Sei sulla pagina 1di 2

By Massimo Deplano

Clestin Freinet
1 LA VITA
Clestin Freinet, maestro e pedagogista, nacque il 15 ottobre 1896 a Garg, da una famiglia di contadini.
Fin la scuola nel 1915 con il diploma da maestro, ma richiamato alle armi nel 1916 fu ferito gravemente
ad un polmone e trascorse quattro anni negli ospedali, destinato alla condizione di grande invalido di
guerra, con diritto alla pensione massima. Rifiut questa condizione e nel gennaio del 1920 fu nominato
maestro nella scuola di Bar-sur-Loup. Inizia
la sua esperienza da maestro a 23 anni,
reduce dalla guerra, con i polmoni lesi, e
questo lo spinge allelaborazione di
tecniche che gli permettano di stancarsi
di meno. Laula era simbolo dimmobilit e
di silenzio. Lambiente malsano della
classe impediva a Freinet di far scuola al
chiuso e si accorse che le lezioni
tradizionali affaticavano i ragazzi, quanto
lui stesso.
Riprese a studiare e nel 1923 si laure in
Lettere, ma non accett la nomina alla
scuola superiore di Brignoles, deciso a
rimanere nella sua scuola dei bambini.
Era il 1926 quando si riun intorno a lui un
gruppo dinsegnanti e tra questi lise, la
giovane maestra che fu sua moglie, ma
anche unimpegnata collaboratrice per
tutta la vita, occupandosi in particolare
delle attivit artistiche con la rivista "Lart
enfantin". Nel 1928 viene fondata la CEL
(Cooprative de lenseignement lac) che
due anni dopo contava gi oltre un
centinaio dinsegnanti.
Nel 1930 si sposta con lise nella scuola statale di Saint-Paul, una deliziosa cittadina con un nucleo
vecchio (la citt allora dei poveri) e una parte nuova di ville (la citt dei ricchi). Le idee innovative del
giovane maestro, il suo attaccamento per la scuola laica, uniti alle pressioni da lui esercitate sul Sindaco
perch ledificio scolastico fosse decorosamente mantenuto, provocarono lostilit di una parte del
paese. Arriv poi un Ispettore e nel 1933 Freinet venne trasferito dufficio. Non accett il
provvedimento e si dimise dalla scuola statale Francese. Cre, in una collina di fronte a Vence, in mezzo
alla natura, i primi edifici dell' cole Freinet, scuola nata con laboratori, senza classi, un grande orto e
molti spazi allaperto per studiare e lavorare. Nellautunno del 1935 la scuola pronta per ricevere i
primi bambini, tra i quali alcuni bambini spagnoli profughi.
By Massimo Deplano

Nel 1939, scoppiata la guerra, Clestin Freinet venne arrestato e poi internato nel campo di Saint-
Maximin. La scuola di Vence fu chiusa dautorit ed lise dovette fuggire fino a che, sotto il regime
Ptain, lattivit della CEL cess del tutto. In prigionia C. Freinet abbozz le sue opere maggiori che
termin anni dopo. Nel dopoguerra riprende, in continuo progresso, lattivit della CEL e della scuola di
Vence. I congressi annuali vedono la presenza crescente dinsegnanti. Negli anni che seguono cresce
lattivit della Scuola di Vence e Freinet pubblica varie altre opere tra le quali "Leducation du travail",
"Essai de psychologie sensible applique a leducation", "I detti di Matteo".
Muore a Vence l 8 ottobre 1966, quando la sua scuola ancora privata. lise continua a dirigere
lattivit editoriale e della scuola per altri quattro anni. Ora lcole Freinet a Vence statale : i laboratori
sono affiancati alle classi, il grande orto non pi coltivato e i segni del passaggio di grandi artisti nella
scuola, da Picasso a Matisse, da Chagall a Braque, sono sbiaditi dal tempo. Ma leco di quella scuola non
si spento e "il movimento Freinet, rappresenta ancora la punta pi avanzata della pedagogia
democratica in Europa.
2 METODO NATURALE
L'insieme della sua proposta didattica va sotto il nome di metodo naturale.
la proposta di fare riferimento alla vita reale nell'impostare l'attivit didattica, sia per quanto riguarda
gli strumenti, che per quanto riguarda i metodi di lavoro. Freinet cercava di riprodurre i meccanismi con
i quali i bambini imparano ad esempio ad andare in bicicletta (altro strumento che negli anni trenta e 40
conservava ancora un aspetto di "tecnologia avanzata", insieme ad un fascino indiscutibile sui ragazzi)
procedendo sostanzialmente per tentativi ed errori.
La struttura cooperativa, necessaria per gestire l'cole Freinet, viene utilizzata per rendere i ragazzi
compartecipi dei problemi, anche finanziari, legati alla gestione della loro attivit, permettendo loro di
costruirsi un sistema di valori che comprendeva il rispetto del bene comune e la costruzione del senso di
gruppo.
3 LA COOPERAZIONE EDUCATIVA
La pedagogia di Freinet fu ripresa in Italia nel 1951 da un gruppo di insegnanti primari e secondari, che
prese il nome di Cooperativa della Tipografia a scuola, con lo scopo di diffondere gli strumenti per le
tecniche Freinet. Dopo qualche anno per si trasform nel Movimento di Cooperazione Educativa,
occasione dincontro e confronto fra esperienze didattiche comunque innovative. Agli aderenti al
Movimento di Cooperazione Educativa non era chiesto di dichiarare alcuna fede politica o ideologica n
di compiere particolari scelte pedagogiche, ma semplicemente di cooperare al rinnovamento della
didattica.

Superare la barriera che divideva la scuola dalla vita reale