Sei sulla pagina 1di 55

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA DIPARTIMENTO di INGEGNERIA CIVILE

Strutture Miste: Acciaio - Calcestruzzo

A. Recupero

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Introduzione
A stretto rigore andrebbero definite strutture miste in acciaiocalcestruzzo tutte quelle strutture nelle quali l'acciaio ed il calcestruzzo collaborano alla resistenza del complesso strutturale. Con il nome di strutture composte acciaio-calcestruzzo andrebbero indicate tutte quelle combinazioni strutturali costituite da parti metalliche e parti in calcestruzzo come, ad esempio: 1. Le travi metalliche a parete piena con solette in c.a.; 2. Le colonne in profilati metallici inglobati in getti di calcestruzzo armato; 3. I tubi metallici riempiti di calcestruzzo; 4. Lamiere grecate con getto collaborante in calcestruzzo.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Introduzione

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Introduzione
La letteratura tecnica e la prassi corrente riservano, invece, tale denominazione a quelle, tra esse, costituite da travi in acciaio a parete piena alle quali viene solidarizzata, con idonei dispositivi atti a resistere alle azioni di scorrimento, una soletta di calcestruzzo armato (normale, o precompresso), in modo che il sistema composto che cos ne risulta funzioni come un unico elemento resistente. La trattazione che segue, pertanto, tratter di strutture miste nel senso appena precisato.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Introduzione
La prima comparsa dei due materiali, acciaio e calcestruzzo, affiancati, si ebbe in alcune strutture da ponte agli inizi del secolo. In queste prime applicazioni pero essi costituivano due elementi strutturali distinti, destinati ad assolvere funzioni diverse: mentre, infatti, con l'acciaio si realizzavano le strutture portanti principali, con il calcestruzzo armato ai realizzava una soletta di impalcato che aveva solo il compito di trasferire alle prime i carichi su di essa viaggianti.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Storia
L'opportunit di sfruttare pi integralmente le risorse di resistenza delle parti strutturali in calcestruzzo, collegandolo a quelle in acciaio per costituire un'unica sezione resistente, apparve ben presto molto pi logica e conveniente. Le prime esperienze al riguardo misero immediatamente in evidenza che tale collaborazione (per lo meno sotto carichi di modesta entit) nasceva spontaneamente per la naturale aderenza tra acciaio e calcestruzzo favorita dalla presenza della testa dei chiodi (si lavorava allora soltanto in esecuzione chiodata) disposti sulle piattabande superiori. Il punto pi delicato del problema s rivel subito essere la messa a punto di sistemi di collegamento che assicurassero la perfetta solidariet fra le parti connesse anche sotto carichi di non modesta entit e che inoltre risultassero di esecuzione economicamente soddisfacente.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Storia
Per tale motivo le prime vere e proprie strutture miste furono realizzate annegando nel calcestruzzo profilati metallici: in tal modo si otteneva un rigido collegamento fra i diversi materiali, garantito dalle estese superfici di aderenza, con un sistema costruttivo molto semplice. Tale sistema ancora oggi permane in alcuni ponti ferroviari.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Storia
II sistema venne perfezionato, negli anni tra il 1930 ed il 1935, sopprimendo il calcestruzzo poco sollecitato e limitandolo quindi ad una soletta opportunamente collegata alle travi metalliche. Solo il superamento del problema di assicurare una perfetta solidariet tra le due componenti anche per valori elevati dei carichi, diede il via alle pratiche realizzazioni (ponte sullo Steinbach, 1935-36), succedutesi, numerosissime e sempre pi ardite, sulla scorta di studi teorici e processi tecnologici via via pi perfezionati.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Storia

Ponte sullo Steinbach, 1935-36

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Storia
Per tale ulteriore passo, con il quale il sistema costruttivo trova la sua definizione, si rivelarono determinanti gli studi teorici di Ros, Stssi, Kahn, Caughey e numerosi altri, oltre alle indagini sperimentali che in Europa ed oltre Atlantico confermavano la bont del sistema e la disponibilit di efficaci dispositivi di collegamento. Non va inoltre trascurata l'importanza che, agli effetti della diffusione del procedimento costruttivo, ebbero la prima normativa sull'argomento pubblicata dalla AASHO nel 1944 e le successive DIN sullo stesso tema. Con il ponte sullo Steinbach si chiudeva un primo stadio del processo evolutivo: quello che aveva portato, appunto, a definire il sistema.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Ponti
Tali realizzazioni allinizio hanno interessato inizialmente quasi esclusivamente il campo delle strutture da ponte, in cui ladozione del sistema composto acciaio-calcestruzzo risulta nettamente competitivo, rispetto al cemento armato precompresso: 1. Per luci superiori ai 50 m; 2. Quando la tortuosit dei tracciati stradali non consente il trasporto e quindi lutilizzo di travi prefabbricate in c.a.p. prefabbricate di grande luce.

Alcuni schemi di sezioni tipo per ponti a struttura composta acciaio-calcestruzzo.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Edifici Industriali
Oggi il sistema composto altres utilizzabile in edifici pubblici e privati in presenza di solai di grande luce ed in tutti i casi in cui si vogliono conseguire risultati di resistenza e leggerezza.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Tecnologia - Esempio 1

Soletta collaborante con lamiera grecata

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Tecnologia - Esempio 2

Un altro esempio di soletta collaborante pu essere realizzato con lastre tipo Predalle su cui viene poi gettato il cls.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Le travi composte
Le travi composte acciaio-calcestruzzo rappresentano la tipologia strutturale in cui pi frequente e, probabilmente, pi vantaggioso luso combinato dei due materiali. In tale tipologia strutturale la trave metallica, generalmente a doppio T con ali uguali o disuguali, viene solidarizzata con una sovrastante soletta in calcestruzzo mediante appositi organi metallici (connettori). La trave composta costituita da tre parti che richiedono differenti controlli statici: a) la trave metallica; b) la soletta in calcestruzzo; c) i connettori trave-soletta.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Problematiche
Occorre premettere allo studio statico della sezione la considerazione che sono possibili nelle travi diversi approcci costruttivi: a) costruzione delle solette con travi metalliche integralmente puntellate; b) costruzione delle solette con travi metalliche parzialmente puntellate; c) costruzione delle solette con travi metalliche non puntellate. In campo elastico, Stadio II Nel caso a) tutti i carichi vengono sostenuti dalla trave composta e quindi la soletta sempre collaborante, nei casi b) e c) parte delle azioni esterne sollecita esclusivamente la trave metallica.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Problematiche
Nei casi b) e c) le sollecitazioni sulla soletta derivano solo da parte dei carichi, mentre la trave metallica deve essere verificata sovrapponendo stati tensionali in cui la stessa trave reagisce da sola, peso proprio e peso della soletta, e stati tensionali dovuti ai carichi successivi e variabili. Anche la verifica dei connettori condizionata dalla stessa problematica in quanto questi sono sollecitati a taglio solo dai carichi che sollecitano anche la soletta. Nelle verifiche a collasso Il procedimento costruttivo seguito ha scarsa rilevanza in quanto la capacit portante ultima della trave dipende dalla resistenza ultima della sezione che a sua volta non dipende dallo stato tensionale elastico iniziale.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Problematiche
I problemi che le singole parti componenti introducono nella verifica sono molteplici. 1. La soletta ha un comportamento reologico i cui effetti sono esaltati dalla solidarizzazione con la parte metallica che invece indenne da tale fenomenologia nei livelli usuali di sollecitazione. 2. La instabilit locale delle parti metalliche rappresenta un ulteriore aspetto che influenza il dimensionamento di ali ed anime delle travi, specialmente su schemi a trave continua dove le zone sollecitate a momento negativo presentano piattabande ed anime fortemente compresse.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Problematiche
Lunione di due elementi, soletta e trave, costituiti da materiali di differenti propriet meccaniche, comporta linsorgere di particolari problemi sia sotto il profilo tecnologico sia sotto quello teorico: 1) problemi tecnologici riguardanti la realizzazione degli organi meccanici per la solidarizzazione tra trave e soletta, atti a resistere alle azioni di scorrimento e a garantire la piena solidariet tra le parti, fino alla rottura che, per il pieno sfruttamento dellazione composta, deve preferibilmente presentarsi sotto forma di collasso dellelemento nel suo insieme, e non come distacco e rottura di una delle due parti componenti; 2) problemi di calcolo, per la valutazione degli sforzi sotto carichi permanenti tenendo conto dei fenomeni di viscosit e ritiro, cui naturalmente soggetto il calcestruzzo.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Tecnologia

Vari tipi di connettori fra soletta e trave dacciaio

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico e plastico


Il calcolo delle tensioni flessionali in una struttura a sezione composta di acciaio e calcestruzzo, in campo elastico, si svolge sostanzialmente sulla base delle ipotesi fondamentali della teoria elastica del cemento armato. Dalla ipotesi di conservazione delle sezioni piane deriva la possibilit di ridurre la sezione composta a unaltra ideale, costituita tutta di acciaio, nella quale la parte di sezione in calcestruzzo viene omogeneizzata a quella in acciaio tramite un coefficiente n di omogeneizzazione mentre le tensioni relative al conglomerato dovranno dedursi da quelle ottenute per la sezione ridotta ad acciaio, ossia: = s La definizione del coefficiente di c n omogeneizzazione deve tener conto della durata e storia del carico che produce le Es n= tensioni. Ec

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico e plastico


Infatti mentre nel calcestruzzo armato si adotta un coefficiente di omogeneizzazione (n = 15) che tiene forfetariamente conto di una presenza di carichi permanenti e variabili di simile entit, nelle travi composte si tiene generalmente distinto leffetto dei carichi permanenti da quello dei carichi variabili, potendo essere assai diverso il loro rapporto in casi diversi. Di conseguenza per carichi variabili, non capaci di produrre effetti viscosi, il coefficiente di omogeneizzazione no assume il valore base:

Es n0 = Ec

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico e plastico


Per quanto riguarda il rapporto n0 fra i moduli elastici, si devono fare le seguenti considerazioni: - il modulo elastico dellacciaio praticamente costante Es = 206000 N/mm2. - il modulo elastico del calcestruzzo, secondo le norme, funzione della resistenza caratteristica. Secondo lEurocodice 2:
8

Ecm = 9500( f ck + 8)(1/ 3) N / mm 2


n0

7 6 5 4 3 2 1 0 20 25 30 35 40 fck 45 50 55 60

Mediamente si pu assumere n0 = 6

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico


Per la valutazione degli effetti tensionali dei carichi permanenti sulla trave composta, (carichi applicati alla trave dopo che la parte in calcestruzzo ha raggiunto la piena collaborazione con la trave metallica) occorre tener conto della viscosit. A tale scopo si usano in genere i cosiddetti metodi algebrizzati per evitare la soluzione di complesse equazioni integro-differenziali derivanti dallessere le deformazioni totali (elastiche pi viscose) funzioni delle tensioni applicate, mentre queste ultime in solette solidarizzate a parti metalliche, sono a loro volta funzione delle deformazioni. Tra i metodi algebrizzati il pi frequentemente adottato il metodo EM (Effective Modulus) ovvero del modulo efficace.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico


Secondo tale metodo le deformazioni nel calcestruzzo sono valutate con un modulo elastico ridotto [Et=Ec/(1+)] che coerente con la teoria classica della viscosit nella ipotesi di tensione costante nel calcestruzzo ma sovrastima leggermente gli effetti viscosi nel caso in cui, come succede in genere nelle travi composte, le tensioni si riducono nel tempo. In ogni caso con tale assunzione il coefficiente di omogeneizzazione si definisce: E nt = s (1 + (t , t0 ) ) Ec essendo (t,t0) il coefficiente di viscosit pari al rapporto tra la deformazione viscosa intervenuta nellintervallo temporale (t, t0) e la deformazione elastica corrispondente, immaginata costante nel tempo e pari a quella finale.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico


Nel metodo EM gli effetti tensionali del ritiro vengono poi valutati separatamente e sommati ai rimanenti dovuti ai carichi permanenti e variabili, adottando un coefficiente di omogeneizzazione intermedio tra i due visti in precedenza (n0 ed nt). La ragione di tale assunto nel fatto che il ritiro, producendo tensioni variabili e crescenti nel tempo produce minori effetti viscosi per effetto del fenomeno dellinvecchiamento del calcestruzzo:

Es nr = (1 + 0.5 (t , t0 ) ) Ec
La giustificazione numerica della relazione precedente si pu ottenere attraverso metodi pi accurati.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico


Lo studio delle sezioni deve essere eseguito con diverse metodologie in rapporto alle finalit della analisi. In presenza di azioni di servizio il comportamento della struttura sostanzialmente elastico salvo la fessurazione delle solette nelle zone sottoposte a momento negativo. In presenza di carichi ultimi il comportamento pu essere frequentemente elastoplastico ed i metodi di analisi assunti nelle normative assumono in questo caso legami costitutivi rigido-plastici con diagrammi di tensione a blocchi.

Tali analisi sono per condizionate dalla capacit dei profili metallici di deformarsi plasticamente senza raggiungere la instabilit delle parti compresse. E pertanto necessario controllare la snellezza delle parti compresse dei profili metallici libere di instabilizzarsi.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico


Calcolo elastico a flessione
La verifica della sezione in presenza di carico di servizio si esegue ordinariamente adottando le seguenti ipotesi: perfetta aderenza tra trave metallica e soletta in calcestruzzo (assenza di distacco e di scorrimenti); comportamento lineare compressione; La dellacciaio e del calcestruzzo in

non resistenza a trazione del calcestruzzo teso. prima ipotesi richiede un efficace dimensionamento dei connettori per impedire sia lo scorrimento tra trave e soletta sia il distacco della seconda.

Linsieme delle precedenti ipotesi consente di utilizzare anche nelle travi composte lipotesi di conservazione delle sezioni piane.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico


Calcolo elastico a flessione
Con riferimento al tipo di sezione indicato nella Fig. 7.4, per procedere alla scrittura delle relazioni analitiche necessarie alla verifica delle sezioni composte, si distinguono tre casi: soletta integralmente compressa; soletta parzialmente compressa; soletta integralmente tesa nelle zone di momento negativo. bc s Ac As Aa

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico


Calcolo elastico a flessione
Nel caso di sezione tutta tesa o tutta compressa la sezione reagente nota a priori. La determinazione dellasse neutro, baricentrico della sezione reagente, si esegue con gli ordinari metodi della geometria delle masse omogeneizzando la parte di sezione in calcestruzzo rispetto allacciaio. Nel seguito si indicano con il pedice a, s, c, le aree e le distanze dal bordo superiore rispettivamente del profilato metallico, della armatura metallica longitudinale della soletta ed infine della soletta di calcestruzzo.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico


Calcolo elastico a flessione (non parzializzata)
In queste condizioni, la distanza dellasse neutro dal bordo superiore ed il momento di inerzia valgono:

yn =

n ( Aa yGa + As ys ) + Ac yGc n ( Aa + As ) + Ac

1 2 2 2 I n = I a + Aa ( yn yGa ) + As ( yn ys ) + I c + Ac ( yn yGc ) n
ys yGa yGc

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico


Calcolo elastico a flessione (non parzializzata)
In queste condizioni, la distanza dellasse neutro dal bordo superiore ed il momento di inerzia valgono:

yn =

n ( Aa yGa + As ys ) + Ac yGc n ( Aa + As ) + Ac

1 2 2 2 I n = I a + Aa ( yn yGa ) + As ( yn ys ) + I c + Ac ( yn yGc ) n
Essendo: Ac Aa As Ia Ic larea della soletta di calcestruzzo larea della trave metallica larea dellarmatura longitudinale il momento di inerzia della trave metallica rispetto al proprio baricentro il momento dinerzia baricentrica della soletta di calcestruzzo.

Nelle espressioni precedenti, ponendo pari a zero le quantit relative al calcestruzzo, si ottengono le grandezze meccaniche relative al caso di trave composta con soletta tutta tesa, ovvero, non reagente.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico


Calcolo elastico a flessione (parzializzata)
Nel caso di soletta parzializzata (soletta parzialmente compressa), la posizione del baricentro meccanico si ottiene imponendo che il momento statico della sezione reagente composta dalla trave metallica, dalla armatura della soletta e dalla parte compressa della soletta stessa, sia pari a zero; tale condizione, con i simboli bc introdotti, si scrive:
2 bc yn + As ( yn ys ) Aa ( yGa yn ) = 0 2n

yn yGa

hs

he

La soluzione si scrive:

hi

n ( Aa + As ) 2 bc ( yGa Aa + ys As ) yn = 1 + 1 + 2 bc n ( Aa + As )

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico


Calcolo elastico a flessione (parzializzata)
Il calcolo delle tensioni si effettua con la formula di Navier per la flessione, omogeneizzando le tensioni del solo calcestruzzo. Le tensioni rilevanti sono quella estrema della soletta (c), dellarmatura (s), degli estremi dintradosso (a,i) e destradosso (a,e) della trave metallica. Tali tensioni si scrivono:

c =

M yn n I nn

a ,e = a ,i

M ( yn he ) I nn

bc

yn yGa

hs

M s = ( yn y s ) I nn
dove:

M = ( yn hi ) I nn

he

hi
3 bc yn + 3 n

I nn = I a + Aa ( yn yGa ) + As ( yn ys )
2

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo elastico e plastico


Analisi plastica della sezione
La verifica della sezione allo s.l.u. si pu eseguire con il metodo plastico per profili di classe 1 e 2 mentre per profili di classe 3 e 4 si pu eseguire solo con il metodo elastico. Pi in dettaglio, per i profili di classe 3 si considerano reagenti tutte le parti del profilo che, per effetto del tipo di verifica, si trovano in campo elastico, mentre in presenza di profili di classe 4 occorre considerare una sezione reagente con aree convenzionalmente ridotte rispetto a quelle geometriche per tener conto della instabilit locale.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo plastico


I materiali
Per i materiali si potrebbero utilizzare i legami costitutivi gi noti e proposti dall EC2, ma sia per tradizione che per motivi di praticit nellapplicazioni si utilizzano modelli a blocchi delle tensioni (stress block) conservando lipotesi, gi adottata nella analisi elastica, della conservazione delle sezioni piane, legata essenzialmente alla assenza di scorrimenti tra trave e soletta.

fyd E

yd

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo plastico


Analisi plastica della sezione
Le resistenze di progetto di riferimento sono: fcd* per il calcestruzzo; fad fsd con: per lacciaio del profilato metallico; per larmatura della soletta.
* f cd = 0.85 f cd = 0.85

f ck

0.85 f ck 1.5

f ad = f sd

f ak

a
f sk

f ak = 1.05

f sk = = s 1.15

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo plastico


Analisi plastica della sezione
Nel caso in cui si consideri la connessione trave metallica - soletta di tipo rigido, le ipotesi adottate per il calcolo della resistenza ultima della sezione mista sono le seguenti: - Legame costitutivo dellacciaio rigido - perfettamente plastico sia a compressione che a trazione; - Legame costitutivo del calcestruzzo rigido perfettamente plastico a compressione e assente a trazione in quanto non resistente. Per momenti flettenti positivi, in funzione della posizione dellasse neutro, sono possibili due casi: 1) lasse neutro taglia la soletta di calcestruzzo; 2) lasse neutro taglia la trave metallica.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo plastico


Analisi plastica della sezione
La posizione dellasse neutro viene determinata imponendo il soddisfacimento dellequilibrio alla traslazione tra tensioni nella sezione ed azione assiale che, per sezioni inflesse, si traduce nello stabilire luguaglianza in valore assoluto tra risultante degli sforzi di trazione e di compressione.

Il miglior sfruttamento dei materiali a momento positivo si ottiene allorch lasse neutro si colloca sulla linea di separazione tra soletta e profilo metallico. In tal caso si ottiene:
* Aa f ad = Ac f cd + As f sd

Quasi mai questa condizione pu essere raggiunta e occorre calcolare la posizione dellasse neutro che soddisfa la consizione di eguaglianza tra risultante di trazione e di compressione.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo plastico


Analisi plastica della sezione (Caso I momento positivo)
Indicando con Rc la risultante degli sforzi di compressione della soletta, Rs la risultante delle armature compresse e con Ra la risultante degli sforzi di trazione, si pu scrivere lespressione dellasse neutro:
bc fcd*

yn ya

hs

he

Rs fsd Rc

hi
Ra fad

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo plastico


Analisi plastica della sezione (Caso I momento positivo)
Indicando con Rc la risultante degli sforzi di compressione della soletta, Rs la risultante delle armature compresse e con Ra la risultante degli sforzi di trazione, si pu scrivere lespressione dellasse neutro:

Aa f ad As f sd yn = * f cd bc
Quindi il momento ultimo della sezione si pu scrivere: M pl , Rd = Ra yGa
2 yn yn * Rs ys Rc = Aa yGa f ad As ys f sd f cd bc 2 2

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo plastico


Analisi plastica della sezione (Caso II momento positivo)
Indicando con Rc la risultante degli sforzi di compressione della soletta, Rs la risultante delle armature compresse e con Ra la risultante degli sforzi di trazione, si pu scrivere lespressione dellasse neutro:
bc fcd*

yac yat

hs h e

Rs fsd Rc Rac

yn

hi

Rat fad

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo plastico


Analisi plastica della sezione (Caso II momento positivo)
Indicando con Rc la risultante degli sforzi di compressione della soletta, Rs la risultante delle armature compresse e con Rac la risultante degli sforzi di compressione della trave metallica e con Rat la risultante degli sforzi di trazione, si pu scrivere:

Rc + Rs + Rac = Rat

Quindi il momento ultimo della sezione si pu scrivere:

M pl , Rd = Rat yat Rac yac Rs ys Rc

he 2

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo plastico


Analisi plastica della sezione ( momento negativo)
Indicando con Rc la risultante degli sforzi di compressione della soletta, Rs la risultante delle armature compresse e con Ra la risultante degli sforzi di trazione, si pu scrivere lespressione dellasse neutro:
bc

yat yac

hs h e

fsd

Rs

yn
Rat

hi

Rac fad

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche sezionali in campo plastico


Analisi plastica della sezione (momento negativo)
Indicando con Rs la risultante delle armature tese e con Rat la risultante degli sforzi di trazione della trave metallica e con Rac la risultante degli sforzi di compressione, si pu scrivere:

Rs + Rat = Rac

Quindi il momento ultimo della sezione si pu scrivere:

M pl , Rd = Rat yat + Rs ys Rac yac

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche a taglio
Per la verifica a taglio con il metodo plastico deve essere prima determinato il taglio resistente allo s.l.u in assenza di flessione.

V pl , Rd =

Av f yd 3

dove Av larea dellanima della trave nei profilati a doppio T compreso i raccordi circolari, incrementata di una porzione dala adiacente ai raccordi e di spessore pari alla met dello spessore dellala.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Verifiche a taglio
Se il taglio sollecitante inferiore al 50% di VRd, allora la verifica soddisfatta e non vi influenza sulla verifica flessionale. Se VEd maggiore del 50 % di VRd si deve considerare una resistenza ridotta a flessione. Interazione Taglio-Momento

Mf,Rd calcolato trascurando il contributo dellanima

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Tipologie di connettori
Esistono in commercio una notevole quantit di brevetti per sistemi di connessione per travi composte acciaio cls:

acciaio-Pioli Nelson: sono i pi usati anche perch sono facilmente installabili e non richiedono saldatori specializzati. Hanno inoltre la testa ringrossata per evitare il sollevamento della soletta rispetto al profilo dacciaio. E una connessione di tipo duttile.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Tipologie di connettori
Pioli Nelson

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Tipologie di connettori
Connettori ad attrito

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Tipologie di connettori
Connettori a pressione

Evitano il sollevamento

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Tipologie di connettori
Connettori a blocco: uncini e cappi

(si usano in presenza di solette piene)

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Tipologie di connettori
Connettori rigidi e poco duttili
Nellipotesi di connettori rigidi e poco duttili la forza su ogni connettore si valuta con la formula di Jourawsky:

Se si utilizzassero connettori uguali, per sfruttare la meglio la loro resistenza sarebbe necessario disporli a passo non costante.

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Tipologie di connettori
Connettori duttili
I connettori potranno essere posati a passo costante (se sufficientemente duttili come sono in genere i pioli Nelson) o seguendo meglio il diagramma del taglio, in modo che ciascun connettore resista alla forza di scorrimento agente sul suo interasse:

Ing. A Recupero - Strutture Metalliche Strutture Miste

Tipologie di connettori
CALCOLO DELLA RESISTENZA DEI CONNETTORI EC4,NCT