Sei sulla pagina 1di 9

www.libertasicilia.it mail: libertasicilia@gmail.

com Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987


Attualit
Topi, zecche e zanzare
e animali morti
segnalati in citt
a pagina sette
Quel dramma familiare a Carlentini
In coro reclamano il ritorno
della sovrintendente Basile
Lassessorato re-
gionale ai Beni cultu-
rali guidato da Giusy
Furnari deve archi-
viare un procedimen-
to che offende non
solo gli interessi .
A pagine tre
SOCIET CRONACA
POLITICA UNIVERSIT
Cronaca
Denunciata una
siracusana a Bari
per truffa delle buste
a pagina cinque
Tumori ai polmoni, linfatici, fbrosi, angisarcomi epatici, cancro ai tessuti con effetti devastanti
Siamo agli sgoccioli fnali
per il completamento del
Bando dei rifuti, manca
solo un ultimo tassello.
A pagine tre
Presto
il Bando
dei rifuti
La citt di Carlentini si domanda che cosa possa es-
sere scattato nella mente di Sebastiana Ippolito, la ses-
santenne che due notti fa ha ucciso il marito Alfo Vinci
di 72 anni, con trenta coltellate in varie parti del corpo.
I cittadini invocano l'intervento della Procura della Repubblica
Zona industriale: un campo
di guerra che semina morte
Prende il via da luned
1 settembre, con il test
per laccesso a Giurispru-
denza, la tornata delle
prove di ammissione ai
corsi di laurea triennale
e magistrale a ciclo uni-
co per lanno accademico
2014/15 dellUniversit
di Catania. Le prove di
ammissione sono in tutto
dieci e danno accesso a
48 corsi di laurea (esclusi
quelli in Architettura, In-
gegneria Edile/Architettu-
ra, Medicina e Chirurgia,
Odontoiatria e Protesi
Dentaria, i cui concorsi si
sono gi svolti ad aprile).
Al via i test
dingresso
per 16 mila
di Concetto Alota
Il territorio, i cittadi-
ni residenti, i lavoratori
addetti all'interno delle
fabbriche della morte e
situati nel triangolo in-
dustriale Siracusa - nord,
Citt Giardino-Belvedere,
Priolo-Gargallo, Melilli-
Villasmundo e Augusta, da
oltre mezzo secolo sono in-
cessantemente contaminati
nei luoghi di lavoro, nella
pubblica strada e fn dentro
le stanze da letto.
A pagina dodici
A pagine tre
gioved 28 agosto 2014 anno XXvii n. 196 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafca S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 0,50
Il plesso di via Algeri
della scuola Chindemi di
Siracusa visitato nottetem-
po da ignoti vandali.
A pagine tre
Scuola presa
di mira dai
soliti vandali
Lex deputato regionale
dellMpa Pds, Pippo Gen-
nuso, ha segnalato episodi
di sciacallaggio, ma anche
di vera calunnia, questa
mattina al dirigente della
Digos di Siracusa.
A pagine tre
Gennuso,
su di me
sciacallaggio
Citt sconvolta
per la tragedia
in casa Vinci
A pagine due
Quotidiano della Provincia di Siracusa Sicilia
CRONACA DI SIRACUSA 2 Sicilia 28 agoSto 2014, gioved
La citt di Carlentini
si domanda che cosa
possa essere scattato
nella mente di Se-
bastiana Ippolito, la
sessantenne che due
notti fa ha ucciso il
marito Alfo Vinci di
72 anni, con trenta
coltellate in varie par-
ti del corpo, prima di
tentare il suicidio con
la stessa arma. Ades-
so la donna si trova
piantonata allospe-
dale di Lentini, e suo
capo pende la grave
accusa di omicidio
volontario. Lentini si
svegliata ieri matti-
na in un incubo. An-
cora di pi gli abitanti
di via del Mare, nel
popoloso quartiere
Santuzzi di Carlenti-
ni, dove si consu-
mata la tragedia fami-
liare. Non sembrava
vero che nel cuore
della notte, alle tre
del mattino, dalla-
bitazione dei due co-
niugi provenissero
delle urla disumane.
Erano quelle di Se-
bastiana Ippolito, che
forse aveva realizzato
di avere ucciso il ma-
rito, mentre lei si tro-
vava tutta macchiata
di sangue. E sono sta-
ti proprio i vicini di
casa ad accorrere per
primi e a fare interve-
nire successivamente
i carabinieri che han-
no scoperto limmane
tragedia appena con-
sumatasi nel chiuso
del l appart ament o
dei due congiunti.
Una vita tranquilla
quella dei due coniu-
gi: Alfo Vinci era in
pensione dopo avere
lavorato per tantis-
simi anni come me-
talmeccanico nella
zona industriale e
poi con alcune ditte
allestero. La moglie
ha sempre accudito
al marito e alle fglie.
Tutto scorreva in ma-
niera tranquilla fno
a sei anni fa quando
la fglia Bernadette
muore allet di 39
anni, colpita da un tu-
more. Ci ha segna-
to uno spartitraffco
nella serenit della
famiglia Vinci. Il do-
lore per la scomparsa
prematura della fglia
si ripercossa sulle-
qulibrio pisco-fsico
i Sebastiana Ippolito
che a tuttoggi convi-
ve con frequenti crisi
depressive. In quel-
le condizioni per il
pensionato lentinese
non stato facile ve-
nirne fuori. Frequenti
i litigi con la moglie
fno alla decisione di
separarsi in casa. Una
situazione familiare
delicata che precipi-
tata del tutto la scorsa
notte quando Seba-
stiana Ippolito ha im-
pugnato il coltello da
cucina con il quale ha
posto fne in maniera
tragica e violenta alla
vita del suo partner.
La Procura di
Siracusa ha disposto
l'arresto per omicidio
volontario della ses-
santenne, Sebastiana
Ippolito. La donna,
che si ferita tentato
il suicidio, pianto-
nata da carabinieri
nell'ospedale di Len-
tini, dove ricovera-
ta. Il provvedimento
restrittivo stato fr-
mato dal procurato-
re Francesco Paolo
Giordano e dal sosti-
tuto Martina Bonf-
Carlentinesi attoniti
per la tragedia
che si abbattuta
in casa Vinci
Gennuso segnala
episodi
di sciacallaggio
politico
PriMa la Morte Per tuMore della figlia, adeSSo lucciSione del caPo faMiglia
POLITICA
Lex deputato regionale dellMpa
Pds, Pippo Gennuso, ha segnalato
episodi di sciacallaggio, ma anche di
vera calunnia, questa mattina al diri-
gente della Digos di Siracusa.
Il tema dei veleni che si stanno
spargendo a macchia dolio, sono
le prossime elezioni regionali che si
terranno il 5 ottobre in sei sezioni di
Pachino e tre di Rosolini. In giro -
racconta Gennuso - stanno mettendo
voci farneticanti di compravendita di
voti. Ho segnalato queste bassezze
al capo della Digos per risalire agli
autori di queste calunnie. Tra laltro
denigrare non serve per vincere la
competizione elettorale che resta sem-
pre un fatto di democrazia e di libert.
Personalmente mi sono fatto un'idea di
chi vuole avvelenare il clima politico
sia a Pachino che a Rosolini di quella
che dovrebbe essere una sana compe-
tizione elettorale, ma al momento non
faccio nomi. Riferir, per, nelle sedi
opportune i personaggi che vogliono
destabilizzare con la calunnia il clima
politico.
Il plesso di via Algeri della
scuola Chindemi di Siracusa
visitato nottetempo da ignoti
vandali che hanno mandato
in frantumi vetri e imbratta-
to muri. Ignoti hanno agito
nottetempo sfondando a
sassate le vetrate del plesso
scolastico sito nel popoloso
rione della Mazzarrona e
imbrattando i muri delle-
difcio. Non la prima volta
che quelledifcio scolastico,
solo in parte occupato dalle
aule e quindi dagli alunni
viene preso di mira da ignoti
vandali. Altre volte gi ac-
caduto nel corso dellanno. La
denuncia stata sporta dalla
dirigente scolastica della Chin-
demi, Pinella Giuffrida, che sta
facendo una stima dei danni.
Alla notizia dellatto di vanda-
lismo intervenuto con un twit
il sindaco Giancarlo Garozzo:
Vandalizzata la scuola di via
Algeri scritto -Rafforza in
noi il convincimento di portare
la caserma dei Vigili Urbani,
nel cuore della Mazzarrona.
Unulteriore conferma delle
mire dellamministrazione
comunale che intende trasferi-
re in parte di quel plesso sco-
La scuola di Mazzarrona
presa di mira dai soliti
ignoti vandali notturni
lastico la caserma della polizia
municipale.
In realt, vi sarebbero delle
ritrosie quando non delle vere e
proprie resistenze a fare que-
sto passo. Ma lo si deve vedere
sotto laspetto della legalit e
dellordine pubblico. Un presi-
dio dei vigili urbani potrebbe
costituire un deterrente per i
malintenzionati. Nel frattempo,
sui social network corre la soli-
dariet. C chi ha lanciato un
appello alla comunit virtuale
per reperire latte di vernice e
pennelli per ritingere la scuola
vandalizzata.
In foto, luxoricida Sebastiana Ippolito e il marito Alfo Vinci.
28 agoSto 2014, gioved Sicilia 3 CRONACA DI SIRACUSA
Alle ore 4,20 di ieri, una squadra dei Vigili del Fuoco della sede centrale
si recata in via Giuseppe Rizza, nella zona alta della citt, per domare
lincendio che ha danneggiato una Mini One posteggiata allinterno di un
cortile condominiale; alcuni elementi rilevati al termine delle operazioni
di spegnimento, fanno supporre lazione dolosa allorigine dellevento.
Sul posto, la Polizia di Stato.
Vigili del fuoco intervengono
per spegnere unauto in famme
Legambiente e Comitato
Parchi: Ritorni la Basile
Latto della
Regione
privo di una
giustifcata
motivazione
la querelle delle Sovrintendenze in Sicilia
Lassessorato regionale
ai Beni culturali guidato da
Giusy Furnari deve archi-
viare un procedimento che
offende non solo gli inte-
ressi e i diritti della comu-
nit siracusana ma anche
lintelligenza di chi lo ha
elaborato - lo ha afferma-
to il comitato regionale di
Legambiente e il Comita-
to Parchi, intitolato a San-
ti Luigi Agnello ed Ettore
Di Giovanni, sulla vicenda
legata alla revisione degli
incarichi dei sovrintendenti
siciliani. Dopo i tanti inter-
venti polemici e critici nei
confronti dellassessorato
regionale ai Beni cultu-
rali, a pochi giorni dal 31
agosto, il termine ultimo
fssa- to da Palermo per
assumere le decisioni def-
nitive, Legambiente e Co-
mitato Parchi presentano
le proprie osservazioni e
annunciano una dura bat-
taglia a difesa del sovrin-
tendente Beatrice Basile.
evidente la gravit del
provvedimento scrivono
Corrado Giuliano, Paolo
Tuttoilmondo e il presiden-
te regionale di Legambien-
te Mimmo Fontana che
dopo il pericolo corso con il
reintegro di Orazio Micali
pone nuovamente a rischio
la posizione di Beatrice Ba-
sile. E con lei a rischio il
destino dei beni culturali
della nostra provincia. Per
Legambiente e Comitato
Parchi latto della Regio-
ne privo di una giustif-
cata motivazione e mira
solo a indebolire la vigilan-
za di controllo ambientale e
paesaggistico.
Il provvedimento fa leva
da un lato sulla mancata
registrazione dei contratti
dei sovrintendenti e dallal-
tro su due contenziosi con
il tribunale del lavoro, en-
trambi risolti con gli at-
tuali sovrintendenti rimasti
praticamente al loro posto.
Pretendiamo ogni pi am-
pia delucidazione sulla vi-
cenda legata ai contenziosi
- sostengono Giuliano, Tut-
toilmondo e Fontana - per
capire quale legame ci sia
tra le pronunce giudiziarie
e lavvio del procedimento
di riesame.
Chiarimenti sono stati chie-
sti anche per laspetto lega-
to ai contratti perch una
tale motivazione si com-
menta da sola e tradisce la
incursione della mala poli-
tica considerando che lin-
carico valido dal momen-
to della sua accettazione.
I rappresentanti di Legam-
biente e comi- tato Parchi
non escludono poi di per-
correre altre strade nel caso
in cui la Regio- ne dovesse
andare avanti per la pro-
pria strada. In ogni caso
- hanno dichiarato Giulia-
no, Fontana e Tuttoilmon-
do - lincarico deve essere
riaffdato a Basile. Nel caso
in cui non fosse cos - ha
concluso Giuliano - siamo
pronti a dare battaglia per
vie giudiziarie.
Prende il via da luned 1
settembre, con il test per
laccesso a Giurispruden-
za, la tornata delle prove di
ammissione ai corsi di lau-
rea triennale e magistrale a
ciclo unico per lanno acca-
demico 2014/15 dellUni-
versit di Catania. Le prove
di ammissione sono in tut-
to dieci e danno accesso a
48 corsi di laurea (esclusi
quelli in Architettura, In-
gegneria Edile/Architettu-
ra, Medicina e Chirurgia,
Odontoiatria e Protesi Den-
taria, i cui concorsi si sono
gi svolti ad aprile), i can-
didati sono complessiva-
mente 16.673, per un totale
di 7.404 posti disponibili.
Tutte le prove si svolgeran-
no al complesso feristico
Le Ciminiere, ad eccezione
della prova di ammissione
al corso di laurea in Me-
diazione linguistica e in-
terculturale della struttura
didattica di Lingue, che si
svolge a Ragusa. Nella se-
zione "Didattica" del por-
tale, nella pagina dedicata
allaccesso a questi corsi
di studio, sono disponibili i
documenti utili e gli allega-
ti relativi a ciascuna prova,
che includono le indica-
zioni generali per la pre-
parazione, gli elenchi degli
iscritti, le istruzioni genera-
li e comportamentali, i test
dello scorso anno e anche il
fac-simile della scheda ri-
sposte. Il giorno della pro-
va, tutti i candidati devono
disporsi nei settori assegna-
ti in base allet anagrafca
e devono presentarsi muniti
di un valido documento di
riconoscimento. Allinter-
no delle aule non sono am-
messi zaini, libri, appunti,
carta, telefoni cellulari, cal-
colatrici, strumenti elettro-
nici o penne, che saranno
fornite poco prima dellini-
zio dei test.
Universit,
al via dal primo
settembre i test
d'ingresso per 16
mila i candidati
Siamo agli sgoccioli fnali per il comple-
tamento del Bando dei rifuti, manca solo
un ultimo tassello. Il Comune infatti in
attesa dello stanziamento da parte della
Regione di 3,3 milioni di euro, che l'ente
utilizzer per l'acquisto di alcuni automezzi
e attrezzature per la raccolta. Oltre due mi-
lioni (oltre Iva) serviranno per comprare 11
mini compattatori da 11 metri cubi, un co-
stipatore da 7mc, un pianale, un lift + gru,
cinque cassoni da 30mc, un semirimorchio
solo vasca, un semirimorchio compattante
Bando dei rifuti in dirittura darrivo
e un trattore. Altri 649mila euro (oltre Iva)
serviranno invece per l'acquisto di 43mila
secchielli da 25 litri, 400 contenitori di pile,
mille carrellati da 360litri, 2200 carrellati
da 240litri, 40 contenitori di farmaci e 150
campane da 2000 litri. Mezzi e attrezzature
saranno impegnati nel piano per la raccolta
dei rifuti urbani nei quartieri Akradina, Grot-
tasanta, Neapolis e Santa Lucia. In questo
modo l'amministrazione riuscir a presentare
un nuovo bando molto pi snello, intaccando
una cifra inferiore sul proprio bilancio.
Sar un nuovo bando Molto Pi Snello
In foto, Beatrice Basile.
rotti i vetri a SaSSate e iMbrattati i Muri del PleSSo
Il tassista Sebastiano Garofalo:
La mia licenza in regola
Al di l della semplice cronaca e
senza voler tirare la corda su questa
vicenda che vede implicato il tassi-
sta siracusano, Sebastiano Garofalo,
processato per direttissima con l'ac-
cusa di oltraggio, minacce e resisten-
za a pubblico uffciale, verso il corpo
dei vigili urbani, tutto appare meno-
mato e diretto verso la sola direzione
dei reati ascrittogli dal pubblico mi-
nistero, Andrea Palmieri. Ma in tutta
questa faccenda, appare poco chiaro
se il tassista era o non era in regola
con la sua licenza di Taxi o noleggio
con conducente al momento dei fat-
ti? Lui dichiara apertamente: "la mia
licenza in perfetta regola". La con-
ferma di tale siffatta condizione si
troverebbe nelle comunicazioni isti-
tuzionali del comando dei Vigili Ur-
bani di Siracusa che, a onor del vero,
non stato mai scritto o parlato di li-
cenza in regola oppure no, scaduta o
altro, ma solamente della predisposi-
zione un servizio di controllo mirato
al contrasto del fenomeno dei tassisti
abusivi e delle guide turistiche non
in regola con la legge, dove il tassi-
sta Sebastiano Garofalo incappato
in malo modo, forse per il suo intem-
perante carattere, con la cronologia
dei fatti riportati. Tutto il resto sar
cronaca ancora tutta da raccontare.
Concetto Alota
Le condizioni igienico-
ambientali del parcheggio
per i pullman turistici di
via Von Platen risultano
insoddisfacenti. Questo
linconveniente segnalato
dal consigliere comunale
Alessandro Acquaviva,
che ha scritto una nota al
sindaco Garozzo e ad altri
dirigenti comunali.
Acquaviva, componente
della commissione Eco-
logia, ha effettuato un
sopralluogo, dal quale
sono emerse alcune criti-
cit. Fermo restando che i
camper sono muniti a bordo
di servizi igienici - afferma
Acquaviva - i servizi comu-
ni del parcheggio offrono
solo tre docce e due gabi-
netti e ,visto che la pulizia
degli stessi viene eseguita
una volta al giorno, non
diffcile immaginare il
disagio degli utenti. Segna-
lo, inoltre, la necessit di
realizzare servizi per i di-
sabili. Lamministrazione
comunale ha reintrodotto e
rilanciato il servizio di sosta
camper h24 al parcheggio
Von Platen. Si tratta di un
servizio importante per la
prevenzione di fenomeni
In foto, cumuli di erbacce al parcheggio di via Von Platen.
Parcheggio Von Platen: condizioni
igienico-ambientali insoddisfacenti
Alessandro Acquaviva ha scritto una nota
al sindaco Garozzo e ad altri dirigenti
queSto eMerge dal SoPralluogo effettuato ieri Mattina
di scarico selvaggio lungo
le strade o nelle piazzole
di sosta e anche in con-
siderazione del fatto che,
nellambito del turismo
itinerante, la presenza di
camper service di fatto at-
tira ulteriori fussi turistici
con effetti benefci sulla
piccola economia locale.
Unanime il gradimento
per il servizio dei minibus
che consente di raggiun-
gere comodamente Ortigia
e il parco archeologico
della Neapolis dice il
consigliere comunale del
Pd -. Altrettanto gradito
il ribasso della tariffa
giornaliera che da 30 Euro
scende a 22 euro e il ser-
vizio di reception espletato
dai dipendenti comunali.
Ma stata invocata ,dagli
intervistati, unurgente
disinfestazione dellarea
e la rimozione dei cumuli
di sterpaglia accatastati in
fondo al parcheggio, in
prossimit del muro di
cinta di via Padova. La ditta
che ha effettuato il diserbo
dentro il parcheggio non
ha ancora provveduto, a
distanza di un mese, alla
rimozione e al conferimen-
to in discarica di tali rifuti
speciali. Tale situazione
di degrado motivo di
fondata preoccupazione
degli abitanti degli edifci
limitrof per la condizio-
ne di rischio dincendio
che tale stato determina
allinterno e allesterno del
parcheggio.
Ho avuto modo di interlo-
quire con il responsabile
del servizio mobilit, che
si dimostrato disponibile
e sensibile alle proble-
matiche da me segnalate
ma visto limportanza
strategica del Parcheggio
anche dal punto di vista
dei proventi(le entrate sono
una fonte signifcativa di
fnanziamento per le casse
dellente da destinare ad
iniziative di promozione
turistica e al miglioramen-
to dei servizi pubblici),
intendo sollecitare anche
lamministrazione per un
rapido e positivo esito delle
istanze dei cittadini.
CRONACA DI SIRACUSA 4 Sicilia 28 agoSto 2014, gioved
incaPPato in Malo Modo forSe Per il Suo inteMPerante carattere
SOCIET
La Flai
denuncia:
insuffciente
la copertura
economica
per i forestali
Da domani ci sar il via
libera allavviamento dei
lavoratori forestali 101sti
(101 giornate lavorati-
ve nellanno) che non
hanno, fnora effettuato
nessuna giornata lavora-
tiva, cos come procede
lavviamento per tutti
i lavoratori 151sti che
avevano effettuato, alcuni
51 giorni, altri 20 in tutto
larco dellanno corrente..
Questa una delle notizie
positive emerse in questi
giorni delle quali il sin-
dacato Flai Cgil prende
nota anche se al contem-
po rivela che le risorse
economiche messe a
disposizione dalla Regio-
ne Sicilia potrebbero non
essere suffcienti.
Al recente incontro,
convocato dal prefetto
di Siracusa Armando
Gradone, al quale hanno
partecipato le organizza-
zioni sindacali confedera-
li e di categoria, insieme
con lazienda forestale, lo
stesso dirigente De Marco
si registrata lassicura-
zione della presentazione
di un progetto che ga-
rantisce il procedimento
dellattivit di manuten-
zione.
Malgrado le rassicurazio-
ni di un proseguimento
lavorativo, posto al rag-
giungimento delle giorna-
te a garanzia occupazio-
nale, di tutti i lavoratori
(151sti 101sti 78sti),
il sindacato constata che
le risorse a disposizione,
inserite nella fnanziaria
ter, per il settore foresta-
le, sono insuffcienti e
rappresentano circa 85%
di copertura fnanziaria
necessaria.
28 agoSto 2014, gioved Sicilia 5 CRONACA DI SIRACUSA
Sbarchi in provincia,
medici di emergenza
ed Msf in prima linea
lefficienza della Macchina organizzativa
Con i continui sbarchi
di migranti nelle nostre
coste ha confermato
ancora una volta leff-
cienza della macchina
organizzativa coordinata
dal prefetto di Siracusa
Armando Gradone e la
bont delle scelte strate-
giche operate dalla dire-
zione generale dellAsp
di Siracusa che vedono
in prima linea da tre
settimane al fanco dei
medici dellemergenza
diretti da Gioacchina
Caruso, medici, infer-
mieri e mediatori cultu-
rali dellOrganizzazione
internazionale Medici
senza frontiere.
Il bilancio a meno di
un mese dallavvio della
nuova organizzazione
dellassistenza sanitaria
con la collaborazione di
Medici Senza frontiere
nostri medici dellemer-
genza, insieme con tutte
le altre associazioni non
governative, associazio-
ni di volontariato, nella
fattispecie Croce Rossa e
Misericordia che curano
in campo i trasferimenti
negli ospedali, a ga-
ranzia di una adeguata
e capillare assistenza
sanitaria ai migranti e di
tutela delle popolazioni
residenziali.
Lo sbarco di stamane,
presente ed operativa
anche la responsabile
dellEmergenza Gioac-
china Caruso a supporto
dei medici data limpor-
tanza numerica dei mi-
granti, dal punto di vista
sanitario ha registrato un
codice rosso per un pa-
ziente con dolore toraci-
co trasferito allospedale
Muscatello di Augusta.
Tra le numerose gravi-
de, tre hanno richiesto
controlli specialistici
allospedale di Lentini.
Lincessante fenomeno
del flusso migratorio
che sta interessando la
provincia di Siracusa
sottolinea la responsa-
bile Pte-118 Gioacchina
Caruso - ha ripreso da
qualche settimana a
coinvolgere anche la
zona sud della provincia.
La presenza continua di
migranti che sbarcano
lungo le coste di Mar-
zamemi, ci pongono
di stare stare sempre
allerta. I nostri medici,
con un impegno costante
che si protrae da oltre
un decennio, assicura-
no assistenza sanitaria
contemporaneamente da
nord a sud lungo tutta la
costa del Siracusano.
Fingendosi una dottoressa, entrata
nellabitazione di unanziana di 94 anni a
Giovinazzo (Bari), tentando di truffarla fa-
cendosi consegnare del denaro con la tec-
nica dello "scambio delle buste". Si tratta
di una 41enne residente in provincia di
Siracusa, denunciata per tentata truffa. La
donna stata infatti riconosciuta da un ca-
rabiniere libero dal servizio che si inso-
spettito nel vederla uscire frettolosamente
dal condominio. Il militare ha chiamato i
colleghi e la siracusana stata bloccata dai
Truffa delle buste, fermata siracusana
carabinieri. La truffa consisterebbe nel fare
in modo che le anziane mettano in una busta
gialla dei soldi (con la scusa di controllare
se sono falsi o dicendo che serviranno per
lacquisto di medicine) e poi scambiare la
busta con una uguale contenente volantini
pubblicitari.
Secondo le indagini dei carabinieri, la donna
aveva messo a segno altre truffe con la stes-
sa tecnica. I militari hanno quindi preparato
un decalogo per gli anziani con una serie di
indicazioni su come prevenire i raggiri.
la donna aveva MeSSo a Segno altre truffe
La Capitaneria di Porto di Siracusa
su richiesta avanzata dall Istituto Na-
zionale di Oceanografa e di Geofsica
Sperimentale che la N/R OGS EX-
PLORA di bandiera italiana, ha auto-
rizzato lattracco dal 01 al 08 settem-
Siracusa, a settembre
la nave di Oceanografa
Ogs Explora
lattracco PreviSto dal 1 all8 del ProSSiMo MeSe bre 2014, che effettuer una attivit di
ricerca scientifca in mare, nellambito
delle acque di giurisdizione del Com-
partimento Marittimo di Siracusa.
Le navi, le imbarcazioni ed i natanti di
qualsiasi tipo che dovessero trovarsi
in vista della N/R OGS EXPLORA
impegnata nelle suddette operazioni,
dovranno mantenersi ad una distanza
di sicurezza non inferiore a 500 metri e
dovranno altres prestare la massima at-
tenzione alle segnalazioni che potrebbe-
ro essere fatte da bordo. Per qualunque
emergenza in mare possibile contatta-
re la Guardia Costiera telefonicamente
al numero blu 1530.
In alto e sopra, due momenti di soccorso personale Asp.
In foto, unoperatrice postale.
sottolinea il direttore
generale Salvatore Bru-
galetta conferma la
bont del valore aggiun-
to nel garantire a queste
popolazioni disperate
continuit assistenziale
in maniera assolutamen-
te effcace. Dallavvio
del protocollo dintesa,
l1 agosto scorso, si
potuta verificare lef-
ficienza delle scelte
strategiche, registrando
una fattiva ed operosa
collaborazione con i
Diritti umani e giustizia internazionale:
al via a Siracusa il meeting dellIsisc
Dal 3 al 7
settembre a
Siracusa l'High
Level Mee-
ting of Experts
organizzato
dall'Istituto
Superiore In-
ternazionale
di Scienze
Criminali
Quali sono le sf-
de politiche, socia-
li e culturali che la
globalizzazione e
il progresso scien-
tifico-tecnologico
impongono ai go-
verni internazio-
nali? Qual il ruo-
lo delle istituzioni
nel salvaguardare
il futuro dei diritti
umani?
Sono alcuni dei
temi al centro del
meeting Limpat-
to della globaliz-
zazione sul futuro
dei diritti umani
e della giustizia
penale internazio-
nale, organizzato
dal 3 al 7 settem-
bre dall'Istituto
Superiore Interna-
zionale di Scienze
Criminali (ISISC),
la pi importante
fondazione italia-
na nel campo della
ricerca e dello stu-
dio per la tutela dei
diritti umani, con
oltre quarant'anni
di attivit.
Un calendario ric-
co di ospiti tra cui
il Vice Segreta-
rio Generale della
Farnesina Antonio
Bernardini, il Mi-
nistro della Giu-
stizia del Bahrain
Khaled Bin Ali Al
Khalifa, l'ex Sotto-
segretario al Mini-
stero della Difesa
Stefano Silvestri,
il Sottosegreta-
rio Generale del-
le Nazioni Unite
Adama Dieng, il
Procuratore Ge-
nerale del Qatar
Ali Bin Fetais
al-Marri, l'Am-
basciatore USA
Stephen J. Rapp e
l'Alto Rappresen-
tante per l'Alle-
anza delle Civilt
delle Nazioni Uni-
te, Ambasciatore
Nassir Abdulaziz
al-Nasser
Le drammati-
che vicende che
in questi giorni
stanno scuotendo
lopinione pubbli-
ca internazionale
testimoniano, una
e religiose. In uno
scenario caratte-
rizzato da con-
trasti e tensioni
a livello globale,
l'ISISC, presiedu-
to dal Professor
M. Cherif Bas-
siouni, ha deciso
di riunire giuristi,
accademici e rap-
presentanti delle
maggiori istituzio-
ni internazionali
presso la propria
sede (Via Logo-
teta, 27) per ri-
to che esso avr
sulla salvaguardia
e la promozione
dei diritti umani
nel mondo.
I sanguinosi con-
fitti che negli ul-
timi anni hanno
distrutto intere
area del pianeta
dimostrano quan-
to gli effetti della
globalizzazione
possano essere
determinanti nel
ridisegnare gli
equilibri mondiali
or gani zzazi oni
non governative
(ONG) in tutto il
mondo, realizzan-
do oltre 530 confe-
renze, workshop,
seminari di forma-
zione e riunioni di
esperti. Allattivit
di ricerca dellI-
stituto seguita
la pubblicazione
di 148 volumi che
contengono gli atti
dei convegni in
materia di giusti-
zia penale interna-
zionale, di diritto
penale comparato,
di diritti umani e
di procedura pe-
nale.
Tra gli ospiti in
programma sono
previsti gli inter-
venti del Presi-
dente della Repub-
blica di Croazia
Ivo Josipovi, di
Danilo Trk, ex
Presidente del-
la Repubblica di
Slovenia, e del
Sotto-Segretario-
Generale delle Na-
zioni Unite Adama
Dieng.
Presenti inoltre,
tra i 95 parteci-
panti in calenda-
rio, il Principe
Hassan bin Talal
della Giordania,
il Vice Segreta-
rio Generale della
Farnesina Antonio
Bernardini, il Pro-
curatore Generale
del Qatar Ali Bin
Fetais al-Marri,
l ' Ambasci at or e
presso l'Uffcio per
la Giustizia Penale
Globale del Dipar-
timento di Stato
USA Stephen J.
Rapp (nella foto),
l'Alto Rappresen-
tante per l'Alle-
anza delle Civilt
delle Nazioni Uni-
te Ambasciatore
Nassir Abdulaziz
al-Nasser, il Mi-
nistro della Giu-
stizia del Bahrain
Khaled Bin Ali
Al Khalifa, e l'ex
Sot t osegr et ar i o
al Ministero del-
la Difesa, Stefano
Silvestri.
so che concepisce
un mondo sempre
pi interconnes-
so ma, al tempo
stesso, sempre
meno impegnato
nellindividuare e
rafforzare lidea di
bene comune. Ad
oggi non esistono
strumenti atti ad
esercitare un con-
trollo sugli effetti
negativi dellevo-
luzione scientif-
co-tecnologica e
ci contribuisce a
chi e paesi poveri
cedano il passo a
giochi di potere e
prevaricazioni che
minacciano i di-
ritti inalienabili di
ogni essere uma-
no.
Dal 1972 ad oggi
lISISC ha col-
laborato con 45
organi zzazi oni
intergovernative,
numerosi enti go-
vernativi italiani
e stranieri e 106
volta di pi, quan-
to fragili siano gli
attuali strumenti
a tutela dei diritti
umani, soprattutto
con riferimento a
minoranze etniche
fettere su come
lattuale ordine
geopolitico ed
economico abbia
infuenzato le lo-
giche di integra-
zione, e sull'effet-
e i rapporti tra gli
individui com-
menta il Presi-
dente ISISC M.
Cherif Bassiouni
Viviamo oggi il
singolare parados-
far s che priori-
t come la tutela
dellambiente, la
lotta alla fame nel
mondo e lannul-
lamento del diva-
rio tra paesi ric-
La pi importante fondazione italiana nel campo della ricerca e dello studio
per la tutela dei diritti umani, con oltre quarant'anni di attivit
In foto in alto, la sede a Siracusa dellISISC
(Istituto Superiore Internazionale di Scienze Cri-
minali); a fanco, il Presidente ISISC, M. Cherif
Bassiouni; sopra, il Presidente della Repubblica
di Croazia Ivo Josipovi.
CRONACA DI SIRACUSA 6 Sicilia 28 agoSto 2014, gioved 28 agoSto 2014, gioved Sicilia 7 CRONACA DI SIRACUSA
Fino al 2020 le concessioni
dei beni demaniali marittimi
la vi-
gente di-
sciplina
statale in
materia
ha ormai
defnitiva-
mente di-
sposto la
proroga
e' arrivato il momento che la regione
Siciliana si adegui alla normativa statale
Firmato il decreto
di proroga del ter-
mine di scadenza
delle concessioni
demaniali fino al
31 dicembre 2020,
in applicazione e
uniformit a quanto
stabilito in ambi-
to nazionale. Non
sono stata insensi-
bile alle istanze, pi
volte rappresentate
in questi mesi dalle
Associazioni di cate-
goria, sulla necessit
di adeguare la durata
delle concessioni
demaniali a quanto
stabilito dalla vigen-
te legislazione statale
in materia. Ferme
restando le procedure
di verifca, si deciso
di modifcare quanto
stabilito dal D.A.
138/GAB/2013 in
merito alla scadenza
delle concessioni, il
cui termine ultimo
individuato era fs-
sato al 31 dicembre
2015. La vigente
disciplina statale in
materia, infatti, ha
ormai defnitivamen-
te disposto la proroga
di tutte le concessioni
demaniali marittime,
in scadenza, sino al
31 dicembre 2020,
nelle more del proce-
dimento di revisione
del quadro normativo
in materia di rilascio
delle concessioni
di beni demaniali
marittimi. La durata
del rapporto conces-
sorio fno al 2015,
come ancora pre-
visto dal D.A. 138/
GAB/2013, appariva
insuffciente, per due
ordini di ragioni: sia
per quegli operatori
che avessero pro-
vato ad accedere a
contributi di prove-
nienza comunitaria,
che sarebbero stati
evidentemente nega-
ti con una scadenza
della concessione
cos ravvicinata nel
tempo; sia, a maggior
ragione, per quegli
operatori che hanno
gi avuto accesso
a contributi di pro-
venienza comunita-
ria e rischierebbero,
proprio per questo
motivo, di doverli
persino restituire. E'
arrivato il momento
che la Regione Sici-
liana si adegui alla
normativa statale.
Alla luce della si-
tuazione di soffe-
renza che l'economia
siciliana sta attra-
In foto, la costa di Mar-
zamemi.
versando conclude
la Sgarlata mi
sembrato doveroso
procedere ad un atto
di uniformit alla le-
gislazione nazionale
per favorire da un
lato quegli investi-
menti che una mag-
giore durata conces-
soria sar in grado di
attivare dall'altro la
creazione di posti di
lavoro che da quegli
investimenti potr
derivare.
Segnalata la presenza
di topi, zecche, zanzare
e animali morti
occorre la derattizzazione
Tanti cittadini ci hanno
segnalato gi da qualche
settimana la presenza
copiosa di topi, grossi
e piccoli, in quasi tutti i
quartieri della citt. Da
Ortigia, al Viale Zec-
chino, a Santa Panagia,
cos come in altre zone
urbane, compreso il cen-
tralissimo Corso Gelo-
ne-Piazza Adda, oltre al
perenne lamento degli
abitanti di tutte le zone
balneari, dove in miglia-
ia ormai vivono in pianta
stabile di residenza che in
molti denunciano lo stato
d'abbandono; un lamento
allarmante nel denunciare
l'avvistamento di grossi
topi aggirarsi per le stra-
de cittadine, specie nelle
vicinanze dei cassonetti
della spazzatura. Un fatto
che diventa normale con la
mancanza della necessaria
e periodica derattizazione
che ogni anno il comune
eseguiva a tappeto; ma
che gi da qualche anno
non vediamo pi ripetersi.
Si tratta di una cosa serie,
poich implica un pericolo
per la salute pubblica della
popolazione, insieme alla
disinfestazione e la disin-
fezione nei luoghi dove
insistono scuole o edif-
ci pubblici, come anche
ospedali o nelle immedia-
te vicinanze di ristoranti e
bar, di camion alimentari
per la vendita di panini in
pianta stabile, pur nondi-
meno anche nella pubblica
via, dove i cittadini vivono
un'ansia abbastanza soste-
In foto, un ratto morto in un parco giochi.
nuta in vista di topi, zec-
che e zanzare o animali in
genere che disturbano alla
sola vista.
Rimane aperta anche l'an-
nosa questione del diserbo
lungo le strade di pertinen-
za comunale; ma anche
provinciale, che per la ve-
rit in buona parte sono
state diserbate. Entrando
a Siracusa, quale unico
esempio, dalla parte nord,
la strada che da Scala gre-
ca attraverso la rotatoria di
Targia porta alla svincolo
dei centri commerciali, che
di propriet del Comune
di Siracusa, ai due lati insi-
stono due bei flari di erba
secca che intralciano fa-
stidiosamente la viabilit,
creando un grave pericolo,
oltre ad un bruttissimo bi-
glietto da visita per fore-
stieri e turisti.
Controllo
del territorio
Agenti delle Volanti
della Questura di
Siracusa, in servi-
zio di controllo del
territorio, hanno de-
nunciato in stato di
libert due persone
D.A.E. di 45 anni di
Augusta, per il reato
di furto perpetrato
su unautovettura in
sosta, e C.F. di 37
anni, Siracusano,
per inosservanza
agli obblighi della
libert vigilata cui
sottoposto. Nel
pomeriggio di ieri,
Agenti del Commis-
sariato di Ortigia
hanno denunciato in
stato di libert altre
due persone O.B.
di 23 anni e O.C.N.
di 37 anni entram-
bi originari della
Nigeria, per i reati di
resistenza a pubblico
uffciale e rifuto di
fornire le proprie
generalit.
In foto, momenti aggregativi dei giovani: sopra il Gruppo, sotto il Murales.
di Arturo Messina
Nella suggestiva,
paradisiaca spelon-
ca della latomia dei
Frati Cappuccini ve-
nerd scorso Franca-
maria De Monti ha
presentato il quarto
incontro musical-
culturale nellottica
dellVIII Edizione
di LatomiArte, da lei
organizzata per alle-
viare lafosa e apati-
ca estate siracusana.
La stessa dinamica
organizzatrice, pri-
ma di presentare lo
spettacolo, ha tenu-
to a far sapere che
proprio questanno
ricorre il centena-
rio della prima rap-
presentazione che
in questo stupen-
do sito si fece : lo
stesso anno in cui
vennero istituite le
Rappresent azi oni
Classiche al teatro
greco, aggiungen-
do che proprio per
questo stata curata
una mostra di gran-
dissima importanza,
in quanto raccoglie
una ricchissima do-
cumentazione di fo-
tografe, di libri, di
lettere, di scritture,
di cartoline, di og-
getti riguardanti le
tantissime attivit
che si sono svol-
te nellintero corso
del secolo in questo
stupendo angolo di
Akradina, dalla pi
rara vegetazione, di
cui proprio in que-
sti giorni Video Re-
gione ha diramato la
notizia che due degli
ultrasecolari sue al-
beri sono stati consi-
derati degni di essere
inclusi tra i monu-
menti vegetativi pi
rari . La mostra sar
inaugurata giorno
30 agosto nella sala
di rappresentanza,
la Caravaggio del
Museo Archeologi-
co, in piazza Duo-
mo.
E stata la stessa pro-
tagonista della sera-
ta, la ben nota attrice
teatrale e cinema-
tografca, scrittrice,
danzatrice, direttrice
teatrale di spettacoli
dal livello nazionale,
nonch docente di
recitazione, Cateri-
na Casini, a dirci il
motivo che lhanno
indotta a realizzare
leccellente concer-
Messico e nuvole
Eccellente concerto
di parole
to di parole. Infatti,
concedendoci gentil-
mente unintervista,
alla fne della per-
formance, caloro-
samente applaudita
dal folto pubblico
accorso perch ben
ne conosceva attra-
verso i mass media la
straordinaria valenza
artistica, alla doman-
da che le abbiamo
rivolto sul cos inso-
lito argomento ci ha
risposto con il pi
smagliate sorriso:
Ho voluto portarvi
idealmente in Messi-
co, affnch partiate
tutti a rendervi con-
to personalmente,
de visu, del fascino
delle sue rare bel-
lezze, della ardiente
passionalit dei mes-
sicani!
- Come mai ha scel-
to un argomento cos
insolito anche se cos
affascinante?
Lidea mi venuta
alcuni anni addietro,
nel maggio del 2008,
quando a Sansepol-
cro vi stata una
mostra riguardante
larte e la storia del
Messico e fui inca-
ricata di prendervi
parte con una perfor-
mance sullo stesso
argomento, con una
raccolta di poesie
e pensieri opportu-
namente realizzata
consultando diversi
testi attinenti molto
interessanti nella Bi-
blioteca Nazionale.
Man mano che pro-
cedevo nellaccurata
ricerca delle notizie
riguardanti il com-
plesso degli aspetti
storici, politici, so-
ciali, letterari musi-
cali, delle persone e
degli artisti, sempre
pi andavo amma-
liandomi. E stato
cos che, essendomi
tanto entusiasma-
ta e daltro canto,
avendone ricavato
sempre pi succes-
so, ho continuato ad
arricchirla e a comu-
nicarla.
- E la selezione, di
fronte ad un cos ric-
Il titolo? Questo non
suo. Ritengo che
Caterina Casini abbia
voluto ispirarsi allo-
monima nota canzo-
ne di Alexander che,
tra laltro, dice che il
Messico la faccia
triste dellAmerica
e lesprime facendo
piangere larmoni-
ca ripetendo pi vol-
te lo stesso refrain.
Ancor pi tristemen-
te la canta Fiorella
Mannoia, mentre
Enzo Jannacci pre-
ferisce interpretarla
in una via di mezzo,
con malinconia mi-
sta a brio ed allegria,
che poi la visio-
ne che ne ha saputo
dare la stessa Cateri-
na Casini. Il celebre
cantante la cantava
gi nel 1970: Lei
bella, lo so!/ E pas-
sato del tempo/ ma
io lho sempre nel
cuor//Io vorrei, io
vorrei/ritornar di
nuovo da lei!... In
effetti il Messico
considerato come il
chiaroscuro oppu-
re, se vogliamo, an-
dare indietro oltre un
secolo, come croce
e delizia della ver-
diana Traviata
Che il Messico, pur -
anzi ancor pi! - con
il chiaroscuro della
sua storia, della sua
provenienza genetica
e caratteriale, susci-
ti il pi vivo fascino
non solo paesaggi-
sticamente, ma an-
che letterariamente,
Caterina Casini lha
dimostrato chiara-
mente, con la sua pe-
netrante interpreta-
zione che scaturisce
dallapprofondimen-
to del testo e dello
stesso stato danimo
lungo i reconditi me-
andri degli autori e la
vibrante recitazione,
sostenuta, anzi esal-
tata dagli interven-
ti musicali di Nello
Alessi, il ben noto
chitarrista siracusa-
no, di cui ci saremmo
aspettato un maggio-
re spazio, non certo
per i Siracusani, ch
a Siracusa, come
bene ha sottolineato
la stessa Francamaria
De Monti nel presen-
tarlo, tutti lo cono-
scono e lo ammirano,
ma per i non pochi
turisti che erano pre-
senti al concerto di
parole.
co materiale?
Certamente non
stato facile farla!
Tante cose altrettan-
to affascinanti sotto i
pi molteplici aspetti
avrei voluto lasciare,
riguardanti una cos
ricca panoramica di
questa singolare na-
zione, che appare
cos semplice, ma
ha cos numerosi e
caratteristici aspetti
da osservare, da am-
mirare, per i contrasti
che appaiono impen-
sabili, inconciliabi-
li, ma che invece, a
bene osservarli, la
rendono di gran lun-
ga pi affascinante e
attraente di tante al-
tre, specialmente se
si sa osservare diret-
tamente
A questo punto lho
interrotta aggiungen-
do: come pure se la
si sa presentare come
lei questa sera ha fat-
to! Caterina Casini
questanno celebra
il quarantesimo an-
niversario dellinizio
della sua splendida
carriera. Infatti de-
butt nel 1974 al
Teatro Politecnico di
Roma, in La lotta
per il soldo tratta da
Brecht; ma anche
autrice di diverse
commedie: del resto
anche in questo la-
voro, non si limi-
tata alla recitazione
di liriche e pensieri
altrui, ma di suo ha
aggiunto una parte,
lultima, con cui ha
saputo dimostrare la
sua non comune vena
creativa.
Quarto
incontro
dellOttava
Edizione di
LatomiArte
organizzato da
Francamaria
De Monti
alla latomia
dei Cappuccini
CULTURA 8 Sicilia 28 agoSto 2014, gioved 28 agoSto 2014, gioved Sicilia 9 ATTUALIT
Quei pulmini oggetto
di discordia tra Comune e Ast
il progetto
Siracusa
damare
fno adesso
ha riscosso
tanto con-
senso tra
i siracusani
e i turisti
il sindaco di Siracusa garozzo prova
disappunto per la polemica con last
Nellambito del con-
sueto rapporto di fattiva
collaborazione esistente
fra la Croce Rossa Italia-
na Comitato Provinciale
di Siracusa - e la Capita-
neria di Porto Guardia
Costiera aretusea, 33
militari operanti a bor-
do delle motovedette in
forza allEnte di Piazza-
le IV Novembre hanno
seguito il corso di ag-
giornamento in tecniche
BLSD (Basic Life Support
Defbrillation). Tale corso,
professionalmente tenuto
da volontari appartenenti
al suddetto Comitato Pro-
vinciale diretto dalla Dott.
ssa Rosa Maria Sciuto, ha
consentito ai militari parte-
cipanti di acquisire tutti gli
aggiornamenti relativi alle
tecniche di sostegno di base
alle funzioni vitali e di uti-
Aggiornamento BLSD
(Basic Life Support
Defbrillation)
lizzo del defbrillatore semi
automatico. Tale attivit
formativa risulta di eviden-
te e fondamentale impor-
tanza anche alla luce della
tipologia delle frequentis-
sime operazioni effettuate
nel quadro dei cosiddet-
ti eventi grandi numeri
come quelli riguardanti la
ricerca e il soccorso prestati
a favore di unit con nume-
rosissimi migranti a bordo.
c.r.i. e caPitaneria di Porto
I sei pulmini elettrici
che da diversi anni si
trovavano parcheg-
giati in un magaz-
zino del Comune di
Siracusa allex mer-
cato ittico, destinate
alla rottamazione,
e tornati a circolare
per le strade della
citt sono oggetto di
querelle tra Comune
e Ast.
Il progetto Siracusa
damare fno adesso
ha riscosso tanto con-
senso tra i siracusani
e i turisti a circolare
con i mezzi pubblici.
Il servizio come sap-
piamo in via speri-
mentale per la durata
di tre mesi. Non pia-
ce allAst. Il costo
del biglietto di 50
centesimi e pu es-
sere fatto sia in molti
punti vendita sia di-
rettamente a bordo.
Laziensa siciliana
trasporti lo scorso
18 agosto invi una
lettera di diffda al
sindaco. Intim di
togliere dalle strade
di Siracusa le navette
oppure si poteva an-
dare per via legale. Il
primo cittadino trova
il suo disappunto.
Una reazione scom-
posta di Ast. Abbia-
mo tentato pi volte
la via del dialogo per
migliorar e il servi-
zio, che carente. Il
nostro un modello
di mobilit stagionale
e sperimentale. Spe-
riamo di non sospen-
derlo e tenerlo attivo
per dodici mesi lan-
no. Non il nostro
un vero trasporto ur-
bano, colleghiamo i
parcheggi con il cen-
tro storico. LAst re-
clama che loro sono
esclusivisti del servi-
zio e ci hanno diff-
dato per concorrenza
sleale visto che il bi-
glietto che facciamo
pagare (50 centesimi,
ndr) troppo basso
rispetto agli standard
regionali (1,20).
In ogni caso, il Co-
mune tenter la via
del dialogo. Sanno
gi quale sia la no-
stra intenzione. Noi
vorremmo occuparci
di una parte del ser-
vizio, come quello
che abbiamo attivato.
Loro, invece, servi-
rebbero al meglio la
zona alta e le perife-
rie. Spero vengano
a pi miti consigli,
dice ancora Garozzo.
Questo il piano del
Comune. Ma se Ast
dovesse risponde-
re negativamente,
pronto un nuovo pia-
no. Vorremmo evi-
tarlo, ma i contratti
nella vita si possono
anche rescindere. In
quella eventualit, se
la Regione confer-
masse a noi i 2 milio-
ni di euro che versa
allazienda dei tra-
sporti per Siracusa,
potremmo fare gran-
di cose. Io sono per
la collaborazione con
Ast. Quello che
stato fatto un passo
importante ai fni di
una citt ecososteni-
bile spiega lasses-
sore Francesco Italia
Pensiamo, infatti,
ad una citt eco com-
patibile, che sia a
misura duomo e ci
potr avvenire con
questo tipo di politica
volta ad abbattere i
costi energetici.
Una mano in tal
senso ci viene dallo
smart cities che ha
destinato alla nostra
citt la somma di
settemilioni e mezzo
che servono alleff-
cientamento energe-
tico.
Palazzolo:
a fuoco un
pastorale
in piena via
Uno dei pastora-
li che abbelliscono
la centralissima via
Vittorio Emanuele
a Palazzolo Acrei-
de ha preso fuoco
questa mattina. Il
curioso incendio si
sviluppato sotto
gli occhi di decine
di passanti, alcu-
ni dei quali si sono
armati di estintore
e di secchi dacqua
per spegnere il rogo.
Lallarme scatta-
to intorno alle ore
11, quando, forse a
causa del surriscal-
damento dovuto in
parte alla lampada
dellilluminazione
pubblica, rimasta
accesa anche per
buona parte della
mattinata, e parte
a causa de sole, si
creata autocom-
bustione. Le fam-
me sono attecchite
anche a causa del
rivestimento in pla-
stica dei pastorali,
che praticamente si
sciolto del tutto,
mentre i lapilli sono
caduti sul marcia-
piede.
Dallattiguo istituto
di credito sono usci-
ti gli impiegati ma
non stato semplice
attivare lestintore.
A quel punto, alcu-
ni passati si sono
procurati dei secchi
dacqua con i quali
hanno spento lin-
cendio primanco-
ra dellarrivo della
squadra dei vigili
del fuoco del locale
distaccamento, pe-
raltro impegnata su
altri fronti ben pi
impegnativi.
Sempre in tema
dincendi, alle ore
4,20, una squadra
dei Vigili del Fuoco
della sede centrale di
Siracusa si recata
in via Giuseppe Riz-
za, nella zona alta
della citt, per do-
mare lincendio che
ha danneggiato una
Mini One posteggia-
ta allinterno di un
cortile condominia-
le; alcuni elementi
rilevati al termine
delle operazioni di
spegnimento, fanno
supporre lazione
dolosa allorigine
dellevento.
Asinistra i pulmini
elettrici Siracusa
dAmare.
In questi giorni,
anche in vista del
prossimo bilancio
di previsione e del-
le scelte in materia
di lavori pubblici, ci
siamo sentiti a pi
riprese con gli amici
con cui condividia-
mo limpegno civile
che vede in aula al
Vermexio la presen-
za della nostra lista
attraverso lazione
sempre fattiva di
Cetty Vinci inter-
viene il coordinatore
Michele Mangiafco
-. Erano molte le
segnalazioni ricevu-
te in tema degrado
della pavimentazione
stradale, alcune delle
quali oggetto di con-
fronto con lo stes-
so primo cittadino,
come il famigerato
primo tratto di corso
Umberto, dalla sta-
zione a piazzale Mar-
coni. Ci siamo anche
posti, in una citt che
oggi gode di unim-
portante presenza tu-
ristica ma di una in-
decorosa immagine
delle proprie strade,
a fronte delle innu-
merevoli richieste di
intervento, da dove
unAmministrazio-
ne che voglia distin-
guersi per un cambio
di mentalit e di pas-
so debba cominciare
per non farsi dire che
privilegia i pi ricchi
o sempre le stesse ar-
terie o chi urla di pi
o quelli pi vicini a
chi governa etc. etc.
Per questa ragione,
vogliamo suggerire
al primo cittadino di
mutuare dagli esempi
oggi allavanguardia
nel nostro paese un
approccio diverso,
worst frst, ovvero
una programmazione
improntata allemer-
genza e frutto delle-
laborazione di una
curva di degrado di
tutta la rete viaria cit-
tadina, che consenta
di ottimizzare le ri-
sorse a disposizione
ed effettuare risparmi
di lungo periodo.
E noto infatti che
a livello mondiale e
nelle citt pi avan-
zate, lelenco di pri-
orit degli interven-
ti di manutenzione
stradale non pi
frutto delle scelte
elettoralistiche del
consigliere comunale
di turno, ma dellap-
plicazione di un in-
sieme di procedure
idonee ad assistere
chi debba prendere
decisioni nel realiz-
zare, monitorare e
mantenere le pavi-
mentazioni stradali,
ottimizzando i costi.
Roma, attraverso la
collaborazione del
Dipartimento di In-
gegneria Civile di
Roma Tre, stata la
prima citt in Italia
a partire dallo scor-
so mese di luglio ad
applicare il nuovo
sistema attraverso un
veicolo multifunzio-
ne che realizza una
mappatura in 3D del
territorio, un investi-
mento iniziale per un
elevato risparmio ed
una sana e lungimi-
rante politica succes-
sivi.
Un cambio di men-
talit cruciale in
tempi di spending
review. Si trattato
del Pavement Ma-
nagement System,
uninnovazione as-
soluta. Adesso noi
suggeriamo allAm-
ministrazione Garoz-
zo di fare la stessa
cosa, dando inizio
al cambiamento,
con una manuten-
zione programmata
e intelligente per la
riasfaltatura delle
strade, rendendo gli
interventi effcienti
e risparmiando nel
lungo periodo.
Ortigia Sound System Festival
sabato allArena Maniace
Le sonorit ispirate al reggae saranno
protagoniste sabato prossimo all'Arena
Maniace per l'Ortigia sound system fe-
stival. L'evento, patrocinato dal Comune,
inizier alle 18 e sar suddiviso in due
momenti: dj set e live show. Di seguito
il programma della serata.
La scheda informativa dalla collabora-
zione tra Good Vibes Lab e Sazzah Studio
Records e Modimood nasce il primo
festival nell'isola di Ortigia (Siracusa)
dal nome Ortigia Sound System. Il
festival si svolger il 30 Agosto nello
spettacolare palcoscenico del Castello
Maniace, monumento storico costruito
per volont di Federico II di Svevia nel
1240. Il festival partir da quello che
il sound tradizionale e primordiale del
reggae, per poi continuare all'interno di un
percorso sonoro e temporale che prosegue
attraverso le contaminazioni che il genere
musicale ha assorbito nel corso degli anni.
Sar una giornata unica per gli amanti del
genere, che potranno ammirare e vivere in
pieno le buone vibrazioni che il castello
medievale, attraverso il suo fascino sapr
esprimere.E vivamente consigliato di ar-
rivare alle 18.00 perch l'evento inizier
a quell'ora per poter svolgere al meglio
e come di programma l'intera line up. A
conclusione delle due serate degustazio-
ni di prodotti tipici offerti da Panifcio
Carb, Cantine Monterosso, Caseifcio
Borderi, Sicil Sapori e Gran Caff del
Duomo. Organizzazione Extramoenia
& ArchoTheatron. Ala prochaine fois!
T Vi sono luoghi che han-
no avuto tanta parte nella
nostra vita cittadina che
sempre pi spesso vengono
dimenticati e sepolti nello-
blio dallavanzare di nuovi
interessi della Comunit.
Per non parlare poi di quei
luoghi che i nostri concit-
tadini non hanno mai vis-
suto come propri. La Villa
Reimann ed il suo Parco
proprio uno di questi.
Molti sconoscono questa
realt ai piedi della Citt
nuova; i pi transitano sulla
strada su cui confna e non
si sono mai incuriositi che
la targa, che ne certifcava
lesistenza, non pi al suo
posto. Adesso, sfregiata
e rotta, si trova abbando-
nata a terra allinterno del
Parco ed assolve oggi ad
unaltra funzione: quella
di testimoniare i limiti del
reale interesse dellAmmi-
nistrazione che disattende
gli impegni donore assunti
a suo tempo e derivanti
dallavere accettato il la-
scito testamentario della
Villa Reimann e del suo
patrimonio.
La recente visita effettuata
alla Villa dal giornalista
In foto, la vergogna della targa deturpata.
Rispettare le volont
testamentarie di Reimann
La nobil donna intendeva destinare la villa
Fegotto a sede permanente di attivit educative
Molti SconoScono queSta realt ai Piedi della citt nuova
Morten Beiter, del setti-
manale culturale danese
WeekEndAvisen, invi-
tato dal Gruppo Save Villa
Reimann, ha convinto tutti
gli intervenuti che siamo
ancora lontanissimi dalla-
ver dato corso alle volont
testamentarie della testa-
trice dato che il degrado a
cui avviato la Villa ed il
suo patrimonio di quadri,
tappeti, mobili e argenterie,
disperso ed accatastato per
ogni dove, avanza nella sua
drammaticit rischiando la
perdita della stessa memo-
ria storica del luogo.
Da molto tempo abbiamo
chiesto, e non solo noi,
al Sindaco che venga re-
stituita piena funzionalit
al Comitato dei Garanti
procedendo nella nomina
di due Cittadini che insie-
me al Sindaco stesso, al
Presidente e ad un socio
della Societ di Storia Pa-
tria assolvano al compito
fondamentale di vigilare ed
opportunamente interve-
nire affnch losservanza
delle volont testamentarie
della Reimann possa aver
luogo in fedele interpreta-
zione delle medesime.
La posizione del Gruppo
Save Villa Reimann chia-
ra: nessuna iniziativa che
voglia disporre del patri-
monio della Reimann pu
essere assunta se non si sia
prima costituito lOrgano
che dovr stabilire se luso
scelto confacente o meno
alle volont testamentarie
della donatrice.
Non dare seguito alla sem-
plice e dovuta costituzione
di questa Commissione
signifca proseguire su una
strada che non spunta e che
obbliga a porre domande
che richiedono risposte
plausibili. Ci sar poi
tempo e modo per mettere
allodg dellagenda politi-
ca della Citt la necessit
di decidere quale dovr
essere in futuro lutilizzo
VITA DI QUARTIERI 10 Sicilia 28 agoSto 2014, gioved
inizier alle 18 e Sar SuddiviSo in due MoMenti: dj Set e live Show
"Degrado della pavimentazione
stradale di corso Umberto
una citt che
oggi gode di
unimportante
presenza tu-
ristica ma di
una indeco-
rosa immagi-
ne delle pro-
prie strade
In foto, la Lista Man-
giafco.
Io sono
il mio numero
La Trinaura, attraverso un testo che trae
spunto dalle testimonianze degli ebrei soprav-
vissuti alla deportazione del ghetto romano del
1943, vuole rendere omaggio alla memoria,
alla Shoah, ai suoi caduti, ai loro familiari.
Si narra nello specifco di sette donne di et
compresa tra gli 8 ed i 45 anni, volutamente
di et, nazionalit (una di loro francese),
estrazione sociale e culturale diversa, al fne di
offrire un pi completo panorama delle svaria-
te reazioni che la deportazione, in tutta la sua
drammaticit, ha inevitabilmente generato.
Allaprirsi della scena, le protagoniste inter-
pretano linconsapevole serenit degli ultimi
scorci di vita libera, seppur sacrifcata nel
ghetto, non potendo in alcun modo presagire
lorrore di cui a breve saranno vittime. Parlano
in particolar modo della richiesta/tranello di
50 kilogrammi di oro da parte dei nazisti in
cambio dellincolumit di 200 ebrei: Tanto
poco vale la vita di noi ebrei?, esclamer
Diletta, lunica donna che riuscir a far rientro
dai campi di concentramento. Le rimanenti
troveranno la morte in maniera diversa luna
dallaltra: chi lottando comunque fno alla
fne, chi vittima di un inganno, chi colpita da
malattia, chi di stenti chi semplicemente
scegliendo di farla fnita. La fame, ancor
peggio la sete, i lavori forzati durissimi, le
pessime condizioni igieniche, il freddo
verranno affrontati con sopportazione, corag-
gio ed encomiabile dignit. Per sopravvivere
il trucco alienarsi, viaggiare con la mente
in quei pochi momenti della giornata che
restano liberi, per non impazzire nel ricordo,
nella nostalgia, nel chiedersi incessantemente:
dove saranno fniti i miei cari? li rivedr?
Donne costrette a mostrarsi nude davanti
a uomini sconosciuti che le scherniscono,
mortifcate nella loro dignit, rapate, rasate
nelle parti intime, marchiate a fuoco, inde-
lebilmente, private del nome e del carattere,
spersonalizzate, per essere miseramente ri-
dotte ad un numero, quel numero col quale
si confonderanno e nel quale si perderanno,
non solo in quei campi di morte, ma anche, e
forse spiace dirlo soprattutto al loro rientro,
quando si scontreranno con lincolmabile as-
senza di quei cari, la perdita delle loro radici,
lindifferenza di chi rimasto e non potendo/
volendo capire, si limiter semplicemente ad
additare quellessere oramai irrimediabilmen-
te abbrutito quel numero
28 agoSto 2014, gioved Sicilia 11 VITA DI QUARTIERI
della Villa. Altrettanto
chiaro lobbligo assunto
di garantire e mantenere
la Villa e tutto il terreno
annesso secondo le caratte-
ristiche di allora impedendo
qualsiasi degradazione
e provvedendo alla cura
ed alla manutenzione del
parco.
Il Comune di Siracusa ed
i suoi Consiglieri devono
prendere atto che la signora
Christiane Reimann inten-
deva destinare la villa Fe-
gotto a sede permanente di
attivit educative e forma-
tive culturali di rango uni-
versitario ed altres a sede
di manifestazioni culturali
di pari dignit e di facolt
universitaria, ove Siracusa
diventasse un giorno sede
di istruzione universitaria.
Sarebbe possibile anche
utilizzarla a sede di istituti
scientifici e culturali e
nel suo complesso a sede
delle iniziative culturali
della Societ Siracusana di
Storia Patria, di convegni
di studiosi e discorsi di
lezioni o conferenze indetti
dal medesimo sodalizio.
La Reimann dispose che
ove il Presidente di detta
Societ richieder di dovere
utilizzare la Villa per i fni
anzidetti, il Comune sar
obbligato a cederla e che
la casa annessa alla villa
potrebbe essere utilizzata
per eventualmente allog-
giare gli ospiti partecipanti
a dette manifestazioni.
Per far si che la destinazio-
ne della Villa costituisse
un obbligo immodifcabile
vincolante e permanen-
temente destinata ai fni
istituzionali specifcati, la
Reimann ha disposto che
ogni cittadino di Siracusa
legittimato a chiedere
avanti le competenti auto-
rit Giudiziarie ed Ammi-
nistrative che sia osservato
ladempimento di tutte le
obbligazioni indicate nel
testamento a carico del Co-
mune di Siracusa allo scopo
di evitare la dispersione e
la degradazione dellintero
compendio patrimoniale. E
questi adempimenti saran-
no le cose che chiederemo
di fare con celerit al Primo
Cittadino nellincontro gi
programmato per i primi di
settembre.
Per quel che ci riguarda il
gruppo Save Villa Reimann
sapr essere vigile e deter-
minato affnch il lascito
che la Reimann ha inteso
donare alla nostra distratta
Citt diventi patrimonio
vivo e condiviso a favore
della evoluzione culturale
dei suoi abitanti.
Marcello Lo Iacono
Zona industriale, morte, malati e dolore
Una strage peggiore di una guerra
Disastro ambientale colposo e avvelenamento dellaria e dellacqua omissione
di misure, ipotesi di reato per i vertici della ErgMed (ora propriet della Lukoil)
gaS toSSici e idrocarburi nellacqua con effetti devaStanti
di Concetto Alota
Il territorio, i cittadini re-
sidenti, i lavoratori addet-
ti all'interno delle fabbri-
che della morte e situati
nel triangolo industriale
Siracusa - nord, cit-
t giardino-belvedere,
Priolo-Gargallo, Melilli-
villasmundo e augusta,
da oltre mezzo secolo
sono incessantemente
contaminati nei luoghi
di lavoro, nella pubblica
strada e fn dentro le
stanze da letto, da agenti
chimici cancerogeni mul-
ti potenti, tossici e nocivi
per le piante, l'acqua, la
fora e la fauna, la vita in
generale.
i morti per tumori e
cancro, leucemie e tutto
il resto, nella zona indu-
striale siracusana si sono
registrati da sempre
intorno al 36%; un pi
60% del resto d'italia. i
bambini nati malformati
hanno segnato un pi
6%, un 4% in pi del
resto della Penisola. un
fatto preoccupante e che
ha suscitato l'interesse
degli studiosi pi illustri
al mondo che si sono
occupati nel tempo della
delicata materia.
Quello del Petrolchimi-
co siracusano stato
un vero disastro am-
bientale, silenzioso, e
mentre nelle altre zone
a forte concentrazione
industriale si riusciti
a impiantare una causa
collettiva penale con le
industrie responsabili,
qui a Siracusa, pur alla
presenza di fatti e circo-
stanze di gran lunga su-
periori e molto pi gravi
delle zone di brindisi,
Porto Marghera, Man-
fredonia e via dicendo,
con discariche a iosa,
anche all'interno degli
stabilimenti, vedi inchie-
sta giudiziaria alla esso,
ex Rasiom, al "Campo
Meloni", con migliaia di
morti per cancro, tumori,
leucemie e tutto il resto,
siamo ancora alla conta
dei cadaveri e dei malati.
ilsolo caso in cui le indu-
strie hanno remunerato
il danno a dei cittadini
colpiti dall'inquinamento
industriale, si verifca-
to a Siracusa dopo lo
scandalo dell'enichem,
con l'operazione "Mare
Rosso", condotta dal
procuratore dell'epo-
ca, Roberto Campisi e
del sostituto, Maurizio
Musco; l' enichem di
sua spontanea volont,
forse spinta dal clamore
mediatico dell'inchiesta
giudiziaria, con risvolti
di livello mondiale, e in-
calzati dalla magistratura
siracusana sullo smalti-
mento illegale del mer-
curio dell'impianto cloro-
soda nel mare della rada
di Augusta, causa diretta
delle malformazioni, ri-
sarc con delle somme
imputabili e variabili, in
base al danno causato,
i genitori dei bambini
nati malformati, e tutte
le donne che, a causa
della malformazione del
feto, decisero di abor-
tire clinicamente. Altro
risarcimento del danno
stato quello storico delle
vittime dell'amianto, ma
questo fatto anche in
tutta l'europa e in varie
parti del mondo.
la diffusione nell'aria
di gas velenosi, l'inqui-
namento della falda ac-
quifera, delle acque del
mare, con idrocarburi,
mercurio e altro, cos
come di tutti gli ambien-
ti circostanti, dove si
svolge il normale vivere
di esseri umani organiz-
zati in comunit, quindi
dell'ambiente in gene-
rale, e dove in quelle
zone di produzione del
presente e del passato,
c' l'origine di un disastro
ambientale, con morti e
malati, di carattere per-
manente, i cui effetti per
la salute umana e l'am-
biente sono ancora attivi,
insiste un reato penale
non prescritto: l'avve-
lenamento e la conta-
minazione con potenti
elementi chimici velenosi
che hanno causato e
continuano a provocare
morte e dolore, in aperto
contrasto con i principi
della salvaguardia della
vita umana. ecco perch
ci sono tutti i presupposti
per un'azione giudiziaria
d'uffcio. questa co-
munque una denuncia.
il fatto pi grave rimane
nel numero indefinito
di esseri umani morti
prematuramente per
la contaminazione dei
veleni e delle polveri
inalate fn dentro le case,
e l'acqua con la benzina
e altri veleni ingerita per
l'inquinamento della fal-
da acquifera. Polveri di
cemento, calce, fertiliz-
zanti, ammoniaca, acrilo-
nitrite, cloro-soda, etile-
ne, poliuretani, vanadio,
cesio, mercurio, ossido
di propilene, benzene,
toluolo, parexolo, exolo,
benzolo e via dicendo
fino in fondo pagina.
Si tratta, nella maggior
parte dei casi, di agenti
chimici velenosi con
funzione cancerogena
multipla per l'organismo
umano e animale, capaci
di generare tumori ence-
falici, polmonari, linfatici,
fbrosi e angiosarcomi
epatici; cancro ai tessuti
emopoietici con effetti
devastanti e che pos-
sono colpire, non solo
gli addetti ai lavori che
operano direttamente
negli impianti, ma anche
gli ignari cittadini esposti
ai micidiali vapori che
fuoriescono dai cicli
industriali e dalle torce
degli stabilimenti del
Petrolchimico.
il fatto grave che il male
silenzioso e pu mani-
festarsi anche a distanza
di tanti anni.
la verit arrivata sem-
pre tardi, ma la puzza e i
miasmi sono sempre in
agguato in ogni luogo e
fn dentro i paesi che si
affacciano nel triangolo
industriale, capoluogo
compreso, specie nelle
notti d'estate con le fne-
stre spalancate, quando
l'angelo della morte entra
silenzioso per colpire
dolcemente nel sonno
del riposo donne, uomini,
anziani e bambini.
i sabati e le domeniche,
come denunci e con-
ferm anni fa uno degli
addetti ai lavori, Roberto
vasile, in diretta tv ai
microfoni di "Tele Mar-
te" alla collega Carmen
Sambito, con dovizia di
particolari. Spieg che
gli impianti sono spinti
al massimo, e i gas ac-
cumulati fatti scaricare a
cielo aperto senza alcun
controllo istituzionale nei
fne settimana e nei giorni
festivi.
la puzza diventa irre-
sistibile, l'aria irrespira-
bile, con fumi di veleni
scaricati per diluirsi nel
mare, mentre nell'aria si
addensano fumi e vapori
variopinti che s'innalza-
no verso il cielo a vista
d'occhio e a volte lo
scenario diventa davvero
apocalittico. in alcun tratti
della costa una schiuma
biancastra si forma in
superfcie ed assorbita
lentamente dalle acque
del mare.
non si pu vivere con
il pensiero di essere
contaminati e ammalarsi
senza alcuna ragione
logica, in attesa di una
morte lenta e inesorabile,
che colpisce lentamen-
te nei punti nevralgici
del nostro corpo. i gas
velenosi e i miasmi si
avvertono nell'aria in
maniera copiosa. Siamo
costretti a chiudere porte
e fnestre per non respi-
rare l'aria maleodorante
e velenosa spinta dai
venti, che a volte produce
un terribile bruciore agli
occhi e alla gola.
i nostri polmoni costretti
a respirare anidride car-
bonica e veleni oltre la
soglia di sicurezza per
la vita umana. Migliaia
e migliaia di metri cubi
di gas immersi nell'at-
mosfera, nel cielo dei
territori del circondario
della zona industriale,
come sull'esempio di una
stanza chiusa e riempita
di monossido di carbonio
lentamente, fno a farci
stordire del tutto, prima
che la morte soprag-
giunga per farci morire
dolcemente asfssiati.
Altro fattore di rischio
tumori l'inquinamento
atmosferico provocato
dai motori a scoppio delle
auto, camion, moto, navi
in ormeggio nei porti.
la micidiale miscela
formata dai gas di sca-
rico e le polveri sottili,
inonda le citt in maniera
copiosa, creando a volte
una nube tossica che
staziona nell'aria per
ore, costringendoci a
respirare veleni dannosi
per i nostri polmoni e il si-
stema gastrointestinale.
Per non parlare del fumo
di sigaretta che porta
a una morte di migliaia
di esseri umani dopo
una lunga agonia. Qui
la responsabilit sia pe-
nale sia civile dovrebbe
essere dei sindaci, e dei
municipi in genere, a vol-
te poco accorti o distratti,
specie nelle giornate di
caldo afoso. l'alto nu-
mero di automezzi che
circola senza le dovute
revisioni periodiche fa
aumentare di gran lunga
l'inquinamento.
nessun dubbio sulla
causa dell'insorgere dei
tumori e dei cancri,
della nascita dei bam-
bini malformati e delle
leucemie nelle zone a
forte concentrazione
industriale. inchieste a
iosa e tanti i tentativi di
portare la questione in
un'aula di tribunale da
parte della Procura della
repubblica di Siracusa;
ma le leggi sono troppo
permissive e favoriscono
gli industriali in connubio
perenne con il legislato-
re. Si tratta, nella pratica
applicazione, di una vera
strage. Omicidio colposo
plurimo e disastro am-
bientale.
l'attivit giudiziaria della
Procura di Siracusa da
considerarsi da sempre
una delle pi attive d'ita-
lia nel campo ambienta-
le. infatti, di questi giorni
la notizia della richiesta
del rinvio a giudizio per
cinque tra dirigenti e
tecnici dello stabilimento
erg-Med. l'inchiesta fu
avviata dalla Procura di
Siracusa nel 2012 per
opera di un cittadino che
segnal la presenza di
sostanze inquinanti den-
tro un pozzo d'acqua sito
in localit Targia.
da quel sopralluogo si
scopr che altri nove
privati avevano costatato
lo stesso inconveniente,
compreso il pozzo Can-
nizzo che eroga acqua
nel pubblico acquedotto
comunale di Citt Giar-
dino. l'autodenuncia,
per, fu comunicata
dai vertici della societ,
erg-Med, in forte ritardo
e solo dopo l'apertura
del fascicolo d'indagine,
omettendo dolosamen-
te, dal 2008 al 2012, di
attivarsi per impedire che
gli idrocarburi provenien-
ti dal serbatoio sbucato,
con la sigla S534, inqui-
nassero l'acqua dei pozzi
per uso irriguo e potabile.
l'attenzione della Pro-
cura della Repubblica
di Siracusa indirizzata
sul parco serbatoi della
raffneria isab, ora lukoil,
e la relativa documenta-
zione sulle manutenzioni
eseguite nel 2008 dove
fu accertata la presenza
di un foro da tre millimetri
sul fondo.
ecco l'aggravante citata
con la manifesta cono-
scenza del grave danno
causato agli esseri uma-
ni e all'ambiente. i reati
ipotizzati per i dirigenti
e i tecnici dell'erg-Med
sono, concorso in di-
sastro colposo, avvele-
namento delle acque e
omissioni di misure ido-
nee a contenere l'inqui-
namento dell'ambiente.
Si tratta di capire ora se
i sindaci dei comuni in-
teressati si costituiranno
parte civile nel processo
per la richiesta del risar-
cimento del danno ai
cittadini colpiti dal gesto
criminoso, per avvelena-
mento da idrocarburi fn
dentro le proprie case,
e attraverso l'insalata, il
pomodoro e altre colture
irrigate con la benzina
mischiata all'acqua.
Questo un dato di fatto,
ma senza la collabora-
zione attiva della cittadi-
nanza, niente inchieste,
niente giustizia, niente
processi e tutto rimarr
come prima, peggio di
prima. Ma tutti i serbatoi
esistenti sono ora in
regola? e per quanto
tempo, quanti anni, i
cittadini hanno fatto inge-
rire acqua mischiata con
la benzina o il gasolio? Ci
sono altri serbatoi sbu-
cati con delle perdite?
Quanti e dove?
Ritorna il dilemma della
mancata manutenzione
degli impianti e il rischio
per gli incidenti rilevanti.
i controlli sono, di fatto,
inesistenti, altrimenti non
si spiega perch ogni
tanto qualche magagna
viene fuori all'improvviso
e per giunta si tenta di
nasconderla.
Finora i processi sui
reati ambientali si sono
conclusi, nella maggior
parte dei casi, con la
prescrizione. le leggi
in materia sono inade-
guate. Secondo i dati
emanati dal Ministero
dell'ambiente, si consu-
ma un reato ambientale
ogni quarantacinque
secondi circa. le grosse
inchieste aperte in tutta
italia sono state oltre
300 e tutte fnite nel nul-
la, con un dispendio di
uomini, mezzi e denaro
delle casse pubbliche.
il vero problema sono
le leggi inadeguate e
non l'attivit dei giudici,
come qualcuno vuole far
credere. la magistratura
con le mani legate. in
molti casi il termine di
prescrizione di appena
di cinque anni, oltre al
fatto che mancano uo-
mini e mezzi tecnologici
all'avanguardia.
Quella dei delitti contro
la pubblica incolumit
un affare serio e di rilievo
legislativo.
Rispetto al passato si
registrano sviluppi non
indifferenti, legati al com-
plesso fenomeno della
vittimizzazione di massa
specie nelle aree a forte
industrializzazione, che
espone i cittadini e gli
addetti ai lavori perma-
nentemente alle sostan-
ze tossiche e nocive. Ma
l'intreccio si semplifca
nella relazione tra la
differenza della tutela
penale e l'innovazione
tecnologica, dove il tutto
dovrebbe essere sempre
di natura preventiva e
non curativa. un diritto
penale del rischio con-
tenuto privo di legalit
e funzione dello Stato
garantista. il disastro am-
bientale un referente di
fgure criminose previste
dal Codice Penale, ma la
struttura giuridica di rife-
rimento ancora molto
carente. la tutela am-
bientale legata ai rifuti
tossici smaltiti in maniera
illecita, per esempio, ci
porta ai disastri di Se-
veso, Porto Marghera,
brindisi, taranto, Priolo
e tanti ancora, con morti,
feriti e ammalati croni-
ci, ma rimane priva di
una specifca disciplina
penale.
i segnali legislativi non
tengono in debito conto
la disciplina del bene
giuridico "Ambiente",
considerato nella sua
compl essi t, speci e
quando si tratta di re-
gioni speciali o di Pro-
vince autonome, dove
gli Statuti di autonomia
legislativa in materia,
come la Sicilia, non sono
adeguati alla nuova real-
t; pur tuttavia si registra
in materia la tendenza a
mantenere lo status quo
per avere la possibilit
di "dialogare", "politica-
mente parlando", con gli
industriali.
una fase di buna volon-
t e storica decisione
in tale senso sembra-
va arrivare dal Dlgs 4
marzo 2014, n 46, che
regola le emissioni in-
dustriali, le prevenzioni
e la riduzione integrate
dell' inquinamento, in
attuazione della direttiva
2010/75/ue, modifche
alle parti ii, iii, iv e v del
Dlgs 152/2006, "Codice
ambientale". in sostan-
za, modifca il dlgs 29
dicembre 2003 n 387, e
Dlgs 3aprile 2006 n 152,
mentre abroga il Dlgs 27
gennaio 1992, n 100, il
Dlgs 11 maggio 2005,
n 133, il Dl 30 ottobre
2007, n 180; il tutto in
attuazione della Direttiva
del Parlamento europeo
e consiglio ue 2010/75
e legge 6 agosto 2013,
n 96.
gi qualcosa verso
la chiarifcazione e l'in-
terazione delle leggi
in materia, ma oltre la
buona volont politica
non risolve del tutto la
questione, lasciando al
soggetto istituzionale
fnale la discrezionalit
del sostanziale rilascio
delle autorizzazioni ne-
cessarie, anche se con
le dovute indicazioni di
massima; ma qui, pur-
troppo, siamo nel Paese
del "fatta la legge trovato,
l'inganno", quindi... .
Occorre impiantare bene
i principi su cui fondare
la politica ambientale:
la precauzione, in base
alla quale devono es-
sere adottatele misure
necessarie per evitare
danni all'ambiente e alla
comunit; il principio
dell'azione preventiva
finalizzata alla predi-
sposizione di misure
che devono limitare il
rischio di danni all'am-
biente e alle persone;
il principio secondo cui
chi inquina deve pagare
sia il danno all'ambiente
sia risarcire i disagi cau-
sati in maniera chiara e
netta a persone e cose;
infne, il compromesso
tra sviluppo sostenibi-
le, quindi l'espansione
economica del territorio,
e la tutela dell'ambiente
nella generale condizio-
ne, basato sul principio
che il diritto ambientale
un dato di fatto chiaro
e limpido verso la tutela
dell'ambiente.
Per il passato rimane
il vuoto legislativo, ma
l'aspetto penale rimane
invariato. il danno cau-
sato, una volta accertato,
deve essere risarcito;
quella che occorre, nei
fatti pratici, una ri-
chiesta di risarcimento
dei danni causati dal
comportamento crimi-
nale delle industrie, per
arrivare almeno a fare
giustizia verso le migliaia
di malati e morti, vittime
innocenti di un gioco
scientifcamente studiato
per speculare sulla pelle
di tanti esseri umani rei
di essere semplicemente
nati qui, nell'inferno sulla
terra creato da uomini
senza scrupoli e senza
onore.
Si tratta sempre di reati
gravissimi: omicidio col-
poso plurimo causato
da disastro ambientale,
quindi perseguibile d'uf-
fcio e senza la querela
di parte, che pu soprag-
giungere in sede civile,
e che pu comportare
un cumulo di condanna
di pena non indifferente,
senza attenuanti per i
reati connessi. l'am-
biente oggi una materia
trasversale, nel senso
che sullo stesso ogget-
to insistono interessi
diversi, come la conser-
vazione dell'ambiente e
quelli inerenti alle sue
utilizzazioni; diventa cos
una disciplina unitaria del
bene complessivo con la
rimessa in via esclusiva
allo Stato, che viene a
prevalere come un limite
disciplinare su quella
dettata dalle Regioni
che, cos, non possono
derogare o peggiorare il
livello di tutela ambien-
tale stabilito dallo Stato
centrale, per dettare
standard di protezione
uniformi valide su tutto il
territorio nazionale e non
derogabili.
la Sicilia nel merito non
stata mai punta di dia-
mante; invece piuttosto
restia all'emanazione
di leggi pi restrittive,
lasciando immutato lo
stato delle cose per non
cambiare la "convenien-
za" politica.
(2 Continua)
SPECIALE DISASTRO AMBIENTALE 12 Sicilia 28 agoSto 2014, gioved 28 agoSto 2014, gioved Sicilia 13 SPECIALE DISASTRO AMBIENTALE
Asinistra in alto, in basso, sotto le foto sono postate sul sito priolo.alter-
vista.org. Sopra, schiuma bianca sotto costa.
Dopo il successo di Argonau-
ti-Medea e Giasone, che alle
Latomie dei Cappuccini ha re-
gistrato il sold out e che stato
premiato da un applauso lungo
quasi nove minuti, Siracusa si
appresta ad ospitare lultima
delle due opere originali della
MDA Produzioni Danza, gra-
zie al patrocinio della citt di
Siracusa, in colla-borazione
con Italia Nostra e con il soste-
gno dei Teatri di Pietra Sicilia,
la rete nazionale per la valoriz-
zazio-ne dei teatri antichi e dei
siti monumentali.
Gioved 28 agosto alle ore 21
La lirica sar uno dei capisaldi su cui co-
struire un percorso reale che unisca la pro-
posta culturale del sud est. Il successo del
secondo appuntamento del Gran Gal dell
Opera Lirica, svoltosi luned 25 agosto grazie
allorganizzazione dallassociazione Jecos
nel prezioso scrigno del Cortile dei Gesuiti a
Noto, si chiuso con unintesa per sviluppare
ulteriormente un piano di gestione culturale
condiviso per il sud est siciliano. La cabina di
regia Mare-Monti tra Noto e Palazzolo, che
in quanto Comuni patrimonio dellUmanit si
sono sperimentati ospitando le due serate del
Gran Gal, solo il punto di partenza. Lidea
maturata in seguito allesperienza del recente
evento lirico quella di coinvolgere anche altri
Comuni del territorio che sappiano rafforzare
il fl rouge tra bellezza dei luoghi, storia e
cultura in nome di una ripresa dellopera lirica
in Sicilia. Non solo eventi e spettacoli, come
le due date di Palazzolo Acreide e Noto, ma
un progetto pi ampio che possa sviluppare
le potenzialit dellopera come arte educativa
e formativa anche nei confronti delle giovani
generazioni.
Noto ha una tradizione operistica consolidata
nella sua storia. Laneddoto di Mascagni che
limava la sua Cavalleria Rusticana allombra
di un leccio sulle sponde del fume Manghi-
si- ha spiegato lassessore alla Cultura del
Comune di Noto Cettina Raudino- fondato
sulla testimonianza storica della sua presenza
in citt, per allestire le sue opere nel nostro
teatro. Purtroppo negli anni questa tradizione
culturale si persa. Oggi che Noto vive un mo-
mento di grande risveglio culturale crediamo
che sia interessante vivifcare anche il flone
della lirica.
Siracusa, arriva
la farsa per
danza Pulcinella
e limperatore
un draMMa giocoSo che uneScurSione tra Mito e Storia
Lopera lirica si fa ambasciatrice del Sud-Est
lattivit di Sorveglianza e SoccorSo coStiero curato da nuova acroPoli
lantico sito siracusano, con-
siderato la pi grande tra le
latomie di Siracusa, ospiter
Pulcinella e limperatore una
farsa per danza da Svetonio,
Virgilio e Strabone, con Seba-
stiano Tringali (che ne frma la
drammaturgia), Gipeto, Mario
Brancaccio, Tiziana D'Angelo
e Gabriella Cassari-no, e con i
danzatori Carlotta Bruni, Mo-
nica Camilloni, Rosa Merlino.
Firma la regia e le coreografe
Aure-lio Gatti, mentre la musi-
ca originale, eseguita dal vivo,
di Marcello Fiorini e della tradi-
zione popolare.
Lo spettacolo nasce in occasio-
ne dell'anno augusteo e ripropo-
ne i temi, mai tramontati, dell'a-
nelito di libert, della ricerca di
un'identit che non sia un sor-
tilegio, un destino da compie-
re, ma una scelta . Una sorta di
dramma giocoso con Pulcinella
maschera universalmente sag-
gia, irriverente verso i potenti,
critica, grottesca e pungente, da
una parte, e l'Imperatore Otta-
viano Augusto, un "conciliato-
re" instancabile tra tradizione e
in-novazione, strenuo sostenito-
re della pace quale condizione
necessaria per consentire lo svi-
luppo e soprattutto il progressi-
vo superamento di ogni stato di
crisi ed emergenza, dallaltra.
Poi la probabile corte augustea
con ancelle, concubine, mogli,
badanti, fglie gemelle adottate,
accanto al mondo militare e alla
casa imperiale fatta di servi, ca-
vallanti, fantesche e cuochi, in
contatto con l'improbabile mon-
do dei defunti, tra cui Virgilio
ed Epicuro, che solo Pulcinella
pu vedere e con cui solo lui
pu dialogare. Sullo sfondo, ci-
tata per i suoi paesaggi tra cielo
e mare, la residenza imperiale di
Pausilypon.
Il fallimento del piano Giova-
ni del Governo Crocetta ad inter-
venire sul programma Garanzia
Governo Crocetta
fa acqua
da tutte le parti
il Sindacato ugl non intende tacere
Giovani, lUgl non intende tacere
in quanto non sono stati emessi
provvedimenti importante con cui
si doveva mettere in campo un pac-
chetto di azioni e di iniziative per
sostenere linserimento lavorativo
dei giovani, lorientamento, la for-
mazione, lautoimprenditorialit e
per potenziare i servizi per il lavo-
ro e le politiche attive. Visto la
crisi tante sono state le richieste
ATTUALIT 14 Sicilia 28 agoSto 2014, gioved
giuseppe Bianca
Direttore Responsabile
Direzione e Redazione
uffci amministrativi:
via Mosco 51 Siracusa Tel. 0931 46.21.11
Fax 0931 60.006 libertasicilia@gmail.com
Pubblicit diretta: Poligrafca S.r.l.
via Mosco 51 Siracusa Tel. 0931 46.21.11
Per la pubblicit sono previsti sconti
editrice e Stampa: Poligrafca S.r.l.
registrazione tribunale di Siracusa
n.17 del 27.10.1987
Sicilia
In foto, il pubblico partecipante.
dei giovani i che hanno inoltrato ri-
chiesta di partecipare al programma
piano giovani, ancora una volta si
visto il fallimento dei programmi
governativi del Governo Crocetta
e delle sua Giunta , a dimostrazio-
ne del basso rilievo che la Regione
Sicilia non in grado di mettere in
atto un piano per linserimento la-
vorativo dei giovani. Inoltre nulla
stato previsto con azioni mirate per
lemersione dal lavoro irregolare o
in programmi innovativi.
28 agoSto 2014, gioved Sicilia 15 SPORT SIRACUSA
Che il Siracusa sia
fra le societ pi pe-
nalizzate dellintera
Sicilia non dovreb-
bero esserci dubbi,
se arrivato al punto,
appena due anni or
sono, di perdere un
campionato gi vinto
per via di sanzioni
amministrative che
riuscirono a vanif-
care quanto di buono
aveva fatto in campo.
Il pi delle volte, a far
saltare i piani per gua-
dagnarsela quella be-
nedetta Coppa Disci-
plina, stata per la
serie impressionante
di ammonizioni, nel-
la maggior parte dei
casi evitabilissime e
riconducibili o a in-
giustifcati isterismi
da primedonne dei
calciatori o alle loro
eccessive manifesta-
zioni di giubilo cul-
minate, ad esempio,
nella stupida abitu-
dine di togliersi la
maglia dopo un gol.
Dellaria nuova che
spira nella societ
di via Forlanini, c
da augurarsi tuttavia
che questanno possa
benefciarne anche la
buna condotta della
squadra, un aspetto
questo che va cura-
to sin dallinizio per
evitare multe e san-
zioni disciplinari che
si ripercuotono sia
sulle casse della so-
ciet che sul povero
allenatore, costretto a
lambiccarsi il cervel-
lo per sostituire le pe-
dine di volta in volta
appiedate dal giudice
sportivo.
Tutto questo pu es-
sere evitato facendo
un discorso chiaro ai
giocatori e mettendo
la Coppa Disciplina
fra gli obiettivi so-
cietari del prossimo
campionato, sia te-
nendo conto dellac-
qua che questo parti-
colare trofeo porta al
mulino dellimmagi-
ne, sia perch me-
glio che i soldi delle
multe restino nelle
casse della societ.
Per meglio capire i
benefci che possono
scaturire dal maggio-
re rispetto dei valori
sportivi, basta poi
ricordare la ricaduta
positiva del bel gesto
di Gigi Calabrese,
giustamente premia-
to nel marzo scorso
per il suo apprezzato
fair play che gli fece
meritatamente guada-
gnare la ribalta della
stampa nazionale.
Sappiamo per che
pi facile vincere un
campionato che ag-
giudicarsi una Cop-
pa Disciplina in un
torneo come quello
di Eccellenza in cui
lagonismo tende a
prevalere su tutto il
resto, ma il compito
di un buon allenato-
re come Beppe Ana-
stasi, del suo vice
Vittorio Iemma, e di
buoni dirigenti come
Albergamo, Manga-
naro e Cutrufo, non
pu essere solo quel-
lo di gestire al me-
glio le risorse umane
ed economiche sulle
quali possono conta-
re, ma anche quello di
convincere i giocato-
ri e lambiente che li
circonda, tifosi com-
presi, al rispetto degli
avversari e dei valori
sportivi ai quali una
buona societ e una
buona squadra, anche
in tempi di calcio mo-
derno, con appendice
di errori arbitrali e di
calcioni a go-go, si
dovrebbero sempre
ispirare..
Armando Galea
Quellinafferrabile
Coppa
Disciplina
In foto, la Coppa Disciplina
un trofeo che il Siracusa non si aggiudica da tempo
immemorabile. Ma il nuovo campionato loccasio-
ne buona per sfatare questa tradizione negativa
Pachino, Una sconftta che fa ben sperare
Gli azzurri sconftti in casa dal Ragusa per 1 a 0, nell'andata di
Coppa Italia Promozione, vedono "rosa" nel loro futuro, soprattutto
alla luce della prestazione. Da apprezzare soprattutto - ha dichia-
rato l'allenatore Gianluca Carrubba -, il contributo degli juniores,
che fa ben sperare. Vuol dire che possono contribuire in maniera
sostanziale alla nostra causa. Ma siamo ancora un cantie- re. Per
il tecnico azzurro quella con i ragusani stata una gara equilibrata
ma non c' da fare i sal- ti di gioia. Ci dobbiamo organiz- zare me-
glio - ha sottolineato Car- rubba - a livello tattico, tecnico e fsico.
Positivo anche il commento del capitano del Pachino, Fabri- zio
Cultrera, gi in forma strepito- sa seppur all'esordio stagionale.
Nonostante il risultato - ha com- mentato Cultrera - stata una
grande prestazione, di cuore.
Per la Trogylos Priolo sono previsti una serie
di derby siciliani. La Trogylos Priolo ripartir
nella prossima stagione dalla serie B regiona-
le di pallacanestro femminile. Le biancoverdi
saranno impe- gnate a partire dal 19 di ottobre
in un raggruppamento in cui ci so- no anche
Rescifna Messina, San Matteo Messina, La-
zur Catania e Rainbow Catania. Si attende di
co- noscere dal comitato regionale se vi sar
una sesta squadra nel rag- gruppamento.
Per la guida tecnica, confermata la rinuncia
di Santino Coppa a dirigere in panchina la
squadra in B regionale resta sempre in auge il
nome di Susanna Bonfglio, ele- mento cardi-
ne e vera bandiera della societ priolese. Ma
nelle ul- time ore sarebbe trapelata anche la
pista che porterebbe ad un ri- torno di Salvo
Coppa impegnato a Seattle negli Stati Uniti.
Tutto dipender comunque dal budget ed in
base a questo ai programmi che si dar la so-
ciet. Die le opzioni o tentare l'imme- diata
risalita, vincendo il campio- nato di B regio-
nale o puntare ad una stagione di transizione
e valo- rizzare gli elementi del vivaio da sem-
pre fore all'occhiello della Trogylos. Coppa
in ogni caso sar il supervisore del settore
giovanile. Dopo la delusione di essere esclusi
dalla A-1 e dalla A-2.
ALa Trogylos Priolo
riparte dalle serie B
Molti i derby siciliani
LAretusa di ba-
sket maschile che si
appresta a dispu-
tare il campionato
di C nazionale ha
defnito gli inca-
richi per il settore
del minibasket che
conta oltre trecento
tesserati.
Adirigerlo sar
Fabrizio Pistritto,
gi responsabile
regionale del setto-
re. Sar affancato
da Gianpiero Cusi,
Claudio Troia ed
Andrea Cocco.
La preparazione
per i ragazzi del
presi- dente Giusep-
pe Padua, scatter
a partire dal pri-
mo settembre alla
palestra dellistituto
Ipsia Calapso.
Pallacanestro
LAretusa
maschile ai na-
stri di partenza

SPORT Pagina 16 28 agoSto 2014, gioved
Sicilia
Presentato assetto societario del Noto
Graziano Zani il presidente dellU.S.D.
la squadra
si allener al
Polisportivo
g. Palatucci
fn quando
non inizieran-
no i lavori del
rifacimento
del manto
erboso.
a salutare la nuova dirigenza del noto calcio
stato il sindaco di noto, corrado bonfanti
Si tenuta ieri
mattina nella Sala
degli Specchi di
Palazzo Duce-
zio, la conferenza
stampa di presen-
tazione della sta-
gione 2014/2015
dellU.S.D. Noto
Calcio. Il Presi-
dente della societ
granata lex cal-
ciatore e allenato-
re del Noto, oggi
affermato impren-
ditore, Graziano
Zani. In conferen-
za stampa il nuovo
Presidente Zani ha
voluto accanto tutti
i dirigenti e gli ami-
ci che lo aiuteranno
nella gestione della
societ granata. A
salutare la nuova
dirigenza del Noto
calcio stato il Sin-
daco di Noto, Dott.
Corrado Bonfanti
che in questa estate,
e ancor prima, nel
fnale della scorsa
stagione, ha mes-
so il suo impegno
affnch la squadra
non sparisse dal pa-
norama calcistico
siciliano. Il primo
cittadino ha dap-
prima raccontato
quanto avvenuto in
questa estate, fat-
ta di tanti contatti
e di tante persone
che si sono messe a
disposizione, ma di
poche progettualit
in grado di poter
risollevare le sor-
ti del Noto calcio.
Poi la svolta con la
voglia e la volon-
t del Presidente
Zani di prendere
in mano la societ:
<<Sono felice ha
affermato il Sinda-
co Bonfanti che
ci sia stata questa
svolta, tutta netina.
La strada intrapresa
una buona strada,
il Presidente Zani
concentra grandi
qualit: conosce il
mondo del calcio,
ama la nostra cit-
t, riesce a parlare
il linguaggio del
calcio che molto
particolare. Con-
siglio alla nuova
dirigenza di essere
inclusiva, con ruoli
ben defniti e con
grande passione.
Forza Noto>>.
Il Presidente Zani
ha subito mostrato
grande entusiasmo
e ha parlato della
situazione diffcile
e dellU.s.d. Noto.
Il Presidente ha
parlato del ritardo
nellallestimento
della rosa e dello
staff tecnico che
potr essere pena-
lizzante nella prima
parte della stagione
e ha fssato nella
salvezza lobietti-
vo per la stagione
2014/2015 in Serie
D. <<Ho grande
entusiasmo ha
detto il Presiden-
In foto, la presentazio-
ne della societ.
Aldo Baio allenatore del-
la 7 Scogli soddisfatto del
mercato della societ che ha
portato alla sua corte Steve
Camilleri, prove- niente dal-
la Rari Nantes Bogliasco. Si
punta ad una stagione di alto
li- vello.
Il Circolo Canottieri 7 Sco-
gli al suo primo anno nella
A-2 di palla- nuoto maschile
la squadra che ha operato
con tempismo per rafforza-
re l'organico. L'ingaggio di
Steve Camilleri la classi-
ca ciliegina su una campagna
acquisti importante. Camilleri,
nato nel 1987, ha mi- litato
nelle ultime 6 stagioni per la
Rari Nantes Bogliasco in serie
A-1 segnando complessiva-
mente circa 300 reti.
E proprio luned la socie-
t ha uffcializzato lingag-
gio di Raffaele Cusmano, 19
anni,attaccante man- cino
proveniente dalla Leones Mes-
sina, dove, nell'ultima stagio-
ne, ha realizzato 64 goals, ri-
sultando il capocannoniere del
Cresce lattesa per la pallanuoto
lallenatore Baio si ritiene
soddisfatto del mercato
girone 4 della se- rie B. Con
l'arrivo di Camilleri e Cu- sma-
no, sono 6 i volti nuovi della
nuova squadra biancobl, che
si assicurata gi il difensore
Filippo Legrenzi, classe 1991,
nella stagione appena conclusa
nel Brescia e Marco Tagliafer-
ri, classe 1990, pro-veniente
dalla Pozzillo Acireale di serie
B, l'attaccante Yvan Messina
e il difensore Daniele Calli,
prove- nienti rispettivamente
dal Nervi di A-1 e dalla Rari
Nantes Cagliari di A-2. Il bloc-
co dei riconfermati for- mato
da Mauro Bordone, Renzo Pu-
glisi e Deni Zovko, insieme a
Simone Morachioli, Emanuele
Pipicelli e Marco Manzone. In
uscita Enrico Trebino. Il di-
fensore ha lasciato il Circolo
Canottieri 7 Scogli perch non
rientra nei piani tecnici della
societ biancobl.
ufficializzato lingaggio cuSMano
te Zani ma sono
consapevole che la
situazione diff-
cile. Abbiamo ini-
ziato, io insieme a
persone di fducia,
a completare la di-
rigenza e i quadri
societari. A breve,
entro la settimana,
sar defnito la-
spetto tecnico con
la scelta del diret-
tore generale, del
direttore sportivo
e dellallenatore.
Stiamo allestendo
una squadra degna
del nome del Noto
calcio e sto metten-
do a disposizione
la mia esperienza e
la mia passione per
fare bene nella mia
citt. Quello che
conta sono i risul-
tati, quello che av-
viene la domenica
ci che importa
e stiamo lavorando
affnch i risultati
arrivino e possiamo
raggiungere lo-
biettivo di salvare
la categoria>>.
Nella Sala degli
Specchi sono stati
presentati i dirigen-
ti: Graziano Zani
il Presidente, Sal-
vatore Guarino e
Bruno Zani sono i
due Vicepresidenti,
Giuseppe Cannaz-
za il Responsabi-
le amministrativo,
Francesco Mus-
so il Segretario,
Vincenzo Dejan
lAmministratore
delegato, Maurizio
Sessa il Tesoriere,
Paolo Landolina
il Responsabile del
Settore giovanile,
nella dirigenza an-
che Giovanni Ca-
sto, Franco Tanasi,
Franco Terranova e
il ragioniere Tin.
La squadra si alle-
ner al Polisportivo
G. Palatucci fn
quando non ini-
zieranno i lavori
del rifacimento del
manto erboso.