Sei sulla pagina 1di 1

Kant

Una vita per il pensiero

Nasce a Knigsberg nel 1724 ed educato nella tradizione del pietismo.


Muore nel 1804 a causa di una debolezza senile.
Attivit letteraria 1 periodo (interesse per le scienze naturali)
2 periodo (interesse filosofico e orientamento verso lempirismo inglese e il
criticismo)
3 periodo (filosofia trascendentale)
Gli scritti del primo e del secondo periodo sono raggruppati come scritti del periodo precritico.

Verso il punto di vista "trascendentale": gli scritti del "periodo precritico"

Nel 1755 scrive Storia naturale universale e teoria dei cieli, in cui descrive la formazione
dell'universo da una nebulosa originaria.
Nel 1765 scrive la Notizia sull'indirizzo delle sue lezioni, con la quale si distacca dal dogmatismo per
aderire allempirismo inglese.
Nello stesso anno scrive Sogni di un visionario chiariti con i sogni della metafisica, dove descrive la
metafisica come la scienza dei limiti della ragione umana.

La dissertazione del 1770

La dissertazione del 1770 (La forma e i principi del mondo sensibile e intelligibile)
Punto di partenza concetto di spazio come qualcosa di originario.
Conoscenza sensibile Conoscenza intellettuale

Dovuta alla passivit del soggetto Facolt del soggetto
Ha per oggetto il fenomeno, (cosa come Ha per oggetto il noumeno (cosa cos
appare nella sua relazione al soggetto) com)

Distinta in

Materia, sensazione, che testimonia la
presenza delloggetto dal quale causata;
Forma legge, che ordina la materia
sensibile, costituita da spazio e tempo
(intuizioni pure).

Il criticismo come "filosofia del limite" e l'orizzonte storico del pensiero kantiano

Il criticismo:

Si contrappone al dogmatismo (accettazione di dottrine senza accertarsi della loro veridicit).


Chiarisce le possibilit (condizioni che determinano lesistenza di una cosa), la validit (la possibile
accettazione di una determinata cosa) e i limiti entro cui una cosa pu essere considerata valida.
una filosofia del limite (stabilisce i limiti delluomo) legame con Hume (rompe il suo sonno
dogmatico).
Appare nella Critica della ragion pura, Critica della ragion pratica e Critica del Giudizio.