Sei sulla pagina 1di 2

RISPOSTE ALLE DOMANDE DI BIOLOGIA

15) Con il termine adattamento si intende la capacit di un organismo o una specie di


mutare il proprio metabolismo in riferimento all'ambiente in cui vivono.
Tale concetto differisce dall'idea di Lamarck, che sosteneva che l'adattamento sia causato
unicamente dell'influenza dell'ambiente in cui la specie vive, che favorisce l'utilizzo pi
frequente di alcuni organi, causando per loro rafforzamento e per gli altri un'atrofizzazione.

16) La teoria del Catastrofismo sosteneva che molti fenomeni geologici e biologici fossero
dovuti a terribili eventi catastrofici, in particolare il catastrofismo riguarda le estinzioni di
intere specie animali. Viene ormai considerata una teoria superata per la ragione che i
nuovi dati sulla storia della Terra dimostrano che le estinzioni non sono state conseguenza
di singoli eventi catastrofici, ma di una successione graduale di situazioni sfavorevoli alla
sopravvivenza della specie.

17) Tra i vari studi condotti da Charles Darwin durante i suoi viaggi compare l'osservazione
della presenza di specie animali differenti ma simili per ogni isola dell'arcipelago delle
Galpagos, tra le quali tartarughe di forme leggermente diverse e uccelli differenti per la
forma del becco.
Darwin rimase colpito dalla quantit di variabilit di differenze e somiglianze tra le varie
specie viventi (in particolare not la somiglianza tra i mammiferi fossili e viventi del Sud
America).
Una volta tornato in patria ebbe modo di riflettere sui dati raccolti in viaggio, trasse le
conclusioni che specie diverse potevano avere una stessa discendenza, ossia un antenato
comune, da cui derivavano attraverso una successione di piccoli cambiamenti. Questo apr
le porte alla successiva teoria dell'evoluzionismo.

18) Il meccanismi dell'evoluzione per selezione naturale si riassumono in 5 principali punti:


-La variabilit individuale: in una popolazione esiste una variabilit individuale,
preesistente all'azione dell'ambiente e determinata dai caratteri genitoriali e dalle
mutazioni. Essa del tutto casuale.
-Ogni popolazione pu generare una prole pi numerosa dei genitori. Solo una parte della
discendenza riesce a sopravvivere.
-Gli individui competono tra loro a causa della scarsit di risorse.
-Alcuni individui sono pi adatti di altri a sopravvivere, perch pi adatti alle condizioni
ambientali.
-Gli individui pi adatti sopravvivono pi a lungo e si riproducono maggiormente,
trasmettendo alla prole le loro caratteristiche. In questo modo generazione dopo
generazione la specie migliora, cio evolve.

19) Esempi di strutture analoghe:


1. Ali: pur esistendo diverse tipologie di ali tutte conservano la stessa funzione.
2. Corna: conservano tutte la funzione difensiva.
Esempi di strutture omologhe:
1. Braccia umane e pinne pettorali di alcuni mammiferi quali balene e delfini.
2. Arti inferiori di uomo e scimmie: entrambi possiedono stessa struttura ossea ma le
seconde li utilizzano anche con la funzione di afferrare rami e aiutarsi ad
arrampicarsi, al contrario dell'uomo che li utilizza esclusivamente come mezzo di
locomozione.
3. Ali degli uccelli e pinne di alcuni mammiferi, ad esempio la foca.