Sei sulla pagina 1di 365

FACOLTA’ DI INGEGNERIA a.a.

2008/2009

Corso di laurea Specialistica in Ingegneria Civile

Corso di costruzioni metalliche


Progetto di un edificio con struttura portante in acciaio

RELAZIONE DI CALCOLO

Studenti : Valentina de Cesare


Giovanni Sbaraglia
Agostino Silvestri

Docente: Prof. ing. Franco Bontempi


Dott. ing. F. Petrini
Dott. ing. A. Rago
Dott. ing. L. Giuliani
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

INDICE

INTRODUZIONE ......................................................................................... 5

1. PRESENTAZIONE DELL’OPERA ................................................... 13

1.1 Collocamento Geografico .............................................................. 13

1.2 Caratterizzazione Architettonica .................................................... 14

1.3 Caratterizzazione Strutturale .......................................................... 20

1.3.1 Solaio .......................................................................................... 22

1.3.2 Colonne ....................................................................................... 23

1.3.3 Controventi ................................................................................. 23

1.3.4 Vano Scala e Ascensore.............................................................. 25

1.3.5 Fondazioni .................................................................................. 25

1.4 Normative di riferimento................................................................ 25

2. AZIONI ................................................................................................ 26

2.1 Carichi verticali................................................................................. 26

2.1.1 Carico Antropico ........................................................................ 26

2.1.2 Carico da neve ............................................................................ 26

2.2 Azione sismica .................................................................................. 27

2.3 Azione del Vento ............................................................................... 29

2.4 Combinazione delle azioni ................................................................ 43

3. SOLAIO ................................................................................................... 44

4.1 Dimensionamento del solaio.............................................................. 45

4.2 Verifica del solaio .............................................................................. 49

4.2 Verifica della deformabilità del solaio .............................................. 54

1
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

4.2.1 La modellazione del solaio ......................................................... 55

4.2.2 Risultati ....................................................................................... 59

4. PREDIMENSIONAMENTO DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI .... 60

4.1 Predimensionamento delle travi secondarie ...................................... 60

4.2 Predimensionamento delle travi principali ........................................ 63

4.3 Predimensionamento delle colonne ................................................... 65

4.4 Predimensionamento della scala ........................................................ 65

5. MODELLAZIONE DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI ................... 68

5.1 Modellazione del solaio ..................................................................... 68

5.2 Modellazione delle travi .................................................................... 71

5.3 Modellazione delle colonne ............................................................... 74

5.6 Posizionamento e modellazione dei controventi ............................... 76

5.4 Modellazione delle fondazioni .......................................................... 97

6. VERIFICHE DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI .............................. 98

7. MODELLAZIONE DEL TERRENO E FONDAZIONI ...................... 107

7.1 Dimensionamento e verifica delle fondazioni ................................. 108

7.1.1 Verifica della platea .................................................................. 109

7.1.2 Dimensionamento dei pali ........................................................ 115

7.1.3 Verifica della fondazione mista ................................................ 116

7.2 Modellazione del terreno e analisi comparative .............................. 127

7.2.1 Modellazione in Solid ............................................................... 130

7.2.2 Modello di terreno alla Winkler ............................................... 133

7.3 Analisi comparativa dei risultati ...................................................... 138

8 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DELLE UNIONI ..................... 146

2
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8.1 Tipologie di unioni e modalità di verifica ....................................... 146

8.2.1 I collegamenti bullonati ............................................................ 147

8.1.2 I collegamenti saldati ................................................................ 152

8.2 Il progetto e la verifica delle unioni ................................................. 159

8.2.1 Unione trave principale-trave secondaria ................................. 159

8.2.2 Unione trave principale-colonna............................................... 165

8.2.3 Unione controvento verticale-colonna ...................................... 170

8.2.4 Unione colonna-colonna saldata ............................................... 177

8.2.5 Unione colonna-colonna bullonata ........................................... 180

8.2.6 Unione colonna-controvento di piano ...................................... 183

8.2.7 Unione colonna-platea di fondazione ....................................... 187

8.3 Modellazione agli elementi finiti dei nodi ....................................... 198

8.3.1 Nodo Trave principale-colonna-controvento verticale ............. 199

8.3.2 Nodo Colonna-colonna rastremata ........................................... 214

8.3.3 Nodo colonna-platea di fondazione .......................................... 217

9. ANALISI DI PUSHOVER .................................................................... 238

9.1 Applicazione.................................................................................... 243

9.2 Cerniera plastica a Sforzo Normale ................................................. 244

9.3 Cerniera Plastica a Momento Flettente (colonne) ........................... 247

9.4 Cerniere Plastiche a Momento Flettente ( Link) ............................. 248

9.4.1 MODELLO 1: Cerniere plastiche solo a sforzo assiale nei


controventi ......................................................................................... 253

9.4.2. MODELLO 2: Cerniere plastiche a sforzo assiale e a Momento


Flettente nelle colonne ....................................................................... 256

3
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

9.4.3 MODELLO 3: Cerniere a sforzo assiale, cerniere a momento


flettente (colonne e link) .................................................................... 257

9.4 Analisi di instabilità ......................................................................... 266

9.4.1 MODELLO_INSTABILITA’ 1: .............................................. 267

9.4.2 MODELLO_INSTABILITA’ 2: .............................................. 269

9.4.3 MODELLO INSTABILITA’ 3: ............................................... 269

9.4.4 MODELLO_INSTABILITA’ 4: .............................................. 272

APPENDICE A.......................................................................................... 275

Teoria della plasticità ................................................................................ 275

APPENDICE B .......................................................................................... 299

Instabilità ................................................................................................... 299

4
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

INTRODUZIONE
La progettazione strutturale è il risultato di un processo di sintesi di
elementi diversi e molte volte contrastanti tra loro, che si estendono al di là
del mero calcolo strutturale ma abbracciano aspetti quali la funzionalità,
l’estetica, l’impatto ambientale e l’economicità. In quest’ottica si capisce,
allora, come le scelte del progettista, finalizzate alla soluzione di problemi
strutturali, siano in realtà limitate dai vincoli esterni rappresentati delle
ripercussioni che queste possono avere sugli altri aspetti sopra citati.
Il lavoro svolto riguarda la progettazione di una struttura in acciaio di venti
piani, la cui destinazione d’uso prevista è quella di uffici.
Il processo di progettazione seguito si è articolato nei seguenti passaggi:

1. Progetto architettonico, finalizzato alla definizione della forma


esterna, all’organizzazione degli spazi interni ed alla valutazione
degli aspetti estetici e di inserimento nel contesto urbano, prendendo
anche spunto dalla letteratura e dagli edifici già realizzati;
2. Organizzazione strutturale, in cui viene deciso, in prima analisi, il
tipo di elementi strutturali da utilizzare, la loro disposizione in
funzione dei vincoli architettonici prefissati e lo schema statico della
struttura;
3. Dimensionamento strutturale, in cui si individuano i carichi agenti a
e si procede ad un dimensionamento di massima della struttura
resistente;
4. Prima modellazione della struttura attraverso il programma di
calcolo agli elementi finiti Sap2000.12, in cui si valuta il
comportamento modale, modificando eventualmente lo schema
statico o inserendo elementi strutturali che ne rendano quanto più
possibile regolari i modi di vibrare, attraverso un procedimento di
ottimizzazione;
5. Verifiche di resistenza e processo di ottimizzazione dei tassi di
lavoro dei vari elementi strutturali, operando eventualmente delle
modifiche alle loro dimensioni in funzione dell’utilizzo;
6. Seconda modellazione della struttura, in cui si affrontano gli aspetti
riguardanti la presenza della fondazione, la presenza del terreno e le
conseguenze dell’interazione della struttura con il terreno di
fondazione in termini di cedimenti, che questa subisce, e di
ridistribuzione delle sollecitazioni;

5
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

7. Analisi dei collegamenti degli elementi strutturali, in cui vengono


dimensionate e verificate le diverse tipologie di collegamento
previste tra gli elementi strutturali, tenendo presente, nella scelta,
anche aspetti quali la facilità di montaggio, il costo della
manodopera e dei materiali etc...;
8. Modellazione dei particolari costruttivi, ovvero modellazione
attraverso il programma Sap2000.12 dei collegamenti strutturali, al
fine di valutarne l’effettiva distribuzione delle tensioni, l’efficienza
del vincolo scelto, e la corrispondenza con il tipo di vincolo
considerato nello schema statico della struttura;
9. Analisi non lineare, in cui si valuta il comportamento in campo non
lineare di un telaio, scelto all’interno della struttura, generalmente
corrispondente a quello più controventato, mediante un’analisi di
“push-over”, dalla quale si ricavano informazioni sulla duttilità della
struttura e sulla modalità di collasso in campo plastico.

6
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

PROGETTAZIONE

LIVELLO GLOBALE

Progetto architettonico

Organizzazione strutturale

Dimensionamento strutturale

Prima modellazione

Verifiche di resistenza e
Processo di ottimizzazione

Seconda modellazione e
Confronti

LIVELLO LOCALE

Analisi dei collegamenti

Modellazione dei collegamenti

Analisi non lineare

7
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Le scelte riguardanti l’aspetto architettonico sono state il risultato di una


ricerca relativa ad edifici già realizzati, che hanno fornito l’ispirazione e lo
spunto, in particolar modo, per:

- la realizzazione delle facciate esterne in vetro intervallato da fasce


orizzontali di interruzione;

I. 1: Edificio realizzato a Bologna

- controventi a vista, ovvero vetro trasparente in corrispondenza dei


telai controventati, che diventano un elemento con funzione non solo
strutturale ma anche estetica;

8
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

I. 2: Edificio realizzato a New York

9
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

I. 3: Edificio realizzato a New York

10
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

I. 4: Edificio realizzato a Roma

11
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

- scelta dei particolari costruttivi, quali in particolare la tipologia di


scale, realizzate con gradini in vetro opaco sorretti da un struttura
leggera in acciaio:

I. 5: Tipologia di scale

I. 6: Tipologia di scale

Nel capitolo iniziale viene introdotta l’opera progettata,


caratterizzandola dal punto di vista geografico, dal punto di vista
architettonico (forme, geometrie, caratteristiche decorative dei materiali) e
dal punto di vista strutturale (concepimento strutturale, caratterizzazione
geotecnica, comportamento meccanico dei materiali).

12
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

1. PRESENTAZIONE DELL’OPERA

1.1 Collocamento Geografico

La costruzione dell’opera è prevista a Roma. Essa rientra nel P.R.G. e


sarà edificata nella zona di sviluppo del Quartiere ALESSANDRINO, sulla
via Casilina all’altezza del civico 990. Le coordinate geografiche sono:

LAT 41° 52’ 25’’ N


LONG 12° 35’ 02’’ E

visualizzabili nell’immagine seguente presa direttamente da Google Earth.


Il sottosuolo su cui la struttura sorgerà è costituito da depositi a grana
grossa molto addensati, per cui può essere associata alla categoria B della
N.T.C. 2008.

Figura 1.1 Posizione e coordinate geografiche

13
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

1.2 Caratterizzazione Architettonica

L’edificio ha una forma molto particolare ma, al tempo stesso,


sicuramente originale. L’impronta può essere preliminarmente definita
rettangolare con lato maggiore di circa 60 m e lato minore di 15 m. La
geometria poligonale della struttura è tale da inscrivere all’interno di questa
impronta una figura che la fa somigliare ad una vera e propria “cravatta”.
Essa presenta infatti una simmetria rispetto al al solo lato corto e guardando
da Sud a Nord, si può dividere in n.3 zone:
zon
- la prima, la più grande, ha una forma pentagonale con un lato di 10 m e
gli altri 4 a due a due uguali e simmetrici di dimensioni rispettivamente
di 25.6 m e 10 m, estendendosi chiaramente
ch per
er più di metà della
superficie;
- la seconda, più piccola,
piccola di forma quadrata con lato pari a 10 m e che
rappresenta la zona di accesso all’edificio;
all’edificio
- la terza, di dimensioni intermedie,
intermedie ha forma esagonale con i lati a due a
due uguali, di dimensioni
dimensioni pari, in ordine di estensione, a 10.3 m 10 m e
5.8 m.

La superficie totale ad esso associata risulta dunque essere pari a 675.2 mq.
Si riporta di seguito la pianta dell’architettonico del piano tipo.

Figura 1.2 – Architettonico piano tipo

Come è facile intuire dalla figura 1.2, la destinazione d’uso


dell’edificio (cfr. “N.T.C. 2008”) è quella di “uffici aperti al pubblico”.
In altezza la struttura si sviluppa fino ad una quota di 66 m. Ogni
livello, presenta un’altezza di interpiano pari a 3,3 m per un totale di 20
piani complessivi.

14
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Il materiale utilizzato per tamponare le pareti esterne è il vetro


intervallato, in corrispondenza di ogni solaio, da una fascia di piano in
acciaio che ha la funzione di individuare chiaramente ogni livello e di
fornire una trama orizzontale al prospetto dell’edificio.
Sono state utilizzate due tipologie differenti di vetro: vetro
specchiato, usato nella prima e nella terza zona in corrispondenza dei lati
più lunghi, e vetro trasparente, usato nella parte rimanente ( vano scala e
parti estreme della struttura), al fine di poter rendere visibile le parti
dell’edificio adibite a riunioni.
Si riporta di seguito il particolare dell’attacco utilizzato per la
connessione dei diversi moduli.

Figura 1.3 – Particolare connessione pannelli in vetro

Ogni livello presenta un pacchetto del solaio di altezza complessiva


pari a 0,58 m che, tramite un controsoffitto interno, sarà adibita a contenere
la struttura portante del solaio e l’impiantistica di servizio. In relazione a
ciò, il rivestimento di piano esterno ha altezza pari a 0.6 m e si estende per
0.3 m su ognuno dei piani separati.
In corrispondenza dell’ultimo piano, l’edificio presenta una
copertura praticabile dove è inserito un impianto a pannelli solari
fotovoltaici e a pannelli solari termici. Questi, sono orientati a Sud e
presentano una inclinazione sull’orizzontale pari a 30°, che per il sito di
Roma, secondo studi di conclamata affidabilità (cfr, Bartolazzi - Impianti a
Energie Rinnovabili ), risulta essere quella che fornisce il miglior
rendimento agli impianti.
Si specifica che per l’impianto fotovoltaico si sono usati pannelli di
tipo HELIOS HT 80/85 HTD 110/120 , in silicio monocristallino, che

15
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

producono direttamente energia elettrica, mentre per quello a solare termico


sono stati usati pannelli sottovuoto di tipo U-TYPE della ditta Stratenergy ,
che servono a produrre acqua calda sanitaria per le utenze e a contribuire al
riscaldamento degli ambienti interni. Gli impianti sono alloggiati al piano
inferiore in opportuni vani previsti accanto agli ascensori. Si riportano le
schede tecniche dei due pannelli utilizzati.

16
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

17
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 1.4 – Schede Tecniche pannelli solari

18
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Nella figura seguente si riporta la visione complessiva dell’edificio.


Si vede come la struttura rivesta un ruolo predominante
nell’urbanizzazione della zona dove è ubicata. La caratterizzazione
architettonica, quindi, deve avere come obiettivo quello di introdurre la
struttura nel contesto rispettando l’armonia d’insieme, arricchendo la zona
in modo da potenziarne lo sviluppo.

Figura 1.5 – Render

19
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

1.3 Caratterizzazione Strutturale

La struttura portante dell’opera è interamente realizzata in acciaio.


La struttura è a ritti pendolari con colonne continue (figura 1.6).
L’esigenza di questa soluzione è associabile alla ricerca di maggiore
rigidità della struttura che, presentando colonne posizionate ad ordini
differenti (ved. Tavola Fili Fissi), risulta più flessibile del normale. Essa è
composta interamente di elementi con sezione a doppio T (di dimensioni
differenti), fatta eccezione per i controventi di piano e gli elementi del vano
scala.
Il pacchetto del solaio è, al solito, costituito da una lamiera grecata
che poggia su una maglia di travi (principali e secondarie) ortogonali tra
loro, connesse tra loro e con le colonne con ordinarie bullonature
(collegamento a cerniere).

Figura 1.6 – Modello struttura portante

Dalla Tavola delle carpenterie metalliche è possibile chiaramente


visualizzare la distribuzione dei controventi di piano che occupano tutta la

20
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

fascia inferiore della pianta e solo alcune maglie di quella superiore. Questo
garantisce sufficiente rigidità al solaio stesso in entrambe le direzioni.
Per quanto riguarda i controventi verticali sono stati utilizzati
util due
sistemi diversi di controventamento: il primo è quello classico a croce (su
due piani), il secondo prevede l’uso di controventi a K eccentrici. Questa
scelta è maturata da esigenze architettoniche che prevedono l’inserimento di
porte nella parte centrale del telaio considerato ( ved. figura 1.7).

Figura 1.7 – Schema controventi verticali

La distribuzione dei controventi verticali è visualizzabile nella figura


1.8 ( telai cerchiati).

21
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 1.8 – Controventi verticali

I controventi sono quasi tutti a croce; solo in corrispondenza dei telai


longitudinali posti rispettivamente all’ascissa x = 5 m e x = 45 m sono
presenti i controventi a K eccentrici all’interno della campata di luce
maggiore.
Tutta la struttura poggia su una
una fondazione mista costituita da una platea su
pali interamente di cemento armato. Vediamo nel dettaglio quali tipi di
profili si sono utilizzati per caratterizzare i diversi elementi strutturali.

1.3.1 Solaio

La struttura portante del solaio è costituita da lamiera grecata tipo


HI-BOND
BOND A55/P600 di spessore pari a 1 mm e ordita in direzione
longitudinale. Si poggia direttamente sulle travi secondarie aventi asse
perpendicolare alla direzione di orditura del solaio poste ad interasse di 2.50
m le une dalle altre . Il profilo utilizzato per queste è HEA 180. Le travi
secondarie poggiano a loro volta sulle travi principali che, poste ad
interasse pari a 5 m sono costituite da un profilato del tipo HEM 240. Il
pacchetto del solaio è, come già detto, chiuso inferiormente da un
controsoffitto utile al passaggio degli impianti. Questo è costituito da fibra
minerale e si sorregge tramite dei sostegni fissati direttamente sulle ali delle
travi secondarie (ved. Figura 1.9).

22
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 1.9 – Particolare Solaio

1.3.2 Colonne

Come detto, la colonna utilizzata è di tipo continua. E’ costituita da


un corpo unico di lunghezza pari a 8.25 m. Per i primi livelli, sono state
utilizzati profili speciali ottenuti direttamente dal catalogo Arcelor Mittal.
Mittal
Si possonoo individuare 3 classi di profili riassunti nella seguente tabella.

PIANI PROFILO
n. 1-10 HD 400x551
n. 11-15 HEA 450
n. 16-20 HEB 240
Tabella 1.A – Profili colonne

I profili HD sono profili speciali dotati di spessori delle ali molto


importanti.

1.3.3 Controventi

I controventi possono essere classificati in 2 categorie: Controventi di piano


e controventi verticali. Come controventi di piano sono stati usati profili a
doppia L. Più precisamente si usa 2 L110x75 ( ved. figura 1.10).

23
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 1.10 – Controventi orizzontali

Il profilo dei controventi esterni si differenzia in relazione al fatto


che questi siano interni o esterni.

CONTROVENTI PROFILO
Esterni HEA 260
Interni HE 400x107
Tabella 1.B – Profili controventi

I controventi esterni sono a vista e, come si vede dal render, hanno


anche funzione architettonica. Essi, pertanto, saranno incamiciati con un
tubo ellittico circoscritto alla sezione. L’effetto che si punta ad ottenere è
mostrato nella figura successiva.

Figura 1.11 – Particolare struttura controventi esterni

24
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

1.3.4 Vano Scala e Ascensore

La scala prevede la costruzione di due solette rampanti e di un


pianerottolo intermedio posto a metà del generico piano. La singola soletta
poggia su due cosciali paralleli posti all’estremità della stessa bullonati ad
un’estremità alla trave del solaio e dall’altra ad una trave di interpiano posta
a metà del piano. I cosciali hanno un profilo UPN200, mentre la trave di
interpiano è una HEA 180. Si prevedono anche degli opportuni
irrigidimenti della soletta rampante con controventamenti a croce aventi un
profilo di L 60 x 40 x 5.
Anche per le travi interne del vano ascensore è usato il profilo
HEA 180.

1.3.5 Fondazioni

Come detto, la tipologia di fondazione utilizzata è una fondazione


mista a platea su pali di cemento armato. Essa ha forma rettangolare di
dimensioni 60 m x 20 m e poggia su una palificata contenente n.70 pali
distribuiti su 12 file da 5 parallele al lato corto della fondazione e aventi un
interasse di 4 m sul lato corto e 6 m sul lato lungo (ved. Tavola fondazioni).

1.4 Normative di riferimento

Il suddetto progetto è stato redatto conformemente alle vigenti leggi e le


verifiche seguono le prescrizioni delle norme:

• Decreto Ministeriale LL.PP. 14 gennaio 2008: “Norme tecniche per le


costruzioni”;
• CNR 10025

25
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

2. AZIONI

Si considerano le azioni che interessano la costruzione, trascurando


la variazione termica. I carichi vengono calcolati in base alle disposizioni
del “d.m. delle infrastrutture del 14 gennaio 2008”.

2.1 Carichi verticali

I carichi verticali agenti sulla costruzione sono l’antropico, la neve


ed il carico strutturale del solaio, per la cui determinazione si rimanda al
capitolo 4.

2.1.1 Carico Antropico


La destinazione d’uso della struttura è quella di uffici aperti al
pubblico, per cui nei vari orizzontamenti agirà un carico di 3 kN/m2; fa
eccezione la copertura che viene considerata accessibile per la sola
manutenzione, il carico in questo caso è di 0,5 kN/m2. Sulle scale, che
appartengono alla categoria C2, agisce una pressione pari a 4 kN/m2. Nella
tabella 2.1 sono riassunte le azioni considerate.

Ambiente categoria qk [kN/m2]


Uffici B2 uffici aperti al pubblico 3
Suscettibili di C2 scale comuni 4
affollamento
coperture e H1 coperture accessibili per la 0.5
sottotetti sola manutenzione
Tabella 2. 1 Carichi antropici agenti sulla struttura

2.1.2 Carico da neve


La struttura appartiene alla zona 3, l’altitudine è di circa 150 m sul
livello del mare per cui il valore caratteristico di riferimento del carico da
neve al suolo (qsk) per un periodo di ritorno di 50 anni è pari a 0,6 kN/m2.
Si considera un coefficiente di esposizione CE pari a 0,9 che
corrisponde ad aree pianeggianti battute dai venti, senza costruzioni o alberi
più alti. Tale scelta progettuale è da considerarsi esclusivamente cautelativa,

26
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

in quanto non trova riscontro nell’ambiente urbano in cui la struttura si


colloca. In assenza di uno specifico documento di studio si considera un
coefficiente termico (C( T) pari ad 1.
La copertura dell’edificio non presenta inclinazioni rispetto
all’orizzontale, per cui si assume un coefficiente di forma µ1 uguale a 0,8.
Il carico da neve è pari a:    ·  ·  · 
 0.432
432 .

2.2 Azione sismica

L’azione sismica viene calcolata con riferimento a due stati limite:


quello di danno (S. L. D.) per quanto riguarda l’esercizio, e quello di
salvaguardia della vita (S. L. V.) per quanto riguarda le condizioni ultime.
Si considera una categoria di terreno B, cioè terreni
terreni a grana grossa molto
addensati, mentre la categoria topografica risulta essere T1 (superficie
pianeggiante). Si considera uno smorzamento convenzionale pari al 5%.
La vita nominale della costruzione è pari a 50 anni (opere ordinarie),
essendo inseritata nella terza classe d’uso (costruzioni il cui uso preveda
affollamenti significativi) si ricava una vita di riferimento di 75 anni.
Gli spettri ottenuti dal calcolo, riferiti alla componente orizzontale
del moto sismico (l’unica che si considera), sono riportati
riportati nelle figure 2.1 e
2.2. Si precisa che per lo stato limite di salvaguardia della vita si considera
lo spettro elastico e non quello di progetto, per cui non si adotta la gerarchia
delle resistenze come forma di protezione passiva dal sisma.

Figura
ura 2. 1 Spettro di risposta (componente orizzontale) S. L .V.

27
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Tabella 2. 2 Parametri di calcolo dell’azione sismica per lo S. L. V.

Figura 2. 2 Spettro di risposta (componente orizzontale) S. L .D.

28
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Tabella 2. 3 Parametri di calcolo dell’azione sismica per lo S. L. D.

2.3 Azione del Vento

Il vento esercita sulla struttura azioni che variano nel tempo e nello
spazio provocando, in generale, effetti dinamici. La normativa consente
però, nel caso di costruzioni “usuali”,
“usuali”, di ricondurre tali azioni ad azioni
statiche equivalenti e quindi di trascurare gli effetti dinamici ad esse
associati.
Quando le dimensioni dell’edificio
dell’edificio diventano, sia in altezza che in
larghezza, elevate oppure quando diviene rilevante la sua snellezza e
leggerezza, o la sua flessibilità, o ancora,
ancora quando le sue capacità dissipative
sono scarse, la normativa parla di struttura “inusuale” e specificaspecifi la
necessità, in tali casi, di valutare
valuta gli effetti prodotti dall’azione del vento
mediante metodologie di calcolo adeguate allo stato dell’arte e che tengano
conto della dinamica del sistema.

edificio considerato ricade all’interno della prima categoria


Poichè l’edificio ca
descritta, si analizzano gli effetti dell’azione del vento considerando una
distribuzione di azioni statiche equivalenti, costituite da pressioni e
depressioni agenti normalmente alle superfici esterne degli elementi
strutturali che lo costituiscono.
costituiscono. Data l’elevata estensione in pianta, inoltre,
si sommano alle pressioni ortogonali alle superfici anche delle pressioni
tangenti.
Secondo quanto proposto dalla normativa di riferimento la procedura
di calcolo da utilizzare per determinare le azioni statiche
statiche equivalenti può
essere schematicamente descritta nel seguente diagramma di flusso:

29
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 2. 3: Procedura di calcolo

Si riportano nel particolare i dettagli dei calcoli eseguiti per


determinare le azioni statiche equivalenti, note le caratteristiche generali
dell’opera:
Caratteristiche Generali dell’opera
Materiale acciaio
Altezza edificio (H) 66 m
Larghezza in pianta (A) 15 m
Lunghezza in pianta (B) 57 m
Altitudine (Z) 100 m.d.m.
Periodo d Ritorno (TR) 500 anni
Località Roma
Tabella 2. 4: Caratteristiche generali dell'oper

30
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

• Determinazione della zona (macrozonazione):

La velocità di riferimento (Vref) rappresenta il valore caratteristico


della velocità del vento a 10 m dal suolo, su un terreno di categoria di
esposizione II, mediata
media su un intervallo di 10 minuti e riferita ad un periodo
di ritorno di 50 anni.
In base zonazione indicata nella tabella 2.2, i parametri di riferimento da
considerare nel calcolo dell’azione del vento sono i seguenti:

Vref = Vref,0 = 27 m/s

a0 = 500 m

ka= 0,02 s-1

Poiché l’altitudine alla quale è posto l’edificio, pari a 100 m.s.m., è


inferiore rispetto a quella di riferimento a0, funzione della Zona di
appartenenza, la Velocità di riferimento
riferiment risulta pari a:

Vref = Vref,0 = 27 m/s

Tabella 2. 5: Valori dei parametri Vref.0, a0, ka

31
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

• Definizione del periodo di ritorno

In assenza di specifiche ed adeguate indagini statistiche, la velocità


di riferimento del vento (vref) riferita ad un generico periodo di ritorno TR, è
data dall’espressione:

v ref (TR ) = α R (TR ) ⋅ v ref .

Al periodo di ritorno considerato per la struttura in esame è associato


un coefficiente:
0,5
    1   
1 − 0,2 ⋅ ln − ln1 −    
    TR   
αR =   = 1,122
 1 − 0,2 ⋅ lm[− ln 0,98] 
 
 

per cui la velocità di riferimento adeguata al periodo di ritorno della


struttura è pari a:

v ref (TR ) = α R (TR ) ⋅ v ref = 30,3m / s.

• Coefficienti di esposizione e di topografia (microzonazione)


e velocità di picco:

Per tener conto degli effetti locali del sito dove è posta la costruzione
e dell’altezza dal suolo dei suoi componenti si definiscono le seguenti
velocità significative, per altezze dal suolo non superiori a 200 m:

- Velocità media del vento che fornisce l’andamento della velocità media
del vento in funzione della quota altimetrica z:

v M ( z ) = k r ⋅ ct ⋅ α ( z ) ⋅ v R (TR ) =
  z 
= k r ⋅ ct ⋅ ln  ⋅ v R (TR )
  z0 

32
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

ct= coefficiente di topografia,


topografia di regola posto pari a uno sia per le zone
pianeggianti sia per le zone ondulate, collinose e montane;

kr,z0,zmin= parametri definiti nella tabella 2.6.


2.

- Velocità di picco che tiene conto degli incrementi di velocità relativi a


fenomeni di raffica::

v P ( z ) = cev ( z ) ⋅ v R (TR ) =

= k r ⋅ ct ⋅ α ( z ) ⋅ [7 + ct ⋅ α ( z )] ⋅ v R (TR ) z>zmin

cev= coefficiente di esposizione

Tabella 2. 6:Parametri
:Parametri per la definizione del coefficiente di esposizione

La categoria di esposizione del sito si ricava facendo riferimento alla


seguenti tabelle, dalle quali viene determinata prima la classe di rugosità del
terreno in funzione dell’area, più o meno urbanizzata, in cui viene costruita
l’opera, e nota quest’ultima
quest’ultima si risale alla categoria di esposizione in
funzione della distanza dal mare.

33
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Tabella 2. 7: Classe di rugosità del terreno

Tabella 2. 8: Categoria di esposizione

La categoria di esposizione della struttura , avendo definito il terreno


con una classe di rugosità A, in funzione della distanza dal mare e della
quota sul livello del mare, risulta essere la IV.
Il valore del coefficiente di esposizione così calcolato è pari a:

cev(H) =1,8

e quindi la velocità di picco massima risulta essere:


vp(H) = 54,5 m/s

34
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 2. 4:: Andamento di Cev con l'altezza dell'edificio

Figura 2. 5: Andamento di Vp con l'altezza dell'edificio

35
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

• Pressione di picco

Alla velocità di picco v P (z ) è associata la pressione cinetica di picco q:

1
q(z ) = ρ ⋅ v P 2 (z )
2

nella quale ρ è la densità dell’aria, che può essere assunta pari a 1,25
kg/m3.
Il valore massimo, calcolato per z=H, è:

q(H)= 1,855 kN/ms2

Figura 2. 6: Andamento di qp con l'altezza dell'edificio

36
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

• Azioni statiche equivalenti

Considerando di regola, come direzione del vento, quella


corrispondente ad uno degli assi principali della pianta della costruzione
alla volta, l’azione di insieme esercitata dal vento su una costruzione è data
dalla risultante delle azioni sui singoli elementi.
Le azioni statiche del vento si traducono in pressioni (positive) e
depressioni (negative) agenti normalmente alle superfici, sia esterne che
interne, degli elementi che compongono la costruzione e pressioni tangenti.
Indicando con:

- c d è il coefficiente dinamico
- c pe è il coefficiente di pressione esterna
- c pi è il coefficiente di pressione interna
- c f è il coefficiente d’attrito

le pressioni esterne ed interne sono definite rispettivamente come:

we = c pe c d q
wi = c pi c d q
mentre la pressione tangente è:

wt = c f q

ove q è la pressione cinetica di picco valutata nei seguenti modi:

1
- per le pareti sopravento q ( z ) = ρ * VP (z )
2
1
- per le pareti sottovento q (h *) = ρ * V P (h *)
2
con h* pari alla quota altimetrica del baricentro della copertura della
costruzione, e cf è il coefficiente di attrito funzione della scabrosità della
superficie sella quale il vento esercita l’azione tangente, posto pari a 0,01
essendo questa considerabile come liscia.
Per la valutazione dei coefficienti di pressione bisogna considerare che
su un generico edificio prismatico con base rettangolare, il vento genera
azioni di pressione sulla parete verticale sopravento e depressioni sulle

37
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

restanti facce. La variazione delle pressioni sulle pareti sopravento ha


natura logaritmica, mentre sulle altre facce il profilo delle depressioni è
uniforme.

Figura 2. 7: Distribuzione delle pressioni sull'edificio

In generale dunque i coefficienti di pressione dipenderanno dal rapporto


L/B tra le dimensioni planimetriche dell’edificio. Per edifici a pianta
rettangolare il cui rapporto tra le dimensioni è compreso tra 1/3 e 3 si
possono assumere i seguenti coefficienti di pressione esterna:

- per elementi sopravento con inclinazione sull’orizzontale maggiore di


60° c pe =+0,8
- per elementi sopravento con inclinazione sull’orizzontale 0°<a<20° e
per gli elementi sottovento e paralleli al vento c pe =-0,4.

Il coefficiente dinamico tiene in conto gli effetti riduttivi associati alla


non contemporaneità delle massime pressioni locali e gli effetti dovuti alle
vibrazioni strutturali. Per le strutture acciaio i valori del coefficiente
dinamico sono ricavabili da un grafico fornito dalla normativa, in funzione
del lato di base e dell’altezza dell’edificio.
I valori del coefficiente dinamico considerati sono:

- vento parallelo al lato maggiore dell’edificio cd =1


- cento parallelo al lato minore dell’edificio cd=0,95

38
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Si presentano di seguito i valori delle pressioni calcolate considerando


la direzione del vento sia parallela al lato maggiore dell’edificio che al lato
minore:

Azioni in pressione
Z a(z) Cev Vp qp We,x We,y
m m/s kN/ms2 kN/m2 kN/m2
0 0 0,00 0 0 0 0
8,25 3,31 1,29 38,97 0,95 0,76 0,72
16,5 4,01 1,46 44,26 1,22 0,98 0,93
24,75 4,41 1,56 47,30 1,40 1,12 1,06
33 4,70 1,63 49,43 1,53 1,22 1,16
41,25 4,92 1,69 51,07 1,63 1,30 1,24
49,5 5,11 1,73 52,40 1,72 1,37 1,30
57,75 5,26 1,77 53,52 1,79 1,43 1,36
66 5,39 1,80 54,49 1,86 1,48 1,41
Tabella 2. 9 : Azioni in pressione

Azione in depressione e parallele alla direzione del vento


Z α(z) Cev Vp qp We,x We,y
m m/s kN/ms2 kN/m2 kN/m2
66 5,39 1,80 54,49 1,86 -0,74 -0,71
Tabella 2. 10: Azione in depressione e parallele alla direzione del vento

39
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 2. 7:: Andamenti delle pressioni esterne con l’altezza dell’edificio

La pressione tangente, ovvero quella parallela alla direzione del vento,


è stata trascurata in quanto il suo valore è risultato basso, avendo scelto una
superficie
ficie esterna dell’edificio di vetro alla quale corrisponde un
coefficiente di attrito pari a 0,01.

Figura 2. 8:Andamento
:Andamento delle depressioni esterne con l’altezza dell’edificio

40
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

• Calcolo delle risultati

Una volta determinato l’andamento delle pressioni lungo l’altezza


dell’edificio le azioni statiche equivalenti sono state applicate alla struttura
calcolando le forze risultanti secondo il metodo delle aree d’influenza ed
applicando quest’ultime in corrispondenza di ciascuna colonna esterna
come carico uniformemente distribuito.
Facendo riferimento alla numerazione delle colonne riportata sulla pianta
dell’edificio si considerano separatamente i casi di:
- il vento agente parallelamente al lato maggiore (indicato con la
direzione dell’asse x) diretto da destra verso sinistra
- il vento agente parallelamente al lato maggiore diretto da sinistra verso
destra (distinzione necessaria a causa dell’asimmetria dell’edificio);
- il vento agente parallelamente al lato minore (indicato con la direzione
dell’asse y).

Si riportano, in via esemplificativa, nella seguente tabella, i valori dei


carichi lineari risultanti:

 Vento parallelo all’asse x ( da destra verso sinistra)

a_ Azione in pressione

n° colonna 1;34 13;28 15


Linf 1,87 3,74 4,79

41
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Z(m) We,x(kN/m2) F (kN/m) F (kN/m) F (kN/m)


0 0 0,00 0,00 0,00
8,25 0,76 1,42 2,84 3,64
16,5 0,98 1,83 3,66 4,69
24,75 1,12 2,09 4,18 5,36
33 1,22 2,29 4,57 5,85
41,25 1,30 2,44 4,87 6,25
49,5 1,37 2,57 5,13 6,58
57,75 1,43 2,68 5,35 6,86
66 1,48 2,78 5,55 7,11
Tabella 2. 11: Azioni sulla parete in pressione

b_ Azione in depressione

n° colonna 11;46 12;47 27


Linf 1,27 2,5 5

Z(m) We,x(kN/m2) F (kN/m) F (kN/m) F (kN/m)


66 -0,74 -0,94 -1,86 -3,71
Tabella 2. 12: Azioni sulla parete in depressione

c_ Azione sulle pareti parallele alla direzione del vento

n° colonna 1;34 2;35 3;36-4;37-5;38 6;39 7;8 9;44 10;45 11;46


Linf 2,50 7,51 5,00 4,34 3,18 4,4 4,99 5,43

Z(m) Wt F (kN/m) F (kN/m) F (kN/m)


66 -0,74 -1,86 -5,57 -3,71 -3,22 -2,36 -3,27 -3,70 -4,03
Tabella 2. 4: Azioni sulle pareti parallele alla direzione del vento

42
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

2.4 Combinazione delle azioni

Per quanto concerne la combinazione dell’azione sismica con i


carichi verticali la normativa specifica che questa debba essere effettuata,
per la Stato Limite Ultimo e per lo Stato Limite di Danno secondo la
formula:

Fd = γ E E + γ G G K + γ P PK + ∑ (ψ 2i γ Q Q Ki )
i

dove:
E rappresenta l’azione sismica per lo stato limite considerato e
per la classe di importanza in esame;
GK rappresenta il valore caratteristico della azione permanente
(peso proprio, carichi permanenti portati, precompressione,
ecc);
QK rappresenta il valore caratteristico dell'azione variabile;
PK rappresenta il valore caratteristico della deformazione
impressa (effetto della temperatura, deformazione del terreno,
viscosità, ritiro, etc.);
γ E , γ G , γ Q , γ P rappresentano i coefficienti parziali (Tabella 5.2-VI a);
ψ 2i sono i coefficienti di combinazione delle azioni variabili (Tabella
3.2.VI).

43
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

3. SOLAIO

Si sceglie di utilizzare solai composti in acciaio-calcestruzzo,


costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di
calcestruzzo normale o alleggerito.
La lamiera ha la funzione di cassero durante la costruzione e
costituisce parte o tutta l’armatura longitudinale dopo l’indurimento del
calcestruzzo.

Figura 3. 1: Solaio composto acciao-calcestruzzo

Le caratteristiche di tali tipi di solaio sono:

• leggerezza e riduzione degli ingombri


• velocità di realizzazione
• facilità di taglio e scarsa suscettibilità a problemi di tolleranze
• facilità nella realizzazione di aperture per il passaggio degli impianti

Poiché non è sufficiente la semplice adesione chimica fra la lamiera


e il calcestruzzo, sono previste opportune lavorazioni superficiali o
particolari sagome per garantire l’aderenza fra acciaio e calcestruzzo.
Gli spessori della lamiera variano tra 0.7 e 1.5 mm mentre le altezze
tra 40 e 80mm.

44
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

4.1 Dimensionamento del solaio

Il solaio che si è scelto di utilizzare è il tipo HI-BOND A55/P600,


prodotto dalla “Metecno”, caratterizzato da un altezza totale della lamiera
grecata di 55 mm.
Il solaio collaborante HI-BOND è costituito da una lamiera grecata
sulla quale viene gettata una soletta di calcestruzzo. In fase di getto, e fino a
quando il calcestruzzo non avrà raggiunto un adeguato livello di
maturazione (1° fase), il peso proprio del calcestruzzo, del personale e dei
mezzi d’opera, vengono portati solamente dalla lamiera; avvenuta la
maturazione (2° fase), la lamiera ed il calcestruzzo formano una sezione
omogeneizzata con tutte le caratteristiche delle tradizionali sezioni in
cemento armato, dove la lamiera, dopo aver assolto il compito di
cassaforma, assume per i momenti positivi quello di armatura metallica.
Per assorbire i momenti negativi, si devono prevedere dei ferri di
armatura come nelle normali solette.

Figura 3. 2: Solaio HI-BOND

I calcoli dei solai collaboranti HI-BOND sono guidati dalle seguenti


norme ed istruzioni:

• D.M. del 09.01.96. Norme tecniche per l’esecuzione delle opere in


cemento armato normale e precompresso, e per le strutture metalliche.
• UNI - CNR 10022. Profili formati a freddo: istruzioni per l’impiego
nelle costruzioni.

45
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

• UNI EN 10147. Lamiere e nastri di acciaio per impieghi strutturali,


zincati per immersione a caldo in continuo.
• CEN European Committee for Standardization, Eurocode n. 4: Design
of composite steel and concrete structures.
• Istruzioni AIPPEG per il calcolo dei solai in lamiera grecata con soletta
di calcestruzzo collaborante.

I materiali con cui vengono realizzati gli elementi che costituiscono il solaio
sono:
• LAMIERA GRECATA: si prevede l’impiego dell’acciaio S280 GD
definito dalla norma UNI EN 10147 ed equivalente, per le prestazioni
meccaniche, al tipo Fe 360 prescritto dalle norme UNI - CNR 10022; la
tensione complessiva nella lamiera non dovrà superare 165 N/mm2.
• CALCESTRUZZO: si prevede l’impiego di calcestruzzo della classe Rck
250 daN/cm2 che ammette, una tensione di esercizio di 85 daN/cm2.
• ACCIAIO PER MOMENTI NEGATIVI: per queste armature si
suggerisce l’impiego di acciaio in barre ad aderenza migliorata tipo Fe B
38 k che ha una tensione ammissibile di 215 N/mm2.

La determinazione delle caratteristiche dimensionali degli elementi


che costituiscono il solaio viene eseguita considerando i carichi agenti di
tipo permanente non strutturale e variabili combinati secondo quanto
prescritto dalla normativa vigente per gli stati limite ultimi.

Figura 3. 3: Solaio completo

46
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

CARICHI PERMANENTI NON STRUTTURALI (GK2)


STRATO DI CLS (IMPIANTI spessore 0 m
E PENDENZE) γ 14 kN/m3
Peso (1m) 0 kN/m

PAVIMENTO Peso (1m) 0,4 kN/m


IMPIANTI Peso (1m) 0,2 kN/m
TRAMEZZI Peso (1m) 0,1 kN/m
CONTROSOFFITTO Peso (1m) 0,06 kN/m

TOT 0,76 kN/m


Tabella 3. 1: Carichi permanenti non strutturali

CARICHI VARIABILI (QK)


ANTROPICO (QK1) 3 kN/m
NEVE (QK2) 0,432 kN/m
COPERTURA NON PRAT. (QK3) 0,5 kN/m
Tabella 3. 2: Carichi permanenti non strutturali

Date le luci di 2,5m del solaio ed i carichi agenti complessivamente,


lo spessore della lamiera grecata necessario, in base alle tabelle presentate
dal fornitori, risulta essere di 1 mm, considerando lo spessore del
calcestruzzo di 45 mm:

47
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 3. 4: Carichi massimi del solaio

Le corrispondenti caratteristiche della soletta in calcestruzzo e della


lamiera sono:

Figura 3. 5: Dimensioni geometriche della lamiera gracata

Figura 3. 6: Caratteristiche geometriche della lamiera gracata

48
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 3. 7: Caratteristiche geometriche della soletta in calcestruzzo

Figura 3. 8: Caratteristiche geometriche della soletta

4.2 Verifica del solaio

Viene indicata come “Fase 1 “ quella in cui il calcestruzzo, appena


gettato, agisce sulla lamiera grecata come carico, non avendo ancora
sviluppato la propria resistenza, e non sono stati applicati i carichi non
strutturali e variabili , e come “ Fase 2” quella finale in cui il calcestruzzo
collabora alla resistenza del solaio e agiscono sul solaio tutti i carichi
previsti.
Si procede quindi alle verifiche del solaio a taglio ed a flessione sia
relativamente alla prima fase che alla seconda fase.
I carichi permanenti strutturali e non strutturali e variabili agenti sul
solaio, vengono combinati secondo quanto prescrive la normativa vigente
per gli stati limite ultimi e di esercizio.

49
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

CARICHI PERMANENTI STRUTTURALI (GK1)


LAMIERA GRACATA spessore 0,001 m
altezza 0,055 m
interasse nervature 0,15 m
base max ,nervature 0,0615 m
base min ,nervature 0,0615 m
Proiez.orizz.anima 0,0135 m
lungh.anima 0,0566 m
n°nervature(1m) 7
Peso (1m) 0,138 kN/m

SOLETTA CLS spessore 0,045 m


γ 25 kN/m3
Peso (1m) 1,813 kN/m

TOT 1,920 kN/m


Tabella 3. 3: Carichi permanenti strutturali

CARICHI PERMANENTI NON STRUTTURALI (GK2)


STRATO DI CLS (IMPIANTI spessore 0 m
E PENDENZE) γ 14 kN/m3
Peso (1m) 0 kN/m

PAVIMENTO Peso (1m) 0,4 kN/m


IMPIANTI Peso (1m) 0,2 kN/m
TRAMEZZI Peso (1m) 0,1 kN/m
CONTROSOFFITTO Peso (1m) 0,06 kN/m

TOT 0,76 kN/m


Tabella 3. 4: carichi permanenti non strutturali

CARICHI VARIABILI (QK)


ANTROPICO (QK1) 3 kN/m
NEVE (QK2) 0,432 kN/m
COPERTURA NON PRAT. (QK3) 0,5 kN/m
Tabella 3. 5: Carichi variabili

50
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

COEFFICIENTI PARZIALI PER LA COMBINAZIONE DELLE AZIONI


γG ψ01 ψ1 ψ2
Carico Gk1 1,3
Gk2 1,5
Qk1,antropico 1,5 0,7 0,5 0,3
Qk2,neve 1,5 0,5 0,2 0
Qk1,cop.non 1,5 0 0 0
prat.

Tabella 3. 6: Coefficienti parziali per le azioni

AZIONI DI CALCOLO
SLU SLE rara SLE freq SLEq_p
kN/m kN/m kN/m kN/m
Fd fase 1 2,496 1,920 1,920 1,920
Fd fase 2 4,386 5,680 4,18 3,58
Tabella 3. 7: Azioni di calcolo

Il calcolo delle sollecitazioni viene eseguito mediante il programma


di calcolo Sap2000.12.
I carichi variabili vengono distribuiti su ciascuna campata del solaio,
3 ognuna di luce 2,5 m, e successivamente alternati in modo da
massimizzare le sollecitazioni in mezzeria ed agli appoggi:

Lee sollecitazioni ottenute sono:

51
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Mmax+ 12,28 kNm


Mmax- 14 kNm
Tmax 25 kN
Tabella 3. 8: Sollecitazioni di calcolo

Le verifiche effettuate seguono quanto indicato dal vigente decreto


ministeriale e risultano:

VERIFICA A FLESSIONE (MEZZERIA)


a_ Ipotesi inziale: an=hc
b 1 m
λ 1
η 0,85
Rc (1m) 629,659 kPa An.taglia la soletta

b_ an taglia taglia la soletta


x 0,029 m
Rc (1m) 412,526 kPa
Ra (1m) 412,526 kPa

X Ra (1m) Mpl,Sd Mpl,Rd VERIFICA


3
m kNm
0,029 412,53 12,28 23,83 OK
Tabella 3. 9:Verifica a flessione in mezzeria

VERIFICA A FLESSIONE (APPOGGI)


a_ Ipotesi inziale: an=hc
c 0,01 m
B 1 m
λ 1
η 0,85
Rc (1m) 69,262 kPa
Ra (1m) 412,526 kPa
Rb 909,696 kN An.taglia la soletta

b_ an taglia taglia la soletta


x 0,037 m

52
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Rc (1m) kPa
Ra (1m) 412,526 kPa

X Ra (1m) Mpl,Sd Mpl,Rd VERIFICA


3
m kNm
0,037 412,526 14 53,20 OK
Tabella 3. 10: Verifica a flessione agli appoggi

VERIFICA A TAGLIO
τRd 330,749 kN/m3
Kv 1,5275 m

Sezione Vc,Sd Vc,Rd VERIFICA


m2
4 25 25,93 OK
Tabella 3. 11:Verifica a taglio

VERIFICA AGLI SLE


freccia fmax VERIFICA

0,0002 0,005 OK
Tabella 3. 12: Verifica agli stati limite d'esercizio

Si sono considerate nei calcoli le seguenti armature aggiuntive:


ARMATURE LENTE
Armatura superiore
diametro φ 14 mm
n°ferri/m 14
As 0,0022 m2
fyk 450000 kPa
fyd 391304,35 kPa

Rete elettrosaldata
diametro φ 6 mm
maglia 20 x 20
As 0,00017 m2
Tabella 3. 13: Armature lente

53
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Il tipo di solaio scelto privilegia la scelta del minimo spessore. A tal


fine si è pensato di far passare gli impianti sopra la controsoffittatura
(forando eventualmente i profili).

4.2 Verifica della deformabilità del solaio

La verifica di deformabilità del solaio riguarda gli stati limite di


esercizio, e consiste nel controllo delle frequenze di vibrazione del solaio
stesso. Dalla frequenza è possibile capire se le vibrazioni, e quindi la
deformabilità, del solaio sottoposto ai soli carichi verticali sono compatibili
con l’utilizzo della struttura nelle condizioni di esercizio. La verifica di
deformabilità del solaio si ritiene soddisfatta se la frequenza di vibrazione
assume valori compresi fra i 3 ed i 4 Hz.
Si studia la deformabilità provocata dai carichi verticali, per cui si
considerano le oscillazioni subite dal “pacchetto solaio” in tale direzione.
La frequenza si ricava dall’analisi modale, svolta in Sap, su un modello
tridimensionale di piano tipo in cui:

 colonne e travi sono modellati con dei frame.


 il solaio è modellato con una shell equivalente.
 i carichi verticali non strutturali (antropici e permanenti portati) sono
applicati come pressioni agenti sul solaio.

Le colonne possiedono altezza che si sviluppa per 3 m al di sopra e al di


sotto (altezza complessiva 6 m) della linea d’asse del solaio. Tutti i frame
del modello sono incernierati fra loro, gli unici vincoli esterni presenti sono
delle cerniere poste alla base e alla sommità delle colonne, come mostrato
in figura.

54
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 3. 8 Modellazione del piano tipo in Sap

Le scale non vengono modellate, in quanto vengono studiate a parte,


la struttura risulta labile per carichi orizzontali tuttavia gli unici carichi
considerati sono quelli in direzione verticale.

4.2.1 La modellazione del solaio

Il solaio utilizzato è in lamiera grecata collaborante di tipo HI-


BOND A55/P600 di spessore pari ad 1 mm, nel modello viene
schematizzato con delle shell equivalenti, cioè che possiedono lo stesso
momento assiale d’inerzia del solaio. In figura 3.9 sono riportate le
dimensioni geometriche della lamiera, lo spessore totale del solaio
(comprensivo di soletta in calcestruzzo) è di 10 cm.

Figura 3. 9 dimensioni geometriche della lamiera grecata

55
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Lo scopo della trattazione è quello di valutare la vibrazione verticale


del solaio, che risulta governata dalla flessione di tale elemento strutturale e
quindi, in ultima analisi, proprio dal momento d’inerzia.
La definizione della shell equivalente comporta la valutazione di due
aspetti:
1. Il solaio è composto da una sezione di acciaio e calcestruzzo, per cui
si dovrà procedere ad una omogeneizzazione sia del modulo elastico
che del momento d’inerzia.
2. Il solaio presenta un momento d’inerzia differente per le due
direzioni ortogonali, mentre la shell no, per cui si dovranno
modificare opportunamente i parametri che modificano le rigidezze
flessionali delle shell.

La determinazione della shell equivalente si riduce a ricavare


l’altezza, dal momento che si considerano momenti d’inezia per unità di
lunghezza (aventi dimensioni fisiche di L4/L), per cui la shell avrà una
larghezza di riferimento di 1 m. Le grandezze ideali saranno calcolate
omogeneizzando il materiale rispetto al calcestruzzo, cioè considerando le
quantità dovute all’acciaio come se riferite ad un conglomerato n volte
maggiore. Con n si indica il coefficiente di omogeneizzazione, preso in
valore pari a 7.
Il solaio è un elemento monodimensionale inflesso, per cui nelle
condizioni di esercizio la sezione risulta compressa al lembo superiore e
tesa all’intradosso, ponendo a zero il momento statico rispetto ad un asse
orizzontale si ricava la posizione dell’asse neutro (baricentrico). Con
riferimento alla figura 3.10 si indica con xS la distanza dell’asse neutro
dall’estradosso della sezione, e vale 4,08 cm.

Figura 3. 10 Determinazione dell’asse neutro della soletta

Con yi si indica la distanza, dal bordo inferiore della sezione, del


baricentro della lamiera grecata, dalla scheda tecnica fornita dal produttore

56
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

tale distanza è pari a 2,44 cm. Il baricentro della lamiera dista quindi, dal
bordo superiore della soletta 7,56 cm (h).

Figura 3. 11 Caratteristiche tecniche del solaio, dal manuale tecnico del produttore

Figura 3. 12Caratteristiche tecniche della lamiera grecata, dal manuale tecnico del
produttore

Il momento d’inerzia ideale relativo alla direzione di orditura del


solaio viene ricavato come somma del momento d’inerzia della soletta
(rispetto all’asse neutro in quanto si considera il solo calcestruzzo
compresso), e n-volte il momento d’inerzia della lamiera grecata
comprensivo del contributo del trasporto.
 ∙ 
  +  ℎ −  "# + $% &
3
dove:

57
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

 Aa è l’area di acciaio (della lamiera) presente in un metro di


larghezza di solaio.
 Jlam è il momento d’inerzia della lamiera.
 b è la larghezza della soletta (pari a 1 m).

Si ottiene un momento d’inerzia ideale pari a 4164 cm4/m, si noti che


tale valore contrasta con quanto riportato nella figura 4.4 dove il momento
d’inerzia è omogeneizzato rispetto all’acciaio. Uguagliando tale valore la
formula del momento d’inerzia della shell (in questo caso si prende quello
baricentrico si ricava l’altezza equivalente.

) 12 ∙ 
ℎ= ' ≅ 8 ,-


Nella direzione ortogonale a quella di orditura del solaio, per il


calcolo del momento d’inerzia si considera il contributo della sola soletta
compressa, per cui si ricava: ,/01 = 2264 ,-3 /-. A questo punto è
possibile modificare la rigidezza della shell agendo sui fattori di modifica
delle inerzie flessionali: m11 (nella direzione di orditura del solaio), m22
(nella direzione ortogonale) ed m12 (torcente di piastra). Tali fattori sono
definiti come rapporto tra il momento d’inerzia “reale” e quello della shell,
nelle varie direzioni, per cui risulta:

 m11=1
 m12=0 (assenza “d’interazione” fra le due fibre ortogonali)
 m22=0.54 (cioè nella direzione ortogonale l’inerzia flessionale è circa
la metà di quella che spetta alla direzione di orditura del solaio).

Rimane da definire il modulo di elasticità ideale che tenga in


considerazione che nella sezione non è presente un solo materiale, esso si
ottiene come media pesata sulle aree dei moduli di elasticità del
conglomerato e dell’acciaio.

56$ ∙ 6$ + 5 ∙ 
5 = = 35080 8
 + 6$

Il modulo elastico del calcestruzzo è pari a 31220 MPa (Rck=30


MPa), mentre quello dell’acciaio è di 210000 MPa.

58
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

4.2.2 Risultati

Nella tabella successiva sono riportati i risultati di output relativi


all’analisi modale svolta in Sap, si nota che le frequenze di vibrazione
risultano comprese nei limiti sopra citati, per cui la verifica di deformabilità
del solaio risulta soddisfatta.

TABLE: Modal Periods And Frequencies


OutputCase StepType StepNum Period Frequency CircFreq Eigenvalue
Text Text Unitless Sec Cyc/sec rad/sec rad2/sec2
MODAL Mode 1 0.33 3.07 19.313 373.01
MODAL Mode 2 0.24 4.09 25.701 660.54
MODAL Mode 3 0.22 4.57 28.684 822.78
MODAL Mode 4 0.21 4.66 29.276 857.09
MODAL Mode 5 0.20 4.93 30.999 960.92
MODAL Mode 6 0.20 5.11 32.111 1031.1
MODAL Mode 7 0.19 5.21 32.711 1070
MODAL Mode 8 0.19 5.36 33.663 1133.2
MODAL Mode 9 0.19 5.40 33.933 1151.4
MODAL Mode 10 0.18 5.49 34.471 1188.2
MODAL Mode 11 0.18 5.63 35.358 1250.2
MODAL Mode 12 0.18 5.69 35.775 1279.8
Tabella 3.13 Risultati dell’analisi modale

59
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

4. PREDIMENSIONAMENTO DEGLI
ELEMENTI STRUTTURALI

Il predimensionamento degli elementi strutturali è stato eseguito


considerando solo i carichi verticali agenti sulla struttura e determinando, a
cascata, le sezioni minime di:
- travi secondarie
- travi principali
- colonne.
Si presentano di seguito i risultati ottenuti.

4.1 Predimensionamento delle travi secondarie

I carichi agenti sulle travi secondarie sono i seguenti:

CARICHI PERMANENTI STRUTTURALI (GK1)


LAMIERA GRACATA spessore 0,001 m
altezza 0,055 m
interasse nervature 0,15 m
base max ,nervature 0,0615 m
base min ,nervature 0,0615 m
Proiez.orizz.anima 0,0135 m
lunghezzaanima 0,0566 m
n°nervature(1m) 7
Peso (1m) 0,138 kN/m

SOLETTA CLS spessore 0,045 m


γ 25 kN/m3
Peso (1m) 1,813 kN/m

TOT 1,920 kN/m


Tabella 4. 14: Carichi permanenti strutturali

60
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

CARICHI PERMANENTI NON STRUTTURALI (GK2)


STRATO CLS spessore 0 m
(impianti e pendenze) γ 14 kN/m3
Peso (1m) 0 kN/m

PAVIMENTO Peso (1m) 0,4 kN/m


IMPIANTI Peso (1m) 0,2 kN/m
TRAMEZZI Peso (1m) 0,1 kN/m

TOT 0,76 kN/m


Tabella 4. 15:Carichi permanenti non strutturali

CARICHI VARIABILI (QK)


ANTROPICO (QK1) 3 kN/m
NEVE (QK2) 0,432 kN/m
COP. NON PRATICABILE (QK3) 0,5 kN/m
Tabella 4. 16: Carichi variabili

I carichi vengono combinati secondo quanto prescrive la normativa


utilizzando i seguenti coefficienti parziali per le azioni:

COEFFICIENTI PARZIALI PER LE AZIONI


Tipo di carico γG ψ01 ψ1 ψ2
Gk1 1,3
Gk2 1,5
Qk1,antropico 1,5 0,7 0,5 0,3
Qk2,neve 1,5 0,5 0,2 0
Qk1,cop.non prat. 1,5 0 0 0
Tabella 4. 17: Coefficienti parziali delle azioni

COMBINAZIONI DEI CARICHI (slu)


a_ Travi secondarie di piano
Interasse Gk1 Gk2 Qk1
m kN/m kN/m kN/m

61
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

2,5 4,80 1,90 7,50

b_ Travi secondarie di copertura


Interasse Gk1 Gk2 Qk2 Qk3
m kN/m kN/m kN/m m
2,5 4,80 1,90 1,08 1,25
Tabella 4. 18: Carichi lineari combinati

Dato che le travi secondarie risultano incernierate all’estremità e


sottoposte a carichi uniformemente distribuiti si calcola facilmente il
momento indotto dai carichi esterni, incrementato del 25% per tener conto
anche del peso proprio dell’elemento, e nota la tensione di snervamento
dell’acciaio fyd , si ricava il modulo di resistenza W e quindi la sezione
corrispondente:

DIMENSIONAMENTO (trave secondaria di piano)


Luce 5 m
Fd 24,408 kN/m
Md 76,275 kN
W=Md/fyd 0,0001863 m3 HEB 160
Tabella 4. 19: Dimensionamento trave secondaria di piano

DIMENSIONAMENTO (trave secondaria di copertura)


Luce 5 m
Fd 12,852 kN/m
Md 40,163 kN
W=Md/fyd 0,0000981 m3 HEB 140
Tabella 4. 7: Dimensionamento trave secondaria di copertura

Lo stato tensionale presente sulle travi secondarie è dunque:

TRAVE SECONDARIA PIANO TIPO


Sezione HEB 160
Peso (1m) 0,426 kN/m

SLU SLE rara SLE freq SLEq_p


Fd (kN/m) 20,894 14,626 12,376 10,876

62
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Md(kNm) 65,293 45,706 38,675 33,988


Td(kN) 52,235 36,565 30,940 27,190
Tabella 4. 8: Stato tensionale finale
TRAVE SECONDARIA COPERTURA
Sezione HEB 140
Peso (1m) 0,337 kN/m

SLU SLE rara SLE freq SLEq_p


Fd (kN/m) 11,148 8,117 7,253 7,037
Md(kNm) 34,838 25,366 22,666 21,991
Td(kN) 27,870 20,293 18,133 17,593
Tabella 4. 9:Stato tensionale finale

4.2 Predimensionamento delle travi principali

Anche le travi principali sono vincolate alle estremità attraverso


cerniere, dunque il loro predimensionamento può esser fatto
semplicemente considerando le reazioni di taglio trasmesse dalle travi
secondarie in corrispondenza del punto di unione. Nota la posizione delle
travi secondarie rispetto alla trave principale si determina facilmente il
momento massimo, incrementato per tener conto del peso proprio
dell’elemento, si determina il momento resistente minimo e quindi la
sezione:
AZIONI SULLE TRAVI PRINCIPALI DI PIANO TIPO
Dist.appoggio 2RSLU 2RSLE,rara 2RSLEfreq 2RSLEq_p
m kN kN kN kN
2,5 104,469 73,130 61,880 54,380
Tabella 4. 10:Azioni sulle travi principali di piano tipo

AZIONI SULLE TRAVI PRINCIPALI DI PIANO TIPO


Dist.appoggio 2RSLU 2RSLE,rara 2RSLEfreq 2RSLEq_p
m kN kN kN kN
2,5 55,741 40,585 36,265 35,185
Tabella 4. 20: Azioni sulle travi principali di piano tipo

DIMENSIONAMENTO (trave principale di piano)

63
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Lmax 7,5 m
Md 313,407 kNm
W 0,0007653 m3 HEB 280
Tabella 4. 21: Predimensionamento trave principale di piano
DIMENSIONAMENTO (trave principale di piano)
Lmax 7,5 m
Md 167,222 kNm
W 0,0004083 m3 HEB 220
Tabella 4. 13: Presimensionamento trave principale di copertura

Lo stato tensionale agente sulle travi principali è:

TRAVE PRINCIPALE DI PIANO


Sezione HEB 280
Peso (1m) 1,03 kN/m

SLU SLE rara SLE freq SLEq_p


Md(kNm) 268,415 190,067 161,942 143,192
Td(kN) 105,757 74,418 63,168 55,668
Tabella 4. 22: Stato tensionale finale

TRAVE PRINCIPALE DI COPERTURA


Sezione HEB 220
Peso (1m) 0,715 kN/m

SLU SLE rara SLE freq SLEq_p


Md(kNm) 144,379 106,490 95,690 92,990
Td(kN) 56,634 41,479 37,159 36,079
Tabella 4. 23: Stato tensionale finale

64
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

4.3 Predimensionamento delle colonne

Considerando le reazioni trasmesse dalle travi principali si


predimensionano le colonne ricavando l’area minima della sezione
dividendo lo sforzo normale alle quali sono sottoposte per la tensione di
snervamento dell’acciaio fyd. Avendo previsto quattro rastremazioni alle
colonne si presentano nella seguente tabella i risultati ottenuti:

PREDIMENSIONAMENTO DELLE COLONNE INTERNE


4° RASTREMAZ. 3° RASTREMAZ. 2° RASTREMAZ. 1° RASTREMAZ.
n°travi princ. 2 2 2 2
n°travi sec. 2 2 2 2
Ndtrave princ cop. 113,269
Ndtrave sec cop. 55,7405
Ndtrave princ interp. 211,513 211,513 211,513 211,513
Ndtrave sec interp. 104,469 104,469 104,469 104,469
Ndcolonna sup 1305,178 2626,006 3828,182066
Nd tot 1432,937 2885,088 4205,918273 5408,092066
Asezione,min 0,0052485 0,0105675 0,0154054 0,0198087

HEA 280 HEA 320 HEA 450 HEA 550


Tabella 4. 24: Predimensionamento delle colonne interne

4.4 Predimensionamento della scala

Il vano scala presenta una tipologia di struttura portante ordinaria.


Essa è inserita all’interno di una maglia che misura 2.7 m sul lato corto e 5
m sul lato lungo. Questa maglia è individuata dalle colonne 7,8,22,23.
La scala è composta da n.2 solette rampanti aventi in comune il
pianerottolo si interpiano. La lunghezza complessiva di ognuna di esse,
considerando anche i pianerottoli, è pari a 5.3 m. La struttura di sostegno
della singola rampa consta di n.2 cosciali affiancati posti a distanza l’uno
dall’altro di 1.1 m. I cosciali si innestano direttamente sulla trave di piano

65
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

(del solaio) ad una estremità e ad una apposita trave di interpiano dall’altro,


posta proprio a metà del piano generico.
Il profilo del cosciale è un UPN200. Questo profilo è stato ottenuto
per via inversa fissando preliminarmente la freccia massima che lo stesso
può avere. Lo spostamento massimo, agli S.L.E., può essere posto pari a 2
cm.
Dalla letteratura è noto che, per una trave appoggiata , la freccia si
9:$ ;
<3 =
determina tramite la relazione f = .
Se si effettua un calcolo approssimato, tenendo conto del carico strutturale e
di quello antropico , si può considerare come carico agente p = 3KN/m (5
KN/mq X 0.6m).
Dato che la rigidezza flessionale di un UPN200 è pari a 1.911 x 10-5
m4 e il modulo elastico E dell’acciaio è pari a 210000000 KPa, dalla
formula risulta f = 0.01 m, la quale è abbondantemente soddisfatta.
I cosciali paralleli sono irrigiditi da una struttura di
controventamento a croce. Per ogni rampa si inseriscono 5 maglie di
controventi (2 dei pianerottoli di dimensioni 1.2m x 1.2 m e 3 nella soletta
di dimensioni 1.2 m x 1 m) e di utilizzano profili a L 70 x 5.
Ogni rampa prevede 10 gradini di alzata pari a 16.5 cm e pedata di
30 cm. Il gradino è costituito da una struttura metallica su cui poggia il
rivestimento in vetro. Vediamo come si compone.
Si salda un corpo di sostegno sull’estradosso dell’ala di entrambi i
cosciali. La sua geometria è riportata nella seguente figura.

Figura 4. 1: Particolare del gradino

In profondità ha una dimensione pari a 3 cm.


Su di essi viene inserita una struttura metallica ulteriore (sempre tramite
saldatura) la cui funzione è quella di contenere la lastra in vetro. Questa
struttura ha forma rettangolare e ha dimensioni di 0.3 m per 1.2 m. E’ cava
e si estende internamente per 5 cm a partire dall’estradosso di ogni lato. La
figura successiva mostra una visione in pianta.

66
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 4. 2:Visione in pianta del gradino

Su tutto l’intradosso della suddetta struttura di alloggiamento viene


inserito un piccolo strato di neoprene in modo da evitare contatti diretti tra
acciaio e vetro che, sotto carichi ripetuti, porterebbe alla rottura di
quest’ultimo.
Il materiale del gradino utilizzato è un vetro opaco. Lo stesso viene usato
per i rivestimenti verticali dello stesso che ricordiamo essere obbligatori per
le nuove normative antincendio. Lo spessore delle lastre di rivestimento è
pari a 1 cm. Per ulteriori valutazioni grafiche si può far riferimento alla
tavola del vano scala.

67
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

5. MODELLAZIONE DEGLI ELEMENTI


STRUTTURALI

La risposta della struttura nei confronti delle azioni esterne ed


interne, sia di tipo permanente che variabile, viene valutata utilizzando il
programma di calcolo agli elementi finiti Sap2000.12.
Di seguito vengono descritte le scelte di modellazione eseguite per i
vari elementi strutturali costituenti la struttura, come il solaio, le travi, gli
elementi verticali e le fondazioni.

5.1 Modellazione del solaio

Come già descritto nel capitolo 3, il solaio viene modellato in


Sap2000.12 mediante elementi bidimensionali di piastra “shell”, di forma
rettangolare o triangolare a seconda delle esigenze geometriche imposte
dallo sviluppo in pianta della struttura.
Le caratteristiche degli elementi shell sono determinate in modo tale
che il modello risulti equivalente al solaio reale sia in termini di peso per
unità di superficie sia in termini di rigidezze di piano e flessionali.

Figura 5. 3: Solaio

Lo spessore dell’elemento finito definito col nome di “membrane” è


stato calcolato imponendo che l’area per unità di lunghezza del solaio sia la

68
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

stessa che nel caso reale, mentre quello indicato con il nome di “bending” è
stato determinato nello stesso modo
mod uguagliando i pesi:

Figura 5. 9: Caratteristiche del solaio

Le rigidezze dell’elemento shell associate allo spessore “h”


considerato, non eguagliano quelle effettivamente presenti nel solaio a
travetti in entrambe le direzioni
direzioni considerate, pertanto si sono inseriti in
SAP, nella casella “Stiffness Modifier” presente nella finestra di definizione
della sezione dell’elemento shell, dei coefficienti correttivi, pari al rapporto
tra le rigidezze di piano e flessionali dei due sistemi,
sistemi, tali da eguagliare
quelle presenti nel solaio reale.

69
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 5.2: Finestra definizione caratteristiche elemento

L’ipotesi fatta è che il solaio abbia comportamento prevalentemente


unidirezionale vista l’ortotropia.
Questi coefficienti sono stati ottenuti come spiegato di seguito:

- Coefficienti delle rigidezze flessionali m11, m22, m12 ottenuti come


rapporto tra l’inerzia per unità di lunghezza del solaio reale e l’inerzia
dell’elemento shell nella direzione considerata;

- Coefficienti delle rigidezze di piano f11, f22, f12 ottenuti come rapporto
tra le aree per unità di lunghezza del solaio reale e l’area dell’elemento
shell, nella direzione considerata;

- Coefficienti di taglio V13, V23 ottenuti come i precedenti,


dipendentemente dalla direzione
direzi considerata

Gli elementi shell inseriti per costruire il modello del solaio hanno il
sistema di riferimento locale orientato come mostrato in figura, dove l’asse
1 è quello avente colore rosso e parallelo all’asse x, l’asse 2 avente colore
bianco parallelo
llelo all’asse y, e l’asse 3 ortogonale al piano individuato dai
precedenti ed ortogonale all’asse z. Questo è stato realizzato facendo
attenzione a disegnare ciascun elemento in senso antiorario

70
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura5. 3: Sistema di riferimento locale delle shell

La discretizzazione della mesh è stata eseguita tenendo in conto sia


l’accuratezza della soluzione sia l’onere computazionale, parametri
entrambi direttamente proporzionali alla raffinatezza del modello.
Nonostante le irregolarità geometriche della pianta dell’edificio, si è
cercato di realizzare una discretizzazione quanto più regolare possibile con
elementi, ove possibile, di forma quadrata o rettangolare, in modo da
assicurarne un corretto funzionamento.

5.2 Modellazione delle travi

Gli elementi strutturali, quali in particolare travi, pilastri e


controventi, sono modellati attraverso elementi monodimensionali indicati
nel programma con nome di “frame”, a ciascuno dei quali assegnata la
corrispondente sezione.

71
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 5. 4: Trave modellata tramite elementi "frame"


L’elemento Frame è rappresentato da una linea retta che congiunge
due punti, i e j (nodi), ognuno dei quali ha sei gradi di libertà (3 traslazioni
e 3 rotazioni). Ciascun elemento ha il proprio sistema di coordinate locale
per la definizione ne delle proprietà della sezione e dei carichi e per
l’interpretazione dei risultati. Gli assi di questo sistema locale sono indicati
con i numeri 1, 2 e 3; il primo asse è diretto lungo l’elemento, gli altri due
giacciono nel piano perpendicolare ad esso.

72
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 5. 5: Sistema di riferimento locale dell'elemento "frame"

La discretizzazione di tali elementi è dettata da quella degli elementi


shell su di essi convergenti.
Per quanto riguarda la modellazione dei vincoli alle estremità delle
travi, essendo queste collegate alle colonne mediante cerniere, vengono
assegnati dei “release” , ovvero rilasci, di momento.

73
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 4. 6: Assegnazione dei release alle travi

5.3 Modellazione delle colonne

Anche le colonne ed i controventi, come specificato sopra,


sopr sono state
modellate attraverso elementi frame aventi sezioni di area opportuna.
Per le colonne sono state previste inizialmente quattro rastremazioni.

Figura 5. 7: Rastermazione delle colonne

74
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

N° rastremazione Z(m)
1° 16,5
2° 31,35
3° 47,85
4° 57,75
Tabella 5. 1: Rastremazioni delle colonne

La scelta delle quote delle rastremazioni è legata a motivazioni di


maggiori facilità di montaggio in quanto la realizzazione dell’unione tra
colonne di sezioni differenti fatta nel nodo ove convergono travi,
controventi verticali ed orizzontali sarebbe stata di maggiore complessità.
La soluzione scelta prevede infatti che l’unione tra colonne di
sezioni differenti, come si descriverà in seguito, venga sia di tipo saldata ed
eseguita direttamente in stabilimento.
Le colonne infine vengono realizzate tutte in continuità.

75
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

5.6 Posizionamento e modellazione dei controventi

I controventi sono divisi in controventi interni, esterni e di piano. A


ciascuna categoria è assegnata sezione diversa. Sono state scelte due
tipologie di strutture di controventamento, a croce e a “k”.
Tutti i controventi a croce sono stati posti in modo da comprendere
due piani, mentre i controventi a k, che interessano solo il secondo telaio
parallelo all’asse y della struttura, sono collocati ad ogni piano.

Figura 5. 8: Controventi interni telaio x=5m

In particolare gli sono inseriti dei controventi interni, paralleli


all’asse minore dell’edificio, che comprendono solo i piani 8°-9°;10°-11°
8° e
19°-20°
20° al fine di dare una rigidezza maggiore alla struttura.
Anche ai controventi,
ontroventi, come alle travi, vengono assegnati i “release”
dei momenti in quanto si vuole che il loro collegamento alle colonne
schematizzi una cerniera.

76
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 5. 9:Controventi interni

La scelta progettuale relativa al posizionamento dei controventi è


stata effettuata tenendo in considerazione due aspetti fondamentali:

• Il comportamento dinamico dell’edificio ed in particolare i suoi modi


naturali di vibrare;
• Le limitazioni imposte dai vincoli architettonici, presenti sia
all’interno della struttura, dovuti
dovuti alla divisione degli ambienti, che
all’esterno, legati invece alle necessità estetiche di ridurre il più
possibile elementi di discontinuità delle facciate.

Al fine di realizzare un comportamento dinamico della struttura


“regolare”, quindi con i primi tre modi naturali di vibrare puramente
rotazionali o traslazionali, si è proceduto in modo iterativo elaborando
differenti modelli e osservando di volta in volta le variazioni apportate.

77
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

• Modello a:

Il punto di partenza è stato quello di valutare il comportamento


complessivo della struttura di base considerando la presenza dei soli
controventi di piano. Si considerano inoltre le travi tutte incernierate alle
estremità.
Il primo modo di vibrare della struttura è di tipo rotazionale con un
periodo proprio
prio di circa 16s, dovuto all’eccentricità del nucleo rigido
rappresentato dal vano ascensore e dalle scale. Il secondo modo invece è di
tipo traslazionale nella direzione x, parallela al lato maggiore, mentre il
terzo modo naturale di vibrare torna ad essere
essere di tipo rotazionale con una
marcata componente traslazionale nella direzione y, parallela al lato minore
della struttura.

T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 16,0 0% 13% 15% 0% 4%
Modello_a 2°modo 12,1 82% 0% 0% 65% 3%
3°modo 8,7 0% 67% 82% 0% 73%
Tabella 5. 1:Modi di vibrare del modello "a"

Figura 5. 1: Modi di vibrare del modello "a"

78
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

La funzione dei controventi verticali dovrà esser quella di rendere il


primo modo naturale di vibrare di tipo traslazionale nella direzione y,
parallela al lato minore, direzione meno rigida della struttura, ed i due modi
successivi quanto più possibile puri.

• Modelli b; c:

Sulla base delle osservazioni ottenute dal modello di base, si sono


inseriti dei controventi verticali a croce, comprendenti due piani, in modo
che l’intersezione tra questi fosse corrispondente alla quota della trave di
piano, con l’obiettivo di irrigidire la struttura nella direzione parallela ad x
ed ad compensare l’eccentricità dovuta al vano ascensore ed alle scale.

Figura 5. 2:Posizione dei controventi modello “b”

Poiché il comportamento rimaneva di tipo rotazionale per i primi due


modi di vibrare e traslazionale nella direzione parallela all’asse x per il
terzo, con un lieve abbassamento del periodo fondamentale, si è provato ad
aggiungere, nel modello c, dei controventi verticali paralleli alla direzione
y, sempre di tipo a croce comprendente due piani.

Figura 5. 3:Posizione dei controventi modello "c”

79
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Tale tipo di intervento non produce importanti variazione al carattere


dei modi di vibrare ma si evidenzia un abbassamento del periodo proprio
della struttura, ed in particolare tale decrescita aumenta incrementando il
numero dii controventi paralleli alla direzione y.

T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 12,4 0% 28% 34% 0% 0%
Modello_c 2°modo 8,1 0% 52% 63% 0% 73%
3°modo 4,9 64% 0% 0% 65% 2%
Tabella 5. 2: Modi di vibrare del modello "c"

Figura 5. 4: Modi di vibrare del modello "c"

• Modelli d; e; f; g:

Lasciando allora invariato il numero di controventi paralleli all’asse x ed


inserendone alcuni paralleli all’asse y, si osservano miglioramenti nella
forma dei modi di vibrare:
vibrare: anche se il periodo fondamentale rimane elevato
i modi di vibrare tendono a regolarizzarsi divenendo il primo modo di tipo
rotazionale mentre il secondo traslazionale nella direzione parallela all’asse
y, più debole, ed il terzo traslazionale parallelamente
paralle ad x.

80
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 5. 5. Posizione dei controventi modello “d”

T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 8,1 0% 32% 41% 0% 68%
Modello_d 2°modo 4,8 64% 0% 1% 64% 2%
3°modo 3,1 1% 42% 54% 1% 5%
Tabella 5. 3: Modi di vibrare modello"d"

Figura 5. 6:Modi di vibrare modello"d"

81
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Aumentando il numero di controventi verticali sia paralleli all’asse y


che x, non si ottengono miglioramenti significativi sia nella forma dei modi
di vibrare che nel periodo di oscillazione della struttura.

Figura 5. 7:Posizione dei controventi modello"e"

T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 4,8 64% 1% 1% 64% 3%
Modello_e 2°modo 3,1 1% 45% 66% 1% 7%
3°modo 2,2 0% 20% 29% 0% 55%
Tabella 5. 4:Modi di vibrare modello"e"

82
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 5. 8:Posizione dei controventi modello"f"

T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 8,1 0% 31% 41% 0% 68%
Modello_f 2°modo 4,1 62% 1% 1% 63% 3%
3°modo 3,1 1% 41% 54% 1% 4%
Tabella 5. 5:Modi di vibrare modello"f"

Figura 5. 9:Modi di vibrare modello"f"

83
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 5. 10:Posizione dei controventi modello"g"

T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 8,1 0% 31% 40% 0% 68%
Modello_g 2°modo 4,4 63% 1% 1% 64% 1%
3°modo 3,4 1% 41% 55% 1% 6%
Tabella 5. 6:Modi di vibrare modello"g"

Figura 5. 11:Modi di vibrare modello"g"

84
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

• Modello h:

Disponendo i controventi verticali, sia paralleli ad x che ad y, nel


seguente modo si ottengono finalmente importanti miglioramenti: i modi di
vibrare si regolarizzano divenendo il primo di tipo rotazionale, il secondo
traslazionale parallelamente ad y ed il terzo traslazionale parallelamente ad
x.

Figura 5. 12:Posizione dei controventi modello"h"


T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 12,2 4% 13% 16% 3% 2%
Modello_h 2°modo 6,4 5% 58% 78% 4% 54%
3°modo 5,1 62% 1% 2% 57% 16%
Tabella 5. 7:Modi di vibrare modello"h"

Figura 5. 13:Modi di vibrare modello"h"

85
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

• Modello i:

Ulteriori miglioramenti si realizzano aggiungendo dei controventi


parallelamente alla direzione x: il periodo naturale si riduce notevolmente
ed il primo modo di vibrare diviene traslazionale nella direzione di minore
rigidezza (y), il secondo rotazionale ed il terzo traslazionale
raslazionale nella direzione
x.

Figura 5. 14:Posizione dei controventi modello "i"


T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 5,2 0% 66% 94% 0% 51%
Modello_i 2°modo 3,6 6% 1% 2% 6% 10%
3°modo 3,1 60% 0% 0% 59% 7%
Tabella 5. 8:Modi di vibrare modello"i"

Modello_i

100%
90%
80%
70%
60% 1°modo
50%
2°modo
40%
3°modo
30%
20%
10%
0%
X Y Rx Ry Rz

Figura 5. 15:Modi di vibrare modello"i"

86
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

• Modello l; m; n; o:

Si inseriscono, in aggiunta a quelli del modello i, dei controventi


verticali nei telai diretti trasversalmente, i quali producano una
diminuzione del periodo proprio di oscillazione della struttura:

Figura 5. 16:Posizione dei controventi modello"l"


modello"

T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 5,2 0% 67% 95% 0% 49%
Modello_l 2°modo 3,1 0% 1% 1% 0% 17%
3°modo 2,2 67% 0% 0% 65% 2%
Tabella 5. 9:Modi di vibrare modello"l"

Modello_l

100%
90%
80%
70%
60% 1°modo
50%
2°modo
40%
3°modo
30%
20%
10%
0%
X Y Rx Ry Rz

Figura 5. 17:Modi di vibrare modello"l"

87
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 5. 18:Posizione dei controventi modello"m


m"

T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 4,4 0% 66% 96% 0% 43%
Modello_m 2°modo 3,1 0% 0% 0% 0% 21%
3°modo 2,2 66% 0% 0% 65% 3%
Tabella 5. 10Modi di vibrare modello"m":

Modello_m

100%
90%
80%
70%
60% 1°modo
50%
2°modo
40%
3°modo
30%
20%
10%
0%
X Y Rx Ry Rz

Figura 5. 19:Modi di vibrare modello"m"

88
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 5. 20:Posizione dei controventi modello"n"

T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 4,5 0% 66% 96% 0% 43%
Modello_n 2°modo 3,1 0% 0% 0% 0% 20%
3°modo 2,2 66% 0% 0% 65% 3%
Tabella 5. 11:Modi di vibrare modello"n"

Modello_n

100%
90%
80%
70%
60%
1°modo
50%
2°modo
40%
3°modo
30%
20%
10%
0%
X Y Rx Ry Rz

Figura 5. 21:Modi di vibrare modello"n"

89
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 5. 22:Posizione dei controventi modello"o"

T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 3,1 0% 66% 95% 0% 47%
Modello_o 2°modo 2,4 2% 1% 1% 2% 14%
3°modo 2,2 65% 0% 0% 63% 4%
Tabella 5. 12:Modi di vibrare modello"o"

Modello_o

100%
90%
80%
70%
60%
1°modo
50%
2°modo
40%
3°modo
30%
20%
10%
0%
X Y Rx Ry Rz

Figura 5. 23Modi di vibrare modello"o":

90
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

• Modello p:

Infine si è cercato di ridurre al minimo il numero di controventi


eliminando quelli paralleli alla direzione x, già di maggiore rigidezza per la
presenza del maggior numero di telai.

Figura 5. 24:Posizione dei controventi modello"p"

T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 4,5 0% 66% 96% 0% 43%
Modello_p 2°modo 3,1 0% 0% 0% 0% 20%
3°modo 2,3 67% 0% 0% 65% 2%
Tabella 5. 13:Modi di vibrare modello"p"

Modello_p

100%
90%
80%
70%
60% 1°modo
50%
2°modo
40%
3°modo
30%
20%
10%
0%
X Y Rx Ry Rz

Figura 5. 25:Modi di vibrare modello"p"

91
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

• Modello q; r:

Per irrigidire ulteriormente la struttura e diminuire il numero


complessivo dei controventi inseriti si è valutato l’effetto di controventi
interni, ovvero coppie di controventi verticali a croce, limitati ai 10°-11°-
10°
12° piano, nel modello q, al 10°-11°-12°-19°-20°piano
10° 20°piano nel modello r.

Figura 5. 26: Posizione dei controventi modello"q"

T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 3,4 0% 70% 97% 0% 42%
Modello_q 2°modo 2,5 0% 0% 0% 0% 26%
3°modo 2,3 67% 0% 0% 65% 2%
Tabella 5. 14:Modi di vibrare modello"q"

Modello_q

100%
90%
80%
70%
60%
1°modo
50%
2°modo
40%
3°modo
30%
20%
10%
0%
X Y Rx Ry Rz

Figura 5. 27: Modi di vibrare modello"q”

92
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 3,2 0% 74% 97% 0% 44%
Modello_r 2°modo 2,4 0% 0% 0% 0% 27%
3°modo 2,3 66% 0% 0% 65% 3%
Tabella 5. 15:Modi di vibrare modello"r"

Modello_r

100%
90%
80%
70%
60% 1°modo
50%
2°modo
40%
3°modo
30%
20%
10%
0%
X Y Rx Ry Rz

Figura 5. 28:Modi di vibrare modello"r"

• Modello finale

La soluzione finale per quanto concerne la posizione dei controventi


è la seguente:

Figura 5. 29:Modi di vibrare modello finale

93
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

T0 (s) X Y Rx Ry Rz
1°modo 3,5 0% 64% 91% 0% 29%
Modello_finale 2°modo 2,5 1% 5% 6% 1% 41%
3°modo 2,3 66% 0% 0% 64% 4%

Modello_finale

100%
90%
80%
70%
60% 1°modo
50%
2°modo
40%
3°modo
30%
20%
10%
0%
X Y Rx Ry Rz

Figura 5. 30:Modi di vibrare modello finale

Riassumendo il procedimento iterativo con il quale si è definita la


posizione dei controventi ottimale ha portato ad una evoluzione nel
comportamento dinamico della struttura e dei suoi modi naturali di vibrare
che può essere schematicamente rappresentato
rappresentato nei seguenti diagrammi:

94
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

a. Abbassamento del periodo proprio di oscillazione della struttura


T0 :

Periodi dei primi tre modi di vibrare Modello_a


Modello_c
18.0 Modello_d

16.0 Modello_e
Modello_f
14.0
Modello_g
12.0
Modello_h
10.0 Modello_i
8.0 Modello_L
6.0 Modello_m
4.0 Modello_n
Modello_o
2.0
Modello_p
0.0
Modello_q
modo
1°modo 2°modo 3°modo
Modello_r

Figura 5. 31: Periodi

b. Partecipazione di massa nella direzione x:

Partecipazione di massa in X dei primi tre Modello_a

modi Modello_c
Modello_d
90% Modello_e
80% Modello_f
70% Modello_g
60% Modello_h
50% Modello_i

40% Modello_L
Modello_m
30%
Modello_n
20%
Modello_o
10%
Modello_p
0%
Modello_q
1°modo
modo 2°modo 3°modo
Modello_r

Figura 5. 32:Partecipazioni di massa in direzione x

95
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

c. Partecipazione di massa nella direzione y:

Partecipazione di massa in Y dei primi tre Modello_a


Modello_c
modi
Modello_d
80% Modello_e

70% Modello_f
Modello_g
60%
Modello_h
50%
Modello_i
40% Modello_L
30% Modello_m
20% Modello_n
Modello_o
10%
Modello_p
0%
Modello_q
1°modo 2°modo 3°modo
Modello_r

Figura 5. 33:partecipazione di massa nella direzione y

d. Partecipazione di massa rotazionale:

Partecipazione di massa in Rz dei primi tre Modello_a


modi Modello_c
Modello_d
80% Modello_e
70% Modello_f
Modello_g
60%
Modello_h
50%
Modello_i
40% Modello_L
30% Modello_m
Modello_n
20%
Modello_o
10% Modello_p
0% Modello_q
1°modo
modo 2°modo 3°modo Modello_r

Figura 5. 34:Partecipazione di massa rotazionale

96
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

5.4 Modellazione delle fondazioni

Il modello di base viene realizzato trascurando la presenza delle


fondazioni e modellando i vincoli alla base delle colonne tramite cerniere.
La struttura di fondazione prevista per l’ edificio è costituita da una
platea di 2 m di spessore e lati 60 x 20 m, collegata ad un sistema 60 di pali.
Nel modello più sofisticato, finalizzato allo studio degli effetti indotti
dalla presenza del terreno e dalla sua interazione con il sistema di
fondazioni, vengono modellati sia la platea di fondazione, tramite elementi
elementi shell, che i pali con elementi monodimensionali “frame”.
Si rimanda al capitolo relativa al progetto e verifica delle fondazioni
per una descrizione più dettagliata.

97
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

6. VERIFICHE DEGLI ELEMENTI


STRUTTURALI

Le verifiche degli elementi strutturali sono state eseguite mediante il


programma di calcolo Sap2000.12.
Attrarverso il comando “Steel Frame Design” il programma procede
iterativamente alla verifica di tutti gli elementi strutturali secondo le
prescrizioni imposte dalla normativa scelta.
In particolare, la normativa alla quale si è fatto riferimento è
l’Eurocodice 3.

Figura 6. 1: Normativa di riferimento

Le sezioni assegnate ai vari elementi strutturali inizialmente


vengono, durante il procedimento di verifica, modificate automaticamente
dal programma, per cui l’analisi procede fin tanto che non viene indicato
che alcun elemento è stato sostituito. Per tale ragione si parla di processo
iterativo.
Ai fini della verifica gli elementi strutturali sono stati divisi in modo
tale che, a ciascuno di essi, il programma vada ad assegnare durante

98
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

l’analisi la stessa sezione. Questo comporta che, se da una parte risulteranno


sicuramente sovrastimate le dimensioni di alcuni elementi appartenenti allo
stesso gruppo, dall’altra si diminuisce l’onere computazionale riducendo
anche i tempi di calcolo. A ciascun gruppo viene associato un intervallo di
sezioni che vengono fatte variare iterativamente durante la verifica, qualora
questa non venisse soddisfatta. I gruppi che sono stati individuati per il
design e i corrispondenti intervalli di sezioni associati sono i seguenti:

Gruppo Sezione min Sezione max


Colonne 1°rastremazione HEA400 HD400x1086
Colonne 2°rastremazione HEA400 HD400x1086
Colonne 3°rastremazione HEA300 HD400x1086
Colonne 4°rastremazione HEA100 HEM800
Travi principali HEA200 HEB400
Travi secondarie HEA100 HEB400
Controventi verticali interni HEA200 HEM1000
Controventi verticali esterni HEA200 HEM1000
Controventi di piano L45x3 LL110x14/50
Cosciale UPN80 UPN400
Tabella 6. 1: Gruppi di elementi per il design

Le sezioni assegnate dal programma ai vari elementi strutturali in


modo che fossero soddisfatte tutte le verifiche nei confronti degli stati
limite ultimi sono:

Gruppo Sezione
Colonne 1°rastremazione HD400x551
Colonne 2°rastremazione HD400x551
Colonne 3°rastremazione HEA450
Colonne 4°rastremazione HEB240
Travi principali HEM240
Travi secondarie HEA180
Controventi verticali interni HE400x107
Controventi verticali esterni HEA260
Controventi di piano 2L110x75
Cosciale UPN100
Tabella 6. 2: Sezione ottenute dal design

99
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Il programma calcola i coefficienti di utilizzo per tutti gli elementi


della struttura in acciaio. Attraverso il comando “Steel “Steel Stress Check
Information”” è possibile visualizzare
visualizza tali coefficienti su vari punti situati
lungo l'asse dell'elemento per diverse combinazioni di carico. In particolare
il numero di stazioni di verifica usate nella progettazione è quello impostato
di default dal programma, ovvero pari a 4 per le travi e 2 per i pilastri.
Si presentano di seguito i grafici relativi ai tassi di lavoro degli
elementi che costituiscono la struttura.

Figura 6. 2: Tasso di lavoro delle travi principali

100
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 6. 3:Tasso di lavoro delle travi secondarie

Figura 6. 4:
4: Tasso di lavoro delle colonne della 1°/2° rastremazioni

101
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 6. 5:: Tasso di lavoro delle colonne della 3° restremazione

Figura 6. 6:: Tasso di lavoro delle colonne della 4°rastremazione

102
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 6. 7: Tasso di lavoro dei controventi di piano

Figura 6. 8: Tasso di lavoro dei controventi verticali interni

103
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 6. 9:Tasso
:Tasso di lavoro dei controventi verticali esterni

Se si confrontano i tassi di lavoro medi di ciascun gruppo di elementi


si può osservare che i valori maggiori sono quelli relativi alle colonne della
terza
erza e quarta rastremazione ed ai controventi perimetrali, ma se si rapporta
il tasso di lavoro medio alla percentuale in peso del gruppo rispetto al peso
totale della struttura appare chiaro che il contributo maggiore è quello delle
colonne della prima e della seconda rastremazione.

104
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 6. 10:: Tassi di lavoro medi dei gruppi di elementi

Figura 6. 11Tassi
11Tassi di lavoro medi ed importanza in peso dei gruppi

105
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 6. 12:: Tassi di lavoro relazionati all’importanza in peso

Complessivamente la curva di utilizzo della struttura, ottenuta


ordinando i tassi di lavoro di tutti gli elementi dal minore al maggiore
risulta essere:

Figura 6. 13: Curvo di utilizzo della struttura

Osservando i grafici riportati emerge che il tasso di lavoro della


struttura complessivo della struttura è approssimativamente dell’ordine del
40%.

106
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

7. MODELLAZIONE DEL TERRENO E


FONDAZIONI

Il modello con cui è stata dimensionata la costruzione prevede delle


cerniere come vincoli alla base delle colonne. Il terreno e le fondazioni
della struttura non sono ancora state né definitive né modellate. Il vincolo di
cerniera sarà schematizzato con un collegamento opportuno che connette la
colonna alla platea di fondazione, per i dettagli si rimanda al capitolo.
La struttura di fondazione non ha quindi lo scopo d schematizzare un
vincolo, ma bensì di assicurare un adeguato trasferimento dei carichi al
terreno, minimizzando i cedimenti della struttura, differenziali e assoluti. La
scelta progettuale sulla tipologia di fondazioni da adottare ricade in primo
luogo su una fondazione diretta, nello specifico una platea, che però risulta
essere inadeguata. Si è dovuto ricorrere ad una fondazione mista costituita
da una platea su pali, nei paragrafi successivi si riportano tutti i particolari.
La situazione stratigrafica del terreno su cui sarà edificata la struttura
è riportata nella figura 7.1: dal piano campagna, i primi 20 m di profondità
sono costituiti da sabbia sciolta, tale deposito poggia su uno strato di ghiaia
addensata con spessore e consistenza tali da poterlo assimilare ad un
bedrock. La falda è presente ad 1 m di profondità dal piano campagna.

Figura 7. 1 Stratigrafia del terreno

107
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Le caratteristiche meccaniche dei terreni, utilizzate in fase


progettuale sono riportate in tabella 7.1.

CARATTERISTICHE MECCANICHE
strato c' [kPa] E [kPa] γ [kN/m3] φ [°] G [kPa]
sabbia sciolta 0 20000 18 27 8000
ghiaia addensata 0 200000 20 37 80000
Tabella 7. 1 Caratteristiche meccaniche degli strati di terreno

7.1 Dimensionamento e verifica delle fondazioni

La prima scelta progettuale sulla tipologia di fondazione da adottare


riguardava l’utilizzo di una fondazione diretta, in particolare di una platea.
L’impiego di plinti collegati da cordoli è stato escluso vista la non
regolarità della disposizione delle colonne in pianta, con tali elementi risulta
difficile assicurare un comportamento d’insieme durante l’oscillazione
sismica. La platea invece garantisce un’adeguata ripartizione dei carichi
trasferiti al terreno, evitando concentrazioni localizzate che possono
provocare cedimenti differenziali dannosi e difficilmente controllabili.
Viste la dimensioni in pianta dell’edificio (56 x 15 m), la geometria
della platea è stata scelta pensando ad un rettangolo che circoscrive
l’impronta sul terreno dell’edificio. Per diminuire le tensioni trasferite al
terreno, si è deciso di aumentare ulteriormente l’area della platea,
scegliendo una geometria rettangolare di dimensioni 60 x 20 m.
La scelta del piano di posa della platea ha tenuto conto dei seguenti
aspetti:

 Attraversare lo strato di terreno vegetale (1-1,5 m) che presenta in


genere caratteristiche meccaniche scadenti, sulle quali si preferisce
non fare affidamento.
 Attraversare lo strato di terreno interessato dalle variazioni stagionali
del contenuto d’acqua e soggetto all’azione del gelo.
 Disporre il piano di posa lontano dalla zona di oscillazione del pelo
libero della falda.

Dato che la falda si trova ad 1 m di profondità si decide di abbassare


ulteriormente il piano di posa della fondazione ponendolo a 2 m,
presupponendo quindi la costante presenza di acqua; in questo modo la

108
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

platea ha anche la funzione di impermeabilizzazione. In conseguenza di


questa scelta si decide di progettare una platea di altezza pari a 2 m, in
modo tale da assicurare: un sufficiente ancoraggio per i tirafondi delle
colonne ed ottenere un elemento di fondazione sufficientemente rigido tale
da diminuire i cedimenti differenziali. In questo modo tutta la platea è
contenuta nel terreno, così alla quota zero (cioè quella del piano campagna)
l’estradosso della platea definisce il piano di calpestio da cui partono le
colonne.
Dimensioni della platea di fondazione:

- B = 20 m
- L = 60 m
- H=2m

Tutte le strutture di fondazione dovranno essere eseguite con un


conglomerato cementizio di classe C25/30, armato con barre di acciaio ad
aderenza migliorata B450C. Si esegue la sola verifica geotecnica delle
fondazioni, trascurando la parte strutturale.

7.1.1 Verifica della platea


In questo paragrafo si esegue il dimensionamento e la verifica
geotecnica della sola platea di fondazione, con riferimento agli stati limite
ultimi. Il decreto ministeriale del 14 gennaio 2008 prevede che, per ogni
stato limite ultimo sia rispettata la condizione: 5 ≤ ? . Il valore di
progetto della resistenza ( Rd) si determina in modo analitico, con
riferimento a correlazioni con i risultati di prove in sito, tenendo conto dei
coefficienti parziali γM e γR.
Sarà condotta la sola verifica per lo stato limite ultimo geotecnico
riguardante il collasso per carico limite dell’insieme fondazione-terreno. La
normativa ritiene soddisfatta la verifica se almeno uno dei due approcci
progettuali seguenti risulta verificato:

 Approccio 1:
 Combinazione 1 : (A1+M1+R1)
 Combinazione 2 : (A2+M2+R2)
 Approccio 2 : (A1+M1+R3)

109
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

I coefficienti A agiscono sulle azioni, quelli M sui parametri


geotecnici del terreno, mentre gli R sulle resistenze. I valori suggeriti dalla
normativa sono riportati nelle tabelle successive.

COEFFICIENTI PARZIALI PER LE RESISTENZE


combinaz R1 R2 R3
Capacità port. 1 1,8 2,3
Scorrimento 1 1,1 1,1
Tabella 7. 2 Coefficienti per le resistenze

COEFFICIENTI PARZIALI PER I PARAMETRI GEOTECNICI


combinazione M1 M2
tan(ϕ) 1 1,25
cu 1 1,4
γ 1 1
Tabella 7. 3 Coefficienti per i parametri geotecnici

COEFFICIENTI PARZIALI PER LE AZIONI


carico effetto A1 A2
favorevole 1 1
Permanenti
sfavorevole 1,3 1
favorevole 0 0
Perm. non strutt.
sfavorevole 1,5 1,3
favorevole 0 0
Variabili
sfavorevole 1,5 1,3
Tabella 7. 4 Coefficienti per le azioni

La capacità portante della platea di fondazione viene calcolata a


breve termine (condizioni drenate) per i soli carichi verticali, sfruttando la
formula trinomia di Terzaghi, e correggendola con i coefficienti che
tengono conto:

- della forma della fondazione.


- del punzonamento1.

1
Cfr. C. Viggiani, Fondazioni; Hevelius edizioni, pagg 169-176

110
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

- della presenza di carichi inclinati (dovuti al taglio) ed eccentrici (dovuti


al momento prodotto dal taglio per l’altezza della fondazione).

La formula del carico limite assume la seguente forma:

q lim = ψ q ⋅ ς q ⋅ ξ q ⋅ N q ⋅ σ v' 0 + ψ c ⋅ ς c ⋅ ξ c ⋅ N c ⋅ c '+ψ γ ⋅ ς γ ⋅ ξ γ ⋅ N γ ⋅ γ '⋅ B 2 + γ w ⋅ ( Df − z w )

Con lo scopo di progettare a favore di sicurezza si considerano le


sole sollecitazioni derivanti dalla combinazione di carico A1, anche per il
caso A2. In particolare i carichi derivano dalle reazioni alla base del
modello agli elementi finiti con le cerniere alla base delle colonne, si
considera come sforzo di taglio il massimo agente nelle due direzioni. Le
sollecitazioni di progetto sono:

- N = 124,58 MN + 60 MN (peso proprio platea)


- T = 8,07 MN
- M = 16,14 MNm

Il carico di esercizio è ottenuto combinando opportunamente il peso


della platea con i coefficienti della combinazione di carico A1 e sommando
poi il tutto agli altri carichi. Operando sempre a favore di sicurezza, non si è
tenuto conto della eventuale diminuzione del carico trasmesso al terreno
dovuta allo scavo da effettuarsi per raggiungere il piano di posa (con
conseguente rigonfiamento del terreno granulare), nei calcoli quindi non si
è considerato il carico netto, bensì quello totale. Per ottenere il carico di
esercizio occorre dividere la forza per un’area, questa non coincide con le
dimensioni effettive della platea ma con delle dimensioni ridotte coincidenti
con una platea “fittizia” che possiede il la risultante del carico nel
baricentro. In tal modo si tiene in considerazione l’eccentricità del carico
dovuta al momento flettente (taglio per l’altezza della platea). Per il calcolo
delle dimensioni fittizie (B’ ed L’) si deve considerare anche il taglio agente
nella direzione ortogonale rispetto a quello massimo (scelto per il
dimensionamento), esso vale 8,035 MN. I dettagli del calcolo sono riportati
nella tabella 7.5 dove vengono calcolati anche i coefficienti correttivi per i
carici inclinati..

111
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

CARICHI INCLINATI
Direzione mb d [rad] tg(δ) ξq ξγ Mb [kNm] eB [m] B' [m]
parallela a B 1.75 0.06 0.064 0.890 0.832 16070 0.13 19.74

Direzione ml d [rad] tg(δ) ξq ξγ Ml [kNm] eL [m] L' [m]


parallela ad L 1.25 0.06 0.065 0.920 0.860 16140 0.13 59.74
Tabella 7. 5 Calcolo di B’ ed L’ e dei coeff. Correttivi dei carichi inclinati

Nelle tabelle successive si riportano i calcoli della verifica della


capacità portante della platea.

FORMA DELLA FONDAZIONE


combinazione ζq ζc ζγ
M1 1.17 1.18 0.87
M2 1.13 1.15 0.87
Tabella 7. 6 coefficienti correttivi per la forma della fondazione

PUNZONAMENTO
Ir Ir,crit Ir Ir,crit
A1;M1 > No Punzon. A2;M2 > No Punzon.
148.12 85.57 190.62 51.62
ψq ψc ψγ ψq ψc ψγ ψq ψc ψγ ψq ψc ψγ
1.257 1.295 1.257 1.000 1.000 1.000 1.598 1.712 1.598 1.000 1.000 1.000
Tabella 7. 7 Verifica a punzona mento del terreno

VERIFICA DELLA CAPACITA’ PORTANTE


approccio combinaz verifica
qlim [kPa] OK!!! q [kPa]
A1,M1,R1
1078.98 > 171.7645
1
qlim [kPa] OK!!! q [kPa]
A2,M2,R2
705.1092 > 171.7645
qlim [kPa] OK!!! q [kPa]
2 A1,M1,R3
469.1219 > 171.7645
Tabella 7. 8 Verifica della capacità portante

Oltre alla verifica della capacità portante, viene effettuata la verifica


allo scorrimento che consiste nell’andare a controllare che lo sforzo di

112
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

taglio sia minore della resistenza allo scorrimento, valutata con la formula
seguente:
@,$% = A ∙ tan E + ,

dove qv è lo sforzo agente normalmente alla platea. Dalla tabella 7.9 si


evince che anche tale verifica risulta soddisfatta.

VERIFICA A SCORRIMENTO
qlim [kN] OK!!! q [kN]
A1,M1,R1
94048.21 > 8070
1
qlim [kN] OK!!! q [kN]
A2,M2,R2
85498.4 > 8070
qlim [kN] OK!!! q [kN]
2 A1,M1,R3
94048.21 > 8070
Tabella 7. 9 Verifica a scorrimento della platea

La fondazione a platea sembrerebbe verificata, tuttavia bisogna


andare a calcolare i cedimenti per controllarne la compatibilità con la
struttura in elevazione. Tale controllo si effettua sfruttando i risultati di
lavori sperimentali presenti nella letteratura tecnica consolidata, che
correlano grandezze che descrivono i caratteri geometrici del profilo dei
cedimenti di un edificio, e che sono indice di uno stato di sofferenza
strutturale (come la rotazione relativa) con il cedimento massimo (assoluto)
subito dalla struttura. Occorre quindi calcolare il cedimento della
costruzione e, considerato il margine d’errore sempre presente nei calcoli
geotecnici, appurata l’impossibilità di svolgere delle analisi accurate (visto
che non si hanno a disposizione dati adeguati), si è interessati a valutare il
solo ordine di grandezza del cedimento, per mezzo di correlazioni di tipo
empirico.
Per la valutazione del cedimento della platea si riporta la soluzione
fornita da Fraser e Wardle (1976), basata su analisi numeriche di fondazioni
rettangolari su terreno deformabile di spessore finito. La rigidezza della
piastra è definita dalla relazione:
 5 H
F0 = =
G 1 − I# "J
dove l è la lunghezza della piastra, I è il coefficiente di Poisson del
terreno, 5 è il modulo di Young del terreno valutato alla profondità

113
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

K =  L1 − 0,5 N. Da tale relazione è possibile esplicitare il valore del


M
$
cedimento w. Il coefficiente d’influenza I è fornito dagli autori in funzione
del rapporto fra i lati della platea, e del fattore di rigidezza K definito dalla
relazione:

4 50 1 − O# "P 
F=
3 5 1 − O0# " 
dove 50 e I0 sono rispettivamente il modulo di Young e il coefficiente di
Poisson della piastra e t è lo spessore della piastra. Nella figura 7.2 viene
riportato il grafico fornito dagli autori per il calcolo di I, che prende il nome
di IA in quanto relativo al punto A posto al centro della platea. Si noti che il
grafico è riferito ad un rapporto fra lo strato compressibile e la dimensione
caratteristica della platea pari ad infinito, il che non corrisponde alla
stratigrafia del terreno, tuttavia è un’approssimazione che si decide di
accettare.
Nella tabella 7.8 sono riportati i risultati del calcolo: si ottiene un
cedimento di circa 15 cm dai cui si può stimare una rotazione relativa di
0,01 radianti. Tale valore di rotazione può provocare danni alle strutture
nelle costruzioni intelaiate. Ora anche se l’edificio non è proprio una
struttura intelaiata, dal momento che è a ritti pendolari, si decide comunque
di inserire dei pali per diminuire l’entità dei cedimenti.

Figura 7. 2 Calcolo del coefficiente d’influenza (Fraser e Wardle, 1976)

114
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

CEDIMENTO DELLA PLATEA


z [m] Es [kPa] νs l [m] Er [kPa]
16.67 20000 0.25 60 31220000

νr t [m] K l/b
0.2 2 2.0326 3

IA Kr [kN/m] P [kN] wA [m]


1.55 825806.5 124580 0.151
Tabella 7. 10 Calcolo del cedimento della platea

7.1.2 Dimensionamento dei pali


I pali consentono di trasferire il carico allo strato più rigido di ghiaia
addensata, posto alla profondità di 20 m. Per meglio trasferire il carico a
tale strato di terreno si decide di far penetrare i pali per 2 m all’interno della
ghiaia, ne deriva che una lunghezza dei pali di 20 m (dal momento che essi
partono da una quota di -2m dal piano campagna). Si decide di utilizzare
dei pali trivellati, in quanto può risultare difficoltoso attraversare strati
lapidei o terreni compatto con i pali battuti. Il diametro scelto è di 1,2 m. Da
prove sperimentali si evince che la distanza minima tra i pali non dovrebbe
essere inferiore a tre volte il diametro, altrimenti si ha un brusco incremento
dei cedimeti causato da fenomeni d’interazione fra pali contigui.
L’interasse minimo risulta essere di 3,6 m si dispongono quindi, lungo il
lato corto della platea, 5 pali posti ad un interasse di 4 m. Tale fila di pali,
viene ripetuta nella direzione lunga della platea in modo tale da posizionarsi
ad di sotto dei telai della sovrastruttura (che hanno come trasverso le travi
principali). Si posizionano quindi, nel lato lungo della platea 12 pali ad
interasse di 5 m, ad accezione della fila A-A che possiede interasse di 6 m
rispetto alla fila B-B (vedi figura 7.3).

115
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 7. 3 Pianta delle fondazioni

Si ottengono 60 pali trivellati di diametro 1,2 m e lunghi 20 m.

7.1.3 Verifica della fondazione mista


La verifica geotecnica della fondazione mista (platea su pali) viene
condotta separando il contributo delle forze verticali da quelle orizzontali.
Per quanto riguarda le forze verticali si segue il metodo di Poulos (2001)
che consente di tenere in considerazione l’interazione tra platea, palificata e
terreno e permette di ricavare il cedimento di esercizio. La verifica a carichi
orizzontali viene effettuata su un singolo palo, considerando la presenza
della platea solo come vincolo alla testa del palo stesso e quella degli altri
pali mediante un coefficiente riduttivo.

7.1.3.1 Carichi verticali

La capacità portante della fondazione (QR,:0 ) mista è data dalla


somma del carico limite della platea (QR,0 ) più quello della palificata (QR,: ).
Il carico ultimo della platea è stato calcolato nel paragrafo 7.1.1, per cui si
passa ad esaminare il procedimento per il calcolo del carico limite della
palificata. Per determinare la capacità portante della palificata è necessario
determinare preventivamente la capacità portante del palo singolo. Questa
sarà data dalla somma della resistenza alla base con quella laterale.

116
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

 Capacità portante del singolo palo


Resistenza alla punta.
In condizioni non drenate, si assume c’=0, il carico limite alla base è
dato da:
S = TU VAW
X

in cui VAW
X
è la tensione litostatica efficace verticale alla base del palo,
mentre TU viene calcolato da un abaco di Berezantzev et al. (1961) in
funzione dell’angolo d’attrito e del rapporto fra lunghezza/diametro del
palo. La resistenza alla base è data da: Rb = p ⋅ A p

Resistenza laterale.
In condizioni drenate la tensione tangenziale agente lungo il fusto del
palo è data da: Y = VAZX
, da cui si ricava la resistenza laterale ? =
W
[\ ]^ Y\K. Il valore di  è funzione della tipologia costruttiva di palo, e per
pali trivellati risulta pari alla tangente dell’angolo d’attrito. Il coefficiente k
invece, dipende anche dalle proprietà del terreno e viene ricavato dalla
relazione seguente:  = 1 − sin E.

 Capacità portante della palificata


Per palificate composte da un numero di pali maggiore o uguale a 4 è
possibile parlare di “effetto gruppo”. La capacità portante del gruppo di pali
può essere ottenuta a partire di quella del singolo palo attraverso un
coefficiente di efficienza E. Ipotizzando che tutti i pali siano uguali
possiamo scrivere: Qu , g = E ⋅ n ⋅ Qu , p
Il valore di E dipende dalle modalità esecutive dei pali, dalla
geometria della palificata e dal tipo di terreno. Per la sua determinazione si
è usata la formula di Converse-Labarre cioè:

D
arctg  
E = 1−  i  ⋅ (m − 1) ⋅ n + (n − 1) ⋅ m
π m⋅n
2
dove i rappresenta l’interasse fra i pali del gruppo, m sono le file di pali ed n
il numero dei pali per ciascuna fila.

117
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Per ricavare il cedimento di esercizio della fondazione mista occorre


costruire la curva carico-cedimento, che nel metodo di Poulos assume la
forma di una trilatera.
Per poter costruire la curva carico-cedimento della fondazione mista
platea-pali bisogna conoscere le rigidezze dei diversi elementi e tenere in
conto la loro interazione. In questo contesto, per “rigidezza” s’intende il
rapporto tra carico applicato e il corrispondente cedimento.

Rigidezza della platea


Per la valutazione della rigidezza della piastra si riporta la soluzione
fornita da Fraser e Wardle (1976), già vista in precedenza.

Rigidezza della palificata


La rigidezza della palificata si ricava dalla relazione di Butterfield e
Douglas:
F: = ab F: 

dove n è il numero dei pali, F: è la rigidezza del palo singolo ed ab è


l’efficienza del gruppo definita come: ab = c . Per il calcolo di
quest’ultimo coefficiente sono disponibili degli abachi in funzione rapporti
L/D, Ep/Gb, s/D, GL/2/GL, tuttavia l’esponente  assume in genere valori
compresi fra 0,4 e 0,6 per la maggior parte dei gruppi di pali. Si decide
quindi di considerare  = 0,5 trascurando, vista la variabilità limitata,
l’interazione fra i pali (anche perché risulta più o meno costante dato che
l’interasse tra i pali non scende mai al di sotto di tre volte il diametro).
Rimane da valutare la rigidezza del palo isolato, questo può essere
fatto sfruttando la relazione di Randolph e Wroth per il calcolo del
cedimento. Avendo definito infatti, la rigidezza come rapporto fra carico e
corrispondente cedimento si ottiene: F: = +
#dWefg 30i fi
h cjk
(dove la
simbologia è la stessa di quella riportata nel capitolo 5). Anche in questo
caso di può ottenere una rigidezza non drenata andando ad utilizzare υu al
posto di υ.

Rigidezza della platea su pali


Nel valutare la rigidezza della fondazione mista , Poulus tiene conto
dell’interazione tra la platea e i pali mediante il fattore.

118
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

1 p6
l6: = 1 − ln o q
m p^
dove p6 è il raggio del cerchio avente area uguale al rapporto tra l’area (0 )

e il numero totale di pali, cioè: p6 = r t .


s
ud
La rigidezza complessiva della fondazione mista è ricavabile tramite
la relazione:
F: + F0 v1 − 2l6: w
F:0 = # ∙ vF ⁄F w
1 − l6: 0 :

Costruzione della curva carichi cedimenti


La curva carichi-cedimenti, come già detto in precedenza, assume in
questo caso la forma di una trilatera, è cioè formata da tre segmenti di retta.
Considerando che possiede inizio nell’origine del sistema di riferimento, e
che l’ultimo tratto ha pendenza nulla, per il tracciamento della curva è
necessario conoscere la posizione dei punti A e B come riportato in figura
7.4. Il punto A presenta coordinate w1,P1, ed è posto alla fine del primo
tratto che possiede pendenza F0: .

Figura 7. 4 Curva carichi-cedimenti per una platea su pali

Inizialmente infatti il comportamento della fondazione è regolato


dalla rigidezza complessiva, cioè la fondazione si comporta a tutti gli effetti
come una fondazione mista. All’aumentare del carico si plasticizzano i pali
(si assume che tutti i pali raggiungano la loro resistenza limite
contemporaneamente), cioè viene raggiunta la capacità portante limite del
terreno che sostiene i pali. Si indica con P1 il carico sotto cui avviene tale
yz {ytvc|}zw
fenomeno:  = R: ∙
yz
,dove Pup è il carico limite dei pali in

119
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

gruppo diviso per il coefficiente di sicurezza. All’ulteriore crescere del


carico, il comportamento della fondazione è governato dalla rigidezza della
platea, quindi la pendenza del secondo tratto è pari a F0 . Nel punto B (di
coordinate wu,Pu) si raggiunge la capacità portante dell’intera fondazione,
da lì in poi non c’è più nessun impedimento ai cedimenti, per cui si sviluppa
l’ultimo tratto a pendenza nulla.
Dalla verifica della fondazione sono noti Pup e Pu, per cui i cedimenti
corrispondenti alle ascisse dei punti A e B sono dati da:

G =
F:0
R −  "
GR = G + ~ 
F0
Nelle tabelle riportate di seguito vengono riportati i risultati dei
calcoli.

CAPACITA’ PORTANTE DELLA PLATEA


qlim 469.1 kPa
Qu,r 562946.3 kN
Tabella 7. 11 Capacità portante della platea

RESISTENZA ALLA BASE DEL PALO SINGOLO


φ [°] L/D Nq σ'VL [kPa] Rb [kN]
27 16.67 13 190 2793.5
Tabella 7. 12 Calcolo della resistenza alla base del palo singolo

RESISTENZA LATERALE DEL PALO SINGOLO


μ Ks Rl [kN]
0.510 0.54601 3335.2
Tabella 7. 13 Calcolo della resistenza laterale del palo singolo

CAPACITA’ PORTANTE DELLA PALIFICATA


m n i [m] E Qu,g [kN]
5 12 3.6 0.648 238421.0
Tabella 7. 14 Capacità portante della palificata

120
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

CAPACITA’ PORTANTE DELLA FONDAZIONE MISTA


Qu,pr 1533197.4 [kN]

Qlim [kN] OK!!! Qes [kN]


666607.6 > 184580.00
Tabella 7. 15 Calcolo della capacità portante della fondazione mista e verifica

In questo caso il carico di esercizio è dato dalla somma del peso della
platea di fondazione e del carico trasmesso dalla sovrastruttura. Le
rigidezze calcolate con il metodo di Poulos sono riportante nella tabella
7.16, mentre la curva carico-cedimento
carico cedimento è visibile in figura 7.5.

platea palo palificata fond mista


kr [kN/m] kP1 [kN/m] KP [kN/m] kpr [kN/m]
850762.1 844322.1 6540090.8 7106943
Tabella 7. 16 Calcolo delle rigidezze degli elementi di fondazione

Curva carico-cedimento
700000

600000

500000

400000
P [kN]

300000

200000

100000

0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9
w [m]

Figura 7. 5 Curva trilatera della fondazione mista

Con l’inserimento dei pali si ottiene un cedimento di poco inferiore


ai 10 cm, dai cui si ricava una rotazione relativa che produce solo danni alle
tamponature. Sempre seguendo il metodo di Poulos si ricava che circa il
10% dei carichi verticali gravano sulla
sulla platea, mentre il restante 90% viene
assorbito dalla palificata. Tale risultato sperimentale sarà paragonato nel

121
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

paragrafo riguardante l’analisi e modellazione del terreno, con quello


ottenuto dal modello agli elementi finiti.

7.1.3.2 Carichi orizzontali


La verifica geotecnica della platea su pali viene eseguita nei seguenti
termini: si studia un palo singolo (il più caricato) sollecitato da una forza di
taglio ed un momento flettente. Le sollecitazioni di progetto derivano sono
massime lette in testa ai pali, nel modello agli elementi finiti comprensivo
di terreno (dalla combinazione di inviluppo totale agli stati limite ultimi).
Considerando la sola combinazione di carichi A1, le sollecitazioni di
progetto sono:

- T = 706 kN
- M = 2753 kNm

Si produce quindi un modello di palo agli elementi finiti, in cui la


presenza del terreno viene schematizzata con delle molle estenzionali
laterali (come riportato in figura 7.6), sia adotta quindi il modello di
sottosuolo elastico alla Winkler. La presenza della platea viene
schematizzata per mezzo di un glifo presente sulla testa del palo, essa
permette la traslazione orizzontale ma impedisce la rotazione.

Figura 7. 6 Modello del palo con le molle estensionali

122
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Dato che si ha un palo e non una trave, il terreno alla Winkler (e


quindi le molle) viene calcolato utilizzando il coefficiente di reazione
orizzontale del terreno (kh). Reese e Matlock (1956) propongono un
andamento di kh linearmente crescente con la profondità per i terreni

K
incoerenti, secondo l’espressione:
 € = € ∙
\
dove d è il diametro del palo, z la profondità e nh un parametro che dipende
dallo stato di addensamento e dalla presenza o meno della falda; esso può

∙
essere ricavato da:
€ =
1,35

Gli autori forniscono delle indicazioni sulla scelta del parametro A, i


valori adottati per i calcoli sono riportati nella tabella 7.17.

sabbia sciolta ghiaia addensata


kp nh [kN/m3] kp nh [kN/m3]
2.17 1500 2.95 22222.2

Tabella 7. 17 Valori del coefficiente di reazione orizzontale del terreno

Come è noto, uno dei principali inconvenienti del modello di


Winkler, è l’impossibilità di considerare in modo esplicito l’effetto di
gruppo, e cioè la mutua interazione fra i pali costituenti una palificata. Nel
caso di gruppi di pali sotto carichi orizzontali tale effetto può essere
simulato in prima approssimazione adottando un valore opportunamente
ridotto di kh, cioè un coefficiente riferito al gruppo di pali (khg). Poulos e
Davis (1980) forniscono per un gruppo di pali maggiore di cinque la
seguente relazione:
€‚ = 0.25 ∙ €
La rigidezza delle molle utilizzate in Sap, si ottiene moltiplicando khg
per l’interasse fra le molle (pari a 0,5 m) per il diametro del palo. I risultati
ottenuti sono riportati nella tabella 7.18.

z [m] nh [kN/m3] kh [kN/m3] kh,g [kN/m3] k [kN/m]


2 1500 2500 625 187.5
2.5 1500 3125 781.25 468.8

123
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

3 1500 3750 937.5 562.5


3.5 1500 4375 1093.75 656.3
4 1500 5000 1250 750.0
4.5 1500 5625 1406.25 843.8
5 1500 6250 1562.5 937.5
5.5 1500 6875 1718.75 1031.3
6 1500 7500 1875 1125.0
6.5 1500 8125 2031.25 1218.8
7 1500 8750 2187.5 1312.5
7.5 1500 9375 2343.75 1406.3
8 1500 10000 2500 1500.0
8.5 1500 10625 2656.25 1593.8
9 1500 11250 2812.5 1687.5
9.5 1500 11875 2968.75 1781.3
10 1500 12500 3125 1875.0
10.5 1500 13125 3281.25 1968.8
11 1500 13750 3437.5 2062.5
11.5 1500 14375 3593.75 2156.3
12 1500 15000 3750 2250.0
12.5 1500 15625 3906.25 2343.8
13 1500 16250 4062.5 2437.5
13.5 1500 16875 4218.75 2531.3
14 1500 17500 4375 2625.0
14.5 1500 18125 4531.25 2718.8
15 1500 18750 4687.5 2812.5
15.5 1500 19375 4843.75 2906.3
16 1500 20000 5000 3000.0
16.5 1500 20625 5156.25 3093.8
17 1500 21250 5312.5 3187.5
17.5 1500 21875 5468.75 3281.3
18 1500 22500 5625 3375.0
18.5 1500 23125 5781.25 3468.8
19 1500 23750 5937.5 3562.5
19.5 1500 24375 6093.75 3656.3
20 22222.2 370370.37 92592.5926 55555.6
20.5 22222.2 379629.63 94907.4074 56944.4
21 22222.2 388888.89 97222.2222 58333.3

124
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

21.5 22222.2 398148.15 99537.037 59722.2


22 22222.2 407407.41 101851.852 30555.6
Tabella 7. 18 Calcolo della rigidezza delle molle

Dall’analisi del modello agli elementi finiti, si ricavano gli


spostamenti che il palo subisce a seguito dell’applicazione delle forze. Noti
gli spostamenti, si ricava la pressione indotta dal palo nel terreno
moltiplicando lo spostamento per il kh. Tale pressione rappresenta il carico
di esercizio con cui effettuare la verifica geotecnica.
Il carico limite si calcola dalla teoria di Broms, che presuppone la
formazione di cerniere plastiche lungo il fusto del palo. Tale valore limite
coincide con la resistenza passiva del terreno, ed si ricava dalla seguente
relazione:
$% = 3 ∙ : ∙  ∙ \ ∙ K

Si noti che anche il carico limite presenta un andamento crescente


linearmente con la profondità. Il meccanismo di collasso può essere di tre
tipi: palo corto, intermedio e lungo. Con un rapporto L/d pari a 16,67 il
meccanismo di collasso è sostanzialmente quello di un palo lungo, per cui si
postula la formazione di due cerniere plastiche, una in testa al palo ed una
lungo il fusto. Sfruttando semplici considerazioni di equilibrio è possibile
calcolare la profondità (a partire dal piano campagna) in cui si forma la
cerniera plastica. Nel caso in esame essa è pari a 20,4 m per cui il palo si
elasticizza praticamente in testa e alla base.
La verifica viene condotta puntualmente, in corrispondenza di ogni
nodo del palo (e cioè dove sono noti gli spostamenti e quindi le pressioni)
andando a controllare che il carico limite sia maggiore di quello di
esercizio. I risultati sono riportati nella tabella 7.19 dove si vede che la
verifica è soddisfatta.

w [m] p [kPa/m] qlim [kN/m] verifica


-0.036932 23.1 122.0 OK!!!
-0.036772 28.7 152.5 OK!!!
-0.036369 34.1 183.0 OK!!!
-0.035748 39.1 213.5 OK!!!
-0.034937 43.7 244.0 OK!!!
-0.033961 47.8 274.5 OK!!!
-0.032843 51.3 305.0 OK!!!

125
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

-0.031607 54.3 335.5 OK!!!


-0.030274 56.8 366.0 OK!!!
-0.028865 58.6 396.5 OK!!!
-0.0274 59.9 427.0 OK!!!
-0.025895 60.7 457.5 OK!!!
-0.024368 60.9 488.0 OK!!!
-0.022832 60.6 518.5 OK!!!
-0.021302 59.9 549.0 OK!!!
-0.01979 58.8 579.5 OK!!!
-0.018305 57.2 610.0 OK!!!
-0.016858 55.3 640.5 OK!!!
-0.015455 53.1 671.0 OK!!!
-0.014104 50.7 701.5 OK!!!
-0.01281 48.0 732.0 OK!!!
-0.011577 45.2 762.5 OK!!!
-0.010407 42.3 793.0 OK!!!
-0.009303 39.2 823.5 OK!!!
-0.008266 36.2 854.0 OK!!!
-0.007294 33.1 884.5 OK!!!
-0.006388 29.9 915.0 OK!!!
-0.005545 26.9 945.5 OK!!!
-0.004763 23.8 976.0 OK!!!
-0.004038 20.8 1006.5 OK!!!
-0.003368 17.9 1037.0 OK!!!
-0.002747 15.0 1067.5 OK!!!
-0.002171 12.2 1098.0 OK!!!
-0.001635 9.5 1128.5 OK!!!
-0.001134 6.7 1159.0 OK!!!
-0.000662 4.0 1189.5 OK!!!
-0.000214 19.8 1848.3 OK!!!
0.000216 20.5 1894.5 OK!!!
0.000635 61.7 1940.7 OK!!!
0.001049 104.4 1986.9 OK!!!
0.001464 149.1 2033.1 OK!!!
Tabella 7. 19 Verifica del palo per carichi orizzontali

126
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

7.2 Modellazione del terreno e analisi comparative

Nel modello globale dell’edificio agli elementi finiti usato per il


dimensionamento, il terreno di fondazione non è stato modellato, la
struttura è collegata a terra mediante delle cerniere poste alla base delle
colonne. Con lo scopo di riprodurre un modello più aderente alla realtà, si
decide di togliere tali vincoli e di modellare il terreno e le fondazioni. Con
questo studio si vogliono raggiungere due obbiettivi:
• Analizzare la variazione di rigidezza che la struttura subisce nel passare
dal modello con cerniere a quello con il terreno.
• Ottenere il bulbo delle pressioni indotte nel terreno dalla struttura.

A tal fine saranno eseguite due differenti tipi di schematizzazione: in un


caso saranno utilizzati degli elementi solid, e nell’altro delle molle
estensionali. Si ottengono così due tipi di terreno uno differenti: i solid,
essendo elementi finiti tridimensionali si basano sulla teoria dell’elasticità,
per cui si schematizza un terreno come se fosse un semispazio elastico,
quindi una “sorta di continuo”; le molle invece riproduco il modello di
terreno di Winkler. Il ricorso al terreno di Winkler, che rappresenta una
modellazione meno raffinata rispetto ai solid, è giustificato dal una
limitazione che possiede tale elemento tridimensionale: esso è isotropo,
cioè possiede le stesse caratteristiche meccaniche in ogni direzione. Questo
fatto non rispecchia assolutamente la realtà, basti pensare che il terreno non
reagisce a trazione. Con Winkler invece è possibile intervenire sulle
rigidezze delle molle, per tenere in considerazione la non isotropia del
terreno. In realtà c’è da fare una precisazione: il programma Sap permette di
utilizzare anche elementi solid non isotropi, tuttavia tale modellazione è
molto raffinata e richiederebbe un ingente onere computazionale (tra l’altro
già elevato), per cui si sceglie di non percorrere tale strada.
Prima di descrivere in dettaglio la modellazione del terreno, è bene
precisare in che modo siano state schematizzate le fondazioni. Per quanto
riguarda la platea vengono utilizzati degli elementi shell dello spessore di
2m, in figura 7.7 è possibile vedere la mesh. I pali vengono invece
modellati con una serie di elementi frame (a sezione circolare) suddivisi in
modo tale che i nodi presenti lungo l’elemento coincidono con quelli dei
solid del terreno. Nella figura 7. 8 è possibile vedere la visione estrusa della
palificata.

127
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 7. 7 Mesh della platea

Figura 7. 8 Visione della palificata modellata in Sap

In particolare ogni palo viene suddiviso in 10 frame lunghi 2 m.


Il collegamento fra la platea, le colonne ed i pali avviene per mezzo
di braccetti rigidi. Tale elementi sono dei frame con peso nullo e rigidezza
elevata (circa due ordini di grandezza superiore rispetto agli altri elementi
modellati) così da renderli indeformabili e simulare il collegamento fra le
linee d’asse dei tre elementi. Il nodo di base delle colonne (dove erano

128
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

presenti le cerniere) è posto alla quota di riferimento di 0 m. La linea d’asse


della platea è posta a quota -1 m, mentre il nodo della testa dei pali a -2 m.

Figura 7. 9 Estruso del collegamento fra colonne, platea e pali

Figura 7. 10 Dettaglio della collegamento fra le linee d’asse degli elementi

129
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

7.2.1 Modellazione in Solid


Gli elementi solid modellano il volume di terreno significativo, cioè
quello necessario a far avvenire la completa diffusione delle tensioni indotte
dalla costruzione. Da studi sperimentali è noto che tale volume di terreno
dipende dalle dimensioni dell’opera di fondazione, in particolare esso deve
estendersi in pianta in relazione alla dimensione caratteristica della platea,
mentre in profondità in base alla lunghezza dei pali. Ragionando in pianta
occorre prendere in considerazione un terreno largo fino a 2-3 volte la
dimensione caratteristica della platea; nel lato corto è pari a 20 m, per cui si
sceglie una porzione di terreno larga 60, mentre nel lato lungo (l=60 m) la
porzione di terreno è di 140 m. la profondità del terreno deve essere circa 3
volte la lunghezza dei pali, ovvero deve essere tale da far estinguere le
tensioni indotte dai carichi verticali; dopo vari tentativi si è deciso di
estendere la profondità del terreno fino a 118 m dal piano campagna.

Figura 7. 11 Volume significativo di terreno modellato con i solid

Il terreno è formato da due strati, vengono così definiti due tipi di


elementi solid: uno con le caratteristiche della sabbia sciolta e uno con
quelle della ghiaia addensata. La mesh ti questi elementi, al di sotto della
platea è la medesima di quella della platea stessa. In questo modo, pali,
platea e terreno sono tutti collegati fra di loro e possono interagire. Si
comprende ora il motivo che sta alla base della suddivisione dei pali in vari
frame. In questo modo si tiene conto della resisteza laterale del palo, infatti
esso comunica con il terreno per mezzo dei nodi in comune fra frame e
solid. C’è la precisare che con il tipo di solid scelto tale resistenza laterale

130
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

viene notevolmente sovrastimata, in quanto nella realtà il terreno trasmette


al palo solo degli sforzi tangenziali. Rimane da dire che i pali sono
compenetranti nel terreno, cioè non vengono lasciati “buchi” nel terreno
entro i quali mettere i pali. Al di fuori dell’area d’impronta della platea, la
mesh del terreno è molto più regolare, come riportato nella figura 7.12. Tale
mesh è stata replicata, con la stessa suddivisione per tutta la profondità del
terreno, in questo caso si è intervenuto sull’altezza dei solid per variare la
discretizzazione; nella tabella successiva sono riportati i dettagli. Occorre
precisare che tutti i solid possiedono massa nulla, per cui intervengono nel
calcolo solo con la loro rigidezza.

Figura 7. 12 Mesh del terreno

Strato z [m] ∆z [m]


-1
1
-2
-2
2
-4
-4
Sabbia sciolta

2
-6
-6
2
-8
-8
2
-10
-10
2
-12
-12 2

131
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

-14
-14
2
-16
-16
2
-18
-20
2
-22
-22
3
-25
-25
3
-28
Ghiaia addensata

-28
3
-31
-31
3
-34
-34
4
-38
-38
5
-43

-113
5
-118
Tabella 7. 20 Suddivisione verticale dei solid

Il terreno viene vincolato con delle cerniere poste alla base e dei
carrelli, che permettono la traslazione verticale (oltre ovviamente alla
rotazione). In questo modo si riproducono le condizioni di deformazione
edometrica, in sui il terreno si deforma solo verticalmente, senza alcuno
spanciamento laterale. I vincoli sono assegnati ai nodi dei solid presenti sul
“perimetro” esterno del terreno. Una visione globale del modello 3d della
struttura con il terreno è riportato nella figura 7.13.

132
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 7. 13 Modello globale della costruzione e del terreno

7.2.2 Modello di terreno alla Winkler


Il terreno alla Winkler prevede l’impiego di molle estensionali di
rigidezza opportuna. Nel modello 3D agli elementi finiti saranno poste delle
molle di superficie la di sotto delle shell della platea, delle molle
estensionali nei nodi della palificata.
Le molle di superficie vengono applicate nella faccia inferiore delle
shell della platea, reagiscono solo alla sollecitazione di compressione e la
loro rigidezza ha le dimensioni fisiche di una forza su una lunghezza al
quadrato. La stima di tale rigidezza viene effettuata ricavando il coefficiente
di sottofondo del terreno, in particolare dello strato di sabbia sciolta. Si
sfruttano a riguardo, due relazioni presenti in letteratura dovute ai lavori di
Biot e di Vesic, Strato
in particolare:
di ghiaia

 Vesic (1961): Cerniere

0,65 E S 12 E ' S B 4
k0 =
(1 − ν S2 ) B EI

133
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

 Biot (1973):
0 ,108
0,95E S  E S B 4 
k0 =  
(1 − ν S2 ) B  (1 − ν S2 ) EI 

dove B è la dimensione caratteristica della fondazione, E ed I sono


rispettivamente il modulo di elasticità ed il momento assiale d’inerzia della
fondazione. Le due relazioni precedenti derivano dal confronto del
comportamento di una trave posta sul terreno di Winkler (elastico
discontinuo) con la stessa posta nel modello di mezzo elastico continuo.
L’espressione di Vesic deriva uguagliando fra loro i cedimenti massimi
ottenuti nei due casi, mentre Biot ha posto a confronto i risultati di analisi
uguali alle precedenti, con attenzione ai valori del momento flettente. Si
noti come il coefficiente di sottofondo non possa essere considerato una
proprietà del solo terreno, nelle relazioni precedenti infatti k0 è funzione
della dimensione caratteristica della fondazione.
Il valore di progetto di k0 deriva dalla media di quello calcolato con
le due espressioni precedenti. Tale parametro presenta le dimensioni fisiche
di una forza su una lunghezza al cubo, per cui occorre moltiplicarlo per B
per ottenere la rigidezza da inserire nelle molle. I dettagli del calcolo sono
riportati nella tabella 7.21.

k0 [kN/m3]
Vesic Biot medio
693.3 1013.3 853.3

k [kN/m2]
17066.7
Tabella 7. 21 Calcolo della rigidezza delle molle della platea

Per quanto riguarda le molle dei pali, si impiegano come detto delle
molle estensionali che vengono poste nei nodi che suddividono i frame del
palo. L’interasse fra le molle è pari ad 1 m. Vengono messe due “gruppi” di
molle: nei nodi lungo il fusto e nel nodo alla base. Alle prime spetta il
compito di simulare la resistenza passiva del terreno alle azioni dirette
perpendicolarmente all’asse del palo. Il calcolo della loro rigidezza è il
medesimo di quello già enunciato nel paragrafo 7.1.3.2, si riportano in
questo caso i soli risultati (tabella 7.22).

134
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

MOLLE LATERALI
z [m] nh [kN/m3] kh [kN/m3] k [kN/m]
2 1500 2500 1500
3 1500 3750 4500
4 1500 5000 6000
5 1500 6250 7500
6 1500 7500 9000
7 1500 8750 10500
8 1500 10000 12000
9 1500 11250 13500
10 1500 12500 15000
11 1500 13750 16500
12 1500 15000 18000
13 1500 16250 19500
14 1500 17500 21000
15 1500 18750 22500
16 1500 20000 24000
17 1500 21250 25500
18 1500 22500 27000
19 1500 23750 28500
20 22222.2 370370.37 444444
21 22222.2 388888.89 466667
22 22222.2 407407.41 244444

Tabella 7. 22 Calcolo della rigidezza delle molle laterali dei pali

Le molle vengono poste nelle due direzioni ortogonali all’asse del


palo in quanto, reagendo anche a trazione, sono adatte a simulare la risposta
del terreno per ogni direzione delle forze contenute nel piano. In tal modo si
perde la resistenza laterale del terreno ai carichi verticali, ma questo è
voluto per stimarne l’entità dal confronto con il modello con i solid, in cui
tale resistenza è sovrastimata. Per quanto riguarda il nodo alla base del palo,
viene posta una molla estensionale anche in direzione verticale, che
riproduce la resistenza alla base. In questo caso il valore della rigidezza
viene calcolato partendo dalla stima del coefficiente di sottofondo (relativa
ora alla ghiaia addensata), come già visto in precedenza. In questo caso
però, dato che la rigidezza ha le dimensioni fisiche di una forza per una

135
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

lunghezza, occorre moltiplicare k0 per l’area del palo. I risultati sono


riportanti nella tabella 7.23.

k0 [kN/m3]
Vesic Biot medio
119047.6 173992.7 146520.1

k [kN/m]
165710.4

Tabella 7. 23 Calcolo della rigidezza della molla alla base del palo

Rimangono da fare alcune osservazioni sul collegamento fra le


colonne, la platea e i pali. Il modello di Winkler è di tipo discontinuo, le
molle sono indipendenti fra di loro, per cui l’abbassamento di una non
provoca l’abbassamento di quelle circostanti; ciò equivale a dire che tale
modello il terreno non è in grado di trasmettere sforzi di taglio. Non
bisogna quindi collegare un elemento verticale direttamente al nodo della
platea, altrimenti la sollecitazione interesserà localmente la sola molla
collegata al nodo e si scaricherà quindi nel terreno senza inflettere la platea.
Questo contrasta con la realtà, per cui si adottano i seguenti accorgimenti:

 Il collegamento del colonna con la platea avviene con dei bracci


rigidi verticali il cui nodo inferiore è posto all’interno della shell (e
comunque non coincidente con i nodi).
 Il nodo inferiore del braccio rigido viene collegato ai quattro nodi
della shell mediante altrettanti bracci rigidi orizzontali.

Un dettaglio del collegamento è riportato in figura 7.14, mentre nella


figura 7.15 è riportata l’immagine del modello 3D prodotto in Sap.

136
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 7. 14 dettaglio del collegamento tra colonna-platea-palo

Figura 7. 15 Modello 3D con il terreno alla Winkler

137
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

7.3 Analisi comparativa dei risultati

In questo paragrafo vengono effettuata uno studio comparativo dei


risultati ottenuti dall’analisi. Per prima cosa si elencano i modelli impiegati:

 Solid
- Mesh 1 (meno fitta)
- Mesh 2 (più fitta della 1)
- Mesh 2 senza pali (con la sola platea di fondazione)
- Mesh 3 (stessa discretizzazione della 2, ma con il terreno che
arriva alla profondità di -118 m)
- Mesh 3 E 500 (con il modulo elastico della sabbia pari a 500
kg/cm2)
- Mesh 4 (come la 3, viene tolto il primo strato di terreno)
 Cerniere
 Winkler

Il modello con i solid mesh 3 è considerato il più raffinato e quindi


attendibile. Da tale modello si ricavano un’analisi dei carichi utile ad avere
un’idea sull’entità dei pesi delle varie parti della costruzione. Si
considerano a riguardo i soli carichi verticali (che in tale combinazione non
sono combinati con i coefficienti di sicurezza previsti dalla normativa),
andando a valutare le base reactions delle cerniere poste alla base del
terreno si ricava il carico verticale totale (si ricorda che il peso del terreno è
nullo). Tale carico comprende il sia il peso degli elementi strutturali
(permanente), sia quelli antropici e da neve (carichi portati). Rapportando il
peso della platea al totale, si ricava il peso in percentuale, medesima cosa
per il peso della palificata. Per quanto concerne i carichi portati, come
l’antropico, il peso di questi si ricava sempre dalle base reaction relative al
solo carico considerato; rapportando poi rispetto al totale si ricava la
percentuale. Sommando tutte le percentuali ottenute, il complemento a 100
rappresenta la percentuale di peso degli elementi metallici, cioè della
struttura portante dell’edificio. I risultati sono sintetizzati nella tabella 7.24
e nella figura 7.16.

Ripartizione % dei carichi verticali


32% platea
18% pali

138
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

19% antropico
13% Gk1
5% Gk2
0.1% neve
0.2% copertura
12% elem. strut. met.
Tabella 7. 24 Ripartizione percentuale dei carichi verticali

Risulta evidente che il peso maggiore trasferito al terreno è


rappresentato dagli elementi di fondazione, mentre tra i carichi portati
verticali l’antropico la fa da padrone. Nel complesso si è progettata una
sovrastruttura che pesa il 25% del carico verticale totale e ne sostiene una
buona parte, poco più del 19%. Se nei carichi permanenti si ingloba anche il
peso della fondazione, le percentuali cambiano, come riportato in figura
fi
7.17.

Figura 7. 16 Ripartizione percentuale dei carichi verticali, suddivisione dettagliata

139
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 7. 17 Ripartizione percentuale dei carichi verticali

Un altro tipo di confronto è quello sulla variazione di rigidezza


subita dall’edificio nel passare dal modello a cerniere a quello con i solid.
Tale studio viene condotto andando a controllare i risultati dell’analisi
modale, in particolare le variazioni fra fra i primi tre periodi dei modi di
vibrare.
Si considerano come periodi di “riferimento” quelli ottenuti con il
modello senza terreno, con le shell poste alla base delle colonne. Il primo
periodo è di 2,376 sec., il secondo di 1,739 sec. Ed il terzo di 1,541
1, sec.
Nella tabella 7.25 sono riportate le differenze percentuali che possiedono i
periodi degli altri modelli rispetto a quelli di riferimento.

Differenze
ifferenze percentuali con il modello senza terreno
mesh 1 mesh 2 mesh 2(sp) ter. Winkl. mesh 3 mesh 4 E 500
T1 7.9% 7.9% 22.6% 6.4% 7.9% 8.4% 6.0%
T2 6.9% 6.9% 16.0% 6.0% 6.9% 7.2% 5.3%
T3 12.7% 12.9% 21.9% 10.4% 12.9% 13.4% 9.6%
Tabella 7. 25 Differeze % sui periodi di vibrare rispetto al modello con le ceniere

Si nota come il terreno produca una diminuzione della deformabilità


della struttura, l’aumento del periodo è contenuto mediamente entro il 7%
nel primo modo (traslazionale lungo y), ed entro l’11% per il terzo
(traslazionale lungo le x). L’infittimento della
della mesh non produce sostanziali

140
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

variazioni di rigidezza, stessa cosa se si toglie il primo strato di terreno.


Questo fa capire che sostanzialmente il comportamento della fondazione è
governato dalla rigidezza della palificata. Supporta tale affermazione il
risultato che si ottiene dalla mesh 2 senza i pali, in quanto è l’unico dato che
si distacca nettamente dalla media.

Figura 7. 18 Variazione percentuale del primo periodo con la mesh

Con la sola platea di fondazione l’edificio


l’edificio diventa estremamente più
flessibile rispetto al puro vincolo di cerniera, le differenze toccano il 22,6%.
La netta differenza è visibile in figura 7.18 dove vengono paragonati in un
grafico i vari “primi periodi”. Il modello di Winkler produce risultati risulta
paragonabili con quello dei solid, per cui c’è una buona aderenza con la
realtà (il modello solid è più raffinato). Aumentare la rigidezza della sabbia
sciolta (che quindi diventa una sabbia addensata) rende, come è ovvio, la
struttura più rigida.
Dal modello
odello con solid mesh 3 si ricava il bulbo delle pressioni,
riportato in figura 7.19, dove vengono diagrammate le tensioni dirette
verticalmente ai solid (S33), per la combinazione relatica ai soli carichi
verticali. L’andamento è quello classico di una palificata
palificata “sospesa”, nel
senso che trasferisce gran parte dei carichi allo strato rigido di ghiaia
addensata posto alla profondità di 20 m. La figura si riferisce ad una

141
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

sezione parallela al lato lungo dell’edificio, in corrispondenza dell’unico


asse di simmetria della struttura. Risultano evidenti i bulbi dei 12 pali,
rappresentati in giallo, la pressione che trasmettono al terreno si estingue
con la profondità: in corrispondenza delle cerniere di base il valore della
tensione è circa il 20% in meno rispetto a quello sotto i pali.

Figura 7. 19 Bulbo delle pressioni indotte dai carichi verticali

Si noti come i pali non interagiscono eccessivamente fra di loro,


validando così la scelta della distanza minima fatta in fase di
dimensionamento. Nella figura 7.20 si riporta un particolare della deformata
di tutti gli elementi (sovrastruttura compresa), soggetti ai carichi verticali.

142
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 7. 20 Particolare della deformata

Si procede ora alla valutazione


valutazione di come i carichi verticali sono
ripartiti fra platea e pali di fondazione, con lo scopo di paragonare il
risultato a quanto ottenuto con il metodo empirico di Fraser e Wardle (par.
7.1.3.1). A tale scopo si considera come carico verticale il solo carico
antropico, in questo modo non entrano nel calcolo i pesi propri degli
elementi strutturali. L’aliquota di tale carico, che grava sui pali si ricava
dalla sommatoria degli sforzi assiali presenti sulla testa dei pali, mentre la
parte gravante sulla platea si ricava dall’espressione seguente:

ƒ TM„ 6/$/uu„ ! ƒ T1„1 :$  T:$1„

Nella figura 7.21 è riportato il calcolo relativo alla modello con la


mesh 3, dove si nota l’ottima corrispondenza con il risultato ottenuto con il
procedimento
imento sperimentale. Come ci si aspettava, essendo la palificata
estremamente rigida (rispetto alla platea), essa assorbe la quasi totalità (
96%) del carico verticale.

143
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 7. 21 Calcolo della ripartizione dei carichi verticali fra platea e pali (mesh 3)

Dalla sommatoria degli sforzi normali presenti alla base dei pali, si
ricava la resistenza alla base dei pali stessi; per differenza dagli sforzi in
testa si ricava la resistenza laterale. In figura 7.22 è riportato il calcolo
relativo alla mesh 3: si nota come la resistenza alla base sia preponderante
rispetto a quella laterale, questo è dovuto al fatto che i pali s’innestano nello
strato rigido di ghiaia addensata. Il carico totale
totale viene trasferito per il 16%
lungo il fusto del palo, tale percentuale risulta elevata per una resistenza
laterale, ma questo è la conferma del difetto del modello in solid adottato.

Figura 7. 22 Calcolo della resistenza laterale


laterale e alla base dei pali (mesh 3)

Lo stesso calcolo viene effettuato per il modello di Winkler, (figura


7.23), la percentuale di carico agente sui pali scende leggermente ma
comunque si mantiene in linea con la modellazione a solid; se ne deduce
che la ripartizione dei carichi verticali fra i “due tipi” di fondazione
(superficiale e profonda) non dipende dalla modellazione del terreno scelta,
bensì dal rapporto fra le rigidezze degli elementi.

144
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 7. 23 Calcolo della ripartizione dei carichi verticali fra platea e pali (Wikler)

145
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA
DELLE UNIONI

8.1 Tipologie di unioni e modalità di verifica

L’acciaio per usi strutturali è fornito dall’industria siderurgica in


elementi aventi forme tipiche, di dimensioni unificate. A partire da questi
elementi resistenti semplici (profilati, lamiere, tubi) è possibile costruire
una qualsiasi struttura, sia a parete piena che reticolare, a condizione di
saper realizzare le reciproche connessioni in modo tale che ciascun
elemento sia messo in condizione di poter partecipare alla capacità portante
dell’insieme.
Col nome di “collegamenti” si intendono quei dispositivi costruttivi
che hanno lo scopo specifico di connettere insieme due o più elementi
strutturali, inizialmente indipendenti.
I collegamenti nelle strutture in acciaio si possono raggruppare in
due categorie:

• Unioni correnti, realizzate generalmente per formare dei profili non


disponibili in commercio mediante l’unione di lamiere e più raramente di
ferri profilati e lamiere;
• Unioni di forza (o collegamenti propriamente detti), utilizzate per unire
tra loro i vari elementi strutturali per formare l’intera costruzione.

I sistemi di collegamento utilizzati possono essere:

• bulloni normali
• bulloni ad attrito (ad alta resistenza)
• saldatura (ad arco)
• chiodi
• perni.

146
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8.2.1 I collegamenti bullonati


I bulloni, in particolare, possono essere stampati o torniti e sono
costituiti dalla vite con testa esagonale e gambo completamente o
parzialmente filettato, dal dado anch’esso di forma esagonale e da una due
rosette di forma circolare.
La forma esagonale del bullone è necessaria per l’applicazione della
coppia torcente di serraggio, applicata mediante chiave a mano o
pneumatica . Per il serraggio dei bulloni è conveniente procedere in due
fasi: si serrano inizialmente i bulloni con un coppia pari al 60% di quella
prescritta, partendo dai bulloni più interni del giunto e procedendo verso
quelli più esterni, e successivamente si ripete l’operazione serrando
completamente i bulloni.
Le coppie di serraggio (Ts) da applicare possono essere calcolate
facilmente considerando che queste devono indurre nel bullone una forza di
trazione Ns = 0,8 fyb Ares, ovvero pari a Ts= 0,2 Ns d.
Il controllo dell’efficienza del giunto può esser eseguito misurando
con la stessa chiave dinamometrica il valore della coppia occorrente per
produrre una ulteriore rotazione di 10° del dado, che dovrà risultare
inferiore alla coppia di progetto, oppure si contrassegna la posizione del
dado rispetto alle piastre, lo si svita per almeno 1/6 di giro e si riserra
controllando che la coppia di serraggio applicata sia inferiore a quella di
progetto.
I diametri principali dei bulloni utilizzati sono:

Tabella 8. 1: Caratteristiche dei bulloni

I corrispondenti diametri dei fori, secondo quanto prescritto dalla


normativa italiana vigente “D.M. Infrastrutture 14 Gennaio 2008”, devono
essere incrementati di 1 mm, rispetto al diametro del bullone, se
quest’ultimo è inferiore a 20mm, in caso contrario si maggiorano di 1,5
mm.

147
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Sono fissate inoltre delle disposizioni sulla distanza minima dei


bulloni sia reciprocamente (passo p) sia dai bordi esterni ed interni delle
squadrette (rispettivamente e1, e2) ed in particolare risultano:

Figura 8. 1: Posizione dei bulloni

Tabella 8. 2: Limiti di normativa

L’attuale normativa inoltre considera le seguenti classi di resistenza


dei bulloni, classificate in funzione del valore della tensione di snervamento
fyb e di rottura ftb:

Tipo di Bullone Classe fyb (N/mm2) ftb (N/mm2)


Normale 4,6 240 400
5,6 300 500
6,8 480 600
Alta resistenza 8,8 649 800
10,9 900 1000
Tabella 8. 3: Classi di resistenza dei bulloni

Le verifiche di resistenza delle unioni bullonate vengono eseguite


sulla base di comportamenti statici semplificati con la determinazione delle
tensioni convenzionali da far rientrare in opportuni limiti fissati dalle
norme.

148
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Le ipotesi adottate trascurano al riguardo la deformazione della


lamiera sotto carico, l’inflessione del gambo dei bulloni e le concentrazioni
di tensioni presenti nelle lamiere in corrispondenza dei bordi dei fori,
considerando inoltre le pressioni uniformemente distribuite sui fori e sul
gambo dei bulloni.
In base al tipo di sollecitazioni presenti si possono distinguere le
unioni bullonate in:

• unioni in cui il bullone è sollecitato a taglio


• unioni in cui il bullone è sollecitato a trazione
• unioni in cui il bullone è sollecitato a taglio e trazione

per ciascuna delle quali deve essere valutata la resistenza nei confronti degli
stati limite ultimi e degli stati limite di servizio (non obbligatoriamente).
Nel caso delle unioni a taglio si è in presenza di due ferri uniti tra
loro attraverso bulloni ai quali è applicata una forza agente nel piano di
contatto dei ferri e che tende a farli scorrere l’uno rispetto all’altro.
In un primo momento è l’attrito tra i ferri provocato dal serraggio
che si oppone a tale scorrimento, per cui i bulloni non scorrono e non sono
affaticati dalla forza esterna. Al crescere di quest’ultima la resistenza
dell’attrito viene vinta e la forza si strasferisce integralmente ai bulloni.
Nella verifica di resistenza dell’unione si ammette che la forza
sollecitante si ripartisca in modo uguale tra i bulloni, cosa realistica sono in
condizioni ultime quando tutti i bulloni hanno ormai raggiunto la fase
plastica. Nella fase elastica infatti, i bulloni esterni risultano più sollecitati
rispetto a quelli interni per cui all’aumentare della sollecitazione
raggiungeranno per primi lo snervamento, consentendo la crescita delle
tensioni nei bulloni delle file più interne.
Il collasso dell’unione si può manifestare per uno dei seguenti
fenomeni:

• Rottura per taglio del bullone


†
… ≤ f v,Rd
u° s0„

V = sollecitazione di taglio agente sull’unione


n°= numero di bulloni
Ares = area resistente del bullone

149
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

f v,Rd= resistenza di calcolo a taglio dei bulloni

• Rottura per rifollamento della lamiera

Vp‡ˆ  ≤ f b,Rd
‰
P∙\

t = spessore minimo delle lamiere collegate


d = diametro del bullone
f b,Rd = resistenza di calcolo a rifollamento del piatto dell’unione

• Rotttura della lamiera per trazione


†
V= ≤ f t,Rd
su

An = area netta della sezione più debole della lamiera depurata dai fori
f t,Rd = resistenza di calcolo a trazione della lamiera

• Rottura della lamiera per taglio (opportunità eliminata distanziando


opportunamente i bulloni dal bordo della lamiera).

Le resistenze di calcolo presentate dalla normativa vigente sono le


seguenti:

• Resistenza a taglio del bullone:

0,6 ⋅ f tb Ares
F v,Rd = bulloni classe 4.6; 5.6; 8.8
γ M2

0,5 ⋅ f tb Ares
F v,Rd = bulloni classe 6.8; 10.9
γM2
0,6 ⋅ f tb A0
F v,Rd = chiodi
γ M2

Si inserisce nella formula l’area resistente Ares del bullone se il piano


di taglio interessa la parte filettata, altrimenti si pone l’area effettiva A nella
prima espressione per tutte le classi di resistenza.

• Resistenza a rifollamento della lamiera:

150
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

k ⋅ α ⋅ f tk d ⋅ t
Fb,Rd =
γ M2

d = diametro nominale del bullone


t = spessore della piastra collegata
ftk = resistenza a rottura del materiale della piastra collegata
α = min{e1/ 3d0; ftb/ft; 1} per i bulloni di bordo nella direzione del carico
min{e1/ 3d0 – 0,25; ftb/ft; 1} per i bulloni interni nella direzione del
carico
k = min{2,8e2/d0-1,7; 2,5} per i bulloni di bordo nella direzione
perpendicolare al carico
min{1,4p2/d0 – 1,7; 2,5} per i bulloni interni nella direzione
perpendicolare al carico.

• Resistenza a trazione della lamiera:

0,9 f tb Ares
Fb,Rd = bulloni
γ M2

0,6 f tb Ares
Fb,Rd = chiodi
γM2

Nel caso delle unioni a trazione, si è in presenza generalmente di


due ferri uniti tra loro da bulloni, che devono sopportare una forza agente
ortogonalmente al piano di contatto tra i due.
Prima dell’applicazione del carico esterno la testa ed il dado del
bullone trasmettono alle lamiere una sollecitazione dovuta al serraggio pari
ad Ns. Quando viene applicato il carico, una parte di questo si trasmetterà al
gambo del bullone facendone aumentare la trazione presente al suo interno
ed una parte si trasferirà alle lamiere come forza di decompressione. Questo
fa si che il bullone e le lamiere tendano ad allungarsi di una certa aliquota.
Da semplici considerazioni di equilibrio e di congruenza si ricava che
l’incremento di sforzo nel bullone è di circa il 10% del carico mentre la
parte restante è presa dalle lamiere. Questo accadrà fin quando quest’ultime
resteranno a contatto, mentre il superamento di tale condizione produrrà un
passaggio del carico interamente ai bulloni.
Il carico ultimo a trazione del bullone, indipendente dal serraggio,
affinchè sia verificato,dovrà risultare:

151
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

γNN
σ= ≤ f t , Rd
Ares

N = sollecitazione esterna di trazione


γN = 1,25 per tenere conto degli effetti di leva e flessioni parassite.

Nel caso di trazione la normativa impone anche la verifica a punzona


mento del piatto collegata imponendo come valore della resistenza a
punzona mento il seguente:

0,6 f tk πd m t p
B p , Rd =
γ M2

ove dm è il minimo tra il diametro del dado ed il diametro medio della testa
del bullone, tp è lo spessore del piatto dell’unione e ftk è la tensione di
rottura dell’acciaio del piatto.

Nelle caso di unioni a trazione e taglio la determinazione degli


sforzi nei bulloni avviene come per le unioni elementari descritte. Tali
sforzi dovranno essere poi combinati attraverso le formule d’interazione per
la verifica dell’unione ed in particolare:

Fv , Ed Ft , Ed
+ ≤1
Fv , Rd 1,4 Ft , Rd

Fv , Ed
con la limitazione che ≤ 1 , ove Fv,Ed e Ft,Ed sono le sollecitazioni di
Fv , Rd
taglio e trazione rispettivamente agenti sull’unione.

8.1.2 I collegamenti saldati


Il collegamento per saldatura si basa su un principio di
funzionamento del tutto diverso rispetto a quello delle unioni bullonate,
finalizzato a ricreare la continuità degli elementi da unire attraverso fusione.
La possibilità di unire lamiere mediante saldatura è strettamente
connessa alla capacità di produrre alta temperatura in modo localizzato. Le
lamiere da saldare vengono di norma tagliate con il cannello a fiamma

152
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

ossiacetilenica (reazione esotermica a 3100 °C di acetilene C2H2 e


ossigeno O2) che fondendo il metallo produce un taglio abbastanza netto e
tale da non richiedere ulteriori lavorazioni prima della saldatura.
I procedimenti di saldatura si differenziano in funzione della sorgente
termica utilizzata e delle modalità di protezione del bagno fuso contro
l’azione dell’aria. I procedimenti di saldatura possono essere raggruppati in
tre classi:

• manuali: saldatura ossiacetilenica o saldatura ad arco elettrico con


elettrodi rivestiti;
• semiautomatici: saldatura a filo continuo sotto protezione di gas;
• automatici: saldatura ad arco sommerso.

La sorgente di calore che si è rilevata più adatta a produrre fusioni


localizzate è quella prodotta dall’arco elettrico (3000°). In tal caso infatti
basta un semplice generatore di corrente, non molto ingombrante e
facilmente trasportabile, dal quale si dipartono due cavi, uno da collegare al
pezzo da saldare, l’altro munito di una speciale pinza porta elettrodo. Inoltre
durante il processo di fusione si aggiunge un altro acciaio (metallo di
apporto), con funzione di elettrodo, rivestito di un materiale che, fondendo,
genera una atmosfera gassosa che proteggere l’arco elettrico e garantisce la
continuità ed inoltre, una volta solidificato crea un film protettivo sul
cordone di saldatura ancora fuso evitandone un brusco raffreddamento.

Figura 8. 2: Procedimento di saldatura

153
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 3: Saldatura

Nella saldatura ad arco sommerso l’elettrodo è costituito da un filo


avvolto a matassa che un opportuno dispositivo provvede a far avanzare
man mano che questo si fonde per formare il cordone di saldatura. La
protezione del bagno di fusione in tal caso è affidata ad una polvere
granulare (flusso) che viene distribuita sul giunto all’interno della quale
l’arco scocca risultando, di conseguenza, sommerso.
Nelle saldature semiautomatiche invece la protezione del bagno è
affidata ad un gas inerte o ad un gas chimicamente attivo, ma il costo di tali
procedimenti è molto elevato.

In funzione della posizione dei cordoni di saldatura possono aversi:

• saldature in piano
• saldature frontali
• saldature verticali
• saldature sovra testa (eseguite dal basso verso l’alto)

mentre in funzione della posizione dei pezzi da saldare possono aversi:

• giunti testa a testa


• giunti d’orlo
• giunti d’angolo
• giunti a T
• giunti a L
• giunti per sovrapposizione.

154
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 4: Tipologie di saldatura

155
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 5: Particolare della saldatura per sovrapposizione

Ai fini delle verifiche di resistenza le norme vigenti fanno


riferimento a due categorie di unioni saldate:

• giunti a completa penetrazione ( collegamenti testa a testa a T o a


croce), realizzati con materiale d’apporto di resistenza maggiore o
uguale a quella degli elementi collegati, per cui la resistenza di calcolo
viene assunta pari a quella di progetto dell’elemento più debole
collegato;
• giunti con cordoni d’angolo e giunti a parziale penetrazione, in cui la
resistenza di progetto è determinata, per unità di lunghezza, facendo
riferimento all’altezza di gola “a”, ovvero all’altezza del triangolo
inscritto nella sezione trasversale del cordone stesso.

Figura 8. 6: Tipi di saldatura


156
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Nel primo caso, il giunto può essere soggetto a sollecitazioni di


sforzo normale, taglio e momento e le tensioni da esse indotte nella
saldatura sono analoghe a quelle che si avrebbero se il pezzo fosse unico.
Noto che la sezione resistente della saldatura ha come lunghezza l l’intera
lunghezza della saldatura e come altezza t il minore dei due spessori
collegati le tensioni presenti al suo interno saranno:

N 6M 1,5T
σ = σ max = τ max =
t ⋅l t ⋅l2 t ⋅l

Le verifiche, nel caso di sollecitazione singola agente nel giunto,


saranno soddisfatte se risultano:

f tk ft k
σ≤ τ≤
γ M2 3γ M 2

mentre nel caso di sollecitazioni composte:

f tk
σ id = σ 2 + 3τ 2 ≤
γ M2
γM2= 1,25.

Nel caso di giunto con cordone d’angolo invece, si considera in via


semplificativa che le tensioni siano uniformemente distribuite sulla sezione
di gola del cordone. Applicando il criterio semplificato proposto dalla
normativa vigente si dovrà verificare che:

Fw , Ed
≤1
Fw, Rd

ove Fw , Ed è la forza di calcolo per unità di lunghezza che sollecita il


cordone, mentre Fw , Rd è la resistenza di calcolo per unità di lunghezza pari
a:
af tk
Fw , Rd =
3βγ M 2
β = 0,8 per acciai S235
= 0,85 per acciai S275

157
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

= 0,9 per acciai S355


= 1 per acciai S420; S460.
a = altezza di gola.

In generale si può dire che le saldature evitano l’indebolimento delle


sezioni dovuto alla presenza dei fori per i bulloni, occupano meno spazio
delle bullonature e permettono di realizzare giunti snelli con vantaggi anche
dal punto di vista estetici, ma d’altra parte la loro buona riuscita è affidata
alla bravura ed alla coscienza dell’operaio che la segue ed il loro costo di
realizzazione è sicuramente maggiore rispetto a quello delle unioni
bullonate.
Le saldature inoltre possono essere soggette a numerosi difetti quali
cricche a freddo, cricche a caldo, mancanza di penetrazione, inclusioni di
scoria, soffiature dovute alla presenza di cavità formate dai gas, che
possono arrecare danni importanti alla resistenza dei giunti.
Inoltre le unioni bullonate vengono generalmente eseguite in cantiere
mentre le saldature sono realizzate in officina poiché richiedono una
maggiore attenzione. Concludendo quindi, benché le prime appaiano più
complesse, in realtà sono le meno costose poiché facilitano le operazioni di
trasformazione, di produzione e hanno tempi brevi di montaggio, oltre che
permettono di poter modificare le strutture a seguito di nuove esigenze
distributive. Nei collegamenti saldati, invece, i maggiori oneri di
realizzazione sono compensati dalla capacità di ottenere vincoli reali che si
avvicinano maggiormente a quelli calcolati secondo la teoria classica.

158
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8.2 Il progetto e la verifica delle unioni

Tenendo conto dei profilati disponibili in commercio le scelte del


tipo di unioni da realizzare tra gli elementi strutturali sono state dettate da
esigenze di semplicità ed efficacia.
Si presentano di seguito le soluzioni progettuali previste per i
collegamenti tra gli elementi strutturali presenti.

8.2.1 Unione trave principale-trave secondaria


Avendo progettato le travi con vincoli di cerniera alle estremità il
collegamento viene realizzato mediante bullonatura. Il procedimento
eseguito per la verifica di tale unione è stato descritto precedentemente, si
riportano di seguito i risultati ottenuti.

Figura 8. 7:Unione bullonata e Particolare delle squadrette ad L

Gli elementi che costituiscono l’unione sono caratterizzati dalle


seguenti proprietà:

ELEMENTI STRUTTURALI Acciao S450


fyk 440
ftk 550
γM2 1,25
fyd 352
Tabella 8. 4: Resistenza dei materiali utilizzati

159
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

BULLONI Classe 8,8


fyb 649 Mpa
ftb 800 Mpa
γM2 1,25
fyd 519,2 Mpa
Tabella 8. 5: Resistenza dei bulloni scelti

SQUADRETTE Acciao S235


fyk 235 Mpa
ftk 360 Mpa
γM2 1,25
fyd 188 Mpa
Tabella 8. 6: Resistenza delle squadrette

TRAVE PRINCIPALE Fe 450


H 270 mm
B 248 mm
Sa 18 mm
e 32 mm
Tabella 8. 7: Dimensioni trave principale

TRAVE SECONDARIA Fe 450


H 171 mm
B 180 mm
Sa 6 mm
e 9,5 mm
Tabella 8. 8: Dimensioni trave secondaria

Sulla base delle limitazioni imposte dalla normativa riguardo la


posizione dei bulloni, una volta fissato il diametro ed il numero dei bulloni
si determinano le dimensioni delle squadrette:

BULLONI n°file 2
n°bulloni/ fila 2
n° bulloni tot. 4
d0 14 mm
Anom 154 mm2

160
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Ares 115 mm2


Ts,coppia di serraggio 167,1824 Nm
Tabella 8. 9: Dimensionamento dei bulloni

SQUADRETTE t 10 mm
e1 30 mm
e2 30 mm
p1 50 mm
p2 45 mm
H 110 mm
B 105 mm
Tabella 8. 10:Dimensionamento delle squadrette

Si sceglie di utilizzare angolari a lati uguali.


Lo stato tensionale agente in corrispondenza dei bulloni, dovuto alla
sollecitazione di taglio V pari a 20 kN ed allo sforzo normale N di 221 kN,
(avendo scelto la trave secondaria maggiormente sollecitata ovvero quella
in corrispondenza del vano scale, di minore luce rispetto alle altre) agenti in
corrispondenza del nodo, è rappresentato nella seguente figura.

Figura 8.
8 8: Rappresentazione delle azioni sui bulloni

Lo sforzo di taglio produce, infatti, sia nei bulloni che connettono la


squadretta all’anima della trave secondaria sia in quelli che la collegano
all’anima della principale, una forza
f verticale Tb ed una orizzontale Hb, la

161
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

cui risultante R sollecita a taglio il singolo bullone. Lo sforzo normale


invece si traduce ancora in una sollecitazioni di taglio per i bulloni che
connettono la squadretta alla trave secondaria, che si va a sommare alla Hb
dovuta alla forza V, mentre rappresenta una sollecitazione di trazione per i
bulloni che connettono la squadretta alla trave principale. Per quest’ultimi
le verifiche verranno dunque eseguite considerando la presenza combinata
di taglio e trazione.
Si procede dunque con le verifiche previste dalla normativa vigente:

VERIFICA A TAGLIO DEI BULLONI


Sez.A-A' TA 20 kN Sez.B-B' TB 10,00 kN
f 79 mm h 73 mm
MA 1,58 kNm MB 0,73 kNm

Vb 5,00 kN Vb 2,50 kN
2 2 2
Σri 5000 mm Σri 5000 mm2
rmax 35,36 mm rmax 35,36 mm
Hb 66,42 kN Hb 5,16 kN
R 66,61 kN R 5,74 kN

Verifica a taglio sez A-A' Verifica a trazione e taglio sez B-B'


Tb < Fv,Rd Tb/TR+Nb/NR < 1
N N
33305,11 < 44160 OK 0,73 < 1 OK
Tabella 8. 11: Verifica a taglio dei bulloni

VERIFICA DELL’ANIMA DELLA TRAVE SECONDARIA


Sez.A-A' TA 20 kN τ 0,00480 kN/mm2
f 71,5 mm σ 0,00304 kN/mm2
MA 1,43 kNm
k 2,5
2
An 4164,00 mm α 0,7143
Jt,x 24081949 mm4
Jx,b 107744,00 mm4
Jx,n 23974205,00 mm4
Wx,n 470259,84 mm3

162
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

σid < fyd σrif < Fb,Rd


MPa MPa N N
8,86 < 352 OK 65552,59 < 66000 OK
Tabella 8. 12: Verifica dell'anima della trave secondaria

VERIFICA DELLA SQUADRETTA


Sez.A-A' TA 20 kN τ 0,010870 kN/mm2
f 71,5 mm σ 0,037606 kN/mm2
MA 1,43 kNm
k 2,5
2
An 1640 mm α 0,8333
Jt,x 2218333,33 mm4
Jx,b 359146,67 mm4
Jx,n 1859186,67 mm4
Wx,n 33803,3939 mm3

σid < fyd


MPa MPa
42,06 < 188 OK
Tabella 8. 13. Verifica della quadretta

163
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 9: Unione trave principale-trave secondaria

164
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8.2.2 Unione trave principale-colonna


Anche l’unione trave principale-colonna viene eseguita attraverso un
unione bullonata che riproduce la condizione di vincolo di cerniere.
Analogamente a quanto detto precedentemente si riportano i risultati
ottenuti.

Figura 8. 10: Schema nodo trave-colonna

Le caratteristiche strutturali degli elementi che confluiscono nel nodo sono


le seguenti:

165
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

ELEMENTI STRUTTURALI Acciao S450


fyk 440
ftk 550
γM2 1,25
fyd 352
Tabella 8. 14:Resistenze degli elementi strutturali

BULLONI Classe 8,8


fyb 649 Mpa
ftb 800 Mpa
γM2 1,25
fyd 519,2 Mpa
Tabella 8. 15: Resistenza dei bulloni scelti

SQUADRETTE Acciao S235


fyk 235 Mpa
ftk 360 Mpa
γM2 1,25
fyd 188 Mpa
Tabella 8. 16: Resistenza delle squadrette

TRAVE PRINCIPALE Fe 450


H 270 mm
B 248 mm
Sa 18 mm
e 32 mm
Tabella 8. 17: Dimensioni trave principale

COLONNA Fe 450
H 455 mm
B 418 mm
Sa 42 mm
e 67,6 mm
Tabella 8. 18: Dimensioni colonna

166
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Sulla base delle limitazioni imposte dalla normativa riguardo la


posizione dei bulloni, una volta fissato il diametro ed il numero dei bulloni
si determinano le dimensioni delle squadrette:

BULLONI n°file 1
n°bulloni/ fila 4
n° bulloni tot. 4
d0 16 mm
Anom 201 mm2
Ares 157 mm2
Ts,coppia di serraggio 260,8461 Nm
Tabella 8. 19: Dimensionamento dei bulloni

SQUADRETTE t 15 mm
e1 35 mm
e2 35 mm
p1 40 mm
p2 40 mm
H 190 mm
B 70 mm
Tabella 8. 20:Dimensionamento delle squadrette

Si sceglie di utilizzare angolari a lati uguali.


Lo stato tensionale agente in corrispondenza del nodo è
rappresentato da una sollecitazione di taglio V pari a 65,4, kN e da uno
sforzo normale N di 187,5 kN.
Il nodo analizzato è quello posizionato in corrispondenza del telaio
maggiormente controventato, parallelo al lato minore dell’edificio.
Si procede dunque con le verifiche previste dalla normativa vigente:

VERIFICA A TAGLIO DEI BULLONI


Sez.A-A' TA 65,4 kN Sez.B-B' TB 32,70 kN
f 71 mm h 59 mm
MA 4,6434 kNm MB 1,9293 kNm

Vb 16,35 kN Vb 8,18 kN
2 2 2
Σri 8000 mm Σri 8000 mm2

167
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

rmax 60 mm rmax 60 mm
Hb 81,70 kN Hb 14,46975 kN
R 83,32 kN R 16,62 kN

Verifica a taglio sez A-A' Verifica a trazione e taglio sez B-B'


Tb < Fv,Rd Tb/TR+Nb/NR < 1
N N
41660,22 < 60288 OK 0,64591 < 1 OK
Tabella 8. 21: Verifica dei bulloni

VERIFICA DELL’ANIMA DELLA TRAVE SECONDARIA


Sez.A-A' TA 65,4 kN τ 0,02559 kN/mm2
f 71 mm σ 0,04398 kN/mm2
MA 4,6434 kNm
k 1,8
2
An 2556 mm α 0,5833
Jt,x 16355902,7 mm4
Jx,b 2103936 mm4
Jx,n 14251966,67 mm4
Wx,n 105570,123 mm3

σid < fyd σrif < Fb,Rd


MPa MPa N N
62,44 < 352 OK 83320,43 < 133056 OK
Tabella 8. 22: Verifica dell'anima della trave secondaria

VERIFICA DELLA SQUADRETTA


Sez.A-A' TA 65,4 kN τ 0,017302 kN/mm2
f 71 mm σ 0,033251 kN/mm2
MA 4,6434 kNm
k 1,8
2
An 3780 mm α 0,5833
Jt,x 17147500 mm4
Jx,b 3880960 mm4
Jx,n 13266540,00 mm4
Wx,n 139647,789 mm3

168
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

σid < fyd


MPa MPa
44,76 < 188 OK
Tabella 8. 23: Verifica delle squadrette

Figura 8. 11: Unione colonna trave principale

169
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Se si avesse voluto progettare tutti i giunti trave-colonna


considerando unicamente le sollecitazioni massime agenti sulle travi
principali, senza differenziazioni, si sarebbero ottenuti i seguenti risultati.
Per tensioni massime di 271,5 kN di taglio e 371,5 kN di sforzo
normale risultano il giunto risulta verificato con:

BULLONI n°file 3
n°bulloni/ fila 5
n° bulloni tot. 15
d0 14 mm
Anom 154 mm2
Ares 115 mm2
Ts,coppia di serraggio 167,1824 Nm
Tabella 8. 24: Dimensionamento dei bulloni

SQUADRETTE t 20 mm
e1 35 mm
e2 35 mm
p1 34 mm
p2 34 mm
H 206 mm
B 138 mm
Tabella 8. 25: Dimensionamento delle squadrette

8.2.3 Unione controvento verticale-colonna


I controventi verticali, sia interni alla struttura che perimetrali, sono
stati modellati collegandoli alle colonne ed alla mezzeria delle travi tramite
vincoli di cerniera. Questi, infatti, seppur si estendano in altezza
comprendendo due piani dell’edificio alla volta, non risultano continui in
corrispondenza dell’intersezione con le travi ma sono connessi ad esse
attraverso dei collegamenti non in grado di trasferire momento, del tipo in
figura:

170
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 12: Esempio collegamento controvento-trave

La figura rappresenta solo un’idea del tipo di collegamento dei


controventi alle travi in quanto né le sezioni considerate né le dimensioni
corrispondono a quelle reali.
Il collegamento dei controventi perimetrali alle colonne avviene in
corrispondenza delle ali di quest’ultime mentre i controventi interni alla
struttura vengono connessi direttamente all’anima delle colonne.
E’ stata analizzata nel particolare l’unione del controvento verticale a
croce, interno alla struttura, in corrispondenza del telaio maggiormente
controventato parallelo al lato minore dell’edificio.
L’unione si compone di una piastra verticale saldata in
corrispondenza dell’anima della colonna, alla quale viene collegato tramite
bullonatura il controvento verticale. La piastra saldata e l’anima del
controvento, opportunamente sagomata, sono collegate attraverso due piatti
bullonati che permettono di realizzare il vincolo di cerniera previsto.
Si presentano il procedimento eseguito per la progettazione di tale
vincolo, secondo quanto specificato dalla normativa vigente.

ELEMENTI STRUTTURALI Acciao S450


fyk 440
ftk 550
γM2 1,25
fyd 352
Tabella 8. 26:Resistenze degli elementi strutturali

BULLONI Classe 8,8


fyb 649 Mpa
ftb 800 Mpa

171
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

γM2 1,25
fyd 519,2 Mpa
Tabella 8. 27:Resistenze dei bulloni scelti

SQUADRETTE Acciao S450


fyk 440 Mpa
ftk 550 Mpa
γM2 1,25
fyd 352 Mpa
Tabella 8. 28:Resistenze delle squadrette

CONTROVENTO Fe 450
H 384 mm
B 297 mm
Sa 10 mm
e 16 mm
Tabella 8. 29: Dimensioni del controvento

COLONNA Fe 450
H 455 mm
B 418 mm
Sa 42 mm
e 67,6 mm
Tabella 8. 30: Dimensioni della colonna

Sulla base delle limitazioni imposte dalla normativa riguardo la


posizione dei bulloni, una volta fissato il diametro ed il numero dei bulloni
si determinano le dimensioni delle squadrette:

BULLONI n°file 3
n°bulloni/ fila 6
n° bulloni tot. 18
d0 18 mm
Anom 254 mm2
Ares 192 mm2
Ts,coppia di serraggio 358,871 Nm
Tabella 8. 31: Dimensionamento dei bulloni

172
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

SQUADRETTE t 20 mm
e1 35 mm
e2 25 mm
p1 50 mm
p2 50 mm
H 320 mm
B 150 mm
Tabella 8. 32: Dimensionamento delle squadrette

Lo stato tensionale agente in corrispondenza del nodo è


rappresentato da una sollecitazione di taglio V pari a 1161,6 kN e da uno
sforzo normale N di 792 kN, ottenuti decomponendo la forza normale
agente parallelamente all’asse inclinato del controvento lungo la direzione
verticale ed orizzontale.
Il nodo analizzato è quello posizionato in corrispondenza del telaio
maggiormente controventato, parallelo al lato minore dell’edificio.
Si procede dunque con le verifiche previste dalla normativa vigente:

VERIFICA A TAGLIO DEI BULLONI


Sez.A-A' TA 1161,59 kN
f 75 mm
MA 87,12 kNm

Vb 64,53 kN
Σri2 131250 mm2
rmax 125,00 mm
Hb 126,97 kN
R 142,43 kN

Verifica a taglio sez A-A'


Tb < Fv,Rd
N N
71214,55 < 73728 OK
Tabella 8. 33: Verifica a taglio dei bulloni

173
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

VERIFICA DELL’ANIMA DEL CONTROVENTO


Sez.A-
A' TA 1161,59 kN τ 0,03588 kN/mm2
f 75 mm σ 0,00665 kN/mm2
MA 87,12 kNm
k 2,1889
2
An 32376,35 mm α 0,6481
Jt,x 2410896604 mm4
Jx,b 17097480,00 mm4
Jx,n 2393799124,32 mm4
Wx,n 13099837,31 mm3

σid < fyd σrif < Fb,Rd


MPa MPa N N
62,50 < 352 OK 142429,11 < 337088,889 OK
Tabella 8. 34: Verifica dell'anima del controvento

VERIFICA DELLA SQUADRETTA


Sez.A-A' TA 1161,593021 kN τ 0,136980 kN/mm2
f 75 mm σ 0,179605 kN/mm2
MA 87,11947659 kNm
k 1,8
2
An 8480 mm α 0,5833
Jt,x 109226666,7 mm4
Jx,b 31616640 mm4
Jx,n 77610026,67 mm4
Wx,n 485062,6667 mm3

σid < fyd


MPa MPa
297,57 < 352 OK
Tabella 8. 35: Verifica della squadretta

174
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

VERIFICA DELLA SALDATURA DELLA PIASTRA


Piastra Heff 365,5 mm
B 188 mm
s 30 mm
Saldatura t 30 mm
L 624,85 mm

Forze T 1161,59 kN
M 131260,01 kNmm
N 792,00 kN

Tensioni σ 72,24 N/mm2


σmax 196,544 N/mm2
τmax 158,92 N/mm2

σid < fw,Rd


2
N/mm N/mm2
384,72 < 440 OK
Tabella 8. 36: Verifica della saldatura a completa penetrazione

Affinchè la verifica dell’anima del controvento risulti soddisfatta a rè


necessario andare ad aumentare la sezione dell’anima del controvento
mediante una piastra saldata, con saldatura a cordone d’angolo, di spessore
di 1 mm, in modo tale che, ispessendo la sezione si vada a compensare la
riduzione di area resistente dovuta alla presenza dei fori. Poiché tale piastra
svolge anche la funzione di imbottitura dell’anima del controvento,
necessaria per realizzare il collegamento bullonato tra la piastra saldata
all’anima della colonna, di spessore di 30 cm, ed il controvento stesso,
risulta necessario aumentarne lo spessore a 2 cm.

175
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 13: Unione controvento colonna

176
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8.2.4 Unione colonna-colonna saldata


Come già precisato nel capitolo relativo alle scelte di modellazione,
le colonne vengono realizzate con vincoli di continuità. In corrispondenza
delle rastremazioni il tipo di unione eseguita è saldata e viene realizzata
direttamente in stabilimento. In tal modo si semplificano le operazioni di
montaggio.

Figura 8. 14: Tipo di unione saldata

Si presentano di seguito le verifiche eseguite considerando delle


saldature a completa penetrazione tra le colonne e la piastra di
collegamento.

ELEMENTI STRUTTURALI Acciao S450


fyk 440
ftk 550
γM2 1,25
fyd 352
Tabella 8. 37:Resistenze degli elementi strutturali

177
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

COLONNA SUPER. Fe 450


H 455 mm
B 418 mm
Sa 42 mm
e 67,6 mm
Tabella 8. 38: Dimensioni della colonna superiore

COLONNA INFER. Fe 450


H 440 mm
B 300 mm
Sa 11,5 mm
e 21 mm
Tabella 8. 39:Dimensioni della colonna inferiore

PIASTRA SALDATA H 460 mm


B 423 mm
s 42 mm
IRRIGIDIMENTI t 21 mm
b 144,25 mm
l 398 mm
Tabella 8. 40:Dimensionamento della piastra saldata

VERIFICA DELLA SALDATURA DELLA COLONNA SUPERIORE


Saldatura tanima 11,5 mm
tali 21 mm
Lali esterne 300 mm
Lali interne 144,25 mm
Lanima 398 mm

Forze N 2886,8 kN N 2886,8 kN


T3 25,5 kN T2 5,9 kN
M2 43,4 kNm M3 26,95 kNm

Tensioni σ 168,06 N/mm2 σ 168,06 N/mm2


σmax 67,943 N/mm2 σmax 77,508 N/mm2
τmax 2,23 N/mm2 τmax 0,52 N/mm2

178
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

σid < fw,Rd σid < fw,Rd


2
N/mm N/mm2 N/mm 2
N/mm2
236,04 < 440 OK 245,57 < 440 OK
Tabella 8. 41:Verifica della saldatura a completa penetrazione

Figura 8. 15: Unione colonna-colonna saldata

179
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8.2.5 Unione colonna-colonna bullonata


L’unione delle colonne di uguale sezione viene eseguita mediante
bullonatura, in modo tale da ricreare la continuità strutturale degli elementi
connessi.
Il giunto appare dunque come indicato nella seguente figura:

Figura 8. 16: Tipo di unione bullonata

Un dimensionamento di massima prevede la realizzazione del giunto


nel seguente modo:

COPRIGIUNTI D’ALA t 35 mm
e1 35 mm
e2 35 mm
p1 70 mm
p2 50 mm
H 480 mm
B 418 mm
Tabella 8. 42:Dimensionamento dei coprigiunti d'ala

180
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

COPRIGIUNTI ANIMA t 20 mm
e1 35 mm
e2 35 mm
p1 70 mm
p2 50 mm
H 480 mm
B 220 mm
Tabella 8. 43:Dimensionamento dei coprigiunti d'anima

BULLONI ALI/ANIMA n°file 4


n°bulloni/ fila 6
n° bulloni tot. 24
d0 20 mm
Anom 314 mm2
Ares 192 mm2
Ts,coppia di serraggio 398,75 Nm

Tabella 8. 44: Dimensionamento dei bulloni

181
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 17: Unione colonna-colonna bullonata

182
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8.2.6 Unione colonna-controvento di piano


L’unione colonna-controvento di piano viene realizzata ancora una
volta mediante bullonatura. Il collegamento è realizzato attraverso
l’inserimento di una piastra orizzontale saldata all’anima ed alle ali della
colonna di dimensioni adeguate, alla quale vengono bullonati i controventi,
aventi sezione a doppia L. La piastra saldata è realizzata in modo da
fuoriuscire rispetto alla proiezione in pianta della colonna, in modo da poter
collegare contemporaneamente i due controventi di piano che convergono
nel nodo.

Figura 8. 18: Esempio di collegamento

Le caratteristiche degli elementi strutturali che costituiscono l’unione


sono:

ELEMENTI STRUTTURALI Acciao S450


fyk 440
ftk 550
γM2 1,25
fyd 352
Tabella 8. 45:Resistenze degli elementi strutturali

BULLONI Classe 8,8


fyb 649 Mpa
ftb 800 Mpa
γM2 1,25
fyd 519,2 Mpa
Tabella 8. 46:Resistenza dei bulloni scelti

183
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

COLONNA Fe 450
H 455 mm
B 418 mm
Sa 42 mm
e 67,6 mm
Tabella 8. 47.Dimensioni della colonna

CONTROVENTO Fe 450
H 11 mm
B 190 mm
Sa 20 mm
e 10 mm
Tabella 8. 48:Dimensioni del controvento di piano

La verifica è stata eseguita secondo quando prescritto dalla


normativa. Si riportano di seguito i risultati ottenuti.

BULLONI n°file 2
n°bulloni/ fila 2
n° bulloni tot. 4
d0 14 mm
Anom 154 mm2
Ares 115 mm2
Ts,coppia di serraggio 167,1824 Nm
Tabella 8. 49: Diemnsionamento dei bulloni

VERIFICA A TAGLIO DEI BULLONI


Sez.A-A' TA 100,00 kN
f 0 mm
MA 0,00 kNm

Vb 25,00 kN
2
Σri 2500 mm2
rmax 25,00 mm
Hb 0,00 kN
R 25,00 kN

184
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Verifica a taglio sez A-A'


Tb < Fv,Rd
N N
25000,00 < 44160 OK
Tabella 8. 50: Verifica dei bulloni

VERIFICA DELL’ASTA
Sez.A-A' NA 100 NA σ(Ν) 0,05435 kN/mm2
e 0 e σ(Μ) 0,00000 kN/mm2
MA 0,00 MA

An 1840 An k 2,5 k
Jt,x 75526,66 Jt,x α 0,8333 α
Jx,b 10803,33 Jx,b
Jx,n 64723,33 Jx,n
Wx,n 11767,88 Wx,n

σid < fyd σrif < Fb,Rd


MPa MPa kN N
54,35 < 352 OK 25000 < 256666,6 OK
Tabella 8. 51: Verifica dell'asta

VERIFICA DELLA PIASTRA


Sez.A-A' NA 100 NA σ(Ν) 0,0572 kN/mm2
e 0 e σ(Μ) 0,0000 kN/mm2
MA 0 MA

An 1749,40 An k 2,5 k
Jt,x 5760000,00 Jt,x α 0,8333 α
Jx,b 718293,33 Jx,b
Jx,n 5041706,67 Jx,n
Wx,n 84028,44 Wx,n

σid < fyd


MPa MPa
99,01 < 352 OK
Tabella 8. 52:Verifica della piastra

185
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

VERIFICA DELLA SALDATURA


Piastra H 206,5 σ 15,63 N/mm2
B 319,8 σmax 0,000 N/mm2
s 20 τmax 23,45 N/mm2

Saldatura t 20
L 319,8

Verifica a trazione Verifica a taglio


σ < fyd τ < fw,Rd
2
N/mm N/mm2 N/mm 2
N/mm2
27,28 < 352 OK 23,45 < 440 OK
Tabella 8. 53: Verifica della piastra saldatura

Figura 8. 19: Unione colonna-controvento di piano

186
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8.2.7 Unione colonna-platea di fondazione


Si riportano i calcoli inerenti alla verifica del nodo strutturale che collega
la colonna alla platea. Le sollecitazioni di progetto sono estrapolate dal
modello di calcolo (agli elementi finiti) tridimensionale con cerniere alla
base, relativo alla combinazione di carico inviluppo slu. I carichi
considerati sono quindi quelli agenti alla base delle colonne, si considera la
colonna più sollecitata che risulta essere la numero 24.

N [kN] 11300
T [kN] 51
Traz [kN] 6644
Tabella 8. 54 Sollecitazioni di progetto

Dalla tabella 8.54 si nota come lo sforzo di taglio sia nettamente


inferiore alle sollecitazioni di compressione e trazione, questo perché
leggendo le sollecitazioni alla base delle colonne si perde lo sforzo di taglio
che proviene dal controvento verticale. Tale sollecitazione agisce
sicuramente anche sul nodo che si va a progettare, tuttavia si esclude in dai
calcoli in quanto si effettua un dimensionamento per soli carichi verticali.
Anche nella modellazione del nodo eseguita in Sap (paragrafo 8…)
non si considera il controvento verticale.

Figura 8. 20 Posizione della colonna di cui si progetta il collegamento con la fondazione

Il collegamento deve schematizzare il vincolo di cerniera, per cui si


sceglie, come prima tipologia, l’unione colonna-platea eseguita con piastra
di base saldata alla base della colonna (figura 8.19), ed ancorata alla

187
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

fondazione (per assorbire lo sforzo di trazione) con dei tirafondi. In


particolare, si scelgono dei tirafondi forniti dalla Peikko.

I materiali utilizzati nel nodo sono:

 Acciaio: S450 (fyd = 419 MPa);


 Calcestruzzo: classe C25/30 (Rck = 30 MPa);
 Tirafondi: vedi figura 8.20

Figura 8. 21 Unione colonna-platea con piastra semplice ancorata con tirafondi

Figura 8. 22 Materiali dei tirafondi Peikko

188
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8.2.7.1 Dimensionamento dei tirafondi


I tirafondi vengono dimensionati in base alla sollecitazione di
trazione agente nella colonna. Nella figura 8.21 sono riportate le
caratteristiche geometriche dei tirafondi Peikko, in particolare si sceglie la
tipologia PPM 45/P. Le caratteristiche meccaniche sono riportate in figura
8.22 dove con Nu e Vu si indicano rispettivamente la trazione ed il taglio
resistenti di ciascun tirafondo. I valori numerici sono espressi in kN e sono
relativi ad un calcestruzzo di classe C25/30.

Figura 8. 23 Caratteristiche geometriche dei tirafondi Peikko PPM 45/P

Figura 8. 24 Capacità [kN] dei tirafondi, cls C25/30

Supponendo che la trazione venga ripartita in modo equo fra i


tirafondi, dal calcolo sono necessari 9,6 tirafondi, per cui si impiegano 10
tirafondi PPM 45/P.
In presenza di taglio deve essere rispettata la seguente condizione:

189
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Dai calcoli si ottiene che il valore del primo membro è pari a 0,96, il
che soddisfa la verifica.
Per ancorare i tirafondi alla piastra si utilizzano dei bulloni ad alta
resistenza, classe della vite 10.9 a cui si associa un dado di classe 10. Il
diametro del bullone viene dimensionato in modo tale da soddisfare le
verifiche a trazione e a punzona mento. Scegliendo un bullone con diametro
nominale pari a 24 mm, dalle formule viste in precedenza si ottengono
seguenti risultati:

ˆ1,Š = 0.72 ∙ ˆ1M ∙ 0„ = 254160 T


V  2352.7 T < ˆ1,Š
:,Š  796205 T > 664400 T

Si trascura la verifica alla combinazione accoppiata di taglio e


trazione (per il bullone), visto il basso valore della sollecitazione tagliante. I
bulloni dovranno essere serrati con una coppia Ms data da:

8  0.2 ∙ T ∙ \

T = 0.8 ∙ ˆ,∙ Š„

dove fk,N è la tensione convenzionale allo 0.2%, ed è data dal minimo fra la
resistenza allo snervamento e il 70% del valore della resistenza a trazione a
rottura. Per viti di classe 10.9, si avrà:

ˆ, = 700 8


T  197,68 T
8  948864 T--

190
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8.2.7.2 Dimensionamento della piastra di base


La piastra di base viene saldata alla base della colonna, ed ha la funzione
di ripartire i carichi provenienti dalla colonna, sulla platea di fondazione. Le
dimensioni geometriche sono calcolate in modo da assicurare un sufficiente
area d’impronta, ovvero da trasferire alla platea una pressione minore della
tensione limite di rottura del calcestruzzo. Lo spessore invece è
dimensionato in modo tale da assicurare una sufficiente rigidezza alla
piastra, così da poter effettivamente ripartire tutta la sollecitazione sull’area
di carico (cioè sull’intera superficie d’impronta della piastra).
Il dimensionamento viene effettuato in base alla sollecitazione di
compressione, dal momento che per quella di trazione la piastra ha un’altra
funzione: riportare i carichi dalla colonna ai tirafondi. Si decide di
progettare una piastra quadrata. La tensione trasferita sarà data dallo sforzo
normale diviso l’area netta, cioè l’area depurata dei fori dei tirafondi. La
tensione limite sul calcestruzzo è pari all’85% di fcd e vale 11993.5 kPa. Il
lato minimo risulterebbe pari a 0,98 m, tuttavia si sceglie una dimensione
maggiore, in particolare di 1,1 m, considerando che effettivamente la piastra
non riuscirà a trasmettere il carico tutta la sua superficie.
Per quanto riguarda lo spessore, si dimensiona in questo modo: la piastra
presenta un nucleo rigido, cioè una porzione che non subisce inflessione.
Tale parte è posta al di sotto della colonna, ha forma rettangolare di
dimensioni 0,8b e 0,95h (dove b ed h sono rispettivamente la larghezza
delle ali e l’altezza della colonna). Al di fuori di questo nucleo rigido è
possibile individuare delle porzioni di piastra che saranno soggette a
flessione. Si considerano in particolare due “strisce” ortogonali fra loro, che
possono essere ricondotte ad una trave incastrata nel nodo rigido con
sezione rettangolare, larga 1 mm e di altezza pari allo spessore t della
piastra (che risulta incognito). Si considera la “trave” più lunga, che è
quella che da il valore maggiore del momento. La lunghezza deriva da
considerazioni geometriche ed è data da:

l = max ((B-0.8b)/2; (B-0.95h)/2)=0,382 m

Supponendo che le travi siano caricate da un carico unifomemente


ripartito pari alla tensione agente sul calcestruzzo per la larghezza della
sezione della trave, è possibile calcolare il momento agente all’incastro.
Imponendo poi che tale sollecitazione diviso il modulo resistente della

191
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

sezione sia minore della fyd si ricava il valore minimo dello spessore t, in
base alla seguente formula:

3 ∙ V6 ∙ H#
P>'
ˆ‘

Si ricava un valore minimo 10 cm che risulta essere eccessivo. Per


diminuire lo spessore si ricorre all’inserimento di irrigidimenti, che
costituiscono degli appoggi per i due ordii di “travi” visti in precedenza,
come riportato nella figura 8.23.

Figura 8. 25 Schema di calcolo di una piastra con irrigidimenti

Dalle verifiche eseguite con il programma agli elementi finiti


(paragrafo…) si nota che il collegamento viene verificato con una piastra di
spessore pari a 5 cm, tuttavia il nodo si è irrigidito a tal punto dal non
poterlo più considerare una cerniera. Sempre con l’ausilio del codice di
calcolo si verifica che se si utilizza una piastra spessa 5 cm senza
irrigidimenti, questa non è adatta a ripartire i carichi sul calcestruzzo:
essendo poco rigida non riesce a trasferire carichi al di sotto di tutta la sua
superficie, per cui ci sarà una zona posta al di sotto della colonna in cui la
tensione sul calcestruzzo raggiungerà valori troppo elevati.
Si decide quindi di cambiare tipologia di collegamento, passando al
dimensionamento di una cerniera a perno.

192
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8.2.7.3 Dimensionamento di una cerniera a perno


Per quanto riguarda il dimensionamento e la verifica della cerniera a
perno, si utilizzano le disposizioni della CNR 10025. La cerniera a perno è
costituita da una piastra superiore saldata alla colonna, a cui vengono
collegati dei pettini superiori, come mostrato in figura 8.24. I denti sono
forati in modo tale da consentire l’inserimento di un perno in acciaio a
sezione circolare.

Figura 8. 26 Schema della cerniera a perno

Fra i pettini superiori sono presenti dei pettini inferiori, della stessa
forma e dimensione che risultano essere capovolti in modo tale da poter
essere saldati alla piastra di base. Il carico trasferito è dalla colonna alla
piastra superiore che lo ripartisce fra i vari pettini; questi a loro volta
caricano il perno, che trasferisce la sollecitazione ai pettini inferiori. Questi
ultimi elementi caricano la piastra di base che trasferisce finalmente il
carico in fondazione. Il vantaggio di tale unione sta nel fatto che è possibile
irrigidire (agendo sul numero di denti del pettine) la piastra inferiore pur
mantenendo il vincolo di cerniera: infatti la rotazione della colonna intorno
al perno consente la rotazione.
Il materiale utilizzato rimane l’acciaio S450, stessa cosa per le
dimensioni della piastra di base (quadrata di lato 1,1 m). La piastra
superiore viene progettata anch’essa quadrata, di lato 61 cm, entrambe le
piastre hanno uno spessore di 5 cm. Queste saranno verificate con l’ausilio
del calcolatore, per i dettagli si rimanda al paragrafo….
Il questa fase saranno dimensionati i pettini e il perno. I numero dei
denti viene deciso in modo tale da ripartire al meglio il carico e in modo da

193
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

soddisfare le verifiche legate alla connessione con perno. Lo spessore (t) dei
denti del pettine deve essere compreso tra i 12 ed i 50 mm: si sceglie uno
spessore di 45 mm. Il pettine superiore è formato da 6 denti, mentre quello
inferiore da 7. Le dimensioni geometriche del dente sono progettate
considerando le limitazioni seguenti:
 2 ∙  ∙ P > 1,4 ∙
’
“”•

 P∙ >
’
“”•

<8
M
1


dove b ed a hanno il significato riportato in figura 8.25, mentre con F si


indica la forza agente sul singolo dente.

Figura 8. 27 Dimensioni geometriche del dente del pettine

Si suppone che la forza di compressione (con cui si dimensiona


l’unione) si ripartisca in modo equo fra i cari denti, si considera a riguardo
il pettine superiore che ne possiede un numero minore. La forza F risulta
quindi pari a 1883.33 kN.
Il diametro del perno viene dimensionato in modo tale da soddisfare
la verifica a rottura per taglio del gambo.

Verifiche:

 Rottura per trazione della lamiera

194
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

–
V = < ˆ‘
 − \" ∙ Y
 Rottura del perno per taglio
– 4
… = ∙ < 0.8 ∙ ˆ‘
2 [ ∙ \#

 Strappo della lamiera

1
…# = – ∙ < 0.6 ∙ ˆ‘
2∙-∙Y

 Rifollamento
mento della lamiera
–
V# = < 1,35 ∙ ˆ‘
\∙Y

Nella concezione dei perni si deve aver cura di contenere le azioni


flettenti, secondo quanto riportato dal d.m. 2008 la resistenza a flessione del
perno è data da: 8Š = 1,5 ∙ —„$ ∙ ˆ‘ . Il momento sollecitante è ricavato
dal modello del nodo agli elementi finiti. Nelle figure successive si
riportano i calcoli inerenti al dimensionamento ed alle verifiche.

Figura 8. 28 Dimensionamento della geometria del dente

195
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 29 Verifiche

La cerniera dimensionata è rappresentata nella figura 8.28.

Figura 8. 30 Dimensioni geometriche della cerniera a perno

196
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8.2.7.4 Verifica delle saldature


Tutte le saldature del nodo sono eseguite in stabilimento, sono del
tipo a completa penetrazione. Viene dimensionata la saldatura a T da
eseguire fra il generico dente e la piastra, mentre quella fra la piastra
superiore e la colonna si esegue con le stesse modalità di quella verificata.
Il dente si sagoma smussando gli angoli in corrispondenza del punto
di contatto con la piastra, in modo tale che lo spessore passa da 45 a 5mm.
L’altezza della saldatura è pari a 5 mm, mentre lo spessore del materiale
d’apporto è di 25 mm (per lato).
La tensione ortogonale deriva due contributi: dalla trazione a cui è
soggetto il pettine e dal taglio che agisce in direzione parallela allo spessore
del dente (parallelo all’asse del perno). Questo infatti provoca un momento
alla base, se si considera il dente come una trave incastrata alla base. Il
taglio agente in direzione ortogonale all’asse del perno, provoca invece una
tensione parallela all’asse della saldatura e una tensione tangenziale. Per le
verifiche si considerano giunti di II classe, cioè una saldatura effettuata con
elettrodi di classe 2,3 o 4, e realizzati con eliminazione dei difetti prima di
effettuare la ripresa o la seconda saldatura.
I calcoli sono riportati nella tabella successiva.

Figura 8. 31 Calcolo della saldatura per il giunto a T

197
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8.3 Modellazione agli elementi finiti dei nodi

Si sono modellati i particolari dei collegamenti di tre nodi strutturali


al fine di valutare l’effettiva distribuzione delle tensioni al loro interno e
verificare
are che non siano superati i valori limite.
Il primo nodo analizzato è quello relativo al secondo telaio parallelo
alla direzione y, G--G,
G, in cui converge la colonna, la trave principale ed il
controvento verticale.

Figura 8. 32: Nodo colonna- trave- controvento verticale

Il secondo collegamento modellato è quello relativo al nodo colonna-


colonna
colonna in presenza della rastremazione, attraverso il quale si realizza la
continuità dell’elemento strutturale. L’unione è saldata e viene eseguita
direttamente in stabilimento.

198
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 33: Nodo colonna-colonna

Il terzo modello riguarda il nodo colonna-platea


colonna platea di fondazione.
Per il dimensionamento degli elementi che costituiscono tali nodi e
la loro verifica, secondo quando prescritto dalla normativa vigente, si fa
riferimento a quanto già decritto nel paragrafo precedente.

8.3.1 Nodo Trave principale-colonna-controvento


principale controvento verticale
Le parti che costituiscono gli elementi strutturali vengono modellate
in Sap2000.12 tramite elementi bidimensionali “shell”, di spessore pari a
quello della parte dell’elemento che vanno a rappresentare.
La struttura è stata vincolata alla base assegnando ai nodi delle shell
il vincolo di cerniera e realizzando in tal modo, complessivamente
sull’intera sezione di base, un vincolo di incastro. Le sollecitazioni sono
state applicate alla trave, al controvento verticale ed alla colonna in modo
che il nodo risultasse complessivamente in equilibrio. In particolare, i valori
delle tensioni di N, T ed M applicate alle estremità della trave del
controvento sono state prese nel modello globale dell’edificio e valutate
sugli alla distanza di 1m dal nodo.

199
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 34:
34 Modellazione tramite “shell” degli elementi strutturali

Il collegamento della trave principale all’anima della colonna è


realizzato attraverso l’inserimento di due quadrette ad L di uguali
dimensioni, bullonate da una parte all’anima della colonna e dall’altra
all’anima della trave.
Le squadrette
uadrette vengono modellate anch’esse tramite elementi “shell”
posti a distanza dal piano medio dell’anima della trave, o della colonna, pari
alla somma dei semispessori dei due elementi collegati.

200
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 35: Particolare delle squadrette

I bulloni vengono modellati tramite elementi “frame” di sezione


opportuna, e sono collegati alle squadrette realizzando dei fori su
quest’ultime e collegando i nodi delle shell circostanti i fori all’asse del
bullone tramite bracci rigidi non
n resistenti a trazione.

Figura 8. 36: Modellazione del collegamento bulloni-shell


shell

201
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 37:
37 Modellazione del collegamento bullonmi-squadrette
squadrette

Tali bracci rigidi sono degli elementi “frame” monodimensionali di


sezione generica avente peso e massa nulla, ai quali viene assegnata una
rigidezza di due ordini di grandezza maggiore rispetto agli elementi
circostanti. A ciascuno di essi viene, inoltre, imposto un limite alla
resistenza a trazione, “Tension Limits”,
azione, attraverso il comando “Tension Limits in modo da
simulare la capacità delle squadrette di resistere solo a forze dirette
ortogonalmente al loro piano medio, che le comprimono verso l’anima
dell’elemento strutturale. In caso contrario, infatti, ovvero ov qualora
sottoposte a trazione, queste tenderebbero solo a distaccarsi, annullando il
contatto tra i due elementi, senza opporre alcuna resistenza.
A tali elementi di collegamento vengono assegnati, nei nodi finali di
connessione con le shell delle squadrette,
squ dei “release” del momento e del
taglio (Tz), diretto parallelamente al loro piano medio, ovvero viene
impedita la possibilità di trasmettere ad esse da parte del bullone tale tipo di
sollecitazioni.
In questo modo si rappresenta il reale comportamento del bullone
che, posto all’interno del foro e sollecitato a taglio, non è in grado di
trasmettere momento alle squadrette né sollecitazioni di taglio nella
direzione verticale, ma solo sforzi di compressione. La presenza della testa
del bullonene viene considerata non svincolando il taglio agente nella
direzione ortogonale al piano medio delle squadrette.

202
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 38: Release di momento e taglio assegnati ai bracci rigidi

Un primo modello è stato realizzato inserendo come collegamento


delle squadrette all’anima dell’elemento strutturale dei bracci rigidi, con
resistenza a trazione nulla, in modo da simulare la capacità delle squadrette
di resistere solo a forze dirette ortogonalmente al loro piano medio, che le
comprimono verso l’anima dell’elemento strutturale. In caso contrario,
ovvero qualora sottoposte a trazione, queste tenderebbero solo a distaccarsi,
annullando il contatto tra i due elementi, senza opporre alcuna resistenza.
Anche a tali elementi di collegamento vengono assegnati dei
“release” di momento, ovvero viene impedita la possibilità di trasmettere
tale tipo di sollecitazioni.

203
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 39:: Collegamento delle squadrette all'elemento strutturale tramite bracci rigidi

In unn secondo modello si sostituiscono i bracci rigidi di


collegamento delle squadrette all’anima dell’elemento strutturale con dei
“link” definiti in modo tale da resistere solo a compressione (“gap”), ai
quali viene assegnata una rigidezza assiale di due ordini
ordini di grandezza
maggiore rispetto a quella degli altri elementi.

Figura 8. 40:Collegamento
Collegamento delle squadrette all'elemento strutturale tramite link (gap)

204
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Le sollecitazioni ottenute dall’analisi non lineare sia nei link che nei
bracci rigidi mostrano che non sono presenti sforzi di trazione né
sollecitazioni di taglio e momento. Il risultato ottenuto è corretto in quando
sia il taglio che il momento viene portato completamente dai bulloni mentre
le squadrette collaborano alla resistenza dell’unione solo se sollecitate da
forze che le spingono contro l’anima dell’ elemento strutturale alle quali
sono connesse.

Figura 8. 41: Sollecitazioni solo di compressione sui link

Lo stato tensionale presente nelle squadrette e nell’anima degli elementi


collegati è il seguente:

205
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 42: Tensioni S11 nel nodo e particolare delle squadrette

Figura 8. 43:Tensioni S22 nel nodo e particolare delle squadrette

206
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 44:Tensioni SVM nel nodo e particolare delle squadrette

Si osserva chiaramente il verificarsi di picchi dei tensione nelle


squadrette in corrispondenza dello spigolo, ove sicuramente verrà raggiunta
la plasticizzazione.
Questa condizione però non è particolarmente gravosa per l’unione, in
quanto l’eventuale raggiungimento delle tensioni di snervamento, produce
una deformazione locale della squadretta che non compromette la solidità
del collegamento, la cui capacità portante è affidata prevalentemente ai
bulloni.
Inoltre la visualizzazione di tali picchi di tensione nel modello di calcolo, è
poco realistica in quanto, non si tiene conto che, dopo il raggiungimento
della plasticizzazione, la rigidezza della sezione decresce notevolemente.
Di conseguenza si verifica una ridistribuzione delle tensioni nelle zone
adiacenti, mentre la parte plasticizzata mantiene un livello di sollecitazione
costante pari appunto alla tensione di snervamento.

207
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 45:Tensioni S11 nell'anima della colonna e della trave

Figura 8. 46: Tensioni S22 nell'anima della colonna e della trave

208
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 47: Tensioni SVM nell'anima della colonna e della trave

Anche l’anima della trave, in corrispondenza dei fori, presenta dei


picchi di tensione dovuti alle azioni di taglio trasmesse dai bulloni. Tali
valori, per quanto spiegato sopra, non si verificano nella realtà poiché
interviene la plasticizzazione.

Analoga modellazione è stata eseguita anche per realizzare il


collegamento tra colonna e controvento verticale.
Questo si compone di più elementi, in particolare:

• Piastra saldata all’anima della colonna, con una saldatura a completa


penetrazione;
• Piatti bullonati, mediante i quali si realizza il collegamento tra anima
del controvento e piastra saldata;
• Due piastra di imbottitura, saldate all’anima del controvento nella
zona interessata dal collegamento, mediante saldatura a cordone
d’angolo.

La saldatura a completa penetrazione della piastra all’anima della


colonna è stata modellata semplicemente facendo coincidere i nodi della
discretizzazione delle shell dei due elementi, in quanto si ripristina
completamente la continuità dei due elementi.
La saldatura a cordone d’angolo con cui si collegano all’anima del
controvento le due imbottiture, viene modellata collegando i nodi del

209
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

contorno dei piani medi di tali elementi, rappresentati attraverso shell


adeguatamente discretizzate, mediante bracci rigidi.
La modellazione del collegamento bullonato, ovvero dei bulloni, dei fori e
del contatto tra anima dell’elemento ed i piatti, viene effettuato in modo
analogo a quanto descritto per il nodo colonna-trave.

Figura 8. 48:Tensioni S11 nel nodo e particolare dei piatti bullonati

Figura 8. 49:Tensioni S22 nel nodo e particolare della piastra saldata

210
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 50:Tensioni SVM nel nodo e particolare della piastra saldata

Figura 8. 51: Tensioni S11 nella piastra saldata e nelle imbottiture

211
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 52: Tensioni S22 nella piastra saldata e nelle imbottiture

Figura 8. 53: Tensioni SVM nella piastra saldata e nelle imbottiture

212
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 54: Tensioni S11 nell'anima del controvento e della colonna

Figura 8. 55:Tensioni S22 nell'anima del controvento e della colonna

213
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 56:Tensioni SVM nell'anima del controvento e della colonna

8.3.2 Nodo Colonna-colonna rastremata


Il collegamento delle colonne, in corrispondenza della rastremazione, viene
eseguito mediante saldatura effettuata direttamente in stabilimento.
La modellazione di tale nodo è effettuata rappresentando le varie
parti degli elementi strutturali tramite elementi bidimensionali “shell” di
spessore corrispondente a quello reale. La saldatura, come detto, riproduce
completamente la continuità degli elementi strutturali, per cui viene
modellata semplicemente facendo coincidere tutti i nodi delle shell
discretizzate degli elementi connessi.
Nel particolare la connessione risulta costituita dal collegamento sia
della colonna superiore che della colonna inferiore alla piastra interposta
mediante saldatura a completa penetrazione. Poiché le linee d’asse
dell’anima e delle ali delle due colonne non corrispondono la saldatura è
stata riprodotta facendo coincidere i nodi delle due colonne con la piastra
ma i nodi della colonna superiore con quelli della colonna inferiore.

214
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 57:
57 Modellazione tramite "shell" degli elementi strutturali

Figura 8. 58:
58: Particolare della discretizzazione della piastra saldata

Lo stato tensionale registrato negli elementi costituenti il nodo è


mostrato di seguito.

215
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 59: Tensioni S11 nel nodo e particolare della piastra saldata

Figura 8. 60:Tensioni S22 nel nodo e particolare della piastra saldata

216
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 61:Tensioni SVM nel nodo e particolare della piastra saldata

Corrispondentemente a quanto calcolato nella verifica effettuata sulla


base delle prescrizioni indicate dalla normativa, le tensioni risultano
inferiori ai limiti di snervamento del materiale, dunque il collegamento si
presenta ben dimensionato.

8.3.3 Nodo colonna-platea di fondazione


In questo paragrafo si riporta il processo di progettazione dell’unione
colonna platea di fondazione, eseguita con il codice di calcolo Sap 2000. In
tutti i modelli viene eseguita un’analisi statica non lineare, assegnando
l’intero carico in un unico incremento. Gli elementi modellati sono:

 Frame:
 Tirafondi
 Perno

 Shell:
 Colonna
 Piastre
 Pettine
 Irrigidimenti

217
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

 Solid:
 Platea

La colonna viene quindi modellata mediante delle shell, e dato che le


saldature presenti nell’unione sono eseguite a completa penetrazione, questa
viene collegata alle piastre facendo coincidere i nodi delle shell.
Il tirafondo viene modellato con una successione di frame di
lunghezza pari a 10 cm. Si adotta una sezione circolare equivalente, di
dimetro pari a 5 cm. I reali tirafondi infatti, sono costituiti da 4 barre ad
aderenza migliorata φ25, per cui si ottiene la stessa area con una sola barra
da 5 cm di diametro. I vari frame del tirafondo sono collegati agli elementi
solid della platea, nonché alla piastra di base; mediante quattro bracci rigidi
disposti a raggiera (figura 8.31).

Figura 8. 62 Particolare del collegamento dei tirafondi con la platea

I bracci rigidi presentano dei release degli sforzi di taglio nel nodo
attaccato al tirafondo, e dei release dei momenti alle estremità. Questo tipo
di connessione non è rigorosamente corretto dal momento che questi
elementi assorbono lo sforzo di taglio come sforzo assiale di compressione
e trazione, mentre la sollecitazione tagliante dovrebbe essere interamente
assorbita dal tirafondo. Tuttavia, stante il bassissimo valore del taglio,
rispetto alla trazione, si considera lecita la modellazione.
L’asse del frame del tirafondo trova “alloggiamento” in opportuni
buchi creati nella mesh della piastra di base e in quella dei solid della
platea. Nei solid, in particolare, la cavità si estende fino ad una profondità

218
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

di 1,7 metri (dalla piastra di base), dove il buco viene riempito. L’altezza
dei solid è di 2 m, pari prorpio a quello della platea, mentre le dimensioni in
pianta sono pari a quelle della piastra di base, ovvero un quadrato di 1,1 m
di lato. La shell della piastra di base presenta la stessa mesh dei solid,
mentre questi in direzione verticale presentano altezze di 10 cm.
Il collegamento fra la piastra di base e la platea viene realizzato per
mezzo di speciali link, chiamati gap. Questi sono elementi di connessione
che reagiscono solo a compressione, mentre se sottoposti a trazione, non
trasmettono la sollecitazione fra gli elementi che collegano. Questo si è reso
necessario per simulare il reale comportamento della piastra di base. Se
soggetta a compressione trasferisce tutto il suo carico al calcestruzzo, ma
quando è sottoposta a trazione non viene trattenuta a terra dalla platea,
bensì dai tirafondi. Nella figura 8.32 è riportato in dettaglio il collegamento
fra platea, tirafondi e piastra.

Figura 8. 63 dettaglio del collegamento fra la platea, i tirafondi e la piastra

I link sono elementi che lavorano con un comportamento non lineare,


si assegna una rigidezza che è di due ordini di grandezza superiore a quella
dell’acciaio, in particolare 2*E8 MPa.

219
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 64 Assegnazione della rigidezza ai link

L’altezza della colonna è pari ad 1,5 m e serve a fare in modo che le


tensioni, applicate nel baricentro della sezione di sommità, si diffondano su
tutto l’elemento strutturale. Per evitare deformazioni locali della sezione su
cui vengono applicati i carichi, si inseriscono dei bracci rigidi lungo la
sezione stessa.

220
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

8.3.3.1 Risultati della modellazione


Il primo modello considerato è quello di cerniera a lastra semplice,
con spessore pari a 5 cm.

Figura 8. 65 Modello 3D del nodo

Dal dimensionamento è noto che lo spessore della piastra è troppo


piccolo, infatti essa non è sufficientemente rigida, per cui non riesce a
ripartire, e quindi a diffondere le tensioni sul calcestruzzo. Dalla figura 8.35
si nota l’effettiva impronta di carico della sezione della colonna, mentre il
resto della piastra rimane scarico. Questo comporta una concentrazione di
sforzi su un’area limitata, con conseguente innalzamento dei valori delle
tensioni; la tensione massima sul calcestruzzo è pari a 51 MPa, oltre il
limite ammesso (30 MPa).
Dalle figure 8.38 e 8.39 sono diagrammate tensioni di Vohn Mises
presenti nelle shell. Si nota subito che la piastra di base non lavora a
compressione, ad eccezione della zona sottostante la colonna. Le tensioni
nell’acciaio raggiungono il valore di circa 434 MPa, al di sotto del limite.
Nel caso della sollecitazione di trazione la piastra presenta un altro tipo di
comportamento, essa trasmette le sollecitazioni ai tirafondi che reagiscono a
trazione. Si notano dei picchi di sollecitazione in corrispondenza dei fori
della piastra che raggiungono i 700 MPa. Questo valore risulta troppo
elevato, ma è dovuto alla modellazione dell’attacco del tirafondo con la
pistra, che non riproduce il reale collegamento che avviene per mezzo di
bulloni ad aderenza migliorata. Si decide di trascurare questo valore di
picco nei fori, ma non in corrispondenza della connessione con la colonna.

221
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 66 Tensioni (S33) sul calcestruzzo, dovute alla compressione:modello di cerniera a


piastra semplice

Figura 8. 67 Tensioni di Vohn Mises per la sollecitazione di trazione: modello di cerniera a


piastra semplice.

222
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 68 Tensioni di Vohn Mises per la sollecitazione di compressionee: modello di


cerniera a piastra semplice

Si decide quindi di irrigidire la piastra con delle costole in acciaio,


dello spessore di 4 cm, disposte come in figura 8.39.

223
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 69 modello di collegamento con piastra irrigidita

Figura 8. 70 Tensioni (S33) sul calcestruzzo, dovute alla compressione:modello di cerniera a


piastra irrigidita

224
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 71 Tensioni di Vohn Mises per la sollecitazione di trazione: modello di cerniera a


piastra irrigidita.

Figura 8. 72 Tensioni di Vohn Mises per la sollecitazione di compressionee: modello di


cerniera a piastra irrigidita

225
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Il comportamento della piastra migliora, le costole irrigidiscono la


piastra che, inflettendosi di meno, assorbe più carico e lo trasmette ad
un’impronta maggiore di calcestruzzo. Il picco di tensione è di circa 30
MPa, che rientra nei limiti di ammissibilità. Anche il comportamento
dell’acciaio sotto trazione migliora, sono spariti i picchi di tensione alla
base della colonna, mentre permangono quelli in corrispondenza dei fori
della piastra.
Rimane ora il problema di verificare che l’unione sia ancora una
cerniera, ovvero che gli irrigidimenti consentano alla colonna di ruotare
senza opporre eccessiva resistenza, altrimenti ci si sposta verso il vincolo
d’incastro. La verifica viene effettuata in questi termini: dal modello
globale dell’interara struttura si leggono gli spostamenti laterali in testa del
pilastro numero 24, per la combinazione inviluppo slu. Nel modello del
collegamento si prolunga l’altezza della colonna alla stessa quota in cui
sono stati letti gli spostamenti. Assegnati gli spostamenti,
spostamenti, che provocano la
rotazione della colonna, si controllano le tensioni indotte nel calcestruzzo:
se queste assumono valori trascurabili allora il nodo non si oppone alla
rotazione per cui sarà lecito considerarlo una cerniera, altrimenti una sorta
sort
d’incastro. Il valori degli spostamenti assegnati sono:
 U2=13 cm, in direzione ortogonale all’anima della trave (o parallela alle
ali)
 U1=5,6 cm, in direzione parallela all’anima della trave (o ortogonale
alle ali).

Figura 8. 73 Sollecitazioni sul calcestruzzo a seguito dello spostamento U2: modello con
piastra irrigidita

226
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 74 Sollecitazioni sul calcestruzzo a seguito dello spostamento U1: modello con
piastra irrigidita
Sebbene la schematizazzione del vincolo di cerniera sia
un’astrazione, in quanto una certa resistenza alla rotazione dovuta all’attrito
sarà sempre presente, le sollecitazioni trasmesse devono essere comunque
minime. Dalle figure 8.33 e 8.34 si nota che la compressione nel
calcestruzzo raggiunge valori di 13 MPa, il che vuol dire che il nodo
ostacola la rotazione, non è possibile considerarlo una cerniera.
Si passa quindi al modello di cerniera a perno, dimensionato nel
paragrafo 8… Rimane da precisare
precisare il collegamento dell’asse del perno con i
denti dei pettini: esso avviene per mezzo dei link dello stesso tipo di quelli
con cui si collega la platea alla piastra (figura 8.44).

227
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 75 Particolare del collegamento del perno

Il primo modello considerato (cerniera a perno 1), possiede tutti i


denti con le dimensioni del paragrafo 8.2.7, ma con spessore pari a 3,5 cm.

Figura 8. 76 Modello 1 di cerniera a perno

228
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 77 Tensioni (S33) sul calcestruzzo, dovute alla compressione:modello di cerniera a


perno 1

Dalla figura 8.46 si nota come la piastra di base riesca ad diffondere


in maniera più omogenea il carico di compressione sul calcestruzzo.
Sparisce quindi l’impronta di carico che ricalcava la sezione della colonna,
di conseguenza si abbassano i valori massimi
massimi che raggiungono ora i 37
MPa.

229
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 78 Tensioni di Vohn Mises per la sollecitazione di trazione: modello di cerniera a


perno 1.

Figura 8. 79 Tensioni di Vohn Mises per la sollecitazione di compressione: modello di


cerniera a perno 1.
Dalle figure precedenti si nota
nota come ci siano dei picchi di tensione
incompatibili, presenti alla base dei pettini inferiori. Nel modello 2, si
aumenta la lunghezza dei denti del pettine di base in modo da irrigidire
ulteriormente la piastra.

230
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 80 Modello 2 di cerniera a perno

Si noti come in questo caso la piastra di base sia stata ruotata di 90°
rispetto all’asse della colonna, questo perché la rotazione è facilitata quando
avviene attorno al perno, serviranno
se viranno “meno” tirafondi per assicurare la
piastra al terreno.

Figura 8. 81 Tensioni (S33) sul calcestruzzo, dovute alla compressione:modello di cerniera a


perno 2

231
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Dalla figura 8.50 si nota maggiore estensione dell’impronta di carico


rispetto al caso precedente, la tensione
tensione massima scende a 34 MPa.

Figura 8. 82 Tensioni di Vohn Mises per la sollecitazione di trazione: modello di cerniera a


perno 2.
Anche il comportamento dell’acciaio per la sollecitazione di trazione
migliora, dalla figura
figura 8.51 si notano che i picchi di tensione sono ristretti ai
bordi dei fori.
Si considera un terzo modello, in cui rispetto a quello precedente, lo
spessore dei denti dei pettini è portato a 4,5 cm. L’impronta di carico
aumenta, il valore massimo scende a 33 MPa.

232
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 83 Tensioni (S33) sul calcestruzzo, dovute alla compressione:modello di cerniera a


perno 3

Per diminuire ulteriormente il valore massimo di compressione


agente sul calcestruzzo si considera un ultimo modello (modello 4) in
vengono inseriti degli irrigidimenti (spessore 4 cm), in direzione ortogonale
ai pettini, come in figura 8.53. Si ottiene un ulteriore incremento dell’area
caricata, il valore massimo della compressione scende a 32 MPa.
Nonostante siaa un valore che non rispetta il limite massimo, si accetta
questo modello come modello definitivo del nodo. Il valore di picco infatti
è relegato ad una zona molto ristretta, dell’ordine dei 10 cm di larghezza.

233
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 84 Modello 4 di cerniera a perno

Figura 8. 85 Tensioni (S33) sul calcestruzzo, dovute alla compressione:modello di cerniera a


perno 4

234
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 8. 86 Tensioni di Vohn Mises per la sollecitazione di trazione:


trazione: modello di cerniera a
perno 4.

Figura 8. 87 Tensioni di Vohn Mises per la sollecitazione di compressione: modello di


cerniera a perno 4.

235
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Rimane da effettuare la verifica a di “rotazione”, con lo stesso


procedimento visto in precedenza.

Figura 8. 88 Sollecitazioni sul calcestruzzo a seguito dello spostamento U1: modello con
cerniera a perno 4

Figura 8. 89 Sollecitazioni sul calcestruzzo a seguito dello spostamento U2: modello con
cerniera a perno 4.

236
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Si nota come per la rotazione attorno al perno il vincolo si comporti


effettivamente come una cerniera, la tensione massima trasferita raggiunge
un picco di 3 MPa in una zona ristretta. Il comportamento dell’unione nella
direzione opposta invece mette in luce una certa resistenza alla rotazione,
tuttavia l’adozione di una cerniera sferica è un provvedimento
estremamente costoso e complicato da calcolare: si decide di terminare la
progettazione del nodo all’ultimo modello visto.

237
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

9. ANALISI DI PUSHOVER

L’analisi di pushover o analisi di spinta (letteralmente pushover


significa “spingere oltre”) è una procedura statica non lineare impiegata per
determinare il comportamento di una struttura a fronte di una determinata
azione(forza o spostamento) applicata.
Essa consiste nello “spingere” la struttura fino a che questa collassa o
un parametro di controllo di deformazione non raggiunge un valore limite
prefissato; la “spinta” si ottiene applicando in modo incrementale monotono
un profilo di forze o di spostamenti prestabilito. In sostanza l’analisi di
spinta è una tecnica di soluzione incrementale-iterativa delle equazioni di
equilibrio statico della struttura in cui la forzante è rappresentata dal sistema
di spostamenti o forze applicato.
L’analisi di spinta consente di definire un legame scalare forza-
spostamento caratteristico del sistema studiato, detto curva di capacità , che
permette di ricondurre la ricerca dello spostamento massimo di un sistema
soggetto ad una certa azione esterna a quella di un sistema SDOF equivalente.
Nel caso di sistemi SDOF l’analisi di spinta è particolarmente
intuitiva. Un sistema SDOF può essere idealizzato come una massa
concentrata m sorretta da un elemento privo di massa con rigidezza laterale
k e collegato ad un elemento (privo di massa e rigidezza) responsabile dello
smorzamento. La configurazione deformata (o campo di spostamento) del
sistema è definita quindi da un unico parametro che può identificarsi con lo
spostamento relativo della massa rispetto al suolo

Figura 9.1 – Modello meccanico semplificato

In questi semplici casi, l’analisi di spinta consiste nell’applicare alla


massa del sistema uno spostamento D o una forza F la cui intensità viene
gradualmente incrementata nella direzione dell’unico grado di libertà

238
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

disponibile. Il valore iniziale della forza o dello spostamento non ha


ovviamente importanza. Le espressioni che definiscono la forzante (intesa
in senso generalizzato come forza o spostamento) possono esprimersi come:

D =α d

F = βf

Dunque, fissato arbitrariamente il valore di d o f, il fattore


moltiplicativo α o β viene gradualmente incrementato da zero fino ad un
valore finale che permetta di investigare il campo di risposta di interesse per
il sistema in esame. Ad ogni valore di α o β corrisponde quindi un valore di
D o F che rappresenta lo spostamento o la forza applicati alla massa del
sistema.
Il comportamento del sistema è definito da un legame forza-
spostamento in cui la forza coincide con il taglio alla base Vb e lo
spostamento con quello della massa Dt:

• nel caso di analisi a forze imposte (F è la forza applicata ad m):

Vb = F e Dt = D

essendo D lo spostamento di m prodotto da F;


• nel caso di analisi a spostamenti imposti (D è lo spostamento
applicato ad m):

D t = D e Vb = F

essendo F lareazione vincolare risultante.

Nel caso di sistemi MDOF, l’approccio è simile con la differenza che


la struttura viene “spinta” applicando un profilo di forze o di spostamenti
orizzontali in corrispondenza di ciascun piano (Figura 3.2) e che, per
descrivere il comportamento dell’intero sistema in termini di legame forza-
spostamento, è necessario scegliere un solo parametro di forza ed un solo
parametro di spostamento. La scelta di tali parametri non è univoca e può
dar luogo a differenti legami forza-spostamento ossia a differenti legami

239
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

costitutivi del sistema SDOF equivalente detti curva di capacità. Solitamente,


come parametri di forza e di deformazione, si selezionano il taglio alla base
e lo spostamento del baricentro dell’ultimo piano dell’edificio anche se, in
realtà, questa scelta non ha un preciso fondamento teorico ma è più
probabilmente un retaggio delle originarie applicazioni di questa tecnica
alle pile da ponte delle quali si monitorava, per ovvie ragioni, lo
spostamento in sommità. In effetti lo spostamento in sommità non sembra
essere sempre un parametro affidabile.

Figura 9.2 – Telaio tipo

In una analisi di spinta basata sugli spostamenti o sulle forze si


impone alla struttura, in modo incrementale, un profilo di spostamenti
D=(D1 D2 … Dj … Dn) o di forze F=(F1 F2 … Fj … Fn) a livello di piano che
T T

possono essere definite da un vettore di forma d o f moltiplicato per un


fattore di scala α o β:
D =α d

F = βf

240
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

dove d=(d1 d2 … di.. dn) e Di=αdi è lo spostamento del piano i-esimo oppure
T

f=(f1 f2 … fi ... fn) e Fi=βfi è la forza di piano i-esima. Per descrivere il


T

comportamento del sistema attraverso una legame scalare forza-


spostamento P-U (detto curva di capacità) si scelgono comunemente il
taglio alla base ed lo spostamento Dj del piano j-esimo come ad esempio
quello in sommità Dt:

U = Dj P = 1T F (3.5)

Considerando che l’obiettivo è di simulare la risposta dinamica della


struttura, sorge la questione se l’analisi di spinta debba essere condotta
applicando una sistema di spostamenti o di forze. Se la struttura avesse un
comportamento elastico lineare i due approcci condurrebbero agli stessi
risultati ma la presenza di effetti anelastici comporta una sensibile
differenza tra le due alternative.

Il risultato più immediato di un’analisi di pushover è la definizione


della curva di capacità (o curva di pushover) della struttura ossia della
curva forza-spostamento espressa, solitamente, in termini di taglio alla base
(Vb) e spostamento in sommità (Dt) (Figura 3.3) che rappresenta appunto la
capacità esibita dal sistema a fronteggiare unacerta azione esterna.
Considerando un sistema SDOF, l’andamento della curva di capacità dipende
dalla rigidezza k o dalla flessibilità k del sistema che a loro volta dipendono
-1

essenzialmente dalle caratteristiche geometriche e meccaniche del sistema e


sono funzioni non lineari rispettivamente dello spostamento e della forza
applicata al sistema:

F = k(D) oppure V b t = k (D)

D = k −1(F) oppure D t b = k −1 ( V )

In figura sono diagrammati i legami forza-spostamento ossia le curve


di capacità rappresentativi di tre
comportamenti emblematici caratterizzati da un iniziale comportamento
elastico lineare fino alla soglia di snervamento (rappresentato da un ramo
sostanzialmente lineare) seguito da un comportamento post-elastico non
lineare incrudente (i), perfetto (p) o degradante (d).

241
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 9.3 – Andamenti curva di capacità

Nei casi analizzati successivamente, al fine di mettere in luce


maggiormente la tipologia di andamento della curva, si eseguirà sempre una
linearizzazione della curva di capacità. Questo processo viene eseguito,
secondo uno dei metodi prescritti dalla normativa,in particolare a quello
della equivalenza delle aree.

Nel caso più complesso, ma di maggiore interesse, di sistemi MDOF la


curva di capacità mostra andamenti
analoghi caratterizzati ancora da un tratto inizialmente rettilineo,
corrispondente al comportamento lineare a capacità di una struttura
dipende dalle capacità di resistenza e di deformazione dei suoi singoli
componenti.
La curva di capacità definisce la capacità della struttura
indipendentemente da qualsiasi specifica richiesta e quindi descrive le
caratteristiche intrinseche del sistema resistente; in altre parole è una sorta
di legame costitutivo semplificato della struttura.
Trattandosi di un legame scalare forza-spostamento il
comportamento del sistema MDOF viene così ricondotto sostanzialmente a
quello di un sistema SDOF che può ragionevolmente definirsi equivalente
dato che la curva di capacità è stata costruita tenendo conto del
comportamento dell’intero sistema MDOF.

242
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

9.1 Applicazione

Di seguito si riporta un esempio applicativo dell’analisi di Pushover.


Nello specifico l’analisi è eseguita su uno dei telai controventati
della struttura progettata. Il telaio scelto è quello in direzione y posto alla
ascissa x = 10 m.
La struttura analizzata presenta due campate principali con l = 7 m ,
entrambe controventate, utilizzando due sistemi di controventamento
differenti. Immaginando un piano di osservazione posto a destra del telaio
in esame,nella campata destra si nota la presenza di una colonna intermedia
che individua due sottocampate al suo interno: La prima, più grande, è
quella in cui è inserito il primo sistema di controventamento a croce, mentre
l’altra, più piccola, è stata concepita per mere questioni architettoniche.
Nella seconda campata si individua la seconda tipologia di
controventamento utilizzato: controventi a K eccentrici.

Figura 9.4 – Telaio tipo analizzato

243
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Per eseguire questo studio si è utilizzato il software di calcolo


strutturale Sap2000 (versione 12).
E’ noto, che per eseguire l’analisi di Pushover, si devono individuare
preliminarmente nella struttura quali sono le componenti della stessa alle
quali è affidato il compito di dissipare energia, ovvero fissare le cerniere
plastiche. A tal fine, la distinzione dei sistemi di controventamento porta ad
avere alla struttura due sistemi differenti di dissipazione energetica. Infatti,
se i controventi a croce lavorano prettamente a sforzo assiale, la
conseguente cerniera plastica assegnata ad essi sarà una cerniera plastica di
trazione. In analogia, sui controventi a K eccentrici possono lavorare sia a
taglio che a momento flettente a seconda che la luce dei link (elementi della
trave superiore compreso tra i controventi) sia rispettivamente piccola o
ampia. Nel nostro caso, si registra un comportamento flessionale per cui si
inseriranno cerniere plastiche a momento flettente. A queste tipologie, si
aggiunge un’altra componente di dissipazione che è quella associata alla
presso-flessione nelle colonne. E’ opportuno entrare più nello specifico per
valutare meglio la definizione delle diverse tipologie di cerniere plastiche.

9.2 Cerniera plastica a Sforzo Normale

La definizione delle cerniere plastiche ha dei passi standard da


eseguire che elenchiamo qui,ed eviteremo di farlo per le cerniere
successive.
Il legame che usiamo per definire la cerniera plastica è un legame rigido-
plastico perfetto. I valori da inserire nel Sap2000 per definirlo sono valori
normalizzati, per cui , ogni volta, dovremo inserire i valori di tensione e di
deformazione rapportati ai valori massimi che essi possono sopportare.
Il punto necessario a definire il grafico (che per semplicità
definiremo simmetrico) sarà evidentemente uno solo la cui ascissa definirà
il rapporto tra la deformazione di snervamento e la deformazione ultima che
l’acciaio può subire. Si dimostra che questo rapporto per cerniere a trazione
è pari a 45.
Il Sap2000 richiede più punti, ma essi sono punti intermedi utili a
definire solo i livelli associati ai diversi stati limite considerati. Nella
tendina di definizione delle cerniere (hinges), in basso a sinistra, possono
essere fissati ulteriori punti e mostrarli nel grafico. Noi abbiamo fissato
come stato limite di “occupazione immediata”(IO) un punto subito
successivo alla soglia di snervamento (inizio ramo Plastico), come stato

244
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

limite di “prevenzione del collasso” (CP) un punto immediatamente


precedente al valore ultimo fissato e come stato limite di “salvaguardia
della vita”
ta” (LS) un valore intermedio tra i due.
Infine si definisce la dimensione e (successivamente) la posizione
della cerniera plastica: in questo caso, essendo una cerniera a sforzo assiale
ed essendo lo sforzo assiale costante su tutta la lunghezza del controvento,
contr
essa potrà formarsi in qualsiasi parte dell’elemento per cui porremo, nella
tendina in alto a destra, alla voce relative length = 1 e definirme così la
dimensione. La posizione scelta è a metà dell’elemento.
La figura successiva mostra tutte le grandezze.
gra

Figura 9.5 – Tendina definizione cerniera plastica

Successivamente si mostrano gli elementi del telaio considerato con


le cerniere a sforzo assiale.

245
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 9.6 – Posizionamento cerniere assiali

246
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

9.3 Cerniera Plastica a Momento Flettente (colonne)

La definizione delle cerniere plastiche flessionali, come detto, è


sostanzialmente molto simile a quella dello sforzo assiale. Risultano
differenti i punti di definizione del comportamento e la localizzazione delle
cerniere.
Parlando di momento il legame deve essere definito ponendo sugli
assi rispettivamente i valori normalizzati di Momento flettente e della
Curvatura.
Si dimostra che il legame tra le curvature è funzione della
deformazione assiale per cui il legame risulta simile a quello riscontrato con
le cerniere a sforzo assiale.
La dimensione è fissata pari all’altezza della sezione dell’elemento.
Per questa ragione sono state definite 2 tipologie di cerniere poiché
le dimensioni dei profili del 1-2-3 gruppo di colonne, e di conseguenza
delle cerniere, sono differenti con quelle del gruppo 4.

Gruppo 1-2-3  h = 0.4 m ( HD 400x551 , HE A450)

Gruppo 4  h = 0.25 m (HEA240)

Infine, poiché lo schema del telaio è a colonna continua, si


posizionano le cerniere subito al di sopra e al di sotto di ogni
orizzontamento. Di seguito si riporta l’ immagine della tendina di
definizione della cerniera.

247
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 9.7 – Cerniera Momento flettente (colonne)

9.4 Cerniere Plastiche a Momento Flettente ( Link)

Come già detto, questi elementi dissipativi possono comportarsi in 2


maniere differenti a seconda della loro tecnologia. Questa considerazione
risulta fondamentale al fine di poter valutare correttamente il
comportamento dell’elemento dissipativo. In appendice appendice si riporta il
documento al quale si è fatto riferimento per individuarlo.
Tralasciando le considerazioni teoriche, si prenda per buona la
distinzione riportata in seguito, tramite cui si relaziona la lunghezza del link
“e”con i valori di plasticizzazione
plasticizzaz a taglio “V p” e a momento “M p”.

248
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

A seconda della lunghezza e si distinguono quindi 3 tipologie di


comportamento: link corti che prediligono un comportamento a taglio, link
lunghi che lavorano prettamente a flessione e link intermedi che hanno una
componente di entrambi.
Si dimostra che nel nostro caso abbiamo a che fare con LINK
LUNGHI poiché la lunghezza e è pari a 3 m e risulta molto maggiore di 3
volte il rapporto tra M p e V p. Di seguito si riportano le formule utilizzate
per definire entrambe queste grandezze. In esse sono presenti valori di
resistenza associati al materiale e grandezze geometriche della sezione.

In cui: f y = tensione snervamento acciaio


d = altezza della trave
t f = spessore delle ali
b f = larghezza delle ali
t w = spessore anima
“”
√
τ y = tensione di snervamento a taglio puro =
La definizione della cerniera risulta quindi analoga a quella
precedente già evidenziata. Si riporta di seguito la tendina di definizione ad
essa relativa.
La dimensione, avendo a che fare con link a profili HEM 240, la
dimensione è posta pari a 0.25 m. Si impone infine che le cerniere siano
posizionate all’inizio e alla fine di ogni link.

249
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 9.8
9. – Cerniera Momento flettente (link)

Si passa ora a mostrare l’analisi di pushover vera e propria al fine di


ottenere la curva di capacità della struttura analizzata e visualizzare così
quali sono i meccanismi di collasso che la contraddistinguono.
L’analisi viene eseguita impostando in successione i seguenti scenari
di carico:

1) Si imposta
ta un primo “load
“ case” , che chiamiamo push-vv ,di analisi non
lineare a Load control per carichi verticali. Come carico è stato
impostato il peso proprio (arbitrario).

250
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 9.9 – Load case del pushover

2) Si crea un successivo caso di analisi non-lineare,


non lineare, chiamato push , che
avrà come base di partenza il precedente e si riferirà ad uno scenario di
carico orizzontale appositamente definito. Questo caso sarà a
displacement control e si fisserà un valore di spostamento
ostamento ultimo
opportunamente grande da portare la nostra struttura alla labilità.

251
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 9.10 – Load case del pushover

E’ opportuno precisare che questo tipo di analisi, per come sono


concepite, si allontanano dalla realtà poiché attribuiscono alle strutture di
raggiungere dei livelli di spostamento che nella realtà non sarebbero in
grado di sostenere. Si dovrà tener conto di questa considerazione nella
valutazione dei risultati ottenuti.

Si analizzano di seguito diversi modelli. Nella prima parte si


s mettono
in mostra le differenze delle curve di capacità associate a modelli in cui
vengano o meno introdotte tutte le cerniere. Questa prima fase ha lo scopo
di individuare quale sia lo schema di dissipazione che caratterizza
maggiormente la struttura.
Per intenderci, qualora i meccanismi di dissipazione interessino solo
gli elementi a sforzo normale si può pensare di non considerare ( e quindi
non inserire nel modello ) gli ulteriori meccanismi che, seppur possibili,
non si instaurano. Questa valutazione
valutazione può esser fatta controllando che le
sollecitazioni associate agli elementi che consideriamo non dissipativi,
siano contenute entro limiti di plasticizzazione; se così non fosse, allora non
si potrà fare a meno di considerarli.

252
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Nella parte successiva, una volta trovato il miglior modello di


riferimento, si svolge un’analisi di ottimizzazione, in modo da ottenere
soluzioni che migliorino la duttilità della struttura.
Si riportano e commentano i risultati associati a diversi modelli.

9.4.1 MODELLO 1: Cerniere


re plastiche solo a sforzo assiale nei
controventi
La curva di capacità presenta l’andamento riportato in figura:

Figura 9.11 – Curva di capacità Reale e Linearizzata Modello 1

La parte finale( non riportata) è caratterizzata da una caduta drastica


delle
le resistenze associata probabilmente a fenomeni di instabilità nelle
membrature compresse dei controventi a K dei piani bassi della struttura.

253
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 9.12 a) - Step 39 Figura 9.12 b) - Step 40

Considerando la curva linea rizzata, si determina la duttilità come


rapporto del valore dello spostamento ultimo con quello associato
all’entrata in campo plastico.

Duttilità = du/dy = 3.7

Si può mostrare però che questo modello non sia affidabile proprio in
virtù del fatto che le sollecitazioni nei link e nelle colonne risultano alte.
Non si potrà fare a meno di non considerare le cerniere ad esse associate.

254
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 9.13 a) –Momenti Step 39

Figura 9.13 b) – Momenti Step 40

I piani evidenziati sono proprio i piani in cui si registra la rottura


completa delle cerniere plastiche. Non offrendo più capacità resistente si
può notare come le sollecitazioni vadano a ricercare percorsi tensionali
alternativi per garantire l’equilibrio.

255
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

9.4.2. MODELLO 2:2 Cerniere plastiche a sforzo assiale e a Momento


Flettente nelle colonne

Figura 9.14 – Curva di capacità Reale e Linearizzata Modello 2

La curva di questo caso risulta quasi completamente analoga a quella


del caso precedente. Anche la duttilità non presenta nessuna variazione.

Duttilità = du/dy = 3.7

Si estendono tutti i risultati precedenti a questo caso.


Ciò significa che tra i due, il meccanismo di dissipazione “preferito”
dalla struttura è il precedente. Questo è un ottimo risultato se si considera la
prospettiva di sostituzione di un elemento elasticizzato; risulta, infatti,molto
più conveniente e di facile esecuzione sostituire
sostituire un controvento che non una
colonna.

256
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

9.4.3 MODELLO 3: 3 Cerniere a sforzo assiale, cerniere a momento


flettente (colonne e link)
Questo è il modello completo, che annovera in sé tutte le possibili
cerniere plastiche possibili.

Figura 9.15
9.1 – Curva di capacità Reale e Linearizzata Modello 3

Si registra un sostanziale abbassamento della resistenza globale e


quindi del valore della forza che sancisce il passaggio dal ramo elastico al
ramo plastico. Inoltre, proprio nel ramo plastico, la curva di capacità
presenta un andamento degradante, mentre nei casi precedenti presentava
un gradiente di variazione positivo.
Il livello di duttilità però registra un notevole incremento.

Duttilità = du/dy = 4.9

Facendo riferimento alla curva reale (in rosso) di nota come questa
nell’ultima parte presenti un comportamento incrudente associato a una
perdita (seppur molto limitata) di resistenza. La prima caduta, che segna
l’inizio del comportamento incrudente, si ha tra gli step 24 e 25. Si mostra
di seguito
ito lo stato di sollecitazione delle cerniere associato ad entrambi gli
step.

257
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 9.15 a) - Step 24 Figura 9.15 b) - Step 25


Si vede come in corrispondenza del 6° livello le cerniere nei link
smettano di funzionare. Nei successivi step il fenomeno interesserà anche i
link posti ai piani superiori fino a che si registra la caduta drastica in
corrispondenza degli step 57 e 58.

Figura 9.16 a) - Step 57 Figura 9.16 b) - Step 58

258
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Si nota la formazione di 4 nuove cerniere plastiche sulle colonne


subito al di sotto del 4° livello che compromettono la stabilità della
struttura.
Si può dunque affermare che è questo lo scenario a cui dobbiamo
attenerci, considerando, quindi, tutte le cerniere plastiche.
Si passa allora alla fase successiva che, come già detto, prevede un’
ottimizzazione del comportamento della struttura. Modificando dunque i
profili e inserendo ulteriori elementi resistenti si provano ad ottenere
miglioramenti, in termini di aumento di duttilità, del comportamento.
Il modello di partenza è quindi l’ultimo visto e si procede al fine di
ricercare soluzioni strutturali che ne migliorino il comportamento duttile.

9.4.3.1 Modello 3_A:


La prima operazione che si fa al fine di migliorare il comportamento
della struttura consiste nell’inserire degli ulteriori controventi nella campata
centrale. Questi controventi saranno anch’essi capaci di dissipare energia e
vengono posizionati a piani alternati. Il profilo utilizzato è il medesimo di
quello utilizzato per i controventi già presenti. H400 x 107.
Il nuovo schema strutturale che si ottiene è rappresentato di seguito:

Figura 9.18 – Controventi alternati in campata centrale

259
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Si notano miglioramenti significativi innanzitutto in termini si


resistenza ( e questo è ovvio considerando che la struttura ha aumentato il
suo grado di iperstaticità), ma anche in termini di duttilità. La curva di
capacità infatti mostra un ramo plastico più esteso.
Il miglior risultato che si ottiene, si evidenzia confrontando le due
curve linea rizzate: si può notare, infatti, che il gradiente di variazione del
ramo plastico in questo caso sia notevolmente
notevolmente minore rispetto a quello del
caso precedente, riducendo così il comportamento degradante.

Duttilità = du/dy =5.35

Figura 9.19 – Curva di Capacità Modello 3_A

Si riportano la configurazione della formazione delle cerniere


plastiche associate alla instaurarsi della labilità.

260
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 9.20 a) - Step 55 Figura 9.20 b) - Step 56

Si nota la formazione di un meccanismo di piano per formazione di cerniere


plastiche in corrispondenza della base delle colonne del 3 livello.

9.3.4.2 Modello 3_B


Nel modello successivo, al fine di evitare il meccanismo di piano
valutato nel caso precedente si opera un cambio di profilo alle colonne dei
primi 5 livelli. Vengono sostituiti infatti i profili HD 400 x 551 con dei più
rigidi HD 400 x 737.
Si nota un aumento molto importante della duttilità, mentre sia la
resistenza che l’inclinazione della curva linea rizzata nel ramo plastico non
subiscono variazioni considerevoli.

Duttilità = du/dy =6.6

261
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 9.21 – Curva di Capacità Modello 3_B

La duttilità subisce un incremento di circa il 20%. Dalla


rappresentazione del meccanismo di collasso che interessa la struttura si
nota come esso sia caratterizzato da un doppio meccanismo di piano
debole, rispettivamente al 2° e al 5° livello. E’ necessario però un
moltiplicatore di carico più alto perché esso si palesi. Inserendo delle
colonne più resistenti allora si ha un effetto benefico.

Figura 9.22 a) - Step 79 Figura 9.22 b) - Step 80


8

262
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

9.3.4.3 Modello 3_C


Il passo successivo è stato irrigidire allora anche le colonne dei paini
superiori ( dal 6° al 10° ), sostituendo quindi il profilo HD 400 x 551 con
uno più rigido HD 400 x 634.

Duttilità = du/dy =7.5

Figura 9.23 – Curva di Capacità Modello 3_C

La duttilità aumenta anche in questa circostanza; il miglioramento


può essere posto pari a circa il 15%.
Questo aumento però questa volta viene pagato con un aumento del
gradiente di variazione del ramo plastico della curva linea rizzata.

263
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 9.24 a) - Step 88 Figura 9.24 b) - Step 89

Si nota anche qui il meccanismo di piano debole in corrispondenza


del 3°livello.
In realtà sono state affrontate diverse altre prove atte a migliorare il
comportamento della struttura. Si è provato sia ad irrigidire i link che ad
ipotizzare delle variazioni dei profili dei controventi in altezza ma non si è
mai giunti ad avere risultati sufficientemente soddisfacenti. Questi appena
visti rappresentano, tra tutti quelli analizzati, i passi in cui si ottengono i
risultati più importanti.
Si vuole, infine, focalizzare l’attenzione su un altro aspetto
altrettanto importante relativo a quest’analisi. Valutando il modello, è facile
intuire come, nei controventi a K eccentrici, sia presente un elemento che
lavora prettamente a compressione. A tal proposito, la domanda che ci
poniamo è la seguente: che cosa succederebbe se quel controvento fosse
soggetto a fenomeni di instabilità? Come facciamo a tener conto di questa
possibilità?

264
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

In quest’ultima parte di analisi, ci occupiamo proprio di questo,


eseguendo un analisi del tutto simile a quella precedente, ma tenendo conto
dei fenomeni connessi all’instabilità.
E’ opportuno precisare sin da ora che l’analisi precedente è
comunque valida poiché, avendo a che fare con controventi molto rigidi, il
carico critico di instabilità ad essi associato supera quello di snervamento
per cui, avendo inserito delle cerniere plastiche a comportamento
simmetrico, esse sono da considerare totalmente affidabili.

265
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

9.4 Analisi di instabilità

Si procede in analogia a quanto fatto precedentemente. Nel modello


di partenza si utilizzano dei profili per i controventi del tipo HEA 160.
Prima di mostrare i risultati ottenuti, si mette in mostra come è stato
definito il comportamento della cerniera plastica che sarà non simmetrico e
presenterà, nel ramo a compressione, un andamento fragile, tipico
dell’instabilità.
La definizione della cerniera plastica è riassunta in figura. Si nota la
dissimmetria del grafico e il carattere fragile dell’instabilità.

Figura 9.25 – Cerniera plastica a sforzo normale con Instabilità

La costruzione del ramo negativo avviene essenzialmente


individuando un punto: il punto B-. B . Per come è definito, esso è dato dal
rapporto tra i valore del carico critico di instabilità e quello di snervamento.
Dalla letteratura il carico critico è definito dalla formula

266
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

[ # 5J
60 
H^ #

dove EI rappresenta la rigidezza flessionale della sezione ed l0 la lunghezza


di inflessione dipendente dal grado di vincolo cui è soggetto l’elemento.
Dato un profilo HEA160 in acciaio si ha che :

- E = 206 x 106 KN/m2


-
I HEA160 = 6.16 x 10-6 KNm4
- l0 = α l = 3.99 m ( α = 1 per semplici appoggi )

da qui si ha che P cr = 822.58 KN


Sapendo che f y = 372.316 KN/m2 e che AHEA160 = 3.88 x 10-3 m2, si
ha che:
P y = f y A = 1444.6 KN

 0.57
™}t
™”
Ne consegue che
Il valore da inserire come ordinata del punto B-
B è 0.57.
Passiamo ora alla valutazione dell’analisi.
Come gia detto, il modello è del tutto simile al precedente con
l’unica differenza relativa al profilo utilizzato nei controventi. Anche
l’analisi risulta completamente analoga.

9.4.1 MODELLO_INSTABILITA’1:
MODELLO_INSTABILITA’1

Figura 9.26 – Curva di Capacità Modello Instabilità 1

267
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

La curva di capacità mostra un andamento completamente negativo


poiché presenta un comportamento fragile. Questa fragilità è chiaramente
attribuibile all’instaurarsi di fenomeni di instabilità. Se proviamo a vedere,
infatti, cosa succede al corrispondente step, si nota la comparsa di
comportamento instabile negli elementi compressi dei controventi.
Tuttavia, sappiamo che questo comportamento incrudente, entro certi
limiti, può essere accettato (si pensi all’incrudimento nell’acciaio). Ci
poniamo però come obiettivo di questa analisi l’ottenimento di una curva di
capacità che non presenti comportamenti siffatti. Dal caso precedente,
sappiamo che la struttura presenta un comportamento plastico adeguato solo
quando in essa si attivano le cerniere plastiche nei link. L’obiettivo che ci
poniamo è dunque quello di distribuire le rigidezze nella miglior maniera
possibile al fine di far concentrare le plasticizzazioni nei link.

Figura 9.27 a) - Step 4 Figura 9.27 b) - Step 5

268
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

9.4.2 MODELLO_INSTABILITA’ 2:
2
Come nel caso precedente, anche qui, il primo passo è stato fatto
irrigidendo la struttura nella sua parte centrale. Vengono inseriti quindi
degli ulteriori controventi nella campata centrale di tipo HEA160.
Non si registra nessun miglioramento di comportamento.

Figura 9.28 – Curva di Capacità Modello Instabilità 2

Anche qui permane il comportamento incrudente sempre a causa


della mancata attivazione dei link.

9.4.3 MODELLO INSTABILITA’3:


INSTABILITA’3
Si cambia metodologia di approccio e si sostituisce il profilo del solo
elemento compresso dei controventi a K eccentrici con uno più rigido. Si
usa unn HEA200. Con questo si sostituiscono anche i controventi a croce nei
primi 10 piani.
Risulta ovvio che anche in questo caso si deve procedere al calcolo
del nuoco carico critico e di conseguenza ridefinire la cerniera plastica da
associare a questi elementi.
elemen
Dai calcoli, per una HEA200 si ottiene:

P cr = 1740.7 KN

P y = 2116,3 KN

269
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

60
 0.82

Figura 9.29 - Cerniera HEA200

Dall’analisi si ottiene la curva seguente:

Figura 9.30 – Curva di Capacità Modello Instabilità 3

270
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Si registra un cambiamento netto del comportamento che fa spostare


il comportamento incrudente (che pur permane) verso valori di spostamento
molto più elevati rispetto al caso precedente e con conseguente sviluppo di
un ramo plastico molto importante.
Questo comportamento è legato proprio all’entrata in funzionamento
delle cerniere plastiche nei link, che consentono alla struttura di sviluppare
un comportamento plastico.
Dalle figure successive infatti si vede come entrino in funzione le
cerniere nei link e non si registrino instabilità degli elementi.

Figura 9.27 a) - Step Figura 9.27 b) - Step 7

271
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

9.4.4 MODELLO_INSTABILITA’ 4:
4
L’ultimo passo eseguito consiste nell’irrigidire i link, sostituendoli
con un profilo più grande. Questo ulteriore passo, scaturisce dalla
considerazione in merito al meccanismo di collasso che interessa il modello
precedente.
Al fine di distribuire le cerniere plastiche nella miglior maniera
possibile si è sostituito allora il profilo HEM240 con HEM300.
Dall’analisi si ottiene la seguente curva di capacità.

Figura 9.28 – Curva di capacità Modello Instabilità 4

Si nota come sia completamente sparito il comportamento


incrudente.
Possiamo pensare di effettuare la linearizzazione di questa curva in
modo da poterne valutare, con maggior precisione, la duttilità. La
effettueremo considerando come punto terminale quello coincidente con la
caduta di resistenza, associata ad uno spostamento d = 3.42 m.

272
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 9.29 – Curva di capacità Linearizzata

Risulta allora:

Duttilità = du/dy =6

E’ stato allora raggiunto l’obiettivo posto all’inizio di questa


trattazione inerente alla valutazione dei fenomeni connessi all’instabilità.
Siamo riusciti, infatti, ad eliminare completamente il comportamento
incrudente riscontrato nel modello di partenza che prevedeva cadute
improvvise di resistenza (fragili).
Si è visto che con logici passaggi si sia riusciti a migliorare
notevolmente il comportamento fino ad arrivare ad ottenere un livello di
duttilità decisamente
amente importante.
I fenomeni di instabilità non devono quindi rappresentare un limite
nella progettazione perché, lavorando opportunamente sulla distribuzione
degli elementi e delle rigidezze all’interno della struttura si possa comunque
ottenere un risultato
ltato assolutamente soddisfacente.
Si sottolinea ancora una volta l’importanza che rivestono i “link”
nelle strutture di controventamento a K eccentrici.
Si riporta un grafico riassuntivo di tutti i passaggi eseguiti.

273
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura 9.30 – Grafico Finale

274
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

APPENDICE A

Teoria della plasticità

Si può spiegare il concetto di “cerniera plastica” considerando una


trave semplicemente appoggiata soggetta ad un carico concentrato nella
mezzeria.
Le ipotesi di base sono:

- conservazione delle sezioni piane


- piccoli spostamenti
- legame costitutivo di Prandtl
- assenza di instabilità.

Lo stato tensionale presente nella sezione maggiormente sollecitata, di


mezzeria, è caratterizzato dal un andamento a farfalla delle tensioni e delle
deformazioni, con valori massimi in corrispondenza delle fibre superiore
ed inferiore della sezione. Il valore delle tensioni massime dipendono
dall’intensità della sollecitazione flessionale indotta dal carico esterno
secondo la relazione:
M
σ max=
We
Al crescere del momento la tensione massima ai lembi esterni della
sezione raggiunge il valore di snervamento, definito come limite elastico e
la sezione inizia a plasticizzarsi.
Questo fa sì che, al crescere ulteriore della forza esterna, nelle fibre
che per prime hanno raggiunto la tensione plasticizzazzione, si mantenga
costante il livello di tensione e pari alla tensione di snervamento, mentre il
valore della tensione continua a crescere nelle fibre adiacenti.
Al generico istante t, la distribuzione delle tensioni all’interno della
sezione, indotta dal carico P(t) crescente in modo lineare con il tempo, sarà
caratterizzata da un nucleo interno ancora in campo elastico, detto appunto
“nucleo elastico”, al di sopra ed al di sotto del quale le fibre mantengono
una tensione costante pari a quella di snervamento.
L’entrata in campo plastico consente allora di considerare come
momento resistente massimo della sezione il valore

275
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

M p =σ0 ⋅Z

dove Z è il modulo plastico della sezione, e σ0 è la tensione limite di


snervamento del materiale. Tale momento può provocare nell’asta una
curvatura molto grande, ed in teoria addirittura infinita.

.
FiguraA.2: Cerniera plastica
.
Quando la sezione maggiormente
maggiormente sollecitata risulta completamente
plasticizzata, ovvero raggiunge la sollecitazione flettente Mp, in tale
sezione la sollecitazione si mantiene costante mentre continua a crescere in
quelle adiacenti. La lunghezza della zona plasticizzata della trave
tr può esser
Mp
facilmente calcolata, ipotizzando un fattore di forma della sezione α=
Me
=1,14 (valore ragionevole per sezioni di questo tipo):

 M p − Me 
∆l = l ⋅   = 0,123 ⋅ l
 M 
 p 

Nella zona elasticizzata, le tensioni rimangono costanti, come detto,


mentre la curvatura cresce indefinitamente fino al raggiungimento del
valore ultimo di rottura. Questo corrisponde idealmente alla formazione di
una cerniera che rimane rigida fintanto che M<Mp, nota come cerniera

276
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

plastica. In tal modo si concentra in un punto la plasticità dell’elemento


dato che la lunghezza della zona plasticizzata è molto minore della luce
della trave.
Rispetto ad una cerniera strutturale, la cerniera plastica presenta due
differenze:
 Pur consentendo delle rotazioni relative tra i due tratti contigui di
trave, essa trasmette un momento costante pari a ±Mp.
 E’ cerniera unidirezionale, può ruotare solo nel verso di
plasticizzazione, vale a dire compatibilmente col segno del momento
flettente.

Se si considera a livello globale la struttura, in particolare la trave


vista precedentemente, si può capire l’effetto della formazione della
cerniera plastica. Infatti se la struttura è vincolata in modo isostatico,
ovvero ha un numero di vincoli pari ai gradi di libertà che essa
possiede, la formazione della cerniera plastica produce una
labilizzazione della struttura che raggiunge dunque il collasso.
Questo fa capire allora che, in campo elasto-plastico, quanto più la
struttura risulta iperstatica quanto maggiore sarà la sovra resistenza
fornita. Il collasso della struttura infatti, perverrà solo dopo che si
saranno formate un numero di cerniere plastiche pari al suo grado di
iperstaticità più uno, o posizionate in modo tale da renderla un
meccanismo.

277
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

ESERCITAZIONE 1

Si consideri una struttura costituita da tre aste vincolate all’estremità


superiore mediante cerniere, tutte convergenti nel nodo “o” come indicato
in figura:

FiguraA. 3: Geometria del sistema

Le caratteristiche del sistema sono:

 Geometria:

- la lunghezza dell’asta centrale, n°1, è di 5m e l’angolo formato tra


questa ed entrambe le aste adiacenti è di 45°.
- la sezione delle aste è circolare, con raggio 5 cm

 Materiale (Acciao):

- tensione caratteristica fyk=235 N/mm2


- modulo di Young E=210000 N/mm2
- deformazione ultima εu = 5%

E’ richiesto di confrontare il carico ultimo ed i diagrammi forza-


spostamento ottenuti mediante il procedimento analitico e mediante il
programma di calcolo Sap2000.12.

278
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Metodo degli spostamenti (metodo analitico):

FiguraA. 4: Configurazione deformata

Si applichi uno spostamento verso il basso al vertice in comune tra le


tre aste pari a δ in direzione verticale (vedi figura 3); questo produrrà nelle
tre aste degli sforzi che tenderanno a riportare il sistema nella
configurazione indeformata:

EA
F1 = δ
l

EA π 1
F2 = F3 = δ cos = F1
l 2 4 2

E’ possibile scrivere le equazioni di equilibrio nella cerniera di


vertice:
P = F1 + F2 2

Le due equazioni risolventi del problema saranno:

 P = F1 + F2 2

 F1 = 2 F2

279
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Considerando la struttura in campo elastico (σ < σr), si avranno degli


sforzi di trazione nelle aste pari a:
P
F2 =
2+ 2

2P
F1 =
2+ 2

Nell’asta centrale raggiunge un valore di tensione pari al doppio


delle due aste adiacenti.
Al limite del campo elastico, cioè quando l’asta centrale raggiunge il
valore di plasticizzazione σr, le altre due aste si muovono ancora lungo il
tratto elastico; il massimo valore di carico P applicabile alla struttura tale
che sia raggiunto il massimo valore di tensione il campo elastico è:

F1 = Aσ r

2 Pe
= Aσ r
2+ 2

 2
Pe = Aσ r 1 + 

 2 

Superato il primo valore di snervamento, l’asta centrale comincerà a


muoversi lungo il tratto di curva plastico che, dato il modello elasto-plastico
perfetto, porta ad incrementi di spostamento senza incrementi di tensione.
La conseguenza di questo comportamento è che ulteriori incrementi di
carico andranno ad interessare solo le due aste inclinate fino al momento in
cui, anche queste, non raggiungeranno il valore della tensione di
snervamento.
Il valore del carico applicato per portare a snervamento tutte e tre le aste è:

Pc − Aσ r
F2 = Aσ r =
2

Pc = Aσ r ( 2 + 1)

280
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

DATI

Geometria L 5 m
B 5 m
sezione circolare
d 0,1 m
A 0,007854 m2
α 45 deg

Materiale fyk 235000 kPa


E 210000000 kPa
εel 0,001119
εu 0,05

Carichi P 4500 kN
TabellaA. 1: Dati del problema

DETERMINAZIONE DEL CARICO CRITICO

Sforzi assiali NOA 2636,039 kN


NOB 1318,0195 kN
NOC 1318,0195 kN

a_ Determinazione dei limiti elastici

Sforzi assiali NOA 1845,6857 kN

Limiti elastici Pel 3150,7825 kN


δel 0,0055952 m

per P=Pel NOB 922,84284 kN


NOC 922,84284 kN

b_ Determinazione dei limiti ultimi

281
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Sforzi assiali NOA 1845,6857 kN


NOB 1845,6857 kN
NOC 1845,6857 kN

Limiti ultimi Pcr 4455,8794 kN


δcr 0,0111905 m

c_ Incremento di resistenza e duttilità

Pcr/Pel 41,4%
δcr/δel 100%

d_Curva P-δ
P δ
kN m
0 0
Limite elastico 3150,7825 0,0055952
Limite plastico 4455,8794 0,0111905
4455,8794 0,0447619

e_Curva di scarico

∆P -4455,8794 kN

Sforzi assiali ∆NOA -2610,194 kN


∆NOB -1305,097 kN
∆NOC -1305,097 kN

Sforzi assiali res NOA,res -764,508 kN


NOB,res 540,58882 kN
NOC,res 540,58882 kN

P δ
kN m
Curva di scarico 4455,8794 0,0111905
-764,50804 0
TabellaA. 2: Determinazione del carico critico

282
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

FiguraA. 5: Confronto dei risultati

Analisi statica non lineare di tipo incrementale:

Per lo svolgimento dell’analisi incrementale si è usato il


SAP2000.12.
Per prima cosa è stata definita la geometria e il materiale rispettando
la sezione e le caratteristiche del materiale, i vincoli esterni ed interni, la
lunghezza delle aste.
Il secondo passo è stato quello di definire
definire le cerniere plastiche di tipo
estensionale, secondo il legame indicato nel testo.
Il programma di calcolo permette di inserire negli elementi frame
delle cerniere plastiche puntuali; occorre quindi sapere già da prima dove si
formerà la cerniera plastica così da posizionarla nel punto preciso. Nel caso
considerato, essendo le sezioni costanti, verranno inserite nella mezzeria di
ogni asta.
Le cerniere plastiche vengono definite, come mostrato nella seguente
figura, con un legame elasto-plastico
elasto perfetto avente ramo plastico deve
essere
sere perfettamente orizzontale. A tal fine vieneviene richiesto di definire
diversi punti individuati da delle lettere dalla A alla E; ognuna di questi
quest
definisce uno stato preciso nel legame costitutivo:
- Il punto A indica l’origine,
- Ill punto B rappresenta lo snervamento. Non serve applicare uno
spostamento poiché la cerniera plastica entra in gioco solo dopo aver
raggiunto la tensione di snervamento,
snervamento

283
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

- Il punto C rappresenta le capacità ultime del materiale per l’analisi di


pushover,
- Il punto D rappresenta la riserva di resistenza per l’analisi di
pushover,
- Il punto E rappresenta il valore ultimo di collasso.
Per la struttura in questione non sono stati considerati i valori di C e
D perché non necessari per i risultati richiesti.
E’ possibile adimensionalizzare il diagramma usando il valore della
forza di snervamento (A*σyd) e della deformazione ultima (εu = 5 %).
I valori di Immediate Occupancy, Life Safety e Collapse Prevention
non hanno potere sul comportamento della struttura ma permettono solo di
rappresentare dei punti di tensione quando raggiunti e superati.
Facendo girare il programma è possibile esaminare la successiva
creazione delle cerniere plastiche attraverso gli steps di analisi del
programma.

FiguraA. 6: Definizione delle cerniere plastiche

284
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

FiguraA. 7: Formazione della prima cerniera plastica

FiguraA. 8:Formazione delle seconde cerniere plastiche

285
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

FiguraA. 9: Completa plasticizzazione

FiguraA. 10: Curva Carico-Spostamento della struttura (Sap2000.12)

286
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

FiguraA. 11:Confronto
:Confronto Curva Carico-Spostamento della struttura (soluzione analitica;
soluzione in Sap)

287
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

ESERCITAZIONE 2

Si chiede di determinare la risposta in campo elasto-plastico di una


trave doppiamente incastrata alle estremità, di lunghezza L = 4m e sezione
IPE 200, sottoposta ad un carico uniformemente distribuito di valore
unitario.
Il materiale con cui è realizzata la trave è analogo a quello definito
nella precedente esercitazione, ovvero un legame elasto-plastico non
incrudente.
Considerando una mensola di sezione generica con carico in estremità,
l’andamento dei momenti subirà un variazione di inclinazione; dopo aver
raggiunto la tensione di snervamento, ci sarà un tratto dove i momenti
aumenteranno fino a raggiungere il momento plastico.

Metodo analitico:

La trave doppiamente incastrata è una struttura iperstatica con


n°g.d.l. = 3 e n. vincoli = 2*3 = 6. Il sistema, dunque, è 3 volte iperstatico
per cui la trave non arriva a collasso prima della formazione di tre cerniere
plastiche.
Esaminando il diagramma dei momenti si vede che i valori massimi
si verificano alle due estremità incastrate; una volta raggiunto il momento
plastico, la struttura si può ricondurre ad una trave semplicemente
appoggiata con due momenti plastici Mp applicati all’estemità. Il nuovo
schema statico è caratterizzato da valori di sollecitazioni flessionali
massime nella sezione di mezzeria, punto quindi, in cui si formerà la terza
cerniera plastica che renderà la struttura un meccanismo.
L’analisi può essere divisa in due fasi: una, sul sistema incastrato
considerando un carico distribuito p1 tale da far raggiungere la
plasticizzazione degli incastri; la seconda su una trave semplicemente
appoggiata con un carico distribuito ∆p tale da plasticizzare la sezione di
mezzeria attraverso un ∆M che si aggiunge a quello della trave
doppiamente incastrata. E’ possibile usare la sovrapposizione degli effetti
solo procedendo con una variazione dello schema statico.
Nella trave incastrata soggetta al carico distribuito p1 il momento
plastico è pari a:
p1l 2
Mp =
12

288
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

da cui si ricava il carico corrispondente che produce la formazione delle


prime due cerniere plastiche:

12 M p M pl2
p1 = f1 =
l2 , 32EI

Passando allo schema statico di trave semplicemente appoggiata, si


calcola l’incremento di momento e di freccia in mezzeria in funzione di ∆p:

1 5 ∆pl 2
∆M = ∆pl 2 ∆f =
8 , 384 EI

Applicando il principio di sovrapposizione degli effetti per il


momento di mezzeria:
p1l 2 ∆pl 2
Mp = +
24 8

si calcola ora il valore di incremento di carico da applicare alla trave dopo


la plasticizzazione delle estremità:

4M p
∆p =
l2

Il carico a collasso della struttura è dato dalla somma del carico di


plasticizzazione delle estremità e dell’incremento di carico per la
plasticizzazione della mezzeria:

Mp Mp
p = p1 + ∆p = (12 + 4) 2
= 16
l l2

mentre la freccia massima è pari a:

2
 1 20  M p l
f = f 1 + ∆f =  + 
 32 384  EI

289
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

DATI

Trave L 4 m

Sezione h 0,2 m
b 0,1 m
sa 0,0056 m
e 0,0085 m
Jel 1,943E-05 m4
Jpl 0,0000221 m4
Wel 0,0001943 m3
Wpl 0,000221 m3

Materiale Acciaio FE 235


σyk 235000 kPa
σyd 223809,52 kPa
εu 0,05
E 210000000 kPa

Me 43,48 kNm
Mp 49,46 kNm
β 1,138
χe 0,011 1/m
χu 0,05 1/m

Carico P 1 kNm
TabellaA. 3: dati del problema

1° plasticizzazione

λ1 37,09 kNm
λ2 47,97 kNm
TabellaA. 4: Carichi critici

290
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

FiguraA. 12: Curva di Push over della struttura

Analisi statica non lineare di tipo incrementale:

Si presentano i risultati ottenuti con il programma di calcolo Sap2000.12,


posizionando le cerniere plastiche flessionali, definite, come nella
precedente esercitazione, con un legame elasto plastico perfetto, alle
estremità ed in mezzeria della trave:

FiguraA. 13: Formazione delle cerniere plastiche alle


lle estremità

291
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

FiguraA. 14: Formazione della cerniera plastica in mezzerai

FiguraA. 15: Completa plasticizzazione

292
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

FiguraA. 16: Curva di Push-over della struttura

FiguraA. 17: Confronto dei risultati

293
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

ESERCITAZIONE 3

Ipotizzando un legame costitutivo di tipo EPP, si chiede valutare


analiticamente e confrontare con il risultato ottenuto da opportuna analisi
con il codice di calcolo il moltiplicatore ultimo dei carichi del telaio
riportato, di caratteristiche assegnate.
V

H C D

A B

L L
FiguraA. 18: Schema del Telaio

DATI

Telaio B 10 m
H 5 m
a 5 m
b 5 m
Trave IPE 200
Colonna IPE 200

Sezione h 0,2 m
b 0,1 m
sa 0,0056 m
e 0,0085 m
Jel 1,943E-05 m4

294
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Jpl 0,0000221 m4
Wel 0,0001943 m3
Wpl 0,000221 m3

Materiale Acciaio FE 235


σyk 235000 kPa
σyd 223809,52 kPa
συ kPa
εu 0,05
E 210000000 kPa

Carichi V 1 kN
H 0,8 kN
TabellaA. 5:Dati del problema

Vengono definite ed assegnate delle cerniere flessionali, come nelle


precedenti esercitazioni.

FiguraA. 19: Formazione delle prime cerniere plastiche

295
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

FiguraA. 20: Formazione delle seconde cerniere plastiche

FiguraA. 21: Formazione delle terze cerniere plastiche

296
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

FiguraA. 22: Completa plasticizzazione

FiguraA. 23: Curva di Push-over della struttura

297
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

λP d
kN m
0 0
45,336 0,071
47,21 0,081
50,466 0,151
48,813 0,725
TabellaA. 6: Moltiplicatori dei carichi

298
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

APPENDICE B
Instabilità

Molte strutture, se soggette ad un processo di carico gradualmente


crescente, subiscono improvvisamente una brusca variazione del carattere
della loro deformazione, che non è conseguenza del collasso del materiale o
di altra alterazione delle loro proprietà meccaniche. Tale fenomeno si
verifica perché il modo di deformarsi della struttura col crescere del carico,
per un certo valore di questo, diventa instabile e la struttura cerca allora un
altro tipo di deformata stabile. Nelle figure successive si riportano alcuni
esempi di fenomeni d’instabilità.

Figura B. 1 Instabilità di profili in acciaio


Figura B. 2 Buckling per insufficienza di gioco
nei giunti

Figura B. 3 Instabilizzazione delle armature in colonne in C.A.

A seconda che il passaggio al modo instabile avvenga quando la


struttura è elastica oppure in campo plastico, si parlerà di instabilità elastica

299
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

oppure elastoplastica. E’ possibile suddividere i fenomeni d’instabilità


strutturale d’interesse dell’ingegneria civile, in tre categorie:
 Instabilità classica (per diramazione stabile).
 Instabilità per diramazione instabile.
 Per cedimento progressivo (snap-through).

Lo studio dei fenomeni d’instabilità può essere condotto seguendo


due formulazioni:
 Statica, dove l’equilibrio viene riferito alla configurazione deformata
e consiste nel valutare gli effetti instabilizzanti e le reazioni che
nascono nel momento in cui si allontana il sistema dalla sua
configurazione di equilibrio.
 Energetica, determinando le configurazioni di equilibrio variate della
struttura in base alla condizione di stazionarietà della funzione
energia potenziale totale.

Lo scopo dello studio di tali fenomeni è quello di capire se una


determinata configurazione di equilibrio sia stabile o meno. Per raggiungere
tale obiettivo basta imprime un “disturbo” alla struttura che si trova nella
generica configurazione equilibrata e, una volta rimossa la causa
perturbatrice, si osserva il comportamento del sistema perturbato: se esso
tende a ritornare nella posizione originaria, allora la configurazione è di
equilibrio stabile, al contrario, se la struttura tende ad allontanarsi
ulteriormente dalla posizione iniziale l’equilibrio si dice instabile. La
condizione di equilibrio indifferente si ottiene nel caso in cui la struttura
dopo il disturbo permane nello stato perturbato. Si definisce carico critico
Pcr la più piccola sollecitazione in corrispondenza della quale la
configurazione di equilibrio, originariamente instabile, diventa stabile.
In termini energetici, la condizione affinché l’equilibrio della
struttura nella sua configurazione di riferimento risulti stabile è che la
funzione energia potenziale totale, presenti ivi un punto di minimo, ovvero
che la variazione seconda della funzione (calcolata sempre nella posizione
di riferimento) risulti positiva.
Lo studio dell’instabilità riguarda problemi di tipo dinamico, tuttavia
nel solo caso di sistemi conservativi è possibile affrontare i fenomeni legati
all’instabilità come problemi statici; inoltre, la condizione variazionale
dell’energia costituisce la base della teoria lineare della stabilità elastica
(elastic buckling). In corrispondenza di sistemi conservativi e di una
struttura elastica, si hanno problemi d’instabilità di tipo euleriana (cioè di

300
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

biforcazione dell’equilibrio). In tali problemi si ha una linearità pre-critiìca


(struttura elastica) che consente di trovare l’unica configurazione di
equilibrio.
Una generica struttura elastica contrasta ogni deformazione
addizionale impressa fin quando il moltiplicatore dei carichi non raggiunge
un valore critico, in corrispondenza del quale si verifica la biforcazione
dell’equilibrio che può essere stabile o instabile. Con riferimento ai sistemi
discreti, cioè quei sistemi in cui la configurazione è descritta da un numero
finito di parametri o di coordinate, è possibile determinare la capacità
portante di elementi semplicemente compressi. Considerando una colonna
incernierata alle estremità, perfettamente rettilinea, costituita da materiale
omogeneo, isotropo e linearmente elastico, e soggetta a carico assiale
perfettamente centrato (colonna ideale), il carico critico (che in questo caso

5∙J
coincide con quello euleriano) è ottenuto dalla nota espressione:
60 = [ # ∙ #
H
L’equilibrio della colonna nella sua configurazione indeformata
(rettilinea) è stabile per P<Pcr, mentre diventa instabile per valori superiori
al carico critico euleriano. La soluzione del problema dell’instabilità in
campo elastico di una colonna ideale con estremità incernierate viene estesa
ai casi di colonne diversamente vincolate agli estremi facendo riferimento
al concetto di lunghezza libera d’inflessione. Quest’ultima è definita come
la distanza tra due punti di curvatura nulla della deformata elastica della
colonna, la quale va determinata analiticamente in funzione delle condizioni
di vincolo. La formula di Eulero, dedotta nell’ipotesi di comportamento
elastico lineare del materiale, è valida fino a che la tensione normale è non
supera il valore limite (σlim). Introducendo la snellezza λ (definita come il
rapporto fra la lunghezza libera d’inflessione e il raggio giratore d’inerzia
della sezione), è possibile definire una λlim come:

5
š$% = [ ∙ '
V$%

che rappresenta la snellezza di un’asta per la quale la tensione critica risulta


uguale a quella limite. Per aste con snellezza maggiore di quella limite (aste
“snelle”), il fenomeno dell’instabilità si manifesta quando ancora la
tensione normale non ha raggiunto il limite di snervamento e quando la
colonna è in campo elastico. Il caso contrario è rappresentato dalle aste

301
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

“tozze”, che possiedono una snellezza minore di quella limite: in questo


caso la tensione normale raggiunge il limite di snervamento prima che si
verifichi lo sbandamento laterale della colonna.

Figura B. 4 Curva di stabilità

Da quanto appena detto ne discerne che il collasso delle aste compresse


avviene secondo due modalità: per schiacciamento, se queste sono tozze;
per instabilità nel caso in cui siano snelle (vedi figura B4). Il “confine” tra i
due comportamenti è dato dalla snellezza limite, per cui dipende dal
rapporto fra altezza e rigidezza della colonna, nonché dalle condizioni di
vincolo.
In realtà l’asta presenta un comportamento meccanico non lineare a
causa della presenza di imperfezioni strutturali, cioè di tensioni residue
derivanti dal processo di lavorazione e disomogenea distribuzione dello
snervamento lungo la sezione trasversale , e geometriche.

302
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

ESERCITAZIONE
SERCITAZIONE 1: studio del comportamento
post-critico
critico di un’asta vincolata

Viene analizzato il comportamento di un’asta soggetta a carico


assiale, per tre condizioni differenti di vincolo, in modo tale da evidenziare
un comportamento post-critico:
post stabile (caso a), instabile
nstabile (caso b), e
asimmetrico (caso c).
c). Lo studio sarà svolto sia dal punto di vista analitico,
sia con il calcolatore (Sap), paragonando tra loro i risultati. Per ognuno dei
tre casi si considerano sia aste ideali che aste reali, affette cioè da
imperfezioni
ezioni di tipo geometrico, si considera in particolare una rotazione
iniziale dell’asta pari a 0,1 radianti. Quello che cambia, nei casi differenti
sono le condizioni di vincolo, per cui si considerano sempre i seguenti dati:

 l=3m
 k = 60 kNm
 E = 200000 MPa
 Sezione HEA 650

Caso a

Si consideri l’asta incernierata alla base e


vincolata con una molla rotazionale di rigidezza k
pari a 60 kN/rad (figura B.5). Per valutare che tipo
di configurazione di equilibrio si tratti si deve
esaminare cosa accade in configurazioni variate,
ottenute dalla configurazione fondamentale
imprimendo una deformazione che, in questo caso,
consiste in una rotazione rigida. Chiamando con q1
l’angolo di rotazione
otazione misurato a partire dalla
configurazione rettilinea e positivo se preso in
Figura B. 5 condizioni di senso orario, dall’equilibrio scritto nella
vincolo dell’asta configurazione deformata si ricava:

 · H · sin    · 

303
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

E’ possibile scrivere il carico critico sia nell’ipotesi di piccoli


spostamenti (dove valgono le approssimazioni trigonometriche), che nella
condizione di grandi spostamenti:

 Piccoli spostamenti: 60 



$
 Grandi spostamenti: 60 
·U›
$·œž U›

Si ricava un carico critico pari a 20 kN. Tale valore viene confrontato con
quello ottenuto dal calcolatore, dove viene eseguita un’analisi di buckling.
In Sap la colonna viene modellata mediante un frame di sezione opportuna,
con una molla rotazionale in corrispondenza della cerniera, come riportato
in figura B.6.
L’analisi restituisce i vari modi d’instabilizzarsi della colonna, con i
relativi coefficienti moltiplicativi dei carichi (buckling factors); il minore di
questi restituisce il carico critico.

Figura B. 6 modellazione dell’asta in Sap

Dalla figura B.7 si vede come il λcr sia pari a 0,5, per cui
moltiplicando il carico P si ottiene un carico critico pari a 20 kN,
coincidente con la soluzione analitica.

304
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura B. 7 Risultati dell’analisi di buckling

Nel primo modo d’instabilizzazione la colonna non si deforma in


quanto la cerniera posta alla base permette una rotazione, proporzionale alla
rigidezza della molla.
Per discutere la stabilità dell’equilibrio si diagramma il carico critico
in funzione dell’angolo q1, cioè della rotazione assunta dall’asta nella
configurazione deformata. Per fare ciò occorre studiare il comportamento
post critico, e questo può avvenire solo nell’ipotesi di grandi spostamenti
(nell’ipotesi di piccoli spostamenti si ottiene un comportamento asintotico).
In figura B.8 si riporta il grafico ottenuto dove si nota che il carico critico è
il valore che assume P quando q1 è nullo. Per qualsiasi valore di P<Pcr si
imponga alla colonna una rotazione che la riporti nella configurazione
variata e dalla quale si rilascia istantaneamente (disturbo), la colonna ritorna
nella configurazione iniziale, per cui carichi inferiori a quello critico
caratterizzano un equilibrio di tipo stabile.

305
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura B. 8 Comportamento post-critico stabile dell’asta perfetta

Per carichi P>Pcr accade che se una qualsiasi perturbazione sposta la


colonna dalla posizione verticale, essa continua a ruotare fino a raggiungere
un angolo (q1) per cui s’instauri una situazione di equilibrio. Tali
configurazioni sono di equilibrio sono instabili per la colonna rettilinea,
mentre sono di equilibrio instabile per la colonna ruotata. Il punto Pcr
prende il nome di punto di biforcazione dell’equilibrio.
Introducendo l’imperfezione geometrica, si ottiene un aumento o una
diminuzione del carico critico a seconda del segno della rotazione iniziale e
dell’angolo della configurazione variata. Chiamando con q0 la rotazione
iniziale, le formule del carico critico diventano:

 Piccoli spostamenti: 60  · →l


 U› cUŸ U› cUŸ
$ U› U›
·U› cUŸ "
 Grandi spostamenti: 60  →l
U› cUŸ
$·œž U› œž U›

Con il Sap lo studio di tale caso avviene mediante un’analisi statica non
lineare, dove si analizza l’effetto P-∆ sia per piccoli che per grandi
spostamenti. In questo caso l’asta viene modellata con un unico frame,
posto già nella configurazione deformata. Il carico assegnato possiede
valore unitario, l’analisi è sviluppata incrementando gli spostamenti del
nodo di sommità, e registrando il carico corrispondente. Si ottiene una
curva carico-spostamento, detta anche curva statica di pushover. Nelle

306
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

figure B.9 e B.10 sono riportate le curve ottenute dal Sap rispettivamente
per i casi di piccoli e grandi spostamenti.

Figura B. 9 Curva di pushover nel caso di piccoli spostamenti

Figura B. 10 Curva di pushover nel caso di grandi spostamenti

Nelle figure B.11 e B.12 sono messe a confronto le curve q1-α nel
ottenute nel caso di piccoli e grandi spostamenti, ricavate analiticamente e
dal calcolatore.

307
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Comportamento post
post-critico
critico asintotico
1.2

0.8

0.6
α

Analitica
0.4 Sap

0.2

0
0 0.5 1 1.5 2
q1 [rad]

α nel caso di piccoli spostamenti


Figura B. 11 Curva q1-α

Comportamento post
post-critico
critico grandi
spostamenti
2.5

1.5
α

1 Analitica
Sap
0.5

0
0 0.5 1 1.5 2
q1 [rad]

α nel caso di grandi spostamenti


Figura B. 12 Curva q1-α

Nella figura B.13 si confrontano le curve P-q1


P q1 dell’asta perfetta con
quelle relative alle imperfezioni geometriche considerate.

308
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Comportamento post-critico
post critico stabile
45.00
40.00
35.00
30.00
sistema perfetto
25.00
P [kN]

rotaz iniz >0


20.00
rotaz iniz<0, q<0
15.00
rotaz iniz<0
10.00
5.00 rotaz iniz>0, q<0

0.00
-2 -1 0 1 2
q1 [rad]

Figura B. 13 Confronto fra le curve P-q


P 1 dell’asta perfetta con quelle in cui cono presenti
imperfezioni geometriche

Caso b

In questo caso l’asta è vincolata con una molla estensionale al nodo


in cui è applicato il carico, come riportato in figura B.14. Si indica con q1
l’angolo di rotazione dell’asta,
dell’asta, l’equilibrio nella configurazione deformata
risulta:
 · H · sin    · ¡ · H · cos 
dove con δ si indica lo spostamento che
subisce il nodo dove viene applicata la forza,
e vale: ¡  H · sin  .
Il carico critico è dato da:

 Piccoli spostamenti: 60   · H


 Grandi spostamenti: 60   · H · cos 

Da cui si ricava un Pcr = 180 kN. In Sap la


colonna viene modellata con un unico frame
incernierato alla base, con una molla
estensionale nel nodo superiore. Si ottiene un
moltiplicatore dei carichi pari a 4,5, da cui
deriva un carico critico di 180 kN,
Figura B. 14 Condizioni di vincolo
dell’asta

309
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

perfettamente coincidente con il risultato analitico.

Figura B. 15 Buckling factors per il caso b

Nella figura B.16 è riportato il l’andamento del carico critico al


variare dell’angolo q1, dove si nota che l’equilibrio sussiste per carichi
inferiori a quello critico.

Figura B. 16 Comportamento post-critico instabile per l’asta perfetta

Nella condizione di P>Pcr si pensi di far ruotare la colonna al di fuori


della sua configurazione verticale iniziale. La rotazione continua ad
attivarsi in definitivamente in quanto si verifica la progressiva diminuzione
della reazione del vincolo. In questo caso una volta raggiunto il carico
critico l’equilibrio non sussiste più in nessuna configurazione variata che
abbia P>Pcr, per cui si è nel caso di equilibrio instabile.

310
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Introducendo la stessa imperfezione geometrica relativa al caso


precedente, il carico critico è governato dalle seguenti relazioni:

 ! ^  ! ^
 Piccoli spostamenti:
60   · H · o q→l
^ 

sin  ! sin ^ sin  ! sin ^


 Grandi spostamenti:
60   · H · o q→lo q
tan  tan 

Nella figura B.17 sono riportate le curve P-q


P 1 ottenute analiticamente,
mentre nelle figure B.18 e B.19 sono diagrammate le curve q1-α ottenute
nel caso di piccoli e grandi spostamenti, confrontando risultati
risultati analitici e
sperimentali.

Comportamento post-critico
post critico instabile
200.0
180.0
160.0
140.0
120.0
P [kN]

100.0 sistema perfetto


80.0
rotaz. Iniz. <0
60.0
rotaz. Iniz. >0
40.0
20.0
0.0
-2 -1 0 1 2
q1 [rad]

Figura B. 17 Confronto fra le curve P-q1


P q1 dell’asta perfetta con quelle in cui cono presenti
imperfezioni geometriche

311
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Comportamento post-critico
post critico asintotico
1
0.9
0.8
0.7
0.6
0.5
α

0.4 Analitico
0.3 Sap
0.2
0.1
0
0 0.5 1 1.5 2
q1 [rad]

α nel caso di piccoli spostamenti


Figura B. 18 Curva q1-α

Comportamento post-critico
post critico grandi
spostamenti
0.8
0.7
0.6
0.5
0.4
α

Analitico
0.3
Sap
0.2
0.1
0
-0.1 0 0.5 1 1.5 2
q1 [rad]

α nel caso di grandi spostamenti


Figura B. 19 Curva q1-α

312
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Caso c

Si consideri ora il caso di una mensola rigida strallata, come riportato


in figura B.20. Il carico critico è dato dalla relazione seguente: 60 
·$
#
, da
cui si ricava un valore di 90 kN.

Figura B. 20 disposizione dei vincoli

In Sap la struttura viene modellata nel modo seguente: la colonna


viene schematizzata con un frame di sezione opportuna, mentre la molla
inclinata è riprodotta utilizzando un frame equivalente che non è in grado di
trasmettere momenti all’estremità. Il frame deve possedere una rigidezza
assiale di 60 kNm per cui, assegnando una sezione quadrata di lato 10 cm,
il valore del modulo elastico del materiale (che possiede massa nulla)

 · HX
risulta:

5  25455.84 8

dove l’ è la lunghezza della molla. Nella figura B.21 è riportato il dettaglio
della modellazione effettuata.

313
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura B. 21 modellazione della struttura in Sap

Il risultato dell’analisi di buckling è riportato nella figura B.22, si


ricava un moltiplicatore dei carichi pari a 2,25 che restituisce lo stesso
carico critico calcolato con la soluzione analitica.

Figura B. 22 Risultato dell’analisi di buckling

Introducendo la solita imperfezione geometrica le formule analitiche


si modificano come segue:

 Piccoli spostamenti: 60 =  · H · · o1 ! q→l ·


 ¤{ UŸ 
U› ¤{ U› U›

o1 ! q
¤{ UŸ
¤{ U›

314
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

· L1 ! N→l
¤{œž UŸ
60   · H ·

¥¦ž U› ¤{œž U›
 Grandi spostamenti:

· L1 ! N
 ¤{œž UŸ
¥¦ž U› ¤{œž U›

Nella figura B.23 è riportata variazione del carico in funzione


dell’angolo q1, dove si nota che il carico critico è un punto di biforcazione
dell’equilibrio che presenta una biforcazione asimmetrica instabile.

Figura B. 23 Confronto fra le curve P-q1 dell’asta perfetta con quelle in cui cono presenti
imperfezioni geometriche

Nelle figure successive si riportano i grafici di confronto fra risultati


teorici e ottenuti in Sap, per il caso di asta imperfetta.

315
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Comportamento post-critico
post critico asintotico
0.4

0.35

0.3

0.25

0.2
α

Analitico
0.15
Sap
0.1

0.05

0
0 0.5 1 1.5 2
q1 [rad]

α nel caso di piccoli spostamenti


Figura B. 24 Curva q1-α

Comportamento post-critico
post critico grandi
spostamenti
0.3

0.25

0.2

0.15
Analitico
α

0.1 Sap

0.05

0
0 0.5 1 1.5 2
-0.05
q1 [rad]

α nel caso di grandi spostamenti


Figura B. 25 Curva q1-α

316
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

ESERCITAZIONE 2: individuazione dei carichi


critici per un’asta vincolata

Con riferimento alla trave riportata in figura B.26, si calcoli la curva


carico critico-rigidezza della molla e confrontarla con quella ottenuta con
l’ausilio del codice di calcolo.

Figura B. 26 Condizioni di vincolo per la trave caricata assialmente

La trave è lunga 3 m e possiede sezione a doppio T trattasi, in


particolare di una IPE 200. Il materiale è l’acciaio, con un modulo di
elasticità di 210000 MPa.
In questo caso, dal punto di vista analitico, occorre definire una
™}t,¨©
rigidezza di riferimento K* come: F ∗  [ # · , tale che F ∗ 
·=
$) $
. Per
rigidezze minori di tale valore di riferimento la trave si comporta come un
corpo rigido, cioè allo stesso modo del caso b visto nell’esercitazione 1. In
queste condizioni il modo d’instabilizzarsi della trave è una sbandata
laterale senza deformazioni. Il carico critico si mantiene a di sotto del
valore euleriano e vale: 60   · H. In altri termini la trave per valori di K<
K* si comporta come un corpo rigido, per cui si sposta senza inflettersi,
mentre, per K K* la trave s’instabilizza inflettendosi, per cui il carico
critico rimane costante e pari al valore del carico euleriano. Le formule
sopra enunciate forniscono i risultati riportati nella tabella B.1.

Pcr,E 4474.5 kN
K* 1491.52 kN/m
Tabella B. 1 Calcolo dei valori del carico critico euleriano e della rigidezza di riferimento

In Sap la struttura viene modellata allo stesso modo di quanto fatto


nell’esercitazione 1, con una sola differenza: ora la trave è composta da sei
frame, questo per cogliere al meglio la deformata della linea elastica. Si noti

317
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

il valore della rigidezza di riferimento: questo risulta di due ordini di


grandezza superiore a quello adottato in precedenza. Questo fa capire che la
rigidezza assegnata nella prima esercitazione impediva in modo irrisorio la
traslazione dell’asta, per cui, quando quest’ultima veniva caricata
rispondeva instabilizzandosi senza inflettersi, cioè con una configurazione
variata che produce il minimo dispendio energetico. Man mano che si
aumenta il valore della rigidezza, l’appoggio elastico della trave passa
dall’estremo libero al carrello: la trave trova più difficoltà nel traslare per
cui, il modo d’instabilizzarsi comporta l’inflessione dell’elemento. Si passa
quindi alla tipica configurazione dei sistemi continui (dal momento che
occorre calcolare la deformata della linea elastica nel sistema deformato), il
carico critico è quindi quello euleriano, ottenuto con cerniera e carrello
come vincoli.
Nella figura B.27 è riportata la curva carico critico-rigidezza
calcolata sia analiticamente, sia con il codice di calcolo.

Figura B. 27 Grafico carico critico-rigidezza

Si consideri ora la stessa asta studiata in precedenza, con l’unica


differenza di porre un incastro (al posto della cerniera) nell’appoggio
destro. In questo caso l’incastro, impedendo la rotazione, costringe la trave
ad in stabilizzarsi inflettendosi, per cui non si ha il comportamento relativo
ai sistemi discreti. Per lo studio di tale sistema si ricorre ad una rigidezza
adimensionale ξ, definita come:

318
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

 · H
ª'
5·J
Dall’equazione della linea elastica, sfruttando le condizioni al
contorno si perviene all’espressione:

tan lH l # · H#
+ 1
lH ª#

dove l  r . Tale espressione è definita per l’angolo lH ≠ [; [⁄2.


™
·=

Assegnando vari valori di lH si ricava ξ e da cui si ottiene la rigidezza k e il


corrispondente valore del carico critico. Le curve P- ξ così ottenute dal
calcolatore e dalle formule analitiche sono riportate in figura B.28.

ξ
Figura B. 28 Curva P-ξ

Dal grafico si nota che per ξ=π la rigidezza K è uguale al valore di


riferimento (K*), per cui si avrà il carico critico euleriano. Per ξ=0 si ha la
condizione di trave incastrata con estremo libero, dato che la sua lunghezza
libera di inflessione è pari al doppio di quella con i vincoli di cerniera-
carrello si sì avrà un carico critico che è un quarto di quello euleriano. Per
valori di ξ via via crescenti, il vincolo elastico “assomiglia” sempre di più
ad un incastro, di conseguenza il carico critico tende ad asintotizzarsi al
valore relativo al caso di trave incstrata-incastrata.

319
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

ESERCITAZIONE 3: studio della stabilità di un


telaio tridimensionale

Con riferimento alla figura B.29 individuare i modi d’instabilità del


telaio principale (piano x-z) e dell’intera struttura sia nel caso di colonne
flessibili, sia, al contrario, in caso di travi flessibili. La lunghezza L è posta
pari a 5 m, mentre tutte le colonne sono incastrate alla base. Le travi dei
telai principali sono incastrate alle colonne, mentre quelle trasversali
risultano incernierate. Il materiale utilizzato è l’acciaio, con un modulo
elastico di 200000 MPa. Affinché un telaio possa essere considerato a
colonne flessibili, l’inerzia della trave deve essere almeno 4 volte superiore
a quella della colonna; vale il viceversa per il caso di travi flessibili. Nella
figura B.30 sono riportati i profili scelti nei due casi.

Figura B. 29 Schema della struttura

Figura B. 30 Scelta dei profili impiegati

320
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Per quanto riguarda lo studio dei telai piani, l’interesse sta nel
ricavare il carico critico euleriano del telaio sia in modo analitico, sia con il
codice di calcolo, per confrontare poi i risultati. Per il calcolo analitico si
effettua la seguente schematizzazione: si considera il telaio piano come se
fosse un portale, eliminando quindi la trave che collega la colonna alla
cerniera esterna (figure B.31).

Figura B. 31 Schematizzazione del telaio a travi flessibili e colonne flessibili

In tal modo è facile stimare la lunghezza libera d’inflessione e


calcolare il carico critico euleriano. Per siffatti telai, è possibile avere due
tipi di sbandate, cioè due modi differenti d’instabilità degli elementi
compressi: una sbandata asimmetrica e l’altra simmetrica. Dato che alla
sbandata asimmetrica corrisponde una lunghezza libera d’inflessione
minore di quella simmetrica, essa si verificherà sempre per prima in quanto
il carico critico è minore.
Nelle figure B.32-33 sono riportate in modo schematico le deformate
corrispondenti ai modi d’instabilità simmetrici e asimmetrici, per i due tipi
di telai considerati; il calcolo della lunghezza libera d’inflessione è riportato
nella tabella B.2. Si noti come la sbandata asimmetrica sia quella
maggiormente inerente al comportamento del telaio reale, infatti la cerniera
esterna impedisce la traslazione laterale del traverso, per cui è plausibile
attendersi una sbandata simile a quelle delle figure B.32-33 (β=0.7 e
β=0.5).

321
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura B. 32 Sbandata asimmetrica e simmetrica per il telaio a trave flessibile

Figura B. 33 Sbandata asimmetrica e simmetrica per il telaio a colonne flessibili

Nel caso reale, rappresentato dalla soluzione ottenuta dal codice di


calcolo, la traslazione del trasverso non è pienamente impedita, ma è
consentita dalla deformazione assiale della trave che collega il telaio alla
cerniera esterna.

Lunghezza libera inflessione colonne


tipo telaio sbandata L [m] β [-] L0 [m]
asimmetr. 5 2 10
travi flessibili
simmetrica 5 0.7 3.5
asimmetr. 5 1 5
colonne flessibili
simmetrica 5 0.5 2.5
Tabella B. 2 Calcolo della lunghezza libera d’inflessione

322
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Per ottenere il carico critico in Sap viene eseguita un’analisi di


buckling e, per meglio approssimare la soluzione teorica, ogni trave o
colonna viene suddivisa in più frame così da infittire la discretizzazione.
Nel caso di colonne flessibili, i risultati cono riportati nella tabella
B.3: le differenze con il valore ottenuto dal codice di calcolo sono di circa il
71% nel caso della sbandata asimmetrica e del 12% nel caso simmetrico.
Tale risultato è giustificato dal fatto che la ridotta deformabilità della trave
(rispetto alla colonna) impedisce la traslazione laterale del trasverso, per cui
è la sbandata simmetrica che si verifica per prima.

Pcr,E 2915.1 kN asimm.


Analitico
Pcr,E 11660.3 kN simm.
Pcr,E 10175 kN Sap
Tabella B. 3 Calcolo del carico critico per il telaio a colonne flessibili

Quanto detto viene confermato dalle figure B.34 dove sono riportate
le deformate relative ai primi due modi d’instabilità del telaio piano a
colonne flessibili.

Figura B. 34 telaio a colonne flessibili, 1° modo di buckling

323
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura B. 35 telaio a colonne flessibili, 2° modo di buckling

I risultati ottenuti nel caso di telaio a travi flessibili sono riportati in


tabella B.4: in questo caso le differenze rispetto al Sap del risultato analitico
sono del 71% e del 57%, rispettivamente per sbandate asimmetriche e
simmetriche. In questo caso la modesta deformabilità della trave consente la
traslazione del trasverso, per cui il primo modo d’instabilizzarsi è relativo
alla sbandata asimmetrica; tuttavia le differenze con il Sap risultano
notevoli.

Pcr,E 59888.8 kN asimm.


Analitico
Pcr,E 488887.8 kN simm.
Pcr,E 207325 kN Sap
Tabella B. 4 Calcolo del carico critico per il telaio a travi flessibili

Considerare una lunghezza libera d’inflessione pari al doppio di


quella della colonna sottovaluta la reale capacità portante del telaio, si
ottiene infatti un carico critico estremamente ridotto. Se invece si
schematizza il vincolo tra colonna e trave come un carrello (β=0.7) si
sopravvaluta di molto il carico critico, in quanto la reale deformata (figura
B.37) non corrisponde alla deformata simmetrica.

324
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura B. 36 telaio a travi flessibili, 1° modo di buckling

Figura B. 37 telaio a travi flessibili, 2° modo di buckling

Dall’analisi del modello 3D in Sap si ricavano carichi critici di:

 264.6 kN per colonne flessibili


 2492.6 kN per travi flessibili

Le configurazioni deformate sono riportate nelle figure successive

325
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura B. 38 telaio 3D a colonne flessibili 1° modo di buckling

Figura B. 39 telaio 3D a colonne flessibili: 2° modo di buckling

Figura B. 40 telaio 3D a travi flessibili: 1° modo di buckling

326
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura B. 41 telaio 3D a travi flessibili: 2° modo di buckling

Per entrambe i casi si considerano delle soluzioni per incrementare il


valore del carico critico, e quindi dello sforzo presente nelle colonne.

 Telaio a colonne flessibili: soluzione 1

Si inseriscono dei controventi verticali in acciaio, con sezione circolare


tubolare (cava, diametro esterno 20 cm e spessore di 1 cm) disposti come in
figura. L’obiettivo è quello di diminuire la traslazione orizzontale delle
colonne, e quindi diminuire la loro lunghezza libera d’inflessione.

Figura B. 42 telaio a colonne flessibili, inserimento dei controventi verticali

327
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Si ricava una sbandata differente dal caso senza controventi, visibile


in figura B.43 il carico critico s’incrementa arrivando ad un valore di 2875
kN.

Figura B. 43 telaio a colonne flessibili, 1° modo di buckling (soluz.1)

 Telaio a colonne flessibili: soluzione 2

In questo caso si decide di utilizzare gli stessi controventi visti in


precedenza ma con una disposizione a K. In tal modo non si agisce sulla
traslazione orizzontale del trasverso ma si diminuisce direttamente la
lunghezza libera della colonna, inserendo un appoggio (fisico) intermedio).

Figura B. 44 telaio a colonne flessibili, inserimento dei controventi verticali a K

328
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Dalla figura B.45 si nota che la deformata è cambiata rispetto al caso


precedente. L’accorgimento ha prodotto meno benefici rispetto alla
soluzione 1: il carico critico è pari a 1875.5 kN.

Figura B. 45 telaio a colonne flessibili, 1° modo di buckling (soluz.2)

 Telaio a colonne flessibili: soluzione 3

In questo caso si mantengono i controventi a K e si aggiungono


controventi di piano (disposti ad X) della stessa sezione (figura). I
controventi di piano ostacolano la traslazione laterale, quelli verticali
sostengono anche le colonne: il beneficio ottenuto è notevole dato che il
carico critico passa al valore di 6498 kN.

Figura B. 46 telaio a colonne flessibili, soluzione progettuale 3

329
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura B. 47 telaio a colonne flessibili, 1° modo di buckling (soluz.3)

 Telaio a travi flessibili: soluzione 1

Si inseriscono dei controventi di piano ad X, per diminuire la sbandata


laterale. Il carico critico arriva a 20019 kN.

Figura B. 48 Telaio a travi flessibili, inserimento dei controventi di piano

330
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura B. 49 Telaio a travi flessibili, 1° modo di buckling (soluz.1)

 Telaio a travi flessibili: soluzione 2

In questo caso, oltre ad aggiungere dei controventi orizzontali, si


inseriscono dei controventi a K così da diminuire la luce della colonna. Con
tale accorgimento il carico critico sale a 21441 kN.

Figura B. 50 Telaio a travi flessibili, soluzione progettuale 2

331
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura B. 51 Telaio a travi flessibili, 1° modo di buckling (soluz.2)

 Telaio a travi flessibili: soluzione 3

In questo caso si adottano molti accorgimenti: i controventi verticali


presentano sezioni HEA 200 e vengono disposti a K in tutte le direzioni dei
telai, come riportato in figura B.52. I controventi di piano mantengono la
loro sezione tubolare vista in precedenza, mentre l’asse delle colonne viene
ruotato di 90° per evitare la sbandata vista in precedenza.

Figura B. 52 Telaio a travi flessibili, soluzione progettuale 3

332
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Dalla figura B.53 si nota che la configurazione deformata sia


cambiata, il carico critico raggiunge il valore di 22133 kN.

Figura B. 53 Telaio a travi flessibili, 1° modo di buckling (soluz.3)

333
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Esercitazione 4: studio della stabilità di un arco a


tre cerniere

Individuare la curva carico-spostamento di un arco a tre cerniere con


ribassamento H0/L0=0.1, evidenziando il diverso meccanismo di instabilità
al variare della snellezza. In particolare si considerino due valori distinti di
snellezza: λ1=50 (asta tozza) e λ2=75 (asta snella).

Figura B. 54 Definizione dell’arco a tre cerniere

Si fissano le seguenti grandezze geometriche:


- L0=4 m
- H0= 0.4 m
- L=4.02 m
- ϑ0=0.1

Dividendo la snellezza λ per la lunghezza dell’asta dell’arco si


ottiene il valore del raggio giratore d’inerzia. Questo è una proprietà della
sezione da cui, supponendo una sezione di forma rettangolare, si può
ricavare l’altezza della sezione stessa. La larghezza viene posta pari a 10
cm, per cui si ricavano anche area e momento assiale (baricentrico)
d’inerzia. Nelle tabelle B.5 e B.6 si riportano i calcoli relativi alle due
snellezze. Si utilizza un acciaio con E=200000 MPa.

i 0.080 m
h 0.279 m
b 0.1 m
A 0.0279 m2

334
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

I 0.00018 m4
Tabella B. 5 Caratteristiche geometriche della sezione, λ=50

i 0.054 m
h 0.186 m
b 0.1 m
A 0.0186 m2
I 0.00005 m4
Tabella B. 6 Caratteristiche geometriche della sezione, λ=75

Si ricava la curva in modo analitico per poi confrontarla con la


soluzione ottenuta con il codice di calcolo. Dall’equilibrio della struttura si

∆H ¯^
ricava:

60, = 2 · T60 · sin ­^  2 · · 5 ·  ·


H °^

Nell’ipotesi di grandi spostamenti è possibile scrivere:

∆H cos ­^
 o1 ! q
H cos ­

per cui sostituendo nell’equazione precedente, e moltiplicando ambo i


membri per la quantità l2/EI si giunge alla seguente espressione del carico
critico adimensionalizzata.

S  2 · š# · sin ­ ! cos ­^ · tan ­ "

Tale carico è diagrammato in funzione di uno spostamento


adimensionalizzato η, definito come il rapporto fra lo spostamento verticale
v sulla lunghezza L. La curva viene costruita per punti, assegnando una
serie di valori all’angolo ϑ. In Sap la struttura viene modellata con una serie
di frame, la discretizzazione viene infittita in modo tale da approssimare al
meglio la soluzione analitica.

335
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

Figura B. 55 Arco modellato in Sap, per il caso di λ=50

Si svolge quindi un’analisi statica non lineare, per ricavare la curva


di pushover per i grandi spostamenti riportata in figura B.56.

Figura B. 56 Curva di pushover per l’arco con λ=50

La curva che si ottiene è relativa allo spostamento verticale della


chiave dell’arco (nodo di sommità), da tale valore è facile ricavare η e p.
Dalla figura successiva è si nota la coincidenza dei risultati fra la soluzione
analitica e quella del calcolatore.

336
“Sapienza” Università di Roma
Costruzioni Metalliche - a.a. 2008- 2009 Relazione di calcolo

cerniere_λ=50
Instabilità arco a 3 cerniere_λ
2.5
2
1.5
1
0.5
p_analitico
0
p

pe
-0.05 -0.5 0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25
p_sap
-1
-1.5
-2
-2.5
η

cedimento per l’arco a tre cerniere, λ=50


Figura B. 57 Curva carico-cedimento

Instabilità arco a 3 cerniere_


cerniere_λλ=75
2.5
2
1.5
1
0.5
p_Analitico
0
p

pe
-0.05 -0.5 0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25
p_Sap
-1
-1.5
-2
-2.5
η

cedimento per l’arco a tre cerniere, λ=75


Figura B. 58 Curva carico-cedimento

337
RELAZIONE DI CALCOLO

Prof. ing. Franco Bontempi


Dott. ing. F. Petrini Valentina de Cesare
Dott. ing. A. Rago Giovanni Sbaraglia
Dott. ing. L. Giuliani Agostino Silvestri
Controventi “a vista”

Fasce orizzontali di discontinuità


Particolare delle scale

Facciate in vetro

Risparmio energetico
CARATTERIZZAZIONE DELLA STRUTTURA

Sito: Roma Destinazione d’uso: Uffici


Quartiere: Alessandrino Classe d’uso: Terza (ambienti
suscettibili di affollamento)
LAT 41°52’ 25’’ N Vita Nominale: 50 anni
LONG 12°35’ 02’’ E Vita di Riferimento: 75 anni
Visione tridimensionale
Progetto architettonico e visioni tridimensionali

DESTINAZIONE D’USO: Uffici

DIMENSIONI GEOMETRICHE:
Dimensione lato maggiore A = 57 m
Dimensione lato minore B = 20 m
Altezza complessiva H = 66 m
N°piani = 20
Altezza interpiano h = 3,3 m
ORGANIZZAZIONE STRUTTURALE
Schema Statico: Struttura a ritti pendolari con colonne continue
COLONNE:
CONTROVENTI:

TRAVI:
SCALE:

FONDAZIONE: SOLAIO:
DIMENSIONAMENTO STRUTTURALE
1. Carico antropico

4. Vento
2. Carico da neve

3. Azione sismica(SLV; SLD)


DIMENSIONAMENTO DEL SOLAIO
DIMENSIONAMENTO “ a cascata” DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI
MODELLAZIONE DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI

ELEMENTI “SHELL”

Shell equivalenti poiché:

• Omogeneizzazione della sezione (E)


• Differente I nelle due direzioni del solaio reale

Iid = (Isoletta+ Ilamiera) = Ishell

t shell = ( 12 Iid / b)^1/3 = 8 cm

ELEMENTI “FRAME”
ELEMENTI “FRAME”

Release dei momenti (vincolo di


cerniera)

1. Vincoli di cerniera
DIVERSI MODELLI
2. Platea su pali
POSIZIONAMENTO DEI CONTROVENTI VERTICALI
Procedimento di ottimizzazione dei modi naturali di vibrare
Es.Telaio x=10m
Es.Telaio x=50m
Posizione dei controventi verticali

Posizione dei controventi di piano


VERIFICHE DI RESISTENZA
SLU: flessione e taglio SLU
AZIONI DI CALCOLO
SLE rara SLE freq SLEq_p
kN/m kN/m kN/m kN/m
Fd fase 1 2,496 1,920 1,920 1,920
Fd fase 2 4,386 5,680 4,18 3,58
ARMATURE LENTE
Armatura superiore
diametro φ 14 mm
n°ferri/m 14
As 0,0022 m2
fyk 450000 kPa
fyd 391304,35 kPa

Rete elettrosaldata
diametro φ 6 mm
maglia 20 x 20
As 0,00017 m2

SLE: Verifiche di deformabilità


TABLE: Modal Periods And Frequencies
OutputCase StepType StepNum Period Frequency
Text Text Unitless Sec Cyc/sec
MODAL Mode 1 0.33 3.07
MODAL Mode 2 0.24 4.09
MODAL Mode 3 0.22 4.57
MODAL Mode 4 0.21 4.66
MODAL Mode 5 0.20 4.93
MODAL Mode 6 0.20 5.11
MODAL Mode 7 0.19 5.21
MODAL Mode 8 0.19 5.36
MODAL Mode 9 0.19 5.40
MODAL Mode 10 0.18 5.49
MODAL Mode 11 0.18 5.63
MODAL Mode 12 0.18 5.69
PLATEA
v Verifica della capacità portante (Formula
trinomia di Terzaghi corretta)
v Verifca a scorrimento
v Verifica dei cedimenti differenziali

PLATEA + PALI
v Verifica della fondazione mista a
carichi verticali ( Metodo di Poulos
per det. l’interazione platea-pali)

v Verifica per i carichi orizzontali


confrontando la resistenza laterale
(Metodo di Broms) del palo con le
sollecitazioni ottenute mediante
modello di Winkler con molle
orizzontali sollecitato in testa.
MODELLAZIONE DELLE FONDAZIONI

• Molle verticali sotto • Bracci di rigidi di collegamento


la platea ed alla base dei pali delle linee d’assi

•Molle orizzontali lungo i pali •Nodi tutti collegati

•Vincoli: carrelli laterali e


cerniere alla base
“Solid”
“Cerniere”
“Molle alla Winkler”
PROGETTO DEI COLLEGAMENTI

Unione trave principale-trave secondaria

Unione trave -colonna


Unione colonna-controvento

Unione colonna-controvento di piano

Unione colonna-colonna non rastremata


Unione colonna-colonna rastremata
MODELLAZIONE DEI COLLEGAMENTI

Bracci rigidi non resistenti a


trazione
Link (Gap)
Release di M
eTz

Link (Gap)

Piastra saldata
PUSH-OVER

CONTROVENTI

LINK

PILASTRI

CONTROVENTI