Sei sulla pagina 1di 64

LASTAMPA LASTAMPA

QUOTIDIANO FONDATO NEL 1867


MERCOLED 18 LUGLIO 2012 ANNO 146 N. 197 1,20 IN ITALIA (PREZZI PROMOZIONALI ED ESTERO IN ULTIMA) SPEDIZIONE ABB. POSTALE - D.L. 353/03 (CONV. IN L. 27/02/04) ART. 1 COMMA 1, DCB - TO www.lastampa.it
2R T1 AL AOAT BI CNCV NOPR T2 VB VC
Il premier chiedeaLombardodi confermareledimissioni. Il governatore: lascio, maconti aposto. Marted facciaafaccia
Siciliasullorlodel default
Monti: gravi preoccupazioni. Vertice con Grilli e Visco: manovra estiva se necessario
LASTAMPA LASTAMPA
QUOTIDIANO FONDATO NEL 1867
I
o glielo avevo detto: non esagerare, pri-
ma o poi finisce male! E puntuale ar-
rivato il default, Mariaaaaa u pata-
traccc! come lo chiama lui.
Certo che riuscire a far fallire una re-
gione come la Sicilia bisogna essere dei
fenomeni. Eppure Aldo ci riuscito!
Che le famiglie dei meridionali abbia-
no la peculiarit di essere numerose lo
sanno tutti, ma nessuno sapeva che la fami-
glia di Aldo composta, tra nonne, bisnonne, zii,
ziucce, cugini di primo, secondo e terzo grado,
da 1385 elementi, tutti quanti assunti, guar-
da caso, dalla presidenza della Regione
suddetta. Cosa volete che vi dica: i pro-
genitori di una volta si amavano pi vo-
lentieri delle nuove generazioni? La tv
in Sicilia arrivata molto pi tardi di
altre regioni a statuto speciale? I test
del Dna, una volta, erano poco attendi-
bili? Sta di fatto che la famiglia di Aldo
pi numerosa di tutti i dipendenti di Dow-
ning Street.
CONTINUAAPAG. 29
Il trioelallarmedel premier: IoeGiovanni lodicevamo, troppi parenti assunti aPalermo
Caro Aldo, tua zia Caterina irrita la Merkel
GIACOMO PORETTI
1Monti conferma le preoc-
cupazioni sullipotesi di falli-
mento della Regione Sicilia e
chiede a Lombardo di lasciare.
Il governatore replica: i conti
sono a posto. Ieri vertice tra
governo e Bankitalia: pronta
eventuale nuova manovra ad
agosto. Anello, Barbera, Fornovo,
Giovannini, Longo e Semprini E IL
TACCUINODI Sorgi ALLEPAG. 4-5E8-9
UNAREGIONE
BANCOMAT
PERI POLITICI
PAOLO BARONI
I
l governatore della Si-
cilia Raffaele Lombar-
do il pi pagato dIta-
lia, il suo stipendio
sfiora i 16 mila euro al
mese, netti sintende. Ric-
chissimi e coccolatissimi
anche i 90 (novanta!) consi-
glieri regionali pardon,
deputati che forse proprio
in virt di questo titolo go-
dono delle stesse indennit
di quelli che siedono Mon-
tecitorio. In pi, auto di ser-
vizio e stuoli di assistenti,
gettoni di presenza vari e
telefonini distribuiti a piog-
gia. Come quelli assegnati
nel 2001 e che nel 2008, tre
anni dopo la fine della legi-
slatura, non erano ancora
stati restituiti: erano 700,
destinati a deputati, colla-
boratori e amici, con credi-
to praticamente illimitato.
Non solo la Sicilia la Re-
gione col pi alto debito del
Paese, oltre 21 miliardi, ma
ovviamente anche quella
con pi dipendenti, 22 mila.
Pagatissimi anche loro, ro-
ba da far rabbrividire, visto
che i loro stipendi assieme
alle altre spese di funziona-
mento (e agli assegni di ol-
tre 16 mila pensionati del-
lente) arrivano ad assorbi-
re l80% del bilancio dellen-
te lasciando solo le briciole
a progetti e investimenti.
Una Regione usata come
un bancomat dai politici,
ecco cos la Sicilia di oggi
giunta ad un passo dal
crack.
CONTINUAAPAG. 29
LallarmeIstat, insofferenzail Sud
InItaliaottomilioni
di poveri: unafamiglia
sudieci noncelafa
MariaCorbi eSandraRiccioAPAGINA7
Laprotestanel primoweekenddel mese
Agostoconlaserrata
Benzinainforse
eombrelloni chiusi
Luigi GrassiaeStefanoPezzini APAGINA12
Il governo vuole sacrificare i ponti
La lobby del no: dal turismo alla Cei
Torna lidea di festeggiare menoe lavorare di pi
Il ministroRiccardi: meglioridurre le ferie
JacopoIacoboni eRaffaelloMasci APAGINA13
LULTIMOTAGLIO
Nel 2013 fuori
dalla recessione
Bernanke: lacrisi delleuro
pupeggiorare, Usa a rischio
Mastrobuoni eZatterinPAG. 6-8
BANKITALIA
EFFUSIONI DURANTEUSA-BRASILEDI BASKET: UNAMOSSACONTROIL RIGIDOROMNEY
Il bacioelettoraledegli Obama
JONATHANERNST/REUTERS
Barack e Michelle Obama sul maxischermo del Verizon Center di Washington Molinari APAG.14
INTERVISTA
Carofiglio:
il nuoto, lamia
palestradi vita
MIRELLA SERRI
Dopo
lapprendistato
acquaticonon
mi sononegato
neanchela
pescadel tonno
APAGINA30
Il ministroSeverinosi schieraconNapolitano
Leintercettazioni
del Quirinaledevono
rimaneresegrete
Stato-mafia, verso i rinvii a giudizio
1Le telefonate del Quiri-
nale restino segrete. Il mini-
stro della Giustizia Severino
si schiera con Napolitano.
Anche il procuratore Anti-
mafia Grasso chiede che re-
stino secretate, poi difende i
pm: Erano in buona fede.
Intanto lindagine sulla trat-
tativa Stato-mafia a un mo-
mento cruciale e sono immi-
nenti le richieste di rinvio a
giudizio.
ArenaeRampinoPAG. 2E3
Pmcorretti
solo a met
Parla Di Lello, ex giudice
del pool di Falcone
GuidoRuotoloAPAGINA3
INTERVISTA
REPORTAGE
Laconsiglieraregionale
Meglioche nonparli
ConvocataadArcore
MicheleBrambillaAPAG. 11
Nicole Minetti
C la Minetti
Si ferma tutto
il Pirellone
*


D
a

d
o
m
a
n
i

c
o
n

L
a

S
t
a
m
p
a


*
2
.
PrimoPiano
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
U
TRATTATIVA
SCONTROTRAPOTERI
MATTIA FELTRI
S
ullorigine
del nome
di Forza Italia,
una vecchia citazione
che non invecchia.
Da Napoli 44
(Adelphi), memorie
di guerra
dellufficiale inglese
Norman Lewis.
Parla di un nuovo
partito, si chiama
Forza Italia!
e si sospetta
di simpatie neofasciste.
I miei contatti
lo liquidano
con disprezzo
come lennesimo,
fanatico movimento
di destra appoggiato
dai proprietari terrieri
e dalla mafia rurale,
in questo caso
capeggiata
da un latifondista
suonato che sostiene
di essere
la reincarnazione
di Garibaldi.
Letelefonate
del Quirinale
restinosegrete
Il ministroSeverinosi schieraconNapolitano
Grasso: Giusto, malaprocuraerainbuonafede
Ministro
della
Giustizia
Paola Severino
Si rispetti lasostanza
dellalegge, evitare
checonversazioni
del CapodelloStato
possanoessere
resepubbliche
Il temanonsesi
possaintercettareono
il Colle, seprevalgano
legaranzie
del Presidenteo
lanormativacomune
Il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano
Nei prossimi giorni lAvvoca-
tura generale dello Stato sti-
ler il ricorso sul quale la
Corte Costituzionale dovr
esprimersi circa il conflitto di
attribuzione sollevato dal Ca-
po dello Stato. LAlta Corte
dovr valutarne lammissibi-
lit, e poi calendarizzarne
lesame. Sui tempi ogni previ-
sione arbitraria, ma pre-
sumibile che la Corte si espri-
ma entro la fine del mandato
di Giorgio Napolitano. Nel
frattempo, la questione conti-
nuer a tenere banco. Sulla
materia gi incandescente da
tempo - poich si tratta di in-
tercettazioni - intervenuta
ieri Paola Severino per ricor-
dare che limportante
mantenere la segretezza del-
le telefonate dal Capo dello
Stato e questo qualsiasi sia
la decisione della Corte Co-
stituzionale. Il ministro del-
la Giustizia sottolinea un
aspetto che il nodo della vi-
cenda, poich Napolitano, nel
suo decreto, ha rilevato come
gli inquirenti dovevano chie-
dere limmediata distruzione
degli ascolti, senza fare valu-
tazioni, laddove la procura
di Palermo invece quelle in-
tercettazioni casuali del Capo
dello Stato non le ha distrutte
perch - sostanzialmente - non
esiste una specifica legge. Ma,
spiega il Guardasigilli, il tema
tutto qui: se debba avere pre-
valenza la legge costituzionale
sulle garanzie del presidente
della Repubblica, o se si debba
applicare la normativa comu-
ne sulle intercettazioni.
Come dire che le prerogati-
ve costituzionali del Capo dello
Stato e la sua immunit sono
prevalenti sulle leggi ordinarie.
Il punto, spiega Severino, non
se il comportamento tenuto
dalla procura di Palermo sia
stato o meno corretto sotto il
profilo della intercettabilit,
che se stata casuale si poteva
fare. No, il punto rispettare
la sostanza della legge, che
quella di evitare che le conver-
sazioni del Presidente possano
essere rese pubbliche.
Questa stata anche una
preoccupazione del Capo dello
Stato, vedere intaccate le isti-
tuzionali prerogative, tanto
che prima di prendere la deci-
sione di ricorrere alla Consulta
sollevando il conflitto di attri-
buzione aveva gi incaricato
lAvvocatura dello Stato di
chiedere a Palermo cosa inten-
desse fare, di quelle intercetta-
zioni occasionali. E Napolitano
s poi risolto a rivolgersi allAl-
ta Corte solo quando, da Paler-
mo, arrivata la risposta uffi-
ciale: unapposita udienza
avrebbe deciso se distruggerle
o accantonarle. Un passaggio
delicato, e con il rischio neppu-
re troppo campato per aria che
quelle intercettazioni divenis-
sero di pubblico dominio, in-
taccando cos prerogative pre-
sidenziali, e costituendo un pe-
ricoloso precedente per i futuri
presidenti.
Fonti parlamentari raccon-
tano che Napolitano avrebbe
maturato, dopo aver a lungo ri-
flettuto, in solitudine la deci-
sione che apre anche un con-
flitto istituzionale, poich il
Presidente della Repubblica
anche il presidente del Csm.
Da questo forse discende an-
che il silenzio tombale dellAs-
sociazione nazionale magistra-
ti, che non prendendo posizio-
ne ha lasciato isolata la procu-
ra di Palermo. Ieri, a difenderla
stato il procuratore Antima-
fia Pietro Grasso. I pm paler-
mitani hanno agito in buona fe-
de, secondo quanto ritenevano
giusto, e ora la questione in
buone mani poich a decidere
sar la Consulta. Grasso sot-
tolinea che assodato che il
Capo dello Stato non pu esse-
re intercettato. E anche che
n io n i magistrati di Paler-
mo abbiamo mai ricevuto dal
Quirinale alcuna pressione.
Aggiungendo, sulla distruzio-
ne delle intercettazioni, che il
nostro ordinamento non pre-
vede una norma specifica, bi-
sogna aspettare il giudizio del-
la Consulta. Ieri, in procura a
Palermo si sono susseguite riu-
nioni sul da farsi, e il procura-
tore Ingroia ha rivelato di sen-
tirsi sereno. Anche se non
ci aspettavamo la reazione di
Napolitano. Del quale non ri-
tiene di aver leso prerogati-
ve.
ANTONELLARAMPINO
ROMA
1La vicenda intercet-
tazioni fa nascere contra-
sti anche dove non ce n
mai stati. Tra le esterna-
zioni di ieri salta allocchio
quella di Massimo Dona-
di, capogruppo Idv alla
Camera che, sconfessan-
do il suo leader, dichiara:
La scelta del presidente
Napolitano di sollevare
davanti alla Corte Costi-
tuzionale un conflitto di
attribuzione con la procu-
ra di Palermo un atto as-
solutamente legittimo
sotto il profilo giuridico
costituzionale e merita ri-
spetto sotto il profilo poli-
tico e istituzionale.
CONTRASTI
Donadi (Idv):
Legittimolatto
del Presidente
Il procuratoreAntimafia
InItalianonc
unanormativaspecifica
deciderlaConsulta
Ingroiasi dice
serenoanchese
nonci aspettavamo
lareazionedel Colle
L
a politica si era tenuta un passo
indietro. A sostegno di Giorgio
Napolitano, una frase notturna
di DAlema, untweet di Enrico Letta e
uno di Pier Ferdinando Casini, unin-
tervista ad Anna Finocchiaro di plau-
so alla richiesta di chiarezza, e a dife-
sa insieme dello strumento dindagi-
ne delle intercettazioni. Ma il Pdl co-
glie loccasione per andare allattacco
su un tema caldo, e sempre con no-
stalgia di quella che a suo tempo era
stata non a caso chiamata legge ba-
vaglio - e ovviamente con Cicchitto e
Gasparri in prima linea, e col berlu-
sconiano Giornale che gongola
adesso Napolitano saccorge di cosa
significa essere intercettati...
Poi, un po prima dei telegiornali, ci
si messo Antonio Di Pietro, che a
Napolitano ha lanciato una sfida:
Renda pubbliche lui stesso quelle in-
tercettazioni, e smetta di mortifi-
care le istituzioni. Una richiesta che,
al mattino, campeggiava nel fondo di
Marco Travaglio in prima pagina sul
Fatto, il giornale che per primo ha
dato notizia dellesistenza di (almeno
due) intercettazioni a strascico del
Presidente della Repubblica. E impu-
gnando, anche lui un tema caldo, anzi
bollente: si tratta della trattativa Sta-
to-mafia. Sulla sua scia, la sola Rita
Borsellino, sorella del giudice assassi-
nato e alla cui famiglia pure oggi il Capo
dello Stato rivolger un messaggio
molto atteso: lex candidata a sindaco
di Palermo dice di aver avuto limpres-
sione che Paolo sia stato ucciso di nuo-
vo. proprio indagando sulla sua
morte, in realt, che si approfondita
linchiesta sulla trattativa Stato-mafia.
Ma niente giustifica, nota Anna Finoc-
chiaro, attacchi tanto violenti al Capo
dello Stato, che Di Pietro incalza come
se volesse accusarlo di nascondere
qualcosa. Attacchi indecenti, li chia-
ma Bersani, tutti sanno che Napolita-
no listituzione che difende.
In realt, nota Luciano Violante, sol-
levando un conflitto dattribuzione alla
Consulta, Napolitano ha fatto una
scelta doverosa, che far luce su un te-
ma che riguarda non il processo pena-
le, ma gli equilibri costituzionali tra po-
teri. Aggiunge anche che di certo gli
inquirenti hanno agito in buona fede,
ma anche che inerrore chi crede che
il conflitto tra poteri nuoccia alle inda-
gini. Alle indagini, piuttosto, nuoce-
rebbe il non far chiarezza, come invece
Napolitano ha chiesto.
Sul terreno resta aperto unconflitto,
quello che Di Pietro ha aperto e che ha
finito per catalizzare contro di s tutte
le pi alte grida politiche, uno scon-
siderato che insegue Grillo, per dirla
con Enrico Letta, mentre Marco Follini
prova a tirare le somme, adesso rasa
al suolo ogni possibilit di alleanza col
Pd. E resta il Pdl che lancia in resta
vorrebbe cogliere al volo loccasione
per riproporre la legge-bavaglio . Una
legge sulle intercettazioni sempre pi
necessaria dice Maurizio Gasparri.
Perch certa magistratura vuole il
predominio, rispolvera un tema da
Tangentopoli Fabrizio Cicchitto. Eper-
fino un moderato come Franco Frattini
invoca intercettazioni blindate. Ma a
questo il Pd dice no: basta strumenta-
lizzare Napolitano sulle intercettazio-
ni, basta usarlo anche per sabotare la
legge anticorruzione. [ANT. RAM.]
PdeIdv, lalleanzascricchiola
Eil Pdl approfitta: oraserve
unaleggesulleintercettazioni
Reazioni
ROMA
Istituzioni mortificate
Antonio Di Pietro
leader dellIdv
Serve una legge
Maurizio Gasparri
senatore del Pdl
Superato il limite
Anna Finocchiaro
senatrice del Pd
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
PrimoPiano
.
3
R
LATRATTATIVA
TRASTATOEMAFIA
2
Si parladi contatti
per far terminare
gli attentati
R
LOSTRAGISMO
DI COSANOSTRA
1
Nel 92duebombe
uccidonoi giudici
FalconeeBorsellino
R
ILCOINVOLGIMENTO
DI NICOLAMANCINO
3
Lexministrosentito
vieneindagatoper
falsatestimonianza
Letappedellalungavicenda
Stato-mafia, pmpronti al processo
Agiorni le richieste di rinvio a giudizio per i 12 indagati nellinchiesta sul negoziato coni boss
il caso
RICCARDOARENA
PALERMO
La procura di Palermo si accinge a inoltrare le richieste di rinvio a giudizio
L
a richiesta di rinvio a giudi-
zio per i 12 indagati dellin-
chiesta sulla trattativa fra
mafia e Stato pronta: sar
mandata al Gup nei prossi-
mi giorni. Proprio per questo, col ti-
more del deposito degli atti e dunque
anche delle possibili intercettazioni
delle conversazioni tra Giorgio Napo-
litano e Nicola Mancino, partita la
manovra del Colle, per evitare che gli
atti finissero sui giornali, come gi era
avvenuto per le telefonate fra lo stes-
so ex ministro dellInterno, Mancino,
e il consigliere giuridico del Quirinale,
Loris DAmbrosio.
Il giorno dopo la sortita del Capo
dello Stato, che ha sollevato il conflit-
to di attribuzioni, continuato las-
sordante silenzio che ha circondato i
magistrati di Palermo, oggetto di una
frattura istituzionale senza prece-
denti. A difenderli, paradossalmente,
stato ieri solo lex procuratore del
capoluogo siciliano, attuale capo del-
la Direzione nazionale antimafia, Pie-
ro Grasso: fra lui e il suo successore,
Francesco Messineo, laggiunto An-
tonio Ingroia e il sostituto Nino Di
Matteo, i rapporti non sono mai stati
idilliaci. Eppure Grasso, mentre tac-
ciono il Csm e lAnm, spezza una lan-
cia nei confronti del pool: I colleghi -
dice il superprocuratore - hanno agi-
to in buona fede, interpretando la leg-
ge come ritenevano fosse giusto. Ora
la questione in buone mani, perch
decider la Corte costituzionale. La
questione complessa dal punto di vi-
sta giuridico: Napolitano rivendica il
diritto di non essere intercettato, n
direttamente n indirettamente, e sul
punto la Costituzione e la legge - se-
condo i magistrati siciliani - non sono
chiarissime.
Cosa dovremmo fare? - si sono detti
durante le riunioni di ieri - Staccare la
spina non appena si sente la voce del
Capo dello Stato?. In ogni caso in Pro-
cura viene ribadito che non cera inten-
zione alcuna di controllare il Presiden-
te, perch sotto ascolto era Mancino e
con i nuovi mezzi tecnici (e anche per
risparmiare) non c pi il classico
maresciallo che ascolta 24 ore su 24 i
colloqui: ormai registrano i server e poi
gli investigatori riascoltano. Il Colle so-
stiene che quelle chiamate dovevano
essere distrutte subito, i pm rivendica-
no la valutazione della loro rilevanza
e la possibilit di utilizzarle solo per la
posizione di Mancino. Eper i magistra-
ti la distruzione dovrebbe essere ordi-
nata dal Gip.
Grasso ribadisce che dal Colle non
c stata alcuna pressione, n su di me
n sui colleghi, come hanno detto loro
stessi, e interviene ancora a favore dei
pm palermitani: Chi cerca la verit
sulle stragi non la pu cercare sotto
pressione, ci vuole collaborazione. Chi
sa deve parlare, per fare luce sul passa-
to buio dellItalia.
Ingroia per una volta sulla stessa
linea del suo ex capo, da lui sempre cri-
ticato: Non ci aspettavamo questa re-
azione da parte di Napolitano - afferma
- ma noi abbiamo usato il massimo del-
le cautele. E la prova sta nel fatto che
nulla uscito sui giornali e non si sa
nemmeno quante sono le conversazio-
ni. Ci che pi conta, per, che a ven-
tanni dalle stragi non si sa ancora tutta
la verit. per questo che Rita Bor-
sellino, sorella di Paolo, dice di sentirsi
schiaffeggiata dalliniziativa di Na-
politano: Nellimmaginario collettivo
diffusa la convinzione che possa esse-
re un ostacolo alla ricerca della verit.
Intanto ieri uno dei pm del pool, Lia
Sava, ha chiesto il rinvio a giudizio del
cognato del procuratore Messineo,
Sergio Maria Sacco per associazione
per delinquere finalizzata alla ricetta-
zione e al reimpiego di mezzi agricoli
rubati. Sacco aveva avuto anche altri
guai giudiziari, con sospetti di collusio-
ne con Cosa nostra, ed era stato sem-
pre scagionato.
IL PERICOLO
Lamossadel Colleper evitare
chei dialoghi conMancino
finisserodavanti al Gup
LASORELLADI BORSELLINO
Mi sentoschiaffeggiata
dalliniziativadel Presidente
Laveritnonabbiaostacoli
F
ar decidere al gip e alludienza
camerale la distruzione delle in-
tercettazioni del Presidente
della Repubblica sarebbe un modo
furbesco per far conoscere al mondo
intero il loro contenuto. Secondo me,
Napolitano non ha fatto una mossa
avventata rimettendosi alla Corte co-
stituzionale. Ha ben ponderato le ra-
gioni per riconfermare il divieto asso-
luto di intercettazione anche indiret-
ta. Giuseppe Di Lello, storico magi-
strato del pool di Falcone e Borsellino,
nel 1994 lasci la magistratura diven-
tando parlamentare, prima a Roma e
poi a Strasburgo, per Rifondazione co-
munista. Sulla trattativa dice: Dopo
ventanni penso che la trattativa po-
trebbe essere riletta come un tentativo
disperato ma necessario dello Stato,
che era in ginocchio, per uscire dal tun-
nel delle bombe.
Giudice, haragioneil QuirinaleolaPro-
curadi Palermocherivendicalacorret-
tezzadel suooperato?
La correttezza della Procura arriva al-
la casuale intercettazione indiretta del
presidente Napolitano. Ma l si ferma,
anche perch la legge 219 dell89 fa di-
vieto assoluto di divulgazione di qualsi-
asi atto dellinchiesta relativa ai reati
per i quali il Presidente pu essere per-
seguito, figuriamoci nel caso in cui - di
questo si tratta - il Capo dello Stato vie-
ne intercettato indirettamente per fatti
ai quali estraneo.
Edunque?
Chi ha intercettato deve distruggere
le intercettazioni e non lo pu fare con
ludienza camerale di valutazione, alla
presenza delle parti e dei difensori.
Il procuratorenazionaleantimafia, Pie-
ro Grasso, difende la buona fede della
Procuradi Palermo.
E che centra? Qui loggetto della di-
scussione che quelle intercettazioni
gi non dovrebbero esistere pi....
GiudiceDi Lello, dopolatragicastagio-
nedel 92-93lei hasempremanifestato
una certa insofferenza nei confronti
della gestione delle grandi inchieste
politiche della procura di Palermo, da
Andreotti allatrattativa. Perch?
vero, rimango critico su molte scelte
giudiziarie che poi purtroppo si sono ri-
solte in un boomerang, come dimostra
anche lassoluzione dellex ministro Sa-
verio Romano. Dato atto che il senatore
a vita Giulio Andreotti stato ricono-
sciuto responsabile fino al 1980 dei suoi
rapporti con la mafia, rimane il fatto
che queste sentenze hanno poi rilegitti-
mato i politici processati.
Lei ha vissuto molto da vicino il dopo
FalconeeBorsellino. Cstataunatrat-
tativa?
Credo che un tentativo ci sia stato e
troppi sono gli indizi che portano a que-
sto convincimento.
Chi hatrattato?
Voglio premettere che sono stato sem-
pre contro la trattativa anche perch ri-
tengo immorale trattare con la mafia.
Ma detto questo, secondo me la tratta-
tiva va vista, va inquadrata anche guar-
dandola dal punto di vista politico.
Inchesenso?
Come extrema ratio di un governo
per fare uscire il Paese da una situa-
zione di estremo pericolo in cui era in
gioco lincolumit di tutti. Ricordo
che per la mancata perquisizione del
covo di Tot Riina gli stessi pm di Pa-
lermo hanno invocato la politicit di
quella scelta.
Che cosa significa? La trattativa di per
snonunreato...
Se l chiesto anche un giurista co-
me Fiandaca. Alla fine della storia, ri-
marr una Procura che vede la tratta-
tiva come un crimine e i suoi protago-
nisti come un doveroso tentativo di
uscire dalla stagione delle stragi.
Quella trattativa potrebbe essere sta-
ta una scorciatoia inaccettabile di
uno Stato che non ha mai voluto com-
battere la mafia nelle sue connessioni
politiche.
Lexmagistratodel pool:
Procuracorrettasoloamet
Latrattativa? Nonlacondivido, ma comprensibile
Il pool nel 1985. A sinistra, Falcone. Accanto, Di Lello
Giuseppe
Di Lello
Magistrato
del pool
di Falcone
e Borsellino
abbandon
la magistratura
nel 1994
diventando
parlamentare
di Rifondazione
Comunista
Intervista
GUIDORUOTOLO
ROMA
4
.
PrimoPiano
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
U
LACRISI
REGIONEINAFFANNO
Siciliaarischiocrac
Monti: Lombardo
confermi ledimissioni
Il governatore: Mollo, mai conti sonoaposto
Marted facciaafacciaconil premieraPalazzoChigi
II governatore della Sicilia Raffaele Lombardo, 61 anni, in carica dal 2008
Sar che inqualche modo cen-
tra la Magna Grecia, ma Mario
Monti teme talmente tanto
per la Sicilia un crac finanzia-
rio sul modello ellenico da
chiedere a Raffaele Lombardo
conferme sulle sue dimissioni.
A darne notizia Palazzo Chi-
gi: Monti facendosi interpre-
te delle gravi preoccupazioni
riguardo alla possibilit che la
Sicilia possa andare in de-
fault a causa del proprio bi-
lancio ha scritto una lettera a
Lombardo per avere conferma
dellintenzione di dimettersi il
31 luglio. Ogni intervento ripa-
ratorio da parte dellesecutivo
del resto non pu non tener con-
to della situazione di governo a
livello regionale, in modo tale
da poter utilizzare gli strumen-
ti pi efficaci e adeguati. Il go-
vernatore tenta a modo suo di
rassicurare il premier e chiede
di essere ricevuto a Palazzo Chi-
gi. Lincontro viene fissato per
marted prossimo. Ho parlato
al telefono con Mario Monti ras-
sicurandolo del fatto che gli ras-
segner formalmente tutti gli
elementi utili a dimostrare la so-
stenibilit della finanza regiona-
le. E che gli parler anche della
scelta di dimettermi per consen-
tire agli elettori di esercitare il
diritto democratico di scegliere
un nuovo governo e un nuovo
parlamento. Lombardo aveva
reso pubblica lintenzione di la-
sciare alla fine di luglio la guida
della Regione, ponendo fine alla
carriera politica, nel corso di un
rocambolesco annuncio nel qua-
le, fra laltro, non aveva fatto mi-
stero delle sue ambizioni bucoli-
che a tutto tondo. Abbastanza
per impensierire lesecutivo i cui
timori trovano fondamento nel-
la certificazione della Corte dei
Conti di un ammanco di circa
cinque miliardi di euro nelle cas-
se regionali. Apesare la pesan-
te macchina burocratica ma an-
FRANCESCOSEMPRINI
ROMA
Il vicepresidente
di ConfindustriaLoBello
definiscelaRegione
laGreciadItalia
che il blocco dei fondi europei da
parte di Bruxelles sullo sfondo
di appalti sospetti. I timori di
default avevano spinto lUdc a
chiedere il commissariamento
della Regione, mentre il vicepre-
sidente di Confindustria, Ivan
Lo Bello, parlando di Grecia
dItalia, aveva chiesto a Lom-
bardo di fare chiarezza sui bilan-
ci. Ma il governatore non ci sta:
Ci troviamo davanti a una cam-
pagna mediatica mirata alla de-
legittimazione e fondata su dati
palesemente mistificati e fun-
zionali a interessi politico lobbi-
stici. Ma proprio ieri arrivata
la prima conferma di un rischio
default da un componente
della giunta, lassessore alle In-
frastrutture, Andrea Vecchio:
La Sicilia sullorlo del crac?
Penso di s. Temo che presto non
si riescano a pagare gli stipendi
dei dipendenti. Il governo teme
una nuova tragedia greca e, in
attesa del 24, sembra pronto a
inviare un commissario in Sici-
lia, come prevede lo Statuto del-
la regione in caso di gravi e rei-
terate violazioni della stessa
Carta dellAutonomia.
Hanno
detto
MarioMonti
Gravi preoccupazioni
sullapossibilitche
laSiciliavadaindefault
Raffaele Lombardo
Al premier dimostrer
latenutadellafinanza
dellanostraRegione
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
PrimoPiano
.
5
C
he finisse cos, con
la Regione siciliana
a un passo dal falli-
mento, lo si poteva
profetizzare quasi trentanni
fa, nel 1984, quando i papave-
ri di Palazzo decisero di ac-
quistare due orche marine in
Islanda. Costo: duecento mi-
lioni di lire e spiccioli. Desti-
nazione: un parco acquatico
da realizzare sulla costa di
Sciacca, speculazione edili-
zia maldestramente spaccia-
ta come valorizzazione am-
bientale. Epazienza se il pro-
getto non part mai e le orche
sono rimaste per decenni a
fare i salti in una piscina
islandese, come pensionanti
di lusso, alla modica cifra di
sei milioni di lire al mese. A
carico dei contribuenti sici-
liani, sintende.
Adesso, adesso che Monti
tuona, adesso che si agita il
fantasma del commissaria-
mento e anche il pi cinico
dei funzionari ha perso la
certezza che tanto la barca
non affonder mai, lelenco
degli sprechi della Regione
un viaggio dentro unidea di
autonomia brandita come
scudo corporativo. Qui, solo
qui, tra le auguste sale di Pa-
lazzo dei Normanni dove un
tempo Federico II lo Stupor
Mundi - aveva portato la sua
reggia e la sua corte di poeti, i
90 consiglieri regionali del-
lassemblea si chiamano ono-
revoli e hanno le stesse pre-
rogative dei senatori, a parti-
re dai 19.685 euro lordi al me-
se. Tra i benefit, sono riusciti
a dotarsi anche di un contri-
buto per il passaggio a mi-
glior vita: cinquemila euro
per le spese funerarie, alla
faccia della scaramanzia.
Qui e solo qui, fino a pochi
mesi fa, qualsiasi dipendente
dellamministrazione che
avesse un parente da assiste-
re poteva andare in pensione
dopo soli 25 anni di servizio,
una via di fuga che nel 2011
hanno imboccato in 500. E an-
cora: qui e solo qui, successo
che mentre lisola era sepolta
dal pattume, due anni fa, lex
dirigente dellAgenzia dei rifiu-
ti e delle acque Felice Crosta si
sia avviato alla quiescenza con
un assegno di 41.600 euro al
mese, cio 1.369 euro al giorno.
Difficile, in questa situazio-
ne, gridare al tradimento dello
Statuto autonomo mai del tut-
to applicato, disseppellire
lascia di battaglia sul prezzo
della benzina (alle stelle come
in tutta Italia nonostante lIso-
la ne produca la maggior par-
te). Ma difficile pure difendere
il lavoro dei 20 mila regionali,
che ormai nellopinione col-
lettiva sono le icone del privi-
legio e dellimproduttivit. E
ha un bel dire il presidente del-
la Regione Raffaele Lombar-
do, anche lui azzoppato da
uninchiesta per mafia, che di-
fender la dignit dei siciliani
fino alla morte. Hanno un bel-
lagitarsi i paladini dellanti-
mafia che hanno accettato di
diventare suoi assessori, a co-
minciare dal responsabile del-
la Salute Massimo Russo, il
quale sostiene di avere ridotto
i costi della sanit, nonostante
lultima severissima relazione
della Corte dei Conti, pochi
giorni fa, abbia registrato una
spesa in costante ascesa: pi
519 milioni nel 2011. Un com-
parto dove il solo servizio del
118 costa 110 milioni lanno e
conta 3.200 addetti, il doppio
della Regione Piemonte.
Ha un bel difendere lazione
di governo il Pd, alleato del
presidente tra le lacerazioni
della base e della dirigenza,
che si accontentato delle bri-
ciole senza riuscire a interferi-
re sul controllo militare del go-
verno di ogni posto di potere,
poltrona, sedia, strapuntino.
Mettendo anche la sua faccia
su un bilancio che vede un in-
debitamento di 5 miliardi di
euro e 15 miliardi di entrate
probabilmente mai esigibili.
Non tutta colpa dellattua-
le classe politica, il default del-
la Regione. La formazione pro-
fessionale una voragine da
240 milioni lanno che da sem-
pre serve soltanto a foraggiare
le migliaia di formatori. Ventu-
no delle 34 societ partecipate
sono in rosso. Lesercito di 20
mila dipendenti (17.218 a tem-
po indeterminato e 3.070 a
tempo determinato, con un di-
rigente ogni 8,4 soldati sempli-
ci) si costituito nel tempo.
Anche se lanno scorso stato
irrobustito di quasi un terzo,
con la stabilizzazione di 4.857
precari. fallito invece il colpo
di mano con cui il Parlamento
siciliano ha tentato di dare uno
stipendio stabile ai 19 mila pre-
cari dei Comuni, in scadenza
tra pochi mesi. Avevano ap-
provato una leggina ad hoc,
che autorizzava la grande in-
fornata senza lo straccio di un
concorso. Glielha bloccata il
commissario dello Stato. Quel-
limpiccione.
il caso
LAURAANELLO
PALERMO
Unesercitodi dipendenti
ecinquemiliardi di buco
Lisolasullorlodel default
Lallarme dellaCorte dei Conti: eccotutte le spese folli
I PRIVILEGI
I 90consiglieri regionali
si chiamanoonorevoli
Stipendio19.685eurolordi
LOSCONTO
Cinquecentodipendenti
inpensionecon25anni
di serviziovianel 2011
H
a gi sollevato molte
reazioni, non solo lo-
cali, in nome della
speciale autonomia di cui
gode la Regione, la lettera
con cui Monti ha chiesto al
governatore siciliano Lom-
bardo di confermare le di-
missioni annunciate mesi
fa per il 28 luglio. La solleci-
tazione del presidente del
Consiglio legata al rischio
di default del bilancio regio-
nale denunciato dal vice-
presidente siciliano di Con-
findustria Ivan Lo Bello e al
comportamento dello stes-
so governatore, che dal mo-
mento in cui ha anticipato
la sua uscita di scena, ha
continuato a comportarsi
come se niente fosse, nomi-
nando tre nuovi assessori,
un vicepresidente e perfino
un dirigente di una societ
pubblica poi risultato in
carcere per stalking.
Al di l dellautonomia,
chiamata in causa anche a
sproposito, Monti vorrebbe
predisporre un piano di sal-
vataggio. Preceduto, ovvia-
mente, da una definitiva
uscita di scena di Lombar-
do, che anche se non ha lin-
tera responsabilit del dis-
sesto, certo non ha fatto
nulla di importante per ar-
ginarlo. Lidea che la Sicilia,
grazie al suo statuto specia-
le, possa essere considerata
una specie di porto franco,
inaccettabile per Monti.
Che teme che il dissesto
amministrativo dellisola
possa ripercuotersi sullim-
magine dellItalia, sotto os-
servazione a Bruxelles.
Pochi mesi fa lallarme
per i dati siciliani era stato
lanciato dalla Corte dei
Conti. La sola presidenza
della Regione Siciliana ha
un numero di dipendenti,
1385, superiore a quelli a di-
sposizione del primo mini-
stro inglese Cameron a
Downing Street, con un di-
rigente per ogni sei impie-
gati e funzionari. I dipen-
denti regionali, intotale, so-
no 17.995, 4857 dei quali
avevano il contratto a ter-
mine fino allanno scorso,
ma sono stati stabilizzati
dalla giunta Lombardo. Al-
tri 2293 sono a tempo de-
terminato e ben 7291 lavo-
rano nelle 34 societ a par-
tecipazione regionale. Inol-
tre 24.880 sono i forestali e
gli lsu (lavoratori social-
mente utili) impegnati nei
comuni ma di cui la regione
paga in parte lo stipendio.
Fatte tutte le somme, il co-
sto di questa elefantiaca
amministrazione tocca i 5,3
miliardi di euro e nel solo
2011 cresciuto di 818 mi-
lioni, raddoppiandosi negli
ultimi dieci. E fino allanno
scorso i dipendenti della
Regione potevano andare
in pensione con soli 25 anni
di servizio, per assistere un
genitore anziano o invalido.
Sono dati come questi che
hanno spinto Monti a inter-
venire e i politici siciliani a
reagire, nel timore di un
commissariamento. Ma co-
sa possano e vogliano fare,
per evitare il fallimento del-
la Regione a statuto specia-
le, nessuno ancora in gra-
do di dirlo.
Lastatuto
speciale
eil piano
del governo
Taccuino
MARCELLO
SORGI
Palazzo dei Normanni a Palermo: la sede dellAssemblea regionale siciliana
5,3
Miliardi
Il debito della
Sicilia per il
2011, secon-
do i dati della
Corte dei
Conti sul
rendiconto
generale
19,5
Miliardi
La spesa
regionale per
lanno scorso
schizzata a
19 miliardi e
558 milioni di
euro
17.995
Dipendenti
I numeri dei
giudici conta-
bili segnalano
gli sprechi. In
Piemonte
3200 impie-
gati
28.796
Impiegati
Eccotutti i
dipendenti
incluse
controllate, sedi
staccatee
contratti atempo
1.385
Addetti
Sono le perso-
ne che lavora-
no soltanto
per la presi-
denza della
Regione
siciliana
192
Dirigenti
Il numero dei
quadri nei
vari uffici
della Regione
che arriva
a sfiorare
quota 200
818
Milioni
Ecco a quanto
ammontano i
nuovi prestiti
per il 2011
954
Milioni
I mutui con-
tratti con la
Cassa deposi-
ti e prestiti
34
Societ
Sono le con-
trollate e le
imprese
collegate con
la Regione
Prima della sentenza si com-
muove. Parla in aula da im-
putato, lex ministro Saverio
Romano, e dice di essere pu-
lito, come la sua toga di avvo-
cato, che intende consegnare
immacolata al figlio Antonio,
studente in Giurisprudenza,
20 anni, presente in aula e
pronto ad abbracciare il pa-
dre che in lacrime, davanti
al Gup Fernando Sestito. Poi,
quando il giudice esce con la
RICCARDOARENA
PALERMO
PALERMO, IL PMAVEVACHIESTOUNACONDANNAA8ANNI
Mafia, assoltolexministroRomano
Finito un incubo
lungo nove anni
Per il gup le prove
non sono sufficienti
sentenza, dichiarandolo assol-
to, lex ministro delle Politiche
agricole non pi in aula. Vie-
ne scagionato dallaccusa di
concorso in associazione ma-
fiosa in contumacia, con una
formula ampiamente liberato-
ria (perch il fatto non sussi-
ste), ma sucui resta una mini-
ma ombra, la stessa che aveva
segnato altre assoluzioni ec-
cellenti di uomini politici, da
Francesco Musotto a Calogero
Mannino: La prova manca,
incerta o contraddittoria. In
altre parole, la vecchia formu-
la dubitativa, abolita dal 1989.
Saranno comunque trionfa-
listici, alla fine, i commenti a
favore dellesponente dei Re-
sponsabili, gruppo-stampella
del traballante governo di cen-
trodestra, e che venne fatto
ministro da Berlusconi mentre
pendeva su di lui la possibilit
di essere rinviato a giudizio
per concorso in associazione
mafiosa. Era intervenuto il
Quirinale, nella primavera del
2011, per chiedere lumi ai ma-
gistrati di Palermo: e in quel
caso nessuno a parte, ovvia-
mente, il centrodestra aveva
parlato di interferenze e in-
gerenze da parte del Capo
dello Stato. E anche in questo
processo il pm era Nino Di
Matteo, lo stesso dellindagine
sulla trattativa fra mafia e Sta-
to, attorno alla quale scop-
piato il putiferio, con la que-
stione delle intercettazioni dei
colloqui del presidente. Il pro-
cesso era puntualmente arri-
vato, mentre Romano era mi-
nistro. La Procura aveva chie-
sto larchiviazione, ma il Gip
Giuliano Castiglia aveva impo-
sto limputazione coatta. Se
prima i pmDi Matteo e Ignazio
De Francisci avevano sostenu-
to di non avere elementi suffi-
cienti per sostenere laccusa in
giudizio, in aula avevano mes-
so assieme altri elementi e
avevano chiesto comunque ot-
to anni. Li critica, per questo,
Romano: Hanno cambiato
idea, evidentemente. Certo
che rimanere nove anni sotto
inchiesta un fatto contrario
alle regole della civilt giuridi-
ca, dice in coro limputato,
con gli avvocati Franco Inze-
rillo e Raffaele Bonsignore. Il
procuratore di Palermo, Fran-
cesco Messineo, dice che gli
elementi contro il deputato del
Pidcerano. Possibile dunque il
ricorso in Appello. Le indagini
su Saverio Romano erano sta-
te due, e sempre per mafia: la
prima era stata archiviata al-
linizio del 2005 ed era stata
riaperta nel corso dello stesso
anno, dopo il pentimento del-
lex presidente del Consiglio
comunale di un altro paesino
dellhinterland palermitano,
Villabate. Francesco Campa-
nella, politico mafioso ex
Udeur, aveva sostenuto fra lal-
tro che a un pranzo a Roma, a
Campo de Fiori, Saverio Ro-
mano gli ingiunse di votarlo,
davanti a testimoni, perch
siamo della stessa famiglia.
Saverio Romano piange in aula
6
.
PrimoPiano
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
R
Potere d'acquisto e famiglie in difficolt
2007 2008 2009 2010 2011 2012
Reddito disponibile
reale delle famiglie
% famiglie costrette a ricorrere
ai risparmi o a fare debiti
99,6
100,0
100,3
100,1 100,2
99,3
98,6
96,4
97,3
96,1
95,1
94,9
96,4
95,1
95,4
94,8
94,5
93,5
95,2
96,1 96,0
12,8
16,5
16,3
17,0
19,1
19,8
17,7
15,6
13,0
15,3
15,3
16,4
18,2
15,9
14,9
15,2
14,1
15,4
15,9
18,4
19,5
25,9
U
LACRISI
ILPAESEINAFFANNO
La recessione si aggrava. A
fornirci un aggiornamento
sul quadro economico stata
ieri la Banca dItalia che nel
bollettino economico di lu-
glio ha aggiustato inpeggio le
precedenti previsioni sullan-
damento del Pil. Leconomia
si ridurr questanno del 2%
e subir una contrazione del-
lo 0,2% anche nel 2013, se lo
spread si manterr attorno
ai livelli delle ultime settima-
ne, insomma sui 450 punti.
Secondo via Nazionale la re-
cessione terminer dunque
allinizio del 2013.
Peggiora anche la situazio-
ne nel mercato del lavoro:
loccupazione caler ancora
di un punto, nellanno in cor-
so. Inoltre, a fronte di un si-
gnificativo aumento della
partecipazione al mercato
del lavoro, gi osservato nella
prima met del 2012, il tasso
di disoccupazione raggiunge-
r l11% nel 2013, nelle previ-
sioni della Banca dItalia.
Leconomia italiana, in
particolare ha continuato a
calare nel secondo trimestre,
dopo un primo gi vissuto in
apnea, per poco pi di mez-
zo punto percentuale rispet-
to al periodo precedente. Il
problemi continuano ad es-
sere, spiega il bollettino, le
condizioni di accesso al credito
ancora tese e quelle del mer-
cato immobiliare. Nelle stime
i consumi delle famiglie sono
ancora destinati a contrarsi
significativamente, risen-
tendo dellausterity, ovvero
degli effetti sul reddito dispo-
nibile delle misure di correzio-
ne dei conti pubblici adottate
lanno scorso e delle incerte
prospettive delloccupazione.
Unica luce, lexport: migliore-
r il saldo corrente con leste-
ro, che tender nei prossimi
mesi al pareggio.
Il quadro politico europeo,
per, diventato essenziale
per le prospettive italiane. Il
vertice di fine giugno che po-
sto le basi per una vigilanza
bancaria unica e per un fondo
salva-Stati che possa essere
usato in modo flessibile co-
me recita laccordo, e che pos-
sa ricapitalizzare direttamen-
te le banche, importante
secondo via Nazionale. Ma ora
essenziale una rapida attua-
zione delle decisioni.
Pi nello specifico, il qua-
dro generale continua ad esse-
re caratterizzato da una ele-
vata incertezza. Ele prospet-
tive delleconomia sono
strettamente connesse con
gli sviluppi della crisi del debi-
to sovrano e con i suoi effetti
sul credito, sulla fiducia di fa-
miglie e imprese, sulla doman-
da proveniente dai nostri
partner europei. Quindi, per
la Banca dItalia le modalit
con cui sar data attuazione
alle decisioni del summit sa-
ranno cruciali per il riassorbi-
mento delle tensioni sui mer-
cati finanziari e per il ripristi-
no di normali condizioni di
credito, che favorirebbero una
pi rapida ripresa in Italia e
nel resto dellarea.
Non manca un accenno sul-
la recentissima decisione del-
lagenzia di rating Moodys di
declassare il debito italiano.
Una mossa, nota via Naziona-
le, resa nota subito prima di
unasta di titoli dello Stato ita-
liano, non ha avuto effetti so-
stanziali sulla domanda o sui
rendimenti.
Infine, la Banca dItalia
plaude alla spending review
decisa dal governo che in pro-
spettiva pu consentire di ri-
durre le aliquote fiscali, specie
nel lavoro, favorendo la ripre-
sa. Nellinsieme, conclude, i
provvedimenti di liberalizza-
zione, di stimolo dellattivit
economica e di riforma del
mercato del lavoro varati negli
ultimi mesi hanno introdotto
mutamenti di carattere strut-
turale che incideranno positi-
vamente sulle capacit di cre-
scita della nostra economia,
con effetti soprattutto nel me-
dio periodo. [T. MAS.]
Unplausoallaspending
review: Permetter
di ridurreil carico
fiscalesul lavoro
TORINO
I numeri
-0,2
lacrescita
lannoprossimo
Secondola Banca dItalia,
lannoprossimoil Pil rester
leggermente inrosso,
almenonei primi mesi. Le
previsioni, tra laltro,
resterannobuone solose lo
spreadsi conterr
intornoai 450 punti
Intervista
TONIAMASTROBUONI
TORINO
S
abbadini, il dato sulla povert
drammatico ma sembra stabile, ri-
spettoal passato.
La povert stabile, vero, eppur si
muove...Osservando le cifre pi a fon-
do si nota che ormai ci sono vecchie e
nuove povert. C la povert tradi-
zionale, quella delle famiglie del sud,
che colpisce anziani, minori, famiglie
numerose, o con capofamiglia disoc-
cupati. Ma si osserva anche un feno-
meno di povert nuovo, pi accen-
tuato, tra i cosiddetti working poor.
Sono quelle famiglie, cio, dove nono-
stante qualcuno lavori, il reddito non
in grado di garantire una vita al di
sopra della soglia di povert. il caso
delle famiglie operaie, ma anche, tipica-
mente, di impiegati al sud con la moglie
che non lavora e con pi figli.
Macomevienecalcolatalapovert?
Anzitutto c quella relativa.
quella che si ottiene confrontando la
situazione delle singole famiglie con
quella totale. In sostanza, si parte
dalle famiglie di due componenti. Se
queste non riescono a consumare
neanche quanto in
medi a ri esce a
consumare una
persona nel nostro
Paese, allora sa-
ranno considerate
povere. La linea di
povert in questo caso coincide con
la spesa media per abitante ed 1100
euro. Sul comunicato Istat possibi-
le trovare tutte le soglie per numero
di componenti della famiglia.
Elapovertassoluta?
Sono i pi poveri tra i poveri, ben
3,4 milioni di persone, il 5,1% delle fami-
glie. La calcoliamo conunpaniere di be-
ni e servizi considerati essenziali per
condurre una vita
dignitosa. Il che non
vuol dire soltanto
non avere il cibo -
non che si poveri
solo se si muore di
fame -, ma che si ab-
biano soldi per vivere in una casa, per i
trasporti, per il telefono, insomma le co-
se di base per vivere dignitosamente
nella societ di oggi.
Lanuovapovert
quelladi chi lavora
manoncelafa
LIDENTIKIT
Sonoimpiegati eoperai
infamigliemonoreddito
vivononel Mezzogiorno
AllarmedaBankitalia
Disoccupati all11%
Il bollettinodi luglio: nel 2012Pil a-2%, fuori dallarecessionenel 2013
Perpagaredi meno
laspesasi faallaspina
1Da qualche temposi sonofatte strada nuo-
veformuleper risparmiare: allaspesaal discount
ealloutlet oalloshoppingfattonei periodi di of-
ferte speciali e di promozioni, si sono aggiunti
nuovi canali come gli acquisti alla spina, vale a
dire gli acquisti di quei prodotti commercializza-
ti senza confezione (come pasta, acqua, detersi-
vi, latte, vino). Consentono di ridurre imballaggi e
rifiuti e permettono risparmi dal 20 al 30% sul
prezzo. Lidea piace agli italiani che giocoforza
hanno imparato a barcamenarsi nella crisi. Tanto
che i punti vendita di questo particolare modo di
fare la spesa stanno aumentando e ora si trovano
anche in alcuni supermercati. Altra mossa taglia-
spesa rifornirsi di prodotti di stagione e del terri-
torio, i cosiddetti Km zero. Sono in aumento i
farmers market, i mercati degli agricoltori che
vendonodirettamente i loroprodotti incitt.
Grazieainternet
il risparmiodi gruppo
1Un taglio alle spese arriva dalla Rete. Da qual-
che tempo si sono diffusi i cos detti comparato-
ri. Si tratta di quei siti che permettonodi confron-
tarei prezzi dellevariepropostesul mercato. Lafor-
mula viene applicata soprattuttoalle assicurazioni
sullauto, ma anche ai mutui o, da qualche tempo,
alle tariffe per luce e gas o magari quelle sulla pay
tv. Lultima moda quella dei siti di social shop-
ping. Si tratta di una particolare formula di ac-
quistochearrivadal mondoanglosassoneeche
esplosaanchenel nostroPaese. Si basasullacqui-
sto di gruppo e consente di ottenere cos sconti
finoal 70%suprodotti eservizi trai pivari: dalla
cena al ristorante, alla vacanza, fino alla seduta
dal dentista. Il risparmio assicurato, a patto pe-
rcheci si sappiaorientaretraleclausoleei limiti
previsti. Senza dimenticare poi le date di scaden-
za delleventuale buonoacquistato.
Chetendenzavedeinquesti dati?
Se consideriamo il quadro prece-
dente alla crisi, sono molti i segmenti di
popolazione che sono peggiorati. peg-
giorato il sud, dove la povert assoluta
aumentata dal 5,8 all8 %; sono peggio-
rate le famiglie numerose con 5 o pi fi-
gli, dove cresciuta dall8,2 al 12,3%. Ma
si aggravata la povert anche nelle fa-
miglie operaie (5,2-7,5%), in quelle con il
capofamiglia disoccupato (10-15,5%),
nelle coppie con un figlio minore
(3,1-5,7%) o pi (3,8 a 5,8). E sono tripli-
cate quelle in cui lunico reddito da la-
voro sostiene il peso di uno o pi disoc-
cupati, balzato da 5,5 al 15,5.
Spessosonoledonnelepicolpitedal-
lapovert.
Questo vero, e la povert femmini-
le colpisce soprattutto due tipologie: le
anziane sole e le madri sole. Sia la vedo-
vanza che le separazioni aggravano il
rischio di povert e le vittime per eccel-
lenza sono le donne. Ricordiamo che il
dato italiano ancora drammatico: ne-
anche una donna su due lavora e nel
Mezzogiorno una su tre. Questo le
rende molto a rischio povert, se si se-
parano dai compagni o dai mariti.
twitter@mastrobradipo
Statistica
Linda Laura
Sabbadini
direttore del
dipartimento
di statistiche
sociali e
ambientali
dellIstat
La spesa al discount aiuta le famiglie in difficolt
Lestrategie
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
PrimoPiano
.
7
R
INCIDENZA DELLA POVERT RELATIVA
(% di famiglie)
INCIDENZA DELLA POVERT ASSOLUTA
(% di famiglie)
Italia Nord Centro Mezzogiorno Italia Nord Centro Mezzogiorno
Centimetri - LA STAMPA
2008 2009 2010 2011 2008 2009 2010 2011
4,6
3,2
2,9
7,9
4,7
3,6
2,7
7,7
4,6
3,6
3,8
6,7
5,2
3,7
4,1
8,0
11,3
4,9
6,7
23,8
10,8
4,9
5,9
22,7
11,0
4,9
6,3
23,0
11,1
4,9
6,4
23,3
InItalia8milioni di poveri
RadiografiadellIstat sullefamiglieitaliane: lamaggiorpartesonoconcentrati al Sud
Sono 8,1 milioni i poveri nel
nostro Paese. Invisibili e alle
prese con le difficolt di fare la
spesa con un reddito di poco
pi di mille euro al mese in
due, rappresentano il 13,6%
dellintera popolazione e
l11,1% delle famiglie residenti.
Acontarli stato lIstat che ie-
ri ha diffuso il suo report sulla
povert in Italia sui dati del
2011. Il numero rilevato al-
larmante e d la misura di un
Paese sempre pi in difficolt,
alle prese con una crisi che
picchia di pi sulle famiglie
degli operai e su quelle con fi-
gli (o anziani) a carico.
Ma il reddito dei mille euro
al mese (per lesattezza 1.011
euro) il confine statistico che
misura la soglia di quella che
la povert relativa. I numeri
pi drammatici sono quelli
misurati sui poveri assoluti
che vivono in condizioni di po-
vert grave e non riescono ad
affrontare neanche i consumi
minimi. Oggi questi poveri nel
nostro Paese sono 3,4 milioni,
vale a dire 5,2 famiglie su 100.
Le divisioni non finiscono
qui. La fotografia dellIstat de-
scrive un Paese sempre pi
spaccato in due. Al Sud infatti
povera quasi una famiglia su
quattro. Tra queste, l8% vive
in condizioni di povert asso-
luta. Al Sud poi aumentata,
in un anno, lintensit di po-
vert relativa, cio i poveri so-
no diventati ancora pi pove-
ri. Il valore, in questo caso,
passato dal 21,5% al 22,3%. Le
Regioni pi penalizzate sono
la Sicilia e la Calabria, con
unincidenza di povert ri-
spettivamente pari al 27,3% e
al 26,2%. I valori pi bassi si
registrano invece in provincia
di Trento (3,4%), in Lombar-
dia (4,2%), in Valle dAosta e in
Veneto (4,3%).
E la crisi non ha fatto scon-
ti, soprattutto alle categorie
pi a rischio. Dalla rilevazione
Istat emerge, infatti, che le
condizioni degli operai stanno
peggiorando. Nel 201l il 15,4%
dei nuclei in cui vi sono operai
relativamente povero con-
tro il 15,1% del 2010. I numeri
dicono che il 7,5% di queste fa-
miglie (6,4% nel 2010) asso-
lutamente povero. Migliora
invece la condizione delle fa-
miglie di dipendenti o dirigen-
ti: nel 2010 era relativamente
povero il 5,3% e assolutamen-
te povero l1,4%, nel 2011 i va-
lori si fermano al 4,4% e al-
l1,3%. Assieme alle famiglie
operaie peggiorano anche le
condizioni dei nuclei senza oc-
cupati n ritirati dal lavoro
(lincidenza della povert re-
lativa passa da 40,2% a 50,7%)
e di quelli con tutti i compo-
nenti ritirati dal lavoro (dal-
l8,3% al 9,6%). In generale,
lincidenza di povert assolu-
ta cresce tra le famiglie con a
capo una persona con profili
professionali e/o titoli di stu-
dio bassi, tra cui nuclei con li-
cenza elementare (dall8,3%
al 9,4%) o di scuola media infe-
riore (dal 5,1% al 6,2%).
Dalle statistiche emerge poi
unaltra aspetto preoccupan-
te: larrivo di un figlio pu rap-
presentare un rischio. Dai nu-
meri emerge infatti che rela-
tivamente indigente il 10,4%
(4% in povert assoluta) delle
coppie con un figlio, il 13,5%
(5,7%) di quelle con un figlio
minore. Nel 2010 erano rispet-
tivamente il 9,8% (2,9%) e
l11,6% (3,9%). Se il numero di
figli sale, cresce anche il ri-
schio povert: il 28,5%delle fa-
miglie con cinque o pi com-
ponenti relativamente pove-
ra, incidenza che al Sud rag-
giunge il 45,2%.
SANDRARICCIO
TORINO
Il pienoal prezzogiusto
si fanei finesettimana
1La benzina pesa sempre di pisul bilanciodel-
lefamiglie. Nonmancanoleformulechepermetto-
no di risparmiare. Uno sconto interessante arriva
dalle cos dette pompe bianche, vale a dire i di-
stributori nonamarchiochesonosorti ultimamen-
teinquasi tuttelecitt. Offronorisparmi chevanno
dai 10centesimi al litro, finoapicchi di 40centesimi
Il divorziotroppocaro?
Si restasottolostessotetto
1ATorinogisi fa. Lefamigliehannoimparatoa
evitaretuttelespesechesi possonotagliare, maga-
ri anchequellelegateallaseparazioneoal divorzio.
Per questo molte coppie continuano a condividere
il tettoconiugaleanchesedi fattononsonopiuni-
te. Atenerle insieme il bisogno di non sperperare
risorse in nuovi affitti o utenze di luce e gas. Molte
famiglie poi hanno iniziato la loro spending re-
view, una revisione delle uscite che hanno ogni
mese, acominciaredai costi fissi. Si partedal con-
to in banca. Una ricerca tra le varie proposte sul
mercato permette di risparmiare sul canone, se
non di azzerarlo e dunque di tagliare una buona
fetta degli oltre 100 euro allanno da pagare alla
banca. Anche sullRc autosi purisparmiare: trai
salva portafoglioc la polizza a consumo. Per-
mette di pagare a chilometro percorso oppure
soltantoi giorni di utilizzoeffettivodellauto.
L
e mani sono intrecciate, anche
le gambe. Mentre ti parla muo-
ve le dita delle mani e gli occhi
cercano qualcosa lontano. Forse nel
passato, poco tempo fa, quando la
sua vita, la vita di Laura (la chiame-
remo cos) sembrava disegnata con
colori pastello. Nessun problema
economico, tanti progetti, tanti hob-
by, viaggi, una bella famiglia con due
figli: Mirco, 9 anni e Giorgio, 15.
Poi a un certo punto le cose sono
cambiate. La crisi, lo spread. Chia-
malo come vuoi. Ma per Laura e suo
marito, Giovanni, quelle parole sono
state un inizio e una fine. Come tan-
te famiglie della borghesia, non ric-
che, ma agiate, che stanno facendo i
conti con un crollo del tenore di vita.
Non sono poveri, certo, hanno anche
qualche risparmio, ma devono ri-
strutturare quella che fino ad oggi
stata normalit. E iniziare da subito e
con rigore una personale spending re-
view. Io lavoro in un ufficio pubblico,
mio marito un libero professionista,
consulente specializzato nei finanzia-
menti alle imprese, ma non solo. Non
ho mai pensato ai problemi economi-
ci. La nostra era unottica di espansio-
ne: comprare una casa pi grande in
modo che i nostri figli potessero avere
una camera ciascuno, una piccola ca-
sa al mare, gli studi estivi allestero
per i nostri figli... cose che oggi mi
sembrano cos lontane. Laura ha un
abito grigio, ballerine dello stesso co-
lore, i capelli biondi pettinati allindie-
tro e due brillanti alle orecchie. Que-
sti sono zirconi, diamanti falsi, quelli
veri li ho impegnati. Io porto sempre
solo questi bottoncini e mi dispiaceva
far vedere alle persone che conosco
che non li avevo pi. Sono stupida?.
No, Laura non stupida. Sono scioc-
chezze, lo so. C gente che non ha da
mangiare. Ma in fondo tutti noi siamo
degli universi privati e pensiamo a
quello che capita a noi.
Laura una storica dellarte, il fisico
asciutto tenuto informa da una regola-
re attivit di palestra: Adesso ho ta-
gliato anche quella, in modo da non to-
gliere uno sport ai ragazzi. Io vado a
correre al parco. Inizia da qui, Laura
a spiegare come le cambiata la vita:
Mio marito non lavora quasi pi, le
aziende in crisi non lo pagano. Le ban-
che non gli danno credito. Voleva fare
un mutuo sulla nostra casa, ma glielo
avrebbero concesso solo se anche io
mettevo la firma. Ecome posso fare? Il
mio stipendio da dipendente pubblica
lunica entrata fissa della famiglia, se
poi me lo pignorano i miei figli che
mangiano? Giovanni lavora come un
matto ma non riesce a sollevarsi e ha
subito lumiliazione del blocco della
carta di credito.
Lei vuole sapere come cambiata
la routine vero?. Vero. Laura tiene
sempre le gambe e le mani intrecciate,
come se questo groviglio rappresen-
tasse il momento. Ho dovuto tagliare
tutto il superfluo, a iniziare dalle cene,
anche quelle a casa. Al massimo una
pizza al mese e non nel nostro quartie-
re che troppo caro. A Centocelle c
un posto dove una pizza e una birra co-
stano sei euro. Alla fine non male.
Niente vacanze, i ragazzi vanno in
campagna dai nonni. Ho rinunciato al
part time e la sera do ripetizioni priva-
te. Prima facevo la spesa al supermer-
cato vicino, la frutta al mercato di viale
Parioli (perch qui viviamo), al macel-
laio detto il gioielliere. Oggi una vol-
ta a settimana vado al discount dove
ho imparato a riconoscere i prodotti
buoni, e da un grossista di carni .
Risparmi significativi? Assoluta-
mente, tanto che ho pensato che prima
ero una cretina. Ese, spero presto, ria-
vr indietro la mia vita e il mio reddito,
continuer a fare cos. Le faccio un
esempio: lultima volta che ho fatto la
spesa dal macellaio sotto casa ho com-
prato due filetti di numero, degli strac-
cetti di manzo e un petto di pollo.
Spendendo 63 euro. Adesso con quella
cifra riempio due sacchi di carne e va-
do avanti per almeno met mese.
Lanostravitalow-cost
laspesasi faal discount
elevacanzedai nonni
Lastoria
MARIACORBI
ROMA
1.011
euro al mese
Lacifra(per unafamiglia
di duepersone) sottola
qualelIstat considera
unafamigliapovera
11%
sotto la soglia
SonolefamigliechelIstat
considerapovere:
sonoconcentrate
soprattuttoal Sud
Le cifre
Sono quelle dellIstat
SiciliaeCalabriasono
infondoallaclassifica
Cresconogli indigenti
nellefamigliedi operai
al litro. Unbel risparmiointempi di rincari del prez-
zodella benzina che a fine annofannoqualche cen-
tinaio di euro. Per questo molti hanno imparato a
fare attenzione ai prezzi proposti dalle pompe no-
logo. Da qualche settimana poi sono scattati gli
sconti del weekandcheabbassandoil prezzoal self
service nel fine settimana. Una sforbiciata di qual-
che eurosul pienoche salva il portafoglio. Se ne so-
noaccorti inmoti, tantochenei duegiorni di super-
sconti i distributori cheoffronotariffepigenerose
sonopresi dassaltodagli automobilisti.
8
.
PrimoPiano
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
R
U
LACRISI
LECONTROMISURE
LaFed: rischioEuropaper gli Usa
I timori del governatoreBernanke. ABruxellesraggiuntalintesasul meccanismodel salva-Stati
I tecnici invitano a considera-
re chiuso il cantiere dello scu-
do salvaspread. Non ci sono
altre decisioni di architettura
istituzionale da prendere, di-
ce a La Stampa Thomas Wie-
ser, presidente del Comitato
finanziario dellUe, il club dei
direttori dei ministeri del Te-
soro. Qualche dettaglio proce-
durale dovr essere definito
se una richiesta di aiuto vole-
r davvero sul tavolo del fon-
do salvastati temporaneo, Ef-
sf, o su quello del successore
permanente, Esm. Gli sherpa
di Bruxelles vogliono blindare
lintesa politica del vertice del
28-29 giugno, per quanto pos-
sibile. Lo strumento per lenire
a richiesta condizionata la fu-
ria dei tassi disciplinato da-
gli statuti dei due fondi. Se si
vuole, funziona. Inutile par-
larne oltre.
Come previsto, largomen-
to non sar nellordine del
giorno dellEurogruppo in
programma venerd. Il presi-
dente Jean-Claude Juncker
cerca di evitare grattacapi ag-
giuntivi. Lincontro si svolge-
r in teleconferenza e, salvo
colpi di scena, sar dedicato
integralmente alle banche
spagnole. In unora possiamo
chiudere lintesa, assicura
una fonte diplomatica. Ci sono
32 condizioni per unerogazio-
ne sino a 100 miliardi. D una
mano lintesa che Madrid ha
definito coi finlandesi per una
serie di garanzie collaterali,
come accaduto con i greci.
Ora Helsinki, falchetto del ri-
gore, dovrebbe dare via libera.
Aiuter a calmare le ac-
que. Asentire la testimonian-
za di met anno del presiden-
te della Fed, Ben Bernanke,
davanti alla commissione
bancaria del Senato america-
no, ci si confronta col fatto
che la possibilit che la si-
tuazione in Europa peggiori
ulteriormente rappresenta un
notevole rischio per lo scena-
rio. Il banchiere centrale sta-
tunitense ha detto di ritenere
che le turbolenze sul vecchio
continente costituiscano un
forte fattore di rischio per gli
Usa. Sebbene siano stati com-
piti passi costruttivi, in Spa-
gna come per il sistema credi-
tizio europeo, leconomia e i
mercati finanziari europei re-
stano sotto stress significativo,
con rischio di impatto negativo
sul resto del mondo, compresi
gli Stati Uniti.
Visti da lontano, i problemi
restano tutti, e nessuno lo nega.
Ieri a Bruxelles si anche senti-
to Joerg Asmussen, membro
tedesco della Bce, dire che si
avuta uneccessiva educazio-
ne nel principio di non inter-
vento nel corregge gli sbilan-
ciamenti. Potrebbe essere un
segnale di un cambiamento di
rotta a Francoforte. Fonti euro-
pee suggeriscono che lEuro-
tower vigila sul mercato del de-
bito e sarebbe pronta ad usare
il bazooka della liquidit qualo-
ra le cose si mettessero male:
quando ti sparano e devi ri-
spondere, non badi al fatto che
non hai il porto darmi.
Asmussen invoca una ulte-
riore condivisione della sovra-
nit per garantire il futuro del-
lUnione economica, un coordi-
namento centralizzato contro
gli eccessi di spesa. Dice che la
Spagna non ha imparato la le-
zione, come la Grecia. A propo-
sito. La troika Ue/Bce/Fmi che
deve valutare lo stato di attua-
zione del programma di Atene
sar in citt la prossima setti-
mana. La definizione del rap-
porto ci condurr ad agosto
inoltrato, dicono le fonti. Vuol
dire che lEurogruppo se ne po-
tr occupare a inizio settembre.
Nel frattempo il gettito do-
vrebbe essere aumentato - si
assicura - Ci sono sacche di li-
quidit. Ce la possiamo fare.
Speriamo.
MARCOZATTERIN
CORRISPONDENTE DA BRUXELLES
Intervista
GRAZIALONGO
ROMA
Leconomiaverde
unagrandeoccasione
per tagliarelespese
Rutelli: cos possiamospingere turismoededilizia
C
os proprio non va. France-
sco Rutelli torna alle antiche
passioni. E dinanzi alle ceso-
ie messe incampo dal governo sulla
spending review, e alcuni tagli alle
incentivazioni varati con il Dl svi-
luppo rilancia la sua crociata a fa-
vore della green economy. Punto su
punto con una sfilza di emenda-
menti capaci - a sentire il leader di
Api - di rilanciare unintero com-
parto produttivo.
Scusi, senatore Rutelli, ma vista la
crisi e pi in generale le difficolt
nel compartoedileci sonolecondi-
zioni per lasuabattagliaverde?
Il nostro Paese ha due grandi ri-
sorse economiche, il turismo e ledi-
lizia, in grado di dare una scossa in
tempi rapidi rispetto alla stagnazio-
ne economica e produttiva. Ma ledi-
lizia non va mossa in termini tradi-
zionali, come contemplato dal decre-
to Monti. Va potenziato un moderno
ambientalismo, capace di rispondere
alle sfide dellautosufficienza energe-
tica, della riduzione delle emissioni,
del taglio di consumi energetici e bol-
lette. Al momento larticolo 11 del de-
creto sviluppo, inerente a questi te-
mi, stato accantonato. Ci auguria-
mo nellintenzione di accogliere i no-
stri emendamenti.
Ma con quali coperture finanziarie,
visto che il governo lima cifre
ovunquesulleincentivazioni?
Guardi, equiparare gli incentivi
delle ristrutturazioni ordinarie con
quelle pro-sostenibilit ed innova-
zione sarebbe un suicidio. Tanto pi
che le direttive europee impongono
la costruzione di edifici pubblici ad
emissione 0 entro il 2019, mentre
per ledilizia privata la scadenza il
2020. LItalia, che deve rinnovare il
parco residenziale costituito da mi-
lioni di case risalenti agli Anni 50 e
60 di cui moltissime non ancora a
norma con le misure antisismiche,
non pu perdere questa occasione
di crescere.
Checosadovrebbefare?
Accelerare la crescita di una filiera
produttiva fatta di imprese, profes-
sionisti, tecnici, dalle notevoli capa-
cit e potenzialit, per operare an-
che sui mercati esteri. Per farlo, dob-
biamo creare un sistema differenzia-
to che premi il risultato.
Inchemodo?
Non basta alzare lincentivo per
ledilizia tradizionale dal 36 al 45 o
50%. Occorre una diversificazione:
portare lincentivo per le ristruttura-
zioni al 45%; ripristinare il 55%per la
riqualificazione energetica; portare
al 65% la riqualificazione energetica
globale delledificio; incrementare i
controlli sulle spese portate in detra-
zione ed estendere gli incentivi ai si-
stemi di schermatura solare per mi-
gliorare le prestazioni in estate.
Ci sonodati chesuffraganolevostre
valutazioni?
Nel 2010, anno chiave, ci sono state
400.000 iniziative di riqualificazione
energetica per un totale di 4,6 miliar-
di di investimenti privati, con detra-
zioni statali per 2,5 miliardi; un ri-
sparmio energetico pari a 2TWh e
minori emissioni pari a 430.000 ton-
nellate per anno. .
Francesco Rutelli, leader dellApi
LUnione europea lanello debole delleconomia mondiale
Draghi ai Pm
Agenziedi rating
cunconflitto
Vi un conflitto tra ana-
listi e uffici delle agenzie
che producono i rating. A
sostenerlo lattuale pre-
sidente della Banca cen-
trale europea Mario Dra-
ghi che, quando era gover-
natore della Banca dIta-
lia, us queste parole te-
stimoniando al pubblico
ministero di Trani, Miche-
le Ruggiero nellinchiesta
della Procura sulle agen-
zie di rating e sul declassa-
mento del nostro sistema
bancario, operato da Moo-
dys il 6 maggio 2010.
Conosco il fenomeno,
che esiste ed documenta-
to - dichiarava Draghi,
ascoltato dalla magistratu-
ra a Roma il 24 gennaio
2011 - vi un conflitto tra
analisti e uffici che produ-
cono il rating. Va rammen-
tato che le societ che pro-
ponevano i prodotti strut-
turati soggetti a rating era-
no societ da cui dipende-
vano quelle stesse agen-
zie. Riferendosi a quel
giudizio negativo di Moo-
dys Draghi ribadiva che il
sistema bancario italiano
robusto, il deficit di parte
corrente basso, il rispar-
mio alto. Il debito com-
plessivo di famiglia, impre-
se e Stato basso rispetto
ad altri paesi. Laumento
di volatilit nel prezzo dei
titoli un sicuro danno
derivante da queste valuta-
zioni. E spiegava al magi-
strato che a seguito di giudi-
zi negativi gli investitori
non trovano conveniente
sottoscrivere titoli di banche
e gli stessi titoli di Stato.
Mario Draghi, nella sua
testimonianza, ricordava in-
fine al pm Ruggiero come la
credibilit delle tre agenzie
di rating fosse diminuita do-
po le errate valutazioni negli
Stati Uniti nel 2007 sui co-
siddetti mutui subprime, i
prestiti concessi a cittadini
americani ad alto rischio di
insolvenza. [L. FOR.]
Il presidente Bce, Mario Draghi
NUOVE RIDUZIONI DI RATINGPERLE AZIENDE
LeBorseignoranoi tagli di Moodys
Malospreadrestasoprai 480punti
1Le Borse ignorano gli
ultimi affondi di Moodys su-
gli enti locali e le banche del-
lItalia e in prima battuta
tentano il recupero, anche
sulla spinta dellinaspettato
successo dellasta dei titoli
di Stato di Madrid (3,5 mi-
liardi collocati) e dellattesa
per lEurogruppo che dovr
definire i dettagli del salva-
taggio delle banche spagno-
le. Poi per arriva la delusio-
ne per il messaggio del pre-
sidente della Federal Reser-
ve, Ben Bernanke, e i listini
azzeranoi guadagni, aparti-
re da Wall Street, mentre
restano in tensione lo
spread (sopra 480 punti) e
leuro. Cos la piazza peggio-
re Milano che ha chiuso in
ribasso dello 0,94%. In sera-
ta Moodys ha tagliato i ra-
ting di tre grandi compa-
gnie assicurative italiane:
Generali, Allianz e Unipol. Il
rating di Generali passa da
A1 a Baa1 con outlook nega-
tivo; quello di Allianz stato
ridotto ad A3 da A1 con pro-
spettive negative. Il rating
di Unipol Assicurazioni
statoridottoaBaa2 daA3. Il
taglio legato al downgrade
dellItalia deciso lo scorso 13
luglio. A Washington da
Bernanke non arrivato
laiuto sperato. Nellaudizio-
ne alla commissione banca-
ria del Senato, il presidente
della Fed si limitato a ripe-
tere di essere pronto a so-
stenere leconomia, ma non
ha detto nulla su misure di
stimolo che potessero far
prefigurare un terzo ciclo di
acquisti di bond.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
PrimoPiano
.
9
il caso
ROBERTOGIOVANNINI
ROMA
Lavoro, oralariformalegge
menovincoli per gli stagionali
Nel testoaccolte le modifiche concordate conConfindustriae sindacati
Il governo ha realizzato la riforma del lavoro a cui si era impegnato
O
ggi entra in vigore la riforma
del lavoro in una prospetti-
va di crescita (questo il tito-
lo esatto della legge Fornero che mo-
difica tra laltro larticolo 18). E alla
vigilia, arrivano anche le modifiche
concordate dai partiti di maggioran-
za nei giorni scorsi, approdate - con
qualche fatica - allinterno del decre-
to legge sviluppo. Cos, con gli emen-
damenti approvati ieri dalle Com-
missioni Finanze e Attivit produtti-
ve di Montecitorio, ci saranno inter-
valli pi brevi tra un contratto sta-
gionale e laltro; si attenua (quasi fi-
no adannullarsi) la stretta sulle false
partite Iva; sono confermate fino a
tutto il 2014 le attuali regole sulla
mobilit; infine, viene congelato lau-
mento delle aliquote contributive
per i parasubordinati.
La proposta di modifica - che re-
cepisce anche lavviso comune sigla-
to tra Confindustria e sindacati -
stata votata con il parere favorevole
del governo, che ne ha riformulato il
testo a seguito dellintesa raggiunta
tra i partiti di maggioranza e il mini-
stro del Lavoro Elsa Fornero. Soddi-
sfatti i due grandi registi dellopera-
zione, i due ex sindacalisti Cgil Cesa-
re Damiano (Pd) e Giuliano Cazzola
(Pdl). Abbiamo voluto questa cor-
rezione - dice Damiano - che fa com-
piere un passo avanti alla riforma
del mercato del lavoro. Conclusa la
modifica della riforma del mercato
del lavoro affrontiamo ora la que-
stione degli esodati con il decreto
sulla spending review. A vincere -
commenta Cazzola - stata soltanto
la ragionevolezza, perch le soluzio-
ni proposte, inizialmente, nel dise-
gno di legge del governo erano, pri-
ma di ogni altra considerazione, irra-
gionevoli. I partiti della strana mag-
gioranza (con il contributo decisivo
delle parti sociali) sono stati in grado
di formulare, prima al Senato poi alla
Camera, degli emendamenti su di una
materia politicamente sensibile, come
i rapporti di lavoro flessibili, su cui si
concentrato in questi anni lo scontro
ideologico sulla precariet. Via libe-
ra anche da Cisl, Uil, Ugl e Confindu-
stria, mentre la Cgil ribadisce che
non cambia il giudizio sulla riforma,
che va ridiscussa e modificata.
Intanto, da oggi scattano le nuove
regole sul lavoro, cui si aggiungeranno
le novit votate ieri. Il cambiamento
pi discusso il nuovo art.18, con lo
stop al reintegro automatico in caso di
licenziamento illegittimo per motivi
economici (rimane solo nel caso di
manifesta insussistenza). Ci sar solo
unindennit. Resta sempre nullo in-
vece il licenziamento discriminatorio
intimato, per esempio, per ragioni di
credo politico, fede religiosa o attivit
sindacale. Nei casi dei licenziamenti
disciplinari (giusta causa o giustifica-
to motivo soggettivo) ci sar minor di-
screzionalit del giudice nella scelta
del reintegro, che sar deciso solo sul-
la base dei casi previsti dai contratti
collettivi e non anche della legge. Al-
tra grande novit la nascita del-
lAspi, la nuova assicurazione sociale
per limpiego, che parte nel 2013 e so-
stituir a regime, nel 2017, lindennit
di mobilit e le varie indennit di di-
soccupazione. Ne potranno usufruire
oltre i lavoratori dipendenti anche gli
apprendisti e gli artisti. Sar possibile
trasformare lindennit Aspi in liqui-
dazione per poter cos avere un capi-
tale e avviare unimpresa. Perder il
sussidio chi dovesse rifiutare un im-
piego la cui retribuzione sia superiore
almeno del 20% rispetto allindennit
percepita. Infine - ma con il passare
dei mesi sono state fortemente annac-
quate - ci sono le regole per favorire
lapprendistato come principale cana-
le di assunzione, e per disincentivare il
ricorso ai contratti pi precari.
A
i partiti lidea non piace
per nulla. Al punto da
spingere il solitamente
cauto Casini a dire che
non si pu fare una ma-
novra al mese. Ufficialmente il tema
non allordine del giorno, e anzi da
Palazzo Chigi e Tesoro si affrettano a
dire che per ora nonse ne parla. Ma la
situazione quella nota: lo spread
tornato a livelli di allarme, il meccani-
smo anti-spread, o almeno qualcosa
che somigli alla proposta italiana,
tarda a vedere la luce. Se non bastas-
se, dopo il downgrading di Moodys,
gira voce di un intervento simile da
parte di un altra delle tre grandi
agenzie di rating, Fitch.
Nellagenda del governo, il prossi-
mo provvedimento di tagli alla spesa
dovrebbe arrivare solo alla fine di
settembre, pi o meno in coincidenza
con il passaggio obbligato della legge
di Stabilit. Ma il governo, in caso di
necessit, si tiene pronto a qualun-
que scenario: se ad agosto la situazio-
ne dellItalia sui mercati si facesse
critica, Monti e il nuovo ministro del-
lEconomia Grilli hanno sul tavolo
quello che si potrebbe definire bru-
nostante tutto, da Banca dItalia e Te-
soro arrivano segnali rassicuranti: la
domanda di titoli italiani resta forte e
sostenuta dallestero.
Insomma, occorre continuare a con-
centrare le energie suquello che lItalia
pu fare con le sue forze. Lentit mini-
ma dei nuovi tagli quella ipotizzata
dallo stesso Grilli la scorsa settimana: i
sei miliardi necessari a scongiurare del
tutto laumento dellIva a luglio del
2013. Lo spazio per fare di pinonman-
ca. Le due grandi voci sotto osservazio-
ne sono le agevolazioni fiscali e i cosid-
detti aiuti diretti alle imprese. Sulle
prime al lavoro il sottosegretario Ce-
riani: lidea di eliminare gli sconti in-
giustificati e le sovrapposizioni, tutto
ci che si tramuta in elusione fiscale.
Sul tema Monti ha chiesto anche unpa-
rere agli esperti del Fondo monetario
internazionale. In tutto il sistema vale
260 miliardi, ma tutto quel che si ta-
glier si tramuter di fatto in aumento
della pressione fiscale. Per di pi quasi
90 miliardi sono agevolazioni gi defi-
nite intoccabili: sgravi per figli e fami-
liari a carico, o per lacquisto della pri-
ma casa. Pi facile invece intervenire
sui cosiddetti aiuti alle imprese, cir-
ca trentatr miliardi quasi tutti desti-
nati ad aziende pubbliche.
Quale che sia la ricetta, per i partiti
si tratta di una minestra indigeribile.
Alla Camera i due relatori alla spen-
ding review - Giachetti (Pd) e Pichetto
Fratin (Pdl) - stanno cercando di am-
morbidire il decreto sulla spending re-
view. Le Regioni chiedono di rivedere i
tagli alla sanit, Comuni e Province
fanno i conti con lulteriore riduzione
dei trasferimenti. Trattandosi in gran
parte di tagli lineari, rischiano di rima-
nere penalizzati gli enti virtuosi, conef-
fetti paradossali. Fatti due conti, il pre-
sidente della Provincia di Torino Anto-
nio Saitta ha preso carta e penna ed ha
scritto a Grilli, Giarda e Bondi. Il senso
della missiva semplice: se negli ultimi
dieci anni non avesse ridotto la spesa
per il personale del 20%, i tagli previsti
dalla spending review per la sua Pro-
vincia sarebbero inferiori.
Twitter @alexbarbera
Il governoprepara
unpianoB abasedi tagli
per contenerelospread
Sarusatoadagostoincasodi attacchi speculativi
Retroscena
ALESSANDROBARBERA
ROMA
Mercati in allerta
Lo spread tornato di nuovo a livelli di guardia
Il meccanismo anti spread tarda a vedere la luce
talmente un piano B, anticipare quei
tagli con un nuovo decreto. I due ne
hanno discusso ieri allora di pranzo in-
sieme al governatore della Banca dIta-
lia Ignazio Visco.
Lidea non rivoluzionaria, ma
lunica garanzia che lItalia ha per ras-
sicurare i mercati e i partner europei:
proseguire senza tregua nella lotta agli
sprechi, continuare a tagliare una spe-
sa pubblica che - piaccia o no - resta fra
le pi alte del mondo civile. Del resto -
questa la tesi del premier - la battaglia
diplomatica per ottenere un efficace
scudo anti-spread va momentanea-
mente accantonata. Fino a quando la
Corte costituzionale tedesca non avr
detto la sua sul nuovo fondo salva-Stati
permanente, lEsm, insistere rischia di
essere controproducente. Di come uti-
lizzare i fondi limitati e temporanei a
disposizione (i 140 miliardi del vecchio
fondo salva-Stati, lEfsf) si discuter se
e solo se fossimo costretti a farlo. No-
Il ministro
Ha pronto un elenco
di tagli realizzabili in fretta
Il premier
Monti guida lItalia
in questa difficile estate
Linterventobasevarrebbe
circasei miliardi
Masi pufaredi pi
Valgono260miliardi
di questi unanovantina
sonointoccabili
LE CIFRE
LE AGEVOLAZIONI FISCALI
PartiteIva
Laverificadi autenticit
si farindueanni
1Passa da unoa due anni il perio-
donecessarioper verificare le condi-
zioni di autenticit delle partite Iva
(otto mesi di lavoro per lo stesso
committenteeil tettodi redditoper-
cepito). Per il 2013uncassaintegrato
potr sommare alla Cig un reddito
da lavoro fino a 3000 euro. Resta al
27%il prelievocontributivosuparti-
te Iva, lavoratori a progettoe gestio-
ni separate. Ma cresce di un punto il
contributo per chi cumula redditi da
pensione e da lavoro.
Over 50
Leregolesullamobilit
esteseatuttoil 2014
1Pi facile per le imprese fare
contratti stagionali e assumere ap-
prendisti con contratti interinali a
tempo indeterminato. Le attuali re-
gole per la mobilit potranno essere
applicate fino a tutto il 2014, un rin-
viochegarantiscequestosostegnoai
lavoratori ultracinquantenni del Cen-
tro-nord e a tutti i lavoratori del Sud.
Le imprese ammesse alle procedure
concorsuali possono fino al 2015 ri-
correreallaCigqualoraci sianopossi-
bilit valide di ripresa dellattivit.
10
.
PrimoPiano
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
U
PARTITI
GLI SCONTRI INTERNI
Rai, s aGubitosi direttoregenerale
Assuntoatempoindeterminatoguadagner650milaeuroallanno. ObiezionedellaCortedei Conti
E dopo il presidente venne il
giorno del direttore generale.
Con otto voti a favore e un solo
astenuto (Antonio Verro del
Pdl) il Cda di Viale Mazzini, do-
po il placet dellassemblea de-
gli azionisti, ha dato il via libe-
ra a Guido Gubitosi. Dallespe-
rienza ventennale nel gruppo
Fiat, fino al battesimo nel mon-
do bancario, come country
manager e responsabile del
corporate investment banking
della Bank of America, ultima
esperienza professionale pri-
ma di approdare alla Rai.
Per il nuovo dg il presiden-
te Tarantola ha chiesto al cda
un contratto a tempo indeter-
minato con lo stesso stipen-
dio dellex dg Lorenza Lei,
che percepiva 650 mila euro
lanno. Il rappresentante del-
la Corte dei Conti in cda
avrebbe per sollevato alcune
obiezioni, riservandosi un ap-
profondimento sulla questio-
ne. Con linvestitura del nuo-
vo direttore generale si chiu-
de in ogni caso il primo tempo
della partita con la quadratu-
ra del cerchio delle nomine.
sul secondo tempo, in pro-
gramma questa mattina per
sciogliere il nodo delle deleghe
alla presidente Anna Maria Ta-
rantola, che potrebbe andare
in scena il primo scontro sul
campo del nuovo Cda.
Daltra parte, le aspettative
del premier Mario Monti sono
altissime: poteri ampi e specia-
li, per consentire alla presiden-
te ampia capacit di manovra
sul fronte del risanamento dei
conti della Tv pubblica tuttal-
tro che allineati.
Una sfida che la Tarantola ha
gi raccolto. Nellimmediato il
nostro compito di individuare
con chiarezza e tempestivit le
azioni da intraprendere, di risol-
vere in modo strutturale e dura-
turo i problemi economico-fi-
nanziari dellazienda spiega la
presidente mettendo ordine
nei conti, dal lato dei costi e dei
ricavi perch senza risorse la
Rai non ha futuro. Ma senza
tralasciare lobiettivo delleccel-
lenza del prodotto radiotelevisi-
vo. Insomma, questione di equi-
librio tra la filosofia della spen-
ding review, da importare in
tempi di crisi pure negli assetti
della Tv pubblica, e la necessit
di assicurare livelli qualitativi
adeguati dellofferta Rai per in-
seguire lobiettivo della cresci-
ta sociale e culturale di ampio
respiro e di lunga durata. Sar
mission impossible? Tutto si
risolver in un dettaglio: se la
pratica delle deleghe al presi-
dente sar sbrigata o meno in
modo rapido e indolore. E la pri-
ma risposta arriver proprio dal
Cda di oggi.
ANTONIOPITONI
ROMA
il caso
FABIOMARTINI
ROMA
Il sognoproibitodi LaRussa:
rifondareAlleanzanazionale
LexministrodialogaconStorace e vorrebbe GiorgiaMeloni leader
S
profondato su uno dei di-
vanetti di pelle rossa del
Transatlantico il vecchio
Donato socchiude gli occhi:
Rifare An? Magari, ma non ci
credo.... Da 50anni, nellMsi e
poi in An, Donato Lamorte
chiamato da tutti per nome e
anche lui fedele a qualcosa di
immutabile, la sua immagine
di uomo di fiducia, prima di
Giorgio Almirante e, da 25 an-
ni, di Gianfranco Fini. Nel cor-
so degli anni Donato ha svilup-
pato un certo fiuto per le dina-
miche della destra e dunque la
sua sentenza sembrerebbe
strozzare in culla la neonata
voce che ieri ha ripreso a circo-
lare nel Palazzo: visto che Ber-
lusconi pronto a rifare grosso
modo Forza Italia, perch gli
ex An non potrebbero immagi-
nare di ritirare su le loro inse-
gne? Certo, la fola era in circo-
lo da diversi giorni, ma ieri ha ri-
preso aria dopo che a rilanciarla
ha provveduto un finiano come
Carmelo Briguglio, che ha scrit-
to un tweet cos scandito: Rina-
sce Forza Italia? E se per lItalia
rifacessimo tutti, con Fini, una
nuova An, una grande destra
senza Berlusconi?.
Briguglio non lultimo arri-
vato. uno che ha fatto la Resi-
stenza accanto a Fini ai tempi
della guerra di liberazione da
Berlusconi e attualmente vice-
presidente dei 26 deputati finia-
ni, eppure non ri-
sulta che la sug-
gestione nostalgi-
ca sia condivisa -
n poco, n tanto
- dal presidente
della Camera. E
allora? E allora c che da qual-
che tempo, qualcuno sta effetti-
vamente cercando di capire se si
possa rimetter suil fortino di Al-
leanza nazionale. E il personag-
gio pi impegnato nellimpresa
lex ministro della Difesa Igna-
zio La Russa, che da tempo si
messo a confabulare con un al-
tro ex camerata, Francesco Sto-
race, che oramai da 4 anni il ca-
po di una piccola ma inossidabi-
le formazione, la Destra. Lidea
di La Russa (anche se il suo so-
dale Maurizio Gasparri pi
freddo) sarebbe quella di rimet-
tere assieme alcuni pezzi del
vecchio puzzle, affidando la gui-
da e limmagine della nuova
formazione ad un personaggio
ancora relativamente nuovo co-
me lex ministro Giorgia Meloni.
Sostiene Storace: Agli amici
che stavano con me in An dico:
muovetevi! La Russa? Possiamo
stare assieme. Ammesso pure
che La Russa, Gasparri, Storace
e la Meloni si
mettano daccor-
do, finirebbero
per ricostituire
una An-bonsai
perch in realt
la diaspora della
destra ex missina molto piva-
sta, screziata in tre tronconi, tra
i quali si sono moltiplicati gli odi
personali, le scazzottate, il pun-
to di non ritorno. Per primi, nel
2008, se ne and Storace contro
la solitaria decisione di Fini di
fare liste sotto le bandiere del
Pdl. E due estati fa, si chiuse il
cerchio: fu Fini a separarsi da
Berlusconi, lasciando nel Pdl il
grosso dei parlamentari. Ora, a
sette mesi dalla formazione del-
le liste elettorali tutti gli ex An
sembrano angustiati dal mede-
simo problema: come tornare in
Parlamento? Fini, che da quasi
un anno ha ridotto allessenziale
le sue esternazioni, ai suoi ripe-
te: Aspettiamo di vedere con
che legge elettorale si vota. Ma
tra i suoi, soprattutto gli ultras
(poco amati dallUdc) serpeggia
il timore di essere tagliati in
zona Cesarini. Italo Bocchino
per ora la butta a ridere: Ve lo
immaginate La Russa che canta
linno di Forza Italia? No, Annon
si pu pi rifare. Ma c un al-
tra frangia in movimento, quella
guidata da Gianni Alemanno
(Il Pdl deve mantenere un rap-
porto conMonti, la grande coali-
zione non si pu escludere),
nella cui scia si muovono Renata
Polverini, Altero Matteoli, Adol-
fo Urso e che punta sul prolifera-
re di liste civiche, in Sicilia e a
Roma. Per ora conati, un ribolli-
re di progetti che fa dire al capo-
gruppo Fli Benedetto Della Ve-
dova: Ci sono tante fibrillazio-
ni, ma probabile che si tratti di
messaggi per alzare il prezzo
sulle liste nella trattativa finale
con Berlusconi.
Sondaggio Istituto Piepoli
Berlusconi premier?
S per unosucinque
Centimetri
LA STAMPA
SI
20%
NO
Non so
ancora
72%
8%
PER QUALE MOTIVO
LEI NON
LO VOTEREBBE?
18%
18%
Non farebbe linteresse del Paese
Ci vogliono leader giovani
Ha creato insieme ad altri
la situazione attuale
11%
17%
Indebolirebbe limmagine dellItalia
7%
I valori di Forza Italia sono deboli
1%
Senza opinione
PER QUALE MOTIVO
LEI LO VOTEREBBE?
5%
E lunico leader che ci pu
far uscire dalla crisi
4%
Potrebbe darci un futuro migliore
3%
Ha governato bene nora
2%
Crede nei valori di Forza Italia
Lho sempre votato
6%
1QuestosondaggiostatoeseguitodallIstitutoPiepoli lune-
d 16luglio2012per LaStampaconmetodologiaC.A.T.I (unamo-
dalitdi rilevazionecomputerizzatarealizzataattraversointervi-
ste telefoniche), suuncampione di 501casi rappresentativodel-
la popolazione italiana segmentatoper sesso, et e grandi ripar-
tizioni geografiche. Il documento della ricerca pubblicato sui
siti www.agcom.it e www.sondaggipoliticoelettorali.it.
ALLAFESTADEL PDIL SEGRETARIOCONFERMA: LE PRIMARIE SI FARANNO
Bersani apreai diritti civili:
S alleunioni comeaBerlino
za, si premura di ripetere, sono
io che le voglio queste primarie,
ho detto che devono essere
aperte e di coalizione, che devo
dire di pi?. Anche laver evita-
to unvoto inassemblea naziona-
le sulla data delle primarie non
pu esser considerato un pecca-
to, perch non la possiamo de-
cidere da soli e si devono fare a
ridosso delle elezioni.
Ma il tema che scotta anco-
ra quello dei diritti civili e con i
giovani che lo circondano men-
tre viene intervistato da Radio
Citt Futura, il leader Pd scan-
disce bene le parole. Abbiamo
deciso che il Pd propone le unio-
ni gay secondo legislazioni euro-
pee come in Germania. Questa
la vera verit che ci fa dimenti-
care incertezze del passato. E a
chi chiede passi ulteriori ricor-
do che in Italia non siamo riusci-
ti a fare ancora una legge contro
lomofobia. Tradotto, gi un
passo molto netto proporre una
legge per i gay e sarebbe stato il
caso di evitare forzature pian-
tando una grana autolesionista
con la storia dei matrimoni tra
omosessuali. In sostanza, il mo-
dello cui si ispira Bersani quel-
lo in vigore in molti Paesi euro-
pei e cio un riconoscimento
giuridico delle coppie omoses-
suali. Ma quando dal palco il di-
rettore del Messaggero Ma-
rio Orfeo gli d il destro per par-
lare di Grillo e Berlusconi, il lea-
der Pd si concede un antipasto
di campagna elettorale. Aquel-
le due personalit l, pur diver-
se, se uno gli chiede cosa la de-
stra e la sinistra dicono che non
gli interessa: e questo lele-
mento distintivo del populismo,
il tentativo di mescolare tutto, di
pestare un po qui e un po l. Ed
un pericolo per il Paese solleci-
tare tutto ci che di istintivo c
in giro. [CAR. BER.]
Il segretario del Pd Pier Luigi Bersani
Il coretto un se-gre-tario, c
solo un se-gre-tario, dei vo-
lontari che servono birra negli
standdella festa Pddi Caracal-
la rimanda un suono di prima-
rie nellaria. E Bersani, prima
di questa evocativa accoglien-
ROMA
Oggi ladiscussione
sui poteri specialialla
presidenteTarantola
richiesti dal premier
GrilloeBerlusconi?
Diconochedestra
esinistrasonouguali
E dapopulisti
Voglionosoloalzare
il prezzoper trattare
coni berlusconiani
FINIANI SCETTICI
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
PrimoPiano
.
11
A
lle 10,52 di ieri mattina
Nicole Minetti deve
aver avvertito unbiso-
gno e allora si alzata
per andare in bagno.
Sar stato un caso, ma allimprov-
viso laula del consiglio regionale
lombardo si svuotata, i giornali-
sti i fotografi e i teleoperatori si so-
no fiondati davanti alla porta della
toilette per signore, mentre For-
migoni continuava a parlare del-
lExpo 2015 - una bazzecola inter-
nazionale da qualche miliardo di
euro - nel deserto generale, senza
che nessuno lo ascoltasse pi. Chi
se ne frega dellExpo: cera la Mi-
netti in bagno. Dal quale la signora
uscita alle 11,15 comunicando che
per il bene di tutti nonintendeva
rilasciare dichiarazioni. Questo
stato il momento clou della giorna-
ta politica di ieri della regione pi
ricca dItalia: poi ce la prendiamo
con Moodys che ci declassa.
Daltra parte non c solo il tor-
mentone sulla bella consigliera del
Pdl (si dimette o non si dimette?) a
rendere surreale la seduta del con-
siglio regionale. Nel sotterraneo
del Pirellone si riunisce ci che re-
sta di unassemblea falciata dagli
arresti e dagli avvisi di garanzia,
mentre allesterno chiss, forse
ancora in corso qualche perquisi-
zione o qualche sequestro come
quelli dellaltro ieri: 60 milioni di
euro bloccati dalla magistratura
fra ville, hotel, yacht. Lo spazio ri-
servato ai giornalisti stracolmo,
laula semivuota.
Linizioprogrammatoper le10. I
consiglieri Marcora dellUdc, Cap-
pato dei Radicali e Croci del centro-
destra hanno avuto la brillante idea
di convocareunaconferenzastampa
per la stessa ora sul sentitissimo te-
ma delle vie dacqua: si faranno foto-
grafare mentre brindano alla loro
solitudine. Serano dimenticati del
Minetti-day? Eppure allingresso c
perfino un uomo sandwich che
esternalapropriasolidarietallapo-
vera ragazza: Santa Minetti ti han-
no usata e poi gettata.
Formigoni arriva alle 10,10 con
una delle sue divise dordinanza:
pantaloni neri, camicia nera, giac-
ca bianca, cravatta verde pisello.
Quando entra in aula, sta parlando
una tale Paola Maria Camillo, con-
sigliera del Pdl. Per la verit il
suo primo giorno da consigliera:
appena subentrata al consigliere
Giorgio Pozzi, dichiarato decaduto
perch non aveva titolo per essere
eletto. Lintervento desordio
perfettamente in linea con la ritro-
vata sensibilit della classe politi-
ca per i temi del contenimento del-
la spesa, del risparmio, dellabban-
dono dei privilegi di casta: chiede
che le siano corrisposti gli arretra-
ti, cio lo stipendio da consigliere
regionale (circa undicimila euro
netti al mese) a partire dallinse-
diamento di questo consiglio, cio
dal 10 maggio 2010. Fa niente se lei
ha preso servizio solo oggi: avreb-
be avuto diritto di cominciare allo-
ra. Formigoni ascolta lultima par-
te dellintervento: sembra basito,
pi tardi far sapere di aver chie-
sto lo stenografico completo.
Nicole Minetti seduta al suo po-
sto in tutto il suo splendore. Fabri-
zio Cecchetti, leghista, presiede
lassemblea. Interviene la consiglie-
raElisabettaFatuzzochecapiscedi
avere lopportunit per un momen-
to di gloria: I giornalisti non me ne
vogliano, ma devono ricordare che
esiste anche il Partito dei Pensiona-
ti. Colgo loccasione per mostrare la
bandiera, eccola qua.
Parla Formigoni. Dice che il te-
benesefarlorientrarenel contooppu-
re no. Per me inauladi indagati ce ne
sono dieci, dice un collega, bisogna
contare anche Minetti e Belotti, ma
secondo qualcuno sarebbero undici.
C chi propone una semplificazione
per le prossime se-
dute: invece di met-
teremaggioranzada
una parte e opposi-
zione dallaltra, forse
sarebbe pi funzio-
naleindagati di quae
immacolati di l. Intanto arriva una
buona notizia: lex assessore ed ex se-
gretario alla presidenza del consiglio
regionaleMassimoPonzoni, Pdl, hala-
sciato il carcere dopo sei mesi: ora
solo agli arresti domiciliari.
Stiamoavendounconsensoistitu-
zionale molto forte e molto convinto,
dice Formigoni, quando arriva la noti-
ziachescuoteil Pirellone: Lapip! Al-
laMinetti scappalapip!. Tutti corro-
no ai servizi per signore.
Il seguito noto. La donna dello
scandalononscioglieil dubbiosulledi-
missioni. Lecodel
suo fugace scam-
bio di battute con
i cronisti deves-
sere per arriva-
to fin dentro lau-
la, perch Formi-
goni interrompelarelazionesullExpo
e, mentre prende la parola un certo
Cavalli di Sinistra Ecologia e Libert,
esce a sua volta per incontrare stam-
pa e tv. Si assicura, prima di parlare,
che laRai siapresente. Poi, dopoqual-
che non proprio seguitissima battuta
sullExpo, affronta il caso Minetti con
diplomazia da vecchio democristiano:
La Minetti? Non so se si dimetter o
no, non ho informazioni dirette. Chie-
detealei. Maieri nonavevadettoche
le dimissioni erano imminenti? Ho
solo riferito le parole del coordinatore
del Pdl Mantovani, chiedete a lui. Ma
lei cosa pensa, si deve dimettere? Mi
sono gi espresso nei mesi scorsi. Ha
parlato del caso con Berlusconi?
No. Si congedaconunsorrisosplen-
dente: Scrivetecheil presidenteFor-
migoni serio, tranquillo, direi quasi
gioioso e determinato come sempre.
Anche la Minetti si congeda con un
sorriso splendente. Lo regala ai foto-
grafi alle 12,10, girandosi verso di loro
primadi entrareinascensoreeandar-
sene. Nel pomeriggio si parler di fi-
scalit, Imu, spendingreview, tutteco-
se che interessano solo ai cittadini.
Reportage
MICHELE BRAMBILLA
MILANO
LaMinetti fail pienodi flash
Etuttoil Pirellonesi ferma
LaconsiglierasfidalultimatumetornainAula: Nonparloper il benedi tutti
Nicole, inAula, scherza coni colleghi del Pdl
Lassedio di fotografi e telecamere quando la Minetti esce dal bagno
ma dellExpo prioritario. Comincia
aelencareleeccellenzefondamentali
di Expo. Poi illustra il programma
integrato di intervento. Fa vedere
delle slide su Arexpo spa, finalit e
programma. Illustra il sito espositi-
vo. Riflette sugli investimenti rile-
vanti. Spiegalurbanizzazionedi ba-
se del sito. Infine si compiace: Pos-
siamo dire che il progetto del master
plan comincia a prendere forma in
tutta la sua bellezza.
Difficile dire quanti lo stiano ascol-
tando. La conta non semplice, cos
come quella degli indagati. Sicura-
mente sono presenti Davide Boni del-
la Lega e Filippo Penati del Pd, che si
sono dimessi dalla carica ma non dal
consiglio. CancheRomanoLaRussa
del Pdl, che per indagato davvero
per una sciocchezza e quindi nonsi sa
InconsiglioFormigoni parla
dellExpomaquandolei si alza
tutti laseguonofinoallatoilette
IL POTERE MEDIATICODI NICOLE
2009
Lecomparsateintv
1tralehit modeldi
Colorado Caf (nella foto)
con la Polanco, una delle
ragazze dellOlgettina.
Febbraio2010
Lingressoinpolitica
1LaMinetti saleallari-
balta a febbraio quando il
suo nome viene inserito
nel listinobloccatodel go-
vernatore Roberto Formi-
goni. Due mesi dopoci sa-
r lesordio in Consiglio
regionale conil Pdl.
Maggio2010
LanotteinQuestura
1Su richiesta di Berlu-
sconi la notte del 27 la
consigliera regionale si
presenta fuori dalla Que-
stura di Milano per pren-
dere in affido Ruby, ma il
pmdei minori AnnamariaFio-
rillonondlautorizzazione.
Ottobre2011
Sottoinchiesta
1LaMinetti rinviataa
giudizio con Mora e Fede
per induzione e favoreg-
giamento della prostitu-
zione nel Ruby bis.
2006
LarrivoinLombardia
1Nicole si trasferisce
daRimini aMilanoper stu-
diare igiene dentale al
San Raffaele e per tentare
la carriera intv.
2008
LincontroconSilvio
1Non avviene in ospe-
dale ma aduna fiera incui
lei lavora come hostess.
Sogni eincubi
Dal SanRaffaele
al Ruby-gate
Nonsosesi dimetter
Nonhoinformazioni dirette
megliosechiedetealei
LIMBARAZZODEL PRESIDENTE
Formigoni con una delle sue divise: giacca bianca e cravatta verde C anche un uomo-sandwich ad accogliere la consigliera
1Dopounagiornatadi voci esmentite
su un presunto incontro con Silvio Berlu-
sconi, ieri sera Nicole Minetti si recata
ad Arcore per una cena di chiarimento
conil Cavaliere. Nellestesseoreil segreta-
rio del Pdl Angelino Alfano, che pochi
giorni fa ha chiesto pubblicamente alla
consigliera regionale di dimettersi, tor-
nato sullargomento durante la trasmis-
sione tv di Canale 5 Quinta colonna:
Per un monosillabo si scatenato un
putiferio - ha detto Alfano -. Ho detto la
mia. Il resto sta alla libert personale e ai
diritti costituzionali.
Lacenadei chiarimenti
Ieri serail facciaafaccia
conil CavaliereadArcore
12
.
PrimoPiano
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
Resteranno
soltanto
i supermarket
del mare
3
domande
a
Enrico Schiappapietra
Sindacato bagnini
Enrico Schiappapietra, lei
il presidente savonese del
Sib, e la sua provincia in
primalineacontrolEuropa.
Quali sono i pericoli legati
allanormativaeuropea?
Si creeranno dei supermer-
cati del mare, mentre il no-
stro mestiere ben altro. Nei
Bagni marina si crea una fa-
miglia di amici, ci sono fami-
glie che frequentano le no-
stre spiagge da decenni, ve-
diamo crescere i ragazzi e ca-
pita di vederli tornare sposa-
ti da noi con moglie e bimbi al
seguito. Si crea una confi-
denza che ci rende un bene,
non solo un servizio.
La minaccia della Bolke-
stein, fralaltro, hagifatto
perdere terreno al settore
balneare savonese ma si
pu dire dellintera nazio-
ne?
Come pensare di spendere
soldi nella struttura, se si ri-
schia di perderla? La concor-
renza serrata e stiamo gi
perdendo competitivit, an-
che perch si riducono posti
di lavoro e si blocca il futuro
alle nuove generazioni di bal-
neari.
Ai problemi europei si ag-
giungono i problemi della
crisi economica. Lastagione
stentaadecollare?
La difficolt delle imprese
si scontra con la crisi gene-
rale e diffusa. Operiamo in
un settore cosiddetto non
necessario; quando una fa-
miglia ha difficolt e pro-
blemi di lavoro, fa scelte di-
verse sulle vacanze. Gli
operatori balneari hanno
registrato un calo preoccu-
pante nellinizio della sta-
gione che, al 30 giugno, si
attesta sul -20%. [S.P.]
U
LESERRATE
PROTESTEDAGOSTO
Lesodo parte senza benzina
guerrapergli sconti nel weekendeletariffebancarie. Scioperodal 3al 5. MalAuthoritycontestaledate
Lesodo estivo parte con la
zavorra. I benzinai proclama-
no una serrata per i giorni dal
3 al 5 agosto (anche se il Ga-
rante degli scioperi mette il
veto sulla prima data). In
quel weekend le organizza-
zioni dei gestori Faib Confe-
sercenti, Fegica Cisl e Figisc/
Anisa Confcommercio hanno
deciso di chiudere tutti gli
impianti di rifornimento dei
carburanti, self service com-
presi, sia sulla rete ordinaria
sia sulle autostrade. E prima
di quelle date ci saranno va-
rie altre forme di protesta:
fra laltro, da luned 30 luglio
a domenica 5 agosto non ver-
ranno accettati i pagamenti
con il bancomat e le altre car-
te elettroniche.
Perch tutto questo? Luca
Squeri, presidente della Fi-
gisc Confcommercio, spiega al
telefono che la guerra degli
sconti nei weekend, a cui le
compagnie ci fanno partecipa-
re, ci costringe a vendere sot-
tocosto. Equesto in un periodo
in cui gli introiti sono gi al li-
mite della sopravvivenza e co-
stringono molti gestori a chiu-
dere per sempre. Abbiamo cal-
colato che nel corso dellestate
verranno meno incassi per 350
milioni di euro, sommando il
danno per le compagnie e per i
benzinai.
Squeri ce lha anche con le
banche: Il Parlamento ha sta-
bilito che al distributore i paga-
menti con le carte elettroniche
debbano avvenire senza com-
missioni n a carico degli auto-
mobilisti n dei gestori. Questo
per agevolare i benzinai e an-
che per ridurre le giacenze di
denaro e il rischio di rapine.
Ma le banche hanno aggirato la
legge aumentando laffitto
mensile dei Pos (le macchine
che registrano i pagamenti) in
misura pari o superiore alle
commissioni abolite.
Nel mirino dei benzinai an-
che le compagnie che hanno la-
sciato scadere uno dopo laltro
gli accordi coi gestori e non li
rinnovano, e il governo che
assiste muto alla violazione
delle leggi.
Il Garante degli Scioperi Ro-
berto Alesse ha dato un altol,
dicendo che la Regolamenta-
zione vigente nel settore non
ne consente leffettuazione, dal
momento che il giorno 3 agosto
rientra tra i periodi di franchi-
gia. Alesse lancia anche un
appello affinch nelle due
giornate di sciopero, ove con-
fermate, siano garantite le pre-
stazioni indispensabili e si va-
luti, con senso di responsabili-
t, lopportunit di escludere
dal fermo le zone colpite dal si-
sma in Emilia, ove vige lo stato
di emergenza.
Sono sul piede di guerra i
consumatori: quelli del Coda-
cons si dicono pronti a denun-
ciare sia alla Procura della Re-
pubblica che alla Commissione
di garanzia i gestori che, nono-
stante il richiamo del Garante,
aderiranno alla serrata. Il Co-
dacons chiede gi agli automo-
bilisti di segnalare eventuali
violazioni.
Ieri intanto si registrata
una nuova raffica di rincari per
i prezzi dei carburanti dopo gli
sconti del fine settimana: se-
condo le rilevazioni della Staf-
fetta Quotidiana hanno ritoc-
cato i listini Eni, Esso, Ip, Q8 e
TotalErg, con aumenti sulla
benzina compresi tra 0,4 cen-
tesimi (TotalErg) e 1,1 centesi-
mi (Eni) e sul gasolio tra 0,5
centesimi (Esso e Q8) e 2 cen-
tesimi (Ip). I prezzi medi consi-
gliati con la modalit servito
salgono per la benzina a 1,837
euro/litro (+0,6 centesimi) e
per il diesel a 1,734 euro/litro
(+1 centesimo).
Da segnalare che secondo
unelaborazione del Centro Ri-
cerche Continental Autocarro
su dati del ministero dello Svi-
luppo economico, in Italia le
emissioni di anidride carboni-
ca derivanti dalluso di benzina
e gasolio per autotrazione sono
diminuite nel primo semestre
2012 di 5.390.878 tonnellate ri-
spetto allo stesso periodo del
2011.
LUIGI GRASSIA
TORINO
Elespiagge
chiudono
perlaprimavolta
LanormativaUefarfalliregli stabilimenti
N
on era mai successo, succeder
il 3 agosto quando, sulle spiagge
italiane (almeno la maggior
parte di quelle aderenti al Sib, il sanda-
cato dei balneari aderente a Confcom-
mercio) apparir la scritta Chiuso
per sciopero. Una prova di forza che
mette di fronte lEuropa e i titolari ita-
liani degli stabilimenti balneari. Una
protesta forte, fortissima, contro la di-
rettiva europea Bolkestein che alla fi-
ne del 2015, priver i titolari dei bagni
della licenza, rimettendola allasta.
Una regola di libero mercato, secondo
Bruxelles, una tegola che priva gli ope-
ratori turistici italiani di certezze conil
risultato, secondo i concessionari, di
fermare gli investi-
menti per dare ser-
vizi migliori ai clien-
ti degli stabilimenti
balneari.
Riccardo Borgo,
presidente naziona-
le del Sib, amareg-
giato. Da Bergeggi,
dove sindaco oltre
che operatore bal-
neare, in questi mesi
ha fatto la spola con
Roma e Bruxelles:
Sono profondamente insoddisfatto
per la conferma della propria posizione
da parte della Commissione Europea
che ha mantenuto invariata linterpre-
tazione per la quale le imprese balneari
sono attivit di servizi, malgrado aves-
simo portato nuove argomentazioni a
sostegno della categoria. Dallaltra
parte sono soddisfatto per la ferma
presa di posizione di Regioni, Province,
Comuni e di molti parlamentari euro-
pei a sostegno della necessit di trova-
re una soluzione a salvaguardia delle
imprese esistenti. Questa problemati-
ca con lUnione Europea coinvolge ben
30.000 imprese ed oltre 600.000 addetti
in Italia.
La Liguria, sulla strada della protesta,
partita tra le prime in Italia. Dal 4 lu-
glio, data simbolica, sugli stabilimenti
balneari savonesi sventola una bandiera
nera. La giornata di inizio della prote-
sta non stata casuale: il giorno della
nascita di Garibaldi e cos come mille ca-
micie rosse sono partite da Quarto per
unificare lItalia, tremila magliette rosse
sono pronte a partire per Roma e Bru-
xelles, dice il presidente della Provincia
di Savona Angelo Vaccarezza, nominato
dalla conferenza nazionale delle Provin-
ce italiane delegato alla vicenda delle
concessioni.
In provincia di Savona, la pi balnea-
re dItalia - aggiunge
Vaccarezza - ci sono
600 stabilimenti e so-
no oltre cinquemila le
persone che lavorano
in questo settore, sen-
za contare lindotto.
Nella maggior parte
dei casi si tratta di im-
prese familiari, gi in
difficolt per il salasso
dellImu, che con que-
sta assurda direttiva
sono destinati a scom-
parire, lasciando il campo a gruppi di im-
prenditori con grosse disponibilit eco-
nomiche.
Su molti gestori italiani, fra laltro, pe-
sano ancora mutui contratti per siste-
mare le strutture, per renderle pi acco-
glienti. Mutui che spesso finiscono ben
oltre il 2015. E adesso? Lo sciopero dei
bagni marini , evidentemente, simboli-
co. La realt che siamo anche in questo
settore vittime di scelte altrui, non ab-
biamo giurisdizione in casa nostra. Ma a
rimetterci sono lavoratori, imprenditori
e gli stessi clienti.
STEFANOPEZZINI
SAVONA
Adessoleimpresefamigliari
noninvestirannopi:
tanti posti di lavoroarischio
Comegiornosimbolico
statosceltoquello
dellanascitadi Garibaldi
VIALE LICENZE
LAPROTESTA
Traffico
Il bollinonero
solosabato4
1Una sola giornata da bol-
lino nero sulle strade delleso-
do: sabato4agosto. Per quel
giorno, meglio non metter-
si in viaggio, ha avvertito la
societ Autostrade per lItalia.
Che ha poi segnalato altre 15
giornate da bollino rosso,
quattro delle quali gi passa-
te. Nei duegiorni di puntaclas-
sici - l ultimosabatodi luglioe
il primo sabato di agosto - le
ore di coda tendono a ridursi:
nel 2011sonoscesedel 51%ri-
spetto al 2006, con punte del-
l87%inmenorispettoal 2010
nel nodo fiorentino e del 70%
nelladiramazioneRomaNord.
I prezzi ribassati
ci costringonoavendere
sottocosto: inquesti mesi
perderemo350milioni
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
PrimoPiano
.
13
R
Intervista
RAFFAELLOMASCI
ROMA
A
ndrea Riccardi, storico e ministro
per la cooperazione, quella di ta-
gliare le feste unidea, una pro-
posta formalizzata, una boutade.
Checos?
So che se ne parla e so che gi la
questione era stata sollevata dal pre-
cedente governo. Ele devo dire che la
cosa mi lascia un po perplesso. ve-
ro che si deve lavorare di pi, ed ve-
ro che si deve aumentare la produtti-
vit, ma qui il problema che manca
la domanda di lavoro. Dobbiamo pen-
sare soprattutto a come fare per ri-
metterla in moto.
Nondover pagare la festa patronale
, per, unrisparmio.
Pu darsi che lo sia, ma me lo devo-
no dimostrare conti alla mano. Alle
feste patronali sono associate di fre-
quente fiere, manifestazioni, iniziati-
ve di vario genere che mettono inmo-
to lindustria turistica e mille altre
iniziative economiche. Pensiamoci
bene: per mettere una pezza rischia-
mo di produrre uno strappo ulteriore
e forse peggiore.
Ecco il ministro cattolico che fa qua-
drato intorno ai santi, potrebbe
obiettarequalcuno.
Ho per caso fatto riferimenti di na-
tura religiosa? Per favore! Stiamo fa-
cendo un ragionamento sullopportu-
nit complessiva, economica e socia-
le, di un ipotetico provvedimento che
io peraltro non ho ancora visto. Mi
preoccupa molto anche limpatto so-
ciale che una simile misura potrebbe
produrre ....
Cio?
Penso alla tenuta sociale del paese,
rispetto alla quale queste feste, con il
loro potere evocativo, con il senso di
comunit e di appartenenza che ali-
mentano, possono contribuire.
Ieri si sono scatenate molte polemi-
che specie sullipotesi di abolire - o
accorpare - alcune festivit civili, co-
meil 1 maggio, oil 25aprile
Abbiamo appena concluso i festeg-
giamenti per i 150 anni dellunit
dItalia, durante i quali stata forte
la pedagogia civile sullessere italia-
ni, sulla nostra identit. In questo
quadro toccare date simboliche co-
me il 25 aprile mi sembra stridente e
lesivo dellidentit che si voleva pre-
servare. Per non parlare del primo
maggio, la cui abolizione (o accorpa-
mento che sia), avrebbe in questa
congiuntura anche una valenza de-
pressiva, secondo me: non c il lavo-
ro in questo paese, al punto che noi
ne aboliamo perfino la festa. Segnale
pessimo!
Lei, signor ministro, ne sta facendo
una questione meramente senti-
mentale?
Per nulla. Ne faccio una questione di
tenuta del tessuto sociale. Ene faccio
anche una questione antropologica:
le feste hanno un fortissimo potere di
coesione e di questo lItalia di oggi,
proprio per i marosi in cui navighia-
mo, ne ha un grandissimo bisogno.
Parliamo delle festivit religiose,
professore: possibileintervenire?
Ce ne sono alcune, le pi importan-
ti, che sono sancite dai patti latera-
nensi. Tutto si pu rivedere, ovvia-
mente, ma iniziare una trattativa con
la santa sede su una materia di que-
sto genere, mi pare francamente un
gioco che non vale la candela.
Ma spostare alla domenica successi-
valafestadel santopatronosarebbe
diverso, ono?
Le feste patronali dipendono dal-
lautorit civile, in effetti. Ma, a parte
le considerazioni economiche che di-
cevamo prima, ci sono questioni di
opportunit. Chi glielo va a dire a San
Gennaro che deve fare il miracolo la
domenica successiva? E ci vogliamo
mettere SantAgata che la festa di
pi grande richiamo per Catania, o
santAmbrogio a Milano e via discor-
rendo?.
Di questo passo per, signor mini-
stro, nonsi faniente.
Mi chiedo, allora, perch non inci-
dere sulle ferie? Per la crescita ci
vuole altro, ne converr. LItalia ha
bisogno di lavoro, di rimettere in
moto leconomia, di fermare la spe-
culazione internazionale, di recupe-
rare credito allestero. Non credo
che tutto questo possa trovare solu-
zione solo abolendo un santo dal ca-
lendario.
Riccardi: meglioridurreleferie
lericorrenzereligiosesononei Patti
Il ministro: Soche se ne parlamalideami lasciaperplesso
D
unque, riecco lanti-
ca idea di fare meno
feste, laiche e forse
anche religiose. Il
governo ci sta pen-
sando - si parla di sacrificare il
25 aprile, il 1 maggio e il 2 giu-
gno, ma forse anche il 1 novem-
bre, Ognissanti, e l8 dicembre,
festa dellImmacolata - e la deci-
sione potrebbe esser presa gi
nel consiglio dei ministri di ve-
nerd; ma la materia a tal pun-
to delicata da meritare molti se
e moltissimi ma.
Perch tutto potete toccare
agli italiani, e soprattutto agli
stremati onorevoli che li rappre-
senterebbero, tranne lidea che
una provvidenziale festivit di
gioved gli possa allungare il
weekend a Capalbio, il rapido
volo in Sardegna, la gita a Corti-
na. Il sottosegretario Polillo ieri
andato in tv a dire spero che
si parta dallaccorpamento delle
ferie e dei ponti, unidea gi cri-
ticata, variamente, da Bersani
(le festivit sono un simbolo di
identit), sinistra intera (Ven-
dola, Ferrero, Diliberto), Di Pie-
tro, finiani, certo non amatissi-
ma neanche dal Pdl, apertamen-
te odiata da commercianti e al-
bergatori tutti, e di solito osteg-
giata dai vescovi, specie se toc-
casse anche le feste dei patroni,
SantAmbrogio a Milano e San
Gennaro a Napoli.
sempre cos, del resto, e il
governo Berlusconi lo sa. Ci pro-
v a tagliare le feste nel giugno
del 2011 lallora ministro Giulio
Tremonti, c crisi, gli italiani
devono lavorare di pi, disse
secco. Allapparenza, protest
solo lintero settore turistico;
ma gli onorevoli della sua mag-
gioranza lasciarono passare
lestate e gi a settembre la pro-
posta era stata impallinata. Cer-
to, cera stata lostilit di alber-
gatori e commerciati uniti, che
stimarono di perdere unfattura-
to da 6 miliardi di euro, ma forse
pes di pila sensazione, da par-
te del Cavaliere, desser stato
mollato come
sempre dalla
strana saldatura
tra la lobby dei fe-
staioli e le rimo-
stranze Oltrete-
vere; n lui era in
grado, peraltro, vista la frequen-
za dei rutilanti week end sardi,
di dare buoni consigli potendosi
permettere il cattivo esempio.
Era dal marzo 2004, tra lal-
tro, che Berlusconi vagheggiava
di abolire un po di feste, e lo dis-
se agli industriali a Cernobbio:
Per noi l un laur dla Madna,
chiediamo un piccolo sforzo a
tutti gli italiani, accorpare le fe-
stivit. Apriti cielo. La Lega,
lUdc e An si fecero pigliare per
pazzi. Fini - na-
turalmente con
nobili motiva-
zioni - intim
che prima biso-
gnava tutelare
il potere dac-
quisto dei salari. La Cei verg
solenne nota, ricordando che le
festivit religiose erano (e sono)
oggetto di accordi concordatari
con uno stato estero. E tutto fu
affossato. Come sempre.
Ecco. LItalia da pi di tren-
tanni sarrovella sulla necessit
di lavorare di pi e festeggiare di
meno; ma al dunque, anche
quando lo delibera, trova poi
sempre il modo o la scorciatoia
per dichiarare fallito lesperi-
mento. Forse non tutti ricorda-
no, ma tra i punti del Piano di Ri-
nascita nazionale di Licio Gelli
cera anche labolizione delle fe-
stivit. Sembra un altro mondo,
ma il terzo governo Andreotti
del 77, quello della solidariet
nazionale, fu il primo a varare la
pi grande abolizione di festivi-
t mai vista in Italia: il divo Giu-
lio cancell il due giugno e abol
agli effetti civili quelle dellEpi-
fania, di san Giuseppe (19 mar-
zo) e persino dei santi Pietro e
Paolo (29 giugno). Gli effetti?
Andreotti racconta che non fu-
rono quelli sperati, gli stessi im-
prenditori fecero marcia indie-
tro e chiesero di tornare al nu-
mero originario di festivit. E
chi si incaric del ripristino del-
le feste? Bettino Craxi dieci anni
dopo, con Andreotti ministro
degli Esteri.
Una volta - era lestate 2007,
governo di centrosinistra - i pon-
ti provarono ad aumentarli fa-
cendo festa il Corpus Domini,
nellanniversario di Vittorio Ve-
neto, o per il rispetto degli omo-
sessuali. Parve davvero troppo.
Lefesteitaliane
1
gennaio
6
gennaio
Capodanno
Una delle
ricorrenze
non in
discussione
Epifania
In passato,
era stata
soppressa
25
aprile
Liberazione
Ecco una
delle date nel
mirino del
governo
1
maggio
Lavoratori
Unaltra
festa che
pu essere
accorpata
2
giugno
Referendum
Pure la festa
della Repub-
blica pu
sparire
15
agosto
Ferragosto
I cattolici
festeggiano
lAssunzione
1
novembre
Ognissanti
Una delle
vacanze che
pu saltare
8
dicembre
Immacolata
Unaltra
ricorrenza
a rischio per
gli italiani
25
dicembre
Natale
Natural-
mente non
in
discussione
26
dicembre
Santo
Stefano
Unaltra
festa
intoccabile
Il patrono
Ricorrenza
in dubbio
per le citt
DaTremonti aMonti
MenofestepiPil
Polilloconferma: accorpare i ponti. Malalobbycontro forte
Il settore-turismo, laCei
Eunaclassepolitica
reginadei weekend
I MILLE CONTRARI
U
LACRISI
ILTAGLIOALLEFESTIVIT
Meno ponti
La riduzione
delle feste
lamentano
gli operatori
dannegger
il turismo
(nella foto
le Colonne
di San Loren-
zo deserte
a Milano)
Lastoria
JACOPOIACOBONI
Lefrasi
del
ministro
Capiscochebisogna
produrredi pi,
qui il problema
chemanca
ladomandadi lavoro
Abbiamoappena
festeggiatoi 150anni
dellUnit, mi pare
stridentediscutere
il 25aprileoil 1 maggio
Il ministro cattolico Andrea Riccardi
14
.
Estero
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
A bordo campo del Verizon
Center Barack Obama siede
a fianco della moglie Michel-
le mentre la nazionale di
basket Usa gioca contro il
Brasile. La telecamera del
palazzetto li inquadra e lui
bacia lei, fra i boati di appro-
vazione dei tifosi. Questo
avvenuto luned sera, du-
rante il match in cui il Team
Usa ha prevalso 80 a 69, tra-
sformandosi rapidamente
in un evento dai risvolti elet-
torali. Sebbene infatti il por-
tavoce della Casa Bianca Jo-
sh Earnest assicuri che il
bacio sia stato spontaneo
non c dubbio che le effu-
sioni in pubblico fra gli Oba-
ma giovano alla popolarit
del Presidente, trasmetten-
do limmagine di un leader
pi emotivo e umano rispet-
to al rivale Mitt Romney, il
cui carattere distaccato
emerge anche dai momenti
in cui si trova a fianco della
moglie Ann.
Romney loda quasi sem-
pre la moglie e spesso la
guarda sorridendo ma al
massimo la prende sotto-
braccio. Di effusioni pubbli-
che - per non dire di baci -
non ve ne sono finora state.
Gli Obama invece al Verizon
Center sono stati protagoni-
sti di unvero quadretto di fa-
miglia: la Kiss Cam dello
stadio li inquadra, proiettan-
doli sul megaschermo, lui
guarda lei, sorride, le mette
il braccio sulle spalle e la ba-
cia sulle labbra mentre lei
chiude gli occhi, riservando
poi un bacetto per la fronte
mentre la figlia maggiore
Malia, seduta a fianco del
padre, guarda e sorride di-
vertita. Nella gara costante
per incarnare comporta-
menti e valori del ceto me-
dio, il bacio del Verizon Cen-
ter al Penn Quarter di
Washington consente agli
Obama di distaccare i Rom-
ney, accumulando un van-
taggio che fa comodo alla
Casa Bianca in vista delle
Olimpiadi di Londra che
probabilmente saranno
sfruttate da Romney per far
ricordare il successo gestio-
nale avuto organizzando i
Giochi invernali di Salt Lake
City nel 2002.
Ma per i blogger conserva-
tori i fatti al Verizon Center
sono andati in tuttaltra ma-
niera perch la Kiss Cam ha
inquadrato gli Obama non
una bens due volte, e nella
prima occasione Michelle si
sarebbe ritratta davanti alle
avances del marito. Lepisodio
dunque svelerebbe lesatto
contrario di quanto la Casa
Bianca vuole far trapelare ov-
vero che le relazioni fra Ba-
rack e Michelle sarebbero tut-
taltro che idilliache. Inoltre,
quando Michelle si ritratta il
pubblico ha fischiato, sottoli-
neando il disappunto per il
mancato bacio presidenziale.
La controversia sul bacio
tiene banco sul web e il porta-
voce Earnest corre ai ripari
con la seguente ricostruzione:
Quando la Kiss Cam li ha
inquadrati per la prima volta,
entrambi non se ne erano ac-
corti, stata la figlia Malia a
dirglielo e quando loccasione
ricapitata, ancora una volta
Malia li ha avvertiti e si sono
baciati. Come dire, la vera
regista del bacio stata la fi-
glia. Anche cos ci si batte per
rimanere alla Casa Bianca.
Dolcezze in diretta
Il bacio fra Obama e la first lady
durante il secondo tempo della
partita di basket. Ad avvertirli
che erano inquadrati dalla
telecamera la figlia Malia
MAURIZIOMOLINARI
CORRISPONDENTE DA NEWYORK
LE EFFUSIONI DELLACOPPIAPRESIDENZIALE INCONTRASTOCONLAFREDDEZZADI ROMNEYE SIGNORA
Obama, bacioaMichelle
per volarenei sondaggi
I conservatori: ma al primo tentativo lei si ritratta
Sorpresa
Il maxi-
schermo
riprende
Barack
Obama e
Michelle
fra i tifosi
durante
la partita di
basket fra
Stati Uniti
e Brasile
La first lady
saluta la
Kiss cam
che invita
i due a
scambiarsi
un bacio
Lotteria
Inpaliounacena
conil presidente
Stili diversi
Romney
Le sue tenerezze con
Ann appaiono calcolate
Bush
Con Laura nel 2000
durante la campagna
Gore
Il bacio travolgente con
Tipper fece scalpore
Clinton
Rare le effusioni
fra Bill e Hillary
1Dopo il megaparty a casa
di George Clooney, la macchi-
na elettorale di Barack Obama
lancia una lotteria per parteci-
pareallafestaper i suoi 51anni
il 12agosto. Linvitovienedalla
First Lady in persona, Michelle
Obama, che tramite una mail
dal sito per la campagna di
Obama esorta i sostenitori del
presidente a donare anche so-
lo tre dollari per essere estratti
ed essere parte della festa che
si terr a casa degli Obama a
Chicago, inIllinois. Al vincitore
un posto a tavola con Barack,
un biglietto aereo e lalloggio.
E intanto prosegue lattacco a
Romney, cheormai per i demo-
cratici Bane, il nemico di
Batman, per lassonanza con
BainCapital, il fondodi investi-
menti guidato dallex gover-
natore del Massachusetts ne-
gli anni 90 e su cui da giorni
viene invitato a fare chiarezza
da Obama. Ma per lex consi-
gliere di Bill Clinton, Chri-
stopher Lehane, la somiglian-
za non solo nel nome: Se si
scriveBainevienelanciatodal-
lo staff elettorale di Obama o
Bane e lanciato da Hollywood,
le storie sono simili: un cattivo
molto intelligente che sta cer-
cando di nascondere interessi
offshore e un passato, che ha
avuto un padre potente ed
prontoa devastare la societ.
GIUNTA REGIONALE
ESTRATTO DI AVVISO DI PROCEDURA APERTA
E stata indetta, ai sensi dellart. 55, comma 5, D.Lgs. 163/2006, procedura
aperta per lappalto del servizio di censimento della fauna ittica nei laghi alpini
nel territorio della Regionale Lombardia. Durata contratto: dalla data di stipu-
la del contratto fino al 31.12.2014. Disponibilit finanziaria: euro 400.000,00=
(Euro quattrocentomila/00) IVA esclusa, gli oneri di sicurezza da interferenza
ex art. 86, comma 3-bis, D.Lgs. n. 163/2006 ss.mm.ii. sono pari a zero. La
procedura si svolger in modalit telematica tramite la piattaforma Sintel di
Regione Lombardia, accessibile dal sito www.centraleacquisti.regione.lom-
bardia.it. Aggiudicazione: offerta economicamente pi vantaggiosa. Lofferta
e la documentazione ad essa relativa dovranno essere redatte e trasmesse a
Giunta Regionale della Lombardia in formato elettronico attraverso la piatta-
forma Sintel, secondo le modalit stabilite dagli artt. 1 e 4 del disciplinare di
gara, entro il termine perentorio del 11.09.2012 ore 12.00. La documenta-
zione di gara disponibile sul sito www.regione.lombardia.it al link BANDI
> Gare servizi e tramite il portale www.centraleacquisti.regione.lombardia.
it al link Sintel > Procedure in corso, pu essere richiesta presso la sede
di Milano, P.zza Citt di Lombardia, 1, previa istanza trasmessa via fax al n.
02-6765.4424. Richieste di chiarimenti potranno essere rivolte alla Struttura
Acquisti Contratti e Patrimonio entro e non oltre il giorno 23.08.2012, unica-
mente attraverso la funzionalit Comunicazioni della procedura presente
allinterno dellinterfaccia dedicata alla procedura di gara in argomento nella
piattaforma Sintel. Le operazioni di gara si svolgeranno il giorno 12.09.2012
alle ore 10.00 presso la sede di Milano - P.zza Citt di Lombardia, 1 Corpo
Basso - Ala Azzurra - Sala riunioni n. 01 - 7 Piano. Responsa-
bile Unico del Procedimento: Alberto Lugoboni Dirigente della Struttura
Sviluppo dellAgricoltura di Montagna e dellUtilizzo Sostenibile dei Terre-
ni Agricoli della Direzione Generale Agricoltura. Codice Identificativo Gara
(C.I.G.): 3621461C25 Codice Unico Progetto (C.U.P.): E89E12000550005
Il bando integrale stato spedito allU.P. C.E. in data 29.06.2012.
IL DIRIGENTE DELLA STRUTTURA ACQUISTI CONTRATTI E PATRIMONIO
Michele Colosimo
AVVISI LEGALI LOMBARDIA
Via G.G. Winckelmann, 1 - 20146 MILANO
Tel. 02.244.24.611 - Fax 02.244.244.90
Via Marenco, 32 - 10126 TORINO
Tel. 011.666.52.11 - Fax 011.666.53.00
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Estero
.
15
INVISITAAUNACLINICAPERMALATI TERMINALI IL CAPODELLELISEOPROMETTE NOVITNELLE CURE PALLIATIVE
Hollandeapreil dossier eutanasia
Il Presidentecreaunacommissioneper lariforma. Critichedalladestra
Bisogna forse introdurla, ma
certamente non bisogna no-
minarla. Ariaprire la discus-
sione sulleutanasia stato il
Presidente della Repubbli-
ca, Franois Hollande, ma
guardandosi bene dal chia-
marla con il suo nome. Asog-
getto delicato, trattamento
delicatissimo.
Ieri Hollande andato a vi-
sitare una clinica specializza-
ta in cure palliative per mala-
ti terminali a Rueil-Malmai-
son, vicino a Parigi. Nella pri-
ma parte del suo discorso
(molto toccante, per inciso: i
ghostwriter dei politici fran-
cesi sono mediamente molto
bravi), il Prsident ha insisti-
to sulla necessit di sviluppa-
re e diversificare le cure
palliative, difendendole an-
che dal punto di vista del rap-
porto costi-benefici: Pu
sembrare paradossale, inve-
stire sugli ultimi momenti
della vita. Etuttavia se si per-
mette a delle persone di vive-
re meglio, se si evitano un
certo numero di ricoveri pi
costosi o di inutili interventi,
noi avremo fatto in realt del-
la prevenzione.
Poi arrivata la novit, po-
litica ed etica insieme. Ogget-
to: la legge Leonetti del 2005,
scritta dal medico, deputato
di destra e sindaco di Antibes
che ha introdotto leutanasia
passiva. In sintesi, oggi in
Francia si possono interrom-
pere cure senza speranza, ma
un gesto che provoca diretta-
mente la morte resta un reato.
Bisogna, si pu andare pi
lontano - si chiesto Hollande -
nei casi eccezionali in cui
lastensione terapeutica non
basta a dare sollievo ai pazienti
alle prese con un dolore irre-
versibile? E che chiede un atto
medico consapevole al termine
di una decisione condivisa e
meditata?.
Il dibattito aperto e il Pre-
sidente raccomanda che sia
nobile e degno. Larcivesco-
vo di Parigi e presidente dei
vescovi francesi, Andr Vingt-
Trois, ha subito risposto con
sottile ironia che quella di Hol-
lande una buona domanda.
Ma non perch si fa una do-
manda che si risponde positi-
vamente. La destra si gi
schierata contro la riforma
della legge Leonetti. Ma chia-
ro che il governo vuol procede-
re con molta cautela. Le parole
dordine della nouvelle vague
ALBERTOMATTIOLI
CORRISPONDENTE DA PARIGI
Sulleutanasia Franois Hollande si aspetta il no della destra
I primi in Europa a lega-
lizzare leutanasia sono
stati i Paesi Bassi, dove
nel 2000 stata approva-
ta una legge che consen-
te leutanasia. Un anno
dopo stata la volta del
Belgio imitare lesempio
dei vicini olandesi. Nel
2008 si aggiunto il Lus-
semburgo che prevede
leutanasia per i malati
terminali e solo previa
approvazione di una
commissione di esperti.
Dal 2010 Svezia e Spagna
hanno smesso di perse-
guire penalmente leuta-
nasia, e in Germania non
pi un reato. In Dani-
marca i parenti del mala-
to posso autorizzare lin-
terruzione delle cure,
mentre in Svizzera pre-
visto il suicidio assistito
solo se privo di motiva-
zioni egoistiche.
Cos inEuropa
InOlandalegale
daben12anni
IL TRIBUNALE DI PARIGI
Costatroppo
arischio
il millefoglie
di RenzoPiano
Il millefoglie ideato da
Renzo Piano per ospitare il
nuovo Palazzo di giustizia
di Parigi? Forse non si far.
Nessuna obiezione esteti-
ca, ma molte economiche:
alla nuova ministra della
Giustizia, Christiane Tau-
bira, non piace laccordo
firmato dal suo predecesso-
re Michel Mercier, che affi-
dava il colosso (160 metri di
altezza, 61 mila metri qua-
drati in grado di ospitare 9
mila persone nella zona del-
la porte de Clichy) a un
PPP, partenariato pubbli-
co-privato, fra lo Stato, il
grande gruppo delledilizia
Bouygues e un consorzio di
banche.
Taubira ha ordinato una
doppia ispezione che far
rapporto in autunno. Nel
mirino i costi: a parte i 575
milioni per la costruzione, lo
Stato pagherebbe daffitto
90 milioni lanno per 27 an-
ni, con una spesa complessi-
va, secondo il sito Media-
part, faraonica come ledifi-
cio: 2,4 miliardi. Ma costrut-
tore e banche si sarebbero
tutelati contro un eventuale
ripensamento dello Stato: si
parla di un indennizzo di 160
milioni. Giubilano gli avvo-
cati, che non vogliono la-
sciare la storica sede sul-
lisola della Cit e che giudi-
cano il tribunale griffato
Piano rovinoso e spropor-
zionato. [ALB. MAT]
CORRISPONDENTE DA PARIGI
socialista sono concertazio-
ne e commissione in tutti i
campi, figuriamoci in quelli
pi delicati. E infatti Hollande
ha gi nominato la commissio-
ne che dovr concertare e che
sar presieduta da Didier Si-
card, medico ed ex presidente
del Comitato consultivo nazio-
nale detica.
Del resto, anche in campa-
gna elettorale Hollande aveva
rifiutato di usare la parola eu-
tanasia, bench, secondo un
sondaggio, il 91% dei francesi
sia favorevole anche a quella
attiva. Al punto 21 del suo pro-
gramma, cera la proposta che
ogni persona maggiorenne in
fase avanzata o terminale di
una malattia incurabile che
provochi una sofferenza fisica
o psichica insopportabile possa
domandare, in condizioni pre-
cise e strette, di beneficiare di
unassistenza medica per con-
cludere la sua vita nella digni-
t. Come si vede, anche prima
di diventarlo, il Presidente sul-
leutanasia proponeva di fare
senza dire (ma forse, dati i tem-
pi della politica francese e i suoi
interminabili dibattiti, finir
tutto con un dire senza fare). E
a un giornalista che gli chiede-
va se dire eutanasia fosse ta-
b, ha risposto: Non la paro-
la che ho usato. Appunto.
AttualmenteinFrancia
possibilelasospensione
di cureinutili, manon
lassistenzaamorire
INIZIA LERA
T
h
e

A
d

S
t
o
r
e

I
t
a
lia
Prenotate la prova su piaggio.it
* Offerta valida fino al 31/07/2012 presso la rete di vendita che aderisce alliniziativa sullacquisto di Piaggio X10 con una supervalutazione di 500 del vostro due ruote usato. Non cumulabile con ulteriori offerte in corso.
Il Servizio Clienti Piaggio a vostra disposizione dal luned al venerd dalle 9.00 alle 18.00
IL GT COME LO AVETE SEMPRE SOGNATO.
Nasce Piaggio X10, il nuovo punto di riferimento nella categoria scooter GT. Siete pronti per un concetto mai provato di comfort e funzionalit? Le ricchissime dotazioni, il dashboard con grande display
LCD, il lusso e la cura delle finiture vi stupiranno. La doppia mappatura motore con la funzione Eco vi permetter di scegliere sempre tra prestazioni e risparmio. Cercate una nuova idea di sicurezza?
Affidatevi al potente impianto frenante con ABS e al sofisticato sistema di controllo trazione ASR della versione Executive. Collegando iPhone a X10, grazie alla esclusiva
Piaggio Multimedia Platform visualizzerete una straordinaria quantit di informazioni, per viaggi ancora pi sicuri e confortevoli. Ammirate la sua linea inconfondibile:
leleganza dello stile italiano si respira in ogni dettaglio. arrivato Piaggio X10, nelle versioni 125, 350 e 500cc, tutte 4 valvole a iniezione: la futura generazione di GT si fa
strada. Ora aprite pure gli occhi, Piaggio X10 qui.
PIAGGIO
16
.
Estero
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
Retroscena
MARCOZATTERIN
CORRISPONDENTE DA BRUXELLES
V
entidue pagine di
rapporto, ma la
frase chiave a
met della nume-
ro 19. Posto che
gli eventi recenti suscitano
dubbi sulla irreversibilit e la
sostenibilit delle riforme ef-
fettuate, la Commissione eu-
ropea sbatte in faccia al pre-
mier Victor Ponta la convin-
zione che la Romania debba
ripristinare il rispetto della re-
gola del diritto, garantendo
lindipendenza del sistema
giudiziario. Stamane il giudi-
zio sar ufficializzato da due
relazioni scritte nel quadro del
Meccanismo di cooperazione e
verifica (Mcv), creato per mo-
nitorare la riforma della giusti-
zia e la lotta contro la corruzio-
ne e la criminalit organizzata,
a cinque anni dallingresso di
Bucarest nellUe.
La bozza di decisione, di cui
La Stampa ha letto una co-
pia, afferma senza giri di paro-
le che il governo del socialde-
mocratico Ponta ha minaccia-
to la magistratura, ha rimosso
senza motivo alcuni funzionari
pubblici, e manovrato oltre i
confini della legge per allonta-
nare il presidente Traian Ba-
sescu, destituito il 6 luglio, con
unazione definita preventiva-
mente incostituzionale dalla
Suprema Corte. Ma il docu-
mento, frutto di settimane di
lavoro, risultava essere ieri in
fase di riscrittura. Probabile
che la versione che vedr la luce
in giornata risulti edulcorata.
Lette le prime anticipazioni
sulla stampa online, la Commis-
sione Ue ha dato conto ieri sera
duna conversazione telefonica
avvenuta luned sera fra Ponta e
il presidente dellesecutivo, Jos
Manuel Barroso. Il romeno, con-
cluso il colloquio, ha fatto perve-
nire ulteriori chiarimenti sulle
undici contestazioni di Bruxel-
les. Queste precisazioni spie-
gano le fonti Ue si aggiungono
a quelle della lettera gi inviate
il giorno 16.
La Commissione sostiene di
conseguenza che, se attuati co-
me promesso, gli impegni sono
il presupposto per il rispetto di
tutti i parametri evidenziati da
Barroso nellincontro con Ponta
gioved scorso. Bruxelles si im-
pegna pertanto a monitorare la
situazione e una nuova edizione
del Meccanismo sar elaborata
entro lanno. La bozza circolata
a Palazzo Berlaymont afferma
che il contesto politico alta-
mente polarizzato non suffi-
ciente a spiegare la natura della
azioni di Ponta, soprattutto per
quanto riguarda la manipolazio-
ne del sistema giuridico. Ora Bu-
carest si vota a correggere il
contesto. Ma il pluralismo, che
secondo la Commissione non
compreso appieno dal premier
romeno, non si impara per de-
creto. E nemmeno tutto il resto.
LaUeavverteBucarest
Rispetti laCostituzione
Scontrosulladestituzione del presidente Basescu
Una manifestazione dei sostenitori del presidente destituito Basescu a Cluj-Napoca
I DEPOSITI GRATUITI ESORDISCONOALLAJA
Armadietti elucchetti
Cos lOlanda
aiutai suoi senzatetto
Il primo contratto lo ha fir-
mato Cees van Rijsbergen
che, per loccasione, s pre-
sentato ben rasato e lindo,
nulla a che vedere col titolo
che la ragione della sua
presenza in Lekstraat, una
strada appena dietro la Sta-
zione dellAia, capitale am-
ministrativa dei Paesi Bassi.
Cees un barbone, un ho-
meless per farla meno dura.
Lo per scelta, ha deciso di
abbandonare tutto e vivere
per strada con quello che gli
passa la sorte. Ha uno zai-
netto nel quale porta un sac-
co a pelo, un quaderno in cui
tiene il diario, un secondo pa-
io di calzoni, qualcosa da
mangiare. Da una settimana
ha anche un armadio comu-
nale incui conservarlo. Cos
non mi rubano le cose e mi
passa il mal di schiena, assi-
cura lui.
la nuova frontiera del
welfare olandese, Paese che
non rinuncia allavanguardia
sociale nemmeno in questa
fase di tensioni populiste
pre-elettorali. In Lekstraat
sono stati disposti 50 arma-
dietti del tipo che si trova in
ogni scalo ferroviario del Pae-
se. Vengono concessi gratuita-
mente ai senza fissa dimora,
che si impegnano a non tener-
vi cibo, n alcunch di illegale o
qualunque cosa puzzi, pena
lannullamento dellintesa.
Henny van der Most, la re-
sponsabile del progetto, sicu-
ra che questo faciliti un miglio-
ramento delle relazioni fra i
barboni e il resto della socie-
t. Portano sempre con s
tutto ci che hanno - afferma la
donna -. La loro vita disagia-
ta, hanno problemi di salute,
alle spalle e alle articolazioni.
Perdono molte cose, altre sono
rubate. Ora tutto diventer
pi semplice, magari anche il
reintegro, per il 40 senzatetto
censiti a lAia. Erano settanta
lo scorso anno. Qualcosa sta
cambiando. [M. ZAT.]
I barboni potranno
tenere i propri averi
salvo cibo, oggetti
illegali e puzzolenti
DAL CORRISPONDENTE DA BRUXELLES
BRUXELLES
Criticheal premier Ponta
Garantiscalautonomia
del sistemagiudiziario
R
29LUGLIO2012
2
Unreferendum
popolaredovr
confermarela
destituzione
R
6LUGLIO2012
1
Il presidente
TraianBasescu
vienedestituito
dal parlamento
Letappe
Un senzatetto olandese
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Estero
.
17
INCONTROTRALINVIATODELLONUE IL PRESIDENTE RUSSO. IL CREMLINO: SOSTERREMOOGNI SUOSFORZO. MARESTAIL NODODELLE SANZIONI
ADamascolabattagliafinale
Scontri nel centrodellacapitalesiriana. AnnanaPutin: Siamoaunbivio
la battaglia decisiva: ne
sono convinti i Fratelli Musul-
mani, componente influente
dellopposizione siriana, che
hanno lanciato un appello a
tutti i siriani affinch sosten-
gano i ribelli in questi giorni di
scontri a Damasco. Siamo a
un momento di svolta sostiene
Kofi Annan, inviato speciale del-
lOnu, che ieri ha incontrato a
Mosca il presidente russo Vladi-
mir Putin.
La capitale brucia, con i bom-
bardamenti del regime nelle pe-
riferie e la controffensiva dei ri-
belli nei quartieri centrali. Il Li-
bero Esercito Siriano, braccio
armato dellopposizione, ha da-
to un nome a questa controffen-
siva: Vulcano di Damasco e
Terremoti della Siria. Unim-
magine che rende bene lidea di
quanto possa essere veramente
decisiva questa fase dei combat-
timenti: leruzione della capi-
tale sar il colpo finale che scon-
volger lintero Paese.
Nel cuoredellacapitale
I ribelli hanno aperto il fuoco con-
tro i posti di blocco sulla via Ba-
ghdad e sulla piazza Sabaa
Bahrat, dove di solito si radunano
i manifestanti pro-Assad, vicino
ai centri di potere. Il regime ha
bloccato lingresso a Damasco,
isolandola, e ha spostato una par-
te delle sue forze militari dal Go-
lan - al confine con Israele - verso
Damasco. Questo potrebbe se-
gnareunpuntoinfavoredei ribel-
li, che qui riesconoamuoversi pi
agilmente. E poi perch tra
Aleppo e Damasco vive il 25%dei
siriani: ci rischia di aumentare il
consenso dellopposizione. Ieri i
ribelli avrebbero ucciso il vice-ca-
po della polizia di Damasco e ab-
battutounelicotterodellesercito,
anchesei militari hannosmentito
questultima notizia.
Nuovedefezioni
Intanto lesercito regolare perde
altri pezzi: un generale disertore
passato in Turchia. il diciotte-
simo a lasciare le truppe fedeli ad
Assad. E proprio ieri, da Parigi,
tornato a farsi sentire Manaf
Tlass, il generale vicino alla fami-
glia Assad: Serve una transizio-
ne costruttiva.
Lallarmearmi chimiche
Ma da unaltro disertore arrivano
notizie inquietanti. Assad
pronto ad usare nuovamente ar-
mi chimiche, che sono gi state
utilizzate parzialmente contro
Homs, ha detto lex ambasciato-
re in Iraq. Gli Usa hanno subito
messo in guardia il presidente si-
riano sulle sue responsabilit.
Il sostegnodellaRussia
Tutto questo mentre Vladimir
PutinassicurachelaRussiafar
qualunque cosa per sostenere gli
sforzi di Kofi Annan, con linvia-
to di Onu e Lega Araba che ha
confermato la gravit della situa-
zione e ha sottolineato che il Pae-
se a unbivio.
LaparolaalleNazioni Unite
Oggi la questione verr affronta-
ta al Consiglio di Sicurezza del-
lOnu. Venerd scade la missione
degli osservatori, che dovr esse-
reprorogata. Sul tavoloclariso-
luzione dei Paesi occidentali: pro-
roga di 45 giorni e minaccia di
sanzioni. Ma su questo resta lin-
transigenza di Mosca, che non
disposta ad avallare sanzioni a
Damasco. Un eventuale veto rus-
so rischia quindi di porre fine alla
missione degli osservatori.
Oggi allOnuil votosulla
prorogadegli osservatori
MaMoscapotrebbe
esercitareil dirittodi veto
Palazzo
Presidenziale
Parlamento
DAMASCO
Midan
via Baghdad
Qabun
Kfar Sousa
Berze
Banca Centrale
Palazzo
Presidenziale
Centimetri
LA STAMPA
I QUARTIERI
SOTTO
IL FUOCO
SIRIA
LallarmedellUnicef
500
bambini
uccisi
InSiria ogni giornoun
bambinoviene condannatoa
morte: sono500 i piccoli che
nellultimoannohannoperso
la vita a causa del conflitto:
questolallarme lanciato
da Andrea Iacomini,
portavoce di Unicef Italia
I carri armati nel centro di Damasco, la capitale siriana ormai epicentro del conflitto
Intervista
MAURIZIOMOLINARI
CORRISPONDENTE DA NEWYORK
Ribelli avvantaggiati
nellaguerraincitt
Landis: si stamaterializzandol'incubodi Assad
P
er il regime di Bashar
Assad si sta avveran-
do un autentico incu-
bo: questa la lettura degli
scontri in atto a Damasco
che arriva da Joshua Lan-
dis, direttore del Centro di
studi sul Medio Oriente del-
lUniversit dellOklahoma
nonch apprezzato autore
della newsletter Syria
Comment.
Quale lincubo per As-
sad?
I combattimenti dentro le
grandi citt, come Damasco
e Aleppo. Sin dallinizio del-
la rivolta il regime ha tenta-
to di scongiurare tale scena-
rio. Il massiccio impiego di
truppe regolari, reparti di in-
telligence, blindati e unit di
artiglieria contro i piccoli
centri mirava a evitare che si
avversasse tale situazione.
Cosa voleva evitare il regi-
me?
Il ripetersi di quanto avve-
nuto a Homs, dove i duri com-
battimenti dentro la citt
hanno causato migliaia di
profughi, aumentato i diser-
tori nei ranghi dellesercito e
attirato le ire della comunit
internazionale. Ma la strate-
gia fallita.
Perch?
Per il fatto che i ribelli entra-
no nei singoli quartieri delle
grandi citt, a maggioranza
sunnita, e vi si insediano cre-
ando delle zone sotto il loro
controllo che obbligano
lesercito ad attaccare. Ed
qui che lincubo inizia perch
negli scontri urbani i fucili dei
ribelli valgono quanto i carri
armati di Assad. Il regime
non pu sparare ad alzo zero
perch farebbe migliaia di
morti.
Le unit alawite temono di
battersi nellegrandi citt?
I soldati alawiti, la stessa
minoranza di Assad, sanno
bene che nelle strade di Da-
masco e Aleppo, proprio co-
me a Homs, i civili sono in
gran parte sunniti e dunque
tendono a parteggiare per la
rivolta.
Quali sono le scelte ha a di-
sposizione il presidente As-
sad?
Pu abbandonare la nave
che affonda oppure scegliere
di fare la stessa fine del leader
libico Muammar Gheddafi.
Svizzera e Russia hanno gi
fattosaperechepotrebbero
dargli asilo...
Il punto non dove fuggire
ma se farlo. Abbandonare i
generali a lui fedeli sarebbe
un palese tradimento. Non so
se Assad sia pronto a tanto.
Schierare i carri armati nella
capitale lascia intendere la
volont di combattere fino al-
lultimo.
C chi ipotizza che gli
alawiti possano rifugiarsi
nelle regioni montagnose
dovehannoleroccaforti...
Non credo. Gli alawiti lascia-
rono cento anni fa le monta-
gne da dove provengono per
vivere nelle citt. Nelle loro
regioni non ci sono centrali
elettriche n acqua corrente.
Dove andrebbero a vivere i
generali e le lites del regime
di Assad? piuttosto verosi-
mile che decidano di battersi
allultimo sangue contro i ri-
belli. Ma il combattimento
strada per strada nelle grandi
citt non assegna loro spe-
ranze di vittoria. Stiamo assi-
stendo allinizio della fine del
regime. I giorni di Assad ap-
paiono contati.
Controllanoi quartieri
Nei grossi centri i fucili
valgonocomei tank
LAFORZADEGLI INSORTI
MARCOBRESOLIN
Incertezze per i vostri risparmi?
Questa moneta
comunque sicura.
Le monete di storico valore numismatico,
cos come i francobolli rari,
sono beni rifugio per eccellenza. Questa moneta doro
mantiene il suo valore da oltre duemila anni.
Bolaf propone monete e francobolli del passato
per garantire il vostro futuro. Per saperne di pi,
telefonate allo 011 55 76 346
o inviate una mail a info@bolaf.it.
Torino Milano Verona Roma
www.bolaf.it
e monete di storico v l alore numismatico
Roma Imperiale,
Solido di Teodosio
379-395 d.C.
A partire da 3000 euro
MERCOLED 18 LUGLIO2012 LASTAMPA18

Ho combattuto la buona
battaglia ho terminato la
mia corsa ho conservato
la fede.
(San Paolo a Timoteo)
Ci ha lasciato il
dott. ing. Renato Bressan
Lo annunciano con immenso dolore
la mamma Adelina, il fratello Dario,
lamatissimo nipote Federico, Giuliana
con Alberto e Valentina, zii, cugini e
coloro che lo ricordano nella gioia. Un
particolare ringraziamento al dott. Ot-
tilio Ellena e a tutti i medici che lo han-
no curato. Funerali mercoled 18 luglio
alle ore 16 parrocchia San Giacomo,
Brandizzo. Gioved 19 luglio alle ore
18,30 funzione funebre commemora-
tiva chiesa SS. Sudario, via Piave 14,
Torino.
Brandizzo, 16 luglio 2012
O.F. RF di Seforis R. - tel. 011.9137683
Grazie amore per i 10 anni meraviglio-
si, la tua Professora.
Zio Enzio e zia Bruna con Roberta,
Barbara con Marco Berruto e i piccoli
Pietro e Filippo si sentono vicinissimi
alla mamma, a Dario e Giuliana.
Zia Aida e zio Giuseppe ricorderanno
sempre nella preghiera lamato NIPOTE.
Silvio, Paola, Man e Marco sono af-
fettuosamente vicini con la preghiera
a zia Adelina, Dario e Giuliana e ri-
cordano RENATO con grande stima e
amicizia.
Grazia, Renzo, Paolo, Sara e Monica
ricordano con grande affetto il loro
insostituibile CUGINO e sono vicini a
zia Adelina, Dario, Giuliana e famiglia.
Consiglio di Amministrazione, Direzio-
ne e personale della casa di riposo Pic-
cola Lourdes Onlus, si uniscono al do-
lore della famiglia per la perdita dell
ing. Renato Bressan
grande benefattore, le cui opere di
progettazione rimarranno a perenne
sua memoria.
Brandizzo, 17 luglio 2012
Direzione e maestranze della Ellena
S.p.A. si uniscono al dolore della fami-
glia per la prematura scomparsa dell
ing. Renato Bressan
uomo di elevata cultura e grande
umanit.
Brandizzo, 17 luglio 2012
Caro RENATO, forte e coraggioso
amico, ti ho voluto bene come ad un
fratello minore ed oggi con lo stesso
sentimento ti piango, Piero.
Grazie RENATO di averci onorati della
tua sincera amicizia. Ilaria, Francesco;
Francesca, Pierpaolo; Giusy, Gianfran-
co Amione.
Giovanni e Lucia Rossotti sono vicini
alla famiglia Bressan per la perdita del
caro amico ing. RENATO.
Dopo tante sofferenze so che ora sei
nella luce e balli un rock and roll con
gli Angeli. Giulia.
Maris Martini Facchini, con Giovanni e
Sua Eminenza il Cardinale Carlo Maria
Martini ricordano RENATO e i suoi fa-
miliari nella preghiera.
Paolo Vernero con Emilia, Marta e
Luca si stringono alla signora Adelina,
Giuliana, Dario e parenti tutti, ricor-
dando la grande amicizia, laffetto e
le molte battaglie condotte insieme.
Ciao RENE.
Caro RENE, mi mancherai tanto, ti vo-
glio bene. Il tuo iglioccio Luca.
Livio Manavella con Stefania e France-
sca sono vicini alla famiglia ricordando
il caro amico RENATO.
Fabrizia e Vanda partecipano com-
mosse al vostro dolore.
Il Presidente Allegra Agnelli, i Vice
Presidenti, il Consigliere Delegato, il
Direttore Scientiico, il Consiglio Diret-
tivo, il Collegio dei Revisori dei Conti,
il Comitato Scientiico e quello Etico
della Fondazione Piemontese per la
Ricerca sul Cancro prendono parte al
dolore della famiglia per la scomparsa
dell
ingegnere
Renato Bressan
Candiolo, 17 luglio 2012
Giampiero Gabotto ricorda con pro-
fondo affetto lAmico, il Professionista
e lUomo ed vicino alla mamma, a
Dario, a Giuliana ed a tutta la famiglia.
Il Sindaco di Torino, la Giunta, il Pre-
sidente del Consiglio Comunale, i
Consiglieri Comunali, i Presidenti e i
Consiglieri di Circoscrizione uniscono
il loro cordoglio al dolore di famigliari
e amici per la scomparsa di
Renato Bressan
gi Consigliere Comunale
ricordandone la passione e limpegno
profusi al servizio della comunit.
Torino, 17 luglio 2012
Ciao RENATO, sarai sempre nei nostri
cuori. Gualtiero e Gianna, Piero e Ma-
risa, Dario e Cinzia, Roberto e Grazia,
Gian e Lucia, Carlo e Paola.
Il Presidente Giuseppe Provvisiero, il
Comitato di Presidenza e la Giunta
Esecutiva dellANCE Piemonte, unita-
mente alle Associazioni dei Costruttori
Edili di Alessandria, Aosta, Asti, Biella,
Cuneo, Novara, Torino, Verbania e Ver-
celli esprimono profondo cordoglio
per la scomparsa dell
ing. Renato Bressan
Torino, 17 luglio 2012
Beppe e Laura Provvisiero partecipano
commossi al dolore della famiglia Bres-
san per la perdita del caro RENATO.
Il Presidente Alessandro Cherio, la
Presidenza, il Consiglio Direttivo, la Di-
rezione e il personale del Collegio Co-
struttori Edili della Provincia di Torino
partecipano al dolore della famiglia
per la scomparsa dell
ing. Renato Bressan
Torino, 17 luglio 2012
Sandro e Nino Cherio, Augusto e Aldo
Vogliotti sono vicini alla famiglia per la
scomparsa dellamico RENATO.
Torino, 17 luglio 2012
Alessandro Gilardi e la Dirigenza del-
la Costruzioni Generali Gilardi S.p.A.,
partecipano al dolore della famiglia.
Torino, 17 luglio 2012
Lamore di un amico non
lo puoi seppellire, sotter-
rare, spargere al vento
come le ceneri di unurna.
Alla sua morte lamore si
moltiplica migliaia di vol-
te fra i vivi...
Piangono la prematura scomparsa di
Renato Bressan
Aceto Pietro con Francesca, Marco e Rosi
Artusi Claudio
Cerchio Giuseppe
Chianale Mario
Chiavarino Giovanni
Frigione Carmelo
Galavotti Guido
Garigliet Caterina
Picchioni Rolando e Maria Teresa
Ragionieri Piero
Ricciardi Ferdinando
Sartoris Riccardo
Scarzello Laura
Vallino Paolo
Torino, 17 luglio 2012
Vito Bonsignore vicino alla famiglia
per la scomparsa del caro AMICO.
Torino, 17 luglio 2012
Il Gruppo Consiliare PDL esprime sen-
tite condoglianze per la scomparsa
dell
ing. Renato Bressan
Torino, 17 luglio 2012
Presidente e collaboratori del Consor-
zio Cooperative Edilizie Unione, condi-
vidono il dolore della famiglia per la
perdita dell
ing. Renato Bressan
Torino, 17 luglio 2012
Pier Paolo, Stefano, Nicoletta e Andrea
Ponchia unitamente ai dipendenti e
collaboratori GEFIM partecipano al
dolore dei familiari per la scomparsa
dello stimato
ing. Renato Bressan
Torino, 17 luglio 2012
Piera e Antonella ricorderanno sempre
RENATO.
Funere mersit acerbo
Con laffetto e lamicizia di tutto il
tempo trascorso insieme ti chiediamo
di pregare per noi dal cielo e restia-
mo vicini alla tua mamma, a Dario e
a Giuli. Claudio, Daniela, Tato, Chicca,
Nemio.
Con affetto siamo vicini alla tua mam-
ma, Dario, e a Giuliana. Alessandro,
Bruna, Alby, Davide con Federica.
Franco e Monica Botta con affetto
sono vicini a Giuliana e alla mamma
per la scomparsa dello straordinario
ed indimenticabile amico
Renato Bressan
Torino, 17 luglio 2012
Michele e Silvia con Manu, Chiara e
Filippo abbracciano affettuosamente
Giuliana nel ricordo del caro RENATO.
Vicini a Giuliana. Gianni Perotto e An-
tonella Arca.
Ora due stelle in pi brilleranno nel
cielo. Con tanta tristezza Vitty con
Grazia Luisa Matteo.
Ciao RENATO, sei stato un vero grande
amico. Mi mancherai molto. Ermanno.
Ciao RENE amico della nostra vita,
lasci un grande vuoto, ci mancherai.
Dino e Tito con Alessandra, Susanna,
Eugenia, Luigi, Filippo, Luca ed Alice
sono vicini con affetto ad Adelina,
Giuliana e Dario.
Maurizio ed Elena Boeris sono vicini
alla famiglia in questo tristissimo mo-
mento.
Ti ricorderemo sempre con affetto.
Ulle Susanna.
Quanti progetti insieme, quante riu-
nioni, quante battaglie. Ciao RENATO,
amico di sempre. Beppe e Patrizia Ac-
cattino.
Vittorio Grometto con i collaboratori
dellImpresa partecipa commosso al
dolore della famiglia per la scomparsa
del caro amico
ing. Renato Bressan
Torino, 17 luglio 2012
LArciconfraternita della Misericordia
ricorda il confratello
Renato Bressan
e lo afida alla misericordia di Dio.
Torino, 17 luglio 2012
Grazie RENE per quanto di caro e bel-
lo ci hai dato e di te rimasto. Giorgio,
Cristina, Barbara, Francesco, Sergio.
Soci e collaboratori dello studio Recta
ricordano con stima ed affetto il caro
RENATO per tutti esempio di vitalit,
perseveranza e fede cristiana.
I colleghi dello studio Mellano Asso-
ciati con Clara Mellano partecipano
al dolore della famiglia per la perdita
dell
ing. Renato Bressan
ricordando con affetto e commozione
i lunghi anni di amicizia e di collabora-
zione professionale.
Torino, 17 luglio 2012
Ciao RENE, non ti dimenticher mai.
Lorenzo Brovida.
Ciao RENE. Simonetta ed Elisa.
Torino, 17 luglio 2012
Massimo Fantini, profondamen-
te commosso, piange la prematura
scomparsa dellamico RENATO.
Michele Vietti con Caterina partecipa
al dolore della famiglia per la prema-
tura perdita del caro amico
Renato Bressan
Torino, 17 luglio 2012
La famiglia Rizzio partecipa al dolore.
Caro RENATO, il nostro grande affet-
to e il nostro legame continueranno
come sempre, perch tu sarai vicino
a noi nei nostri cuori e nelle nostre
preghiere. Arrivederci grande amico.
Massimo e Franca Gerbi.
Fulvia Falletti, ricorda con affetto
lamico RENATO.
Renato Vezzari e famiglia piangono
lamico
ing. Renato Bressan
Torino, 17 luglio 2012
Giangi, Paolo e tutta Tekinda parteci-
pano alla perdita dellamico RENATO.

E mancato
Giovanni Audibussio
di anni 86
Lo annunciano: la moglie Teresita Oli-
va, i igli Fulvio con Chiara, Marco con
Costanza e ladorato nipotino France-
sco, parenti tutti. Funerali gioved 19
ore 10 parrocchia S. Benedetto Abate.
Torino, 16 luglio 2012
O.F. San Paolo - tel. 011.389264

Cristianamente mancato allaffet-
to dei suoi cari
Carlo Verderone
anni 79
Lannunciano: la moglie Mariangela,
i igli Anna Rita e Giuseppe, fratelli,
cognati, nipoti, cugini e parenti tutti.
Funerali in Lein gioved 19 corr. ore 10
chiesa SS. Pietro e Paolo. Tumulazione
Cimitero di Caselle. Santo Rosario in
chiesa SS. Pietro e Paolo Lein merco-
led ore 20,30. Il presente partecipa-
zione e ringraziamento.
Lein, 17 luglio 2012
Si uniscono al dolore per la perdita del
caro CARLO, i cognati Garino Marghe-
rita, Luigi con Luciana e famiglie.
Ciau PARIN, uomo buono e giusto.
Ines e famiglia.
Partecipano al dolore di Mariangela,
Giuseppe ed Anna Rita, il fratello Do-
menico Verderone con la moglie Ma-
ria ed il iglioccio Roberto e famiglia,
Mario Verderone con Piera ed il iglio
Lorenzo e famiglia.
Partecipano al dolore per la scomparsa
del cugino
Carlo Verderone
Giovanni con la moglie Lina e famiglia
Sabina ved. De Maria e famiglia
Aldo, Carla e Maria Torazza e famiglie
Giancarlo Sosso e famiglia
Germano Chiabotto e famiglia
Camillo Iallen e famiglia
Lein, 17 luglio 2012
Partecipano al dolore di Giuseppe e
famiglia i colleghi dello studio AR.T.TE.

E mancata
Giuseppina Giai Pron
ved. Ferlanda
di anni 92
Lo annunciano: le iglie Ivana con Ger-
mano, Luciana con Riccardo, i nipoti
Monica, Fabrizio, Alex e Soia, laffe-
zionata Genni.
Giaveno, 16 luglio 2012

Dopo lunga malattia mancato
Fabrizio Di Giovine
Lo annunciano la moglie Paola con
i piccoli Matteo e Cecilia, i genitori
Antonio e Jacqueline con Claudia e
Astou. Un grazie speciale a tutti gli
amici per la loro preziosa compagnia e
aiuto. Un ringraziamento al personale
medico e paramedico della divisione
Oncologica dellospedale Gradenigo e
dellospedale S. Vito. S. Rosario giove-
d 19 ore 18,30 e Funerali venerd 20
ore 11 parrocchia S. Alfonso.
Torino, 17 luglio 2012
Gli zii Rosalia, Maria Teresa con Alfre-
do, Alfonso con Maria Rosa, i cugini
partecipano affranti al dolore per la
scomparsa di FABRIZIO.
Tutti i colleghi di Fiat Industrial Finan-
ce sono vicini e partecipano al terribile
dolore di Paola, Matteo e Cecilia per
la prematura scomparsa di FABRIZIO.
Antonio Picca Piccon e tutti i colleghi
di Fiat S.p.A. e di Fiat Finance S.p.A.
sono vicini a Paola e alla sua famiglia e
partecipano con grande affetto al loro
dolore.
Ciao FABRI, come prima e per sempre.
I tuoi amici.
La simpatia, laffetto e la disponibilit
del caro FABRIZIO saranno sempre nei
nostri cuori. Mimmo e Gianna con Lu-
cia, Antonio, Silvana, Donato e France-
sca abbracciano commossi Paola con i
piccoli Matteo e Cecilia, Tonio, Jackie
e Claudia certi che Fabrizio continuer
ad essere guida per i suoi cari.
Bari, 17 luglio 2012
Veronica e Sergio abbracciano affet-
tuosamente Paola, Matteo e Cecilia.
Umberto Ferrero e famiglia partecipa-
no commossi.

Cristianamente mancata
Luigina Cisero
ved. Ozella
anni 88
Lannunciano: la sorella Maria ved.
Merlo, cognata, nipoti, parenti tutti.
Funerali in Lein mercoled 18 corr.
alle ore 16,30 nella chiesa SS. Pietro
e Paolo. Il presente partecipazione e
ringraziamento.
Lein, 16 luglio 2012

Serenamente mancata allaffetto
dei suoi cari
Adele Anna Torta
ved. Orsina
anni 90
Lannunciano: i nipoti Fiorella e Clau-
dio con rispettive famiglie, amici e
parenti tutti. Un particolare ringra-
ziamento alle signore Anna e Carmen
per laffettuosa assistenza prestata.
Funerali gioved 19 corr. alle ore 10
nella parrocchia Santi Angeli Custodi.
Il presente partecipazione e ringra-
ziamento.
Torino, 17 luglio 2012
Domenico Vietti, Giovanni e Mariarita
con Stefania, Annarina e Antonio con
Ludovica, Mariangela e Alessandro
con Edoardo e Vittorio ricordano con
grande affetto la cara signora
Adele Torta
(Linota)
ved. Orsina
S. Maurizio Canavese, 17 luglio 2012

Cristianamente mancato
Giancarlo Perino
anni 60
Lannunciano: la moglie Marilena,
la sorella Valeria con Enzo, i cognati
Gianni e Luciana, il iglioccio Stefano.
Funerali in Lein gioved 19 corr. ore
10,45 partendo dalla propria abita-
zione strada Pogliani, 50 ed in chie-
sa SS. Pietro e Paolo ore 11. Dopo le
esequie la cara salma proseguir per il
Tempio Crematorio di Mappano. Rin-
graziamenti particolari allAssociazio-
ne Onlus SAMCO, infermieri dellASL
TO4, agli amici e parenti tutti per le
premurose cure e assistenze prestate.
Il presente partecipazione e ringra-
ziamento.
Lein, 17 luglio 2012
Ciao
Giancarlo Perino
Andrea, Katia e famiglia tutta rendono
omaggio ad un grande amico.
Volpiano, 17 luglio 2012

Ci ha lasciato
Lorenzina Giardino
Crosetto
A Funerali avvenuti lannunciano i igli
Giuseppe con Chiara e Lorenzo, Maria
con Aldo, Lorenzo e Nicoletta. Un par-
ticolare ringraziamento ad Antonietta,
Maria e Dana.
Torino, 15 luglio 2012
Franca, Luciana e Mario ricordano con
affetto zia RENZA.

Circondato dallaffetto dei suoi cari
mancato
Nilo De Natale
anni 89
Lo annunciano: i igli: Stefano con
Adriana, Anna con Francesco, gli ado-
rati nipoti Andrea e Camilla. Funerali
in Rivoli gioved 19 corr. ore 14,30 nel-
la parrocchia S. Maria della Stella, via
Piol, 44. Rosario mercoled 18 corr. ore
19 stessa parrocchia.
Torino, 18 luglio 2012
O.F. Baudano - tel. 011.9585038
Profondamente addolorati per lim-
provvisa perdita dell
avv. Pier Luca Nela
caro amico e valente giurista, parteci-
pano al lutto della famiglia:
Chiara Besso
Giulia Bertolino
Guido Canale
Emanuele Canavese
Sergio Chiarloni
Filippo Corsini
Elena DAlessandro
Eugenio Dalmotto
Margherita Dominici
Giorgio Frus
Gianandrea Giancotti
Annarita Gili
Bruno Lasagno
Matteo Lupano
Luca Negrini
Gabriella Rampazzi
Alberto Ronco
Marco Russo
Davide Turroni
Vincenzo Vitr
e tutti gli altri colleghi della scuola
processualcivilistica di Torino.
Torino, 17 luglio 2012
Il Presidente ed i Consiglieri dellOrdi-
ne degli Avvocati di Asti avv. Giorgio
Todeschini, avv. Pier Navino Passeri,
avv. Gian Franco Toppino, avv. Ferruc-
cio Rattazzi, avv. Marco Venturino,
avv. Igor Curallo, avv. Silvia Bagnaden-
tro, avv. Silvio Simonazzi, avv. Paola
Fogliati partecipano con i colleghi tut-
ti al grande dolore della famiglia per
limmatura scomparsa del collega
avv. prof. Pier Luca Nela
Asti, 17 luglio 2012
Sono vicini ad Umberto, Claudio e
Marcello, nel ricordo e nel rimpianto
di
Mariuccia Grosso
in Gribaudo
Elio e Maria Teresa Sosso
Franco Sciacero
Emilio e Lia Torri
Luigi e Pina Pescarmona
Giulio e Mariella Giolitti
Giorgio Arona
Pietro e Janine Ricciardi
Maria Rosa Lembo
Franco e Rosanna Restivo
Sandro Sartor
Giovanni Truant
Pier Carlo Bottino
Elio Valevano
Sergio Maresca
Renato Rozzi
Ivrea, 17 luglio 2012

Improvvisamente mancata
Matilde Fiore
anni 58
Ne danno il doloroso annuncio: gli zii
Riccardo e Mariuccia, la cugina Marian-
gela con famiglia. I Funerali si svolge-
ranno oggi alle ore 16 nella parrocchia
di San Martino in Alpignano. La cara
Matilde giunger da Dronero (CN). Si
ringraziano per le amorevoli cure suor
Paola, tutte le suore ed il personale
dellistituto Le Perle di Dronero.
Alpignano, 18 luglio 2012

E improvvisamente mancato allaf-
fetto dei suoi cari il
dott. Enzo Volpe
Nella speranza di Cristo Risorto, ne
danno il triste annuncio la moglie
Rita, il iglio Alessandro, la nuora Cri-
stina ed i parenti tutti. La Santa Mes-
sa esequiale sar celebrata gioved 19
luglio 2012 alle ore 11 presso la par-
rocchia Maria Regina delle Missioni,
via Cialdini 20, Torino. Non iori ma
opere di bene.
Torino, 17 luglio 2012
Cristiano e Denise, Emilia e Sandro
sono vicini ad Alessandro e famiglia.
anniversari
1985 2012
Teresa Brandol
ved. Picco
Sempre con noi. Aldo, Susanna, Alber-
to, Giorgio.
1999 2012
geom. Andrea Capo
I tuoi cari ti ricordano con immutato
affetto.
1988 2012
COMMenDaTOre
Luigi Fiorito
Cavaliere del Lavoro
Sempre con noi. Santa Messa par-
rocchia Santa Margherita strada San
Vincenzo 146 gioved 19 luglio 2012
ore 18.
1987 2012
Antonio Occelli
Affrontiamo la quotidianit nel tuo
ricordo.
Ceriale, 18 luglio 2012
2005 18 LUgLiO 2012
Aldo Olivero
Ricordandoti sempre.
NECROLOGIE: nome e cognome del defunto centrati, nonch eventuali titoli
accademici ed onorifici: tariffa doppia. Localit e data, obbligatorie in calce alla
necrologia, vengono conteggiate per n. 4 parole. Costo a parola 7,50
ADESIONI: in presenza del nome e cognome centrati (tariffa doppia) sono
obbligatori localit e data in calce (conteggiati per n. 4 parole).
Costo a parola 9,60
ANNIVERSARI: data e nomi centrati (obbligatori) tariffa doppia.
Costo a parola 9,00. Evidenziati + 10%
RINGRAZIAMENTI: con nome e cognome centrati (tariffa doppia) sono obbli-
gatori localit e data in calce (conteggiati per n. 4 parole). Costo a parola 9,00.
Evidenziati + 10%
Oltre alle spese di trasmissione, lIva 21% per avviso.
NECROLOGIE - TARIFFE A PAROLA
Il tuo annuncio su senza recarti allo sportello.
Vai su www.lastampa.it/necrologie basteranno pochi minuti per digitare il testo
che desideri pubblicare.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Cronache
.
19
T1 AL AOAT BI CNCV IMNOPR SR SV T2 VB VC
NDRANGHETA, IL SISTEMARIVELATODAQUATTROCOLLABORATORI DI GIUSTIZIA
I bossdallacellaallaclinicacontv
Arrestati 4 medici: firmavano false perizie per farli trasferire
Il carcere duro trasformato in
una comoda villeggiatura in
unelegante clinica privata del
Cosentino. Per alcuni boss del-
la ndrangheta calabrese tutto
questo era possibile grazie a
medici, in alcuni casi primari,
che con false perizie attestava-
no patologie neuropsichiatri-
che dei padrini dei clan Fora-
stefano e Arena.
Dopo mesi di indagini della
Dda di Catanzaro, ieri mattina
i carabinieri hanno arrestato il
primario dellunit operativa
di neurologia del policlinico
Madonna della Consolazio-
ne di Reggio Calabria Ga-
briele Quattrone, 63 anni; il
medico legale catanzarese
Massimiliano Cardamone di
37 anni; Franco Antonio Ruf-
folo (58 anni), psicologo nella
clinica Villa Verde e Luigi
Arturo Ambrosio (75, ai domi-
ciliari), direttore sanitario del-
la stessa clinica. Medici che in
passato, avevano anche lavo-
rato come consulenti dellau-
torit giudiziaria. Nella rete
anche due donne, mogli dei
fratelli Forastefano.
Ai capi delle cosche arre-
stati veniva suggerito di per-
dere peso e di piangere duran-
te gli incontri con i consulenti.
Poi si sostituivano i test con
quelli di pazienti realmente af-
fetti da disturbi psichici. In po-
chi mesi il regime del 41bis di-
ventava un ricordo.
Secondo laccusa Quattrone,
incaricato dalla Corte di Appel-
lo di Catanzaro di verificare le
condizioni del boss degli zinga-
ri della Sibaritide, Antonio Fo-
rastefano, ha ricevuto denaro
dalla moglie del detenuto per
scrivere un referto favorevole
allimputato. In unaltra circo-
stanza, i due medici di Villa Ver-
de, consulenti della difesa di An-
tonio Forastefano, avrebbero at-
testato falsamente che limputa-
to aveva patologie psichiatriche
tali da renderlo incompatibile
con il carcere. Il medico legale
Cardamone, nominato perito
dal Tribunale di sorveglianza di
Catanzaro per verificare le con-
dizioni di salute di Nicola Arena,
capo storico dellomonima cosca
di Isola Capo Rizzuto, avrebbe
redatto una perizia che port al-
la concessione dei domiciliari,
senza comunicare al Tribunale
lesistenza di una grave causa di
incompatibilit per la quale
avrebbe avuto lobbligo di aste-
nersi e dichiarando falsamente
che le condizioni di salute di
Arena erano incompatibili con
la detenzione.
Le dichiarazioni di 4 collabo-
ratori di giustizia (tra cui lo
stesso Antonio Forastefano)
hanno svelato agli inquirenti il
sistema di corruzione tra medi-
ci e boss. Ottenuti i domiciliari
nella clinica privata gli affiliati
al clan avevano ogni comfort: tv,
telefonini e internet (alcuni
continuavano a chattare, sotto
falso nome, su Facebook). I me-
dici disponibili ottenevano
regali, dagli orologi di marca al-
le piante esotiche.
Il policlinico Madonna della Consolazione dove operava il primario Gabriele Quattrone
Suggerivanoai capi
dei clandi perdere
pesoedi piangere
davanti ai consulenti
A3 SALERNO-REGGIO
Gli operai
riscuotevano
il pizzo
sui cantieri
Gli stessi operai pretendeva-
no il pizzo dallazienda per
cui lavoravano nei cantieri per
lammodernamento dellauto-
strada Salerno-Reggio Cala-
bria. Erano uomini del clan
Nasone-Gaietti di Scilla e a lo-
ro gli imprenditori dovevano
versare la cosiddetta tassa
ambientale, il 3% del valore
dellappalto per mettere a
posto il cantiere. quanto
emerso dalloperazione dei ca-
rabinieri Alba di Scilla 2 che
ha portato allarresto di 6 per-
sone ritenute affiliate alla co-
sca della ndrangheta reggina.
Il provvedimento ha interes-
sato anche una donna, che
svolgeva il ruolo di collante tra
il figlio recluso ed i vertici del
clan. Proprio durante i collo-
qui in carcere, infatti, gli inve-
stigatori hanno monitorato le
direttive che il detenuto im-
partiva alla madre, riguardan-
ti tutti gli aspetti gestionali
della famiglia e della cosca,
dal mantenimento economico,
alle imbasciate per la prose-
cuzione di tutte le attivit ille-
cite. Sul cantiere, dove sono in
costruzione alcune gallerie,
gli uomini della cosca avevano
agito secondo un copione gi
sperimentato. Una vera stra-
tegia della tensione, lucida-
mente concepita e realizzata.
Prima il furto di materiale da
lavoro, il danneggiamento e il
messaggio inequivocabile di
una bottiglia con benzina col-
legata a una miccia. Il segnale
che bisogna pagare. [G. MAZ.]
Anche il San Raffaele avr la
sua class action. Lo hanno an-
nunciato ieri gli avvocati Pao-
lo Pentella e Edoardo Borto-
letto, che difendono gli inte-
ressi dei lavoratori della clini-
ca milanese. La causa civile
coinvolger oltre tremila tra
medici, infermieri, ricercato-
ri e impiegati. Dallaltra parte
della barricata, limprendito-
re Pierangelo Dacc e gli altri
cinque imputati per il crac
del gruppo ospedaliero.
Lazione legale potrebbe coin-
volgere anche la Regione
Lombardia che come so-
stengono i due legali - nonha
vigilato su quanto stava acca-
dendo. La richiesta iniziale
degli avvocati Pentella e Bor-
toletto era che 320 tra i loro
assistiti potessero costituirsi
parte civile nel processo per
il fallimento della Fondazione
Monte Tabor: unistanza che i
giudici della terza sezione pe-
nale hanno per deciso di non
accogliere. Per tutta risposta,
si proceder con la class ac-
tion contro Dacc e compa-
gni. Il dissesto del San Raf-
faele ha pesato duramente
sulle spalle dei lavoratori
spiegano gli avvocati . I no-
stri assistiti hanno perso nu-
merose chance lavorative.
Ma c dellaltro. In seguito al
passaggio di propriet al
gruppo Rotelli, i dipendenti
dellospedale rischiano di do-
ver pagare di tasca propria la
ricongiunzione dei contributi
previdenziali da Inpdap a Inps:
unoperazione che a molti lavo-
ratori coster varie decine di
migliaia di euro. Come dire: do-
po il danno anche la beffa. Pro-
cedono intanto le attivit degli
inquirenti sullaltro filone din-
dagine legato alla sanit lom-
barda: linchiesta Maugeri. Do-
po i sequestri di luned, ieri il
Gip ha concesso gli arresti do-
miciliari allex direttore della
Fondazione, Costantino Passe-
rino, e al suo braccio destro
Gianfranco Mozzali. In seguito
al blocco dei loro conti corren-
ti, le esigenze cautelari nei con-
fronti dei due manager che
stanno collaborando con i ma-
gistrati - si sarebbero infatti
sensibilmente attenuate: il car-
cere non pi necessario.
Il Pirellonenonha
vigilato: lavoratori
pesantemente
danneggiati
Paolo Pentella
Avvocatodifensore
dei lavoratori
del SanRaffaele
TREMILADIPENDENTI DELLISTITUTOPRONTI ACHIEDERE I DANNI
SanRaffaele, class action
controDacceRegione
Maxi appalto
Formigoni sentito
aCatanzaro
1Nuova indagine sullasse
Calabria-Lombardia. Luned il
presidente della Regione Ro-
berto Formigoni (foto) stato
ascoltato, come persona infor-
mata sui fatti, dal sostituto
procuratore di Catanzaro Ge-
rardo Dominijanni nellambito
dellinchiesta sul mega-appal-
to ottenuto da Infrastrutture
lombarde. Alla societ del Pi-
rellone erano state affidate le
procedure di gestione per rea-
lizzare i 4 nuovi ospedali che
sorgeranno a Vibo Valentia, a
GioiaTauro, aCatanzaroenella
Sibaritide. Una torta da circa
700milioni di euro. Suquellin-
tesa la Procura di Catanzaroha
aperto un fascicolo dopo
lesposto della Cgil calabrese
che ha denunciato aspetti che
potrebberofar lievitarei costi a
caricodella Regione Calabria.
ANDREASCERESINI
MILANO
GAETANOMAZZUCA
CATANZARO
SCILLA (RC)
Il Lotto
ConcorsoN. 85- Marted 17Luglio2012
Bari 61 82 13 14 20
Cagliari 40 49 87 77 22
Firenze 17 44 58 51 73
Genova 37 4 12 54 79
Milano 36 15 63 88 49
Napoli 9 22 1 27 18
Palermo 44 33 6 48 45
Roma 1 89 20 73 16
Torino 41 30 22 46 11
Venezia 65 82 4 68 53
Nazionale 75 58 41 62 71
SUPERENALOTTO
Combinazionevincente
8 28 35 numerojolly 36
53 57 61 superstar 14
MONTEPREMI 1.992.575.47
JACKPOT 14.464.994,68
Nessun6 -
Nessun5+ -
Agli 8con5 37.360,73
Ai 920con4 334,85
Ai 34.603con3 17,54
10eLOTTO
Numeri vincenti
14913151722303336
37404144496165828789
Via Marenco, 32 - 10126 TORINO - Tel. 011.666.52.11 - Fax 011.666.53.00
Per la pubblicit su:
Enti Pubblici Piemonte
20
.
Cronache
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
T1 AL AOAT BI CNCV IMNOPR SR SV T2 VB VC
R
ILFALSO
FORMAGGIODOP
2
Vendutocome
Provolone
del Monaco
R
LECILIEGINE
RITIRATE
1
Unapartita
contaminata
conlaceramica
R
PRODUZIONE
CONTRAFFATTA
3
Nei prodotti
utilizzatoanche
lattevaccino
Latruffadellabufala
Inbreve
Malattiegenetiche
LaFondazioneTelethon
assegna11milioni
1La Fondazione Telethon
ha assegnato finanziamenti
per oltre 11 milioni alla ricer-
ca sulle malattie genetiche. I
progetti finanziati sono 44,
contro i 36 del 2011, per unto-
tale di 66 laboratori. Molti
dei progetti finanziati sono
multicentrici, saranno cio
svolti in sinergia da pi grup-
pi in Italia. I fondi assegnati a
questi gruppi di ricerca si ag-
giungono a quelli destinati al
lavoro degli Istituti Telethon
di Napoli e Milano.
ReggioCalabria
Immigrati siriani
inscioperodellafame
1Venticinque immigrati
siriani giunti sulle coste reg-
gine lo scorso 11 luglio, ospi-
tati in una scuola a Roccella
Ionica, stanno facendo lo
sciopero della sete e della fa-
me per richiamare lattenzio-
ne delle autorit ministeriali.
Tra i 25 ci sono due donne in-
cinte, una ultraottantenne, 4
bambini e un disabile con
problemi di deambulazione.
Napoli
Svuotanounacappella
elarivendono
1Hanno svuotato una
cappella gentilizia nel cimite-
ro di Poggioreale, fatto spari-
re le salme di dieci defunti e
poi hanno rivenduto il manu-
fatto funerario a privati per
245mila euro dopo averlo ri-
strutturato. Arrestati un im-
presario di pompe funebri,
lex presidente di una Muni-
cipalit e un imprenditore
edile.
E
ccolo il re della mozzarella:
folta capigliatura bianca in
tono con la barba curatissi-
ma, polo griffata col bavero
alzato e sigaro dordinanza.
Attorniato dagli uomini della Dia, Giu-
seppe Mandara, napoletano, 66 anni
ancora da compiere, impugna le 481 pa-
gine dellordinanza firmata dal gip Ca-
puano su richiesta dellAntimafia di Na-
poli. La stessa che ordina il suo arresto
e il sequestro del suo impero, stimato in
oltre 100 milioni di euro.
Dici Mandara e subito pensi alla
mozzarella di bufala, non solo in Italia
(dove con 30 milioni di prodotti lanno
uno dei primi produttori), visto che il
marchio conosciutissimo dagli Stati
Uniti alla Russia. Un successo impren-
ditoriale partecipato dalla camorra
quello che sostengono gli inquirenti.
Una storia, quella di Giuseppe Manda-
ra, che si incrocia con il clan La Torre di
Mondragone, nel Casertano, dove sorge
lo storico caseificio. Una cosca in rap-
porti continui, ma non sempre idilliaci,
con i Casalesi: da loro, stando ad una
sfilza di pentiti, che Mandara ha ottenu-
to il denaro e gli appoggi per sviluppare
il suo business. E pensare che allinizio
Giuseppe Mandara era un semplice di-
pendente nello stabilimento messo su
dallo zio.
Erano gli anni Ottanta e Giorgetto,
come veniva soprannominato dalla fa-
miglia La Torre, non era un grande am-
ministratore. Anzi. Aveva un tenore di
vita molto alto, ricordano i pentiti, e spes-
so i debiti contratti giocando a carte veni-
vano onorati coi soldi dellazienda. Poi i
creditori iniziarono a bussare alla sua ca-
sa del Vomero, nel cuore della Napoli be-
ne. Per evitare problemi fugg in Svizze-
ra, dopo essere stato posto in ferie for-
zate da suo zio. E in quegli anni che la
camorra entra come socio nella produ-
zione delloro bianco. I rapporti tra
Mandara e il boss defunto Francesco Ti-
berio La Torre erano molto stretti. Era
come un figlio, racconter la moglie del
boss. Giorgetto chiede ai La Torre i sol-
di per acquisire lintero stabilimento.
Settecento milioni delle vecchie lire ven-
gono elargita della camorra tra il 1982 e il
1983. In cambio il capoclan riceveva una
sorta di dividendo pari a 150 milioni
lanno, oltre ad una serie di favori. Il
servizio di sconto di assegni e cambiali
era continuo, come la vendita e lacquisto
di orologi di valore.
Aveva i nostri soldi in mano, sveler
agli inquirenti Augusto La Torre, figlio
del boss Francesco Tiberio, durante la
sua collaborazione con la giustizia. Un
ventennio costellato da un arresto (gen-
naio 1991, scarcerato 4 mesi dopo), suc-
cessi in campo commerciale (come il mo-
nopolio dellacquisto dei fusti di panna
per la produzione casearia, affare porta-
to avanti proprio con la camorra) e qual-
che incidente di percorso: come nel
2008, quando cerc di vendere una parti-
ta di ciliegine di mozzarella nella quale
erano finiti frammenti di ceramica in se-
guito alla rottura della macchina impa-
statrice. O come quando rifil, al centro
di distribuzione Unicoop di Scandicci,
180 forme di Provolone del Monaco, un
formaggio Dopfatta solo inalcune stagio-
ni dellanno, che Provolone del Monaco
non era.
Eper finire la mozzarella di bufala: per
gli investigatori veniva prodotta utiliz-
zando anche latte vaccino, violando aper-
tamente il disciplinare rigidissimo del
Consorzio che rilascia il marchio Dop.
Tanto che, a poche ore dal suo arresto, il
Consorzio stesso ha decretato lespulsio-
ne di Mandara.
Il redellamozzarella
insocietconlacamorra
Napoli, arrestatoGiuseppe Mandara, sequestrati 100milioni
il caso
ANTONIOSALVATI
NAPOLI
Giuseppe Mandara tra gli uomini della Direzione investigativa antimafia
Enti
Pubblici
Piemonte
Metanodotti: Allacciamento L.I.T. S.R.L. Dn 100 (4) -
Allacciamento Berco S.P.A (Ex Fils S.P.A.) Variante per
inserimento P.I.D.A. DN 100(4) in Comune di Busano (TO)
Autorizzazione ai sensi degli articoli 52 quater e sexies del
D.P.R. 8 GIUGNO 2001, n. 327 modicato dal
D. Lgs 27 dicembre 2004, n. 330.
avviso al pubblico
La sottoscritta Snam Rete Gas S.p.A., con sede legale in S. Donato Milanese - Piazza
Santa Barbara, 7 - ed Ufci in Torino C.so Taranto 61/A - capitale sociale Euro
1.200.000.000,00 i.v., Codice Fiscale e numero di iscrizione al Registro delle
Imprese di Milano 10238291008, R.E.A. Milano n. 1964271, Partita IVA
10238291008, Societ soggetta allattivit di direzione e coordinamento della
Snam S.p.A. Societ con unico socio,
rende noto
che a conclusione del procedimento di autorizzazione relativo al progetto dei
metanodotti Allacciamento L.I.T. S.r.l. DN100 (4) e Allacciamento Berco S.p.A.
(ex Fils S.p.A.) Variante per inserimento P.I.D.A. DN100 (4) in Comune di Busano
(To), la Regione Piemonte Direzione Innovazione, Ricerca ed Universit Settore
Politiche Energetiche ha adottato la Determinazione Dirigenziale n. 155 del
02 Luglio 2012, pubblicata sul B.U.R. n. 27 del 05 Luglio 2012 (disponibile sul sito
www.regione.piemonte.it alla pagina Bollettino ufciale), e della quale,
unitamente alla relativa documentazione, possibile prendere visione presso il
Settore medesimo in Corso Regina Margherita n. 174 - Torino (orario di apertura al
pubblico: h. 9.30 12.00 dal luned al venerd)
Snam Rete Gas S.p.A.
Distretto Nord Occidentale
Il Responsabile
ing. Sergio Boni
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Cronache
.
21
R
icordate Tot che vende-
va la Fontana di Trevi a
un turista americano? Ac-
cadeva nel film Tot
Truffa 62 e cera parec-
chio da ridere. Oggi siamo nel 2012 ,
invece che sogni darte si vende lillu-
sione di un posto in banca e c parec-
chio da piangere.
Non tanto perch tre donne sono
state arrestate per la maxi truffa milio-
naria basata su concorsi farsa per neo-
laureati e neodiplomati aspiranti al po-
sto fisso. Ma perch oltre mille ragazzi
hanno pagato una mazzetta tra 1.500 e
4.000 pur di vincere il concorso. Altro
che sano spirito competitivo e ambi-
zione di emergere a suon di studi e sa-
crifici. Giovani di tutta Italia, da Mila-
no a Palermo, passando per Napoli e
Forte di Marmi, hanno preferito com-
prarsi un posto allo sportello della
Banca nazionale del lavoro.
Che, chiariamolo subito, era al-
loscuro di tutto. Anzi ha contribuito
alle indagini della polizia della capitale
per smascherare il terzetto truffaldi-
no, quando si accorta che sul sito
web in tanti si lamentavano per la
mancata assunzione. In manette sono
finite la promoter finanziaria, dipen-
dente della Bnl, Sabrina Palone, 41 an-
ni e un passato allufficio assunzioni
dellistituto bancario; Cristina Sipari,
58 anni, pensionata Bnl; Livia Di Ver-
niere, 65 anni, proprietaria di un ele-
gante atelier di moda romano e prece-
denti per truffa ed evasione dai domi-
ciliari. Per questo lei si trova in carce-
re, mentre le sue complici sono agli ar-
resti tra le mura di casa. Tutte e tre
eleganti, distinte nellaspetto e profes-
sionali. Econ la risposta sempre pron-
ta. A chi, stanco della lunga e vana at-
tesa, chiamava per protestare rispon-
devano con un secco: La colpa tutta
di Monti, per via dei tagli slittano le as-
sunzioni. Alla pi anziana il compito
di reclutare i polli da spennare, grazie
alle tante amicizie, anche altolocate.
Lo stesso compito avevano il titolare
di unautoscuola, un commercialista e
un loro parente: tutti e tre denunciati
a piede libero. In varie citt di Italia
cerano persone incaricate di recluta-
re i disoccupati disponibili a pagare in
cambio della spintarella. Nella com-
missione del falso esame del falso con-
corso, la bancaria in pensione e quella
ancora in servizio. Che si presentava-
no, ovviamente, sotto falso nome. Gli
esami si svolgevano in salette di filiali
Bnl (dove la Palone aveva accesso gra-
zie alla sua attivit di promoter) o in
lussuosi alberghi del centro di Roma.
E poi via, a gruppi di 20-25 ragazzi, ai
vari step per aggiudicarsi la poltrona.
I test erano di cinque tipi: psicoattitu-
dinali, di economia generale, di lingua
francese e inglese, di economia azien-
dale e di cultura generale. Sui docu-
menti dei quiz cera anche il logo ta-
roccato con tanto di timbri falsi della
Bnl. E infatti, oltre allaccusa di asso-
ciazione a delinquere e truffa ci sono
anche falso e ricettazione.
La truffa andava avanti dal 2010. Ma
c voluto un po perch venisse sma-
scherata: pochi sono i ragazzi che han-
no sporto denuncia, probabilmente
perch timorosi di essere perseguiti
per la tangente pagata. Al momento,
tuttavia, nei loro confronti non sintra-
vedono denunce. Solo lamarezza per
essere stati abbindolati. Qui sento
puzza di bruciato..., scriveva uno dei
truffati su un forumdi chi cerca lavoro
in banca. Tralasciando di scrivere, pe-
r, che anche lui sera dato da fare per
aggirare la legge.
Latruffadellebancarie
chevendevanoil postofisso
Roma, gli esami per lassunzione si facevanoinfiliale, maeranofinti
Lastoria
GRAZIALONGO
ROMA
1Mezza Italia colpita ieri dagli incen-
di: gli elicotteri e i Canadair della flotta
aereadelloStatosonointervenuti insup-
portoalle squadre di terra suuna ventina
di roghi. Le fiamme si sono sviluppate in
Campania, Calabria, Lazio, Puglia, Sicilia,
Sardegna, Basilicata, Liguria, Abruzzo e
Umbria. Particolarmente colpito il parco
del Pollino, tra Basilicata e Campania,
dove le fiamme sono arrivate fino ai pini
loricati, alberi monumentali simbolo del
parco. Qui i roghi, conogni probabilitdi
origine dolosa, hanno creato un fronte
del fuocodi oltre tre chilometri.
SONOINTERVENUTI ELICOTTERI ECANADAIR
Allarmeincendi dallaCampaniaallaSardegna
COINVOLTOUNSACERDOTE
Magliana
Riciclaggio
suuncontoIor
Dieci arresti
Ci sono anche un sacerdote,
Salvatore Palumbo, ammini-
stratore della Congregazio-
ne dei padri teatini, ed una
vecchia conoscenza della
magistratura romana, Erne-
sto Diotallevi, per gli inqui-
renti considerato vicino alla
Banda della Magliana, coin-
volti in un giro di denaro che
arrivava da truffe ed era rici-
clato con varie formule, com-
preso un bonifico transitato
su un conto cifrato aperto
dallo Ior presso lagenzia di
via della Conciliazione di
Unicredit.
Undici le ordinanze di cu-
stodia in carcere. A sfuggire
alla cattura stato Simone
Fazzari, ex avvocato, consi-
derato figura centrale del gi-
ro di truffe, gi condannato a
4 anni per una serie di raggiri
ai danni di Telecom (otto mi-
lioni di euro) e del comune di
Roma e da tempo agli arresti
domiciliari. Truffa, riciclag-
gio, falso, attribuzione fittizia
della titolarit dei beni ed
esercizio abusivo della pro-
fessione i reati contestati, a
seconda delle posizioni.
Al centro delle truffe le
compagnie di assicurazioni,
la Telecom ed il Comune di
Roma, tramite documenti e
sentenze falsificate da Faz-
zari il quale, dopo lespulsio-
ne dallordine degli avvocati
di Roma, si era rifatto una
nuova, falsa, indentit: Simo-
ne DAquino Di Castiglione.
Per partecipareallaselezione
venivachiestaunamazzetta
chevariavadai 1500ai 4000euro
I test si svolgevanonellesedi
dellistitutodi credito:
oltremillelegiovani vittime
IL BUSINESS
RAGGIRATAANCHE LABNL
ROMA
T1 CV PR T2 MERCOLED 18 LUGLIO2012 LASTAMPA22
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Societ
.
23
il caso
MAURIZIOMOLINARI
CORRISPONDENTEDANEWYORK
Fuga da GoogleDopoaver creato
lemappepifamosedi Internet
lasciail colossoper unnuovolavoro
D
a inventrice di Google
Maps a amministratore
delegato di Yahoo!. Il
colpo di scena a Silicon
Valley matura nellarco
di 24 ore. Luned mattina Marissa
Mayer, 37 anni, entra come ogni
giorno nel suo ufficio di vicepresi-
dente di Google ma anzich occu-
parsi del look del pi popolare moto-
re di ricerca va dal cofondatore Lar-
ry Page, a cui stata sentimental-
mente legata in passato, e presenta
una lettera di dimissioni con cui con-
clude 17 anni di brillante carriera fra
i top manager di Menlo Park.
Per Google significa prendere la
titolare di Local, Maps and Location
Services nel cui curriculum non c
solo linvenzione geniale della pagi-
na iniziale bianca del motore di ri-
cerca ma abbondano anche gioielli
del web come Google Maps, Google
Earth, Zagat, Street View e Google
Doodle che hanno conquistato deci-
ne di milioni di user.
A restare orfani sono oltre mille
fra designer e ingegneri che sono
stati alle sue dipendenze in questi
anni e fra loro c chi fa sapere al
Wall Street Journal che il vero
motivo del divorzio stata una re-
cente promozione mancata ai vertici
aziendali. Per lei, la dipendente nu-
mero 20 di Google, stato uno smac-
co e non ha avuto difficolt a metter-
si sul mercato, seguendo le orme di
Sheryl Sandberg, oggi accanto a
Mark Zuckerberg con i gradi di chief
operation officer di Facebook.
Ventiquattrore esatte dopo le di-
missioni Melissa si seduta alla nuo-
va scrivania di amministratore dele-
gato di Yahoo!, affrontando la sfida
di rilanciare un motore di ricerca
che ha cambiato sei titolari incinque
anni dimostrando una palese diffi-
colt nel tenere il passo con le evolu-
zioni della Information Technology.
A me piacciono le sfide difficili, ho
sempre vissuto di questo, stata la
prima dichiarazione di Mayer, ricor-
dando come quando a Google ini-
ziammo molta gente faceva difficol-
t a distinguere fra Yahoo! e Inter-
net. Come dire: la forza del brand
indiscutibile, ci che servono sono
invenzioni e genio e questo ci che
lei porta in dote al quartier generale
di Sunnyvale. Yahoo! manterr la
sua forza nella pubblicit ma ag-
giungeremo qualche innovazione
promette, facendo guadagnare al-
listante il 2 per cento al valore delle
azioni.
Eper far capire che pi lagenda
fitta meglio , in coincidenza con
cambio di casacca si toglie il vezzo di
far sapere - ovviamente via Twitter -
che aspetta il suo primo figlio dal
marito Zack Bogue, investitore e im-
prenditore di successo, anche se non
quanto lei. Lady Yahoo!, come i me-
dia della California lhanno subito
definita, entra cos nel ristretto
gruppo di donne in vetta ai giganti
dellhi-tech che vede Meg Whitman
guidare Hewlett-Packard, Virginia
Rometty lIbm e Sandberg ai vertici
di Facebook.
In un club di amministratori dele-
gati e inventori dominato dagli uo-
mini le quattro protagoniste del
mondo dei newmedia e della compu-
teristica costituiscono una vistosa
eccezione, circondata da giudizi po-
sitivi. Non a caso Google saluta
Mayer con toni tuttaltro che risenti-
ti: Page e il co-fondatore Sergey Brin
esprimono positivo incoraggia-
mento mentre Eric Schmidt, presi-
dente esecutivo, la definisce una
grande esperta di prodotti, ren-
dendo omaggio allottima scelta
fatta da Yahoo! e accompagnando il
tutto con i migliori auguri.
Lo stile della Silicon Valley an-
che questo: stima sovrapposta alla
concorrenza nella consapevolezza
che la trib dei guru del web conti-
nuer a guidare linformation tech-
nology negli anni a venire, a prescin-
dere dal nome dellazienda per cui si
lavora.
Senza contare che i vip di Google
vogliono continuare ad essere invi-
tati al party di Halloween che ogni
inverno Mayer ospita nella sua casa
di Palo Alto, trasformando ungiardi-
no assai ben curato in una avveniri-
stica pista di pattinaggio. Per dimo-
strare che capace davvero di tutto.
LadyMarissaelealtre:
il poteredelledonne
conquistaSiliconValley
LannunciodellaMayer: RilancioYahoo! easpettounfiglio
DaFacebookaIbmlemanager nellultimofortinodei maschi
LACARRIERA
linventrice
dellaprimapaginabianca
del motoredi ricerca
LASVOLTA
Unamancatapromozione
lavrebbespinta
acercareunanuovasfida
Da sera
Vestita per
unoccasione
mondana
Marissa Mayer
in passato
stata legata
anche senti-
mentalmente
al fondatore
di Google
Larry Page
In attivit
Donna manager
a 37 anni
Marissa Mayer
passa
da Google
a Yahoo!
Nelle due foto
qui a destra
ritratta
in alcuni
momenti
pubblici
del suo lavoro

una delle pi importanti top mana-


ger italiane e ha fatto carriera inun
settore ad alta densit maschile
come quello dellinformatica. Proprio co-
me Marissa Mayer, la collega americana
che ha fatto notizia perch approdata,
trentasettenne e incinta, ai vertici del co-
losso statunitense Yahoo. Ma Alessandra
te le quali si dedica a crescere i figli. Per-
ci necessario che la societ la aiuti.
Quali sono gli ostacoli in Italia per fare
unacarrieracomequelladi Mayer?
Manca il supporto sociale. Noi don-
ne avremmo un grande bisogno di
strutture e di meccanismi che ci con-
sentano di conciliare il lavoro e la fami-
glia. Non parlo solo di asili nido ma an-
che della possibilit di sfruttare meglio
il part time o il telelavoro in alcune fasi
della nostra vita lavorativa. Certo, il
passo successivo che si riescano a
coinvolgere maggiormente gli uomini
nel lavoro domestico e nella cura della
famiglia. Quello che non trovo giusto
rinunciare ai figli per la carriera.
Chevuol dire?Chenonsonogli uomini
il problema?
Esatto. Io vengo da un settore come
quello dellinformatica che molto ma-
schile. Ma la mia esperienza che le dif-
ficolt non vengono dagli uomini, io ho
sempre lavorato molto bene con i miei
colleghi e trovo pi stimolanti gli am-
bienti misti. Molto spesso, per le diffi-
colt che dicevo, quelle cio di concilia-
re il lavoro e gli impegni familiari, por-
tano le donne allautoesclusione. que-
sto il punto importante intorno al quale
ragionare per individuare delle soluzio-
ni.
Cosapensadellequoterosa?
Il problema non quello, piuttosto
la rinuncia delle donne. E se uno arriva
in una posizione perch se l merita-
to.
twitter @mastrobradipo
Ladirigenteitaliana
Segli uomini nonci aiutano
incasaeconi figli
il rischiolautoesclusione
Intervista
TONIAMASTROBUONI
TORINO
Banfi, responsabile dellIct (Informa-
tion & Communication Technology)
del Gruppo Pirelli non unappassio-
nata delle quote rosa: che le donne
nella sua posizione siano una vergo-
gnosa minoranza, un problema di
autoesclusione, non di discriminazio-
ne, sostiene. Per lei, madre orgoglio-
sissima, il nodo consentire alle don-
ne di conciliare lavoro e famiglia.
Marissa Mayer diventata ammini-
stratore delegato di Yahoo! a soli 37
anni. Ed anche incinta. Che ne pen-
sa?
Mi fa piacere che una donna abbia
raggiunto quella posizione di vertice
mentre sta diventando madre. Mi sen-
to orgogliosa per lei. Ma mi ha anche
colpito la sua giovane et: significa
che il mondo sta cambiando. Normal-
mente pi difficile per una donna
raggiungere una posizione importan-
te perch ci sono fasi della vita duran-
Alessandra Banfi
Responsabile dellInformation
&Communication Technology
del Gruppo Pirelli
Vertici rosa
Sheryl Sandberg
a capo di Facebook
Meg Whitman di Hp
e Virginia Rometty
di Ibm
Hi-techIl settorecomeunatrib:
puoi lavorareinqualsiasi azienda
limportanteil progressodel web
24
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
LASSEMBLEAREVOCAIL CDAEDELEGGE GLI AMMINISTRATORI INDICATI DAL COSTRUTTORE ROMANO, COSTAMAGNANUOVOPRESIDENTE, PIETROSARAD
Salini vincelapartitadi Impregilo
Gaviopromettebattaglia: Ci opporremoconogni mezzoallaspoliazionedellasociet
Salini vince la partita, in Im-
pregilo comander lui. Gavio,
sconfitto, promette: non fini-
sce qui. Con il voto determi-
nante di Amber (forte del
7,26% e oltre) e di altri fondi
speculativi, lassemblea del
primo general contractor ita-
liano manda a casa il consiglio
di amministrazione targato
Tortona (e appoggiato da Me-
diobanca) e fa scattare il ribal-
tone romano. Al posto di Fa-
brizio Palenzona, alla presi-
denza sale lex Goldman Sa-
chs, Claudio Costamagna.
Esulta Pietro Salini: oggi sar
nominato amministratore de-
legato in un cda monocolore
con una sola rappresentante
di Igli: Giuseppina Capaldo.
Sillude chi pensa di scrive-
re la parola fine in questa saga.
Igli, infatti, non si rassegna:
stato soltanto il primo atto di
un durissimo scontro - comu-
nica a fine lavori - che non ab-
biamo voluto e che di fatto ha
gi profondamente destabiliz-
zato la societ. Secondo la
holding dei Gavio (Beniamino,
prevedendo forse la sconfitta,
non s presentato allappun-
tamento coi soci) chiaro che
il risultato dellalleanza as-
sembleare tra Salini e Amber
alla fine sarebbe lo smembra-
mento della capacit indu-
striale e la distribuzione indi-
scriminata delle risorse di Im-
pregilo. Per questo, spiegano,
da oggi ci opporremo con ogni
mezzo al tentativo di spoliazio-
ne della societ. Promettono
battaglia in ogni sede.
I toni del vincitore - che una
settimana fa invocava i carabi-
nieri - sono ora assai pacati. Da
Igli, dice Salini, ci aspettiamo
collaborazione. E forse
unOpa?, gli chiedono. Tutto
possibile, ma non me la atten-
do. Per ora auspica che la no-
stra proposta industriale di
creare un campione nazionale
con lintegrazione tra Salini e
Impregilo, possa trovare un
pi ampio consenso tra tutti gli
azionisti. Finisce cos, dunque,
questo capitolo della telenovela
cominciata a ottobre, quando
Salini si affacci nel capitale con
l8% fino a raggiungere lattuale
29,949% che ha permesso, col
2% raccolto tramite la sollecita-
zione di deleghe (sucui il giudice
si esprimer il 22 agosto) e le
quote dei fondi hedge a centrare
il 51,01%, contro il 48,94%di no e
lo 0,04% di astenuti. Lassem-
blea si apre con le polemiche.
Con Bruno Binasco, ammini-
stratore unico di Igli, che so-
spetta casi di esterovestizio-
ne tra gli azionisti targati Cay-
man presenti in sala. A fare da
apripista a Salini, ancora il su-
peravvocato Sergio Erede, che
spiega le ragioni della revoca del
cda con le scelte gestionali in-
soddisfacenti dellera Igli, le
contraddizioni e le incoeren-
ze col piano industriale della
vendita del 19% di Ecorodovias
(che da Salini sar riconsidera-
ta, per massimizzarne la valo-
rizzazione con la vendita del
pacchetto di controllo) e del buy
back. Contro Igli anche Nextam.
Adifesa di Gavio si schiera in-
vece Mediobanca che, spiega la
rappresentante Cristiana Vival-
di, non ritiene giustificata la ri-
chiesta di revoca. In un lungo
intervento lad Alberto Rubegni
rivendica loperato che ha per-
messo alla societ di resistere
anche in contesti difficili come
dopo il sequestro di 750 milioni
nel 2007, allepoca dellimmon-
dizia a Napoli. Difende il ruolo
del cda anche il vicepresidnte
Gian Maria Gros Pietro. Bina-
sco attacca sui prospetti fuor-
vianti e carenti con cui Salini
ha raccolto le deleghe, ipotizza
un concerto tra Amber e Sali-
ni, oggetto di esposto a Consob.
Ed proprio Umberto Mosetti,
rappresentante di Amber, (che
secondo Binasco avrebbe una
forza di voto del 9%) a chiudere i
giochi, comunicando la deci-
sione complicata e sofferta che
premia Salini. Il suo piano, spie-
ga, offre maggiori prospettive
di realizzazione di valore anche
nel breve termine e di distribu-
zione di utili agli azionisti.
PiazzettaCuccia
difendeTortona
Marisultadeterminante
il votodel fondoAmber
Sfidante
Il costruttore
Pietro Salini
(nella foto)
riuscito
a far revocare
e rinnovare
il cda
di Impregilo
Ieri il titolo
ha perso
il 2,37%
in Borsa
Retroscena
MILANO
Romavinceil derby
maaMilanosi assicura
soloil primotempo
V
incono le forze sane
del mercato e perde
lantico blocco di po-
tere che salda Mediobanca
ai feudi alessandrini di Ga-
vio, come si prodigano a
spiegare entusiasti i nuovi
soci di controllo di Impregi-
lo? O invece trionfa il blocco
romano nella sua salita al
Nord e nellattacco allasse
milanese, come suggeri-
sce qualche interpretazione
pi laica dello scontro con-
sumato sul general con-
tractor? O ancora, spingen-
dosi dalle suggestioni geo-
grafiche a quelle personali, i
nemici di Mediobanca - sia-
no essi lex presidente Cesa-
re Geronzi, che appare qui
sfocato dietro la figura del
prossimo presidente di rito
saliniano Claudio Costama-
gna, o i manager vecchi e
nuovi di Intesa-Sanpaolo -
costringono nellangolo di
piazzetta Cuccia Alberto
Nagel e Renato Pagliaro?
Sia come sia, quello che si
giocato ieri allassemblea
della Salini - giura il fronte
degli sconfitti - solo il pri-
mo round. Questo almeno
il messaggio che ha dato ai
suoi collaboratori Beniami-
no Gavio, spiegando che
certo mi dispiace per quel
che successo, ma sono se-
reno. Io ho una visione indu-
striale, di lungo periodo, e
dunque adesso aspetter. Mi
metto a fare il socio di mino-
ranza a tutela dellazienda.
E le prossime mosse potreb-
bero non tardare: prima di
tutte quella contro la revoca
del consiglio e dellammini-
stratore delegato che Gavio
non considera giustificate.
Anche perch, ha ricordato
ieri ai suoi: Pri-
ma Salini voleva
mandare via il
cda dicendo che
non aveva crea-
to valore. Poi ha
comprato pagi-
ne di giornale per dire che
avrebbe distribuito un divi-
dendo da un miliardo. Allora
significa che il valore era sta-
to creato....
Il tonfo per davvero fra-
goroso. Un tonfo nel quale ca-
de anche il multipoltronato
Fabrizio Palenzona, uomo
forte di Unicredit, in servizio
permanente effettivo nei ran-
ghi di Mediobanca e da qual-
che settimana - ma da oggi
non pi - presidente proprio
di Impregilo. E proprio la ca-
duta simbolica di Palenzona
segna il cedimento della cin-
tura di sicurezza che lui stes-
so e Mediobanca avevano
predisposto attorno al grup-
po Gavio - che di piazzetta
Cuccia socio storico e siede
nel patto di sindacato - quan-
do, tre anni fa, era venuto a
mancare il patron Marcelli-
no. Il figlio Beniamino paga
cos proprio la sua voglia di
cambiare qualcosa nella fore-
sta pietrificata di Impregilo:
prima lacquisto da Ligresti,
che non aveva scelta se non
vendere, e da Benetton delle
quote della finanziaria Igli.
Poi, pungolato proprio dal-
lattenzione indesiderata di
Salini, ha iniziato a porre ma-
no alle strategie del gruppo.
Quello che adesso non far,
spiega chi lo ha sentito,
quellOpa per la riconquista
di Impregilo che alcuni vor-
rebbero vedere: Lho detto
fin dallinizio e non cambier
posizione.
Anche i n
piazzetta Cuc-
cia, dove tra
mille difficolt
si appena riu-
sciti a far uscire
dalle secche il progetto di in-
tegrazione tra Unipol e Fon-
sai - un progetto su cui si gio-
cava davvero il futuro del ma-
nagement - la sconfitta su Im-
pregilo pesa; ma anche qui la
convinzione che la partita
sia solo in una fase iniziale e
che il derby Roma-Milano sia
ancora da giocare. [F. MAN.]
LACADUTA
Luscitadi Palenzona
segnalaledifficolt
del bloccoMediobanca
Azionista
Beniamino Gavio, socio storico
del gruppo Impregilo
FRANCESCOSPINI
MILANO
InItalia
FTSE/MIB -0,94%
FTSEItaliaAll Share -0,19%
Euro-Dollaro
CAMBIO 1,2281
Petrolio
R
dollaro/barile 90,90
Allestero
DOWJONES(NewYork) +0,60%
NASDAQ(NewYork) +0,45%
DAX(Francoforte) +0,18%
FTSE(Londra) -0,59%
Oro
S
euro/grammo 42,0602
ECONOMIA
& FINANZA
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Economia
.
25
PRIMI SEGNALI DI RIPRESA: IL MERCATOTORNAPOSITIVOINGERMANIAE CORRE INGRANBRETAGNA
Giugnoinretromarcia
per lautoinEuropa
Vendite -1,7%, lItalia maglia nera con un -24,4%
Anche a giugno il mercato
europeo dellauto si contrae
(per il nono mese consecuti-
vo) con lItalia nello scomodo
ruolo di ultima della classe.
Secondo lassociazione eu-
ropea di settore Acea, nei 27
Paesi Ue pi quelli dellEfta
nel mese scorso sono state
immatricolate 1.254.052 nuo-
ve vetture, in flessione del-
l1,7% rispetto al giugno di un
anno fa. A maggio il mercato
su base annua era sceso del-
l8,4%. Nel primo semestre
del 2012 le immatricolazioni
hanno ceduto il 6,3% a
6.896.348.
Fra i cinque principali
mercati dellauto in Europa,
lItalia quello che a giugno
ha subito la flessione pi ac-
centuata con un calo del
24,4% a 128.388 unit imma-
tricolate. In calo anche Spa-
gna (-12,1% a 73.258) e Fran-
cia (-0,6% a 208.909) mentre
sono tornate con il segno pi
le vendite di auto in Germa-
nia (+2,9%a 296.722) e si con-
fermano positive quelle della
Gran Bretagna (+3,5% a
189.514).
AllItalia va il primato ne-
gativo dei ribassi anche nel
consuntivo delle vendite di
auto nei primi sei mesi del-
lanno (-19,7% a 814.179 uni-
t), seguita a ruota dalla
Francia (-14,4% a 1.048.982).
Calo a una cifra invece per la
Spagna (-8,2% a 406.070)
mentre sono in controten-
denza Gran Bretagna (+2,7%
a 1.057.680) e Germania
(+0,7% a 1.634.401).
In tale contesto, il gruppo
Fiat immatricola nel mese
quasi 80 mila vetture e ottiene
una quota del 6,4%. Nel pro-
gressivo annuo le immatrico-
lazioni in Europa sono 456 mi-
la e la quota del 6,6%.
Il marchio Fiat a giugno im-
matricola in Europa quasi 58
mila vetture e ottiene una quo-
ta del 4,6%. Nella prima met
del 2012 le registrazioni sono
quasi 328 mila e la quota del
4,8%. Molto positivo il risulta-
to in Spagna con vendite Fiat
aumentate del 21,6% rispetto
al giugno dellanno scorso.
Sempre in Spagna, il primo se-
mestre si chiude per Fiat con
una crescita dei volumi del
5,2%. Nonostante il calo com-
plessivo del mercato, in Euro-
pa a giugno Panda e 500si con-
fermano le vetture pi vendu-
te del segmento A. Con oltre 19
mila registrazioni la Panda au-
menta le vendite del 10% e ot-
tiene il 16,2%del segmento. So-
no invece 14 mila le immatrico-
lazioni della 500 per una quota
dell11,9%. La Punto si confer-
ma tra le top ten del segmento
B (con una quota del 4,45%).
Risultati positivi anche per la
Sedici e per Freemont.
Risultato di giugno in con-
trotendenza per Lancia/Chry-
sler che, con poco meno di 10
mila immatricolazioni, aumen-
ta i volumi dello 0,2%. Nel pri-
mo semestre le immatricola-
zioni sono pi di 56 mila (l1 %
in pi rispetto allo stesso peri-
odo dellanno scorso) e la quo-
ta stabile allo 0,8%. Segni po-
sitivi per il brand in tutti i prin-
cipali mercati: in Germania i
volumi crescono dell1%, in
Francia del 51,4%, in Spagna
del 30,2% e nel Regno Unito
addirittura del 478%. Lancia
Ypsilon si conferma il modello
di punta del marchio (nel pri-
mo semestre vendite +16,9%).
Sono quasi 9 mila le Alfa Ro-
meo immatricolate a giugno in
Europa, per una quota dello
0,7%. Nel primi sei mesi del
2012 le registrazioni sono 54
mila (quota dello 0,8%).
Anche in giugno il marchio
Jeep aumenta sensibilmente
le vendite. Rispetto allo stesso
mese del 2011 la crescita del
19,4% e nel progressivo annuo
segna un +41,4%. Il Grand Che-
rokee a giugno aumenta le
vendite in Europa del 51%e nel
primo semestre 211,3%.
I marchi di lusso Ferrari e
Maserati immatricolano com-
plessivamente 401 vetture a
giugno e 2.506 nellanno.
Incontrotendenza
FiatPandafa+10%
BeneancheLancia
Jeepcontinuail boom
LOPERAZIONE SARCURATADAGOLDMANSACHS
Eni vendeal mercato
unaltro5%di Snam
Eni si prepara a vendere sul
mercato, con laiuto della ban-
ca daffari americana Gold-
man Sachs, unaltra quota del
5% di Snam, la societ di di-
stribuzioen di gas. Il colosso
petrolifero, guidato dallammi-
nistratore delegato Paolo Sca-
roni, ha comunicato ieri in tar-
da serata di avere avviato,
previa autorizzazione da parte
del suo Consiglio di ammini-
strazione, unoperazione di
cessione, attraverso una pro-
cedura di accelerated bookbu-
ilding, di un quantitativo di circa
178,5 milioni azioni ordinarie pa-
ri al 5%del capitale sociale (cor-
rispondente al 5,28% del capita-
le votante) di Snam.
Laccelerated bookbuilding -
conclude la nota Eni - prevede
un collocamento accelerato
presso investitori qualificati ita-
liani ed esteri condotto da Gold-
manSachs nel ruolo di Sole Boo-
krunner. Il collocamento do-
vrebbe chiudersi gi oggi ed Eni
comunicher i risultati di quan-
to ha raccolto.
In tutto sar di 17-18 miliardi
il tesoretto che il gruppo del ca-
ne a sei zampe si appresta a ot-
tenere dalluscita da Snam. Tre
miliardi e mezzo dalla cessione
del 30% di Snam a Cassa Depo-
siti e Prestiti; 11 miliardi circa se
ne andranno con il deconsolida-
mento del debito e almeno altri 3
miliardi sono attesi dalla cessio-
ne del 22,5%di Snamche Eni an-
cora detiene in cassa. Il 5% che
oggi verr venduto sul mercato
appunto parte di quel 22,5%
che Eni ha ancora in pancia.
Il tesoretto potrebbe venire
impiegato da Eni per la riduzio-
ne del debito, che scenderebbe
cos dagli attuali 27 fino a 10 mi-
liardi, un valore in linea con
quello dei maggiori concorrenti
e che permetter a gruppo di
guadagnare forza e credibilit
nei suoi rapporti con i governi
dei Paesi in cui si appresta a in-
vestire. Luned allassemblea dei
soci, Eni aveva gi sancito il pri-
mo passo per luscita dal busi-
ness delle reti attraverso lan-
nullamento di oltre 370 milioni
di azioni proprie, che consente a
Cdp di salire dallattuale 26,37%
al 29,06%e al Tesoro dal 3,93%al
4,34%. E Scaroni aveva fatto i
primi calcoli dellimpatto sui
conti: Alla chiusura del bilan-
cio 2013 Eni sar finanziaria-
mente molto pi solida. Men-
tre in merito allinteresse dei
fondi del Qatar per Snam, Sca-
roni si era limitato a ribadire che
tra i possibili acquirenti non ci
sono solo fondi sovrani ma an-
che fondi specializzati in infra-
strutture. [L. FOR.]
LUIGI GRASSIA
TORINO
TORINO
Per lautomobile in Europa il 2012 si conferma un anno difficile
Gi oggi saranno
collocate
178 milioni
di azioni ordinarie
Alla guida
Paolo Scaroni,
amministrato-
re delegato
del gruppo
Eni punta
a ridurre
il debito
del gruppo
di 17 miliardi
di euro
attraverso
la vendita
delle quote
di Snam, la
societ delle
reti di gas
-6,3
per cento
nel semestre
Nel continente
le immatricolazioni sono
negative da nove mesi
ma a giugnoil calo meno
drasticoe inalcuni mercati
si segnala una svolta
ESTRATTO AVVISO DI QUALIFICAZIONE
OBIETTIVO, DESCRIZIONE E CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE: Costituire
un elenco di imprese idonee alla fornitura di componenti specifici da utilizzare
sugli impianti di perforazione (ENEL FMIG08 ERG).
CPV (vocabolario comune per gli appalti): 43610000.
AVVISO UTILIZZATO COME MEZZO DI INDIZIONE DI UNA GARA: si.
DURATA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE: Triennale e rinnovabile a sca-
denza accedendo al sito internet Enel.
TESTO INTEGRALE DELLAVVISO DI QUALIFICAZIONE: si veda pubblica-
zione sul supplemento alla Gazzetta ufficiale dellunione Europea (GU/S) del
26.05.2012 numero 2012/S 100-166653.
Per chiarimenti e-mail: qualificazione@enel.it, telefono 06 8305.5500, fax 06
6444.5108.
Il procuratore
Giancarlo Ucciero
Enel S.p.A. Viale Regina Margherita, 137
00198 Roma
ESTRATTO AVVISO DI QUALIFICAZIONE
OBIETTIVO, DESCRIZIONE E CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE: Costituire
un elenco di imprese idonee alle attivit inerenti la vendita, ai fini del recupe-
ro/smaltimento di componenti di apparecchiature o impianti dismessi da ENEL
(ENEL SRTS24 MIR).
CPV (vocabolario comune per gli appalti): 14900000, 90510000.
AVVISO UTILIZZATO COME MEZZO DI INDIZIONE DI UNA GARA: si.
DURATA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE: Triennale e rinnovabile a sca-
denza accedendo al sito internet Enel.
TESTO INTEGRALE DELLAVVISO DI QUALIFICAZIONE: si veda pubblica-
zione sul supplemento alla Gazzetta ufficiale dellunione Europea (GU/S) del
12.05.2012 numero 2012/S 91-150937.
Per chiarimenti e-mail: qualificazione@enel.it, telefono 06 8305.5500, fax 06
6444.5108.
Il procuratore
Giancarlo Ucciero
Enel S.p.A. Viale Regina Margherita, 137
00198 Roma
Via G.G. Winckelmann, 1 - 20146 MILANO
Tel. 02.244.24.611 - Fax 02.244.244.90
Via Marenco, 32 - 10126 TORINO
Tel. 011.666.52.11 - Fax 011.666.53.00
ESTRATTO AVVISO DI QUALIFICAZIONE
OBIETTIVO, DESCRIZIONE E CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE: Costituire
un elenco di imprese idonee per lavori di costruzioni e ristrutturazioni relativa-
mente a strutture portanti in elevazione e delle fondazioni, e ristrutturazioni
di edifici industriali (ENEL LCCC05 GEM O&M).
CPV (vocabolario comune per gli appalti): 45213250.
AVVISO UTILIZZATO COME MEZZO DI INDIZIONE DI UNA GARA: si.
DURATA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE: Triennale e rinnovabile a sca-
denza accedendo al sito internet Enel.
TESTO INTEGRALE DELLAVVISO DI QUALIFICAZIONE: si veda pubblica-
zione sul supplemento alla Gazzetta ufficiale dellunione Europea (GU/S) del
20.06.2012 numero 2012/S 116-192466.
Per chiarimenti e-mail: qualificazione@enel.it, telefono 06 8305.5500, fax 06
6444.5108.
Il procuratore
Giancarlo Ucciero
Enel S.p.A. Viale Regina Margherita, 137
00198 Roma
Questi e molti altri avvisi
li puoi trovare anche su internet
Consulta i siti
www.legaleentieaste.it
www.lastampa.it
26
.
Economia
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
il caso
MAURIZIOMOLINARI
CORRISPONDENTE DA NEWYORK
N
arcos messicani,
terroristi irania-
ni, jihadisti sau-
diti e trafficanti
russi hanno avu-
to accesso al mercato dei ca-
pitali americani grazie alla
Hsbc, la seconda banca del
mondo e la prima dEuropa.
Lesplosivo atto daccusa
contenuto nel rapporto della
Commissione permanente di
indagine del Senato di
Washington ed stato reso
pubblico ieri dai senatori Carl
Levin e Tom Coburn nel cor-
so di una rovente seduta che
ha visto lex vicepresidente
della banca, Michael Gal-
laher, chiedere scusa per i
gravi errori commessi che
potevano essere evitati.
Il rapporto frutto di un
anno di lavoro del Congresso
sui flussi di denaro transitati
attraverso i conti di Hon-
gkong and Shangai banking
corporation limited, e delle
sue affiliate, negli Usa negli
ultimi anni. Ci che ne emer-
ge lestrema vulnerabilit
alle infiltrazioni criminali del
mercato finanziario degli
Stati Uniti. A dimostrarlo il
fatto che una filiale messica-
na della banca fra il 2007 e il
2008 trasfer su conti ameri-
cani circa 7 miliardi di dollari
probabilmente frutto di ven-
dita di stupefacenti negli Sta-
ti Uniti mentre in unaltra
occasione due banche affi-
liate inviarono circa 25 mila
transazioni per un totale di
19,4 miliardi di dollari nellar-
co di sette anni nascondendo
il fatto che questi soldi arriva-
vano dallIran costituendo
dunque una violazione delle
sanzioni americane e interna-
zionali. Pagina dopo pagina, il
rapporto accusa la Hsbc -
presieduta da Douglas Flint - di
aver aggirato le regole vigenti
designate a bloccare transazio-
ni con terroristi, signori della
droga e regimi canaglia con-
sentendo di far arrivare finan-
ziamenti a banche in Arabia
Saudita e Bangladesh collega-
te a gruppi terroristi interna-
zionali come a far accedere a
Wall Street 290 milioni di dol-
lari in travelers cheques evi-
dentemente sospetti apparte-
nenti a individui russi che af-
fermavano di lavorare nel busi-
ness delle auto usate.
Latto daccusa senza prece-
denti investe anche le autorit
americane preposte al control-
lo sulle transazioni finanziarie
come lOffice of the comptrol-
ler of the currency che non ve-
rific passaggi di valuta per
60 trilioni di dollari sebbene
arrivassero da 17 mila conti
sospetti venendo cos meno
alla missione di bloccare il rici-
claggio di denaro di provenien-
za illecita. Il rapporto segue di
pochi giorni le dure prese di po-
sizione del Congresso di
Washington sulle ammissioni
di Jamie Dimon, ceo di JPMor-
gan, in merito alla manipola-
zione dellindice Libor per gli
scambi interbancari, fissato a
Londra, lasciando intendere la
volont di Washington.
La reazione di HSBCalle im-
barazzanti rivelazioni prima
arrivata con un comunicato nel
quale ammette di aver man-
cato in alcune occasioni di ri-
spettare gli standard dei rego-
latori e della clientela e poi, ie-
ri, con lex presidente Galla-
gher intervenuto in commis-
sione: E evidente che avrem-
mo potuto fare di pi e che
avremmo potuto farlo pi velo-
cemente. Per il sottosegreta-
rio al Tesoro David Cohen, che
ha affiancato il Congresso nelle
indagini, evidente che dob-
biamo rendere pi efficaci i
controlli sulloperato delle ban-
che nel nostro Paese, ameri-
cane o straniere poco importa.
DIMISSIONI
Il primoalasciare
Bagley, responsabile
dellacompliance
RiciclaggioeIran
loscandalodi Hsbc
Al SenatoUsail rapportoche accusalabanca
Colosso
Hsbc ha sede
a Londra:
la
seconda
pi grande
banca del
mondo
e la prima
in Europa
LANTITRUST EUROPEOAPRE UNINDAGINE: VIOLATALALIBERTDEGLI UTENTI DI NAVIGARE SUINTERNET
Microsoft rischiamaximultaUe
Il colosso
informatico
si scusa: stato
un errore tecnico
TORINO
Potrebbe essere la quarta
multa milionaria in otto anni.
quello che rischia Microsoft,
stavolta pizzicata da Bruxel-
les per non avere rispettato gli
impegni vincolanti presi a fine
2009, con cui aveva sottoscrit-
to lobbligo di offrire agli uten-
ti di pc la possibilit di scelta
del browser di navigazione su
Internet. La Commissione Ue si
accorta che tutti i circa 28 mi-
lioni di computer dotati del nuo-
vo sistema operativo Windows
7 SP1, venduti da febbraio 2011,
nonavevano pila schermata di
scelta del programma di navi-
gazione sul web, a vantaggio di
Internet Explorer. Ulteriore ag-
gravante, lultimo rapporto in-
viato da Microsoft a Bruxelles
in cui sosteneva il contrario.
Uno schiaffo per i servizi del-
lAntitrust Ue. la prima volta
che ci capita che gli accordi ob-
bligatori non vengano rispetta-
ti, ha commentato il commis-
sario Ue alla concorrenza Jo-
aquin Almunia, annunciando
lapertura di unindagine forma-
le. Se le accuse saranno confer-
mate - e lazienda sembra rico-
noscere questi fatti - ha avver-
tito il numero uno dellAntitrust
Ue, ci saranno serie conse-
guenze per Microsoft, con
sanzioni che possono arriva-
re sino al 10% del suo fatturato
annuo, quasi 70 miliardi di dol-
lari nel 2011.
Microsoft ha subito presen-
tando un lungo comunicato di
scuse con una lista di provvedi-
menti per rimediare aller-
rore tecnico. La colpa sarebbe
della squadra di ingegneri re-
sponsabile del codice informa-
tico della schermata di scelta, la
Bubble Screen Choice (Bsc).
Questi, si legge nel comunicato
di Microsoft, non hanno realiz-
zato che dovevano fare un ag-
giornamento quando lanno
scorso stato lanciato il nuovo
sistema operativo. Un incidente
imbarazzante, proprio nel gior-
no in cui la societ di Bill Gates
ha annunciato in pompa magna
il lancio della versione Cloud di
Office.
Ma Bruxelles non si lascia-
ta convincere dalle scuse di Mi-
crosoft e dagli impegni propo-
sti, tra cui lestensione di 15 me-
si (da fine 2014 sino a marzo
2016) della presenza del Bsc nei
pc. Il braccio di ferro tra la so-
ciet di Redmond e Bruxelles
per scardinare il monopolio di
Windows di lunga data: risale
al 2004, quando commissario
alla concorrenza era Mario
Monti.
I
bond islamici (sukuk) offrono finanziamenti a basso co-
sto a pochi fortunati. Un tempo i bond conformi alla Sha-
ria erano visti come una costosa fonte di finanziamento
per i governi e le imprese. Adesso, il numero crescente di
capitali vincolati si tradotto in un minor costo delle obbli-
gazioni rispetto ai loro equivalenti pi convenzionali. Secon-
do Standard Chartered, le attivit bancarie conformi alla
Sharia supereranno i mille miliardi di dollari a livello globale
nel 2012, pari a un aumento del 33% a partire dal 2010. Que-
sti fondi islamici possono essere investiti solo in altri stru-
menti conformi alla Sharia. Inuncerto senso, le obbligazioni
islamiche stanno beneficiando della stessa fuga verso la si-
curezza che ha visto gli investitori accumulare debito sovra-
no nellEuropa occidentale. Ma adesso sono meno costose
dei prodotti alternativi. Ad esempio il Qatar, la scorsa setti-
mana, ha piazzato bond per 25 miliardi dollari di dollari con-
tro unemissione di 4 miliardi (islamici). Il Qatar ha fissato il
prezzo della tranche a cinque anni in modo da ottenere il
2,1%rispetto allemissione.
Secondo gli analisti, questo rappresenta pi di 10 punti
base in meno rispetto a quanto il Qatar avrebbe ottenuto se
avesse venduto bond tradizionali. A parit di condizioni, i
bond islamici dovrebbero essere poco pi costosi dei bond
convenzionali: in fondo, lemissione di sukuk comporta pi
burocrazia. Tuttavia, gli osservatori stimano che i bond
sukuk rendano in genere da 20 a 40 punti base in meno ri-
spetto a quelli tradizionali, laddove esistano. I bond sukuk
denominati in dollari Usa hanno un rendimento medio del
3,5% circa, secondo lindice Hsbc/Nasdaq. Questi capitali
vincolati stanno suscitando linteresse di nuovi emittenti,
come il Sud Africa e la Turchia, che vogliono diversificare le
loro possibilit di finanziamento. Secondo le banche, anche
gli Stati europei sono interessati. Il colosso americano Ge-
neral Electric ha emesso un sukuk nel 2009 e rimane una
delle poche multinazionali occidentali di alto profilo ad es-
sersi avventurata in questo mercato. [UNA GALANI]
I bondislamici offrono
prestiti abassocosto
masoloapochi fortunati
N
athan Tinkler afferra le opportunit al volo quando le
vede. Otto mesi dopo che Whitehaven Coal ha accet-
tato di acquistare le sue Aston Resources e Board-
walk Resources per 2,3 miliardi di dollari, il trentaseienne
magnate dellelettricit, passato poi a quello minerario, ha
contrattaccato, offrendosi di privatizzare il produttore di
carbone australiano. Alcuni azionisti della Whitehaven si
stanno unendo allofferta del suo consorzio, che pagher agli
investitori rimasti 5,20 dollari per azione, un bonus del 50%
per chi vende. Tuttavia, Tinkler finanzierebbe lofferta attra-
verso il bilancio della Whitehaven. Indebitarsi alla fine di un
boomdelle materie prime suona ambizioso anche per un uo-
mo che finora ha gestito il boom minerario alla perfezione.
Whitehaven, uno dei pochi produttori di carbone indipen-
denti rimasti in Australia, stato punito dal crollo della do-
manda di carbone termico in Cina. Secondo Nomura, circa
l80%del salario dei minatori proviene dal carbone destinato
alle centrali elettriche. Da gennaio, i prezzi sono scivolati del
25%. Le azioni di Whitehaven hanno perso oltre il 30%.
Tinkler ha ricevuto il 21,4% di Whitehaven nellaffare
Aston/Boardwalk. Investitori con circa il 48,3% delle azioni
sostengono il suo piano, strutturato come uno schema di ac-
cordo. Ma il mercato dubita che possa racimolare i fondi ne-
cessari per portare avanti la sua offerta: le azioni di Whiteha-
ven sono cresciute solo del 18%, raggiungendo i 4,07 dollari
australiani, dopo che laffare stato annunciato. Il piano di
Tinkler ha una certa logica. Linsieme di guadagni della Whi-
tehaven impostato inmodo da allontanarsi dal carbone ter-
mico verso tipi di carbone pi redditizi, man mano che i nuo-
vi progetti di crescita si intensificano. Il pi importante di
questi, la miniera a cielo aperto di Maules Creek, era il nu-
cleo dellattivit che Tinkler ha venduto a Whitehaven. Solo
qualcuno, o forse nessuno, in grado di comprendere la po-
sta in gioco. Tinkler pensa di essere pi capace del manage-
ment attuale di portare il progetto a compimento e di godere
della fiducia degli azionisti che intendono vendere. [UNAGALANI]
Whitehavennel mirino
del redel carbone
1Mentre proseguono
gli aumenti di Fonsai (or-
dinarie a +89,49%, diritti
a -64,1%) e Unipol (-13,41%
le ordinarie, -58,8%i dirit-
ti), Bologna pronta a
sottoscrivere laumento
di capitale di Premafin,
da cui ieri si sono dimessi
6 consiglieri. Era una del-
le condizioni del contrat-
to. La holding ha poi fissa-
to la data dellassemblea
chiesta dal custode giudi-
ziale: si terr il 23 agosto,
quando Unipol (salvo im-
pedimenti al voto) avr
l83%del capitale.
LOPERAZIONE FONSAI
Unipol pronta
allaconquista
di Premafin
Per approfondimenti: http://www.breakingviews.com/
ORI DITALIA
In questi tempi di incertezza economica, loro si conferma il pi classico
e rassicurante bene rifugio. Bolaf offre Ori dItalia, due autentici marenghi
doro corredati da certicato di garanzia e racchiusi in eleganti cofanetti
singoli, in comode rate da soli 50 al mese, o in unica soluzione a 1.000.
Se il presente incerto, il futuro doro.
A SOLI
50
AL MESE
Per informazioni:
011.55.76.346
011.56.20.456
info@bolaf.it
www.bolaf.it
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Borsa
.
27
Il MercatoAzionariodel 17-07-2012
I dividendi indicati si riferisconoall'annosolare corrente oa quelloprecedente.
Dati forniti daILSOLE24ORE- RADIOCOR.
AZIONI
Prezzo
Chiusura
Differ. %
Riferim.Prezzo VWP Divid.
Minimi
Anno
Massimi
Anno
Quantit
trattate Capitalizz.
A A.S. Roma 0,388 -1,60 0,391 nr 0,328 0,551 70539 53
A2A 0,359 -2,63 0,364 0,013 0,364 0,793 14311614 1139
Acea 4,406 -2,26 4,444 0,280 3,671 5,370 33690 946
Acegas-Aps 3,610 +0,45 3,548 0,180 2,513 3,833 27949 195
Acque Potabili 0,607 -0,16 0,593 nr 0,583 0,877 5721 21
Acsm-Agam 0,545 0,00 0,553 0,030 0,519 0,714 5800 42
AdF-Aerop.Firenze 8,300 0,00 8,300 0,080 7,665 10,000 0 75
Aedes 0,070 -0,71 0,070 nr 0,055 0,138 1329804 51
Aedes 14 warr 0,010 -7,34 0,011 nr 0,006 0,021 122936 0
Aicon 0,122 0,00 0,122 nr 0,000 0,122 0 13
Ain Renewables 0,831 -4,87 0,841 nr 0,805 2,107 7382 15
Alerion 3,400 -0,58 3,406 0,120 3,358 4,431 5490 150
Ansaldo Sts 5,590 +1,64 5,650 0,200 4,739 6,928 1699168 904
Antichi Pell 0,095 0,00 0,092 nr 0,090 0,221 25173 4
Arena 0,002 +4,55 0,002 nr 0,002 0,006 13214046 4
Atlantia 10,410 +0,97 10,447 0,391 9,165 12,242 1792431 6914
Autogrill 7,065 -0,28 7,050 0,280 6,481 8,494 1278916 1793
Autostrada To-Mi 5,015 -2,62 5,181 0,260 3,707 7,700 82787 456
Autostrade Mer. 14,280 +1,42 14,020 0,800 13,829 18,484 428 61
Azimut 7,715 -0,26 7,810 0,250 5,502 8,184 464359 1119
B B&C Speakers 2,746 +0,51 2,781 0,250 2,635 3,447 4036 31
B. pop Mil 13 warr 0,217 -9,58 0,229 nr 0,135 1,303 1811 0
Banca Generali 9,025 +0,73 9,046 0,550 6,600 10,540 47274 1010
Banco Popolare 0,907 -0,87 0,917 nr 0,855 1,672 14955424 1617
Basicnet 2,000 0,00 2,033 0,050 1,916 2,269 23508 124
Bastogi 0,799 0,00 0,825 nr 0,690 1,146 0 15
Bca Carige 0,595 -0,83 0,599 0,070 0,599 1,559 1159748 1303
Bca Carige r 1,228 -8,36 1,277 0,088 0,884 1,985 58314 3
Bca Intermobiliare 1,790 -0,56 1,798 nr 1,798 3,452 1130 281
Bca Pop.Milano 0,329 -3,92 0,336 nr 0,262 0,527 45014661 1085
Bca Pop.Spoleto 1,710 -2,68 1,684 0,030 1,645 2,133 4024 50
Bca Popolare Italiana 10 warr 0,00 nr 0
Bca Profilo 0,244 +1,37 0,240 0,002 0,235 0,341 115251 163
Bco Desio-Brianza 1,855 -6,22 1,912 0,105 1,742 3,232 42905 224
Bco Desio-Brianza rnc 1,890 +1,50 1,884 0,126 1,735 3,014 495 25
Bco Santander 4,386 -4,11 4,485 0,220 4,216 6,603 4868 43185
Bco Sardegna rnc 7,200 -0,35 7,202 0,180 5,697 7,699 3120 48
Bee Team 0,187 0,00 0,184 nr 0,173 0,432 6441 13
Beghelli 0,426 +0,09 0,433 0,020 0,405 0,537 73836 87
Beni Stabili 0,344 +0,50 0,343 0,022 0,313 0,478 505635 657
Best Union Co. 0,900 0,00 0,900 nr 0,870 1,180 0 8
Bialetti Industrie 0,219 -2,41 0,221 nr 0,168 0,310 5000 17
Bioera 0,350 -2,78 0,350 nr 0,350 0,435 35485 13
Boero Bart. 21,900 0,00 21,900 nr 20,000 22,300 0 95
Bon.Ferraresi 37,700 +1,07 37,556 0,200 19,017 37,556 5168 211
Borgosesia 0,595 +3,30 0,585 nr 0,571 0,936 6112 26
Borgosesia rnc 1,318 0,00 1,318 nr 1,318 1,358 0 1
Brioschi 0,089 -0,78 0,089 nr 0,076 0,124 45522 70
Brunello Cucinelli 10,950 -0,54 11,040 nr 10,502 11,901 45550 751
Buone Societ 0,180 -1,10 0,180 nr 0,172 0,317 6900 2
Buzzi Unicem 7,175 -1,85 7,162 0,050 6,534 9,392 1053023 1184
Buzzi Unicemrnc 3,490 -2,62 3,458 0,050 3,203 4,666 27653 141
C Caleffi 1,435 0,00 1,426 nr 1,380 1,663 5450 18
Caltagirone 1,159 +4,04 1,158 0,030 1,049 1,648 16887 139
Caltagirone Ed. 0,800 0,00 0,800 0,030 0,761 1,089 4720 100
Cam-Fin 0,280 -0,71 0,281 nr 0,217 0,380 109952 220
Camfin 09-11 warr. 0,00 nr 0
Campari 5,470 -1,62 5,526 0,070 5,077 5,701 1154504 3209
Cape Live 0,051 +8,51 0,051 nr 0,041 0,087 65000 3
Carraro 1,558 -0,45 1,530 nr 1,264 2,390 53479 70
Cattolica As 8,885 -2,84 8,934 0,900 8,934 16,601 34673 483
CDC 0,680 -1,59 0,684 0,120 0,613 1,187 10999 8
Cell Therap 0,504 -4,00 0,505 nr 0,468 1,212 1577120 132
Ceram. Ricchetti 0,159 +1,41 0,149 nr 0,142 0,216 18734 12
CHL 0,057 -4,05 0,059 nr 0,058 0,095 192238 10
CIA 0,259 -0,15 0,251 nr 0,232 0,274 14850 23
Ciccolella 0,269 +3,18 0,262 nr 0,232 0,468 14040 47
Cir 0,807 -3,18 0,821 0,025 0,755 1,303 666637 651
Class Editori 0,166 0,00 0,166 nr 0,163 0,280 81665 18
Cofide 0,379 -3,39 0,390 0,010 0,360 0,591 106741 280
Cogeme Set 0,048 0,00 0,049 nr 0,000 0,053 0 3
Conafi Prestito' 0,557 -0,09 0,549 0,060 0,429 0,705 41695 26
Cred. Artigiano 0,781 -2,62 0,791 0,800 0,791 1,366 20963 309
Cred. Bergamasco 10,500 -3,67 10,644 0,500 10,275 19,888 2053 657
Cred. Emiliano 2,658 -1,04 2,656 0,100 2,352 4,001 65661 883
Cred. Valtell. 10 warr 0,00 nr 0
Cred. Valtell. 14 warr 0,130 +0,08 0,132 nr 0,060 0,200 64703 0
Cred. Valtellinese 1,042 -3,07 1,062 0,050 0,906 2,597 209808 400
Crespi 0,027 -1,48 0,027 nr 0,026 0,046 174044 4
Csp 0,810 -0,80 0,806 0,050 0,699 0,925 12831 27
D Danieli 15,680 -0,38 15,709 0,330 15,213 21,399 77897 642
AZIONI
Prezzo
Chiusura
Differ. %
Riferim.Prezzo VWP Divid.
Minimi
Anno
Massimi
Anno
Quantit
trattate Capitalizz.
Danieli rnc 8,800 -1,18 8,855 0,351 8,263 11,598 90181 358
De'Longhi 7,590 -2,50 7,717 0,330 6,309 10,864 277581 1154
Delclima 0,508 -0,39 0,526 nr 0,372 0,975 445431 79
Diasorin 22,610 -0,79 22,781 0,460 18,742 24,606 80063 1272
E Edison 0,888 +0,06 0,888 nr 0,813 0,888 9475811 4598
Edison r 0,745 +1,09 0,742 nr 0,712 0,861 52916 82
Enel 2,362 -0,67 2,382 0,160 2,275 3,297 44188113 22400
Enel Green Pw 1,166 +0,17 1,173 0,025 1,054 1,659 11635498 5864
Enervit 2,000 +0,50 1,999 0,035 1,755 1,999 11444 36
Eni 16,490 -1,32 16,646 0,520 15,357 18,635 10859756 66672
Erg 5,445 -0,55 5,453 0,400 4,383 8,821 241914 820
Ergy Capital 0,149 -3,87 0,151 nr 0,151 0,334 90060 14
Ergy Capital 16 warr 0,054 +9,05 0,050 nr 0,049 0,111 4500 0
Eukedos 0,281 -14,62 0,298 nr 0,045 11,080 216160 3
Exor 16,780 -1,24 16,944 0,335 15,538 20,155 218349 2715
Exor priv 14,500 -1,16 14,604 0,387 13,751 16,709 41157 1122
Exor risp 14,100 -1,95 14,195 0,413 12,548 15,736 4712 130
F Ferragamo 15,610 +0,32 15,856 0,280 9,939 18,559 644246 2670
Fiat 4,116 0,00 4,141 0,090 3,329 4,838 17171670 5177
Fiat Industr. 7,165 -1,38 7,202 0,185 6,733 8,671 3988444 8805
Finmeccanica 2,886 -0,96 2,931 0,410 2,679 4,231 6373369 1695
FNM 0,188 -12,53 0,201 nr 0,155 0,299 698104 87
Fondiaria-Sai 4,900 +89,48 5,308 nr 1,223 5,308 563418 19
Fondiaria-Sai rnc 36,380 +62,77 34,538 nr 0,629 34,538 169637 44
Fullsix 1,782 -1,00 1,795 nr 1,712 2,200 5500 20
G Gabetti 13 warr 0,013 -4,29 0,013 nr 0,012 0,067 10756 0
Gabetti Pro.Sol. 0,060 -5,50 0,062 nr 0,042 0,137 1701771 16
Gas Plus 5,370 -4,96 5,439 nr 3,393 6,445 9514 244
Gemina 0,632 -0,24 0,633 nr 0,544 0,664 208973 930
Gemina rnc 0,589 -0,08 0,588 nr 0,558 0,840 152 2
Generali 9,995 0,00 10,070 0,200 8,241 13,493 7214741 15678
Geox 1,770 -0,11 1,781 0,160 1,475 2,775 541240 462
Greenvision 6,540 0,00 6,541 nr 5,524 6,555 3203 38
Gruppo Edit. L'Espresso 0,641 +0,63 0,630 0,063 0,564 1,132 152396 258
H Hera 1,034 -1,99 1,041 0,090 1,002 1,150 291856 1161
I I Grandi Viaggi 0,460 -0,26 0,461 nr 0,460 0,710 10348 21
Il Sole 24 Ore 0,500 +0,32 0,501 nr 0,479 0,820 22104 22
Immsi 0,448 +0,22 0,448 0,030 0,390 0,652 984885 154
Impregilo 3,214 -2,37 3,263 0,090 2,362 3,653 4226307 1313
Impregilo rnc 15,000 -0,66 14,981 0,260 7,136 16,173 750 24
Indesit 2,862 -0,97 2,893 0,230 2,893 4,872 331786 329
Indesit rnc 3,160 +2,93 3,277 0,248 3,002 4,320 631 2
Industria e Inn 1,450 0,00 1,450 nr 1,200 1,800 2007 34
Intek 0,348 -0,88 0,351 0,060 0,328 0,410 294374 46
Intek r 0,675 0,00 0,675 0,060 0,618 0,720 0 4
Interpump 12 warr 0,415 -7,78 0,427 nr 0,409 0,883 4377 0
Intesa Sanpaolo 0,977 -3,08 0,993 0,050 0,975 1,612 173156282 15393
Intesa Sanpaolo rnc 0,805 -1,23 0,809 0,050 0,805 1,353 3174822 755
Invest e Sviluppo 0,034 +3,36 0,032 nr 0,032 0,313 34220 4
Invest&Sviluppo 12 warr 0,001 0,00 0,001 nr 0,001 0,004 100000 0
Iren 0,311 -1,46 0,312 0,013 0,305 0,833 539084 369
Italcementi 3,442 -2,60 3,482 0,120 3,482 5,977 221419 617
Italcementi rnc 1,742 -2,08 1,746 0,186 1,687 2,692 74546 184
Italmobiliare 11,170 +2,57 11,068 nr 10,745 19,604 9395 246
Italmobiliare rnc 6,995 -3,32 7,113 nr 7,113 12,508 22547 116
IVS Group 9,900 0,00 9,900 nr 9,041 10,038 0 373
IVS Group 16 warr 0,495 0,00 0,495 nr 0,400 0,700 0 0
J Juventus FC 0,199 -1,44 0,200 nr 0,149 0,309 2607374 202
K K.R.Energy 0,023 -1,29 0,024 nr 0,018 0,036 539437 74
Kinexia 0,810 +2,53 0,801 0,040 0,786 1,203 8365 17
KME Group 0,300 -0,70 0,299 0,011 0,277 0,350 551123 134
KME Group rnc 0,297 -1,03 0,298 0,072 0,269 0,590 147391 13
L Lazio 0,393 -1,73 0,397 nr 0,333 0,534 57192 27
Lottomatica 15,770 +3,14 15,644 0,710 11,349 15,644 546798 2696
Luxottica 26,980 -0,44 27,178 0,490 21,770 28,318 400864 12766
M M & C 0,179 +4,25 0,177 nr 0,175 0,207 68078 84
Maire Tecnimont 0,566 -0,18 0,572 0,058 0,546 1,081 1833441 184
Marcolin 4,410 0,00 4,416 0,100 3,096 4,801 88648 274
Mediacontech 1,200 0,00 1,200 nr 0,976 1,560 2005 22
Mediaset 1,293 +0,78 1,282 0,100 1,178 2,553 8659352 1515
Mediobanca 2,822 -2,29 2,861 0,170 2,819 5,083 3365184 2463
Mediolanum 2,584 -0,92 2,616 0,040 2,287 3,717 919809 1920
Meridiana Fly 0,733 -2,33 0,731 nr 0,517 3,129 59990 4
Meridiana fly 13 warr 0,040 -6,32 0,038 nr 0,032 0,078 5800 0
Meridie 0,092 -5,07 0,092 nr 0,067 0,124 656783 5
Mid Industry Cap 8,940 0,00 8,940 nr 7,637 10,000 0 34
Milano Ass. 0,287 +4,86 0,286 nr 0,214 0,354 15696232 555
AZIONI
Prezzo
Chiusura
Differ. %
Riferim.Prezzo VWP Divid.
Minimi
Anno
Massimi
Anno
Quantit
trattate Capitalizz.
Milano Ass. rnc 0,252 +0,60 0,255 nr 0,183 0,321 868192 26
Mittel 1,210 -1,71 1,226 0,100 1,097 1,741 2720 108
MolMed 0,398 -3,05 0,402 nr 0,402 0,520 201692 85
Mondadori 0,861 -3,04 0,868 0,170 0,847 1,559 184651 214
Monrif 0,270 -1,46 0,270 nr 0,264 0,334 10049 41
Monte Paschi Si. 0,176 -3,24 0,179 0,025 0,177 0,427 77738269 2093
Montefibre 0,054 -4,90 0,055 nr 0,050 0,135 66694 7
Montefibre rnc 0,161 -1,23 0,159 nr 0,147 0,229 251 4
Moviemax 0,055 -2,15 0,055 nr 0,049 0,250 458161 4
N Noemalife 3,824 0,00 3,772 nr 3,772 4,959 0 16
Novare 1,080 0,00 1,080 nr 1,080 1,090 0 15
O Olidata 0,205 -1,30 0,204 nr 0,200 0,332 27540 7
P Parmalat 1,489 +1,22 1,499 0,100 1,288 1,824 2956418 2635
Parmalat 15 warr 0,492 +6,84 0,496 nr 0,331 0,778 67833 0
Piaggio 1,790 -2,03 1,798 0,082 1,787 2,330 1164726 669
Pierrel 1,015 +1,40 1,026 nr 0,695 1,611 1039 17
Pierrel 12 war 0,028 0,00 0,027 nr 0,020 0,085 0 0
Pininfarina 3,084 -2,10 3,099 nr 3,018 4,545 13693 93
Piquadro 1,470 0,00 1,481 0,100 1,232 1,740 4390 74
Pirelli & C. 7,820 -2,37 7,896 0,270 6,588 9,592 2490030 3756
Pirelli & C. rnc 4,592 -1,29 4,660 0,340 4,283 5,971 5950 57
Poligrafici Editoriale 0,333 +1,90 0,333 0,017 0,270 0,405 4 44
Pop Emilia 01/07 0,00 nr
Pop.Emilia Romagna 3,556 -1,88 3,612 0,030 3,267 6,649 1322413 1202
Pop.Sondrio 4,106 -2,98 4,197 0,090 4,137 6,761 300090 1293
Pramac 0,187 0,00 0,169 nr 0,169 0,842 0 5
Prelios 0,111 -5,85 0,114 nr 0,071 0,185 2977020 96
Premafin Finanziaria 0,200 +11,79 0,202 nr 0,160 0,498 3982609 83
Premuda 0,232 -0,22 0,233 0,030 0,233 0,572 136940 44
Prima Ind. 13 warr 1,500 0,00 1,486 nr 0,840 2,620 0 0
Prysmian 12,490 -1,34 12,646 0,210 9,837 14,171 1195445 2712
R R. Ginori 1735 0,070 0,00 0,068 nr 0,068 0,261 0 3
Ratti 1,790 -2,56 1,794 0,100 1,603 2,234 5370 49
RCF 0,350 +1,10 0,350 0,030 0,338 0,668 160 11
RCS Mediagroup 0,510 -0,58 0,516 nr 0,489 0,846 191253 378
RCS Mediagroup risp 0,372 -0,08 0,365 nr 0,347 0,555 10798 11
RDB 0,054 0,00 0,054 nr 0,054 0,431 0 2
Recordati 5,395 -1,73 5,418 0,300 4,997 6,129 153925 1133
Retelit 0,321 -2,76 0,320 nr 0,300 0,396 19163 51
Retelit 12 warr 0,040 0,00 0,040 nr 0,031 0,100 0 0
Richard Ginori 13 warr 0,006 0,00 0,005 nr 0,005 0,030 0 0
Risanamento 0,093 -4,12 0,095 nr 0,078 0,167 90234 77
Rosss 0,690 0,00 0,690 nr 0,555 0,947 0 8
S Sadi 0,289 +1,94 0,290 0,010 0,266 0,406 2060 27
Safilo Group 4,682 +3,17 4,695 nr 4,134 5,862 666604 290
Saipem 35,830 +0,87 36,044 0,700 29,981 39,511 1414772 15905
Saipemrisp 35,050 +4,47 35,050 0,730 30,000 35,050 50 5
Saras 0,849 -0,99 0,859 nr 0,672 1,233 2552950 817
Sat 7,500 -0,07 7,928 0,160 7,505 9,394 501 78
Save 6,500 +0,93 6,491 0,399 6,110 7,064 10423 359
Screen Service BT 0,144 -4,45 0,151 0,022 0,151 0,470 139363 21
Seat PG 0,029 -2,34 0,030 nr 0,024 0,068 3803461 57
Seat PG r 0,830 -2,35 0,830 nr 0,830 1,360 36 1
SIAS 5,450 -1,09 5,492 0,410 4,364 6,196 170725 1249
Sintesi 1,250 -0,79 1,243 nr 0,941 2,694 5931 1
Snai 0,908 -3,40 0,896 nr 0,896 1,972 100827 104
Snam 3,526 -0,34 3,540 0,140 3,144 3,711 3998814 12641
Sol 4,200 -0,47 4,242 0,100 3,673 4,456 2541 385
Sopaf 0,016 -8,00 0,017 nr 0,017 0,037 1720997 7
Sorin 1,659 +1,34 1,642 nr 1,207 1,713 708969 786
Stefanel 0,185 0,00 0,186 nr 0,166 0,344 119596 16
Stefanel risp 167,500 0,00 167,500 nr 167,500 167,500 0 0
STMicroelectr. 3,798 -1,61 3,838 0,100 3,695 6,352 4952884 3495
T Tamburi 1,420 -1,39 1,428 0,035 1,428 1,579 5200 194
Tamburi 13 warr 0,060 -16,08 0,062 nr 0,060 0,140 5925 0
TAS 0,320 -4,76 0,322 nr 0,313 0,587 21004 13
Telecom IT 0,730 -0,61 0,735 0,043 0,663 0,923 30746634 9859
Telecom IT Media 0,158 +0,45 0,160 nr 0,135 0,192 595840 231
TelecomIT Media rnc 0,248 0,00 0,248 nr 0,165 0,265 0 1
Telecom IT rnc 0,633 +1,20 0,632 0,054 0,543 0,752 14855540 3805
Tenaris 14,730 +0,34 14,899 0,250 12,241 15,879 2549296 17589
Terna 2,808 -0,64 2,823 0,130 2,640 3,031 4663584 5673
Tiscali 0,030 -0,33 0,030 nr 0,030 0,049 4154484 56
Tiscali 14 warr 0,001 0,00 0,001 nr 0,001 0,002 1408359 0
Tod's 71,650 +1,63 71,810 2,500 62,108 87,442 171616 2198
Trevi Fin.Ind. 4,210 +1,49 4,199 0,130 3,215 6,531 266751 295
U UBI Banca 2,214 -2,64 2,249 0,050 2,205 4,016 3931621 2028
Uni Land 0,504 0,00 0,504 nr 0,000 0,504 0 80
Unicredit 2,582 -2,34 2,629 0,030 2,362 4,570 79193927 15213
AZIONI
Prezzo
Chiusura
Differ. %
Riferim.Prezzo VWP Divid.
Minimi
Anno
Massimi
Anno
Quantit
trattate Capitalizz.
Unicredit risp 8,410 -0,12 8,512 0,045 4,672 17,276 3460 21
Unipol 3,100 -13,41 3,232 nr 2,510 6,254 1060961 68
Unipol 13 warr 0,008 -2,50 0,007 nr 0,004 0,020 1391554 0
Unipol pr 1,260 -15,44 1,314 nr 1,146 4,667 1150407 17
Unipol priv 13 warr 0,005 -23,19 0,005 nr 0,004 0,019 2195791 0
V Valsoia 3,420 -1,95 3,418 0,120 3,331 4,040 1440 36
Vianini Industria 1,194 +0,59 1,193 0,020 1,070 1,285 4000 36
Vianini Lavori 2,730 -2,43 2,725 0,100 2,705 3,649 948 119
Z Zucchi 0,069 -2,82 0,071 nr 0,066 0,129 534578 12
Zucchi 14 warr 0,006 +1,82 0,005 nr 0,004 0,012 1253000 0
Zucchi rnc 0,180 0,00 0,180 nr 0,180 0,271 0 1
STAR
Acotel Group 25,500 0,00 25,722 nr 17,132 39,597 1024 107
Aeffe 0,528 -5,71 0,536 nr 0,536 0,740 263971 58
Amplifon 3,110 +0,97 3,090 0,037 3,090 4,171 588141 689
Ascopiave 0,819 -0,73 0,821 0,100 0,800 1,468 25397 192
Astaldi 4,878 +0,33 4,874 0,170 4,288 6,255 112989 480
Banca Ifis 4,682 -0,04 4,624 0,250 3,718 5,133 3507 249
BB Biotech 74,000 +1,23 73,475 nr 50,310 73,556 3087 1085
Bca Finnat 0,258 -1,56 0,259 0,010 0,234 0,309 12461 94
Bca Pop.Etruria e Lazio 0,927 -2,42 0,946 nr 0,858 1,445 45354 73
Biancamano 0,994 -1,63 0,992 0,040 0,833 1,424 8683 34
Biesse 3,176 -1,49 3,162 nr 2,598 3,970 9802 87
Bolzoni 1,300 0,00 1,286 0,040 1,274 1,919 13396 33
Brembo 7,410 -1,40 7,476 0,300 6,729 9,290 78493 499
Buongiorno 1,995 +0,25 1,994 nr 0,986 1,994 393102 216
Cad It 3,620 -4,23 3,718 0,240 2,959 4,445 4040 33
Cairo Comm. 2,750 +0,36 2,748 0,150 2,330 3,651 19802 215
Cembre 5,840 -1,02 5,835 0,160 5,400 6,912 593 99
Cementir Hold 1,400 -0,78 1,397 0,040 1,240 1,895 47834 222
Cent. Latte Torino 1,466 -2,59 1,495 0,020 1,461 1,997 12060 15
Cobra 0,350 -2,78 0,363 nr 0,300 0,692 30101 35
D'Amico 0,369 -0,19 0,371 nr 0,365 0,597 16608 56
Dada 2,340 -0,51 2,319 nr 2,081 2,475 864 38
Damiani 0,942 +1,24 0,940 nr 0,788 1,006 32970 78
Datalogic 6,500 -0,15 6,544 0,150 5,385 7,487 20405 382
Dea Capital 1,287 -1,00 1,293 nr 1,239 1,480 52420 396
Digital Bros 1,176 +0,09 1,192 nr 1,079 1,601 8056 17
Dmail Group 3,572 -8,32 3,739 nr 3,739 14,939 4907 6
EEMS 0,225 -4,54 0,232 nr 0,232 0,768 84013 10
EI Towers 18,490 0,00 18,366 nr 15,510 20,653 8241 519
El.En. 11,000 -1,17 11,254 0,200 9,885 13,265 4474 54
Elica 0,680 +1,42 0,688 0,025 0,640 1,009 122125 44
Emak 0,540 -1,28 0,524 0,025 0,470 0,642 15351 86
Engineering 26,000 0,00 26,138 0,646 20,716 27,858 13584 327
Esprinet 3,052 -1,93 3,094 0,089 1,883 4,375 78555 162
Eurotech 1,159 -1,78 1,163 nr 1,067 1,506 28060 41
Exprivia 0,550 0,00 0,547 0,031 0,493 0,771 21904 28
Falck Renewables 0,872 +0,17 0,871 0,012 0,731 1,018 108251 254
Fidia 2,472 -0,80 2,474 nr 2,354 3,466 608 13
Fiera Milano 3,140 -0,63 3,175 0,200 2,994 4,191 1315 134
Gefran 2,866 -3,63 2,898 0,150 2,638 3,822 7276 42
IGD 0,700 -0,21 0,702 0,080 0,544 0,936 82676 232
Ima 13,430 +0,15 13,388 0,900 12,759 14,308 2155 493
Interpump 5,430 +0,09 5,458 0,120 5,258 6,758 87180 549
Irce 1,637 +0,18 1,592 0,060 1,592 2,000 13432 45
Isagro 2,136 -2,47 2,162 0,100 1,988 2,764 4767 38
IT WAY 1,240 +3,77 1,191 nr 0,938 1,280 2076 9
La Doria 1,700 +0,12 1,704 0,090 1,599 1,850 1790 53
Landi Renzo 1,300 +0,78 1,291 0,055 1,234 2,093 43812 145
MARR 7,300 +2,67 7,198 0,100 6,323 8,486 64879 479
Mondo Tv 0,485 +0,60 0,490 nr 0,451 1,752 73772 13
Mutuionline 2,860 -0,14 2,862 0,120 2,609 3,596 485 113
Nice 2,730 -0,29 2,705 0,077 2,335 2,926 545 314
Panariagroup 0,670 -2,69 0,682 nr 0,665 1,183 17286 31
Poligr. S.Faustino 3,820 +0,05 3,818 nr 3,818 5,042 370 5
Poltrona Frau 0,920 -1,55 0,913 nr 0,859 1,122 5619 128
Prima Industrie 7,790 -1,27 7,936 nr 6,688 10,550 1757 69
R. De Medici 0,124 -3,95 0,126 nr 0,115 0,165 159804 47
Reply 17,600 -0,11 17,623 0,500 15,921 18,056 7382 163
Sabaf S.p.a. 9,650 0,00 9,650 0,600 9,604 14,295 45 111
Saes 7,020 -0,78 6,933 0,400 6,175 8,531 858 102
Saes rnc 4,828 -2,31 4,864 0,667 3,845 5,852 6675 36
Servizi Italia 2,400 -4,00 2,404 0,110 2,299 3,798 176600 39
Sogefi 1,910 +0,32 1,916 0,130 1,745 2,487 57839 224
TerniEnergia 2,100 -0,85 2,068 0,190 2,012 2,694 27968 58
Tesmec 0,340 -0,21 0,339 0,030 0,300 0,465 11390 36
TXT e-solution 4,988 +1,18 4,959 nr 3,961 5,674 6459 27
Vittoria Ass. 4,220 +0,72 4,214 0,170 2,978 4,951 650 284
Yoox 11,360 +1,88 11,252 nr 7,341 12,421 101306 637
Zignago Vetro 4,810 +0,42 4,814 0,310 4,013 4,887 10326 424
INDICEBORSA
VALORI DI MILANO 17-07-2012 VAR.%
FTSE MIB 13536,73 -0,94
FTSE Italia All Share 14675,96 -0,19
FTSE Italia Mid Cap 17564,81 +7,92
FTSE Italia MIB Storico 11668,69 +0,77
FTSE Italia Stars 10041,98 +0,32
FTSE Italia Small Cap 13527,42 -0,91
D.J.Eurostoxx 50 2250,75 -0,05
EURIBOR
PER. TA.360 TA.365
1 sett 0,1180 0,1196
1 mese 0,1830 0,1855
2 mesi 0,2960 0,3001
3 mesi 0,4700 0,4765
4 mesi 0,5660 0,5738
5 mesi 0,6570 0,6661
6 mesi 0,7540 0,7644
PER. TA.360 TA.365
7 mesi 0,8070 0,8182
8 mesi 0,8580 0,8699
9 mesi 0,9050 0,9175
10 mesi 0,9530 0,9662
11 mesi 0,9950 1,0088
12 mesi 1,0360 1,0503
QUOTAZIONI BOT
SCADENZA GIORNI PREZZO TASSO %
15/08/12 27 99,959 0,000
14/09/12 57 99,907 0,090
15/10/12 88 99,848 0,190
15/11/12 119 99,689 0,230
14/12/12 148 99,546 0,410
14/01/13 179 99,278 1,140
27/12/12 161 99,480 0,910
14/02/13 210 99,024 1,430
20/12/12 154 99,598 0,790
14/03/13 238 98,708 1,830
12/04/13 267 98,421 1,830
14/05/13 299 98,142 2,010
14/06/13 330 97,822 1,960
12/07/13 358 97,442 2,330
BORSEESTERE
MERCATI QUOTAZ. VAR.%
Amsterdam(Aex) 315.30 -0.22
Bruxelles (Bel 20) 2229.85 +0.16
Francoforte (Dax Xetra) 6577.64 +0.18
Hong Kong (Hang Seng) 19455.33 +1.75
Londra (Ftse 100) 5629.09 -0.59
Madrid (Ibex 35) 6558.20 +0.40
Parigi (Cac 40) 3176.97 -0.09
Sydney (AllOrd) 4175.31 +0.78
Tokio (Nikkei) 8755.00 +0.35
Zurigo (Smi) 6202.34 +0.11
New York (DowJones) 12804.26 +0.60
Nasdaq 2910.04 +0.45
FUTURESSUFTSEMIB
SCADENZA APERT. CHIUS. MIN. MAS.
Set12 13700 13542 13495 13830
Dic12 - 13445 13415 13700
Mar13 - 13429 - -
Giu13 - 13149 - -
MONETEAUREE
VALUTA EURO
Sterlina (v.c) 294,530 - 334,570
Sterlina (n.c) 307,810 - 348,090
Sterlina (post.74) 307,810 - 348,090
Marengo Italiano 227,960 - 252,540
Marengo Svizzero 226,260 - 251,190
Marengo Francese 226,260 - 251,090
Marengo Belga 226,260 - 251,090
Marengo Austriaco 224,710 - 251,090
20 Marchi 284,620 - 320,210
10 Dollari liberty 603,520 - 670,880
CAMBI VALUTE
MERCATI QUOT. X EURO %
Dollaro Usa 1,2281 1 0,8143 -0,85
Yen giapponese 97,1400 100 1,0294 -0,92
Sterlina inglese 0,7862 1 1,2720 -0,22
Franco Svizzero 1,2010 1 0,8326 0,00
Corona ceca 25,340 100 3,946 0,19
Corona danese 7,442 10 1,344 -0,03
Corona islandese 100
Corona norvegese 7,475 10 1,338 -0,30
Corona svedese 8,605 10 1,162 0,16
Dollaro australiano 1,194 1 0,837 -0,06
Dollaro canadese 1,246 1 0,802 -0,77
Dollaro Hong Kong 9,525 1 0,105 -0,84
Dollaro neozelandese 1,539 1 0,650 -0,36
Dollaro Singapore 1,550 1 0,645 -0,45
Fiorino ungherese 286,810 100 0,349 0,47
Lat lettone 0,696 1 1,436 -0,01
Leu rumeno 5 10000 2189,477 -0,05
Lev bulgaro 1,956 1 0,511 0,00
Lira cipriota 1
Lira maltese 1
Lira turca 2,225 1 0,449 -0,62
OROCHIUSURE
(Prezzi vendita in$per oncia). Unoncia Troy=gr.31,1035
SCADENZA 17-07-2012 16-07-2012 EURO
Londra 1585,25 1589,75 1290,8150
Milano (Euro/gr.) 42,0602 42,1960 -
Argento (Euro/Kg.) 752,3899 748,7401 -
RENDIMENTI ESTERI
TITOLI PUBBLICI REND.
USA 10 anni 1,980%
CAN 10 anni 2,060%
UK 10 anni 2,140%
GER 10 anni 1,940%
FRA 10 anni 2,940%
TITOLI PUBBLICI REND.
ESP 10 anni 5,320%
HOL 10 anni 2,260%
SVE 10 anni 1,870%
GIA 10 anni 0,980%
OBBLIGAZIONI 17-07-2012
TITOLI PREZZO
B IMI dc15 Tv Eur 89.77
B IMI nov14 Top10 BP II 105.25
B Intesa 04/14 97.12
B Pop lg17 Mc Eur 104.75
Barclays lug19 Fixed Ra 116.25
Barclays ott19 MC eur 98.08
Barclays dic15 eur 4.4% 106.69
Barclays gen25 Eur 15Y 118.13
Barclays gen25 MT eur 97.52
Barclays gn25 MC Eur 6% 105.00
Barclays ST13 It Inf 103.02
Bei 96/16 Zc 94.48
Bei/20 EIBE CMS 100.00
Bei/20 EIBFB 94.74
Bers/20 St Bonds 101.20
Comit 98/28 Zc 38.15
Cr.Suisse ago15 MC eur 107.79
Cr.Suisse giu16 floating 101.30
Dexia Cr/15 ST Gen05 70.00
Enel 07/15 Eu 5.25% 104.88
Enel 07/15 Ind 94.16
Enel 10/16 TV Eur 91.12
Enel Feb16 Eur 3.5 99.29
Enel feb18 TF 4.439% Eur 97.15
Enel feb18 TF 4.875% Eur 100.00
Eni giu 15 4% Eur 105.35
Eni giu 15 Eurib 6m+0.89 98.01
Eni ott 17 4.875 106.27
Eni ott 17 Tv Eur 101.49
Goldman S-13 Rel BP 97.15
IBRD/25 87.33
IMI fb15 Bposta MC Eur 100.05
IMI MZ15 MC eur 90.92
Med Lom /19 3 Rfc 89.78
TITOLI PREZZO
Medio dic17 Zc Eur 75.90
Medio giu21 TV 4to Atto 87.39
Medio mag20 Eur 4.5 93.57
Medio nov 14 Eur 2.65 95.95
Medio Nv 20 Eur 5 92.86
Medio Nv14 Eur 3 96.54
Medio Nv14 TV Eur 92.19
Medio/12 Inf.Link 102.25
Medio/14 Rend TP 98.88
Medio/15 MC Eur 100.75
Medio/15 Plus BP II 100.85
Mediocr C/13 Tf 98.17
Merrill 12 BP5 Rel 3 95.51
Morgan LG13 En Alt 131.15
Morgan ST13 Rel BP 97.17
MPaschi/13 98.28
Mps nov17 Stepbystep 5% 102.48
Rbs 01-15 MC 99.73
Rbs 01-20 tv Eurib. 104.19
Rbs 01-20 tv infl. 89.61
Rbs 01-20 tv sicur. 89.97
Rbs 04-19 5.5% 100.92
Rbs 07-14 MC 99.96
Rbs 09-14 4% 100.02
Rbs 09-14 tv 97.04
Rbs 09-16 4.3% 99.20
Rbs 10-19 6% 79.63
Rbs 11-14 MC 100.07
RBS 23MZ18 Mc Eur 105.33
RBS GN20 Mc Eur 89.38
Rbs LG25 Rf Eur 92.96
Rep Aus/22 FBL 93.84
Rep Aus/CMS SFN 93.05
Rep Aus/CMS SL 86.33
TITOLI PREZZO
Soc Gen AG15 TV Eur 95.63
Soc.Gen. mar16 Mc Eur 100.06
UBI ago12 TF Welcome Edi 100.10
UBI feb17 Lower TierII T 90.83
UBI giu14 TF 5 Eur 101.01
UBI giu14 TF eur 4.5% 100.26
UBI gn18 Eur 5.4 97.91
UBI lug14 Tasso Misto 92.56
UBI St12 Eur 2.15 99.80
UniCr mag 13 BP Reload3 97.26
UniCr mar 13 BP Reload3 97.49
UniCr/15 LT 95.02
TITOLI DI STATO
BoT 12-31/07/12 A 99.99
11-15/08/12 A 99.96
12-15/08/12 T 99.98
12-31/08/12 S 99.94
11-14/09/12 A 99.91
12-28/09/12 S 99.91
11-15/10/12 A 99.85
12-31/10/12 S 99.78
11-15/11/12 A 99.69
12-30/11/12 S 99.66
11-14/12/12 A 99.55
12-20/12/12 A 99.60
12-27/12/12 A 99.48
12-31/12/12 S 99.42
12-14/01/13 A 99.28
12-14/02/13 A 99.02
11-14/03/13 A 98.71
12-12/04/13 A 98.42
12-14/05/13 A 98.14
12-14/06/13 A 97.82
12-12/07/13 A 97.44
Mercati
Fondi su LaStampa.it
fondi di investimento sono on line su LaStampa.it
Per consultarli l'indirizzo www.Iastampa.it/fondi
LEGENDA
AZIONI: il prezzo ufficiale rappresenta il prezzo medio dellintera quanti-
t di titoli trattata nella seduta. Il prezzo di riferimento costituito dal
prezzo medio dellultimo 10% di titoli trattati. La capitalizzazione
espressa in milioni di Euro. EURO 50: selezione dei 50 titoli pi significati-
vi quotati in Europa. Prezzo con variazione percentuale sul precedente.
OPZIONI:call il prezzo di chi acquista; put quello di chi vende. Sono
indicati: il mese di scadenza dellopzione; la base del prezzo del titolo; il
prezzo, cio il premio da pagare; il volume dei pezzi negoziati; linteresse
aperto, riferimento per i future. EURIBOR: il tasso interbancario comu-
ne delle piazze finanziarie dellarea euro: lettera il prezzo di chi vende;
denaro quello di chi acquista.
LUIGI
GRASSIA
il punto
Chiusura negativa per la Borsa di Milano, con lindice Ftse
Mib in calo dello 0,94% e lAll Share a -0,19%. Forti ribassi
per i titoli del comparto bancario: scendono Unicredit
(-2,34%), Intesa Sanpaolo (-3,08%), Mps (-3,24%) e Bpm
(-3,92%). Nel risparmio gestito, Azimut lima lo 0,26% e Me-
diolanumcede lo 0,92%; invariata Generali.
Flessioni nel comparto industriale per Pirelli (-2,34%) e
Fiat Industrial (-1,38%), mentre chiudono invariata Fiat e
positiva Ansaldo (+1,64%). Gi Impregilo (-2,37%) nel giorno
della vittoria di Salini su Gavio in assemblea. Contrastati gli
energetici, con Enel -0,67%ed Eni -1,32%ma Saipem+0,87%
ed Enel green power +0,17%.
In evidenza Lottomatica (+3,13%) che ha firmato un ac-
cordo in Argentina; tra i titoli positivi anche Ferragamo
(+0,32%) e Tods (+1,63%). Bene Mediaset (+0,78%), gi Tele-
com (-0,61%). Fuori dal Ftse Mib, Unipol -13,41%, Fonsai
+89,48%, Premafin +11,79%e Milano assicurazioni +4,86%.
BPM GUIDA IL CALO DELLE BANCHE
LOTTOMATICA CONTROCORRENTE
Fondiaria Sai +89,48%
Mer Ven Lun Mar Gio Mer Ven Lun Mar Gio
4,9
Alcatel-Lucent -19,37%
0,9135
IL MIGLIORE IL PEGGIORE
VWP il Prezzo calcolato sui dati dellintera seduta di negoziazione, comprese le fasi dasta
28
.
LettereeCommenti
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
Le5notiziepilettedellasettimana
Leditoriale
dei
lettori
LETTERE AL DIRETTORE
MARIO
CALABRESI
G
entile Direttore, ho letto con interesse che
cosa pensano di noi i corrispondenti stra-
nieri che avete ospitato nella sede della
Stampa. Al di l dei complimenti che quasi ognu-
no di loro ci fa - e che in un momento come questo
fanno anche piacere - mi ha stupito come in molti
rilevino la nostra mentalit individualistica e
anarchica e la deliziosa assenza delle regole e
dellordine.
Ma le parole che pi mi hanno rattristato sono
quelle che ha riportato la giornalista della Neue
Zuercher Zeitung: Ci si chiedeva perch mai gli
italiani, cos fieri e orgogliosi, hanno accettato i
continui soprusi e le prese in giro da parte dei
politici di turno senza ribellarsi, alle urne o per
strada.
Ecco, Direttore, lei che cosa ha risposto (o ri-
sponderebbe), alla collega svizzera?
M.G.
AvereospitatoallaStampauncos nutritogruppodi corrisponden-
ti di giornali e televisioni straniere mi ha aiutato a capire qual la
percezione che di noi italiani si ha oggi nel restodel mondo. Se do-
vessi sintetizzare tutto in una parola non c dubbio che sarebbe:
paura, operlomenoapprensione.
Untempogli inviati stranieri amavanodescriverelecosepipiace-
voli dellItalia oscherzare sui nostri difetti, oggi invece li hotrovati
molto pi critici e severi. Penso che questo sia conseguenza di un
mondoglobalizzatoe della moneta unica, dove gli errori di unsin-
goloPaesecreanoundannoancheagli altri.
La prima reazione di fronte ai richiami e alle critiche che vengono
dafuori, cos comedavanti ai giudizi emessi dalleagenziedi rating,
sembraesseredi fastidioedi stizza, mafaremmobeneafarei conti
congli sguardi esterni eainterrogarci suquantoabbianoragionee
sucomepossiamoimparareaessereaffidabili ecredibili.
www.lastampa.it/lettere
Ci fa bene fare i conti
con gli sguardi dallesterno
REDAZIONE
AMMINISTRAZIONE TIPOGRAFIA10126 Torino, via Marenco 32, tel. 011.6568111, fax
011.655306; Roma, via Barberini 50, tel. 06.47661, fax 06.486039/06.484885; Milano, via Paleocapa
7, tel. 02.762181, fax 02.780049. Internet: www.lastampa.it.
ABBONAMENTI 10121 Torino, via Monte di Piet 2, tel 011.56381, fax 011.5627958. Italia 6 numeri
(c.c.p. 950105) consegna dec. posta anno e290; Estero: e746. Arretrati: un numero costa il doppio
dellattuale prezzo di testata. Usa La Stampa (Usps 684-930) published daily in Turin Italy, $ Usa 745
yearly. Periodicals postage paid at L.I.C. NewYork and address mailing offices. Send address changes to La
Stampa c/o speedimpex Usa inc.- 3502 48th avenue - L.I.C. NY 11101-2421.
SERVIZIOABBONATI Abbonamento postale annuale 6 giorni: e290. Per sottoscrivere labbonamento
inoltrare la richiesta tramite Fax al numero 011 5627958; tramite Posta indirizzando a: La Stampa, via Monte
di Piet 2, 10121 Torino; per telefono: 011.56381; indicando: Cognome, Nome, Indirizzo, Cap, Telefono.
Forme di pagamento: c. c. postale 950105; bonifico bancario sul conto n. 12601 Istituto Bancario S. Paolo;
Carta di Credito telefonando al numero 011-56.381 oppure collegandosi al sito www.lastampashop.it;
presso gli sportelli del Salone La Stampa, via Monte di Piet 2, Torino.
INFORMAZIONI Servizio Abbonati tel. 011 56381; fax 011 5627958. E-mail abbonamenti@lastampa.it
CONCESSIONARIAPER LAPUBBLICITA PUBLIKOMPASS SPA. Direzione: Milano 20146 via Winckelmann
1, tel. 02 24424.611, fax 02 24424.490. Torino 10126 via Marenco 32, tel. 011 6665.211, fax 011 6665.300.
Bari via Amendola 166/5, tel. 080 5485111. Bologna via Parmeggiani 8, tel. 051 6494626. Albignasego
(Padova) via Strada Battaglia 71/B, tel. 049 8734711. Catania corso Sicilia 37/43, tel. 095 7306311. Firenze
via Turchia 9, tel. 055 6821553. Palermo via Lincoln 19, tel. 091 6235100. Roma via C. Beccaria 16, tel. 06
69548111, fax 06 69548245. Napoli via dellIncoronata 20/27, tel. 081 4201411. Messina via Uberto Bonino
15/c, tel. 090 6508411.
DISTRIBUZIONE ITALIATO-DIS S.r.l. via Marenco 32, 10126 Torino. Telefono 011 670161, fax 011
6701680.
EditriceLaStampa
Monti/1 Lavorare
senza esternare
1Apprezzo il prof Monti
che per servizio stato
buttato dal Presidente
Napolitano a districare nodi
difficili, sedare risse tra
partiti, sindacati,
confindustria, associazioni,
corporazioni ecc., tutti uniti a
rivendicare per il bene del
Paese una fetta di potere e
quattrini: bene !
Ha fatto parecchio per
cercare di mettere ordine
nello Stato e con le difficolt
sempre crescenti: mi auguro
vada avanti. Per trovo poco
eleganti, inutili e dannose le
continue (troppe?)
esternazioni con punte
polemiche sui suoi
predecessori per scusarsi dei
provvedimenti che deve o
vuole prendere. Poi, se posso,
faccia tacere i suoi ministri
che sono personcine per bene
e anche competenti ma si
lanciano in interviste e
passate televisive discutibili,
facendo errori: dal numero
degli esodati alle pensate
stravaganti di abbattere una
parte delle ferie, ad altre
amenit.
Fare dei paragoni difficile
ma segua DeGaulle che
gridava ogni giorno
enfaticamente viva la Francia
ma tagliava con laccetta i
problemacci che aveva e ai
suoi ministri e generali aveva
chiesto silenzio: lora grave,
viva lItalia e lavoriamo!
GIULIANAPONS
Monti/2 I compiti
tocca a noi farli
1Se i mercati
scommettono sul super-euro
dei paesi nordici, sar
opportuno che nel nostro
paese si completi il
programma in atto per una
economia sostenibile del
Presidente Monti, che di
recente ha avuto dallalta
finanza USAil sostegno e il
rispetto dovuto alla sua
professionalit. Ora bisogner
eseguire i compiti che il
prof. ha in agenda per passare
lesame.
RENATOINVERNIZZI
Anche la sinistra
contro i magistrati
1Un po di soddisfazione
anche per noi disgraziati di
destra. Questi scazzi ad
altissimo livello fra Napolitano,
Ingroia, la Corte Costituzionale,
Mancino, ci rendono felici,
perch ci fanno capire che
anche il tentativo di attribuire a
Berlusconi la trattativa Stato-
mafia era un teorema basato
sul nulla, come tanti altri
inventati a danni di politici del
centro-destra.
GABRIELLAMORIONDO
Lesempio
della Minetti
1Come pu la Minetti
chiedere in cambio delle sue
dimissioni un altro posto fisso
con stipendio da Consigliere
Regionale... Che razza di
esempio di fronte agli italiani?
Si dimostrerebbe ancora una
volta che la casta non ci rimette
mai, anche quando colpevole
di azioni, diciamo, di cattivo
gusto. Ma che cosa crede
Minetti? Che gli italiani siano
tutti dei cretini? Forse s...
ALESSANDROFELTRIN
Lavorare lultimo
sabato del mese
1Vorrei proporre, invece
della soppressione di alcune
festivit civili o religiose, la
possibilit di lavorare un sabato
al mese.
Con 4 ore di lavoro si
recuperano 6 giorni da
eliminare. Con il sabato intero
se ne recuperano 12. Consiglio
anche lultimo sabato del mese
perch quello con meno
disponibilit finanziarie.
E utopia?
RICCARDOJACOB
Edulcoranti
linguistici
1Strappa un amaro sorriso
ledulcorante linguistico
utilizzato per definire il
tentativo di rimettere in sesto
la cleptocrazia cui stata
ridotta lItalia. Spending review
significa letteralmente
revisione della spesa, ma
perch non utilizzare il pi
prosaico tagli? Il termine
straniero considerato
elegante, al contrario del
corrispondente italiano, poco
professionale: ma la sobriet
del tecnicismo e la durezza
degli effetti in cui esso si
traduce si concretizzano nel
velare la realt delle aride cifre
e con una riedizione del
latinorumdi manzoniana
memoria si intende far digerire
meglio manovre consistenti in
sensibili riduzioni di spesa a
scapito della qualit dei servizi.
E sempre pi raro il ricorso
a parole semplici e la sobriet
tecnica, ingentilita da termini
stranieri, si sta tramutando in
una nuova forma di violenza,
sottile, raffinata ed insidiosa.
MAUROLUGLIO
Quella capanna
sul Monte Bianco
1In merito agli ultimi
accadimenti sulla via normale
francese al Monte Bianco (la
coppia morta assiderata sul
Dome di Gouter) vorrei solo far
notare una cosa: la capanna
Vallot sita a 4362 metri
praticamente solo una scatola
di latta che pu dare
momentaneo rifugio in caso di
maltempo. Dato che non
gestita quasi sempre in
pessime condizioni - piena di
pattume fredda. Viene
utilizzata proprio solo se si
disperati! Questa situazione
semplicemente vergognosa. Se
questo rifugio fosse gestito
queste situazioni di pericolo
potrebbero essere affrontate
assai meglio.
MAURIZIOGARBOLINO
CAI UGETCIRIE (TO)
IL BELLO
DEI NUMERI
Riflessioni post esame per accedere ai Tirocini
per docenti di matematica. Non ne contesto la durezza,
ma lo spirito secchione anzich critico-analitico
H
o ventisei anni e una laurea in matemati-
ca; insegno. Come migliaia di miei colle-
ghi e aspiranti tali, ho sostenuto la prima
prova dellesame daccesso ai Tirocini
Formativi Attivi, il nuovo percorso di
formazione docenti congegnato dal Ministero a cin-
que anni dalla chiusura della precedente forma, le
Ssis . Sessanta domande a risposta chiusa in tre ore,
sullintero programma di matematica delle scuole su-
periori; molti pi candidati delle passate edizioni; so-
glia di sufficienza al 70%: sapevamo tutti che si sareb-
be trattato di un test duro.
La profonda amarezza con cui ieri ho lasciato lau-
la della Statale di Milano, per, non stata frutto del-
la difficolt dellesame. Piuttosto, della sua pesantez-
za e ottusit. Calcoli, calcoli, calcoli. E poi formule,
procedimenti, perfino date. A chi non del mestiere
sembrer normale: che altro sarebbe la matematica?
Certo, la matematica fatta anche di formule e conti.
Ma prima di tutto formazione al pensiero razionale,
critico e analitico: uno strumento di sopravvivenza
fondamentale in un mondo sempre pi complesso e
dominato dalla scienza, dai dati, dalle interrelazioni.
Alzare il livello degli insegnanti - e di conseguen-
za quello dei loro studenti - non allora pretendere
pi calcoli in minor tempo, ma chieder loro di ragio-
nare, indagare la profondit della loro comprensione.
Le prove dammissione di qualche anno fa sembrava-
no riflettere questo punto di vista. Si sarebbe potuto
partire da l, con un approccio alla materia diverso da
quello che oggi fa dire a molti, con un certo orgoglio,
io di matematica non ho mai capito niente.
Invece si scelta unaltra strada. Chi ha redatto il
test e chi lo ha approvato si augurano, forse, che i fu-
turi insegnanti diventino ci che non vorrebbero fos-
sero i loro alunni: studenti secchioni, che imparano a
memoria solo per compiacere chi li valuter.
26 anni, insegnante
MARCO SGRIGNOLI
c.
contatti
LE LETTERE VANNOINVIATE A
LASTAMPAVIAMARENCO32,
10126 TORINO
E-MAIL: LETTERE@LASTAMPA.IT
FAX: 011 6568924
1
20% Lannuncio del ritorno
in campo di Silvio
Berlusconi
2
18% La persistente crisi
delle Borse
e delleconomia
3
15% Arrestato a Milano
un maniaco che stupr
undici donne
4
13% 54 immigrati muoiono
in mare fuggendo
dalle coste libiche
5
10% Sul Monte Bianco
una valanga uccide
nove alpinisti
Sondaggio Istituto Piepoli
LASTAMPA
Quotidiano fondato nel 1867
2
DIRETTORE RESPONSABILE
MARIO CALABRESI
VICEDIRETTORI
MASSIMO GRAMELLINI, FRANCESCO MANACORDA (RESPONSABILE MILANO),
CESARE MARTINETTI, LUCA UBALDESCHI
REDATTORI CAPO CENTRALI
FLAVIO CORAZZA, MARCO BARDAZZI (DIGITAL EDITOR)
LAURA CARASSAI
(RESPONSABILE EDIZIONI PIEMONTE E VALLE DAOSTA)
DARIO CORRADINO (WEB EDITOR), ANNA MASERA (SOCIAL MEDIA EDITOR)
CAPO DELLA REDAZIONE ROMANA
PAOLO BARONI
RESPONSABILE EDIZIONI LIGURIA
ALESSANDRO CHIARAMONTI
ART DIRECTOR CYNTHIA SGARALLINO
REDAZIONI
GIAMPIERO PAVIOLO ITALIA, FRANCESCA SFORZA ESTERI,
MARCO SODANO, GIANLUCA PAOLUCCI ECONOMIA E FINANZA,
RAFFAELLA SILIPO SPETTACOLI, GUIDO BOFFO SPORT,
GUIDO TIBERGA CRONACA DI TORINO
2
EDITRICE LASTAMPASPA
PRESIDENTE JOHN ELKANN
AMMINISTRATORI
LUCA CORDERO DI MONTEZEMOLO, JAS GAWRONSKI, ANTONIO MARIA MAROCCO,
LODOVICO PASSERIN DENTRVES, GIOVANNA RECCHI, LUIGI VANETTI
DIRETTORE GENERALE LUIGI VANETTI
RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO DEI DATI (D. LGS.196/2003):
MARIO CALABRESI
2
REDAZIONE AMMINISTRAZIONE E TIPOGRAFIA: VIA MARENCO 32 - 10126 TORINO, TEL. 011.6568111
STAMPAINFACSIMILE:
LA STAMPA, VIA GIORDANO BRUNO 84, TORINO
LITOSUD SRL, VIA CARLO PESENTI 130, ROMA
ETIS 2000, 8A STRADA, CATANIA, ZONA INDUSTRIALE
RCS MEDIAGROUP S.P.A., VIA ROSA LUXEMBURG 2 PESSANO CON BORNAGO
LUNIONE EDITORIALE SPA, VIA OMODEO, ELMAS (CAGLIARI)
2012 EDITRICE LA STAMPA S.P.A.
REG. TRIB. DI TORINO N. 26 14/5/1948 CERTIFICATO ADS 7201 DEL 14/12/2011.
LA TIRATURA DI MARTED 17 LUGLIO 2012 STATA DI 402.248 COPIE
TM
7,90 IN PI 9,90 IN PI 9,90 IN PI
Dal 19 luglio
9,90 IN PI
ITINERARI IMPERDIBILI
IN MOUNTAIN-BIKE
Dalla val di Susa
alle Alpi del mare
CASTELLI E CASEFORTI
DELLA VALLE DAOSTA
ESCURSIONI AI SANTUARI
DI PIEMONTE
E VALLE DAOSTA
IN EDICOLA
AL NUMERO 011.22.72.118
E SU WWW.LASTAMPA.IT/SHOP
SCRITTORI TRADOTTI DA SCRITTORI
2 uscita:
LO STRANO CASO
DEL DR. JEKYLL E DEL SIG. HYDE
Robert Louis Stevenson
nella traduzione di Fruttero&Lucentini
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
LettereeCommenti
.
29
UNAREGIONE
BANCOMAT
PER I POLITICI
Illustrazione di Irene Bedino
R
ischiamo di diventare la
Grecia dItalia ha denun-
ciato tre giorni fa il presi-
dente della Confindustria
regionale, Ivan Lo Bello.
Mentre la Corte dei Conti nella sua ul-
tima relazione puntava il dito contro
laumento delle spese, salite ancora
dell1,5%nel 2011 a quota 19,56 miliardi
mentre le entrate scendevano del 13%
a quota 15,7.
Com possibile tutto questo? Spese
pazze, assunzioni senza logica e senza
controllo (4590solo nel 2011, quando la
crisi era pi che conclamata), sprechi
a non finire. A cominciare dalle inden-
nit che si sono assegnati i politici: il
presidente Lombardo guadagna la
bellezza di 15.600 euro al mese (10.290
come consigliere, pi 5290 di indenni-
t di carica), in pratica seimila euro in
pidel lombardo Formigoni che gover-
na una regione col doppio della popola-
zione siciliana, ben il doppio dei colle-
ghi di Piemonte e Sardegna.
Per i 90 consiglieri dellAssemblea
regionale lo stipendio raggiunge i 9257
euro netti al mese. Nemmeno gli im-
piegati se la passano male: uno steno-
grafo di palazzo dOrlans pu infatti
arrivare a guadagnare 6295 euro al
mese, per nondire del segretario gene-
rale dellAssemblea che viaggia oltre i
13 mila e del segretario generale ag-
giunto che di euro ne guadagna circa 11
mila al mese.
Singolare il caso della Commis-
sione per la qualit della legislazione
che lavorando appena dieci minuti al
mese dal 2008 ad oggi ha assicurato
ai nove deputati che ne fanno parte
circa 250 mila euro di indennit ag-
giuntive (3 mila euro al mese solo per
il presidente).
E poi ci sono i benefit: indennit e
diarie ricchissime, auto blu (117 la Re-
gione e 17 lAssemblea regionale in
gran parte di grossa cilindrata) e tele-
fonini a gog. Unvero e proprio Bengo-
di che non finisce di crescere: ancora
ad aprile la Regione Sicilia ha infatti
assunto altri 157 autisti, 55 nuovi sorve-
glianti di musei e circa 30 camminato-
ri. Ovvero commessi di piano destinati
a spostare da un ufficio allaltro le prati-
che degli assessori.
E cos lorganico della Regione, che a
fine 2011 raggiungeva le 20.288 unit (28
mila se si considerano le societ control-
late) continua a lievitare. Anche coi diri-
genti non si scherza: sono 1835 (ben 192
a disposizione di Lombardo), in pratica
uno ogni 8,4 dipendenti.
Il pi grande carrozzone dItalia in
realt un convoglio infinto di enti e so-
ciet, una trentina quelle controllate di-
rettamente dalla Regione, compreso il
Maac, il consorzio che da 28 anni (ven-
totto!) cerca di costruire
il mercato agroalimenta-
re di Catania, e ovviamente
fino ad ora non ci riuscito
ma ha gi bruciato 28 milioni di
euro. E ancora: Sicilia Patrimo-
nio Immobiliare ha un presidente
che guadagna pi di 105 mila euro
allanno: stata costituita nel
2006 per vendere palazzi di-
smessi della Regione ma in sei
anni non ha effettuato alcuna
operazione.
Anche la sanit non da meno.
In questo campo non solo la spesa
continua a salire al punto di fare con-
quistare alla Sicilia il primo posto per
prestazioni sanitarie inappropriate e
inadeguate e le prime posizioni per i co-
sti della farmaceutica e dei servizi sani-
tari. Ma anche qui la giostra delle as-
sunzioni la fa da padrona. Emblematico
il caso del 118: per gestire 256 ambulan-
ze negli ultimi anni sono stati infatti as-
sunti 3360 autisti, il doppio dei dipen-
denti del 118 di tutte le altre regioni
dItalia. Un po come successo per i
forestali: in Sicilia sono circa 30 mila,
dieci volte di pi di quelli della Lombar-
dia e molta ma molta meno montagna
da controllare.
Dietro lo schermo dellautonomia in
questi anni la Sicilia ha, insomma, potu-
to fare quello che voleva: ora non pi
possibile, perch giunti a questo punto
ne va della stabilit dei conti dellintero
Paese. Occorre fare il punto ed affronta-
re ahinoi anche questaltra emergenza.
Twitter @paoloxbaroni
N
ellUnione Europea il 60%
degli studenti universitari
composto da donne. Tut-
tavia loccupazione infe-
riore tra le donne rispetto
a quanto invece accade per gli uomini.
Solo un dirigente di azienda su dieci
donna; solo il 24% dei parlamentari
costituito da donne. Nei Paesi pi ric-
chi della terra il salario maschile del
18% superiore a quello femminile, no-
nostante la forza lavoro femminile sia
pi qualificata di quella maschile.
LEuropa spreca il cervello delle don-
ne. noto ormai il diffuso allarme con-
tro la fuga dei cervelli che si sta verifi-
cando in Europa, il cosiddetto brain
drain. Ma direi che oggi ancor pi
grande e problematico il brain in
vain, cio il fenomeno per cui molte
donne raggiungono un livello distru-
zione superiore senza che se ne sfrut-
tino poi le competenze. Se lEuropa
vorr risolvere la scottante crisi del
debito e la crescente competizione sul
mercato mondiale, una maggiore pari-
t assolutamente necessaria.
Una risposta risolutiva dellEuropa
alle sfide economiche e demografiche
non pu prescindere da un maggiore
impiego delle donne sul mercato del
lavoro. NellUnione Europea attivo
sul mercato del lavoro in media il 76%
degli uomini, contro solo il 62% delle
donne. I risultati di una ricerca con-
dotta presso lUniversit di Ume mo-
strano che il Pil di tutti Paesi del-
lUnione Europea messi insieme
avrebbe un potenziale di crescita del
27%se le donne lavorassero nella stes-
sa misura degli uomini.
Innanzitutto le donne devono essere
parte del mercato del lavoro per se stes-
se. Il fine della parit accrescere la li-
bert individuale. E in questi tempi di
crisi sarebbe profondamente sbagliato
prescindere dal fatto che le donne sono
forse la pi grande risorsa, ancora poco
utilizzata, che lEuropa possiede.
Lultimo Global Gender Gap Re-
port del World Economic Forum
(Wef) mostra una relazione palese-
mente positiva tra la parit tra i sessi,
da un lato, e la competitivit, dallaltro,
accompagnata da crescita economica
del Pil pro capite e sviluppo sociale. La
diminuzione del divario tra i sessi
dunque legata a uneconomia pi forte,
allaumento del benessere e a migliori
condizioni di vita. Misure per evitare il
brain in vain sono state messe in at-
to dal Consiglio Europeo, ad esempio
nel giugno 2010, quando, su iniziativa
della Svezia, ha deciso che il numero
degli occupati non doveva essere infe-
riore al 75% delloccupazione sia per
gli uomini che per le donne.
inaccettabile che ancora nel 2012
molte donne siano costrette a scegliere
trafamigliaecarriera. LaSveziahafatto
grandi progressi per quanto concerne la
questione della parit, sebbene riman-
gano ancora molte sfide da affrontare.
Per il bene dellEuropa il femminismo
svedese dovrebbe essere esportato.
Qui in Svezia, abbiamo cinque pro-
poste per incrementare e rafforzare la
parit:
Maggiori possibilit di accedere allas-
sistenza per linfanzia. Una buona assi-
stenza per linfanzia non deve rappresen-
tareunprivilegio, madeveessereaccessi-
bile a tutti i genitori. Deve valer la pena
lavorare, anchedopolanascitadi unfiglio.
Per questo lassistenza allinfanzia deve
essere sovvenzionata e deducibile.
Migliore assistenzaagli anziani. Anche
lassistenzaagli anziani deveessereincre-
mentata. Oggi laresponsabilitdellacura
dei genitori anziani grava spesso, senza
sussidi economici, sulle figlie adulte. Non
si deve aver bisogno di fare un figlio per
garantirsi una vecchiaia sicura.
Un modello di assicurazione parenta-
le pi paritario. Un aspetto importante
del modello paritario nordico di assicu-
razione parentale la destinazione in
parti uguali dellassicurazione a entram-
bi i genitori, il che ha chiaramente favori-
tounapiequaripartizionedellerespon-
sabilit familiari. Una pi equilibrata di-
stribuzione di permessi per lassistenza
ai figli una premessa alla diminuzione
del divariotrauomini e donne sul merca-
to del lavoro.
Unificare let pensionabile per uomi-
ni e donne. Non sostenibile differenzia-
re let pensionabile per gli uomini e le
donne, letdi pensionamentonel pubbli-
co impiego deve essere uguale per tutti.
Abolizione dellimposizione congiun-
ta. Molti Paesi europei presentano anco-
ra un sistema di tassazione dove la fa-
miglia, enonlindividuo, aesseretassata.
Ne consegue che per le donne lavorare
non remunerativo.
Incrementare la parit prima di tut-
to una responsabilit nazionale. Ma
lUnione Europea deve operare attiva-
mente al fine di ridurre il divario tra don-
neeuomini senonaltroperchil futuro
benessere dellEuropa dipende in gran
parte dallarresto del fenomeno del
brain in vain.
La Commissione dellUnione Europea
annualmenteconduceunindaginetragli
Stati membri per rilevare quanto questi
si adeguino alle indicazioni europee al fi-
ne di raggiungere gli scopi della Strate-
gia Europa 2012 nellambito di una cre-
scita intelligente e sostenibile per tutti.
Ebbene, fra le raccomandazioni di
questanno agli Stati membri, la Com-
missione ha compiuto passi avanti nella
giustadirezione. Amolti Stati dellUnio-
ne si raccomanda di rafforzare e incre-
mentare la parit tra i sessi attraverso,
tra le altre cose, laumento dellaccessi-
bilit allassistenza ai bambini e agli an-
ziani, lunificazione dellet pensionabi-
le tra uomini e donne e labolizione del-
limposizione congiunta.
Oggi lEuropa il continente pi ricco
del mondo. Se nel futuro vorr essere il
centroeconomicodel mondoe nonsoloil
pi grande museo del mondo, dobbiamo
lavorare molto di pi per incrementare
la parit. LEuropa non ha le possibilit
economiche per permettersi le casalin-
ghe pi istruite e colte del mondo.
*Ministro svedese per lUnione Europea e
Young Global Leader of the World
Economic Forum, 2012
COS LEUROPASPRECA
IL CERVELLODELLE DONNE
BIRGITTA OHLSSON*
LIRRINUNCIABILE
TRASPARENZA
DELLAPUBBLICA
AMMINISTRAZIONE
UMBERTO GENTILONI

on line da qualche settimana lappello Foia.IT, inizia-


tiva per ladozione di un Freedom Information Act in
Italia per il diritto di accesso alle informazioni della
Pubblica Amministrazione. Un gesto semplice, im-
mediato per sostenere una richiesta di trasparenza e
seriet. Mentre ci si interroga sulle novit dei social network, sui
limiti e le potenzialit di un flusso continuo di informazioni e co-
municazioni, sulla nuova diplomazia dellimmediato o sullam-
piezza delle rivelazioni di Wikileaks rimane in secondo piano un
punto essenziale: le regole di accesso e di disponibilit della do-
cumentazione; leffettiva consistenza di fonti, archivi, pagine ri-
servate. Nonsi tratta di una tema che riguarda solo chi si interes-
sa di ricerca storica o si appassiona alla conservazione archivi-
stica di tracce del passato. Investire sulla memoria, preservare il
passato senza rinchiuderlo in recinti separati il lievito della de-
mocrazia che si alimenta anche di questo, della consapevolezza
di un percorso comune. Il nostro un ritardo accumulato e peri-
coloso che accentua la distanza da chi ha gi legiferato in mate-
ria. Negli Stati Uniti ladozione del Freedom of Information Act
disciplina dal 4 luglio 1966 presidenza Lyndon Johnson - la pos-
sibilit di essere a conoscenza di atti e decisioni dei vari livelli
della pubblica amministrazione. Unrapporto diretto tra cittadini
e Stato, un accesso alle fonti che significa trasparenza, certezza
delle regole, vicinanza e non di rado partecipazione. Richiesta di
documenti attraverso la selezione di interlocutori attenti e ben
informati, risposte in tempi certi e verificabili, materiale inviato
dalle istituzioni federali ai domicili dei richiedenti.
Una trama di relazioni e di responsabilit reciproche. Uno
strumento che rafforza e legittima le istituzioni le inserisce in un
contesto comune le fa sentire e percepire come parte di una col-
lettivit. Va in questa direzione lappello che in queste settimane
sta raccogliendo consensi e adesioni (vicino a quota mille) sul-
lipotesi di muoversi nel senso del riconoscimento del diritto di
tutti di chiedere conto delle scelte e dei risultati del lavoro ammi-
nistrativo. Un testo di poche righe dal titolo Un Foia anche in
Italia (www.foia.it) contiene piccoli segnali di una battaglia di
civilt che meriterebbe ben altro spazio: Noi riteniamo che uno
dei mali, e tra i pi gravi, che colpisce la nostra Repubblica sia il
cattivo rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione, e lat-
tuale legislazione che fa della pubblica amministrazione un cor-
po separato e opaco. Da qui si parte per chiedere che gli atti
divengano trasparenti in modo da colmare parte del fossato che
separa cittadini e istituzioni in ambiti condizionanti: la dimensio-
ne individuale, quella del diritto di ognuno senza discriminazio-
ni di alcun tipo, allaccesso, su semplice richiesta, dei documenti
detenuti dalle pubbliche autorit. Non poco, anche se di que-
sti tempi pu apparire lontano dalle urgenze di un sistema sot-
toposto a tensioni proprio sulla direttrice del rapporto tra eletti
ed elettori sulla qualit della democrazia rappresentativa. In
molti Paesi si discute della valenza degli atti elettronici, della
disponibilit in digitale di documenti consultabili con semplice
accesso alla rete. Una disciplina ancora incerta che dovr stabi-
lire regole e comportamenti, fissare limiti alla riproducibilit,
garantire i diritti alla privacy e alla riservatezza. Il tempo degli
immobilismi irresponsabili ormai scaduto. In Italia la docu-
mentazione consultabile si attesta spesso ai primi anni del se-
condo dopoguerra, le condizioni di archivi e biblioteche non so-
no paragonabili ai parametri di studio e ricerca dei Paesi avan-
zati; il patrimonio mal conservato rischia di accentuare i tratti
di un declino pericoloso. Se la cultura un bene prezioso, uno
dei possibili assi per uscire dalla crisi, occorre intervenire an-
che per via legislativa. Offrire gli strumenti necessari per cono-
scere comportamenti e scelte della pubblica amministrazione,
rendere accessibili fonti e atti ufficiali, intensificare i processi
di digitalizzazione necessari a valorizzare il nostro straordina-
rio patrimonio di biblioteche, fondazioni, archivi e centri studi.
Si fatto molto poco in questi anni, spesso seguendo le indica-
zioni di tagli su bilanci in sofferenza. Sarebbe un segno impor-
tante quello di avviare una strategia di attenzione che possa
avvicinare i cittadini ai processi decisionali, renderli partecipi
di scelte e indirizzi di una pubblica amministrazione altrimenti
lontana e impenetrabile.
GIACOMO PORETTI
SEGUE DALLA PRIMA PAGINA
E
questi sono solo i parenti stretti. Quelli acquisiti: i co-
gnati delle cugine, la mamma della suocera del cogna-
to del cugino, la sorella della suocera del cognato della
cugina e tutti gli amici della suocera stessa, totale
28.796 elementi famigliari, hanno trovato lavoro come
dipendenti della Regione stessa, un lavoro meno prestigioso ma
altrettanto sicuro e remunerativo. Io e Giovanni non abbiamo
mai smesso di metterlo inguardia, ma lui Aldo, ha sempre voluto,
prima di tutto, il bene della sua famiglia. Il problema che ora
deve spiegare a Monti, e se si incazza pure alla Merkel, che ci
faceva la zia Caterina, 98 anni analfabeta, a presiedere il progetto
Riqualifichiamo la Valle dei Templi inunmega discaunt o lo zio
Pinuzzo sulla motovedetta a capo dei guardacoste, lui che soffre
il mal di mare.
CAROALDO, TUAZIACATERINA
IRRITALAMERKEL
PAOLO BARONI
SEGUE DALLA PRIMA PAGINA
30
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
S
alutandoti affogo: lo
scrittore Gianrico
Carofiglio che saluta-
va la madre, si im-
mergeva e rischiava
la vita, da ragazzino sembrava il pro-
tagonista della canzone di Tiziano
Ferro. Singolare questo terrore di
flutti e affini per chi, come il futuro ro-
manziere che con i suoi gialli ha supe-
rato i tre milioni di copie, viveva nella
piccola Parigi del Mediterraneo. Pro-
prio l dove, ai noti bagni il Trampoli-
no, i bambini imparano prima a nuo-
tare e poi a camminare. Da allora tan-
ta acqua, in senso letterale, passata
sotto i ponti: ora il padre del legal
thriller allitaliana, il Grishamdel Ma-
re Nostrum, nato a Bari, magistrato e
politico (senatore del Pd), con lo
sguardo un po tormentato come
quello dei suoi agenti segreti, avvoca-
ti, tutti uomini sullorlo di una crisi di
nervi in cura dallo psichiatra, diven-
tato unprovetto nuotatore, si cimenta
nel dorso e a rana. stato finalista al
premio Strega con un libro dove il
mare che la fa da padrone, non solo
nel titolo, Il silenzio dellonda, ma nel-
leducazione sentimentale di Roberto,
coraggioso carabiniere in congedo
temporaneo che in California ha im-
parato con il padre a cavalcare le on-
de, a sfidarle e a non temerle mai.
Stessa spiaggia, stesso mare del
suo Roberto? Il surf stato anche per
lui liniziazione, il battesimo alle diffi-
colt della vita? Sono arrivato tardi a
queste conquiste. Con il dio Nettuno
ho stretto amicizia solo da adulto,
spiega Carofiglio sul bordo della pisci-
na della villa a dieci chilometri da Ba-
ri, una struttura per nulla hollywoo-
diana ma stretta e lunga per consen-
tirgli la dose quotidiana di bracciate.
Nelle mie interminabili traversate
mi sono spesso immedesimato in per-
sonaggi come Lord Byron, che, a Por-
to Venere, si dedicava alla scrittura e
al nuoto, o come Merrill del meravi-
glioso racconto di John Cheever, Il
nuotatore, da cui poi stato tratto un
film con Burt Lancaster. Merrill ap-
partiene alla middle class americana,
in cui tutti abitano in villette a schie-
ra. E scommette che raggiunger ca-
sa sua passando da una piscina allal-
tra. Ho provato esperienze analoghe.
In che modo?
Mi introducevo nelle case con
vasca che sapevo vuote e mi immer-
gevo rischiando di essere scoperto.
Dellacqua per ho avuto per anni un
timore reverenziale.
Come mai?
Ero un ragazzino molto goffo, in
prima media ricevetti la prima tre-
contando di un incontro sul ring, cerco
di mettere inscena cos la paura. Cos
il terrore mentre cerchi di schivare, di
respirare con la bocca e preghi che fini-
sca perch non ce la fai pi. In realt ho
rappresentato le sensazioni dei miei in-
contri di arti marziali. Unendo la teoria
alla pratica sono arrivato a essere cin-
tura nera 5 dane campione nazionale.
Non superava per la diffidenza per
il mare?
Per nulla. Nella piscina che fre-
quentavo da bambino cera un obl:
con il naso schiacciato contro il vetro
osservavo le silhouette che sfrecciava-
no. Poi un signore, preso da compas-
sione, su una spiaggia vicino a Lecce
mi sugger di fare il cagnolino. Fu una
svolta. Da allora non ho mai smesso di
esercitarmi. Tempo fa redigevo con
Margherita Losacco La manomissione
delle parole, e la filologa nuotatrice mi
dava pure lezioni di crawl.
Il confronto con i marosi le ha inse-
gnato a stringere i denti e a non ab-
bandonare mai la partita? Come fa an-
che il suo avvocato Guerrieri che
oscilla, tentenna, nevrotico, non
vuole affrontare i terribili casi che lo
aspettano, e poi si butta?
Guerrieri teme di spingersi, rima-
niamo nella metafora, dove non si toc-
ca. Pure io ho avuto attacchi di panico.
Tra le onde. Mi ero
allontanato dalla
barca e sono stato
preso da una singo-
lare rigidit. Ho
pensato: sono mor-
to. E cos ho scelto di
non fare nulla. Di rimanere fermo
mentre la corrente mi portava via. Pe-
r alla fine sono riuscito a sollevare un
braccio e gli amici mi hanno recupera-
to. Da allora comunque detesto nuota-
re tra i cavalloni. Dopo il mio lungo ap-
prendistato acquatico non mi sono ne-
gato niente: la pesca del tonno, per
esempio. Mi sembrava di essere Ma-
nolin del Vecchio e il mare di Hemi-
gway. Sono riuscito a catturare un be-
stione di 20 chili. Si tratta di una di-
scesa nellarena, di un vero e proprio
combattimento anche cruento dove,
dopo aver indossato unimbracatura,
devi riuscire a sconfiggere la tua pre-
da. Questo confronto-scontro marino
non lho ripetuto
mai pi, troppo vio-
lento. Non ho evitato
nemmeno i tuffi dal
trampolino. Salgo
sulla scaletta e, in ci-
ma, sono terrorizza-
to, indietro non posso tornare, c una
lunga fila. Chiudo gli occhi e precipito
nel vuoto. Il body surf lho praticato
alla Martinica e mi ha dato la sensa-
zione di cosa veramente vuol dire es-
sere in balia dei frangenti. Nel Silenzio
dellonda questo sport mi servito:
diventato una raffigurazione del mo-
IL SUOPERSONAGGIO
Guerrieri temedi spingersi
dovenonsi tocca. Pureio
hoavutoattacchi di panico
menda umiliazione. Alla fine del qua-
drimestre il prof di educazione fisica
mi disse che mi avrebbe dato sette:
Proprio non lo meriti ma di meno
non ti posso dare. Lei mi offende
doppiamente, della sua elemosina non
so che farmene, gli risposi scoppian-
do in pianto. Pregai mia madre di por-
tarmi in palestra. Salto alla cavallina,
fune, quadro svedese: feci di tutto. A
giugno ero uno dei migliori.
Cosa la spingeva?
Lo sport per i ragazzi fondamen-
tale per avere rapporti con gli altri, per
essere accettati. Tra le mie velleit
cera anche quella di fare il calciatore,
ma non avevo alcun talento. Io sono
sempre stato un appassionato nonch
gran collezionista di manuali. Di tutti i
tipi, vi ho studiato di tutto, dal giardi-
naggio allillusionismo, dallo sci alle arti
marziali. Dopo il corpo libero ho imboc-
cato la strada del karate. Nel mio primo
romanzo, Testimone inconsapevole, rac-
UNAPALESTRADI VITA
Il nuotoallenalapsiche
eil fisico, abituaallosforzo
intellettualeeallapolitica
MIRELLA SERRI
GIANRICOCAROFIGLIO
Nel silenziodellonda
honuotatoconLordByron
Traversate, tuffi, bodysurf, pesca del tonno: nel suo rapporto conil mare
lo scrittore nonsi negato nulla: Ma sono arrivato tardi a queste conquiste
CULTURA
& SPETTACOLI
LaMilanesianaper lEmilia
LaMilanesianadedicalasuagiornataconclusiva, domani,
aunaraccoltafondi per lEmiliacolpitadal sisma. Tragli artisti
chehannoaderito, Milva, MarcoAlemanno(checanteralcuni
brani di LucioDalla), BeppeCarletti dei Nomadi, Alessandro
Bergonzoni, EnzoIachetti. Si cominciaamezzogiornoallaSala
Buzzati del CorrieredellaSeraconlaletteratura, si continua
alle15conlasezionecinema, mentredalle21inpoi il Teatro
Dal Vermeospiterconcerti eproiezioni.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
31
P
ersepoli era lagglomera-
to urbano pi grande e
pi bello del mondo quan-
do Alessandro Magno ar-
riv davanti alle sue mu-
ra nel 330 avanti Cristo. Non ci fu
bisogno di combattere per conqui-
starlo: un anno prima il re persiano
Dario era stato sconfitto a Gauga-
mela e nessuno cercava pi di op-
porsi allesercito macedone. Ales-
sandro si ferm davanti alla grande
Porta delle Nazioni fatta erigere da
Serse, ammir le 72 colonne che
reggevano lApadana realizzata da
Dario il Grande e linfinita sequenza
di finissimi bassorilievi che la ador-
navano. In Grecia non cerano co-
struzioni che potessero essere para-
gonate allo splendore di quei palazzi
reali, alla imponente scalinata del
Tripylon che aveva al suo culmine
tre porte, una delle quali segreta,
che si apriva sullharem.
Alessandro arriv alla Sala del
Trono e immagin il deferente
omaggio delle nazioni sottomesse a
Dario, cos come era raffigurato nei
bassorilievi della processione di Ca-
podanno: gli abitanti di Susa e poi
gli Armeni, i Lidi e i Sodghiani, gli
Indiani e i Babilonesi, i Parti e i
Bactriani ogni 21 marzo portavano
ricchi doni al Re dei Re. Furono ne-
cessari 20.000 muli e 5.000 cam-
melli per svuotare la camera del te-
soro dal suo contenuto.
Tre mesi dopo un incendio, ordi-
nato o causato da Alessandro, di-
strusse la pi maestosa citt che
luomo avesse costruito: crollarono i
muri, le statue, le colonne; si fusero
le lamine doro che ancora ricopriva-
no le statue e il trono, e di Persepoli
restarono solo le rovine che ancora
resistono a 50 chilometri dalla citt
di Shiraz, in Iran. Per i libri di storia
occidentali, figli della cultura elleni-
stica, lincendio fu la giusta vendetta
per le ferite che Serse aveva inferto
al mondo: lincendio di Efeso, i san-
tuari devastati ad Atene, le distru-
zioni a Babilonia. Finalmente, un
conquistatore che agiva innome del-
la superiorit della cultura greca
aveva fatto giustizia.
Ma il professor Ali Ansari, diret-
tore dellIstituto di Studi Iraniani al-
lUniversit di St Andrews in Sco-
zia, ritiene che sia giunto il momen-
to di raccontare unaltra storia,
quella vista dalla parte dei persiani
sconfitti. Se andate a visitare le ro-
vine di Persepoli - ha scritto in un
saggio che ha causato qualche pole-
mica - le guide vi spiegheranno che
la citt fufondata nel 500avanti Cri-
sto da Dario il Grande, che fu am-
pliata e abbellita da suo figlio Serse
e distrutta da quelluomo, quel bar-
baro, Alessandro Magno.
Secondo il prof. Ansari - guarda
caso, di origine iraniana - la cultura
occidentale ha infuso lidea che i per-
VITTORIO SABADIN
vimento incontrollabile, fatto di alti e
bassi, dellesistenza di Roberto.
Ha capito cos il linguaggio dellac-
qua, cos per lei veramente il nuoto?
una palestra di vita a tutto cam-
po, allena la psiche e il fisico, abitua allo
sforzo intellettuale e, nel mio caso, pure
al faticoso esercizio della politica. In un
film dedicato a un campione di boxe c
il seguente dialogo: Hai ripreso adalle-
narti?. S, ma non facile. Niente lo
, se no non ne vale la pena. Se il nuoto
per me non fosse stato cos difficile non
ne sarebbe valsa la pena.
siani esistessero per essere conqui-
stati da Alessandro, il portatore della
civilt. Ma la civilt che lui annient
non era inferiore a quella nel nome
della quale agiva. Alessandro si com-
port come i barbari che invasero Ro-
ma, che venivano ad ammirare quello
che conquistavano, al punto che volle
assumere lo stesso titolo di Re dei Re
dei sovrani che aveva sconfitto.
Visto con occhi persiani, Alessan-
dro tuttaltro che Magno. Bruci
Persepoli al termine di una notte di
eccessi, cominciata come tante con
una cena assieme ai suoi generali,
continuata con la recitazione di poe-
sie e di brani di Euripide, e terminata
nellebbrezza, in compagnia di corti-
giane e suonatori. A un certo punto,
lo stesso Alessandro propose di for-
mare una processione in onore di
Dioniso, il dio dellestasi, e tutti lo se-
guirono barcollanti portando una
fiaccola. Dopo pochi minuti, la Sala
delle Udienze e quella del Trono era-
no avvolte dalle fiamme.
Ma nelle malvagit gratuite che gli
vengono imputate non c solo questa.
I persiani lo condannano anche per la
sistematica distruzione dei simboli
dello zoroastrismo, lattacco ai templi
e la persecuzione dei sacerdoti della
religione, i magi. Linfluenza della
cultura e della lingua greche - sostie-
ne il prof. Ansari conqualche evidente
riferimento a situazioni contempora-
nee - ha contribuito a diffondere inOc-
cidente la convinzione che linvasione
di Alessandro sia stata la prima di
molte crociate destinate a portare la
cultura e la civilt nel barbaro Est. In
realt limpero persiano andava con-
quistato non perch avesse bisogno di
essere civilizzato, ma perch era il pi
grande impero che il mondo avesse vi-
sto fino a quel momento e si estendeva
dallAsia Centrale alla Libia. La Persia
era un enorme, ricco bottino.
NellAnabasi di Alessandro lo stori-
co greco Lucio Flavio Arriano cita un
discorso del condottiero macedone di-
retto a Dario che sembra senza tem-
po: i vostri antenati invasero la Mace-
donia, ora voglio vendicarmi, ma sia
chiaro che siete voi che avete dato ini-
zio alle ostilit. Avete aiutato i nemici
di mio padre e inviato denaro ai greci
per turbare la pace che io avevo co-
struito. Avete corrotto i miei amici e
alleati e tu, Dario, hai preso e detieni il
potere illegalmente.
Oggi come allora, le scuse per co-
minciare una guerra sono sempre le
stesse.
Dopounanottedi eccessi alcolici
culminataconuncorteoinonore
di Dionisocongenerali ecortigiane
Distrussei templi ei simboli dello
zoroastrismoeperseguiti magi
sacerdoti dellareligioneiranica
LE ALTRE ACCUSE
LACITTINCENDIATA
Eralagglomeratourbano
pigrandeepibellodel mondo
Il Macedonelopresenel 330a.C.
LACONQUISTADI PERSEPOLI
Londra, conTheTankslaTateModern
aumentagli spazi del 70per cento
Larteal postodi unmilionedi barili di petrolio. Il magazzinodi stoccaggiodi
quellacheunavoltaeralaBanksidePower StationoralapanciadellaTate
Modern(nellafotouninterno). Apreal pubblicoTheTanks, unagigantesca
tavernascavatanellevisceredellacentraleelettricachedal 2000lombelico
dellacreativitcontemporanea. laprimapartedi unprogettoda216milioni
(TheTanks necostati 90) destinatoadaumentaregli spazi del museodel
70%. Favoloso. Maachecosaserve?Nicholas Serota, direttoredellaTate
Modern, nedunaversionepoeticaeunasostanziale. Quellapoetica: Un
nuovostrumentonellanostragrandeorchestra. Bello, maunpo vago.
Quellasostanziale: Unluogoincui lanovitvienecatturata, studiatae
soprattuttovissutadal pubblico. Daoggi cominciaunprimoprogrammadi
quindici settimane. Cichefinoaieri erafragile, sfuggenteospudoratamente
avant garde, allimprovvisosi riprendelascena. Liveart, installazioni, video,
performancemusicali, danza. Selefollieda50milioni di DamienHirst
mostranoi discutibili muscoli ai piani alti, il respiropoverodel mondoritrova
sottoterrail suoipnoticospaziofuori del tempo. [A. MAL.]
Alessandro(nontroppo) Magno
pibarbarodei barbari
DallaScoziaunprofessore(di origineiraniana) rovesciail mito
del condottierocivilizzatore: inPersiasi macchidi malvagitgratuite
Ali Ansari (foto
sopra) direttore
dellIstituto
di Studi Iranici
allUniversit
di St Andrews
in Scozia. A lato
una processione
di cortigiani e
dignitari del Gran
Re, dal palazzo
reale di Persepoli
Alessandro Magno nella battaglia di Isso
Magistrato, senatore
e romanziere
Gianrico Carofiglio
nato a Bari 51
anni fa. Magistrato
dal 1986, nel 2008
stato eletto al
Senato nelle liste
del Partito
democratico. Ha
esordito nella
narrativa dieci
anni fa con Testimone inconsapevole
(Sellerio), romanzo che ha inaugurato
la serie dellavvocato Guido Guerrieri,
aprendo il filone del legal thriller
allitaliana. In seguito ha pubblicato,
sempre con Sellerio, Ad occhi chiusi,
Ragionevoli dubbi e Le perfezioni
provvisorie; da Laterza uscito
N qui n altrove. Una notte a Bari;
mentre Rizzoli ha mandato in libreria
Il passato una terra straniera
e Il silenzio dellonda, finalista
del Premio Strega 2012.
32
.
Spettacoli
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
I
senzavergogna sono in sei, un
padre sempre ubriacone e cin-
que figli, e va a finire che ti ci
specchi, anche se non vuoi: fin
troppo, in certi periodi di crisi. I
senzavergogna, ossia i protagonisti di
Shameless, tornano in tiv con la se-
conda serie venerd su Mya. Segnate-
vi la data se vi piace la tivintelligente
e se non avete paura dei pugni allo
stomaco: gi nel pilot, oltre a un nudo
maschile, abbondavano il sesso orale
e un diffuso turpiloquio, e da allora
non si andati che in crescendo. Ep-
pure la saga chicagoana dei Gallagher,
guidati dal patriarca Frank abbarbi-
cato al sussidio di disoccupazione e in
continuo stato stuporoso, lennesi-
ma declinazione della telefamiglia
americana: una storia che dura dai
tempi preistorici di Lucy edio, passan-
do per i Jefferson e Happy Days, avven-
turandosi per le derive oscure dei So-
prano e approdando alla societ mul-
tietnica di Modern Family, beninteso
col contrappunto ironico dei Simpson.
Frank (un WilliamH. Macy in stato
di grazia), abbandonato dalla moglie
con una figliolanza abbondante e pro-
blematica e perfino conunlattante in-
spiegabilmente afroamericano, ego-
ista e disinteressato ai propri doveri: i
ragazzi si tassano per la bolletta del-
lelettricit ma ogni mese lui spende
700 dollari che non ha guadagnato al-
lAlibi, il suo pub di riferimento. Eppu-
re i Gallagher ce la fanno sempre:
qualche volta perfino trovando lamo-
re della vita, pi spesso la propria
identit. Nei meno politicamente cor-
retti dei modi: Lip (Jeremy White)
molto pi intelligente dei coetanei e
per sopravvivere passa gli esami al
posto degli asini, Ian(CameronMona-
gham) gay e ha una storia segreta
col gestore musulmano del negozio di
alimentari per cui lavora, peraltro
sposatissimo e con moglie velata, il
piccolo Carl (EthanCutkosky) tortura
gli animali domestici. E poi ci sono i
due angeli del focolare: la quartogeni-
ta e soave Debbie (Emma Kenney) e
soprattutto la maggiore, Fiona (Em-
my Rossum), punto di riferimento per
tutti, coraggiosamente multitasking,
capace di prestare cure e di elargire
affetto senza mai aver avuto n le une
n laltro. Racconta Macy di aver im-
piegato nove secondi a decidere di
accettare la parte, perch un ruolo
cos sopra le righe la benedizione di
un attore. Dopo un po ho anche deci-
so di guardare la serie inglese origina-
le. Splendido lavoro, mi sono detto.
Non si pu far di meglio, ma si pu fa-
re qualcosa di diverso.
Ma chi davvero ha incontrato la for-
tuna con Shameless stata Emmy Ros-
sum, finora conosciuta soprattutto per
un malriuscito lancio hollywoodiano,
nel 2004, come protagonista del Fanta-
sma dellopera, oggi considerata una
delle migliori attrici della nuova gene-
razione televisiva e fregiata da una no-
mination al Critics Choice Television
Awards. Emmy passata dai corsetti al
jeans da outlet, e lo so, a Fiona non as-
somigliavo per niente - racconta - ma
volevo quel ruolo a tutti i costi. Ho gira-
to un video in cui camminavo imbufali-
ta sotto la pioggia perch nonavevo tro-
vato un taxi e lho mandato alla Showti-
me. andata. Oggi trovo cos liberato-
rio lavorare senza trucco e costumi di
lusso e concentrarmi sulla recitazio-
ne. Linizio della seconda stagione tro-
va Fiona impegnata a dimenticare Ste-
ve (Justin Chatwin), un ragazzo ricco e
innamorato di lei, ma sicuro che ci sa-
ranno delle sorprese; mentre Ian pro-
getta di andare a West Point e i ragazzi
pi piccoli han messo su un servizio do-
mestico di babysitting per fare qualche
soldo. Frank? Non si smentisce: ha un
debito di 10 mila dollari. Tremiamo al
pensiero di come far a onorarlo.
Provocazioni
La serie basata
sullomonima
serie britannica,
ideata da Paul
Abbott, segue
le vicende della
disastrata
famiglia
Gallagher,
composta dal
padre alcolizzato
Frank (WilliamH.
Macy) e dai figli
Fiona (la pi
grande costretta
a prendersi cura
degli altri
fratelli), Lip, Ian,
Debbie, Carl
e Liam
Gli altri casi
Modern Family
In onda su Fox, racconta
le vicende di tre famiglie
allargate. Una di queste gay
I Simpson
Lantisogno americano: padre
disonesto e fallito (Homer), madre
frustrata e tre figli di cui il primo
(Bart) segue le orme del padre
mentre Lisa lintelligentona
I Sopranos
Nel loro piccolo sono una famiglia
classica, a ruoli tradizionali.
Peccato che siano dei criminali
il caso
EGLE SANTOLINI
MILANO
Shameless, intvvince
lafamigliadisfunzionale
Davenerd suMyalaserie scorrettacol padre ubriacone Macy
Il protagonista: Unruolocos
sopralerighelabenedizione
di unattore, lhopresoal volo
SENZAVERGOGNA
QuestaexFirst LadyricordatantoHillary
Sigourney Weaver
segretario di Stato Usa
come la Clinton nel serial
Political animals
Stati Uniti di pi vicino a una monar-
chia. I Clinton, insomma.
Certo la vera Hillary non ha divor-
ziato, n ha due maschi come nella fic-
tion, di cui uno gay e tendente al suici-
dio, per una donna di potere in asce-
sa come Elaine Barrish. Ed forse que-
sto il tema sottostante: lelezione o me-
no di una lei alla presidenza di unpaese
che ha preferito un nero - o un italiano,
come nella serie - al cambio di genere.
Nellincrocio continuo tra realt e
finzione, la parte di consigliere per la
Sicurezza nazionale di Linda Powell,
figlia dellex segretario di Stato statu-
nitense Colin Powell. Interessante sot-
tolineare poi come tutte le figure pi
vivaci della serie siano femminili. Eva-
le pure per i tre giovani uomini del set,
perch uno dei due figli degli Ham-
mond (i Clinton...) lavora con la madre,
un altro ragazzo il terribile consiglie-
re della protagonista e solo il secondo
Hammond, soprannominato T. J.
centrale nella trama, ma lo diventa in
quanto gay allo sbando.
La questione femminile viene af-
frontata, insomma, in tutte le sue pie-
ghe. E per esempio lesbica lamica
con cui si confida la protagonista, la
giudice della Corte suprema interpre-
tata da Vanessa Redgrave.
Nella fiction oltre ai temi di identit,
politici, famigliari e sessuali, c lo
scontro tra politica e media. Entrambi
rappresentati alleccesso. Contraltare
di Elaine Barrish infatti la giornalista
premio Pulitzer Susan Berg (lattrice
Carla Gugino). Una donna che speria-
mo non esista davvero, anche se da
qualche parte gli autori si saranno ispi-
rati... Alla fine, la dialettica tra le due
un trattato sullambizione femminile.
Elaine Barrish per resiste a tutto per-
ch difende unidea. Viene messa in di-
scussione la sua famiglia, attaccata la
sua condotta personale, sbattuta in
prima pagina quella che per i media
la storia politica del decennio. Ma la
moglie, la mamma, il personaggio pub-
blico superano tutto. Viene da pensare
che solo una donna pu tanto. Ela pre-
sidenza non pare pi irraggiungibile.
twitter @rigatells
La protagonista dellultima serie ame-
ricana, appena uscita su Usa network,
una donna segretario di Stato, divor-
ziata dallex presidente degli Stati Uni-
ti travolto da uno scandalo sessuale.
Ricorda qualcuno? Aggiungiamo che il
personaggio di Elaine Barrish, inter-
pretata da Sigourney Weaver, stato
battuto alle primarie dal presidente in
carica ed ecco che Political animals ap-
pare come la fiction pi vicina allat-
tualit politica della Storia e, come si
sente nella serie, a ci che c negli
FRANCESCORIGATELLI
Sigourney Weaver e Carla Gugino
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Spettacoli
.
33
M
eryl Streep non smette
davvero mai di sor-
prendere, unattrice
che sa passare con di-
sinvoltura dal dramma
pi intenso alla commedia e al musi-
cal, magari infilando dentro un per-
fetto accento del Sud piuttosto che
dellEuropa Orientale o perch no?
australiano. E che da oltre 30 anni,
qualunque cosa fa riesce sempre a
brillare. La divina Meryl la chiama-
no le sue colleghe di ogni et e aspi-
ranti attrici del mondo intero che la
indicano come un modello cui aspira-
re. A pochi mesi dalla Lady di Ferro, il
film con il quale ha rappresentato
Margaret Thatcher ultraottantenne e
che le ha regalato il suo terzo Oscar,
eccola dunque come protagonista di
Hope Springs - Consigli per gli affetti:
una commedia che mira alla risata fa-
cile, dove la Streep recita la parte di
una donna sposata da 30 anni con lo
stesso uomo (Tommy Lee Jones) con
il quale non si sfiora neanche pi. Lo
obbliga cos a visitare un terapista di
coppia (Steve Carell). E tra tentativi
di riavvicinamento, recriminazioni
sul passato e anche una goffa fellatio
in una sala cinematografica come fos-
sero due teenager, i due alla fine rin-
novano il voto del loro matrimonio.
La Streep, la divina Meryl, arriva
in tailleur bianco e i capelli raccolti al-
lindietro.
La morale di Hope Springs che
dobbiamo essere aperti a cambiare
adogni et. Si riconosce?
Come attore devi sempre accetta-
re il cambiamento, adattarti alle si-
tuazioni, essere attenta a ci che ti ar-
riva dagli altri.
Enellavita, dopooltre30anni di ma-
trimonio?
Non sono unesperta di relazioni
coniugali e non ho segreti da rivelare.
Comunque, un po come quando re-
citi: importante ascoltarsi, non di-
ventare abitudinari. E fare cose che ti
piacciono. Io ho la fortuna di amare il
mio mestiere e di continuare a farlo.
Quando ho iniziato a fare lattrice le
donne della mia et non avevano lavo-
ro ed davvero straordinario quanto
sono cambiate le cose nel corso di una
generazione.
Hadatounconsiglioparticolareasua
figliaquandosi sposata?
Do consigli a tutti i miei figli, ma li
sfiorano come il vento. Le ho detto
semplicemente di esserci.
Nel film ci sono delle scene di sesso,
perlopicomicheeancheunpo gof-
fe. Haprovatoimbarazzo?
E perch? Come esseri umani ab-
biamo tante sfaccettature, ogni aspet-
to importante. Nel sesso dove sia-
mo pi fragili, pi nudi, letteralmente.
Teme che Hope Springs possa piace-
resolamenteai pianziani?
Dicevano lo stesso suJulie and Julia
e la gente al cinema ci andata. E poi
anche i pi giovani posso confrontarsi
con una dinamica come questa. Ricor-
do di aver passato vari mesi con un fi-
danzato col quale la relazione era com-
pletamente paralizzata, proprio come
accade in questo film, non sapevamo ri-
spondere ai bisogni luno dellaltro. Ed
eravamo negli anni del college.
Tommy LeeJones sostienechequando
ha saputo che nel filmcera lei non ha
lettolasceneggiaturaper diredi s. Co-
mviveresempresul piedistallo?
Bellissimo! Scherzo e Tommy la
sceneggiatura lha letta. Ed stato bra-
vissimo, pieno di grazia..
Comesi sentedaultrasessantenne?
A parte le ginocchia che fanno un
po di scherzi, benissimo. Apprezzi di
pi quello che hai, consapevole del
tempo limitato.
Lerestanodelleambizioni?
S, di apprezzare il prossimo secon-
do. Edi avere dei nipoti, tanti nipotini!.
Divina
Meryl Streep
in una scena
della
commedia
Hope Springs
- consigli per
gli affetti
diretta da
David Frankel
dove recita la
parte di una
donna
sposata da 30
anni con lo
stesso uomo
(Tommy
Lee Jones)
ma con il
quale non
si sfiora
neanche pi.
Lo obbliga
cos a visitare
un terapista
di coppia
(Steve Carell)
Intervista
LOS ANGELES
N
ella carriera di Tommy Lee Jo-
nes i successi non mancano. Si
pensi, prima di tutto, alla serie
Men in Black, che alcuni incautamente
avevano dato per spacciata e che da
quando uscita in maggio (con il terzo
capitolo) ha gi raccolto 600e pimilio-
ni di dollari. Oa filmcome JFK, Il fuggi-
tivo o Non un paese per vecchi. Ma pi
che un divo o una stella, Tommy Lee Jo-
nes un attore, un professionista nato
in Texas, universit ad Harvard (dove
ha avuto come compagno di camera lex
vicepresidente Al Gore), che si esprime
con poche parole, caustico e graffiante
come molti dei suoi personaggi ma che
quando gli si chiede se vede delle affini-
t risponde un po stizzito: Io non mi
relaziono con le parti che interpreto.
In Hope Springs ha un ruolo insolito
per lei.
una storia originale di gente vera
con problemi veri, ma la mia motivazio-
ne Meryl. Quando ho saputo che cera
lei ho detto di s in due secondi, senza
nemmeno leggere la sceneggiatura....
Ha pure delle scene di sesso con Me-
ryl
Questo non un filmsu Meryl e me,
ma su Kay e Arnold e sul coraggio di
Kay, una donna frustrata, nel voler
cambiare e salvare il suo matrimonio. E
se dentro ci sono delle scene di sesso,
non sto troppo a pensarci. La mia pre-
occupazione se una scena funziona,
quello il mio mestiere. Enonc niente
che mi imbarazza, il mio solo compito
di rendere le cose reali.
Pensa che un film come questo possa
aiutarecoppieincrisi?
Ma noi siamo dei film makers, non
dei terapisti. Facciamo cinema, non in-
gegneria sociale. Il mio compito capi-
re la mia parte e memorizzare le battu-
te. Se poi qualcuno si riconosce in que-
sta storia e magari ci ride o ci piange
sopra, tanto meglio.
Hamai fattoterapiaconsuamoglie?
Mai sentito il bisogno. Se nascono
problemi li affrontiamo e li risolviamo.
Comelasorprende?
unottima fotografa e le compro
molte macchine fotografiche e lenti. Da
quando siamo assieme, ovvero negli ul-
timi 18 anni, le piacciono anche i cavalli
e ha vinto dei concorsi di polo. E poi ha
un budget illimitato per i vestiti, una
fashionista incallita.
Perchrecita?
Perch intrattenere la gente grati-
ficante. E perch cos non ho mai dovu-
to fare un vero lavoro. Anzi, non so an-
cora che cosa far da grande. [L. SOR.]
Il burberoLeeJones:
Eiomiamoglie
lasorprendocos
Tommy Lee Jones sul set
RICETTE DI COPPIA
unpo comequandoreciti:
importanteascoltarsi
enondiventareabitudinari
Meryl Streep: oravi spiego
comesalvareil vostromatrimonio
DopolOscar come Ladydi ferro, lattrice inHope Springs tornaaunruolobrillante
Bisognasempre accettare i cambiamenti adogni et. Le scene di sesso? Comiche
Il film
della
settimana
GIANNI RONDOLINO
Conlafuga
dal gulag
Weirscava
nellecoscienze
P
oich The Way Back, lultimo
film diretto da Peter Weir,
unopera di notevole valore, non
si comprende come mai tanto il Festi-
val di Cannes quanto quello di New
York non abbiano voluto presentarla
in concorso n fuori concorso, quasi si
trattasse di un film mediocre o inutile
o di vecchio stile o addirittura negati-
vo sul piano estetico e su quello cultu-
rale. Nel settembre 2010 stato pre-
sentato al Telluride Film Festival e in
seguito uscito inmolte altri Paesi. Da
noi arriva solo ora ed quindi unotti-
ma occasione per vederlo. Perch non
soltanto si tratta di qualcosa di note-
vole per come stato realizzato, ma
soprattutto per il modo in cui Weir ha
saputo costruire una vicenda basata
su pochi personaggi e costruita in ma-
niera semplice, ripetitiva, e invece ric-
ca di tensione drammatica, che a poco
a poco si trasforma in un coinvolgi-
mento personale che si arricchisce di
una visione critica del modo di vivere e
di comportarsi di ungruppo di uomini.
Tutto nasce da un fatto molto grave e
drammatico e si conclude con un ri-
torno allamore iniziale. Etutto basa-
to (tranne il finale) su una serie di fatti
accaduti (almeno cos si pensa) che il
protagonista ha descritto in un libro
uscito nel 1956 in Inghilterra e tradot-
to in molte lingue. Si tratta di The Long
Walk del polacco Slavomir Rawicz,
uscito anche in Italia col titolo Tra noi
e la libert presso leditore Corbaccio e
ristampato nel 2011. Prendiamo la se-
quenza dapertura che vede il protago-
nista, di nome Janusz, arrestato dal-
lArmata Russa, interrogato e accusa-
to di spionaggio. Una sequenza di forte
impatto che introduce un personaggio
il quale, una volta arrivato nel campo
di prigionia, diventa il filo conduttore
di una lunga e intensa vicenda relativa
alla volont, sua e di alcuni altri prigio-
nieri, di fuggire dal campo e raggiun-
gere la libert. Possiamo chiamarlo un
filo conduttore nel senso che soprat-
tutto il suo modo di agire, di parlare, di
avere rapporti con gli altri, di studiare
attentamente il percorso da seguire, a
costituire la base per il vero contenuto
dellopera. Il quale tanto la fuga in s
e per s, quanto piuttosto il modo di
essere e di comportarsi di un gruppo
di uomini diversi luno dallaltro. Ed
questo modo che il filmmette in luce a
mano a mano che i personaggi si mo-
strano come sono ogni volta che devo-
no affrontare e risolvere un problema.
Inquesto senso la bellezza delle imma-
gini, che illustrano il loro lunghissimo
viaggio, non solo legata ai luoghi che
attraversano e ai paesaggi affascinan-
ti, ma al loro rapporto. Il quale costitu-
isce il vero contenuto di un film che
tra i migliore realizzati da Peter Weir.
The Way Back di Peter Weir
****
Intervista
LORENZOSORIA
LOS ANGELES
Festival di Venezia
Ferrari eReeves
ingiuriaOperaPrima
1Isabella Ferrari con il regi-
sta Matt Reeves, il critico fran-
co-ellenico Michel Demopou-
los e il produttore discografico
e dj Bob Sinclar: sono i compo-
nenti dellaGiuriainternaziona-
le del Premio Venezia Opera
PrimaLuigi DeLaurentiisdel-
la prossima Mostra del Cinema
di Venezia (29 agosto-8 set-
tembre), presiedutadal regista
indiano Shekhar Kapur. Il Cda
della Biennale presieduta da
FrancoBaratta, supropostadel
direttore della Mostra Alberto
Barbera, ha anche definito la
giuria della sezione Orizzonti:
presieduta da Pierfrancesco
Favino, ne faranno parte San-
dra den Hamer, Runa Islam, Ja-
son Kliot, Nadine Labaki, Mil-
choManchevski, Amir Naderi.
Colin Farrell in una scena
34
.
Spettacoli
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
Programmi tv
Dal satellite
Rai 1 Rai 2 Rai 3 Canale 5 Italia 1 Rete 4 La 7
6.00 Euronews
6.10 Unomattina Caff
6.45 Unomattina Estate
10.10 Unomattina Vitabella
11.00 Unomattina Storie vere
Attualit
12.00 E State con Noi in TV
Variet
13.30 Telegiornale
14.00 Tg 1 EconomiaAttualit
14.10 Verdetto finaleAttualit
15.15 Rosamunde Pilcher:
Quattro Stagioni - Inver-
noFilm-tv
16.50 Rai ParlamentoAttualit
17.00 Tg 1
17.15 HeartlandTelefilm
18.00 Il commissario Rex
Telefilm
18.50 Reazione a catenaGioco
20.00 Telegiornale
20.30 TecheTecheTe Variet
23.45 Gal tangoVariet
0.55 Tg 1 - Notte.
Che tempo fa
1.30 SottovoceAttualit
2.00 Real School Attualit
2.30 Mille e una notte - Musi-
caDocumentari
10.35 Tg 2 Insieme Estate
11.20 Il nostro amico CharlyTF
12.10 La nostra amica RobbieTF
13.00 Tg 2 Giorno
13.30 Tg2 E... state con costu-
meAttualit
13.50 Tg2 Medicina 33
14.00 Senza tracciaTelefilm
15.00 QuestionTimeInterro-
gazioni a risposta imme-
diata
15.45 Due uomini e mezzoTF
16.15 The good wifeTelefilm
17.00 One Tree Hill Telefilm
17.40 Crazy ParadeVariet
17.50 Tg 2 Flash L.I.S.
17.55 Rai Tg Sport Sport
18.15 Tg 2
18.45 Cold CaseTelefilm Le
due gemelle
19.35 Ghost Whisperer TF
20.30 Tg 2 20.30
21.55 Una scatenata coppia di
sbirri Telefilm Lilli
22.50 Tg 2
23.05 EvaDocumentari
23.55 Hawaii Five-OTelefilm
0.50 Rai Parlamento Telegior-
naleAttualit
6.30 Il Caff di Corradino
MineoAttualit
8.00 Storia di fifa e di coltello
- Er seguito der PiFilm
(comico, 1972)
9.40 La Storia siamo noi
10.40 Cominciamo bene estate
12.00 Tg 3 Rai Sport Notizie
12.15 Cominciamo bene estate
13.10 La strada per la felicit
Soap Opera
14.00 Tg Regione
14.20 Tg 3. Meteo 3
14.45 Tgr Piazza Affari
14.50 Tg3 Lis
14.55 Ciclismo:Tour de France
17.30 Tour Replay
18.00 Geo magazine
19.00 Tg 3.Tg Regione
20.00 BlobVideoframmenti
20.10 Cotti e mangiati Serie
20.35 Un posto al soleSO
23.20 Tg3 Linea notte Estate.
Tg regione
23.55 Doc 3Documentari
0.45 Magazzini Einstein
Attualit
1.15 Fuori Orario. Cose (mai)
viste
I programmi settimanali completi delle principali tv satellitari, del digitale terrestre e delle radio su: www.lastampa.it/programmi
0.05 Tg 5 Notte. Meteo 5
Notiziario
0.35 VelineVariet
1.30 Padri e figli Serie
3.40 Le regole dellamore
Telefilm
5.15 Tg 5 Notte. Meteo 5
7.10 Il segreto del bosco
Film-tv
8.40 Heidi Cartoni animati
9.10 Una spada per Lady
Oscar Cartoni animati
9.35 Kiss me LiciaCartoni
10.05 Occhi di gattoCartoni
10.30 Dawsons CreekTelefilm
12.15 Giffoni - Il sogno continua
12.25 Studio Aperto. Meteo
13.00 Studio Sport
13.40 FuturamaCartoni
14.10 I SimpsonCartoni
14.35 Whats my destiny Dra-
gon Ball Cartoni animati
15.00 Gossip Girl Serie
15.55 Le cose che amo di teTF
16.45 Friends Telefilm
17.35 Mercante in fieraGioco
18.30 Studio Aperto. Meteo
19.00 Studio Sport
19.25 C.S.I. - New YorkTelefilm
24.00 New York Taxi Film (azio-
ne, 2004) con Queen
Latifah, Jimmy Fallon,
Gisele Bundchen, Henry
Simmons. Regia di Tim
Story
2.00 Studio aperto - La giornata
6.50 Magnum P.I. Telefilm
7.45 Pi forte ragazzi Telefilm
8.40 The Sentinel Telefilm
9.50 MonkTelefilm
10.50 Ricette di famiglia
Magazine Conduce
Davide Mengacci
11.30 Tg 4 - Telegiornale
12.00 Pacific BlueTelefilm
12.55 Distretto di polizia 3
Serie
14.05 ForumAttualit
15.10 Wolff un poliziotto a Ber-
linoTelefilm
16.05 My LifeSoap Opera
16.40 Thats amore! - Due
improbabili seduttori
Film (comm., 1995)

18.55 Tg4 - Telegiornale


19.35 Tempesta damoreSO
20.10 SiskaTelefilm
22.50 Criminal Intent Telefilm
23.40 Il coraggio delle aquile
Film (dramm., 2006) con
Jules Sitruk, Damien
Jouillerot. Regia di Jean-
Franois Davy
1.45 Tg 4 Night News
6.00 Tg La7. Meteo. Oroscopo.
Traffico
6.55 Movie Flash
7.00 Omnibus estate
7.30 Tg La7
9.45 Coffee BreakAttualit
11.00 In Onda EstateAttualit
11.40 Agente speciale Sue Tho-
mas Telefilm
12.30 I men di Benedetta
13.30 Tg La7
14.05 Movie flash
14.10 I gigli del campoFilm
(comm., 1963) con Sid-
ney Poitier, Lilia Skala.
Regia di Ralph Nelson

16.10 Lispettore BarnabyTF


18.00 I men di Benedetta
18.55 Cuochi e fiammeGioco
20.00 Tg La7
20.30 In Onda EstateAttualit
23.15 N.Y.P.D. BlueTelefilm
Due agenti contro la
New York pi nera.
Molto crudo e realistico
1.15 Movie flash
1.20 Cold Squad - Squadra
archiviati Telefilm
9.40 Ashes to Ashes Serie
10.35 StregheSerie
11.20 TorchwoodSerie
12.15 Dead ZoneSerie
13.00 Veronica Mars Serie
13.45 Watch Over MeSerie
14.25 Mad MenSerie
15.20 Ashes to Ashes Serie
16.15 StregheSerie
16.55 Star Trek ClassicaSerie
17.50 Lost WorldSerie
18.35 Rai News - Giorno
18.40 Doctor WhoSerie
19.35 SanctuarySerie
20.25 Veronica Mars Serie
21.10 Wrestler Film
22.55 Wonderland massacro a
HollywoodFilm
0.35 Band of brothers Serie
1.25 Boardwalk EmpireSerie
21.20
Le note degli Angeli
MUSICALE. In diretta dal San-
tuario della Beata Vergine del
Rosario di Pompei, Massimo
Giletti conduce una serata di
solidariet che unisce spetta-
colo e attualit
21.05
Squadra Speciale
Cobra 11
TELEFILM. Uno psicologo filma
per caso lincontro fra un boss e
un funzionario della polizia.
MentreinautoconBeneSemir,
viene attaccato da un killer
21.05
Lemigrante
FILM. (comm., 1973) con Adria-
no Celentano. Regia di Pasqua-
le Festa Campanile. Un giova-
ne italiano emigra in America in
cerca di fortuna e del padre
scomparso
21.20
The Storm
FILM-TV.(dramm.,2009)conJ.Van
DerBeek,T.Polo.RegiadiB.May.
Durante un esperimento, in un
istitutodiricercasulmeteoavvie-
ne unesplosione: le conseguen-
ze saranno devastanti
21.10
M & M - Matricole e
Meteore
VARIET.Protagoniste le star che
ieri erano matricole alle prime
armi. Conducono Nicola Savi-
no e Juliana Moreira con la par-
tecipazione di Dj Angelo
21.10
The Chase
TELEFILM. Un uomo si finge sce-
riffo e inizia a dare la caccia ad
alcuni fuggitivi, commettendo
per una lunga serie di azioni
criminali. Annie e il resto della
squadra cercano di fermarlo
21.10
Missione Natura
DOCUMENTARI. Un nuovo
appuntamento con le avven-
ture guidate dal biologo Vin-
cenzo Venuto. Questa pun-
tata si intitola Gabon - First
Life 2
I film
13.40 Il re delle isole Un ex
commerciante di schiavi
eredita vaste aree nellar-
cipelago hawaiiano MGM
The Manchurian
Candidate Il capitano
Marco scopre che i
reduci del Kuwait
hanno dei misteriosi
incubi SKY HITS
13.55 World Invasion I
Marines devono difen-
dere la citt di Los
Angeles da un nemico
sconosciuto SKY MAX
14.05 Il dottor Zivago Nella
Russia rivoluzionaria, la
storia damore fra
Zivago e Lara. Cinque
Oscar SKY CLASSICS
14.25 Ant Bully - Una vita da
formica Lucas, 10 anni,
passa il tempo stuzzi-
cando il formicaio del
suo giardino SKY FAMILY
15.45 Shrek e vissero felici e
contenti Stavolta Shrek si
trova costretto a firmare
un patto con il malvagio
Tremotino SKY HITS
15.50 Il professionista Un
anomalo quartetto di
borseggiatori entra in
crisi a causa della gelo-
sia MGM
15.55 Legittima offesa -
While She Was Out
Vigilia di Natale. Della
va a comprare la carta
da regalo per i doni dei
figli SKY MAX
16.00 Milo su Marte Milo inizia
ad apprezzare sua madre
dopo che i marziani
lhanno rapita SKY FAMILY
16.10 Un incantevole aprile
Quattro donne, tra fru-
strazione e solitudine, si
concedono una vacanza
in Italia SKY PASSION
17.15 Cadaveri eccellenti
Lindagine sullomicidio
di tre magistrati condu-
ce Lino Ventura a
Roma SKY CLASSICS
17.20 Dont Say a Word
Banda di spietati rapi-
sce la figlioletta dello
psichiatra Michael
Douglas SKY HITS
18.55 The Green Hornet The
Green Hornet contro
luomo che controlla la
malavita di Los Angeles
SKY MAX
19.10 Sangue misto India
coloniale: Ava Gardner
divisa tra un ufficiale
inglese e la sua terra
MGM
19.15 Lultima conquista Una
famiglia quacchera
accoglie il pistolero feri-
to Quirt Evans. Con J.
Wayne SKY CLASSICS
19.20 Rio Blu scopre di non
essere lunico esempla-
re della sua specie e
vola a Rio SKY CINEMA 1
21.00 Tommy e il mulo par-
lante Un bambino si
prende cura della fatto-
ria dopo aver perso il
pap soldato in Iraq SKY
FAMILY
Mussolini ultimo atto
1945: anzich accettare
la resa, Mussolini-Rod
Steiger si rifugia in
Valtellina SKY CLASSICS
Breakdown - La trappo-
la Una coppia resta in
panne in viaggio verso
San Diego. Lei accetta
un passaggio SKY MAX
21.10 The Conspirator Aiken
difende una donna
accusata di complicit
nellassassinio di Lincoln
SKY CINEMA 1
22.55 Senza un filo di classe
Lavvocato Gordon
schiavo dei capricci
della mamma vecchia e
demente MGM
Wall Street - Il denaro
non dorme mai
Michael Douglas
Gordon Gekko, un cini-
co speculatore di Borsa
SKY HITS
23.10 Trust Una ragazza
viene assalita da un
uomo conosciuto su
Internet SKY PASSION
0.20 I re del sole Sconfitto da
nemici che usano armi
di bronzo, i Maya si riti-
rano nel Texas MGM
Rendition - Detenzione
illegale Storie intreccia-
te nella guerra contro il
terrorismo dopo l11
settembre SKY MAX
0.40 Il brigante di tacca del
lupo Dopo lunificazio-
ne dItalia, Amedeo
Nazzari da la caccia a
un brigante SKY CLASSICS
1.25 Confessioni di una
mente pericolosa La sto-
ria di Chuck Barris,
showman e agente
segreto della Cia. Di
George Clooney SKY HITS
2.10 38 Parallelo: missione
compiuta Corea: sacrifi-
cio di alcuni soldati
durante le trattative di
pace. Con G. Peck MGM
2.15 Il castello errante di
Howl Una giovane cap-
pellaia viene trasforma-
ta in una vecchietta.
Animazione SKY FAMILY
2.25 Buried Alive - Sepolti
vivi Sei studenti decido-
no di trascorrere un
fine settimana in un
vecchio ranch SKY MAX
Rai 4
6.30 Sette contro la morte
Film
8.15 DrugstoreMagazine
8.20 Dingus: quello sporco
individuoFilm
9.50 DrugstoreMagazine
10.00 Crimini invisibili Film
12.00 Shade - Carta vincente
Film
13.30 La sposa dellimperatore
Film
15.40 Arriva la buferaFilm
17.35 Rai News - Giorno
Notiziario
17.40 Rapa Nui Film
19.25 Quattro per Cordoba
Film
21.10 CasablancaFilm
22.50 DrugstoreMagazine
23.25 Black Forest Film
Rai Movie
13.50 Memoria Raisport
Domenica Sprint
18/12/1977Sport
14.30 Tg Sport Sport
14.45 Atletica Leggera: Mon-
diali Junior IAAF Sport
17.55 Tg Sport Sport
18.15 Memoria Raisport Sport
19.00 Secondo Tempo - TG
Sport Sport
19.30 Triathlon: Camp. Italiani
Assoluti Sport
20.15 Corsa su Rotelle: Campio-
nato Italiano Pista
Ragazzi Sport
21.00 Memoria Raisport Sport
21.50 Automobilismo: Super-
stars Sport
23.45 Rai TG Sport Sport
Raisport 1
18.05 Istituzioni- il Consiglio
Superiore della Magi-
stratura
18.30 Apollo 11 in volo - 1a
18.40 Magazzini Einstein. Fer-
nanda Piavano
18.45 Da Qui - Nuovo villaggio
Matteotti
18.50 Apollo 11 in volo - 1b
18.55 Da Qui -Punti di Svolta
Vittorio Emiliani
19.00 Falqui Show p.32
19.55 Da Qui -Punti di Svolta
Corrado Augias
20.00 Viaggio in Italia-I fatti di
Genova
20.15 1960:i ribelli
21.00 Dixit Fatti. Rotocalc
23.00 LItalia in 4d - Anni 60: Il
logorio della vita moderna
Rai Storia
11.30 Amichevole Estiva Lazio -
AuronzoSport
13.30 Speciale Calciomercato
ReplicaSport
14.30 Lo Sai Che? ReplicaSport
15.00 Ligue1 Psg - Montpellier
19-02-12Sport
17.00 Top Freekicks Ronaldo +
Xabi Alonso + Top Goal
CantonaSport
17.30 Real Madrid Tv Totten-
ham Real Madrid
2010/2011Sport
19.30 Solocalcio News Sport
20.00 Amichevole Estiva Ama-
zulu - Manchester Utd
Diretta 20.00Sport
22.00 Aspettando Calciomerca-
to DirettaSport
23.00 Speciale Calciomercato
Sportitalia
7.35 Iris la Settimana - Le
Novita in Scena
7.50 Supercar Telefilm
8.35 The A-TeamTelefilm
9.30 Siamo tutti pomicioni
Film
11.25 Ciaknews
11.30 Anni 50Miniserie
13.15 Ti racconto un libro
13.35 La vita bellaFilm
15.30 Note di Cinema
15.35 Riavanti Marsch! Film
17.40 Il vincitoreFilm
19.25 Supercar Telefilm
20.10 The A-TeamTelefilm
21.05 VidocqFilm
22.50 Together Film
0.50 DogvilleFilm
3.15 Jagoda - Fragole al
supermercatoFilm
Iris
6.00 Tg 5 Prima pagina
7.55 Traffico
7.57 Meteo 5
8.00 Tg 5 Mattina
8.35 Miracoli degli animali
Documentari
8.45 Il primo amore di Anne
Film-tv
10.55 Giffoni Film Festival
11.00 ForumAttualit
13.00 Tg 5. Meteo 5
13.40 Beautiful Soap Opera
14.10 Il momento di tornare
Film-tv
16.30 Lambizione di Eva
Film-tv
18.30 La ruota della fortuna
Gioco
20.00 Tg 5. Meteo 5
20.40 VelineVariet Il casting
televisivo giunto ormai
alla sua quarta edizione
21.00 C.S.I. FOX CRIME
Army Wives FOX LIFE
Terra Nova FOX
Socie JIMMY
21.50 Terra Nova FOX
Socie JIMMY
21.55 Profiling FOX CRIME
Private Practice FOX LIFE
22.40 Strictly Confidential -
Confessioni pericolose
JIMMY
22.45 The good wife FOX LIFE
I Griffin FOX
22.50 Prime Suspect USA
FOX CRIME
23.15 Falling Skies FOX
23.40 Body of Proof FOX LIFE
23.45 N.C.I.S. Anthology FOX
CRIME
I Griffin FOX
0.25 Primeval JIMMY
0.30 The Chicago Code FOX
0.35 Medium FOX LIFE
Intrattenimento
06.45 Oroscopo del
giorno di
Barbanera
06.48 Attualit
07.20 Chiacchiere
08.05 Oroscopo del
giorno di
Barbanera
08.10 Viaggi
08.40 Almanacco del
giorno di
Barbanera
08.42 Moda
09.10 Oroscopo del
giorno di
Barbanera
09.15 Chiacchiere
09.50 Oroscopo del
giorno di
Barbanera
10.00 Beverly Hills
90210
10.45 Hobby
11.20 Cucina
12.00 Dynasty
13.00 Almanacco e
Oroscopo di
Barbanera
13.15 Attualit
13.50 Storie
14.45 Chiacchiere
15.30 Beverly Hills
9021
16.20 Hobby
17.00 Bellezza
17.40 Cucina
18.30 Dynasty
19.00 Casa
19.40 Salute
20.10 Hobby
21.00 Attualit
21.45 Storie
22.10 Chiacchiere
22.55 Hobby
23.40 Bellezza
00.15 Cucina
VERO TV canale 137
10.01 Nel paese delle
creature selvag-
ge Film
11.50 About a boy
Film
13.41 Scream 4 Film
15.40 Dylan Dog - Il
Film Film
17.35 Jonah Hex Film
19.10 Laltra donna
del re Film
21.15 Houdini -
Lultimo mago
Film
23.00 Piacere, sono un
po incinta Film
0.50 Nonna gonfiabi-
le Cortometraggio
1.05 Se scappi ti
sposo Film
3.05 Hop Film
7.25 Giardini di pie-
tra Film
9.25 Chi ha paura di
Virginia Woolf?
Film
11.40 Il mondo secon-
do Garp Film
14.05 Promontorio
della Paura Film
15.55 Hollywood
Collection -
Robert Mithcum
16.30 Un principe
tutto mio Film
18.30 Memento Film
20.40 Under The
Influence - Joan
Allen
21.15 Michael Film
23.10 Casablanca Film
1.05 Frantic Film
JOI MYA STEEL
13.30 Dr. House -
Medical divi-
sion Telefilm
15.05 Liberi di
Volare Corto
15.15 Affari di pan-
cia Telefilm
16.05 Psych Telefilm
17.00 Rubicon
Telefilm
18.40 Alias Telefilm
20.10 Ultra 2012 -
Alias
20.25 Er-Medici in
Prima Linea
Telefilm
21.15 Dr. House -
Medical divi-
sion Telefilm
23.00 House Story -
Wilson
13.20 Divorzio da cani
Film
15.00 One Tree Hill
Telefilm
15.50 Friends Telefilm
16.15 Bollywood a
Dublino
Cortometraggio
16.30 Sex and the City
2 Film
19.00 Friends Telefilm
19.30 Pretty Little
Liars Telefilm
21.15 The Wedding
Date Film
22.50 Hard Miniserie
23.55 The Vampire
diaries Telefilm
0.45 The Secret
Circle Telefilm
1.30 Hard Miniserie
11.35 4400 Telefilm
13.15 Sanctuary
Telefilm
15.00 Enterprise
Telefilm
15.50 Ralph
Supermaxieroe
Telefilm
16.40 Smallville
Telefilm
17.30 Enterprise
Telefilm
18.30 Squadra
Antimafia
Palermo Oggi
Miniserie
20.25 Smallville
Telefilm
21.15 Chuck Telefilm
22.05 Mike & Molly
Telefilm
P. CINEMA S. UNIVERSAL
Joy+1, Mya+1,Steel+1 ripetono la programmazione Joi, Mya, e Steel posticipati di unora
RADIO&RADIO
BRUNO
GAMBAROTTA
N
on facile dare
un taglio origi-
nale al racconto
delle Olimpiadi, un ter-
reno arato ogni quattro
anni. A noi pare che
Giampiero Vigorito ci
stia riuscendo con il
suo Leggende olimpiche,
in onda alle 14 su Radio
3 Rai dal luned al ve-
nerd, con Ornella Bel-
lucci alla regia. Da que-
ste narrazioni, arric-
chite da citazioni e in-
terviste, balza evidente
la crudele selezione di
questi giochi: delle mi-
gliaia di atleti che, con
enormi sacrifici, rie-
scono a prendervi par-
te, uno solo, due al mas-
simo, trasmetter il
suo nome a una distrat-
ta posterit e, sovente,
per merito dellabbina-
mento con un fattore
extrasportivo. Le
Olimpiadi di Citt del
Messico sono ricordate
per il pugno chiuso nei
guanti neri e la testa
bassa di Tommie Smi-
th e John Carlos, che
dal podio protestavano
contro la discrimina-
zione razziale negli
Usa. Il racconto delle
persecuzioni a cui i due
atleti neri andarono in-
contro agghiacciante.
Un non piccolo merito
di Vigorito risiede nel
resoconto delle vicissi-
tudini dei campioni
una volta scesi dal po-
dio: Nadia Comaneci,
Wilma Rudolph. Non
sempre il loro destino
stato tragico. Ma pen-
siamo al nostro Livio
Berruti a cui chiedono
da 52 anni di rievocare
le emozioni provate nel
1960 quando a Roma
vinse i 200 piani...
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
35
che su questo versante ci
sar da lavorare, se pure
ieri la Fiorentina ha prova-
to a chiudere il lucchetto:
Mi pare che la propriet su
Jovetic sia stata molto chia-
ra - sottolinea il club ma-
nager viola Vin-
cenzo Guerini - il
giocatore non sul
mercato. Il che
Mettetevi comodi voi che
aspettate il top player: non sa-
r una caccia veloce, avverte
lad bianconero Beppe Marot-
ta, salito a Saint Vincent, Valle
dAosta, per lesordio stagiona-
le della Juve, insieme allaltro
ad Aldo Mazzia e al ds Fabio
Paratici. Ma qualcuno alla fine
arriver, se Antonio Conte
vuole un arsenale di cinque at-
taccanti, e oggi siamo fermi a
quattro pezzi: Vucinic, Qua-
gliarella, Matri e Giovinco. Del
resto, cinque era la dotazione
della stagione scorsa, quando
neppure cera da attraversare
la giungla della Champions. E
che lo shopping non sia fatto
proprio allultimo istante il
desiderio di tutti i tecnici del
mondo, Conte compreso:
Ogni allenatore sogna di ave-
re la squadra al completo il pi
rapidamente possibile.
Alla societ non resta che
sfogliare nuovamente il men
e continuare a contrattare,
aspettando che in un modo o
nellaltro qualche richiesta
scenda: che si tratti di prezzo
dacquisto o di retribuzione.
Limpressione che i maggiori
indiziati siano rimasti Stevan
Jovetic e Robin Van Persie, o
almeno quelli in cima ai desi-
deri. Perch prenderli anco-
ra unaltra cosa. Anche se ieri,
sul fronte dellolandese, unpic-
colo passo avanti stato fatto,
uno spiraglio rimasto: Van
Persie ha ribadito allArsenal
che vuole andarsene e menche
meno ha intenzione di rinno-
vare il contratto, in scadenza a
giugno 2013. Devono averlo
preso sul serio, se i Gunners
hanno gi levato il suo faccino
dallo store on line che promuo-
ve le nuove divise dei ragazzi di
Wenger. Apatto non sia gi ap-
parso su quello del Manche-
ster City. Nominarlo in casa
Juve quasi peccato: Van
Persie? Siamo stati molto ac-
corti a non entrare mai nel me-
rito dei nomi - risponde Marot-
ta - e anche ora non lo faccia-
mo. Con Conte abbiamo conti-
nui confronti e sappiamo dove
possiamo e dobbiamo interve-
nire, cogliendo le opportunit.
Ma non si pu pensare di trat-
tare giocatori incedibili o in-
vendibili. Resta il fatto che
Van Persie monitorato, da
mesi, come se avesse addosso
un antifurto satellitare, come
testimonia lultimo contatto
telefonico tra i bianconeri e
lolandese, solo tre giorni fa.
Poi resta di mezzo lArsenal e i
7 milioni di euro di ingaggio a
stagione. Ci vorr tempo, in-
somma.
Bisogner attrezzarsi di
clessidre anche per Jovetic:
Indubbiamente ci piace -
conferma lad bianconero - e
risponde pienamente al profi-
lo del giocatore che cerchia-
mo. Di pi per non posso di-
re, perch un tesserato della
Fiorentina e non voglio man-
car di rispetto al club viola.
Dire che siamo in una fase
conclusiva ce ne passa. An-
MASSIMILIANONEROZZI
INVIATOA CHATILLON
I CAMPIONI ALLARICERCADEL TOPPLAYER
Lospiraglio
non del tutto vero, sarebbe
solo una questione di prezzo:
trenta milioni. Che per la Juve
sono ancora troppi. Potr aiu-
tare il montenegrino, che ha
gi detto di volersene andare,
al primo giorno di scuola. In
ogni caso, chiunque sar lac-
quisto, ci vorr pazienza: Se-
condo me non sar una cosa ve-
loce. Nellattesa, transiter un
altro attaccante, Manolo Gab-
biadini, che tra domani e ve-
nerd dovrebbe essere per me-
t della Juve, a 3 milioni di eu-
ro: ma per essere poi girato su-
bito in prestito al Bologna, do-
ve finir anche Marco Motta.
Restano in attesa di collocazio-
ne Felipe Melo e Milos Krasic:
quattrini che serviranno per il
grande shopping.
Addio Milan
Ibraal Psg
affarefatto
Guadagner
15 mlnallanno
Zlatan Ibrahimovic, 30 anni
Zlatan Ibrahimovic un gio-
catore del Psg. Lo svedese
sbarcato ieri sera a Parigi,
questa mattina sar sottopo-
sto alle visite mediche prima
di firmare il contratto: un
triennale per circa 15 milioni
a stagione. Alla presentazio-
ne, fissata per le 15 di oggi al
Parco dei Principi, interver-
ranno anche il presidente dei
parigini Nasser Al Khelaifi e
Leonardo. Ora Parigi ha
una ragione in pi per essere
considerata una bella citt.
Non guardiamo indietro, a
Milano amore finito, ha det-
to Mino Raiola poco dopo
aver raggiunto lintesa con i
parigini. Mentre Leonardo
commenta: Far la storia
del Paris Saint-Germain.
Dopo Thiago Silva, via an-
che Ibra. la dura realt del
Milan alla rincorsa del pa-
reggio di bilancio e del conte-
nimento dei costi. Ora Adria-
no Galliani dice stop. Lad ab-
bassa la serranda sul parco
giocatori di Milanello. Il pri-
mo veto stato messo su Ro-
binho, richiesto dal Santos. I
brasiliani, accompagnati dal-
lintermediario Gaetano Pao-
lillo, hanno incontrato Arie-
do Braida nella sede del Mi-
lan per parlare dellattaccan-
te e del portiere Rafael del
Santos. Due ore di riunione,
nulla di fatto. incedibile,
hanno fatto sapere dal Milan,
salvo poi fissare un prezzo
impossibile: Robinho costa
15 milioni. Cifra improponi-
bile per il Santos, che comun-
que nelle prossime ore tente-
r un nuovo attacco. Tra un
assalto e laltro ai gioielli ros-
soneri, Galliani lavora per ri-
fare la squadra. Nelle prossi-
me ore il vicepresidente mi-
lanista incontrer gli agenti
di Rolando, Tevez e Dzeko.
TIZIANACAIRATI
MILANO
VanPersie, unaltronoallArsenal. ElaJuveoraci crede
1Per chi nondisdegnalacabala, e
Antonio Conte fra questi, potr es-
sereunagrandestagioneancheque-
sta. Passano 43 secondi dallesordio
a Saint Vincent, e la Juve si ritrova
sottoconlAygreville: pasticciodi Lu-
cio (che poi far bene) e rete. Al pri-
mo passo di un anno fa, becc gol
dopo4minuti dalla Rappresentativa
della Val di Susa. Difatti Conte sorri-
de: Detto che a me non piace mai
subiregol, loprendiamoper unbuon
auspicio. Anche se il prossimo anno
sar dura fare megliodi 43secondi.
Dopo quellepisodio, va come deve
andare tra professionisti e dilettanti:
7-1 per i bianconeri con reti di Qua-
gliarella (2) e Vucinic nel primo tem-
po; Matri, Boakye, Vidal e Padovan
nella ripresa. Fruttodi unpaiodi bel-
le combinazioni, e dentro cera sem-
pre Asamoah, subito in palla, e di tre
calci di rigore. Ci sono state alcune
cose buone e altre meno - spiega il
tecnicoallafine- perbisognaanche
tener contoche ceranotanti ragazzi
della Primavera e anche i nuovi arri-
vati.Ci vorr del tempo, ma limpor-
tante che c grande disponibilit
da parte di tutti, a lavorare. Anche
stavolta, la Juve ha sempre utilizzato
il 3-5-2, ormai moduloguida. Lascor-
sa stagione, dopo labolizione del 4-
2-4, Conte vir sullottimo 4-3-3,
quindi assembl altrettanto bene il
3-5-2. Lanno passato abbiamo uti-
lizzatoquesti due moduli - aggiunge
Conte- edunpatrimoniodanondi-
sperdere. Sonodueopzioni. Dei sin-
goli, gli chiedono di Lucio: Bene.
arrivato da due giorni, ha fatto que-
sto viaggio transoceanico, quindi
anche lui ha bisogno di integrarsi,
prendere il ritmo: perci sar tempo
e ci faremo sicuramente trovare pre-
parati. Il pi felice, alla fine, pareva
Asamoah: Ne ho giocate di amiche-
voli con lUdinese, ma tanta gente
cos non lavevo mai vista. Ieri, sta-
diopienoe 3.000persone. [M.NER.]
Settegol (auno) nellaprimabianconera
Tremilatifosi perlesordiodi AsamoaheLucio
Joveticlalternativa
Marotta: Rientra
nei nostri obiettivi
LaFiorentina: incedibile
Lucio, 34 anni, per lui esordio in maglia bianconera
7
Milioni a stagione
LARICHIESTADI VANPERSIE
La Juve perha fissato
untettoagli ingaggi
e non disposta ad
andare oltre i 5,5mln
30
Milioni
ILCOSTODI JOVETIC
la richiesta della Fiorentina.
Anche se il clubmanager Guerini
continua a sostenere che il giocatore
consideratoincedibile
SPORT
Oggi inTv
10,05Nuoto. Campionati europei Rai Sport1
12,00TgSport Raitre
13,00StudioSport Italia1
14,40Atletica. Mondiali juniores Rai Sport1
14,55Ciclismo. Tour de France Raitre
17,55TgSport Raidue
19,00StudioSport Italia1
19,30Triathlon. Assoluti italiani Rai Sport1
19,50Equitazione. Nations cupseries Eurosport
20,30Calcio. Diretta stadioestate 7Gold
21,00Tennis. AtpTour Montecarlo Sky Sport3
21,00Golf. US Pga Tour Eurosport
23,00Speciale calciomercato Sky Sport1
00,40TgSport La7
Capitano
Robin
Van Persie
28 anni
allArsenal
dal 2004
36
.
Sport
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
il caso
GUGLIELMOBUCCHERI
ROMA
Ex C1 e C2Chi arrivainfondospesso
lofainapnea: punitoper nonaver pagato
gli stipendi osenzai soldi per iscriversi
Il sindacodi Ferrara Holanciatounappello
agli imprenditori locali. Eloromi ricordano
i capannoni daricostruiredopoil terremoto
La Triestina si era inventata persino i tifosi finti per ovviare alla desolazione di uno stadio vuoto
I numeri
Quellecittsenzacalcio
Unmilionedi tifosi orfani
Foggiae Spal le ultime afallire: intre anni laLegaProhaperso21 club
D
a Trieste in gi.
Il calcio, quello
dei professioni-
sti, paga anche
questestate il
caro prezzo del fallimento e
chiude la porta in faccia ad
un potenziale pubblico di un
milione di appassionati: Trie-
stina, Spal, Pergocrema, Giu-
lianova, Piacenza, Foggia,
Taranto e Siracusa escono
dal pallone, cancellano la loro
storia e, se riusciranno nel-
limpresa, potranno ripartire
con nome e societ diverse
dalla serie D. Il punto di non
ritorno, o meglio, lultimo
stadio si consuma ormai in
Lega Pro, ex C1 e C2, campio-
nati destinati a restringersi
sempre pi come racconta la
tendenza. I numeri parlano
chiaro: chi arriva fino in fon-
do, lo fa spesso in apnea, pu-
nito con punti di penalizza-
zione per colpa di stipendi
non pagati e impossibilitato a
trovare una fideiussione da
300 mila euro per iscriversi
al via della Seconda Divisio-
ne o del doppio per il campio-
nato di Prima Divisione.
Restare senza calcio, per il
presidente della Federcalcio
Giancarlo Abete, la natura-
le conseguenza della crisi che
sta vivendo il Paese. C
lamarezza per qualche ab-
bandono significativo. Ma -
cos Abete - c anche la ne-
cessit da parte dei club di
mantenere gli equilibri eco-
nomici per il futuro: il pallo-
ne risente del momento diffi-
cile.... Nelle citt ferite
dalla mancata iscrizione, la
piazza sembra aver imboc-
cato la strada della pazienza,
in parte perch si capito
che il calcio non pu scappa-
re dalla crisi, in parte perch
c la speranza che il futuro
finisca in mani pi solide.
Ferrara - spiega il sindaco
Tiziano Tagliani - ha sempre
vissuto di calcio e la passione
non si certo interrotta ora
che la Spal dovr ripartire,
speriamo dalla serie D. Ho
lanciato un appello agli im-
prenditori locali, adesso
aspetto che venga raccolto:
nonostante nel pallone si in-
vesta spesso a fondo perdu-
to, credo che scommettere
sui giovani, sulle scuole cal-
cio dei pi piccoli possa crea-
re comunque un ritorno. Il
Comune ci mette lo stadio e
non poco anche se capisco
chi mi dice sindaco noi dob-
biamo rifare i capannoni di-
strutti dal terremoto....
Il calcio professionistico
soffre. Cinque le squadre che
sono uscite di scena due anni
fa, otto lestate scorsa, otto
adesso: da 90 club nei cam-
pionati di Prima e Seconda
Divisione della stagione
2010/11 si passer ai 69 attua-
li. Il nostro obiettivo, annun-
ciato da tempo, scendere fi-
no a sessanta squadre in una
Lega Pro unica, magari fra
un anno. Il calcio in generale
sovrastimato, lo dicono i
numeri, lo dice la realt: se -
precisa Francesco Ghirelli,
direttore generale della Lega
Pro - non si realizza la drasti-
ca riduzione di societ, se
non si decide di puntare sui
giovani e se non si lavora alla
formazione dei dirigenti, la
strada resta in salita. Spesso
accade che il baratro per i club
in difficolt si apra senza para-
cadute una volta consumato il
salto indietro di categoria: chi
scivola dalla B in Lega Pro, si
ritrova in un attimo ancora pi
gi o addirittura con i libri in
tribunale. Una retrocessione
dalla serie B- continua Ghirelli
- significa la perdita dai 3,8 ai
4,4 milioni di euro dei diritti tv
e dai 5 ai 10 milioni di Iva da
pagare. Senza contare il peso
di contratti di giocatori stipu-
lati per un campionato diverso
ed ancora in vigore una volta
caduti in Lega Pro....
Da Trieste in gi. Fino a Si-
racusa o Taranto. Ci sono da
cinque a sette imprenditori in-
teressati per far rinascere il
calcio. Nessuno - dice il sinda-
co della citt pugliese Ezio Ste-
fano - ha la volont di sostene-
re un investimento da 700 mila
euro, ma se di mezzo c una
cordata possiamo avere una
speranza.
Abete: Il pallone
risentedel momento
difficiledel Paese
Ghirelli: Retrocedere
dallaserieBcomporta
unsalassoeconomico
IL DGDI CATEGORIA
PRESIDENTE DELLAFIGC
6
In bilico
Andria, Como, Treviso,
Campobasso, Casalee
ValledAostetenteranno
di fornireleadeguate
garanzieentroil termine
del 9agosto
600
Mila euro
Il valoredellafideiussione
dapresentareper iscriversi
al campionatodi Prima
Divisione. 300milainvece
per parteciparealla
SecondaDivisione
Centimetri
LA STAMPA
Questanno scomparse otto societ
SPAL
Fondata nel 1907
Rifondata dopo
un primo fallimento
nel 2005
Rifondato nel 1993
Miglior piazzamento
5 posto in serie A
nel 1959/1960
FOGGIA
Fondato nel 1920
Miglior piazzamento
9 posto in serie A
nel 1964/1965,
nel 1991/1992 e
nel 1993/1994
SIRACUSA
Fondata nel 1924
Miglior piazzamento
5 posto in serie B
nel 1950/1951
TARANTO
Fondato nel 1927
Miglior piazzamento
5 posto in serie B
nel 1973/1974
GIULIANOVA
Fondato nel 1924
Miglior piazzamento
4 posto in serie C1
nel 1998/1999
TRIESTINA
Fondata nel 1918
Miglior piazzamento
2 posto in serie A
nel 1947/1948
PIACENZA
Fondato nel 1919
Miglior piazzamento
12 posto in serie A
nel 1998/1999
PERGOCREMA
Fondato nel 1932
Miglior piazzamento
11 posto in Prima Divisione
nel 2008/2009 e nel 2011/2012 FOGGIA
152.747
abitanti
GIULIANOVA
23.606
abitanti
TARANTO
191.810
abitanti
SIRACUSA
123.850
abitanti
TRIESTE
205.535
abitanti
PIACENZA
103.206
abitanti
FERRARA
135.369
abitanti
CREMA
34.144
abitanti
Ha
detto
Il dgdella Lega Pro
Lobiettivo, annunciato
datempo, scendere
finoa60squadre
inunaLegaProunica,
magari fraunanno
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Sport
.
37
R
I
l calcio vince - nonostan-
te i debiti - il football
americano domina, la
Ferrari tiene alto lonore
del Made in Italy. Non
sono Olimpiadi sui generis e
nemmeno una graduatoria di
ascolti tv ma la classifica, sti-
lata da Forbes, delle 50 socie-
t sportive conil maggiore va-
lore commerciale del mondo.
Un ranking che al primo po-
sto vede il Manchester Uni-
ted, con2,23 miliardi di dollari
(1,81 miliardi di euro), seguito
dal Real Madrid (1,88) e dai
New York Yankees di base-
ball, ma che accoglie comun-
que tutti i 32 teamdella Nfl, la
lega professionistica del foot-
ball - a partire dai Dallas
Cowboys, quarti a un soffio
dalle merengues (1,85).
Nella top 10 si piazzano an-
che altri due club calcistici, il
Barcellona all8 posto e lAr-
senal al 10 (solo 45esimi i
campioni dEuropa del Chel-
sea), il primo e unico degli ita-
liani il Milan, 27, ma a risol-
levarci ci pensa la Rossa, 15
assoluta e prima in F1 con un
valore stimato di 1,1 miliardi, il
3 per cento in pi rispetto allo
scorso anno. lItalia che
continua ad accelerare, alla
faccia dello spread: la Germa-
nia almeno qui, rosica.
La performance della Fer-
rari, secondo Forbes, dovuta
allestensione dei contratti di
sponsorizzazione con il grup-
po bancario Santander (52 mi-
lioni di dollari allanno) e conla
Marlboro(500milioni di dolla-
ri per tre stagioni), che valgo-
no a Maranello ben 25 posizio-
ni di vantaggio sullagrigliadi
un GP sarebbe un ko sullar-
cirivale McLaren, 40 e infles-
sione a causa del ventilato di-
simpegno del main sponsor
Vodafone e del possibile addio
di Lewis Hamilton.
Letti i numeri, ci si pu fer-
mare unattimo a riflettere sui
criteri utilizzati da Forbes per
stilare la sua list. In cima
c infatti un club di popolari-
t assoluta, che in grado di
raccogliere 31 milioni di dolla-
ri allanno dallo sponsor Aon
(assicurazioni), che compare
sulla maglia da gara, e 62 (ma
per 4anni), dalla Dhl, che figura
su quelle dallenamento, oltre al
minimo garantito di 39 milioni
di dollari annui dalla Nike per
gestire il merchandising. Ma
che anche pesantemente in-
debitato: ben 423 milioni di
sterline (oltre 660 milioni di
dollari) secondo le stime dello
scorso luglio. Un passivo che
sta convincendo i vertici dello
United a quotarsi sulla Borsa di
New York nel tentativo di rica-
vare almeno 100 milioni di dol-
lari dalla vendita delle azioni e
ripianare cos parte del debito.
E non che i colleghi del Real
stiano tanto meglio. Detto que-
sto, impressionano le quotazio-
ni del football, merito di una ge-
stione lungimirante della Lega
imperniata soprattutto sui nuo-
vi contratti televisivi che per
nove stagioni porteranno nelle
casse della Nfl un totale di 5 mi-
liardi di dollari allanno (1,04 in
media a franchigia). Dalle tv
proviene anche il saldo positivo
dei Lakers di Kobe Bryant,
35esimi e primi del basket, che
hanno alzato da 35 a 200 milio-
ni di dollari laccordo con la Ti-
me Warner Cable. La conferma
che nello sport moderno fon-
damentale investire sullim-
pianto e sul territorio la forni-
scono invece gli Yankees del ba-
seball (330 milioni allanno dal
botteghino) e i Dallas Cowboys
del football che ogni anno rica-
vano 160 milioni - fra posti di
lusso e sponsorizzazioni dal
loro stadio da 110 mila posti.
Retroscena
STEFANOSEMERARO
LESQUADREPIRICCHE
United, unteamdoro
Ferrari eMilani soli
paperoni italiani
Latop50di Forbes: Real 2, dominail football
Il Cavallino(15) cresce
del 3%grazieagli sponsor
leader inFormula1
INPISTA
Vettel: SognolaRossa, manonhofirmato
1SebastianVettel allaFerrari
nel 2014? Ancora non il mo-
mento. Non ho firmato nulla e
non ho promesso niente nean-
che con una stretta di mano,
hadettoallaBildil campionete-
desco di F1. Certamente, ha ag-
giunto, guidare una Ferrari al-
menounavoltanellacarriera
il sogno di chiunque. A pochi
giorni dal Gp tedesco a Hoc-
kenheim, il pilota della Red Bull
ha definito normale avere con-
tatti con Maranello: Mi sento
onoratocheStefanoDomenica-
li o Luca Montezemolo vedano
in me un pilota Ferrari. Il loro
semplicemente un team figo,
ma le cose devono essere inca-
strate al meglioper tutti.
R
o
m
a
CALCIO INGHILTERRA
Fatturato: 2,23 milioni
R
e
a
l
M
a
d
r
i
d
CALCIO SPAGNA
Valore: 1,88 miliardi
N
.
Y
.
Y
a
n
k
e
e
s
BASEBALL USA
Valore: 1,85 miliardi
M
a
n
c
h
e
s
t
e
r
U
t
d
CALCIO INGHILTERRA
Valore: 2,23 miliardi di dollari
W
.
R
e
d
s
k
i
n
s
FOOTBALL USA
Valore: 1,56 miliardi
L
.
A
.
D
o
d
g
e
r
s
BASEBALL USA
Valore: 1,4 miliardi
N
.
E
.
P
a
t
r
i
o
t
s
FOOTBALL USA
Valore: 1,4 miliardi
B
a
r
c
e
l
l
o
n
a
CALCIO SPAGNA
Valore: 1,31 miliardi
N
.
Y
.
G
i
a
n
t
s
FOOTBALL USA
Valore: 1,3 miliardi
A
r
s
e
n
a
l
CALCIO INGHILTERRA
Valore: 1,29 miliardi
D
.
C
o
w
b
o
y
s
FOOTBALL USA
Valore: 1,85 miliardi
F
e
r
r
a
r
i
FORMULA 1 ITALIA
Valore: 1,1 miliardi
M
i
l
a
n
CALCIO ITALIA
Valore: 989 milioni
2 3
5
6
6
8
9
3
10
15
27
1
T1 CV PR T2 MERCOLED 18 LUGLIO2012 LASTAMPA38


I
N

E
D
I
C
O
L
A
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO 2012
.
Sport
.
39
T1 AL AOAT BI CNCV IMNOPR SR SV T2 VB VC
Retroscena
GIANLUCAODDENINO
SAPPADA
Ferronetti, blitz a costo zero
Se supera le visite del Toro
DifensoresvincolatodallUdinese, vienedadueinterventi al ginocchio
P
er Wikipedia gi
un giocatore del To-
ro, per Cairo lo sar
oggi se superer le
visite mediche. Da-
miano Ferronetti il granata,
per, lha gi assaggiato: ieri
ha cenato con la sua potenziale
nuova squadra dopo esser ar-
rivato quasi in incognito a Sap-
pada. Faccia abbronzata, ma-
niche corte e bagaglio leggero:
alle 19,15 il difensore svincolato
ex Parma e Udinese sceso
dalla sua Smart dopo un viag-
gio breve (era a Udine, 90 km
di distanza) e si presentato
nella sede del ritiro del Torino
per farsi trovare subito pron-
to. Non tanto da Ventura, che
ha bisogno di un centrale tut-
tofare per riempire una casella
delicata del suo scacchiere,
quanto dai medici. Che lo visi-
teranno e testeranno a lungo
per capire il suo stato fisico.
Ferronetti ha avuto la carriera
frenata da due gravissimi in-
fortuni al ginocchio destro con
la rottura dei legamenti: nel
febbraio 2009 e nel settembre
2010. Nella stagione 2010/2011
non ha giocato neanche un mi-
nuto e solo nellultima annata
ha ripreso confidenza col cam-
po disputando 18 partite tra
coppe e campionato.
In 8 stagioni di serie A (tre
al Parma e cinque nellUdine-
se), Ferronetti ha totalizzato
93 presenze ed proprio que-
sta lincognita che ha suggerito
prudenza al Toro. Prudenza sia
nella trattativa (laccordo un
biennale con opzione per il terzo
anno) sia nella valutazione del
quadro clinico. Oggi, o al pi tar-
di domani, atteso a Sappada
anche il procuratore del difenso-
re per chiudere loperazione e
cos dare a Ventura un altro rin-
forzo. Fondamentale, conside-
rando che in difesa mancano un
terzino sinistro ed un altro cen-
trale. Per il primo si aspetta il s
di Mesbah, che il Milan non dar
al Marsiglia, mentre come riser-
va di Ogbonna potrebbe restare
Di Cesare. Il giocatore pro-
messo sposo dello Spezia neo-
promosso in B, ma la cessione
stata bloccata negli ultimi giorni
ed ora si tratta il rinnovo.
Se per la difesa c stata lac-
celerazione, le trattative per rin-
forzare il centrocampo hanno
subto un rallentamento. Lin-
contro dellaltra sera con la Juve
per Pazienza non ha prodotto i
risultati sperati: i bianconeri
trattano la cessione definitiva e
vogliono soldi, mentre Cairo
punta al prestito visto loneroso
ingaggio. Per questo il centro-
campista bianconero ieri ha fat-
to le visite mediche a Torino e si
aggregato alla squadra di Con-
te nel ritiro di Chtillon. Il Toro
aspetta, ma dopo la fumata nera
si sono fatte sotto Lazio e Samp-
doria per ingaggiare il mediano.
Nelle ultime due stagioni
Damiano Ferronetti ha
disputato solo 18 partite
FUMATANERA
Pazienzasi allontana
LaJuvechiedesoldi,
SampeLazioinagguato
In breve
Atletica: a Lucerna
ABlake i 100 in 985
nIl giamaicano Yohan
Blake ha vinto i 100 al meeting
di Lucerna in 985. Secondi ex
aequo Frater (Jam) e Burns
(Tri) in 10 netti.
Nuoto: per la Pellegrini
S al sessopregara
nNiente sesso prima delle
gare? Siamo matti?: Federica
Pellegrini in unintervista a
Chi si detta favorevole al
sesso preagonistico, un parere
opposto a quello espresso di
recente del suo fidanzato Filip-
po Magnini. Ma Pippo scher-
zava ha aggiunto lazzurra.
Calcio: ct della Russia
La Duma critica Capello
nUna decisione scandalo-
sa e irresponsabile, presa da
qualche burattinaio dietro le
quinte: cos il deputato russo
Igor Lebedev (figlio del leader
ultranazionalista Vladimir
Zhirinovksi), che vicepresi-
dente della Duma (una Came-
ra del Parlamento) e candidato
alla presidenza della Federcal-
cio russa (ruolo vacante): Chi
ha condotto la trattativa? E chi
ha preso la decisione?.
Calcioscommesse
Siena, in Figc test chiave
nDomani in procura della
Figc verr ascoltato Pierpaolo
Sganga, membro del Cda del
Siena. Sarebbe lui, secondo
laccusa federale, luomo che
avvicin Coppola invitando la
squadra a perdere la partita
con il Varese perch sulla
sconfitta aveva scommesso lo
stesso patron senese Mezzaro-
ma, come raccontato dal pen-
tito Carobbio.
5
domande
a
Gianluca
Sansone
Tantagavetta
e 20gol inB
Venturapu
fidarsi di me
Gianluca Sansone, dal rigo
resbagliatocontroil Toroal
ritiro di Sappada sono pas
sati neancheduemesi. Stra
na la vita.
Tanto, a volte fin troppo. Mai
avrei pensato di giocare in A
con i granata quella sera al-
lOlimpico. Eanche quando mi
hanno cercato, non ci pensavo
perch non volevo illudermi.
Comeviveil passaggio?
Con curiosit, ma questa
attesa non deve essere con-
troproducente.
Arriva in compropriet dal
Sassuoloper 1,6milioni.
Io non ho mai scommesso
su di me e so di essere un
punto interrogativo. Per so
che dar il massimo perch
per arrivare qui sono partito
dallEccellenza e non ho sal-
tato una categoria.
Perch il grande calcio lha
scoperta tardi? Lei solo 4
anni faeraal PescinainC2
Forse perch ho fatto le
giovanili nel Teramo e non
avevo lossessione di sfon-
dare. Pensavo che nella vi-
ta non poteva esserci solo
il calcio: sono diplomato
al l iceo Scientifico e mi
ero iscritto a Scienze Mo-
torie.
Venturalastaprovandoco
me esterno offensivo. Co
meprocedelinserimento?
Bene, ma io ho quasi sem-
pre giocato l. Nellultimo an-
no ho giocato come attaccan-
te e i 20 gol col Sassuolo si
spiegano cos. [G.ODD.]
ATTIVITA COMMERCIALI
Negozi/aziende acqu./gerenze
ACQUISTIAMO conto terzi attivit indu-
striali, artigianali, commerciali, turistiche,
alberghiere, immobiliari, aziende agricole,
bar. Clientela selezionata paga contanti.
Business Services 02.29518014.
Negozi/aziende vend./gerenze
BAR gerenza offresi, incasso 500
giorno, angolare, no cucina, indispen-
sabile buona esperienza. Iemmetre
011.3854810 - 347.7786701.
CONCESSIONARIA auto estere di alta
qualit, avviamento quarantennale, adat-
ta per un giovane imprenditore, ottimo
investimento. Tel. 338.1468593.
TABACCHERIA ricevitoria edicola
zona Brandizzo, aggi Monopolio oltre
100.000, cedesi con dilazioni. Frana
011.5623895 - www.studiofrana.it
LAVORO OFFERTE
Personale pubblici esercizi
CERCASI urgentemente lavorante
parrucchiera/e veramente capace per
salone in Collegno - via Cefalonia 7. Tel.
011.4157695.
Dirigenti
IMPORTANTE societ industriale italiana
cerca direttore generale per il proprio
stabilimento in territorio russo nella zona
di Mosca. Si richiede: conoscenza della
lingua russa, inglese e italiano; capacit
organizzativa gestionale e comunicati-
va con le societ del gruppo; persona
giovane, dinamica, ambiziosa per crescita
professionale con comprovata esperienza;
disponibilit a trasferirsi sul luogo di
lavoro in territorio russo. Retribuzione
adeguata alle reali capacit. Ambosessi
scrivere: Publikompass 8506 - 10100
Torino.
LAVORO DOMANDE
Operai, autisti, fattorini
AUTISTA pensionato piemontese offresi
presso famiglie o persone distinte massi-
ma seriet. Tel. 339.2965743.
Pers.domestico, babysitter
SIGNORA straniera offresi come colf
part-time con esperienza, massime
referenze, dal luned al venerd. Tel.
347.1682326.
IMMOBILIARE VENDITA
Torino citta
CORSO GALILEO FERRARIS esclusivo
panoramico appartamento mq. 315,
ristrutturazione alto livello in corso, 2
box, portineria. Trattative riservate. Tel.
334.8103518.
Torino provincia
PINO TORINESE centro, importan-
te villa mq 600 inserita in splendido
parco. Dependance. Boxes. Luciana Vola
011.8138289.
Liguria
AFFARISSIMO Liguria di Ponente sven-
diamo nuova villetta posizione incante-
vole sul mare giardino, piscina 198.500
acconto 49.000 resto 710 al mese.
C.E. B IPE: 43 KWH/m2. Tel. 035.4123029.
LOANO (Sv) in pronta consegna ultimi
splendidi trilocali con terrazzo, fniture
di pregio con certifcazione energetica in
classe A. Pagamenti: 10% in acconto pi
70% al rogito pi 20% in tre anni dopo
latto senza interessi. Tel. 019.675693
www.impresacappelluto.com
Italia
SARDEGNA parco di Tavolara, Punta Mo-
lara sul mare villetta con vista panoramica
dominante. CE: G 0789.66575 www.
euroinvest-immobiliare.com
Costa Azzurra
MENTONE Unico! appartamenti nuovi da
52.000 pi rata mutuo compensabile
da reddito da locazione. Italgestgroup.
com Tel. 0184.449072.
ROQUEBRUNE - CAP - MARTIN Bilocale
con vista mare, terrazza di 35 mq, pisci-
na, cantina e garage! Classe E 425.000
FCI 0033 (6) 30261230.
AFFITTI OFFERTE
Torino citta
A. ATTICO Crocetta, vuoto, salone con
terrazzo, 2 camere, grande cucina, servizi,
box. interacta.it - 011.5683629.
ABBIAMO accoglienti alloggi arredati
moderni 1 - 2 - 3 camere, casa comoda
centro. Rubiolo Immobili 011.751826 -
392.2348331.
CIT TURIN comodo metropolitana,
in nuova ristrutturazione rifnitissi-
mo, mai abitato mq 50. Luciana Vola
011.8138289.
CORSO INGHILTERRA prestigioso uffcio
mq. 220: grande salone, cinque camere;
biservizi, biingressi, box. Tel. 337.217507.
PIAZZA SAN CARLO adiacente, in casa
signorile, elegante piano alto mq 120.
Luciana Vola 011.8138289.
Liguria
BORGHETTO Vicino mare alloggi uso
vacanze, quindicine: luglio 700, agosto
da 750, settembre da 400, anche
settimanalmente. Tel. 0182.950771 www.
auroraimmobili.it
PIETRA LIGURE affttasi ultimi alloggi
vicino al mare: 1 - 16 agosto da 1.000;
17 - 31 agosto da 900. Foto su www.
casedipietraligure.it Tel. 019.616984
luned chiusi.
PIETRA LIGURE Residence Italia
019.615630, afftti settimanali, mono-
bilocali, fronte mare, Tv, parcheggio,
biancheria. www.residenceitalia.com
Locali, uffci, capannoni
ADIACENTE Giardini Reali, in originale
recupero di fabbricato, rifnitissimo uffcio
mq 80. Luciana Vola 011.8159079.
CORSO FRANCIA / corso Marche, in
recente palazzina uffci, nuovo luminoso
mq 105. Luciana Vola 011.8159079.
PIAZZA STATUTO in bella casa anni
50, angolare luminoso uffcio mq 130.
Luciana Vola 011.8159079.
AFFITTI DOMANDE
Torino citta
A. DIRIGENTE urge grande apparta-
mento con giardino, Gran Madre / Crimea
eventualmente arredato, contratto socie-
t. Interacta 011.5683876.
AUTOVEICOLI
AUTO GILLIA acquista autoveicoli ogni
tipo, massima valutazione e seriet. Corso
Casale 464 Torino - 011.8903777.
AUTOTORTONA acquista vetture e fuori-
strada ogni tipo, max seriet. Corso Torto-
na 9. Tel. 011.8171643 - 011.889664.
VIAGGI E VACANZE
Alberghi, pensioni, residences
ASTRA HOTEL * * * Diano Marina,
0183.497011, www.astrahotel.it. Scelta
men, giardino, parcheggio, piscina,
giochi bimbi. Camere con Tv, Wi-Fi
internet, aria condizionata. Disponibilit
luglio-agosto.
BELLARIA Hotel Continental ***. Tel.
0541.344.375. Sul mare. Parcheggio. Alta
51,00 / 67,00. Bassa 47,00. Speciale
spiaggia. www.hcontinental.net.
LOANO Albergo Edy - Ristorante Lanterna
Verde 019.668520, camere servizi Tv,
balcone, scelta men pesce - carne
piemontese. Chiamateci: offerte speciali
luglio.
RIMINI Rivabella Hotel Euromar ***
Tel. 0541.51027. Vicinissimo mare.
Parcheggio. Settimane promozionali
all inclusive: 28 luglio - 12 agosto
390,00. www.hoteleuromar.it.
RIMINI Viserba Albergo Estense. Sul
mare. Prezzi anticrisi: luglio 42,00
/ 32,00; agosto 43,00 / 50,00.
Mansarda 35,00 / 42,00. Marina Tel.
0541.738135.
RIVIERA LIGURE Appartamenti in resi-
dence con piscina privata, afftto a prezzi
settimanali (sabato / sabato). Monolocale
max 2 / 3 persone: Luglio 350, Agosto
450. Bilocale max 4 / 5 persone: Luglio
450, Agosto 550. Trilocale max 5 /
6 persone: Luglio 500, Agosto 600.
Informazioni e prenotazioni: Sig.ra Mari-
na telefono diretto 019.6231220 Luned
- Venerd 9-17.
SANREMO Albergo centralissimo vicino
mare, conduzione familiare. Camere,
bagno, tv. Pensione completa 50. Tel.
0184.501460.
VARIE
AZIENDA orafa acquista oro argento
orologi. Pagamento immediato. Via XX
Settembre 1 - Torino. Corso San Maurizio
71 - Torino. Tel. 011.2767440.
OREFICERIA GE.MA. 011.6502212 ac-
quista: oro, argenteria, monete, preziosi.
Via Madama Cristina 42 - Torino.
SPAZIO AFFARI
>
PREZZI A PAROLA DELLE RUBRICHE (IVA ESCLUSA)
1 Affari e Capitali, 2 Attivit Commerciali, 5 Immobiliare Vendita, 6 Immobiliare Acquisto Euro 2,84 /// 3
Lavoro Offerte, 7 Afftti Offerte, 8 Afftti Domande, 9 Autoveicoli, 10 Viaggi e Vacanze, 11 Matrimo-
niali, 12 Investigazioni, 13 Varie Euro 2,61 /// 4 Lavoro Domande: - operai, autisti, fattorini, personale
pubblici esercizi, impiegati, personale domestico, baby sitter, lavori vari e part-time, assistenza sanitaria,
formazione e lavoro Euro 0,91 /// tecnici Euro 1,59 /// altre domande Euro 2,61
Avvisi urgenti, data fssa, o neretti: il doppio. Neretti urgenti, data fssa: il quadruplo. Urgentissimi: il
triplo. Elementi aggiuntivi: Fondino colorato: +25%; Keyword: 5,00; A.: 3,17; Logotipo: 23,00
Per uno speciale accordo intervenuto con INTESA-SAN PAOLO e con UNICREDIT, gli avvisi possono essere
ordinati presso tutte le Sedi o Dipendenze di tutte queste Banche esistenti in Italia. In tema di offerte
di impiego o lavoro, lEditore ricorda che la legge 9.12.1977 n 903 vieta discriminazioni sul sesso e la
legge 10.9.2003 n276, vieta la pubblicazione di avvisi effettuati in forma anonima, e linserzionista
impegnato a rispettare tali leggi.
Gli avvisi si ordinano presso: TORINO, via Monte di Piet 2, t. 011.6665252/259 - via Marenco 32,
t. 011.6665211/258; MILANO, via Winckelmann 1, t. 02.24424611; ALESSANDRIA, Borgo Citt
nuova 72, t. 0131.445522; AOSTA, piazza Chanoux 28/A, t. 0165.231424; ASTI, corso Dante 80,
t. 0141.351011; BARI, via Amendola 166/5, t. 080.5485111; BIELLA, via Colombo 4,
t. 015.2522926-8353508; BOLOGNA, via Parmeggiani 8, t. 051.6494626 r.a.; CATANIA, corso Sicilia
37/43, t. 095.7306311; CATANZARO, piazza Serravalle 9 int 38, t. 0961.724090-725129; COSENZA,
via Monte Santo 39, t. 0984.72527; CUNEO, corso Giolitti 21bis, t. 0171.609122; FIRENZE,
via Turchia 9, t. 055.6821553; LECCE, via Trinchese 87, t. 0832.314185; MESSINA, via U. Bonino
15/c, t. 090.6508411; NAPOLI, via dellIncoronata 20/27, t. 081.4201411; NOVARA, Corso Cavour
17, t. 0321.393023-442387; PADOVA, via Strada Battaglia 71b 35020 Albignasego (PD),
t. 049.8734717; PALERMO, via Lincoln 19, t. 091.6235100; REGGIO CALABRIA, via Diana 3,
t. 0965.24478-24479; ROMA, via C. Beccaria 16, t. 06.69548111; VERBANIA, Piazza San Vittore 82,
t. 0323.405057-581858; VERCELLI, via Balbo 2, t. 0161.503148-211795; GENOVA, Piazza della Vit-
toria 11 int. 9, t. 010.5959909; SAVONA, corso Italia 20/4, t. 019.8429950; SANREMO, via Giacomo
Matteotti 178, t. 0184.507223; oltrech per corrispondenza presso lo sportello di TORINO, via
Monte di Piet 2.
Il prezzo delle inserzioni deve essere corrisposto anticipatamente per contanti o vaglia. Esso risulta
dal prodotto del numero di parole (minimo 15) per la tariffa della Rubrica, con laggiunta dei diritti
fssi e delle imposte pari al 21% globale.
PREZZI A PAROLA DELLE RUBRICHE (IVA ESCLUSA)
1 Affari e Capitali, 2 Attivit Commerciali, 5 Immobiliare Vendita, 6 Immobiliare Acquisto Euro 2,84 /// 3
Lavoro Offerte, 7 Afftti Offerte, 8 Afftti Domande, 9 Autoveicoli, 10 Viaggi e Vacanze, 11 Matrimo-
niali, 12 Investigazioni, 13 Varie Euro 2,61 /// 4 Lavoro Domande: - operai, autisti, fattorini, personale
pubblici esercizi, impiegati, personale domestico, baby sitter, lavori vari e part-time, assistenza sanitaria,
formazione e lavoro Euro 0,91 /// tecnici Euro 1,59 /// altre domande Euro 2,61
Avvisi urgenti, data fssa, o neretti: il doppio. Neretti urgenti, data fssa: il quadruplo. Urgentissimi: il
triplo. Elementi aggiuntivi: Fondino colorato: +25%; Keyword: 5,00; A.: 3,17; Logotipo: 23,00
lu
c
a
z
a
n
in
i.it
40
.
Sport
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
R
Tour, sui Pirenei lombradel doping
FrankSchleckpositivoaundiuretico: sospesodal teamRadioshack, hagilasciatolacorsa
A
rrivano i Pirenei e
il Tour si passato
una gran brutta
serata. Doping, ci
risiamo o quasi. E
questa volta non un francesi-
no dal presente gi incerto, co-
me il marsigliese Remy Di Gre-
gorio arrestato a Macon, nel
primo marted di riposo. An-
che ieri era giorno di sosta. Ma
Frank Schleck, 32 anni, non
un nessuno. il capitano del-
lamericana Radioshack. E il
fratellone di Andy, leterna
promessa del ciclismo made in
Lussemburgo. Non che questo
Tour stesse andando bene, a
Frank. Dodicesimo in classifi-
ca, un distacco di quasi dieci
minuti. Il suo Tour finisce a
Pau, sotto i Pirenei, prima dei
due tapponi che decideranno
chi sar il Re.
Un comunicato dellUci,
lUnione ciclistica internazio-
nale, alle otto di sera conferma
la tradizione dei giorni di ripo-
so. Franck Schleck stato tro-
vato positivo dopo i controlli
del 14 luglio, al traguardo della
tappa di Cap dAgde. Risulta-
to anormale, hanno stabilito
le analisi. Si sa qual il prodot-
to, Xipamide, un diuretico.
Non Epo, il testosterone o al-
tri stimolanti. Non sarebbe
prevista la sospensione imme-
diata, ma il Tour non pu non
essere severo. LUci fiducio-
sa che la squadra intraprenda
tutti i passi necessari per tute-
lare la serenit del Tour. In-
somma, se ne vada: e subito,
che meglio.
Altra pessima faccenda per
la Radioshack, stesso sponsor
dellultimo Team di Lance Ar-
mstrong, che gi ha dovuto la-
sciare a casa il direttore spor-
tivo Johan Bruyneel: e proprio
per le inchieste americane sul-
luso di doping al tempo dello
strapotere del texano che ha
vinto sette Tour. Ora toccher
alle controanalisi. Schleck, gi
sfiorato dallinchiesta spagno-
la Operacion Puerto, neghe-
r come fan tutti. Ma non po-
tr negare che i diuretici spes-
so sono utilizzati come co-
prente del doping vero. Il suo
podio al Tour 2011, il tappone
dellAlpe dHuez del 2006, ri-
schiano di finire per sempre
tra i sospetti.
Alle dieci di sera Radio-
shack decide che bene segui-
re il consiglio dellUci. In una
nota fanno sapere che il diure-
tico Xipamide non nella far-
macia del team, e dunque non
si capisce come mai Franck
zeri alla squalifica per tre anni.
Potrebbe essere un caso simile a
quello capitato al Tour di un an-
no fa, al russo Aleksandr Lolob-
nev, positivo allIdrocloriazide,
sempre un diuretico. Kolobnev,
della russa Katusha, aveva evi-
tato incontri con la Gendarme-
ria, era stato sanzionato con una
ammonizione e unammenda da
1500 franchi. LUci aveva pre-
sentato ricorso chiedendo una
squalifica di due anni. Il Tribu-
nale Arbitrale dello Sport di Lo-
sanna ha chiuso la pratica a feb-
braio. Solo la multa.
Cos, questa mattina, al via
della prima delle due tappe sui
Pirenei, Franck Schleck non po-
tr partecipare allassalto a Bra-
dley Wiggins, la maglia gialla.
Cadel Evans e Vincenzo Nibali
dovranno inventarsi qualcosa,
almeno per impedire a Wiggins
di arrivare fino a Parigi senza
nemmeno uno spavento, per i
due non si parlano dalla tappa
sui chiodi. Efino a ieri sera Wig-
go non sembrava preoccupato.
Saranno tappe da leggenda?
Ma no, tappe come le altre. For-
se appena pi calde....
Schleck ne avesse preso. In atte-
sa di chiarimenti meglio toglier-
lo di corsa, vada a casa. Schleck,
per, conosce la legge francese,
il doping reato penale. Ben
consigliato, anche per evitare
larrivo in albergo della polizia,
si presenta alla Gendarmeria.
Sulla mia vita e sulla mia fami-
glia sono sicuro che non ha pre-
so niente, fa sapere il fratellino
Andy. Per Schleck, venisse pro-
vata la positivit ad un diuretico
coprente, il rischio va da un
ammenda di 1500 franchi sviz-
Reportage
GIOVANNI CERRUTI
INVIATOA PAU
In48oresalitedecisive
Masaltalalleanza
traNibali eEvans
COMANDAWIGGINS
6
3
2
B
A
G
N
E
R
E
S
-
D
E
-
L
U
C
H
O
N
1
9
1
-
P
A
U
Pau-Bagnres-de-Luchon, 197 km 16
26 40,5 53,5 72,5 87 101,5 120,5 124 137,5 150,5 181,5 162
4
3
6

-

B
i
e
l
l
e
4
9
9

-

L
a
r
u
n
s
8
6
8

-

A
u
c
u
n
4
3
9

-

A
d
a
s
t
7
1
1

-

L
u
z
-
S
a
i
n
t
-
S
a
u
v
e
u
r 1
.
7
8
2

-
L
a

M
o
n
g
i
e
1
.
4
8
9

-
C
o
l

d

A
s
p
i
n
7
0
6

-
A
r
r
e
a
u
1
.
5
6
9

-
C
o
l

d
e
P
a
y
r
e
s
o
u
r
d
e
8
5
9

-

S
a
i
n
t
e

M
a
n
e
d
e

C
a
m
p
a
n
1
.
7
0
9
-
C
o
l
d
A
u
b
is
q
u
e
s
2
.
1
1
5
-
C
o
l d
u
T
o
u
r
m
a
le
t
Centimetri
LA STAMPA
OGGI
1
.
6
0
5
-
P
E
Y
R
A
G
U
D
E
S
1
9
1
-
P
A
U
Bagnres-de-Luchon-Peyragudes, 143,5 km 17
17 27,5 46 55,5 63,5 76 81 86,5 95 111,5 128 143,5
5
0
6

-
S
a
i
n
t
-
B

a
t
5
9
5

-

J
u
z
e
t
-
d

I
z
a
u
t
7
9
7

-

C
o
l

d
e
s

A
r
e
s
5
3
6

-

G

n
o
s
5
0
3

-

A
v
e
u
x
8
6
3

-

S
a
i
n
t
A
v
e
n
t
i
n
1
.
5
6
6

-

C
o
l

d
e
P
e
y
r
e
s
o
u
r
d
e
6
8
6

-

F
e
r
r

r
e
5
9
2

-

C

t
e
d
e

B
u
r
s
1
.
3
4
9

-
C
o
l

d
e
M
e
n
t

DOMANI
4
4
5

-

L
o
u
r
e
s
-
B
a
r
o
u
s
s
e
1
.
7
7
5
-
P
a
r
t
d
e
B
a
l
s
Lussemburghese, 32 anni
Frank Schleck, positivo nella
tappa del 14 luglio, il secondo
caso di doping al Tour 2012
dopo il francese Di Gregorio
Veterano
Massimiliano
Rosolino
(a sinistra)
34 anni
ex capitano
della
Nazionale
azzurra
di nuoto
commenter
le gare dalla
piscina
olimpica con
Fabio Caressa
(a destra)
PRESENTATALASQUADRADELLAPAYTVAI GIOCHI
RosolinoconSky
LaquintaOlimpiade
daopinionista
Davanti alla tv registi del
proprio palinsesto olimpico.
I primi Giochi all live, que-
sta lofferta Sky per le Olim-
piadi di Londra, raccontano
di numeri mai visti: 13 canali
esclusivi, dodici in Hd, vere e
proprie finestre del mosaico
a cinque cerchi dove si po-
tranno vedere tutte le disci-
pline in onda contemporane-
amente e scegliere quella da
vivere live. E poi oltre 2000
ore di sfide, gare, partite per
959 medaglie in diretta. Lul-
timo acquisto della squadra
olimpica di Sky stato Mas-
similiano Rosolino, a Londra
come narratore dei segreti
del nuoto azzurro e non solo.
In qualche modo mi ero giu-
rato che sarei andato ai Giochi.
Non lho fatto con il pass olim-
pico in acqua, lo faccio dietro a
una telecamera..., sorride
quello che per anni stato lal-
fiere del nuoto tricolore. Roso-
lino, ma non solo: da Pino Por-
zio a Mario Cipollini, da Stefa-
no Baldini a Patrizio Oliva, da
Diana Bianchedi a Fiona May,
pronta la squadra degli ex
campioni nelle vesti di tecnici
e opinionisti televisivi. Sky
avr lesclusiva dei turni elimi-
natori della boxe e del tennis
femminile nel tempio di Wim-
bledon, dei gironi di qualifica-
zione, e fino ai quarti, del vol-
ley femminile e del Settebello
azzurro della pallanuoto, infi-
ne del basket e del calcio olim-
pico fino alle semifinali dei ri-
spettivi tornei.
GUGLIELMOBUCCHERI
ROMA
CON LA STAMPA A 9,90 EURO IN PI
NELLE EDICOLE DI PIEMONTE E VALLE DAOSTA AL NUMERO 011.22.72.118, SU WWW.LASTAMPA.IT/SHOP TE E VALLE D AOSTA AL NUMERO 011.22.72.118, SU WWW
Memorie di pietra arroccate in posizione strategica su speroni rocciosi,
ma anche raffinate dimore signorili incastonate nel verde di prati e di
boschi dei fondovalle. Il patrimonio delle architetture militari presenti in
Valle dAosta castelli e torri, fortezze e caseforti certamente tra i
pi ricchi e preziosi di tutta lEuropa e rappresenta un affascinante stru-
mento per rivivere la storia plurimillenaria di arte e cultura della Valle.
Splendori di architetture e dimore signorili che parlano ancora di uomini
forti e di grandi famiglie che nei secoli hanno creato la storia antica della
Valle dAosta di oggi.
Tutti i Castelli
della Valle dAosta
BARD 35
BARD 34
BARD
Non quasi possibile immaginare il promontorio roccioso di Bard privo di una qualche struttura
di difesa. Si possono soltanto immaginare tipologie diverse di edifici militari che nel corso dei mil-
lenni sono sorti sulla sommit e i fianchi della rocca, cos che, lungo un ipotetico percorso storico,
si potrebbe passare dai primi trinceramenti di pietre e pali di legno a una torre con cinta muraria,
da un castello medioevale a una colossale fortezza alpina ottocentesca. E oggi, quella straordinaria
architettura militare, scomparse le sue funzioni militari e dopo essere stata abbandonata per molti
decenni, tornata a nuova vita, completamente restaurata e trasformata in sede museale, in un
nuovo centro di conservazione e diffusione di memorie e di cultura alpina.
Nel corso dei millenni, almeno degli ultimi duemila anni o poco pi di cui bene o male conoscia-
mo lo sviluppo storico, diverse forme di fortificazioni si sono infatti susseguite, senza interruzione,
sulla rocca di Bard, con nuove fondazioni, modifiche, ampliamenti e adattamenti, distruzioni e
completi rifacimenti a seconda delle necessit geopolitiche e dello svilupparsi e affermarsi di nuo-
ve tecniche militari. E, inoltre, non sappiamo se anche le antichissime popolazioni protostoriche
che hanno abitato questi luoghi e che hanno tracciato le incisioni rupestri sulle rocce montonate
alla base dello spuntone roccioso, hanno costruito qualche rudimentale apparato di difesa dallag-
gressione di altre trib.
Perch il sito di Bard una delle pi felici e straordinarie posizioni strategiche naturali dellarco
alpino, come rivelerebbe anche il suo nome: Bard deriverebbe infatti dal celtico bar che indica
una roccia o un luogo fortificato. In questo primo tratto della Valle dAosta, le ripide pareti delle
montagne si stringono come una tenaglia lasciando aperto soltanto uno strettissimo varco in cui
scorrono le acque della Dora Baltea, affiancate da una ridotta lingua di terra dove incuneato,
lungo lantica strada di fondovalle, labitato di Bard. una impressionante gola, una barriera natu-
rale gi di per s facilmente difendibile e che lazione di un enorme ghiacciaio, circa 10 mila anni
fa, ha enormemente potenziato modellando il ripido sperone roccioso della rocca, quasi al centro
della strettoia. dunque evidente che il controllo di Bard significava il controllo della Valle dAo-
sta da penetrazioni militari sia dai valichi alpini sia dalle pianure del Canavese , con un numero
relativamente modesto di uomini.
E probabile che, proprio alla gola di Bard cos come forse avvenne anche nelle gole di Montjovet,
di Villeneuve e di Avise , i Romani abbiano incontrato le pi forti resistenze da parte delle trib
dei Salassi che vi si erano fortificate. E, poi, anche i Romani alzarono a loro volta strutture fortifica-
te, tagliarono pareti di roccia per aprire la loro via consolare delle Gallie sul percorso obbligato
per entrare in Valle dAosta e raggiungere gli importanti valichi alpini. Tuttavia, le eventuali tracce
materiali pi antiche sono state cancellate o, forse, sono sommerse sotto le migliaia di tonnellate
di pietre e cemento della imponente fortezza ottocentesca.
Per la stessa ragione, anche delle difese erette prima dellOttocento non esistono pi reperti ma-
teriali, ma solo testimonianze di fonte documentaria e letteraria. Cos, probabile che non si rife-
risse soltanto alla chiusa naturale, alla stretta gola fra le montagne, ma piuttosto gi allesistenza
di fortificazioni, il decreto del re ostrogoto Teodorico che, fra V e VI secolo, pone a Bard le sue
clusurae augustanae, vigilate da un contingente armato. Poco dopo il Mille, esattamente nel 1034, esi-
steva una struttura fortificata: una relazione del passaggio in zona del conte Umberto Biancamano,
ritenuto fondatore di casa Savoia, parla infatti di un inexpugnabile oppidum (un castello inespugna-
bile), sullo sperone roccioso. tradizione che il costruttore di quella fortezza medioevale, centro
di un importante feudo, sia stato Ottone di Bard, esponente della nobile e antica famiglia feudale
locale, che prestava atto di vassallaggio al vescovo di Aosta.
Da quella data, le testimonianze aumentano progressivamente. Tra le pi importanti quella del
1242 quando il conte Amedeo IV di Savoia assale i Signori di Bard accusati di ribellione al loro
Signore e di aver rapinato viandanti e commercianti , li assedia nel loro castello, li sconfigge e
li caccia dal feudo. In realt, al di l delle accuse, vere o false che fossero, la politica dei conti di
Savoia era quella di assumere il controllo diretto dei punti chiave del territorio, quelli strategica-
mente pi importanti. Il castello di Bard viene infatti infeudato non pi a un signore locale, ma a
Tommaso II, conte delle Fiandre e fratello di Amedeo IV.
Nel Seicento, le mutate strategie e le nuove tecniche militari inducono i Savoia ad accentrare a
Bard, che viene fortemente potenziato e comincia a perdere le caratteristiche di castello medio-
evale e ad assumere quelle di fortezza alpina moderna , tutti i pezzi di artiglieria sino ad allora
dislocati nei castelli di Verrs e di Montjovet. Lo storico de Tillier allinizio del Settecento descrive
un esteso complesso di fortificazioni, con pi cortine di mura concentriche che si estendevano
dalla sommit della rocca dove sorgeva un nucleo centrale sino al fondo valle, racchiudendo
anche il vecchio borgo di Bard.
Memorie di pietra arro
No di le si da
Bard, con nuove fondazioni, modif
ioni e
menti a seconda delle necessit ge
ilitari. E, inoltre, non sappiamo se
itato questi luoghi e che hanno t
o spuntone roccioso, hanno cost
altre trib.
o di Bard una delle pi felici
me rivelerebbe anche il suo no
o un luogo fortificato. In que
si stringono come una tenagl
le acque della Dora Baltea, a
ntica strada di fondovalle, lab
di per s facilmente difendib
ormemente potenziato mo
ettoia. dunque evidente
a penetrazioni militari sia d
amente modesto di uomin
babile che, proprio alla go
leneuve e di Avise , i R AA
alassi che vi si erano fort
agliarono pareti di rocci
entrare in Valle VV dAost d
teriali pi antiche son
pietre e cemento dell
er la stessa ragione, an
eriali, ma solo testimo
isse soltanto alla ch
di fortificazioni, il d
clusurae augus rr tanae, ss v
steva una struttur
ritenuto fondato
bile), sullo sper
di un importa
locale, che pr
Da quella d
1242 quand
Signore e
li caccia
Sav aa oia
mente
Tomm TTNel Ba ev d
if
ioni e
eo se t t
ci o es gl a ab b o e d in o R rt ci ta no ll an mo ch d v r to er a pr d nd e a
te mm l a ev d
AYMAVILLES 33
AYMAVILLES 32
doppia rampa. Allesterno, le opere di difesa vennero abbattute e la vasta area circostante circa 8
ettari trasformata in giardino, a terrazzamento, e a parco. NellOttocento, e poi ancora nel secolo
scorso, il castello ha accentuato il suo carattere di dimora signorile
Dove 125 km da Torino. Autostrada A5, uscita Aosta Ovest. Monumenti Castello fraz. Dialley. In restauro. Visitabile solo allesterno. Per informazioni Ufficio del Turi- smo di Cogne, Maison de la Grivola, rue Bougeois, 34. Telefono +39 0165 744040 0165 74056 Fax +39 0165 749125 E-mail cogne@turismo.vda.it
Alla morte senza eredi, nel 1804, dellultimo discendente degli Challant, il castello passato pi
volte di propriet. Dal 1970 della Regione autonoma Valle dAosta ed ora al centro di una
vasta campagna di indagine archeologica, di restauro e valorizzazione, per rimettere in eviden- za sia le superstiti parti medioevali sia le caratteristiche settecentesche e attrezzarlo, anche con impianti tec- nologici davanguardia, alla sua nuo- va funzione museale. I due corpi di fabbrica la grandze e le scuderie di epoche diverse, compresi nel parco, avranno destinazioni duso funziona- li alla fruizione del castello e del suo parco da parte del pubblico: bigliette- rie e locali di accoglienza, ma anche cantine per la presentazione dei vini di montagna, un bar-ristorante e una sala riunioni. Le sale del castello, oltre ad essere museo di se stesse e di parte degli arredi antichi recuperati, sono desti- nate a ospitare le collezioni darte e antichit dellAccademia di SantAn- selmo, una raccolta formatasi a partire dal 1855 e attualmente non esposta al pubblico.
tello passato pi al centro di una ettere in eviden- parti medioevali settecentesche n impianti tec- alla sua nuo- due corpi di scuderie di si nel parco, so funziona- lo e del suo o: bigliette- ma anche ne dei vini nte e una
d essere te degli o desti- darte e antAn- t t partire osta al
SAINT-PIERRE 117 SAINT-PIERRE 116
SAINT-PIERRE
Un castello da fiaba, tutto costruito ex novo, buono per ambientarci gli episodi di una fantasio- sa saga medioevale. Ma non cos, anche se il primo impatto visivo del castello di Saint-Pierre potrebbe essere fuorviante per la corretta valutazione di un edificio storico, nobile e ricco di me- morie. Perch, in realt, quello di Saint-Pierre uno dei castelli pi antichi e, per tanti versi, pi interessanti della Valle dAosta, quasi perfetto esempio del collegamento diretto, anche spaziale, del potere civile e di quello religioso. Il problema che, per coglierne i valori architettonici di struttura fortificata e lantica funzione difensiva, occorre immaginare il castello privo di quelle so- vrastrutture realizzate nella seconda met dellOttocento quando era imperante, in tutta Europa, il gusto di un medioevo romantico, fantasioso e irreale , che hanno di fatto creato una sorta di inquinamento stilistico dellantica struttura medioevale. E pensare che, spogliato delle sovrapposizioni ottocentesche (per altro oggi abbondantemen- te storicizzate e diventate elemento caratterizzante dellimmaginario comune del complesso), il castello di Saint-Pierre si rivela prezioso documento architettonico della fase pi antica del feno- meno dellincastellamento in Valle. infatti testimoniato gi esistente nel 1191, appartenente ai signori de Sancto Petro, ma con una sorta di signoria consortile che registra, per porzioni di feudo, anche i Signori di Quart, gli Challant e i Morgex. importante ricordare che nel territorio del Comune di Saint-Pierre ci sono due castelli, entrambi di consistente struttura architettonica ed entrambi con una funzione rilevante nella rete delle presenze fortificate in Valle dAosta. Il primo domina labitato dalla sommit di un rilievo roccioso, affiancato, ma in posizione leggermente pi bassa, dalla chiesa parrocchiale con il suo campanile romanico, mentre il secondo quello di Sarriod-de-la-Tour, a breve distanza, sulla sinistra orografica della Dora Baltea.
Non sappiamo quale consistenza avesse il castello di Saint-Pierre nella sua prima fase, ma si pu correttamente pensare che non si discostasse dalla tipologia primitiva di un sito fortificato: una grossa torre, o donjon, forse gi adattata a casaforte, racchiusa in una cinta muraria. Ancora allinizio del Quattrocento la situazione non doveva sostanzialmente essere stata modificata perch un do- cumento di investitura a Giovanni di Saint-Pierre testimonia lesistenza delle mura al cui centro si trovavano alcuni edifici, ancora staccati luno dallaltro. Certamente pi antica, forse costruita nella sua prima fase prima del Mille, ma poi riedificata nellultimo dellOttocento salvando soltanto lo splendido campanile romanico del XII secolo, con copertura piramidale e aperto da trifore e bifore, invece la chiesa parrocchiale. ai piedi del castello, di cui sembra essere parte integran- te, addossata al lato meridionale dello sperone roccioso, e rappresenta un elemento inscindibile dellimmagine del maniero.


I
N

E
D
I
C
O
L
A
T1 CV PR T2 MERCOLED 18 LUGLIO2012 LASTAMPA41

T1 CV PR T2 MERCOLED 18 LUGLIO2012 LASTAMPA42
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
TORINO
Via Marenco 32, 20126 Torino, tel. 011 6568111 fax 011 6639003, e-mail cronaca@lastampa.it 1 specchiotempi@lastampa.it 1 quartieri@lastampa.it
T1 CV PR T2 43
ILCASO
Mappano
il Comune
inpi
MAURIZIO TROPEANO
A
lla faccia della spen-
ding review e della ne-
cessit di accorpare
comuni, unire le loro funzioni
amministrative, cancellare le
comunit montane, tagliare i
costi della politica, anche se in
questo caso forse potrebbero
non essere stratosferici. Il
Consiglio regionale, infatti, ha
approvato con un solo voto
contrario, quello dei Pensio-
nati di Michele Giovine, la pro-
posta di un referendum per la
nascita del comune di Mappa-
no. Si tratta di una battaglia
di democrazia prima ancora
che politica, spiega il promo-
tore delliniziativa, Andrea
Buquicchio, capogruppo Idv.
E come lui la pensano altri 45
consiglieri regionali.
E cos mentre il governo
Monti taglia le province, la
Regione riordina funzioni e
ordina ai piccoli comuni di
unirsi il Consiglio regionale
d il via libera ad una consul-
tazione popolare che potreb-
be permettere la nascita di un
nuovo comune con pezzi di
territorio appartenenti a Set-
timo, Caselle, Borgaro e Leini.
E anche gli abitanti, circa ot-
tomila anime.
Il Consiglio regionale,
dunque ci riprova dopo che
la precedente autorizzazione
alla consultazione popolare
era stato impugnato dai co-
muni di Lein e Settimo per
poi essere dichiarato legitti-
mo dal Consiglio di Stato e
dalla Cassazione.
ADERISCONOTUTTE LE SIGLE SINDACALI
Metro, trametreni: venerd
quattrooredi sciopero
Il venerd, sciopero. Gli utenti,
rodati negli ultimi mesi dalle
tante agitazioni sindacali che
hanno bloccato il trasporto lo-
cale nellultimo giorno feriale,
dovranno organizzarsi gli spo-
stamenti di dopodomani. Filt
Cgil, Fit Cisl, Faisa Cisal, Ugl,
Orsa aderiscono allo sciopero
nazionale di 4 ore del Trasporto
Pubblico locale. Il servizio urba-
no-suburbano e la metropolita-
na non saranno attivi dalle ore
15 alle 19. Il servizio extraurbano
e ferroviario sar interrotto dal-
le ore 10,30 alle 14,30 Bus e tramnon saranno funzionanti dalle ore 15 alle 19
M
A
X
M
IN
(
C
)
27.8
15.7
30.7
16.4
32
18
IL TEMPO IN CITT
Oggi Ieri Un anno fa
Diario
dai prossimi mesi, smarrire la
bussola sar impossibile. La
giunta comunale ha approvato
ieri un piano di riorganizzazio-
ne della segnaletica in strada.
Cresceranno a vista docchio le
insegne di hotel e musei, per fa-
cilitare il raggiungimento dei
luoghi turistici.
Gli alberghi potranno instal-
lare al massimo 6 cartelli di
preavviso o direzione, e posi-
zionarli nel raggio di 1 chilome-
tro (500 metri se allinterno
della Ztl). Non saranno invece
autorizzate segnalazioni nelle
piazze San Carlo, Castello, Ca-
rignano, Carlo Alberto e Vitto-
rio Veneto.
L
a letteratura sullargo-
mento sterminata.
Dallultimo filmdi Woo-
dy Allen, To Rome with lo-
ve, in cui una svampita bion-
dina riesce a perdersi nel pie-
no centro della Capitale, al
leggendario Marcovaldo, il
personaggio di Calvino, fl-
neur metropolitano che cam-
minando per il quartiere bra-
ma di evadere dalla quotidia-
nit. A riguardo di chi sogna
di perdere lorientamento, an-
che Freud aveva le sue teorie,
ma questa unaltra storia.
Di certo, c che a Torino,
LETIZIA TORTELLO
Nonsi perderannopi
Cotapendolare
Troppi ritardi
denuncio
leFerrovie
Treni soppressi,
edisservizi
Liradel governatore
Servizio
APAGINA47
Commissione
italo-francese
ArrivaVirano
SostituisceMasera
econtinueraguidare
lOsservatorioTav
Servizio
APAGINA48
Nonsapevo
dei soldi
trai dueSoria
Lexpresidente
Bressotestimonia
al processoGrinzane
MassimilianoPeggio
APAGINA50
Rivoli dichiara
guerra
allamovida
Il sindacoordina
lachiusuradei dehors
amezzanotte
PatrizioRomano
APAGINA54
Comuneequestura: riduciamoil ricorsoallaforzapubblica
PERPROTESTACONTROI TAGLI SETTANTAPULLMANAPASSODUOMOINCENTRO
Linvasionedei bus
PaolaItalianoAPAGINA51
OGNI SETTIMANA15PROVVEDIMENTI IERI DUE CASI DRAMMATICI INVIAMERCADANTE E SANDONATO
Emergenzasfratti
arrivalamoratoria
*
Il dramma. Gli ultimi
due casi eclatanti risal-
gono a ieri mattina: via
Mercadante e via San
Donato, due sfratti con
grande spiegamento di
forze dellordine, centri
sociali in piazza e fami-
glie barricate in casa.
Lennesimo segnale che
gli sfratti in citt sono
unemergenza assoluta.
*
La moratoria. Lemer-
genza tale che Comune
e questura hanno deciso
una sorta di moratoria: si
tenter di evitare il pi
possibile il pugno duro,
magari ritardare le ese-
cuzioni o comunque lavo-
rare a soluzioni alternati-
ve che le prevengano ed
evitano il ricorso alla for-
za pubblica come acca-
duto ieri.
*
Lescalation. Ormai si
viaggia a 15 sfratti ese-
guiti a settimana. Lanno
scorso Torino ha avuto il
record italiano: uno ogni
360 residenti, quasi il
doppio di Roma e Napoli
(uno ogni 600) e il qua-
druplo di Milano (uno
ogni 1.200).
Assandri, Graziani eRossi
ALLEPAGINE44-45
*


I
n

e
d
i
c
o
l
a

c
o
n

L
a

S
t
a
m
p
a


*
44
.
Cronacadi Torino
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
T1 CV PR T2
gg
Dossier /Unpattocontrolacrisi
Unamoratoriacontrolemergenzasfratti
Il Comune e la questura intervengono per tamponare il vertiginoso aumento delle procedure negli ultimi mesi
Si cercher di ritardare le esecuzioni o di trovare soluzioni alternative prima di fare irruzione nelle abitazioni
Cinque solo ieri mattina.
Quattordici nellultima setti-
mana. Spesso avvengono in
silenzio senza clamore. Quasi
nellindifferenza generale: le
famiglie abbandonano casa,
portano via le loro cose, se ne
vanno nella desolazione. Al-
tre volte no: c chi di fronte a
uno sfratto non regge alla
pressione, o alla disperazio-
ne. C chi ha perso tutto, o
non ha pi niente da perdere,
e allora tenta un gesto dispe-
rato per difendere lunico
brandello di vita rimasto. Ieri
mattina successo in via
Mercadante. Un uomo, padre
di tre figli, con la moglie in-
cinta di cinque mesi, si ar-
rampicato sul cornicione del
condominio minacciando di
buttarsi gi, mentre le forze
dellordine sfondavano la
porta di casa. Solo larrivo del
consigliere comunale Marco
Grimaldi, membro della com-
missione emergenza abitati-
va, e di un funzionario del Co-
mune, con la promessa di un
posto per tre mesi nellalber-
go sociale di via Ivrea, lha
convinto a rientrare in casa.
Quindici asettimana
Il clima pesante. Gli sfratti
eseguiti hanno assunto una di-
mensione - e una frequenza -
preoccupante. Si viaggia al rit-
mo di una quindicina a setti-
mana, al punto che il Comune
e le forze dellordine hanno de-
ciso di intervenire per tampo-
nare una situazione che ri-
schia di sfuggire dal controllo.
E hanno deciso una sorta di
moratoria. Non si tratta di in-
terrompere le procedure di
sfratto, semmai di prevenire le
situazioni pi delicate, cercare
una soluzione alternativa pri-
ma di arrivare allo sgombero
forzato, magari ritardare e di-
lazionare nel tempo gli inter-
venti per consentire di risolve-
re il problema. Insieme conla
questura stiamo monitorando
tutti i casi pi delicati, soprat-
tutto se si tratta di famiglie,
magari con bambini piccoli,
spiegalassessoreallaCasaeal
Welfare Elide Tisi. Proviamo
a trovare in anticipo soluzioni
abreveterminecos daevitare
lesecuzione dello sfratto per chi
nonha ancora unalternativa.
I tentativi
Si cerca di guadagnare tempo e
arginare londata che si sta ab-
battendosuTorino, mettendoin
difficolt centinaia di famiglie.
E, mentre si prende tempo, si la-
vora in sinergia: enti pubblici,
privato sociale, libero mercato.
Il ventaglio di possibilit - ora
che tutti i soggetti, pubblici e
non, sono con lacqua alla gola -
va allargato il pi possibile.
Certo, non sempre ritardare
lesecuzione dello sfratto risolve
il problema, ragionaTisi. Per
findove possibile ci stiamo im-
pegnando per trovare soluzioni
prima che si arrivi allirruzione
delle forze dellordine.
Primi inItalia
Allentare la morsa degli sfratti,
ritardarli l dove possibile e uti-
le, seguire i casi pi a rischio
prima che degenerino. La mo-
ratoria stata decisa qualche
giorno fa e d il senso dellemer-
genza. Nel 2011 Torino stata la
citt con pi sfratti per morosi-
ANDREAROSSI
tinrapportoal numerodi resi-
denti: uno ogni 360. Quasi il
doppio di Roma e Napoli, me-
tropoli alle prese con un fortis-
simo disagio sociale. Addirittu-
ra il quadruplo di Milano, dove
il rapporto uno sfratto ogni
1.200 residenti. In numeri asso-
luti Torino seconda solo a Ro-
ma, ma precede -e non di poco -
MilanoeNapoli, nonostanteab-
bia molti meno abitanti.
Il quadro fosco, si perce-
pisce anche dai dettagli. La
commissione emergenza abi-
tativa, di norma, si riunisce
una volta a settimana. Da
qualche tempo due.
Trendinaumento
Nei primi cinque mesi dellanno
ha affrontato 274 casi, circa il 10
per cento in pi del 2011. Sem-
pre pispesso sono famiglie con
bambini, che devono essere ge-
stite trovando soluzioni alterna-
tive ai dormitori, spiega Gri-
maldi. Non facile. mancano i
soldi: da qualche giorno sono fi-
nite pure le risorse per sistema-
reinalbergolepersonesfrattate
inattesa di una casa popolare.
Da inizio anno crescita del 10 per cento
Nei primi cinque mesi del 2012 la commissione emergenza abitativa, stando a quanto riferiscono i sindacati degli inquilini,
ha affrontato 274 casi, circa il 10 per cento in pi rispetto allanno precedente
1
1
Unalettricescrive:
2Sono una delle fortuna-
te che domenica 8 luglio, igna-
ra dello sciopero indetto dal
personale delle Ferrovie, si tro-
vava sullunico treno che da
Ventimiglia conduceva a Tori-
no, in quanto tutti i treni prece-
denti etutti quelli seguenti sono
stati soppressi. Larticoloripor-
tato da La Stampa non rende
lidea di chi ha vissuto quella
vergognosa odissea. Lo schifo e
il senso di disgusto provato per
losporcocheci haaccoltosalen-
do sul convoglio, e che ci avreb-
be accolto anche senza scioperi
di mezzo, si unito, inunattimo,
al senso di soffocamento indot-
todallamancanzadariadovuto
al sovraffollamento edalla tem-
peratura elevata. Privati del-
lariacondizionata, tuttoil vago-
ne respirava quella poca aria
cheentravasoloquandoil treno
era in movimento, da un unico
finestrino largo 40cme alto 50.
ASavona il treno rimasto fer-
mo circa unora a causa dei taf-
ferugli conlapoliziacheimpediva
la partenza del treno a causa del
sovraffollamento (non si chiude-
vano le porte). Sul treno non
cerano solo ragazzi di ritorno dal
mare, maancheanziani, bambini,
invalidi, turisti e donne incinte!
Un ragazzo schiacciato contro la
porta svenuto ed rimasto in
stato di semi-incoscienza fino al-
larrivoa. Allasignoraincintadi 5
mesi conlegambegonfiehocedu-
to il mio posto e rinfrescato la
fronte con salviette umide e ac-
qua fresca estratta dal mio baga-
glio personale, i bagni erano ina-
gibili in quanto occupati dai pas-
seggeri e irraggiungibili per via
dellaressa. Unincubochenessun
cronista sarebbe in grado di rac-
contaresenzaaverlovissuto. Una
vergogna delle nostre FS che mi
ha fatto giurare di non prendere
mai piuntrenoinvitamia....
ROSAD.G.
Unalettricescrive:
2Vorreisegnalarechedomeni-
ca 15 alle ore 19., inpieno rientro in
citt, allabarrieradi Aviglianaindi-
rezione Torino, il casello Telepass
erafuoriservizio;eranofunzionanti
solo2 porte per pagamentoincon-
tantied1portacondivisacarte/tele-
pass. Di conseguenzasi creatoun
imbottigliamento ed una lunga co-
da di auto alternate a camper/bus
dei vacanzieri del weekend oltre a
mezzipesanti, iltuttoaccompagna-
to da un concerto di strombazza-
mentiegestaccirivoltidaipoveretti
fermi in coda agli ignoranti/arro-
ganti che si allineavano spavaldi
nellecorsieconil casellochiusoper
poi infilarsi tra le auto incoda. Con
quellochecostail pedaggosullaTo-
rino-Bardonecchia e considerata il
rientrodabollinoquasi rosso, forse
sarebbestatoil casodi aprirequal-
chealtraporta. VeroSitaf?.
PAOLACRESTO
Unlettorescrive:
2Sabato ho passato con degli
amici unabellagiornataaCollisio-
ni aBarolo. Pernoncongestionare
il traffico abbiamo utilizzato il ser-
vizionavettadaAlba. Finitoamez-
zanotte il concerto di Patti Smith
abbiamo per avuto lamara sor-
presadi nontrovarelanavettadel
ritorno: centinaiadi personeapie-
di a 13 km dalla propria auto. Noi
siamo stati fortunati e dopo 3 km
abbiamotrovatounpassaggio, ma
lacosaassurda.
MICHELEZAPPONI
LUfficioStampaAmiatscrive:
2In riferimento alla lettera
pubblicatadel 10luglio, Amiat pre-
cisacheintutti i mercati cittadini il
servizio di pulizia e raccolta rifiuti,
appaltatodaAmiataterzi, sisvolge
ormaidaannimediantelamodalit
di raccoltabancoabancodei rifiuti
prodotti dagli ambulanti. Il merca-
to di piazza Crispi, incui sono pre-
senti unnumeroesiguodi operato-
ri mercatali, lunico mercato
aperto nei giorni infrasettimanali
in orario pomeridiano; per esigen-
ze organizzative e vista la limitata
produzione di rifiuti, invece di uti-
lizzare un mezzo di raccolta per
ogni frazione da differenziare, tal-
volta pu essere pi vantaggioso
portare a termine il servizio utiliz-
zando un numero limitato di auto-
mezzi. Questi provvedonoallarac-
colta congiunta di alcune tipologie
di rifiuti, che vengono comunque
successivamente separate prima
del loroconferimentopressoi rela-
tivi impianti di trattamento.
ROBERTOBERGANDI
1
specchiotempi@lastampa.it
via Marenco32, 10126 Torino
Forumlettere su
www.lastampa.it/specchiotempi
Specchiodei tempi
FerroviedelloStato:unagrandissimavergogna-Sitaf,troppeportedelcasel-
loeranochiuse- Collisioni ecamminate- Anomalaraccoltadifferenziata
I numeri
5
Sfratti eseguiti ieri:
14
2.343
Sfratti eseguiti
nellultima settimana:
Sfratti per morosit
nel 2011:
RAPPORTO SFRATTI
ABITANTI NEL 2011
Torino
4.678
Roma
Torino
Milano
ogni
abitanti
1
360
Roma e Napoli
ogni
abitanti
1
600
ogni
abitanti
1
1.200
1.557
Napoli
1.115
Milano
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Cronacadi Torino
.
45
T1 CV PR T2
g
Vacanze forzate in residence,
questestate, per la famiglia
Rizzitiello. Due camere e cuci-
na - 44 metri quadri in tutto -
invia Ribordone 12, nellostello
convenzionato col Comune
per lhousing sociale. La sve-
glia per Antonio ed Emanuela
Rizzitiello e i loro 3 figli era
scattata alle 6,30 quando cin-
que camionette della polizia si
sono fermate sotto casa, in via
Mercadante 102, per sgombe-
rare lalloggio. Fuori, il presi-
dio di Prendocasa, lo sportello
dellAskatasuna che ha seguito
la famiglia in questi mesi.
Duerinvii
Eralaterzavoltachei coniugi si
trovavano a tu per tu con luffi-
ciale giudiziario. Ma lo sfratto,
gi rinviato, ieri mattina di-
ventato esecutivo. Il loro uno
dei tanti casi di espulsione per
morosit.
A nulla valso il certificato
medico che attesta la gravi-
danza a rischio della ragazza:
22 anni, incinta al quinto mese.
Poco dopo le 8 la porta di casa
stata sfondata a colpi di ac-
cetta. A fare resistenza dietro
alluscio chiuso a doppia man-
data, c'era una barricata co-
struita col com e qualche mo-
bile della stanza dei bambini.
Ladisperazione
Non appena poliziotti e vigili
del fuocohannofattoirruzione,
Antonio si lanciato sul balco-
ne e si appeso alla balaustra,
minacciando di buttarsi se non
fosse intervenuto qualcuno del
Comune. Se avessi seguito
tranquillo gli agenti non avreb-
bero trovato nessuna soluzione
per noi, spiegher ore dopo e
a mente fredda.
Il consigliere di Sel, Marco
ViaMercadante
Si barricaincasa
poi minaccia
di buttarsi dal balcone
Grimaldi, insieme allo staff
dellassessore Tisi, ha convin-
to Rizzitiello a seguirlo nellho-
tel di via Ribordone, dove po-
tr restare assieme alla fami-
glia per tre mesi.
Lebambine
Le mie figlie, Rebecca e Giorgia,
di tre e due anni, sono venute via
conmeraccontaAntoniomen-
tre mia moglie rimasta a prepa-
rare le valigie e poi andata in
ospedale perch non stava bene.
Gabriele, il pi grande, dai non-
ni. Un dramma consumato nel-
larco di una mattinata. Abbia-
mo chiesto un atteggiamento pi
soft alla questura, per evitare ge-
sti cos eclatanti dichiara Gri-
maldi -. Ceranodi mezzotrebam-
bini, piunadonnaconunagravi-
danza a rischio e lui che ha tenta-
to il suicidio... Ci vuole cautela.
La famiglia Rizzitiello era in
via Mercadante da due anni. Da
dodici mesi il proprietario del-
lappartamento non percepiva
pi laffitto: i Rizzitiello vivono
in cinque con un salario da ma-
gazziniere. Ora, con lo stipendio
ridotto di un quinto, Antonio do-
vr pagare i 400 euro mensili
daffitto, spese incluse, per stare
in via Ribordone.
Il paradosso
Senza il lavoro, avrebbe avuto di-
ritto alla casa. Invece, la sua real-
t non rientra neppure nella casi-
stica gesuitica dellEmergenza
abitativa. Ricevo solo il bonus
per i 3 figli, che user per il traslo-
co spiega -. Per il resto mi aiuta-
no le associazioni caritative pri-
vate, anche loro indifficolt.
Poche cose nelle borse: qual-
che vestito, pasta e sugo per la
giornata. Il resto, nel trasloco,
tra venerd e sabato.
La porta sfondata con lascia
La polizia per entrare nellalloggio occupato dalla famiglia
Rizzitiello ha sfondato la porta con lascia
Moglieincinta
eduefigli piccoli:
nonpagavalaffitto
daoltreunanno
tello Casa del Gabrio ha preso
possesso di uno stabile in via
Monginevro 46, il cui proprieta-
rio di maggioranza unnoto im-
prenditore e costruttore torine-
se. Una scelta non casuale, in-
somma. Lapalazzina, chesecon-
do il Gabrio era abbandonata da
anni, oraabitatainottodei suoi
dieci appartamenti, da famiglie
italiane e tunisine che hanno su-
bito uno sfratto. Domani ci sar
anche una piccola festa, con vo-
lantinaggio, per ricordare il pri-
mo mese doccupazione. Via
Monginevro si aggiunge, nel
quartiere San Paolo, ad altri due
stabili occupati, invia Revello 34
e via Muriaglio 11. Per questulti-
mo edificio ungruppo di studen-
ti del Politecnico s unito per
progettare e realizzare con ma-
teriali di recupero pannelli foto-
voltaici per il riscaldamento e
per le docce.
Sono arrivati allalba, con i
negozi chiusi e via San Dona-
to ancora deserta, i giovani
dei centri sociali. Lobiettivo,
raggiunto, era quello di im-
pedire lo sfratto per morosi-
t di una famiglia marocchi-
na al civico 45. Padre, madre,
due figlie e unaltra parente
che allarrivo dellufficiale
giudiziario hanno ottenuto
per la seconda volta una pro-
roga, che scadr il 16 otto-
bre. I cassonetti dellimmon-
dizia sono stati usati come
barricate, mentre al portone
sono stati appesi cartelli e
striscioni per rivendicare il
diritto alla casa e per chie-
dere alla polizia e ai padro-
ni di andarsene.
Sempre ieri, nella vicina
borgata Parella stato ese-
guito uno sfratto invia Borgo-
manero. Allarrivo delle forze
dellordine lappartamento
era gi vuoto. Non cos in via
SanDonato. Il picchetto, a cui
ha partecipato fin dalle 6,30
una trentina di attivisti, era
stato annunciato, per rastrel-
lare le forze, con un giorno
danticipo da Radio Blackout
e da Indymedia Piemonte.
Sul posto sono intervenuti
carabinieri, agenti di polizia
del commissariato San Dona-
to, Digos. Un dispiegamento
di forze notevole. La resisten-
za allo sfratto andata avanti
fino a met mattina, in una
via che ha continuato la sua
vita come se niente fosse.
Verso le 11,30 tutto tornato
alla normalit.Un copione
che si ripete consempre mag-
giore regolarit. La polizia
cerca di correre ai ripari. Un
mese fa, a pochi passi da via
San Donato, ha bloccato tout
court un tratto di via Pinelli
per consentire lo sfratto di due
soffitte al civico 29, in cui vive-
vano due famiglie di origine
marocchina.
Ieri, per, i giovani interve-
nuti erano troppi. Lennesimo
sfratto bloccato ha anche pro-
vocato la polemica politica in
Circoscrizione 4. I consiglieri
Maffei (Lega) e Boffa (Pdl)
puntano il dito contro le vio-
lenze dei centri sociali e affer-
mano di aver visto tra i manife-
stanti alcuni occupanti del
NoWaySquat, comera sta-
ta ribattezzata la palazzina al
parco della Tesoriera, sgombe-
rata il 12 giugno.
Festanel palazzooccupato
Intanto, la rete della resistenza
da parte dei centri sociali si am-
plia di giorno ingiorno. Al motto
di A ogni sfratto seguir unoc-
cupazione, un mese fa, lo Spor-
Uncopionesempre
pifrequente
perbloccare
lufficialegiudiziario
SanDonato
Protesteinstrada
elafamiglia
strappaunaproroga
Presidio fin dallalba
Gli antagonisti organizzano picchetti e barriere davanti
alle case dove nella mattinata devono avvenire gli sfratti
ELISABETTAGRAZIANI FABRIZIOASSANDRI
T1 CV PR T2 MERCOLED 18 LUGLIO2012 LASTAMPA46
Retroscena
MAURIZIOTROPEANO
S
oppressione non
programmata dei
treni con autobus e
mancata informazio-
ne ai passeggeri. E
anche corse gratuite, a spese
della Regione, perch i condu-
centi non possono fare i bi-
glietti. E poi ritardi. In quasi
unora di colloquio con Mario
Moretti, amministratore de-
legato delle Fs, Roberto Cota
ha raccontato la sua esperien-
za dal vivo da viaggiatore
con famiglia a carico. Un rac-
conto personale che diventa
collettivo con le proteste dei
pendolari e che hanno spinto
il presidente del Piemonte a
chiedere agli avvocati della
Regione gli strumenti per
aprire un contenzioso con le
Ferrovie che vada oltre il pa-
gamento delle penali gi pre-
viste dal contratto di servizio.
Cota sa che su questo fron-
te, insieme a quello della sani-
t, si gioca buona parte della
campagna elettorale anche
perch sono fresche le polemi-
che legate alla decisione della
sua giunta di tagliare i rami
secchi e di sostituire i treni con
gli autobus. Il centrodestra ha
fatto una scelta di campo azze-
rando le gare volute dalla
Bresso e rinnovando il con-
tratto di servizio con Trenita-
lia. Costo: 240 milioni lanno
che diventano 250 con i servizi
che la Regione paga a Gtt. E
cos a fronte di unazione di ta-
glio dei rami secchi che avreb-
be dovuto garantire puntualit
e ha raccontato di un viaggio do-
menicale con la moglie e la figlia.
occasione per vedere di perso-
na come funzionano i treni.
Ecco il diario di bordo: Arri-
vo a Domodossola per prendere
il treno delle 17 e scopro che
stato soppresso senza motivo.
Lautobus sostitutivo arriva con
11 minuti di ritardo. Lautista si
giustifica: sono stato avvisato
solo due ore fa. E i biglietti:
Non posso mica farli, si viaggia
gratis per la felicit di una venti-
na di turisti.
E il racconto - pi colorito,
confessa - stato fatto anche a
Moretti. I risultati? Secondo Co-
ta il manager ha ammesso un
peggioramento della percezione
dellindice di puntualit del 9,7%
rispetto allanno scorso e si sa-
rebbe impegnato a migliorare
le performance entro settem-
bre. E ha anche annunciato la
consegna, entro pochi giorni, di
nuovo materiale rotabile. Se-
condo le Ferrovie la performan-
ce negativa sarebbe provocata
dallaumento dellassenteismo e
alla lentezza con cui i passeggeri
salgono e scendono di treni a
causa di porte difettose.
Problemi che Moretti si im-
pegnato a risolvere perch con-
giunturale legato cio a proble-
mi interni di carattere sindacali
e di vetust dei convogli. Cota ha
preso atto dellimpegno ma in-
tenzionato a non mollare la pre-
sa: Moretti sa che siamo sul
piede di guerra.
Il Governatorependolare
denuncialeFerrovie
Ritardi, soppressioni e disservizi: Le penali nonbastano
Promesse tradite
Il governatore del Piemonte, Cota, e lad delle Ferrovie, Moretti, compagni di viaggio
il giorno dellalleanza per la qualit dei servizi siglata tra Regione e Ferrovie dello Stato
LOSCONTRO
Cotahaincaricato
i legali di aprire
uncontenziosoconFs
Il rating
MoodysdeclassalaRegione
Il PiemontecomelaCalabria
Retrocesso in una serie mi-
nore conunrating pibasso
di quello dellItalia, lo stesso
di Abruzzo, Calabria, Cam-
pania, Lazio e Molise.
Lagenzia Moodys ha rivisto
in negativo da Baa1 a Baa3 il
rischio di credito del Pie-
monte, cio la probabilit
che vengano effettuati pun-
tualmente i pagamenti di
capitale e interessi dei pre-
stiti sottoscritti. Che cosa
successo?
Lassessore al Bilancio,
Giovanna Quaglia, in consi-
glio regionale mostra sul te-
lefonino il messaggio del-
lagenzia di rating: Legga,
credo che non ci sia altro da
commentare. E nel testo si
spiega che il deterioramen-
to delle garanzie del governo
italiano ha influenzato gli enti
locali in vari modi. Aldo Re-
schina, capogruppo del Pd,
non ci sta: Se lassessore
Quaglia avesse letto integral-
mente il comunicato del-
lAgenzia a pagina 30 avrebbe
scoperto che le regioni
Abruzzo e Piemonte sono
state declassate di due livelli,
a Baa3 da Baa1, in seguito ai
loro budget limitati, conside-
rati i flussi di cassa e il debito
da moderato ad alto.
Chi ha ragione? Difficile
dirlo. Anche perch Quaglia
tira in ballo le valutazioni di
un altra agenzia internazio-
nale di rating e attacca: Re-
sto convinta che siamo di
fronte ad una sonora boccia-
tura dellazione del governo
Monti. Lo dimostra il giudizio
di Fitch che, invece, pur aven-
do svolto un monitoraggio
stringente sul recente prov-
vedimento di autotutela sui
derivati conferma il rating
precedente che risale allotto-
bre 2011.
Il presidente del Piemonte
rincare la dose: E incredibi-
le come le colpe del governo
Monti ricadano sulla Regioni.
evidente come Moodys non
sia entrate nel merito delle
nostre scelte amministrative,
anzi, credo che la nostra azio-
ne di risanamento debba es-
sere apprezzata. E per il
presidente ininfluente an-
che il contenzioso giuridico
con alcune banche interna-
zionali sui derivati che ha
spinto la regione a congelare i
pagamenti delle rate: Quei
soldi - spiega - vengono ac-
cantonati in un conto specifi-
co e nonposso essere utilizza-
ti per altri scopi.
Reschigna, invece, resta
convinto che la condizione
reale del bilancio della Regio-
ne - il consuntivo 2011 si
chiuso con un disavanzo di
484 milioni e rotti - ha conta-
to direttamente nel declassa-
mento. [M.TR.]
Per Cota tutta
colpa di Monti
Ma il Pd non ci sta
Pesa il bilancio
484 milioni
Per Moddys
ha pesato
il disavanzo
del bilancio
regionale
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Cronacadi Torino
.
47
T1 PR T2
e servizi almeno sulle altre linee
il presidente non pu che pres-
sare Moretti. Fare la voce gros-
sa anche forte di unesperienza
in presa diretta.
Laltra sera alla festa della Le-
ga Nord di Venaria dopo il comi-
zio con Umberto Bossi si sedu-
to a parlare con alcuni militanti
240
milioni
lacifrachelaRegionepagaa
Trenitaliaper il contrattodi
serviziosul trasportolocale
dei pendolari
DA 35 ANNI AL VOSTRO SERVIZIO
DOPO
PRIMA
TRASFORMIAMO LA
TUA VASCA DA BAGNO
IN UNA MODERNA
ED ESCLUSIVA DOCCIA
In una giornata senza bisogno di
piastrelle - LAVORI GARANTITI
VASCA NELLA VASCA
In 3 ore una vasca nuova
sopra la vecchia, senza
opere murarie.
VENDITA DIRETTAMENTE
DALLA FABBRICA
DETRAZIONE FISCALE
www.remail.it
SOVRAPPOSIZIONE
PIATTO DOCCIA
Agenti di Zona
PIEMONTE - LOMBARDIA
LIGURIA - VALLE DAOSTA
Sede di Torino
Via De Marchi, 11
Tel. 011-2264869
48
.
Cronacadi Torino
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
T1 CV PR T2
GUASTOELETTRICO IERI MATTINAALLE 8,40: VENTI MINUTI PRIMADI POTERUSCIRE
Si spengonoleluci elametrosi blocca
Odisseaal buioper i pendolari
Di colpo, ingalleria, il treno si
bloccato e le luci si sono spen-
te. Il preambolo da film del-
lorrore, ma solo linizio del-
lestenuante avventura capita-
ta ai passeggeri che viaggiava-
no ieri sulla metropolitana di
Torino alle 8,40. Che hanno
vissuto venti lunghissimi mi-
nuti di attesa prima di uscire dal
tunnel. Ora di punta, vagoni pie-
ni. Raccontano i testimoni che la
vettura si fermata improvvisa-
mente tra le stazioni XVIII Di-
cembre e Porta Susa, direzione
Lingotto. Il treno rimasto al
buio. Sono passati almeno dieci
minuti prima che laltoparlante
annunciasse che si era verifica-
ta unanomalia che sarebbe sta-
ta risolta a breve da un tecnico.
E meno male, perch i nervi sta-
vano saltando: per il ritardo, ma
anche perch, senza aria condi-
zionata, la metropolitana stava
diventando una sauna. Stipati,
sudati e inviperiti, i passeggeri
hanno finalmente visto la luce in
fondo al tunnel: il tecnico arri-
vato lungo i binari, ha manovra-
to un po su un quadro elettrico,
la luce tornata. Ma, a vettura
ancora ferma, suonata quasi
come una beffa la raccomanda-
zione dallaltoparlante di non
uscire dal treno: Certo, perch
siamo dei pazzi suicidi a uscire
buio, in galleria e con le porte
chiuse....
Poi, finalmente, il convoglio
ha ripreso a muoversi: a passo
duomo (sembrava che qualcu-
no lo spingesse) ha finalmente
raggiunto la stazione di Porta
Susa. E i passeggeri hanno rag-
giunto il colmo della rabbia, per-
ch nemmeno in banchina le
porte si aprivano, e un il tecnico
stato costretto a intervenire
manualmente per farli scendere
dallincubo.
Fine dellodissea? Macch. La
vettura successiva era piena co-
me un carro bestiame, molti so-
no rimasti a terra. Il guasto a
una scheda elettrica, come lha
catalogato Gtt, ha provocato ri-
tardi a catena anche agli altri
utenti lungo tutto il percorso,
perch una vettura ferma, bloc-
ca anche tutte le altre. Si pu im-
maginare come i passeggeri ab-
biano preso, qualche ora dopo,
la notizia di un nuovo sciopero
indetto per venerd. Dalla ba-
checa Facebook di Gtt: Ma dai?
Uno sciopero di venerd? Ve lo
perdoniamo perch il vostro ef-
ficientissimo servizio della mo-
dernissima Metro senza condi-
zionatore stamattina mi ha per-
messo di arrivare con 30minuti
di ritardo al lavoro....
Bloccata in galleria
vicino a Porta Susa
Ritardi a catena
nellora di punta
PAOLAITALIANO
Gli incidenti
Uno dei
blocchi dei
manifestanti
No Tav sulla
statale di
Bussoleno
nel dicembre
del 2005
Il processo
Assolti i duesindaci
per gli scontri
del 2005 aBussoleno
Giustizia fatta, anche se ci
sono voluti quasi 7 anni per ot-
tenerla. Il sindaco di Chia-
nocco, Mauro Russo, e Simo-
na Pognant, ex primo cittadi-
no di Borgone di Susa, sono
stati assolti ieri per gli scontri
tra le forze dellordine e i No
Tav del dicembre 2005. Accu-
sati di aver provocato delle le-
sioni a due poliziotti, Russo
stato assolto perch il fatto
non costituisce reato, Po-
gnant per non aver commes-
so il fatto.
Il fatto in questione era
un confronto diretto, a faccia
a faccia, con le forze dellordi-
ne dopo lo sgombero di Ve-
nuas. Secondo le accuse, Rus-
so e Pognant, nel tentativo di
interporsi tra gli agenti e gli
attivisti No tav che sbarrava-
no le strade di Bussoleno, ave-
vano colpito gli scudi dei poli-
ziotti provocando loro delle
lievi lesioni. A chiedere lasso-
luzione dei due imputati sta-
to il pm Patrizia Caputo, al
termine del dibattimento. Se-
condo il magistrato il raccon-
to degli agenti di polizia ri-
sultato attendibile ma non
stata raggiunta la prova del
dolo. Russo aveva s premu-
to ma senza la volont di le-
dere. A carico di Simona Po-
gnant, oggi ex primo cittadi-
no, non emersa alcuna prova
che sia stata lei a dare la spi-
nata contro gli scudi durante
la contrapposizione. I due
sindaci - spiega soddisfatto il
loro legale Roberto Lamacchia -
avevano soltanto cercato di me-
diare tra il movimento e le forze
dellordine. Allultima udien-
za, a sostegno dei due imputati,
hanno assistito tra il pubblico 15
sindaci della Val di Susa, indos-
sando la loro fascia tricolore, e
Sandro Plano, presidente della
Comunit montana.
Lepisodio contestato era ac-
caduto la mattina seguente allo
sgombero del presidio No Tav
di Venaus del 5 dicembre 2005.
Le forze dellordine, nel tenta-
tivo di rientrare a Torino - spie-
ga Russo - furono bloccate dalla
gente della valle. Cera molta
tensione, ovunque. A Bussole-
no, trovando la strada sbarrata
dai cassonetti, fecero una cari-
ca breve ma violenta. Io e Simo-
na, avvertiti degli scontri, ci
precipitammo subito allo sbar-
ramento. Come in altre occasio-
ni ci mettemmo tra i manifesta-
ti e i poliziotti, iniziando una
lunga trattativa che and a
buon fine. Infatti, oltre a consi-
gliare ai poliziotti di seguire un
percorso alternativo, facemmo
del nostro meglio per impedire
altri scontri. Da una parte cera-
no 30 o 40 poliziotti. Dallaltra
pi di duemila persone. Poi ar-
riv la denuncia. Nel 2007,
quindi un anno e mezzo dopo
lepisodio, lavvocato della co-
munit montana ci avvis della
denuncia. Quelle accuse, per
noi, furono una vera sorpresa.
Ieri lassoluzione. La procu-
ra - osserva lavvocato Lamac-
chia - pur avendo fatto una pun-
tigliosa e precisa ricostruzione
degli eventi, ha concluso per la
lassoluzione degli imputati. E
aggiunge: Questa una sen-
tenza che d un po di fiducia
nella giustizia. vero che ci ab-
biamo messo 7 anni ma alla fine
emersa la verit e lopera di
mediazione fatta dei sindaci in
quel giorno.
MASSIMILIANOPEGGIO
I primi cittadini
di Chianocco
e Borgone
accusati di lesioni
Retroscena
MAURIZIOTROPEANO
A
lla fine probabi-
le che le polemi-
che innescate
dalla presa di po-
sizione di Parigi
sulla necessit di un nuovo
trattato internazionale sulla
Torino-Lione e la necessit di
maggiori contributi comuni-
tari abbiano spinto il governo
a nominare Mario Virano a
capo della delegazione italia-
na della Commissione inter-
govenativa italo-francese. Le
dimissioni di Rainer Masera,
in fatti, risalgono alla fine di
giugno e la nomina del presi-
dente dellOsservatorio tecni-
co da parte del ministro delle
Infrastrutture del 12 luglio. Il
giorno della bagarre.
Fonti del ministero parlano
di una scelta naturale e di con-
tinuit amministrativa anche
con il lavoro dellOsservatorio.
Virano, infatti, commissario
di governo e presidente del ta-
volo tecnico. Larchitetto con-
tinuer a mantenere la guida
dellOsservatorio. Un doppio
incarico che per non prevede
un cumulo di stipendi.
AddiogruppoPininfarina
Ma perch Masera ha lasciato
la carica? Parlando con i gior-
nalisti spiega che le dimissioni
sono contestuali alla chiusura
della struttura di missione tra-
sferita da Palazzo Chigi al mini-
stero delle Infrastrutture. E
poi aggiunge: Si tratta di un
gruppo di persone che ha ini-
ziato a lavorare insieme dai
tempi di Sergio Pininfarina e
che di fatto viene disperso. Era
una squadra che ha portato
avanti un lavoro eccellente. Via
loro ho preferito seguirli e far-
mi da parte.
re perch lincarico sia stato
reso pubblico solo ieri dopo
che il parlamentare del Pd,
Stefano Esposito, dopo aver
definito spiacevole le dimis-
sioni di Masera abbia chiesto
al governo una nomina urgen-
te vista la rilevanza della
partita che si sta giocando in-
torno alla Tav soprattutto a li-
vello europeo.
Masera, comunque, si detto
certo che non ci saranno ritar-
di nelle procedure della Torino-
Lione. Lo spiega anche il mini-
stro Passera confermando a
Virano il forte appoggio perso-
nale e del governo per la realiz-
zazione della Torino-Lione.
Sar dunque Virano ad occu-
parsi dei temi sollevati dal go-
verno francese: Considero
lesperienza che si sta portando
avanti uno sforzo collegiale per
garantire la realizzazione della
Torino-Lione.
Tav, Maserasi dimette
Viranonellacommissione
Il presidente dellOsservatorionellorganismoitalo-francese
Laddio anticipato
Masera ha rassegnato le dimissioni prima del termine del suo mandato: Una decisione
contestuale alla chiusura della struttura di missione trasferita da Palazzo Chigi al ministero
I CANDIDATI
Inlizzaper lacarica
ceranoanche
Frattini eChiamparino
Una sauna
Senza aria
condizionata i
vagoni sono
diventati
una sauna per
i passeggeri
che aspetta-
vano larrivo
del tecnico
Unacorsaatre
Laddio anticipato di Masera ha
costretto il governo a cercare
una soluzione. In queste setti-
mane sono girati tre nomi, quel-
lo dellex ministro degli esteri,
Franco Frattini, che per altro
conosce bene i territori della
Valsusaanche per il ruologioca-
to nellorganizzazione delle
Olimpiadi di Torino. Edi due to-
rinesi in grado di mettere in
campo relazioni e conoscenze
cio lex sindaco Sergio Chiam-
parino, attuale presidente della
Compagnia di San Paolo e, ap-
punto Virano.
Alla fine Passera ha scelto
Virano, un tecnico che pu
vantare una lunga esperienza
politica e che per il ministero
sta studiano lapplicazione
delle tecniche di concertazio-
ne sperimentate sulla Tav nel-
la realizzazione delle grandi
infrastrutture. Resta da capi-
Mi occuperdei temi
sollevati dai francesi
per garantire
larealizzazione
dellaTorino-Lione
Mario Virano
Presidente
OsservatorioTav
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Cronacadi Torino
.
49
T1 CV PR T2
SCUOLA IL 50-70%DELLE IMMISSIONI POTREBBE ESSERE CONGELATO
Lenominedei nuovi presidi
inforseper laspendingreview
Viene pubblicata oggi la gra-
duatoria definitiva del con-
corso per dirigenti scolastici:
sono 200 i vicepresidi e i do-
centi che in Piemonte hanno
superato le dure fasi di sele-
zione e che ora sono pronti
per assumere la responsabili-
t dei 172 posti vacanti. I ri-
corsi sono stati tutti respinti.
Mi auguro di poter coprire
tutti i posti - dice il direttore
dellUfficio Scolastico Regiona-
le, Francesco De Sanctis -, di far
funzionare bene le scuole e di
non dover pi ricorrere alle reg-
genze, che comunque hanno un
costo. Ma di questi tempi biso-
gna essere cauti... Le procedure
sono terminate, siamo in attesa
delle decisioni. Si sa che il
Miur preme per le nomine. Chi
frena, ancora una volta, il mi-
nistero delle Finanze. Gli esiti
della spending review potreb-
bero risolversi in una frenata
del 50-70%. Sapremo tra una
decina di giorni. La mia previ-
sione - prosegue De Sanctis con
una certa amarezza - che per
andare a regime ci vorranno
due anni. Tutto sarebbe pron-
to per limmissione. Il direttore,
tra laltro, ha appena autorizza-
to i trasferimenti dei presidi di
ruolo: Gianni Oliva al Cavour,
Giulia Guglielmini al Convitto
Umberto I, Carola Garosci allo
Spinelli, Sergio Blazina al Majo-
rana di Moncalieri, Maria Gra-
zia Gillone al Newton di Chivas-
so, Carmine Percuoco al Coper-
nico, Lucia Mongiano al Botta
di Ivrea, Giovanni Paciariello al
Sommeiller, Salvatore Perna al-
lo Zerboni, Antonella Reffieuna
Roch allItis Grassi, Caterina
Bocchino al Volta.
Cosa sia successo per mette-
re in forse parte delle nomine, lo
spiega il segretario regionale
della Cisl Scuola, Enzo Pappa-
lettera: Con il dimensionamen-
to, al Sud si creato un esubero
di circa 300 dirigenti. Per loro
un mese fa stato firmato un
contratto per utilizzarli in sedi
vicine sottodimensionate per un
anno. E lobiettivo di risparmio
non stato raggiunto. Conse-
guenza: la mancata copertura
delle necessit in regioni come il
Piemonte. Ma per funzionare -
conclude Pappalettera - le scuo-
le devono avere preside e diret-
tore amministrativo stabili.
Carlo Mini della segreteria re-
gionale Flc-Cgil: Dopo anni fi-
nalmente si fatto il concorso:
noi chiediamo la totale copertu-
ra dei posti perch il sistema
delle reggenze ha mostrato di
non farcela. Lennesima valuta-
zione delle Finanze conferma la
scarsa attenzione anche del go-
verno Monti per la scuola.
Per Lorenza Patriarca, coor-
dinatrice dei dirigenti Uil Lo
Stato ragiona al contrario del
buon padre di famiglia. Penso
a istituti come il Maxwell di Ni-
chelino, ricco di laboratori, il La-
grange, lo Sraffa di Orbassano, a
scuole di base come Gambaro e
Castello di Mirafiori: scesi sotto
la soglia dei 600 iscritti, da set-
tembre non avranno n dirigen-
te n direttore amministrativo.
Parliamo di istruzione, vergo-
gnoso non pensare al servizio
che ricever lutenza.
Tra i trasferimenti
Oliva al Cavour
e Percuoco
al Copernico
MARIATERESAMARTINENGO
Istituti storici
Alcune scuole prestigiose
hanno cambiato dirigente con
la tornata dei trasferimenti su
richiesta: il Cavour da
settembre sar diretto da
Gianni Oliva che lascia il Volta
Inbreve
ViaGalliari
Bimbascompare
di fronteal Kebab
Allarme ieri pomeriggio
per una bimba romena di 2
anni scomparsa in via Gallia-
ri, mentre la mamma era al-
linterno di un Kebab. Un
pakistano di 25 anni, un po
ritardato, trovandola a vaga-
re fuori dal negozio, lha ac-
compagnata al parco. L
stata ritrovata dopo circa
unora dai carabinieri, insie-
me al giovane. La bimba non
ha subito violenza. Luomo
stato portato in caserme ed
identificato. La donna non ha
presentato denuncia.
Arrestato
Atti osceni davanti
aunabambina
Un ventiquattrenne di
Torino stato arrestato dalla
polizia in flagranza di reato
mentre si spogliava davanti a
una bambina di 10 anni. Gli
agenti del commissariato
San Donato erano intervenu-
ti nellappartamento dove
abita la piccola dopo la de-
nuncia dei genitori, che ave-
vano segnalato come, negli
ultimi giorni, il ragazzo fosse
entrato spesso nel cortile di
casa, aspettando con pazien-
za che la piccola uscisse sul
balcone, aveva commesso gli
atti osceni.
Prefettura
Presidiolavoratori
dellaDeTomaso
Presidio dei lavoratori
della De Tomaso questa mat-
tina alle 9 davanti alla Prefet-
tura. Chiederanno di essere
ricevuti per denunciare la
difficile situazione che si
determinata dopo la dichia-
razioni di fallimento del-
lazienda e per chiedere chia-
rimenti sulla presenza di
possibili acquirenti.
Condanna
Abusdellamica
dellafigliadodicenne
Aveva convinto una ra-
gazzina di 12 anni, amica del-
la figlia, di essere lamore del-
la sua vita. Per questo un
trentaseienne torinese sta-
to condannato a 6 anni per
violenza. La storia tra i due
durata mesi prima che un co-
noscente della ragazza se-
gnalasse lo strano rapporto.
Alla ragazza, oggi di 15 anni,
il tribunale ha riconosciuto
una provvisionale di 20 mila
euro. Luomo ha sostenuto di
nutrire verso la ragazza un
amore paterno e platonico.
Lastoria
MAURIZIOLUPO
VENARIA
F
ilippo Juvarra il
Michelangelo del-
larchitettura. Gli
studiosi lo sanno.
Ma merita anche
lentusiasmo del grande pub-
blico internazionale. Cos so-
stiene larchistar statunitense
David Libeskind. lartefice
del Museo Ebraico di Berlino e
ha riprogettato il Ground Ze-
ro di New York. Nelle scorse
settimane tornato a Torino.
Ha apprezzato i capolavori che
Juvarra realizz per i Savoia:
Superga, il Castello di Rivoli, la
Palazzina di Caccia di Stupini-
gi, Palazzo Madama e soprat-
tutto la Reggia di Venaria.
Il 15 settembre 2010, quan-
do la vide per la prima volta,
disse: Sono emozionato: si
tratta senzaltro del progetto
pi ambizioso che abbia mai
visto al mondo, sia sul piano
del recupero che degli investi-
menti che comporta. Cos,
sullonda di queste emozioni,
ha deciso di partecipare alla ri-
nascita della residenza.
Lannoprossimo
Nel 2013riproporr, al fondodei
suoi giardini, nei pressi del Tem-
piodi Diana, il labirintodi verzu-
reideatodaJuvarra. Sarricre-
ato, secondo i suoi disegni origi-
nali, riscoperti a Palazzo Mada-
ma dal professor Paolo Corna-
glia. Lidea, nataaseguitodi col-
loqui avuti con Alberto Vanelli,
direttore della dimora, ha poi
dato spunto ha una seconda ini-
ziativa: un Omaggio di Libe-
skind a Juvarra. Vanelli spiega
che sar uninstallazione . Verr
realizzata nella Citroniera e di-
venter contenitore di una mo-
stra che, dalla fine del 2013, rac-
conter il genio di Juvarra. Far
parlare i suoi plastici, dipinti, di-
segni e le sculture che lui com-
mission, comprese quelle della
Peota Reale, il Bucintoro sabau-
do realizzato a Venezia, di cui
Juvarra fuil regista artistico.
Il teamdi lavoro
Libeskind ha gi sottoscritto il
suoimpegnoper liniziativa, che
coinvolger anche larchitetto
torinese Gianfranco Gritella, il
massimo esperto di Juvarra in
Italia, chiamato con Cornaglia a
fornire il supporto scientifico al-
la mostra. A loro si unir An-
le lo nomin il Re del Portogallo.
Ma i cavalieri dellOrdine Mauri-
ziano, che serv con maestria alla
Palazzina di Caccia di Stupinigi,
nongli riconobberomai il suoran-
go nei cerimoniali.
Ma il valore di Juvarra in-
discutibile assicura Gritella.
Per lui architettura, pittura e
scultura erano
una cosa unica.
Juvarra affonda a
piene mani fra le
arti figurative,
come unconcerto
barocco a organo
pieno. Allapice della sua carrie-
ra, nel salone donore della Pa-
lazzina di Caccia di Stupinigi e
nella chiesa del Carmine, supera
i confini delle pareti. Si ispira al-
larchitettura gotica, concepisce
edifici a scheletro portante, do-
ve la luce materia. Rappresen-
ta il ponte fra il barocco e lillu-
minismo. Dopo di lui ci saranno
solo Tiepolo e Canova.
Leopportunit
Valorizzare la figura di Juvarra
con sensibilit di questo calibro -
notaVanelli - perlaReggiadi Ve-
naria una grande
occasione. Libe-
skind rappresenta
un riconoscimen-
to internazionale,
che promuover
Torino e Venaria
nel mondo. Realizzeremounamo-
stra che potr diventare itineran-
te nelle citt come Madrid dove
Juvarrafuattivo, maancheaNew
Yorke aBerlinoe aLondradove il
talento di Libeskind stimato e
autorevole.
Il magicoincontro
traduearchistar
divisedal tempo
LibeskindcelebrerJuvarraallaReggiadi Venaria
Sono emozionato
David Libeskind (secondo da sinistra nella foto) visit per la prima volta la Reggia due anni fa:
il progetto pi ambizioso che abbia mai visto al mondo, disse in quelloccasione
LAMOSTRA
Plastici, disegni
esculturedel grande
maestrodel barocco
LINSTALLAZIONE
Sarrealizzata
nellaCitroniera
allafinedel 2013
drea Merlotti, storico e responsa-
bile del Centro Studi della Reg-
gia di Venaria, invitato a raccon-
tare lavitadi Juvarrainunacorte
che ne apprezzava il talento, ma
che fu tiepida con lui. Juvarra ci
teneva a diventare Cavaliere e ta-
AVEVA55ANNI
Addio
aBressan
consigliere
dellultimaDc
Si svolgeranno oggi alle 16
nella parrocchia di SanGiaco-
mo, a Brandizzo, i funerali di
Renato Bressan, 55 anni, ex
consigliere comunale a Tori-
no nelle fila della Dc dopo es-
ser stato amministratore per
diversi anni a Brandizzo. Da
tempo lottava contro un tu-
more che lha consumato fino
a far precipitare la situazione:
Bressan, seguito dai medici
dellIstituto di Candiolo e dai
colleghi dellIstituto Tumori
di Milano dove era stato sot-
toposto ad alcuni trattamenti,
stato dimesso tre settimane
fa per tornare
a casa quando
si capito che
la terapia non
avrebbe pi
potuto nulla
contro il male.
Un uomo di
grande genero-
sit e sensibili-
t, ricorda
commosso Giampiero Gabot-
to, consigliere delegato del-
lIrcc di Candiolo e suo amico
da diverso tempo. Ingegnere,
titolare di uno studio di pro-
gettazione in via Santa Tere-
sa, Bressan era stato espres-
sione viva della cosiddetta dc
neodorotea nata per inserirsi
fra il Grande centro di Silvio
Lega e gli andreottiani di Vito
Bonsignore. Uomo solare,
ironico, amava molto sorride-
re e scherzare, e persino negli
ultimi giorni, quandera chia-
ro anche a lui quale sarebbe
stato il suo imminente desti-
no, mai si fatto travolgere
dalla rabbia.
Generoso. la parola pi
pronunciata nel ricordo degli
amici. Cattolico praticante,
sar ricordato per i suoi va-
lori profondi, aggiunge Ro-
lando Picchioni, capogruppo
della Dc in Regione allepoca
di Bressan consigliere comu-
nale. Quando il parroco di
Candiolo annunci diversi
anni fa lintenzione di creare
una casa per i parenti dei ri-
coverati al centro anti-tumo-
ri, Bressan si occup gratui-
tamente della progettazione,
e molte delle proprie cono-
scenze ha offerto anche nel
lungo iter per realizzare lo
stesso Istituto oncologico al-
le porte di Torino.
MARCOACCOSSATO
Filippo Juvarra
Bressan
50
.
Cronacadi Torino
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
T1 CV PR T2
Diario
Lutto nellavvocatura
Stroncato da uninfarto
il penalista Campini
1Aveva studiato le carte sino alle
due di notte, ma al processo fissato
per ieri mattina non c mai arriva-
to. Lavvocato Valter Campini, 63
anni, stato stroncato allalba da
un infarto e neppure il tempestivo
intervento del 118 servito a salvar-
lo. Penalista appassionato e scru-
poloso, Campini aveva intrapreso
tardi la carriera dellavvocatura,
dopo aver vissuto molte vite, di-
cono gli amici. Da giovane era stato per parecchi anni vigile
urbano, in seguito anche antiquario; finch aveva indossato la
toga dedicandosi con slancio alla difesa di soggetti pi deboli:
tossicodipendenti, stranieri, piccoli truffatori. Negli ultimi
anni seguiva in particolare i detenuti con gravi patologie, rite-
nendo che il sistema carcerario non potesse infierire sui
soggetti gi duramente colpiti dalla malattia. I funerali avran-
no luogo venerd mattina nella chiesa di Cavoretto. [G. BAL.]
Lavv. Valter Campini
La nomina del Consiglio regionale
Compagnia di SanPaolo
suPalestro voto bipartisan
1Il Consiglio regionale del Pie-
monte ha nominato ieri lex presi-
de di Medicina, Giorgio Palestro,
nel Consiglio generale della Com-
pagnia di San Paolo. Palestro
prende il posto di Patrizia Poliot-
to, indicata dal Pdl, ed stata vo-
tata,anche da esponenti del cen-
trosinistra, come fa notare il con-
sigliere regionale Giampiero Leo.
Lesponente politico azzurro vici-
no a Comunione e Liberazione sottolinea anche come Pa-
lestro sia tra i firmatari del manifesto dei cattolici per To-
rino. Nella stessa seduta, la votazione per la nomina di un
componente della Commissione di Garanzia in sostituzio-
ne di Carla Spagnuolo, saltata perch non stato rag-
giunto il quorum. I boatos indicavano unintesa di massi-
ma tra le forze politiche sul nome dellex consigliere regio-
nale Paolo Cattaneo.
Giorgio Palestro
Pubblicato il bando
Master ingiornalismo
da assegnare venti posti
1E stato pubblicato il bando di
selezione per il biennio 2012/2014
del Master in giornalismo dellUni-
versit, presieduto da Gian Paolo
Caprettini. Tra le novit, un ciclo di
lezioni seminariali realizzate in col-
laborazione con la Stampa. Come
per il passato, i posti a disposizione,
con frequenza obbligatoria, saran-
no 20. Sono previste borse di studio
che verranno assegnate tenendo
conto di criteri di merito e della situazione economica dei sin-
goli candidati. Possono candidarsi al Master tutti gli studenti
che nonabbiano superato i 35 anni di et, gi inpossesso di una
laurea triennale o i laureandi di tutte le facolt (a condizione
che conseguano il titolo prima dellinizio del corso -inizio no-
vembre 2012). La scadenza per la presentazione delle doman-
de per il 22 settembre; le prove di selezione o a inizio ottobre,
lavvio dei corsi prevista per inizio novembre.
Lezioni da novembre
CHIUSOIL BANDO PERAFFIDARE INCONCESSIONE NOVE NIDI COMUNALI
Asili ai privati, oggi si apronolebuste
Incorsaunadecinadi cooperative
I tempi sono stretti. Le scuole
aprono a settembre e a oggi le
famiglie di 762 bambini - pur
avendo gi iscritto i loro figli -
ancora non sanno da quale so-
ciet verr gestito lasilo nido
che li ospiter. Hanno ununi-
ca certezza: non sar il Comu-
ne, che ha deciso di dare in
concessione nove delle 49
strutture gestite direttamen-
te. Oggi il giorno della verit:
si aprono le buste conle offerte
delle societ che hanno parte-
cipato al bando.
Sono molte, segno che il
servizio fa gola. Lappalto
suddiviso in due lotti, perci i
vincitori saranno due. Aconcor-
rere sono, tra gli altri, alcune
grosse cooperative: Proges, che
gestisce gi tre asili a Torino, tre
a Moncalieri e tre a Nichelino;
Codess, altra grande societ che
si occupa di servizi alla persone
e ha in carico una cinquantina di
asili nido in Italia; Nuova assi-
stenza, gruppo con sede a Nova-
ra, attivo in Piemonte, Lombar-
dia e Liguria; una cordata di 14
cooperative piemontesi. Ci sono
anche societ con sede a Roma e
Bologna. In tutto, a ieri, erano
arrivate una decina di offerte.
La concorrenza sar serrata.
Verr esternalizzato un nido
per circoscrizione, con lesclu-
sione della Quattro (San Dona-
to, Campidoglio, Parella). Le
strutture scelte sono via Maria
Vittoria 39, via Barletta 109, via
Fenoglio 26, La nidiata di via
Coppino 152, corso Mamiani 1,
Le api, di corso Ciri 1, Le cocci-
nelle, di corso Sicilia 28, Il la-
ghetto, di via Ventimiglia 199, via
Roveda 35. Totale: 762 posti. I
criteri daccesso e lorganizza-
zione resteranno in capo a Pa-
lazzo Civico.
La citt affider il comodato
gratuito degli immobili e degli
arredi e si accoller i costi di
utenze e manutenzione straor-
dinaria. Poich cambieranno
tutte le educatrici, le famiglie
dovranno effettuare nuovamen-
te linserimento, il periodo in cui
il bambino sta in asilo in presen-
za dei genitori. La scelta cadu-
ta sui nove asili in base a una se-
rie di criteri: si tratta di edifici a
s stanti, non in coabitazione
con scuole materne. Sono state
individuate le strutture che ga-
rantiscono al Comune un livello
medio di introiti: n redditi alti
n rette per lo pi pagate dalla
citt. In molte strutture erano
gi stati esternalizzati alcuni
servizi, ad esempio la sorve-
glianza e i bidelli. Infine si cer-
cato il minor impatto possibile
sulla mobilit del personale. Gli
educatori in forza al Comune
che insegnano nei nove nidi do-
vranno essere ricollocati sugli
istituti che resteranno in capo
alla citt, mentre il destino delle
300 educatrici precarie che la-
voravano negli asili, il cui con-
tratto scaduto, appeso a un
filo: se torneranno a lavorare di-
pender soltanto dal volere di
chi vincer la gara.
ANDREAROSSI
PROCESSOGRINZANE LALEGA: COS CHE SI SONOCREATI I BUCHI DI BILANCIO
Bresso: nonsapevo
dei soldi trai dueSoria
Il dirigente regionale finanziava le attivit del fratello
Angelo Soria agiva in com-
pleta autonomia, a me non ha
mai chiesto autorizzazioni o
indirizzi politici particolari.
Anzi, ero convinta che il suo
settore non finanziasse le atti-
vit del fratello Giuliano.
Quando lho scoperto mi sono
stupita dei contributi al Grin-
zane, anche perch il settore
regionale collegato al premio
era quello della cultura e per
una piccola parte la promozio-
ne turistica.
Mercedes Bresso dice di es-
sere stata alloscuro dei soldi
che il settore della Comunica-
zione istituzionale della Regio-
ne, diretto da Angelo Soria al-
lepoca dei fasti letterari e culi-
nari del premio, elargiva al pa-
tron indiscusso del Grinzane
Cavour. Se lavessi saputo gli
aver detto di astenersi. Quan-
do ero in giunta, ad esempio,
non partecipavo mai alla di-
scussione di un atto che ri-
guardava un persona di mia
conoscenza. E questa regola
etica, secondo me, doveva va-
lere per tutti.
Mezzoradal giudice
Ieri, al processo a carico dei fra-
telli Soria e del cuoco Bruno Li-
bralon, accusati di peculato e
malversazione (le indagini si
concentranosuoltre4milioni di
fondi pubblici) stato il giorno
dellex zarina, presidente della
Regione Piemonte dal 2005 al
2010. Nelle precedenti udienze
eranostati sentiti altri exammi-
nistratori pubblici, imprendito-
ri, notabili del premio e delle
serate improntate a rafforzare
limmagine del Piemonte.
Mercedes Bresso, chiama-
ta a testimoniare dai difensori
di Libralon, ha parlato per cir-
ca mezzora. stata sentita su
alcune questioni gestionali
della Regione: contributi, ren-
dicontazioni, badget. Ha ri-
sposto affidandosi alla memo-
ria, senza dati alla mano. Que-
stioni formali che hanno scate-
nato qualche screzio tra i difen-
sori degli imputati e il collegio
giudicante, presieduto da Paola
Trovati. Tra i temi toccati, an-
che i rapporti con lo chef. Lho
visto in una sola occasione, du-
rante una cena di rappresen-
tanza a Belo Horizonte, in Bra-
sile. A parte quella volta, non
lho pi incontrato.
Lereazioni
Le parole dellex presidente han-
no suscitato proteste in ambito
politico. La Bresso non sapeva
dei finanziamenti? Adesso capia-
mo come si sono creati i buchi di
bilancio ironizza Mario Carossa,
presidente del gruppo regionale
della Lega Nord. E aggiunge: La
sua testimonianza lascia stupe-
fatti, quasi increduli. Io non ero in
Consiglio regionale a quei tempi,
ma a giudicare da ci che raccon-
tano i colleghi che facevano parte
della precedente maggioranza,
lex presidente era particolar-
mente attenta e informata di ogni
attivit della Regione. Michele
Giovine, consigliere regionale dei
Pensionati, condannato per le fir-
me di lista, si prende la rivincita.
Non sapeva dei soldi? Alla Bres-
so svelo un segreto. Delibere, de-
termine ed atti vari della Regione
sonotutti pubblicati sul Bollettino
Ufficiale della Regione, comprese
quelle sotto indagine. Se si fosse
occupata pi delle vicende del
Grinzane piuttosto che delle vi-
cende del Partito Pensionati forse
se ne sarebbe accorta.
Ladifesa
Nel corso delludienza sono stati
ascoltati Angelo Soria e Libralon.
La mia attenzione - ha spiegato
Soria - si concentrava nella verifi-
cachei finanziamenti richiesti dal
Premio fossero commisurati al ri-
torno, ma nonme ne occupavo di-
rettamente. Eil denaro? vero
chequei soldi andavanoal Grinza-
ne, ma erano destinati ai singoli
eventi. Angelo Soria ha poi par-
lato dei rapporti col fratello. Lo
frequentavo poco - ha raccontato
- e quando avveniva era sempre
assorbito dal suo lavoro. Ho sco-
perto solo dagli atti processuali
che aveva comprato immobili.
MASSIMILIANOPEGGIO
Ai tempi doro del Premio
Foto di gruppo alla serata finale del Grinzane Cinema a Stresa nel 2007: con Giuliano Soria
e Mercedes Bresso ci sono gli ospiti illustri della serata, Carlo Lizzani ed Eleonora Giorgi
Angeloagivainpiena
autonomia. Libralon?
Vistounasolavolta
adunacenainBrasile
Nonpartecipavomai
adiscussioni suunatto
cheriguardavapersone
di miaconoscenza
762 posti
I nove asili,
uno per circo-
scrizione,
sono stati
scelti
dal Comune
lo scorso
29 maggio
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Cronacadi Torino
.
51
T1 CV PR T2
IL PIANOVARATODAL COMUNE
Settemilioni di euro
per rattopparelestrade
I torinesi che girano in mac-
china lo sanno bene: la salute
dellasfalto a dir poco preca-
ria. Le strade sono uninfilata
di buche, voragini, rattoppi,
marciapiedi sgretolati. Il futu-
ro non promette molto di buo-
no, ma un piccolo risultato c:
l'assessore alla Viabilit Clau-
dio Lubatti riuscito a mette-
re al riparo i fondi per le manu-
tenzioni stradali dalla tagliola
che ha colpito tutti i capitoli
del bilancio comunale, alle
prese coni tagli dello Stato e la
necessit di fare economia.
I fondi per il 2012 sono addi-
rittura cresciuti un po rispet-
to al 2011, cosa pi unica che
rara che ha consentito ieri alla
giunta di approvare una delibe-
ra presentata dallo stesso Lu-
batti con cui si stanziano 6,7 mi-
lioni di euro per mettere mano a
oltre 1400 chilometri dasfalto.
Il progetto preliminare pre-
vede interventi di manuten-
zione e riqualificazione che si
realizzeranno sui circa 1435
chilometri della rete viabile
cittadina.
Il piano, suddiviso in13 lotti (i
primi 10corrispondono alle Cir-
coscrizioni, lundicesimo si rife-
risce a modifiche alla viabilit e
lavori di messa in sicurezza, il
dodicesimo ai ripristini da ef-
fettuare dopo il rinnovo di se-
mafori e il tredicesimo alle pavi-
mentazioni in pietra), raccoglie
lattuale fabbisogno di manu-
tenzioni stradali e prevede la ri-
parazione o il rifacimento di
carreggiate, marciapiedi, ban-
chine, aree di parcheggio.
Lelenco di interventi stato
elaborato sulla base di una
mappatura realizzata grazie a
segnalazioni di altri servizi co-
munali, di cittadini, commer-
cianti, associazioni e delle cir-
coscrizioni. [A. ROS.]
In piazza Vittorio
I veicoli delle ditte private di trasporto del Piemonte hanno sfilato ieri in centro per due ore a suon di clacson
incolonnati da piazza Solferino a corso Vittorio Emanuele II passando per piazza Castello, via Po e piazza Vittorio
Il centroostaggiodei pullman
Settantabusapassoduomocontroi tagli regionali. Cota: VadanoasfilareaRoma
3
domande
a
A. Fenoglio
Anav Piemonte
Vogliamo
essere
ascoltati
Antonio Fenoglio, presi-
dente di Anav Piemonte,
perch gli autotrasporta-
tori sonoarrivati aunapro-
testacos eclatante?
il nostro grido di dolore
per i tagli imposti dalla
Regione al trasporto pub-
blico locale, che sono inso-
stenibili per il settore e
mettono a rischio almeno
cinquecento posti di lavo-
ro in tutta la regione. La
preoccupazione che la Re-
gione Piemonte azzeri gli
accordi di programma con
gli enti delegati, ossia le Pro-
vince, determinando cos la
rescissione dei contratti
che le aziende hanno stipu-
lato, soprat-
tutto trami-
te gara.
Il presi-
denteRo-
berto Co-
ta per,
dice che
non con
lui dovreste protestare
bens conRoma e che a sfi-
lareconi pullmandovreste
andare nelle Capitale. Co-
mereplica?
Noi ci rendiamo conto che
il momento difficile e sia-
mo certi che una parte del
problema stia nei tagli deci-
si a livello centrale. Ma
quello che finora abbiamo
chiesto e che fino a ieri ci
era stato negato era sempli-
cemente un confronto con
le istituzioni. Noi siamo
pronti a fare dei sacrifici,
ma vogliamo che ci sia data
almeno lopportunit di
mettere sul tavolo le nostre
cifre e prospettare le nostre
soluzioni, che forse possono
evitare un taglio cos pro-
fondo. Per questo, oggi sia-
mo soddisfatti della convo-
cazione del 24 luglio.
Altrimenti non vi rester
che affidarvi ai ricorsi che
avetefattoal Tar?
Il Tar discuter i ricorsi
a met settembre, ma noi
ora vogliamo guardare al-
limmediato e nonci spingia-
mo oltre. Confidiamo lin-
contro di marted prossimo
sia linizio di un percorso
che porti a provvedimenti
meno drastici. [P. ITA.]
il caso
PAOLAITALIANO
Erano una settantina, una co-
lonna lunghissima che avanza-
va in centro a passo duomo.
Enormi e completamente vuo-
ti, ma strombazzanti come se
avessimo vinto i Mondiali. Il
carosello dei pullman delle
aziende private piemontesi
che operano nel trasporto
pubblico locale che ha sfilato
ieri mattina a Torino contro i
tagli deliberati dalla Giunta
Cota riuscito nei suoi primi
intenti: attirare lattenzione e
ottenere unincontro conla Re-
gione, fissato per il 24 luglio.
Hanno fatto due ore di giri
in tondo nel cuore monumen-
tale del capoluogo, questi be-
stioni che in genere attraver-
sano strade provinciali nel
Piemonte dei piccoli Comuni e
portano a scuola i bambini
delle frazioni.
Invece ieri sono partiti da
piazza Solferino e, passando per
piazza Castello e piazza Vitto-
rio, in piazza Solferino sono tor-
nati. Per poi ricominciare. Pro-
testa poco ecologica, ma i clac-
son che facevano girare i pas-
santi e infuriare gli automobili-
sti bloccati, sono il grido di do-
lore delle ditte che fanno tra-
sporto pubblico locale, come lo
ha definito Antonio Fenoglio,
presidente piemontese di Anav
(Associazione nazionale auto-
trasporto viaggiatori). La Re-
gione - spiega Fenoglio - con due
delibere aveva previsto una ri-
duzione dei fondi da destinare al
settore del 15%per lanno in cor-
so e del 17%per lanno prossimo.
Poi, stata annunciata una revi-
sione, con tagli del 9% per que-
stanno e del 15% per il 2013, ma
anche cos il sistema non pu
reggere. Stanti i tagli, sarebbe-
ro a rischio 500 posti di lavoro.
La sonora contestazione ha
provocato la reazione del presi-
dente Roberto Cota: Sarebbe
pi logico, produttivo e corretto
- ha commentato - che lAnav
portasse i suoi pullman a mani-
festare in piazza Colonna a Ro-
ma, anzich in piazza Castello a
Torino. Il Governatore parla di
un taglio complessivo da Roma
pari al 50%. La Regione - spie-
ga - sul trasporto
pubblico locale
ha subto un ta-
glio progressivo,
passando dai 280
milioni del 2010
ai 237 ipotizzati
sul 2012. Per quanto riguarda il
2011, a oggi sono state erogate
nella misura del 50% circa. Per
il 2012 non abbiamo ancora vi-
sto un euro. Ela settimana scor-
sa il Governo ci ha comunicato
un ulteriore taglio pari a 700
milioni che dovrebbero colpire
proprio il trasporto pubblico lo-
cale. Aci aggiungiamo un altro
taglio di 435 milioni soltanto per
la Regione Piemonte dei trasfe-
rimenti sulle cosiddette ex-Bas-
sanini. Sulle delibere regionali
pendono per i ricorsi al Tar
Piemonte fatti da Anav - analo-
ghi a quelli gi vinti in primo
grado dai trasportatori del Ve-
neto - che saranno discussi a
met settembre.
Lassessore ai Trasporti,
Barbara Bonino si detta dac-
cordo con Cota a dire che i pull-
man dovrebbero manifestare a
Roma e ha aggiunto che le
aziende piemontesi del traspor-
to dovrebbero essere vicine a
noi, cos come noi
siamo stati finora
vicino a loro.
Stupiscono i to-
ni dellassessore -
ha commentato
Davide Gariglio,
Pd -, da una Giunta che si di-
chiara vicina al mondo delle im-
prese non ci si aspetterebbe un
attacco verso le aziende che
manifestano un disagio nei con-
fronti della Regione. Per Moni-
ca Cerutti, capogruppo di Sel,
sui tagli, lassessore Bonino
forse dimentica che il suo parti-
to sostiene il governo Monti.
Convocati il 24
La Regione ha convocato i rappresentanti delle aziende private
di trasporto del Piemonte per un confronto il 24 luglio
INIZIATIVADEL PDL IL 50%DEI FONDI ASTRANIERI, MASONOSOLOIL 15%
Quotetricolori, unacampagna
sui contributi per laccessoal lavoro
Dalla periferia nord di To-
rino, nella Sezione Pdl di
Barriera Milano, parte la
campagna politica per le
quote tricolore spiega
Maurizio Marrone, Coordi-
natore Vicario del PDL e
Consigliere Comunale.
Con il dossier Non e
una citt per Italiani aveva-
mo dimostrato che il 50%dei
contributi del Comune di To-
rino per laccesso al lavoro va
a stranieri, per unammontare
di oltre mezzo milione di euro,
nonostante gli immigrati non
raggiungano il 15%della popo-
lazione residente: una eviden-
te ingiustizia sociale a cui vo-
gliamo porre fine con le quo-
te tricolore proporzionali al-
la percentuale di Italiani resi-
denti a Torino.
Marrone annuncia che sa-
r una campagna di mobilita-
zione a 360 gradi, con una
mozione presentata in Consi-
glio Comunale, ordini del
giorno presentati nelle Circo-
scrizioni, petizione popolare
diffusa con gazebo nei merca-
ti, manifesti affissi in citt gi
da ieri sera, un gruppo face-
book, hashtag twitter, e an-
che sul sito personale mauri-
ziomarrone.it.
Siamo convinti che la no-
stra mobilitazione trover
consenso soprattutto nei
quartieri popolari tradizio-
nalmente orientati a sinistra,
a dimostrare che i partiti di
maggioranza hanno perso il
contatto con le periferie soffo-
cate dalla crisi e dalla realt.
Con i risultati della petizione
speriamo di aprire gli occhi al-
la Giunta Fassino. Ai firmata-
ri regaleremo simbolicamen-
te un braccialetto tricolore di
adesione alla campagna.
Il coordinatore
Marrone: Basta
con queste
evidenti disparit
Arrivano i soldi per le strade
Conquesti numeri
resterannoacasa
500lavoratori
POSTI ARISCHIO
52
.
Cronacadi Torino
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
T1 PR T2
La soluzione
dei giochi di ieri
7
5
2
1
9
3
6
8
4
4
8
3
2
7
6
5
9
1
6
9
1
5
4
8
3
2
7
1
6
4
3
2
9
7
5
8
9
3
7
4
8
5
2
1
6
5
2
8
6
1
7
9
4
3
3
4
5
9
6
1
8
7
2
2
7
9
8
3
4
1
6
5
8
1
6
7
5
2
4
3
9 M
e
d
i
o
D
i
f
f
i
c
i
l
e
Junior Sudoku
Junior 1 Junior 2
Il sudoku
Il gioco consiste nel riempire tutte le caselle in modo tale che
ogni riga, ogni colonna e ogni settore contenga tutti i numeri
senza alcuna ripetizione: negli junior sudoku sono in gioco
i numeri da 1 a 6, nel sudoku medio e difficile i numeri da 1 a 9
3
5
2
1
9
7
6
4
3
4
9
3
7
1
8
2
5
6
4
9
7
6
8
9
3
2
Medio Difficile
6
9
6
2
4
3
5
4
9
2
4
1
9
6
5
8
2
9
7
3
7
4
7
1
4
9
Junior 2
Junior 1
3
7
4
1
5
2
9
8
6
7
4
9
3
6
1
5
2
8
1
8
5
7
2
9
6
3
4
2
3
6
5
8
4
1
9
7
6
9
3
4
7
8
2
5
1
4
1
7
2
3
5
8
6
9
8
5
2
9
1
6
4
7
3
9
2
8
6
4
7
3
1
5
5
6
1
8
9
3
7
4
2
3
6
1
1
4
4
3
5
6
5
2
5
6
4
3
5
4
2
3
1
4
1
3
4
6
5
2
4
5
2
3
1
6
3
1
6
4
2
5
6
2
3
5
4
1
5
4
1
2
6
3
2
6
5
1
3
4
6
5
2
1
4
3
1
4
5
3
2
6
3
2
6
5
1
4
5
6
1
4
3
2
4
1
3
2
6
5
2
3
4
6
5
1
Alessandria
Tramonta
alle ore 21.14
Culmina
alle ore 13.36
Situazione e avvisi meteo
Giornata ben soleggiata con cielo
generalmente sereno al mattino e poche
nubi sparse sui rilievi alpini nelle ore
pomeridiane. Zero termico intorno a 4000
metri nelle ore centrali.Venti a regime di
brezza nelle vallate e lungo le coste liguri;
mare calmo o poco mosso a Levante.
Lalta pressione con correnti nord-occidentali asciutte garantisce condizioni ben
soleggiate e calde con temperature massime nuovamente sui 32-34 gradi in pianura;
laria poco umida, per, limita la sensazione di afa rendendo il caldo pi sopportabile. Da
domani le correnti si disporranno da ovest e torner il rischio di un acquazzone
pomeridiano in montagna, soprattutto sullOssola, e la tendenza temporalesca si
accentuer anche in pianura tra venerd e sabato.
Ben soleggiato con cielo generalmente
sereno al mattino; nel pomeriggio
annuvolamenti cumuliformi sui rilievi, un po
pi estesi sulle vallate settentrionali
valdostane e dellOssola dove non si esclude
un isolato acquazzone. In Liguria mare poco
mosso, venti di Libeccio a Ponente.
A cura di www.nimbus.it
Alessandria
Sorge
alle ore 5.56
IL SOLE
A TORINO
FRANCIA
SVIZZERA
AOSTA
Biella
TORINO
Novara
Pavia
Vercelli
Cuneo
Imperia
Savona
MILANO
GENOVA
Verbania
Asti
La Spezia
Gap
Grenoble
Nizza
FRANCIA
SVIZZERA
AOSTA
Biella
TORINO
Novara
Pavia
Vercelli
Cuneo
Imperia
Savona
MILANO
GENOVA
Verbania
Asti
La Spezia
Gap
Grenoble
Annecy
Nizza
OGGI DOMANI
Annecy
MIN MAX CITT
AOSTA
VERBANIA
BIELLA
NOVARA
VERCELLI
TORINO
ASTI
ALESSANDRIA
CUNEO
MILANO
GENOVA
SAVONA
IMPERIA
Temperature C
16
18
16
17
17
18
18
18
16
19
20
21
21
29
31
30
32
32
32
33
34
30
32
29
29
28
MIN MAX CITT
AOSTA
VERBANIA
BIELLA
NOVARA
VERCELLI
TORINO
ASTI
ALESSANDRIA
CUNEO
MILANO
GENOVA
SAVONA
IMPERIA
Temperature C
17
19
18
18
18
19
18
19
17
19
20
21
21
30
31
30
32
33
32
33
34
30
33
29
29
28
Il tempo: sole ovunque e temperature in aumento; tornano i temporali venerd.
MARE AGITATO MARE CALMO POCO MOSSO MARE MOSSO SOLE COPERTO TEMPORALE NUVOLOSO VARIABILE PIOGGIA DEBOLE-
MODERATA
PIOGGIA INTENSA NEVE VENTO NEBBIA POCONUVOLOSO
Si leva alle ore 5.21
Cala alle ore 20.27
Fasi Lunari
LA LUNA A TORINO
Centimetri-LA STAMPA
9 AGO 2 AGO 19 LUG 26 LUG
S
u
d
o
k
u
Unbicchieredi acido
al postodellacqua
Vaincomaa24anni
Giovane di Vaie dopounapartitadi calcetto
H
a bevuto dun
fiato un bic-
chiere di acido,
convinto fosse
acqua fresca.
Un lunghissimo sorso, senza
immaginare. Mirco Ciesco,
24 anni, di Vaie, in bassa Val-
susa, ricoverato in riani-
mazione alle Molinette, dove
i medici gli hanno gi dovuto
asportare lo stomaco, ma
sperano di salvarlo. in co-
ma farmacologico, le sue
condizioni sono gravissime e
per il momentorestersotto
leffetto degli anestetici.
Tutto accaduto mercole-
d scorso. Erano circa le
21,30: Mirco era appena
rientrato a casa dopo una
partita di calcetto con gli
amici. Molta fatica, gran cal-
do e tanta sete. Appena var-
cata la porta dingresso il
giovane andato in cucina, e
dopo qualche minuto ha
chiesto aiuto ai genitori: do-
lori terribili, un senso di bru-
ciore diffuso allo stomaco,
alla gola e allesofago.
Padre e madre lo hanno ca-
ricato in auto e si sono preci-
pitati al pronto soccorso del-
lospedale di Susa, il pivicino
a casa: le condizioni del giova-
ne sonoimmediatamente par-
se gravi, al punto che i medici
hanno deciso nella stessa se-
rata il trasferimento durgen-
za prima a Rivoli, poi il ricove-
ro definitivo in terapia inten-
siva alle Molinette. La pro-
gnosi e resta riservata.
Difficile - finch Mirco
non si sveglier e potr rac-
contare - capire come sia po-
tuto accadere un incidente
simile. uno degli infortuni
domestici con le conseguen-
ze spesso pi tragiche. In un
primo momento si pensato
che la bottiglietta contenen-
te acido potesse esser stata
aperta e bevuta al campo di
calcio dopo la partita. Ma i
medici tendono a escludere
questa ipotesi perch la gra-
vit delle lesioni interne pu
soltanto far
pensare a una
reazione im-
mediata del-
lacido, nellar-
co di pochissi-
mi minuti.
Arrivato al
pronto soccorso delle Moli-
nette Mirco stato portato
subito in sala operatoria. I
medici gli hanno asportato
lo stomaco, completamente
ustionato. Ma la preoccupa-
zione maggiore per leso-
fago attraver-
sato dallacido:
potrebbe per-
forarsi anche a
di stanza di
tempo se i tes-
suti sono trop-
po compromes-
si. Per questo la prognosi
resta riservata e i medici
non si sbilanciano.
Impossibile, per i genitori,
trovare un perch a quanto
accaduto. Ai medici hanno
raccontato di tenere i pro-
dotti per la pulizia della casa
sotto il lavandino, lontano da
bottiglie dacqua e cibo.
Qualcuno pu averli invece
spostati e dimenticati dove
abitualmente la famiglia Cie-
sco tiene gli alimenti? Linda-
gine affidata ai carabinieri
della Compagnia, che do-
vranno stabilire eventuali
responsabilit. Ma ci che
adesso pi conta, per i geni-
tori di Mirco, che il ragazzo
si riprenda, che le suture in-
terne resistano e lesofago
non sia cos compromesso da
richiedere un nuovo inter-
vento chirurgico.
Giorni e ore di grande pre-
occupazione, per la famiglia
Ciesco. Tutti i giorni sono alle
Molinette, ma Mirco non pu
sentirli n parlare con loro:
tenuto in coma per non affati-
care il cuore e i polmoni, e
aiutarlo cos a superare il mo-
mento pi critico.
il caso
MARCOACCOSSATO
VAIE
Terapia
intensiva
Mirco Ciesco
ricoverato
in
rianimazione
alle Molinette
Il ragazzo
avrebbe
preso
la bottiglia
nella cucina
di casa
dove i
genitori
sostengono
per
di tenere
ben
separati
i prodotti
per la pulizia
dal cibo
Hannogidovuto
asportarelostomaco:
prognosi riservata
I MEDICI
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Quartieri
.
53
T1 T2
Filadelfia
Contreanni di cantieri
lanostrapiazzamorir
Rivoltacontrolacostruzionedei boxinterrati: Nonservono
U
na piazza in ri-
volta contro gli
ennesimi par-
cheggi interrati.
Ci si trova allin-
gresso di borgo Filadelfia, di
fronte allo stadio Olimpico.
Qui, sotto i due sensi unici di
via Arnaldo da Brescia e via
Filadelfia, per pi di un anno
(tre, secondo i cittadini) do-
vrebbe insistere il cantiere
dei nuovi box pertinenziali
sotterranei, previsti dal piano
parcheggi voluto dalla giun-
ta. Strade sventrate, viabilit
bloccata e alberi vecchi pi di
mezzo secolo a rischio abbat-
timento. E tutto per che co-
sa? - si chiede Luca Russello,
titolare del negozio di pneu-
matici dal 55 -. Per fare altri
box auto che rimarranno vuo-
ti, come quelli al civico 183/b:
ancora adesso da affittare.
Sessanta i posti auto previ-
sti: 20 a piano, non uno di pi.
Il cantiere occuperebbe tutta
larea Est di piazzale San Ga-
briele di Gorizia, da corso
Unione Sovietica, passando
per via Filadelfia e via Arnal-
do da Brescia. Ci faranno
chiudere lattivit, il grido
dallarme dei commercianti.
I sensi unici introdotti da
pochi anni a questa parte
hanno contribuito a ridurre
la clientela gi provata dalla
crisi spiega Carlo Cirillo, del
negozio Benetton -. La gente
non trova parcheggio e passa
oltre. Se bloccano anche la
circolazione, siamo destinati
a morire. Matteo Giancarlo,
contitolare del negozio di
pneumatici, aggiunge: Quei
box sono inutili. Con un can-
tiere di tre anni la piazza
morta. La strada sar blocca-
ta dal civico 187 fino a corso
Unione: un danno enorme
per chi come noi lavora con le
auto. Dopo oltre cinquantan-
il caso
ELISABETTAGRAZIANI
Troppi parcheggi in zona Olimpico
Da sinistra, Luca Russello e Matteo Giancarlo, gommisti, insieme con Carlo
Cirillo, del negozio Benetton: mostrano un annuncio di box auto in affitto
Parella
Merenderosabusivi
Girodi viteallaPellerina
Peruviani
controllati
Un ritrovo
nel parco:
dopo
il primo blitz
di domenica,
il Comune
promette
controlli
a tappeto
Chicha morada, una tipica
bevanda del Per, le grigliate
e le frittelle finiscono sotto la
lente dei vigili. partito lo
scorso fine settimana un giro
di vite sui merenderos peru-
viani alla Pellerina. Dopo le la-
mentele dei residenti per il ru-
more, linvasione delle auto
nei prati e il proliferare di fuo-
chi, scattata loperazione do-
po una riunione degli assesso-
ri Curti e Tedesco. Domenica
una decina di pattuglie dei vi-
gili ha effettuato i controlli nel
tratto antistante corso Regi-
na Margherita. Il problema
seguito anche dal tavolo inter-
forze della sicurezza, coordina-
to dal questore. I peruviani
hanno un permesso specifico:
dopo anni di ritrovo spontaneo,
che aveva causato numerosi
problemi di ordine pubblico, nel
2006 il Comune corse ai ripari.
Palazzo Civico affid la gestio-
ne di una parte del parco allas-
sociazione Hatun Wasi. Ora la
vendita sospetta di cibo e alcol
senza licenze, il rumore e ban-
chetti abusivi hanno risollevato
i problemi. Luned, inCircoscri-
zione 4, stata discussa unin-
terpellanza del consigliere Maf-
fei, che punta il dito contro las-
senza di controlli fiscali e igieni-
ci. Lassociazione per si difen-
de. Le lamentele riguardano la
parte del parco che non gestia-
mo noi assicura Osvaldo Boy,
responsabile dellassociazione
: ci sono molte aree in cui man-
cano controlli e regna la legge
della giungla. I soci di Hatun
Wasi, invece, hanno seguito
tutti i corsi per mettersi in re-
gola con le norme della sommi-
nistrazione. I controlli, assicu-
ra il Comune, continueranno a
tappeto nei prossimi giorni.
FABRIZIOASSANDRI
Destino incerto per la biblioteca del
quartiere, che dopo anni di promesse
mai mantenute fa i conti con
lennesimo ritardo. I lavori per
trasformare il capannone di via Capelli
non partiranno prima del 2013, se tutto
va bene. A causa della crisi, le
trattative tra il Comune e i privati che
dovranno consegnare ledificio alla
Citt sono in ritardo di circa un anno.
quanto ha riferito luned il
presidente della Circoscrizione 4
Cerrato, rispondendo a
uninterpellanza del consigliere Novo.
La variante urbanistica non ancora
stata votata in Consiglio comunale. La
biblioteca era stata promessa fin dal
2006, in un progetto relativo a via
Carrera, poi abortito. [F. ASS.]
PAGINA A CURA DI
MONICA PEROSINO
Per levostresegnalazioni quartieri@lastampa.it
Parella
Nuovoritardo
perlabiblioteca
A dispetto della scure sui bilanci
circoscrizionali, la storica rassegna
estiva ai giardini Sambuy di piazza Carlo
Felice questanno si far. La Uno ha
deliberato un finanziamento per
consentire lo svolgimento della
manifestazione che da 13 anni anima
larea verde, sottraendola al bivacco che
nel periodo estivo, in cui il presidio
minore, rischia di aumentare, offrendo
inoltre unoccasione di incontro
soprattutto ai tanti anziani soli che
rimangono in citt. Gli appuntamenti,
che spaziano dagli incontri a tema ai
concerti, sono dal 24 luglio al 1 settembre
il pomeriggio di marted, venerd e
sabato, a partire dalle 17, e il sabato sera
dalle 21,30, con in pi uno spettacolo
speciale previsto per Ferragosto. [S. CAP.]
Centro
Salvalarassegna
ai giardini Sambuy
Via Canelli
chiusa fino a
domani, al pi
tardi venerd,
nel tratto
compreso fra
lUnieuro e
corso
Maroncelli.
Ieri un pezzo di
intonaco
crollato da un balcone allottavo piano,
mandando in frantumi il vetro di
unauto. Lintera balaustra pericolante
e i vigili (foto) hanno chiuso la via al
traffico. Nel palazzo, di fine Anni 60, c
stato un trasloco nella giornata di ieri
proprio a quel piano. Si pensa che
qualcosa sia andato storto durante i
lavori. La strada ora accessibile solo da
via Beinette. [E. GRA.]
NizzaMillefonti
Balconepericolante
ChiusaviaCanelli
Centro
Al via i lavori
nel complesso
scolastico
Lingresso dellistituto
SILVIACAPRIOGLIO
Dopo pi di due anni di pon-
teggi e recinzioni per proteg-
gere dal rischio di crolli, final-
mente sono cominciati i lavo-
ri al complesso scolastico tra
le vie Montecuccoli, Amedeo
II e Valfr, che comprende gli
istituti tecnico-professionali
Sella e Boselli e la scuola ele-
mentare Ricardi di Netro. La
Circoscrizione 1 ha pi volte
sollecitato un intervento, lul-
tima in ordine di tempo su
iniziativa del consigliere Pet-
tazzi, raccogliendo le prote-
ste e i timori di insegnanti e
genitori dellecentinaiadi stu-
denti coinvolti. La Provincia
spiega Enrico Marzilli, diri-
gente della Direzione edilizia
scolastica haconsegnatolu-
ned il primo lotto di lavori,
che riguarda il risanamento
delle facciate sulle vie Valfr,
Amedeo II e Avogadro. La
spesa prevista di 500 mila
euro e la durata del cantiere
di otto mesi circa. Un secon-
do lotto di lavori, sul lato di
via Montecuccoli, invece in
attesa di aggiudicazione e in-
teresser sia le facciate che i
serramenti, per un costo di
800 mila euro. Inoltre, anche
Palazzocivicohainprogram-
ma di effettuare alcuni inter-
venti sul complesso scolasti-
co. La Citt ha incorso unap-
palto per la sistemazione del-
le sale per gli addetti alla
mensa della scuola Ricardi di
Netro, nonch ha in pro-
gramma la sostituzione di
parte dei controsoffitti e la
messa in sicurezza dei serra-
menti esterni, che saranno
effettuate presumibilmente
nel corso dellinverno. Per il
prossimo anno scolastico al-
meno, a studenti e insegnanti
toccher ancora andare a le-
zione in un cantiere.
12
Mesi
la durata
minima
dei lavori,
ma i cittadini
sono convinti
che il cantiere
durer anni
ni saremo costretti adabbassa-
re le saracinesche.
Una decina le attivit com-
merciali, tra bar e negozi, pre-
senti sul lato Nord Est della
piazza, interessato dai futuri
lavori. La preoccupazione
palpabile anche tra i due benzi-
nai. Domenico DUrso, del di-
stributore Tamoil, rivela: Nei
disegni che ci hanno mostrato
in Circoscrizione, le pompe di
benzina semplicemente non ci
sono. Ma sotto il terreno ci so-
no 4 vasche da 10 mila litri
luna. Dove pensano di scava-
re? Se invece concentrano il
cantiere nel resto della piazza,
distruggono alberi che hanno
almeno 80 anni.
I malumori sono arrivati in
Circoscrizione 9. Massimiliano
Miano, coordinatore allUrba-
nistica, spiega: La nostra po-
sizione contraria, se si tocca-
no le piante. Luned porteremo
il parere della commissione in
Consiglio di Circoscrizione.
Chiediamo allassessore che
garantisca per iscritto la salva-
guardia del verde sulla piaz-
za. Il piano parcheggi propo-
sto dalla giunta comunale sar
votato in Sala Rossa a Palazzo
civico entro fine mese. Tre le
zone della Nove destinate a box
pertinenziali interrati: oltre a
piazzale San Gabriele di Gori-
zia, anche larea Paoli e corso
Benedetto Croce, dove sono
scoppiate altre proteste.
60
Posti
In piazzale
San Gabriele
di Gorizia
prevista
la costruzione
di 20 box
auto a piano
Commercianti preoccupati
LaCircoscrizione:
nonsi tocchinogli alberi
PIAZZALE S. GABRIELE DI GORIZIA
farmacie
Orario 7-19,30: Farmacia Comunale
25, AtrioStazione Porta Nuova.
Orario 9-19,30: via San Marino 37;
via Reggio 1/A; corso Trapani 150;
via Cimabue 8; via dei Mille 48; via
Pietro Cossa 106; via Oglianico 4;
piazza della Vittoria 29; corso Regi-
na Margherita 218/bis; corso Vitto-
rio Emanuele II 84; corso Turati 46;
corso Unione Sovietica 491; strada
San Mauro 35; corso Massimo
DAzeglio 100.
Di sera (19,30-21,30): piazza Galim-
berti 7; via Borgaro 58; via Sempione
112; via delle Orfane 25; via Sacchi 4;
corsoFrancia 1/bis.
Di notte(19,30-9): corsoVittorioEma-
nueleII 66; viaOnoratoVigliani 55/G.
Informazioni: www.farmapiemonte.org.
54
.
Metropoli
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
T1 CV PR T2
Rivoli
Il Comuneanti-movida
Dehorschiusi alle24
Multeanchedurantelenotti bianche, protestanoi locali
I
dehors a Rivoli? Hanno
lautonomia di Ceneren-
tola. Entro mezzanotte
devono chiudere. Altri-
menti sono dolori, 308
euro di dolori. A fare lamara
scoperta sono stati due titolari
di altrettanti locali, che la not-
te di sabato si sono visti arriva-
re i vigili urbani a sanzionarli.
Si sono presentati in una de-
cina - racconta Luca Iurato, ti-
tolare del bar La Villetta in
corso Francia -, hanno identifi-
cato tutti i miei clienti, circa
una ventina di persone, che be-
vevano o mangiavano un gela-
to, neanche stessero facendo
qualcosa di illegale, e mi hanno
staccato un verbale di 308 eu-
ro. Erano quasi le due del
mattino di domenica 8 luglio.
Tardissimo per Rivoli. Stessa
sera e stessa sorte per il bar di
via Giolitti. Se questo il mo-
do - sbotta Barsanofio Ariano -
allora chiudiamo alle 20, mica
ci conviene stare aperti per es-
sere multati. Per sar co-
stretto a lasciare a casa alcuni
collaboratori.
Tutto si aspettavano, gli
esercenti, meno che di essere
multati per aver tenuto aperto
fino a tardi nelle notti bianche
organizzate dal Comune.
Troppo rigidi a Rivoli con la
movida? Neanche a dirlo. Pri-
ma di dare il via alle Sere
destate, il sindaco Franco
Dess ha stilato unordinanza
per allungare lorario dei circa
40 dehors di bar: dalle 23,30
previste da regolamento ha
derogato fino alle 24. Come per
Cenerentola, insomma. in
questo modo che vogliono fare
di Rivoli una citt turistica?,
si domanda polemico Mauro
Carbutto della Confesercenti.
Che aggiunge: Ho dei dubbi
su quelle multe: che io sappia,
conil decreto Bersani e poi con
il Salva-Italia gli orari sono li-
beri, al di l di qualsiasi regola-
mento. Se invece parliamo di
schiamazzi, anchio sono con-
trario, ma non certo alle apertu-
re dei dehors. Come avviene in
altri Comuni. Infatti la sabauda
Torino, dove il problema della
movida particolarmente senti-
to, autorizza fino alle 2 nelle not-
ti seguite da un giorno feriale e
fino alle 3 il venerd e nei prefe-
stivi. Pi libert a Collegno e
Grugliasco, che lasciano piena
autonomia. Solo la musica de-
ve terminare alle 24, ma i dehors
possono stare aperti.
Insomma, Comune che vai
orari che trovi. Ho scritto
uninterrogazione - ammette
Valerio Calosso, consigliere del
Pdl -, perch cos invece di atti-
rare turisti rischiamo di perdere
anche i rivolesi che vanno altro-
ve. Lamministrazione tiene il
punto. C un regolamento e va
rispettato - ribatte lassessore al
Commercio Franco Rolfo -. I vi-
gili nonsono andati a sanzionare
a mezzanotte e un minuto, inol-
tre vanno tenute in conto sia le
esigenze di chi vuole uscire sia
di chi vuol riposare. Per questo
abbiamo dato mezzora in pi. Il
target delle nostre serate sono le
famiglie, le 24 mi sembrano un
orario pi che idoneo. Un sano
punto di equilibrio. Ea Torino i
detrattori della movida fanno la
ola per Rivoli.
il caso
PATRIZIOROMANO
A Torino si arriva alle 3
Nella foto, laffollamento nei locali del Quadrilatero a Torino
A Rivoli lorario stato prolungato dalle 23,30 a mezzanotte
Chieri
Dietrofront sullestriscebluincentro
Solo10cent perlaprimamezzora
Dopo i rincari
arriva lo sconto
LAscom: ci vuole
un multipiano
FEDERICOGENTA
Dopo i rincari arrivano gli
sconti. Chieri fa marcia indie-
tro sulle strisce blu e, a pochi
mesi dallaumento dei prezzi
dei parcheggi nel centro, de-
cide di regalare, o quasi, la
prima mezzora di sosta. Per
ora si tratta solo di un esperi-
mento, dal 15 settembre fino
alla fine dellanno, che interes-
ser piazza Dante, piazzale
Robbio e via della Gualderia.
Qui, per i primi 30 minuti, si
pagheranno solo 10 centesimi.
In tutto sono poco meno di
200 posti: quasi la met di tutti
gli stalli a pagamento che si
trovano a ridosso dellarea pe-
donale di via Vittorio. un re-
galo che vogliamo fare sia ai re-
sidenti che ai negozianti spie-
ga Rachele Sacco, assessore al
Commercio. Continua: In
questo modo invogliamo le per-
sone a fare acquisti in citt e al
tempo stesso continueremo a
garantire il normale ricambio
delle auto parcheggiate.
Lei, per, non vuole leggere
nel provvedimento una boccia-
tura dei recenti ritocchi alle ta-
riffe, salite in tante zone blu da
1 a 1,50euro allora. Inrealt ci
siamo resi conto che molti di
questi spazi erano e continua-
no ad essere inutilizzati. Una
vera assurdit per un paese
che da sempre lamenta una
circolazione difficile e poche
aree destinate alla sosta.
I commercianti sorridono
alliniziativa, ma per Ferdinan-
do Scimone, presidente del-
lAscom di Chieri, si poteva fa-
re di pi. Sarebbe stato me-
glio regalare la prima mez-
zora, evitando cos agli auto-
mobilisti le perdite di tempo
per cercare ogni volta la colon-
nina del parcometro e i cente-
simi esatti nel portafogli. La
vera rivoluzione, secondo lui,
sarebbe unaltra. Da tempo
aspettiamo la realizzazione di
un multipiano che risolva una
volta per tutte qualsiasi disa-
gio - conferma -. Doveva essere
realizzato proprio sotto piazza
Dante ma, chiss perch, il Co-
mune ha deciso di rimandare
qualsiasi progetto.
Coinvolti
200 posti
La zona blu
di piazzale
Robbio
tra le aree
coinvolte
dalla
revisione
delle tariffe
Unodei titolari: I vigili
hannoidentificato
tutti i miei clienti
VERBALI DI 308 EURO
Villa Mater, la casa di riposo dellUfficio
Pio San Paolo gestita dalla cooperativa
Kursana in via Rosta a Rivoli, da luned
vuota. Liter inizia nel marzo scorso,
quando lUfficio Pio annuncia la chiusura
entro luglio a causa delle continue
perdite, circa 200 mila euro allanno negli
ultimi dieci anni. Sono mesi di passione
per le dipendenti della cooperativa. E
sebbene la maggior parte sia stata
assunta presso la Residenza Beato
Allamano di Alpignano, dove hanno
trovato posto anche molti dei 30 anziani
di Villa Mater, ancora oggi cinque sono in
cassa integrazione e due seguono un
corso per diventare operatrici sanitarie.
E la villa settecentesca? La metteremo
in vendita come struttura a servizi,
dicono dallUfficio Pio. [P. ROM.]
Rivoli
AddioVillaMater
Lospiziovuoto
Sar finalmente completato lanello
attorno allarea mercatale di piazza
Europa, ma non prima del prossimo
anno. Lamministrazione di Chieri ha
rimandato a primavera lintervento che
consentir alle auto di arrivare
direttamente a via Roma e alla stazione
ferroviaria. Per ora il traffico rester a
senso unico, da via Cesare Battisti a via
Campo Archero. Per istituire il doppio
senso sar ridotto lo spazio destinato ai
marciapiedi. Il terreno, per, privato, e
il Municipio deve ancora ottenere il via
libera dai legittimi proprietari. Resta poi
ancora tutto da decidere il futuro della
pista ciclabile, che delimita la piazza
senza portare da nessuna parte: in tanti
chiedono che venga eliminata per
lasciare posto ai parcheggi. [F. GEN.]
Chieri
Conil nuovoanello
cambieril traffico
Non si fermano le polemiche sulla pista
ciclabile realizzata in via Monti.
Apprezzata dai ciclisti, giudicata
troppo larga da molti residenti, che
hanno organizzato una raccolta firme
per chiedere al Comune di
ridimensionarla. Non sar facile, anche
se il sindaco Eugenio Gambetta ha
ricevuto una delegazione di cittadini:
stato un incontro molto sereno, in cui ho
spiegato che le misure delle piste
ciclabili sono fissate dalle normative e in
questo caso sono state rispettate.
Poche speranze, quindi, che si possa
apportare un correttivo: La pista
ciclopedonale come la raccolta
differenziata. La vogliono tutti, ma non
davanti a casa. vero, toglie spazio ai
parcheggi, ma bisogna fare qualche
piccolo sacrificio per rendere pi bella e
vivibile la nostra citta. [M. MAS.]
Orbassano
Lapistaciclabile
troppolarga
PAGINA A CURA DI
MONICA PEROSINO
Per levostresegnalazioni metropoli@lastampa.it
Orbassano
Spaccata
allufficiotributi
Sietedei ladri
La vetrata e la scritta ladri
La saracinesca sventrata e la
vetrina in frantumi possono
far pensare a un furto non riu-
scito. La scritta Ladri, dipin-
ta sul marciapiede con la ver-
nice rossa, sembra portare le
indagini verso unaltra direzio-
ne. Resta tutta da decifrare la
spaccata registrata allalba di
ieri nellagenzia di riscossioni
dei tributi comunali Aipa, in
piazza Vittorio Veneto 15. I ca-
rabinieri nonescludono nessu-
na ipotesi, neppure quella di
unatto vandalico, ma limpres-
sione che si sia trattato di un
attacco mirato.
Nonanticipiamoconclusio-
ni, mette le mani avanti il sin-
daco Eugenio Gambetta. Che
condanna fermamente il gesto:
Indipendentemente da chi si-
anogli autori edaquali possano
essere le motivazioni, fatti di
questo genere non dovrebbero
accadere. Peraltro il Comune
cercaintutti i modi di venirein-
contro ai cittadini.
La filiale di piazza Vittorio,
nel pieno centro di Orbassano,
si occupa di riscuotere le san-
zioni per le affissioni pubblici-
tarie, suolo pubblico e soprat-
tutto incassa i proventi delle
multe elevate nei parcheggi in
zona blu. Nei mesi scorsi Or-
bassano gi stata colpita da
unarafficadi raidvandalici. Dai
cassonetti incendiati, ai proiet-
tili di vernicecontrolasedePdl,
per finire con i bulloni svitati
dei giochi dei bambini, nel giar-
dino Marone di via SanRocco.
Questavolta, per, diverso.
I soliti ignoti sono entrati in
azione intorno alle 2,30, scardi-
nando la serranda. Poi, senza
preoccuparsi del rumore, han-
nodistruttolavetrataprincipa-
le e, prima di scappare senza
bottino, hanno firmato limpre-
sa: Ladri.
Luca
Iurato
Sono
arrivati
dieci vigili
Barsanofio
Ariano
Tanto vale
chiudere
alle 20
Valerio
Calosso
Consigliere
comunale
del Pdl
Franco
Rolfo
Assessore
comunale
al Commercio
MASSIMOMASSENZIO
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Cronacadi Torino
.
55
T1 CV PR T2
Per levostre
segnalazioni
animalia@lastampa.it
Comelasciarli inbuonemani
Anchelui vainvacanza
manonconi suoi padroni
Pensioni, dogsitter esoluzioni economicheconamici efamiliari
Come tutte le estati arriva il
momento di decidere a chi la-
sciare Fido, quando tempo
di andare al mare e lui non ci
pu venire. Ci sono le pensio-
ni per cani, i dog sitter, o, in
tempi di crisi, c chi sceglie
le soluzioni fai da te, portan-
do il cane dalla suocera o da-
gli amici. Stessa cosa per i
gatti: per loro ci sono i cat sit-
ter. E i mici li adorano, per-
ch i felini sono tipi abitudi-
nari, che nonamano rimpiaz-
zare il divano del salotto con
la vita da box.
Daniele Zombia, 22 anni,
studia veterinaria e da qual-
che anno fa il dog sitter a To-
rino, Con il cliente tutta
questione di fiducia - dice Da-
niele -, del resto non potreb-
be essere altrimenti dal mo-
mento che mi lascia le chiavi
di casa. Le sue tariffe si ag-
girano intorno agli otto euro
allora, un po per tutte le raz-
ze. Sono tanti i ragazzi che
per passione o hobby impa-
rano a fare i dog sitter. Anche
senza una qualifica scritta.
Come Valentina Petiti, edu-
catore cinofilo, che durante
lestate si prende cura dei ca-
ni degli altri da pi di 6 anni.
Questanno le richieste di
lavoro sono diminuite - dice -,
e spesso mi chiamano per pe-
riodi pi brevi. Del resto le
vacanze si accorciano e la
crisi colpisce un po tutti. Ma
se fate parte della Torino
bene e per i vostri cani vole-
te Paolo Roggero, il dog sitter
dei vip, siete arrivati tardi.
Da lui gi tutto esaurito.
Nelle pensioni manche-
ranno le coccole e tenerezze
del padrone (o del sostituto
estivo), ma possono essere
una buona, e pi economica,
soluzione. Alla pensione Li-
do Dogs,a Riva presso Chie-
ri, gli animali domestici pa-
gano un biglietto dingresso
giornaliero di 9 euro, 14 per le
taglie grandi. Abbiamo 100
box per cani e 25 per i gatti
-spiega il titolare Alfio Alle-
gra-, siamo attenti alle loro
abitudini alimentari e diamo
assistenza veterinaria. A
cani e gatti, comunque, viag-
giare non dispiace. Basta fa-
re attenzione ai colpi di calo-
re - dice Thomas Bottello,
presidente dellordine dei ve-
terinari di Torino-, e proteg-
gerli dai parassiti. Per siste-
mare iguana e pesci rossi in-
vece non ci sono speranze: ci
si deve aggiustare da s.
Non solo per i cani
I cat sitter sono molto amati dai felini, animali abitudinari
che non apprezzano i cambiamenti di casa, neanche per poco tempo
AL MARE
Sullaspiaggiaeinauto
bisognafareattenzione
ai colpi di calore
1Altro che i soliti ban-
chetti di gadgets per rac-
cogliere fondi. Sabato 28
luglio lAssociazione Ba-
stardini Onlus ha organiz-
zato una Bau merenda
sinira per aiutare gli
amici a quattro zampe.
Lappuntamento alle 18
al ristorante San Pancra-
zio di Pianezza, con un
ricco buffet tutto vegeta-
rianoper i grandi e pizza e
gelato per i bambini pi
piccoli. [C.INS]
LaBauMerenda
I fondi aiuteranno i cani
Dal dottore
CESARE PIERBATTISTI
Trecento
milioni
di anni fa
N
on penso che 300
milioni di anni fa il
nostro pianeta fosse
un luogo ideale per vivere;
la battaglia giornaliera per
la sopravvivenza doveva
allora creare non pochi
problemi alle specie
animali che si affannavano
per imporsi le una sulle
altre. Noi non ceravamo,
noi umani, saremmo
arrivati molto dopo, con la
nostra capacit di
sconquassare un po tutto
in brevissimo tempo. Ma se
luomo arrivato per
ultimo c ancora nei nostri
mari chi era gi presente
300 milioni di anni fa.
Alludo alle tartarughe
marine, le Caretta caretta
che rischiano di
scomparire e non solo per
gli ami, i sacchetti di
plastica o perch c
ancora qualche ritardato
che le uccide per farci il
brodo, ma perch non
sanno pi dove deporre le
uova. Le nostre spiagge,
come quelle di quasi tutti i
Paesi che si affacciano sul
Mediterraneo, si sono
trasformate o si stanno
trasformando in foreste di
ombrelloni con sottobosco
di sedie a sdraio. Frotte di
allegri bagnanti coperti di
olio solare ed attrezzati
con palloni, canotti ed altre
numerose amenit,
calpestano ogni
centimetro di sabbia per
almeno tre mesi lanno. Il
problema che le
tartarughe marine
depongono le uova ogni
due anni generalmente
nello stesso luogo in cui
sono nate. Arrancano
faticosamente nottetempo
sulla spiaggia, scavano un
buco e depositano il futuro
della loro specie. Adesso si
verifica un fatto nuovo, le
poche tartarughe che
ancora si fidano delle
nostre spiagge hanno
deciso di deporre le uova in
mezzo agli ombrelloni,
certo non possono
immaginare in che cosa si
trasformer quel luogo al
mattino successivo, un
po come mettere a
dormire un neonato in una
discoteca. Daltra parte
dove potrebbero andare?
Ho letto con piacere che
Simona, una giovane
collega veterinaria di
Taranto, passa le notti
insieme ad altri volontari a
censire i nidi delle
tartarughe per tenerli
sotto controllo,
auguriamoci che anche la
folla festante dei bagnanti
possa rivelare una certa
maturit rispettando e
difendendo il diritto alla
vita di chi cera gi 300
milioni di anni fa.
CONSIGLIEREORDINE
DEI VETERINARI DI TORINO
cercocasa
Charlie/1
Unvecchietto
moltodolce
RIFUGIOCAVOUR
377/706.13.43/44
Charlie unmeticcionon
giovanissimo, educatodi taglia
media, dolce, che avrebbe
bisognodi una famiglia che lo
ami per il restodei suoi anni.
Charlie/2
Cucciolone
semprevivace
CANILEENPATORINO
331/610.96.57
Charly uncagnone giovane
di taglia grande, un
cucciolone vivace che fa
sempre le feste, e ha bisogno
di compagnia.
Lady
Bellissima
affettuosa
RIFUGIOIL BAU
339/813.93.35
Lady una splendida belga
tervuerendi 8anni, di taglia
media contenuta. Patisce molto
la gabbia. Adora le persone,
educata, moltointelligente.
Micini
Fratellini
perstrada
PERADOZIONI
Cristina339/505.20.09
La signora che ha accoltola
loromamma affamata ne ha
gi troppi e vorrebbe che
almenoquesti bei cuccioli
avesserouna casa tutta loro.
CRISTINAINSALACO
Altri servizi su
www.lazampa.it
Gattosmarrito
1Si aggirava magro e affa-
mato in via Biella, angolo corso
Cir. Senza padrone, portava al
collo un collare giallo. Luned 9
luglio stato portato al canile
municipale di via Germagnano,
dove i volontari aspettano che
qualcunotorni a riprenderlo.
ACURA DI
ANTONELLA MARIOTTI A
nimalia
lu
c
a
z
a
n
in
i.
it
Quando arrivano i saldi la domanda
pi frequente sempre la stessa, Che
cosa acquistare?. Il rischio , ovvia-
mente, quello di comprare lennesi-
mo paio di scarpe, la borsetta, labito
molto modaiolo che si metter due
volte e poi lanno prossimo sar rele-
gato inunangolo.
Maglie, top, canotte e camicie sono
la prima cosa da considerare quando
si fanno acquisti. Se avete gi dato pri-
ma ancora che i saldi iniziassero, non
acquistatene altre (al massimo aspet-
tate, giusto per togliervi lo sfizio, i sal-
di al 70%). Se avete aspettato il mo-
mento giusto, allora si pu acquistare
qualcosa color arancio tangerine tan-
go, il colore della stagione, perfetto so-
prattutto per chi sfogger una bella
abbronzatura. Bene anche le stampe
fantasiose, meglio se tropicali, que-
stanno sono tornate super glam.
Sulle passerelle si sono riviste le for-
me asimmetriche, quindi s alle ma-
glie con bordi irregolari e alle frange.
Su tutto vince il fluorescente quindi
cercate di fare entrare nel vostro ar-
madio una maglia o qualcosa di fluo.
Gli shorts pi che mai sono la tenden-
za per eccellenza, ma quelli che di
gran moda questanno sono gli shorts
crochet. Si tratta di quei deliziosi pan-
taloncini dallo stile bon ton realizzati
alluncinetto, o a crochet se preferite.
Indubbiamente si tratta di calzoncini
molto belli, soprattutto nelle varianti
pastello o vitaminiche, ma non sono
certo per tutte le et e per tutti i fisici.
Se, per, avete deciso di essere davve-
ro cool e ritenete che questo modello
di shorts faccia per voi acquistatelo
senza esitazione.
E le gonne? Preferite lunghe, fin
sotto ai piedi! Magari acquistate pro-
prio delle gonne fluo e abbinatele ai
vostri soliti top basici, che non devo-
no mancare mai. Se poi non avete un
tubino nero, ora giunto il momento
di acquistarne uno. Se gi lavete, gio-
cate su qualcosa pi di tendenza ma
che sia sempre in linea con il vostro
stile e soprattutto puntate su abiti
che mettano riescano a coprire i difet-
ti e risaltare le forme conarmonia.
56
PUBLIKOMPASS
SERVIZI PROMOZIONALI
La Confconsumatori fornisce un va-
demecum per evitare che i buoni affa-
ri di questo periodo si trasformino in
fregature. Ecco alcuni suggerimenti.
Acquistate preferibilmente in nego-
zi abituali e di fiducia, dove potete pi
facilmente accertarvi della convenien-
za del prodotto. Confrontate possibil-
mente i prezzi tra diversi negozi e fate
attenzione ai saldi superiori al 50%,
potrebbero nascondere fregature, co-
me ad esempio merce dellanno prece-
dente (il che ovviamente potrebbe es-
sere ugualmente un buon affare pur-
ch il negoziante informi il cliente).
La merce in saldo deve essere te-
nuta separata fisicamente da quella
venduta a prezzo pieno e il vecchio
prezzo deve risultare dal cartellino,
con la percentuale di sconto ed il
prezzo scontato. La merce difettosa
pu sempre essere cambiata, occor-
re per conservare lo scontrino co-
me prova dellacquisto.
Inoltre, la garanzia per vizi occulti
e per assenza di qualit promessa do-
vuta dal venditore anche nelle vendi-
te a saldo ed di due anni ai sensi del
Codice del Consumo.
Per ogni problema, si consiglia di se-
gnalare il fatto al locale comando dei
Vigili Urbani o allufficio comunale
per il commercio, oltre che alle asso-
ciazioni dei consumatori pivicine.
Consigli di Confconsumatori
Unottima chance
per i buoni affari
per attenzione
a prezzi e cartellini
OCCASIONI AI TEMPI DELLA CRISI
Tempodi saldi
trarisparmio
e buonsenso
Solitamente i bijoux non vanno in sal-
do, ma non si sa mai. Questanno non
possono mancare al vostro polso dei
bracciali fluo, magari semplici come i
braccialetti Cruciani, i deliziosi ban-
gles in pizzo macram che hanno fat-
to impazzire prima le vip e poi le
fashioniste. Braccialetti, che riprodu-
cono farfalle (sono in via di esauri-
mento e non verranno pi replicate),
fiori o quadrifogli e che hanno un
prezzo che va dai da 5 a 15 euro.
Per non parlare dei bracciali Ops!Lo-
ve, che ripropone in chiave spiritosa
unicona della gioielleria, innuove va-
rianti fluorescenti perfette per lesta-
te 2012.
Ricordate le espadrillas, le calzature
che negli Anni 70 si sfoggiavano con
pantaloni a zampa e maxi dress? Sono
tornate di moda e le pi cool sono
quelle conla zeppa, che slanciano e so-
no anche decisamente comode. Vera-
mente, per chi ama vestire easy, non
sono mai passate di moda, perch ab-
binate ad un pantalone bianco di lino
o adunbermuda sono la calzatura pi
comoda per viaggi e vacanze al mare.
Sono state riscoperte dalle star (Lenny
Kravitz ne ha creato un modello che
vende confinalit benefiche).
Hanno il grande pregio di essere
molto fresche (tra le scarpe chiuse,
nessuna regge il confronto in questo
senso). Unico difetto: temono la piog-
gia. Occhio ai temporali estivi.
I bijoux di tendenza che costano poco
Farfalleequadrifogli
Il macram al braccio
IN REALTA MAI TRAMONTATI
Espadrillas che passione
Ricordandogli Anni 70
T1T2 PRCV
I costumi da bagno, durante il peri-
odo del saldi estivi, sono lindumen-
to pi acquistato in assoluto. Se sie-
te delle fanatiche del bikini vi consi-
gliamo assolutamente di puntare
su un bel costume a fascia, si tratta
ancora del modello must have di
stagione, semplice, con le ruche o,
magari, con delle sottili bretelline
da allacciare al collo, perfetto so-
prattutto se non amate non indossa-
re spalline. I modelli pi cool?
Yamamay, Verdissima, D&G, Gol-
den Point: insomma, c davvero
limbarazzo della scelta.
Chi ha un fisico longilineo pu in-
dossare, senza troppi problemi, il
trikini, che spopola sulle spiagge del-
la Cte dAzur. E ovviamente consi-
gliato anche a chi ha il busto lungo;
mentre chi pi bassa dovrebbe ri-
nunciarvi, rischierebbe di sembrare
ancor piminuta.
Pregi e difetti. Il trikini non rega-
la unabbronzatura totale, neces-
sario alternarlo con il bikini, che ab-
bronzer anche la pancia. Meglio
evitare delle fantasie a stampa trop-
po aggressive o modelli troppo ric-
chi di dettagli e metalli. Un vantag-
gio: il trikini un costume da ba-
gno ma, per loccasione giusta, pu
diventare un capo dabbigliamento
ideale da sfoggiare durante un cock-
tail party, a bordo piscina o in spiag-
gia, da abbinare con un pareo, dei
sandali e degli orecchini luce o un
maxi bracciale.
SPECIALE SALDI 57
I piccoli crescono cos in fret-
ta e spendere un patrimonio
in vestiti e accessori davve-
rounspreco. Ecco quindi che
il periodo dei saldi pu esse-
re loccasione per acquistare
vestiti di una taglia pi gran-
de, che potranno essere usati
anche la stagione successiva.
Jeans e pantaloni: sceglie-
re quelli in cotone leggerissi-
mi e soprattutto dotati di ela-
stico invita. Cos saranno uti-
lizzabili sin da adesso, ma anche lanno prossimo allar-
gando un bottone. Felpine e cardigan: il cappuccio un
must, per proteggere orecchie e testa nelle sere destate.
Zaini: da nonperdere soprattutto invista della scuola.
OPERAZIONE SCORTA
Eper i piccoli
si va alla grande
PENSANDO ALLA VALIGIA PER IL MARE
Costume? Afascia oconle ruches
masullaCte spopolail trikini
Non sono una prerogativa delle don-
ne. I saldi affascinano anche gli uo-
mini che possono cogliere la stagio-
ne degli sconti per concedersi quegli
accessori che danno al look casual
un tocco di ricercatezza. Le scarpe
stringate sono il vero must per lesta-
te 2012. Colorate, scamosciate, con
suola a contrasto: ce n per tutti i
gusti e per tutte le occasioni. Anche i
mocassini, solitamente utilizzati da
chi ama uno stile classico e forma-
le, sono rivisitati in chiave fashion e
per chi ama comunque un look ca-
sual, le sneakers sono un dettaglio ir-
rinunciabile anche nel periodo esti-
vo. Oltre ad essere comode e prati-
che, devono essere glamour.
Entrano nellelenco degli oggetti
irrinunciabili anche per questestate
2012 gli occhiali da sole, che caratte-
rizzano indubbiamente lo stile di chi
li indossa. La scelta tra lenti sfuma-
te, perfette anche per la sera, o scure
conmontatura a contrasto.
Adatto a chi solitamente indossa
un look da vero dandy, il cappello
undettaglio di stile da scegliere inba-
se al gusto personale. Preferite un
classico modello Borsalino se siete
pi attenti alla tradizione, optate per
una coppola se amate seguire le ten-
denze, infine scegliete un cappellino
modello basket per uno sportswear
look. Dettaglio glamper luomo stilo-
so e chic, la sciarpa va scelta in versio-
ne floreale o in versione tropical. Il
foulardinvece dobbligo inseta.
Chi non rinuncia ad un tocco clas-
sico potr dare la caccia ai grandi
evergreen, come il pantalone bian-
co di lino, il bermuda sempre di lino,
bianco, blu o beige e il blazer destrut-
turato. Spesso difficile trovarli in
saldo, proprio perch sono capi senza
tempo, ma, se si fortunati con i fine
taglia o collezione, uno sconto pu
anche scappare.
Il consiglio migliore per affron-
tare i saldi senza dubbio con-
centrarsi sui capi must, quelli
che sono di grande tendenza
adesso ma che sar anche possi-
bile riutilizzare fra qualche me-
se o l'estate prossima. Lo svasa-
to, ad esempio, sar di grande
tendenza per tutto il 2013. Biso-
gna quindi cercare top e maglie
svasate all'altezza della vita, ma
anche pantaloni svasati all'al-
tezza della caviglia. L'anno pros-
simo vedremo il trionfo di una moda dal taglio maschile,
prepariamoci comprando i pantaloni picool.
Per chi preferisce gli abiti, una versione in pizzo la cosa
pichic e femminile che esista e scontata ancora pibella.
OCCHIO ALLE TENDENZE
Concentrarsi
supochi must
SFIZI MASCHILI
Gli accessori per lui
che dannoal casual
untoccoricercato
T1 T2PRCV
58
.
GiornoeNotte
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
T1 CV PR T2
G&N
Giorno&Notte
PAGINE A CURA DI
ANTONELLA AMAPANE E ANTONELLA TORRA
ParcoLeSerre
PartonodaTorino
lepromesse
del circomondiale
StaseralospettacolodellascuolaVertigo
Undici ragazzi alla volta delle universit europee
Lo spettacolo Circo Metropolitano, nei suoi numeri si ispira al tema del lavoro
nato in collaborazione con la Cooperativa sociale Arcobaleno
E una di quelle occasioni in cui
lorizzonte si apre, e non ha una
faccia tanto male. Che sembra
strano per i tempi, soprattutto
se il futuro pi prossimo se lo
giocano dei ragazzi, per nulla
preoccupati di mollare nido fa-
miliare e citt dorigine in cam-
bio di coabitazioni o un vissuto
in carovana, e senza, o quasi,
esperienza professionale, pun-
taredritti allEuropa. Seguonoil
consiglio pi diffuso, cercare il
luogodovecrescere. Il motore
studiare ma inuncampo preci-
so, suunapista- nonideale, uno
spaziofisicodarte- chesembra
sempre pitentare le nuove ge-
nerazioni, quella del circo con-
temporaneo.
Lasfida
Perquestoil fattoche11degli ar-
tisti inscenastaserasottoil ten-
done del Parco le Serre a Gru-
gliascoabbianogiintascail bi-
glietto di sola andata, a settem-
bre, per gli istituti superiori cir-
censi a Bruxelles, Parigi, Tolosa
e Rotterdam una ventata di
energia. Ottimismo puro gi in
scena nello spettacolo Circo
metropolitano, alle 21,30 (via
TizianoLanza31; replicail 25lu-
glio) portato dagli allievi dellul-
timo anno della Scuola Vertigo
peril festival Sul filodel circo.
Disegni etesti
Filosofiacircensedeclinataaco-
minciare dal tema scelto,
unidea nata dal contatto con la
cooperativasocialeArcobaleno:
Il mondodel lavorohacolpitoi
chespettacolonel tempocheti la-
scialapreparazione. Noncpa-
ura di nonfarcela, Lucia Granelli,
di Novara, a19anni si presenta-
taaGrugliasco, dueanni doposta
per partire per Bruxelles: Sono
stata lunica italiana selezionata
allUniversit dellEsac, su 65 ra-
gazzi. Mi sono presentata per il
palo cinese, quando sono arri-
vata a Torino volevo fare acro-
batica di coppia.
Inseguireunsogno
Ha un pensiero solo: Lavorare
facendo quello che mi piace, an-
cheinsegnare. Unesperienzaun
po diversa attende Edoardo Ra-
TIZIANAPLATZER
ragazzi. dice la regista Luisella
Tamietto Hanno incontrato i di-
pendenti e i responsabili e insie-
meabbiamoideatoi quadri chesi
rifanno alla freddezza dei luoghi,
ripetitivit degli atti, ristrettezza
dei tempi. Certo il pubblico do-
vr solleticare la fantasia per de-
codificare argomenti cos specifi-
ci nei numeri di trapezio aereo,
cinghie e tessuti, palo cinese e
ruotacanadese. Duei narratori in
voce, operai intutablu: Il nostro
lavoro rappresentato fare il cir-
co, concludelaTamietto.
Inpista
Fare circo nella vita la forza dei
ragazzi inpista, italiani, argentini,
palestinesi e brasiliani che per
dueanni hannovissuto, studiatoe
sudato insieme a Torino. Sono
partitadaCataniaperch sapevo
cheallaVertigocerauninsegnan-
tefantasticodi cordamolle, Arian
Miluka racconta Chiara Mar-
chese, 23 anni, la prima italiana
ammessa allUniversit di Circo
di Chalons in 36 anni di attivit.
Quandoinprimaverahomanda-
to il mio dossier a Chalons, nonci
credevoper niente. Nonsadove
abiter: Qui ho vissuto due anni
in roulotte, dinverno dura...ma
si sopravvive. Economicamente
lavorandoai semafori, oconqual-
di un artista pi legato alla
grande scuola della Kingston
Anni 70 3 80 di quanto lo siano
tanti colleghi, nati sullisola
ma ormai lontani dai contenu-
ti sociali e dal suono radicale
di Bob Marley e della sua ge-
nerazione. [P.F.]
Gru Village, Grugliasco
Via Crea 10
Tel: 011 / 770.96.65
Alborosie
GruVillage
Il rastabiancopitosto
dei colleghi giamaicani
Squadra che vince non si
cambia, recita un detto del
mondo del calcio. Lo applica
alla sfera musicale il Gru Vil-
lage, che stasera ripropone la
formula reggae che si rivel
vincente un anno fa sullo
stesso palco.
Lattrazione principale
la voce di Alborosie, cantan-
te di origine siciliana, gio-
vent bergamasca e maturi-
t acquisita nella patria della
musica in levare, la Giamai-
ca; con lui si esibisce linse-
parabile gruppo The Shen-
gen Clan, cos come lapertu-
ra della serata di nuovo ap-
pannaggio dei Boom Boom
Vibration. Il concerto comin-
cia alle 22 (biglietto a 20 euro).
vero che il rasta bianco non
ha pubblicato dischi nel corso
degli ultimi dodici mesi; lulti-
mo, 2 Times Revolution, era
uscito a giugno 2011 proprio
nellimminenza dello show a
Grugliasco. Ma ancora pi
importante quel che accadu-
to ad Alberto DAscola, questo
il vero nome del cantante, lo
scorso autunno, quando invi-
tato a Glasgow per la finale del
M.o.b.o., lOscar dedicato
alla musica di radice black, ne
tornato vincitore in catego-
ria miglior artista reggae del-
lanno nel mondo. Una chicca
che premia la modestia e la
pervicacia, oltre che il talento
PAOLOFERRARI
alla musica giovanile, mentre il
12 settembre si chiuder con Il
vizio assurdo, un lavoro sulla
vita e le passioni di Cesare Pa-
vese. Il 10, 24 agosto e 7 settem-
bre, invece, sar possibile segui-
re il Viaggio tra le mura, un
percorso guidato, pensato e re-
alizzato dal team Re Cozio, per
svelare scorci inediti di Susa.
tel: 011/304.28.80
La gabbianella e il gatto
Susa
UnCantodestate
nei luoghi dellaStoria
Un grande concerto corale,
tre spettacoli teatrali e tre
suggestive visite della citt.
Susa apre le porte a Canto
dEstate, la rassegna pro-
mossa da Assemblea Teatro
che dal 2 agosto al 12 settem-
bre propone numerosi appun-
tamenti per far scoprire i te-
sori del luogo in maniera ine-
dita. In particolare le mura
dellAnfiteatro Romano e il
cortile dellantico Castello, re-
centemente ristrutturato,
nonch il chiostro di San
Francesco, si trasformeranno
eccezionalmente in palcosce-
nici . Si comincer il 2 agosto
con Europa Cantat, la sera-
ta a ingresso gratuito che porte-
r a Susa oltre 80 coristi dei
gruppi Via Brasil, Canzonetta e
Coro Bajolese. Si tratta della
tappa segugina dellomonimo
festival dedicato alla musica co-
rale che arriver a Torino tra il
27 luglio e il 5 agosto, e quello di
Susa sar un evento apposita-
mente organizzato per portare
solidariet alle popolazioni emi-
liane colpite dal terremoto.
Spazio poi agli spettacoli tea-
trali. Il 4 agosto andr in scena
La gabbianella e il gatto, spet-
tacolo ispirato alla favola di Se-
pulveda che racconta in manie-
ra poetica di amicizia ed ecolo-
gia. Il 18 agosto toccher a
Jack Frusciante uscito dal
gruppo unesibizione dedicata
FRANCACASSINE
EroballerinaaSienae
aGenova, poi un
progettodi stradami
haportatoal circo:
partoper Tolosa
Elena Bosco
25anni, di Alessandria,
equilibrista e verticalista
A19anni allaScuola
Vertigohoscopertoil
palocinese,
continuerastudiare
latecnicaaBruxelles
Lucia Granelli
21anni, di Novara,
acrobata
Sonolaprimaitaliana
cheentraaChalonin
36anni: sonopiaciuta
per il mionumerosulla
cordamolle
Chiara Marchese
23anni, di Catania,
equilibrista
Dopoil liceovedevo
questomondocome
unsognoeinveceora
voloaTel Avivafare
danzaurbana
Edoardo Ramojno
22anni, di Torino,
danzatore acrobatico
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
GiornoeNotte
.
59
T1 CV PR T2
R
TonyMonaco
1Il Jazz ClubTorino, piazzale
ValdoFusi, ospita questa sera il
concertodi Tony Monaco(foto),
apprezzati specialista dellham-
mond. LoaffiancanoFulvio
Albanoal sax e AdamPache alla
batteria. Orario: 21,30. Ingresso
10euro. [D. CA.]
Disturbia
1E allinsegna dellhard
rock il mercoled sera di Villar-
focchiardo: larea del parco
giochi in via di Mezzo infatti
teatro del concerto dei Distur-
bia. La band si esibisce a parti-
re dalle ore 21, lingresso alla
serata libero. [D. CA.]
Panariello
1Dopoil successodel one
manshowdi Canale 5Panariel-
loNonEsiste, GiorgioPanariel-
lorientra sulle scene conlo
spettacoloInmezz@voi:
appuntamentol11e 12dicem-
bre al TeatroColosseo, prevendi-
te biglietti incorso. [D. CA.]
Recensione
SERGIO TROMBETTA
R
accontare in
danza il mondo di
internet
divertente. Esaltazioni e
frustrazioni di
Facebook. Stupidaggini
e complimenti sulla
nuova foto postata, sulle
piccole banalit
quotidiane. Nuove
amicizie, litigi,
pettegolezzi. Facce
imbarazzate o proterve
che si affacciano da
Messenger o da Skype.
Per non parlare di quel
che gli etero e i gay sui
raccontano nelle chat: la
vanteria corre sul Web.
La prospettiva di un
blind date d un
brivido di eccitazione.
Questo mondo nuovo
di comunicazione
schizzata e rapidissima
lo ha affrontato Luca
Silvestrini in Lol ,
tipica abbreviazione
della comunicazione
internet che sta per
(Lots of Love) e con la
sua compagnia inglese
Protein dance lo ha
presentato alla
Cavallerizza Reale per
Tearto a Corte. Mettere
tutto questo in danza
non per cos facile.
Alessandro Sciarroni in
Joseph visto a
Inrterplay aveva scelto
una via pi
performativa, una sorta
di passo a due fra un
cavaliere solitario e la
web cam. Silvestrini
sceglie la vira di affidare
ai suoi danzatori
dialoghi, ma soprattutto
monologhi. Ai quali
intervalla momenti di
pura danza, che allinizio
non sembrano cos
immediatamente
pertinenti, ma poi i due
aspetti si fondono e
alimentano i reciproco
scambio di impulsi con i
sei danzatori
generosissimi: salti, voli,
prese, una danza alla
velocit del web. Oppure
romantici slow, fluide
evoluzioni. Un
appuntamento in chat e
una bevuta al pub e poi a
casa a bere ancora e poi
risvegliarsi senza
ricordare (o non voler
ricordare) cosa
accaduto notte tempo.
Tipico esempio di
talento italiano costretto
a emigrare per
affermarsi (mentre da
noi restano molti
raccomandati o chi
stringe i denti, ma
quando finir questa
storia!) Silvestrini oggi
una delle realt di punta
e di successo della scena
londinese. Buon per lui!
allet adulta e al mondo del la-
voro. Lo spettacolo fa parte di
Incroci, rassegna realizzata
dalla Provincia con la direzione
artistica di Assemblea Teatro e
Teatro delle Forme che anima
Ivrea, Fenestrelle, Susa, Canta-
lupa, Prali e Collegno.
Arena del Castello di Ivrea
piazza al Castello
Tel: 011/304.28.08
Sul palco di Jack Frusciante...
AssembleaTeatro
JackFrusciantesoffre
al castellodIvrea
Con il suo romanzo desordio,
Jack Frusciante uscito dal
gruppo, Enrico Brizzi ha con-
segnato alla stampe una delle
storie pi iconiche della lette-
ratura italiana degli Anni 90.
Ora - per ladattamento teatra-
le di Renzo Sicco e la regia del-
lo stesso Sicco e di Marco
Pejrolo - questo long seller, che
continua a trovare consenso
ristampa dopo ristampa, ap-
proda sul palcoscenico del cor-
tile del Castello dIvrea oggi al-
le 22 (6 euro).
Sulla sua bici, come un Gi-
rardengo, gli occhi un po liqui-
di e lidea che fosse per amo-
re. Questo Alex, il protago-
nista del libro, alla fine del suo
viaggio. E l che lo si lascia nel
romanzo. E l che lo si riafferra
in teatro insieme ad Aidi, laltra
protagonista. Sulle note dei Sex
Pistols e dei Cure, dei GreenDay
e dei Marlene Kuntz, va in scena
una trama universale, vissuta da
ogni generazione nel passaggio
da unet a unaltra: un dolore
esistenziale che fa soffrire, e che
poi, maturando, si chiarisce e re-
sta un ricordo. Renzo Sicco, che
ha curato il testo, dice: In un
momento in cui la crisi e la di-
soccupazione hanno condotto il
governo a rimettere i giovani al
centro, importante riprendere
le parole dellultimo grande af-
fresco generazionale per parla-
re dadolescenza, del passaggio
Portici di carta
Lalibreriaallaperto
diventaextralarge
La libreria diventa sempre
pi lunga. Per la sesta edi-
zione, Portici di Carta con-
quista una fetta di centro
storico in pi.
Insieme a via Roma e piaz-
za San Carlo, levento lettera-
rio (programmato per il
weekend del 6-7 ottobre), si
allargher questanno a via
Pietro Micca. Stiamo lavo-
rando per estendere il peri-
metro della manifestazione -
spiega il presidente della Fon-
dazione per il Libro, Rolando
Picchioni - e moltiplicare i
punti dedicati alle bancarelle
e agli incontri.
Il programma dellevento
ancora in via di definizione.
Luned, alle 18,30, si terr una
riunione alla Torre di Abele,
per discutere con i librai dei
nuovi spazi e registrare lade-
sione dei partecipanti. La
Fondazione ha ricevuto, in-
tanto, il s dal Comune sulla
data e sul luogo di Portici, an-
che se ancora non si conosce
lentit dei finanziamenti.
Di certo c che la kermes-
se si annuncia piricca del so-
lito, con nostalgici ritorni al-
lantico, come la lotteria dedi-
cata ai lettori (per ogni libro
acquistato si avr diritto a
partecipare allestrazione di
premi), e numerose new entry.
Le strade del libro saranno ani-
mate di giorno e di notte, con
concerti live ed esibizioni lette-
ral-musicali. La domenica mat-
tina, dalla periferia della citt
partiranno le passeggiate sulle
orme degli scrittori, guidate da
Alba Andreini, alla scoperta dei
luoghi cari alle illustri penne to-
rinesi: da Gozzano alla Ginz-
burg, da De Amicis a Salgari.
Tra le iniziative inedite, an-
che una mostra, sulla storia dei
coniugi Sellerio e delle firme
gloriose, a partire da Sciascia,
che leditrice palermitana ha
collezionato. Volumi rari, prime
edizioni, fotografie saranno
esposte nelle vetrine e nelle
botteghe di piazza San Carlo.
La manifestazione avr inoltre
una maternit illustre: in occa-
sione dei centanni di Elsa Mo-
rante, ci saranno dibattiti a
partire da alcuni inediti della
scrittrice.
Non ancora confermata la
collaborazione, annunciata ne-
gli scorsi mesi, conil Circolo dei
Lettori, anche se lassessorato
regionale alla Cultura, socio so-
stenitore dellevento, auspica
che si rinnovi la sinergia tra le
due istituzioni, una cooperazio-
ne che ha funzionato bene per il
Salone del Libro.
CHIARAPRIANTE
SPETTACOLI
LaltroShakespeare
Io + te = Amore il riadattamento dellopera Romeo e Giu-
lietta, portata in scena alle 21 dai ragazzi del laboratorio tea-
trale del centro di aggregazione popolare Gapa di Catania. In-
gresso libero; replica domani sera a Torino, in piazza dArmi.
Favria, piazza della Repubblica
Artistaper unanotte
Attori, pittori, scrittori, cantanti, ballerini, giocolieri, cabaret-
tisti avranno la possibilit di mostrare il loro talento dalle
21,30 sul palco messo a disposizione dal Circolo artistico e let-
terario Hogwords. Partecipazione gratis; segue spaghettata.
Volvera, piazza Umberto I
ARTE
Acieloaperto
Gli Amici dellarte propongono, dalle 20,30 alle 23, usa serata
artistica con mostra di quadri sotto le stelle.
Pianezza, Villa Leumann, piazza Leumann 1
INCONTRI
Benefico
Per La cultura fa bene al-
la salute, alle 20,30, con-
certo del clarinettista sta-
tunitense Richard Stoltz-
man, a favore dellOspeda-
le SantAnna. Il noto arti-
sta esegue, con con Ser-
guei Galaktionov, Marina
Bertolo, Armando Barilli
e Umberto Clerici, profes-
sori dorchestra della Fi-
larmonica 900 del Teatro
Regio, eseguir il Quintet-
to in La Maggiore k 485 di
Wolfgang Amadeus Mozart. I biglietti - posto unico a 30
euro - sono in vendita alla biglietteria del Regio; tel.
011/8815.241/242.
Teatro Gobetti, via Rossini
Sanit
Alle ore 20,45, presso, il Partito Democratico Piemonte ed il
Forum Regionale Sanit organizzano un incontro pubblico sul
tema Spending review: mito o realt?. Introduce Ottavio
Davini. Intervengono Nerina Dirindin e Giulio Fornero. Parte-
cipano: Nino Boeti e Stefano Lepri.
Sede regionale Pd, via Masserano 6/A
DiversamenteTorino
rinviata a domani alle ore 19, linaugurazione della mostra
fotografica Diversamente Torino.
Museo delle Scienze Naturali, via Giolitti 36
Misteri
Codice da Vinci: qual la verit? il titolo dellincontro in
programma per le 21, con don Ermis Segatti. Ingresso libero.
Chieri, parrocchia, strada Cambiano 128
Storiedi guerra
Per il ciclo di letture dautore Quattro passi fino al chio-
stro, alle 21,15 Maria Teresa Binello parla di Fenoglio:
raccontare la Resistenza nelle Langhe.
Ingresso libero.
Caluso, chiostro dei Francescani minori, piazza Mazzini
CINEMA
Allaperto
Alle 21,30 proiezione del filmDiaz di Daniele Vicari (4 euro).
Pinerolo, istituto Corelli, via Dante Alighieri 9
Destate
Visione gratuita, alle 21,30, del filmIl giorno in pi.
Airasca, polivalente, via Stazione 31
Piacereper gli occhi
Alle 21,45 proiezione gratis de Il gatto con gli stivali .
Nichelino, piazza Pertini
Luci nel parco
Alle 21,45 proiezione di Men in black 3. Ingresso a 4,50 euro.
Rivalta, parco del Monastero, via Balegno
LETIZIATORTELLO
mojno, torinese, 22 anni, scelto
dalla compagnia di danza di Avi
Kaiser, chelavoratralaGermania
eIsraele: Sonovenuti qui, cerca-
vano in noi la predisposizione al
loro stile e il mio numero alle cin-
ghieaereeli hacolpiti. Lofarvo-
lare a Tel Aviv per due mesi e poi
in giro con lo spettacolo. Tolosa
ladestinazionedi ElenaBosco, 25
anni, alessandrina, prima balleri-
na professionista, ora equlibrista
sullemani everticalistaseleziona-
ta da Le Lido, scuola ambita per
gli sviluppi artistici delle tecniche
di circo: Anchiounicaitalianain
mezzo a israeliani, spagnoli, bra-
siliani: bellissimo. Andr a vivere
in un centro per artisti, intanto.
Un sogno possibile, lo puntano i
60ragazzi chehannospeditolelo-
rodomandeallaScuolaVertigo: a
settembre, nuovociclo.
AAAAAAAAgggggeeeeennnnnddddddddaaaaa
Bancarelle in via Roma, nella scorsa edizione di Portici di Carta
Amore
edanza
ai tempi
di internet
Richard Stoltzman
per segnalazioni
giornonotte@lastampa.it
60
.
Doveandiamo
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO 2012
T1 CV PR T2
Eventuali errori e variazioni nei programmi
sono causati dalla non tempestiva comu-
nicazione delle emittenti.
TELESTAR13.30 Tg 9 Telegiornale; 20.00 Tg 9
Telegiornale; 1.30 Tg 9 Telegiornale;
TELECUPOLE 14.30 Lmerca dla smana; 15.00
Informazioni Commerciali; 18.00 Detto Tra
Noi; 18.30 Musica vera si o no?; 19.00 Porte
Aperta Palazzo Lascaris Rubrica Istituzionale;
19.15 Coming Soon - News - Tg Economico;
19.30 Tg4 Notiziario - Paese che Vai - Meteo;
20.45 Tg Coldiretti Flash; 20.50 Mondo Arti-
giano; 21.00 Abbronzatissima dal Parco Ac-
quatico Cupole Lido; 21.10 Scacciapensieri;
23.00 Tg4 Notiziario;
TELECITY 19.00 Tg 7; 19.30 Diretta stadio;
20.00 Superboy; 23.30 Film;
VIDEOGRUPPO 14.00 Qsvs News; 14.30
Shopping; 19.00 Vp News; 19.30 Vp Sera;
20.00 Programmi informativi; 20.30 Prima se-
rata; 23.00 Automoto Channel; 24.00 Shop-
ping;
PRIMANTENNA14.00 Primantenna Shop-
ping; 19.30 Primanews; 20.00 Lappetito vien
cantando; 21.30 Bazar; 22.00 Piemonte in fe-
sta; 22.30 A casa di chi?; 23.00 Autoccasioni;
23.30 Primanews; 23.55 Autoccasioni;
QUARTA RETE 12.30 Time Out; 13.30 Sher-
lock Holmes; 14.00 Affari doro; 17.00 K2;
19.00 T 4 Serale; 19.30 Amico Gatto; 20.00
Stand Up; 20.30 Balon; 22.30 Film: Lo Stranie-
ro; 24.00 Le Auto della Settimana; 0.30 Film:
Spirito Santo e le 5 magnifiche canaglie;
TELETIME 9.00 Film; 12.00 Film; 14.30 Film;
22.30 Film;
QUINTA RETE 14.30 Pomeriggio con Quinta-
rete; 19.00 Love is in the hair; 19.40 Telenews
+ Paesi in festa; 20.00 Dance around the
world; 20.30 Passaport; 21.00 Telenews; 21.30
BJZ Classifica; 22.30 Momento latino; 23.00
Passaport; 23.30 En vogue; 24.00 Classifica
Exito Latino; 2.00 Radio santec;
QUADRIFOGLIO - TV 14.00 Sport; 16.00 Spe-
ciale cinema; 16.30 Approfondimenti; 17.45
Speciale Cinema; 18.00 Turismo; 18.30 Un li-
bro per amico; 19.00 Cucioone; 19.30 Pie-
monte oggi; 20.30 Sky Magazine; 21.00 Mo-
da societ; 22.00 Porte aperte; 23.00 Piemon-
te oggi; 24.00 Blu Italia;
RETE CANAVESE 20.00 Telenovela; 20.30
Azzurro cielo; 22.30 Telegiornale; 23.00 Le
auto della settimana;
G.R.P. 11.00 Focus Piemonte; 12.30 Tutto in
Cucina; 13.30 Spazio Doc; 20.00 Focus Pie-
monte; 20.30TuttoinCucina; 21.00Il megliodi
dalle citt At; 22.45 Motopiemonte;
RETE 7 19.00 Tg Informa 7; 19.30 La tv dei ra-
gazzi; 20.45 Musica maestro; 21.30 Made in
Italy; 22.00 Cuneo Volley; 23.30 Shopping;
INTV 15.00 Programmi Telepace; 19.00 Tg;
20.15 Coming soon; 20.30 Programmi Telepa-
ce; 22.45 Rubrica dauto;
TELESUBALPINA-TORINO 7.30 Rassegna
Stampa - Storia tra le righe; 8.00 Tg Roller;
8.30 Santa Messa; 13.00 Giorno per Giorno Il
Meglio; 13.45 Tg Flash; 18.15 Giorno per
Giorno Il Meglio; 19.15 Tg Notizie Diretta;
19.45 Novastadio; 23.00 Tg Notizie;
TELESUBALPINA 2 7.30 Buongiorno Pie-
monte; 8.30 Santa Messa; 12.30 Giorno per
Giorno; 13.45 Tg flash; 18.30 Inu Yasha; 19.15
Tg notizie; 19.45 Novastadio; 23.00 Tg noti-
zie;
VIDEONORD 20.00 Meteo - Lotto in salotto -
Cartoni animati - Rond - Soldi - 6 con Di
Pietro; 22.30 Shopping - Redazionali; 23.30
Meteo;
MOTORITV 13.45 Autoccasioni; 14.30 La ve-
trina dellauto; 15.00 Autoccasioni; 15.30
Bixer Explorer; 16.00 Tg Motori; 16.15 La ve-
trina dellauto; 17.30 Motori Magazine; 18.00
Tg Motori; 19.00 La vetrina dellauto; 20.00
Autoccasioni; 20.30 La vetrina dellauto;
21.05 Tg Motori; 21.35 Motori Magazine;
24.00 Autoccasioni;
TELESTUDIO 6.00 A Gentile Richiesta; 7.00
Telenews + Meteo; 7.30 Passaport; 8.00 Clas-
sifica Exito Latino; 9.30 Mattinata con Tele-
studio; 11.00 Meteo; 12.25 Videoricette Gu-
sto tv; 12.30 A Gentile Richiesta; 13.35 Gira-
musica; 14.00 Telenews+ Meteo; 14.30 Classi-
fica Bj Zone; 15.30 Pomeriggio con Telestu-
dio; 18.35 Videoricette Gusto tv; 18.45 Porte
Aperte a Palazzo Lascaris; 19.00 Telenews+
Paesi in festa; 19.30 Videomotori; 20.00 Pas-
saport; 20.30 Telenews; 21.00 Welness Tv
channel; 21.30 A gentile richiesta; 23.30 Pas-
saport; 24.00 Super sea; 0.30 Radio santec.
Proposte culturali
ACTI TEATRI INDIPENDENTI Via San Pietro
in Vincoli 28, Torino - Tel. 0115217099. Aper-
te le iscrizioni per il seminario Lo spazio del
monologo condotto da Beppe Rosso e Or-
nella Balestra che si terr dal 18 al 22 luglio
2012. info@teatriindipendenti.org -
www.teatriindipendenti.org
ALFA TEATRO TORINO Via Casalborgone,
16/I - 10132 Torino (To) - Tel. 011.8193529 -
011.19504896. Fax 011.19503077 - Mob. +39
333.7064407.
ASSOCIAZIONE MARCIDORJS E FAMOSA
MIMOSA (via Ferrante Aporti, 27).
328.7023604 - 335.6310632 - 011.8193522.
Laboratori teatrali intensivi presso la resi-
denza dei Marcido in Valle Varaita (Marcido
Village). Dal 26 al 29 luglio e dal 16 al 19
agosto. Tema di studio: l'opera di Molire.
CENTRO DANZA ROYAL (via San Marino
89/14 Torino). Informazioni: Associazione
Dp Highway info@dphighway.com; Federica
cell. 347/1677435
CIAU BALE FACTORY(Via Roero di Cortanze,
2 - Torino).
EIKONTEATRO (Via Bertola 57 - Torino Tel.
0119703785). Aperte iscrizioni ai corsi tenuti
da Ivo De Palma: doppiaggio, adattamento
dialoghi, recitazione radiofonica, re-
citazione cine-televisiva e Voce in Azione.
www.eikonteatro.com Iscrizioni: infocor-
si@eikonteatro.com.
GIOVENTURA PIEMONTISA (via San Se-
condo, 7bis).
OASI (Via Saluzzo, 23 - Torino tel. 011
669.95.94) oasi@oasitopos.eu. eu. Dopo la
pausa estiva, da fine settembre riprende
l'attivit didattica presso Topos (Via Pinelli
23, Torino): Accademia fel Comunicare (dizio-
ne, lettura, voce, narrazione, public
speaking, comunicazione efficace, mnemo-
tecnica, scrittura narrativa), Canto e Recita-
zioni (teatro, drammaterapia, teatro comico,
canto, coro). Iscrizioni aperte.
O.D.S.s.c. (Via Nicola Fabrizi 16 tel. 011
4472759) Sono aperte le iscrizioni alla Scuola
del Doppiaggioper l'annoscolastico2012/13.
Aperte anche le iscrizioni al seminario di un
giorno Avvicinamento al doppiaggio di set-
tembre; al corso di Recitazione cine-televisiva ;
al corso di Teatro in partenza ad ottobre 2012;
al corsodi Dizioneedusodellavoceinpartenza
a novembre 2012. Contattare la segreteria per
maggiori info: ods@odsweb.it
www.odsweb.it
SANTIBRIGANTI TEATRO (Via Artisti, 10 -
Torino, Info 011.643038 (da Lun. a Ven. 10-
13 1418) - www.santibriganti.it). Residenza
Municipale di Caraglio, Busca, Valli Grana e
Maira stagione 2012 Informazioni
tel.011.643038 (da Lun. a Ven. 10-13 1418).
www.santibriganti.it
TEATRANZARTEDRAMA (Via Palestro, 9,
Moncalieri (TO) tel. 011 645.740 - www.tea-
tranza.it). Festa per i XXV Anni di teatran-
zartedrama 20 luglio dalle 19 nella sede di
Moncalieri via Palestro 9 ingresso libero. Sono
aperte le iscrizioni per il XXVI Anno dei Corsi
di Formazione Teatrale 2012/2013 informa-
zioni www.teatranza.it tel.011.645740 (lu-
ned venerd 14 18).
TEATRO DELLE DIECI (Via P. Clotilde, 3 (TO)
- www.teatrodelledieci.it.
TANGRAM TEATRO (Via Don Orione 5 Tori-
no tel. 011.338698) Sono aperte le iscrizioni al
Corso di dizione ed uso della voce del Tan-
gram Teatro Torino 16 incontri a cadenza
settimanale in orario serale. Informazioni e
costi al n 011/338698 dal luned al venerd
(9-13 e 15.30-19). www.tangramteatro.it
TONES ON THE STONES 2012 presso Circolo
dei Lettori Torino, via Bogino 9. Info. tel.
349 511.08.51 -
tonesonthestones@gmail.com.Giunge alla
sesta edizione Tones on the Stones, la ras-
segna di Musica, Teatro e Danza organizzata
dallAtelier La Voce dellArte, con la direzione
artistica di Maddalena Calderoni.
TOPOS (Via Pinelli, 23 - Torino tel. 011
76.00.736 - topos@oasitopos.eu). Dopo la
pausa estiva, riprenderanno da met set-
tembre le attivit didattiche legate a Movi-
mento e benessere (Yoga, Pilates, Ginnastica
dolce, Feldenkrals, Percorso gravidanza,
Mamma&pupo fitness, voga per il benessere
femminile), Kinesiologia (Touch far Health,
Energia Tibetana, Autotrattamento di stress e
dolore,...), Discipline Olistiche (Metodo Ba-
tes, Costellazioni, Meditazione, Tarocchi, So-
gni). Per informazioni pi dettagliate:
www.oasitopos.eu.
LeTVprivate
I
f
i
l
m
ALFIERI piazza Solferino 4, tel. 01156.23.800. Prezzi: 6,50 int.; 4,50
rid. over 60, under 26; 2,50 abb+CVC
Riposo
AMBROSIO CINECAFcorso Vittorio 52, tel. 011540.068. Prezzi:
4,00; 4,20 Abb. Una sera al cinema; 4,00 Abb. Cinepass
Cena tra amici Sala 1 o=P 16.00-18.30-21.00
Il cammino per Santiago Sala 2 o=P 16.00-18.30-21.00
La mia vita uno zoo Sala 3 o= 16.00-18.30
Love&Secrets V.M. 14 Sala 3 o= 21.00
ARLECCHINOcorso Sommeiller 22, tel. 01158.17.190. Prezzi: 4,00;
4,20 Abb. Una sera al cinema; 4,00 Abb. Cinepass. Proiezioni 3D: int. 10,00,
rid. 8,00; Abbonamento: 5 ingressi 22,00, 10 ingressi 40,00
Chiusura estiva
CENTRALE ARTHOUSEvia Carlo Alberto 27, tel. 011540.110. Prezzi:
4,00
Marley = 16.30-19.00-21.30
CITYPLEX MASSAUApiazza Massaua 9, tel. 01177.40.461. Prezzi:
4,00 int. Proiezioni in 3D: 10,00 int., 8,00 rid.
Il dittatore o=P 20.15
Lorax - Il guardiano della foresta o=P 17.40
Quellidiota di nostro fratello o=P 22.30
The Amazing Spider-Man 3D o=P 17.30-20.00-22.30
The Amazing Spider-Man o=P 18.30-21.30
Biancaneve e il cacciatore o=P 17.30-18.30-20.00-
21.30-22.30
DUE GIARDINI ARTHOUSEvia Monfalcone 62, tel. 01132.72.214.
Prezzi: 4,00
Marigold Hotel Sala Nirvana o=P 16.30-18.40-21.15
Io sono l Sala Ombrerosse o=P 16.30-18.40-21.15
ELISEOp.zza Sabotino, tel. 01144.75.241. Prezzi: 4,00
The Amazing Spider-Man Eliseo Grande = 16.15-20.30
Cena tra amici Eliseo Blu =P 16.15-19.00-21.00
Cosa piove dal cielo? Eliseo Rosso =P 16.15-19.00-21.00
ERBAcorso Moncalieri 241, tel. 01166.15.447. Prezzi: 6,50 int.; 4,50
rid. over 60, under 26; 2,50 abb+CVC
Riposo
F.LLI MARX ARTHOUSEcorso Belgio 53, tel. 01181.21.410. Prezzi:
4,00
The Amazing Spider-Man Sala Groucho o=P 16.30-19.00-21.30
I giorni della vendemmia Sala Chico o=P 16.30-18.30-20.30-22.00
Tutti i nostri desideri Sala Harpo o=P 16.30-19.00-21.15
GREENWICH VILLAGEvia Po 30, tel. 01183.90.123. Prezzi: 4,00;
4,20 Abb. Una sera al cinema; 4,00 Abb. Cinepass. Proiezioni 3D: int. 10,00,
rid. 8,00
The Amazing Spider-Man 3D Sala 1 o=P 17.30-20.00-22.30
Biancaneve e il cacciatore Sala 2 o=P 17.30-20.00-22.30
Lamore dura tre anni Sala 3 o=P 17.30-20.30
Il dittatore Sala 3 o=P 22.30
IDEAL - CITYPLEXcorso Beccaria 4, tel. 01152.14.316. Prezzi: 4,00;
Proiezioni 3D: 8,00
Biancaneve e il cacciatore o=P 15.00-17.30-20.00-22.30
The Amazing Spider-Man 3D o=P 16.30-19.30-22.30
Biancaneve e il cacciatore o=P 16.00-18.30-21.00
The Amazing Spider-Man 3D o=P 15.30-18.30-21.30
Lorax - Il guardiano della foresta o=P 16.00-18.10
Il dittatore o=P 20.30-22.30
LUXgalleria San Federico, tel. 01156.28.907. Prezzi: 4,00; 4,20 Abb.
Una sera al cinema; 4,00 Abb. Cinepass. Proiezioni 3D: int. 10,00, rid. 8,00
The Amazing Spider-Man Sala 1 o=P 17.30-20.00-22.30
The Amazing Spider-Man 3D Sala 2 o=P 17.30-20.00-22.30
Biancaneve e il cacciatore Sala 3 o=P 17.30-20.00-22.30
MASSIMOvia Verdi 18, tel. 01181.38.574. Prezzi Massimo 1 e 2:
4,00. Massimo 3: 6,00 int.; 4,00 rid., Aiace; 3,00 over 60. Proiezioni 3D
10,00 int.; 8,00 rid.
Detachment - Il distaccoMassimo 1 =P 16.30-19.00-21.30
Take Shelter Massimo 2 =P 16.30-19.00-21.30
Norwegian Wood VO Massimo 3 =P 16.00 (sott.it.)
I giorni contati Massimo 3 =P 18.30
Midnight in Paris VO Massimo 3 =P 20.30 (sott.it.)
Le nevi del Kilimangiaro VO
Massimo 3 =P 22.15 (sott.it.)
NAZIONALEvia Pomba 7, tel. 01181.24.173. Prezzi: 4,00
Cera una volta in Anatolia
Nazionale 1 = 16.30-20.15
Pollo alle prugne Nazionale 2 = 16.00-17.50-19.50-21.30
REPOSI via XX Settembre 15, tel. 011531.400. Prezzi: 4,00. Proiezioni
3D: int. 8,00
The Amazing Spider-Man 3D
Reposi 1 o=P 15.15-18.15-21.15
The Amazing Spider-Man Reposi 2 o=P 16.00-19.00-22.00
Biancaneve e il cacciatore Reposi 3 o= 15.00-17.30-20.00-22.30
Rock of Ages Reposi 4 o= 15.00-17.30-20.00-22.30
Il dittatore Reposi 5 o= 15.30-17.50-20.10-22.30
The way back Reposi 6 o= 16.00-19.00-22.00
Lorax - Il guardiano della foresta
Reposi 7 o= 15.30-17.50
Margin Call Reposi 7 o= 20.00-22.30
ROMANOgalleria Subalpina, tel. 01156.20.145. Prezzi: 4,00
Chef Sala 1 =P 16.30-18.30-21.00
Marilyn Sala 2 =P 16.30-18.30-21.00
Un amore di giovent Sala 3 =P 16.30-18.30-21.00
THE SPACE CINEMA TORINO - PARCO DORAsalita Michelangelo Garo-
ve 24, tel. 892111. Prezzi: 4,50 dal luned al venerd; 6,50 per i film 3D dal
luned al venerd; tutti i giorni il meglio di the space extra 5,00; ogni luned i migliori
film dellanno 2,50
The Amazing Spider-Man Sala 1 o=P 14.45-17.45-20.45
The Amazing Spider-Man 3D
Sala 2 o=P 15.30-18.30-21.30
Freerunner - Corri o Muori Sala 3 o=P 16.00-18.30-21.00
Biancaneve e il cacciatore Sala 4 o=P 14.45-17.30-20.30
Biancaneve e il cacciatore Sala 5 o=P 15.45-18.30-21.30
Lamore dura tre anni Sala 6 o=P 18.45
Il dittatore Sala 6 o=P 16.30-21.15
La vita negli oceani Sala 7 o=P 16.00-18.30-21.00
Men in Black 3 Sala 8 o=P 16.10-18.40-21.15
UCI CINEMAS LINGOTTOvia Nizza 262, tel. 892960. Prezzi: 8,00 int.;
6,30 studenti; 5,80 bimbi fino a 8 anni; 6,00 over 65; 8,00 notturno. Proie-
zioni 3D: int. 10,00, rid. 9,00, acquisto occhiali 3D 1,00
Diaz o=P 17.10-19.55-22.35
The Amazing Spider-Man o=P 18.10-21.15
Freerunner - Corri o Muori o=P 17.25-19.45-22.05
Dieta Mediterranea o=P 19.25
Lorax - Il guardiano della foresta o=P 17.10
Men in Black 3 o=P 21.50
Biancaneve e il cacciatore o=P 18.10-21.15
The Amazing Spider-Man 3D o=P 16.25-19.25-22.30
Biancaneve e il cacciatore o=P 16.15-19.15-22.20
The Amazing Spider-Man o=P 16.15-19.15-22.20
Chernobyl Diaries - La mutazione o=P 19.45-22.30
La bella e la bestia 3D o=P 17.30
Quellidiota di nostro fratello o=P 17.20-20.00-22.20
Il dittatore o=P 17.30-20.00-22.10
AGNELLI via P. Sarpi 111/a, tel. 01131.61.429.
Riposo
CINEMA A PALAZZOcortile di Palazzo Reale.
Riposo
CINE TEATRO BARETTI via Baretti 4, tel. 011655.187.
Riposo
CINE CARDINAL MASSAIAvia Sospello 32, tel. 011257.881.
Riposo
CUOREvia Nizza 56, tel. 01166.87.668.
Chiusura estiva
ESEDRAvia Bagetti 30, tel. 01143.37.474.
Chiusura estiva
MONTEROSAvia Brandizzo 65, tel. 01123.04.153.
Chiusura estiva
VALDOCCOvia Salerno 12, tel. 01152.24.279.
Riposo
Cinema: Torino e altre visioni
Cinema aperti: Area Metropolitana e Provincia
BARDONECCHIA
SABRINA012299.633.
Dark Shadows 21.15
BEINASCO
BERTOLINO01134.90.270.
Riposo
THE SPACE CINEMA BEINASCO - LE FORNACI via G. Falcone, tel.
892.111. Prezzi: 4,50 dal luned al venerd; 6,50 per i film 3D dal luned al vener-
d; tutti i giorni il meglio di the space extra 5,00; ogni luned i migliori film dellanno
2,50
Biancaneve e il cacciatore Sala 1 18.30-21.30
The Amazing Spider-Man 3D
Sala 2 18.15-21.15
La vita negli oceani Sala 3 19.00-21.40
Freerunner - Corri o Muori Sala 4 18.10-20.20
Il dittatore Sala 4 22.30
The Amazing Spider-Man Sala 5 20.15
Biancaneve e il cacciatore Sala 6 19.30-22.20
The Amazing Spider-Man Sala 7 19.00-22.10
Chernobyl Diaries - La mutazione
Sala 8 18.10-20.20-22.30
Men in Black 3 Sala 9 20.15
Quellidiota di nostro fratello
Sala 9 18.05-22.40
CHIERI
CHIOSTRO DI SANTANTONIOvia Vittorio Emanuele II angolo Vicolo
SantAntonio.
Il gatto con gli stivali 21.30
CHIVASSO
POLITEAMA01191.01.433.
Biancaneve e il cacciatore 21.00
IVREA
BOARO0125641.480.
Biancaneve e il cacciatore 20.00-22.30
CASTELLO DI IVREA012548.516.
Jack Frusciante uscito dal gruppo 22.00
MONCALIERI
UCI CINEMAS MONCALIERI via Postiglione, tel. 899.788.678. Prezzi:
6,00 int.; 5,70 rid.; 4,00 studenti;
Freerunner - Corri o Muori o=P 18.15-20.20-22.30
Biancaneve e il cacciatore o=P 18.25-21.20
Biancaneve e il cacciatore o=P 19.05-22.00
Biancaneve e il cacciatore o=P 19.35-22.30
Lorax - Il guardiano della foresta o=P 17.45
La bella e la bestia 3D o=P 18.20
The Amazing Spider-Man 3D o=P 19.30-22.30
The Amazing Spider-Man 3D o=P 18.15-21.30
The Amazing Spider-Man o=P 19.15-22.15
The Amazing Spider-Man o=P 18.00-21.15
Project X - Una festa che spacca V.M. 14 o=P 18.10-20.20-22.35
Dieta Mediterranea o=P 20.00
Chef o=P 22.30
Quellidiota di nostro fratello o=P 20.30-22.40
Cena tra amici o=P 17.20-20.00-22.30
Il dittatore o=P 18.20-20.30-22.40
Dark Shadows o=P 17.20-20.00-22.30
Diaz o=P 17.00-19.45-22.30
Chernobyl Diaries - La mutazione o=P 17.20-20.30-22.40
PIANEZZA
LUMIERE01196.82.088.
The Amazing Spider-Man 3D 20.45
Biancaneve e il cacciatore 21.00
The Amazing Spider-Man 21.15
RIVALTA
LUCI NEL PARCOvia Balegno 4.
Men in Black 3 21.45
RIVOLI
ARENA PARCO SALVEMINI 34826.62.696.
Drive o P 22.00
SESTRIERE
FRAITEVE.
Piccole bugie tra amici P 17.30
The Amazing Spider-Man 3D P 21.00
SETTIMO TORINESE
PETRARCAvia Petrarca 7, tel. 01180.07.050.
Biancaneve e il cacciatore Sala 1 21.10
The Amazing Spider-Man 3D
Sala 2 21.30
I tre marmittoni Sala 3 21.20
VENARIA
SUPERCINEMA01145.94.406.
The Amazing Spider-Man 3D o=P 21.00
The Amazing Spider-Man o=P 21.00
Biancaneve e il cacciatore o=P 21.00
BIANCANEVEEILCACCIATORE
Fantasy. Regia di Rupert Sanders, con
Kristen Stewart e Charlize Theron. Durata: 127
minuti. Biancaneve fugge nella foresta bracca-
ta da uncacciatore mandatodalla crudele regi-
na Ravenna. Versione dark della fiaba dei
Grimm, esordioalla regia per Sanders.
ILCAMMINOPERSANTIAGO
Commedia drammatica. Regia di Emilio
Estevez, con Martin Sheen. Durata: 94 minuti.
Medicodi successo, Tomviene raggiuntodalla
notizia della morte del figliosui Pirenei: giunto
in Europa, scopre che aveva intrapreso il Cam-
minodi Santiagode Compostela.
CENATRAAMICI
Commedia. Regia di Alexandre de La Pa-
tellire e MatthieuDelaporte, conPatrick Bruel
e Valrie Benguigui. Durata: 109 minuti. Una
cena tra parenti e amici cambia toni quando al
quarantenne Vincent viene chiesto se ha gi
scelto il nome per il figlio che sta per nascere.
Daunopera teatrale di successo inFrancia.
CHEF
Commedia. Regia di Daniel Cohen, con
Jean Reno e Michal Youn. Durata: 84 minuti.
Il giovane Jacky sogna di trasformare la passio-
ne per la cucina in unattivit redditizia: un
giornosimbatte nel miglior cuocodi Francia.
COSAPIOVEDAL CIELO
Commedia drammatica. Regia di Seba-
stin Borensztein, con Ricardo Darn e Huang
Sheng Huang. Durata: 93 minuti. Segnato dal-
lesperienza come soldato nella guerra delle
Falkland, lintroverso e spigoloso Roberto il
proprietario di un negozio di ferramenta. Un
giornoentra nella sua vita uncinese, inArgenti-
naalla ricerca di unparente.
DETACHMENT
Drammatico. Regia di Tony Kaye, con
Adrien Brody e Christina Hendricks. Durata: 87
minuti. Dallautore di American history X, la
storia di un introverso insegnante che viene
chiamato a lavorare in un degradato istituto
dellaperiferiadi NewYork.
FREERUNNER
Azione. Regia di Lawrence Silverstein, con
Sean Faris e Danny Dyer. Durata: 88 minuti. Il
leader di uomini facoltosi e senza scrupoli ha
fatto applicare ad alcuni giovani freerunner,
una sorta di acrobati, uncollare esplosivo.
LOVE&SECRETS
Thriller. Regia di Andrew Jarecki, con
Ryan Gosling e Kirsten Dunst. Durata: 101 mi-
nuti. Nella NewYork degli anni Ottanta, il ram-
pollo di un magnate del mondo immobiliare
sposa una studentessa lavoratrice: il matrimo-
niova prestoin crisi, la donna sparisce.
MARGINCALL
Drammatico. Regia di J.C. Chandor, con
Kevin Spacey e Paul Bettany. Durata: 107 mi-
nuti. La frenetica corsa contro il tempo di una
banca di investimenti americana per evitare il
fallimento. Dalla vicenda Lehman Brothers.
MARILYN
Drammatico. Regia di Simon Curtis, con
Michelle Williams e Judi Dench. Durata: 100mi-
nuti. Un frammento nella vita di Marilyn Mon-
roe: lesperienza inglese nel filmIl principe e la
ballerina. Nominationper laWilliams.
ROCKOFAGES
Musicale. Regia di AdamShankman, con
TomCruise e Julianne Hoogh. Durata: 123 mi-
nuti. Nella Los Angeles del 1987 un locale di
musica dal vivo inviso alla moglie del sindaco
rischia la chiusura: lo potrebbe salvare il con-
certodella star Stacee Jaxx.
TAKESHELTER
Drammatico. Regia di Jeff Nichols, con
Michael Shannon e Jessica Chastain. Durata:
120 minuti. Sogni inquietanti disturbano la vi-
ta di Curtis LaForche, uomo che vive in un pic-
colopaese nell'Ohioconla moglie e una bambi-
nasorda. Opera premiata ai Festival.
THEAMAZINGSPIDER-MAN
Fantasy. Regia di Marc Webb, con An-
drew Garfield e Emma Stone. Durata: 136 mi-
nuti. Nel laboratorio di un vecchio amico di fa-
miglia Peter Parker viene morso da un ragno:
acquister poteri straordinari.
THEWAYBACK
Drammatico. Regia di Peter Weir, con Co-
lin Farrell e Ed Harris. Durata: 133 minuti. Nel
1940 sette prigionieri di un gulag siberiano
scappano: sar una fuga attraverso una terra
ostile. Da una storia vera, dirige lautore di
Lattimofuggente e The TrumanShow.
TUTTI I NOSTRI DESIDERI
Drammatico. Regia di Philippe Lioret,
con Vincent Lindon e Marie Gillain. Durata 120
minuti. Magistrato a Lione, Claire comincia ad
occuparsi del caso di una donna, madre di una
compagna di scuola della figlia, vittima dei de-
biti e riesce a coinvolgere un giudice sensibile
al problema. Dallautore di Welcome.
UNAMOREDI GIOVENTU
Commedia drammatica. Regia di Mia
Hansen-Lve, con Lola Creton e Magne
Brekke. Durata: 100 minuti. Camille ha 15 an-
ni, Sullivan 19. Il loro amore, nato durante
lestate, intenso ma lui parte per il Sudameri-
ca e Camille si ritrova sola. Gli anni passano, la
ragazza sinnamora di unarchitetto.
L
E
T
R
A
M
E
B
R
U
T
T
O

M
E
D
IO
C
R
E

IN
T
E
R
E
S
S
A
N
T
E
/D
IV
E
R
T
E
N
T
E

B
E
L
L
O

A
C
U
R
A
D
I
D
A
N
I
E
L
E
C
A
V
A
L
L
A
CIME per tutti
A 9,90 cad. in pi
CIME PER TUTTI, VOL. 2
Dalle valli valdesi allOssola
CIME PER TUTTI, VOL. 1
DallAppenino Ligure al Monviso
Raggiungere la vetta sar una passeggiata.
S
O
N
O
I
N

E
D
I
C
O
L
A
MERCOLED 18 LUGLIO2012 Dove andiamo 61
LA STAMPA
T1 T2PRCV
T1 T2 MERCOLED 18 LUGLIO2012 LASTAMPA62
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
.
Tempo
.
63
T1 AL AOAT BI CNCV NOPR T2 VB VC
Mercoled I tempi del mondo
MARE AGITATO MARE CALMO POCO MOSSO MARE MOSSO SOLE COPERTO TEMPORALE NUVOLOSO VARIABILE PIOGGIADEBOLE-MODERATA PIOGGIA INTENSA NEVE VENTO NEBBIA POCO NUVOLOSO
MIN C MAX C MIN C MAX C OGGI CITT OGGI CITT
LA TENDENZA DELLE
TEMPERATURE
Lalta pressione garantisce
tempo stabile e soleggiato su
tutta lItalia ma tornano ad
aumentare le temperature, con
massime nuovamente sui 34-
35 C anche superiori da
domani al centro-sud, ma la
bassa umidit dellaria rende il
caldo poco afoso e pi
sopportabile. Da venerd
tornano i temporali al nord.
Temperature in aumento
ovunque punte sui 35 C
sul medio e basso versante
tirrenico, ma caldo
non afoso.
Assenti
Nessuna allerta.
Giornata ovunque ben
soleggiata con cielo
generalmente sereno o al pi
poco nuvoloso per modesti
annuvolamenti pomeridiani sui
rilievi. Venti a regime di brezza
nelle vallate e lungo le coste;
mari calmi o poco mossi.
Giornata ben soleggiata con
cielo generalmente sereno o al
pi poco nuvoloso per modesti
annuvolamenti pomeridiani sui
rilievi. Venti moderati
settentrionali, mari
generalmente mossi.
Giornata ben soleggiata con
cielo generalmente sereno o
al pi poco nuvoloso per
modesti annuvolamenti
pomeridiani sui rilievi. Venti
moderati o forti di
Maestrale, con rinforzi su
Canale dOtranto e Canale
di Sicilia; da nord sullo Ionio.
Mari mossi o molto mossi.
Lalta pressione si
estende
dallAtlantico al Mar
Nero garantendo
tempo soleggiato e
caldo su buona
parte dEuropa; le
perturbazioni
scorrono dalle Isole
Britanniche verso la
Scandinavia e
lEuropa dellest con
rovesci sparsi,
qualche temporale e
piogge oggi pi
intense in Irlanda e
in Scozia.
34
34
45
34
40
28
26
14
27
28
39
30
22
22
30
44
35
35
30
40
16
28
44
36
24
30
14
30
23
19
36
39
32
29
29
33
37
16
20
28
26
22
27
12
4
15
20
22
22
10
15
26
28
24
22
25
22
3
20
31
25
17
27
10
28
9
14
25
29
23
24
27
25
26
14
24
20
16
15
11
16
14
20
16
13
13
12
13
24
20
15
15
19
14
13
15
21
19
11
21
11
10
15
12
13
19
14
18
13
18
18
34
34
26
22
22
26
22
29
26
18
18
14
17
27
38
20
28
37
21
19
26
35
24
13
35
28
17
27
18
17
34
19
26
16
29

14 28
19 33
23 32
24 33
22 32
20 29
18 32
16 29
19 32
19 34
16 30
17 30
19 32
18 33
16 29
21 35
19 32
21 30
22 34
16 28
20 32
21 31
21 34
22 34
SITUAZIONE CENTRO NORD SUD
LE PREVISIONI DI OGGI
Le precipitazioni attese oggi
Vigilanza meteo di oggi e domani
IN EUROPA
Tempo e temperature previsti nel mondo e in Europa
Cagliari
Alghero
Catanzaro
Reggio Calabria
Bari
Potenza
Napoli
Campobasso
LAquila
Ancona
Perugia
Firenze
Bologna
Genova
Venezia
Trieste
Trento
Milano
Torino
Aosta
Palermo
Catania
Foggia
Roma
La Luna
Il Sole
Culmina
alle ore
13 e 16
minuti
Tramonta
alle ore
20 e 45
minuti
Sorge
alle ore
5 e 48
minuti
LUNA NUOVA
19-lug
Cala
alle ore
19 e 69
minuti
Si leva
alle ore
5 e 11
minuti
MARE AGITATO MARE CALMO POCO MOSSO MARE MOSSO SOLE COPERTO TEMPORALE NUVOLOSO VARIABILE PIOGGIADEBOLE-MODERATA PIOGGIA INTENSA NEVE VENTO
DEBOLI MODERATE FORTI MOLTO FORTI
NEBBIA POCO NUVOLOSO
NESSUNA MODERATA ELEVATA ESTREMA














A cura di Centimetri-LA STAMPA www.nimbus.it









































































Soleggiato e con caldo in aumento. Qualche
temporale sulle Alpi nel pomeriggio, specie
vallate settentrionali.
Nel pomeriggio temporali al nord in
trasferimento dalle Alpi verso le pianure
adiacenti. Sole e caldo altrove.
DOMANI
DOPODOMANI
AMSTERDAM
ATENE
BARCELLONA
BELGRADO
BERLIN
BERNA
BRATISLAVA
BRUSSELS
BUCAREST
BUDAPEST
COPENHAGEN
DUBLIN
EDIMBURGO
HELSINKI
ISTANBUL
LISBONA
LONDRA
LUBIANA
MADRID
MOSCA
OSLO
PARIGI
PODGORICA
PRAGA
REYKJAVIK
ROMA
SARAJEVO
S. PIETROBURGO
SOFIA
STOCCOLMA
TALLINN
TIRANA
VARSAVIA
VIENNA
VILNIUS
ZAGABRIA
ALGERI
ANKARA
BAGHDAD
BANGKOK
BEIRUT
BOMBAY
BRASILIA
BUENOS AIRES
CALGARY
CARACAS
CASABLANCA
CHICAGO
CITT DEL CAPO
CITT DEL MESSICO
DAKAR
DUBAI
FILADELFIA
GERUSALEMME
HONG KONG
IL CAIRO
JOHANNESBURG
KINSHASA
LA MECCA
L'AVANA
LOS ANGELES
MANILA
MELBOURNE
MIAMI
MONTREAL
NAIROBI
NEW YORK
NUOVA DELHI
PECHINO
SHANGHAI
SINGAPORE
TOKYO
WASHINGTON
Seccail maisUsa, fondelaGroenlandia
Giugnoil picaldonellemisferoNord
N
on sono in vista piogge signifi-
cative che possano dissetare
gli sterminati distretti agricoli
degli Usa, primo produttore mondia-
le di mais, inariditi da una storica on-
data di calura e siccit: un terzo del
raccolto pare compromesso, tanto
che il prezzo del cereale salito del
45%in sei settimane, superando i 300
dollari alla tonnellata.
Il territorio che va dal South Dako-
ta allOklahoma al Missouri il pi
penalizzato (in giugno vi caduta me-
no della met della pioggia normale),
ma il Dipartimento dellAgricoltura
ha incluso un migliaio di contee in 26
Stati nellarea di disastro naturale, la
pi ampia mai dichiarata (http://
droughtmonitor.unl.edu/). Ela calura
continua, con punte di 37 gradi a De-
troit e Chicago luned 16 luglio, ma
picchi prossimi a 40 si sono avuti per-
fino nella provincia canadese della
British Columbia. Pure in Groenlan-
dia fa un caldo straordinario: a Kan-
gerlussuaq, sulla costa occidentale,
marted 10 la massima salita a 24,2
gradi e il giorno seguente le impetuo-
se acque di fusione in arrivo dall in-
landsis hanno travolto un ponte
stradale sul fiume Watson.
Piogge alluvionali, intanto, hanno
funestato il Sud del Giappone da gio-
ved scorso, scaricando fino a 101 mm
dacqua in unora a Kagoshima: il bi-
lancio di 28 vittime e 250 mila eva-
cuati. Nella Polonia settentrionale,
presso Sztum, sabato 14 un tornado
classificato EF2 sulla scala Fujita-Pe-
arson (con venti tra 179 e 218 km/h)
ha raso al suolo edifici e 400 ettari di
foresta, e ha causato una vittima.
Nel mondo giugno 2012 si posizio-
nato quarto tra i pi caldi dal 1850
con 0,6 gradi sopra la media, ma il
mese stato da primato assoluto nel-
lemisfero boreale, con 1,3 gradi in ec-
cesso. A questa eccezionalit hanno
contribuito i calori fuori norma avuti
in Siberia (anomalie mensili fino a +6
gradi). E una mole di dati compone le
264 pagine del rapporto sullo stato
del clima globale nel 2011, pubblicato
dalla Noaa (www.ncdc.noaa.gov): no-
nostante il temporaneo effetto raf-
freddante della Nia, lanno si col-
locato tra il nono e il 12 posto tra i pi
caldi dal 1850, a seconda della serie di
dati termici utilizzata. La concentra-
zione di CO2 salita di 2,1 parti per
milione rispetto al 2010, toccando
quota 394, mentre lozono stratosferi-
co sopra lArtico sceso ai minimi
dallinizio delle misure nel 1979.
LUCA MERCALLI
Il tempo Soleggiato ovunque e di nuovo pi caldo, ma non afoso
64+8
.
LASTAMPA
MERCOLED 18 LUGLIO2012
T1 AL AOAT BI CNCV NOPR T2 VB VC
I benzinai stannoper scendere
insciopero(oper fareuna
serrata, comesi dicepi
correttamente) perchi loro
redditi crollano, eppurei prezzi
dei carburanti sonoaltissimi.
Comesi spiegail paradosso?
Il problema sono la struttura del
mercato e il meccanismo di forma-
zione dei prezzi della benzina e del
gasolio. Il sistema funziona in modo
tale che la parte finale della filiera
(cio la distribuzione) incassa poco,
soprattutto per via delle tasse altis-
sime. Da notare che anche le com-
pagnie guadagnano pochissimo con
la vendita al dettaglio, ma loro pos-
sono rifarsi nella parte a monte del-
la filiera, cio lestrazione del petro-
lio, dove gli utili sono altissimi. I
benzinai nonpossono godere di que-
sta compensazione e perci restano
strangolati. Un altro paradosso: i
prezzi alti dei carburanti hanno ri-
dotto i consumi e cos hanno taglia-
to il giro daffari lordo dei benzinai,
prima ancora dei loro utili netti.
Qual lastrutturadei prezzi
dei carburanti?
Secondo i dati ufficiali pi recenti
disponibili (sito del ministero dello
Sviluppo economico) il 9 luglio il
prezzo medio della benzina in Italia
era di 1,743 euro al litro, su cui pesa-
vano 0,724 euro di accise varie e
0,303 euro di Iva, totale 1,027 euro al
litro di tasse; il prezzo al netto delle
imposte era di 0,716 euro al litro. Per
il gasolio da un prezzo di 1,635 euro
al litro bisognava sottrarre 0,613 eu-
ro di accise, 0,284 di Iva (totale im-
poste 0,897 euro) lasciando 0,738
euro a litro. Con questo residuo bi-
sogna pagare tutte le fasi di raffina-
zione, trasporto eccetera. Alla fine
di tante scremature il margine lor-
do (notate bene: lordo) che si divido-
no compagnie e distributori di cir-
ca 14 centesimi al litro sulla benzina
e 13 sul gasolio. pochissimo gi se
lautomobilista paga il prezzo pieno
durante la settimana, per quanto al-
to sia tale prezzo, e si scivola in ne-
gativo se nel weekend si fanno 20 o
pi centesimi di sconto al litro.
Checosasonoleaccise?
Sono delle imposte di produzione e
vendita che sono state scaricate sui
carburanti dal 1935 a oggi, in pi oc-
casioni, per fronteggiare i costi di
varie emergenze e che non sono sta-
te mai abolite a emergenza finita.
Teoricamente si tratta di tasse di
scopo, i cui proventi dovrebbero
andare direttamente a specifici ca-
pitoli di spesa, inrealt si pu spera-
re che questo succeda per qualche
tempo dopo la loro introduzione, ma
poi tutto sparisce nel gorgo del bi-
lancio pubblico. Sulle accise si paga
lIva del 20%, che dunque anche
una tassa sulla tassa.
Equal il loroelenco?
Le pi recenti sono state introdotte
dal governo Monti per dare una ma-
no a ridurre il deficit dello Stato e
per trovare fondi a favore delle zone
terremotate dellEmilia. Il prece-
dente governo Berlusconi era ricor-
so a nuove accise per finanziare la
cultura. In tempi pi lontani sono sta-
te introdotte, e continuiamo a pagare,
le accise sulla guerra di Abissinia del
1935, sulla crisi di Suez del 1956, sul
disastro del Vajont del 1963, sullallu-
vione di Firenze del 1966, sui terre-
moti del Belice nel 1968, del Friuli nel
1976 e dellIrpinia nel 1980, sulle mis-
sioni militari in Libano nel 1983 e in
Bosnia nel 1996 e sul contratto degli
autoferrotranviari del 2004. In realt
i politici dovrebbero imparare ad
astenersi, anche quando le motiva-
zioni per qualche centesimo inpiap-
paiono sacrosante. Dovrebbe diven-
tare un tab, altrimenti loccasione
per mettere unaccisa si trova sem-
pre. E invece disgraziatamente ab-
biamo visto anche il governo dei tec-
nici ricorrere a questa specie di do-
ping fiscale.
Maperchletassesullabenzina
sonocos alte?
Lo Stato italiano storicamente si di-
mostrato incapace di combattere con
efficacia contro levasione fiscale (i
politici hanno paura di scontentare,
di volta in volta, la frazione di eletto-
rato che viene colpita dalla lotta a
questo abuso) e cos la mano pubblica
va a caccia di soldi dove pi facile. E
sulla benzina e sul gasolio facilissi-
mo prelevare.
Checosasi pufareper ridurreil
prezzodei carburanti?
Escluso un taglio delle tasse finch la
finanza statale non sar risanata, a li-
vello pubblico da anni si cerca di ri-
durre il numero dei benzinai. In Italia
sono 24 mila, contro i 15 mila in Ger-
mania e i 12 mila in Francia. Dovendo-
si dividere la torta in 24 mila, i benzi-
nai italiani hanno un volume di vendi-
te (il cosiddetto erogato medio)
molto basso rispetto alla media euro-
pea e per farli sopravvivere bisogna
tenere alti i prezzi dei carburanti.
Ealivellopersonalecomeci si
pumuovere?
Le associazioni dei consumatori han-
no elogiato la guerra degli sconti fra
le compagnie, che sta beneficiando gli
automobilisti nei weekend. Negli altri
giorni della settimana conviene utiliz-
zare i self-service, e rifornirsi presso i
distributori no logo o quelli dei i su-
permercati che hanno aperto impian-
ti con il loro marchio: potrete spunta-
re sconti di 10 centesimi al litro. Epo-
tete comprare auto a Gpl o metano.
SERRATAINVISTA
Benzina, come
si formail prezzo?
ACURA DI LUIGI GRASSIA
TORINO
D mande
P
R
E
Z
Z
I
T
A
N
D
E
M
,
N
E
L
L
E
A
R
E
E
D
I
D
I
F
F
U
S
I
O
N
E
I
N
D
I
C
A
T
E
S
U
L
G
I
O
R
N
A
L
E
L
O
C
A
L
E
;

1
C
O
N

L
A
V
O
C
E
D
I
M
A
N
T
O
V
A

P
R
I
M
O
P
I
A
N
O
M
O
L
I
S
E

L
A
T
I
N
A
O
G
G
I

1
,
2
0
C
O
N

L
A
G
A
Z
Z
E
T
T
A
D
E
L
M
E
Z
Z
O
G
I
O
R
N
O

I
L
C
O
R
R
I
E
R
E
D
I
R
O
M
A
G
N
A

I
L
C
O
R
R
I
E
R
E
M
E
R
C
A
N
T
I
L
E

L
A
G
A
Z
Z
E
T
T
A
D
E
L
L
U
N
E
D
I

.
P
R
E
Z
Z
I
E
S
T
E
R
O
:
F
R
A
N
C
I
A
,
M
O
N
A
C
O
P
.
,

2
,
0
0
;
I
R
L
A
N
D
A

2
;
S
L
O
V
E
N
I
A

1
,
3
4
;
C
.
T
I
C
I
N
O
F
R
S
.
3
,
0
0
;
S
V
I
Z
Z
E
R
A
F
R
A
N
C
E
S
E
F
R
S
.
3
,
0
0
;
S
V
I
Z
Z
E
R
A
T
E
D
E
S
C
A
F
R
S
.
3
,
0
0
.
Lenergi a di ventata pi prezi osa e noi si amo di ventati pi attenti
a come usarl a. Preferi amo prodotti i ntel l i genti che sanno ri durre
i consumi . Come Ark: tecnol ogi a evol uta, domoti ca concepi ta per
l otti mi zzazi one energeti ca. Con l a qual i t tutta i tal i ana di Vi mar.
www.vimar.com
Abita il tuo tempo.