Sei sulla pagina 1di 22

LA DIFESA CONTRO LE INFEZIONI (VIRUS E BATTERI)

MECCANISMI CELLULARI E MOLECOLARI CONTRO VIRUS E BATTERI intracellulari


Presentazione dellAntigene MATURAZIONE E RECLUTAMENTO delle DCs nei TESSUTI LINFOIDI SECONDARI E ATTIVAZIONE dellIMMUNITA SPECIFICA UCCISIONE delle CELLULE INFETTATE FAGOCITOSI di BATTERI

IFN- IL-12
VIRUS

NK

INFIAMMAZIONE IMMUNITA INNATA

Danno tissutale

MO

GN
Infezione
BATTERI

IL-1, TNF, IFN-/

Una OTTIMALE ATTIVAZIONE dellinfiammazione e dellimmunit naturale FONDAMENTALE per:


DIFESA RAPIDA E EFFICACE (TALORA RISOLUTIVA) VERSO GLI AGENTI BIOLOGICI

MATURAZIONE E RECLUTAMENTO NEGLI ORGANI LINFOIDI SECONDARI DELLE CELLULE PRESENTANTI LANTIGENE

OTTIMALE ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T HELPER E DELLA RISPOSTA IMMUNITARIA SPECIFICA (ADATTATIVA) PRINCIPALI CITOCHINE CHE DEVONO ESSERE PRODOTTE DURANTE LA RISPOSTA INFIAMMATORIA/INNATA - IL-1, TNF- - IFN-/, IFN-, IL-12

PAMP: Pathogen Associated Molecular Pattern


C-Type lectins - collectine (MBP o MBL) - pentrassine (CRP) - MMR e Dectine Complemento (CR3) TLRs

PPRs: Pattern-Recognition Receptors sulle cellule tissutali, infiammatorie ed


immunitarie, oppure solubili nei liquidi biologici

Toll-Like Receptors (TLRs)


TLR1, TLR2 Lipoproteine e Proteoglicano (Gram+) Lipopeptide micoplasmico, LPS (Leptospira) Lipoarabinomannano micobatt. Zimosano (lieviti) dsRNA LPS, F-proteina di RSV, HSP60 Flagellina (numerosi batteri) Regola il TLR2 ssRNA CpG DNA DNA, Herpes DNA Batteri uropatogeni sconosciuto
LPS TLR2 e 6 TLR5
MD-2

TLR3 TLR4 TLR5 TLR6 TLR7,TLR8 TLR9 TLR11 TLR 10, 12,13,14,

Ligandi Gram+, Mycoplasmi, Micobatteri

TLR1 e 2
mCD14

virus

TLR4

ssRNA dsRNA virale


MyD88 TLR7 e 8 TLR3 TRIF

virus

dsDNA CpG DNA

IRAK1/2/4

TRAF3

TLR9

IRF3
TBK1

TRAF6

TRAF3 TBK1

IRF3
IRAK1

NFkB

nucleo
Gene inducibili per IFN tipo I
TNF-, IL-1

Gene inducibili per Gene inducibili per IFN tipo I

MATURAZIONE CELLULE NATURAL KILLER


NK progenitore
CD34+ flt3 ATTIVAZIONE RECIPROCA KIRlow Il-15R c-kit

Macrofago attivato

DC

IL-15

NK

+++ PRODUZIONE DI CITOCHINE: IFN-, TNF-, TNF-, +++ LAK (attivit killer attivata da citochine) + CITOTOSSICITA NATURALE TNF-

NK precursore
CD34+ flt3

c-kit
bright CD16 low CD56

KIRhigh

NK attivata
CD56 bright

flt3: receptor tyrosine kinase; FL: Flt3 ligand c-kit: receptor tyrosine kinase; KL: c-kit ligand

CD16 high

+ PRODUZIONE CITOCHINE +++ ADCC +++ CITOTOSSICITA NATURALE

KIRhigh

Basso o assente MHC

Citotossicit verso cellule infettate da virus

Il-15 TNF-

TLR3

Produzione di IFN-
CD16

Natural Killer

ADCC
TCR /

IL-1, TNF-, IFN IL-15

Citochine attivatrici

Produzione di IFN- Citotossicit

Linfocita T /

Regolazione Th1/Th2 ?

Immunit Innata Cellule e funzioni

RISPOSTA IMMUNITARIA INNATA verso i VIRUS


VIRUS

Danger signals e attivazione dellinfiammazione

TLR

RNAvirale

Azione antivirale diretta


IFN- IFN-

Reclutamento e attivazione delle cellule dal sangue

TNF- IL-1
GN

C3 MBP

NK Sangue

RISPOSTA IMMUNITARIA INNATA verso i VIRUS


C3b MBP
TLR

Fagocitosi

CR1

TNF- IL-1
Macrofago

IFN-

APOPTOSI

IFN-
TLR

TNF-

Cellula infettata

Citotossicit

IL-12

COOPERAZIONE macrofago Natural Killer

IFN-

KIRhigh

NK

RISPOSTA IMMUNITARIA INNATA verso i BATTERI


Proteine antimicrobiche
DNA

batteri

TLR

IL-1, TNF- CXCL2 CCL20


TLR9 C-lectin

Macrofago attivato
TLR4

IL-17, IL-22

IL-1, IL-6 IL-23

Th IL-17

Granulocita Neutrofilo

CRP
MAC

Opsonizzazione e fagocitosi
Macrofago attivato

Granulocita Neutrofilo

MBP

lisi

TLR4

CITOCHINE

Killing
LPS

Fagocitosi Opsonizzazione

COMPLEMENTO

C3b

lisi

MAC

Rilascio citochine e mediatori

Granulociti neutrofili Macrofago

Rilascio citochine e mediatori

IL-1 TNF
Monocita

NK

Aumento citotossicit

SNC
Cellule endoteliali

Fegato M.osseo Ipofisi

Attivazione delle cellule endoteliali

Macrofago

Aumento attivit Attivit antivirale diretta

IFN /

MHC

CD80/86 NK

Cellule endoteliali

Aumento citotossicit Aumento produzione IFN-

Maturazione DC

Aumento molecole di adesione e reclutamento leucociti

Prof.Borghetti Paolo 2008

LT/
TLR3

COOPERAZIONE LT / - NK Cellula Dendritica


IFN- TNF-
CD69

IFN-

TLR3 TLR3 C-lectin

NK
Il-15R

CD25

Cellula dendritica

IL-12

maturazione

IL-18 IL-15

Citchine attivatrici IFN TNF- IL-12 IFN

Differenziamento della cellule dendritica


MHC
TLR3

Attivazione reciproca con cellule NK, LT/ e M)


CD80 CD40 CD1

Presentazione antigenica ai LTh vergini Produzione di IL-12 e stimolazione della risposta Th1

DC1(mDC) DC2(pDC)
CD4

TLR3

-Stimolazione Th2 tolleranza immunologica (IL-10) -Produzione di IFN /TLRs-mediata

Reclutamento Migrazione - Differenziamento - Attivazione


MH C CD80/86 Cellula professionista nel presentare lantigene (APC)

mDCs

Migrazione nei tessuti linfoidi secondari

TLRs

iDCs

Tessuti

Sangue

La maturazione della cellula APC determinata e guidata da citochine (IL-1, TNF-a, IFN / e IFN-) prodotte nella risposta infiammatoria/innata

Riconoscimento antigenico e attivazione primaria (priming)


presentazione antigenica

B
BCR

MHC II

LTh CD4+

TCR

MHC II

MHC I

TCR P

CTL CD8+

Cellula presentante lantigene (APC)

Prof.Borghetti Paolo 2008

IMMUNIT ACQUISITA RICONOSCIMENTO SPECIFICO (organi e tessuti linfoidi secondari) TCR (T Cell Receptor) BCR (B Cell Receptor) ATTIVAZIONE LINFOCITARIA (risposta primaria)
sono necessari tre segnali - Legame con lantigene - Legame tra molecole di costimolazione - Secrezione di citochine attivatrici

Risposta EFFETTRICE Risposta di CONTROLLO MEMORIA IMMUNOLOGICA

Riconoscimento antigenico del linfocita T helper


Cellula presentante lantigene

MHCII CD80/86 CD80/86 CD40

Linfocita T

TCR
Prof.Borghetti Paolo 2008

Risposta anticorpale PRIMARIA e SECONDARIA


- Switch isotipico -> titolo anticorpale - > affint anticorpale

Titolo anticorpale

Stimolazione PRIMARIA con lantigene

Stimolazione SECONDARIA con lantigene

IgG

1000

100

IgG
10 1

IgM

14

21

28

35

42

49

56

63

70

Tempo

Risposta Primaria, Secondaria ed effetto BOOSTER


IgG

Titolo anticorpale

IgG IgM

14

21

28

35

42

49

56

63

70

Tempo

Macrofago Infiammatorio Attivato

Cellula Dendritica

IL-12
ne o i z va
NK LTc LTc LTc

LTh0 NK LTh1

ti At

Differenziazione LTh1

IFN-

Attivazione dei macrofagi: uccisione dei microrganismi intracellulari


Cellule endoteliali

Lisi delle cellule infette

Aumento molecole di adesione

Cellula Dendritica

LTh

Aumento espressione di MHC e della presentazione dellantigene

LTh1

LT /

IFN-
LB
LTh1 LTh1 LTh1 NK

LTc

LB LB

Attivazione Citotossicit naturale e specifica Proliferazione e switch ad anticorpi opsonizzanti

Differenziazione e Proliferazione di LTh1


IgG

LB

IgG2a, IgM

Attivazione dei macrofagi: aumento fagocitosi ed attivit micorbicida

Prof.Borghetti Paolo 2008

Cellula DENDRITICA

FINALIZZAZIONE della RISPOSTA

IL-12 LTh

LT h1

IFN- IL-2

IL-4
LT h2

Tipo di APC Antigene Citochine Genetica

IL-4,IL-5 IL-13, IL-10

Linfociti Thelper
CD4+

Thelper1

Thelper2

Risposta cellulo-mediata - citotossicit diretta (NK, CTL) - reazioni di citossicit mediata da anticorpi (ADCC) - attiv. macrofagica e fagocitosi

Risposta umorale IgA, IgE

Difesa contro VIRUS, BATTERI INTRACELLULARI PROTOZOI, NEOLAPSIE

PROTEZIONE delle MUCOSE contro VIRUS, BATTERI in fase EXTRACELLAULARE, TOSSINE, PARASSITI

Cellula DENDRITICA

FINALIZZAZIONE della RISPOSTA


IFN- IL-2

IL-12

LT h1

LTh IL-4
LT h2

IL-4,IL-5 IL-13, IL-10

TGF IL-23
LT reg

-Infiammazione acuta (risposta a vari batteri): recluta ed attiva i neutrofili. - Difesa contro i funghi LT h17

IL-10 TGF

IL-17, IL-21, IL-22

OTTIMALE ATTIVAZIONE dellIMMUNITA SPECIFICA:


I LINFOCITI T HELPER REGOLANO SIA LA RISPOSTA ANTICORPALE SIA LA RISPOSTA CELLULO-MEDIATA MEDIANTE LA PRODUZIONE DI CITOCHINE AD AZIONE ANTAGONISTA

CITOCHINE deil linfociti T: - IL-2 - citochine Th1 (IFN-, IL-12) - citochine Th2 (IL-4, 5, 10) - citochine Th17 (IL-17, 22)

GLI EFFETTORI DELLA RISPOSTA UMORALE SONO GLI ANTICORPI CHE MATURANO NEL TEMPO COME AFFINITA GLI EFFETTORI DELLA RISPOSTA CELLULO-MEDIATA SONO I LINFOCITI T CITOTOTOSSICI (CTL) E LE CELLULE DELLIMMUNITA INNATA (MACROFAGI E CELLULE NATURAL KILLLER

FUNZIONI DEGLI ANTICORPI


- Neutralizzazione di Batteri e Tossine Batteriche - Opsonizzazione (IgM, IgG) e fagocitosi dei patogeni - Blocco delladesione (IgA, IgG, IgM) - Citotossicit cellulare anticorpo-dipendente (ADCC) (IgG) - Lisi del patogeno per attivazione del complemento - Attivazione del complemento (IgM, IgG) e Infiammazione
NEUTRALIZZAZIONE +
Tossine

Protezione delle cellule o degli organi bersaglio

FISSAZIONE del COMPLEMENTO Lisi +

REAZIONE ADCC: Antibody Dependent Cellular Cytotoxicity


NK

Citotossicit
Macrofago attivato

Prof.Borghetti Paolo 2008

Risposta IMMUNITARIA ACQUISTA contro i VIRUS (Attivazione Th1)


IFN-

NK
Cellula dendritica Presenta lantigene virale al linfocita Th

IL-12 IFN- Th0 Th1 Th1 Th1


CITOTOSSICITA delle cellule infettate

IFN-

IFN-

IgG
P

CTL

RISPOSTA IMMUNITARIA ACQUISITA contro BATTERI


IgM IgG

P
IL-4, IL-2, IL-6

LTh attivato
IL-2, IL-6

LB Fagocitosi Macrofago attivato LTh

Risposta IMMUNITARIA contro i VIRUS : aspetti cellulari e molecolari

Danger signal

IFN-

IL-1/TNF-/IFN/
Levels

virus

CTLs (CD8+high)

IL-6/IL-8/IL-12, IL-15

NK (CD8+low)

time
Perch si attivi la risposta acquisita necessaria unefficiente immunit innata con: 1) precoce attivazione cellulare da riconoscimento del pericolo mediato dai sensori innati (TLRs, Complemento, proteine di fase acuta) 2) adeguata produzione di IFN / e di TNF Meccanismi fondamentali di connessione tra risposta innata e acquisita sono: - cooperazione tra macrofagi - NK - DCs con attivazione reciproca e produzione di IFN , IL-12 e IL-15; - tipo e maturazione attivazione della DC che funge da APC. LIL-12 e lIFN- prodotte dalle cellule dellimmunit innata innescano la risposta Th1 che sostiene la risposta immunitaria cellulo-mediata specifica I linfociti CD4+ T helper 1 attivati, mediante la secrezione di IFN e IL-2, stimolano le funzioni effettrici delle cellule NK e dei macrofagi e successivamente dei linfociti T citotossici specifici (CTL) che completano la clearance virale e creano memoria citotossica. Nella risposta a successive esposizioni oltre al ruolo protettivo degli anticorpi, la clearance virale ottenuta grazie ai linfociti T citotossici specifici (CTL) che sono richiamati rapidamente nei tessuti sede di infezione, ma anche i linfociti T helper svolgono un ruolo antivirale diretto IFN- mediato

RISPOSTA IMMUNITARIA MUCOSALE

LTh2

APC (cellula M)

batteri

LB

Switch a IgA

IL-2 , TGF- IL-4, IL-5 IL-10

virus

Proliferazione

LB

LB
Antigene (rimozione)

BLOCCO dellADESIONE

LB IgAs
Differenziazione in plasmacellula secernente IgA
IL-6

P-IgA

Dimero IgA

Componente secretorio

Placca del Peyer Intestinale

Prof.Borghetti Paolo 2006

REAZIONI DI FASE ACUTA (Acute Phase Reactions: APR)


a) Febbre

b) Modificazione ematologiche
- Leucocitosi - Aumento VES

e) f) g)

Proteine della FASE ACUTA Variazioni di ioni nel sangue Modificazioni metaboliche

REAZIONI GENERALIZZATE (SISTEMICHE) DI VARIA INTENSITA' E NATURA DEFINITE COME

REAZIONI DELLA FASE ACUTA

MODIFICAZIONI DI PARAMETRI FISICO-CHIMICI, METABOLICI, EMATOLOGICI CHE POSSONO AVER INIZIO DOPO POCHE ORE O 24-48 ORE E: A) POSSONO ESAURIRSI IN POCHI GIORNI PER IL RITORNO ALLE NORMALI FUNZIONI DELL0RGANISMO B) PERSISTERE A LUNGO CONTRASSEGNANDO IL PROCESSO INFIAMMATORIO ACUTO PER TUTTA LA SUA DURATA C) DIVENIRE MANIFESTAZIONE DI UN PROCESSO INFIAMMATORIO CRONICO

MACROFAGI RICHIAMATI E ATTIVATI DA VARI STIMOLI

L IL-1 e il TNF-alfa agiscono sulle cellule stromali (FIBROBLASTI E CELLULE ENDOTELIALI

SECONDO RILASCIO DI CITOCHINE (IL-1, IL-6, IL-11)

REAZIONI DI FASE ACUTA

BATTERI

VIRUS

ESOTOSSINE,

LPS

TRAUMA/ISCHEMIA

DANNO TISSUTALE
endotelio cheratinociti
MACROFAGO

fibroblasti

NO

IL-1,TNF- IL-6, IL-11

IL-1,TNF- IL-8, IL-18

MACROFAGO

SNC e SNE

ROS, NO

IL-1,TNF- IL- 6, IL-11

FLOGOSI IMMUNITA INNATA

NK

GN
Risposta NEUROENDOCRINA

c. kuppfer

FEGATO Cortisolo

IL- 6
LEUCOCITOSI LINFOCITOSI

+
PROTEINE di FASE ACUTA

epatociti
Muscolo

Catabolismo Muscolare

INFEZIONE, RISPOSTA IMMUNITARIA, RISPOSTA NEUROENDOCRINA

BATTERI, VIRUS, PARASSITI

Riconoscimento del pericolo e Precoce risposta difensiva (CITOCHINE)


CITOCHINE/ORMONI

Infiammazione e Reazioni di Fase Acuta

Risposta NeuroEndocrina Risposta Immunitaria


CITOCHINE/ORMONI

Risposta allinfezione e assenza di malattia

Attivit metabolica

Sistema Neuroendocrino IL-1, TNF-, IL-6, IFN-

IPOTALAMO

IPOFISI
ACTH Feedback NEGATIVO

IL-1, TNF-, IL6

ADRENALE
GH PRL

TIMO CORTISOLO

+
Prodotti virali e batterici

Sistema Immunitario

ATTIVAZIONE TLR mediata

INFLAMMATIONE/ IMMUNITA INNATA

Patogeno

CNS
GH/IGF-1

Anoressia Dosoressia

IL-1, TNF-, Adiponectina IL6


Adipochine LEPTIN

CRP, SAA

APPs Hepatic
MT activity

IL-1, TNF-, IL6


THYMUS activity

W. A. T. (Tessuto Adiposo)
Lipolisi

ZINC POOL
Reduced Zn bioavailability

Tessuto Muscolare
Proteolisi

Energia

INFLAMMATION/ INNATE IMMUNITY

IMMUNITA SPECIFICA

Catabolismo

INFLAMMAZIONE INCONTROLLATA HPA disregolazione Espressione dei recettori per i GCs

RISPOSTA IMMUNITARIA CONTROLLATA Inflammazione/ Risposta innata Energia e metabolismo ripartito verso il sistema immunitario

GCs

INFIAMMAZIONE e DANNO del TESSUTO

IL-1, TNF-, IL6, IL-15, IFN-

GH

GH

IGF-1 INFIAMMAZIONE CRONICA

Infezione

Tessuto adipso e muscolare

INFEZIONE PERSISTENTE/SEPSI
IL-1, TNF-, IL-6 b Resistenza allinsulina d a
leptin IGF-1 attivit IGF-1

GH

Biodisponibilit di zinco

GCs IL-10 e c

Catabolismo

Ridotta assunzione di cibo

Metabolismo dei tessuti periferici

Immunosoppressione Inibizione della crescita Sovreainfezione batterica