Sei sulla pagina 1di 6

LETTERATURA: manuale

per capire come definire la narrazione, partiamo dall’Odissea, testo riconducibile al mondo
narrativo epico tragico e a quello romanzesco. Viene attribuita a Omero, ma non si sa se sia mai
esistito; è stato tramandato che fosse un cantore, ovvero un esperto nella narrazione; attraverso i
testi che recitava il cantore dava voce alla memoria culturale delle società arcaiche, era come
un’enciclopedia, poiché quella orale era l’unica forma di trasmissione dei testi. forma poetica e
ritmo della forma espressiva permettevano di memorizzare più facilmente lunghe sequenza di
parole.
il discorso scritto ha tipicamente l’ipotassi.
il discorso orale ha una struttura sintattica di tipo paratattico, ovvero frasi una accanto all’altra in
semplice rapporto di coordinazione; si privilegiano gruppi di elementi precostituiti e tradizionali,
ridondanze per aumentare il livello di attenzione e comprensione. difficoltà a conservarsi nel
tempo, in più sono in equilibrio omeostatico, ovvero tendono a eliminare tutte le memorie che non
abbiano più rilievo nel presente. è strettamente correlata a memoria e tradizione, alla
conservazione di un patrimonio culturale. non hanno un vero autore ma passano di bocca in
bocca, frammentarietà e scarsa omogeneità.
narrazione: pratica sociale in cui due o più persone mettono in comune una storia.
Jakobson: 6 fattori che definiscono ogni forma di comunicazione, sempre compresenti: emittente,
destinatario, messaggio, canale, codice e referente.
la comunicazione letteraria è come un naufrago che tenta di comunicare con il mondo attraverso
un messaggio in una bottiglia: dovrà inserire nella narrazione tutte le istruzioni possibili e
necessarie per essere letto e compreso.

autore modello: stile espressivo riconoscibile, riconducibile a un’epoca storica e un contesto


culturale; occorrenze illocutive ovvero viene reso esplicito qualcuno che agisce, giudica; è una
voce che ci parla e ci vuole al proprio fianco.

narrare è un bisogno profondo ed essenziale della natura umana, raccontare storie su noi stessi e
sugli altri è la maniera più naturale e precoce con cui noi uomini organizziamo la nostra esperienza
e le nostre conoscenze; si può fare in diversi modi, ad es con il diario (registrazione degli
avvenimenti senza un preciso disegno d’insieme), la lettera, il racconto in presa diretta, il ricordo (a
distanza di tempo, senza tentarne un’organizzazione narrativa o un’interpretazione complessiva), il
racconto autobiografico (esperienze autobiografiche organizzate in un vero e proprio racconto,
chiara struttura narrativa, organizzazione tematica ed episodi messi in rilievo), e l’autobiografia
(narrazione della propria vita, esamina la propria vicenda umana e ne dà un’interpretazione
complessiva, spesso sotto il bisogno di una confessione e con il riconoscimento di un
ravvedimento).

storia: molti significati, tra cui ricostruzione delle azioni compiute dagli uomini del passato, tutto
quello che gli uomini hanno compiuto, una narrazione, un rapporto amoroso.
distinzione tra narrazioni (storie) che si presentano con un marchio di verità, quindi quelle degli
storici, e narrazioni (storie) che si presentano invece come invenzioni, o finzioni, quindi quelle dei
novellieri, e devono essere interessanti e avvincenti.

mito di Eco e Narciso: intreccio di 2 grandi miti antichi, atto di metamorfosi tipico di una cultura
magica e di una concezione sacrale della natura.
i 3 cani: fiaba di magia, molti elementi tipici di tale narrazione: giovane inesperto messo alla prova,
aiuto di esseri magici, ostacoli che deve superare, stato di solitudine, trasformazioni magiche di
animali in uomini e viceversa, lotta con il drago, nozioni di luoghi e tempo semplificate al massimo.

racconto epico si contrappone al romanzo: mondo antico/mondo moderno; narrazione


impersonale, oggettiva, in sé conclusa, in stile sublime, dominata dal tema della guerra e
dell’eroismo/narrazione molteplice, frammentaria, soggettiva, in uno stile quotidiano, orientato a un
pubblico prevalentemente femminile.
fiaba di magia: struttura abbastanza rigida, predeterminata, ripetersi di situazioni e personaggi
simili, necessità di utilizzare formule narrative precostituite, facilmente memorizzabili e riconoscibili,
temi come la vita e la morte, la continuità della specie, il percorso di formazione degli adolescenti.
generale struttura di base che comporta il confronto tra il protagonista e l’antisoggetto, per il
possesso di un oggetto di valore, che può essere sia materiale (principessa, anello magico, ecc)
che immateriale (libertà, amore, ecc) —> asse del desiderio che regola il rapporto conflittuale tra i
due.
3 sfere di azione o funzioni narrative definite da 6 categorie attanziali: soggetto/oggetto,
destinante/destinatario, aiutante/opponente.
Tomasevskij: ogni racconto può essere scomposto in una serie di unità minime che chiama motivi,
ovvero le unità elementari attraverso cui viene composto il racconto; i motivi fondamentali e
insostituibili vengono detti motivi legati, quelli meno essenziali sono detti motivi liberi; quelli che
portano trasformazioni sono detti dinamici, mentre quelli che non portano ad alcun mutamento
sono detti statici.
per i fomalisti russi l’ordine degli avvenimenti nel racconto secondo la loro sequenza logica e
cronologica si chiama fabula, mentre con intreccio si intende la disposizione degli eventi della
fabula poiché non sempre seguono un ordine preciso. la fabula è una ricostruzione a posteriori e si
tratta di una struttura astratta che nasce al solo fine dell’analisi del racconto.
2 grandi tipi di svolgimento della fabula: 1situazione iniziale conflittuale che dopo una serie di
peripezie si scioglie e si instaura uno stato di equilibrio; 2situazione iniziale in equilibrio, poi
avviene una complicazione e dopo una serie di peripezie sui arriva allo scioglimento e si torna
all’equilibrio.

La parure: equilibrio iniziale solo apparente, l’aiutante è anche opponente (inconsapevole) e


fornisce al soggetto un oggetto magico che però non porta al superamento della prova; un
personaggio può rivestire nella storia più ruoli anche opposti; la vita della protagonista è gestita
dalla società e i suoi valori —> destinanti che comunicano al soggetto la necessità di desiderare
un certo oggetto, la società impone il compito da seguire e ne sancisce anche il successo o
l’insuccesso; è un racconto in cui l’azione è ridotta al minimo, al centro della storia c’è una serie di
scambi, il vero meccanismo non sta nell’agire ma nel sapere e credere, quindi sul piano cognitivo.

Zeno si racconta: diario in cui il protagonista mette a nudo la propria coscienza e cerca di dare un
senso alla propria vita, tra ripensamenti, bugie e mezze verità.

ogni narrazione presuppone un narratore, vengono messi in atto meccanismi retorici e narrativi per
guidare il percorso di lettura del destinatario, ovvero il lettore modello. il narratario è una delle
componenti costitutive del lettore modello ma non si identifica con esso.
l’autore reale o empirico sta all’esterno del testo ma lascia tracce della sua presenza; l’autore
modello prende per mano il fruitore del testo e lo fa diventare lettore modello.
narratore omodiegetico: narratore presente come personaggio dell’azione, prende la parola in
prima persona.
narratore eterodiegetico: estraneo alla storia, assente dalle vicende come personaggio, tono di
distacco e oggettività, anche questo narratore lascia le tracce nell’atto di enunciazione.
narratore extradiegetico: di primo livello; diegetico o intradiegetico: di secondo livello, racconti
dentro al racconto primario.

focalizzazione zero: narratore onnisciente, sa più dei personaggi.


focalizzazione esterna: narratore ne sa meno di qualsiasi personaggio.
focalizzazione interna: narratore ha le stesse informazioni del personaggio.
focalizzazione variabile: passa da un personaggio all’altro nel corso del racconto.
focalizzazione multipla: sullo stesso episodio della storia abbiamo il pdv di più personaggi.

tempo della storia: effettiva estensione e durata cronologica delle vicende narrate.
tempo della narrazione: da quale momento nel tempo sta raccontando e quanto a lungo lo faccia.
tempo del racconto: modo e forme in cui vengono rappresentate le vicende del tempo della
storia, con tagli, ripetizioni ecc.
durata: scena: descrizione delle azioni in una sorta di tempo reale, tempo narrazione e tempo
della storia che coincido.
ellissi: storia ridotta o soppressione di parti.
riassunto: condensazione delle parti essenziali, spesso usato come ponte narrativo per
congiungere parti di particolare rilievo per lo sviluppo narrativo.
estensione: dilatazione di un singolo episodio su cui il narratore si concentra.
pausa: quando viene lasciata in sospeso una situazione narrativa come in una specie di fermo
immagine, ad es. descrizioni.
ordine: prolessi: quando l’autore varia l’ordine temporale degli eventi anticipandoli, poco frequenti
analessi: quando l’autore varia l’ordine temporale degli eventi posticipandoli, possono essere
analessi esterne, quando si fa riferimento a eventi accaduti prima dell’inizio della storia, oppure
analessi interne, quando rimandano il lettore a eventi che appartengono alla scansione temporale
della storia.
frequenza: l’autore può variare il numero di volte in cui determinati eventi della storia vengono
raccontati; narrazione singolativa: descrizione puntuale di un singolo evento, 1 a 1;
narrazione iterativa: raccontare una sola volta un evento che nella storia si è ripetuto più volte
uguale.

il ritratto ovale: racconto gotico, struttura che divide il racconto in 2 parti, la prima è di cornice e
contenitore per il secondo racconto, tra i due ci sono richiami interni; messa in gioco di 2 categorie
di valori profondi tra loro correlate: vita-morte, natura-arte; torre che svolge una funzione
fondamentale in quanto luogo in cui avviene la trasformazione/azione basilare per lo sviluppo di
entrambe le storie, in una verso la vita (nella storia cornice), nell’altra verso la morte.
nel racconto del pittore la natura viene sconfitta dall’arte che priva la ragazza della vita; nel
racconto cornice il protagonista sembra trovare salvezza nella contemplazione dell’arte.
narratore omodiegetico nel racconto cornice; narratore di secondo livello, metadiegetico,
onnisciente e eterodiegetico nella seconda parte.
il primo narratore è inattendibile in quanto ci dice di essere in uno stato mentale di confusione e
turbamento, ma sembra volerci continuamente rassicurare della sua ripresa di controllo: il lettore
deve allo stesso tempo credere e non credere a quello che il narratore gli sta raccontando.
la macrostruttura del testo è basata su un rovesciamento dell’ordine cronologico delle due storie,
anche per creare suspance. vengono utilizzati prolessi narrative (“maledetta fu l’ora in cui conobbe
il pittore”), analessi esterna (protagonista che si è ferito prima che iniziasse la storia), racconto
iterativo (la fanciulla posa docilmente per settimane e settimane), riassunti ed ellissi temporali.

la funzione della narrazione è quella di mettere ordine nella nostra concezione e percezione del
tempo, e del tempo vissuto in particolare, più nello specifico: mettere in grado di comprendere il
tempo, costruire una rappresentazione della nostra identità personale coerente, fare da veicolo per
comunicare un sapere o delle conoscenze riguardo la vita e la cultura o al gruppo sociale in cui
viviamo.
da un lato il modo in cui seguiamo la trama di un racconto è determinato dal desiderio di sapere
come va a finire, allo stesso tempo, perdiamo tempo e il senso di esso. quindi viviamo il desiderio
della fine ma cerchiamo anche di allontanarci da essa. —> le Mille e una notte
leggere e scrivere recuperano tempo, salvano la memoria; esiste un solo modo per salvare tutto
quello che ho visto e vissuto: narrarlo. il tempo scorrerà potenzialmente senza fine ma noi abbiamo
una fine.
c’è qualcosa di pericoloso nella narrazione? perché ci sono stati spesso atteggiamenti di
condanna, sospetto, censura, in particolare verso il romanzo? perché la narrazione ha una
funzione educativa, informativa, e non tutti devono sapere —> la conoscenza è potere.
altra motivazione è la pericolosità dell’identificazione tra lettore e personaggi, emulazione dei
comportamenti e dei pensieri dei personaggi della finzione narrativa al punto di credere di vivere in
un romanzo. —> Paolo e Francesca
la lettura è basata sul rapporto tra testo e soggetto che lo legge —> i lettori di Se una notte
d’inverno.
la narrazione svolge un ruolo fondamentale: nella nostra capacità di comprendere in astratto il
tempo e di poterne in qualche modo accettare le conseguenze; nel nostro rapporto con la
memoria, sia perché la struttura narrativa è quella che più aiuta la nostra memoria individuale
nell’immagazzinare informazioni, sia perché la memoria collettiva di una cultura è veicolata
principalmente attraverso le narrazioni; ci permette di immaginare e pensare ciò che è lontano nel
tempo e nello spazio; nel costruirci una nostra identità, sia individuale che collettiva.
perché crediamo a ciò che ci viene raccontato? perché siamo ingenui; spesso crediamo che il
contenitore di un racconto, il suo veicolo o medium, ne definisce a priori i criteri di accettabilità o di
veridicità.
il paratesto è il modo in cui il testo, o il racconto, si propone o si presenta al pubblico, ai suoi fruitori
o lettori.

la metamorfosi di Gregor Samsa —> il lettore cerca in ogni modo di adeguare e addomesticare
l’estraneità di quello che gli viene raccontato; la realtà che viviamo non è qualcosa di stabile e
definito in assoluto, la nozione di ciò che è reale o credibile subisce o può subire continuamente
dei riaggiustamenti. non esiste un concetto di realtà in assoluto, si parla appunto di una realtà di
riferimento. l’autore fa il gioco del gatto con il topo, con la differenza che il lettore è un topo che
può essere particolarmente collaborativo nel farsi catturare. pratica di straniamento.
la mostruosità di Gregor è credibile e accettabile perché anche la realtà di riferimento che ci viene
riportata nel racconto è a suo modo mostruosa.
ci sono testi narrativi che rappresentano un mondo in cui valgono le stesse leggi del mondo in cui
viviamo, e possono raccontare anche cose inventate senza perdere plausibilità e verosimiglianza.
ci sono testi narrativi che deliberatamente raccontano cose e vicende che non hanno una
corrispondenza nel mondo della realtà naturale.
altri testi narrativi si collocano proprio nello spazio di congiunzione e di contraddizione tra finzione
e realtà, modalità fantastica.

come entriamo nel mondo della narrazione? quando il narratore inizia con C’era una volta è
facile entrare nel mondo del racconto e sospendere la vita normale. è un mondo che sembra
essere esistito in un tempo lontano ma poi si trasforma in una realtà narrativa che sembra
svolgersi nel tempo presente.
in alcuni casi la narrazione inizia in modo da facilitare al massimo l’entrata del lettore nel mondo
narrativo, egli viene preso per mano e accompagnato a conoscere luoghi e personaggi.
nel caso del narratore in prima persona il racconto deve iniziare in modo da spingere il lettore a
interessarsi della vicenda, deve trovare nel racconto, per la sua forma e immediatezza, una
ragione di interesse e di solidarietà umana.
Alla ricerca del tempo perduto inizia dall’infanzia, dà per scontato che il lettore lo accompagnerà in
una rievocazione delle sue esperienze interiori e dentro la memoria.
Il giovane Holden non parte dall’infanzia, è disposto a raccontare solo in parte le cose che gli sono
capitate, perché non ne ha voglia e non le trova interessanti.
I modi di entrare nel mondo della narrazione sono quindi vari: - c’è chi mette in rilievo la distanza
temporale e spaziale fra il mondo narrato (in cui possono valere regole diverse da quelle che
governano la nostra vita) e quello dei lettori;
- c’è chi crea un mondo narrato del tutto simile al mondo quotidiano, e gli dà precise indicazioni
geografiche, attente ricostruzioni storiche, ecc, ad es. romanzi realistici, autobiografici;
- c’è chi parla direttamente al lettore e lo introduce senza troppe spiegazioni, nel mondo della sua
vita, convinto che gli episodi narrati possano suscitare l’interesse dei lettori;
- c’è chi fa capire al lettore che il mondo in cui egli viene introdotto, pur avendo caratteristiche e
tratti tipici del mondo della realtà quotidiana, rinvia a un mondo di significati ideali e astratti.
i personaggi: nei romanzi ben fatti possiamo avere l’impressione che essi abbiano le stesse
caratteristiche delle persone che ci circondano; messa in rilievo dei tratti che li distinguono dagli
altri.
tra il 600 e il 700 c’era la tradizione dei portraits letteraires di persone reali: la descrizione fisica era
accompagnata da un ritratto morale.
il narratore nel presentare un personaggio compie 3 azioni diverse: seleziona i tratti che lo
caratterizzano, lasciando il resto all’immaginazione; ne costruisce il carattere attraverso le azioni
che compie e il ruolo che svolge; lo presenta in relazione agli altri personaggi, costruendo il
sistema dei personaggi.
dei personaggi dei racconti conosciamo solo la struttura fisica che il narratore ci permette di
vedere, ma possiamo sapere i loro pensieri anche quelli più intimi e segreti; nelle persone che
incontriamo nel mondo reale avviene esattamente l’opposto.
i personaggi restano sempre in prima linea, vengono strappati dalla folla confusa.
personaggio a tutto tondo: nucleo forte di significati, investimento di tratti fisici, psicologici e
caratteriali.
sistema dei personaggi: logica che lega i personaggi, rapporti che intercorrono tra loro.

come usciamo dal mondo della narrazione? ancora più delicato dell’ingresso, il lettore riprende il
flusso della propria vita, ma si sente arricchito dalle esperienze o sollevato, liberato dalle angosce
che ha condiviso con i personaggi?
non tutte le narrazioni hanno una conclusione netta e precisa, ci sono anche opere incompiute,
rimaste tali per incidenti di percorso o per scelta. i finali incompleti, caratterizzati da un fortissimo,
stanno come sospesi, in bilico verso una fine oltre il testo.
è la conclusione che dà un senso, un significato complessivo alla storia, ne illumina il percorso.
Anche nella vita procediamo in modo simile, facciamo scelte cercando di dare un senso al mondo,
di immaginare conclusioni provvisorie. Mentre leggiamo siamo spinti a creare conclusioni
provvisorie, che vengono continuamente corrette.
finale de Il Giovane Holden: è un anti-romanzo di formazione e nel finale si rivela per tale, tutto non
ha più senso, è una concezione stupida della vita.
l’incipit di una narrazione ha lo scopo di attirare il lettore e di aiutarlo ad entrare nel mondo
narrativo, suggerendogli l’atteggiamento da tenere.
l’explicit può avere un carattere di conclusione e soluzione definitiva di tutti i problemi aperti e di
tutti i fili della trama, o restare volutamente inconcluso per lasciare aperti a più finali.

quando si legge ci si può abbandonare al piacere della lettura o procedere a una ricognizione
critica del testo per trasformare questa esperienza in più profonda e uscirne arricchiti. 3 momenti di
questa attività critica: comprensione del testo, cioè l’indagine attenta delle parole e dei significati;
analisi della struttura e tessitura del testo, situazione narrativa, identità narratore, punto di vista,
sistema dei personaggi, ecc.; interpretazione, che può essere condotta da più prospettive critiche.
i grandi testi sono per loro natura complessi e ricchi di significati.
Un caso increscioso, Joyce: narratore anonimo ed esterno, visione distaccata di Dublino e dei suoi
abitanti, assume a più riprese il punto di vista del personaggio principale, si focalizza su di lui
tramite il monologo interiore. sistema dei personaggi semplice, tema della solitudine sia individuale
che di tutta la città, difficoltà di comunicazione tra i dublinesi del periodo, paralisi spirituale, cultura
repressiva degli istinti vitali e della realtà corporea diffusa in molti ambienti di fine 800.
incipit tradizionale con ritratto biografico, explicit apparentemente sospeso.
epifania: momento di intuizione improvvisa e piena di realtà, una rivelazione interiore.

uno dei piaceri della lettura consiste nel riconoscimento; noi elaboriamo le informazioni nuove che
riceviamo secondo modelli che abbiamo già memorizzato da esperienze precedenti. ogni
narrazione è in realtà solo in parte costituita da elementi originali, per il resto è un costante
riferimento con la tradizione letteraria e il suo canone.
L’autore tenta di superare il proprio modello, se ci riesce produce un’opera in grado di essere
ricordata come ulteriore punto di riferimento per le successive generazioni.
intertestualità: le varie modalità secondo cui i testi entrano in relazione l’uno con l’altro. ogni testo
si costruisce come un modello di citazioni, ogni testo è assorbimento e trasformazione di un altro
testo. Genette restringe il campo a quei casi in cui sia possibile rintracciare la presenza effettiva di
un testo in un altro, come una citazione o un’allusione puntuale.
Secondo Barthes ogni operazione di lettura può trasformarsi in scrittura.
transtestualità: tutto ciò che mette un testo in relazione, manifesta o nascosta, con altri testi.
paratestualità, Genette: i rapporti che un testo intrattiene con il materiale testuale che lo circonda,
il quale serve a facilitare il lettore (paratesto: titolo, sottotitolo, prefazioni, note, ecc).
epitesto: materiale in qualche modo correlato al testo, testimonianze, corrispondenze, recensioni,
interviste, ecc
metatestualità: testo che diventa oggetto di un commento o interpretazione da parte di un altro
testo, in una relazione critica o di analisi.
architestualità: tutte le relazioni fra testi che prevedono il loro riferimento o attribuzione a tipologie
testuali o discorsive, ogni testo è correlabile a determinate categorie retoriche, stilistiche e al
sistema dei generi letterari.
ipertestualità: relazione che unisce un testo anteriore (detto ipotesto) a uno posteriore che sia
derivato dal precedente (ipertesto); due forme principali, quella di trasformazione (trasposizione o
ripresa della struttura di un singolo e specifico testo) e quella di imitazione (nel passaggio
dell’ipoteso all’iperteso interviene la mediazione di un modello formale).
parodia satirica: trasformazione intertestuale che tende a mettere in ridicolo il testo di riferimento.
parodia ironica: confronto dialettico tra due testi, vuole essere costruttiva, apre un dibattito o un
dialogo tra i testi.
pastiche: riproduzione o imitazione non tanto dello stile ma di un certo tipo di scrittura, ripresa di
forme espressive come stereotipi, temi e topoi ricorrenti; mescolanza di stili. p.satirica:
esasperazione o esagerazione di tratti o aspetti stilistici di un autore o di una particolare forma
espressiva, saturazione stilistica. p.ludico: ri-creazione di una forma testuale.
continuazione: ripresa del mondo narrativo di un’altra opera, magari sospesa dall’autore originale.
traduzione endolinguistica: interpretazione dei segni linguistici mediante altri segni della stessa
lingua (riformulare con altre parole).
traduzione intersemiotica: interpretazione dei segni linguistici mediante sistemi di segni non
linguistici (ad es. adattamento per schermo cinematografico).
traduzione interlinguistica: da una lingua all’altra.

altri media: la televisione ci avvicina alla realtà per renderla accettabile e integrabile con la nostra
esistenza, canta le gesta della comunità. L’informazione viene trasformata in racconto accattivante
carico di suspanse, devono proporre delle storie per essere ascoltati.
le vecchie forme e modi di narrazione vengono riadattate e riconfigurare dalla tv.
il dispositivo narrativo fondamentale della soap era viene identificato con dirupo: una delle trame
della storia viene lasciato in sospeso alla fine di ogni puntata.
cinema: ha da sempre la funzione di canale di trasmissione di storie e narrazioni per le classi
popolari; adattamenti cinematografici: opera letteraria trasposta in formato cinematografico. le
strutture profonde della narrazione letteraria e cinematografica possono essere le stesse, infatti
quando si apprezza un film per la sua struttura narrativa di solito ha utilizzato le strutture del
racconto letterario.
il fumetto è stato inizialmente considerato uno strumento di puro svago, in cui la storia non era
molto importante; in anni recenti ha preso sempre più consapevolezza delle proprie potenzialità
—> da comics a graphic novel (ricercatezza formale e intreccio narrativo).
la narrazione sta trovando spazio anche nel web tramite i blog.