Sei sulla pagina 1di 56

www.gazzetta.

it luned 31 ottobre 2011 1,20


ITALIA

REDAZIONE DI MILANO VIA SOLFERINO 28 TEL. 026339 REDAZIONE DI ROMA PIAZZA VENEZIA 5 TEL. 06688281 POSTE TALIANE SPED. IN A.P. D.L. 353/2003 CONV. L. 46/2004 ART. 1, C1, DCB MILANO

anno Anno 115 Numero 256

LE PARTITE DI IERI LAZZARI SALVA LA PANCHINA DI MIHAJLOVIC. ROCCHI FA IL GOL NUMERO 100

Serie A / 10 GIORNATA
Bologna ferma lAtalanta. Siena ok
PARTITE BOLOGNA ATALANTA CAGLIARI LAZIO CATANIA NAPOLI FIORENTINA GENOA INTER JUVENTUS LECCE NOVARA PARMA CESENA ROMA MILAN SIENA CHIEVO UDINESE PALERMO 31 03 21 10 12 11 20 23 41 10 CLASSIFICA JUVENTUS 19 UDINESE 18 LAZIO 18 MILAN 17 NAPOLI 14 CATANIA 14 SIENA 13 PALERMO 13 CAGLIARI 13 FIORENTINA 12 GENOA PARMA ROMA BOLOGNA ATALANTA* CHIEVO INTER NOVARA LECCE CESENA 12 12 11 10 9 9 8 7 5 3

Di NataleKlose super Udinese e Lazio volano


Cesena ko: via Giampaolo, in corsa Ballardini,De Canio e Arrigoni
ALLE PAGINE 161719212325

3 Miroslav Klose, 33 anni e Tot Di Natale, 34

* Atalanta penalizzata di 6 punti

CASSANO PAURA MILAN


Colto da un malore, parlava e vedeva male. Ricoverato in neurologia a Milano: per quanto sar costretto a fermarsi?
BOCCI, PASOTTO ALLE PAGINE 23

LA SFIDA A DISTANZA

Signora&Diavolo Ecco come sar il testa a testa


Bianconeri: pi margini di crescita Rossoneri: avranno un Pato in pi
ALLE PAGINE 589

DI LUIGI GARLANDO

Il Diavolo e la Signora. Il campionato riscopre un romanzo di successo. Milan contro Juve, quelli della Santa Alleanza. Come a met del decennio scorso, quando Ancelotti e Capello duellavano per lo scudetto; come a met anni Novanta, quando Capello era milanista e si azzuffava con Lippi.
LARTICOLO A PAGINA 6

LINTERVENTO DOPO SAN SIRO

Sacchi: Conte durer Il suo un calcio dlite


A PAGINA 55

INTER NUOVA TEGOLA

3 Antonio Cassano, 29 anni PEGASO

Maicon fuori per venti giorni


ELEFANTE A PAGINA 12

F 1 GP INDIA: VETTEL VINCE PER SIMONCELLI

IL ROMPI PALLONE
DI GENE GNOCCHI

Il pap di Sic: No al silenzio A Valencia voglio 1 di casino


ALLE PAGINE 34353637

Conte: Su Del Piero polemiche inutili, vedrete che Alex da qui alla fine del campionato giocher 90 minuti. Sei alla volta

INIZIATIVE IN EDICOLA

SPAGNA BARCELLONA 2 A UN PUNTO

Lupin III, gli inediti in Dvd. Prima uscita


A 9.99 pi il prezzo del quotidiano

Stop alla sorpresa Levante Mourinho primo nella Liga


RICCI A PAGINA 28

11 0 3 1> 9 771120 506000

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

PRIMO PIANO IL CASO

LALTRO PROBLEMA

Gattuso fermo: vede doppio


Rino Gattuso ha una paresi del 6 nervo cranico: problemi alla vista. Tra 4 mesi si capir se intervenire ANSA

Vista annebbiata, difficolt a parlare 2 notti in ospedale ora in neurologia


Paura al ritorno da Roma, poi il ricovero Il medico rossonero: Sta male, servono accertamenti. Quanto dovr fermarsi?

clic
A ROMA HA GIOCATO 21 PER LA GAZZETTA UNA PRESTAZIONE DA 7
Sabato, nel 3-2 sulla Roma, Cassano ha giocato 21 (al posto di Robinho) e la

Gazzetta gli ha dato 7. Ecco il giudizio: S, daccordo, gioca una ventina di minuti ma in questo spazio angusto riesce a costruire le giocate pi divertenti e spettacolari del match. Straordinario un dribbling in area, serve Aquilani per il cross del terzo gol, spiana la rete allo sciagurato Nocerino.

CASSANO, MAL
MARCO PASOTTO MILANO

Paura e mistero sulle condizioni di salute di Antonio Cassano. Uno svarione accusato sulla pista di Malpensa sabato notte al rientro da Roma ha determinato il ricovero del giocatore in ospedale per accertamenti. Lattaccante rossonero tuttora ricoverato al Policlinico di Milano, nel reparto di Neurologia del professor Nereo Bresolin per ulteriori valutazioni e approfondimenti clinici. Fino a ieri sera non esisteva una diagnosi e nemmeno una prognosi, quindi per ora si resta nel campo delle ipotesi. Le certezze al momento sono poche e riguardano i sintomi pi evidenti del malessere: afasia,

ovvero difficolt nel parlare, vertigini con perdita dellorientamento, vista annebbiata, spossatezza. Indizi che, sempre rimanendo nel campo ipotetico, potrebbero far pensare a unischemia temporanea (chiamata anche Tia), e cio un disturbo temporaneo di irrorazione sanguigna a una parte limitata del cervello. Secondo quanto si appreso nella tarda serata di ieri, comunque, la situazione sarebbe in via di miglioramento, i sintomi tutti risolti e anche lumore del ragazzo era decisamente migliorato. Insomma, il peggio sarebbe passato. Dopo gli esami ha recuperato le sue funzionalit, ha confermato il suo agente Beppe Bozzo.
Massimo riserbo Dopo i primi

accertamenti al Fatebenefratelli, Cassano alle 5 di ieri mattina stato portato al Policlinico, dove sono proseguite le indagini cliniche. Non si trattava per ancora di un ricovero: Antonio fra un esame e laltro ha gravitato intorno al Pronto Soccorso. I primi accertamenti sono stati quelli di prassi: esami del sangue, lastra toracica, elettrocardiogramma. Poi si sarebbe passati a unecografia transesofagea (un esame invasivo particolarmente fastidioso per il quale bisogna ricorrere a una leggera sedazione) per scongiurare eventuali problemi cardiaci. Alle 16.30 Cassano stato trasferito dal Pronto Soccorso in Neurologia e ricoverato nel pi stretto riserbo e nella massima discrezione possibile. Ultima stanza in fondo al corridoio,

SABATO ore 18.30


Al 28 della ripresa di Roma-Milan, con i suoi in vantaggio per 2-1, Cassano entra in campo al posto di Robinho. In 21 realizza 6 passaggi positivi e 2 sponde, partecipando allazione del terzo gol rossonero

SABATO ore 22.35


Dallaeroporto di Fiumicino decolla il volo che riporter il Milan a Malpensa. Viaggio tranquillo: Cassano chiacchiera con Ibrahimovic

SABATO SABATO ore 23.45 23.50 circa


Laereo Alitalia atterra a Malpensa. I giocatori del Milan salgono sulla navetta che li porta dalla pista alla sala degli arrivi Cassano in ritardo: appoggiato al pullmino e con le mani agli occhi, ha avvertito un giramento di testa. Lufficio stampa parla di lieve malore

IERI ore 5
Antonio viene portato al Pronto Soccorso del Policlinico di Milano dallo staff medico

IERI ore 16.30


Viene trasferito al reparto di Neurologia per ulteriori accertamenti

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

la scheda
ANTONIO CASSANO 29 ANNI ATTACCANTE

Retroscena

Antonio Cassano nato a Bari il 12 luglio 1982. Attaccante, in carriera ha vestito le maglie di Bari, Roma, Real Madrid, Sampdoria e, dal gennaio 2011, Milan. Vanta 28 presenze e 9 gol in Nazionale.

ALESSANDRA BOCCI MILANO

Risate e scherzi sullaereo con Ibra Poi le vertigini allarrivo a Malpensa


lumore in privato unaltra cosa.
Chili e assist Logico che tutti fossero contenti sul volo per Milano. Cassano, strafelice. In pochi minuti aveva mostrato a Roma il catalogo completo delle sue specialit, dribbling, assist e altre delizie. Sta diventando un assist man perfetto, e i pantaloni che gli abbiamo fatto in estate gli cadono gi, aveva commentato Galliani. Cassano ha stretto felicemente la cinghia, qualche chilo in meno e molti minuti in pi nel Milan. Ora dicono che dimagrito troppo. Visto da vicino, Cassano non ha affatto laria di un dimagrito sofferente. Gioca ogni tre giorni e prima quasi mai gli capitato, forse qualche grammo se n andato anche per questo. Fatto sta che pare sano come un pesce. Ed su di morale, perch Ibra sembra divertirsi parecchio. Aquilani, piazzato nella fila davanti, si gira e, appollaiato sullo schienale, si mette a seguire i racconti di Antonio. Un viaggio normale, con Cassano che fa lanimatore. Nessuna turbolenza, nessun dispiacere. Vai a sapere cosa riserva la notte. Ombre e nebbia Laereo sta per atterrare e Cassano ancora in mezzo al corridoio a chiac-

1999 L11 dicembre debutta


in Serie A in Lecce-Bari 1-0. Una settimana dopo, il 18, segna la prima rete in campionato, che vale il 2-1 sullInter 2003 Il 12 novembre esordisce in Nazionale, segnando un gol nel 3-1 contro la Polonia in unamichevole a Varsavia 2006 A gennaio passa dalla Roma al Real Madrid, Dove vince la Liga 2006-07 (7 gare) 2007 Torna in Italia alla Sampdoria, dove si rilancia 2011 A gennaio arriva al Milan: con i rossoneri vince scudetto e Supercoppa Italiana

E la solita formula: la squadra sonnecchia, Antonio Cassano non dorme mai, e non usa le cuffie e non gioca ai videogame. Antonio Cassano non comunica con liPad, parla con i compagni. Chiacchiera, gesticola, cammina. Ha fatto cos anche nel viaggio di ritorno da Fiumicino alla Malpensa, dopo un 3-2 di quelli che calmano molto i nervi. Sullaereo mancava soltanto Massimiliano Allegri, scappato a Livorno a conoscere il secondogenito. Gli altri, tutti a bordo. E Cassano mattatore.
Racconti Non cera nulla che

chierare con Ibra. Poi il viaggio finisce, le porte si aprono, i giocatori passano dalla scaletta anteriore e si infilano sul primo pullmino. I giornalisti, tre o quattro, prendono laltro, vuoto e perdono Cassano di vista per qualche minuto. Le luci dellaeroporto sbucano subito dalla nebbiolina, e nella luce le sagome dei giocatori che entrano nella sala degli arrivi.
La testa gira Ma ce n uno

lasciasse presagire un disturbo, neurologico o meno. Cassano era seduto pi o meno a met dellaereo, Ibrahimovic stava sulla stessa fila, dallaltra parte del corridoio. La prima parte del viaggio scivolata via tranquillamente, poi Cassano si alzato dal suo sedile e si piazzato in corridoio. Raccontava qualcosa a Ibrahimovic, che rideva. In pubblico ride poco, lo svedese, ma con Cassano si diverte. Aveva lasciato lOlimpico esibendo la solita faccia scura al cronista tv colpevole di chiedergli troppo spesso notizie della sua pancia, ma

Antonio Cassano, barese, 29 anni, al Milan dal gennaio 2011

Il gruppo sereno dopo il successo allOlimpico. In aereo manca soltanto Allegri

Il malore del giocatore sul pullmino e subito la corsa verso lospedale

che non ha imboccato le porte e sta appoggiato al fianco opposto della navetta, al buio, con una guardia giurata e il medico subito accanto. E Cassano, che sul pullmino ha sentito la testa che girava, e la vista per un po sparita, e per questo si tocca gli occhi e sembra quasi che cacci indietro le lacrime. Momento di stupore e curiosit, si pensa a una cattiva notizia ricevuta dal cellulare appena riacceso. Lidea del malore non viene a nessuno, finch non arrivano le prime vaghe conferme dellufficio stampa. Un lieve malore, nulla di che. Cassano esce dallombra, segue gli altri, cammina dritto, vai a pensare che il suo mondo sta girando. Vai a sapere cosa c in fondo alla notte.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LORE E MISTERO
IERI ore 18.30
Rudy Tavana, medico del Milan (foto sotto), dice: Il ragazzo non stato bene

IERI ore 20.45


Carolina, la moglie del rossonero, ritorna al Policlinico stata al suo fianco praticamente per tutta la giornata: dal primo mattino alle 18.30 circa. Intorno alle 22, Carolina lascia lOspedale e torna a casa

porta piantonata ininterrottamente, raccontano che Antonio era vigilie, lucido, si muoveva nei corridoi sulle sue gambe ma con la faccia nascosta sotto un telo in modo da non essere riconosciuto.
Ancora analisi Accanto a lui il

Al Policlinico di Milano ha accanto la moglie Carolina, con lui per tutta la giornata
corse le notizie pi disparate. Si passati dallattacco influenzale al calo di pressione, dal virus intestinale alla labirintite, fino allipotesi ischemica. Oggi potrebbe arrivare un comunicato ufficiale dallospedale o dal Milan, ma certo che il giocatore rimarr al Policlinico almeno fino a domani in modo da completare tutte le analisi. Ieri Antonio ha avuto la moglie accanto a s quasi tutto il giorno. Carolina gli rimasta vicino dal primo mattino sino alle

18.30 e poi visibilmente preoccupata tornata alle 20.45 per poi fare ritorno a casa alle 22.
Quale futuro? Si chiusa cos la

IL PARERE DELLESPERTO

Sembra un lieve ictus. Le cause? Trauma o magari un calo di pressione


Le ipotesi sulle cause del malore di Cassano sono tante, e si sono diversificate con il passare delle ore. Nessuno dei medici che lo hanno visitato ha formulato una diagnosi, ma lagenzia Ansa ieri ha interpellato uno specialista, il neurologo Roberto Sterzi, che ha espresso il suo parere. I sintomi riferiti fanno pensare ad un lieve ictus, ma solo gli accertamenti neuroradiologici e vascolari potranno spiegare le cause del malore che ha accusato Antonio Cassano, ha detto Sterzi, ex primario dellospedale Niguarda di Milano. Nelle persone giovani - ha aggiunto Sterzi, che peraltro non ha conoscenza del caso dell'attaccante barese - episodi del genere, non infrequenti, possono avvenire per un danneggiamento (fissurazione) di un'arteria; ci pu succedere anche per qualche trauma provocato durante l'attivit sportiva. Ma non da escludere un calo della pressione o un episodio di ipoglicemia.

responsabile dello staff medico rossonero Rudy Tavana, che ha preferito non scendere nei particolari (e oggi partir regolarmente per la Bielorussia): Il ragazzo non stato bene, stiamo indagando. Dal poco che trapela sembrerebbe che fino ad ora gli esami abbiano dato esito negativo. Cassano ha infatti chiesto ai medici tenuti a mantenere il segreto professionale di tutelare la sua privacy e in mancanza di comunicazioni ufficiali ieri si sono rin-

prima giornata di apprensione e mistero sulla salute di FantAntonio. Il riserbo, tra laltro, ha riguardato anche i compagni di squadra, che ieri non conoscevano la reale entit del malessere. Al di l degli sviluppi clinici delle prossime ore, resta adesso una grande incertezza sullattivit agonistica del giocatore. Di certo dovr fermarsi. Occorre capire per quanto. Intanto nellambiente rossonero aleggia una certa preoccupazione: dopo Gattuso questo il secondo caso di malesseri legati a presunte cause neurologiche.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

PRIMO PIANO

IL PROGRAMMA

Con i bielorussi arbitra Rasmussen


Ecco il programma della 4a giornata di Champions.
DOMANI

GRUPPO E Valencia Bayer

Leverkusen, Genk Chelsea; Classifica Chelsea 7, Bayer Leverkusen 6, Valencia 2, Genk 1. GRUPPO F Arsenal Marsiglia Borussia Dortmund Olympiacos; Class. Arsenal 7, Marsiglia 6, Olympiacos 3, Borussia 1. GRUPPO G Zenit Shakhtar Donetsk, Apoel Porto; Class.

Apoel 5, Zenit e Porto 4, Shakhtar 2. Gruppo H Bate Borisov MILAN (ore 18, diretta su Sky Calcio 1 e Mediaset Premium Calcio, arbitra il danese Rasmussen), Viktoria Plzen Barcellona; Class. MILAN e Barcellona 7, Bate e Viktoria 1.
MERCOLED

GRUPPO A Bayern

Monaco NAPOLI (ore 20.45 diretta su Sky Calcio 1 e Mediaset Premium Calcio), Villarreal Man. City; Class. Bayern 7, NAPOLI 5, Man. City 4, Villarreal 0. GRUPPO B Trabzonspor Cska Mosca; INTER Lilla (ore 20.45, diretta su Rai 1, Sky Calcio 2 e Mediaset Premium Calcio 1) ;

Class. INTER 6, Cska e Trabzonspor 4, Lilla 2. GRUPPO C Man. Utd Otelul Galati, Benfica Basilea; Class. Benfica 7, Man. Utd 5, Basilea 4, Otelul 0. GRUPPO D Lione Real Madrid, Ajax Dinamo Zagabria; Class. Real Madrid 9, Ajax e Lione 4, Dinamo 0.

EuroMilan, restano solo Ibra e Robinho


Dopo lo stop a Cassano, a Minsk col Bate emergenza. Seedorf ok, ottimismo per Boateng
FABIANA DELLA VALLE MILANO

Domani Massimiliano Allegri non far tanta fatica a scegliere la coppia dattacco che dovr giocare contro il Bate Borisov. Il malore di Cassano riduce a due gli attaccanti a disposizione del tecnico in Champions League: Ibrahimovic e Robinho.
Emergenza continua Allegri omai si sta abituando a gestire lemergenza punte in Europa. Da quando lallenatore rossonero ha preso la decisione di inserire solo quattro attaccanti nella lista Champions (Ibrahimovic, Pato, Cassano e Robinho), lasciando fuori sia Inzaghi sia El Shaarawy (e attirando su di s parecchie critiche) e di portare un difensore in pi (Mexes) sembra che una maledizione si sia abbattuta sul reparto offensivo: a turno tutti gli attaccanti hanno saltato almeno una partita e, a parte lultima gara con il Bate Borisov (quando cerano Robinho, Cassano e Ibra), il tecnico non ha mai avuto pi di due punte da poter utilizzare. Cassano finora era stato lunico sempre presente e sempre titolare, segnando un gol contro il Viktoria Plzen, domani per Allegri dovr fare a meno di lui.

nella gara di San Siro col Bate dopo loperazione al crociato ma out per una microfrattura alla mano sinistra. Da verificare le condizioni di Antonini (distorsione alla caviglia sinistra), che ieri ha lavorato ancora a parte ma sta meglio e stamattina dovrebbe aggregarsi alla squadra. Boateng, che a Roma uscito per una botta alla testa del perone, dovrebbe farcela mentre Seedorf, fuori da quasi un mese per la cartilagine al ginocchio destro, ieri si allenato regolarmente con il gruppo e salvo imprevisti stamattina salir sul volo per la Bielorussia.
Mantenere il primato La partita

laFotonotizia

Robinho, 27, e Zlatan Ibrahimovic, 30 anni, Lo svedese ha fatto un gol in Champions, Binho nessuno
PHOTOVIEWS

C Ganz Cos, con Inzaghi ed El

Shaarawy che stanno bene ma non possono essere convocati, i titolari sono scontati e per la panchina Allegri dovr ricorrere a Simone Andrea Ganz. Il figlio di Maurizio, che sabato ha segnato due gol con la Primavera nel 3-3 con il Brescia, era gi stato convocato nella gara casalinga contro il Viktoria Plzen

ma non aveva giocato neanche un minuto.


Seedorf ok Cassano non sar lunico assente a Minsk. Oltre ai lungodegenti Flamini (lesione del legamento crociato anteriore ginocchio destro) e Pato (distrazione muscolare bicipite coscia destra, sar pronto dopo la sosta del 13 novembre), mancher anche Mexes, rientrato

di Minsk stata definita da Galliani decisiva per le sorti del Milan in Champions League. I rossoneri infatti hanno gli stessi punti del Barcellona (7) ma sono primi grazie ai due gol segnati al Camp Nou. Battere il modesto Bate significherebbe arrivare alla sfida di San Siro del 23 novembre con il Bara nella stessa situazione e vincendo o pareggiando per 0-0 o 1-1 il Milan potrebbe riuscire a passare per primo nel girone (ovviamente battendo poi il Viktoria nellultima partita) ed evitare le squadre pi forti negli ottavi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Galliani in tribuna a Roma con la fidanzata Helga


Sabato sera a Roma Adriano Galliani stato fotografato in tribuna allOlimpico accanto a una donna bella e giovane (foto OLYCOM). La signora in questione si chiama Helga Costa, brasiliana e ormai da un po di tempo fa coppia fissa con lamministratore delegato rossonero. Helga si vede molto spesso in compagnia di Galliani, cera anche a Roma a maggio, quando il Milan vinse lo scudetto. Ieri ha seguito la partita dellOlimpico accanto alla.d. rossonero e si goduta il successo della squadra di Allegri.

OGGI LA LAUREA

Gazzetta.it
Gazza

Oddo dottore con una tesi su MilanLab

T f v

Massimo Oddo, 35 anni LAPRESSE


LECCE Ieri la partita, oggi il tanto sospirato pezzo di carta. Sar una giornata speciale per Massimo Oddo. che da questo momento in poi potr essere chiamato dottore. Oggi il difensore del Lecce, 35 anni, conseguir la laurea triennale in Management dello Sport e delle Imprese Sportive, ad Atri, dove ha sede il corso di laurea della Facolt di Scienze Politiche dellUniversit di Teramo. Lex terzino della nazionale discuter una tesi su MilanLab, il centro di ricerca scientifica interdisciplinare che ha sede nel centro sportivo di Milanello. Oddo aveva iniziato la carriera universitaria presso la Facolt di Giurisprudenza, ma dopo aver superato una decina di esami ha optato per il trasferimento al corso di Management dello Sport. Assisteranno alla discussione della tesi parenti ed amici di Oddo.
Marco Errico

Il brasiliano Neymar, 19 anni AP

TUTTI I GOL DELLA A QUELLI DELLA LIGA E IL POKER DI NEYMAR


Sul sito rosa troverete tutti i gol della giornata di campionato e gli highlights di Premier, Liga, Bundesliga e Sudamerica (con il fantastico poker di Neymar all'Atletico Paranaense), per una panoramica a 360 sul meglio del calcio internazionale

SERENA INSEGUITA DAI PAPARAZZI E IL MASTERS WTA


Su Gazzetta.it spazio anche al grande tennis con le immagini del successo di Petra Kvitova nel Masters Wta, i video delle sfide pi importanti, il tempo reale dei tornei principali e un servizio su Serena Williams inseguita dai paparazzi a Beverly Hills

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

IL DUELLO RITROVATO

Due grandi, uno scudetto


Juve al comando Milan a 2 punti. Sfida daltri tempi
IL CONFRONTO PASSATO, PRESENTE E FUTURO DELLE DUE GRANDI
A cura di LUIGI GARLANDO MILANO Il Diavolo e la Signora. Il campionato riscopre un romanzo di successo. Milan contro Juventus, quelli della Santa Alleanza. Come a met del decennio scorso, quando Ancelotti e Capello duellavano per lo scudetto; come a met anni Novanta, quando Capello era milanista e si azzuffava con Lippi. Oggi tocca ad Allegri e a Conte, Si assomigliano: giovani, cresciuti in provincia con ottimo lavoro di bottega e subito apprezzati nella boutique del grande club. Lorgogliosa e splendida Udinese prima, la Lazio poi hanno vinto ancora inserendosi al secondo posto, tra le i due nobili litiganti, ma questo ha promesso il campionato nelle sue prime pagine: una lunga volata tra Juve e Milan. Conte e Allegri sono fattori che si annullano. Bravi tutti e due. Conte ha gi trasmesso alla squadra la sua anima da lotta: chiaro a tutti. Allegri non ha mai mollato il telecomando del Milan, che gli risponde sempre. Da Pechino a Lecce lo ha dimostrato ribaltando il destino del match con poche parole e scelte giuste allintervallo. Come andr a finire? Cinque buone ragioni per dire Juve e cinque per dire Milan.
RIPRODUZIONE RISERVATA

GDS

PERCH JUVE (p.19)

Alessandro Matri, 27 anni


FOTOAGENZIA

PERCH MILAN (p.17)

Carica, fresca, aggressiva E pu ancora migliorare


Motivazioni Risorta dalla B, fru-

Pi solisti ed esperienza E Pato torner riposato


Esperienza Il Milan non redu-

strata da rivoluzioni fallite, la Juventus ha una fame blu di vittorie. Difficile che la Juve entri in campo molle, come gi capitato al Milan questanno. Difficile che allaffamato Matri venga il mal di pancia di Ibra, serial-killer di scudetti. Allegri deve lavorare sulle motivazioni molto pi di Conte.
Forza In una corsa a tappe, for-

campista di qualit per dare il cambio a Pirlo e Marchisio e una punta esterna. Grazie agli esterni, deludenti, da ricollocare sul mercato, dopo la rinuncia al 4-2-4, la Juve ha un potere dacquisto che Galliani se lo sogna.
No coppe I vantaggi di setti-

za e resistenza fanno la differenza. La Juve, reduce da unestate di lavoro massacrante, ha gi dimostrato il peso della sua fisicit. Nello scontro diretto, il Milan stato schiantato dalla corsa e dallaggressivit dei bianconeri. Oggi un altro Milan, ma atleticamente la Juve, pi fresca, pi giovane, resta superiore.
Mercato La Juve ha pi margini

mane libere da coppe si apprezzeranno pi avanti, quando il calendario spolper energie. Ma si intuiscono gi ora. Vedi Napoli-Juve di domenica. Mazzarri ci arriver dopo il logorante confronto con il Bayern; Conte si presenter al San Paolo dopo una settimana di recupero e lavoro. Per una squadra di grande fisicit, avere sempre la possibilit di scaricare e caricare un bel vantaggio.
Spogliatoio Labbraccio di Del Piero a Conte a San Siro segnala un gruppo compatto. Chi ha forte personalit (Buffon, Pirlo...) non rischia il posto. Chi in bilico o non gioca, non ha la forza di urlare pi di Conte. Pace sociale assicurata. Pi difficile che Inzaghi abbracci Allegri. Appurata limportanza di Aquilani e Nocerino, potrebbe generare scossoni il ritorno di senatori che erano titolari. A naso, Allegri dovr parlare molto.

ce da due settimi posti, come va predicando Conte per i suoi. Ha un triangolino sul petto che carica lautostima. Il Milan ha una spina dorsale esperta: Nesta, Van Bommel, Ibra... Pi la temperatura-scudetto salir, pi peseranno i nervi freddi di gente abituata a vincere. La Juve ora vola sullentusiasmo. Quando incapper in una striscia no (capita a tutti) dovr dimostrare di restare salda, lontana da antiche paure.
Qualit Il Milan ha pi artisti capaci di risolvere con una giocata. Le partite-scudetto finiscono spesso in sabbie mobili tattiche o nervose. Per venirne fuori, a volte, basta un colpo di genio. Allegri pi attrezzato in materia. Ricordate Ibra a Parma? Si alz dalla panchina, segn due gol e lInter, che si era impaludata nel fango del Tardini, vinse lo scudetto. Conte dirige unorchestra armonica. Allegri ha molti pi violini. Infortunati Oggi Conte ha in in-

posato. Promette le solite sgommate di primavera, quando si decide tutto. Il Papero ha spiegato bene al Camp Nou cosa pu dare con unaccelerata.
Calendario Il Milan ha gi affrontato le prime: Juve, Udinese, Lazio, Napoli, pi Roma e Palermo. La Juve solo le milanesi. Considerato che con parecchi assenti e un percorso pi arduo, si trova a soli 2 punti, il Milan trae fiducia dal calendario. Anche perch il prossimo scontro diretto sar a San Siro. Modulo Conte ha sterzato intelligentemente dallamato 4-2-4, ma il 4-2-3-1 di San Siro non un punto darrivo. Avvicinare di pi Vucinic alla porta, per esempio, pare unesigenza. Cantiere aperto. La duttilit tattica un punto di forza, ma pu creare confusione. Il 4-3-1-2 di Allegri ha meccanismi mandati a memoria. Al di l dei numeri, il calcio di Conte dispendioso: senza corsa e pressing a tutta, non c Juve. Il Milan invece, grazie al palleggio, sa rallentare. Verticalizzare in fretta per i giocolieri dattacco un bel risparmio. Chi si stanca di meno, arriva pi lontano.

di crescita. E non solo perch una squadra rinnovata, che sta ancora metabolizzando la lezione di Conte. A gennaio il Milan potr concedersi un ritocchino: un centrocampista (Montolivo?) e una punta di scorta (Amauri?). Difficile aspettarsi di pi. La Juve pu uscire molto pi potenziata dal mercato, se acquister un forte difensore centrale, un centro-

fermeria il solo Giaccherini, mentre Allegri potr ottenere molto dal pieno recupero di Mexes e dei tanti centrocampisti fermi che agevoleranno il turnover. Pato torner fresco e ri-

Zlatan Ibrahimovic, 30 anni


LAPRESSE

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

SERIE A LA CAPOLISTA
DOPO SAN SIRO

Scudetto? Avanti cos, Juve si pu


Buffon non si nasconde: Abbiamo mostrato ritmo e personalit contro lInter
G.B. OLIVERO MILANO

HANNO DETTO

d
S

Festa
Per Halloween il Conte Dracula
Ecco come il sito della Juventus ha festeggiato Halloween

Notte di festa, giorno di riposo e di sogni. Subito dopo il trionfo di San Siro per i giocatori della Juve sono iniziate una sessantina di ore senza pallone. Lappuntamento fissato a Vinovo per le 14,30 di domani. E allora relax per tutti prima di preparare la trasferta di Napoli. Cos c Alessandro Matri che arriva tardissimo al ristorante non distante da San Siro dove lo aspetta la bellissima fidanzata Federica. C Andrea Pirlo che cena nel locale accanto con gli ex compagni Nesta e Ambrosini, appena rientrati dalla partita del Milan a Roma. C Giorgio Chiellini che scappa nella sua Livorno e intanto twitta felice pensieri e immagini della notte di San Siro. C Alessandro Del Piero che consegna a Facebook il suo pensiero dopo il successo contro lInter: Grande vittoria per il primato, per noi e per i nostri tifosi. Ce la godiamo un paio di giorni e poi sotto come se nulla fosse successo. Che bella domenica....
Voglia di esserci E poi c Gigi Buffon, che a

Alessandro Del Piero su Facebook: Grande vittoria per il primato, per noi e per i tifosi. Ce la godiamo un paio di giorni e poi sotto come se nulla fosse successo

MIRKO GRAZIANO MILANO

S
Giorgio Chiellini su Twitter: Una grande serata per tutti gli juventini. E sempre bello vincere a San Siro, adesso ci godiamo questa vittoria

Sembra Mourinho. S, Antonio Conte oggi forse il fattore pi importante di una Juve che dopo 9 partite guarda tutti dallalto. In meno di quattro mesi, il tecnico leccese ha azzerato le paure di un ambiente reduce da due disastrose stagioni e ha ridato gioco, identit e senso di appartenenza a una squadra che ormai non faceva pi paura nemmeno alle cosiddette piccole. Antonio sembra Jos, perch circondato da giocatori disposti a tutto per lui, perch ha dimostrato grande duttilit tattica e perch, se necessario, non risparmia qualche sbroccata apparentemente gratuita e invece finalizzata a togliere pressione alla squadra o ad anticipare veri e (pi spesso) presunti attacchi mediatici.
Il gruppo Era ancora piena esta-

Conte, sem
Esulta, sbrocca, vince: anche Ale ora lo abbraccia
Come Jos, ha grande duttilit tattica, pilota le polemiche ed amato senza condizioni dal gruppo. Tutto in meno di 4 mesi
Lesultanza del gruppo a fine gara
Conte guida la Juve verso i tifosi dopo la vittoria sullInter. A destra labbraccio del tecnico con Del Piero

Mediaset pronuncia la parola vietata: Se continuiamo a giocare con questa rabbia, possiamo vincere lo scudetto. Se torniamo ad essere larmata di Franceschiello, come gli anni scorsi, allora no. Al di l del riferimento allesercito di Francesco II delle Due Sicilie per sottolineare la scarsa coesione e lindisciplina degli ultimi due anni, il portiere bianconero non ha paura di fissare lobiettivo pi prestigioso. A Buffon non sfugge che il cammino sia ancora lungo, che la Juve sia per adesso solo il progetto di una grande squadra. Per rispetto allanno scorso i miglioramenti sono enormi e per notarli non c bisogno di guardare la classifica, sufficiente osservare il campo: la Juve compatta, ordinata, equilibrata. I giocatori eseguono con convinzione lo spartito di Conte e tutti vogliono contribuire alle vittorie. A met della settimana scorsa sembrava impossibile che Buffon potesse recuperare per la trasferta di San Siro. E invece il portiere, grazie al supporto dello staff medico bianconero, sceso in campo contro lInter: Nella partita contro i nerazzurri abbiamo dimostrato personalit e ritmo spiega Gigi . E io sentivo che non potevo perdermi questa serata. Cos ha stretto i denti, ha lavorato moltissimo e alla fine ha recuperato. Sul gol di Maicon stato beffato dalla deviazione decisiva di Bonucci, sul colpo di testa di Pazzini ha benedetto la traversa, per il resto ha avuto poco da fare. Serata tranquilla, insomma, quasi noiosa. A Napoli probabilmente ci sar pi lavoro per Gigi, ma questo non lo preoccupa: piuttosto lo esalta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

te, e attorno alla Juve di scetticismo ce nera eccome. Non convinceva il 4-2-4 di Conte, dava poco affidamento il mercato, si aspettava da un momento allaltro lesplosione del caso Pirlo (acquisto non indicato dal tecnico) o la crisi di nervi di un Marchisio costretto a correre per tut-

ACCIAIO. WATER RESISTANT 100 METRI.


SECTOR 230: cronografo, cassa in acciaio, ghiera girevole unidirezionale, fondello a vite, impermeabile no a 100 metri/10 ATM. 159.

www.sectornolimits.com

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

struzione di un gruppo. Andrea il pi bel regalo che la societ potesse farmi. E Ale un esempio anche quando respira, ha detto Conte.
Duttilita tattica E arrivato con

POSSIBILI ACQUISTI

A
S

MERCATO JUVE A GENNAIO SI INTERVIENE

mbra Mou
ti l in mezzo. E ancora: la gestione dellultima stagione bianconera di Del Piero, linvoluzione di Krasic e il difficile decollo delle altre ali, i vari Estigarribia, Elia e Giaccherini. Insomma, dinamite ovunque, eppure mai una polemica fuori posto. Anzi, parlavi per esempio in Nazionale con Marchisio e lui non faceva altro che elogiare il suo tecnico: E bravo spiegava , ti coinvolge, ti esalta, ti fa sentire partecipe di ogni cosa. Proprio Marchisio, che in quei giorni veniva considerato incompatibile con Pirlo e a rischio panca per larrivo di Vidal. Conte ha conquistato tutti con lonest, con la cultura del lavoro, con una legge chiara per tutti: gioca chi pedala, chi si allena meglio, a prescindere dal nome, dal curriculum o da qualsiasi altro santo in paradiso. Azzerati gli intoccabili, senza mancare mai di rispetto a nessuno. E per capire quanto questa filosofia abbia fatto la differenza a livello di compattezza nello spogliatoio, va s bene limmagine della gioiosa ammucchiata collettiva alla fine di Inter-Juve, ma rendono forse

letichetta di integralista Antonio da Lecce, e a dire il vero ci aveva anche messo del suo, spiegando nei primi giorni che mai lascer il 4-2-4. Poteva essere un limite, ne venuto fuori invece un tecnico preparatissimo, profondo conoscitore di pi sistemi e per nulla schiavo del suo ego. Ci ha messo poco a individuare in Marchisio, Pirlo e Vidal il vero oro di questa Juve, e su di loro ha disegnato una squadra che ha cancellato lInter dal campionato e che ora inizia a far seriamente paura anche al Milan. Gi, un po come il primo Mourinho italiano, malato inizialmente di 4-3-3 e poi convertitosi in base al materiale disponibile al rombo prima e al 4-2-3-1 formato Triplete poi.
Le sbroccate E come Mourinho, anche Antonio Conte ogni tanto va volutamente sopra le righe. E ora non dite nulla di Chiellini? Non era un brocco per voi?, chiese ai giornalisti dopo la convincente vittoria sulla Fiorentina. E ancora: I media non vedono lora di buttarci gi.... Jos amava proteggere i suoi ragazzi, chiudere a riccio il suo spogliatoio, trovare eventualmente anche fra i fantasmi un nemico comune che scatenasse nel gruppo rabbia e orgoglio da riversare poi su ogni avversario. Ho letto molto su Mourinho, ha raccontato Conte. E come il portoghese in futuro vorrei diventare un tecnico internazionale, allenare allestero. Sissignori, Conte il pi mourinhano dei tecnici italiani. Beata Juve!
RIPRODUZIONE RISERVATA

Gaston Ramirez, 20 anni, uruguaiano, gioca nel Bologna. E una alternativa a Ilicic. E cresciuto nel Pearol prima di sbarcare in Italia

Nel mirino ci sono Ilicic e Ramirez Partir Krasic


MIRKO GRAZIANO MILANO

A gennaio la Juventus torner sul mercato, e lintervento potrebbe essere anche massiccio se la zona Champions restasse sempre l, a portata di mano. Vedremo cosa ci sar da fare ha pi volte detto Marotta , e in caso di necessit non ci tireremo indietro.
Ilicic e Ramirez Il cambio di rot-

S
Mats Hummels, 22, difensore tedesco del Borussia Dortmund. E cresciuto nel Bayern Monaco. E giovane, ma gi molto affidabile

di pi lidea altre due fotografie: gli abbracci travolgenti del tecnico con Andrea Pirlo (dopo il successo sul Milan) e con Alessandro Del Piero sabato sera, due potenziali problemi di inizio stagione che si trasformano nei migliori alleati a livello di co-

ta tattico di Antonio Conte richiede pi alternative in mezzo al campo e porter quasi certamente ad alcune cessioni eccellenti. Fra questultime, occhio ai nomi di Fabio Quagliarella, Milos Krasic ed Eljero Elia. In entrata, caccia a centrocampisti duttili, dai piedi buoni e per nulla spaesati in zona gol. In cima alla lista ci sono Ilicic e Ramirez, gente che alloccorrenza potrebbe anche ricoprire il ruolo di punta esterna. Poi, i brasiliani Casemiro e Lucas, anche se qui il discorso con il San Paolo un pi complicato. Conte ha bisogno di giocatori che gli permettano di andare avanti con lattuale discorso tattico a prescindere dalle condizioni di Pirlo, Marchisio e Vidal, gli uomini chiave del suo 4-2-3-1. Il vice Pirlo gi in casa, e da

gennaio si allener regolarmente con la prima squadra: si tratta del 18enne brasiliano Gabriel Appelt, acquistato in estate dal Resende e inutilizzabile in questi mesi perch minorenne. Ilicic e Ramirez piacciono molto, invece, perch capaci di agire sia in mezzo (come Vidal) sia a sinistra nella linea delle tre mezzepunte. Per lo sloveno del Palermo, la Juventus si gi mossa e potrebbe mettere sul tavolo della trattativa contanti e contropartite tecniche piuttosto interessanti: Marrone e Amauri su tutti. Ramirez? Qui servono solo contanti: non meno di 12 milioni.
In difesa Parlavamo delle ces-

S
Josip Ilicic, 23 anni, un centrocampista offensivo sloveno. Gioca nel Palermo dal 2010-11. Il club rosanero laveva acquistato dal Maribor

sioni eccellenti, ebbene in questi giorni la Bundesliga avrebbe manifestato un certo interesse per Milos Krasic. In particolare, avrebbe chiesto notizie il Borussia Dortmund, squadra nella quale giocano Hummels e Perisic, difensore centrale il primo, mezzala il nazionale croato. Entrambi piacciono moltissimo al club bianconero. Infine, continua il corteggiamento al baby portiere del Brescia, Nicola Leali. Da superare, ora, c solo la concorrenza dellEspanyol.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Prodotto e distribuito da: T.R.S. Evolution Spa - t. +39 059 421511 - www.trussardi.com

10

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

SERIE A
CONTRASTO VECCHI SEMPRE IN CAMPO (INFORTUNI PERMETTENDO), GIOVANI CHE STENTANO E MEDIE VOTO INSUFFICIENTI

GDS

Intoccabili e mercato flop: incubo Inter


I veterani che giocano sempre, i nuovi impreparati: la Serie B a un punto e gennaio lontano

MATTEO DALLA VITE MILANO

Brasile e 2 centrocampisti Be-

Del mercato che verr (perch verr) ne parleremo pi avanti, fra qualche riga. Sul mercato che stato, invece, serve zoomare ora: perch da ora a Natale che lInter dovr togliersi dalla vasca degli squali, e con la gente che c.
Assenza di prefiltraggio Al tramonto di ottobre il risultato : classifica terrificante, i soliti che giocano sempre e i nuovi che hanno medie-voto direttamente proporzionali ai punti nella suddetta graduatoria. Problemoni. San Siro diventato uno stadio accessibile a tutti, lattacco segna poco, la difesa ha varchi impensati ma, soprattutto, uno scarso prefiltraggio davanti. Ed proprio qui - nella terra di mezzo - che

servono corsa, ritmo, tamponi, forza, vicinanza con la terza linea: ed invece tutto ci che va a intermittenza, mettendo a nudo il sistema difensivo.
Sempre presenti Nella zona

alla Coppa America. Vero anche che ci sono stati gli infortuni, vero che Poli non si ancora visto, vere tante cose: ma questo non-rifiatare ha logorato loro e la zona-prefiltraggio.
Turnover assente Con i 2 argen-

che conta, Zanetti e Cambiasso hanno giocato sempre: il capitano 13 partite sulle 13 stagionali (da Pechino in poi) e tutte per 90; il Cuchu ne fatte 12 su 13 da titolare, intoccabili insomma. Forse lerrore stato qui: non dare fiato mai e poi mai a due Totem che - fra laltro - hanno anche presenziato

tini, ecco Lucio (12 gare su 13), poi Samuel e Maicon che - prima o al rientro dagli infortuni - le hanno giocate quasi tutte. Ed proprio il Colosso lunico a salvarsi con la media-voto (6,00), mentre gli altri sono tutti bocciati. Infortuni e ricadute hanno complica-

to il turnover, nel quale anche Chivu entrato poco (9 su 13). Turnover che sarebbe dovuto andare in scena col mercato estivo: in attacco successo con Zarate e Forlan, in mezzo no. Detto, per dovere di verit, che la voce che voleva Zarate fuggito dallo stadio per la sostituzione di Ranieri falsa, eccoci partire proprio da Maurito: 6 volte titolare, 11 gare, un gol-monstre a Mosca, 2 assist e un po di fumo. Poi Forlan, 5 gare da titolare, super a Bologna poi poca roba e linfortunio. E i babies? Castaignos

Il piano-rinforzi: maxivertice, un viaggio in Brasile per Juan, Kucka e forse Strootman


stato fagocitato dallemozione e dal gol sbagliato col Chievo. Per Alvarez una bella gara a Mosca poi tanta tribuna alla ricerca di un cambio di velocit (per dirla alla Ranieri) mentale. Di Jonathan, boh. Morale: mercato ancora al buio.

ne, con questo lInter dovr abbandonare la vasca degli squali, ma chiaro che sta gi lavorando per gennaio: in agenda il maxivertice di mercato, poi previsto un viaggio in Brasile per avvicinare Juan Jesus (laterale sinistro o centrale difensivo dellInternacional di Porto Alegre). Poi? Isla (Udinese) si candida, e si mormora che linterno dacciaio Kucka arriver allalba del 2012 per giocare subitissimo. Laltro nome? Da non sottovalutare lolandese (centrocampista centrale) Strootman del Psv, che ha s rinnovato da poco ma che ha avuto il benestare (a Branca) di Sneijder. Serve gente l, in mezzo (pi Poli che prima o poi torner). Gente che corra, che aggredisca e che non permetta agli avversari di affacciarsi allarea interista. Area bistrattata.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LINTERVISTA IL PORTIERE CHE HA VISSUTO LA GRANDE CRISI DEL 94, ANALIZZA QUELLA DI OGGI

EX AL VELENO

Zenga, la B sfiorata prima del trionfo Uefa Adesso mi augurerei la Champions...


NICOLA CECERE MILANO

Benitez insiste: Moratti troppo ingombrante


Prima un lungo silenzio, Poi Rafa Benitez ha iniziato a togliersi uno ad uno i sassolini accumulati durante lesperienza nerazzurra. Queste le ultime esternazioni a Eurosport, con Moratti nel mirino: E troppo ingombrante. Prendete Gasperini, lui ha un certo tipo di gioco e il presidente dopo un po ha dichiarato che "ai giocatori non piace questo sistema di gioco, forse sarebbe il caso di cambiarlo". Si creata troppa pressione intorno allallenatore. Eppure lInter torner presto al top. Questi giocatori hanno vinto da poco la Champions, sanno cosa serve per rimanere al vertice in tutte le competizioni. Sneijder ha una mentalit vincente, Zarate ha bisogno di tempo. Lo aiuter lesperienza di Ranieri.

Caro Walter Zenga, lei da Dubai riuscito a capire cosa sta capitando allInter?

Ho visto in tv la sfida con la Juve. Beh mi parso che i sessantamila chiesti da Mourinho fossero bianconeri
In che senso?

tempo sul 2-2. Per questa ferocia, caratteristica della gestione Mourinho, non c pi. Ricordo una gara contro la Samp in cui rimasero in nove, Etoo e Sneijder si misero a fare i terzini...
Serviva un mercato diverso?

La Juve ha vissuto gli stessi tormenti, per, tra Ferrara, Zaccheroni, Delneri e adesso Conte. Cosa ha di meglio ora?

In coppa tanto diverso?

Si nota anche a distanza la chimica innescata da Antonio Conte: c una determinazione feroce, societ, squadra, tifosi formano un blocco unico. E questo aspetto incide.
LInter invece?

Se compri Pazzini, Ranocchia, Coutinho, Alvarez, Castaignos, Poli, Nagatomo vuol dire che intendi rinnovare la rosa con giovani in gamba. Ma poi difficile fare subito un buon mix con gli anziani ed ancora pi difficile vendere quei campioni, non pi giovani, che ti hanno fatto vincere.
Altre cause del crollo?

Walter Zenga, 51 anni

Evidentemente... Conte, cio la juventinit allo stato puro. Prima di ogni considerazione tecnica, vale larmonia dellambiente, lunit di intenti. Cose che Mourinho era riuscito a creare e che adesso Ranieri deve cercare di ricreare.
Quartultimo posto, oggi: le ricorda qualcosa?

L sai che devi battere il Lilla, dai tutto in quei 90 anche a costo di crepare... La corsa a tappe, quando hai giocatori abituati a competere per il primato che per si ritrovano in fondo, un tormento. La lontananza dal vertice uccide gli stimoli e fai un torneo anonimo.
A lei come sta andando?

Non ha giocato male, avrebbe meritato di chiudere il primo

Quanti derby ha fatto il mio ex compagno nel Padova, Max

Allegri a proposito, felicitazioni per il pargolo sulla panchina del Milan? Appena tre, mi pare... Beh, lInter in questo breve lasso di tempo stata guidata da Benitez, Leonardo, Gasperini e il prossimo lo gestir Ranieri... Anche questo elemento ha il suo peso.

Stagione 1993-94, la mia ultima allInter. Coppa Uefa alzata a San Siro ma un campionato thrilling, chiuso a un punto dalla zona retrocessione. Fossi sicuro che lInter riuscisse ad imporsi in Champions glielo potrei pure augurare....

Stesso avvio balordo: un pari e due sconfitte. Ma la prima, per fortuna, dista appena sei punti e quando tornano alcuni infortunati ci riprenderemo. Pure lInter in questa fase sembra un ospedale, ora si fermato di nuovo Maicon... Siamo alla legge di Murphy: se una cosa pu andar male, lo far.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

11

12

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

SERIE A
LA DELUSIONE DEL PRESIDENTE DELLINTER LANTICIPO/1

Moratti: Ranieri non centra, serve pazienza Mercato a gennaio? Vediamo dove saremo
Il primo tempo stato molto buono, il secondo meno: Ora pensiamo gara dopo gara
LUCA TAIDELLI MILANO

Maicon pareggia il gol di Vucinic Decide Marchisio


INTER-JUVENTUS 1-2
MARCATORI Vucinic (J) al 12', Maicon (I), al 28', Marchisio (J) al 33' p.t. INTER (4-3-1-2) Castellazzi 6; Maicon 6, Lucio 5, Chivu 5, Nagatomo 4,5; Zanetti 5, Cambiasso 5, Obi 5 (Stankovic dal 19' s.t. 5,5); Sneijder 6 (dal 34' s.t. Alvarez sv); Pazzini 6, Zarate 5,5 (dal 1' s.t. Castaignos 5). ALLENATORE Ranieri 5. JUVENTUS (4-2-3-1) Buffon 6; Lichtsteiner 7, Bonucci 5,5, Barzagli 6,5, Chiellini 6; Pirlo 6, Marchisio 7; Pepe 6,5, Vidal 6, Vucinic 7 (dal 39' s.t. Del Piero sv); Matri 7 (dal 25' s.t. Estigarribia 6). ALLENATORE Conte 7. ARBITRO Rizzoli di Bologna 5. NOTE Ammoniti Bonucci, Vidal, Chiellini, Pepe, Pirlo, Sneijder, Chivu.

quando verso mezzanotte ha lasciato San Siro. Perch se gran parte dello stadio ha applaudito lo sforzo dei nerazzurri, una minoranza non ha digerito la terza sconfitta interna su cinque gare stagionali. Con relativo brusco ridimensionamento dopo anni di trionfi.
Un po dispiaciuto Moratti per in passato ne ha viste di tutti i colori. Per buttarlo gi ci vuole altro. Malgrado la delusione, questo il momento di tenere su la truppa, aspettando tempi migliori. Ecco che dopo aver bofonchiato un sono un

po dispiaciuto ai cronisti che ieri lo aspettavano sotto casa, il presidente ha aggiunto un paio di concetti a Sky.
Primo tempo bellissimo, poi...

Il morale basso come la classifica. Massimo Moratti in una sola serata ha dovuto mandare gi la sconfitta contro la Juventus e la contestazione di un gruppetto di tifosi,

Il primo tempo contro la Juventus stato bellissimo - ha spiegato Moratti al telefono -, nel secondo abbiamo fatto meno bene. Comunque la colpa non di Ranieri. Ora dobbiamo andare avanti partita dopo partita. In momenti come questi bisogna avere pazienza.
La finestra di mercato In mo-

ta anche inevitabile pensare a come si possa invertire la tendenza e rafforzare una rosa spaccata in due, tra campioni usurati e giovani che hanno poco spazio e lo sfruttano male. Vediamo a gennaio come siamo messi ha spiegato ieri Moratti. Pi che al discorso infermeria, sempre caldo, il presidente si riferiva alla classifica. Proprio nellanno in cui lItalia qualificher una squadra in meno alla prossima Champions, mancare il traguardo minimo porterebbe un buco di 30 milioni alle gi provate casse sociali.
RIPRODUZIONE RISERVATA

menti come questi per diven-

LANTICIPO/2

GLI IMPEGNI
Questo il calendario dellInter, a partire dalla gara di Champions contro i francesi fino allultima partita del girone passando per il campionato. Domani Inter-Lilla C. LEAGUE 6 novembre Genoa-Inter SERIE A 19 novembre Inter-Cagliari SERIE A 22 novembre TrabzonsporInter C. LEAGUE 27 novembre Siena-Inter SERIE A 3 dicembre Inter-Udinese SERIE A 7 dicembre Inter-CSKA C.LEAGUE

y E ora come ripartire?

Di certo senza Maicon


Tra il Lilla e il Genoa si capir se la Juve stata una botta o una scossa. Il brasiliano fuori almeno 20 giorni
DAL NOSTRO INVIATO

tore mai completamente assorbiti, anche perch dal suo rientro ha giocato quattro partite su quattro; Stankovic, alle prese con un affaticamento al bicipite femorale che sta gestendo da due settimane; Cambiasso, che sabato sera zoppicava vistosamente perch Del Piero gli caduto sul ginocchio, e per fortuna non gli rimasto sotto il piede. Ha buone chance anche Thiago Motta, che per ancora ieri ha fatto un allenamento personalizzato, allinsegna della prudenza.
Sosta e calendario In compenso, Ranieri dovrebbe recuperare sia Ranocchia (Sono pronto a tornare, ha detto ieri a Mediaset) che Samuel e far scelte con il bilancino per gestire acciacchi ed energie e provare a tirar fuori il massimo con il minimo rischio dalla doppia sfida a Lilla e Genoa. Poi chieder aiuto prima alla sosta e poi al calendario, fino a Natale senza ostacoli insormontabili (quattro gare su sei in casa, la pi difficile contro lUdinese, ma a San Siro). Una sosta anomala in positivo, perch Ranieri dovrebbe concedere alle varie nazionali solo gli azzurri (e a Ranocchia giocare far solo bene), Nagatomo, Castaignos e Sneijder, a meno che lolandese non chieda ipotesi abbastanza improbabile... di essere dispensato. In compenso il tecnico potr lavorare finalmente per due settimane complete con gli argentini, i brasiliani, gli africani: e magari, alla ripresa, potr fare certe sue scelte tattiche per convinzione, e non perch in cuor suo sa che il serbatoio della squadra non segna certo il pieno e dunque la sua autonomia quella che .
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ibra decisivo A segno pure Nesta Burdisso e Bojan


ROMA-MILAN 2-3
MARCATORI Ibrahimovic (M) al 17, Burdisso (R) al 28, Nesta (M) al 30 p.t.; Ibrahimovic (M) al 33, Bojan (R) al 43s.t. ROMA 4-3-1-2 Stekelenburg 5,5; Cassetti 4, Burdisso 6, Juan 5 (dal 26s.t. Heinze 5,5), Jos Angel 5,5; Gago 5,5 (Lamela dal 18s.t. 7), De Rossi 6, Pizarro 7; Pjanic 6,5; Borini 5,5 (Bojan dal 38 p.t. 6), Osvaldo 6. All. Luis Enrique 5,5. MILAN 4-3-1-2 Abbiati 7; Abate 6,5, Nesta 7, Thiago Silva 6, Zambrotta 5; Aquilani 7, Van Bommel 5,5, Nocerino 5 (dal 43s.t. Ambrosini sv); Boateng 6 (dal 21s.t. Emanuelson 6,5); Robinho 6 (dal 28s.t. Cassano 7), Ibrahimovic 7,5. All. Allegri 7. ARBITRO Damato di Barletta 6. NOTE Espulso Boateng. Ammoniti Van Bommel, Nocerino, Aquilani, Gago, Pjanic.

ANDREA ELEFANTE APPIANO GENTILE (Como)

Cosa rester di questo Inter-Juve se macerie di un sogno di riscossa o terreno per edificare un progetto di ripresa lo dir la settimana che inizia oggi, proseguir mercoled sera contro il Lilla e si chiuder domenica a Marassi. Ci sarebbero anche buoni motivi per non gettare tutto come materiale non riciclabile, se non fosse che la discontinuit (fisica, psicologica, di risultati) contro cui lInter ha combattuto fino ad oggi impone domande ancora senza risposta.
Domande senza risposta Avr fatto bene alla testa accorgersi di aver giocato forse la migliore partita stagionale, o il fatto di averla alla fine comunque persa porter frustrazione e scoramento? Il salto di qualit a livello di condizione fisica che si visto perlomeno nel primo tempo (un calo nella ripresa fisiologico pi o meno da inzio stagione) stato figlio soprattutto di un approccio mentale particolarmente positivo la famosa testa che fa andare meglio le

LANTICIPO/3

Cavani illude Marchese riapre, Bergessio chiude


CATANIA-NAPOLI 2-1
MARCATORI Cavani (N) al 1, Marchese (C) al 25 p.t.; Bergessio (C) al 3 s.t. CATANIA (5-3-2) Andujar 6; Izco 6 (dal 33 s.t. Delvecchio 6), Bellusci 6,5, Legrottaglie 7, Spolli 6, Marchese 7; Almiron 6, Lodi 6,5, Ricchiuti 6,5 (dal 14 s.t. Barrentios 6); Bergessio 7, Gomez 6,5 (dal 30 s.t. Catellani sv). All. Montella 7. NAPOLI (3-4-2-1) De Sanctis 6; Fernandez 5, Cannavaro 5,5, Fideleff 5 (dal 14 s.t. Maggio 6); Zuniga 5, Santana 4, Inler 5, Dossena 6 (dal 22 s.t. Hamsik 5); Mascara 5 (dal 5 s.t. Dzemaili 6), Lavezzi 6; Cavani 6. All. Mazzarri 5. ARBITRO Celi di Campobasso 6. NOTE Espulso Santana. Ammoniti Cannavaro, Campagnolo, Potenza, Lanzafame, Bellusci, Maxi Lopez.

Sisenando Maicon, 30 anni, sabato ha segnato il primo gol in questa stagione


PHOTOVIEWS

gambe o un concreto e duraturo segnale di ripresa? E quanto unInter gi abbastanza provata potr pagare nellimmediato uno sforzo psico-fisico come quello di sabato sera, compromettendo ancora una volta la ricerca di uno straccio di continuit indispensabile, e finora soltanto chimera?
Verifica per quattro Per ora chi

ha pagato stato soprattutto

Maicon. Che ha giocato il secondo tempo da stirato e ieri, dopo gli esami, ha saputo di doversi invece fermare, per almeno tre settimane: lesione al bicipite femorale sinistro, si valuter in corsa la possibilit di farlo rientrare subito dopo la sosta. Altre valutazioni fra oggi e domani, ma alla fine dovrebbero farcela tutti per la Champions: Sneijder, che ha un pestone al piede pi un fastidio alladdut-

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

13

14

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

SERIE A
UNA VITTORIA, UN PARI E TRE SCONFITTE PRIMA DELLA CHAMPIONS

I NUMERI

4
2

LA CRISI GIALLOROSSA

2a giornata: 10 settembre Tripletta a Cesena Il Napoli fa 3-1 a Cesena (Campagnaro in foto) prima dell1-1 in casa del City ANSA

4a/5a giornata: 21/24 settembre K.o. col Chievo, pari coi viola Il 21 perde 1-0 a Verona, il 24 0-0 con la Fiorentina, il 27 vince 2-0 col Villarreal EPA

7a giornata: 15 ottobre Sconfitta in casa col Parma Il Napoli perde 2-1 col Parma (nella foto Modesto), poi 1-1 col Bayern LAPRESSE

10a giornata: 29 ottobre Al tappeto anche a Catania Sabato 2-1 a Catania: Bergessio nella foto. E mercoled si va allAllianz Arena ANSA

le sconfitte consecutive in campionato per la Roma: non succedeva dal febbraio scorso quando i k.o. di fila furono tre: Inter (3-5), Napoli (0-2) e Genoa (3-4)

Roma bambina E Luis Enrique si arrabbia Basta errori


Parole dure alla squadra Dirigenza preoccupata Novara e Lecce per ripartire
ALESSANDRO CATAPANO ROMA

Napoli, la Champions diventata uno stress


Altro k.o. alla vigilia dellEuropa. Ma De Laurentiis assolve gli azzurri: A Catania da 10 e lode, ora sotto col Bayern
MIMMO MALFITANO NAPOLI

le sconfitte interne in questo campionato. La precedente alla 2a giornata con il Cagliari (2-1)

2 2

Quanta sofferenza questEuropa! E tale lansia e lo stress che provoca la Champions League che il Napoli non riesce mai a ritrovarsi in campionato, nelle immediate vigilie europee. Il dato, ovviamente, fornito dalle statistiche che ricordano a Walter Mazzarri che la sua squadra ha perso 3 volte su 4 prima di un incontro di Champions. Lunico risultato positivo stato la vittoria a Cesena nellimmediata vigilia dellesordio a Manchester, contro il City. Poi, c stata la sconfitta contro il Chievo e il pareggio senza reti con la Fiorentina nella settimana prima del Villarreal. E il k.o. contro il Parma tre giorni prima di affrontare il Bayern Monaco, al San Paolo. La questione si riproposta anche sabato sera, nellanticipo di Catania: unaltra sconfitta che arriva alla vigilia della sfida allAllianz Arena per il ritorno contro i tedeschi, in programma mercoled, e che ha dimostrato ancora una volta quando sia stato deleterio il turnover voluto dallallenatore. Per non discutere, poi, la decisione di far giocare Santana al fianco di Inler a centrocampo, in un ruolo che largentino ha ricoperto solo in un altro paio di occasioni quando era alla Fiorentina, con risultati modestissimi.
Ottimismo In Germania, dun-

ca, i ragazzi hanno disputato una bellissima prova, non hanno sfigurato. Perci, dico bravo a Mazzarri e brava alla squadra: i miei ragazzi meritano 10 e lode, ha osservato il presidente condizionato nel giudizio, probabilmente, dallimminente impegno di Champions League.
Solo Europa Questanno pare

le reti subite nel primo tempo contro il Milan. Nelle 8 gare precedenti i giallorossi avevano subito solo un gol nei primi 45 di gioco, mercoled scorso contro il Genoa

Se come dice Franco Baldini, che ne il padre putativo, una Roma bambina, Luis Enrique un pap un tantino arrabbiato. La creatura lha fatta grossa, per la seconda volta, e a questo giro pap sbottato. Dobbiamo svegliarci, non si possono commettere quegli errori in difesa la sintesi della cazziata fatta alla squadra negli spogliatoi : non succede nemmeno nelle giovanili, cos buttiamo via il lavoro di una settimana. Non ha urlato, non ha messo nessuno in punizione (eppure qualcuno si risentito), ma il semplice fatto che sia intervenuto a caldo dimostra la delicatezza del momento: mai Luis Enrique aveva avvertito lesigenza di parlare ai suoi giocatori al termine della partita, aveva sempre aspettato il primo allenamento utile a Trigoria.
Solo distrazioni? Se una Roma bambina, Walter Sabatini uno zio preoccupato. Negli ultimi dieci anni solo una volta (nel 2008) i giallorossi erano partiti peggio in campionato. Sabato rimasto negli spogliatoi con Luis Enrique, per lennesimo confronto tecnico, poi ha rivisto la partita tre volte, fino alle 4 di notte. Per farne questa sintesi: Distrazioni insopportabili anche perch reiterate. Ci stiamo incartando. Dobbiamo subito invertire la rotta. No, siamo proprio inferiori Perch in effetti il tem-

che a lui interessi soltanto lEuropa, mentre il campionato potr anche aspettare. Daltra parte, il suo ordine stato perentorio: Fino a quando saremo in gioco per la Champions, lEuropa avr la priorit rispetto al campionato, ha ripetuto De Laurentiis. Unindicazione che ha trovato anche il consenso di Mazzarri che tra un turnover e laltro ha gi rimediato 3 sconfitte in questa prima fase del campionato.
Ezequiel Lavezzi, 26 anni, e Edinson Cavani, 24, dopo l1-0 a Catania LAPRESSE
Rammarico Hamsik In campo

Il tecnico spagnolo Luis Enrique, 41 anni AFP

que, il Napoli si giocher unalta

percentuale di probabilit per qualificarsi. Da ieri, la sconfitta di Catania finita nel dimenticatoio, adesso tutto linteresse rivolto alla sfida in Baviera, nella quale ci sar anche Schweinsteiger. Il Bayern? E una squadra fortissima, mentre noi siamo in formato ridotto, ma ci presenteremo a Monaco con lintento di lottare fino allultimo secondo valido. Inoltre, mi godr la bellezza dellAllianz Arena, una meraviglia tra gli stadi moderni. Poi, rivedr Rummenigge, con piacere. Ormai un mio amico, ha detto Aurelio De Laurentiis

che ha voluto assolvere squadra e allenatore dopo la sconfitta rimediata nellanticipo di sabato sera. Abbiamo pagato lassenza di Gargano, infortunato. Santana ha fatto il possibile in un ruolo non suo. Nonostante tutto, seppur in inferiorit numeri-

Il presidente: Pagata lassenza di Gargano e Santana ha fatto il possibile

c stato poco meno di mezzora e non riuscito a dare il contributo necessario. Per Marek Hamsik un momento per niente esaltante, il suo rendimento abbondantemente sotto la media abituale. Avevamo la partita sotto controllo ha dichiarato il centrocampista slovacco sul suo sito. La rete di Cavani, dopo 30 secondi, dimostra con quanta determinazione siamo entrati in campo. La partita stata condizionata dalla espulsione di Santana. Nonostante questo, abbiamo spinto e creato occasioni importanti. Peccato.
RIPRODUZIONE RISERVATA

po comincia a stringere. Ma se una Roma bambina sempre per dirla con Baldini che deve pagare un tributo alla sua giovent, come fai a metterle fretta? Il d.g. stato chiaro: Non siamo n tecnicamente n fisicamente paragonabili al Milan. Il nostro percorso appena iniziato, ci vuole pazienza. E allora il problema pi grande: la Roma non solo distratta, la Roma inferiore alle squadre che lottano per i primi posti. Non una grande, per lappunto ancora bambina.
E dunque? Se cos, conviene considerarla fuori concorso in questo campionato, attraversare questa stagione come un ponte verso il futuro, quando gli altri dovranno rifondarsi e noi saremo pronti, sempre Baldini che parla. E allora, cominciano a chiedere i tifosi, Luis Enrique faccia il rottamatore, tanto va di moda: si liberi dei senatori della squadra, arrivati al capolinea, realizzi il suo progetto o fallisca solo con i suoi uomini. E lo faccia subito, contro Novara e Lecce, partite fondamentali se non decisive per il suo destino. Se doveva restare in mezzo al guado, in effetti, tanto valeva tenersi Montella, no?
RIPRODUZIONE RISERVATA

CATANIA SEI RISULTATI UTILI DI FILA, 5 IN RIMONTA. LEX ROMANISTA IL SEGRETO: STILE, CONCRETEZZA, CAMBI AZZECCATI E MODULI DA TECNICO NAVIGATO

Montella, laeroplanino ora un caccia


FRANCESCO CARUSO CATANIA

In punta di piedi arrivato a Catania e in punta di piedi si sta affermando da allenatore. Silenzioso, umile, ma senza falsa modestia, Vincenzo Montella ha conquistato la sua nuova citt calcistica con la concretezza dei fatti, e non solo. Si sta imponendo allattenzione del calcio italiano che lo conosceva solo come laeroplanino capace di volare a suon di gol e ora lo apprezza anche come tecnico della nouvelle vague. Che con semplicit, senza invenzioni cervellotiche, ha dato unanima alla sua creatura e la fa gio-

care bene. Se il Catania ha ottenuto 6 risultati utili di fila, 5 dei quali in rimonta, conquistando 8 punti contro Inter, Napoli (in casa), Fiorentina e Lazio (fuori) c riuscito lasciando unimpronta e unidentit di squadra. Del giovin signore della Serie A, colpiscono lo stile e lintelligenza, in campo e fuori. Non si agita in panchina eppure capace di raddrizzare la rotta con i cambi quasi sempre azzeccati e con una variet di schemi degna dei tecnici pi esperti. Dietro un microfono non alza mai i toni, non cerca scuse fantasiose, non vende fumo e non scivola nella banalit.
Mosse Cos Vincenzo s guada-

IL NUMERO

4
8

i punti conquistati dal Catania contro le grandi: contro Inter, Napoli (in casa), Fiorentina e Lazio (fuori)

gnato la fiducia di Lo Monaco e Pulvirenti, dei suoi giocatori, per finire con gli scettici. Partito con il 4-3-3 che per il Catania rappresenta ormai una sorta di marchio di fabbrica certificato, non ha avuto esitazioni a correggere il tiro e a passare al 3-5-2 per proteggersi meglio ma senza per questo rinunciare al suo credo offensivo. E il paradosso che per farlo stato capace di metter da parte lattaccante pi importante, almeno sulla carta, Maxi Lopez, per dare fiducia a Gonzalo Bergessio, arrivato gi al 3o gol in campionato (2o consecutivo) e che ora rischia di diventare insostituibile. Non solo, ha rilanciato Legrottaglie che domenica dopo

domenica sta ritrovando la verve della sua prima giovinezza, ha ridato a Delvecchio la voglia di lottare e di sentirsi a suo modo protagonista. Ha disegnato a Lodi un ruolo diverso facendone il Pirlo dellEtna. In ultimo ha rinfrancato Marchese, un terzino che sa fluidificare ma che era stato relegato da tutti nel ruolo di gregario e divenuto con Montella anche lui primattore. E che sabato ha segnato il gol del momentaneo pareggio contro il Napoli aprendo la strada alla vittoria. Senza dimenticare le assenze con cui ha dovuto fare i conti Montella: da Biagianti, capitano e faro del Catania, ad Alvarez, da Potenza a Llama, da Suazo a Ledesma e da ultimo a Capuano. E pensare che la Roma laveva in casa e se l lasciato sfuggire per inseguire esotiche suggestioni.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il tecnico Vincenzo Montella, 37 anni FOTOAGENZIA

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

15

16

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

SERIE A 10a GIORNATA

Di Natale show
Segna e trascina Udine tra Juventus e Milan
Guidolin: Non ha giocato a Napoli perch infortunato, non mica un amuleto!. Palo di Armero. Palermo ammaccato
UDINESE PALERMO
GIUDIZIO 7777 PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI Di Natale (U) al 38' p.t. UDINESE (3-5-1-1) S. Handanovic; Benatia, Danilo, Domizzi; Basta, Isla, Pinzi, Asamoah, Armero; Floro Flores (dal 22' s.t. Badu); Di Natale (dal 44' s.t. Abdi). PANCHINA Padelli, Ekstrand, Neuton, Fabbrini, Torje. ALLENATORE Guidolin PALERMO (4-3-2-1) Tzorvas; E. Pisano (dal 9' s.t. Ilicic), Silvestre, Cetto, Balzaretti; Migliaccio (dal 18' s.t. Della Rocca), Bacinovic (dal 27' s.t. E.Alvarez), E. Barreto; Aguirregaray, Zahavi; Miccoli. PANCHINA Benussi, Mantovani, Munoz, Acquah. ALLENATORE Mangia ARBITRO Giannoccaro di Lecce AMMONITI Pisano (P), Pinzi (U), Benatia (U) per gioco scorretto NOTE Paganti 3587, incasso 42.568. Abbonati 13.738, quota non comunicata. Tiri in porta 5 (1 palo)-8. Tiri fuori 12-3. In fuorigioco 8-3. Angoli 4-5. Recuperi 0' p.t., 4' s.t.

1 0

DAL NOSTRO INVIATO

PIERFRANCESCO ARCHETTI UDINE

Forse a Francesco Guidolin fa piacere che si sia spento il clamore da capolista: l'uomo che urla nel microfono stavolta legge la classifica dall'alto verso il basso, non come domenica scorsa, per il quarto successo interno (su 4) pi importante e bello di quello ottenuto contro il Novara che una settimana fa aveva portato alla testa solitaria dopo 11 anni. Vittoria pi rilevante perch segue il primo k.o. stagionale e mantiene intoccabili alcune qualit (zero gol interni subiti, Di Natale risolutore e capocannoniere). Anche se il turbinio del campionato si sta spostando altrove, da Udine soffia un vento d'intensit notevole, adatto per stirare il Palermo, infilarsi tra Juve e Milan e far ammettere al tecnico: Siamo una bella squadra. Uau.
Il protagonista Si malignato

tanto sui dolori di Antonio Di Natale, in una settimana spezzata dallo scontro ad alta quota con il Napoli. L'attaccante napoletano non passato a salutare i parenti, mercoled al San Paolo, perch rimasto in Friuli infortunato. Mormorii, zittiti da Guidolin: Tot non un amuleto, un fuoriclasse. E anche oggi non sapevo se poterlo inserire. Il colpo della punta il 137 in serie A, 119 dei quali con l'Udinese. Qui gli vogliono bene perch ricambia: 79 reti in questo stadio, 40 in trasferta, quasi la met. Non toccate Di Natale ai friulani.
I motivi Il Palermo non ha mai

segnato in viaggio, dove ha perso 4 volte su 5. Mangia non ha Hernandez e Pinilla, che avevano matato il Lecce, mentre Miccoli ha troppe ammaccature, finisce zoppicando e senza sostituti. Il tecnico allarga Zahavi e Aguirregaray dietro alla punta in modo da aiutarla o insabbiare la partenza

a Armero e Basta. Come il Novara una settimana fa, il 4-3-2-1 viene pensato per congelare l'Udinese: non funziona nemmeno stavolta; soprattutto a destra Basta e Isla sorpassano Barreto e Balzaretti. La rete nasce da una ripetuta ricerca di quell'angolo, finch il serbo crossa e Tot s'infila nel fuorigioco errato di Pisano. L'Udinese merita il successo per la decina di palle gol disegnate e buttate spesso con conclusioni fuori: anche un palo di Armero non sfortuna ma uno sbaglio. Il Palermo tira pi in porta (8 volte), ma con Handanovic, imbattuto qui dall'8 maggio, succede cos: i tiri sembrano facili perch lui piazzatissimo. Con Ilicic per Pisano (Aguirre dietro) e il 4-2-3-1 raggiunto con Alvarez per Bacinovic, il Palermo resta in corsa fino all'ultimo e reclama un rigore per uno stop a Ilicic. Ma l'Udinese, supersonica in contropiede, vento d'intensit notevole.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La rete segnata da Tot Di Natale ANTEPRIMA

le Pagelle

di P.F.A.

BASTA E IL RE DEGLI ASSIST ILICIC SMUOVE I ROSANERO


UDINESE 7
S. HANDANOVIC 6,5 Un volo dei suoi su Zahavi, altri pi semplici BENATIA 6,5 Spesso superiore, uno scivolone e un giallo non gli rovinano la giornata. DANILO 6 Chiusure ordinarie. DOMIZZI 6,5 Solido sul centro sinistra soprattutto nel finale. BASTA 7 Non sbagliasse una rete da due passi, sarebbe superlativo. Sforna l'assist decisivo e decine di inviti. ISLA 6,5 Anche lui paga qualcosa davanti alla porta. Ma tempi d'inserimento e corsa sono eccellenti. PINZI 6 Inizia senza lasciar segno, cresce dopo, da trequartista. ASAMOAH 6,5 Si sfianca e prova con il tiro, senza esultare. ARMERO 6 Il palo un gol sbagliato, una macchia nella solita esagerata offerta. FLORO FLORES 6 Dietro e non a fianco di Di Natale, movimenti giusti nel primo tempo, si stanca dopo. Sostituito. BADU 6 Alcune riconquiste che danno respiro, qualche pasticcio. IL MIGLIORE 7,5 DI NATALE

PALERMO 5,5
TZORVAS 6 L'Udinese tira poco in porta: reagisce bene tre volte, sul gol invece va gi un attimo dopo. E. PISANO 4,5 Favorisce il gol, quasi regala il raddoppio. Cambiato. IL MIGLIORE 6 ILICIC

Dietro a Miccoli, esterno e poi centrale: smuove il Palermo nella ripresa e reclama un rigore. SILVESTRE 5 Troppi spifferi, non pu custodire bene il centro. CETTO 5 Spesso in ritardo ha sulla testa l'1 1: deviazione centrale. BALZARETTI 5 Fase difensiva da scordare, perforato da Basta e amici. Intraprendenza non premiata quando attacca. MIGLIACCIO 5,5 Anche un paio di buchi in area. DELLA ROCCA 5,5 Da met ripresa: non ferma i contropiede. BACINOVIC 6 Prima da titolare, un invito astuto a Miccoli. ALVAREZ 5,5 Dovrebbe portare velocit a destra, ci riesce poco. E. BARRETO 5 Soffre su Isla, poi cambia zona. Errori pericolosi. AGUIRREGARAY 5,5 Debutta dall'inizio, alto a destra per aiutare attacco e centrocampo. Meglio da terzino, quando entra Ilicic. ZAHAVI 6 La conclusione pi incendiaria sua. MICCOLI 5,5 Non sta bene e finisce zoppicando. Una punizione che fa stendere Handanovic, pi grave uno stop sbagliato in area. ALL. MANGIA 5,5 Gli mancano Pinilla e Hernandez, davanti fatica. Ma sono tardivi i rimedi sul fronte sinistro.

Sette gol su 11 bianconeri. Deliziosa visione di gioco quando manda in porta i suoi anche di tacco. ABDI 5 Gioca 5 ma il voto d'obbligo per due colossali errori. ALL. GUIDOLIN 7 L'Udinese attenta e potente. E ha Di Natale.

TERNA ARBITRALE: GIANNOCCARO 5,5 Lascia perplessi lo scontro Danilo-Ilicic, lui fa giocare. Barbiati 6,5; De Pinto 6

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

17

I NUMERI

4
4

Protagonista IL CAPOCANNONIERE

pionato dellattaccante. Gol che valgono il secondo posto perch come dice il direttore Fabrizio Larini lui imprescindibile, sono i numeri a dirlo.
Azzurro E un altro pomeriggio

IL TECNICO OSPITE

Abbraccio vero Il giovane e il veterano Prima del via saluto affettuoso tra i tecnici Mangia e Guidolin LIVERANI

i minuti di imbattibilit casalinga della porta friulana, lultimo a bucare Handanovic stato Kozac al 76 di Udinese-Lazio 2-1 dell8 maggio scorso

Tot 7bellezze La Nazionale? 464 Sono pronto


le vittorie casalinghe consecutive dellUdinese contro il Palermo

Il napoletano, dopo il settimo gol, parla del Pallone doro: Dopo tanti anni qualcuno si accorto che ci sono
DAL NOSTRO INVIATO

troppo azzurro per Tot che a sentire la parola Nazionale un po si scalda: Io faccio il mio dovere, Prandelli sapr scegliere i giocatori pi importanti. Io sono pronto. E faccio un in bocca al lupo a Giuseppe Rossi. Anche il campione napoletano ha imparato a memoria la lezione di Guidolin: Scudetto? Non scherziamo. Siamo una grande squadra che ha battuto unaltra grande, il Palermo. Arriviamo a 40 punti e poi cerchiamo di dare il massimo sino alla fine. Ha un altro sussulto quando parla del Pallone doro: Dopo tanti anni che gioco a calcio qualcuno si accorto che ci sono anchio. Non facile fare tanti gol in A.
Guidolin Il resto lo aggiunge Gui-

Mangia: Niente da rimproverare ai ragazzi


UDINE In certi casi meglio il silenzio. Maurizio Zamparini ha cambiato modulo, pure lui: dopo la partita, che visiona in serata, non parla mai. E al telefono risponde stizzito. In questo periodo sta pensando pi al Movimento per la gente che presenter il 13 novembre a Fiano Romano. Il patron rosanero si propone come difensore dei diritti della gente tartassata dalle tasse e dalla burocrazia. Ma oggi capiremo se difender Devis Mangia, il tecnico in jeans, diverso dai soliti noti che ha perso pi nettamente di quanto dica il risultato. Mangia, lunico parlante, fa i complimenti ai ragazzi: Non ho niente da rimproverare. La cosa non far piacere al presidente che avr notato un atteggiamento quasi rinunciatario. Ma la situazione non buona perch lattacco del Palermo a pezzi e lo spiega lo stesso Mangia: Si fatto male anche Miccoli, era dolorante (sembra un fastidio muscolare ndr). Un problema in pi. Perch in mattinata non eravamo riusciti a recuperare Hernandez. Abel ha un indurimento al flessore, ma niente da fare. Non sono mica scemo a lasciar fuori uno cos. Pinilla ha dei problemi alla schiena, sciatalgia. Non ci gira benissimo. E Budan per ora sembra non rientrare nei piani: Sta lavorando per tornare in condizione, non lo ancora. fr.vell.

i minuti di astinenza dal gol in trasferta per il Palermo che ha segnato lultima rete lontano dal Barbera con Pinilla il 15 maggio scorso nel vittorioso 2-1 in casa Samp

454

FRANCESCO VELLUZZI UDINE

Antonio Di Natale, 34 anni, attaccante dellUdinese ANTEPRIMA

Il finto Pavarotti C un sosia tra i tifosi Sugli spalti anche un sostenitore dalla grande somiglianza col tenore LIVERANI

Poteva essere la peggiore settimana della sua vita. Tot Di Natale era passato dallestasi contro il Novara ai tormenti pre Napoli dove aveva scelto di non andare. Polemiche e gossip sul perch niente San Paolo, dove lUdinese ha perso la sua unica partita, e in mezzo un fastidio al ginocchio che lo ha tenuto in dubbio ieri mattina. Tanto in dubbio che Francesco Guidolin aveva messo in preallarme Diego Fabbrini, che il campione napoletano ha designato come suo erede. E invece torniamo a celebrare Di Natale, Tot settebellezze. Sono sette le reti in cam

dolin: Che Tot fosse un giocatore fondamentale lo sapevamo. Si tratta di un fuoriclasse. Scardina tutte le difese con la sua qualit, i guizzi, i colpi e le giocate. E in stato di grazia. Ma direi che tutta la squadra che gira meglio se gioca a ritmi elevati. Scudetto? Milan e Juve sono arrivate, ma dico che se noi riusciamo a stare pi in alto possibile lontano dai pericoli e il pi possibile agganciati alle grandi squadre faremo qualcosa di straordinario. Pablo Armero si diverte: Noi giochiamo sempre per il primero o il segundo posto. Isla parla dei 40 punti, ma pi realista: Non ci aspettavamo di essere cos in alto ma possiamo puntare allEuropa. Lavoro per arrivare in una grande squadra (Inter, ndr).
RIPRODUZIONE RISERVATA

zupping
di VINCENZO CITO

Il pronostico della sera Vincer luna o laltra


Sono appena finite le partite del turno infrasettimanale, scaraventiamoci sul Televideo Rai per conoscere i risultati finali (tra parentesi quelli giusti): Juventus Fiorentina 2-2 (2-1), Atalanta-Inter 1-3 (1-1), Cesena-Cagliari 4-1 (1-1), Chievo-Bologna 0-0 (0-1), Genoa-Roma 1-2 (2-1), Lazio-Catania 0-2 (1-1), Milan-Parma 3-0 (4-1), Napoli-Udinese 3-0 (2-0). Ne avessero azzeccato uno... A Quelli che il calcio (Rai Due) lurlo di Massimo Caputi squarcia lo studio. Uuu! Pareggio, pareggio del Novara! (intanto il guardalinee ha la bandierina alzata). Meggiorini su rovesciata (larbitro ha annullato). Un grande gol ha fatto (il gioco gi ripreso) Un gran gol in rovesciata (mettono pure la scritta: Lecce-Novara 1-1). E allora parlano di Di Natale, di quanto bella sia stata anche la sua rete. Passa quasi un minuto e mezzo quando Massimo Caputi annuncia mesto Il gol del Novara stato annullato. Solo loro non lo sapevano ancora. A Sabato sprint (Rai Due), dopo Inter-Juventus le varianti di Alessandro Antinelli per non mollare il microfono mentre intervista Vucinic. Lultima domanda. Lultima per me. Lultimissima. Alla fine ne ha fatte otto. A Controcampo linea notte di mercoled sera (Italia Uno) un Alberto Brandi euforico per la vittoria del Milan elogia chiunque gli venga in mente Onore a Nocerino, onore a Galliani, onore ad Allegri, e onore a Diego Abatantuono. Giuseppe Cruciani E lui che centra?. I pronostici Sky prima del posticipo Cagliari-Lazio. Christian Panucci Per me pareggio. Giancarlo Marocchi. Anche per me. Ma siccome mi sbaglio sempre, vincer o luna o laltra. Fondamentale aver dato il microfono ai tecnici di pallamano, cos di questo sport capiamo molto di pi. Giacomo Capuano (Raisport) al primo time out dellanticipo della terza giornata. Andiamo sulla panchina del Mezzocorona. Non si sente laudio. Allora andiamo su quella del Bressanone. Parlano in tedesco. La pallavolo su Raisport. Maurizio Colantoni: Entra anche la seconda palleggiatrice. E arrivata da Busto. Andrea Lucchetta E che busto!
RIPRODUZIONE RISERVATA

18

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

19

SERIE A 10a GIORNATA

Lazio 2 , Rocchi 100


a

I NUMERI

PARLA IL PATRON

Prova di forza a Cagliari: 3-0 Il capitano centenario del gol


Quattro tiri in porta e tre reti: i biancocelesti colpiscono con cinismo e volano in classifica. Gli attaccanti rossobl non sanno fare male
CAGLIARI LAZIO
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-2 MARCATORI Lulic al 39, Klose al 44 p.t.; Rocchi al 43 s.t. CAGLIARI (4-3-1-2) Agazzi; Pisano (dal 25 s.t. Perico), Canini, Ariaudo, Agostini; Biondini, Nainggolan, Ekdal (dal 9 s.t. Ibarbo); Cossu; Nen, Ribeiro (dal 40 s.t. Larrivey). PANCHINA Avramov, Gozzi, Rui Sampaio, Cappellini. ALLENATORE Ficcadenti. LAZIO (4-3-1-2) Marchetti; Konko, Diakite, Dias, Radu; Brocchi (dal 24 s.t. Cana), Ledesma, Lulic; Hernanes (dal 32 s.t. Sculli); Klose, Cisse (dal 39 s.t. Rocchi). PANCHINA Bizzarri, Zauri, Scaloni, Kozac. ALLENATORE Reja. ARBITRO Mazzoleni di Bergamo. ESPULSI nessuno. AMMONITI nessuno.
NOTE spettatori 10 mila circa. Paganti, abbonati e incassi non comunicati dalla societ. Tiri in porta 3-4. Tiri fuori 7-1. In fuorigioco 0-2. Angoli 12-3. Recuperi: p.t. 0, s.t. 4.

le reti realizzate da Rocchi con la maglia della Lazio, il centenario numero 78 in Serie A

100 4

Lotito : Un posto in societ per lui


DAL NOSTRO INVIATO

DAVIDE STOPPINI CAGLIARI

0 3

le vittorie consecutive in trasferta per la squadra di Reja, come aveva gi fatto nella scorsa stagione tra la 3a e la 9a giornata

minuti di imbattibilit interna della porta di Agazzi che aveva incassato lultima rete al SantElia il 17/9 ad opera di Morimoto (Novara)

311

Se un profeta c nella Lazio, pi che Hernanes questo Edy Reja. Ho chiesto ai giocatori di essere pi cinici sotto porta, aveva detto presentando la trasferta di Cagliari. Accontentato. Prima da Lulic, che ha spezzato un primo tempo da sonno. Poi da Klose, che ha firmato lottava rete stagionale, la quarta nelle ultime cinque partite. E infine da Rocchi, che a Cagliari ha fatto 100 (gol) con la maglia biancoceleste quinto bomber di sempre nel giorno del suo debutto in campionato. Lazio seconda. Cagliari a secco. Stavolta pure perdente, dopo tre 0-0 consecutivi in casa. Anche per mano di Federico Marchetti, lex insultato pesantemente dagli ultr rossobl e applaudito dal resto dello stadio.
Qui Lazio Buon per Reja, che se

DAL NOSTRO INVIATO

FABIO BIANCHI CAGLIARI

Questa s che una squadra chirurgica: 4 tiri in porta, due nella stessa azione, e 3 gol. Un blitz cinico, riuscito alla perfezione. Un blitz che porta la Lazio al secondo posto in classifica, in compagnia dellUdinese e a un punto dalla Juve, senza troppa fatica. stata preziosa la collaborazione del Cagliari, che somiglia sempre pi a una squadra portoghese, di quelle che non contemplano il gol. E dire che in attacco ha due brasiliani. Sono quattro le partite in casa senza la gioia di una rete. Soltanto che nelle precedenti non cerano riusciti nemmeno gli altri. Rimpiangere gli 0-0 nel proprio stadio non bello, ma esattamente quello che sta succedendo. Il 3-0 pesante, perch il Cagliari ha giocato di pi. Ma la Lazio ha controllato e colpito nelle uniche occasioni avute.

Tommaso Rocchi, 34 anni, entra nel finale di partita al SantElia e segna il gol del 3-0, il numero 100 in carriera con la maglia della Lazio ANSA

Punte differenti Si potrebbe ana-

lizzare la partita cos: il Cagliari davanti ha Nen e Thiago Ribeiro, la Lazio Klose e Cisse. un po riduttivo, ma non si va molto lontani dalla verit. Djibril, in crisi di gol (da sei gare a secco) sembrava non dovesse giocare per lasciare spazio a Rocchi, invece partito ancora titolare e ha regalato due assist: il primo, un tocco preciso, a Lulic (un moto perpetuo con piedi discreti) che ha piazzato nellangolo il tiro per il gol del vantaggio. Il secondo, un cross, a un Klose fin l dormiente che di testa in tuffo ha segnato il quarto gol in 5 partite. Appunto. successo tutto sul finire del primo round, quando il Cagliari sera gi sbattuto come un matto, inutilmente, per arrivare dalle parti dellex Marchetti, applaudito dai tifosi normali ma fischiato e insultato dagli ultr quando ha cambiato campo. I sardi sono stati pericolosi solo sui corner di Cossu e con Ariaudo, non con le punte. E nel finale ci ha pro-

vato Nainggolan per disperazione con unazione personale, ma il tiro s perso a lato.
Gioia Rocchi Lincapacit di segnare del Cagliari stata ancora pi evidente quando la Lazio da sorniona passata alla modalit difesa e contropiede e gli spazi si sono ulteriormente chiusi. Il Cagliari per vie centrali non passato mai, nessuno dettava il passaggio al buon Cossu che doveva ripiegare sul cross o sul tocco a lato per Agostini che poi crossava a sua volta. Troppo prevedibili per Dias e compagni, troppo monocorde per una Lazio ordinata, ben messa in campo e sicura del fatto suo. Soltanto Ibarbo, entrato per Ekdal, ha dato una scossa di caotica inventiva. Ma non bastato. stato molto pi incisivo Rocchi, entrato al tramonto della gara per lesordio in questo campionato. Ha segnato in 4 minuti il 100 gol in carriera. Ecco, uno come lui servirebbe eccome al Cagliari.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Moviola
DI M.IAR.

sconfitte stagionali del Cagliari che aveva perso solo in casa del Palermo, 2-3 il 21 settembre

Regolare la rete di Klose: lo tiene in gioco Ariaudo


Zero ammoniti, 23 falli in tutto, strette di mano e fair play: al SantElia andato in scena un duello tra gentiluomini. Che larbitro Mazzoleni ha diretto senza difficolt. Pochissime le azioni sotto la lente dingrandimento. Al 36 del primo tempo un intervento di Brocchi in ritardo su Ekdal meriterebbe il giallo. Due minuti dopo viene fischiato un fuorigioco a Klose: resta qualche dubbio. Limpido, invece, il gol del 2 0: il tedesco tenuto in gioco da Ariaudo. Rocchi festeggia la rete numero 100 e anche Mazzoleni si complimenta con lui. Chapeau.

la ride: Siamo stati concreti, le occasioni che si sono capitate le abbiamo sfruttate ha detto il tecnico . Questa squadra ha mestiere ed esperienza, vincere a Cagliari in questo modo non facile per nessuno. Rispetto allo scorso campionato la squadra ha pi gamba, pi fisicit e maggiore personalit. Uno di questi Cisse, ancora senza gol, ma con due assist cucinati per i compagni: Comincia ad essere un giocatore importante, quando si sbloccher lo sar ancora di pi. Rocchi? Il 100 gol un giusto premio per quanto fatto negli ultimi anni. Dovrei trovargli pi spazio, ma fino a met stagione andr avanti quasi sempre con lo stesso assetto. In ogni caso, ha tutta la mia fiducia. E Lotito aggiunge: Se Tommaso vorr restare in societ gli ritaglier un ruolo importante.
Qui Cagliari Fiducia che non per-

de neppure Massimo Ficcadenti: Il Cagliari ha lottato fino ala fine ha detto lallenatore . Nella prima mezzora abbiamo avuto occasioni importanti, poi la Lazio ha fatto tre gol con quattro tiri. In questo momento la nostra mira l davanti non buona. Forse abbiamo sofferto le tre partite in una settimana. C andato tutto storto, ma la prestazione non stata negativa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

le Pagelle

di STEFANO CIERI

COSSU PREDICA NEL DESERTO, CISSE IN RIPRESA, RADU FINALMENTE CONVINCENTE


CAGLIARI 5
AGAZZI 5,5 D limpressione di poter fare qualcosa in pi sul gol segnato da Lulic. Incolpevole sugli altri. PISANO 5,5 Perde il contrasto con Radu nellazione che costa il 2 0. Poco attento anche in altre circostanze. PERICO 6 Tiene la posizione senza strafare. CANINI 5,5 Fermo in occasione del primo gol, assente sul raddoppio di Klose. Evidentemente questa non era proprio serata per lui. ARIAUDO 5,5 Pi pericoloso in avanti (due volte vicino al gol) che solido dietro: tiene in gioco Klose in occasione del secondo gol biancoceleste. AGOSTINI 6 Prova a spingere, si arrende quando si accorge che non c collaborazione da parte dei compagni. BIONDINI 5,5 Una serata negativa per lui. Paga pi degli altri lassenza del capitano Conti al suo fianco. NAINGGOLAN 6 Gioca bene da centrale. Sfiora anche il gol nel primo tempo, cala un po nel finale di partita. EKDAL 6 Cerca di combinare qualcosa. Ficcadenti lo cambia con Ibarbo per dare pi velocit alla manovra. IBARBO 6 D la scossa al Cagliari, sfiora il gol con un colpo di testa, ma dopo un quarto dora si spegne pure lui.

LAZIO 7
MARCHETTI 6 La curva rossobl lo fischia, il resto dello stadio lo applaude. Lui fa il suo senza affanni. KONKO 6 Attento dietro, spinge col bilancino per non squilibrare la squadra. DIAKITE 6 Tanta generosit con qualche erroruccio. E un paio di sceneggiate che avrebbe potuto evitare. DIAS 6,5 Stavolta Cagliari gli sorride. Non sbaglia un colpo: cancellato lautogol dellanno scorso. RADU 6,5 Con un pregevole allungo d il via allazione del 2 0 finalizzata da Klose. Finalmente

convincente dopo troppe prove incolori. BROCCHI 6 Una prestazione pi di sostanza che di forma. Nei momenti topici, per, lui c sempre. CANA 6 Morde gli avversari nel momento in cui la Lazio comincia ad avere il fiato corto. LEDESMA 6,5 Regista puntuale e inappuntabile di una squadra che in trasferta gira alla perfezione.

tratti e conclude meno del solito. La caviglia destra gli fa ancora male. SCULLI 6 Congela il risultato nel finale. KLOSE 7 Per quasi un tempo sembra assente, poi al primo pallone utile timbra con la solita spietata lucidit. CISSE 6,5 Ancora a secco di gol, ma compensa con i due assist per Lulic e Klose. In ripresa. ROCCHI 6,5 In campo nel finale. Giusto in tempo per chiudere la gara e segnare, dopo una lunga attesa, il gol numero 100 con la Lazio. All. REJA 6,5 La Lazio da trasferta si conferma un meccanismo perfetto. Cambi giusti al momento giusto.

IL MIGLIORE 6,5 COSSU

Motorino inesauribile, lunico che mette un po in difficolt la Lazio. Predica nel deserto. NEN 5 La crisi dellattaccante brasiliano continua. Non ne becca una e rende facile la vita ai difensori avversari. RIBEIRO 5 Gira al largo invece di pungere, sbaglia un gol gi fatto a met ripresa. Male pure nei disimpegni. (Larrivey s.v.) All. FICCADENTI 5 Cagliari impresentabile. Inesistente in avanti e stavolta anche fragile dietro.

7 LULIC

IL MIGLIORE

Un altro gol dopo quello di Bologna. Unaltra prestazione sopra le righe. S, lui la rivelazione. HERNANES 6 Illumina solamente a

TERNA ARBITRALE: MAZZOLENI Partita facile che riesce a chiudere senza tirare fuori cartellini. Padovan 6; Passeri 6

20

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

STRIKE YOUR BALANCE

STRIKE YOUR BALANCE SU

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

21

SERIE A 10a GIORNATA

Fiorentina, Lazzari salva Mihajlovic Ma i tifosi fischiano


Dura contestazione al tecnico nonostante la vittoria su uno spento Genoa. Gol-fantasma di Gamberini

unora prima, Malesani snobba infatti labc dellapprofittare dai guai altrui. Aggredire al pronti-via, far vedere i fantasmi, cercare subito il break? Tutto il contrario. Pi della facile battuta sulla solidariet tra colleghi, la spiegazione unaltra: con la Roma le barricate hanno funzionato. Ecco allora per 35 minuti un 4-5-1 a doppia mandata: arricchito da Rossi e Jankovic che, invece di allungare le fasce, spesso si abbassano disegnando un incomprensibile 6-3-1. Contro Messi e Higuain okay, qui no.
Si pu osare Risultato: la Fio-

I NUMERI

le Pagelle
di ALESSIO DA RONCH

le sconfitte del Genoa nelle 744 partite giocate in trasferta nel girone unico. Le vittorie sono 118, i pareggi 226.

400

GILARDINO E FUORI FORMA KHARJA D PESO DAINELLI SUPER MALE PALACIO


FIORENTINA 6
BORUC 6,5 Stoppa bene Palacio e spegne la fiammata di Jorquera. CASSANI 5,5 Soffre la fisicit di Pratto e ogni tanto va in confusione. GAMBERINI 6,5 Non cade mai nelle finte di Palacio. E trova pure il modo di colpire in avanti. NATALI 6 Sbanda una sola volta. Ma sfrutta bene centimetri e forza. PASQUAL 6,5 Attento su Rossi, protagonista assoluto nellazione del gol. KHARJA 6,5 Quantit e qualit, cerca di generare rimpianti. MONTOLIVO 6 Colonna della squadra per unora, schianta nel finale con alcuni errori grossolani.

rentina ha palla e campo a disposizione. Che poi non sappia bene cosa fare unaltra storia. Latmosfera contro non aiuta. Montolivo educato e bello, non leader. Gilardino fuori condizione. Romulo fa due mossette e poco altro. Lo score si limita alla spinta di Cassani, alla mira imprecisa di Gila e Jovetic, a Pasqual anticipato sottorete, a Kharja gi

le vittorie casalinghe consecutive della Fiorentina ospitando il Genoa.

Malesani non ha approfittato della crisi dei viola. Poteva aggredire e non lha fatto

le reti realizzate dal Genoa nelle ultime 4 gare giocate in casa dei viola. Ultimo a segnare stato Masiero nella sconfitta per 3-1 del 16 marzo 2008. Da quel gol sono passati 367

7 LAZZARI

IL MIGLIORE

Una fionda: arretra a bloccare Kucka e riparte a tutta velocit lasciando il segno. ROMULO 5,5 Timido e leggero, non incide (Munari s.v.). GILARDINO 5 Si fa notare solo per come prende la sostituzione. Non ancora in forma e Dainelli se lo mangia. VARGAS 5 E meno in forma di Gilardino, si piazza a sinistra e guarda sfrecciare Mesto. JOVETIC 5,5 Guizza, schizza, spizza, a conti fatti non fa male alla difesa del Genoa (Silva s.v.). All. MIHAJLOVIC 6,5 Ha il merito di tenere concentrata la squadra in una situazione surreale.

ALBERTO MALESANI TECNICO DEL GENOA

Andrea Lazzari, 26 anni, segna il suo primo gol con la maglia della Fiorentina battendo lex portiere viola Frey INFOPHOTO

FIORENTINA GENOA
GIUDIZIO 7 PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI Lazzari al 41 p.t.

1 0

DAL NOSTRO INVIATO

FABIO LICARI FIRENZE

in area. Unoccasione per Palacio, stoppato da Boruc, insinua forse il dubbio a Malesani: si pu osare.
Palacio crolla Scelta giusta, ma il 4-3-1-2 ormai senzanima. Merkel, al quale il Genoa andrebbe consegnato chiavi in mano, libero dalla marcatura su Kharja, tenta la scossa. Attorno, per, il vuoto: Palacio stanco, Kucka fermo, Veloso scolastico. La palla persa sulla trequarti dallargentino innesca Lazzari che apre e chiude: scatto in profondit, scambio Jovetic-Pasqual e la mezzala appoggia in rete da due passi. Il resto noia, esclusa la rabbia dei tifosi per Gila sostituito da Vargas (chiss se la Fiorentina avesse preso gol) e Gamberini che forse segna il 2-0 (ma la palla sospesa tra Frey e linea e larbitro non vede). Soltanto nel finale il Genoa si sveglia. Jorquera tira pericolosamente due volte e qualcuno trema.
RIPRODUZIONE RISERVATA

FIORENTINA (4-3-3) Boruc; Cassani, Gamberini, Natali, Pasqual; Kharja, Montolivo, Lazzari; Romulo (dal 40 s.t. Munari), Gilardino (dal 25 s.t. Vargas), Jovetic (dal 45 s.t. Silva). PANCHINA Neto, De Silvestri, Nastasic, Cerci. ALLENATORE Mihajlovic. GENOA (4-5-1) Frey; Mesto, Dainelli, Granqvist, Antonelli; M. Rossi (dal 33 s.t. Constant), Kucka (dal 1 s.t. Jorquera), Veloso, Merkel, Jankovic (dal 12 s.t. Pratto); Palacio. PANCHINA Lupatelli, Bovo, Moretti, Birsa. ALLENATORE Malesani. ARBITRO Peruzzo di Schio. ESPULSI nessuno. AMMONITI Natali (F) e Kucka (G) per gioco scorretto.
NOTE paganti 6.288, incasso di 83.807,10 euro; abbonati 13.024, quota di 228.889,49 euro. Tiri in porta 4-2. Tiri fuori 8-2. In fuorigioco 4-4. Angoli 11-2. Recuperi: p.t. 0, s.t. 3.

Mihajlovic salva la pelle, ma senza inversione a U lesonero prima o poi arriva. Un incidente di percorso, un punto perso male e sar panchina nuova: questo vogliono i tifosi, quasi scontenti dell1-0 al Genoa che posticipa levento. Chiss non succeda domenica col Chievo in zona disperazione, oppure contro il Milan una settimana dopo. Ma se la crisi pu sembrare paradossale il Napoli due punti su, Roma e Inter languono in basso, il resto non Barcellona servirebbe comunque un ribaltone nel gioco e nella mentalit. Perch la domanda : come sarebbe finita contro un rivale senza bandiera bianca in mano?
Strategia Malesani Con una Fio-

le reti di Lazzari al Genoa. Anche nel precedente caso la segnatura aveva portato i tre punti (3-2 di Cagliari-Genoa del 25 ottobre 2009).

GENOA 5,5
FREY 6 Sicuro nellavvio complicato. Contro Lazzari non pu nulla. MESTO 5,5 E la fessura dove entrano gli spifferi per tutto il primo tempo, si riscatta un po con un finale arrembante. DAINELLI 6,5 Divora Gilardino e chiude con Jovetic come dessert. GRANQVIST 6 Sgraziato, a volte confuso, riesce per sempre a salvarsi. ANTONELLI 6 Alterna amnesie sconcertanti a scatti perentori. ROSSI 5,5 La colonna sonora fatta di fischi pare colpirlo. Probabilmente, per, lo stoppa di pi la fatica. CONSTANT 5 Fallisce banalmente loccasione del pari. KUCKA 5 Non trova il modo di far pesare la sua potenza. JORQUERA 6,5 Entra malissimo, chiude con due assist e un bel tiro. Il tentativo di riscossa parte da lui. VELOSO 6 Non affonda nella tempesta, ma neppure riesce a trascinare avanti la squadra. IL MIGLIORE h 6,5 MERKEL Appare ovunque, spesso con ottime idee. JANKOVIC 5,5 Pi terzino che ala, rincula e soffre. PRATTO 6 Vivace, sposta in avanti il Genoa. PALACIO 5 Disintegrato dalla fatica la controfigura di se stesso. Fallisce due appuntamenti semplici per il vero Rodrigo. All. MALESANI 5 Vuol colpire in contropiede, ma viene steso da una ripartenza.

mila 100 le reti viola realizzate nelle 1.215 partite casalinghe del girone unico. La prima fu realizzata da Petrone al 7 di Fiorentina-Brescia 2-1 del 27 settembre 1931.

rentina alle corde, con i tifosi che urlano salta la panchina

Al 33 della ripresa, con la Fiorentina gi in vantaggio per 1-0, Gamberini calcia da pochi passi a colpo sicuro, il pallone sbatte contro la traversa poi Frey respinge. La sensazione che la palla abbia, per, gi superato la linea SKY

ALLENATORE NEL MIRINO IL SERBO SI PRENDE I FISCHI E SFIDA I TIFOSI: IO NON ABBASSO GLI OCCHI

Squadra con Sinisa e lui si commuove


Mencucci: E dura lavorare cos...
ALESSANDRA GOZZINI FIRENZE

Nella hit parade del tifo quel coro (Sinisa salta la panchina) resta in prima posizione. Lo hanno ripetuto sei volte in due ore: prima del via, allingresso in campo, dopo il gol di Lazzari (la mamma in tribuna ha pianto dalla gioia), allintervallo, al cambio di Vargas per larrabbiato Gila e alla fine, quando Miha usciva dal campo. Cos si arrivati al paradosso di una vittoria-fischiata. Tra gli slogan pi cantati an-

che il sei uno zingaro a inizio e fine gara. Situazione che imbarazza la societ e Andrea Della Valle, che nel dopo-gara stato in contatto telefonico con lallenatore e con gli altri vertici (dice lad Mencucci: Lavorare cos difficile, dobbiamo provare a restare tutti uniti). Questa la linea ufficiale: dirigenza e propriet hanno apprezzato la prestazione e hanno avuto dalla squadra la dimostrazione di fiducia nel tecnico che avevano invocato. Ora per a Miha viene chiesta continuit, altrimenti lesonero rischia di essere solo posticipato. Ancora Mencucci: Non c stato alcun contatto con altri allenatori, ma nel calcio si vive di risultati.

Lacrime Chi si schiera compatta

con lallenatore la squadra: raccontano che negli spogliatoio Mihajlovic si sia commosso per lattaccamento dimostratogli (Montolivo corso a stringerlo dopo il vantaggio). Ringrazio i ragazzi, mi dispiace averli visti tristi, ma su 100 fischi 99 sono per me. Uscendo dal campo ho sfidato i tifosi con lo sguardo? E difficile che io abbassi gli occhi. (Lintervista viene interrotta per un k.o. allimpianto audio: Meglio salti il microfono che la panchina sorride Sinisa). Tocca a Malesani: Non siamo riusciti a rimontare nonostante il predominio nel secondo tempo, il pari sarebbe stato giusto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Labbraccio tra Montolivo e Mihajlovic VENTURINI

TERNA ARBITRALE: PERUZZO 5 Qualche errore e unassenza totale di personalit. Giallatini 6; Galloni 6

22

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

Lorologio perfetto esiste.

Mai pi batterie grazie allenergia della luce. Regolato dallo spazio. Preciso al milionesimo di secondo.

VETRO ZAFFIRO
Perfetta trasparenza, preziosit e inalterabilit nel tempo.

AS4020-44B 378
Scopri lintera collezione Eco-Drive Radiocontrollato a partire da 348

www.citizen.it

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

23

SERIE A 10a GIORNATA

Ramirez rilancia il Bologna Atalanta bella solo a met


Prima vittoria in casa dei rossobl, per luruguaiano gol, assist e idee I nerazzurri, avanti con il solito Denis, durano un tempo e poi crollano
BOLOGNA ATALANTA
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 1-1 MARCATORI Denis (A) al 7, Di Vaio (B) su rigore al 48 p.t.; Ramirez (B) al 3, Loria (B) al 23 s.t. BOLOGNA (4-3-1-2) Gillet; Raggi, Portanova, Loria, Morleo; Perez (dal 1 s.t. Pulzetti), Mudingayi, Kone; Ramirez (dal 32 s.t. Gimenez); Acquafresca, Di Vaio (dal 21 s.t. Cherubin). PANCHINA Agliardi, Garics, Casarini, Paponi. ALLENATORE Pioli. ATALANTA (4-4-1-1) Consigli; Masiello (dal 22 p.t. Bellini), Capelli, Lucchini, Peluso; Bonaventura (dal 19 s.t. Tiribocchi), Cigarini (dal 7 s.t. Schelotto), Carmona, Padoin; Moralez; Denis. PANCHINA Frezzolini, Minotti, Marilungo, Gabbiadini. ALLENATORE Colantuono. ARBITRO Bergonzi di Genova. ESPULSI nessuno. AMMONITI Bonaventura (A), Portanova (B), Padoin (A) e Mudingayi (B) per gioco scorretto; Denis (A) per comportamento non regolamentare.
NOTE paganti 3.560, incasso di 40.130 euro; abbonati 14.290, quota di 143.404 euro. Tiri in porta 3-4. Tiri fuori 2-5. In fuorigioco 5-0. Angoli 6-7. Recuperi: p.t. 2, s.t. 3.

le Pagelle
di M.C.

DI VAIO TORNA A SEGNARE MORALEZ A TUTTO CAMPO


BOLOGNA 6,5
GILLET 6,5 Incolpevole sul gol di Denis, decisivo su Bonaventura. Evita il raddoppio e forse il k.o. RAGGI 5,5 Primo tempo in difficolt, poi cresce. PORTANOVA 5 Lascia a Denis lo spazio per il gol, rischia lespulsione. LORIA 6 Il gol per riparare agli errori difensivi. MORLEO 5 Bonaventura un incubo, non lo prende mai. Non va meglio con Schelotto. PEREZ 4,5 Sbaglia tutto, giustamente sostituito. PULZETTI 6 Almeno ci mette corsa e voglia di lottare. MUDINGAYI 5,5 Moralez gli scappa da tutte le parti. KONE 6 Decolla nella ripresa, bello lassist per Ramirez.

3 1

DOPO PARTITA

Pioli: Importante sbloccarci in casa


BOLOGNA Stefano Pioli ha preso il Bologna ultimo in classifica e ora ha 6 squadre alle spalle. Abbiamo ottenuto 3 punti importanti, ma non dobbiamo illuderci dice lallenatore rossobl , la strada per la salvezza lunga e dobbiamo crescere tanto. Il rigore di Di Vaio ha cambiato il nostro stato danimo, fossimo andati nello spogliatoio in svantaggio sarebbe stata durissima riprendere in mano la partita. Il digiuno di otto mesi di vittorie in casa era un peso difficile da eliminare. Colantuono mostra fair play: In questo k.o. ci abbiamo messo molto di nostro. Non accuso larbitro, anche se il vantaggio concesso a Di Vaio si era gi concretizzato quindi il rigore poteva non essere concesso. La prendo per una lezione salutare.
a.to.

8 RAMIREZ

IL MIGLIORE

Fa tutto lui: si procura il rigore, segna il gol del 2 1, serve a Loria la palla della terza rete. Imprendibile. (Gimenez s.v.). ACQUAFRESCA 5 Finisce tre volte in fuorigioco nei primi 20 minuti. Mai incisivo. DI VAIO 6 Finalmente si sblocca (ultimo gol il 2 aprile in Brescia Bologna 3 1), ma non ancora il vero Di Vaio. CHERUBIN 6 Dietro a difendere il vantaggio. All. PIOLI 6,5 Sfata il tab casalingo. Corregge un Bologna troppo leggero. Pratico e vincente.

ATALANTA 6
CONSIGLI 6 Una parata su Di Vaio, incolpevole sui gol. MASIELLO 6 In campo solo 22 minuti, nessun errore. BELLINI 5 In difficolt quando Ramirez sgomma dalle sue parti. CAPELLI 4,5 Stende Ramirez, esce male sul secondo gol, perde Loria. LUCCHINI 5,5 Aiuta poco il compagno di reparto. PELUSO 6 Spinge bene nel primo tempo, troppo passivo nella ripresa. BONAVENTURA 6,5 Devastante per 45 minuti a destra, poi lo spostano a sinistra e l non si trova. TIRIBOCCHI 5,5 Sbatte contro il muro rossobl. CIGARINI 6 Domina in mezzo per 45, poi va in apnea. SCHELOTTO 6,5 subito in partita. Spinge e crossa. CARMONA 6 Corsa tanta, idee non lucidissime. PADOIN 6 Ingenuo a non cadere quando Portanova lo strattona. MORALEZ 6,5 Si muove per tutto il campo, ma poi lo ingabbiano e la luce non si accende pi. IL MIGLIORE h 6,5 DENIS Gol da centravanti vero, grande condizione. All. COLANTUONO 6 LAtalanta nel primo tempo da zone alte, quella della ripresa deve preoccupare un po.

DAL NOSTRO INVIATO

MIMMO CUGINI BOLOGNA

Con quel nome non puoi che essere un predestinato. Il pi fortunato dei fumetti di Walt Disney, Gastone (non Paperone), nel campionato di Serie A indossa la maglia numero 10 del Bologna. Allanagrafe Ramirez, per tutti Gastn. Il ritorno alla vittoria del Bologna al DallAra (prima volta per Pioli davanti ai suoi tifosi, ultimo successo il 19 febbraio con il Palermo, gol di Paponi) contro unAtalanta bellissima nel primo tempo e non pervenuta nel secondo, passa per il sinistro magico del fantasista uruguaiano. Si procura il rigore dell1-1, firma il gol del sorpasso e poi pennella sulla testa di Loria la palla del 3-1 che chiude il match. La standing ovation

Gastn Ramirez, 20 anni, segna il gol del 2-1 sotto gli occhi di Di Vaio, che aveva pareggiato su calcio di rigore
LAPRESSE

che il DallAra gli riserva quando esce acciaccato nel finale il giusto tributo a un giocatore sempre pi decisivo e ormai pronto per un grande club.
Il minuto decisivo Ma la partita

ruota intorno allultimo minuto del primo tempo. LAtalanta in vantaggio grazie al gol di Denis in apertura (cross di Peluso e gran lavoro del bomber, che si beve Loria e Portanova e poi chiude con un sinistro rasoterra che infila Gillet), ha sfiorato pi volte il raddoppio (clamorosa loccasione sprecata da Bonaventura che spara addosso a Gillet dopo splendida triangolazione con Denis) e dominato con un gioco a tratti spumeggiante. Padoin tenta lennesimo assalto a sinistra, salta Portanova che lo strattona, latalantino resta in piedi e si aspetta che Bergonzi fi-

schi e ammonisca il rossobl (sarebbe il secondo giallo). Ma Bergonzi non fischia, la palla arriva a Moralez, che tira fuori. Il Bologna riparte, Ramirez fa il fenomeno e Capelli lo stende in area: rigore e gol dell1-1 di Di Vaio. Resta il dubbio. Bergonzi poteva anche ammonire Portanova a fine azione e il Bologna sarebbe rimasto in dieci. Avremmo visto un altro secondo tempo.
Solo Bologna Invece si ricomincia 11 contro 11, ma lAtalanta non c pi e il Bologna, trasformato dallingresso di Pulzetti al posto dello spento Perez, si scatena. Sale in cattedra Ramirez. Suo il gol che porta la squadra di Pioli in vantaggio con una penetrazione centrale che buca la difesa di Colantuono (Capelli esce alto su Kone e Bellini non chiude la diagonale da destra). LAta-

lanta non vuole crederci, cerca il pareggio in tutti i modi (dentro Schelotto e poi Tiribocchi), ma lunica chance capita a Carmona (20) che non ha piedi dolci e dal dischetto spara in curva lassist di Moralez. E quando a 20 dalla fine Ramirez inventa lennesimo slalom sulla sinistra e guadagna una punizione, per poi scodellare sulla testa di Loria il pallone del terzo gol, si capisce che siamo ai titoli di coda. Nel frattempo Pioli si era coperto con la difesa a 5 (dentro Cherubin e fuori Di Vaio) mentre il povero Colantuono non aveva pi la forza neanche di dare indicazione ai suoi. Dopo quel primo tempo non avrebbe mai pensato di perdere. Non aveva fatto i conti con Gastone Ramirez e con quel folle ultimo minuto del primo tempo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

TERNA ARBITRALE: BERGONZI 5,5 Portanova poteva essere espulso, rigore giusto. Bene nella gestione dei falli e dei cartellini, sbaglia poco. Iannello 6; Bianchi 6

IL LUTTO LEX FISCHIETTO MORTO A MILANO A 88 ANNI. E STATO PRESIDENTE DELLAIA DAL 1972 AL 1990

Addio a Campanati, ex capo degli arbitri


Ha diretto 166 gare in Serie A e 18 internazionali. Michelotti: Era il mio maestro
CLAUDIO GREGORI

Cesare Gussoni, commosso, ricorda agli arbitri ed agli sportivi italiani la figura di un grande Dirigente Arbitrale

Giulio Campanati
gi Arbitro Internazionale, Designatore, Presidente Aia, Dirigente UEFA e FIFA. - Milano, 30 ottobre 2011.

Giulio Campanati stato ricordato ieri con un minuto di silenzio su tutti i campi. Un saluto meritato. Campanati stato un grande arbitro, un dirigente sportivo appassionato e abile, un uomo giusto e un amico affettuoso, indissolubilmente legato alla moglie Giuliana con cui formava una coppia di ferro. Ha diretto lAssociazione Italiana Arbitri dal 1972 al 1990.
Autorevole Campanati era nato a Milano il 15 giugno 1923. Cresciuto sotto il fascismo era entrato nel 1940 nella Sezio-

ne Umberto Meazza dellAia. Meazza era uno degli uomini che il 27 agosto 1911 al ristorante LOrologio, dietro al Duomo di Milano, avevano fondato lassociazione degli arbitri. La sua carriera stata rapida. Nel 1948 approdato in Serie B, nel 1952 ha esordito in A. Dirigeva con autorit e competenza, nella tradizione di Generoso Dattilo e Giovanni Galeati. Nel 1960, infatti, ha ricevuto il Premio Giovanni Mauro, che dal 1935 tocca al miglior arbitro della stagione. Essendo milanese, non poteva arbitrare le partite di Milan e Inter. Questo non gli ha impedito di diventare arbitro internazionale nel 1957. Ai Giochi Olimpici di Roma, nel 1960, allAquila ha diretto Danimarca-Tunisia, 3-1: la finale tocc a Concetto Lo Bello. In tutto ha collezionato 18 partite internazionali, tra cui la gara di ritorno della finale della Coppa delle Fiere 1962, Barcellona-Valencia, e due semifinali

di Coppa delle Coppe. Ha diretto 166 partite di Serie A. Lultima fu Fiorentina-Juventus del 27 marzo 1966.
Capo degli arbitri Poi ha lasciato i campi, ma non la sua passione. Dal 1968 al 92 stato membro della Commissione Arbitrale della Fifa. In Italia ha fatto il designatore allinizio degli Anni Settanta. Poi, il 30 luglio 1972 diventato il presidente dellAia. Per 18 anni stato il leader di unorganizzazione che consente al calcio di essere lo sport pi amato e seguito dItalia. Ha interpretato il ruolo con passione e con stile. E stato il degno erede di Mauro e Giulini, lo ricorda cos Mario Pennacchia, che con competenza ha seguito per tutta la vita il settore arbitrale, anche su queste colonne. Giovanni Mauro e il conte Saverio Giulini lo avevano preceduto alla presidenza dellAia. Come loro Campanati ha proposto larbitro come garante di leal-

t, come giudice super partes.


Maestro Non stato solo il

Il Presidente della FIGC Giancarlo Abete, anche a nome dell'intero Consiglio Federale e di tutta l'Organizzazione Calcistica Italiana, ricorda con commozione e profonda riconoscenza

Giulio Campanati
dirigente che ha onorato l'Associazione Italiana Arbitri e tutto il calcio italiano e si unisce al grande dolore della famiglia. - Roma, 31 ottobre 2011. Il Presidente Mario Macalli, i Vice Presidenti Salvatore Lombardo e Archimede Pitrolo, il Direttore Generale Francesco Ghirelli, il Segretario Sergio Capograssi e tutto il Direttivo della Lega Pro ricordano la figura di

Lex arbitro e presidente dellAia, Giulio Campanati, morto ieri a Milano allet di 88 anni OMEGA

mio capo, ma anche il mio maestro. Io venivo dalla strada, ero un po indisciplinato, gesticolavo con le mani. Lui mi correggeva racconta Alberto Michelotti . Era burbero. per mi difendeva. Mi ha difeso a spada tratta, lui milanese, anche quando in Cagliari-Milan ho fischiato un rigore negli ultimi minuti e il Milan ha perso lo scudetto, con Rivera squalificato per due mesi e mezzo. Dietro ai modi discreti, Campanati era un vir. A 88 anni Giulio Campanati ha finito la sua corsa. La camera ardente stata allestita all'Istituto Europeo di Oncologia, in via Ripamonti 435 a Milano (oggi dalle 8.30 alle 12 e dalle 14.30 alle 17, domani dalle 8.30 alle 13). Mercoled si terranno i funerali. Lo piangono i familiari e la grande famiglia degli arbitri italiani, 33.018 persone.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Giulio Campanati
arbitro eccellente e dirigente di primissimo livello sia in Italia che all'estero. - Firenze, 31 ottobre 2011. Il Presidente dell'Associazione Italiana Arbitri, Marcello Nicchi, e il Comitato Nazionale esprimono profondo cordoglio per la scomparsa del "Presidentissimo"

Giulio Campanati
arbitro dalla statura internazionale e Presidente di pi lunga permanenza alla guida dell'associazione, seppe affermarsi sul campo di giuoco distinguendosi per la sua sensibilit di uomo.- Dirigente benemerito sempre al servizio degli arbitri italiani, che lo ricambiano con affetto nell'unanime commosso ricordo e tutti insieme abbracciano la famiglia. - Roma, 30 ottobre 2011. Il Presidente Carlo Tavecchio ed il Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti partecipano con commozione al lutto che ha colpito il mondo del calcio per la perdita dell'ex Presidente AIA

Giulio Campanati
- Roma, 30 ottobre 2011. Il Presidente della Sezione Arbitri Umberto Meazza di Milano Michele Liguori, il Vice Presidente Amministrativo Eugenio Tenneriello, il Vice Presidente Tecnico Alberto Curti, l'intero Consiglio Direttivo Sezionale, tutti gli associati milanesi, si uniscono al grande dolore della famiglia per la scomparsa del "Presidentissimo"

Giulio Campanati
grande arbitro sui campi di calcio ieri, oggi e per sempre. - Milano, 30 ottobre 2011.

24

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

25

SERIE A 10a GIORNATA


PARMA CESENA
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI Paletta al 42 p.t.; Lucarelli al 27 s.t. PARMA (4-4-1-1) Mirante; Zaccardo, Paletta, Lucarelli, Gobbi; Biabiany, Morrone (dal 39 s.t. Blasi), Galloppa (dal 21 s.t. Musacci), Modesto; Giovinco; Pell (dal 30 s.t. Crespo). PANCHINA Pavarini, Santacroce, Valiani, Valdes. ALLENATORE Colomba. CESENA (4-3-3) Antonioli; Comotto, Von Bergen, Rodriguez, Lauro; Candreva, Guana, Parolo; Ghezzal (dal 21 s.t. Meza Colli), Bogdani (dal 40 s.t. Rennella), Martinez (dal 1 s.t. Eder). PANCHINA Ravaglia, Ceccarelli, Rossi, Djokovic. ALLENATORE Giampaolo. ARBITRO Guida di Torre Annunziata. AMMONITI Galloppa (P), Morrone (P), Comotto (C), Eder (C), Rodriguez (C) e Guana (C) per gioco scorretto.
NOTE paganti 2.745, incasso di 18.769 euro; abbonati 9.620, quota di 91.290 euro. Tiri in porta 8-3. Tiri fuori 6-5. In fuorigioco 8-0. Angoli 11-1. Rec.: p.t. 0, s.t. 3.

2 0

IN A 5 CAMBI

y
S

le Pagelle

di G.LO.

GIOVINCO, MAGIE ED ERRORI ANTONIOLI C, MALE GHEZZAL


PARMA 7
MIRANTE 6 Poco impegnato, ai confini del senza voto. ZACCARDO 6,5 Intelligente la spizzata sul 2 0. PALETTA 7 Non era dato in gran forma, ma firma il primo gol in A e stravince il duello tutto muscoli con Bogdani. LUCARELLI 7 Finisce tra i marcatori con il gol del raddoppio dopo aver sgobbato molto in difesa. GOBBI 6 Tiene la posizione, non cerca rischi. BIABIANY 7 A tratti sembra incontenibile. MORRONE 6,5 Gioca, sbagliandone qualcuno, una quantit importante di palloni. (Blasi s.v.) GALLOPPA 6,5 Al rientro dopo quattro giornate: bene. (Musacci s.v.) MODESTO 6,5 Offre una grande spinta sulla sinistra, soprattutto nel primo tempo. Cala, tuttavia, alla distanza.

CAGLIARI Prima del via Cellino ha sostituito Donadoni con Ficcadenti.

CESENA 4

7 ANTONIOLI

IL MIGLIORE

S
PALERMO E poi Zamparini ha esonerato Pioli e promosso Mangia.

Il rigore, respinto con il piede sinistro, e altre due paratone hanno almeno leffetto di ridurre il passivo. COMOTTO 5 Sinceramente: chi lha visto? VON BERGEN 5 Forse in omaggio al ritorno dellora solare, dorme pi del dovuto e si dimentica Lucarelli sul secondo gol. RODRIGUEZ 5 Gioca con la paura addosso. LAURO 6 Ci prova ma solo a partita chiusa. CANDREVA 5 Troppo timido, troppo piatto: una maschera irriconoscibile. GUANA 6,5 Corsa e sportellate. Non molla mai. PAROLO 5 Neppure lui capisce che questo il momento in cui bisogna lottare. Approccio sbagliato. GHEZZAL 4 Pasticcia e sbaglia. Il suo apporto inutile. (Meza Colli s.v.) BOGDANI 4 Molle e lento. Il fac simile di un centravanti. (Rennella s.v.) MARTINEZ 4,5 Qualcosina in pi degli altri due. EDER 5 Non riesce proprio a fare la differenza, ci mette anche del suo. All. GIAMPAOLO 5 Condanna senza appelli. Per lo meno, pu consolarsi cos: almeno lincubo finito.

S
Alessandro Lucarelli, 34 anni, mette a segno il gol del raddoppio per il Parma LAPRESSE

Il Cesena affonda Colomba fa esonerare ancora Giampaolo


Come 2 anni fa, il tecnico del Parma silura il collega Chi al suo posto? Ballardini, De Canio o Arrigoni
DAL NOSTRO INVIATO

INTER Dalla quinta giornata Ranieri ha sostituito Gasperini.

S
BOLOGNA Alla settima giornata Pioli subentrato a Bisoli sulla panchina dei rossobl

S
CESENA Ieri laddio di Giampaolo dopo il k.o. col Parma.

IL MIGLIORE 7 GIOVINCO

Lerrore dal dischetto, alla fine ininfluente, e un gol sbagliato davanti ad Antonioli non macchiano unaltra partita maiuscola. PELL 6 Per impegnarsi, si impegna, l davanti. Ma perde lucidit nei momenti chiave. (Crespo s.v.) All. COLOMBA 7 La forza dei nervi distesi: restituisce forza e autostima alla squadra.

GUGLIELMO LONGHI PARMA

Abbandonato da un gruppo che non c pi o forse non c mai stato, Giampaolo vede le streghe in anticipo su Halloween e toglie il disturbo. Come due anni fa (Bologna-Siena 2-1) Colomba a provocare il suo esonero: Scelta difficile, ma giusta: non ho visto il tipo di reazione che mi aspettavo. Mancavano forza, rabbia, orgoglio. Mi spiace, ma perdere cos qualcosa che non si pu accettare. Ora serve una scossa, non dobbiamo rassegnarci, spiega alla fine il presidente Campedelli. Oltre che i numeri (3 punti in 9 partite, zero vittorie, peggior attacco con la miseria di 3 gol), limbarazzante non gioco a condannare lormai ex allenatore del Cesena. In arrivo uno tra Ballardini (ieri sera telefonata con Campedelli, ma sembrava dubbioso: oggi nuovo contatto), De Canio e Arrigoni con Marino in seconda fila. Il Parma, che non poteva fare sconti dopo due sconfitte di fila con Atalan-

ta e Milan e una settimana balorda tra risse e ritiri minacciati, passeggia sui guai altrui e d un colpo di spugna sulla crisi incipiente. Rifiutando le mezze misure: lunica squadra a non aver mai pareggiato.
La dedica Segnano due difensori, ma il grande protagonista ancora Giovinco: nel bene (quante giocate di classe) e nel male (rigore sbagliato). Colomba costruisce il Parma attorno a lui, lascia Crespo in panchina e parte con Pell centravanti, che pi statico di Floccari, e si vede. Poi due esterni che spingono con profitto, Biabiany meglio di Modesto, due mediani infaticabili, due stopper che approfittano del nulla che c dietro il tridente avversario per spingersi e colpire. Risultato: il Parma fa sempre la partita, nella ripresa sfuma un po lenorme gap di qualit e di motivazioni che c nel primo tempo. Ma la vittoria non mai in discussione, considerato il numero di occasioni create e sventate dal giovane portiere Antonioli. E cos il rigore sciupato al minuto

Marco Giampaolo, 44 anni LAPRESSE

35 (Colomba: Giovinco mi sembrato un po stanco) alla fine risulter un incidente di percorso, cancellato da Paletta che risolve una mischia in area e piu tardi da Lucarelli che, solo in area, devia la spizzata di Zaccardo su angolo. Poi esulta mostrando una maglietta con dedica per il cugino in coma da un mese per un incidente in scooter: Sveglia Gabri.
Che attacco Il 4-3-3 del povero Giampaolo un modulo solo in apparenza offensivo. Perch davanti a una difesa bloccata e tremolante, c Guana a fare il play col compito di coprire e incrociare Giovinco, mentre Candreva e Parolo non hanno la forza e la personalit per costruire e sono lasciati soli da un tris di attaccanti che non rientrano mai e litigano col pallone quando c da azzardare qualcosa. Inutile infierire in questi momenti, ma se una squadra segna un gol ogni tre partite non pu andare lontano. Pu soltanto sperare nelleffetto benefico della rivoluzione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

TERNA ARBITRALE: GUIDA 6 Dubbi sul rigore: la manata di Rodriguez su Giovinco fuori area? Carrer 6; Alessandroni 6

IL CASO PRESO IL GIOVANE PORTOGHESE FABIO LOPES

Parma e quel no al ritiro anticipato Lucarelli: Eravamo sicuri di noi


PARMA Il dopo Parma Cesena stato emozionante almeno quanto la partita. Il presidente dei romagnoli Igor Campedelli, pochi minuti dopo il triplice fischio, ha comunicato il licenziamento di Marco Giampaolo. Cambieremo la guida tecnica. Sapete che non sono un mangiatore di allenatori. Ma questa soluzione era indispensabile. Ma c stato un giallo anche in casa Parma: al Tardini spiccava lassenza della.d. Leonardi. Che avrebbe avuto una divergenza di vedute con la squadra sulla possibilit di un ritiro anticipato. Ci stata data fiducia ha spiegato Alessandro Lucarelli e credo che labbiamo ripagata alla grande. Abbiamo detto no al ritiro anticipato, eravamo sicuri che avremmo fatto una buona partita. Lucarelli ha segnato un gol che vale doppio. Sveglia Gabri recitava la sua maglietta. Dedicata a mio cugino che ha 20 anni: da tre settimane in coma dopo un incidente con la moto. Lultima battuta per Colomba: Dopo le occasioni sbagliate, ci siamo sbloccati e dopo il raddoppio stato pi facile. A Parma intanto oggi arriver dal Betis Fabio Lopes, trequartista portoghese.
Sandro Piovani

26

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

SERIE A 10a GIORNATA

Nel disegno di Rinaldi la magistrale punizione-gol firmata da DAgostino, uno dei 4 gol del Siena al Chievo

Rodney Strasser del Lecce colpisce di testa e batte Fontana del Novara. Rigoni far 1-1 su rigore LAPRESSE

Sannino patrono di Siena Chievo flop


A quota 13 i tifosi bianconeri invocano lEuropa. Veronesi stesi da un grande Destro
SIENA CHIEVO
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI Destro (S) al 25 p.t; Destro (S) al 12, DAgostino (S) al 16, Moscardelli (C) al 30 e Calai (S) al 49 s.t. SIENA (4-4-2) Brkic; Vitiello, Rossettini, Contini (dal 10 s.t. Pesoli), Del Grosso; Mannini, Gazzi, DAgostino (dal 33 s.t. Bolzoni), Brienza; Destro (dal 30 s.t. Larrondo), Calai. PANCHINA Farelli, Belmonte, Angelo, Reginaldo. ALL. Sannino CHIEVO (4-3-1-2) Sorrentino; Frey, Mandelli, Cesar, Jokic (dal 25 s.t. Dram); Vacek, Bradley, Hetemaj (dal 18 s.t. Paloschi); Cruzado (dal 1 s.t. Sammarco); Moscardelli, Pellissier. PANCHINA Puggioni, Andreolli, Gallozzi, Uribe. ALLENATORE Di Carlo ARBITRO Brighi di Cesena AMMONITI Larrondo (S), Cruzado (C), Jokic (C), Hetemaj (C), Cesar (C) e Mandelli (C)per gioco scorretto NOTE Paganti 849, incasso di 8.755 euro; abbonati 7.623, quota di 68.781. Tiri in porta 8-3 (una traversa). Tiri fuori 4-1. Angoli 4-2. In fuorigioco: 3-0. Recuperi: p.t. 1; s.t. 4.

le Pagelle
di M. C.

ECCO IL VERO DAGOSTINO MOSCARDELLI DA SALVARE


SIENA 8
BRKIC 6,5 Sull1 0 vola su Moscardelli deviando sul legno. VITIELLO 6,5 Tanta (buona) attenzione su Pellissier. ROSSETTINI 6 Un po basso sul gol, ma preciso per il resto. CONTINI 6,5 In avvio salva su Pellissier ed esce per infortunio. PESOLI 6,5 Blinda la difesa e innesca il 4 gol. DEL GROSSO 6 La rete di Moscardelli lunica macchia. MANNINI 6,5 Allarga e manda in tilt la difesa del Chievo. GAZZI 6,5 Il braccio armato. DAGOSTINO 7 La mente: e segna la sua prima rete (Bolzoni s.v.). BRIENZA 6,5 Partenza sprint che apre spazi a Destro, poi cala. IL MIGLIORE h 7,5 DESTRO Segna una gran doppietta e sa sacrificarsi (Larrondo s.v.) CALAI 7 La boa al 5 gol. All. SANNINO 8 Squadra gioiello.

Vucinic non basta al Lecce Ira Novara


LECCE NOVARA 1 1
concretizza il rigore, lo spettacolo sarebbe assicurato da una rete realizzata da Meggiorini, sull1-0, con una splendida bicicletta. Ma la prodezza dellattaccante, abituato a provare spesso la giocata in acrobazia, vanificata dallassistente Rubino, che segnala il fuorigioco di Meggiorini (sembrerebbe in linea con Carrozzieri) allarbitro Romeo, nel mirino del Novara anche per un tocco di mano di Tomovic in area di rigore. Tesser propone subito gioco. La sua pattuglia parte bene, ma infilzata con lunico tiro in porta degli avversari nel primo tempo. Strasser coinvolge in un fraseggio Bertolacci e Cuadrado, poi di testa sorprende Morganella e Fontana. E come un gancio, che non stordisce pi di tanto il Novara, bravo a reagire, anche dopo il giallo del gol di Meggiorini, e a sfruttare un erroraccio di Mesbah (gi reo del penalty su Denis, contro lAtalanta), che provoca il rigore per un fallo su Rigoni.
Inutile assalto Lecce Pur senza

le Pagelle
di G.C.

CORVIA SCIUPA DUE OCCASIONI FONTANA FA TRE MIRACOLI


LECCE 5,5.
BENASSI 6 Sicuro in uscita. ODDO 5,5 Subisce Meggiorini e anche Gemiti.

MIGLIORE h 6,5 ILchiusura. Manca Lo juventino, ex giallorosso, Perfetto inCARROZZIERI solo il gol (Esposito s.v.) in tribuna, ma finisce pari. TOMOVIC 5,5 Barcolla pi volte. Negato gran gol a Meggiorini MESBAH 4,5 Ingenuo. Provoca un altro rigore. CUADRADO 5,5 Solo lassist per Strasser. GIANDONATO 5 Lento e inefficace. PASQUATO 6 Almeno alza il ritmo. STRASSER 6,5 Bello il suo primo gol nel Lecce. OLIVERA 6 Sa legare centrocampo e attacco. BERTOLACCI 6 Pochi guizzi, pure la partecipazione al gol. CORVIA 5 Non sfrutta due palle gol. MURIEL 6,5 Accelera e d profondit. All. DI FRANCESCO 5,5 Perch insiste su Mesbah e Cuadrado e rinuncia a Muriel titolare?

4 1

mi 8 giorni si specchino in 0 punti con una sola rete allattivo in 450. Risultato? Il Siena si assesta alle soglie della zona Europa, mentre il Chievo in trasferta ha una media da retrocessione: un punto finora.
Che Destro Il match chiaro fin

DAL NOSTRO INVIATO

MASSIMO CECCHINI SIENA

Gli otto giorni che sconvolsero Siena finiscono in gloria, cio con un 4-1 al Chievo che fa cantare ai tifosi: Sannino, portaci in Europa. Un sogno frutto appunto di 7 punti negli ultimi 3 match, costruiti grazie alla 2 difesa pi forte del campionato (6 gol subiti) dopo quella dellUdinese. Non a caso la rete della bandiera di Moscardelli (si era gi sul 3-0 santificato dalla doppietta di Destro e dal gioiello su punizione di DAgostino) interrompe una striscia di 276 dinviolabilit interna. Insomma, il trampolino per lanciare la vena di Destro e di Calai, a cui il Chievo che lamenta le assenze Thereau e Rigoni - oppone una gara con 28 falli. Nessuna sorpresa, perci che i veronesi negli ulti-

dallavvio. La squadra di Sannino, con Mannini e Brienza, punta prende possesso delle fasce, lasciando una pletorica superiorit numerica in mediana ai veronesi, che per hanno un Cruzado spento e soprattutto una difesa non reattiva. Senza ringhi avversari, i ritmi lenti di DAgostino finiscono per sposarsi bene con la corsa di Gazzi e cos lattacco senese cresce in fretta. Gi al 25, infatti, i bianconeri vanno in vantaggio, con Destro che si libera con una finta, resiste al ritorno di Frey e segna con un gran destro sul palo lontano, stritolando Sannino in un abbraccio epico. La replica del Chievo (38) nella deviazione di Brkic sulla traversa su conclusione di Moscardelli: qui il match gira, perch i senesi si scatenano nella ripresa quando al 12 un lancio di DAgostino innesca Calai, il cui tiro al volo ribattuto da Sorrentino sui piedi dellaccorrente Destro: il raddoppio. Ci pensa poi lo stesso DAgostino, con una gran sinistro, a scavare il fossato definitivo (16) cos da non patire neppure la rete di Moscardelli, che accorcia le distanze (30). Ma chi si aspettasse lassalto del Chievo - pi offensivo con Sammarco e Paloschi - rimarrebbe deluso. La difesa altissima, infatti, consente a Calai lanciato da Pesoli di andare da solo e siglare il poker (49). Voltiamo pagina per ripartire subito, mormora Di Carlo. Guai a distrarsi, ammonisce Sannino. Ma il futuro per lui ha gli occhi dolci.
RIPRODUZIONE RISERVATA

CHIEVO 5
SORRENTINO 5,5 Innocente sui gol, ma incerto in uscita. FREY 5,5 Dal suo lato si passa. MANDELLI 4,5 Terzo a parte, c il suo zampino su tutti i gol. CESAR 4,5 Rischia anche il rosso per gomitata a Destro. JOKIC 5 Mannini lo fa ammattire. DRAM 5,5 Tenero sullultimo gol. VACEK 5 Finale in affanno. BRADLEY 5,5 Tiene le distanze per 45, poi la squadra annega. HETEMAJ 5 Falloso (vedi 3 gol) e sopraffatto da Gazzi. PALOSCHI 5 Entra per formare il tridente, ma non incide. CRUZADO 5 Non si vede. SAMMARCO 5 Entra per Cruzado senza fare niente di meglio.

GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 1-1 MARCATORI Strasser (L) al 31 e Rigoni (N) su rigore al 44 p.t. LECCE (4-4-1-1) Benassi; Oddo, Carrozzieri, Esposito (dal 15 p.t. Tomovic), Mesbah; Cuadrado, Giandonato (dal 29 s.t. Pasquato), Strasser, Olivera; Bertolacci; Corvia (dall11 s.t. Muriel). PANCHINA Gabrieli, Grossmuller, Giacomazzi, Piatti. ALLENATORE Di Francesco. NOVARA (4-3-1-2) Fontana; Morganella, Paci (dal 21 s.t. Dellafiore), Centurioni, Gemiti; Marianini, Porcari, Rigoni; Mazzarani (dal 35 s.t. Giorgi); Jeda, Meggiorini (dal 24 s.t. Radovanovic) PANCHINA Coser, Garcia, Morimoto, Granoche ALLENATORE Tesser. ARBITRO Romeo di Verona. AMMONITI Oddo (L), Marianini (N), Carrozzieri (L), Mesbah (L) e Giandonato (L) per gioco scorretto. NOTE Paganti 2.318, incasso di 29.196 euro; abbonati 3.905, quota di 41. 655,54 euro. Tiri in porta 8-2. Tiri fuori 6-5. In fuorigioco 1-5. Angoli 9-8. Recuperi: p.t. 2, s.t. 4.

NOVARA 6
MIGLIORE h 7,5 ILsu Corvia (2 volte) e FONTANA E decisivo Muriel. MORGANELLA 5 Sul gol, guarda Strasser. PACI 5,5 Talvolta balla anche lui. DELLAFIORE 5,5 E infilato in velocit da Muriel. CENTURIONI 6 Diverse chiusure tempestive. GEMITI 6,5 Passeggia su Cuadrado e va al cross. MARIANINI 6 Lavoro prezioso. PORCARI 6 Partecipa alla costruzione. RIGONI 7 Si procura e trasforma il rigore. E punge tra le linee. MAZZARANI 5,5 Non prende iniziative (Giorgi s.v.). JEDA 5,5 Mai incisivo. MEGGIORINI 6,5 Segna un gol spettacolare. RADOVANOVIC 5,5 Si limita a fare legna a met campo. All. TESSER 6 Squadra double face: prima ci prova, poi si rintana.

GIUSEPPE CALVI LECCE

6,5 MOSCARDELLI

IL MIGLIORE

Un gol e una traversa: il pi pericoloso. PELLISSIER 6 Suo lassist per il gol della bandiera. All. DI CARLO 5 Urge ritrovare lantica grinta.

TERNA ARBITRALE: BRIGHI 5,5 Non vede il rigore su Mannini e una gomitata di Cesar a Destro Romagnoli 5,5; Nicoletti 6

Pu recriminare il Novara. Deve piangere, eccome, il Lecce. Alla fine, si accontentano di un pareggino che porta respiro alla squadra di Tesser e vale il primo punto al Via del Mare per la formazione di Di Francesco. Per gli allenatori tempo di turn over. E nella pochezza di valori emersi, Centurioni e soci possono far brillare levento di due risultati utili consecutivi. I giallorossi, sino a ieri sconfitti nelle 4 gare interne, incartano l1-1 che mantiene in sella il tecnico abruzzese sino alla prossima partita di Cesena.
Insostenibile leggerezza Pi che

dalle emozioni dei gol di Strasser, con un deciso stacco di testa, e di Rigoni, che provoca e

spinta sulla destra - Oddo e soprattutto Cuadrado latitano - e incapace di accelerare per via centrale, la squadra salentina cambia marcia nella ripresa. Ma Di Francesco deve arrendersi allimpotenza in fase offensiva. Ci vorrebbe un Vucinic, ma Mirko in tribuna, spettatore tifoso del suo Lecce. Corvia non chiude due azioni pericolose, fermate da interventi decisivi del portiere Fontana, graziato da Carrozzieri in tuffo di testa. La squadra trova nuova forza con Muriel, un gattone che fa ballare il Novara, ormai costretto a cercare solo qualche ripartenza. Ma Fontana graziato da Carrozzieri, in tuffo di testa, si esalta sul destro di Muriel e trema sullincornata di Olivera nel recupero.
RIPRODUZIONE RISERVATA

TERNA ARBITRALE: ROMEO 6 Forse sbaglia a fidarsi di Rubino sulla sforbiciata di Meggiorini Rubino 5,5-Giachero 6

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

27

Serie A / 10 GIORNATA
RISULTATI
BOLOGNA-ATALANTA 3-1 Denis (A), Di Vaio (B) rigore, Ramirez (B), Loria (B) CAGLIARI-LAZIO 0-3 Lulic (L), Klose (L), Rocchi (L) CATANIA-NAPOLI 2-1 Cavani (N), Marchese (C), Bergessio (C) FIORENTINA-GENOA 1-0 Lazzari (F) INTER-JUVENTUS 1-2 Vucinic (J), Maicon (I), Marchisio (J) LECCE-NOVARA 1-1 Strasser (L), Rigoni (N) rigore PARMA-CESENA 2-0 Paletta (P), A. Lucarelli (P) ROMA-MILAN 2-3 Ibrahimovic (M), Burdisso (R), Nesta (M), Ibrahimovic (M), Bojan (R) SIENA-CHIEVO 4-1 Destro (S), Destro (S), D'Agostino (S), Moscardelli (C), Calai (S) UDINESE-PALERMO 1-0 Di Natale (U)

CLASSIFICA
PARTITE SQUADRE JUVENTUS UDINESE LAZIO MILAN NAPOLI CATANIA SIENA PALERMO CAGLIARI FIORENTINA GENOA PARMA ROMA BOLOGNA ATALANTA * CHIEVO INTER NOVARA LECCE CESENA PUNTI 19 18 18 17 14 14 13 13 13 12 12 12 11 10 9 9 8 7 5 3 G. 5 4 4 5 4 5 4 4 5 5 4 5 5 4 4 5 4 4 5 5 IN CASA V. N. 3 2 4 0 1 2 3 2 2 1 3 2 3 0 4 0 1 3 3 1 2 2 3 0 2 1 1 0 2 2 2 2 1 1 1 2 0 1 0 3 FUORI P. G. V. N. 0 4 2 2 0 5 1 3 1 5 4 1 0 4 2 0 1 5 2 1 0 4 0 3 1 5 0 4 0 5 0 1 1 4 2 1 1 4 0 2 0 5 1 1 2 4 1 0 2 4 1 1 3 5 2 1 0 5 2 1 1 4 0 1 2 5 1 1 1 5 0 2 4 4 1 1 2 4 0 0 P. 0 1 0 2 2 1 1 4 1 2 3 3 2 2 2 3 3 3 2 4 G. 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 TOTALE V. N. 5 4 5 3 5 3 5 2 4 2 3 5 3 4 4 1 3 4 3 3 3 3 4 0 3 2 3 1 4 3 2 3 2 2 1 4 1 2 0 3 P. 0 1 1 2 3 1 2 4 2 3 3 5 4 5 2 4 5 4 6 6 IN CASA F. S. 11 5 8 0 4 4 11 4 6 3 6 3 9 2 11 5 2 4 9 4 7 3 8 5 8 7 4 8 4 2 5 4 2 5 7 7 5 11 3 6 RETI FUORI F. S. 4 2 3 3 11 4 8 10 7 4 6 9 2 4 0 6 7 5 1 4 6 9 4 12 3 4 4 5 8 10 2 7 9 11 5 10 2 5 0 6 TOTALE F. S. 15 7 11 3 15 8 19 14 13 7 12 12 11 6 11 11 9 9 10 8 13 12 12 17 11 11 8 13 12 12 7 11 11 16 12 17 7 16 3 12 RIGORI PUNTI POSIZIONE ULTIME DIFF. FAVORE CONTRO 2010-2011 STAGIONE QUATTRO E DIFF. 2010-2011 GARE RETI T. R. T. R. +8 0 0 1 1 15 (+4) 4 NNVV +8 2 2 0 0 13 (+5) 8 NVPV +7 2 2 0 0 22 (-4) 1 VVNV +5 0 0 1 1 17 (=) 3 VVVV +6 1 0 0 0 15 (-1) 4 PNVP 0 2 2 1 1 10 (+4) 13 VNNV +5 0 0 1 1 in B in B NVNV 0 2 2 1 1 11(+2) 10 PPVP 0 1 1 1 1 10 (+3) 13 NNNP +2 0 0 1 1 9 (+3) 15 NNPV +1 1 1 2 1 11 (+1) 10 NNVP -5 3 2 1 1 8 (+4) 17 VPPV 0 0 0 1 1 12 (-1) 9 PVPP -5 2 2 2 2 8 (+2) 17 VPVV 0 2 1 1 1 in B in B NVNP -4 1 0 1 0 14 (-5) 6 NPPP -5 2 2 5 3 18 (-10) 2 PVNP -5 3 3 0 0 in B in B PPNN -9 1 1 3 3 11 (-6) 10 NPPN -9 2 1 4 3 8 (-5) 17 NPNP

MARCATORI
7 RETI: Di Natale (2) (Udinese) 6 RETI: Denis (1) (nella foto, Atalanta); Klose (Lazio); Giovinco (2) (Parma) 5 RETI: Jovetic (Fiorentina); Palacio (1) (Genoa); Calai (Siena) 4 RETI: Moralez (Atalanta); Marchisio e Matri (Juventus); Ibrahimovic e Nocerino (Milan); Cavani (Napoli); Rigoni (3) (Novara); Osvaldo (Roma) 3 RETI: Bergessio (Catania); Moscardelli (Chievo); Cerci (Fiorentina); Milito (2) (Inter); Hernanes (2) (Lazio); Boateng (Molan); Hernandez (1) e Miccoli (Palermo); Destro (Siena) 2 RETI: Acquafresca e Ramirez (Bologna); Conti (Cagliari); Pellissier (Chievo); Lodi (1) e Maxi Lopez (1) (Catania); Kukca (Genoa); Cambiasso (Inter); Vucinic (Juventus); Lulic (Lazio); Giacomazzi e Grossmuller (Lecce); Cassano (Milan); Campagnaro, Hamsik, Lavezzi e Maggio (Napoli); Morimoto (Novara); Pinilla (1) (Palermo); Bojan (Roma) 1 RETE: Cigarini e Schelotto (Atalanta); Diamanti (1), Di Vaio (1), Loria e Portanova (Bologna); Biondini, El Kabir, Larrivey, Nainggolan, Nen (1) e Thiago Ribeiro (Cagliari); Almiron, Delvecchio, Gomez, Legrottaglie e Marchese (Catania); Candreva (1), Guana e Mutu (Cesena); Paloschi e Thereau (Chievo); Gilardino e Lazzari (Fiorentina); Caracciolo, Constant, Jankovic, Mesto, Rossi e Veloso (Genoa); Forlan, Lucio, Maicon, Pazzini, Sneijder e Thiago Motta (Inter); Bonucci, Krasic, Lichsteiner, Pepe e Vidal (Juventus); Cisse, Rocchi e Sculli (Lazio); Oddo (1), Mesbah e Strasser (Lecce); Aquilani, El Shaarawy, Nesta, Robinho, Seedorf e Yepes (Milan); Mascara (Napoli); Gemiti, Jeda, Marianini, Meggiorini, Paci e Porcari (Novara); Bertolo, Migliaccio e Zahavi (Palermo); Gobbi, A. Lucarelli, Modesto, Morrone, Paletta e Valdes (Parma); Borini, Burdisso, De Rossi, Fabio Simplicio e Lamela (Roma); D'Agostino, Gonzalez e Vitiello (Siena); Basta, Benatia, Domizzi e Isla (Udinese) 1 AUTORETE: Brivio (Lecce) pro Cagliari; Acquafresca (Bologna) pro Lazio RETI: in questo turno 29 (2 rigori); in totale 222 (22 rigori, 2 autoreti)

PROSSIMO TURNO
sabato 5 novembre PALERMO-BOLOGNA NOVARA-ROMA domenica 6 novembre, ore 15 GENOA-INTER ATALANTA-CAGLIARI CESENA-LECCE CHIEVO-FIORENTINA LAZIO-PARMA MILAN-CATANIA UDINESE-SIENA NAPOLI-JUVENTUS (ore 18) (ore 20.45) (ore 12.30)

La classifica tiene conto di quest'ordine preferenziale: 1) punti 2) numero di partite disputate 3) differenza reti 4) numero di gol segnati 5) ordine alfabetico. Le ultime tre retrocedono in serie B. *sei punti di penalizzazione U CHAMPIONS U PRELIMINARI DI CHAMPIONS U EUROPA LEAGUE U RETROCESSIONE

laMoviola
di FRANCESCO CENITI fceniti@gazzetta.it

(ore 20.45)

CONCORSI
CONCORSI N. 88 DEL 30/10/2011 TOTOCALCIO - COLONNA VINCENTE 1-1-X-1-1-2-1-1-1-X-1-2-2-2 QUOTE: Ai 14 nessun vincitore; ai 13 (10) 9.928 euro; ai 12 (155) 640 euro; ai 9 (123) 858 euro TOTOGOL - COLONNA VINCENTE 9-1-11-12-14-7-13 QUOTE: Ai 7 e 6 nessun vincitore; ai 5 (3) 1.010 euro; ai 4 (41) 88 euro

Novara penalizzato: rigore e rete non dati Firenze, gol fantasma Prova tv per Cesar?
Le partite pi attese erano quelle del sabato (ok Damato e Celi, tradito da un rigore non dato Rizzoli), ma ieri la giornata ha riservato parecchie insidie agli arbitri: ci sono alcuni errori, ma quasi sempre si tratta di decisioni al limite difficili da vedere senza moviola (il gol fantasma di Firenze, la rete annullata a Meggiorini, il rigore del Parma). Meno giustificabile la svista di Romeo sul mano di Tomovic, mentre possibile prova tv per Cesar (Chievo). Comunque, il designatore Braschi alla fine pu essere soddisfatto: giornata sufficiente. BOLOGNA-ATALANTA 3-1 Bergonzi di Genova Incomprensibili le proteste dellAtalanta sul rigore assegnato al Bologna: netto lo sgambetto di Capelli su Ramirez. Certo, subito dopo Di Vaio calcia fuori, ma non essendosi concretizzato il vantaggio larbitro deve fischiare il fallo precedente. Unico neo di Bergonzi: ci poteva stare il secondo giallo a Portanova per una evidente trattenuta su Padoin. FIORENTINA-GENOA 1-0 Peruzzo di Schio Gol fantasma a Firenze: nella ripresa Gamberini calcia da pochi passi a colpo sicuro, la palla colpisce la traversa e sembra gi dentro quando Frey la respinge. Nel finale Cassani in area tocca il pallone con il gomito, ma attaccato al corpo: ok considerarlo involontario. LECCE-NOVARA 1-1 Romeo di Verona Molto lavoro per Romeo che vede bene sul contatto Cuadrado-Morganella: non da rigore. Qualche dubbio, invece, sullintervento di Porcari sullo stesso Cuadrado. Il Novare reclama a ragione per un intervento di Tomovic che in area con il pugno toglie la palla

Meggiorini in posizione regolare: era valido il successivo gol SKY


a un avversario: penalty non visto. Errore dellassistente Rubino al 39 quando fa annullare un gol bellissimo di Meggiorini (rovesciata sotto la traversa) per un fuorigioco che non c (Carrozzieri in linea con lavversario). Netto, subito dopo, il rigore assegnato al Novara: Mesbah affossa Rigoni. PARMA-CESENA 2-0 Guida di Torre Annunziata Restano dei dubbi sul rigore assegnato al Parma: la trattenuta di Rodriguez su Giovinco inizia di sicuro fuori area, forse lultima spinta arriva quando il fantasista degli emiliani ha un piede sulla linea. Per il resto c un contatto sospetto tra Paletta ed Eder: le proteste del brasiliano gli costano un giallo. SIENA-CHIEVO 4-1 Brighi di Cesena Ancora qualche problema per Brighi, reduce da un inizio di campionato sotto tono. Al 40 manca un possibile rigore al Siena per il contatto tra Jokic e Mannini. In avvio di ripresa gomitata di Cesar in faccia a Destro non vista dalla quaterna arbitrale: potrebbe scattare la prova televisiva. UDINESE-PALERMO 1-0 Giannoccaro di Lecce Tanti casi anche per Giannoccaro. Dopo soli 8 minuti c un contatto in area tra Domizzi e Pisano (finito a terra). Il Palermo reclama la posizione irregolare di Di Natale nellazione decisiva: ma ha ragione lassistente perch non c fuorigioco (Pisano il colpevole tra i rosanero). Nella ripresa si lamenta Floro Flores per una trattenuta di Balzaretti che per non giustifica il rigore: giusto far proseguire. Molto pi sospetto lintervento di Danilo su Ilicic: si poteva dare il rigore. Cera fuorigioco di Abdi nel finale: non segnalato, ma il giocatore dellUdinese spreca il 2-0. (Cagliari-Lazio a pagina 19)

Gazzetta.it
ALLE 10.30 IN DIRETTA SI DISCUTE DEL CROLLO DELLINTER
Inter in zona retrocessione, c da preoccuparsi davvero? I campioni del triplete dove sono finiti? E una squadra bollita e mediocre o solo un brutto momento? A rispondere a questi quesiti nella puntata odierna di Gazza Offside (in diretta dalle 10.30 e poi sempre on demand) Alberto Cerruti con Diego Antonelli. Ospite in studio Sebastiano Vernazza

222 1

le reti realizzate finora in serie A, 130 in casa e 92 fuori; rispetto alla scorsa stagione c un incremento di 20 reti

pareggio in questo turno, eguagliato il minimo stagionale ottenuto nella 3a giornata; 27 in totale, come lanno scorso

28

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

MONDO
FILIPPO MARIA RICCI PAMPLONA (Spa)

OSASUNA LEVANTE

2 0

stato bello, molto molto bello, finch durato. Il Levante ha perso 2-0 a Pamplona con lOsasuna e ha detto addio allinattesa leadership conquistata due giornate prima. Ora terzo, a -2 dal Real Madrid e -1 dal Barcellona ma sempre con 2 punti di vantaggio sul Valencia, la squadra che in citt si prende tutti gli onori e quasi tutti i tifosi. E che sabato attesa al Ciutat de Valencia per un derby mai cos interessante. Sono orgoglioso dei miei ragazzi, ha detto Jim, iniziali e soprannome di Juan Ignacio Martinez, ex rappresentante e venditore di enciclopedie, allenatore del Levante al debutto in Liga. Frase banale ma sincera.
Impensabile Perch la seconda squadra di Valencia si era presentata al Reyno de Navarra imbattuta e con una serie incredibile di 7 vittorie consecutive. Impensabile a inizio stagione, inimmaginabile guardando la rosa e pensando che la scorsa stagione il Levante arriv a 23 punti il 12 febbraio. Pi vinci e pi sei vicino alla sconfitta, aveva preconizzato Mendilibar, allenatore dellOsasuna. Ha avuto ragione lui, prima di esagerare con gli elogi: N il Madrid n il Bara giocano come il Levante. Fiacco Che ieri ha perso grinta, lucidit e killer instinct. Due fattori rilevanti: l'ambiente sempre complicato dello stadio di Pamplona e il cambio dei due terzini. Fuori Javi Venta e Juanfran, dentro Pedro Lopez e Del Horno. Smontata lormai mitica difesa dei 170 anni (portiere compreso) e in 4, a fine primo tempo, il Levante ha incassato quasi la met dei gol (2) presi nelle prime 9 partite (5). Autori Cejudo, con tocco di un difensore, e Nino, pi reattivo degli avversari. La partita non si riaperta nemmeno con l'espulsione di Cejudo. Il Levante era fiacco, la sua fiamma spenta. Parte delle energie bruciate al fal

GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 2-0 MARCATORI Cejudo al 40', Nino al 44' p.t. OSASUNA (4-2-3-1) A. Fernndez 7; Bertrn s.v. (dal 13 p.t. Dami 6.5), Sergio 6 (dal 34 p.t. Flao 6), Lolo 6.5, Raitala 6.5; Pual 6.5, Nekounam 6.5; Cejudo 7, Ral Garca 7 (dal 33' s.t. Ruben 6), Ibra 6.5; Nino 6.5. PANCHINA Riesgo, Calleja, Kike Sola, Timor. ALL. Mendilibar 7. LEVANTE (4-2-3-1) Muna 6; Pedro Lpez 5, Ballesteros 6, Nano 6 (dal 20 s.t. Aranda 5.5), Del Horno 5; Xavi Torres 6, Iborra 6 (dal 9' s.t. Farinos 6); Valdo 5.5, Barkero 5.5, Juanlu 5.5 (dal 16' s.t. Ruben Suarez 6); Kon 6.5. PANCHINA Keylor Navas, Hector Rodas, Cabral, Pallard. ALL. Martinez 6. ARBITRO Iturralde Gonzalez 6.5 ESPULSI Cejudo (O) al 14 s.t. per doppia ammonizione. AMMONITI Cejudo (O), Iborra (L), Raul Garcia (O), Del Horno (L), Valdo (L). NOTE Spettatori 15.399. Tiri in porta 5-1. Tiri fuori 5-6. Angoli 4-4, Fuorigioco 1-1. Recuperi: 1' p.t.; 5' s.t.

LIGA 11a giornata

BRASILE

Sergio Ballesteros, 36 anni, visibilmente deluso dopo il raddoppio dellOsasuna AP

SABATO Valencia-Getafe 3-1, VillarrealRayo Vallecano 2-0, BarcellonaMaiorca 5-0, Real SociedadReal Madrid 0-1 IERI Sporting GijonA. Bilbao 1-1, OsasunaLevante 2-0, Racing-Betis 1-0, A. MadridSaragozza 3-1, MalagaEspanyol nella notte OGGI Siviglia-Granada CLASSIFICA Real Madrid 25; Barcellona 24; Levante 23; Valencia 21; Siviglia 17; Espanyol 15; Osasuna 14; A. Madrid, Malaga, A. Bilbao 13; Rayo Vallecano, Betis 12; Villarreal 10; Saragozza, Maiorca 9; Real Sociedad, Racing, Sporting Gijon 8; Getafe 7; Granada 5

Al Gremio monetine contro Dinho


P. ALEGRE Il Grmio si vendica del traditore Ronaldinho con una rimonta straordinaria: sotto per 0 2 contro il Flamengo, risale e vince per 4 2 grazie trascinato da un ottimo Andre Lima (doppietta). Ma gi prima della partita la tifoseria locale ha mostrato tutta la sua rabbia contro Dinho, lanciando delle monete sul bus del Flamengo allarrivo allo stadio. Tra i cori che gli danno del mercenario. Dinho esce sorridente dal pullman, ascoltando musica. La polizia aveva vietato gli striscioni, ma sono entrati lo stesso. Il motivo dellastio risale a gennaio, quando pass dal Milan al Flamengo dopo aver dichiarato amore al Grmio. In campo Ronaldinho parso motivato dai fischi che lo sommergevano a ogni tocco di palla. Dopo 3 batte una punizione che solo un paratone del portiere Victor devia sulla traversa. Lex milanista offre buoni palloni ai compagni, ha unaltra buona occasione in contropiede ma Gilberto Silva, suo compagno al Mondiale 2002, lo chiude prontamente. Il Flamengo poi segna con Deivid e Thiago Neves, prima della rimonta travolgente del Gremio. Ronaldinho viene anche ammonito per proteste, sul 3 2 per i padroni di casa. Sabato intanto Neymar ha segnato tutti e quattro i gol del suo Santos contro lAtltico Paranaense. Il nuovo fenomeno del calcio brasiliano arriva cos a 96 reti in carriera, sommando quelle messe a segno tra club e nazionali. Il Corinthians intanto ha vinto 2 1 contro lAva e raggiunge il Vasco da Gama in testa alla classifica.
Mauricio Cannone

Game over Levante Ora comanda Mou


La sorpresa di Spagna perde con lOsasuna ed terza Il Real resta solo davanti a tutti, quasi un anno dopo
delle vanit: in settimana la noNino, 31 anni, dellOsasuna AFP tizia principale alla ciudad deportiva era stata la presenza del cronista del New York Times, venuto a raccontare il miracolo dei vecchietti terribili descrivendo il Levante come un Davide in lotta contro due Golia, Bara e Real.
Super ottobre Madrid che da

ieri in testa da solo, cosa che non succedeva dal 20 novembre scorso, la giornata che precedette la manita del Camp Nou. Ma stavolta allo scontro col Bara mancano 5 partite. Il Real Mou ha chiuso un gran mese di otto-

bre con 6 vittorie su 6 e un parziale di 20 gol a 1. Del resto sono 7 anni che Jos non perde nel suo mese talismano. Per il Levante comincia un altro campionato, degno della sua storia un po surreale: questo il club che ha rischiato il fallimento per portare Cruijff in Serie B, nel 1981, finendo col dargli un quarto di ci che gli spettava. la squadra fondata nel 1909 da un ragazzo di 16 anni Jos Ballester, gran personaggio morto in esilio a Parigi dovera Ministro degli Esteri della Repubblica che si opponeva al regime franchista. Regime che nel 1939 costrinse il Llevant a

fondersi col Gimnastic, squadra di Giovent Operaia, formazione gesuita nata per cercare di tener lontani i giovani dalla sinistra. Fusione contrastata, ovviamente. Anche perch il regime nel 1937 aveva negato al Levante il suo unico titolo: al Sarri di Barcellona il Llevant aveva battuto il Valencia nella finale della Coppa della Spagna Libera, corrispettivo dell'attuale Copa del Rey invalidata dal franchismo. Sabato prossimo, 74 anni dopo, la sfida si ripeter. In palio non ci sono coppe, ma l'onore cittadino s.
RIPRODUZIONE RISERVATA

INGHILTERRA

Taccuino
primo papabile fotografato con la maglia a cinque cerchi. Ma si gioca anche il suo futuro: uno cos torna di prepotenza tra gli obiettivi di Real Madrid, Inter, Milan e Barcellona.
Parker Il Tottenham non sta-

Redknapp cala lasso Bale Il Tottenham insidia le big


Il gallese in gran forma: doppietta e QPR al tappeto Stasera tocca al Newcastle
STEFANO BOLDRINI LONDRA (Inghilterra)

FRANCIA

PSG primo, Tolosa ok col Rennes


12a GIORNATA Ieri Nizza Sochaux 1 1, Tolo sa Rennes 1 0, Valenciennes Lilla 0 0. CLASSIFICA PSG 29; Montpellier 26; Lione, Lilla 23; Tolosa 22; Ren nes 21; Lorient 17; St. Etienne 16; Marsiglia, Caen 15; Sochaux 14; Brest, Auxerre, Evian, Bordeaux 12; Niz za, Digione 11; Valenciennes 10; Nancy 8; Ajaccio 7.

Fedele ad uno dei significati del suo cognome (calamit), Gareth Bale ha demolito il QPR nellennesimo derby londinese, trascinando il Tottenham al terzo posto in classifica, in attesa della gara di stasera del Newcastle: doppietta del gallese, quinta rete di fila di Van der Vaart, 3-1 e tutti a casa. Gli Spurs sono la squadra pi in forma della Premier League dopo il Manchester City: non un caso che lultima sconfitta risalga proprio alla sfida tra le due formazioni, il 28 agosto, quando i manciniani trionfarono per 5-1. Da quella domenica, il Tottenham non ha pi perso un colpo: otto vittorie e due pareggi tra Premier ed Europa Le-

ague, con la lieve amarezza di essere eliminati ai rigori dallo Stoke City in Carling Cup. Il recupero del primo turno con l'Everton, saltato per i disordini che sconvolsero Londra, potrebbe portare il Tottenham al terzo posto solitario, dietro la schiena del Manchester United. L'allenatore Redknapp, candidato numero uno alla successione di Fabio Capello alla guida dell'Inghilterra, gode: si sta giocando la panchina della carriera.
Furia Bale stato una furia. La

miglior prestazione dellanno. A fine ottobre, ha gi firmato 4 gol: alla doppietta di ieri, bisogna aggiungere le reti al Wigan in Premier e agli Hearts nei preliminari di Europa League. Ha superato i guai fisici ed tornato quello che in Italia avevamo scoperto in Champions League contro l'Inter: l'esterno sinistro pi veloce al mondo e, forse, il migliore in assoluto. Anche Bale si sta giocando molto. Ha gi messo le mani avanti con la federazione gallese, contraria alla fornitura di uomini alla nazionale che rappresenter la Gran Bretagna a Londra 2012: stato il

to solo Bale: Van der Vaart a parte, ennesimo partitone di Parker, centrocampista che sta ravvivando l'epopea dei grandi mediani inglesi. E' stato straordinario le parole di Redknapp . Recupera i palloni, corre come un maratoneta, un ragazzo fantastico. Stasera, si chiude il cerchio della decima giornata: il Newcastle cerca punti sul campo dello Stoke City per salire ancora e lasciarsi alle spalle il Chelsea, franato negli ultimi due derby. Villas Boas ha per ha evitato i primi processi: nella bufera resta John Terry, per i presunti insulti razzisti ad Anton Ferdinand. Il tema dell'intolleranza sta scuotendo il calcio inglese.
10a GIORNATA
Ieri Tottenham-QPR 3-1. Oggi Stoke City-Newcastle. CLASSIFICA Manchester City 28; Manchester United 23; Chelsea, Newcastle*, Tottenham* 19; Liverpool 18; Arsenal 16; Norwich 13; Aston Villa, Swansea, Stoke City*, QPR 12; West Bromwich 11; Sunderland, Fulham, Everton* 10; Wolverhampton 8; Blackburn, Bolton 6; Wigan 5. * una gara in meno.

GERMANIA

Gran Colonia. Punticino Amburgo


11a GIORNATA Ieri Colonia Augsburg 3 0, Am burgo Kaiserslautern 1 1. CLASSIFICA Bayern 25; Schalke 04 21; Borussia D., Werder Brema, Borussia M. 20; Stoccarda, Hannover 18; Bayer Leverkusen 17; Hoffenheim, Hertha, Colonia 16; Wolfsburg 13; Kaiser slautern, Norimberga 12; Mainz, Amburgo 9; Augsburg 8; Friburgo 7.

OLANDA

Fuga AZ. Feyenoord, che mazzata


(m.v.) 11a GIORNATA Ieri De Graafschap Vites se 0 1, Groningen Feyenoord 6 0, NEC Utrecht 3 1, Heracles AZ Alkmaar 0 1. CLASSIFICA AZ Alkmaar 28; Psv, Twente 22; Vitesse 21; Ajax 20; Feyenoord 18; Heerenveen, Groningen 17; Heracles 16; NAC, Den Haag, Waalwijk 13; Utrecht, Roda 12; NEC 10; De Graaf schap 9; Venlo 6; Excelsior 5.

EMIRATI ARABI

Maradona, compleanno in vetta


Ieri Diego Armando Maradona ha compiuto 51 anni, e lo ha fatto da primo in campionato: dopo 3 gior nate alla guida dellAl Wasl, in testa alla classifica, seppur insieme ad altre 3 squadre. Ma mercoled po trebbe esserci lallungo: si gioca contro una delle altre capoliste, lAl Jazira.

Gareth Bale, 22 anni, esterno sinistro del Tottenham, festeggia dopo il primo gol al QPR AFP

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

29

SERIE BWIN LA GRANDE IN CRISI

Samp: Atzori resta Ma laria pesante


Botte a Laczko e Rispoli nella contestazione di sabato Decisiva per il tecnico la gara di domani col Crotone
FILIPPO GRIMALDI GENOVA

TORINO

GROSSETO QUINTO CAMBIO DI PANCHINA

Distorsione per Surraco: torna nel 2012


TORINO Senza ali di ruolo, essenziali per il gioco di Ventura. Sembra destino in questa stagione: Guberti rester fuori a lungo per la distorsione al ginocchio sinistro con rottura del legamento, Surraco nella gara con lEmpoli uscito per infortunio e potrebbe essere indisponibile fino al nuovo anno. La prima diagnosi del dottor Albertini parla di distorsione del ginocchio destro con interessamento del comparto anteriore dei legamenti. Oggi per il centrocampista previsti nuovi accertamenti. Ieri seduta leggera, oggi rifinitura alla Sisport prima della partenza per Reggio Calabria. Possibile turnover in attacco: dovrebbe riposare Bianchi, spazio alla coppia Antenucci Sgrigna.

Salta Ugolotti Ecco Giannini


Camilli: Non ho speso tanto soltanto per la salvezza
MAURIZIO CALDARELLI GROSSETO

Fiducia a tecnico e squadra, condizionata a un immediato cambio di marcia in termini di risultati e prestazioni: non ha usato mezzi termini la Sampdoria, nel secondo comunicato ufficiale della giornata, diffuso ieri pomeriggio. Tutti sotto esame, da Atzori all'ultimo dei ventinove giocatori in rosa, domani al Ferraris contro un Crotone lanciatissimo. Altrimenti, il primo a pagare sar il tecnico: Donadoni e Iachini i favoriti alla successione.
No alla violenza Dopo lunghe consultazioni interne, nonostante la disfatta in casa della Nocerina (la peggior prestazione dei blucerchiati negli ultimi ventanni), dirigenza e propriet hanno deciso dunque di offrire ancora una possibilit al tecnico, la cui gestione del gruppo negli ultimi tempi (insieme ad alcune scelte di formazione) non ha comunque convinto. Premesso ci, la Sampdoria si comunque schierata al fianco della squadra, condannando laggressione di sabato allarrivo dei giocatori all'aeroporto Cristoforo Colombo: Comprendiamo la frustrazione dei

La clamorosa ipotesi di sabato diventata realt. Salta a Grosseto la panchina di Guido Ugolotti, arriva Giuseppe Giannini (nella foto Fotoagenzia), tra laltro suo compagno ai tempi della Roma. Quello del presidente Camilli stato un blitz in piena regola: ha contattato il Principe sabato sera, dopo la sconfitta sul campo del Sassuolo, e ieri a mezzogiorno gli ha affidato la squadra, ottava in classifica a un solo punto dalla zona playoff.
La scelta I rapporti tra Camilli e Ugolotti si era-

nostri tifosi si legge in una nota , ma chiediamo di manifestare il proprio dissenso senza che trascenda in atti violenti.
Squadra sotto choc La contestazione, ieri ricostruita nei particolari, stato infatti particolarmente violenta. All'arrivo del charter da Napoli, Dessena, Rispoli, Laczko e Palombo si sono diretti per primi verso il pullman in attesa allesterno dello scalo: lagguato ultr ha cos avuto loro come prime vittime, strattonati dai tifosi, con Rispoli colpito duramente al volto con un pugno (spaccato un dente) e Laczko malmenato. A quel punto il resto della squadra ha fatto un rapido dietrofront allinterno della zona arrivi, pri-

Il pullman della Sampdoria fuori dallaeroporto di Genova accerchiato dai contestatori nella notte di sabato
PEGASO

ma che giungessero i rinforzi ai pochi agenti presenti per disperdere i contestatori. Ieri la squadra non si allenata per evitare ulteriori contestazioni, ma il clima resta tesissimo. Le forze dellordine stanno visionando le immagini a circuito chiuso dellaeroporto, per individuare gli ultr colpevoli, che potrebbero essere denunciati e sottoposti a Daspo anche in assenza di querela di parte.
Ferraris elettrico Oggi prevista

una rifinitura blindatissima, mentre domani verranno rinforzati i controlli allo stadio. Diciassettemila abbonati e la promessa di puntare subito al ritorno in A: serve cambiare rotta, e in fretta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LA SITUAZIONE La classifica dopo 12 giornate: Torino p. 29; Pescara 25; Sassuolo 24; Reggina e Padova 23; Sampdoria e Varese 18; Grosseto e Bari 17; Livorno, Verona e Brescia 16; Crotone ( 1) 15; Cittadella 14; Nocerina e Modena 13; Gubbio 11; Juve Stabia ( 6), Vicenza e AlbinoLeffe 10; Empoli 8; Ascoli ( 7) 1. Ecco le partite di domani (ore 15): Padova Livorno (12.30), AlbinoLeffe Ascoli, Empoli Nocerina, Grosseto Bari, Gubbio Cittadella, Juve Stabia Vicenza, Modena Sassuolo, Pescara Varese, Samp Crotone, Verona Brescia e Reggina Torino (ore 18).

no incrinati da qualche settimana. Il presidente aveva tuonato: Non ho speso un milione per riscattare Crimi e Sforzini, per poi accontentarmi solo della salvezza. La vittoria con il Brescia aveva calmato le acque, ma la prova di Modena lha convinto. Non ero contento spiega Camilli di come giocava la squadra, con 0 punti, 0 gol e 0 tiri nelle ultime tre trasferte. Ho scelto Giannini perch uno che fa giocare la squadra. Il nuovo tecnico dice: Per me un'occasione importante. Ho visto il Grosseto un paio di volte e mi sembra una buona squadra. Ma da oggi preferisco parlare con i fatti.
Gli altri Quello del Grosseto

il quinto cambio in B. Prima di Ugolotti erano saltati Carbone (Varese, per Maran), Aglietti (Empoli, per Pillon), Baldini (Vicenza, per Cagni) e Pecchia (Gubbio, per Simoni).
RIPRODUZIONE RISERVATA

30

"Gli Indistruttibili Tutto il meglio del grande cinema dazione". Opera di 40 uscite, ogni DVD a 9,99 + il prezzo del quotidiano. Per info visitare il sito www.gazzettastore.it o contattare linea.aperta@rcs.it.

LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNED 31 OTTOBRE 2011

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

31

PRIMA DIVISIONE GIRONE A 10a GIORNATA


lAnalisi
di NICOLA BINDA
nbinda@gazzetta.it

Ma qui impossibile scommettere

Cinquanta gol per un torneo vivace e sorprendente, in attesa dun posticipo di lusso dopo una domenica che non ha proprio annoiato. C un fatto che accomuna i due gironi: le prime steccano e le ultime vincono. Se per nel girone A le distanze restano normali, incredibile la concentrazione del girone B: solo 12 punti dividono le prime e lultima. Dopo 10 giornate, davvero poco.

Riguardo le due capolista, va detto che contro di loro hanno giocato i cambi di allenatore: il Pavia di Pergolizzi e la Triestina di Galderisi hanno dato la solita reazione dorgoglio che segue la svolta in panchina. Ma se almeno la Ternana ha pareggiato (al 92), il Pergocrema ha infilato la terza sconfitta di fila ed stato agganciato da un Frosinone che non ha un

passo irresistibile, ma di sicuro regolare e non poco. Molto pi emozionanti le vittorie di squadra di seconda fascia, ma oggi in grande spolvero: Tritium, Lumezzane, Siracusa, Carrarese e Portogruaro su tutte. Anche questa una costante nei due gironi, nei quali tutti possono battere tutti. Tanti risultati a sorpresa, con squadre che oggi sembra morte e domani

firmano unimpresa. Insomma, la situazione peggiore per chi ama fare le scommesse: siccome questo campionato accompagnato da sospetti pi o meno latenti, e siccome dopo lestate non crediamo che tutta la pulizia necessaria sia stata fatta, bello pensare che quello che succede sui campi favorisca le giocate lecite e smonti le cattive intenzioni. Illusione?

girone A
CLASSIFICA
SQUADRE PT G 10 9 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 9 10 10 TERNANA 23 TARANTO (-1) 19 SORRENTO (-2) 19 LUMEZZANE 17 CARPI 16 COMO (-1) 16 TRITIUM 15 PRO VERCELLI 14 PISA 13 FOGGIA (-1) 11 AVELLINO 11 REGGIANA (-2) 10 MONZA 10 SPAL (-2) 9 PAVIA 8 BENEVENTO (-6) 6 VIAREGGIO (-1) 4 FOLIGNO (-3) 1 PARTITE V N P 7 2 1 6 2 1 6 3 1 5 2 3 5 1 4 5 2 3 4 3 3 3 5 2 3 4 3 2 6 2 3 2 5 3 3 4 2 4 4 3 2 5 1 5 4 3 3 3 1 2 7 1 1 8 RETI F S 14 7 12 3 14 7 9 11 16 8 14 12 12 12 9 6 9 7 7 8 9 15 14 16 11 14 10 10 12 17 12 12 5 14 7 17

Ternana stop Il gol del Pavia arriva al 92


La capolista si fa riprendere due volte Ottimo debutto per il tecnico Pergolizzi
DAL NOSTRO INVIATO

TERNANA PAVIA

2 2

GAETANO IMPARATO TERNI

E il pareggio che non taspetti, spezza la catena dei grandi numeri. Un classico: il Pavia, reduce da tre sconfitte in fila, blocca la Ternana avviata alla sesta vittoria consecutiva. Ci riesce agguantando il risultato nei minuti di recupero. Punizione contestata dai ternani: batte Falco e Marchi - in campo da meno di dieci minuti - colpisce di testa, svettando in unarea affollatissima e mandando il pallone in rete. S, pareggio giusto, perch linzuccata di Marchi annulla il pastrocchio dei suoi difensori realizzato al 32 della ripresa, quando Romeo saltando di testa per liberare larea manda il pallone sulle spalle di Fissore. Una carambola che Docente non si fa sfuggire piazzando di piatto in rete.
La chiave In fin dei conti vince
LUMEZZANE VIAREGGIO 1 0 COMO TRITIUM

GIUDIZIO MARCATORI Litteri (T) al 4, Rodriguez (P) al 44 p.t.; Docente (T) al 32, Marchi (P) al 47 s.t. TERNANA (3-4-3) Ambrosi 7; Ferraro 5,5, Pisacane 6, De Giosa 5 (dal 29 s.t. Fazio 6); Dianda 6, Carcuro 6,5, Miglietta 6,5, Gotti 6,5; Nol 6, Litteri 7 (dal 5 s.t. Docente 6,5), Sinigaglia 5 (dal 29 s.t. Cejas 6). (Virgili, Stendardo, Arrigoni, Camilli). All. Toscano 7. PAVIA (4-3-3) Facchin 6,5; Gheller 6,5, Romeo 5 (dal 35 s.t. DallOglio 6), Fissore 5, Meregalli 5,5 (dal 43 s.t. Verruschi s.v.); Carotti 6,5, Meza Colli 6 (dal 38 s.t. Marchi 7), Capogrosso 6; Falco 7, Rodriguez 7, A. DErrico 6,5. (Cacchioli, Caidi, L. DErrico, Bufalino). All. Pergolizzi 7,5. ARBITRO Adduci di Paola 5. NOTE paganti 4.113, abbonati 1.273, incasso di 39.479 euro. Amm. Meza Colli, Carotti, De Giosa e Docente. Angoli 4-3.

++++

ta dal Liberati. Scusate se poco. Se la gioca a viso aperto, ritmi alti, corsa frenetica e verticalizzazioni perforanti. Proprio con uno di quei palloni che segano in due la mediana Rodriguez era riuscito a infilare la palla in rete con un diagonale perfetto per l1-1. Il gol pi bello, per, quello che apre la sfida, con Litteri che si mette a imitare addirittura Gigggi Riva: gestisce un pallone poco dentro larea, poi con finta e rasoiata di sinistro bellissime, da "prima pagina", manda la palla a mezza altezza in porta. Gran bel gol, con ununica pecca, quello di essere arrivato troppo presto: la Ternana si piace troppo e da quel vantaggio dimentica come si soffre e si lotta.
Toscano amaro Non sta a guar-

Sorrento in ascesa Il Carpi ribaltato


SORRENTO CARPI 2 1
GIUDIZIO MARCATORI Kabine (C) al 45 p.t.; Ginestra (S) al 22, Scappini (S) al 27 s.t. SORRENTO (4-2-3-1) Rossi 6; Vanin 6, Terra 6, Di Nunzio 6,5, Bonomi 6 (dal 12' s.t. Sabato 6); Camillucci 6,5, Armellino 6; Bondi 6,5, Ginestra 6,5, Croce 5,5 (dal 21 s.t. Carlini 6,5); Scappini 6,5 (dal 29 s.t. Galabinov 6). (Chiodini, Romeo, Tognozzi, Basso). All. Sarri 7. CARPI (4-4-2) Bastianoni 6,5; Laurini 7 (23' s.t. Poli 5,5), Bova 6, De Paola 6, Lorusso 6; Concas 5,5, Memushaj 6,5, Perini 6,5, Pasciuti 5,5; Kabine 6 (29 s.t. Perrulli 5,5), Cesca 6. (Mandrelli, Marchi, Sogus, Potenza, Di Gaudio). All. Notaristefano 6. ARBITRO Castrignan di Roma 6. NOTE paganti 383, abbonati 286, incasso di 8.381,25 euro. Ammoniti Kabine, De Paola e Sabato. Angoli 7-4.

+++

solo Pergolizzi, al debutto sulla panchina lombarda. Senza nulla togliere al dirimpettaio Toscano (ex compagni di squadra alla Reggina), la metamorfosi del Pavia ha del miracoloso. Non per nulla esce da casa della capolista con il giudizio unanime di squadra pi ostica passa1 2 REGGIANA PISA

dare il tecnico del patron Longarini, presagisce che il contagiri dei suoi vada lento e prende le misure, dopo aver perso limitatore di Riva per acciacchi. La virata sul 5-3-2 dal 30 della ripresa comunque produce la pressione che riporta in vantaggio i suoi, e a onor del vero, i lamenti umbri per un rigore su Docente (al 12 della ripresa Romeo gli tocca lo stinco) non sono campati sul nulla. Come contestata anche la punizione dalla quale nasce il pari definitivo. Il problema che la Ternana lascia troppo fare e alla fine paga caro: vedere svanire due punti, su un pallone scodellato in area a gara praticamente finita, fa rabbia. Ma che Ambrosi risulti il migliore in campo, significher pur qualcosa?
RIPRODUZIONE RISERVATA

ANTONINO SINISCALCHI SORRENTO (Na)

Tutto il meglio del Sorrento, alla quinta vittoria in sette partite, negli ultimi 23 minuti da applausi. Nel cuore della ripresa, iniziata sotto di un gol, le reti di Ginestra (22) e Scappini (27) sono due lampi devastanti per il Carpi, costretto alla sconfitta dopo un buon primo tempo. Sarri indovina tutti i cambi e cambia latteggiamento della squadra.
Due volti Per tutto il primo tem-

annichilito da grinta e solidit del Carpi con il suo 4-4-2 che ruota attorno alla regia di Perini e sfrutta la torre Cesca in attacco. Due palle-gol a un passo dalla porta per Pasciuti, murato da Di Nunzio e Vanin. Il vantaggio del Carpi, per, arriva negli sgoccioli della prima frazione di gioco (45), in maniera casuale, con quattro tocchi: rimessa dal fondo di Bastianoni, assist al volo di Cesca, Kabine controlla e insacca. Il Sorrento, con Bondi e Croce frenati sulle fasce, stenta anche in avvio di ripresa prima di imboccare la svolta giusta. Subito dopo lingresso di Carlini (22), Vanin va via sulla destra e mette al centro e Ginestra pareggia di testa tornando al gol dopo quattro partite. Cinque minuti dopo, il sorpasso rossonero con il destro sotto misura di Scappini su cross di Carlini.
Finale Il Sorrento merita la vittoria nel finale perch sfiora anche due volte il tris con il nuovo entrato Galabinov. Prima Bastianoni (35) e poi il palo (47) negano la gioia del gol allattaccante di origine bulgara. Al Sorrento va bene cos: vince la sfida dalta quota con il Carpi e riduce le distanze dalla Ternana.
RIPRODUZIONE RISERVATA

U PROMOSSA U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSA

RISULTATI
BENEVENTO-TARANTO COMO-TRITIUM FOGGIA-AVELLINO LUMEZZANE-VIAREGGIO MONZA-SPAL PRO VERCELLI-FOLIGNO REGGIANA-PISA SORRENTO-CARPI TERNANA-PAVIA stasera 1-2 1-1 1-0 3-1 0-1 1-0 2-1 2-2

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 6 NOVEMBRE ORE 14.30 AVELLINO-REGGIANA CARPI-FOGGIA FOLIGNO-PISA LUMEZZANE-MONZA PAVIA-PRO VERCELLI SPAL-TERNANA TARANTO-COMO TRITIUM-BENEVENTO VIAREGGIO-SORRENTO

MARCATORI
7 RETI Arma (1, Spal). 6 RETI Ginestra (1, Sorrento). 5 RETI Filippini (3, Como). 4 RETI Cia (Benevento); Chiaretti e Rantier (2, Taranto); Nol (1, Ternana); E. Bortolotto (Tritium).

girone B
CLASSIFICA
SQUADRE FROSINONE PERGOCREMA CARRARESE (-1) PORTOGRUARO ALTO ADIGE CREMONESE (-6) BARLETTA LANCIANO (-1) TRAPANI SIRACUSA (-3) TRIESTINA PIACENZA (-4) SPEZIA ANDRIA LATINA PRATO FERALPI SALO' BASSANO PT 18 18 17 17 16 15 15 15 15 14 12 12 11 10 9 8 8 6 G 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 PARTITE V N P 5 3 2 6 0 4 6 0 4 5 2 3 4 4 2 6 3 1 4 3 3 5 1 4 4 3 3 5 2 3 4 0 6 5 1 4 3 2 5 2 4 4 2 3 5 2 2 6 2 2 6 1 3 6 RETI F S 16 12 12 11 17 12 15 10 12 8 17 7 11 11 11 12 11 12 13 14 18 17 15 17 13 13 12 17 11 14 12 16 3 9 5 12

po, in campo, c un Sorrento


FOGGIA AVELLINO 1 1

1 0

MONZA SPAL

3 1

Lumezzane vola: quarta gioia di fila Viareggio, ora un nuovo tecnico


MARCATORE Ferrari al 27 s.t. LUMEZZANE (4-3-1-2) Brignoli 7; Diana 7, Luciani 6, Giosa 7, Pini 6,5; Dadson 6,5, Sevieri 6,5, Finazzi 6,5 (dal 46 s.t. Fondi s.v.); Baraye 7; Gasparetto 6,5, Antonelli 6 (dal 13 s.t. Ferrari 7). (Rossi, Mollestam, Guagnetti, Faroni, Lo Iacono). All. Nicola 7. VIAREGGIO (4-1-4-1) Ranieri 6; Brighenti 6, Lamorte 5, Fiale 5, Licata 6; Tarantino 6; Cristiani 6 (dal 40 s.t. Elia s.v.), Pizza 6, Maltese 5,5 (dal 32 s.t. Scardina s.v.), Taormina 5,5 (dal 20 s.t. Lepri 5,5); Cesarini 6. (Merlano, Monopoli, Grieco, DOnofrio). All. Bertolucci 5,5. ARBITRO Bruno di Torino 5,5. NOTE paganti 53, abbonati 254, incasso di 703 euro. Espulsi Lamorte al 35 s.t. e Fiale al 42 s.t.; ammoniti Pizza e Pini. Angoli 10-4. GIUDIZIO LUMEZZANE (Bs) Vola il Lumezzane, che non si ferma pi (quarta vittoria di fila). E sprofonda il Viareggio, che in settimana sceglier il sostituto dellesonerato Maurizi (ancora da valutare le candidature). I toscani, spesso in difficolt sulle puntate rossobl (traversa di Gasparetto ed angoli a ripetizione), resistono sino al 27 della ripresa quando Ferrari reagisce a suo modo allesclusione iniziale, firmando con un preciso sinistro appena dentro larea la meritata vittoria. Ci pensa poi Brignoli a mettere in cassaforte il risultato. Sergio Cassamali

Chimenti e Teso: colpo Tritium Il Como inciampa in una giornata no


MARCATORI Chimenti (T) al 19, Ripa (C) al 37, Teso (T) al 43 p.t. COMO (4-2-3-1) Giambruno 5,5; Ghidotti 6 (dal 38 s.t. Romano s.v.), Urbano 6,5, Diniz 6, Som 5; Lulli 5,5, Salvi 5,5; Bardelloni 5 (dal 12 s.t. Toledo 5), Filippini 5,5, Ciotola 6,5 (dal 17 s.t. Tavares 5); Ripa 6. (Conti, Zullo, Ardito, Miello). All. Ramella 5,5. TRITIUM (4-4-2) Nodari 6,5; Martinelli 6, Teso 6,5, Dionisi 6, Possenti 6; E. Bortolotto 6,5, Malgrati 5,5, Daldosso 6,5, Chimenti 6,5 (dal 23 s.t. Suagher 6); Spampatti 6 (dal 36 s.t. Sinato s.v.), R. Bortolotto 6,5 (dal 30 s.t. Floriano 6,5). (Pansera, Riva, Corti, Monacizzo). All. Boldini 6.5. ARBITRO Mangialardi di Pistoia 6. NOTE paganti 833, abbonati 353, incasso di 13.126,77 euro. Ammoniti Possenti e Chimenti. Angoli 3-7. GIUDIZIO COMO Giornata scialba per il Como che fin dallinizio soffre la Tritium, gi pericolosa dopo 4 minuti con una traversa colpita da Enrico Bortolotto. Il gol arriva al 19 con un tiro di Chimenti che, complice una leggera deviazione di Ghidotti, inganna Giambruno. Bello anche il colpo di testa di Ripa per l1-1. Ma il pareggio dura poco, fino al gol di Teso che raccoglie centralmente una punizione battuta sulla destra. Nella ripresa la vera occasione per il Como arriva solo a 5 minuti dalla fine con Ripa che calcia addosso al portiere. Lilliana Cavatorta

Zini allo scadere: festa Reggiana Il Pisa non sfrutta la superiorit


MARCATORE Zini al 45 s.t. REGGIANA (4-3-1-2) Silvestri 6; Aya 6,5, Zini 7, Lanna 5, Sperotto 6; Bovi 5,5 (dal 7 s.t. Arati 6), Calzi 6,5, Viapiana 5; Alessi 5,5; Gurma 5, Matteini 6 (dal 10 s.t. Rossi s.v.; dal 33 s.t. Esposito s.v.). (Bellucci, Bettati, Siragusa, Fedi). All. Mangone 6. PISA (4-4-2) Pugliesi 6; Audel 6, Buscaroli 6, Bizzotto 6, Benedetti 6,5; Tremolada 5,5 (dal 18 s.t. Ilari 5,5), Obodo 5, Scampini 5 (dal 36 s.t. Berardocco s.v.), Favasuli 6; Perna 5, Strizzolo 5,5. (Sepe, Ton, Lanzolla, Benvenga, Perez). All. Pagliari 5. ARBITRO De Faveri di San Don di Piave 6. NOTE paganti 1.332, abbonati 1.241, incasso di 20.318 euro. Espulso Lanna al 35 p.t.; ammoniti Calzi, Alessi, Buscaroli, Bizzotto e Obodo. Angoli 2-4. GIUDIZIO REGGIO EMILIA La Reggiana pesca il jolly allo scadere e centra un successo che la rilancia e premia il suo carattere. Il Pisa deve riflettere sullincapacit di mettere al tappeto un avversario in dieci per due terzi di gara (espulso Lanna) e che dal 36 della ripresa rimasto praticamente in nove, con Viapiana in campo per onor di firma, con la spalla lussata, a sostituzioni gi esaurite. Ha deciso un colpo di testa di Zini su angolo di Alessi. Tre minuti prima della rete del capitano granata (che non segnava da due anni e mezzo), Obodo si era divorato una clamorosa palla gol. Ezio Fanticini

E il primo sorriso del Monza in casa Torregrossa si sblocca, Spal ko


MARCATORI Torregrossa (M) al 30 p.t.; Colacone (M) all11, Arma (S) su rigore al 31, Chemali (M) al 45 s.t. MONZA (5-4-1) Castelli 6,5; Anghileri 6,5 (dal 20 s.t. Bugno 6), Ugg 6, Valagussa 6, Cattaneo 6, Campinoti 6,5; Torregrossa 7 (dal 12 s.t. Chemali 6,5), Romano 6,5, Palumbo 6,5 (dal 27 s.t. Velardi 6), Nappello 6,5; Colacone 7,5. (Marcandalli, Senou, Da Matta, Ferrario). All. Motta 7. SPAL (4-2-3-1) Teodorani 5; Cosner 5, Pambianchi 6, A. Vecchi 5,5 (dal 25 s.t. Beduschi 6), G. Rossi 5; Agnelli 6,5, Castiglia 5 (dal 1 s.t. Mi-

gliorini 6); Melara 5,5, Laurenti 6, P. Rossi 5,5 (dal 1 s.t. Mendy 6); Arma 6. (Capecchi, Ghiringhelli, Bedin, Taraschi). All. S. Vecchi 5. ARBITRO Cifelli di Campobasso 6. NOTE paganti 229, abbonati 316, incasso di 2.877 euro. Ammoniti Arma, P. Rossi, Torregrossa, Bugno, G. Rossi e Colacone. Angoli 4-6. GIUDIZIO MONZA Il miglior Monza della stagione centra la prima vittoria al Brianteo. La squadra di Motta passa alla mezzora con la prima rete in biancorosso di Torregrossa. La reazione della Spal innocua e in apertura di ripresa il Monza raddoppia con Colacone, ben servito da Nappello. La squadra di Vecchi si rianima al 31 con un rigore di Arma, ma allo scadere il tap-in vincente di Chemali spezza i sogni di rimonta ospiti. Matteo Delbue

PRO VERCELLI FOLIGNO

0 1

Foggia e Avellino non si fanno male Errore Venitucci e due gol africani
MARCATORI Thiam (A) al 33 p.t.; Kolawole (F) al 39 s.t. FOGGIA (3-4-3) Ginestra 6; Lanzoni 5,5, Gigliotti 6, DOrsi 6; Molina 5,5, Wagner 5 (dal 1 s.t. Meduri 6,5), Venitucci 5,5 (dal 32 s.t. Cruz 6), Tomi 5,5 (dall11 s.t. Frigerio 6); Defrel 6, Tiboni 6,5, Kolawole 6,5. (Botticella, Traor, Cortesi, Giovio). All. Stringara 6. AVELLINO (4-1-4-1) Fumagalli 7,5; Zammuto 6, Labriola 5,5, Cardinale 6, Ricci 5,5; Correa 6,5; Herrera 6 (dal 9 s.t. Falzerano 5,5), DAngelo 6, Malaccari 6, Thiam 6,5 (dal 24 s.t. Porcaro 6); De Angelis 5,5 (dal 17 s.t. Lasagna 5,5). (Fortunato, Zappacosta, Justino, Zigoni). All. Bucaro 6. ARBITRO Borriello di Mantova 6. NOTE paganti 1.450, abbonati 1.838, incasso di 45.362 euro. Espulso Ricci al 22 s.t.; amm. De Angelis, DAngelo, Tomi, Wagner, Lasagna e Fumagalli. Angoli 4-4. GIUDIZIO FOGGIA Primo tempo brutto e ma con un rigore per il Foggia al 25: Zammuto aggancia Tomi in area, ma Venitucci (secondo errore in 8 giorni dal dischetto) si fa ipnotizzare da Fumagalli. Al 33 improvviso vantaggio dellAvellino: Lanzoni scivola e Thiam infila Ginestra. Foggia allassalto nella ripresa. Ricci si fa espellere per una brutta entrata su Molina, poi al 39 Kolawole (origini africane come Thiam) pareggia sotto porta su assist di Cruz. Roberto Pellegrini

La Pro Vercelli sbaglia troppo Il Foligno segna e Zandrini para


MARCATORE Castellazzi al 46 s.t. PRO VERCELLI (4-3-2-1) Valentini 6; Cancellotti 6,5 (dal 32 s.t. Bencivenga s.v.; dal 37 s.t. Pigoni s.v.), Ranellucci 6,5, Masi 6,5, Armenise 7; Disabato 6,5, Rosso 6,5, Murante 6; Fabiano 6, Santoni 6,5 (dal 27 s.t. Malatesta 6); Iemmello 6. (Dan, Nocciola, Germano, Tripoli). All. Braghin 6. FOLIGNO (4-3-2-1) Zandrini 8; Romano 6,5, Cotroneo 6,5, Merli Sala 6, Stoppini 6,5; Menchinella 6, Papa 6 (dal 36 s.t. Castellazzi 7), Coresi 7; Tattini 6,5 (dal 31 s.t. Cardarelli 6), Cavagna 6 (al 14 s.t. Costantini 6); Guidone 6,5. (Mazzoni, Messina, Petti, Brunori Sandri). All Magrini 7. ARBITRO Pezzuto di Lecce 6. NOTE paganti 667, abbonati 670, incasso di 8.800 euro. Espulsi il tecnico Magrini al 43 s.t. e Merli Sala al 48 s.t.; ammoniti Cavagna e Murante. Angoli 14-0. GIUDIZIO VERCELLI Se il Foligno ha espugnato il Piola il merito soprattutto del portiere Zandrini, bravo prima a impedire alla Pro Vercelli di andare in vantaggio con Disabato, Santoni, Iemmello, Armenise e Malatesta, poi straordinario a parare al 94 un rigore a Malatesta, dopo che i suoi compagni si erano portati in vantaggio, tre minuti prima, grazie a Castellazzi. Questultimo stato bravo a spedire al volo in rete un cross preciso di Coresi. Raffaella Lanza

+++

U PROMOSSA U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSA

RISULTATI
ALTO ADIGE-PRATO BARLETTA-FERALPI SALO' BASSANO-SIRACUSA CREMONESE-LANCIANO LATINA-ANDRIA PIACENZA-CARRARESE SPEZIA-PORTOGRUARO TRAPANI-FROSINONE TRIESTINA-PERGOCREMA 2-2 0-1 1-2 2-0 5-2 0-3 0-2 2-2 3-2

IL POSTICIPO COSI STASERA

Benevento-Taranto in tv
Grande sfida stasera tra Benevento e Taranto. Infortunati Grauso, Cipriani e Pintori, in avanti Simonelli punta su Sy; dubbio tra Siniscalchi e Rinaldi, rientra La Camera. Invece a Dionigi mancano Di Bari e Vicedomini: gioca Coly, chiedono spazio Antonazzo e Di Deo. Cos in campo (ore 20.45, su Raisport 1): BENEVENTO (4-4-2) Baican; Pedrelli, Rinaldi, Signorini, Anaclerio; Cia, La Camera, Rajcic, DAnna; Altiner, Sy. (Mancinelli, Candrina, Siniscalchi, De Risio, Carretta, Vacca, Kanoute). All. Simonelli. TARANTO (3-4-3) Bremec; Sosa, Coly, Prospe ri; Garufo, Giorgino, Sciaudone, Rizzi; Chiaretti, Guazzo, Rantier. (Maraglino, Colombini, Di Deo, An tonazzo, Russo, De Gasperi, Girardi). All. Dionigi. ARBITRO Fabbri di Ravenna (Di Iorio Mosca).

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 6 NOVEMBRE ORE 14.30 ANDRIA-BASSANO FERALPI SALO'-SPEZIA FROSINONE-CREMONESE (luned 7, ore 20.45) LANCIANO-LATINA PERGOCREMA-TRAPANI PORTOGRUARO-BARLETTA PRATO-CARRARESE SIRACUSA-PIACENZA TRIESTINA-ALTO ADIGE

+++

+++

+++

++

+++

MARCATORI
8 RETI Le Noci (3, Cremonese); Godeas (Triestina). 5 RETI Pavoletti (Lanciano). 4 RETI Mazzeo (1, Barletta); Gaeta (3), Merini e Orlandi (Carrarese); Aurelio (Frosinone); Jefferson (1, Latina); Pi (2, Pergocrema); Guerra (Piacenza); Corazza (Portogruaro); Montalto (Siracusa); Gambino (Trapani).

32

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

PRIMA DIVISIONE GIRONE B 10a GIORNATA

Il Frosinone va in vetta con il brivido


Il 2-2 di Artistico arriva al 5 di recupero Il Trapani in porta aveva... un mediano
TRAPANI FROSINONE 2 2
FRANCO CAMMARASANA TRAPANI

Mario Artistico, 26 anni PROIETTI

MARCATORI Bonvissuto (F) al 16, Barraco (T) al 24 p.t.; Mastrolilli (T) al 32, Artistico (F) al 50 s.t. TRAPANI (4-4-2) Castelli 5,5; Priola 6, Pagliarulo 6,5, Filippi 6 (dal 18 p.t. Da 6), Lo Bue 6; Barraco 7, Caccetta 6, Cianni 6, Tedesco 6,5; Abate 6 (dal 19 s.t. Mastrolilli 6,5), Gambino 6 (dal 42 s.t. Domicolo s.v.). (Dolenti, Ficarrotta, Provenzano, Madonia). All. Boscaglia 6. FROSINONE (4-3-1-2) Nordi 6; Guidi 6, Stefani 6, Biasi 6,5, Fautario 6; Frara 6 (dal 31 s.t. Catacchini 5,5), Beati 6, Baccolo 6; Manzoni 6 (dal 18 s.t. Artistico 6); Aurelio 6, Bonvissuto 6 (dall11 s.t. Ganci 5,5). (Rossini, Cordos, Bottone, Miramontes). All. Sabatini 6. ARBITRO Maresca di Napoli 5. NOTE paganti 1.654, abbonati 887, incasso di circa 16.300 euro. Espulso Castelli al 47 s.t.; ammoniti Barraco, Cianni, Priola, Tedesco, Castelli, Baccolo, Ganci e Artistico. Angoli 6-2.

Al Frosinone basta conquistare un punto al Provinciale di Trapani per agganciare la vetta della classifica. Una mano arriva da Trieste, dove il Pergocrema caduto, e laltra da un gol di Artistico a tempo abbondantemente scaduto a conclusione di un episodio tutto da raccontare. Tedesco va sul fondo, tenta un cross ma la palla viene deviata da uno stinco di un difensore e finisce sul fondo. Larbitro non si accorge della deviazione e anzich concedere langolo ordina la rimessa dal fondo. Nordi rinvia lungo,
0 2

Castelli esce dallarea respingendo col petto un tiro di un avversario, ci riprova Ganci e Castelli si ripete ancora col petto. Non per larbitro, secondo il quale tocca anche con una mano: rosso. Il Trapani ha gi effettuato le tre sostituzioni e cos tra i pali si piazza Barraco. Artistico calcia forte la punizione seguente che piega le mani allimprovvisato portiere e il pallone finisce in rete, tra lesultanza dei giocatori gialloblu e la disperazione di quelli granata.
Finale concitato Un pari quindi acciuffato per i capelli per il Frosinone di Sabatini che ha cercato di limitare liniziativa
2 0 ALTO ADIGE PRATO

degli avversari con un pressing alto e ripartenze centrali. Al 16, proprio su un perfetto lancio in profondit di Mazoni, Bonvissuto costruisce il gol che porta in vantaggio il Frosinone. Il Trapani reagisce, ma brava la difesa laziale a sventare le iniziative dei locali, soprattutto sui palloni alti, e a rimettere subito il moto il proprio centrocampo. Il Frosinone perde Bonvissuto (risentimento muscolare) e Sabatini lancia Ganci per tentare il colpaccio. Al 24, per, Tedesco con un lungo lancio sposta il gioco sulla destra per laccorrente Barraco che con un gran destro sigla il momentaneo pareggio.
Emozioni Trapani arrembante anche a inizio di ripresa. Al 15 il portiere Nordi bravo a distendersi a terra per smanacciare una conclusione di Gambino mentre al 32 il Trapani passa in vantaggio, confermando le solite difficolt del Frosinone sui calci piazzati: Barraco batte un calcio dangolo e di testa Mastrolilli, da poco subentrato ad Abate, schiaccia la palla in rete. Sterile la reazione del Frosinone fino allepisodio che fissa pareggio finale, consentendo a Guidi e compagni di toccare la vetta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La Triestina si rialza Pergo, terzo k.o. di fila


TRIESTINA PERGOCREMA 3 2
GIUDIZIO MARCATORI Motta (T) al 23, Testardi (P) al 31, Godeas (T) al 38, Pi (P) su rigore al 44 p.t.; Motta (T) al 25 s.t. TRIESTINA (4-2-3-1) Gadignani 6,5; Galasso 6 (dal 23 s.t. Pinares 6), Thomassen 6 (dal 27 p.t. Pezzi 6,5), Izzo 6, Tombesi 6; Evola 6,5, Princivalli 6,5; Rossetti 6, Motta 6,5 (dal 34 s.t. DAmbrosio s.v.), Curiale 6; Godeas 6,5. (Cristofoli, Gissi, Mattielig, DAgostino). All. Galderisi 7. PERGOCREMA (4-3-3) Concetti 6; Celjak 6,5, Doudou 7, Sembroni 6, Rizza 6; De Vezze 6 (dal 39 s.t. Angiulli s.v.), Romondini 6, Capua 6 (dal 42 s.t. Delgado s.v.); Pi 6, Testardi 7, Guidetti 6,5 (dal 36 s.t. Rizzo s.v.). (Menegon, Gritti, Mattia, Adeleke). All. Brini 6. ARBITRO Roca di Foggia 6. NOTE paganti 825, abbonati 2.951, incasso di 14.880 euro. Ammoniti Curiale, Testardi, Rizza e Pinares. Angoli 3-4.

+++

ha dovuto arrendersi, collezionando cos la terza sconfitta consecutiva. Disinvolti e incisivi nella manovra gli ospiti, pi tesi i giocatori del nuovo arrivato Galderisi. Ma alla prima occasione propizia (23), complice un errore difensivo degli avversari il liberissimo Motta ha punito Concetti. A rimediare ci ha pensato presto Testardi con un diagonale che ha trovato il pareggio. Dopo una conclusione di Godeas, a tu per tu con il portiere (deviazione in angolo) arriva il nuovo vantaggio triestino, con una mischia risolta da due passi da Godeas (38).
Motta decisivo Il Pergocrema reagisce tenacemente. Il nuovo pareggio arriva al 43 con Pi su rigore. Nella ripresa squadre pi attente in difesa. Al 25 la svolta definitiva: Motta dal limite dellarea calcia forte rasoterra, mirando allangolino dove Concetti non pu arrivare. Ed il gol decisivo per la Triestina, tornata al successo dopo tre k.o. consecutivi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DANTE DI RAGOGNA TRIESTE

Cinque reti e corsa ad inseguimento, con i locali due volte in vantaggio e due volte raggiunti nel primo tempo. Ma nella ripresa allo scatto finale della Triestina il Pergocrema
0 1 BASSANO SIRACUSA

PIACENZA CARRARESE

0 3

SPEZIA PORTOGRUARO

CREMONESE LANCIANO

2 2

BARLETTA FERALPI SAL

1 2

LATINA ANDRIA

5 2

Carrarese, Orlandi tris Schiantato il Piacenza


MARCATORI Orlandi al 16 p.t.; Orlandi al 23 e al 26 s.t. PIACENZA (4-4-1-1) Cassano 6; Avogadri 5,5, Bertoncini 6, Visconti 6, Calderoni 6,5; Marchi 5,5 (dal 37 s.t. Curcio s.v.), Pani 6, Dragoni 5,5 (dal 1 s.t. Lisi 6), Foglia 6 (dal 30 s.t. Ferrante s.v.); Guzman 6; Guerra 5,5. (Stocchi, De Matteo, Baraldo, Angarano). All. Monaco 6. CARRARESE (4-4-2) Nocchi 6; Piccini 6, Benassi 6, Anzalone 6, Vannucci 6; Orlandi 8 (dal 30 s.t. Bregliano s.v.), Pacciardi 7, Taddei 6,5, Giovinco 6,5 (dal 36 s.t. Belcastro s.v.); Gaeta 6 (dal 26 s.t. Merini s.v.), Cori 6,5. (Gazzoli, Pasini, Trocar, Conti). All. Sottili 7. ARBITRO Gallo di Barcellona 6. NOTE paganti 742, abbonati 1.293, incasso di 12.845 euro. Ammoniti Orlandi, Giovinco, Benassi, Avogadri e Pacciardi. Angoli 7-6. GIUDIZIO PIACENZA Non portano fortuna i nuovi vertici societari al Piacenza, che si ferma dopo quattro vittorie consecutive. La squadra dellex Monaco paga le molte assenze e sbatte contro un avversario pi fisico e con un Orlandi (classe 88, scuola Milan) autore di una tripletta su altrettanti calci dangolo. Gaeta ha la prima palla-gol (15) che Cassano devia in angolo: Batte Giovinco e Orlandi con il petto segna. Nel secondo tempo si gioca a una porta sola, quella della Carrarese, ma prima Guerra e poi Guzman non trovano il guizzo. E le repliche di Orlandi fanno male altre due volte. Paolo Gentilotti

Lo Spezia precipita E un Porto spettacolo


MARCATORI Corazza al 1 p.t.; Luppi al 38 s.t. SPEZIA (4-4-2) Russo 6; Enow 6 (dal 27 s.t. Vannucchi 5,5), Lucioni 5,5, Murolo 5,5, Ferrini 6; Madonna 5,5, Papini 6, Bianco 6, Casoli 5,5 (dal 1 s.t. Testini 6,5); Evacuo 5 (dal 1 s.t. Ferretti 5,5), Mastronunzio 5,5. (Conti, Bianchi, Lollo, Buzzegoli). All. Serena 5,5. PORTOGRUARO (3-5-2) Bavena 7,5; Regno 6,5, Cristante 7, Fedi 6,5; Lunati 6, Coppola 6, Herzan 6,5, Salzano 6,5 (dal 33 s.t. Luppi 7), Pondaco 6; Corazza 6,5 (dal 23 s.t. Giacobbe 6), De Sena 6 (dall11 s.t. Della Rocca 6). (Mion, Bognanni, Santandrea, DAmico). All. Rastelli 6,5. ARBITRO Caso di Verona 6,5. NOTE paganti 2.036, abbonati 2.711, incasso non comunicato. Espulso Lunati al 20 s.t.; ammoniti De Sena, Fedi, Papini, Madonna, Bianco, Pondaco, Lunati, Herzan e Murolo. Angoli 15-0. GIUDIZIO LA SPEZIA Corazza dopo 74 secondi porta in vantaggio il Portogruaro e apre la giornata doro della squadra di Rastelli, capace di far crollare lo Spezia (secondo stop consecutivo) dopo oltre 7 mesi di imbattibilit casalinga. I liguri sprecano un rigore (fallo di Lunati, poi espulso, su Testini): Ferretti (allesordio) se lo fa parare da Bavena al 20 della ripresa. Poi il contropiede di Luppi che realizza il 2-0. Lo Spezia esce dal campo tra i fischi: immediato lannuncio del silenzio stampa e squadra in ritiro anticipato. Fulvio Magi

Le Noci e Minelli La Cremonese riparte


MARCATORI Le Noci su rigore al 28 p.t.; Minelli al 26 s.t. CREMONESE (4-3-3) Alfonso 8; Semenzato 6,5, Polenghi 6 (dal 36 s.t. Rigione s.v.), Minelli 6,5, Favalli 6,5; Riva 6,5, Pestrin 6,5, Dettori 6; Rabito 6 (dal 15 s.t. Nizzetto 6,5), Musetti 6 (dal 24 s.t. Bocalon 6), Le Noci 6,5. (Bianchi, Sales, Degeri, Samb). All. Brevi 6,5. LANCIANO (4-3-3) Aridit 6; Aquilanti 6, Massoni 6, Amenta 6,5, Mammarella 6,5; Vastola 5,5 (dal 38 s.t. Piccioni s.v.), Capece 6,5, Volpe 5; Turchi 6 (dal 15 s.t. Titone 6), Pavoletti 5,5, Improta 5 (dal 1 s.t. Chiric 6,5). (Amabile, Di Filippo, Novinic, Ferrara). All. Gautieri 6. ARBITRO Coccia di San Benedetto del Tronto 6. NOTE paganti 1.528, abbonati 1.649, incasso di 16.091 euro. Ammoniti Pestrin, Musetti, Massoni e Pavoletti. Angoli 3-7. GIUDIZIO CREMONA Torna alla vittoria la Cremonese che senza la penalizzazione sarebbe da sola al comando. Il Lanciano va sotto al 28 su rigore di Le Noci per fallo di Mammarella su Musetti, ma 7 minuti prima Vastola aveva colpito la traversa. Nella ripresa la Cremonese prima colpisce una traversa con Nizzetto e poi trova il vantaggio con un colpo di testa di Minelli al 26 su punizione di Dettori. Tre minuti dopo Volpe potrebbe riaprire la gara ma si fa respingere il rigore (fallo di mano di Polenghi) da Alfonso. Nel recupero anche un palo di Titone. Giorgio Barbieri

Il Prato va in fuga LAlto Adige rimonta


MARCATORI Benedetti (P) al 14, Pisanu (P) su rigore al 21, Schenetti (AA) al 22, Chiavarini (AA) al 41 s.t. ALTO ADIGE (4-2-3-1) Iacobucci 6,5; Grea 6 (dal 22 s.t. Calliari 6), Kiem 6, Cascone 5,5, Iacoponi 5,5; Uliano 5,5, Furlan 5,5; Fink 5,5 (dal 28 s.t. Ferrari 6), Fischnaller 5,5, Schenetti 6,5; Chinellato 5 (dal 13 s.t. Chiavarini 7). (Miskiewicz, Nazari, Bacher, Pfitscher). All. Stroppa 6. PRATO (4-3-1-2) Layeni 6,5; Manucci 6, Patacchiola 6, Lamma 6, De Agostini 6; Piantoni 6 (dal 19 s.t. Gori 6), Fogaroli 6, Cavagna 6,5 (dal 47 s.t. Sacenti 4); Pisanu 6,5 (dal 31 s.t. Varutti s.v.); Benedetti 7, Silva Reis 6,5. (Morandi, Baresi, Marongiu, Basilico). All. Esposito 6,5. ARBITRO Magnani di Frosinone 6. NOTE paganti 1.335, abbonati 532, incasso nc. Espulso Sacenti al 47 s.t.; ammoniti Layeni, Iacoponi e Furlan. Angoli 5-6. GIUDIZIO BOLZANO Finisce con un giusto pareggio una sfida noiosa per 45 minuti e spettacolare nella ripresa: Prato in vantaggio dopo un quarto dora con Benedetti in mischia e poco dopo al raddoppio su rigore di Pisanu. Sembra finita ma lAlto Adige si sveglia grazie ad una prodezza di Schenetti (ex di turno) che dal limite batte Layeni. Il pareggio giunge con un eurogol su calcio di punizione dal limite di Chiavarini: destro allincrocio e 2-2 definitivo. Francesco Bertagnolli

Fischi sul Barletta La Feralpi Sal sfonda


MARCATORE Drascek al 41 p.t. BARLETTA (4-2-3-1) Pane 5,5; Pisani 5,5, Mengoni 5,5, Migliaccio 6, Angeletti 5,5; Guerri 6, Zappacosta 5 (dal 1 s.t. Cerone 5,5); Schetter 5,5 (dal 30 s.t. Di Gennaro 5,5), Mazzeo 5 (dal 17 s.t. Franchini 5,5), Hanine 5,5; Infantino 5,5. (Sicignano, Di Cecco, Mazzarani, Menicozzo). All. Cari 5. FERALPI SALO (4-3-3) Branduani 6,5; Turato 6,5, Camilleri 6,5, Leonarduzzi 6,5, Cortellini 6; Drascek 6,5, Sella 6,5 (dal 45 s.t. Castagnetti s.v.), Fusari 6; Tarana 6, Defendi 6,5 (dal 33 s.t. Tarallo 6), Bianchetti 6,5. (Zomer, Allievi, Basta, Sala, Savoia). All. Remondina 6,5. ARBITRO Albertini di Ascoli 6. NOTE spettatori 2.000 circa, paganti, abbonati e incasso nc. Ammoniti Leonarduzzi, Sicignano, Mengoni e Hanine. Angoli 13-4. GIUDIZIO BARLETTA Seconda sconfitta interna consecutiva per il Barletta che si congeda sotto i fischi dei tifosi. La panchina di Cari comunque salva: il presidente Tat lha confermato e mandato la squadra in ritiro. La Feralpi Sal al 41 passa in vantaggio: il Barletta perde palla a centrocampo e innesca lazione ospite che si conclude con il diagonale vincente del nuovo rinforzo Drascek (ex Novara). Solo Infantino impensierisce la retroguardia ospite al 37 della ripresa con un rasoterra fuori. Rosario Dimastromatteo

Mancosu: Siracusa va Bassano furibondo


MARCATORI Mancosu (S) al 27 su rigore e al 33, Gasparello (B) su rigore al 34 p.t. BASSANO (4-4-1-1) Grillo 6,5; Martina 6,5 (dal 26 s.t. Baido 6), Basso 6, Scaglia 6, Ghosheh 6; Lorenzini 6,5, Caciagli 6,5, Morosini 6,5 (dal 30' s.t. Lazzarotto s.v.), Bonetto 5,5 (dal 15 s.t. Guariniello 6,5); Ferretti 6; Gasparello 6,5. (Poli, Iocolano, Proietti, Maniero). All. Jaconi 6. SIRACUSA (4-3-3) P. Baiocco 6,5; Strigari 6, Fernandez 6, Moi 6, Capocchiano 6; D. Baiocco 6,5, L. Calabrese 6,5, Mancosu 7 (dal 30 s.t. F. Calabrese s.v.); Longoni 6 (dal 12 s.t. Bongiovanni 6,5), Zizzari 6,5 (dal 21 s.t. Fofana 6), Pepe 6. (Fornoni, Petta, Pippa, Montalto). All. Sottil 6,5. ARBITRO Brasi di Seregno 5. NOTE spettatori 1.000 circa, paganti, abbonati e incasso non comunicati. Ammoniti Morosini, Scaglia, Martina, Gasparello, Bonetto, L. Calabrese, Longoni e Fernandez. Angoli 1-6. GIUDIZIO BASSANO (Vi) Mancosu spinge il Siracusa al rilancio, ma il ko che affossa Bassano fa infuriare Jaconi: Applaudo gli avversari, ma non ci ha battuto il Siracusa. I due rigori, uno per parte, sono sacrosanti, ma i padroni di casa ne reclamano altri due, per un mani di Moi in apertura e per un fallo su Gasparello al 94. In mezzo il penalty di Mancosu per lo 0-1 e il tap-in ravvicinato dello 0-2 dello stesso centrocampista. Poi Gasparello accorcia dal dischetto. Vincenzo Pittureri

Il Latina a valanga LAndria chiude in 8


MARCATORI Jefferson (L) al 20, Manco (A) al 40 p.t.; Del Core (A) al 4, Pagliaroli (L) al 13, Gasperini (L) al 26, Tortolano (L) al 38, Tortori (L) al 48 s.t. LATINA (4-3-2-1) Costantino 5,5; Gasperini 6,5, Cafiero 7, Farina 6, Maggiolini 6,5; Berardi 6,5, Giannusa 7, Matute 6,5; Fossati 6,5 (7 s.t. Pagliaroli 6,5), Tortolano 7 (41 s.t. Merito s.v.); Jefferson 6,5 (dal 28 s.t. Tortori 6). (Martinuzzi, Toscano, Carta, Zampaglione). All. Ghirotto 6,5. ANDRIA (4-2-3-1) Ragni 6,5; Pierotti 6, Zaffagnini 5,5, Cossentino 5,5, Contessa 5,5; Evangelisti 6, Arini 5,5; Manco 6, Paolucci 6,5 (dal 3 s.t. Del Core 6), Minesso 5,5 (25 s.t. Comini 5,5); Innocenti 6 (29 s.t. Gambino 5,5). (Sansonna, Meccariello, Di Simone, Berretti). All. Di Meo 5,5. ARBITRO Bellutti di Trento 5,5. NOTE paganti 1.400 circa, abbonati 219, incasso nc. Espulsi Berardi al 13 s.t., Cossentino al 13 s.t., Manco al 13 s.t., Pierotti al 36 s.t. e il tecnico Di Meo al 37 s.t.; ammoniti Contessa, Evangelisti e Tortori. Angoli 5-2. GIUDIZIO LATINA Prima vittoria interna per il Latina: 7 gol con 7 marcatori diversi, 5 espulsi con lAndria che chiude in 8. La squadra ospite va sotto, si porta sul 2-1 (palombella di Del Core), poi crolla sotto i colpi del Latina: sul 2-2 espulsi Cossentino e Berardi, a contatto per recuperare il pallone in rete, poi Manco, che ritarda luscita al momento della sostituzione. Vincenzo Abbruzzino

++

+++

+++

+++

+++

+++

++++

serie D
9a giornata

GIRONE A
RISULTATI
ACQUI-CHIERI 0-3 ASTI-ALBESE 0-0 BOGLIASCO-VALLE D'AOSTA 1-2 BORGOSESIA-LAVAGNESE 2-2 F. CARATESE-DERTHONA 1-1 LASCARIS-NAVIGLIO TREZZANO 2-2 NOVESE-AQUANERA 1-0 PRO IMPERIA-CHIAVARI 1-1 VERBANO-CANTU' SAN PAOLO 1-0 VILLALVERNIA-SANTHIA' 1-1

(10a)
CLASSIFICA
Chieri p. 27; Derthona 23; Valle dAosta 22; Naviglio Trezzano 18; Verbano, Novese e Chiavari 17; Acqui 16; Borgosesia 15; Santhi (-3) 14; Lavagnese 13; Bogliasco, F. Caratese e Villalvernia 11; Pro Imperia 10; Albese (-3) 9; Asti 7; Aquanera 5; Lascaris 4; Cant San Paolo 2.

GIRONE B
RISULTATI
ALZANOCENE-FIORENZUOLA 4-1 AURORA SERIATE-DARFO 3-2 CASTELLANA-PIZZIGHETTONE 2-2 FIDENZA-GOZZANO 1-2 GALLARATESE-CASTIGLIONE 3-0 MAPELLO-CARPENEDOLO 4-3 PRO PIACENZA-COLOGNESE 2-0 RUDIANESE-PONTISOLA 0-0 SEREGNO-OLGINATESE 0-1 VOGHERA-CARONNESE 0-0

(10a)
CLASSIFICA
Castiglione p. 24; Caronnese 20; Rudianese e Voghera 19; Mapello e AlzanoCene 18; Olginatese 17; Castellana 15; Gozzano 14; Pizzighettone e Pro Piacenza 13; Darfo e Aurora Seriate 12; Seregno, Pontisola e Fidenza 10; Gallaratese 9; Colognese 8; Carpenedolo 6; Fiorenzuola 5.

GIRONE C
RISULTATI
ITALA SAN MARCO-CONCORDIA 1-1 MONTEBELLUNA-TAMAI 2-3 MONTECCHIO-GIORGIONE 2-1 SACILESE-PORTO TOLLE 1-1 SAN GIORGIO-BELLUNO 0-0 SANDONA'JESOLO-PORDENONE 0-1 SANVITESE-MEZZOCORONA 1-1 UNION QUINTO-SAREGO 1-0 VENEZIA-LEGNAGO 1-1

GIRONE D
CLASSIFICA
Porto Tolle e Venezia p. 23; Tamai 21; Legnago e Mezzocorona 14; Montebelluna 13; San Giorgio 12; SandonJesolo e Giorgione 11; Union Quinto, Sarego e Concordia 10; Belluno 9; Montecchio, Pordenone e Sacilese 8; Sanvitese 7; Itala San Marco 5.

(10a)
CLASSIFICA
1-0 1-1 1-2 0-0 3-2 0-0 1-2 1-1 0-2 2-1 Este p. 26; Castelfranco 21; Cerea e Forl 20; Virtus Vecomp 18; Lanciotto Campi, Bagnolese e Camaiore 16; Mezzolara 14; Scandicci 13; San Paolo 12; Rosignano e Forcoli 11; Sestese e Villafranca 10; Santacroce 9; Ravenna (-1) 8; Pavullese e Tuttocuoio 7; Pistoiese 6.

RISULTATI
BAGNOLESE-SANTACROCE CAMAIORE-VILLAFRANCA CEREA-ESTE FORCOLI-LANCIOTTO CAMPI FORLI'-TUTTOCUOIO MEZZOLARA-PISTOIESE ROSIGNANO-CASTELFRANCO SAN PAOLO-RAVENNA SESTESE-PAVULLESE VIRTUS VECOMP-SCANDICCI

Este, colpo e fuga LAncona ne fa 6


LEste (D) vince lo scontro diretto con il Cerea e si porta a +5 sul secondo posto, lAdrano (I) torna solo in vetta, il Chieri (A) allunga. LAncona (F) vince la sesta gara di fila e fa 6 gol (poker per Alex Ambrosini) ma rimane a -1 dal Teramo. Pari interni per Venezia (C) e Salerno (G): i rivali non ne approfittano.

PROSSIMO TURNO (11a) domenica 6 novembre, ore 14.30


Aquanera-Pro Imperia; Cant San Paolo-Villalvernia; Chiavari-F. Caratese; Chieri-Verbano; Derthona-Albese; Lavagnese-Asti; Naviglio Trezzano-Bogliasco; Novese-Lascaris; Santhi-Borgosesia; Valle d'Aosta-Acqui.

PROSSIMO TURNO (11a) domenica 6 novembre, ore 14.30


Caronnese-Olginatese; Carpenedolo-Pro Piacenza; Castiglione-AlzanoCene; Colognese-Voghera; Darfo-Rudianese; Fiorenzuola-Seregno; Gozzano-Gallaratese; Mapello-Castellana; Pizzighettone-Aurora Seriate; Pontisola-Fidenza.

PROSSIMO TURNO (10a) domenica 6 novembre, ore 14.30


Belluno-Sacilese; Concordia-Union Quinto; Giorgione-Venezia; Itala San Marco-Sanvitese; Mezzocorona-Montecchio; Pordenone-San Giorgio; Porto Tolle-Montebelluna; Sarego-SandonJesolo; Tamai-Legnago.

PROSSIMO TURNO (11a) domenica 6 novembre, ore 14.30


Castelfranco-Forl; Este-Virtus Vecomp; Lanciotto Campi-Sestese; Pavullese-Bagnolese; Pistoiese-Camaiore; Ravenna-Forcoli; Santacroce-Mezzolara; Scandicci-San Paolo; Tuttocuoio-Cerea; Villafranca-Rosignano.

GIRONE E
RISULTATI
CASTEL RIGONE-PIANESE 5-2 ORVIETANA-SANSOVINO 0-4 PIERANTONIO-AREZZO 2-2 PONTEDERA-FLAMINIA 2-1 SANSEPOLCRO-GROUP CITTA' DI CASTELLO 2-0 SPORTING TERNI-PONTEVECCHIO 1-2 TODI-DERUTA 0-1 TRESTINA-SPOLETO 0-0 ZAGAROLO-VITERBESE 1-0

GIRONE F
CLASSIFICA
Spoleto p. 19; Pontedera e Sansovino 17; Castel Rigone e Arezzo 15; Pierantonio 14; Zagarolo e Sporting Terni 13; Pianese e Group Citt di Castello 12; Trestina 11; Sansepolcro e Orvietana 10; Viterbese, Deruta, Pontevecchio e Todi 9; Flaminia 5.

GIRONE G
CLASSIFICA
Teramo p. 23; Ancona 22; Atletico Trivento 18; Vis Pesaro, San Nicol e Civitanovese 17; Recanatese, Sambenedettese e Isernia 13; Santegidiese e Riccione 11; Olympia Agnonese e Luco Canistro 10; Jesina 7; Renato Curi 6; Atessa VdS 5; Miglianico 4; Real Rimini 2.

GIRONE H
CLASSIFICA
Salerno p. 21; Budoni 19; Porto Torres e Sora 16; Marino 15; Anziolavinio 14; Selargius e Monterotondo 13; Arzachena e Palestrina 12; Pomigliano 11; Astrea 10; Fidene, Cynthia e Civitavecchia 9; Atletico Boville 8; Bacoli 4; Sant'Elia 2.

GIRONE I
CLASSIFICA
0-1 2-0 3-0 1-1 2-1 1-2 0-1 5-1 2-0 Francavilla S. p. 20; Ischia e Nard 18; Casertana 17; Sarnese e Campania 16; Brindisi e Casarano 15; Martina e Turris 14; Internapoli 12; Fortis Trani 11; Irsinese 8; Real Nocera e Cristofaro 7; Gaeta (-1) e Grottaglie 5; Viribus Unitis 4.

RISULTATI
JESINA-RENATO CURI 0-0 LUCO CANISTRO-RICCIONE 3-0 MIGLIANICO-CIVITANOVESE 4-4 OLYMPIA AGNONESE-TERAMO 1-2 REAL RIMINI-SANTEGIDIESE 0-3 RECANATESE-ANCONA 1-6 SAMBENEDETTESE-ATESSA VDS 3-1 SAN NICOLO'-ISERNIA 4-2 VIS PESARO-ATLETICO TRIVENTO 1-2

RISULTATI
ANZIOLAVINIO-ATLETICO BOVILLE 4-1 FIDENE-CYNTHIA 0-1 MARINO-CIVITAVECCHIA 0-0 PALESTRINA-BACOLI 3-1 POMIGLIANO-BUDONI 0-0 PORTOTORRES-MONTEROTONDO 1-0 SALERNO-ASTREA 0-0 SELARGIUS-SANT'ELIA 2-1 SORA-ARZACHENA 0-0

RISULTATI
BRINDISI-NARDO' CASARANO-VIRIBUS UNITIS CASERTANA-IRSINESE CRISTOFARO-INTERNAPOLI FRANCAVILLA S.-MARTINA GROTTAGLIE-ISCHIA REAL NOCERA-CAMPANIA SARNESE-FORTIS TRANI TURRIS-GAETA

RISULTATI
ACIREALE-SAMBIASE 2-0 BATTIPAGLIESE-SANT'ANTONIO ABATE 3-3 COSENZA-CITTANOVA 1-1 HINTERREGGIO-NOTO 2-0 LICATA-ADRANO 0-1 MARSALA-NISSA 2-2 MESSINA-NUVLA SAN FELICE 1-0 PALAZZOLO-ACRI 2-2 SERRE ALBURNI-VALLE GRECANICA 0-1

CLASSIFICA
Adrano p. 20; Acri 19; Battipagliese 17; Hinterreggio e Palazzolo 16; Cosenza, Messina (-1) e Cittanova 14; Valle Grecanica 13; Marsala 12; Acireale 10; Licata 9; Serre Alburni, Nuvla San Felice e Noto 8; Sambiase e Sant' Antonio Abate 7; Nissa 4.

PROSSIMO TURNO (10a) domenica 6 novembre, ore 14.30


Arezzo-Trestina; Deruta-Castel Rigone; Flaminia-Sansepolcro; Group Citt di Castello-Orvietana; Pianese-Zagarolo; Pontevecchio-Pierantonio; Sansovino-Todi; Spoleto-Pontedera; Viterbese-Sporting Terni.

PROSSIMO TURNO (10a) domenica 6 novembre, ore 14.30


Ancona-Olympia Agnonese; Atessa VdS-Vis Pesaro; Atletico Trivento-Luco Canistro; Civitanovese-Jesina; Isernia-Miglianico; Renato Curi-Real Rimini; Riccione-Recanatese; Santegidiese-Sambenedettese; Teramo-San Nicol.

PROSSIMO TURNO domenica 6 novembre, ore 14.30


Arzachena-Palestrina; Astrea-Anziolavinio; Atletico Boville-Pomigliano; Bacoli-Marino; Budoni-PortoTorres; Civitavecchia-Fidene; Cynthia-Salerno; Monterotondo-Selargius; Sant'Elia-Sora.

PROSSIMO TURNO domenica 6 novembre, ore 14.30


Campania-Francavilla S.; Fortis Trani-Casertana; Gaeta-Real Nocera; Internapoli-Brindisi; Irsinese-Grottaglie; Ischia-Casarano; Martina-Cristofaro; Nard-Sarnese; Viribus Unitis-Turris.

PROSSIMO TURNO domenica 6 novembre, ore 14.30


Adrano-Sambiase; Battipagliese-Acireale; Cittanova-Noto; Cosenza-Palazzolo; Licata-Hinterreggio; Messina-Marsala; Nissa-Valle Grecanica; Nuvla San Felice-Acri; Sant'Antonio Abate-Serre Alburni.

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

33

SECONDA DIVISIONE
girone A
11a giornata
TREVISO RIMINI
GIUDIZIO

2 2

BORGO A BUGGIANO CASALE


GIUDIZIO

0 1

girone B
13a giornata

FONDI PERUGIA
GIUDIZIO

0 2

EBOLITANA PAGANESE

0 0

Il Casale ritorna vicino al Treviso Lecco-Mantova crolli clamorosi


Botta e risposta tra Treviso e Rimini, per un 2-2 che fa felice solo... il Casale, che vince sul campo del Borgo a Buggiano e torna -1 dalla vetta. Solo i toscani e il Mantova non segnano in questa giornata: i vigiliani crollano in casa contro il Poggibonsi, che mercoled recupera la partita con il Savona. Cade anche il Cuneo sul campo di un Montichiari che sta per cambiare propriet. Da segnalare il crollo del Lecco (in settimana c stato anche il divorzio dal d.s. seeber) a San Marino. Ottimo risveglio della Giacomense, che va a vincere sul campo del Santarcangelo. E la Pro Patria, che a Chiavari perdeva 2-0 ed riuscita a strappare il pari. MONTICHIARI CUNEO 2 1 SANTARCANGELO GIACOMENSE 2 3

++++

++

MARCATORI Perna (T) al 15 p.t.; Valeriani (R) al 17, Di Girolamo (T) al 20, Zanigni (R) al 38 s.t. TREVISO (4-3-1-2) Sartorello 5; Cernuto 6,5, Di Girolamo 7,5, Biagini 6,5, Beccia 5; Stentardo 6 (dal 30 s.t. Bandiera s.v.), Giorico 6, Malacarne 5,5 (dal 10 s.t. Spinosa 5), Madiotto 5,5 (dal 25 s.t. Torromino 5,5); Ferretti 6,5, Perna 6,5. (Zattin, Paoli, Visintin, Gallon). All. Zanin 6,5. RIMINI (4-3-3) Scotti 6; Palazzi 5, Vittori 5,5, A. Brighi 5, Mastronicola 6 (dal 37 s.t. Zanigni s.v.); Spighi 6,5 (dal 40 s.t. Rosini s.v.), Valeriani 6, Cardinale 7; Gerbino Polo 6,5, Baldazzi 6,5, Onescu 5 (dal 25 s.t. Buonocunto 6). (Semprini, De Luigi, Favero, Monac) All. DAngelo 6,5. ARBITRO Merlino di Udine 6. NOTE spettatori 1.100 circa, incasso di 7.902 euro. Ammoniti Vittori e Torromino. Angoli 5-3. (g.p.z.)

MARCATORE Crocetti al 14 p.t. BORGO A BUGGIANO (4-4-2) Grandi 6; Tafi 6, Castaldo 5,5, Checchi 6, Lorenzini 6; Stella 6 (dal 32 s.t. Re 6), Mugelli 5,5 (dal 21 s.t. Grassi 6), Gialdini 5,5, Maretti 5,5; Rocchi 6,5, Paganelli 6. (Strambi, Settepassi, Di Stefano, Santini, Di Crescenzo). All. Colonnello 5,5. CASALE (4-2-3-1) Adornato 6,5; Garrone 6, Gonnella 6, Vignati 6, Gaglione 6; Gambadori 6 (dal 10 s.t. Capellupo 6,5), Iannini 7; Lillo 6 (dal 36 p.t. Agnesina 6), Rodriguez 6,5, Siega 6; Crocetti 7 (dal 21 s.t. Curcio 6). (Pomat, Ciccomascolo, Napoli, Peluso). All. Buglio 7. ARBITRO Chiffi di Padova 5,5. NOTE spettatori 300 circa, incasso di quasi 1.800 euro. Ammoniti Gialdini, Iannini, Checchi, Rodriguez e Garrone. Angoli 3-0. (e.c.)

Perugia in vetta Paganese: altro rigore sbagliato Paura a LAquila


La Paganese pareggia nel derby di Eboli e Luca Orlando si fa parare un rigore: per la capolista il quarto errore su cinque tiri. Ne approfitta il Perugia, unica tra le grandi a vincere: riecco il Grifone in vetta accanto ai campani. Finisce pari tra LAquila e Catanzaro, con un po di paura: durante la gara stata avvertita una scossa di terremoto, ma si arrivati regolarmente al termine. Paura anche a Chieti: Cardinali dopo pochi istanti s infortunato e ha trascorso la notte in ospedale. Oltre a quello di Eboli, laltro 0-0 stato a Lamezia: la Vigor lunica imbattuta tra i professionisti con la Juve. Infine il Campobasso: la societ in crisi, ma la squadra fa un bel colpo. LAQUILA CATANZARO 1 1 VIGOR LAMEZIA NORMANNA
GIUDIZIO

+++

MARCATORI Clemente su rigore al 39 p.t.; Carloto al 27 s.t. FONDI (4-4-2) Gasparri 6,5; Pacini s.v. (dal 9 p.t. Iovinella 5), Palumbo 5,5, Dionisio 6, Chiarini 6; Cucciniello 5 (dal 29 s.t. Formuso s.v.), Vaccaro 5,5, Alleruzzo 6, Merlonghi 5 (dal 7 s.t. Rossini 5,5); Ricciardo 5, Bernasconi 6. (Mezzacapo, Passiatore, Tamasi, Finocchiaro). All. Parisella 5,5. PERUGIA (4-2-3-1) Giordano 6; Anania 6,5, Russo 6, Cacioli 6,5, Pupeschi 6; Carloto 7 (dal 40 s.t. Mocarelli s.v.), Borgese 6; Moscati 7, Clemente 7,5, Margarita 6 (dal 16 s.t. Giuliacci 6); Tozzi Borsoi 6,5 (dal 30 s.t. Gucci s.v.). (Despucches, Zanchi, Padovani, Sansotta). All. Battistini 6,5. ARBITRO Pasqua di Tivoli 6. NOTE spettatori 400 circa, incasso nc. Ammoniti Iovinella, Vaccaro, Bernasconi e Clemente. Angoli 2-7. (a.s.)

GIUDIZIO EBOLITANA (4-4-2) Nicastro 7; Esposito 6, De Pascale 6,5, Astarita 5,5, Giudice 6; Toscano 7, Sekkoum 6,5, Nigro 6,5, Izzo 7 (dal 46 s.t. Perrino s.v.); Broso 5, Palumbo 5 (dal 7 s.t. Corsino 6). (Longo, Albano, Angi, Liguori, Venneri). All. Giacomarro 6,5. PAGANESE (4-3-2-1) Petrocco 6; Loiacono 5,5, Fusco 6,5, Rinaldi 6, Russo 6,5; Acoglanis 5,5 (dal 1 s.t. Scarpa 5,5), Tricarico 5,5, Giglio 5 (dal 1 s.t. Errico 5,5); Galizia 5,5 (dal 37 s.t. Morello s.v.), Siciliano 6; L. Orlando 5,5. (Robertiello, Pastore, Pepe, Agresta). All. Grassadonia 5,5. ARBITRO Pairetto di Nichelino 6. NOTE spettatori 400 circa, incasso di quasi 1.100 euro. Espulso Astarita al 17 p.t.; ammoniti Toscano, Rinaldi, Errico, Scarpa e Loiacono. Angoli 4-8. (e.v.)

+++

MANTOVA POGGIBONSI
GIUDIZIO

0 3

ENTELLA PRO PATRIA

2 2

0 0

GAVORRANO CAMPOBASSO
GIUDIZIO

1 2

NEAPOLIS GIULIANOVA

1 1

GIUDIZIO MARCATORI Mastroianni (M) al 38 p.t.; Varricchio (C) al 38, Saleri (M) al 44 s.t. MONTICHIARI (4-4-2) Gambardella 6,5; Verdi 6, Antoniacci 7, Bettenzana 6,5, Filippini 6; Muchetti 7, Zanola 7, Sogliuzzo 6 (dal 35 s.t. Ruta s.v.), Saleri 6; Mastroianni 6,5 (dal 29 s.t. Murano 6), Florian 6. (Polizzi, Zambelli, Severgnini, Talato, Di Nardo). All. Rosin 7 (Ottoni squalificato). CUNEO (4-3-2-1) Pascarella 5,5; Passer 6, Ferri 6, Sentinelli 5,5, Cintoi 5,5 (dal 1 s.t. Donida 6); Longhi 6,5, Cristini 6,5, Lodi 6; Garavelli 7 (dal 26 s.t. Fantini 6), Di Quinzio 6 (dal 29 s.t. Person 6); Varricchio 6,5. (Lamantia, Morabito, Garrone, Borettaz). All. Rossi 6. ARBITRO Oliveri di Palermo 6,5. NOTE spettatori 250 circa, incasso non comunicato. Espulso Sentinelli al 16 s.t.; ammoniti Zanola, Mastroianni, Sentinelli, Ferri, Cristini e Di Quinzio. Angoli 2-5. (n.s.)

+++

GIUDIZIO MARCATORI Tanaglia (G) al 33 p.t.; Staffolani (G) al 2', Scotto (S) al 13', Paci (G) al 14', Tonelli (S) al 29 s.t. SANTARCANGELO (4-3-1-2) Nardi 6 (dal 25 p.t. Bicchiarelli 5,5); Fabbri 5,5 (dal 6 s.t. Bazzi 6), Arrigoni 5,5, Gregorio 5,5, Locatelli 6; Baldinini 6, Obeng 6, Del Pivo 5,5 (dal 21 s.t. Zavalloni 5,5); Tonelli 6; Graziani 5,5, Scotto 6. (Bacchiocchi, Schiavini, Gavoci, Ferri). All. Angelini 5,5. GIACOMENSE (4-4-2) Poluzzi 6,5; Gorini 6 (dal 20 p.t. Mandorlini 6,5), De March 6,5, Sirri 6 (dal 21 s.t. Cenerini 6), Parenti 6; Scaioli 6, Caciagli 6,5, Vagnati 7, Tanaglia 6,5; Paci 7, Staffolani 6 (dal 32 s.t. Tabanelli s.v.). (Pavanello, Ortolan, Lodi, Dal Rio). All. Gadda 6,5. ARBITRO Romani di Modena 6. NOTE spettatori 400 circa, incasso nc. Ammoniti Obeng, Scotto, Mandorlini, Caciagli e Tonelli. Angoli 7-2. (l.z.)

++++

+++

MARCATORI Falomi al 44 p.t.; Pera al 7, Falomi al 32 s.t. MANTOVA (3-5-2) Bellodi 6; Caruso 5,5, Zaninelli 4,5, Fonte 4,5; Bertin 6, Spinale 6, Pettarin 5 (dal 14 s.t. Dalla Bona 5,5), Burato 5 (dal 33 s.t. Ortobelli s.v.), Colonetti 5; Del Sante 5, Cinque 5 (dal 14 s.t. Franchi 6). (Portesi, Molteni, Nohman, Graziani). All. Valigi 5,5. POGGIBONSI (4-4-2) Sportiello 6; Cutrupi 6, Dierna 6,5, Cirina 6,5, Bronchi 6; Boldrini 7,5 (dal 46 s.t. Bigeschi s.v.), El Kamch 7 (dal 22 s.t. Zane 6), Giunchi 6, Moscarino 6; Pera 7,5 (dal 37 s.t. Romanelli s.v.), Falomi 7,5. (Gori, Malquori, Settembrini, Doveri). All. Fraschetti 7. ARBITRO Aversano di Treviso 6,5. NOTE spettatori 2.000 circa, incasso di 14.418 euro. Ammoniti Burato, Del Sante e Dierna. Angoli 9-1. (m.b.)

GIUDIZIO MARCATORI Villagatti (E) al 32, Bertoli (E) al 42 p.t.; Giannone (PP) al 13, Cortesi (PP) al 42 s.t. ENTELLA (4-3-1-2) Paroni 6; Falcier 6, Bertoli 6,5, Villagatti 6,5, Talignani 6; Zampano 6 (dal 21 s.t. Hamlili 6), Staiti 6, Musso 5,5; Volpe 7 (dal 42 s.t. Favret s.v.); Rosso 6, Lazzaro 6,5. (Otranto, Russo, Ciarci, Serlini, Lenzoni). All. Prina 6,5. PRO PATRIA (4-3-2-1) Andreoletti 5,5; Gambaretti 5,5, Nossa 6,5, Polverini 6, Pantano 5; Siano 6 (dal 14 s.t. Artaria 6), Bruccini 6,5, Cortesi 7; Mora 6 (dal 14 s.t. Comi 6,5), Giannone 7; Serafini 6 (dal 48 s.t. Rudi s.v.). (Frascia, Botturi, Vignali, Baldan). All. Cusatis 7. ARBITRO Verdenelli di Foligno 6. NOTE spettatori 500 circa, incasso di 2.738,87 euro. Ammoniti Pantano, Comi, Pantano, Musso, Lazzaro e Nossa. Angoli 6-7. (i.v.)

++++

GIUDIZIO MARCATORI Improta (LA) al 41 p.t.; Esposito (C) al 12 s.t. LAQUILA (4-4-2) Testa 6; Simoncini 6, Garaffoni 5, Ruggiero 5,5, Piccioni 6,5; Pietrella 6,5 (dal 21 s.t. Pianese 5,5), Carcione 6 (dal 36 p.t. Agnello 5,5), Perfetti 6, Capparella 6; Improta 6,5, Giglio 5 (dal 27 s.t. Prizio s.v.). (Modesti, Blaiotta, Battistelli, Colussi). All. Ianni 6. CATANZARO (3-4-3) Mengoni 6; Narducci 5,5 (dal 1 s.t. Papasidero 6), Accursi 6, Mariotti 5,5; Romeo 5,5 (dal 1 s.t. Bruzzese 6,5), Ulloa 6, Maita 5,5, Squillace 6; Esposito 6,5, Bugatti 5,5 (dal 39 s.t. Figliomeni s.v.), Carboni 6. (Scerbo, Ricciardi, Corso, Gigliotti). All. Cozza 6. ARBITRO Todaro di Palermo 5. NOTE spettatori 1.500 circa, incasso di quasi 9.000 euro. Espulsi Garaffoni al 24 s.t. e il tecnico Ianni al 32 s.t.; amm. Maita, Garaffoni, Testa, Carboni e Prizio. Angoli 3-4. (a.f.)

+++

+++

++++

VIGOR LAMEZIA (4-2-3-1) Forte 7; Rondinelli 7, Marchetti 6, Gattari 6,5, Bonasia 6,5; Giuffrida 7, Cerchia 6,5; Cane 6,5 (dal 29 s.t. Erbini s.v.), Mangiapane 6,5 (dal 18 s.t. Lattanzio 6), Mancosu 6,5; De Luca 6,5 (dal 38 s.t. Romero s.v.). (Calderoni, Mercurio, Visone, Sbravati). All. Costantino 6,5. NORMANNA (4-4-2) Gragnaniello 6; Diana 6, Mattera 7, Castaldo 6,5, Vitale 6; Varsi 6,5 (dal 21 s.t. Varriale 6), Zolfo 7, Marano 6, Letizia 7; Longobardi 6, Grieco 6 (dal 35 s.t. Petagine s.v.). (Russo, Campanella, Sorrentino, Piccirillo, DAgostino). All. Romaniello 6,5. ARBITRO Zappatore di Taranto 6,5. NOTE spettatori 1.200 circa, incasso di quasi 6.500 euro. Ammoniti Castaldo, Bonasia, Mattera e Mancosu. Angoli 5-0. (f.c.)

MARCATORI Balistreri (C) al 12, DAnna (C) al 32, Fioretti (G) al 51 s.t. GAVORRANO (4-3-1-2) Addario 6; Sgambato 5, Miano 6,5, Dascoli 6, Menichetti 6; Nicoletti 5,5 (dal 16 s.t. Masini 6), Galbiati 6 (dal 32 s.t. Germani 5,5), Lo Sicco 5,5; Rosati 6; Fioretti 6,5, Pulina 6 (dal 29 s.t. Nocciolini s.v.). (Santandrea, Alderotti, Tognarelli, Nencioli). All. Pagliuca 6. CAMPOBASSO (4-3-3) Iuliano 6; Modica 6,5, Altobello 6,5, Scudieri 7, Esposito 6; Giannattasio 6,5, Quadri 7, Piano 6,5 (dal 45 s.t. Fazio s.v.); Todino 6, Balistreri 7, DAnna 8. (Splendido, Fatticcioni, Masullo, Cirillo, Sivilla, Cruz). All. Provenza 6,5. ARBITRO Aloisi di Avezzano 6. NOTE spettatori 250 circa, incasso di 1.772 euro. Ammoniti Quadri, DAnna, Piano, Pulina, Modica, Iuliano e Sgambato. Angoli 5-4. (a.f.)

GIUDIZIO MARCATORI Foggia (N) al 2', Carbonaro (G) al 26' s.t. NEAPOLIS (4-4-2) Sollo 7; Monticelli 6, Polverino 6, Esposito 5,5, Bianchi 5,5; Barone 5,5 (dal 30' s.t. Daleno 6), De Falco 6, Marinucci Palermo 5,5, Varriale 5 (dal 30' s.t. Chiaria 6); Moxedano 5,5 (33' s.t. Pellecchia 6), Foggia 6,5. (Errichiello, Oliva, Terracciano, Bonanno). All. Castellucci 5,5. GIULIANOVA (4-4-2) Merletti 6; Cavasinni 5, Bruno 5, D'Aniello 6, Terrenzio 5,5; Faragalli 5, Bont 5 (dal 15' s.t. Rinaldi 5,5), D'Alessandro 5,5, Morga 5 (dal 35' s.t. Khoris s.v.); Carbonaro 6,5, Pirelli 6. (Sorrentino, Palandrani, Cecchetti, Giustini, Picone). All. Di Giannatale 5,5 (De Patre squalificato). ARBITRO Benassi di Bologna 5. NOTE spett. 600 circa, incasso 1.983 euro. Espulso il tecnico Castellucci al 44' s.t.; amm. De Falco, Marinucci Palermo e Terrenzio. Angoli 5-6. (a.v.)

+++

ALESSANDRIA BELLARIA

3 1

SAN MARINO LECCO

4 1

RENATE SAVONA
GIUDIZIO

1 1

SAMBONIFACESE VALENZANA

2 1

ARZANESE MILAZZO

1 1

ISOLA LIRI FANO


GIUDIZIO

1 2

MELFI CELANO

4 0

CHIETI APRILIA
GIUDIZIO

1 1

GIUDIZIO MARCATORI Viviani (A) al 10, Fioretti (B) al 15 p.t.; Degano (A) su rigore al 30, Segarelli (A) al 43 s.t. ALESSANDRIA (4-4-2) Servili 6; Ciancio 6, Viviani 6, Cammaroto 6, Sabato 6; Negrini 6, Roselli 6,5, Segarelli 6,5, Degano 6,5; Motta 7 (dal 36 s.t. Menassi s.v.), Artico s.v. (dall8 p.t. Pasino 5,5; dal 9 s.t. Nassi 6,5). (Bucuroiu, Miceli, Ghinassi, Serginho). All. Sonzogni 6. BELLARIA (4-3-1-2) Venturi 6,5; Severi 6, Bamonte 6, Fantini 5, Sonzogni 5,5; Forte 5, Briglia 6 (dal 26 s.t. Rolandone 5,5), Mariani 6 (dal 31 s.t. Rossi s.v.); Buda 5,5 (dal 18 s.t. Scarponi 6); Fioretti 6, Turchetta 6. (Renna, Martinelli, Morena, Alberani). All. Campedelli 5,5. ARBITRO Reni di Pistoia 5,5. NOTE spettatori 1.200 circa, incasso di 9.718 euro Espulso Fantini al 39 s.t.; ammoniti Roselli, Viviani, Motta, Artico e Scarponi. Angoli 7-4. (n.p.)

+++

GIUDIZIO MARCATORI Pelagatti (SM) al 15, Fabbro (L) al 27', Villanova (SM) al 31' e al 39' p.t.; Lapadula (SM) al 14' s.t. SAN MARINO (4-4-2) Vivan 6; Farina 6, Fogacci 6, Pelagatti 6,5, Crivello 6; Villanova 7, Amantini 6,5 (dal 28' s.t. Pigini s.v.), Loiodice 6,5, Poletti 6 (dal 16' s.t. Del Sole 6); Lapadula 6,5, Chiaretti 6 (dal 47' p.t. D'Antoni 6). (Migani, Del Duca, Casolla, Pieri). All. Petrone 6,5. LECCO (4-1-4-1) Durandi 5; Padoin 5,5, Esposito 5 (dal 40' s.t. Temelin 5,5), Marietti 5; Maiese 5,5; Gatti 5,5 (dal 32' s.t. Viviani s.v.); Tabbiani 5,5, Galli 5,5, Rebecchi 5, Mattaboni 5,5; Fabbro 6 (dal 30' s.t. Pizzuti s.v.). (Perucchini, Caforio, Conti, Fall). All. Pellegrino 5,5. ARBITRO Dei Giudici di Latina 6. NOTE spettatori 300 circa, incasso non comunicato. Espulso Rebecchi al 12' s.t.; ammoniti Fabbro, Pelagatti, Marietti e Lapadula. Angoli 4-2. (g.b.)

+++

+++

MARCATORI Cavalli (R) su rigore al 22 p.t.; Buglio (S) su rigore al 33 s.t. RENATE (4-3-3) Pisseri 6,5; Adobati 6, Cortinovis, 7 Bergamini 7, Gavazzi 6; Gualdi 6 (dal 30 s.t. Cerea s.v.), Cavalli 6,5, Mastrototaro 5,5; Battaglino 6, Capogna 5,5 (dal 37 s.t. Ghezzi s.v.), Gaeta 5,5. (Lenzi, Ferrari, Carminati, Mantovani, Mazzini). All. Magoni 6,5. SAVONA (4-2-3-1) Aresti 6; Praino 6, Antonelli 6, Belotti 5,5, Giorgione 6,5; Buglio 6,5, Cazzamalli 6; Terzoni 5,5 (dall11 s.t. Rossi 6), Bottiglieri 5,5 (dal 24 s.t. Parodi 6), Pellini 5 (dal 1 s.t. De Martis 6); Garin 5,5. (Maragna, Materazzo, Del Genio, Mazzotti). All. Corda 6. ARBITRO Losito di Pesaro 5. NOTE spettatori 200 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Terzoni, Belotti e Cerea. Angoli 2-6. (f.c.)

GIUDIZIO MARCATORI Zanetti (S) al 22', Brighenti (S) al 39' p.t.; Montanari (V) al 24 s.t. SAMBONIFACESE (4-4-2) Nardoni 7; Caraceni 6 (dal 29 s.t. Ruggeri s.v.), Dal Degan 7, Viskovic 6,5, Pisani 6; Baltieri 6,5 (dal 38 s.t. Finotto s.v.), Tecchio 6,5, Marianeschi 7, Montagnani 6,5; Brighenti 6,5, Zanetti 7,5. (Dusatti, Milani, Ebhote, Boseggia, Faccini). All. Carnovelli 6,5. VALENZANA (4-4-2) Serena 6,5; Allegrini 5,5 (dal 24 s.t. Berselli s.v.), Della Maggiore 6, Lorusso 6, Blondett 6; Prandi 5,5 (dal 15 s.t. Uggeri 6), Montanari 6,5, Chiazzolino 5,5, Capellini 5,5; Pagan 5,5, Enrico 5 (dal 5 s.t. Marafioti 6). (Stillo, Forino, Crescente, Rebolini). All. Rossi 5,5. ARBITRO Formato di Benevento 6,5. NOTE spettatori 400 circa, incasso nc. Ammoniti Viskovic, Prandi, Lorusso, Della Maggiora, Brighenti e Zanetti. Angoli 6-5. (m.o.)

++++

GIUDIZIO MARCATORI Carotenuto (A) su rigore al 28' p.t.; Scalzone (M) al 26' s.t. ARZANESE (4-4-2) Fiory 7; Castellano 6, Salvati 5,5 (dal 17' s.t. Tommasini 5,5), M. Imparato 5,5, M. Esposito 6; Improta 6, Manzo 6, Perna 6 (dal 5' s.t. Tarascio 5,5), Mascolo 5,5; Incoronato 6,5, Carotenuto 5,5 (dal 33' s.t. Sandomenico s.v.). (Parisi, G. Esposito, Gori, Tenneriello). All. Fabiano 6. MILAZZO (4-4-2) Croce 6; N'Ze 6, Benci 6,5, R. Imparato 6, Llama 6 (dal 1' s.t. Scalzone 6,5); Mangiacasale 6 (dal 22' s.t. Spilabotte 6,5), Fiore 6,5, Bucolo 6,5, Ingemi 6,5; Proietti 6,5 (dal 29' s.t. Urso 5,5), Malafronte 6. (Pergamena, Simonetti, Ras, Cucinotta). All. Catalano 6. ARBITRO Pelagatti di Arezzo 6. NOTE spettatori 300 circa, incasso nc. Espluso Mascolo al 3' s.t.; Ammoniti Mascolo e Salvati. Angoli 1-3. (g.ar.)

++

+++

MARCATORI Bianchini (IL) al 6, Cossu (F) al 26, Colombaretti (F) al 36 s.t. ISOLA LIRI (4-3-3) Coletti 6,5; Paloni 5 (dal 36 s.t. Sperati s.v.), Ferrara 6, Martinelli 5,5, Tortosa 6; Conte 6 (dal 30 s.t. Migliorelli 6), Lucchese 6,5, Falco 6,5; Ventura 5 (dal 13 s.t. Di Lullo 6), Bianchini 6, Caira 6,5. (Mariosi, Fiorini, Morleo, Martena). All. Grossi 5,5. FANO (4-4-2) Orlandi 6; Misin 6, Cossu 7, Mucciarelli 7, Bartolucci 6; Piccoli 6,5, Colombaretti 7, Capi 6,5 (dal 30 s.t. Muratori 6), Raparo 6 (dal 20 s.t. Amaranti 6); Bartolini 6, Marolda 6. (Beni, Angelelli, Morante, Sassaroli, Di Stefano). All. Baldassarri 6,5. ARBITRO Ceccarelli di Terni 5,5. NOTE spettatori 800 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Marolda, Martinelli e Falco. Angoli 2-4. (g.p.)

GIUDIZIO MARCATORI Caprioli al 41 p.t.; G. Russo al 14, Lionetti al 28, G. Russo al 34 s.t. MELFI (4-4-2) Scuffia 6; Spirito 6,5, Gennari 6 (dal 32 s.t. Dermaku s.v.), Moretto 6, R. Russo 6; G. Russo 7 (dal 37 s.t. Bertocchi s.v.), Giunta 6, Scarsella 6,5, Caprioli 7; Spagna 6 (dal 24 s.t. Lionetti 6,5), Ambrogetti 6. (Della Luna, Borin, Fiorucci, Tirelli). All. Rodolfi 7. CELANO (4-3-2-1) Liverani 6; Mascioli 5,5, Ciolli 6, Bianciardi 6, DAngelo 5,5; Sciamanna 5,5 (dal 19 s.t. Pacella 5,5), Marfia 5, Barbetti 6; Gentile 5, Olivieri 5,5 (dal 10 s.t. Visciglia 5,5); Croce 6. (Agostini, Bruno, Furno, Granaiola, Luzi). All. Petrelli 5,5. ARBITRO De Benedictis di Bari 6. NOTE spettatori 400 circa, incasso non comunicato. Espulsi Gentile al 6 s.t. e Marfia al 17 s.t.; ammoniti Giunta, Gennari, Croce, Spagna e Moretto. Angoli 4-0. (g.t.)

+++

++

MARCATORI Ceccarelli (A) al 30, Sabbatini (C) al 41 p.t. CHIETI (4-2-3-1) Feola 6; Bigoni 6,5, Pepe 6, Migliorini 6, Cardinali s.v. (dal 4 p.t. Serpico 5,5); Amadio 6, Del Pinto 6; Fiore 6, Sabbatini 6,5 (dal 16 s.t. Rosa 6), Gammone 5,5 (dal 28 s.t. Rossi 6); Lacarra 5,5. (DEttorre, Malerba, Ceballos, Anastasi). All. Paolucci 6. APRILIA (4-2-3-1) Bifulco 6; Gomes 6, Diakite 6, Aquino 5,5, Crialese 6; Croce 6 (dal 36 s.t. Fratangeli s.v.), Cruciani 5 (dal 24 s.t. Siclari 6); Buonaiuto 6,5, Calderini 5,5 (dal 14 s.t. Foderaro 6), Di Libero 5,5; Ceccarelli 6,5. (Caruso, Pinna, Criaco, Branicki). All. Vivarini 6. ARBITRO Casaluci di Lecce 6. NOTE spettatori 1.000 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Cruciani, Gammone, Aquino, Buonaiuto e Amadio. Angoli 1-3. (g.let.)

CLASSIFICA
SQUADRE TREVISO CASALE CUNEO RIMINI PARTITE RETI G V N P F S 24 11 7 3 1 21 9 23 11 7 2 2 19 10 20 11 6 2 3 22 15 20 11 6 2 3 14 10 1 4 19 13 PT

RISULTATI
ALESSANDRIA-BELLARIA BORGO A BUGGIANO-CASALE ENTELLA-PRO PATRIA MANTOVA-POGGIBONSI MONTICHIARI-CUNEO RENATE-SAVONA SAMBONIFACESE-VALENZANA SAN MARINO-LECCO SANTARCANGELO-GIACOMENSE TREVISO-RIMINI 3-1 0-1 2-2 0-3 2-1 1-1 2-1 4-1 2-3 2-2

PROMOZIONI

CLASSIFICA
SQUADRE PAGANESE PERUGIA CATANZARO L'AQUILA CAMPOBASSO GAVORRANO GIULIANOVA ARZANESE CHIETI NEAPOLIS NORMANNA (-1) APRILIA ISOLA LIRI (-2) FONDI MELFI (-2) FANO (-3) EBOLITANA (-1) VIBONESE MILAZZO CELANO PARTITE RETI G V N P F S 26 13 7 5 1 17 8 26 13 8 2 3 19 12 25 12 7 4 24 13 6 6 1 20 11 1 12 5 PT

RISULTATI
ARZANESE-MILAZZO CHIETI-APRILIA EBOLITANA-PAGANESE FONDI-PERUGIA GAVORRANO-CAMPOBASSO ISOLA LIRI-FANO L'AQUILA-CATANZARO MELFI-CELANO NEAPOLIS-GIULIANOVA VIGOR LAMEZIA-NORMANNA ha riposato VIBONESE 1-1 1-1 0-0 0-2 1-2 1-2 1-1 4-0 1-1 0-0

RETROCESSIONI

In Prima salgono sei squadre: due dopo i playoff


Con due soli gironi (fino alla stagione scorsa erano tre), cambia il meccanismo delle promozioni dalla Seconda alla Prima divisione, che devono sempre essere sei per pareggiare le retrocessioni. Salgono direttamente le prime due classificate dei rispettivi gironi, pi le due vincenti dei playoff. Questanno agli spareggi promozione sono ammessi terza, quarta, quinta e sesta: lo svolgimento il solito, con semifinali e finali (sempre con andata e ritorno).

VIGOR LAMEZIA 24 12 6 6 0 14 6 21 12 6 3 3 17 14 20 13 5 5 3 22 17 19 13 6 1 6 12 14 17 12 4 5 3 16 17 15 12 4 3 5 17 16 14 13 2 8 3 16 19 14 12 4 3 5 8 13 13 12 3 4 5 13 14 12 12 4 2 6 16 15 12 12 3 3 6 9 15 11 12 3 4 5 12 12 11 12 4 2 6 13 14 11 12 3 3 6 7 10 11 12 2 5 5 15 19 11 13 2 5 6 10 14 4 13 1 1 11 10 30

In D vanno in nove Nuova formula per i playout


Dalla Seconda divisione scendono in Serie D le solite 9 squadre: direttamente le ultime tre dei due gironi (sei in totale), le altre tre dopo i nuovi playout. Agli spareggi salvezza partecipano quartultima e quintultima di ogni girone: nella prima sfida (andata e ritorno, solita formula) chi perde retrocede. Le due vincenti si affrontano per evitare lultima retrocessione: si sorteggia chi gioca in casa landata e dopo il ritorno in caso di parit si va ai rigori (regolamento delle coppe europee).

SANTARCANGELO 19 11 6 GIACOMENSE ENTELLA POGGIBONSI SAVONA (-2) BELLARIA MANTOVA RENATE

MONTICHIARI (-1) 17 11 6 0 5 15 14 16 11 4 4 3 16 17 15 11 4 3 4 14 11 15 10 4 3 3 16 14 14 10 4 4 2 11 9 14 11 4 2 5 11 16 14 11 3 5 3 13 18 13 11 3 4 4 11 11 1 6 12 19

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 6 NOVEMBRE ORE 14.30 BELLARIA-TREVISO CASALE-MANTOVA CUNEO-ENTELLA GIACOMENSE-SAMBONIFACESE LECCO-SANTARCANGELO POGGIBONSI-SAN MARINO PRO PATRIA-MONTICHIARI RIMINI-RENATE SAVONA-ALESSANDRIA VALENZA-BORGO A BUGGIANO

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 6 NOVEMBRE, ORE 14.30 APRILIA-VIGOR LAMEZIA (a Fondi) CAMPOBASSO-ARZANESE CATANZARO-VIBONESE CELANO-ISOLA LIRI FANO-FONDI GIULIANOVA-GAVORRANO L'AQUILA-MELFI MILAZZO-NEAPOLIS NORMANNA-EBOLITANA PAGANESE-CHIETI riposa PERUGIA

SAMBONIFACESE 13 11 4 SAN MARINO VALENZANA LECCO

BORGO A BUGGIANO 12 11 3 3 5 12 15 11 11 3 2 6 17 16 7 11 1 4 6 10 17

MARCATORI
8 RETI Lapadula (San Marino). 7 RETI Taddei (Casale); Varricchio (Cuneo); Ferretti (Treviso). 6 RETI Falomi (1, Poggibonsi); Graziani (1, Santarcangelo). 5 RETI Rosso (Entella); Paci (Giacomense); Serafini (2, Pro Patria); Perna (3, Treviso).

ALESSANDRIA (-2) 10 11 3 3 5 12 17 PRO PATRIA (-9) 4 11 3 4 4 12 12 4 11 0 4 7 9 23

MARCATORI
13 RETI Fioretti (4, Gavorrano). 10 RETI Clemente (3, Perugia). 8 RETI Balistreri (3, Campobasso); L. Orlando (1, Paganese). 6 RETI Carotenuto (3, Arzanese); Morga (2, Giulianova). 5 RETI Ceccare li (1, Apr lia); Carboni (1, Catanzaro); Berardino (1, Chieti); Doukara (Vibonese); Mancosu (2, Vigor Lamezia).

U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE

U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE

34

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

FORMULA 1 GP INDIA

SCINTILLE UN NUOVO CASO TRA LINGLESE E IL BRASILIANO

Hamilton-Massa sempre autoscontro


Ennesimo contatto: Felipe viene punito Domenicali: Stupito dai commissari
1
MARCO DEGLINNOCENTI GREATER NODIA

Il fine settimana indiano era cominciato alla grande, con il miglior tempo nelle libere, ma per Felipe Massa finito nel peggiore dei modi, dopo lennesimo incontro ravvicinato con il grande nemico Lewis Hamilton: lo scontro, la penalizzazione con un drive through, la rottura della sospensione anteriore sinistra nellimpatto su un cordolo, il ritiro. Felipe, convocato con Lewis a fine corsa dai commissari, ha accusato il pilota McLaren: Ho frenato pi tardi di lui ed ero davanti. Quando ho sterzato non lho visto sulla sinistra, perch era dietro. Lui ha toccato la

mia ruota posteriore. Per questo, francamente, non capisco la penalizzazione. davvero incomprensibile.
Zero dialogo Sembra che tra i

due ci sia quasi una faida, anche se Massa nega: Forse per lui. Perch in tutti gli incidenti che sono avvenuti lui che

entrato in collisione con la mia vettura. Io non ho fatto nulla di sbagliato. Lewis o non Lewis, chiunque sia il pilota, rifarei lo stesso. Massa sottolinea che pi volte ha cercato un chiarimento con linglese, ma che Lewis lha sempre evitato: Quando ho cercato di parlargli, se n andato via. Non mi

PINO ALLIEVI GREATER NOIDA (India)

Ci si aspettava una corsa combattuta, con sorpassi, colpi di scena e limbattibile Red Bull messa alla frusta al debutto della Formula 1 nel pianeta India. I presupposti cerano tutti, con Webber proteso alla conquista del secondo posto mondiale, Alonso come al solito scatenato in partenza, Hamilton come variabile. Invece non successo niente. Colpa del solito Vettel, che scattato davanti e ha salutato tutti.
Fuga Alla prima curva era gi

Imprendibile
Che noia! Si diverte solo Vettel
Il campione domina alla Schumi Alonso magico: Ferrari terza
Il tedesco fa quello che vuole: in testa dallinizio alla fine e firma pure il giro veloce Lo spagnolo supera Webber con la strategia. Button secondo Massa ritirato
to tra Massa e Hamilton. Curva a sinistra, Hamilton sinfila allinterno ma non abbastanza da superare Massa. Il quale, dallesterno, con mezza macchina sulla McLaren, chiude la porta e inevitabilmente, con la ruota posteriore sinistra, entra in collisione con quella anteriore destra di Hamilton. La colpa? Lewis non era davanti, ma in quel punto non poteva pi fare nulla. Ed diventato un ostacolo nella traiettoria di Felipe. Per Massa sapeva che tenendo la sua linea si sarebbe intersecato con quella di Hamilton. Infatti successo. I commissari hanno penalizzato il brasiliano con un drive through vergognoso.
Malizia Detto questo, il con-

chiaro come sarebbe andata finita. Poi stata unattesa lunga unora e mezzo per avere pi o meno lo stesso ordine (darrivo) che cera al giro davvio. Una noia. Come quando era Schumacher a dominare in modo tanto netto con la Ferrari che veniva voglia di farsi svegliare allultimo giro. Vettel con la Red Bull diventato la fotocopia del suo connazionale. Per, quando si toglie il casco pi fresco, frizzante. Ieri, ad esempio, dopo lundicesimo trionfo ha tentato di ringraziare tutti in hindi, la lingua che si parla qui. Ma si ingarbugliato e ha farfugliato qualcosa di incomprensibile, scoppiando a ridere.
Scintille Bravo anche in questa

ma il brasiliano non ha fatto nulla per evitarlo: pensiamo che la punizione arrivi da qui. stata la quinta collisione tra i due in 17 gran premi, decisamente troppe.
Cacciatore Button per tanti giri stato lombra di Vettel, ma quando Seb ha capito che non poteva fare il gioco di squadra a favore di Webber ha accelerato ed arrivato solitario al traguardo. Jenson, invece, ha portato a casa punti preziosi per la piazza donore nel campionato. Alonso, magico, ha tentato il colpo alla prima curva ma stato chiuso dalle Red Bull e dalla McLaren di Button, velocissima. Ritrovatosi quarto dietro a Webber, lo ha superato con una strategia azzeccata, ritardando la fermata nellultima sosta che

preludeva alle gomme dure. Fernando sul podio: la Ferrari di ieri non poteva aspettarsi di meglio.
Botto Massa, con la mac-

fatica supplementare non richiesta, dopo 60 giri in cui ha fatto quello che ha voluto, portandosi a casa un quadretto con la pole, la leadership dal primo allultimo metro, il giro pi veloce. Una furia calma in una gara ancora pi calma, in cui lunico fuoco dartificio stato lattesissimo bot-

tatto non stato certo colpa di Massa dal punto di vista formale e regolamentare,

china malconcia dopo il pugilato con la McLaren, si ritirato con la sospensione anteriore sinistra ko, per un contatto duro sul cordolo, proprio come era gi successo in qualifica. Hamilton invece ha chiuso 7o, preceduto dalle consistenti, quanto lente, Mercedes di Schumacher (5o) e Rosberg (6o).
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL VINCITORE DOPO LUNDICESIMO SUCCESSO STAGIONALE

Ma Seb trova un difetto: i pit-stop


Troppo tempo perso ai box, devo capire perch. Poi si lancia in una dedica in... hindi
MARCO DEGLINNOCENTI GREATER NOIDA

la radio di bordo il suo grazie ai box: Sono orgoglioso di voi! Nuova pista, nuova sfida. Ce labbiamo fatta!.
Assolo La sua stata unaltra

qualcosa. Dovremo capire perch.


Delicato La chiave del successo,

stesso Nigel e le 13 vittorie stagionali di Schumacher: I record non mi interessano: bello che la macchina vada sempre bene e che al box tutti siano sempre motivati: abbiamo tutti ancora tanta fame.
Emozioni Al di l della vittoria questo GP dIndia piaciuto a Vettel anche per la novit della pista e del Paese, che ha brevemente visitato. Questa una terra che emoziona molto. Come la gente qui gestisca la propria esistenza davvero fonte di ispirazione. Hanno poco, ma in qualche modo sono pi ricchi di molti altri in Europa. Noi misuriamo la felicit in base agli obiettivi che raggiungiamo, loro sono semplicemente felici, amichevoli, allegri, disponibili. Qui ti si aprono gli occhi, possiamo davvero imparare molto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

11

successi stagionali Pareggia lo Schumi 2002 e ora insegue il primato di Michael: 13 trionfi nel 2004

Pur con qualche difficolt di pronuncia ha persino mandato un galante messaggio in lingua hindi, Sebastian Vettel: Aapki ladki bahut sunda hai, Le vostre donne sono belle. E sul traguardo della sua 11 vittoria ha come al solito gridato al-

corsa solitaria dal via alla fine. Come tante altre volte questanno, ma un po meno facile: Nel complesso stata una gara senza problemi. La macchina aveva un ottimo bilanciamento e anche con le gomme dure nella parte finale la sentivo molto bene. Per sono sempre stato concentrato sul duello a distanza con Button. Nei due pit stop Jenson si sempre avvicinato: ho dovuto spingere quando sono tornato in pista, perch nelle soste abbiamo sempre perso

sulla pista sporca di sabbia, sono state le gomme: Era molto importante risparmiarle, per avere un margine nel finale. Quando invece la voglia di vincere lo ha portato quasi a strafare, tanto che dal box, dopo aver stabilito il giro veloce, lo hanno invitato a calmarsi: Per favore, adesso porta semplicemente la macchina a casa....
Primatista Oltre alla vittoria,

711 9

giri in testa in un anno Vettel ha strappato il primato a Nigel Mansell: 694 giri, stabilito nel 92 con la Williams

Vettel ha anche battuto un altro record: 711 giri in testa, meglio di Mansell nel 1992. Ora restano a tiro le 14 pole dello

Sebastian Vettel, 24 anni, fa festa per l11 trionfo INFOPHOTO

trionfi dalla pole in una stagione Come Mansell nel 1992 a cura di G. Cortinovis

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

35

No polemiche Hamilton, che pri-

1. Il contatto visto da Lewis; 2. Lala della 150 si rompe; 3. Massa di traverso 4. I meccanici ai box COLOMBO

ha neppure guardato in faccia. Nemmeno qui. Durante il minuto di silenzio per Simoncelli e Wheldon era al mio fianco e mi ha solo detto: "Fai una buona corsa". questo il modo di avere un dialogo? Ma io non ho nulla contro di lui. Zero, zero. E se lo incontrassi, glielo direi.

ma del via aveva ricevuto un abbraccio da pap Anthony, a suggello della ritrovata pace famigliare, non ha espressamente accusato il ferrarista: Ho provato a sorpassarlo, ma non mi ha dato spazio e ci siamo scontrati. Ma non credo proprio di avere colpe. Per me stato un incidente di gara. Mi spiace molto per il team, ma non ho altro da dire. Analoga a quella di Felipe, invece, la versione del fugace incontro al minuto di silenzio: Eravamo vicini, Felipe non parlava con me da molto, molto tempo, cos gli ho messo la mano sulla spalla e gli ho solo detto: "Buona fortuna per la gara".
Stupito Stefano Domenicali, responsabile della Ferrari, difende il suo pilota: Rispetto sempre le decisioni dei commissari, ma stavolta mi sono molto stupito: per me Felipe era decisamente davanti a Hamilton.
RIPRODUZIONE RISERVATA

SABATO

GUAIO RISOLTO

La nuova ala della 150 stata irrigidita per eliminare le vibrazioni eccessive
Ha creato qualche problema di troppo la nuova ala portata in gara da entrambe le Ferrari. Il guaio che non solo fletteva come quella della Red Bull ma andava anche in risonanza con oscillazioni che sembravano incontrollate. I tecnici sono corsi cos ai ripari irrigidendo con laggiunta di pelli di carbonio (in giallo nel disegno) la zona che raccorda il profilo principale con i 50 cm centrali che per regolamento devono essere uguali su tutte le monoposto. Il rinforzo piazzato proprio nella zona leggermente scalinata responsabile del movimento di flessione dellala. Una mossa del tutto normale in questa fase di sperimentazione in pista, basti pensare che alla stessa Red Bull venerd sera hanno lavorato sui fianchi

Massa e due sospensioni k.o. in due giorni. Sopra, quella destra in prova; sotto quella sinistra nel GP IPP, REUTERS

... E IERI

dellalettone anteriore. C da rilevare che per essere maggiormente tranquilli sotto il profilo regolamentare i responsabili della Ferrari avevano sottoposto al test di flessibilit della Fia la nuova ala prima di rimontarla su entrambe le vetture e deciderne limpiego per qualifiche e gara. E tutto sommato ha assolto in pieno il compito: ovvero raccogliere dati per la Ferrari 2012.
Giorgio Piola
RIPRODUZIONE RISERVATA

Champagne!
Sebastan Vettel brinda: ha vinto anche in India COLOMBO

Ho fatto bene 4 1 a ritardare lultima sosta


I NUMERI
Le vittorie Fernando Alonso ha dato alla Ferrari lunica vittoria del 2011: successo a Silverstone

gne sul podio, ancora pi nella prima corsa in un nuovo Paese. La sua gara non poteva avere altri obiettivi: Non ho voluto comprometterla con rischi inutili. La vittoria? No, non credo che saremmo potuti riuscire in alcun modo ad insidiare Vettel.
Button Alla fine finito dietro la McLaren di Jenson Button. Il pilota dal quale, in classifica generale, dista adesso 13 punti. Alonso per non d uneccessiva importanza alla possibilit di superare linglese nelle ultime due gare per conquistare il platonico titolo di vicecampione del mondo: Certo che possibile farcela, perch ci sono 50 punti disponibili. Ma come ho detto un paio di gare fa, finire secondo in classifica non una grande priorit anche se sempre meglio che finire quinto. Siamo in quattro a poterci riuscire: Hamilton, Button, Webber ed io. Se finisco secondo va bene, se finisco quarto pure. Non ricorder la stagione 2011 per un eventuale secondo posto finale. Piuttosto per la vittoria di Silverstone e per un altro paio di belle partenze o di belle gare. Importate per me ora una buona preparazione in vista del 2012. 2012 Lo stesso punto di vista di Stefano Domenicali: vero che non avevamo il passo per lottare per la vittoria ma credo che tutto ci che stiamo facendo in queste ultime gare avr una grande importanza in funzione del 2012. Stiamo imparando molto e dobbiamo continuare cos negli ultimi due gran premi che restano. Ci fa comunque piacere finire sul podio in un GP che rappresenta un mercato cos importante.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Fernando: Il podio lho conquistato grazie a quei due giri in pi di Mark


MARCO DEGLINNOCENTI GREATER NOIDA

Non lo aveva proprio promesso, il podio, ma alla vigilia lo aveva considerato un obiettivo realistico. E Fernando Alonso lha centrato con una bella, determinata gara, culminata con il sorpasso di Mark Webber in occasione della sosta ai box. Prima del via non era mancato qualche momento di apprensione: lalettone anteriore della sua Ferrari era stato sottoposto ad una lunga opera di verifica prima ai box e poi sullo schieramento. E alla fine Fernando ha ringraziato di cuore i meccanici per il loro lavoro. Anche la partenza non certo stata delle migliori: Non stata perfetta ammette Alonso , perch mancata laderenza che invece ci aspettavamo di trovare, pur partendo sul lato pulito della pista. Invece sono scattati molto meglio quelli che partivano dallaltra parte e cos dopo la prima curva mi sono subito ritrovato alcune posi-

I podi Tante le presenze sul podio di Fernando, che al successo inglese affianca 4 secondi e altrettanti terzi posti

Fernando Alonso, a destra, si congratula sul podio con Jenson Button


ANSA

zioni indietro.
Rincorsa Per lo spagnolo co-

Il ritardo Con due GP da disputare, tanti sono i punti da recuperare a Button per il 2 posto in campionato

13

minciata quindi una lunga rincorsa con Webber come obiettivo da raggiungere e possibilmente superare: Il duello a distanza durato fino al secondo pit stop. Siamo rimasti un po sorpresi per la sua decisione di fermarsi in quel momento, cos ho fatto due giri in pi, cos sono stato in grado di superarlo e sono molto felice. sempre bello provare questo sentimento e il gusto dello champa-

36

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

FORMULA 1 GP INDIA
Calendario: tra due settimane c Abu Dhabi
AUSTRALIA 1. VETTEL MALESIA 1. VETTEL CINA 1. HAMILTON TURCHIA 1. VETTEL SPAGNA 1. VETTEL MONACO 1.VETTEL CANADA 1. BUTTON EUROPA 1. VETTEL GRAN BRETAGNA 1. ALONSO GERMANIA 1. HAMILTON UNGHERIA 1. BUTTON BELGIO 1. VETTEL MONZA 1. VETTEL SINGAPORE 1. VETTEL GIAPPONE 1. BUTTON COREA DEL SUD 1. VETTEL INDIA 1. VETTEL 13 NOVEMBRE ABU DHABI (E.A.U.) 27 NOVEMBRE BRASILE SAN PAOLO

Button lultimo ad arrendersi


Alguersuari un mastino. Webber non stacca pi come una volta. Ingiusta penalit a Massa
le Pagelle
di PINO ALLIEVI

numeri
PIT STOP

Paese entusiasta La F.1 ha sfondato

Senna fa 34 giri con le morbide

h 10
INDIA
Ha dato una lezione allopulento mondo occidentale. Ci si aspettava una caduta verticale nel momento dellesame della Formula 1 che debuttava su un circuito nuovo, completato quando le macchine stavano per scendere in pista. E invece stato un trionfo, con 50 mila spettatori sabato, 96 mila ieri e unintera nazione in festa, con un enorme spazio sui giornali e sulle televisioni. Un popolo fatto di gente entusiasta, sorridente, educata a dispetto di una povert imbarazzante fuori dallautodromo. Ma con tanta dignit. La F.1 come il messaggio di un benessere annunciato, il GP come testimone del mondo nuovo che accanto a noi ANSA

9 Sebastian Vettel
Alla undicesima vittoria rischiamo di dire le solite cose sul tedeschino che domina senza eccessivi rischi e fa quello che vuole in prova e in gara. Uno schiacciasassi REUTERS

8 Jenson Button
Ogni tanto si nasconde, scompare. Poi, allimprovviso, eccolo l davanti. Grande gara ieri, tentando il possibile per infastidire Vettel. Ma la Red Bull era imbattibile EPA

8 Fernando Alonso
salito sul podio per la 9 volta in 17 gare: unimpresa, con la 150 Italia che gioca costantemente in difesa. Fernando surfeggia nellinstabilit salvando per la baracca EPA

Pilota per pilota, ecco i pit stop effettuati ieri. Legenda: S= mescola soft; H = mescola Hard; N = mescola nuova; U = mescola usata; NC = non classificato; (tra parentesi il giro).
SEBASTIAN VETTEL SU SU (19) HN (47) 2 JENSON BUTTON SU SU (18) HN (46) 2 FERNANDO ALONSO SU SU (16) HN (39) 2 MARK WEBBER SU SU (16) HN (37) 2 MICHAEL SCHUMACHER SU SN (18) HN (50) 2 NICO ROSBERG SU SN (17) HN (45) 2 LEWIS HAMILTON SU SU (16) SU (24 ) HN (45) 3 JAIME ALGUERSUARI SU SN (16) HN (46) 2 ADRIAN SUTIL SU SU (15) HN (35) 2 SERGIO PEREZ HN SN (1) SN (34) 2 VITALY PETROV HN SN (3) SU (33) 2 BRUNO SENNA SU SN (22) HN (56) 2 PAUL DI RESTA HN SU (2) SU (19) SN (39) 3 HEIKKI KOVALAINEN SN SU (21) HN (41) 2 RUBENS BARRICHELLO SU HN (1) SN (35) 2 JEROME DAMBROSIO SN SN (22) HN (55) 2 NARAIN KARTHIKEYAN SN SU (22) HN (50) 2 DANIEL RICCIARDO SN SU (25) SU (32) HN (56) 3 JARNO TRULLI SN SN (1) SU (27) HN (54) 3 FELIPE MASSA SU SU (17) DT (30) HN (31) 3 NC SEBASTIEN BUEMI SU SN (18) 1 NC PASTOR MALDONADO SU 0 NC TIMO GLOCK SN SN (1) 1 NC KAMUI KOBAYASHI SN 0 NC

7 Jaime Alguersuari
Un mastino capace di conquistare l8 posto. Nel momento chiave del mercato sta dando il suo meglio. E la Toro Rosso aggancia la Sauber nel Mondiale Costruttori CANONIERO

5,5 Felipe Massa


Ha ragione sulla dinamica dellincidente, ma chiudendo la traiettoria sapeva che avrebbe trovato Lewis. Penalit ignobile. Sino ad allora era andato bene AP

5 Lewis Hamilton
Talento buttato via. Non tanto per lincidente con Massa, quanto per il menefreghismo di venerd. I punti pesanti per la McLaren continuano ad arrivare grazie a Button EPA

7
Schumacher
Ha seguito Rosberg come unombra, recuperando i 6 secondi che aveva di distacco. E poi lo ha passato al cambio gomme: una gara giudiziosa AP

7
Perez
Decimo con una corsa paziente e una Sauber che era ben lontana dalla competitivit. E dire che la sua gara era cominciata decisamente male PHOTO 4

6
Rosberg
Buona gara ma col secondo treno di gomme ha avuto difficolt e Michael lo ha riacciuffato. Stavolta nella lotta in famiglia ha dovuto inchinarsi ANSA

6
Sutil
Con il 9o posto riuscito a portare la Force India a punti. E questo vale pi di ogni altro discorso: era proprio quello che ci voleva sulla pista di casa EPA

5
Webber
Non ha pi la staccata di una volta e si vede. Al via si addormenta un po. Soffre con Alonso e poi anche con le gomme. Il secondo posto si allontana EPA

5
Renault
un voto che sta vale sia per Petrov (11o), sia per Senna (12o, nella foto), completamente a disagio e senza il minimo guizzo sul circuito di Buddh PHOTO 4

gara
ARRIVO
POS PILOTA 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 11. VETTEL BUTTON ALONSO WEBBER SCHUMACHER ROSBERG HAMILTON ALGUERSUARI SUTIL PETROV NAZ SCUDERIA GER Red Bull-Renault GB McLaren-Mercedes SPA Ferrari GB Red Bull-Renault GER Mercedes GER Mercedes GB McLaren-Mercedes SPA Toro Rosso-Ferrari GER Force India-Mercedes MES Sauber-Ferrari RUS Renault BRA Renault GB Force India-Mercedes FIN Lotus-Renault BRA Williams-Cosworth BEL Virgin-Cosworth IND Hrt-Cosworth AUS HRT-Cosworth ITA Lotus-Renault TEMPO/DISTACCO (PIT STOP) in 1h3035"002 (2) media 203,513 km/h a 8"433 (2) a 24"301 (2) a 25"529 (2) a 105"421 (2) a 106"851 (2) a 124"183 (3) a 1 giro (2) a 1 giro (2) a 1 giro (2) a 1 giro (2) a 1 giro (2) a 1 giro (3) a 2 giri (2) a 2 giri (2) a 3 giri (2) a 3 giri (2) a 3 giri (3) a 5 giri (3)

classifiche
GENERALE
PILOTI POS NOME NAZ PUNTI 1. VETTEL GER 374 (campione) 2. BUTTON GB 240 3. ALONSO SPA 227 4. WEBBER AUS 221 5. HAMILTON GB 202 6. MASSA BRA 98 7. ROSBERG GER 75 8. SCHUMACHER GER 70 9. PETROV RUS 36 10. HEIDFELD GER 34 11. SUTIL GER 30 12. KOBAYASHI GIA 27 13. ALGUERSUARI SPA 26 14. DI RESTA GB 21 15. BUEMI SVI 15 16. PEREZ MES 14 17. BARRICHELLO BRA 4 18. SENNA BRA 2 19. MALDONADO VEN 1 20. DE LA ROSA SPA 0 21. TRULLI ITA 0 22. KOVALAINEN FIN 0 23. LIUZZI ITA 0 24. DAMBROSIO BEL 0 25. GLOCK GER 0 0 26. KARTHIKEYAN IND 0 27. RICCIARDO AUS 0 28. CHANDHOK IND COSTRUTTORI 1. RED BULL (campione) 595 2. MCLAREN 442 3. FERRARI 325 4. MERCEDES 145 5. RENAULT 72 6. FORCE INDIA 51 7. SAUBER 41 8. TORO ROSSO 41 9. WILLIAMS 5 10. LOTUS 0; 11. HRT 0; 12. VIRGIN 0 AUS MAL 25 8 12 10 18 6 15 2 1 4 35 26 18 15 3 4 25 18 8 12 4 10 2 15 6 1 37 22 18 2 15 1 6 CIN 18 12 6 15 25 8 10 4 2 1 33 37 14 14 2 1 TUR 25 8 15 18 12 10 4 6 1 2 43 20 15 10 10 1 2 SPA MON CAN EUR 25 15 10 12 18 6 8 4 1 2 37 33 10 14 4 3 25 15 18 12 8 4 6 10 1 2 37 23 18 4 6 10 1 2 18 25 15 8 12 10 6 4 1 2 33 25 8 12 10 6 5 2 25 8 18 15 12 10 6 1 2 4 40 20 28 6 1 2 4 GB 18 25 15 12 10 8 2 4 1 6 33 12 35 10 4 6 1 GER UNG 12 18 15 25 10 6 4 1 8 2 27 25 28 10 1 8 2 18 25 15 10 12 8 2 1 6 4 28 37 23 2 6 5 BEL 25 15 12 18 4 8 10 2 6 1 43 15 16 18 2 6 1 ITA 25 18 15 12 8 10 6 4 1 2 25 30 23 10 2 4 7 SIN 25 18 12 15 10 2 6 4 8 1 40 28 14 6 12 1 GIA 15 25 18 12 10 6 1 8 2 4 27 35 24 9 2 4 COR 25 12 10 15 18 8 4 6 1 2 40 30 18 4 1 8 IND 25 18 15 12 6 8 10 2 4 1 37 24 15 18 2 1 4 -

GIRI VELOCI

Seb beffa Mark allultimo giro

10. PEREZ 12. SENNA 13. DI RESTA 14. KOVALAINEN 15. BARRICHELLO 16. DAMBROSIO 17. KARTHIKEYAN 18. RICCIARDO 19. TRULLI

Sebastian Vettel, 24 anni REUTERS


1. Sebastian Vettel 127"249 (60) 2. Mark Webber 127"520 (59) 3. Fernando Alonso 127"953 (58) 4. Jenson Button 127"967 (60) 5. Michael Schumacher 128"549 (48) 6. Nico Rosberg 128"600 (59) 7. Rubens Barrichello 128"635 (56) 8. Paul di Resta 128"679 (59) 9. Lewis Hamilton 128"721 (58) 10. Jaime Alguersuari 129"239 (57) 11. Vitaly Petrov 129"289 (58) 12. Adrian Sutil 129"289 (59) 13. Bruno Senna 129"310 (55) 14. Sergio Perez 129"345 (58) 15. Felipe Massa 130"243 (19) 16. Heikki Kovalainen 130"294 (58) 17. Sebastien Buemi 130"956 (23) 18. Daniel Ricciardo 131"674 (49) 19. Jarno Trulli 131"691 (52) 20. Narain Karthikeyan 131"988 (44) 21.Jaime d'Ambrosio 131"990 (51) 22. Pastor Maldonado 133"573 (12) 23. Timo Glock 209"008 (2)

RITIRATI: al 1 giro KOBAYASHI (GIA/Sauber-Ferrari) incidente; al 3 GLOCK (GER/Virgin-Cosworth) incidente; al 13 MALDONADO (VEN-Williams-Cosworth) cambio; al 25 BUEMI (SVI/Toro Rosso-Ferrari) motore); al 33 MASSA (BRA-Ferrari) sospensione. DISTANZA: 60 giri per 307,249 km GIRO PI VELOCE: il 60 di Vettel in 127"249 (media 211,463 km/h) LEADER DELLA CORSA: dal via al traguardo Vettel DRIVE THROUGH: a Massa per aver causato lincidente con Hamilton

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

37

ADDIO SIC LA PROPOSTA

Ricordate il mio Marco con un minuto di casino


Pap Simoncelli: A Valencia, piuttosto che un minuto di silenzio vorrei tutte le moto accese insieme. Il team Gresini forse corre
FILIPPO FALSAPERLA

HANNO DETTO

d
S

A FIRENZE

Fisichella show con ben 10 mila appassionati

Lomaggio Il raccoglimento della F.1 prima del via in India


(m.d.i.) Prima del via i piloti di F.1 si sono riuniti sul traguardo insieme a Bernie Ecclestone e al presidente della Fia Jean Todt per ricordare con un minuto di silenzio Marco Simoncelli e Dan Wheldon. Va ricordato che diversi piloti (tra i quali Alonso, Massa e Trulli) hanno corso con il 58 sul casco, mentre Button, che aveva corso con Wheldon, aveva il lutto al braccio.

I riflettori a Coriano si sono spenti, ma labbraccio della gente resta sempre caldissimo intorno a Marco Simoncelli, tragicamente scomparso a Sepang, in Malesia, domenica scorsa, e alla sua spettacolare famiglia. Ieri, controcorrente, come era il suo ragazzo, pap Paolo Simoncelli ha spiegato alla trasmissione Domenica Cinque come gli piacerebbe che gli altri piloti ricordassero lavversario-amico.
Unit Nella gara di Valencia

Vettel Abbiamo perso due grandi campioni e abbiamo trascorso settimane molto, molto difficili. Il nostro pensiero va alle loro famiglie

S
anche fuori dai confini italiani arriva dalla pista di Brno, dove ieri si sono dati appuntamento 1500 motociclisti, in sella a 800 moto provenienti, oltre che dalla Repubblica Ceca, da Ungheria e Slovacchia.
Raccoglimento E, come avevano fatto intuire i tanti messaggi su Twitter dopo lincidente dai piloti della F.1, ieri in India anche le 4 ruote hanno reso omaggio a Simoncelli. stato un momento di intensa commozione. Semplice, sentito, per Marco e per Dan Wheldon, il pilota inglese scomparso la settimana precedente a Las Vegas, nellultima gara di IndyCar. Poco prima del via tutti

Cerano ben 10 mila persone ieri al Parco delle Cascine di Firenze per assistere allesibizione di Giancarlo Fisichella che ha guidato la F10 del 2010 e la F60 del 2009. Lo show servito a lanciare anche le Finali Ferrari del Challenge che si terranno domenica al Mugello. A questo proposito gioved in edicola con la Gazzetta dello Sport troverete uno speciale di 16 pagine dedicato allevento.

(dove domenica si chiude il Motomondiale, n.d.r.), vorrei che invece di osservare un minuto di silenzio in onore di Marco, venisse fatto un minuto di casino con tutte le moto della MotoGP, della Moto2 e della 125 accese che rombano insieme. Una buona idea, sicuramente piacerebbe a Marco... E sulla possibilit di intitolare la pista di Misano al figlio, ha aggiunto: Sarebbe meraviglioso e se lo facessero io sarei disposto a fare un museo con le tute di Marco e le sue cose, perch i tifosi

possano rendergli omaggio.


Ripensamento Intanto sembra

probabile un passo indietro di Fausto Gresini sulla volont di non correre con il suo team a Valencia. Tutto il materiale gi in viaggio per la Spagna e allultimo minuto verr presa la decisione finale, sia per la MotoGP, sia per la Moto2.
Raduno La dimensio-

i piloti e i responsabili dei team si sono raccolti in circolo davanti alla Safety Car. Con loro Bernie Ecclestone e il presidente Fia, Jean Todt. Un minuto di silenzio assoluto, al quale il pubblico indiano ha partecipato con molto rispetto.
Dediche Il vincitore Vettel li ha

Alonso Tutti noi abbiamo corso per loro due. Ora dobbiamo andare avanti. Ma ricorderemo per sempre queste due fantastiche persone

Taccuino
GIRO DITALIA

Pitorri (Porsche) 1o
Maurizio Pitorri, Andrea Ga gliardini e Mara Bernardini (Por sche) hanno vinto il Giro dItalia: han no preceduto di 1 23"726 Forato, Bianco e Gasparotto (Lamborghini); 5o Arturo Merzario (Abarth 500).

ne della popolarit di Simoncelli e della commozione che ha provocato

anche ricordati a fine gara: Abbiamo perso due grandi campioni,. Il nostro pensiero va alle loro famiglie. E Alonso: Abbiamo corso per loro. Ora dobbiamo andare avanti. Ma ricorderemo sempre queste due fantastiche persone. (ha collaborato Marco DeglInnocenti)
RIPRODUZIONE RISERVATA

INTERNATIONAL GT OPEN

Montermini ritirato
Sfuma il titolo Gt Open per An drea Montermini: la sua Ferrari 458 si ritirata nellultima gara a Mont mel (Spagna). La serie stata vin ta da Soheil Ayari (Ferrari 458).

38

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

39

www.yamatovideo.com

40

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

41

CICLISMO IL GRANDE VELOCISTA GIUDICA GLI SPRINTER EMERGENTI


CLAUDIO GHISALBERTI

Una foto che arriva dal Giappone: Mario Cipollini in pista con a ruota Andrea Guardini ed Elia Viviani. Un salto sulla sedia, poi uno sguardo pi attento e capisci che i tre non stanno scherzando. Ma che succede, Re Leone s rimesso a correre in gran segreto? A Izu racconta al telefono hanno inaugurato un centro dedicato alla pista: 2 impianti coperti e 3 scoperti. Io e Koichi Nakano, che laggi un dio (il giapponese ha vinto 10 maglie iridate di fila nella velocit tra il 77 e l86, ndr), eravamo gli ospiti donore. Due squadre, la mia, di europei, contro la sua. In un primo momento non dovevo correre ma ho girato un po anche per provare la mia nuova bici (si chiama Speed, ndr). I giapponesi hanno visto che ho ancora una buona gamba cos hanno organizzato anche una sfida sulla velocit olimpica contro di loro.
Com andata?

Cipollini torna in pista Questi giovani volano


In Giappone per una prova spettacolo con Guardini e Viviani Andrea pu aspirare alla Sanremo, Elia a ogni gara di un giorno

stione vedere ora lei lanciare Elia.

Ho fatto un po lo zio... E stata una bella esperienza.


E Guardini-Viviani sarebbero una bella coppia in pista?

Bella? Bellissima. Una coppia speciale perch i due sono complementari. Una coppia che potrebbe valere quanto Wiggins-Cavendish.
In Italia tra i velocisti rampanti c anche Sacha Modolo.

Lo conosco meno bene di questi due, ma non si vincono 10 corse in un anno se non si hanno doti. Ora ci sono importanti aspettative che star a lui confermare.
Le viene in mente qualche altro nome?

Abbiamo vinto noi con 49"100. Io ho fatto il primo giro, il secondo Guardini e il terzo Viviani.
Kermesse a parte, che cosa pensa di Guardini?

Due: Gatto e Oss. Oscar arriva da una stagione importante e deve fare un ulteriore e significativo passo avanti. Deve dare un 10-15% in pi. Daniel, invece, pu diventare un ultimo uomo straordinario con licenza di colpire. Come ultimo uomo pu prendersi soddisfazioni personali ed economiche. Come velocista di punta potrebbe andare incontro a delusioni perch Cavendish e Viviani, tanto per fare due esempi, sono unaltra cosa.
Avevamo un velocista che veniva indicato come il nuovo Cipollini, invece s smarrito: Jacopo Guarnieri. Che cosa dovrebbe fare per ritrovarsi?

Andrea ha dimostrato al suo primo anno da pro di che pasta fatto. Ora ha bisogno di un inverno tranquillo per capire quello che dovr fare in futuro. Credo che debba trasformare il proprio fisico, incrementare in modo considerevole la sua resistenza e migliorare molto in salita. Anche a costo di perdere qualcosa del suo enorme spunto veloce.
Non una strada semplice.

Mario Cipollini, 44 anni, lancia i ventiduenni Andrea Guardini ed Elia Viviani nella vittoriosa gara di velocit olimpica sulla pista di Izu SUNADA

diventare un campione, altrimenti i suoi obiettivi sono limitati. Ha let dalla sua parte.
Pu puntare a corse tipo Milano-Sanremo?

Lei ha chiuso il rapporto con la Katusha ed fornitore delle bici della Farnese. E previsto un suo impegno al fianco di Guardini?

No, ma sarebbe piacevole.


Nel terzetto cera anche Viviani. Che cosa pensa di lui?

No, ma la deve fare se vuole

Glielo auguro. Se la Sanremo lhanno vinta Cavendish e Goss, pu puntarci anche Guardini. Ma deve fare quel lavoro che dicevo.

di miglioramento incredibili. Ha soli 22 anni ma molto maturo, in bici bello, lineare, elegante. Un corridore vero sul quale scommettere. Credo che lui possa vincere qualsiasi corsa di un giorno.
Il manager di Viviani Giovanni Lombardi, il suo ultimo uomo. E stata una bella sugge-

Ero ospite con Nakano: ci ha sfidato con la sua squadra, ma abbiamo vinto noi
MARIO CIPOLLINI IRIDATO A ZOLDER 2002

Elia un mondo completamente diverso. Ha dei margini

Vero, era passato con tante attese. Ora deve ritrovare gli stimoli giusti. Ogni atleta conosce se stesso quindi lui che deve capire dove e che cosa ha sbagliato. Si deve mettere sotto perch la risalita non mai facile. Non so se lAstana lambiente ideale. S, poi i Cipollini mica nascono cos spesso.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MERCATO VERSO LACCORDO CON MASCIARELLI

Taccuino
AVEVA 89 ANNI

Di Luca vicino allAcqua&Sapone


Labruzzese lascia la Katusha per ritrovare le radici Nel team russo in arrivo Menchov
(c.ghis.) Novembre per i corridori il mese delle vacanze. Ivan Basso, per esempio, parte domani per una settimana a Gran Canaria, mentre nei prossimi giorni toccher a Damiano Cunego, destinazione Zanzibar o Seychelles. Nel frattempo continua il mercato per completare gli organici delle squadre 2012. Francesco Ginanni e Francesco Reda hanno firmato con lAcqua&Sapone. Il primo, reduce da una stagione sottotono, arriva dallAndroni; il secondo dalla Quick Step. Ma il colpo grosso che sta cercando di piazzare la coppia Masciarelli-De Paolis si chiama Danilo Di Luca. Mancano ancora i dettagli, ma oggi potrebbe esserci lincontro decisivo. Labruzzese re del Giro 2007 cercherebbe cos il rilancio nella sua terra dopo il deludente 2011 con i russi della Katusha.
Menchov A proposito di trattati-

morto Salimbeni Aiut Bartali e Magni


morto ieri a 89 anni Virgilio Salimbeni, milanese, pro dal 1948 al 1955. Passista, apprezzato gre gario alla Legnano (con Bartali), poi alla Ganna e alla Nivea Fuchs (con Magni), vinse 11 corse, tra cui la Bernocchi 48, oltre a Emilia e La zio nel 50, anno in cui disput i Mondiali sia su pista sia su strada. Oggi alle 16 il funerale nella Parroc chia di Seveso (Monza Brianza).

ELITE-UNDER23

Coppa dInverno Lultima di Pettiti


(m.gaz.) Il 21enne piemonte se Alessandro Pettiti (Brunero) ha vinto a Biassono (Monza Brianza) la 90 Coppa dInverno, gara che ha chiuso la stagione elite e under 23, battendo in volata i compagni di fuga Monguzzi, Rosa e Trombin.

Danilo Di Luca, 35 anni BETTINI

CROSS A ISOLACCIA

ve e di Katusha, fuori il general manager Andrei Tchmil, dallex Geox potrebbe arrivare Denis Menchov. In passato tra i due sono state sciabolate. Ora che il dirigente stato promosso dal presidente Igor Makarov allorganizzazione di eventi, il matrimonio potrebbe realizzarsi. In trattativa con Menchov

cera anche lAstana, ma il team kazako diretto da Martinelli s bloccato davanti alla richiesta economica del russo: 1,8 milioni annui. Intanto alla Katusha gi arrivato lo sloveno Simon Spilak, dalla Lampre. Dallex Geox esce anche il colombiano Fabio Duarte, iridato under 23 a Varese 2008, per approdare nella Colombia-Coldeportes di Claudio Corti. Non c accordo per ora, tra Fabio Felline e la Farnese: anche qui le richieste economiche del corridore hanno bloccato la trattativa. Angelo Furlan ha rinnovato per due anni con la Cristina Watches. Infine Cristian Cominelli lascer la Tx Active-Bianchi per il nuovo team di Davide Boifava, dove oltre a cross e mtb si dedicher anche alla strada.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Giro dItalia Domina Franzoi


(m.gaz.) Successo di Enrico Franzoi a Isolaccia Valdidentro (Sondrio) nella 3 tappa del Giro dItalia di cross, ultimo test in vista degli Europei di domenica a Lucca. Il trevigiano della Selle Italia Guer ciotti, sempre pi leader nella clas sifica del circuito, ha inflitto 31" a Bianco e 32" a Cominelli; 4 assolu to e 1 under 23 Elia Silvestri. Nella gara femminile vittoria della tricolo re Vania Rossi (Esercito) su Cucci niello e Vecchio (prima Under 23).

SUPERPRESTIGE DI CROSS

Vince Albert
(m.gaz.) A Zonhoven (Bel gio), nella 2 prova del Superpresti ge di cross, il belga Niels Albert ha battuto i connazionali Nys e Pau wels e il ceco iridato Stybar.

www.historicbrand.com - T. +39 030 9932872

AT M O S P H E R I C

PA R K A

42
#

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

BASKET SERIE A, QUARTA GIORNATA


lAnalisi
di LUCA CHIABOTTI

Sei in testa Il meglio non sono le big


Sei squadre in testa, una sola prima su tutte perch imbattuta, Caserta, in un gruppone dove c anche Varese. Aggiungiamoci Pesaro, che ha gi sconfitto Milano e Cant, in trasferta, e si candida, con Avellino di Vitucci, sempre scintillante in attacco, ma anche prima nei recuperi e col miglior rimbalzista del campionato, a restare con le favorite. Che non convincono, anche se Milano ha portato a casa il primo successo in trasferta a Sassari. Siena, verificato lerrore Summers, oggi con una guardia di troppo e unala in meno, vive una transizione complicata e, dopo aver perso con Caserta, era sotto al 37 a Biella, salvata poi da McCalebb. Cant ha mostrato una preoccupante mancanza di personalit nei momenti in cui deve vincere. Non la prima volta questanno (vedi supercoppa). E il momento di approfittarne, soprattutto Siena, sistemata la squadra, ripartir a mille. Intanto, per, il match clou di domenica prossima Varese-Caserta. Una rester prima: lavreste mai pronosticato?

Troppa Milano Sassari non dura neanche un quarto


La Dinamo, senza Travis Diener, fa 2/16 al tiro nei primi 10. Si fa male Fotsis (caviglia)
SASSARI MILANO
(6-21, 25-45; 41-62)
BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Pinton (0/1, 0/2), D.Diener 15 (5/14, 1/2), Hosley 20 (5/13, 3/8), Plisnic 7 (2/8, 1/4), Benson 2 (1/2); Spissu, Metreveli 6 (3/6), Devecchi (0/2, 0/1), B.Sacchetti 10 (2/4, 2/2). N.e.: Vanuzzo. All.: R.Sacchetti. EA7 MILANO: Cook 8 (1/1, 2/2), Nicholas (0/2, 0/1), Mancinelli 12 (3/5, 2/2), Melli 12 (6/7), Bourousis 14 (5/6, 0/3); Giachetti 2 (1/1, 0/1), Hairston 17 (5/5, 2/3), Gallinari 7 (1/5, 1/2), Fotsis 2 (0/1), Rocca 8 (4/4), Filloy 1 (0/1 da 3), Radosevic 5 (2/3). All.: Scariolo. ARBITRI: Lamonica, Lanzarini, Weidmann. NOTE - T.l.: Sas 3/5, Mil 11/16. Rimb.: Sas 28 (Hosley 7), Mil 39 (Gallinari e Melli 8). Ass.: Sas 14 (Hosley 4), Mil 23 (Cook 5). Progr.: 5 0-8, 15 14-31, 25 32-55, 35 56-74. Nessun usc. 5f. Infortunio: Fotsis 1115" (9-23), non pi rientrato. Spett.: 4326.

Alla fine del primo quarto, quel che resta di Sassari ha uno sconfortante 2 su 16 al tiro e 8 palle perse. E finita gi l dice Meo Sacchetti con Travis avremmo avuto un approccio diverso. Il g.m. Pasquini ha ufficializzato larrivo di Steven Hunter mercoled o gioved al posto di Benson.
Differenze Quinton Hosley, per quanto intraprendente, parte con 0 su 5 al tiro, e far il fenomeno a partita finita. Vanja Plisnic si mimetizza in attacco e in difesa. Cook si mangia Mauro Pinton, appena rientrato da un infortunio, che perde due palloni di fila, 4 nei primi 20. Si salva Brian Sacchetti. Impossibile stare anche solo vicino a Milano in condizioni simili. Lallungo dellOlimpia costante, inevitabile. La differenza di livello tale per cui Danilo Gallinari entra dopo 7 minuti, quando pap Sacchetti ha gi provato 8 dei suoi giocatori. Qualcuno dal pubblico urla Metti Spissu, il 16enne play, 1.75, che esordir a 4 minuti dalla fine. Pi 10, pi 15, pi 20 al 16 con una tripla di Gallinari. Gi nel primo quarto il Gallo ha incrociato il cugino Jack Devecchi che, per poco, non gli porta via un pallone a met campo. Malik Hairston non sbaglia nulla. Di negativo per Milano c solo un infortunio a una caviglia per Antonis Fotsis, che cade male in difesa a inizio secondo quarto. in dubbio per gioved in Eurolega, dice Scariolo. Sono in arrivo i turchi dellAnadolu Efes che, come lOlimpia, ieri hanno vinto facilmente in trasferta: 88-67 allOlin Edirne con 22 punti di Kuqo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

60 88

DAL NOSTRO INVIATO

PAOLO BARTEZZAGHI SASSARI

Senza linfortunato Travis Diener e con Kito Benson presente ma non proprio, a Sassari resta pochissimo. Soprattutto di fronte a una squadra lunga, larga, grossa come Milano. Rimane solo il pallido ricordo di quel precedente suggestivo: gara-1 dei quarti dello scorso maggio quando, proprio senza il suo play, la Dinamo vinse a Milano. Altri tempi, altre squadre.
Peso La differenza di peso sot-

ve riuscite di Drake Diener. Intanto Milano ne ha segnati 12 solo con i lunghi, 8 di Bourousis e 4 di Niccol Melli, anchegli con due schiacciate, una in contropiede dopo un recupero e una in penetrazione. Niccol si allenato bene dice Sergio Scariolo e si meritato di giocare. Altre volte non stato cos.

clic
PER LA DINAMO LOLIMPIA IN CASA VUOL DIRE SCONFITTA
Milano e Sassari si sono affrontate 11 volte, con 1 solo successo dei sardi, per sempre sconfitti nelle 6 gare giocate in casa, con uno scarto minimo di 12 punti nei playoff 2011.

to canestro incide immediatamente su una partita che nasce a fatica e muore in fretta. Sassari non segna mai e in difesa non tiene Ioannis Bourousis che schiaccia al volo due volte servito da Omar Cook. I primi faticosissimi punti della Dinamo arrivano dopo oltre 6 minuti, con una delle poche iniziati-

TRIPLA DECISIVA VIRTUS +18 al 33, TABU LA SORPASSA A -13"

TRE VITTORIE SU TRE DECIDE LASSE FLETCHER-COLLINS

McIntyre si sveglia per battere Cremona


BOLOGNA CREMONA 80 78
(19-15, 41-30; 61-48) CANADIAN SOLAR BOLOGNA: McIntyre 5 (1/4, 1/3), Koponen 18 (3/6, 3/3), Douglas Roberts 15 (6/11, 0/4), Sanikidze 11 (3/4, 1/2), Homan 18 (8/16); Poeta 2 (1/4, 0/1), Gailius 4 (0/1, 1/2), Gigli 7 (2/3, 1/1), Martinoni (0/1 da 3). N.e.: Quaglia, Canelo, Fantinelli. All.: Finelli. VANOLI BRAGA CREMONA: Tabu 10 (2/5, 2/7), Wafer 31 (6/8, 2/9), Thomas (0/1), Milic 13 (6/12), Perkovic 9 (0/5, 3/5); Cinciarini 7 (2/5, 0/1), DErcole 6 (0/1, 2/3), Kuzminskas 2 (1/2), Antonelli (0/2). N.e.: Mazic, Lottici, Belloni. All.: Mahoric. ARBITRI: Tola, Sardella, Aronne. NOTE - T.l: Bol 11/19, Cre 17/19. Rimb: Bol 44 (Homan 12), Cre 35 (Tabu 7). Ass: Bol 12 (Poeta 5), Cre 6 (Cinciarini 2). Progr.: 5 9-9, 15 31-22, 25 49-39, 35 70-60. Usc. 5f: D.Roberts 3849" (73-73). F.tecn.: Homan 2244" (43-32), Douglas Roberts 3627" (70-60), Kuzminskas 3926" (75-75). F.antisp: Thomas 2639". Spett. 7452.

Terrell McIntyre, 34 anni CIAMILLO

BOLOGNA Dopo avere mandato a referto i tiri del suo gemello brocco, McIntyre decide di mettere la sua firma sulla vittoria in volata di Bologna che prima dilapida un vantaggio di 18 punti (66-48 al 33) poi viene superata dai voli dellottimo Wafer e di Tabu (77-78 a -13") e infine afferra il successo che voleva grazie allunico trepunti del suo leader designato a -9". Cremona, che taglier Thomas e cerca una guardia, ha lultimo possesso per sorpassare ancora ma Wafer scaglia un missile impreciso mentre coach Mahoric si dimentica di chiamare time-out per organizzare meglio lazione pi importante. Abbiamo commesso due errori fatali: i miei giocatori non hanno pressato McIntyre ed io non ho realizzato che avevo ancora un minuto di sospensione da sfruttare sospira lallenatore sloveno. Bologna controlla e scatta nel secondo quarto coi numeri di Koponen e Homan, i migliori virtussini, comandando a lungo in doppia cifra, anche se il ritmo dei suoi americani molto rallentato con Douglas Roberts che fa e disfa. Cremona al 30 1/13 da tre punti, ma nellultimo quarto col redivivo Perkovic e limmarcabile Wafer (13/13 dalla lunetta) imbuca un 8/12 che Bologna subisce fino al rischio del ko, evitato in extremis da TMc. Sul piano della concentrazione difensiva abbiamo fatto un passo indietro, non siamo riusciti a spendere i falli giusti commenta coach Finelli contento a met. Andrea Tosi

Caserta ferma Casale E lunica imbattuta


CASERTA CASALE MONFERRATO 67 52
(17-16, 39-24; 49-37) PEPSI CASERTA: Rose 7 (3/5), Maresca (0/1, 0/1), Collins 17 (3/4, 2/9), Smith 12 (4/6, 1/3), Fletcher 19 (8/11); Doornekamp 2 (1/3), Stipanovic 4 (2/6), Ciorciari 2 (1/2, 0/1), Righetti 4 (0/2, 0/2). N.e.: Marzaioli, Cefarelli, Di Monaco. All.: Sacripanti. NOVIPI CASALE MONFERRATO: Nnamaka 5 (0/3, 1/4), Pierich 1 (0/2, 0/6), Chiotti 10 (3/5), Temple 12 (3/8, 0/5), Janning 13 (3/5, 2/3); Gentile (0/1), Dunigan 4 (2/5); Malaventura 7 (2/3, 1/3). N.e.: Strotz e Berti. All.: Crespi. ARBITRI: Taurino, Filippini e Provini. NOTE - T.l.: Cas 14/22, Mon 14/21. Rimbalzi: Cas 41 (Smith 11), Mon 31 (Pierich 8). Assist: Cas 14 (Collins 6), Mon 3 (tre con uno). Progressione: 5 8-8, 15 28-19, 25 48-28, 35 56-44. Usciti 5 falli: Dunigan 3156" (49-39), Fletcher 3809" (65-50). Fallo antisportivo: Chiotti 2402" (43-28). Spettattori 4103, per 27.519 euro.

Kevin Fletcher, 30 anni CIAMILLO

CASERTA Terza vittoria consecutiva per la Pepsi che non partiva cos bene da anni. Battuta, non senza soffrire, la Novipi Casale diretta avversaria per la corsa alla permanenza in serie A. Casale parte forte, vuole mettere paura alla Pepsi che spreca palloni in serie: 2-8 con Chiotti al 4. Il tempo di riordinare le idee e con un parziale di 9-0, la Pepsi si porta sull11-8 al 6 sfruttando i suoi lunghi. Da quel momento il match non ha pi storia, le difese della Novi, a zona oppure a uomo, cercano di arginare la manovra dei casertani che cominciano a macinare gioco, sfruttando la presenza di un lungo in pi, Aaron Doornekamp. Con 15 punti (39-24) di vantaggio al riposo il match cala di tono, la Pepsi sul 49-28 al 25 con Fletcher, rallenta, gli avversari riprendono a giocare e con un parziale di 13-0 con le triple di Nnamaka, Jennings e Malaventura si portano su 49-41 al 33 con Janning. La Pepsi accusa il colpo e con lasse Collins-Fletcher (13 punti nei secondi quarti), recupera e riprende in mano il match. Sono contento, temevo il match e la troppa euforida del dopo Siena dice Sacripanti. Crespi replica: Siamo partiti bene, ma non abbiamo avuto la pazienza di continuare, poi abbiamo ripreso il match nel terzo quarto. Unico neo per i campani, linfortunio di Rose, uscito con una caviglia malconcia al 35. Lucio Bernardo

A BIELLA NOVE PUNTI IN FILA DEL PLAY NEL FINALE FERMANO LANGELICO

A-1 DONNE

Il solito McCalebb salva Siena


GABRIELE PINNA BIELLA

BIELLA SIENA
(17-22, 32-39; 52-52)

67 70

Terza giornata Umbertide resta sola al comando


S.S.Giovanni Priolo 95 64; Parma Alcamo 81 58; Comense Cagliari 62 64 dts; Schio Faenza 74 35; Lucca Taranto 66 58; Umbertide Pozzuoli 62 59. Classifica: Umbertide 6; Comense, Faenza, Taranto, Lucca, Parma, Schio 4; Cagliari, Pozzuoli, S.S.Giovanni 2; Priolo, Alcamo 0. EUROAVVERSARIE In Turchia, lEfes (Milano) ha sconfitto lOlin Edirne 88 67, il Galatasaray (Siena) ha piegato il Banvit 84 73 (Shipp 22). In Spagna, Bilbao (Cant) ha superato il Murcia 95 80 (Jackson 18).

Cera attesa per vedere l'incrocio sul parquet tra McCalebb e baby Pullen, finora piacevole ed ennesima sorpresa del repertorio di rookie Angelico. Alla fine a salvare nel rush finale Siena stato proprio il suo play da Eurolega che in un minuto ha ribaltato una situazione quasi compromessa, in una vittoria, segnando tre canestri consecutivi dal 59-54 per Biella fino al 59-63, per poi concedere a Zizis e Stonerook i canestri della staffa. Il giovane Pullen ha bucato la sua prima par-

tita contro il migliore, ma fino alla soglia del colpaccio lAngelico cera arrivata con un immenso King Coleman, che ha dimostrato di avere ambizioni di carriera europea da non sottovalutare, e con una prova corale difensiva che conferma la bont del collettivo biellese, capace di impegnare fino allultima azione Siena, molto vicina a un altro passo falso.
Triple E' Dragicevic a scompagi-

ta lAngelico. Siena per in attacco ha idee chiarissime e il 12-0 che arriva in un amen rischia di spegnere le gi flebili speranze rossoblu. Coleman e Soragna, invece, trovano le giocate giuste per mantenersi in scia e solo una tripla sulla sirena di Kaukenas amplia il mini divario al 10: 17-22.
Zona Cancellieri prova ad alter-

nare subito il piano difesa senese che lo aveva probabilmente battezzato nel tiro da tre: infila due triple e constringe lMps ad adeguarsi subito. Ovvio che l8-4 di partenza metta in parti-

nare le difese ma ancora Kaukenas punisce la zona. Sul 26-32 un fischio affrettato, sbagliato e pesante sul risultato di Capurro trasforma un fallo in un antisportivo per Chessa: Kaukenas dalla lunetta e Michelori nellazione successiva allungano

per il +10 ospite. Allintervallo l'Angelico ancora in partita, ma con Pullen con 3 falli. Si riparte e Dragicevic ne infila altre due dalla distanza. Poi si scatena Coleman che nessuno riesce a fermare e al 30 la partita tutta da rigiocare da quota 52. Apre Kaukenas, poi Siena non segna pi per quasi sei minuti, nel frattempo Coleman, Pullen e Soragna danno lillusione del trionfo firmando il 59-54. Cancellieri d respiro a Coleman (36 minuti, stremato) per il finale, ma McCalebb non perdona, e quando larma letale di Biella rientra linerzia gi cambiata.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ANGELICO BIELLA: Pullen 12 (2/5, 2/6), Coleman 27 (9/15, 1/5), Soragna 4 (2/4, 0/2), Dragicevic 16 (1/1, 4/10), Miralles 4 (1/4, 0/1); Chessa 2 (1/2, 0/4) Jurak 2, Lombardi, Lagan. N.e.: Minessi, Tavernari, Stassi. All.: Cancellieri. MONTEPASCHI SIENA: McCalebb 19 (6/11, 1/1), Moss 2 (1/2, 0/1), Aradori 6 (3/3), Stonerook 6 (2/4), Andersen 7 (3/7, 0/1), Kaukenas 10 (1/4, 2/3), Ress (0/1, 0/1), Zizis 10 (1/2, 1/2), Carraretto 4 (1/2), Michelori 4 (2/3), Lavrinovic 2 (1/2, 0/1). N.e.: Lechthaler. All.: Pianigiani. ARBITRI: Cicoria, Giansanti, Capurro. NOTE - T.l.: Bie 14/19, Sie 13/19. Rimb.: Bie 30 (Dragicevic 7), Sie 34 (Andersen 7). Assist: Bie 7 (Pullen 4), Sie 13 (McCalebb, Zizis 3). Fallo antisportivo: Chessa. Usciti 5 falli: Jurak, Chessa. Progr.: 5 8-8, 15 24-29, 25 38-43, 35 57-54. Spett. 4189, per 53.244 euro.

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

43

RISULTATI
CANT-PESARO 66-71 BOLOGNA-CREMONA 80-78 CASERTA-CASALE MONFERRATO 67-52 TERAMO-AVELLINO 57-71 ROMA-VARESE dts 74-76 BIELLA-SIENA 67-70 VENEZIA-MONTEGRANARO 72-62 SASSARI-MILANO 60-88 HA RIPOSATO: TREVISO

CLASSIFICA
SQUADRE PT G V CASERTA 6 3 3 AVELLINO 6 4 3 CANT 6 4 3 SIENA 6 4 3 MILANO 6 4 3 VARESE 6 4 3 PESARO 4 3 2 BIELLA 4 4 2 BOLOGNA 4 4 2 ROMA 4 4 2 SASSARI 4 4 2 CREMONA 2 4 1 TREVISO 2 3 1 VENEZIA 2 3 1 MONTEGRANARO 2 4 1 CASALE MONFERRATO 0 4 0 TERAMO 0 4 0 Le prime 8 ai play-off, L ultima in Lega 2 P 0 1 1 1 1 1 1 2 2 2 2 3 2 2 3 4 4

Hurtt da tre Varese passa ma Roma si arrabbia


Virtus k.o. al supplementare per la seconda volta. Lardo: Non ho capito alcuni fischi
MARIO CANFORA ROMA

Justin Hurtt, 23 anni, autore del canestro decisivo al supplementare CIAM

PROSSIMO TURNO
domenica 6/11, ore 18.15) SIENA-ROMA (5/11, 17.50) AVELLINO-SASSARI PESARO-VENEZIA TERAMO-BOLOGNA VARESE-CASERTA CREMONA-BIELLA CASALE MONFERRATO-MILANO TREVISO-CANT (20.30) RIPOSA: MONTEGRANARO

S
Nicol Melli, 20 anni, ala dellEmporio Armani Milano, contro cui la scorsa stagione ha realizzato il suo massimo in serie A, 17 punti con la maglia di Pesaro CIAMILLO

E sono 7. Non c niente da fare, Lardo con Recalcati non riesce a vincere. Un 7-0 che brucia, ancor di pi perch il k.o. contro Varese (priva di Fajardo) non consente a Roma di issarsi nel gruppo di vertice. Non stato un basket per esteti, ma va bene cos, peccato solo per i 35 tiri da 3, abbiamo esagerato, dir il tecnico varesino che ha avuto oltre a un Diawara da 16 punti e 12 rimbalzi, uno Stipcevic (15 e 8 assist) che si messo in tasca Maestranzi e Gordic. Rocco sta andando a scuola, e Rannikko un ottimo maestro, lelogio del Charly. Roma perde la seconda gara dopo un overtime. Stavolta, rispetto a Bologna, tecnicamente ha poco da recriminare. Perch Va-

rese lha messa in difficolt sul pick and roll, ha ingabbiato Datome e giocato meglio soprattutto vicino allanello, dove Dasic e Slokar hanno pagato dazio contro Kangur e Garri. Ma sui fischi, ci sarebbe tanto da dire (nervoso Toti a fine gara, calmato da Recalcati). Un arbitraggio con tanti errori (giornata no per Barni) e col tecnico a Lardo (di Chiari) nel supplementare dopo un fallo evidente non fischiato a Tucker. Alcuni fischi sono semplici da prendere, non capisco, dir Lardo.
Amnesie Dopo liniziale 6-0 con

ROMA VARESE

74 76

d.t.s. (13-11, 33-37; 50-54, 65-65)


ROMA: Maestranzi 11 (1/1, 1/4), Tucker 17 (6/11, 1/6), Datome 10 (4/7, 0/2), Dasic 13 (4/6, 1/3), Slokar 11 (3/4, 1/1); Gordic 7 (0/3, 2/5), Djedovic (0/3, 0/1), Crosariol 5 (2/3), Tonolli. N.e.: Marchetti, Pullazi, Staffieri. All.: Lardo. CIMBERIO VARESE: Rannikko 3 (1/1, 1/4), Hurtt 7 (1/5, 1/5), Diawara 16 (6/9, 1/7), Kangur 15 (3/5, 3/5), Garri 11 (4/6, 1/4); Talts 2 (1/1, 0/1), Ganeto 4 (0/1, 1/5), Stipcevic 15 (3/5, 1/3), Reati 3 (1/1 da 3), Demartini. N.e.: Bertoglio, Zattra. All.: Recalcati. ARBITRI: Chiari, Barni, Vicino. NOTE - T.l.: Rom 19/27, Var 11/16. Rimb.: Rom 41 (Tucker 10), Var 38 (Diawara 10). Ass.: Rom 10 (Maestranzi 3), Var 17 (Stipcevic 8). Progr.: 5' 8-5, 15' 17-28, 25' 41-44, 35' 55-62. F. tecnico: Lardo 4337" (67-67). Usc. 5 f.: Garri 3747" (60-64), Gordic 3838" (61-64), Talts 3849" (61-65), Rannikko 3956" (63-65), Kangur 4456" (73-73). Spettatori 2971.

4 punti di Datome, la Cimberio sfrutta le amnesie difensive di Roma che fatica a produrre gioco: tanti, i giocatori al di sotto dello standard, a partire da Djedovic che chiuder con 0 punti (0/4) in 20. Una tripla di Kangur manda la Cimberio sul

+11 al 15 (17-28), massimo vantaggio. Lardo si arrabbia, chiama due timeout in 1 per scuotere la squadra. La ramanzina ha effetto: Roma rientra con una tripla di Maestranzi e va al riposo sul -4 (33-37). Nella 3a frazione, Roma recupera ma sempre in affanno. Garri al 35 piazza la tripla del +7 (55-62), Gordic a -315" mette quella del -2 (60-62) ma sbaglia quella del pareggio a -130" (61-64). Rannikko fa 1/2 dalla lunetta, idem Slokar. Tra un errore e laltro si va su e gi a tirare liberi: a -4" Tucker fa 2/2: 65-65, overtime. Dove Varese a -15" realizza con Hurtt (anonimo sin l con 0/4 dai 6,75) la tripla del 73-75, quella della vittoria. Pu bastare, perch Slokar dalla lunetta a 4" dalla sirena piazza due mattoni (il secondo volontario): finisce 74-76.
RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTRO MONTEGRANARO GRANDE PROVA DI SZEWCZYK

TRE SU 4 IRPINI NEL GRUPPO DI TESTA


1994) e lascia Teramo e Casale sul fondo della classifica. Mi seccava essere ancora senza vittorie ammette Mazzon sono felice che abbiamo regalato questa gioia ai nostri straordinari tifosi. Molti di loro non erano ancora nati il giorno dellultimo successo. E solo il primo mattoncino, ma importantissimo. Devastante lavvio di Szweczyk, immarcabile in attacco, uomo faro dellUmana che chiude con un margine di 40-3 di valutazione il 1o quarto, Fabi in lista dattesa, poche idee (10-4 al 4, 18-6 al 7) con il polacco gi in doppia cifra (11 punti in 8) quando Mazzon lo richiama in panchina. Sapevamo che era una partita difficile spiega Drucker ma ugualmente non siamo partiti bene, soffrendo Szewczyk, poi ci siamo ripresi. Adesso abbiamo 2 settimane per lavorare e prendere decisioni con la societ sul roster. Drucker pesca Karl e Nicevic in panchina per scuotere la sua squadra, che risale, approfittando anche degli errori granata dalla lunetta (4/10) nel 2o quarto. Montegranaro esce alla distanza coi muscoli di Brunner e i rimbalzi offensivi di Ivanov e McNeal (38-32). Montegranaro risale, torna in partita (42-41), Clark rilancia Venezia (48-41). LUmana riscappa (56-47) con le triple di Rosselli ma c lottima la risposta degli italiani di Mazzon. La Fabi in avvio di ultimo quarto torna sotto (59-56), ma Clark e Bowers scavano un altro solco (68-56), Per Montegranaro la resa. Michele Contessa

Dopo 17 anni Venezia torna a vincere in A


VENEZIA MONTEGRANARO 72 62
(25-12, 38-32; 56-48) UMANA VENEZIA: Clark 9 (0/5, 1/4), Slay 11 (3/3, 1/2), Szewczyk 22 (5/10, 4/6), Young 5 (2/4, 0/3), Fantoni 9 (3/4); Allegretti, Causin, Meini (0/1 da 3), Bowers 8 (3/7, 0/2), Rosselli 6 (2/2 da 3), Bryan 2 (1/2). All.: Mazzon. FABI MONTEGRANARO: Antonutti 5 (1/2, 1/3), Di Bella 8 (1/7, 0/3), McNeal 5 (1/7, 1/5), Brunner 12 (5/6, 0/1), Ivanov 8 (4/8, 0/1); Karl 4 (1/3, 1/1), Nicevic 4 (2/2), Zoroski 14 (2/6, 2/5), Mazzola 2 (1/3). N.e.: Perini, Piunti. All.: Drucker. ARBITRI: Facchini, Begnis e Biggi. NOTE - T.l.: Ven 14/23, Mon 14/16. Rimb.: Ven 38 (Szweczyk 11), Mon 33 (Ivanov 8). Ass.: Ven 17 (Clark 5), Mon 13 (Brunner 5). Progr.: 5 12-4, 15 31-20, 25 45-41, 35 64-56. F.tecn.: Ivanov 2024" (38-32), panchina Umana 2233" (42-34), panchina 2557" (47-41). Spett. 4000. VILLORBA (Tv) La Reyer torna a vincere in serie A dopo 17 anni, 6 mesi e 28 giorni (Venezia-Pesaro 93-92, 2 aprile

Break di Avellino Teramo rimane a zero


TERAMO AVELLINO 57 71
(18-18; 33-35; 45-48) BANCA TERCAS TERAMO: D.Brown 7 (1/3, 1/7), Wannamaker 5 (1/2, 0/1), B.Brown 10 (5/9, 0/2), Borisov 6 (3/5, 0/4), Amoroso 11 (2/5, 2/5); Fultz 2 (0/3, 0/4), Green 2 (1/2), Polonara 7 (2/3, 1/2), Cerella 7 (3/3, 0/2). N.e.: Lulli, Ricci. All. Ramagli. SIDIGAS AVELLINO: Green 15 (1/3, 3/11), Dean (0/7, 0/2), Johnson 13 (6/10), Golemac 9 (3/5, 0/1), Gaddefors 3 (0/1, 1/1); Slay 15 (5/7, 1/1), Lauwers 3 (0/1, 1/1), Spinelli 11 (4/5, 1/1). N.e.: Ferrara, Soloperto, Alborea, Izzo. All.Vitucci. ARBITRI: Pozzana, Duranti, Terreni. NOTE - T.l. Ter 9/15, Ave 10/11. Rimb.: Ter 38 (B.Brown 12), Ave 45 (Johnson 15). Ass.: Ter 9 (D. Brown 3), Ave 12 (Spinelli 5). Progr.: 5 9-7, 15 28-27, 25 35-41, 35 51-60. Spet.: 2871. TERAMO La Sidigas Avellino vince a Tera-

Szymon Szewczyk, 28 anni CIAM

Ron Slay, 30 anni CIAMILLO

mo e legittima con un risultato esterno quanto di molto buono fatto finora. Siamo molto soddisfatti conferma coach Vitucci, perch abbiamo vinto la partita grazie ad una buona solidit difensiva, su un campo difficile, contro unavversaria della nostra fascia. La Tercas anche prova a fare una partita difensiva, costringe Avellino a soli 71 punti contro gli 85 abituali, ma si deve arrendere davanti alla sua scarsa qualit offensiva. La partita non decolla da subito. Le mani sono fredde e si procede a piccoli strappi. Teramo ci prova soprattutto con Amoroso (11 punti dopo 11), mentre Avellino si affida a pi giocatori. Spinelli, Slay e Lawers, pur partendo dalla panchina danno un buon contributo e i biancoverdi arrivano davanti allintervallo 33-35, pur con Dean e Green in difficolt. Dopo la pausa si prosegue sulla falsa riga dei primi due quarti: percentuali orribili e tante palle perse. Soltanto per allinizio dellultimo periodo la Sidigas trova lo spunto vincente: un parziale di 15-6 per gli irpini costruito da Green, Spinelli e Slay che trovano il canestro con continuit, Si passa dal 45-48 al 51-63 del 37'. Teramo ci prova, ma la nostra qualit offensiva in questo momento assolutamente deficitaria ammette coach Ramagli. La tripla di Green del 51-63 introduce il garbage time, Teramo non ne ha pi, Cerella trova gli ultimi sprazzi ma Avellino oggi superiore e vince con merito. Mal Pomilio

LEGADUE QUINTA GIORNATA: PISTOIA AGGANCIA LA VETTA CON 44 PUNTI DI HARDY


BRINDISI BARCELLONA 65 64 PIACENZA SCAFATI 80 75 FORL BOLOGNA 72 70 IMOLA OSTUNI 69 70 SANT ANTIMO PISTOIA 92 100

CLASSIFICA
SQUADRE REGGIO EMILIA BRESCIA PISTOIA BRINDISI PIACENZA SCAFATI BOLOGNA FORL JESI BARCELLONA IMOLA OSTUNI VEROLI VERONA SANTANTIMO PT 8 8 8 6 6 6 4 4 4 4 4 4 2 2 0 G 4 5 5 5 5 5 4 4 4 5 5 5 5 5 4 V 4 4 4 3 3 3 2 2 2 2 2 2 1 1 0 P 0 1 1 2 2 2 2 2 2 3 3 3 4 4 4

DNA IMBATTUTE

(20-19, 35-33; 48-47) ENEL BRINDISI: Renfroe 9 (3/6, 0/1), Hunter 27 (6/9, 3/5), Ndoja 5 (1/3, 1/3), Callahan 4 (2/5, 0/2), Borovnjak 11 (3/5); Formenti 8 (1/2, 1/7), Simoncelli (0/1 da 3), Zerini 1. N,e.: Maestrello, Poletti, Leggio, Vorzillo. All. Bucchi. SIGMA BARCELLONA: Green 6 (0/4, 0/4), Lukauskis 14 (4/4, 2/6), Hicks 13 (2/6, 2/3), Da Ros 6 (3/4, 0/1), Martin 6 (3/5, 0/1); Piazza 4 (2/5, 0/1), Bucci 9 (1/3, 1/3), Mocavero 2 (1/1), Dordei 4 (2/3). N.e.: Bonessio. All. Pancotto. ARBITRI: Ursi, Ciano, Paronelli. NOTE - T.l.: Ene 18/25, Sig 13/18; Rimb.: Ene 37 (Callahan 8), Sig 26 (Lukauskis, Green 4); Ass.: Ene 7 (Hunter, Borovnjak, Renfroe 2), Sig 6 (Green, Dordei 2). Usc. 5 f.: Callahan 3313" (51-51). Spett.: 3500. (f.d.s.)

(13-28, 38-40; 58-58) MORPHO PIACENZA: Infante 2 (1/3, 0/2), Harrison 7 (2/4, 0/2), Passera 4 (2/8, 0/1), Voskuil 20 (2/6, 3/7), Anderson 24 (7/14, 0/2); Casella 9 (1/2, 2/6), Perego 2 (1/1), Scarone 5 (1/2, 0/1), Amoroso 7 (3/5). All.: Corbani. GIVOVA SCAFATI: Levin 7 (2/5, 1/1), Radulovic 7 (3/6, 0/6), Thomas 7 (2/7), Ghiacci 8 (4/5, 0/2), Marigney 27 (8/14, 1/6); Casini 4 (2/3, 0/3), Gueye (0/1), Rosignoli 5 (1/1), Sorrentino 10 (3/5, 1/5). All.: Griccioli. ARBITRI: Pasetto, Di Modica, Bertelli. NOTE - T.l.: Pia 25/32, Sca 16/22. Rimb.: Pia 24 (Anderson 11), Sca 28 (Thomas 12). Ass.: Pia 7 (Passera 2), Sca 6 (Levin 2). Progr.: 5 5-11, 15 26-36, 25 52-46, 35 68-65. Usc. 5f.: Ghiacci 3712 (78-75), Harrison 3745 (79-75). Spett. 2900. (m.mar)

(22-18, 45-38; 60-53) MARCOPOLOSHOP.IT FORLI: Nardi 16 (3/8, 3/7), Freeman 13 (2/6, 2/8), Huff 6 (2/9, 0/1), Campani (0/3, 0/2), Easley 22 (9/11); Borsato 3 (0/5, 1/5), Colosio, Natali 7 (3/3), Casoli 5 (2/4, 0/1). N.e.: Bianchi, Basile. All.: Vucinic. CONAD BOLOGNA: Kelley 18 (5/9, 2/6), Blizzard 13 (2/5, 2/7), Vrkic 3 (1/1, 0/3), Baldassarre 8 (2/4, 1/2), Dimsa 3 (1/2); Chiarini, Pecile 8 (0/1, 0/6), Filippini, Cutolo 5 (1/2, 1/1), Canavesi 12 (3/4, 1/3). All.: Markovski. ARBITRI: Martolini, Mazzoni e Pecorella. NOTE - T.l.: For 12/22, Bol 19/26. Rimb.: For 49 (Huff 14), Bol 36 (Baldassarre 9). Ass.: For 12 (Nardi 6), Bol 10 (Blizzard 3). Progr.: 5 9-9, 15 34-25, 25 55-45, 35 69-67. Usc. 5f.: Baldassarre 3902" (71-70), Canavesi 3954" (72- 70). Spett. 3400. (e.p.)

(23-9, 33-31; 55-49) AGET IMOLA: Masoni 7 (1/1, 1/4), Cournooh 9 (1/3, 1/1), Hafnar 7 (2/5, 1/3), Kotti 7 (3/6), Bruttini 1 (0/2); Prato 16 (3/6, 1/6), Turel, Daniels 22 (3/5, 4/8). N.e.: Burresi, Preti. All.: Fuc. OSTUNI: Johnson 12 (6/10, 0/1), Klobucar 9 (2/5, 0/5), Jurevicus 9 (0/6, 1/3), Rinaldi 3 (1/3), Diliegro 22 (7/10); Marino 7 (1/2, 1/3), Rossetti 3 (0/1 da 3), Basei (0/2), Carenza 5 (1/3, 1/1). N.e.: Sirakov, Margio. All. Marcelletti. ARBITRI: Moretti, Di Giambattista, Beneduce. NOTE - T.l.: Imo 19/28, Ost 25/32. Rimb.: Imo 32 (Kotti 9), Ost 35 (Diliegro 16). Ass.: Imo 12 (Prato 4), Ost 12 (Johnson 6). Progr.: 5' 9-3, 15' 29-17, 25' 41-42, 35' 62-56. F. antispor Marino 35'30" (63-58). 5 f.: Johnson 32'20" (62-51), Bruttini 32'45" (62-51), Masoni 38'30" (67-62). (pb)

d.t.s. (15-20, 47-42, 68-63, 82-82) SANTANTIMO: Cantone 3 (0/1, 1/3), Teague 35 (6/12, 6/11), Campbell 13 (3/9, 1/5), George 15 (4/13, 1/2), Cittadini 6 (3/5, 0/1); Rossi 2 (1/1), Moraschini 14 (7/9, 0/1), Eliantonio 2 (1/3), Gagliardo 2 (1/2). N.e. Petrazzzuoli, Pranzo. All. Scotto. GIORGIO TESI GROUP PISTOIA: Mathis 10 (4/6), Hardy 44 (8/16, 6/10), Jones 16 (4/7), Toppo 9 (3/6), Galanda 8 (1/4, 1/5); Yango 4 (2/3, 0/1), Saccaggi 1 (0/1), Gurini 8 (1/6, 2/3), Della Torre. N.e. Tuci. All. Moretti. ARBITRI: Pascotto, Ciaglia, Cappello. NOTE T.l.: San 13/18 Pis: 27/31. Rimb.: San 43 (Teague 11), Pis 37 (Jones 9). Ass.: San 12 (2 con 3), Pis 4 (Toppo 2). Progr.: 5': 1-12, 15': 32-34, 25': 57-49, 35': 69-72. Spett. 560 (m.d.c.)

Prime Napoli e Omegna


Matera Pavia 71 67, C.d'Orlando Trieste 81 79, Ferentino Omegna 84 75, Napoli Perugia oggi, Ruvo Firenze 70 64, San Severo Santarcangelo 83 74,Latina Torino 74 81, Anagni Siena 78 72,Bari Trento 84 75 Fabriano Treviglio 71 72 Chieti Castelletto 74 67. Recanati CasalP 85 71, In testa, Omegna, Torino (12 punti. Nord Ovest), Perugia, Trieste (8, NE), Napoli (12, Sud O), Recanati (8, SE)

Cos i due anticipi: Brescia-Verona 66-65; Reggio Emilia-Veroli 85-73. Ha riposato: Jesi. Prossimo turno (6/11): Brindisi-Jesi; Barcellona-Reggio Emilia; Veroli-Forl; Scafati-Imola; Pistoia-Brescia; Bologna-Ostuni; Verona-S.Antimo. Riposa: Piacenza.

44

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

45

TENNIS MASTERS DONNE A ISTANBUL

Kvitova si scopre maestra La semplicit del talento


Antipersonaggio, fidanzata con un 17enne, la ceca a inizio anno era no 34: travolge la Azarenka con le magie di un gioco daltri tempi
DAL NOSTRO INVIATO

I NUMERI

4
2

Taccuino
A SAN PIETROBURGO

Primo titolo 2011 per il croato Cilic


Marin Cilic vince a San Pietroburgo (650.000 e, sintetico indoor) bat tendo in 2h e 18 il serbo Tipsare vic, reduce dal successo di Mo sca. Per il croato si tratta del sesto titolo in carriera su dodici finali di sputate, il primo conquistato que stanno dopo aver perso tre finali: Marsiglia, Umago e Pechino. Finale: Cilic (Cro) b. Tipsarevic (Ser) 6 3 3 6 6 2.

La classifica di Petra Kvitova dopo il Masters; lultima ceca cos avanti era stata Jana Novotna, n 2 il 7 luglio 1997.

VINCENZO MARTUCCI ISTANBUL (Turchia)

ne. Come sottolinea Mats Wilander, ammirato dai thrilling di Istanbul.


Brividi Forse perch stanca di te-

Pojd! Riecco quel grido: acuto, gutturale, vibrante, dopo il punto, liberatorio, sferzante, importante. Riecco il comon ceco. Quello di Navratilova, Mandlikova e Novotna, fenomeni di un altro tennis che si rinnovano nellultima mancina di talento, Petra Kvitova, potente, offensiva, eppure ancora grezza, a 21 anni, in difesa, a rete e nei movimenti. Bravissima, a luglio, a Wimbledon, a sgambettare in finale la veterana Sharapova, bravissima ieri, a Istanbul, a strappare il Masters a Victoria Azarenka, scalzando ancora la divina Masha dal numero 2 del mondo di fine anno (da numero 34 di 12 mesi fa), con il sesto titolo in 7 finali stagionali e limbattibilit indoor di 19 partite. Che pu ancora migliorare da venerd a Mosca nella finale di Fed Cup.
Toy boy Fuori dal campo, Petra

non un personaggio, a parte forse Adam (Pavlasek), il fidanzato di appena 17 anni, collega junior che sallena nello stesso circolo di Prostejov come i pi famosi Berdych e Safarova. Colpa dellinglese, ancora zoppicante e di una crescita personale, graduale, ma evidente. Colpa di unanima gentile, senza eccentricit e colori forti. Intanto, fa una bellissima pubblicit al tennis donne e anche a Istanbul, lanciatissima nella candidatura allOlimpiade 2020 e applaudita anche da Francesco Ricci Bitti, presidente della Federtennis mondiale e membro Cio, che impressionato, come tutti, dal primo Masters sbocciato in Turchia, con una media di 11mila spettatori (ieri 13.676) e unorganizzazione giovane, ma volitiva. Petra il nuovo che avanza, limmagine di un tennis che sar sempre diverso da quello maschile, ma non per questo meno bello, anzi, perch imprevedibile, e legato alle forti emozioni delle don-

Petra Kvitova, 21 anni, dopo Wimbledon vince anche il Masters. Sotto, Victoria Azarenka, 22 EPA

DOPPIO

Vincono le veterane Huber e Raymond


(v.m.) Il Masters vinto dalle americane Liezel Huber (35 anni, 48 titoli) e Lisa Raymond (38 anni, e 74 titoli) sembra il premio alla carriera delle due veterane, in coppia solo da aprile, Finale singolare: Kvitova (Cec) b. Azarenka 7 5 4 6 6 3. Doppio: Huber/Raymond (Usa) b. Peschke/Srebotnik (Cec/Slo) 6 4 6 4. ALBO DORO SINGOLARE RECENTE: 1999 Davenport (Usa); 2000 Hingis; 01 S. Williams (Usa); 02 03 Clijsters (Bel); 04 Sharapova (Rus); 05 Mauresmo (Fra); 06 07 Henin (Bel); 08 V. Williams (Usa); 09 S. Williams; 10 Clijsters; 11 Kvitova (Cec).

sta e di gambe, forse perch semplicemente ancora immatura, forse perch fortemente impegnata dalla Azarenka migliorata nella gestione del match Petra si blocca di colpo ancora sul 5-0, come contro Stosur. Stavolta, le accade dopo 20 minuti di volo sul tappeto di Aladino, imprendibile, con la batteria servizio-dritto-rovescio assolutamente impeccabile e anche 13 discese a rete: regala il 5-2, simpaurisce per due set point sfumati, saffloscia sotto il parziale di 10-0 e si ritrova 5-5, per la felicit di pubblico ed avversaria. Non ho giocato male io, stata brava lei, tirava tutto. In realt, come al solito, Petra fa e disfa tutto lei. Al quinto set point, si prende il 7-5, ma sinabissa ancora, nervosissima, cedendo il 6-4, epper poi emerge dallinferno di 4 delicatissime palle-break nel primo game del terzo set e, dincanto, soffoca con i suoi Pojd i famosi gemiti dellAzarenka in un crescendo sonoro, fisico, tecnico e quindi mentale assolutamente inarrestabile: Non ho la sensazione di essere speciale. Proprio come le famose ave, con il cocktail dei fenomeni: invenzioni balistiche, lob e smorzate al curaro, discese a rete, lungolinea e angoli stretti che stroncano la povera avversaria come uppercut su un ring. Fino allultimo dritto, il vincente numero 42 (contro 43 errori). Non potr mai dimenticare questo mio primo Masters, ma non posso paragonarlo al trionfo di Wimbledon. Altro che Wozniacki, con due titoli pesanti e 7-2 contro le prime 5, lei la vera numero 1 del mondo (e si messa in tasca 1.240.000 dollari): Che strano sar il prossimo anno giocare i match da favorita. I campioni sono semplici.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le finali giocate nel 2011 da Victoria Azarenka: 2 vinte (Miami e Lussemburgo) e 2 perse (Madrid e ieri a Istanbul)

A VIENNA

Successo di Tsonga Masters pi vicino


Jo Wilfried Tsonga vince a Vienna (650.000 e, sintetico indoor) e si avvicina al Masters di Londra (20 27 novembre): supera Fish, sa le al 7 posto del ranking per la cor sa allultimo torneo stagionale stac ca Almagro, attuale numero 9. Il francese batte in poco meno di due ore e mezzo largentino Del Po tro, che pu recriminare per non aver sfruttato un set e un break di vantaggio. Per Tsonga si trattato del primo successo nei confronti del sudamericano in quattro sfide dirette. Il 26enne di Le Mans ha co s conquistato il 7 titolo in carriera (su dieci finali disputate ), il secon do questanno dopo a Metz. Finale: Tsonga (Fra) b. Del Potro (Arg) 6 7 (5) 6 3 6 4.

I tornei vinti nel 2011 da Petra Kvitova: Brisbane, Parigi-indoor, Madrid, Wimbledon, Linz e il Masters di Istanbul.

Le partite indoor giocate e vinte da Petra Kvitova nel 2011. Lultima sconfitta al coperto il 19 ottobre 2010 a Mosca contro Katerina Bondarenko.

19

A BASILEA

Il ritorno di Djokovic Federer per Starace


Scatta oggi lo Swiss Indoors di Basilea (Svi, 1.838.100 e, sintetico indoor) con due azzurri al via. Sor teggio decisamente poco fortuna to per Potito Starace, che ha pe scato il numero 4 mondiale Roger Federer, campione in carica e a ca cia del quinto successo nel torneo di casa: lo svizzero, che torna sul circuito dopo 6 settimane, avanti 5 0 nei precedenti. Andreas Seppi giocher invece al primo turno con tro il lussemburghese Muller: lal toatesino si aggiudicato entram bi i precedenti confronti diretti. Il tabellone di Basilea guidato dal numero uno mondiale Novak Djoko vic, al rientro dopo quasi un mese e mezzo di stop: Nole nel 2011 ha vinto 64 dei 67 match disputati e dieci tornei. Per lui, vincitore nel 2009, esordio contro il belga Xa vier Malisse. Il numero due Andy Murray, reduce dalla tripletta Ban gkok Tokyo Shanghai: lo scozze se giocher al primo turno contro lolandese Haase. Il torneo verr trasmesso in diretta da domani su Supertennis.

Gli anni di Petra Kvitova, nata a Bilovec l8 marzo 1990. Per trovare vincitrice del Masters pi giovane bisogna risalire a a Maria Sharapova che nel 2004 vinse Wimbledon e il Masters a soli 17 anni (lu.mar.)

21

RUGBY DOPO IL 50-24 CON GLI SCARLETS IN CELTIC LEAGUE

Burton, lescluso di Mallett fa felice Treviso


Fuori dal Mondiale per Orquera e Bocchino, il n. 10 un uomo chiave nei 4 trionfi di fila
EMANUELE SPIRONELLO TREVISO

do vinta meritatamente dagli All Blacks, ma il Galles ha giocato il rugby pi bello.


Scommessa Morisi A Treviso intanto sono rientrati i 12 azzurri e ora per Franco Smith difficile fare delle scelte. La nostra forza avere tanti ottimi giocatori aggiunge Kris : gioca chi lo merita e questo aumenta il livello degli allenamenti, e poi possiamo cambiare pelle a seconda dellavversario e del terreno. Burton tesse le lodi dei pi giovani. Mi ha sorpreso Luca Morisi, ma anche gli altri "permit" di inizio stagione. Ma abbiamo molti ragazzi interessanti in rosa, limportante che si confrontino con lalto livello. La Celtic continua, sabato c lEdimburgo e tra due settimane partir lHeineken Cup con Saracens, Biarritz e Ospreys: Vogliamo giocarcela al meglio chiude Burton. La fame non manca e di carne al fuoco, a Treviso, ce n molta.

Piede e testa Ma se leuforia do-

Braciole, costine, wurstel e salsicce annaffiate da birra. Cos il Benetton sabato sera ha festeggiato la vittoria sui Dragons gallesi, annientati sul campo a suon di mete e spettacolo e poi sui giornali britannici. Il tecnico di Newport, Darren Edwards, si detto scioccato e ha parlato di esperienza imbarazzante.

po il 50-24 enorme, il diktat dimenticare e guardare avanti. Ad avvisare Kris Burton. Australiano di nascita ma di passaporto italiano per mamma abruzzese fu Berbizier a pescarlo a Orleans, in terza divisione francese, alla vigilia del tour 2007 in Uruguay e Argentina , lapertura ha messo la firma sullavvio sprint dei biancoverdi: sempre titolare, ha segnato 82 punti quarto tra i marcatori del torneo con una meta fondamentale nella trasferta di Belfast (12-23, suoi 18 punti), una regia sapiente e una media al piede solida (29 su 37 tra calci e drop). Tutto ci mentre, al Mondiale, Bocchino e Orquera non davano solidit allItalia.
Segnale azzurro Burton insom-

I NUMERI

4
9

Le presenze in azzurro Kris Burton vanta 9 caps in azzurro: 4 nei tour estivi 2007 (Uruguay, Argentina) e 2009 (Australia, Nuova Zelanda), gli altri 5 nellultimo Sei Nazioni. In Italia-Francia 22-21 subentr a Orquera al 57

ma farebbe comodo anche in Nazionale, anche se lazzurro gli ha dato due grandi delusioni. Ai Mondiali 2007 e 2011 sono stato escluso allultimo e mi dispiaciuto, io per penso a fare bene con Treviso, ma resto pronto per ogni chiamata. E per una squadra che ancora alla ricerca dellerede di Dominguez, la scelta di Burton sembrerebbe la pi adatta, anche se ormai ha 31 anni. Sabato in tribuna cera il neo c.t. Jacques Brunel, che di certo avr preso appunti. Se si divertito? Spero di s sorride Burton . Noi in campo lo abbiamo fatto, anche se abbiamo sbagliato a rilassarci negli ultimi 10 minuti. Alla tv ha comunque tifato Italia. E Australia. Avrei avuto dei problemi solo in caso di finale! Scherzi a parte, stata una Coppa del Mon-

Kris Burton, 31 anni, qui contro gli Ospreys ROGERS

RIPRODUZIONE RISERVATA

46

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

PALLAVOLO LA SUPERCOPPA ITALIANA


A CAGLIARI DOMANI (ORE 18) SI ASSEGNA IL SECONDO TROFEO DELLA STAGIONE, TARGATO MONDO

i 5 precedenti
Una saga, fatta di molti personaggi diversi, inizia nel gennaio del 2010

Affari loro
Trento e Cuneo la sfida infinita dei soliti noti
Per la 6 volta nelle ultime 3 stagioni trentini e piemontesi si contendono un trofeo

i 5 precedenti
Finora si sono divisi due scudetti, due Coppe Italia e una Supercoppa italiana

31 gennaio 2010

23 gennaio 2011

Coppa Italia: vince Trento


A Montecatini nella finale di Coppa Italia la squadra allenata da Stoytchev si impone in 4 set (28-26, 25-15, 20-25, 27-25). Il brasiliano Vissotto (in primo piano nella foto) con 20 punti Mvp, 20 punti anche per Nikolov (a.a.)

In Coppa Italia brinda Cuneo


Il 2011 inizia come si era concluso il 2010: terzo successo di fila per la squadra piemontese. A Verona nella finale di Coppa Italia vince Cuneo 3-0 (25-17, 25-19, 25-22). MVP Grbic, Miglior marcatore: Kaziyski, 13 (a.a.)

Wout Wijsmans (34), il capitano di Cuneo TARANTINI


NICOLA BALDO GIANNI SCARPACE

Osmany Juantorena (26) a Trento dal 2009 TARANTINI

9 maggio 2010

Tricolore: la prima di Cuneo


A Casalecchio di Reno (alle porte di Bologna) si celebra la prima finale scudetto in gara secca (V-Day) e Cuneo batte Trento 3-1 (14-25, 25-20, 25-22, 25-20), nonostante i 18 punti di Kaziyski. Parodi Mvp (a.a.)

29 dicembre 2010

A Cuneo la Supercoppa
Successo nettissimo della squadra di Alberto Giuliani, 3-0 (25-20, 25-23, 25-22) che si porta a casa la Supercoppa Italiana. Parodi e Volkov sono i migliori marcatori della serata di Torino con 12 punti (a.a.)

Negli ultimi due anni hanno vinto tutto loro, si sono spartiti finali e trofei monopolizzando la scena italiana e anche quella internazionale, domani sera saranno ancora protagonisti. Da una parte i campioni dItalia di Trento e dallaltra i vincitori della Coppa Italia di Cuneo. In palio alle ore 18, al PalaRockfeller di Cagliari c la Supercoppa Italiana (targata Mondo), il secondo trofeo della stagione dopo che gli uomini di Rado Stoytchev hanno conquistato il Mondiale di Club a Doha. A Cagliari rivedr i miei amici di Trento - ha detto il brasiliano Vissotto, ex in campo -. Con molti di essi sono ancora in contatto tramite email o telefono. E una sensazione davvero strana. Cuneo, quando giocavo a Trento, era sempre la squadra da battere. Da una parte c nostalgia perch a Trento ho tra-

scorso un periodo molto felice. Comunque oggi vesto unaltra maglia prestigiosa come quella di Cuneo. E ho intenzione di dare molto a questa squadra, a partire da questo trofeo.
Conta la fame A Trento hanno le idee abbastanza chiare su come si giocher la partita. Cuneo, rispetto alle ultime finali, cambiata ma anche noi siamo diversi, le squadre si evolvono ha detto Rado Stoytchev dopo il netto successo su Modena -. Ma questa resta sempre una finale, una gara dove le variabili sono tante. Conter solo quello che si far in campo, il gioco, non contano nulla i precedenti, gli ex o altri fattori esterni. Pi chiaro ancora Osmany Juantorena: Questa una di quelle partite dove contano poco la stanchezza, la preparazione o il risultato delle ultime gare giocate. Alla fine vincer pi voglia di vincere e pi fame. Forse Cuneo deve ancora raggiungere il proprio top in quanto a gioco dopo aver cambiato alcune

pedine, ma resta comunque una squadra forte. Fra le novit di questa sfida infinita, anche Flavio Gulinelli, il nuovo allenatore della Bre banca Lannutti: Abbiamo lavorato molto dal punto di vista fisico per arrivare a questo appuntamento al meglio possibile. Ma dovremo scendere in campo con un atteggiamento mentale adeguato, solo cos potremo battere una corazzata come Trento che oggi ha gi raggiunto la condizione ottimale da quel punto di vista. Anche perch lItas questo trofeo non lo ha mai vinto... La Supercoppa Italiana lunico trofeo in Italia che ancora ci manca, per noi e per la societ conquistarla sarebbe il coronamento di un ciclo e un ottimo punto di ripartenza per continuare a restare al vertice ha detto il libero trentino, Andrea Bari - . una gara nella quale partiamo alla pari, arriviamo entrambe con tante partite alle spalle e con un po' di stanchezza nelle gambe.
RIPRODUZIONE RISERVATA

15 maggio 2011

Lo scudetto torna a Trento


LItas si riprende il trono di campione dItalia travolgendo Cuneo nel V-Day di Roma. I piemontesi non hanno pi forze (e uomini) e sinchinano 3-0 (25-13, 25-22, 25-9). Stokr il miglior marcatore (21 punti) e Mvp (a.a.)

clic
NICOLA, IL BLU BROTHER SARDO ACCOGLIE I SUOI CAMPIONI GEMELLAGGIO COL SANTANTIOCO
La Lega volley non poteva fargli regalo pi grande. Perch di solito, quando le partite sono importanti, lui, Nicola Schirru che parte da Cagliari e va a Cuneo, per vedere i suoi beniamini. Mentre stavolta sono loro ad andare da lui. Nicola, cagliaritano, 31 anni, un Blu Brother, un tifoso della Bre Lannutti ormai da anni. Sicuramente il pi eroico. In curva coi cuneesi domani anche i tifosi del SantAntioco, per via degli stessi colori e nel ricordo di Rafa Pascual che proprio dalla squadra isolana part per Cuneo.

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

47

PALLAVOLO LA 6 GIORNATA DI A-1 MASCHILE

La battuta di Vibo inchioda Macerata


Con 14 ace e un gran Coscione, i calabresi infliggono la prima sconfitta alla Lube. Trento da solo in testa
MIMMO FAMULARO VIBO VALENTIA

RISULTATI
MODENA-TRENTO SAN GIUSTINO-ROMA CUNEO-RAVENNA VIBO-MACERATA BELLUNO-PADOVA VERONA-MONZA LATINA-PIACENZA (sabato) 0-3 0-3 (sabato) 3-0 3-1 3-0 2-3 3-2

SABBI E ZAYTSEV IN EVIDENZA

CLASSIFICA
SQUADRE TRENTO MODENA CUNEO MACERATA MONZA LATINA VIBO BELLUNO ROMA VERONA SAN GIUSTINO PADOVA PIACENZA RAVENNA PT 15 14 14 13 11 10 9 9 8 8 5 5 4 1 G 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 V 5 5 5 5 4 3 3 2 3 3 2 1 1 0 P 1 1 1 1 2 3 3 4 3 3 4 5 5 6 SV 17 15 17 16 12 14 13 13 10 11 8 8 8 5 SP 5 6 7 9 11 12 14 12 11 14 16 15 17 18

Alberto Cisolla tornato titolare nella M.Roma TARANTINI

Sentiva profumo di primato solitario. E rimasta stordita da una Callipo praticamente perfetta: la Lube Macerata incassa al Palavalentia la sua prima sconfitta in campionato. E il primo stop dei marchigiani coincide con il primo successo dei calabresi in casa, laddove aveva tremato Cuneo, vittorioso solo al tie-break e dopo un lungo braccio di ferro. Vibo si conferma cio grande con le grandi firmando una vera e propria impresa e regalando la vetta solitaria a Trento.
14 ace calabresi La chiave del match nella battuta, larma che alla vigilia i calabresi temevano maggiormente. La squadra di Blengini costruisce il successo con ben 14 ace, timbrati da tutto il sestetto: 3 per Cernic, Rak e Barone, 2 per Diaz e Klapwijk, uno per Coscione. Chiaramente in tilt la ricezione della Lube che fatica a pungere in attacco, col solo Omrcen in doppia cifra. Sottotono Savani (33% sottorete e 5 errori in ricezione) e Kovar, preferito inizialmente a Parodi e bersaglio preferito dellartiglieria di casa. Coscione stravince cos il duello a distanza con Travica. La sua regia sempre lucida, a tratti rasenta la perfezione. Inizialmente chiama in causa Klapwijk che chiude il primo set con uno eccellente 67% sottorete. Vibo annulla cinque punti di svantaggio e con il muro (3 di Diaz) e gli ace chiude 25-19. Nel secondo parte forte Macerata che si porta sul 9-1 con Stankovic. Lingresso di Parodi regala equilibrio, ma Vibo non molla e risale fino al 20-19 poi un attacco millimetrico di Omrcen garantisce l'allungo decisivo. Vibo non si scoraggia. La battuta tattica

Roma a tutto gas Per San Giustino adesso dura


ANTONELLO MENCONI SAN GIUSTINO (PG)

PROSSIMO TURNO
5 novembre 20.30 SAN GIUSTINO-CUNEO TRENTO-RAVENNA MACERATA-MODENA; ROMA-LATINA MONZA-BELLUNO ore 17.30 PIACENZA-VERONA PADOVA-VIBO VALENTIA

VIBO VALENTIA MACERATA


(25-21, 21-25, 25-19, 25-20)

3 1

Niels Klapwijk, schiacciatore olandese, classe 1985, punto di forza della Tonno Callipo Vibo Valentia nella vittoria sulla Lube
MAZZITELLO

TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA: Cernic 14, Rak 10, Klapwijk 22, Diaz 14, Barone 9, Coscione 4; Fanuli (L), Falasca. N.e. Nikolov, Lavia, Bonetti, Grassano e Mignolo. All. Blengini

spezza lequilibrio nel terzo set. Una difesa-punto di Klapawijk regala il massimo vantaggio che i padroni di casa conservano fino al 25-19. Muro (2 di Barone), difesa e ricostruzione mettono all'angolo Macerata.
Blengini felice Nel quarto sale

Rak che scava in battuta il solco decisivo e chiude set ed incontro 25-20. Primo sorriso casalingo per Blengini. Abbiamo giocato una grande partita, forse la migliore di questa stagione. Siamo stati bravi a limitare la

loro potenza fisica e le loro qualit tecniche. Vittoria meritata. Primo dispiacere per Alberto Giuliani. Arrabbiato Omrcen, l'ultimo ad arrendersi. Perdere cos fa male. Complimenti comunque a Vibo. Abbiamo - sottolinea l'opposto croato - accusato la stanchezza. Veniamo da due settimane di fuoco e questa squadra deve ancora abituarsi a questi ritmi. Niente alibi per: loro hanno battuto molto bene e ci hanno messo in grande difficolt. Giusto cos.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUBE BANCA MARCHE MACERATA: Savani 7, Stankovic 6, Omrcen 17, Kovar 4, Podrascanin 7, Travica 3; Exiga (L), Parodi 9, Pajenk 3. N.e. Monopoli, Van Walle, Lampariello. All. Giuliani ARBITRI: Caltabiano e Satanassi NOTE - Spettatori 1400, incasso 6500. Durata set: 28', 25, 25', 27'; totale: 105'. Vibo: battute sbagliate 19, vincenti 14, muri 12, 2 linea 12, errori 35. Macerata: battute sbagliate 16, vincenti 7, muri 9, 2 linea 8, errori 35. Trofeo Gazzetta: 6 Coscione, 5 Rak, 4 Klapwijk, 3 Barone, 2 Cernic, 1 Diaz

Dopo Vibo Valentia e Belluno i capitolini abbattono anche San Giustino. Gli umbri sono apparsi deconcentrati, ma anche incapaci a costruire gioco. Tanto che nemmeno il cambio di regia voluto nel secondo set da Fef De Giorgi tra Petkovic e McKibbin ha portato agli effetti sperati. Nel sestetto di Giani ha invece funzionato tutto, ma in particolare il muro (6 Lebl), grazie al quale sin dalla prima parte di gara emersa chiaramente la differenza di valori tra i due sestetti. A San Giustino mancata anche la battuta, tanto da permettere a Roma di costruire agevolmente il gioco e consentendo a Boninfante di sfruttare al meglio la giornata di grazia di Zaytsev e Sabbi in attacco. Soltanto nel terzo set i padroni di casa, pur perdendo Rauwerdink (per un infortunio a una mano), hanno reagito, portando la M.Roma sino al 20-20, per poi cedere al muro di Lebl e allattacco finale di Cisolla. Alla fine De Giorgi (quarta sconfitta su 6 partite) ha evitato di aggrapparsi alla scusante dellassenza di Starovic, senza peraltro nascondere le sue preoccupazioni. Il nostro problema ha detto non solo nella regia e penso che questa gara abbia fatto emergere tutte le nostre difficolt. Giulio Sabbi: Non ci aspettavamo una partita cos: credevamo di incontrare una squadra pi battagliera. Ora noi ci godiamo la vittoria.
SAN GIUSTINOROMA 0-3 (18-25, 15-25, 20-25) ENERGY RESOURCES SAN GIUSTINO: Petkovic, Conte 9, Cozzi 5, Urnaut 13, Rauwerdink 1, Creus Larry 4; Giovi (L), Sammelvuo 3, Mc Kibbin, Bartoletti, Finazzi, Tholse. N.e Lo Bianco. All. De Giorgi. M. ROMA: Boninfante 2, Zaytsev 15, Lebl 10, Sabbi 15, Cisolla 8, Bjelica 5; Paparoni (L). N.e Passier, Paolucci, Maruotti, Bencz, Puliti, Corsano. All. Giani ARBITRI: Sampaolo e Puecher NOTE - Spettatori 1620. Incasso 5104 euro. Durata set 24, 23, 28; totale 75. Energy Resources: battute sbagliate 14, vincenti 2, muri 3, 2 linea 3, errori 26. M.Roma: b.s. 14, v. 5, m. 13, 2 l. 4, e. 27. Trofeo Gazzetta: 6 Boninfante, 5 Zaytsev, 4 Sabbi, 3 Lebl, 2 Cisolla, 1 Conte.

LE ALTRE PARTITE FEI TRASCINA BELLUNO, LATINA ANCORA A PUNTI


LATINA PIACENZA 3 2 VERONA MONZA 2 3 BELLUNO PADOVA
(25-20, 25-18, 25-22) SISLEY BELLUNO: Ogurcak 6, De Togni 8, Fei 20, Horstink 7, Kohut 6, Suxho 6; Farina (L). Szab, Antonov. N.e. Abdelaziz, Dolfo, Curti, Sorato (L). All. Piazza. FIDIA PADOVA: Semenzato 5, Simeonov 21, De Marchi 2, Suljagic 1, Gonzalez 3, Rosso 7; Garghella (L). Koshikawa 2, Schwarz 9, Giannotti, Cricca. N.e. Tiberti, Zingaro. All. Montagnani. ARBITRI: Castagna e Ravallese. NOTE - Spettatori 1400, incasso 7980. Durata set 28, 24, 28; tot. 80. Sisley: b.s. 6, v. 6, 2 l. 7, m. 7, e. 10; Fidia: b.s. 17, v. 1, 2 l. 5, m. 5, e. 22. Trofeo Gazzetta: 6 Fei, 5 Simeonov, 4 Suxho, 3 Ogurcak, 2 Farina, 1 De Togni. BELLUNO tornato il Sisley. E il campionato riacquista una potenziale protagonista. A Belluno, si rivista la squadra di un tempo, capace di scrivere pagine importanti di volley. Una formazione trascinata dal suo leader e capitano, Fei, ma anche da un regista che conosce meglio gli attori al suo fianco e ne esalta le caratteristiche: Donald Suxho. Lamericano si prende pure il lusso di siglare 3 ace e di effettuare alcune difese da libero consumato. A proposito di libero, Farina il giocatore della svolta: da quando tornato, gli orogranata hanno collezionato 2 vittorie per 3-0 e un mezzo passo falso al tie-break. Sontuoso il suo 83% in ricezione nel derby. E Padova? Troppo brutta per essere vera: mai in partita, la squadra di Montagnani ha pagato una serata disastrosa al servizio e si aggrappata al solo Simeonov. Marco D'Inc

Taccuino
SERIE A-2 UOMINI SERIE A-2 DONNE

3 0

FINALE CON CUBA

(25-27, 21-25, 25-23, 25-22, 15-12) ANDREOLI LATINA: Roca 10, Hardy-Dessources 8, Jarosz 10, Rivera 12, Cester 1, Sottile 2; De Pandis (L), Troy 21, Fragkos 8, Guemart, Gitto 1. N.e. Galabinov, Tailli. All. Prandi. COPRA ELIOR PIACENZA: Holt 7, Nikolov 34, Massari 14, Tencati 11, Zhekov 3, Papi 17; Marra (L), Marretta, Kral, Penchev, Ammerman, Sidib. All. Lorenzetti. ARBITRI: Ippoliti e Pessolano. NOTE - Spettatori: 1146, incasso 4380. Durata set: 30, 29, 29, 31, 18; tot. 137. Andreoli: b.s. 16, v. 4, m. 7, s.l. 4, e. 23. Copra: b. s. 19, v. 5, m. 14, s.l. 5, e. 38. Trofeo Gazzetta: 6 Troy, 5 Zhekov, 4 Nikolov, 3 Massari, 2 Rivera, 1 Tencati. LATINA Sempre a punti in casa, dopo due sconfitte esterne consecutive, lAndreoli riesce a contenere lassalto della Copra, che smentisce sul campo per qualit e potenzialit una classifica ancora bugiarda. La Copra pi fallosa, soprattutto in battuta, ma pu contare sulla lucidit di Zhekov, bravo a smarcare i suoi attaccanti e a usare al meglio anche il giovane Massari (al posto di Zlatanov), ottima spalla di un incontenibile Nikolov. Meno vario e pi prevedibile il gioco di Latina, che in avvio, stenta ed latitante a muro. Con Roca in ombra, non trovano alternative. La svolta per Latina nel 3porta il nome di Troy e nel 4 quello di Rivera, autore nel finale di 3 ace consecutivi, decisivi per andare al tie-break, quando ancora lopposto americano a fare la differenza. Antonia Liguori

(25-23, 21-25, 25-14, 17-25, 10-15) MARMI LANZA VERONA: Gasparini 19, Kromm 15, Zingel 11, Meoni 2, Popp 6, Patriarca 8; Smerilli (L), Kosmina, Ter Horst 5, Calderan, Casarin, PostiglioniAll. B. Bagnoli. ACQUA PARADISO MONZA: Buti 13, Gavotto 14, Rooney 14, Forni 3, De Cecco 5, Nikic 15; Rossini (L), Ciabattini (L), Zhukouski, Molteni 1, Shumov 2, Roumeliotis, N.e. Aleksiev. All. Zanini. ARBITRI: Cerquoni e Balboni. NOTE - Spettatori 2645, incasso 4938. Durata set: 27, 29, 23, 24, 13; tot, 116. Marmi Lanza: b.s. 18, v. 9, m. 11, s.l. 14, e. 35. Acqua Paradiso: b.s. 18, v. 7, m. 4, s.l. 18, e. 35. Trofeo Gazzetta: 6 Nikic, 5 Rooney. 4 Gasparini, 3 Buti, 2 Zingel, 1 Gavotto. VERONA Monza si conferma bestia nera di Verona che cede al tie break dopo essere stata in vantaggio 2-1. La squadra di Zanini ha battuto meglio creando problemi alla ricezione dei giallobl (27%) che hanno attaccato male con i posto 4 (Popp al 29%, Kromm 37%). La Marmi Lanza ha vinto il primo e terzo set grazie, soprattutto, al servizio (5 ace complessivi Gasparini) e con (nel 1 set) il muro (6-0). Ma quando Verona non riuscita a battere bene, lottima correlazione muro-difesa di Monza ha fatto la differenza. Nikic ha chiuso con il 55%, risultando determinante al tie break con la serie al servizio che ha ispirato lo 0-3. E Rooney (41% in attacco) ha fatto i 2 ace consecutivi che hanno deciso il 4 set. Buti Mvp col 79% su 14 attacchi Renzo Puliero

Il Brasile vince loro anche ai Panamericani


(a.a.) Ai Giochi Panamericani di Guadalajara (Mes) il Brasile vince loro:in finale 3 1 (25 11, 24 26, 25 18, 25 19) a Cuba, con 21 punti di Wallace (68% in attacco), MVP del torneo il cubano Leon. Terzo posto per lArgentina (priva di De Cecco, Conte e Quiroga) 3 2 al Messico. Brasile, Cuba, Argentina e Stati Uniti (5 posto con pochi titolari) parteciperanno alla World Cup in Giappone. RUSSIA E POLONIA (a.a.) In Russia vittoria esterna per il Kazan di Vermiglio a Novosibirsk 1 3. Kazan unica imbattuta nei due gioroni. Bene lOdintsovo di Santilli: 3 0 al Minsk e primo posto a Est. Superato al tiebreak dal Kemerovo lUral Ufa di Angiolino Frigoni 2 3. In Polonia brutta giornata degli italiani: Jastrzebski di Bernardi (Lasko 24) 1 3 col Kielce. LOlsztyn di Totolo 0 3 a Danzica.

Sora batte Loreto Segrate sola in testa


(f.c.) Segrate (con 17 palle a terra di Van Den Dries dei quali 5 sono ace) batte il Club Italia e, grazie all'impre sa di Sora (Libraro 13) che ha vinto a Loreto (primo ko stagionale per i marchigiani di Fracascia a cui non sono bastati 20 punti di Moretti), balza da sola al comando. Cos la 6 giornata: Bcc Castella na Carige Genova 3 1 (23 25, 25 22, 25 20, 25 22); Edilesse Reggio Emilia Ngm S. Croce 1 3 (22 25, 21 25, 25 21, 18 25); Ener gy Resources Loreto Globo Sora 0 3 (25 27, 28 30, 24 26); Segra te Club Italia Roma 3 0 (31 29, 25 14, 25 21); Sidigas Atripal da Gherardi Citt di Castello 0 3 (11 25, 23 25, 19 25); Sir Safety Pe rugia Cassa Rurale Cant 3 0 (25 17, 25 17, 25 19); Molfetta Che Banca! Milano 3 1 (25 22, 23 25, 25 21, 25 16); Caff Aiello Coriglia no Cicchetti Isernia 3 1 (25 22, 23 25, 25 17, 25 16). Classifica: Segrate 15; Molfetta, Sora 13; Loreto, Castellana, Citt di Castello 12; Santa Croce, Milano 11; Perugia 10; Corigliano 9; C. Ita lia, Genova 8; Isernia 4; Reggio Emi lia 3; Atripalda 2; Cant 1.

Santa Croce in vetta Casalmaggiore c


(m.l.) Come nel maschile, Loreto in cappa nella prima sconfitta stagio nale e lancia cos in testa Santa Croce da sola. Bel colpo di casal maggiore a San Vito. Cos la 4 giornata: Time Volley MateraIcos Crema 0 3 (22 25, 18 25, 18 25); Biancoforno Santa CroceA&P Olivieri Verona 3 0 (25 21, 25 18, 25 11); Banca Reale GiavenoEsse ti Loreto 3 0 (25 19, 25 17, 25 15); IHF FrosinoneAssitur Soverato 3 2 (25 18, 17 25, 27 25, 21 25, 15 13); Acqua Paradiso BusnagoInfotel Forl 2 3 (20 25, 25 13, 25 20, 20 25, 14 16); Cedat 85 San VitoPom Casalmaggiore 0 3 (14 25, 23 25, 23 25); Puntotel Sa la Consilina Rota Mercato San Se verino 3 2 (22 25, 25 20, 23 25, 25 19,15 13). Sabato: Pontecagna no Fontanellato 2 3. Classifica: Santa Croce 11; Giave no, Casalmaggiore 10; Loreto 9; Crema*, Sala Consilina 8; Busnago 7; Verona 6; Frosinone 5; Fontanel lato, S. Severino 4; Matera 3; Sove rato 2; Forl*, Pontecagnano, San Vito 1. (* una gara in meno).

48

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

1
Questi avvisi si ricevono tutti i giorni 24 ore su 24 allindirizzo internet:

AGENTI RAPPRESENTANTI

2.2

OFFERTE DI COLLABORAZIONE

www.piccoliannunci.rcs.it

AFFERMATA agenzia immobiliare ricerca agente con patentino per ruoli amministrativi. Inviare curriculum a: gestioneagenzia@sarpi.it 02.76.00.00.69.

oppure tutti i giorni feriali a: MILANO : tel.02/6282.7555 02/6282.7422, fax 02/6552.436. BOLOGNA : tel. 051/42.01.711, fax 051/42.01.028. FIRENZE : tel. 055/55.23.41, fax 055/55.23.42.34. BARI : tel. 080/57.60.111, fax 080/57.60.126. NAPOLI : tel. 081/497.7711, fax 081/497.7712. BERGAMO : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 035/35.87.77, fax 035/35.88.77. COMO : tel. 031/24.34.64, fax 031/30.33.26. CREMONA : Uggeri Pubblicit s.r.l. tel. 0372/20.586, fax 0372/26.610. LECCO : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 0341/35.74.00, fax 0341/36.43.39 MONZA : Pubblicit Battistoni tel. 039/32.21.40 039/38.07.32, fax 039/32.19.75. OSIMO-AN : tel. 071/72.76.077 071/72.76.084. PADOVA : tel. 049/69.96.311, fax 049/78.11.380. PALERMO : tel. 091/30.67.56, fax 091/34.27.63. PARMA : Publiedi srl tel. 0521/46.41.11, fax 0521/22.97.72. RIMINI : Adrias Pubblicit di Rimini tel. 0541/56.207, fax 0541/24.003. ROMA : In Fieri s.r.l. tel. 06/98.18.48.96, fax 06/92.91.16.48 SONDRIO : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 0342/20.03.80, fax 0342/57.30.63 TORINO : telefono 011/50.21.16, fax 011/50.36.09. VARESE : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 0332/23.98.55, fax 0332/83.66.83 VERONA : telefono 045/80.11.449, fax 045/80.10.375. Per la piccola pubblicit allestero telefono 02/72.25.11 Le richieste di pubblicazione possono essere inoltrate da fuori Milano anche per telefax e corrispondenza a Rcs Pubblicit agli indirizzi di Milano sopra riportati. TARIFFE PER PAROLA IVA ESCLUSA Rubriche in abbinata obbligatoria: Corriere della Sera - Gazzetta dello Sport: n. 0: euro 4,00; n. 1: euro 2,08; n. 2 - 3 14 : euro 7,92; n. 5 - 6 7 - 8 - 9 - 12 - 20: euro 4,67; n. 10: euro 2,92; n. 11: euro 3,25; n. 13: euro 9,17; n. 15: euro 4,17; n. 17: euro 4,58; n. 18 - 19: euro 3,33; n. 21: euro 5,00; n. 24: euro 5,42. Rubriche in abbinata facoltativa: n. 4: euro 4,42 sul Corriere della Sera; euro 1,67 sulla Gazzetta dello Sport; euro 5,00 sulle due testate. n. 16: euro 1,67 sul Corriere della Sera; euro 0,83 sulla Gazzetta dello Sport; euro 2,08 sulle due testate. n. 22: euro 4,08 sul Corriere della Sera; euro 2,92 sulla Gazzetta dello Sport; euro 4,67 sulle due testate. n. 23: euro 4,08 sul Corriere della Sera; euro 2,92 sulla Gazzetta dello Sport; euro 5,00 sulle due testate. Si precisa che tutte le inserzioni relative a ricerche di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile sia femminile, essendo vietata ai sensi dell art. 1 della legge 9/12/77 n.903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda laccesso al lavoro, indipendentemente dalle modalit di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attivit. Linserzionista impegnato ad osservare tale legge.

IMPIEGATI

1.1
IMMOBILI RESIDENZIALI COMPRAVENDITA

ABILE impiegato commerciale, in mobilit, pluriesperienza ordini, offerte, bolle, inglese buono, francese ottimo, Office. 339.48.09.594. ACQUISTI commerciale signora 49enne inglese, tedesco offresi. Part-time. Tel. 346.84.23.726. AIUTO contabile, impiegata commerciale con pluriennale esperienza offresi. Patente. 389.04.25.327. ANALISTA di laboratorio laureato in scienze e tecnologie alimentari, con breve esperienza, valuta proposte anche tempo determinato o stagista. disponibilit a trasferirsi. andrebz@tiscali.it. GEOMETRA laureando in architettura cerca opportunit di lavoro. 347.40.83.078. RESPONSABILE con pluriennale esperienza appalti pubblici settore impianti tecnologici, gestione operativa commesse, commerciale, gare, contrattualistica, problem solving. Valuta proposte Italia, estero. E-mail: motivazionando@gmail.com

5
5.1

VENDITA MILANO CITTA'

MISSORI prestigioso appartamento 250 mq. perfette condizioni interne piano alto 02.76.39.47.38. S. SPIRITO prezioso bijoux, appartamento mq. 110. Salone, due camere, bagni. Cise Re 02.55.19.17.01.

ACQUISTI

5.4

SOCIET d'investimento internazionale acquista direttamente appartamenti e stabili in Milano. 02.46.27.03.

IMMOBILI RESIDENZIALI AFFITTI

6
6.2

RICHIESTA

AGENTI RAPPRESENTANTI

1.2

COORDINATORE vendite costruzione gestione reti vendita esamina proposte Tel. 333.53.72.947. RESPONSABILE vendite grande esperienza creazione gestione reti vendita esamina proposte Tel. 333.53.72.947.

BANCHE multinazionali necessitano di appartamenti o uffici. Milano e provincia 02.29.52.99.43. MEDICO massime referenze cerca appartamento bilocale/trilocale in Milano zona servita. 02.67.47.96.25.

OPERAI

1.4 COMPRAVENDITA

7
IMMOBILI TURISTICI

SRILANKESE 33enne serio referenziato offresi part/full-time custode/pulizie uffici e condominii. 380.75.90.722.

2
RICERCHE DI COLLABORATORI

7.1

IMPIEGATI

2.1

SOCIET immobiliare in Milano centro cerca impiegata con esperienza gestione contratti di locazione uso commerciale . Corriere 930-XZ - 20132 Milano

A abbagliante affare introvabile 5Terre comoda dimora pescatori restauratissima indipendente terrazza giardinone vista mare a 200 metri caletta insenature euro 220.000,00 www.immobiliare5terre.com 0187.92.09.70. A amanti belle case Lago Garda, in piccolo residene, piscina, solarium... soggiorno, cucina, 2 letto, bagno, porticato, giardino, euro 169.000 finiture da rivista! 030.91.40.277.

A courmayeur... euro 159.000... incredibile svendita! Ultimo appartamento in tipica residenza alpina. Direttamente impresa. Prenota subito... e regaliamo anche l'arredo! 035.51.07.80. A esigenti vacanzieri Lago Garda, spiaggia Sirmione - negozi - pontile... euro 179.000... nuovo appartamento signorilissimo. Spese notaio comprese! 035.51.07.80. A patiti sky... sempre! Gressoney proprio sulle piste, introvabile appartamento con sauna, bagno turco, zona fitness. Solo 19.000 euro anticipo + 399 mutuo. 035.51.07.80. ABBIAMO 79.000 euro 1h Milano splendido Oltrep vista mozzafiato nuovissima villetta piscina consegna imminente solo 9.000 anticipo poi tua resto rate 290 mensili. No mediazine notaio gratis arredo gratis tel. 035.47.20.050. ALTA VALLE SERIANA ridenti montagne bergamasche, prossimit piste sci, da euro 49.000 appartamenti in villetta. 0346.23.933. COLLINE PIACENTINE Antica dimora fine '800. Mq. 1.000. Cantina con volte. Depandance. Terreno mq. 50.000. Parco secolare. Euro 1.000.000,00. www.collinepiacentine.it 335.20.66.40. FRANCIACORTA (Bs) in palazzo d'epoca piccola location come nuova arredata euro 98.000. 334.94.61.292. MONTECARLO confine esclusiva. In anteprima lussuosi appartamenti, terrazza, piscina, climatizzazione. Da Euro 253.000 Italgestgroup.com 0184.44.90.72. PORTO CERVO Marina La Dolce Sposa. Appartamento prestigioso splendida vista mare. 0789.26.500 - www.immobiliarecommerciale.it PUNTA ALA prezzo mai visto! Euro 159.000 soluzione immobiliare nuovissima 100 mt mare 100 mt isola pedonale consegna fine 2012 e poi? Arredamento gratis. E poi? Notaio gratis. E poi? No mediazione. Siamo imbattibili nessuno meno di noi! Tel. 035.47.20.050 per vedere. SARDEGNA affacciata direttamente spiaggia, ultima villa bifamiliare, eleganti finiture personalizzabili piena vista mare. Solo euro 259.000. Chiama subito 035.24.18.34. SARDEGNA Punta Aldia, prestigioso appartamento con veranda e giardino. 0789.66.575 www.euroinvest-immobiliare.com

VILLE prestigiose: Forte dei Marmi, Portofino, Lerici, Como, Porto Rotondo. Iseo, Monte Carlo anche hotels. Castello Lago Trasimeno. 335.68.94.589.

IMMOBILI COMMERCIALI E INDUSTRIALI

8
8.1

Quotazioni ORO USATO: euro 25,80 / grammo ORO PURO: euro 37,25 / grammo ARGENTO USATO: euro 520 /kg ARGENTO PURO: euro 710 / kg MM DUOMO - MISSORI: 02.72.02.27.36.

OFFERTA

19
AUTOVEICOLI

BRONI (PV) vendesi immobile cielo terra n 48 appartamenti - n 5 unit commerciali. Reddito annuo euro 240.000,00. Tel. 0523.71.60.66 - 335.71.15.579. MELEGNANO affittasi capannone mq. 1.500 + uffici mq. 100 e servizi mq. 100. Tel. +39.338.77.96.720.

AUTOVETTURE

19.2

AZIENDE CESSIONI E RILIEVI

12

CQUISTANSI automobili e fuoristrada, qualsiasi cilindrata, pagamento contanti. Autogiolli, Milano. 02.89.50.41.33 - 02.89.51.11.14.

ATTIVIT da cedere/acquistare artigianali, indutriali, turistico alberghiere, commerciali, bar, aziende agricole, immobili. Ricerca soci. Business Services 02.29.51.80.14.

PALESTRE SAUNE E MASSAGGI

21

VENDITE ACQUISTI E SCAMBI

18

ACQUISTIAMO Brillanti, Oro, Monete, SUPERVALUTAZIONE, pagamento contanti. Gioielleria Curtini, via Unione
6. - 02.72.02.27.36 - 335.64.82.765 - info@nexiagold.it

DA OGGI IL TUO ANNUNCIO DIVENTA MULTIMEDIALE...

A AABAA Naturalmente relax. Trattamenti olistici. www.tantrabodymassage.it 02.29.40.17.01 - 366.33.93.110. ABBANDONA ansia e fatica con piacevoli massaggi olistici. Sauna, idromassaggio, relax. 02.58.10.54.01. ABBANDONA lo stress. Centro benessere italiano, trattamenti rilassanti, olistici. Professionalit, cortesia. 02.36.68.43.75. ABBANDONATI ai massaggi ayurvedici. Euro 40. Info 02.91.43.76.86 - www.bodyspring.it ABBANDONATI nell'atmosfera e nel benessere dei nostri massaggi olistici. Tel . 02.26.80.94.30. ABBATTI stress e fatica dell'inverno. Rigenerati attraverso i nostri trattamenti. Milano 02.39.40.00.18. CENTRO benessere, ambiente raffinato, massaggi olistici. 50,00 Euro un'ora. Milano 02.27.08.03.72. CENTRO rinnovato. Massaggi rilassanti, orientali, indiani. Professionalit. 10,00-20,00. Luned sabato. 02.65.33.18. CINQUE GIORNATE ambiente climatizzato un mondo di relax trattamenti olistici. Classe. 02.54.01.92.59. CLASSE e professionalit per totale relax, massaggi rilassanti. Porta Venezia 02.39.66.45.07. DEJA VU centro italiano esclusivo, massaggi rilassanti, olistici. Zona San Siro. 02.39.56.67.75. DELIZIOSO centro benessere italiano massaggi olistici ambiente elegante per il tuo relax. 02.39.68.05.21. MANZONI San Babila ambiente classe, nuovo centro massaggi olistici ayurvedici. Relax. 02.39.68.00.71. PROMOZIONE Hado : il benessere per il tuo corpo, percorso acqua e massaggi olistici. 02.29.53.13.50.

INVIACI TESTO FOTO E VIDEO E


Per informazioni chiamaci allo 02.6282.7555 / 7422 agenzia.solferino@rcs.it

24
CLUB E ASSOCIAZIONI
A MILANO accompagnatrici, distinta agenzia presenta eleganti, affascinanti modelle ed interessanti hostess. 335.17.63.121. A MILANO agenzia accompagnatrici alta classe, bellissime fotomodelle, in tutta Italia. 333.49.59.762. CONTATTI piccanti 899.89.79.72. Esibizioniste 899.00.41.85. Euro 1,80 min./ivato. Solo Adulti. Mediaservizi, Gobetti 54 Arezzo.

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

49

ATLETICA IMPRESA NELLA MARATONA

Kipsang
La storia soltanto a 4 secondi
A Francoforte Il keniano sfiora il mondiale in 2h0342": E vicino

PIERANGELO MOLINARO

Fallire un primato mondiale della maratona di 4 secondi come perdere una gara di Formula 1 di una spanna o un 100 metri di un capello. E successo ieri al keniano Wilson Kipsang Kiprotich che ha vinto la maratona di Francoforte, in Germania, in 2h0342" a soli 4 secondi dal limite di 2h0338" fissato dal suo connazionale Patrick Makau Musyoki il 25 settembre a Berlino. Kipsang era alla quarta esperienza e vantava un personale di 2h0457", tempo con cui si impose lo scorso anno sempre a Francoforte.
La gara Si sapeva che il percor-

pi giovane di quella anagrafica. Poliziotto, ha deciso di tentare il professionismo solo nel 2007, dopo essersi segnalato lanno precedente con il secondo posto sui 10 km della Peace Race, la gara organizzata a Kapenguria, nel West Pokot, ai confini con lUganda da Tegla Loroupe. Ma pareva destinato ad emergere nelle corse su strada sino alla mezza maratona (2837"0 il personale sui 10.000 in pista), dove ha un personale di 5859" fissato nel 2009 negli Emirati Arabi. Lesordio in maratona stato lo scorso anno in primavera a Parigi (2h0713") quindi Francoforte (2h0457") e la scorsa primavera a Otsu (2h0613").
Ejjafini Fra le donne si impo-

DASKA SUPER
Uomini 1. Kipsang (Ken) 2h0342"; 2. Matebo (Ken) 2h0516"; 3. matebor (Ken) 2h0525"; 4. Sanga (Ken) 2h0607"; 5. R. Cheruiyot (Ken) 2h0629"; 6. P. Kirui (Ken) 2h0631"; 7. Kiptolo (Ken) 2h0723"; 8. Gena (Eti) 2h0831"; 9. D. Koech (Ken) 2h0838"; 10. Sugut (Kwen) 2h0856". Donne 1. Daska (Eti) 2h2159"; 2. A. Kiprop (Ken) 2h2354"; 3. Chepchirchir (Ken) 2h2421"; 4. Mohammed (Eti) 2h2432"; 5. R. Jeptoo (Ken) 2h2544"; 6. EJJAFINI 2H2615"

IN TRE SOTTO 2H04


All-time uomini: resiste Makau
TEMPO 2h0338" 2h0342" 2h0359" 2h0427" 2h0427" 2h0440" 2h0455" 2h0455" 2h0456" 2h0504" ATLETA Makau (Ken) Kipsang (Ken) Gebrselassie (Eti) D. Kibet (Ken) K. Kwambai (Ken) E. Mutai (Ken) Tergat (Ken) G. Mutai (Ken) S. Korir (Ken) A. Kirui (Ken) ANNO 2011 2011 2008 2009 2009 2011 2003 2010 2003 2009

so della maratona tedesca era velocissimo, ma ieri cerano anche le condizioni climatiche ideali, cielo coperto e temperatura di 12 gradi senza vento. In partenza un gruppo di 15 atleti a prendere il comando con tutti i tre favoriti, oltre a Kipsang il connazionale Robert Cheruiyot, gi vincitore a Boston, e letiope Deribe Merga. Il ritmo subito sotto i 3 minuti al km (1448" ai 5 km). Al decimo km transitano in 2925" sotto la guida delle lepri, cui Peter Kirui, che solo un mese fa aveva pilotato Makau a Berlino. Si capisce che la gara viaggia sul filo del primato mondiale quando a met il passaggio di 1h0140". Un ritmo bestiale che sfilaccia il gruppo di testa. Al trentesimo km davanti rimangono in quattro: Kipsang, Merga, Kirui e Matebo. Lattacco del vincitore arriva al 35 km dove rimane solo. Il primato sembra a portata di mano, 1h5719" al 40 km, ma lo spunto finale non basta a Kipsang per migliorare il record di Makau. Ora so che posso battere il primato del mondo, ha detto comunque strafelice dopo il traguardo.
La storia Rimane comunque

sta letiope Mamitu Daska in 2h2159", che ha preceduto le keniane Agnes Kiprop (2h2354") e Flomena Chepchirchir (2h2421") che era allesordio. Ma importante il sesto posto di Nadia Ejjafini in 2h2615". Latleta di origine marocchina, diventata italiana nel 2009 per matrimonio e ormai allalba dei 34 anni, nel 2010 diventata mamma di Sara e vive a Biella dove allenata da Andrea Bello. Al rientro in questa stagione ha vinto i titoli italiani di cross, 10.000 in

Il primatista, Patrick Makau AFP

Taccuino
MEZZA MARATONA

Straneo 2h1651"
(d.m.) Lazzurra Valeria Straneo ha vinto in 1h1651 la 9 Castellazzo Half Marathon di Castellazzo Bor mida (AL). RISULTATI Uomini: 1. M Dematteis 1h0605; 2. Chihaoui (TUN) 1h0648; 3. B Dematteis 1h0735. Donne: 1. Straneo 1h1651; 2. Andolina 1h2425. 12 km Uomini: 1. Goffi 3708.

Fra le donne sesta lazzurra Ejjafini in 2h2615": E la mia prima vera esperienza
pista e mezza maratona, dove con 1h0827" ha pure fatto suo il primato nazionale. Sono contentissima ha detto la Ejjafini un risultato che aspettavo da anni. Lo considero una vittoria della mia personale sfida con la maratona, distanza per la quale non mi ero mai preparata in modo specifico. Per questo considero questa esperienza come la prima vera maratona della mia carriera. Qui a Francoforte sono stata in gara sino al 35 km insieme alla tedesca Mockenhaupt, poi lei andata in crisi e ho continuato da sola. Ora torner ai cross ed in primavera affronter unaltra maratona.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Nadia Ejjafini, 34 anni COLOMBO

A NAIROBI

Ecco Kebenei
Ernest Kebenei (2h1054") e Marga ret Toroitich (2h3017") hanno vinto la maratona di Nairobi (Ken).

A PORTSMOUTH

A Komon la Bupa Run


Il keniano Leonard Patrick Komon ha vinto a a Portsmouth (Gb) la Bu pa Great South Run, classica sulle 10 miglia in 4618" davanti al conna zionale Abel Kirui (4640") e lirlan dese Alistair Cragg (4714"). Fra le donne si imposta letiope Assele fech Mergia in 5255". Sesta lazzur ra Anna Incerti (5418"). Uomini: 1. Komon (Ken) 4618; 2. A. Kirui (Ken) 4640"; 3. Cragg (Irl) 4714". Donne: 1. Mergia (Eti) 5255"; 2. Chan geywo (Ken) 5334"; 3. Jerotich (Ken) 5343"; 5. Incerti 5418".

Larrivo solitario di Kipsang, 29 anni, alla 4 maratona COLOMBO

una grandissima impresa che proietta questo ragazzo nel gotha della maratona mondiale. Ventinove anni ( nato il 15 marzo 1982) nella regione di Keiyo, terra bellissima nei pressi della Buger Forest, a nordest di Iten, Wilson Kipsang Kirpotich ha una struttura perfetta, 1.82 per 58 kg. Si diceva che ieri era alla quarta maratona e atleticamente ha unet ben

IPPICA PRESTIGIOSA VITTORIA IN GRUPPO 1

Pinna in Giappone diventa imperatore


MATTEO PIERELLI

IERI BREEDERS IN CANADA E DOMANI GRAN GALOPPO

Canada: San Pail ferma Rapide Melborune Cup senza Dettori


Niente da fare per i due europei nella Breeders Crown (m 1609) disputata al Woodbine di Toronto, in Canada. I due inviati dal Vecchio Continente erano i castroni Rapide Lebel (E. Raffin) e Commander Crowe (Ch. Martens). Ad aspettarli cera il formidabile 7 anni canadese San Pail (R. Waples), un osso durissimo che tale si confermato. Con cuore e grinta riuscito a respingere in 1.09.5 lattacco finale di Rapide Lebel. I numeri di San Pail sono impressionanti: 16 corse, 14 vittorie e due secondi posti. Vincite per 2.900.000 dollari. I suoi successi pi importanti sono il Nat Ray al Meadowlands e 3 volte il Maple Leaf Trot a Mohawk. Terzo posto per Commander Crowe a distanza dalla coppia di testa. Questa corsa stata vinta da due italiani: Varenne nel 2001 nella magica notte del Meadowlands in 1.09.1 (allora record mondiale) ed Equinox Bi nel 2007.
Melbourne Cup senza Frankie Sul

Ha compiuto i 23 anni lo scorso 15 ottobre, ma per festeggiare al meglio ha aspettato due settimane. Ieri (in Italia era mattina) Nicola Pinna ha conquistato la vittoria pi importante della carriera trionfando a Tokyo nel prestigiosissimo Tenno Sho, la corsa dellImperatore, gruppo 1 sui 2000 metri con dotazione di circa 2,4 milioni di euro.
Poker di italiani Il jockey livornese diventato il quarto fantino italiano ad aver vinto un gruppo 1 in Giappone dopo Mirco Demuro, Lanfranco Dettori e Umberto Rispoli. Nicola Pinna ha vinto in sella a Tosen Jordan, allenato da Yasutoshi Ikee, che era addirittura a 33/1 e che ha anche realizzato il record della corsa. Prima della corsa Pinna ha chiesto consiglio proprio a Mirco Demuro:

Lho chiamato per farmi dare qualche consiglio ha detto alla stampa giapponese , in particolare sulla pista di Tokyo. Mi ha detto di aspettare il pi possibile. Detto, fatto: Pinna scattato a 200 metri dal palo e poi ha sostenuto energicamente Tosen Jordan che si difeso di mezza lunghezza da Dark Shadow. Vincere un gruppo 1 in Giappone era il mio sogno fin da quando ho cominciato a venire qui e il cavallo stato davvero grande ha detto dopo la corsa Pinna, uscito dalla scuola fantini di Pisa (dove a 17 anni ha colto la prima vittoria con Genazzano allenato dal nonno Antonio Verdicchio) e passato professionista nel 2010, anno in cui ha conquistato il terzo posto nella classifica italiana con 148 vittorie, stesso piazzamento del 2009 ma con 14 centri in pi.
Seconda volta Pinna in Italia fi-

La gioia di Nicola Pinna, 23 anni, mentre sbanca la corsa dellimperatore

nora ha vinto due gruppi 3 nel 2009: il Verziere (con Cotton-

mouth) e il Dormello (Blessed Luck), entrambi a San Siro ed entrambi per Stefano Botti. Questa la sua seconda trasferta giapponese: stato due mesi a maggio e giugno e un mese ora. Il bilancio totale parla di 18 vittorie e 34 piazzamenti in 173 corse. E fra poco altri due fantini italiani andranno, come ormai consuetudine, in Giappone. Oltre a Mirco Demuro, dopo il Premio Roma di domenica, prevista la partenza di suo fratello Cristian a gennaio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

18

Vittorie totali per Nicola Pinna in Giappone nel 2011. Il 23enne jockey ha preso la licenza prima per due mesi (maggio e giugno) e ora per un mese.

fronte del galoppo, domani mattina, primo marted di novembre, come da tradizione tutta lAustralia si fermer. E il giorno della Melbourne Cup, corsa di 3200 metri con 4,5 milioni di euro in palio. Al via 24 cavalli, che si daranno battaglia davanti a pi di 100.000 spettatori. Tre gli europei al via: il francese campione in carica Americain, il connazionale Dunaden e linglese Bauer allenato da Luca Cumani, unica traccia italiana della corsa che ha sempre respinto Lanfranco Dettori, questanno assente. OGGI QUINT A NAPOLI Ad Agnano (inizio convegno alle 14.25) scegliamo Marcel Grif (20), Morris del Ronco (15), Lancillotto Zen (5), Le Chef Gar (17), Macario Luis (12) e Loeb (4). SI CORRE ANCHE Trotto: Follonica (15.30), Padova (15.20) e Palermo (14.40). Galoppo: Firenze (13.35).

50

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

GOLF ANDALUSIA MASTERS A SOTOGRANDE

MANASSERO CHIUDE 28

y Appunti

Sergio Garcia, 31 anni, con questo successo ritorna tra i primi 20 giocatori al mondo. In carriera ha conquistato 17 tornei tra Europa e Usa REUTERS

Impresa
Garcia, che bis El Nio tornato
Dopo un digiuno di tre anni trionfa per la seconda volta in due settimane. Chicco 10
FEDERICA COCCHI

Tre anni a secco. Crisi nera. Zero vittorie, pochissimi piazzamenti e una presenza alla Ryder Cup del 2010 come vice-capitano che sapeva tanto di viale del tramonto. E invece Segio Garcia, El Nio del golf, premiato come Rookie of the year nel 1999, tornato.
Aria di casa Sar per la forma

ieri El Nio si ripetuto (278, -6) su uno dei campi pi difficili da domare sul tour Europeo, sede della Ryder Cup 97: Golf Club de Valderrama, a Sotogrande in Andalusia. Sale cos a cinque su dieci giocati il numero dei tornei vinti da Sergio Garcia nella sua terra.
Che finale Il 31enne, ex numero due al mondo, ha staccato di un solo colpo unaltra delle leggende di Spagna, Miguel Angel Jimenez, dopo un emozionante testa a testa. La settimana scorsa stato fantastico ha detto Garcia dopo la gara , ma questa una vittoria speciale perch arrivata proprio qui (dove per tre volte ha chiuso 2 al Volvo Masters, ndr). Partito per lultimo giro con due colpi di vantaggio, Sergio li ha sperperati con altrettanti bogey alla sei e alla sette ed stato raggiunto da Jimenez. I due si sono trovati in parit dopo le prime nove, poi i due birdie di

CASTELL MASTERS

Garcia combinati con altrettanti bogey di Jimenez hanno lasciato che il ragazzo di Castelln prendesse un po di vantaggio. Ma il 47enne di Malaga, vincitore di 19 titoli sul Tour (questanno ancora a secco) riuscito a riaprire la gara con due birdie nelle ultime tre sfiorando il playoff. Miguel ha combattuto fino allultimo ha proseguito il vincitore io non mi sentivo in palla come la settimana scorsa, ma sono stato bravo a mantenere la concentrazione e portare a casa il titolo. Una vittoria che frutta 500.000 euro e il ritorno tra i primi 20 al mondo: C stato un momento in cui mi sono chiesto se sarei mai tornato competitivo ha chiuso , ve lo pu confermare Luke Donald col quale mi ero sfogato un anno fa al Madrid Masters. Ma ora tutto di nuovo bello.
Conferme Chicco Ottimo il 10

Andalusia Masters, percorso del Gc Valderrama a Sotogrande (Spa, par 71). 1. Garcia (Spa) -6 (70 70 67 71, 278) 500.000 e; 2. Jimenez (Spa) -5 (71 70 68 70, 279), 333.330 e; 3. Ramsey (Sco) -4 (65 72 73 70, 280) 187.000 e; 4. Lowry (Irl) -3 (72 71 71 67, 281); 5. Webster (Ing) -2 (75 72 66 69, 282); 6. Havret (Fra) -1 (68 71 76 68, 283); 7. Caizares (Spa) par (71 72 71 70, 284), Nilsson (Sve, 73 71 65 75); 9. Dodd (Gal) +1 (71 73 74 67, 285); 10. Hanson (Sve) +2 (72 71 73 70, 286), F. MOLINARI (71 73 71 71). 28.MANASSERO +7 (77 72 70 72, 291).

AL PLAYOFF CONTRO KIM

McIlroy trionfa a Shanghai e lancia lattacco a Donald


Un playoff da due milioni di dollari per Rory McIlroy (foto Reuters) che ha conquistato lo Shanghai Masters battendo allo spareggio lamericano Anthony Kim. Il vincitore dello Us Open 2011 numero 2 della classifica europea: Ero sotto pressione nelle seconde nove, un colpo indietro con quattro buche ancora da giocare. Vincere cos mi d ancora pi soddisfazione. E lancia lattacco allinglese Luke Donald, n.1 al mondo e leader della Race to Dubai: Voglio avvicinarmi a lui il pi possibile, anche perch Luke non giocher la settimana prossima a Shanghai io s. Sto giocando bene in questo periodo e potrei anche vincere la Race to Dubai.

LET A SOUZHOU

Tseng, ancora un successo Brava Sergas: finisce nona


Vince ancora Yani Tseng. La 22enne taiwanese, numero uno mondiale, si imposta con 200 colpi (68 66 66), sedici sotto il par, nel Suzhou Taihu Ladies Open cogliendo il terzo titolo stagionale nel Ladies European Tour e il decimo nellanno con i sette ottenuti nel Lpga Tour. Sul percorso del Suzhou International Golf Club (par 72) ha conseguito un bel nono posto Giulia Sergas con 210 colpi (68 70 72, 6), confermando il suo buon momento di condizione, e sono andate a premio Sophie Sandolo, 33 con 216 (73 72 71, par), e Veronica Zorzi, 44 con 217 (69 73 75, +1). Alla Tseng sono andati 45.000 euro.

Domenica scorsa il successo nella sua Castellon

CHALLENGE
Francesco Molinari compir 29 anni l8 novembre AP

ritrovata, per la fiducia nel gioco che ha ricominciato a girare. Sar anche, o soprattutto, per lamore per i percorsi della sua Spagna, ma Sergio ha messo due vittorie in fila in una settimana. Dopo quasi tre anni dallultimo trionfo (il 9 novembre 2008 allHsbc Champions), domenica scorsa tornato a sollevare un trofeo. Quello del Castell Masters di Valencia, conquistato sul percorso che lo ha visto crescere golfisticamente oltre che trionfare tre volte. E

Il digiuno lha rotto domenica scorsa trionfando nel torneo di casa: il Castell Master a Castellon, la sua citt natale, vicino a Valencia. Sergio ha cos inserito nel palmars il torneo numero 9 dello European Tour, prima del decimo arrivato ieri. Garcia ha anche vinto sette tornei del circuito americano

posto di Francesco Molinari, con lamarezza di un doppio bogey allultima buca che gli ha fatto perdere tre posizioni. E stata comunque una buona settimana per il pi giovane dei Molinari che, da gioved, sar in Cina a difendere il titolo dellHsbc Champions allo Sheshan International di Shanghai. Sono abbastanza soddisfatto ha spiegato Chicco poco prima di imbarcarsi sul volo per la Cina , c stato qualche errore di troppo ma vedo che poco per volta tutto sta tornando a girare per il verso giusto. Spero di difendere il titolo al meglio, anche se non sar facile ripetermi. E a fine mese ci sar anche la World Cup da difendere. Una cosa sicura: con obiettivi cos le motivazioni salgono alle stelle.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled finale allApulia Riva dei Tessali, c la pro am


Gran finale del Challenge Tour in programma da mercoled allApulia San Domenico. Occhi puntati sui due italiani ancora in gara per la vittoria finale del circuito: Andrea Pavan e Federico Colombo. Intanto oggi si conclude la Riva dei Tessali Metaponto Pro Am by Natuzzi che si disputa sui due percorsi del Resort Riva dei Tessali Metaponto.

A ROMA

Il decimo Pitch&Putt Open Va allo spagnolo Monj


Ha parlato spagnolo la 10 edizione delItalian Pitch&Putt Open disputata sul percorso executive del Parco de Medici Sheraton Golf, a Roma, sulla distanza di 36 buche e con partecipazione di 90 giocatori provenienti da tutta Europa, ha prevalso con 95 colpi Juan Pedro Monj Bossi davanti al connazionale Carlos Gonzales Lopez con 100.

Il successo del golf italiano? Il segreto nel movimento.


La Federazione Italiana Golf ringrazia gli sponsor, i campioni e tutti gli appassionati che giorno dopo giorno contribuiscono a far crescere il movimento golfistico italiano.

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

51

TUTTENOTIZIE & RISULTATI


Disabili CAMPAGNA DI SOLIDARIETA Ghiaccio/1 GRAND PRIX FIGURA: DANZA
Atletica
DOPPIETTA MESSICO (si.g.) Nei Panamericani di Guadalajara (Mes), oro dei 50 km di marcia a Horacio Nava in 3h4858 su Ojeda, 3h4916, e Quiyuch (Gua), 3h5033, tempi di rilievo considerando laltitudine (1567 metri). MARCIA TRICOLORE Anna Clemente (5228") e Vito Minei (4847") ambedue della don Milani hanno conquistato a Grottammare (Ap) il tricolore allievi della 10 km di marcia. Tra seniores Vito Di Bari (4414") vince su Jean Jaques Nkoloukidi (4531"), Rossella Giordano (4852") batte Eleonora Giorgi (5007"). DOMINGUEZ (pe.m.) La spagnola Marta Dominguez, al rientro dalla maternit, ha vinto la 10 km di Madrid in 3421" AREZZO AFRICANA (m.m.) Festival africano nella 13 Maratonina di Arezzo. Uomini: 1. Chirchir (Ken) 1h0230: 2. Deme (Eti) 1h0242; 3. Rukundo (Rua) 1.0249. Donne: 1. Geletu (Ethi 1h1436; 2. Woldmichael (Eti) 1h1444; 3. Menna 1h1823. lo Petroni, dopo aver ottenuto il pass per i Giochi di Londra 2012 chiudendo all8 posto agli Europei, ieri ha vinto a Catania il Champion of Champions battendo con 5.852 il ceco David Svodoba (5.804) che questanno aveva vinto una prova di Coppa del Mondo. Sul podio anche laltro azzurro qualificato per Londra 2012, Federico Giancamilli, 3 con 5.728 punti.

Sport terapia Cappellini-Lanotte Parola di Bebe terzi in Canada


Lassociazione art4sport Onlus crede nello sport come terapia per il recupero fisico e psicologico dei bambini e dei ragazzi portatori di protesi di arto. Fino al 5 novembre promuove una campagna di sensibilizzazione. Ci scrive Bebe per sensibilizzare i lettori ad aderire alla campagna.

Rugby
ECCELLENZA Nel posticipo del 4 turno, Mogliano passa a Parma. Crociati Parma-Mogliano 12-16 (6-9). Marcatori: p.t. 5 c.p. Fadalti (M), 6 e 25 c.p. Zucconi (M), 32 e 40 c.p. Fadalti (M); s.t. 5 c.p. Zucconi (C), 14 m. Cornwell tr. Fadalti (M), 22 c.p. Zucconi (C). Punti: Crociati 1, Mogliano 4. Classifica: Calvisano, Prato 15; Rovigo 12; Padova 11; Mogliano 10; Lazio, Crociati 7; San Gregorio Ct, LAquila 5; Reggio 4.

Ciao Mondo!!! Sono Beatrice Vio, ma tutti mi chiamano Bebe, adoro lo sport, gli scout e la scuola (non proprio vero ma magari qualche prof legge la Gazzetta dello Sport...). A 11 anni volevo diventare una campionessa di scherma. Per una brutta malattia hanno dovuto amputarmi gambe e braccia. Urlavo: che sfiga! Volevo ricominciare a

tirare ma lo Stato purtroppo non aiuta i bambini disabili a fare sport ( troppo costoso...). Per fortuna nata art4sport (grazie a mamma e pap), unassociazione che aiuta i bambini amputati come me a riconquistare la vita attraverso lo sport. Mi hanno comprato le protesi da scherma e ho subito ripreso a divertirmi. Oggi ho 14 anni e voglio diventare una campionessa di scherma in carrozzina! Grazie ad art4sport adesso posso urlare: la vita una figata!!! Per questo vi chiedo di sostenere art4sport fino al 5 novembre con un sms (da 1 euro) o con una chiamata da rete fissa (da 2 euro) al numero 45596
Baci, Bebe..

MISSISSAUGA (CANADA)

Terzi gi dopo il programma corto, Anna Cappellini e Luca Lanotte (foto AFP) tornano con un bronzo nella danza di Skate Canada, seconda delle sei tappe del Grand Prix di figura. Nel libero, i due giovani azzurri i soli in gara in Ontario hanno danzato sulle note di La Strada, piazzandosi secondi con 92.95, per un totale di 154.87 che li ha fatti chiudere alle spalle delle due coppie canadesi Virtue-Moir (primi in entrambe le sezioni di gara: 106.73 nel libero) e Weaver-Poje. Ci siamo divertiti perch amiamo tantissimo questo libero ha commentato Luca Lanotte. Questesta-

te abbiamo cercato di lavorare molto sulla qualit del nostro pattinaggio ha aggiunto Anna Cappellini : sentivamo che saremmo stati capaci di dimostrarlo in gara. Questo ci rende molto fieri. Per la coppia lombarda si tratta del quarto podio nel circuito Grand Prix, il primo dal 2009 a oggi.
Danza. Finale: 1. (1.1.) Virtue-Scott 178.34 (71.61+106.73); 2. (2.3.) Weaver-Poje 155.99 (63.31+92.68); 3. (3.2.) Cappellini-Lanotte 154.87 (61.92+92.95). Uomini: 1. (3.1.) Chan (Can) 253.74; 2. (1.2.) Fernandez (Spa) 250.33; 3. (2.3.) Takahashi (Giap) 237.87. Donne: 1. (1.2.) Tuktamisheva (Rus) 177.38; 2. (4.1.) Suzuki (Giap) 172.26; 3. (2.3.) Wagner (Usa) 165.48. Coppie: 1. (1.1.) Volosozhar-Trankov (Rus) 201.38; 2. (4.2.) Wenjing Sui-Cong Han (Cina) 180.82; 3. (2.3.) Duhamel-Radford (Can) 174.84.

Sport invernali
FONDISTI (g.v.) Ultimo ritiro in Val Senales (Bz) per gli azzurri del fondo, da mercoled a domenica, prima di decidere dove proseguire la preparazione sulla neve, per il momento ancora assente al Nord, fatto che sta condizionando il lavoro di tutte le Nazionali europee. Possibile leffettuazione dei test di selezione per lavvio di Coppa del mondo a S. Caterina Valfurva (So) dove in allestimento una pista su neve programmata.

Boxe
MONDIALI (r.g.) A Hermosillo (Mes) il locale Hernan Marquez (32-2) si conferma campione mosca Wba spedendo Luis Concepcion (Pan, 23-3) ko 1. A Colima (Mes), Giovanni Caro (22-10-4) fallisce lassalto al titolo Ibf supergallo, battuto ai punti da Takalani Ndlovu (Saf, 33-6). IN ITALIA (r.g.) Ad Ancona il superleggero Michele Focosi (15) mantiene limbattibilit contro Michele Szabo (Ung, 14-16-2) kot 2. A Ischia il superwelter Annunziata (15-5-4) b. Mottolese (12-10-1) 8 t.; leggeri: Ceglia (6) b. Delmestro (1-1) 6 t.; medi: Nespro (19-8-1) b. Ramocsa (Ung, 10-17) kot 6. ABIS DIFENDE (r.g.) L8 novembre a Laval (Fra) litaliano Luciano Abis (31-2-1), della OPI2000, reduce dallimprevista sconfitta dello scorso luglio contro il lettone Morosek, difende la cintura welter Ue contro lo sfidante Stanislas Salmon (Fra, 22-1-2). DI SILVIO (i.m.) Il 32enne leggero Pasquale Di Silvio (15-3) sfider il 3 dicembre a Helsinki (Fin) limbattuto padrone di casa Edis Tatli (15) nel sottoclou di Povetkin-Boswell, Mondiale Wba dei massimi. DOMINIO CUBANO (mat.) Ai Panamericani di Guadalajara (Mes) 8 ori per Cuba: Ramirez (52), Alvarez (56), Toledo (60), Iglesias (64), Banteur (69), Correa (75), La Cruz (81), Perea (+91).

Tennis
SERIE A (al.ba.) Nella serie A1 maschile sfida diretta nel girone 2 tra i campioni uscenti dellAniene e il Castellazzo. La squadra di Reggio Emilia, l'anno scorsa sconfitta in finale, ora porta a casa un 5-1 casalingo, con Golubev che batte Starace. Ora le squadre sono appaiate in testa. Nel girone 1, il Parioli (riposava) a pari merito con il Tc Italia di Forte dei Marmi. Il Parioli ieri era in riposo mentre il Forte dei Marmi. Nella A1 femminile resta primo il Parioli di Arn e Burnett, che sconfigge la Canottieri Padova 4-0.

Tuffi
MESSICO PIGLIATUTTO (al.f.) Ai Panamericani di Guadalajara (Mes), Paola Espinosa, iridata a Roma '09 dalla piattaforma, conquista 3 ori. Uomini. 3 m: Castillo 529.45, Sanchez 480.65; 3 m sincro: Castillo-Sanchez 457.32, Dumais-Ipsen (Usa) 411.99; 10 m: Garcia 553.80, Pacheco 508.20; 10 m sincro: Garcia-Sanchez 479.88. Donne. 3 m: Sanchez 374.60, Krug (Usa) 372.65, Espinosa 356.20, 5. Abel (Can) 347.55, 7. Heymans (Can) 325.90; 3 m sincro: Espinosa-Sanchez 338.70, Abel-Heymans (Can) 336.30, Cook-Krug (Usa) 319.50; 10 m: Espinosa 370.69, Ortiz 369.05, Benfeito (Can) 358.20; 10 m sincro: Espinosa-Ortiz 326.31.

Beatrice Vio, per tutti Bebe, con lolimpionica e iridata Valentina Vezzali

Ghiaccio Coppie: Berton e Hotarek secondi


Nuoto SEDICI MESI A UN TECNICO Baseball NEL 2012 FA 60 ANNI
A Nizza (Fra), Stefania-Berton e Ondrej Hotarek hanno vinto la gara a coppie dellInternational Cup di figura. Uomini: 1. (1.4.) Messing (Usa) 203.42. Donne: 1. (1.1.) Agafonova (Rus) 154.27; 12. (14.10.) Rodeghiero 117.17; 14. (12.14.) Garlisi 115.40; 15. (6.16.) Rio 114.23. Coppie: 1. (1.2.) Berton-Hotarek 167.86; 2. (2.1.) Gerboldt-Enbert (Rus) 167.84; 3. (4.3.) Marley-Brubaker (Usa) 159.08. Danza: 1. (2.1.) Starygina-Volobuev (Rus) 126.09.

Vela LA 34 COPPA AMERICA

Ghiaccio/2 SHORT TRACK: 500

Luna Rossa Fontana che bis Usa: condanna Accolta la sfida E Valcepina 2a per molestie
(r.ra.) Luna Rossa sar presente alla 34 Americas Cup che si correr con catamarani a San Francisco nellestate 2013. Il Golden Gate Yacht Club circolo detentore della Coppa ha accettato la sfida presentata dal Circolo della Vela Sicilia, il cui guidone sventoler a poppa del multiscafo di Prada. Il sindacato italiano parteciper anche al circuito dell'America's Cup World Series con i catamarani, 10 le tappe di cui 4 in Italia: 2 a Napoli (7-15/4/012 e 11-19/5/013) e Venezia (12-20/5/012 e 13-21/4/2013). Prossima: San Diego 12-20/11. Due vittorie in due giorni per Arianna Fontana. Dopo quella di sabato nei 1500 primo sigillo in Coppa del Mondo , ieri a Saguenay (Can) la valtellinese si presa i 500 davanti a Martina Valcepina, che ha bissato il piazzamento di sabato.
Risultati. Uomini. 500 (2): 1. Tremblay (Can) 41"655; 19. Reggiani 43"021; 32. Viscardi 43"678. 1000: 1. Hamelin (Can) 126"719; 10. Dotti 129"088; 23. Cassinelli 130"140; 37. Compagnoni 137"997. Staffetta: 1. Sud Corea 648"401. Donne. 500 (2): 1. Fontana 44"279; 2. M. Valcepina 44"353; 10. A. Valcepina 45"531. Coppa (3/7): 1. M. Valcepina 2400; 2. St.Gelais (Can) 2000. 1000: 1. St.Gelais (Can) 130"710; 15. Maffei 136"539; 28. Tota 138"067; 31. Viviani Elena pen. Staffetta: 1. Cina 413"559.

Crisi Grosseto Sparir dallIbl?


(m.c.) Il Grosseto, che nel 2012 avrebbe festeggiato 60 anni di vita, rischia seriamente di dover rinunciare allIbl. Il patron Roberto Baricci ha comunicato ai giocatori limpossibilit di andare avanti e lultima speranza legata a una cordata locale, Amici del Bbc che potrebbe rilevare una gestione che in 17 anni ha fruttato 2 scudetti ed una Coppa Campioni. Riccardo De Santis e Yovani DAmico potrebbero sistemarsi a Nettuno; Vaglio a Rimini; Cooper a San Marino.
LIDDI (m.c.) Alex Liddi in Venezuela (Cardenales de Lara) ha battuto una sola valida in 7 partite: 1/20 (136 mb).

Vela
VOLVO RACE (r.ra.) Ad Alicante (Spa) stata la giornata dedicata agli appassionati e agli sponsor della Volvo Ocean Race 2011 2012 (presente anche il Principe Carlo Filippo di Svezia) 3 le regate disputate due sono state vinte dai francesi di Groupama (skipper Cammas) e una dagli americani di Puma (skipper Read).Gli equipaggi ora hanno 5 giorni per preparasi alla partenza della prima tappa Alicante Citt del Capo che partir il 5 novembre.

(al.f.) Il tecnico americano Todd Sousa stato condannato a 16 mesi per aver compiuto 13 atti osceni 3 atti sessuali nei confronti di minorenni. Era gi stato radiato dalla federazione statunitense.
MAGNUSSEN NASCOSTO (al.f.) Liridato dei 100 sl James Magnussen a Sydney (50 m) fa 49"54 e dice: No alla Coppa del Mondo per non scoprire le carte, non voglio che i miei avversari si abituino a gareggiare contro di me e scoprano la mia tattica. AUSTRALIANA (al.f.) Nellesibizione di Parma (25 m) per i 20 anni della Coopernuoto, Mirco Di Tora vince laustraliana nei 100 misti (5679) battendo Orsi (56"99) e Facchinelli (56"66 sem.). Livia Travaglini (104"02) batte la fondista azzurra Grimaldi (106"75) e Celli (107"31).

Hockey in linea
CAMPIONATO (m.l.) La 4 : Asiago-Vicenza 3-5; Milano24-Empoli 8-4. Classifica: Milano24* 9; Vicenza* 7; Monleale**, Asiago, Edera Trieste** 6; Padova** 4; Cittadella** 3; Empoli, Latina*, Arezzo* 0. (* una gara in meno, ** due in meno).

Judo
COPPA ITALIA (e.d.d.) Con le vittorie di Miranda Giambelli e Valeria Raimondi lIsao Okano ha vinto la Coppa Italia junior-senior femminile a Fidenza: primi posti di Ugon (48), Bartole (52), Raimondi (57), Paissoni (63), Macr (70), Giambelli (78) e Ferrera (+78).

COMUNE DI PORDENONE
E indetta una procedura aperta per laffidamento del SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI E GIUDIZIARI PER IL PERIODO DAL 01/04/2012 AL 31/03/2017. CIG 2944026F18. Nuovo termine per il ricevimento delle offerte: 07/12/2011 ore 12.00. Copia degli atti di gara aggiornati con determinazione n. 118/2011 pu essere richiesta al seguente indirizzo: COMUNE DI PORDENONE - Servizio Contratti e Procedure di Gara - Corso Vittorio Emanuele II n. 64 Pordenone; alla seguente e-mail: ufficio.gare@comune.pordenone.it reperita al seguente indirizzo: http://www.comune.pordenone.it/comune/albo/bandi. Data spedizione avviso a G.U. Comunit Europee: 13.10.2011. Pordenone, 13.10. 2011 IL SEGRETARIO GENERALE - Dott. PAOLO GINI

Pentathlon
VINCE PETRONI (l.m.) Lazzurro Pierpao-

Pallavolo femminile
BUSTO ARSIZIO CHIERI
(18-25, 25-15, 25-22, 25-15) YAMAMAY BUSTO ARSIZIO Havelkova 22, Dall'Ora 7, Havlickova 18, Marcon 6, Bauer 16, Lloyd 1; Leonardi (L), Lotti, Pisani 4. N.e. Meijners, Caracuta, Bisconti. All. Parisi. CHIERI Sorokaite 9, Borgogno 7, Zetova 13, Arimattei 7, Pavlovic 4, Giogoli 2; Borri (L), Dolezalova, Vietti. N.e. Zauri, Grazietti. All. Beltrami. ARBITRI: Bartoloni e Frapiccini. NOTE - Spett.: 3578. Incasso: 7400 euro. D.s.: 24', 25', 29', 24; tot 102'. Busto: b.s. 15, v. 4, m. 13, s. l. 3, e. 17. Chieri: b.s. 8, v. 2, m. 7, 2a l. 1, er. 16. Trofeo Gazzetta: 6 Havlickova, 5 Lloyd, 4 Havelkova, 3 Bauer, 2 Pisani, 1 Zetova. BUSTO ARSIZIO (m.b.l.) Nel testacoda la Yamamay, con Havelkova, Havlickova e Bauer in doppia cifra, cala il poker di vittorie, portandosi al comando solitario della classifica e lasciando invece Chieri delle ex Borri e Giogoli (ma senza la tedesca Hippe) ancora al palo. Felice esordio della regista californiana Lloyd, Busto cede per il primo set del campionato.

BUSTO PRIMA, PESARO ANCORA A ZERO


2 3 CONEGLIANO BERGAMO
(2426, 1425, 1525) SPES CONEGLIANO Richards 8, Malvestito 7, Nemtanu 7, Angeloni 8, Crozzolin 6, Gallas 1; Rossetto (L). Daminato (L), Martinuzzo. N.e. Kirwan. All. Gaspari. NORDA FOPPAPEDRETTI BERGAMO Quaranta 16, Melandri 10, Diouf 16, Piccinini 11, Nucu 9, Serena 2; Gabbiadini (L). Di Iulio (L). N.e.Merlo (L), Carraro. All. Mazzanti. ARBITRI Genna e Goitre. NOTE Spettatori: 3000. Durata set: 30', 20', 22'; totale 72. Conegliano: b.s. 8, v. 3, m. 9, s.l. 1, e. 14. Bergamo: b.s. 13, v. 5, m. 11, s.l. 8, e. 18. Trofeo Gazzetta: 6 Quaranta, 5 Diouf, 4 Nucu, 3 Serena, 2 Piccinini, 1 Crozzolin. CONEGLIANO (a.r.) Bergamo utilizza la prima frazione per rodare la formazione e ha ragione del Conegliano, fortemente rimaneggiato, in poco pi di un'ora di gioco. Sugli scudi per le campionesse d'Italia, Quaranta e Diouf con 16 punti. Nel Conegliano, Gallas, 35 anni, ha debuttato in serie A.

RISULTATI
URBINO-VILLA CORTESE CONEGLIANO-BERGAMO PARMA-PESARO NOVARA-PAVIA BUSTO ARSIZIO-CHIERI PIACENZA-MODENA (sabato) 2-3 0-3 3-1 3-2 3-1 2-3

3 1

PARMA PESARO
(25-22, 21-25, 25-15, 27-25)

3 1

PIACENZA MODENA

0 3

NOVARA PAVIA

3 2

(26-24, 25-17, 16-25, 18-25, 13-15) REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA: Pachale 17, Leggeri 9, Turlea 16, Lehtonen 11, Nicolini 12, DallIgna; Mazzocchi (L), Kajalina, Callegaro 1, Cella 4. All. Marchesi LIU JO MODENA: Fernandinha 6, Rinieri 25, Marinkovic 1, Aguero 28, Valeriano 6, Paggi 10; Ciabattoni (L), Barazza, Harmotto 12. N.e. Partenio, Mari. All. Cuccarini ARBITRI: Pol e Pignataro NOTE - Spettatori 1600, incasso 3000. Durata set: 29, 24, 26, 26, 19; tot. 124. Rebecchi: b.s. 4, v. 3, m. 10, s.l. 8, e. 18. Liu Jo: b.s. 9, v. 8, m. 13, s.l. 8, e. 28. Trofeo Gazzetta: 6 Aguero, 5 Harmotto, 4 Pachale, 3 Rinieri, 2 Nicolini, 1 Fernandinha PIACENZA (m.mar) Piacenza si trova avanti 2-0 nel conto dei set e quindi 12-9 al tie break ma non riesce a portare a casa la vittoria, cadendo sotto i colpi di una scatenata Aguero. A cambiare la gara anche lingresso della Harmotto, brava in attacco e a muro.

(25-21, 21-25, 25-20, 20-25, 15-13) AYSTEL NOVARA Barun 11, Sansonna 2, Vigan 28, Frigo 14, Camera 1, Horvath 29; Zardo (L), Bechis. All. Caprara. RISO SCOTTI PAVIA Balboni 2, Barborova 18, Lamb 14, Maricic 15, Gennari 17, Degradi 5; Barbieri (L). N.e. Vicinanza, Fiori, Wueru. All. Lotta. ARBITRI Cappello, Gentile. NOTE - Spettatori 1600 circa. D.s.: 26', 25', 27', 25', 18'; tot.: 121. Novara: b.s. 14, v. 4, m. 10, e. 12. Pavia: b.s. 6, v. 7, m. 14, e. 10. Trofeo Gazzetta: 6 Horvath, 5 Vigan, 4 Barborova, 3 Camera, 2 Barbieri, 1 Gennari. NOVARA (a.cri.) Incredibile vittoria al tie break di Novara, che batte Pavia nonostante le assenze di quattro titolari. Caprara, che deve anche lasciare in panchina l'acciaccata Bechis, reinventa la squadra, schierando il libero Sansonna da opposto e Barun (al rientro dopo 6 mesi) al centro. Vigan e Horvath fanno la differenza, a Pavia non bastano le bordate di Barborova (5 ace) al servizio ed i muri di Lamb (8).

CARIPARMA SIGRADE PARMA: Dalia 3, Bacchi 12, Campanari 7, Moreno Pino 40, Roani 8, Brusegan 9; Poma (L). N.e. Conti, Galeotti. All. Radogna SCAVOLINI PESARO: Saccomani 17, Okuniewska 13, Ferretti 6, Klineman 16, Manzano 1, Ampudia 7; De Gennaro (L), Lulama 15. N.e. Agostinetti. All. Tofoli ARBITRI: Longo e Marchello NOTE - Spettatori e incasso n.c. Durata set: 26' , 26', 22', 33'; tot: 107' . Cariparma: b.s. 4, v. 1, m. 11, s.l. 15, e. 8. Scavolini: b.s. 9, v. 4, m. 12, s.l. 7, e. 6. Trofeo Gazzetta: 6 Moreno Pino, 5 Dalia, 4 Saccomani, 3 Bacchi, 2 Brusegan, 1 Klineman. PARMA (ma.p.) Moreno Pino mette a terra 40 palloni regalando a Parma la seconda vittoria di fila e lasciando Pesaro ancora senza punti. L'opposto colombiano di Parma una furia e giustamente Dalia la cerca in continuazione, soprattutto nel finale punto a punto del quarto, decisivo set. A Pesaro non bastano l'esordio positivo di Klineman e i 17 punti di Saccomani.

CLASSIFICA
SQUADRE BUSTO ARSIZIO VILLA CORTESE URBINO BERGAMO MODENA PARMA NOVARA PIACENZA CONEGLIANO PAVIA PESARO CHIERI PT 12 11 10 10 8 6 3 3 2 1 0 0 G 4 4 4 4 4 4 4 3 4 4 3 4 V 4 4 3 3 3 2 2 1 1 0 0 0 P SV SP 0 12 1 0 12 3 1 11 4 1 11 5 1 9 5 2 7 8 2 8 9 2 6 8 3 3 11 4 4 12 3 1 9 4 3 12

PROSSIMO TURNO
22 novembre VILLA CORTESE-PARMA BERGAMO-NOVARA PESARO-URBINO CONEGLIANO-CHIERI MODENA-BUSTO PAVIA-PIACENZA

52

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

ALTRI MONDI

Il fatto del giorno


DI GIORGIO DELL'ARTI gda@gazzetta.it

_lo sfidante

lafrase DEL GIORNO

d notizie Tascabili
Oggi finisce la missione Nato

Chi Renzi e come mai sta provando a rottamare questo Pd?


Giovane sindaco di Firenze, chiama dinosauri i leader della sinistra e chiede le primarie per sceglierne di nuovi
Il sindaco di Firenze Matteo Renzi, ieri, alla convention Big Bang ANSA

Libia, lannuncio-shock Trovate armi nucleari


In Libia sono state trovate armi nucleari. Lannuncio shock lha dato il premier dimissionario del Consiglio di transizione libico (Cnt), Mahmud Jibril, alla tv Al Arabiya. LAiea, agenzia dellOnu per lenergia atomica, dovrebbe aggiungere dettagli nei prossimi giorni. Gheddafi aveva ufficialmente rinunciato agli armamenti atomici nel 2004, riallacciando rapporti con lOccidente e aprendo alle ispezioni internazionali. Intanto stasera, dopo 215 giorni, si conclude loperazione Nato in Libia partita a met marzo: alla mezzanotte, il controllo dello spazio aereo libico passer sotto la responsabilit del Cnt.

Occupiamoci un po del Partito democratico. Ieri e laltro ieri s svolta alla stazione Leopolda di Firenze una convention, cio unassemblea-evento, un congresso, insomma un raduno di parecchie migliaia di persone chiamate dal sindaco della citt, Matteo Renzi, per dare battaglia al gruppo dirigente del partito, che Renzi considera formato da dinosauri da rottamare. Il segretario del Partito democratico, Bersani, ha tentato di togliergli luce incontrando a sua volta i giovani del Sud a Napoli, altra convention (o quello che ), e i due si sono beccati di continuo, perch oggi con la tecnologia puoi sapere subito che cosa il tuo avversario sta dicendo di te, e rispondergli a tono. Possiamo dire con sicurezza che a Bersani il tentativo di oscurare Renzi non riuscito: il ragazzo (37 anni il prossimo 11 gennaio) ha fatto il giro delle televisioni e ieri sera approdato a quello che per la sinistra il programma dei programmi, cio quello di Fabio Fazio. Non parliamo delle paginate dei giornali, tutti ipnotizzati da questo giovane, rampante, arrogante e antipatico al punto giusto, sollecitatore di idee vaghe ma seducenti, alfiere del nuovo contro il vecchio, figlio in qualche modo di Prodi e dellala pi dinamica di Comunione e liberazione.

Ha fatto anche larbitro di calcio. Il mio impegno nato da diverse esperienze personali: lo scoutismo, che una grandissima educazione al carattere, alla socialit, alla responsabilit. Poi aver fatto larbitro di calcio, perch sei costretto a decidere, senza avere paura dei ragazzi pi grandi che ti gridano in faccia di tutto. A 19 anni ha partecipato alla Ruota della fortuna con Mike Bongiorno e ha portato a casa 33 milioni di lire investiti nellazienda di famiglia, la Chil, marketing. in effetti un uomo marketing anche lui: ossessionato dai social network, ieri ha detto che se 22 milioni di italiani vanno su internet l che lui andr a cercarli. Bersani e Vendola gli hanno gridato che il vecchio lui, che le sue idee risalgono agli anni Ottanta. Lui ha risposto: Basta con un paese in cui cambiano i partiti ma le facce restano le stesse. Abbiamo finito foreste e zoo, a furia di cambiare i simboli.

2che cosa vuole? Ma


Questo pi difficile da sapere. E del resto: che cosa vogliono Bersani, Vendola, la Bindi? Il Financial Times laltro giorno ha scritto che MerkelSarkozy alla fine si tengono Berlusconi bench lo detestino perch nessuno ha la minima idea di che cosa farebbe lItalia se governata dal cen-

tro-sinistra. Alla grossa: la lettera spedita dalla Bce ad agosto un primo punto di lacerazione. Per un pezzo del partito irricevibile, per un altro pezzo di partito la base su cui edificare un programma di governo. Renzi ha ribadito ieri che i debiti vanno pagati e le finestre della politica aperte. qualcosa. Vuole raccogliere e mettere su internet cento idee per il governo (WikiPd, ognuno fa finta di essere presidente del Consiglio, il gioco gi cominciato alla Leopolda). Questaria di modernit fa impazzire i dinosauri democratici. Il trucco delle cento idee venne adoperato anche al tempo della battaglia per il sindaco: alle primarie Renzi fece fuori i candidati di DAlema e Bersani e vinse poi contro lex portiere di Fiorentina e Milan, Giovanni Galli. Altri punti programmatici enunciati durante la Leopolda: abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, abolizione del valore legale del titolo di studio, abolizione dei vitalizi, superamento del bicameralismo perfetto, dimezzamento del numero dei parlamentari, riforma delle pensioni, introduzione del reato dellomicidio stradale, cancellazione delle Camere di commercio.

Ha detto di no. Vogliamo candidare le nostre idee. ovviamente solo uno slogan, luomo non sarebbe un politico se non volesse tutto il potere possibile. Un anno fa ha raccontato lui stesso a Monica Ceci di Gioia: Giulio Andreotti venne una volta in Provincia e lo feci sedere alla scrivania per firmare il libro donore, come si usa, e lui mi chiese: Di chi questa poltrona?. Dissi che era mia. E lui: Posso darle un suggerimento? Non la ceda mai, neanche in prestito. Ho limpressione che Renzi non avesse bisogno di questo suggerimento.

4 tutto il Pd, nel suo statuOltre


to, dichiara che il candidato premier del partito sempre il segretario.

Potrebbero per esserci primarie tra i diversi leader di partito per trovare il candidato premier del centro-sinistra.

SUL LAVORO TROPPE TENSIONI LItalia ha conosciuto lanomalia di circa 40 anni di Davanti al Teatro Valle occupato terrorismo. Fischi e insulti a Vespa Oggi vedo una Il giornalista contestato conseguen- per strada a Roma za, dalla violenza verbale a quella spontanea e organizzata che mi auguro non arrivi ancora anche allomicidio come gi accaduto, Bruno Vespa contestato al teatro Valle, a Roma ANSA lultima volta Urla, fischi e insulti dieci anni fa il giornalista della Rai ieri contro Bruno Vespa: stato contestato con il davanti al Teatro Valle, a Roma. Lo documenta povero un video che ieri circolato su Facebook ed Marco Biagi, stato pubblicato dai siti internet di alcuni nel contesto quotidiani. Nel filmato si vede Vespa alle prese di una con un gruppo di persone che, al suo passaggio davanti al teatro, urlano: Venduto, discussione la Rai servizio pubblico. Il Valle, luogo simile a storico della capitale, dal 14 giugno occupato quella di dai lavoratori dello spettacolo che protestano oggi sui contro i tagli del governo. licenziamenti Lappello anti-crisi ai potenti
MAURIZIO SACCONI
MINISTRO DEL LAVORO

5 Vendola contro Di Pietro Cio


e il vincitore contro Bersani?

LUe scrive al G20: Serve laiuto di tutti


LEuropa da sola non pu farcela a risolvere la crisi dei debiti. Per questo il presidente dellUnione europea, Herman Van Rompuy, e quello della Commissione europea, Jos Manuel Barroso, hanno scritto una lettera ai loro partner del G20 per chiedere di aggiungere i loro sforzi a quelli decisi dagli europei per far fronte alla crisi, in vista del vertice delle 20 potenze industrializzate ed emergenti di gioved a Cannes. Resta necessario che linsieme dei partner del G20 agisca in modo congiunto in uno spirito di responsabilit e obiettivo comune, hanno scritto i rappresentanti europei.

1 questo Renzi un alInsomma,


tro comunicatore.

3 vincere di nuovo le primaVuol


rie per farsi candidare dal centro-sinistra a Palazzo Chigi?

Bersani sta lavorando di fino per evitarlo. La Bindi ha detto: Se Matteo Renzi vuole fare le primarie sar bene che esca dal Pd. Ma la Bindi lo odia, con quellintensit di cui sono capaci, tra di loro, solo i toscani. Ecco perch lEuropa si tiene ancora stretto Berlusconi. Almeno sa di che si tratta.

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

53

ALTRI MONDI

RAPITA IN ALGERIA

In mano ad Al Qaeda la volontaria italiana


Litaliana Rossella Urru (nella foto), rapita lo scorso 23 ottobre in Algeria assieme a due cooperanti spagnoli, viva ed in

mano ai terroristi di Al Qaeda, nel Maghreb islamico (Aqmi). Per il momento gli ostaggi stanno bene, ha riferito un mediatore, La volontaria di Samugheo (Oristano), di 27 anni, era stata catturata vicino a Tindouf, in un campo profughi che ospita almeno 100 mila profughi sahrawi.

UN VIDEO SU YOUTUBE

Da Iacchetti vaffa a Brunetta e La Russa


Enzo Iacchetti, conduttore di Striscia la Notizia, in un video su YouTube attacca: Alla Camera, che ha gi 4600 dipendenti, ne

sono stati assunti altri 33, quindi vaffan... Brunetta. La Russa ha comprato 19 Maserati blindate per trasportare dei generali e allora vaffan... anche a La Russa. In questo modo tra una quindicina di mesi saremo andati a fanc...o pure noi: bisogna cominciare a incazzarsi.

Obama litaliano Voi grandi alleati, lavoriamo insieme


Show del presidente al gala degli italoamericani: Che cosa sarebbero gli Usa senza il vostro genio?
FILIPPO CONTICELLO

AMERICA SOTTO LA NEVE

A tutta
DI MABEL BOCCHI

Salute
Decisione a sorpresa

S
LALLUVIONE IL CORPO ERA IN MARE
Nel nord-est in 3 milioni senza luce Una tempesta di neve nel nord-est degli Stati Uniti ha gi fatto tre morti e lasciato senza luce oltre tre milioni di persone, 200 mila solo a New York. La neve insolita in questo periodo dellanno: dal 1869 a New York ha nevicato in ottobre solo tre volte. Si sono poi registrate forti raffiche di vento con punte di 72 km/h, che hanno complicato la situazione della rete elettrica

La marijuana in Olanda diventa droga pesante


Nellelenco delle droghe pesanti olandesi ora rientra anche la marijuana. La causa sta nellaumento della concentrazione della THC (tetraidrocannabinolo), principio attivo che il responsabile degli effetti nocivi e che avrebbe raggiunto concentrazioni superiori al 15%, limite stabilito per differenziare una droga leggera da una pesante. La marijuana diffusa in Olanda, lo skunk, ha questa caratteristica.

Quel viva lItalia, scandito subito a voce piena, stato un discreto esordio. Tre parole e Barack Obama ha conquistato i duemila presenti sabato sera allHilton di Washington: il presidente americano s ritagliato una valanga di applausi al 36 gala annuale della Niaf, potentissima organizzazione italoamericana degli Usa. Lintervento era attesissimo e, tra battute e richiami nostalgici, sembra aver toccato le corde giuste del pubblico. Innanzitutto, con una domanda retorica a effetto: Cosa sarebbero gli Stati Uniti senza il contributo dellItalia e degli italoamericani? Cosa sarebbe senza i viaggi di Colombo, di Verrazzano e Vespucci? Cosa sarebbe la nostra tecnologia senza Da Vinci e Galileo e senza Fermi? Cosa sarebbero i film e la musica senza Capra, Sinatra e Sophia Loren, la mia preferita?. A ruota la risposta, anche questa a effetto: Non sarebbero ci che sono oggi senza questo contributo unico e ineguagliabile.
Neve e Halloween A Washington si sente gi odore di elezioni e i voti degli italoamericani sono merce preziosa. Per questo Obama col vestito buono, elegantissimo smoking, ha parlato da statista: Oggi viviamo tempi difficili e quel sogno americano che port qui tanti italiani per molti sembra svanire. Bisogna riscoprire limpegno, la dedizione, la forza di un tempo. Il 21 settembre, al momento dei ringraziamenti agli alleati per la missione in Libia, si era dimenticato di citare il nostro Paese. Stavolta parole diverse per lItalia: uno dei nostri maggiori alleati, lavoreremo insieme al G20 per prendere decisioni importanti per leconomia globale. AllHilton la festa proseguita

Liguria, le vittime salgono a nove Un aiuto dalla Fiat


LUCA CURINO

Barack Obama e la moglie Michelle ricevono alla Casa Bianca un gruppo di bambini per la festa di Halloween AP

col premio alla presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, quello a Santo Versace e con lintervento del ministro della Giovent, Giorgia Meloni. Obama, invece, tornato alla festa di Halloween organizzata dalla moglie Michelle alla Casa Bianca: nel portico addobbato di zucche e ragnatele, la coppia presidenziale ieri ha aspettato i bambini mascherati per il tradizionale trick or treat (scherzetto o dolcetto). Una festa diversa dal solito per lAmerica, preoccupata per una nevicata-record che ha bloccato la costa Est e causato tre vittime. Cos, nel fiabesco scenario di Halloween, disagi reali per tanti: milioni di persone senza corrente elettrica e rete stradale da Washington a Boston in tilt.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Nei paesi colpiti dallalluvione di marted fa in atto una corsa contro il tempo in vista delle piogge abbondanti annunciate fra mercoled e gioved. In particolare, a Vernazza e Monterosso (La Spezia) si sta cercando di ripristinare artificialmente gli alvei dei torrenti per far defluire lacqua. Ma il rischio resta quello di nuove frane. Anche per questo la tensione nelle popolazioni aumenta: ieri a Monterosso stata aggredita per un equivoco la troupe di Report. Sempre al largo di Monterosso, a Punta Mesco, stato recuperato il cadavere di Sandro Usai, 39 anni, il volontario della Protezione civile trascinato via dalla piena mentre stava cercando di aprire i tombini. Lo ha riconosciuto la moglie Elena da un tatuaggio sulla spalla, i 4 mori simbolo della Sardegna di cui era originario: il comune di Arbus, dove era nato, ha dichiarato il lutto cittadino, quello di Monterosso si far carico della borsa di studio per il figlio, che ha 8 anni. Si deve proprio al sindaco di Monterosso, Angelo Betta, levacuazione della scuola intorno a mezzogiorno di marted, senza la quale il bilancio sarebbe ben pi tragico. Mentre quello di Vernazza ha dato lallarme alla cittadinanza, porta a porta, convincendola a salire ai piani superiori.
Arrivano rinforzi Con Usai sale a 9 il numero delle vittime: 7 nello spezzino e 2 in Lunigiana. Ma ci sono ancora 4 dispersi. In Val di Vara stata riaperta lAurelia, ma solo per i mezzi di soccorso. La situazione resta infatti critica e diversi comuni hanno fermato i volontari non organizzati che creano intralcio. Solo in Lunigiana sono al lavoro 700 persone: ieri hanno raggiunto due frazioni di Aulla, Stadano e Parana, che erano isolate. Anche a Vernazza, dove si lavora a mano, arrivano rinforzi: saputo della situazione, Sergio Marchionne ha chiesto a New Holland di inviare piccole scavatrici, personale abilitato a manovrarle e unofficina mobile per riparare quelle che con lusura di questi giorni si rompono.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Una manifestazione per legalizzare la cannabis AP

Influenzano e stimolano lappetito

Com difficile la dieta colpa degli ormoni


difficile dimagrire e tutto per colpa degli ormoni. I ricercatori dellUniversit di Melbourne hanno monitorato 50 pazienti in sovrappeso, prima per un periodo di dieta di 10 settimane, e poi nelle successive due, reintroducendo gradualmente pasti controllati. Ebbene, in un anno tutti hanno riguada gnato almeno 5 chili. Misurati i livelli dei 9 ormoni che influenzano lappetito, hanno scoperto che 6 risulta vano sbilanciati, condizionando la ricerca di cibo.

Aiuta gli anziani a non perdersi

Arriva la scarpa col Gps per i malati di Alzheimer


Per le famiglie che hanno in casa un ammalato del morbo di Alzheimer il rischio costante che il proprio congiunto possa ritrovarsi a vagare, completamente disorientato. Adesso, per, negli Stati Uniti, sono in vendita le scarpe dotate di un localizzatore Gps miniaturizzato integrato nel tallone, che permette di monitorare la posizione di chi lindossa: costano 300 dollari e a breve arriveranno anche nei negozi europei.

PASSIONE INFINITA AL FESTIVAL DEL CINEMA PRESENTATO IL QUARTO EPISODIO, BREAKING DOWN PARTE I

LA NOVIT IN VENDITA NEGLI USA

C Twilight, Roma di nuovo in tilt


Centinaia di fan entusiaste hanno affollato lAuditorium Malore per Avati alla prima del suo film
ELISABETTA ESPOSITO ROMA

Seno pi grande del 30% con le protesi regolabili


Un sondaggio ha rivelato che il 50% delle pazienti che hanno aumentato chirurgicamente le dimensioni del seno non soddisfatto del risultato ottenuto: lo avrebbe voluto pi grande almeno di una taglia. Facile dunque capire perch lultima novit in arrivo dagli Stati Uniti stia gi spopolando. Sono le protesi regolabili (nella foto, Ansa) che consentono di aumentare a pi riprese la taglia fino al 30% anche un anno dopo lintervento: funzionano grazie ad una valvola che si inserisce sottopelle e da cui possibile iniettare soluzione fisiologica ingrandendo limpianto a pi riprese. Loggetto tanto ambito nato in realt per funzioni terapeutiche, come permettere una piena simmetria dei seni alle donne che hanno subito unasportazione. Ma lidea di poter dare unaggiustatina dopo il chirurgo piace troppo.

Traffico di nuovo in tilt a Roma. Stavolta non centrano manifestazioni, alluvioni o inaugurazioni di negozi tecnologici. La zona intorno allAuditorium si bloccata per colpa di Twilight. Ancora... la terza volta che la saga vampiresca approda al Festival del Cinema e

Nikki Reed e Jackson Rathbone ANSA

leffetto garantito: ragazzine impazzite intorno al tappeto rosso. Anche ieri, nonostante lassenza dei mitici Kristen Stewart, Robert Pattinson e Taylor Lautner. A presentare il loro quarto film, The Twilight Saga - Breaking Dawn parte I, cerano Nikki Reed e Jackson Rathbone, i due gemelli Rasalie e Jasper del clan Cullen. Non solo: anche questa volta non stato proiettato il film per intero. La sala Santa Cecilia alle 17 della domenica del ponte di Ognissanti era stracolma per 15 minuti danteprima. Ma se ti azzardi a chiedere alle adolescenti presenti se ne valga davvero la pena vieni fulminato: Scherzate? In questo film Bella resta incinta!. Di pi: questo

il penultimo episodio della saga, situazione che desta inevitabile preoccupazione nei milioni di fan nel mondo. Gi, milioni. Ma se si parla di guadagni occorre cambiare unit di misura: i precedenti tre film hanno guadagnato oltre due miliardi di dollari. Ma la fama cos come arriva pu sparire, che tu sia Nicole Kidman o uno di Twilight afferma la Reed.
Avati In serata un malore ha colpito il regista Pupi Avati, a Roma per il film documentario LIllazione dedicato a Lelio Luttazzi. ricoverato per accertamenti ha detto il fratello Antonio speriamo sia una piccola cosa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

54

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

ALTRI MONDI
Oroscopo
LE PAGELLE
21/3 - 20/4 21/4 - 20/5 21/5 - 21/6 22/6 - 22/7 23/7 - 23/8 24/8 - 22/9

Ariete 6
La Luna complica un po il luned, lavorativo o di ponte che sia. Ma Marte inturgidisce lanatomia. Cos magari fornicate e vi risollevate.
23/10 - 22/11

Toro 8
IL MIGLIORE Viaggi (di lavoro o per il ponte), iniziative culturali, occupazioni consuete sono un successone. E il sex toglie voglie e ragnatele, pure secolari.
ANDREA BARZAGLI

Gemelli 6
Perch date corpo alle ombre? Meglio darlo (il vostro) a chi vi brama e bramate. Il vigore fisico, intanto, in recupero, il lavoro pure.
23/11 - 21/12

Cancro 5,5
Il luned si delinea un po sfigato. Non azzardate, amatevi, tutelatevi e tutto andr ok. Le energie calano, il suino inside you inerte.
22/12 - 20/1

Leone 5,5
Dovrete occuparvi di inezie, minuzie e pinzillacchere, oggi. E a voi fumeranno gli zebedei come bollitori. Occorrono metodo e pazienza.
21/1 - 19/2

Vergine 7,5
Il cuore contento, nuove prospettive di successo si aprono, braccia innamorate e suine si aprono e vaccolgono. Grandi. Ok viaggi e lavoro
20/2 - 20/3

DI ANTONIO CAPITANI
23/9 - 22/10

Bilancia 5,5
Guardare voi o una cartella di Equitalia procurer la stessa ansia. Ussignr, be quite: il luned una palla, ma non tragico. Ormone brioso!

Scorpione 7
Che dobbiate lavorare o facciate ponte, la giornata vi garantisce soddisfazioni. Anche sul piano fornicatorio. Ma siate cauti e previdenti.

Sagittario 6,5
Incombono le spese. Che non sono poche: attenti. Lumore per buono e voi sbrigate tutto con efficienza. Golosit suine sublimi, forma OK.

Capricorno 6+
La Luna vi rende umorali. E, se siete di dicembre, chiede cautelissime. Gli altri Capricorno vanno bene. Mix sublime fra cuore e ormoni.

Acquario 6Gli altri non aiutano, un programma cambia e forse spiazza: concentrazione e prontezza auspicansi. Sudombelico in odor di clandestinit.

Pesci 7,5
Luned costruttivo, grazie anche agli amici fattivi e vicini. Pure lamore contribuisce a rilassarvi, il sudombelico forse un cicinn meno

Il difensore della Juventus nato a Fiesole (Firenze) l8 maggio 1981. Nel 2006 ha vinto il Mondiale con la Nazionale

TeleVisioni in chiaro
RAIUNO
7.00 TG 1 11.05 OCCHIO ALLA SPESA 12.00 LA PROVA DEL CUOCO 13.30 TG 1 14.10 VERDETTO FINALE 15.15 LA VITA IN DIRETTA 16.50 TG 1 17.10 CHE TEMPO FA 18.50 L' EREDIT 20.00 TG 1 20.30 QUI RADIO LONDRA 20.35 SOLITI IGNOTI 21.10 CENERENTOLA Fiction 23.20 PORTA A PORTA 0.55 TG 1 1.25 CHE TEMPO FA 1.30 CINEMATOGRAFO 2.00 QUI RADIO LONDRA

alla Radio
RAITRE
AGOR LA STORIA SIAMO NOI APPRESCINDERE TG 3 - RAI SPORT LE STORIE LA STRADA PER LA... TG3 - TG R THE LOST WORLD COSE DELL'ALTRO... GEO & GEO TG 3 - TG R - BLOB SABRINA VITA DA... UN POSTO AL SOLE THE GUARDIAN Film 23.30 CORREVA L'ANNO 0.00 TG3 LINEA NOTTE 0.10 TG REGIONE 1.00 METEO 3 1.05 FUORI ORARIO. COSE 8.00 10.00 11.00 11.10 12.45 13.10 14.00 15.05 15.50 17.40 19.00 20.15 20.35 21.05

RAIDUE
7.15 9.30 10.00 11.00 13.00 14.00 16.10 16.50 17.50 18.45 19.35 20.30 21.05 23.10 23.25 1.05 1.15 1.45 CARTONI ANIMATI SORGENTE DI VITA TG 2 I FATTI VOSTRI TG 2 - MEDICINA 33 ITALIA SUL DUE GHOST WHISPERER HAWAII FIVE-0 TG 2 - TG SPORT NUMB3RS SQUADRA SPECIALE COBRA 11 TG 2 VOYAGER Documenti TG 2 WILD TARGET TG PARLAMENTO PROTESTANTESIMO METEO 2

CANALE 5
8.00 8.40 8.50 9.55 10.05 11.00 13.00 13.40 14.10 16.20 18.50 20.00 20.30 21.10 0.15 1.00 1.30 3.29 TG 5 LA TELEFONATA DI... MATTINO CINQUE GRANDE FRATELLO MATTINO CINQUE FORUM TG 5 BEAUTIFUL IPNOSI D'AMORE POMERIGGIO CINQUE AVANTI UN ALTRO TG 5 STRISCIA LA NOTIZIA GRANDE FRATELLO Reality MAI DIRE GRANDE FRATELLO TG 5 STRISCIA LA NOTIZIA GRANDE FRATELLO

ITALIA 1
CARTONI ANIMATI UNA MAMMA PER... GREY'S ANATOMY STUDIO APERTO STUDIO SPORT I SIMPSON DRAGON BALL TELEFILM DRAGON BALL STUDIO APERTO STUDIO SPORT DR HOUSE C.S.I. C.S.I. MIAMI Telefilm 23.00 UNDERCOVERS 23.55 REAL C.S.I. 1.00 MODAMANIA 1.35 POKER1MANIA 2.25 STUDIO APERTO 7.00 8.50 10.35 12.25 13.00 13.40 14.35 15.00 17.45 18.30 19.00 19.25 20.20 21.10

RETE 4
STARSKY E HUTCH HUNTER R.I.S. RICETTE DI FAMIGLIA TG 4 DETECTIVE IN CORSIA LA SIGNORA IN GIALLO FORUM HAMBURG DISTRETTO... SOGNANDO L'AFRICA TG 4 TEMPESTA D'AMORE WALKER TEXAS... LO SPECIALISTA Film 23.30 DONNIE BRASCO 2.00 TG 4 2.20 PIANETA MARE 3.15 VIVERE MEGLIO 4.40 PESTE E CORNA 7.30 8.30 9.55 10.50 11.30 12.00 13.00 13.50 15.10 16.15 18.55 19.35 20.30 21.10

LA 7
TG LA7 COFFEE BREAK LARIA CHE TIRA (AH)IPIROSO G DAY (R) I MEN DI BENEDETTA TG LA7 AMORE MIO AIUTAMI ATLANTIDE JAG AVVOCATI IN... G DAY TG LA7 OTTO E MEZZO L INFEDELE Attualit 24.00 INNOVATION 0.35 TG LA7 0.45 G DAY 1.30 N.Y.P.D BLUE 2.25 COLD SQUAD 7.30 9.40 10.35 11.00 11.55 12.25 13.30 14.05 16.15 17.30 19.20 20.00 20.30 21.10

Radio 105
10.59 Il Centocinquista

Chiamando Tony e Ross oggi si pu portare a casa il nuovo Best dei Pink Floyd A foot in the door

Rmc
9.00 Luisella e Caterina

Film sul Digitale Terrestre

Lo Sport in chiaro, sul satellite e sul digitale terrestre


IN DIRETTA
CALCIO
20.30 BENEVENTO TARANTO
Lega Pro. Prima Divisione Girone A. Rai Sport 1

PREMIUM
10.45 FINAL DESTINATION: DEATH TRIP PREMIUM CINEMA 12.20 ANNAPOLIS PREMIUM CINEMA 13.35 INSPECTOR MOM MYA 13.55 DUPLICITY JOI 14.05 UNDER SUSPICION PREMIUM CINEMA 16.10 UN ALTRO MONDO PREMIUM CINEMA 17.15 PENELOPE MYA 18.20 INCEPTION PREMIUM CINEMA 21.15 I MERCENARI PREMIUM CINEMA 21.40 NON E' MAI TROPPO TARDI JOI

21.00 SIVIGLIA - GRANADA


Liga Sky Sport 1, Sky SuperCalcio e Sky Calcio 1

16.00 CALCIO: FAN CLUB INTER 16.30 CALCIO: FAN CLUB LAZIO 17.00 CALCIO: FAN CLUB NAPOLI 17.30 CALCIO: FAN CLUB JUVENTUS 0.00 CALCIO: STOKE CITY NEWCASTLE
Premier League

13.50 VOLLEY: ITALIA - SERBIA


Coppa del Mondo femminile 2007. Da Osaka, Giappone

12.00 CALCIO: REAL SOCIEDAD REAL MADRID


Liga

23.00 CALCIO: SIVIGLIA - GRANADA


Liga

16.00 TENNIS: MASTERS WTA


Finale. Da Istanbul, Turchia

16.30 FOOTBALL USC TROJANS STANFORD


NCAA

12.55 CALCIO: BARI - PESCARA


Serie B

19.30 TENNIS: MASTERS WTA

EUROSPORT
8.45 TENNIS: MASTERS WTA
Finale. Da Istanbul, Turchia

Finale. Da Istanbul, Turchia

21.15 VOLLEY: ITALIA - STATI UNITI


Coppa del Mondo femminile 2007. Da Nagoya, Giappone

14.00 CALCIO: TOTTENHAM QUEENS PARK RANGERS


Premier League

23.30 TENNIS: MASTERS WTA


Finale. Da Istanbul, Turchia

Oggi Alfonso fa il ponte, ma Luisella e Caterina Balivo (nella foto), con Mum my, vi tengono compagnia

Virgin Radio

FOOTBALL
1.30 KANSAS CITY CHIEFS SAN DIEGO CHARGERS
NFL. ESPN America

SKY SPORT 2
7.30 GOLF: MASTERS DELL'ANDALUSIA
PGA European Tour

16.15 GOLF: MASTERS DELL'ANDALUSIA


PGA European Tour

10.00 GHIACCIO: GRAND PRIX CANADA FIGURA


Libero coppie

RAI SPORT 1
10.00 CALCIO : JUVENTUS - GENOA
Serie A

11.30 Rock in Translation

11.15

SKY SPORT 3
9.30 GOLF: MASTERS DELL'ANDALUSIA
PGA European Tour

TENNIS: MASTERS WTA


Finale. Da Istanbul, Turchia

18.15 CALCIO: BARCELLONA MAIORCA


Liga

12.30 GHIACCIO: GRAND PRIX CANADA FIGURA


Libero uomini

11.45 VOLLEY: SAN GIUSTINO ROMA


Campionato italiano maschile

SKY SPORT 1
9.30 15.00 CALCIO: FAN CLUB MILAN 15.30 CALCIO: FAN CLUB ROMA

FOOTBALL: MIAMI - VIRGINIA


NCAA

20.30 MASTERS DELL'ANDALUSIA


PGA European Tour

9.40

11.30 AUTOMOBILISMO: FERRARI CHALLENGE


Dal Mugello

GOLF: MASTERS DELL'ANDALUSIA


PGA European Tour

20.45 GOLF: MASTERS DELL'ANDALUSIA


PGA European Tour

13.30 GHIACCIO: GRAND PRIX CANADA FIGURA


Libero coppie

14.45 PENTATHLON: CHAMPION OF CHAMPIONS 2011


Da Catania

14.30 BILIARDO: MASTERS SHANGHAI


Snooker

15.45 BASKET: DIANAMO SASSARI MILANO EA7


Serie A

Giulia Salvi traduce e inter preta il testo di Song 2, la hit dei Blur (nella foto il cantante Damon Albarn)

GazzaMeteo
A CURA DI

Ieri
ALGHERO ANCONA AOSTA BARI

min max
15 13 6 14 8 18 9 18 7 14 7 7 13 16 6 10 13 10 6 2 12 8 24 15 15 19 15 22 14 19 20 18 17 14 21 22 18 14 21 20 13 17 18 16

Oggi
Sulle regioni insulari e in Calabria aumento della nuvolosit e della probabilit di piogge o qualche temporale, altrove annuvolamenti e foschie o nebbie notturne si alterneranno a schiarite diurne. Temperature generalmente nella media. Trieste
Venezia
7 17 6 17

Domani
In gran parte delle regioni nuvole e riduzioni di visibilit continueranno ad alternarsi a zone di sereno con bassa probabilit di precipitazioni, su Sicilia e Sardegna invece ancora varie piogge e dei temporali. Temperature stazionarie.

Dopodomani
Sulle regioni insulari e parte della Calabria nuovamente probabilit di varie piogge e dei temporali; altrove persistente alternanza di nuvole, foschie o nebbie notturne e schiarite diurne. Temperature vicine alle medie di inizio novembre.

Trento Aosta
6 15 7 18

Legenda CIELO
Sole Nuvolo Rovesci Coperto Pioggia Temporali Neve Nebbia

BOLOGNA

Milano
8 17

VENTI
Deboli Moderati Forti Molto forti

CAGLIARI CAMPOBASSO CATANIA FIRENZE GENOVA L'AQUILA MILANO NAPOLI PALERMO PERUGIA POTENZA REGGIO CALABRIA ROMA TORINO TRENTO TRIESTE VENEZIA

Torino
9 16

Bologna Genova
10 16 10 16

Ancona

Firenze
8 17

Perugia
9 17

12 17

LAquila
9 15

MARI
Calmi Mossi Agitati

ROMA
12 20

Campobasso
10 15

Bari Potenza
8 15 10 19

Napoli
11 21

Cagliari
16 19

Catanzaro
13 16

Il sole oggi MILANO


Sorge Tramonta

ROMA
Sorge Tramonta

Palermo
16 21

Reggio Calabria
16 17

Il sole domani MILANO


Sorge Tramonta

La luna ROMA
Sorge Tramonta Nuova Primo quarto Piena Ultimo quarto

Catania
17 18

6:59

17:13

6:39

17:06

7:00

17:12

6:40

17:05

27 ott.

3 nov.

10 nov.

18 nov.

GAZZACAFF

LE DOMANDE E LE POLEMICHE DEL WEEKEND

LIntervento
di ARRIGO SACCHI

LUNED 31 OTTOBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

55

SPAGNA

Kak pu essere larma in pi di Mourinho?


di FILIPPO MARIA RICCI

Perch Ricky ha finalmente trovato la forza, fisica e mentale, per uscire dalla lunghissima crisi ge nerata dai malanni fisici aggravati dalla sua voglia di giocare il Mondia le del 2010. Mourinho non gli ha mai riservato alcun tratto preferenziale ma conosce bene il valore del brasi liano e quando questi si rimesso

ha cominciato a dargli spazio. Kak dal canto suo ha capito che stava passando l'ultimo grande treno a sua disposizione e ci salito in cor sa. I giornali spagnoli, che gli aveva no dato del brocco non pi di 6 setti mane fa, ora sono tutti per lui, e Ozil, che lha rimpiazzato durante la degenza e i momenti di scarsa for

ma, comincia a preoccuparsi. Saba to con la Real Sociedad Ozil era tito lare, e la sua pessima prestazione stata evidenziata ancor di pi quan do al suo posto entrato Kak. Un Ricky ritrovato, sorridente e travol gente. Se il fisico non l'abbandona l'ex milanista pu trasformarsi nell' arma in pi del Real Mou.

I NUMERI

4
10 8

OUTSIDER

Le chiavi di una crisi

Conte durer E un calcio dlite

Udinese, Lazio e Napoli: lottare per lo scudetto possibile?


N LUdinese, dopo la straordinaria stagione scorsa, si sta ripetendo. Ha gi toccato livelli altissimi di calcio e pu ancora migliorare. E vero che molto dipende dalla vena di Di Natale, ma la cosa rientra nella normalit: che cosa ne sarebbe stato del grande Milan senza Van Basten e Gullit? LUdinese ha uno spartito chiaro in testa e lo sa eseguire alla perfezione: attenzione difensiva (solo 3 gol incassati in 9 partite) e ripartenze rapide sono gli ingredienti principali del Guidolin-pensiero. Per arrivare allo scudetto la strada molto lunga, e decisamente in salita, ma alla corsa lUdinese pu iscriversi. Lo stesso ragionamento vale per la Lazio, che divide la seconda poltrona con i friulani. Gruppo tosto, quello di Reja: forse mancano i rincalzi di livello e forse non ancora pronto per la grande lotta, ma pu essere una specie di zanzara in grado di pungere e dare parecchio fastidio. Le big devono fare attenzione. Discorso diverso per il Napoli che impegnato anche in Champions League. A differenza dellEuropa League, la Champions toglie parecchie energie, sia fisiche sia mentali. E il Napoli se ne sta accorgendo. Non un caso che prima di match europei importanti (come quelli contro il Bayern) la squadra di Mazzarri abbia perso in campionato: significa che il gruppo non ancora maturo per affrontare il doppio impegno. Difficile, dunque, proporre il Napoli tra le candidate allo scudetto. Star sempre nei piani alti della classifica, ma se andr avanti in Champions sar dura reggere su entrambi i fronti.
ANDREA SCHIANCHI

I punti in meno conquistati questanno dallInter nei primi 9 turni

SIMBOLO Marchisio in gol contro lInter LAPRESSE

Le sconfitte totali dei nerazzurri nei 38 match del campionato scorso. Ora sono gi 5

La Juventus di Agnelli, Marotta e Conte vince e convince. Sorprende la maggior parte degli esperti che in estate la pronosticavano come la quarta o quinta forza del campionato. I suoi tifosi sono entusiasti, ma memori di recenti delusioni si domandano se potr durare. Credo di s, e penso che potr crescere ulteriormente. Queste convinzioni hanno una ragione nella seriet e competenza dei dirigenti, nellentusiasmo e amore dei suoi numerosissimi tifosi, nella disponibilit, capacit e desiderio di riscatto dei giocatori e nelle straordinarie energie ed idee di Antonio Conte. Migliorer perch alla base c un gioco corale e importante che moltiplica le qualit dei singoli e le possibilit di successo. Migliorer perch i giocatori sono motivatissimi e coinvolti in questo progetto. Migliorer perch pu indirizzare energie, lavoro e attenzioni solo al campionato. Inoltre migliorer perch gioca bene, pratica un calcio ricco di conoscenze collettive, emozionante e armonioso. Antonio ha gi dato unidentit e creativit che vanno oltre al consueto affollamento difensivo. La Juventus ha un copione importante e lo sta sviluppando con passione: cerca di essere padrona del campo e del pallone. Pensa da protagonista e vuole imporre il proprio gioco su tutti i campi. Oggi forse la compagine che interpreta il calcio pi vicino ai dogmi del football di lite. Per i bianconeri hanno solo alcuni giocatori decisivi e per vincere devono giocare bene di squadra. Pertanto per far crescere i singoli si dovr ulteriormente perfezionare il collettivo. Credo che in fase difensiva la squadra dovr essere ancora pi corta e stretta, la linea difensiva dovr muoversi maggiormente e pi velocemente seguendo la palla e praticare il fuorigioco. La collaborazione e il felice posizionamento sono indispensabili per dare sicurezze, personalit e tranquillit a tutti quei calciatori che vengono da annate non buone. In fase offensiva gi cerca di giocare sempre la palla con passaggi, non esagera nei lanci e partecipano anche tutti i difensori. I tempi di gioco sono buoni, i ritmi per devono sempre essere alti e con capacit di smarcamento perch ci sono pochi giocatori che individualmente sanno superare lavversario. Se molte rivali possono vincere anche giocando non bene, questo non vale per la Juventus. Per, cos facendo, a maggio si potrebbe realizzare un sogno.

I gol fatti dallInter nelle prime 9 partite del campionato scorso. Stavolta stesso numero. Cambiano le reti incassate: erano 4 sono 16

11

Gian Piero Gasperini, in alto, e Claudio Ranieri. Per il primo un pari e 2 sconfitte (media punti 0,33). per il secondo 2 vittorie, un pari e 3 sconfitte (media 1,16) LAPRESSE/ANSA

Ma a questo punto lInter rischia la B?


NO Per lInter non deve sottovalutare la situazione. E diciassettesima. Un anno fa, dopo 9 turni, era seconda dietro alla Lazio e davanti al Milan. Il povero Benitez lanciato verso il Mondiale per club a questo punto aveva 10 punti in pi: 5 vittorie, 3 pari e un k.o. La staffetta Gasperini-Ranieri, ha prodotto 2 successi, altrettanti pareggi e 5 sconfitte. Soltanto Cesena e Lecce, ultima e penultima, hanno fatto peggio. La sconfitta con la Juve, segna ragionevolmente la fine delle ambizioni scudetto. Finora, anche nel percorso della decadenza, i nerazzurri erano riusciti a esaltarsi sul bordo di un precipizio. Stavolta niente colpo di reni. La squadra sembra un po sopravvissuta e un po confusa. Inutile pensare a una mosca cocchiera capace di toglierla dal guado. Qualcuno tipo Etoo: 37 gol tutti in una stagione (2010-11), spalmati sopra le piaghe del declino. Etoo non c pi, Sneijder e Maicon non si sentono tanto bene e nessuno, da solo, pu invertire una situazione che appare segnata da un piano inclinato. Forse questestate allInter conveniva portarsi avanti: varare una rifondazione per darsi un futuro diverso. Ranieri stato chiamato per il restauro conservativo e per tenere viva la Champions. Lavora bene, ma in campo ci vanno i giocatori: quanti sono ancora in grado di rendere ad alto livello ogni tre giorni? Occhio a perdere di vista equilibri e obiettivi. Altrimenti bisogna rassegnarsi a scegliere. Nel 1993-94, lInter vinse in Europa (Coppa Uefa) soffrendo in campionato, salvandosi con un punto pi del Piacenza alla penultima giornata. C tempo per evitare un bis. C tempo, ma non troppo.
ALESSANDRO DE CAL

Ipse DIXIT...

...COSA VOLEVA dire


Sannino colto di sorpresa alle spalle Altrimenti gli avrei dato un Destro

Destro deve soffrire ancora tanto per arrivare a giocare ad altissimo livello
GIUSEPPE SANNINO ALLENATORE DEL SIENA

Ho detto che Destro deve soffrire, non io... Mi ha spezzato la schiena, sto maledetto. Non mi aspettavo di trovarmelo alle spalle, mi ha proprio preso di sorpresa. Altrimenti gli avrei tirato un gancio. Destro, ovviamente. Per mi piace la carica dei miei ragazzi. Del resto, se sono assatanati la colpa, o il merito, tutto mio. Sono io che ho inventato la teoria che

per vincere bisogna incazzarsi. Sono io che ho inventato la "parolaccia propedeutica". Se le cose vanno male, un bel vaffan... aiuta a ricaricarsi. Certo, non che per vincere bisogna sempre tirare cazzotti a qualcuno. Ma Destro non si preoccupi, se per segnare deve menarmi, resto a disposizione. Io poi gli mostrer la mia celebre maglietta: "Fun cool".
ROBERTO PELUCCHI

Francesco Guidolin, 56 anni, allenatore dellUdinese: i friulani sono secondi in classifica LIVERANI

S.p.A.
DIRETTORE RESPONSABILE ANDREA MONTI andrea.monti@gazzetta.it VICEDIRETTORE VICARIO Gianni Valenti gvalenti@gazzetta.it VICEDIRETTORI Franco Arturi farturi@gazzetta.it Stefano Cazzetta scazzetta@gazzetta.it Ruggiero Palombo rpalombo@gazzetta.it Umberto Zapelloni uzapelloni@gazzetta.it SEGRETARIO DI REDAZIONE Daniele Redaelli dredaelli@gazzetta.it
Testata di propriet de "La Gazzetta dello Sport s.r.l." - A. Bonacossa 2011

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESIDENTE Piergaetano Marchetti CONSIGLIERI Giovanni Bazoli, Luca Cordero di Montezemolo, Diego Della Valle, Antonello Perricone, Giampiero Pesenti e Marco Tronchetti Provera DIRETTORE GENERALE SETTORE QUOTIDIANI ITALIA Giulio Lattanzi

RCS Quotidiani S.p.A. Sede Legale: Via A. Rizzoli, 8 - Milano Responsabile del trattamento dati (D. Lgs. 196/2003): Andrea Monti privacy.gasport@rcs.it - fax 02.62051000 COPYRIGHT RCS QUOTIDIANI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano pu essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sar perseguita a norma di legge DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA Via Solferino, 28 - 20121 Milano - Tel. 02.6339 DISTRIBUZIONE m-dis Distribuzione Media S.p.A. Via Cazzaniga, 19 - 20132 Milano Tel. 02.25821 - Fax 02.25825306 SERVIZIO CLIENTI Casella Postale 10601 - 20110 Milano CP Isola Tel. 02.63798511 - email: gazzetta.it@rcsdigital.it PUBBLICIT RCS PUBBLICIT S.p.A. Via A. Rizzoli, 8 - 20132 Milano Tel. 02.50951 - Fax 02.50956848

EDIZIONI TELETRASMESSE Tipografia RCS QUOTIDIANI S.p.A. - Via R. Luxemburg - 20060 PESSANO CON BORNAGO (MI) Tel. 02.95743585 S RCS PRODUZIONI S.p.A. Via Ciamarra 351/353 - 00169 ROMA - Tel. 06.68828917 S SEPAD S.p.A. - Corso Stati Uniti, 23 - 35100 PADOVA - Tel. 049.8700073 S Tipografia SEDIT - Servizi Editoriali S.r.l. - Via delle Orchidee, 1 Z.I. - 70026 MODUGNO (BA) - Tel. 080.5857439 S Societ Tipografica Siciliana S.p.A. - Zona Industriale Strada 5 n. 35 95030 CATANIA - Tel. 095.591303 S Centro Stampa Unione Sarda S.p.A. - Via Omodeo 09034 ELMAS (CA) - Tel. 070.60131 S BEA printing bvba - Maanstraat 13 - 2800 - MECHELEN (Belgio) S Sports Publications Production - 70 Seaview Drive, Secaucus, NY 07094 S CTC Coslada - Avenida de Alemania, 12 - 28820 COSLADA (MADRID) S La Nacin - Bouchard 557 1106 BUENOS AIRES S Taiga Grfica e Editora Ltda - Av. Dr. Alberto Jackson Byington n. 1808 - OSASCO - SO PAULO - Brasile. S Miller Distributor Limited - Miller House, Airport Way, Tarxien Road - Luqa LQA 1814 - Malta S Hellenic Distribution Agency (CY) Ltd - 208 Ioanni Kranidioti Avenue, Latsia - 1300 Nicosia - Cyprus

PREZZI DABBONAMENTO C/C Postale n. 4267 intestato a: RCS QUOTIDIANI S.p.A. ITALIA 7 numeri 6 numeri 5 numeri Anno: e 299,40 e 258,90 e 209,10 Per i prezzi degli abbonamenti allestero telefonare allUfficio Abbonamenti 02.63798520

INFO PRODOTTI COLLATERALI E PROMOZIONI Tel. 02.63798511 - email: linea.aperta@rcs.it

COLLATERALI * Con Supereroi N. 26 e 11,19 - con Soldatini dItalia N. 21 e 11,19 - con I Miti del Calcio ai Raggi X N. 19 e 4,19 - con Linomania N. 10 e 11,19 - con Speak Easy N. 10 e 14,10 - con Ferrari Racing N. 8 e 14,19 - con Bandiera Ferrari e 5,19 - con Top 10 Motomondiale N. 7 e 12,19 - con I Miti del Rugby N. 6 e 12,19 - con Montalbano N. 4 e 11,19 - con Bear Grylls N. 2 e 11,19 - con Lupin III Film Collection N. 1 e 11,19

Testata registrata presso il tribunale di Milano n. 419 dell1 settembre 1948 ISSN 1120-5067 CERTIFICATO ADS N. 7116 DEL 21-12-2010

PROMOZIONI

La tiratura di domenica 30 ottobre stata di 498.009 copie

ARRETRATI Richiedeteli al vostro edicolante oppure ad A.S.E. Agenzia Servizi Editoriali - Tel. 02.99049970 - c/c p. n. 36248201. Il costo di un arretrato pari al doppio del prezzo di copertina per lItalia; il triplo per lestero.

PREZZI ALLESTERO: Albania e 2,00; Argentina $ 7,30; Austria e 2,00; Belgio e 2,00; Brasile R$ 7,00; Canada CAD 3,50; Cz Czk. 61; Cipro e 2,00; Croazia Hrk 15; Danimarca Kr. 18; Egitto e 2,00; Finlandia e 2,50; Francia e 2,00; Germania e 2,00; Grecia e 2,00; Irlanda e 2,00; Lux e 2,00; Malta e 1,85; Marocco g 2,20; Monaco P. e 2,00; Norvegia Kr. 22; Olanda e 2,00; Polonia Pln. 9,10; Portogallo/Isole e 2,00; Romania e 2,00; SK Slov. e 2,20; Slovenia e 2,00; Spagna/Isole e 2,00; Svezia Sek 25; Svizzera Fr. 3,00; Svizzera Tic. Fr. 3,00; Tunisia TD 3,50; Turchia e 2,00; Ungheria Huf. 550; UK Lg. 1,80; U.S.A. USD 3,50.

56

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 31 OTTOBRE 2011

Interessi correlati