Sei sulla pagina 1di 10

BRANO ED 50


Leggere il brano e rispondere a ogni quesito solo in base alle informazioni contenute (esplicitamente o


Sr
implicitamente) nel brano e non in base a quanto il candidato eventualmente conosca sull'argomento.


Sr
xi
le


xi
Il termine "inconscio" assume per l'orecchio del profano un senso alquanto metafisico e misterioso. Questa caratteristica, che si

Sr
Se

le

©
Sr
xi
collega alla concezione di inconscio nel suo insieme, nasce soprattutto dal fatto che il termine fu introdotto nel linguaggio

Se

le

rl
xi

S
Se
ordinario per indicare un'entità metafisica. Per esempio, Eduard von Hartmann chiamava l'inconscio "fondamento universale".

le

xi
Se
Inoltre l'occultismo ha fatto sua questa parola, perché coloro che seguono certe tendenze sono felicissimi se possono prendere

le
Se
a prestito parole scientifiche, appunto per dare un'aria di "scienza" alle loro speculazioni. In opposizione a tutto ciò, gli psicologi

sperimentali, che per molto tempo si sono considerati, e non a torto, gli unici rappresentanti della psicologia scientifica, hanno

©
Sr

assunto un atteggiamento negativo nei confronti del concetto di inconscio, partendo dalla premessa che tutto ciò che è psichico

rl

©
xi

S
è cosciente e che soltanto alla coscienza spetta il nome di "psiche". L'iniziale sviluppo puramente clinico del concetto di
le

rl

©
xi

S
Se

le
inconscio conferì a quest'ultimo un colorito derivante dalle scienze naturali, e nella scuola freudiana esso è rimasto un concetto

rl


xi

S
Se

le
puramente clinico. Secondo le opinioni di questa scuola, l'uomo, in quanto essere civilizzato, non è più in condizione di sfogare


xi

Sr
Se

le

Sr
xi
un gran numero di desideri istintivi, per la semplice ragione che questi non sono compatibili con la legge morale. Egli quindi,

Se

le

xi
dato che vuole adattarsi alla società, è costretto a reprimere questi desideri. Molto spesso, in seguito alla repressione di un

Se

le
Se
desiderio inammissibile, la sottile connessione tra desiderio e coscienza si spezza, così che il desiderio diventa inconscio.
©

Questo processo, per cui un desiderio inammissibile diventa inconscio, è chiamato "rimozione", che deve essere tenuta distinta
rl

dalla "repressione", quest'ultima presupponendo che il desiderio sia rimasto cosciente.



Sr


xi

Sr

(Da C.G. Jung, "Inconscio, occultismo e magia"’


le


Sr
xi
Se

le

©
xi

Sr
Se

le

rl
xi

S
Se

le

xi

S
Se
Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO ED 50

le
1

xi
Se

le
Secondo l'autore del brano, perché l'occultismo ha fatto sua la parola "inconscio"?

Se
©

Nessuna delle altre alternative è corretta


rl


iS

Per superarne le implicazioni metafisiche


©
Sr

Per sottrarre alla scienza questo importantissimo concetto


rl


xi

S
le


Perché gli occultisti, inizialmente, non ne avevano pienamente compreso il significato
xi

Sr
Se

le


Sr
xi

Per poter dare un tono di scientificità a una disciplina che di scientifico ha ben poco
Se

le

xi

Sr
Se

le

xi
Se

le

x
Se

le
Se

Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO ED 50


2
©
Sr

Secondo quanto riportato nel brano, individuare la frase corretta.


rl


xi

S
le

Grazie alla legge morale, l uomo regola i propri istinti e desideri secondo coscienza
©
xi

Sr
le

rl


xi

L uomo, volendosi adattare alla società, reprime molti dei propri desideri istintivi che non sono compatibili con la legge
S
Se

le


xi

Sr

morale
Se

le

Sr
xi
Se

L uomo, per far parte della civiltà, deve trovarsi in condizione di sfogare la maggior parte dei suoi desideri istintivi
le

xi
Se

le
Il più grande desiderio dell uomo è di adattarsi alla società, perciò, per essere felici, è necessario raggiungere la
Se
rimozione

l
Se

Se la connessione tra desiderio e coscienza si spezza, quel desiderio diventa inammissibile


©
Sr

©
xi

Sr
le


Sr
xi
Se

le


xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi

Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO ED 50


Se

le

3
rl
xi

S
Se

Secondo quanto riportato dall autore, la scuola freudiana sostiene che:


le

xi
Se

le

la clinica deve adottare il metodo delle scienze


Se

l uomo dovrebbe seguire i propri desideri più intimi e istintivi


la civiltà rende infelice l uomo perché lo reprime


©
Sr

la corretta morale prescrive di sottoporre alla ragione i propri desideri


rl


xi

S
le


xi

Sr

l uomo, in quanto essere civilizzato, non può sfogare molti desideri istintivi
Se

le


Sr
xi
Se

le


xi

Sr
Se

le

Sr
xi
Se

le

xi
Se

le

Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO ED 50


Se

4
Un sinonimo del verbo "conferire" (verso la metà del brano) è:

controbattere
©
Sr

confondere
rl

©
xi

S
le


Sr
xi

sottrarre
Se

le

©
xi

Sr
Se

attribuire
le

©
Sr
xi
Se

le

configurare
l
xi

Sr
Se

le

xi
Se

le
Se


Sr

PROVA 0 VERSIONE A Università degli Studi di Siena pag. 2


©
Sr
xi
le


i

Sr
ex
Se


Sr
xi
el


Sr
Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO ED 50


Sr
xi
5

le


xi

Sr
Secondo quanto riportato nel brano, il termine "rimozione" indica:

Se

le

©
Sr
xi
Se
il processo di repressione di un desiderio

le

rl
xi

S
Se

le
il processo per cui un desiderio inammissibile diventa inconscio

xi
Se

le
il fatto che si debba diventare consapevoli dei propri desideri

Se
la connessione tra coscienza e desiderio

un utile strumento di costruzione della società civile

©
Sr

rl

©
xi

S
BRANO GG 36
le

rl

©
xi

S
Se

le

rl


xi
Leggere il brano e rispondere a ogni quesito solo in base alle informazioni contenute (esplicitamente o

S
Se

le


xi

Sr
Se
implicitamente) nel brano e non in base a quanto il candidato eventualmente conosca sull'argomento.

le

Sr
xi
Se

le
È possibile che, tra le cause della drastica diminuzione delle iscrizioni all'università, ci sia anche lo sgonfiamento della bolla

xi
Se

le
delle re-iscrizioni, ovvero di coloro che, già iscritti alla vecchia laurea quadriennale negli anni scorsi, sono passati alla triennale.

Se
©

Possiamo anche mettere in conto un certo calo demografico nella coorte dell'età interessata. Forse, visto l'aumento delle tasse
rl

universitarie per gli studenti fuori corso, c'è stata anche una riduzione degli iscritti tra coloro che facevano un'iscrizione di

Sr

prova, ma poi non sostenevano alcun esame.


xi

Sr
le

Sgonfiamento della bolla e calo demografico, tuttavia, sono solo una parte del fenomeno. I modi e le caratteristiche di questa


Sr
xi
Se

le

drastica diminuzione delle iscrizioni in un periodo di domanda di lavoro debole e alta disoccupazione giovanile costituiscono un

©
xi

Sr
Se

le

rl
xi
segnale di problemi strutturali della nostra università e del loro intreccio con i meccanismi di trasmissione fra le generazioni di

S
Se

le

xi

S
una disuguaglianza tra le più forti nelle democrazie sviluppate. Sono, infatti, soprattutto i diplomati degli istituti tecnici che

Se

le

xi
Se
hanno rallentato le iscrizioni alle lauree triennali, non perché attratti da un offerta di lavoro attraente sul piano economico, come

le
Se
avveniva in alcune aree del Nord-Est ancora negli anni Ottanta, quando molti giovani dei ceti operai e artigiani sceglievano un
©
rl

reddito subito, piuttosto che imbarcarsi in un processo formativo lungo che avrebbe "pagato", in termini economici, molto più

iS

©
Sr

tardi.
rl


xi

Piuttosto, questi giovani, che pure si trovano ad avere diplomi professionali non facilmente spendibili su un mercato del lavoro
le


xi

Sr
Se

in affanno, nemmeno riescono a vedere nella laurea triennale un investimento valido, né sul piano della maturazione culturale
le


Sr
xi
Se

le

né su quello professionale. Il fallimento della riforma "tre più due" è certificata dal cumularsi di aspetti negativi: l'ostilità e la

xi

Sr
Se

le

xi
diffidenza con cui è spesso considerata dai datori di lavoro, inducendo a pensare che, per avere qualche chance, occorra
Se

le

x
proseguire nel biennio; la ridotta percentuale di chi termina nei tempi previsti (uno degli obiettivi principali della riforma’, a

Se

le
Se
motivo non solo dell'impegno insufficiente da parte degli studenti, ma di corsi farraginosi, spesso con una moltiplicazione del

numero degli esami, con l'aggravante di piani di studio costantemente terremotati da circolari, riforme e controriforme, che
©
Sr

rl

fanno perdere tempo a docenti stressati e demotivati, disorientano gli studenti e pongono questioni di opportunità a genitori che

xi

S
le

©
xi

comunque devono farsi carico sia del mantenimento sia delle tasse universitarie.
Sr
le

rl


xi

Può non lasciarsi scoraggiare solo chi ha una fortissima motivazione personale, e/o è sostenuto da un contesto familiare e
S
Se

le


xi

Sr
Se

culturale che fornisce chiavi di lettura che aiutino a muoversi in questa palude e consente di integrare il curriculum con
le

Sr
xi
Se

esperienze all'estero o altro. Sono poche le risorse disponibili per orientamento e tutoraggio non puramente nominali.
le

xi
Se

le
Probabilmente sono proprio coloro che ne trarrebbero maggior vantaggio ad autoescludersi per mancanza di informazioni, o
Se
inadeguate competenze relazionali per pretenderli e trarne frutto. Così, mentre chi prosegue gli studi, pur rischiando di trovarsi

l
Se

comunque disoccupato o sottopagato, ha comunque occasioni di maturazione personale e di verifica durante il percorso delle
©
Sr

proprie opzioni e preferenze, chi non li intraprende neppure rischia di rimanere con un pugno di mosche: sul piano delle
l

©
xi

Sr
le

competenze professionali e su quello della formazione culturale. Anzi, rischia di consolidarsi nell'idea che o gli studi universitari
l


Sr
xi
Se

le

hanno un immediato esito sul mercato del lavoro o non hanno alcun valore.

xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi

(Chiara Saraceno, "Tutti i motivi di chi rinuncia", "La Repubblica", febbraio 2013’
Se

le

rl
xi

S
Se

le

xi
Se

le
Se

Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO GG 36


6

La riforma del "tre più due" è descritta come un fallimento per tutti i seguenti motivi tranne uno. Quale?
©
Sr

rl

La difficoltà di terminare gli studi nei tempi previsti


xi

S
le


xi

Sr

Il continuo cambio di rotta delle scelte di indirizzo


Se

le


Sr
xi
Se

La mancanza di una vera e propria formazione al lavoro


le


xi

Sr
Se

le

La diffidenza da parte di molti datori di lavoro


Sr
xi
Se

le

xi

Il continuo cambiamento dei piani di studio


Se

le
Se

©
Sr

rl

©
xi

S
le


Sr
xi
Se

le

©
xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi
Se

le

l
xi

Sr
Se

le

xi
Se

le
Se


Sr

PROVA 0 VERSIONE A Università degli Studi di Siena pag. 3


©
Sr
xi
le


i

Sr
ex
Se


Sr
xi
el


Sr
Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO GG 36


Sr
xi
7

le


xi

Sr
Quali categorie "trarrebbero maggior vantaggio" da orientamento e tutoraggio?

Se

le

©
Sr
xi
Se
Gli studenti privi di un contesto familiare e sociale in grado di stimolarli e sostenerli anche economicamente

le

rl
xi

S
Se

le
I diplomati degli istituti tecnici

xi
Se

le
Gli studenti che non riescono a terminare gli studi nei tempi previsti

Se
Solo gli studenti che non possono permettersi di integrare il curriculum con esperienze all'estero o altro

Chi pensa che o gli studenti universitari hanno un immediato esito sul mercato del lavoro, o non hanno alcun valore

©
Sr

rl

©
xi

S
le

rl

©
xi

S
Se

le

rl


xi

S
Se

le


xi

Sr
Se
Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO GG 36

le
8

Sr
xi
Se

le
Che cosa significa "corsi farraginosi"?

xi
Se

le
Corsi ormai vecchi e dannosi, come dei ferri arrugginiti

Se
©

Corsi nuovi e inutili


rl

Corsi privi di un reale sbocco lavorativo



Sr


xi

Corsi i cui piani di studio sono male strutturati e mutevoli


Sr
le


Sr
xi

Corsi lontani dalle reali esigenze del mondo del lavoro


Se

le

©
xi

Sr
Se

le

rl
xi

S
Se

le

xi

S
Se

le

xi
Se

le
Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO GG 36

Se
9
©

Quale delle seguenti categorie appare soddisfatta dell'attuale condizione dell'università italiana?
rl


iS

I genitori
©
Sr

rl


xi

I docenti
S
le


xi

Sr

I datori di lavoro
Se

le


Sr
xi
Se

le

Gli studenti nel loro complesso

xi

Sr
Se

le

xi
Nessuna delle altre categorie è soddisfatta Se

le

x
Se

le
Se

©
Sr

rl

Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO GG 36



xi

10
S
le

©
xi

Sr

Quale delle seguenti affermazioni è possibile dedurre dal brano?


le

rl


xi

S
Se

I diplomati degli istituti tecnici tendono a evitare l'università perché la percepiscono come generatrice di una
le


xi

Sr
Se

disuguaglianza tra le più forti nelle democrazie sviluppate


le

Sr
xi
Se

le

Tra gli iscritti alle lauree triennali c'è un calo soprattutto nel Nord Est dove, a un investimento a lungo termine, i giovani

xi
Se

le
continuano a preferire un reddito a breve Se

l
Se
Nonostante la riforma del "tre più due", con tutti i suoi riconosciuti e apprezzati vantaggi per studenti e datori di lavoro,

c'è un calo di iscrizioni all'università


©
Sr

Sono soprattutto i figli di operai e artigiani ad aver rinunciato all'università, soprattutto per motivi economici e per la loro
xi

Sr
le


Sr
xi

difficoltà di laurearsi in corso


Se

le


xi

Sr
Se

Il numero di iscrizioni alle lauree triennali è in calo soprattutto tra i diplomati degli istituti tecnici
le

©
Sr
xi
Se

le

rl
xi

S
Se

le

xi
Se

le
Se

©
Sr

rl


xi

S
le


xi

Sr
Se

le


Sr
xi
Se

le


xi

Sr
Se

le

Sr
xi
Se

le

xi
Se

le
Se

©
Sr

rl

©
xi

S
le


Sr
xi
Se

le

©
xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi
Se

le

l
xi

Sr
Se

le

xi
Se

le
Se


Sr

PROVA 0 VERSIONE A Università degli Studi di Siena pag. 4


©
Sr
xi
le


i

Sr
ex
Se


Sr
xi
el
BRANO FL 83


Leggere il brano e rispondere a ogni quesito solo in base alle informazioni contenute (esplicitamente o


Sr
implicitamente) nel brano e non in base a quanto il candidato eventualmente conosca sull'argomento.


Sr
xi
le


xi
Noi adulti amiamo credere che i giovani usino Internet per soddisfare bisogni culturali. Le loro motivazioni si concentrano,

Sr
Se

le

©
Sr
xi
invece, sulle nuove opportunità di comunicazione: esprimere la propria identità, stringere nuove amicizie, consolidare quelle

Se

le

rl
xi

S
Se
vecchie, divertirsi. Anche se ai nostri occhi la maggior parte delle conversazioni online appare banale, i ragazzi sembrano

le

xi
Se
attribuire un valore particolare a quella negoziazione continua, ora divertente, ora complicata, che li impegna con i loro pari su

le
Se
qualsiasi cosa, dal vestito giusto alle aspettative scolastiche e professionali (Clark, 2005’, e che consente loro di estendere la

vita offline nello spazio della rete, dove è possibile fare esperienze con maggiore libertà, lontano dallo sguardo degli adulti.

©
Sr

Anche quando sono fisicamente presenti, in classe o a casa, gli adolescenti sono psicologicamente assenti, impegnati a

rl

©
xi

S
interagire con la propria rete sociale o a gestire le proprie dinamiche familiari (Gergen, 2002’, "sempre on line", "sempre in
le

rl

©
xi

S
Se

le
contatto" fra di loro. [1] Ciò che li assorbe maggiormente, nella loro vita quotidiana, è la transizione psicologica e sociale tra

rl


xi

S
Se

le
l ambiente familiare e domestico in cui affondano le radici e la partecipazione attiva alle dinamiche del mondo più ampio che li


xi

Sr
Se

le

Sr
xi
circonda. [2] Non a caso, secondo i dati dell indagine Pew Internet, due terzi dei teenager americani ritiene che Internet

Se

le

xi
sottragga loro tempo da trascorrere in famiglia, e metà di loro la usa per coltivare rapporti di amicizia, cosa che suggerisce uno

Se

le
Se
slittamento generazionale dall ambito delle relazioni familiari (verticali’ a quello dei legami (orizzontali’ tra pari (Lenhart, Raine,
©

Lewis, 2001’. Taylor e Harper (2002’ riportano, a questo proposito, l esempio significativo degli adolescenti che si augurano
rl

buonanotte via Internet dai loro letti, sostituendo così la tradizionale buonanotte che si scambiavano con mamma e papà.

Sr


xi

Sr

[3] Ma al di là di questa ampia possibilità di rimanere sempre in contatto con i propri amici, anche quando sono fisicamente
le


Sr
xi

lontani, quali sono le risorse comunicative e identitarie che Internet mette a disposizione dei più giovani? Osserva Hall (1996’:
Se

le

©
xi

Sr
Se

"Proprio perché si strutturano all interno, e non all esterno, del discorso, le identità vanno considerate mediante specifiche

le

rl
xi

S
Se

le
strategie enunciative come il prodotto di particolari luoghi storici e istituzionali, con le loro particolari formazioni e pratiche

xi

S
Se

le
discorsive. Inoltre, appaiono entro il gioco di specifiche modalità del potere". Il tema dell identità sia offline sia online

xi
Se

le
sollevato da questa analisi, pone ovviamente questioni molto complesse.

Se
©

(Da: S. Livingstone, "Ragazzi online", Vita e Pensiero’


rl


iS

©
Sr

rl


xi

S
le


xi

Sr
Se

le

Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO FL 83


Sr
xi

11
Se

le

xi
Secondo l'autore del brano, la vita online dei giovani è una negoziazione continua caratterizzata da tutti i seguenti

Sr
Se

le

xi
aspetti tranne uno. Quale? Se

le

x
Se
Può riguardare le aspettative professionali

le
Se
È complicata

©
Sr

È divertente
rl


xi

Può riguardare le aspettative scolastiche


le

©
xi

Sr
le

Li impegna con i genitori su qualunque cosa


rl


xi

S
Se

le


xi

Sr
Se

le

Sr
xi
Se

le

xi
Se

le
Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO FL 83 Se
12

l
Se
Per i giovani, la rete:

©
Sr

è uno spazio che consente una maggiore libertà di esperienze, lontano dagli occhi dei loro genitori
l

©
xi

Sr

è una realtà da negoziare continuamente con i genitori


le


Sr
xi
Se

le

è soprattutto una nuova modalità di comunicazione con gli adulti



xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi

non ha niente a che fare con le dinamiche familiari


Se

le

rl
xi

S
Se

tutte le altre alternative sono corrette


le

xi
Se

le
Se

©
Sr

Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO FL 83


13
rl


xi

Secondo l'autore del brano, cos'è che assorbe maggiormente gli adolescenti nella loro vita quotidiana?
le


xi

Sr
Se

le

La negoziazione continua con i coetanei sul vestito giusto



Sr
xi
Se

le


xi

Sr

Il gioco di specifiche identità di potere


Se

le

Sr
xi
Se

La libertà di fare esperienze nuove


le

xi
Se

le

La transizione psicologica e sociale tra la famiglia e il mondo


Se

La possibilità di individuare nuove risorse identitarie


©
Sr

rl

©
xi

S
le


Sr
xi
Se

le

©
xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi
Se

le

l
xi

Sr
Se

le

xi
Se

le
Se


Sr

PROVA 0 VERSIONE A Università degli Studi di Siena pag. 5


©
Sr
xi
le


i

Sr
ex
Se


Sr
xi
el


Sr
Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO FL 83


Sr
xi
14

le


xi

Sr
Le motivazioni che spingono i giovani a usare Internet:

Se

le

©
Sr
xi
Se
si concentrano sulle nuove opportunità di comunicazione

le

rl
xi

S
Se

le
riguardano il soddisfacimento dei loro bisogni culturali

xi
Se

le
si concentrano solo sull'esprimere la propria identità

Se
si concentrano solo sul divertirsi

sono legate alla possibilità di estendere la vita offline al di fuori della rete

©
Sr

rl

©
xi

S
le

rl

©
xi

S
Se

le

rl


xi

S
Se

le


xi

Sr
Se
Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO FL 83

le
15

Sr
xi
Se

le
L indagine Pew Internet fa emergere:

xi
Se

le
che due terzi dei genitori americani ritiene che Internet sottragga ai loro figli tempo da passare con la famiglia

Se
©

che metà degli adolescenti americani ritiene che Internet sottragga loro tempo da passare con la famiglia
rl

che due terzi degli adolescenti americani usa internet per coltivare le amicizie

Sr


xi

uno slittamento generazionale dalle relazioni familiari a quelle tra pari


Sr
le


Sr
xi

nessuna delle altre alternative è corretta


Se

le

©
xi

Sr
Se

le

rl
xi
BRANO DE 03

S
Se

le

xi

S
Se

le
Leggere il brano e rispondere a ogni quesito solo in base alle informazioni contenute (esplicitamente o

xi
Se

le
implicitamente) nel brano e non in base a quanto il candidato eventualmente conosca sull'argomento.

Se
©

Soltanto i giovani hanno momenti del genere. Non dico i più giovani. No. Quando si è molto giovani, a dirla esatta, non vi sono
rl


iS

momenti. È privilegio della prima gioventù vivere d'anticipo sul tempo a venire, in un flusso ininterrotto di belle speranze che
©
Sr

non conosce attimi o soste di riflessione.


rl


xi

S
le


Ci si chiude alle spalle il cancelletto dell'infanzia, e si entra in un giardino d'incanti. Persino la penombra qui brilla di promesse.
xi

Sr
Se

le


Sr
xi

A ogni svolta il sentiero ha le sue seduzioni. E non perché sia questo un paese inesplorato. Lo sappiamo bene che l'umanità
Se

le

xi

Sr
Se

tutta è passata da lì. È piuttosto l'incanto dell'universale esperienza, da cui ci aspettiamo emozioni non ordinarie o personali,

le

xi
qualcosa che sia solo nostro. Se

le

x
Se

le
Si va avanti ritrovando i solchi lasciati dai nostri predecessori, eccitati, divertiti, facendo tutt'un fascio di buona e cattiva sorte

Se

zuccherini e batoste, si può dire il pittoresco lascito assegnato a tutti, che tante cose riserba a chi ne avrà i meriti, o forse a
©
Sr

chi avrà fortuna. Già. Si va avanti. E anche il tempo va, fino a quando innanzi a noi si profila una linea d'ombra, ad avvertirci
rl


xi

che bisogna dire addio anche al paese della gioventù.


le

©
xi

Sr

Questo è il periodo della vita in cui è più facile sopraggiungano i momenti che ho detto. Che momenti? Be', momenti di noia, di
le

rl


xi

S
Se

le

stanchezza, d'insoddisfazione. Momenti d'avventatezza. Voglio dire momenti in cui chi è ancora giovane si trova a commettere


xi

Sr
Se

le

Sr
xi

azioni avventate, come per esempio sposarsi all'improvviso o abbandonare senza motivo un posto di lavoro.
Se

le

xi
(J. Conrad, "La linea d'ombra"’
Se

le
Se

l
Se

©
Sr

Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO DE 03


l

©
xi

Sr

16
le

La gioventù è definita "un giardino d incanti" perché:



Sr
xi
Se

le


xi

Sr

prospetta emozioni straordinarie attraverso l esperienza universale


Se

le

©
Sr
xi
Se

vengono lasciati alle spalle i momenti di noia


le

rl
xi

S
Se

le

consente di vivere in prima persona un esperienza che molti hanno già vissuto
xi
Se

le

è un paese inesplorato
Se

è un esperienza unica per ciascuno


©
Sr

rl


xi

S
le


xi

Sr
Se

le


Sr
xi

Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO DE 03


Se

le

17

xi

Sr
Se

La "linea d ombra" è la linea di demarcazione fra:


le

Sr
xi
Se

le

infanzia e giovinezza
xi
Se

le

giovinezza ed età adulta


Se

prima e seconda giovinezza


età adulta e vecchiaia


©
Sr

rl

©
xi

nessuna delle altre alternative è corretta


S
le


Sr
xi
Se

le

©
xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi
Se

le

l
xi

Sr
Se

le

xi
Se

le
Se


Sr

PROVA 0 VERSIONE A Università degli Studi di Siena pag. 6


©
Sr
xi
le


i

Sr
ex
Se


Sr
xi
el


Sr
Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO DE 03


Sr
xi
18

le


xi

Sr
Durante la giovinezza, si vivono con eccitazione:

Se

le

©
Sr
xi
Se
gli eventi pittoreschi

le

rl
xi

S
Se

le
solo gli eventi lieti

xi
Se

le
gli eventi nuovi

Se
tutti gli eventi, lieti e non

gli eventi inattesi

©
Sr

rl

©
xi

S
le

rl

©
xi

S
Se

le

rl


xi

S
Se

le


xi

Sr
Se
Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO DE 03

le
19

Sr
xi
Se

le
I "momenti" a cui fa riferimento l autore sono quelli in cui si prendono decisioni:

xi
Se

le
definitive

Se
©

avvedute
rl

senza l aiuto di alcuno



Sr


xi

avventate
Sr
le


Sr
xi

ponderate
Se

le

©
xi

Sr
Se

le

rl
xi

S
Se

le

xi

S
Se

le

xi
Se

le
Rispondere al seguente quesito facendo riferimento al BRANO DE 03

Se
20
©

Nel passaggio "il pittoresco lascito assegnato a tutti", cosa significa "lascito"?
rl


iS

Regalo
©
Sr

rl


xi

Perdita
S
le


xi

Sr

Solco
Se

le


Sr
xi
Se

le

Prestito

xi

Sr
Se

le

xi
Eredità Se

le

x
Se

le
Se

©
Sr

rl


xi

21 Nel caso uno studente volesse cambiare tipologia di istruzione secondaria di secondo grado, quale delle seguenti
S
le

©
xi

Sr

affermazioni è corretta?
le

rl


xi

S
Se

le

La legge non assicura il riconoscimento dei crediti acquisiti in caso di cambiamento dal sistema dei licei al sistema


xi

Sr
Se

le

Sr
xi

dell'istruzione e formazione professionale


Se

le

xi
Se

La legge assicura la possibilità di cambiare indirizzo all'interno dei licei, nonché di passare dal sistema dei licei al

le
sistema dell'istruzione e della formazione professionale ma non viceversa Se

l
Se
Il passaggio dal sistema d'istruzione e della formazione professionale al sistema dei licei può avvenire

©
Sr

automaticamente a seguito della richiesta, senza necessità di valutare che la preparazione dello studente sia adeguata
l

©
xi

Sr

alla nuova scelta


le


Sr
xi
Se

La legge assicura la possibilità di cambiare indirizzo all'interno del sistema dei licei, nonché di passare dal sistema dei
le


xi

Sr
Se

le

licei al sistema dell'istruzione e della formazione professionale e viceversa


©
Sr
xi
Se

le

rl
xi

La legge non assicura la possibilità del cambiamento, che di regola viene giudicato in autonomia dalla nuova scuola
S
Se

le

xi

scelta dallo studente


Se

le
Se

©
Sr

rl


xi

22 Il compito di stilare il regolamento interno d istituto spetta al:


le


xi

Sr
Se

le


Sr
xi

consiglio di intersezione
Se

le


xi

Sr
Se

nessuna delle altre alternative è corretta


le

Sr
xi
Se

le

consiglio d istituto
xi
Se

le

collegio dei docenti


Se

consiglio di interclasse

©
Sr

rl

©
xi

S
le


Sr
xi
Se

le

©
xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi
Se

le

l
xi

Sr
Se

le

xi
Se

le
Se


Sr

PROVA 0 VERSIONE A Università degli Studi di Siena pag. 7


©
Sr
xi
le


i

Sr
ex
Se


Sr
xi
el


Sr


Sr
xi
23 All interno della didattica metacognitiva, come si chiama la metodologia che prevede uno studente che assuma il

le


xi

Sr
Se
ruolo di tutor, o di insegnante, nei confronti di un compagno?

le

©
Sr
xi
Se

le

rl
Tutoraggio di aiuto

xi

S
Se

le

xi
Peer tutoring

Se

le
Se
Gruppo di auto-aiuto
Insegnamento metagruppale

©
Sr

Problem solving

rl

©
xi

S
le

rl

©
xi

S
Se

le

rl


xi

S
Se

le


xi

Sr
Se

le

Sr
xi
Se
24 Ai sensi della legge 104/1992, cosa si intende con il principio dell'integrazione scolastica e sociale?

le

xi
Se

le
Un momento fondamentale per la tutela della dignità umana della persona con disabilità

Se
©

La base dei progetti educativi di ciascuna classe


rl

La base del percorso formativo che inizia con la scuola primaria



Sr

Un momento importante per qualsiasi studente di ogni ordine e grado della scuola


xi

Sr
le


Sr
xi

Il fondamento del Piano dell'offerta formativa


Se

le

©
xi

Sr
Se

le

rl
xi

S
Se

le

xi

S
Se

le

xi
Se

le
Se
25 Un leader è definito "carismatico" quando:
©
rl

è benvoluto da tutti i componenti del gruppo



iS

©
Sr

ha un forte ascendente sugli altri membri del gruppo


rl


xi

è in grado di imporre, con qualsiasi mezzo, la propria volontà


le


xi

Sr
Se

le

è in grado di mantenere sempre il controllo del gruppo


Sr
xi
Se

le

xi

Sr
non ammette contraddittorio in merito alle sue decisioni o scelte
Se

le

xi
Se

le

x
Se

le
Se

©
Sr

26 Chi ha proposto una gerarchia degli stadi di sviluppo della vita psichica?
rl


xi

S
le

©
xi

Benjamin S. Bloom
Sr
le

rl


xi

Howard Gardner
Se

le


xi

Sr
Se

Jerome Bruner
le

Sr
xi
Se

le

Jean-Jacques Rousseau

xi
Se

le
Jean Piaget Se

l
Se

©
Sr

©
xi

Sr
le


Sr
xi
Se

27 L'acronimo DSA sta per:


le


xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi

disturbi specifici dell'apprendimento


Se

le

rl
xi

S
Se

disabilità scolastiche e affettive


le

xi
Se

le

disturbi della sfera affettiva


Se

debiti scolastici e assimilati


disabilità sociali e affettive


©
Sr

rl


xi

S
le


xi

Sr
Se

le


Sr
xi
Se

le


xi

Sr
Se

Ai sensi dell'art. 1 del d.lgs. 297/1994, la libertà di insegnamento dei docenti è intesa come:
le

28
Sr
xi
Se

le

xi

libertà di scelta dell'orario scolastico


Se

le
Se

autonomia didattica e come libera espressione culturale


libertà di scelta della scuola nella quale insegnare

©
Sr

autonomia nella scelta del programma


rl

©
xi

libertà di studio e aggiornamento professionale


le


Sr
xi
Se

le

©
xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi
Se

le

l
xi

Sr
Se

le

xi
Se

le
Se


Sr

PROVA 0 VERSIONE A Università degli Studi di Siena pag. 8


©
Sr
xi
le


i

Sr
ex
Se


Sr
xi
el


Sr


Sr
xi
29 A norma del d.lgs. 297/1994, tra gli altri, fanno parte del consiglio di classe della scuola secondaria di secondo

le


xi

Sr
Se
grado:

le

©
Sr
xi
Se

le

rl
due rappresentanti eletti dai genitori degli alunni iscritti alla classe, nonché due rappresentanti degli studenti, eletti

xi

S
Se

le

xi
dagli studenti della classe

Se

le
Se
un rappresentante eletto dai genitori degli alunni iscritti alla classe
tre rappresentanti eletti dai genitori degli alunni iscritti alla classe, e due rappresentanti degli studenti, eletti dagli

studenti della classe

©
Sr

rl

©
xi

tre rappresentanti degli studenti della classe, eletti dagli studenti della classe

S
le

rl

©
xi

S
Se

quattro rappresentanti eletti dai genitori degli alunni iscritti alla classe

le

rl


xi

S
Se

le


xi

Sr
Se

le

Sr
xi
Se

le

xi
Se

le
Se
30 Il curricolo delle scuole secondarie di secondo grado è determinato:
©
rl

senza tener conto delle diverse esigenze formative degli alunni, anche se concretamente rilevate

Sr

interamente a livello nazionale


xi

Sr
le

interamente dalle singole istituzioni scolastiche


Sr
xi
Se

le

©
xi

Sr
in parte a livello nazionale e in parte dalle singole istituzioni scolastiche
Se

le

rl
xi

S
Se
in maniera rigida e può essere modificato solo ogni cinque anni

le

xi

S
Se

le

xi
Se

le
Se
©
rl


iS

31 Nell'ambito della valutazione del rendimento degli alunni disabili della scuola secondaria, in riferimento alla legge
©
Sr

rl


xi

104/1992, quale delle seguenti alternative è corretta?


S
le


xi

Sr

I docenti sono esentati dall'obbligo di valutazione degli alunni


Se

le


Sr
xi
Se

le

Sono consentite prove equipollenti e tempi più lunghi per l'effettuazione delle prove scritte o grafiche e la presenza di

xi

Sr
Se

le
assistenti per l'autonomia e la comunicazione

xi
Se

le

x
I docenti possono utilizzare, nella valutazione di un alunno, unicamente o prove scritte o prove orali, in funzione del

Se

le
Se
tipo di disabilità

Non sono consentite prove equipollenti, ma devono essere concessi tempi più lunghi rispetto agli altri alunni per
©
Sr

rl

risolvere la stessa prova



xi

S
le

©
xi

Sr

Sono consentite prove equipollenti ma non la presenza di assistenti per l'autonomia e la comunicazione
le

rl


xi

S
Se

le


xi

Sr
Se

le

Sr
xi
Se

le

xi
Se

le
32 La programmazione nella scuola prevede: Se

l
Se

di analizzare la situazione di partenza, definire gli obiettivi in maniera rigorosa e scegliere metodi e strumenti rigidi
©
Sr

di procedere in maniera lineare e non circolare


l

©
xi

Sr
le

di stilare una previsione di obiettivi possibili, contenuti e metodi praticabili


l


Sr
xi
Se

le

che contenuti e obiettivi possano anche non essere coerenti tra loro
xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi

di lasciare ampio spazio alla creatività dell insegnante, anche se non supportata da un metodo
Se

le

rl
xi

S
Se

le

xi
Se

le
Se

33 Quale, tra le seguenti alternative, NON caratterizza il processo di apprendimento generato dal metodo
©
Sr

rl

cooperativo?

xi

S
le


xi

Sr

Rapporto uno a uno


Se

le


Sr
xi
Se

Dinamico
le


xi

Sr
Se

le

Intersoggettivo
Sr
xi
Se

le

xi

Collaborativo
Se

le
Se

Tra pari

©
Sr

rl

©
xi

S
le


Sr
xi
Se

le

©
xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi
Se

le

l
xi

Sr
Se

le

xi
Se

le
Se


Sr

PROVA 0 VERSIONE A Università degli Studi di Siena pag. 9


©
Sr
xi
le


i

Sr
ex
Se


Sr
xi
el


Sr


Sr
xi
34 Quale dei seguenti NON è un percorso previsto dai regolamenti di riordino dei licei, degli istituti tecnici e degli

le


xi

Sr
Se
istituti professionali emanati nel 2010 dal Presidente della Repubblica?

le

©
Sr
xi
Se

le

rl
Istituto professionale con indirizzo servizi socio-sanitari

xi

S
Se

le

xi
Istituto tecnico con indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing

Se

le
Se
Liceo delle scienze umane
Liceo tecnico industriale

©
Sr

Liceo musicale e coreutico

rl

©
xi

S
le

rl

©
xi

S
Se

le

rl


xi

S
Se

le


xi

Sr
Se

le

Sr
xi
Se
35 Il piano dell'offerta formativa delle scuole è:

le

xi
Se

le
il regolamento d'istituto

Se
©

un documento amministrativo che assegna a ogni attività didattica un determinato ordinativo di spesa
rl

il documento fondamentale costitutivo dell'identità culturale e progettuale



Sr

una dichiarazione di intenti che viene consegnata ai potenziali studenti


xi

Sr
le


Sr
xi

pubblicato sul Bollettino dell'Ufficio scolastico regionale


Se

le

©
xi

Sr
Se

le

rl
xi

S
Se

le

xi

S
Se

le

xi
Se

le
Se
36 L'adolescenza è una fase del ciclo di vita umano che:
©
rl

è caratterizzata da equilibrio psicologico



iS

©
Sr

va dai 12/13 anni ai 19 anni circa


rl


xi

si presenta con le stesse caratteristiche in culture diverse


le


xi

Sr
Se

le

va dai 9 ai 14 anni circa


Sr
xi
Se

le

xi

Sr
si caratterizza per la presenza di un pensiero pre-operatorio
Se

le

xi
Se

le

x
Se

le
Se

©
Sr

37 L impiego di tecnologie informatiche in ambito scolastico NON:


rl


xi

S
le

©
xi

sposta il focus dell apprendimento dal docente allo studente, collocando quest ultimo al centro del processo
Sr
le

rl


xi

garantisce un miglioramento del rendimento degli alunni indipendentemente dalle modalità di utilizzo
Se

le


xi

Sr
Se

stimola l interesse e la motivazione degli alunni


le

Sr
xi
Se

le

favorisce l apprendimento fondato sul "fare" anziché sul "sapere"

xi
Se

le
facilita l adozione di strategie cooperative tra gli studenti Se

l
Se

©
Sr

©
xi

Sr
le


Sr
xi
Se

38 Nel pensiero di Erik Erikson, l adolescenza è contraddistinta:


le


xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi

dalla simbiosi con la madre


Se

le

rl
xi

S
Se

dallo sviluppo del giudizio morale


le

xi
Se

le

dalla ricerca dell identità


Se

dalla condizione di stabilità


dal sentimento di dipendenza dalle figure genitoriali


©
Sr

rl


xi

S
le


xi

Sr
Se

le


Sr
xi
Se

le


xi

Sr
Se

Tra i seguenti stili di apprendimento, quale opzione rappresenta lo stile analitico di un alunno?
le

39
Sr
xi
Se

le

xi

Nello svolgere un compito, l alunno studia meticolosamente i diversi parametri e si va formando un idea generale via
Se

le
Se

via che procede


L alunno ha bisogno di una certa libertà di iniziativa per seguire i percorsi che gli sembrano più appropriati

L alunno si fa subito un idea generale del fenomeno studiato, cogliendo le relazioni tra i diversi elementi affrontati
©
Sr

rl

©
xi

L alunno dispone pienamente delle sue possibilità solo se si trova in un ambiente relativamente favorevole
S
le


Sr
xi
Se

L alunno è interessato soprattutto alle differenze, alle opposizioni e alle contraddizioni, che tende a evidenziare
le

©
xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi
Se

le

l
xi

Sr
Se

le

xi
Se

le
Se


Sr

PROVA 0 VERSIONE A Università degli Studi di Siena pag. 10


©
Sr
xi
le


i

Sr
ex
Se


Sr
xi
el


Sr


Sr
xi
40 Quale, tra le seguenti alternative, descrive uno stile "autorevole" da parte dell insegnante?

le


xi

Sr
Se

le
Uno stile flessibile, finalizzato a costruire un rapporto collaborativo tra docente e studenti

©
Sr
xi
Se

le

rl
xi
Uno stile autoritario, centrato sulla trasmissione dei contenuti delle discipline

S
Se

le

xi
Se
Uno stile tollerante, mirato a costruire legami tra pari anziché al rispetto delle regole

le
Se
Uno stile permissivo, che favorisce relazioni cordiali evitando il conflitto

Nessuna delle alternative è corretta

©
Sr

rl

©
xi

S
le

rl

©
xi

S
Se

le

rl


xi

S
Se

le


xi

Sr
41

Se
Nell'attuale ordinamento, l obbligo scolastico ha una durata di:

le

Sr
xi
Se

le
6 anni

xi
Se

le
almeno 12 anni

Se
©

almeno 10 anni
rl

8 anni

Sr


xi

Sr

11 anni
le


Sr
xi
Se

le

©
xi

Sr
Se

le

rl
xi

S
Se

le

xi

S
Se

le

xi
Se
42 Le scuole attive sono basate sul principio:

le
Se
dello svolgimento dello Spirito in senso idealistico
©
rl

dello slancio vitale


iS

©
Sr

dell'esperienza come oggetto fondamentale dell'educazione


rl


xi

S
le

dell'essere-nel-mondo come viene inteso dalla fenomenologia husserliana


xi

Sr
Se

le


Sr
xi

del soggetto come viene inteso dal personalismo cattolico


Se

le

xi

Sr
Se

le

xi
Se

le

x
Se

le
Se

43 L'attivazione di percorsi didattici individualizzati, anche in relazione agli alunni disabili, è espressione
©
Sr

dell'autonomia:
rl


xi

S
le

©
xi

didattica delle scuole


Sr
le

rl


xi

organizzativa delle scuole


Se

le


xi

Sr
Se

di sviluppo delle scuole


le

Sr
xi
Se

le

di sperimentazione delle scuole

xi
Se

le
di ricerca delle scuole Se

l
Se

©
Sr

©
xi

Sr
le


Sr
xi
Se

44 Chi presiede il collegio dei docenti nella scuola secondaria di secondo grado?
le


xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi

Il collegio dei docenti non è presieduto da alcuna figura in particolare


Se

le

rl
xi

S
Se

Un professore eletto annualmente dal collegio stesso


le

xi
Se

le

Il dirigente scolastico
Se

Un docente nominato di volta in volta prima dell'inizio della seduta


Il coordinatore scolastico
©
Sr

rl


xi

S
le


xi

Sr
Se

le


Sr
xi
Se

le


xi

Sr
Se

In Italia la libertà di insegnamento:


le

45
Sr
xi
Se

le

xi

è stata riconosciuta solo a partire dal 1968


Se

le
Se

è un valore mutuato dal Trattato sull'Unione europea


riguarda solo la scuola primaria

©
Sr

è un principio affermato dalla Costituzione


rl

©
xi

è riferita solo all'ambito universitario


le


Sr
xi
Se

le

©
xi

Sr
Se

le

©
Sr
xi
Se

le

l
xi

Sr
Se

le

xi
Se

le
Se


Sr

PROVA 0 VERSIONE A Università degli Studi di Siena pag. 11


©
Sr
xi
le


i

Sr
ex
Se


Sr
xi
el