Sei sulla pagina 1di 24

Specchio specchio delle mie brame

www.luigimiano.com

Luigi Miano Life e Spiritual Coach


www.luigimiano.com
info@luigimiano.com

Specchio specchio
delle mie brame
La fenomenale legge dello
specchio

La legge dello specchio


affrontata come non l’avete
mai letta

Luigi Miano Life Coach


www.luigimiano.com
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

Voglio parlarti di me e di ciò di cui mi occupo.

La mia è una vera e propria chiamata a studiare, elaborare, applicare, sperimentare


e poi diffondere qualsiasi strumento, metodica, analisi possa far uscire l’uomo da
una crisi di potere (personale) che lo attanaglia, dedicando a questo il resto della
mia esistenza.
Tutto quello che diffondo, tramite i corsi, i libri etc. è personalmente sperimentato
su di me, applicato nella mia esistenza e mi sta trascinando verso livelli di coscienza
superiori. Il mio è un viaggio di conoscenza meraviglioso, interminabile, una
esperienza unica che voglio condividere con chiunque lo desideri. Non sono
portatore di verità, sto cercando risposte ponendo sempre nuove domande. I miei più
grandi strumenti? L’ascolto e la curiosità (amore per la saggezza).
Io sono stato messo di fronte ad una scelta di cambiamento fortissima.
Resomi conto che la mia vita non era veramente mia ma in parte indirizzata dagli
altri, sono entrato in una crisi profonda. Una crisi che non mi lasciava scampo.
Dopo aver toccato il fondo mi sono trovato di fronte ad un bivio: sprofondare oppure
scegliere una direzione di cambiamento. E poi è successo che..
alla tenera età di 36 anni ho scoperto la missione della mia vita e che avrei voluto
aiutare gli altri a scoprire la propria missione. Non sapevo assolutamente nulla di
formazione, coaching e tutto quello che girava intorno a questo mondo. La mia
vocazione mi ha spinto ha fare cose inimmaginabili per me:
ho letto centinaia di libri, frequentato decine di corsi, scritto migliaia di pagine,
progettato più di 10 corsi…partendo da zero, non sapendo cosa fosse la formazione
ed il coaching e la crescita personale.
La forza di sapere di essere nel mio sogno mi ha fatto superare tantissimi ostacoli, mi
ha reso dolci gli enormi sacrifici.
La mia esistenza è la testimonianza di quanto sia possibile il cambiamento
qualsiasi sia la condizione di partenza. Non ci sono scuse, non ci sono ostacoli che
possano frenare il cammino verso la realizzazione della propria missione.
Sappi che tutto è possibile.
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

E’ stata per me ogni volta una scoperta, molto faticosa


a volte. Ma un percorso meraviglioso, affascinante. Il
fatto di essermi dato scopi elevati mi ha in qualche
modo costretto al cambiamento, a mettermi in
movimento.. ed a lavorare tantissimo sulla mia
interiorità.
Darsi scopi elevati in sintonia con i nostri valori. Scopi
che sentiamo come una vera e propria missione di vita
ci aiuta a superare qualsiasi ostacolo sia interiore che
esteriore e ci da la forza di lavorare sulla nostra
interiorità
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

Voglio iniziare raccontandoti una bellissima storia:

Un giorno un bambino litiga con la mamma che non vuole accontentarlo e andato su
tutte le furie se ne va di casa sbattendo la porta.
Cerca conforto tra le montagne vicino casa. Li c’è una gola stretta circondata da alte
montagne. E con tutta la forza grida pensando alla mamma: TI ODIO. E la sua voce
ritorna come eco: TI ODIO TI ODIO TI ODIO..
Il bambino si spaventa e corre a casa a raccontare tutto alla mamma..MAMMA
MAMMA C’E’ QUALCUNO LA’ CHE MI HA GRIDATO TI ODIO!!!
La mamma lo riporta tra le montagne e lo invita a gridare TI AMO . Lui lo fa
immediatamente e la montagna risponde: TI AMO TI AMO TI AMO..
Vedi caro figliolo, dice la mamma saggiamente, la vita è come queste montagne è un
eco che ti rimanda indietro ciò che dici e fai e dai…

Ciò che è fuori in realtà e dentro.


Non c’è nessun altro là fuori…

‘Tutto ciò che non vogliamo sapere di noi stessi finisce sempre per giungerci
dall’esterno e assumere la forma di Destino’
C.G.Jung

"Ciò che è fuori è anche dentro; e ciò che non è dentro non è da nessuna parte".
"Per questo viaggiare non serve. Se uno non ha niente dentro, non troverà mai niente
fuori. È inutile andare a cercare nel mondo quel che non si riesce a trovare dentro di
sé".

Tiziano Terzani
dal libro "Un altro giro di giostra. Viaggio nel male e nel bene del nostro tempo"
di Tiziano Terzani
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

Salvatore Brizzi in Officina Alchemica:


“La realtà ci fa da specchio. Vediamo solo ciò che siamo. Tutto quello che nel mondo
ci piace e ammiriamo, sta rispecchiando aspetti di noi che abbiamo già integrato e
che quindi ci procurano belle sensazioni. Al contrario tutto ciò che nel mondo ci da
fastidio e non sopportiamo, sta riflettendo quei lati della nostra personalità che
ancora non vogliamo accettare e rifiutiamo.”

Da una delle favole più famose e più affascinanti della Disney:

Regina: Mago
dello specchio
magico, sorgi dai
profondi abissi, ti
chiamo, e dalle
fiamme, tu appari!
E dimmi la verità!
Specchio: Che
vuoi conoscere
mia Regina?
Regina: Specchio, servo delle mie brame, chi è la più bella del reame?
Specchio: Bella, tu sei bella, mia Regina, ma oggi, un'altra bellezza c'è; sotto ai suoi
stracci pur s'indovina che, ahimè, ella è più bella di te.
Regina: Ahimè per lei! Dimmi il suo nome!
Specchio: Boccuccia di rose, e d'ebano i capelli, come neve è bianca.
Regina: Biancaneve!

Walt Disney, grande furbacchione, conosceva bene la legge dello specchio!


Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

Ecco che lo specchio che non è altro che la coscienza rispecchiata della Regina
cattiva da il suo responso. Esiste una ragazza più bella nel reame.
Ma in fondo Biancaneve non è altro che la proiezione dei dubbi, le paure e le
insicurezze della malvagia Regina o no? Nonostante la Regina dica specchio servo
delle mie brame è lei stessa serva dello specchio.
E cosa comunica il tuo specchio?

Specchio specchio delle tue brame..

Se ti poni ora davanti allo specchio del bagno o di qualche altra parte di casa tua non
avrai una immagine di te oggettiva. Ma ti vedrai bello o brutto, rugoso o con la pelle
di velluto, affascinante o deperito ma tutto sarà filtrato dai giudizi, preconcetti o
convinzioni. Cosa riflette lo specchio una immagine e basta oppure tutto quel mondo
interiore che c’è in te?

Avrai due possibilità perderti nello specchio ed annegare nel mare delle tue
convinzioni preconcette oppure comprendere le leggi dello specchio ed usarle a
tuo favore.
A tal proposito chi non conosce la storia di Narciso?
Condannato dagli Dei per aver trattato in maniera spietata e fredda Eco..
e mandarono Nemesi, dea della vendetta, che fece si che mentre si trovava presso
una fonte e si chinava per bere un sorso d'acqua, nel vedere la sua immagine riflessa
immediatamente il suo cuore iniziò a palpitare e a struggersi d'amore per quel volto
così bello, tenero e sorridente.

Non consapevole che aveva di fronte se stesso, ammirava quell'immagine e mandava


baci e tenere carezze ed immergeva le braccia nell'acqua per sfiorare quel soave
volto ma l'immagine scompariva non appena la toccava.
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

Rimase a lungo Narciso presso la fonte cercando di afferrare quel riflesso senza
accorgersi che i giorni scorrevano inesorabili, dimenticandosi di mangiare e di bere
sostenuto solo dal pensiero che quel malefico sortilegio che faceva si che
quell'immagine gli sfuggisse, sparisse per sempre(4).
Alla fine morì Narciso, presso la fonte che gli aveva regalato l'amore anelando un
abbraccio dalla sua stessa immagine.

Questo mito è molto vicino a quello che capita nelle nostre vite…finiamo per credere
che lo specchio sia tutto e ci perdiamo in quell’immagine che diviene la fonte
principale delle nostre gioie e dolori. E non ci rendiamo conto che quello che
vediamo è soltanto una immagine riflessa.

Ricordi inoltre il gioco che facevamo da bambini che si chiamava specchio?


Con quel gioco volevamo veramente comunicare non dire a me queste cose che
appartengono a te! Specchio riprenditi ciò che hai detto..
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

La legge di cui scriverò è la più importante che possa regolare la nostra esistenza in
tutti gli ambiti.
Voglio trasmetterti per come l’ho vissuta io e sperimentata nella mia vita una legge
che può cambiare la tua vita: la legge dello specchio.
E’ il principio più importante che abbia mai compreso in tutti questi anni di studi.
E’ un principio applicabile, estensibile ad ogni area della tua vita.
E’ il segreto del segreto. E’ la radice della legge di attrazione. E’ oltre la legge di
attrazione…

Con questo scritto impareremo ad usare il mondo e non ad esserne usati come
accade di solito.
E’ un cambio di paradigma radicale.

Prima di vedere alcuni principi pratici cerchiamo di rispondere al primo importante


quesito:
In cosa consiste veramente questa legge dello specchio e come funziona?

Lo specchio è lo strumento che ci fa capire che quello che è presente fuori di noi ci
appartiene. La Vita, attraverso gli altri, gli avvenimenti, gli accadimenti ci
comunica come siamo, chi siamo o chi vorremmo essere. Quando non si usa lo
specchio, inevitabilmente si entra nell’analisi, nel giudizio che allontana, separa,
frammenta. La formula per applicare lo specchio si realizza proprio quando stiamo
male o abbiamo difficoltà e fastidi. Senza lo specchio non si può arrivare alla
consapevolezza.
Lo specchio se ben usato può darci indicazioni incredibili sui nostri percorsi interiori
e su cosa potremmo fare per evolverci.
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

C’è una scena tratta dal meraviglioso film Matrix (che cito spesso come fonte infinita
di messaggi, metafore ed indicazioni) in cui si vede un bambino che fa degli esercizi
con un cucchiaio e riesce a piegarlo come fosse gomma soltanto con il pensiero.
Neo il protagonista è molto incuriosito e prende il cucchiaio con l’intento di
verificare se è un normale cucchiaio di cucina. Il bambino gli dice: “non cercare di
piegare il cucchiaio è impossibile. Cerca invece di fare l’unica cosa saggia, cercare la
verità”. Neo “Quale verità?” Bambino “che il cucchiaio non esiste ed allora ti
accorgerai che non è il cucchiaio a piegarsi ma sei tu stesso!” E Neo riesce a piegare
il cucchiaio..
questa è la legge dello specchio in pratica.

La Vita si costruisce in base alla legge del simile, alla legge dello specchio; senza il
simile inizia il caso, con il caso inizia il caos (visione casuale della vita, con la perdita
di vista del suo significato intrinseco). Ciò che è all’esterno di noi è simile a noi, è la
conseguenza di ciò che è dentro di noi. Con lo specchio si esce dall’irresponsabilità,
infatti applicando tale legge si diventa responsabili, perché noi attiriamo quello che
abbiamo dentro. Con la legge dello specchio si elimina il concetto della vittima e del
carnefice, chi si lamenta è la persona che pensa che gli eventi avvengano a caso.
E’ l’assunzione totale della responsabilità della propria esistenza. Si comprende come
conoscendo i propri meccanismi interiori si possa giungere alla creazione artistica del
mondo esterno.

Il cosiddetto mondo esterno è in realtà uno specchio in cui ognuno vive se stesso
E si sperimenta. Noi filtriamo ciò che ci appartiene.

Si tratta di cambiare uno dei paradigmi che più ha condizionato la nostra


esistenza: quello di credere che noi siamo lo specchio del mondo esterno e quindi
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

assolutamente passivi di fronte agli avvenimenti.. e quindi vittime di tutto ciò


che sembra casualmente accaderci.

In realtà le cose stanno esattamente all’opposto, siamo noi che creiamo l’immagine
dello specchio che si riflette nel mondo. Ma siamo talmente ostinati e creduloni che
quando ci capita qualche cosa di spiacevole ce la prendiamo con l’immagine
rispecchiata invece che fare i conti con noi stessi..

Prendere a pugni uno specchio, prendersela sempre e comunque con il mondo


esterno, con le persone che ci infastidiscono con gli avvenimenti è assurdo. Gesù ha
detto ama i tuoi nemici ed i nemici sono quelli interiori ossia le parti di noi da guarire
ed integrare ovvero quelle che ci causano più problemi proprio nel mondo esterno.
Ecco allora uno dei messaggi più importanti del Vangelo, lavora su te stesso, sulle tue
parti meno note e guariscile amandole. Amando esse stesse (i nemici) riuscirai ad
amare il mondo e quindi a creare una realtà esterna che sia quanto più possibile
pacifica, benefica, amorevole.

Mentre ci si guarda allo specchio occorre muovere non il riflesso ma l’immagine


stessa, cioè il proprio rapporto con il mondo e l’orientamento dei pensieri.

Se l'uomo si rende conto della funzione di specchio del mondo che lo circonda, si
procura una importantissima fonte di informazione. Anche se nello specchio si puo'
vedere sempre e soltanto se stessi, noi usiamo lo specchio perché può mostrarci parti
di noi stessi che senza il suo aiuto non potremmo mai scorgere.
Ti sto invitando ad imparare ad usare lo specchio e non ad esserne usato.

Allo stesso modo, l'osservazione del proprio mondo esterno e degli eventi coi quali si
viene confrontati é uno dei metodi migliori per conoscere se stessi, perché tutto
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

quello che nel mondo esterno disturba indica semplicemente che non si eé conciliati
in se stessi col principio analogo.
Questo l'uomo se lo senti dire poco volentieri.
tuttavia il fatto che uno si irrita per l’avidità dell'altro, indica con certezza che avido è
anche lui. Altrimenti la cosa non potrebbe disturbarlo. Se è generoso e non attaccato,
che gli importa dell'avidità degli altri? potrebbe prenderne semplicemente atto, senza
irritarcisi e senza sentirsi disturbato.

Dice il Vangelo di Matteo (7,3-5): "Perché osservi la pagliuzza nell`occhio del tuo
fratello, mentre non ti accorgi della trave che hai nel tuo occhio? O come potrai dire
al tuo fratello: permetti che tolga la pagliuzza dal tuo occhio, mentre nell`occhio tuo
c'è la trave? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e poi ci vedrai bene per
togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello."

Il mondo è una enorme proiezione di noi stessi. Se guardi negli altri i difetti ed i
fastidi sono i tuo difetti e fastidi. Perché non esiste un altro.
Non puoi cambiare la proiezione agendo sullo schermo, devi entrare in cabina di
regia ed agire direttamente sul proiettore.

Ascolta cosa scrive Salvatore Brizzi sul suo blog:

Seguitemi bene: il mondo che vediamo adesso non è reale... è solo il nostro passato,
mentre la nostra psicologia attuale è reale e rappresenta il nostro futuro. Gli amici,
il partner, il lavoro, la quantità di denaro che abbiamo adesso rappresentano il
nostro passato perché sono la conseguenza della nostra psicologia trascorsa. Per cui
è impossibile cambiare qualcosa agendo direttamente su questi fenomeni, in quanto
sono solo proiezioni, sono fantasmi. Sarebbe come cercare di agire sulle immagini di
un film: ormai è troppo tardi per cambiare le scene, bisognava agire prima, quando
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

il film è stato girato. Quella che vediamo intorno a noi è la proiezione finale di un
film che è già stato girato. Non è più modificabile.

Il mondo è un enorme specchio riflettente che funziona come un boomerang per


cui dovremo essere estremamente attenti a tutto ciò che pensiamo, crediamo e
diciamo. Tutto ritornerà indietro esattamente come è stato vissuto nella nostra
interiorità..

Prima di parlarti delle precauzioni d’uso della legge dello specchio voglio raccontarti
un aneddoto che riguarda la mia famiglia.
Qualche tempo fa avendone necessità abbiamo contattato una colf tramite una
conoscente di cui ci fidavamo.
Inizialmente sembrava che le cose andassero bene poi un giorno il fulmine a ciel
sereno. Mia moglie scopre la scomparsa di un anello di famiglia preziosissimo oltre
ad una collanina d’oro di minor pregio.
Abbiamo fatto notare la cosa alla persona ma ha negato. Siamo stati costretti ad
allontanarla senza denunciarla.
Ogni giorno io e mia moglie ci troviamo di fronte questa persona che frequenta i
nostri stessi luoghi. Mi moglie ogni volta mi chiede: possibile che me la devo trovare
ogni giorno davanti? Ed ancora ha della rabbia e del rancore.
Questa donna sta a ricordare alcune parti di noi in particolare l’attaccamento..
E fino a quando non avremo accettato, integrato e risolto la troveremo di fronte tutti i
giorni!
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

Veniamo al nocciolo.
ISTRUZIONI D’USO IMPORTANTISSIME PER LO SPECCHIO DEL
MONDO
Come è scritto sulle scatole dei medicinali: prima dell’uso leggere attentamente
Tutte le istruzioni contenute nel foglio illustrativo.

Come ogni legge potente occorre conoscere tutte le modalità d’uso in maniera
profonda ed attenersi alle istruzioni. Ecco alcune delle indicazioni che ritengo più
importanti. Si tratta di principi non teorici ma sperimentati, applicati con convinzione
nella mia esistenza. E che hanno dato dei frutti importanti.

ISTRUZIONE NUMERO 1

Non combattere l’immagine nello specchio e non concentrarti su di essa a lungo.


Concentrati invece sul tuo mondo interiore, sul tuo stato di coscienza. E chiediti
sempre perché si stiano rispecchiando nel mondo alcune immagini.
Il mondo è dentro di te e ti segue come un ombra e non puoi cambiare l’ombra ma
soltanto chi la sta riflettendo.
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

Non pensare che tutto ciò che ti accada sia semplicemente un caso. Quanto piuttosto
che è un prodotto di te.
Da ora in poi quando accadranno avvenimenti esterni che ti toccano interiormente
non agire come hai sempre fatto concentrandoti sull’avvenimento in sé. Ma chiediti
quali parti di te stanno producendo quell’evento e cosa puoi fare per migliorare e
crescere.
Usa il mondo per conoscerti e non farti invece usare dal mondo.
Questo è un primo cambio di paradigma importantissimo che ti chiedo di osservare.
Comincia nell’esperienza pratica a lavorare su questo punto..
Come avresti agito se ti fosse capitata la stessa nostra esperienza del furto
dell’anello?
Prima di dare la colpa a qualcuno o qualcosa, fermati ed ascolta te stesso/a.
Prendi appunti, scrivi, osserva e trai delle tue leggi interiori. Fai caso ad eventi
ricorrenti delle tua esistenza..

ISTRUZIONE NUMERO 2

Non esistono ostacoli esterni a noi.


Tutti gli ostacoli che si presentano lungo il cammino sono ostacoli interiori. Essi
possono essere frutto di contro intenzioni, di convinzioni sabotanti, forme pensiero
oppure emozioni radicate.
Non concentrarti sull’ostacolo ma sulla sua origine. Non puoi lavorare
direttamente sugli ostacoli rimuovendoli se non hai conosciuto a fondo te stesso.
Conosci quali sono le tue convinzioni sabotanti?
Osservi i tuoi pensieri?
E quando ricevi un input dall’ambiente ti rendi conto di come reagisce il tuo corpo
emozionale? Questo è il tuo mondo sommerso che devi far emergere.
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

Utilizza l’ostacolo per approfondire la tua conoscenza. Permetti l’emersione del


mondo sommerso e sconosciuto.
Posso volere fortemente con tutto me stesso qualcosa ma incontrare montagne così
elevate da scalare da non permettermi di avvicinarmi alla mete.
Ripetiti costantemente:
tutto è perfetto, tutto si risolve, è una cosa semplice da risolvere. Fino ad inglobare
queste convinzioni.
Quello che inizialmente abbiamo valutato come una sconfitta attraverso la fede si
tramuterà in una vittoria.
Permettiti di guardare oltre l’ostacolo e concentrati come un laser sulle tue mete.
Infine considera gli ostacoli come feed-back.

ISTRUZIONE NUMERO 3

Gli altri non sono altro che lo specchio di noi stessi.. o di alcune parti di noi.
Le relazioni servono a capirci a conoscerci meglio, ad integrare le parti sconosciute di
noi.
Tutte le persone che incontro, il modo in cui si comportano e le sensazioni che io ho
sono legate alle parti di me.
Quando avrai un incontro che ti causa insofferenza e fastidio.
1. Fermati ed osservati. Stai nella emozione. Chiediti cosa ti sta dando fastidio
2. Cerca la caratteristica che ti da fastidio in te stesso/a.
3. Accetteremo quell’aspetto di noi stessi perché ci appartiene

Se invece daremo la colpa agli altri, condanneremo, giudicheremo non faremo altro
che dare ancora più forza a quelle parti di noi.

Se fuggi da queste parti interiori le troverai sempre in maniera più evidente.


Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

Se noi lasciamo nostra moglie o marito perché non la sopportiamo più per
alcune sue caratteristiche bisogna saper che ritroveremo quelle caratteristiche in
un altro partner. Perché sono le nostre!

Ho dovuto lavorare su di me tantissimo per arrivare ad accettare totalmente rapporti


con persone vicine a me. E queste persone continuavano a presentarsi con regolarità
ricordandomi per esempio la mia arroganza o superbia. Ho sanato queste parti di me
riconoscendole ed accettandole. Queste persone o sono scomparse dalla mia vita
oppure hanno mutato atteggiamento.

Ma questa legge può funzionare anche quando noi proviamo un forte senso di
attrazione ed ammirazione verso una persona. Abbiamo bisogno di trascorrere del
tempo con essa. Sto parlando di qualcosa che va molto oltre la semplice attrazione
fisica, c’è una carica di magnetismo naturale che ci attira verso questa persona e non
ci permette facilmente di distaccarcene. Mi è capitato di recente con un personaggio
del mondo dello sviluppo personale che mi ha dato tantissimo. Trascorsi quattro
giorni con questa persona in un hotel stando a contatto mattina, pomeriggio e sera e
sentivo di non potergli stare distante. Ricordo che vivevo un senso di euforia simile
ad una scarica elettrica.. Dobbiamo allora chiederci: quali qualità incarna questa
persona che io ho smarrito oppure sto cercando? E proprio lo specchio di
quell’individuo potrebbe aiutarci a ritrovarci nella nostra interezza..
Ed ha ricordato a me che alcune sue qualità erano le mie stesse a volte dimenticate o
a cui stavo semplicemente ambendo.
Mi ha permesso un grandissimo lavoro su di me!

Muoviti verso l’interno sempre!


Dall’esterno all’interno…parti da fuori per entrare dentro.

ISTRUZIONE NUMERO 4
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

Se vuoi sapere a che punto ti trovi della tua evoluzione e crescita guardati intorno..
Si guarda cosa hai nella tua vita: persone, ambienti, affetti, lavoro, figli.
Tutto quello che ti circonda è prodotto della tua interiorità e per lo più del tuo mondo
subcosciente. E tutto serve a produrre una tua evoluzione.
Non c’è nulla di sbagliato perché tutto è perfetto.
Cambia prospettiva pensa alla perfezione di ciò che hai e sentiti grato perché ti sta
permettendo di crescere.
Guarda la bellezza, esci dal giudizio, accetta incondizionatamente il fluire della vita.
Non pensare erroneamente che se avrai qualcos’altro nella tua vita sarai diverso.
Le cose funzionano all’opposto se sarai differente avrai cose diverse.
Oggi hai ciò che è giusto e sopportabile per te.

Come dice Gregg Braden: “ Quando la vita è più dura, quando ci vengono imposte
delle sfide più alte nel campo della salute, dei rapporti umani o della sopravvivenza è
perché noi stessi ci siamo creati quelle situazioni solo dopo aver accumulato tutti gli
strumenti necessari a tirarcene fuori con grazia”.

Fai caso ad una cosa: nel momento in cui ti metti su un cammino di evoluzione
personale e consapevolezza quante cose intorno a te cominciano a mutare forma.
Incontri nuove persone, hai diverse risorse a disposizione, cambiano gli ambienti in
cui ti puoi esprimere. Il mondo esterno sembra modellarsi sul tuo stato di coscienza.
Il dinamismo, il movimento è dall’interno all’esterno..
Ho trascorso periodi lavorativi della mia esistenza terribili. Lavori sottopagati,
sfruttato fino al midollo per quattro soldi. Sono caduto persino tra le mani di una setta
camuffata da azienda ed ho subito ogni tipo di vessazione psicologica e fisica. Ed in
quel periodo ero così immerso nel mio ruolo da vittima da non accorgermi di nulla.
Ero io che producevo quei lavori, ero io che avevo bisogno di produrre quelle
esperienze così terribili per maturare e crescere. Erano parti di me quella di aguzzino,
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

vessatore, e sfruttatore. C’era pochissimo amore dentro me e nella mia vita. E non
potevo produrre di meglio. Ma era semplicemente perfetto! L’ho capito moltissimi
anni dopo.

L'ambiente a noi circostante ci comunica sempre quello che noi siamo ed


emettiamo.
Il mondo risponde a ciò che siamo e l’avere non è altro che una conseguenza.

ISTRUZIONE NUMERO 5

Occorre imparare a dialogare con lo specchio attraverso l’intenzione esterna come la


chiama Zeland.
Significa approcciare il mondo senza la forza ossessiva della ragione piegandolo a
quello che pensiamo sia giusto per noi razionalmente.
Stabiliti i nostri intenti che sono frutto della ragione e dell’anima dobbiamo lasciare
il tempo allo specchio di lavorare per noi.
Occorre osservare il mondo in maniera saggia, consapevole e con sano distacco.
E come scrive in maniera sublime Vadim Zeland: OCCORRE TOGLIERE LE MANI
DALLO SPECCHIO E PERMETTERE AL MONDO DI MUOVERSI IN MANIERA
GIUSTA.
La ragione forzuta, l’ego vogliono tutto e subito e lo vogliono nella maniera
prefigurata. E questo causa una sofferenza notevole e ci allontana dai nostri fini.
Ho vissuto personalmente questa fase di passaggio dalla realizzazione della
intenzione interna a quella esterna. Ossia dal movente della ragione-ego al movente
dell’anima e del cuore.
Nel primo caso i miei fini si allontanavano sempre di più. Più divenivo cocciuto,
arrogante ed utilizzavo l’ostinata forza della ragione e maggiori erano le difficoltà.
Quando ho compreso che dovevo togliere le mani dallo specchio ed ho lasciato fluire,
le cose si sono messe in movimento..
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

Ho sostituito ad un’ansia costante, ad un senso di insoddisfazione una tranquillità e


pace interiore.

Occorre vivere il quadro delle nostre intenzioni ed obiettivi con gioco e leggerezza.
Come scrivo nel mio libro il Momento Quantico bisogna farsi trasportare dalla forza
dell’onda fino a riva assecondandone la forza.
Osserviamo e sentiamo i segnali dello specchio e rassicuriamoci rispetto a ciò che si
sta realizzando perché ha una sua capacità di autorealizzazione.
Non vedremo subito i risultati delle nostre intenzioni ma se manterremo un focus
stabile, fisso, e sicuro produrremo lentamente ed inesorabilmente dei risultati.
Non farti influenzare dalla mancanza di realizzazioni iniziali perché saranno soltanto
per un breve periodo impercettibili e poi diverranno travolgenti con il tempo.
Arriverà il tempo del raccolto e sarà estremamente abbondante se avrai ben seminato.
Nel frattempo godi del viaggio senza dare troppa importanza ai riscontri del mondo
esterno.

ISTRUZIONE NUMERO 6

Le nostre emozioni prevalenti attrarranno emozioni in risonanza.


In pratica:
se mentiremo, ci mentiranno. Se ci poniamo in risonanza con l'amore, parteciperemo
a molto più amore di quello che si possa credere. Se viviamo con la gioia innata nella
nostra vita, troveremo sempre qualcosa che ci dia gioia. Se risuoniamo invece con
l'infelicità, per quanto possiamo essere molto ricchi, belli e sani, la nostra esistenza si
rivelerà un susseguirsi di eventi infelici, che, come spiegato, attiriamo per risonanza.
Se non avremo più rabbia è noi non la vedremo più all’esterno.
Voglio portarti un esempio pratico tratto dalla mia vita.
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

Circa 16 anni fa frequentavo come tirocinante uno studio legale. L’ambiente che
frequentavo ed il tipo di attività creavano in me degli attriti fortissimi. Ricordo di
aver sviluppato dopo qualche mese diversi fastidi somatici o meglio psico-somatici.
Montava in me di giorno in giorno un senso di rifiuto e di grande rabbia.
Ci furono due episodi durante questo arco temporale che mi spaventarono molto.
Ebbi due liti per problemi di viabilità in cui io mi limitai a mandare al paese due
automobilisti. E questi due mi aggredirono. Uno dei due prese a calci la mia
macchina e l’altro mi minacciò con un cric non sto scherzando. Ebbi minacce di
morte!
Allora non comprendevo il senso di quei due episodi così vicini uno all’altro.
Oggi alla luce della legge dello specchio capisco che quelle due persone non erano
altro che la rappresentazione della mia parte rabbiosa, aggressiva al limite del
violento..
Avevo incontrato per la legge di risonanza persone che non vedevano l’ora di
scaricare anch’esse rabbie represse ed emozioni distruttive ma potevano farlo soltanto
incontrando uno come me! Come calamite incontriamo persone e produciamo
situazioni sintonizzate sulle stesse onde radio.

Come lavorare su emozioni come queste?


Non si tratta di reprimere, o fare finta che non esistano perché altrimenti troveremo
da qualche parte lo sfogo di quell’emozioni come accaduto a me.
Una volta riconosciuta l’emozione e datole libero sfogo il che non significa come nel
caso della rabbia che dobbiamo uccidere qualcuno. Ma darle voce, esprimerla,
trovare una strada innocua per farla emergere.
Dovremo in un secondo momento osservarla silenziosamente, senza giudizio ossia
senza etichettarla, con un senso di accettazione incondizionata ed amore.
Noi sapremo che ci sarà un testimone quando non proveremo più quello che
provavamo prima. L’emozione si trasformerà in un senso di pace ed unità.
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

ISTRUZIONE NUMERO 7

Non ricominciare da capo.


Su Piuchepuoi scrissi qualche tempo fa un post che si intitolava Ricomincia da capo e
che si rifaceva ad uno splendido film con protagonista Bill Murray.
Phil Connors è un insopportabile meteorologo televisivo che, controvoglia, deve
recarsi nella piccola città di Punxsutawney - in Pennsylvania - per fare un reportage
sulla tradizionale ricorrenza del Giorno della Marmotta.

Qui però rimane intrappolato in un circolo temporale: ogni mattina, alle 06.00 in
punto, viene svegliato dalla radio
che trasmette sempre lo stesso brano musicale (I Got You Babe di Sonny & Cher), e
da allora la giornata trascorre
inesorabilmente allo stesso modo della precedente. Gli eventi si ripetono esattamente
uguali ogni giorno, e lui
ben presto impara a sfruttarli per passare una giornata stravagante, spendere soldi,
conquistare donne.
Ma ogni tentativo di sedurre la bella collega Rita fallisce invariabilmente.

Alla lunga questa vita ripetitiva lo porta però alla depressione e a tentare
continuamente il suicidio,
nei modi più strani, ma il giorno dopo si risveglia comunque, sempre nel Giorno della
Marmotta.

La tua vita è inesorabilmente bloccata nella ripetizione degli stessi accadimenti, nella
routine ossessiva. E quelle
rare volte che provi ad uscire dal circuito nefasto la tua iniziativa naufraga nel mare
delle buone intenzioni.
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

Sai perché accade questo? Perché ti lasci usare dallo specchio, nel mondo esterno.
Credi fortemente che la tua vita sia quella che vedi nello specchio e come un circuito
nefasto ripeti sempre gli stessi schemi mentali ed abitudinari.
Come potrai produrre una realtà differente se non sei capace di crearla per primo
dentro di te?

Non dobbiamo permettere all’ambiente di controllare il nostro interno poiché


altrimenti siamo semplicemente immersi nella causa effetto Newtoniana.
Noi possiamo avere la forza di creare un destino.
Il cervello può far vivere una esperienza, il corpo cambierà di conseguenza provando
la sensazione di aver già
vissuto quella esperienza che non ha mai avuto luogo nel reale.
In questo modo riusciremo ad uscire dalla trappola della routine.

Credo di averti trasmesso dei principi di immediata applicabilità nella tua vita.
In linea generale qualsiasi sia l’area della tua vita tieni in mente un principio di
massima:
esci dalla mentalità della vittima, dello schiavo e del lamentante. Questa mentalità
non farà altro che dare ancora più forza a quello che hai prodotto sino ad oggi.
E non ti permetterà a di divenire un costruttore, un creatore.
Chiediti sempre in ogni circostanza cosa voglia comunicare su di te quell’evento
esterno, a cosa serva, cosa stia a significare.
Ponendoti sempre e comunque queste domande potrai abituarti ad assimilare la legge
dello specchio e trasformarla in una attitudine mentale stabile.
Specchio specchio delle mie brame – Luigi Miano – www.luigimiano.com

Biografia del Coach


Luigi Miano nasce a Roma nel 1970.

Life e Spiritual Coach, ricercatore nel campo dell’evoluzione e della consapevolezza


dell’essere umano. E’ impegnato da anni, nello studiare e mixare conoscenze di ogni
epoca e provenienza e creare percorsi divulgativi e di liberazione interiore accessibili
a chiunque. E' dotato di forte senso pratico e la sua missione è quella di fornire
strumenti di applicazione quotidiana. Il suo è un linguaggio semplice, ricco di
metafore ed accessibile a molti.

La sua mission: aiutare più persone possibile in questa fase delicata di risveglio della
collettività!
Si definisce un coach alchimista.
Se vuoi informazioni sui suoi percorsi scrivi a info@luigimiano.com.

Interessi correlati