Sei sulla pagina 1di 2

Luca colombo 1 ASA 1/1/2021 a.s.

2020/2021

Le panatenee

Le Panatenee erano le feste religiose più importanti dell'antica Atene, in onore della divinità protettrice
della città, Atena. Si tenevano il giorno della nascita della dea (il 28 di luglio) e vi partecipavano tutti i
cittadini liberi, comprese le donne.
Secondo la tradizione erano state istituite da Erittonio mitico re di Atene, o da Teseo, per celebrare
l’aggregazione dell'Attica sotto Atene.
Nel 566 a.C. Pisistrato riorganizzò la festa, le "Grandi Panatenee", di durata maggiore, che compresero
anche i giochi panatenaici, con competizioni artistiche e sportive. Le "Piccole Panatenee" avevano invece
cadenza biennale.
Le feste Panatenee duravano nove giorni: nei primi tre si celebravano gli agoni musicali e letterari,
seguivano tre giorni di gare ginniche e di gare di corse con i cavalli, i vincitori di questi agoni ricevevano un
numero variabile di anfore colme di olio proveniente dagli uliveti sacri, con l'effigie da una parte della Dea e
dall'altra una rappresentante l'attività della gara. Al settimo giorno si eseguivano le danze pirriche che
simulavano ritmicamente, al suono dei flauti, un attacco in armi, quindi si svolgeva una lampadedromia,
ovvero una gara di corsa con le torce che terminava con la veglia notturna nella quale si eseguivano canti e
danze. All'alba dell'ottavo giorno si muoveva l'imponente processione cittadina che dal Ceramico saliva
verso l'Acropoli, recando il nuovo peplo, ricamato dalle nobili fanciulle ateniesi, da far indossare alla statua
della Dea, processione che terminava con un grande sacrificio di oltre cento bestie, tra buoi e pecore, la cui
carne era distribuita alla cittadinanza. Il nono e ultimo giorno era dedicato a una gara navale.
I giochi comprendevano gare sportive aperte a tutti i Greci, sostanzialmente le stesse presenti nei giochi
olimpici, di cui la più importante era la corsa dei carri, e giochi tradizionali riservati ai soli ateniesi, tra cui
una corsa con le fiaccole che si svolgeva la notte prima della processione sul percorso dal Pireo all'Acropoli
di Atene.
Comprendevano inoltre concorsi poetici e musicali, tra cui una declamazione completa dei poemi
omerici nella quale si alternavano diversi rapsodi.

Giochi panatenaici dipinti su un vaso nero su rosso


Fregi interni del Partenone-Festa delle Panatenee 

Fonti

Wikipedia

Potrebbero piacerti anche