Sei sulla pagina 1di 21

A Ciro Imparato, maestro, esempio,

instancabile ricercatore di eccellenza


e di felicit e soprattutto Amico.

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 1

01/10/15 10:10

MATTEO SALVO
MATTEO SALVO

metti il turbo
alla tua mente con le

mappe

METTI IL TURBO
ALLA TUA MENTE CON LE

MAPPE MENTALI
Per professionisti, manager e studenti
che vogliono trovare la rotta verso risultati straordinari
Testi: Matteo Salvo
Fotografie, illustrazioni, mappe e testimonianze: archivio di Matteo Salvo,
Shutterstock Images (pp. 14,19,20)
Ilustrazioni di copertina: Shutterstock Images
DVD: registrazione curata da Ambra Fedrigo, luci curate da Claude Coleman

mentali

Redazione Gribaudo
Via Garofoli, 262
37057 San Giovanni Lupatoto (VR)
redazione@gribaudo.it
Responsabile editoriale: Franco Busti
Responsabile di redazione: Laura Rapelli
Redazione: Serena Dei
Responsabile grafico e progetto: Meri Salvadori
Fotolito e prestampa: Federico Cavallon, Fabio Compri
Segreteria di redazione: Daniela Albertini

PER PROFESSIONISTI, MANAGER


E STUDENTI CHE VOGLIONO TROVARE
LA ROTTA VERSO RISULTATI
STRAORDINARI

Stampa e confezione: Grafiche Busti srl, Colognola ai Colli (VR),


azienda certificata FSC-COC con codice CQ-COC-000104
2015 GRIBAUDO - IF - Idee editoriali Feltrinelli srl
Socio Unico Giangiacomo Feltrinelli Editore srl
Via Andegari, 6 - 20121 Milano
info@gribaudo.it
http://www.feltrinellieditore.it/gribaudo
Prima edizione: 2015 [11(F)] 978-88-580-1354-0
Tutti i diritti sono riservati, in Italia e allEstero, per tutti i Paesi. Nessuna parte di questo libro pu essere
riprodotta, memorizzata o trasmessa con qualsiasi mezzo e in qualsiasi forma (fotomeccanica, fotocopia,
elettronica, chimica, su disco o altro, compresi cinema, radio, televisione) senza autorizzazione scritta
da parte dellEditore. In ogni caso di riproduzione abusiva si proceder dufficio a norma di legge.
Ogni riferimento a persone, cose o aziende ha lunica finalit di aiutare il lettore nella memorizzazione.
La Casa Editrice si fatta parte diligente al fine di individuare eventuali aventi diritto in relazione
ai brani citati nel testo, senza peraltro ottenere riscontro. Essa, pur non essendovi obbligata,
rimane comunque a disposizione per ogni evenienza.

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 2

G R I B A U D O

01/10/15 10:10

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 3

01/10/15 10:10

SOMMARIO
INTRODUZIONE 8
PREFAZIONE 10

PARTE 1 12
GETTIAMO LE FONDAMENTA
PARTE 2 38

COSTRUIRE LA MAPPA MENTALE

PARTE 3 98
LE APPLICAZIONI DELLE MAPPE
PARTE 4 158
CON IL SOFTWARE O A MANO?
PARTE 5 168

ESEMPI DI MAPPE MENTALI

INDICE 187

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 4

01/10/15 10:10

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 5

01/10/15 10:10

8
168

10

158
12

98

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 6

38

01/10/15 10:10

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 7

01/10/15 10:10

INTRODUZIONE

erch un libro sulle Mappe Mentali? Perch in Italia c molta confusione sullargomento e sentivo la necessit di mettere chiarezza
su quello che sono le vere Mappe Mentali.
Ti premetto che lo dico con cognizione di causa, in quanto in tutto
il mondo ci sono solo 14 Senior Trainer certificati da Tony Buzan, linventore e creatore delle stesse: sono uno di quei 14 nel mondo e lunico
in Europa. In questi anni ho tenuto moltissimi corsi sullargomento e
ho incontrato centinaia di persone che dicevano di conoscere e usare
gi le Mappe Mentali. Purtroppo, per, molte di queste non erano soddisfatte dei risultati Non capivo come potessero sostenere una cosa
del genere pur utilizzando uno strumento cos potente.
Quando vedevo le loro mappe capivo perch i risultati che si aspettavano non cerano.
Ho deciso di scrivere questo libro per fare una volta per tutte chiarezza e far s che chiunque lo legga possa ottenere i risultati che desidera, grazie alluso appropriato di questo strumento cos potente, di
cui si parla tanto ma di cui, in realt, si sa cos poco.
Ce la metter tutta per far s che questo libro possa rappresentare
per te unimportante svolta nel tuo modo di usare la mente per acquisire le informazioni, rielaborarle e processarle.
Metter a disposizione tutta la mia esperienza maturata in questi
anni e tutti i trucchi e le malizie imparati sul campo.
Per questo ci tengo a dirti che molti degli esempi riportati saranno
tratti da mie esperienze personali.
Mi rendo conto che facendo cos rischio di passare per uno che ama
parlare di se stesso e dei suoi risultati. Ti prego di evitare di dare questa errata interpretazione, perch la mia intenzione completamente diversa.
Il mio obiettivo, al contrario, quello di trasferirti competenze
vissute in prima persona e che conosco a fondo, in modo che anche tu
possa usarle allo stesso modo.
esattamente come andare da uno sportivo che ha gi ottenuto
dei risultati importanti nello sport che pratichiamo e chiedergli se ci
svela tutti i suoi segreti, le sue tabelle di allenamento e il tipo di alimentazione che segue. Ecco, in questo libro trovi esattamente le stesse
cose, ma sulle Mappe Mentali.

Inoltre, non sono il tipo di persona che riesce a riempirsi la bocca di


risultati altrui spiegando come si fa ad arrivare a quei risultati senza
essere in grado di ottenerli in prima persona.
per questo che in Italia sono lunico istruttore di tecniche di apprendimento rapido che ha partecipato alle Olimpiadi della Memoria
e al Campionato Mondiale vincendo il titolo di International Master
of Memory.
Ci tengo a essere un esempio coerente per i miei allievi e lettori,
vivendo quello che insegno in prima persona e facendo in modo che
siano i risultati ottenuti da me e dai miei allievi a fare da garanzia.
Proprio perch voglio che questo libro possa darti risultati concreti, lho scritto in un linguaggio estremamente semplice, diretto e
informale, come se fosse una chiacchierata tra me e te. Cerco di trasferirti tutto quello che ho imparato come se fossi seduto al tuo fianco e ti
stessi parlando. Questo per dirti che se non troverai termini ricercati o
paroloni non per togliere importanza allargomento ma perch avrebbero solo leffetto di allontanarti dalla lettura e di renderla pi pesante.
Inoltre, dal momento che la nostra mente acquisisce meglio le informazioni espresse sotto forma di immagini, ne troverai molte. Sar
molto pi semplice comprendere come costruire le tue Mappe Mentali
facendoti vedere unimmagine piuttosto che spiegandoti come farle.
Leditore, poi, ha pensato di aumentare ancora il valore di questo
libro proponendomi di allegarvi un DVD sulle Mappe Mentali che ho
prodotto un paio di anni fa e che era in vendita sul mio sito, www.
matteosalvo.com. Lofferta stata irrinunciabile, e il risultato che
ora potrai approfittare dei contenuti del libro e del video. Mi vedrai
con qualche anno in meno, ma il contenuto sempre attuale e, se
unimmagine vale pi di mille parole, un video vale ancora pi di
unimmagine Guardalo con attenzione! In circa due ore avrai una
visione dinsieme sulle Mappe Mentali e dopo potrai approfondire
leggendo il libro.
Detto questo, ti auguro buona lettura, buona visione del DVD e,
soprattutto, ottimi risultati!

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 8

01/10/15 10:10

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 9

01/10/15 10:10

PREFAZIONE

ono davvero onorato che mi sia stato chiesto di scrivere la prefazione al libro sulle Mappe Mentali di Matteo Salvo, pubblicato
in Italia.
Quando ero alluniversit, non avevo gli strumenti adatti per studiare in modo efficace e quello che percepivo era una sorta di paralisi
delle capacit mnemoniche. Gli appunti scritti attentamente durante
i corsi, nero su bianco su fogli a righe sempre uguali, stavano diventando monotoni e la fase di memorizzazione risultava demotivante
e noiosa. Decisi allora di consultare la biblioteca delluniversit alla
ricerca della sezione dedicata ai libri su come usare meglio il mio cervello. La bibliotecaria mi indirizz alla sezione di medicina! Le dissi
che non cercavo un testo sulle malattie cerebrali bens un manuale
su come sfruttare meglio le mie capacit mentali. Non esisteva alcun
libro del genere. Ogni dispositivo elettronico veniva accompagnato
da un manuale di istruzioni, mentre il cervello umano, strumento
dalle potenzialit illimitate e straordinarie, non ne era provvisto. Decisi quindi che lo avrei scritto io stesso e, proprio in quel processo,
nacquero le Mappe Mentali. Capii quanto fosse effettivamente noioso
tutto ci che era bianco e nero, fonte di monotonia e sonnolenza. Pi
osservavo e pi mi rendevo conto che le biblioteche scolastiche delle
maggiori universit erano divenute giganteschi dormitori per cervelli
stanchi, esausti e sonnolenti.
Una volta fatto il primo passo verso la comprensione del funzionamento del cervello umano, avevo scoperto strumenti imprescindibili,
quali le Mappe Mentali, la lettura veloce e i segreti per il potenziamento e il sostegno della memoria da tempo caduti nelloblio. Tecniche che uso in prima persona nello svolgimento delle mie attivit e
che promuovo a milioni di persone entusiaste sparse su tutto il pianeta. Persone affamate e assetate di conoscere come dare una svolta
al proprio sistema pensante, come usare le proprie teste nel modo per
il quale sono state progettate. Le tecniche da me scoperte insieme
alle Mappe Mentali, la lettura veloce e le tecniche di Memoria rappresentano i tre pilastri della Alfabetizzazione Mentale, la dottrina che
cerco di diffondere nel mondo.

Osservando la storia della razza umana, si nota come alcuni individui emergano pi di altri. Sono quelli che tutti riconosciamo come
geni, apparentemente una razza di Giganti della mente ben lontani
dalla categoria dei comuni esseri umani quali ad esempio Confucio,
Newton, Leonardo da Vinci ed Einstein. Potremmo chiederci come si
sia potuta formare questa comunit di personalit titaniche. Chi le
ha elette? Perch si trovano allinterno di questo club mentre molti
altri no? Il resto dellumanit fatta di materiale inferiore rispetto
a questi superuomini o donne? Iniziai appunto a chiedermi chi decide chi intelligente o meno e scoprii che tutti quanti, liberando il
vero potenziale racchiuso nel proprio cervello possono aspirare a
risvegliare la propria mente e a unirsi al club dei geni. Non esistono
cancelli daccesso o altri ostacoli. Applicando le Mappe Mentali spalancherete la porta della comunit dei cervelli illuminati e aperti a
360 gradi.
La mia ultima campagna informativa mondiale punta a intensificare il progetto di educazione mentale destinato a rivelare a miliardi
di persone di tutto il mondo quali risorse dormienti della mente possano essere risvegliate.
Il libro di Matteo, primo Atleta della Mente in Italia a essersi aggiudicato il titolo di International Master of Memory al Campionato
Mondiale di Memoria e primo e unico Senior Trainer in Europa da
me certificato per insegnare le Mappe Mentali, le tecniche di Memoria e le tecniche di lettura veloce, sar di grande aiuto a me in questa
campagna e a te che lo stai leggendo per aiutarti a comprendere come
sfruttare al meglio il potenziale della tua mente applicando le Mappe
Mentali nelle pi disparate situazioni.
Concludo augurando a Matteo, un vero guerriero della Mente, e
al suo nuovo libro tutto il successo possibile. Per citare il poeta latino
nella sua lingua dorigine, questo sar il Monumentum Aere Perennius, il monumento pi duraturo del bronzo! (Orazio).

Professor Tony Buzan


Singapore, 05/09/2015



001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 10



01/10/15 10:10

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 11

01/10/15 10:10

PARTE

GETTIAMO LE FONDAMENTA

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 12

01/10/15 10:10

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 13

01/10/15 10:10

1.1

1
COSA NON SONO
LE MAPPE MENTALI

PUNTO 2

LE MAPPE MENTALI NON SONO DIAGRAMMI DI FLUSSO

Sovente ricevo e-mail di persone che mi chiedono consigli


su come migliorare le loro Mappe Mentali. Quello che mi inviano, per, in realt non sono Mappe Mentali. Per far chiarezza, ci tengo che tu sappia cosa non sono le Mappe Mentali:
1.
2.
3.
4.

le Mappe Mentali non sono schemi;


le Mappe Mentali non sono diagrammi di flusso;
le Mappe Mentali non sono diagrammi a blocchi;
le Mappe Mentali non sono mappe concettuali.

Un diagramma di flusso (in inglese flowchart) una rappresentazione grafica che ci permette di rappresentare il flusso
di controllo ed esecuzione di operazioni o istruzioni rappresentate mediante figure geometriche quali rettangoli,
rombi, rettangoli smussati e altre ancora, ciascuna con un
significato preciso. Allinterno di queste figure, collegate
tra loro da frecce, ci sar un testo che rappresenta lattivit da svolgere. Per questa loro caratteristica i diagrammi
di flusso sono considerati parte della classe pi ampia dei
diagrammi a blocchi.

MELA

Vediamo quali sono le differenze.

PUNTO 1

5$&&2/7$

LE MAPPE MENTALI NON SONO SCHEMI

75$632572

Uno schema una figura che costituisce una rappresentazione semplificata e funzionale di un argomento che vogliamo imparare.

&21)(5,0(172
35(662
&223(5$7,9$

&21752//248$/,7

STIGMA
STAME

STILO

ANTERA

6(/(=,21(
3(5/277,0,==$=,21(
'(//$&216(59$=,21(

CA R P E L LO

OVARIO

FILAMENTO

WHPSLHFRQGL]LRQL

352'2772
6(/(=,21$723(5
/$&216(59$=,21(

352'2772
121$'$7723(5
/$&216(59$=,21(

352'2772
&21),6,23$7,(
ULVFDOGRYLWUHVFHQ]D

PETALO
&/$66,),&$=,21(

SEPALO
OVOLO

RICETTACOLO

&216(59$=,21(
%5(9(

PEDICELLO



&216(59$=,21(
/81*$

*(77,$02/()21'$0(17$

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 14

75$6)250$=,21(

&216(59$=,21(
63(&,$/(

&26$1216212/(0$33(0(17$/,

01/10/15 10:10

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 15



01/10/15 10:10

1
PUNTO 3

PUNTO 4

Un diagramma a blocchi una rappresentazione grafica


usata per illustrare concetti e idee.
In un diagramma a blocchi, allinterno delle figure
geometriche, collegate tra loro da frecce, ci saranno testi
descrittivi, spesso rappresentati da intere frasi. A loro
volta, i diagrammi a blocchi fanno parte della categoria
pi ampia delle mappe concettuali.

Una mappa concettuale un insieme di parole chiave


collegate tra loro da linee. estremamente funzionale, in
quanto si basa su un apprendimento dei significati e dei
concetti contrapponendosi al modello precedente in cui
lapprendimento era ripetitivo e mnemonico.
La mappa concettuale, quindi, ci aiuta a farci capire ma
non cos funzionale per farci memorizzare.
Mi spiego meglio: non cos funzionale per farci memorizzare perch a prima vista queste mappe sono tutte molto
simili e, proprio per la loro struttura, difficili da ricordare.
Un foglio con riportate sopra parole collegate tra loro da
linee ha sempre lo stesso aspetto, sia che stiamo parlando di
concetti di economia sia che stiamo parlando di geografia.
In una mappa concettuale materie molto diverse possono comunque risultare molto simili a livello visivo.

LE MAPPE MENTALI NON SONO DIAGRAMMI A BLOCCHI

LE MAPPE MENTALI NON SONO MAPPE CONCETTUALI

LO SCHEMA A BLOCCHI
CO PERTINA



PRESENTA ZIO N E
PRESENTAZIO

HELP

IN DICE

PERSONAG GI
PERSONAGGI

FEU DATARIO
FEUDATARIO

CAVALIERI

SERVI .....

FEST E E .....
FESTE

CACCIA

INVESTITURA

FIERE .....

ARCHITET TURA

STORIA

STRU T TURA
T URA

TERRITORIO .....

MAPPA CONCETTUALE

*(77,$02/()21'$0(17$

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 16

&26$1216212/(0$33(0(17$/,

01/10/15 10:10

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 17



01/10/15 10:10

1.2

1
COME NASCONO
LE MAPPE MENTALI
Abbiamo visto che cosa le Mappe Mentali non sono; prima
di vedere che cosa sono, per comprenderle meglio, vediamo intanto come e da dove nascono.
In caso non avessi letto la Prefazione, nascono da una
riflessione di Tony Buzan. Quando studiava psicologia
and nella biblioteca dellUniversit e chiese dove poteva
trovare dei libri che spiegassero come funziona il cervello,
per studiare e acquisire le informazioni in modo pi efficace. Venne indirizzato nella sezione di medicina; disse
che non era interessato allaspetto medico, ma a capire
come usare meglio il cervello quello che lui cercava era
una sorta di manuale di istruzioni per riuscire a immagazzinare le informazioni velocemente e trattenerle a
lungo termine.
La risposta fu che non cerano libri su tali argomenti
e da l inizi la sua ricerca. Part analizzando quello che
avevano fatto e quello che pensavano i grandi geni del passato. Osservando i loro appunti e quello che ci avevano
lasciato si rese conto che il loro modo di pensare era completamente diverso rispetto a quello che ci hanno insegnato ad adottare a scuola. Osservando, per esempio, gli
appunti di Leonardo da Vinci, possiamo notare che ragionava per punti chiave e, soprattutto, immagini. Pur non
avendo le conoscenze che abbiamo a disposizione oggi sul
funzionamento del cervello, si era reso conto che in questo modo i messaggi erano pi chiari e la mente aveva pi
facilit a elaborare le informazioni.
Lidea quella di parlare alla mente nella sua stessa
lingua.



*(77,$02/()21'$0(17$

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 18

&20(1$6&212/(0$33(0(17$/,

01/10/15 10:10

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 19



01/10/15 10:10

1.3

1
MA CHE LINGUA PARLA
LA NOSTRA MENTE?

Se osservi bene noterai che un neurone e una Mappa Mentale hanno esattamente la stessa struttura o, meglio, che
la Mappa Mentale stata pensata partendo esattamente
dalla stessa struttura di un neurone. In questo modo la
nostra mente acquisisce le informazioni senza bisogno
di interprete.

Quali sono le informazioni che capiamo al volo e ricordiamo anche se le abbiamo ascoltate una volta soltanto?
Innanzitutto la nostra mente comprende e interiorizza
meglio:
1.
2.
3.
4.
5.

immagini;
colori;
associazioni di idee;
associazioni di suoni;
informazioni che richiedono il nostro
coinvolgimento emotivo;
6. informazioni che suscitano la nostra curiosit;
7. informazioni curiose o strane;
8. informazioni che ci coinvolgono direttamente
o emotivamente.
Da qui lidea di rappresentare i concetti sfruttando
le caratteristiche appena
riportate ma, soprattutto,
non usando una struttura
lineare, come in un testo
scritto, ma quella radiale
di un neurone.
Per comprendere meglio questo aspetto ci
basta guardare come
fatto un neurone (immagine qui a sinistra).



Quando cerchiamo di comprendere i concetti espressi in


un libro senza immagini la nostra mente deve raffigurarli
e interpretarli. Solo a quel punto riesce a comprenderli.
In una Mappa Mentale, invece, le informazioni arrivano
dirette alla nostra mente perch sono rappresentate sotto
forma di colori, immagini e punti chiave, esattamente
come la mente le elabora. per questo che le Mappe Mentali si chiamano cos. Evita di farti trarre in inganno dal
nome, alcuni pensano che le Mappe Mentali si costruiscano a mente, ma non cos. In un libro, invece, i concetti
chiave non sono evidenti, non saltano allocchio immediatamente: sono oscurati dalla massa di parole chiave che
servono per renderli pi comprensibili (a pagina 22).

*(77,$02/()21'$0(17$

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 20

0$&+(/,1*8$3$5/$/$12675$0(17("

01/10/15 10:10

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 21

La struttura della
Mappa Mentale
riprende la struttura
di un neurone.



01/10/15 10:10

DIVERSI MODI
DI APPRENDERE

Non ti voglio convincere di questo, ascolta la tua sensazione di fronte alla Mappa Mentale nella pagina precedente oppure di fronte allimmagine qui sotto.
La mappa, inoltre, ci permette di non subire le informazioni in modo passivo: per poterle comprendere attraverso
una mappa, la nostra mente deve essere sveglia e attiva.

Il fatto che la mappa catturi di pi la nostra attenzione


dovuto al fatto che parlando di apprendimento possiamo
distinguerlo in due categorie:

Arachide & Cannella: Castries Crme un liquore di arachidi con una forte
nota iniziale di burro di arachidi, che poi cede a note sottili di cannella speziata e
zucchero grezzo di canna. Vedi anche Arachide & Mela, p. 24.

1. apprendimento passivo;
2. apprendimento attivo.

Arachide & Carota: Nigella Lawson propone la sua Insalata di carote e arachidi
della stanza dellarcobaleno, in onore di un ristorante dove sua madre ha mangiato
una cosa simile. Il mix di ingredienti potr anche sembrare strano, in particolare se
siete coraggiosi con laceto: la sua nota astringente incide sulluntuosit delle
arachidi e, unita a carote dolci, d al tutto una nota invitante che associo con le
insalate asiatiche al succo di lime. Grattugiate grossolanamente 4 carote e mescolatele con 75 g di arachidi salate, 2 cucchiai di aceto di vino rosso, 2 cucchiai di olio
di arachidi e alcune gocce di olio di sesamo. Da mangiare subito.

Andiamo ad analizzare questi due diversi tipi di apprendimento.

APPRENDIMENTO PASSIVO

Arachide & Cetriolo: in India, il khamang kakadi riunisce cetriolo sbucciato e


tagliato a dadini, arachidi tostate e sminuzzate, peperoncino verde piccante nemente tritato e cocco grattugiato. Il tutto viene condito con succo di limone, sale,
zucchero e cumino, o con olio contenente semi di senape che sono stati scaldati
no a quando i semi scoppiano, rilasciando il loro sapore. Servite come un chutney.

un metodo di apprendimento per mezzo del quale la nostra mente subisce le informazioni senza venire coinvolta.
Questo sistema decisamente pi lungo e meno efficace,
perch non viviamo le informazioni in prima persona e
la nostra mente costretta a eseguire un lavoro estremamente ripetitivo che non richiede la nostra attenzione.
Per dare unidea, come una persona che, per mettersi
in forma, utilizza un elettrostimolatore per gli addominali. Questo tipo di approccio, che apparentemente richiede meno sforzo, un approccio passivo e pi lento. Il
muscolo viene stimolato dallesterno e non dallinterno.
Quello che personalmente trovo pi limitante in questo tipo di approccio che non alleniamo il muscolo del
pensiero e della forza di volont. Per quanto riguarda lapprendimento, come delegare la responsabilit dei propri risultati a qualcosa che non dipende da noi. In questo
caso, infatti, cerchiamo di far entrare le informazioni in
testa subendole.

Arachide & Cioccolato: vedi Cioccolato & Arachide, p. 13


Arachide & Cocco: spesso abbinati nella cucina indonesiana. Usato per insaporire piatti di riso, il seroendeng composto da noce di cocco tostata e grattugiata,
cotta con cipolla, aglio e spezie, poi mescolata alle arachidi. Il rempeyek kacang
uno snack fritto preparato con arachidi tritate mescolate a latte di cocco speziato e
pastella di farina di riso. Arachidi e cocco sono uniti anche in una celebre salsa per
il satay, e nel condimento per il gado gado, una classica insalata indonesiana, ottima
quando avete avanzi di verdura da utilizzare. Tostate in forno a 190 C per 6-8
minuti 200 g di arachidi private della buccia. Lasciate raffreddare e lavorate il tutto
nel mixer, no a quando sar nemente tritato. Unite 50 ml di salsa di soia, 2
cucchiai di zucchero di palma (o grezzo di canna), il succo di 1/2 lime, un paio di
spicchi di aglio schiacciati (fritti con 2-3 scalogni tritati) e peperoncino piccante a
piacere. Frullate il tutto e unite 400 ml di latte di cocco; frullate di nuovo per
amalgamare. Usate la salsa per condire un mix di verdure bollite, sbollentate e
crude. Patate bollite e fagiolini sbianchiti sono una combinazione comune, variamente ampliabile con carote, cipollotti, cavolo, cetriolo o lattuga. Uova sode,
cracker di gamberi, cipolla o tofu fritti sono usati come decorazione.
Arachide & Foglie di coriandolo: vedi Foglie di coriandolo & Arachide, p. 195
Arachide & Frutti di mare: la salsa satay pu trasformare uno spiedino
semplice di cozze o gamberetti in una delizia. Nel vatap brasiliano, un piatto
molto saporito, i frutti di mare sono stufati in una salsa di cocco e arachidi,
ispessita dal pane. Gamberi e arachidi condividono la stessa dolcezza da
frutta secca, senza risultare stucchevoli.
23

Flavour_001-073_P.indd 23



24/08/11 18.24

*(77,$02/()21'$0(17$

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 22

1.4

',9(56,02',',$335(1'(5(

01/10/15 10:10

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 23



01/10/15 10:10

1
Questo non un concetto di mia invenzione: il primo
a parlarci della differenza tra apprendimento attivo e
passivo fu Edgar Gale, che condusse diversi studi che lo
portarono a elaborare la sua teoria sul cono dellapprendimento. Qui sotto puoi vedere limmagine.

CONO DELLAPPRENDIMENTO
'2326(77,0$1(
7(1',$02$5,&25'$5(

LOGLFLzFKHXGLDPR
LOGLFLzFKHYHGLDPR

*8$5'$5(
*8$5'$5(81),/0

LOGLFLzFKHXGLDPR
HYHGLDPR

*8$5'$5(81(6326,=,21(

6WLPRORYLVLYR

*8$5'$5(81$',02675$=,21(
9('(5()$5(/$&26$68/32672

LOGLFLz
FKHGLFLDPR
LOGLFLz
FKHGLFLDPR
HIDFFLDPR

3$57(&,3$5($81$',6&866,21(

3DUWHFLSDQWH

7(1(5(81',6&2562
)$5(81$35(6(17$=,21(6(16$=,21$/(
6,08/$5(/(63(5,(1=$5($/(
,16(*1$5($*/,$/75,

Le Mappe Mentali sono cos efficaci perch, tra le altre


cose, sono un sistema di apprendimento attivo.
Il paragone che mi piace fare per lapprendimento
quello di un cane da caccia che va a scovare la preda e
non si d per vinto fino a quando non riuscito a stanarla.
Lapproccio passivo, invece, come un cane che
aspetta che la preda gli passi sotto il naso. Probabilmente sar talmente stufo e annoiato di aspettare che,
anche se la preda dovesse passargli davanti, non sarebbe
pronto ad afferrarla.

',9(56,02',',$335(1'(5(

05/10/15 16:14

,PSDWWR
GLUHWWR

)RQWH(GJDU'DOH

*(77,$02/()21'$0(17$

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 24

6WLPRORYHUEDOH

$77,92

Uno dei concetti che tengo di pi a trasferire durante i


miei corsi quello di smettere di studiare per imparare e
iniziare a studiare per spiegare.
In questo tipo di apprendimento siamo noi a metterci
in gioco, siamo noi a voler comprendere i concetti e siamo
coinvolti in prima persona.
In questo modo non subiamo pi le informazioni in
modo passivo, cercando di farle entrare in testa per inerzia, leggendo e ripetendo. Siamo noi in prima persona che
vogliamo comprenderle, nellottica di trasferirle a qualcun
altro. In inglese questo concetto definito con lespressione switch ownership, ovvero trasferire la competenza
su un argomento a qualcun altro.
Se abbiamo compreso i concetti e a nostra volta siamo
in grado di trasferirli a qualcun altro vuol dire che abbiamo svolto bene il nostro lavoro e che quei concetti li
abbiamo davvero interiorizzati noi in prima persona.
Questa, a mio avviso, la forma pi alta di apprendimento: aver interiorizzato talmente bene qualcosa da
poterla trasferire a qualcun altro. In questo tipo di apprendimento siamo noi che siamo alla ricerca delle informazioni, non le stiamo subendo.

/(**(5(
$6&2/7$5(

3$66,92

LOGLFLzFKHOHJJLDPR

APPRENDIMENTO ATTIVO



7,32',&2,192/*,0(172

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 25

Gli studi di Edgar


Dale mostrano
quali sono i sistemi
pi efficaci ai fini
dellapprendimento.



01/10/15 10:10

1.5

1
LA STRUTTURA
DEL PENSIERO
Probabilmente non tutti ne sono consapevoli, ma
quando pensiamo usiamo una serie di procedure
preimpostate da noi stessi. Tali procedure sono date
dalle nostre esperienze di vita e dal significato che abbiamo dato a queste esperienze. Chiaramente ciascuno
di noi pu modificare qualsiasi procedura e modo di
pensare tanto pi facilmente quanto pi siamo flessibili e predisposti al cambiamento. Io suddivido queste
procedure in due macrocategorie: il pensiero lineare e
il pensiero radiale.

PENSARE IN MODO LINEARE


Il nostro modo di pensare era radiale quando eravamo
bambini, dopo ha preso la direzione lineare, quando
siamo andati a scuola. Iniziamo a fare le cose in modo
preciso e schematico. Le informazioni ci vengono date
sotto forma di testi scritti in linee pi o meno fitte, impariamo concetti da elenchi o liste e alla fine quello
stesso modo di elaborare le informazioni viene considerato come lunico funzionale.

PENSARE IN MODO RADIALE


Quando analizziamo informazioni in modo radiale andiamo ad attingere a potenzialit che ci permettono di
vedere le informazioni in modo diverso.
Ma perch sarebbe necessario vedere le informazioni in modo diverso? Questa la domanda che mi



fanno molte volte persone prevalentemente razionali e


con un lavoro ripetitivo e metodico. Dobbiamo essere
precisi e c un solo modo di vedere le cose la loro
obiezione.
A mio avviso, quando cerchiamo di acquisire informazioni da un testo in modo schematico non stiamo
creando immagini nella nostra mente, non stiamo interpretando i concetti e quindi lapprendimento risulta
estremamente limitato.
totalmente diverso quando pensiamo in modo creativo e attraverso le immagini. Daltra parte, si dice che
unimmagine valga pi di mille parole, quindi immagina
cosa potrebbe accadere se nella tua mente non creassi
soltanto immagini ma addirittura dei video.
Sono sicuro che rimarresti sbalordito da quello che
sei in grado di creare.
I bambini sono bravissimi e velocissimi in questo
processo di creazione di immagini, poi, man mano che
crescono, perdono questa creativit. Molte volte il motivo che gi a scuola essa viene limitata; si spingono
gli studenti a fare le cose in modo standardizzato per
far s che ciascuno possa acquisire le stesse competenze,
senza fare in modo che vengano messi in risalto i talenti
individuali.
Per darti unidea di quello che intendo quando dico
che la mente acquisisce meglio informazioni espresse
sotto forma di immagini, ti chiedo di memorizzare le informazioni riportate nella pagina seguente. Sono delle
semplici indicazioni stradali: memorizzale nel dettaglio.

*(77,$02/()21'$0(17$

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 26

/$67587785$'(/3(16,(52

01/10/15 10:10

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 27



01/10/15 10:10

ova

te

at

Via Monte

i av
ell

oM
on
ti

i
an
in
GIARDINI
PUBBLICI
INDRO
MONTANELLI

to

ed

na

s te
llo

iP

iet

Via Brole

Vercel

tto

lina

GALLERIA
DARTE
MODERNA

Se

Ca

V ia M ont

Via Palestro
li

V ia

za

nte
V ia Po
Vetero

az

Via dellOrso

ACCADEMIA
DI BELLE ARTI
DI BRERA

vo

ine

uo

l C arm

on

rc at

Pi

V ia de

fratel

rg

t ti

B u o n a p a r te

Via
Quintino
Sella

tebene

Bo

se

CASTELLO
SFORZESCO

voli

Via Brera

os

Porta

va

V ia

i
Via decuri
Fiori os

V ia Me

eR

Viale di

osco

nz

iel

Via Ti

Foro

Magen

ta

BASILICA
DI SAN CARLO
AL CORSO

Via Meravigli

Puoi anche decidere di non fare la strada che ti stata suggerita perch, avendo la visione dinsieme, hai capito dove
si trova il punto di partenza e il punto di arrivo e sei perfettamente in grado di trovare anche percorsi alternativi
per raggiungerlo.
Ci sono molti esempi che possiamo usare. Pensa a un
parco dei divertimenti come Gardaland. Prima di salire su
ogni attrazione non vediamo regole scritte ma immagini
che ci fanno capire quali sono le norme da seguire. Se ci
fossero informazioni scritte dovrebbero essere tradotte in
molte lingue e, soprattutto, nessuno le leggerebbe, perch
non catturerebbero la nostra attenzione. Tutto quello che,
invece, strano e coinvolgente la cattura meglio.

*(77,$02/()21'$0(17$

/$67587785$'(/3(16,(52

01/10/15 10:10

Pis

ro
V ia Fa

br

Ti sarai reso conto che non semplice. Daltra parte, ti


sar sicuramente capitato, qualche volta, di chiedere informazioni a qualcuno che si prodigava il pi possibile
per aiutarti a raggiungere la destinazione ma appena
richiuso il finestrino, la domanda che avevi in mente era:
E adesso da che parte devo andare?.
Questo perch le informazioni ricevute ti sono state
date in modo lineare e razionale, ossia una dopo laltra, e la tua mente le doveva decodificare e trasformare
in immagini per poterle comprendere. Osserva invece
limmagine a pagina 29. Noterai quanto la nostra mente
comprenda meglio le stesse informazioni che hai letto
prima.

Corso

ella M

bello

Man

rmo

iele

V ia d

Via Pale

ra

Corso Vercelli

Gi

cova

PARCO
SEMPIONE

 (QWUDWHQHO3DUFR6HPSLRQHVHJXHQGRODSLVWDFLFODELOH
LQGLUH]LRQH&RUVR6HPSLRQH

 3URVHJXLWHILQRDOOXRJRGHOODSSXQWDPHQWR
LQ&RUVR6HPSLRQH

rre

pi

Dan

ch

no

FONDAZIONE
LA TRIENNALE
DI MILANO

$OODILQHGHOSDUFRVHPSUHVXOODSLVWDFLFODELOH
FRVWHJJLDWHODURWRQGDHLPPHWWHWHYLLQ&RUVR6HPSLRQH

hio

to r
o Cris

Via Filippo Turat

ac

ga

aA

Garibaldi

aG

 3URVHJXLWHILQRD3LD]]DGHO&DVWHOOR

elc

Vit
ancesc

lla Mos

ppe

ol

aM

Via
Via de

il

Via Antonio Can

Nievo

D
Er

i cc
ce

ar

bio

Giuse

polito

lzi

aN
in

Vi

aM

Pasu

CHIESA
DI SANTA MARIA
INCORONATA

Vi

Vi

r zo

Cor so

Vi
aV

 3HUFRUUHWH9LD4XLQWLQR6HOODHSRLVYROWDWHDVLQLVWUD
FRVWHJJLDQGRLO&DVWHOOR6IRU]HVFRFKHVDUjDOODYRVWUDGHVWUD

Stu

Via

on

Via Ip

Viale

Viale Fr

Via Francesco Me

a
oP

gi

pi

B
a

Lui

on

em
a

co
es
nc io
ra on
a F nd
V i Lo

oS
n
aA

e
dr

sa

n
se

s
Ma

Vi

 3URVHJXLWHVX9LDGHO&DUPLQHILQRD9LD4XLQWLQR6HOOD

V iale Don

nz

Ce

rs

 3HUFRUUHWH9LD%UHUDHLPPHWWHWHYLJLUDQGRDGHVWUD
LQ9LDGHO&DUPLQH

r zo

Ma

lio

Co
Vi

tu

Via

iu

z zo

aG

ma

Vi

 *LUDWHDVLQLVWUDHSRLVYROWDWHDGHVWUDLQ9LDGHL)LRULRVFXUL
 3HUFRUUHWH9LDGHL)LRULRVFXULTXLQGLJLUDWHDVLQLVWUD
SHU9LD%UHUD

iS

Lo

la

olo

so

uig

sio

e
os

r
eP

a
oc

cin

Pa

on
od

 3UHQGHWHODWHU]DXVFLWDHLPPHWWHWHYLVX9LD)DWHEHQHIUDWHOOL
HSHUFRUUHWHOD

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 28

nL

ere

pi
Vi

ale Cimitero M

Via

em

 3URFHGHWHVXYLD3DOHVWURILQRDOODURWRQGD

o
aD

le C

oS

(FFROHLQGLFD]LRQLSHUUDJJLXQJHUHLOOXRJRGHOOLQFRQWUR



Do

u
on

Via

rs

Vi

n
aA

lo
ge

l
Po

an
izi

Piazz

Vi

nta

le

V i al e

me

Co

6LHWHQHL*LDUGLQLSXEEOLFL,QGUR0RQWDQHOOLD0LODQRHGRYHWH
DQGDUHLQELFLFOHWWDLQ&RUVR6HPSLRQHSHUXQDSSXQWDPHQWR

oia

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 29



01/10/15 10:10

A tal proposito ti racconto un aneddoto che mi successo


un paio di anni fa: mi capita spesso di viaggiare in aereo e
sinceramente appena prendo posto mi immergo nei miei
pensieri. Mi rendo conto che non presto alcuna attenzione alle procedure di evacuazione dellaereo date dalle
hostess.
Una volta, per, successa una cosa troppo particolare
per non ascoltarle con attenzione: le informazioni erano
date da bambine vestite da hostess e le notizie sullaeroporto di partenza e di arrivo, la temperatura e tutto il
resto da un bambino simpaticissimo vestito da comandante. Era davvero divertente: la maggior parte dei passeggeri, me compreso, registrava questo spettacolo con il
telefonino.
Penso di aver imparato di pi in quella sola occasione
che in tutte le altre in cui ho sentito quelle informazioni
recitate in modo robotico da hostess addestrate o da video
seriosi proiettati sugli schermi.



COSE UNA
MAPPA MENTALE?
Una Mappa Mentale una rappresentazione grafica del
nostro pensiero: con nostro pensiero intendiamo qualsiasi tipo di informazione o insieme di concetti che vogliamo
comprendere o elaborare. La rappresentazione in questo
caso risulter estremamente chiara, vivace, attraente e vi
saranno riportati soltanto i punti chiave. In questo modo
la mente non deve districarsi in mezzo alle centinaia di parole che servono per rendere pi comprensibili i concetti.
Le parole chiave serviranno a richiamare i concetti
chiave, ma saremo noi, con la nostra propriet di linguaggio e con il nostro modo di comunicare, a esprimere quei
concetti in modo chiaro ed esaustivo. Ti premetto che per
fare le mappe non necessario essere artisti o pittori. Vedo
molte persone che si scoraggiano, allinizio, pensando di
non poter fare le Mappe Mentali perch non sono capaci
di disegnare. Io sono una di queste, ma non mi sono mai
scoraggiato. Mi rendevo conto che il mio non stile e la
mia non spiccata abilit artistica erano comunque sufficienti a farmi trattenere tutte le informazioni che mi servivano senza bisogno di fare nessun corso di disegno.
Mi era anche passato per la mente di farlo, ma mi ero
reso conto che era pi uno sfizio per rendere le mie mappe
pi artistiche, non una cosa funzionale al raggiungimento
dellobiettivo. Mi spiego meglio: le mie mappe, con il loro
stile estremamente essenziale e non artistico, riuscivano
comunque a farmi trattenere tutte le informazioni di cui
avevo bisogno, a darmi tutte le idee e a permettermi di
disporre delle informazioni secondo una gerarchia chiara
e funzionale.

*(77,$02/()21'$0(17$

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 30

&2681$0$33$0(17$/("

01/10/15 10:10

1.6

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 31



01/10/15 10:10

1.7

1
STILE
DELLA MAPPA
Come puoi vedere dagli esempi che seguono, ogni persona
avr un proprio stile. Puoi prendere spunto da questi per
costruire le tue mappe, usando uno stile che ti piaccia di
pi e che sia pi funzionale per te. Quello che mi sento di
dirti in totale tranquillit, per, di evitare di perderti a
fare mappe belle come se fossero quadri. Ovviamente, a
meno che quello non sia il reale scopo per il quale stai facendo la mappa! Conosco persone con una vena artistica
molto spiccata che adorano rappresentare cose importanti
come, per esempio, la missione della loro vita oppure le
azioni quotidiane da fare per avere una vita piena e gratificante, come dei veri e propri quadri da appendere in casa.



In questo caso, ovviamente, possiamo dedicare molto


tempo a realizzare la mappa perch lobiettivo anche che
sia bella da vedere per essere esposta. Se invece lo scopo
avere chiare in mente le attivit da fare oggi non necessario perdersi in disegni degni di un artista. Questo,
almeno, il mio personale approccio. Ho sempre usato le
mappe con lo scopo di ottimizzare i tempi, per arrivare pi
velocemente al risultato prefissato e avere pi tempo per
dedicarmi alle cose che mi piace fare. per questo motivo
che le mie mappe hanno una stile molto semplice e scarno e
i disegni sono al limite della decenza e della comprensione.

*(77,$02/()21'$0(17$

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 32

67,/('(//$0$33$

01/10/15 10:10

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 33



01/10/15 10:11



*(77,$02/()21'$0(17$

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 34

67,/('(//$0$33$

01/10/15 10:11

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 35



01/10/15 10:11



*(77,$02/()21'$0(17$

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 36

67,/('(//$0$33$

01/10/15 10:11

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 37



01/10/15 10:11

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 38

01/10/15 10:11

PARTE

COSTRUIRE LA MAPPA MENTALE

PARTE

001-192 Mappe Mentali CS 5_5.indd 39

01/10/15 10:11