Sei sulla pagina 1di 2

Università di Pavia, a.a.

2015/16
Corso di Istituzioni di diritto romano M-Z
(prof. Luigi Pellecchi)

LO SVOLGIMENTO DEL PROCESSO CIVILE


(al tempo del processo formulare)

Fase stragiudiziale
(citazione del convenuto)

l’attore incontra il suo avversario l’avversario è assente o irreperibile

Editio actionis (stragiudiziale) Missio in bona e (generalmente)


Bonorum venditio

Vadimonium (cd. di comparizione)

l’avv. si presenta l’avv. non si presenta


all’appuntamento

In ius vocatio obbligo di pagare la penale promessa


(formula nr. 19)

l’avv. segue l’attore l’avv. non segue l’attore e non presenta alcun garante
o presenta un garante (“vindex“) |
obbligo di pagare la pena pretoria quantificata dal giudice
(formula nr. 89)

Fase di impostazione del giudizio


(cd. fase in iure)

1) Editio actionis (giudiziale)


2) Esposizione informale dei fatti, prima da parte dell’attore, poi del convenuto
3) (eventuali) Attività processuali d’altro genere (per es. nomina di rappresentanti, presentazione di garanti)
4) Postulatio actionis
|
5) Datio actionis Denegatio actionis
|
6) Trasposizione delle affermazioni dell’attore in uno schema di giudizio
(redazione della formula iudicii)
|
7) Il convenuto accetta la formula Il convenuto non accetta la formula
(“litis contestatio”) (indefensio)
|
8) Nomina del giudice
| actio in rem actio in personam
Fase del giudizio | |
(cd. fase apud iudicem) translatio possessionis Bonorum venditio
|
bene mobile bene mobile bene immobile
presente in iure non presente in iure
| |
il Pretore autorizza l’attore il conv. è obbligato l’attore è autorizzato
a prendere il bene a mettere a disposizione il bene a impossessarsi del fondo
(formula nr. 47) (formula nr. 116)
Sentenza del giudice privato (iudicatum)
oppure assenza o latitanza
altro fatto al quale l’editto colleghi una esecuzione personale o patrimoniale, per es. indefensio
confessio

il deb. adempie il deb. non adempie


(entro 30 gg., se se si tratta di un iudicatus o di un confessus

istanza non contestata del cred. il deb. (o chi per lui) si op-
di procedere a sua scelta (ma con l’ac- pone all’istanza, presentan-
cordo del Pretore) contro: do tuttavia dei garanti per il
caso di una opposiz. infon-
data (formula nr. 189)
la persona del deb. il patrimonio del deb. |
(cd. esecuzione personale) (cd. esecuzione patrimoniale) il cred. intental’actio iudicati
(a. in pers. per fare valere
1) sequestro del patrimonio (missio in bona) a carattere l’obligatio iudicati) o un’az.
cautelativo equivalente (per confessio etc.)
decreto del Pretore 2) avvisi pubblici dell’insolvenza (proscriptiones) 30 gg. |
che autorizza la ductio 3) iscrizione alla procedura di eventuali altri credd. litis contestatio
4) nomina di un amministratore provvisorio (curator) nomina del giudice
5) nomina della persona (magister) incaricata di stende- |
re il regolamento per la vendita del patrimonio del deb. Fase apud iudicem
asservimento di fatto |
del deb., che ha però 6) approvazione del regolamento da parte del Pretore
7) vendita del patrimonio (bonorum venditio) nel corso di assoluzione condanna
la possibilità di al duplum
riscattarsi con il un’asta pubblica; n.b.: il patrimonio viene aggiudicato alla
proprio lavoro persona (bonorum emptor) che – dopo aver accettato le
condizioni fissate nel regolamento dell’asta - si impegna a avvio della
pagare a ciascun creditore iscritto la percentuale maggiore procedura esecutiva
del credito. contro il iudicatus
8) Liquidazione dei creditori iscritti, salvo che il bonorum
rivalsa ver-
emptor non contesti che si tratta di effettivi creditori
so i garanti
<- (formula nr. 25)

Processo di accertamento che vede come convenuto il


bonorum emptor e come attore la persona iscrittasi
alla procedura esecutiva. Il Processo si instaura
intorno a una formula ad hoc concessa dal Pretore (cd.
actio Rutiliana), nella quale si chiederà al giudice: a)
di verificare se l’attore vanta un certo credito verso il
fallito e, in questo caso, b) di condannare il bonorum
emptor a pagare la quota promessa al momento
dell’asta (per es. 1/3)

Sia giudice Gaio Aquilio. Se risulta che Lucio Tizio


deve dare 90.000 sesterzi ad Aulo Agerio, materia del
contendere, il giudice Gaio Aquilio condanni Numerio
Negidio nei confronti di Aulo Agerio per 3.000
sesterzi; se non risulta, lo assolva.