Sei sulla pagina 1di 238

COLLANA DI MANUALI

DI PROGETTAZIONE ANTISISMICA
VOLUME 5

VALUTAZIONE DI EDIFICI ESISTENTI IN


CEMENTO ARMATO

G. Manfredi, A. Masi, R. Pinho, G. M. Verderame, M. Vona


Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo
elettronico, meccanico o altro senza l’autorizzazione scritta dei proprietari dei diritti e dell’editore.

No parts of this publication may be copied or transmitted in any shape or form, and by any type of electronic,
mechanical or different means, without the prior written permission of the copyright holder and the publisher.

©Copyright 2007 - IUSS Press

prodotto e distribuito da:


produced and distributed by:

Fondazione EUCENTRE
Via Ferrata 1 - 27100 Pavia, Italy
Tel.: (+39) 0382.516911 - fax: (+39) 0382.529131
Email: info@iusspress.it - web: www.iusspress.it

ISBN: 978-88-6198-013-6
INDICE
Premessa............................................................................................................................................1
Capitolo 1 : Stati limite e criteri di verifica...................................................................................5
1.1 Gli stati limite .......................................................................................................................5
1.2 Criteri di verifica degli elementi strutturali.......................................................................6
1.3 Valutazione degli effetti dell’azione sismica sugli elementi strutturali.........................9
1.4 Valutazione delle capacità degli elementi strutturali.......................................................9
1.5 I criteri di verifica per ciascuno stato limite...................................................................10
Capitolo 2 : Le informazioni necessarie per la valutazione.....................................................11
2.1 I dati richiesti ......................................................................................................................12
2.2 I livelli di conoscenza ........................................................................................................13
2.3 La geometria dell’edificio..................................................................................................15
2.4 I dettagli costruttivi............................................................................................................16
2.5 Le proprietà dei materiali..................................................................................................17
Capitolo 3 : L’individuazione delle caratteristiche della struttura e dei dettagli costruttivi 19
3.1 Il programma delle indagini..............................................................................................19
3.2 Gli elaborati di progetto disponibili................................................................................21
3.3 La campagna di rilievo ......................................................................................................23
3.4 Saggi e prove per individuare dimensioni e dettagli costruttivi ..................................26
3.4.1 Individuazione delle armature e dei dettagli costruttivi .....................................27
3.5 Il progetto simulato ...........................................................................................................28
3.5.1 Le principali fonti normative delle costruzioni in c.a. ........................................32
3.5.2 La manualistica di uso comune ..............................................................................36
3.5.2.1 Solai................................................................................................................36
3.5.2.2 Travi...............................................................................................................36
3.5.2.3 Pilastri ............................................................................................................37
3.5.2.4 Scale ...............................................................................................................39
3.5.3 Le consuetudini progettuali e costruttive .............................................................39
3.5.3.1 Caratteristiche globali..................................................................................39
3.5.3.2 Caratteristiche locali ....................................................................................41
3.5.3.3 Carenze progettuali ed esecutive ...............................................................42
Capitolo 4 : La determinazione delle proprieta’ dei materiali .................................................45
4.1 Le indagini sul calcestruzzo..............................................................................................46
4.1.1 Il carotaggio...............................................................................................................49
4.1.2 I metodi non distruttivi ...........................................................................................50
4.1.2.1 Le prove sclerometriche .............................................................................50
4.1.2.2 Le prove ultrasoniche..................................................................................52
4.1.2.3 Il metodo Sonreb.........................................................................................56
4.1.3 Elaborazione dei risultati delle prove sul calcestruzzo.......................................57
4.1.3.1 Stima della resistenza basata sui carotaggi ...............................................58
4.1.3.2 Stima della resistenza basata su carotaggi ed indagini non distruttive.58
4.1.3.3 Esempi applicativi........................................................................................59
II Valutazione di edifici esistenti in C.A.

4.1.4 Misura della profondità di carbonatazione...........................................................62


4.2 Le prove sulle armature ....................................................................................................63
Capitolo 5 : La valutazione della sicurezza ................................................................................65
5.1 Livelli di protezione antisismica e fattori di importanza .............................................65
5.2 Azione sismica....................................................................................................................66
5.3 Combinazione delle componenti dell’azione sismica...................................................67
5.4 I metodi di analisi strutturale ...........................................................................................69
5.5 La modellazione non lineare della struttura...................................................................70
5.5.1 Modellazione della geometria.................................................................................71
5.5.1.1 Grandi spostamenti e rotazioni .................................................................72
5.5.1.2 Effetti del secondo ordine..........................................................................73
5.5.1.3 Effetto trave-colonna..................................................................................74
5.5.2 Modellazione dei materiali ......................................................................................76
5.5.2.1 Modellazione a plasticità concentrata.......................................................76
5.5.2.2 Modellazione a plasticità diffusa ...............................................................77
5.5.3 Applicazione incrementale dei carichi orizzontali in un’analisi pushover.......79
5.6 La scelta del fattore di struttura.......................................................................................80
5.7 La scelta delle resistenze di calcolo .................................................................................82
Capitolo 6 : I metodi di analisi e le condizioni di applicabilità...............................................85
6.1 Analisi statica lineare .........................................................................................................85
6.1.1 Condizioni di applicabilità ......................................................................................85
6.1.2 Basi della procedura.................................................................................................86
6.1.3 Determinazione delle sollecitazioni e deformazioni...........................................86
6.2 Analisi dinamica lineare ....................................................................................................86
6.2.1 Condizioni di applicabilità ......................................................................................86
6.2.2 Basi della procedura.................................................................................................86
6.2.3 Determinazione delle sollecitazioni e deformazioni...........................................87
6.3 Analisi statica non lineare .................................................................................................87
6.3.1 Condizioni di applicabilità ......................................................................................87
6.3.2 Basi della procedura.................................................................................................87
6.3.3 Determinazione delle sollecitazioni e deformazioni...........................................88
6.3.4 L’effetto dell’irregolarità in pianta ed in elevazione............................................91
6.4 Analisi dinamica non lineare ............................................................................................92
6.4.1 Aspetti generali .........................................................................................................92
6.4.2 Scelta degli accelerogrammi....................................................................................93
6.4.3 Determinazione delle sollecitazioni e deformazioni...........................................94
Capitolo 7 : Verifiche di sicurezza ..............................................................................................95
7.1 Analisi lineare .....................................................................................................................95
7.1.1 Determinazione delle azioni di progetto ..............................................................95
7.1.1.1 Analisi con spettro elastico ........................................................................96
7.1.1.2 Analisi con spettro elastico ridotto ...........................................................97
7.1.2 Valutazione delle capacità .......................................................................................97
Indice III

7.1.2.1 Analisi con spettro elastico ........................................................................97


7.1.2.2 Analisi con spettro elastico ridotto ...........................................................98
7.2 Analisi statica non lineare .................................................................................................99
7.2.1 Determinazione delle azioni di progetto ..............................................................99
7.2.2 Valutazione delle capacità .....................................................................................100
7.2.3 Sintesi dei criteri di analisi e di verifica della sicurezza.....................................101
7.2.4 Modelli di capacità..................................................................................................102
7.2.4.1 Elementi/meccanismi duttili (travi, pilastri, pareti)..............................102
7.2.4.2 Elementi/meccanismi fragili (travi, pilastri) ..........................................105
7.2.4.3 Elementi fragili (nodi trave/pilastro)......................................................106
Capitolo 8 : Gli esempi applicativi ............................................................................................109
8.1 Un esempio di progettazione simulata .........................................................................109
8.1.1 Informazioni generali sull’edificio, individuazione dell’organismo strutturale
....................................................................................................................................109
8.1.2 Analisi dei carichi....................................................................................................110
8.1.3 Progetto delle armature e definizione dei dettagli costruttivi..........................111
8.1.3.1 Dettagli costruttivi dedotti dalle verifiche in situ..................................112
8.1.3.2 Progetto delle armature del solaio...........................................................113
8.1.3.3 Progetto delle armature delle travi ..........................................................115
8.1.3.4 Progetto delle armature dei pilastri .........................................................117
8.2 Valutazione basata su modello a plasticità concentrata .............................................119
8.2.1 Introduzione............................................................................................................119
8.2.2 Individuazione della zona sismica........................................................................119
8.2.3 Documenti normativi di riferimento...................................................................119
8.2.4 Valutazione della sicurezza ...................................................................................120
8.2.5 Descrizione dell’edificio ........................................................................................120
8.2.6 Dati necessari alla valutazione..............................................................................123
8.2.7 Azione sismica ........................................................................................................127
8.2.8 Determinazione dello spettro di progetto ..........................................................129
8.2.8.1 Analisi lineare .............................................................................................129
8.2.8.2 Analisi statica non lineare .........................................................................130
8.2.9 Combinazione dell’azione sismica con le altre azioni.......................................131
8.2.10 Combinazione delle componenti dell’azione sismica .....................................132
8.2.11 Valutazione dei carichi gravitazionali................................................................133
8.2.11.1 Calcolo dei carichi unitari.......................................................................133
8.2.12 Carichi agenti sulle travi ......................................................................................134
8.2.13 Carichi agenti sulla scala......................................................................................135
8.2.14 Calcolo dei pesi sismici........................................................................................136
8.2.14.1 Calcolo delle masse sismiche .................................................................138
8.2.15 Modellazione della struttura e regolarità...........................................................138
8.2.15.1 Verifica di regolarità in pianta................................................................139
8.2.15.2 Verifica di regolarità in elevazione........................................................140
8.2.16 Proprietà dinamiche dell’edificio .......................................................................141
IV Valutazione di edifici esistenti in C.A.

8.2.17 Metodi di analisi ...................................................................................................142


8.2.18 Analisi dinamica lineare senza utilizzo del fattore q.......................................143
8.2.18.1 Generalità..................................................................................................143
8.2.18.2 Condizioni di applicabilità......................................................................145
8.2.18.3 Classificazione degli elementi ................................................................145
8.2.18.4 Valutazione dei rapporti ρ ....................................................................148
8.2.19 Analisi dinamica lineare con utilizzo del fattore q ..........................................151
8.2.19.1 Valutazione delle sollecitazioni sismiche .............................................152
8.2.19.2 Verifiche di resistenza flessionale degli elementi................................152
8.2.19.3 Verifiche di resistenza tagliante degli elementi ...................................154
8.2.20 Analisi statica non lineare ...................................................................................157
8.2.20.1 La modellazione non lineare..................................................................158
8.2.20.2 Determinazione di un legame forza-spostamento generalizzato .....160
8.2.20.3 Sistema bilineare equivalente .................................................................163
8.2.20.4 Valutazione richiesta di spostamento...................................................166
8.2.20.5 La valutazione della capacità deformativa ...........................................167
8.2.20.6 Verifiche di sicurezza ..............................................................................169
8.2.20.7 Verifiche degli elementi: SL-DL ...........................................................170
8.2.20.8 Verifiche degli elementi/meccanismi duttili: SL-DS .........................173
8.2.20.9 Verifiche degli elementi/meccanismi fragili: SL-DS..........................175
8.2.20.10 Verifiche dei nodi trave-colonna ........................................................179
8.3 Valutazione basata su modello plasticità diffusa.........................................................182
8.3.1 Altri documenti di riferimento.............................................................................182
8.3.2 Descrizione dell’edificio ........................................................................................182
8.3.3 Azione sismica ........................................................................................................187
8.3.3.1 Zona sismica di appartenenza..................................................................187
8.3.3.2 Categoria di suolo di fondazione e definizione di VS,30 ....................188
8.3.3.3 Fattori di amplificazione stratigrafica e topografica.............................189
8.3.3.4 Fattore di importanza dell’opera .............................................................189
8.3.3.5 Definizione dell’azione sismica ...............................................................189
8.3.4 Carichi e masse per la verifica sismica ................................................................190
8.3.5 Modellazione della struttura .................................................................................191
8.3.5.1 Caratterizzazione dei materiali.................................................................192
8.3.5.2 Rappresentazione degli elementi strutturali verticali............................193
8.3.5.3 Rappresentazione degli elementi orizzontali .........................................193
8.3.5.4 Fondazioni ..................................................................................................196
8.3.5.5 Masse ...........................................................................................................197
8.3.5.6 Breve verifica del modello numerico......................................................197
8.3.6 Analisi sismica.........................................................................................................199
8.3.6.1 Analisi statica lineare .................................................................................199
8.3.6.2 Analisi dinamica lineare ............................................................................200
8.3.6.3 Analisi statica non lineare.........................................................................205
8.3.7 Verifiche di sicurezza.............................................................................................211
Indice V

8.3.7.1 Verifica dei meccanismi duttili.................................................................212


8.3.7.2 Verifica dei meccanismi fragili: taglio in travi, pilastri e pareti ...........217
8.3.7.3 Verifica dei meccanismi fragili: nodi trave-colonna .............................223
Riferimenti bibliografici ...........................................................................................................225
PREMESSA
Il rischio sismico in Italia è un problema di dimensioni molto rilevanti e solo nell’ultimo
secolo abbiamo avuto 120.000 vittime per terremoti e danni economici pesantissimi:
145.000 miliardi soltanto negli ultimi 25 anni per la riparazione e la ricostruzione post-
sismica. Il costo dei terremoti è soprattutto un costo sociale, proporzionale al livello di
vita raggiunto dalla popolazione, che si trasforma quindi in un rigetto della comunità
nazionale ad accettare fatalisticamente che il terremoto generi periodicamente vittime ed
impoverimento. L’Italia è, comunque, un paese caratterizzato da una pericolosità sismica
(ovvero la frequenza e l’intensità dei fenomeni che si susseguono) medio-alta, rispetto a
Grecia o Turchia, con riferimento al solo Bacino del Mediterraneo; ma possiede una
vulnerabilità molto elevata. Il nostro patrimonio edilizio è, infatti, caratterizzato da una
notevole fragilità dovuta soprattutto all’età e alle caratteristiche tipologiche e strutturali.
La problematica della sicurezza strutturale delle strutture esistenti va affrontata, innanzi
tutto, individuando le motivazioni tecniche e sociali che rendono un gran numero di
edifici potenzialmente a rischio. In Italia la qualità delle costruzioni, specie quelle
realizzate negli ultimi cinquant’anni, è di basso livello rispetto a quelle coeve di altre
Nazioni europee. Questa situazione è dovuta, in primo luogo, all’abusivismo edilizio, che
ha prodotto costruzioni realizzate con criteri progettuali insufficienti e materiali scadenti.
Al problema dell’edilizia spontanea e della speculazione edilizia, si aggiunge anche la
scarsa diffusione della cultura della qualità che pervade il mondo italiano delle costruzioni.
Per meglio comprendere la dimensione del problema si può far riferimento ad una analisi
di qualche anno fa del CENSIS riportata nel capitolo “Territorio e reti” del rapporto
annuale 1999. Lo studio ha individuato due categorie principali di vulnerabilità fisica degli
edifici esistenti: degrado per vetustà e degrado per ragioni costruttive; la prima connessa
al periodo di costruzione, la seconda alle modalità di costruzione. Si è accertata l’esistenza
di 3.575.000 abitazioni da considerare a rischio statico: di queste il 36,5% per ragioni
d’anzianità (il 21.5% è costituito da edifici in c.a. con più di 40 anni di vita), ed il 63,5%
per cause tecniche, di cui il 19% sono edifici costruiti durante il boom edilizio ed il 44.5%
sono edifici abusivi.
Il raggiungimento dei 40 anni di servizio, cui sopra si è fatto riferimento per le strutture in
cemento armato, rappresenta il superamento di una soglia, al di sopra della quale si
rendono necessari controlli e interventi stringenti ed impegnativi sia dal punto di vista
tecnico che economico. Gran parte degli edifici in Italia sono stati costruiti nel
dopoguerra; fino agli anni ‘80 il patrimonio ad alta vetustà rappresentava il 25% del totale,
dopo vent’anni l’incidenza supera il 35% ed è destinata ad aumentare. I rischi di bassa
qualità tecnica degli edifici e di scarse verifiche progettuali sono dovuti al rapido processo
di edificazione. Nel 1951 il patrimonio edilizio era costituito da 10,7 milioni di abitazioni,
divenute 19,7 milioni nel 1991, mentre dal 1991 al 1998 sono stati realizzati solo altri 2
milioni di alloggi. Una quota di possibile rischio va quindi attribuita al boom edilizio della
fine degli anni Sessanta ed, in genere, alla rapida ed poco controllata urbanizzazione di
quell’epoca.
2 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

In questo discorso generale sulla situazione del patrimonio edilizio nazionale, non si deve
dimenticare che larga parte del territorio è a rischio sismico, ma solo una minoranza degli
edifici in tali aree è stato progettato utilizzando criteri antisismici.
Infatti, la nuova classificazione sismica presente nell’Allegato 1 dell’Ordinanza del
Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274, concernente le “Norme tecniche per il
progetto, la valutazione e l’adeguamento sismico degli edifici”, pubblicata sulla Gazzetta
Ufficiale il 20 Marzo 2003 (nel seguito semplicemente “OPCM” oppure “Ordinanza”) fa
si che il numero di comuni classificati come sismici in zona 1, 2 e 3 sale da 2965 (pari al
37% dei comuni italiani) del 2001 a 4671 (pari al 58% dei comuni italiani), ampliando
particolarmente le zone a sismicità più bassa; inoltre l’introduzione di una zona 4 a
bassissima sismicità estende a tutto il territorio nazionale l’obbligo di applicare principi
generali di design antisismici. Ad oggi, con riferimento al Censimento della popolazione e
delle abitazioni effettuato dall’ISTAT nel 1991, solo il 14% del patrimonio edilizio
nazionale risulta essere realizzato utilizzando criteri di progettazione antisismici. Inoltre le
costruzioni più vecchie in zona sismica sono state costruite con norme di vecchia
generazione, non in grado di garantire la sicurezza che si ottiene applicando le attuali
Norme Tecniche, e comunque hanno subito estesi processi di deterioramento dovuto al
degrado dei materiali.
Il censimento ISTAT 2001 non è ancora disponibile nel dettaglio necessario per valutare
la modifica prodotta dagli oltre 10 anni trascorsi; tuttavia le percentuali non dovrebbero
variare di molto, visto che il trend di nuove costruzioni negli ultimi anni è decrescente.
In particolare, il patrimonio edilizio in cemento armato, realizzato in gran parte negli anni
60 e 70, già nel 1991 rappresentava oltre il 50% del patrimonio edilizio ad uso abitativo.
Circa la metà di tale patrimonio era stato costruito prima del 1971, anno in cui le Norme
Tecniche specifiche per le zone sismiche previste dalla Legge 64/74 non erano ancora
state emesse e si utilizzava la Legge 1684 del 1962, che, quando veniva applicata, non
dava sostanzialmente indicazioni specifiche sui dettagli costruttivi o requisiti di regolarità
atti a garantire un buon comportamento antisismico.
La consapevolezza dell’importanza di intervenire sul costruito al fine di renderlo più
sicuro è presente nel capitolo 11 dell’Allegato 2 dell’OPCM (e sue successive modifiche),
dove vengono descritte in modo relativamente dettagliato procedure per la valutazione e
adeguamento sismico di strutture esistenti.

Il processo di valutazione ed adeguamento degli edifici esistenti in cemento armato può


essere articolato in 5 fasi:
• La conoscenza della struttura in termini di geometria, caratteristiche dei materiali
strutturali e delle loro condizioni di conservazione.
• La definizione delle prestazioni richieste in termini di pericolosità sismica del sito
e livello di protezione sismica accettato.
• La valutazione della struttura esistente che richiede modelli di calcolo e metodi di
analisi e verifica che siano compatibili con il comportamento sismico delle
strutture esistenti progettate in assenza di specifiche normative.
Premessa 3

• Il progetto di adeguamento o miglioramento sismico della struttura in funzione


dei vincoli esistenti e delle prestazioni richieste.
• La valutazione della struttura adeguata.

Nel presente volume si è quindi preso in esame il capitolo 11 dell’Allegato 2 dell’OPCM,


con riferimento alle prime 3 fasi del processo logico sopra descritto che rappresentano
nel complesso la valutazione della capacità sismica della struttura.
Nel 1° capitolo sono trattati i criteri generali di verifica e progetto da applicare. La fase
della conoscenza è trattata nei capitoli 2, 3 e 4 con riferimento sia alla descrizione delle
informazioni necessarie alla valutazione sia ai metodi di acquisizione delle medesime. Nei
capitoli 5, 6 e 7 è trattata la fase della valutazione della capacità sismica in termini di
metodi e modelli. Estesi esempi applicativi sono descritti nel capitolo 8 che conclude il
volume.

Ringraziamenti
Un valido ed insostituibile aiuto nella preparazione di questa monografia è stato fornito
da Lorenza Petrini, che ha contribuito in modo importante alla redazione dei capitoli 5 e
6 (quest’ultimo ha beneficiato anche dal contributo di Paolo Zorzoli).
Il contributo di Vassilis Mpampatsikos, Roberto Nascimbene, Carlo Lai, Marta Faravelli,
in aggiunta a quello di Lorenza Petrini, nella preparazione dell’esempio applicativo
descritto nel paragrafo 8.3 è anche riconosciuto. Si nota anche come l’inclusione di
quest’ultimo sia stata possibile grazie al permesso ricevuto dall’arch. Maurizio Ferrini,
dirigente responsabile per il Servizio Sismico Regionale della Regione Toscana.
Si ringrazia, inoltre, l’ing. Cristiano Mariniello per il valido contributo fornito alla
preparazione dell’esempio applicativo descritto nel paragrafo 8.2.
CAPITOLO 1: STATI LIMITE E CRITERI DI VERIFICA
Per stato limite si intende una condizione raggiunta la quale la struttura o una sua parte
non è più in grado di svolgere determinate funzioni o di soddisfare determinate esigenze
di comportamento. Indicate con S la sollecitazione e con R la capacità, il metodo semi-
probabilistico agli stati limite consente di valutare se e con quale probabilità, in tutte le
situazioni che possono manifestarsi nei vari stati limite considerati, risulta R ≥ S. R ed S
sono entrambe variabili aleatorie e, come tali, i valori da utilizzare in sede di verifica si
ricavano in base a considerazioni razionali di natura probabilistica, come descritto al
Manuale 1 “Criteri di Progettazione Antisismica degli Edifici”, nel seguito indicato come
“Manuale 1”.

1.1 GLI STATI LIMITE


La valutazione della sicurezza degli edifici esistenti richiede in generale la considerazione
di uno stato limite aggiuntivo rispetto a quelli di nuova progettazione, in quanto essi di
regola non soddisfano né i principi di gerarchia delle resistenze né posseggono adeguata
duttilità, motivo per il quale quando sottoposti alle sollecitazioni indotte da terremoti di
elevata intensità, possono, al contrario degli edifici di nuova progettazione, non essere più
in grado di assicurare la salvaguardia della vita umana.
I requisiti di sicurezza definiti fanno pertanto riferimento allo stato di danneggiamento
della struttura definito nell’Ordinanza mediante i seguenti tre Stati Limite (SL):

SL di Collasso (CO): la struttura è fortemente danneggiata, con ridotte caratteristiche di


resistenza e rigidezza laterali residue, appena in grado di sostenere i carichi verticali. La
maggior parte degli elementi non strutturali sono distrutti. L’edificio presenta un fuori
piombo significativo e non sarebbe in grado di subire senza collassi ulteriori, anche
modeste accelerazioni al suolo.

SL di Danno Severo (DS): la struttura presenta danni importanti, con significative


riduzioni di resistenza e rigidezza laterali. Gli elementi non strutturali sono danneggiati
ma senza espulsione di tramezzi e tamponature. Data la presenza di deformazioni residue
la riparazione dell’edificio risulta in genere economicamente non conveniente.

SL di Danno Limitato (DL): i danni alla struttura sono di modesta entità senza
significative escursioni in campo plastico. Resistenza e rigidezza degli elementi portanti
non sono compromesse e non sono necessarie riparazioni. Gli elementi non strutturali
presentano fessurazioni diffuse suscettibili di riparazioni di modesto impegno economico.
Le deformazioni residue sono trascurabili.
6 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Gli SL di DS e di DL corrispondono agli stati limite SLU e SLD definiti per gli edifici di
nuova costruzione, quindi da verificare, rispettivamente, per azioni sismiche che hanno
un periodo di ritorno di 475 anni (ovvero 10% di probabilità di superamento in 50 anni) e
di 95 anni (ovvero 50% di probabilità di superamento in 50 anni).
Lo SL di CO corrisponde ad un’azione di progetto più elevata, caratterizzata da una più
bassa probabilità di superamento, non superiore al 2% in 50 anni; tale verifica
nell’Ordinanza può essere eseguita in alternativa a quella di DS (§ 11.2.1 dell’OPCM).

1.2 CRITERI DI VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI


Nella progettazione di edifici nuovi, il rispetto delle regole di costruzione fondate sul
principio di gerarchia delle resistenze consente una suddivisione preventiva tra elementi
duttili (tipicamente le travi, nel caso di edifici intelaiati in C.A), dimensionati per
sviluppare cerniere plastiche atte alla dissipazione dell’energia sismica, ed elementi
caratterizzati da bassa duttilità locale (tipicamente le colonne, nel caso di edifici intelaiati
in C.A), dimensionati per rimanere in campo elastico. Al contrario, per ciò che concerne
la verifica degli edifici esistenti, una simile distinzione preventiva degli elementi è priva di
senso, in quanto, di regola, essi non soddisfano i principi di gerarchia delle resistenze e,
pertanto, non è possibile stabilire a priori dove si avranno le maggiori richieste in termini
di deformazione flessionale e dove in termini di azione tagliante.
Ai fini delle verifiche di sicurezza gli elementi strutturali vengono quindi distinti in
elementi/meccanismi “duttili” e “fragili”. Questa distinzione risulta necessaria stante il
diverso comportamento strutturale e le differenti modalità di crisi che gli stessi
presentano.
Un elemento caratterizzato da un meccanismo duttile esibisce un comportamento
prevalentemente flessionale, definito da una elevata capacità deformativa in campo
plastico e da una crisi raggiunta per attingimento di una deformazione (rotazione) limite.
Un elemento caratterizzato da un meccanismo fragile esibisce, generalmente, un
comportamento prevalentemente tagliante, definito da una scarsa capacità deformativa e
da una crisi raggiunta per attingimento di una resistenza limite.
Al fine di indagare il diverso comportamento sperimentale di un elemento caratterizzato
da un meccanismo duttile anziché fragile si analizza, di seguito, la risposta strutturale di
una mensola in c.a., di luce Lv sottoposta ad uno sforzo assiale N (supposto costante) e
soggetta ad uno spostamento dell’estremo libero via via crescente, vedi Figura 1.2.1. Il
comportamento strutturale è espresso in termini di legame taglio (V) – rotazione rigida
(θ=∆/Lv).
Nel caso di elemento caratterizzato da un meccanismo duttile, la risposta strutturale è
definita: (1) da una fase elastico-lineare sino alla formazione della prima fessura, Vcr; (2)
da una fase fessurata durante la quale si registra la formazione/apertura di ulteriori fessure
(Vcr≤V≤Vy); (3) da una fase post-elastica, snervamento, definita da una notevole
diminuzione di rigidezza con conseguente aumento di deformabilità dell’elemento,
(Vy≤V≤Vu); (4) da un picco di resistenza con conseguente fase di softening, caratterizzata
da una diminuzione di capacità resistente e da una elevata capacità deformativa; (5)
Capitolo 1. Stati limite e criteri di verifica 7

dall’attingimento di uno spostamento ultimo, che può essere convenzionalmente valutato


in corrispondenza di un prefissato decremento della resistenza massima. La risposta
strutturale è governata da un comportamento prevalentemente flessionale.

Figura 1.2.1 Tipologia di meccanismo: (a) generico elemento in c.a.; (b) risposta
di un elemento/meccanismo duttile, (c) risposta di un elemento/meccanismo
fragile

Figura 1.2.2 Definizione di elemento/meccanismo: (a) duttile, (b) fragile

Per contro, la risposta strutturale di un elemento caratterizzato da un meccanismo fragile


è definita dalla assenza o dalla limitata presenza di una fase post-elastica, in relazione al
livello di interazione presente tra il comportamento flessionale e quello tagliante; in ogni
caso, il comportamento strutturale registra una scarsa capacità deformativa.
Pertanto, indicando con Vu,flex l’azione tagliante valutata a partire dalla resistenza
flessionale (meccanismo duttile) e con Vu,shear la resistenza a taglio (meccanismo fragile)
dell’elemento, è possibile definire il meccanismo atteso dal confronto diretto (interazione)
dei due termini, così come riportato in Figura 1.2.2.

• Elemento/meccanismo duttile, se l’azione tagliante valutata a partire dalla resistenza


flessionale, Vu,flex, risulta minore della resistenza a taglio, Vu,shear, l’elemento strutturale
è caratterizzato da un meccanismo “duttile”.
8 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

• Elemento/meccanismo fragile, se l’azione tagliante valutata a partire dalla resistenza


flessionale, Vu,flex, risulta maggiore della resistenza a taglio, Vu,shear, l’elemento
strutturale è caratterizzato da un meccanismo “fragile”.

La distinzione degli elementi/meccanismi in duttile e fragile si traduce, di conseguenza, in


una diversa valutazione degli effetti e delle capacità sismiche, per le due tipologie di
elemento e quindi in una diversa formalizzazione della verifica.
La verifica degli elementi “duttili”, viene eseguita confrontando gli effetti indotti dalle
azioni sismiche, espressi in termini di deformazioni, con le rispettive capacità espresse in
termini di limiti di deformabilità.
La verifica degli elementi “fragili” viene eseguita confrontando gli effetti indotti dalle
azioni sismiche, espresse in termini di forze, con le rispettive capacità espresse in termini
di resistenze.

In generale, è consentito effettuare la verifica di sicurezza degli edifici esistenti mediante


due distinte metodologie, di seguito riportate.

Verifica con lo spettro elastico. La verifica di sicurezza viene eseguita con riferimento
all’azione sismica valutata dallo spettro elastico (non ridotto) relativo alla zona sismica in
esame e con riferimento allo stato limite (SL) analizzato.
In tal caso:
− la verifica degli elementi “duttili” viene eseguita confrontando gli effetti indotti
dalle azioni sismiche in termini di deformazioni con le rispettive capacità espresse
in termini di limiti di deformabilità;
− la verifica degli elementi “fragili” viene eseguita confrontando gli effetti indotti
dalle azioni sismiche in termini di forze con le rispettive capacità espresse in
termini di resistenze.

Verifica con il fattore di struttura q (applicabile al solo caso di analisi lineari). La


verifica di sicurezza viene eseguita con riferimento all’azione sismica valutata dallo spettro
elastico le cui ordinate sono ridotte con un fattore di struttura q, scelto nell’intervallo [1.5,
3.0] sulla base della regolarità nonché dei tassi di lavoro dei materiali sotto le azioni
statiche.
In tal caso, la verifica degli elementi si effettua come segue:
− la verifica degli elementi “duttili” viene eseguita confrontando gli effetti indotti
dall’azione sismica in termini di forze ridotta del fattore q con le rispettive capacità
espresse in termini di resistenze;
− la verifica degli elementi “fragili” viene eseguita confrontando gli effetti indotti
dall’azione sismica in termini di forze ridotta di q=1.5 con le rispettive capacità
espresse in termini di resistenze.
Capitolo 1. Stati limite e criteri di verifica 9

1.3 VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DELL’AZIONE SISMICA SUGLI


ELEMENTI STRUTTURALI
La valutazione degli effetti dell’azione sismica è, inoltre, subordinata al metodo di analisi
impiegato ed allo stato limite (SL) richiesto.

Analisi lineare
Nell’ipotesi di voler effettuare una analisi lineare (statica o dinamica) lo spettro da doversi
adoperare è espresso in termini di accelerazioni e risulta determinato a partire dal
corrispondente spettro elastico, in relazione allo stato limite in esame.
Con riferimento allo Stato Limite di DS e CO, gli effetti dell’azione sismica sono da
intendersi, ai fini della verifica di sicurezza, in termini di forze per gli elementi “fragili” e
in termini di deformazioni per gli elementi “duttili”.
Mentre, per lo Stato Limite DL gli effetti dell’azione sismica sono da intendersi ai fini
della verifica di sicurezza in termini di deformazioni sia per gli elementi “duttili” che
“fragili”.

Analisi lineare con l’impiego del fattore di struttura q


Tale metodo è applicabile ai soli stati limite di DS e DL.
Nell’ipotesi di voler effettuare una analisi lineare mediante l’impiego del fattore di
struttura q, lo spettro di progetto in termini di accelerazioni da doversi adoperare si
ottiene dallo spettro elastico riducendo le ordinate con il fattore di struttura q, in relazione
allo stato limite in esame.
Con riferimento allo Stato Limite di DS, gli effetti dell’azione sismica sono da intendersi,
ai fini della verifica di sicurezza, in termini di forze sia per gli elementi “fragili” che per gli
elementi “duttili”.
Per lo Stato Limite DL gli effetti dell’azione sismica sono da intendersi, ai fini della
verifica di sicurezza, in termini di deformazioni sia per gli elementi “duttili” che “fragili”.

Analisi statica non lineare


Nell’ipotesi di voler effettuare una analisi statica non lineare lo spettro da doversi
adoperare è espresso in termini di spostamento ed è determinato a partire dal
corrispondente spettro elastico, in relazione allo stato limite in esame.
In tal caso gli effetti dell’azione sismica, per lo Stato Limite di DS e CO, sono da
intendersi ai fini della verifica di sicurezza in termini di forze per gli elementi “fragili” e in
termini di deformazioni per gli elementi “duttili”.
Per lo Stato Limite di DL gli effetti dell’azione sismica sono da intendersi ai fini della
verifica di sicurezza in termini di deformazioni sia per gli elementi “duttili” che “fragili”.

1.4 VALUTAZIONE DELLE CAPACITÀ DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI


La valutazione della capacità del generico elemento strutturale è direttamente subordinata
alla tipologia di elemento (duttile o fragile), alle proprietà dei materiali e al livello di
conoscenza raggiunto in relazione alla quantità/qualità dei dati raccolti.
10 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

La capacità degli elementi duttili è generalmente espressa in termini di limiti di


deformabilità e la sua valutazione è effettuata a partire dai valori medi delle proprietà dei
materiali esistenti, ottenuti dalle prove in situ e da eventuali informazioni aggiuntive, divisi
per il Fattore di Confidenza in relazione al livello di conoscenza raggiunto.
La capacità degli elementi fragili è generalmente espressa in termini di resistenza e la sua
valutazione è effettuata a partire dai valori medi delle proprietà dei materiali esistenti,
come ottenuti dalle prove in situ e da eventuali informazioni aggiuntive, divisi per il
Fattore di Confidenza in relazione al livello di conoscenza raggiunto, e divisi per il
coefficiente parziale relativo.

1.5 I CRITERI DI VERIFICA PER CIASCUNO STATO LIMITE


Si riportano, in conclusione, gli effetti dell’azione sismica e delle capacità, da valutarsi così
come in precedenza esposto, ai fini delle verifiche di sicurezza per ciascun stato limite
richiesto.

Stato Limite di Collasso (CO)


Gli effetti relativi vanno determinati utilizzando l’azione sismica prevista per tale SL.
Nel caso di elementi duttili gli effetti da considerare sono quelli derivanti dall’analisi
strutturale, mentre nel caso di elementi fragili gli effetti derivanti dall’analisi strutturale
possono essere modificati come indicato nel capitolo 7.
La capacità deformativa è definita in termini di “deformazione ultima” mentre la capacità
resistente è espressa in termini di “resistenza ultima”.
Questo SL non può essere verificato con l’impiego del fattore q.

Stato Limite di Danno Severo (DS)


Gli effetti relativi vanno determinati utilizzando l’azione sismica prevista per tale SL.
Nel caso di elementi duttili gli effetti da considerare sono quelli derivanti dall’analisi
strutturale, mentre nel caso di elementi fragili gli effetti derivanti dall’analisi strutturale
possono essere modificati come indicato nel capitolo 7.
La capacità deformativa è definita in termini di “deformazione di danno” mentre la
capacità resistente è espressa in termini di “resistenza prudenzialmente ridotta”.

Stato Limite di Danno Limitato (DL)


Gli effetti relativi vanno determinati utilizzando l’azione sismica prevista per tale SL.
Gli effetti da considerare sono quelli derivanti dall’analisi strutturale.
In tal caso, la capacità è da intendersi solo deformativa; essa, in mancanza di più
specifiche valutazioni, si può definire in relazione ai valori limite di spostamento di
interpiano validi per gli edifici nuovi.
CAPITOLO 2: LE INFORMAZIONI NECESSARIE PER LA
VALUTAZIONE

Il tema delle indagini sulle strutture, sia in termini globali che sui materiali costituenti, ha
ricevuto e riceve spesso scarsa attenzione dai professionisti. Ciò ha determinato da un
lato, e più frequentemente, assunzioni troppo conservative, dunque inutilmente
dispendiose, deleterie rispetto ad una strategia globale di mitigazione del rischio sismico in
una condizione di estrema limitatezza delle risorse disponibili. Dall’altro lato, per fortuna
meno frequentemente, ha determinato assunzioni non conservative con conseguenze
potenzialmente gravi sulla sicurezza.

Vanno riconosciute peraltro le difficoltà oggettive, sia di carattere logistico che


economico, nelle quali il professionista è spesso chiamato ad operare, senza superare le
quali è difficile che un passo avanti in tal senso possa essere compiuto. Tuttavia va
riconosciuto anche il ritardo culturale presente nel settore dell’ingegneria civile sul tema
della diagnosi, specie se raffrontato con altri settori come quello medico nel quale
indagini, esami, analisi sono oramai patrimonio diffuso ed irrinunciabile da parte degli
operatori e, cosa ancor più importante, da parte degli utenti-committenti.

Un altro aspetto che può aver contribuito a limitare l’attenzione verso le indagini è stata
l’omologazione adottata in passato nel processo di valutazione della sicurezza tra
progettazione di nuove costruzioni e riabilitazione di costruzioni esistenti. Ci si riferisce in
particolare all’adozione di coefficienti di sicurezza identici nelle due situazioni nonostante
le evidenti differenze in termini di conoscibilità della struttura e di rappresentatività delle
prove eseguite sui materiali, oltre che al problema delicato e non affrontato in questo
Manuale della vita utile residua da considerare rispetto a quella nominalmente attribuita ad
un edificio nuovo.

Le norme, consentendo di assumere, nelle verifiche di sicurezza, un adeguato valore del


fattore di confidenza in base al livello di conoscenza acquisito, danno una prima risposta
a tale questione fornendo al professionista più opportunità, ma al tempo stesso
responsabilizzandolo maggiormente. Infatti, esso si troverà a poter decidere di investire
maggiori risorse nelle indagini per la conoscenza della struttura, da recuperare
successivamente avendo la possibilità di effettuare interventi di adeguamento più mirati e
meno onerosi.
Stante il grande deficit di protezione sismica che si è accumulato nel nostro paese, tale
aspetto appare importante in termini generali ed ancor più se ci riferisce al patrimonio
12 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

edilizio pubblico costituito in larga parte da edifici non o parzialmente protetti dal sisma.
Ancora una volta vanno però considerati gli aspetti economici, sia in termini di costi delle
indagini che di tariffe professionali, che possono deprimere o favorire tale possibilità.

2.1 I DATI RICHIESTI


L’importanza della acquisizione dei dati della struttura esistente nel processo di
valutazione emerge chiaramente già dal contenuto del § 11.1 dell’OPCM in cui si segnala
che gli edifici esistenti si differenziano significativamente da quelli di nuova progettazione
per una serie di elementi, tra i quali:
− il progetto riflette lo stato delle conoscenze al tempo della loro costruzione;
− il progetto può contenere difetti di impostazione concettuale e di realizzazione
non evidenziabili;
− possono essere stati soggetti a terremoti passati o ad altre azioni accidentali i cui
effetti non sono manifesti.

Pertanto, la valutazione della sicurezza ed il progetto degli interventi sono normalmente


affetti da un grado di incertezza diverso, tipicamente maggiore, da quello degli edifici di
nuova progettazione. La completezza e l’affidabilità delle informazioni disponibili
richiedono sia l’impiego di adeguati fattori di confidenza nelle verifiche di sicurezza che di
opportuni metodi di analisi e di verifica. Inoltre, l’Ordinanza indica che, nell’effettuare la
valutazione, si tenga conto dell’esperienza derivante dall’esame del comportamento di
edifici simili che abbiano subito in passato l’effetto di eventi sismici, se disponibile.

La valutazione degli edifici in c.a. richiede che vengano acquisiti dati sui seguenti aspetti
principali:
− Identificazione dell’organismo strutturale ottenuto sulla base dei disegni originali
di progetto opportunamente verificati con indagini in-situ, oppure con un rilievo
ex-novo;
− Identificazione delle strutture di fondazione;
− Informazioni sulle dimensioni geometriche degli elementi strutturali, dei
quantitativi delle armature, delle proprietà meccaniche dei materiali;
− Informazioni su possibili difetti locali dei materiali;
− Informazioni su possibili difetti nei particolari costruttivi (dettagli delle armature,
eccentricità travi-pilastro, eccentricità pilastro-pilastro, collegamenti trave-
colonna e colonna-fondazione, ecc.);
− Informazioni sulle norme impiegate nel progetto originale;
− Descrizione della destinazione d’uso attuale e futura dell’edificio con
identificazione della categoria di importanza ed eventuale rivalutazione dei carichi
variabili;
− Informazione sulla natura e l’entità di eventuali danni subiti in precedenza e sulle
riparazioni effettuate.
Capitolo 2. Le informazioni necessarie per la valutazione 13

Tali dati dovranno essere acquisiti principalmente dalle seguenti fonti di informazione:
− Documenti di progetto;
− Eventuale documentazione acquisita in tempi successivi alla costruzione;
− Rilievo strutturale;
− Prove in-situ ed in laboratorio.

2.2 I LIVELLI DI CONOSCENZA


Ai fini della scelta del tipo di analisi e dei valori dei fattori di confidenza vengono definiti i
tre livelli di conoscenza seguenti:
− LC1: Conoscenza Limitata;
− LC2: Conoscenza Adeguata;
− LC3: Conoscenza Accurata.

Gli aspetti che definiscono i livelli di conoscenza sono:


− geometria, ossia le caratteristiche geometriche degli elementi strutturali;
− dettagli strutturali, ossia la quantità e disposizione delle armature, la consistenza
degli elementi non strutturali collaboranti;
− materiali, ossia le proprietà meccaniche dei materiali.

Il livello di conoscenza acquisito determina il metodo di analisi, ed i valori dei fattori di


confidenza da applicare alle proprietà dei materiali, come indicato in Tabella 2.2.1.

Nel caso si voglia acquisire un livello di conoscenza limitata (LC1) i tre aspetti su elencati
vanno trattati nel modo seguente:
− Geometria: la geometria della struttura è nota o in base a un rilievo o dai disegni
originali. In quest’ultimo caso un rilievo visivo a campione dovrà essere
effettuato per verificare l’effettiva corrispondenza del costruito ai disegni.
− Dettagli costruttivi: i dettagli non sono disponibili da disegni costruttivi e devono
venire ricavati sulla base di un progetto simulato eseguito secondo la pratica
dell’epoca della costruzione. E’ richiesta una limitata verifica in-situ delle
armature e dei collegamenti presenti negli elementi più importanti.
− Proprietà dei materiali: non sono disponibili informazioni sulle caratteristiche
meccaniche dei materiali, né da disegni costruttivi né da certificati di prova. Si
adotteranno valori usuali della pratica costruttiva dell’epoca convalidati da
limitate prove in-situ sugli elementi più importanti.
14 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 2.2.1 Livelli di conoscenza in funzione delle informazioni disponibili e


conseguenti metodi di analisi e valori dei fattori di confidenza ammessi
Livello di Geometria Proprietà dei Metodi di
Dettagli strutturali FC
Conoscenza (carpenterie) materiali analisi
Progetto simulato in Valori usuali per la Analisi
accordo alle norme pratica costruttiva lineare
LC1 1.35
dell’epoca e limitate dell’epoca e limitate statica o
verifiche in-situ prove in-situ dinamica
Da disegni di Dalle specifiche
Disegni costruttivi
carpenteria originali di progetto o
incompleti con
originali con dai certificati di prova
LC2 limitate verifiche in Tutti 1.20
rilievo visivo originali con limitate
situ oppure estese
a campione prove in-situ oppure
verifiche in-situ
oppure rilievo estese prove in-situ
ex-novo Dai certificati di
completo Disegni costruttivi
prova originali o dalle
completi con limitate
specifiche originali di
LC3 verifiche in situ Tutti 1.00
progetto con estese
oppure esaustive
prove in situ oppure
verifiche in-situ
esaustive prove in-situ

Nel caso si voglia acquisire un livello di conoscenza adeguata (LC2) i tre aspetti su
elencati vanno trattati nel modo seguente:
− Geometria: la geometria della struttura è nota o in base a un rilievo o dai disegni
originali. In quest’ultimo caso un rilievo visivo a campione dovrà essere
effettuato per verificare l’effettiva corrispondenza del costruito ai disegni.
− Dettagli costruttivi: i dettagli sono noti da un’estesa verifica in-situ oppure
parzialmente noti dai disegni costruttivi originali incompleti. In quest’ultimo caso
è richiesta una limitata verifica in-situ delle armature presenti negli elementi più
importanti.
− Proprietà dei materiali: informazioni sulle caratteristiche meccaniche dei materiali
sono disponibili in base ai disegni costruttivi o dai certificati originali, o da estese
verifiche in-situ. Nei primi due casi dovranno anche essere eseguite limitate
prove in-situ; se i valori ottenuti dalle prove in-situ sono minori di quelli
disponibili dai disegni o dai certificati originali, dovranno essere eseguite estese
prove in-situ.

Nel caso si voglia acquisire un livello di conoscenza accurata (LC3) i tre aspetti su elencati
vanno trattati nel modo seguente:
− Geometria: la geometria della struttura è nota o in base a un rilievo o dai disegni
originali. In quest’ultimo caso un rilievo visivo a campione dovrà essere
effettuato per verificare l’effettiva corrispondenza del costruito ai disegni.
Capitolo 2. Le informazioni necessarie per la valutazione 15

− Dettagli costruttivi: i dettagli sono noti o da un’esaustiva verifica in-situ oppure dai
disegni costruttivi originali. In quest’ultimo caso è comunque richiesta una
limitata verifica in-situ delle armature presenti negli elementi più importanti.
− Proprietà dei materiali: informazioni sulle caratteristiche meccaniche dei materiali
sono disponibili in base ai disegni costruttivi o dai certificati originali, o da
esaustive verifiche in-situ. Nei primi due casi dovranno anche essere eseguite
estese prove in-situ; se i valori ottenuti dalle prove in-situ sono minori di quelli
disponibili dai disegni o dai certificati originali, dovranno essere eseguite
esaustive prove in-situ.

2.3 LA GEOMETRIA DELL’EDIFICIO


La individuazione della geometria dell’edificio, ossia dell’organizzazione dello schema
strutturale e delle dimensioni degli elementi strutturali, che consenta la messa a punto di
un modello strutturale idoneo per un’analisi lineare o non lineare, può essere ricavata da:
− Disegni originali di carpenteria
− Disegni costruttivi o esecutivi
− Rilievo visivo
− Rilievo completo

I disegni originali di carpenteria descrivono la geometria della struttura, gli elementi


strutturali e le loro dimensioni, e permettono di individuare l’organismo strutturale
resistente alle azioni orizzontali e verticali.

I disegni costruttivi o esecutivi descrivono la geometria della struttura, gli elementi


strutturali e le loro dimensioni, e permettono di individuare l’organismo strutturale
resistente alle azioni orizzontali e verticali. In aggiunta essi contengono la descrizione
della quantità, disposizione e dettagli costruttivi di tutte le armature, nonché le
caratteristiche nominali dei materiali usati.

Il rilievo visivo serve a controllare la corrispondenza tra l’effettiva geometria della


struttura e i disegni originali di carpenteria disponibili. Comprende il rilievo a campione
della geometria di alcuni elementi. Nel caso di modifiche non documentate intervenute
durante o dopo la costruzione, sarà eseguito un rilievo completo.

Il rilievo completo serve a produrre disegni completi di carpenteria nel caso in cui quelli
originali siano mancanti o si sia riscontrata una non corrispondenza tra questi ultimi e
l’effettiva geometria della struttura. I disegni prodotti dovranno descrivere la geometria
della struttura, gli elementi strutturali e le loro dimensioni, e permettere di individuare
l’organismo strutturale resistente alle azioni orizzontali e verticali con lo stesso grado di
dettaglio proprio di disegni originali.
16 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

2.4 I DETTAGLI COSTRUTTIVI


La individuazione dei dettagli costruttivi necessari allo svolgimento di verifiche sugli
elementi strutturali può essere ricavata mediante:
− Progetto simulato
− Verifiche in-situ limitate
− Verifiche in-situ estese
− Verifiche in-situ esaustive

Il progetto simulato serve, in mancanza dei disegni costruttivi o esecutivi originali, a


definire la quantità e la disposizione dell’armatura in tutti gli elementi con funzione
strutturale. Deve essere eseguito sulla base delle norme tecniche in vigore e della pratica
costruttiva caratteristica all’epoca della costruzione.

Le verifiche in-situ limitate (Tabella 2.4.1) servono per verificare la corrispondenza tra le
armature effettivamente presenti e quelle riportate nei disegni costruttivi, oppure ottenute
mediante il progetto simulato. Richiedono che i controlli vengano effettuati su almeno il
15% degli elementi strutturali primari per ciascun tipologia di elemento (travi, pilastri,
pareti…).

Le verifiche in-situ estese (Tabella 2.4.1) servono quando non sono disponibili i disegni
costruttivi originali come alternativa al progetto simulato seguito da verifiche limitate,
oppure quando i disegni costruttivi originali sono incompleti. Richiedono che i controlli
vengano effettuati su almeno il 35% degli elementi strutturali primari per ciascun tipologia
di elemento (travi, pilastri, pareti…).

Le verifiche in-situ esaustive (Tabella 2.4.1) servono quando non sono disponibili i disegni
costruttivi originali e si desidera un livello di conoscenza accurata (LC3). Richiedono che i
controlli vengano effettuati su almeno il 50% degli elementi strutturali primari per ciascun
tipologia di elemento (travi, pilastri, pareti…).

Tabella 2.4.1 Definizione dei livelli di rilievo e prove per edifici in c.a.
Rilievo (dei dettagli costruttivi) Prove (sui materiali)
Per ogni tipo di elemento “primario” (trave, pilastro…)
Verifiche La quantità e disposizione 1 provino di cls. per 300 m2 di piano
limitate dell’armatura è verificata per almeno il dell’edificio, 1 campione di armatura
15% degli elementi per piano dell’edificio
Verifiche estese La quantità e disposizione 2 provini di cls. per 300 m2 di piano
dell’armatura è verificata per almeno il dell’edificio, 2 campioni di armatura
35% degli elementi per piano dell’edificio
Verifiche La quantità e disposizione 3 provini di cls. per 300 m2 di piano
esaustive dell’armatura è verificata per almeno il dell’edificio, 3 campioni di armatura
50% degli elementi per piano dell’edificio
Capitolo 2. Le informazioni necessarie per la valutazione 17

Le verifiche in-situ saranno effettuate su un’opportuna percentuale degli elementi


strutturali primari per ciascun tipologia di elemento (travi, pilastri, pareti…), come
indicato nella Tabella 2.4.1, privilegiando comunque gli elementi che svolgono un ruolo
più critico nella struttura, quali generalmente i pilastri.

2.5 LE PROPRIETÀ DEI MATERIALI


La modalità elettiva di valutazione delle proprietà dei materiali in situ è basata su prove
dirette, generalmente di tipo distruttivo.
La misura delle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo si ottiene mediante estrazione
di campioni (carotaggio) ed esecuzione di prove di compressione fino a rottura.
La misura delle caratteristiche meccaniche delle barre d’acciaio si ottiene mediante
estrazione di campioni ed esecuzione di prove a trazione fino a rottura con
determinazione della resistenza a snervamento e della resistenza e deformazione ultime,
salvo nel caso in cui siano disponibili certificati di prova di entità conforme a quanto
richiesto, per le nuove costruzioni, nella normativa dell’epoca.

I metodi di prova non distruttivi, ammessi purché di documentata affidabilità, non


possono essere impiegati in sostituzione dei metodi sopra descritti, ma in molti casi può
essere opportuno che essi vengano impiegati insieme per ottenere una descrizione più
completa dello stato dei materiali non ottenibile con l’uso di soli metodi distruttivi. A tal
fine è possibile sostituire alcune prove distruttive con un più ampio numero di prove non
distruttive di tipo combinato, i cui risultati vengano tarati sulla base di quelli ottenuti dalle
prove distruttive.

Nel caso del calcestruzzo, si adotteranno metodi di prova che limitino l’influenza della
carbonatazione degli strati superficiali sui valori di resistenza.
Analogamente a quanto visto per la individuazione dei dettagli costruttivi, anche la stima
delle proprietà dei materiali in-situ può essere effettuata a diversi livelli di
approfondimento in base al quadro di informazioni disponibili ed agli obiettivi.

Prove in-situ limitate (Tabella 2.4.1) vanno effettuate per completare le informazioni sulle
proprietà dei materiali ottenute o dalle normative in vigore all’epoca della costruzione, o
dalle caratteristiche nominali riportate sui disegni costruttivi, o da certificati originali di
prova.

Prove in-situ estese (Tabella 2.4.1) vanno effettuate per ottenere informazioni in mancanza
sia dei disegni costruttivi, che dei certificati originali di prova, oppure quando i valori
ottenuti dalle prove limitate risultano inferiori a quelli riportati nei disegni o certificati
originali.

Prove in-situ esaustive (Tabella 2.4.1) vanno effettuate per ottenere informazioni in
mancanza sia dei disegni costruttivi, che dei certificati originali di prova, oppure quando i
18 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

valori ottenuti dalle prove limitate risultano inferiori a quelli riportati nei disegni o
certificati originali, e si desidera un livello di conoscenza accurata (LC3).

In riferimento alle percentuali di elementi da verificare in-situ ed al numero di provini da


estrarre e sottoporre a prove di resistenza, le quantità riportate nella Tabella 2.4.1 hanno
valore indicativo e debbono essere adattate ai singoli casi, tenendo conto dei seguenti
aspetti:
a) Nel controllo del raggiungimento delle percentuali di elementi indagati ai fini del
rilievo dei dettagli costruttivi si terrà conto delle eventuali situazioni ripetitive, che
consentano di estendere ad una più ampia percentuale i controlli effettuati su alcuni
elementi strutturali facenti parte di una serie con evidenti caratteristiche di
ripetitività, per uguale geometria e ruolo nello schema strutturale.
b) Le prove sugli acciai sono finalizzate all’identificazione della classe dell’acciaio
utilizzata con riferimento alla normativa vigente all’epoca di costruzione. Ai fini del
raggiungimento del numero di prove sull’acciaio necessario per il livello di
conoscenza è opportuno tener conto dei diametri di più diffuso impiego negli
elementi principali con esclusione delle staffe.
c) Ai fini delle prove sui materiali è consentito sostituire alcune prove distruttive, non
più del 50%, con un più ampio numero, almeno il triplo, di prove non distruttive,
singole o combinate, tarate su quelle distruttive.
d) Il numero di provini riportato nella Tabella 2.4.1 potrà esser variato, in aumento o in
diminuzione, in relazione alle caratteristiche di omogeneità del materiale. Nel caso
del calcestruzzo in opera tali caratteristiche sono spesso legate alle modalità
costruttive tipiche dell’epoca di costruzione e del tipo di manufatto, di cui occorrerà
tener conto nel pianificare l’indagine. Sarà opportuno, in tal senso, prevedere
l’effettuazione di una seconda campagna di prove integrative, nel caso in cui i
risultati della prima risultino fortemente disomogenei.
CAPITOLO 3: L’INDIVIDUAZIONE DELLE
CARATTERISTICHE DELLA STRUTTURA E
DEI DETTAGLI COSTRUTTIVI

3.1 IL PROGRAMMA DELLE INDAGINI


L’ obiettivo della campagna di indagini é la raccolta e l’esame critico di informazioni sulle
dimensioni, caratteristiche e condizioni dei materiali e degli elementi strutturali, in modo
da poter individuare l’organismo strutturale, i dettagli costruttivi, le proprietà dei materiali
e la presenza e le cause di eventuali comportamenti non soddisfacenti. Tutte queste
informazioni risultano fondamentali per la predisposizione del modello necessario ai fini
delle operazioni di valutazione.

Nel corso delle indagini è necessario, innanzitutto, individuare quei fattori che possono
dar luogo ad una condizione statica insoddisfacente, di descriverne la natura e le
caratteristiche, in modo da poter effettuare rapidamente una prima valutazione, seppur
sommaria, per quanto riguarda la sicurezza della struttura. Inoltre, l’individuazione
preliminare delle cause di deficienze statiche e di eventuali danni consentirà di meglio
indirizzare le indagini di maggiore dettaglio. E’ opportuno precisare che le metodologie di
indagine per individuare genesi ed evoluzione di eventuali dissesti in atto non verranno
trattate nel presente Manuale e per esse si rinvia alla specifica letteratura tecnica. Al
contrario, lo studio delle deficienze strutturali e/o di eventuali errori di progettazione ed
esecuzione (difetti locali dei materiali, difetti nei particolari costruttivi, § 11.2.3.2 dell’OPCM), tutti
elementi che possono fortemente condizionare le capacità sismiche delle strutture
esistenti, rientra pienamente negli obiettivi del presente Manuale. Tali caratteristiche
possono essere indagate secondo le indicazioni riportate di seguito.

Al fine di ottenere un quadro di informazioni soddisfacente è, in generale, utile articolare


le attività di indagine in due fasi: indagini preliminari e indagini dettagliate.

Durante le indagini preliminari vanno ricercate le seguenti informazioni sulla struttura:


1. periodo di progettazione e periodo di costruzione: sarà in tal modo possibile
individuare le norme e la manualistica di riferimento impiegate nel progetto
originale, inclusi i valori di riferimento per le azioni di progetto;
2. i nomi dei professionisti che hanno progettato, diretto e collaudato l’opera, ed il
nome del costruttore;
3. elaborati di progetto, di collaudo e contabili (se disponibili);
20 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

4. ricostruzione della storia relativa alle eventuali variazioni d’uso e allo stato di
manutenzione, oltre che degli eventi sismici e/o altri eventi di particolare rilievo
che hanno interessato la struttura;
5. presenza di eventuali condizioni di danno e/o degrado e la loro evoluzione nel
tempo (quando sono state notate per la prima volta, se qualche contromisura é
stata attuata, con quale risultato, ecc.);
6. presenza di corpi aggiunti e/o di sopraelevazioni successive alla costruzione
originaria;
7. destinazione d’uso attuale ed eventuali previsioni di cambiamento.

Nel corso delle indagini preliminari vanno effettuate un’attenta ispezione visiva della
struttura e, qualora sia disponibile, la revisione critica della documentazione progettuale,
contrattuale e contabile. Se la documentazione tecnica non è disponibile o è incompleta,
come accade piuttosto molto frequentemente, è molto importante la conoscenza del
periodo di progettazione e costruzione in modo da poter inquadrare l’edificio nelle
tecniche progettuali ed esecutive adottate all’epoca. In tal senso possono essere
importanti anche dei colloqui con il progettista, il costruttore, il direttore dei lavori, il
collaudatore.

Le indagini dettagliate saranno sostanzialmente costituite da un esame completo ed


accurato della struttura (sulla base degli elaborati di progetto e/o dei disegni di carpenteria
prodotti mediante un rilievo completo), da saggi e prove in situ per individuare i dettagli
costruttivi e valutare le condizioni dei materiali in opera e dal prelievo di campioni da
esaminare e provare in laboratorio, in numero definito dal livello di conoscenza prescelto
nel caso in esame, secondo le metodologie esposte al successivo capitolo 4.

L’impostazione e l’estensione della campagna di indagine dipende innanzitutto dalla


disponibilità, completezza ed affidabilità degli elaborati di progetto originali (carpenterie e
dettagli costruttivi), come schematizzato nei diagrammi di flusso riportati in Figura 3.1.1,
per l’individuazione della geometria della struttura e dei dettagli costruttivi.

Un aspetto molto importante nell’impostazione della campagna di indagini é costituito


dalla scelta dei punti su cui effettuare sondaggi o prove (campionamento). Il programma
dovrà prevedere l’entità del campionamento (del quale le norme forniscono valori minimi
in funzione del livello di conoscenza, § 11.2.3.2 dell’OPCM), l’ubicazione dei punti da
esaminare ed il tipo di prove da effettuare. Già nella fase di predisposizione del
programma di campionamento può essere opportuno avvalersi della collaborazione di un
laboratorio prove materiali con esperienza nel settore.
Requisito fondamentale che dovrà avere il campionamento é la rappresentatività dello
stato complessivo dell’edificio oggetto di indagine, cercando di riflettere al meglio le
caratteristiche di variabilità della struttura. Quanto più la struttura é eterogenea, tanto più
complesso é il lavoro necessario per giungere ad una stima affidabile delle sue
caratteristiche.
Capitolo 3. L’individuazione delle caratteristiche della struttura e dei dettagli costruttivi 21

Verifica Costruzione
RILIEVO VISIVO soddisfacente del modello
SI (a campione) Verifica NON
DISPONIBILITÀ soddisfacente
Disegni originali
di carpenteria
RILIEVO Costruzione
NO COMPLETO del modello

Verifiche
VERIFICHE IN-SITU LIMITATE soddisfacenti
SI dei dettagli costruttivi Verifiche NON
DISPONIBILITÀ soddisfacenti
Disegni Costruttivi
originali VERIFICHE IN-SITU ESTESE O
ESAUSTIVE dei dettagli costruttivi
NO
PROGETTO VERIFICHE IN-SITU LIMITATE
SIMULATO dei dettagli costruttivi
Figura 3.1.1 Impostazione della campagna di indagine

3.2 GLI ELABORATI DI PROGETTO DISPONIBILI


La valutazione della sicurezza degli edifici esistenti in c.a. presenta delle peculiarità che la
rendono certamente più complessa della progettazione ex-novo in quanto si deve operare
su strutture delle quali, in genere, si ha una conoscenza limitata. In particolare, oltre alla
difficoltà di valutare preventivamente eventuali condizioni di degrado fisiologico e/o
patologico, risulta estremamente complesso individuare con sufficiente completezza ed
affidabilità alcune informazioni fondamentali sulla struttura (resistenza dei materiali,
quantità e disposizione delle armature, ecc.). Tali informazioni possono essere ottenute
dalla documentazione di progetto e/o contabile, qualora disponibile, comunque affiancata
da un rilievo a campione per verificarne l’attendibilità.

È importante ricordare che il progetto strutturale dell’edificio spesso non risulta


disponibile in quanto la norma vigente fino al 1971, il R.D. n. 2229 del 16 novembre
1939, prevedeva, all’art. 4 del Capo I, soltanto l’obbligo per i costruttori di presentare,
prima dell’inizio dei lavori, denuncia alla Prefettura della provincia, allegando una copia
del progetto di massima, il quale non conteneva alcun dettaglio ma soltanto dimensioni e
caratteristiche principali dell’edificio da realizzare. Al termine dei lavori, per ottenere la
licenza d’uso della costruzione, il committente doveva poi presentare il certificato di
collaudo delle opere alla Prefettura.

Soltanto a seguito della legge 5 novembre 1971, n. 1086, “Norme per la disciplina delle
opere in conglomerato cementizio, normale e precompresso ed a struttura metallica” è
stato disposto, all’art. 4, l’obbligo di depositare il progetto esecutivo ed i calcoli statici
22 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

presso l’ufficio competente del Genio Civile (ora sostituito dal corrispondente Ufficio
regionale) all’atto della denuncia dei lavori. La legge 1086/71 prevede un iter per
l’esecuzione di un’opera, articolato formalmente in quattro passi principali:
− denuncia delle opere;
− relazione a struttura ultimata;
− nomina del collaudatore;
− collaudo statico.

Alla denuncia dei lavori deve essere consegnato il progetto dell’opera, firmato dal
progettista, dal quale risultino in modo chiaro ed esauriente le calcolazioni eseguite,
l’ubicazione, il tipo, le dimensioni delle strutture e quanto altro occorre per definire
l’opera sia nei riguardi dell’esecuzione sia nei riguardi della conoscenza delle condizioni di
sollecitazione. Nel progetto deve, inoltre, essere presente una relazione illustrativa firmata
dal progettista e dal direttore dei lavori, dalla quale risultino le caratteristiche, le qualità e
le dosature dei materiali che verranno impiegati nella costruzione.

È da notare come la norma specifichi chiaramente che all’Ufficio preposto


all’accettazione del progetto spetti in generale soltanto un controllo formale sulla
presenza di tutti gli elaborati richiesti dalla legge, fatti salvi i controlli di merito, secondo la
procedura vigente, nel caso di comuni classificati in zona sismica. Alla relazione a
struttura ultimata devono essere allegati i certificati delle prove sui materiali impiegati,
emessi da Laboratori di prova ufficiali o autorizzati. L’iter si conclude con la consegna del
certificato di collaudo da parte del collaudatore statico.

Se per gli edifici costruiti prima del 1971, o meglio prima dell’entrata in vigore della
1086/71, la probabilità di reperire la documentazione tecnica è molto bassa, l’esperienza
mostra come anche nel periodo di vigenza della 1086, soprattutto per il primo decennio,
la documentazione tecnica, sempre che sia disponibile, risulti essere frequentemente
incompleta o poco accurata, rispetto alla quantità e qualità dei dati richiesti per
l’esecuzione di verifiche locali di resistenza secondo i moderni criteri di valutazione.
Pertanto, l’individuazione della quantità e disposizione delle armature può costituire, non
solo per gli edifici realizzati prima del 1971, un grosso problema per la cui soluzione è
necessario adottare procedure di valutazione ad hoc che consentano di individuare i
dettagli costruttivi in maniera sufficientemente affidabile ma non eccessivamente onerosa.
In tal senso il progetto simulato, descritto nei successivi paragrafi, può essere uno
strumento importante per la conoscenza della struttura, di fatto indispensabile nel caso
degli edifici realizzati prima del 1971, ma spesso utile anche per quelli realizzati nel
periodo successivo.
Capitolo 3. L’individuazione delle caratteristiche della struttura e dei dettagli costruttivi 23

3.3 LA CAMPAGNA DI RILIEVO


La campagna di rilievo può essere svolta a livelli di approfondimento differenti, in virtù
della disponibilità di elaborati di progetto originali e del livello di conoscenza prescelto. In
ogni caso occorre procedere ad un preliminare ed attento esame delle condizioni attuali,
considerando i seguenti aspetti principali:
1. stato generale di manutenzione e conservazione con ispezioni visive all’esterno
ed all’interno dell’edificio (ispezionando anche sottotetto e seminterrato ove la
struttura è spesso “a vista” in quanto non intonacata);
2. stato ed aspetto superficiale del calcestruzzo (colorazioni insolite, presenza di
depositi dovuti a reazioni chimiche, porosità, segni di segregazione degli inerti,
indicazioni su un elevato, basso o normale contenuto d’acqua, ecc.);
3. presenza di zone particolarmente degradate e/o danneggiate;
4. espulsione del copriferro (in tal caso oltre a valutare il livello di ossidazione delle
armature scoperte si potrà valutare se esse siano costituite da barre lisce o ad
aderenza migliorata);
5. disgregazione superficiale del calcestruzzo (ad es. rottura degli spigoli di elementi
strutturali come pilastri, sbalzi, cornicioni, ecc.);
6. distacco dei pannelli di tamponatura dalle maglie strutturali;
7. interazione tra struttura ed impiantistica (soprattutto nel caso di edifici con vari
decenni di vita, gli impianti possono aver subito molteplici interventi di
rifacimento con conseguenze spesso gravi per la consistenza degli elementi
strutturali: ad es. condotti dell’impianto di riscaldamento che attraversano
elementi strutturali);
8. presenza di lesioni strutturali e non strutturali;
9. presenza di lesioni nelle pavimentazioni;
10. presenza ed entità di interventi di riparazione e qualità del loro collegamento alla
struttura esistente;
11. evidenza di dissesti nel terreno di fondazione e/o nelle zone circostanti.

E’ opportuno che gli aspetti su elencati siano documentati attraverso un accurato rilievo
fotografico da ubicare sulle planimetrie della struttura.
Terminata l’ispezione visiva per la stima delle condizioni attuali, e tenendo conto delle
risultanze della stessa, si passa all’individuazione della geometria della struttura e dei
dettagli costruttivi, nonché alla stima delle proprietà dei materiali che verrà trattata al
successivo capitolo 4.

Per la definizione della geometria della struttura, se è disponibile la documentazione


tecnica originale, sarà sufficiente condurre soltanto un rilievo visivo finalizzato alla verifica
della corrispondenza tra effettiva geometria della struttura e documentazione disponibile.
In particolare, si procederà alla determinazione a campione delle dimensioni degli
elementi strutturali (travi e pilastri), della configurazione generale della struttura (in
particolare presenza e disposizione dei telai con travi emergenti), della tipologia e
consistenza delle tamponature e dei tramezzi.
24 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

In assenza di documentazione tecnica originale o nel caso non si sia riscontrata una
soddisfacente corrispondenza tra quest’ultima e l’effettiva geometria della struttura, al
fine di acquisire gli elementi necessari alla valutazione, sarà indispensabile realizzare un
rilievo completo che dovrà consentire di individuare l’organismo strutturale e gli altri
elementi utili per la valutazione. Il risultato del rilievo completo sarà la produzione di
disegni completi di carpenteria.

I dettagli costruttivi verranno indagati con le metodologie proposte nel seguito con un
grado di approfondimento legato al livello di conoscenza selezionato dal progettista. In
ogni caso la campagna di indagine deve prevedere la necessità di più sopralluoghi. Al
livello di conoscenza LC1, questi sono rivolti a fornire elementi preliminari e a verificare i
risultati della progettazione simulata oppure a controllare l’attendibilità degli elaborati di
progetto originali, se disponibili. Infatti, l’individuazione ed il conseguente studio
dell’organismo strutturale, secondo i criteri riportati nel successivo paragrafo 3.4, deve
necessariamente precedere le operazioni di progetto simulato mentre, a valle dello stesso,
risulta indispensabile una verifica delle previsioni fatte mediante alcuni sondaggi, anche di
tipo parzialmente distruttivo, opportunamente localizzati nell’ambito dell’intero edificio.

Ai livelli di conoscenza superiori (LC2 ed LC3) l’estensione delle campagna di indagine e


delle verifiche in-situ necessarie richiedono comunque la realizzazione di più sopralluoghi.
Le principali operazioni da condurre, con riferimento ai vari aspetti da indagare, sono
sinteticamente riportate in Figura 3.3.1.

Le tamponature vanno definite in termini di distribuzione, collegamento alla maglia


strutturale, caratteristiche dei materiali costituenti, modalità di posa in opera. Tale
operazione è generalmente semplice e poco onerosa richiedendo soltanto la rimozione di
piccole superfici degli elementi di rivestimento (intonaco o altro).

Le caratteristiche delle tamponature sono spesso condizionate dalla località, in virtù della
disponibilità sul territorio di alcune materie prime, e dall’epoca di realizzazione della
costruzione. E’ frequente riscontrare nei livelli inferiori, piano garage e livello strada,
tamponature più consistenti (ad esempio realizzate con blocchi in calcestruzzo, tufo o
laterizi pieni).

Oltre ai riflessi che le caratteristiche delle tamponature possono avere sulla capacità
resistente dell’edificio, è importante tenerne conto anche nella stima dei pesi da portare in
conto nelle elaborazioni.
Capitolo 3. L’individuazione delle caratteristiche della struttura e dei dettagli costruttivi 25

Attività Descrizione Dati


Valutazione visiva dello stato di conservazione ispezionando esterno, sottotetto, e
seminterrato
Ricerca di zone degradate e/o danneggiate
Espulsione copriferro (in tal caso valutare se trattasi di barre lisce o ad a.m.)
Presenza di lesioni strutturali e non (natura ed ampiezza di eventuali lesioni)
Presenza di evidenti dissesti nel terreno
Stato di fatto
Disgregazione superficiale, rottura spigoli: balconi, gronde, pilastri
Distacco dei pannelli di tamponatura dalla maglia strutturale
Presenza di lesioni nei pavimenti
Stato ed aspetto superficiale del calcestruzzo
Interazione tra struttura ed impiantistica: valutazione della posizione degli impianti
Rilievo fotografico e ubicazione sulla planimetria
Numero dei piani
Altezza di interpiano a tutti i livelli
Individuazione presenza e natura di giunti tra corpi contigui;
Individuazione di corpi aggiunti, sopraelevazioni, modifiche dello schema resistente
originario; interventi eseguiti in passato, di recente o in corso;
Asimmetria del sistema resistente (presenza di sporgenze e/o rientranze e relative
dimensioni);
Parti di strutture controterra e/o seminterrate;
Accertamento della tipologia, delle caratteristiche, dello stato di conservazione e del piano
di posa delle fondazioni;
Accertamento della tipologia e della posizione del corpo scale e dell’eventuale nucleo
Schema strutturale ascensore;
Presenza di telai e/o sistemi resistenti in due direzioni ortogonali;
Allineamento dei pilastri in due direzioni ortogonali;
Posizione planimetrica, dimensioni quantitativi, disposizione e tipologia di armature dei
pilastri;
Posizione planimetrica, dimensioni, quantitativi, disposizione e tipologia di armature delle
travi;
Sfalsamento tra assi dei pilastri ed assi delle travi;
Presenza di pilastri tozzi (elementi strutturali quali travi a ginocchio o tamponature
disposte a nastro);
Spessore, orditura, interasse dei travetti dei solai;
Scelta delle zone da assoggettare a prove in sito
Presenza e posizione di archivi e/o biblioteche (fotografia e collocazione planimetrica)
Carichi
agenti Valutazione del carico permanente effettivo e del probabile carico accidentale (in
relazione al progetto).
Individuazione delle maglie strutturali efficacemente tamponate
Dimensione e tipo delle tamponature
Piano porticato.
Tamponature
Piano flessibile.
Finestre a nastro
Altezza dei campi tamponati
Individuazione punti di sondaggio per l’individuazione dei dettagli costruttivi:
Pilastri
Indagini in sito Travi
Solai: orditura, interasse, armature a momento positivo
Consistenza delle tamponature: spessore, strati, camere d’aria
Attrezzatura Planimetria di massima, macchina fotografica, martello, strumenti di rilievo e
segnalazione, altri strumenti utili

Figura 3.3.1 Scheda sintetica delle attività di indagine per individuare condizioni
attuali e geometria della struttura
26 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

3.4 SAGGI E PROVE PER INDIVIDUARE DIMENSIONI E DETTAGLI


COSTRUTTIVI
I sondaggi dovranno essere decisi in numero e caratteristiche tali da ottenere (o verificare
nel caso sia disponibile una documentazione tecnica) le seguenti informazioni:
1. pilastri: passo e diametro delle staffe, quantità e disposizione delle armature
longitudinali;
2. travi: passo e diametro delle staffe, quantità e disposizione delle armature
longitudinali;
3. solai: orditura, interasse tra le nervature, armature principali, armature di
ripartizione;
4. tamponature: tipologia e caratteristiche degli elementi utilizzati (laterizi forati, pieni,
blocchi in calcestruzzo, ecc.), spessore, numero strati, presenza di intercapedini;
5. fondazioni: tipologia, piano di posa.

L’estensione dei saggi da realizzare sarà condizionata essenzialmente dal livello di


conoscenza prescelto dal professionista, come stabilito dall’Ordinanza (§ 11.2.3.3).

L’individuazione dello schema strutturale, condotto ricercando gli elementi descritti al


paragrafo precedente, consente di selezionare in modo mirato gli elementi su cui
condurre le indagini. È opportuno suddividere tutti gli elementi in gruppi tipologicamente
simili (ad esempio in virtù della loro posizione e ruolo nel sistema strutturale, del carico
presunto in funzione dell’area di influenza, ecc.) in modo da condurre prove e sondaggi
soltanto per alcuni di essi ed estenderne i risultati a quelli simili. Ad esempio, con
riferimento alla Figura 3.4.1, tra i pilastri è opportuno indagarne uno in posizione centrale
ed uno in posizione esterna sia per gli allineamenti di pilastri esterni che per quelli interni.
Tra le travi se ne studierà una esterna ed una interna su cui gravano i carichi dei solai, una
su cui grava solo il carico delle tamponature, una trave di collegamento, ecc.. Per i solai
sarà necessario definire con accuratezza i vari campi con le relative dimensioni, direzioni
di orditura, presenza di più campate e sbalzi. Infatti, lo schema di calcolo (trave singola o
trave continua), e le conseguenti dimensioni e quantitativi di armature, potrebbero variare
in virtù proprio di tali caratteristiche.
Capitolo 3. L’individuazione delle caratteristiche della struttura e dei dettagli costruttivi 27

Figura 3.4.1 Elementi strutturali da indagare e modelli di calcolo dei solai

3.4.1 Individuazione delle armature e dei dettagli costruttivi


La localizzazione delle armature presenti negli elementi strutturali (solai, travi, setti e
pilastri) e la stima del loro diametro e dello spessore del copriferro, può essere effettuata
mediante indagini dirette ovvero mettendo a nudo le armature in alcune parti degli
elementi strutturali rimuovendo il copriferro presente. In alternativa, o preferibilmente a
loro integrazione, possono essere adoperati metodi non distruttivi basati su prove con
congegni elettromagnetici, radiografia o metodi Radar.

E’ da notare che, per alcuni dettagli importanti quali ad esempio la chiusura delle staffe
all’interno del nucleo di calcestruzzo o la lunghezza di sovrapposizione delle barre
longitudinali, è necessario ricorrere ad indagine diretta.

I metodi elettromagnetici, ed in particolare quello basato sull’induzione elettromagnetica


o per le strumentazioni più recenti sul principio delle correnti parassite (pacometri), sono
sicuramente i più diffusi in virtù dei costi limitati e della facilità di applicazione. La
radiografia comporta costi maggiori in virtù della richiesta di personale particolarmente
specializzato e della necessità di proteggersi adeguatamente dalle radiazioni. I metodi
radar risultano vantaggiosi quando la profondità delle barre è molto elevata (fino a 50 cm)
situazione nella quale i metodi precedentemente descritti non risultano utilizzabili ma
alquanto rara negli edifici ordinari.

Il pacometro é uno strumento che, utilizzando un rivelatore di metalli ferrosi, consente di


indagare in maniera non distruttiva le caratteristiche delle armature d’acciaio presenti nelle
strutture in c.a.. In particolare, esso consente di localizzare la posizione delle barre e di
28 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

stimare il diametro delle stesse o lo spessore del copriferro. Esso è costituito


essenzialmente da una sonda e da un visore analogico o digitale che visualizza il valore
rilevato.

La localizzazione delle barre si ottiene spostando con continuità la sonda sulla superficie
del calcestruzzo in esame. La lancetta del visore, nel caso di strumenti analogici, o gli
strumenti ottici, LED e barre di intensità negli strumenti digitali, devierà quando la sonda
si trova vicino ad una barra d’acciaio. A questo punto la sonda va mossa parallelamente
alla sua direzione precedente finché il segnale non si sarà stabilizzato su un valore
massimo, la sonda viene allora fatta ruotare intorno ad un asse ortogonale alla superficie
per verificare se l’intensità del segnale può ancora aumentare. Se questo non accade
significa che la direzione della sonda é parallela a quella della barra o del gruppo di barre.
La localizzazione delle barre va effettuata prima dell’esecuzione dei carotaggi, e di altre
prove non distruttive sul conglomerato, per ridurre i danni arrecati alla struttura e/o per
evitare errori nella rilevazione dei risultati delle prove.

Per la determinazione del copriferro e del diametro delle barre, impiegando strumenti
analogici, vengono forniti dei grafici dalle case costruttrici; per entrare in tali grafici
bisogna rilevare la deviazione massima della lancetta dello strumento con il procedimento
descritto, e ricavare il diametro della barra a partire dal valore noto del copriferro o
viceversa. Non é quindi possibile ricavare contemporaneamente diametro della barra e
spessore del copriferro. Gli strumenti digitali di ultima generazione forniscono
direttamente una stima delle due grandezze. La valutazione delle due grandezze suddette é
comunque un’operazione molto delicata e richiede grande accuratezza nella regolazione
dello strumento e nella esecuzione della prova. In ogni caso i risultati vanno presi con
molta cautela, in particolare in presenza di barre ravvicinate e di spessori ridotti del
copriferro, e vanno verificati con alcune indagini a vista. Al contrario il pacometro risulta
molto affidabile, se ben usato, per individuare la posizione e l’andamento delle barre.

Negli elementi strutturali sui quali saranno effettuate le indagini sui materiali, le armature
individuate (posizione delle barre longitudinali e delle staffe) con i criteri sopra descritti
saranno evidenziate allo scopo di guidare la localizzazione dei carotaggi.

3.5 IL PROGETTO SIMULATO


Qualora la documentazione tecnica non sia disponibile o sia insufficiente ed il livello di
estensione delle indagini sia limitato, i dettagli costruttivi possono essere definiti sulla base
di un progetto simulato, eseguito secondo la pratica dell’epoca della progettazione. Esso,
affiancato da una limitata verifica in-situ delle armature e dei dettagli costruttivi presenti
negli elementi più importanti, darà luogo ad un quadro di dati tali da consentire verifiche
locali di resistenza.
Capitolo 3. L’individuazione delle caratteristiche della struttura e dei dettagli costruttivi 29

Punto di partenza essenziale è la conoscenza del periodo di progettazione e costruzione


dell’edificio, sulla base del quale è possibile impostare il percorso di conoscenza della
struttura facendo riferimento alle seguenti fonti principali di informazione:
− normative tecniche vigenti all’epoca della progettazione/costruzione;
− manualistica autorevole di comune utilizzo nel periodo in esame;
− consuetudini progettuali (progetti tipici del periodo) e costruttive.

L’esame delle normative vigenti al momento della progettazione e realizzazione


(esplicitamente previsto al punto 11.2.3.2 dell’OPCM ”Informazioni sulle norme impiegate nel
progetto originale…”) può fornire indicazioni sui valori previsti per le azioni e per le
resistenze dei materiali, sui valori minimi delle dimensioni degli elementi e delle quantità
di armatura. Più problematica è l’individuazione dei valori delle sollecitazioni
effettivamente adottati nei calcoli, della disposizione delle armature e delle modalità di
realizzazione dei dettagli costruttivi. In tal senso è necessario affiancare alla normativa sia
la manualistica tecnica di riferimento del periodo che le informazioni disponibili da alcuni
progetti tipici di edifici reali assimilabili a quello in esame, reperiti presso strutture
tecniche pubbliche, imprese edili e studi professionali. Dalla manualistica possono trarsi
indicazioni più precise sia sulla metodologia di calcolo che sulle modalità di disposizione
delle armature nei diversi elementi strutturali, mentre la documentazione tecnica tipica,
rappresentando anche un importante elemento di verifica delle informazioni ottenute
dalla normativa e dalla manualistica, consente di individuare le consuetudini progettuali e
costruttive realmente adottate nella pratica professionale anche con riferimento a
procedure, materiali e tecnologie tipicamente adottati nel luogo.

I passi fondamentali della progettazione simulata di un edificio esistente possono essere


così sintetizzati:
1. Individuazione dell’età di progettazione e costruzione. L’importanza dell’età di progettazione e
costruzione è già stata sottolineata con riferimento alle fonti di informazione. È però
opportuno porre attenzione ad individuare correttamente l’anno di progettazione in
modo distinto da quello di realizzazione. Non di rado è possibile trovare edifici
progettati e realizzati secondo i dettami di una normativa diversa da quella vigente al
momento della effettiva realizzazione.

2. Individuazione e studio dello schema strutturale. La corretta individuazione dello schema


strutturale è la premessa indispensabile per effettuare il progetto simulato dell’edificio
in esame, il cui obiettivo è quello di individuare i dettagli costruttivi (quantità e
disposizione delle armature) partendo dalle dimensioni note, ossia ricavate attraverso
opportune operazioni di rilevo, degli elementi strutturali. Un attento rilievo
dell’organismo strutturale richiede l’individuazione e collocazione di tutti gli elementi
strutturali, delle loro esatte dimensioni e della funzione strutturale che
presumibilmente era stata loro assegnata in origine (ad esempio travi progettate per
portare il carico dei solai o soltanto il peso proprio e delle tamponature). In
particolare dovranno essere individuate, almeno, le seguenti caratteristiche:
30 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

− Solai: orditura, dimensioni ed interasse dei travetti, presenza delle fasce piene e/o
semipiene, tipologia e dimensione delle pignatte, spessore della soletta.
− Travi: dimensioni, direzione, eventuale presenza di nodi trave – trave,
localizzazione di travi a spessore.
− Pilastri: dimensioni, tipologia dei collegamenti con altri elementi strutturali (travi
a ginocchio, pareti, ecc.), entità delle eventuali rastremazioni lungo l’altezza.
− Tipo di copertura (piana o a falda, con telai in c.a., capriate in acciaio, ecc.)
− Eventuali altri elementi (ed esempio pareti in c.a.) e loro collegamento con gli
altri elementi strutturali. Presenza di pareti controterra inglobate nel sistema
resistente.
L’individuazione del sistema strutturale resistente potrebbe essere poco agevole, a
causa della presenza di elementi non strutturali (controsoffitti, pannelli isolanti,
impiantistica) che ne nascondono la presenza e la cui rimozione potrebbe avere costi
elevati.
Inoltre, di particolare importanza è lo studio attento dello schema strutturale
soprattutto in relazione alla funzione che il progettista originario può aver assegnato a
ciascun elemento strutturale o nel caso di edifici esistenti progettati originariamente
per sopportare anche azioni orizzontali come quelle sismiche. In tali casi, infatti, le
procedure di calcolo adottate in epoche in cui non erano ancora disponibili
elaboratori elettronici portavano spesso i progettisti ad adottare ”robuste”
semplificazioni nelle operazioni di progettazione. Ad esempio, era usuale, in fase di
progettazione, assegnare tutta l’azione sismica soltanto ad alcune parti del sistema
resistente quali strutture intelaiate perimetrali o nuclei irrigidenti (generalmente in
corrispondenza del vano scala/ascensore) mentre tutti gli altri elementi strutturali
venivano progettati per portare soltanto i carichi verticali. In tale caso è quindi
fondamentale individuare correttamente la funzione attribuita a ciascun elemento
strutturale dal progettista originario.

3. Scelta del modello di calcolo. La scelta dei modelli di calcolo da assumere nella
progettazione simulata deve tener conto di quelle che erano le consuetudini e le
possibilità operative del periodo. Tali modelli non hanno nulla a che vedere con
quanto viene utilizzato nelle moderne procedure di valutazione e progettazione ma
devono riprodurre in modo quanto più possibile fedele la metodologia di progetto e
verifica che si può presumere sia stata utilizzata per l’edificio in esame. In particolare,
è da ricordare che in passato le strutture in c.a. ubicate nei territori non classificati
sismici venivano progettate a soli carichi verticali considerando schemi di calcolo
estremamente semplificati in virtù anche delle difficoltà oggettive ad analizzare
schemi più complessi come quelli oggi usuali con i codici di calcolo implementati sui
moderni PC. Pertanto venivano utilizzati modelli semplici come, ad esempio, quello
di trave continua su più appoggi o addirittura di sequenze di travi semplicemente
appoggiate per progettare intere travate. I pilastri venivano in genere considerando il
solo sforzo normale centrato. Gli edifici progettati in zone classificate come sismiche
Capitolo 3. L’individuazione delle caratteristiche della struttura e dei dettagli costruttivi 31

risentivano anch’essi della disponibilità o meno di strumenti di elaborazione. In tal


senso, valgono nella selezione del tipo di modello di calcolo, le considerazioni
riportate al precedente punto 2. In casi meno frequenti, in genere su strutture di
dimensioni o destinazione di particolare rilevanza, venivano considerati modelli più
complessi, come ad esempio schemi a telaio risolti con metodi tipo Cross. Spesso, per
le stesse esigenze di semplificazione, anche il tipo ed il numero delle condizioni di
carico considerate nel progetto originario non erano sufficienti a massimizzare le
sollecitazioni in tutte le sezioni al fine di operare sempre a favore di sicurezza.

4. Valutazione dei carichi. La scelta dei valori dei carichi permanenti e di esercizio deve
essere condotta in modo coerente con la filosofia e la destinazione d’uso del progetto
originario. I carichi valutati in tale fase possono essere differenti da quelli da
considerare nelle successive operazioni di valutazione sulla struttura ottenuta dal
progetto simulato.

5. Progetto delle armature e verifica degli elementi strutturali. Note le azioni esterne ed i modelli
di calcolo necessari a definire le sollecitazioni, il progetto e la conseguente verifica
delle armature vanno condotti con modalità e livello di accuratezza presumibili per il
progetto originario, ad es. utilizzando abachi e tabelle del periodo. Per portare a
termine la progettazione è necessario adottare dei valori di riferimento per le
resistenze dei materiali. In tale fase non vanno adoperati i valori ottenuti dalle
indagini in-situ (il progetto simulato si riferisce ad un livello di conoscenza limitato,
LC1, per il quale sono previste limitate verifiche in-situ), ma le resistenze di calcolo
dei materiali devono essere assunte con riferimento ai valori usuali della pratica
costruttiva dell’epoca e della zona in cui è collocato l’edificio (ad esempio esaminando
i certificati di prova sui calcestruzzi rilasciati dai laboratori nel periodo in esame).

6. Indagini in situ. Il progetto delle armature condotto secondo i criteri sopra richiamati
dovrà essere verificato mediante sondaggi a campione da condurre sugli elementi
strutturali, conformemente con quanto previsto dal livello di conoscenza LC1. È
opportuno in tal senso, al fine di acquisire il maggior numero di informazioni con il
minor dispendio di risorse, individuare gruppi di elementi strutturali simili (per
dimensioni, collocazione e funzione nell’organismo strutturale) all’interno dei quali
selezionare alcuni elementi rappresentativi i cui dispositivi di armatura possano essere
estesi all’intero gruppo. Le verifiche in situ possono essere condotte ovviamente
anche in modo parallelo alla realizzazione del progetto simulato ed orientarne così in
modo più diretto e semplificato le scelte progettuali.

7. Revisione del Progetto Simulato. Il passo finale è la correzione, eventuale, dei dettagli di
armatura progettati al precedente punto 5, alla luce delle evidenze emerse dai
sondaggi.
32 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Il risultato finale delle operazioni di progetto simulato è la redazione di tavole progettuali


degli elementi strutturali primari dell’edificio in esame, contenenti le caratteristiche ed i
dettagli costruttivi necessari a condurre le verifiche di resistenza. Tali tavole quindi, pur
rappresentando una simulazione del progetto originario, devono contenere delle
informazioni aggiuntive rispetto a quanto normalmente in esso riportato. Ad esempio, è
opportuno riportare, sulla base delle indicazioni della manualistica di riferimento e delle
indagini in situ, le lunghezze di sovrapposizione delle armature longitudinali dei pilastri,
indicazione questa generalmente non contenuta negli elaborati di progetto originari.

3.5.1 Le principali fonti normative delle costruzioni in c.a.


Le prime indicazioni normative sulle caratteristiche del conglomerato cementizio e degli
acciai delle costruzioni in c.a. furono emanate in Italia agli inizi del XX secolo (R.D.
10/01/1907 e successivi decreti fino ai primi anni ‘20).

Il primo organico Regolamento sui materiali e sulle modalità di posa in opera delle
strutture in c.a. può essere considerato il R.D. del 23/05/1932 n. 832. Per la limitata
diffusione delle opere in c.a. e, per contro, per la notevole opera di edificazione
sviluppatasi con la ricostruzione post bellica degli anni ‘50, le costruzioni realizzate con
tale decreto sono sicuramente una quota trascurabile del patrimonio edilizio esistente.

Considerando il quadro normativo nazionale dal dopoguerra ad oggi, emerge una diversa
articolazione temporale per le norme specifiche sulle strutture in c.a., sulle azioni e per le
zone sismiche. Nel seguito sono riportati i principali riferimenti normativi indicando in
modo sintetico i principali cambiamenti verificatisi nel passaggio da un periodo all’altro e
le indicazioni utili alla realizzazione del progetto simulato.

Per le costruzioni in c.a. una prima fondamentale distinzione temporale è conseguente


alla entrata in vigore ed al periodo di validità del Regio Decreto 16/11/1939 n. 2229
“Norme per la esecuzione delle opere in conglomerato cementizio semplice od armato”.
Il R.D. 2229/39 forniva indicazioni di progetto e di realizzazione abbastanza scarne, in
particolare per quanto riguarda i dettagli di armatura dei vari elementi strutturali. Non
veniva fornita alcuna prescrizione sui carichi da applicare, salvo l’indicazione del peso
proprio del calcestruzzo, pari a 2500 kg/m3. Molto spazio veniva dato invece alle
modalità di confezionamento del calcestruzzo, per il quale la resistenza cubica media a 28
giorni doveva essere di almeno 120 kg/cm2 (160 per conglomerati ad alta resistenza) e
comunque almeno tripla rispetto al carico di sicurezza assunto nei calcoli, fino ad un
massimo di 180 kg/cm2, per elementi compressi, e fino a 225 kg/cm2 per elementi inflessi
o presso-inflessi. È interessante notare come la resistenza da prendere in esame per
classificare il calcestruzzo fosse quella media i cui valori minimi erano peraltro
decisamente bassi rispetto a quelli previsti nelle normative successive.
Capitolo 3. L’individuazione delle caratteristiche della struttura e dei dettagli costruttivi 33

Gli acciai previsti, in barre lisce, erano del tipo dolce (tensioni ammissibili a trazione non
superiori a 1400 kg/cm2) e del tipo semiduro e duro (tensioni ammissibili a trazione non
superiori a 2000 kg/cm2). La resistenza di progetto impiegata per il calcestruzzo era
vincolante nei confronti del tipo di acciaio da impiegare: per adoperare acciai con tensioni
ammissibili elevate erano richiesti calcestruzzi con resistenze maggiori.

Per quanto riguarda dimensioni ed armature degli elementi strutturali, nell’ambito della
progettazione simulata, per i solai venivano fornite indicazioni relative all’altezza H
(maggiore del valore massimo tra L/30 e 8 cm), allo spessore minimo della soletta (4 cm),
ed all’armatura di ripartizione (Arip ≥ 25 % della Aprincipale e almeno 3 φ6/ml).

Per i pilastri erano fissati dei limiti minimi per l’armatura longitudinale in funzione della
sezione di calcestruzzo strettamente necessaria per portare lo sforzo normale di progetto.
In particolare, l’area di acciaio doveva essere maggiore dello 0,8% dell’area di calcestruzzo
strettamente necessaria (Asn) per sezioni fino a 2000 cm2 e maggiore dello 0,5% di
Asn per sezioni maggiori di 8000 cm2, con interpolazione lineare per i valori intermedi.
Per le staffe era previsto un passo minimo valutato come il valore più piccolo tra la metà
della dimensione minima della sezione e 10 volte il diametro minimo delle armature
longitudinali. Tale prescrizione è molto stringente e, dall’esperienza comune, appare
essere stata spesso disattesa.
Per le travi le indicazioni erano molto scarne e l’unico riferimento utile riguardava la
ripartizione della sollecitazione tagliante al 50% tra staffe e ferri piegati.

Il R.D. del 1939 ha regolato le modalità di progettazione ed esecuzione delle costruzioni


in c.a. per circa trenta anni, fino alla entrata in vigore della legge 5/11/1971 n. 1086
“Norme per la disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato, normale e
precompresso ed a struttura metallica” e dei relativi Decreti Ministeriali di attuazione.

Il primo dei Decreti emanati in forza della legge 1086/71 è il D.M. del 30/5/1972. Esso è
stato seguito da numerosi aggiornamenti, fino al vigente D.M. 9/1/1996, contenenti
alcune modifiche, non sostanziali, per quanto riguarda le dimensioni minime degli
elementi strutturali, i minimi di armatura ed i dettagli costruttivi. Il D.M. 30/5/72
introdusse significativi cambiamenti rispetto al R.D. del 1939. Per quanto riguarda i
materiali, le resistenze previste per il calcestruzzo, espresse in termini di valori
caratteristici e non più medi, erano più elevate, variabili da 150 fino a 500 kg/cm2, intesi
come valori caratteristici della resistenza cubica Rck. Oltre agli acciai lisci erano previsti
acciai ad aderenza migliorata del tipo A38, A41 e FeB44 aventi tensione caratteristica di
rottura compresa tra 46 e 55 kg/mm2, tensione caratteristica di snervamento tra 38 e 44
kg/mm2. In merito, va ricordato che le armature ad aderenza migliorata furono introdotte
già con la Circolare Min. LL.PP. n. 1472 del 23/05/1957, ma il loro impiego diffuso si è
avuto solo a partire dagli anni ’70-‘80. Il metodo esplicitamente previsto per le verifiche di
sicurezza era quello delle tensioni ammissibili. Le tensioni del conglomerato compresso e
dell’armatura venivano calcolate trascurando il contributo a trazione del conglomerato.
34 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Per quanto riguarda la progettazione degli elementi strutturali, il D.M. 30/5/72 prevedeva
per le travi una percentuale minima di armatura longitudinale, riferita all’intera sezione,
variabile per barre ad aderenza migliorata e per barre lisce. Tale armatura doveva essere
convenientemente diffusa. Non veniva fornita alcuna indicazione per le armature
trasversali.
Per i pilastri, soggetti a compressione centrata od eccentrica, era previsto un range di
variabilità della percentuale di armatura longitudinale funzione della sezione di
conglomerato strettamente necessaria per carico assiale e della sezione effettiva. Il
diametro delle barre non doveva essere inferiore a 12 mm. Minimi regolamentari, in
termini di passo e diametro, erano previsti anche per le armature trasversali. Sia nei
pilastri che nelle travi era previsto un copriferro di almeno 2 cm ed un interferro almeno
pari al diametro delle barre, ma non inferiore a 2 cm.
Nei decreti successivi, il cambiamento più rilevante ha riguardato l’introduzione della
possibilità di condurre le verifiche secondo il metodo degli stati limite. Tale possibilità,
prevista già nel D.M. 30/5/1974 ma senza una sufficiente descrizione, si è poi consolidata
nei decreti successivi trovando una puntuale definizione a partire dal D.M. 26/3/80.

Nelle successive Tabelle 3.5.1-3.5.5 sono sintetizzate le indicazioni delle principali


normative per il progetto di edifici in c.a..

Tabella 3.5.1 Caratteristiche del calcestruzzo per varie normative


Tipo di Sollecitazione
Resistenza Compr. Fless. Taglio
σ amm σ amm τ c0 τ c1
Normativa [kg/cm2]
σ max σ max σ max σ max
Controlli
R.D. 2229/39 Normale ≥120 29,2% 33,3% 3,3% 11,7%
(val. medi)

Alta res. ≥160 28,1% 31,3% 3,8% 10,0% 1/125mc


Contr. in cant. 180-225 33,3% 33,3% 2,7% 7,1%
D.M. 30/05/72 (val. caratt.) 150-500 20-28% 29-40% 2,6-1,7% 9,3-48% 4/100mc min12
D.M. 26/03/80 “ “ “ “ “ 2/100mc min6
D.M. 09/01/96 “ “ “ “ “ “

Tabella 3.5.2 Caratteristiche dell’acciaio da cemento armato per varie normative


Resistenza [kg/cm2] σ amm Allung.
Controlli
Normativa Rottura Snervamento σ max a rottura
R.D. 2229/39 Acciaio dolce 4200-5000 ≥2300 28-33% 20%
Acciaio semiduro 5000-6000 ≥2700 33-40% 16% 2/1000
Acciaio duro 6000-7000 ≥3100 29-40% 14%
Barre lisce 3400-5000 2300-3200 35-32% 24-23 3 camp. (facoltativo
D.M. 30/05/72 se control. in stab.)
Barre ader. migl. 4600-5500 3800-4400 48-40% 14-12
D.M. 26/03/80 “ “ “ “
D.M. 09/01/96 “ “ “ “
Capitolo 3. L’individuazione delle caratteristiche della struttura e dei dettagli costruttivi 35

Tabella 3.5.3 Dati di progetto e verifica per gli elementi trave per varie normative
Normativa Arm. Longit. Arm. Trasversale Verifiche Coprifer. Interfer.
50% Taglio staffe n=6,8,10
R.D. 2229/39 50% Taglio piegati Metodo T.A.
2 cm min(2cm,φ)
Af=0,25% Asez.
(per barre lisce) n=10,15 Metodo T.A.
D.M. 30/05/72 Calc. a rottura
2-4 cm min(2cm,φ)
Af=0,15% Asez
(per barre A.M.)
Astaffe=3cm2/m
pstaf ≤0,8(alt. utile) n=15, Metodo T.A.
D.M. 26/03/80 “
Stati limite
“ “
pstaf≤12φmin(appoggi)
D.M. 09/01/96 “ “ “

Tabella 3.5.4 Dati di progetto e verifica per gli elementi pilastro per varie
normative
Arm.Longit. Arm.Trasversale Verifiche Coprif. Interf.
0,8% fino a 2000cm2 n=6,8,10
R.D. 2229/39 0,5% oltre 8000 cm2 pstaf=min(1/2Lmin,10φmin) Metodo T.A.
2 cm min(2cm,φ)

0,6-5% Acls s.n. n=10,15


0,3% Aeff pstaf=min(15φmin;25cm)
D.M. 30/05/72 Metodo T.A. 2-4 cm min(2cm,φ)
φmin= 12mm φmin = 6 mm Calc. a rottura
≥0,6% Acls s.n. n=10,15
0,3-5% Aeff pstaf=min(15φmin;25cm)
D.M. 30/05/74 Metodo T.A. “ “
φmin= 12mm φmin = 6 mm Stati limite
≥0,8% Acls s.n. n=15
0,3-6% Aeff pstaf=min(15φmin;25cm)
D.M. 26/03/80 Metodo T.A. “ “
φmin= 12mm φmin = 6 mm Stati limite
D.M. 09/01/96 “ “ “

Tabella 3.5.5 Dati di progetto e verifica per i solai realizzati in opera per varie
normative
Dimensioni Arm. Ripartizione Verifiche Coprifer.
H=max(L/30,8cm) n=6,8,10 Soletta 0,8cm
R.D. 2229/39 Soletta min 4cm
Arip=25% Aprincipale
Metodo T.A. Trav. = 2cm
n=10,15
H=max(L/30,8cm) Soletta 0,8cm
D.M. 30/05/72 Soletta min 4cm
Arip=20% Aprincipale Metodo T.A.
Trav. = 2cm
Calcolo a rottura
n=15
H=max(L/25,12cm)
D.M. 27/07/85 Soletta min 4cm
Metodo T.A. “
Stati limite
D.M. 09/01/96 “ “

Per quanto riguarda i carichi e i sovraccarichi non vi sono riferimenti normativi specifici
fino all’entrata in vigore del D.M. 3/10/78 “Criteri generali per la verifica della sicurezza
delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi”, emanato in forza della legge 2/2/1974 n.
64, che fornisce i valori dei sovraccarichi accidentali rimasti sostanzialmente invariati fino
ad oggi.
36 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Per quanto riguarda le norme specifiche per le zone sismiche si possono distinguere
essenzialmente tre periodi. Il primo va dall’entrata in vigore del R.D. 22/11/37 n. 2105
che ha regolato le costruzioni in zona sismica fino all’entrata in vigore della Legge 25
novembre 1962 n. 1684 “Provvedimenti per l’edilizia, con particolari prescrizioni per le
zone sismiche”. Significativi cambiamenti sono stati apportati con il D.M. 3/3/1975 che
ha introdotto le analisi statica equivalente e dinamica. Va però tenuto conto che le norme
sismiche hanno trovato diffusa applicazione prevalentemente a partire dai primi anni ‘80,
a seguito della vasta operazione di classificazione sismica conseguente al sisma irpino del
novembre 1980.

3.5.2 La manualistica di uso comune


Come più volte ricordato, le indicazioni contenute nelle normative non fornivano
indicazioni sufficienti a definire una struttura in modo da poterne effettuare le verifiche di
resistenza. Pertanto, nel seguito si illustrano brevemente alcune indicazioni dedotte
dall’esame della manualistica di uso corrente nei decenni passati per la progettazione degli
edifici in c.a. (Santarella 1956, 1968; Pagano 1963, 1968, ecc.).
La manualistica, rappresentando spesso un punto di riferimento per i professionisti, può
dare utili indicazioni sui procedimenti utilizzati nelle diverse epoche per il calcolo degli
edifici in c.a. e su alcuni aspetti di carattere progettuale ed esecutivo. Di seguito sono
sinteticamente riportati i criteri di calcolo dei principali elementi strutturali (solai, travi,
pilastri, ..) con particolare attenzione alla definizione dei modelli di calcolo, alla
valutazione ed alle modalità di applicazione dei carichi, alle indicazioni sulla disposizione
delle armature ed ai dettagli costruttivi.

3.5.2.1 Solai
Il calcolo delle sollecitazioni (momenti flettenti, il taglio veniva generalmente trascurato)
veniva effettuato adottando il modello di trave continua su più appoggi. Generalmente
agli appoggi di estremità veniva considerato un momento variabile da incastro perfetto
(ql2/12) a semincastro (ql2/24) (Santarella, 1956, 1968). Per quanto riguarda i carichi, il
peso proprio ed il sovraccarico permanente erano disposti in modo uniforme su tutte le
campate, mentre il sovraccarico accidentale, considerato per intero, era disposto nel
modo più sfavorevole per determinare i massimi momenti positivi e negativi, secondo la
teoria delle linee di influenza. Le armature erano disposte secondo le esigenze dettate dal
diagramma del momento flettente.

3.5.2.2 Travi
Per il calcolo delle sollecitazioni Pagano proponeva due schemi limite, ovvero quello di
trave continua su appoggi semplici e quello di singole travi perfettamente incastrate, che
individuassero la fascia di valori entro la quale erano comprese le effettive sollecitazioni.
Santarella proponeva procedure analoghe a quelle descritte per i solai, ossia modellazione
a trave continua su più appoggi e combinazioni di carico più sfavorevoli per la
determinazione dei massimi valori del momento flettente e del taglio. Per semplificare le
Capitolo 3. L’individuazione delle caratteristiche della struttura e dei dettagli costruttivi 37

operazioni di calcolo venivano fornite una serie di tabelle relative ad alcuni schemi di
riferimento. Anche per quanto riguarda la disposizione delle armature vale quanto già
detto per i solai. Erano comunque previste almeno quattro barre longitudinali ai vertici
della sezione, cosiddette “reggistaffa”, tipicamente di diametro medio-piccolo (φ8 ÷ φ12).
E’ da sottolineare come queste armature fossero spesso le sole presenti al lembo inferiore
della trave nelle sezioni di estremità.

La sollecitazione di taglio veniva fatta assorbire sia da ferri piegati, disposti secondo le
esigenze dettate dal diagramma dei momenti flettenti (Figura 3.5.1), sia da staffe, per la
parte residua di scorrimento, comunque pari ad almeno il 50%. Tipicamente le staffe
avevano diametro pari a 6-8 mm ed erano disposte con passo generalmente non inferiore
a 20 cm.

Figura 3.5.1 Disposizione delle armature nelle travi (Santarella, 1968)

3.5.2.3 Pilastri
I pilastri erano solitamente dimensionati considerando soltanto lo sforzo normale
centrato, dando luogo a sezioni ridotte e poco armate. Nel calcolo degli sforzi normali,
veniva prevista la riduzione dei carichi accidentali a partire dall’ultimo piano, indicazione
di una certa rilevanza solo nel caso di edifici alti. Per considerare il peso proprio dei
pilastri da progettare, Pagano suggeriva un incremento percentuale del carico derivante
dal peso degli elementi portati ai vari piani, mentre Santarella indicava di inserire
nell’analisi dei carichi valori di tentativo delle dimensioni e dunque del peso dei pilastri ai
38 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

diversi piani, eseguendo poi una verifica finale. In presenza di azioni assiali non centrate,
le verifiche di resistenza venivano condotte con le formule della flessione composta. Tale
condizione di carico, dovuta all’eccentricità dei carichi verticali, veniva generalmente presa
in considerazione per i pilastri di estremità dei telai. Nel caso il rapporto fra la lunghezza
libera l del pilastro e la minima dimensione a della sezione superava il valore l/a = 15, il
pilastro veniva verificato anche con le formule del carico di punta.

Circa la forma della sezione, si prevedevano tipicamente sezioni quadrate, armate con 4 o
più barre longitudinali, anche se nella realtà spesso si trovano sezioni rettangolari o di
altra forma imposte da esigenze architettoniche o costruttive.

In merito alle percentuali di armatura, la manualistica faceva riferimento alle Norme del
periodo in esame nelle quali, per i pilastri sollecitati a pressione assiale, era prescritto che
l’area di armatura longitudinale fosse fissata in base ad una percentuale µ della sezione
strettamente necessaria di conglomerato. In realtà, come confermato anche da tecnici
esperti del periodo, si faceva riferimento generalmente all’area di conglomerato relativa
alla sezione effettiva del pilastro. Tale approssimazione, semplificatrice ed a vantaggio di
sicurezza, teneva anche in conto che i pilastri potevano essere comunque soggetti a
sollecitazioni flessionali, dovute sia alla monoliticità dei nodi trave-pilastro che all’azione
del vento, della quale in genere non si teneva conto esplicitamente nei calcoli.

Le staffe erano disposte con passo non superiore a 10 volte il diametro delle barre
longitudinali o a metà delle dimensioni del lato, prive di piegatura a 135° e disposte
comunemente come in Figura 3.5.2. Circa le giunzioni delle armature nel passare da un
piano al successivo, Santarella indicava un valore pari a 40 volte il diametro delle barre
longitudinali (Figura 3.5.3).

Figura 3.5.2 Disposizioni delle Figura 3.5.3 Dettaglio relativo ai nodi trave pilastro
staffe nei pilastri (Santarella, 1968) (Santarella, 1968)
Capitolo 3. L’individuazione delle caratteristiche della struttura e dei dettagli costruttivi 39

3.5.2.4 Scale
Per quanto riguarda il calcolo delle scale, Pagano (1968) considerava due possibili schemi:
travi a ginocchio con gradini a sbalzo o soletta rampante. Per lo schema a soletta
rampante proponeva di considerare uno schema di trave rettilineizzata proiettando la
scala in orizzontale. Nel caso di trave a ginocchio, considerata anch’essa rettilinea, il
calcolo veniva effettuato adottando il concetto di fascia, ossia considerando, come già
indicato per le travi di piano, i modelli di trave appoggiata e di trave incastrata. Con tali
modellazioni limite venivano calcolati momenti flettenti, tagli e momenti torcenti. Sia per
la soletta rampante che per la trave a ginocchio era segnalata la necessità di prestare
particolare attenzione alle armature longitudinali nelle zone di collegamento con i
pianerottoli, evitando disposizioni che potessero provocare espulsione del copriferro.
Inoltre in tale zona, nel caso di travi a ginocchio era in genere previsto un infittimento del
passo delle staffe.

3.5.3 Le consuetudini progettuali e costruttive


Ai fini dell’accertamento della resistenza sismica di un edificio in c.a. esistente, l’esame dei
progetti di edifici risalenti allo stesso periodo, realizzati in forza delle stesse normative ed
in un contesto simile, è in grado di fornire utili indicazioni circa le modalità di
progettazione, i dettagli costruttivi comunemente adottati, gli errori e le carenze più
ricorrenti. Questi aspetti, fortemente condizionati dal contesto geografico e storico,
andrebbero valutati caso per caso direttamente dal professionista incaricato di condurre la
valutazione di resistenza sull’edificio in questione. Tuttavia alcune indicazioni possono
essere fornite come riferimenti di carattere generale nella esecuzione della progettazione
simulata e delle attività di rilievo.

A titolo esemplificativo nel seguito si riportano sinteticamente alcune indicazioni ricavate


da un ampio ed accurato esame (Masi & Vona, 2004, Vona & Masi, 2004, Masi et al.,
2001) di elaborati progettuali tipici, essenzialmente relativi al periodo successivo alla
emanazione della Legge 1086/71, nonché delle caratteristiche reali di edifici esistenti
italiani, con particolare riferimento a:
− caratteristiche globali: regolarità strutturale in pianta ed in elevazione,
disposizione degli elementi strutturali;
− caratteristiche locali: dettagli costruttivi relativi agli elementi portanti principali;
− errori e difetti tipici della progettazione.

3.5.3.1 Caratteristiche globali


I fattori principali da considerare e da individuare mediante il rilievo (in conformità a
quanto previsto al § 11.2.3.2 dell’OPCM) sono:
− tipologia e disposizione del sistema resistente;
− tipologia e posizione del vano scala e del nucleo ascensore;
− tipologia e posizione delle tamponature.
40 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

L’edilizia residenziale italiana progettata senza criteri antisismici presenta caratteri


abbastanza comuni tra le varie zone del territorio e nei vari periodi. La pianta ha spesso
forma rettangolare con un sistema strutturale costituito generalmente da telai in una sola
direzione, ortogonale all’orditura dei solai e parallela al lato lungo dell’edificio. Tali telai
sono realizzati perlopiù con travi emergenti ma in qualche caso è possibile riscontrare la
presenza di travi a spessore o travi a ‘veletta’ (estradossate). Nella direzione parallela
all’orditura dei solai è pressoché costante l’assenza di travi di collegamento tra gli elementi
verticali, pertanto il collegamento tra i telai (longitudinali) è affidato soltanto al solaio e ai
telai di estremità realizzati generalmente con travi emergenti o a spessore (a volte di
dimensioni esigue: larghezza 20 cm, realizzate con due travetti affiancati). Gli elementi
strutturali sono ovviamente disposti senza alcun riferimento ad aspetti connessi all’azione
di forze sismiche (Figura 3.5.4), conseguenza della progettazione ai soli carichi verticali,
pur se alcune situazioni riscontrate sono da considerarsi anomale anche per tale tipo di
progettazione. Ad esempio, oltre all’assenza di una maglia regolare di pilastri più o meno
allineati, in qualche caso si evidenzia la presenza di nodi trave – trave e configurazioni dei
nodi trave-pilastro con elevati sfalsamenti tra gli assi degli elementi.

Figura 3.5.4 Tipica distribuzione in pianta del sistema resistente in edifici


residenziali progettati per soli carichi verticali

Per quanto riguarda le tamponature, negli elaborati progettuali quasi mai ne venivano
indicate dimensioni e caratteristiche, ma generalmente esse sono costituite da una doppia
fodera di laterizi forati, ognuna con spessore 8-12 cm, di scarsa qualità meccanica. Attesa
l’importanza del loro contributo sul comportamento sismico delle strutture intelaiate in
c.a., un aspetto rilevante da considerare è la presenza di un piano porticato,
frequentemente riscontrabile al piano terreno e, più raramente, a livello intermedio. La
Capitolo 3. L’individuazione delle caratteristiche della struttura e dei dettagli costruttivi 41

configurazione di tale porticato è molto diversificata ma riguarda generalmente un solo


lato dell’edificio. Un altro aspetto cui prestare particolare attenzione, spesso rilevato negli
edifici esistenti, è costituito dalla presenza di tamponature disposte a mezza altezza
(tipicamente finestre a nastro nei garage) che possono condizionare negativamente il
comportamento sismico dando luogo ad indesiderati effetti locali.

Per quanto riguarda la struttura del corpo scala essa era generalmente costituita da travi a
ginocchio con soletta a sbalzo o, meno frequentemente, da solette rampanti.

3.5.3.2 Caratteristiche locali


Si conferma la consuetudine di calcolare i pilastri esclusivamente a compressione centrata.
Infatti nelle relazioni di calcolo, quando presenti, raramente è emerso l’utilizzo di uno
schema a telaio in cui venissero considerati effetti flessionali causati dal vento o dai
carichi verticali. Tale approccio di progettazione dei pilastri si ripercuote sulla mancanza
di accuratezza negli elaborati tecnici, nei quali si constata la mancanza di qualunque
indicazione sulla disposizione delle armature nei pilastri eccezion fatta per la presenza, in
genere, di una tabella pilastri riportante in modo schematico il diametro e il numero di
barre presenti nei pilastri e, in qualche caso, il passo e il diametro delle staffe.

Per quanto riguarda le armature, l’esperienza mostra che negli edifici ordinari destinati a
civile abitazione il quantitativo di armatura disposto era in genere di poco superiore ai
minimi di normativa.

Le armature utilizzate sono quasi sempre del tipo liscio fino agli anni ’70, con una
diffusione sempre maggiore del tipo ad aderenza migliorata a partire dalla seconda metà
degli anni ‘70. Molto raramente venivano fornite indicazioni sui dettagli costruttivi, in
particolare per i pilastri, con riferimento a:
− disposizione delle armature;
− lunghezze di ancoraggio;
− lunghezze di sovrapposizione;
− disposizione delle staffe (variazioni di passo lungo l’elemento).

La sovrapposizione delle barre tra un piano e l’altro avveniva in corrispondenza della


sezione di ripresa del getto al livello di piano; sul come venisse realizzata tale
sovrapposizione nulla di preciso emerge dagli elaborati progettuali a causa della già citata
mancanza di dettagli costruttivi. Le staffe, con diametro generalmente di 6 mm, venivano
disposte con passo costante lungo tutta l’altezza dei pilastri con valore mediamente
dell’ordine di 20 cm, ed erano assenti all’interno dei nodi. La conformazione non
prevedeva alcun ancoraggio (piegatura a 135°) all’interno della sezione.

Nelle travi si riscontrano in alcuni casi armature longitudinali ancorate nei nodi e, in
qualche raro caso, realizzate separatamente per ogni singola campata. In corrispondenza
42 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

dei nodi il quantitativo di armatura disposto al lembo inferiore è in genere molto basso,
riducendosi ai due classici reggistaffa di diametro 8-14 mm. La sollecitazione di taglio
veniva sopportata dai ferri piegati (o sagomati) e dalle staffe con passo opportuno (Figura
3.5.5). Il passo delle staffe era molto variabile, mentre il diametro era generalmente di 6-8
mm.

Sagomati
per taglio

Scarso
ancoraggio

Figura 3.5.5 Difetti tipici nelle armature delle travi progettate per soli carichi
verticali

3.5.3.3 Carenze progettuali ed esecutive


Oltre alle modalità tipiche di progettazione e realizzazione descritte nei paragrafi
precedenti, emergono una serie di aspetti altrettanto importanti, relativi a carenze
progettuali ed esecutive, la cui individuazione è espressamente richiesta dall’Ordinanza (§
11.2.3.2 dell’OPCM “Informazioni su possibili difetti nei particolari costruttivi…”). Tali carenze
emergono anche dall’esame di edifici oggetto di intervento e dai sopralluoghi post-sisma
su edifici danneggiati.

Pur se la filosofia progettuale ha subito negli ultimi anni dei cambiamenti significativi,
scelte progettuali riscontrate in alcuni casi negli elaborati tecnici si rivelano inaccettabili
per le regole di buona progettazione comunemente utilizzate indipendentemente dal tipo
di normativa e di carichi applicati. In tali casi si può dunque parlare di veri e propri errori
di progettazione e realizzazione. Questi aspetti sono difficilmente generalizzabili poiché
dipendono molto spesso dalla ”sensibilità” del progettista, ma alcune considerazioni circa
gli errori più diffusi e ricorrenti sono comunque possibili.
Capitolo 3. L’individuazione delle caratteristiche della struttura e dei dettagli costruttivi 43

Tra gli errori più ricorrenti vi sono senza dubbio quelli legati alla errata disposizione e/o
progettazione degli elementi strutturali. Frequentemente si è rilevata la presenza di travi
disposte con notevoli fuori asse rispetto ai pilastri, problema ovviamente ancora più
sentito nel caso di travi a spessore. In alcuni casi si è riscontrata la presenza di nodi trave
– trave (Figura 3.5.6).

In altri casi è stato verificato un errato posizionamento dei ferri piegati, disposti ad una
distanza eccessiva dall’estremità della trave, ossia dalla zona in cui la sollecitazione
tagliante assume i valori più elevati (anche a carichi verticali) che non possono essere
assorbiti solo dalle staffe presenti (peraltro molto spesso non calcolate, ma disposte
secondo i minimi di normativa).

Le luci dei solai risultano spesso elevate e non di rado intorno ai 6 m pur con gli usuali
spessori degli stessi di 20 cm: si è evidenziata la tendenza dei progettisti a realizzare solai
abbastanza sottili, a volte inferiori anche al minimo previsto dalle normative. Un errore
rilevato in alcuni casi è l’inserimento dei travetti prefabbricati all’interno delle travi,
espressamente previsto negli elaborati tecnici (Figura 3.5.7).

Figura 3.5.6 Esempio di nodo trave – trave Figura 3.5.7 Esempio di travetti prefabbricati
presente in un progetto inseriti all’interno delle travi

Per quanto riguarda le mancanze/errori in fase di esecuzione, un primo aspetto molto


importante riguarda le modalità con cui veniva realizzato il getto del calcestruzzo.
Infatti, oltre ai ben noti fenomeni di sedimentazione degli inerti più pesanti alla base delle
colonne e di risalita dell’acqua verso la parte superiore, con conseguente presenza di
calcestruzzo di scarsa qualità in testa, molto spesso non si poneva sufficiente cura alle
zone di ripresa del getto (pulizia ed eventuale “scapitozzatura” della parte gettata)
rendendo precaria la solidarizzazione tra le parti di calcestruzzo gettate in fasi diverse. A
tal proposito va ricordata anche la pessima abitudine di non curare adeguatamente il
44 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

posizionamento e la legatura delle staffe (peraltro non chiuse) nei pilastri: durante il getto
queste potevano spostarsi facilmente dalla posizione prevista ammassandosi in alcune
zone e lasciandone scoperte altre.

La descrizione delle caratteristiche dimensionali, meccaniche o tipologiche delle


tamponature è del tutto assente nei progetti strutturali. In qualche caso l’unica indicazione
è relativa al peso proprio adoperato nei calcoli. Infine, un elemento rilevato dall’esame di
edifici esistenti è la diffusa presenza di fori passanti negli elementi strutturali, spesso
realizzati successivamente al getto, utilizzati per il passaggio da un piano all’altro degli
impianti termo-sanitari.
CAPITOLO 4: LA DETERMINAZIONE DELLE
PROPRIETA’ DEI MATERIALI

Le proprietà dei materiali in-situ possono essere determinate sulla base delle seguenti
fonti di informazione:
− valori usuali per la pratica costruttiva dell’epoca;
− specifiche originali di progetto o certificati di prova originali;
− prove in-situ (limitate, estese o esaustive).

L’entità delle prove in-situ dipende dal livello di conoscenza che si intende acquisire e
dalle altre informazioni disponibili. Allo scopo di determinare la resistenza a
compressione del calcestruzzo, la tensione di snervamento e la resistenza a rottura
dell’acciaio, sono richieste almeno prove limitate (§ 11.2.3.3 dell’OPCM).

Particolarmente importante è la stima della resistenza a compressione del calcestruzzo in


quanto, oltre al ruolo determinante che essa ha sulla capacità portante e sulla durabilità
della struttura, altre proprietà del calcestruzzo, come il modulo elastico e la resistenza a
trazione, possono essere ricavate, direttamente o indirettamente, da essa. Per consentire la
suddetta valutazione, sulle strutture esistenti possono essere adoperati metodi di indagine
di tipo distruttivo (che implicano cioè asportazione localizzata di materiale) e non
distruttivo. Tra i primi va ricordato il carotaggio, tra i secondi lo sclerometro, gli
ultrasuoni ed il metodo combinato Sonreb.
Anche indagini chimiche possono rivelarsi in alcuni casi opportune, come ad esempio
quella per rilevare la presenza e l’entità della carbonatazione, condizione che può avere
riflessi importanti sul processo di corrosione delle armature, dunque sulle proprietà
meccaniche delle barre d’acciaio e sull’efficacia del legame d’aderenza acciaio-
calcestruzzo.

Nel definire le modalità di svolgimento della campagna di indagini sui materiali due
aspetti sono particolarmente importanti e riguardano direttamente il professionista
incaricato della valutazione (Masi, 1991):
− quali e quanti dati vanno raccolti per poter effettuare la valutazione di sicurezza;
− come vanno trattati ed interpretati questi dati.

Meno rilevante appare l’aspetto relativo alla individuazione ed applicazione delle diverse
tecnologie e metodiche di indagine per le quali è opportuno avvalersi di strutture o
laboratori esperti nel settore. E’ sufficiente che il professionista conosca le principali
46 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

metodiche disponibili ed i vantaggi e svantaggi nell’utilizzo di ognuna di esse, con


particolare riferimento alla loro affidabilità ed ai limiti di applicabilità. Va peraltro detto
che, per quanto tali metodiche abbiano subito una consistente evoluzione nel corso degli
ultimi anni tale da renderle efficienti ed affidabili se ben utilizzate, è opportuno che un
ruolo determinante abbia ancora l’esame visivo durante l’ispezione diretta (“esame
clinico”), attività di specifica pertinenza e responsabilità del professionista incaricato.

Di ausilio nelle operazioni di stima delle proprietà dei materiali, in particolare per quanto
riguarda l’acciaio, è la conoscenza dei dati storici, ossia delle proprietà previste dalle
norme tecniche vigenti all’epoca della costruzione (vedi Tabella 3.5.1. e Tabella 3.5.2) e/o
della qualità dei materiali usualmente adottati nei diversi periodi e nelle diverse regioni,
come ricavabile dalla manualistica (ad es. Santarella, 1956; Pagano, 1968) o dalle
consuetudini progettuali e costruttive.

4.1 LE INDAGINI SUL CALCESTRUZZO


La pianificazione dell’indagine conoscitiva sulle proprietà del calcestruzzo comporta una
serie di decisioni riguardanti la scelta del metodo o dei metodi più idonei, la localizzazione
ed il numero di prove necessarie per valutare, con un grado di accuratezza e
rappresentatività sufficienti, le effettive caratteristiche del materiale.

Per quanto riguarda la scelta delle metodologie di indagine da adottare, esistono diverse
prove che consentono di acquisire lo stesso tipo di informazione: la scelta di una specifica
metodologia dipende dai costi sostenibili, dai danni arrecabili all’edificio, dai tempi di
esecuzione e dalla precisione connessa a ciascun tipo di prova in confronto con quella
richiesta dall’indagine. In Tabella 4.1.1 vengono evidenziate le caratteristiche principali dei
metodi più diffusi per la stima della resistenza a compressione del calcestruzzo, le cui
modalità di utilizzo verranno esaminate più in dettaglio nei paragrafi successivi.

Per finalità comparative risultano molto efficienti i metodi non distruttivi, poiché la
rapidità con cui si eseguono le misurazioni e il danno limitato che viene arrecato (in
genere basta eliminare l’intonaco) permette di esaminare un gran numero di punti.

Tabella 4.1.1 Caratteristiche dei metodi di prova più diffusi per la determinazione
della resistenza del calcestruzzo
METODO Costo Rapidità Danno str. Rappresentatività Affidabilità
Carotaggio Elevato Bassa Moderato Moderata Elevata
Sonde Windsor Moderato Elevata Mimino Superficiale Scarsa
Ultrasuoni Basso Elevata Nullo Buona Moderata
Sclerometro Basso Elevata Nullo Superficiale Scarsa

Occorre segnalare che in tutte le prove non distruttive la valutazione delle proprietà
meccaniche avviene in maniera indiretta, per cui é necessario procedere ad una
operazione di calibrazione, ossia a collegare il risultato della misura (ad es., nel caso dello
Capitolo 4. La determinazione delle proprietà dei materiali 47

sclerometro, l’indice di rimbalzo ossia la durezza superficiale) alla caratteristica oggetto


dell’indagine (tipicamente la resistenza a compressione). In genere la calibrazione tende ad
essere maggiormente complessa per metodi meno costosi e che producono i danni
minori. Lo sclerometro e gli ultrasuoni, infatti, non producono alcun tipo di danno
strutturale (salvo quelli arrecati agli elementi non strutturali quali intonaci, rivestimenti e
finiture varie), sono economici e rapidi, ideali per stime di omogeneità e comparative, ma
la loro calibrazione in termini di stima della resistenza assoluta pone diversi problemi. Il
carotaggio invece consente una stima diretta della resistenza della struttura in situ, ma
causa danni strutturali (anche se agevolmente riparabili), é lento e costoso. Il carotaggio è
comunque essenziale per effettuare la calibrazione delle misure ottenute con le
metodologie non distruttive da utilizzare estesamente nel processo di indagine.

Nella scelta del metodo di indagine da utilizzare si é spesso fortemente condizionati dalla
possibilità o meno di produrre dei danni. Nel caso di limitazioni di questo tipo
dovrebbero essere utilizzati in linea generale i metodi non distruttivi (ad esempio
sclerometro con ultrasuoni, qualora fossero accessibili due superfici opposte, e sonde
Windsor nel caso di accessibilità di una sola superficie), riservando quelli distruttivi
soltanto alle regioni più critiche.

La scelta dei punti di indagine va fatta in maniera casuale, salvo le precisazioni fatte al
paragrafo 3.4 circa gli elementi strutturali tipologicamente simili, senza privilegiare zone
particolari, in modo tale da poter ritenere i risultati ottenuti statisticamente rappresentativi
delle proprietà del materiale in-situ. Qualora si ritenesse necessario privilegiare zone
particolari, ad esempio laddove il calcestruzzo appare degradato o di scarsa qualità, si
dovrebbero individuare diversi ambiti omogenei, mantenendo separati tra loro i risultati
relativi alle diverse zone.

Nella scelta della localizzazione dei punti di misura e/o di estrazione, andrebbero evitate
quelle zone ove il calcestruzzo ha tipicamente caratteristiche diverse da quelle medie.
Nei pilastri le modalità di posa in opera determinano generalmente una variazione della
resistenza lungo l’altezza degli elementi strutturali (in particolare ciò accadeva in passato
per l’assenza di operazioni di compattazione): per tale ragione può verificarsi una
riduzione del 20-30% passando dalla base alla sommità, zona nella quale la qualità
inferiore del calcestruzzo ne sconsiglia la manomissione. Pertanto, nei pilastri la zona di
prelievo ideale è la mezzeria dell’elemento, laddove, peraltro, le sollecitazioni flessionali
sono ridotte. Infine, particolare attenzione deve essere posta nel selezionare i pilastri da
sottoporre a carotaggio, tenendo conto dello stato degli elementi (degradato, danneggiato,
ecc.) nonché dei tassi di lavoro per carichi verticali dovuti alle condizioni di normale
esercizio dell’edificio.
Con la stessa logica si procederà per le travi realizzando il prelievo sul fianco delle stesse,
nel caso di travi emergenti rispetto al solaio, tra 1/4 ed 1/5 della luce netta ed all’incirca a
metà altezza. Nel caso di travi in spessore di solaio il prelievo dovrà essere effettuato in
48 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

direzione verticale e richiederà quindi la rimozione di una zona di pavimento, massetto e


quant’altro presente sulla superficie del calcestruzzo strutturale.
Inoltre, l’estrazione delle carote richiede, nelle zone di prelievo, che si proceda a
preventive ed accurate rilevazioni pacometriche, come già descritto al capitolo 3, in modo
da individuare ed evitare le barre di armatura (Figura 4.1.1).

Figura 4.1.1 Punti di esecuzione delle indagini sugli elementi strutturali

Il numero minimo di provini da prelevare è stabilito dalle norme (§ 11.2.3.3, tab. 11.2a
dell’OPCM). Le note esplicative indicano che “Il numero di provini riportato nella Tabella
11.2a potrà esser variato, in aumento o in diminuzione, in relazione alle caratteristiche di omogeneità del
materiale. Nel caso del calcestruzzo in opera tali caratteristiche sono spesso legate alle modalità costruttive
tipiche dell’epoca di costruzione e del tipo di manufatto, di cui occorrerà tener conto nel pianificare
l’indagine. Sarà opportuno, in tal senso, prevedere l’effettuazione di una seconda campagna di prove
integrative, nel caso in cui i risultati della prima risultino fortemente disomogenei”.
Riguardo a ciò, operativamente si potrebbe seguire quanto indicato nelle FEMA 356
(ASCE, 2000) che prevedono che, qualora il Coefficiente di Variazione (CV)1 dei risultati
delle prove superi il 14%, vanno eseguite prove aggiuntive finché il valore di CV risulti
minore o uguale al 14%. Appare in ogni caso opportuno prelevare non meno di 3 provini
dall’intera struttura, anche per poter disporre di una base minima per effettuare
l’operazione di taratura delle eventuali prove non distruttive.

1 Il coefficiente di variazione CV di un campione di n risultati R è pari al rapporto, generalmente


i
espresso in percentuale, tra la deviazione standard DS e la media Rm dello stesso campione:
n

CV = Rm / DS
n
Rm = ∑ Ri ∑ (R m − Ri ) 2
i =1 DS = i =1

( n − 1)
Capitolo 4. La determinazione delle proprietà dei materiali 49

Il numero “giusto”, oltre che dipendere dai fattori summenzionati (precisione richiesta,
omogeneità del materiale, …), scaturisce dal compromesso tra risorse e tempi disponibili,
danni arrecabili, importanza dell’edificio in esame (ad es. edificio strategico o rilevante in
caso di collasso), pertanto non può che essere valutato caso per caso in base alle esigenze
specifiche.
Spesso le scelte da operare in questa fase risultano fortemente condizionate da problemi
logistici, come la possibilità di accedere ai punti prescelti o di arrecare i danni che,
inevitabilmente, le prove ed i prelievi comportano.

4.1.1 Il carotaggio
Le norme prevedono che “la misura delle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo si ottiene
mediante estrazione di campioni ed esecuzione di prove di compressione fino a rottura”. Infatti, la scarsa
affidabilità dei metodi non distruttivi per giungere ad una definizione diretta della
resistenza del conglomerato determina la necessità di effettuare sempre prove di tipo
distruttivo i cui risultati possono essere utilizzati da soli o per calibrare i risultati ottenuti
con i metodi indiretti non distruttivi.

Il carotaggio consiste nel prelievo di campioni cilindrici, detti carote, mediante carotatrici
a corona diamantata. E’ sicuramente il metodo distruttivo più diffuso, in quanto consente
di determinare la resistenza del conglomerato in maniera analoga a quella adottata per i
campioni standard. E’ esplicitamente richiamato anche nell’allegato 2 al DM 9/1/96 che
tratta i controlli sul conglomerato per le nuove costruzioni.
L’esecuzione dei carotaggi é un’operazione piuttosto complessa e delicata, sia per le
possibili difficoltà di accesso e posizionamento della apparecchiatura di perforazione nella
zona interessata, sia per il danno che ne può derivare alla costruzione.
Il prelievo di carote da strutture in opera é regolato dalla norma UNI EN 12504 – 1
(2002) che indica, come criterio fondamentale da adottare nella esecuzione di tali prelievi,
quello di ridurre al minimo il danneggiamento del campione nel corso delle operazioni di
estrazione. Durante le operazioni di estrazione la carotatrice deve essere adeguatamente
ancorata in modo che non subisca vibrazioni o spostamenti tali da rovinare il campione,
che deve avere diametro costante ed asse rettilineo. Poiché il diametro massimo degli
aggregati inerti presenti influenza in modo significativo la resistenza misurata sulla carota
estratta, è opportuno che il diametro delle carote sia non minore di tre volte la
dimensione massima dell’aggregato, mentre l’altezza deve essere possibilmente pari a due
volte il diametro della carota stessa. Prima della esecuzione della prova di schiacciamento
le carote devono essere preparate eseguendo una spianatura delle facce destinate a venire
a contatto con i piatti della pressa.

La resistenza misurata sulle carote fcar risente di numerosi fattori che la differenziano da
quella del calcestruzzo in-situ fcis :
1) la posizione del prelievo nell’ambito dell’elemento strutturale (ad es. al piede o
alla testa di un pilastro, parallelamente o ortogonalmente alla direzione di getto);
50 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

2) il disturbo che inevitabilmente consegue alle operazioni di prelievo (oltre che,


anche se generalmente in misura ridotta, alle successive operazioni di
preparazione eseguite per ottenere un provino idoneo per la prova);
3) le dimensioni delle carote (microcarote o carote con H/D diverso da 2);
4) la presenza di eventuali armature incluse.

Tali fattori tendono in generale a far sottostimare la resistenza misurata sulle carote
rispetto alla fcis, per quanto l’effetto di alcuni di essi (ad es. 2) e 4)) possa essere eliminato o
ridotto conducendo in maniera accurata le operazioni di prelievo e preparazione.
Per trasformare fcar nella corrispondente fcis si può fare ricorso a coefficienti correttivi
opportunamente calibrati, di cui si dirà nei paragrafi successivi.
Va inoltre detto che la resistenza fcis è diversa da quella che si misurerebbe su un
equivalente provino standard, oltre che per la forma cubica di quest’ultimo, anche a causa
delle diverse modalità di preparazione e stagionatura e per la differente età (alcune
settimane nel provino standard, in genere molti anni nella carota).

I risultati delle prove sulle carote possono essere utilizzati anche per valutare il modulo
elastico del calcestruzzo acquisendo le deformazioni del campione durante le prove di
compressione mediante trasduttori di spostamento o strain-gauges. In alternativa il
modulo elastico, come pure altre proprietà meccaniche (es. la resistenza a trazione),
possono essere valutati sulla base della resistenza a compressione utilizzando le
espressioni fornite nelle norme (DM 1996, EC2).

Un aspetto che a volte crea dubbi e preoccupazioni negli operatori é l’influenza che
possono avere i carotaggi sulla capacità portante degli elementi strutturali dai quali sono
estratte. Sperimentazioni condotte in passato (Ramirez et al., 1974; Calavera et al., 1979)
su elementi in c.a. hanno mostrato che la variazione della capacità portante è trascurabile,
purché il ripristino venga effettuato con cura utilizzando materiale (calcestruzzo o malta)
con resistenza non inferiore a quello preesistente, e operando in modo da realizzare un
collegamento efficace (ad es. bagnando il calcestruzzo preesistente, rendendone scabra la
superficie, usando additivi antiritiro o leggermente espansivi per il materiale di ripristino).
In (CEB, 1997) si raccomanda di utilizzare malta di cemento o epossidica per il ripristino.

4.1.2 I metodi non distruttivi


I metodi di prova non distruttivi più diffusi per la stima delle proprietà meccaniche del
calcestruzzo sono il metodo sclerometrico, il metodo ultrasonico ed il metodo combinato
Sonreb. Tali metodi sono supportati da una vasta e consolidata letteratura ed hanno
trovato in molti paesi un riconoscimento ed inquadramento normativo.

4.1.2.1 Le prove sclerometriche


L’utilizzo dello sclerometro é regolamentato dalla norma UNI EN 12504 – 2 (2001).
Grazie alla economicità e semplicità d’uso è uno strumento molto diffuso nella pratica
Capitolo 4. La determinazione delle proprietà dei materiali 51

professionale corrente per cui appare opportuno descriverne presupposti fisici, modalità
d’utilizzo e livello di affidabilità nella stima della resistenza del calcestruzzo.

Lo sclerometro é costituito da una massa battente d’acciaio, azionata da una molla, che
contrasta un’asta di percussione a contatto della superficie di prova. Il metodo consiste
nel misurare l’altezza di rimbalzo (indice di rimbalzo S) della massa, dopo che questa é
stata proiettata, con una data energia, contro la superficie dell’elemento da indagare.
Mediante delle curve, in dotazione allo strumento o diversamente ottenute (Figura 4.1.2),
l’indice di rimbalzo viene correlato alla resistenza a compressione del calcestruzzo Rc.

50
Resistenza Cubica a Compressione (N/mm )
2

40

30

20

10
15 25 35 45 55
Indice di Rimbalzo
Figura 4.1.2 Curva indice di rimbalzo-resistenza cubica a compressione
(rielaborata da CEB, 1989)

La norma UNI EN 12504 – 2 precisa che lo sclerometro può essere utilizzato per
valutare la omogeneità del calcestruzzo in–situ, per delimitare zone di calcestruzzo
degradato o di scarsa qualità e per stimare le variazioni nel tempo delle proprietà del
calcestruzzo, e non può sostituire i metodi distruttivi nella determinazione della resistenza
ma può affiancarsi ad essi costruendo una curva sperimentale di taratura. In tal modo,
eseguendo un numero limitato di prove sclerometriche e carotaggi, si correlano i relativi
risultati ottenendo una relazione che fornisce Rc in funzione di S, dalla quale si ricavano
valori di resistenza in altri punti in cui si effettua la sola prova sclerometrica.

Il procedimento di prova prevede che le parti di calcestruzzo da sottoporre a prova


debbano avere spessore di almeno 150 mm, diversamente esse vanno adeguatamente
bloccate. La superficie di prova deve essere preparata eliminando intonaci e lisciandola
52 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

con pietra abrasiva. Vanno evitate le zone che presentino nidi di ghiaia, elevata porosità o
degrado, barre di armatura affioranti ed in generale le superfici di getto. Il risultato é
legato alle condizioni del punto nel quale la prova viene eseguita, per cui la norma UNI
EN 12504 – 2 prescrive che vengano effettuate almeno 9 misure, distanti almeno 25 mm
tra loro e dal bordo della superficie, per ogni punto da esaminare, e che l’indice di
rimbalzo S venga individuato come media dei nove indici misurati.

La bassa affidabilità del metodo sclerometrico è essenzialmente determinata dal fatto che
la prova coinvolge soltanto lo strato superficiale di calcestruzzo, per cui il risultato può
non essere rappresentativo del calcestruzzo interno. Ad esempio il fenomeno di
carbonatazione che interessa nel tempo il solo strato superficiale aumentandone la
rigidezza, può portare a valori dell’indice di rimbalzo maggiori di quelli rappresentativi del
calcestruzzo interno. Per questa ragione la durezza superficiale di calcestruzzi con più di
90 giorni di stagionatura é maggiore di quella interna, e da questo può derivare una stima
in eccesso della resistenza del calcestruzzo. Infatti, le curve S - Rc in dotazione agli
strumenti sono in genere riferite a calcestruzzi “giovani”.

4.1.2.2 Le prove ultrasoniche


L’utilizzo del metodo ultrasonico è regolamentato dalla norma UNI EN 12504 – 4
(2005). La prova consiste nel misurare il tempo impiegato da onde soniche, di frequenza
compresa tipicamente nell’intervallo 40-120 kHz, ad attraversare un mezzo compreso tra
il trasduttore trasmittente Tx e quello ricevente Tr collocati a distanza nota, ricavandone
la velocità di propagazione. Le letture possono essere effettuate in diversi modi, legati alla
posizione relativa dei due trasduttori (Figura 4.1.3).

Il modo più corretto per effettuare le letture, e quindi da utilizzare sempre laddove
possibile, é quello per trasparenza, cioè con i due trasduttori disposti in contrapposizione
su due superfici tra loro parallele. La lettura diagonale viene utilizzata quando non sia
possibile o troppo oneroso accedere a due superfici contrapposte dell’elemento da
esaminare (ad es. pilastro d’angolo che richiederebbe la demolizione di parti di
tamponatura). La lettura superficiale, oltre che nel caso di accessibilità ad una sola
superficie, è utile per stimare l’entità di fessure superficiali nell’elemento strutturale
(Figura 4.1.4)2.

2 Rapportando i tempi di transito tf e ti, rispettivamente nella zona fessurata (Tx Æ Tr1) ed integra
2
(Tr1 Æ Tr2), si ottiene la profondità della lesione c:
c=
L t f −1
2
2 ti
Capitolo 4. La determinazione delle proprietà dei materiali 53

Figura 4.1.3 Letture ultrasoniche per trasparenza (a), diagonali (b) e superficiali (c)

Le letture vanno effettuate in punti adeguatamente preparati in modo da realizzare


superfici regolari che consentano, anche mediante l’interposizione di una sostanza
“accoppiante” (ad es. apposito gel o grasso), un efficace contatto con i trasduttori. Come
per il metodo sclerometrico, esistono curve che correlano la velocità ultrasonica alla
resistenza del conglomerato (Figura 4.1.5), ma anche in questo caso l‘utilizzazione diretta
di tali correlazioni comporta una stima del tutto inaffidabile della resistenza.

Figura 4.1.4 Utilizzo delle letture ultrasoniche per stimare la profondità di lesioni
54 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

60

Resistenza Cubica a Compressione (N/mm )


2 50

40

30

20

10

0
3 3.5 4 4.5 5
Velocità Ultrasonica (km/sec)
Figura 4.1.5 Relazione velocità ultrasonica - resistenza a compressione rilevata su
carote (rielaborata da CEB, 1989)

Esiste una relazione teorica che lega la velocità di propagazione di onde longitudinali alle
caratteristiche elastiche di un mezzo infinito, omogeneo, isotropo ed elastico3:

3 Il modulo elastico dinamico é, quindi, direttamente proporzionale al quadrato della velocità


ultrasonica:
(1 + ν )(1 − 2ν )
E d = ρV 2
(1 − ν )
Adottando la seguente relazione empirica tra modulo dinamico Ed e statico E tratta da (BS 4408,
1974):
Ed = 65.9 E0.62 [MPa]
ed assumendo il modulo elastico del calcestruzzo proporzionale alla resistenza a compressione in
base a due espressioni fornite in normativa:
E = 9500 3 f c Æ f c = (E / 9500) 3 [MPa] (EC2)
E = 5700 ( Rc − 8) Æ f c = 0.83 ((E/ 9500 )2 + 8 ) [MPa] (DM96)
si ottengono le seguenti relazioni tra velocità ultrasonica e resistenza cilindrica:
fc = 3.8 .10-5 V9.66 (EC2)
fc = 0.0026 V6.44 - 6.64 (DM96)

Le suddette espressioni fornirebbero valori di fc del tutto teorici, in particolare variabili


nell’intervallo 7-25 MPa (espressione EC2) e nell’intervallo 15-26 MPa (espressione DM96), per V
compreso nell’intervallo 3.5-4 km/s.
Capitolo 4. La determinazione delle proprietà dei materiali 55

E d (1 − ν )
V =
ρ (1 + ν )(1 − 2ν )

in cui E è il modulo elastico dinamico in MPa, ν è il modulo di Poisson dinamico, ρ è la


densità di massa in kg/m3, e V si ottiene in km/s.

In realtà il calcestruzzo non é un mezzo omogeneo, isotropo ed elastico, per cui il legame
tra velocità di propagazione e caratteristiche meccaniche deve tener conto delle sue reali
proprietà fisico-chimiche. I fattori che maggiormente influenzano l’affidabilità delle
misurazioni sono (Masi, 1991):
− rapporto acqua/cemento A/C: aumentando A/C la velocità rimane pressoché
costante mentre la resistenza può diminuire significativamente;
− età del conglomerato: a causa delle microfessurazioni che si verificano nel tempo,
la velocità tende a diminuire con l’età di stagionatura, al contrario della resistenza
che generalmente aumenta nel tempo per il continuare delle reazioni di
indurimento;
− contenuto di umidità: all’aumentare del contenuto di umidità si registra un
aumento della velocità fino al 5% (ASTM, 2002) ed una diminuzione della
resistenza;
− presenza di armature: le armature, in particolare se presenti in quantità rilevante,
influenzano la misura della velocità ultrasonica, in quanto la velocità di
trasmissione nell’acciaio é mediamente del 40% superiore alla velocità di
trasmissione nel calcestruzzo. Pertanto in un elemento in c.a. fortemente armato
si potrebbe misurare una velocità maggiore di quella effettiva, specialmente se le
barre sono disposte parallelamente alla direzione di propagazione degli impulsi.
Alcuni autori (Bungey, 1984) ed alcune normative (BS, 1974) hanno proposto
degli opportuni fattori di correzione, funzione della disposizione delle armature
nella zona interessata, ma la loro affidabilità é discutibile. Comunque, la presenza
di armature di diametro inferiore a 10-12 mm, può essere ignorata.
− stato di sollecitazione: la velocità ultrasonica non è influenzata dallo stato di
sollecitazione, in cui si trova l’elemento in prova, fino a sforzi nel materiale pari a
circa il 50% del carico di rottura; per livelli di sforzo più elevati lo stato di
fessurazione che ne consegue determina una sempre maggiore riduzione della
velocità fino a valori praticamente nulli in corrispondenza del carico di rottura
(Braga et al., 1992).

Le considerazioni appena svolte confermano la difficoltà di correlare la velocità


ultrasonica con la resistenza. Come per lo sclerometro è necessario costruire una curva
sperimentale di taratura V–Rc specificamente riferita al calcestruzzo in esame e non
utilizzare le curve di correlazione fornite nei manuali d’uso dai costruttori delle
strumentazioni. Tali curve, ricavate per particolari tipi di calcestruzzo, non hanno validità
generale e risultano particolarmente inadatte in presenza di calcestruzzi degradati o
56 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

comunque di bassa resistenza, situazione che si incontra frequentemente negli interventi


di rafforzamento.
Il metodo ultrasonico si rivela invece molto affidabile nel valutare l’omogeneità del
conglomerato e rilevarne lo stato fessurativo.

4.1.2.3 Il metodo Sonreb


Dalla descrizione dei due precedenti metodi di prova è emerso che il contenuto di umidità
fa sottostimare l’indice di rimbalzo e sovrastimare la velocità ultrasonica, e che, al
contrario all’aumentare dell’età del calcestruzzo, il valore dell’indice sclerometrico
aumenta mentre la velocità tende a diminuire. Ciò ha portato alla messa a punto del
metodo SONREB (SONic + REBound = ultrasuoni+sclerometro) in cui l’uso
combinato delle due prove consente di compensare in parte gli errori commessi usando
singolarmente le due metodologie.

L’applicazione del metodo Sonreb richiede la valutazione dei valori locali della velocità
ultrasonica V e dell’indice di rimbalzo S, a partire dai quali è possibile ottenere la
resistenza del calcestruzzo Rc mediante espressioni del tipo:
Rc = a ⋅ S b ⋅ V c (4.1)
In bibliografia vengono fornite numerose espressioni del tipo (4.1), tra le altre:
Rc = 9.27 ⋅ 10 −11 ⋅ S 1.4 ⋅ V 2.6 (tratta da RILEM, 1993) (4.2)

Rc = 8.06 ⋅ 10 −8 ⋅ S 1.246 ⋅ V 1.85 (tratta da Gasparik, 1992) (4.3)

Rc = 1.2 ⋅ 10 −9 ⋅ S 1.058 ⋅ V 2.446 (tratta da Pascale e Di Leo, 1994) (4.4)

Rc = 4.4 ⋅ 10−7 ⋅ S 1.127 ⋅ V 1.690 (tratta da Del Monte et al., 2004) (4.5)
in cui Rc è la resistenza cubica a compressione in [MPa], S è l’indice sclerometrico e V è la
velocità ultrasonica in [m/s].
La stima della resistenza Rc può essere effettuata anche utilizzando dei grafici contenenti
una serie di curve di isoresistenza nel piano V-S ottenute dalle espressioni su riportate.
L’applicazione richiede la valutazione dei valori locali della velocità ultrasonica e
dell’indice di rimbalzo con i quali entrare nel grafico suddetto. In Figura 4.1.6 è riportato
un esempio in cui vengono utilizzate le curve basate sull’espressione (4.2) (RILEM, 1993).
Per quanto riguarda l’utilizzo delle suddette espressioni, in bibliografia non vengono
fornite indicazioni sui limiti di applicabilità dell’espressione (4.2). Anche per l’espressione
(4.3) viene indicato che essa è stata tratta da prove su calcestruzzi di composizione usuale
senza però ulteriori precisazioni e pertanto non se possono stabilire i limiti di
applicabilità. L’espressione (4.4) è stata ricavata da una sperimentazione su travi in c.a.p.
di un cavalcavia ferroviario, dunque relativa a calcestruzzi di alta resistenza (resistenza
Capitolo 4. La determinazione delle proprietà dei materiali 57

media dell’ordine di 50 MPa). Pertanto le espressioni su riportate appaiono di dubbia


affidabilità nella applicazione a calcestruzzi di qualità medio-bassa, situazione tipicamente
riscontrata nelle strutture esistenti.

Figura 4.1.6 Metodo Sonreb: uso del grafico con curve di isoresistenza

L’espressione (4.5) è stata ottenuta da un’ampia sperimentazione su calcestruzzi con


resistenza variabile da 5 a 50 MPa ed appartenenti ad edifici costruiti nel periodo ’50-‘80,
dunque copre un intervallo di valori estremamente ampio che include anche i calcestruzzi
di bassa resistenza. Tuttavia, per quanto detto nei paragrafi precedenti sulla dipendenza
dei valori di S e V dalle caratteristiche dello specifico calcestruzzo, è da ritenere che anche
l’espressione (4.5) non possa avere validità generale. Appare pertanto opportuno, come
verrà meglio chiarito nel seguito, ricavare sempre una espressione del tipo (4.1) basata su
alcuni carotaggi e specificamente riferita al calcestruzzo in esame.

4.1.3 Elaborazione dei risultati delle prove sul calcestruzzo


La procedura da adottare dipende dalle prove eseguite e dai dati disponibili (ACI, 1995;
FEMA, 1997; Bartlett, 1997; Masi, 1991 e 2005). Si suggerisce di adottare procedure,
come quelle descritte nei paragrafi successivi, basate sui risultati di carotaggi,
eventualmente affiancate da indagini non distruttive (metodo Sonreb).
Va segnalato che in letteratura (Bocca e Cianfrone, 1983) viene proposta una procedura
per la stima della resistenza del calcestruzzo basata soltanto su prove non distruttive,
adoperando un grafico sperimentale di correlazione costituito da una serie di curve di
isoresistenza nel piano V-S. Nel caso il calcestruzzo in esame abbia le stesse
caratteristiche di quello per il quale sono state ricavate le curve sperimentali, il grafico
fornisce direttamente la resistenza stimata del calcestruzzo. Se, come accade abitualmente,
58 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

si ha a che fare con un calcestruzzo di composizione diversa da quello delle curve,


occorre applicare dei coefficienti correttivi che tengano conto del tipo e del dosaggio di
cemento, della natura e della dimensione degli inerti, degli eventuali additivi. Qualora si
disponga delle informazioni necessarie per stimare i coefficienti correttivi, cosa
improbabile nel caso di strutture esistenti e comunque di dubbia affidabilità, é possibile
effettuare una stima abbastanza corretta della resistenza del conglomerato.

4.1.3.1 Stima della resistenza basata sui carotaggi


La resistenza delle carote prelevate va convertita nella corrispondente resistenza del
calcestruzzo in-situ prima di essere adoperata nei calcoli di verifica.
Per convertire le N resistenze ottenute sulle carote fcar,i nelle corrispondenti resistenze in-
situ fcis,i può essere adoperata la seguente relazione (Masi, 2005):
fcis,i = (Ch/D × Cdia × Ca × Cd) fcar,i
dove:
− Ch/D è il coefficiente correttivo per rapporti h/D diversi da 2, pari a:
Ch/D = 2/(1.5 + D/h);
− Cdia è il coefficiente correttivo relativo al diametro, da assumere pari a 1.06, 1.00 e
0.98 per D pari, rispettivamente, a 50, 100 e 150 mm;
− Ca è il coefficiente correttivo relativo alla presenza di armature incluse, variabile
tra 1.03 per barre di piccolo diametro (φ 10) e 1.13 per barre di diametro
maggiore (φ 20);
− Cd è il coefficiente correttivo per tener conto del disturbo arrecato alla carota
nelle operazioni di estrazione e preparazione. Oltre al valore costante suggerito
nelle FEMA 274 pari a 1.06, la bibliografia propone di assumere il valore 1.10, in
entrambi i casi per operazioni di prelievo condotte con estrema accuratezza.
Tenendo però conto del fatto che il rimaneggiamento è tanto maggiore quanto
minore è la qualità del calcestruzzo da carotare, appare più convincente far
riferimento a quanto riportato in (Collepardi, 2002) e indirettamente in (UNI
10834, 1999), assumendo Cd = 1.20 per fcar < 20 MPa, e Cd = 1.10 per fcar > 20
MPa.

4.1.3.2 Stima della resistenza basata su carotaggi ed indagini non distruttive


Se si dispone di dati ottenuti con indagini non distruttive, i risultati ottenuti dai carotaggi,
effettuati negli stessi punti, possono essere utilizzati per calibrare tali dati (Masi, 2005). In
tal modo può essere efficacemente utilizzato il metodo Sonreb ricavando l’espressione
valida specificamente per il calcestruzzo in esame. A tale scopo, come già detto
precedentemente, è necessario disporre di almeno tre valori di resistenza.

La procedura richiede la conoscenza della resistenza a compressione delle carote fcar


prelevate (convertita nel relativo valore cilindrico in-situ fcis e, eventualmente, nel valore
cubico Rc) e dei corrispondenti valori dell’indice di rimbalzo S e della velocità ultrasonica
Capitolo 4. La determinazione delle proprietà dei materiali 59

V, ottenuti dalle prove non distruttive effettuate prima dei carotaggi negli stessi punti. In
tal modo è possibile determinare, effettuando una regressione non lineare, i coefficienti a,
b e c della espressione Sonreb Rc = a S b V c , valida specificamente per il calcestruzzo in
esame.
Applicando tale espressione è possibile stimare le resistenze Rc anche nei punti in cui
siano state effettuate solo prove non distruttive, in modo da determinare il valore medio
della resistenza del calcestruzzo in esame utilizzando i risultati delle prove distruttive e
non distruttive, dunque un campione più ampio e rappresentativo.

Per una corretta applicazione della procedura va preventivamente verificata la presenza di


un legame di proporzionalità diretta tra i valori di resistenza ottenuti dalle prove sulle
carote ed i corrispondenti valori S e V ottenuti dalle prove non distruttive. In assenza di
tale proporzionalità diretta, segnalata anche da valori negativi dei coefficienti b e c,
l’espressione ottenuta fornirebbe valori non attendibili. Qualora ciò dovesse accadere
andrebbe effettuata una o più delle seguenti operazioni:
− rifare le misure del parametro non distruttivo che appare non correttamente
correlato alle resistenze delle carote;
− aumentare il numero di misure ed eventualmente di carotaggi per individuare e,
nel caso, eliminare eventuali valori anomali;
− basare la stima della resistenza del calcestruzzo in-situ esclusivamente sui
carotaggi.

4.1.3.3 Esempi applicativi


Si riporta di seguito un esempio di applicazione della procedura per ottenere la resistenza
del calcestruzzo basata su carotaggi e prove non distruttive. Le operazioni da effettuare
sono le seguenti:

1. Si raccolgono i risultati delle prove distruttive e non distruttive eseguite negli


stessi punti.

ID-carota S V (m/sec) fcar (MPa)


C-1 41 1739 16.7
C-2 40 4128 17.6
40 4024
C-3 31 2597 8.7
34 2721
C-4 28 1942 5.6
29 2198

2. Si valuta la resistenza cubica in-situ Rc nei punti di prelievo, correggendo la


resistenza delle carote prelevate per tener conto del rimaneggiamento dovuto al
prelievo, della geometria, delle eventuali armature incluse (fcis ottenuta con
60 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

l’espressione fornita al paragrafo 4.1.3.1) e del passaggio da resistenza cilindrica a


cubica (Rc = fc/0.83). Va segnalato che l’utilizzo della resistenza cubica Rc e non
di quella cilindrica fc, è legato soltanto all’esigenza di poter effettuare un
confronto con i risultati forniti dalle espressioni (4.2) – (4.5).

ID-carota fcar (MPa) Rc (MPa)


C-1 16.7 21.8
C-2 17.6 23.0
C-3 8.7 11.4
C-4 5.6 7.3

3. Si verifica la presenza di un legame di proporzionalità diretta tra i valori di


resistenza ottenuti dalle prove sulle carote ed i corrispondenti valori S e V
ottenuti dalle prove non distruttive.

25 25

20 20

15
Rc (MPa)

15
Rc (MPa)

10 10

Rc = 0,0046 V + 2,29
Rc = 1,27 S - 29,21 5 R2 = 0,369
5
R2 = 0,955
0
0
1500 2000 2500 3000 3500 4000 4500
20 25 30 35 40 45
V (m/s)
S

Figura 4.1.7 Correlazione tra resistenze delle carote e risultati delle prove non
distruttive

Nel caso in esame emerge come vi sia proporzionalità diretta tra Rc ed entrambi i
parametri non distruttivi, con una correlazione molto elevata con l’indice di rimbalzo S e
molto piccola con la velocità V. La presenza di proporzionalità diretta consente di
determinare l’espressione Sonreb.

4. Si valutano i coefficienti a, b e c della curva Sonreb tramite regressione non


lineare (realizzabile anche con un foglio elettronico), a partire dai valori di S e V
delle prove non distruttive effettuate sugli elementi strutturali su cui sono state
effettuate anche prove distruttive

a b c
0.000176 2.810 0.168

Rc = 0,000176 ⋅ S 2,810 ⋅ V 0,168


Capitolo 4. La determinazione delle proprietà dei materiali 61

5. Si stimano le resistenze cubiche relative ai punti in cui siano state effettuate solo
prove non distruttive applicando l’espressione trovata
Rc = 0,000176 ⋅ S 2,810 ⋅ V 0,168

ID-PND S V (m/sec) Rc (MPa)


PND-1 33 3279 12.9
PND-2 28 2438 7.6
PND-3 27 2380 7.1
PND-4 38 3972 19.2
PND-5 42 4052 25.1
PND-6 35 3610 15.0
PND-7 35 3571 14.7

6. Si calcola la resistenza media cubica del calcestruzzo Rcm effettuando la media tra
i valori ottenuti dalle prove distruttive e non distruttive calibrate, che risulta pari a
15.5 MPa, da cui fcm = 0.83 Rcm = 12.9 MPa.

E’ interessante valutare quali risultati si sarebbero ottenuti utilizzando le altre espressioni


proposte in bibliografia per stimare la resistenza delle carote estratte con le misure non
distruttive effettuate negli stessi punti.

Tabella 4.1.2 Confronto tra le resistenze ottenute dai carotaggi e quelle ottenute
con il metodo Sonreb mediante espressione calibrata o espressioni di letteratura
ID V Rc Rc Rc Rc Rc Rc
S
carota [m/sec] carote calibrata (4.2) (4.3) (4.4) (4.5)
C-1 41 1739 21.8 21.0 4.5 8.1 5.1 8.7
C-2 40 4128 23.0 22.6 40.8 39.0 41.5 36.3
C-2 40 4024 23.0 22.5 38.2 37.2 39.0 34.8
C-3 31 2597 11.4 10.2 8.6 12.1 10.2 12.5
C-3 34 2721 11.4 13.4 11.0 14.8 12.6 15.0
C-4 28 1942 7.3 7.3 3.5 6.2 4.5 6.8
C-4 29 2198 7.3 8.2 5.1 8.2 6.3 8.7
Rcm 15.0 15.0 15.9 17.9 17.0 17.5
∆ - - + 6.1% + 19.4% + 13.4% + 16.7%

Il confronto riportato in Tabella 4.1.2 mostra, come era logico attendersi, che la stima di
Rc effettuata con l’espressione calibrata è eccellente. Risultati apparentemente buoni si
ottengono anche adoperando le espressioni di bibliografia, in particolare quella proposta
dalle norme RILEM, ma sempre con errori in eccesso, dunque non cautelativi. Va rilevato
però che la limitata differenza sui valori medi deriva da forti differenze, a volte in difetto a
volte in eccesso, sui singoli valori, dunque sembra essere abbastanza casuale (Figura
4.1.8). Infatti, va notato che i valori della velocità ultrasonica misurati sono molto bassi, a
volte addirittura inferiori a 2000 m/s, rendendo di dubbia applicazione le espressioni di
62 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

bibliografia, in particolare quella proposta dalla RILEM. Va ricordato che le espressioni


(4.2)-(4.4) non sono state ricavate con riferimento a calcestruzzi di bassa resistenza, né
appare realizzabile l’operazione di correzione del risultato proposto in (Bocca e
Cianfrone, 1983), stante la impossibilità di fatto di conoscere i valori dei parametri
necessari per effettuare tale correzione.

Cfr. con espressione calibrata Cfr. con espressione (4.2)


45 45
40 y = 0.9296x + 1.0585 40 y = 1.6397x - 8.6852
35 R2 = 0.9797 35 R2 = 0.5373

Rc Sonreb (MPa)
Rc Sonreb(MPa)

30 30
25 25
20 20
15 15
10 10
5 5
0 0
0 5 10 15 20 25 0 5 10 15 20 25

Rc carote (MPa) Rc carote(MPa)

Cfr. con espressione (4.4) Cfr. con espressione (4.5)


45 45
40 y = 1.6002x - 7.0199 40 y = 1.274x - 1.6272
35 R2 = 0.5224 35 R2 = 0.5421
Rc Sonreb (MPa)

Rc Sonreb(MPa)

30 30
25 25
20 20
15 15
10 10
5 5
0 0
0 5 10 15 20 25 0 5 10 15 20 25

Rc carote(MPa) Rc carote (MPa)

Figura 4.1.8 Confronto del grado di correlazione tra resistenze misurate e


resistenze calibrate o ricavate dalle diverse espressioni di letteratura

4.1.4 Misura della profondità di carbonatazione


La carbonatazione nel calcestruzzo consiste nella formazione di carbonato di calcio in
uno strato superficiale del materiale più o meno profondo.
Si verifica per effetto della reazione dell’anidride carbonica presente nell’aria con
l’idrossido di calcio disciolto nella soluzione acquosa che permea la pasta di cemento. Tale
reazione si sviluppa nel seguente modo:
Ca(OH)2 + CO2 Æ CaCO3 + H2O

La carbonatazione, oltre a condizionare i risultati delle prove sclerometriche, non provoca


danni al calcestruzzo, al contrario, nel caso di calcestruzzi prodotti con cemento Portland,
riduce la porosità e determina una maggiore resistenza meccanica. Può avere invece
significative conseguenze sulle armature in quanto produce una riduzione del pH
Capitolo 4. La determinazione delle proprietà dei materiali 63

all’interno dello strato superficiale carbonatato a valori vicino alla neutralità. L’acciaio
presente all’interno dello strato carbonatato si viene a trovare in un ambiente
caratterizzato da un pH ben al disotto di 11.5, valore minimo necessario, in assenza di
cloruri, per assicurare condizioni di passività.
Pertanto risulta utile la determinazione dello spessore dello strato carbonatato. Questa
può essere effettuata secondo la norma UNI 9944 (1992), asportando appositamente
alcuni pezzi di calcestruzzo dalla superficie degli elementi in esame o adoperando
direttamente le carote prelevate., in modo da ottenere una sezione ortogonale alla
superficie esposta all’aria. Su tale sezione, subito dopo l’estrazione, si spruzza una
soluzione alcolica di fenolftaleina: il calcestruzzo carbonatato non modifica il suo colore,
mentre il calcestruzzo non ancora soggetto a carbonatazione assume il classico colore
rosa della fenolftaleina in ambiente alcalino.

Sulla base di una campionatura sufficientemente estesa è possibile stimare la penetrazione


della carbonatazione nelle varie parti della struttura, assoggettate a diverse condizioni di
esposizione. Confrontando la profondità della carbonatazione con lo spessore effettivo di
copriferro misurato è possibile individuare le zone in cui la carbonatazione ha già
raggiunto le armature.

4.2 LE PROVE SULLE ARMATURE


Le proprietà meccaniche dell’acciaio sono difficili da valutare in-situ in quanto non esiste
allo stato attuale una procedura non distruttiva, per cui la loro stima in generale richiede il
prelievo di spezzoni di armatura da sperimentare successivamente in laboratorio. Tali
spezzoni vanno prelevati con modalità ed, in particolare, in punti tali da non
compromettere l’integrità dell’elemento strutturale riducendo al minimo il danno che ne
deriva.

Essendo l’acciaio un prodotto industriale, dunque con una variabilità limitata sia come
tipo che come specifiche proprietà meccaniche, il tipo di acciaio può tuttavia in molti casi
essere identificato dalla semplice ispezione visiva tenendo conto del suo aspetto, del
periodo di realizzazione dell’opera e di eventuali informazioni, anche parziali, ricavabili
dalla documentazione tecnica. A tale scopo è utile fare riferimento alle caratteristiche
meccaniche degli acciai previsti dalle norme sulle costruzioni in c.a. succedutesi in
passato, riportate nella Tabella 3.5.2.

Gli spezzoni di armatura prelevati vanno sottoposti alla classica prova di trazione per la
stima della tensione di snervamento, della resistenza a rottura e dell’allungamento a
rottura. Le modalità di esecuzione e la interpretazione dei risultati di tale prova non
presentano differenze rispetto a quanto viene fatto nel caso di strutture nuove.

Si raccomanda di porre attenzione nell’individuare l’eventuale presenza di processi di


corrosione delle barre, in corso o già avvenuti, che possano comprometterne la capacità
resistente attuale o futura. Tale condizione, oltre a poter ridurre la sezione resistente delle
64 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

barre d’acciaio, può condizionare negativamente ed in maniera significativa il legame di


aderenza acciaio-calcestruzzo. La presenza di corrosione va indagata con particolare
attenzione nel caso in cui la profondità di carbonatazione, valutata come visto nel
paragrafo precedente, sia risultata superiore allo spessore medio del copriferro.
CAPITOLO 5: LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA

Gran parte del testo incluso in questo capitolo si basa su materiale presente nel I° volume
della collana di manuali di progettazione antisismica (“Criteri di Progettazione Antisismica
degli Edifici”), che ha come autori Petrini et al. (2005), di seguito definito “Manuale 1”.
Tale ripetizione è stata volutamente adottata per favorire la comprensione di alcuni degli
argomenti trattati in questa pubblicazione.

5.1 LIVELLI DI PROTEZIONE ANTISISMICA E FATTORI DI IMPORTANZA


Nell’Ordinanza l’azione sismica E compare moltiplicata per un fattore γI, definito fattore
di importanza. Tale fattore nasce dalla volontà di dotare le strutture “di un livello di
protezione antisismica differenziato in funzione della loro importanza e del loro uso, e
quindi delle conseguenze più o meno gravi di un loro danneggiamento per effetto di un
evento sismico” (§ 2.5 dell’OPCM). Si riconoscono quindi tre categorie di importanza cui
corrispondono tre valori di γI, come riassunto in Tabella 5.1.1. Moltiplicare l’azione
sismica per un γI ≠ 1 significa modificare il periodo di ritorno dell’azione di progetto,
ovvero non verificare più una struttura allo Stato Limite di Danno Severo per un
terremoto che ha probabilità di accadimento del 10% in 50 anni, bensì, ad esempio, per
questa probabilità progettarla allo SL DL e allo SL DS progettarla per un terremoto che
ha probabilità inferiore (si noti, ad esempio, che un evento con probabilità di accadimento
2% in 50 anni, ovvero periodo di ritorno 2475 anni, si può approssimativamente ottenere
con un moltiplicatore delle azioni corrispondenti all’evento di progetto pari a circa 1.5).
Questo comporta che una struttura “importante” rispetto ad una ordinaria avrà
probabilità di danno inferiore a parità di intensità di evento sismico.

Tabella 5.1.1 Fattori di importanza


Fattore di
Categoria Edifici
importanza
I Edifici la cui funzionalità durante il terremoto ha importanza 1.4
fondamentale per la protezione civile (ad esempio ospedali,
municipi, caserme dei vigili del fuoco)
II Edifici importanti in relazione alle conseguenze di un 1.2
eventuale collasso (ad esempio scuole, teatri)
III Edifici ordinari, non compresi nelle categorie precedenti 1.0
66 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

5.2 AZIONE SISMICA


Come già riferito, la verifica degli edifici esistenti viene eseguita per i tre Stati Limite di (i)
Danno Limitato, (ii) Danno Severo e (iii) Collasso; si noti che l’Ordinanza consente di
condurre la verifica allo stato limite di Danno Severo in alternativa a quella allo stato
limite di Collasso (§ 11.2.1 dell’OPCM).
Il moto orizzontale è considerato costituito da due componenti ortogonali indipendenti,
caratterizzate dallo stesso spettro elastico di risposta, definito tramite una forma spettrale
indipendente dal livello di sismicità, moltiplicata per il valore di accelerazione massima
(agS) del terreno che caratterizza il sito (§ 3.2.3 dell’OPCM).
Lo spettro della componente orizzontale è quindi definito dalle seguenti espressioni:
⎛ T ⎞
S e (T ) = a g S ⋅ ⎜⎜1 + (2.5η − 1)⎟⎟ per 0 ≤ T ≤ TB
⎝ TB ⎠
Se (T) = ag S ⋅ 2.5η per TB ≤ T ≤ TC
⎛T ⎞ per TC ≤ T ≤ TD
S e (T ) = a g S ⋅ 2.5η ⎜ C ⎟
⎝T ⎠
⎛T T ⎞ per TD ≤ T
S e (T ) = a g S ⋅ 2.5η ⎜ C 2D ⎟
⎝ T ⎠
dove:
• S è un fattore che tiene conto del profilo stratigrafico del suolo di fondazione;
• η è un fattore che tiene conto del coefficiente di smorzamento viscoso
equivalente ξ;
• TB, TC, TD sono periodi di vibrazione che separano i diversi rami dello spettro e
che dipendono dal profilo stratigrafico del suolo di fondazione.

Lo spettro così definito è da utilizzarsi per la determinazione delle azioni sismiche relative
allo Stato Limite di Danno Severo (SL di DS). Lo spettro per lo Stato Limite di Collasso
può essere ottenuto convenzionalmente incrementando le ordinate dello spettro per lo SL
di DS di un fattore 1.5, mentre quello di Danno Limitato riducendo le stesse di un fattore
2.5 (vedi Figura 5.2.1)
Il moto verticale, avendo un contenuto in frequenza a banda più ristretta, è rappresentato
da uno spettro che presenta una zona di amplificazione dell’accelerazione più limitata,
rispetto a quello orizzontale (Figura 5.2.2). E’ necessario tener conto dell’azione sismica
verticale in presenza di (i) elementi pressoché orizzontali con luce superiore a 20 m, (ii)
elementi principali precompressi, (iii) elementi a mensola, (iv) strutture di tipo spingente,
(v) pilastri in falso, (vi) edifici con piani sospesi.
Ulteriori dettagli, definizioni e commenti sulla rappresentazione della azione sismica
tramite spettri di risposta sono riportati nel Manuale 1.
Capitolo 5. La valutazione della sicurezza 67

1.40

1.20
SL-CO
1.00

0.80
Sd[g]

SL-DS
0.60

0.40
SL-DL
0.20

0.00
0.00 0.50 1.002.001.50
2.50 3.00 3.50 4.00
T[s ]
Figura 5.2.1 Spettri elastici orizzontali di pseudo-accelerazione per gli SL di DL,
DS e CO (zona 2, suolo di tipo B)

0.8

0.7

0.6

0.5
ORIZZONTALE
Sd [g]

0.4

0.3
VERTICALE
0.2

0.1

0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4 4.5 5
T [s]
Figura 5.2.2 Confronto tra spettro elastico orizzontale e verticale di pseudo-
accelerazione per lo SL di DS (zona 2, suolo di tipo B)

5.3 COMBINAZIONE DELLE COMPONENTI DELL’AZIONE SISMICA


Quando si utilizza l’analisi dinamica non lineare con un modello tridimensionale, si
applicano contemporaneamente sulla struttura nelle due direzioni principali gli
accelerogrammi e si ottengono come risultati delle sollecitazioni che intrinsecamente
tengono conto della interazione fra le componenti del sisma. Non c’è quindi bisogno di
68 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

procedere alla combinazione delle componenti delle singole sollecitazioni (momenti, tagli,
azioni assiali, ecc).
D’altra parte, quando si svolge un’analisi bidimensionale sia modale che statica, l’azione
del sisma in una delle direzioni principali non produce effetti nella direzione ortogonale,
in quanto la risposta dell’edificio in una direzione è indipendente da quella nell’altra
direzione (ragione per cui è applicabile l’analisi bidimensionale): quindi, anche in questi
casi, non c’è bisogno di procedere alla combinazione in termini di componenti.
Diversamente accade con le analisi tridimensionali lineari sia statiche che dinamiche, le
quali calcolano gli effetti applicando separatamente le componenti e forniscono, come
risultati, i valori massimi degli effetti per ciascuna delle due direzioni. Tali valori però nella
realtà non si verificano contemporaneamente e sommarli semplicemente porterebbe a
risultati troppo conservativi: si preferisce quindi “combinare” in modo opportuno i
risultati (§ 4.6 dell’OPCM) come descritto nel seguito.
Per quanto riguarda le componenti orizzontali, il massimo valore di ciascun effetto
(momenti Mx, My, Mz,, tagli Vx, Vy, azione assiale N) indotto da queste sulla struttura può
essere stimato, come suggerito dalle norme, sommando al valore massimo della grandezza
considerata, ottenuto per l’azione applicata in una direzione, il 30% del valore massimo
ottenuto applicando l’altra componente.

E = E Ex + 0.3E Ey
(5.1)
E = 0.3E Ex + E Ey

Il segno di ciascuna componente della combinazione viene scelto in modo da ottenere


per l’effetto considerato la condizione più gravosa.

In alternativa, è possibile calcolare la radice quadrata della somma dei quadrati delle
componenti nelle due direzioni della grandezza da valutare:

E Emax = ± E Ex
2 2
+ E Ey (5.2)

dove EEx ed EEy sono i valori massimi della grandezza considerata dovuti all’applicazione
dell’azione sismica rispettivamente lungo l’asse x-x e y-y (direzioni principali) nei due versi.

Nel caso di analisi non lineare statica non si applica la combinazione delle due
componenti orizzontali dell’azione sismica: la verifica viene fatta per le analisi svolte
separatamente nelle due direzioni principali orizzontali.

Per l’azione verticale si è già notato che, secondo le norme, deve essere considerata
obbligatoriamente solo in alcuni elementi. Le analisi che ne determinano gli effetti
possono quindi essere basati su modelli parziali della struttura che includono i soli
elementi su cui agisce la componente verticale con eventuali elementi di supporto o
sottostrutture annesse. Se per tali elementi sono anche rilevanti le componenti orizzontali
dell’azione sismica (i loro effetti superano del 30% quelli dovuti all’azione verticale in
Capitolo 5. La valutazione della sicurezza 69

qualche sezione), per combinare gli effetti si può utilizzare il primo metodo nella seguente
forma:
E = E Ex + 0.3E Ey + 0.3E Ez
E = 0.3E Ex + E Ey + 0.3E Ez (5.3)
E = 0.3E Ex + 0.3E Ey + E Ez
dove EEz è l’effetto massimo dovuto alla componente verticale.

Per ulteriori discussioni ed esempi applicativi si rimanda al Manuale 1.

5.4 I METODI DI ANALISI STRUTTURALE


Nelle norme sono ammessi quattro metodi di analisi (§ 4.5 dell’OPCM) caratterizzati da
complessità e precisione crescenti. Essi sono:
a) analisi statica lineare
b) analisi dinamica modale
c) analisi statica non lineare
d) analisi dinamica non lineare

La scelta tra un metodo e l’altro dipende dalle caratteristiche (regolarità, periodi propri
caratteristici) e dall’importanza della struttura che si sta studiando. In particolare, le norme
(§ 4.5.3 dell’OPCM) definiscono “metodo normale”, per la definizione delle sollecitazioni
di progetto, l’analisi modale associata allo spettro di risposta di progetto e applicata ad un
modello tridimensionale dell’edificio. Considerazioni sulla regolarità in pianta ed in altezza
della struttura, (§ 4.3.1 dell’OPCM), permettono di considerare al posto di un modello
tridimensionale due modelli piani separati e al posto dell’analisi modale una semplice
analisi statica lineare, secondo quanto riassunto nella Tabella 5.4.1.

Tabella 5.4.1 Metodi di analisi e tipi di modelli ammessi dalle norme in


funzione della regolarità dell’edificio
Regolarità geometrica Semplificazioni ammesse
Pianta Altezza Modello Analisi
Sì Sì piano statica lineare
Sì No piano dinamica modale
No Sì spaziale statica lineare
No No spaziale dinamica modale

Nella progettazione di edifici nuovi l’utilizzo di metodi di analisi più sofisticati, come
l’analisi statica non lineare e quella dinamica non lineare, è, quindi, a discrezione del
progettista, al quale è lasciato il compito di valutare quale tipo di analisi, in relazione al
tipo di progetto affrontato, dà informazioni sufficienti per realizzare un’opera che abbia il
carattere prestazionale richiesto dalle norme. Come già precedentemente ricordato, infatti,
le norme richiedono di progettare avendo come obiettivo non solo la salvaguardia della
70 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

vita umana, ma anche il controllo del danno al fine di rendere minimi gli eventuali costi di
riparazione ed adeguamento a seguito di un evento sismico con periodo di ritorno più
basso di quello del terremoto di progetto. In questo approccio è permesso al progettista
di fare affidamento su fonti di resistenza e di dissipazione di energia non considerate nelle
procedure basate sull’analisi e progettazione elastica: ad esempio è possibile sfruttare
l’effetto benefico di elementi “secondari” o di elementi non strutturali sulla risposta
strutturale (§ 4.3.2 dell’OPCM), nonché la ridistribuzione delle forze dovuta alla non-
linearità della risposta. Inoltre gli elementi strutturali possono subire elevate
deformazioni, compatibilmente con i vincoli imposti dalle verifiche alla stato limite di
danno, ammesso che mantengano la loro capacità di sopportare i carichi verticali e venga
assicurata la stabilità globale. L’analisi non lineare consente quindi una più puntuale
valutazione della risposta attesa.

Inoltre, nella verifica di edifici esistenti, spesso progettati per i soli carichi verticali e
quindi molto flessibili e deformabili, l’analisi non lineare, in particolare quella statica,
diviene necessaria per valutare in modo sufficientemente attendibile la sicurezza della
struttura; le norme quindi ne raccomandano l’utilizzo. Pertanto, nelle sezioni successive la
modellazione non lineare di telai in c.a. verrà discussa con maggior dettaglio.

5.5 LA MODELLAZIONE NON LINEARE DELLA STRUTTURA


I fenomeni che contribuiscono al comportamento globalmente non lineare di una
struttura sono di due tipi:
• Non-linearità geometrica (grandi rotazioni/spostamenti, effetti del secondo ordine,
effetto trave colonna), introdotta quando la risposta sismica della struttura porta al
raggiungimento di livelli di spostamento molto elevati (vedi Figura 5.5.1a), i quali non
variano più in modo proporzionale ai carichi, rendendo non più valida l’ipotesi della
teoria dell’elasticità lineare secondo la quale è possibile, in un processo deformativo,
confondere configurazione iniziale e finale.
• Non-linearità del materiale (deformazione irreversibili, comportamento ciclico,
degrado della rigidezza e resistenza, ecc.), introdotta quando la risposta sismica della
struttura porta i suoi materiali costituenti a superare i limiti di comportamento elastico
(vedi Figura 5.5.1b).
Capitolo 5. La valutazione della sicurezza 71

(a) (b)
Figura 5.5.1 Esempi di (a) non-linearità geometrica, (b) non-linearità del
materiale (estratto da Petrini et al., 2005)

5.5.1 Modellazione della geometria


Gli elementi generalmente utilizzati per modellare edifici con struttura a telaio soddisfano
le ipotesi della teoria delle travi: generati da una superficie piana che trasla mantenendosi
ortogonale alla traiettoria descritta dal suo baricentro (asse geometrico), in modo tale che
sviluppo e raggi di curvatura dell’asse geometrico risultino grandi rispetto a qualunque
dimensione lineare della sezione trasversale (elementi snelli), essi si deformano
mantenendo piane le sezioni rette e possono quindi essere rappresentati dal solo asse
geometrico. Nella Figura 5.2.2, si evidenziano in una generica struttura gli assi geometrici
degli elementi e il modello da essi definito.

(a) (b)
Figura 5.5.2 (a) struttura generica e relativi assi geometrici; (b) modello ricavato
dagli assi geometrici

Per gli elementi strutturali per i quali non vale l’ipotesi di snellezza e quindi di
conservazione delle sezioni piane, è necessario fare ricorso ad altri modelli: ad esempio
per pareti e travi spesse si possono utilizzare elementi bidimensionali che si rifanno alla
72 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

teoria delle lastre, per edifici monumentali in muratura può essere utile impiegare elementi
tridimensionali, ecc.

5.5.1.1 Grandi spostamenti e rotazioni


Per comprendere in che modo la presenza di grandi spostamenti/rotazioni nella risposta
di una struttura elastica renda non soddisfatte le ipotesi della teoria dell’elasticità lineare, si
consideri l’esempio rappresentato in Figura 5.5.3(a) dove una mensola è caricata
all’estremo libero con una forza crescente nel tempo applicata, inizialmente, in direzione
ortogonale all’asse. Supporre che, per tutta la storia deformativa dell’elemento,
configurazione iniziale e finale coincidano, corrisponde a considerare il sistema di
riferimento della mensola fisso e, quindi, il carico sempre ortogonale all’asse della trave: il
taglio crescerà linearmente con lo spostamento verticale dell’estremo libero (Figura
5.5.3b). Se invece, come è anche intuibile fisicamente, si considera che, man mano che il
carico cresce, l’elemento cambia configurazione rispetto a quella iniziale, assunto solidale
con il corpo un sistema di riferimento locale, quest’ultimo risulterà ruotato rispetto alla
direzione del carico agente in modo tale che la componente del carico ortogonale all’asse
non cresce più linearmente con lo spostamento (Figura 5.5.3b) e di conseguenza anche il
momento M, in quanto una aliquota del carico diventa azione assiale N (vedi esempio
applicativo in Figura 5.5.4).

y lineare
F
x non lineare
RF
Reazione

F
y’

x’ Spostamento
(a) (b)
Figura 5.5.3 Grandi spostamenti/rotazioni: (a) mensola soggetta a carico ortogonale;
(b) non-linearità della risposta per effetto dei grandi spostamenti/rotazioni indotti
Capitolo 5. La valutazione della sicurezza 73

Lineare Non lineare


6

2000
[kN,m]

M
-12000.00

-11173.15

-9676.20

-8199.67

-6755.34

-5347.57

-3975.01

-2632.14

-1310.54
T
-2000.00

-2000.00

-2000.00

-2000.00

806.82 -2000.00

891.24 -2000.00

946.10 -2000.00

973.08 -2000.00
-2000.00

N
127.40

352.48

539.82

690.52

Figura 5.5.4 Risultati esemplificativi di un’analisi lineare e non lineare (effetti


grandi spostamenti e rotazioni)

5.5.1.2 Effetti del secondo ordine


Per comprendere in che modo la presenza di effetti del secondo ordine nella risposta di
una struttura elastica renda non soddisfatte le ipotesi della teoria dell’elasticità lineare, si
consideri l’esempio rappresentato in Figura 5.5.5 dove un elemento verticale è soggetto
ad un carico verticale V e ad un carico orizzontale H tale da imporre uno spostamento
orizzontale δ dell’estremo libero. Supporre che la configurazione indeformata e
deformata coincidano, corrisponde a considerare fisso il sistema di riferimento
dell’elemento e, quindi, il carico verticale V sempre parallelo all’asse della colonna: la
struttura sarà soggetta ad un’azione assiale pari a V e ad un momento flettente alla base
pari ad H×h. Se invece, come è anche intuibile fisicamente, si considera che, a causa dello
spostamento δ, l’elemento ha cambiato configurazione rispetto a quella iniziale
inflettendosi, assunto solidale con il corpo un sistema di riferimento locale, quest’ultimo
risulterà ruotato rispetto alla direzione dei carichi agenti, in modo tale che il carico V
contribuisca, oltre che all’azione assiale, anche al taglio e al momento nell’elemento. In
particolare il momento alla base risulterà aumentato di un valore pari a V ×δ (si veda
anche l’esempio applicativo in Figura 5.5.6).
74 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

δ H

M = V × δ+ H × h

Figura 5.5.5 Non-linearità geometrica: effetti del secondo ordine

1000
0.0818
M T N [kN,m]
60

Lineare 6 60.00
-1000.00

360.00

0.105

Non
77.61
lineare -1000.00

465.64

Figura 5.5.6 Risultati esemplificativi di un’analisi lineare e non lineare (effetti


del secondo ordine)

5.5.1.3 Effetto trave-colonna


Per comprendere in che modo l’effetto trave-colonna nella risposta di un elemento
strutturale elastico renda non soddisfatte le ipotesi della teoria dell’elasticità lineare, si
consideri il generico elemento rappresentato in Figura 5.5.7 soggetto
contemporaneamente ad azione assiale e a momento flettente. Supporre che la
configurazione indeformata e deformata coincidano, corrisponde a considerare
completamente disaccoppiate le due azioni: azione assiale e momento produrranno sforzi
e deformazioni costanti lungo l’asse dell’elemento e, rispettivamente, uniformi e lineari
sulla sezione. Se invece, come è anche intuibile fisicamente, si considera che, a causa
Capitolo 5. La valutazione della sicurezza 75

dell’inflessione indotta dal momento, l’elemento ha cambiato configurazione rispetto a


quella iniziale, risulterà una interazione fra deformazione trasversale indotta dal momento
flettente ed azione assiale: in particolare, un’azione assiale di compressione riduce la
rigidezza flessionale, mentre un’azione di trazione ha l’effetto opposto (vedi esempio
applicativo in Figura 5.5.8). Questo si traduce in termini di modellazione, nell’avere una
matrice di rigidezza dell’elemento in cui i diversi contributi, assiale, flessionale e tagliante
sono fra loro accoppiati.

Figura 5.5.7 Non-linearità geometrica: effetto trave-colonna

Lineare Non lineare

100 100 100 100


0.027 0.04
1500 1500

6 0.004 0.005

[kN,m]
M
-144.35

-156.17

-160.18

-156.17

-144.35
-125.31

-125.31
-100.00

-100.00

-100.00

-100.00

-100.00

-100.00

-100.00

-100.00

T
33.75

25.39

15.76

5.34

-5.34

-15.76

-25.39

-33.75

N
-1499.56

-1499.75

-1499.90

-1499.99

-1499.99

-1499.90

-1499.75

-1499.56
-1500.00

-1500.00

-1500.00

-1500.00

-1500.00

-1500.00

-1500.00

-1500.00

Figura 5.5.8 Risultati esemplificativi di un’analisi lineare e non lineare (effetto


trave colonna)
76 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Per tenere conto delle non-linearità citate, rilevanti nell’analisi di strutture esistenti
progettate per i soli carichi verticali e quindi potenzialmente soggette a grandi spostamenti
quando colpite da un sisma di intensità relativamente elevata, deve essere pertanto
adottata una modellazione che abbandona l’ipotesi di coincidenza tra configurazione
deformata e indeformata, introducendo invece un secondo sistema di riferimento locale
solidale con il corpo, che permette di descriverne l’effettiva configurazione e quindi il
reale rapporto fra carichi e spostamenti. Un’analisi in grado di cogliere le non-linearità
geometriche prevede quindi due passi successivi:
• la “scomposizione” della struttura nei suoi elementi e la ricerca per ciascun elemento,
nel sistema di riferimento locale associato alla deformata corrente, della nuova
configurazione di equilibrio;
• la trasformazione di questi effetti e degli effetti conseguenti (azioni interne) dal sistema
di riferimento locale a quello globale, in modo che sia possibile procedere
all’assemblaggio, ovvero alla “ricostruzione” dell’intera struttura, e alla definizione
della risposta globale.

5.5.2 Modellazione dei materiali


I programmi attualmente disponibili in grado di considerare la non-linearità del materiale
utilizzano due diversi approcci: una modellazione tramite cerniere plastiche (“a plasticità
concentrata”) ed una tramite fibre (“a plasticità diffusa”).

5.5.2.1 Modellazione a plasticità concentrata


Quest’approccio prevede che tutti gli elementi costituenti la struttura rimangano sempre
in campo elastico e che vengano introdotti, alle estremità di questi, elementi cerniera con
comportamento anelastico laddove si prevede la formazione di una cerniera plastica. La
non-linearità della struttura rimane quindi concentrata in pochi elementi.
Il vantaggio di questa modellazione è che permette di lavorare principalmente con
elementi elastici computazionalmente meno onerosi, lasciando a pochi punti della
struttura la concentrazione della non-linearità del materiale. Inoltre è estremamente
versatile in quanto permette, con un’opportuna scelta del legame costitutivo della
cerniera, di descrivere diversi fenomeni, oltre al comportamento flessionale, che possono
influenzare la risposta strutturale, quali la deformabilità a taglio, lo scorrimento
dell’armatura, la flessibilità del nodo trave-colonna, l’interazione fra telaio e
tamponamenti. Questo aspetto è particolarmente importante quando si vuole modellare il
comportamento di strutture esistenti.
Il limite di questa modellazione è che richiede una certa esperienza dell’operatore per
stabilire dove distribuire gli elementi non lineari e per scegliere lunghezze e curve
caratteristiche che permettano di cogliere il reale comportamento delle cerniere plastiche.
Infatti, l’accuratezza dell’intera analisi può essere compromessa qualora si sbagli la
calibrazione delle curve di risposta disponibili per la descrizione degli elementi cerniera o
la loro estensione. Per poter utilizzare correttamente i codici con elementi a plasticità
Capitolo 5. La valutazione della sicurezza 77

concentrata nello studio di strutture con comportamento non lineare sotto carichi ciclici,
è opportuno per i diversi elementi strutturali:
- stimare in maniera adeguata nella sezione critica il diagramma momento-curvatura
in presenza di azione assiale e degrado nel tempo, causato dall’azione ciclica del
sisma, per scegliere con cognizione fra i vari modelli di interazione M-N (ad es.
Figura 5.5.9a) e di isteresi (ad es. Figura 5.5.9b) proposti in letteratura e
implementati nei codici;
- predire una lunghezza di cerniera plastica equivalente tale per cui il prodotto di
questa per la curvatura, derivante dal modello scelto, definisca una rotazione
prossima a quella reale. Diverse formule empiriche sono disponibili in letteratura e
nelle norme (Allegato 11.A dell’OPCM).

In Figura 5.5.9 si riportano due esempi di queste curve caratteristiche: il primo è un


modello di interazione momento-carico assiale, il secondo un modello momento-
curvatura di tipo isteretico di una generica sezione.

(a) (b)
Figura 5.5.9 Esempio di: (a) modello di interazione momento-carico assiale, (b) legame
isteretico momento-curvatura

5.5.2.2 Modellazione a plasticità diffusa


In questo caso si considerano elementi tipo trave con comportamento anelastico:
l’anelasticità è diffusa in tutto l’elemento strutturale, sia longitudinalmente che
trasversalmente, attraverso l’utilizzo di elementi a fibre. Lo stato di sforzo e deformazione
di una sezione del generico elemento è ottenuto tramite l’integrazione della risposta
uniassiale non lineare sforzo-deformazione di ciascuna delle fibre in cui è suddivisa la
sezione (vedi Figura 5.5.10, in cui è mostrata la discretizzazione di una tipica sezione in
cemento armato). Se viene utilizzato un numero sufficiente di fibre (100-300) in un’analisi
tridimensionale, la distribuzione delle non-linearità del materiale nella sezione può essere
modellata accuratamente anche in condizioni di elevata anelasticità.
78 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

La sezione è rappresentata come somma delle fibre del calcestruzzo non confinato, di
quelle del calcestruzzo confinato e delle fibre delle armature longitudinali. Lo stato di
sforzo e deformazione longitudinale dell’elemento viene calcolato tramite integrazione
numerica di un numero appropriato di punti.

Gauss node B
Section b

Gauss
Section a
node A
σ

B
ε

L/2 3 L/2

ε
RC Section Unconfined Confined Steel Fibres
Concrete Fibres Concrete Fibres

Figura 5.5.10 Esempio di discretizzazione in fibre di un elemento strutturale in c.a.


utilizzando due punti di controllo (sezioni di Gauss) lungo l’elemento

Se, da un punto di vista computazionale, un modello a plasticità diffusa, utilizzando


legami costitutivi non lineari per l’intero elemento trave, risulta essere più oneroso
rispetto ad un modello a plasticità concentrata, d’altra parte, da un punto di vista
operativo, non necessita di una particolare esperienza di modellazione dell’operatore:
tutto ciò che è richiesto all’operatore è la definizione delle caratteristiche geometriche
della sezione e la descrizione del comportamento anelastico dei materiali.
Poiché generalmente una modellazione a fibre considera soltanto la componente
flessionale della deformazione, per poter descrivere i fenomeni prima ricordati, quali il
taglio, lo scorrimento delle barre, la deformabilità del nodo e l’interazione con
tamponamenti è necessario introdurre ulteriori elementi (cerniere parziali piuttosto che
elementi biella) con un maggiore onere computazionale.
I materiali vengono quindi definiti attraverso legami costitutivi monoassiali. In Figura
5.5.11 si riportano due esempi di tali legami; uno per il calcestruzzo e uno per l’acciaio.
Capitolo 5. La valutazione della sicurezza 79

-35.0
800
-30.0
600
-25.0
400
-20.0
200
-15.0
0
-10.0
-200
-5.0
-400
0.0 -600
5.0 -800
0.001 -0.001 -0.003 -0.005 -0.007 -0.009 -0.011 -0.01 0.00 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05
(a) (b)
Figura 5.5.11 Esempi di legame costitutivo non lineare: (a) calcestruzzo, (b) acciaio

5.5.3 Applicazione incrementale dei carichi orizzontali in un’analisi pushover


Il metodo dell’analisi statica non lineare prevede l’impiego di procedure di soluzione di
tipo incrementale iterativo. Queste ultime prevedono l’applicazione del carico agente sulla
struttura tramite incrementi successivi predefiniti e la ricerca della condizione di equilibrio
in ogni incremento tramite iterazioni. Il carico applicato incrementalmente è pari a
Pi=λiP0 dove λi è il fattore di carico responsabile dell’i-esimo incremento di carico e P0 è
il valore nominale del carico (vedi Manuale 1).

Nelle analisi non lineari convenzionali (ossia non-adattive), il carico incrementale Pi


consiste in forze applicate alla struttura tramite una procedura in cui il carico viene
controllato in funzione della risposta di un particolare nodo (o meglio, grado di libertà)
della struttura. Si definiscono quindi il nodo, il corrispondente grado di libertà che viene
controllato dall’algoritmo e il target di valore della risposta in corrispondenza del quale
l’analisi deve terminare. Si fissa inoltre il numero di incrementi (n) in cui il valore della
risposta finale deve essere suddivisa (in Figura 5.5.12 n = 10); a ciascuno di essi
corrisponderà uno step di carico. λ viene automaticamente calcolato in modo tale che, ad
un particolare incremento i-esimo del vettore dei carichi (λi( Uci )P0 - λi-1( Uci-1 )P0 ),
corrisponda una risposta i-esima del punto di controllo (pari al valore predefinito Uci).

Questo algoritmo di applicazione del carico orizzontale viene usualmente denominato


controllo di spostamenti oppure controllo di risposta, poiché non è il carico ma la
risposta in spostamento della struttura che viene controllata dall’utilizzatore. Procedure in
cui viene eseguito un controllo diretto del carico (e quindi delle forze) non permettono
alle analisi di proseguire oltre il punto di picco della curva di capacità, motivo per il quale
non vengono normalmente impiegate nella modellazione di strutture esistenti, in quanto
spesso lo spostamento corrispondente all’attingimento dello stato limite (DS e CO) si
trova oltre il punto di picco della curva di capacità, cioè nel ramo discendente della
risposta.
80 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

λi(uic)F4 uic
F

λi(uic)F3 λ5(u8c)P0

λ4(u4c)P0
λi(uic)F2 λ3(u3c)P0
λ2(u2c)P0

λi(uic)F1
λ1(u1c)P0
∆u
U
u1c u2c u3c u4c u5c u6c u7c u8c u9c u10c

Figura 5.5.12 Curva di capacità ottenuta con controllo di risposta

Per ulteriori e più approfondite considerazioni sull’analisi non lineare di strutture


intelaiate, come la modellazione dell’effetto diaframma dei solai, la modellazione dei nodi
travi-colona, le procedure di soluzione di problemi non lineari ecc, si rimanda al Manuale
1.

5.6 LA SCELTA DEL FATTORE DI STRUTTURA


La verifica degli elementi duttili, da eseguirsi con riferimento alle analisi lineari con
spettro ridotto, va effettuata valutando le azioni sismiche a partire dallo spettro elastico le
cui ordinate sono scalate mediante un fattore di struttura q, scelto nell’intervallo [1.5, 3.0].
In generale, la scelta del fattore di struttura degli edifici esistenti può ricondursi alla analisi
dei contributi costituenti la definizione dello stesso; tale valutazione, tuttavia, va effettuata
tenendo in conto le diverse caratteristiche (progettuali, di materiali, di dettagli strutturali,
ecc) che caratterizzano gli edifici esistenti rispetto a quelli di nuova progettazione.

Pertanto, sulla base della definizione del fattore di struttura relativo alle strutture nuove,
ossia:
q = qo KD KR
dove:
qo è legato alla tipologia strutturale,
KD è un fattore che dipende dalla classe di duttilità,
KR è un fattore che dipende dalle caratteristiche di regolarità dell’edificio,
è possibile effettuare una serie di considerazioni sui diversi contributi (qo, KD, KR)
finalizzate a fornire delle indicazioni per la scelta del fattore di struttura relativo a
strutture esistenti.

Con riferimento alla valutazione dei fattori KD e KR, si può sostenere che gli edifici
esistenti, generalmente, sono caratterizzati da criteri di progettazione (gravitazionale
ovvero sismica) non finalizzati a soddisfare i principi base di una moderna progettazione
Capitolo 5. La valutazione della sicurezza 81

sismica: caratteristiche quali la gerarchia delle resistenze o la regolarità in


pianta/elevazione sono difficilmente riscontrabili in un edificio esistente. Tuttavia, se con
riferimento ai principi di gerarchia è possibile affermare a priori che gli edifici esistenti
risultano appartenenti ad una classe di bassa duttilità, per la determinazione della
regolarità in pianta e in elevazione è possibile effettuare, senza particolari oneri
computazionali, una valutazione specifica per l’edificio oggetto di verifica.

La valutazione del fattore qo , in generale, è subordinata al rapporto di sovraresistenza e


alla capacità di spostamento in campo plastico dell’edificio. In particolare, la
determinazione del rapporto di sovraresistenza (αu/α1) può effettuarsi solo mediante
l’esecuzione di una analisi statica non lineare; infatti, la sua valutazione è legata alla
minima resistenza flessionale di elemento (criteri di progettazione, minimi di armatura)
nonché alle resistenze flessionali degli elementi strutturali caratterizzanti il meccanismo di
crisi dell’edificio (gerarchia di resistenza, criteri di progettazione, ecc). Pertanto, una
valutazione a priori del rapporto (αu/α1) non risulta proponibile senza uno strumento di
analisi non lineare; tuttavia, è consentito definire una tendenza analoga a quella presente
per le strutture nuove e con riferimento alle diverse configurazioni strutturali (vedi
Verderame et al., 2007).

In generale, la capacità di spostamento in campo plastico (duttilità) degli edifici esistenti


risulta senza dubbio limitata, rispetto agli edifici di nuova progettazione, da un lato dalla
assenza di una gerarchia delle resistenze e dall’altro dalla carenza dei dettagli di armatura
presenti nelle zone potenzialmente interessate da una plasticizzazione. Pertanto, stante le
considerazioni già effettuate sull’assenza di gerarchia, la determinazione della capacità di
spostamento rimane subordinata alla capacità di rotazione del singolo elemento
strutturale, ossia:
• alla qualità dei dettagli strutturali (modalità di chiusura delle staffe, lunghezze di
sovrapposizione, percentuali di armatura, ecc.);
• all’entità dello sforzo assiale normalizzato di compressione nelle colonne, ν;
• al grado di confinamento delle colonne (passo delle staffe, ecc.);
• alle caratteristiche meccaniche degli acciai (incrudenti o non);
• alla presenza di pareti.

In definitiva, se l’edificio oggetto di verifica mostra caratteristiche di irregolarità in


pianta/elevazione, dettagli strutturali carenti, elevati sforzi assiali normalizzati (ν>0.25)
nelle colonne, è ipotizzabile un fattore di struttura limite inferiore, q=1.50.
Al contrario, se l’edificio non mostra forti caratteristiche di irregolarità, presenta dettagli
strutturali accettabili, bassi sforzi assiali normalizzati nelle colonne (ν<0.25), è ipotizzabile
un fattore di struttura limite superiore, q=3.00.
82 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

5.7 LA SCELTA DELLE RESISTENZE DI CALCOLO


Come già discusso nel paragrafo 2.2 di questo manuale, ed ulteriormente sviluppato nel
capitolo 7, l’Ordinanza prevede l’assunzione di valori diversi delle resistenze di calcolo, in
funzione del tipo di verifica in cui esse debbono essere utilizzate:

a) per la verifica di applicabilità dell’analisi lineare si utilizzano i valori medi delle


proprietà dei materiali esistenti:
fcd = fc,med

b) per il calcolo delle capacità degli elementi duttili (verifiche in termini di


deformazioni) si utilizzano i valori medi delle proprietà dei materiali esistenti,
come ottenuti dalle prove in situ e da eventuali informazioni aggiuntive, divisi per
il Fattore di Confidenza definito in relazione al livello di conoscenza raggiunto:
fcd = fc,med / FC

c) per il calcolo delle capacità degli elementi fragili (verifiche in termini di


resistenza) nelle verifiche a SL di CO si utilizzano i valori medi delle proprietà dei
materiali esistenti, come ottenuti dalle prove in situ e da eventuali informazioni
aggiuntive, divisi per il Fattore di Confidenza definito in relazione al livello di
conoscenza raggiunto, e divisi per il coefficiente parziale relativo:
fcd = fc,med / (FC * γm)

d) per il calcolo delle capacità degli elementi fragili (verifiche in termini di


resistenza) nelle verifiche a SL di DS si utilizzano valori “prudenzialmente ridotti”
delle proprietà dei materiali esistenti (ad es. potrebbe essere: fc,pd = fcmed – 1 DevSt,
come previsto nelle FEMA 356), come ottenuti dalle prove in situ e da eventuali
informazioni aggiuntive, divisi per il Fattore di Confidenza definito in relazione al
livello di conoscenza raggiunto, e divisi per il coefficiente parziale relativo:
fcd = fc,pd / (FC * γm)

e) per la determinazione delle sollecitazioni da applicare agli elementi fragili nel caso
di verifica con lo spettro elastico, qualora tali sollecitazioni debbano essere
valutate sulla base delle sollecitazioni trasmesse dagli elementi-meccanismi duttili
plasticizzati, le resistenze di tali elementi-meccanismi duttili vanno calcolate
utilizzando i valori medi delle proprietà dei materiali esistenti, come ottenuti dalle
prove in situ e da eventuali informazioni aggiuntive, moltiplicati per il Fattore di
Confidenza definito in relazione al livello di conoscenza raggiunto:
fcd = fc,med * FC

Una impostazione analoga è contenuta in altre norme internazionali, come le FEMA 356
(ASCE, 2000), o del tutto coincidente come nel caso dell’EC8 parte 3 (CEN, 2005). In
particolare nelle FEMA 356 si indica:
Capitolo 5. La valutazione della sicurezza 83

1. per le verifiche in termini di deformazioni si utilizzano le resistenze attese dei


materiali valutate come valori medi delle proprietà dei materiali testati:
fcd = fc,med
2. per le verifiche in termini di resistenza si utilizzano stime limiti inferiori delle
resistenze valutate come valori medi delle proprietà dei materiali testati meno una
deviazione standard (DevSt):
fcd = fc,med – 1 DevSt

Inoltre nelle FEMA 356 si indica che le proprietà nominali dei materiali ottenute dalla
documentazione tecnica reperita vanno assunte come stime limiti inferiori. In tal caso i
corrispondenti valori attesi delle resistenze devono essere valutati moltiplicando i valori
limiti inferiori per opportuni coefficienti, specifici per ogni tipo di materiale, forniti dalle
norme stesse oppure da ricavare da apposite sperimentazioni.

Nelle strutture in c.a. le resistenze da considerare sono quella dell’acciaio, per la quale non
vi sono particolari problemi, e la resistenza del calcestruzzo, che, per le caratteristiche del
materiale pone una serie di problemi già discussi al capitolo 4.
Riguardo all’acciaio l’unico aspetto da considerare è legato all’assunzione di un unico
coefficiente, il Fattore di Confidenza, che si applica alle resistenze stimate dei materiali.
Ciò significa che, ad esempio nel caso di livello di conoscenza LC1, la resistenza va divisa
per 1.35 portando ad una sottostima del valore effettivo dell’acciaio in esame che essendo
comunque un materiale di produzione industriale non presenta in genere variazioni così
ampie rispetto ai valori nominali.
Tale sottostima potrebbe dare luogo ad assunzioni non conservative facendo ipotizzare
una rottura duttile che in realtà potrebbe non verificarsi.
Per cui, anche se concettualmente appare corretto usare un unico FC poiché è
conseguenza del Livello di Conoscenza acquisito dell’intera struttura, potrebbe apparire
non conservativo considerare un unico valore sia per il calcestruzzo che per l’acciaio. In
realtà una serie di verifiche effettuate mostrano che la eventualità prospettata è
potenzialmente possibile, ma estremamente rara.
CAPITOLO 6: I METODI DI ANALISI E LE CONDIZIONI
DI APPLICABILITÀ

6.1 ANALISI STATICA LINEARE


6.1.1 Condizioni di applicabilità
L’analisi statica lineare può essere applicata per costruzioni regolari in altezza, a
condizione che il primo periodo di vibrazione, nella direzione in esame, non superi 2,5Tc
(definizione di Tc al punto 5.2 di questo Manuale). La regolarità in altezza permette di
assumere che il primo modo di vibrare sia rappresentativo del comportamento della
struttura interessata dal sisma. Sempre per garantire che il contributo dei modi superiori al
primo risulti trascurabile bisogna anche accertare che l’accelerazione spettrale associata al
primo modo sia sufficientemente grande rispetto a quelle associate ai successivi; questa
operazione viene eseguita limitando il valore accettabile del primo periodo a 2,5Tc come
soprascritto.
Inoltre, affinché i valori ottenuti dall’analisi eseguita si possano considerare attendibili e
quindi essere utilizzati per le verifiche si devono rispettare le due condizioni presentate al
§ 11.2.5.4 dell’OPCM.
La prima condizione prevede il calcolo del coefficiente ρi = (Di/Ci) per ogni elemento
primario, essendo:
- Di il valore del momento flettente fornito dall’analisi della struttura considerata
soggetta alla combinazione di carico sismica e utilizzando i valori medi dei moduli
elastici dei materiali;
- Ci il valore del momento resistente valutato con sforzo normale relativo alle condizioni
di carico gravitazionali e considerando le proprietà medie dei materiali.
Si cercano poi, tra tutti i ρi > 2, il ρmax e il ρmin e si verifica che il rapporto ρmax/ρmin sia
minore di 2,5.
La seconda condizione è soddisfatta se le capacità Ci degli elementi/meccanismi fragili
risulta maggiore della corrispondente domanda Di. Tale domanda è calcolata in modo
diverso a seconda che ρi sia maggiore o minore di 1.
Nel caso di ρi < 1 allora la domanda Di viene presa dai risultati dell’analisi.
Nel caso di ρi > 1 la domanda Di viene calcolata sulla base della resistenza degli
elementi/meccanismi duttili adiacenti attraverso considerazioni di equilibrio. Tale
procedimento è esposto con maggior dettaglio nel paragrafo 7.1 di questo Manuale.
86 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

6.1.2 Basi della procedura


Il metodo è basato sulla rappresentazione dell’azione sismica tramite un sistema di forze
statiche orizzontali e sul calcolo delle sollecitazioni indotte da tali forze su un sistema
elastico lineare. Si prende in considerazione, in entrambe le due direzioni principali della
struttura, solo il primo modo di vibrare. Calcolati i periodi propri fondamentali nelle due
direzioni, è possibile ricavare le massime forze di taglio alla base dell’edificio nelle due
direzioni, ricavare i loro contributi lungo l’altezza dell’edificio e quindi, con questi carichi,
svolgere un’analisi statica, con la quale si ottengono i valori di domanda da confrontare
poi con quelli di capacità.
Si rimanda il lettore al Manuale 1 per una descrizione approfondita di ulteriori aspetti
legati a questo tipo di analisi, quali ad esempio l’eccentricità accidentale o l’influenza della
fessurazione sulla modellazione.
6.1.3 Determinazione delle sollecitazioni e deformazioni
Le deformazioni degli elementi duttili da considerare sono quelle derivanti dall’analisi.
Le sollecitazioni degli elementi fragili sono da valutarsi considerando quanto riportato al §
11.2.6.1 dell’OPCM, ossia distinguendo il caso in cui le analisi siano state effettuate
utilizzando lo spettro elastico o utilizzando il fattore di struttura q (vedi paragrafi 1.2, 1.3
e 5.6 di questo Manuale).
Nel primo caso le sollecitazioni da considerarsi sono quelle derivanti dall’analisi, nel caso
in cui la domanda non superi la capacità dell’elemento duttile; per contro sono calcolate
attraverso considerazioni di equilibrio nel caso in cui caso la domanda sia superiore alla
capacità dell’elemento duttile. Questo procedimento è esposto con maggior dettaglio al
paragrafo 7.1 di questo Manuale.
Nel caso di analisi effettuate con il fattore di struttura, invece, si utilizzano sempre le
sollecitazioni derivanti dall’analisi.

6.2 ANALISI DINAMICA LINEARE


6.2.1 Condizioni di applicabilità
L’analisi dinamica lineare è considerata il metodo normale per la definizione delle
sollecitazioni di progetto. Tale analisi deve essere applicata ad un modello tridimensionale
dell’edificio. Possono essere utilizzati due modelli piani separati a condizione che siano
rispettati i criteri di regolarità in pianta (vedi Manuale 1).
Anche in questa analisi, come per la statica lineare, devono essere soddisfatte le
condizioni del § 11.2.5.4 dell’OPCM.
6.2.2 Basi della procedura
La maggiore differenza con l’analisi statica equivalente consiste nel fatto che nel calcolo
dei parametri di risposta del sistema si tiene conto delle caratteristiche dinamiche della
struttura tramite l’utilizzo dei modi propri di vibrare. In questa tipologia di analisi si
utilizza un modello della struttura lineare in cui sono definite le masse dei vari piani.
Ricavati i modi propri di vibrare della struttura si calcolano, tramite l’utilizzo dello spettro
Capitolo 6. I metodi di analisi e le condizioni di applicabilità 87

elastico di risposta in accelerazione, i valori massimi di sollecitazioni e spostamenti


associati a ciascun modo di vibrare della struttura.
6.2.3 Determinazione delle sollecitazioni e deformazioni
Per la determinazione delle sollecitazioni e deformazioni si devono considerare tutti i
modi aventi massa partecipante superiore al 5% oppure un numero di modi tale per cui la
somma delle masse partecipanti sia superiore al 85%. La modalità con cui si devono
combinare gli effetti, in termini di sollecitazioni e spostamenti, dipende dal rapporto
reciproco dei periodi associati a ciascun modo di vibrare considerato. Tali combinazioni
sono riportate al § 4.5.3 dell’OPCM.

6.3 ANALISI STATICA NON LINEARE


6.3.1 Condizioni di applicabilità
Questa tipologia di analisi può essere applicata nel caso si disponga di un sufficiente
livello di conoscenza dell’edificio da analizzare. La definizione dei vari livelli di
conoscenza è riportata in Tabella 2.2.1.
6.3.2 Basi della procedura
Nell’analisi statica non lineare (pushover) si applicano incrementalmente al modello della
struttura particolari distribuzioni di carichi orizzontali; queste hanno il compito di
“spingere” in campo non lineare la struttura fino a portarla al collasso (per una
formulazione dettagliata dell’analisi si rimanda al paragrafo 4.3.3 del Manuale 1). In
particolare durante l’analisi, i carichi orizzontali vengono tutti scalati, mantenendo
invariati i rapporti relativi fra gli stessi ai vari piani, in modo da far crescere
monotonamente lo spostamento orizzontale di un punto di controllo della struttura.
Devono essere considerate due differenti distribuzioni per ciascuna direzione principale
dell’edificio: la prima proporzionale alle masse e la seconda proporzionale al prodotto fra
le masse e gli spostamenti del primo modo di vibrare. Tale scelta nasce dalla
considerazione che la distribuzione delle forze laterali dovrebbe approssimare la
distribuzione delle forze di inerzia durante il sisma. Confronti con analisi dinamiche non
lineari hanno evidenziato che distribuzioni di forza proporzionali al primo modo colgono
meglio la risposta dinamica sino a che la struttura rimane in campo elastico, mentre
quando si raggiungono grandi deformazioni la risposta dinamica può risultare meglio
rappresentata da distribuzioni di forze proporzionali alle masse. Queste distribuzioni
devono essere applicate nelle due direzioni principali dell’edificio, ma in analisi separate.
Il punto di controllo deve essere scelto in modo tale che il suo spostamento risulti
significativo del comportamento globale della struttura; tipicamente, viene scelto il
baricentro dell’ultimo impalcato.
Dall’analisi si ottiene una curva detta “curva di capacità” ( Figura 6.3.1) che descrive il
valore dello spostamento del punto di controllo della struttura dc al crescere del taglio alla
base Fb .
88 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

900

800

700
Taglio alla base [kN]

600

500

400

300

200

100 distribuzione 1
distribuzione 2
0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7
Spostamento [m]
Figura 6.3.1 Esempio di curva di capacità

6.3.3 Determinazione delle sollecitazioni e deformazioni


La domanda, in termini di sollecitazioni e deformazioni, si ottiene in corrispondenza dei
valori di spostamento individuati sulla curva di capacità della struttura relativi alla
massima risposta attesa per le azioni sismiche corrispondenti ai diversi stati limite. Per
calcolare questi punti, si deve ridurre la struttura ad un modello equivalente ad un grado
di libertà. Infatti, il passaggio dal modello iniziale a più gradi di libertà (M-gdl) ad un
modello equivalente ad un grado di libertà (1-gdl) permette di utilizzare le informazioni
derivanti dagli spettri elastici di risposta, e quindi di calcolare le sollecitazioni a cui la
struttura deve essere in grado di resistere per i diversi stati limite. Secondo l’Ordinanza, il
sistema ad 1-gdl è ottenuto dividendo ascisse e ordinate delle curve di capacità a M-gdl
per il fattore di partecipazione del primo modo, espresso dalla relazione:

Γ=
∑m Φ i i
(6.1)
∑m Φ i
2
i

dove Фi è l’i-esimo elemento del primo autovettore e mi è la massa dell’i-esimo piano.

Lo spostamento e il taglio alla base del sistema equivalente si ricavano dalle relazioni
tratte dal § 4.5.4.3 dell’OPCM:
Fb
F* = (6.2)
Γ
dc
d* = (6.3)
Γ
Capitolo 6. I metodi di analisi e le condizioni di applicabilità 89

La curva ottenuta viene approssimata con una bilineare (Figura 6.3.2) utilizzando il
criterio di equivalenza delle aree, che prevede l’uguaglianza tra l’area sottesa dalla curva e
l’area sottesa dalla bilineare. Così facendo la capacità di dissipazione energetica in campo
non lineare del modello ad 1-gdl viene conservata in quello bilineare equivalente.

800
F*
700 y

600

500
F* [kN]

400

300

200

100
d* d*
y m
0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4
d* [m]
Figura 6.3.2 Curva di capacità del sistema ad 1-gdl e bilineare equivalente

Si calcola la forza di snervamento Fy* e il corrispondente spostamento dm* in relazione al


taglio alla base ultimo Fbu e al corrispondente spostamento dcu del sistema M-gdl:
Fbu
Fy* = (6.4)
Γ

d cu
dm* = (6.5)
Γ
Per determinare in modo completo il modello equivalente è necessario conoscere anche
lo spostamento dy*. Questo spostamento, come si vede in Figura 6.3.2, rappresenta il
limite di esaurimento del comportamento lineare e l’origine del tratto perfettamente
plastico del modello in questione. Per calcolare dy* si utilizza il criterio dell’uguaglianza
delle aree, che impone l’uguaglianza tra l’area del trapezio di vertici (0,0)-(dm*,0)-(dm*,Fy*)-
(dy*, Fy*), e l’area sottesa dalla curva di capacità ad 1-gdl nel tratto tra 0 e dm*. Si denomina
quest’ultima area come Em*.

La rigidezza del tratto elastico del sistema bilineare equivalente k* si può adesso
determinare tramite l’equazione (6.6):
Fy*
k* = (6.6)
d *y
90 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Trattandosi ora di un modello ad un grado di libertà è lecito usare gli spettri in


accelerazione e spostamento per individuare la domanda in spostamento associata ad una
data azione sismica (stato limite). Grazie a questi è quindi possibile individuare, con
riferimento ad un certo stato limite, il massimo spostamento o accelerazione da attribuire
ad una struttura di determinato periodo proprio T*.

m*
T * = 2π (6.7)
k*
Si ricava quindi dallo spettro in spostamento la domanda in spostamento relativa allo
stato limite considerato:

0.25

0.20

0.15
Sde [m]

0.10

Smax
0.05

0.00
T*
0.00 0.50 1.00 1.50 2.00 2.50 3.00 3.50 4.00

T [s]
Figura 6.3.3 Spettro elastico in spostamento relativo

Lo spettro in spostamento sopra descritto si riferisce ad un oscillatore elastico, ma il


sistema equivalente ha comportamento bilineare e quindi elasto-plastico. Per tenere in
conto di ciò si procede nel seguente modo (§ 4.5.4.4. dell’OPCM):
*
• Se T ≥ Tc la risposta in spostamento del sistema anelastico è assunta uguale a quella
del sistema elastico di pari periodo (uguaglianza degli spostamenti).
*
d max = d e*,max = S De (T * ) (6.8)
Il pedice “e” significa “elastico”, de,max* si riferisce quindi al modello elastico, mentre
dmax* è la domanda in spostamento del sistema equivalente bilineare.

• Se T * < Tc la risposta del sistema anelastico è maggiore di quella di un sistema


elastico di pari periodo e si ottiene applicando l’equazione (6.9):
Capitolo 6. I metodi di analisi e le condizioni di applicabilità 91

d e*,max ⎡ T ⎤
*
d max = *
q ⎣ ⎢ ( )
1 + q * − 1 C* ⎥ ≥ d e*,max
T ⎦
(6.9)

q* =
( )
S Ae T * m*
(6.10)
Fy*
dove q* rappresenta il rapporto tra la forza di risposta del sistema elastico e la forza di
snervamento del sistema equivalente. In caso risulti q * ≤ 1 allora si considera
*
d max = d e*,max .

Tale domanda in spostamento, relativa al sistema ad un grado di libertà, deve poi essere
convertita nel modello della struttura reale. Tale operazione si esegue utilizzando
nuovamente il fattore di partecipazione, invertendo le equazioni (6.2) e (6.3). Si è giunti
quindi alla determinazione della domanda in spostamento da utilizzare per individuare,
sulla curva di capacità, il punto rappresentativo dello stato limite considerato; l’ordinata di
tale punto rappresenta il taglio alla base da considerare relativamente allo stato limite
scelto.
La curva di capacità permette di valutare importanti parametri strutturali quali lo
spostamento globale, lo spostamento relativo fra i vari piani, le deformazioni e le
sollecitazioni dei vari elementi strutturali; si è quindi in grado di valutare la domanda della
struttura sia in termini di resistenza che di deformabilità (vedi esempi applicativi, Capitolo
8).

6.3.4 L’effetto dell’irregolarità in pianta ed in elevazione


L’Ordinanza (§ 4.6) indica che, nel caso di analisi statica non lineare, l’azione sismica
venga applicata separatamente a ciascuna delle due direzioni principali. I risultati così
ottenuti non vengono, quindi, combinati fra loro, come nel caso dell’analisi statica lineare,
ma devono essere valutati separatamente.
Per ognuna delle due direzioni (trasversale e longitudinale) vanno effettuate due analisi di
pushover: una con le forze orizzontali proporzionali alle masse e l’altra con le forze
orizzontali proporzionali alle masse moltiplicate per la deformata relativa al primo modo
di vibrare nella direzione in esame. Inoltre, ognuna di queste quattro analisi va effettuata
con le forze orizzontali dirette prima in un verso e, quindi, nel verso opposto. Ciò non
viene direttamente indicato nell’Ordinanza, ma appare ovvio in quanto:
1. gli edifici esistenti possono essere molto irregolari e, quindi, il comportamento della
struttura, in termini sia di azioni interne che di spostamenti/rotazioni, può variare in
base al verso di applicazione delle forze orizzontali;
2. l’entità dello sforzo assiale nei pilastri di estremità è influenzata dalla applicazione delle
forze sismiche; infatti, la compressione, dovuta ai carichi verticali, dei pilastri posti in
posizione opposta al verso delle forze sismiche tende a diminuire (in alcuni casi i
92 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

pilastri entrano in trazione) mentre nei pilastri prossimi al lato opposto, la


compressione tende ad aumentare. Invertendo il verso di applicazione delle forze
sismiche, quindi, anche l’influenza delle forze orizzontali sulle azioni assiali dei pilastri
si inverte;
3. il valore del taglio in corrispondenza dei nodi di estremità delle travi varia
sensibilmente al variare del verso di applicazione delle forze orizzontali.

L’analisi statica non lineare, per quanto sia da ritenersi in generale più accurata rispetto ad
un’analisi statica lineare, presenta alcuni aspetti che possono limitare l’accuratezza dei
risultati forniti.
• Innanzitutto, essa è caratterizzata da un’intrinseca incapacità di tenere in conto gli
effetti che il progressivo degrado della rigidezza, tipico in strutture soggette a carichi
sismici elevati, ha sulle caratteristiche della risposta dinamica della struttura e, quindi,
sulla distribuzione delle forze statiche equivalenti incrementali applicate durante la
pushover. Infatti, la natura statica del carico applicato sulla struttura ignora la
potenziale ridistribuzione delle forze durante un’effettiva risposta dinamica, che
l’analisi statica non lineare cerca di cogliere. Di conseguenza, le modifiche nelle
caratteristiche modali della struttura (solitamente l’incremento del periodo) e le
conseguenti variazioni nell’amplificazione della risposta dinamica non sono tenute in
considerazione, con il rischio di introdurre inaccuratezze non trascurabili.
• Inoltre, per alcune strutture molto irregolari, potrebbe essere limitativa la scelta di
optare per le due sole combinazioni di forze sismiche, rispettivamente proporzionali
alle masse e alle masse moltiplicate per la deformata relativa al 1° modo di vibrare. In
questi casi, infatti, potrebbe essere difficile determinare il 1° modo di vibrare, in
quanto diversi modi potrebbero essere caratterizzati da percentuali di massa modale
partecipante confrontabili tra loro, il che potrebbe non giustificare la decisione di
scegliere uno di questi modi a discapito degli altri.
La soluzione a questi due problemi potrebbe essere l’utilizzo di un’analisi pushover
adattiva multi-modale, vale a dire di un’analisi nella quale la distribuzione dei carichi
laterali non è mantenuta costante, ma viene continuamente aggiornata, in accordo con le
forme modali ed i fattori di partecipazione derivanti dall’analisi agli autovalori, compiuta
ad ogni passo di carico. Questa analisi, tenendo in considerazione i fenomeni di softening
nella struttura, dell’incremento dei periodi di vibrazione e delle modifiche delle forze di
inerzia dovute all’amplificazione spettrale, tende a dare risultati migliori delle analisi
statiche non lineari convenzionali, specialmente nel caso in cui, a seguito di irregolarità di
rigidezza o di resistenza, i modi di vibrare più elevati possono influenzare in modo
significativo la risposta dinamica della struttura. (vedi Pinho, 2007; Casarotti et al., 2007)

6.4 ANALISI DINAMICA NON LINEARE


6.4.1 Aspetti generali
L’analisi dinamica non lineare permette di valutare la risposta di un edificio ad una
forzante esterna, variabile nel tempo, costituita da un accelerogramma, applicato ai nodi
Capitolo 6. I metodi di analisi e le condizioni di applicabilità 93

di struttura vincolati al terreno, per mezzo dell’integrazione diretta dell’equazione non


lineare del moto del sistema.
Essa, permettendo di conoscere l’andamento degli stati di sforzo e di deformazione dei
componenti della struttura nel tempo, è il tipo di analisi più completo a disposizione ma,
anche, quello più complesso da applicare.
Nel caso più generale, in cui la struttura in esame non rispetti le ipotesi di regolarità in
pianta (§ 4.3.1 dell’OPCM), è necessario utilizzare un modello tridimensionale
dell’edificio. L’azione sismica è rappresentata, in questo caso, da gruppi di 3
accelerogrammi agenti simultaneamente, 2 nelle direzioni principali orizzontali e 1 in
direzione verticale. (l’accelerogramma in direzione verticale deve essere considerato
obbligatoriamente soltanto nelle situazioni descritte al paragrafo 5.2 del presente
Manuale).
Nel caso di strutture regolari in pianta, è possibile svolgere due analisi dinamiche separate
per ognuna delle due direzioni principali dell’edificio (§ 4.4 dell’OPCM). Ogni gruppo è,
quindi, composto da 2 soli accelerogrammi, uno verticale e l’altro diretto orizzontalmente
nella direzione principale dell’edificio. Se non è verificata nessuna delle condizioni per le
quali si rende necessario considerare la componente verticale del moto, ogni gruppo
consta unicamente del solo accelerogramma orizzontale.
L’analisi dinamica non lineare deve essere svolta con almeno 3 gruppi di accelerogrammi.
Se i gruppi utilizzati sono almeno 7, allora i valori di domanda da utilizzare per le
verifiche sono le medie dei valori massimi ottenuti in corrispondenza di ogni gruppo di
accelerogrammi. Se, invece, i gruppi considerati sono in numero inferiore di 7 (ma sempre
obbligatoriamente non meno di 3), allora i valori di domanda da impiegare per le verifiche
sono dati dai valori di inviluppo dei valori massimi ottenuti in corrispondenza di ogni
gruppo di accelerogrammi (§ 4.5.5 dell’OPCM).

6.4.2 Scelta degli accelerogrammi


Al fine di poter costruire accelerogrammi caratterizzati da spettri di progetto compatibili
con le caratteristiche del sito sul quale sorge l’edificio in esame, è necessario, innanzitutto,
determinare lo spettro di risposta elastico, che costituisce il modello di riferimento per la
descrizione del moto sismico del suolo.
Noto lo spettro elastico in accelerazione, il secondo passo consiste nell’ottenere
accelerogrammi spettro-compatibili (vedi § 3.2.7 dell’OPCM), tramite una accurata scelta
e selezione di accelerogrammi registrati (ad es. Iervolino et al., 2007) che potranno anche
essere adattati tramite appositi algoritmi (ad es. Hancock et al., 2006) con l’obiettivo di
diminuire la loro variabilità rispetto allo spettro di risposta considerato. Per ulteriori
approfondimenti su questo argomento, si rimanda il lettore alla letteratura specializzata
(ad es. Bommer e Ruggeri, 2002; Bommer e Acevedo, 2004).
Se la classificazione della destinazione d’uso dell’edificio richiede l’utilizzo di un fattore di
importanza (vedi paragrafo 5.1 del presente Manuale), questo si applica come fattore
moltiplicativo delle ordinate degli accelerogrammi (§ 4.5.5 dell’OPCM).
94 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

6.4.3 Determinazione delle sollecitazioni e deformazioni


Una volta definiti il modello non lineare, le masse, i carichi statici e gli accelerogrammi da
applicare, sono noti tutti i termini che compongono le equazioni differenziali del moto e
l’analisi può essere svolta. Nel caso generale tridimensionale si adotta il seguente
procedimento.
1. Da ogni analisi condotta con ognuno dei gruppi di accelerogrammi scelti, si ricavano i
dati di output relativi all’andamento temporale di ogni quantità di interesse
(sollecitazioni di taglio e spostamenti/rotazioni).
2. Per ogni andamento temporale del taglio, corrispondente ad ogni analisi svolta, si
sceglie, quindi, il massimo in valore assoluto.
3. Per ogni istante in cui è campionato ogni andamento temporale degli
spostamenti/rotazioni, corrispondente ad ogni analisi svolta, si calcola il
corrispondente valore di rotazione di corda.
4. Una volta noto l’andamento temporale della rotazione di corda si deve scegliere il
valore massimo (in modulo), per ognuna delle analisi svolte.
Per ogni sezione di estremità di ogni trave/colonna si ottengono, pertanto, tanti valori di
taglio e di rotazione di corda quante sono le analisi dinamiche non lineari svolte.

Il passo successivo consiste nel calcolo dei valori di domanda a partire dai valori massimi
ottenuti da ogni analisi:
• nel caso in cui il numero di gruppi di accelerogrammi considerati è almeno pari a 7, le
domande, sia in termini di taglio che di rotazione di corda, si ottengono come media
aritmetica dei valori massimi (in modulo) ottenuti da ogni analisi;
• se il numero di gruppi di accelerogrammi è inferiore a 7, allora è necessario
considerare il massimo tra i valori massimi (in modulo) ottenuti da ogni analisi.

Si rimanda il lettore al Manuale 1 per una descrizione più approfondita e ad un esempio


applicativo di questo tipo di analisi.
CAPITOLO 7: VERIFICHE DI SICUREZZA

Come discusso nei capitoli precedenti, ai fini della verifica degli elementi strutturali si
esegue una distinzione fra elementi/meccanismi “duttili” e “fragili”. Essa si rende
necessaria non solo per il diverso comportamento strutturale caratterizzante l’una e l’altra
tipologia di elemento ma anche per la diversa formalizzazione della verifica di sicurezza.
(cfr. capitolo 1)
In generale, i primi si verificano controllando che la domanda non superi la
corrispondente capacità in termini di deformazione (rotazione di corda); i secondi
controllando che la domanda non superi la corrispondente capacità in termini di
resistenza.
La valutazione della domanda è subordinata al metodo di analisi impiegato e allo stato
limite (SL) richiesto. In particolare, l’esecuzione dell’analisi (lineare e/o non lineare) è
effettuata utilizzando i valori medi delle proprietà dei materiali direttamente ottenute da
prove in situ e da eventuali informazioni aggiuntive.
La valutazione della capacità è direttamente influenzata dalla tipologia di elemento (duttile
o fragile), dalle proprietà dei materiali, dal livello di conoscenza raggiunto in relazione alla
quantità/qualità dei dati necessari e dallo stato limite (SL) richiesto.
La classificazione degli elementi nelle due precedenti tipologie è dettata anche dal diverso
impiego delle caratteristiche meccaniche dei materiali, per la valutazione delle relative
capacità sismiche.
Per il calcolo della capacità degli elementi/meccanismi duttili, si impiegano le proprietà
dei materiali esistenti direttamente ottenute da prove in situ e da eventuali informazioni
aggiuntive, divise per i fattori di confidenza, in relazione al livello di conoscenza
raggiunto. Per il calcolo della capacità degli elementi/meccanismi fragili, si impiegano le
proprietà dei materiali esistenti direttamente ottenute da prove in situ e da eventuali
informazioni aggiuntive, divise per i corrispondenti coefficienti parziali e per i fattori di
confidenza, in relazione al livello di conoscenza raggiunto.
Sono di seguito discussi, per ciascuna metodologia di analisi, i due termini di verifica,
domanda e capacità, in relazione ai diversi aspetti che ne influenzano la valutazione.

7.1 ANALISI LINEARE


7.1.1 Determinazione delle azioni di progetto
Nel caso di analisi lineare (statica o dinamica) le azioni di progetto D degli elementi
strutturali, intese come effetti dell’azione sismica, sono derivabili dai risultati dell’analisi in
relazione alla tipologia di analisi da volersi utilizzare.
96 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

L’analisi lineare, infatti, può condursi secondo due distinte modalità: analisi lineare con
spettro elastico, e analisi lineare con spettro elastico ridotto con un fattore di struttura q.

7.1.1.1 Analisi con spettro elastico


Nell’ipotesi di voler effettuare una analisi lineare con spettro elastico, così come riportato
al paragrafo 6.1 del presente Manuale, le azioni di progetto sono derivabili dagli effetti
dell’azione sismica, valutata a partire dal corrispondente spettro elastico espresso in
termini di accelerazioni, e opportunamente combinate con gli effetti di altre azioni (§ 3.3
dell’OPCM).
Tuttavia, lo spettro di progetto da adottare è subordinato allo Stato Limite richiesto, ed in
particolare:
- SL di DL lo spettro di progetto da adottare è quello elastico ridotto di un fattore
pari a 2.5;
- SL di DS lo spettro di progetto da adottare è quello elastico;
- SL di CO lo spettro di progetto da adottare è quello elastico amplificato di un
fattore pari a 1.5.
Le azioni di progetto sono derivabili dai risultati dell’analisi previa verifica delle due
condizioni di applicabilità del metodo di analisi, così come riportati al paragrafo 6.1.1 del
presente Manuale; la prima relativa agli elementi/meccanismi duttili, la seconda per gli
elementi/meccanismi fragili. La verifica delle due condizioni di applicabilità è da
effettuarsi solo nel caso di analisi lineare con spettro elastico.
Solo dopo aver verificato l’applicabilità del metodo è possibile proseguire con la
procedura e quindi con la valutazione delle azioni di progetto.
Per gli elementi/ meccanismi duttili si assumono come azioni di progetto D direttamente
i risultati derivanti dall’analisi; le azioni di progetto sono da intendersi in termini di
deformazioni (rotazioni).
Per gli elementi/meccanismi fragili le azioni di progetto D sono, in generale, valutate dai
risultati dell’analisi mediante condizioni di equilibrio sulle sollecitazioni trasmesse dagli
elementi/meccanismi duttili; le azioni di progetto sono da intendersi in termini di forze.
In particolare la azione di progetto D, del generico elemento/meccanismo fragile può
assumersi eguale:
− al valore D ottenuto dall’analisi, se la capacità C dell’elemento duttile (intesa come
resistenza), valutata usando i valori medi delle proprietà dei materiali è minore o
eguale al valore D ottenuto dall’analisi, ossia soddisfa ρ = D/C ≤ 1,
− al valore di capacità dell’elemento duttile (intesa come resistenza), valutata usando i
valori medi delle proprietà dei materiali moltiplicati per il fattore di confidenza, se il
valore ottenuto dall’analisi risulta maggiore della capacità dell’elemento duttile C,
valutata usando i valori medi delle proprietà dei materiali , ossia se ρ = D/C > 1.
Capitolo 7. Verifiche di sicurezza 97

7.1.1.2 Analisi con spettro elastico ridotto


Tale metodo è applicabile ai soli stati limite di DS e DL.
Nell’ipotesi di voler effettuare una analisi lineare con spettro elastico ridotto le azioni di
progetto sono derivabili dagli effetti dell’azione sismica, valutata a partire dal
corrispondente spettro elastico espresso in termini di accelerazioni e ridotto del fattore di
struttura q (paragrafo 5.6), opportunamente combinate con gli effetti di altre azioni (§ 3.3
dell’OPCM).
In particolare, lo spettro di progetto da adoperarsi è subordinato allo stato limite in
esame, ossia:
- SL di DL lo spettro di progetto da adottare è quello elastico ridotto di un fattore
pari a 2.5;
- SL di DS lo spettro di progetto da adottare è quello elastico ridotto del fattore di
struttura q.
Nel caso di analisi lineare con spettro elastico ridotto si assumono quali azioni di progetto
direttamente i risultati derivanti dall’analisi. Sia per gli elementi/meccanismi duttili che
fragili le azioni di progetto sono da intendersi in termini di forze.

7.1.2 Valutazione delle capacità


Nel caso di analisi lineare (statica o dinamica) la valutazione delle capacità è, in generale,
subordinata al meccanismo di crisi dell’elemento, allo stato limite in esame e alla tipologia
di analisi da volersi utilizzare.
In ogni caso, per la valutazione della capacità degli elementi/meccanismi duttili si
impiegano i valori medi delle proprietà dei materiali esistenti, direttamente ottenute da
prove in situ e da eventuali informazioni aggiuntive, divise per i fattori di confidenza, in
relazione al livello di conoscenza raggiunto. Mentre, per la valutazione della capacità degli
elementi/meccanismi fragili si impiegano i valori medi delle proprietà dei materiali
esistenti, direttamente ottenute da prove in situ e da eventuali informazioni aggiuntive,
divise per i fattori di confidenza, in relazione al livello di conoscenza raggiunto e per il
coefficiente di sicurezza parziale del materiale (vedi paragrafo 5.7).

7.1.2.1 Analisi con spettro elastico


Nel caso di analisi lineare (statica o dinamica) con spettro elastico la valutazione delle
capacità degli elementi/meccanismi duttili è da intendersi in termini di deformazioni
(limiti di deformabilità ovvero capacità deformativa).
In particolare, la capacità deformativa è definita con riferimento alla rotazione θ
(rotazione rispetto alla corda) della sezione d’estremità dell’elemento valutata rispetto alla
congiungente di tale sezione con la sezione di momento nullo a distanza pari alla luce di
taglio Lv=M/V (ulteriori dettagli al paragrafo 7.2.4.1 di questo Manuale).
Nel caso di analisi lineare (statica o dinamica) con spettro elastico la capacità degli
elementi/meccanismi fragili è da intendersi in termini di forze.
Si analizza in seguito, per ciascun Stato Limite la valutazione delle capacità degli elementi
duttili e fragili.
98 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Stato Limite di Collasso (CO)


Per gli elementi/meccanismi duttili, la capacità deformativa è definita in termini di
“deformazione ultima” θu come definita nell’Allegato 11.A dell’OPCM.
Per gli elementi/meccanismi fragili la capacità resistente è espressa in termini di
“resistenza ultima”. In particolare:
• per gli elementi/meccanismi fragili, travi e pilastri, la resistenza (taglio) è valutata
secondo quanto riportato al § 11.3.2.2. dell’OPCM.
• per gli elementi fragili, nodi trave-pilastro, la resistenza (taglio) è valutata secondo
quanto riportato al § 11.3.2.3. dell’OPCM.

Stato Limite di Danno Severo (DS)


Per gli elementi/meccanismi duttili, la capacità deformativa è definita in termini di
“deformazione di danno” θSD assunta pari ¾ della “deformazione ultima”.
Per gli elementi/meccanismi fragili la capacità resistente è espressa in termini di
“resistenza prudenzialmente ridotta”. In particolare:
• per gli elementi/meccanismi fragili travi e pilastri la resistenza (taglio) è valutata
secondo quanto riportato al § 11.3.2.2. dell’OPCM.
• per gli elementi fragili nodi trave-pilastro la resistenza (taglio) è valutata secondo
quanto riportato al § 11.3.2.3. dell’OPCM.

Stato Limite di Danno Limitato (DL)


In tal caso, la capacità è da intendersi solo deformativa; essa, in mancanza di più
specifiche valutazioni, si può definire in relazione ai valori limite di spostamento di
interpiano validi per gli edifici nuovi oppure può esprimersi in termini di “deformazione
di snervamento” come riportato al § 11.3.2.1 dell’OPCM.

7.1.2.2 Analisi con spettro elastico ridotto


Nel caso di analisi lineare (statica o dinamica) con spettro elastico ridotto la valutazione
delle capacità degli elementi duttili e fragili è da intendersi in termini di forze. Tale
metodo è applicabile ai soli Stati Limite di DL e DS.
Si analizza in seguito, per ciascun stato limite la valutazione delle capacità degli elementi
duttili e fragili.

Stato Limite di Danno Severo (DS)


Per gli elementi/meccanismi duttili la capacità resistente è espressa in termini di
“momento ultimo” valutato come per il caso di nuove costruzioni per situazioni non
sismiche.
Per gli elementi/meccanismi fragili la capacità resistente è espressa in termini di
“resistenza prudenzialmente ridotta”. In particolare:
• per gli elementi/meccanismi fragili travi e pilastri la resistenza (taglio) è valutata
secondo quanto riportato al § 11.3.2.2. dell’OPCM.
Capitolo 7. Verifiche di sicurezza 99

• per gli elementi fragili nodi trave-pilastro la resistenza è valutata secondo quanto
riportato al § 11.3.2.3. dell’OPCM.

Stato Limite di Danno Limitato (DL)


In tal caso, la capacità è da intendersi solo deformativa; essa, in mancanza di più
specifiche valutazioni, si può definire in relazione ai valori limite di spostamento di
interpiano validi per gli edifici nuovi oppure può esprimersi in termini di “deformazione
di snervamento” come riportato al § 11.3.2.1 dell’OPCM.

7.2 ANALISI STATICA NON LINEARE


7.2.1 Determinazione delle azioni di progetto
Nel caso di analisi statica non lineare le azioni di progetto D degli elementi strutturali,
intese come effetti derivanti dall’azione sismica, sono derivabili dai risultati dell’analisi ed
esprimibili in termini di forze e di deformazioni in relazione alla tipologia del meccanismo
di crisi dell’elemento.
Nell’ipotesi di voler effettuare una analisi statica non lineare le azioni di progetto sono
derivabili dagli effetti dell’azione sismica valutata a partire dal corrispondente spettro
elastico espresso in termini di spostamento e opportunamente combinate con gli effetti di
altre azioni (§ 3.3 dell’OPCM).
In particolare, lo spettro di progetto da adoperarsi è subordinato allo stato limite in
esame, ossia:
- SL di DL lo spettro di progetto da adottare è quello elastico ridotto di un fattore
pari a 2.5;
- SL di DS lo spettro di progetto da adottare è quello elastico;
- SL di CO lo spettro di progetto da adottare è quello elastico amplificato di un
fattore pari a 1.5.
Le azioni di progetto sono desumibili dai risultati dell’analisi; per la procedura di analisi si
rimanda al capitolo 6 del presente Manuale.
Per gli elementi/ meccanismi duttili le azioni di progetto D sono da intendersi in termini
di deformazioni, mentre, per gli elementi/meccanismi fragili le azioni di progetto D sono
da intendersi in termini di forze.
Nel caso di analisi statica non lineare senza ramo degradante le azioni di progetto sono
valutate in corrispondenza dello spostamento richiesto dmax relativo allo stato limite in
esame, come di seguito riportato:
• nel caso di elementi/meccanismo duttili le azioni di progetto sono espresse in termini
di deformazione valutate in corrispondenza di una configurazione deformata della
struttura definita da uno spostamento del punto di controllo eguale a dmax;
• nel caso di elementi/meccanismo fragili le azioni di progetto sono espresse in termini
di taglio valutato in corrispondenza di una configurazione deformata della struttura
definita da uno spostamento del punto di controllo eguale a dmax;
100 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Nel caso di analisi statica non lineare con ramo degradante e caratterizzata da uno
spostamento dcu valutato in corrispondenza del massimo taglio alla base Vcu, le azioni di
progetto sono valutate come segue:
• nel caso di elementi duttili le azioni di progetto sono espresse in termini di
deformazione e si valutano in corrispondenza di una configurazione deformata della
struttura definita da uno spostamento del punto di controllo eguale a dmax
• nel caso di elementi fragili le azioni di progetto sono espresse in termini di taglio e si
valutano come segue:
− se lo spostamento dmax relativo ad un dato SL è minore di dcu, il taglio negli
elementi è calcolato in corrispondenza di dmax
− se dmax > dcu, il taglio negli elementi è calcolato in corrispondenza di dcu.

7.2.2 Valutazione delle capacità


La valutazione delle capacità è subordinata alla tipologia di meccanismo di crisi
dell’elemento strutturale e allo stato limite in esame.
In ogni caso, per la valutazione della capacità degli elementi/meccanismo duttili si
impiegano i valori medi delle proprietà dei materiali esistenti, direttamente ottenute da
prove in situ e da eventuali informazioni aggiuntive, divise per i fattori di confidenza, in
relazione al livello di conoscenza raggiunto. Mentre, per la valutazione della capacità degli
elementi/meccanismi fragili si impiegano i valori medi delle proprietà dei materiali
esistenti, direttamente ottenute da prove in situ e da eventuali informazioni aggiuntive,
divise per i fattori di confidenza, in relazione al livello di conoscenza raggiunto, e per il
coefficiente di sicurezza parziale del materiale (vedi paragrafo 5.7).
Nel caso di analisi statica non lineare la valutazione della capacità degli elementi duttili è
da intendersi in termini di deformazioni (limiti di deformabilità ovvero capacità
deformativa). La capacità deformativa è definita con riferimento alla rotazione (rotazione
rispetto alla corda) θ della sezione d’estremità dell’elemento valutata rispetto alla
congiungente di tale sezione con la sezione di momento nullo a distanza pari alla luce di
taglio Lv=M/V (ulteriori dettagli al paragrafo 7.2.4.1 di questo Manuale).
La valutazione degli elementi/meccanismi fragile è da intendersi in termini di forze. Si
analizza in seguito, per ciascun stato limite la valutazione delle capacità degli elementi
duttili e fragili.

Stato Limite di Collasso (CO)


Per gli elementi/meccanismi duttili, la capacità deformativa è definita in termini di
“deformazione ultima” θu come definita nell’Allegato 11.A dell’OPCM.
Per gli elementi/meccanismi fragili la capacità resistente è espressa in termini di
“resistenza ultima”. In particolare:
• per gli elementi/meccanismi fragili travi e pilastri la resistenza (taglio) è valutata
secondo quanto riportato al § 11.3.2.2. dell’OPCM.
• per gli elementi fragili nodi trave-pilastro la resistenza (taglio) è valutata secondo
quanto riportato al § 11.3.2.3. dell’OPCM.
Capitolo 7. Verifiche di sicurezza 101

Stato Limite di Danno Severo (DS)


Per gli elementi/meccanismi duttili, la capacità deformativa è definita in termini di
“deformazione di danno” θSD assunta pari ¾ della “deformazione ultima”.
Per gli elementi/meccanismi fragili la capacità resistente è espressa in termini di
“resistenza prudenzialmente ridotta”. In particolare:
• per gli elementi/meccanismi fragili travi e pilastri la resistenza (taglio) è valutata
secondo quanto riportato al § 11.3.2.2. dell’OPCM.
• per gli elementi fragili nodi trave-pilastro la resistenza (taglio) è valutata secondo
quanto riportato al § 11.3.2.3. dell’OPCM.

Stato Limite di Danno Limitato (DL)


In tal caso, la capacità è da intendersi solo deformativa; essa, in mancanza di più
specifiche valutazioni, si può definire in relazione ai valori limite di spostamento di
interpiano validi per gli edifici nuovi oppure può esprimersi in termini di “deformazione
di snervamento” come riportato al § 11.3.2.1 dell’OPCM.

7.2.3 Sintesi dei criteri di analisi e di verifica della sicurezza


Le seguenti Tabelle riassumono, per i casi di analisi lineari con spettro elastico, e per i casi
di analisi lineare con spettro ridotto e non lineare, i criteri da seguire per le verifiche di
sicurezza nonché i valori delle proprietà dei materiali da utilizzare nella valutazione della
domanda e della capacità degli elementi strutturali.

Tabella 7.2.1 Valori delle proprietà dei materiali, criteri di analisi e di verifica della
sicurezza per l’analisi lineare con spettro elastico
ANALISI LINEARE CON SPETTRO ELASTICO
DOMANDA CAPACITÀ
ACCETTAZIONE DEL MODELLO LINEARE (ML)
Tipologia di elemento o meccanismo

(PER IL CONTROLLO DEI VALORI DI ρI = DI/CI)


Duttile/ In termini di resistenza.
Dall’analisi.
Fragile (Usare i valori medi dei materiali)
VERIFICHE DI SICUREZZA
(SE IL ML È ACCETTATO)
di crisi

In termini di deformazione.
Duttile Dall’analisi. (Usare i valori medi dei materiali divisi per
il FC)
Se ρi ≤ 1, dall’analisi.
Se ρi > 1, dall’equilibrio con la In termini di resistenza.
Fragile resistenza degli e/m duttili. (Usare i valori medi dei materiali divisi per
(Usare i valori medi dei materiali il FC e per il coefficiente parziale)
moltiplicati per FC)
102 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 7.2.2 Valori delle proprietà dei materiali, criteri di analisi e di verifica della
sicurezza per l’analisi lineare con spettro elastico ridotto e analisi non lineare
ANALISI LINEARE CON ANALISI NON LINEARE
SPETTRO ELASTICO RIDOTTO
DOMANDA CAPACITÀ DOMANDA CAPACITÀ
In termini di In termini di
resistenza. deformazione.
Dall’analisi.
Tipologia di elemento o

Duttile (Usare i valori medi Dall’analisi. (Usare i valori


meccanismo di crisi

(con q=1.5-3.0)
dei materiali divisi medi divisi per il
per il FC) FC)
In termini di In termini di
resistenza. resistenza.
Dall’analisi. (Usare i valori medi (Usare i valori medi
Fragile Dall’analisi.
(con q=1.5) dei materiali divisi dei materiali divisi
per il FC e per il per il FC e per il
coefficiente parziale) coefficiente parziale)

7.2.4 Modelli di capacità


Si riporta un quadro sintetico dei modelli di capacità degli elementi/meccanismi duttili e
fragili, da utilizzarsi nelle verifiche di sicurezza relative ai diversi metodi di analisi e agli
stati limite richiesti.

7.2.4.1 Elementi/meccanismi duttili (travi, pilastri, pareti)


In generale, per gli elementi/meccanismi duttili, la capacità è da intendersi in termini di
deformazione ed è definita con riferimento alla rotazione θ (rotazione rispetto alla corda)
della sezione d’estremità dell’elemento valutata rispetto alla congiungente di tale sezione
con la sezione di momento nullo a distanza pari alla luce di taglio Lv=M/V. Tale rotazione
è anche pari allo spostamento relativo delle due sezioni diviso per la luce di taglio, vedi
Figura 7.2.1.

Figura 7.2.1 Valutazione della rotazione di corda e della luce di taglio


Capitolo 7. Verifiche di sicurezza 103

Stato Limite di Collasso


La capacità di rotazione rispetto alla corda in condizioni di collasso θu, può essere valutata
mediante sperimentazione diretta ovvero mediante modellazione numerica considerando
il contributo di calcestruzzo, acciaio ed aderenza. La rotazione al collasso (rotazione
ultima) è convenzionalmente valutata in corrispondenza di un prefissato decremento della
massima resistenza flessionale (in genere del 15-20%).
Nel primo caso, la capacità rotazionale ultima può così valutarsi:
0.225 0 , 35 ⎛ f ⎞
⎜ αρ sx yw ⎟
1 ⎡ max (0,01;ω ' ) ⎤ ⎛ LV ⎞ ⎜ ⎟
ν
(1,25100 ρd )
fc
θu = 0,016 ⋅ (0,3 ) ⎢ fc ⎥ ⎜ ⎟ 25 ⎝ ⎠ (7.1)
γ el ⎣ max (0,01;ω ) ⎦ ⎝ h ⎠
dove:
γel = 1.5 per gli elementi primari ed 1.0 per gli elementi secondari (come definiti
al § 4.3.2 dell’OPCM);
h è l’altezza della sezione;
ν = N /(A c f c ) è lo sforzo assiale normalizzato agente su tutta la sezione Ac;
ω=A s f y /(bhf c ) percentuale meccanica di armatura longitudinale in trazione (b, h =
base ed altezza della sezione)
ω′=A ′s f y /(bhf c ) percentuale meccanica di armatura longitudinale in compressione (b, h
= base ed altezza della sezione);
fc , fy e fyw sono rispettivamente la resistenza a compressione del calcestruzzo e la
resistenza a snervamento dell’acciaio, longitudinale e trasversale, in
MPa, ottenute come media delle prove eseguite in situ e da fonti
aggiuntive di informazione, divise per il Fattore di Confidenza
appropriato in relazione al Livello di Conoscenza raggiunto (vedi
paragrafo 5.7);
ρ sx =A sx b w s h la percentuale di armatura trasversale ( s h = interasse delle staffe);
ρd la percentuale di eventuali armature diagonali in ciascuna direzione;
α è un fattore di efficienza del confinamento dato da:

α = ⎜⎜1 − h ⎟⎟⎜⎜1 − h ⎟⎟⎜⎜1 − ∑ i ⎟⎟


⎛ s ⎞⎛s ⎞⎛ b2 ⎞
⎝ 2b o 2h
⎠⎝ ⎠⎝ 6h b
o o ⎠
o

dove bo e ho sono le dimensioni della nucleo confinato, bi le distanze


delle barre longitudinali trattenute da tiranti o staffe presenti sul
perimetro.

Per le strutture a parete, oppure in caso di acciaio incrudente, il valore dato dall’equazione
(7.1) deve essere diviso per 1.6. Negli elementi non dotati di adeguati dettagli di tipo
antisismico il valore fornito dall’equazione (7.1) deve essere moltiplicato per 0.85.
104 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Nel caso di barre lisce caratterizzate da condizioni di ancoraggio insoddisfacenti il valore


dato dall’equazione (7.1) deve essere moltiplicato per 0.575; quest’ultima decurtazione
tiene conto anche della assenza di dettagli sismici. Per ulteriori approfondimenti sulla
risposta sismica di elementi in c.a. con barre lisce si rimanda il lettore alla letteratura
tecnica (ad es. Verderame et al., 2007).

In alternativa, è consentito valutare la rotazione al collasso θu mediante modellazione


numerica considerando il contributo di calcestruzzo, acciaio ed aderenza, con la seguente
equazione:
1 ⎛ ⎛ 0,5Lpl ⎞ ⎞
θ u = ⎜⎜θ y + (φ u − φ y ) Lpl ⎜⎜1 − ⎟⎟ (7.2)
γ el ⎝ ⎝ LV ⎟⎠ ⎟⎠
dove:
θy è la rotazione rispetto alla corda allo snervamento così definita dalle equazioni
(7.4) e (7.5) riportate di seguito;
φu è la curvatura ultima valutata considerando le deformazioni ultime del
conglomerato (tenuto conto del confinamento) e dell’acciaio (da stimare sulla
base dell’allungamento uniforme al carico massimo oppure da assumersi pari al
4%);
φy è la curvatura a snervamento valutata considerando l’acciaio alla deformazione di
snervamento εsy.

La lunghezza di cerniera plastica Lpl è valutabile come:


d bL f y
Lpl = 0,1LV + 0,17h + 0,24 (7.3)
fc
dove:
h è l’altezza della sezione;
dbL è il diametro (medio) delle barre longitudinali (in mm);
fc e fy sono rispettivamente la resistenza a compressione del calcestruzzo e la resistenza
a snervamento dell’acciaio longitudinale (in MPa), ottenute come media delle
prove eseguite in situ e da fonti aggiuntive di informazione, divise per il fattore di
confidenza appropriato in relazione al Livello di Conoscenza raggiunto (vedi
paragrafo 5.7).

In particolare, i tre addendi presenti nella formulazione della lunghezza di cerniera


plastica Lpl rappresentano i contributi deformativi flessionale, tagliante e di aderenza
acciaio-calcestruzzo, rispettivamente.

Stato Limite di Danno Severo


La capacità di rotazione rispetto alla corda in condizioni di danno severo θSD è valutata
come aliquota della rotazione ultima precedentemente definita: θSD= 0.75 θu
Capitolo 7. Verifiche di sicurezza 105

Stato Limite di Danno Limitato


La capacità di rotazione totale rispetto alla corda è espressa in termini di rotazione allo
snervamento, θy e può essere valutata mediante le seguenti espressioni:
L ⎛ h ⎞ db f y
θ y = φ y V + 0,0013⎜⎜1 + 1,5 ⎟⎟ + 0,13φ y (travi e pilastri) (7.4)
3 ⎝ LV ⎠ fc

LV ⎛ L ⎞ db f y
θ y = φy + 0,002⎜1 − 0,125 V ⎟ + 0,13φ y (pareti) (7.5)
3 ⎝ h ⎠ fc
dove:
φy è la curvatura a snervamento della sezione terminale;
h è l’altezza della sezione;
db è il diametro (medio) delle barre longitudinali (in mm);
fc e fy sono rispettivamente la resistenza a compressione del calcestruzzo e la
resistenza a snervamento dell’acciaio longitudinale (in MPa), ottenute come
media delle prove eseguite in situ e da fonti aggiuntive di informazione, divise
per il Fattore di Confidenza appropriato in relazione al Livello di Conoscenza
raggiunto (vedi paragrafo 5.7).

Anche in questo caso, i tre addendi presenti nella formulazione della rotazione allo
snervamento, θy rappresentano, rispettivamente, i contributi deformativi flessionale,
tagliante e di aderenza acciaio-calcestruzzo.

7.2.4.2 Elementi/meccanismi fragili (travi, pilastri)


Per gli elementi/meccanismi fragili, la capacità è da intendersi in termini di forze ed è
definita come la resistenza a taglio dell’elemento; questa ultima è valutata come per il caso
di nuove costruzioni per situazioni non sismiche. In particolare, il contributo del
conglomerato da considerarsi nella valutazione della resistenza a taglio deve al massimo
risultare pari a quello relativo agli elementi senza armature trasversali resistenti a taglio
(Vrd1).
La resistenza a taglio, Vu ,shear è calcolata considerando il minimo tra:
Vrd 2 = 0.30 f c bw d (1 + cot gα ) ≤ 0.45 f c bw d
Vu ,shear =min
Vrd 3 = Vrd 1 + Vwd

avendo indicato con Vrd1 e Vwd:


0.90d
Vrd1 = 0.25 f ct r (1 + 50ρ l )bw dδ ; V wd = Asw f yw (sin α + cos α )
s
dove:
bw è la base della sezione;
106 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

d è altezza utile della sezione;


r= (1.6-d)≥1 con d espressa in metri;
fct , fyw sono rispettivamente la resistenza a trazione del calcestruzzo e la
resistenza a snervamento dell’acciaio, trasversale, ottenute come media
delle prove eseguite in situ e da fonti aggiuntive di informazione, divise
per il Fattore di Confidenza appropriato in relazione al Livello di
Conoscenza raggiunto e per il coefficiente di sicurezza relativo (vedi
paragrafo 5.7);
ρl =Asl/bwd è la percentuale geometrica di armatura longitudinale di trazione
ancorata al di là dell’intersezione dell’asse dell’armatura con un
eventuale fessura a 45° che si inneschi nella sezione considerata
δ=1 in assenza di sforzo normale;
δ=0 in presenza di un apprezzabile sforzo normale di trazione;
δ = 1+Μ0/Μsdu in presenza di sforzo normale di compressione; con M0 il momento di
decompressione riferito alla fibra estrema della sezione su cui agisce
Msdu che è pari al momento agente massimo di calcolo nella regione in
cui si effettua la verifica a taglio da prendere almeno pari a M0;
α inclinazione delle armature trasversali rispetto all’asse della trave
(α=45° ferri sagomati e α=90° staffe);
s interasse dell’armatura trasversale.

7.2.4.3 Elementi fragili (nodi trave/pilastro)


La verifica di resistenza deve essere eseguita solo per i nodi non interamente confinati
come definiti al § 5.4.3.1 dell’OPCM. Deve essere verificata sia la resistenza a trazione che
quella a compressione, entrambe diagonali. Le relative espressioni sono:

per la resistenza a trazione:


2 2
N ⎛ N ⎞ ⎛ Vn ⎞
σ nt = − ⎜
⎜ 2A
⎟ +⎜
⎟ ⎜A ⎟
⎟ ≤ 0.3 f c ( f c in MPa ) (7.6)
2 Ag ⎝ g ⎠ ⎝ g ⎠

per la resistenza a compressione:


2 2
N ⎛ N ⎞ ⎛ Vn ⎞
σ nc = + ⎜ ⎟ +⎜ ⎟ ≤ 0.5 f c (7.7)
2 Ag ⎜ 2A ⎟ ⎜A ⎟
⎝ g ⎠ ⎝ g ⎠
dove:
N indica lo sforzo normale presente nel pilastro superiore;
Vn indica il taglio totale agente sul nodo, valutato come la somma algebrica del taglio
derivante dall’azione presente nel pilastro superiore, della risultante di trazione
Capitolo 7. Verifiche di sicurezza 107

dell’armatura longitudinale superiore e della risultante di compressione delle due


travi adiacenti;
Ag indica la sezione orizzontale del nodo;
fc è la resistenza a compressione del calcestruzzo ottenuta come media delle prove
eseguite in situ e da fonti aggiuntive di informazione, divisa per il Fattore di
Confidenza appropriato in relazione al Livello di Conoscenza raggiunto e per il
coefficiente di sicurezza relativo (vedi paragrafo 5.7).
CAPITOLO 8: GLI ESEMPI APPLICATIVI

8.1 UN ESEMPIO DI PROGETTAZIONE SIMULATA


Sulla base della metodologia illustrata al paragrafo 3.5 del presente Manuale, si riporta nel
seguito un esempio di progettazione simulata di un edificio in c.a. progettato e realizzato
negli anni ’70 in zona non classificata sismica e, quindi, considerando le sole azioni
dovute ai carichi gravitazionali.
Le norme prevedono la possibilità di acquisire tre livelli di conoscenza. In assenza degli
elaborati progettuali originari, l’acquisizione del livello minimo di conoscenza (LC1)
richiede un rilievo ex-novo completo (§ 11.2.3.3 dell’OPCM) per individuare l’organismo
strutturale (caratteristiche geometriche degli elementi strutturali, ossia dimensioni e
posizione). Per l’individuazione dei dettagli strutturali è richiesta la redazione di un progetto
simulato in accordo alle norme dell’epoca affiancato da limitate verifiche in situ.

8.1.1 Informazioni generali sull’edificio, individuazione dell’organismo strutturale


L’edificio preso in esame ha quattro impalcati tutti fuori terra e dimensioni in pianta 10m
× 25m. Il progetto e la realizzazione sono stati effettuati negli anni 1975-76 in zona
all’epoca non classificata come sismica.
Dall’ispezione visiva e dal rilievo completo si ottengono la tipologia, la posizione e le
dimensioni degli elementi strutturali (Figura 8.1.1). L’edificio è costituito da una struttura
intelaiata con cinque campate in direzione longitudinale (interasse 5.0 m) e due in
direzione trasversale (interasse 5.0 m). L’interpiano ha altezza costante pari a 3.0 m. Il
vano scala è situato in posizione centrale e la struttura è costituita da travi a ginocchio e
gradini a sbalzo in cemento armato.
I solai hanno uno spessore di 20 cm, pari ad 1/25 della luce massima, con travetti di
larghezza 10 cm posti ad un interasse di 50 cm. Per quanto riguarda la tipologia del
solaio, il rilievo ha evidenziato la presenza di un classico schema con travetti prefabbricati
e laterizi di alleggerimento con getto di completamento realizzato in opera. Sono orditi
nella direzione trasversale e poggiano su travi emergenti di base 30 cm e altezza 50 cm. In
direzione trasversale le travi sono presenti solo nei telai di estremità ed hanno anch’esse
dimensioni 30 cm × 50 cm.
I pilastri hanno tutti dimensioni 30 cm × 30 cm a tutti i livelli ad eccezione dei pilastri
centrali dei telai interni che hanno dimensione 40 cm × 30 cm al piano terra e 35 cm × 30
cm al primo piano.
110 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Le tamponature sono realizzate mediante una doppia fodera di laterizi forati di spessore
totale pari a 30 cm con camera d’aria di 10 cm. Sono distribuite sull’intero perimetro e
sono sempre inserite all’interno delle maglie strutturali. Inoltre, sui telai di testata, in
direzione trasversale, non sono presenti aperture.
Nella Figura 8.1.1 è riportata la carpenteria predisposta sulla base delle informazioni
dedotte dal rilievo ed una vista schematica del telaio di estremità dell’edificio, per il quale,
a titolo esemplificativo, verrà effettuato il progetto simulato degli elementi strutturali,
individuando i dettagli costruttivi e tutti gli elementi necessari per le verifiche di resistenza
da effettuare nella successiva valutazione. Ancora a titolo esemplificativo verrà effettuato
il progetto simulato del solaio tipo. A tale scopo, saranno prese in considerazione le
indicazioni di normativa, le caratteristiche dei materiali, le azioni esterne e i metodi di
calcolo e verifica tipici del periodo in cui l’edificio è stato progettato e realizzato.

(a) (b)
Figura 8.1.1 Carpenteria dell’edificio (a) e vista schematica (b) del telaio
trasversale esterno
8.1.2 Analisi dei carichi
Nell’analisi dei carichi, per il calcestruzzo armato si considera un peso specifico pari a
2500 kg/m3, per le tamponature ed i tramezzi in laterizio forato un peso pari a 800
kg/m3. Per i solai si valutano i carichi considerando le caratteristiche geometriche e delle
finiture dedotte dal rilievo, considerando i valori dei carichi permanenti del periodo
(Tabella 8.1.1).
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 111

Per quanto riguarda i carichi accidentali, non essendo stato ancora emanato il D.M.
3/10/78, si è fatto riferimento alle norme del Consiglio Nazionale delle Ricerche,
“Istruzioni per il calcolo, l’esecuzione e la manutenzione delle costruzioni metalliche”
riportate anche in (Pagano, 1963).
Il carico accidentale considerato agente sui solai di piano è pari a 200 kg/m2 (civile
abitazione) ed è pari a 150 kg/m2 per la copertura.

Tabella 8.1.1 Analisi dei carichi per i solai


Solai di interpiano Solaio di copertura
Soletta 100 kg/m2 Soletta 100 kg/m2
Pignatte 88 kg/m 2
Pignatte 88 kg/m2
Travetti 138 kg/m2 Travetti 138 kg/m2
Massetto 42 kg/m2 Massetto 42 kg/m2
Intonaco 28 kg/m2 Intonaco 28 kg/m2
Pavimento 50 kg/m2 Pavimento 50 kg/m2
Incidenza tramezzi 50 kg/m2

Carichi permanenti adottati 500 kg/m2 450 kg/m2


Carichi accidentali adottati 200 kg/m2 150 kg/m2

A partire dai carichi sui solai e dal peso proprio delle tamponature vengono valutati i
carichi su travi e pilastri sulla base delle aree di influenza nel modo descritto in dettaglio
nei successivi paragrafi.
8.1.3 Progetto delle armature e definizione dei dettagli costruttivi
Nelle operazioni di progetto simulato, dopo aver individuato le caratteristiche
geometriche dell’organismo strutturale (posizione e dimensioni degli elementi strutturali)
il passo successivo è quello di dimensionare le armature degli elementi secondo le
disposizioni normative e le consuetudini adottate nel periodo di costruzione.
La normativa di riferimento per l’edificio in esame è la legge 5/11/1971 n. 1086 “Norme
per la disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso
ed a struttura metallica”, ed, in particolare, il successivo Decreto Ministeriale 30/5/1974,
“Norme tecniche alle quali devono uniformarsi le costruzioni in conglomerato
cementizio, normale e precompresso ed a struttura metallica”.
Il DM 30/5/74 prevedeva il metodo delle tensioni ammissibili per la verifica delle sezioni
ed il calcolo delle armature. Le resistenze previste per il calcestruzzo andavano da un
minimo di 150 fino a 500 kg/cm2 intesi come valori caratteristici Rck. Le tensioni
ammissibili variavano, in funzione della Rck, da 60 a 147.5 kg/cm2 nel caso di flessione o
presso-flessione. Per elementi calcolati a compressione semplice o per solette di spessore
inferiore a 5 cm, era prevista un’ulteriore riduzione del 30%, con valori ammissibili
compresi tra 42 e 103 kg/cm2.
Per le armature erano previsti due tipi di acciaio: liscio e ad aderenza migliorata. Per
l’acciaio liscio si prevedevano due classi di resistenza, indicate con FeB22 ed FeB32,
112 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

aventi tensione caratteristica di rottura ftk compresa tra 3400 e 5000 kg/cm2, tensione
caratteristica di snervamento tra 2200 e 3200 kg/cm2, allungamento a rottura non
inferiore a 24 – 23% e tensioni ammissibili comprese tra 1200 e 1600 kg/cm2. Per
l’acciaio ad aderenza migliorata si prevedevano tre classi di resistenza indicate con A38,
A41 e FeB44 aventi tensione caratteristica di rottura compresa tra 4600 e 5500 kg/cm2,
tensione caratteristica di snervamento tra 3800 e 4400 kg/cm2, allungamento a rottura
non inferiore al 14 – 12%. Le tensioni ammissibili erano comprese tra 2200 e 2600
kg/cm2 per acciai controllati in stabilimento, e tra 1900 e 2200 kg/cm2 per acciai non
controllati.
In assenza di specifiche indicazioni progettuali ed avendo rilevato mediante saggi in situ
la presenza di acciaio ad aderenza migliorata, si sono adottati valori usuali per la pratica
progettuale degli anni ‘70, ossia:
- calcestruzzo di classe Rck 250
- acciaio ad aderenza migliorata A38.

Pertanto le resistenze ammissibili dei materiali che si ritiene il progettista originario


dell’edificio abbia adoperato, dunque da adottare nelle operazioni di progettazione
simulata, sono le seguenti:
- calcestruzzo (tensione ammissibile a flessione): σa,cf = 85 kg/cm2
- calcestruzzo (tensione ammissibile a compressione): σa,cc = 60 kg/cm2
- acciaio (considerato non controllato): σa,f = 1900 kg/cm2

Nel D.M. del 1974 si indicava di assumere, come area della sezione reagente, l’area del
conglomerato compresso sommata a quella delle barre d’acciaio omogeneizzata mediante
il coefficiente n. Per quanto fosse previsto anche l’impiego del coefficiente n = 15, nei
calcoli si è assunto n = 10 coerentemente con quanto veniva fatto normalmente in quel
periodo, come si desume dalla consultazione della manualistica di uso corrente.

8.1.3.1 Dettagli costruttivi dedotti dalle verifiche in situ


La scelta dei diametri delle barre di acciaio da utilizzare nelle operazioni di progetto
simulato, il tipo di acciaio (liscio o ad aderenza migliorata), il passo ed il diametro delle
staffe, la presenza o meno di alcuni dettagli strutturali è stata guidata dai risultati delle
verifiche limitate in situ previste dall’Ordinanza sugli elementi strutturali (§ 11.2.3.3) e
condotte preliminarmente al progetto simulato. In particolare, seguendo la logica di
selezionare gli elementi per ambiti e per tipologie omogenee, sono stati eseguiti dei saggi
su un pilastro esterno ed uno centrale sia di un telaio di estremità che di uno dei telai
interni al piano terra ed al terzo livello, su due delle travi disposte sul perimetro
dell’edificio (una in direzione longitudinale, portante il solaio, ed una delle travi dei telai
trasversali di estremità) e su una delle travi interne portanti il solaio. Inoltre, è stata
verificata la presenza ed estensione delle fasce piene e/o semipiene nei solai.
Tali saggi, conoscitivi per i dettagli costruttivi a supporto della progettazione simulata,
hanno mostrato quanto segue. Le barre di armatura, ad aderenza migliorata, rilevate nei
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 113

pilastri del piano terra hanno diametro 14 mm sia nei telai di estremità che in quelli
interni. Le barre rilevate nei pilastri dal terzo livello hanno diametro 12 mm. Le travi
indagate hanno armature con barre, ad aderenza migliorata, da 12 mm e piegature delle
armature longitudinali utilizzate, quindi, anche per la sollecitazione di taglio. Le staffe, del
diametro 6 mm, hanno passo 25 cm. Le barre rilevate nei solai hanno diametro 12 mm.
Sono presenti, inoltre, delle fasce piene di 5 cm dal filo delle travi e delle fasce semipiene,
in corrispondenza delle travi intermedie, che interessano due pignatte, quindi della
profondità complessiva di 50 cm dalla fine della fascia piena.

8.1.3.2 Progetto delle armature del solaio


I solai sono progettati considerando lo schema di calcolo di trave continua su tre appoggi
con carico uniformemente distribuito ed assumendo un momento M = ql 2 18 agli
estremi. I carichi accidentali sono stati disposti secondo lo schema a scacchiera al fine di
determinare le sollecitazioni massime nelle sezioni di appoggio e di campata (Figura
8.1.2). Calcolate le sollecitazioni, le armature sono state progettate seguendo le procedure
presenti nella manualistica e nei testi di tecnica delle costruzioni più diffusi all’epoca del
progetto. In particolare, sono state progettate le armature delle sezioni di mezzeria e di
appoggio distribuendole poi come illustrato nel seguito.
Note le sollecitazioni massime, le dimensioni del solaio (altezza h, interasse e dimensione
dei travetti) e le tensioni ammissibili dei materiali, è stata ricavata la quantità minima di
armature necessaria mediante i coefficienti r e t riportati nelle tabelle della manualistica,
per sezioni rettangolari in c.a. a semplice armatura, in funzione delle sollecitazioni
nell’acciaio e nel calcestruzzo e per valori di n = 10.
Nelle operazioni originarie di progetto, il valore dell’altezza h veniva determinato
selezionando un valore di r dalle tabelle in funzione delle tensioni ammissibili adottate per
i materiali acciaio e calcestruzzo. Nel caso del progetto simulato, invece, essendo nota a
priori l’altezza, è stato ricavato il valore di r necessario per poter risalire al corrispondente
valore di t assunto per calcolare Af utilizzando le seguenti espressioni.
h M
r= Af = t ⋅ b ⋅
M b (8.1)
b
I valori di armatura strettamente necessari così ottenuti sono stati trasformati in barre di
acciaio in numero e diametro tali da avvicinarsi il più possibile all’area richiesta sfruttando
al massimo la resistenza dell’acciaio, coerentemente con quelle che erano le modalità di
progetto dell’epoca.
La verifica delle sezioni progettate (mezzeria delle campate, appoggi interno ed esterno), è
condotta determinando i valore massimi delle tensioni su acciaio e calcestruzzo secondo
le usuali procedure del metodo delle tensioni ammissibili per sezioni in c.a. a semplice
armatura soggette a flessione semplice. Nota la posizione dell’asse neutro xc, è possibile
determinare le tensioni massime nei materiali determinate dal momento agente Ms,
utilizzando le seguenti espressioni:
114 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

n ⋅ A f ⎧⎪ 2 ⋅ b ⋅ h ⎫⎪
xc = ⋅ ⎨− 1 + 1 + ⎬ (8.2)
b ⎪⎩ n ⋅ A f ⎪⎭

M s ⋅ xc Ms
σc = σ f = n⋅ ⋅ (h − xc 3) (8.3)
I ci I ci
Nelle sezioni di appoggio si è assunto, per la base della sezione, il valore 50 cm tenendo
conto della presenza della trave e di una fascia piena di lunghezza pari a 5 cm misurata a
partire dal filo della trave stessa. I dati relativi al progetto delle armature e alle tensioni
massime nei materiali sono riportati nella Tabella 8.1.2.

Tabella 8.1.2 Progetto delle armature del solaio e valutazione delle tensioni sui
materiali
b h Af,min Af σc σf
Sezione [cm] [cm] r t [cm2] [cm2] [kg/cm2] [kg/cm2]
Campata 50 18 0.508 0.001105 1.96 2 φ 12 32.25 1655
Appoggio int. 50 18 0.299 0.001470 2.65 2 φ 10 + 2 φ 12 54.48 1757
Appoggio est. 50 18 0.497 0.000855 1.03 1 φ 10 + 1 φ 12 29.14 1364

La disposizione delle armature lungo tutto l’elemento strutturale è stata definita


considerando il momento resistente delle varie sezioni, dato dal minore tra il momento
resistente del calcestruzzo e quello dell’acciaio valutati con le espressioni:
σ a , cf ⋅ I ci σ a , f ⋅ I ci
M rc = M rf = (8.4)
xc n ⋅ (h − xc )

M r ,sez = min (M rc , M rf ) (8.5)


e facendo in modo che Mr,sez fosse, in tutte le sezioni, superiore al momento agente
(Figura 8.1.3).
-150000 COMB1

Permanente + COMB2
COMB3
Permanente Accidentale -100000 Mr Cls
Mr Acciaio

-50000
Permanente +
M [kg*cm]

Accidentale Permanente 0
0 100 200 300 400 500 600 700 800 900 1000

Permanente + Permanente + 50000

Accidentale Accidentale
100000

A B C 150000
[cm]
5m 5m

Figura 8.1.2 Combinazioni di Figura 8.1.3 Inviluppo delle sollecitazioni e


carico considerate momenti resistenti delle sezioni
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 115

L’estensione delle fasce piene e/o semipiene è stata confrontata e verificata con i dati
rilevati in situ considerando il momento resistente del calcestruzzo e, dove necessario, la
resistenza a taglio delle sezioni. Nella Figura 8.1.4 è riportata la carpenteria del solaio
progettato.

SEZIONE DEL SOLAIO IN CORRISPONDENZA DEI LATERIZI

30 5 75 5 30 5 75 5 30

SEZIONE DEL SOLAIO IN CORRISPONDENZA DI UN TRAVETTO

DISTINTA DELLE ARMATURE (per travetto)


L=110 2 Ø 10
65 65
15 1 Ø 12 L=376 15
28 320 28

63 1 Ø 12 L=682
15 28 28 220 28
300 63
28 15
1 Ø 12 L=436 330

15 1 Ø 12 L= 1062 15

STRALCIO DI CARPENTERIA

Figura 8.1.4 Carpenteria del solaio in c.a.

8.1.3.3 Progetto delle armature delle travi


Per le travi è stata seguita la stessa procedura di progetto utilizzata per il solaio. Nel caso
delle travi disposte parallelamente al solaio i carichi impiegati nella valutazione delle
sollecitazioni sono determinati considerando il peso proprio delle stesse, il peso del
tamponature gravanti su di esse ed il peso di una fascia di 80 cm di solaio (vedi Figura
8.1.5 per le aree di influenza considerate).
Per i valori dei carichi permanenti ed accidentali dei solai si fa riferimento alla Tabella
8.1.1, mentre per il peso delle tamponature si è considerato, coerentemente alle
informazioni riportate nei paragrafi 8.1.1 e 8.1.2, un carico per metro lineare pari a:
qtamp = pptamp ⋅ htamp ⋅ stamp = 800 ⋅ 2.5 ⋅ 0.2 = 400kg / m (8.6)
Le dimensioni geometriche delle travi sono ovviamente fissate in virtù dei dati emersi nel
corso del rilievo dell’organismo strutturale.
116 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

(a) (b)

Figura 8.1.5 Aree di influenza considerate per il calcolo delle sollecitazioni su travi
(a) e pilastri (b)

In virtù della progettazione a soli carichi verticali, costanti ai diversi piani, le armature
longitudinali delle travi, progettate sulla base delle sollecitazioni di calcolo, sono identiche
a tutti i piani, con percentuali, dell’ordine dello 0.5%, sempre superiori al minimo di
normativa, pari allo 0.15%. Le barre sono state ancorate all’esterno dei nodi,
conformemente a quanto generalmente riscontrato nei progetti tipici e nella manualistica,
in virtù della sagomature delle armature. Per il taglio sono stati considerati i ferri sagomati
derivanti dalla disposizione dell’armatura a flessione e disponendo, in aggiunta, le staffe
richieste dai valori delle sollecitazioni e dai minimi regolamentari. Il diametro ed il passo
delle staffe progettati sono risultati conformi con quanto rilevato in situ. Nella
Figura 8.1.6 sono riportate disposizione, numero, diametro e lunghezze delle armature
longitudinali e delle staffe.
30 30 30
470 470
A B Sezione
A-A
3 Φ 12
L = 154
Staffe Φ 6/25 Staffe Φ 6/25

A B
2 Φ 12
1024
2 Φ 12 L = 1112
44
44

84 112
62 62
Sezione
44

62

306 B-B
40
62
1 Φ 12 L = 684 156
62 5 Φ 12
306 L = 154
44

62

112 84
62
1 Φ 12 L = 732
62

62

44

306
156 1 Φ 12 L = 684 40
62
306 2 Φ 12
62

62

44

1 Φ 12 L = 732
20

1027
20

2 Φ 12 L = 1067

Figura 8.1.6 Armature longitudinali e trasversali nelle travi


Capitolo 8. Gli esempi applicativi 117

8.1.3.4 Progetto delle armature dei pilastri


Le armature dei pilastri, considerati sottoposti a sola compressione centrata, sono stati
progettati considerando i minimi di normativa. Si è ritenuto che nel progetto originario
non siano stati considerati effetti flessionali dovuti ai carichi verticali o all’azione del
vento, trascurata in virtù anche dell’altezza limitata e della compattezza dell’edificio. I
valori dei carichi verticali presenti ai diversi piani per i pilastri centrale ed esterno del
telaio di Figura 8.1.1b, da cui ricavare gli sforzi assiali impiegati per il calcolo delle
armature ai diversi piani, sono riportati nella Tabella 8.1.3.

Tabella 8.1.3 Valutazione dei carichi nei pilastri


Livello
Allineamento I II III IV
P.P. Pilastro [kN] 6.8 6.8 6.8 6.8
Travi [kN] 17.6 17.6 17.6 17.6
Esterno P.P. Solaio [kN] 27.6 27.6 27.6 24.9
Accid. [kN] 11.0 11.0 11.0 4.4
P.P. Tamp [kN] 6.6 6.6 6.6 2.6
Totale 69.6 69.6 69.6 56.3
P.P. Pilastro [kN] 6.8 6.8 6.8 6.8
Travi [kN] 26.4 26.4 26.4 26.4
Centrale
P.P. Solaio [kN] 55.2 55.2 55.2 49.7
Accid. [kN] 22.1 22.1 22.1 8.8
P.P. Tamp [kN] 13.2 13.2 13.2 5.3
Totale [kN] 123.7 123.7 123.7 97.0

Il D.M. 30/05/74 prevedeva nei pilastri soggetti a compressione centrata od eccentrica,


un quantitativo di armatura longitudinale di sezione non minore dello 0.6% della sezione
di conglomerato strettamente necessaria per carico assiale, in base alla tensione
ammissibile adottata, e compresa tra lo 0.3% e il 5% della sezione effettiva. Era prevista
una staffatura di diametro minimo pari a 6 mm, con passo non superiore a 15 volte il
diametro minimo delle barre longitudinali e con un massimo di 25 cm. In virtù delle
indicazioni di normativa, delle evidenze ricavata dalle verifiche limitate in situ e delle
caratteristiche di sollecitazione sopra riportate sono state calcolate l’area di calcestruzzo
strettamente necessaria utilizzando il valore della tensione ammissibile a compressione
per il calcestruzzo:
N
Acls, strett.neces. = (8.7)
σ a ,cc
e la quantità di armatura minima definita come Af,min=0.006⋅Acls,s.n. (Tabella 8.1.4). Inoltre,
il dimensionamento delle armature è stato condotto valutando la quantità di armatura
fornita dal limite inferiore 0.003⋅Acls,eff , pari a 2.7 cm2.
118 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

I risultati dei calcoli sono tradotti in quantitativi effettivi di armatura espressi in termini di
numero e diametro di barre d’acciaio.
Nei pilastri del primo e del secondo livello l’armatura è costituita da 4 barre di diametro
14 mm. Agli altri piani l’armatura è costituita da 4 barre di diametro 12 mm (minimo
regolamentare). La percentuale di armatura è compresa tra lo 0.68% e lo 0.50% della
sezione effettiva. L’armatura trasversale è costituita da staffe φ6 con passo costante pari a
20 cm, come emerso dalle verifiche in situ.

Tabella 8.1.4 Dati di progetto dei pilastri


Livello
I II III IV
N Acls,sn Af,min N Acls,sn Af,min N Acls,sn Af,min N Acls,sn Af,min
Allin. [kN] [cm2] [cm2] [kN] [cm2] [cm2] [kN] [cm2] [cm2] [kN] [cm2] [cm2]
Esterno 265 442 2.65 196 326 1.96 126 210 1.26 56 94 0.56
Centrale 468 780 4.68 344 574 3.44 221 368 2.21 97 162 0.97

Per quanto riguarda i dettagli costruttivi, nel passaggio da un piano all’altro è prevista una
lunghezza di sovrapposizione pari a 40 volte il diametro delle barre longitudinali e
comunque almeno pari a 60 cm, così come deducibile sia dalla manualistica che dagli
elaborati tecnici di edifici esistenti. Nella Tabella 8.1.5 è riportata una sintesi delle
dimensioni degli elementi e dei dispositivi di armatura previsti per i pilastri del telaio di
estremità.

Tabella 8.1.5 Caratteristiche delle sezioni dei pilastri del telaio esterno
Livello
I II III IV
B [cm] 300 300 300 300
Sezione di
H [cm] 300 300 300 300
calcestruzzo
Ac [cm2] 900 900 900 900
Esterno n° 4 4 4 4
φ [mm] 14 14 12 12
Armature
Af [cm2] 6.15 6.15 4.52 4.52
% 0.68% 0.68% 0.50% 0.50%
B [cm] 300 300 300 300
Sezione di
H [cm] 300 300 300 300
calcestruzzo
Ac [cm2] 900 900 900 900
Centrale n° 4 4 4 4
φ [mm] 14 14 12 12
Armature
Af [cm ]
2 6.15 6.15 4.52 4.52
% 0.68% 0.68% 0.50% 0.50%
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 119

8.2 VALUTAZIONE BASATA SU MODELLO A PLASTICITÀ CONCENTRATA


8.2.1 Introduzione
Nel capitolo che segue si intende verificare un edificio, con struttura portante a telaio in
cemento armato, costituito da 3 piani adibiti a civile abitazione, e un sottotetto non
praticabile con una copertura a falde, sito nel comune di Bonefro, provincia di
Campobasso, secondo le disposizioni del Testo integrato dell’Allegato 2 – Edifici –
all’Ordinanza 3274 come modificato dall’OPCM 3431 del 3/5/05.

8.2.2 Individuazione della zona sismica


Ai fini dell’applicazione delle norme, il territorio nazionale è stato diviso in quattro zone
sismiche, ciascuna contrassegnata da un diverso valore del parametro ag.
È sufficiente quindi conoscere il comune in cui è ubicato l’edificio da verificare per
risalire alla categoria sismica di appartenenza (OPCM 3274 del 20 marzo 2003 “Criteri
per l’individuazione delle zone sismiche – individuazione, formazione e aggiornamento
degli elenchi nelle medesime zone”). In particolare il comune di Bonefro appartiene alla
Zona sismica 2 caratterizzata da una accelerazione di picco orizzontale del suolo ag pari a
0.25g.

8.2.3 Documenti normativi di riferimento


Oltre al Testo integrato dell’Allegato 2 – Edifici – all’Ordinanza 3274 come modificato
dall’OPCM 3431 del 3/5/05, la struttura in esame dovrà soddisfare le prescrizioni
contenute nelle seguenti normative:
Circolare Ministeriale del 4 Luglio 1996 “Istruzioni per l’applicazione delle Norme tecniche
relative ai criteri generali per la verifica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi”
GU n. 217 - supplemento del 16-9-1996.
Decreto Ministeriale del 9 Gennaio 1996 “Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione ed il collaudo
delle strutture in cemento armato, normale e precompresso e per le strutture metalliche”, GU n. 29
- supplemento del 5-2-1996.
Decreto Ministeriale del 16 Gennaio 1996 “Norme tecniche relative ai criteri generali per la
verifica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi”, GU n. 29 - supplemento del
5-2-1996.
Disposizioni attuative dell’art. 2, commi 2, 3 e 4, dell’Ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 Marzo 2003, recante “Primi elementi in materia di
criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le
costruzioni in zona sismica”, GU n. 252 del 29-10-2003.
Eurocode 2 “Design of concrete structures – Part 1-1: General rules and rules for buildings”, EN
1992-1-1, Dicembre 2004.
Eurocode 8 “Design of Structures for earthquake resistance – Part 1: General rules, seismic actions
and rules for buildings”, EN 1998-1, Dicembre 2004.
120 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Eurocode 8 “Design of Structures for earthquake resistance – Part 3: Strengthening and repair of
buildings”, EN 1998-3, Giugno 2005.
Eurocode 8 “Design of structures for earthquake resistance – Part 5: Foundations, retaining structures
and geotechnical aspects”, EN 1998-5, Novembre 2004.
Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 Marzo 2003. “Primi
elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di
normative tecniche per le costruzioni in zona sismica”. GU n. 72 del 8-5-2003.

8.2.4 Valutazione della sicurezza


Come discusso in diverse parti di questo Manuale, la valutazione della sicurezza degli
edifici esistenti richiede, in generale, la considerazione di uno stato limite aggiuntivo
rispetto a quelli di nuova progettazione, in quanto essi di regola non soddisfano né i
principi di gerarchia delle resistenze né possiedono adeguata duttilità. I requisiti di
sicurezza fanno pertanto riferimento allo stato di danneggiamento della struttura definito
mediante tre stati limite:
- SL di Danno Limitato (DL)
- SL di Danno Severo (DS)
- SL di Collasso (CO)

Gli SL di DS e di DL corrispondono agli stati limite SLU e SLD definiti per gli edifici di
nuova costruzione, mentre lo SL di CO corrisponde ad un azione di progetto più elevata
assunta pari a 1,5 volte l’azione di progetto caratterizzante lo SL di DS. Tale verifica può
essere eseguita in alternativa a quella di DS.

La procedura seguita per la valutazione dell’edificio in esame è caratterizzata dei seguenti


passi:
- Individuazione dei dati raccolti;
- Definizione del livello di conoscenza e scelta delle modalità di analisi;
- Definizione dell’azione sismica in relazione ai diversi stati limite;
- Modellazione e analisi;
- Verifiche di sicurezza.

8.2.5 Descrizione dell’edificio


L’edificio, realizzato nella prima metà degli anni 80, è costituito da un piano terra, adibito
prevalentemente a rimessa e porticato, da 3 piani in elevazione adibiti a civile abitazione,
da un sottotetto non praticabile, e dalla copertura a falde (vedi Figura 8.2.1 e Figura
8.2.2).
La struttura portante, realizzata da travi e pilastri a sezione rettangolare in c.a. , presenta
una pianta rettangolare di dimensioni 21.20 m × 10.00 m con altezza d’interpiano pari a
2.75 m per il primo impalcato e 2.95 m per gli altri impalcati. L’altezza del sottotetto
misurata al colmo è pari a 1.70 m.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 121

Figura 8.2.1 Vista lungo il lato trasversale Figura 8.2.2 Vista lungo il lato longitudinale

L’edificio si presenta strutturalmente simmetrico rispetto all’asse Y (lato corto -


trasversale), mentre risulta asimmetrico rispetto a quello X (lato lungo – longitudinale).
I solai, caratterizzati da una altezza di 20 cm (16 cm + 4 cm di soletta), presentano la
direzione di orditura parallela alla direzione trasversale Y e sono costituiti da travetti in
c.a. gettati in opera di 10 cm di larghezza e da pignatte in laterizio 40×25×16 cm.
Il vano scala, a soletta rampante, è largo 2.40 m, ed è costituito da due rampe di larghezza
pari a 1.10 m, con gradini di alzata di 16.5 cm e pedata pari a 30 cm, sino alla quota del
terzo impalcato.
Nella struttura (Figura 8.2.3-8.2.6) è possibile individuare due telai perimetrali (telaio 1-8 e
telaio 17-23) e un telaio centrale (telaio 9-16) in direzione longitudinale; la direzione
trasversale è, invece, caratterizzata dalla presenza di soli due telai perimetrali (telaio 1-17 e
telaio 8-23 ).
In particolare, lungo la direzione longitudinale, le travi del telaio centrale (telaio 9-16)
sono del tipo a spessore di solaio aventi sezione 80×20 cm; il telaio 1-8 è costituito da
travi emergenti 30×50 cm, mentre il telaio 17-23 presenta travi emergenti 30×50 cm al
primo e al quarto impalcato, mentre al secondo e al terzo impalcato è costituito da travi a
spessore 80×20 cm. Per contro, le travi dei due telai perimetrali trasversali presentano
una sezione del tipo emergente 30×50 cm. Sono, inoltre, presenti in direzione trasversale
delle travi a spessore (allineamento 2-10-18 e 7-15-22) avente sezione 20×50 cm; infine le
travi che costituiscono la doppia falda di copertura hanno sezione pari a 30×50 cm.
I pilastri del piano terra a sezione quadrata hanno dimensioni 35×35 cm, mentre quelli
dei piani superiori hanno dimensioni 30×30 cm, presentando una sola rastremazione nel
passaggio dal piano terra al primo piano.
Nelle successive Figure sono riportate le carpenterie dei diversi impalcati costituenti la
struttura.
122 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

1 2 3 4 5 6 7 8

3,05 0,5 5,25


5,25 3,05
4,15

10 11 12 13 14 15
9 16
0,8

13,5
4,45

17 18 19 20 21 22 23
Figura 8.2.3 Pianta primo impalcato

1 2 3 4 5 6 7 8

3,05 0,5 5,25


5,25 3,05
4,15

10 11 12 13 14 15
10.00 mt

9 16
0,8

13,5
4,45
0,8

17 18 19 20 21 22 23
Figura 8.2.4 Pianta impalcato tipo

1 2 3 4 5 6 7 8

3,05 0,5
3,05
13,5
4,15

10 11 12 13 14 15
10.00 mt

9 16
0,8

13,5
4,45
0,8

17 18 19 20 21 22 23
21.20 mt

Figura 8.2.5 Pianta Sottotetto


Capitolo 8. Gli esempi applicativi 123

1 2 3 4 5 6 7 8

0,5

9 10 11 12 13 14 15
16
9 16

17 18 19 20 21 22 23

Figura 8.2.6 Pianta Copertura

8.2.6 Dati necessari alla valutazione


Come discusso nel capitolo 2, le fonti da considerare per l’acquisizione dei dati necessari
sono:
- documenti di progetto;
- eventuale documentazione acquisita in tempi successivi alla costruzione;
- rilievo strutturale;
- prove in situ e in laboratorio.

La quantità e qualità dei dati acquisiti determina il metodo di analisi e i valori dei fattori di
confidenza da applicare alle proprietà dei materiali da adoperare nelle verifiche di
sicurezza.
Ai fini della scelta del tipo di analisi e dei valori dei fattori di confidenza da utilizzare si
distinguono i tre livelli di conoscenza seguenti:
- LC1: Conoscenza Limitata;
- LC2: Conoscenza Adeguata;
- LC3: Conoscenza Accurata.
Gli aspetti che definiscono i livelli di conoscenza sono:
- geometria, le caratteristiche geometriche degli elementi strutturali,
- dettagli strutturali, quantità e disposizione delle armature (c.a.), collegamenti
(acciaio), collegamenti tra elementi strutturali diversi, consistenza degli elementi
non strutturali collaboranti,
- materiali, proprietà meccaniche dei materiali.

Geometria. Per l’edificio in esame sono disponibili i disegni originali delle carpenterie, vedi
Figura 8.2.7, che hanno consentito l’individuazione dell’organismo strutturale resistente
alle azioni orizzontali e verticali descrivendo la geometria della struttura, gli elementi
strutturali e le loro dimensioni. E’ stato effettuato un rilievo visivo a campione ed a
verifica della effettiva corrispondenza del costruito ai disegni.
124 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Figura 8.2.7 Disegni originali delle carpenterie

Dettagli strutturali. I disegni costruttivi o esecutivi disponibili hanno consentito di


individuare per ciascun elemento strutturale la quantità, la disposizione e i dettagli delle
armature, vedi Figura 8.2.8 e Figura 8.2.9. Sono state eseguite limitate verifiche in situ per
accertare la corrispondenza tra le armature presenti e quelle riportate nei disegni
costruttivi.

Figura 8.2.8 Quantità, disposizione e i dettagli di armatura delle travi e dei pilastri
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 125

Figura 8.2.9 Quantità, disposizione e i dettagli di armatura dei nodi e della scala

Proprietà dei materiali. Dell’edificio in esame sono disponibili i certificati di prova


originali sia del calcestruzzo che delle armature in acciaio utilizzate, così come riportato in
Figura 8.2.10 e Figura 8.2.11. In prima istanza sono state eseguite limitate prove in situ
finalizzate a completare e verificare le informazioni sulle proprietà dei materiali ottenute
dai certificati originali. In particolare, le prove in situ effettuate sulle barre di armatura
hanno confermato le caratteristiche meccaniche desunte dai certificati di prova, mentre
quelle relative ai campioni di calcestruzzo hanno mostrato valori di resistenza nettamente
inferiori a quelli ottenuti dai certificati originali.
Tale circostanza ha reso necessario l’estensione delle indagini con riferimento ai soli
campioni di calcestruzzo nella misura che caratterizza le prove in situ estese.
Con riferimento alle armature in acciaio, dai valori di resistenza dei certificati di prova
originali e delle limitate prove in situ si ricava una resistenza media (tensione di
snervamento media) di:
fym = 440 MPa

Con riferimento al calcestruzzo, dai valori di resistenza delle estese verifiche in situ si
ricava una resistenza media (resistenza cilindrica media a compressione) di:
fcm = 16.73 MPa
126 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Figura 8.2.10 Stralcio del certificato di prova originale delle barre di acciaio utilizzate

Figura 8.2.11 Stralcio del certificato di prova originale dei provini di calcestruzzo

La disponibilità di informazioni ottenute con riferimento alla geometria, ai dettagli


costruttivi e alle proprietà dei materiali consente di definire un livello di conoscenza LC2
per l’edificio in esame del tipo.
Pertanto, il livello di conoscenza raggiunto consente di utilizzare un qualsiasi metodo di
analisi e determina un fattore di confidenza da doversi adoperare nelle verifiche di
sicurezza pari a FC=1.20.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 127

8.2.7 Azione sismica


L’edificio è ubicato in Zona sismica 2. In funzione di detta zona, si definisce un valore
del parametro ag espressa in funzione dell’accelerazione di gravità g:
a g = 0,25 g

Ai fini della determinazione dell’azione sismica, sono definite cinque categorie di profilo
stratigrafico del suolo di fondazione. In particolare, per la caratterizzazione del suolo di
fondazione dell’edificio, è necessario individuare prima un modello geometrico, che
riporti con la dovuta fedeltà, i diversi strati di terreno e le loro rispettive estensioni. A tale
scopo, con riferimento al caso specifico, sono stati eseguiti sondaggi e prove S.P.T.
Dall’analisi dei sondaggi, combinate con lo studio delle prove penetrometriche, si
perviene alla definizione della stratigrafia completa della sezione costituita da sedimenti
sabbioso-ghiaiosi con limo. Quella definita è, però, solo un’ipotesi di stratigrafia che
necessita di una conferma attraverso lo studio delle proprietà meccaniche e delle curve
granulometriche relative ai campioni indisturbati prelevati a diverse profondità. Questo
studio viene effettuato sulla base del valore di NSPT, che rappresenta il numero di colpi di
una prova penetrometrica statica, e sulla base del valore di VS30 che rappresenta la
velocità media di propagazione entro 30 m di profondità delle onde di taglio e viene
calcolata con la seguente espressione:
30
Vs 30 =
hi

i =1, N
Vi

In particolare, le caratteristiche del suolo di fondazione sono tali da fornire i seguenti


valori: VS30 =355.9 m/s e NSPT = 25-30.
In base alla definizione delle categorie del suolo di fondazione fornite dall’Ordinanza, si
deduce che la categoria a cui appartiene l’edificio è la categoria C ovvero suolo
caratterizzato da valori della velocità media di propagazione entro 30m di profondità
delle onde di taglio VS30 compresi fra 180 e 360 m/s (depositi di sabbie e ghiaie
mediamente addensate, o di argille di media consistenza, ovvero resistenza
penetrometrica 15<NSPT<50, o coesione non drenata 70<cu<250 kPa).
In base alle caratteristiche del suolo si definiscono il fattore S e i periodi TB , TC e TD
(punto 3.2.3 dell’OPCM). Per un suolo di categoria C si ottiene:
S = 1.25 ; TB = 0.15 sec. ; TC = 0.50 sec. ; TD = 2.0 sec

Lo spettro di risposta elastico in termini di accelerazioni (§ 3.2.3 dell’OPCM) è riportato


di seguito in Figura 8.2.12.
128 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

1.20

1.00

0.80
Se[g]

0.60

0.40

0.20

0.00
0.00 0.50 1.00 1.50 2.00 2.50 3.00 3.50 4.00
T[s ]
Figura 8.2.12 Spettro di risposta elastico in termini di accelerazioni

Lo spettro di risposta elastico dello spostamento potrà ottenersi per trasformazione


diretta dello spettro di risposta elastico delle accelerazioni, usando la seguente
espressione:
2
⎛ T ⎞
S De (T ) = S e (T )⎜ ⎟
⎝ 2π ⎠

Lo spettro di risposta elastico in termini di spostamento è riportato di seguito in Figura


8.2.13.

0.35

0.30

0.25

0.20
SDe[m]

0.15

0.10

0.05

0.00
0.00 0.50 1.00 1.50 2.00 2.50 3.00 3.50 4.00
T[s ]
Figura 8.2.13 Spettro di risposta elastico in termini di spostamento
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 129

8.2.8 Determinazione dello spettro di progetto


Come descritto al paragrafo 5.2 di questo Manuale, la definizione dello spettro di
progetto è subordinata allo Stato Limite richiesto e al metodo di analisi impiegato.

8.2.8.1 Analisi lineare


Nell’ipotesi di voler effettuare una analisi lineare lo spettro di progetto da doversi
adoperare è espresso in termini di accelerazioni ed è determinato a partire dal
corrispondente spettro elastico. In particolare, in relazione ai tre stati limite si ha:
- SL di DL lo spettro di progetto da adottare è quello elastico ridotto di un fattore
pari a 2.5;
- SL di DS lo spettro di progetto da adottare è quello elastico;
- SL di CO lo spettro di progetto da adottare è quello elastico amplificato di un
fattore pari a 1.5.

In Figura 8.2.14 sono riportati gli spettri di progetto corrispondenti ai tre stati limite e
relativi all’edificio in esame.

1.40

1.20
SL-CO
1.00

0.80
Sd[g]

SL-DS
0.60

0.40
SL-DL
0.20

0.00
0.00 0.50 1.00 1.50 2.00 2.50 3.00 3.50 4.00
T[s ]
Figura 8.2.14 Spettri di progetto da adottarsi nell’analisi lineare in relazione ai tre
diversi stati limite

Nell’ipotesi di voler effettuare una analisi lineare mediante l’impiego del fattore di
struttura q e stante l’applicabilità del metodo ai soli stati limite di DS e DL, lo spettro di
progetto in termini di accelerazioni da doversi adoperare si ottiene:
- SL di DL lo spettro di progetto da adottare è quello elastico ridotto di un fattore
pari a 2.5;
130 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

- SL di DS lo spettro di progetto si ottiene dallo spettro elastico riducendone le


ordinate per il fattore di struttura q.

In Figura 8.2.15 sono riportati gli spettri di progetto corrispondenti allo Stato Limite di
Danno Severo per diversi valori del fattore di struttura q.

0.60
(q=1.5)
0.50

(q=2.0)
0.40
(q=2.5)
Sd[g]

0.30

0.20

0.10

0.00
0.00 0.50 1.00 1.50 2.00 2.50 3.00 3.50 4.00
T[s ]
Figura 8.2.15 Spettri di progetto per SL-DS valutati per differenti valori del fattore
q (analisi lineare)

8.2.8.2 Analisi statica non lineare


Nell’ipotesi di voler effettuare una analisi statica non lineare lo spettro di progetto da
doversi adoperare è espresso in termini di spostamento ed è determinato a partire dal
corrispondente spettro elastico. In particolare, in relazione ai tre stati limite si ha:
- SL di DL lo spettro di progetto da adottare è quello elastico ridotto di un fattore
pari a 2.5;
- SL di DS lo spettro di progetto da adottare è quello elastico;
- SL di CO lo spettro di progetto da adottare è quello elastico amplificato di un
fattore pari a 1.5.

In Figura 8.2.16 sono riportati gli spettri di progetto corrispondenti ai tre stati limite e
relativi all’edificio in esame.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 131

0.35
SL-CO
0.30

0.25
SL-DS
0.20
SD[m]

0.15

0.10 SL-DL

0.05

0.00
0.00 0.50 1.00 1.50 2.00 2.50 3.00 3.50 4.00
T[s ]
Figura 8.2.16 Spettri di progetto da adottarsi nell’analisi statica non lineare in
relazione ai tre diversi stati limite

8.2.9 Combinazione dell’azione sismica con le altre azioni


In zona sismica si considerano due combinazioni (vedi Manuale 1):

• Soli carichi gravitazionali (D.M. 9 gennaio 1996)


Fd = γ g ⋅ Gk + γ q ⋅ Qk
essendo Gk e Qk il valore caratteristico delle azioni permanenti e accidentali
rispettivamente ed avendo assunto γg=1,4 e γq=1,5;

• Carichi gravitazionali ed azioni sismiche.


Con riferimento ai tre diversi stati limite (DL, DS e CO) deve essere effettuata la
seguente combinazione degli effetti della azione sismica con le altre azioni:
Fd = γ I E + Gk + ∑i ψ 2i ⋅ Qki
essendo:
γIE l’azione sismica per lo stato limite in esame, con γI =fattore di importanza;
Gk il valore caratteristico delle azioni permanenti;
Qk il valore caratteristico delle azioni accidentali;
Ψ2i coefficiente di combinazione che fornisce il valore quasi permanente dell’azione
variabile;
γI 1,0 per edifici ordinari (vedi paragrafo 5.1)
132 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 8.2.1 Valori dei coefficienti delle combinazioni delle azioni


variabili per le varie destinazioni d’uso (vedi Manuale 1)
Destinazione d’uso ψ2
Abitazioni,uffici 0.30
Uffici aperti al pubblico, scuole, negozi, autorimesse 0.60
Tetti e coperture con neve 0.20
Magazzini,archivi, scale 0.80
Vento, variazioni termiche 0.00

Le masse associate all’azione sismica sono valutate tenendo conto della combinazione
con i seguenti carichi gravitazionali:
Gk + Σ i (ψ Ei ⋅ Qki )

dove ψEi è un coefficiente di combinazione dell’azione variabile Qki, che tiene conto della
probabilità che tutti i carichi ψ2iQki siano presenti sull’intera struttura in occasione del
sisma, e si ottiene moltiplicando ψ2i per ϕ (di nuovo, vedi Manuale 1)

Tabella 8.2.2 Valori del fattore ϕ per i diversi tipi di carico


Carichi ai piani ϕ
Copertura 1.00
Archivi 1.00
Carichi correlati 0.80
Carichi indipendenti 0.50

8.2.10 Combinazione delle componenti dell’azione sismica


Nel caso di analisi lineari (statica e modale) i valori massimi della risposta ottenuti da
ciascuna delle due azioni orizzontali applicate separatamente sono combinati sommando,
ai massimi ottenuti per l’azione applicata in una direzione, il 30% dei massimi ottenuti per
l’azione applicata nell’altra direzione. Quindi l’effetto globale del sisma Etotx in direzione
longitudinale ( X ) e quello Etoty in direzione trasversale ( Y ) saranno pari a:
Etotx = E X + 0.30EY
Etoty = EY + 0.30 E X

Viceversa, come discusso al paragrafo 5.3, nel caso di analisi non lineare statica non si
applica la combinazione delle due componenti orizzontali dell’azione sismica: l’analisi
della risposta strutturale è svolta considerando l’azione sismica applicata separatamente
secondo ciascuna delle due direzioni orizzontali.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 133

L’azione sismica verticale non è presa in considerazione in quanto non si riscontrano


nella struttura elementi orizzontali con luci maggiori di 20 m, elementi principali
precompressi, elementi a mensola, piani sospesi, ecc.

8.2.11 Valutazione dei carichi gravitazionali


Si determinano di seguito i carichi agenti sulla struttura in esame.

8.2.11.1 Calcolo dei carichi unitari

Solaio
Il solaio è di tipo latero-cementizio, con altezza pari a 20 cm, ed è caratterizzato da
travetti in c.a. di larghezza pari a 10 cm con interasse 50 cm e da laterizi forati di
larghezza pari a 40 cm e di altezza pari a 16 cm.

Figura 8.2.17 Schema solaio tipo

γcls = 25 kN/m3 γlaterizi = 8 kN/m3 γmassetto = 15 kN/m3

Solaio Tipo
soletta 0.04 · 25 1.00 kN/m2
travetti 2 (0.10 · 0.16 · 25) 0.80 kN/m2
laterizi 2 (0.40 · 0.16 · 8) 1.03 kN/m2
intonaco 0.02 · 16 0.32 kN/m2
massetto 0.03 · 15 0.45 kN/m2
pavimento (2 cm) 0.40 kN/m2
incidenza tramezzi 1.00 kN/m2
Gk = 5.00 kN/m2

Solaio di Sottotetto
soletta 0.04 · 25 1.00 kN/m2
travetti 2 · (0.10 · 0.16 · 25) 0.80 kN/m2
laterizi 2 · (0.40 · 0.16 · 8) 1.03 kN/m2
massetto 0.03 · 15 0.45 kN/m2
Gk = 3.28 kN/m2
134 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Solaio di Copertura falda inclinata


soletta 0.04 · 25 1.00 kN/m2
travetti 2 · (0.10 · 0.16 · 25) 0.80 kN/m2
laterizi 2 · (0.40 · 0.16 · 8) 1.03 kN/m2
massetto 0.03 · 15 0.45 kN/m2
imperm. 0.33 kN/m2
tegole 0.60 kN/m2
Gk= 4.20 kN/m2

Il carico accidentale Qk è fornito dal D.M. 16 gennaio 1996 nella misura di 2,00 kN/m2
per ambienti non suscettibili di affollamento e di 0,50 kN/m2 per coperture non
accessibili.

Travi
Tabella 8.2.3 Valutazione dei pesi propri delle travi
Sezione Area γcls Gk
[cm×cm] [m2] [kN/m3] [kN/m]
30×50 0.15 25 3.75
80×20 0.16 25 4.00
50×20 0.10 25 2.50

Tamponature
Le tamponature sono costituite da una doppia fodera di laterizi forati da (12+8) cm. Il
peso per unità di volume risulta di 11 kN/m3; stante le altezze di interpiano, 2.95 m per il
piano tipo, 2.75 m per il piano terra e 1.70 m per il sottotetto si determina il peso di
tamponatura a metro lineare considerando una detrazione del 25% per tenere conto delle
aperture:

Tabella 8.2.4 Valutazione dei pesi propri delle tamponature


II° e III°
I° impalcato Gk Sottotetto Gk
Telaio impalcato Gk
[kN/m] [kN/m]
[kN/m]
1–8 4.54 4.87 0.00
17 – 23 4.54 4.87 0.00
1 – 17 6.05 6.49 1.87
8 – 23 6.05 6.49 1.87

8.2.12 Carichi agenti sulle travi


I carichi agenti sulle travi sono valutati considerando lo scarico del solaio sia in termini di
carichi permanenti Gk che accidentali Qk, lo scarico delle tamponature e il peso proprio
delle travi stesse. Nella Tabella 8.2.5 sono riportati i carichi caratteristici, permanenti Gk e
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 135

accidentali Qk, relativi ai diversi elementi strutturali costituenti l’edificio in esame e con
riferimento alle carpenterie di Figura 8.2.3, Figura 8.2.4 e Figura 8.2.5.

Tabella 8.2.5 Valutazione dei carichi agenti sulle travi


I impalcato II e III impalcato Sottotetto Copertura
Elementi Gk Qk Gk Qk Gk Qk Gk Qk
[kN/m] [kN/m] [kN/m] [kN/m] [kN/m] [kN/m] [kN/m] [kN/m]
1-2 21.57 4.70 21.57 4.70 11.44 1.18
2-3 21.57 4.70 21.57 4.70 11.44 1.18
3-4 21.57 4.70 21.57 4.70 11.44 1.18
5-6 21.57 4.70 21.57 4.70 11.44 1.18
6-7 21.57 4.70 21.57 4.70 11.44 1.18
7-8 21.57 4.70 21.57 4.70 11.44 1.18
9-10 28.27 9.70 28.27 9.70 11.44 1.18 25.45 2.43
10-11 28.27 9.70 28.27 9.70 19.88 2.43 25.45 2.43
11-12 28.27 9.70 28.27 9.70 19.88 2.43 25.45 2.43
12-13 16.51 5.00 16.51 5.00 19.88 2.43 25.45 2.43
13-14 28.27 9.70 28.27 9.70 19.88 2.43 25.45 2.43
14-15 28.27 9.70 28.27 9.70 19.88 2.43 25.45 2.43
15-16 28.27 9.70 28.27 9.70 19.88 2.43 25.45 2.43
17-18 22.70 5.00 23.32 5.00 19.88 2.43
18-19 22.70 5.00 23.32 5.00 11.94 1.25
19-20 22.70 5.00 23.32 5.00 11.94 1.25
20-21 22.70 5.00 23.32 5.00 11.94 1.25
21-22 22.70 5.00 23.32 5.00 11.94 1.25
22-23 22.70 5.00 23.32 5.00 11.94 1.25
9-17 14.82 2.00 14.82 2.00 11.94 1.25 8.22 0.50
1-9 14.82 2.00 14.82 2.00 10.06 0.50 8.22 0.50
10-18 12.51 4.00 12.51 4.00 10.06 0.50
2-10 12.51 4.00 12.51 4.00 9.05 1.00
7-15 12.51 4.00 12.51 4.00 9.05 1.00
15-22 12.51 4.00 12.51 4.00 9.05 1.00
8-16 14.82 2.00 14.82 2.00 9.05 0.50 8.22 0.50
16-23 14.82 2.00 14.82 2.00 10.06 0.50 8.22 0.50

8.2.13 Carichi agenti sulla scala


La scala dell’edificio in esame è del tipo a soletta rampante. Essa è caratterizzata da una
larghezza del rampante di 110 cm, avente uno spessore di 15 cm e gradini in calcestruzzo
magro riportati di 30 cm per la pedata e 16.5 cm per l’alzata. La seguente analisi dei
carichi è effettuata con riferimento ad un metro lineare di rampante, vedi Figura 8.2.18.

γcls = 25 kN/m3 γcls magro = 8 kN/m3


136 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Figura 8.2.18 Schema della scala a soletta rampante

Carico permanente a mq gravante sulla rampa


gradini [0.5 · (0.165 · 0.30 · 1)] · 8/0.30 0.66 kN/mq
soletta 0.15 · 1 · 25 3.75 kN/mq
intonaco 0.015 · 1 · 18 0.27 kN/mq
marmo (0.50 · 1· 0.2) · 27/0.3 0.90 kN/mq
Gk = 5.58 kN/mq

Carico accidentale a mq gravante sulla rampa Qk = 4.00 kN/mq


Carico permanente a ml gravante sulla rampa Gk = 6.14 kN/m
Carico accidentale a ml gravante sulla rampa Qk = 4.40 kN/m

8.2.14 Calcolo dei pesi sismici


Il calcolo dei pesi sismici si esegue facendo riferimento alla formula di combinazione
dell’azione sismica con le altre azioni:
Gk + Σ i (ψ Ei ⋅ Qki )
Incidenza solaio
Il calcolo si esegue considerando l’area totale di solaio ai diversi impalcati, al netto delle
travi.

Tabella 8.2.6 Valutazione del peso sismico dei solai


Area impalcato SL-DS e SL-CO
Impalcato
[mq] [kN]
1 170 917.74
2 166 895.89
3 166 895.89
Sottotetto 170 579.47
Copertura 187.46 888.38

Incidenza pilastri
Il peso sismico prodotto dai pilastri su ogni impalcato è valutato considerando il peso di
metà pilastri collocati al piano superiore e metà pilastri al piano inferiore.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 137

Tabella 8.2.7 Valutazione del peso sismico dei pilastri


W
Impalcato
[kN]
1 173.18
2 152.66
3 152.66
Sottotetto 94.95
Copertura 15.30

Incidenza travi

Tabella 8.2.8 Valutazione del peso sismico delle travi


W
Impalcato
[kN]
1 322.08
2 326.85
3 326.85
Sottotetto 331.08
Copertura 138.75

Incidenza tamponature
Anche per le tamponature come per i pilastri si considera il peso di metà tamponatura
superiore e metà tamponatura inferiore.

Tabella 8.2.9 Valutazione del peso sismico delle tamponature


W
Impalcato
[kN]
1 314.47
2 336.78
3 336.78
Sottotetto 49.62

Incidenza scala

Tabella 8.2.10 Valutazione del peso sismico della scala


W
Impalcato
[kN]
1 67.98
2 67.98
3 40.00

Pesi sismici totali


Sommando i pesi sismici di tutti gli elementi strutturali si ottiene il peso sismico per
ciascun impalcato, così come riportato in Tabella 8.2.11.
138 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 8.2.11 Valutazione dei pesi sismici totali


W
Impalcato
[kN]
1 1795.45
2 1762.23
3 1752.18
Sottotetto 1055.12
Copertura 1025.56

8.2.14.1 Calcolo delle masse sismiche


Per ciascun livello, le masse associate agli spostamenti lungo X ed Y sono uguali, mentre
la massa associata al grado di libertà rotazionale è data dal prodotto delle masse per il
raggio di inerzia ρ2. Le masse sismiche sono dedotte dai corrispondenti pesi sismici
dividendoli per l’accelerazione di gravità g = 9,81 m/s2. Il raggio di inezia ρ è valutato,
nell’ipotesi che la massa sismica di impalcato sia uniformemente distribuita sulla
superficie di impalcato, la quale è assunta rettangolare e pari a 10 × 21 m, ossia:

a2 + b2 a 2 + b 2 102 + 212
ρ= ⇒ ρ2 = = = 46 m 2 (8.8)
12 12 12
con a e b, dimensioni della proiezione verticale dell’edificio. In Tabella 8.2.12 sono
riassunte le masse sismiche per ciascun impalcato corrispondenti ai tre gradi libertà
associati.

Tabella 8.2.12 Valutazione delle masse sismiche totali


W M=W/g Ip=M·ρ2
Impalcato
[kN] [kN s /m]
2
[kN s2m]
1 1795.45 183.02 8380.0
2 1762.23 179.64 8225.0
3 1752.18 178.61 8178.1
Sottotetto 1055.12 107.56 4924.6
Copertura 1025.56 104.54 2066.6

8.2.15 Modellazione della struttura e regolarità


Si applicano i criteri e le indicazioni fornite dall’OPCM per gli edifici nuovi. Il modello, di
tipo spaziale, è stato realizzato attraverso l’ausilio di un programma di calcolo, ed è
definito dalla linea d’asse degli elementi.

Il modello della struttura è costituito da elementi piani a telaio connessi con diaframmi
orizzontali, ammettendo valida l’ipotesi di impalcato infinitamente rigido; pertanto,
ciascun impalcato è caratterizzato da tre gradi di libertà, le due traslazioni lungo le due
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 139

direzioni orizzontali X e Y del baricentro dell’impalcato e la rotazione intorno all’asse


verticale passante per il baricentro.
Nella modellazione, non si è tenuto conto né del contributo degli elementi non
strutturali, né della rastremazione in elevazione. Comunque il modello della struttura
rappresenta, in modo adeguato, la distribuzione di massa e rigidezza effettiva. Si riporta di
seguito il modello, vedi Figura 8.2.19.

(a)

(b) (c)
Figura 8.2.19 Il modello strutturale: (a) vista tridimensionale, (b) vista trasversale,
(c) vista longitudinale

8.2.15.1 Verifica di regolarità in pianta


La struttura si presenta sicuramente regolare in pianta in quanto sono rispettate le
condizioni riportate al § 4.3.1 dell’OPCM; inoltre, anche la distribuzione dei
tamponamenti si presenta regolare, ai sensi di quanto riportato al § 5.6.2 dell’OPCM.
140 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

8.2.15.2 Verifica di regolarità in elevazione


Le condizioni da rispettare per definire un edificio regolare in altezza sono richiamate ai
punti (e, f, g, h) del § 4.3.1 dell’OPCM.
Le condizioni e ed h sono sicuramente soddisfatte in quanto tutti i sistemi resistenti
verticali dell’edificio si estendono per tutta l’altezza dell’edificio e eventuali restringimenti
della sezione orizzontale dell’edificio avvengono in modo graduale da un piano al
successivo.
Con riferimento al punto f , il calcolo delle masse sismiche evidenzia che l’edificio risulta
regolare in elevazione in termini di massa. Infatti, la distribuzione delle masse lungo
l’altezza risulta caratterizzata da una graduale variazione, non superando il 25% da un
piano all’altro, vedi Tabella 8.2.13.

Tabella 8.2.13 Distribuzione delle masse in elevazione


W M= W / g Riduzione
Impalcato
[kN] [kN s2/m] [%]
1 1795.45 183.02 -
2 1762.23 179.64 -1.85
3 1752.18 178.61 -0.57
S+Copertura 2080.58 212.10 18.74

La verifica di regolarità in elevazione in termini di rigidezza viene eseguita mediante una


modellazione elastica della struttura ed applicando per ciascuna delle due direzioni,
separatamente, le azioni sismiche calcolate secondo quanto riportato al § 4.5.2
dell’OPCM ed agenti nel baricentro di ciascun impalcato. La rigidezza di piano viene
valutata come il rapporto tra il taglio complessivamente agente al piano, definito taglio di
piano, e lo spostamento relativo di piano dr, conseguente a tali azioni. La valutazione
delle rigidezze (elastiche) è effettuata per un valore arbitrario dell’azione sismica
orizzontale complessiva.
La forza da applicarsi al piano i-esimo è fornita dalla seguente formula (si veda anche §
4.3.1.2 del Manuale 1):
z ⋅W
Fi = Vb i i
∑z i ⋅Wi
dove:
Vb è il taglio totale alla base, la cui entità è ininfluente sul risultato finale e viene
assunto pari a 1000 kN
Wi è il peso della massa allo i-esimo piano
zi è l’altezza dello i-esimo piano valutata rispetto allo spiccato delle fondazioni.

In tal modo, si ottiene la distribuzione di forze orizzontali Fi così come riportato in


Tabella 8.2.14.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 141

Tabella 8.2.14 Distribuzione delle forze orizzontali

Impalcato
zi Wi z i ⋅ Wi ∑ z i ⋅ Wi Fi
[m] [kN] [kNm] [kNm] [kN]
1 2.75 1795.45 4937.49 54273.28 90.97
2 5.70 1762.23 10044.71 54273.28 185.08
3 8.65 1752.18 15156.36 54273.28 279.26
S+Copertura 11.6 2080.58 24134.73 54273.28 444.69

Applicando tali azioni orizzontali in direzione X, si ottengono le rigidezze di piano


riportate in Tabella 8.2.15.

Tabella 8.2.15 Valutazione delle rigidezze di piano lungo X


Taglio di
Impalcato piano
dr K lat Riduzione
[m] [kN/m] [%]
[kN]
1 1000 0.0035 285714.3
2 909.03 0.0077 118055.8 -58.68
3 723.95 0.0068 106463.2 -9.82
S+Copertura 444.69 0.0045 98820.0 -7.18

Applicando tali azioni orizzontali in direzione Y, si ottengono le rigidezze di pinao


riportate in Tabella 8.2.16.

Tabella 8.2.16 Valutazione delle rigidezze di piano lungo Y


Taglio di
Impalcato piano
dr K lat Riduzione
[m] [kN/m] [%]
[kN]
1 1000 0.0035 285714.3
2 909.03 0.0067 135676.1 -52.51
3 723.95 0.0065 111376.9 -17.91
S+Copertura 444.69 0.0078 57011.54 -48.81

In definitiva, l’edificio risulta irregolare in elevazione in termini di rigidezza; pertanto, si


omette la verifica del punto g relativo alla regolarità di resistenza. Tale risultato conduce
alla inapplicabilità dell’analisi statica lineare quale metodo per la valutazione della
sicurezza sismica.

8.2.16 Proprietà dinamiche dell’edificio


La valutazione delle caratteristiche dinamiche elastiche dell’edificio è condotta mediante
una analisi modale eseguita sul modello strutturale in precedenza descritto. L’analisi è
stata effettuata considerando la totalità dei modi di vibrazione del modello
tridimensionale. Si riportano, in Figura 8.2.20 i primi tre modi di vibrazione con i relativi
periodi valutati nell’ipotesi di eccentricità accidentale del centro di massa assente.
142 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

1°modo 2°modo 3°modo


(T=0.69 s) (T=0.67 s) (T=0.58 s)
Figura 8.2.20 Modi di vibrazione con vista tridimensionale

In Tabella 8.2.17 sono riportati, rispettivamente, i periodi dei 12 modi di vibrazione e la


massa partecipante associata, nelle direzioni longitudinale e trasversale nonché l’aliquota
rotazionale.

Tabella 8.2.17 Periodi e massa partecipante dei 12 modi di vibrazione


Modo Periodo Massa partecipante [%]
[s] X Y XY
1 0.69 78.18 0.18 22.80
2 0.67 0.18 75.11 4.85
3 0.58 19.5 0.02 45.90
4 0.25 0.00 15.20 9.30
5 0.22 0.2 0.00 3.50
6 0.19 0.34 0.00 1.20
7 0.13 0.21 0.00 1.40
8 0.13 0.00 5.93 4.30
9 0.11 0.39 0.00 0.75
10 0.10 0.12 0.00 0.83
11 0.09 0.01 0.02 0.52
12 0.08 0.00 3.50 2.40

8.2.17 Metodi di analisi


Come discusso nel capitolo 6, gli effetti dell’azione sismica, da combinare con gli effetti
degli altri carichi permanenti e accidentali, possono essere valutati con uno dei metodi di
cui al § 4.5 dell’OPCM, ossia:
− Analisi statica lineare
− Analisi dinamica lineare
− Analisi statica non lineare
− Analisi dinamica non lineare
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 143

Il livello di conoscenza LC raggiunto, con riferimento ai dati geometrici, strutturali e di


materiali dell’edificio in esame, consente di poter adottare uno qualsiasi dei metodi di
analisi su menzionati.
Tuttavia, le verifiche di regolarità in elevazione condotte al paragrafo 8.2.15.2 del presente
Manuale, hanno evidenziato che l’edificio in oggetto è caratterizzato da una irregolarità in
elevazione in termini di rigidezza; ciò esclude la possibilità di utilizzo dell’analisi statica
lineare.
Pertanto, escludendo l’adozione dell’analisi dinamica non lineare data la sua complessità,
si prevede di eseguire, ai fini della valutazione degli effetti dell’azione sismica da
combinare con gli effetti degli altri carichi permanenti e variabili, le seguenti analisi:
− Analisi dinamica lineare senza l’utilizzo del fattore q
− Analisi dinamica lineare mediante l’utilizzo del fattore q
− Analisi statica non lineare

Nel seguito, i risultati delle analisi, eseguite sia per lo stato limite di Danno Severo (SL-
DS) che di Danno Limitato (SL-DL), sono presentati secondo l’ordine su riportato e con
riferimento per semplicità al solo telaio trasversale 1-9-17, vedi Figura 8.2.21.

Figura 8.2.21 Telaio di riferimento

8.2.18 Analisi dinamica lineare senza utilizzo del fattore q


8.2.18.1 Generalità
L’analisi modale, associata allo spettro di risposta di progetto, è da considerarsi il metodo
normale per la definizione delle sollecitazioni di progetto e viene applicata ad un modello
tridimensionale dell’edificio. L’analisi è stata effettuata considerando la totalità dei modi
di vibrazione del modello tridimensionale.
144 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

La combinazione dei modi per il calcolo delle sollecitazioni e degli spostamenti viene
effettuata attraverso una combinazione quadratica completa (CQC). L’espressione della
combinazione CQC è la seguente:
E = (Σ i Σ j ρ ij Ei E j )
1/ 2

dove:
E è il valore totale della componente di risposta sismica che si sta considerando;
Ei è il valore della medesima componente dovuta al modo i;
Ej è il valore della medesima componente dovuta al modo j;
ρij = (8ξ2 (1 + βij) βij3/2) / ((1 − βij2)2 + 4ξ2βij(1 + βij)2) è il coefficiente di
correlazione tra il modo i e il modo j;
ξ è il coefficiente di smorzamento viscoso equivalente (posto pari a 0.05);
βij è il rapporto tra le frequenze di ciascuna coppia i-j di modi (βij = ωi/ωj).

Con riferimento alla combinazione delle componenti dell’azione sismica, i valori massimi
della risposta ottenuti da ciascuna delle due azioni orizzontali applicate separatamente
sono combinati sommando ai massimi ottenuti per l’azione applicata in una direzione il
30% dei massimi ottenuti per l’azione applicata nell’altra direzione.
E’, inoltre, considerata un’eccentricità accidentale eai, determinata dallo spostamento del
centro di massa di ogni piano i di una distanza pari a +/-5% della dimensione massima
del piano in direzione ortogonale all’azione sismica. In Figura 8.2.22 è riportata una delle
possibili posizioni del centro di massa compatibilmente alle combinazioni delle
componenti dell’azione sismica corrispondenti.

Figura 8.2.22 Eccentricità accidentale e combinazione dell’azione sismica

Così facendo si ottengono 32 diverse combinazioni, in quanto vi sono 8 combinazioni


base, (azione massima nella direzione ±X combinata con il 30% dell’azione nella
direzione ±Y; azione massima nella direzione ±Y combinata con il 30% dell’azione nella
direzione ±X), da moltiplicarsi per le 4 possibili posizioni del centro di massa dettato
dalla adozione dell’eccentricità accidentale.
Si osservi che nel caso di presenza di un asse di simmetria risulta possibile ridurre della
metà il numero di diverse combinazioni da adottare, in quanto risulta inutile spostare da
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 145

entrambi i lati, rispetto all’asse di simmetria, il centro delle masse. Nel caso in esame,
stante la presenza di un asse di simmetria in direzione Y, è possibile usufruire di tale
possibilità, riducendo a 16 il numero di combinazioni.
A ciascuna combinazione, vanno sommati i valori degli effetti dovuti ai carichi
gravitazionali secondo quanto esposto al paragrafo 8.2.9 del presente Manuale. La
semplice sovrapposizione degli effetti è consentita dalla linearità del modello adottato.

8.2.18.2 Condizioni di applicabilità


L’analisi dinamica lineare può eseguirsi solo se sono soddisfatte le indicazioni (1 e 2)
riportate al § 11.2.5.4 dell’OPCM, e descritte anche nel capitolo 6 di questo Manuale.

Con riferimento alla indicazione 1, da applicarsi ai soli elementi duttili, per ciascun
elemento primario (trave, pilastro) va considerato il massimo rapporto tra il momento
flettente, così come fornito dall’analisi per la generica combinazione di carico sismica, e il
corrispondente momento resistente.
Nella valutazione di siffatto rapporto di elemento, va considerata sia la variabilità lungo lo
sviluppo dell’elemento del momento flettente che la variabilità del momento resistente
causata in genere dalla disposizione delle armature e da eventuali variazioni di geometria;
a tal riguardo, va anche considerata la diversa entità dei momenti resistenti (positivi e
negativi) della generica sezione causati dalla geometria della stessa e dall’entità dei registri
di armatura presenti.
In tal modo, al generico elemento è possibile associare il rapporto ρi =D i C i . Tra tutti
questi valori va considerato un sottoinsieme definito dai rapporti ρi =D i C i non minori
di 2 ( ρi ≥ 2 ); successivamente, nell’ambito di tale sottoinsieme previa determinazione del
massimo, ρ max , e del minimo valore, ρ min , si valuta il rapporto ρ max ρ min . Se il valore
ρ max ρ min risulta non superiore a 2.5 si passa alla verifica della indicazione 2, relativa ai soli
elementi fragili, in caso contrario l’analisi dinamica lineare risulta non applicabile.

Con riferimento alla indicazione 2, da applicarsi ai soli elementi/meccanismi fragili, bisogna


verificare che la capacità dell’elemento sia maggiore della corrispondente domanda
valutata:
− sulla base della resistenza degli elementi duttili adiacenti, se il loro ρ i è maggiore di 1;
− sulla base dei risultati dell’analisi se gli elementi duttili adiacenti sono caratterizzati da
un ρ i minore di 1.
Si ricorda che ai fini della verifica delle condizioni di applicabilità, sia le capacità degli
elementi/meccanismi duttili che degli elementi/meccanismi fragili vanno valutate
utilizzando i soli valori medi delle resistenze dei materiali acciaio e calcestruzzo.

8.2.18.3 Classificazione degli elementi


Ai fini della valutazione delle condizioni di applicabilità è necessario classificare a priori il
meccanismo di crisi dell’elemento: meccanismo duttile o fragile.
146 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tale scopo può perseguirsi effettuando un confronto tra la resistenza flessionale


dell’elemento, espressa in termini taglianti, Vu,flex , e la resistenza a taglio dello stesso
Vu,shear .
La resistenza flessionale dell’elemento espressa in termini taglianti, Vu,flex , è in generale
fornita dalla somma di due contributi: il taglio derivante dal contemporaneo attingimento
nelle due sezioni di estremità dei relativi momenti resistenti (compatibilmente ad una
tipica distribuzione flessionale da azione sismica), e il taglio derivante da eventuali carichi
gravitazionali agenti lungo l’elemento.
La resistenza a taglio, Vu,shear è invece valutata considerando il minimo tra Vrd2 e Vrd3:
Vu , shear = min[V rd 2 , V rd 3 ]
con
V rd 2 = 0.30 f cm bw d (1 + cot gα ) Vrd 3 = Vrd 1 + Vwd

avendo indicato con Vrd1 e Vwd:


Vrd 1 = 0.25 f ctm r (1 + 50 ρl )bwdδ (8.9)

0.90d
Vwd = Asw f ywm (sin α + cos α ) (8.10)
s
dove:
bw base dell’elemento
d altezza utile
r= (1.6-d)≥1 con d espressa in metri
ρl = Asl/bwd
Asl area dell’armatura longitudinale di trazione ancorata al di là dell’intersezione
dell’asse dell’armatura con una eventuale fessura a 45° che si inneschi nella
sezione considerata
δ= 1 se in presenza di sforzo normale di trazione l’asse neutro taglia la sezione
δ= 0 se in presenza di sforzo normale di trazione l’asse neutro risulta esterno alla
sezione
δ= (1+Μ0/Μsdu) in presenza di sforzo normale di compressione essendo M0 il
momento di decompressione riferito alla fibra estrema della sezione su cui agisce
Msdu; Msdu è pari al momento agente massimo di calcolo nella regione in cui si
effettua la verifica a taglio da prendere almeno pari a M0;
α inclinazione delle armature trasversali rispetto all’asse geometrico dell’elemento.

In definitiva, la classificazione del meccanismo di crisi è così effettuata:


• se Vu,flex < Vu,shear l’elemento è caratterizzato da un comportamento di tipo
duttile;
• se Vu,flex > Vu,shear prima della crisi flessionale sopraggiunge quella tagliante e
l’elemento è classificato a comportamento fragile.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 147

Con riferimento alla valutazione della resistenza flessionale dell’elemento, espressa in


termini taglianti, Vu,flex si vuol sottolineare che:
• il momento resistente delle due sezioni di estremità dei pilastri è valutato
nell’ipotesi di uno sforzo assiale corrispondente ai soli carichi gravitazionali da
combinazione sismica; inoltre, la disposizione simmetrica delle armature e la
distribuzione costante delle stesse lungo lo sviluppo longitudinale dell’elemento
conducono alla valutazione di un unico momento resistente, Mu;
• le travi, invece, sono caratterizzate da una variabilità di armatura sia nell’ambito
della sezione che lungo lo sviluppo dell’elemento; pertanto, sono valutati per
ciascuna sezione di estremità il corrispondente momento resistente positivo e
negativo, Mu(+) e Mu(-).

Con riferimento alla valutazione della resistenza a taglio dell’elemento Vu,shear si vuol
sottolineare che:
• i pilastri sono caratterizzati da una distribuzione costante delle armature
longitudinali e trasversali (staffe) lungo lo sviluppo dell’elemento; ciò conduce alla
valutazione di una unica resistenza taglio Vu,shear ;
• nella valutazione della resistenza a taglio, effettuata nelle due estremità delle travi, è
presa in considerazione la diversa efficacia delle armature trasversali (ferri
sagomati) in relazione al segno della resistenza flessionale dell’elemento, espressa
in termini taglianti, Vu,flex.

Di seguito è riportata la classificazione degli elementi relativi al telaio di riferimento; in


Tabella 8.2.18 è riportata la classificazione degli elementi pilastri mentre in Tabella 8.2.19
quella degli elementi trave.
Tutti gli elementi travi e pilastri appartenenti al telaio di riferimento presentano
comportamenti di tipo duttile.

Tabella 8.2.18 Classificazione pilastri


B H Lungh. Ngrav Mu Vu,flex Vu,shear
Elemento class.
[m] [m] [m] [kN] [kNm] [kN] [kN]
P 1-1 0.35 0.35 2.75 308.11 97.41 70.84 126.49 dutt.
P 2-1 0.30 0.30 2.95 238.52 72.57 49.20 102.40 dutt.
P 3-1 0.30 0.30 2.95 168.42 64.79 43.93 100.60 dutt.
P 4-1 0.30 0.30 2.95 97.49 56.55 38.34 98.31 dutt.
P 1-9 0.35 0.35 2.75 513.42 120.89 87.92 130.64 dutt.
P 2-9 0.30 0.30 2.95 379.28 86.42 58.59 105.29 dutt.
P 3-9 0.30 0.30 2.95 245.45 73.32 49.71 102.56 dutt.
P 4-9 0.30 0.30 2.95 112.74 58.29 39.52 98.86 dutt.
P 1-17 0.35 0.35 2.75 327.09 99.9 72.65 126.92 dutt.
P 2-17 0.30 0.30 2.95 253.95 74.2 50.31 102.76 dutt.
P 3-17 0.30 0.30 2.95 176.96 65.69 44.54 100.85 dutt.
P 4-17 0.30 0.30 2.95 99.31 56.66 38.41 98.38 dutt.
148 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 8.2.19 Classificazione travi


B H Sez. Mu (-) Mu (+) Vu,flex Vu,shear
Elemento class.
[m] [m] [m] [kNm] [kNm] [kN] [kN]
0.00 120.81 61.74 83.89 122.94 dutt.
T1/1-9 0.30 0.50
4.70 180.21 121.33 90.13 122.94 dutt.
0.00 180.21 121.33 89.32 122.94 dutt.
T1/9-17 0.30 0.50
5.00 120.81 61.74 83.06 122.94 dutt.
0.00 120.81 61.74 83.87 122.94 dutt.
T2/1-9 0.30 0.50
4.70 180.21 121.33 90.16 122.94 dutt.
0.00 180.21 121.33 88.67 122.94 dutt.
T2/9-17 0.30 0.50
5.00 120.81 61.74 83.71 122.94 dutt.
0.00 120.81 61.74 84.57 122.94 dutt.
T3/1-9 0.30 0.50
4.70 180.21 121.33 89.45 122.94 dutt.
0.00 180.21 121.33 88.03 122.94 dutt.
T3/9-17 0.30 0.50
5.00 120.81 61.74 84.35 122.94 dutt.
0.00 120.81 61.74 71.91 122.94 dutt.
T4/1-9 0.30 0.50
4.70 180.21 121.33 78.11 122.94 dutt.
0.00 180.21 121.33 76.53 122.94 dutt.
T4/9-17 0.30 0.50
5.00 120.81 61.74 70.31 122.94 dutt.

8.2.18.4 Valutazione dei rapporti ρ


Nel seguito è riportata la valutazione dei rapporti ρ, domanda/capacità, degli
elementi/meccanismi duttili relativi alla pilastrata 1 e alla travata 1-9-17 del primo
impalcato del telaio trasversale di riferimento.

Va sottolineato, che la valutazione delle sollecitazioni flettenti (domanda) va effettuata


con riferimento allo Stato Limite richiesto, alla generica combinazione dell’azione sismica
con quella gravitazionale e considerando le eccentricità accidentali lungo le due direzioni
principali X e Y.

In particolare, in seguito, verrà analizzato il solo Stato Limite di Danno Severo e con
riferimento:
• alla sola combinazione dell’azione sismica con quella gravitazionale caratterizzata da
una azione sismica prevalentemente in direzione Y così come di seguito riportata:
V+E1 = V+(+Ey+0.3Ex)
dove:
V sono gli effetti dell’azione gravitazionale;
Ex ed Ey sono gli effetti dell’azione sismica nelle due direzioni X e Y.

• ad una sola eccentricità accidentale agente lungo X e pari a: ex=+0.05 Lx

Con riferimento al telaio trasversale in esame, in Tabella 8.2.20 e Tabella 8.2.21 sono
riportati i valori dei rapporti ρ degli elementi/meccanismi duttili valutati nelle due sezioni
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 149

di estremità di ciascun elemento. In Figura 8.2.23 è sintetizzata la distribuzione dei


rapporti di elemento, inteso come il massimo dei due rapporti ρ di estremità. In
particolare, il minimo valore di ρmin=2.00 mentre il massimo valore ρmax=7.16 con un
conseguente rapporto ρmax /ρmin maggiore del limite normativo di 2.50. Pertanto, l’analisi
lineare senza l’impiego del fattore di struttura q non è applicabile al caso oggetto d
studio.

Tabella 8.2.20 Valutazione dei rapporti per gli elementi della pilastrata 1
Sez. B H M Mu
Elem. ρ
[m] [m] [m] [kNm] [kNm]
0.00 250.41 97.41 2.57
P1-1 0.35 0.35
2.75 -141.56 97.41 1.45
0.00 178.08 72.57 2.45
P2-1 0.30 0.30
2.95 -173.19 72.57 2.39
0.00 159.91 64.79 2.47
P3-1 0.30 0.30
2.95 -147.19 64.79 2.27
0.00 269.00 56.55 4.76
P4-1 0.30 0.30
2.95 -303.16 56.55 5.36
0.00 304.64 120.89 2.52
P1-9 0.35 0.35
2.75 -253.98 120.89 2.10
0.00 267.19 86.42 3.09
P2-9 0.30 0.30
2.95 -266.39 86.42 3.08
0.00 265.82 73.32 3.63
P3-9 0.30 0.30
2.95 -262.04 73.32 3.57
0.00 371.29 58.29 6.37
P4-9 0.30 0.30
2.95 -379.84 58.29 6.52
0.00 257.09 99.90 2.57
P1-17 0.35 0.35
2.75 -155.44 99.90 1.56
0.00 190.80 74.20 2.57
P2-17 0.30 0.30
2.95 -188.14 74.20 2.54
0.00 176.80 65.69 2.69
P3-17 0.30 0.30
2.95 -163.80 65.69 2.49
0.00 286.32 56.66 5.05
P4-17 0.30 0.30
2.95 -321.73 56.66 5.68
150 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 8.2.21 Valutazione dei rapporti per gli elementi della travata 1-9-17 al I° impalcato
B H Sez. M Mu (-) Mu (+)
Elemento ρ
[m] [m] [m] [kNm] [kNm] [kNm]
0.00 341.03 120.81 61.74 5.52
T1/1/1-9 0.30 0.50
4.70 -312.20 180.21 121.33 1.73
0.00 358.71 120.81 61.74 5.81
T2/1/1-9 0.30 0.50
4.70 -317.81 180.21 121.33 1.76
0.00 441.94 120.81 61.74 7.16
T3/1/1-9 0.30 0.50
4.70 -371.06 180.21 121.33 2.06
0.00 227.22 120.81 61.74 3.68
T4/1/1-9 0.30 0.50
4.70 -212.66 180.21 121.33 1.18
0.00 234.90 180.21 121.33 1.94
T1/1/9-17 0.30 0.50
5.00 -369.63 120.81 61.74 3.06
0.00 242.57 180.21 121.33 2.00
T2/1/9-17 0.30 0.50
5.00 -382.45 120.81 61.74 3.17
0.00 298.02 180.21 121.33 2.46
T3/1/9-17 0.30 0.50
5.00 -466.98 120.81 61.74 3.87
0.00 165.16 180.21 121.33 1.36
T4/1/9-17 0.30 0.50
5.00 -238.08 120.81 61.74 1.97

ρ=3.68 ρ=1.97

ρ=5.36 ρ=6.52 ρ=5.68

ρ=7.16 ρ=3.87

ρ=2.47 ρ=3.63 ρ=2.69

ρ=5.81 ρ=3.17

ρ=2.45 ρ=3.09 ρ=2.57

ρ=5.52 ρ=3.06

ρ=2.57 ρ=2.52 ρ=2.57

1 9 17
Figura 8.2.23 Valori ρ di elemento
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 151

8.2.19 Analisi dinamica lineare con utilizzo del fattore q


Nell’ipotesi di voler effettuare una analisi lineare mediante l’impiego del fattore di
struttura q e stante l’applicabilità del metodo ai soli stati limite di DS e DL, gli spettri di
progetto in termini di accelerazioni da doversi adoperare per i due stati limite in esame
risultano:
- SL di DL lo spettro di progetto da adottare è quello elastico ridotto di un fattore
pari a 2.50;
- SL di DS lo spettro di progetto si ottiene dallo spettro elastico riducendone le
ordinate per il fattore di struttura q.

La scelta del fattore di struttura, da adottarsi per la definizione dello spettro di progetto
dello SL di DS, è subordinata ad una serie di aspetti tra i quali la regolarità ed i tassi di
lavoro dei materiali sotto le azioni statiche. In particolare, con riferimento alle
prescrizioni dell’Ordinanza, il fattore di struttura q va scelto nell’intervallo fra 1.50 e 3.00
(vedi paragrafo 5.6 di questo Manuale).
Nel caso in oggetto, in via esemplificativa è adottato, per le verifiche sugli
elementi/meccanismi duttili un fattore di struttura q = 2.50. Tuttavia, per le verifiche di
tipo fragile, il fattore q da doversi adottare risulta pari a 1.50.
Gli spettri relativi allo Stato Limite di Danno Severo, da adoperarsi per le verifiche di tipo
duttile e fragile, rispettivamente, sono riportati in Figura 8.2.24.

0.60
q=1.5
0.50

0.40
q=2.5
Sa[g]

0.30

0.20

0.10

0.00
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4
T[sec]

Figura 8.2.24 Spettri di progetto per SL-DS valutati con q = 2.50 e q=1.50
152 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

8.2.19.1 Valutazione delle sollecitazioni sismiche


La valutazione delle sollecitazioni va effettuata con riferimento allo stato limite, alle
diverse combinazioni dell’azione sismica con quella gravitazionale e considerando le
eccentricità accidentali lungo le due direzioni principali X e Y.
Inoltre, le sollecitazioni derivanti dalla sola azione sismica vanno valutate con riferimento
al tipo di verifica da volersi effettuare. Nel caso di verifica degli elementi duttili (verifica
flessionale) le sollecitazioni sismiche sono ricavate da una azione sismica ridotta di un
fattore q =2.50 (valore scelto nell’intervallo 1.50-3.00); nel caso di verifica degli elementi
fragili (verifica tagliante) le sollecitazioni sismiche sono ricavate da una azione sismica
ridotta di un fattore q =1.50.

In particolare, in seguito, verrà analizzato il solo Stato Limite di Danno Severo e con
riferimento:
• alle sole combinazioni dell’azione sismica con quella gravitazionale caratterizzate da
una azione sismica prevalentemente in direzione Y così come di seguito riportate:
V+E1 = V+(+Ey+0.3Ex)
V+E2 = V+(+Ey -0.3 Ex)
V+E3 = V+(- Ey +0.3 Ex)
V+E4 = V+(- Ey -0.3 Ex)
dove:
V sono gli effetti dell’azione gravitazionale;
Ex ed Ey sono gli effetti dell’azione sismica nelle due direzioni X e Y.
• ad una sola eccentricità accidentale agente lungo X e pari a: ex=+0.05 Lx
• alle verifiche degli elementi duttili (q=2.50) e degli elementi fragili (q=1.50).

8.2.19.2 Verifiche di resistenza flessionale degli elementi


Tutti gli elementi strutturali devono soddisfare la condizione che la sollecitazione indotta
dall’azione sismica ridotta sia inferiore o uguale alla corrispondente resistenza.
Come discusso al paragrafo 5.7, ai fini delle verifiche di tipo flessionale, la valutazione
delle capacità resistenti è effettuata con riferimento alle resistenze specifiche dei materiali
ricavate dai valori medi divisi il fattore di confidenza che nel caso in esame è uguale a
FC=1.2. Si hanno quindi le seguenti resistenze di calcolo dei materiali:

resistenza a compressione cilindrica del calcestruzzo:


f cm 16.73
f cd = = = 13.94 MPa (8.11)
FC 1.2
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 153

resistenza a snervamento dell’acciaio:


f ym 440
f yd = = = 367 MPa (8.12)
FC 1.2
dove:
fcm la resistenza cilindrica media del calcestruzzo;
fym la tensione di snervamento media dell’acciaio;
FC= 1.2 il fattore di confidenza.

Per i pilastri risulta vantaggioso effettuare la verifica mediante l’adozione dei domini di
resistenza N, M. In Figura 8.2.25 sono riportati i domini di resistenza delle sezioni
trasversali degli elementi corrispondenti alla pilastrata 1 e le relative sollecitazioni
derivanti dalle combinazioni dell’azione sismica e di quella gravitazionale.
In particolare, con riferimento alle quattro combinazioni, nessun elemento della pilastrata
in esame soddisfa la verifica di resistenza.
150 150
M [kNm] M [kNm]
100 100

50 50

0 0
N [kN] N [kN]
-50 -50

-100 -100

-150 -150
-2000 -1500 -1000 -500 0 500 -2000 -1500 -1000 -500 0 500

Primo livello Secondo livello


150 150
M [kNm] M [kNm]
100 100

50 50

0 0
N [kN] N [kN]
-50 -50

-100 -100

-150 -150
-2000 -1500 -1000 -500 0 500 -2000 -1500 -1000 -500 0 500

Terzo livello Quarto livello


Figura 8.2.25 Verifica flessionale pilastrata 1
154 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Per gli elementi trave, sono stati ricavati i diagrammi inviluppo minimo e massimo
derivanti dalle combinazioni dell’azione sismica e di quella gravitazionale. In particolare,
in Tabella 8.2.22, con riferimento alle travi del primo impalcato, sono riportati i valori
inviluppo in corrispondenza di tre sezioni di riferimento (le due sezioni di estremità e
quella di mezzeria). Il confronto tra le sollecitazioni flettenti M e le resistenze flessionali
Mu nelle tre sezioni di riferimento determina la valutazione del fattore di sicurezza F.S.
Anche in questo caso, con riferimento alle quattro combinazioni, nessuna trave di primo
impalcato del telaio di riferimento soddisfa la verifica di resistenza.

Tabella 8.2.22 Verifica flessionale travata primo impalcato


B H Sez. M Mu(-) Mu(+)
Elemento invil. F.S.
[m] [m] [m] [kNm] [kNm] [kNm]
0.00 123.45 101.13 51.70 0.42
0.30 0.50 2.35 max 33.06 51.70 101.13 3.06
4.70 76.93 150.74 101.45 1.32
T1/1-9
0.00 -158.87 101.13 51.70 0.64
0.30 0.50 2.35 min. 1.58 51.70 101.13 64.01
4.70 -156.73 150.74 101.45 0.96
0.00 70.35 150.74 101.45 1.44
0.30 0.50 2.50 max 36.18 51.70 101.13 2.80
5.00 117.6 101.13 51.70 0.44
T1/9-17
0.00 -141.57 150.74 101.45 1.06
0.30 0.50 2.50 min. 4.97 51.70 101.13 20.35
5.00 -156.73 101.13 51.70 0.65

8.2.19.3 Verifiche di resistenza tagliante degli elementi


Tutti gli elementi strutturali devono soddisfare la condizione che la sollecitazione indotta
dall’azione sismica ridotta sia inferiore o uguale alla corrispondente resistenza.
Ai fini delle verifiche di tipo tagliante, la valutazione delle capacità resistenti è effettuata
con riferimento alle resistenze specifiche dei materiali ricavate dai valori medi divisi per il
fattore di confidenza che, nel caso in esame, è uguale a FC=1.2, e per il coefficiente di
sicurezza parziale del materiale(vedi paragrafo 5.7). Si hanno quindi le seguenti resistenze
di calcolo dei materiali:

resistenza a trazione del calcestruzzo:

0.27 ⋅ 3 (0.7 ⋅ Rcm ) 2 0.27 ⋅ 3 (0.7 ⋅ f cm / 0.83) 2


f ctd = = =
FC ⋅ ×γ c FC ⋅ ×γ c
(8.13)
0.27 ⋅ 3 (0.7 ⋅ 16.73 / 0.83) 2
= = 0.82 MPa
1.2 ⋅ ×1.6
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 155

resistenza a compressione cilindrica del calcestruzzo:


f cm 16.73
f cd = = = 8.71 MPa (8.14)
FC ⋅ γ c 1.2 ⋅ 1.6
resistenza a snervamento dell’acciaio:
f ywm 440
f ywd = = = 301.27 MPa (8.15)
FC ⋅ γ s 1.2 ⋅ 1.15
dove si è indicato con:
Rcm la resistenza cubica media del calcestruzzo;
fcm la resistenza cilindrica media del calcestruzzo;
fywm la tensione di snervamento media dell’acciaio (armatura trasversale);
FC= 1.2 il fattore di confidenza;
γc, γs coefficiente di sicurezza parziale del materiale (1.60 per il calcestruzzo e 1.15 per
l’acciaio).

La resistenza a taglio è valutata considerando il minimo tra Vrd2 e Vrd3:


Vu , shear = min[V rd 2 , V rd 3 ]
con
Vrd 2 = 0.30 f cd bw d (1 + cot gα ) Vrd 3 = Vrd 1 + Vwd

avendo indicato con Vrd1 e Vwd:


0.90d
Vrd 1 = 0.25 f ctd r (1 + 50 ρ l )bw dδ Vwd = Asw f ywd (sin α + cos α )
s
dove:
bw base dell’elemento
d altezza utile
r= (1.6-d)≥1 con d espressa in metri
ρl = Asl/bwd
Asl area dell’armatura longitudinale di trazione ancorata al di là dell’intersezione
dell’asse dell’armatura con una eventuale fessura a 45° che si inneschi nella
sezione considerata
δ= 1 se in presenza di sforzo normale di trazione l’asse neutro taglia la sezione
δ= 0 se in presenza di sforzo normale di trazione l’asse neutro risulta esterno alla
sezione
δ= (1+Μ0/Μsdu) in presenza di sforzo normale di compressione, essendo M0 il
momento di decompressione riferito alla fibra estrema della sezione su cui agisce
Msdu; Msdu è pari al massimo momento di calcolo agente nella regione in cui si
effettua la verifica a taglio da prendere almeno pari a M0;
Asw area dell’armatura trasversale;
156 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

s passo delle staffe;


α inclinazione delle armature trasversali rispetto all’asse geometrico dell’elemento.

Sia per gli elementi pilastro che per gli elementi trave, sono stati ricavati i diagrammi
inviluppo minimo e massimo derivanti dalle quattro combinazioni dell’azione sismica e di
quella gravitazionale. In Tabella 8.2.23, con riferimento agli elementi della pilastrata 1,
sono riportati i valori inviluppo, delle azioni taglianti V valutate in corrispondenza delle
due sezioni di estremità e la relativa resistenza taglio, Vu. Analogamente in Tabella 8.2.24,
per le travi del primo impalcato, sono riportati i valori inviluppo, delle azioni taglianti V
valutate in corrispondenza delle due sezioni di estremità e la relativa resistenza taglio, Vu.
In particolare, nessun elemento appartenente alla pilastra 1 e alla trave di primo impalcato
soddisfa la verifica di resistenza.

Tabella 8.2.23 Verifica a taglio della pilastrata 1


B H Sez. V Vu
Elem. Asw Invil. F.S.
[m] [m] [m] [kN] [kN]
1φ6/15 0.00 92.62 77.12 0.83
max
1φ6/15 2.75 92.62 77.12 0.83
P1-1 0.35 0.35
1φ6/15 0.00 -104.02 77.12 0.74
min
1φ6/15 2.75 -104.02 77.12 0.74
1φ6/15 0.00 76.73 62.76 0.82
max
1φ6/15 2.95 76.73 62.76 0.82
P2-1 0.30 0.30
1φ6/15 0.00 -87.82 62.76 0.71
min
1φ6/15 2.95 -87.82 62.76 0.71
1φ6/15 0.00 65.74 61.79 0.94
max
1φ6/15 2.95 65.74 61.79 0.94
P3-1 0.30 0.30
1φ6/15 0.00 -77.43 61.79 0.80
min
1φ6/15 2.95 -77.43 61.79 0.80
1φ6/15 0.00 112.29 60.56 0.54
max
1φ6/15 2.95 112.29 60.56 0.54
P4-1 0.30 0.30
1φ6/15 0.00 -126.16 60.56 0.48
min
1φ6/15 2.95 -126.16 60.56 0.48

Tabella 8.2.24 Verifica a taglio della travata primo impalcato


B H Sez. V Vu
Elemento Asw invil. F.S.
[m] [m] [m] [kN] [kN]
1φ6/20 0.00 55.94 76.21 1.34
0.30 0.50 max
1φ6/20 4.70 128.37 76.21 0.58
T1/1-9
1φ6/20 0.00 -121.97 76.21 0.61
0.30 0.50 min
1φ6/20 4.70 -49.54 76.21 1.51
1φ6/20 0.00 39.31 76.21 1.90
0.30 0.50 max
1φ6/20 5.00 116.36 76.21 0.64
T1/9-17
1φ6/20 0.00 -122.78 76.21 0.61
0.30 0.50 min
1φ6/20 5.00 -45.73 76.21 1.64
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 157

8.2.20 Analisi statica non lineare


Come discusso al paragrafo 6.3, l’analisi consiste nell’applicare all’edificio i carichi
gravitazionali da combinazione sismica ed un opportuno sistema di forze statiche
orizzontali che, aumentando in maniera incrementale, facciano crescere in maniera
monotona lo spostamento orizzontale di un punto di controllo della struttura
(generalmente posizionato nel baricentro delle masse all’ultimo impalcato).
Questo tipo di analisi può essere applicata solo nel caso in cui il livello conoscenza
raggiunto sia almeno pari ad LC2.
Il metodo si articola nei passi seguenti:
- determinazione di un legame forza-spostamento generalizzato tra la risultante
delle forze applicate, taglio alla base Fb, e lo spostamento dc, di un punto di
controllo, usualmente scelto come il baricentro dell’ultimo impalcato;
- determinazione delle caratteristiche di un sistema ad un grado di libertà a
comportamento bi-lineare equivalente;
- determinazione della risposta massima in spostamento di tale sistema con
utilizzo dello spettro di spostamento relativo allo stato limite in esame;
- conversione dello spostamento del sistema equivalente determinato come sopra
nella configurazione effettiva dell’edificio;
- verifica della compatibilità degli spostamenti (elementi/meccanismi duttili) e
delle resistenze (elementi/meccanismi fragili).

In particolare, devono essere applicati all’edificio almeno due distinte distribuzioni di


forze orizzontali applicate ai baricentri delle masse a ciascun piano:
- una distribuzione di forze proporzionali alle masse, applicate separatamente nelle
due direzioni di analisi, trasversale e longitudinale;
- una distribuzione di forze proporzionali al prodotto delle masse per la deformata
corrispondente al primo modo di vibrazione nelle due direzioni di analisi,
trasversale e longitudinale, applicate separatamente nelle due direzioni prese in
esame.

In Tabella 8.2.25 e Tabella 8.2.26 sono riportati i valori delle distribuzioni su menzionate
con riferimento all’edificio oggetto di verifica.

Tabella 8.2.25 Distribuzione di forze proporzionali alle masse


Masse
Impalcato F x = Fy
[kN s2/m]
1 183.02 0.86
2 179.64 0.85
3 178.61 0.84
S+Copertura 212.1 1.00
158 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 8.2.26 Distribuzione di forze proporzionali al prodotto delle masse per la


deformata corrispondente al primo modo di vibrazione
Masse
Impalcato modo1 X modo1 Y Fx Fy
[kN s2/m]
1 183.02 0.14 0.13 0.12 0.12
2 179.64 0.48 0.40 0.41 0.34
3 178.61 0.80 0.67 0.68 0.57
S+ Copertura 212.1 1.00 1.00 1.00 1.00

8.2.20.1 La modellazione non lineare


Il modello, di tipo spaziale, è stato realizzato attraverso l’ausilio di un programma di
calcolo ed è definito dalla linea d’asse degli elementi, considerando la rigidezza del nodo
mediante dei conci rigidi agli estremi degli elementi. Il modello della struttura è costituito
da elementi piani a telaio connessi con diaframmi orizzontali, ammettendo valida l’ipotesi
di impalcato infinitamente rigido.
Il comportamento elastico lineare degli elementi è valutato considerando le dimensioni
geometriche (sezione trasversale, lunghezza) e le caratteristiche meccaniche dei materiali
costituenti (modulo di elasticità del calcestruzzo).
Il comportamento post-elastico (non lineare) è valutato mediante l’ausilio di un modello a
plasticità concentrata; tale modello considera la plasticità tutta concentrata in cerniere
plastiche puntuali disposte alle estremità degli elementi (vedi paragrafo 5.5.2.1). E’
dunque in questi punti che, una volta superata la soglia elastica, si concentrano le
deformazioni anelastiche (cerniera plastica).
I principali vantaggi di tale modello sono soprattutto la sua semplicità e l’efficienza
computazionale. Una delle limitazioni del modello (o meglio della sua implementazione) è
senz’altro correlata all’assunzione del punto di flesso fisso durante l’analisi (ossia di una
luce di taglio Lv prestabilita). Il modello a plasticità concentrata, inoltre, non consente di
computare la formazione di zone plastiche in campata, causate dall’interazione tra i
carichi orizzontali e quelli gravitazionali.
Tuttavia, una opportuna scelta della curva caratteristica della cerniera plastica consente di
descrivere diversi fenomeni quale il comportamento flessionale, la deformabilità a taglio,
lo scorrimento dell’armatura ecc. La definizione della curva è effettuata sulla base del
comportamento non lineare della sezione di estremità dell’elemento e della luce di taglio
Lv. In particolare, nell’ipotesi di trascurare gli effetti dei carichi gravitazionali, la
distribuzione dei momenti risulta lineare e quindi l’elemento può essere riguardato come
una trave a mensola di luce Lv e caricata da una forza concentrata all’estremo libero.
In generale, il comportamento non lineare della sezione di estremità, definito dal legame
momento-curvatura M-φ, può sinteticamente esprimersi mediante una legge quadrilineare
definita da: da una fase elastico-lineare sino alla formazione della prima fessura, (φcr, Mcr);
da una fase fessurata durante la quale si registra la formazione/apertura di ulteriori
fessure sino allo snervamento (φy, My); da una fase post-elastica, definita da una notevole
diminuzione di rigidezza con conseguente aumento di deformabilità sino all’attingimento
di un picco di resistenza flessionale (φ*, Mmax) ed infine, da una fase discendente
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 159

caratterizzata da una diminuzione di capacità resistente e da una elevata capacità


deformativa sino all’attingimento della condizione ultima (φu, αMmax).
Va evidenziato che, generalmente, la fase elastico-lineare è estesa sino all’attingimento
dello snervamento senza considerare in maniera esplicita la fase fessurata; tuttavia, è
possibile valutare anche l’effetto della fessurazione attraverso l’adozione di una rigidezza
secante sino allo snervamento.
La valutazione di una prestabilita luce di taglio Lv, ossia della posizione del punto di nullo
del diagramma dei momenti rispetto alle estremità dell’elemento, non è di facile
risoluzione. Una semplice analisi lineare consente di valutare in maniera esatta la
posizione del punto di flesso durante il comportamento lineare della struttura. D’altra
parte, la formazione delle prime cerniere plastiche conduce ad una ridistribuzione delle
sollecitazioni flettenti con conseguente traslazione del punto di flesso. Inoltre, il
comportamento post-elastico dell’elemento è influenzato dal punto di flesso; infatti, la
variazione della sua posizione conduce ad una diversa caratterizzazione meccanica della
cerniera plastica (problemi di convergenza del calcolo non lineare).
Tuttavia, l’assunzione di una luce di taglio prefissata consente di poter definire a priori la
curva caratteristica della cerniera plastica e di ridurre l’onere computazionale durante il
processo di analisi. In generale, la luce di taglio, Lv può determinarsi: (i) come metà della
luce dell’elemento (Lv=0.5L); (ii) dal diagramma dei momenti flettenti presente lungo
l’elemento valutato mediante una analisi elastico-lineare (statica o modale); (iii) dal
diagramma dei momenti flettenti presente lungo l’elemento, valutato mediante una analisi
non lineare (es. analisi limite), corrispondente ad una configurazione deformata
caratterizzata da uno spostamento del punto di controllo pari allo spostamento sismico
richiesto.
La definizione di una lunghezza di cerniera plastica Lpl, valutata a partire dalla luce di
taglio Lv, consente di determinare la curva caratteristica di elemento momento-rotazione
M-θ compatibilmente al legame di sezione, momento-curvatura M-φ. In particolare:
• la valutazione della rotazione di snervamento θy può effettuarsi in funzione della
corrispondente curvatura φy e dei due contributi deformativi (taglio e scorrimento
delle armature), come descritto al paragrafo 7.2.4.1;
• la valutazione della rotazione ultima θu può effettuarsi in funzione della
corrispondente curvatura φu e della lunghezza di cerniera plastica Lpl così come
definita nell’allegato 11.A dell’OPCM (modello meccanico), ovvero mediante
l’adozione di una formulazione derivante dalla regressione di risultati sperimentali
(vedi paragrafo 7.2.4.1).

Con riferimento alla rotazione θ* corrispondente al picco di massima resistenza


flessionale l’OPCM non fornisce alcuna indicazione; tuttavia, la sua valutazione può
effettuarsi in maniera approssimata in funzione della curvatura φ* e di una lunghezza di
cerniera plastica Lpl assunta al limite eguale a quella adottata per la determinazione della
rotazione ultima (modello meccanico).
160 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

L’attivazione della cerniera plastica è subordinata, come già chiarito in precedenza, dal
superamento della soglia elastica; pertanto la curva caratteristica della cerniera plastica è
definita dalle sole condizioni post-elastiche (curva rigido-plastica). A tal riguardo, va
sottolineato che la soglia elastica (ossia di snervamento) è spesso implementata non come
limite deformativo, θy, bensì come limite resistente, My.. Tale circostanza, nell’ipotesi di
non considerare la fase fessurata, conduce ad uno scarto rotazionale in quanto la
rotazione elastica corrispondente all’attingimento del momento di snervamento My risulta
minore della corrispondente rotazione di snervamento θy. Le cause vanno ricercate,
principalmente, nei diversi contributi deformativi costituenti la rotazione di snervamento
θy (contributo tagliante e scorrimento delle armature) generalmente assenti in una analisi
elastica e/o nell’ assunzione di una prefissta luce di taglio che potrebbe risultare dissimile
da quella effettivamente registrata durante il processo di analisi.

Con riferimento alla modellazione non lineare degli elementi costituenti la struttura in
esame, si è optato per la definizione di un legame momento-rotazione M-θ semplificato
caratterizzato dalle seguenti ipotesi:
• legame momento-rotazione del tipo rigido-plastico (My=αMmax=Mmax);
• luce di taglio pari a Lv=0.5L;
• rotazione ultima definita così come riportata nell’Allegato 11.A dell’OPCM.
• rotazione di snervamento valutata così come riportato al § 11.3.2.1 dell’OPCM
quale limite di capacità deformativa corrispondente allo Stato Limite di Danno
Limitato.

8.2.20.2 Determinazione di un legame forza-spostamento generalizzato


In seguito alla caratterizzazione, per ciascun elemento trave e pilastro, delle cerniere
plastiche si procede alla analisi statica non lineare del modello strutturale dell’edificio. In
particolare, l’analisi è condotta in controllo di forza, incrementando di un fattore di carico
λ il vettore di forze orizzontali applicato (vedi paragrafo 5.5.3); pertanto, l’analisi descrive
il comportamento della struttura fino al punto di picco della curva di capacità.

I risultati delle analisi non lineari sono di seguito riportati, in Figura 8.2.26 e Figura 8.2.27,
con riferimento alle due distribuzioni di forze orizzontali relative alle direzioni
longitudinale X e trasversale Y; a titolo esemplificativo sono riportati i risultati delle
analisi relative alle sole direzioni +X e +Y.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 161

3500
Taglio alla base, Fb [kN]
3000

2500

2000

1500

1000

500
spostamento in sommità, dc [m]
0
0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50 0.60

3500
Taglio alla base, Fb [kN]
3000

2500

2000

1500

1000

500
spostamento in sommità, dc [m]
0
0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50 0.60
Figura 8.2.26 Distribuzione di forze proporzionali alle masse: curve di capacità in
direzione longitudinale e in direzione trasversale
162 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

3500
Taglio alla base, Fb [kN]
3000

2500

2000

1500

1000

500
spostamento in sommità, dc [m]
0
0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50 0.60

3500
Taglio alla base, Fb [kN]
3000

2500

2000

1500

1000

500
spostamento in sommità, dc [m]
0
0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50 0.60
Figura 8.2.27 Distribuzione di forze proporzionali al prodotto delle masse per la
deformata corrispondente al primo modo di vibrazione: curve di capacità in direzione
longitudinale e in direzione trasversale

Le curve di capacità riportate in Figura 8.2.26 e Figura 8.2.27 rappresentano il legame


esistente tra il taglio alla base Fb della struttura e lo spostamento del punto di controllo dc
scelto coincidente con il baricentro delle masse dell’ultimo impalcato dell’edificio.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 163

8.2.20.3 Sistema bilineare equivalente


Il sistema bilineare equivalente è valutato al fine di determinare la richiesta di
spostamento della struttura per lo stato limite preso in esame. A tale scopo è necessario
trasformare il sistema a n gradi di libertà (MDOF) in un sistema ad un solo grado di
libertà equivalente (SDOF), secondo la procedura descritta al paragrafo 6.3, e di seguito
richiamata. Indicando con Φ il vettore normalizzato al valore unitario rappresentativo del
primo modo di vibrazione della struttura nella direzione presa in esame, si valuta il
coefficiente di partecipazione, Γ :
∑m i Φ i
Γ= 2
∑m i Φ i

in cui mi rappresenta la massa dell’i-esimo impalcato e la sommatoria al numeratore


rappresenta la massa generalizzata ovvero la massa equivalente del sistema SDOF. Nel
caso in esame il coefficiente di partecipazione Γ nelle due direzioni longitudinale X e
trasversale Y è pari a:
Γx = 1.26 Γy = 1.32

La curva di capacità relativa del sistema a n gradi di libertà viene scalata mediante il
coefficiente di partecipazione Γ in modo da determinare la curva forza-spostamento (F*-
d*) del sistema equivalente ad un grado di libertà tramite le seguenti relazioni:

F* = Fb/Γ d*=dc/Γ

Ottenuta la curva F*-d* del sistema equivalente ad un grado di libertà è necessario


valutare una legge forza-spostamento di tipo bilineare equivalente; a tal fine si adotta
quale procedimento quello dell’uguaglianza delle aree. Ciò consente di ricavare la
rigidezza K* e conseguentemente il periodo elastico T* del sistema bilineare equivalente
ad un grado di libertà mediante la seguente espressione:

m*
T * = 2π
k*

in cui m*, massa generalizzata, è pari alla Σmiφi.

In Figura 8.2.28 e Figura 8.2.29 sono riportate le curve forza-spostamento del sistema ad
un grado di libertà, mentre in Tabella 8.2.27 sono riportate le caratteristiche di definizione
del sistema ad un solo grado di libertà con riferimento alle due direzioni Xe Y analizzate e
alle due distribuzioni di forze orizzontali adottate, proporzionali alle masse (Forze 1) e
proporzionali al prodotto masse per la deformata corrispondente al primo modo di
vibrazione (Forze 2).
164 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

3000
Forza, F* [kN]
2500
*
Fy
2000

1500

1000

500
*
dy spostamento, d* [m]
0
0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50

3000
Forza, F* [kN]
2500

2000

1500 Fy
*

1000

500
*
dy spostamento, d* [m]
0
0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50
Figura 8.2.28 Distribuzione di forze proporzionali alle masse: sistema bilineare
equivalente
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 165

3000
Forza, F* [kN]
2500

2000
*
Fy
1500

1000

500
*
dy spostamento, d* [m]
0
0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50

3000
Forza, F* [kN]
2500

2000

1500
*
Fy
1000

500
*
dy spostamento, d* [m]
0
0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50
Figura 8.2.29 Distribuzione di forze proporzionali al prodotto delle masse per la
deformata corrispondente il primo modo di vibrazione: sistema bilineare equivalente
166 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 8.2.27 Definizione del sistema equivalente ad un solo grado di libertà


Direzione X Direzione Y
Forze 1 Forze2 Forze 1 Forze 2
Γ 1.26 1.33
F*y [kN] 2321 1449 1278 1008
d*y [m] 0.173 0.072 0.053 0.063
k* [kN/m] 13403 20210 24069 15911
m* [[kN s2/m] 469.36 469.36 428.69 428.69
T* [sec] 1.18 0.96 0.83 1.02

8.2.20.4 Valutazione richiesta di spostamento


Dallo spettro di spostamento relativo allo Stato Limite in esame, in funzione del periodo
T* si ricava la richiesta di spostamento elastico d*e,max del sistema ad un grado di libertà.
Se T*≥ TC (come accade nel caso in esame in cui TC = 0.5 sec) la richiesta di
spostamento del sistema anelastico è assunta uguale a quella di un sistema elastico di pari
periodo, ossia:
d *max =d *e,max =SDe T* ( )
Se T * < TC la risposta in spostamento del sistema anelastico è maggiore di quella di un
sistema elastico di pari periodo e si ottiene da quest’ultima mediante l’espressione:

d *e ,max ⎡
d *max =
q ⎣* ⎢
( )
T ⎤
1+ q * −1 C* ⎥ ≥d *e ,max
T ⎦
dove:
q* =
( )
S e T * ⋅m *
Fy*

rappresenta il rapporto tra la forza di risposta elastica e la forza di snervamento del


sistema equivalente. Se risulta q* ≤1 allora si ha d *max = d *e ,max .

Lo spostamento effettivo di risposta dmax del punto di controllo dell’edificio (sistema ad n


gradi di libertà MDOF) risulta pari a:
d max =Γ⋅d *max

Ripercorrendo i passi appena descritti, è riportata la richiesta di spostamento dell’edificio


in esame, valutata sia per lo Stato Limite di Danno Limitato (Tabella 8.2.28) che di
Danno Severo (Tabella 8.2.29), per ambedue le direzioni X e Y e in funzione delle due
distribuzione di forze statiche applicate alla struttura.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 167

Tabella 8.2.28 Richiesta spostamento Stato Limite Danno Limitato


Direzione X Direzione Y
Forze 1 Forze 2 Forze 1 Forze 2
T * [sec] 1.18 0.96 0.83 1.02
SDe(T*) [m] 0.046 0.037 0.032 0.040
d*max [m] 0.046 0.037 0.032 0.040
dmax [m] 0.058 0.047 0.043 0.053

Tabella 8.2.29 Richiesta spostamento Stato Limite Danno Severo


Direzione X Direzione Y
Forze 1 Forze 2 Forze 1 Forze 2
T* [sec] 1.18 0.96 0.83 1.02
SDe(T*) [m] 0.115 0.093 0.081 0.099
d*max [m] 0.115 0.093 0.081 0.099
dmax [m] 0.144 0.117 0.107 0.132

Ottenuta la richiesta di spostamento dmax si valuta quella deformativa per gli


elementi/meccanismi duttili e quella statica per gli elementi/meccanismi fragili in
corrispondenza della configurazione deformata dell’edificio definita da un valore dello
spostamento del punto di controllo pari a dmax. La verifica di sicurezza consiste pertanto
nel confrontare le suddette richieste con le corrispondenti capacità da intendersi
deformative per gli elementi/meccanismi duttili e resistenti per gli elementi/meccanismi
fragili. Tuttavia, prima di effettuare la verifica di sicurezza, si analizzano nel prosieguo i
modelli di capacità deformativa degli elementi/meccanismi duttili mentre per quanto
riguarda i modelli di capacità resistente degli elementi/meccanismi fragili si rimanda a
quanto già esposto nei paragrafi precedenti.

8.2.20.5 La valutazione della capacità deformativa


Per gli elementi/meccanismi duttili, la capacità è da intendersi in termini di deformazione
ed è definita con riferimento alla rotazione θ (rotazione rispetto alla corda) della sezione
d’estremità dell’elemento valutata rispetto alla congiungente di tale sezione con l’ascissa di
momento nullo posta a distanza pari alla luce di taglio Lv=M/V. Di seguito sono
presentati i modelli adottati per la verifica di sicurezza degli elementi/meccanismi duttili
dell’edificio in esame. In fase di verifica in termini di deformazioni degli elementi
strutturali, i valori delle caratteristiche dei materiali vengono valutati come rapporto tra i
valori medi ottenuti in situ divisi per il fattore di confidenza adeguato al livello di
conoscenza raggiunto.

Stato Limite di Collasso


La capacità di rotazione rispetto alla corda in condizioni di collasso θu, è valutata
mediante la formulazione ottenuta sulla base di risultati desunti da sperimentazione
diretta. In tal caso la capacità rotazionale ultima è definita:
168 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

0.225 0 , 35 ⎛ f ⎞
⎜ αρ sx yw ⎟
1 ⎡ max (0,01;ω ' ) ⎤ ⎛ LV ⎞ ⎜ ⎟
ν
(1,25100 ρd )
fc
θu = 0,016 ⋅ (0,3 ) ⎢ fc ⎥ ⎜ ⎟ 25 ⎝ ⎠ (8.16)
γ el ⎣ max (0,01;ω ) ⎦ ⎝ h ⎠
dove:
γel = 1.5 per gli elementi primari ed 1.0 per gli elementi secondari (come
definiti al punto 4.3.2 dell’OPCM);
h è l’altezza della sezione;
ν = N /(A c f c ) è lo sforzo assiale normalizzato agente su tutta la sezione Ac;
ω=A s f y /( bhf c ) percentuale meccanica di armatura longitudinale in trazione (b, h =
base ed altezza della sezione)
ω′=A ′s f y /(bhf c ) percentuale meccanica di armatura longitudinale in compressione (b, h
= base ed altezza della sezione);
fc , fy e fyw sono rispettivamente la resistenza a compressione del calcestruzzo e la
resistenza a snervamento dell’acciaio, longitudinale e trasversale, in
MPa, ottenute come media delle prove eseguite in situ e da fonti
aggiuntive di informazione, divise per il Fattore di Confidenza
appropriato in relazione al Livello di Conoscenza raggiunto (vedi
paragrafo 5.7);
ρ sx =A sx b w s h la percentuale di armatura trasversale ( s h = interasse delle staffe);
ρd la percentuale di eventuali armature diagonali in ciascuna direzione;
α è un fattore di efficienza del confinamento (vedi paragrafo 7.2.4.1).

In particolare, con riferimento alla valutazione della rotazione ultima degli elementi
strutturali (travi e pilastri) costituenti l’edificio in esame sono state effettuate le seguenti
assunzioni:
- resistenza a compressione del calcestruzzo:
f cm 16.73
fc = = = 13.94 MPa (8.17)
FC 1.2

- resistenza trazione dell’acciaio:


f ywm 440
f yw = = = 366.67 MPa (8.18)
FC 1.2

- lo sforzo assiale utilizzato per la valutazione del fattore ν=N/(Acfc) è assunto


costante e corrispondente alla sola condizione di carico gravitazionale da
combinazione sismica;
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 169

- la percentuale delle armature diagonali ρ d =0 in quanto assente;


- il fattore di efficienza del confinamento α=0 stante l’inadeguato dettaglio di
chiusura delle armature trasversali (staffe);
- la luce di taglio è assunta pari a Lv=0.5L.
- gli elementi non sono dotati di adeguati dettagli di tipo antisismico pertanto il
valore dato dall’espressione (8.16) è moltiplicato per 0.85.

Stato Limite di Danno Severo


La capacità di rotazione rispetto alla corda in condizioni di danno severo θSD è valutata
come aliquota della rotazione ultima precedentemente definita:
θ SD = 0.75 θ u (8.19)

Stato Limite di Danno Limitato


La capacità di rotazione totale rispetto alla corda è espressa in termini di rotazione allo
snervamento, θy ed è valutata mediante la seguente espressione:
LV ⎛ h ⎞ d f
θ y = φy + 0,0013⎜⎜1 + 1,5 ⎟⎟ + 0,13φ y b y (8.20)
3 ⎝ LV ⎠ fc
dove:
φy è la curvatura a snervamento della sezione terminale;
h è l’altezza della sezione;
db è il diametro (medio) delle barre longitudinali (in mm);
fc e fy sono rispettivamente la resistenza a compressione del calcestruzzo e la resistenza
a snervamento dell’acciaio longitudinale (in MPa), ottenute come media delle
prove eseguite in situ e da fonti aggiuntive di informazione, divise per il Fattore
di Confidenza appropriato in relazione al Livello di Conoscenza raggiunto (vedi
paragrafo 5.7).

8.2.20.6 Verifiche di sicurezza


Con riferimento al telaio trasversale riportato in Figura 8.2.30, sono di seguito presentate
le verifiche di sicurezza degli elementi/meccanismi duttili e di quelli fragili. In particolare,
le richieste rotazionali degli elementi duttili nonché le sollecitazioni degli elementi fragili
sono valutate in corrispondenza della configurazione deformata definita da uno
spostamento del punto di controllo pari allo spostamento massimo richiesto, dmax relativo
alle due distribuzioni di forze orizzontali utilizzate per la sola direzione trasversale Y e
con riferimento agli stati limite di Danno Limitato e Danno Severo.
170 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 8.2.30 Richiesta spostamento Stato Limite Danno Limitato


Direzione Y
Forze 1 Forze 2
dmax [m] 0.043 0.053

Tabella 8.2.31 Richiesta spostamento Stato Limite Danno Severo


Direzione Y
Forze 1 Forze 2
dmax [m] 0.107 0.132

Figura 8.2.30 Telaio di riferimento

8.2.20.7 Verifiche degli elementi: SL-DL


Per lo Stato Limite di Danno Limitato, SL-DL, la verifica di sicurezza è da intendersi solo
in termini deformativi. In particolare, le prescrizioni dell’Ordinanza stabiliscono che la
capacità deformativa si possa definire, in mancanza di più specifiche valutazioni, in
relazione ai valori limite di spostamento di interpiano validi per gli edifici nuovi ovvero in
termini di rotazione di snervamento θy .
Nel primo caso, le richieste deformative sono da intendersi come le rotazioni di piano
(spostamento di interpiano diviso l’altezza di interpiano) corrispondenti alla
configurazione deformata definita dallo spostamento massimo richiesto dmax; nel secondo
caso le richieste deformative sono valutate in termini di rotazioni di estremità θ degli
elementi corrispondenti alla configurazione deformata definita dallo spostamento
massimo richiesto dmax.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 171

Nel caso specifico la verifica di sicurezza viene effettuata assumendo quale capacità
deformativa la rotazione di snervamento θy.
Pertanto, nelle successive tabelle sono presentate le verifiche di sicurezza relative allo
Stato Limite di Danno Limitato, riportando le richieste rotazionali θ delle sezioni di
estremità degli elementi pilastri e travi corrispondenti alla richiesta di spostamento dmax, e
le corrispondenti capacità deformative θy.
Risulta evidente che, con riferimento alle due distribuzioni di forze orizzontali, tutti gli
elementi (fatta eccezione per la trave T3/1-9) soddisfano la verifica di compatibilità
deformativa.

Tabella 8.2.32 Verifica pilastri: SL-DL – distribuzione Forze 1


Elemento
B H Sezione θ θy F.S.
[m] [m] [m] [rad] [rad]
0.00 0.00243 3.23
P1-17 0.35 0.35 0.00785
2.75 0.00032 24.53
0.00 0.00156 6.12
P2-17 0.30 0.30 0.00955
2.95 0.00153 6.24
0.00 0.00092 9.74
P3-17 0.30 0.30 0.00896
2.95 0.00133 6.74
0.00 0.00125 6.70
P4-17 0.30 0.30 0.00838
2.95 0.00341 2.46
0.00 0.00244 3.18
P1-1 0.35 0.35 0.00777
2.75 0.00096 8.09
0.00 0.00092 10.25
P2-1 0.30 0.30 0.00943
2.95 0.00087 10.84
0.00 0.00027 32.96
P3-1 0.30 0.30 0.00890
2.95 0.00038 23.42
0.00 0.00028 29.89
P4-1 0.30 0.30 0.00837
2.95 0.00258 3.24
0.00 0.00240 4.94
P1-9 0.35 0.35 0.01185
2.75 0.00110 10.77
0.00 0.00299 2.79
P2-9 0.30 0.30 0.00835
2.95 0.00321 2.60
0.00 0.00260 3.65
P3-9 0.30 0.30 0.00948
2.95 0.00283 3.35
0.00 0.00277 3.06
P4-9 0.30 0.30 0.00848
2.95 0.00331 2.56
172 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 8.2.33 Verifica travi: SL-DL – distribuzione Forze 1


Elemento
B H Sezione θ θy F.S.
[m] [m] [m] [rad] [rad]
0.00 -0.00088 0.0068 7.73
T4/9-17 0.30 0.50
5.00 -0.00035 0.0066 18.86
0.00 0.00029 0.0048 16.55
T4/1-9 0.30 0.50
4.70 -0.00065 0.0076 11.69
0.00 0.00231 0.0046 1.99
T3/1-9 0.30 0.50
4.70 -0.00148 0.0089 6.01
0.00 -0.00337 0.0071 2.11
T3/9-17 0.30 0.50
5.00 -0.00016 0.0062 38.75
0.00 -0.00378 0.0068 1.80
T2/9-17 0.30 0.50
5.00 0.00006 0.0066 110.00
0.00 0.00246 0.0048 1.95
T2/1-9 0.30 0.50
4.70 -0.00175 0.0085 4.86
0.00 -0.00374 0.0068 1.82
T1/9-17 0.30 0.50
5.00 0.00027 0.0066 24.44
0.00 0.00247 0.0048 1.94
T1/1-9 0.30 0.50
4.70 -0.00203 0.0085 4.19

Tabella 8.2.34Verifica pilastri: SL-DL – distribuzione Forze 2


Elemento
B H Sezione θ θy F.S.
[m] [m] [m] [rad] [rad]
0.00 0.00180 4.36
P1-17 0.35 0.35 0.00785
2.75 0.00021 37.38
0.00 0.00224 4.26
P2-17 0.30 0.30 0.00954
2.95 0.00053 18.00
0.00 0.00198 4.53
P3-17 0.30 0.30 0.00896
2.95 0.00054 16.59
0.00 0.00168 4.99
P4-17 0.30 0.30 0.00838
2.95 0.00644 1.30
0.00 0.00181 4.29
P1-1 0.35 0.35 0.00776
2.75 0.00078 9.95
0.00 0.00168 5.61
P2-1 0.30 0.30 0.00943
2.95 0.00012 78.58
0.00 0.00133 6.69
P3-1 0.30 0.30 0.00890
2.95 0.00047 18.94
0.00 0.00063 13.29
P4-1 0.30 0.30 0.00837
2.95 0.00560 1.49
0.00 0.00177 6.69
P1-9 0.35 0.35 0.01185
2.75 0.00071 16.69
0.00 0.00317 2.63
P2-9 0.30 0.30 0.00834
2.95 0.00310 2.69
0.00 0.00456 2.08
P3-9 0.30 0.30 0.00948
2.95 0.00469 2.02
0.00 0.00585 1.45
P4-9 0.30 0.30 0.00848
2.95 0.00649 1.31
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 173

Tabella 8.2.35 Verifica travi: SL-DL – distribuzione di forze 2


Elemento
B H Sezione θ θy F.S.
[m] [m] [m] [rad] [rad]
0.00 -0.001050 0.00682 6.50
T4/9-17 0.30 0.50
5.00 -0.000330 0.00657 19.91
0.00 0.000470 0.00481 10.23
T4/1-9 0.30 0.50
4.70 -0.00069 0.00761 11.03
0.00 0.00517 0.00460 0.89
T3/1-9 0.30 0.50
4.70 -0.00162 0.00888 5.48
0.00 -0.00615 0.00712 1.16
T3/9-17 0.30 0.50
5.00 -0.00003 0.00619 206.33
0.00 -0.00472 0.00682 1.44
T2/9-17 0.30 0.50
5.00 0.00010 0.00657 65.70
0.00 0.00340 0.00481 1.41
T2/1-9 0.30 0.50
4.70 -0.00180 0.00849 4.72
0.00 -0.00301 0.00682 2.27
T1/9-17 0.30 0.50
5.00 0.00004 0.00657 164.25
0.00 0.00166 0.00481 2.90
T1/1-9 0.30 0.50
4.70 -0.00180 0.00849 4.72

8.2.20.8 Verifiche degli elementi/meccanismi duttili: SL-DS


Nelle successive tabelle sono riportate le richieste rotazionali θ delle sezioni di estremità
degli elementi travi e pilastri corrispondenti alla richiesta di spostamento dmax, relativa allo
Stato Limite di Danno Severo, e le corrispondenti capacità deformative θSD: tutti gli
elementi pilastri e travi soddisfano la verifica di compatibilità deformativa.

Tabella 8.2.36 Verifica deformativa travi: SL-DS – distribuzione Forze 1


Elemento
B H Sezione θ θSD F.S.
[m] [m] [m] [rad] [rad]
0.00 0.00031 0.01708 55.10
T4/9-17 0.30 0.50
5.00 0.00111 0.02484 22.38
0.00 0.00059 0.01671 28.32
T4/1-9 0.30 0.50
4.70 0.00069 0.02431 35.23
0.00 0.00753 0.01671 2.22
T3/1-9 0.30 0.50
4.70 0.00172 0.02431 14.13
0.00 0.00008 0.01708 213.50
T3/9-17 0.30 0.50
5.00 0.00856 0.02484 2.90
0.00 0.00032 0.01708 53.38
T2/9-17 0.30 0.50
5.00 0.00969 0.02484 2.56
0.00 0.00836 0.01671 2.00
T2/1-9 0.30 0.50
4.70 0.00202 0.02431 12.03
0.00 0.00083 0.01708 20.58
T1/9-17 0.30 0.50
5.00 0.00874 0.02484 2.84
0.00 0.00747 0.01671 2.24
T1/1-9 0.30 0.50
4.70 0.00259 0.02431 9.39
174 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 8.2.37 Verifica deformativa pilastri: SL-DS – distribuzione Forze 1


Elemento
B H Sezione θ θSD Verifica
[m] [m] [m] [rad] [rad]
0.00 0.00698 2.26
P1-17 0.35 0.35 0.01577
2.75 0.00077 20.48
0.00 0.00228 7.39
P2-17 0.30 0.30 0.01684
2.95 0.00133 12.66
0.00 0.00058 31.26
P3-17 0.30 0.30 0.01813
2.95 0.00172 10.54
0.00 0.00091 21.46
P4-17 0.30 0.30 0.01953
2.95 0.00803 2.43
0.00 0.00699 2.29
P1-1 0.35 0.35 0.01598
2.75 0.00142 11.25
0.00 0.00164 10.42
P2-1 0.30 0.30 0.01709
2.95 0.00068 25.13
0.00 0.00006 304.50
P3-1 0.30 0.30 0.01827
2.95 0.00073 25.03
0.00 0.00008 244.50
P4-1 0.30 0.30 0.01956
2.95 0.00713 2.74
0.00 0.00694 1.99
P1-9 0.35 0.35 0.01383
2.75 0.00508 2.72
0.00 0.00816 1.83
P2-9 0.30 0.30 0.01493
2.95 0.00867 1.72
0.00 0.00791 2.15
P3-9 0.30 0.30 0.01697
2.95 0.00816 2.08
0.00 0.00738 2.61
P4-9 0.30 0.30 0.01928
2.95 0.00811 2.38

Tabella 8.2.38 Verifica deformative travi: SLDS – distribuzione Forze 2


Elemento
B H Sezione θ θSD F.S.
[m] [m] [m] [rad] [rad]
0.00 0.00031 0.01708 55.10
T4/9-17 0.30 0.50
5.00 0.00135 0.02484 18.40
0.00 0.00117 0.01671 14.28
T4/1-9 0.30 0.50
4.70 0.00070 0.02431 34.73
0.00 0.01446 0.01671 1.16
T3/1-9 0.30 0.50
4.70 0.00203 0.02431 11.98
0.00 0.00038 0.01708 44.95
T3/9-17 0.30 0.50
5.00 0.01521 0.02484 1.63
0.00 0.00046 0.01708 37.13
T2/9-17 0.30 0.50
5.00 0.01168 0.02484 2.13
0.00 0.01111 0.01671 1.50
T2/1-9 0.30 0.50
4.70 0.00215 0.02431 11.31
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 175

Elemento
B H Sezione θ θSD F.S.
[m] [m] [m] [rad] [rad]
0.00 0.00059 0.01708 28.95
T1/9-17 0.30 0.50
5.00 0.00557 0.02484 4.46
0.00 0.00481 0.01671 3.47
T1/1-9 0.30 0.50
4.70 0.00236 0.02431 10.30

Tabella 8.2.39 Verifica deformative pilastri: SL-DS – distribuzione Forze 2


Elemento
B H Sezione θ θSD F.S.
[m] [m] [m] [rad] [rad]
0.00 0.00370 4.26
P1-17 0.35 0.35 0.01577
2.75 0.00090 17.52
0.00 0.00561 3.00
P2-17 0.30 0.30 0.01684
2.95 0.00051 33.02
0.00 0.00373 4.86
P3-17 0.30 0.30 0.01813
2.95 0.00022 82.41
0.00 0.00201 9.72
P4-17 0.30 0.30 0.01953
2.95 0.01554 1.26
0.00 0.00373 4.28
P1-1 0.35 0.35 0.01598
2.75 0.00214 7.47
0.00 0.00442 3.87
P2-1 0.30 0.30 0.01709
2.95 0.00192 8.90
0.00 0.00231 7.91
P3-1 0.30 0.30 0.01827
2.95 0.00115 15.89
0.00 0.00073 26.79
P4-1 0.30 0.30 0.01956
2.95 0.01432 1.37
0.00 0.00363 3.81
P1-9 0.35 0.35 0.01383
2.75 0.00203 6.81
0.00 0.00853 1.75
P2-9 0.30 0.30 0.01493
2.95 0.00864 1.73
0.00 0.01295 1.31
P3-9 0.30 0.30 0.01697
2.95 0.01305 1.30
0.00 0.01484 1.30
P4-9 0.30 0.30 0.01928
2.95 0.01588 1.21

8.2.20.9 Verifiche degli elementi/meccanismi fragili: SL-DS


Per questo tipo di verifica si rimanda al paragrafo 8.2.19.3, osservando che questa va
effettuata in corrispondenza di una configurazione deformata della struttura
corrispondente al valore dello spostamento richiesto per lo stato limite di Danno Severo.
Si ricorda che per quanto riguarda le verifiche degli elementi meccanismi fragili i valori
delle resistenze di calcolo dei materiali da dover utilizzare sono pari a:
176 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

resistenza a trazione del calcestruzzo:

0.27 ⋅ 3 (0.7 ⋅ Rcm ) 2 0.27 ⋅ 3 (0.7 ⋅ f cm / 0.83) 2


f ctd = = =
FC ⋅ ×γ c FC ⋅ ×γ c
(8.21)
0.27 ⋅ 3 (0.7 ⋅16.73 / 0.83) 2
= = 0.82 MPa
1.2 ⋅ ×1.6
resistenza a compressione cilindrica del calcestruzzo:
f cm 16.73
f cd = = = 8.71 MPa (8.22)
FC ⋅ γ c 1.2 ⋅ 1.6
resistenza a snervamento dell’acciaio:
f ywm 440
f ywd = = = 301.27 MPa (8.23)
FC ⋅ γ s 1.2 ⋅ 1.15
dove si è indicato con:
Rcm la resistenza cubica media del calcestruzzo;
fcm la resistenza cilindrica media del calcestruzzo;
fywm la tensione di snervamento media dell’acciaio (armatura trasversale);
FC= 1.2 il fattore di confidenza;
γc, γs coefficiente di sicurezza parziale del materiale (1.60 per il calcestruzzo e 1.15 per
l’acciaio).

Nelle successive tabelle sono riportate le sollecitazioni taglianti V degli elementi pilastri e
travi corrispondenti alla richiesta di spostamento dmax, relativa allo Stato Limite di Danno
Severo e le corrispondenti capacità resistenti Vu.
Con riferimento alle due distribuzioni di forze orizzontali, tutti gli elementi pilastri
risultano verificati, fatta eccezione per il pilastro numero 9 al piano terra, mentre tutte le
travi soddisfanno la verifica di resistenza.

Tabella 8.2.40 Verifica resistenza pilastri: SL-DS – distribuzione Forze 1


B H Sezione V Vu
Elemento F.S.
[m] [m] [m] [kN] [kN]
0.00 41.47 77.36 1.87
P1-17 0.35 0.35
2.75 41.47 77.36 1.87
0.00 42.14 62.95 1.49
P2-17 0.30 0.30
2.95 42.14 62.95 1.49
0.00 25.45 61.92 2.43
P3-17 0.30 0.30
2.95 25.45 61.92 2.43
0.00 34.24 60.60 1.77
P4-17 0.30 0.30
2.95 34.24 60.60 1.77
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 177

B H Sezione V Vu
Elemento F.S.
[m] [m] [m] [kN] [kN]
0.00 32.94 77.12 2.34
P1-1 0.35 0.35
2.75 32.94 77.12 2.34
0.00 28.35 62.76 2.21
P2-1 0.30 0.30
2.95 28.35 62.76 2.21
0.00 7.51 61.79 8.23
P3-1 0.30 0.30
2.95 7.51 61.79 8.23
0.00 29.30 60.56 2.07
P4-1 0.30 0.30
2.95 29.30 60.56 2.07
0.00 82.39 79.36 0.96
P1-9 0.35 0.35
2.75 82.39 79.36 0.96
0.00 55.07 64.31 1.17
P2-9 0.30 0.30
2.95 55.07 64.31 1.17
0.00 46.74 62.84 1.34
P3-9 0.30 0.30
2.95 46.74 62.84 1.34
0.00 37.58 60.85 1.62
P4-9 0.30 0.30
2.95 37.58 60.85 1.62

Tabella 8.2.41 Verifica resistenza travi: SL-DS – distribuzione Forze 1


B H Sezione V Vu
Elemento F.S.
[m] [m] [m] [kN] [kN]
0.00 -10.59 76.21 7.20
T4/9-17 0.30 0.50
5.00 40.41 76.21 1.89
0.00 -0.68 76.21 112.07
T4/1-9 0.30 0.50
4.70 47.26 76.21 1.61
0.00 -1.78 76.21 42.81
T3/1-9 0.30 0.50
4.70 70.64 76.21 1.08
0.00 -9.09 76.21 8.38
T3/9-17 0.30 0.50
5.00 67.96 76.21 1.12
0.00 -6.60 76.21 11.55
T2/9-17 0.30 0.50
5.00 70.45 76.21 1.08
0.00 1.48 76.21 51.49
T2/1-9 0.30 0.50
4.70 73.90 76.21 1.03
0.00 -1.81 76.21 42.10
T1/9-17 0.30 0.50
5.00 75.24 76.21 1.01
0.00 4.75 76.21 16.04
T1/1-9 0.30 0.50
4.70 77.18 76.21 0.99
178 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 8.2.42 Verifica resistenza pilastri: SL-DS – distribuzione Forze 2


B H Sezione V Vu
Elemento F.S.
[m] [m] [m] [kN] [kN]
0.00 38.86 77.36 1.79
P1-17 0.35 0.35
2.75 38.86 77.36 1.79
0.00 32.29 62.95 1.72
P2-17 0.30 0.30
2.95 32.29 62.95 1.72
0.00 32.79 61.92 1.70
P3-17 0.30 0.30
2.95 32.79 61.92 1.70
0.00 36.64 60.60 1.52
P4-17 0.30 0.30
2.95 36.64 60.60 1.52
0.00 23.19 77.12 2.99
P1-1 0.35 0.35
2.75 23.19 77.12 2.99
0.00 23.13 62.76 2.40
P2-1 0.30 0.30
2.95 23.13 62.76 2.40
0.00 15.03 61.79 3.70
P3-1 0.30 0.30
2.95 15.03 61.79 3.70
0.00 31.44 60.56 1.77
P4-1 0.30 0.30
2.95 31.44 60.56 1.77
0.00 82.39 79.36 0.84
P1-9 0.35 0.35
2.75 82.39 79.36 0.84
0.00 55.07 64.31 1.01
P2-9 0.30 0.30
2.95 55.07 64.31 1.01
0.00 46.74 62.84 1.19
P3-9 0.30 0.30
2.95 46.74 62.84 1.19
0.00 37.58 60.85 1.48
P4-9 0.30 0.30
2.95 37.58 60.85 1.48

Tabella 8.2.43 Verifica resistenza travi: SL-DS – distribuzione Forze 2


B H Sezione V Vu
Elemento F.S.
[m] [m] [m] [kN] [kN]
0.00 10.30 76.21 7.40
T4/9-17 0.30 0.50
5.00 40.70 76.21 1.87
0.00 -0.58 76.21 131.40
T4/1-9 0.30 0.50
4.70 47.36 76.21 1.61
0.00 -1.69 76.21 45.09
T3/1-9 0.30 0.50
4.70 70.73 76.21 1.08
0.00 -9.00 76.21 8.47
T3/9-17 0.30 0.50
5.00 68.05 76.21 1.12
0.00 -6.60 76.21 11.55
T2/9-17 0.30 0.50
5.00 70.45 76.21 1.08
0.00 1.48 76.21 51.49
T2/1-9 0.30 0.50
4.70 73.90 76.21 1.03
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 179

B H Sezione V Vu
Elemento F.S.
[m] [m] [m] [kN] [kN]
0.00 -1.81 76.21 42.10
T1/9-17 0.30 0.50
5.00 75.24 76.21 1.01
0.00 4.75 76.21 16.04
T1/1-9 0.30 0.50
4.70 77.18 76.21 0.99

8.2.20.10 Verifiche dei nodi trave-colonna


La verifica di resistenza deve essere eseguita solo per i nodi non interamente confinati;
essi devono soddisfare la condizione che la sollecitazione indotta dall’azione sismica sia
inferiore o uguale alla corrispondente resistenza. In particolare, deve essere verificata sia
la resistenza a trazione che quella a compressione, entrambe diagonali. Le relative
espressioni di verifica risultano:
a trazione diagonale
2 2
N ⎛ N ⎞ ⎛ Vn ⎞
σ nt = − ⎜ ⎟ +⎜ ⎟
2A g ⎜ 2A g ⎟ ⎜ A g ⎟ ≤0.3 f cd (8.24)
⎝ ⎠ ⎝ ⎠

a compressione diagonale
2 2
N ⎛ N ⎞ ⎛ Vn ⎞
σnc = + ⎜ ⎟ ⎜ ⎟ (8.25)
2A g ⎜ 2 A g ⎟ +⎜ A g ⎟ ≤0.5fcd
⎝ ⎠ ⎝ ⎠
dove:
N indica l’azione assiale presente nel pilastro superiore;
Vn indica il taglio totale agente sul nodo, valutato come la somma algebrica del taglio
derivante dall’azione presente nel pilastro superiore e della risultante di trazione
dell’armatura longitudinale superiore;
Ag indica la sezione orizzontale del nodo.

La valutazione delle capacità resistenti è effettuata con riferimento alle resistenze


specifiche dei materiali ricavate dai valori medi divisi il fattore di confidenza, che nel caso
in esame è uguale a FC=1.2, e il coefficiente di sicurezza parziale del materiale. Si hanno
quindi le seguenti resistenze dei materiali:

resistenza a compressione del calcestruzzo:


f cm 16.73
f cd = = = 8.71 MPa (8.26)
FC ⋅ γ c 1.2 ⋅ 1.6
dove si è indicato con:
fcm la resistenza cilindrica media del calcestruzzo;
180 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

FC= 1.2 il fattore di confidenza;


γc coefficiente di sicurezza parziale del calcestruzzo.

Pertanto, nel caso in esame le resistenze diagonali a trazione e a compressione risultano:


0.3 ⋅ f cd = 0.3 ⋅ 8.71 = 0.89 MPa 0.5 ⋅ f cd = 0.5 ⋅ 8.71 = 4.36 MPa

In particolare, si esegue la verifica del nodo esterno derivante dall’intersezione della


pilastrata 17 e della travata di primo impalcato del telaio trasversale di riferimento (Figura
8.2.31).

Sono valutate le sollecitazioni degli elementi corrispondenti alla richiesta di spostamento


dmax, relativa allo Stato Limite di Danno Severo; in particolare, si è fatto riferimento ad
ambedue le distribuzioni di forze orizzontali adottate. Pertanto, considerando gli elementi
trave e pilastro adiacenti il nodo oggetto di verifica, si ricavano le azioni necessarie alla
definizione delle tensioni diagonali di trazione e di compressione. In particolare, in
Tabella 8.2.44, sono riportati: lo sforzo normale N e l’azione tagliante V del pilastro
superiore P2-17, nonché la sollecitazione flessionale, M e la corrispondente risultante di
trazione, T valutata nella sezione di interfaccia nodo- trave T1/9-17.

Figura 8.2.31 Nodo di riferimento

Tabella 8.2.44 Valutazione delle azioni di nodo


Colonna P2-17 Trave T1/9-17 Nodo
Distribuzione N V M T N Vn
[kN] [kN] [kNm] [kNm] [kN] [kN]
Forze 1 253.95 42.14 120.81 279.65 253.95 237.51
Forze 2 253.95 32.29 120.81 279.65 253.95 247.36
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 181

In Tabella 8.2.45, sono riportate le tensioni di trazione, σnt e compressione, σnc diagonale
con riferimento alle due distribuzioni di forze orizzontali applicate.
In definitiva, con riferimento alle due distribuzioni di forza adottate, la verifica del nodo
non risulta mai soddisfatta in termini di trazione mentre risulta compatibile con la
resistenza di compressione diagonale.

Tabella 8.2.45 Valutazione delle tensioni di trazione compressione diagonale


Ag N Vn σnt σnc
Distribuzione
[cm2] [kN] [kN] [MPa] [MPa]
Forze 1 1225 253.95 237.51 1.16 3.24
Forze 2 1225 253.95 247.36 1.23 3.31
182 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

8.3 VALUTAZIONE BASATA SU MODELLO PLASTICITÀ DIFFUSA


La valutazione del comportamento sismico dell’edificio sede del Comune di Vagli Sotto,
originalmente progettato in accordo con il R.D. n. 2229/39 e depositato ai sensi della
Legge 1964/62 nel 1965, è qui eseguita secondo i criteri stabiliti nella Ordinanza del
Presidente del Consiglio dei Ministri No. 3274 del 20 marzo 2003 e sue successive
modifiche ed integrazioni, nel seguito OPCM. Il riferimento normativo in base al quale
sono state condotte le verifiche sismiche è quindi l’Allegato 2 “Norme tecniche per il progetto,
la valutazione e l’adeguamento sismico degli edifici”, modificato secondo l’Ordinanza 3431/2005,
nel seguito Allegato 2 oppure OPCM.

8.3.1 Altri documenti di riferimento


Circolare Ministeriale del 4 Luglio 1996 “Istruzioni per l’applicazione delle Norme tecniche
relative ai criteri generali per la verifica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi”
GU n. 217 - supplemento del 16-9-1996.
Decreto Ministeriale del 9 Gennaio 1996 “Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione ed il collaudo
delle strutture in cemento armato, normale e precompresso e per le strutture metalliche” GU n. 29
- supplemento del 5-2-1996
Decreto Ministeriale del 16 Gennaio 1996 “Norme tecniche relative ai criteri generali per la
verifica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi” GU n. 29 - supplemento del
5-2-1996
Disposizioni attuative dell’art. 2, commi 2, 3 e 4, dell’Ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 Marzo 2003, recante “Primi elementi in materia di
criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le
costruzioni in zona sismica”. GU n. 252 del 29-10-2003.
Eurocode 2 “Design of concrete structures – Part 1-1: General rules and rules for buildings”, EN
1992-1-1, Dicembre 2004.
Eurocode 8 “Design of Structures for earthquake resistance – Part 1: General rules, seismic actions
and rules for buildings”, EN 1998-1, Dicembre 2004.
Eurocode 8 “Design of Structures for earthquake resistance – Part 3: Strengthening and repair of
buildings”, EN 1998-3, Giugno 2005.

8.3.2 Descrizione dell’edificio


L’edificio, progettato nel 1965, è una costruzione con struttura intelaiata in c.a. ordinario,
di due piani fuori terra più un piano seminterrato di minore estensione. Le altezze
interpiano sono di 2.05 m per il piano seminterrato, di 3.20 m per il piano terra e di 3.50
m per il primo piano. L’edificio ha una forma approssimativamente rettangolare in pianta,
gli ingombri massimi sono 27.25 m (direzione X) e 13.60 m (direzione Y), con un aggetto
sulla parte frontale in corrispondenza della sala consiliare. Nella Figura 8.3.1 si riportano
le immagini relative alle viste prospettiche dell’edificio.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 183

(a) (b)

(c) (d)
Figura 8.3.1 Edificio Sede Comunale di Vagli Sotto - Viste prospettiche: (a)
frontale (lato Sud), (b) laterale (lato Sud - Ovest), (c) laterale (lato Nord - Ovest),
(d) laterale (lato Sud - Est) dell’edificio

La struttura dell’edificio è composta da telai in cemento armato disposti in direzione


trasversale rispetto alla forma dell’edificio uniti tra loro da travi di collegamento in
corrispondenza dei solai interpiano. A livello di fondazione è presente, in corrispondenza
del seminterrato localizzato nella sola parte centrale dell’edificio e di dimensioni
11.00×3.70 m, una platea su cui si innestano muri continui e su questi, a loro volta, parte
dei pilastri del piano terra; nella restante parte sono disposti plinti di fondazione su cui si
innestano direttamente gli altri pilastri. I solai sono costituiti da travetti unidirezionali in
laterocemento con un getto di completamento di 40 mm. La struttura del tetto è
costituita da un solaio inclinato in laterocemento appoggiato su elementi verticali. Di
seguito si riportano alcuni disegni relativi a:
• sezione Est – Ovest (Figura 8.3.2);
• piante (Figura 8.3.3, Figura 8.3.4 e Figura 8.3.5).
184 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Figura 8.3.2 Sezione Est – Ovest

Figura 8.3.3 Pianta piano interrato

Figura 8.3.4 Pianta piano terreno


Capitolo 8. Gli esempi applicativi 185

Figura 8.3.5 Pianta primo piano

Per la caratterizzazione strutturale dell’edificio, si sono potute consultare le seguenti fonti:


• Documenti di progetto
• Fotografie
• Schede di primo livello per il rilevamento dell’esposizione e della vulnerabilità
degli edifici (G.N.D.T.)
• Schede di analisi dei carichi redatte in occasione della verifica dei disegni originali
di progetto tramite indagine in-situ
• Risultati di prove sui materiali eseguite in-situ e in laboratorio

Per quanto riguarda la geometria della struttura, è stata condotta una verifica approfondita
delle grandezze geometriche dalla quale è risultata una sostanziale coincidenza con
quanto evidenziato sugli elaborati progettuali disponibili. Per quello che riguarda i dettagli
strutturali, invece, sono disponibili gli elaborati di progetto dai quali sono state dedotte
informazioni di dettaglio sia sulle armature dei pilastri che delle travi. Infine, le proprietà
meccaniche dei materiali sono state individuate seguendo le procedure descritte nel capitolo 4
di questo Manuale, utilizzando sia prove distruttive che non, condotte dalla Regione
Toscana. In considerazione di ciò e dei dati a disposizione si è assunto un livello di
conoscenza adeguato (LC2) che consente la valutazione della sicurezza sismica con ogni
tecnica di analisi (statica e non, lineare e non).

Di seguito si riassumono le principali caratteristiche degli elementi impiegati nella


struttura.
186 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Colonne: le colonne hanno sezione costante lungo l’altezza, pari a 0.25×0.40 m. Esse
sono tutte realizzate con il lato lungo della sezione orientato nella direzione
minore dell’edificio, tranne nel caso delle due colonne centrali situate in
corrispondenza del prospetto nord (vedi Figura 8.3.1c), per le quali il lato da
0.40 m è diretto nel senso longitudinale (direttrice Nord – Sud) dell’edificio.
L’armatura longitudinale è costituita da 4Φ16, mentre l’armatura trasversale
è composta da staffe Φ6 con spaziatura variabile tra 0.15 e 0.20 m (Figura
8.3.6).

Figura 8.3.6 Sezione delle colonne

Travi: gli elementi perimetrali al piano terra sono rastremati: la loro sezione varia
da 0.25×0.50 m agli appoggi fino a 0.25×0.35 m nel punto di mezzeria.
L’armatura longitudinale è costituita da barre Φ16, mentre l’armatura
trasversale è costituita da staffe Φ6 o Φ8 con spaziatura fissa di 0.20 m. Le
travi principali hanno sezione 0.25×0.50 m, con armatura longitudinale
costituita da barre Φ16 o Φ12 ed armatura trasversale costituita da staffe
Φ6 con spaziatura fissa di 0.20 m. Tipicamente:

Figura 8.3.7 Sezione tipo delle travi principali


Capitolo 8. Gli esempi applicativi 187

Come si nota dalla Figura 8.3.7, la porzione di soletta collaborante viene


considerata parte della trave; la maggior parte delle travi sono, quindi,
caratterizzate da una sezione a T. Altre travi di lunghezza inferiore hanno
sezione 0.16×0.40 m, con armatura longitudinale costituita da barre Φ16 e
armatura trasversale costituita da staffe Φ6 distanziate di 0.20 m. Tutte le
staffe sono chiuse a 90°.

Copertura: è realizzata con solai inclinati di altezza 0.16 m in laterocemento con getto
integrativo, sorretti da travi di dimensioni 0.16×0.25 m con armatura
longitudinale costituita da barre Φ12. Esse poggiano su pilastri con sezione
inferiore rispetto a quella del piano sottostante, pari a 0.16×0.25 m, e con
armatura longitudinale costituita da 4 barre Φ12:

(a) (b)
Figura 8.3.8 Sezione tipo delle (a) travi di copertura e (b) colonne del solaio
di sottotetto

8.3.3 Azione sismica


In questo paragrafo sono descritti il metodo utilizzato e i risultati ottenuti nel presente
lavoro, per quel che concerne la determinazione dell’azione sismica (componenti
orizzontale e verticale), per il sito della sede comunale di Vagli Sotto. Tale azione è stata
calcolata in termini di spettri di risposta (secondo quanto indicato al paragrafo 5.2 di
questo Manuale), dal momento che l’analisi strutturale dell’edificio è stata effettuata con i
metodi dell’analisi statica non lineare e dell’analisi dinamica lineare.

8.3.3.1 Zona sismica di appartenenza


L’individuazione della zona sismica di appartenenza del Comune di interesse risulta
necessaria ai fini della definizione del valore di ag (accelerazione di picco orizzontale del
suolo su sito rigido, avente probabilità di superamento del 10% in 50 anni, e
corrispondente ad un periodo di ritorno di 475 anni), secondo quanto prescritto al § 3.2.1
dell’OPCM.

Il Comune di Vagli Sotto (provincia di Lucca), ove è situata la sede comunale oggetto di
studio, si trova nella zona sismica 2, come indicato nella Classificazione Sismica dei
188 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Comuni Italiani, riportata nell’Allegato 1 dell’OPCM. Pertanto il valore di progetto di ag


da utilizzare è pari a 0.25 g.

8.3.3.2 Categoria di suolo di fondazione e definizione di VS,30


Ai fini della definizione dell’azione sismica, è necessario identificare la categoria di profilo
stratigrafico di appartenenza del sito di interesse, come indicato nell’OPCM. Tale
categoria può essere determinata sulla base del valore di Vs,30, ovvero della velocità
“media pesata” di propagazione delle onde di taglio entro i primi 30 m di profondità,
definita al § 3.1 dell’OPCM. Il calcolo di Vs,30 per il sito in esame è stato effettuato in
modo indipendente utilizzando sia il profilo di velocità Vs ricavato dai risultati della prova
sismica down-hole, sia il profilo Vs ricavato dalla prospezione sismica a rifrazione in onde
S. I due profili ottenuti sono riportati nella Figura 8.3.9. Si noti che la profondità di
riferimento delle ordinate è relativa al piano di posa delle fondazioni.

Risultati della prova downhole Risultati della sismica a rifrazione

Vs [m/s] Vs [m/s]
0 200 400 600 800 1000 1200 1400 0 200 400 600 800 1000
0 0

5 5

10 10
Profondità [m]

Profondità [m]

15 15

20 20

25 25

30 30

35 35

Figura 8.3.9 Profili ottenuti, rispettivamente, dalla prova sismica down-hole e


dalla prospezione sismica a rifrazione in onde S

A partire da tali profili, sono stati ricavati i due corrispondenti valori di Vs,30, secondo la
formula:
30
Vs ,30 = 3
Hi

i =1 Vsi
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 189

dove:
• hi è lo spessore in metri del tratto i-esimo;
• Vsi è la velocità delle onde di taglio nello strato i-esimo.

Il valore di Vs,30 ottenuto con la prova down-hole è di 627 m/s, mentre per la prova a
rifrazione si è arrivati ad una velocità media di 603 m/s. I due valori sono quindi molto
vicini tra loro e, in entrambi i casi, compresi tra 360 m/s e 800 m/s, facendo pertanto
ricadere il sito in esame nella categoria di suolo di fondazione B.

8.3.3.3 Fattori di amplificazione stratigrafica e topografica


Nell’OPCM vengono definiti due fattori di amplificazione dell’azione sismica, che
tengono conto, rispettivamente, del profilo stratigrafico del suolo di fondazione
(amplificazione stratigrafica) e della morfologia del sito (amplificazione topografica),
dovuta cioè al fatto che l’edificio in questione possa trovarsi in un’area non pianeggiante.
Il coefficiente S di amplificazione stratigrafica (si veda il § 3.2.3 dell’OPCM) dipende dalla
categoria di profilo stratigrafico del sito. Per un suolo di tipo B, vengono definiti i
seguenti valori:
• S = 1.25 per la componente orizzontale dell’azione sismica
• S = 1.0 per la componente verticale dell’azione sismica

Il coefficiente ST di amplificazione topografica (si veda il § 2.2 dell’Allegato 4


all’Ordinanza) assume valori diversi da 1 nel caso in cui si abbia una struttura eretta sopra
o in vicinanza di un pendio con inclinazione > 15° e dislivello superiore a circa 30 m. Nel
caso in esame, la sede comunale si trova su un terrazzo con pendenza inferiore al 4% e
pertanto il coefficiente ST sarà considerato pari a 1.

8.3.3.4 Fattore di importanza dell’opera


Come discusso al paragrafo 5.1 di questo Manuale, e considerando che la sede comunale
in esame è stata considerata appartenente alla categoria I, definita per edifici la cui
funzionalità durante il terremoto ha importanza fondamentale per la protezione civile (ad esempio
ospedali, municipi, caserme dei vigili del fuoco), si è assegnato all’edificio in studio un coefficiente
di importanza γi pari a 1.4.

8.3.3.5 Definizione dell’azione sismica


Determinati i parametri necessari per la formulazione analitica degli spettri (§ 3.2.3
dell’Ordinanza), sono stati costruiti gli spettri di risposta elastici orizzontali in
accelerazione e spostamento, per i 3 stati limite di DL, DS e CO, riportati nella Figura
8.3.10 e nella Figura 8.3.11 (per ciò che concerne il procedimento seguito per ricavare gli
spettri si veda il capitolo 5 del presente Manuale).
190 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

1.40

1.20
SL-CO
1.00

0.80
Sd[g]

SL-DS
0.60

0.40
SL-DL
0.20

0.00
0.00 0.50 1.00 1.50
2.00 2.50 3.00 3.50 4.00
T[s ]
Figura 8.3.10 Spettri di risposta in accelerazione per i tre stati limite
0.35
SL-CO
0.30

0.25
SL-DS
0.20
SD[m]

0.15

0.10 SL-DL

0.05

0.00
0.00 0.50 1.00 1.50
2.00 2.50 3.00 3.50 4.00
T[s ]
Figura 8.3.11 Spettri di risposta in spostamento per i tre stati limite

8.3.4 Carichi e masse per la verifica sismica


Nella valutazione dei carichi per i quali verificare l’edificio nell’analisi sismica si utilizza il
metodo degli stati limite distinguendo fra carichi permanenti e variabili (vedi Manuale 1).
In particolare, seguendo quanto indicato in § 3.3 dell’OPCM, si è considerata, per tutti e
tre gli stati limite (di Collasso, di Danno Severo e di Danno Limitato) la seguente
combinazione dell’azione sismica con le altre azioni:
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 191

Fd = γ I E + Gk + ψ 2 Qk
dove:
γI E = azione sismica calcolata allo stato limite corrispondente
Gk = valore caratteristico delle azioni permanenti
Qk = valore caratteristico dei sovraccarichi (uniche azioni variabili considerate in questo
studio)
ψ2= coefficiente di combinazione che fornisce il valore quasi-permanente della azione
variabile Qk in presenza di sisma (Tabella 8.3.1)

Tabella 8.3.1 Valori dei coefficienti delle combinazioni delle


azioni variabili per le varie destinazioni d’uso
Destinazione d’uso ψ2
Abitazioni,uffici 0.30
Uffici aperti al pubblico, scuole, negozi, autorimesse 0.60
Tetti e coperture con neve 0.20
Magazzini,archivi, scale 0.80
Vento, variazioni termiche 0.00

I valori caratteristici dei carichi permanenti e dei sovraccarichi sono stati opportunamente
ricavati dai documenti indicati al § 8.3.2 del presente Manuale. Si è inoltre supposto (§ 3.3
dell’OPCM) che durante l’azione sismica alcuni sovraccarichi non partecipino al moto e
quindi alla definizione delle forze di inerzia agenti sulla struttura, non essendo
rigidamente vincolati ad essa. Di questo si è tenuto conto nel calcolo delle masse
associate ai carichi gravitazionali riducendo il contributo dei sovraccarichi di un fattore ϕ
(Tabella 8.3.2) secondo la relazione: Gk + ϕψ 2 Qk .

Tabella 8.3.2 Valori del fattore ϕ per i diversi tipi di carico


Carichi ai piani ϕ
Copertura 1.00
Archivi 1.00
Carichi correlati 0.80
Carichi indipendenti 0.50

8.3.5 Modellazione della struttura


L’analisi della struttura è stata eseguita con il codice SeismoStruct (SeismoSoft, 2005), un
programma gratuitamente scaricabile da internet per applicazioni non-commerciali, in
grado di eseguire analisi non lineari tramite una modellazione a fibre (paragrafo 5.5.2.2).

Nel seguito si farà riferimento alla nomenclatura indicata in Figura 8.3.12 e in Figura
8.3.13 per l’ individuazione di elementi strutturali.
192 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Figura 8.3.12 Vista di un telaio tipo con sviluppo in direzione X

Figura 8.3.13 Vista di un telaio tipo con sviluppo in direzione Y

8.3.5.1 Caratterizzazione dei materiali


Come riferito in 8.3.2, la documentazione raccolta, le prove in-situ e le prove in
laboratorio hanno permesso l’individuazione dei valori medi delle caratteristiche
meccaniche dei materiali; per il calcestruzzo la resistenza a compressione (fc) risulta pari a
8.3 MPa, mentre nel caso dell’acciaio il valore medio di resistenza allo snervamento (fy) si
è considerato uguale a 440 MPa. Il valore medio del modulo elastico del calcestruzzo è
stato stimato tramite l’espressione fornita dal Eurocodice 2 (Ec=9500⋅(fc)1/3), risultando
quindi uguale a 19.2 GPa, mentre per l’acciaio un valore di 200 GPa è stato assunto.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 193

Questi valori sono stati utilizzati nella definizione delle caratteristiche dei materiali,
necessaria in una analisi a fibre (per tutti gli altri parametri necessari per la calibrazione
dei legami costitutivi sono stati considerati i valori di default del programma); i diagrammi
sforzo-deformazione impiegati dal software di calcolo sono quelli illustrati al paragrafo
5.5.2.2 (Figura 5.5.11).
Per ciò che concerne le deformazioni ultime, corrispondenti al raggiungimento del valore
di capacità ultima in curvatura che si può ricavare dal diagramma momento-curvatura
tipico di sezioni in cemento armato debolmente confinate, si sono assunti i seguenti
valori, proposti da Priestley (1997):
• εcu = 0.005, deformazione ultima del calcestruzzo compresso;
• εsu = 0.020, deformazione ultima dell’armatura longitudinale.
Tali valori saranno utilizzati nel computo delle capacità ultime a momento flettente.

8.3.5.2 Rappresentazione degli elementi strutturali verticali


Le travi e i pilastri sono stati modellati utilizzando elementi tipo trave con 8 sezioni di
integrazione, più vicine fra loro alle estremità dell’elemento dove è attesa una
concentrazione delle deformazioni anelastiche.
Le pareti strutturali, presenti al livello del seminterrato localizzato nella sola parte centrale
dell’edificio, sono state modellate utilizzando elementi trave rigidamente connessi alla
restante parte della struttura, dato che un elemento piastra non era disponibile nel
software di analisi non lineare impiegato. Un tale approccio è solitamente adeguato nella
modellazione di pareti snelle (h/l > 2), in cui il comportamento/risposta è essenzialmente
flessionale. In una parete tozza come quella presente nella struttura (h/l = 2.05/3.7 =
0.55), invece, la componente di deformabilità a taglio risulta non trascurabile, e quindi la
modellazione impiegata troppo approssimativa. In questo caso, però, data la elevata
rigidezza di questo elemento, e la conseguente ridotta deformabilità imposta dai carichi
sismici (massimo spostamento orizzontale uguale a 0.001 m), tale modellazione non
dovrebbe portare a dei grossi errori.
Il modello è illustrato in Figura 8.3.14.

8.3.5.3 Rappresentazione degli elementi orizzontali


Vista la irregolarità in pianta e, soprattutto, la presenza di un nucleo di irrigidimento nella
parte centrale dell’edificio, diventa opportuno considerare l’effettiva rigidezza dei solai,
poiché questa condiziona la ripartizione delle forze di inerzia fra i diversi elementi che
hanno il compito di resistere alla azione sismica.
Nel codice utilizzato la deformabilità dei solai è stata modellata ricorrendo ad un metodo
semplificato basato sull’utilizzo di bielle equivalenti (vedi Manuale 1, paragrafo 4.2.3)
come mostrato in Figura 8.3.14. Le caratteristiche di quest’ultime sono state calcolate nel
seguente modo:
• si è suddiviso ciascun solaio di piano in parti approssimativamente quadrate (come
suggerito dalla disposizione delle colonne)
194 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Figura 8.3.14 Modello non lineare della struttura

• considerando per il calcestruzzo il modulo elastico pari a Ec=19.2 GPa (paragrafo


8.3.5.1) e il coefficiente di Poisson ν=0.2, e per l’acciaio Es=200 GPa e ν=0.3, si è
ricavato il modulo elastico a taglio dei materiali:
Ec Es
Gc = =8.0 GPa Gs = =76.9 GPa (8.27)
2(1 + ν c ) 2(1 + ν s )
ed anche il fattore di omogeneizzazione m:
G s 76.9
m= = = 9.6 (8.28)
Gc 8.0

• considerando un “panello di solaio” tipico della struttura, di dimensioni 4.4 × 4.25 m2,
si è calcolato il volume omogeneizzato (volume calcestruzzo + volume acciaio
amplificato dal fattore di omogeneizzazione m pari al rapporto fra modulo di taglio
dell’acciaio e del calcestruzzo) e quindi lo spessore del solaio omogeneo (in
calcestruzzo) t del panello:

Vc = 41
.25
44 ⋅ 42 ⋅ 04
.44 04 + 10 ⋅ (4.25 ⋅ 0.08 ⋅ 0.12) = 1.156 m3
.3
144424443
soleta travetti

⎡ π 10 2 π 10 2 ⎤ −6
Vs= ⎢10 ⋅ 2 ⋅ ⋅4.25 + 10 ⋅1.25⋅ ⋅ 2 ⎥ ⋅10 = 8.64 ⋅10 −3 m 3
⎣ 4 4 ⎦
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 195

Vc + m ⋅ Vs 1.156 + 9.6 ⋅ 0.00864


t= = ≈ 7 cm. (8.29)
A 4.25 ⋅ 4.4
• considerato il solaio equivalente sopra calcolato, se ne è valutata la rigidezza elastica
laterale Ksol tramite la formula approssimata:
1
K sol = 3
( L' ) L' (8.30)
+
12 E c I As Gc
essendo L’ la dimensione del solaio in direzione ortogonale al sisma, I il momento di
inerzia della sezione, As l’area di taglio, Ec e Gc rispettivamente il modulo elastico e il
modulo a taglio del calcestruzzo.

• introdotta una biella equivalente con rigidezza assiale elastica Kb pari a:


Eb Ab
Kb = (8.31)
Lb
dove con Ab si è indicata l’area della sezione della biella, con Eb il modulo elastico del
materiale della biella e con Lb la lunghezza della biella. Supposta tale biella vincolata al
solaio mediante cerniere, al fine di evitare la trasmissione di momenti, e nell’ipotesi di
un solaio approssimativamente quadrato, dall’eguaglianza delle due rigidezze Ksol e Kb
si ottiene un’equazione lineare nell’incognita Ab immediatamente risolvibile.
In particolare, utilizzando le dimensioni e le proprietà del solaio equivalente sopra
calcolato, essendo L’=4250 mm, L=4400 mm, t=70 mm, Ec=19.2 GPa, Gc=8.0 GPa,
si è ottenuto:
44003 ⋅ 70 5 5
I= = 4.969 ⋅1011 mm 4 ; As= A = (4400 ⋅ 70) = 256667 mm 2
12 6 6
1
Kb = 3
= 364920 N/mm
4250 4250
+
12 ⋅ 19200 ⋅ 4.969 ⋅ 10 11
256667 ⋅ 8000

Si noti che con Kb=364920 N/mm, Ec =19200 MPa, l = 4250 2 + 4400 2 =6117.4
mm, l’area della biella risulta pari a: Ab =364920 × 6117.4/19200=116269 mm2.

Nell’ipotesi di una biella a sezione circolare il diametro risulta pari a 385 mm. Noto il
diametro e le proprietà del calcestruzzo è quindi possibile definire le bielle da
introdurre nel modello per tenere in conto la deformabilità dei solai.
196 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

8.3.5.4 Fondazioni
Si è deciso di eseguire uno studio parametrico iniziale con l’obiettivo di valutare la
necessità o meno di eseguire la modellazione esplicita della interazione terreno-
fondazione-struttura. Si è scelto quindi di separare il sistema in due sottostrutture e
procedere all’analisi delle stesse in maniera indipenedente: (i) sovrastruttura e (ii)
fondazione più terreno. Le fondazioni sono state modellate utilizzando elementi trave ed
elementi piastra. Si è tenuto conto dei fenomeni d’Interazione Dinamica Terreno-
Struttura (IDTS), che si rilevano nella risposta di una struttura sottoposta ad
un’eccitazione sismica.
Il calcolo degli elementi della matrice di rigidezza del sistema fondazione-terreno è stato
effettuato utilizzando il metodo di Gazetas (1991). Esso fornisce una matrice di rigidezza,
i cui elementi, a valori complessi, dipendono dalla frequenza di eccitazione. L’approccio
è, inoltre, rigorosamente definito per il caso di fondazioni superficiali aventi una forma
qualsiasi. Per rendere possibile l’applicazione del metodo, si è suddiviso il reticolo di travi
in due blocchi, a destra e a sinistra della platea presente in prossimità del vano scale che,
risultando estremamente rigido, impedisce di considerare il reticolo come un unico
elemento. In questo modo, il sistema analizzato è più flessibile di quello reale e ciò
consente di ottenere valori degli elementi della matrice di rigidezza di interazione inferiori
rispetto al caso reale. La matrice così ottenuta può essere, pertanto, considerata come
limite inferiore, da confrontarsi con il limite superiore, ottenuto ipotizzando la
sovrastruttura incastrata e, quindi, la matrice di rigidezza infinita.
La matrice di rigidezza di interazione terreno-struttura è stata calcolata inizialmente per il
caso statico (frequenza nulla). In seguito, è stata calcolata per il caso dinamico,
utilizzando la frequenza propria fondamentale della struttura; tuttavia, visto che la
frequenza del sistema dipende a sua volta dalla matrice di rigidezza del sistema stesso è in
generale necessario ricorrere a un processo iterativo fino a convergenza. Nel caso in
esame, la convergenza è stata raggiunta alla prima iterazione: ciò implica che l’effetto
dinamico non influenza l’interazione terreno-struttura, come evidenzia il confronto tra i
valori di rigidezza delle molle nel caso statico e dinamico, riportato per ciascuno dei due
blocchi considerati, rispettivamente, nella Tabella 8.3.3 e nella Tabella 8.3.4

Tabella 8.3.3 Valori di rigidezza delle molle di interazione (in kN/m) per il blocco 1
Frequenza Kxx Kyy Kzz Krx Kry Krz Kxry Kyrx
0 3.1⋅107 3.1×107 2.95×107 1.28×109 1.75×109 3.2×109 1.45×107 1.46×107
0.813 3.1×107 3.1×107 2.96×107 1.26×109 1.72×109 3.14×109 1.45×107 1.46×107

Tabella 8.3.4 Valori di rigidezza delle molle di interazione (in kN/m) per il blocco 2
Frequenza Kxx Kyy Kzz Krx Kry Krz Kxry Kyrx
0 1.74×107 1.8×107 1.7×107 7.96×108 3.95×108 1.26×109 8.38×106 8.69×106
0.813 1.75×107 1.81×107 1.69×107 7.89×108 3.9×108 1.25×109 8.38×106 8.69×106
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 197

Inoltre, se si considera il confronto tra il sistema deformabile e il sistema infinitamente


rigido (incastro perfetto tra terreno e struttura) si può concludere che, per il caso in
esame, la deformabilità del sistema fondazione-terreno è trascurabile rispetto alla
deformabilità complessiva della sovrastruttura. Tale considerazione è confermata da
confronto dei periodi propri di vibrare della struttura con e senza interazione (Tabella
8.3.5); pertanto, in tutte le analisi che seguono, ed in generale in quei casi in cui il terreno
non presenta peculiari caratteristiche di deformabilità, si può con buona approssimazione
trascurare l’interazione terreno-struttura e considerare la fondazione incastrata al suolo.

Tabella 8.3.5 Confronto fra periodi propri di vibrare della struttura con molle di
interazione ed interamente incastrata
Periodi [s] 1° Modo 2° Modo 3° Modo 4° Modo 5° Modo 6° Modo 7° Modo
Con molle 1.11 1.02 0.80 0.62 0.40 0.36 0.30
Senza molle 1.10 1.02 0.80 0.62 0.40 0.36 0.30

8.3.5.5 Masse
Nelle analisi dinamiche lineari svolte è stato necessario introdurre nel modello le masse
sismiche dei piani. Ciò è stato fatto attribuendo a ciascun nodo (intersezione tra travi e
colonne) di ciascun piano la massa relativa alla sua area di influenza. Le masse
concentrate, rappresentando l’inerzia traslazionale del solaio, sono state disposte lungo le
due direzioni orizzontali principali dell’edificio (X e Y), avendo supposto l’inerzia
traslazionale uguale in tutte le direzioni del moto e trascurando le sollecitazioni verticali:
la struttura, infatti, non presenta elementi vulnerabili al moto sussultorio del terreno (vedi
paragrafo 5.2).

8.3.5.6 Breve verifica del modello numerico


Per verificare l’attendibilità del modello creato sul software di analisi non-lineare, ed in
particolare la modellazione dei solai tramite le bielle equivalenti e delle pareti strutturali
mediante colonne equivalenti, sono stati eseguiti brevi confronti con un modello
equivalente creato con un altro strumento di calcolo strutturale, nella fattispecie SAP2000
(CSI, 2005), in cui i solai e le pareti sono modellati come elementi piastra. A tal fine si è
utilizzato un modello leggermente semplificato dell’edificio in cui è stata trascurata la
presenza del tetto e dei solai.
Si sono quindi confrontate le risposte ottenute, in termini di periodi propri di vibrazione
della struttura (analisi modale) e di spostamenti sotto l’azione di forze orizzontali (analisi
statica lineare). Confrontando i periodi (Tabella 8.3.6) e i modi propri di vibrare (Figura
8.3.15) ottenuti nei due casi, nonché le deformate di alcuni pilastri (ad es. Figura 8.3.16)
sotto l’azione di carichi statici orizzontali uniformi, si nota che i due codici forniscono
risultati molto simili; il livello di fiducia riguardo la modellazione non-lineare sviluppata e
i risultati da essa ottenuti è cosi aumentato.
198 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 8.3.6 Confronto fra i periodi di vibrazioni ottenuti con


le due diverse modellazioni
Periodi Propri di Vibrazione [s]
Solaio/pareti modellati Solaio/pareti modellati
Modo
con elementi piastra con elementi equivalenti
1 1.23 1.24
2 0.90 0.89
3 0.69 0.66
4 0.44 0.44
5 0.34 0.34

Modo
1

Modo
2

Modo
4

(a) (b)
Figura 8.3.15 Alcuni modi di vibrare ottenuti con le due modellazioni adottate:
(a) elementi piastre e (b) elementi equivalenti
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 199

9000 9000

8000 8000

7000 7000

6000 6000

Altezza [mm]
Altezza [mm]

5000 5000

4000 4000

3000 3000

2000 2000 elementi piastre


elementi piastre
elementi equivalenti elementi equivalenti
1000 1000

0 0
0.0 20.0 40.0 60.0 80.0 -20.0 0.0 20.0 40.0 60.0

Spostam ento [m m ] Spostam ento [m m ]


(a) (b)
Figura 8.3.16 Spostamenti ottenuti con analisi lineari sotto carichi statici orizzontali,
utilizzando le due diverse modellazioni: elementi piastre ed elementi equivalenti

8.3.6 Analisi sismica


Avendo ritenuto di poter assumere, grazie ai dati raccolti sull’edificio, un livello di
conoscenza adeguato (LC2), le norme consentono di utilizzare per la verifica sismica sia
metodi lineari che non lineari; si è quindi dapprima valutata la possibilità di eseguire
un’analisi statica lineare o un’analisi dinamica lineare. In tutti i casi, come già discusso, si
sono considerate le sole azioni sismiche orizzontali nelle due direzioni principali
dell’edificio (X e Y), ritenendo di poter trascurare, data la tipologia dell’edificio, la verifica
per azione sismica verticale.

8.3.6.1 Analisi statica lineare


Come descritto al paragrafo 5.4, il metodo dell’analisi statica lineare è applicabile solo
qualora l’edificio soddisfi una serie di condizioni di regolarità. La struttura in studio non
soddisfa tali criteri in particolare per quanto riguarda:
- la mancanza di compattezza e di simmetria nella distribuzione delle rigidezze e
delle masse (criterio a);
- la presenza di sistemi resistenti alle forze orizzontali laterali, come muri e telai, che
presentano interruzioni nel percorso dalle fondazioni alla sommità dell’edificio
(criterio e).
Quindi tale metodologia non può essere utilizzata per analizzare la struttura.
200 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

8.3.6.2 Analisi dinamica lineare


E’ stato possibile applicare il metodo dell’analisi dinamica lineare (o analisi lineare con
spettro di risposta), secondo quanto descritto nell’OPCM, non presentando questa
vincoli legati alla regolarità. Si è inizialmente provveduto a svolgere un’analisi agli
autovalori su un modello 3-D (poiché la struttura è non regolare in pianta) dell’edificio,
utilizzando i valori medi dei moduli elastici dei materiali (determinati al paragrafo 8.3.5.1):
tale analisi ha fornito i valori dei periodi propri e delle masse partecipanti della struttura
(Tabella 8.3.7).

Tabella 8.3.7 Primi otto modi di vibrare con rispettive masse partecipanti
Modo Periodo T Massa part dir. X Massa part dir. Y Massa part rot. Z
j [s] [%] [%] [%]
1 1.048 58 0.0 0.1
2 1.045 2.5 0.0 0.1
3 0.764 0.0 11 58
4 0.593 0.0 48 7.8
5 0.392 0.0 0.0 0.0
6 0.386 7.6 0.0 0.0
7 0.288 0.0 0.2 6.4
8 0.241 0.0 10 1.1

In particolare risultando alcuni modi di vibrare non indipendenti, ovvero non


soddisfacenti la condizione Tj<0.9Ti con Tj<Ti (§ 4.5.3 dell’OPCM), per la combinazione
dei modi è stata usata la combinazione quadratica completa (CQC). Inoltre è stato
necessario considerare i primi 60 modi nella computazione di una massa eccitata pari
all’85% della massa partecipante totale (§ 4.5.3 dell’OPCM); ciò è dovuto alla presenza di
modi locali con bassa massa partecipante (vedi Tabella 8.3.7). Inoltre, la differenza tra
questi risultati e quelli riportati in 8.3.5.6 è giustificata dalla presenza della struttura di
copertura nel modello adottato.

Successivamente, con le informazioni ottenute dall’analisi agli autovalori, si è svolta, con


il medesimo modello, un’analisi modale con spettro di risposta per ciascuno stato limite,
considerando di volta in volta lo spettro di risposta associato. Nel seguito si descrive
quanto effettuato nel caso di SL-DS, essendo la procedura per gli altri due casi analoga
una volta considerato l’opportuno spettro.
Data la tridimensionalità del modello, si è proceduto alla valutazione degli effetti dovuti
all’azione sismica orizzontale applicata nelle due direzioni principali X e Y del sistema: ciò
ha permesso di ottenere come risultati i valori massimi degli effetti per ciascuna delle due
direzioni. Si sono combinati tali valori massimi dell’azione sismica calcolando la radice
quadrata della somma dei quadrati per la singola grandezza da verificare (vedi Manuale 1,
paragrafo 4.4). In particolare si sono calcolati i massimi momenti e tagli sollecitanti alle
due estremità di ciascun elemento primario e il loro inviluppo con tagli e momenti
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 201

ottenuti applicando i carichi statici (permanenti e variabili) secondo quanto indicato al


paragrafo 8.3.4.

Come già discusso in diverse sezioni di questo Manuale, i risultati delle analisi dinamiche
lineari possono essere ritenuti validi solo se soddisfano le seguenti condizioni (§ 11.2.5.
dell’OPCM):
1. noti, alle estremità di ogni elemento primario i e per ogni stato limite considerato, il
momento flettente resistente Ci, valutato utilizzando i valori medi delle proprietà dei
materiali, ed il momento flettente sollecitante Di, valutato con l’analisi, calcolato il
rapporto ρi = Di/Ci ed individuati i valori massimo ρmax e minimo ρmin fra tutti i ρi≥2,
risulta che: ρmax /ρmin ≤ 2.5
2. note, alle estremità di ogni elemento primario i, la capacità a taglio Ci, calcolata come
nel caso statico, e la corrispondente domanda Di, calcolata sulla base del momento
flettente resistente, se il corrispondente rapporto ρi (precedentemente calcolato) è
maggiore di 1, oppure sulla base dei risultati dell’analisi con la combinazione sismica
(paragrafo 8.3.4), se ρi ≤ 1, risulta che: Ci > Di .

A titolo di esempio si illustra come si è proceduto nella verifica delle condizioni descritte
nel caso della trave Y241, appartenente al primo piano del 4° telaio in direzione Y, per lo
stato limite di danno severo. In Tabella 8.3.8 si riportano i dati delle sezioni di estremità
necessari per la valutazione dei momenti e dei tagli resistenti.

Tabella 8.3.8 Dati delle sezioni di estremità dell’elemento in esame


Elem. Sez. Forma
h bSup bInf tala d x Asup Ainf P
mm mm Mm mm mm mm n Φ mm2 n Φ mm2 kN
BG9 T 500 400 250 160 30 223 5 12 565 4 12 452 0
Y241
BG11 T 500 400 250 160 30 223 6 12 679 4 12 452 0
A B C D E F G H I J K L M N O P

Nella Tabella 8.3.8 si riconoscono, organizzati in colonne, i seguenti dati:


A) nome dell’elemento;
B) tipo di sezione dell’elemento;
C) forma della sezione (rettangolare o a T);
D) altezza della sezione;
E) larghezza dell’estremità superiore della sezione;
F) larghezza dell’estremità inferiore della sezione;
G) spessore ala (solo per le sezioni a T);
H) distanza tra il baricentro delle barre longitudinali e l’estremità della sezione;
I) coordinata baricentrica;
J) numero barre dell’armatura superiore;
K) diametro barre dell’armatura superiore;
L) area totale dell’armatura superiore;
M) numero barre dell’armatura inferiore;
202 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

N) diametro barre dell’armatura inferiore;


O) area totale dell’armatura inferiore;
P) azione assiale corrispondente alla combinazione di carico gravitazionale.

Controllo su ρmax /ρmin ≤ 2.5


1. Calcolo del momento ultimo (positivo Mu+ - tende le fibre inferiori, e negativo Mu- -
tende le fibre superiori), considerata l’azione assiale dovuta ai carichi gravitazionali e
valori medi delle proprietà dei materiali:
- sezioni di estremità di sinistra. Mu+s: 88.6 kNm; Mu-s: 130.2 kNm
- sezioni di estremità di destra. Mu+d: 88.5 kNm; Mu-d: 130.2 kNm
I valori Mu sopraelencati sono stato calcolati risolvendo per i diversi campi di rottura
le equazioni di equilibrio statico sezionale (carico assiale e momento), considerando
il contributo di entrambe le armature di trazione e compressione (vedi ad es. il punto
2.14.5 del II° volume (Cosenza et al., 2005) di questa collana di manuali di
progettazione antisismica).
2. Calcolo della massima e della minima azione flettente sollecitante tramite l’inviluppo
dei risultati dell’analisi con spettro di risposta e dell’analisi statica (paragrafo 8.3.4)
utilizzando il valore medio del modulo elastico del calcestruzzo.
Massimo inviluppo del momento flettente:
- all’estremità di sinistra: 195.7 kNm
- all’estremità di destra: 142.7 kNm
Minimo inviluppo del momento flettente:
- all’estremità di sinistra: -256.9 kNm
- all’estremità di destra: -221.7 kNm
3. Calcolo di ρi = Di/C i inteso come massimo dei quattro valori di rapporto domanda-
capacità (due valori per ciascuna delle due estremità dell’elemento): ρi=2.4

Utilizzando i risultati ottenuti dalle analisi per i diversi stati limite e procedendo in tutti gli
elementi come qui descritto, si è ricavato il massimo valore del rapporto ρmax/ρmin per
tutti gli stati limite (Tabella 8.3.9).

Tabella 8.3.9 Valori di ρmax/ρmin per i diversi SL


Stato limite ρmax/ρmin
Collasso 7.8
Danno severo 5.3
Danno limitato 2.0

Controllo su Ci > Di
1. Calcolo del taglio ultimo con i valori medi delle proprietà dei materiali, utilizzando la
procedura descritta al punto 4.3.2 dell’Eurocodice 2 (CEN, 2004), e riportata anche
al paragrafo 7.2.4.2 di questo Manuale. Nella Tabella 8.3.10 sono riportati i valori del
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 203

calcolo svolto per determinare il valore del taglio resistente della trave Y241 in
esame:
-sezioni di estremità di sinistra. Vu: 81.3 kN
-sezioni di estremità di destra. Vu: 81.3 kN

Tabella 8.3.10 Valori del calcolo del taglio resistente per la trave Y241 in esame
(vedi Eurocodice 2, per significato dei simboli)
Elem. Sez.
τrd
k ρ2 ρ1 VRd1 dt s Asw Vwd VRd3
MPa Compr. Traz. kN mm mm mm 2 kN kN
BG9 0.18 1 0.0048 0.0039 28.6 6 200 56.5 52.6 81.3
Y241
BG11 0.18 1 0.0058 0.0039 28.6 6 200 56.5 52.6 81.3
A B C D E F G H I J K L

2. Calcolo della massima e della minima azione sollecitante tagliante tramite l’inviluppo
dei risultati dell’analisi con spettro di risposta e dell’analisi statica (paragrafo 8.3.4),
utilizzando il valore medio del modulo elastico del calcestruzzo.
Massimo inviluppo del taglio:
- all’estremità di sinistra: 40.4 kN
- all’estremità di destra: 149.3 kN
Minimo inviluppo del taglio:
- all’estremità di sinistra: -145.2 kN
- all’estremità di destra: -36.4 kN
3. Calcolo della massima domanda a taglio flessionale:
M + s + M u− d qL′ 88.6 + 130.6
VM = u + = + 24.7 × ( 4.4 − 0.25) = 104.1kN
L′ 2 4.4 − 0.25
L' = lunghezza trave a meno dell’ingombro del pilastro
q = carico gravitazionale sismico

4. Calcolo del rapporto Di/Ci.


Essendo ρi=2.4>1, il valore della domanda di taglio da considerare è quello derivante
dal taglio flessionale: Di/Ci. = 104.1 /81.3 = 1.13

In Tabella 8.3.11 sono raccolti alcuni risultati dei calcoli relativi a travi e colonne
appartenenti al primo piano del 4° telaio in direzione Y svolti nel caso di SL-DS con
analisi dinamica lineare. In particolare si riconoscono organizzati in colonne i seguenti
dati:
colonna A) Telaio cui appartiene l’elemento verificato
colonna B) Tipo di sezione dell’elemento verificato
colonna C) Nome dell’elemento verificato
colonna D) Lunghezza dell’elemento verificato
colonna E) Valore della resistenza flessionale positiva nella sezione considerata
colonna F) Valore della resistenza flessionale negativa nella sezione considerata
204 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 8.3.11 Controllo dell’applicabilità dell’analisi lineare: esempio di foglio di calcolo


DOMANDE
CAPACITA' MOMENTO TAGLIO COND. 1 COND. 2
L Pesi grav Mu (+) Mu (-) Vu V Flex Max. Inv. Min. Inv. Max. Inv. Min. Inv.
Telaio Sez. Elem. ρ ρ>2 D/C VERIFICA
[mm] [kN/m] [kNm] [kNm] [kN] [kN] [kNm] [kNm] [kN] [kN]
TRAVI
BG19 110.7 131.9 96.5 237.3 -300.8 50.0 -168.0 2.3 2.3 1.2 NO
Y251 4400 28.68 118.2
BG11 88.9 131.6 96.5 160.9 -260.2 176.2 -41.8 2.0 - 1.2 NO
BG11 88.9 131.6 96.5 152.2 -249.5 34.6 -162.3 1.9 - 1.2 NO
Y252 4400 27.98 111.6
BG12 88.9 131.6 96.5 193.8 -270.8 157.7 -39.2 2.2 2.2 1.2 NO
5-Y
BP8 67.0 129.5 96.5 351.0 -394.6 280.0 -362.2 5.2 5.2 1.3 NO
Y253 2200 35.18 128.0
BP7 67.0 109.7 94.8 317.2 -350.2 357.4 -284.8 4.7 4.7 1.3 NO
BG14 67.0 66.5 91.6 287.1 -325.3 284.6 -328.1 4.9 4.9 1.0 NO
Y254 2200 28.70 92.2
BG14 67.0 66.5 91.6 327.2 -329.4 311.7 -264.9 5.0 5.0 1.0 NO
COLONNE
C43Y 90.1 90.1 83.4 157.2 -185.4 88.0 -105.8 2.1 2.1 0.7 OK
C43 3200 2.50 56.3
C43Y 90.1 90.1 83.4 153.6 -124.8 88.0 -105.8 1.7 - 0.7 OK
C122Y 94.4 94.4 85.3 206.5 -204.9 124.7 -123.6 2.2 2.2 0.7 OK
C122 3200 2.50 59.0
C122Y 94.4 94.4 85.3 190.5 -192.6 124.7 -123.6 2.0 2.0 0.7 OK
4-Y
C202Y 93.6 93.6 84.8 195.9 -214.1 118.7 -127.9 2.3 2.3 0.7 OK
C202 3200 2.50 58.5
C202Y 93.6 93.6 84.8 195.5 -183.9 118.7 -127.9 2.1 2.1 0.7 OK
C282Y 89.9 89.9 83.3 182.4 -142.7 103.2 -81.5 2.0 2.0 0.7 OK
C282 3200 2.50 56.2
C282Y 89.9 89.9 83.3 118.9 -148.5 103.2 -81.5 1.7 - 0.7 OK
A B C D E F G H I J K L M N O P Q

colonna G) Valore della resistenza a taglio


colonna H) Valore della resistenza a taglio flessionale
colonna I) Valore del momento sollecitante massimo derivante da inviluppo nella
sezione considerata
colonna J) Valore del momento sollecitante minimo derivante da inviluppo nella
sezione considerata
colonna K) Valore del taglio sollecitante massimo derivante da inviluppo nella sezione
considerata
colonna L) Valore del taglio sollecitante minimo derivante da inviluppo nella sezione
considerata
colonna M) Coefficiente ρi nella sezione considerata
colonna N) Sezioni in cui risulta ρi>2
colonna O) Calcolo rapporto Di/Ci
colonna P) Verifica Di/Ci <1

Ripetendo le verifiche per tutti gli elementi, risultano non soddisfatti entrambi i criteri
richiesti per l’applicabilità del metodo: l’analisi lineare con spettro di risposta elastico
risulta quindi non applicabile ed è necessario utilizzare analisi non lineari. Ciò è in linea
con quanto comunemente osservato: è improbabile che edifici esistenti siano sollecitati in
modo omogeneo (ρmax/ρmin inferiore a 2.5) e che non vi sia alcun elemento per il quale la
domanda a taglio superi la rispettiva capacità.

A titolo di esempio nel paragrafo 8.3.7 si riporta comunque come si sarebbe dovuto
procedere nella verifica dei singoli elementi/meccanismi fragili se le condizioni sopra
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 205

descritte fossero state soddisfatte e quindi si fosse potuto applicare il metodo dell’analisi
dinamica lineare.

8.3.6.3 Analisi statica non lineare


Forze orizzontali incrementali
Come definito nel § 4.5.4.1 dell’OPCM (vedi anche paragrafo 6.3), l’analisi statica non
lineare prevede di applicare incrementalmente alla struttura, soggetta ai carichi
gravitazionali e con comportamento non lineare del materiale, le due seguenti
distribuzioni di forze statiche orizzontali, che vengono incrementate fino al
raggiungimento di un valore prefissato dello spostamento del punto di controllo della
struttura, scelto in modo che sia maggiore degli spostamenti relativi agli stati limite in
esame:
1. distribuzione di carichi proporzionale alla massa (chiamata, in seguito, distribuzione
“uniforme”);
2. distribuzione di carichi proporzionale al prodotto della massa per la deformata modale
del 1° modo di vibrare dell’edificio (chiamata, in seguito, distribuzione “modale” ).

Poiché l’analisi è tridimensionale si rende, in realtà, necessario determinare le tre seguenti


distribuzioni:
1. distribuzione “uniforme”;
2. distribuzione “modale in X” (il 1° modo da considerare è il modo principale in X);
3. distribuzione “modale in Y” (il 1° modo da considerare è il modo principale in Y).

Queste tre distribuzioni vengono applicate alla struttura nei seguenti modi, per un totale
di 8 analisi pushover da svolgere:
1. distribuzione “uniforme” diretta nel verso positivo delle X;
2. distribuzione “uniforme” diretta nel verso negativo delle X;
3. distribuzione “uniforme” diretta nel verso positivo delle Y;
4. distribuzione “uniforme” diretta nel verso negativo delle Y;
5. distribuzione “modale in X” diretta nel verso positivo delle X;
6. distribuzione “modale in X” diretta nel verso negativo delle X;
7. distribuzione “modale in Y” diretta nel verso positivo delle Y;
8. distribuzione “modale in Y” diretta nel verso negativo delle Y.

Le forze sono state applicate ad ogni nodo strutturale trave-colonna del primo piano, del
secondo piano e del solaio piano di copertura, procedendo come di seguito descritto:
• si è assunto, per ogni distribuzione, un valore di forza laterale pari a 10 kN. Tale scelta
è puramente arbitraria, dato che è il programma a determinare il fattore di carico λ
(vedi paragrafo 5.5.3) moltiplicativo delle forze incrementali, indipendentemente dal
valore iniziale scelto;
• si è valutata per ogni nodo la massa corrispondente all’area di influenza;
• si sono normalizzate le masse al valore della massa totale;
206 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

• si sono moltiplicate le masse normalizzate di ogni nodo per 10 kN e si è ricavata la


forza laterale iniziale relativa alla distribuzione “uniforme”;
• si è svolta l’analisi modale e si sono ricavati gli spostamenti in X e in Y di ogni nodo in
corrispondenza ai modi principali rispettivamente in X e in Y;
• si sono normalizzati i prodotti delle masse per le rispettive deformate rispetto alla
sommatoria dei prodotti;
• si sono moltiplicati i prodotti per 10 kN e si è ricavata la forza laterale iniziale relativa
alla distribuzione “modale”.

In Tabella 8.3.12 è riportata la distribuzione uniforme, uguale nelle due direzioni X e Y;


in Tabella 8.3.13 e in Tabella 8.3.14 sono, invece, riportate le distribuzioni modali, che
risultano differenti nelle due direzioni X e Y, essendo dipendenti dalla forma modale.

Tabella 8.3.12 Distribuzione di carico “uniforme”


Massa Massa Distribuzione
Nodo
(ton) Normalizzata Uniforme (N)
3001 2.4 0.00217 21.7
… … … …
6359 6.2 0.00564 56.4
… … … …
10347 9.4 0.00847 84.7
… … … …
14449 2.4 0.00218 21.8
Σ =1105.1 Σ =1.00000 Σ = 10000.0

Tabella 8.3.13 Distribuzione di carico “modale” in direzione X


∆X Normalizzato M⋅φx Distribuzione
Nodo ∆X (1° modo) m⋅φx
(φx) Normalizzato modale in X (N)
3001 0.00091 0.018 0.044 0.0001 0.9
… … … … … …
6359 0.00036 0.007 0.045 0.0001 0.9
… … … … … …
10351 0.02355 0.473 4.430 0.0088 87.5
… … … … … …
14449 0.04560 0.917 2.212 0.0044 43.7

Max = 0.04975 Σ =1.000 Σ =506.100 Σ =1.0000 Σ =10000.0


Capitolo 8. Gli esempi applicativi 207

Tabella 8.3.14 Distribuzione di carico “modale” in direzione Y


∆Y Normalizzato m⋅φy Distribuzione
Nodo ∆Y (1° modo) m⋅φy
(φy) Normalizzato modale in Y (N)

3001 -0.00053 0.007 0.016 0.0001 0.6


… … … … … …
6359 -0.00253 0.032 0.200 0.0007 7.5
… … … … … …
10351 -0.02210 0.281 2.628 0.0098 98.3
… … … … … …
14449 -0.07864 1.000 2.413 0.0090 90.3

Min = -0.07865 Σ =1.000 Σ =267.300 Σ =1.0000 Σ =10000.0

Curve di capacità
Si sono quindi eseguite le pushover utilizzando il codice di analisi non lineare: le due
distribuzioni di carico considerate sono state applicate separatamente e
indipendentemente lungo le due direzioni principali dell’edificio (X e Y), prima in un
verso e poi nell’altro. Durante le analisi i carichi sono stati incrementati
proporzionalmente fino al raggiungimento di uno spostamento prefissato del punto di
controllo della struttura individuato in un nodo della copertura. Si sono quindi ottenute le
curve di capacità, forza di taglio alla base Vb - spostamento del punto di controllo dc, e
quindi si è potuto individuare, come descritto nel seguito, lo spostamento massimo dmax
indotto dall’azione sismica per un dato stato limite per ciascuna analisi. In Figura 8.3.17
sono riportate le curve di capacità ottenute per le due distribuzioni in direzione X nel
verso positivo: in entrambi i casi la prova è stata condotta fino ad uno spostamento dc di
0.4 m (drift di 4% circa), che sicuramente assicurerà il superamento di tutti e tre gli stati
limite in studio.

Si descrive nel seguito la procedura seguita (coerente con quanto descritto nel § 4.5.4
dell’OPCM) per conoscere lo spostamento massimo dmax indotto nella struttura
dall’azione sismica per ogni stato limite. Essendo la metodologia identica per le
distribuzioni di carico individuate, si farà riferimento per illustrare il metodo alla sola
distribuzione modale in direzione X e verso positivo.

- Si è calcolato il fattore Γ usando l’equazione 4.6 in § 4.5.4.3 dell’OPCM in cui Φi


sono le componenti del vettore Φ1 corrispondente al primo modo di vibrare
normalizzato rispetto allo spostamento del punto di controllo:

Γ=
∑m Φi i
=
522.15
= 1.245 (vedi Tabella 8.3.15) (8.32)
∑m Φi
2
i 419.37
208 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

1800
1600
Uniforme
1400
Taglio alla base [kN]

1200
1000
Modale
800
600
400
200
0
0.000 0.050 0.100 0.150 0.200 0.250 0.300 0.350

Spostamento del punto di controllo [m]


Figura 8.3.17 Confronto fra le curve di pushover indotte dalle distribuzioni di carico
uniforme e modale applicate in direzione X

Tabella 8.3.15 Parametri necessari per calcolare Γ


Piano Massa (ton) Coord. Modale m⋅φ m⋅φ2
m φ
3° 311.48 1.000 311.48 311.48
2° 410.33 0.513 210.40 107.89
1° 383.27 0.001 0.26 0.00
Σ 1105.08 - 522.15 419.37

- Compiuta l’analisi pushover sul modello 3-D (sistema a più gradi di libertà, M-
GDL), si sono ridotti i valori di forza e spostamento della curva di capacità
ottenuta tramite il fattore Γ (equazione 4.7 del § 4.5.4.3 dell’OPCM)
individuando in questo modo la curva di capacità del sistema ad un grado di
libertà (1-GDL) equivalente, riportata in Figura 8.3.18.
Vb d
F*= e d*= c (8.33)
Γ Γ
- Individuato sulla curva Vb-dc il valore di resistenza massima Vbu ed il
corrispondente spostamento dcu, si sono individuate le coordinate del punto di
massimo del sistema equivalente bi-lineare:
Vbu d
F y* = e d m* = cu (8.34)
Γ Γ
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 209

1200
1100
1000
M-GDL
Taglio alla base [kN]

900
800
700
600 1-GDL
500
400
300
200
100
0
0.000 0.050 0.100 0.150 0.200 0.250 0.300

Spostamento del punto di controllo [m]


Figura 8.3.18 Curva di pushover del sistema M-GDL e del sistema 1-GDL equivalente

Le coordinate del punto di snervamento del sistema equivalente sono quindi


risultate F*y e d*y calcolato imponendo l’uguaglianza delle aree sottese dal sistema
bilineare (F*yd*y - 0.5d*yF*y) e dalla curva del sistema 1-GDL equivalente (E*m)
per valori di spostamento compresi tra 0 e d*m ( Figura 8.3.19). E’ risultato
quindi:
⎛ E* ⎞
d *y = 2⎜ d m* − m* ⎟ (8.35)
⎜ Fy ⎟
⎝ ⎠
I valori così trovati sono: Fy* = 882.069 kN, dm* = 0.132 m, Em* = 84.823 kNm e
quindi dy* = 0.072 m.

1000
900
Taglio alla base [kN]

800
700
600
500
400
300
200
100
0
dy* dm*
0.000 0.050 0.100 0.150 0.200 0.250 0.300

Spostamento del punto di controllo [m]


Figura 8.3.19 Sistema 1-GDL equivalente e sistema bilineare
210 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

- E’ stato quindi possibile calcolare il periodo proprio del sistema 1-GDL


equivalente (equazione 4.8 del § 4.5.4.3 dell’OPCM):
m*
T * = 2π (8.36)
k*
dove, essendo N il numero di masse del sistema M-GDL, si definisce:
N
m * =∑mi Φ i (8.37)
i =1

e dove k* , rigidezza secante del sistema equivalente, risulta pari a:


F y*
k* = (8.38)
d *y

Per il caso in studio si è ottenuto: k* = F*y/d*y = 12145 kN/m; m* = 522.15 ton


(da Tabella 8.3.15) e quindi T* = 1.303 s.

- Si è quindi proceduto a confrontare T* con il valore TC dello spettro di risposta


elastico (Tabella 3.1 in § 3.2.3 dell’OPCM): essendo T* > TC lo spostamento
massimo del sistema anelastico risulta pari a quello del sistema elastico
equivalente; d*max = SDa(T*) = SDe(T*). Dovendo verificare la struttura per i diversi
stati limite, si è utilizzato lo stesso T* per valutare d*max in corrispondenza dei tre
spettri di risposta elastici in spostamento SDe. In particolare si è ricavato:
d*max = 0.265 m, per lo SL di CO;
d*max = 0.177 m, per lo SL di DS;
d*max = 0.071 m, per lo SL di DL.
- il valore d*max così trovato è il massimo spostamento del sistema 1-GDL
equivalente: è stato convertito nello spostamento massimo dmax indotto nel
sistema M-GDL usando l’espressione: dmax = Γd*max, (§ 4.5.4.5 dell’OPCM). In
particolare si è trovato:
dmax = 0.331 m, per lo SL di CO;
dmax = 0.220 m, per lo SL di DS;
dmax = 0.088 m, per lo SL di DL.

Una volta individuati i valori di spostamento massimo (e corrispondenti sforzi sulla


struttura/elementi, vedi Figura 8.3.20) per ciascuno stato limite in corrispondenza di
ciascuna delle 8 analisi eseguite (2 distribuzioni di forze, 2 direzioni principali, 2 versi), si
è proceduto alle verifiche di sicurezza introdotte nel capitolo 7. Come descritto nei
paragrafi successivi, tali verifiche sono state condotte separatamente per le analisi in
direzione X e quelle in direzione Y, scegliendo, tra i risultati derivanti dalle distribuzioni
uniforme e modale nei due versi, quelli corrispondenti alla condizione più gravosa.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 211

1200
1100
1000 Vb,DS
Taglio alla base [kN]

900
800 Vb,DL
700
600 V
b,CO
500
400
300
200
100
0
du,DL du,DS du,CO
0.000 0.100 0.200 0.300 0.400

Spostamento del punto di controllo [m]


Figura 8.3.20 Spostamenti massimi e relativi tagli per gli SL di DL, DS e CO
(distribuzione modale, direzione X, verso positivo)

8.3.7 Verifiche di sicurezza


Si ricorda che, come già ampiamente discusso in diverse sezioni di questo Manuale, la
procedura di verifica di edifici esistenti in C.A. prevede una distinzione tra:
• meccanismi duttili: inflessione di travi e pilastri;
• meccanismi fragili: taglio in travi e pilastri.

Si nota come tutte le travi e i pilastri sono considerati sede di possibili meccanismi duttili,
qualora si faccia riferimento alla loro inflessione, e fragili, qualora ci si riferisca all’azione
tagliante. Pertanto, travi e pilastri sono tutti da verificare sia alla condizione di
meccanismo duttile che a quella di meccanismo fragile. Il primo si verifica controllando
che la domanda non superi la corrispondente capacità in termini di deformazione, il
secondo controllando che la domanda non superi la corrispondente capacità in termini di
resistenza. Tali verifiche devono essere condotte per gli stati limite di DL, DS e CO. Ciò
significa che, per il calcolo della domanda:
• nel caso di analisi lineari, si deve svolgere l’analisi tre volte, utilizzando gli spettri
corrispondenti agli stati limite di collasso, danno severo e danno limitato;
• nel caso di analisi statica non lineare, la domanda si ricava dai risultati ottenuti in
corrispondenza dei valori di spostamento dmax individuati su ciascuna delle curve
di capacità ottenute dalle 8 analisi eseguite (2 distribuzioni di forze, 2 direzioni
principali, 2 versi), per ciascuno dei 3 stati limite.

Mentre nel caso delle analisi lineari la componente sismica in X viene combinata con
quella in Y, nel caso di analisi pushover le verifiche devono essere condotte
212 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

separatamente per le analisi in direzione X e per quelle in direzione Y (§ 4.6


dell’Ordinanza), scegliendo, tra i risultati derivanti dalle distribuzioni uniforme e modale
nei due versi, quelli corrispondenti alla condizione più gravosa.

8.3.7.1 Verifica dei meccanismi duttili


Come già discusso nelle sezioni precedenti di questo Manuale, al fine di consentire la
verifica su una quantità globale della sezione e non locale, come potrebbe essere lo stato
di deformazione del materiale o la curvatura, travi, pilastri e pareti inflesse devono essere
verificati alla rotazione di corda. Con questo termine si intende la rotazione θ della
sezione di estremità rispetto alla congiungente di quest’ultima con la sezione di momento
nullo. L’ ascissa corrente corrispondente alla sezione di momento nullo è pari alla luce di
taglio LV = M/V (vedi paragrafo 7.2.4.1).

Calcolo della domanda di rotazione


In Figura 8.3.21 si riporta graficamente la definizione di rotazione di corda appena
fornita, dove si evince che si può suddividere la rotazione di corda nei due seguenti
angoli:
1. θ1, rotazione del nodo di estremità dell’elemento strutturale;
2. θ2, angolo che ha come lati l’asse indeformato dell’elemento strutturale e la
congiungente il nodo di estremità con la sezione di momento nullo.

La rotazione di corda è definita come la sottrazione algebrica dei 2 angoli:


• per le colonne: θ = θ2 – θ 1
• per le travi: θ = θ1 – θ2

θ1

θ2
θ2
θ1
θ θ1 θ2
θ

(a) (b)
Figura 8.3.21 Definizione grafica di rotazione di corda in elementi (a) colonna e (b) trave
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 213

Si nota che nel caso di strutture particolarmente flessibili, tipicamente edifici non
progettati per azione sismica e caratterizzati da un sistema di trave in spessore:
• per le travi l’angolo θ1 generato dalle forze orizzontali Fi è prevalente rispetto
all’angolo θ2 dovuto al contributo del carico gravitazionale distribuito che, quindi,
può essere trascurato. La rotazione di corda viene, in questo modo, approssimata
al valore di rotazione al nodo;
• per i pilastri, al contrario, la rotazione al nodo θ1 è trascurabile rispetto alla
rotazione θ2 dovuta a ∆u, spostamento orizzontale relativo tra i 2 piani
consecutivi a cui appartengono le sezioni d’estremità del pilastro. In questo caso,
la rotazione di corda può essere ragionevolmente approssimata con la rotazione
definita dalla verticale e dalla congiungente delle due sezioni d’estremità del
pilastro nella configurazione deformata; il che equivale, nell’ipotesi di confondere
la lunghezza L dell’elemento deformato con quella dell’elemento indeformato e
di confondere il valore dell’angolo con quello della tangente relativa, alla
seguente formula: θ ≅ θ 2 ≅ ∆u L .

La validità dell’adozione di queste semplificazioni, che consentono chiaramente di snellire


notevolmente le operazioni di verifica, va valutata con cura, caso a caso, poiché potrà
portare ad una importante perdita di precisione nei casi, ad esempio, in cui le travi e/o i
pilastri presentino caratteristiche di rigidezza che rendano invalide le ipotesi
sopraelencate.

Calcolo della capacità a rotazione


Come già discusso in questo Manuale (ad es. paragrafo 5.7), prima di affrontare il calcolo
delle capacità è necessario definire il grado di accuratezza di conoscenza della geometria,
degli elementi strutturali, dei dettagli strutturali (quali quantità e disposizione delle
armature) e delle proprietà meccaniche dei materiali. Si ricorda, che, a tale proposito,
l’Ordinanza definisce tre diversi livelli di conoscenza (limitata, adeguata e accurata) a cui
corrispondono tre diversi coefficienti moltiplicativi delle proprietà meccaniche dei
materiali, detti “fattori di confidenza”. Tali coefficienti possono avere due scopi:
1. penalizzare le proprietà meccaniche dei materiali, riducendone i valori medi e, quindi,
limitare le capacità delle sezioni in modo tanto più marcato quanto minore è il livello
di conoscenza;
2. migliorare le proprietà meccaniche dei materiali, incrementandone i valori medi,
quando queste sono utilizzate nella definizione dei valori di domanda.

Come descritto in 8.3.2, nel caso studiato i dati in possesso hanno consentito la
definizione di un grado di conoscenza adeguato (LC2), il che comporta l’utilizzo di un
fattore di confidenza (F.C.) pari a 1.20, valore che quindi è stato adottato in tutti i calcoli
che seguono.

Per il calcolo di capacità di rotazione di entrambe le sezioni di estremità di ciascun


elemento, è stata adottata l’equazione introdotta al paragrafo 7.2.4.1, e richiamata di
214 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

seguito, considerando i valori medi delle proprietà dei materiali divisi per il fattore di
confidenza:

⎡ max(0.01; ω ') ⎤
0.225 0.35 ⎛ f ⎞
1 ⎛L ⎞ ⎜ αρ sx yw f ⎟
θu = ⋅ 0.016 ⋅ 0.3ν ⋅⎢ ⎥ ⋅⎜ V ⎟ ⋅ 25⎝ c⎠
(8.39)
1.5 ⎣ max(0.01; ω ) ⎦ ⎝ h ⎠
dove:
• ν = N/(Acfc) è lo sforzo assiale di compressione normalizzato;
• ω = Asfy/(bhfc) è la % meccanica dell’armatura longitudinale in trazione;
• ω’ = A’sfy/(bhfc) è la % meccanica dell’armatura longitudinale in compressione;
• ρsx = Asx/bwsh è la % di armatura trasversale;
⎛ s ⎞⎛ s ⎞⎛ ∑ bi ⎞⎟
2

• α = ⎜⎜1 − h ⎟⎟⎜⎜1 − h ⎟⎟⎜1 − è un fattore di efficienza del confinamento dove:


⎜ ⎟
⎝ 2b0 ⎠⎝ 2h0 ⎠⎝ 6b0 h0 ⎠

- b0 e h0 sono le dimensioni del nucleo confinato;


- bi sono le distanze delle barre longitudinali trattenute da tiranti o staffe
presenti sul perimetro.

Nel caso del telaio in esame:


- non essendo presenti adeguati dettagli di tipo antisismico, θu è da moltiplicare per 0.85;
- poiché le sezioni delle travi e dei pilastri sono rettangolari e trattenute da staffe
perimetrali, si ha che:
. b0 = (b - 2c - 2Φ) ; h0 = (h - 2c - 2Φ) dove c è il valore dl copriferro (2 cm) e
Φ è il diametro del ferro longitudinale (16 mm);
. bi = b0.

La formula diviene:
⎡ max(0.01; ω ')⎤
0.225 0.35 ⎛ f ⎞
0.85 ⎛L ⎞ ⎜ αρ sx yw f ⎟
θu = ⋅ 0.016 ⋅ 0.3ν
⋅⎢ ⎥ ⋅⎜ V ⎟ ⋅ 25 ⎝ c⎠

1 .5 ⎣ max(0.01; ω ) ⎦ ⎝ h ⎠
(8.40)
⎛ s ⎞⎛ s ⎞⎛ b ⎞
α = ⎜⎜1 − h ⎟⎟⎜⎜1 − h ⎟⎟⎜⎜1 − 0 ⎟⎟
⎝ 2b0 ⎠⎝ 2h0 ⎠⎝ 6h0 ⎠

La difficoltà concettuale nell’applicazione di questa equazione per il calcolo di θu risiede


nell’interpretazione del significato di Lv che, se da un lato risulta ovvia in sede di
quantificazione della domanda, non lo è altrettanto nella valutazione del calcolo della
capacità. Tale valore deve, infatti, essere una quantità intrinseca della sezione e non
dipendere dai momenti e tagli di calcolo.
Dato che la capacità rotazionale misura la capacità di inflettersi dell’elemento, è parso
opportuno intendere Lv come il rapporto tra il momento flettente ultimo (positivo o
negativo a seconda che il momento sollecitante corrispondente sia, rispettivamente,
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 215

positivo o negativo) e il taglio di equilibrio ad esso associato: Lv=Mu/Vflex. Vflex è così


ottenuto:
M u− + M u+ M u L
• per i pilastri: V flex = = da cui: LV =
L L2 2
M u− + M u+ G t + ψ 2ϕ * Qt
• per le travi: V flex = + L
L 2
dove:
- il primo termine (presente sia nel calcolo delle travi che in quello delle colonne) è il
taglio equilibrante del momento ultimo delle sezioni d’estremità;
- il secondo termine (presente soltanto nel calcolo delle travi) è il taglio equilibrante
del carico gravitazionale sismico.

Quindi, per poter calcolare θu, è necessario, come primo passo, quantificare i valori di
capacità ultima Mu+ e Mu- per le sezioni di estremità, assumendo le proprietà medie dei
materiali divise per il fattore di confidenza.
Nel seguito si riporta una tabella riassuntiva dei dati necessari per il confronto domanda-
capacità in termini di rotazione alla corda, per il caso svolto di analisi statica non lineare.

Verifica con analisi statica non lineare


In Tabella 8.3.16 sono raccolti alcuni risultati relativi alla verifica dei meccanismi duttili di
travi e colonne appartenenti al primo piano del 4° telaio in direzione Y svolti nel caso di
SL-DS con analisi statica non lineare. In particolare si riconoscono organizzati in colonne
i seguenti dati:
colonna A) Telaio cui appartiene l’elemento verificato
colonna B) Tipo di sezione dell’elemento verificato
colonna C) Nome dell’elemento verificato
colonna D) Lunghezza dell’elemento verificato
colonna E) Valore della rotazione massima nel piano del telaio derivante da pushover in
direzione X
colonna F) Valore della rotazione massima nel piano del telaio derivante da pushover in
direzione Y
colonna G) Massimo delle due precedenti rotazioni, cioè domanda di rotazione
colonna H) Capacità di rotazione alla corda in condizioni di collasso
colonna I) Capacità di rotazione alla corda in condizioni di danno severo
colonna J) Confronto domanda-capacità

Nelle figure 8.3.22 e 8.3.23 sono riportati graficamente, a titolo di esempio, alcuni risultati
delle verifiche dei meccanismi duttili per lo stato limite di danno severo, svolte
utilizzando i risultati delle analisi statiche non lineari.
Tabella 8.3.16 Verifica meccanismi duttili con analisi statica non lineare: esempio
di foglio di calcolo
216 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

VERIFICA MECCANISMI DUTTILI


DOMANDA CAPACITA'
L θX,Max θY,Max θSd θUlt θRd VERIFICA
Telaio Sezione Elemento
[mm] [rad] [rad] [rad] [rad] [rad]
TRAVI
BG19 0.00136 0.00983 0.00983 0.0125 0.0094 NON VERIFICATO
Y251 4400
BG11 0.00136 0.00983 0.00983 0.0145 0.0109 VERIFICATO
BG11 0.00117 0.00373 0.00373 0.0152 0.0114 VERIFICATO
Y252 4400
BG12 0.00117 0.00373 0.00373 0.0127 0.0095 VERIFICATO
5-Y
BP8 0.00117 0.00373 0.00373 0.0110 0.0083 VERIFICATO
Y253 2200
BP7 0.00117 0.00373 0.00373 0.0134 0.0101 VERIFICATO
BG14 0.00078 0.01130 0.01130 0.0150 0.0113 NON VERIFICATO
Y254 2200
BG14 0.00078 0.01130 0.01130 0.0072 0.0054 NON VERIFICATO
COLONNE
C43Y - 0.02040 0.02040 0.0160 0.0120 NON VERIFICATO
C43 3200
C43Y - 0.02040 0.02040 0.0160 0.0120 NON VERIFICATO
C122Y - 0.02020 0.02020 0.0140 0.0105 NON VERIFICATO
C122 3200
C122Y - 0.02020 0.02020 0.0140 0.0105 NON VERIFICATO
4-Y
C202Y - 0.02000 0.02000 0.0145 0.0109 NON VERIFICATO
C202 3200
C202Y - 0.02000 0.02000 0.0145 0.0109 NON VERIFICATO
C282Y - 0.02010 0.02010 0.0160 0.0120 NON VERIFICATO
C282 3200
C282Y - 0.02010 0.02010 0.0161 0.0121 NON VERIFICATO
A B C D E F G H I J

1-X

1 2 3 4 5 6 7 8

2-X

9 10 11 12 13 14 15 16

Figura 8.3.22 Elementi duttili non verificati (indicati con il tratteggio) allo stato limite
di danno severo (dir. X)
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 217

3 11 19 27 4 12 20 28

3Y 4Y

5 13 21 33 29 6 14 22 34 30

5Y 6Y
Figura 8.3.23 Elementi duttili non verificati (indicati con il tratteggio) allo stato
limite di danno severo (dir. Y)

8.3.7.2 Verifica dei meccanismi fragili: taglio in travi, pilastri e pareti


La verifica viene fatta confrontando domanda e capacità di taglio. La resistenza a taglio è
calcolata come nel caso non sismico, utilizzando le proprietà medie dei materiali, divise
per il corrispondente coefficiente parziale di sicurezza e per il fattore di confidenza (vedi
paragrado 5.7), e il valore dell’azione assiale derivante dai soli carichi gravitazionali. La
domanda a taglio viene invece calcolata in modo diverso a seconda che si utilizzi l’analisi
lineare o non lineare (vedi paragrafo 7.2.4.2), come descritto nel seguito.

Si ricorda anche che, come già discusso al paragrafo 7.2.1, se i modelli utilizzati per
calcolare la resistenza a taglio degli elementi non prendono in considerazione l’effetto
degradante che il cumulare di deformazione anelastica ha sulla resistenza, la domanda in
termini di taglio dovrà essere calcolata nel seguente modo:
− dall’analisi pushover del sistema a più gradi di libertà si ricava il taglio massimo alla
base Vbu;
− si individua lo spostamento dcu corrispondente a tale taglio;
− se lo spostamento dmax relativo ad un dato SL è minore di dcu, il taglio negli elementi
verrà calcolato in corrispondenza di dmax;
− se dmax > dcu, il taglio negli elementi verrà calcolato in corrispondenza di dcu.
218 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Verifica con analisi dinamica lineare


Nonostante la non-validità dell’applicazione dell’analisi dinamica lineare per valutare la
vulnerabilità sismica di questa struttura (vedi paragrafo 8.3.6.2), tale verifica viene qui
comunque eseguita, con l’obbiettivo di mettere in evidenza le significative differenze
rispetto al caso dell’analisi statica non lineare.

Come già discusso in altre sezioni di questo Manuale (ad es. capitolo 7), un limite
intrinseco dell’analisi lineare, rispetto alla variante non lineare, sta nel fatto che non è in
grado, laddove si è raggiunta la capacità ultima flessionale Mu, di limitare il valore del
momento sollecitante Md (nell’analisi Md può crescere in modo lineare indefinitamente,
mentre nella realtà risulta essere limitato dalla condizione Md ≤ Mu) e di conseguenza, nel
rispetto dell’equilibrio, anche quello del taglio. Nella verifica dei meccanismi fragili si
cerca di sopperire a tale limite derivando la domanda di taglio da condizioni di equilibrio,
in base alle sollecitazioni trasmesse dai meccanismi duttili. In particolare, il taglio alle
sezioni di estremità si valuta considerando agenti all’estremità dell’elemento i momenti
derivanti dall’analisi con spettro di risposta (se ρi≤1) o i momenti ultimi (se ρi>1). Nel
caso di travi si deve anche considerare il contributo al taglio derivante dai carichi
gravitazionali agenti lungo l’elemento secondo la combinazione sismica.

Nel caso di pilastri, il taglio sollecitante risulta quindi essere dato dal valore maggiore
derivante dalle due relazioni:
V=(MA++MB-)/L’ (Figura 8.3.24 a)
V=(MA-+MB+)/L’ (Figura 8.3.24 b)
con L’ = lunghezza del pilastro a meno dell’ingombro della trave.

MA+
A MA- A
VA VA
L’ L’

VB VB
B B
M B- MB +
(a) (b)
Figura 8.3.24 Calcolo del taglio sollecitante da equilibrio in un pilastro
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 219

Nel caso di travi, il taglio sollecitante risulta quindi essere dato dal valore maggiore
derivante dalle relazioni:

VA=(Gk+0.3 Qk)L’/2 - (MA++MB-)/L’


VB=(Gk+0.3 Qk)L’/2 + (MA++MB-)/L’ (Figura 8.3.25a)

VA=(Gk+0.3 Qk)L’/2 + (MA-+MB+)/L’


VB=(Gk+0.3 Qk)L’/2 - (MA-+MB+)/L’ (Figura 8.3.25b)

con L’ = lunghezza della trave a meno dell’ingombro del pilastro.

Gk+0.3Qk Gk+0.3Qk

A B A B
MA+ M B- MA- MB+
VA VB VA VB

L’ L’
(a) (b)
Figura 8.3.25 Calcolo del taglio sollecitante da equilibrio in una trave

In entrambi i casi, se dalla verifica dell’applicabilità dell’analisi lineare precedentemente


svolta si è ottenuto per l’elemento analizzato ρi≤1, MA e MB sono i momenti sollecitanti
derivanti direttamente all’analisi con spettro di risposta, viceversa se ρi>1, MA e MB sono
i momenti ultimi Mu+ e Mu- delle sezioni di estremità valutati usando i valori medi delle
proprietà dei materiali moltiplicati per il fattore di confidenza.

In Tabella 8.3.17 sono raccolti alcuni risultati relativi alla verifica dei meccanismi fragili di
travi e colonne appartenenti al primo piano del 4° telaio in direzione Y svolti nel caso di
SL-DS con analisi dinamica lineare. In particolare si riconoscono organizzati in colonne i
seguenti dati:
colonna A) Telaio cui appartiene l’elemento verificato
colonna B) Tipo di sezione dell’elemento verificato
colonna C) Nome dell’elemento verificato
colonna D) Lunghezza dell’elemento verificato
colonna E) Coefficiente ρi nella sezione considerata
colonna F) Valore del momento sollecitante massimo derivante da inviluppo nella
sezione considerata
220 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Tabella 8.3.17 Verifica meccanismi fragili con analisi dinamica lineare: esempio
di foglio di calcolo
VERIFICA MECCANISMI FRAGILI
DOMANDA VERIFICA
Analisi Dalla Capacità Carico Carico DOMANDA CAPACITA'
L MMax MMin Mu(+) Mu(-) Perm. Var. V(+) V(-) VMax VUlt VERIFICA
Telaio Sez. Elem. ρ
[mm] [kNm] [kNm] [kNm] [kNm] [kN/m] [kN/m] [kN] [kN] [kN] [kN]
TRAVI
-
BG19 2.3 237.3 -300.8 132.8 -158.1 2.9 123.2 66.5 NON VERIFICATO
Y251 4400 22.0 11.1 123.2
BG11 2.0 160.9 -260.2 106.6 -157.4 129.1 2.9 129.1 66.5 NON VERIFICATO
-
BG11 1.9 152.2 -249.5 106.6 -157.4 -1.5 121.6 66.5 NON VERIFICATO
Y252 4400 21.32 11.1 121.6
BG12 2.2 193.8 -270.8 106.6 -157.4 121.6 1.5 121.6 66.5 NON VERIFICATO
5-Y
-
BP8 5.2 351.0 -394.6 80.3 -155.4 57.5 145.9 66.5 NON VERIFICATO
Y253 2200 28.5 11.1 145.9
BP7 4.7 317.2 -350.2 80.3 -131.2 134.9 -68.5 134.9 65.5 NON VERIFICATO
-
BG14 4.9 287.1 -325.3 80.3 -79.7 41.2 104.3 63.3 NON VERIFICATO
Y254 2200 22.04 11.1 104.3
BG14 5.0 327.2 -329.4 80.3 -79.7 104.3 -41.2 104.3 63.3 NON VERIFICATO
COLONNE
C43Y 2.1 157.2 -185.4 104.3 104.3 65.2 -65.2 65.2 56.6 NON VERIFICATO
C43 3200 2.5 -
C43Y 1.7 153.6 -124.8 104.3 104.3 65.2 -65.2 65.2 56.6 NON VERIFICATO
C122Y 2.2 206.6 -204.9 110.5 110.5 69.1 -69.1 69.1 57.6 NON VERIFICATO
C122 3200 2.5 -
C122Y 2.0 190.5 -192.6 110.5 110.5 69.1 -69.1 69.1 57.6 NON VERIFICATO
4-Y
C202Y 2.3 195.9 -214.1 109.2 109.2 68.2 -68.2 68.2 57.3 NON VERIFICATO
C202 3200 2.5 -
C202Y 2.1 195.5 -183.9 109.2 109.2 68.2 -68.2 68.2 57.3 NON VERIFICATO
C282Y 2.0 182.4 -142.6 104.1 104.1 65.0 -65.0 65.0 56.5 NON VERIFICATO
C282 3200 2.5 -
C282Y 1.7 118.9 -148.5 104.1 104.1 65.0 -65.0 65.0 56.5 NON VERIFICATO
A B C D E F G H I J K L M N O P

colonna G) Valore del momento sollecitante minimo derivante da inviluppo nella


sezione considerata
colonna H) Valore della resistenza flessionale positiva nella sezione considerata
colonna I) Valore della resistenza flessionale positiva nella sezione considerata
colonna J) Valore del carico permanente agente sull’elemento
colonna K) Valore del carico variabile agente sull’elemento
colonna L) Calcolo del taglio sollecitante positivo derivante da equilibrio nella sezione
considerata
colonna M) Calcolo del taglio sollecitante negativo derivante da equilibrio nella sezione
considerata
colonna N) Valore del taglio sollecitante massimo nella sezione considerata
colonna O) Capacità di taglio
colonna P) Confronto domanda-capacità

Verifica con analisi statica non lineare


Nelle analisi non lineari la domanda di taglio si ricava direttamente dai risultati dell’analisi.
In particolare nel caso statico, si considerano, per ciascuna delle due direzioni di
applicazione delle forze incrementali, i valori massimi di taglio sollecitante agente alle
estremità di ciascun elemento ottenuti al variare della distribuzione (uniforme e modale) e
del verso. La domanda da confrontare con la capacità è pari al massimo dei massimi tagli
agenti sull’elemento derivanti dalle analisi in X e in Y.
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 221

Tabella 8.3.18 Verifica meccanismi fragili con analisi statica non lineare: esempio
di foglio di calcolo
VERIFICA MECCANISMI FRAGILI
DOMANDA CAPACITA'
L VX,Max VY,Max VMax VUlt VERIFICA
Telaio Sezione Elemento
[mm] [kN] [kN] [kN] [kN]
TRAVI
BG19 49.9 110.9 110.9 56.5 NON VERIFICATO
Y251 4400
BG11 58.6 120.1 120.1 56.0 NON VERIFICATO
BG11 55.9 91.0 91.0 56.0 NON VERIFICATO
Y252 4400
BG12 50.2 88.5 88.5 56.0 NON VERIFICATO
5-Y
BP8 30.5 132.6 132.6 55.5 NON VERIFICATO
Y253 2200
BP7 32.5 116.5 116.5 55.5 NON VERIFICATO
BG14 30.5 127.5 127.5 55.5 NON VERIFICATO
Y254 2200
BG14 23.8 118.6 118.6 55.5 NON VERIFICATO
COLONNE
C43Y - 63.0 63.0 74.2 VERIFICATO
C43 3200
C43Y - 63.1 63.1 74.2 VERIFICATO
C122Y
C122 3200
- 65.1 65.1 84.9 VERIFICATO

4-Y
C122Y - 65.1 65.1 84.9 VERIFICATO
C202Y
C202 3200
- 64.9 64.9 82.1 VERIFICATO
C202Y - 65.0 65.0 82.1 VERIFICATO
C282Y
C282 3200
- 63.1 63.1 73.8 VERIFICATO
C282Y - 63.3 63.3 73.8 VERIFICATO
A B C D E F G H I

In Tabella 8.3.18, sopra, sono raccolti alcuni risultati relativi alla verifica dei meccanismi
fragili di travi e colonne appartenenti al primo piano del 4° telaio in direzione Y svolti nel
caso di SL-DS con analisi statica non lineare. In particolare si riconoscono organizzati in
colonne i seguenti dati:
colonna A) Telaio cui appartiene l’elemento verificato
colonna B) Tipo di sezione dell’elemento verificato
colonna C) Nome dell’elemento verificato
colonna D) Lunghezza dell’elemento verificato
colonna E) Valore del taglio massimo nel piano del telaio derivante da pushover in
direzione X
colonna F) Valore del taglio massimo nel piano del telaio derivante da pushover in
direzione Y
colonna G) Massimo dei due precedenti tagli
colonna H) Capacità di taglio
colonna J) Confronto domanda-capacità

Nelle figure seguenti sono anche riportati graficamente alcuni risultati delle verifiche dei
meccanismi fragili per lo stato limite di danno severo, svolte utilizzando i risultati delle
analisi statiche non lineari. In particolare sono evidenziati (con segno tratteggiato) gli
elementi che non possiedono sufficiente capacità di taglio.
222 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

1-X

1 2 3 4 5 6 7 8

2-X

9 10 11 12 13 14 15 16

Figura 8.3.26 Elementi fragili non verificati (indicati con il tratteggio) allo stato limite
di danno severo (dir. X)

3 11 19 27 3 11 19 27

3Y 4Y

5 13 21 33 29 6 14 22 34 30

5Y 6Y
Figura 8.3.27 Elementi fragili non verificati (indicati con il tratteggio) allo stato limite
di danno severo (dir. Y)
Capitolo 8. Gli esempi applicativi 223

8.3.7.3 Verifica dei meccanismi fragili: nodi trave-colonna


Per la verifica di resistenza dei nodi non confinati, ovvero di quei nodi per cui in almeno
una delle quattro facce verticali non si innesta una trave (§ 5.4.3.1 dell’OPCM),
considerati i risultati delle analisi pushover in direzione X e Y in corrispondenza del
punto di picco (massima richiesta in termini di taglio nella struttura), si è preceduto nel
seguente modo per ciascuna analisi:
− in corrispondenza di ogni nodo si sono individuati i valori di azione assiale (N) e di
taglio agenti nel pilastro superiore (Vp) e di momento flettente (M) agente nella trave
(con riferimento al piano di non confinameno);
− si è calcolata la trazione (Vt) agente nell’armatura longitudinale superiore della trave
per effetto del momento (M/z essendo z il braccio della coppia interna);
− si sono applicate le relazioni indicate dalle norme (vedi paragrafo 7.2.4.3 di questo
Manuale);
per la resistenza a trazione:
2 2
N ⎛ N ⎞ ⎛ Vn ⎞
σ nt = − ⎜
⎜ 2A
⎟ +⎜
⎟ ⎜A ⎟
⎟ ≤ 0.3 f c ( f c in MPa ) (8.41)
2 Ag ⎝ g ⎠ ⎝ g⎠

per la resistenza a compressione:


2 2
N ⎛ N ⎞ ⎛ Vn ⎞
σ nc = + ⎜ ⎟ +⎜ ⎟ ≤ 0.5 f c (8.42)
2 Ag ⎜ 2A ⎟ ⎜A ⎟
⎝ g ⎠ ⎝ g ⎠
essendo Vn= Vp+Vt il taglio totale agente sul nodo e Ag la sezione orizzontale del
nodo (vedi paragrafo 8.2.20.10 per una descrizione più dettagliata). Per le resistenze
dei materiali si sono considerati i valori medi divisi per il fattore di confidenza e per
il coefficiente parziale del materiale;
− per ciascun nodo si è quindi scelta la condizione più gravosa.

Le verifiche sono state applicate ai nodi del solaio di calpestio del piano terra e del primo
piano, in corrispondenza della zona individuata come critica nelle verifiche degli elementi:
esse evidenziano una diffusa incapacità dei nodi di resistere a trazione, e, nel solaio del
piano terra, anche a compressione. In Figura 8.3.28 sono evidenziati con un cerchio i
nodi non confinati che, al livello del solaio di calpestio del piano terra, non soddisfano la
verifica di resistenza a trazione, con il triangolo quelli che non soddisfano la verifica di
resistenza a compressione. In Figura 8.3.29 sono evidenziati con un cerchio i nodi non
confinati che, al livello del solaio di calpestio del primo piano, non soddisfano la verifica
di resistenza a trazione, con il triangolo quelli che non soddisfano la verifica di resistenza
a compressione.
224 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Figura 8.3.28 Pianta a quota 0.6 m: individuazione dei nodi trave colonna che non
soddisfano le verifiche

Figura 8.3.29 Pianta a quota 3.8 m: individuazione dei nodi trave colonna che non
soddisfano le verifiche
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Alunno Rossetti V. (1999). Il calcestruzzo – Materiali e tecnologia, Mc Graw Hill.


American Concrete Institute (1995). In-Place Methods to Estimate Concrete Strength, ACI
228.1R-95, Detroit, Michigan.
American Society for Testing and Materials (1990). Standard Method for Obtaining and Testing
Drilled Cores and Sawed Beams of Concrete, ASTM C 42, Philadelphia, Pennsylvania.
American Society for Testing and Materials (2002). Standard Test Method for Pulse Velocity
Through Concrete, ASTM C 597 – 02.
American Society of Civil Engineering (2000). Prestandard for the Seismic Rehabilitation of
Buildings, FEMA 356, Reston, Va.
Bartlett F.M. (1997). Precision of in-place concrete strenghts predicted using core strength correction
factors obtained by weighted regression analysis, Structural Safety, Vol. 19, N. 4, pp. 397-410.
Bocca P., Cianfrone F. (1983). Le prove non distruttive sulle costruzioni:una metodologia combinata,
L’Industria Italiana del Cemento, n. 6.
Bommer J.J., Ruggeri C. (2002). The specification of acceleration time-histories in seismic design
codes. European Earthquake Engineering, Vol. 16, No. 1, pp. 3-17.
Bommer J.J., Acevedo A.B. (2004). The use of real earthquake accelerograms as input to dynamic
analysis, Journal of Earthquake Engineering, Vol.8, pp. 43-91.
Braga F., Dolce M., Masi A., Nigro D. (1992). Valutazione delle caratteristiche meccaniche dei
calcestruzzi di bassa resistenza mediante prove non distruttive, L’Industria Italiana del Cemento
3/92.
British Standard (1974). Non-destructive Methods of Test for Concrete Measurement of the Velocity
of Ultrasonic Pulses in Concrete, British Standard 4408: Part 5, London.
Bungey J.H. (1984). The Influence of Reinforcement on Ultrasonic Pulse Velocity Testing, da In
Situ/Nondestructive Testing of Concrete, ACI Publication SP-82.
Calavera I., Aparicio G., Delibes A., Gonzales C. (1979). Effects of cores from core drilling and
bore filling on column behaviour, Quality control of concrete structures, Stoccolma.
Casarotti C., Bruno V.I., Pinho R. (2007). Una versione adattiva del Capacity Spectrum Method,
Atti del XII Congresso Nazionale L’ingegneria Sismica in Italia, Memoria no. 185,
Pisa.
Cestelli Guidi M., Morelli G. (1981). Valutazione della resistenza dei calcestruzzi sulle strutture
finite, L’Industria Italiana del Cemento, n. 3.
Circolare Ministeriale 4/7/1996. Istruzioni per l’applicazione delle Norme tecniche relative ai criteri
generali per la verifica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi. GU n. 217 del
16/9/1996.
Circolare Ministeriale LL. PP. 22/5/1957 n. 1472. Armature delle strutture in cemento armato.
Collepardi M. (2002). Il nuovo calcestruzzo (seconda edizione), Edizioni Tintoretto.
226 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Comité Euro-International du Béton (1989). Diagnosis and Assessment of Concrete Structures -


State of Art Report, Bulletin d’Information CEB n. 192.
Comité Euro-International du Béton (1997). Safety Evaluation and Monitoring, Bulletin
d’information CEB n. 239.
Comité Européen de Normalisation (2004). Eurocode 2, Design of concrete structures – Part 1-1:
General rules and rules for buildings, EN 1992-1-1, CEN, Brussels.
Comité Européen de Normalisation (2004). Eurocode 8, Design of structures for earthquake
resistance – Part 1: General rules, seismic actions and rules for buildings, EN 1998-1, CEN,
Brussels.
Comité Européen de Normalisation (2004). Eurocode 8, Design of structures for earthquake
resistance – Part 5: Foundations, retaining structures and geotechnical aspects, EN 1998-5,
CEN, Brussels.
Comité Européen de Normalisation (2005). Eurocode 8, Design of structures for earthquake
resistance – Part 3: Assessment and retrofitting of buildings, EN 1998-3, CEN, Brussels.
Computers and Structures (2005). SAP 2000 – Integrated Finite Element Analysis and Design
of Structures, CSi, Berkeley, California.
Cosenza E., Maddaloni G., Magliulo G., Pecce M., Ramasco R. (2005). Progetto Antisismico
di Edifici in Cemento Armato, Collana di manuali di progettazione antisismica, Manuale 2,
IUSS Press, Pavia.
Decreto Ministeriale 26/03/1980. Norme tecniche alle quali devono uniformarsi le costruzioni in
conglomerato cementizio, normale e precompresso ed a struttura metallica. G.U. n. 176 del
28/6/1980.
Decreto Ministeriale 3/10/1978. Criteri generali per la verifica della sicurezza delle costruzioni e
dei carichi e sovraccarichi. G.U. n. 319 del 15/11/1978.
Decreto Ministeriale 3/3/1975. Disposizioni concernenti l’applicazione delle norme tecniche per le
costruzioni in zone sismiche.
Decreto Ministeriale 30/5/1972. Norme tecniche alle quali devono uniformarsi le costruzioni in
conglomerato cementizio, normale e precompresso ed a struttura metallica. G.U. n. 199 del
22/7/1972.
Decreto Ministeriale 9/1/1996. Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione ed il collaudo delle
strutture in cemento armato, normale e precompresso e per le strutture metalliche. G.U. n. 29 del
5/2/1996.
Decreto Ministeriale 16/1/1996. Norme tecniche relative ai criteri generali per la verifica di
sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi. GU n. 29 del 5/2/1996.
Decreto Ministeriale 30/5/1974. Norme tecniche alle quali devono uniformarsi le costruzioni in
conglomerato cementizio, normale e precompresso ed a struttura metallica.
Del Monte E., Lavacchini G., Vignoli A. (2004). Modelli per la previsione della resistenza a
compressione del calcestruzzo in opera, Ingegneria Sismica, N. 3, settembre-dicembre 2004.
Di Leo A., Pascale G., (1994). Prove non distruttive sulle costruzioni in c.a., Il giornale delle
prove non distruttive, n. 4.
Riferimenti bibliografici 227

Disposizioni attuative dell’art. 2, commi 2, 3 e 4, dell’Ordinanza del Presidente del


Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 Marzo 2003, recante Primi elementi in materia di
criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le
costruzioni in zona sismica. GU n. 252 del 29/10/2003.
Facaoaru I. (1984). Romanian Achievements in Nondestructive Strength Testing of Concrete, da In
Situ/Nondestructive Testing of Concrete, ACI Publication SP-82.
Federal Emergency Management Agency (1997). NEHRP Commentary on the Guidelines for
the Seismic Rehabilitation of Buildings, FEMA 274, October 1997, Washington D.C..
Gasparik J. (1992). Prove non distruttive nell’ edilizia. Quaderno didattico AIPnD, Brescia.
Gazetas G. (1991). Foundation vibrations, da Foundation Engineering Handbook, 2nd
Edition, Cap.5, pp. 553-593, edito da H.Y. Fang, Van Nostrand Reinhold, New York.
Hancock J., Watson-Lamprey J., Abrahamson N.A., Bommer J.J., Markatis A., McCoy E.,
Mendis R. (2006). An improved method of matching response spectra of recorded earthquake
ground-motion using wavelets, Journal of Earthquake Engineering, Vol. 10, pp. 67-89.
Iervolino I., Maddaloni G., Cosenza E. (2007). Accelerogrammi naturali compatibili con le
specifiche dell’OPCM 3431 per l’analisi sismica delle strutture. Atti del XII Congresso
Nazionale L’ingegneria Sismica in Italia, Pisa.
Legge 2/2/1974 n. 64, Provvedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni per le zone
sismiche. G.U. del 21/04/1974.
Legge 25/11/1962 n. 1684, Provvedimenti per l’edilizia, con particolari prescrizioni per le zone
sismiche.
Legge 5/11/1971 n. 1086, Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio armato,
normale e precompresso ed a struttura metallica. G.U. 321 del 21/12/1971.
Masi A. (1991). Analisi della tecnica costruttiva e dei materiali, in Manuale per la valutazione della
sicurezza nei confronti del sisma e per l’adeguamento antisismico (coord. F. Braga), Ordine
Ingegneri Potenza.
Masi A. (2005). La stima della resistenza del calcestruzzo in situ mediante prove distruttive e non
distruttive, Il Giornale delle Prove non Distruttive Monitoraggio Diagnostica, n. 1,
2005.
Masi A., Vona, M. (2004). Vulnerabilità sismica di edifici in c.a. realizzati negli anni ‘70, Atti del
XI Congresso Nazionale L’ingegneria Sismica in Italia, Genova.
Masi A., Vona M., Dolce M., Telesca F., Goretti A. (2001). Resistenza sismica di telai in c.a.
relativi ad edifici esistenti con e senza tamponature, Atti del X Congresso Nazionale
L’ingegneria Sismica in Italia, Potenza.
OPCM 3274 (2003). Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20 marzo 2003 Primi
elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di
normative tecniche per le costruzioni in zona sismica. G.U. del 8/5/2003.
OPCM 3274, 20/3/2003. Criteri per l’individuazione delle zone sismiche – individuazione,
formazione e aggiornamento degli elenchi nelle medesime zone.
228 Valutazione di edifici esistenti in C.A.

Pagano M. (1963). Strutture – Volume I, Napoli, Edizione Liguori.


Pagano M. (1968). Teoria degli edifici - Edifici in cemento armato, Napoli, Edizione Liguori.
Pedeferri P., Bertolini L. (2000). La curabilità del calcestruzzo armato, Mc Graw Hill.
Petrini L., Pinho R., Calvi G.M. (2005). Criteri di Progettazione Antisismica degli Edifici,
Collana di manuali di progettazione antisismica, Manuale 1, IUSS Press, Pavia.
Pinho R. (2007). Analisi pushover adattiva in spostamento, Atti del XII Congresso Nazionale
L’ingegneria Sismica in Italia, Memoria no. 184, Pisa.
Priestley M.J.N. (1997). Displacement-based seismic assessment of reinforced concrete buildings,
Journal of Earthquake Engineering, Vol. 1, No. 1, pp. 157-192.
Ramirez J.L., Barcena F.M. (1974). Relacion entre la resistencia de hormigon de las estructuras y la
obtenida mediante ensayo de probetas testigo extraidas por corte, Congreso de la A.E. para el
C.Q., Barcellona.
Regio Decreto 16/11/1939 n. 2229, Norme per la esecuzione delle opere in conglomerato cementizio
semplice ed armato. G.U. n. 92 del 18/4/1940.
Regio Decreto Legge 22/11/1937 n. 2105, Norme tecniche di edilizia con speciali prescrizioni per
le località colpite dai terremoti.
RILEM (1993). NDT 4 Recommendations for in situ concrete strength determination by combined
non-destructive methods, Compendium of RILEN Technical Recommendations, E&FN
Spon, London.
Santarella L. (1956). Il cemento armato – La tecnica e la statica, Edizione Hoepli.
Santarella L. (1968). Il cemento armato – Le applicazioni alle costruzioni civili ed industriali,
Edizione Hoepli.
SeismoSoft (2005). SeismoStruct – a computer program for static and dynamic nonlinear analysis of
framed structures, www.seismosoft.com.
UNI EN (2001). UNI EN 12504 – 2, Prove sul calcestruzzo nelle strutture – Prove non distruttive
–Determinazione indice sclerometrico, dicembre 2001.
UNI EN (2002). UNI EN 12504 – 1, Prove sul calcestruzzo nelle strutture – Carote – Prelievo,
esame e prove di compressione, aprile 2002.
UNI EN (2005). UNI EN 12504 – 4, Prove sul calcestruzzo nelle strutture – Parte 4:
Determinazione della velocità di propagazione degli impulsi ultrasonici, gennaio 2005.
UNI (1992). UNI 9944, Corrosione e protezione dell’armatura del calcestruzzo. Determinazione della
profondità di carbonatazione e del profilo di penetrazione degli ioni cloruro nel calcestruzzo, febbraio
1992.
UNI (1999). UNI 10834, Calcestruzzo proiettato, ottobre 1999.
Verderame G.M., Mariniello C., Cosenza E., Manfredi G. (2007). La valutazione sismica di
edifici esistenti in c.a.: confronto tra analisi lineare e non lineare, Atti del XII Congresso
Nazionale L’ingegneria Sismica in Italia, Memoria no. 312, Pisa.
Riferimenti bibliografici 229

Verderame G.M., Mariniello C., Manfredi G., Fabbrocino (2007). I meccanismi deformativi di
colonne in c.a. con barre lisce: un confronto teorico sperimentale, Atti del XII Congresso
Nazionale L’ingegneria Sismica in Italia, Memoria no. 313, Pisa.
Vona M., Masi A. (2004). Resistenza sismica di telai in c.a. progettati con il R.D. 2229/39, Atti
del XI Congresso Nazionale L’ingegneria Sismica in Italia, Genova.