ) = R 0 a 1 (a 2 + ) (2.20)
con indicato nella figura.
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 27

Ai fini dellanalisi strutturale, sia essa lineare o non lineare, si utilizzano le caratteristiche
meccaniche medie dei materiali. Nelle espressioni precedenti pertanto f c = f cm ,
Ec = Ecm , etc.
Se il modulo iniziale di deformazione del conglomerato non determinato
sperimentalmente, si pu fare uso delle correlazioni tra il modulo e la resistenza
disponibili in letteratura, quale ad esempio quella fornita nel DM2008 (cap.11):
Ecm = 22000( f cm 10 ) con f cm e Ecm in MPa .
0.3

* 1
b
1
c R0
Ec R( 2 )
f cc

Esec

fc 1 *

(a) (b)

R(1 )
c1 cu c1c cuc c
2

Fig. 2.7 Legami costitutivi dei materiali: a) Mander, b) Menegotto-Pinto.


Rigidezza degli elementi
Nei casi di analisi lineare o non-lineare a plasticit concentrata, la rigidezza degli elementi
del modello deve tenere conto del livello di fessurazione degli stessi per effetto dell'azione
sismica. Agli elementi costituenti limpalcato (travi, traversi, solette), che rimangono
generalmente in campo elastico lineare con limitata fessurazione, possono essere
attribuite le caratteristiche delle sezioni interamente reagenti. Per le pile, che nella maggior
parte dei casi superano in diversa misura lo stato limite di snervamento, la rigidezza
secante efficace pu essere ricavata dallespressione:

M R (N )
Ec I eff = (2.21)
y
nella quale = 1.2 un fattore di correzione che tiene conto della maggiore rigidezza
della parte di pila non fessurata, M R (N ) il momento ultimo della sezione di base
calcolato per il valore permanente dello sforzo normale e y la curvatura di
snervamento. In generale i valori del momento M R (N ) e della curvatura y si
ottengono da unanalisi momento-curvatura della sezione.
28 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Modellazione dellinterazione suolo-fondazione-struttura


Ai fini dellanalisi globale della struttura le pile e le spalle si considerano in generale
incastrate alla base.
Gli effetti dellinterazione suolo-fondazione-struttura devono essere considerati quando si
verificano contemporaneamente le seguenti tre condizioni:
- Ponte in classe duso III o IV
- Categoria del suolo D o peggiore
- Sismicit medio-alta, a g 0.15 g
Ai fini della valutazione degli effetti dellinterazione suolo-fondazione-struttura il sistema
fondazione-terreno pu essere schematizzato ponendo alla base della struttura dei
vincoli visco-elastici, caratterizzati da opportuna impedenza dinamica. Nel calcolo di
questultima necessario tener conto della dipendenza delle caratteristiche di rigidezza e
smorzamento del terreno dal livello deformativo. Inoltre necessario tenere conto che il
moto sismico alla superficie del suolo pu risultare diverso da quello in campo libero, per
effetto delle caratteristiche dimensionali e/o di rigidezza del sistema di fondazione.
Indicazioni sulla natura del fenomeno di interazione e le alternative disponibili per la
modellazione in funzione della tipologia di fondazione sono fornite nellAppendice B.

2.4.4 Metodi di analisi


Ponti isostatici con pile a fusto unico
La grande maggioranza delle opere esistenti sulla rete viaria nazionale costituito da ponti
a travata con impalcati semplicemente appoggiati su pile a fusto unico. Nellipotesi che la
strategia di intervento non preveda di modificare sostanzialmente lo schema statico, ad
esempio mediante solidarizzazione degli impalcati o sostituzione integrale degli stessi con
uno continuo, ed eventuale introduzione di apparecchi di isolamento/dissipazione, per
tali ponti possibile definire una metodologia specifica di analisi, che rappresenta un
buon compromesso di semplicit e accuratezza, da usare in alternativa ai metodi pi
accurati illustrati al paragrafo successivo.
Il modello di riferimento costituito da una mensola verticale a massa distribuita lungo
laltezza sulla quale grava la massa del pulvino e dellimpalcato. In direzione trasversale
allasse del ponte ogni pila costituisce in tutti i casi un oscillatore indipendente, mentre in
direzione longitudinale, nellipotesi che siano previsti dei ritegni sismici, il sistema
ancora a un grado di libert, caratterizzato dalla somma delle masse afferenti alle singole
pile e dalla forza di richiamo somma delle forze delle singole pile.
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 29

Il procedimento proposto consiste in unanalisi statica non lineare semplificata, nella


quale il legame forza-spostamento in sommit delloscillatore considerato si ottiene con
semplici passaggi a partire dai legami momento-curvatura alla base delle pile.
La massa efficace della pila da considerare concentrata in sommit data, per pile a sezione
costante, dalla somma del 30% della massa della pila e della massa del pulvino. La massa
totale per la generica pila vale quindi:

m = 0.3m pila + m pulv + m imp (2.22)

Laltezza di tale massa dalla base per lanalisi in direzione trasversale (vedi Fig. 2.8) data
dallespressione:

H
(m pulv )
+ 0.3m pila H p + m imp H imp
(2.23)
m
Per lanalisi in direzione longitudinale, laltezza efficace pari alla distanza del piano degli
apparecchi di appoggio dallestradosso della fondazione.

P Mt=Vb(H-Hp)
Vb
Himp

Hp
H

Mb=VbH
Fig. 2.8 Altezza efficace per analisi in direzione trasversale.
Il primo passo consiste nella determinazione del legame momento-curvatura della sezione
di base nel piano di flessione considerato e per il valore del carico assiale agente. La curva
cos ottenuta viene successivamente bilinearizzata come indicato schematicamente in Fig.
2.9.

P
M V
V Mu Vu
My Vy
sezione
H di base

y u y u
Fig. 2.9 Passaggio dal legame momento-curvatura al quello taglio-spostamento.
30 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Nellipotesi che la pila si mantenga in campo elastico fino al raggiungimento del momento
di snervamento M y alla base (Fig. 2.10, sinistra), il corrispondente spostamento in
sommit dato dallespressione:

1
y = yH 2 /3 (2.24)

dove la curvatura di snervamento y risulta dalla bilinearizzazione del legame di sezione e
= 1.2 il fattore di correzione che tiene conto della maggiore rigidezza della porzione
al di sopra della zona plasticizzata.
Lo spostamento ultimo in sommit della pila si ottiene aggiungendo a quello di
snervamento il contributo della rotazione plastica nella zona plasticizzata alla base:

u = y + ( u y ) l p (H l p / 2 ) (2.25)

dove u la curvatura minima tra quelle corrispondenti allo schiacciamento del


calcestruzzo, c ,max = cum , e alla rottura per trazione dellacciaio, s ,max = sum . In assenza di
pi accurate determinazioni i valori delle deformazioni medie a rottura di calcestruzzo e
acciaio possono essere assunti pari a cum = 0.5% e sum = 4% . Per lestensione della
porzione di pila soggetta a plasticizzazione si pu fare riferimento allespressione
l p = 0.10 H p + 0.015 f y d b 0.10 H p .
P P
V y V y u

lp
My y Mu u
Fig. 2.10 Pile a fusto unico: distribuzione di momento e curvatura.
In direzione trasversale il periodo elastico della singola pila si ottiene dallespressione:

T = 2 m i / k = 2 m i y / V y (2.26)

Il corrispondente spostamento massimo, da utilizzare ai fini della verifica di deformabilit


della pila, fornito dallo spettro di risposta elastico in spostamento:

max = S De (T ) T TC o q * 1
S De (T ) T
1 + (q * 1) C T < TC
(2.27)
max = *
q T
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 31

dove q * = mS e (T ) / V y .
La forza di taglio per la verifica della pila si ottiene direttamente dal diagramma forza-
spostamento in corrispondenza dello spostamento massimo di risposta max .
La forza di taglio per la verifica degli apparecchi di appoggio vale:

m imp
Vapp = 1.25 V ( max ) (2.28)
mi
dove il fattore 1.25 ha lo scopo di garantire una maggiore livello di protezione agli
apparecchi di appoggio e il taglio V ( max ) la forza fornita dal legame V in
corrispondenza dello spostamento di risposta.
In direzione longitudinale la massa totale data dallespressione:

m = mi (2.29)

e il legame forza-spostamento si ottiene sommando i legami delle singole pile come


schematicamente mostrato in Fig. 2.11.

V
Pila 1
Pila 2
Vu1
1 2 Vy1 Vu2
Vy2

y1 y2 u1u2
Fig. 2.11 Direzione longitudinale: legame complessivo a partire dai legami di pila.
Effettuata la bilinearizzazione della curva risultante il procedimento segue in modo
analogo al caso precedente.
Ai fini delle verifiche a taglio delle pile la forza di taglio competente a ciascuna di esse si
ricava in corrispondenza di max dal relativo diagramma forza-spostamento.
Ai fini del calcolo della forza di taglio agente sugli appoggi la massa dellimpalcato
nellespressione (4-11) da considerare quella afferente alla pila in esame.
32 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Nel caso di appoggi mobili su pile e spalle necessario verificare che non vi sia rischio di
perdita dappoggio dellimpalcato. Tale verifica si ritiene superata se la lunghezza di
appoggio pari o superiore a:

L min = L 0 + d rel , g + d rel ,s (2.30)

dove L 0 un margine di sicurezza non inferiore a 40cm, d rel , g lo spostamento relativo


del suolo alla base degli elementi verticali adiacenti considerati, valutato in accordo alla
(2.2), e d rel , s lo spostamento relativo tra gli elementi verticali adiacenti considerati
valutabile mediante la radice quadrata della somma dei quadrati degli spostamenti massimi
delle due pile.
La verifica deve essere eseguita sotto gli effetti di entrambe le componenti orizzontali
dellazione sismica, secondo le modalit illustrate al punto Formato di verifica, pagina
39. Per la verifica delle fondazioni si rimanda al punto Spalle e fondazioni, pagina 41.
Ponti iperstatici: analisi dinamica lineare
I metodi illustrati nel seguito si applicano a ponti iperstatici di tipologia generica,
comprese le strutture con impalcati semplicemente appoggiati che presentino pile con
struttura iperstatica (portali multipli, telaio, etc.).
Il metodo lineare di riferimento in queste linee guida consiste nellimpiego dellanalisi
modale (DM2008, punto 7.3.3.1) associata allo spettro elastico non ridotto (punto 2.3.1).
Le verifiche degli elementi sono eseguite in termini di capacit deformativa per i
meccanismi/elementi duttili e di resistenza per quelli fragili.
Questo tipo di analisi applicabile quando verificata le seguente condizione legata alla
uniformit della domanda inelastica2:
- Definito i = Di C i il rapporto tra il momento flettente Di fornito dall'analisi
della struttura soggetta alla combinazione di carico sismica, e il corrispondente
momento resistente Ci nell'i-esima sezione di verifica, si indicano con max e
min rispettivamente i valori massimo e minimo di . Il rapporto
max / min non deve superare il valore 2.5.
La verifica di applicabilit del metodo, che deve essere svolta a posteriori, potrebbe
risultare negativa a causa di un numero ridotto di elementi. In tal caso il metodo potrebbe
comunque venire applicato, nellipotesi che si effettuino interventi su questi elementi tali
da riportare il rapporto max / min entro il limite indicato.
In alternativa anche consentito di eseguire la verifica mediante analisi modale con
spettro di risposta ridotto del fattore di struttura q (punto 3.2.3.5 del DM2008). In questo

2 Ovviamente deve risultare max > 1 altrimenti la risposta del ponte elastica.
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 33

caso le verifiche sono di resistenza per tutti i meccanismi/elementi. I valori delle


resistenze si calcolano come nelle situazioni non sismiche. Il valore massimo utilizzabile
per q pari a 1.5.
Per quanto riguarda il calcolo delle quantit di risposta, gli spostamenti massimi prodotti
dallazione sismica di verifica si assumono eguali a quelli forniti dallanalisi nellipotesi di
comportamento lineare elastico.
I massimi delle grandezze di risposta derivate, quali ad esempio deformazioni flessionali e
spostamenti relativi in corrispondenza dei giunti, devono essere calcolati modo per modo
e successivamente combinati con la regola di combinazione modale adottata.
In particolare per la verifica degli elementi duttili la grandezza di verifica generalmente
rappresentata dalla rotazione rispetto alla corda . Per ogni piano di flessione, questa
pari al rapporto H per elementi verticali a mensola (pile a fusto unico) o doppiamente
incastrati (ritti), come mostrato in Fig. 2.12, casi (a) e (b), e approssimativamente uguale
alla rotazione del nodo per elementi orizzontali (traversi), come mostrato in Fig. 2.12,
caso (c). Nel caso (c) la rotazione rispetto alla corda per i ritti solo approssimativamente
uguale al rapporto H .
Per ogni piano di flessione dellelemento, lo sforzo di taglio agente V esso dato da:
- il valore ottenuto dall'analisi nel caso in cui i momenti alle estremit dell'elemento
non raggiungono il rispettivo valore plastico ( 1 )
- il valore:

M R 1 (N ) + M R 2 (N )
V = VG + (2.31)
L
dove V G il taglio dovuto ai carichi gravitazionali agenti sull'elemento, M R 1 (N G ) ed
M R 2 (N G ) sono i momenti resistenti (calcolati per il valore corrispondente ai carichi
gravitazionali dello sforzo normale N G , sommati se equiversi) alle estremit
dell'elemento (calcolati utilizzando i valori medi delle caratteristiche meccaniche del
conglomerato e dell'acciaio) ed L la sua lunghezza.

(a) (b) (c)

Fig. 2.12 Rotazione rispetto alla corda: (a) fusto unico, (b) portale multiplo, (c) a telaio.
34 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Ponti iperstatici: analisi statica non lineare


In generale diversi modi di vibrazione contribuiscono alla risposta sismica di ponti.
Quando un singolo modo di vibrazione caratterizzato da una massa partecipante pari o
superiore all80% possibile fare uso dellanalisi statica non lineare mono-modale. In caso
contrario necessario fare ricorso a una versione avanzata dellanalisi statica non lineare,
di tipo multi-modale. Nel seguito si illustrano i metodi di analisi statica non lineare mono-
modale e multi-modale con distribuzione di forze invarianti3.
Analisi mono-modale
Il metodo consiste nell'applicazione a un modello non lineare del ponte di un sistema di
forze statiche di intensit crescente fino al raggiungimento della capacit massima del
sistema in termini di resistenza o di deformabilit, nella successiva trasformazione della
curva taglio alla base-spostamento di un grado di libert di controllo in un sistema
bilineare equivalente, e quindi nella determinazione della risposta di tale sistema al sisma
di verifica.
Ci avviene applicando alla struttura un sistema di forze di intensit crescente dato da:

f = M (2.32)
dove M la matrice delle masse e la prima forma modale deve essere normalizzata
ponendo pari a 1 lo spostamento del grado di libert di controllo. Questultimo coincide
con il grado di libert caratterizzato dal massimo spostamento modale. Lintensit cresce
fino al raggiungimento della capacit ultima della struttura. Il risultato dellanalisi viene
espresso in termini di curva taglio alla base (somma delle forze applicate Vb = f i )
spostamento in sommit u .
Si definisce quindi il coefficiente di partecipazione modale:

(
= T M1 ) ( T
M ) (2.33)
La forza V * e lo spostamento u * del sistema a un grado di libert equivalente sono dati
da:

V * = Vb / (2.34)

u* = u / (2.35)
La relazione V * u * rappresenta il legame costituivo del sistema equivalente, la cui
massa data invece da m * = T M1 = i m i i .

3E ammesso luso di metodi in cui la distribuzione delle forze applicate segua levoluzione della
deformata inelastica della struttura (adaptive pushover analysis).
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 35

La determinazione della risposta del sistema equivalente richiede la bilinearizzazione della


curva V * u * . Un criterio per effettuare questa operazione quello di trovare un legame
bilineare che sottenda la stessa area (energia) di quello ottenuto dallanalisi.
Nella Fig. 2.13 sono mostrati due casi, uno in cui lincrudimento trascurabile, laltro in
cui non lo . Nella Fig. 2.13 (a) V y* rappresenta la resistenza del sistema equivalente ed
uguale al forza in corrispondenza dello spostamento u u* . Lo spostamento di snervamento
u *y del sistema bilineare si ottiene dallespressione:

E
1 * *
2
( )
V y u y + V y* u u* u *y = E u *y = 2 u u* *
V y
(2.36)

in cui E larea sottesa dalla curva V * u * e si calcola per integrazione numerica. In
Fig. 2.13 (b) Vu* rappresenta la resistenza ultima del sistema equivalente, mentre V y* la
resistenza allo snervamento. Lo spostamento di snervamento u *y del sistema bilineare si
ottiene dallespressione:

2Vu* u u k y (u u* ) 2 E
2
1 * * 1 *
2
( )( )
V y u y + V y + Vu* u u* u *y = E u *y =
2 Vu* k y u u* (2.37)

Noto u *y la rigidezza elastica risulta pari a: k = V y* / u *y , da cui segue il periodo elastico del
sistema bilineare T * :

T * = 2 m * k (2.38)

Vu*
A2 = A1 A2 = A1
ky
1
V y* V y*
A1 A1

k k

1 (a ) 1 (b )

u *y uu* u *y uu*
Fig. 2.13 Bilinearizzazione con il criterio delle aree uguali: a) incrudimento nullo, b)
incrudimento non nullo.
La risposta massima del sistema equivalente in termini di spostamento data in funzione
del periodo e dello spettro elastico in spostamento dalle espressioni:
36 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

*
u max = S De (T * ) T * TC o q * 1
S (T * ) T
= De * 1 + (q * 1) C* T * < TC
* (2.39)
u max
q T
con q * = m * S e (T * )/V y* .
Si osserva che le caratteristiche del sistema bilineare equivalente dipendono dalla scelta dello spostamento
ultimo u u* a partire dal quale si impone lequivalenza delle aree, il quale deve coincidere con il valore
*
della risposta u max . Ci comporta lesigenza di iterare fino al raggiungimento di tale condizione.
Una volta determinata la risposta massima delloscillatore equivalente possibile
determinare quella della struttura moltiplicando per il fattore di partecipazione
u max = u max
*
: lo stato della struttura quello corrispondente a tale spostamento massimo
nel punto di controllo. La verifica consiste nel controllare che in tale configurazione della
struttura le domande di duttilit siano compatibili con le rispettive capacit e che le forze
di taglio siano minori delle rispettive resistenze.
Analisi multi-modale
Il metodo consiste nei seguenti passi:
1. Effettuazione dellanalisi modale e selezione dei modi significativi
2. Per ciascun modo selezionato effettuazione dellanalisi statica non lineare in
modo analogo a quanto indicato con riferimento al caso mono-modale e in
particolare:
a. Applicazione di una distribuzione di forze modali crescenti: f i = M i
fino al raggiungimento di uno spostamento massimo predefinito o di un
significativo degrado nel taglio alla base Vb
b. Determinazione del sistema a un grado di libert equivalente nelle due
direzioni principali del sisma mediante le relazioni:
V iX* = V b / iX u iX* = u i ,c /(iX i ,c )
V iY* = V b / iY u iY* = u i ,c /(iY i ,c )
dove iX = ( Ti Mt X )/( Ti M i ) e iY = ( Ti Mt Y )/( Ti M i ) , t X e t Y
sono i vettori di trascinamento nelle direzioni X e Y, i ,c lordinata
modale nel grado di libert di controllo (che deve essere scelto per ogni
modo come il grado di libert con massima ordinata modale)
c. Bilinearizzazione dei diagrammi V iX* u iX*
d. Determinazione dei periodi TiX* ,Y = 2 m i* / kiX* ,Y e delle
corrispondenti risposte massime u i*, max X ,Y = S De (TiX* ,Y )
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 37

e. Determinazione degli spostamenti massimi effettivi


u i ,c , max X ,Y = iX ,Y i ,c u i , max X ,Y e delle corrispondenti configurazioni
*

deformate della struttura.


f. Calcolo delle grandezze di risposta di interesse D E ,i e D E ,i per X Y

ciascun modo e direzione dellazione sismica


3. Combinazione delle grandezze di risposta D E ,i e D E X Y ,i ottenute mediante la
regola (2.49).

Analisi dinamica non lineare


Ai fini delle verifiche gli effetti sulla struttura (sollecitazioni, deformazioni, spostamenti,
etc.) sono rappresentati dai valori medi ottenuti dalle analisi.
Come indicato al punto 0, il numero minimo di accelerogrammi da utilizzare pari a
cinque per quelli artificiali e dieci per quelli naturali o simulati a partire da modelli
sismogenetici. La differenza nel numero richiesto giustificata dalla inferiore dispersione
intorno alla media degli accelerogrammi del primo tipo rispetto a quelli degli altri due. Il
rispetto di tali minimi sufficiente a garantire una adeguata stabilit della media degli
effetti sulla struttura.

2.4.5 Verifiche di sicurezza


Sotto leffetto dellazione sismica di verifica tutti gli elementi dellimpalcato devono
soddisfare le verifiche come per le situazioni non sismiche.
Pile
Per quanto riguarda la capacit deformativa, il valore ultimo della rotazione rispetto alla
corda da utilizzare per la verifica allo SLC dato dallespressione:

LV
y = y (2.40)
3

1
u =
el
( )
y + u y l p 1
lp
(2.41)
2 LV
dove el = 1.5 e LV = M /V la luce di taglio, pari a H per una mensola e
approssimabile ad H/2 negli altri casi. Le curvature di snervamento y e ultima u si
ottengono dalla bilinearizzazione del legame momento-curvatura di sezione. La curvatura
ultima la minima tra quelle corrispondenti allo schiacciamento del calcestruzzo,
c ,max = cum , e alla rottura per trazione dellacciaio, s ,max = sum . In assenza di pi
accurate determinazioni i valori delle deformazioni medie a rottura di calcestruzzo e
acciaio possono essere assunti pari a cum = 0.5% e sum = 4% . Per lestensione della
38 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

porzione di pila soggetta a plasticizzazione si pu fare riferimento allespressione


l p = 0.10 H + 0.015 f y d b 0.10 H .
Per la verifica allo SLV il valore limite della rotazione si assume pari a di quello ultimo.
Per quanto riguarda la resistenza a taglio, in ogni piano di flessione, la resistenza a taglio
sotto azione ciclica, VR , di elementi prismatici con sezione compatta data dalla formula
seguente (unit di misura MN e m):

1 h x
VR =
el 2 L V
( ( ))
min (N ;0.55 Ac f c ) + 1 0.05 min 5; , pl
(2.42)
L
0.16 max(0.5;100 tot ) 1 0.16 min 5; V f c Ac + V w
h

dove:
el = 1.15
h = altezza totale della sezione
d = altezza efficace della sezione
x = profondit dell' asse neutro
N = sforzo normale, positivo di compressione, posto uguale a zero se di trazione
L V = M/V luce di taglio
Ac = area della sezione bd per sezione rettangol are, D c2 /4 per sezione circolare
D c = diametro nucleo confinato
tot = percentuale geometrica totale di armatura longitudin ale
V w = contributo dell' armatura pari a w bzf y per sez. rettangol ari
A sw
e f y (D 2c ) per sez. circolari
2 s
A sw = area delle staffe circolari
s = passo delle staffe
D = diametro della sezione
c = copriferro

Il termine , pl = 1 / y 1 rappresenta la parte plastica della duttilit richiesta


allelemento.
In ogni piano di flessione, la resistenza a taglio sotto azione ciclica, VR , di setti (ad es:
pareti di una pila a sezione cava rettangolare, mono- o pluri-cellulare) non superiore alla
forza di taglio corrispondente allo schiacciamento delle bielle diagonali VR ,max , data dalla
formula seguente:
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 39

VR , max =
( (
0.85 1 0.06 min 5; , pl ))
1 + 1.8 min 0.15; N

el Ac f c

(2.43)
L
(1 + 0.25 max(1.75;100 tot )) 1 0.2 min 2; V f c b w z
h

Appoggi
Gli apparecchi di appoggio fissi devono essere in grado di trasmettere, mantenendo la
piena funzionalit, le forze di taglio in testa alle pile indotte dallazione sismica di verifica,
incrementate del fattore R = 1.20 .
Gli appoggi mobili devono essere in grado di consentire, mantenendo la piena
funzionalit, lo scorrimento massimo indotto dallazione sismica di verifica.
Nel caso di appoggi mobili su pile e spalle necessario verificare che non vi sia rischio di
perdita dappoggio dellimpalcato. Tale verifica si ritiene superata se la lunghezza di
appoggio pari o superiore a:

L min = L 0 + d rel , g + d rel ,s (2.44)

dove L 0 un margine di sicurezza non inferiore a 40cm, d rel , g lo spostamento relativo


del suolo alla base degli elementi verticali adiacenti considerati, valutato in accordo alla
(2.2), e d rel , s lo spostamento relativo tra gli elementi verticali adiacenti considerati.
Formato di verifica
Indicando con Dx e D y le quantit di domanda determinate dallanalisi (spostamenti,
rotazioni, forze di taglio) nei due piani di principali flessione di un elemento, e con C x e
C y le corrispondenti capacit, la forma generale di verifica data dallespressione:

2 2
Dx D
+ y 1 (2.45)
C C y
x

Nel caso delle verifiche di deformabilit e di resistenza lespressione precedente assume la


forma:

( x u , x )2 + ( y u , y )2 1 (2.46)

(V x (
V u , x )2 + V y V u , y )
2
1 (2.47)
40 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

dove le grandezze di domanda, ad esempio di deformazione, sono ottenute mediante le


regole di combinazione:

[( xE , i )2 + ( xE , i )2 ]
N
x = xG X Y
(2.48)
i =1

per lanalisi dinamica lineare, e:

[( xE ) ( )]
N
x = xG X ,i G 2 + xE Y ,i G 2
(2.49)
i =1

per lanalisi statica non lineare, dove la sottrazione delleffetto dei carichi gravitazionali
dalla risposta modale per ciascuna direzione del sisma necessaria in quanto
lapplicazione delle forze orizzontali per ogni distribuzione modale preceduta da quella
dei carichi gravitazionali. Analogamente per la domanda nel piano di flessione ortogonale
y .
Esempio 2-5. Applicazione della regola di combinazione dei contributi modali a un ponte in
curva. La Fig. 2.14 mostra i primi due modi di vibrazione di un viadotto continuo a tre campate, di
luci 40m, 50, 40m, con pile alte rispettivamente 20m e 30m, con asse curvilineo di raggio 150m.
Nella figura evidenziato, per ogni modo, lo spostamento in testa a una delle pile, con le
corrispondenti componenti secondo gli assi globali X e Y. Il contributo allo spostamento D
trasversale allasse dellimpalcato (parallelo allasse x della sezione rettangolare cava della pila)
fornito dal modo iesimo eccitato dal sisma X dato dallespressione:

X
(
DE i = X cos X + Y sin X iX S De (Ti )
i i
)
dove X = 9.55 langolo tra la tangente allasse dellimpalcato e lasse X.

Modo 1 T=0.286s

Y1

X1

Modo 2 T=0.246s
Y2

X2

Fig. 2.14 Due modi di vibrazione di un ponte con asse longitudinale curvilineo.
Capitolo 2: Proposta di linee guida per la valutazione dei ponti esistenti 41

La Tabella 2.9 riporta i valori relativi allesempio. Lo spostamento trasversale in accordo alla (2.48)
risulta pari a D = 1.28 cm.
Tabella 2.9 Esempio di applicazione della regola di combinazione.
Modo T(s) Se (g) SDe (m) X Y X Y DEX (m) DEY (m)

1 0.286 0.5 0.010173 3.24 35.78 0.0049 0.0329 0.0011 0.0121

2 0.246 0.5 0.007526 -15.71 7.3 0.0109 0.0215 -0.0037 0.0017

Nel caso particolare dei ponti isostatici con pile a fusto unico (punto 0) le verifiche di
deformabilit e resistenza assumono rispettivamente la forma:

( T u ,T )2 + ( L u , L )2 1 (2.50)

(V T V u ,T )2 + (V L V u , L )2 1 (2.51)

dove i pedici L e T indicano lanalisi in direzione longitudinale e trasversale, mentre le


capacit di spostamento da utilizzare per la verifica allo SLC sono date dalle espressioni:

u ,T =
1
el
[ y ,T ( ) (
+ u ,T y ,T l p H l p / 2 )] (2.52)

u ,L =
1
el
[ y ,L ( ) (
+ u ,L y ,L l p H l p / 2 )] (2.53)

dove el = 1.5 . Per la verifica allo SLV il valore limite degli spostamenti si assume pari a
di quello ultimo. La resistenza a taglio si calcola come indicato in 2.4.5.
Nel caso di analisi dinamica non lineare, possibile utilizzare un formato di verifica pi
accurato in cui si calcola il rapporto domanda/capacit tenendo conto a ogni passo
dellanalisi della variazione delle capacit con lo sforzo normale N:

D x (t ) D y (t )
2 2

max + 1 (2.54)
C x (N (t )) C y (N (t ))
t

Spalle e fondazioni
Per la verifica delle spalle e delle fondazioni sotto lazione sismica trasmessa dalla
sovrastruttura e dal terreno, valgono le indicazioni applicabili alle opere di nuova
progettazione, di cui ai punti 7.11.5 e 7.11.6 del DM2008.
CAPITOLO 3: RINFORZO SISMICO DEI PONTI

3.1 INTRODUZIONE
Nella maggioranza dei casi il rinforzo sismico deve essere realizzato in soggezione di
traffico, quindi non solo in tempi molto stretti per ridurre il disagio alla viabilit, ma
anche con notevoli condizionamenti sui metodi di rinforzo. Le soluzioni particolari o pi
innovative, come ad esempio limpiego di materiali ad alta resistenza o prestazioni,
trovano spesso il terreno naturale di impiego nei casi di rinforzo, diventando competitive
proprio a causa delle restrizioni sopra citate.
In questo capitolo, che riprende in buona parte la pi estesa trattazione in (fib, 2007),
vengono presentate le soluzioni tecniche pi comuni per il rinforzo delle varie parti di un
ponte, senza fornire le relative procedure di dimensionamento, per le quali si rinvia a
documenti specialistici (Priestley et al, 1996),(FHWA, 2006).

3.2 RINFORZO DEGLI APPOGGI


Dal punto di vista sismico, le carenze pi comunemente rilevate nei ponti di costruzione
meno recente riguardano linadeguatezza degli appoggi e delle lunghezze di appoggio,
fattori che possono facilmente portare alla perdita di supporto e al conseguente collasso
di intere campate negli impalcati semplicemente appoggiati (vedi Fig. 1.2 e Fig. 1.3). Non
un caso se i primi programmi di rinforzo negli Stati Uniti, a seguito del terremoto di San
Fernando, si siano concentrati proprio sulla correzione di questi problemi.
Gli interventi per adeguare il sistema di appoggio sono molto vari e dipendono dalla
tipologia dellimpalcato e dalla qualit dellintervento che si intende realizzare.
Una gran parte dei ponti esistenti, con impalcato a travi appoggiate presentano appoggi
sotto ogni trave, in neoprene non armato di piccolo spessore, la cui resistenza ad azioni
orizzontali trascurabile.
Un intervento economico ed efficace consiste nella sostituzione degli appoggi esistenti
con appoggi nuovi della stessa tipologia e la realizzazione in cima alla pila di un sistema di
ritegni che eviti la caduta degli impalcati e limiti gli spostamenti relativi. Un esempio di
tale soluzione mostrato in Fig. 3.1.
Nel caso mostrato in figura non sussistendo problemi di lunghezza di appoggio i ritegni,
realizzati in c.a. con interposizione di cuscinetti in neoprene, hanno funzione
unidirezionale nella direzione longitudinale. Nei casi in cui la lunghezza di appoggio risulti
44 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

invece insufficiente si pu intervenire collegando gli impalcati ai ritegni o al pulvino,


oppure realizzando delle seggiole in acciaio o c.a.

Fig. 3.1 Esempio di ritegni sismici longitudinali e trasversali (Furlanetto et al, 2008).
Interventi di maggiore incisivit possono essere realizzati quando si interviene sullo
schema statico dellimpalcato rendendolo continuo. In questo caso possibile evitare di
avere appoggi sotto ogni trave collocando un numero ridotto di apparecchi metallici, di
tipo fisso e mobile, o dispositivi di isolamento su ununica fila.
In passato stata frequentemente adottata una soluzione che prevedeva la
continuizzazione limitata alla sola soletta, congiuntamente con la disposizione di un
numero pari a quello originale di dispositivi di isolamento in gomma.

3.3 RINFORZO DELLE PILE


Le pile in cemento armato progettate secondo criteri non sismici presentano spesso
inadeguate lunghezze di sovrapposizione o di ancoraggio delle barre longitudinali e
ridotto quantitativo di armatura trasversale, peraltro non ancorata nel nucleo. Ne
risultano un difetto di resistenza a taglio e di duttilit (confinamento del calcestruzzo e
delle barre longitudinali compresse inadeguati, sfilamento delle barre tese).
Le tecniche di rinforzo consolidate e mirate a risolvere tali problemi sono:
- Incamiciatura in calcestruzzo, acciaio, o elementi prefabbricati in calcestruzzo
- Fasciatura con materiali fibro-rinforzati
- Cambiamento dello schema statico della pila mediante interposizione di muri a
taglio o aggiunta di colonne supplementari
Capitolo 3: Rinforzo sismico dei ponti 45

3.3.1 Incamiciatura in calcestruzzo


Le ragioni principali che portano a scegliere il rinforzo mediante incamiciatura in c.a.
sono due: generalmente esso risulta competitivo da un punto di vista economico e
presenta un comportamento pi favorevole in acqua rispetto alle alternative. Per questo
motivo si tratta di una delle soluzioni pi utilizzate, in particolari per le pile in alveo.
Lincamiciatura consiste nella costruzione intorno alla pila esistente di una nuova sezione
in cemento armato (Fig. 3.2a). La buona connessione tra la due porzioni di calcestruzzo
essenziale per la riuscita del rinforzo. Questo avviene attraverso una serie di barre inserite
in appositi fori, praticati nel calcestruzzo esistente dopo la rimozione del copriferro, e
iniettati con malta cementizia o resine epossidiche (fiorettature, Fig. 3.2b).
La camicia pu essere di due tipi: a) staccata dalla base, mediamente di 100-150mm, nel
qual caso fornisce un incremento di duttilit e di resistenza a taglio, b) connessa con la
fondazione e dotata di barre longitudinali ancorate nella fondazione, nel qual caso
fornisce anche un contributo alla resistenza flessionale (Fig. 3.2c,d). Lincremento del
confinamento migliora sia il comportamento del calcestruzzo compresso che la
trasmissione delle forze nelle zone di sovrapposizione tra le barre. Nel caso b, poich lo
spessore della camicia normalmente compreso tra i 200 e i 300 mm, lincremento di
resistenza flessionale pu essere importante e la fondazione potrebbe risultare inadeguata
alle nuove forze trasmesse dalla pila. Per questo motivo la prima opzione molto pi
diffusa. Naturalmente, se le fondazioni possono offrire una resistenza maggiore, la
seconda opzione pu essere utile per limitare le deformazioni plastiche e in particolare
quelle residue.
Questo tipo di intervento risulta molto efficace per pile con sezione circolare. Nel caso di
pile a sezione rettangolare esso presenta invece una riduzione di efficienza, crescente con
le dimensioni della sezione da incamiciare. Il problema particolarmente sentito nel
rinforzo delle pile a setto, che possono presentare deficit di resistenza, nonostante la
grande sezione, perch sono caratterizzate da quantitativi di armatura spesso ridotti. In
tali casi necessario provvedere al posizionamento di barre passanti attraverso la sezione
esistente, parallelamente al lato corto, per connettere le due facce della camicia. Tali barre
sono normalmente disposte a distanza di 300-400 mm in direzione verticale, e 1.0 m in
direzione trasversale. Loperazione di perforazione per linserimento risulta essere quella
pi delicata, in quanto il rischio di troncare le armature esistenti elevato. Lo sviluppo
recente di tecniche che fanno uso di barre di diametro inferiore (anche di materiali
innovativi quali le plastiche rinforzate con fibre di arramidio) risolve parzialmente questo
problema.
46 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Camicia in
calcestruzzo Staffe o
Cravatte
spirale
Pila esistente
Pila esistente
Barre annegate
nella fondazione

(a) Pila a sezione circolare (b) Pila a sezione rettangolare

Fig. 3.2 Esempio di incamiciatura in c.a. per incrementare duttilit e resistenza


(adattata da Priestley et al 1996)

3.3.2 Incamiciatura in acciaio


Nella forma di camicie circolari o ellittiche (per le sezioni rettangolari) questa tecnica
stata una delle prime usate per il rinforzo delle pile in cemento armato. Utilizzata per
migliaia di pile da ponte in California ha dimostrato di essere molto efficace durante il
terremoto di Northridge del 1994: oltre cinquanta ponti rinforzati in questo modo hanno
superato senza danni alle pile accelerazioni di picco alla base superiori a 0.3g. In
Giappone la tecnica stata utilizzata per oltre 40 000 pile dopo il terremoto di Kobe del
1995, durante il quale pile rinforzate con camicie in acciaio e soggette ad accelerazioni di
picco superiori a 0.8g non hanno riportato danni (Fig. 3.3).

Fig. 3.3 Incamiciatura metallica di una pila dell'Hanshin Expressway in Giappone. Il


rinforzo realizzato nel 1989 ha dato ottimi risultati durante il terremoto di Kobe del 1995.
Capitolo 3: Rinforzo sismico dei ponti 47

La camicia, normalmente di spessore intorno ai 612 mm, viene saldata in opera e lo


spessore che la separa dalla pila (12.525 mm) viene iniettato con malta cementizia o
resine (Fig. 3.4a). In alternativa alla saldatura, sono stati sviluppati anche giunzioni
meccaniche (Fig. 3.4b). Come per le camicie in calcestruzzo, il campo di applicazione
preferenziale quello delle pile circolari piene. Lefficacia del confinamento per pile di
diametro superiore ai 4.0 m non stata ancora suffragata sperimentalmente.
Dati gli spessori utilizzati il quantitativo di acciaio considerevole, specialmente se
confrontato con lacciaio presente nella pila. A di l dellaspetto economico, che rende
meno competitiva questa soluzione, necessario osservare che lincremento di resistenza
flessionale e a taglio con questa soluzione di rinforzo molto elevato e il distacco dalla
base della pila quasi obbligato (normalmente nella misura di 50100 mm). Se si vuole
incrementare anche la resistenza a flessione necessario ancorarla alla fondazione.
Questo pu essere fatto saldando alla base della camicia dei profili che vengono poi
ancorati con tirafondi. Per le pile rettangolari le camicie, di forma ellittica (Fig. 3.4c),
hanno effetto sulla resistenza a taglio, e possono averlo su quella a flessione (Fig. 3.4d),
ma non sul confinamento.
(a) (b)

Camicia
metallica
12 mm

Lasco 20 mm

(c) 25 mm (d)
Camicia
metallica
Armatura
esistente
Trave perimetrale
Camicia
metallica Tirafondi
12 mm

Fig. 3.4 Esempio di incamiciatura in acciaio (adattata da fib, 2007).


48 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

3.3.3 Fasciature con FRP


Molte varianti di polimeri/plastiche fibro-rinforzate sono usati nel rinforzo di pile da
ponte. Luso che ne viene fatto dipende dalla rigidezza, dalla resistenza e dalla
deformazione di rottura del tipo specifico di materiale utilizzato (fibre di carbonio,
arramidio, vetro, etc). Come gi detto questi materiali, pur avendo un costo generalmente
ancora elevato risultano economicamente competitivi in quei casi in cui il loro utilizzo
permette un notevole accorciamento dei tempi di realizzazione del rinforzo, e quindi
dellinterferenza con il traffico. Inoltre essendo normalmente leggeri e facilmente
maneggiabili sono unottima alternativa alle camicie in c.a. o acciaio in tutte quelle
situazioni in cui lo spazio operativo limitato o disagiato.
Se lo scopo del rinforzo quello di aumentare il confinamento, le fibre pi adatte sono
quelle di carbonio, caratterizzate dal modulo elastico pi elevato (simile allacciaio) e da
un comportamento elastico lineare fino a rottura. Particolarmente rilevante in questo
senso lelevata resistenza delle fibre di carbonio che nellordine di 10 volte rispetto a
quella dellacciaio delle armature ordinarie. Il confinamento quindi risulta pi efficace di
quello offerto dallarmatura trasversale in quanto lespansione laterale del calcestruzzo
contrastata elasticamente anche a livelli molto elevati di deformazione.
Questi materiali vengono forniti in fogli. Sono normalmente utilizzati trasversalmente
allasse della pila, per incrementare confinamento e resistenza a taglio, e si stanno
sperimentando anche verticalmente, ancorati mediante piastre metalliche nella
fondazione, per incrementare la resistenza flessionale (Fig. 3.5). Per le sezioni rettangolari
stata anche utilizzata una soluzione simile a quella delle incamiciature metalliche per
aumentare lefficacia del confinamento (Fig. 3.6).

Fig. 3.5 Esempio di fasciatura con FRP per incrementare la resistenza a taglio e flessione
(sperimentazione presso lo EUCENTRE nellambito del Progetto DPC-Reluis - Linea 3).
Capitolo 3: Rinforzo sismico dei ponti 49

Un altro tipo di fibre utilizzate sono quelle di arramidio, che sono meno rigide di quelle di
carbonio, motivo per cui sono pi adatte allutilizzo su pile a sezione (leggermente)
variabile. Vengono confezionate in fogli, barre, nastro intrecciato e non. I fogli e le barre
sono quelli impiegati nel rinforzo dei ponti. In particolare i fogli sono utilizzati per le
fasciature, mentre le barre sono utilizzate per precomprimere le fondazioni (vedi 3.4) o
come connessione tra i lati di camicie in calcestruzzo nel caso di pile rettangolari
allungate.

Fig. 3.6 Esempio di fasciatura con CFRP previa realizzazione di un profilo ellittico intorno
alla sezione rettangolare esistente (Furlanetto et al, 2008).
Un utilizzo interessante, per le modalit di applicazione, quello delle fibre di vetro
mescolate a resine. Questo materiale spruzzato sulla superficie della pila da rinforzare,
sulla quale normalmente disposta anche una rete metallica, con modalit simili a quelle
del betoncino spruzzato. Questa soluzione stata sottoposta a prove cicliche dando
buoni risultati in termini di incremento della duttilit (fib, 2007).

3.3.4 Trasformazione in pila a setto


Un intervento realizzato in alcuni casi di pile a portale basse quello consistente nella
realizzazione di un riempimento in c.a. tra i due ritti, la fondazione e il pulvino. Il nuovo
getto viene connesso alla pila esistente mediante fiorettature praticate sul contorno e il
50 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

risultato finale una pila a setto di rigidezza e resistenza molto elevate nella piano del
nuovo muro (Fig. 3.7).

Fig. 3.7 Realizzazione di un setto tra i due ritti di una pila a portale.

3.3.5 Precompressione verticale


Un intervento meno diffuso ma meritevole di considerazione in virt dei benefici che
esso pu portare consiste nella precompressione verticale a cavi esterni delle pile.
Questo intervento riesce pi agevolmente con pile a sezione cellulare, nel qual caso i cavi
possono essere disposti allinterno della sezione. Lazione della precompressione pu
essere modulata lungo laltezza avendo cura di controllare che non si verifichino bruschi
cambi di rigidezza o spostamenti non intenzionali delle zone di plasticizzazione.

3.4 RINFORZO DI SPALLE E FONDAZIONI

3.4.1 Spalle
Le tipologie di spalle pi frequentemente impiegate nelle opere da ponte esistenti del
nostro Paese sono del tipo a gravit, in calcestruzzo non armato, e a mensola in c.a., a
parete continua o passante. Le fondazioni sono sia superficiali che su pali.
Gli interventi sulle spalle possono rendersi necessari a causa di una progettazione eseguita
prescindendo dallazione sismica, o con unazione sismica di progetto convenzionale e
minore rispetto a quella prevista dallattuale mappa di pericolosit.
Lintervento pi comune per risolvere i problemi di stabilit globale costituito dalla
realizzazione di tiranti congiuntamente a una paretina esterna di c.a. con funzione di
ripartizione delle forze nei tiranti sul paramento della spalla. Le file di tiranti possono
essere pi duna nel caso di spalle alte e in particolar modo in quello delle spalle a gravit
che presentano un deficit di resistenza flessionale anche al di sopra della sezione di base.
Interventi di questo tipo sono mostrati in Fig. 3.8.
Capitolo 3: Rinforzo sismico dei ponti 51

Un altro intervento che viene a volte adottato per ridurre le spinte sismiche sul paramento
della spalla il rimpiazzo del riempimento a tergo con un materiale di peso inferiore e
caratteristiche meccaniche migliori.
Per quanto riguarda la fondazione delle spalle gli interventi possibili sono quelli descritti
al paragrafo successivo con riferimento alle pile.

(a) (b)

Fig. 3.8 Rinforzo spalle mediante camicia in c.a. e tiranti: a) spalla a mensola b) spalla a
gravit (progetto SPEA, A14)

3.4.2 Fondazioni
Lintervento sulle fondazioni pu rendersi necessario nel caso in cui la fondazione
esistente non sia adeguata a trasmettere al terreno le forze provenienti dalla
sovrastruttura, valutate per unazione sismica di verifica che in generale maggiore di
quella del progetto originale. Inoltre, nel caso in cui la pila o la spalla sia stata rinforzata
occorre, in ossequio al principio di gerarchia delle resistenze, verificare che la fondazione
sia in grado di sopportare le nuove aumentate forze che lelevazione pu trasmettere.
Lintervento infine sempre necessario quando la pila viene allargata per accogliere un
impalcato di larghezza maggiore.
La porzione di fondazione di nuova realizzazione costituita da un plinto normalmente
fondato su micropali. La geometria del plinto riprende quella del plinto esistente nel caso
di allargamento, e lo ingloba quando occorre nel caso di rinforzo. In entrambi i casi il
problema principale quello della solidarizzazione delle due porzioni del plinto in modo
52 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

da garantire un comportamento monolitico. La soluzione pi comune consiste nelluso di


una fitta serie di fiorettature. Nel caso sia necessario trasmettere sollecitazioni elevate si
pu ricorrere anche alla precompressione trasversale. La Fig. 3.9 mostra un intervento
sulla fondazione di un viadotto allargato. In casi come questo i micropali devono essere
dimensionati per fornire una rigidezza verticale e rotazionale (per rotazione intorno
allasse trasversale del ponte) comparabili con quelle della parte esistente.

Fig. 3.9 Fondazione di un viadotto allargato (progetto SPEA, A14).


Un caso particolare costituito da quelle pile, in particolare quelle a setto di altezza
modesta, che per ragioni costruttive presentano una naturale sovra-capacit flessionale
rispetto alle richieste. In questi casi, per salvaguardare le fondazioni, si pu procedere a
un indebolimento della pila interrompendo la continuit nella sezione di base di parte
dellarmatura verticale. In tal modo si accetta che la pila sfrutti in parte la duttilit
disponibile per trasmettere alla fondazione forze ridotte compatibili con la sua resistenza.
CAPITOLO 4: ESEMPI APPLICATIVI

4.1 INTRODUZIONE
In questo capitolo vengono illustrati tre esempi di valutazione della sicurezza sismica di
viadotti con pile a fusto unico. Nel primo esempio viene analizzato lo stato di fatto di un
viadotto con impalcato in c.a.p. a travi appoggiate, utilizzando il metodo semplificato
descritto in 2.4.4. Nel secondo e terzo esempio si analizzano due ipotesi di intervento sul
viadotto del primo esempio, in entrambi i casi sostituendo limpalcato esistente con uno
pi largo, a sezione mista acciaio-calcestruzzo, continuo sulle pile.
In tutti i casi si assunto un livello di conoscenza pari a LC3.

4.2 VIADOTTO CON PILE A FUSTO UNICO: STATO DI FATTO

4.2.1 Descrizione dellopera


Lopera costituita da sei campate semplicemente appoggiate di luce pari a 30m, come
mostrato in Fig. 4.1. Limpalcato largo 9.50 m ed costituito da tre travi prefabbricate
in c.a.p., poste ad interasse di 3.20 m, con soletta in c.a. gettata in opera (htravi ~ 1.70 m,
hsoletta ~ 0.22 m), come indicato in Fig. 4.2a. Gli apparecchi di appoggio consistono in
cuscinetti di piccolo spessore in neoprene non armato. La sezione del fusto pila
circolare cava, di diametri esterno e interno rispettivamente pari a 3.0 m e 2.20 m, ed
costante su tutta laltezza (Fig. 4.2b). Il pulvino costituito da un traverso sagomato a
sezione piena in c.a. Le pile hanno altezza variabile da 8.0m a 19.50m.

30.0 30.0 30.0 30.0 30.0 30.0


11.15

17.1

8.0
14.1
19.47

Fig. 4.1 Profilo longitudinale del viadotto.


54 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

9.5 3.0
3.2 3.2 0.4 2.2 0.4

1+112/20

32+3220
1.0 1.7
2.2

(a) (b)
Fig. 4.2 (a) Sezione dell'impalcato esistente (b) Sezione della pila.
Le fondazioni delle pile sono costituite da un plinto quadrato (~7.20 m 7.20 m 2.0 m)
fondato su cinque pali 1500. Le spalle, di modesta altezza, hanno struttura in c.a. e
fondazione diretta.
7.2
7.2

2.0
4.8
7.2

4.8
4.8
Fig. 4.3 Pianta e prospetto fondazione della pila tipo.

4.2.2 Definizione dellazione sismica di verifica


I parametri dello spettro di risposta elastico in accelerazione per il sito in esame sono
riportati, in funzione del periodo medio di ritorno, nella Tabella 4.1. Trattandosi di un
viadotto di importanza normale ad esso corrisponde una vita nominale VN di 50 anni.
Poich il viadotto fa parte di un tratto della viabilit principale (strada di categoria A/B)
ad esso corrisponde una classe duso IV, per cui CU vale 2.0. La vita di riferimento
quindi VR = VN CU = 100 anni. La caratterizzazione geotecnica del sito (VS,30 >
500m/s) e la superficie topografica pianeggiante (i<15) indicano una categoria di suolo B
e un coefficiente di amplificazione topografica ST=1. I parametri caratterizzanti gli spettri
Capitolo 4: Esempi applicativi 55

elastici per le due componenti, orizzontali, e per i due stati limite SLV (probabilit di
superamento in VR pari al 10%, da cui TR = 949 anni) e SLC (probabilit di superamento
in VR pari al 5%, da cui TR = 1950 anni) sono riportati nella Tabella 4.2. La Fig. 4.4
mostra il grafico degli spettri per i due stati limite.
Tabella 4.1 Parametri dello spettro di risposta elastico in accelerazione.
TR (anni) ag (g/10) Fo TC* (s)
30 0.742 2.403 0.270
50 0.960 2.353 0.278
72 1.143 2.320 0.284
101 1.327 2.312 0.288
140 1.525 2.306 0.294
201 1.765 2.303 0.304
475 2.447 2.341 0.325
975 3.140 2.365 0.342
2475 4.267 2.398 0.359

Tabella 4.2 Parametri dello spettro di risposta elastico in accelerazione.


SL ag (m/s2) Fo TC* SS S TB CC TC TD dg (m) vg (m/s)
SLV 3.05 2.36 0.34 1.11 1.11 0.16 1.36 0.47 2.85 0.11 0.25
SLC 3.87 2.39 0.36 1.02 1.02 0.16 1.35 0.48 3.18 0.15 0.30

10.0
9.0 SLC
8.0 SLV
7.0
6.0
5.0
4.0
Sae - m/s2

3.0
2.0
1.0 T-s
0.0
0.0 0.5 1.0 1.5 2.0 2.5 3.0

Fig. 4.4 Spettri di risposta elastici in accelerazione per i due stati limite considerati.
56 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

4.2.3 Analisi
Trattandosi di un viadotto con impalcato a travi semplicemente appoggiate e pile a fusto
unico, si fa riferimento al metodo di analisi semplificato presentato in 2.4.4. Il metodo
prevede che in direzione trasversale lanalisi venga effettuata individualmente pila per pila,
e che in direzione longitudinale lanalisi venga effettuata considerando come legame forza
deformazione quello che si ottiene sommando i contributi di tutte le pile. Il legame forza-
spostamento di ciascuna pila si ottiene con riferimento a un modello di oscillatore
semplice, a partire dal legame momento-curvatura della sezione di base.
Presupposto per ladozione del metodo sopra descritto che la mobilit degli impalcati
rispetto al pulvino sia molto ridotta. Ci richiede la presenza di ritegni sismici in entrambe
le direzioni, realizzati ad esempio come mostrato in Fig. 3.1. La realizzazione di un
sistema di ritegni peraltro da considerare un intervento obbligatorio su qualunque
viadotto con impalcato a travi appoggiate con apparecchi dappoggio di resistenza
inadeguata.
Carichi e masse
A titolo esemplificativo, la Tabella 4.3 riporta il calcolo della massa afferente e dello
sforzo normale nella sezione di base (estradosso della fondazione) con riferimento alla
pila di altezza H=8.0m.
Tabella 4.3 Massa equivalente e sforzo normale nella sezione di base (H=8m)
Wimp = 125 kN/m 30 m = 3750 kN peso impalcato
Himp = 2.0 m baricentro impalcato (da estradosso pulvino)
Wpulv = 1213.5 kN peso pulvino
Hpulv = 2.2 m ingombro pulvino in altezza
wpila = 81.7 kN/m peso unitario fusto pila
H = 8.0 m altezza totale fusto pila
Wpila = wpila (Htot-Hpulv) = 474 kN peso fusto pila
Hfond = 2.0 m altezza plinto di fondazione
Nd = Wimp + Wpulv + Wpila = 5437 kN sforzo normale ad estradosso fondazione
m = (Wimp+Wpulv+0.3Wpila)/g massa equivalente
= 520.4 kN-massa
Wfond = 2543 kN peso plinto di fondazione
Nf = Nd + Wfond = 7980kN sforzo normale a intradosso fondazione
Capitolo 4: Esempi applicativi 57

Legame forza-spostamento di pila


Il legame tra forza e spostamento per la pila si ricava a partire dal diagramma momento-
curvatura della sezione di base. Essendo la sezione delle pile circolare tale legame
utilizzato sia per lanalisi in direzione trasversale che per quella in direzione longitudinale.
A titolo esemplificativo, la Fig. 4.5 riporta il diagramma momento curvatura della sezione
di base per la pila di altezza H=8.0m, ottenuto con un apposito programma di calcolo.
Per il calcestruzzo e lacciaio sono stati utilizzati rispettivamente i legami uniassiali di
Kent-Scott-Park e bilineare. I valori medi utilizzati per i parametri dei legami tensione-
deformazione sono: per il calcestruzzo fc = 25 MPa, c0 = 2, fcu = 20 MPa e cu = 5,
per lacciaio fsy = 400 MPa, y = 1.9, su = 40, = 0.0.
La curvatura e il momento ultimi risultano pari a:

u 1.1310-5 mm-1

M u = 16638 kNm
La bilinearizzazione del diagramma con il criterio delle aree uguali richiede il calcolo
dellarea (energia) sottesa dal diagramma:

u
E = 0 M d 0.174 kNm/mm

La curvatura di snervamento del diagramma bilineare equivalente quindi pari a:

E
y = 2 u 1.6510-6 mm-1
M u

18000
M - kNm

16000
14000 16638
12000
10000
8000
6000
1.65E-06

1.13E-05

4000
2000 - mm-1
0
0.0E+00

2.0E-06

4.0E-06

6.0E-06

8.0E-06

1.0E-05

1.2E-05

Fig. 4.5 Diagramma momento-curvatura della sezione di base (Hp=8.0).


58 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Il passo successivo consiste nel determinare il legame forza-spostamento della pila. Per
lanalisi in direzione trasversale il punto di applicazione della forza si trova nel baricentro
delle masse, dato dallespressione:

H
(W pulv )
+ 0.3W pila H p + Wimp H imp
9.47 m
W pulv + 0.3W pila + Wimp

La lunghezza di cerniera plastica pari a:

l p = 0.1 H p = 0.80 m

Gli spostamenti di snervamento e ultimo alla quota del baricentro delle masse sono dati
dalle espressioni (2.24) e (2.25):

yH 2
y = = 0.041 m
3

lp
u = y + (u y )l p H = 0.111 m
2

dove = 1.2 tiene conto della maggiore rigidezza della parte di pila non fessurata. La
forza massima data dallespressione:

My
Vy = = 1757 kN
H
La corrispondente rigidezza risulta pari a:

Vy
k = 42871 kN/m
y

Il diagramma bilineare forza-spostamento rappresentato in Fig. 4.6. Nella medesima


figura riportato anche il diagramma valido per lanalisi longitudinale.
Capitolo 4: Esempi applicativi 59

2500

V [kN]
2000

1500 trasversale
longitudinale
1000

500
[m]
0
0.00 0.02 0.04 0.06 0.08 0.10 0.12

Fig. 4.6 Diagramma bilineare forza-spostamento della pila di altezza H=8.0 m.


Analisi in direzione trasversale
La determinazione della domanda di spostamento richiede la valutazione del periodo
proprio della pila in direzione trasversale (equazione (2.26)):

m
T = 2 = 0.692 s
k
La corrispondente accelerazione spettrale, allo SLV, risulta pari a:

TC
S ae (T ) = a g S s S T F0 = 5.37 m/s2 (TC T TD )
T
da cui segue la domanda di spostamento (inelastico, q = mS ae (T ) / V y = 1.59>1) pari allo
spostamento spettrale elastico ( T > TC ):
2
T
T = S de (T ) = S ae = 0.065 m
2
Le sollecitazioni corrispondenti sono:

VT = V y = 1757 kN

M T = VT H = 16638 kNm
60 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Analisi in direzione longitudinale


Per determinare la risposta in direzione longitudinale necessario preliminarmente
valutare il legame forza-spostamento dellintero viadotto come somma di quelli delle pile.
La Fig. 4.7 riporta i diagrammi forza-spostamento (gi bilinearizzati) delle cinque pile, e il
diagramma complessivo del sistema con la relativa bilinearizzazione.

8000
V [kN]

risposta longitudinale
7000
6000
5000
4000
3000
P5
2000 P1
P4 P2
1000 P3
[m]
0
0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50 0.60
Fig. 4.7 Diagramma forza-spostamento in direzione longitudinale.
La resistenza in direzione longitudinale pari a:

V y ,tot = 5957 kN

e viene raggiunta per lo spostamento di snervamento:

y ,tot = 0.062 m

calcolato con lo stesso criterio di uguaglianza delle aree gi visto con riferimento al
diagramma momento-curvatura. La rigidezza longitudinale risulta quindi:

V y ,tot
k tot = = 96781 kN/m
y ,tot
La massa pari alla somma delle masse afferenti alle pile:

m tot = m i = 3059 kN massa


Capitolo 4: Esempi applicativi 61

Il periodo in direzione longitudinale, laccelerazione e lo spostamento spettrali elastici,


questultimo pari alla domanda in spostamento, valgono quindi:

m tot
T = 2 = 1.12 s (TC T TD )
k tot

TC
S ae (T ) = a g S s S T F0 = 3.33 m/s2
T
2
T
L = S de (T ) = S ae = 0.105 m> y
2
Il sistema risulta snervato q = mtot S ae (T ) / V y = 1.71. Le sollecitazioni domanda valgono
pertanto:

V L = V y = 2080 kN

M L V L H eq = 16638 kNm

4.2.4 Verifica delle pile


Le verifiche riportate nel seguito si riferiscono al solo SLV. Le verifiche relative allo SLC
conducono, in questo caso, a indici di verifica sostanzialmente uguali.
Meccanismi duttili
A titolo esemplificativo si riporta il calcolo della capacit di spostamento allo SLV per la
pila P5 in direzione trasversale (Hp=8.0m):

u
SLV = 0.75 = 0.044 m
el
dove la divisione dello spostamento u per el = 1.5 fornisce la capacit di spostamento
allo SLC e il fattore 0.75 serve a passare da questa alla capacit per lo SLV.
La Fig. 4.8 mostra i diagrammi bilineari forza-spostamento in direzione trasversale e
longitudinale, con evidenziati gli spostamenti domanda (uguale per tutte le pile per lanalisi
in direzione longitudinale) e capacit.
Nella Tabella 4.4 sono riportati i rapporti domanda-capacit in termini di spostamento,
per i due piani di flessione, calcolati per tutte le pile. Nellultima colonna riportata la
62 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

combinazione degli indici di verifica trasversale e longitudinale mediante la regola di


combinazione SRSS, in accordo allequazione (2.50).
2000 2500
1800 risposta trasversale P5 risposta longitudinale
P5
1600 2000 capacit
capacit
1400 P1 P1 domanda
domanda
1200 1500
P4 P4
1000 P2 P2
800 1000 P3
P3
600

V [kN]
V [kN]

400 500
[m]
200 [m]
0 0
0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50 0.60 0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50 0.60
(a) (b)
Fig. 4.8 (a) trasversale, (b) longitudinale.
Tabella 4.4 Rapporti domanda/capacit nelle due direzioni e combinato.
Pila D (m) C (m) trasv D (m) C (m) long
1 0.099 0.099 1.00 0.105 0.084 1.25 1.60
2 0.175 0.215 0.82 0.105 0.193 0.55 0.98
3 0.209 0.272 0.77 0.105 0.248 0.42 0.88
4 0.135 0.152 0.89 0.105 0.133 0.79 1.19
5 0.065 0.055 1.18 0.105 0.044 2.40 2.67

Meccanismi fragili
In accordo con lespressione (2.42), la resistenza a taglio viene calcolata come somma dei
contributi dovuti allo sforzo normale, al calcestruzzo e allarmatura trasversale:

hx f
VN = min N ;0.55 A c c
2LV c

f c
( ( )) L
VC = 1 0.05 min 5; , pl 0.16 max(0.5;100 tot ) 1 0.16 min 5; V Ac
h c

As f Y
VW = (D 2 c )
p s 4
Capitolo 4: Esempi applicativi 63

Nel caso in esame, a titolo esemplificativo per la pila P5, si hanno i valori riportati nella
Tabella 4.5.
Tabella 4.5 Calcolo della resistenza a taglio per la pila P5, Hp=8.0m.
h 3.0 m altezza sezione
LV = H = 9.47 m lunghezza di taglio
x 0.44 m profondit asse neutro
Ac [
= / 4 (3 0.2 ) (2.2 + 0.2 )
2 2
] = 1.63 m
2 area sezione (confinata)
f cd = f c c = 25.0 1.5 = 16.67 MPa resistenza a compressione cls
f yd = f y s = 400 1.15 = 347.8 MPa resistenza acciaio
tot = 64 20 Ac ,lorda = 0.615 % > 0.5 percentuale armatura
Asw p = 2 (2 12 ) 0.2m = 2260 mm2/m armatura trasversale
N = 5437 kN 0.55 Ac f c = 14945 kN sforzo normale
VN = (3m-0.44m)/(29.47m) N = 0.135 N = 735 kN
VC = (1-0.050.59)0.160.615(1-0.163.16)(fc/c) Ac = 315 kN
VW = 0.785(3-20.1)(fy/s) Asw/p = 1729 kN
el = 1.15
VR = (V N + VC + VW )/ el = 2417 kN resistenza a taglio

I rapporti domanda/capacit per la pila in esame valgono dunque:

VT
V ,T = = 1757 / 2417 = 0.68
VR

VL
V , L = = 2080 / 2587 = 0.80
VR

V = 2 + 2
V ,T V ,L
= 1.08

La Tabella 4.6 riporta i rapporti per tutte le pile.


64 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Tabella 4.6 Rapporti domanda/capacit nelle due direzioni e combinato.


Pila D (kN) C (kN) trasv D (kN) C (kN) long
1 1342 2190 0.61 1517 2299 0.66 0.90
2 941 1988 0.47 824 2014 0.41 0.63
3 845 1957 0.43 569 1974 0.29 0.52
4 1106 2041 0.54 1217 2109 0.58 0.79
5 1757 2417 0.73 2080 2587 0.80 1.08

4.2.5 Verifica degli appoggi


necessario verificare che la lunghezza di appoggio sia adeguata, in accordo allequazione
(2.44). A titolo esemplificativo si procede al calcolo della lunghezza necessaria per la
campata compresa tra la pila P4 e la pila P5, che distano x = 30 m.
Lo spostamento massimo del suolo alla base di ciascuna pila (suolo uniforme, categoria B,
velocit media delle onde di taglio assunta pari a Vs , 30 = 500 m/s ) vale dgi=dgj=dg=0.11m
(SLV), come indicato in Tabella 4.2. Lo spostamento relativo massimo tra le basi delle
pile vale:

[ (
d rel , g (x ) = d ij ,max 1 exp 1.25(x / Vs )
0.7
)] =
[ (
= 1.25 2d g2 1 exp 1.25(x /Vs )0.7 = 0.03 m )]
Lo spostamento relativo massimo tra le teste pila, dovuto alloscillazione delle pile stesse
vale:

d rel ,s = L2 , P 4 + L2 , P 5 = 0.16 2 + 0.19 2 = 0.25 m

La lunghezza minima di appoggio risulta pari a:

L = 0.40 + 0.03 + 0.25 = 0.68 m

4.2.6 Verifica delle fondazioni


Il plinto di fondazione della generica pila ha cinque pali (n=5) di diametro 1500. Si
procede al calcolo delle sollecitazioni di presso-flessione e taglio in ogni palo, per le
fondazioni delle cinque pile. Il calcolo, riportato per completezza, non differisce da quello
di una fondazione di nuova costruzione.
Capitolo 4: Esempi applicativi 65

Calcolo sollecitazioni
Nel seguito si presenta come in precedenza il calcolo dettagliato con riferimento alla pila
P5. Lo sforzo normale sul palo soggetto alla variazione maggiore dato dallespressione:

N
N palo = N L2 + N T2
n
nella quale la variazione dello sforzo normale dovuta allazione sismica valutata
mediante la combinazione direzionale quadratica delle variazioni dovute alle componenti
longitudinale e trasversale:

ML MT
N L = N T =
WL WT
dove ML e MT sono i momenti longitudinale e trasversale allintradosso della fondazione,
e WL=WT=9.6m3 i corrispondenti moduli di resistenza a flessione, calcolati nellipotesi di
plinto rigido.
Lo sforzo normale N allintradosso della fondazione, gi calcolato in precedenza (ultima
riga della Tabella 4.3) vale 7980 kN. Quindi sotto i soli carichi verticali lo sforzo normale
nel palo generico vale N/n = 1596 kN.
Per effetto del sisma trasversale allasse del ponte il momento allintradosso della
fondazione dato dal momento alla base della pila, Mpila,T=14057 kNm, trasportato
allintradosso della fondazione, cui va sommato il momento dovuto allinerzia della
fondazione (Vf =Wfag/g =25430.31g = 791 kN):

hf
M T = M pila ,T + V pila ,T h f + V f = 16638+17572.0+7911.0 = 20943 kNm
2
Combinando similmente leffetto del sisma longitudinale, si ottiene lo sforzo normale sul
palo che vale quindi:

2 2
20943 21589
N palo = 1596 + = 1596 3133 kN
9.6 9.6
Il taglio sul palo vale (essendo i pali circolari possibile calcolare la combinazione dei tagli
domanda invece che dei rapporti domanda/capacit):

2 2
1757 + 791 2080 + 791
V palo = VT2 + VL2 = + = 768 kN
5 5
66 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Il momento sul palo dato da (Matlock e Reese):

M palo = V palo 0.93 = 2678 kNm

dove 2.5 =3.75 m.


Verifica a presso-flessione
I pali sono armati con 44 26 , corrispondenti a una percentuale geometrica di armatura
del 1.32%. La Fig. 4.9 riporta il dominio di resistenza a presso-flessione del palo
(fc/c=16.67 MPa, fy/s=347.8 MPa, smax=y) al limite elastico con i due punti domanda.
Il rapporto domanda/capacit vale:

M palo 2678
= = = 1.20
min(M u ,el (N min ), M u ,el (N max )) min(2227,3854 )

0 1000 2000 3000 4000 5000 6000


40000
30000
N - kN

20000
10000
0
-10000 M - kNm
-20000
Fig. 4.9 Diagramma N-M palo, verifica SLV.
La verifica soddisfatta in quanto <1.5 (risposta sostanzialmente elastica).

Verifica a taglio
Il calcolo della resistenza a taglio del palo analogo a quello del fusto pila e non viene
riportato nel dettaglio. Larmatura a taglio pari a 12/20, trascurando del tutto il
contributo dello sforzo normale (Nmin ~ 0), la resistenza vale :

VR = 946 kN
cui corrisponde un rapporto domanda/capacit pari a :
Capitolo 4: Esempi applicativi 67

V palo
V = = 768/946 = 0.81
VR
La Tabella 4.7 riporta i rapporti di verifica a pressoflessione e taglio dei pali su tutte le
pile.
Tabella 4.7 Rapporti domanda/capacit per pressoflessione e taglio.
DM CM DV CV
Pila M V
(kNm) (kNm) (kN) (kN)
1 2192 2277 0.96 629 946 0.66
2 1652 2410 0.69 474 946 0.50
3 1484 2491 0.60 426 946 0.45
4 1927 2306 0.84 553 946 0.58
5 2678 2227 1.20 768 946 0.81

4.2.7 Conclusioni
La Tabella 4.8 riporta il riepilogo dei risultati di tutte le verifiche effettuate.
Tabella 4.8 Riepilogo rapporti domanda/capacit di tutte le verifiche (SLV).
Elemento Meccanismo Verifica P1 P2 P3 P4 P5
Duttile Spostamento 1.60 0.98 0.88 1.19 2.67
Fusti pile
Fragile Taglio V 0.90 0.63 0.52 0.79 1.08
Limite elastico Pressoflessione M 0.96 0.69 0.60 0.84 1.20
Pali
Fragile Taglio V 0.66 0.50 0.45 0.58 0.81

I risultati esposti evidenziano un deficit della struttura in termini di duttilit dei fusti pila,
con valori di resistenza a taglio sostanzialmente idonei e che similmente i pali di
fondazione sono adeguati a sostenere il livello di azione sismica considerato (M<1.5,
V<1).
68 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Le medesime verifiche svolte per lo stato limite di collasso (SLC), come gi accennato,
conducono a indici di verifica confrontabili con lo stato limite di salvaguardia della vita
(SLV), con una leggera penalizzazione delle verifiche dei pali a causa dellaumentato
contributo dellinerzia della fondazione (le forze derivanti dalla sovrastruttura sono uguali
nei due casi essendo tutte le pile plasticizzate allo SLV).
Tabella 4.9 Riepilogo rapporti domanda/capacit di tutte le verifiche (SLC).
Elemento Meccanismo Verifica P1 P2 P3 P4 P5
Duttile Spostamento 1.47 0.90 0.80 1.09 2.45
Fusti pile
Fragile Taglio V 0.90 0.69 0.56 0.79 1.09
Limite elastico Pressoflessione M 1.05 0.81 0.70 0.93 1.30
Pali
Fragile Taglio V 0.73 0.59 0.53 0.65 0.87
Capitolo 4: Esempi applicativi 69

4.3 VIADOTTO CON PILE A FUSTO UNICO: ALLARGAMENTO

4.3.1 Descrizione dellopera


Si esamina lipotesi progettuale che prevede lallargamento della sede stradale del ponte
descritto al 4.2. Tra le molteplici soluzioni progettuali si analizza in particolare quella di
completa sostituzione degli impalcati esistenti con un impalcato continuo acciaio-
calcestruzzo. Tale soluzione sar ulteriormente differenziata prevedendo ladozione di
dispositivi di appoggio tradizionali o, in alternativa, isolatori elastomerici (4.3.5).
Dato il deficit delle pile evidenziato gi nellanalisi del viadotto allo stato attuale, a causa
della scarsa duttilit dei fusti, logico supporre che anche in caso di sostituzione
dellimpalcato tale deficit permanga, bench lo schema strutturale cambi da appoggiato a
continuo. Al fine di progettare lintervento sui fusti pila necessario valutare
preliminarmente il deficit relativo al nuovo impalcato e nuovo schema.
Data la tipologia di impalcato scelto (acciaio-calcestruzzo) laggravio complessivo di
massa sulle sottostrutture risulta contenuto, da 125 kN/m del vecchio impalcato
(larghezza 9.5 m) a 140 kN/m del nuovo (larghezza 12.0 m). Ove non esplicitamente
indicato si far riferimento alle carpenterie ed alle caratteristiche dei materiali relative
allesempio precedente.

12.0
6.0
1.0 1.6
2.2

Fig. 4.10 Sezione del nuovo impalcato a struttura mista acciaio-calcestruzzo.

4.3.2 Analisi
Trattandosi di un viadotto continuo in cui il primo modo di vibrazione in entrambe le
direzioni ha una massa partecipante superiore all80% (vedi Tabella 4.10), possibile
impiegare come metodo di analisi il pushover mono-modale (per ciascuna direzione del
sisma) presentato in 2.4.4.
70 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Nel caso specifico sono stati istituiti due modelli di calcolo non lineari: uno a con
modellazione a fibre della sezione trasversale, utilizzando il codice di calcolo OpenSees, e
laltro con modellazione delle sezioni mediante legami M- utilizzando il codice di
calcolo commerciale Sap2000. Opportunamente impiegato (legami M- tri-lineari,
cerniere plastiche multiple lungo lelemento) il programma commerciale fornisce risultati
in eccellente accordo con il programma a fibre.

Fig. 4.11 Modello di calcolo


Il primo passo della procedura prevede lanalisi modale della struttura. La Tabella 4.10
riporta le informazioni pi importanti per i due modi rispettivamente trasversale e
longitudinale (riportati in Tabella 4.10), ed in particolare quelle utili ad eseguire la
procedura di trasformazione delle curve di pushover in oscillatori equivalenti (fattori di
partecipazione e spostamento modale massimo nel grado di libert di controllo c,
scelto come quello di massima ordinata modale, che in entrambi i casi quello, trasversale
o longitudinale, del nodo di impalcato sulla pila centrale4).
Tabella 4.10 Caratterizzazione modale.
Modo T (s) Mx (%) My (%) x (m-1) y (m-1) c (m)
1 0.724 0.0% 83.4% 0.0 -55.455 -0.0283 (uy)
2 0.485 90.0% 0.0% 57.604 0.0 0.0182 (ux)

4 Si osserva che entrambi i programmi di calcolo utilizzati normalizzano i modi di vibrazione


imponendo la condizione T M = 1 , pertanto lordinata modale c nel grado di libert di
controllo non risulta pari a 1.
Capitolo 4: Esempi applicativi 71

Fig. 4.12 Deformata elastica modo 1 (trasversale) pianta

Fig. 4.13 Deformata elastica modo 2 (longitudinale) prospetto


Il secondo passo della procedura prevede due analisi di tipo pushover, una per ciascuno
dei due modi significativi, realizzata in controllo di spostamento con una distribuzione di
forze proporzionali al prodotto delle masse per la corrispondente deformata modale.
Diagrammando la reazione vincolare totale V (nella direzione del g.d.l. considerato) ed il
corrispondente spostamento del nodo di controllo , si ottiene la curva in Fig. 4.14
(relativa al modo 1):

8000
V - kN

6000

4000

2000
-m
0
0.00 0.05 0.10 0.15 0.20 0.25 0.30
Fig. 4.14 Curva di pushover modo 1
Tale curva viene trasformata nella curva di un oscillatore equivalente mediante le (2.33) e
(2.34):

V * = V / = V / 55.455 m-1

* = / (c ) = u / (55.455 m-1 0.0284 m)


72 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

La procedura di bilinearizzazione, le cui espressioni sono gi state illustrate in precedenza,


va eseguita in maniera iterativa in modo che lo spostamento massimo della bilatera
coincida con il valore di domanda massima calcolato. Il risultato dellultima iterazione
riportato di seguito e illustrato in Fig. 4.15.

*y = 0.073 m

max,i
*
1 = 0.111 m

V y* = 118.5 kNm

V y*
k* = = 1623.3 kN
*y

m * = 55.455 kN s2

m*
T = 2 = 1.161 s (TC T TD )
k*

max
*
= S de (T ) = 0.109 m 0.111 m
dove S de (T ) lo spettro elastico relativo allo stato limite SLV.
Lo spostamento della struttura reale, in corrispondenza dellazione considerata (SLV),
vale quindi:

max = max
*
(c ) = 0.109m (55.455m-10.0284m) = 0.172 m
Si noti che il valore della m* coincide numericamente con il valore del fattore di
partecipazione in quanto i modi sono normalizzati rispetto alle masse. Le due
espressioni hanno unit di misura differenti:

m * = T M1 = ( T M1 ) ( T M )
Capitolo 4: Esempi applicativi 73

140 8000
V* - kNm

V - kN
120
100 6000
80
4000
60
domanda
40 2000
20
-m -m
0 0
0.00 0.05 0.10 0.15 0.20 0.00 0.05 0.10 0.15 0.20 0.25 0.30
Fig. 4.15 Sinistra: curva delloscillatore equivalente e relativa bilinearizzazione (modo 1);
destra: domanda di spostamento nella struttura reale.
Svolgendo il medesimo calcolo per il secondo modo, si ottiene:

max = max
*
(c ) = 0.079m (57.604m-1 0.0182m) = 0.083 m
140 8000
V* - kNm

V - kN

120
100 6000
80
4000
60 domanda
40 2000
20
-m -m
0 0
0.00 0.05 0.10 0.15 0.20 0.00 0.05 0.10 0.15 0.20
Fig. 4.16 Curva oscillatore equivalente e relativa bilinearizzazione

4.3.3 Verifica delle pile


Le verifiche riportate nel seguito si riferiscono al solo SLV, poich come gi osservato le
verifiche relative allo SLC conducono, anche in questo caso, a indici di verifica
sostanzialmente uguali.
Le grandezze di spostamento nelle successive verifiche sono relative al passo 35 per
lanalisi in direzione trasversale (per cui lo spostamento nel grado di libert di controllo
uguaglia 0.172m) e al passo 17 per lanalisi in direzione longitudinale (per cui lo
spostamento nel grado di libert di controllo uguaglia 0.083m).
74 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Meccanismi duttili
Il calcolo della capacit delle pile in termini di spostamento analogo a quello
dellesempio precedente e non viene riportato nel dettaglio. Si evidenzia solo il fatto che
tale capacit cambia in quanto a parit di sezione trasversale cambiato lo sforzo normale
(impalcato pi pesante e su uno schema continuo). Si riporta nella Tabella 4.11 il riepilogo
dei risultati per tutte le pile.
Tabella 4.11 Rapporti domanda/capacit nelle due direzioni e combinato.
Pila D (m) C (m) trasv D (m) C (m) long
1 0.071 0.095 0.74 0.081 0.080 1.01 1.26
2 0.133 0.212 0.63 0.080 0.190 0.42 0.75
3 0.149 0.266 0.56 0.080 0.241 0.33 0.65
4 0.110 0.150 0.73 0.081 0.131 0.62 0.96
5 0.049 0.053 0.91 0.077 0.042 1.86 2.07

La Fig. 4.17 mostra i diagrammi forza-spostamento in direzione trasversale e


longitudinale di tutte le pile, con evidenziati gli spostamenti domanda derivanti dallanalisi
non lineare e capacit derivanti dal calcolo gi illustrato.
2500 2500
V [kN]

P5
V [kN]

risposta trasversale risposta longitudinale


2000 P5 2000
P1
P1
1500 1500 P4
P4 P2
P2 P3 P3
1000 1000
capacit capacit
500 500
domanda [m] domanda [m]
0 0
0.00 0.05 0.10 0.15 0.20 0.25 0.30 0.00 0.05 0.10 0.15 0.20 0.25 0.30
(a) (b)
Fig. 4.17 (a) trasversale, (b) longitudinale.
Come anticipato il deficit di duttilit riscontrato per il ponte nellanalisi dello stato di fatto
permane anche nellallargamento.
Per garantire il soddisfacimento di tutte le verifiche si esamineranno nei paragrafi
successivi due approcci differenti: un intervento di rinforzo sui fusti pila e lisolamento
sismico dellimpalcato.
Capitolo 4: Esempi applicativi 75

4.3.4 Intervento di incremento di duttilit delle pile


Lintervento proposto mira ad aumentare la duttilit delle pila mediante fasciature con
fibre di carbonio della parte inferiore del fusto (dove si forma la cerniera plastica). Si
aumenta la duttilit in curvatura della sezione della pila, che governa la duttilit in
spostamento complessiva, aumentando la deformazione ultima di rottura del calcestruzzo
per effetto del confinamento delle fibre.
In accordo con la CNR-DT 200/2004 4.5, possibile quantificare leffetto benefico del
confinamento mediante, ad esempio, le seguenti espressioni:

4t f
f =
D

1
f 1,eff f 1 = f E f fd ,rid
2

f 1,eff
2/3

f cc = f c 1 + 2.6
fc

f 1,eff
ccu = 0.0035 + 0.15
fc
dove f la percentuale geometrica di rinforzo, tf lo spessore della fasciatura, D il
diametro della pila, Ef il modulo di Young delle fibre, f1,eff la pressione effettiva di
confinamento, fd,rid la deformazione ridotta di calcolo del composito fibro-rinforzato, fc
ed ccu, la resistenza e la deformazione ultima del calcestruzzo confinato dalle fibre.
Assumendo valori correnti per i parametri delle fibre (Ef = 235 GPa, fd,rid = 0.004), si
rappresenta in Fig. 4.18 il beneficio sul calcestruzzo confinato in funzione dello spessore
di fibre impiegate5.
Lintervento di fasciatura non pu essere risolutivo per la pila P5 che esibisce un deficit di
duttilit in spostamento pari a 2.2 (Fig. 4.18b), equivalente ad un deficit in curvatura
(~2.5) e quindi di materiale ancor pi grande. Per tale ragione lintervento proposto
prevede la fasciatura solo delle pile da P1 a P4 e limpiego di dispositivi di appoggio

5Nellespressione della deformazione ultima del calcestruzzo si utilizzato a titolo prudenziale il


valore della base della deformazione del calcestruzzo pari al 3.5, in luogo del valore assunto
nella valutazione dello stato attuale, pari al 5.
76 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

mobili sulla pila P5, al fine di disaccoppiare limpalcato (Fig. 4.19, nella quale indicata
unaltezza di fasciatura di poco superiore alla lunghezza di cerniera plastica).

45 0.010
fcc - MPa

ccu
40
35 0.008
30
25 0.006
20 0.004
15
10 0.002
5 tf - mm tf - mm
0 0.000
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 0 0.5 1 1.5 2 2.5 3
(a) (b)
Fig. 4.18 (a) resistenza del cls confinato, (b) deformazione ultima del cls confinato.
appoggi
mobili

fasciatura fibre

Fig. 4.19 Schema intervento.


Si adotta una fasciatura con uno spessore equivalente da ~1 mm, tale da incrementare la
deformazione ultima del calcestruzzo ccu fino a ~0.0069 e la sua resistenza di picco fcc fino
a 33.8 MPa. I due diagrammi momento-curvatura, con e senza effetto del confinamento,
sono rappresentati nella Fig. 4.20. Lincremento di curvatura ultima pari a circa il 50%
rispetto alla sezione non confinata (1.57/1.05 1.5).
Lanalisi di pushover presentata al paragrafo precedente stata ripetuta variando i
parametri meccanici del calcestruzzo e lo schema di vincolo degli appoggi. La Fig. 4.21
mostra i diagrammi forza-spostamento in direzione trasversale e longitudinale delle prime
quattro pile. Lesame dei risultati indica che un affinamento finale del progetto potrebbe
consentire di ridurre o eliminare completamente la fasciatura sulle pile P2 e P3.
La risposta della pila P5, eccitata da un modo proprio superiore, valutata mediante un
calcolo a mano simile a quello presentato nellanalisi dello stato di fatto, avendo cura di
togliere la massa dellimpalcato per il calcolo delle forze di inerzia. La Tabella 4.12 riporta
il riepilogo dei risultati di tutte le verifiche effettuate.
Capitolo 4: Esempi applicativi 77

20000

M - kNm
18775
15000
confinato
10000 2.02E-06 non confinato

1.57E-05
5000
- mm-1
0
0.0E+00

2.0E-06

4.0E-06

6.0E-06

8.0E-06

1.0E-05

1.2E-05

1.4E-05

1.6E-05

1.8E-05
Fig. 4.20 Diagramma momento-cruvatura della sezione di base della pila P1 (H=11.15 m).

2000 2000
V [kN]

V [kN]

risposta trasversale P1 risposta longitudinale


P1
1500 1500 P4
P4
P2
P2 P3 P3
1000 1000

500 capacit 500 capacit


[m] domanda
domanda [m]
0 0
0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.00 0.10 0.20 0.30 0.40
(a) (b)
Fig. 4.21 (a) trasversale, (b) longitudinale.

Tabella 4.12 Riepilogo rapporti domanda/capacit di tutte le verifiche (SLV).


Elemento Meccanismo Verifica P1 P2 P3 P4 P5(*)
Duttile Spostamento 0.96 0.54 0.48 0.82 0.37
Fusti pile
Fragile Taglio V 0.91 0.67 0.60 0.83 0.59
Limite elastico Pressoflessione M 1.01 0.74 0.67 0.88 0.69
Pali
Fragile Taglio V 0.69 0.53 0.49 0.61 0.56
(*)risultati da analisi semplificata
78 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

4.3.5 Isolamento sismico


In questo paragrafo si analizza una soluzione alternativa di adeguamento mediante
isolamento sismico. Si fa riferimento alla soluzione pi comune che consiste nellutilizzo
di dispositivi elastomerici ad alta dissipazione.
Le sollecitazioni nella sottostruttura di un ponte isolato sono dovute alla combinazione di
quelle trasmesse dallimpalcato attraverso il sistema di isolamento e di quelle dovute alla
risposta dinamica delle pile secondo i modi propri di vibrazione. Unanalisi preliminare
delle pile considerate libere in sommit utile in quanto permette di valutare che parte
della resistenza delle pile gi impegnata dai modi propri.
Il calcolo della risposta delle pile prese singolarmente effettuato in accordo alla
procedura semplificata (4.2), nella quale la massa mp pari a quella del pulvino e a
unaliquota di quella del fusto. Lo sforzo normale per il calcolo della resistenza della
sezione di base include invece il peso dellimpalcato.
La Fig. 4.22 riporta il dominio di resistenza a presso-flessione delle pile (fc/c=16.67 MPa,
fy/s=347.8 MPa, smax=y) al limite elastico. Il momento massimo al limite elastico,
valutato per uno sforzo normale medio di tutte le pile (~6275 kN), pari a My 9000
kNm.
0 5000 10000 15000 20000 25000
70000
60000
50000
N - kN

40000
30000
20000
10000
M - kNm
0
-10000
Fig. 4.22 Diagramma N-M delle pile al limite elastico.
La Tabella 4.13 riporta il riepilogo dei risultati per tutte le pile. La tabella riporta,
nellordine, laltezza, la massa, la rigidezza, il periodo, laccelerazione e lo spostamento
spettrali, il taglio e il momento alla base di ogni pila. Lindice M = 2Mp/My rappresenta
il rapporto domanda/capacit, in cui il fattore 2 tiene conto della combinazione (SRSS)
degli effetti delle due componenti ortogonali dellazione sismica (pila circolare). Tale
rapporto indica laliquota di resistenza impegnata dai modi propri. Lanalisi della tabella
evidenzia che le pile uscirebbero dal campo elastico anche per il solo effetto dei modi
propri. Se ne conclude che, dovendo la sottostruttura rimanere sostanzialmente elastica
Capitolo 4: Esempi applicativi 79

nella soluzione con isolamento, sar comunque necessario un intervento di incremento


della resistenza delle pile.
Tabella 4.13 Riepilogo rapporti domanda/capacit di tutte le pile (SLV).
Pila H m k T Sa Sd Vp Mp
m kN/g kN/m s m/s2 m kN kNm
1 11.15 146 28313 0.45 7.98 0.041 1165 12994 2.04
2 17.10 161 7849 0.90 4.13 0.085 665 11373 1.79
3 19.47 167 5318 1.11 3.34 0.105 557 10852 1.71
4 14.10 153 14001 0.66 5.65 0.062 867 12229 1.92
5 8.00 138 76655 0.27 7.98 0.014 1103 8821 1.39

Nel caso in esame possibile modellare gli isolatori con caratteristiche elastiche secanti.
La rigidezza, della coppia di isolatori in testa a ogni pila, viene stimata, trascurando la
flessibilit delle pile in prima approssimazione, in modo da ottenere un periodo isolato
minimo pari a Tis~2.2 s:
2
2 140kN / m 30 m 2
2
W
kis = = 3500 kN/m
g Tis g 2.2s
La selezione della tipologia di dispositivo tra quelle in produzione corrente richiede di
determinare la deformazione massima attesa e il carico verticale agente sullisolatore. Per
uno smorzamento equivalente del 10%, la deformazione attesa dei dispositivi (due
componenti ortogonali dellazione sismica) pari a :

is = 2 S de ,SLV , 10% 0.24 m


mentre il carico verticale sul singolo appoggio 14030/2=2100kN.
La Fig. 4.23 mostra il modello di calcolo utilizzato per lanalisi. La Tabella 4.14 riporta
periodi e masse partecipanti dei principali modi di vibrazione della struttura. Sono stati
inclusi nellanalisi 22 modi, i primi quattro relativi alla risposta globale dellimpalcato (di
cui i modi 3 e 4, corrispondenti rispettivamente a un moto rigido di rotazione intorno a
un asse verticale baricentrico e al primo modo flessionale dellimpalcato, hanno massa
partecipante trascurabile), i rimanenti che coinvolgono singolarmente le pile.
80 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Fig. 4.23 Modello di calcolo

Tabella 4.14 Caratterizzazione modale.


Modo T (s) Mx (%) My (%) x y
1 2.31 0.000 0.753 0.000 -53.129
2 2.18 0.754 0.000 -53.177 0.000
3 1.83 0.000 0.001 0.000 -2.080
4 0.96 0.000 0.003 0.000 3.467
5 0.72 0.025 0.000 9.662 0.000
6 0.67 0.000 0.027 0.000 -10.057
7 0.62 0.031 0.000 10.763 0.000
8 0.58 0.000 0.030 0.000 -10.523
9 0.48 0.035 0.000 -11.455 0.000
10 0.46 0.000 0.034 0.000 -11.301
12 0.34 0.037 0.000 11.747 0.000
13 0.33 0.000 0.035 0.000 11.450
19 0.21 0.037 0.000 -11.701 0.000
20 0.20 0.000 0.035 0.000 -11.482

Fig. 4.24 Deformata modo 1 (trasversale) pianta.


Capitolo 4: Esempi applicativi 81

Fig. 4.25 Deformata modo 2 (longitudinale) prospetto.

Fig. 4.26 Deformata modo 3 (trasversale) pianta.

Fig. 4.27 Deformata modo 4 (trasversale) pianta.

La Tabella 4.15 riporta il riepilogo delle sollecitazioni agenti alla base delle pile,
assumendo: una combinazione modale di tipo CQC, una combinazione direzionale delle
due componenti sismiche di tipo SRSS ed uno smorzamento del 10% solo sui primi
quattro modi di vibrare e un fattore q=1.5 (risposta della sottostruttura sostanzialmente
elastica). Sulla base di tali sollecitazioni stato dimensionato il rinforzo mostrato in Fig.
4.28 e Fig. 4.29.
Tabella 4.15 Sollecitazione alla base delle pile.
Fx Fy |F| Mx My |M|
Pila
(kN) (kN) (kN) (kNm) (kNm) (kNm)
1 833 804 1158 8653 8744 12302
2 588 605 844 9652 9248 13367
3 478 510 699 9227 8543 12575
4 780 776 1100 10237 10175 14434
5 833 802 1156 6447 6382 9072
82 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

3.0
0.4 2.2 0.4

32+3220

0
3
32
3.4

Fig. 4.28 Sezione pila rinforzata


5.6

4.0
8.6

7.1
9.7

rinforzo
Fig. 4.29 Schema rinforzo
Verifica a presso-flessione
La Fig. 4.30 riporta il dominio di resistenza a presso-flessione al limite elastico
(fc/c=16.67 MPa, fy/s=347.8 MPa, smax=y) della sezione di base delle pile e la Fig. 4.31
quello della sezione immediatamente superiore ai rinforzi, con i punti domanda relativi
alle varie pile (ridotti del fattore q=1.5). I corrispondenti rapporti D/C sono riportati in
Tabella 4.16.
0 10000 20000 30000 40000 50000
100000
80000
N - kN

60000
40000
20000
M - kNm
0
-20000

Fig. 4.30 verifica SLV, diagramma N-M della pila sezione (a) di base, rinforzata, (b)
immediatamente sopra il rinforzo.
Capitolo 4: Esempi applicativi 83

0 10000 20000 30000 40000 50000


100000

N - kN
80000
60000
40000
20000
M - kNm
0
-20000

Fig. 4.31 verifica SLV, diagramma N-M della pila sezione (a) di base, rinforzata, (b)
immediatamente sopra il rinforzo.

Tabella 4.16 Rapporti D/C totali per la sezione (a) di base rinforzata (b) immediatamente
al di sopra del rinforzo.
Pila D (kNm) C (kNm) D (kNm) C (kNm)
1 12302 17401 0.71 5949 8989 0.66
2 13367 17343 0.77 6312 8760 0.72
3 12575 17701 0.71 5932 8917 0.67
4 14434 17105 0.84 6826 8695 0.79
5 9072 17151 0.53 4520 8927 0.51

Meccanismi fragili
La verifica della capacit a taglio non differisce da quanto gi visto negli esempi
precedenti. La Tabella 4.17 riporta il riepilogo dei risultati per tutte le sezioni di base delle
pile (q=1.5).
Tabella 4.17 Rapporti domanda/capacit nelle due direzioni e combinato.
Pila D (kN) C (kN) trasv D (kN) C (kN) long
1 804 3825 0.21 833 3825 0.22 0.30
2 605 3202 0.19 588 3202 0.18 0.26
3 510 3183 0.16 478 3183 0.15 0.22
4 776 3473 0.22 780 3473 0.22 0.32
5 802 4228 0.19 833 4228 0.20 0.27
84 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Il rinforzo ipotizzato (camicia di calcestruzzo di 20cm e staffatura 12/20) aumenta


sensibilmente la capacit a taglio del fusto pila.

Verifica dei dispositivi


La Tabella 4.18 riporta il riepilogo delle deformazioni degli isolatori (q=1).
Tabella 4.18 Deformazione isolatori longitudinale, trasversale e totale.
Pila is,L (m) is,T (m) is,tot (m)
1 0.164 0.162 0.231
2 0.141 0.149 0.206
3 0.127 0.137 0.187
4 0.156 0.161 0.224
5 0.172 0.159 0.234

Verifica delle fondazioni


La verifica della capacit dei pali non differisce da quanto gi visto negli esempi
precedenti. La Tabella 4.19 riporta i rapporti di verifica a pressoflessione e taglio dei pali
su tutte le pile. Nella verifica utilizzato un q=1 anche se non strettamente richiesto dalla
norma (lEurocodice 8 o il DM2008 richiedono una risposta sostanzialmente elastica,
q=1.5).
Tabella 4.19 Rapporti domanda/capacit per pressoflessione e taglio.
Pila DM (kNm) CM (kNm) M DV(kN) CV (kN) V
1 2022 2543 0.80 571 940 0.61
2 1688 2505 0.67 477 940 0.51
3 1535 2587 0.59 433 940 0.46
4 1960 2411 0.81 554 940 0.59
5 2020 2688 0.75 571 940 0.61

Riepilogo risultati
La Tabella 4.20 riporta il riepilogo dei risultati di tutte le verifiche effettuate.
Capitolo 4: Esempi applicativi 85

Tabella 4.20 Riepilogo rapporti domanda/capacit di tutte le verifiche (SLV).


Elemento Meccanismo Verifica P1 P2 P3 P4 P5
Limite elastico Pressoflessione M 0.71 0.77 0.71 0.84 0.53
Fusti pile
Fragile Taglio V 0.30 0.26 0.22 0.32 0.27
Limite elastico Pressoflessione M 0.80 0.67 0.59 0.81 0.75
Pali
Fragile Taglio V 0.61 0.51 0.46 0.59 0.61
86 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

4.4 VIADOTTO CON PILE A TELAIO

4.4.1 Descrizione dellopera


Il viadotto oggetto dello studio si trova sullautostrada A1 nel tratto Firenze-Bologna in
localit Roncobilaccio (BO), a cavallo del torrente Rio Torto dal quale prende nome, ed
stato costruito intorno alla fine degli anni 50 (Fig. 4.32).
Il viadotto composto da 12 stilate di pile a telaio di altezza variabile tra i 41 m al centro
del viadotto e i 13.8 m in prossimit della spalla dal lato Firenze. Le campate sono 13 di
cui le iniziali, sia dal lato Firenze che dal lato Bologna, misurano 29.05 m, mentre le
restanti hanno luci di 33.00 m; pertanto lo sviluppo complessivo dellopera di 421 m
(Fig 4.34).

Fig. 4.32 Foto del viadotto

La struttura presenta due impalcati affiancati, realizzati in calcestruzzo armato ordinario


ciascuno costituito da una trave con sezione a pi greco di altezza 2.75 m (Fig. 4.33). La
continuit dellimpalcato interrotta, longitudinalmente, da seggiole tipo Gerber nella
seconda, settima e dodicesima campata (Fig. 4.33b, 4.34).

24 m

(a)
(b)
Fig. 4.33 Geometria dellimpalcato

Anche le pile sono realizzate in calcestruzzo armato con barre lisce ancorate mediante
ganci. Ciascuna delle pile costituita da due pilastri a sezione circolare piena o cava, con
diametro esterno variabile tra 120 e 160 cm, collegati, ad altezze differenti, da uno o pi
traversi intermedi ed in sommit da una trave-pulvino, sulla quale poggia il singolo
impalcato. I trasversi presentano tre tipologie dimensionali: 40 120 cm, 40 130 cm ed
Capitolo 4: Esempi applicativi 87

infine 40 150, mentre le travi di pulvino, uguali per tutte le pile, hanno sezione ad U
rovescia con ringrossamenti in prossimit dei pilastri. A titolo desempio la figura 4.36
mostra lo schema di due delle pile (n 8 e 12). La prima costituita da pilastri circolari
cavi con diametro esterno di 160 cm e diametro interno di 100 cm, armati
longitudinalmente con 2020 esterni, 1416 interni e staffe a spirale 6/14. La seconda
ha colonne circolari piene con armatura longitudinale costituita da 1620 e staffe a spirale
6/14.
spalla BO 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 spalla FI
7
2 5

29,05 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 29,05

14,37
17,35

13,8
17,19
26,75

25,74
27,86
30,61

30,49

36,49
39,41

41,34
piena
piena piena

piena
piena cava
cava
piena piena
cava
cava cava

Fig. 4.34 Prospetto longitudinale: le selle Gerber sono indicate in rosso.

Per tutti i trasversi larmatura longitudinale composta, in prossimit dei nodi, da 424 +
820 superiori e inferiori, che si riducono a 424 superiori e inferiori nella mezzeria,
mentre larmatura trasversale costituita da staffe a due bracci 8 con passo variabile (10
cm ai nodi e 14 cm in mezzeria) e da 3 barre 20 piegate a 45. Il pulvino, in prossimit
dei nodi, ha sezione rettangolare 120 120 cm con armatura longitudinale composta da
424 + 820 superiori e inferiori e armatura trasversale costituita da staffe 8. In
mezzeria la trave presenta una sezione ad U rovesciata con anime di spessore 30 cm e
soletta di collegamento di 20 cm di spessore.

Fig. 4.35 Immagini del viadotto


88 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Fig. 4.36 Particolari armature pile

Le fondazioni sono costituite da plinti isolati in cemento armato collegati tra loro da
cordoli (fig. 4.35b). Ci suggerisce evidentemente la presenza di un terreno di ottima
portanza anche se la documentazione tecnica disponibile dellopera non contiene
informazioni a riguardo. Inoltre, a causa dellorografia del terreno, i plinti si trovano
spesso posizionati su quote diverse anche nellambito della singola pila.

4.4.2 Definizione dellazione sismica


Trattandosi di un viadotto di importanza notevole da un punta di vista storico si ritiene di
assegnargli una vita nominale VN di 100 anni (questa decisione ha carattere puramente
esemplificativo poich lattribuzione della vita nominale attiene allautorit preposta).
Poich il viadotto fa anche parte di un tratto della viabilit principale (strada di categoria
A/B) ad esso corrisponde una classe duso IV, per cui CU vale 2.0. La vita di riferimento
Capitolo 4: Esempi applicativi 89

quindi VR = VN CU = 200 anni. La tipologia delle fondazioni indica un terreno con


VS,30>500m/s e quindi di categoria almeno B e un coefficiente di amplificazione
topografica ST=1. I parametri caratterizzanti lo spettro elastico delle due componenti
orizzontali (quella verticale sar trascurata), e per lo stato limite di collasso (SLC:
probabilit di superamento in VR pari al 5%, da cui TR = 1950 anni) dedotti sulla base
delle coordinate geografiche della localit Rio Torto, sono riportati nella Tabella 4.21. La
figura 4.37 mostra il grafico dello spettro corrispondente.

Tabella 4.21. Parametri dello spettro di risposta elastico in accelerazione


SL ag (g) F0 T*C SS S TB CC TC TD dg (m)
SLC 0.31 2.45 0.318 1.09 1.09 0.147 1.386 0.441 2.868 0.105

0.8
Accelerazione (g)

0.6

0.4

0.2

0 2 4 6 8
Periodo (s)
Fig. 4.37 Spettro elastico in accelerazione nel sito del ponte Rio Torto (TR = 1950 anni).

Gli accelerogrammi naturali utilizzati per analisi dinamiche non lineari della pila secondo
le due direzioni principali sono stati selezionati allinterno dello Strong Motion Catalogue
del Pacific Earhquake Engineering Research Center (http://peer.berkeley.edu/smcat/)
nel rispetto delle condizioni seguenti: intervallo di Magnitudo 6.5-7.5, distanza dalla faglia
compresa tra 15 e 30 km, suolo tipo B, PGA compresa tra 0.1 e 0.5g.
Poich il primo periodo naturale del ponte di oltre 4 s, necessario selezionare delle
registrazioni che siano significative nel campo delle basse frequenze; questo porta
automaticamente a scartare la maggior parte delle registrazioni di eventi meno recenti,
poich generalmente sono state processate con filtri passa-alto con frequenza di taglio
90 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

superiore a 0.2Hz (Corrispondente ad un periodo di 5 s). A causa di questo taglio, queste


registrazioni hanno un contenuto in frequenza eccessivamente basso sui lunghi periodi,
che sono quelli pi significativi per la struttura in esame.
Con queste cautele, sono stati selezionate le registrazioni riportate nella Tab. 4.22
Tabella 4.22. Elenco delle registrazioni selezionate
Evento Data Mag. Stazione Dist. Filtro Sigla
(km) (Hz)

Duzce, Turkey 12/11/99 7.1 1061 15.6 0.07 1061

Chi-Chi, Taiwan 20/09/99 7.6 CHY029 15.3 0.03 CHY029

Chi-Chi, Taiwan 20/09/99 7.6 TCU045 24.1 0.03 TCU045

Chi-Chi, Taiwan 20/09/99 7.6 TCU070 19.1 0.03 TCU070

Landers 28/06/92 7.3 23 Coolwater 21.2 0.1 CLW

Landers 28/06/92 7.3 12149 Desert Hot Springs 23.2 0.07 DSP

Cape Mendocino 25/04/92 7.1 89486 Fortuna 23.6 0.07 FOR

Northridge 17/01/94 6.7 90058 Sunland 17.7 0.05 GLE

Northridge 17/01/94 6.7 24688 LA - UCLA 15.0 0.08 UCL

Imperial Valley 15/10/79 6.5 6604 Cerro Prieto 26.5 0.1 H-CPE

In questo caso si ritenuto di adoperare la procedura seguente: ciascuno dei 20


accelerogrammi selezionati (10 coppie delle componenti orizzontali del moto) stato
scalato in modo da approssimare lo spettro normativo nellintervallo dei periodi tra 0.5 e
8 secondi; questa scalatura di base stata poi leggermente corretta per rispettare la
richiesta che lo spettro medio di ciascun set di 10 accelerogrammi non scenda in alcun
punto, tra 0.2 e 8 secondi, sotto il 90% dello spettro normativo. I valori adottati per i
coefficienti di scalatura, compresi tra 0.704 e 4.78, sono riportati nella Tabella 4.23.
Le storie temporali dei due insiemi di accelerogrammi scalati sono riportate nelle Figure
4.38 e 4.39.
Capitolo 4: Esempi applicativi 91

0.4
0.2
0 UCL360
-0.2
-0.4
0.2 TCU070-N
0
0.4
-0.2
0.2
0 TCU045-N
-0.2
0.4
-0.4
0.2 H-CPE147
0
-0.2
-0.4
0.2
0 GLE-170
-0.2
0.2
ag (g)

0 FOR000
0.4
0.2
0 DSP000
-0.2
-0.4
0.2
0 CLW-TR
-0.2
0.2
CHY029-N
0
-0.2
0.4
0.2
0 1061-N
-0.2
-0.4

0 20 40 60
t (s)
Fig. 4.38 Storie accelerometriche del primo insieme di registrazioni, dopo la
normalizzazione.
92 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

0.8

0.4

0 UCL090

-0.4

-0.8 TCU070-W
0.2
0
0.4
0.2
0 TCU045-W
-0.2
0.4
-0.4
0.2 H-CPE237
0
-0.2
-0.4
0.2
0 GLE-260
-0.2
0.2
ag (g)

0 FOR090
0.4
0.2
0 DSP090
-0.2
-0.4
0.2
0 CLW-LN
-0.2
0.2 CHY029-W
0
-0.2

0.4

0 1061-E

-0.4

0 20 40 60
t (s)
Fig. 4.39 Storie accelerometriche del secondo insieme di registrazioni, dopo la
normalizzazione.
Capitolo 4: Esempi applicativi 93

Tabella 4.23 Coefficienti di scalatura delle 20 registrazioni selezionate


1061 CHY029 TCU045 TCU070 CLW DSP FOR GLE UCL H-CPE

4.16 0.773 1.36 0.704 0.91 2.74 2.07 2.67 1.33 2.62

4.78 1.05 1.68 0.99 1.52 2.03 1.78 2.93 3.27 1.92

10
Insieme 1 Insieme 2
1
Sa (g)

0.1

0.01

0.001

1
Sa (g)

0.1

0.01

0.001

0.01 0.1 1 10 100 0.01 0.1 1 10 100


T (s) T (s)
Fig. 4.40 Spettri di risposta delle dieci coppie di accelerogrammi. Spettri medi e di
riferimento (sopra) e spettri di tutti gli accelerogrammi e loro media (sotto).
In Figura 4.40 sono invece rappresentati gli spettri dei due blocchi di dieci
accelerogrammi; nella parte inferiore della figura sono riportati gli spettri di tutte le storie
di accelerazione insieme alla loro media ed allo spettro normativo. Per maggior chiarezza,
nei due grafici superiori sono rappresentati solamente lo spettro medio e quello di norma;
come si pu vedere gli spettri medi cos ottenuti, in particolare quello dellinsieme 1,
approssimano con buona accuratezza lo spettro di riferimento, almeno fino a periodi di 4
94 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

secondi; per periodi superiori lo spettro medio sovrastima in modo sensibile quello
normativo; ci fondamentalmente dovuto allimpiego di registrazioni derivate da eventi
con magnitudo di oltre 7.5, in particolare quelle relative al terremoto di Chi-Chi del 1999,
per le quali il contenuto in frequenza dello spettro notevolmente spostato verso gli alti
periodi. anche utile osservare che, almeno per i periodi compresi nellintervallo tra 0.5 e
4 secondi, la dispersione degli spettri non molto ampia; questo evidentemente
conseguenza dalla strategia di normalizzazione seguita, per cui si cercato di minimizzare
lo scarto tra lo spettro di riferimento e quello di ciascuna registrazione, non soltanto di
quello medio.

4.4.3 Metodo di analisi


Per la verifica del viadotto in esame stato impiegato il metodo dellanalisi dinamica non
lineare. Tale metodo il pi impegnativo per la valutazione delle strutture da ponte; esso
richiede limpiego di un codice di calcolo affidabile e unaccurata modellazione della
struttura e delle sue connessioni. I risultati, sotto forma di storie temporali delle risposte
(forze, spostamenti, tensioni, deformazioni) sono molto voluminosi e richiedono un
idoneo strumento di post-processing perch possano essere utilmente usati per la verifica
dellopera.
In precedenza sono stati illustrati i criteri di selezione delle due decuple di accelerogrammi
che sono stati utilizzati per le analisi. La terza componente (verticale) del moto stata
trascurata, avendo ritenuto che fosse scarsamente influente sul comportamento della
struttura.
Il modello della struttura sommariamente descritta in precedenza stato inserito nel
codice ad elementi finiti OpenSEES. Gli elementi delle pile (fusti, trasversi, pulvini) sono
stati modellati mediante elementi a fibre. Alle fibre di calcestruzzo stato assegnato il
modello di Kent e Park privo di resistenza a trazione, mentre per lacciaio stata usata la
legge Giuffr-Menegotto-Pinto. Le caratteristiche dei materiali sono state dedotte dalle
informazioni contenute nella documentazione tecnica. In particolare al calcestruzzo non
confinato stata assegnata una resistenza di 30 MPa ed un modulo elastico tangente di 30
GPa, mentre allacciaio, previsto di classe AQ42, stata assegnata una tensione di
snervamento di 350 MPa ed un modulo elastico di 200 GPa. Si ritenuto che le
informazioni disponibili fossero sufficientemente attendibili e dettagliate da poter
raggiungere il livello di conoscenza 3 (FC=1).
La connessione impalcato-pile stata rappresentata con due cerniere poste in
corrispondenza delle stilate dei pilastri (Fig. 4.41); le selle Gerber sono invece modellate
come elementi gap a comportamento rigido-plastico.
Per ragioni di efficienza del calcolo, nel modello globale dellintero ponte e in particolare
nei trasversi, non stato inserito il meccanismo di rottura a taglio; inoltre il
comportamento globale della pila non cambia significativamente se si realizza luno o
Capitolo 4: Esempi applicativi 95

laltro dei due meccanismi di flessione o taglio (che peraltro hanno resistenze molto
prossime tra loro).
Lintegrazione stata condotta con il metodo di Newmark e lalgoritmo di Krylov-
Newton. Per facilitare la convergenza stato scelto un passo di integrazione piuttosto
piccolo (0.0025 s). Lo smorzamento viscoso, del 3%, stato modellato alla Rayleigh.

y
x

Fig. 4.41 Connessione pila-impalcato Fig. 4.42 Modello agli E.F. del ponte

Limpalcato stato modellato con elementi di trave elastici, utilizzando quattro elementi
per ogni campata. In prossimit delle stilate lasse delle travi stato collegato ai pilastri
delle singole pile mediante connessioni di tipo rigido, cos come indicato in figura 4.41. Il
modello dellintero ponte rappresentato schematicamente in figura 4.42.
Carichi e masse
La massa dellimpalcato, pari a 200 kN/m, stata concentrata nei nodi di estremit delle
travi di impalcato e nei nodi di sommit delle pile. Sulle pile sono stati poi applicati i
carichi verticali corrispondenti alle masse di impalcato che competono ai pilastri di ogni
pila, i cui valori sono indicati in tabella 4.24.

Tabella 4.24. Valori del carico verticale (kN) applicato in sommit di ogni pilastro
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
3102 3300 3300 3300 3300 3300 3300 3300 3300 3300 3300 3300

4.4.4 Risultati delle analisi


Analisi elastica
Come prima fase stata eseguita lanalisi modale del ponte in campo elastico, assegnando
al calcestruzzo il modulo elastico tangente Ec = 30 GPa. In Figura 4.43 sono rappresentati
i primi due modi di vibrazione, insieme al corrispondente valore del periodo proprio della
96 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

struttura. I due modi sono modi trasversali delle due porzioni principali in cui la trave
tampone appoggiata con seggiole Gerber tra le pile 6 e 7 suddivide il viadotto.
La snellezza della struttura, con pile di fusto sottile e di notevole altezza, ha come
conseguenza periodi propri di vibrazione piuttosto grandi; questi periodi tendono poi ad
aumentare ulteriormente a seguito del danneggiamento delle pile, specialmente per la
plasticizzazione (o rottura per taglio) dei trasversi, a seguito della quale il funzionamento
trasversale tende a passare da quello a telaio a quello a pile singole. La lunghezza dei
periodi propri fa cadere la struttura in una zona dello spettro dove le accelerazioni sono
molto piccole ma gli spostamenti grandi. Questo lascia prevedere che, nonostante la
modesta resistenza delle pile alle azioni orizzontali, del resto non considerate in fase di
progetto, il ponte potrebbe non risultare inadeguato; dati i notevoli spostamenti si dovr
per porre particolare attenzione alla compatibilit cinematica dei vincoli, in particolare si
dovranno valutare gli spostamenti relativi degli impalcati in corrispondenza delle seggiole
Gerber, onde verificare il rischio di caduta per perdita di appoggio.

1 Modo T = 4.2s 2 Modo T = 1.2s

Fig. 4.43 Primi due modi di vibrazione del ponte.

Analisi non-lineare
Per la verifica allo stato limite di collasso, il modello del ponte descritto in precedenza
stato sottoposto allazione delle dieci coppie di accelerogrammi selezionate. Gli
accelerogrammi appartenenti al gruppo indicato come insieme 1 sono stati applicati in
direzione trasversale, mentre quelli dellinsieme 2 agivano simultaneamente in direzione
longitudinale. Molte grandezze, meccaniche e cinematiche, sono state registrate durante le
simulazioni; in particolare: gli spostamenti e le rotazioni dei nodi, le forze ed i momenti
alle estremit degli elementi, le deformazioni delle fibre pi sollecitate nellacciaio e nel
calcestruzzo.
Nella Figura 4.44a sono riportati i valori del drift interpiano massimo di ogni pila:
u i +1 u i
=
L
Capitolo 4: Esempi applicativi 97

in cui ui e ui+1 sono gli spostamenti di due piani successivi ed L la lunghezza del
pilastro. Nel grafico a barre sono riportati i valori relativi a ciascuno degli accelerogrammi
ed il corrispondente valore medio.
4
CHY029
CLW
DRIFT INTERPIANO (%)

3 DSP
H-CPE
TCU045
TCU070
2
UCL
FOR
1061
1 GLE
MEDIA

0
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
PILA (#)

12
CHY029
DEFORMAZIONE MASSIMA NEL CLS (1/1000)

10 CLW
DSP
8 H-CPE
TCU045
6 TCU070
UCL
4 FOR
1016
2 GLE
MEDIA

0
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
PILA (#)

Fig. 4.44 Massimo drift interpiano (sopra) e massima deformazione del calcestruzzo
compresso (sotto) per tutte le pile e per lazione dei 10 accelerogrammi selezionati.

Questo grafico utile per individuare le pile maggiormente sollecitate e quindi per
selezionare quelle di cui successivamente saranno esposte le verifiche.
Nella Fig. 4.44b sono rappresentati, con analogo formalismo, i valori massimi delle
deformazioni nelle fibre di calcestruzzo delle pile. Anche questa grandezza pu essere
utilizzata per individuare gli elementi del ponte pi sollecitati.
Poich il criterio di collasso adottato (per flessione) sempre in ultima analisi determinato
dalleccessiva deformazione di uno dei materiali (accorciamento del calcestruzzo o
allungamento dellacciaio), il valore della deformazione massima potrebbe essere preso
come diretto criterio di valutazione della resistenza. Tuttavia ben noto che i valori delle
deformazioni negli elementi a fibre sono fortemente influenzati dalle lunghezze degli
elementi stessi, quindi un tale criterio da ritenersi non sufficientemente oggettivo. Le
verifiche saranno pertanto condotte confrontando le rotazioni delle estremit delle aste
con quelle ultime, calcolate con le relazioni (2.40) e (2.41) precedentemente illustrate nel
Capitolo 2.
98 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

4.4.5 Verifica delle pile


Meccanismi duttili
Per la verifica degli elementi sollecitati a presso-flessione si
x
procede come indicato nel punto 2.4.5 delle linee guida.
ui+1 y
Data unasta di lunghezza L (Fig 4.45) se ui e ui+1 sono gli
spostamenti dei nodi di estremit e i la rotazione del nodo
i, la rotazione relativa alla corda i, che deve essere
confrontata con quella ultima fornita dallequazione (2.41), L
si determina sottraendo alla rotazione i la parte rigida,
dovuta allo spostamento:
ui i
u i +1 u i
i = i (a)
L z
Il calcolo della rotazione ultima richiede la determinazione
della lunghezza LV, distanza del nodo dal punto di
momento nullo. Se i due momenti alle estremit dellasta Fig. 4.45 Calcolo della
hanno lo stesso segno, questa lunghezza LV si determina rotazione della cerniera
facilmente con la relazione plastica

mi
LV = (b)
V
In cui mi il momento allestremit dellelemento e V = (m i + m i +1 )/ L indica il taglio.
Se i due momenti alle estremit della trave sono discordi, si ha in almeno un caso, che
LV>L e la formula (2.40) cade in difetto. In questo caso la condizione di verifica pu
porsi nella forma pi generale (valida nellipotesi che allestremo i+1 non si sia formata
una cerniera plastica):

3l p
y
L
4
( )
+ u y l p 1
4 L
i + i +1
2
(c)

La lunghezza della cerniera plastica lp si calcola sempre come indicato nel punto 2.4.5, in
cui LV si calcola come in precedenza, con la condizione che risulti LV zi, dove zi la
distanza del nodo i dalla sommit della pila.
Questultima condizione si verifica frequentemente nellanalisi degli elementi della pila nel
senso longitudinale, in cui prevale il comportamento a mensola sullintera altezza, e
pertanto la formula (2.40) non applicabile allanalisi di un singolo elemento.
Il calcolo della capacit rotazionale dellelemento dipende, oltre che dalle grandezze di cui
si discusso in precedenza, dalle seguenti:
Capitolo 4: Esempi applicativi 99

Deformazione ultima del calcestruzzo cu = 0.0033


Deformazione di snervamento dellacciaio sy = 0.0015
Resistenza del calcestruzzo fc =30MPa
Forza normale N agente nella sezione
Tutti questi parametri sono fissi, tranne N. Per ogni sezione si possono quindi facilmente
costruire, per interpolazione, delle semplici leggi che forniscono y e u in funzione di N.
x 10
-5
Pilastro a sezione circolare piena D=120 cm x 10
-4 Pilastro a sezione circolare piena D=120 cm Pilastro a sezione circolare piena D=120 cm
2.7 3.5 45

2.6
40
3
2.5
Curvatura a snervamento (1/cm)

35
curvatura ultima (1/cm)

2.4
2.5
2.3
30

yc (cm)
2.2 2
25
2.1
1.5
2 20
1.9
1 15
1.8

1.7 0.5 10
0 1000 2000 3000 4000 5000 6000 0 1000 2000 3000 4000 5000 6000 0 1000 2000 3000 4000 5000 6000
N (kn) N (kN) N (kN)

Fig. 4.46 Curvatura di snervamento, curvatura ultima e posizione dellasse neutro di una
delle sezioni delle pile (Sezione piena D = 120 cm), in funzione della forza normale N.
Il procedimento di verifica segue pertanto i seguenti passi:
1. Fissato un elemento, al passo tk, per la direzione x, si calcolano le rotazioni i,
i+1
2. In funzione della forza normale N si determinano le curvature di snervamento ed
ultima
3. A partire dai momenti di estremit e della forza di taglio si determinano la
lunghezza LV, la lunghezza di cerniera plastica e si decide se applicare la relazione
(2.41) o la (c)
4. Mediante la (2.41) o la (c) si determina la capacit rotazionale dellelemento u in
quella direzione; si calcola quindi il rapporto domanda/capacit x = i/u se si
applica la (2.41), oppure (i+i+1/2)/ u se si applica la (c)
5. Si ripete il procedimento per la direzione y e si ottiene il valore di y relativo allo
stesso istante
6. Si calcola il valore complessivo = x2 + y2 relativo allistante tk
7. Si ripete il procedimento in tutti gli istanti dellanalisi e si trattiene il massimo
valore di ottenuto durante lintera storia della risposta sismica
8. Si ripete lintera procedura per tutte le risposte relative ai dieci accelerogrammi
campione e si determina la media dei risultati
Lelemento verificato se il valore di cos calcolato risulta 1.
100 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Tabella 4.25 Valutazione del rapporto domanda/capacit di una sezione della pila 1
Dir M V N LV y u Lp y u tot
(kNcm) (kN) (kN) (cm) (1/cm) (1/cm) (cm)
x 219295 378.8 3266 579 0.034 0.033 2.1810-5 1.6710-4 68.38 6.3110-3 1.0410-2 3.16
3.20
y 72413 79.8 3266 916 0.002 0.0077 2.1810-5 1.6710-4 102.1 9.99E10-3 1.6010-2 0.48

Questi passaggi sono illustrati nella tabella 4.25, che si riferisce alla sezione di uno dei
pilastri posti al secondo livello della pila 1 soggetta allazione della registrazione TCU45. I
valori riportati nella tabella si riferiscono allistante in cui il rapporto tot tra la domanda e
la capacit della sezione assume il valore massimo. Nella tabella sono riportati per le due
direzioni (trasversale x e longitudinale y) i valori del momento M e del taglio V, oltre alla
forza normale N, che consentono di determinare la lunghezza LV (che risulta in entrambi
i casi minore di L). Il drift e la rotazione del nodo (non riportata in tabella)
consentono di determinare la rotazione (domanda); dai grafici della Figura 4.46 si
determinano, per il valore di N dato, le curvature di snervamento y ed ultima u della
sezione (nel caso in esame queste grandezze risultano uguali per le due direzioni in virt
dellisotropia della sezione circolare), da cui, usando la lunghezza della cerniera plastica lp,
si determinano, applicando le (2.39) e (2.40), le rotazioni di snervamento ed ultima
(capacit). I rapporti /u relativi alle due direzioni permetto di calcolare il fattore
complessivo tot come radice quadrata della somma dei quadrati. Il valore trovato di 3.2
nettamente maggiore di 1, mostra che, per il caso considerato, lelemento esaminato ha
largamente superato la soglia di resistenza.
Meccanismi Fragili
Per i meccanismi di rottura fragili il confronto tra domanda e capacit viene fatto in
termini di forze anzich di deformazioni, come stato fatto per i meccanismi duttili.
Nel caso in esame i meccanismi di rottura considerati fragili sono quelli dovuti alle forze
di taglio. Nelle strutture esaminate i pilastri delle pile sono strutture molto snelle
(rapporto lunghezza/altezza 10 nella direzione trasversale e molto maggiore nellaltra):
dunque prevedibile, anche tenendo conto dellaumento di resistenza legato alla forza
normale, che per questi elementi, bench scarsamente armati nei confronti della
sollecitazione di taglio, la resistenza sar sempre largamente maggiore della sollecitazione.
I trasversi sono al contrario elementi piuttosto tozzi (vedi Fig. 4.36), per i quali un
meccanismo di rottura a taglio chiaramente possibile.
Nelle verifiche a taglio la domanda (forza di taglio) fornita direttamente dallanalisi,
mentre la capacit (resistenza a taglio) viene calcolata con la relazione (2.42). Anche in
questo caso la resistenza dipende da alcune grandezze che variano nel tempo con la
risposta, in particolare la forza normale, la posizione dellasse neutro x, la lunghezza di
taglio LV, la duttilit impegnata ; pertanto il rapporto tra domanda e capacit deve essere
valutato in ogni istante dellanalisi e quindi posto uguale al massimo raggiunto durante
Capitolo 4: Esempi applicativi 101

ciascun terremoto. Il valore di riferimento sar quindi quello medio sulle dieci simulazioni
effettuate.
Nella Tabella 4.26 sono riportati, a puro titolo esemplificativo e analogamente a quanto
fatto per le verifiche di duttilit, le quantit richieste per il calcolo del rapporto t
(domanda/capacit del taglio), in un dato istante per due elementi della pila 1 sotto
lazione della coppia di registrazioni TCU45.
Tabella 4.26 Verifica a taglio di un pilastro e del trasverso della pila 1
El. x N As Ac Asw/s h Lv fc/c V Vc Vw Vu t
(cm) (kN) (cm2) (cm2) (cm2/m) (cm) (cm) (MPa) (kN) (kN) (kN) (kN)
pil 35 4900 7 50.24 10201 4 120 540 20.0 374 568 167 735 0.518
tras -- -- 4 43.20 4900 12 140 302 20.0 350 454 300 755 0.463

Verifica del ponte allo SLC


Le analisi esemplificate nei punti precedenti per un elemento di una pila, relativamente ad
un certo istante della storia della risposta sismica del ponte ad un particolare terremoto,
devono essere ripetute per i diversi elementi, per i diversi terremoti, e per tutti gli istanti
di tempo. Si perviene quindi, per ogni elemento di ciascuna pila, ad un valore medio del
rapporto relativo al collasso duttile (flessione) ed a quello fragile (taglio). Per chiarezza,
data la loro diversa funzione, in ciascuna pila gli elementi sono stati raggruppati in due
classi: pilastri e trasversi; sono quindi stati presi i valori massimi del rapporto per
flessione e taglio (ottenuti come media delle 10 analisi) degli elementi di una pila di uno
stesso piano appartenenti alla stessa classe. I risultati, limitatamente a tre pile (1, 6, 12),
sono sintetizzati nella tabella 4.27.
I risultati si prestano ad un breve commento. Per quanto riguarda i pilastri, i valori del
coefficiente f di flessione relativi alle due pile pi basse (1 e 12) sono nettamente
superiori a quelli presi nella pila snella 6; in particolare il coefficiente f supera lunit
solamente nella pila 1; il fatto che questo si verifichi nel piano superiore e non alla base
dovuto alla peculiarit di questa pila, in cui il trasverso si trova ad una quota poco
superiore a quella delle fondazioni, per cui i pilastri del primo livello sono molto pi brevi
degli altri (vedi Fig. 4.35). I coefficienti t relativi alle verifiche a taglio sono invece, in
tutti i casi e con largo margine, minori di uno, come era stato anticipatamente previsto in
base a considerazioni generali.
Nei trasversi, il coefficiente f nettamente minore di 1, escludendo il rischio di collasso
duttile, mentre il coefficiente t del taglio, con leccezione del caso anomalo della pila 1,
molto vicino ad uno. Questo dovuto al fatto che, per questi elementi, la resistenza a
taglio molto prossima alla forza che provoca la plasticizzazione delle sezioni di estremit
della trave, cos che i due meccanismi concorrenti sono molto prossimi. Tenuto conto
102 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

delle incertezze sulle stime della resistenza a taglio e del momento di snervamento, il
rischio di rottura per taglio dei trasversi non pu essere affatto escluso.
Tabella 4.27 Verifiche a flessione e taglio degli elementi delle pile 1, 6 e 12

Pilastri Trasversi
PILA PIANO f t f t
1 0.14 0.54 0.37 0.37
1
2 1.42 0.42
1 0.199 0.34 0.227 0.81
2 0.273 0.33 0.367 0.94
6
3 0.199 0.3 0.366 0.93
4 0.205 0.27
1 0.704 0.45 0.27 0.94
12
2 0.469 0.43

Verifica degli spostamenti relativi


Nel caso di ponti la verifica allo SLC non deve essere limitata solo agli aspetti di capacit
degli elementi strutturali, ma deve necessariamente mettere in conto anche la verifica di
cinematismi causabili da appoggi progettati con una insufficiente corsa. Tale evenienza
potrebbe infatti determinare il crollo dellimpalcato. Come sopra ricordato nel caso in
esame non difficile prevedere elevati spostamenti longitudinali per effetto del sisma. La
figura 4.47 mostra gli spostamenti relativi delle due parti dellimpalcato poggianti su una
delle selle presente nella settima campata.
12
Valor medio 7.72 cm
SPOSTAMENTI RELATIVI SELLA (cm)

10

0
1 2 3 4 5 6 7 8 9
ACCELEROGRAMMA (#)

Figura 4.47 Spostamenti relativi massimi delle selle gerber


Gli spostamenti relativi massimi registrati durante le analisi vanno da un minimo di 6.5
cm (per il terremoto di Northridge) ad un massimo di 11 cm (per il terremoto di Chi-Chi
TCU045), mentre in media lo spostamento massimo pari a 7.72 cm. La lunghezza delle
Capitolo 4: Esempi applicativi 103

seggiole rilevata dal disegno dellimpalcato di circa 30 cm; tenendo conto dei giunti, si
pu ritenere che vi sia una sovrapposizione di circa 25 cm. Assumendo che la
sovrapposizione residua, per essere efficace, non deve scendere sotto i 20 cm (L0 nella
formula 2.30), si ottiene una corsa ammissibile dellordine 5 cm. Lo spostamento relativo
massimo del terreno sotto le pile, come indicato dalla (2.44), vale drel,g = 3.2 cm (dg = 10.5
cm, x =33m, Vs = 500m/s). Questa verifica non pertanto soddisfatta in quanto drel,g +
drel,s = 7.7+3.2 = 10.9 cm > 5 cm.

Fig. 4.48. Dettaglio di una delle selle di appoggio dellimpalcato del ponte

In conclusione dalle verifiche eseguite si traggono le seguenti conclusioni. Il viadotto


necessita di un intervento ai trasversi che ne aumenti la resistenza a taglio (intervento
operativamente non impegnativo che potrebbe realizzarsi mediante fasciature con FRP), e
la realizzazione in corrispondenza delle seggiole Gerber di ritegni sismici che impediscano
la perdita di appoggio.
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Der Kiureghian, A. (1996) A coherency model for spatially varying ground motions Earthq. Eng. &
Struct. Dyn., 25: 99-111
Der Kiureghian, A., Neuenhofer, A. (1992) Response spectrum method for multi-support seismic
excitations Earthq. Eng. & Struct. Dyn., 21: 713-740
Dobry, R., Gazetas, G. (1988) Simple method for dynamic stiffness and damping of floating pile
groups Gotechnique, 38(4): 557-574.
FHWA (1995) Seismic Retrofitting Manual for Highway Bridges, Publ. FHWA-RD-94 052,
Federal Highway Administration.
FHWA-MCEER (2006) Seismic retrofitting manual for Highway Structures. Part 1- Bridges.
Furlanetto, G., Ferretti Torricelli, L., Marchiondelli, A. (2008) Design Solutions for Widening
the A1-A9-A14 Italian Highways Structural Engineegin International Vol 4/2008: 356-364.
Gazetas, G., Fan, K., Kaynia, A. (1993) Dynamic response of pile groups with different
configurations Soil Dyn. & Earthq. Engng, 12: 239-257.
Gazetas, G. (1992) Formulas and charts for impedances of surface and embedded foundations ASCE
Jnl Geotech. Engng, 117(9): 1363-1381.
Gerolymos, N., Gazetas, G. (2006) Winkler model for lateral response of rigid caisson foundations
in linear soil Soil Dyn. & Earthq. Engng, 26: 347-361.
Gerolymos, N., Gazetas, G. (2006) Development of Winkler model for static and dynamic response
of caisson foundations with soil and interface nonlinearities Soil Dyn. & Earthq. Engng, 26: 363-
376.
Iervolino I., Galasso C., Cosenza E. (2008). Selezione assistita di input sismico e nuove Norme
Tecniche per le Costruzioni. Atti del Convegno Valutazione e riduzione della vulnerabilit sismica di
edifici esistenti in c.a., Convegno ReLUIS, Roma, 29-30 Maggio 2008
Konagai, K., Ahsan, R., Maruyama, D. (2000) Simple expression of the dynamic stiffness of
grouped piles in sway motion Jnl Earthq. Engng, 4(3): 355-376.
Luco, J., Wong, H. (1986) Response of a rigid foundation to a spatially random ground motion
Earthq. Eng. & Struct. Dyn.14: 891-908
106 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Makris, N., Gazetas, G. (1991) Dynamic pile-soil-pile interaction. Part I: Analysis of Axial
Vibration Earthq. Eng. & Struct. Dyn.20: 115-132.
Makris, N., Gazetas, G. (1992) Dynamic pile-soil-pile interaction. Part II: lateral and seismic
response Earthq. Eng. & Struct. Dyn.21: 145-162.
Mylonakis, G., Gazetas, G. (1999) Lateral vibration and internal forces of grouped piles in layered
soil ASCE Jnl Geotech. & Geoenv. Engng, 125: 16-25.
Novak, M., Nogami, T., Aboul-Ella, F. (1978) Dynamic soil reactions for plane strani case
ASCE Jnl Eng. Mech. Div. 104: 953-959.
Nogami, T. (1985) Flexural responses of grouped piles under dynamic loading Earthq. Eng. &
Struct. Dyn., 13: 321-336.
Novak, M. (1974) Dynamic stiffness and damping of piles Canadian Geotech. Jnl, 11: 574-598.
Roesset, J.M., Whitman, R.W., Dobry, R. (1973) Modal analysis for structures with foundation
interaction ASCE Jnl Struct. Div. 99(3):399-416.
Shinozuka, M. (1972) Monte Carlo solution of structural dynamics Comp. Struct., 2: 855-874
Tahghighi, H., Konagai, K. (2007) Numerical analysis of nonlinear soil-pile group interaction under
lateral loads Soil Dyn. & Earthq. Engng, 27: 463-474.
Zhang, Y., Conte, J. P., Yang, Z., Elgamal, A., Bielak, J., and Acero, G., Two-
Dimensional Nonlinear Earthquake Response Analysis of a Bridge-Foundation-Ground
System, Earthquake Spectra, Vol. 24, No. 2, pp. 343-386, 2008
APPENDICE A: VARIABILIT SPAZIALE DEL MOTO

A.1 INTRODUZIONE

A.2 DESCRIZIONE DEL MODELLO


La variabilit spaziale del moto sismico pu essere descritta mediante un vettore di
processi aleatori a media nulla. Nellipotesi di stazionariet di tali processi, il vettore risulta
completamente definito tramite la matrice simmetrica di dimensioni n n delle densit
spettrali di potenza:

G11 ( ) G12 ( ) L G1n ( )


G 22 ( ) L G 2 n ( )
G ( ) = (A.1)
O M

Gnn ( )

dove n il numero dei punti di contatto dellopera con il terreno.


E conveniente introdurre la seguente funzione adimensionale a valori complessi
denominata funzione di coerenza:

Gij ( )
ij ( ) = (A.2)
Gii ( )G jj ( )

Essa ha modulo limitato tra zero e uno, e fornisce una misura lineare della dipendenza
statistica dei due processi nei punti i e j a distanza d ij .
Nella letteratura viene frequentemente impiegata la forma seguente della funzione di
coerenza (Luco e Wong, 1986)(Der Kiureghian, 1996):

d ij
2
d L
ij ( ) = ij ,1 ( ) ij , 2 ( ) ij ,3 ( ) = exp [ ]
exp i ij exp i ij ( )
v s v app (A.3)

nella quale v s la velocit delle onde di taglio, una costante, v app la cosiddetta
velocit apparente delle onde, d ijL la proiezione nella direzione di propagazione delle
onde della distanza tra i punti i and j e ij ( ) un angolo di fase dipendente dalla
108 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

frequenza. I tre fattori ij ,1 ( ) , ij , 2 ( ) e ij , 3 ( ) tengono rispettivamente conto della


perdita di correlazione dovuta alla rifrazione/riflessione delle onde nel mezzo di
propagazione, del valore finito della velocit di propagazione delle onde e dellangolo di
incidenza del fronte donda con la superficie, nonch della differenza tra le caratteristiche
del suolo di fondazione nei punti i e j. Di questa ultima si tiene conto nel modello
considerando due colonne di suolo che rappresentano i due profili stratigrafici in i e j,
eccitate alla base da un rumore bianco stazionario di potenza G0 . Le colonne di suolo
sono caratterizzate dalle funzioni di trasferimento H i ( ) e H j ( ) , tali da fornire il
desiderato contenuto in frequenza alla superficie in i e j:

Gii ( ) = G0 H i ( )
2
(A.4)
In particolare, lo spettro di densit di potenza puntuale deve essere coerente con lo
spettro di risposta elastico locale specificato al punto 2.3.1.
Si pu mostrare che:

ij ( ) = tan 1
[ ]
Im H i ( )H j ( )
[ ]
Re H i ( )H j ( )
(A.5)

A.3 GENERAZIONE DI CAMPIONI DEL VETTORE DI MOTI ASINCRONI


Al fine di eseguire analisi dinamiche al passo necessario disporre di campioni del
processo vettoriale descritto in A.2. Allo scopo necessario preliminarmente decomporre
la matrice G( ) nel prodotto:

G( ) = L ( )L*T ( ) (A.6)
tra L ( ) e la trasposta della complessa coniugata. Se la decomposizione adottata quella
di Cholesky la matrice L( ) risulta triangolare inferiore.
Come indicato in [3] un campione del moto nel generico punto i si ottiene dalla serie:

[ ]
i N
a i (t ) = 2 L ij (k ) cos k t ij (k ) + jk (A.7)
j =1 k =1

dove N il numero totale delle frequenze discrete k nel quale viene suddivisa la banda
di frequenze significativa per L ij ( ) , = max / N , e gli angoli jk sono, per ogni j , un
insieme di N variabili indipendenti distribuite uniformemente tra zero e 2 . I campioni
generati in accordo allequazione (A.7) sono caratterizzati dal desiderato spettro di
potenza locale e dallassegnato grado di correlazione.

A.4 METODI DI ANALISI


Appendice A: Variabilit spaziale del moto 109

Sulla base di quanto esposto in A.2 e A.3, si possono seguire le seguenti alternative ai fini
della determinazione della risposta strutturale a uneccitazione variabile nello spazio.

A.4.1 Dinamica aleatoria lineare


Unanalisi dinamica aleatoria lineare pu essere svolta utilizzando lanalisi modale,
funzioni di trasferimento in frequenza modali e la matrice delle densit spettrali di
potenza G( ) .
Per gli effetti elastici delle azioni si prendono i valori medi dalla distribuzione dei massimi
della risposta per una durata coerente con la scelta di a g .

A.4.2 Analisi dinamica al passo con campioni del modo correlati


Lanalisi dinamica al passo, lineare e non lineare, pu essere svolta facendo uso di
campioni di moti correlate generate come indicato in A.2 a partire da spettri di potenza
compatibili con gli spettri di risposta elastici nei punti di contatto dellopera con il terreno.
Il numero di campioni da utilizzare deve essere tale da garantire stime stabili delle medie
dei massimi della risposta.
Per gli effetti delle azioni si prendono i valori medi dei massimi.

A.4.3 Analisi con spettri di risposta multipli


E disponibile una soluzione per determinare la risposta elastica di una struttura soggetta
ad eccitazione alla base non uniforme che fa uso dello spettro di risposta. Di seguito se ne
fornisce una descrizione sintetica. Per una trattazione completa si rimanda al riferimento
originale (Der Kiureghian e Neuenhofer, 1992).
Le equazioni del moto di un sistema lineare discreto a n gradi di libert con m punti di
contatto col terreno si scrivono:

M M c &x& C C c x& K K c x 0
M T M g u + +
C g u& K c T
=
K g u F
&& C c
T (A.8)
c
dove x il vettore n 1 degli spostamenti totali dei gradi di libert non vincolati; u il
vettore m 1 dei moti imposti ai supporti; M, C e K sono le matrici n n di massa,
smorzamento e rigidezza associate ai gradi di libert non vincolati; M g , C g e K g sono le
matrici m m di massa, smorzamento e rigidezza associate ai gradi di libert vincolati;
M c , C c e K c sono le matrici di accoppiamento n m e F il vettore m 1 delle reazioni
ai supporti.
La risposta totale pu essere decomposta nella somma:

x = xs + xd (A.9)
110 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

dove x s , la componente pseudo-statica, la soluzione dellequazione (A.8) senza i


termini di inerzia e smorzamento, ovvero:

x s = K 1 K c u = Ru (A.10)
Sostituendo le equazioni (A.9) e (A.10) nella (A.8), lequazione differenziale per la
componente dinamica/inerziale assume la forma:

M&x& d + Cx& d + Kx d (MR + M c )u


&& (A.11)
Dopo aver eliminato il termine trascurabile (CR + C c )u& .
Siano , i e i la matrice delle forme modali, le frequenze modali e i corrispondenti
rapporti di smorzamento critico per la struttura a base fissa. Ponendo x d = y nella
(A.11), le equazioni modali disaccoppiate diventano:

&y&i + 2 i i &y i + i2 y i = k =1 ki u&&k (t )


m
i = 1, K , n (A.12)
Dove i fattori di partecipazione modale sono dati dallespressione:

Ti (Mrk + M c i k )
ki = (A.13)
Ti M i

nella quale rk la k-esima colonna di R e i k la k-esima colonna di una matrice identit


nn .
Risulta conveniente definire un vettore normalizzato di risposta modale s ki (t ) , che
rappresenta la risposta di un sistema a un grado di libert con frequenza e smorzamento
delli-esimo modo, a unaccelerazione alla base u&&k (t ) :

&s&ki + 2 i i s&ki + i2 s ki = u&&k (t ) (A.14)


Segue:

y i (t ) = k =1 ki s ki (t )
m
(A.15)
La generica quantit di risposta di interesse z (t ) (spostamento nodale, forza interna, etc)
pu essere espresso come funzione lineare di x(t ) :

[
z (t ) = q T x(t ) = q T x s (t ) + x d (t ) ] (A.16)
Sostituendo le espressioni trovate per x e x si ottiene: s d
Appendice A: Variabilit spaziale del moto 111

m m n
z (t ) = a k u k (t ) + b ki s ki (t ) (A.17)
k =1 k =1 i =1

con:

a k (t ) = q T rk bki = q T i ki (A.18)
Facendo uso di nozioni elementari di dinamica aleatoria lineare e utilizzando il modello
illustrato in A.2 per i moti ai supporti u (t ) , la deviazione standard della generica quantit
di risposta z (t ) pu essere determinata direttamente in funzione delle deviazioni standard
dei processi di eccitazione u (t ) , dei processi di risposta normalizzata s(t ) , e delle
correlazioni tra quantit di eccitazione e di risposta.
Tenendo conto della relazione tra spettro di potenza delleccitazione, G u&&u&& ( ) 6, e le
deviazioni standard e correlazioni indicate, come anche della relazione tra densit
spettrale delleccitazione e spettro di risposta, si pu derivare la seguente espressione per
il valore medio del massimo della risposta (i.e. gli effetti dellazione)7:

( )
m m m m n n
z max
= a k a l u u u k ,max u l ,max + b ki b lj s s
k l ki lj
D k ( i , i )D l j , j (A.19)
k =1 l =1 k =1 l =1 i =1 j =1

dove u k ,max e u l ,max sono gli spostamenti massimi del suolo in k e l coerenti con gli
spettri elastici in spostamento forniti in 2.3.2; Dk ( i , i ) e Dl ( j , j ) sono i valori dello
spettro di risposta elastico in spostamento in k e l per le frequenze e lo smorzamento
dei modi considerati.
I coefficienti di correlazione u u , tra gli spostamenti di picco al suolo, e s
k l ki s lj
, tra le
risposte modali normalizzate, sono dati dalle espressioni:

1
u u =
k l
u u Gu u ( )d
k l
k l

1
(A.20)
s ki s lj
=
s s H i ( )H j ( )Gu&& u&& ( )d
k l
ki lj

e:

6 G u&&u&& ( ) indica la matrice delle densit spettrali di potenza dei processi di accelerazione, indicata
semplicemente con G( ) in D.1.
7 Nella (A.19) si omesso un contributo, che tiene conto della correlazione tra i termini di

spostamento u e quelli modali s, ovvero u s . Analisi numeriche mostrano che il contributok lj

corrispondente trascurabile.
112 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

u2 = G u u ( )d

k k k

(A.21)
= H i ( ) G u&& u&& ( )d
2
2
s ki k k

dove Gu u ( ) il termine kl della matrice di densit spettrale di potenza dei processi di


k l

spostamento del terreno, ottenuta dalla corrispondente matrice dei processi di


1
accelerazione mediante la relazione: G uu ( ) = 4 G u&&u&& ( ) ; H i ( ) la funzione di
normalizzato:
trasferimento in frequenza per lo spostamento modale

1
H i ( ) = (A.22)
+ i 2 i i
i
2 2

Al fine di valutare gli integrali nelle (A.20) e (A.21) necessario esprimere la densit
spettrale di potenza in funzione dello spettro di risposta, che rappresenta linformazione
disponibile allutente. In mancanza di determinazioni pi accurate ci si pu avvalere della
seguente espressione approssimata, leggermente modificata rispetto a quella proposta in
(Der Kiureghian e Neuenhofer, 1992)., che pu essere usata a ogni supporto:

4 D ( , )
2
2
Gu&&u&& ( ) = 2 + 0 (A.23)
2.5
Nellespressione precedente la durata della parte pseudo-stazionaria del moto, da
scegliere coerentemente con il valore di a g .
In pratica, quando le condizioni stratigrafiche locali differiscono sostanzialmente da un
supporto allaltro, leffetto di questa differenza tende a predominare sulleffetto delle altre
cause di perdita di correlazione. Analisi numeriche hanno mostrato inoltre che il termine
ij , 3 ( ) nella funzione di coerenza ha uninfluenza limitata sui risultati al punto che pu
essere posto in via di approssimazione uguale a zero. Sulla base di queste considerazioni e
tenendo conto del carattere approssimato del metodo descritto, si pu ottenere una
notevole semplificazione considerando una matrice di potenza delleccitazione diagonale
G ( ) , cio considerando la struttura soggetta a moti indipendenti ai supporti, ognuno
caratterizzato dalla propria distinta densit spettrale di potenza. Lequazione (A.19) si
semplifica in:

( )
m m n n
z max
= a k2 u k2,max + bki bkj s s ki kj
Dk ( i , i )Dk j , j (A.24)
k =1 k =1 i =1 j =1

A.5 ESEMPIO APPLICATIVO


APPENDICE B: INTERAZIONE TERRENO-STRUTTURA

B.1 IL FENOMENO FISICO


La Fig. B. 1 mostra le tre tipologie di fondazione: diretta, su pali e a cassone, che
riassumono le soluzioni tradizionali di trasmissione delle forze dalla struttura al terreno.
In relazione a ciascuna di esse vengono brevemente illustrati i caratteri del fenomeno di
interazione terreno-fondazione-struttura.
In tutti e tre i casi il moto sismico (orizzontale) si suppone provenire da strati profondi
con direzione di propagazione verticale (onde di taglio). Alla profondit z, tale moto
indicato con ug(z,t) o pi semplicemente con ugz. In condizioni di campo libero (cio in
assenza della struttura) il moto alla superficie z = 0 si indica con ug(0,t) o pi
semplicemente con ug.
In presenza della struttura, il moto allinterfaccia tra la struttura e il sistema fondazione-
terreno risulta diverso da quello di campo libero uff, a causa delle deformazioni localmente
indotte dalle forze di inerzia trasmesse dalla struttura. Tale aspetto del fenomeno
comunemente denominato interazione inerziale. Nella Fig. B. 1a leffetto di modifica del
moto in campo libero ug, indicato con la traslazione e la rotazione della fondazione uf e
f. Questultima componente del moto, non presente nel caso di struttura a base fissa,
comporta un incremento degli spostamenti in sommit che possono avere una rilevanza
nel caso di strutture sensibili agli effetti del secondo ordine.
Laltro aspetto del fenomeno quello comunemente denominato interazione cinematica, il
quale si presenta sotto diverse forme. Nel caso, ad esempio, di un edificio esteso in pianta
e con fondazione a platea, linterazione cinematica consiste nella modifica del moto del
suolo allinterfaccia tra la struttura e il sistema fondazione-terreno, dovuta alladerenza tra
la platea e il terreno. Il moto risultante costituito da una traslazione mediata
sullestensione della fondazione, di entit normalmente ridotta rispetto al moto in campo
libero, cui si aggiunge una componente di rotazione attorno allasse verticale.
Nel caso in esame di fondazione superficiale (Fig. B. 1a), se le sue dimensioni sono
contenute, come normalmente avviene nel caso delle pile da ponte, lecito considerare il
moto sismico uniforme sullestensione della fondazione.
La considerazione dellinterazione cinematica invece necessaria nel caso di fondazioni
profonde. Nel caso delle fondazioni su pali il fenomeno chiaramente illustrato nella Fig.
B. 1b, nel quale si osserva come i pali, immersi nel terreno, siano coinvolti nella sua
114 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

deformazione, alla quale si oppongono, modificandola localmente, in funzione del


rapporto delle rigidezze palo/terreno. Il moto risultante in superficie quindi u k u g .

a) Fondazione superficiale ug u f H f us

H ug

z
u gz
u f H f u s
b) Fondazione su pali uk Azioni sui pali somma
delle deformazioni
imposte dal terreno e
H ug delle sollecitazioni dovute
allinerzia della struttura

Azioni sui pali dovute solo


z alle deformazioni imposte
dal terreno (ovunque z>La,
u gz rilevante in presenza di
uf H f u s forti contrasti)
c) Fondazione a pozzo uk

H ug

u gz
Fig. B. 1 Interazione terreno-fondazione-struttura.
Per quanto riguarda la struttura, anche in questo caso il moto allinterfaccia tra essa e il
sistema fondazione-terreno risulta diverso da quello di campo libero. La differenza
dovuta sia alle deformazioni indotte dalle forze di inerzia trasmesse dalla struttura al
sistema pali-terreno, che allalterazione del campo donde dovuta alla rigidezza dei pali.
Appendice B: Interazione terreno-struttura 115

Per quanto riguarda i pali, il loro stato di sollecitazione somma delleffetto cinematico,
associato alla deformazione del terreno, e di quello inerziale, associato alle azioni
trasmesse dalla struttura in elevazione. Leffetto cinematico particolarmente importante
in presenza di terreno stratificato con rilevanti contrasti di rigidezza.
Un caso particolare costituito infine dalle fondazioni a pozzo, nelle quali, come illustrato
nella Fig. B. 1c, laspetto cinematico del fenomeno di interazione diviene predominante.
In questo caso infatti la rigidezza del pozzo tale da modificare in maniera sostanziale il
moto locale del terreno sullintera profondit del pozzo. da osservare come in questo
caso la traslazione e la rotazione uf e f della fondazione, allinterfaccia con la struttura,
abbiano natura sostanzialmente cinematica. Al contrario, nel caso di fondazione
superficiale (Fig. B. 1a) uf e f hanno natura sostanzialmente inerziale, in quanto la
rimozione della struttura annullerebbe tali quantit.

B.2 MODELLAZIONE

B.2.1 Fondazioni superficiali


La modellazione degli effetti dellinterazione terreno-fondazione-struttura nel caso di
fondazioni superficiali viene brevemente illustrata in questo paragrafo per ragioni di
completezza. da ritenere infatti che nei casi reali le situazioni in cui sia richiesta (vedi
2.4.3) la loro considerazione siano infrequenti, in quanto tale soluzione fondale
normalmente associata a condizioni di suolo di buone caratteristiche meccaniche.
La deformabilit del terreno di fondazione viene introdotta attraverso delle molle
equivalenti da porre alla base della struttura. Queste molle esprimono il legame dinamico
forza-spostamento, ricavato con formulazioni di diverso livello di rigore in riferimento a
impronte rigide8. Sono disponibili soluzioni per forze agenti orizzontali, verticali e coppie,
e per impronte di forma qualsiasi con profondit variabile del piano di posa. Una rassegna
completa e aggiornata pu essere trovata ad esempio in (Gazetas, 1992).
Poich in dinamica lo spostamento e la forza non sono in fase, di uso comune
esprimere il legame tra forza e spostamento mediante una grandezza complessa, detta
rigidezza dinamica o impedenza dinamica, e data dallespressione:
~
k ( ) = k ( ) + i c ( ) (B. 1)
nella quale la frequenza circolare, k() la rigidezza dinamica, funzione debolmente
dipendente dalla frequenza, e c() rappresenta la dissipazione di energia dovuta
allirraggiamento. In presenza di significativa risposta non lineare del terreno, volendo
mantenere una modellazione lineare, possibile includere in c() anche un termine di

8 Con il termine impronta rigida si indica una fondazione indeformabile e priva di massa.
116 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

smorzamento isteretico non dipendente dalla frequenza (vedi la successiva equazione (B.
5)). Inoltre, per tenere conto del comportamento non lineare del terreno, la rigidezza deve
essere ridotta a quella secante per una deformazione efficace del terreno, frazione di
quella massima.
La Fig. B. 2a mostra la modellazione descritta. In questa forma la soluzione pu essere
ottenuta sia nel dominio delle frequenze, che nel dominio del tempo, utilizzando
rispettivamente come eccitazione lo spettro di potenza G ( ) o un corrispondente
insieme di accelerogrammi u&& g (t ) rappresentativi del moto in campo libero.
Nel caso pi comune di analisi nel dominio del tempo, ai parametri k() e c() vengono
attribuiti valori costanti, medi sul campo di frequenza significativo per la risposta.
Lanalisi nel dominio del tempo vantaggiosa in quanto permette una diretta estensione
alla modellazione non lineare della struttura e del suolo. In questo caso al posto della
forza di richiamo elastiche ksus nella struttura, kxuf nella fondazione, etc si sostituiscono
legami isteretici del tipo f(us) e ff(uf).

ms us ms us

ks,cs ks
mf,If Sa mf,If
kx
u&&g
f kx f
uf uf
T
cx
k k
c

Fig. B. 2 Modellazione, fondazioni superficiali: (a) molle e smorzatori per lanalisi al passo
o in frequenza, (b) molle e smorzamento pesato per lanalisi con spettro di risposta.
La Fig. B. 2b differisce dalla precedente per leccitazione, che rappresentata da uno
spettro di risposta (in accelerazione, campo libero), e per lassenza di organi di
dissipazione. Leffetto di questi ultimi tradotto in un fattore di smorzamento che
modifica lo spettro di risposta. A tal fine necessario combinare i diversi contributi allo
smorzamento provenienti dalla deformazione della struttura, dalla deformazione del suolo
e dallirraggiamento. Una tecnica di uso frequente per ottenere uno smorzamento
equivalente quella di pesare i singoli contributi mediante le energie di deformazione
{
nella deformata del primo modo (Roesset et al, 1973). Se u T = u f , f , u s il vettore }
degli spostamenti relativi al moto del suolo e 1T = {1 , 2 , 3 } la corrispondente prima
forma modale, lenergia di deformazione immagazzinata nel sistema (struttura e suolo,
traslazione e rotazione) pari a:
Appendice B: Interazione terreno-struttura 117

1 1 1
Es = ks 2 , Euf = kx12 , Ef = k 22 (B. 2)
2 2 2
dove = 3-(1+H2) il valore modale della deformata flessionale della pila (vedi Fig.
B. 3).

Deformazione flessionale
u s (u f + H f )
us
uf H f

Fig. B. 3 Modellazione, fondazioni superficiali:deformazione flessionale.


Le corrispondenti energie dissipate si possono esprimere come segue. Per quanto riguarda
la struttura:

Eds = 4 s Es (B. 3)
Per quanto riguarda il sistema fondazione-terreno:

Eduf = c x 112 Edf = c 1 22 (B. 4)


dove 1 la frequenza del primo modo di vibrazione, e i coefficienti sono dati, come gi
detto, dalla somma dello smorzamento per irraggiamento e di quello isteretico nel
terreno:

2k x 2k
c x = (c x )irr + uf c = (c )irr + f (B. 5)
1 1
Lo smorzamento equivalente risulta pari a:
118 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

1 Eds + Eduf + Edf


eq = (B. 6)
4 Es + Euf + Ef

Unanalisi modale con spettro di risposta come quella descritta pu rappresentare lunico
tipo di analisi in caso di effettivo comportamento elastico del sistema, o unesplorazione
iniziale volta a determinare leffettiva rilevanza del fenomeno di interazione.

B.2.2 Fondazioni su pali


Il problema della valutazione degli effetti dellinterazione terreno-fondazione-struttura nel
caso delle fondazioni su pali particolarmente complesso. Nonostante lesistenza una
vasta letteratura a partire dagli anni 70 del secolo scorso, non possibile reperire una
proposta che sia al contempo sufficientemente semplice per lapplicazione pratica e in
grado di tener conto di tutti gli aspetti rilevanti del problema. Tra questi quello di maggior
impegno la modellazione dellinterazione dinamica tra i pali in un gruppo, o del
cosiddetto effetto di gruppo.
Il fenomeno dellinterazione tra i pali ben noto e la sua soluzione in campo statico,
dovuta a Poulos (1980), fa parte della prassi corrente: essa porta alla valutazione di
unefficienza del gruppo, sempre inferiore a uno, che fornisce la rigidezza del gruppo a partire
dalla somma delle rigidezze dei pali. Lefficienza ridotta nel gruppo in quanto lo
spostamento di ogni palo dato dalla somma dello spostamento dovuto al carico
applicato direttamente al palo, e degli spostamenti indotti sul palo dai carichi applicati ai
pali limitrofi.
In campo sismico, la deformazione del singolo palo produce un campo donda che si
propaga nel suolo circostante e investe i pali limitrofi. La natura oscillatoria di questo
campo di spostamento indotto rende il fenomeno radicalmente diverso da quello
dellinterazione statica: in funzione della frequenza e dello smorzamento, lo spostamento
indotto dal palo i sul palo j in generale non in fase con lo spostamento del palo j, e pu
ridurlo anzich aumentarlo. Leffetto risultante, in termini di rigidezza complessiva di un
insieme di pali, quello di unefficienza fortemente dipendente dalla frequenza e anche maggiore
di uno. Questo fatto ha una ricaduta importante dal punto di vista del calcolo in quanto la
forte dipendenza dalla frequenza non permette, a rigore, lusuale approccio di operare nel
dominio del tempo con valori medi dei parametri indipendenti dalla frequenza.
La mancanza di un approccio con le caratteristiche indicate di semplicit e completezza
confermato da unanalisi del panorama normativo internazionale. La normativa europea
non fornisce alcuna indicazione sui metodi da adottare in campo dinamico. Negli Stati
Uniti, la FHWA, nel Seismic Design of Highway Bridge Foundations (1986), come anche le
ATC-32 Improved Seismic Design Criteria for California Bridges: Provisional Recommendations
(1996), forniscono i valori delle rigidezze globali della fondazione su pali(indipendenti
dalla frequenza), ignorando: a) la dissipazione per irraggiamento b) il descritto effetto di
Appendice B: Interazione terreno-struttura 119

gruppo c) leffetto di modifica del moto in input alla struttura dovuto allinterazione
cinematica.
Nel seguito si illustrano brevemente alcune delle opzioni di modellazione, caratterizzate
da diversi livelli di rigore, in grado tuttavia di cogliere tutti gli aspetti del fenomeno.
Dal punto di vista operativo possibile distinguere una modellazione globale,
comprendente cio il suolo, la fondazione e la struttura, come indicato in Fig. B. 4, da una
modellazione disaccoppiata o per sottostrutturazione. In questo caso, illustrato in Fig. B. 5,
dapprima di risolve il problema della determinazione del moto modificato uk per effetto
dellinterazione cinematica e della matrice di impedenza che tiene conto delleffetto di
gruppo, per poi utilizzare questi risultati nellanalisi della struttura.

Colonna di Traslazione
suolo (moto in orizzontale Traslazione
H campo libero) kxcx verticale
kzcz

z z

Impedenza
ugz alla punta

Fig. B. 4 Modellazione, fondazioni su pali: modello globale.

Traslazione orizzontale kxcx us


Traslazione ms
ug uk verticale
z kzcz ks ,cs
G
k x
f
z uf
uk G mf , If
c x k G

Impedenza
alla punta c G
ugz

Fig. B. 5 Modellazione, fondazioni su pali: sottostrutturazione.


120 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

La modellazione globale pu essere messa in atto in diversi modi:


1. Modellazione agli elementi finiti 3D del sistema terreno-fondazione-struttura.
Questa opzione, chiaramente molto onerosa e destinata a casi di importanza
molto rilevante, richiede una discretizzazione fine di una porzione di suolo di
grandi dimensioni intorno allintera opera, e ladozione di vincoli assorbenti al
contorno. Permette naturalmente di valutare anche leffetto delleccitazione non
uniforme alla base delle varie pile. Un esempio si pu trovare in (Zhang et al,
2008)
2. Modellazione agli elementi finiti 2D plane strain di strati sovrapposti di terreno
nellintorno dei pali. In questa opzione gli strati sono connessi a una colonna di
suolo attraverso vincoli visco-elastici che danno conto della dissipazione per
isteresi e irraggiamento. La colonna impone il moto al contorno di questi strati
che lo trasmettono ai pali. Gli strati sono anche la sede della propagazione delle
onde da un palo allaltro, e permettono la modellazione delleffetto di gruppo. Un
esempio si pu trovare in (Klar, 2003).
3. Modellazione 1D alla Winkler. Come nel caso precedente il moto del suolo alla
profondit z, ug(z,t) modellato attraverso una colonna di suolo che riceve il
moto alla base ub(t). La colonna collegata attraverso vincoli viscoelastici alla
fondazione. Questultima modellata come insieme di pali (elementi frame)
connessi tra loro, a due a due, da molle che danno conto dellinterazione e
forniscono leffetto di gruppo. Molle di questultimo tipo sono state proposte da
(El Naggar e Novak, 1996).
Sottostrutturazione: determinazione dei fattori di interazione orizzontali
Per quanto riguarda lanalisi disaccoppiata, tra le diverse varianti disponibili in letteratura, si
illustrano i tratti principali del procedimento semplificato descritto in (Makris e Gazetas,
1992).
Il metodo parte dalla considerazione che il moto di un palo dato dalla somma del moto
indotto dalle forze dinerzia provenienti dalla struttura in elevazione (interazione
inerziale), e di quello prodotto dalle onde sismiche provenienti dagli strati sottostanti
(interazione cinematica). Per ognuno dei due aspetti del fenomeno il metodo comporta la
soluzione di tre problemi in sequenza (vedi Fig. B. 6):
1. Determinazione della risposta di un palo isolato, ad uneccitazione armonica in
testa (inerziale), o alle onde sismiche di taglio che si propagano in verticale
(cinematica).
2. Determinazione del moto (attenuato) in corrispondenza di un palo a distanza
r=S, prodotto dal moto del palo ottenuto come soluzione al primo problema.
3. Determinazione della risposta del secondo palo al moto proveniente dal primo.
Appendice B: Interazione terreno-struttura 121

Il suolo, nella soluzione dei problemi 1 e 3, modellato alla Winkler con una
distribuzione continua di molle e smorzatori dipendenti dalla frequenza, per le quali sono
state adottate le espressioni semplificate seguenti:

k x = 1.2 Es (B. 7)

kx
c x = 6 sVs da 01/ 4 + 2 s (B. 8)

dove Es, s, Vs e s sono rispettivamente il modulo di Young, la densit di massa, la
velocit delle onde di taglio e il rapporto di smorzamento del suolo, d il diametro del
palo e a0 = d/Vs, la frequenza adimensionale. Ai fini del calcolo dellimpedenza
rotazionale della fondazione sono necessarie anche le molle verticali distribuite lungo il
palo. Espressioni coerenti con quelle indicate per la direzione orizzontale sono riportate
in (Gazetas et al, 1993):

(
kz = 0.6 Es 1 + 0.5 a 0 ) (B. 9)

kz
c z = sVs da 01/ 4 + 2 s (B. 10)

Nella (B. 8) e nella (B. 10) il primo termine rappresenta lo smorzamento per
irraggiamento e il secondo quello isteretico nel materiale.
Interazione inerziale: passo 1 (Fig. B. 6a)
Lequazione della linea elastica di un palo in vibrazione libera armonica U11(,z)eiwt, alla
frequenza , in un terreno alla Winkler, nel caso inerziale :

d IV U 11 (z )
EpI p + (kx + ic x m 2 )U 11 (z ) = 0 (B. 11)
dz 4
nella quale la dipendenza dalla frequenza circolare (dellampiezza dello spostamento
U11, e delle due funzioni di rigidezza e smorzamento, kx e cx) stata omessa per semplicit
di notazione.
Una soluzione semplificata, di ottima approssimazione, tenuto conto delle condizioni ai
limiti, si ottiene ponendo cx=0 (leffetto dello smorzamento diventa apprezzabile solo a
profondit superiori alla lunghezza attiva del palo, cio laddove gli spostamenti sono
trascurabili):

u 11 (z , t ) = U 11 (z )e it = U 0 e z (sin z + cos z )e it (B. 12)


122 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

dove U0()=U( ,z=0) lampiezza dello spostamento in sommit, e:

k x m 2
=4 (B. 13)
4E p I p

Palo 1 Posizione del Moto che


carico in testa Palo 2 (r=S) eccita il Palo 2 Palo 2

Onde che si
propagano
radialmente
a) b) c)

Passo 1 Passo 2 Passo 3


ug

Moto
differenza tra
quello in
campo libero e
quello del Palo
Onde che si
1, attenuato alla
propagano
posizione del
ugz radialmente
Palo 2

d) e) f)
Fig. B. 6 Interazione palo-terreno-palo: (a,b,c) inerziale, passi da 1 a 3
(d,e,f) cinematica, passi da 1 a 3.
Interazione inerziale: passo 2 (Fig. B. 6b)
Il moto del palo in (B. 12) produce campi donda P e S che irraggiano in tutte le direzioni,
rispettivamente con velocit VLa=3.4/((1-))Vs (la cosiddetta velocit di Lysmer) e Vs, e
vengono riflesse dalla superficie libera del terreno. La trattazione tridimensionale rigorosa
del problema estremamente complessa, esistono numerose soluzioni approssimate (tra
tutte ad esempio Novak et al 1978). Makris e Gazetas fanno uso di quella in (Gazetas e
Dobry, 1984), che fornisce il moto a distanza r dal palo eccitatore nella forma:

u s (r , , z , t ) = (r , )u 11 (z , t ) (B. 14)
Appendice B: Interazione terreno-struttura 123

(r , ) = (r ,0 ) cos 2 + (r , / 2 ) sen 2 (B. 15)

(r ,0 ) = r0 r e (r r 0 )/V La
e i ( r r 0 )/V La
(B. 16)

(r , / 2 ) = r0 r e (r r 0 )/ V s
e i ( r r 0 )/ V s (B. 17)

dove r0 il raggio del palo. Nella stessa equazione la radice quadrata e il primo
esponenziale danno conto, rispettivamente, dellattenuazione geometrica e per
dissipazione nel mezzo.
Interazione inerziale: passo 3 (Fig. B. 6c)
Il campo donde generato dal moto del palo eccitatore dato dalla (B. 14) per r = S
fornisce linput al secondo palo. Lequazione che governa il moto U21(z) di tale palo :

d IV U 21 (z )
EpI p m 2U 21 (z ) + (kx + ic x )[U 21 (z ) U s (z )] = 0 (B. 18)
dz 4
la cui soluzione fornisce lo spostamento del palo ricevente causato dal moto del palo
eccitatore. Il rapporto tra questo spostamento e lo spostamento del primo palo il
cosiddetto fattore di interazione dinamica, che per z=0 vale:

U 21 (0 ) 3 k x + ic x
21 = = (S , ) (B. 19)
U 11 (0 ) 4 k x + ic x m 2
Interazione cinematica: passo 1 (Fig. B. 6d)
Il moto del suolo in condizioni libere alla frequenza e alla profondit z, soluzione del
problema mono-dimensionale di propagazione delle onde di taglio, dato da:

cos z it
u g (z , t ) = U g (z )e it = U gz e (B. 20)
cos L
dove L lo spessore dello strato poggiante su una base rigida (riflettente9) e:


= = (B. 21)
V s 1 + 2 i
*
Vs

Questo moto eccita il palo 1, la cui risposta la soluzione dellequazione:

9 Il moto free-field dello strato Ug/Ugz = cosz/cosL la soluzione particolare ottenuta per
contrasto di rigidezza =0 dalla soluzione per base flessibile (Gerolymos e Gazetas, 2006).
124 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

d IV U 11 (z )
EpI p
dz 4
[
m 2U 11 (z ) + (kx + ic x ) U 11 (z ) U g (z ) = 0 ] (B. 22)

Interazione cinematica: passo 2 (Fig. B. 6e)


In questo caso il campo donda generato dal palo 1 dato dal moto differenziale
u11=u11-ug. Il moto attenuato alla distanza r dato quindi dallespressione:

u s (r , , z , t ) = (r , )u 11 (z , t ) = (r , )( 1)u g (z , t ) (B. 23)


dove ()=U11()/Ug() dato dallespressione:

k x + i c x
( ) = (B. 24)
E p I p + k x + i c x m 2
4

Interazione cinematica: passo 3 (Fig. B. 6f)


Il moto del palo 2 risulta dalla soluzione dellequazione (B. 18) dove il moto in input
dato dalla (B. 23).
Il rapporto tra gli spostamenti nel palo 2 e nel palo 1 fornisce il fattore di interazione dinamica
(cinematica):

U 21 (0 )
21 = = (S , )( 1) (B. 25)
U 11 (0 )

Sottostrutturazione: determinazione dei fattori di interazione verticali


Dobry e Gazetas (1988) forniscono la seguente espressione per il fattore di interazione
verticale nel caso di suolo omogeneo:

W 21 (0 ) r0 S /V iS /V
21 = e e s s
(B. 26)
W11 (0 ) S
ottenuta trascurando linterazione tra terreno e palo ricevente (infatti in essa non
compaiono, come nella (B. 19) le impedenze lungo il palo). Sotto le stesse ipotesi gli
autori forniscono anche unanaloga espressione per il fattore di interazione orizzontale.
Lespressione (B. 26) il punto di partenza per lo sviluppo, in Makris e Gazetas (1991), di
unespressione pi accurata, per suolo non omogeneo e palo assialmente flessibile (ma
sempre trascurando linterazione tra terreno e palo ricevente):
Appendice B: Interazione terreno-struttura 125

r0 1
0 11 (z ,0 )e
L
21 = S /V iS /V
e s
dz s
(B. 27)
S L
dove:

w 11 (z )
11 (z , ) 11 (z ,0 ) =
1 (B. 28)
w 11 (z )dz
L

L
0
il rapporto tra lo spostamento verticale alla quota z e quello medio sulla lunghezza del
palo.
Impedenza dinamica del singolo palo, orizzontale e verticale
I fattori di interazione dinamica trovati sono necessari per determinare il moto che eccita
la struttura e limpedenza dinamica alla base di questultima. Nel calcolo, che si basa in
entrambi i casi sul metodo di sovrapposizione di Poulos, entra naturalmente, oltre ai
fattori di interazione, limpedenza dinamica del singolo palo. Questultima pu essere
determinata, nel caso pi generale di suolo stratificato, con un modello numerico
dellequazione (B. 11), in cui il palo discretizzato con elementi frame e le impedenze per
unit di lunghezza sono trasformate in molle e smorzatori discreti. Ad ogni frequenza, il
rapporto tra la forza armonica applicata e lo spostamento indotto fornisce limpedenza
cercata.
Per il caso semplice di terreno omogeneo (Gs = costante) esiste una soluzione in forma chiusa
per limpedenza del singolo palo (Novak, 1974). Tale soluzione ottenuta modellando il
suolo alla Winkler con una distribuzione continua di molle e smorzatori di caratteristiche
dipendenti dalla frequenza Gs(Sx1(a0)+iSx2(a0)) e Gs(Sz1(a0)+iSz2(a0)), che rappresentano la
soluzione esatta in elastodinamica per limpedenza di uno strato elastico (Baranov, 1967).
Queste impedenze distribuite, mostrate in Fig. B. 7a, sono le stesse semplificate da
Gazetas nelle equazioni (B. 7)-(B. 8) e (B. 9)-(B. 10): kx = GsSx1 e cx = GsSx2/.
La matrice di impedenza dinamica del singolo palo ha la forma (vedi Fig. B. 7b):

k~s ~
xx kxs 0
~s ~ ~
k = kxs ks 0 (B. 29)
0 ~
0 kzzs

dove:

~ EpI p
kxxs = 3 Fxx ( ) (B. 30)
Lp
126 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

~ EpI p
ks = F ( ) (B. 31)
Lp

~ EpI p (B. 32)


kxs = 2 Fx ( )
Lp

~ Ep Ap
kzzs = Fzz ( ) (B. 33)
Lp

dove Lp la lunghezza del palo.

)
=0.4 .2 5)
( =0
(
S x1
S x1

S z1

Sx2 (=0.4)

Sx2 (=0.25)

Sz2

Fig. B. 7 Sopra: impedenza distribuita lungo un palo (adattata da Novak, 1974);


sotto: termini della matrice di impedenza in testa al palo.
Nelle equazioni precedenti i due parametri complessi e sono definiti come:

= 1 + i2 = L p [m 2 (kx + ic x )] E p I p (B. 34)

= 1 + i 2 = L p [m (k
2
z + i c z )] E A
p p (B. 35)
Appendice B: Interazione terreno-struttura 127

Le espressioni delle funzioni Fxx, Fx e F sono fornite da Novak (1974) per il caso di
palo incastrato oppure incernierato in una base rigida. Ai fini della determinazione della
rigidezza globale alla traslazione orizzontale e alla rotazione della fondazione, interessano
~ ~
solamente le rigidezze kxxs e kzzs . Le corrispondenti funzioni sono:

cosh sin + sinh cos


Fxx , fixed ( ) = 3 (B. 36)
cosh cos 1

2 cosh cos
Fxx , pinned ( ) = 3 (B. 37)
cosh sin sinh cos

Fzz ( ) = cot (B. 38)

Novak mostra anche come, normalizzando le funzioni precedenti per la snellezza del palo
(Re(fxx)= Re(Fxx)/(Lp/r0)3) e, per la parte immaginaria, anche per la frequenza
adimensionale a0 (Im(fxx)= Im(Fxx)/(Lp/r0)3/a0), si ottengono dei valori praticamente
indipendenti dalla snellezza e dalle condizioni di vincolo alla base, per i valori usuali di
snellezza e lunghezza dei pali. Novak fornisce inoltre i valori costanti approssimati mostrati in
Tabella B. 1 in funzione del rapporto tra la velocit delle onde di taglio nel terreno e la
velocit delle onde nel calcestruzzo Vc = Ep/p.
Tabella B. 1 Valori costanti approssimati delle funzioni di impedenza del singolo palo (
il coefficiente di Poisson del terreno).
= 0.25 = 0.4
Vs/Vc Re(fxx) Im(fxx) Re(fxx) Im(fxx)
0.01 0.0032 0.0076 0.0036 0.0084
0.02 0.0090 0.0215 0.0100 0.0238
0.03 0.0166 0.0395 0.0185 0.0438
0.04 0.0256 0.0608 0.0284 0.0674
0.05 0.0358 0.0850 0.0397 0.0942

Moto modificato in input alla struttura


Per effetto delle onde di taglio che si propagano verticalmente nascono in sommit al
singolo palo una componente di spostamento orizzontale ed una rotazione. Se questultima
impedita (palo incastrato nel plinto) nasce un momento flettente. La somma dei momenti
flettenti in sommit ai pali induce una rotazione nel plinto. Generalmente, per le
dimensioni usuali dei pali, tale componente delleccitazione alla struttura risulta
128 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

trascurabile rispetto alla componente orizzontale. Nel seguito quindi si fa riferimento solo
a questultima.
Gli spostamenti orizzontali Ui e Uj in testa ai pali i e j dovuti alla propagazione del moto
sismico allinterno della palificata sono diversi, a causa del diverso contributo di
interazione dai pali circostanti:

U i = ij U jj U j = ji U ii (B. 39)
j i

dove ii = jj = 1, e Uii = Ujj = U11 il moto in testa al singolo palo eccitato dalle onde
sismiche per effetto dellinterazione con il suolo.
Nellipotesi di plinto rigido deve risultare Ui = Uj =U. Perch questo avvenga devono
nascere delle forze in testa ai pali che ristabiliscano la compatibilit. Tali forze, che
devono essere auto-equilibrate:

Fi =0 (B. 40)
i

~ ~
producono spostamenti diretti Fi/ kxxs e ji Fi/ kxxs per effetto dellinterazione.
Lo spostamento orizzontale del plinto sar quindi dato dallespressione:

F F
U k = U j = ji ~si + ji U ii = ji ~si + U 11 ji (B. 41)
i kxx i i kxx i

che pu essere riscritta come:

Uk F
ji ~s i = ji (B. 42)
U 11 i kxx U 11 i

Questa equazione, scritta per gli n pali, insieme allequazione di equilibrio (B. 40),
formano un sistema di equazioni lineari nelle incognite Uk/U11 (moto in sommit) e
~
Fi/ kxxs U11 con i=1,,n (forze), che si pu scrivere in forma matriciale:

1 n1 nn U k U 11 nn 1 n1
=
0
11 (
~
)
1 1n F kxxs U 11 0 11
(B. 43)

Impedenza dinamica della fondazione


Si vogliono determinare le impedenze dinamiche della sistema fondazione-terreno
secondo la componente di spostamento orizzontale e di rotazione.
Appendice B: Interazione terreno-struttura 129

Per quanto riguarda la prima, nellipotesi di plinto rigido, lo spostamento in testa a


ciascun palo uguale a quello del plinto che pu essere espresso come:

F
U = ji ~si (B. 44)
i kxx
Le forze di inerzia in testa ai pali sommano alla forza totale applicata al plinto FG:

Fi = FG (B. 45)
i

Lequazione (B. 41), scritta per gli n pali, insieme allequazione di equilibrio (B. 45),
~
formano un sistema di equazioni lineari nelle incognite U (moto in sommit) e Fi/ kxxs
con i=1,,n (forze), che si pu scrivere in forma matriciale:

1 n1 nn U 0 n1
0 ~ = (B. 46)
kxx 1 1n F kxxs F1G1
~s
11
nella quale a FG pu essere assegnato un valore arbitrario. Risolto il sistema possibile
calcolare limpedenza globale allo spostamento orizzontale come:

~ FG (B. 47)
kxG =
U
Per quanto riguarda limpedenza alla rotazione, nellipotesi di plinto rigido, lo
spostamento verticale in testa al palo i a distanza xi dallorigine del riferimento pu essere
espresso come:

Fzi
Wi = W + x i = zji ~s (B. 48)
i kzz

dove W e sono lo spostamento verticale e la rotazione del plinto.


Le forze verticali in testa a ciascun palo devono soddisfare lequilibrio alla rotazione e
quello alla traslazione verticale:

Fzi x i = MG (B. 49)


i

Fzi =0 (B. 50)


i
130 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

Poich normalmente il riferimento della fondazione coincide con il baricentro della


stessa, lo spostamento verticale W nullo e lequilibrio (B. 50) soddisfatto. Rimane
pertanto il sistema:

x z 0
~s ~s = G
0 k (B. 51)
zz x Fz kzz M
Nel quale a MG si pu assegnare un valore arbitrario. Limpedenza cercata vale:

~ MG (B. 52)
kG =

Appendice B: Interazione terreno-struttura 131

B.2.3 Fondazioni a pozzo


Come notato in precedenza, la caratteristica principale di una fondazione a pozzo la sua
capacit di modificare in maniera sensibile il moto in input alla struttura, rispetto al moto
in campo libero, in particolare per la comparsa di componenti di rotazione
potenzialmente rilevanti.
La matrice di impedenza disponibile nellipotesi di pozzo rigido e terreno omogeneo
come soluzione del problema elastodinamico (Gazetas, 1991). Riferita alla base del pozzo
(invece che alla sua sommit) essa data dallespressione10:

K~ ~
~ K HM
K emb ( ) = ~HH ~ (B. 53)
K HM K MM

Tale impedenza da sola non permette di valutare leffetto dellinterazione sulla risposta
della struttura. Per consentire lanalisi dellinterazione cinematica, Gerolymos e Gazetas
(2006a) hanno proposto di schematizzare il terreno intorno al pozzo mediante molle e
smorzatori distribuiti lungo laltezza del pozzo e alla sua base. Le caratteristiche di tali
elementi vengono determinate in modo da approssimare limpedenza in (B. 53).
La Fig. B. 8a mostra la configurazione deformata di un pozzo di fondazione con
evidenziate le reazioni del suolo, lungo il fusto e alla base. La Fig. B. 8b mostra la
corrispondente schematizzazione alla Winkler in (Gerolymos e Gazetas, 2006a), con i
~ ~
quattro funzioni di impedenza dinamica, alla traslazione kx e rotazione k lungo il fusto,
~ ~ ~ ~ ~
e concentrate per traslazione K h e rotazione K r alla base. Le impedenze k , K h e K r
costituiscono unimportante differenza qualitativa con il caso dei pali, nei quali questi
contributi, per le proporzioni geometriche, risultano trascurabili.
Scrivendo lequilibrio alla traslazione e alla rotazione:
d~ ~
mu&&c + 0 kx (z )u (z , t )dz + K h u (0, t ) = Q 0 (t ) (B. 54)

D d~ (B. 55)
J c &&c (t ) + m u&&c (t ) + 0 kx (z )u (z , t )zdz + L
2
d~ ~
+ 0 k (z ) c (t )dz + K r c (t ) = M 0 (t ) + DQ 0 (t )

si ricava la matrice di impedenza riferita alla base:

10 Per lanalisi della struttura in elevazione serve la matrice di impedenza riferita alla sommit del
~
pozzo K T ( ) . Questa si ricava a partire dalla (B. 53) mediante un semplice cambiamento di
riferimento.
132 Valutazione e consolidamento dei ponti esistenti

~ ~ ~
kx d 2
~ K h + kx d
K B ( ) = ~ 2 2
~ 3 (B. 56)
kx d kd
K r + k d + x
~ ~
2 3

Fig. B. 8 (a) Cassone e reazioni del terreno (b) schematizzazione alla Winkler.
~ ~
Le impedenze k x , k si determinano imponendo luguaglianza dei termini sulla diagonale
della (B. 56) e della (B. 53), e verificando che ne risulti una ragionevole somiglianza per i
termini fuori diagonale:
~ ~ ~
K h + kx d = K HH (B. 57)

~
~ ~ k d3 ~
K r + k d + x = K MM (B. 58)
3
Imponendo le (B. 57)(B. 58) separatamente per la parte reale e immaginaria si ottengono,
rispettivamente, kx, k e cx, c.
I risultati di questa operazione, svolta per un certo numero di rapporti di forma d/B,
forniscono espressioni analitiche approssimate delle rigidezze. Ad esempio per un
cassone circolare si ha:

kx 1.75 Es (d / B )0.13 (B. 59)

k 0.85Es d 2 (d / B )1.71 (B. 60)


Appendice B: Interazione terreno-struttura 133

E interessante notare che per cassoni molto snelli (d/B>10), le relazioni precedenti
forniscono kx 1.2 Es e k 0 , coerenti con le corrispondenti espressioni per un palo
(vedi equazione (B. 7)).
Nel caso di eccitazione sismica (onde di taglio a propagazione verticale), le equazioni di
equilibrio per i due gradi di libert del cassone rigido si scrivono (vedi Fig. B. 9):
d~
[ ] ~
[ ]
mu&&c + 0 kx (z ) u (z , t ) u ff (z , t ) dz + K h u (0, t ) u ff (0, t ) = 0 (B. 61)

D
J c&&c (t ) + m
2
d~
[ ]
u&&c (t ) + 0 kx (z ) u (z , t ) u ff (z , t ) zdz + L
(B. 62)

d~
[ ] ~
[ ]
+ 0 k (z ) c (t ) u ff (z , t ) dz + K r c (t ) u ff (0, t ) = 0

dove il moto del terreno descritto dalle (B. 20)e (B. 21). La soluzione delle equazioni (B.
61) e (B. 62) fornisce il moto in superficie da applicare alla struttura.

Fig. B. 9 Modellazione, fondazioni a cassone: interazione cinematica.