Sei sulla pagina 1di 4

Il Calcio a 5 (Calcetto) e il sistema muscolare

Il calcetto uno degli sport pi praticati, sia dai ragazzi che dai meno giovani. Esso
infatti uno sport di squadra molto coinvolgente e si basa su regole non molto
complesse.

Il terreno di gioco

Il terreno di gioco :
- un campo rettangolare;
- delimitato dalle linee laterali e di porta;
- diviso in due metacampo dalla linea
mediana;
- compreso tra i 25x15 me i 42x25 m.
Inoltre formato da 2 aree di rigore
ogniuna contenente una porta di 3x2 m,
e a 6 e 12 m da essa sono rispettivamente
situati il dischetto del rigore dei tiri liberi.

Il Pallone

Il gioco si svolge con un Pallone che deve:


- essere di forma sferica;
- essere di cuoio o altro materiale approvato;
- avere circonferenza compresa fra 62 centimetri e 64 centimetri;
- pesare non meno di 400 grammi e non pi di 440 grammi all'inizio
della gara;
- avere, al livello del mare, pressione compresa fra le 0,6 e le 0,9 atmosfere.

Le regole

Il gioco del calcio prevede lapplicazione di alcune regole, che vengono fatte rispettare
dallarbitro attraverso luso di ammonizioni ed espulsioni.
Le principali regole:
- vietato toccare la palla con la mano o con il braccio;
- vietato ostacolare un avversario in modo scorretto;
- vietato intervenire in scivolata;
- quando la palla esce dal campo viene rimessa in giocola dalla squadra avversaria,
dalle linee laterali o dalle line di fondo;
- la squadra che subisce il fallo ha diritto a un calcio di punizione;
- se il fallo viene effettuato dentro laria la squadra avversaria ha diritto ha un calcio di
rigore;
- dopo aver commesso pi di 5 falli la squadra non potr pi usufruire della berriera
per difendersi dal calcio di punizione, e gli avversari avranno diritto a un tiro libero.
La gara

La gara giocata da due squadre formate ognuna da 5 calciatori titolari e 7 di riserva,


dei quali 3 portanno entrare nel corso della partita. Lo scopo quello di far entrare la
palla in rete e di impedirlo agli avversari. Il match diviso in due tempi di 20 minuti,
separati da un intervallo massimo di 15 minuti.

Labbigliamento dei giocatori

Durante la gara i calciatori devono indossare:


- maglia con maniche;
- pantaloncini;
- calzettoni;
- parastinchi;
- scarpe.

Fisico e muscolatura degli atleti

I giocatori di calcetto possiedono una buona agilit, infatti per praticare questo sport
bisogna essere molto veloci e abili nei movimenti. I calciatori, infatti, hanno una
particolare muscolatura che tende a rinforzare soprattutto i muscoli delle gambe:

- bicipite femorale;
-semitendinoso;
- quatricipite;
- gastrocnemio;
- santorio;
- retto femorale;
- lungo adduttore;
- tibiale;
- vasto laterale e mediale;
- peroneo.

La preparazione atletica dei calciatori prevede comunque il potenziamento di tutto il


corpo, alternando al calcetto altri sport importanti per mantenere in forma lintero
organismo, come il nuoto, e la palestra.
Il sistema muscolare

Il sistema muscolare infatti, uno dei sistemi pi importanti per il sostegno e il


movimento delluomo.
Esso formato dai muscoli, degli organi capaci di contrarsi, che si dividono in:

-tessuto muscolare liscio, formato dalle fibre muscolari lisce e da muscoli involontari;

-tessuto muscolare cardiaco, formata dai muscoli del cuore che emettono pulsazioni
cardiache;

-tessuto muscolare striato, formato da fibre muscolari striate e da muscoli volontari


veloci e potenti, inseriti soprattutto nelle ossa per mezzo dei tendini. Essi si dividono
in muscoli: flessori, estensori, adduttori e abduttori.

Le fibre muscolari striate contengono molte miofibrille, che a loro volta sono
formate da molti miofilamenti, formati da miosina e actina.

La contrazione

Inoltre i muscoli per contrarsi hanno bisogno di molta energia, essa si accumula in una
sostanza chiamata ATP, dopo un processo di respirazione cellulare (combustion del
glucosio).
La ricarica dellATP pu avvenire in 2 modi:
- con laiuto dellossigeno, chiamato processo aerobico;
- senza ossigeno, chiamato processo anaerobico.
Il movimento dei muscoli

Il movimento equilibrato avviene con lazione contemporanea del muscolo agonista e


del muscolo antagonista (che compie lazione opposta). Quando il muscolo agonista
contratto il suo antagonosta rilassato, mentre quando lagonista rilassato
lantagonosta si contrae, in questo modo viene bilanciato lintero movimento

La fatica muscolare

Quando i muscoli vengono sottoposti a grandi e continui sforzi, comincia a farsi sentire
la fatica e vengono accusati dolori muscolari. Essi in parte sono dovuti al ristagno
dellacido lattico, ma soprattutto dalle microlacerazioni dei sarcomeni, per
leccessivo sforzo.

I crampi

Una delle consegenze pi frequenti alleccessivo sforzo il crampo.


Esso consiste nella contrazione involontaria e persistente delle fibre muscolari.

cause: cattiva circolazione, freddo, stanchezza, carenza di potassio e sodio.

effetti: vengono accusati forti dolori, acuti e persistenti.

prevenzione: eseguire un buon riscaldamento e allungamento prima di effettuare il


grande forzo, avere una buona alimentazione, con tanta frutta e verdura e essere
sempre ben idratati.

rimedio: la cosa migliore da fare allungare il muscolo per far si che le fibre
riprendano il loro normale assetto.