Sei sulla pagina 1di 2

DEFINIZIONI

I. Per causa di s intendo ci la cui essenza implica l'esistenza, ossia ci la cui natura non pu essere
concepita se non come esistente.
II. Si dice finita nel suo genere una cosa che pu essere limitata da un'altra della stessa natura. Per
esempio diciamo che un corpo finito perch ne concepiamo sempre un altro pi grande. Cos pure un
pensiero limitato da un altro pensiero. Ma n un corpo pu essere limitato da un pensiero n un
pensiero da un corpo.
III. Per sostanza intendo ci che in s ed concepito per s: ossia ci il cui concetto non ha bisogno
del concetto di un'altra cosa dal quale debba essere formato.
IV. Per attributo intendo ci che l'intelletto percepisce della sostanza come costituente la sua stessa
essenza.
V. Per modo intendo le affezioni della sostanza, ossia ci che in altro per mezzo del quale anche
concepito.
VI. Per Dio intendo l'ente assolutamente infinito, cio la sostanza che consta di infiniti attributi, ognuno
dei quali esprime un'essenza eterna e infinita.
Spiegazione: Dico assolutamente infinito, ma non infinito nel suo genere; infatti di qualsiasi cosa, infinita soltanto nel suo
genere, possiamo negare un'infinit di attributi; invece all'essenza di ci che assolutamente infinito appartiene tutto ci che
esprime essenza e non contiene alcuna negazione.

VII. Si dice libera quella cosa che esiste per sola necessit della sua natura e si determina da s sola ad
agire: invece si dice necessaria o, meglio, coatta, quella cosa che condizionata ad esistere e ad agire
da qualcos'altro, secondo una precisa e determinata ragione.
VIII. Per eternit intendo l'esistenza stessa, in quanto concepita come necessariamente conseguente
dalla sola definizione di cosa eterna.
Spiegazione: Una tale esistenza si concepisce infatti - allo stesso modo dellessenza della cosa eterna predetta - come una
verit eterna (= affermazione il cui contrario non logicamente concepibile): per la qual cosa essa non pu spiegarsi per
mezzo della durata o dei tempo; anche se la durata sia pensata senza principio e senza fine.

Spinoza, Etica
NOTE
1-6. Le definizioni hanno un'importanza fondamentale nel discorso spinoziano perch esse
costituiscono, insieme agli assiomi, gli elementi primi essenziali dai quali sono ricavate deduttivamente
le successive proposizioni come altrettanti teoremi. da notare che le definizioni spinoziane in genere
riecheggiano le definizioni e la terminologia aristotelico-scolastica che anche Cartesio in precedenza
aveva utilizzato, ma subiscono una rielaborazione e portano poi a conclusioni di tipo panteistico, monistico e deterministico differenti tanto da quelle scolastiche quanto da quelle cartesiane.
7-12. Di importanza basilare le definizioni di sostanza, di attributo e di modo sulle quali imperniata
tutta la metafisica spinoziana. Sostanza ci che pienamente autosufficiente sul piano ontologico e
concettuale; attributo ci che viene concepito come propriet essenziale della sostanza; modo ci che
non esiste in s eper s, ma solo come modificazione non necessaria della sostanza.
13-24. Le ultime tre definizioni hanno come oggetti Dio, la libert e l'eternit. Nella definizione di Dio
sottinteso un riferimento ai concetti di sostanza e di causa di s che verr esplicitato pi avanti. La
libert definita non in opposizione, bens in correlazione con la necessit perch per Spinoza essa
consiste nell'adeguazione alla propria natura, ed il suo contrario non la necessit bens la costrizione
esterna. L'eternit non concepita come una determinazione temporale, bens identificata con
l'esistenza necessaria; ci che eterno (la sostanza divina) tale non perch abbia una durata illimitata,
ma perch al di l del tempo.

ASSIOMI, O PRINCPI EVIDENTI DI PER S


1. Ogni cosa che sussiste in se stessa o in unaltra cosa.
2. Ci che non suscettibile desser concepito mediante il concetto di altre cose deve essere pensato
assolutamente, per s.
3. Posta una causa specifica, da essa segue necessariamente un effetto; e, al contrario, se non sia posta
alcuna causa specifica impossibile che segua un effetto.
4. La conoscenza di un effetto dipende dalla conoscenza della sua causa, e la implica.
5. Le cose che non hanno nulla di comune luna con laltra non possono nemmeno essere comprese
luna per mezzo dellaltra; ossia il concetto delluna non implica il concetto dellaltra.
6. Unidea vera deve accordarsi con il suo oggetto-quale-esso--in-s.
7. Qualsiasi cosa che possa pensarsi non-esistente ha unessenza che non implica lesistenza.
DOTTRINA
Proposizione 1.
La Sostanza anteriore per natura alle sue manifestazioni circoscritte e individuabili, o affezioni.
Dimostrazione: La cosa risulta evidente dalle Definizioni 3 e 5.
Prop. 2.
Due Sostanze che abbiano attributi propri differenti non hanno nulla in comune fra di loro.
Dimostrazione: La cosa risulta evidente, ancora, dalla Definizione 3. Ciascuna sostanza deve infatti
sussistere in s ed essere concepita assolutamente, cio per s; ossia il concetto di una sostanza non
implica il concetto di unaltra sostanza.
Prop. 3.
Cose che non hanno nulla in comune non possono essere luna causa dellaltra.
Dimostrazione: Se due cose non hanno nulla in comune non possono nemmeno essere comprese luna
per mezzo dellaltra (Ass. 5), e perci (Ass. 4) luna non pu esser causa dellaltra.
Prop. 4.
Due o pi cose che siano distinte si distinguono luna dallaltra o per la diversit degli attributi delle
sostanze in cui esse sussistono, o per la diversit delle affezioni delle sostanze stesse (v. Prop. 1).
Dimostrazione: Tutte le cose che hanno lessere sussistono o in s o in altro (Ass. 1): da cui (Def 3 e 5)
lintelletto riconosce che al difuori di se stesso non c altro che le sostanze e le loro affezioni. Dunque
lintelletto riconosce che, obiettivamente, salvo le sostanze, o (ci che lo stesso) i loro attributi e le
loro affezioni, non c alcunch per cui pi cose possano distinguersi luna dallaltra.
Prop. 7.
Alla natura di una sostanza appartiene lesistere.
Dimostrazione: Una sostanza non pu essere prodotta da unaltra cosa (Conseg. d. Prop. preced.): essa
deve dunque esser causa di s: ovvero la sua essenza implica necessariamente lesistenza (Def. 1);
ovvero, ancora, lesistere proprio della sua natura.
Prop. 8.
Ogni sostanza necessariamente infinita
Dimostrazione: Non pu esistere che ununica sostanza che abbia quel determinato attributo (Prop. 5),
e lesistere proprio della sua natura (Prop. 7). Sia essa finita o infinita, alla natura di una sostanza
deve appartenere lesistenza. Ma una sostanza finita non pu esistere: perch (Def. 2) essa dovrebbe
essere limitata da unaltra sostanza della stessa natura (o struttura), anchessa esistente necessariamente
(Prop. 7): e in questo modo esisterebbero due sostanze dei medesimo attributo, il che assurdo (Prop.
5). Dunque una sostanza non pu esistere se non sia infinita.
Chiarimento 1: Poich, per un ente qualsiasi, possedere un essere limitato in realt una negazione,
mentre un essere infinito lassoluta affermazione dellesistenza di quellente, basta la Prop. 7 a
dimostrare che ogni sostanza deve essere infinita.
2