Sei sulla pagina 1di 51

Prodotti prefabbricati di calcestruzzo

N O RMA Elementi da ponte UNI EN 15050


E U R OP E A

SETTEMBRE 2007

Versione bilingue
Precast concrete products del marzo 2010
Bridge elements

La norma riguarda gli elementi strutturali prefabbricati di


calcestruzzo, armato e precompresso, realizzati in fabbrica e
destinati ad essere utilizzati nella costruzione di ponti stradali,
ferroviari e pedonali.

TESTO INGLESE E ITALIANO

La presente norma è la versione ufficiale in lingua inglese e italiana


della norma europea EN 15050 (edizione maggio 2007).

ICS 91.100.30; 93.040

UNI © UNI
Ente Nazionale Italiano Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
di Unificazione può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza
Via Sannio, 2 il consenso scritto dell’UNI.
20137 Milano, Italia www.uni.com

UNI EN 15050:2007 Pagina I


EUROPEAN STANDARD EN 15050
NORME EUROPÉENNE
EUROPÄISCHE NORM May 2007

ICS 91.100.30; 93.040

English version

Precast concrete products - Bridge elements

Produits préfabriqués en béton - Eléments de ponts Betonfertigteile - Fertigteile für Brücken

This European Standard was approved by CEN on 28 February 2007.

CEN members are bound to comply with the CEN/CENELEC Internal Regulations which stipulate the conditions for giving
this European Standard the status of a national standard without any alteration. Up-to-date lists and bibliographical references
concerning such national standards may be obtained on application to the CEN Management Centre or to any CEN member.

This European Standard exists in three official versions (English, French, German). A version in any other language made by
translation under the responsibility of a CEN member into its own language and notified to the CEN Management Centre has
the same status as the official versions.

CEN members are the national standards bodies of Austria, Belgium, Bulgaria, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Estonia,
Finland, France, Germany, Greece, Hungary, Iceland, Ireland, Italy, Latvia, Lithuania, Luxembourg, Malta, Netherlands, Norway,
Poland, Portugal, Romania, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland and United Kingdom.

EUROPEAN COMMITTEE FOR STANDARDIZATION


COMITÉ EUROPÉEN DE NORMALISATION
EUROPÄISCHES KOMITEE FÜR NORMUNG

Management Centre: rue de Stassart, 36 B-1050 Brussels

© 2007 CEN All rights of exploitation in any form and by any means reserved worldwide Ref. No. EN 15050:2007: E
for CEN national Members.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina III


INDICE

PREMESSA 2

INTRODUZIONE 4

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 4

2 RIFERIMENTI NORMATIVI 4

3 TERMINI E DEFINIZIONI 6

4 REQUISITI 6
4.1 Requisiti dei materiali.............................................................................................................................. 6
4.2 Requisiti di produzione........................................................................................................................... 8
4.2.1 Generalità ........................................................................................................................................................ 8
4.2.3.2 Applicazione della precompressione...................................................................................................... 8
4.3 Requisiti del prodotto finito .................................................................................................................. 8
4.3.1 Proprietà geometriche ................................................................................................................................. 8
prospetto 1 Scostamenti ammessi ................................................................................................................................. 8
figura 1 Dimensioni base e scostamenti ............................................................................................................ 10
4.3.2 Caratteristiche della superficie .............................................................................................................. 12
4.3.3 Resistenza meccanica ............................................................................................................................. 12
4.3.4 Resistenza e reazione al fuoco ............................................................................................................. 14
4.3.5 Proprietà acustiche ................................................................................................................................... 14
4.3.6 Proprietà termiche ..................................................................................................................................... 14
4.3.7 Durabilità....................................................................................................................................................... 14
4.3.8 Altri requisiti ................................................................................................................................................. 14

5 METODI DI PROVA 14
5.1 Prove sul calcestruzzo ........................................................................................................................ 14
5.2 Misurazione delle dimensioni e caratteristiche della superficie .................................... 16
5.2.1 Generalità ..................................................................................................................................................... 16
5.2.2 Travi ............................................................................................................................................................... 16
5.2.3 Altri elementi ................................................................................................................................................ 16
5.3 Peso dei prodotti .................................................................................................................................... 16

6 VALUTAZIONE DI CONFORMITÀ 18

7 MARCATURA ED ETICHETTATURA 18

8 DOCUMENTAZIONE TECNICA 18

APPENDICE A TIPOLOGIA 20
(informativa)
A.1 Scopo e campo di applicazione ..................................................................................................... 20
A.2 Impalcati con travi prefabbricate come elementi strutturali principali ........................ 20
figura A.1 Alcuni esempi di travi prefabbricate e relativo calcestruzzo gettato in opera........................ 20
figura A.2 Travi prefabbricate con soletta gettata in opera .............................................................................. 22
figura A.3 Travi a cassone singolo (A.3a) o multiplo (A.3b) ............................................................................ 22
figura A.4 Travi a conci, soletta gettata in opera ................................................................................................. 24
figura A.5 Travi prefabbricate, soletta gettata in opera ..................................................................................... 24
figura A.6 Travi prefabbricate riempite ................................................................................................................... 26
figura A.7 Elementi prefabbricati a cassone senza soletta gettata in opera .............................................. 26
A.3 Lastre piene .............................................................................................................................................. 26
figura A.8 Lastra piena ................................................................................................................................................. 28

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina V


A.4 Impalcati a conci ..................................................................................................................................... 28
figura A.9 Concio prefabbricato ................................................................................................................................ 28
A.5 Archi o volte prefabbricati .................................................................................................................. 30
figura A.10 Esempio di struttura ad arco di calcestruzzo prefabbricato......................................................... 30

APPENDICE B IMPALCATI FORMATI DA TRAVI E LASTRE 32


(informativa)
B.1 Scopo e campo di applicazione ..................................................................................................... 32
B.2 Dimensioni della zona di appoggio .............................................................................................. 32
B.3 Trasferimento della precompressione ........................................................................................ 32
B.4 Ancoraggio dell'armatura principale in corrispondenza degli appoggi ...................... 32
figura B.1 Dimensioni nella zona di appoggio ...................................................................................................... 34
figura B.2 Dimensioni nella zona di appoggio nel caso di semi giunti ......................................................... 36
B.5 Variazione delle condizioni di vincolo dopo l'applicazione dei carichi ....................... 38
B.6 Estremità oblique ................................................................................................................................... 38
B.7 Organizzazione dell'impalcato ........................................................................................................ 38
figura B.3 Rettifica locale dell'angolo acuto .......................................................................................................... 40

APPENDICE C UTILIZZO DI LASTRE NEI PONTI 42


(informativa)
C.1 Generalità................................................................................................................................................... 42
C.2 Armatura di collegamento ................................................................................................................. 42
C.3 Collegamento alle travi ....................................................................................................................... 42
C.4 Collegamento tra lastre prefabbricate adiacenti ................................................................... 42
figura C.1 Organizzazione delle lastre prefabbricate sulle travi ..................................................................... 44
figura C.2 Esempio di giunto tra lastre prefabbricate collaboranti con travi ............................................... 44
figura C.3 Larghezza netta del giunto, wj ............................................................................................................... 44
figura C.4 Lastre prefabbricate posate in pendenza .......................................................................................... 44

APPENDICE D CONTINUITÀ DEGLI IMPALCATI DEI PONTI 46


(informativa)
D.1 Scopo e campo di applicazione ..................................................................................................... 46
D.2 Continuità degli impalcati dei ponti ............................................................................................... 46
D.3 Momenti negativi in corrispondenza degli appoggi ............................................................. 46
D.4 Momenti positivi a lungo termine in corrispondenza degli appoggi ............................ 46
figura D.1 Dettagli di continuità di tipo 1 - Traverso di testata integrale largo gettato in opera ........... 48
figura D.2 Dettagli di continuità di tipo 2 - Traverso di testata integrale stretto gettato in opera......... 48
figura D.3 Dettagli di continuità di tipo 3 - Traverso di testata integrale gettato in due fasi .................. 50
figura D.4 Dettagli di continuità di tipo 4 - Solette separate continue ........................................................... 50
figura D.5 Dettagli di continuità di tipo 5 - Soletta di impalcato con tiranti .................................................. 52
figura D.6 Dettagli di continuità di tipo 6 ................................................................................................................. 52

APPENDICE E TRAVI RIEMPITE 54


(informativa)
E.1 Generalità................................................................................................................................................... 54
E.2 Travi riempite con getto in opera sottile..................................................................................... 54
E.3 Travi riempite con getto in opera spesso .................................................................................. 54

APPENDICE F TRAVI PREFABBRICATE SENZA GETTO IN OPERA SUPERIORE 56


(informativa)
F.1 Scopo e campo di applicazione ..................................................................................................... 56
F.2 Precompressione trasversale mediante post-tensionamento ....................................... 56
F.3 Giunti armati ............................................................................................................................................. 56
figura F.1 Giunti armati ................................................................................................................................................ 56

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina VII


APPENDICE G IMPALCATI PREFABBRICATI A CONCI 58
(informativa)
G.1 Generalità................................................................................................................................................... 58
G.1.1 Descrizione .................................................................................................................................................. 58
G.1.2 Giunti .............................................................................................................................................................. 58
G.1.3 Chiavi ............................................................................................................................................................. 58
figura G.1 Chiave............................................................................................................................................................ 58
G.1.4 Post-tensionamento .................................................................................................................................. 60
G.2 Progettazione ........................................................................................................................................... 60
G.2.1 Fase di montaggio ..................................................................................................................................... 60
G.2.2 Situazione finale ......................................................................................................................................... 60
G.2.3 Controllo dei giunti ..................................................................................................................................... 60
G.2.4 Flessione trasversale locale ................................................................................................................... 62
G.2.5 Regioni di discontinuità ............................................................................................................................ 62
G.3 Produzione ................................................................................................................................................ 62
G.4 Assemblaggio della costruzione .................................................................................................... 62
G.4.1 Posizionamento dei conci ....................................................................................................................... 62
G.4.2 Sigillatura dei conci ................................................................................................................................... 62
G.4.3 Post-tensionamento .................................................................................................................................. 64
G.4.4 Concio di chiusura ..................................................................................................................................... 64
figura G.2 Metodo di sigillatura dei condotti .......................................................................................................... 64

APPENDICE H CONDIZIONI AMBIENTALI PER ELEMENTI DA PONTE 68


(informativa)

APPENDICE J ISPEZIONE DEL PRODOTTO FINITO 70


(normativa)

APPENDICE Y SCELTA DEL METODO DI MARCATURA CE 72


(informativa)
Y.1 Generalità................................................................................................................................................... 72
Y.2 Metodo 1 ..................................................................................................................................................... 72
Y.3 Metodo 2 ..................................................................................................................................................... 72
Y.4 Metodo 3 ..................................................................................................................................................... 72

APPENDICE ZA PUNTI DELLA PRESENTE NORMA EUROPEA RIGUARDANTI LE


(informativa) DISPOSIZIONI DELLA DIRETTIVA UE RELATIVA AI PRODOTTI DA
COSTRUZIONE 74
ZA.1 Scopo e campo di applicazione e caratteristiche pertinenti............................................ 74
prospetto ZA.1 Punti pertinenti per gli elementi da ponte prefabbricati ................................................................. 76
ZA.2 Procedura per l'attestazione di conformità degli elementi da ponte prefabbricati
di calcestruzzo ........................................................................................................................................ 76
ZA.2.1 Sistema di attestazione di conformità ................................................................................................. 76
prospetto ZA.2 Sistema di attestazione di conformità ................................................................................................. 76
prospetto ZA.3 Assegnazione dei compiti di valutazione di conformità per gli elementi da ponte prefabbricati
di calcestruzzo sottoposti al sistema 2+ ............................................................................................ 78
ZA.2.2 Certificato CE e dichiarazione di conformità..................................................................................... 78
ZA.3 Marcatura CE ed etichettatura ........................................................................................................ 80
ZA.3.1 Generalità ..................................................................................................................................................... 80
figura ZA.1 Esempio di etichetta semplificata ......................................................................................................... 82
ZA.3.2 Dichiarazione dei dati geometrici e delle proprietà dei materiali ............................................... 82
figura ZA.2 Esempio di marcatura CE con il Metodo 1 per elementi da ponte ............................................ 84
ZA.3.3 Dichiarazione delle proprietà del prodotto ......................................................................................... 84
figura ZA.3 Esempio di marcatura CE con il Metodo 2 per elementi da ponte ............................................ 86
ZA.3.4 Dichiarazione di conformità a una determinata specifica di progetto....................................... 88
figura ZA.4 Esempio di marcatura CE con il Metodo 3 per elementi da ponte ............................................ 90

BIBLIOGRAFIA 92

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina IX


PREMESSA
Il presente documento (EN 15050:2007) è stato elaborato dal Comitato Tecnico CEN/TC 229
"Prodotti prefabbricati di calcestruzzo", la cui segreteria è affidata all'AFNOR ed è stato
esaminato ed approvato da un gruppo di lavoro comune nominato dal Gruppo di collegamento
CEN/TC 229 - CEN/TC 250 in particolare per la sua compatibilità con gli Eurocodici Strutturali.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o
mediante pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro
novembre 2007, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro febbraio 2009.
Il presente documento è stato elaborato nell'ambito di un mandato conferito al CEN dalla
Commissione Europea e dall'Associazione Europea di Libero Scambio ed è di supporto ai
requisiti essenziali della(e) Direttiva(e) dell'UE.
Per quanto riguarda il rapporto con la(e) Direttiva(e) UE, si rimanda all'appendice
informativa ZA che costituisce parte integrante del presente documento.
Il presente documento fa parte di una serie di norme di prodotto per prodotti prefabbricati
di calcestruzzo.
Per gli aspetti comuni si fa riferimento alla EN 13369 "Common rules for precast
products", dalla quale sono presi anche i requisiti pertinenti della EN 206-1 "Concrete -
Part 1: Specification, performance, production and conformity".
I riferimenti alla EN 13369 per le norme di prodotto del CEN/TC 229 sono destinati a
renderle omogenee e ad evitare le ripetizioni ai requisiti simili.
Gli Eurocodici sono presi come riferimento comune per gli aspetti di progettazione.
L'installazione di alcuni prototti strutturali prefabbricati di calcestruzzo è trattata dalla
ENV 13670-1 "Execution of concrete structures - Part 1: Common rules" che al momento ha
lo stato di norma sperimentale europea. In tutti i Paesi essa può essere accompagnata da
varianti per l'applicazione nazionale e non deve essere considerata come Norma Europea.
Il programma delle norme destinate ai prodotti strutturali prefabbricati dal calcestruzzo
comprende le norme seguenti, in alcuni casi composte da più parti:
EN 1168 Precast concrete products - Hollow core slabs
EN 12794 Precast concrete products - Fundation piles
EN 12843 Precast concrete products - Masts and poles
EN 13224 Precast concrete products - Ribbed floor elements
EN 13225 Precast concrete products - Linear structural elements
EN 13693 Precast concrete products - Special roof elements
EN 13747 Precast concrete products - Floor plates for floor systems
EN 13978 Precast concrete products - Precast concrete garages
EN 14843 Precast concrete products - Stairs
EN 14844 Precast concrete products - Box culverts
EN 14991 Precast concrete products - Fundation elements
EN 14992 Precast concrete products - Wall elements
EN 15050 Precast concrete products - Bridge elements
prEN 15037 Precast concrete products - Beam-and-block floor systems
prEN 15258 Precast concrete products - Retaining wall elements
La presente norma europea definisce nell'appendice ZA i metodi di applicazione della
marcatura CE ai prodotti progettati utilizzando gli Eurocodici EN pertinenti (EN 1992-1-1 e
EN 1992-1-2). Dove non sono soddisfatte le condizioni di applicabilità degli Eurocodici
EN alle opere di destinazione sono utlizzate Disposizioni di progettazione diverse dagli
Eurocodici EN, per la resistenza meccanica e/o la resistenza al fuoco le condizioni per
l'applicazione della marcatura CE al prodotto sono descritte nel punto ZA.3.4.
In conformità alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei
seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio,
Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda,
Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia,
Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna,
Svezia, Svizzera e Ungheria.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 2


INTRODUZIONE
La valutazione di conformità fornita nella presente norma europea riguarda gli elementi
prefabbricati finiti di calcestruzzo per ponti immessi sul mercato e tratta tutte le operazioni
di produzione effettuate in fabbrica.
Per le regole di progettazione e la resistenza al fuoco, fare riferimento alla EN 1992-1-1 e
alla EN 1992-1-2. Ulteriori regole complementari sono fornite ove necessario.
La presente norma europea contiene nei punti 4.3.3 e 4.3.4 disposizioni particolari
derivanti dall'applicazione delle EN 1992-1-1, EN 1998-1, EN 1992-1-2 ed EN 1992-2,
adattate al prodotto in questione. L'utilizzo di tali disposizioni è coerente con la
progettazione di opere eseguita secondo le EN 1992-1-1, EN 1992-1-2 ed EN 1992-2.

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE


La presente norma europea si applica agli elementi strutturali prefabbricati di calcestruzzo
prodotti in fabbrica e utilizzati nella costruzione di ponti, per esempio elementi di impalcati,
spalle, elementi per pile e archi prefabbricati.
Sono considerati elementi di calcestruzzo di peso normale, sia armati sia precompressi; i
quali possono essere utilizzati per ponti stradali, ponti ferroviari e ponti pedonali.
Gli elementi per impalcati includono sia i singoli elementi che possono comporre
l'impalcato (travi, solette, elementi nervati o cellulari) sia elementi che consistono di un
segmento dell'intero impalcato.
Gli elementi per le spalle sono elementi prefabbricati in grado di resistere alle azioni verticali e
orizzontali applicate dall'impalcato e la pressione della terra dovuta al materiale di riempimento.
Gli elementi per le pile possono consistere di un segmento della pila o, in caso di altezze
ridotte, dell'intera pila.
Alcuni esempi degli elementi trattati sono illustrati nell'appendice A.
Sono considerati anche gli aspetti di durabilità.
La presente norma europea fa riferimento a elementi prefabbricati prodotti in fabbrica o
vicino al cantiere in un luogo protetto da condizioni meteorologiche avverse. Si assume
che, se gli elementi non sono prodotti in fabbrica, le condizioni di produzione assicurino lo
stesso livello di controllo qualità della fabbrica. Si assume che il luogo di produzione sia
protetto da pioggia, sole e vento.
Alcuni degli elementi sono trattati anche in altre norme europee (per esempio travi,
solette). La presente norma europea tratta aspetti specifici relativi all'utilizzo di questi
elementi nella costruzione di ponti.
Pali di fondazione, barriere, respingenti, ripari e elementi scatolari non rientrano nello
scopo e campo di applicazione della presente norma europea.

2 RIFERIMENTI NORMATIVI
I documenti richiamati di seguito sono indispensabili per l'applicazione del presente
documento. Per quanto riguarda i riferimenti datati, si applica esclusivamente l'edizione
citata. Per i riferimenti non datati, vale l'ultima edizione del documento a cui si fa
riferimento (compresi gli aggiornamenti).
EN 206-1 Concrete - Part 1: Specification, performance, production and
conformity
EN 1992-1-1:2004 Eurocode 2: Design of concrete structures - Part 1-1: General
rules and rules for buildings
EN 1992-1-2 Eurocode 2: Design of concrete structures - Part 1-2: General
rules - Structural fire design
EN 1992-2:2005 Eurocode 2 - Design of concrete structures - Concrete bridges -
Design and detailing rules
EN 13369:2004 Common rules for precast concrete products

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 4


3 TERMINI E DEFINIZIONI
Ai fini del presente documento si applicano i termini e le definizioni delle
EN 1992-1-1:2004 ed EN 13369:2004 e i seguenti.

3.1 ponte: Opere di ingegneria civile destinate principalmente al trasporto di carichi connessi
con le comunicazioni sopra un ostacolo naturale o una linea di comunicazione.
Nota Sono inclusi tutti i tipi di ponti, particolarmente i ponti stradali, i ponti pedonali, i ponti ferroviari ecc.

3.2 spalla: Supporto di estremità di un ponte.


Nota Quando pertinente si dovrebbero distinguere le spalle rigide da quelle flessibili.

3.3 pila: Supporto intermedio di un ponte, situato sotto l'impalcato.

3.4 dispositivo di appoggio: Dispositivo strutturale situato tra l'impalcato e una spalla o una
pila del ponte e che trasmette i carichi dall'impalcato alla spalla o alla pila.

3.5 precompressione: Effetto permanente dovuto a forze controllate e/o deformazioni


controllate imposte su una struttura.
Nota Quando pertinente si devono distinguere i vari tipi di precompressione (per esempio pre-tensionamento,
post-tensionamento mediante cavi, precompressione mediante deformazione imposta agli appoggi).

3.6 altezza libera di passaggio: Altezza libera disponibile per il traffico.

3.7 ponte continuo: Ponte con superficie dell'impalcato continua attraverso campate
intermedie adiacenti, con o senza continuità strutturale.

3.8 lastra prefabbricata: Lastra di calcestruzzo armata o precompressa utilizzata come cassaforma
permanente per calcestruzzo gettato in opera con il quale in genere collabora strutturalmente
a formare una lastra composta quando il calcestruzzo gettato in opera si è indurito.

3.9 ponte integrale: Ponte senza giunti di espansione né tra campate intermedie adiacenti né
tra campate di estremità e spalle.

3.10 diaframma: Irrigidimento trasversale dell'impalcato (prefabbricato o gettato in opera).

3.11 traverso di testata: Trave trasversale in corrispondenza di un appoggio intermedio o di


estremità dell'impalcato.

3.12 momento d'insellamento: Momento flettente che induce tensione nelle fibre inferiori
(momento positivo).

3.13 momento d'inarcamento: Momento flettente che induce tensione nelle fibre superiori
(momento negativo).

3.14 angolo di obliquità: Angolo tra il traverso di testata e una linea perpendicolare all'asse
longitudinale del ponte.

4 REQUISITI

4.1 Requisiti dei materiali


Si deve applicare il punto 4.1 della EN 13369:2004.
Per le barre e i fili indentati fare riferimento alla EN 10080.
Nel caso in cui l'asse dell'acciaio precompresso sia deviato, i deflettori non devono incidere
l'acciaio precompresso né causare vuoti importanti nell'elemento di calcestruzzo. La
resistenza dell'acciaio precompresso deviato non deve essere minore del 95% di quello
diritto.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 6


4.2 Requisiti di produzione

4.2.1 Generalità
La produzione di elementi prefabbricati per ponti deve essere conforme ai requisiti del
punto 4.2 della EN 13369:2004, e al punto complementare seguente. Per gli elementi da
ponte possono essere forniti valori diversi da quelli indicati nel punto 4.9.1.3 della
EN 13369:2004, seguendo i requisiti della loro destinazione come indicato nella
documentazione di progetto.

4.2.3.2 Applicazione della precompressione

4.2.3.2.1 Generalità
Se il trasferimento della precompressione ancorata mediante aderenza
(pre-tensionamento) non è graduale, lo scorrimento, che è l'accorciamento del cavo dopo
il trasferimento della forza di precompressione, deve essere verificato secondo
l'appendice J.
I valori misurati devono essere in conformità ai valori limite indicati nel punto 4.2.3.2.4
della EN 13369:2004.
Lo scorrimento misurato non deve essere utilizzato per determinare la lunghezza di
trasmissione.
Il controllo non si applica ai trefoli non aderenti.

4.2.3.3 Protezione delle estremità dei trefoli non aderenti


Quando le estremità dei trefoli non aderenti sono protette, si dovrebbe utilizzare un
materiale tenero in modo che quando la trave continua a deformarsi per viscosità, il tratto
di trefolo non aderente che non si accorcia con la trave non distrugga la protezione
dell'estremità. Questa copertura tenera (per esempio un cordone di schiuma) dovrebbe
essere utilizzata anche quando il trefolo deve essere gettato nel diaframma.

4.3 Requisiti del prodotto finito

4.3.1 Proprietà geometriche

4.3.1.1 Tolleranze di produzione


Per le dimensioni geometriche devono essere considerati gli scostamenti ammessi nel
punto 4.3.1.1 della EN 13369:2004.
Per le travi e le travi a cassone si applicano le indicazioni complementari del prospetto 1.
Gli scostamenti ammessi indicati nel prospetto 1 sono i valori limite della differenza tra valori
effettivi (misurati come descritto nel punto 5) e valori teorici riportati nei disegni di progetto;
lo scostamento ammesso di qualsiasi dimensione non deve essere minore di 5 mm.
prospetto 1 Scostamenti ammessi (vedere figura 1)

Dimensione Scostamento ammesso


Obliquità verticale (v 1, vedere figura 1b) ±0,015 h
Obliquità orizzontale (v 2, vedere figura 1c) 0,02 b o ±0,02 a (valore pertinente)
Verticalità (g, vedere figura 1d) ±0,015 h
Deviazione laterale (con riferimento all'asse teorico) ±L/500
Monta o freccia (con riferimento al valore dichiarato valutato tenendo conto ±50% del valore dichiarato o L/800
dell'età e della storia di carico dell'elemento) (il valore maggiore)

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 8


figura 1 Dimensioni base e scostamenti
Figura 1a

Figura 1b

Figura 1c

Figura 1d

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 10


4.3.1.2 Scostamenti ammessi per inserti e fori
Gli scostamenti ammessi per le posizioni di inserti e fori (e di dettagli di minore importanza
non influenti per il comportamento strutturale) devono essere specificati nei disegni del
fabbricante.
In assenza di specifiche diverse, per ogni singolo inserto o foro si deve assumere uno
scostamento ammesso di r30 mm. Per la posizione reciproca all'interno di un gruppo, si
deve assumere scostamento ammesso di r5 mm.

4.3.1.3 Dimensioni minime


Le dimensioni minime degli elementi strutturali sono definite mediante calcoli strutturali,
mediante le indicazioni dei valori di ricoprimento richiesti dalle EN 1992-1-1, EN 1992-2 e
dalla presente norma europea.
Nota Dimensioni maggiori possono essere indicate dal cliente o da regole nazionali tenendo conto del clima e
dell'ambiente.

4.3.2 Caratteristiche della superficie


L'aspetto esterno di ogni elemento prefabbricato deve essere ispezionato al momento
della rimozione della cassaforma al fine di rilevare difetti visibili come vuoti, difetti
superficiali, fessurazioni ecc. facendo riferimento al punto J.4 della EN 13369:2004.
I difetti di importanza limitata possono essere trattati dopo il trasferimento della
precompressione, utilizzando di preferenza una malta in calcestruzzo non soggetta a
ritiro, dopo una pulizia superficiale dell'area difettosa.
Non si deve tenere conto delle fessure perpendicolari o quasi perpendicolari alla
direzione di precompressione, rilevate prima del trasferimento e con una larghezza non
maggiore di 0,2 mm.
Le rientranze con una profondità maggiore di 8 mm (5 mm per le superfici esterne di travi di
bordo o le superfici superiori delle ali inferiori) dovrebbero essere riempite utilizzando una
malta appropriata con una resistenza non minore di quella del calcestruzzo dell'elemento
prefabbricato. Tuttavia la presenza di rientranze con una profondità maggiore di 15 mm può
essere il sintomo di una cattiva compattazione del calcestruzzo. In questo caso, e se
consentito dal cliente, si possono effettuare riparazioni solo dopo una valutazione tecnica
del problema e della sua gravità.
L'aspetto degli elementi è considerato accettabile se non sono presenti nidi di ghiaia,
spigoli rotti o un numero eccessivo di vuoti superficiali; le fessure dovrebbero essere
valutate caso per caso.
I metodi di ispezione delle caratteristiche della superficie unitamente alle procedure di
riparazione sono chiaramente definiti all'interno del sistema di qualità e includono tutti i
requisiti relativi alle specifiche particolari (o dell'acquirente).
Per una descrizione approfondita di un sistema di controllo di produzione in fabbrica
all'interno di un sistema di qualità, fare riferimento al punto 6 della EN 13369:2004.

4.3.3 Resistenza meccanica


4.3.3.1 Generalità
Si deve applicare il punto 4.3.3 della EN 13369:2004 con i punti complementari seguenti.

4.3.3.2 Armatura mimina a taglio


Negli impalcati dei ponti si devono utilizzare solo elementi conformi all'armatura minima a
taglio nelle anime e nelle ali secondo punto 9.2.2 della EN 1992-2:2005, con l'unica
eccezione delle lastre piene e delle travi piene riempite con o senza strato superiore
gettato in opera oppure su una specifica progettazione del cliente ammessa in
applicazioni particolari o con fattori dinamici ridotti (ponti pedonali e per veicoli leggeri).

4.3.3.3 Giunti strutturali che trasmettono il taglio longitudinale


Per definire le caratteristiche degli elementi, i giunti strutturali che trasmettono il taglio
longitudinale tra calcestruzzo precompresso e gettato in opera devono soddisfare il punto
6.2.5 della EN 1992-1-1:2004 e i requisiti aggiuntivi seguenti.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 12


Per la trasmissione del taglio non si devono considerare interfacce del tipo "molto liscio"
secondo il punto 6.2.5 (2) della EN 1992-1-1:2004.
Per giunti tra superfici di calcestruzzo gettate in due stadi, la classificazione della
superficie si applica a quella su cui è gettato il calcestruzzo durante il secondo stadio.
La resistenza a taglio di progetto per unità di superficie di progetto è data dall'equazione
6.25 della EN 1992-1-1:2004, la sollecitazione di taglio è calcolata in conformità al punto
6.2.5 della EN 1992-1-1:2004 e al punto 6.2.5 della EN 1992-2:2005 in cui:
- le aree della superficie di contatto in cui la larghezza di contatto è minore di 20 mm
o minore del diametro massimo degli aggregati o in cui la profondità minima del getto
in opera è minore di 30 mm non devono essere considerate;
- sotto un carico ripetuto, per la verifica della fatica si applica il punto 6.2.5 (105) della
EN 1992-2:2005.
Negli elementi in cui il ritiro differenziale è importante, si dovrebbe tenere conto delle
sollecitazioni di taglio indotte. Gli spigoli liberi senza armatura o con solo piccole quantità
di armatura meritano un'attenzione particolare.
Quando il calcestruzzo in opera è completamente racchiuso nell'elemento prefabbricato, per
esempio come nella figura A.1f, e la sollecitazione in corrispondenza dell'interfaccia è minore
di (0,5 c u fctd), l'armatura minima attraverso l'interfaccia non è richiesta. Si deve provvedere
ad un'armatura minima per il taglio verticale e il taglio nelle ali degli elementi prefabbricati.

4.3.4 Resistenza e reazione al fuoco


Quando la verifica della resistenza al fuoco è richiesta o è appropriata a causa di
situazioni particolari, si devono applicare le procedure espresse nel punto 4.3.4 della
EN 13369:2004.

4.3.5 Proprietà acustiche


Solitamente non pertinenti per gli elementi prefabbricati da ponte.
Se pertinenti, si deve applicare il punto 4.3.5 della EN 13369:2004.

4.3.6 Proprietà termiche


Solitamente non pertinenti per gli elementi prefabbricati da ponte.
Se pertinenti, si deve applicare il punto 4.3.6 della EN 13369:2004.

4.3.7 Durabilità
Si deve applicare il punto 4.3.7 della EN 13369:2004.
Una guida alle condizioni ambientali è fornita nell'appendice H.
Il ricoprimento minimo di calcestruzzo deve essere aumentato di un valore ('c) per
tolleranze che, per gli elementi prefabbricati, si possono assumere nell'intervallo
5 d 'c d 10 mm in funzione della manodopera e del controllo qualità di riferimento.

4.3.8 Altri requisiti


Si deve applicare il punto 4.3.8 della EN 13369:2004.
Se gli elementi prefabbricati sono stoccati prima del tensionamento e dell'iniezione, si
deve dedicare una cura particolare per evitare la corrosione dei cavi e la penetrazione di
acqua all'interno dei manicotti.

5 METODI DI PROVA

5.1 Prove sul calcestruzzo


Le prove sul calcestruzzo sono effettuate seguendo le procedure indicate nella
EN 13369. Per argomenti non trattati nella EN 13369, si deve applicare la EN 206-1.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 14


5.2 Misurazione delle dimensioni e caratteristiche della superficie

5.2.1 Generalità
Quando è richiesta la misurazione delle dimensioni, deve essere effettuata seguendo le
procedure indicate nella EN 13369.
Il fabbricante dovrebbe effettuare le misurazioni ad un tempo di riferimento dopo il getto e
registrare questo tempo.
Le misurazioni devono essere effettuate da persone qualificate; durante le misurazioni gli
elementi sono preferibilmente vincolati come nella struttura; se ciò non è possibile si deve
tenere conto degli effetti della configurazione di vincolo.

5.2.2 Travi
Vedere figura 1.
Lunghezza (L) Se non diversamente specificato, misurare la lunghezza a
metà altezza della trave e su entrambi i lati. Entrambe le misure
devono essere conformi allo scostamento ammesso.
Altezza (h ) L'altezza misurata in qualsiasi sezione deve essere conforme
allo scostamento ammesso.
Larghezza (a, b, e ) I valori misurati in qualsiasi sezione trasversale devono essere
conformi allo scostamento ammesso.
Profondità dell'ala (m, s ) I valori misurati in qualsiasi sezione trasversale devono essere
conformi allo scostamento ammesso.
Obliquità verticale Misurare v1, secondo la figura 1b, a entrambe le estremità della
trave e su entrambi i lati. Ogni singola misura deve essere
conforme allo scostamento ammesso.
Obliquità orizzontale Misurare v2, secondo la figura 1c, a entrambe le estremità della
trave. Ogni singola misura deve essere conforme allo
scostamento ammesso.
Verticalità Collocare la trave su appoggi orizzontali. La verticalità misurata
in qualsiasi sezione trasversale deve essere conforme allo
scostamento ammesso (g, vedere figura 1d).
Deviazione laterale Collocare la trave su appoggi orizzontali. Considerare le linee
rette che congiungono l'asse degli appoggi sulla superficie
superiore sul fondo della trave e misurare lo scostamento
massimo rispetto ad esse delle linee corrispondenti
nell'elemento prefabbricato (ovviamente per travi progettate
curve, gli scostamenti sono riferiti alla linea dell'asse teorico).
Entrambe le misure devono essere conformi allo scostamento
ammesso. L'elemento deve essere protetto dalla luce solare
diretta per evitare l'inflessione dovuta al calore.
Monta o freccia Collocare la trave su appoggi orizzontali. Misurare la distanza
massima dell'intradosso della trave da una linea retta che
congiunge gli assi degli appoggi. (Ovviamente, se l'intradosso
di progetto della trave è curvo, la distanza è determinata dalla
posizione teorica dell'intradosso della trave).
Per dimensioni non menzionate e caratteristiche delle superfici, si applica l'appendice J
della EN 13369:2004.

5.2.3 Altri elementi


Per elementi diversi dalle travi si applica l'appendice J della EN 13369:2004.

5.3 Peso dei prodotti


Si deve applicare il punto 5.3 della EN 13369:2004.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 16


6 VALUTAZIONE DI CONFORMITÀ
Si devono applicare il punto 6 e gli schemi di ispezione dell'appendice D della
EN 13369:2004. Nel prospetto D.4 "Ispezione del prodotto finito", la voce 2 "Ispezione
finale" deve includere almeno i controlli dell'appendice J della presente norma europea.

7 MARCATURA ED ETICHETTATURA
Si deve applicare il punto 7 della EN 13369:2004.

8 DOCUMENTAZIONE TECNICA
Per un ponte realizzato con elementi prefabbricati, la documentazione tecnica include la
documentazione dell'appendice M della EN 13369:2004.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 18


APPENDICE A TIPOLOGIA
(informativa)

A.1 Scopo e campo di applicazione


Alcuni esempi degli elementi trattati nella presente norma europea sono presenti nella
presente appendice che non è esaustiva.
Nella costruzione dei ponti si possono utilizzare altri tipi di elementi prefabbricati.

A.2 Impalcati con travi prefabbricate come elementi strutturali principali


Alcuni tipi di travi prefabbricate utilizzate nei ponti sono disegnati nella figura A.1:
- travi rettangolari (figura A.1a);
- travi a I o a doppia T (figura A.1b);
- travi a TT (figura A.1c);
- travi a T con (figura A.1d) o senza allargamento della base;
- travi a T rovescio (figura A.1e ed f);
- travi ad U e a V (figure A.1g e h).
figura A.1 Alcuni esempi di travi prefabbricate e relativo calcestruzzo gettato in opera
Gettato in opera

Elemento prefabbricato

Ne risultano i sottotipi di impalcati seguenti:


a) travi prefabbricate, completate da una soletta gettata in opera (figura A.2);
b) una o più travi a U, completate da una soletta gettata in opera (figura A.3);
c) travi a conci, completate da una soletta gettata in opera (figura A.4);
d) travi a T prefabbricate, completate da una soletta gettata in opera (figura A.5);
e) travi prefabbricate riempite (figura A.6);
f) elementi scatolati prefabbricati senza getto in opera superiore (figura A.7).
Nei tipi da a) a c) sottili lastre prefabbricate sono frequentemente utilizzate come
cassaforma permanente per la soletta di calcestruzzo gettata in opera (vedere punto B.6).

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 20


figura A.2 Travi prefabbricate con soletta gettata in opera
Legenda
1 Soletta gettata in opera
2 Lastra prefabbricata (o cassaforma)
Gettato in opera

Elemento prefabbricato

figura A.3 Travi a cassone singolo (A.3a) o multiplo (A.3b)


Legenda
1 Soletta gettata in opera
2 Trave prefabbricata
Figura A.3a

Figura A.3b

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 22


figura A.4 Travi a conci, soletta gettata in opera
Legenda
1 Collegamenti
2 Soletta gettata in opera
3 Trave prefabbricata
Gettato in opera

Elemento prefabbricato

Figura A.4a

Figura A.4b

figura A.5 Travi prefabbricate, soletta gettata in opera


Gettato in opera

Elemento prefabbricato

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 24


figura A.6 Travi prefabbricate riempite
Legenda
1 Armatura trasversale
2 Elementi prefabbricati
Figura A.6a

Figura A.6b

figura A.7 Elementi prefabbricati a cassone senza soletta gettata in opera

A.3 Lastre piene


Impalcati formati da lastre prefabbricate lungo l'intera campata, con chiavi a taglio
longitudinali, completati da una soletta gettata in opera (figura A.8) o da lastre
prefabbricate sottoposte a post-tensionamento trasversale. Le lastre piene sono
solitamente utilizzate per campate brevi.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 26


figura A.8 Lastra piena
Legenda
a) Vista laterale
b) Sezione trasversale
1 Lastra prefabbricata
2 Calcestruzzo gettato in opera
Gettato in opera

Elemento prefabbricato

A.4 Impalcati a conci


Impalcati formati da un certo numero di brevi conci prefabbricati aventi una larghezza
solitamente uguale alla larghezza totale dell'impalcato, collegati insieme mediante giunti
trasversali perpendicolari alla campata (figura A.9).
figura A.9 Concio prefabbricato
Gettato in opera

Elemento prefabbricato

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 28


A.5 Archi o volte prefabbricati
figura A.10 Esempio di struttura ad arco di calcestruzzo prefabbricato
Legenda
1 Muro d'ala
2 Muro a collare prefabbricato
3 Elementi ad arco di calcestruzzo prefabbricato
4 Basamento continuo a sviluppo longitudinale di calcestruzzo gettato in opera
Gettato in opera

Elemento prefabbricato

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 30


APPENDICE B IMPALCATI FORMATI DA TRAVI E LASTRE
(informativa)

B.1 Scopo e campo di applicazione


La presente appendice tratta gli impalcati aventi travi prefabbricate come elementi
resistenti principali, cioè i tipi descritti in A.1 a), b), c) e d).

B.2 Dimensioni della zona di appoggio


Le dimensioni minime suggerite per la zona di appoggio delle travi prefabbricate sono
illustrate nella figura B.1 (appoggi per l'intera altezza) e nella figura B.2 (semi giunti).
Tali dimensioni sono da intendersi come specifiche di progetto e non come tolleranze di
accettazione.
Gli scostamenti dai valori suddetti richiedono particolari disposizioni relative ai particolari
costruttivi per garantire la sicurezza rispetto al distacco locale del calcestruzzo.
I semi giunti (figura B.2) possono causare problemi di durabilità e manutenzione a causa
delle difficoltà di ispezione e di sostituzione degli appoggi e dovrebbero essere evitati per
quanto possibile.
Nel caso di travi da installare con un gradiente longitudinale maggiore del 3%, si dovrebbe
realizzare una cavità nel lato inferiore della trave per assicurare una superficie orizzontale
in corrispondenza dell'appoggio. Nella zona della cavità si dovrebbe comunque garantire
il ricoprimento di calcestruzzo minimo.

B.3 Trasferimento della precompressione


Si dovrebbero applicare il punto 8.10.2 e il punto 8.10.3 della EN 1992-1-1:2004 e il punto
8.10 della EN 1992-2:2005.
Quando i cavi da precompressione sono collocati esternamente al piano verticale delle
anime, si dovrebbe effettuare un controllo del trasferimento orizzontale. Ciò è
particolarmente importante nel caso di elementi molto larghi come travi a cassone e ad U.

B.4 Ancoraggio dell'armatura principale in corrispondenza degli appoggi


All'estremità delle travi si dovrebbe assicurare una lunghezza di appoggio sufficiente per
verificare che la biella tesa principale di tensionamento possa resistere alla forza
orizzontale derivante dal meccanismo di taglio.
Quando il trasferimento della precompressione è assicurata mediante aderenza (travi
pre-tensionate), la parte di precompressione effettivamente ancorata può essere valutata
secondo il punto 8.10.2.2 e il punto 8.10.2.3 della EN 1992-1-1:2004. L'efficienza dei cavi
collocati ad una distanza dal bordo dell'anima maggiore dello spessore dell'ala dovrebbe
essere verificata caso per caso.
Se la forza generata dalla precompressione è insufficiente, si dovrebbe aggiungere
acciaio di armatura adeguatamente ancorato.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 32


figura B.1 Dimensioni nella zona di appoggio
Dimensioni in millimetri

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 34


figura B.2 Dimensioni nella zona di appoggio nel caso di semi giunti
Legenda
1 Forma alternativa della trave
Dimensioni in millimetri

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 36


B.5 Variazione delle condizioni di vincolo dopo l'applicazione dei carichi
Una modifica nelle condizioni di vincolo, mediante l'introduzione di vincoli aggiuntivi dopo
l'applicazione di alcuni carichi permanenti o della precompressione, può produrre una
variazione significativa delle sollecitazioni iniziali e della reazione al vincolo dovuta a
deformazioni viscose differite. Ciò dovrebbe essere valutato utilizzando modelli teorici
adeguati o mediante calcoli "passo passo".
Un caso tipico è un ponte, costituito da due o più campate di travi prefabbricate
precompresse, reso continuo incorporando le estremità delle travi in un diaframma in
opera o in un traverso di testata in corrispondenza degli appoggi.

B.6 Estremità oblique


L'obliquità alle estremità delle travi prefabbricate può causare problemi in corrispondenza
dell'angolo acuto dove la formazione di fessure può provocare il distacco quando la trave
si inarca al trasferimento della precompressione. Sebbene questo fenomeno non sia
strutturalmente significativo, ciò è indesiderabile e può essere evitato smussando l'angolo
per ottenere un'estremità ad angolo retto (figura B.3)
In presenza di un diaframma gettato in opera, in genere non è necessario sagomare le
estremità delle travi con la stessa obliquità del ponte in quanto è sufficiente gettare il
diaframma e la soletta dell'impalcato con l'obliquità corretta. Per valori ridotti dell'obliquità
(fino a 20°) le estremità delle travi possono essere ad angolo retto. Per obliquità maggiori
in genere è necessario inclinare le estremità delle travi al fine di limitare l'aumento nello
spessore del diaframma: tuttavia due o tre casseforme con angolazioni differenti possono
essere sufficienti per coprire tutti i valori pratici di obliquità.
Nelle travi con le estremità oblique, l'armatura trasversale dovrebbe solitamente essere
ortogonale all'asse della trave. Solo l'armatura nella zona di estremità della trave
dovrebbe essere obliqua.
Nel caso di angoli di obliquità considerevoli (più di 20°) e dell'utilizzo della
precompressione trasversale, le superfici di contatto dovrebbero essere indentate.

B.7 Organizzazione dell'impalcato


Nella progettazione dell'impalcato e nella costruzione si deve tenere conto dell'effettivo
spessore dell'impalcato risultante dalle differenze nelle controfrecce delle travi.
Se si deve tenere conto della collisione di un veicolo contro il lato o l'intradosso
dell'impalcato, possono essere utili le misure seguenti:
- disporre le travi in modo che i giunti tra l'intradosso delle travi possano essere
riempiti con malta;
- prevedere nella struttura dell'impalcato diversi diaframmi che resistano alle forze
orizzontali;
- prevedere a vincoli laterali delle travi in corrispondenza degli appoggi.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 38


figura B.3 Rettifica locale dell'angolo acuto
Legenda
a) Vista
b) Pianta
1 Diaframma
2 Soletta dell'impalcato
3 Trave
4 Foro nell'anima all'estremità della trave, per il rinforzo per l'armatura del diaframma
5 Estremità ad angolo retto della trave

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 40


APPENDICE C UTILIZZO DI LASTRE NEI PONTI
(informativa)

C.1 Generalità
La presente appendice tratta l'utilizzo di lastre prefabbricate di calcestruzzo come componenti
degli impalcati di ponti progettati in conformità alla EN 1992-2 la cui struttura principale può
essere realizzata con travi di calcestruzzo armato o precompresso o travi di acciaio.
Le lastre prefabbricate possono essere:
- utilizzate come cassaforma ordinaria o come elementi agenti collaboranti con il
calcestruzzo gettato in opera in una lastra composta resistente in una o due direzioni;
- installate con o senza appoggi temporanei intermedi.
Lo spessore in qualsiasi punto delle lastre prefabbricate utilizzate nei ponti non dovrebbe
essere minore di 60 mm.
La superficie superiore delle lastre prefabbricate utilizzate nei ponti dovrebbe sempre
essere scalza o indentata.

C.2 Armatura di collegamento


L'armatura di collegamento tra la lastra prefabbricata e il calcestruzzo gettato in opera dovrebbe
essere determinata mediante calcolo; l'armatura di collegamento dovrebbe essere provvista di
una sezione minima uguale a 3,00 cm2/m2 sulla faccia superiore della lastra prefabbricata per
garantire il collegamento tra le lastre prefabbricate e la soletta gettata in opera.
La distanza massima tra gli assi dei tralicci o dell'armatura di collegamento non dovrebbe
essere maggiore di 3 volte lo spessore della soletta totale o di 600 mm, qualsiasi sia il
minore. È necessario prevedere la posizione del traliccio rispetto all'armatura trasversale
delle travi per evitare qualsiasi interferenza.
Nota Il presente punto non si applica alle lastre prefabbricate utilizzate come cassaforma semplice.

C.3 Collegamento alle travi


Si dovrebbe evitare la continuità della parte di calcestruzzo delle lastre prefabbricate sulle
travi dell'impalcato (vedere figura C.1).
La larghezza delle lastre prefabbricate dovrebbe essere compatibile con la controfreccia
delle travi principali per assicurare un appoggio reale e piano.
Nel caso di pendenza trasversale, si dovrebbe provvedere ad appoggi o altri cuscinetti di
appoggio per evitare il caricamento dell'angolo o il gocciolamento della malta liquida
(vedere figura C.4); si dovrebbe provvedere anche ad un vincolo contro la perdita di
appoggio dovuta allo scivolamento delle lastre prefabbricate.
Nella verifica del taglio longitudinale tra le travi, la lastra composta, la larghezza netta del
giunto wj si dovrebbe assumere senza considerare la lunghezza dell'appoggio della lastra
prefabbricata sulla trave (vedere figura C.3).
Se in fase di montaggio la lunghezza effettiva dell'appoggio della lastra prefabbricata è minore di
40 mm, si dovrebbe provvedere ad un appoggio temporaneo vicino all'estremità della lastra.
Quando le estremità dell'acciaio precompresso delle lastre prefabbricate non sono
inglobate nel calcestruzzo gettato in opera, esse dovrebbero essere protette.

C.4 Collegamento tra lastre prefabbricate adiacenti


Quando le lastre prefabbricate agiscono unitamente alle travi nella resistenza
longitudinale del ponte, la continuità meccanica dell'armatura della lastra prefabbricata
dovrebbe essere assicurata attraverso il giunto, come illustrato per esempio in figura C.2.
Il giunto dovrebbe assicurare una copertura adeguata contro la corrosione per l'armatura
inferiore trasversale collocata sulle lastre.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 42


figura C.1 Organizzazione delle lastre prefabbricate sulle travi
Figura C.1a - Sezione trasversale

Figura C.1b - Pianta

figura C.2 Esempio di giunto tra lastre prefabbricate collaboranti con travi

figura C.3 Larghezza netta del giunto, w j


Dimensioni in millimetri

figura C.4 Lastre prefabbricate posate in pendenza


Legenda
1 Malta

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 44


APPENDICE D CONTINUITÀ DEGLI IMPALCATI DEI PONTI
(informativa)

D.1 Scopo e campo di applicazione


La presente appendice tratta i metodi per eliminare i giunti tra le campate (impalcati
continui) e tra l'impalcato e le spalle (ponti integrali).

D.2 Continuità degli impalcati dei ponti


Si utilizzano numerosi metodi per eliminare i giunti negli impalcati continui che
incorporano travi da ponte precompresse di calcestruzzo. Alcuni tipi sono illustrati nelle
figure da D.1 a D.6; sono possibili anche altri tipi.
I tipi 1 e 2 realizzano la piena continuità delle travi. Inoltre si può ridurre o eliminare
l'utilizzo di costosi appoggi per ponti.
Il tipo 3 realizza la piena continuità delle travi con le pile.
I tipi 4, 5 e 6 realizzano solo la continuità della soletta e la trave è progettata come
semplicemente appoggiata.
(Questi sono definiti come producenti una continuità parziale, poiché solo la lastra
dell'impalcato è continua.)

D.3 Momenti negativi in corrispondenza degli appoggi


Se la continuità in corrispondenza degli appoggi è ottenuta per mezzo di un'armatura
ordinaria, l'intera area di appoggio dovrebbe essere considerata, per i momenti negativi,
come calcestruzzo armato. I momenti negativi dovuti a carichi applicati dopo aver
ottenuto la continuità ed eventualmente quelli indotti da effetti di ridistribuzione dovuti alla
viscosità dovrebbero essere calcolati sulla base della rigidezza con fessurazione.

D.4 Momenti positivi a lungo termine in corrispondenza degli appoggi


A causa del vincolo posticipato tra campate contigue, anche in assenza di un carico
variabile, si verifica un momento flettente nel collegamento, positivo se la
precompressione prevale sul carico permanente, negativo nel caso opposto. Il momento
flettente posticipato può essere valutato per mezzo di idonei metodi di analisi degli effetti
della viscosità.
Per prevenire la rottura fragile in corrispondenza dell'appoggio, vedere punto 6.1 della
EN 1992-2:2005.
Tuttavia, a causa delle incertezze in fase di progettazione relative alle proprietà di
deformazione del calcestruzzo e ai tempi precisi della sequenza di costruzione, gli effetti
reali della viscosità e del ritiro nella struttura potrebbero differire significativamente da
quelli calcolati. Nel caso del momento positivo, in alternativa è ammesso ignorare gli
effetti di ridistribuzione dovuti alla viscosità e ritiro allo SLS provvedendo ad una armatura
di continuità inferiore in corrispondenza degli appoggi intermedi, adatta a controllare la
fessurazione secondo il punto 7.3.2 della EN 1992-2:2005.
Per gli impalcati obliqui la presente procedura semplificata si applica nella limitazione
degli intervalli come segue:
a) obliquità d20° qualsiasi rapporto di forma;
b) obliquità !20° d40° con rapporti di forma non minori di 1.
Il rapporto di forma è definito come il rapporto della campata obliqua rispetto alla
larghezza dell'impalcato.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 46


figura D.1 Dettagli di continuità di tipo 1 - Traverso di testata integrale largo gettato in opera
Legenda
1 Traverso di testata in opera 5 L'intradosso del traverso di testata può essere in
2 Inglobamento della trave linea con l'intradosso della trave
3 Armatura di continuità superiore 6 Trave prefabbricata del ponte
4 Armatura di continuità inferiore 7 Soletta in opera con armatura di continuità

Caratteristiche tipiche:
1. Le travi sono posate su appoggi temporanei in genere fuori dalle fondazioni delle pile.
2. Gli appoggi permanenti sono su una sola linea.
3. È disposta un'armatura di continuità nella soletta, alla sommità e sul fondo delle travi del
ponte.
4. La sovrapposizione dell'armatura solitamente non è difficile.
5. Si dovrebbe assicurare in modo adeguato il collegamento delle travi al traverso di testata.

figura D.2 Dettagli di continuità di tipo 2 - Traverso di testata integrale stretto gettato in opera
Legenda
1 Traverso di testata in opera 4 Armatura traversale attraverso le anime delle travi
2 Inglobamento della trave 5 Trave prefabbricata del ponte
3 Armatura di continuità inferiore 6 Soletta in opera con armatura di continuità

Caratteristiche tipiche:
1. Appoggi temporanei non sono richiesti.
2. Gli appoggi permanenti possono essere su una o su due file.
3. È fornita un'armatura di continuità nella soletta e sul fondo delle travi del ponte.
4. La sovrapposizione dell'armatura inferiore e il controllo delle fessure sono difficili.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 48


figura D.3 Dettagli di continuità di tipo 3 - Traverso di testata integrale gettato in due fasi
Legenda
1 Traverso di testata in opera 5 Armatura traversale attraverso le anime delle travi
2 Inglobamento della trave 6 Traverso di testata in opera fase 1
3 Armatura sporgente dal traverso 7 Letto di malta di resistenza adeguata
di testata in opera fase 1 8 Trave prefabbricata del ponte
4 Armatura di continuità inferiore 9 Soletta in opera con armatura di continuità

Caratteristiche tipiche:
1. Le travi sono sostenute dal traverso di testata fase 1 durante il montaggio.
2. Traverso di testata monolitico con pila.
3. L'intradosso del traverso di testata è solitamente più basso dell'intradosso della trave.
4. L'armatura è simile ai tipi 1 e 2 in funzione della sezione trasversale del traverso di testata in
opera fase 1.

figura D.4 Dettagli di continuità di tipo 4 - Solette separate continue


Legenda
1 Soletta separata dalle travi 3 Trave prefabbricata del ponte
2 Riempimento (filler) deformabile 4 Soletta in opera con armatura di continuità
tra soletta e trave

Caratteristiche tipiche:
1. Per ogni campata sono disposti appoggi e diaframmi separati.
2. La soletta dell'impalcato è separata dalle travi di appoggio per un breve tratto per assicurare
la flessibilità a rotazione.
3. Non c'è armatura di continuità tra le estremità delle trave e non c'è continuità del momento
tra le campate.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 50


figura D.5 Dettagli di continuità di tipo 5 - Soletta di impalcato con tiranti
Legenda
1 Inglobamento della trave 6 Riempimento (filler) deformabile dei giunti
2 Diaframmi di estremità in opera 7 Armatura traversale attraverso le anime delle travi
3 Sigillatura del giunto 8 Trave prefabbricata del ponte
4 Manicotto antiaderenza 9 Soletta gettata in opera
5 Tirante di armatura nell'acciaio
inossidabile (vedere 1 sotto)

Caratteristiche tipiche:
1. Il tirante di armatura a metà profondità della lastra è reso non aderente per un breve tratto su
entrambi i lati del giunto per consentire la rotazione dell'impalcato. Non c'è continuità del
momento tra le campate. L'elemento antiaderenza dovrebbe agire come barriera all'umidità
e dovrebbe essere continuo per la sua intera lunghezza e attraverso la sigillatura del giunto.
2. Le solette tra le campate sono separate utilizzando un riempimento deformabile (filler) del
giunto ma l'impermeabilizzazione e il rivestimento dell'impalcato sono continui e sono fornite
sigillature particolari sul giunto per una doppia protezione.
3. Per ogni campata sono forniti appoggi separati e diaframmi di estremità.

figura D.6 Dettagli di continuità di tipo 6


Legenda
1 Materiale deformabile
Dimensioni in millimetri

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 52


APPENDICE E TRAVI RIEMPITE
(informativa)

E.1 Generalità
La presente appendice tratta gli impalcati formati utilizzando elementi prefabbricati posati
in contiguità e riempiti con calcestruzzo gettato in opera. Si considerano due tipi base:
- travi riempite con getto in opera sottile (figura A.6a);
- travi riempite con getto in opera spesso (figura A.6b).

E.2 Travi riempite con getto in opera sottile


Le travi prefabbricate (principalmente travi a T rovescio) sono riempite con calcestruzzo
gettato in opera (vedere figura A.6a).
L'analisi è solitamente effettuata considerando l'impalcato come una piastra massiccia
monolitica. La profondità della piastra in direzione trasversale è spesso minore di quella
longitudinale, tuttavia assumere nell'analisi una profondità uguale in entrambe le direzioni
(piastra isotropa) solitamente comporta errori trascurabili.
Un'armatura trasversale inferiore è richiesta attraverso le anime delle travi. Sono richieste
anche un'armatura trasversale superiore e la capacità di taglio nelle interfacce delle travi.
Il calcestruzzo gettato in opera dovrebbe coprire la sommità delle travi per ospitare
adeguatamente l'armatura superiore tranne nei casi in cui l'armatura trasversale e/o
longitudinale sia incorporata nell'unità prefabbricata.
Se non richiesta dalla verifica allo U.L.S, l'armatura di collegamento può essere evitata
purché le travi prefabbricate abbiano una superficie superiore scabra e i lati dell'anima
siano indentati con cavità di almeno 3 mm di profondità o scanalature trasversali.
Per evitare fessure tra le travi prefabbricate, la distanza tra l'armatura trasversale inferiore
dovrebbe soddisfare i requisiti del punto 9.3.1.1 della EN 1992-1-1:2004. Se il punto
suddetto non è soddisfatto, l'impalcato non può essere considerato una lastra massiccia
e dovrebbe essere progettato come realizzato mediante travi collocate in modo contiguo,
collegate mediante diaframmi con la presenza di un'armatura trasversale inferiore.
Quando le unità prefabbricate hanno la stessa lunghezza dell'impalcato finito, un traverso
di testata incorporato può essere costruito aumentando il diametro delle armature
trasversali superiore e inferiore.

E.3 Travi riempite con getto in opera spesso


Questo tipo strutturale fa uso di piccole travi, collocate in modo contiguo, su cui è gettata
in opera una lastra di calcestruzzo spessa (figura A.6b). La gamma di applicazione è
limitata a campate ridotte, fino a circa 8 m.
Per questo tipo strutturale l'armatura trasversale inferiore attraverso i fori nelle travi non è
richiesta a condizione che:
a) la profondità totale dell'impalcato sia almeno pari a due volte la profondità delle travi
prefabbricate;
b) la sezione trasversale delle anime sia a coda di rondine e la superficie sia scabra o
indentata (vedere punto 6.2.5 della EN 1992-1-1:2004);
c) l'armatura trasversale inferiore sia collocata immediatamente sopra le travi;
d) l'analisi e la progettazione siano eseguite tenendo conto della diversa altezza utile in
direzione longitudinale e trasversale.
Si possono evitare staffe negli elementi prefabbricati; se la verifica allo U.L.S. richiede
armatura a taglio, questa può essere collocata nel calcestruzzo in opera tra le travi,
purché essa raggiunga il livello del corrente teso.
La situazione transitoria durante il getto in opera deve essere verificata e se necessario si
dovrebbe provvedere a puntellare le travi prefabbricate.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 54


APPENDICE F TRAVI PREFABBRICATE SENZA GETTO IN OPERA SUPERIORE
(informativa)

F.1 Scopo e campo di applicazione


La presente appendice tratta gli impalcati formati utilizzando travi prefabbricate collocate
in modo contiguo, senza soletta gettata in opera. Solitamente si utilizzano travi a cassone
(vedere per esempio figura A.7).
Le travi prefabbricate senza getto in opera superiore possono essere combinate in un
impalcato di un ponte mediante:
a) precompressione trasversale mediante post-tensionamento:
- con giunti gettati in opera;
- con superfici a contatto prefabbricate in adattamento;
b) armatura, sporgente dai lati delle travi con giunti gettati in opera.

F.2 Precompressione trasversale mediante post-tensionamento


Quando il collegamento trasversale è ottenuto mediante precompressione, la distanza tra le
unità di post-tensionamento non dovrebbe essere maggiore della larghezza di una singola
trave. La precompressione dovrebbe essere applicata perpendicolarmente al giunto tra le travi.
Non è richiesta un'armatura ordinaria aggiuntiva attraverso il giunto.

F.3 Giunti armati


Quando il collegamento trasversale è ottenuto mediante armatura ordinaria, la lunghezza
di appoggio della cassaforma permanente dovrebbe essere almeno di 30 mm su ciascun
lato (vedere figura F.1) e i lati delle travi dovrebbero essere grezzi o dovrebbero avere una
superficie strutturata in modo da trasmettere le forze di taglio.
L'analisi può essere effettuata considerando l'impalcato come una serie di travi cassone
torsiorigide collegate mediante cerniere longitudinali o come una soletta ortotropa.
Si deve prestare particolare attenzione alla protezione dell'acciaio di post-tensionamento
nei giunti, in particolar modo per il sistema di travi a cassone con superfici a contatto
prefabbricate in adattamento.
I giunti di costruzione sulla sommità della struttura dell'impalcato devono essere resi
impermeabili all'acqua.
figura F.1 Giunti armati
Legenda
1 Lunghezza di sovrapposizione
2 Calcestruzzo gettato in opera
3 Cassaforma permanente

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 56


APPENDICE G IMPALCATI PREFABBRICATI A CONCI
(informativa)

G.1 Generalità

G.1.1 Descrizione
Un impalcato a conci è una struttura formata da un dato numero di conci prefabbricati
aventi una lunghezza dello stesso ordine di grandezza dell'altezza dell'impalcato,
collegati insieme mediante giunti trasversali alla direzione della campata. Il
comportamento dei giunti tra gli elementi influenza il modo in cui la struttura funziona,
essendoci discontinuità nell'armatura passiva.

G.1.2 Giunti
I giunti tra i conci possono essere di due tipi:
- giunti di malta: è disposto un giunto di malta con una larghezza di alcuni centimetri;
- giunti incollati: giunti in cui, prima della chiusura, uno strato di resina epossidica o
altra resina sintetica è applicato alla superficie.
Ci sono alcuni fattori condizionanti relativi all'utilizzo di ciascun tipo di giunto:
a) nel caso di giunti di malta, il post-tensionamento non può essere applicato finché la
malta ha raggiunto una resistenza sufficiente;
b) i giunti incollati richiedono che le superfici di calcestruzzo adiacenti corrispondano.
Ciò si ottiene in genere utilizzando come cassaforma la superficie del segmento
adiacente (metodo del getto in adattamento).

G.1.3 Chiavi
Il giunto tra i conci deve essere in grado di trasmettere forze parallele al suo piano: taglio
e torsione.
Al fine di aumentare la capacità di trasmissione del carico si può provvedere a chiavi a
taglio sporgenti.
Le chiavi sono in genere multiple e di piccole dimensioni.
Le dimensioni di riferimento delle chiavi (vedere figura G.1) nel caso di chiavi multiple
sono:
- h ! 30 mm;
- h ! 1,5 volte le dimensioni massime degli aggregati;
- d = 2 h;
- 45° d D d 65°.
figura G.1 Chiave

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 58


G.1.4 Post-tensionamento
I ponti costituiti da conci prefabbricati possono utilizzare il post-tensionamento interno o esterno.
In molti casi è necessario applicare un post-tensionamento temporaneo al fine di
mantenere i conci nella loro posizione o per fornire la pressione necessaria in caso di
giunti incollati.

G.2 Progettazione
G.2.1 Fase di montaggio
Durante il montaggio si deve tenere conto delle azioni seguenti:
a) forze aventi origine dal peso proprio teorico, controllando lo stato limite di equilibrio statico;
b) forze aventi origine dalle attrezzature di assemblaggio (ponteggi, travi di varo,
carrelli ecc.) nonché dal peso proprio di altri conci durante il trasporto. Sono
verificate sia le fasi di montaggio sia le azioni aventi origine durante il trasporto delle
attrezzature;
c) effetti del vento per situazioni temporanee ed effetti indotti dalle procedure di montaggio;
d) effetto delle possibili variazioni termiche durante la fase di montaggio.
Nella valutazione della forza di post-tensionamento utilizzando la precompressione
interna, un aumento nel coefficiente per perdite dovute a deviazioni angolari non
intenzionali dell'ordine di 2,0 dovrebbe essere considerato.
Nella verifica allo U.L.S., durante il montaggio i cavi di post-tensionamento nei condotti
non iniettati con malta dovrebbero essere considerati come non aderenti.
Vedere anche punto 1.1.3 della EN 1992-2:2005.

G.2.2 Situazione finale


Nella situazione finale si dovrebbe considerare la ridistribuzione degli effetti delle azioni
dovute a variazioni nel sistema strutturale dopo l'applicazione del peso proprio e della
precompressione.
Si dovrebbe tenere conto dell'effetto del ritiro.

G.2.3 Controllo dei giunti


G.2.3.1 Controllo allo S.L.S.
Per i giunti incollati e di malta, i limiti di sollecitazione allo S.L.S. dovrebbero essere i seguenti:
- compressione minima in qualsiasi ipotesi: tensione zero;
- compressione massima dei giunti:
combinazione caratteristica (rara): 0,6 fckj
combinazione quasi-permanente: 0,45 fckj
fckj è la resistenza del calcestruzzo o della malta nel momento considerato.

G.2.3.2 Controllo allo U.L.S.


La resistenza ultima alle forze tangenziali nei giunti incollati senza chiavi è:
WRd = 0,6 Vnd
Vnd è la sollecitazione normale agente simultaneamente alla forza tangenziale.
L'area effettiva della resistenza a taglio è quella dell'anima più la parte della soletta situata
entro un angolo di 45° dalle anime.
Nei giunti con chiavi si applica l'equazione del punto 6.25 della EN 1992-1-1:2004 e della
EN 1992-2.
Quando un'apertura parziale nei giunti si verifica in una sezione a cassone, si produce
una variazione nella resistenza torsionale con un importante aumento nelle sollecitazioni
tangenziali, vedere punto 6.3.2 (106) della EN 1992-2:2005.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 60


G.2.4 Flessione trasversale locale
Nel determinare la larghezza di progetto per la flessione trasversale causata da un carico
concentrato, è necessario tenere conto della sua posizione rispetto ai giunti, dello stato di
sollecitazione nei giunti e degli effetti delle chiavi a taglio.
Nel caso in cui il giunto sia aperto sotto le forze di progetto, la trasmissione delle forze
attraverso di esso non dovrebbe essere considerata.
Nel caso di giunti con chiavi a taglio in solette compresse longitudinali, la larghezza di
progetto può essere calcolata come per una struttura monolitica.

G.2.5 Regioni di discontinuità


Le regioni di discontinuità sono le parti della struttura in cui, a causa della loro geometria
oppure perché sottoposte a importanti carichi concentrati, l'ipotesi delle sezioni piane non
si applica. Nei ponti costruiti mediante conci prefabbricati i diaframmi, gli ancoraggi di
post-tensionamento e i deflettori del post-tensionamento esterno sono esempi di regioni
di discontinuità.
L'analisi dovrebbe basarsi su modelli adatti come i modelli "puntone e tirante". Al fine di
limitare l'apertura delle fessure, il modello "puntone e tirante" dovrebbe seguire il più
possibile la distribuzione elastica delle sollecitazioni principali. Si fa riferimento
all'appendice OO della EN 1992-2:2005; per situazioni non trattate, un'analisi dell'elemento
finito elastico dovrebbe essere eseguita prima di definire il modello "puntone e tirante". La
progettazione dovrebbe essere effettuata secondo il punto 6.5 della EN 1992-1-1:2004.

G.3 Produzione
Il sistema delle casseforme di produzione deve essere progettato in modo da consentire
l'introduzione delle correzioni necessarie nella posizione della cassaforma al fine di
garantire l'allineamento dell'impalcato Si dovrebbe effettuare un controllo topografico
costante sia dalla posizione della cassaforma sia dal concio prefabbricato.
Quando i cavi interni attraversano i giunti, si dovrebbe provvedere ad un sistema che
assicuri la sigillatura dei condotti attraverso il giunto una volta assemblato il concio. Una
procedura efficace è specificata in figura G.2.

G.4 Assemblaggio della costruzione

G.4.1 Posizionamento dei conci


L'assemblaggio dovrebbe essere eseguito con un montaggio che consenta il corretto
posizionamento di ogni concio permettendo rotazioni e spostamenti. Tutto ciò è eseguito
con un controllo topografico della posizione di ogni concio.

G.4.2 Sigillatura dei conci


Se per sigillare i conci si utilizza resina, questa dovrebbe avere un periodo di utilizzo
pratico appropriato al fine di assicurare la plasticità durante il posizionamento e il
post-tensionamento temporaneo di ogni concio. D'altra parte, essa dovrebbe avere un
tempo di polimerizzazione sufficientemente breve per conseguire la resistenza richiesta
prima del post-tensionamento finale.
Poiché queste caratteristiche dipendono dalla temperatura, si utilizzano diversi tipi di
resina in funzione dell'applicazione in periodo caldo o freddo.
La resina non dovrebbe essere applicata su superfici di calcestruzzo bagnate a meno che
non sia specificamente formulata per questa eventualità.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 62


G.4.3 Post-tensionamento
A causa dell'aumento nell'incertezza delle perdite per attrito, è della massima importanza
misurare e registrare l'allungamento e lo slittamento in corrispondenza degli ancoraggi.
Si dovrebbe dedicare particolare attenzione ai cavi corti in cui la misura degli allungamenti
è meno affidabile.
Se i cavi sono lubrificati per facilitare il loro movimento e ridurre il coefficiente di attrito, per
la lubrificazione si dovrebbero utilizzare oli solubili in acqua. Prima della iniezione con
baiocca, l'eventuale lubrificante residuo dovrebbe essere rimosso mediante acqua in
pressione o iniezione d'aria.
La tenuta all'acqua dei condotti dovrebbe essere controllata per mezzo di iniezione di acqua
in pressione. Se la tenuta non è verificata, si dovrebbero adottare misure appropriate e i
condotti non dovrebbero essere iniettati sino alla conferma della perfetta tenuta.

G.4.4 Concio di chiusura


Durante il getto in opera del concio di chiusura, si dovrebbero collocare elementi di
collegamento in corrispondenza dei bordi delle travi a sbalzo per evitare la fessurazione
dovuta a movimenti di gradiente termico durante l'indurimento del concio. Non appena il
calcestruzzo ha raggiunto la resistenza specificata, si dovrebbe applicare il
post-tensionamento di continuità.
figura G.2 Metodo di sigillatura dei condotti
Legenda
1 Doppio strato di membrana impermeabilizzante applicata liquida sopra i giunti
2 Condotto di polietilene ad alta densità (HDPE) o di polipropilene
3 Giunto brevettato con tenute di gomma incorporate
4 Tenuta di gomma
5 Sigillante di resina epossidica
6 Giunto gettato con adattamento
Dimensioni in millimetri

a) Giunto di calcestruzzo

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 64


figura G.2 Metodo di sigillatura dei condotti (Continua)
Legenda
1 Doppio strato di membrana impermeabilizzante applicata liquida sopra i giunti
2 Condotto di polietilene ad alta densità (HDPE) o di polipropilene
3 Giunto brevettato con tenute di gomma incorporate
4 Tenuta di gomma
5 Sigillante di resina epossidica
6 Giunto gettato con adattamento
Dimensioni in millimetri

b) Giunto gettato con adattamento

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 66


APPENDICE H CONDIZIONI AMBIENTALI PER ELEMENTI DA PONTE
(informativa)
Le condizioni ambientali secondo l'appendice A della EN 13369:2004, in cui gli elementi
da ponte sono utilizzati dovrebbero essere le seguenti:

Condizione ambientali secondo Descrizione


l'appendice A della EN 13369:2004
C - Faccia interna (trave cassone e pile cave) o faccia esterna protetta o non
esposta a sali antighiaccio*) e ad acqua di mare o ad ambienti chimici
- Faccia di spalle prefabbricate a contatto con terreno non aggressivo
- Intradossi e lati delle travi di ponti
E - Faccia esterna non protetta contro sali antighiaccio
- Elementi situati in ambienti con acqua marina
- Lati esposti delle travi di bordo
G - Faccia esterna non protetta contro sali antighiaccio in condizioni difficili
*) Vedere punto 4.2 (106) della EN 1992-2:2005.

I valori del ricoprimento di calcestruzzo dovrebbero essere adottati secondo le


EN 1992-1-1, EN 1992-2 e dell'appendice A della EN 13369:2004.
Per la vita utile di progetto di 100 anni si applica il punto 4.4.1.2 (5) della
EN 1992-1-1:2004.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 68


APPENDICE J ISPEZIONE DEL PRODOTTO FINITO
(normativa)

Oggetto Metodo Scopo Frequenza


Dimensioni: Vedere punto 5.2 Conformità ai disegni e agli Ogni 5 d di produzione, su un
- lunghezza scostamenti ammessi specificati elemento prelevato a caso, ogni
- altezza volta un tipo diverso
- larghezza
- larghezza dell'ala
- obliquità verticale
- obliquità orizzontale
- posizione di fori o inserti
Monta o freccia Vedere punto 5.2 Conformità ai disegni e agli Ogni 5 d di produzione, su un
Scostamento laterale scostamenti ammessi specificati elemento prelevato a caso, ogni
volta un tipo diverso
Scorrimento dei cavi Controllo/misurazione Conformità al punto 4.2.2 Solo per elementi per cui è richiesto
appropriati questo controllo, ogni 10 elementi o
almeno un elemento per struttura
Aspetto della superficie Ispezione visiva. In caso di Conformità agli scostamenti Ogni elemento
dubbio, effettuare un controllo ammessi specificati
secondo il punto J.4 della
EN 13369:2004
Resistenza a compressione effettiva al Vedere punto 5.1 Conformità al procedimento di Ogni pista di precompressione prima
momento della precompressione fabbricazione di progetto della precompressione
Forza di precompressione Misurazione della forza o Forza corretta in conformità alla Ogni 5 d di produzione
dell'allungamento specifica di progetto

Le dimensioni critiche di particolari elementi da ponte richiedono di aumentare la


frequenza dei controlli.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 70


APPENDICE Y SCELTA DEL METODO DI MARCATURA CE
(informativa)

Y.1 Generalità
Il produttore dovrebbe scegliere di applicare, ai fini della marcatura CE, uno dei metodi
descritti nel punto ZA.3, sulla base delle condizioni seguenti.

Y.2 Metodo 1
Si può applicare la dichiarazione dei dati geometrici e delle proprietà del materiale come
specificato nel punto ZA.3.2 quando si verifica la condizione seguente:
- prodotti a magazzino e da catalogo.

Y.3 Metodo 2
La dichiarazione delle proprietà del prodotto determinata seguendo la presente norma e
gli Eurocodici EN, come specificato nel punto ZA.3.3, dovrebbe essere applicata quando
si verifica la condizione seguente:
- prodotto prefabbricato con proprietà del prodotto dichiarate dal produttore.

Y.4 Metodo 3
Si può applicare la dichiarazione di conformità ad una particolare specifica, come
specificato nel punto ZA.3.4, quando si verifica la condizione seguente:
- casi diversi dai punti Y.2 e Y.3.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 72


APPENDICE ZA PUNTI DELLA PRESENTE NORMA EUROPEA RIGUARDANTI LE DISPOSIZIONI
(informativa) DELLA DIRETTIVA UE RELATIVA AI PRODOTTI DA COSTRUZIONE

ZA.1 Scopo e campo di applicazione e caratteristiche pertinenti


La presente norma europea è stata elaborata nell'ambito del mandato M/100 "Prodotti
prefabbricati di calcestruzzo"1) conferito al CEN dalla Commissione Europea e
dall'Associazione Europea di Libero Scambio.
I punti della presente norma europea indicati nella presente appendice soddisfano i
requisiti del mandato conferito nell'ambito della Direttiva UE relativa ai prodotti da
costruzione (89/106/CEE).
La conformità ai presenti punti conferisce una presunta idoneità degli elementi da ponte
prefabbricati di calcestruzzo trattati dalla presente appendice agli impieghi previsti ivi
indicati; ne deve essere fatto riferimento nelle informazioni che accompagnano la
marcatura CE.
AVVERTENZA - Altri requisiti ed altre direttive UE, che non riguardano l'idoneità agli
impieghi previsti, si possono applicare agli elementi da ponte prefabbricati di calcestruzzo
che rientrano nello scopo e campo di applicazione della presente norma.

Nota 1 In aggiunta ai punti specifici relativi a sostanze pericolose contenuti nella presente norma, possono esservi
altri requisiti applicabili ai prodotti che rientrano nel suo scopo e campo di applicazione (per esempio
legislazione europea trasposta e leggi nazionali, regolamenti e disposizioni amministrative). Per soddisfare
le disposizioni della Direttiva UE relativa ai prodotti da costruzione, anche questi requisiti devono essere
rispettati dove e quando si applicano.
Nota 2 Una banca dati informativa relativa alle disposizioni europee e nazionali sulle sostanze pericolose è
disponibile al sito Internet Construction su EUROPA, (cui si accede via
http://europa.eu.int/comm/enterprise/construction/internal/dangsub/dangmain.htm).
La presente appendice stabilisce le condizioni per la marcatura CE degli elementi da
ponte prefabbricati di calcestruzzo (come colonne, travi ed elementi di intelaiature)
realizzati con calcestruzzo di peso normale armato o precompresso, destinati agli
impieghi indicati nel prospetto ZA.1 e mostra i relativi punti applicabili. La presente
appendice ha lo stesso scopo e campo di applicazione di cui al punto 1 della presente
norma e definito dal prospetto ZA.1.
Il requisito relativo a una certa caratteristica non è applicabile in quegli Stati membri nei
quali non sussistono requisiti di regolamentazione per tale caratteristica per l'impiego
previsto del prodotto. In questo caso, i fabbricanti che immettono i loro prodotti sul mercato
di questi Stati membri non sono obbligati a determinare né a dichiarare le prestazioni dei
loro prodotti in relazione a questa caratteristica e può essere utilizzata l'opzione "Nessuna
prestazione determinata" (NPD) nelle informazioni che accompagnano la marcatura CE
(vedere ZA.3). Tuttavia l'opzione NPD non può essere utilizzata nel caso in cui la
caratteristica sia soggetta a un livello di soglia.

1) Con aggiornamenti.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 74


prospetto ZA.1 Punti pertinenti per gli elementi da ponte prefabbricati

Caratteristiche essenziali Punti relativi ai requisiti della presente norma Livelli e/o Note e unità
classe/i
Resistenza a compressione (del 4.2 Requisiti di produzione Nessuno N/mm2
calcestruzzo)
Resistenza ultima a trazione e tensione di 4.1 Requisiti dei materiali Nessuno N/mm2
snervamento (dell'acciaio)
Resistenza meccanica Metodo 1 Informazioni elencate nel punto ZA.3.2 Nessuno Geometria e materiali
(mediante calcolo)
Metodo 2 4.3.3 Resistenza meccanica Nessuno kNm, kN, kN/m
Metodo 3 Specifica di progetto Nessuno
Resistenza al fuoco Metodo 1 Informazioni elencate nel punto ZA.3.2 R Geometria e materiali
Metodo 2 4.3.4 Resistenza al fuoco R min
Metodo 3 Specifica di progetto R
Durabilità contro la corrosione 4.3.7 Durabilità Nessuno Condizioni ambientali
Durabilità al gelo-disgelo 4.3.7 Durabilità Nessuno Condizioni ambientali
Particolari costruttivi 4.3.1 Proprietà geometriche Nessuno mm
oppure
8 Documentazione tecnica
Metodo 1 = dichiarazione dei dati geometrici e delle proprietà del materiale (vedere punto ZA.3.2);
Metodo 2 = dichiarazione del valore delle proprietà del prodotto (vedere punto ZA.3.3)
Metodo 3 = dichiarazione di conformità ad una determinata specifica di progetto (vedere punto ZA.3.4).
Una di queste alternative è selezionata coerentemente con il metodo della marcatura CE (punti ZA.3.2, ZA.3.1/ZA.3.2 o ZA.3.4).

ZA.2 Procedura per l'attestazione di conformità degli elementi da ponte prefabbricati di


calcestruzzo

ZA.2.1 Sistema di attestazione di conformità


Il sistema di attestazione di conformità degli elementi da ponte prefabbricati di
calcestruzzo, per le caratteristiche essenziali indicate nel prospetto ZA.1, in conformità
alla Decisione della Commissione 1999/94/CE del 25 gennaio 1999 come indicato
nell'Allegato III del mandato M/100 "Prodotti prefabbricati di calcestruzzo", è illustrato, per
l'impiego previsto indicato, nel prospetto ZA.2:
prospetto ZA.2 Sistema di attestazione di conformità

Prodotto(i) Impiego(i) previsto(i) Livello(i) o classe(i) Sistema(i) di attestazione di


conformità
Elementi da ponte prefabbricati di calcestruzzo Strutturale - 2+
Sistema 2+: Vedere CPD , Allegato III.2.(ii), Prima possibilità, che include la certificazione del controllo di produzione in fabbrica da parte di un organismo
riconosciuto sulla base dell'ispezione iniziale in fabbrica e del controllo di produzione in fabbrica, nonché della sorveglianza continua,
valutazione e approvazione del controllo di produzione in fabbrica.

L'attestazione di conformità degli elementi da ponte prefabbricati di calcestruzzo, per le


caratteristiche essenziali indicate nel prospetto ZA.1, deve essere secondo le procedure
di valutazione della conformità indicata nel prospetto ZA.3 risultante dall'applicazione dei
punti della presente o di altre norme europee indicate al suo interno.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 76


prospetto ZA.3 Assegnazione dei compiti di valutazione di conformità per gli elementi da ponte prefabbricati di
calcestruzzo sottoposti al sistema 2+
Compiti Contenuto dei compiti Punti della valutazione di conformità
da applicare
Compiti per il fabbricante Prove iniziali di tipo Tutte le caratteristiche del prospetto Punto 6.2.2 della EN 13369:2004 e
ZA.1 punto 6 della presente norma europea
Controllo di produzione in Parametri relativi a tutte le Punto 6.3 della EN 13369:2004 e
fabbrica caratteristiche del prospetto ZA.1 punto 6 della presente norma europea
Ulteriori prove su campioni Tutte le caratteristiche del prospetto Punto 6.2.3 della EN 13369:2004 e
prelevati in fabbrica ZA.1 punto 6 della presente norma europea
Compiti per Certificazione del Ispezione iniziale della fabbrica - Resistenza a compressione (del Punto 6.1.3.2 a) e punto 6.3 della
l'organismo controllo di e del controllo di produzione in calcestruzzo) EN 13369:2004 e punto 6 della
notificato produzione in fabbrica - Resistenza ultima a trazione e presente norma europea
fabbrica sulla base tensione di snervamento
di: - Particolari costruttivi
- Durabilità
- Resistenza al fuoco R
Sorveglianza continua, - Resistenza a compressione (del Punto 6.1.3.2 b) e punto 6.3 della
valutazioni e approvazione del calcestruzzo) EN 13369:2004 e punto 6 della
controllo di produzione in - Resistenza ultima a trazione e presente norma europea
fabbrica tensione di snervamento
- Particolari costruttivi
- Durabilità
- Resistenza al fuoco R

ZA.2.2 Certificato CE e dichiarazione di conformità


Una volta ottenuta la conformità alle condizioni della presente appendice, e dopo che
l'organismo notificato ha redatto il certificato sotto menzionato, il fabbricante o il suo
agente con sede nella EEA devono preparare e conservare una dichiarazione di
conformità, che autorizzi il fabbricante all'applicazione della marcatura CE. Tale
dichiarazione deve includere:
- nome e indirizzo del fabbricante, o del suo rappresentante autorizzato designato
nella EEA, e luogo di produzione;
Nota 1 Il fabbricante può anche essere la persona responsabile dell'immissione del prodotto sul mercato EEA,
se se ne assume la responsabilità per la marcatura CE.
- descrizione del prodotto (tipo, identificazione, impiego,…) e una copia delle
informazioni di accompagnamento della marcatura CE;
Nota 2 Laddove alcune delle informazioni richieste per la Dichiarazione siano già contenute nelle informazioni
sulla marcatura CE, non è necessario ripeterle.
- disposizioni alle quali il prodotto è conforme (cioè appendice ZA della presente EN);
- condizioni particolari applicabili all'impiego del prodotto (per esempio disposizioni
per l'impiego in determinate condizioni, ecc.);
- numero del Certificato CE di conformità di accompagnamento del controllo di
produzione in fabbrica;
- nome e qualifica della persona incaricata di firmare la dichiarazione per conto del
fabbricante o del suo rappresentante autorizzato.
La dichiarazione deve essere accompagnata da un certificato di controllo di produzione in
fabbrica redatto dall'organismo notificato che, oltre alle informazioni di cui sopra, deve
contenere quanto segue:
- nome e indirizzo dell'organismo notificato;
- numero del certificato di controllo di produzione in fabbrica,
- condizioni e periodo di validità del certificato, quando applicabile;
- nome e qualifica della persona responsabile della firma del certificato.
La dichiarazione e il certificato sopra menzionati devono essere presentati nella(e)
lingua(e) ufficiale(i) dello Stato Membro in cui il prodotto deve essere utilizzato.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 78


ZA.3 Marcatura CE ed etichettatura

ZA.3.1 Generalità
Il fabbricante o il suo rappresentante autorizzato nella EEA sono responsabili
dell'applicazione della marcatura CE. Il simbolo di marcatura CE da applicare deve
essere conforme alla Direttiva 93/68/CE e deve apparire sul prodotto (o, quando non è
possibile, può essere applicato sull'etichetta di accompagnamento, sull'imballaggio o sui
documenti commerciali di accompagnamento, per esempio la bolla di consegna).
Le informazioni seguenti devono accompagnare il simbolo della marcatura CE:
- il numero di identificazione dell'organismo di certificazione;
- nome o marchio di identificazione e indirizzo registrato del produttore;
- ultime due cifre dell'anno in cui è stata applicata la marcatura;
- numero del Certificato CE di controllo di produzione in fabbrica;
- riferimento della presente norma europea;
- descrizione del prodotto: nome generico e impiego previsto;
- informazioni sulle caratteristiche essenziali pertinenti riportate dal prospetto ZA.1
che sono elencate nel punto pertinente ZA.3.2, ZA.3.3 o ZA.3.4;
- "Nessuna prestazione determinata" per le caratteristiche quando pertinente.
L'opzione "Nessuna prestazione determinata" (NPD) può non essere utilizzata quando la
caratteristica è soggetta a un livello di soglia. Altrimenti l'opzione NPD può essere
utilizzata quando e dove la caratteristica, per un determinato impiego previsto, non è
soggetta a requisiti di regolamentazione nello Stato membro di destinazione.
Nei punti seguenti sono indicate le condizioni per l'applicazione della marcatura CE. La
figura ZA.1 fornisce l'etichetta semplificata da applicare al prodotto, contenente la serie di
informazioni minime e il collegamento al documento di accompagnamento dove sono
fornite le altre informazioni richieste. Per quanto riguarda le informazioni sulle caratteristiche
essenziali, alcune possono essere indicate mediante riferimento univoco a:
- informazioni tecniche (catalogo prodotto) (vedere punto ZA.3.2);
- documentazione tecnica (punto ZA.3.3);
- specifica di progetto (punto ZA.3.4).
La serie minima di informazioni da inserire direttamente sull'etichetta applicata o nel
documento di accompagnamento è illustrata nelle figure ZA.2, ZA.3 e ZA.4.

ZA.3.1.1 Etichetta semplificata


In caso di etichetta semplificata, accanto al simbolo di marcatura CE devono essere
aggiunte le informazioni seguenti:
- nome o marchio di identificazione e indirizzo registrato del produttore;
- numero di identificazione dell'elemento (per assicurare la rintracciabilità);
- ultime due cifre dell'anno in cui la marcatura è stata applicata;
- numero del certificato CE di controllo di produzione in fabbrica;
- riferimento della presente norma europea.
Lo stesso numero di identificazione deve contrassegnare, sui documenti di
accompagnamento, le informazioni riguardanti l'elemento.
La figura ZA.1 fornisce l'etichetta semplificata da applicare al prodotto, contenente la serie
minima di informazioni. Le altre informazioni definite nel punto ZA.3.1 e non fornite
nell'etichetta semplificata devono essere riportate nei documenti di accompagnamento.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 80


figura ZA.1 Esempio di etichetta semplificata

Marcatura di conformità CE costituita dal simbolo "CE" indicato nella


Direttiva 93/68/CEE

AnyCo Ltd, PO Bx 21, B-1050 Nome o marchio identificativo e indirizzo registrato del produttore
45PJ76 Numero di identificazione dell'elemento
07 Ultime due cifre dell'anno di applicazione della marcatura
0123-CPD-0456 Numero del certificato di FPC
EN 15050 Numero della presente norma europea

Nota Per piccoli elementi o per motivi di stampa del prodotto, le dimensioni possono essere ridotte
rimuovendo il riferimento alla EN e/o al certificato FPC.

ZA.3.2 Dichiarazione dei dati geometrici e delle proprietà dei materiali


(Metodo 1 per determinare le proprietà relative ai requisiti essenziali "resistenza
meccanica e stabilità" e "resistenza al fuoco".)
La figura ZA.2 fornisce, per un tipo di elemento da ponte, il modello di marcatura CE
incluse le informazioni necessarie per determinare, secondo la regolamentazione di
progettazione valida nel luogo di utilizzo, le proprietà relative alla resistenza meccanica,
alla stabilità e alla resistenza la fuoco, includendo aspetti di durabilità e di esercizio.
In riferimento al prospetto ZA.1 e alle informazioni citate nell'elenco riportato nel punto
ZA.3.1, devono essere dichiarate le proprietà seguenti:
- resistenza a compressione del calcestruzzo;
- resistenza ultima a trazione dell'acciaio per armature;
- tensione di snervamento dell'acciaio per armature;
- resistenza ultima a trazione dell'acciaio da precompressione;
- tensione di deformazione residua allo 0,1 dell'acciaio da precompressione;
- dati geometrici (solo dimensioni critiche);
- condizioni per durabilità;
- possibile riferimento a informazioni tecniche (catalogo prodotto) per particolari
costruttivi, durabilità e dati geometrici.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 82


figura ZA.2 Esempio di marcatura CE con il Metodo 1 per elementi da ponte

Marcatura di conformità CE costituita dal simbolo "CE" indicato nella


Direttiva 93/68/CEE

0123 Identificazione dell'organismo notificato


AnyCo Ltd, PO Bx 21, B-1050 Nome o marchio identificativo e indirizzo registrato del produttore
07 Ultime due cifre dell'anno di applicazione della marcatura
0123-CPD-0456 Numero del certificato di FPC
EN 15050 Numero e titolo della norme europea interessata
Elemento da ponte Nome generico e impiego previsto
TRAVE (per ponti) Informazioni sulla geometria del prodotto e sulle caratteristiche dei
Calcestruzzo: materiali, compresi i particolari costruttivi (da adattare al prodotto
Resistenza a compressione ................................ fck = xx N/mm2 specifico da parte del produttore)
Acciaio per armature:
Resistenza ultima a trazione ................................ ftk = yyy N/mm2
Tensione di snervamento ..................................... fyk = zzz N/mm2
Acciaio da precompressione:
Resistenza ultima a trazione ................................ fpk = uuu N/mm2
Tensione di deformazione residua allo 0,1 ........... fp0.1k = www N/mm2

Nota Il disegno può essere omesso se informazioni equivalenti


Sezione della trave
sono disponibili in informazioni tecniche chiaramente
serie IB tipo
identificate (catalogo del prodotto) a cui si fa riferimento.
1 200 u 12 000

Per particolari costruttivi e durabilità vedere le informazioni tecniche


Informazioni tecniche: Sezione della trave
Catalogo prodotto ABC : 2002 - punto ii

ZA.3.3 Dichiarazione delle proprietà del prodotto


(Metodo 2 per determinare le proprietà relative ai requisiti essenziali "resistenza
meccanica e stabilità" e "resistenza al fuoco".)
Per tutti i dati di progetto, compresi i modelli e i parametri utilizzati per il calcolo, è
possibile fare riferimento alla documentazione tecnica (progetto).
Facendo riferimento alle informazioni e ai valori dichiarati citati nell'elenco del punto
ZA.3.1, si devono dichiarare le proprietà seguenti (quando pertinenti):
- resistenza a compressione del calcestruzzo;
- resistenza ultima a trazione dell'acciaio per armature;
- tensione di snervamento dell'acciaio per armature;
- resistenza ultima a trazione dell'acciaio da precompressione;
- tensione di deformazione residua allo 0,1 dell'acciaio da precompressione;

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 84


- resistenza ultima meccanica dell'elemento (valori di progetto per situazioni non
sismiche) con resistenza a compressione assiale per alcune eccentricità o con
resistenza a flessione e a taglio delle sezioni critiche;
- coefficienti di sicurezza del calcestruzzo e acciaio utilizzati nel calcolo;
- classe R di resistenza al fuoco;
- altri Parametri Determinati a livello Nazionale (NDP) utilizzati nel calcolo;
- condizioni di durabilità contro la corrosione;
- condizioni di durabilità al gelo-disgelo;
- possibile riferimento a documentazione tecnica per dati geometrici, particolari
costruttivi, durabilità e altri parametri NDP.
La figura ZA.3 fornisce, per elementi da ponte, il modello di marcatura CE nel caso in cui
le proprietà riguardanti la stabilità, la resistenza meccanica e la resistenza al fuoco sono
determinate dal produttore per mezzo di Eurocodici EN.
I valori di progetto della resistenza meccanica ultima dell'elemento e della classe di
resistenza al fuoco devono essere calcolati utilizzando, per i parametri determinati a
livello nazionale, i valori raccomandati nelle EN 1992-1-1 e nelle EN 1992-1-2 o i valori
indicati nell'appendice nazionale degli Eurocodici EN applicabili alle opere.
figura ZA.3 Esempio di marcatura CE con il Metodo 2 per elementi da ponte

Marcatura di conformità CE costituita dal simbolo CE indicato nella


Direttiva 93/68/CEE

0123 Identificazione dell'organismo notificato


AnyCo Ltd, PO Bx 21, B-1050 Nome o marchio identificativo e indirizzo registrato del produttore
07 Ultime due cifre dell'anno di applicazione della marcatura
0123-CPD-0456 Numero del certificato di FPC
EN 15050 Numero e titolo della norme europea interessata
Elemento da ponte Nome generico e impiego previsto
TRAVE (per ponti)
Calcestruzzo:
Resistenza ultima a compressione .................fck = xx N/mm2
Acciaio per armature:
Resistenza ultima a trazione ...........................ftk = yyy N/mm2
Tensione di snervamento ................................fyk = zzz N/mm2
Acciaio da precompressione: Informazioni sulle caratteristiche mandatate del prodotto, compresi i
Resistenza ultima a trazione ...........................fpk = uuu N/mm2 particolari costruttivi (da adattare al prodotto specifico da parte del
Tensione di deformazione residua allo 0,1 ......fp0.1k = www N/mm2 produttore)
Resistenza meccanica (valori di progetto):
Resistenza a flessione
(della sezione di mezzeria) .................................................... mmm kNm
Resistenza a taglio (delle sezioni terminali)..................................vvv kN
Coefficienti di sicurezza dei materiali applicati nel calcolo della resistenza:
Per calcestruzzoJc = z.zz
Per acciaioJs = x.xx
Resistenza al fuoco.....................................................RXX per Kfi = 0.xx
RYY per Kfi = 0.yy
........................................................ Nota I valori di resistenza al fuoco possono essere sostituiti da un
Per dati geometrici, particolari costruttivi, durabilità, possibili informazioni riferimento alla parte pertinente della documentazione
complementari sulla resistenza al fuoco ed altri NDP, consultare la tecnica.
documentazione tecnica
Documentazione Tecnica:
Numero posizione ......................................................................... xxxxxx

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 86


ZA.3.4 Dichiarazione di conformità a una determinata specifica di progetto
(Metodo 3 per determinare le proprietà relative ai requisiti essenziali "resistenza
meccanica e stabilità" e "resistenza al fuoco".)
Il metodo 3 si applica nelle situazioni seguenti:
a) nei casi in cui l'elemento è prodotto in conformità ai dettagli di progetto (disegni,
specifiche dei materiali ecc.) preparati del progettista delle opere2) seguendo le
disposizioni nazionali, gli hEN o ETA dei componenti devono provvedere, quando
pertinente, affinché le informazioni che accompagnano la marcatura CE e
concernenti le proprietà del prodotto possano essere fornite facendo riferimento, in
modo univoco, ai rispettivi documenti di progettazione delle opere;
b) nei casi in cui il produttore ha progettato e prodotto l'elemento da ponte seguendo le
disposizioni dell'ordine del cliente, in conformità alle disposizioni nazionali applicabili
alle opere, gli hEN o ETA dei componenti devono provvedere, quando pertinente,
affinché le informazioni che accompagnano la marcatura CE e concernenti le
proprietà del prodotto possano essere fornite facendo riferimento, in modo univoco,
ai disegni e alle specifiche dei materiali collegati all'ordine del cliente.
La figura ZA.4 fornisce, per elementi da ponte, il modello di marcatura CE nel caso in cui
il prodotto è realizzato secondo una specifica di progetto in cui le proprietà riguardanti la
stabilità, la resistenza meccanica e la resistenza al fuoco sono determinate tramite
disposizioni di progetto applicabili alle opere.
Facendo riferimento alle informazioni e ai valori dichiarati citati nell'elenco del punto
ZA.3.1, si devono dichiarare le proprietà seguenti (quando pertinenti):
- resistenza a compressione del calcestruzzo;
- resistenza ultima a trazione dell'acciaio per armature;
- tensione di snervamento dell'acciaio per armature;
- resistenza ultima a trazione dell'acciaio da precompressione;
- tensione di deformazione residua allo 0,1 dell'acciaio da precompressione;
- classe di resistenza al fuoco.

2) O il progettista della parte interessata delle opere.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 88


figura ZA.4 Esempio di marcatura CE con il Metodo 3 per elementi da ponte

Marcatura di conformità CE costituita dal simbolo "CE" indicato nella


Direttiva 93/68/CE

0123 Identificazione dell'organismo notificato


AnyCo Ltd, PO Bx 21, B-1050 Nome o marchio identificativo e indirizzo registrato del produttore
07 Ultime due cifre dell'anno di applicazione della marcatura
0123-CPD-0456 Numero del certificato di FPC
EN 15050 Numero e titolo della norme europea interessata
Elemento da ponte Nome generico e impiego previsto
TRAVE (per ponti) Informazioni sulle caratteristiche mandatate del prodotto, compresi i
Calcestruzzo: particolari costruttivi (da adattare al prodotto specifico da parte del
Resistenza ultima a compressione . .. . .. .. . .. . f ck = xx N/mm2 produttore)
Acciaio per armature:
Resistenza ultima a trazione .. . .. .. .. . .. .. . .. . f tk = yyy N/mm2
Tensione di snervamento .. .. .. . .. .. .. . .. .. . .. . f yk = zzz N/mm2
Acciaio da precompressione:
Resistenza ultima a trazione .. . .. .. .. . .. .. . .. . f pk = uuu N/mm2
Tensione di deformazione residua allo 0,1 .. . f p0.1k = www N/mm2
Per dati geometrici, particolari costruttivi, resistenza meccanica, resistenza
al fuoco e durabilità, vedere le specifiche di progetto
Specifica di progetto:
Codice dell'ordine.......................................................................... xxxxxx

In aggiunta alle eventuali informazioni specifiche relative a sostanze pericolose, il


prodotto dovrebbe anche essere accompagnato, quando e laddove richiesto e in forma
appropriata, da documentazione che elenchi tutte le ulteriori legislazioni in merito alle
sostanze pericolose nei confronti delle quali si dichiara la conformità, unitamente a ogni
informazione richiesta da quella legislazione.
Nota 1 Non è necessario citare la legislazione europea senza deroghe nazionali.
Nota 2 Applicare il simbolo di marcatura CE indica che, se un prodotto è soggetto a più di una Direttiva, esso soddisfa
tutte le Direttive applicabili.

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 90


BIBLIOGRAFIA
[1] EN 1991-2:2003 Eurocode 1: Actions on structures - Part 2: Traffic loads on
bridges
[2] EN 1998-1:2004 Eurocode 8: Design of structures for earthquake resistance -
Part 1: General rules, seismic actions and rules for buildings
[3] EN 1998-2:2005 Eurocode 8: Design of structures for earthquake resistance -
Part 2: Bridges
[4] EN 10080 Steel for the reinforcement of concrete - Weldable reinforcing
steel - General
[5] EN 13747:2005 Precast concrete products - Floor plates for floor systems
[6] EN 1997-1:2004 Eurocode 7: Geotechnical design - Part 1: General rules

UNI EN 15050:2007 © UNI Pagina 92

Potrebbero piacerti anche