Sei sulla pagina 1di 1

EFFETTO LARSEN/FEEDBACK ACUSTICO

L'effetto Larsen ( Absalon Larsen che per primo ne scoprì il principio), detto anche
feedback acustico, o più prosaicamente ritorno, è il tipico fischio stridente che si
sviluppa quando i suoni emessi da un altoparlante ritornano ad essere captati con
sufficiente "potenza di innesco" da un microfono e da questo rimandato al
medesimo altoparlante, in un circuito chiuso.
L'effetto s’innesca solitamente quando il microfono è troppo vicino all'altoparlante
cui è collegato, e per questo capta una frequenza emessa da quest'ultimo, in un
dato momento più forte delle altre, che quindi viene amplificata e riprodotta a sua
volta con ampiezza via via crescente, virtualmente illimitata.
Il problema si presenta soprattutto nell’ambiente live, dove è complicato curare
l'acustica ambientale.

La comparsa dell'effetto Larsen si può minimizzare utilizzando microfoni direzionali,


cambiando opportunamente la posizione e la direzione del microfono. Con l'utilizzo
dell'equalizzatore si agisce sulle frequenze d’innesco in maniera selettiva
attenuando così le eventuali risonanze che eccitano una o più frequenze.
Talvolta, specialmente nell'ambito del rock d'avanguardia o di generi musicali
sperimentali, l'effetto Larsen è volutamente ricercato in dati fraseggi.