Sei sulla pagina 1di 308

GRAMMATICA INGLESE

1
INDICE
Lezione 1 (insegnante Fabiola)...........................................................................................................8
Pronomi personali e il verbo TO BE nel presente semplice affermativo............................................8
Lezione 2 (insegnante Sophie)...........................................................................................................10
Il verbo TO BE al simple present nella forma negativa, interrogativa e nelle risposte brevi...........10
Lezione 3 (insegnante Cristina)..........................................................................................................12
Le contrazioni del verbo "TO BE" (essere).......................................................................................12
Lezione 4 (insegnante Ben)...............................................................................................................14
Articoli, plurale, nomi numerabili e non numerabili..........................................................................14
Lezione 5 (insegnante Carlos)............................................................................................................18
Saluti con “good” e titoli di cortesia...................................................................................................18
Lezione 6 (insegnante Fabiola).......................................................................................................20
I saluti................................................................................................................................................20
Lezione 7 (insegnante Julia)...............................................................................................................21
L'alfabeto inglese................................................................................................................................21
Lezione 8 (insegnante David)...........................................................................................................22
I numeri.............................................................................................................................................22
Lezione 9 (insegnante Mike)............................................................................................................25
Indicare l'ora.......................................................................................................................................25
Lezione 10 (insegnante Sophie).........................................................................................................26
Giorni, mesi, numeri ordinali e date...................................................................................................26
Lezione 11 (insegnante Cristina)......................................................................................................28
Come rispondere al telefono...............................................................................................................28
Lezione 12 (insegnante Lisa)..............................................................................................................29
Le Question Tags................................................................................................................................29
Lezione 13 (insegnante Carlos) .........................................................................................................30
Verbi inglesi.......................................................................................................................................30
Lezione 14 (insegnante Fabiola)........................................................................................................32
Il Simple Present.................................................................................................................................32
Lezione 15 (insegnante Julia).............................................................................................................34
Il verbo ausiliare "do".........................................................................................................................34
Lezione 16 (insegnante Sarah)...........................................................................................................36
Gli avverbi di frequenza ....................................................................................................................36
Lezione 17 (insegnante Mike)............................................................................................................38
Il verbo "to like".................................................................................................................................38
Lezione 18 (Insegnante Sophie)........................................................................................................39
Pronomi interrogativi WHAT e WHICH..........................................................................................39
Lezione 19 (insegnante Cristina)........................................................................................................41
I pronomi interrogativi HOW e WHAT...LIKE?................................................................................41
Lezione 20 (insegnante Lisa)..............................................................................................................43
I pronomi interrogativi WHO e WHERE.........................................................................................43
Lezione 21 (insegnante Sophie)........................................................................................................45
Preposizioni di luogo in, at e on.........................................................................................................45
Lezione 22 (insegnante Sophie).........................................................................................................47
I pronomi interrogativi WHY e WHEN...........................................................................................47
Lezione 23 (insegnante Julia).............................................................................................................49
Preposizioni di tempo: in, at, on.........................................................................................................49
Lezione 24 (insegnante David)..........................................................................................................51
Le Question Tags con il verbo ausiliare DO.......................................................................................51

2
Lezione 25 (insegnante Mike)............................................................................................................53
Il verbo TO HAVE nelle frasi affermative......................................................................................53
Lezione 26 (insegnante Sophie).........................................................................................................55
Il verbo TO HAVE nelle frasi negative e interrogative.....................................................................55
Lezione 27 (insegnante Cristina)........................................................................................................57
I partitivi "some" e "any"....................................................................................................................57
Lezione 28 (insegnante Lisa)..............................................................................................................59
Le espressioni "c'è" e "ci sono" al presente indicativo.......................................................................59
Lezione 29 (insegnante Carlos)..........................................................................................................62
Gli avverbi di quantità........................................................................................................................62
Lezione 30 (insegnante Fabiola)........................................................................................................65
Gli aggettivi possessivi.......................................................................................................................65
Lezione 31 (insegnante Julia) ............................................................................................................67
Gli aggettivi e i pronomi dimostrativi "this", "that", "these" e "those"..............................................67
Lezione 32 (insegnante David)...........................................................................................................69
La forma possessiva e “whose?”.......................................................................................................69
Lezione 33 (insegnante Cristina)........................................................................................................71
I pronomi possessivi..........................................................................................................................71
Lezione 34 (insegnante Fabiola)........................................................................................................73
I pronomi oggetto...............................................................................................................................73
Lezione 35 (insegnante Cristina)........................................................................................................75
Gli aggettivi qualificativi....................................................................................................................75
Lezione 36 (insegnante Lisa)..............................................................................................................76
Come dire l'età....................................................................................................................................76
Lezione 37 (insegnante Carlos)..........................................................................................................77
Il presente progressivo........................................................................................................................77
Lezione 38 (insegnante Fabiola)........................................................................................................80
Simple Present vs Present Continuous...............................................................................................80
Lezione 39 (insegnante Julia).............................................................................................................83
Il futuro con simple present e present continuous..............................................................................83
Lezione 40 (insegnante David)...........................................................................................................85
Il futuro con will.................................................................................................................................85
Lezione 41 (insegnante Lisa)..............................................................................................................88
Offerte e proposte con shall................................................................................................................88
Lezione 42 (insegnante Sophie).........................................................................................................89
Le richieste con will e would..............................................................................................................89
Lezione 43 (insegnante Cristina)........................................................................................................91
Espressioni per offerte........................................................................................................................91
Lezione 44 (insegnante Ben)..............................................................................................................93
Espressioni per proposte.....................................................................................................................93
Lezione 45 (insegnante Sarah )..........................................................................................................95
Come si esprimono le offerte in inglese.............................................................................................95
Lezione 46 (insegnante Ben)..............................................................................................................97
Come si risponde a offerte e proposte................................................................................................97
Lezione 47 (insegnante Cristina)........................................................................................................99
Il futuro intenzionale..........................................................................................................................99
Lezione 48 (insegnante Fabiola)......................................................................................................101
Vari futuri..........................................................................................................................................101
Lezione 49 (insegnante David).........................................................................................................104
I verbi modali...................................................................................................................................104

3
Lezione 50 (insegnante Sophie).......................................................................................................106
Il verbo CAN....................................................................................................................................106
Lezione 51 (insegnante Cristina).....................................................................................................108
La forma interrogativa del verbo modale can...................................................................................108
Lezione 52 (insegnante Lisa)............................................................................................................110
Le richieste formali con Could you? Could I? May I?.....................................................................110
Lezione 53 (insegnante Ben)............................................................................................................112
Domande e richieste con verbi modali.............................................................................................112
Lezione 54 (insegnante Ben)...........................................................................................................114
I verbi must e to have to...................................................................................................................114
Lezione 55 (insegnante Cristina)......................................................................................................116
Le frasi interrogative con"must" e "to have to"................................................................................116
Lezione 56 (insegnante Cristina)......................................................................................................118
Le affermazioni negative con must, should, have to, can e need to.................................................118
Lezione 57 (insegnante Ella)............................................................................................................121
Il condizionale presente....................................................................................................................121
Lezione 58 (insegnane Sophie)........................................................................................................123
Il condizionale con futuro.................................................................................................................123
Lezione 59 (insegnante Cristina)......................................................................................................125
Il periodo ipotetico con can, must, may e might..............................................................................125
Lezione 60 (insegnante Sarah).........................................................................................................127
Il periodo ipotetico con unless e in case...........................................................................................127
Lezione 61 (insegnante Ella) ...........................................................................................................129
To be nelle frasi affermative al Simple Past.....................................................................................129
Lezione 62 (insegnante Ben) ...........................................................................................................131
Il Simple Past del verbo TO BE nella forma negativa......................................................................131
Lezione 63 (insegnante Cristina)......................................................................................................133
Il verbo to be al simple past nella forma interrogativa.....................................................................133
Lezione 64 (insegnante Fabiola)......................................................................................................135
Il passato semplice delle forme "there is" e "there are"....................................................................135
Lezione 65 (insegnante David).........................................................................................................137
I verbi regolari..................................................................................................................................137
Lezione 66 (insegnante Sophie).......................................................................................................139
I verbi regolari al Past Simple..........................................................................................................139
Lezione 67 (insegnante Ben)............................................................................................................141
I verbi irregolari...............................................................................................................................141
Lezione 68 (insegnante Ella)............................................................................................................144
Simple Past dei verbi irregolari........................................................................................................144
Lezione 69 (insegnante Ben)............................................................................................................146
Simple Past nelle frasi negative e interrogative................................................................................146
Lezione 70 (insegnante Ben)............................................................................................................149
Il simple past del verbo can..............................................................................................................149
Lezione 71 (insegnante Cristina) .....................................................................................................151
Il passato del verbo to have to..........................................................................................................151
Lezione 72 (insegnante Fabiola)......................................................................................................153
Question Tag al passato....................................................................................................................153
Lezione 73 (insegnante David) ........................................................................................................155
I verbi "to say" e "to tell"..................................................................................................................155
Lezione 74 (insegnante Sophie).......................................................................................................157
L'imperativo......................................................................................................................................157

4
Lezione 75 (insegnante Cristina)......................................................................................................159
Gli avverbi di quantità: very, so, too................................................................................................159
Lezione 76 (insegnante Lisa)............................................................................................................161
Gli avverbi di quantità too much, too many.....................................................................................161
Lezione 77 (insegnante Ben)............................................................................................................163
Le preposizioni di luogo...................................................................................................................163
Lezione 78 (insegnante Ben)............................................................................................................165
Le preposizioni di moto....................................................................................................................165
Lezione 79 (insegnante Cristina) ....................................................................................................167
I verbi dei sensi.................................................................................................................................167
Lezione 80 (insegnante Fabiola)......................................................................................................169
Gli aggettivi comparativi..................................................................................................................169
Lezione 81 (insegnante Graham) ...................................................................................................171
Altri comparativi: as ... as /the ... the................................................................................................171
Lezione 82 (insegnante Mike)..........................................................................................................173
Gli aggettivi superlativi....................................................................................................................173
Lezione 83 (insegnante Sarah).........................................................................................................175
Gli avverbi di modo..........................................................................................................................175
Lezione 84 (insegnante Ella)............................................................................................................176
Altri avverbi di tempo e di luogo.....................................................................................................176
Lezione 85 (insegnante Fabiola) .....................................................................................................180
Il Present Perfect...............................................................................................................................180
Lezione 86 (insegnante Ella)............................................................................................................183
Since, for, just...................................................................................................................................183
Lezione 87 (insegnante Fabiola)......................................................................................................185
Not yet, still not, never.....................................................................................................................185
Lezione 88 (insegnante Ben)............................................................................................................187
Yet nelle domande, still e already.....................................................................................................187
Lezione 89 (insegnante Ben) ...........................................................................................................189
Ever, how long.................................................................................................................................189
Lezione 90 (insegnante Ella)............................................................................................................191
Simple Past versus Present Perfect...................................................................................................191
Lezione 91 (insegnante Graham)......................................................................................................193
Inglese britannico e inglese americano.............................................................................................193
Lezione 92 (insegnante Graham) .....................................................................................................196
Present Perfect Continuous...............................................................................................................196
Lezione 93 (insegnante Fabiola)......................................................................................................198
Le abitudini.......................................................................................................................................198
Lezione 94 (insegnante Sarah).........................................................................................................201
Il Past Perfect...................................................................................................................................201
Lezione 95 (insegnante Fabiola)......................................................................................................203
I had just..........................................................................................................................................203
Lezione 96 (insegnante Ella)............................................................................................................205
Il Past Perfect Continuous................................................................................................................205
Lezione 97 (insegnante Ben)............................................................................................................207
Nomi composti con SOME...........................................................................................................207
Lezione 98 (insegnante Fabiola)......................................................................................................208
Le parole composte con ANY..........................................................................................................208
Lezione 99 (insegnante Cristina)......................................................................................................210
Nomi composti formati da NO.........................................................................................................210

5
Lezione 100 (insegnante Ben)..........................................................................................................212
Nomi composti con EVERY............................................................................................................212
Lezione 101 (insegnante Fabiola)....................................................................................................213
Il pronome ONE...............................................................................................................................213
Lezione 102 (insegnante Ella)..........................................................................................................215
L'avverbio ELSE..............................................................................................................................215
Lezione 103 (insegnante Graham)....................................................................................................217
Le espressioni di frequenza..............................................................................................................217
Lezione 104 (insegnante Ella)..........................................................................................................219
Il pronome impersonale IT (prima parte).........................................................................................219
Lezione 105 (insegnante Fabiola)....................................................................................................221
Il pronome impersonale IT (seconda parte)......................................................................................221
Lezione 106 (insegnante David).......................................................................................................223
Also, too, so.....................................................................................................................................223
Lezione 107 (insegnante Graham)....................................................................................................226
NEITHER e EITHER.......................................................................................................................226
Lezione 108 (insegnante Ben)..........................................................................................................229
L'espressione why don't ... ?.............................................................................................................229
Lezione 109 (insegnante Fabiola)....................................................................................................231
Past continuous................................................................................................................................231
Lezione 110 (insegnante Graham)....................................................................................................233
Il gerundio........................................................................................................................................233
Lezione 111 (insegnante Graham) ..................................................................................................234
Il gerundio dopo le preposizioni.......................................................................................................234
Lezione 112 (insegnante Graham)....................................................................................................236
I verbi seguiti dal gerundio...............................................................................................................236
Lezione 113 (insegnante Fabiola).....................................................................................................238
Il gerundio dopo un verbo e una preposizione.................................................................................238
Lezione 114 (insegnante Fabiola) ...................................................................................................240
Il gerundio dopo gli aggettivi e le preposizioni................................................................................240
Lezione 115 (insegnante Graham)....................................................................................................242
Il gerundio con to do.........................................................................................................................242
Lezione 116 (insegnante Ben) .........................................................................................................244
TO DO e TO MAKE........................................................................................................................244
Lezione 117 (insegnante Fabiola).....................................................................................................247
Il gerundio con TO GO.....................................................................................................................247
Lezione 118 (insegnante Graham) ...................................................................................................249
Preposizioni dopo il verbo TO GO...................................................................................................249
Lezione 119 (insegnante Graham)....................................................................................................251
To get................................................................................................................................................251
Lezione 120 (insegnante Graham)....................................................................................................253
“Phrasal verbs” con to get................................................................................................................253
Lezione 121 (insegnante Fabiola) ...................................................................................................255
To be to...........................................................................................................................................255
Lezione 122 (insegnante Fabiola)....................................................................................................257
to be about to....................................................................................................................................257
Lezione 123 (insegnante Fabiola)....................................................................................................259
Future continuous.............................................................................................................................259
Lezione 124 (insegnante Fabiola)....................................................................................................261
Futuro di THERE IS e THERE ARE................................................................................................261

6
Lezione 125 (insegnante Fabiola)....................................................................................................263
Futuro con CAN...............................................................................................................................263
Lezione 126 (insegnante Cristina)....................................................................................................266
MUST al futuro................................................................................................................................266
Lezione 127 (insegnante Lisa).........................................................................................................268
Future perfect....................................................................................................................................268
Lezione 128 (insegnante Ben)..........................................................................................................270
Future perfect continuous.................................................................................................................270
Lezione 129 (insegnante Fabiola) ...................................................................................................271
I pronomi relativi..............................................................................................................................271
Lezione 130 (insegnante Fabiola)....................................................................................................274
Pronomi riflessivi.............................................................................................................................274
Lezione 131 (insegnante Ella)..........................................................................................................276
Forma passiva...................................................................................................................................276
Lezione 132 (insegnante Fabiola)....................................................................................................279
Dalla forma passiva alla forma attiva...............................................................................................279
Lezione 133 (insegnante Graham)....................................................................................................281
Condizionale al passato....................................................................................................................281
Lezione 134 (insegnante Ella) .........................................................................................................284
Unless, in case.................................................................................................................................284
Lezione 135 (insegnante Ben) .........................................................................................................286
Periodo ipotetico con il simple past..................................................................................................286
Lezione 136 (insegnante Ella)..........................................................................................................288
Could, should, ought to, might........................................................................................................288
Lezione 137 (insegnante Fabiola)....................................................................................................290
Condizionale con il Past Perfect.......................................................................................................290
Lezione 138 (insegnante Ella)..........................................................................................................293
Could have, should have, might have...............................................................................................293
Lezione 139 (insegnante Ben) .........................................................................................................295
Condizionali misti............................................................................................................................295
Lezione 140 (insegnante Graham)....................................................................................................297
Discorso indiretto (prima parte).......................................................................................................297
Lezione 141 (insegnante Cristina)....................................................................................................299
Discorso indiretto (parte seconda)....................................................................................................299
Lezione 142 (insegnante Ben)..........................................................................................................302
Phrasal verbs (prima parte)...............................................................................................................302
Lezione 143 (insegnante Cristina)....................................................................................................304
Phrasal verbs (seconda parte)...........................................................................................................304
Lezione 144 (insegnante Sarah).......................................................................................................306
Phrasal verbs (terza parte)................................................................................................................306

7
Lezione 1 (insegnante Fabiola)

Pronomi personali e il verbo TO BE nel presente semplice affermativo

I pronomi personali sono:

SINGOLARE PLURALE
I we
You you
he/she/it they

E' molto importante ricordare che "I" si scrive sempre con la maiuscola.
In inglese la seconda persona è "you" sia al singolare che al plurale.
"They" è la forma plurale di "he", "she" e "it".
"He" e "she" si usano per le persone. "He" per il maschile e "she" per il femminile.
"It" si usa per animali e cose.
Per esempio, se stiamo parlando di un cavallo da corsa, diciamo:
It is very fast. Esso (il cavallo) è molto veloce.
E se stiamo parlando di una macchina molto bella diremo:
It is very beautiful. Essa (la macchina) è molto bella.

TO BE è l'infinito e tutti gli infiniti hanno la particella TO.


Altri esempi sono:
to read (leggere)
to write (scrivere)

Il verbo "to be" è probabilmente il verbo più importante in inglese. Shakespeare usò il
verbo "to be" nella famosa citazione di Amleto: "To be or not to be? That is the
question" (Essere o non essere? Questo è il problema?).
Ora vediamo come si coniuga il verbo "to be" al Simple Present

SINGOLARE PLURALE
I am we are
you are you are
he/she/it is they are

Vediamo alcuni esempi con il verbo "to be" nel presente semplice-affermativo
I am Peter (Sono Peter)
I am tall (Sono alto)
She is a secretary (Lei è una segretaria)
We are students (Noi siamo studenti)
The teacher is John (Il professore è John)

8
I am very well (Sto molto bene)
You are tired (Tu sei stanco)
She is happy (Lei è felice)
We are cold (Noi abbiamo freddo)
You are hungry (Voi siete affamati)
They are late (Essi sono in ritardo)

E' molto importante ricordare che si usa il pronome "it" e il verbo "to be" per parlare
del tempo.
Guarda questi due esempi:
It is cold (Fa freddo)
It is hot (Fa caldo)

Adesso osserva questa espressione molto comune


Here you are (Ecco)
Usiamo questa espressione quando diamo qualcosa a qualcuno.

9
Lezione 2 (insegnante Sophie)

Il verbo TO BE al simple present nella forma negativa, interrogativa e nelle risposte


brevi

Oggi studieremo il Simple Present del verbo "TO BE" nella forma, negativa,
interrogativa e nelle risposte brevi.

Iniziamo a studiare il verbo "TO BE" al Simple Present - forma negativa.


Nelle frasi negative collochiamo la parola "not" dopo il verbo.
I am a teacher (Sono un insegnante)
I am not a teacher (Non sono un insegnante)

Vediamo altri esempi del verbo "TO BE" al Simple Present-forma negativa
He is German (Lui è tedesco)
He is not German (Lui non è tedesco)
It is wonderful (E' bellissimo)
It is not wonderful (Non è bellissimo)
We are happy (Siamo felici)
We are not happy (Non siamo felici)
They are tall (Sono alti)
They are not tall (Non sono alti)
They are late (Loro sono in ritardo)
They are not late (Loro non sono in ritardo)

Okay, adesso passiamo ad altro e vediamo come usare il verbo "TO BE" al Simple
Present-forma interrogativa.
Ad esempio:
You are a teacher (Sei un'insegnante)
Are you a teacher? (Sei un'insegnante?)

Osserva come nella forma interrogativa, vale a dire nelle domande, il verbo va prima
del soggetto.
Vediamo ancora gli esempi del verbo "TO BE" nella forma interrogativa del Simple
Present:
He is married (Lui è sposato)
Is he married? (Lui è sposato?)
I am late (Sono in ritardo)
Am I late? (Sono in ritardo?)
She is a secretary (Lei è una segretaria)
Is she a secretary? (Lei è una segretaria?)
They are students (Loro sono studenti)
Are they students? (Loro sono studenti?)

10
Bene, adesso sappiamo formulare le domande. Vediamo come si risponde.

Ti insegnerò il verbo "TO BE" al Simple Present - risposte brevi.


Osserva questi due esempi
Are you a teacher? (Sei un insegnante?)
Yes, I am (Sì)
Is she married? (Lei è sposata?)
No, she is not (No)

Per rispondere usando il Simple Present del verbo "TO BE" diciamo "yes" per dire di
sì o "no" per dire no più il pronome personale con la forma corrispondente del verbo
"TO BE".
Altri esempi con il verbo "TO BE" al Simple Present nelle risposte brevi
Are they students? (Sono studenti?)
No, they are not (No, non lo sono)
Is he a doctor? (E' un dottore?)
Yes, he is (Sì)
Are you English? (Siete inglesi?)
Yes, we are (Sì)
Is it hot today? (Fa caldo oggi?)
Yes, it is (Si)
Osserva come nelle risposte si usa sempre la forma appropriata del verbo "TO BE" in
base al pronome personale.

11
Lezione 3 (insegnante Cristina)

Le contrazioni del verbo "TO BE" (essere)

Iniziamo con le contrazioni del verbo "TO BE" nelle frasi affermative.
Nell'inglese parlato, spesso si omettono delle lettere e si fondono due parole in una
sola. E' quello che si definisce una contrazione.
Nell'inglese scritto, le lettere mancanti vengono sostituite da un apostrofo.
I am
I 'm
Come puoi osservare in questo caso, uniamo il pronome "I" e il verbo "TO BE -
AM" e sostituiamo la prima vocale del verbo "am" con un apostrofo.
Le contrazioni non vengono usate nel linguaggio formale, nei giornali o nei resoconti
ma vengono usate nei dialoghi o nei romanzi per rappresentare il linguaggio parlato.
Inoltre sono molto comuni nella scrittura informale, ad esempio nelle lettere tra
amici.

Vediamo ora le contrazioni del verbo "TO BE" nella forma affermativa:
I am I'm (io sono)
you are you're (tu sei)
he is he's (lui è)
she is she's (lei è)
it is it's (esso è)
we are we're (noi siamo)
you are you're (voi siete)
they are they're (essi sono)

Vediamo ora le contrazioni del verbo "TO BE" in frasi negative.


Esistono due tipi di contrazioni nelle frasi negative.

Nel primo caso, si uniscono "TO BE" e "NOT" e si sostituisce la "O" di "NOT" con
un apostrofo:
He is not He isn't (Lui non è)

Nel secondo caso si usa lo stesso tipo di contrazione delle frasi affermative, ma si
aggiunge "NOT" dopo il verbo:
He is not He's not

Ecco entrambe le contrazioni del verbo "TO BE" per le frasi negative:
I am not I'm not
you are not you aren't you're not
he is not he isn't he's not
she is not she isn't she's not

12
it is not it isn't it's not
we are not we aren't we're not
you are not you aren't you're not
they are not they aren't they're not

Vediamo ora altre contrazioni con il verbo "TO BE"


What is your name? What's your name? (Come ti chiami?)
In questo caso si fonde "what" con il verbo "is" e si sostituisce la prima vocale del
verbo con un apostrofo per creare la contrazione "What's".

Adesso un altro esempio di un'altra contrazione.


My name is Bill My name's Bill (Mi chiamo Bill)
In questo caso si fonde la parola "name" con il verbo "is" e di nuovo si sostituisce la
prima vocale del verbo con un apostrofo.

Osserva quest'ultimo esempio:


Who is this girl? Who's this girl? (Chi è questa ragazza?)
Di nuovo, uniamo la parola "who" al verbo "is" e di nuovo sostituiamo la prima
vocale del verbo con un apostrofo per creare la contrazione "who's".

Vediamo ancora delle contrazioni del verbo "TO BE"


I am Alan I'm Alan (Sono Alan)
She is my wife She's my wife (Lei è mia moglie)
We are teachers We're teachers (Siamo insegnanti)
They are not Spanish They're not Spanish (Non sono spagnoli)
Where is my watch? Where's my watch? (Dov'è il mio orologio?)
It is on the table It's on the table (E' sul tavolo)
What is the time? What's the time? (Che ore sono?)
It is six o'clock It's six o'clock (Sono le sei)
You are late You're late (Siete in ritardo)
Yes, I am sorry Yes, I'm sorry (Mi dispiace)

13
Lezione 4 (insegnante Ben)

Articoli, plurale, nomi numerabili e non numerabili

La buona notizia è che in inglese esistono solo tre articoli: a, an e the.


Questi articoli si dividono in due gruppi: determinativi e indeterminativi.

The (il) è l'unico articolo determinativo.


The si usa per parlare di cose specifiche.

Ma le buone notizie non sono finite. Si usa per tutti i sostantivi, tanto al singolare
come al plurale.
Vediamo alcuni esempi per comprendere l'uso dell'articolo determinativo "the".
the dog (il cane) the dogs (i cani)
the table (il tavolo) the tables (i tavoli)
the best (il meglio)

Vediamo ora gli articoli indeterminativi al singolare: a e an. Si usano per parlare di
cose in generale.
Osserva questi esempi:
a boy (un ragazzo)
a girl (una ragazza)
an elephant (un elefante)

Nota che "a" si usa davanti alle parole che cominciano per consonante e "an" davanti
a quelle che cominciano per vocale.

Vediamo ora i determinanti usati per il plurale e per i sostantivi non numerabili
SOME e ANY.
Si usano sia per il plurale che per i sostantivi non numerabili. In generale some si usa
nelle frasi affermative e any in quelle negative e interrogative
Esempi:
some boys dei ragazzi
some girls delle ragazze
any boys? nessun ragazzo?
not any boys? nemmeno un ragazzo?

Vediamo ora il plurale dei sostantivi


Il plurale indica che il sostantivo si riferisce ad una quantità maggiore di uno.
La maggioranza dei sostantivi forma il plurale aggiungendo una "s" alla fine della
parola.

14
Osserva questi sostantivi singolari book (libro)
teacher (insegnante)
car (macchina)
Ora se aggiungiamo una "s" alla fine formiamo il plurale, in questo modo:
books (libri)
teachers (insegnanti)
cars (macchine)
Tuttavia non accade sempre in questo modo poichè esiste una forma plurale regolare
e altre irregolari.
Una forma plurale si considera regolare quando segue una regola determinata.

Vediamo la prima regola per la formazione del plurale regolare:


- quando un sostantivo termina in: - s /-sh /-ch /-x si aggiunge -es
Osserva questi esempi: bus buses (autobus)
watch watches (orologi)
brush brushes (spazzole)

Vediamo la seconda regola per la formazione del plurale regolare:


- quando un sostantivo termina per consonante + "y" si elimina la "y" e si aggiunge "-
ies".
factory (fabbrica)
strawberry (fragola)
Entrambe terminano con le consonanti "r" e "y", il plurale è quindi:
factories (fabbriche)
strawberries (fragole)
Tuttavia quando un sostantivo termina con vocale + "y" non si cambia nulla, ma si
aggiunge semplicemente una "s" alla fine, come in questi esempi:
boy boys (ragazzi)
key keys (chiavi)
tray trays (vassoi)

Vediamo la terza regola per la formazione del plurale regolare:


- quando un sostantivo termina in " f " o "fe " si elimina la "f " o "fe " e si aggiunge "-
ves "
Vediamo degli esempi:
wife wives (mogli)
leaf leaves (foglie)
shelf shelves (scaffali)
Ora che abbiamo imparato le forme regolari del plurale, vediamo alcuni plurali
irregolari.

Ciò che è importante sapere rispetto agli Irregular Plurals è che essi rappresentano
l'eccezione alla regola.

15
Vediamone alcuni man men (uomini)
woman women (donne)
child children (bambini)
person people (persone, gente)
foot feet (piedi)
tooth teeth (denti)
mouse mice (topi)
sheep sheep (pecore)
fish fish (pesci)

Esistono poi dei sostantivi che hanno solo la forma plurale.


Sono sostantivi che non hanno il singolare, per questo motivo quando vanno
accompagnati dal verbo "to be", ad esempio, si usa il plurale del verbo, vale a dire
"are" non "is".

Vediamone alcuni the trousers (i pantaloni)


the glasses (gli occhiali)
the scissors (le forbici)
the clothes (gli abiti)
Si può anche dire: a pair of trousers (un paio di pantaloni)
a pair of glasses (un paio di occhiali)
a pair of scissors (un paio di forbici)
per usarli al singolare.

Vediamo infine i nomi numerabili e i nomi non numerabili.


I nomi numerabili sono facili da ricordare: sono cose che si possono contare!
Vediamo alcuni esempi di cose che possiamo contare:
tables (tavoli)
houses (case)
cars (automobili)
dogs (cani)
horses (cavalli)
windows (finestre)
Dollars, ecc. (dollari)
Si può dire: one table, two tables, three tables ecc. (un tavolo, due tavoli, tre tavoli
ecc.)

Per fortuna i nomi non numerabili sono anch'essi molto facili da ricordare. Si tratta di
sostantivi che non possono essere contati come elementi separati, come:
water (acqua)
sugar (zucchero)
money (soldi)

16
oil (olio)
sand (sabbia) ecc.

Un'ultima cosa da ricordare.


I nomi numerabili hanno sia il singolare che il plurale mentre i nomi non numerabili
hanno solo la forma singolare.
some può essere usato con entrambi.
Un buon esempio di nome contabile è some dollars (dei dollari), mentre di un nome
non contabile è some money (dei soldi).

17
Lezione 5 (insegnante Carlos)

Saluti con “good” e titoli di cortesia

Oggi impareremo le forme di saluto con "good" come "good morning", "good
afternoon" ecc e i titoli di cortesia.
Iniziamo con le forme di saluto relative ai diversi momenti della giornata.
Good morning (buongiorno) si usa al momento del risveglio fino alle 12,00.
Good afternoon (buon pomeriggio) si usa dalle 12,00 alle 16,00 o 17,00 del
pomeriggio perchè sono le ore del giorno dopo mezzogiorno, anche detto "noon".
Good evening (buona sera) si usa dalle 18,00 o 19,00 fino a poco prima di andare a
letto, e good night (buona notte) che si usa solo quando si va a letto.
Diciamo goodbye (arrivederci) quando si va via.
Si può usare anche la forma più breve Bye

Vediamo ora i titoli: mr, mrs, ms, miss.


Sono tutti titoli di cortesia e vanno sempre seguiti dal cognome, non dal nome
proprio di persona.
Esempio: Mr Brown (sig. Brown)
Mrs Brown (Sig.ra Brown)
Ms Brown (Sig.ra Brown)
Miss Brown (Sig.ina Brown)

Mr si riferisce ad un uomo sposato o non sposato.


Mrs si riferisce ad una donna sposata.
Miss si riferisce ad una ragazza o donna non sposata.
Nel caso in cui una donna non desideri specificare se è sposata o meno, può usare
Ms. L' uso di Ms diventa sempre più comune.

Vediamo ora le forme usate per rivolgersi a qualcuno direttamente: sir (signore) e
madam (signora).
Si usa sir o madam quando si vuole essere più formali e quando si conosce il
cognome di un uomo o una donna ma non il nome proprio.
Ad esempio, un impiegato di un albergo userà "sir" e "madam" rivolgendosi agli
ospiti dell'hotel, quindi dirà:
Goodbye, sir (Arrivederci, signore)
Good morning, madame (Buongiorno, signora)

LADY e GENTLEMAN
Quando parliamo di qualcuno in generale non usiamo "sir" e "madam".
Usiamo invece lady e gentleman
Ad esempio: this lady (questa signora)
that gentleman (quel signore)

18
Per finire vediamo delle frasi con forma di saluto e titoli
Good evening, sir (Buona sera, signore)
Good afternoon, madam (Buon pomeriggio, signora)
Good morning, Mr Smith (Buongiorno, sig. Smith)
Good afternoon, Miss Brown (Buon pomeriggio, sig.ra Brown)
Good morning, Mr Harris (Buongiorno, sig Harris)
Goodbye, sir (Arrivederci, signore)
Good night, madam (Buona notte, signora)

19
Lezione 6 (insegnante Fabiola)

I saluti

Oggi studieremo le diverse forme di saluto in inglese, saluti formali e informali.


Iniziamo con i saluti informali
Vediamo l'esempio di una conversazione tra due amici che si incontrano. Già si
conoscono, per questo possono essere informali.
Li chiameremo Personaggio 1 e Personaggio 2
Personaggio 1 Hello (Ciao)
Personaggio 2 Hi (Ciao)
Personaggio 1 How are you? (Come stai?)
Personaggio 2 Fine thanks, and you? (Bene, grazie, e tu?)
Personaggio 1 Very well, thanks (Benissimo, grazie)

Invece di "hello", possiamo usare "hi", che risulta più informale.


Invece di "thank you", si può anche dire "thanks", che è più informale.

Adesso vediamo le forme di saluto formale.


Vediamo ora una conversazione tra due persone che si incontrano per la prima volta.
Non si conoscono, saranno quindi più formali. Questa volta darò loro dei nomi:
Suzanne e David. Osserva:
David How do you do? My name is David (Come sta? Io sono David.)
Suzanne Pleased to meet you. My name is Suzanne (Piacere di conoscerla. Io
sono Suzanne)
"How do you do?" è una frase fatta. Non è necessario rispondere davvero come si
sta.
Si può rispondere usando la stessa espressione "How do you do?" o "Pleased to
meet you".
Vediamo ora l'espressione "Nice to meet you" e le presentazioni.
Osserviamo una lunga conversazione tra Alan, Bill e Kathy i quali sono stati appena
presentati.
Alan How do you do? My name is Alan (Come stai? Io sono Alan)
Bill I'm Bill. Pleased to meet you (Io sono Bill. Piacere di conoscerla)
Alan This is my wife, Kathy (Lei è mia moglie, Kathy.)
KathyHi, Bill. How are you? (Ciao, Bill. Come stai?)
Bill Fine, thanks. And you? (Bene, grazie. E tu?)
KathyVery well, thank you (Molto bene, grazie)
Un altro modo di dire "Pleased to meet you" è "Nice to meet you".
Per presentare sua moglie a Bill, Alan dice:"This is my wife, Kathy"

Vediamo questa espressione più dettagliatamente.

20
"This" (questo/a/i/e) è uno dei pronomi dimostrativi studiati nell'unità 31 e my
(mio/a/ei/e) è un aggettivo possessivo.
Ti insegnerò un altro aggettivo possessivo "your" (tuo/a/i/e).
Si usa in un'espressione molto comune quando si conosce qualcuno per la prima
volta.
Per sapere il nome di qualcuno, chiediamo: What is your name? (Come ti chiami?)
Se usiamo la forma contratta, sarà: What's your name?
Bene, adesso che conosci questi possessivi, possiamo vedere altri esempi di saluti
formali e informali.
Iniziamo con una conversazione informale.
Mary Hello, Jim. How are you? (Ciao, Jim. Come stai?)
Jim Very well, thanks. And you? (Molto bene, grazie. E tu?)
Mary Fine, thanks (Bene, grazie)

Vediamo ora una conversazione formale


Mr Arnold How do you do? My name is Tom Arnold (Come sta? Io sono Tom
Arnold.)
Mrs Hall I'm Ann Hall. Pleased to meet you (Io sono Ann Hall. Piacere di
conoscerla.)
Mr Arnold How are you? (Come sta?)
Mrs Hall Very well, thanks. And you? (Molto bene, grazie. E tu?)
Mr Arnold Fine, thank you. This is my wife (Bene, grazie. Lei è mia moglie)
Mrs Hall Excuse me. What's your name? (Scusi. Come si chiama?)
Mrs Arnold My name is Eve. Pleased to meet you. (Eve. Piacere di conoscerla)

Lezione 7 (insegnante Julia)

L'alfabeto inglese

L'alfabeto inglese ha 26 lettere.


Vediamo quali sono:

a b c d e f g h i j k l m n
o p q r s t u v w x y z

21
Lezione 8 (insegnante David)

I numeri

Oggi impareremo tutto sui numeri.


Iniziamo con i numeri da 0 a 9
0 zero
1 one
2 two
3 three
4 four
5 five
6 six
7 seven
8 eight
9 nine

Esistono molti modi diversi per dire "zero".


Vediamo degli esempi con lo zero.
Iniziamo con i decimali.
In inglese britannico si può usare la parola "nought".
Diciamo questo numero 0.5426 nought-point-five-four-two-six.
Tuttavia, in inglese americano "zero" si dice così: zero-point-five-four-two-six
Ricorda che con i decimali in inglese si usa il punto e non la virgola.
Vediamo ora come si dice "zero" quando si dà un numero di telefono.
In inglese britannico si dice "o"
4519035 four-five-one-nine-o-three-five
In inglese americano invece si usa "zero" e si dice
four-five-one-nine-zero-three-five
Lasciamo dire un buon trucco per i numeri di telefono o per qualsiasi altra sequenza
di numeri.
Quando lo stesso numero si ripete, diciamo "doppio" e poi il numero.
Osserva 7239936 seven-two-three-double nine-three-six
Vediamo ancora delle forme relative alla parola "zero"
Quando parliamo di misure riguardo alla temperatura, si dice: "zero" sia in inglese
britannico che in inglese americano.
0°C zero degrees centigrade (zero gradi centigradi)
Al contrario, durante una partita di tennis, si usa la parola "love" per dire "zero"
Ad esempio, un punteggio di trenta a zero si direbbe: thirty-love.
Per il calcio e per altri giochi si dice "nil"
Quindi un punteggio di due a zero sarà: two-nil.
Non esiste una ragione particolare per l'uso di termini così diversi. Ma è importante
saperli riconoscere tutti.

22
Impariamo i numeri da 10 a 100.
Iniziamo dal numero dieci al 20
10 ten
11 eleven
12 twelve
13 thirteen
14 fourteen
15 fifteen
È facile! A partire dal tredici terminano tutti in "-teen"
Continuiamo ora con:
20 twenty
30 thirty
40 forty
50 fifty
Le decine finiscono sempre in "-ty"
Nota: "thirty-thirteen", "forty-fourteen", "fifty-fifteen", ecc si pronunciano
diversamente
16 sixteen 60 sixty
17 seventeen 70 seventy
18 eighteen 80 eighty
19 nineteen 90 ninety
Con i numeri dopo le decine si usa un trattino per separare le decine dalle unità.
Vediamo come si usano i numeri con il trattino
Osserva come si pronunciano e come si scrivono i seguenti numeri:
24 twenty-four
78 seventy-eight
35 thirty-three
86 eighty-six
49 forty-nine
93 ninety-three
51 fifty-one
62 sixty-two
Quando invece un numero non si trova tra le decine, non si usa il trattino.
Ad esempio: 100 one hundred

Vediamo ora le centinaia.


In inglese britannico si usa and dopo hundred.
Ad esempio: 126 a hundred and twenty-six
597 five hundred and ninety-seven
Ma in inglese americano, per esempio: 126 a hundred twenty-six
597 five hundred ninety-seven
Vediamo ora i numeri a partire dalle migliaia
Si usa and dopo thousand (mille) quando il numero che segue va da 1 a 99.

23
Ad esempio 15,030 fifteen thousand and thirty

Ma non quando il numero dopo le migliaia è maggiore di 99.


Ad esempio:12,589 twelve thousand, five hundred and eighty-nine
254,761 two hundred and fifty-four thousand, seven hundred
and sixty-one.

Vediamo ora i numeri a partire da un milione


Come abbiamo visto nei primi esempi, per dividere i numeri grandi si usa la virgola
per dividerli in gruppi di tre.
Ad esempio:
250,000 a quarter of a million (un quarto di milione)
500,000 half a million (mezzo milione)
1,000,000 one million (un milione)
1,000,000,000 a thousand million (mille milioni)
1,000,000,000,000 one billion (un miliardo)

24
Lezione 9 (insegnante Mike)

Indicare l'ora

Oggi impareremo a dire l'ora in inglese.


Cominciamo a vedere come si chiede e si dà l'ora.
Per parlare dell'ora usiamo "it".
Per chiedere l'ora diciamo: What time is it?
E la risposta può essere: It is seven o'clock (sono le sette in punto)
Si usa "o' clock" per dire l'ora esatta, cioè in punto.

Adesso vediamo come usare "quarter" e "half", con "past"e "to".


Quando si parla dell'ora si contrae "it is" in "it's".
"Past" si usa per esprimere i minuti dopo l'ora. Osserva:
07,15 It's a quarter past seven (Sono le sette e un quarto)
"To" si usa per esprimere i minuti prima dell'ora. Osserva:
06,45 It's a quarter to seven (Sono le sette meno un quarto)
E "quarter" significa che mancano, o sono già passati, 15 minuti dall'ora esatta. E
"half"?
Vediamo un esempio:
07,30 It's half past seven (sono le sette e mezzo)
"Half" significa 30 minuti dopo l'ora esatta.
Osserva questi esempi:
07,05 It's five past seven (sono le sette e cinque)
09,10 It's ten past nine (sono le nove e dieci)
04,20 It's twenty past five (sono le cinque e venti)
11,25 It's twenty-five past eleven (sono le undici e venticinque)
06,35 It's twenty-five to seven (sono le sette meno venticinque)
10,40 It's twenty to eleven (sono le undici meno venti)
04,50 It's ten to five (sono le cinque meno dieci)
07,55 It's five to eight (sono le otto meno cinque)
E se vogliamo essere più precisi a parlare dei minuti
It's seventeen minutes to eight 7,43 (sono le otto meno diciassette minuti)
It's twenty-one minutes past eleven 11,21 (sono le undici e ventuno)

Per terminare vediamo degli esempi con "a.m." e "p.m."


a.m. significa ante meridian e si usa per indicare l'ora prima di mezzogiorno:
7,30 a.m. half past seven in the morning (sono le sette e mezzo del mattino)
p.m. significa post meridian e si usa per indicare l'ora dopo mezzogiorno
7,30 p.m. half past seven in the evening (sono le sette e mezzo di sera)

25
Lezione 10 (insegnante Sophie)

Giorni, mesi, numeri ordinali e date

Oggi studieremo i giorni, i mesi, i numeri ordinali e le date.


Cominciamo dai giorni della settimana e i mesi dell'anno.
Prima di vedere i giorni della settimana ricorda che si scrivono sempre con l'iniziale
maiuscola e che sul calendario la settimana comincia dalla domenica.
I giorni della settimana sono:
Sunday (domenica)
Monday (lunedì)
Tuesday (martedì)
Wednesday (mercoledì)
Thursday (giovedì)
Friday (venerdì)
Saturday (sabato)

Anche i mesi dell'anno iniziano per maiuscola e sono:


January (gennaio)
February (febbraio)
March (marzo)
April (aprile)
May (maggio)
June (giugno)
July (luglio)
August (agosto)
September (settembre)
October (ottobre)
November (novembre)
December (dicembre)

Vediamo ora i numeri ordinali


I numeri ordinali sono:
1st first (primo)
2nd second (secondo)
3rd third (terzo)
E da qui in avanti, aggiungiamo solo "-th" al numero cardinale:
4th fourth
5th fifth
6th sixth
7th seventh
8th eighth
9th ninth

26
10th tenth
11th eleventh
12th twelfth
13th thirteenth
14th fourteenth
15th fifteenth
20th twentieth
21st twenty-first
30th thirtieth

Ad esempio:
Which floor is your flat on? The ninth floor (A che piano è il tuo
appartamento? Al nono)
We are on the first floor, in the third flat on the right. (Siamo al primo piano
nel terzo appartamento, a destra)

Adesso vediamo le date.

Per le date, si usano i numeri ordinali e la preposizione on.


Ad esempio:
My birthday is on the sixth of August. (Il mio compleanno è il 6 agosto)
The first day of school is on the fifteenth of September (Il primo giorno di
scuola è il 15 settembre)
Saint George's day is on the twenty-third of April. (San Giorgio è il 23 aprile)

Negli Stati Uniti si legge prima il mese e poi il giorno:


April 26 April twenty-sixth
Per dire gli anni prima del 2000, si divide il numero in due metà.
Quindi l'anno 1996 si dirà nineteen ninety-six
Quando ci si riferisce agli anni si usa sempre la preposizione "in".
Ad esempio: in 1874 in eighteen seventy-four (Nel 1874)
Diremo: 2010 two thousand and ten

27
Lezione 11 (insegnante Cristina)

Come rispondere al telefono

Oggi impareremo come parlare al telefono in inglese.


Iniziamo da come rispondere al telefono
Quando rispondiamo al telefono, diciamo: Hello? (Pronto?)
Se vogliamo possiamo aggiungere il nostro numero di telefono, o il nome
dell'azienda.
Si può dire Hello? 2234.56.48 (Pronto 234.56.48)
Tuttavia ormai è molto comune dire solo "Hello?"
In seguito la persona che chiama, chiederà, ad esempio: Is that Mary? (È Mary?)

Vediamo alcune espressioni usate al telefono.


L'espressione "Is (someone) in?" si usa per sapere se c'è qualcuno a casa o in
ufficio.
E l'espressione "hold on" significa "attenda in linea".
Vediamo l'esempio di una conversazione telefonica:
Hello 234.56.48 (Pronto? 234.56.48)
Hello, Annie! This is David. Is Edward in? (Pronto, Annie! Sono David. C'è
Edward?)
Yes, David. Hold on. (Sì, David. Aspetta per favore)

Pronti per altre espressioni di uso comune al telefono?


Si usa l'espressione He's out/She's out per dire che lui o lei non sono a casa o in
ufficio.
E si usa la domanda Who is that? (Chi è?) quando si desidera sapere chi è che sta
chiamando.
Osserva questa conversazione telefonica
Hello? 370.11.29 (Pronto? 370.11.29)
Is Suzanne in, please (C'è Suzanne, per favore)
No. I'm sorry. She 's out. Who is that? (No, mi dispiace, non c'è. Non è in casa.
Chi la desidera?)
This is David. (Sono David)
Ok, David. Thank you. Bye! (Ok, David. Grazie, ciao!)
Bye è l'abbreviazione di "goodbye" ed è molto usata in inglese.
Vediamo ora un ultimo esempio di conversazione telefonica
Questa volta David chiama Edward ed Edward risponde.
Hello, Edward Smith (Pronto, Edward Smith)
Hello, Edward. Is Peter in? (Pronto, Edward. C'è Peter?)
No. I'm sorry, David. He's out. (No, mi dispiace, David. Peter non c'è.)
Ok, Edward. Thank you. Bye! (Va bene. Grazie, Edward. Ciao!)

28
Lezione 12 (insegnante Lisa)

Le Question Tags

Oggi impareremo come sorprenderemo dei madrelingua inglese usando le Question


Tags.
Iniziamo con le Question Tags con il verbo "to be".
È molto comune terminare una frase chiedendo conferma mediante una Question Tag.
Nel chiedere conferma, ripetiamo il verbo e il soggetto alla fine della frase.
È molto facile da ricordare!
Osserva questo esempio:
You are tired, aren't you? (Non sei stanco, vero?)
Per formare una Question Tag bisogna semplicemente usare la frase in senso opposto!
Quindi se il verbo della frase è affermativo, nella Question Tag si ripete nella forma
negativa e se il verbo della frase è negativo, nella Question Tag si ripete nella forma
positiva.
You are not tired, are you? (Non sei stanco, vero?)

Vediamo alcuni esempi di Question Tags con il verbo to be nella forma affermativa,
quindi negativa nella Question Tag. La frase è nella forma affermativa, il che
significa che la Question Tag sarà invece negativa.
He's Spanish, isn't he? (Lui è spagnolo, vero?)
She is happy, isn't she? (Lei è felice, vero?)
They are tired, aren't they? (Loro sono stanchi?)
Nice day, isn't it? (Bella giornata, vero?)
They are doctors, aren't they? (Sono medici, non è così?)
You are a student, aren't you? (Tu sei uno studente, giusto?)
This coffee is delicious, isn't it? (Questo caffè è buonissimo, vero?)
He is a teacher, isn't he? (Lui è un insegnante, vero?)
We are late, aren't we? (Siamo in ritardo, vero?)
You are Spanish, aren't you? (Tu sei spagnolo, vero?)

Vediamo alcuni esempi di Question Tag con il verbo to be negativo quindi le


Question Tag all'affermativo.
Ricorda: adesso vedremo delle frasi negative per cui le Question Tag saranno
affermative.
He isn't English, is he? (Lui non è inglese, vero?)
She is not happy, is she? (Lei non è felice, vero?)
They aren't happy, are they? (Loro non sono felici, vero?)
She isn't married, is she? (Lei non è sposata, vero)
They aren't housewives, are they? (Loro non sono casalinghe, vero?)
You are not tired, are you? (Tu non sei stanco, vero?)
You aren't French, are you? (Tu non sei francese, vero?)

29
Lezione 13 (insegnante Carlos)

Verbi inglesi

Oggi studieremo i verbi inglesi.


I verbi sono forse la parte più importante di una lingua.
In inglese i verbi sono molto semplici. Non hanno molte forme diverse.
All'infinito il verbo è preceduto solitamente da "to".
Ad esempio "to dance" (ballare)
Le tre forme verbali più importanti sono:
Simple Present
Simple Past
Past Participle
I verbi si dividono in quattro gruppi: verbi regolari - verbi irregolari - verbi
ausiliari - verbi modali.

Vediamo i verbi regolari e i verbi irregolari.


Osserva il verbo regolare "to dance" nelle sue tre forme principali:
Simple Present Simple Past Past Participle
dance danced danced
"To dance" è un verbo regolare perchè il Simple Past e il Past Participle finiscono in
"-ed".
Osserva ora il verbo irregolare "to eat":
Simple Present Simple Past Past Participle
eat ate eaten
Nei verbi irregolari il Simple Past e il Past Participle non terminano in "-ed".

Vediamo ora i verbi ausiliari.


Si tratta di verbi che aiutano altri verbi. Sono solo tre i verbi ausiliari, ma sono molto
importanti!
To be (essere)
To have (avere)
To do (fare)
Si usano insieme ad altri verbi per formare tempi verbali ma possono anche essere
usati come verbi semplici. Svolgono quindi due ruoli. Si comportano come verbi
ordinari o come verbi ausiliari.
Vediamo degli esempi:
TO BE - forma ordinaria: You are happy (Tu sei felice)
forma ausiliare: You are eating (Stai mangiando)
TO DO - forma ordinaria: I do many things (Faccio molte cose)
forma ausiliare: Do you speak English? (Studi inglese?)
TO HAVE - forma ordinaria: I have a car (Ho la macchina)
forma ausiliare: I have eaten (Ho mangiato)

30
L'ultimo dei quattro gruppi dei verbi è quello dei verbi modali.
Un verbo modale è un tipo di verbo ausiliare che si usa per esprimere possibilità,
probabilità, capacità, permesso, suggerimenti o obblighi.
Ecco alcuni dei verbi modali ed il loro uso.
CAN si usa per esprimere la capacità di fare qualcosa o la possibilità che qualcosa
accada.
COULD è il passato di CAN che esprime la capacità o la possibilità.
MAY si usa per esprimere la possibilità o il permesso.
MIGHT si usa per esprimere una possibilità remota o come il passato di "MAY".
MUST si usa per esprimere un obbligo.
WILL si usa per esprimere il futuro.
SHALL si usa per esprimere suggerimenti.
WOULD si usa nelle proposizioni condizionali
SHOULD per raccomandazioni o consigli
OUGHT TO per raccomandazioni o consigli

12 verbi importanti.
Vediamo ora 12 verbi.
Ecco 7 verbi molto comuni:
to be (essere)
to do (fare)
to enjoy (divertirsi)
to have (avere)
to like (piacere)
to will (volere)
to learn (imparare)
Ecco alcuni verbi relativi a cose che si possono fare quando si studia inglese:
to listen (ascoltare)
to read (leggere)
to record (registrare)
to speak (parlare)
to write (scrivere)

31
Lezione 14 (insegnante Fabiola)

Il Simple Present

Il Simple Present è molto semplice.


La coniugazione è la stessa per tutte le persone, tranne che per la terza persona
singolare che si forma aggiungendo una "-s" alla fine.
Iniziamo con il presente indicativo del verbo "to speak" (parlare)
Singolare Plurale
I speak (io parlo) we speak (noi parliamo)
you speak (tu parli) you speak (voi parlate)
he/she/it speaks (lui/lei parla) they speak (essi parlano)

Vediamo il Simple Present del verbo "to learn" (imparare)


Singolare Plurale
I learn we learn
you learn you learn
he/she/it learns they learn

Vediamo il presente indicativo del verbo "to do" (fare)


Singolare Plurale
I do we do
you do you do
he/she/it does they do
Uhmm!
È cambiato qualcosa questa volta, vero?
La terza persona singolare del verbo "to do" è "does".
Ci sono verbi ai quali è necessario aggiungere "-es" invece di una "-s" soltanto.
Si tratta dei verbi che terminano in -ss/-sh/-ch/-x/-o

Rivediamo adesso il presente indicativo del verbo "to be" (essere)


Singolare Plurale
I am we are
you are you are
he/she/it is they are
La prima persona singolare del verbo "to be" è "am" e la terza è "is".
Il verbo "to be" è un verbo alquanto particolare, vero?

Vediamo un altro verbo particolare.


Voglio insegnarti il presente indicativo del verbo "to have" (avere):

32
Singolare Plurale
I have we have
you have you have
he/she/it has they have
Come vedi la terza persona singolare del verbo "to have" è "has".

Vediamo degli esempi del Simple Present


Ecco delle frasi al Simple Present.
You want to learn English. (Tu vuoi imparare inglese)
Uhmm! Interessante: "learn" è preceduto da "to" perchè è all'infinito. Ricorda
anche che i nomi delle lingue cominciano sempre con la lettera maiuscola in inglese.
Un altro esempio:
I listen to the radio (Ascolto la radio)
E lascia che ti sveli un'altra dritta: il verbo "listen" è sempre seguito da "to" e ricorda
che "the" è l'unico articolo determinativo in inglese.
Ancora un esempio.
You have a goal: to speak English. (Tu hai un obiettivo: parlare inglese)
"a" è un articolo indeterminativo e avere un "goal" significa avere un obiettivo,
qualcosa che si desidera raggiungere. Il segreto per raggiungere l'obiettivo di parlare
inglese è esercitarsi, esercitarsi...

Vediamo allora degli altri esempi del Simple Present.


You enjoy the party. (Ti piace la festa)
He writes a letter. (Lui scrive una lettera)
She learns English. (Lei studia inglese)
You speak English. (Tu parli inglese)
You record a song. (Tu registri una canzone)
We do everything very well. (Noi facciamo tutto molto bene)
They like my new car. (A loro piace la mia nuova auto)
I read a novel. (Io leggo un romanzo)

33
Lezione 15 (insegnante Julia)

Il verbo ausiliare "do"

Oggi impareremo il verbo ausiliare "do".


Ricorda che i verbi ausiliari si usano insieme ad altri verbi per formulare domande e
per creare dei tempi verbali.
Oggi ne studieremo uno: do
Il verbo ausiliare "do" si usa nelle domande e nelle frasi negative al Simple Present .

Vediamo, dunque, la forma interrogativa e negativa di "do".


Usiamo il verbo ausiliare "do" in domande e frasi negative, ma non in frasi
affermative.
Osserva questi esempi.
Do you speak English? (Parli inglese?)
Yes, I speak English. (Sì. Parlo inglese)
No, I do not speak English. (No, non parlo inglese)
Do not può essere contratto nella forma "don't".
Osserva questi altri esempi:
Do you drink alcohol? (Bevi alcolici)
No, I don't drink alcohol. (No, non bevo alcolici)
Do you go to concerts? (Andate ai concerti?)
No, we don't go to concerts. (No, non andiamo ai concerti.)
Do they eat meat? (Loro mangiano carne?)
No, they don't eat meat. (No, non mangiano carne.)

Vediamo ora il verbo ausiliare "do" alla terza persona singolare.


Alla terza persona singolare, il verbo ausiliare "do" diventa "does".
Quindi invece di "do you?" diciamo "does he? - does she?"

Ora osserva questi esempi e cerca di notare se c'è qualcosa di strano:


Does she speak English? (Lei parla inglese?)
Yes, she speaks English. (Sì, lei parla inglese)
Does he drink alcohol? (Lui beve alcolici?)
No, he does not drink alcohol. (No, lui non beve alcolici)
Con la contrazione diciamo: No, he doesn't drink alcohol.
Hai notato qual'è la differenza?
Ogni volta che usiamo "does" alla forma negativa e interrogativa il verbo della frase
perde la "-s" alla terza persona singolare.

Vediamo ancora degli esempi.


Does she go to concerts? (Lei va ai concerti?)
No she doesn't go to concerts. (No, lei non va ai concerti)

34
Does he eat meat? (Lui mangia la carne?)
No, he doesn't eat meat. (No, lui non ne mangia)

Vediamo ora le risposte brevi con l'ausiliare "do".


Alle domande si può spesso dare risposte brevi con l'ausiliare "do" per evitare di
ripetere il verbo.
Ad esempio:
Do they read magazines? (Loro leggono riviste?)
No, they don't. (No)
Do you want tea? (Vuoi del té?)
No, I don't. (No)
Does he like music? (Gli piace la musica?)
Yes, he does. (Sì)
Do you listen to music? (Tu ascolti la musica?)
Yes, I do (Sì)
Do you have a car? (Hai la macchina?)
No, we don't. (No)
Does she read English books? (Lei legge libri inglesi?)
No, she doesn't. (No)

Vediamo infine ancora degli esempi con il verbo ausiliare "do".


Cominciamo con delle frasi negative con "do" e "does".
I don't like the cold weather. (Non mi piace il freddo)
He doesn't like the cold weather. (A lui non piace il freddo)
You don't speak French. (Tu non parli francese)
He doesn't speak French. (Lui non parla francese)
They don't have interesting books. (Loro non hanno libri interessanti)
She doesn't have interesting books. (Lei non ha libri interessanti)

Ed ora delle domande.


Do you like the cinema? (Ti piace il cinema?)
Do they like music? (A loro piace la musica?)
Does she like football? (A lei piace il calcio?)
Do you have a car? (Hai la macchina?)
Does he have a girlfriend? (Hai la ragazza?)
Do you have a magazine? (Hai una rivista?)

35
Lezione 16 (insegnante Sarah)

Gli avverbi di frequenza

Oggi studieremo gli avverbi di frequenza


Gli avverbi di frequenza indicano con quale frequenza facciamo qualcosa.
Vediamo i più comuni cominciando da quello che indica maggiore frequenza fino al
minore:
always (sempre)
usually (di solito)
often (spesso)
sometimes (a volte)
never (mai)

Vediamo che posizione occupano nella frase.


Gli avverbi di frequenza vanno di solito in mezzo prima del verbo e dopo il soggetto
della frase.
Ad esempio: He always drinks coffee. (Lui beve sempre caffè)
She never eats meat. (Lei non mangia mai carne)
We often play tennis on Sunday. (Noi giochiamo spesso a tennis la
domenica)
We sometimes go to the cinema on Wednesday. (A volte andiamo al
cinema il mercoledì)
Do you often go to the cinema? (Vai spesso al cinema?)
Do they usually speak English? (Loro parlano di solito inglese?)
I usually arrive late. (Di solito arrivo tardi)
Ma con il verbo "to be" (essere) gli avverbi di frequenza vanno di solito dopo il
verbo.
Ad esempio:
She is never ill. (Lei non è mai malata)
She is always happy. (Lei è sempre felice.)
Alcuni di questi avverbi possono andare all'inizio o alla fine della frase.
Sometimes I listen to the news on the radio. (A volte ascolto le notizie alla radio)
I watch the news on TV daily. (Guardo le notizie alla TV ogni giorno)

Vediamo gli avverbi di frequenza nelle frasi negative e interrogative.


Ecco due esempi di avverbi di frequenza in frasi negative:

I don't usually drink beer. I don't like it. (Di solito non bevo birra. Non mi
piace.)
She doesn't often write to me. She doesn't love me. (Lei non mi scrive spesso.
Non mi ama.)

36
Per chiedere con quale frequenza si fa qualcosa si usa "How" e l'avverbio "often".
Ad esempio How often do you travel to England? (Ogni quanto vai in
Inghilterra?)
How often does he play tennis? (Ogni quanto lui gioca a tennis?)
L'avverbio "ever" si usa solo nelle domande.
Ad esempio: Do you ever play squash? (Giochi mai a squash?)
Does she ever smile? (Lei sorride mai?)

Concludiamo con qualche esempio ancora con gli avverbi di frequenza.


I usually drink beer. (Di solito non bevo birra)
I never drink whiskey. (Non bevo mai whisky)
Jim sometimes plays tennis. (Jim a volte gioca a tennis.)
I often go to a discotheque. (Vado spesso in discoteca)
She never listens to music. (Lei non ascolta mai musica)
Do you ever write letters to England? (Scrivi mai lettere in Inghilterra?)
They always dance very well. (Loro ballano sempre molto bene)
Does he usually read in English? (Di solito lui legge in inglese?)

37
Lezione 17 (insegnante Mike)

Il verbo "to like"

Oggi impareremo ad usare il verbo "to like"


Il verbo "to like" si comporta come qualsiasi altro verbo regolare.
Vediamo come formulare domande con il verbo "to like".
Quando ci piace qualcosa, in inglese diciamo: I like. (Mi piace)

Vediamo alcuni esempi con "like" nella forma interrogativa:


Do you like sandwiches? Yes, I do. (Ti piacciono i panini? Sì)
Do you like tea? No, I don't. (Ti piace il tè? No)
Con la domanda "Do you like sandwiches?" si formula una domanda generale
riguardo a tutti i panini.
In inglese quando parliamo di qualcosa come un insieme come ad esempio il tè o i
panini, o altro in generale non è necessario usare l'articolo determinativo "the".
Se parliamo invece di azioni, il verbo "to like" è seguito da un verbo.

Vediamo ora il gerundio e l'infinito del verbo "to like".


Osserva questa domanda: Do you like playing tennis? (Ti piace giocare a tennis?)
Il verbo "to like" può essere seguito da un gerundio o da un verbo all'infinito.
Osserva: Do you like to play tennis? (Ti piace giocare a tennis?)
Ricorda che l'infinito si forma aggiungendo "to" al verbo. In questo caso il verbo è
"play", l'infinito è quindi "to play".
Il gerundio si forma aggiungendo "-ing" alla fine del verbo.
Osserva questi verbi nelle forme dell'infinito e del gerundio
Infinito Gerundio
to play (giocare) playing (giocando)
to go (andare) going (andando)
to speak (parlare) speaking (parlando)
Come già detto, si può usare sia l'infinito che il gerundio.
Tuttavia si usa più comunemente il gerundio.

Vediamo degli esempi con il verbo "to like" seguito dal gerundio.
She likes going to the cinema. (A lei piace andare al cinema)
We like playing football. (A noi piace giocare a calcio)
Do they like watching TV? (A loro piace guardare la TV?)
I don't like going to the dentist. (A me non piace andare dal dentista.)
He doesn't like writing letters. (A lui non piace scrivere lettere)
We don't like waiting. (A noi non piace aspettare)
They don't like speaking French. (A loro non piace parlare francese)

38
Lezione 18 (Insegnante Sophie)

Pronomi interrogativi WHAT e WHICH.

Oggi parleremo delle Question Words che ti permetteranno di imparare come


formulare domande in inglese.
Diamo un'occhiata alle Question Words: WHAT (Che cosa) - WHICH (Quale) -
HOW (Come) - WHERE (Dove) - WHY (Perchè) - WHEN (Quando).
Le Question Words sono molto importanti, utili e molto facili da usare. Si usano nelle
domande e specificano il tipo di informazione che si vuole ottenere.

In questa unità ci concentreremo su "WHAT" e "WHICH".


WHICH si usa quando vi è un'opzione: Which colour do you prefer? (Quale colore
preferisci?)
WHAT si usa con un significato più generale. What colour is your shirt? (Di che
colore è la tua camicia?)
What e which possono a volte creare confusione, in caso di dubbio usa what.

Ora il modo migliore per imparare queste parole è usandole, vediamo quindi degli
esempi con le Question Words "what" e "which".
What do you want? (Cosa vuoi?)
What do you do? (Cosa fai?)
What do you like? (Cosa ti piace?)
What's your name? (Come ti chiami?)
What time is it? (Che ore sono)
What do you drink? (Cosa bevi?)
What newspaper do you read? (Quale giornale leggi?)
What make is your car? (Di che marca è la tua macchina?)
What would you like? (Cosa ti piacerebbe?)
What kind of shoes do you like? (Che tipo di scarpe ti piacciono?)

Vediamo adesso alcuni esempi con "which"


Which is your house? (Qual'è la tua casa?)
Which do you prefer? (Quale preferisci?)
Which is correct? (Qual'è giusto?)
Which is your coffee? (Qual'è il tuo caffè?)

Esiste anche un altro modo per formulare domande usando "What".


Vediamo come si possono formulare domande con "what" e "like".
Esiste una struttura molto comune in inglese formata dalle parole "what" e "like" e si
usa per conoscere la descrizione di qualcosa.
Fai attenzione a non confonderla con il verbo "to like" (piacere) appreso nell'unità 17.

39
Vediamo degli esempi con questa struttura:
What is the weather like? (Com'è il tempo?)
What is the hotel like? (Com'è l'hotel?)
What is your new girlfriend like? (Com'è la tua nuova ragazza?)
What is the food like? (Com'è il cibo?)

40
Lezione 19 (insegnante Cristina)

I pronomi interrogativi HOW e WHAT...LIKE?

Vediamo come si possono formulare domande con "how" e con la struttura "what...
like?".
Iniziamo con le domande con "how" (come).
Quando incontriamo persone che conosciamo di solito chiediamo loro come stanno o
come va in generale. Diciamo:
How are you? (Come stai?)
Possiamo essere più formali e chiedere: How are things? (Come vanno le cose?)
Una risposta comune a tali domande è: Fine, thanks. (Bene, grazie.)
Quando veniamo presentati a qualcuno per la prima volta facciamo di solito una
domanda molto più formale: How do you do? (Come sta?)
Il primo "do" è un verbo ausiliare usato nelle domande, come abbiamo visto nell'unità
15. Il secondo "do" corrisponde al verbo ordinario "to do".
Infatti "How do you do?" non è esattamente una domanda. È piuttosto una frase fatta
a cui non si dà risposta.
A questa domanda si risponde di solito con la stessa espressione: "How do you do?".
La Question Word "how" può essere usata in molti casi ma concentriamoci su come
usarlo seguito da un aggettivo.

Vediamo degli esempi di frasi interrogative con "how" più un aggettivo:


How tall is Harry? (Quanto è alto Harry?)
1 metre 75 (1 metro 75)
Usiamo le domande caratterizzate da "how" + aggettivo quando chiediamo
descrizioni specifiche.

Vediamo ancora degli esempi


How big is your flat? (Quanto è grande il tuo appartamento?)
120 square metres. (120 metri quadrati)
How old are you? (Quanti anni hai?)
I'm 26. (Ho 26 anni)
How far is London from Edinburgh? I don't know. (Quanto dista Londra da
Edimburgo? Non lo so)
How long is the film? (Quanto dura il film?)
Two hours. (Due ore)

Prima di passare alle domande con la struttura "What.... like?" parliamo del termine
"like".
Osserva questo esempio: I want a car like this one. (Voglio un'auto come questa)
In questa frase il termine "like" si scrive come il verbo "to like" ma non è un verbo, e
si usa per esprimere una somiglianza.

41
Ricorda la struttura del verbo "to look" (assomigliare) con "like ..."
He looks like my brother. (Lui assomiglia a mio fratello)
Vediamo ora le domande con "What ... like?".
Come abbiamo visto nell'unità precedente, usiamo "What ... like?" quando si parla di
cose o persone e si desidera una descrizione più generale.
Ad esempio al singolare si può dire: What is the film like? (Com'è il film?)
Nella forma contratta diciamo What's the film like? Very romantic. (Molto
romantico)
What are the Pyramids like? Fascinating. (Come sono le Piramidi? Affascinanti)
Nota che in questo caso non si usa la contrazione.
Vediamo ancora degli esempi:
What's she like? Very nice. (Com'è lei? Molto carina)
What's the weather like? Warm and sunny. (Com'è il tempo? Fa caldo e c'è il
sole)
What's the hotel like? Expensive (Com'è l'hotel? Costoso)
What are Ann's children like? Horrible (Come sono i figli di Anne? Tremendi)
What's the beach like? Beautifil (Com'è la spiaggia? Bella)

42
Lezione 20 (insegnante Lisa)

I pronomi interrogativi WHO e WHERE

Oggi vedremo come si formulano le domande con "who" e "where".


Iniziamo con le domande con "who".

Usiamo "who" nelle domande quando la risposta che cerchiamo si riferisce a una o
più persone.
Possiamo esprimere domande con "who" in due modi diversi.

Iniziamo con le domande in cui prevale il soggetto. Osserva questo esempio:


Who wants to go to the cinema? (Chi vuole andare al cinema?)
In questo caso "who" è il soggetto della domanda e per questo non usiamo l'ausiliare
"do".

Vediamo adesso le domande in cui prevale l'oggetto.


In questo caso "who" rappresenta l'oggetto della domanda, quindi è necessario usare
"do".
Osserva questo esempio: Who does she want to talk to? (Con chi vuole parlare?)

Ricorda bene che non bisogna usare l'ausiliare "do" con il verbo "to be" o i verbi
modali.
Osserva: Who are those people with? (Con chi sono quelle persone?)

Vediamo adesso degli altri esempi di domande con "who".


Iniziamo con gli esempi di domande in cui "who" è il soggetto
Who is this man? (Chi è quest'uomo?)
Who is your favourite singer? (Chi è il tuo cantante preferito?)
Who likes wine? (A chi piace il vino?)
Who plays the guitar in your group? (Chi suona la chitarra nel tuo gruppo?)
Who are they? (Chi sono loro?)
E adesso alcune frasi in cui "who" si riferisce all'oggetto della frase.
Who does she want to talk to? (Con chi vuole parlare?)
Who does she want to marry? (Con chi vuole sposarsi?)
Who do they want for president? (Chi vogliono come presidente?)
Who do you want to the party? (Chi vuoi invitare alla festa?)

Adesso vedremo come si formulano le domande con "where".


Si usa "where" quando la risposta che si sta cercando si riferisce a uno o più luoghi.
Where do you live? (Dove vivi?)
Nota che in questo caso si usa l'ausiliare "do" tranne, come sempre, con il verbo "to
be" e i verbi modali.

43
Where is my book? (Dov'è il mio libro?)

Ora fai attenzione a questa domanda di uso molto frequente:


Where are you from? (Di dove sei?)
Where do you come from? (Da dove vieni?)
Queste domande si usano per chiedere la nazionalità di una persona. Osserva come la
preposizione va alla fine della frase.

Vediamo adesso qualche domanda con "where"


Where do you want to go? (Dove vuoi andare?)
Where is he now? (Lui dov'è adesso?)
Where does she work? ((Lei dove lavora?)
Where are the Pyrenees? (Dove sono i Pirenei?)
Where do you play tennis? (Dove giochi a tennis?)
Where are the rest rooms, please? (Dove sono i bagni, per favore?)

44
Lezione 21 (insegnante Sophie)

Preposizioni di luogo in, at e on.

Queste tre preposizioni possono essere usate come preposizioni di tempo e di luogo.
In questa unità le studieremo in quanto preposizioni di luogo.

Cominciamo con la preposizione "in".


Questa preposizione si usa per parlare di una posizione in un'area vasta ad esempio
una città o un paese.
We live in London. (Noi viviamo a Londra)
They're in Greece. (Loro sono in Grecia)
O in piccole aree, ad esempio: Michael is in the garden. (Michael è in giardino)
Si usa anche per indicare una posizione all'interno di uno spazio tridimensionale
(quando qualcosa è circondato da tutti i lati) come nel caso degli edifici.
Ad esempio:
Mary works in a bank (Mary lavora in una banca)
Paul is in hospital (Paul è all'ospedale)
Quando diciamo che qualcuno è "in hospital" intendiamo che si trova lì a causa di
una malattia o un'operazione.

Vediamo ora come si usa la proposizione "at".


Anche questa proposizione si usa per indicare che qualcosa o qualcuno si trova in un
luogo. Si usa spesso anche per parlare di luoghi d'intrattenimento come il cinema o il
teatro.
Ad esempio:
They are at the cinema (Loro sono al cinema)
Where is Harry? At the Art Museum. (Dov'è Harry? Al museo dell'arte)

Si usa anche per parlare di una visita in determinati luoghi quali ad esempio
l'ospedale.
Paul is at the hospital. (Paolo è in ospedale)
Quando diciamo che qualcuno è all'ospedale intendiamo che si trova lì solo in visita.

La preposizione "at" si usa anche per gli indirizzi.


Osserva: He lives at 25 Minister Road. (Lui abita al 25 Minister Road)
Inoltre per dire che qualcuno si trova all'interno della propria casa, si usa
l'espressione: to be at home (essere a casa).

La preposizione "on" si usa per indicare una posizione su di una superficie.


Ad esempio:
Your tea is on the table (Il tuo tè è sul tavolo)
I like the photograph on the wall. (Mi piace quella foto sulla parete)

45
My book is on the sofa. (Il mio libro è sul divano)
Where is my magazine? On the table. (Dove è la mia rivista? Sul tavolo)
My name is on my office door. (il mio nome è sulla porta del mio ufficio)

Per finire vediamo insieme alcune espressioni utili con "in", "at" e "on":
on the left (a sinistra)
on the right (a destra)
at the top (in cima)
at the bottom (in fondo)
in the middle (al centro)
in the corner (nell'angolo)

Si può dire "al centro", "nell'angolo" per indicare la posizione in un luogo come in
una stanza o su un foglio. Ma si dice: on the corner (all'angolo), in the centre (al
centro) per dare indirizzi e direzioni.
Si dice inoltre:
in the North (al nord)
in the South (al sud)
in the East (all'est)
in the West (all'ovest)

46
Lezione 22 (insegnante Sophie)

I pronomi interrogativi WHY e WHEN

Oggi impareremo gli avverbi WHY (perchè) e WHEN (quando)

Iniziamo da "Why".
L'avverbio "why" si usa per scoprire la ragione di qualcosa.
Vediamo degli esempi:
Why are you sad? (Perchè sei triste?)
Why are they late? (Perchè loro sono in ritardo? )
Why do you like the film? (Perchè ti piace il film?)
Why don't you like Jack? (Perchè non ti piace Jack?)
Why is the bank closed? (Perchè la banca è chiusa?)
Why don't you play tennis? (Perchè non giochi a tennis?)
Se qualcuno ci volge una domanda con "why", di solito rispondiamo con "because".
Vediamo degli esempi di risposte con "because"
Why are you sad? (Perchè sei triste?)
Because I miss my home. (Perchè mi manca la casa)
Why are you late? (Perchè sei in ritardo?)
Because the traffic is terrible. (Perchè c'è un traffico terribile)
Why is the bank closed? (Perchè la banca è chiusa?)
Because today is a holiday. (Perchè oggi è festa.)

Vediamo ora delle domande con "When".


Si usa di solito l'avverbio interrogativo "when" quando la risposta che ci si aspetta
corrisponde ad un'espressione di tempo.
Ecco alcune domande con l'avverbio interrogativo "when".
When is the party? (Quando è la festa?)
When are you in London? (Quando sei a Londra?)
When do you play golf? (Quando giochi a golf?)
When does he study English? (Quando lui studia inglese?)
When are the examinations? (Quando sono gli esami?)
When do you want to go? (Quando vuoi andare?)
When do the shops open? (Quando aprono i negozi?)
When is your birthday? (Quando è il tuo compleanno?)
When does she finish work? (Quando lei finisce di lavorare?)
When is he at home? (Quando lui è a casa?)
Ora sai come formulare domande con "why" e when".

Vediamo ancora degli esempi con gli avverbi "why" e "when".


Vediamo degli esempi di domande e risposte:

47
Why are you sad? (Perchè sei triste?)
Because Jack doesn't love me. (Perchè Jack non mi ama)
When are you in London? (Quando sei a Londra?)
Next week (La settimana prossima)
Why don't you come to the cinema? (Perchè non vieni al cinema?)
Sorry, I'm busy (Scusa, ho da fare.)
Why are you in London? (Perchè sei a Londra?)
Because I have a meeting here. (Perchè ho una riunione qui)
When are your exams? (Quando sono i tuoi esami?)
Next Tuesday. (Martedì prossimo)

Ancora qualche domanda


Why don't you come on Sunday? (Perchè non vieni domenica?)
When do the holidays start? (Quando iniziano le vacanze?)
When is Michael in Paris? (Quando Michael è a Parigi?)
Why are my books on the floor? (Perchè i miei libri sono per terra?)

48
Lezione 23 (insegnante Julia)

Preposizioni di tempo: in, at, on

Nell'unità 21 abbiamo visto le preposizioni "in", "at" e "on" come preposizioni di


luogo. Oggi le studieremo nella loro funzione di preposizioni di tempo.

Cominciamo con la preposizione di tempo: in


Si usa "in" per parlare di lunghi periodi di tempo, come mesi, anni e stagioni.
Ad esempio: in March. (a marzo)
"In" si usa inoltre per parlare anche dei diversi momenti della giornata.
Ad esempio: in the morning (di mattina)
Vediamo degli esempi con le preposizioni di tempo: "in"
When is your birthday? (Quando è il tuo compleanno?)
My birthday is in April (Il mio compleanno è ad aprile)
When do you have your holidays? (Quando avete le ferie?)
We have four weeks in June. (Abbiamo quattro settimane a giugno)
I work very well in the morning (Lavoro molto bene la mattina)
We normally go out in the evening. (Di solito usciamo la sera)
My country is beautiful in spring. (Il mio paese è bello in primavera)
Vorrei farti una domanda: quale preposizione si usa con "night" (notte)?
Diciamo: "at night" (di notte)

Ora vediamo la preposizione di tempo at


at midnight (a mezzanotte)
at midday (a mezzogiorno)

Vediamo alcuni altri usi della preposizione "at".


Si usa "at" per parlare di determinati periodi di tempo, come una vacanza o un fine
settimana.
Ad esempio: at the weekend (il finesettimana)
at Christmas (a Natale)

at si usa inoltre per indicare un orario: at seven o'clock. (alle sette)

Vediamo degli esempi con le preposizioni di tempo "at".


What time do you have dinner? (A che ora ceni?)
At seven o'clock (Alle sette)
What time do you arrive? (A che ora arrivate?)
We arrive at ten to two (Arriviamo alle due meno dieci)
What do you do at the weekends? (Cosa fai il finesettimana?)
I go sailing in Brighton (Vado in barca a Brighton)
I have holidays at Christmas (Ho le vacanze a Natale)

49
Passiamo ora alla preposizione di tempo "on"
"On" è facile! La usiamo per date e giorni.
Ad esempio: on Friday (di venerdì)
on the eleventh of March (L'11 marzo)

Vediamo degli esempi con "on"


When do you study English? (Quando studi inglese?)
On Mondays, Tuesdays, Wednesdays and Thursdays. (Lunedì, martedì,
mercoledì, giovedì)
Do you study on Fridays? (Studi il venerdì?)
No, on Fridays I go to the cinema. (No, il venerdì io vado al cinema.)
Where do you go on Saturdays? (Dove vai il sabato?)
I go with my girlfriend to dance. (Vado a ballare con la mia ragazza.)
What do you do on Sundays? (Cosa fai la domenica?)
I read the newspaper and go downtown. (Leggo il giornale e vado in centro)
See you on Tuesday evening! (Ci vediamo martedì sera!)

"See you" (ci vediamo) è un'espressione informale molto comune. Si usa per
salutare quando si va via.
See you! (A presto!)
See you later! (A dopo)

Per finire vediamo degli esempi di frasi miste con le diverse preposizioni di tempo:
"in", "on" e "at".
On Saturday, at 8 o'clock in the morning. (Il sabato, alle 8 di mattina)
At 3 o'clock on Friday afternoon. (Alle 3, venerdì pomeriggio)
On Christmas Day in 1985. (Il giorno di Natale nel 1985)
I don't work at weekends (Non lavoro il finesettimana)
See you on Sunday (Ci vediamo domenica)
I drink coffee in the morning. (Bevo caffè di mattina)

50
Lezione 24 (insegnante David)

Le Question Tags con il verbo ausiliare DO

Oggi studieremo le question Tags con il verbo ausiliare "do".


Nell'unità 12 abbiamo visto le Question Tags con il verbo "to be" (essere)
Ricordi questi due esempi? You're not tired, are you? (Non sei stanco, vero?)
You're English, aren't you? (Sei inglese, vero?)
In questi due esempi abbiamo formato le Question Tags usando la forma opposta del
verbo "to be" (rispetto alla frase principale) e il soggetto.

Quando il verbo principale della frase non è il verbo "to be" usiamo allora il verbo
ausiliare "do" per chiedere conferma.
Vediamo la forma affermativa delle Question Tags con il verbo ausiliare "do".
Se la frase principale è negativa, la Question Tag sarà affermativa.
Osserva questi esempi:
You don't smoke, do you? (Non fumo, vero?)
He doesn't speak English, does he? (Non parli inglese, giusto?)
We don't have any money, do we? (Non abbiamo soldi, non è così?)
They don't work in the same company, do they? (Loro non lavorano nella stessa
impresa, vero?)

Vediamo ora la forma negativa delle Question Tags con il verbo ausiliare "do".
Se la frase principale è affermativa, la Question Tag sarà negativa.
È molto semplice!
I know you, don't I? (Ti conosco, non è così)
You live in the country, don't you? (Tu vivi in campagna?)
She dances very well, doesn't she? (Lei balla molto bene, vero?)
They speak Greek, don't they? (Loro parlano greco, vero?)

Vediamo ora l'espressione "you know?" (Sai?)


L'espressione "you know?" si usa spesso nella lingua parlata, nell'inglese informale
come intercalare quando si ha bisogno di tempo per pensare. Anche se si tratta di una
domanda, in questo caso non si usa il "do".

Leggerò ora dei frammenti di conversazioni.

I'm not really interested in football, you know? (Non mi interessa il calcio, sai?)
I know, it's very boring, isn't it? (Lo so, è molto noioso, non è così?)
Tomorrow is her birthday, you know? (Domani è il suo compleanno, sai?)
Oh, we must buy her a present. (Oh, dobbiamo comprargli un regalo.)
Jack is from the States, you know? (Jack è degli Stati Uniti, sai?)
Oh, really? Which part? (Oh, davvero! Di che parte?)

51
This is my first visit to England, you know? (Questa è la mia prima visita in
Inghilterra, sai?)
I hope you like it. (Spero ti piaccia)

Vediamo ancora degli esempi di Question Tags con il verbo ausiliare "do".
He doesn't work on Saturday, does he? (Lui non lavora il sabato, vero?)
Karen likes playing tennis, doesn't she? (A Karen piace giocare a tennis, è vero?)
They normally drive to work, don't they? (Loro di solito vanno al lavoro in
macchina, vero?)
You and I like the same things, don't we? (A me e a te piacciono le stesse cose,
vero?)
It doesn't rain a lot in Egypt, does it? (Non piove molto in Egitto, vero?)
You and Tom speak French, don't you? (Tu e Tom parlate francese, vero?)
I don't know your sister, do I? (Non conosco tua sorella, vero?)

52
Lezione 25 (insegnante Mike)

Il verbo TO HAVE nelle frasi affermative

Oggi studieremo il verbo "to have" nella forma affermativa.

Il verbo "to have" può essere usato in due modi.

Ad esempio in inglese americano, diciamo:


I have (io ho)
you have (tu hai)
he/she has (lui/lei ha)
we have (noi abbiamo)
you have (voi avete)
they have (essi hanno)

E in inglese britannico dicono


I have got
you have got
he/she has got
we have got
you have got
they have got

Nella forma contratta I've got


you've got
he's got
she 's got
we've got
you've got
they've got

Ora guarda attentamente questi esempi con il verbo "to have" nella forma
affermativa.
I have two brothers and three sisters. (Ho due fratelli e tre sorelle)
I've got two brothers and three sisters.
You have lovely legs. (Tu hai gambe adorabili)
You've got lovely legs.
He has a fast red sports car. (Lui ha una macchina sportiva rossa veloce)
He's got a fast red sports car.
She has long blonde hair and blue eyes. (Lei ha lunghi capelli biondi e occhi
azzurri)
She's got long blonde hair and blue eyes.

53
We have a lovely house in the mountains. (Abbiamo una bella casa in montagna)
We 've got a lovely house in the mountains.
They have two pretty daughters. (Loro hanno due belle figlie)
They 've got two pretty daughters.

Ti abbiamo mostrato due modi per esprimere il possesso.


È importante che tu li conosca entrambi. Ad ogni modo "to have" è più facile
ed è quello che useremo da ora in avanti.

54
Lezione 26 (insegnante Sophie)

Il verbo TO HAVE nelle frasi negative e interrogative

Oggi studieremo il verbo "to have" (avere) nella forma negativa e interrogativa.
Iniziamo con la forma interrogativa.
Nell'unità 25 abbiamo studiato i modi americano e britannico di usare il verbo "to
have".
In inglese americano essi usano i verbi ausiliari do e does perchè il verbo principale
è "have".
Guarda questi due esempi: Do you have a car? (Hai la macchina?)
Does she have a car?
Ma in inglese britannico non si usano "do" e "does", non si usano i verbi ausiliari
"do" e does". Il verbo principale è "got", e "have" è il verbo ausiliare.
Si dice quindi: Have you got a car? (Hai la macchina?)
Has she got a car?
Nota bene che in entrambi i casi la terza persona singolare è diversa.

Vediamo questi esempi del verbo "to have" alla forma interrogativa.
Do we have the tickets? (Abbiamo i biglietti?)
Have we got the tickets?
Do they have our number? (Loro hanno il nostro numero?)
Have they got our number?
Do I have your address? (Ho il tuo indirizzo?)
Have I got your address?
Does he have dark hair? (Lei ha i capelli neri?)
Has he got dark hair?

Adesso vediamo il verbo "to have" nelle risposte brevi.


Nelle risposte brevi, si utilizzano gli ausiliari "do" e "does".

Vediamo degli esempi


Do you have a car? (Hai la macchina?)
Yes, I do (Si, ce l'ho)
Do you have a computer? (Hai il computer?)
No, I don't (No, non ce l'ho)
Does he have a girlfriend? (Lui ha una ragazza?)
Yes, he does. (Si, ce l'ha)
Does she have a boyfriend? (Lei ha un ragazzo?)
No, she doesn't. (No, non ce l'ha)

Vediamo ora la forma negativa del verbo "to have"


Analizziamolo allo stesso modo: con e senza i verbi ausiliari "do" e "does".

55
I do not have a car (Non ho la macchina)
I don't have a car
I have not got a car
I haven't got a car.

Vediamo degli esempi con il verbo to have - nella forma negativa


You don't have my address (Non hai il mio indirizzo)
You haven't got my address
He doesn't have a computer (Lui non ha il computer)
He hasn't got a computer
She doesn't have a TV. (Lei non ha la TV)
She hasn't got a TV.
It doesn't have a radio. (Non ha la radio)
It hasn't got a radio.
We don't have time. (Non abbiamo tempo)
We haven't got time.
You don't have our number. (Non avete il nostro numero)
You haven't got our number.
They don't have a garden. (Loro non hanno il giardino)
They haven't got a garden.

Abbiamo già visto nell'unità 12 analizzando il verbo "to be" e nella unità 24, con il
verbo ausiliare "to do", che si possono formulare le question tags per confermare
qualcosa.

Vediamo ora esempi del verbo "to have" nelle question tags.
You have a car, don't you? (Tu hai la macchina, vero?)
Di nuovo, nota come si usano solo i verbi ausiliari "do" e "does".
She has a pretty face, doesn't she? (Lei ha un bel viso, non è così?)
They have a lot of money, don't they? (Loro hanno tanti soldi, vero?)
You don't have any sisters, do you? (Non hai sorelle, vero?)
He doesn't have a dog, does he? (Lui non ha un cane, vero?)
They don't have our address, do they? (Non hanno il nostro indirizzo, giusto?)

56
Lezione 27 (insegnante Cristina)

I partitivi "some" e "any".

Oggi studieremo i partitivi "some" e "any".

Iniziamo imparando prima la differenza tra nomi numerabili e non numerabili.


Abbiamo già accennato a questo argomento nell'unità 4.
I nomi numerabili sono quelli che possono essere usati con l'articolo indeterminativo
"a" o "an" e che hanno la forma plurale.
Ad esempio.
Al singolare diciamo "a book" (un libro) e al plurale "some books" (dei libri)
a dog (un cane) some dogs
a girl (una ragazza) some girls
an apple (una mela) some apples

Nota che il plurale si forma generalmente aggiungendo una "s" alla fine.

I nomi non numerabili non possono essere usati con l'articolo indeterminativo e non
hanno il plurale.
Ad esempio, non si può dire "moneys". Diciamo "money" (soldi).
Altri esempi di nomi non numerabili sono:
water (acqua)
work (lavoro)
sugar (zucchero)

Vediamo ora quando si usa "some"


"Some" si usa sia con i nomi numerabili che con quelli non numerabili nelle frasi
affermative.

Osserva questi esempi: I need some eggs. (Ho bisogno di uova)


I need some milk (Ho bisogno di latte)
"Some" può anche essere usato in frasi interrogative, per offrire o per richiedere
qualcosa.
Would you like some coffee? (Vuoi un po' di caffè?)
Do you have some money, please? (Hai dei soldi, per favore?)

Devo anche insegnarti ad usare "any"


Any si usa sia con i nomi numerabili che con i non numerabili, ma in frasi
interrogative o negative. Osserva:
Do you have any milk and any eggs? (Avete un po' di latte e delle uova?)
No, we don't have any milk or any eggs. (No, non abbiamo latte nè uova)

57
Do you have any money? (Hai dei soldi?)
I have some money in the bank, but I don't have any money on me. (Ho dei
soldi in banca, ma non ho soldi con me adesso)

Come puoi notare "some" ed "any" vanno di solito prima del nome, ma lascia che ti
mostri alcuni esempi interessanti con questi due termini.
Do you have any ice? (Hai del ghiaccio?)
Yes, here I have some. (Si, ne ho un po')
Do you have any coffee? (Hai del caffè?)
No, I don't want any. (No)

Come puoi notare in queste risposte, "some" ed "any" possono anche essere usati da
soli senza precedere un nome.

58
Lezione 28 (insegnante Lisa)

Le espressioni "c'è" e "ci sono" al presente indicativo

Oggi studieremo le espressioni "c'è" e "ci sono" al presente indicativo

Iniziamo con la forma affermativa di "there is" e "there are".


Per dire che qualcosa esiste da qualche parte, diciamo di solito "There is" più un
sostantivo singolare.
Ad esempio: There is a dog in the garden (C'è un cane nel giardino)

Ricorda di usare le contrazioni per avere una pronuncia più naturale:


There's a dog in the garden.
E usiamo "There are" più sostantivi plurali.
Ad esempio: There are some dogs in the garden. (Ci sono dei cani nel giardino)

Vediamo ancora degli esempi con "there is" e "there are".


There's an old man at the door. (C'è un vecchio uomo alla porta
There's some money on the table. (Ci sono soldi sul tavolo)
There's some sugar in the cupboard. (C'è un po' di zucchero nella credenza)

Ed ora degli esempi con "there are":


There are three old men at the door. (Ci sono tre uomini vecchi alla porta)
There are some cigarettes on the table. (Ci sono delle sigarette sul tavolo)
There are some biscuits in the cupboard. (Ci sono dei biscotti nella credenza)

Vediamo ora "there is" e "there are" in frasi negative.


Per dire che qualcosa non esiste da qualche parte, diciamo di solito "there is not" più
un sostantivo singolare.
Ad esempio There is not any sugar in this coffee! (Non c'è zucchero in questo
caffè!)
There's not any sugar in this coffee!

Nota come usiamo "any" nelle frasi negative.

Vediamo ancora degli esempi con "there is" e "there are" in frasi negative.

Ecco degli esempi al singolare:


There isn't any work at the office. (Non c'è lavoro in ufficio)
There isn't any snow in the mountains. (Non c'è neve in montagna)
There isn't any salt on the potatoes. (Non c'è sale sulle patate)
There isn't any gin in this tonic. (Non c'è gin in questo tonico)

59
Ed ora degli esempi al plurale
There aren't any tomatoes in the shop. (Non ci sono pomodori nel negozio)
There aren't any good films on TV. (Non ci sono bei film in TV)
There aren't any people in the bar. (Non ci sono persone nel bar)
There aren't any animals in our house. (Non ci sono animali a casa nostra)
There aren't any trees in this park. (Non ci sono alberi in questo parco)

C'è anche un altro modo in cui è possibile usare "there is" e "there are" nella forma
negativa.
Invece di "there isn't any" o "there aren't any", possiamo dire "there is no" e
"there are no".

Iniziamo con alcuni esempi al singolare usando "there is no".


There is no work at the office. (Non c'è lavoro in ufficio)
There is no snow in the mountains. (Non c'è neve in montagna)
There is no salt on the potatoes. (Non c'è sale sulle patate)
There is no gin in this tonic. (Non c'è gin in questo tonico)

Ed alcuni esempi al plurale usando "there are no"".


There are no good films on TV. (Non ci sono bei film in TV)
There are no people in the bar. (Non ci sono persone nel bar)
There are no animals in our house. (Non ci sono animali a casa nostra)
There are no trees in this park. (Non ci sono alberi in questo parco)

E la forma interrogativa?
Vediamo ora la forma interrogativa di "there is" e "there are".
Nelle domande il verbo va prima del soggetto. Si inverte semplicemente l'ordine del
verbo e del soggetto: there is diventa is there? e there are diventa are there?

any si usa anche per esprimere una quantità.


Ad esempio Is there any beer in the fridge? (C'è un po' di birra in frigo?)

Vediamo ancora degli esempi con "there is" e "there are" nella forma interrogativa.
Is there a place for me? (C'è un posto per me?)
Are there any buses to the airport? (Ci sono autobus per l'aeroporto?)
Are there any films on TV? (C'è qualche film in TV?)
Is there any ice in the fridge? (C'è un po' di ghiaccio nel frigorifero?)
Is there a problem with the computer? (C'è qualche problema con il computer?)
Is there a possibility of rain today? (C'è la possibilità che piova oggi?)
Is there any petrol in the car? (C'è benzina nella macchina?)
Are there any letters for me? (C'è posta per me?)
Are there any tables free? (Ci sono tavoli liberi?)
Are there any flights to London? (C'è qualche volo per Londra?)

60
Are there any women in the bar? (Ci sono donne nel bar?)
Are there any aspirins in your bag? (C'è qualche aspirina nella tua borsa?)

Passiamo ora alle risposte brevi con "there is" e "there are".
Ricorda che in inglese non si risponde solo con dei semplici "yes" (sì) o "no" (no).
Osserva questi esempi di risposte brevi negative ed affermative con "there is" e
"there are".
Is there a bus to the airport? Yes, there is. (C'è un autobus per l'aeroporto? Sì)
Is there any sugar in this tea? No, there isn't. (C'è lo zucchero in questo tè? No)
Are there any trains to the airport? No, there aren't. (Ci sono treni per
l'aeroporto? No)
Are there any buses to Paris from here? Yes, there are. (C'è qualche autobus da
qui a Parigi? Si)

Vediamo infine le "Question Tags" con "there is" e "there are".


Possiamo usare question tag alla fine di una frase, per chiedere conferma.

Osserva questi esempi:


There is a good film on TV tonight, isn't there? (Danno un bel film in TV
stasera, vero?)
There isn't much to do here, is there? (Non c'è molto da fare qui, vero?)
There are a lot of people here today, aren't there? (Non ci sono molte persone
qui oggi, vero?)
There aren't any taxis on Sunday, are there? (Non ci sono taxi la domenica,
vero?)

61
Lezione 29 (insegnante Carlos)

Gli avverbi di quantità

Oggi studieremo gli avverbi di quantità


Cominciamo ripetendo i nomi numerabili e non numerabili.
Come abbiamo visto nell'unità 4, i sostantivi possono essere di tipo numerabile o non
numerabile.
I sostantivi numerabili sono oggetti, persone, idee ecc. che possono essere contati e
quindi usati con un numero.
Ad esempio: one table/ two tables/ three tables.
Nota che hanno la forma plurale.
I sostantivi non numerabili sono invece quei materiali, liquidi, ed altri elementi che
possiamo considerare come un insieme, ma non come elementi separati.
Ad esempio, water, milk, work, sono nomi non numerabili e per questo motivo non
possiamo usarli con i numeri.

Ti insegnerò ora ad usare il primo avverbio di quantità che studieremo oggi: a lot of
(molto)
Può essere usato sia con sostantivi numerabili che non numerabili. Si usa
generalmente in frasi affermative per indicare una grande quantità.
Osserva questi esempi con sostantivi non numerabili:
There's a lot of snow in Finland. (C'è molta neve in Finlandia)
Don't worry! We have a lot of time. (Non preoccuparti! Abbiamo molto tempo.)
It costs a lot of money to stay at the hotel. (Costa molti soldi alloggiarsi in un
hotel.)
Ed ora degli esempi con sostantivi numerabili:
There are a lot of saunas in Finland. (Ci sono molte saune in Finlandia)
It's a very big city and there are a lot of new buildings. (È una città molto
grande e ci sono molti nuovi edifici)

Impariamo ad usare much.(molto)


"Much" si usa con sostantivi non numerabili, per indicare grandi quantità. Si usa
generalmente in frasi negative e interrogative.
Ad esempio:
Is there much unemployment in Portugal? (C'è molta disoccupazione in
Portogallo)
Does he have much work to do? (Ha molto lavoro da fare?)
We don't have much money. (Non abbiamo molto denaro)
There isn't much work at the moment. (Non c'è molto lavoro al momento)
We have some coffee, but not much. (Abbiamo del caffè, ma non molto)
There is some petrol in the car, but not much . (C'è della benzina nella macchina,
ma non molto)

62
She knows some English, but not much. (Lei conosce un po' di inglese, ma non
molto)

Ora è il momento di imparare l'uso di many (molto).


"Many" si usa con i sostantivi numerabili per indicare un gran numero. Si usa
generalmente in frasi negative e interrogative.
Do you have many brothers and sisters? (Hai molti fratelli e sorelle?)
Are there many people in your company? (Ci sono molte persone nella tua
impresa?)
There aren't many films I like. (Non ci sono molti film che mi piacciono)
He doesn't have many friends. (Lui non ha molti amici)
They have some videos, but not many. (Loro hanno alcuni video, ma non molti)
There are some cigarettes, but not many. (Ci sono alcune sigarette, ma non molte)
He has some friends, but not many. (Ha alcuni amici, ma non molti)

Vediamo ora "a little" e "a few".

Iniziamo da a little
"A little" si usa con sostantivi non numerabili per indicare piccole quantità. Può
essere usato in frasi affermative e negative, e non si usa, invece, nelle domande.
Osserva questi esempi:
I don't drink beer. I only drink a little wine now and again. (Non bevo birra.
Bevo solo un po' di vino di tanto in tanto.)
We have a little milk in the fridge, but not much. (Abbiamo un po' di latte in
frigo, ma non molto)
There is some petrol in the car, but only a little. (C'è della benzina, ma solo un
po'.)
She knows some English, but only a little . (Conosce un po' di inglese, ma
minimamente)

Si può anche usare solo little senza l'articolo indeterminativo "a" ma il significato
della frase assume una connotazione più negativa.
Osserva questi esempi:
We have a little money in the bank, so we're not poor. (Abbiamo un po' di soldi
in banca, quindi non siamo poveri)
We have little money in the bank, so we're poor. (Abbiamo pochi soldi in banca,
quindi siamo poveri)

Ora ti insegnerò ad usare a few


"A few" si usa con sostantivi numerabili per indicare una piccola quantità.
Ad esempio:
I have a few biscuits, if you would like one. (Ho un po' di biscotti, se ne vuoi
uno)

63
There are a few problems with this computer. (Ci sono un po' di problemi con
questo computer)
They have some video, but only a few. (Hanno dei video, ma solo alcuni)
There are some people in the room, but only a few. (Ci sono delle persone nella
stanza, ma solo poche)
Quando si usa senza l'articolo "a" il significato della frase cambia.
Osserva questi esempi:
They have few problems, so they're happy. (Hanno pochi problemi, quindi sono
felici.)
Questa frase indica che loro non hanno molti problemi.
They have a few problems, so they are not very happy (Hanno un po' di
problemi, per questo non sono molto felici.)
Questa frase indica che loro hanno alcuni problemi.

Infine, voglio insegnarti come formulare domande relative alla quantità.


Vediamo insieme le espressioni how much e how many.
Come avrai immaginato, usiamo "how much" con i sostantivi non numerabili.
Ad esempio:How much money do you have on you? (Quanti soldi porti con te?)
How much luggage are you taking to England? (Quanti bagagli porti
in Inghilterra?)
How much milk is there in the fridge? (Quanto latte c'è in frigo?)
How much time do we need? (Di quanto tempo abbiamo bisogno?)

Usiamo, invece; "how many" con sostantivi numerabili. Osserva:


How many planets are there in the solar system? (Quanti pianeti ci sono nel
sistema solare?)
How many flamenco records do you have? (Quanti dischi di flamenco hai?)
How many cases are you taking to England? (Quante valige porti in Inghilterra?)
How many people do you know here? (Quante persone conosci qui?)
How many of your students are women? (Quanti dei tuoi studenti sono donne?)

64
Lezione 30 (insegnante Fabiola)

Gli aggettivi possessivi

Oggi studieremo gli aggettivi possessivi


Gli aggettivi possessivi si usano per esprimere possesso.
My (mio)
Your (tuo)
His (suo)
Her (suo)
Its (suo)
Our (nostro)
Your (vostro)
Their (loro)

Sono aggettivi e per questo precedono sempre il sostantivo e non variano al plurale.
Osserva my car (la mia auto) my cars (le mie auto)
your house (la tua casa) your houses (le tue case)
his motorbike (la sua moto) his motorbikes (le sue moto)
our computer (il nostro computer) our computers (i nostri computer)
Non hanno nemmeno genere:
our sons (i nostri figli) our daughters (le nostre figlie)
your boyfriends (i tuoi fidanzati) your girlfriends (le tue fidanzate)

Vediamo ora degli esempi con gli aggettivi possessivi


She drives my car (Lei guida la mia macchina)
I like your eyes (Mi piacciono i tuoi occhi)
He loves his girlfriend. (Lui ama la sua ragazza)
But she does not love her boyfriend. (Ma lei non ama il suo ragazzo)
This is our dog. Its name is Leo. (Questo è il nostro cane. Si chiama Leo)
This is an old picture. Its price is very high. (Questa è una vecchia foto. Il suo
prezzo è molto alto).
We do not want their opinions. (Non vogliamo la loro opinione)
I love her style. (Adoro il suo stile)

Tutti questi esempi sono sia di frasi affermative che negative.


Ora ti mostrerò degli esempi di frasi interrogative con gli aggettivi possessivi.
Possiamo usare gli aggettivi possessivi anche in domande con "what", "which",
"who", "where" e "how".
Osserva: What is his name? (Come si chiama?)
What is her job? (Che lavoro fai?)
Which is their car? (Qual'è la loro macchina?)
Where is my friend? (Dov'è il mio amico?)

65
How is your wife? (Com'è la tua moglie?)
Who is her husband? (Chi è il suo marito?)

Parlando di possesso, vediamo insieme come si usano i termini "own" e "owner"


Il verbo "to own" (possedere) si usa per esprimere possesso.
Si può usare anche il sostantivo owner (proprietario).

Osserva questi esempi:


He is the owner of a chain of hamburger restaurants. (Lui è il proprietario di una
catena di fast food)
He owns twelve restaurants. (Possiede dodici ristoranti)

Ora, prendi nota di un particolare molto importante.


La parola "own" è anche un aggettivo che può essere usato solo dopo un possessivo.
Osserva:
I don't need to take the bus, I have my own car. (Non ho bisogno di prendere
l'autobus, ho la mia propria macchina)
Why don't you use your own computer? (Perchè non usi il tuo computer?)
He has his own business. (Lui ha un'attività propria)
She never uses her own make-up, she always takes my things. (Lei non usa mai
i suoi propri trucchi, prende sempre le mie cose).

Vediamo ancora degli esempi con "own" e "owner".

She owns two houses in the coast. (Lei possiede due case sulla costa)
We have our own business. (Noi abbiamo la nostra attività propria)
My sister is the owner of the house. (Mia sorella è la proprietaria della casa)
The company owns five buildings. (La compagnia possiede cinque edifici)
He writes his own plays. (Lui scrive le sue proprie opere)
I am the owner of the dog. (Io sono il proprietario del cane)

66
Lezione 31 (insegnante Julia)

Gli aggettivi e i pronomi dimostrativi "this", "that", "these" e "those".

Oggi studieremo gli aggettivi dimostrativi e i pronomi "this", "that", "these" e


"those".
In inglese esistono solo quattro dimostrativi e fungono sia da aggettivi che da
pronomi.
Si usano per parlare di persone, cose o animali.
Vediamoli: singolare this that
plurale these those
This e these si usano per parlare di persone e cose vicine a chi parla.
That e those si usano per parlare di persone e cose lontane da chi parla.
Ad esempio:
This car is Italian. (Questa macchina è italiana)
These flowers are for you. (Questi fiori sono per te)
That girl is really beautiful. (Quella ragazza è davvero bella)
I want those shirts. (Voglio quelle magliette)

Vediamo ora degli esempi di aggettivi dimostrativi.


Gli aggettivi dimostrativi sono seguiti da un sostantivo.
Ecco degli esempi:
This house is very old. (Questa casa è molto vecchia)
That man is my father. (Quell'uomo è mio padre)
Do you like that picture? (Ti piace quel quadro?)
These exercises aren't difficult. (Questi esercizi non sono difficili)
Those girls are Spanish. (Queste ragazze sono spagnole)
What size are those trousers? (Di che taglia sono questi pantaloni?)

Vediamo ora degli esempi di pronomi dimostrativi.


I pronomi dimostrativi vengono usati senza un sostantivo.
Ecco degli esempi:
This is my car. (Questa è la mia macchina)
This is a very old house. (Questa è una casa molto vecchia)
That is a pretty garden. (Quello è un bel giardino)
Don't tell me that again. (Non ripetemelo)
These are my children. (Questi sono i miei figli)
These are my house keys. (Queste sono le mie chiavi di casa)
Those aren't my shoes. (Queste non sono le mie scarpe)
Those are Spanish girls.(Queste sono le ragazze spagnole)

Quando si parla al telefono, si usa "this" per identificarsi.


This is Robert. (Sono Robert)

67
Vediamo ora esempi di frasi miste con gli aggettivi dimostrativi e i pronomi this, that,
these e those.
Gli esempi sono con entrambi i tipi di dimostrativi. Osserva attentamente la posizione
dei sostantivi per sapere se this, that, these e those svolgono la funzione di aggettivi o
di pronomi.
Those pictures on the wall. (Quei quadri sul muro)
Who lives in that house? (Chi vive in quella casa?)
These aren't my sisters. (Queste non sono le mie sorelle)
I like those shoes. (Mi piacciono quelle scarpe)
This isn't a good film. (Questo non è un buon film)
I don't like this. (Non mi piace questo)
I can't believe that. (Non credo a quello)
These are my favourite records. (Questi sono i miei dischi preferiti)
This isn't a good red wine. (Questo non è un buon vino rosso)
Those are beautiful flowers. (Quelli sono bei fiori)

68
Lezione 32 (insegnante David)

La forma possessiva e “whose?”

Oggi impareremo la forma possessiva e la parola "whose?"


Iniziamo dalla forma possessiva.
Per indicare possesso, normalmente aggiungiamo un apostrofo + "s" a un nome
singolare 's
Ad esempio: My father's car (La macchina di mio padre)
John's house (La casa di John)
I like your sister's hair. (Mi piacciono i capelli di tua sorella)
Quando un nome è plurale e finisce con "s", aggiungiamo un apostrofo dopo la s",
quindi s'.
Ad esempio:My sisters' house (La casa delle mie sorelle)
My neighbours' car. (La macchina dei miei vicini)
Is this your parents' house? (Questa è la casa dei tuoi genitori?)

Osserva altri esempi con la forma possessiva


Peter's book is very interesting. (Il libro di Peter è molto interessante)
Gerard Depardieu's nationality is French. (La nazonalità di Gerard Depardieu è
francese)
Charlie Chaplin's best film is "Limelight" (Il miglior film di Charlie Chaplin è
"Luci della Ribaltà")
Spain's flag is red and yellow. (La bandiera della Spagna è rossa e gialla)
Mercedes Benz's trade mark is a star. (Il marchio commerciale di Mercedes Benz
è una stella)

Adesso, impariamo l'uso della parola whose.


Usiamo la parola "whose" per chiedere a chi appartiene qualcosa.
Ci sono due modi di fare le domande con whose.
Innanzi tutto, possiamo mettere il nome alla fine.
Per esempio: Whose is this car? (Di chi è questa macchina?)
Qui whose è usato come pronome.
In secondo luogo possiamo mettere il nome dopo whose.
Per esempio: Whose car is this? (Di chi è questa macchina?)
Qui whose è usato come aggettivo.
Whose si usa sia in plurale che singolare:
Whose is this? (Di chi è questo?)
Whose boots are these? (Di chi sono questi stivali?)

Ora vediamo whose? in esempi.


Qui alcune domande con "whose" come pronome:

69
Whose are these keys? (Di chi sono queste chiavi?)
Whose is this book? (Di chi è questo libro?)
Whose is the red car? (Di chi è questa macchina rossa?)
Whose are those shoes? (Di chi sono quelle scarpe?)

Ed ora alcuni esempi di "whose" come aggettivo:


Whose dog is that? (Di chi è quel cane?)
Whose glasses are these? (Di chi sono questi occhiali?)
Whose newspaper is this? (Di chi è questo giornale?)
Whose cigarettes are those? (Di chi sono quelle sigarette?)

70
Lezione 33 (insegnante Cristina)

I pronomi possessivi

Oggi studieremo i pronomi possessivi


Mine (il mio)
Yours (il tuo)
His (il suo)
Hers (il suo)
Ours (il nostro)
Yours (il vostro)
Theirs (il loro)

Nell'unità 30 abbiamo visto gli aggettivi possessivi. Confrontiamoli con i pronomi


possessivi.
Aggettivi possessivi Pronomi possessivi
It's my car (è la mia macchina) It's mine (è mia)
It's your car (è la tua macchina) It's yours (è tua)
It's his car (è la sua macchina) It's his (è sua)
It's her car (è la sua macchina) It's hers (è sua)
It's our car (è la nostra macchina) It's ours (è nostra)
It's your car (è la vostra macchina) It's yours (è vostra)
It's their car (è la loro macchina) It's theirs (è loro)
Come puoi vedere, gli aggettivi possessivi sono sempre usati prima del nome al quale
si riferiscono e i pronomi possessivi sono usati da soli. Stanno ad indicare sia
l'aggettivo possessivo che il nome.

Osserviamo i pronomi possessivi.


Cerca di trovare un'altra differenza tra gli aggettivi possessivi e i pronomi possessivi:
Aggettivi possessivi Pronomi possessivi
my mine
your yours
his his
her hers
our ours
your yours
their theirs
Hai notato che, a eccezione dei casi di "mine" e "his", tutti i pronomi aggiungono una
"-s" all'aggettivo possessivo?

Ora, vediamo come usare i pronomi possessivi quando rispondiamo a domande come
"whose".

71
Nell'unità 32 hai imparato come formulare domande con "whose.
Osserviamo ora come rispondere usando i pronomi possessivi.
Vediamo questo esempio: Whose pen is this? It’s mine. (Di chi è questa penna? È
mia.)

Vediamo altri esempi:


Whose shoes are these? (Di chi sono queste scarpe?)
They're hers. (Sono sue)
Whose newspaper is this? (Di chi è questo giornale?)
It's yours. (È tuo)
Whose is that house? (Di chi è quella casa?)
It's ours. (È nostra)
Whose are those glasses? (Di chi sono quegli occhiali?)
They're his. (Sono suoi)
Whose are those coffees? (Di chi sono quei caffè?)
They're theirs. (Sono loro)

Ora, vediamo come usare i pronomi possessivi con le risposte usando "apostrofo + s"
nelle domande.
Hai anche imparato come usare la forma possessiva con "apostrofo + s" nell'unità 23.
Puoi anche usarle in domande. Osserva:
Is this Susan's bag? (È la borsa di Susan?)
No, it's mine. (No, è mia)

E al plurale
Whose children are those? (Di chi sono quei bambini?)
They're theirs. (They're the Wilsons' children) (Sono loro. Sono dei Wilson)
Nota bene che nell'ultima risposta invece di dire Sono i bambini dei Wilson possiamo
omettere la parola "children", perchè la forma possessiva può essere usata senza il
nome di seguito.

Vediamo i pronomi possessivi con altri esempi.


Per esempio, quando parliamo di amici, diciamo a friend of mine (un mio amico)
con la preposizione "of" prima del pronome possessivo.

Qui trovi altri esempi.


Are they friends of yours? (Sono amici tuoi?)
She plays tennis with two friends of mine. (Gioca a tennis con due miei amici)
They're not friends of ours. (Non sono nostri amici)

72
Lezione 34 (insegnante Fabiola)

I pronomi oggetto

Oggi studieremo i pronomi oggetto


Ricordi che nell'unità 1 abbiamo visto i pronomi soggetto?
Essi sono: I
you
he
she
it
we
you
they

Nell'unità 33 abbiamo visto i pronomi possessivi.


Essi sono: mine
yours
his
hers
ours
yours
theirs

In questa unità studieremo i pronomi oggetto.


Il singolare dei pronomi oggetto è me
you
him
her
it
E il plurale dei pronomi oggetto è us
you
them
Vediamo ora come usarli.
I pronomi oggetto vanno sempre dopo il verbo al posto di un sostantivo.
Ad esempio la frase I know Peter (Io conosco Peter) con un pronome oggetto sarà
I know him. (lo conosco)
Si può anche dire: He knows me. (Lui mi conosce)
Non è difficile, vero?

Vediamo ora questi altri esempi:


I give Mary a book. (Do a Mary un libro)

73
In questa frase potrei anche usare un pronome oggetto e dire:
I give her a book. (Le do un libro)
o potrei dare un libro a Peter e dire I give him a book (Gli do un libro) o ad altre
persone: I give you a book/ I give them a book. (Ti do un libro/Do loro un libro)
They give us a book. (Loro ci danno un libro)
I give you a book. (Vi do un libro)
In questi esempi il verbo ha due oggetti: "un libro" e il pronome oggetto.
È molto importante ricordare di mettere prima il pronome oggetto.

Vediamo come si usano i pronomi oggetto dopo le preposizioni.


Osserva questi esempi: I send her a letter. (Mando a lei una lettera)
In questa frase il verbo ha due oggetti: "her" e "a letter", abbiamo usato il pronome
oggetto "her" prima.
Ma si potrebbe anche dire: I send a letter to her (Mando una lettera a lei)
I send it to her (Gliela mando)
"It" si riferisce alla lettera, e come puoi vedere, se non viene posto prima il pronome
oggetto, occorre usare una preposizione, in questo caso "to".

Ricorda bene che dopo le preposizioni bisogna sempre usare i pronomi oggetto.

Osserva quest'altro esempio: This letter is for us. (Questa lettera è per noi)

Vediamo ancora degli esempi con i pronomi oggetto


I love you. (Ti amo)
I give it a bone. (Gli do un osso)
She likes me, but I love her. (Piaccio a lei, ma la amo)
Do you know him? (Lo conosci?)
Do you want them? (Li vuoi?)
Tell him I love him. (Digli che lo amo)
I want to go with you. (Voglio andare con te)
Why don't you come with us? (Perchè non vieni con noi?)

74
Lezione 35 (insegnante Cristina)

Gli aggettivi qualificativi

Oggi studieremo gli aggettivi qualificativi.


Che cos'è un aggettivo qualificativo?
È una parola che qualifica o descrive un sostantivo.
Ad esempio, ti chiedo: Dove vive il presidente degli Stati Uniti? Vive nella Casa
Bianca (White House). In questo esempio "white" (bianco) è l'aggettivo qualificativo
e "house" (casa) è il sostantivo.
Osserva bene che l'aggettivo va posto prima del sostantivo.
Vediamo ora un modo più dettagliato di come si usano gli aggettivi qualificativi.
Come già detto vanno prima del sostantivo.
Osserva questi esempi: a beautiful boy (un bel ragazzo)
a beautiful girl (una bella ragazza)

Gli aggettivi in inglese non variano in genere. Rimangono invariati sia al femminile
che al maschile. Non variano nemmeno nel numero. Rimangono invariati sia al
plurale che al singolare.
Beautiful gardens (bei giardini)
Beautiful houses (belle case)
Come puoi vedere l'aggettivo "beautiful" è lo stesso in tutti e 4 gli esempi.
Ci sono casi in cui possono esservi più di un aggettivo qualificativo prima di un
sostantivo.
Osserva questi esempi: The small new red car. (La piccola macchina rossa nuova)
A large Spanish beach. (Una grande spiaggia spagnola)

Vediamo alcuni esempi con gli aggettivi qualificativi


My house is old. (La mia casa è vecchia)
Your garden is beautiful. (Il tuo giardino è bello)
I'm tired. (Sono stanco)
Come vedi, gli aggettivi possono essere usati anche dopo il verbo "to be" (essere).
Vediamo ancora degli esempi:
I need a new radio for my car. (Ho bisogno di una radio nuova per la mia
macchina)
It's sunny and there is a nice blue sky. (C'è il sole e un bel cielo blu)
Greece is an interesting place for a holiday. (La Grecia è un posto interessante
per una vacanza)
She is very happy with her baby. (Lei è molto felice con sua figlia neonata)
The garden is very beautiful in spring. (Il giardino è molto bello in primavera)
They have an old house in the south-west of England. (Loro hanno una vecchia
casa nel sud-ovest dell'Inghilterra)
She has blonde hair. (Lei ha i capelli biondi)

75
Lezione 36 (insegnante Lisa)

Come dire l'età.

Oggi impareremo a dire l'età.


I am twenty years old. (Ho venti anni)
Quindi, per esprimere l'età si usa il verbo "to be" + la cifra + l'espressione "years
old".
Vediamo un altro esempio: She is eighteen years old. (Lei ha diciotto anni)

Sai quale espressione si usa per chiedere a qualcuno l'età?


Per chiedere a qualcuno la sua età si dice:
How old are you? (Quanti anni hai tu?)
How old is she? (Quanti anni ha lei?)
She is twenty-two years old. (Lei ha 22 anni)
Tuttavia possiamo esprimere l'età anche dando solamente il numero.
Ad esempio:
How old are your children? They are six and three. (Quanti anni hanno i tuoi
figli? Hanno sei e tre anni)
Si può quindi rispondere anche omettendo "years old".

Vediamo ora altri esempi relativi all'età.


Quando parliamo del nostro compleanno usiamo il verbo "to be born" al passato.
Ad esempio.
I was born on a Saturday. (Sono nato di sabato)
She was born in April. (Lei è nata ad aprile)
He was born on the 3rd of January. (Lui è nato il 3 gennaio)
E nel caso in cui si è nati lo stesso anno, diciamo che si ha "la stessa età"
Ad esempio:
The two children are the same age. (I due bambini hanno la stessa età)

Vediamo ora ancora delle espressioni relative all'età.


Today is my birthday (Oggi è il mio compleanno)
Per chiedere a qualcuno del suo compleanno possiamo dire
When is your birthday? (Quando è il tuo compleanno?)
E quando festeggiamo il compleanno, cantiamo questa canzone.
Happy Birthday to you, (Tanti auguri a te,!
Happy Birthday to you, Tanti auguri a te,
Happy Birthday, dear Sheila Tanti auguri, cara Sheila
Happy Birthday to you. Tanti auguri a te)

76
Lezione 37 (insegnante Carlos)

Il presente progressivo

Oggi impareremo ad usare il "present continuous".


Cominciamo con la forma affermativa del presente progressivo.
Ecco un esempio di una frase al presente progressivo: I am working. (sto lavorando)
Nota che il "present continuous" è formato dal verbo "to be" più il gerundio, vale a
dire un verbo nella "-ing form".
Nelle unità precedenti abbiamo studiato il "simple present". Ricordi?
Il "simple present" si usa per parlare di situazioni permanenti, o di cose che accadono
ripetutamente.
Il "present continuous", dall'altra parte, si usa per parlare di un'azione o una
situazione che è in corso nel momento in cui si parla, e per azioni che sono iniziate
ma non ancora finite.

Esercitiamoci ad usare il "present continuous"


Vediamo degli esempi di "present continuous" nella forma affermativa
You are listening. (Stai ascoltando)
He is writing. (Lui sta scrivendo)
She is singing. (Lei sta cantando)
It is raining. (Sta piovendo)
We are studying. (Noi stiamo studiando)
You are smoking. (Tu stai fumando)
They are reading. (Loro stanno leggendo)
She is going home. (Lei sta andando a casa)
I'm working. (Sto lavorando)
Osserva come nell'esempio finale si è usata la forma contratta di "I am", "I'm".
Le forme contratte sono molto comuni nell'inglese parlato.

Ora che abbiamo visto degli esempi, passiamo a vedere come si forma il gerundio dei
verbi.
Il gerundio si forma aggiungendo "-ing" alla fine del verbo all'infinito.
Ad esempio, il gerundio del verbo "to work" (lavorare) è "working" (lavorando).
Il gerundio può essere scritto in diversi modi, a seconda dei verbi!

Quando un verbo termina in "e" quest'ultima viene eliminata prima di "-ing".


Ad esempio to make making (facendo)
to write writing (scrivendo)
to dance dancing (ballando)

Quando un verbo termina in "ie" la ie si trasforma in "y" prima d "ing"

77
Ad esempio to lie lying (mentendo)
to die dying (morendo)
to tie tying (legando)

Nel caso di un verbo monosillabico che termina in consonante + vocale+consonante


ad esempio to stop (fermare)
la consonante finale si raddoppia prima di "ing": stopping (fermando)
Vediamo ancora degli esempi
to run running (correndo)
to swim swimming (nuotando)

Ora che conosciamo la forma affermativa del "present continuous", passiamo a


vedere quella negativa.

Nelle frasi negative si colloca not dopo il verbo "to be". Ad esempio:
I'm not working. (Non sto lavorando)
Nell'inglese parlato si usano comunemente le forme contratte, come nell'esempio.
Vediamo allora ancora degli esempi del "present continuous" nella forma negativa e
usando le contrazioni.
You're not listening to me. (Non mi stai ascoltando)
He's not playing. (Lui non sta giocando)
She's not reading her book. (Lei non sta leggendo il suo libro)
It's not snowing. (Non sta nevicando)
We're not drinking wine. (Non stiamo bevendo vino)
They're not living here now. (Loro non vivono qui adesso)

Mettiamo tutto insieme e vediamo degli altri esempi.


Please, be quiet. I'm working. (State in silenzio, per favore. Sto lavorando)
I'm feeling a bit sick today. (Mi sento un po' male oggi)
Our neighbour's playing his trumpet again. (Il nostro vicino suona di nuovo la
tromba)
It's raining in London. (Sta piovendo a Londra)
I'm feeling much better. (Mi sento molto meglio)
He's wearing a wig. (Lui indossa una parrucca)
The sun is shining today (Il sole brilla oggi)
She is sitting in the corner. (È seduta nell'angolo)
They are standing in the hall. (Sono in piedi all'entrata)
He is lying on the beach. (È disteso sulla spiaggia)

Il present continuous si usa anche per parlare di situazioni temporanee, ad esempio:


My daughter is studying art in Paris. (Mia figlia studia arte a Parigi)
Lo usiamo anche se la situazione si svolge durante un lungo periodo di tempo, ad
esempio "questo mese", "quest'anno"

78
I'm working on a new project this month. (Lavoro a un nuovo progetto questo
mese)
This year we're not eating meat. (Quest'anno non stiamo mangiando carne)

Bene, ora possiamo passare a qualcosa di nuovo.


Vediamo la forma interrogativa del "present continuous".
Nelle domande, il verbo "to be" va prima del soggetto.
Di conseguenza la frase You are working today sarà Are you working today?
(Stai lavorando oggi?)
John is playing tennis Is John playing tennis? (John sta giocando
a tennis?)
They are working in the office Are they working in the office? (Stanno
lavorando in ufficio?)

Bene, ora sappiamo come si formano le domande al "present continuous"


Vediamo ora le risposte brevi al "present continuous".
Anche nelle risposte brevi si usa il verbo "to be". Ad esempio:
Is he working today? Yes, he is. Poor guy. (Sta lavorando oggi? Sì. Poverino)
E se la risposta è negativa, si usa solitamente la forma contratta.
Ad esempio:
Are you working today? (Stai lavorando oggi?)
No, I'm not. I'm on holiday. (No. Sono in vacanza)
Are they speaking Spanish? (Stanno parlando spagnolo?)
No, they're not. They're speaking Portuguese. (No. Parlano portoghese)

Per concludere, vediamo degli esempi di domande e risposte al "present continuous"


Ad esempio:
What are the children doing? (Cosa stanno facendo i bambini?)
They're playing in the street. (Stanno giocando in strada)
Where is she sitting? (Lei dove è seduta?)
At the table on the right. (Al tavolo a destra)
Which channel are you watching? (Quale canale stai guardando?)
Telly-4. Spain is playing England. (Telly-4. Stanno giocando Spagna e
Inghilterra)
How are you feeling today? (Come ti senti oggi?)
Much better, thanks. (Molto meglio, grazie)
Why are you laughing? (Perchè stai ridendo?)
This film is very funny. (Questo film è molto divertente)
Who is playing the saxophone? (Chi sta suonando il saxofono?)
It's our neighbour upstairs. (È il nostro vicino del piano di sopra)

79
Lezione 38 (insegnante Fabiola)

Simple Present vs Present Continuous

Quando bisogna usare il presente progressivo e quando usare il presente indicativo.


Iniziamo rivedendo il simple present (Hai già studiato il presente indicativo nell'unità
14)
Osserva questi esempi:
They sing beautifully. (Loro cantano meravigliosamente)
Usiamo il presente indicativo per parlare di cose in generale e per cose che accadono
ripetutamente o per abitudini.
Osserva un altro esempio: He plays football. (Lui gioca a calcio)
Il "simple present" si usa anche per parlare di situazioni che hanno carattere
permanente.
Il "simple present" è semplice, vero?

Mettiamolo, adesso, a confronto, con il present continuous


Hai già studiato come si forma il present continuous nell'unità 37.
Osserva questo esempio I am working. (Sto lavorando)
Ricorda che il present continuous si forma mediante la forma corrispondente del
verbo "to be" (essere) al presente più un verbo che termina in -ing.
Ricorda di usare le contrazioni, in modo da avere una pronuncia da madrelingua
inglese: I'm working
Usiamo il presente continuous per parlare di cose che stanno accadendo nel momento
stesso in cui si parla o quasi allo stesso tempo.
I'm working now (adesso sto lavorando)
Il present continuous si usa anche per parlare di situazioni temporanee che possono
accadere durante un lungo periodo di tempo.

Osservate questo esempio:


We're working on a new project this week (Stiamo lavorando a un nuovo progetto
questa settimana)
In questo esempio usiamo il "present continuous" anche se non stiamo lavorando al
nuovo progetto nel momento stesso in cui parliamo.
Vediamo un altro esempio
You are studying English with "American and British Academy" this year
(Stai studiando inglese con "American e British Academy" quest'anno) (e sono sicuro
che imparerai molto bene l'inglese...)

Bene, adesso che conosci la differenza tra il "present continuous" e il "simple


present"!

Mettiamoli a confronto.

80
Osserva questa frase
He works in his garden every day (è al presente indicativo) (Lui lavora nel
giardino ogni giorno)
He's working in his garden now (è al presente progressivo) (Lui sta lavorando in
giardino adesso)
Vediamo un altro esempio
She cooks wonderful dinners (simple present) (Lei prepara delle cene deliziose)
She's cooking dinner (present continuous) (Lei sta preparando la cena)
Come hai potuto vedere nei primi esempi, il "present continuous" si usa con verbi che
indicano azioni come lavorare, cucinare e studiare.
Il present continuous non si usa infatti con verbi che non indicano un'azione.
I verbi che non indicano un'azione sono anche detti "verbi statici ".

Esistono molti verbi statici!

Iniziamo vedendo alcuni verbi statici relativi al pensiero


to believe (credere)
to agree (essere d'accordo)
to remember (ricordare)
to understand (capire)
to know (sapere)
to forget (dimenticare)
Vediamo degli esempi.
Do you understand me now? (Mi capisci adesso?)
I don't remember his name. (Non ricordo il suo nome)
In queste frasi usiamo il simple present e non il present continuous perchè to
understand e to remember sono verbi statici.

Vediamo ora i verbi statici relativi alle emozioni.


Osserva questi esempi: I want to go to the cinema (Voglio andare al cinema)
Do you like this wine? (Ti piace questo vino?)
Anche in questo caso usiamo il simple present e non il present continuous perchè i
verbi to want e to like sono verbi statici relativi alle emozioni.
Altri verbi statici che esprimono emozioni sono:
to wish (desiderare)
to love (amare)
to hate (odiare)

Passiamo adesso ai verbi statici che indicano possesso.


Alcuni verbi statici che indicano possesso sono:
to have (avere)
to own (possedere)
to belong (appartenere)

81
Ad esempio, con la frase I have a new car now (Ho un'auto nuova adesso) si
usa anche il simple present anzichè il present continuous.
Bene, abbiamo quasi terminato!

Vediamo un altro gruppo di verbi statici che non si usano al present continuous: verbi
statici relativi ai sensi ed altri.
I verbi to look (guardare)
to smell (odorare)
to sound (suonare)
to seem (sembrare)
to appear (apparire)
sono anche questi verbi statici che non si usano al present continuous.
Ad esempio: It looks like a violent film (Sembra un film violento)

82
Lezione 39 (insegnante Julia)

Il futuro con simple present e present continuous

Quando si usa il simple present e quando il present continuous per parlare del futuro.
Cominciamo con la forma affermativa del futuro espresso dal simple present.
Abbiamo già studiato il simple present nell'unità 14.
Si usa di solito per parlare di abitudini. Si usa inoltre per parlare di orari, come quelli
dei trasporti pubblici o della programmazione cinematografica e con significato di
futuro.
Ad esempio, la frase: My train leaves at five (Il mio treno parte alle cinque) offre a
chi ascolta informazioni relative al futuro.

Osserva questi altri esempi di frasi affermative


The plane arrives in Madrid at nine. (L'aereo arriva a Madrid alle nove)
The concert starts at eight thirty (Il concerto inizia alle otto e trenta)
The course finishes at the end of April. (Il corso finisce alla fine di aprile)
The museum opens at ten o'clock. (Il museo apre alle dieci)

Vediamo ora la forma negativa del futuro espresso dal simple present.
Ecco degli esempi di frasi negative al simple present per parlare del futuro.
Museums don't open tomorrow. (I musei non aprono domani)
My train doesn't leave until five. (Il mio treno non parte prima delle cinque)
The plane doesn't arrive in Madrid till nine. (L'aereo non arriva a Madrid prima
delle nove)
The concert doesn't start until later. (Il concerto non inizia se non più tardi)
The course doesn't finish till June. (Il corso non finisce fino a giugno)
"till" e "until" hanno lo stesso significato; till è più informale.

E la forma interrogativa del futuro espresso con il simple present?


Osserva queste domande relative al futuro e formulate mediante il simple present:
What time does my train leave? (A che ora parte il mio treno?)
When does the plane arrive in Madrid? (Quando arriva l'aereo a Madrid?)
Does the concert start at eight thirty? (Il concerto inizia alle otto e trenta?)
Why don't the museums open tomorrow? (Perchè i musei non sono aperti
domani?)

Passiamo ora alla forma affermativa del futuro espresso con il "present continuous".
Hai imparato il present continuous nelle due unità precedenti. 37 e 38. Questo tempo
è usato generalmente per parlare di cose che stanno accadendo nel momento in cui si
parla. Tuttavia si usa anche comunemente per parlare di progetti futuri.
Ad esempio: I'm going on holiday next month. (Il mese prossimo andrò in
vacanza)

83
Vediamo ancora degli esempi alla forma affermativa:
He's leaving after dinner. (Andrà via dopo cena)
She's getting married in July. (Lei si sposerà a luglio)
He's starting the course tomorrow. (Lei comincerà il corso domani)
They're coming at eight. (Loro verranno alle otto)

Ed ora come si formulano le frasi negative del futuro con il present continuous?
Nelle frasi negative si aggiunge not.
Ad esempio:
I'm not working in August (Non lavorerò ad agosto)
He's not leaving until after dinner. (Non andrà via se non dopo cena)
She's not getting married till next year. (Lei non si sposerà prima dell'anno
prossimo)
We're not starting till Monday (Non cominceremo prima di lunedì)
They're not coming until eight. (Non verranno prima delle otto)

Vediamo ora la forma interrogativa.


Nelle domande occorre porre il verbo "to be" prima del soggetto.
Osserva questi esempi:
Are you working tomorrow? (Lavorerai domani?)
When is he leaving? (Quando andrà via?)
Which month is she getting married? (In che mese si sposerà?)
When are we following our secret plan? (Quando seguiremo il nostro piano
segreto?)
What time are they coming? (A che ora verranno?)

84
Lezione 40 (insegnante David)

Il futuro con will

Oggi studieremo il futuro con will


Il verbo modale "will" si usa per formare il "Simple Future".

Nell'unità 39 abbiamo studiato l'uso del Present Continuous in riferimento al futuro


vale a dire, per esprimere progetti futuri ben definiti.
Il futuro con will si usa, al contrario, per dare o chiedere informazioni o fatti rispetto
al futuro, per fare promesse e per esprimere progetti o decisioni prese nel momento
stesso in cui si parla.

Il tempo verbale è molto semplice perchè tutte le persone hanno la stessa forma.
I will call him tomorrow (Lo chiamerò domani)
you will call him tomorrow (Lo chiamerai domani)
he will call him tomorrow (Lui lo chiamerà domani)
she will call him tomorrow (Lei lo chiamerà domani)
we will call him tomorrow (Noi lo chiameremo domani)
you will call him tomorrow (Voi lo chiamerete domani)
they will call him tomorrow (Essi lo chiameranno domani)

Nell'inglese parlato, si usano di solito le forme contratte:


I'll call him tomorrow
you'll call him tomorrow
he'll call him tomorrow
she'll call him tomorrow
we'll call him tomorrow
you'll call him tomorrow
they'll call him tomorrow

Vediamo ora ancora degli esempi del futuro con will.

Osserva le seguenti frasi con le forme contratte del verbo modale will:
You'll need a coat. It's cold out. (Avrai bisogno di un cappotto. Fuori fa freddo)
I'll be in Paris on the eighth. (Sarò a Parigi l'otto)
He'll get home at about ten, (Arriverà a casa alle dieci circa)
We'll have a meeting on Monday. (Avremo una riunione lunedì)
They'll catch the train at 5:30. (Prenderanno il treno alle 5:30)

Ora la forma negativa del futuro con will.


Poichè will è un verbo modale, per la forma negativa basta solo farlo seguire da not.

85
Osserva I will not
you will not
he will not
she will not
we will not
you will not
they will not

Si usa la forma contratta anche per la forma negativa, così will not diventa won't
I won't
you won't
he won't
she won't
we won't
you won't
they won't

Così dicendo di non andare a una partita diciamo ...


I won't go to the match (Non andrò alla partita)
you won't go to the match (Non andrai alla partita)
he won't go to the match (Lui non andrà alla partita)
she won't go to the match (Lei non andrà alla partita)
we won't go to the match (Noi non andremo alla partita)
you won't go to the match (Voi non andrete alla partita)
they won't go to the match (Essi non andranno alla partita)

Ecco ancora degli esempi del futuro con will, ma nella forma negativa
We won't go to the cinema at the weekend. (Non andremo al cinema questo
finesettimana)
You won't find anybody in the office on Saturday. (Non troverai nessuno in
ufficio sabato)
He won't lend me his car. (Non mi presterà la sua macchina)
They won't come because the baby is ill. (Non verranno perchè il bambino è
malato)
You won't like that film. It's boring. (Non ti piacerà quel film. È noioso)

Vediamo ora la forma interrogativa del futuro con will.


Dato che will è un verbo modale, per la forma interrogativa, basta semplicemente
porre will prima del soggetto.
Osserva questa frase affermativa:
I will need a visa to go to the States. (Avrò bisogno del visto per andare negli
Stati Uniti.)

86
Nella forma interrogativa diciamo:
Will I need a visa to go to the States? (Avrò bisogno del visto per andare negli
Stati Uniti?)

Vediamo ancora degli esempi:


Will you be at home this evening? (Sarai a casa questa sera?)
Will he come by bus or by train? (Lui verrà con il bus o con il treno?)
Will she be bringing her sister? (Lei porterà sua sorella?)
Will we have dinner after the film? (Andremo a cena dopo il film?)
Will you go home for Christmas? (Verrai a casa per Natale?)
Will they drink wine or beer? (Cosa prenderanno vino o birra?)

87
Lezione 41 (insegnante Lisa)

Offerte e proposte con shall

Oggi impareremo ad esprimere offerte e proposte con shall.


Cominciamo con le offerte con shall.
Come abbiamo visto nell'unità 40 shall può essere usato per offrirsi a fare qualcosa,
usando Shall I...? (Vuoi che io...?)
Ad esempio:Shall I open the window? (Apro la finestra?)
Shall I phone you tomorrow? (Ti chiamo domani?)
Shall I do it for you? (Vuoi che lo faccio per te?)
Shall I carry your bag? (Vuoi che io porti la tua borsa?)
Shall I call you a taxi? (Chiamo un taxi?)
Shall I cook dinner tonight? (Vuoi che prepari la cena stasera?)

Bene, passiamo ora alle proposte con shall.


Come abbiamo visto nell'unità 40 shall può essere anche usato per fare proposte con
Shall we ...? (Vuoi che noi...?)
Ad esempio:Shall we have dinner afterwards? (Andiamo a cena dopo?)
Shall we go to the cinema? (Andiamo al cinema?)
Shall we meet? (Ci vediamo?)
Shall we go? (Andiamo?)
Shall we wait until tomorrow? (Aspettiamo fino a domani?)
Shall we ask for the menu? (Chiediamo il menu?)

E ora, qual' è la differenza tra queste due domande?


What shall we do when we get there? E cosa faremo quando saremo lì?
What will we do when we get there? Cosa faremo quando saremo lì?
Nella prima domanda chi parla vuole che la persona alla quale si sta rivolgendo
faccia una proposta; nella seconda invece chi parla vuole sapere qual'è il programma
per quando saranno arrivati.

Sai che in inglese americano si usa spesso should al posto di shall?


Vediamo l'uso di should nell'inglese americano.
Nell'inglese americano si usa should piuttosto che shall per offerte e per chiedere
consigli e istruzioni.
Ad esempio:Should we have a drink first? (Beviamo prima qualcosa?)
Should we ask somebody the way? (Chiediamo la strada a
qualcuno?)
Should I help you? (Vuoi che ti aiuti?)
What should I do? (Cosa dovrei fare?)

88
Lezione 42 (insegnante Sophie)

Le richieste con will e would

Oggi impareremo come si formulano le richieste con will e would


Iniziamo imparando a formulare richieste con will
Usiamo la frase will you per introdurre un ordine o una richiesta.
Ad esempio Will you do me a favour? (Mi fai un favore?) è una richiesta, quindi
usiamo "will you... " per dire o chiedere a qualcuno di fare qualcosa.

Vediamo ancora degli esempi di richieste con will.


Will you open the window? (Apri la finestra?)
Will you pass the salt? (Mi passi il sale?)
Will you get me another beer, please? (Mi prendi un'altra birra, per favore?)
Will you do the washing up, please? (Lavi i piatti, per favore?)
Will you give me a hand, please? (Mi dai una mano, per favore?)

Ecco invece un esempio con una struttura di frase diversa.


Please, will you lend me your car? (Per favore, mi presti la macchina?)

Vediamo allora anche le richieste con would


Usiamo "would you... " allo stesso modo che "will you ..." per esprimere un ordine
o una richiesta.

Ma c'è una sottile differenza.


Ricorda infatti che "would you... " è più formale.
Dire, ad esempio Would you please be quiet? (Potreste fare silenzio, per favore?)
è più formale che dire Will you please be quiet? (Fate silenzio, per favore?)

Vediamo degli altri esempi di richieste con "would you"


Would you do me a favour? (Mi faresti un favore?)
Would you open the window? (Apriresti la finestra?)
Would you pass the salt? (Mi passeresti il sale?)
Would you turn down the music, please? (Abbasseresti un po' il volume della
musica, per favore?)
Would you pass me that magazine? (Mi passeresti quella rivista?)
Would you lend me a pen? (Mi presteresti una penna?)

Ricorda la frase Would you close the door, please? (Chiuderesti la porta, per
favore?) è piuttosto formale.
Se parli con un amico, puoi dire Will you close the door, please? (Chiudi la porta,
per favore?)

89
Vediamo adesso le richieste con Do you want ...?
Nelle unità 43 e 44, imparerai come si usa Do you want ...? per esprimere delle
offerte e dei suggerimenti.
"Do you want to ... ?" si usa anche per le domande indirette.
Osserva questi due esempi:
Will you open the window, please? (Apri la finestra, per favore?)
Do you want to open the window? (Vuoi aprire la finestra?)

Noti la differenza.
Ricorda che "will you ... " esprime un ordine o una richiesta più diretta.

90
Lezione 43 (insegnante Cristina)

Espressioni per offerte

Oggi studieremo alcune espressioni che si possono usare per fare offerte

Esistono due modi per offrire qualcosa a qualcuno: un modo informale e uno formale.
Cominciamo con le offerte informali: "Do you want?"
Se vuoi offrire qualcosa a qualcuno in modo informale, puoi dire:
Do you want... ? (Vuoi...?)
Ad esempio: Do you want some tea? (Vuoi del tè?)
Do you want a sandwich? (Vuoi un panino?)

Vediamo ora le offerte formali con "Would you like...?" (Vorresti...?)


Se vuoi offrire qualcosa a qualcuno in modo formale, puoi dire:
Would you like... ?
Quindi per offrire del tè o un panino, diciamo ...
Would you like some tea? (Vorresti del tè?)
Would you like a sandwich? (Vorresti un panino?)
Nota che con il sostantivo non numerabile "tè" si usa "some".
"Some" si usa anche con il plurale dei sostantivi numerabili.
Quindi, per offrire più di un panino diciamo ...
Would you like some sandwiches? (Vorresti dei panini?)
Le risposte a queste domande formali e informali sono sempre le stesse.
Se la risposta è affermativa diciamo:
Yes, please. (Sì, grazie)
Se la risposta è negativa, diciamo:
No, thank you. (No, grazie)

Would è un verbo modale che studieremo anche più avanti durante il nostro corso. Si
usa per formare il condizionale.
Osserva questi esempi:
I eat (io mangio) I would eat (io mangerei)
I go out (io esco) I would go out (io uscirei)
Do you like? (ti piace?) Would you like? (Ti piacerebbe?)

Vediamo infine alcuni esempi di offerte formali e informali:


Would you like a sandwich? (Vorresti un panino?)
Do you want a sandwich? (Vuoi un panino?)
Would they like a magazine? (Vorrebbero una rivista?)
Do they want a magazine? (Vogliono una rivista?)
Does he want a drink? (Lui vuole qualcosa da bere?)
Would he like a drink? (Lui vorrebbe qualcosa da bere?)

91
Do you want a cigarette? (Vuoi una sigaretta?)
Would you like a cigarette? (Vorresti una sigaretta?)
Do you want a beer? (Vuoi una birra?)
Would you like a beer? (Vorresti una birra?)

Vediamo alcune domande e risposte che si potrebbero sentire in una conversazione


normale.
Would you like a cup of tea, Mary? (Ti andrebbe una tazza di tè, Mary?)
Yes, please, Alan (Sì, grazie, Alan)
A biscuit. (Un biscotto)
No, thanks. I'm on a diet. (No, grazie. Sono a dieta)

92
Lezione 44 (insegnante Ben)

Espressioni per proposte

Oggi impareremo alcune espressioni che si usano per fare proposte.

Nell'unità 43 abbiamo visto come usare do you want... ? (vuoi ...?) e would you
like...? (vorresti... ?) per fare offerte.
Queste espressioni possono essere usate anche per esprimere proposte.
Osserva questi due esempi:
Do you want to watch TV? (Vuoi guardare la TV?)
Would you like to watch TV? (Ti andrebbe di guardare la TV?)
Stiamo parlando di fare qualcosa, per questo abbiamo bisogno di un verbo, e quel
verbo deve essere all'infinito.
Ricorda che il verbo all'infinito comincia di solito per "to" e che "do you want to?" è
più informale di "would you like to?"
Lascia che ti mostri qualche esempio:
Do you want to play tennis? (Vuoi giocare a tennis?)
Would you like to play tennis? (Vorresti giocare a tennis?)
Do you want to listen to some music? (Vuoi ascoltare un po' di musica?)
Would you like to listen to some music? (Vorresti ascoltare un po' di musica?)
Do you want to be happy and healthy? (Vuoi essere felice e sano?)
Would you like to be happy and healthy? (Vorresti essere felice e sano?)

Vediamo ora alcune risposte possibili alle proposte.


Alcune risposte possibili a "do you want to?" o "would you like to?" Sono:
Yes, please (Sì, grazie)
Good idea (Buona idea)
Why not? (Perchè no?)
I'd love to (Sì, mi piacerebbe)
No, thanks (No, grazie)
I'm not sure (Non sono sicuro)
I'd prefer ... (Preferirei)
I would rather not, thanks (Preferisco di no, grazie)

Vediamo degli esempi con queste risposte ad alcune proposte.

Ecco alcuni esempi di risposte alle proposte "do you want to?" e "would you like to?"
Do you want to go to the cinema? (Vuoi andare al cinema?)
Good idea (Sì, buona idea)
Would you like to watch TV? (Ti andrebbe di guardare la TV?)
No, thanks. (No, grazie)
Do you want to come to my house? (Vuoi venire a casa mia?)

93
Why not? (Perchè no?)
Would you like to have dinner with me tonight? (Ti andrebbe di cenare con me
stasera?)
I'd love to. (Mi piacerebbe molto)

94
Lezione 45 (insegnante Sarah )

Come si esprimono le offerte in inglese

Cominciamo ripassando offerte e proposte formali e informali.


Nella vita quotidiana è molto importante sapere come fare offerte o proposte, vero?

Nell'unità 43, hai imparato a fare offerte con l'espressione Do you want...? (Vuoi...?)
e Would you like ... ? (Vorresti...?)
Per esempio: Do you want some tea?
Would you like some tea?
L'unica differenza è che la seconda frase è più formale della prima.

Poi nell'unità 44 hai imparato che queste due stesse espressioni possono essere usate
con un verbo all'infinito per formulare proposte.
Per esempio, per proporre a qualcuno di giocare a tennis diresti:
Do you want to play tennis? o se vuoi essere più formale Would you like to play
tennis?

Vediamo ora un altro modo per fare proposte.


Questa volta vedremo come offrirsi per fare qualcosa.
Per offrirsi di fare qualcosa per o con qualcuno usiamo comunque l'espressione Do
you want to ...? o Would you like to ...? ma in questo caso occorre aggiungere un
pronome oggetto ad esempio "me"
Osserva:
Do you want me to play tennis? (Vuoi che io giochi a tennis?)
Would you like me to play tennis? (Ti andrebbe che io giochi a tennis?)
Usiamo questa struttura anche con altri pronomi oggetto per suggerire che
qualcun'altro faccia qualcosa.
Osserva:
Do you want him to play tennis with us? (Vuoi che lui giochi a tennis con noi?)
Would you like him to play tennis with us? (Ti andrebbe che lui giocasse a
tennis con noi?)
Osserva l'uso del pronome oggetto "him" e ricorda che l'unica differenza tra le due
frasi è che la seconda è più formale della prima.

Vediamo quindi esempi di offerte informali.

Do you want us to bring a bottle of wine? (Vuoi che portiamo una bottiglia di
vino?)
Do you want him to cook dinner? (Vuoi che lui prepari la cena?)
Do you want me to earn a lot of money? (Vuoi che io guadagni molti soldi?)
Do you want them to come early? (Vuoi che loro vengano presto?)

95
Do you want me to speak Spanish? (Vuoi che io parli spagnolo?)
Do you want her to come to the party? (Vuoi che lei venga alla festa?)
Do they want us to take a bottle of wine? (Vogliono che portiamo una bottiglia di
vino?)

Ricorda che me, him, her, us e them sono pronomi oggetto.

Vediamo ora alcuni esempi di offerte formali:


Would you like her to work on Sunday? (Vorresti che lei lavorasse di domenica?)
Would you like them to come with us? (Vorresti che loro venissero con noi?)
Would you like her to cook dinner? (Vorresti che lei preparasse la cena?)
Would you like me to be a millionaire? (Ti piacerebbe che io fossi milionario?)
Would you like him to sing again? (Vorresti che lei cantasse di nuovo?)
Would she like me to bring her a drink? (Le piacerebbe che io le portassi
qualcosa da bere)
Would you like him to help you? (Vorresti che lui ti aiutasse?)

96
Lezione 46 (insegnante Ben)

Come si risponde a offerte e proposte

Oggi impareremo come si risponde a offerte e proposte


Iniziamo vedendo appunto offerte e proposte.
Nelle unità precedenti abbiamo visto tre modi diversi di usare le espressioni "do you
want" e "would you like ...?"
Le ricordi? Riassumiamo!

Il primo modo serve per offrire qualcosa


Do you want a drink? (Vuoi qualcosa da bere?)
Would you like a drink? (Ti andrebbe qualcosa da bere?)
Ricorda che l'unica differenza tra queste due espressioni è che "Would you like a
drink?" è più formale di "Do you want a drink?".

Il secondo modo è quello che serve ad esprimere una proposta:


Do you want to go out? (Vuoi uscire?)
Would you like to go out? (Vorresti uscire?)

E il terzo si usa per offrirsi di fare qualcosa.


Do you want me to go out? (Vuoi che io esca?)
Would you like me to go out? (Vorresti che io esca?)

Nota come in questi due esempi abbiamo usato il phrasal verb "to go out".
Il verbo "to go" ha molti significati come ad esempio muoversi, viaggiare, partire. Ma
il phrasal verb to go out significa uscire o prendere parte a qualche attività sociale
fuori di casa.

Bene. Abbiamo rivisto quindi i modi per formulare offerte e proposte.


Vediamo ora come si risponde alle offerte e alle proposte.
Per rispondere a domande con Do you want ... ? (ti va di/vuoi?) possiamo dire Yes,
please (sì, grazie) - No, thanks (no, grazie).
E per rispondere a domande con Would you like to ... ?(ti andrebbe di... ?)
possiamo dire Yes, please o No, thank you.
Ma di solito rispondiamo con Yes, I would o No, I would not.

Esercitiamoci. Ecco alcuni esempi:

Would you like to go out today? (Ti andrebbe di uscire oggi?)


No, I would not. (No, non mi va)
Would you like to go out tonight? (Ti andrebbe di uscire stasera?)
Yes, I would. (Sì)

97
Naturalmente esistono anche altre possibili varianti per rispondere alle domande "do
you want ... ?" e "would you like ...?"
Ad esempio: Would you like a cigarette? (Vuoi una sigaretta?)
No, I'd rather not (No, preferisco di no, grazie)
Do you want to see a film? (Vuoi vedere un film?)
Why not? (Perchè no?)
Would you like red wine? (Ti andrebbe del vino rosso?)
I'd prefer white. (Preferisco il bianco)
Do you want me to drive? (Vuoi che io guidi?)
I'm not sure. (Non ne sono sicuro)

98
Lezione 47 (insegnante Cristina)

Il futuro intenzionale

Oggi vedremo come si usa il futuro formato da "going to"?


Facciamo prima un breve ripasso.
Nell'unità 40 abbiamo visto il futuro con "will".
Ricorda che il futuro con "will" si usa per dare o esprimere eventi futuri, per fare
promesse e progetti o per esprimere decisioni prese nel momento stesso in cui si
parla.
Ad esempio, I will sell my car (Venderò la mia auto).
La frase in questo modo indica che non so ancora quando la venderò.
Se si trattasse invece di una decisione già presa da tempo, direi: I am going to sell
my car.
Si usa "I am", la prima persona del verbo "to be" più "going to" più un verbo
all'infinito senza il "to".
Ricorda di usare le contrazioni perchè la tua pronuncia sia più naturale: I'm going to
sell my car.

Vediamo ora il futuro con "going to" per indicare delle intenzioni positive.
Il futuro con "going to" si usa per esprimere ciò che si ha intenzione di fare.
Osserva questi esempi nella forma affermativa:
I'm going to get married in June. (Mi sposerò a giugno)
He's going to study medicine. (Lui studierà medicina)
She's going to come with us. (Lei verrà con noi)
We're going to have a drink. (Berremo qualcosa)
They're going to leave early. (Loro andranno via presto)

Vediamo ora il futuro con "going to" per esprimere intenzioni negative.
Per la forma negativa del futuro con "going to" bisogna solo aggiungere not dopo il
verbo "to be".
Vediamo un esempio: He is not going to study law. (Non studierà la legge)
Osserva adesso queste frasi al futuro con "going to", per indicare delle intenzioni
negative.
I'm not going to get married until June. (Non mi sposerò prima di giugno)
She isn't going to come with us. (Non verrà con noi)
They aren't going to leave till later. (Non andranno via se non più tardi)
They're not going to come to the barbecue. They're vegetarians. (Non verranno
alla grigliata. Sono vegetariani)

Ed ora, vediamo come formulare domande al futuro.


Passiamo, quindi, alla forma interrogativa del futuro formato da "going to".
La forma interrogativa del futuro è molto semplice!

99
Osserva: Is she going to come with us? (Verrà con noi?)
Bisogna solo mettere la coniugazione corrispondente del verbo "to be" (in questo
caso "is") all'inizio della frase.

Vediamo ancora degli esempi di frasi interrogative con il verbo "going to":
When are you going to get married? (Quando vi sposerete?)
What is he going to study? (Cosa studierà?)
When are we going to have a drink? (Quando andremo a bere?)
What time are they going to leave? (A che ora andranno via?)

Il futuro con "going to" si usa anche per previsioni.


Di solito si fanno previsioni di possibili eventi futuri basandosi su cosa si osserva nel
presente.
Se guardi fuori dalla finestra per vedere che tempo fa, potresti dire:
Look at the clouds. It's going to rain. (Guarda che nuvole! Pioverà!)
Oppure
It's a beautiful day. It isn't going to rain. (È una bella giornata. Non pioverà)

Vediamo degli altri esempi con "going to" per fare previsioni.
It's nine o'clock! I'm going to be late! (Sono le nove! Farò tardi!)
Look out! You're going to hit your head! (Guarda in alto! Ti farai male alla testa!)
He's going to win the race. (Vincerà la gara)
We're going to lose the match. (Perderemo la partita)
They're going to be very tired tomorrow. (Saranno molto stanchi domani)

Per finire vediamo ancora degli esempi di frasi al futuro con "going to".
Osserva questi esempi di frasi al futuro con "going to".
We're going to get married in May. (Ci sposeremo a maggio)
They're going to study English. (Studieranno inglese)
I'm going to fly with British Airways. (Volerò con British Airways)
They're going to cause a lot of problems. (Causeranno molti problemi)
He isn't going to speak to me until I apologize. (Non mi parlerà finchè non
chiederò scusa)
Is he going to get up at five o'clock? (Si alzerà alle cinque?)
If you haven't got an umbrella, you're going to get wet. (Se non hai l'ombrello,
ti bagnerai)

100
Lezione 48 (insegnante Fabiola)

Vari futuri

Abbiamo già visto le forme del futuro nelle unità precedenti.


Oggi le rivedremo tutte ed impareremo ad usarle a seconda dei casi.

Cominciamo rivedendo il futuro con "will".


Usiamo il futuro con will quando abbiamo intenzione di fare qualcosa ma non ne
siamo ancora del tutto sicuri.

Ad esempio: He'll study traumatology if there is a place on the course.


(Studierà traumatologia se c'è posto nel corso)
Ricorda che l'apostrofo più la doppia elle corrisponde alla contrazione di will e che il
futuro si forma con "will" più un verbo all'infinito senza il "to".

Vediamo degli esempi


I'll probably watch TV tonight. (Forse guarderò la TV questa sera)
Maybe I'll go to the cinema instead. (Io, invece, andrò al cinema forse)
I'll probably fly to Paris in the afternoon. (Probabilmente andrò a Parigi questo
pomeriggio)
We'll look at the house again before we decide. (Guarderemo di nuovo la casa
prima di decidere)

Il futuro con "will" si usa anche per fare delle offerte.


Osserva questa conversazione
Personaggio 1
Do you want some coffee? (Vuoi del caffè?)
Personaggio 2
Yes, but you sit down. I'll make it. (Sì, ma siediti, la preparo io)
Personaggio 1
No, you've had a hard day. I'll make it. (No, tu hai avuto una giornata pesante. Lo
preparo io)
Personaggio 2
I'll get the brandy then. (Io prendo il brandy allora)
Personaggio 1
No. I'll do it. Sit down! (No, lo faccio io. Siediti)
Personaggio 2
I'll do the washing up then. (Io lavo i piatti)

Vediamo adesso il futuro con "going to"


Il futuro con "going to" si usa quando si è più sicuri di fare quello che si sta dicendo.

101
Come in questa frase:
I am going to watch TV tonight. (Guarderò la TV stasera)
Ho usato il futuro con "going to" perchè so cosa danno in TV questa sera, e c'è un
film che ho davvero voglia di vedere.
Ricorda che questo futuro si forma con il verbo "to be" più "going to" più un verbo
all'infinito senza il "to".
Nella forma contratta diciamo: I'm going to watch TV tonight (Guarderò la TV
questa sera)

Ecco degli altri esempi:


I'm going to fly to Paris and come back by train. (Andrò a Parigi in aereo e
tornerò in treno)
He's going to study medicine when he leaves school. (Studierà medicina quando
avrà finito la scuola)
We're going to look for another house after the holidays. (Cercheremo un'altra
casa dopo le vacanze)
Where are you going to spend your holidays this year? (Dove andrai in vacanza
quest'anno?)
We are going to fly on Saturday. (Andremo in aereo sabato)

Vediamo, infine, il futuro con il presente progressivo.


Usiamo il futuro con il presente progressivo quando siamo del tutto convinti di fare
quello che stiamo affermando.
Quindi, se dico We're having a party on Friday (Faremo una festa venerdì)
significa che abbiamo già invitato delle persone.
Ricorda che "we're" è la contrazione di "we are" e che il presente progressivo si
forma con il verbo "to be" più il verbo seguente al gerundio (forma in "-ing").
Ecco di seguito alcuni esempi del futuro con il presente progressivo:
I'm flying to Paris at ten tomorrow morning. (Partirò per Parigi in aereo domani
alle 10 di mattina)
He's finishing his medical studies in the States next year. (Finirà i suoi studi di
medicina negli Stati Uniti l'anno prossimo)
We're looking at a new house on Saturday. (Andremo a vedere la casa nuova
sabato)
What is she studying at university next year? (Che cosa studierà all'università
l'anno prossimo?)
Where are you spending your holidays this year? (Dove andrete in vacanza
quest'anno?)

Per finire, vediamo degli esempi con le diverse forme del futuro.
Ecco degli esempi delle diverse forme del futuro.
They will sell their house when they get back from holiday. (Forse venderanno
la loro casa quando torneranno dalle vacanze)

102
They're going to sell their house when they get back from holiday.
(Venderanno la loro casa quando torneranno dalle vacanze)
They're selling their house when they get back from holiday. (Venderanno la
loro casa quando torneranno dalle vacanze)
She won't come because she is in Paris. (Non verrà perchè è a Parigi)
She's not going to come because she is in Paris. (Non verrà perchè è a Parigi)
She isn't coming because she is in Paris. (Non verrà perchè è a Parigi)
I will see the film on Friday. (Vedrò il film venerdì)
I'm going to see the film on Friday. (Vedrò il film venerdì)
I'm seeing the film on Friday. (Vedrò il film venerdì)

103
Lezione 49 (insegnante David)

I verbi modali

Oggi studieremo i verbi modali


Un verbo modale è un tipo di verbo ausiliare che si usa per esprimere diverse cose.

Vediamoli e scopriamo per che cosa si usa ciascuno.


"Can" è utilizzato per la capacità o la possibilità.
Ad esempio I can swim but I cannot dive very well. (So nuotare ma non so
tuffarmi molto bene)
"Could" è il passato di "can".
Ad esempio My brother could speak when he was 12 months old. (Mio fratello
sapeva già parlare quando aveva 12 mesi)
"May" si usa nel caso di una possibilità o di un permesso.
Ad esempio We may go to Italy for our holiday next year. (Potremmo andare in
Italia per le vacanze l'anno prossimo)
"Might" si usa nel caso di una possibilità remota o come passato di "may".
Ad esempio We might even go to China if we have enough money . (Potremmo
perfino andare in Cina se avessimo abbastanza soldi)
"Must" si usa per indicare un obbligo.
Ad esempio: You must see the latest film by Stallone. It's incredible! (Devi
vedere l'ultimo film di Stallone. È incredibile!)

Vediamo degli altri verbi modali.


Continuiamo allo stesso modo . . .
"Will" viene usato per formare il futuro.
Ad esempio They will decide after the meeting. (Decideranno dopo la riunione)
"Shall" si usa per dare dei suggerimenti.
Ad esempio Shall we go now? (Andiamo adesso?)
"Would" si usa principalmente nelle frasi condizionali.
Ad esempio He would come if he wasn't studying. (Verrebbe se non stesse
studiando)
"Should" si usa per esprimere raccomandazioni o consigli.
Ad esempio We should send her some flowers on her birthday . (Dovremmo
mandarle dei fiori per il suo compleanno)
"Ought to" si usa per esprimere raccomandazioni o consigli.
Ad esempio They ought to pay you extra money for this work. (Dovrebbero
pagarti dei soldi extra per questo lavoro)

Vediamo le caratteristiche particolari dei verbi modali.


Useremo "can" come un esempio per mostrare le caratteristiche peculiari dei verbi
modali.

104
I verbi modali non hanno la forma infinita, per questo non si può dire "to can".
I verbi modali possiedono un'unica forma.
"cans", "canning", ecc non esistono.
I verbi modali non sono mai seguiti dalla preposizione "to".
Non si dice "I can to ski".
Diciamo "I can ski". (Posso sciare)

Le forme interrogativa e negativa si formano senza l'ausiliare "to do".


Non si dice "Do you can ...?" o "I don't can ...".
Diciamo "Can you ... ?" o "I can't ..."

Vediamo ora degli esempi con i verbi modali


I can't ski (Non so sciare)
We must go home (Dobbiamo andare a casa)
At what age could you swim? (A che età sapevi nuotare?)
Will you help me tomorrow? (Mi aiuterai domani?)
You should go to the bank. (Dovresti andare in banca)
It's two o'clock. It may rain. (Sono le due. Potrebbe piovere)
She would go if you invited her. (Verrebbe se la invitassi)

105
Lezione 50 (insegnante Sophie)

Il verbo CAN

Nell'unità 49, sei stato introdotto ai verbi modali.


Oggi ci concentreremo in uno di loro: il verbo modale "can".
Il verbo modale "can" si usa per parlare di abilità in generale.
Ad esempio: I can swim. (So nuotare)
We can drive (Sappiamo guidare)
Si usa anche per parlare di possibilità.
I can come to the party on Friday. (Posso venire alla festa venerdì)
You can do the shopping this afternoon. (Puoi fare la spesa questo pomeriggio)

Vediamo ancora degli esempi con "can" per esprimere abilità


You can swim very well (Sai nuotare molto bene)
He can draw anything. (Non sa disegnare nulla)
Come puoi vedere nell'ultimo esempio, non si aggiunge la "-s" alla terza persona
singolare.
E nemmeno in questo caso: She can type very fast. (Sa dattilografare molto
velocemente)
Osserva: We can sing and dance. (Sappiamo cantare e ballare)
They can drive (Sanno guidare)

Vediamo ora ancora degli esempi con "can" per esprimere la possibilità.
You can help me if you want. (Puoi aiutarmi se vuoi)
He can do the shopping for you. (Può fare la spesa per te)
She can cook dinner tonight. (Lei può preparare la cena stasera)
Ricorda bene, neanche in questi due esempi si usa la "-s"
We can clean the flat tomorrow. (Possiamo pulire la casa domani)
They can take car if it's raining. (Possono prendere la macchina se piove)

E cosa succede con la forma negativa di "can"?


Passiamo alla forma negativa del verbo modale can.
CAN ha 2 forme negative.
Nella prima forma si aggiunge not a can formando un'unica parola.
Quindi, can nella forma negativa è cannot.
Nella seconda forma, si fa cadere una N e si sostituisce la O di not con l'apostrofo.
Quindi, cannot diventa can't.
Can't è la forma contratta di cannot.
Ad esempio I can't ski. (Non so sciare)

Vediamo ora alcuni esempi con can't quando esprime abilità


You can't swim very well. (Non sai nuotare molto bene)

106
He can't draw anything. (Lui non sa disegnare nulla)
She can't type very fast. (Lei non sa dattilografare molto velocemente)
We can't sing and dance. (Non sappiamo cantare né ballare)
They can't drive. (Non sanno guidare)

Ed ora alcuni esempi con "can't" con il significato di possibilità


I can't come to the party on Friday. (Non posso venire alla festa venerdì)
You can't help me. I'm sorry. (Non puoi aiutarmi. Mi dispiace)
He can't do the shopping for you. (Non può fare la spesa per te)
She can't cook dinner tonight. (Lei non può preparare la cena stasera)
We can't clean the flat tomorrow. ( Non possiamo pulire la casa domani)
They can't take the car if it's raining. (Non possono prendere la macchina se
piove)

Vediamo infine delle frasi con "can" affermative e negative.


I can sing but I can't dance. (So cantare ma non so ballare)
You can look but you can't touch. (Si può guardare ma non si può toccare)
He can read English but he can't speak it very well. (Lui sa leggere inglese ma
non sa parlarlo molto bene)
She can use a typewriter but she can't use a PC. (Lei sa usare una macchina da
scrivere ma non sa usare un PC)
We can come on Friday but we can't come on Saturday. (Possiamo venire il
venerdì ma non il sabato)
They can bring their children but they can't bring their dogs. (Possono portare i
loro bambini ma non i loro cani.)

107
Lezione 51 (insegnante Cristina)

La forma interrogativa del verbo modale can.

Oggi studieremo la forma interrogativa del verbo modale can.


Lascia che ti insegni a formulare domande con il verbo "can".
È facile?
Basta collocare "can" prima del soggetto.
Osserva questa frase:
You can dance (Sai ballare)
In questa frase il soggetto "you" è seguito da "can".
Per formulare una domanda si pone prima "can" seguito poi da "you".
Can you dance? (Sai ballare?)

Vediamo alcuni esempi del verbo modale "can" nella forma interrogativa.
Come avrai visto nelle unità 49 e 50, "can" si usa per parlare di capacità in generale.
Ad esempio:Can you play the piano? (Sai suonare il piano?)
Can he speak English? (Lui sa parlare inglese?)
Can she cock and sew? (Lei sa cucinare e cucire?)
Can you play chess? (Sai giocare a scacchi?)
Can they drive? (Loro sanno guidare?)
Si usa anche per esprimere la possibilità.
Ad esempio: Can you come to my birthday party? (Puoi venire alla festa del mio
compleanno?)
Can he see me? (Può vedermi?)
Can they look after the children for us? (Possono badare ai
bambini?)
In questa frase c'è un "phrasal verb" molto interessante: "to look after"
Significa lo stesso di "take care of" (badare a, prendersi cura di) quindi si può anche
dire:
Can they take care of the children for us?

Vediamo ora il verbo modale "can" nelle risposte brevi.


Ora che sai come formulare domande, vediamo come rispondere usando risposte
brevi.

Osserva questi esempi di risposte brevi affermative.


Can you type? (Sai dattilografare?)
Yes, I can. (Sì)
Can he dance? (Lui sa ballare?)
Yes, he can. (Sì)
Can she swim? (Lei sa nuotare?)
Yes, she can. (Sì)

108
Can they speak English? (Loro sanno parlare inglese?)
Yes, they can. (Sì)
Ed ora il verbo modale "can" nelle risposte brevi negative.
Osserva questi esempi di risposte brevi negative.
Can you ski? (Sai sciare?)
No, I can't. (No)
Can he play the guitar? (Lei sa suonare la chitarra?)
No, he can't. (No)
Can she play tennis? (Lei sa giocare a tennis?)
No, she can't. (No)
Can they speak French? (Loro sanno parlare francese?)
No, they can't. (No)
Oggi abbiamo imparato a formulare domande con il verbo modale "can" per parlare
di capacità e di possibilità in generale.
Ricorda però che "can" può anche essere usato per fare richieste e chiedere permesso.

Vediamo alcuni esempi del verbo modale "can" nelle richieste.


Osserva gli esempi:
Can she teach my daughter to dance? (Può insegnare a mia figlia a ballare?)
Can you give me a hand? (Puoi darmi una mano?)
Can they change the meeting on Monday? (Possono spostare la riunione a
lunedì?)
Can you lend me a five pound note? (Puoi prestarmi una banconota da cinque
sterline?)
Una cosa!
In British English si usa la parola "note" per il denaro di carta. In American English si
usa, invece, "bill" e quindi è possibile dire: Can you lend me a five pound bill?
Se qualcuno mi facesse questa domanda, risponderei:
I'm sorry, I'm broke too. (Mi dispiace, anch'io sono al verde)

Vediamo altri due esempi di richieste con possibili risposte:


Can you help me with my homework? (Puoi aiutarmi a fare i compiti?)
Yes, of course. (Si, certo)
Can you come and look at this? (Puoi venire a vedere questo?)
Yes, OK. Just one minute. (Ok. Solo un minuto)

Passiamo ora a esempi con il verbo modale usato per richiedere permesso.
Guarda gli esempi.
Can I come in? (Posso entrare?)
Can he smoke? (Può fumare?)
Can she open the window? (Può aprire la finestra?)
Can we start a meeting now? (Possiamo cominciare una riunione adesso?)
Can they come too? (Possono venire anche loro?)

109
Lezione 52 (insegnante Lisa)

Le richieste formali con Could you? Could I? May I?

Oggi impareremo ad usare le richieste formali con Could you? Could I? May I?
Ricorda il verbo "can" si usa per fare richieste o concedere il permesso.
Ad esempio
Can I ask you a question? (Posso farti una domanda?)
Yes, of course you can. (Sì, certo che puoi)
You can go home now, if you like (Puoi andare a casa adesso, se vuoi)

Ma se vogliamo fare una richiesta o dare un permesso in modo più formale, usiamo i
verbi ausiliari "could" o "may" invece di "can".
Ad esempio
Could I ask you a question, if you are not busy? (Potrei chiederti una cosa se
non sei troppo occupata?)
You may go home now, if you like. (Puoi andare a casa adesso, se vuoi)
Bene, osserva adesso queste semplici richieste.
Can I come in? (Posso entrare?)
Come potremmo dirlo in modo più formale?
Could I come in? o May I come in? (Potrei entrare?)
È facile, vero?

Bene, impariamo dell'altro sulle richieste formali.


Risposte a Could you? Could I? May I?
Per fare una richiesta: Can you give me a hand? (Puoi darmi una mano?)
In modo più formale, possiamo dire: Could you give me a hand? (Potresti darmi
una mano?)

Vediamo ora alcune delle risposte più comuni a queste richieste.


Could you lend me five pounds? (Potresti prestarmi cinque sterline?)
Yes, of course (Sì, certo)
Could you help me, please? (Potresti aiutarmi, per favore?)
I'm sorry, I'm a bit busy. (Mi dispiace, sono un po' occupato)
May I use your phone? (Posso usare il tuo telefono?)
Sure, go ahead. (Certo, fai pure)

Bene, ora ricorda che per chiedere aiuto, si usa can o could ma non may.
Ad esempio Can you help me? (Puoi aiutarmi?)
Could you help me? (Potresti aiutarmi?)
È semplice, vero?

Ti darò ora ancora degli esempi con richieste formali e informali.

110
Osserva attentamente i seguenti esempi.
Ti mostrerò una richiesta informale e poi la trasformerò in una formale.

Cominciamo:
Can you tell me the timer? (Puoi dirmi l'ora?)
Could you tell me the timer? (Mi potresti dire l'ora?)
Can the children play in the garden? (I bambini possono giocare in giardino?)
Could the children play in the garden? (I bambini possono giocare in giardino?)
Can we take photos, here? (Possiamo scattare foto qui?)
May we take photos, here? (Possiamo scattare foto qui?)
Can you lend me your car? (Puoi prestarmi la tua macchina?)
Could you lend me your car? (Potresti prestarmi la tua macchina?)

Essere gentili nelle richieste formali è molto semplice.

111
Lezione 53 (insegnante Ben)

Domande e richieste con verbi modali

Oggi studieremo quando usare domande e richieste con i verbi modali, i quali
possono essere usati in molti casi, come ad esempio per offrire aiuto.
Quando si entra in un negozio inglese, la prima cosa che chiede di solito il commesso
è: Can I help you? (Posso aiutarla?)
Il modo più facile per offrire aiuto è mediante la forma interrogativa "Can I ... ?"
Tuttavia se si entra in un negozio costoso di un quartiere elegante, il commesso
chiederà May I help you? (Posso aiutarla?)
Entrambe le frasi hanno lo stesso significato. L'unica differenza è che la seconda è
più formale.

Ecco degli altri esempi di offerte con "Can I ... ?"


Can I bring you another beer? (Ti porto un'altra birra?)
Can I offer you a cigarette? (Posso offrirti una sigaretta?)
Can I take you in my car? (Posso darti un passaggio?)
Can I bring you anything else? (Ti posso portare qualcos'altro?)

Vediamo ora come si formulano le richieste con il verbo "to have".


Quando hai bisogno di qualcosa o vuoi qualcosa puoi usare i verbi modali "can",
"could" o "may" seguiti dal verbo "to have".
Ricorda che usiamo "can" in situazioni informali, ad esempio con gli amici e in
famiglia.
Mentre could e may si usano in modo più formale.

Vediamo alcuni esempi:


Can I have a little more wine, Bill? (Posso avere un po' di vino, Bill?)
Can I have this book, please? (Mi da questo libro, per favore?)
Can I have six beers and two cokes, please? (Mi da sei birre e due coca, per
favore?)
Can I have this newspaper? (Posso avere questo giornale?)
Could I have some more tea? (Potrei avere un po' di tè?)
Could I have three kilos of apples, please? (Mi darebbe tre chili di mele, per
favore?)
May I have the bill, please? (Mi porta il conto, per favore?)

Si possono formulare anche domande con i verbi modali per chiedere informazioni.
Sapere come chiedere informazioni è molto utile e facile.
Osserva: Where can I find a chemist? (Dove posso trovare una farmacia?)
Basta solo porre un pronome interrogativo prima di "can".

112
Lascia che ti mostri ancora degli esempi:
Where can I see you? (Dove posso vederti?)
Where can I buy some stamps? (Dove posso comprare dei francobolli?)
What time can you come? (A che ora puoi venire?)
Who can it be? (Chi può essere?)
Who can I invite to the party? (Chi posso invitare alla festa?)
What can I say? (Cosa posso dire?)
How much can I spend? (Quanto posso spendere?)
How much can you pay me? (Quanto puoi pagarmi?)
How many can I take? (Quanti ne posso prendere?)
How can I go there? (Come arrivo lì?)

113
Lezione 54 (insegnante Ben)

I verbi must e to have to

Oggi studieremo i verbi must e to have to


Cominceremo vedendo quando si usa "must" e "to have to"
Usiamo "must" e "to have to" per dire che è necessario o obbligatorio fare qualcosa.
In molti casi nelle frasi affermative non importa quale usiamo.
Quindi dire I must go to the bank before it closes (Devo andare alla banca prima
che chiuda) è quasi lo stesso che dire I have to go to the bank before it closes.

L'unica leggera differenza tra "must" e "to have to" è invece notevole nella forma
negativa.
Usiamo "must not" o la forma contratta "mustn't" nella forma negativa per esprimere
un forte obbligo a non fare qualcosa.
Ad esempio You mustn't leave the gas on while we are on holiday . (Non devi
lasciare il gas acceso mentre siamo in vacanza)
Usiamo "do not have to" o "does not have to" o la forma contratta "don't have to" e
"doesn't have to" per dire che non è obbligatorio o necessario fare qualcosa.
He starts work late, so he doesn't have to get up at 6. (Comincia a lavorare tardi,
per questo non deve svegliarsi alle 6).
"Mustn't" e "don't have to" hanno quindi significati molto diversi!

Vediamo il verbo modale must un po' più da vicino.


Ricordi cosa hai imparato sui verbi modali nell'unità 49?
Cominciamo con un esempio con "must"
It's late. I must hurry. (È tardi, devo affrettarmi.)
"Must" è un verbo modale.
I verbi modali si usano in diversi casi e precedono un altro verbo. La terza persona
singolare dei verbi modali non termina in "s".
L'infinito non è preceduto da "to" e in generale i verbi modali non hanno bisogno dei
verbi ausiliari "do" e "does"in domande o frasi negative.

Vediamo ora alcuni esempi del verbo modale "must".


We must turn off the gas before we go on holiday. (Dobbiamo spegnere il gas
prima di andare in vacanza)
We must phone them and tell them not to come. (Dobbiamo chiamarli e dire loro
di non venire)
If you have toothache, you must go to the dentist. (Se hai mal di denti, devi
andare dal dentista)

Vediamo ora il verbo to have to.

114
Cominceremo con un esempio con il verbo to have to:
I have to go to the dentist at five o' clock. (Devo andare dal dentista alle cinque)
"To have to" non è un verbo modale, per questo cambia alla terza persona singolare.
Ad esempio: He starts early, so he has to get up at 6. (Comincia presto, per
questo motivo deve alzarsi alle 6)
L'infinito è "to have to" e to have to si serve degli ausiliari do e does nelle frasi
interrogative e in quelle negative.

Vediamo allora alcuni esempi con questo verbo.


Osserva questi esempi con il verbo "to have to".
We have to answer the questions in the exam. (All'esame dobbiamo rispondere
alle domande)
She has to look after three small children. (Lei deve badare a tre bambini piccoli)
They have to work overtime to finish the job. (Loro devono fare gli straordinari
per finire il lavoro)
He has to wear glasses. His eyes are very bad. (Lui deve portare gli occhiali. I
suoi occhi non vedono bene)

115
Lezione 55 (insegnante Cristina)

Le frasi interrogative con"must" e "to have to".

Nell'unità 54, abbiamo studiato i verbi "must" e "to have to". Oggi vedremo le frasi
interrogative con"must" e "to have to".
Iniziamo con "must"
Osserva queste frasi interrogative.
Must you go now? (Devi andare adesso?)
Must we pay this bill today? (Dobbiamo pagare questa bolletta oggi?)
Must they make so much noise? (Devono fare così tanto rumore?)
Ricorda che "must" è un verbo modale, quindi non è necessario usare un verbo
ausiliare nelle domande.
Come puoi vedere, si colloca semplicemente il verbo "must" all'inizio seguito dal
soggetto e dal verbo.

Vediamo delle risposte alle domande con "must".


Must you go now? (Devi andare adesso?)
Yes, the babysitter is waiting. (Si, la babysitter mi sta aspettando)
Must we pay this bill today? (Dobbiamo pagare questa bolletta oggi?)
Yes, today is the last day. (Si, oggi è l'ultimo giorno)

Quando si risponde alle domande con "must", è molto comune dire di sì e spiegare la
ragione della necessità o dell'obbligo; o si può usare una risposta breve.
Ad esempio:
Must you go now? (Devi andare adesso?)
Yes, I must. (Sì, devo andare)

Vediamo adesso come chiedere informazioni con "must".


When must we go to see the doctor? (Quando dobbiamo andare dal dottore?)
On Friday morning. (Venerdì mattina)
How long must we wait? (Quanto tempo dobbiamo aspettare?)
Only a few more minutes. (Solo pochi minuti)
What must I do? (Cosa devo fare?)
Close your eyes and relax. (Chiudi gli occhi e rilassati)
Facile, vero?
Bisogna solo aggiungere un pronome interrogativo prima di "must".

Vediamo ora la forma interrogativa di "to have to".


Anche se la forma interrogativa di must risulta più semplice, si usa più spesso il
verbo "to have to" ed è meno formale di "must".
Ricorda che "to have to" è un verbo regolare, c'è bisogno, quindi, degli ausiliari do e
does.

116
Osserva questi esempi:
Do you have to work on Saturday? (Dovete lavorare di sabato?)
Do I have to wear a uniform? (Devo indossare un'uniforme?)
Does he have to go to work by bus? (Deve andare al lavoro in autobus?)
Ricorda anche, che la terza persona singolare di "have to" è has to ma nelle domande
si usa "have to" perchè vi è la presenza dell'ausiliare "does".

Vediamo ora le risposte con "have to".


Esse si formano con il verbo ausiliare nelle forme do e does.
Do you have to work on Saturday? Yes, I do. (Dovete lavorare di sabato? Sì)
Does he have to go to work by bus? Yes, he does. (Lui deve andare in autobus?
Sì)
Anche in questo caso possiamo aggiungere una ragione.
Osserva questi esempi.
Do you have to work on Saturday? (Dovete lavorare di sabato?)
Yes, I do. I have to finish this report. (Sì. Devo finire questo rapporto)
Does he have to go to work by bus? (Lui deve andare al lavoro in autobus?)
Yes, he does. He doesn't have a car. (Sì. Non ha la macchina)
Do I have to wear a uniform? (Devo indossare un'uniforme?)
Yes, you do. It's the company regulation. (Sì. È una norma dell'impresa)

E le frasi interrogative con "to have to"?


When do you have to go to see the doctor? (Quando dovete andare dal dottore?)
On Friday morning. (Venerdì mattina)
How long do we have to wait? (Quanto tempo dobbiamo aspettare?)
Only a few more minutes. (Solo pochi minuti)
What do I have to do? (Cosa devo fare?)
Close your eyes and relax. (Chiudi gli occhi e rilassati)
Osserva queste domande e le loro possibili risposte.
Why must you have now? (Perchè devi andare adesso?)
I have an appointment in half an hour. (Ho un appuntamento fra mezz'ora)
Where must we go to see Mr Black? (Dove dobbiamo andare a vedere Mr Black?)
Up the stairs, on the left. (Su dalle scale, a sinistra)
When must I finish this report? (Quando devo finire questo rapporto?)
By Friday. (Venerdì)
When do I have to come back? (Quando ritornerò?)
On Tuesday. (Martedì)
Which office do we have to go to? (In quale ufficio dobbiamo andare?)
The one on London Road. (In quello di London Road)
Must I go now? (Devo andare ora?)
Yes, you must. (Sì)
Does she have to study English? (Lei deve studiare inglese?)
Yes, she does. (Sì)

117
Lezione 56 (insegnante Cristina)

Le affermazioni negative con must, should, have to, can e need to.

Oggi studieremo le affermazioni negative con must, should, have to, can e need to.
Cominciamo con le frasi negative con must.
Per creare la forma negativa di must si aggiunge semplicemente not dopo must e
diventa così: must not. La contrazione di must not è mustn't.
Must not si usa per proibire un'azione o un'attività. Si usa cioè per indicare a
qualcuno che non faccia qualcosa.
Osserva questi esempi:
You mustn't walk on the grass. (È proibito calpestare l'erba)
He mustn't smoke in here. (Lui non deve fumare qui dentro)
You mustn't park in front of the entrance. (Non dobbiamo parcheggiare davanti
all'ingresso)
You mustn't forget Jane's birthday. (Non devi dimenticarti il compleanno di Jane)
She mustn't lose that book. It's not hers (Non deve perdere quel libro. Non è suo!)
We mustn't tell anybody. It's a secret. (Non dobbiamo dirlo a nessuno. È un
segreto.)
You mustn't whistle in church. It's disrespectful. (È proibito fischiare in chiesa.
È irrispettoso)
She mustn't talk with her mouth full. It's rude. (Non deve parlare con la bocca
piena. È cattiva educazione)
She mustn't play in the street. It's dangereous. (Non devono giocare in strada. È
pericoloso)

Passiamo ora alle forme negative con should.


La forma negativa di should si forma aggiungendo not dopo should: should not. La
contrazione di should not è shouldn't.
Si usa per dare consigli. Non è così imperativo come mustn't.
Ad esempio:
You shouldn't walk on the grass. (Non dovresti camminare sull'erba)
You shouldn't smoke in here. (Lui non dovrebbe fumare qui)
We shouldn't park in front of the entrance (Non dovremmo parcheggiare davanti
all'ingresso)
You shouldn't forget Jane's birthday. (Non dovresti dimenticare il compleanno di
Jane)
A volte è conveniente aggiungere una motivazione al consiglio.
Ad esempio:
She shouldn't lose that book. It's not hers. (Lei non dovrebbe perdere quel libro.
Non è suo)
You shouldn't tell anybody. It's a secret. (Non dovremmo raccontarlo a nessuno.
È un segreto)

118
Vediamo infine le frasi negative con have to.
La forma negativa del verbo have to si forma aggiungendo il verbo ausiliare do e
does e la parola not prima del verbo have to.

do not have to
does not have to

Le forme contratte sono: don't have to


doesn't have to

Do not have to e does not have to indicano qualcosa che non è necessario.
Ad esempio
You don't have to worry. It's all right.(Non devi preoccuparti. Va tutto bene)
I don't have to work on Saturday. (Non devo lavorare il sabato)
He doesn't have to go by bus. He's got a car. (Non deve andare in autobus. Lui ha
la macchina)
She doesn't have to study. She knows it. (Lei non deve studiare. Lo sa già tutto)
We don't have to wear a uniform. (Non dobbiamo indossare una divisa)
You don't have to finish today. Do it tomorrow. (Non è necessario che tu lo
finisca oggi. Fallo domani)
They don't have to work. They are rich. (Non devono lavorare. Sono ricchi)

E le frasi negative con can?


La forma negativa del verbo can si forma aggiungendo not dopo can diventando così
cannot. La contrazione di cannot è can't.
Si usa per dire che qualcosa non è possibile o che qualcosa non è in grado di
realizzare qualcosa in concreto.
Ad esempio:
You can't walk on the grass. (Non puoi camminare sull'erba)
He can't smoke in here. (Lui non può fumare qui)
He can't park in front of the entrance. (Lui non può parcheggiare davanti
all'ingresso)
She can't treat me like this! (Non può trattarmi così!)
They can't sack you! (Non possono licenziarti!)
We can't miss the wedding! (Non possiamo perderci il matrimonio!)

Vediamo infine le frasi negative con need to.


Per concludere: la forma negativa del verbo need to si forma aggiungendo il verbo
ausiliare do o does e aggiungendo not prima del verbo need to diventando do not
need to o does not need to. Le forme contratte sono: don't need e doesn't need.
Do not need to e does not need to si usano per dire che non è necessario fare
qualcosa. Sono molto simili a don't have to e doesn't have to.

119
Osserva questi esempi.
You don't need to hurry. There's plenty of time. (Non c'è bisogno di correre. C'è
tempo)
I don't need to pay untill the end of the month. (Non è necessario che paghi fino
alla fine del mese)
He doesn't need to wash the car, it isn't dirty. (Non è necessario che lavi la
macchina. Non è sporca)
He doesn't need to take an umbrella. It isn't raining. (Non è necessario che
prendiamo l'ombrello. Non sta piovendo)
They don't need to wait outside. Tell them to come in. (Non è necessario che
aspettino fuori. Dì loro di entrare)

120
Lezione 57 (insegnante Ella)

Il condizionale presente

Oggi studieremo il condizionale presente.


Ma prima vediamo quattro tempi condizionali.
Osserva queste frasi condizionali e fai attenzione ai tempi usati.
CONDITIONAL SIMPLE (Present Conditional)
I would dance every day if you came. (Ballerei ogni giorno se tu venissi)
CONDITIONAL CONTINUOUS
I would be dancing now if you were here. (In questo momento starei ballando se
tu fossi qui)
CONDITIONAL PERFECT (Past Conditional)
I would have danced if you had come. (Avrei ballato se tu fossi venuto)
CONDITIONAL PERFECT CONTINUOUS
I would have been dancing a lot if you had come. (Avrei ballato molto se tu fossi
venuto)
Tutti questi tempi del condizionale si formano con il verbo modale "would".

Ricordi come si usa il verbo modale "will" per formare i tempi del futuro?
Scommetto di sì.
Bene, allo stesso modo il verbo modale would si usa per formare i diversi tempi del
condizionale.
Ad esempio: I work (presente) (io lavoro)
I will work (futuro) (io lavorerò)
I would work (condizionale) (io lavorerei)
I tempi del condizionale possono sembrare un po' difficili all'apparenza, ma in realtà
non lo sono, li studierai più avanti durante il corso.

Oggi studieremo frasi al presente condizionale.


Iniziamo con un esempio.
If you mix red and yellow, you get orange. (Se mischi rosso e giallo, ottieni
l'arancione)

Le frasi condizionali sono formate sempre da due proposizioni. In questo caso una è:
"if you mix red and yellow". E l'altra è: "you get orange".
Come puoi vedere, i verbi in entrambe le proposizioni sono al presente. Questo
condizionale si usa quando il risultato della condizione è sempre certo, come un dato
scientifico.

L'aspetto importante di questo tipo di condizionale è che la condizione


determina sempre lo stesso risultato.
Invece di "if" si può anche usare when o whenever.

121
Quindi possiamo dire:
When you mix red and yellow, you get orange. (Quando mischi rosso e giallo,
ottieni l'arancione)
Vediamo degli esempi di frasi al presente condizionale.
If you turn this key, the engine starts. (Se ruoti questa chiave, il motore si
accende)
If you add salt, it tastes better (Se aggiungi del sale è più buono) o
When you add salt, it tastes better. (Quando aggiungi del sale è più buono)
If they get water, flowers look better (Se ricevono acqua, i fiori sono più belli)
o
Whenever they get water, flowers look better . (Quando ricevono acqua, i fiori
sono più belli)

Vediamo adesso come si usa l'imperativo presente, nelle frasi condizionali.


Il presente più l'imperativo si usa di solito per dare consigli oppure ordini.
Ricorda che il verbo all'imperativo è come l'infinito ma senza il "to".

Osserva questi esempi.


If it rains, take an umbrella. (Se piove, prendi un ombrello)
If you come home late, come in quietly. (Se torni a casa tardi, entra in silenzio)
If you see Harry, tell him to phone me. (Se vedi Harry, digli di chiamarmi)
If you like Chinese food, go to "The Pagoda". (Se ti piace il cibo cinese, vai al
"The Pagoda")

Vediamo ancora degli esempi di frasi condizionai con il tempo presente.


Le seguenti frasi usano le strutture che abbiamo appena visto.
If you press this button, the engine starts. (Se premi questo bottone, il motore si
accende)
If you don't like beer, drink wine. (Se non ti piace la birra, bevi vino)
If you eat at the Ritz, it costs a lot of money. (Se mangi al Ritz, è molto caro)
If you can't read this, you need glasses. (Se non riesci a leggere questo, devi
portare gli occhiali)
If you see Jim, ask him to call me. (Se vedi Jim, digli di chiamarmi)
If the traffic lights are amber, you must stop. (Se il semaforo è giallo, bisogna
fermarsi)
If you eat a lot, you get fat. (Se mangi molto, ingrassi)

122
Lezione 58 (insegnane Sophie)

Il condizionale con futuro

Oggi impareremo il condizionale composto dal futuro.


Iniziamo quindi con la forma affermativa del condizionale composto dal futuro
semplice.
Le frasi condizionali con il futuro si usano per parlare di una conseguenza possibile
nel futuro.
Rispetto a questo tipo di condizionale, è importante ricordare che esprime una
condizione di cui esiste la possibilità reale che si realizzi nel futuro.

Vediamo degli esempi: If I see him, I will tell him. (Se lo vedo, glielo dico)
If we leave now, we will catch the train. (Se usciamo
adesso, riusciamo a prendere il treno)
Come vedi l'azione è espressa al presente ma il risultato probabile viene espresso con
il futuro, usando "will".
Nota che "if" può introdurre la prima o la seconda parte della frase condizionale.
Quando "if" introduce la seconda parte, non è preceduta dalla virgola.
Come in questi casi.
I will tell him if I see him. (Glielo dico se lo vedo)
We will catch the train if we leave now. (Riusciamo a prendere il treno se
usciamo adesso)

Vediamo ancora un esempio di tipo affermativo.


If I go to live in London, I will learn a lot of English. (Se andrò a vivere a
Londra, imparerò molto bene l'inglese)
Perchè in questo caso si usa la virgola?
Perchè if introduce la prima parte della frase.

OK, vediamo adesso la forma negativa del condizionale con il futuro.


È molto semplice perchè la struttura è la stessa delle frasi affermative ma si usa la
forma negativa del presente o futuro con "will".

Vediamo degli esempi: If you don't study, you will not pass the exam. (Se non
studi, non supererai l'esame)
Ricorda che nelle frasi negative if può andare anche nella seconda parte della frase.
Come in questo esempio: You will not pass the exam if you don't study. (Non
supererai l'esame, se non studi)
Riesci a pensare ad un altro modo per esprimere questa frase?
If you don't study, you will fail the exam. (Se non studi, sarai bocciato all'esame)
Bene, ora siamo pronti per imparare la forma interrogativa del condizionale con il
futuro.

123
Vediamo alcuni esempi della forma interrogativa.
Vediamo questo esempio:
Will you take me with you if you go there? (Mi porterai con te se ci andrai?)
Nelle frasi condizionali interrogative la domanda si riferisce sempre al risultato nel
caso che la condizione si compia.
Per questo si usa la forma interrogativa del futuro semplice.
Ciò vuol dire che è necessario usare l'ausiliare "will" all'inizio della frase.
Vediamo qualche esempio:
What will you do if you fail the exam? (Cosa farai se sarai bocciato all'esame?)
What shall we do if it rains? (Cosa faremo se piove?)
What will he do if he loses his job? (Cosa farà se perderà il lavoro?)
La forma interrogativa è semplice, non è così?

Concludiamo, quindi, vedendo i diversi usi del modo condizionale formato dal
futuro.
Il modo condizionale con il futuro può essere usato in diversi modi.

Vediamo.
Si può usare per dare consigli.
Osserva:
Be careful. If you touch that, you will get burned! (Attento. Se lo tocchi, ti
scotterai!)
If you don't slow down, you'll have an accident. (Se non rallenti, farai un
incidente)

Può anche essere usato per esprimere una minaccia.


Ad esempio:
If you do that, I will never speak to you again. (Se lo fai, non ti rivolgerò mai
più la parola)
If he goes out with Sally, I will be angry. (Se lui uscirà con Sally, mi arrabbierò)

Infine, il condizionale con il futuro può essere usato anche per offrire aiuto.
Ad esempio
I will cook dinner if you want. (Preparerò la cena, se vuoi)
If you're going to town, I will give you a lift. (Se vai in città, ti dò un passaggio)

Osserva che in questa ultima frase usiamo l'espressione "to give somebody a lift"
che significa portare qualcuno nella propria macchina per fargli un favore.

124
Lezione 59 (insegnante Cristina)

Il periodo ipotetico con can, must, may e might

Oggi studieremo il periodo ipotetico con can, must, may e might invece che con will.

Cominciamo con il periodo ipotetico espresso con can.


Ricorda che can si usa per esprimere la capacità o la possibilità.
Osserva questi esempi:
You can come with me if you want. (Puoi venire con me se vuoi)
If you are going to the centre, I can give you a lift. (Se vai al centro ti do un
passaggio)
Ricorda che queste frasi possono essere anche negative.
If she doesn't take the test, she can't pass it. (Se non fa l'esame, non può
superarlo)
If you don't have any money, I can lend you some . (Se non hai soldi, posso
prestartene)
E nella forma interrogativa.
Can you look after the baby if we go to the cinema? (Puoi badare al bambino se
noi andiamo al cinema?)
Can you work on Saturday if I invite you to lunch? (Puoi lavorare sabato se ti
invito a pranzo?)

Vediamo ora le frasi che compongono il periodo ipotetico con must.


must si usa per esprimere un obbligo, come negli esempi seguenti:
If she phones you, you must tell me. (Se ti chiama, devi dirmelo)
If he doesn't want the job, he must tell them soon. (Se non vuole il lavoro, deve
dirglielo subito)
If I tell you, you mustn't tell her. (Se te lo confido, non devi dirglielo)
If you do that, you mustn't tell anybody. (Se lo fai, non devi dirlo a nessuno)
You mustn't touch it if the red light is on. (Non devi toccarlo se la luce rossa è
accesa)
What must you do if the bell rings? (Cosa devi fare se suona il campanello?)

Cosa ne dici se andiamo avanti con il periodo ipotetico con may?


may si usa per esprimere possibilità o permesso.
Osserva i seguenti esempi
If you're good, I may buy you an ice-cream. (Se sei bravo, posso comprarti un
gelato)
May I take this book home if I bring it back to you tomorrow? (Posso portarmi
a casa questo libro, se te lo restituisco domani?)
If we are lucky, there may be a good film on TV tonight (Se siamo fortunati,
può darsi che ci sia un bel film in TV questa sera)

125
If they win the match, they may win the league. (Se vincono la partita possono
anche vincere il campionato)
I may get married if he asks me. (Può sposarmi se me lo chiede)
If I finish the report, may I go home? (Se finisco il rapporto, posso andare a
casa?)

Per finire, vediamo, infine il periodo ipotetico con might.


Spero che tu ricordi che usiamo "might" per esprimere una possibilità remota.
Vediamo alcuni esempi:
If we run, we might catch the 5:20 train. (Se corressimo, potremmo prendere il
treno delle 5:20)
If you don't put on a thick coat, you might catch a cold. (Se non indossi un
cappotto pesante, corri il rischio di raffreddarti)
If he wins this game, he might win the championship. (Se vince questa partita,
potrebbe vincere il campionato)
If we don't do it now, he might get angry. (Se non lo facciamo, lui potrebbe
arrabbiarsi)
They might help us if we ask them. (Potrebbero aiutarci se lo chiedessimo)
If it rains tomorrow, I might go to the cinema. (Se piove domani, è possibile che
io vada al cinema)

126
Lezione 60 (insegnante Sarah)

Il periodo ipotetico con unless e in case

Oggi impareremo ad usare le frasi con il periodo ipotetico con UNLESS (a meno che)
e IN CASE (se/nel caso che).

Cominciamo con unless.


Nelle frasi con il periodo ipotetico UNLESS significa EXCEPT IF; per questo lo
usiamo per esprimere eccezioni.
Possiamo dire ad esempio:
We can play on Saturday, unless it rains. (Possiamo giocare sabato, a meno che
non piova)
I won't lie to you unless it is to protect you. (Non ti mentirò a meno che non sia
per proteggerti)
He won't go unless she goes with him. (Lui non andrà a meno che lei non va con
lui)
Unless I hear from you, I'll see you on Friday. (A meno che non mi avvisi del
contrario, ci vediamo venerdì)
È abbastanza semplice, vero?

Passiamo ora a frasi con il periodo ipotetico con in case.


Nelle frasi con il periodo ipotetico IN CASE significa BECAUSE IT IS POSSIBLE
THAT .
Ad esempio:
We won't go now in case you need some help. (Non ce ne andremo adesso, nel
caso tu abbia bisogno del nostro aiuto)
In case you're hungry, take some fruit. (Se hai fame, mangia della frutta)
I'll take an umbrella in case it rains. (Prenderò un ombrello nel caso che piova)
In case I don't see you, have a nice day. (Nel caso che non ti veda, buona
giornata)
Ripeto, è molto facile, vero?

Il periodo ipotetico è un tipo di frase composta e le parole IF, IN CASE e UNLESS


sono parole che collegano frasi.

Vediamo ora alcuni esempi con altre frasi composte e con diverse parole che
collegano frasi.
Le frasi composte sono quelle che contengono almeno due frasi unite da una parola
che collega frasi.

Vediamo degli esempi con queste parole e come vengono utilizzate nelle frasi
composte:

127
Before (prima)
I will say goodbye before I go. (Saluterò prima di andarmene)
after (dopo)
Can you close the door after I leave? (Puoi chiudere la porta dopo che me ne sarò
andato?)
while (mentre)
I will look after the house while you're away. (Baderò alla casa mentre sarai via)
when (quando)
Will you be here when I get back? (Sarai qui quando tornerò?)
as soon as (appena)
He will tell me as soon as he knows. (Me lo dirà appena lo saprà)
until (non appena)
I will stay here until you get back. (Starò qui finchè non tornerai)

Esistono molte combinazioni diverse, non è così?

128
Lezione 61 (insegnante Ella)

To be nelle frasi affermative al Simple Past

Oggi impareremo la forma affermativa del verbo to be al Simple Past.


Iniziamo con il Simple Past del verbo to be,
Fino ad ora, abbiamo visto la forma presente, futura e condizionale.
Ricorda che abbiamo studiato il Simple Present di to be nell'unità 1.
Questa unità è dedicata al Simple Past.

Il Simple Past del verbo to be è:

Singolare Plurale
I was (io ero) we were (noi eravamo)
you were (tu eri) you were (voi eravate)
he was (lui era)
she was (lei era) they were (essi erano)
it was (esso era)

Nota bene: è più facile del "Simple Present".


Si usa "was" per la forma singolare e "were" per la forma plurale.
La seconda persona "you" è un'eccezione.
Si dice you were sia per il plurale che per il singolare.

Ora, vediamo alcuni esempi di to be al simple past, nella forma affermativa singolare.
She was very pretty when she was young. (Lei era molto carina quando era
giovane)
She was very tired last night. (Lei era molto stanca ieri sera)
He was only 12, but he was already very responsible. (Aveva solo 12 anni ma
era già molto responsabile)
The exhibition was a success. (La mostra è stata un successo)
I was afraid of dogs when I was a kid. (Avevo paura dei cani quando ero piccolo)
It was very windy. (C'era molto vento)
She was my first girlfriend. (Lei è stata la mia prima ragazza)
My car was blue before. (La mia auto prima era blu)
Our trip to New York was fascinating. (Il nostro viaggio a New York è stato
appassionante)

Ora vediamo alcuni esempi di to be nella forma affermativa plurale


We were very good friends at school. (Eravamo grandi amici a scuola)
My school years were the happiest of my life. (Gli anni di scuola sono stati gli
anni più belli della mia vita)
We were in a very comfortable hotel. (Eravamo in un hotel molto comodo)

129
Their holidays were very expensive. (Le loro vacanze erano molto care)
My marks at school were always good. (I miei voti a scuola sono stati sempre
buoni)
We were cold and hungry. (Avevamo freddo e fame)
They were late again. (Sono arrivati di nuovo in ritardo)
We were members of the same tennis club. (Eravamo soci dello stesso club di
tennis)

E questo è l'ultimo esempio di questa unità.

130
Lezione 62 (insegnante Ben)

Il Simple Past del verbo TO BE nella forma negativa

Oggi studieremo il "simple past" del verbo to be nella forma negativa


Nell'unità 61 abbiamo visto il verbo to be alla forma affermativa.
Usiamo il Simple Past per azioni che sono iniziate e finite in un preciso momento del
passato.
Osserviamo il Simple Past del verbo to be nella forma affermativa e negativa, e nella
forma negativa contratta.
was was not wasn't
were were not weren't

Ricorda che il verbo to be non ha bisogno di un verbo ausiliare nelle frasi


interrogative e negative.

Vediamo adesso degli esempi con wasn't.


He wasn't very happy last year. (Non era molto felice l'anno scorso)
It wasn't cold this morning. (Non faceva freddo questa mattina)
I wasn't at home last night. (Non ero a casa ieri sera)
Come può vedere, in questi esempi, ci riferiamo a un momento preciso del passato.
Tuttavia, a volte non specifichiamo il momento esatto ma ne abbiamo uno in mente.
Come questo: The exhibition wasn't a success. (La mostra non è stata un
successo)
She wasn't at the party. (Lei non era alla festa)
It wasn't very cold in the mountains. (Non faceva molto freddo in
montagna)
Quando usiamo il Simple Past possiamo anche riferirci a un periodo di tempo.
She wasn't very happy when she was a child (Non era molto felice quando era
piccola)
I wasn't afraid of dogs when I was a kid. (Non avevo paura dei cani quando ero
piccolo)
He wasn't more than 12, but he was already very responsible. (Non aveva più
di 12 anni, ma era già molto responsabile)

Vediamo ora gli esempi con "were not" o "weren't".


Osserva gli esempi di weren't al Simple Past.
We weren't hungry. (Non avevamo fame)
You weren't late yesterday. (Non eri in ritardo ieri)
They weren't very good friends at school. (Non erano molto buoni amici a
scuola)
They weren't expensive (Non erano costosi)
You weren't in the office on Monday. (Non eri in ufficio lunedì)

131
We weren't in a very comfortable hotel. (Non eravamo in un hotel molto
confortevole)
We weren't cold but we were hungry, (Non avevamo freddo ma avevamo fame)
They weren't late this time. (Non erano in ritardo questa volta)
Non è stato difficile, vero?

132
Lezione 63 (insegnante Cristina)

Il verbo to be al simple past nella forma interrogativa

Oggi impareremo ad usare il verbo "to be"al simple past in domande e risposte.
Cominciamo a vedere la forma interrogativa del verbo to be al simple past
Per formulare una domanda al simple past, usiamo semplicemente il passato del
verbo to be prima del soggetto.
Ad esempio:
Were you happy with the report? (Sei stato contento della pagella?)
Was he a good student? (Era un bravo studente?)
Was she angry with me? (Era arrabbiata con me?)
Was it sunny yesterday? (C'era il sole ieri?)
Were you in London in April? (Eravate a Londra ad aprile?)
Were they expensive? (Erano costosi?)

Ora conosciamo la forma interrogativa al passato, vediamo come si usa il verbo "to
be" nelle risposte brevi al passato semplice.
Vediamo come possiamo formulare delle risposte brevi alle domande precedenti.
Ad esempio.
Was it sunny yesterday? (C'era il sole ieri?)
No, it wasn't. (No)
Were you in London in April? (Eravate a Londra ad aprile?)
Yes, we were. (Sì)
Were they expensive? (Erano costosi?)
No, they weren't. (No)

Vediamo ora come si formulano le domande, per chiedere informazioni al passato


semplice.
Ad esempio:
Where were you on Saturday? (Dov'eri sabato?)
What was the result of the match? (Qual'è stato il risultato della partita?)
When was her birthday? (Quando è stato il suo compleanno?)
Who was on the phone? (Chi era al telefono?)
Why were they so angry? (Perchè erano così arrabbiati?)
Which day was it when we were in France? (Che giorno era quando eravamo in
Francia?)

Ora conosci molte forme diverse per esprimere domande al passato semplice!
Passiamo ad un altro uso del passato semplice, legato alle domande e alle risposte.

Vediamo come si formano le question tag al passato semplice.


Possiamo usare il passato del verbo to be: was e were per formare question tags.

133
Ad esempio:
We were always good friends, weren't we? (Siamo stati sempre buoni amici,
vero?)
It wasn't your birthday yesterday, was it? (Non era il tuo compleanno ieri, vero?)
You weren't angry with me, were you? (Non eravate arrabbiati con me, vero?)
They weren't late, were they? (Non erano in ritardo, vero?)

Osserva che usiamo queste question tags per chiedere conferma.

134
Lezione 64 (insegnante Fabiola)

Il passato semplice delle forme "there is" e "there are".

Oggi impareremo il passato semplice delle forme "there is" e "there are".
Nell'unità 28, abbiamo studiato "there is" e "there are", al singolare e al plurale, per
esprimere che qualcosa esiste o non esiste, al presente.

Ad esempio, al singolare possiamo dire.


There is an old man at the door. (C'è un vecchio signore alla porta)
Al plurale
There are three old men at the door. (Ci sono tre vecchi signori alla porta)

Per parlare di qualcosa che esisteva nel passato usiamo there was (c'era) e there
were (c'erano).
Per esempio, al singolare possiamo dire:
There was a fire in the town centre (C'è stato un incendio nel centro città)
There was something about it on the Tv news (C'è stato un servizio al riguardo al
telegiornale)

e al plurale
There were fire engines and police cars everywhere. (C'erano camion dei vigili
del fuoco e auto della polizia dappertutto)
There were ten people injured, and there was a lot of damage to the building.
(Ci sono stati dieci feriti, e ci sono stati molti danni all'edificio)

Vediamo, ora, there was e there where, nella forma negativa.


Per formare la forma negativa, bisogna semplicemente aggiungere "not" dopo il
verbo "to be".
Quindi, nella forma affermativa è there was/ there were e nella negativa there was
not/there were not. (non c'era/ non c'erano)
Nella forma contratta diciamo there wasn't/there weren't.

Osserva questi esempi:


There weren't any eggs for breakfast this morning. (Non c'erano uova per la
colazione questa mattina)
And there wasn't any sugar for my coffee. (E non c'era zucchero per il mio caffè)
There wasn't any money in the kitty. (Non c'erano soldi in cassa)
There wasn't anybody to talk to. (Non c'era nessuno con cui parlare)
There weren't any ideas in that conference. (Non vi erano idee nuove alla
conferenza)

Vediamo la forma interrogativa di "there was" e "there were"

135
Per formulare domande con "there was" e "there were" basta semplicemente invertire
le parole. Quindi al singolare "was there?" E la risposta breve sarà yes, there was/no,
there wasn't.
E al plurale "were there?" e le risposte brevi al plurale sono "yes, there were/no, there
weren't.”

Vediamo, ora, alcuni esempi con "there was" e "there were".


Osserva le domande con "there was" e "there were" che un poliziotto rivolge a un
uomo che ha perso il portafogli e le possibili risposte dell'uomo.
Poliziotto:What was there inside, sir?
Uomo: I can't remember exactly.
È una situazione piuttosto spiacevole, vero?
Vediamo il resto delle domande.
Poliziotto: Was there any money? (C'erano dei soldi?)
Uomo: Yes, there was. There was about fifty pounds. (Sì, circa cinquanta
sterline)
Poliziotto: Were there any credit cards? (C'erano carte di credito?)
Uomo: Yes, there were. There were three: Visa, American Express and Diners
Club. (Sì. Ce n'erano tre: Visa, American Express e Diners Club)
Poliziotto: What else was there in your wallet? Your driving license? (Che altro
c'era nel suo portafogli? La sua patente?)
Uomo: Yes, there was. And there was my ID card. (Sì. E c'era la mia carta di
identità)
Poliziotto: Was there anything else? (C'era qualcos'altro?)
Uomo: Yes, there was. There were photographs (Sì. C'erano delle foto)

Vediamo le question tags con there was e there were.


Ricorda, usiamo le question tags per ottenere una conferma. Possiamo anche usarle
con there is e there are.

Osserva questi esempi.


There was a good film on TV last night, wasn't there? (C'era un bel film in TV
ieri sera, vero?)
There wasn't any time to have a meeting, was there? (Non c'era tempo per una
riunione, vero?)
There were a lot of people here today, weren't there? (C'erano molte persone qui
oggi, vero?)
There weren't any letters for me this morning, were there? (Non c'erano lettere
per me questa mattina, vero?)

Ricorda che se la frase è affermativa, la question tag sarà invece negativa. E al


contrario, se la frase è negativa, la question tag sarà affermativa.

136
Lezione 65 (insegnante David)

I verbi regolari

Oggi impareremo ad usare i verbi regolari concentrandoci sulla loro pronuncia.


Ma prima vediamo quali sono le tre forme più importanti dei verbi regolari.

Queste sono le tre forme più importanti di tutti i verbi inglesi: simple present, simple
past e past participle.

Vuoi sapere la buona notizia?


Con i verbi regolari, la regola è sempre la stessa.
Per formare il passato, aggiungiamo "-ed " all'infinito.
Ad esempio: work worked (lavorare)
live lived (vivere)
Facile, vero?
Ed ecco altre buone notizie: il simple past e il past participle hanno entrambi la stessa
forma.
Ad esempio: Simple Past Past Participle
worked worked
lived lived
È molto semplice, vero? Andiamo avanti.

Esistono tre modi diversi per pronunciare i verbi regolari al passato aggiungendo il
suono T, ID o D.

Vediamo il suono T.
I verbi che aggiungono il suono T al passato sono quelli che terminano con uno dei
seguenti suoni K/P/S/SH/CH.
Ad esempio:K to smoke smoked (fumare)
P to stop stopped (fermarsi)
S to cross crossed (attraversare)
SH to wash washed (lavare)
CH to watch watched (guardare)

Passiamo ora al suono ID.


I verbi caratterizzati dal suono ID al passato sono quelli che terminano con uno dei
seguenti suoni T/D.
Ad esempio:T to want wanted (volere)
to paint painted (dipingere)
D to land landed (atterrare)
to sound sounded (suonare)

137
Hai notato il suono ID?
Bene, passiamo ora al suono finale: il suono D.

I verbi che aggiungono un suono D al passato sono tutti quelli che terminano con un
suono diverso da quelli dei due gruppi precedenti.

Ad esempio to rain rained (piovere)


to play played (giocare)
to arrive arrived (arrivare)
to use used (usare)
to change changed (cambiare)
to call called (chiamare)

138
Lezione 66 (insegnante Sophie)

I verbi regolari al Past Simple

Oggi impareremo ad usare i verbi regolari al passato semplice


Iniziamo vedendo come si forma il passato dei verbi regolari.
Abbiamo già parlato dei verbi regolari nell'unità 65.
Ricordi come si forma il passato semplice dei verbi regolari?
Si aggiunge -ed all'infinito.

Ad esempio al Simple Present diciamo I work e al Simple Past diciamo I worked.

Vediamo altri esempi:


I start I started
I live I lived
È molto semplice, non credi? Ho altre buone notizie!

Al passato semplice tutte le persone si coniugano allo stesso modo.


Diamo un'occhiata al verbo to work al passato semplice.
I worked (io lavorai)
you worked (tu lavorasti)
he worked (lui lavorò)
she worked (lei lavorò)
it worked (esso lavorò)
we worked (noi lavorammo)
you worked (voi lavoraste)
they worked (essi lavorarono)
È semplice!

Ricorda solo che con i verbi regolari, tutte le persone si coniugano uguali al passato
semplice.

Andiamo avanti.
Vediamo altri esempi di frasi con verbi regolari.
Iniziamo dalle frasi molto facili, composte soltanto da un verbo regolare al passato
semplice.
I smoked two packets of cigarettes at the party on Friday. (Ho fumato due
pacchetti di sigarette alla festa, venerdì)
The plane landed in Paris one hour late. (L'aereo è atterrato a Parigi con un'ora di
ritardo)
That sounded like Frank. Is he at home? (Sembrava Frank. È a casa?)
They arrived home tired and dirty, but happy. (Arrivarono a casa stanchi e
sporchi, ma felici)

139
I used your computer to write a letter. OK? (Ho usato il tuo computer per
scrivere una lettera. Ti dispiace?)
We changed the car last week. Now we have a Mercedes. (Abbiamo cambiato la
macchina la settimana scorsa. Adesso abbiamo una Mercedes.)
I called the waiter half an hour ago and he is not here yet. (Ho chiamato il
cameriere mezz'ora fa e non è ancora arrivato.)
È facile, vero?

Vediamo adesso degli esempi un po' più complicati composti da più di un verbo
regolare al passato semplice.
He stopped the car because an old woman crossed the road. (Fermò la
macchina perchè un'anziana attraversò la strada)
It rained all day so we played Monopoly with the children. (Ha piovuto tutto il
giorno, così abbiamo giocato a Monopoli con i bambini)
She washed her hair and watched television last night ... (Si è lavata i capelli e
ha guardato la TV ieri sera...)
... but I wanted her to come to the cinema with me. (... ma io volevo che venisse
al cinema con me.)

140
Lezione 67 (insegnante Ben)

I verbi irregolari

Nelle unità precedenti abbiamo imparato tutto sui verbi regolari, oggi impareremo
alcuni dei verbi irregolari più comuni.
Ricorda che i verbi irregolari sono quelli che non seguono la regola di aggiungere -ed
alla fine per la formazione del "simple past" e del "past participle".
Ad esempio: go - went -gone (andare)
Occorre memorizzarli ed è più facile farli dividendoli in gruppi.

Cominciamo con dei verbi irregolari che hanno tutte le forme uguali.
Questo è il primo dei gruppi di verbi irregolari, con il quale cominciamo oggi. Ho la
sensazione che sarà anche il tuo preferito.
Si tratta infatti dei verbi più facili da ricordare e la ragione è che la forma è sempre la
stessa al Simple Present, Simple Past e Past Participle.
Vediamo il verbo to let (lasciare)
Simple Present Simple Past Past Participle
let let let
Al simple present sarebbe I let you borrow my things every day. (Ti presto le mie
cose ogni giorno)
Al simple past sarebbe Yesterday, I let you borrow my cassette. (Ieri ti ho
prestato la mia cassetta)
E al past participle sarebbe I have let you borrow my things many times. (Ti ho
prestato le mie cose molte volte)

Vediamo ancora qualcuno di questi verbi irregolari facili per gli studenti:
cost cost cost (costare)
cut cut cut (tagliare)
hit hit hit (colpire)
È semplice, vero?

Aggiungiamo un altro
read read read (leggere)
Attenzione! Questo verbo si scrive allo stesso modo ma si pronuncia in modo
diverso.
Al simple past e al participle past si pronuncia proprio come il colore "red" (rosso).

Vediamo ancora degli esempi.


Simple Present
I always read before going to bed. (Leggo sempre prima di andare a letto)
Simple Past
I read a very good book last month. (Ho letto un libro molto bello il mese scorso)

141
Past participle
I have read many books this year. (Ho letto molti libri quest'anno)

Bene, passiamo al gruppo successivo di verbi irregolari, ma non preoccuparti,


scommetto che troverai anche questi molto semplici.
Studieremo ora i verbi irregolari più comuni, quelli che hanno la seconda e la terza
forma uguali.

Vediamo alcuni verbi irregolari che hanno una forma per il simple present e un'altra
forma uguale per il simple past e il past participle
get got got (ottenere)
leave left left (lasciare)
learn learnt learnt (imparare)
Anche loro sono piuttosto facili per chi li studia, vero?
In questi esempi il simple past e il past participle terminano con il suono "T".
Ricorda che il verbo learn può anche essere regolare con la -ed finale al simple past e
al past participle.

Vediamo ancora dei verbi che hanno la stessa forma al simple past e al past participle
have had had (avere)
pay paid paid (pagare)
say said said (dire)
tell told told (dire)
Questi verbi al simple past e al past participle terminano con il suono D.
Osserva come si assomigliano questi ultimi verbi
teach tought tought (insegnare)
think thought thought (pensare)
buy bought bought (comprare)
bring brought brought (portare)

OK! Vediamo degli esempi con uno di questi verbi.


Simple Present
We buy our winter clothes in September. (Compriamo i nostri vestiti per l'inverno
a settembre)
Simple Past
We bought a new car last week. (Abbiamo comprato la macchina nuova la
settimana scorsa)
Past Participle
We have bought many nice things today. (Abbiamo comprato molte cose belle
oggi)
In questo occorre ricordare solo due forme del verbo, dato che la terza è uguale alla
seconda!

142
Vediamo ora alcuni dei verbi irregolari per i quali tutte le forme sono diverse.
Mmmmm! Questi non sembrano essere così facili!

Ma, ascolta bene perchè hanno una pronuncia simile e questo li rende facili da
memorizzare.
Simple Present Simple Past Past Participle
eat ate eaten (mangiare)
beat beat beaten (battere)
speak spoke spoken (parlare)
throw threw thrown (buttare)
draw drew drawn (disegnare)
drink drank drunk (bere)
sing sang sung (cantare)

Beh, cosa ne pensi?


A me sembrano assolutamente simili?
Ma vi sono anche altri verbi in questa categoria che non hanno invece assolutamente
niente in comune, neanche il suono.

Vediamone alcuni
Simple Present Simple Past Past Participle
am/is/are was/were been (essere)
come came come (venire)
do did done (fare)
go went gone (andare)
show showed shown (mostrare)

143
Lezione 68 (insegnante Ella)

Simple Past dei verbi irregolari

Oggi studieremo il passato dei verbi irregolari.


Vediamo un esempio del verbo "to go" al Simple Past:
I went to the cinema last night. (Sono andata al cinema ieri sera)
È molto semplice! La coniugazione è la stessa per tutte le persone. Osserva:
I went we went
you went you went
he/she went they went

Vediamo allora degli esempi di verbi irregolari al simple past.

Osserva queste frasi con attenzione.


Sono tutte al passato e i verbi sono tutti irregolari.
He gave her a diamond ring. (Lui le ha dato un anello di diamanti)
I began to work here in 1978. (Ho iniziato a lavorare qui nel 1978)
He broke his leg skiing. (Si è rotto una gamba sciando)
She bought her car last week. (Lei ha comprato la macchina la settimana scorsa)
We drank champagne and ate caviar. (Abbiamo bevuto champagne e mangiato
caviale)
They flew to Paris with Iberia. (Sono andati a Parigi in aereo con Iberia)
They left a little before midnight. (Uscirono poco prima di mezzanotte)
I saw the film three weeks ago. (Ho visto il film tre settimane fa)
He sat in the corner and slept. (Si sedette nell'angolo e si mise a dormire)
She spoke to me about it yesterday. (Me ne ha parlato ieri)
I told her not to worry. (Le ho detto di non preoccuparsi)
They wrote to say thank you. (Loro hanno scritto per ringraziarti)

Bene! Passiamo ora al simple past del verbo "to have" (avere).
Abbiamo studiato il presente indicativo del verbo "to have" nell'unità 25.
In inglese americano al presente indicativo si usa "to have" e in inglese britannico si
usa "to have got"
In entrambi i casi il simple past è had.
Il verbo to have può essere usato come un verbo ausiliare e un verbo semplice.
Imparerai ancora di più su questo argomento nell'unità 85 e studierai ancora il Simple
Past del verbo to have nell'unità 71.

We had a problem with the computer. (Abbiamo avuto un problema con il


computer)
We had a party last night. (Abbiamo fatto una festa ieri sera)
We had caviar and champagne. (Abbiamo mangiato caviale e bevuto champagne)

144
I had a drink. (Ho bevuto qualcosa)
We had a great time. (Ci siamo divertiti molto)
We had roast beef for lunch. (Abbiamo mangiato roast beef a pranzo)
I had a shower before I left. (Ho fatto la doccia prima di uscire)

Bene, ora è importante ripetere le preposizioni di tempo in (in, a), on (a) e at (a).
Abbiamo già imparato ad usare le preposizioni di tempo al presente indicativo,
nell'unità 23.
Ma, possiamo anche usarle al passato.
Ecco degli esempi.
She came to the office at 9 o' clock. (Lei arrivò in ufficio alle 9)
I went to the States in the summer. (Sono andata negli Stati Uniti in estate)
I saw a good film on Saturday. (Ho visto un bel film sabato)

Ricorda che quando parliamo degli anni usiamo la preposizione in .


Osserva questi esempi.
It was in 1975. (È stato nel 1975)
It was in the sixties. (È stato negli anni '60)

Adesso voglio che impari ad usare la parola last (scorso)


Le espressioni di tempo con last vengono usate molto spesso al simple past, senza
articoli o preposizioni.

Osserva questi esempi:


We saw good film last week. (Abbiamo visto un bel film la settimana scorsa)
Diciamo "last week" per riferirci alla settimana precedente a quella attuale.
Diciamo "last summer" per riferirci all'estate precedente a quella attuale.
Altre espressioni con last sono: last month (mese scorso)
last year (anno scorso)
last night (ieri sera)
Ora, se oggi fosse lunedì, domenica sarebbe yesterday (ieri) e sabato the day before
yesterday.(l'altro ieri)

Voglio insegnarti anche ad usare la parola ago.


La parola "ago" ci dice quanto tempo prima di adesso è successo qualcosa.
He left twenty minutes ago. (È andato via venti minuti fa)

Altri esempi con la parola "ago" sono:


three hours ago (tre ore fa)
two weeks ago (due settimane fa)
six months ago (sei mesi fa)
ten years ago (dieci anni fa)

145
Lezione 69 (insegnante Ben)

Simple Past nelle frasi negative e interrogative

Oggi impareremo l'uso del "simple past" nelle frasi interrogative e negative.
Iniziamo con il "simple past" in frasi negative.
Ricorda, che in frasi negative al simple present usiamo i verbi ausiliari do e does.
Per esempio I do not smoke o nella forma contratta I don't smoke.
She does not smoke o nella forma contratta: She doesn't smoke.
Quindi, facciamo la forma negativa del "simple present" con do e does not più
l'infinito del verbo senza to.
Al simple past, usiamo il verbo ausiliare did. La forma negativa è did not e la forma
contratta di did not è didn't.
La forma è uguale per tutte le persone.
Per esempio I didn't smoke. (Non ho fumato)
She didn't smoke. (Non ha fumato)

Vediamo ora alcuni esempi del "simple past" in frasi negative.


I didn't like the film. (Non mi è piaciuto il film)
You didn't phone me. (Non mi hai chiamato)
He didn't go to work. (Non è andato al lavoro)
She didn't have dinner. (Lei non ha cenato)
We didn't see it. (Non l'abbiamo visto)
You didn't wash the car. (Non hai lavato la macchina)
They didn't buy anything. (Non hanno comprato niente)

Ora passiamo alle domande con il "Simple Past".


Ricorda che anche nelle domande in "present simple" usiamo i verbi ausiliari do e
does.
Per esempio Do you smoke? (Fumi?)
Does he smoke? (Lui fuma?)
Nota bene che sono posizionati all'inizio delle domande prima del soggetto.
Nel simple past usiamo il verbo ausiliare did.
Per esempio:Did you like the film? (Ti è piaciuto il film?)
Did he smoke? (Lui ha fumato?)
Did she sing? (Lei ha cantato?)
Did they have a good time? (Si sono divertiti?)

Vediamo ora altri esempi di domande con il "Simple Past"


When did you begin to work here? (Quando hai cominciato a lavorare qui?)
How did he break his leg? (Come si è rotto la gamba?)
When did she buy her car? (Quando lei ha comprato la macchina?)
What did you eat and drink? (Che cosa avete mangiato e bevuto?)

146
Where did they fly to? (Dove sono andati in aereo?)
What did he give her? (Che cosa le ha dato lui?)
When did they leave? (Quando sono partiti?)
When did you see that film? (Quando hai visto quel film?)
Where did he sleep? (Dove lui ha dormito?)
Nota che in tutte queste domande abbiamo usato una parola interrogativa posizionata
all'inizio della domanda prima dell'ausiliare "did".

Ora vediamo le risposte brevi al "Simple Past".


Ricorda che le risposte brevi al "Simple Present" si formano con i verbi ausiliari do e
does.
Per esempio:Do you play basketball? (Giochi a pallacanestro?)
Yes, I do. (Sì)
Does she dance? (Lei balla?)
Yes, she does. (Sì)
Do you speak Italian? (Parli italiano?)
No, I don't (No)
Does he drive to work? (Lui va al lavoro in macchina?)
No, he doesn't. (No)
È lo stesso nel caso del "Simple Past", però usiamo il verbo ausiliare did.

Guarda questi esempi.


Did you play basketball yesterday? (Hai giocato a pallacanestro ieri?)
Yes, I did. (Sì)
Did she dance? (Lei ha ballato?)
Yes, she did. (Sì)
Did you speak Italian? (Hai parlato italiano?)
No, I didn't. (No)
Did he drive to work? (È andato al lavoro in macchina?)
No, he didn't. (No)

Infine vediamo qualche esempio di frase interrogativa affermativa e negativa al


"simple past".

Guarda questi esempi.


Where did you go first? (Dove sei andato prima?)
We went to the police station first. (Siamo andati prima alla polizia)
How long did he play tennis? (Per quanto tempo ha giocato a tennis?)
He played tennis all afternoon. (Ha giocato a tennis tutto il pomeriggio.)
What time did you call me? (A che ora mi hai chiamato?)
I called you at about lunchtime. (Ti ho chiamato all'ora di pranzo)
Did you like the show? (Ti è piaciuto lo spettacolo?)
Yes, I did. (Sì)

147
Did she take the car? (Lei ha preso la macchina?)
No, she didn't. (No)

Adesso confrontiamo le frasi affermative e negative.


I liked the concert very much. (Mi è piaciuto molto il concerto)
I didn't like the concert very much. (Non mi è piaciuto molto il concerto)
We had some problems with the car. (Abbiamo avuto dei problemi con la
macchina)
We didn't have any problems with the car. (Non abbiamo avuto problemi con la
macchina)
He came on Sunday. (È venuto domenica )
He didn't come on Sunday. (Non è venuto domenica)
You gave me your phone number. (Mi hai dato il tuo numero di telefono)
You didn't give me your phone number. (Non mi hai dato il tuo numero di
telefono)
She enjoyed her holiday. (È stata molto bene in vacanza)
She didn't enjoy her holiday. (Non è stata molto bene in vacanza)

148
Lezione 70 (insegnante Ben)

Il simple past del verbo can

Oggi impareremo il simple past del verbo can


Nell'unità 50 abbiamo visto il verbo modale can
Ricorda che è uguale per tutte le persone e che nella forma negativa diciamo cannot o
can't nella forma contratta.
Il passato del verbo modale can è could e per la negazione dobbiamo solo aggiungere
not per formare could not. La contrazione di could not è couldn't.

Vediamo gli esempi al presente e al passato indicativo.


I can ski (Io so sciare) I could ski ten years ago (Sapevo sciare dieci anni fa)
I can't sleep (Non riesco a dormire) I couldn't sleep last night. (Non riuscivo a
dormire ieri sera)

Vediamo ora delle domande con could.


Nelle domande, il verbo can va prima del soggetto.
Ad esempio, nella forma affermativa diciamo: You can speak English very well.
(Sai parlare inglese molto bene)
Nelle domande Can you speak French? (Sai parlare francese?)
Facciamo la stessa cosa con could.
Ad esempio You could understand him perfectly (Potresti capirlo perfettamente.)
Could you understand her? (Potresti capirla?)

Vediamo le risposte brevi a domande con could


Per formulare risposte brevi a domande con could diciamo semplicemente yes o no e
poi il soggetto più could.

Osserva questi esempi.


Could you understand what he said? (Riuscivi a capire cosa diceva?)
Yes, I could. (Sì, ci riuscivo)
Could she understand the question? (È riuscita a capire la domanda?)
No, she couldn't. (No, non l'ha capita)
Could he pay the bill? (Ha pagato la bolletta?)
Yes, he could. (Sì)
Could they solve the problem? (Hanno potuto risolvere il problema?)
No, they couldn't. (No)

Vediamo ora come si esprime l'impossibilità con "couldn't".


Usiamo la forma negativa di could: couldn't per parlare di una impossibilità nel
passato.

149
Vediamo questi esempi.
We couldn't park in front of the entrance. (Non abbiamo potuto parcheggiare
davanti all'entrata)
He couldn't enter the country. He didn't have a visa. (Non è potuto entrare nel
paese. Non aveva il visto)
We couldn't take the children to see the film. It was for adults only. (Non
abbiamo potuto portare i bambini a vedere il film. Era solo per adulti)
They couldn't take photos in the museum. (Non poterono scattare foto nel museo)

Vediamo, infine, alcuni altri esempi di can al simple past.


Osserva questi esempi con il verbo can al simple past.
I couldn't find my car keys. (Non riuscivo a trovare le chiavi della mia macchina)
Could you speak Spanish before you came to Spain? (Sapevi parlare spagnolo
prima di venire in Spagna?)
We could eat all we wanted. (Potevamo mangiare tutto quello che volevamo)
He could already swim when he was eighteen months old. (Sapeva già nuotare
a 18 mesi)
She couldn't remember the address. (Non riusciva a ricordare l'indirizzo)
At what age could you ride a bike? (A che età sapeva andare in bicicletta?)
Could you remember how to do it? (Potevi ricordare come farlo?)
Yes, I could. (Sì)
Could they understand what I said? (Riuscivano a capire quello che dicevo?)
No, they couldn't. (No)

150
Lezione 71 (insegnante Cristina)

Il passato del verbo to have to

Oggi studieremo il passato del verbo to have to (dovere)


Come abbiamo già visto nell'unità 54, i verbi must e have to si usano per esprimere
una forte necessità o un obbligo.
Il verbo must non ha una forma passata, perciò per esprimere una forte necessità o un
obbligo si usa il verbo to have to al passato, che è had to.

Vediamo degli esempi.


I lost my car keys and had to come by bus. (Ho perso le chiavi della macchina e
sono dovuto venire in autobus)
He had to work on Sunday to finish the report. (Ha dovuto lavorare domenica
per finire il rapporto)
They had to pay a fine of 50 pounds. (Hanno dovuto pagare una multa di 50
sterline)

Vediamo ora come usare il simple past del verbo have to in frasi negative.
Il verbo to have to si usa in frasi negative per dire che un'azione non era necessaria.
Per farlo si usa il verbo ausiliare did not e nella forma contratta didn't.
Vediamo degli esempi.
I didn't have to work on Saturday. (Non ho dovuto lavorare domenica)
He didn't have to go by bus. He had a car. (Non è dovuto andare in autobus. Ha
la macchina)
We didn't have to wear uniforms. (Non abbiamo dovuto usare l'uniforme)

Vediamo ora come usare il Simple Past del verbo to have to in frasi interrogative.
Per usare il Simple Past del verbo to have to nelle domande è necessario usare il
verbo ausiliare did.
In questo modo: Did you have to wait long? (Hai dovuto aspettare molto?)
Anche nelle risposte brevi è necessario usare il verbo ausiliare did.
In questo modo:Yes, I did. (Sì)

Vediamo ancora qualche esempio del verbo have to al passato, nella forma
interrogativa, con possibili risposte brevi.
Did he have to work last night? (Ha dovuto lavorare ieri sera?)
No, he didn't. (No)
Did she have to go to the doctor? (È dovuta andare dal dottore?)
Yes, she did. (Sì)
Did they have to ask him for a loan? (Hanno dovuto chiedergli un prestito?)
No, they didn't. (No)
Bene, ora sappiamo come si usa il verbo had to nelle frasi interrogative.

151
Vediamo il Simple Past del verbo to have to nelle richieste di informazioni.
Where (dove), why (perchè), what (cosa) sono tutti avverbi interrogativi che si
usano per chiedere informazioni più specifiche.

Vediamo quindi degli esempi di domande e possibili risposte.


Where did you have to go? (Dove sei dovuto andare?)
To the tax office. (All'ufficio imposte)
Why did she have to leave? (Perchè è dovuta andare via?)
She wasn't feeling well. (Non si sentiva bene)
What did they have to do? (Cosa dovevano fare?)
Report to the police station. (Un rapporto alla stazione di polizia)
Tutto ciò che bisogna fare è quindi collocare l'avverbio interrogativo davanti al verbo
ausiliare "did"

152
Lezione 72 (insegnante Fabiola)

Question Tag al passato

Oggi studieremo le question tags al passato


Iniziamo rivedendo le question tags al presente.
Nell'unità 24 abbiamo imparato ad usare le question tags per chiedere conferma in
frasi al presente.
Osserva questi due esempi:
You play golf, don't you? (Tu giochi a golf, vero?)
You don't speak French, do you? (Tu non parli francese, vero?)
Ricorda che per formare le question tags si usa l'ausiliare do più il soggetto.

Nota bene che se la domanda è affermativa, la question tag è invece negativa e


viceversa. Nella terza persona singolare, l'ausiliare do diventa does.

Osserva: He lives in New York, doesn't he? (Lui vive a New York, vero?)
She doesn't work here, does she? (Lei non lavora qui, vero?)

Vediamo ora come formare question tags al passato.


Osserva questi due esempi:
You went to England, didn't you? (Sei andato in Inghilterra, vero?)
You didn't go to England, did you? (Non sei andato in Inghilterra, vero?)
È facile; la regola è la stessa che per il presente, anzi ancora più semplice perchè
l'ausiliare did è uguale per tutte le persone.
You didn't see the Queen, did you? (Non hai visto la Regina, vero?)
You saw her, didn't you? (L'hai vista, vero?)
He broke his leg, didn't he? (Si è rotto la gamba, vero?)
He didn't break his leg, did he? (Non si è rotto la gamba, vero?)
She didn't arrive, did she? (Non è arrivata, vero?)
She arrived late, didn't she? (È arrivata tardi, vero?)

Ricorda che assomiglierai di più a un madrelingua inglese se usi le question tags.

Vediamo ora le question tags con il verbo could.


Come abbiamo visto nell'unità 70, could è un verbo modale e il passato di can.
Osserva questi due esempi
Al Simple Present I can ski (so sciare)
Al Simple Past I could ski ten years ago. (Sapevo sciare dieci anni fa)

Ricorda, inoltre, che poichè could è un verbo modale non richiede l'uso dell'ausiliare
nelle domande, in frasi negative o nelle question tags.

153
Osserva questi esempi.
You could understand him perfectly, couldn't you? (Tu potevi capirlo
perfettamente, non è così?)
Linda couldn't speak Spanish before she came to Spain, could she? (Linda non
sapeva parlare spagnolo prima di venire in Spagna, vero?)
We could see the sea from our hotel room, couldn't we? (Potevamo vedere il
mare dalla nostra stanza d'albergo, vero?)
They couldn't take photos inside the museum, could they? (Non hanno potuto
scattare foto nel museo, vero?)

Vediamo infine alcuni esempi di question tags al Simple Past.


You didn't take my pen, did you? (Non hai preso la mia penna, vero?)
We finished the champagne, didn't we? (Abbiamo finito lo champagne, vero?)
He didn't phone me, did he? (Non mi ha telefonato, vero?)
They didn't say much, did they? (Non hanno detto molto, vero?)
You couldn't get a ticket, could you? (Non hai potuto trovare un biglietto, vero?)
I gave you your money, didn't I? (Ti ha restituito i tuoi soldi, vero?)
She had a baby boy, didn't she? (Ha avuto un maschietto, vero?)
They could type very fast, couldn't they? (Sapevano scrivere a macchina molto
veloce, non è così?)
They didn't buy anything, did they? (Non hanno comprato nulla, vero?)
You understood that, didn't you? (L'hai capito, vero?)

154
Lezione 73 (insegnante David)

I verbi "to say" e "to tell".

Oggi studieremo i verbi "to say" e "to tell".


I verbi say e tell hanno più o meno lo stesso significato: "esprimere attraverso le
parole orali". Ma si usano in modo diverso.

Osserva questo esempio: Say goodbye to John (Diciamo qualcosa a qualcuno)


Ora osserva quest'altro esempio:
Tell John goodbye (Noi diciamo a qualcuno qualcosa)

Tell si usa in alcune espressioni, quali: to tell the truth (dire la verità)
to tell a lie (dire una bugia)
to tell a story (raccontare una storia)
to tell a joke (raccontare una barzelletta)
to tell a secret (raccontare un segreto)

Vediamo ancora degli esempi con "to say" e "to tell".


She tells me her secrets. (Lei mi racconta i suoi segreti)
He tells very nice stories. (Lui racconta storie molto belle)
He says that he is tired. (Lui dice di essere stanco)
Il "that" in questa frase può essere anche omesso.
Si può dire infatti: He says he is tired. (Lui dice di essere stanco)

Adesso andiamo a vedere l'uso di "to say" e "to tell" nel discorso indiretto. Usiamo il
discorso indiretto per riportare ciò che qualcuno dice, pensa, crede ecc.
Il discorso indiretto lo studieremo più dettagliatamente nelle unità 140 e 141.

I verbi "say" e "tell" si usano spesso al passato e nel discorso indiretto.


Il passato prossimo e remoto di say è said, e di tell è told.
Ad esempio: He told her he was ill. (Lui disse a lei che era malato)

Di solito usiamo tell per raccontare qualcosa a qualcuno.


Say si usa più generalmente senza un pronome oggetto.
Ad esempio: He said he was ill. (Disse che era malato)

Per finire, vediamo alcuni esempi misti di to say e to tell.


She said the shops were closed. (Lei disse che i negozi erano chiusi)
They said they had a new car. (Dissero di avere una macchina nuova)
They told him they had a new car. (Loro gli dissero di avere una macchina nuova)
Kathy said she liked wine. (Kathy disse che le piaceva il vino)
He says he doesn't want to go. (Lui dice che non vuole andarsene)

155
We always say goodbye when we go home. (Noi diciamo sempre ciao quando ce
ne andiamo)
She always tells me the same thing. (Lei mi dice sempre la stessa cosa)
Do you want to tell me your phone number? (Mi dici il tuo numero di telefono?)
I tell her I love her every day. (Le dico che la amo tutti i giorni)

156
Lezione 74 (insegnante Sophie)

L'imperativo

Oggi impareremo l'uso delle frasi all'imperativo.


L'imperativo si usa per dire alle persone quello che devono o non devono fare. Perciò,
ci sono frasi all'imperativo affermative e negative.

Vediamo come usarle.


Le frasi affermative e negative sono formate dal verbo all'infinito senza il to.

Vediamo alcuni esempi di frasi affermative.


Go away! (Va via!)
Tell him I love him. (Digli che lo amo)
Turn left. (Gira a sinistra)
Ora, alcuni esempi nella forma negativa.
Don't go away! (Non andare via!)
Don't tell him I love him. (Non dirgli che lo amo)
Don't turn left. (Non girare a sinistra)

Frasi all'imperativo negativo si formano con do not o la sua forma contratta don't e un
verbo all'infinito.
Così, dire cosa o fare o non fare è molto semplice e la stessa struttura può essere
usata per indicare altro.

Vediamo altri usi del tempo verbale all'imperativo.


L'imperativo è anche usato per fare inviti o dare consigli, offerte e ad esprimere
preoccupazione per il bene del prossimo.
Vediamo ora alcuni esempi.
Be careful! (Fai attenzione!)
Look out! (Stai attento!)
Let me help you. (Lascia che ti aiuti)
Come to the party. (Vieni alla festa)
Open the box carefully and take out the key. (Apri la scatola con attenzione e
prendi la chiave)

Ora, impariamo a usare l'imperativo con question tags.


Per essere gentile utilizzando un imperativo, puoi usare la parola "please".
Per esempio: Close the door, please. (Chiudi la porta, per favore)
O una question tag.
Guarda le seguenti frasi.
Close the door, will you? (Chiudi la porta, puoi?)
Lend me five pounds, could you? (Prestami cinque sterline, potresti?)

157
Con un imperativo affermativo si può usare qualsiasi verbo ausiliare, ma dopo un
imperativo negativo si usa "will" come in questa frase:
Don't tell them that, will you? (Non glielo dire, va bene?)

Non sempre è bello dare ordini alla gente, vero?

Possiamo usare il verbo all'imperativo anche per dare suggerimenti.


Impariamo a usare l'imperativo per dare suggerimenti.
Quando dài suggerimenti a un gruppo, nel quale si è inclusi, si può usare l'imperativo
"let us" con la forma contratta "let's".
Per esempio:Let's go to the cinema (Andiamo al cinema)
Let's sit down and rest (Sediamoci e riposiamo)
Let's get married (Sposiamoci)
Possiamo anche dare suggerimenti usando la stessa struttura "Why don't ...?".
Se vuoi bere qualcosa con un amico puoi dire Why don't we have a drink? (Perchè
non beviamo qualcosa?)

Osserva questi altri esempi


Why don't we meet on Monday? (Perchè non ci vediamo lunedì?)
Why don't you call me tomorrow? (Perchè non mi chiami domani?)
Why don't you stop smoking? (Perchè non smetti di fumare?)

158
Lezione 75 (insegnante Cristina)

Gli avverbi di quantità: very, so, too

Ricorda, gli avverbi si usano per descrivere il modo in cui si svolge l'azione o è fatta
e normalmente finiscono in "-ly".
Un avverbio di quantità indica la misura in cui si fa qualcosa.
Iniziamo a vedere gli avverbi di quantità: very (molto), so (così) e too (troppo).

Gli avverbi di quantità di solito vanno combinati agli aggettivi. Vediamoli in azione!
That restaurant is very expensive. (Quel ristorante è molto caro)
I am so tired. (Sono così stanca)
This coffee is too sweet. (Questo caffè è troppo dolce)
Come puoi vedere, li usiamo prima degli aggettivi.

Vediamo gli avverbi di quantità enough (abbastanza) e not enough (non


abbastanza).
Come sappiamo, gli avverbi di quantità vanno prima degli aggettivi a eccezione di
enough che segue l'aggettivo.
Per esempio:
He's tall enough to play basketball. (È abbastanza alto per giocare a pallacanestro)
She's old enough to vote. (È abbastanza grande per votare)

Ora guarda l'uso di not enough.


Jim is not tall enough to play basketball. (Jim non è abbastanza alto per giocare a
pallacanestro)
This watch is not cheap enough. (Quest'orologio non è abbastanza economico)

Ora vediamo esempi con avverbi di quantità too (troppo) e not enough (non
abbastanza).
Guarda attentamente questi esempi. Ti aiuteranno a capire molto meglio l'uso di too e
not enough.
Jim is too short to play basketball. (Jim è troppo basso per giocare a
pallacanestro)
Jim is not tall enough to play basketball. (Jim non è abbastanzaa alto per giocare
a pallacanestro)
These shoes are too small for my feet. (Queste scarpe sono troppo piccole per i
miei piedi)
These shoes are not big enough for my feet. (Queste scarpe non sono abbastanza
grandi per i miei piedi)
My son is too young for school. (Mio figlio è troppo giovane per andare a scuola)
My son is not old enough for school. (Mio figlio non è abbastanza grande per
andare a scuola)

159
Vorrei mostrarti altri esempi con l'avverbio di quantità so.
She is so tall that I need a chair to kiss her. (Lei è così alta che ho bisogno di
una sedia per baciarla)
I was so tired that I fell asleep on my desk. (Ero così stanco che mi sono
addormentato sul banco)
They're so slow that I will take them hours to arrive. (Sono così lenti che ci
metteranno ore ad arrivare)
We were so late that the cinema was closed. (Eravamo così in ritardo che il
cinema aveva chiuso)
He speaks so badly that nobody will understand him. (Parla così male che
nessuno lo capisce)
He works so hard that he even works at weekends. (Lavora così tanto che lavora
perfino i finesettimana)

Ora, vediamo altri avverbi di quantità: quite, rather, pretty e fairly.


Ecco alcuni esempi con gli avverbi di quantità quite, rather, pretty e fairly.
He is rather stupid. (È piuttosto stupido)
I am quite sure. (Sono abbastanza sicuro)
The road is pretty dangerous when it's raining. (La strada è abbastanza
pericolosa quando piove)
The exam is fairly difficult, isn't it? (L'esame è abbastanza difficile, vero?)
"Rather", "quite", "pretty" e "fairly" hanno più o meno lo stesso significato.

Ed ecco qui altri avverbi di quantità much, a lot, a bit e a little.


Hai già studiato much, a lot, a little e a bit come quantitativi nell'unità 29.
Possono essere anche avverbi di quantità quando usati con un aggettivo.
Guarda questi esempi:
It's a pretty good film but it's a bit too long. (È un film abbastanza buono ma un
po' lungo)
"A bit" e "a little" hanno lo stesso significato, così che possiamo dire:
It's a pretty good film but it's a little too long. (È un film abbastanza buono ma
un po' lungo)
My English is much better than my French. (Il mio inglese è molto meglio del
mio francese)
"Much" e "a lot" hanno lo stesso significato, così che possiamo dire:
My English is a lot better than my French. (Il mio inglese è molto meglio del mio
francese)
Una informazione in più: a volte usiamo frazioni e percentuali come avverbi di
quantità.
Per esempio: The bottle is half empty. (La bottiglia è mezza piena)
I am 90 percent sure. (Sono sicuro al 90 per cento)

160
Lezione 76 (insegnante Lisa)

Gli avverbi di quantità too much, too many

Nell'unità 29 hai imparato alcuni quantitativi come much e many e nell'unità 75 sono
stati introdotti alcuni avverbi di quantità.

Oggi impareremo ancora di più! Iniziamo a vedere too much e too many.
Usiamo too many con nomi contabili e too much con nomi non contabili.

Vediamo alcuni esempi con too much usato con nomi non contabili.
I have too much sugar in this tea! (C'è troppo zucchero in questo tè!)
There's too much traffic on the roads. (C'è troppo traffico sulle strade)
I have too many things to do. (Ho troppe cose da fare)
There will be too many cars on the roads. (Ci saranno troppe macchine sulle
strade)
Bene, questo è abbastanza facile!

Impariamo qualcosa in più su enough e not enough


Usiamo enough sia per nomi contabili che non contabili.
Ricorda che, come visto nell'unità 75, enough segue l'aggettivo ma guarda!
I have enough problems, thank you. (Ho abbastanza problemi, grazie)
Precede il nome.

Ecco ancora degli esempi:


Did you have enough room? (Avevi abbastanza spazio?)
I don't have enough money for a new car. (Non avevo abbastanza soldi per una
macchina nuova)
There weren't enough parks in the town. (Non c'erano abbastanza parchi in
questa città)
Credo, che siano stati abbastanza esempi su "enough", vero?

Vediamo quindi so much e so many.


Usiamo so much con nomi non contabili, e so many con nomi contabili.
Ora, vediamo alcuni esempi sull'uso di so much e so many.
There is so much pollution, it's hard to breathe (C'è così tanto inquinamento, è
così difficile respirare)
He has so many books, his house is like a library. (Ha così tanti libri, la sua casa
è come una biblioteca)
There are always so many girls in that disco! (Ci sono sempre così tante ragazze
in questa discotecao!)

161
Impariamo a usare as many as e as much as.
Usiamo le strutture as many as e as much as per confrontare quantità.
Se usate in frasi positive, significa che non ci sono differenze, come segue:
The suit costs as much as the navy blue one .(Questo vestito costa quanto quello
blu marino)

Evidenziamo le differenze quando le usiamo in frasi negative. Guarda.


We don't have as much work as last year. (Non abbiamo tanto lavoro come l'anno
scorso)

Possiamo anche usarle nelle domande.


Are there as many students as last year? (Ci sono tanti studenti come l'anno
scorso?)

Ora vediamo altri due esempi


Were there as many cars as here in London? (C'erano tante macchine come qui a
Londra?)
I don't need as many holidays as you. (Non ho bisogno di tante vacanze come te.)

162
Lezione 77 (insegnante Ben)

Le preposizioni di luogo

Oggi continueremo a imparare quando e come usare le preposizioni di luogo.


Iniziamo a ripassare come usare le preposizioni di luogo in, on e at.

Nell'unità 21, abbiamo visto le preposizioni di luogo in, on e at.


Rivediamole!
Guarda queste frasi d'esempio.
The children played in the garden all morning. (I bambini hanno giocato in
giardino tutta la mattina)
She was waiting at the bus stop. (Stava aspettando alla fermata del bus)
There was a mirror on the wall. (C'era uno specchio sul muro)

In questa unità, conosceremo alcune altre preposizioni di luogo che sono usate per
parlare della posizione di persone e cose.
Per esempio ABOVE (sopra), BEHIND (dietro), BELOW (sotto), BESIDE (a
fianco), BETWEEN (fra, tra), IN FRONT OF (davanti), NEAR (vicino), NEXT
TO (al lato), OPPOSITE (dalla parte opposta) e UNDER (sotto).

Ora proseguiamo vedendo queste preposizioni di luogo e la loro definizione


attraverso alcuni esempi.

Quindi, se qualcosa è above un'altra cosa è direttamente sopra questa, o più in alto.
Per esempio: Kate's office is above a restaurant. (L'ufficio di Kate è sopra un
ristorante)
Mentre se qualcosa è below un'altra cosa, significa che è in una posizione inferiore.
Per esempio: It's 25 below zero in Moscow. (Ci sono 25° sotto zero a Mosca)
La preposizione di luogo behind è usata per descrivere una cosa o persona che è
dall'altra parte o dietro qualcosa o qualcuno.
Per esempio: He is hiding behind a tree. (Lui è nascosto dietro l'albero)
Mentre se qualcosa o qualcuno è in front of un altro sarebbe immediatamente prima
o di fronte.
Per esempio: Let's meet in front of the cinema. (Incontriamoci davanti al cinema)
Inoltre, la preposizione di luogo between si usa per descrivere qualcosa in mezzo ad
altre due.
Per esempio: I am between my parents in this photo. (Sono tra i miei genitori in
questa foto)
Ora, abbiamo ripassato la maggior parte delle preposizioni di luogo della nostra lista.
Ce ne restano poche altre!

Continuiamo con le preposizioni di luogo e alcuni esempi.

163
Vediamo la preposizione di luogo near. È usata per descrivere qualcosa vicino a
breve distanza da un'altra.
Per esempio: Their factory is near the airport. (La loro fabbrica è vicina
all'aeroporto)
Mentre se vogliamo descrivere qualcosa che è letteralmente al lato dell'altra usiamo
la preposizione next to.
Per esempio: Come and sit next to me. (Vieni e siediti accanto a me)
La preposizione opposite si usa quando qualcosa o qualcuno è dall'altra parte o di
fronte.
Per esempio: We used to live opposite the bank. (Vivevano di fronte alla banca)
Infine, la preposizione di luogo under si usa per descrivere qualcosa che è a un
livello più basso rispetto ad un'altra e può esserne coperta o nascosta.
Per esempio: He keeps his money under the bed. (Lui tiene i suoi soldi sotto il
letto)

164
Lezione 78 (insegnante Ben)

Le preposizioni di moto

Oggi studieremo le preposizioni di moto.


Iniziamo con le preposizioni: TO (a, in) e FROM (da).
La maggior parte delle preposizioni inglesi hanno diverse funzioni.
Diverse preposizioni possono avere, infatti, usi molto simili.
Spesso non è possibile indovinare la preposizione giusta, dovrai solo impararle a
poco a poco.
Dunque, la prima di oggi è to che si usa per indicare la destinazione verso cui ci si
muove.
Ad esempio: He travels to work by bus. (Lui va al lavoro in autobus)
La preposizione from indica il posto o la direzione da cui qualcuno o qualcosa inizia.
Ad esempio: How do I get to the bank from here? (Come si arriva in banca da
qui?)

Da qui passiamo alle preposizioni di moto INTO, IN (in, dentro) e OUT OF (fuori
da).
In si riferisce ad un luogo o a una posizione, mentre into indica movimento.
Ad esempio: She was getting out of the car and going into the hotel. (Stava
uscendo dalla macchina e andando nell'hotel)
Se guardiamo di nuovo questo esempio, notiamo anche la preposizione out of.
Out of indica anch'essa un movimento e si usa per indicare quando si esce da un
posto.
Ad esempio I was coming out of the cinema, when I saw Mary waiting to go
in. (Stavo uscendo dal cinema, quando ho visto Mary che stava aspettando di entrare)

Vediamo ora le preposizioni di moto ON (sopra) e OFF (fuori).


Se qualcuno o qualcosa è on una superficie o un oggetto, significa che la superficie o
l'oggetto sono immediatamente sotto e sostengono il loro peso e off è il contrario di
on, quando qualcosa viene tolto da qualcos'altra, non ne è più sopra.
Osserva questo esempio: Take your shoes off the table and put them on the
floor. (Togli le scarpe dal tavolo e mettile a terra)

Ora è il momento delle preposizioni di moto UP (su) e DOWN ((giù).


Se qualcuno o qualcosa va up significa che si eleva dal suolo e raggiunge una
posizione più elevata e se qualcosa o qualcuno va down significa che va in basso
verso il suolo, o scende a un livello inferiore.

Osserva questo esempio.


I always go up the stairs and come down in the lift to keep fit. (Io salgo sempre
a piedi le scale e scendo in ascensore per mantenermi in forma)

165
Vediamo ora le preposizioni di moto OVER (oltre, su) e UNDER (sotto).
Se una cosa è over un'altra, significa che si trova in una posizione più elevata rispetto
alla seconda.
Ad esempio: Ladies and gentlemen, we are now flying over the Pyrenees.
(Signore e signori, stiamo volando ora sui Pirenei)
E under è il contrario di over.
Se si va under qualcosa, significa che ci si sposta in una posizione inferiore rispetto a
qualcos'atro che si trova over.
Ad esempio I love lying under the trees in the summer. (Mi piace stare sdraiato
sotto gli alberi in estate)

Pronto per le preposizioni di moto THROUGH (attraverso) e ACROSS (attraverso)?


Muoversi across qualcosa significa andare da un lato all'altro di un posto o da un
confine. E muoversi through qualcosa, significa muoversi dall'interno di qualcosa
all'esterno dell'altra.
Osserva questi esempi.
Every Sunday, we walk across the bridge and through the park. (Ogni
domenica attraversiamo il ponte e camminiamo per il parco)

Oggi studieremo altre tre preposizioni, le preposizioni di moto ALONG (lungo),


ROUND (intorno) e PAST (oltre).
Se ci si muove o si guarda along qualcosa, come ad es. una strada, significa che si va
verso la fine della strada.
Ad esempio: You will need to drive along this road to the football stadium.
(Dovrai guidare lungo questa strada verso il campo di calcio)
Muoversi round significa muoversi lungo il bordo, in direzione circolare, con ritorno
al punto iniziale.
Ad esempio: The moon travels round the earth every 28 days. (La luna ruota
intorno alla terra ogni 28 giorni)
E infine past. Se qualcosa è past un posto, significa che si trova dietro o oltre quel
posto.
Ad esempio. Go past the supermarket and it's on the left. (Vai oltre il
supermercato ed è sulla sinistra)

166
Lezione 79 (insegnante Cristina)

I verbi dei sensi

Oggi impareremo i verbi che descrivono i sensi.


Ci sono dei verbi che descrivono i sensi look (guardare), smell (odorare), taste
(gustare), sound (suonare), fell (sentire) e seem (sembrare).
Questi verbi sono molto importanti vista la frequenza con cui si usano.
Normalmente, quando usiamo un verbo che descrive un senso, mettiamo un aggettivo
dopo il verbo, anzichè un avverbio.

Vediamo alcuni esempi di come usare i verbi che descrivono i sensi seguiti dagli
aggettivi.
These shoes seem expensive. What do you think? (Queste scarpe sembrano care.
Che ne pensi?)
Come puoi vedere, seem è il verbo ed è seguito dall'aggettivo expensive.

Vediamo qualche altro esempio. Nota bene l'aggettivo dopo il verbo.


You don't seem very happy. Do you feel ill? (Non sembri molto contento. Non ti
senti bene?)
That drawing looks OK. Why do you want to change it? (Quel disegno si vede
bene. Perchè lo vuoi cambiare?)
These biscuits taste delicious. Did you make them yourself? (Questi biscotti
hanno un sapore delizioso. Li hai fatti tu?)
Her perfume always smells wonderful. (Il suo profumo è sempre buonissimo)
His last record sounds great. (Il suo ultimo disco è fantastico)
The kids feel sick after so much ice cream. (I bambini si sentono male dopo
tanto gelato)
Questo è comprensibile, vero?

Ora vediamo come usare of con taste e smell.


I verbi taste e smell possono essere seguiti anche da of e da un nome come segue:
Be careful, it smells of petrol in here! (Fai attenzione, c'è odore di benzina, qui!)
This cocktail tastes of coffee. (Questo cocktail sa di caffè)
Possiamo anche fare confronti usando i verbi che descrivono i sensi.

Vediamo ora come usare like con i verbi che descrivono i sensi.
I verbi che descrivono i sensi possono essere anche combinati con la parola like.

Vediamo alcuni esempi su come usare like per fare comparazioni.


Janet looks like her mother when she was younger. (Janet somiglia a sua madre
quando era più giovane)
My hair looks like a bird's nest! (I miei capelli sembrano un nido di uccelli!)

167
My bread tastes like my mother used to make it. (Questo pane sa come quello
che faceva mia madre!)
That sounds like George coming home. (Sembra che George stia tornando a casa)
This tie feels like silk. (Questa cravatta sembra di seta)
How much did it cost? (Quanto costava?)
Do you feel like pizza? (Ti va una pizza?)
To feel significa sentire un'emozione o una sensazione fisica.

L'espressione fell like si usa in inglese per esprimere se vuoi qualcosa, così se ti
chiedo: "Do you feel like pizza?" (Voglio sapere se vuoi una pizza?)
To feel like si usa anche quando percepiamo una sensazione o impressione di
qualcosa.
Come nell'esempio "This tie feels like silk". (questa cravatta sembra di seta)

168
Lezione 80 (insegnante Fabiola)

Gli aggettivi comparativi

Oggi impareremo ad usare gli aggettivi comparativi


Cominciamo a vedere come si forma il comparativo degli aggettivi monosillabici.
Per formare il comparativo di un aggettivo monosillabico gli aggiungiamo "-er".
Ad esempio il comparativo di tall (alto) è taller (più alto).
Dopo il comparativo usiamo la congiunzione "than" (di).
aggettivi forma comparativa
short shorter than (più basso di)
big bigger than (più grande di)
Quindi diciamo "taller than" (più alto di).
Vediamo un esempio:
Jane is 1m65 and Claire is 1m60. (Jane è alta m. 1,65 e Claire m 1,60)
Jane is taller than Claire (Jane è più alta di Claire)

Vediamo altri esempi di aggettivi monosillabici,


Cominciamo con l'aggettivo short. La sua forma comparativa è shorter than (più
breve di). Big (grande) bigger. Nota la g è raddoppiata perchè big è un aggettivo
monosillabico che termina con una consonante preceduta da una vocale.
small smaller than (più piccolo di)
old older than (più vecchio di)
young younger than (più giovane di)
rich richer than (più ricco di)
nice nicer than (più bello di)
poor poorer than (più povero di)

Vediamo delle frasi esempio.


Jane is nice but Claire is very nice. (Jane è bella ma Claire è molto bella)
Claire is nicer than Jane. (Claire è più bella di Jane)
Jane is 18 and Claire is 20. (Jane ha 18 anni e Claire 20)
Claire is older than Jane. (Claire è più grande di Jane)

Passiamo agli aggettivi bisillabici che terminano in "y".


Molti aggettivi di uso comune terminano in "y", ad esempio pretty (carino), la cui
forma comparativa è prettier than (più carino di).

Come puoi vedere in questi casi la y diventa i e si aggiunge "er".

funny funnier than (più divertente di)


silly sillier than (più sciocco di)
dirty dirtier than (più sporco di)

169
Vediamo ora come si formano i comparativi degli aggettivi plurisillabici.
Agli aggettivi formati da due o più sillabe che non terminano in "y" non si aggiunge
"er" ma si usa l'avverbio more (più).
Guarda un esempio:
Aggettivo Comparativo
expensive more expensive than (più caro di)

Ricorda di usare sempre la congiunzione than


comfortable more comfortable than (più comodo di)
interesting more interesting than (più interessante di)
dangerous more dangerous than (più pericoloso di)

Quando vogliamo esprimere l'idea di qualcosa di meno usiamo l'avverbio less


(meno) invece di more (più).
My car is more comfortable than your car. (La mia auto è più comoda della tua)
Your car is less comfortable than my car. (La tua auto è meno comoda della mia)
Football is more dangerous than tennis. (Il calcio è più pericoloso del tennis)
Tennis is less dangerous than football. (Il tennis è meno pericoloso del calcio)

Vediamo ora tre aggettivi che formano il comparativo in modo irregolare.


good (buono) better than (migliore di)
bad (cattivo) worse than (peggiore di)
far (lontano) farther/further than (più lontano di)
My English is better than my French. (Il mio inglese è migliore del mio francese)
The weather in England is worse than in Spain. (Il tempo in Inghilterra è
peggiore che in Spagna)
Your house is farther from Frankfurt than mine. (La tua casa è più lontana della
mia da Francoforte)
Usiamo entrambi farther e further per parlare di distanze, hanno lo stesso
significato.
Quindi possiamo dire Your house is further from Frankfurt than mine. (La tua
casa è più lontana della mia da Francoforte)
Tuttavia further e non farther si usa anche per esprimere extra, ulteriore o in più,
Osserva questo esempio:
Do you need any further information? (Hai bisogno di ulteriori informazioni?)

170
Lezione 81 (insegnante Graham)

Altri comparativi: as ... as /the ... the

Nell'ultima lezione abbiamo imparato gli aggettivi comparativi.


Oggi studieremo altri comparativi.

Iniziamo con la forma del comparativo con as ... as (così... come/ tanto- quanto).
Usiamo la struttura as - aggettivo - as per dire che due persone sono in qualche modo
uguali.

Ad esempio:
Are you as fast as your brother? (Sei così veloce come tuo fratello?)
In the mountain I felt as free as a bird . (In montagna mi sentivo così libero
come un uccello)
When I saw him he was as tall as his father. (Quando l'ho visto era alto quanto
suo padre)

Questa struttura può essere usata anche in frasi negative.


The weather in England is not as good as in Spain. (Il tempo in Inghilterra non è
così bello come in Spagna)
Con questa frase diciamo che il tempo in Spagna è più bello che in Inghilterra.

Osserva gli esempi con the more e the less.


The more I know you, the more I like you. (Più ti conosco, più mi piaci)
The more I water the flowers, the less beautiful they are. (Più annaffio i fiori,
meno sono belli)
The more you study English, the more you learn. (Più studi inglese, più impari)
(Continuo, dunque, a insegnarti più inglese)

Rivediamo i comparativi con -er.


Come visto nella precedente unità 80, i comparativi degli aggettivi monosillabici si
formano aggiungendo -er.
Ad esempio, il comparativo di short è shorter.
Quindi possiamo dire: Henry is shorter than his father. (Henry è più basso di suo
padre). Ricorda di usare than nelle frasi comparative.
Osserva questi altri esempi:
The Artic is warmer than the Atlantic. (L'Artico è più caldo dell'Atlantico)
London is safer than New York (Londra è più sicura di New York)
The Jumbo is slower than the Concorde (Il Jumbo è più lento del Concorde)
The Pyrenees are lower than the Himalaya. (I Pirenei sono più bassi
dell'Himalaya)

171
Vediamo, infine, alcuni esempi dei comparativi.
The film wasn't as good as the book. (Il film non è stato così bello come il libro)
Henry isn't as tall as his father. (Henry non è così alto come suo padre)
The more I practice English, the fewer mistakes I make. (Più studio inglese,
meno errori faccio)
The more I see her, the more I like her. (Più la vedo, più mi piace)
The more water I drink, the healthier I get. (Più acqua bevo, più sono sano)
The more I work, the less time I have to be with my children. (Più lavoro,
meno tempo ho per stare con i miei figli)
The more I play tennis, the better I feel. (Più gioco a tennis, più mi sento meglio)

172
Lezione 82 (insegnante Mike)

Gli aggettivi superlativi

Oggi studieremo gli aggettivi superlativi


Iniziamo con il superlativo degli aggettivi monosillabici.
Ricorda che nell'unità 80 abbiamo visto gli aggettivi comparativi.
Ad esempio: long longer
Per i superlativi la terminazione è diversa.
Il superlativo assoluto degli aggettivi monosillabici termina generalmente in -est.
Ad esempio long (lungo) longest (più lungo)
Davanti al superlativo usiamo l'articolo determinativo the.
Si dice dunque long the longest

Vediamo ora degli esempi del superlativo assoluto con gli aggettivi monosillabici.
Jane is 18, Claire is 20 and Sara is 22. (Jane ha 18 anni, Claire ne ha 20 e Sara ne
ha 22)
Jane is the youngest and Sara is the oldest. (Jane è la più giovane e Sara è la più
grande)
Jim won the race in 12 seconds, Frank was second in 13,5 and Dennis was
third in 14 seconds. (Jim ha vinto la gara con 12 secondi, Frank era secondo con
13,5 secondi e Dennis era terzo con 14 secondi)
Jim was the fastest and Dennis was the slowest. (Jim è stato il più veloce e
Dennis il più lento)

Vediamo ora, come formano il superlativo gli aggettivi bisillabici che terminano in y.
Gli aggettivi bisillabici che terminano in y sono molto comuni e formano il
superlativo assoluto con la terminazione -iest .
Ad esempio: pretty (bello) the prettiest (il più bello)
Osserva bene che è necessario che la y diventi i prima della terminazione - est.
Vediamo ancora degli esempi: funny the funniest (il più divertente)
silly the silliest (il più sciocco)
dirty the dirtiest (il più sporco)
Andiamo avanti.
Vediamo insieme come si forma il superlativo assoluto degli aggettivi plurisillabici.
Quindi, con gli aggettivi bisillabici che non terminano in -y e con gli aggettivi di tre o
più sillabe si usa l'avverbio most.
Ad esempio:expensive the most expensive (il più costoso)
comfortable the most comfortable (il più comodo)
interesting the most interesting (il più interessante)
dangerous the most dangerous (il più pericoloso)
Nota che, al contrario, per esprimere l'idea di non troppo si usa, invece, the least
invece di the most. The least è il contrario di the most.

173
Ad esempio:
Apples are the least expensive. (Le mele sono le meno costose)
Arabic, Chinese and Greek are difficult languages to learn, but Greek is the
least difficult. (L'arabo, il cinese e il greco sono lingue difficili, però il greco è il
meno difficile)

Per finire vediamo insieme ancora un'ultima cosa, i comparativi e i superlativi


irregolari.
Vediamo gli aggettivi nella loro forma comparativa e superlativa.
aggettivi comparativi superlativi
good better than the best (il migliore)
bad worse than the worst (il peggiore)
far further than the furthest (il più lontano)
farther than the farthest (il più lontano)

Ecco ancora degli esempi:


Miguel Indurain was the best cyclist in the world. (Miguel Indurain è stato il
miglior ciclista del mondo)
I am the worst singer in my family. (Sono il peggior cantante nella mia famiglia)
I comparativi e i superlativi irregolari non sono molti, bisogna solo memorizzarli.

174
Lezione 83 (insegnante Sarah)

Gli avverbi di modo

Oggi studieremo gli avverbi di modo.

Gli aggettivi forniscono informazioni sui sostantivi.


Per esempio: a show driver. (un conducente lento)

Gli avverbi forniscono informazioni sui verbi.


Gli avverbi di modo indicano in che modo accade o viene eseguita qualcosa.
Per esempio: He drives slowly (Lui guida lentamente)
Come vedi, per formare gli avverbi di modo dobbiamo semplicemente aggiungere -ly
all'aggettivo.
Ecco di seguito alcuni esempi: quick quickly (veloce velocemente)
slow slowly (lento lentamente)
quiet quietly (tranquillo tranquillamente)
clear clearly (chiaro chiaramente)
easy easily (facile facilmente)
Nota che l'aggettivo easy termina in y ed è preceduto da una consonante, inoltre
occorre sostituire la y con una i prima di aggiungere ly
careful carefully (attento attentamente)
Osserva inoltre che careful si scrive con doppia "l".

Esistono delle regole da seguire per la formazione degli avverbi di modo.


Vediamo come si formano gli avverbi di modo.
Come abbiamo visto, la maggior parte degli avverbi di modo si forma aggiungendo
-ly all'aggettivo.
Quindi, "slow" è l'aggettivo e "slowly" è l'avverbio.
Tuttavia alcuni avverbi sono irregolari, vale a dire che non seguono la regola comune.
Osserva questi esempi.
good well (buono bene)
fast fast (veloce velocemente)
hard hard (duro duramente)
Per esempio: He is a fast driver. (Lui è un conducente veloce)
He drives very fast. (Lui guida molto velocemente)

Andiamo avanti.
Quando un aggettivo finisce in le ed è preceduto da una consonante per formare
l'avverbio, la le diventa ly.
Per esempio: comfortable comfortably (comodo comodamente)
possible possibly (possibile possibilmente)

175
Lezione 84 (insegnante Ella)

Altri avverbi di tempo e di luogo

Oggi impareremo altri avverbi.


Nell'unità 16 abbiamo studiato gli avverbi di frequenza come sometimes, always e
never.
Nell'unità 75, abbiamo studiato gli avverbi di quantità come very, quite e a lot.
Nell'unità 83, abbiamo studiato gli avverbi di modo come carefully e slowly.
Ora studieremo altri quattro gruppi di avverbi: 1) avverbi di tempo
2) avverbi di luogo
3) avverbi di probabilità
4) avverbi di congiunzione
Cominciamo con gli avverbi di tempo.
Gli avverbi di tempo indicano quando succede qualcosa. Normalmente si posizionano
alla fine della frase.
Guarda! I'm not working today (Non lavoro oggi)

Ma possono essere usati anche all'inizio della frase.


Per esempio: Today, I'm not working. (Oggi non lavoro)

Osserva questi avverbi di tempo:


AFTERWARDS (dopo)
AGAIN (di nuovo)
BEFORE (prima)
EARLY (presto)
FINALLY (finalmente)
IMMEDIATELY (immediatamente)
LAST (ultimo)
LATE (tardi)
LATELY (ultimamente)
ONCE (una volta)
RECENTLY (recentemente)
THEN (poi)
TOMORROW (domani)
YESTERDAY (ieri)

Vediamo alcuni esempi con gli avverbi di tempo.


I'll finish work and see you afterwards. (Finisco di lavorare e ci vediamo più
tardi)
Finally we saw the White House and the Lincoln Memorial. (Finalmente
abbiamo visto la Casa Bianca e il Memoriale di Lincoln)
I saw a flying saucer once. (Una volta ho visto un disco volante)
I haven't been there lately. (Non sono stato lì ultimamente)

176
It's a nice day. We can eat outside today. (È una bella giornata. Possiamo
mangiare fuori oggi)
We went to a good concert here recently. (Siamo stati a un buon concerto qui
recentemente)
I will bring you the bill immediately, sir. (Le porto il conto immediatamente,
signore)
I didn't read any newspaper yesterday. (Non ho letto nessun giornale ieri)

Ora vediamo gli avverbi di luogo.


Gli avverbi di luogo definiscono dove succede qualcosa.
Comunemente, si usano alla fine della frase:
The children are playing upstairs. (I bambini stanno giocando di sopra)

Possono anche posizionarsi all'inizio della frase.


Per esempio:
Upstairs there was complete silence. (Di sopra c'era completo silenzio)
Comunque l'uso degli avverbi di luogo all'inizio della frase si nota soprattutto in testi
letterari.

Nota questi altri avverbi di luogo: ABOVE (sopra)


AROUND (intorno)
BELOW (sotto)
DOWNSTAIRS (di sotto)
HERE (qui)
INSIDE (dentro)
THERE (là)
OUTSIDE (fuori)
UPSTAIRS (di sopra)
WHEREVER (dovunque)
Ti darò altri esempi di avverbi di luogo.
There aren't many people around today. (Non c'è molta gente intorno oggi)
Here, on Christmas day, all the children sing cards. (Qui, il giorno di Natale,
tutti i bambini firmano i biglietti)
I can't find it. Can you look downstairs again? (Non lo trovo. Puoi guardare di
nuovo di sotto?)
Take your toys upstairs and put them in your cupboard. (Porta i tuoi giocattoli
di sopra e mettili nel tuo armadio)
Shall we meet inside if it's raining? (Ci troviamo dentro, se piove?)
As it's your birthday, you can have dinner wherever you like. (Siccome è il tuo
compleanno, possiamo cenare ovunque tu voglia)
I'll see you there at six o'clock. (Ci vediamo lì alle sei)
There was a Chinese restaurant below. (C'era un ristorante cinese sotto)
They don't live here anymore. (Non vivono più qui)

177
Ora passiamo agli avverbi di probabilità.
Gli avverbi di probabilità indicano il grado di sicurezza di qualcosa. Si trovano nel
mezzo della frase prima del verbo principale (I probably drink about five coffee a
day - Probabilmente bevo cinque caffè al giorno), tra un verbo ausiliare o modale e il
verbo principale. (It will probably rain tonight. (Probabilmente pioverà stanotte)
Dopo il verbo to be:
He is probably hungry. (Probabilmente ha fame)

Osserva questi altri avverbi di probabilità: CERTAINLY (certamente)


DEFINITELY (definitivamente)
CLEARLY (chiaramente)
OBVIOUSLY (ovviamente)
PROBABLY (probabilmente)
REALLY (veramente)

Qui altri esempi con avverbi di probabilità.


I'll definitely go to the match on Saturday.(Sicuramente andrò alla partita sabato)
He's really sorry for what he did. (È veramente dispiaciuto per ciò che ha fatto)
It's certainly going to be a very interesting election. (Certamente saranno delle
elezioni molto interessanti)
We'll be back early. Probably before midnight. (Torneremo presto.
Probabilmente prima di mezzanotte)
They were obviously very angry. (Erano ovviamente molto arrabbiati)

Ora vediamo gli avverbi di congiunzione


Gli avverbi di congiunzione uniscono due periodi.
Osserva questi avverbi di congiunzione:
ALSO (anche)
ALTHOUGH (malgrado)
ANYWAY (comunque)
BESIDES (inoltre)
BUT (ma)
HOWEVER (comunque)
NEXT (a seguire)
THEN (poi)

Finalmente, vediamo alcuni esempi con avverbi di congiunzione.


It was a cold day and besides it was raining. (Era un giorno freddo e inoltre stava
piovendo)
I liked the film, but I didn't like the cinema. (Mi è piaciuto il film ma non mi è
piaciuto il cinema)
We lost the game. However, we won the championship. (Abbiamo perso il gioco,
comunque abbiamo vinto il campionato)

178
I began with a general introduction. Next I told them the bad news. (Ho
iniziato con una introduzione generale, a seguire gli ho dato la cattiva notizia)
I am not hungry. Besides, I don't have any money. (Non ho fame, e inoltre non
ho soldi)
I am going to clean the car. Then I'm going to buy some petrol. (Pulirò la
macchina. Poi comprerò della benzina)

179
Lezione 85 (insegnante Fabiola)

Il Present Perfect

Oggi impareremo ad usare il Present Perfect.


Nelle unità precedenti abbiamo studiato il "Simple Past" per esprimere azioni finite o
situazioni del passato.
Il Present Perfect, invece, si usa per descrivere azioni non finite iniziate nel passato
ma che ancora continuano nel presente.

Osserva la differenza tra i due


I lived in this house in 1992 (Ho vissuto in questa casa nel 1992)
I have lived in this house for twenty years. (Vivo in questa casa da venti anni)
Nella prima frase, ho vissuto nella casa in un momento specifico del passato e adesso
non vivo più nella casa.
Nella seconda frase, vivo ancora nella casa.
Osserva questi altri due esempi:
It rained five days last week.
In questa frase sto parlando di un tempo specifico del passato e in questa frase It has
rained five days this week sto parlando di un periodo di tempo incompiuto e del
numero di volte che qualcosa è successo in questo periodo.

Usiamo il present perfect anche per descrivere azioni finite nel passato ma non
diciamo o sappiamo quando l'azione è accaduta.
Osserva questo esempio:
You have changed the colour of your hair! (Hai cambiato il colore dei tuoi
capelli!)

Vediamo come formare il "present perfect".


Formiamo il "present perfect" con "have" o "has" più un participio passato.
Tutte le persone hanno la stessa forma, eccetto la terza persona singolare che cambia
da "have" a "has".

Osserva questi esempi:


I have worked hard all day (Io ho lavorato duramente tutto il giorno)
You have worked hard all day (tu hai lavorato duramente tutto il giorno)
He/she/it has worked hard all day (lui/lei/esso ha lavorato duramente tutto
il giorno)
We have worked hard all day (noi abbiamo lavorato duramente tutto il
giorno)
You have worked hard all day (voi avete lavorato duramente tutto il giorno)
They have worked hard all day (essi hanno lavorato duramente tutto il giorno)
Ora vediamo il participio passato di alcuni verbi regolari e irregolari.

180
Ricorda che tutti i verbi hanno tre forme: il simple present, il simple past e il
participio passato.
Iniziamo con esempi di verbi regolari
Simple Present Simple Past Past Participle
live lived lived (vivere)
visit visited visited (visitare)
rain rained rained (piovere)
change changed changed (cambiare)
In verbi regolari sia il passato che il participio passato hanno la stessa forma

E ora vediamo alcuni esempi di verbi irregolari


Simple Present Simple Past Past Participle
go went gone (andare)
eat ate eaten (mangiare)
see saw seen (vedere)
make made made (fare)
Ora, vediamo esempi del present perfect con verbi regolari e irregolari.
I have lived in this house all my life. (Vivo in questa casa da tutta la mia vita)
We have visited all the countries in Europe. (Abbiamo visitato tutti i paesi di
Europa)
It has rained a lot this year. (Ha piovuto molto quest'anno)
She has gone to the hairdresser's. (È andata dal parrucchiere)
I have never eaten snails. (Non ho mai mangiato lumache)
I have seen all Woody Allen's films. (Ho visto tutti i film di Woody Allen)
You have made a lot of mistakes in this report. (Hai fatto molti errori in questo
rapporto)
He has smoked twenty cigarettes today. (Ha fumato 20 sigarette oggi)
We have seen three films this month. (Abbiamo visto tre film questo mese)

Ora vediamo il Present Perfect in frasi negative.


Ricorda che have e has sono verbi ausiliari, quindi formiamo la frase negativa solo
aggiungendo not (have not/has not).
Nella forma contratta usiamo haven't o hasn't.
Osserva questi esempi:
I haven't seen him today (Non l'ho visto oggi)
I haven't seen him this morning. (Non l'ho visto questa mattina)
I haven't seen him all week. (Non lo vedo da tutta la settimana)
I haven't seen him lately. (Non l'ho visto recentemente)
I haven't seen him since Saturday. (Non lo vedo da sabato)
I haven't seen him for three days. (Non lo vedo da tre giorni)
Nota l'uso delle espressioni di tempo today, this morning, all week, lately, since
Saturday, for three days. Tutte indicano periodi di tempo non finiti.
Ricorda che se parliamo di un evento finito, e diciamo quando è accaduto non usiamo

181
il "present perfect". Usiamo il "simple past".

Osserva questi due esempi di frasi negative nel passato.


I did not see him yesterday. (Non l'ho visto ieri)
I did not see him last week. (Non l'ho visto la settimana scorsa)
Per formare frasi negative al passato usiamo l'ausiliare did.

Per finire, vediamo domande e risposte brevi con il "present perfect".

Per fare domande, have o has vanno prima del soggetto.


Osserva questi due esempi in forme affermative e interrogative.
You have seen him (L'hai visto) Have you seen him? (L'hai visto?)
She has arrived (È arrivata) Has she arrived? (È arrivata?)

Le risposte brevi a domande con il "present perfect" sono molto semplici.


Osserva:
Have you seen him yet? Yes, I have. (Lo hai già visto? Sì)
Has she arrived yet? No, she hasn't. (È già arrivata? No)
Has the post come yet? Yes, it has. (È già arrivata la posta? Sì)

182
Lezione 86 (insegnante Ella)

Since, for, just

Oggi impareremo le parole since (da), for (per) e just (appena).


Normalmente usiamo queste preposizioni con il present perfect che hai imparato nella
precedente unità 85.

Iniziamo dalla preposizione since.


Since significa da un particolare punto del tempo passato fino al presente.
Per esempio:
since 1986 (dal 1986)
since January (da gennaio)
since I was fifteen. (da quando avevo 15 anni)
since I got married (da quando mi sono sposato)

Guarda questi esempi di present perfect con since.


I have been here since 1986. (Sono qui dal 1986)
She has been at the hairdresser's since 11 o'clock. (È dal parrucchiere dalle 11)
We have worked together since we left school. (Abbiamo lavorato insieme da
quando abbiamo lasciato la scuola)
I have been a teacher since I left university. (Sono insegnante da quando ho
lasciato l'università)
They have been married since 1967. (Sono sposati dal 1967)

Ora, vediamo la preposizione for.


Usiamo la parola for quando vogliamo indicare un periodo di tempo.
Per esempio: for two hours (per due ore)
for three days (per tre giorni)
for six months (per sei mesi)
for nine years (per nove anni)

Vediamo questi esempi di present perfect con for.


She has worked here for six months. (Ha lavorato qui per sei mesi)
I have been a teacher for a long time. (Sono stato insegnante per lungo tempo)
He has had this car for five years. (Ha avuto questa macchina per 5 anni)
They have lived in Dublin for nine months. (Hanno vissuto a Dublino per nove
mesi)

Attenzione! È un errore comune utilizzare since + ago al posto di for.


Dovresti dire I have been married for twenty years. (Sono stato sposato per venti
anni)

183
Ti do un altro esempio
Non dire mai: We have had this car since six months ago.
Ma devi dire: We have had this car for six months. (Abbiamo questa macchina da
sei mesi)

Osserva il present perfect con just.


Quando parliamo di qualcosa successo pochissimo tempo fa, usiamo just.
Just si posiziona tra il verbo to have e il participio passato.

Osserva questi esempi:


I have just been in the bank. (Sono appena stato in banca)
He has just phoned me. (Mi ha appena telefonato)
You have just eaten my sandwich! (Hai appena mangiato il mio panino!)
They have just arrived. (Sono appena arrivati)
He has just got married. (Si è appena sposato)

Ora, osserva altri esempi del present perfect con since, for e just.
He has studied French for three months. (Ha studiato francese per tre mesi)
She has played the piano for a year. (Ha suonato il piano per un anno)
You have been away since January. (Sei stato via da gennaio)
I have been here since four o'clock. (Sono stato qui dalle quattro)
They have just started the meeting. (Hanno appena iniziato la riunione)
She has just finished her studies. (Ha appena terminato i suoi studi)

184
Lezione 87 (insegnante Fabiola)

Not yet, still not, never

Oggi studieremo le espressioni not yet (non ancora), still not (ancora no) e never
(mai).

Cominciamo con not yet.


Not yet è un'espressione che indica che abbiamo intenzione di fare qualcosa ma che
fino ad ora non l'abbiamo conclusa. Si usa soprattutto nelle domande e nelle frasi
negative.
Vediamo un esempio.
Are you ready? Not yet. (Sei pronto? Non ancora)
In frasi interrogative e nelle risposte con l'espressione not yet, have not o has not, si
usano generalmente nella loro forma contratta e yet va alla fine della domanda o della
frase.
Vediamo alcuni esempi:
Haven't you seen him yet? (Non lo hai visto?)
I haven't seen him yet. (Non l'ho ancora visto)
Hasn't she arrived yet? (Lei non è ancora arrivata?)
She hasn't arrived yet. (Lei non è ancora arrivata)
Hasn't the post come yet? (Non è ancora arrivata la posta?)
It hasn't come yet. (Non è ancora arrivata)

Nelle frasi interrogative e negative si può anche usare un'altra espressione.


Vediamo l'espressione still not.
Still not è un'espressione più enfatica per dire "not yet".
Si usa per enfatizzare il fatto che un'azione incompleta che abbiamo intenzione di
terminare non ha ancora avuto luogo e da alla frase un'accezione di grande sorpresa o
impazienza.
I still haven't seen this film! (Non ho ancora visto questo film!)
It's 11 p.m. and you still haven't finished you homework! (Sono le 11 di sera e
tu non hai ancora finito i compiti!)

Come puoi vedere, still not segue la stessa struttura usando have not o has not nella
loro forma contratta.
Tuttavia, in questo caso still va prima di have o has.
Abbiamo visto due espressioni per parlare di eventi che ancora non sono accaduti ma
che si desidera compiere.

Vediamo ora un'altra espressione molto comune: never.


Never si usa per parlare di qualcosa che non è accaduto anteriormente.

185
In inglese non esiste la doppia negazione, per questo se in una frase vi è n ever non
possiamo usare not .

Vediamo alcuni esempi.


I have never been to the States. (Non sono mai stato negli Stati Uniti)
She has never eaten oysters. (Lei non ha mai mangiato ostriche)
You have never told me you love me. (Non mi hai mai detto che mi ami)
Ancora una volta, come vedi, have ed has possono essere usati con l'espressione
never.

Vediamo qualche altro esempio:


He has never had a girlfriend. (Non ha mai avuto una fidanzata)
We have never liked opera. (Non ci è mai piaciuta l'opera)
They have never invited us to dinner. (Non ci hanno mai invitato a cena)

186
Lezione 88 (insegnante Ben)

Yet nelle domande, still e already

Oggi studieremo quando e come usare yet (già/ancora), already (già/ancora) e still
(ancora).
Cominciamo con l'uso di yet.

Yet, still e already possono essere usati tutti per parlare di cose che stanno accadendo,
o ci si aspetta che accadano, intorno al presente.
Perciò, usiamo queste parole per esprimere in che modo qualcosa è in relazione con il
presente.
Have you seen him yet? (Già lo hai visto?)

Yet si usa nelle domande per chiedere se qualcosa è accaduto. Va alla fine della frase.
Vediamo qualche altro esempio:
Has the post come yet? (È già arrivata la posta?)
Has she arrived yet? (Lei è già arrivata?)
Have we received the bill yet? (Abbiamo già ricevuto la bolletta?)
Have they found a new house yet? (Hanno già trovato una nuova casa?)

Yet si usa inoltre nelle frasi negative.


Una risposta negativa all'ultima domanda potrebbe essere:
No, they haven't found a new house yet. (No, non hanno ancora trovato casa)
L'uso di yet è semplice, vero?
Ricorda però che quando rispondiamo a domande in modo affermativo, non usiamo
yet. Usiamo invece already.
Vediamo, quindi, come si usa already
Already fa riferimento al presente o al passato ma non al futuro.

Esercitiamoci a formulare risposte con already alle domande espresse con yet:
Have you seen him yet? (Già lo hai visto?)
Yes, I have already seen him. (Sì, l'ho già visto)
Has the post come yet? (È già arrivata la posta?)
Yes, the post has already come. (Sì, è già arrivata)
Has she arrived yet? (Lei è già arrivata?)
Yes, she has already arrived. (Sì, è già arrivata)
Have we received the bill yet? (Abbiamo ricevuto la bolletta?)
Yes, we have already received the bill. (Sì, l'abbiamo ricevuta)
Have they found a new house yet? (Hanno già trovato una nuova casa?)
Yes, they have already found a new house. (Si, l'hanno già trovata)

Nota che already va di solito tra l'ausiliare e il verbo principale

187
Ecco degli altri esempi.
I've already been to your house. (Sono già stato a casa tua)
I have already eaten twice today. (Ho già mangiato due volte oggi)
Bene, abbiamo imparato come usare yet e already.

Vediamo ora come usare still.


Usiamo still per indicare che una situazione o azione continuano.
Osserva come di solito la sua posizione è tra il verbo ausiliare e quello principale
Ad esempio: We're still living in London. (Viviamo ancora a Londra)

Tuttavia possono essere usati anche al "simple present".


Ad esempio:
I still have a lot of work to do. (Ho ancora molto lavoro da fare)
He already has a girlfriend. (Lui ha già una ragazza)

E al "present continuous".
Ad esempio:We are already working on the project. (Stiamo già lavorando al
progetto)

188
Lezione 89 (insegnante Ben)

Ever, how long

Oggi vedremo come si usano le espressioni ever (mai) e how long? (quanto tempo?).
Cominciamo imparando come usare il termine ever.
Il termine ever si usa di solito nelle domande e significa "nessuna volta finora"
Ad esempio:
Has she ever been to Japan? No, she hasn't (Lei è mai stata in Giappone? No)
Have you ever met a famous person? Yes, I have. (Hai mai incontrato un
personaggio famoso? Sì)
Nota che il tempo usato è il present perfect.
Ricorda che nelle risposte al presente si usa Yes o No con il verbo ausiliare alla prima
o terza persona, have ed has.
È facile, vero?
Have you ever been in hospital? No, I haven't. (Sei mai stato in ospedale? No)
Quindi quando usiamo la parola ever, la poniamo tra il verbo ausiliare have o has e il
participio passato del verbo principale.
È possibile dare anche delle risposte leggermente diverse.
Ad esempio:
Have you ever eaten octopus? No, never. (Hai mai mangiato il polpo? No, mai)

Bene, ora che conosciamo le regole sull'uso di ever, vediamo degli esempi.

Nota che usiamo il present perfect per dare o chiedere informazioni, o per annunciare
un evento recente.
Have you ever met a famous person? Yes, I have . (Hai mai incontrato un
personaggio famoso. Sì)
Si potrebbe dire: Si, l'ho incontrato ma nel caso si continui a parlare di questo evento
si usa, allora, il simple past.
Ad esempio
Oh, who did you meet? I met the prime minister . (Oh, chi hai incontrato? Ho
conosciuto il Primo Ministro?)

Ecco ancora degli esempi:


Have you ever been to Japan? Yes, I have (Sei mai stato in Giappone? Sì, ci sono
stato)
Oh, when were you there? In 1994 (Oh, quando sei stato? Nel 1994)
Have you ever eaten octopus? Yes, once (Hai mai mangiato polpo? Sì, una volta)
How did you like it? Very much. (Ti è piaciuto? Molto)
Have you been in hospital? Yes, I have. (Sei mai stato in ospedale? Sì, ci sono
stato)
Why were you there? A car accident. (Perchè? Per un incidente stradale)

189
Passiamo adesso a vedere l'uso di how long (quanto tempo).
Anche con l'espressione "How long" si usa spesso il present perfect.
Ad esempio:
How long have you lived here? (Da quanto tempo vivi qui?)
How long have you had this dog? (Da quanto tempo hai questo cane?)
L'espressione How long è usata per misurare il tempo.
Ad esempio:
How long have your neighbours had a satellilte dish? (Da quanto tempo i tuoi
vicini hanno un'antenna parabolica?)
How long has Jerry been in the States? (Da quanto tempo Jerry è negli Stati
Uniti?)
È semplice, vero?

Ma se l'azione di cui stiamo parlando non continua nel presente, usiamo allora il
simple past invece che il present perfect.
Ad esempio:
How long did you live here? (Quanto tempo hai vissuto qui?)
How long did you have that dog? (Per quanto tempo hai avuto quel cane?)

190
Lezione 90 (insegnante Ella)

Simple Past versus Present Perfect

Oggi impareremo quando usare il Simple Past e quando utilizzare il Present Perfect.
Cominciamo osservando il Simple Past.
Usiamo il Simple Past per chiedere o dire quando è successo qualcosa.
Lo usiamo per parlare di un tempo finito nel passato.
Per esempio: I bought it last week. (La settimana scorsa ho comprato)
Poichè l'azione è terminata, si usa l'avverbio di tempo finito: "last week" (la settimana
scorsa).
Altre espressioni che indicano un tempo finito:
last month (mese scorso)
three days ago (tre giorni fa)
yesterday (ieri)
at nine o' clock (alle nove)
Diamo un'occhiata ad altre frasi con il Simple Past.
She got married last month. (Si è sposata il mese scorso)
He arrived at nine o'clock. (Arrivò alle nove)
We didn't have a holiday last year. (L'anno scorso non abbiamo avuto vacanze)
We got married ten years ago (Ci siamo sposati dieci anni fa)
Continuiamo.

Osserviamo il Present Perfect.


Usiamo il Present Perfect per parlare di un'azione recente, senza dire quando è
successa.
Ad esempio la frase I have bought a computer (Ho comprato un computer) non
dice quando avviene l'azione.
Usiamo il Present Perfect anche per azioni che cominciano nel passato e continuano
nel presente.
Pertanto, si usano spesso espressioni come for, ever, before, never, yet e just.
Per esempio:Has she got married yet? (Già è sposata?)
He's just arrived. (È appena arrivato)
We've never had a holiday (Non abbiamo mai avuto vacanze)
We've been married for ten years (Siamo sposati da dieci anni)
Adesso è il momento di esercitarsi.

Vediamo il Simple Past e confrontiamolo con il Present Perfect.


Confronta queste due frasi
I finished my exams on Friday. (Ho finito gli esami venerdì)
I haven't finished my exams yet. (Non ho ancora finito gli esami)
La prima frase è con il simple past perchè il periodo di tempo "on Friday" (venerdì)
in questo contesto indica un tempo finito.

191
La seconda frase è con il Present Perfect perchè il periodo di tempo "yet" (ancora)
indica che l'azione continua nel presente.

Ecco un altro esempio


You read that book last year (Hai letto quel libro l'anno scorso) è SIMPLE PAST
mentre Have you read that book yet? (Hai già letto quel libro?) è PRESENT
PERFECT.
Diamo un'occhiata ad altri esempi di Simple Past versus Present Perfect - confronti
Simple Past
I saw the film again yesterday. (Ieri ho visto di nuovo il film)
Present Perfect
I've seen the film three times. (Ho visto tre volte il film)
Simple Past
She went home half an hour ago. (È tornata a casa mezz'ora fa)
Present Perfect
She's gone home. (È andata a casa)
Simple Past
It didn't rain yesterday. (Ieri non ha piovuto)
Present Perfect
It hasn't rained today. (Oggi non ha piovuto)
Simple Past
Did you see Robert last week? (Hai visto Robert la settimana scorsa?)
Present Perfect
Have you seen Robert this week? (Hai visto Robert questa settimana?)
Simple Past
They didn't play last month. (Non hanno giocato il mese scorso)
Present Perfect
They haven't played this month. (Non hanno giocato questo mese)
Simple Past
When did you buy your car? (Quando ti sei comprato la macchina?)
Present Perfect
How long have you had your car? (Da quanto tempo hai la tua macchina?)
Simple Past
I was a smoker for ten years. (Sono stato un fumatore per dieci anni)
Present Perfect
I have always been a smoker. (Sono sempre stato un fumatore)
Simple Past
They won the league in 1994. (Hanno vinto il campionato nel 1994)
Present Perfect
They've won the league. (Hanno vinto il campionato)

192
Lezione 91 (insegnante Graham)

Inglese britannico e inglese americano

Oggi impareremo le differenze tra l'inglese americano e quello britannico.


Cominciamo mettendo a confronto le differenze grammaticali tra l'inglese americano
e quello britannico. Sebbene l'inglese americano e quello britannico sono molto
simili, ci sono alcune differenze in quanto a grammatica, espressioni idiomatiche e
vocabolario.

Cominciamo dalle differenze grammaticali.


Per prima cosa, nell'inglese britannico le forme I've got/I haven't got/Have you
got? sono quelle più usate, mentre nell'inglese americano sono più comuni I have/I
don't have/Do you have?
Ad esempio la domanda Have you got the time? (Sai l'ora?) si usa in inglese
britannico mentre in inglese americano si usa Do you have the time?
La frase in inglese britannico I haven't got any money (non ho soldi) sarebbe I
don't have any money in inglese americano.

Vediamo le differenze tra inglese britannico e inglese americano relative al Present


Perfect.
Forse la differenza grammaticale più importante tra inglese britannico e inglese
americano consiste nel diverso uso del Present Perfect e del Simple Past.
In inglese britannico si usa il Present Perfect per dare notizie o esprimere eventi
recenti.
Ad esempio I have just bought a computer (Ho appena comprato un computer)
Inoltre in inglese americano è possibile usare il Simple Past in contesti in cui il tempo
non è ben specificato come con already, yet e before.
Ad esempio: Did you see this film yet? (Hai già visto questo film?)
Mentre in questi casi in inglese britannico si usa il Present Perfect
Have you seen this film yet?

Inglese britannico Inglese americano


We didn't see him yet (Non lo abbiamo ancora visto) We haven't seen him
yet
He already went home (È gia andato a casa) He has already gone
home

Passiamo ora alle differenze tra inglese britannico e inglese americano relative al
verbo to have.
In inglese britannico si usa spesso il verbo to have più un oggetto per parlare di
azioni ed esperienze.

193
Esempio: Have a bath. (fare un bagno)
In inglese americano, in questi casi si usa invece to take più un oggetto.
Esempio: Take a bath.
In questo tipo di espressioni il significato esatto di queste frasi dipende dal sostantivo
che segue.
Ad esempio:
inglese britannico inglese americano
Let's have a break (facciamo una pausa) Let's a take a break
I had a shorter before I left I took a shower before I left
(Ho fatto la doccia prima di uscire)
I'll have a coffee (Prendo un caffè) I'll take a coffee

Ora conosciamo le differenze grammaticali più comuni, vediamo anche le differenze


relative al vocabolario.
Ci sono molte differenze di vocaboli tra l'inglese britannico e quello americano.
Vediamo alcuni esempi.
Inglese britannico Inglese americano
autumn (autunno) fall
I love the autumn (Amo l'autunno) I love the fall
biscuit (biscotto) cookie
Would you like a biscuit? (Vorresti un biscotto?) Would you like a cookie?
rubbish (spazzatura) garbage
Did you take out the rubbish? Did you take out the
(Hai portato fuori la spazzatura) garbage?
holiday (vacanza) vacation
When are you going on holiday? When are you going on
(Quando andrai in vacanza?) vacation?

Esistono molti altri esempi ma per ora passiamo ad altro.

Vediamo le differenze tra inglese britannico e inglese americano relative alle


espressioni con le preposizioni.
Nel confronto tra inglese britannico e inglese americano è importante notare anche la
differenza nell'uso delle preposizioni in alcune espressioni.

Ad esempio l'espressione britannica "check something " (controllare qualcosa) in


inglese americano viene espressa con "check something out".
L'espressione britannica "do something again " (fare di nuovo qualcosa) si esprime
con "do something over" in inglese americano.
L'espressione britannica "meet somebody" (conoscere/incontrare qualcuno) si
esprime con "meet with semebody" in inglese americano. Lo stesso accade con
"visit somebody" (andare a trovare qualcosa) in inglese britannico corrisponde a
"visit with somebody" in inglese americano.

194
Monday to Friday (da lunedi a venerdì) in inglese britannico equivale a "Monday
through Friday" in inglese americano.

Abbiamo quasi concluso.


Solo un paio di osservazioni ancora.

At home (a casa) in inglese britannico equivale semplicemente a "home" in inglese


americano. Allo stesso modo "on Mondays" (il lunedì) in inglese britannico
corrisponde solo a "Mondays" in inglese americano.

195
Lezione 92 (insegnante Graham)

Present Perfect Continuous

Oggi impareremo il Present Perfect Continuous (passato prossimo progressivo).


Ma prima, rivediamo insieme alcune cose.
Nell'unità 37 abbiamo studiato il presente progressivo.
Vediamo un esempio: I am working. (Sto lavorando)
Usiamo il presente progressivo per parlare di azioni che stanno accadendo nel
momento stesso in cui si parla.
Diamo uno sguardo anche in avanti.
Nell'unità 109 studieremo il passato progressivo.
Ad esempio: I was working (stavo lavorando).
Il passato progressivo si usa per parlare di azioni che sono accadute in un momento
specifico del passato.

Concentriamoci, ora, nel tempo verbale di oggi: il Present Perfect Continuous.


Usiamo il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è iniziata nel
passato ma che continua ancora nel presente.
It has been raining since seven o'clock (piove dalle sette). E continua a piovere
ancora adesso!
Il Present Perfect Continuous è formato da has o have più been più un verbo alla -ing
form.
Ecco un altro esempio: He has been studying English for three years. (Studia
inglese da tre anni)
Ricorda che been è un tempo passato. È il participio passato di to be. Ogni verbo
nella forma progressiva è composto sempre dal verbo to be.

Ora ti darò un consiglio importante.

Vediamo il Present Perfect Simple versus il Present Perfect Continuous.


Osserva questi due esempi.
Present Perfect Simple
They've lived there for twenty years (Essi hanno vissuto lì venti anni)
Present Perfect Continuous
They've been living there for twenty years (Essi vivono qui da venti anni)
Entrambe le forme sono corrette e hanno lo stesso significato.
Ma è più corretto usare il Present Perfect Continuous quando l'azione è ancora in atto.

Vediamo ora le domande con il Present Perfect Continuous.


Il Present Perfect Continuous si usa spesso nelle domande per sapere da quanto
tempo ha luogo qualcosa.

196
Vediamo degli esempi:
How long have you been working at the bank? Since January. (Da quanto
tempo lavori in banca? Da gennaio)
How long has it been snowing? All morning (Da quanto tempo è nevicato? Tutta
la mattina)
How long have they been living in Spain? Three years .(Da quanto tempo
vivono in Spagna? Tre anni)
Osserva come, nelle domande, usiamo gli ausiliari has o have prima del soggetto.

Compariamo adesso questi esempi.


Il primo è al passato semplice e il secondo al Present Perfect Continuous.
How long did you live in Germany? (Quanto tempo hai vissuto in Germania?)
I lived in Germany for a year. (Ho vissuto in Germania un anno)
In questo caso il soggetto non vive più in Germania.
How long have you been living in Germany? (Da quanto tempo vivi in
Germania?)
I have been living in Germany for a year. (Vivo in Germania da un anno)
In questo caso invece il soggetto vive ancora in Germania.

Vediamo ora la forma negativa del Present Perfect Continuous.


Così come per il passato prossimo, le frasi negative si formano anche in questo caso
aggiungendo not dopo l'ausiliare have o has. Ricorda che la contrazione di has not è
hasn't e la contrazione di have not è haven't.
I haven't been studying long. (Non ho studiato molto tempo)
I haven't been living in that house more than a year. (Non ho vissuto in quella
casa più di un anno)

Vediamo infine degli altri esempi con il Present Perfect Continuous.


How long have you been reading the Times? (Da quanto tempo stai leggendo
The Times?)
How long have they been collecting stamps? (Da quanto tempo hanno
collezionato francobolli?)
How long have you been taking this medicine? (Da quanto tempo prendi questa
medicina?)
I've been working here for ten years. (Lavoro qui da dieci anni)
She's been studying French since January. (Lei studia francese da gennaio)
We've been travelling around the world for nine months. (Stiamo viaggiando
per il mondo da nove mesi)
They've been looking for a flat for six weeks. (Cercano un appartamento da sei
settimane)
He's been writing that report since Tuesday. (Sta scrivendo quella relazione da
martedì)

197
Lezione 93 (insegnante Fabiola)

Le abitudini

Oggi impareremo a parlare delle abitudini


Cominciamo con l'espressione used to.
Cominciamo con un esempio. We used to live in London until we moved to
Spain. (Vivevamo a Londra, finchè non ci siamo trasferiti in Spagna)
used è il passato del verbo to use ma l'espressione used to ha un significato
completamente differente. Lo usiamo per parlare di cose che accadevano in passato
ma che non accadono più.
Ricorda: used to è sempre seguito da un verbo all'infinito senza to.

Vediamo un altro esempio


I used to smoke, but I gave it up two years ago. (Fumavo ma ho smesso due
anni fa)
He used to be fat, but now he's quite slim. (Era grasso, ma ora è alquanto
magro)

Come formiamo domande e frasi negative con used to?


Prima vediamo le frasi negative con used to.
Per dire che non avevamo una certa abitudine, o non eravamo soliti fare qualcosa nel
passato, aggiungiamo semplicemente l'ausiliare did e la negazione not prima di used
to, did not use to e perchè risulti più naturale possiamo usare la contrazione didn't
(didn't use to)

Vediamo alcuni esempi


I didn't use to like jazz, but now I do. (Non mi piaceva il jazz, ma ora mi piace)
You didn't use to smoke (Tu non fumavi!)
We didn't use to see them very often (Noi eravamo soliti vederli spesso)
È importante sottolineare che quando usiamo l'ausiliare did il verbo deve essere
all'infinito senza il to, in questo caso, use senza la d.

Vediamo ora la forma interrogativa con used to.


Per fare domande usiamo anche l'ausiliare did, ponendolo prima di use to.
In questo modo:
Did you use to play football at school? Yes, I did (Giocavi a calcio a scuola? Sì)
Did they use to get on well? No, they didn't. (Andavano d'accordo? No)
Where did they use to live? In London (Dove vivevano? A Londra)

Vediamo un esempio con una tag question: You used to work in the computer
business, didn't you? (Lavoravi nell'area informatica, vero?)

198
Passiamo ora a qualcosa di diverso,
Vediamo l'espressione to be used to.
Usiamo l'espressione to be used to per riferirci ad abitudini o cose per noi consuete.
Se una persona è abituata a qualcosa vuol dire che lo stesso le risulta familiare; lui o
lei lo ha vissuto o fatto tante volte che non rappresenta nulla di nuovo o strano.

Vediamo alcuni esempi:


I'm used to the weather in England. (Sono abituato al tempo che fa in Inghilterra)
He's used to long working hours. (Lui è abituato a molte ore di lavoro)
We're used to the noise of the traffic. (Siamo abituati al rumore del traffico)
L'espressione "to be used to" può essere seguita da sostantivi, come negli esempi, ma
anche dalle forme in -ing.

Vediamo alcuni esempi:


I'm used to working on Sunday (Sono abituato a lavorare la domenica)
She's not used to waking up early (Lei non è abituata ad alzarsi presto)
They are used to living in the States. (Essi sono abituati a vivere negli Stati Uniti)

Per finire, vediamo come si usa l'espressione to get used to


Osserva la differenza tra queste due frasi:
I am used to the weather in England. (Sono abituato al tempo che fa in
Inghilterra)
I got used to the weather in England easily (Mi sono abituato facilmente al
tempo che fa in Inghilterra)
Nella prima frase, stiamo affermando che siamo già abituati a qualcosa.
Nella seconda frase stiamo affermando che il processo di abituarsi al tempo che fa in
Inghilterra è stato semplice, per questo usiamo il verbo to get.
Il verbo to get in inglese britannico corrisponde a get - got - got, mentre in inglese
americano equivale a get - got – gotten.

Vediamo come si usa l'espressione to get used to in diversi tempi verbali:


Simple Present
I get used to new things easily. (Mi abituo facilmente alle cose nuove)
Simple Past
I got used to that difficult situation. (Mi sono abituato a quella situazione
difficile)
Present Perfect (britannico)
I have got used to living without a car. (Mi sono abituato a vivere senza la
macchina)
Present Perfect (americano)
I have gotten used to living without a car. (Mi sono abituato a vivere senza la
macchina)

199
Vediamo ancora qualche esempio, solo per essere sicuri.

I can't get used to the new timetable. (Non riesco ad abituarmi al nuovo orario)
I'm getting used to being retired. (Mi sto abituando alla vita da pensionato)
We've got used to the language very quickly. (Ci siamo abituati alla lingua molto
rapidamente)

200
Lezione 94 (insegnante Sarah)

Il Past Perfect

Oggi impareremo ad usare il Past Perfect


Hai già studiato un altro tempo verbale del "past" ossia il Present Perfect nell'unità
85.
Per renderti più facile la comprensione del Past Perfect cominceremo mettendo a
confronto questi due tempi verbali.
Vediamo la frase: I have worked here for thirty years (Lavoro qui da trenta anni) è
al Present Perfect; ma questa frase I had worked here for thirty years (Avevo
lavorato qui per trenta anni) è invece al Past Perfect.
Nota che per formare il Past Perfect usiamo l'ausiliare had seguito da un participio
passato.
Ricorda che il participio passato è la terza forma del verbo
Per esempio WORK WORKED WORKED
È semplice, vero?

Vediamo allora adesso alcuni esempi con il Past Perfect.


He had been married three times when I met him (Lui era stato sposato tre volte
quanto lo conobbi)
Il verbo principale di questa frase è to be e il participio passato del verbo to be è
been.

Ti faccio un altro esempio


You had left when I arrived at the office. (Eri già andato via quando sono
arrivato in ufficio)
In questa frase usiamo il participio passato del verbo to leave (andare via).
Vediamo il presente, il past simple e il participio passato di questo verbo:
LEAVE LEFT LEFT
Ricorda che ti darò le tre forme del verbo al participio passato.
She had seen the Louvre, so we went to the Eiffel Tower. (Lei aveva visto il
Louvre, per questo andammo a vedere la Torre Eiffel)
SEE SAW SEEN
We had spent all our money by the time the sales finished (Avevamo speso tutti
i nostri soldi quando finirono i saldi)
SPEND SPENT SPENT
You had gone home when we arrived at the pub. (Tu eri andato a casa quando
noi arrivammo al pub)
GO WENT GONE
They had parked their car on the pavement. The police took it away.
(Avevamo parcheggiato l'auto sul marciapiede. La polizia la rimosse)
PARK PARKED PARKED

201
OK, ora come si formano le frasi affermative al Past Perfect?

Vediamo ora la forma negativa del Past Perfect.


Dato che il Past Perfect si forma con l'ausiliare had dobbiamo aggiungere
semplicemente not e dire had not che, contratto, diventa hadn't.
Per esempio
I had not seen this film before. (Non avevo visto questo film prima)
They hadn't expected to see so many people (Non si sarebbero aspettati di vedere
così tante persone)
She hadn't liked the film the first time she saw it (Non le era piaciuto il film la
prima volta che lo vide)
Ma osserva questo esempio:
I had never eaten paella before I came to Spain. (Non avevo mai mangiato la
paella prima di venire in Spagna)
Possiamo formare frasi negative anche con l'avverbio never (mai).

Andiamo avanti e passiamo all'uso del Past Perfect nella forma interrogativa e nelle
risposte brevi.
Per formulare domande al Past Perfect occorre semplicemente posizionare l'ausiliare
had all'inizio della frase. E per rispondere con una risposta breve si usa "yes" o "no"
più il soggetto e il verbo had nella forma affermativa o negativa.
Vediamo alcuni esempi.
Had you learned Spanish before you came here? Yes, I had (Avevi studiato
spagnolo prima di venire qui? Sì)
Had you taught English in any other country? No, I hadn't (Avevi insegnato
inglese in qualche altro paese prima? No)
Had your wife been to London before? Yes, she had. (Tua moglie era stata a
Londra, prima? Sì)
Had she been to Scotland? No, she hadn't. (Lei era stata in Scozia? No)

Vediamo come si usano ever e how long al Past Perfect nella forma interrogativa.
Proprio come per il Present Perfect anche al Past Perfect si possono formulare
domande con ever e how long.
Per esempio, osserva queste domande con ever.
Had you ever flown in a light aircraft before? (Avevi mai volato in un aereo
leggero prima?)
Had you ever had so many friends before? (Avevi mai avuto così tanti amici
prima?)
E queste domande con How long:
How long had you been married when you got divorced? (Da quanto tempo eri
sposata quando hai divorziato?)
How long had you studied law when you decided to start medicine? (Da
quanto tempo studiavi legge quando hai deciso di cominciare medicina?)

202
Lezione 95 (insegnante Fabiola)

I had just

Oggi impareremo ad usare JUST al Past Perfect.


Cominciamo ripassando l'uso di just al Present Perfect.
Nell'unità 86, abbiamo imparato ad usare il Present Perfect e just per parlare di
un'azione accaduta appena prima del momento presente.
Ad esempio: They have just arrived. (Sono appena arrivati)
Osserva la posizione di just tra have e il verbo principale arrive.
Ricorda anche che formiamo il Present Perfect con have o has e un verbo al Past
Participle.

Ma vediamo ancora degli esempi:


I have just been to the bank (Sono appena stato in banca)
He has just phoned me (Mi ha appena telefonato)
You have just eaten my sandwich! (Hai appena mangiato il mio panino!)

Passiamo ora all'uso di just con il Past Perfect.


Come nel caso del Present Perfect anche al Past Perfect si usa just per parlare di
un'azione che accade appena prima di un'altra azione nel passato.
Osserva questo esempio: I had just put the phone down when he called me.
(Avevo appena riattaccato il telefono quando lui mi ha chiamato)
Come vedi, questa frase descrive due azioni nel passato e la seconda accade subito
dopo la prima. Prima ho riattaccato il telefono e pochi secondi dopo lui mi ha
chiamato.

Vediamo altri due esempi:


We had just finished dinner when the film started. (Avevamo appena finito di
cenare quando cominciò il film)
He had just bought his car when he had an accident. (Aveva appena comprato la
macchina quando ebbe un incidente)

Con questo tempo verbale aggiungiamo just tra had e il verbo principale.
Ricorda che il Past Perfect è formato da had più il verbo al Past Participle.

Vediamo altri esempi di just con il Past Perfect.


She had just finished her shower when she heard a strange noise. (Aveva
appena finito di farsi la doccia quando sentì uno strano rumore)
The door had just closed behind him when the lights went out . (La porta si era
appena chiusa dietro di lui quando andò via la luce)
When she arrived, the bank had just closed. (Quando lei arrivò, la banca aveva
appena chiuso)

203
The old lady just died and the family met to hear the will. (La vecchia signora
era appena deceduta e la famiglia si incontrò per sentire il testamento)
I had just got on the bus when I saw you in your car. (Ero appena salito
sull'autobus quando ti ho vista nella tua macchina)
I had just cleaned the house when the children arrived. (Avevo appena pulito la
casa, quando arrivarono i bambini)
He had just finished his studies when he got a job offer. (Aveva appena finito
gli studi quando ricevette un'offerta di lavoro)
They had just bought their new car when they had an accident. (Avevano
appena comprato la macchina nuova quando ebbero l'incidente)
She had just left the hairdresser's when it started to rain. (Era appena uscita dal
parrucchiere quando cominciò a piovere)

204
Lezione 96 (insegnante Ella)

Il Past Perfect Continuous

Oggi studieremo il Past Perfect Continuous


Nell'unità 92 abbiamo studiato il Present Perfect Continuous, mettiamoli a confronto!
Vediamo quindi il Past Perfect Continuous versus il Present Perfect Continuous.
Ricorda che il Present Perfect Continuous si usa per parlare di una azione che è
iniziata nel passato e continua ancora nel presente.
Come questo esempio: I have been working. (Lavoro)
Il Present Perfect Continuous è formato da has o have a seconda della persona, il
participio passato del verbo to be, been più un verbo al gerundio (-ing form).

Sai quando si usa il Past Perfect Continuous?


Il Past Perfect Continuous si usa per indicare che un'azione è iniziata nel passato ed è
continuata fino ad un altro momento del passato.
Osserva questo esempio al Past Perfect Continuous
I had been working. (Avevo lavorato)
Il Past Perfect Continuous è formato dal verbo had, il participio passato del verbo to
be, been, più un verbo al gerundio (-ing form).

Entrambi si riferiscono ad un'azione che è iniziata nel passato ed è continuata per un


certo periodo di tempo. La differenza principale da notare è che il Past Perfect
Continuous si usa per esprimere un'azione che è iniziata nel passato, è durata un certo
tempo e che si è poi conclusa nel passato.
Una cosa importante da menzionare è che il Past Perfect si usa più frequentemente
nell'inglese britannico che in quello americano.
Andiamo avanti con degli esempi del Past Perfect Continuous nella forma
affermativa.

Vediamo dunque gli esempi


I had been working in my office all weekend. (Avevo lavorato in ufficio tutto il
finesettimana)
We had been going out together for three years when we got married.
(Uscivamo insieme da tre anni quando siamo sposati)
They had been training hard every day for a year, and they won the gold
medal. (Si erano allenati duramente tutti i giorni per un anno, e così vinsero la
medaglia d'oro)

Come vedi tutte queste azioni hanno avuto inizio nel passato, sono continuate, e
infine si sono concluse nel passato.

205
Vediamo ora la forma negativa del Past Perfect Continuous.
Come sempre, la forma negativa si forma aggiungendo "not" dopo il verbo, in questo
caso had.
Osserva questa frase negativa: She had not been working here long when she
got married and left. (Non lavorava qui da molto quando si è sposata ed è andata
via)
Nella forma contratta sarà:
She hadn' t been working here long when she got married and left.
Vediamo ancora degli esempi.
They hadn't been listening so they didn't understand the question. (Non
avevano ascoltato, per questo non capirono la domanda)
I hadn't been driving long when I had my first accident. (Non guidavo da molto
tempo quando ho avuto il mio primo incidente)
È stato facile, vero?

Bene, l'ultima cosa da vedere del Past Perfect Continuous è la forma interrogativa.
Vediamo degli esempi di frasi interrogative con questo tempo verbale e le rispettive
risposte brevi.
Had you been studying very much before you took the exam? (Avevi studiato
molto prima di fare l'esame?)
Yes, I had. (Sì)
Had they been drinking when they had the fight? (Avevano bevuto quando
hanno avuto la lite?)
No, they hadn't (No)
Had he been working hard when he had his heart attack? (Aveva lavorato molto
quando ebbe l'infarto?)
Yes, he had. (Sì!)
Come si vede, tutto ciò che bisogna fare è spostare had all'inizio della frase per creare
una domanda!

206
Lezione 97 (insegnante Ben)

Nomi composti con SOME

Oggi studieremo come e quando usare le parole composte con some (qualche)
Una parola composta è una parola formata da due o più parole, ma con un unico
significato.
È possibile formare molte parole composte con some.
Ad esempio:some + body = somebody (qualcuno)
some + one = someone (qualcuno)
some + thing = something (qualcosa)
some + where = somewhere (da qualche parte)
Ricorda che some si usa nelle frasi affermative, any, invece in quelle negative e
interrogative.
In questa unità ci concentreremo sulle parole composte con some.
Studieremo le parole composte con any nella prossima unità, l'unità 98.

Vediamo ora le parole composte somebody e someone.


Nota che le parole composte somebody e someone hanno lo stesso significato.
Per cominciare, vediamo alcuni esempi con somebody.
Somebody in this room is smoking. (Qualcuno sta fumando in questa stanza)
I'd like to meet somebody very rich. (Vorrei incontrare qualcuno molto ricco)
Why don't you ask somebody for a light? (Perchè non chiedi a qualcuno da
accendere?)

Ed ora alcuni esempi con someone.


I think there's someone in the house. (Penso ci sia qualcuno a casa)
Someone wants you on the phone. (Qualcuno ti cerca al telefono)
I know someone in New York. (Conosco qualcuno a New York)
Usare le parole composte somebody e someone è facile, vero?

Passiamo ora alle parole composte con something e somewhere.


Cominciamo con esempi di frasi con something.
Ouch! I have something in my eye. (Oh, ho qualcosa nell'occhio)
There's something strange about him. (C'è qualcosa di strano in lui)
She has something to tell you. (Lei ha qualcosa da dirti)

Ed ora degli esempi di frasi con somewhere.


I want to go somewhere sunny. (Voglio andare da qualche parte soleggiata)
He's from somewhere in the South. (È di qualche parte nel Sud)
My glasses are somewhere in this room. (I miei occhiali sono da qualche parte in
questa stanza)

207
Lezione 98 (insegnante Fabiola)

Le parole composte con ANY

In questa lezione impareremo le parole composte con any in frasi negative e


interrogative.
Vediamo le parole composte con any
Nella precedente unità, abbiamo visto come creare parole composte con some, e
queste ultime sono usate in frasi affermative.
Per esempio:
I think there is somebody in the house. (Credo che ci sia qualcuno in casa)
She has something to tell you (Ha qualcosa da dirti)
Usiamo parole composte con any in frasi negative dopo l'avverbio not e nelle
domande.

Iniziamo con le frasi negative e vediamo le possibili combinazioni:


not + any + body = not anybody (nessuno)
not + any + one = not anyone (nessuno)
not + any + thing = not anything (niente)
not + any + where = not anywhere (in nessun luogo)
not anybody e not anyone hanno lo stesso significato, sono usati per parlare di una
persona o più, not anything si riferisce a un oggetto e not anywhere si riferisce a un
luogo.

Ora vediamo queste parole composte con any usato in frasi negative.
Ora ci eserciteremo usando le parole composte che abbiamo appena formato in queste
frasi negative.
There wasn't anybody there who spoke Italian. (Non c'era nessuno lì che
parlasse italiano)
I don't have anyone to love. (Non ho nessuno da amare)
No, there isn't anything I like (No, non c'è niente che mi piaccia)
We won't have anywhere to park (Non abbiamo nessun posto per parcheggiare)

Ora vediamo come usare le parole composte con any nelle domande.
Vediamo tutte le possibili combinazioni usando any in parole composte con
domande:
any + body = anybody ... ? (nessuno... ?)
any + one = anyone ... ? (nessuno... ?)
any + thing = anything ... ? (qualcosa ...?)
any + where = anywhere ... ? (dove ... ?)

Ora, vediamo esempi di queste parole usate nelle domande.


Do you know anybody in the States? (Conosci qualcuno negli Stati Uniti?)

208
Does anyone want a cup of tea? (Qualcuno vuole una tazza di te?)
Do you want anything from the shops? (Vuoi qualcosa dai negozi?)
Is there a hospital anywhere near here? (C'è un ospedale da qualche parte, qui
vicino?)

Bene, ora osserva altri esempi di parole composte con any.


Si usano anche le parole composte anybody - anyone - anything - anywhere e
quando, chi, dove, cosa o quando non è importante.

Osserva queste frasi:


Anyone can ride a bike. It's easy! (Tutti possono andare in bici. È facile!)
Where are we going for our holidays? Anywhere you like. (Dove andiamo in
vacanza? Ovunque tu voglia)
We don't give prizes to anybody, you have to be a winner. (Non diamo premi a
tutti, devi essere un vincitore)
Don't buy just anything. Buy something nice. (Non comprare una cosa qualsiasi.
Compra qualcosa di bello)

209
Lezione 99 (insegnante Cristina)

Nomi composti formati da NO

Oggi studieremo i nomi composti formati da no


Iniziamo rivedendo quello che abbiamo studiato i nomi composti con some (alcuni) e
any (nessuno).
Ricorda che i nomi composti sono formati da due o più parole ma hanno un unico
significato.
Rivediamo i nomi composti formati da some
some + body = somebody (qualcuno)
some + one = someone (qualcuno)
some + thing = something (qualcosa)
some + where = somewhere (da qualche parte)
I nomi composti con some si usano nelle frasi affermative; in quelle interrogative e
negative si usano invece i nomi composti formati da any.

Vediamo i nomi composti formati da


any + body = anybody (nessuno)
any + one = anyone (nessuno)
any + thing = anything (niente)
any + where = anywhere (da nessuna parte)

Esistono anche dei nomi composti formati da no


Essi sono:
no + body = nobody (nessuno)
no + one = no - one (nessuno)
no + thing = nothing (niente)
no + where = nowhere (da nessuna parte)
Non vi è alcuna differenza tra nobody e no-one.
Si usano in frasi in cui il verbo è all'affermativo.
Ad esempio: I have no-one to love (Non ho nessuno da amare)
Mentre i nomi composti formati da any si usano in frasi negative in cui il verbo è,
appunto, alla forma negativa.
Osserva: I don't have anyone to love (Non ho nessuno da amare)

Vediamo ancora degli esempi di nomi composti formati da any e no.


Osserva attentamente i seguenti esempi facendo bene attenzione ai casi in cui usiamo
i nomi composti con any e quelli in cui usiamo i nomi composti con no.
There was nobody there who spoke Italian. (Non c'era nessuno che parlasse
italiano)
There wasn't anybody there who spoke Italian. (Non c'era nessuno che parlasse
italiano)

210
No, there's nothing I like. (No, non c'è niente che mi piaccia)
No, there isn't anything I like. (No, non c'è niente che mi piaccia)
We'll have nowhere to park. (Non avremo dove parcheggiare)
We won't have anywhere to park. (Non avremo dove parcheggiare)

Vediamo ora altri usi di no e none.


Ecco degli esempi sull'uso di no
I'm sorry, there's no tea, only coffee. (Mi dispiace, non c'è tè, solo caffè)
There were no newspapers yesterday. (Non c'erano giornali ieri)
We have eggs, but no bacon. (Abbiamo le uova ma non abbiamo la pancetta)
They played well, but scored no goals (Hanno giocato bene ma non hanno
segnato nemmeno un goal)

None è un pronome che si usa spesso per rispondere alla domanda How much ....?
How many... ?
Ad esempio:
How much milk is in the fridge? None (Quanto latte c'è in frigo? Non ce n'è
affatto)
How many children went to the zoo? None (Quanti bambini andarono allo zoo?
Nessuno)
Were there questions after the meeting? No, none. (Ci furono molte domande
dopo la riunione? No, nessuna)

Infine, vediamo ancora degli esempi con nomi composti formati da no

No-one wants the soup. It's cold. (Nessuno vuole la minestra. È fredda)
What's he saying? Nothing. (Che cosa sta dicendo? Niente)
There's nowhere to play tennis near my home. (Non c'è nessun posto dove si
possa giocare a tennis, vicino casa mia)
I'm sorry, there's nobody here at the moment. (Mi dispiace, non c'è nessuno qui
adesso)
I can't make you a sandwich because there is no bread. (Non posso prepararti un
panino perchè non c'era pane)
How many pound coins do you have on you? None (Quante monete hai in tasca
in questo momento? Nessuna)
Which report did you read? None (Quale rapporto hai letto? Nessuno)
No girls like playing rugby. (A nessuna ragazza piace giocare a rugby)

211
Lezione 100 (insegnante Ben)

Nomi composti con EVERY

Oggi impareremo ad usare i nomi composti con every (ogni).


Usiamo i nomi composti con every per riferirci a "tutto", "ciascun posto" o "ciascuna
persona".
Ad esempio usiamo la parola every + thing = everything (tutti)
every + where = everywhere (ovunque)
every + body = everybody (ognuno)
every + one = everyone (ognuno)
Rivediamo tutti questi nomi composti: tutti, ovunque, ognuno.
Come avrai notato le parole everybody ed everyone hanno lo stesso significato.
Bene, ora sappiamo come usare i nomi composti, formati da every.

Vediamo alcuni esempi.


Per prima cosa, vediamo degli esempi con la parola everything.
Everything he touches turns to gold. (Tutto ciò che lui tocca si trasforma in oro)
I'll take everything downstairs when I finish. (Quando finirò, porterò tutto di
sotto)
I always buy everything in the same supermarket. (Compro sempre tutto nello
stesso supermercato)

Ed alcuni esempi con la parola everywhere.


Their house is like a zoo, there are animals everywhere. (La loro casa è come
uno zoo, ci sono animali dappertutto)
Everywhere in Ireland, the people are very friendly. (In Irlanda le persone sono
molto socievoli ovunque)
There are nice little restaurants everywhere in Italy. (In Italia ci sono ovunque
ristorantini)

Infine alcuni esempi con everybody ed everyone.


Everybody likes chocolate. (A tutti piace il cioccolato)
Everyone I know speaks English. (Tutte le persone che conosco parlano inglese)
The police spoke to everybody in the bank. (La polizia parlò con tutti, nella
banca)
Will you ask everyone to come to my office? (Puoi chiedere a tutti di venire nel
mio ufficio)
Everybody needs good friends.(Tutti hanno bisogno di buoni amici)
She tells everyone her problems. (Lei racconta a tutti i suoi problemi)
È molto semplice, vero?

212
Lezione 101 (insegnante Fabiola)

Il pronome ONE

Oggi impareremo alcuni degli usi della parola one


Iniziamo a vedere ONE in funzione di pronome.

Iniziamo con un esempio.


Immagina che siamo al famoso Motor Show di Londra e stiamo parlando delle
macchine che vediamo: this car or that one? (questa macchina o quella macchina?)
Per non ripetere la parola "car" possiamo usare la seguente espressione: this one or
that one? (Questa qui o quella?)
Non possiamo dire this o that perchè questi aggettivi in inglese devono sempre
essere seguiti da un nome che può essere sia la parola car o la parola che la
sostituisce, in questo caso one .

Osserva quest'altro esempio di conversazione per capire meglio.


Personaggio 1: I want to buy a shirt. (Voglio comprare una camicia)
Personaggio 2: Do you want this one or that one? (Vuoi questa o quella)
Personaggio 1: That one, the green one. (Quella lì, la verde)
Come vedi parlano di camicie ma il nome è usato solo una volta e il pronome one è
usato al suo posto per evitare ripetizioni.
A seguire, un'altra conversazione.
Personaggio 1: I like that car. (Mi piace quella macchina)
Personaggio 2: Which one? This one? (Quale? Questa qui?)
Personaggio 1: No, that one. The blue one. (No, quella lì. Quella blu)

Ora osserviamo il plurale di one: ones


Usiamo ones per riferirci a nomi plurali.
Per esempio:
These ones or those ones? (Questi o quelli?)
Would you like the red apples or the green ones? (Vuoi le mele rosse o quelle
verdi?)

The green ones, please. (Quelle verdi per favore)


The red ones are very expensive. (Quelle rosse sono molto care)

E altri usi di ONE?


Vediamo la parola the prima di one e ones.
Osserva questa frase:
My car is that one on the left. (La mia macchina è quella a sinistra)
Possiamo usare anche la parola “the” invece di “that”, dando un significato simile.
My car is the one on the left. (La mia macchina è quella a sinistra)

213
A seguire altri esempi con nomi al singolare
Your drink is the one on the table. (La tua bibita è quella sul tavolo)
Brenda is the one in the red dress. (Brenda è quella con il vestito rosso)
I'll have the one in the middle. (Prenderò quello nel mezzo)

E qui alcuni esempi con nomi al plurale.


Our children are the ones on the right. (I bambini sono quelli a destra)
I prefer the ones in the window. (Preferisco quelli in vetrina)
How much are the ones up there? (Quanto costano queste qui sopra?)
Mine are the ones with the pink stripes. (I miei sono quelli con le striscie rosa)

Ora qual'è la differenza tra each one (ognuno) e everyone (tutti).


Prima di tutto, vediamo alcuni esempi con each one.
I have five cars, and each one is a different colour. (Ho cinque macchine e
ognuna è di diverso colore)
This dress comes in three styles, and each one is a different price. (Questo
vestito è in tre modelli, e ognuno ha un prezzo diverso)
He has four girlfriends, and each one speaks a different language. (Ha quattro
fidanzate e ognuna parla una lingua diversa)
In queste tre frasi usiamo each one poichè i soggetti hanno diversi colori, prezzi, ecc.

Osserva le seguenti tre frasi con every one.


She has six dresses, and every one is the same colour. (Ha sei vestiti, ognuno
dello stesso colore)
There are four cinemas, and every one is showing a horror film. (Ci sono
quattro cinema, e ognuno sta trasmettendo un film dell'orrore)
My four sisters are at university and every one is studying medicine. (Le mie
quattro sorelle sono all'università e ognuna sta studiando medicina)
In queste frasi, usiamo every one poichè i soggetti hanno lo stesso colore, studiano
la stessa cosa all'università, ecc.

Attenzione "everyone" scritto unito non è lo stesso che every one scritto separato.
EVERYONE si usa per riferirsi a persone e ha lo stesso significato di EVERYBODY.
"EVERY ONE" ha lo stesso significato di " ALL OF THEM " (tutti loro) e lo usiamo
per dare enfasi.

214
Lezione 102 (insegnante Ella)

L'avverbio ELSE

Oggi studieremo l'avverbio else.


La parola else si usa per indicare una persona, una cosa o un posto diverso, in più.
Ad esempio: I'm not writing the report, somebody else is doing it. (Non scrivo
la relazione, qualcun altro la sta facendo)
Not the cinema again! I want to go somewhere else. (Non al cinema di nuovo!
Voglio andare da qualche altra parte)

Come puoi vedere, "else" si usa dopo i nomi composti con some.
Si usa inoltre anche con any, no, every.
Vediamo i diversi usi dei nomi composti formati da else.
Iniziamo da else usato dopo i nomi composti relativi alle persone.
Per indicare una persona diversa o una cosa in più, si può combinare else con le
seguenti parole composte: somebody - someone - anybody - anyone - nobody -
no-one - everybody - everyone.
Body e one in questo contesto hanno lo stesso significato e possono essere usati
entrambi.
Ad esempio, si può dire:
Does anyone else want coffee? (Qualcun altro vuole del caffè?)
No-one else likes jazz except me. (A nessun altro piace il jazz tranne che a me)
Everybody else prefers classical music. (Tutti gli altri preferiscono la musica
classica)

Vediamo ora else dopo i nomi composti formati da thing.


Per indicare una cosa diversa o una in più si può combinare else con queste parole
composte: something - anything - nothing – everything.

Ecco degli esempi:


I' m not going to the party. (Non andrò alla festa)
I'm doing something else. (Farò un'altra cosa)
Would you like anything else? No, nothing else, thank you. (Vuoi
qualcos'altro? No, nient'altro, grazie)
I only like that painting. Everything else is depressing. (Mi piace solo quel
quadro. Tutto il resto è deprimente)

Vediamo ora else dopo i nomi composti formati da where.


Per indicare un posto diverso o in più else può essere combinato con le seguenti
parole composte: somewhere - anywhere - nowhere - everywhere.

215
Osserva questi esempi:
I'd like to go somewhere else for my holiday this year. (Mi piacerebbe andare
da qualche altra parte in vacanza quest'anno)
Do you know anywhere else that sells English books? (Conosci qualche altro
posto dove si vendono libri inglesi?)
There's nowhere else to go on Sunday, only the pub. (Non c'è nessun altro posto
dove poter andare la domenica, solo il pub)
That's right. Everywhere else is closed. (È vero. Da ogni altra parte è chiuso)

Vediamo infine altri esempi di nomi composti con else


Did anybody else want coffee? (Nessun altro ha voluto il caffè?)
Do you know anywhere else I can buy an English newspaper? (Conosci
qualche altro posto dove posso comprare un giornale inglese?)
I can't come to the meeting. I have something else to do. (Non posso venire alla
riunione. Ho qualcos'altro da fare)
Let's go to the park. Everywhere else is closed. (Andiamo al parco. Da ogni altra
parte è chiuso)
I'm the only one single here. Everybody else is married. (Sono l'unico single
qui. Tutti gli altri sono sposati)
There are only eggs in the fridge. Nothing else. (Ci sono solo uova nel frigo.
Nient' altro)
Nobody else wanted to go, so I stayed at home. (Nessun altro ha voluto andare,
così sono rimasta a casa)

216
Lezione 103 (insegnante Graham)

Le espressioni di frequenza

Oggi impareremo altri modi per esprimere la frequenza delle nostre azioni in
aggiunta agli avverbi che abbiamo imparato nell'unità 16.
Iniziamo con le espressioni di frequenza che utilizzano "times" (volte).
Quando esprimiamo l'idea di qualcosa che è successo o succede diverse volte
aggiungiamo la parola times a un numero, e per riferirsi a un periodo di tempo come
un giorno, una settimana, un mese o un anno.

Ora osserva come si usano con la parola times e un numero


three times a day (tre volte al giorno)
five times a week (cinque volte alla settimana)
four times a month (quattro volte al mese)
ten times a year (dieci volte l'anno)

Vediamo altre espressioni di frequenza comuni.


Se vogliamo dire che qualcosa accade una o due volte in un periodo di tempo diciamo
once a week (una volta la settimana) o twice a month (due volte al mese).
Per dire che qualcosa accade tutti i giorni o mensilmente puoi dire every day (ogni
giorno), every month (ogni mese).
Semplicemente aggiungi la parola every prima del periodo di tempo al quale ti stai
riferendo e se è uno specifico giorno dell'anno dirai: every Sunday , every Monday
(ogni domenica, ogni lunedì).

Ora impariamo il modo corretto di usare le espressioni di frequenza in affermazioni.


Come hai imparato nell'unità 16, gli avverbi di frequenza come always (sempre),
sometimes (a volte), never (mai) sono posizionati tra il soggetto e il verbo.
Guarda questo esempio
I always go to church on Sunday. (Vado sempre in chiesa la domenica)

Vediamo altri esempi:


I drink coffee ten times a day (Bevo caffè dieci volte al giorno)
Rita teaches English five days a week. (Rita insegna inglese cinque giorni la
settimana)
We have a party once a month. (Facciamo una festa una volta al mese)
She plays tennis twice a week. (Gioca a tennis due volte alla settimana)
We eat caviar once a year. (Mangiamo caviale una volta all'anno)
They go to the dentist every three months. (Vanno dal dentista ogni tre mesi)
I read the newspaper every day. (Leggo il giornale ogni giorno)
John goes to the cinema every Saturday. (John va al cinema ogni sabato)

217
Ora, ripassiamo come fare domande con HOW OFTEN (con che frequenza).
Per chiedere a proposito della frequenza di un'azione usiamo How often ....?
Vediamo alcuni esempi dell'uso di "how often".
How often do you drink wine? (Con che frequenza bevi vino?)
How often do you go to the dentist? (Con che frequenza vai dal dentista?)
How often does she come here? (Con che frequenza viene qui?)
Per rispondere a queste domande dovresti usare un avverbio o espressione di
frequenza.

Mmmmm! Guarda queste domande.


Do you often go to the museum? (Vai spesso al museo?)
Come risponderesti?
Se lo fai, diresti Yes, I do. (Sì)
Se non lo fai, risponderesti No, I don't. (No)

218
Lezione 104 (insegnante Ella)

Il pronome impersonale IT (prima parte)

Oggi cominceremo a studiare il pronome impersonale IT.


Iniziamo vedendo come si formano le espressioni con IT
IT è una parola molto comune in inglese, it ha molti significati.
Usiamo di solito la parola it per riferirci a cose e animali.

Vediamo degli esempi con IT.


Where is my watch? It's on the table. (Dov'è il mio orologio? È sul tavolo)
This is my new car. Do you like it? (Questa è la mia nuova macchina. Ti piace?)
Facile, vero?

Ci sono molti altri modi per usare il pronome impersonale IT.


Vediamo come si usa IT nelle espressioni di tempo e con le date.
Come già abbiamo visto nell'unità 9, it si usa anche per esprimere l'ora.
Ad esempio:What time is it? (Che ore sono?)
It's twenty past five. (Sono le cinque e venti)
Is it late? (È tardi)
It's a quarter to three. (Sono le tre meno un quarto?)
È facile, vero?

Allo stesso modo in cui si usa IT per esprimere l'ora, si usa anche per esprimere
giorni della settimana e date.
Osserva questi esempi:
What day it is today? It's Wednesday. (Che giorno è oggi? È mercoledì)
It's the 15th of December. It's my birthday today! (È il 15 dicembre. È il mio
compleanno oggi!)
È vero!

Ma aspetta.
Esistono ancora molti altri modi di usare IT!
Vediamo, quindi, in quali altri modi si può usare.
Vediamo un altro modo in cui si usa il pronome IT.
OK! It può anche essere usato per descrivere azioni accompagnato dal verbo
all'infinito.
Vediamo una frase d'esempio. It's wonderful to be in love. (È meraviglioso essere
innamorati)
Abbiamo, innanzitutto, il pronome impersonale IT seguito dall'aggettivo wonderful
che descrive l'azione e infine il verbo to be all'infinito.
Bene, fantastico!

219
Vediamo ancora qualche esempio, solo per essere sicuri.
It's expensive to travel to Japan. (È costoso viaggiare in Giappone)
It's dangerous to drive fast. (È pericoloso guidare veloce)

Andiamo avanti vedendo ancora altri usi di IT.


Come abbiamo visto nell'unità 79, it può essere usato anche con "verbi sensoriali". Li
ricordi, vero?
Ad esempio potresti dire:
It sounds great. (Sembra fantastico)
It looks OK to me. (Per me va bene)
È facile, vero?

Ora, prometto di vedere insieme solo un ultimo modo in cui si può usare it, prima di
concludere!
Si usa IT per riferirsi alle persone in una conversazione telefonica.
Ad esempio, quando qualcuno chiama al telefono, si è soliti rispondere dicendo:
Who is it? (Chi è?)
E dall'altra parte useranno it, in questo modo:
It's Jack here. (Sono Jack)

220
Lezione 105 (insegnante Fabiola)

Il pronome impersonale IT (seconda parte)

Oggi continueremo ad imparare l'uso del pronome impersonale IT.


Iniziamo a ripassare quello che abbiamo imparato fino ad ora sul pronome
impersonale IT.
Nell'unità 104 hai imparato che IT è una parola molto comune in inglese e ha diversi
usi! Hai imparato come usare it per riferirti a cose e animali.
Per esempio: This is my new car. Do you like it? (Questa è la mia nuova
macchina. Ti piace?)
E hai anche imparato come usare IT con tempi e date.
Per esempio:
What time is it? It's twenty past five.(Che ora è? Sono le 5,20)
What day is it today? It's Wednesday. (Che giorno è oggi? È mercoledì)
It's the 15th of December. It's my birthday today! (È il 15 dicembre. È il mio
compleanno oggi!)

Oggi vedremo altre espressioni con IT.


Continuiamo a osservare l'uso di it con to take (prendere) e to last (durare)
Questi due verbi possono essere combinati con it per esprimere la durata di un'azione.
Vediamo alcuni esempi con il verbo to take e poi, un esempio con to last.
It takes two hours. (Ci si mettono due ore)
It doesn't take long. (Non ci si mette molto)
How long does it take by plane from Paris to London? (Quanto ci si mette un
aereo da Parigi a Londra?)
How long does it take you to go to work? (Quanto ci metti per andare al lavoro?)
It takes me about 20 minutes. (Ci metto circa 20 minuti)
It lasts one hour and a half. (Ci vuole un'ora e mezza)
Fai attenzione! Non confondere il verbo to last con l'aggettivo last (ultimo).
Osserva questi esempi con l'aggettivo last.
The last in line (l'ultima in fila)
The last time. (l'ultima volta)

Ora osserva l'espressione it's time (è ora)


Questa è un'espressione molto utile in inglese. Può essere seguita da un verbo nella
forma dell'infinito.
It's time to go (È ora di andare)
It's time to buy a new car (È ora di comprare una nuova auto)
It's time for us to talk (È ora di parlare)
It's time for the children to go to bed.(È ora che i bambini vadano a letto)
E può anche essere usato seguito da un verbo al passato per fare suggerimenti e
raccomandazioni.

221
It's time you bought a new watch. (È ora che ti compri un orologio nuovo)
It's time we left. (È ora di andarcene)
It's time he got his hair cut. (È ora che si tagli i capelli)
It's time I had a holiday. (È ora che mi prenda una vacanza)

Ora, vediamo l'uso di IT per riferirsi a distanze.


Osserva questi esempi con IT usato per riferirsi alle distanze.
How far is it? (Quanto è lontano?)
How far is it from the airport to the city centre? (Quanto è lontano l'aeroporto
dal centro?)
It isn't far. It's about 8 kilometres. (Non è lontano. Sono circa 8 Km)
Is it far away from your house? (È lontano da casa tua?)
Yes, it's a long way from my house. (Sì, è molto lontano da casa mia)

Usiamo la forma comparativa "longer" per riferirci al tempo e "further" per riferirci
alla distanza.
Per esempio
How much longer is it to London? (Quanto tempo manca per arrivare a Londra?)
How much further is it to London? (Quanto manca per arrivare a Londra?)

Finalmente, vediamo l'uso di it per parlare del tempo.


Per parlare delle condizioni del tempo usiamo IT con il verbo to be e un aggettivo.
Per esempio:
It's cold. (Fa freddo)
It's warm. (Fa caldo)
It's windy. (C'è vento)
It's sunny. (C'è il sole)
It's foggy. (C'è nebbia)
It's cloudy. (È nuvoloso)
Come abbiamo visto nell'unità 37, it si usa anche con il presente continuous.
Per esempio:
It's raining. (Sta piovendo)
It's snowing. (Sta nevicando)

222
Lezione 106 (insegnante David)

Also, too, so

Oggi impareremo l'uso di also, too e so per dire anche e inoltre.


Iniziamo vedendo l'uso delle parole also e too.
La parola also si posiziona prima del verbo principale, e dopo il verbo to be.
Per esempio He's Spanish. (Lui è spagnolo)
I am also Spanish. (Sono pure spagnolo)
E dopo la parola too va alla fine della frase.
Per esempio I am Spanish too
È semplice, vero?

Osserva questo esempio: She speaks Spanish. (Parla spagnolo)


I also speak Spanish. (Anche io parlo spagnolo)
I speak Spanish too. (Parlo spagnolo anch'io)
They'll be in London in June (Saranno a Londra a
giugno)
We'll be in London too. (Saremo a Londra anche noi)
We'll also be in London. (Anche noi saremo a Londra)

Bene. Ora continueremo usando la parola so. La parola so può essere usata seguita
da un verbo ausiliare e dal soggetto per significare also .
Per esempio He's Spanish (È spagnolo)
So am I (Anch'io)
Guarda questi altri esempi: They're tired. (Sono stanchi)
So are we. (Anche noi)
He's a student. (Lui è uno studente)
So is she. (Anche lei)
I'm from Melbourne.(Sono di Melbourne)
So is he. (Anche lui)
In questi esempi abbiamo il verbo to be che è anche un verbo ausiliare, nella prima
frase. Comunque, se non fosse così, dovremo usare il verbo ausiliare do per il
presente, did per il passato e will per il futuro.
Per esempio I work in a bank. So do I. (Lavoro in una banca. Anche io)
Usiamo do con so perchè il verbo principale della prima frase è to work (lavorare) ed
è al tempo presente

Adesso vediamo altri esempi con also, too e so.


They live in London. (Vivono a Londra)
We also live in London. (Anche noi viviamo a Londra)
We live in London too. (Viviamo a Londra anche noi)
So do we. (Anche noi)

223
I listen to jazz. (Ascolto jazz)
I also listen to jazz. (Anche io ascolto jazz)
I listen to jazz too. (Ascolto jazz anch'io)
So do I (Anche io)
Ora ricorda che la terza persona singolare do cambia in does.
Per esempio:
I play the guitar. (Suono la chitarra)
He also plays the guitar. (Anche lui suona la chitarra)
He plays the guitar too. (Suona la chitarra anche lui)
So does he. (Anche lui)
You want a coffee. (Vuoi un caffè)
She also wants a coffee. (Anche lei vuole un caffè)
She wants a coffee too. (Vuole un caffè anche lei)
So does she. (Anche lei)

Bene, quindi ora vediamo l'uso di so al tempo passato e futuro.


Come già ho detto, quando usiamo la parola so al passato usiamo did, invece di do, e
al futuro usiamo will.
Per esempio
We went to the mountain at the weekend. (Siamo andati in montagna il
finesettimana)
So did we. (Anche noi)
I failed my exam again.(Ho sospeso di nuovo gli esami)
So did I. (Anche io)
He will come here when the match finishes. (Verrà qui quando finisce la partita)
So will Bill. (Anche Bill)
July will be hot this year. (Luglio sarà caldo quest'anno)
So will August. (Anche agosto)
È semplice, no?

Quindi continuiamo usando so con i verbi modali.


La parola so può essere usata con i verbi modali come would, must, can e could.
Per esempio
We would like the red wine (Vorremmo il vino rosso)
So would we (Anche noi)
I must go to the hairdresser's. (Devo andare dal parrucchiere)
So must I (Anche io)
Sally can play golf. (Sally può giocare a golf)
So can Jane. (Anche Jane)
I could walk when I was a year old. (Sapevo camminare quando avevo un anno)
So could I (Anch'io)
Facile, no?

224
E prima che finiamo, vediamo alcune altre forme dell'uso di so nella prima persona
singolare, è possibile dire:
So do I
So did I
So will I
So can I

Ma queste frasi possono essere sostituite con un semplice Me too! (Anch'io)

Inoltre la parola so può essere usata in risposte brevi.


Per esempio: I think so. (Credo di sì)
I hope so (Spero di sì)
I'm afraid so. (Temo di sì)

225
Lezione 107 (insegnante Graham)

NEITHER e EITHER

Oggi impareremo l'uso di neither e either.


Iniziamo ad imparare come usarli.
Neither è la combinazione di not e either. È usato con il verbo in forma affermativa.
Per esempio: He isn't English (Non è inglese)
Neither am I (Neanch'io)
Ma either richiede la parola not nella frase.
Per esempio He isn't English (Non è inglese)
I'm not English either (Non sono inglese neanch'io)

Vediamo esempi di neither e either con il verbo to be.


Osserva questi esempi usando sia neither che either.
She isn't very well. (Lei non sta molto bene)
He isn't very well either (Anche lui non sta molto bene)
Neither is he (Neanche lui)
You're not listening (Non stai ascoltando)
You aren't listening either (Anche tu non stai ascoltando)
Neither are you. (Neanche tu)
We aren't comfortable (Non siamo comodi)
I'm not comfortable either (Anche io non sono comodo)
Neither am I (Neanche io)

Ora vediamo come usare neither e either con altri verbi.


Altri verbi che non sono il verbo to be necessitano di verbi ausiliari do e does quando
sono usati con neither e either.
Ad esempio:They don't like fish. (Non piace loro il pesce)
We don't like fish either. (Anche a noi non piace il pesce)
Neither do we. (Neanche noi)

Qui altri esempi


He doesn't speak English. (Lui non parla inglese)
I don't speak English either. (Anche io non parlo inglese)
Neither do I. (Neanche io)
I don't sing very well. (Non canto molto bene)
She doesn't sing very well either. (Anche lei non canta molto bene)
Neither does she. (Neanche lei)

Ora continuiamo con esempi di neither e either al passato e al futuro.


Usiamo l'ausiliare did al passato e will al futuro con neither e either allo stesso modo
che usiamo gli ausiliari do e does al presente.

226
Osserva questi esempi
We didn't go to the mountains at the weekend. (Non siamo andati in montagna il
finesettimana)
Neither did we. (Neanche noi)
I didn't pass my exam again. (Non ho passato il mio esame di nuovo)
Neither did I. (Neanche io)
He won't come here until the football match finishes. (Non verrà qui fino a che
non finisce la partita di calcio)
Neither Bill. (Neanche Bill)
April won't be very warm this year. (Aprile non sarà molto caldo quest'anno)
Neither will May. (Neanche maggio)

Vediamo alcuni esempi di neither e either con altri verbi modali.


Osserva questi esempi con would, must, can e could.
We wouldn't travel in this weather. (Non viaggeremmo con questo tempo)
Neither would we. (Neanche noi)
I must not forget my hairdresser's appointment. (Non devo dimenticare il mio
appuntamento con il parrucchiere)
Neither must I (Neanch'io)
Sally can't play tennis very well. (Sally non sa giocare molto bene)
Neither can Jane. (Neanche Jane)
I couldn't swim until I was ten. (Non sapevo nuotare finchè io avevo dieci anni)
Neither could I (Neanch'io)
Mmmmm! Ti darò un suggerimento molto utile prima di passare ad altri.
Nota che alla prima persona singolare, invece di Neither do I/Neither did
I/Neither will I possiamo usare una semplice struttura: Me neither!
Parlando di suggerimenti interessanti, vediamo adesso risposte brevi nella forma
negativa.
Nell'unità 106 abbiamo visto che possiamo usare la parola so con diversi verbi per
dare risposte brevi nella forma affermativa.
Per esempio He's a student. (Lui è uno studente)
So is she (Anche lei)
You want a coffee (Vuoi un caffè)
So does she (Anche lei)
Nella forma negativa, ci sono due forme di risposte brevi con l'uso di so.
La prima usa so + verbo alla forma negativa.
Per esempio I think so (Penso di sì)
I don't think so (Penso di no)
I believe so (Credo di sì)
I don't believe so (Credo di no)
E la seconda usa verbo affermativo + not
Osserva I hope so (Spero di sì)
I hope not (Spero di no)

227
I'm afraid so (Temo di sì)
I'm afraid not (Temo di no)

Finalmente, vediamo altre risposte brevi.


C'è un modo semplice di mostrare accordo o disaccordo, così come esprimere
differenze e somiglianze.
Possiamo usare risposte brevi come queste:
I'm English (Sono inglese)
I'm not (Io no)
I'm Spanish (Sono spagnolo)
I am (Io sì)
We're students (Siamo studenti)
We aren't (Noi no)
We aren't teachers (Non siamo insegnanti)
We are. (Noi sì)
Usiamo solo un pronome personale e il verbo to be nella forma affermativa e
negativa.

Guarda questi altri esempi:


I like opera (Mi piace l'opera)
I don't (A me no)
I don't like flamenco (Non mi piace il flamenco)
I do (A me sì)
He drives fast (Lui guida veloce)
She doesn't (Lei no)
We don't drink wine (Non beviamo il vino)
We do (Noi sì)
We saw the film (Noi abbiamo visto il film)
We didn't (Noi no)
He didn't like the party (A lui non è piaciuta la festa)
She did (A lei sì)
I can see it (Posso vederlo)
I can't (Io no)
She can't dance salsa (Non sa ballare salsa)
He can (Lui sì)

Come hai visto, possiamo anche usare altri verbi ausiliari e modali.

228
Lezione 108 (insegnante Ben)

L'espressione why don't ... ?

Oggi impareremo ad usare l'espressione Why don't ... ? (perchè no?)


Iniziamo però rivedendo l'uso di "why" (perchè) e "because" (perchè) che abbiamo
già visto come usare queste due parole nell'unità 22.
Vediamo degli esempi.
Why are you in bed? (Perchè sei a letto?)
Because I'm not feeling well. (Perchè non mi sento bene)
Why are you drinking water? (Perchè stai bevendo acqua?)
Because I don't like wine. (Perchè non mi piace il vino)
Why is she crying? (Perchè lei sta piangendo?)
Because her dog is ill. (Perchè il suo cane è malato)
Why are they in Paris? (Perchè sono a Parigi?)
Because they're studying French art. (Perchè studiano arte francese)
Tutti questi esempi sono domande e risposte affermative ma è anche possibile
formulare delle domande nella forma negativa.
Osserva: Why aren't you watching the film? (Perchè non stai guardando il film?)
Because it's too violent. (Perchè è troppo violento)
Nell'inglese parlato, le frasi negative non sono complicate.
Bisogna solo usare l'ausiliare nella forma negativa contratta.

Vediamo ora Why don't . . . ? Per fare delle proposte.


Per fare proposte, nelle quali ci riferiamo anche a noi stessi, possiamo usare why
insieme a don't che è la contrazione di do not e la prima persona plurale we ( Why
don't we ).

Osserva questi esempi:


Why don't we go to the cinema? (Perchè non andiamo al cinema?)
Why don't we have dinner at home tonight? (Perchè non ceniamo a casa
stasera?)
Why don't we go to London for our holiday? (Perchè non andiamo a Londra in
vacanza?)
Ricorda che per formulare le domande in inglese, usiamo l'avverbio interrogativo, e
l'ausiliare prima del soggetto.

Vediamo ancora degli esempi


Why don't we go another day? (Perchè non andiamo un altro giorno?)
Why don't we go for a pizza? (Perchè non andiamo per una pizza?)
Why don't we get married? (Perchè non ci sposiamo?)
Why don't we change the time of the meeting? (Perchè non cambiamo l'orario
della riunione?)

229
Why don't si usa anche per dare consigli.
Possiamo usare Why don't ... ? anche per dare consigli.

In questo caso si usa la seconda persona you .


Osserva questi esempi.
Why don't you ask her? (Perchè non glielo chiedi?)
Why don't you see a dentist? (Perchè non vai da un dentista?)
Why don't you relax and forget about it? (Perchè non ti rilassi e non ci pensi
più?)
Why don't you apologize? (Perchè non ti scusi?)
Why don't you talk seriously? (Perchè non parli seriamente?)
Why don't you wait till tomorrow? (Perchè non aspetti a domani?)

È facile, vero?

230
Lezione 109 (insegnante Fabiola)

Past continuous

Oggi impareremo l'uso del past continuous


Iniziamo ripassando il present continuous.
Nell'unità 37 abbiamo imparato il present continuous. Si usa per parlare di azioni e
situazioni che stanno accadendo nel momento in cui si parla.
Per esempio: She is going home (Sta andando a casa)
It is raining (Sta piovendo)
Nota che è formato dalla corretta forma del verbo to be al presente e il verbo nella
forma "ing".
Nella forma negativa solo dobbiamo aggiungere la parola not dopo il verbo to be.
Osserva questi esempi I am not working today (Non sto lavorando oggi)
He is not playing (Lui non sta giocando)
E in domande solo dobbiamo aggiungere il verbo to be prima del soggetto.
Guarda What are you doing? (Che cosa stai facendo?)
Who are you calling? (Chi stai chiamando?)

Ora vediamo il past continuous.


Il past continuous è ugualmente formato dal verbo to be; ma questa volta al tempo
passato: was o were seguiti dal verbo che termina in "-ing".
Vediamolo con tutte le persone I was working (Stavo lavorando)
you were working (Stavi lavorando)
he/she/it was working (Stava lavorando)
we were working (Stavamo lavorando)
you were working (Stavate lavorando)
they were working (Stavano lavorando)

Ora, vediamo l'uso del past continuous.


Usiamo il past continuous per parlare di azioni e situazioni che stavano accadendo in
un particolare momento nel passato.
Osserva questi esempi:
I was working at 9 o'clock last night (Stavo lavorando alle 9 l'altra notte)
At six o'clock she was travelling to Paris (Alle 6 stava viaggiando a Parigi)
È anche usato per descrivere un'azione più lunga nel passato che è interrotta da una
più breve, che normalmente è al simple past.
We were watching TV when the phone rang. (Stavamo guardando la TV quando
suonò il telefono)
She was driving when they had the accident. (Stava guidando quando ebbero
l'incidente)
E se due azioni stavano accadendo allo stesso tempo nel passato, entrambe saranno al
"past continuous".

231
While we were playing tennis, Jim was working. (Mentre giocavamo a tennis,
Jim stava lavorando)
You were calling me while I was trying to call you. (Mi stavi chiamando mentre
io cercavo di chiamare te)

Il past continuous è uno dei più importanti tempi verbali narrativi. Si usa per
descrivere la situazione in cui gli eventi della narrazione sono accaduti.
Per esempio
I was walking along the street one day, when I met a man. (Stavo camminando
per strada un giorno quando ho incontrato un uomo)
Two old ladies were sitting on the beach one day. (Due anziane signore stavano
sedute sulla spiaggia un giorno)
A man was waiting to see the doctor, when the door open. (Un uomo stava
aspettando il medico, quando si aprì la porta e ...)

E a proposito delle domande, al past continuous?


Nelle frasi interrogative, il verbo to be va prima del soggetto.
What was she doing when you saw her? (Che cosa stava facendo quando l'hai
vista?)
Where were they going? (Dove stavano andando?)
Why was he wearing a wig? (Perchè indossava una parrucca?)
What was he driving? (Che cosa stava guidando?)

Per risposte brevi usiamo il soggetto e il verbo to be in past simple.


Were you working last night? (Stavi lavorando la notte scorsa?)
Yes, I was. (Sì)
Was she wearing my ring? (Indossava il mio anello?)
No, she wasn't. (No, non lo indossava)
Were you living here last year? Yes, I was. (Stavi vivendo qui l'anno scorso? Sì)
Were they playing well? No, they weren't. (Stavano suonando bene? No, non
suonavano bene)

Ora vedremo le affermazioni in forma negativa al past continuous.


Le frasi negative si formano aggiungendo not dopo il verbo to be.
Così avremo was + not per formare was not, o la forma contratta wasn't e were+not
per formare were not, o la forma contratta weren't.
Osserva questi esempi.
I am sorry. I wasn't listening. What did you say? (Scusa. Non stavo ascoltando.
Cosa hai detto?)
It wasn't raining when I came in. (Non stava piovendo quando sono entrato)
They weren't studying English when I saw them. (Non stavano studiando
inglese, quando li ho visti)
She wasn't enjoying the film (Non le stava piacendo il film)

232
Lezione 110 (insegnante Graham)

Il gerundio

Oggi impareremo l'uso del gerundio.


Il gerundio si forma normalmente aggiungendo -ing alla forma dell'infinito del verbo.
Per esempio, all'infinito abbiamo il verbo to study (studiare) che al tempo gerundio è
studying (studiando).
In inglese, si usa il gerundio con frequenza.
Come già hai imparato, si usa in frasi in forma continua, per esempio: I'm studying.
Comunque, si usa anche in altri modi.
Osserva questi esempi
I don't like going to the dentist.(Non mi piace andare dal dentista)
Studying English is useful. (Studiare inglese è utile)
Come puoi vedere si usa gerundio quando l'azione è il soggetto o l'oggetto di una
frase.

Ora, vediamo altri esempi del gerundio come soggetto. Guarda queste frasi
Smoking is bad for your health. (Fumare fa male alla tua salute)
Skiing is my favourite hobby. (Sciare è il mio passatempo favorito)
Drinking will ruin your health, if you are not careful. (Il bere rovinerà la tua
salute se non fai attenzione)
Sailing was my grandfather's favourite sport. (La vela era lo sport favorito di
mio nonno)
Being famous has its dangers. (L'essere famosi ha i suoi pericoli)
Smiling only uses seven muscles but frowning needs fourteen. (Nel sorridere si
usano solo sette muscoli ma in una smorfia triste quattrodici)
Eating fish is good for the brain. (Mangiare pesce fa bene al tuo cervello)
Drinking and driving is very dangerous. (Bere e guidare è molto pericoloso)

Qui alcuni esempi del gerundio come complemento oggetto.


I hate waiting in a queque. (Odio aspettare in fila)
We really enjoyed watching the match. (Ci siamo proprio divertiti guardando la
partita)
You'll like visiting India. It's a fascinating country. (Ti piacerà visitare l'India. È
un paese affascinante)
She enjoyed playing tennis very much in the summer. (Le è piaciuto molto
giocare a tennis in estate)
His favourite hobby was painting portraits. (Il suo hobby favorito era dipingere
ritratti)
Her speciality is dancing the tango. (La sua specialità è ballare il tango)

233
Lezione 111 (insegnante Graham)

Il gerundio dopo le preposizioni

Oggi studieremo come si usa il gerundio dopo le preposizioni.


Come hai visto nell'unità precedente, l'unità 110, l'uso del gerundio è molto frequente
in inglese e si forma aggiungendo "ing" all'infinito del verbo. Guarda. Prendiamo
l'infinito "to say" (dire), il suo gerundio è saying (dicendo).
Nell'unità 110 hai anche imparato che il gerundio si usa sia come soggetto che come
complemento della frase.
Il gerundio si usa anche dopo le preposizioni.
Ad esempio without saying (senza dire)
Ad esempio:He left without saying goodbye (Andò via senza dire ciao)
e before going (prima di andare)
Ad esempio Last night we had hot chocolate before going to bed. (Ieri sera
abbiamo bevuto cioccolata calda prima di andare a letto)

Ecco alcuni altri esempi.


He saved money by working as a waiter. (Risparmiò dei soldi lavorando come
cameriere)
You can't combine your studies with playing football. (Non puoi combinare lo
studio con il gioco del calcio)
They got jobs as secretaries after leaving school. (Trovarono lavoro come
segretarie dopo aver lasciato la scuola)
Why don't you go out instead of watching TV all the time? (Perchè non esci
invece di guardare tutto il tempo la TV?)
He made a fortune from investing in coffee. (Lui ha fatto una fortuna investendo
nel caffè)
She met a lot of new friends through joining a gymnasium. (Lei ha fatto molti
nuovi amici iscrivendosi in palestra)
L'uso del gerundio dopo le preposizioni è facile, vero?

Ora andiamo avanti.


Vediamo l'uso del gerundio per fare proposte.
Ti ricordi quando abbiamo studiato le espressioni What about ... ? e How
about ... ?
Per parlare di azioni, bisogna usare il gerundio con queste espressioni che servono a
esprimere proposte: Ricorda che about è una preposizione.
Ecco degli esempi.
What about going to a concert? (Che ne dici di andare a un concerto?)
How about telephoning for a pizza? (E se ordiniamo una pizza?)
What about playing a game of squash? (Che ne dici di giocare una partita di
squash?)

234
How about asking Anna to come with us? (Che ne dici se chiediamo ad Anna di
venire con noi?)

Ok, prima di concludere questa unità ricapitoliamo quello che abbiamo studiato!
La frase How about meeting outside the cinema? (Che ne dici se ci incontriamo
davanti al cinema?) è formata dal gerundio dopo la preposizione about.

E le frasi I didn't believe in doing too much exercise.(Non credo nel fare troppi
esercizi) - Before having dinner we went to the cinema. (Andammo al cinema
prima di cenare) sono formate anche dal gerundio dopo le preposizioni.

235
Lezione 112 (insegnante Graham)

I verbi seguiti dal gerundio

Oggi continueremo ad imparare l'uso del gerundio e a esaminare verbi che sono
seguiti da un gerundio.

Iniziamo ripassando ciò che fino ad ora abbiamo imparato sui gerundi.
L'unità 110 ci ha introdotti ai gerundi e abbiamo imparato che sono usati quando
l'azione è sia soggetto che oggetto di una frase.
Per esempio Studying English is useful. (Studiare inglese è utile)
I don't like going to the dentist. (Non mi piace andare dal dentista)
Nell'unità 111 abbiamo imparato che i gerundi sono anche usati dopo le preposizioni.
Per esempio: He left without saying goodbye. (È partito senza salutare)

Vediamo oggi i verbi seguiti dal gerundio.


Alcuni verbi, quando seguiti da un altro verbo, sono seguiti appunto dal gerundio.
Per esempio to avoid (evitare)
Try to avoid making any mistakes. (Cerca di evitare di fare errori)
E to finish (finire)
Per esempio: Next week, he will finish dealing with that firm . (La settimana
prossima finirà di trattare con quell'impresa)

Altri verbi seguiti da un gerundio sono: dislike (non piacere), enjoy (divertirsi), go
on (continuare), hate (odiare), imagine (immaginare), keep (continuare), like
(piacere), love (amare), mind (pensare), miss (mancare), practice (esercitarsi),
risk (rischiare), stop (fermarsi), suggest (suggerire).

Vediamo altri esempi di verbi seguiti dal gerundio.


We dislike driving in heavy traffic. (Non ci piace viaggiare con traffico intenso)
He enjoyed dancing with them (Si è divertito ballando con loro)
They went on talking till you begged them to shut up. (Hanno continuato a
parlare finchè non li hai pregati di tacere)
I hatte going to the dentist. (Odio andare dal dentista)
Imagine all the people living in peace. (Immagina le persone vivere in pace)
Keep taking the tables until I tell you to stop. (Continua a prendere le pastiglie
finchè non le dirò di smettere)
Why don't you like being with us? (Perchè non mi piace stare con noi?)
I don't mind waiting a few minutes. (Non mi importa aspettare alcuni minuti)
She misses living in London (Ha nostalgia del vivere a Londra)
She practiced playing the guitar till she finally learnt (Si è esercitata nello
studio della chitarra finchè ha finalmente imparato)

236
If you drive very fast, you risk losing your license. (Se guidi molto veloce,
rischi di perdere la tua patente)
Stop making so much noise! (Smetti di fare tanto rumore!)

Ora vediamo espressioni seguite da un gerundio:


can't help (Non si può evitare di)
it's no fun (Non è divertente)
it's no good (è inutile)
it's no use (è inutile)
it's worth (vale la pena)

Qui ci sono alcuni esempi di espressioni seguite dal gerundio.


I can't help laughing when I see him. (Non posso evitare di ridere quando lo
vedo)
It's no fun being with you anywhere. (Non è divertente stare con te dappertutto)
It's no good taking this exam because I haven't studied anything. (È inutile fare
questo esame perchè non ho studiato niente)
It's a beautiful film. It's worth seeing. (È un bel film. Vale la pena vederlo)
It's no good calling her. She's out. (È inutile chiamarla. È fuori.)

237
Lezione 113 (insegnante Fabiola)

Il gerundio dopo un verbo e una preposizione

Oggi impareremo l'uso del gerundio, dopo un verbo e una preposizione.


Abbiamo imparato molto riguardo il gerundio, ultimamente, no?
Quindi, iniziamo con il ripassare alcune delle cose che abbiamo imparato fino ad ora
sul gerundio.
Nell'unità 111 hai imparato che il gerundio è usato dopo tutte le preposizioni.
Per esempio:
Last night I had a hot chocolate before going to bed. (Ieri sera ho preso una
cioccolata calda prima di andare a letto)
He left without saying goodbye. (È partito senza salutare)
E nell'unità 112, hai imparato che ci sono verbi che, se seguiti da un altro verbo, sono
seguiti da un verbo al gerundio.
Per esempio:
We dislike driving in heavy traffic. (Non ci piace guidare con traffico intenso)
She misses living in London. (Ha nostalgia di quando viveva a Londra)
Keep taking the tablets until I tell you to stop. (Continua a prendere le pastiglie
finchè non le dirò di smettere)
Ci sono anche molte combinazioni di verbo-preposizione che sono seguite da
gerundio.

Vediamo l'uso del gerundio dopo un verbo ed una preposizione


Vediamo questi esempi.
I'm thinking of going to India on holiday. (Sto pensando di partire in India in
vacanza)
They're talking about setting up a company. (Stanno parlando di fondare
un'impresa)
I look forward to hearing from you. (Spero di sentirti presto)
To look forward to è un'espressione molto comune che significa pensare a un effetto
futuro positivamente. È usata frequentemente per salutare, specialmente nelle lettere
ed e-mails.

Vediamo altri esempi:


We're looking forward to seeing you again. (Speriamo di rivederti presto)
We look forward to receiving your order. (Restiamo in attesa di ricevere il vostro
ordine)
We look forward to offering you our services. (Speriamo di poter offrire i nostri
servizi)

Vediamo qualche combinazione comune tra verbo-preposizione.


In inglese è molto importante usare la preposizione corretta.

238
Ci sono verbi che solo possono essere usati con certe preposizioni.
Per esempio:agree with (essere d'accordo con)
insist on (insistere su)
believe in (credere in)
succeed in (riuscire in)
feel like (aver voglia di)
worry about (preoccuparsi di)

E queste combinazioni tra verbi-preposizioni sono seguite da gerundio.


Osserva questi esempi.
I don't agree with working at weekends. (Non sono d'accordo di lavorare i fine
settimana)
She doesn't believe in using animal products. (Non crede nell'utilizzo di prodotti
animali)
We feel like going to a music bar. (Abbiamo voglia di andare a un bar musicale)
They will insist on paying for the dinner. (Insistiamo per pagare la cena)
He succeeded in crossing the Sahara on foot. (È riuscito ad attraversare il Sahara
a piedi)
Don't worry about finishing the report. You can do it on Monday. (Non
preoccupare di finire il rapporto. Lo puoi fare lunedì)

Ora, vediamo alcuni esempi del gerundio dopo un verbo ed una preposizione.
I don't agree with postponing the meeting. (Non sono d'accordo nel posporre
l'incontro)
She doesnt believe in using animal products. (Non crede nell'utilizzo di prodotti
animali)
He doesn't worry about making mistakes. (Non si preoccupa di fare errori)
I insist on paying the bill. (Insisto per pagare il conto)
Do you feel like having dinner in a Chinese restaurant? (Hai voglia di cenare al
ristorante cinese?)
She's thinking of studying art when she leaves school. (Sta pensando di studiare
arte quando lascerà la scuola)
We're looking forward to moving into our new house. (Aspettiamo impazienti di
trasferirci nella nostra nuova casa)
He's always talking about writing a book but he never does. (Parla sempre di
scrivere un libro ma non lo fa.)
I agree with working one more day.(Sono d'accordo di lavorare un giorno in più)
Do you feel like drinking some wine? (Pensi di bere del vino)
He insists on coming with us. (Insiste per venire con noi)
She finally succeeded in passing the exam. (Finalmente è riuscita a passare
l'esame)

239
Lezione 114 (insegnante Fabiola)

Il gerundio dopo gli aggettivi e le preposizioni

Oggi impareremo ad usare il gerundio dopo gli aggettivi e le preposizioni.


Hmmmm! Abbiamo imparato molto sul gerundio, ultimamente, vero?
Bene, ricorda che il gerundio è una forma molto usata in inglese; è quindi molto
importante.
Per questo, innanzitutto, ripeteremo alcune delle cose imparate finora.
Rivediamo l'uso del gerundio dopo le preposizioni.
Nell'unità 111, abbiamo imparato che per usare un verbo dopo una preposizione è
necessario usare il gerundio.

E indovina una cosa? Si tratta di una magnifica regola perchè non ammette eccezioni
Vediamo degli esempi:
He saved money by working as a waiter (Ha risparmiato soldi lavorando come
cameriere)
Last night we had hot chocolate before going to bed (Ieri sera abbiamo bevuto
cioccolata calda prima di andare a letto)
Inoltre, nell'unità 113, abbiamo visto che esistono dei verbi accompagnati da
preposizioni specifiche e se volessimo usare un verbo dopo le suddette preposizioni,
deve essere al gerundio.
Ad esempio:
They are talking about setting up a company (Stanno parlando di cercare
un'impresa)
I look forward to hearing from you (Spero di ricevere presto tue notizie)

Oggi, vedremo un po' come si usa il gerundio dopo gli aggettivi e le preposizioni.
Esistono anche aggettivi che sono seguiti da preposizioni specifiche e quindi se
volessimo usare un verbo di seguito, deve essere al gerundio.
Ad esempio
She's afraid of flying over water. (Lei ha paura di volare sull'acqua)
He's good at designing computer programs (Lui è bravo a creare programmi
informatici)
We're interested in buying a washing machine. (Siamo interessati a comprare una
lavatrice)
I'm fed up with working here. (Sono stanco di lavorare qui)

Vediamo altri aggettivi combinati a preposizioni


Altri aggettivi molto frequenti, combinati a preposizioni sono: bored with (annoiato
da), excited about (essere impaziente di), fond of (amare molto), keen on
(appassionato di), proud of (orgoglioso di), tired of (stanco di)

240
Osserva questi esempi.

She's bored with doing the same job day after day. (È annoiata di fare sempre lo
stesso lavoro giorno dopo giorno)
The children are very excited about going to Disneyworld. (I bambini sono
impazienti di andare a Disneyworld)
My parents are fond of taking the children to the zoo. (I miei genitori amano
molto portare i bambini allo zoo)
I'm very keen on collecting plants (Sono appassionato di piante)
He's very proud of having passed his driving test the first time. (Lui è molto
orgoglioso di aver superato l'esame di guida la prima volta)
They're tired of visiting the same places on holiday. (Sono stanchi di visitare
sempre gli stessi luoghi in vacanza)

Vediamo degli altri esempi di gerundio dopo gli aggettivi e le preposizioni.


Ecco degli altri esempi di aggettivo + preposizione + gerundio:
They're fed up with being out of work. (Sono stanchi di essere fuori dal lavoro)
We're interested in doing business with you. (Siamo interessati a fare affari con
voi)
I'm always afraid of travelling by boat. (Ho sempre paura di viaggiare in barca)
Her father is very proud of seeing her in the film. (Suo padre è molto orgoglioso
di vedere lei nel film)
We're keen on sailing. (Siamo appassionati di vela)
I'm fond of walking on the beach. (Adoro camminare sulla spiaggia)
He's bored with always studying the same things. (È annoiato di studiare sempre
le stesse cose)
We're all very excited about going to New York. (Siamo molto entusiasti di
andare a New York)

241
Lezione 115 (insegnante Graham)

Il gerundio con to do

Oggi impareremo l'uso del gerundio con il verbo to do (fare).


Abbiamo già imparato molto a proposito dei gerundi e quando usarli
Nell'unità 111, abbiamo studiato che si usano dopo le preposizioni.
Per esempio: He left without saying goodbye. (È partito senza salutare)
Nell'unità 112, abbiamo studiato che si usano dopo certi verbi.
Per esempio: He enjoyed dancing with them. (Si è divertito a ballare con loro)
E nelle unità 113 e 114 abbiamo studiato che sono anche usati dopo un verbo e un
aggettivo e una preposizione.
Osserva: They will insist on paying for dinner. (Insisteranno per pagare la cena)
She's afraid of flying over water. (Ho paura di volare sull'acqua)

Ora impareremo il gerundio del verbo to do.


Il gerundio si può comportare come un sostantivo e quindi essere usato con l'articolo
determinativo THE.
Così, per esempio, il sostantivo del verbo to clean (pulire) è THE CLEANING (la
pulizia), puoi dire to do the cleaning (fare le pulizie).
La struttura è comunemente usata per parlare di lavori domestici.

Vediamo alcune altre espressioni usate per parlare di lavori domestici.


Osserva le seguenti espressioni:to do the cleaning (fare le pulizie)
to do the cooking (cucinare)
to do the ironing (stirare)
to do the polishing (dare la cera)
to do the washing-up (lavare i piatti)
to do the washing (fare il bucato)
to do the dusting (spolverare)

Ora useremo queste espressioni in alcuni esempi di frasi con il gerundio e il verbo to
do.
Osserva questi esempi:
She does the cooking and I do the washing-up. (Lei cucina e io lavo i piatti)
I have done all the cleaning. (Ho fatto tutte le pulizie)
What I hate most is doing the dusting and polishing (Quello che più odia è
spolverare e dare la cera)
I'm so glad I don't have to do the washing and ironing! (Sono così contento di
non dover fare il bucato e stirare!)

Ora vediamo alcune altre espressioni usando il gerundio del verbo to do.

242
Osserva queste altre espressioni di uso comune:
garden the garden to do the gardening (fare giardinaggio)
paint the painting to do the painting (dipingere)
shop the shopping to do the shopping (fare la spesa)
Ora, inseriamo queste espressioni in alcune frasi!

How much do you pay him to do your gardening? (Quanto paghi per farti curare
il giardino?)
Nota che si può usare anche un aggettivo possessivo con un gerundio invece
dell'articolo determinativo the.
We did all the painting in less than a week. (Abbiamo imbiancato in meno di una
settimana)
He's doing the shopping. (Sta facendo la spesa)

243
Lezione 116 (insegnante Ben)

TO DO e TO MAKE

Oggi impareremo quando usare il verbo "to do" e quando "to make".
È importante sottolineare che i verbi to do e to make hanno un significato molto
simile. Questo rende un po' difficile sapere quando bisogna usare l'uno e quando
l'altro.

Cominciamo, vedendo quando si usa il verbo to make. (rendere)


To make è un verbo irregolare.
Ricorda le sue tre forme make made made
Il verbo to make esprime l'idea di creare o costruire.
Ad esempio, sulle etichette c'è scritto di solito: Made in Germany o Made in Taiwan.

Ed ecco altri esempi del verbo to make con il significato di creare o costruire.
I'd like to make some changes to this design. (Vorrei fare delle modifiche a
questo disegno)
We made a large profit last year. (Abbiamo avuto grandi guadagni l'anno scorso)
Have you made any plans for your holidays yet? (Hai già fatto programmi per le
vacanze?)

Vi sono, tuttavia, delle eccezioni a questa regola.


Ad esempio, usiamo il verbo to make in molte altre espressioni.

Vediamo le espressioni più comuni del verbo to make.


to make an appointment (prendere appuntamento)
to make arrangements (fare programmi)
to make an attempt (fare un tentativo)
to make the bed (fare il letto)
to make a complaint (fare un reclamo)
to make an effort (fare uno sforzo)
to make an excuse (inventare una scusa)
to make a loss (avere una perdita)
to make love (fare l'amore)
to make a mistake (fare un errore)
to make money (fare soldi)
to make noise (fare rumore)
to make a decision (prendere una decisione)
Nota che con quest'ultima espressione: "to make a decision", si può anche usare il
verbo to take e dire "to take a decision".
Uf, esistono molte possibili espressioni con il verbo to make, non è così?

244
Passiamo adesso al verbo to do.

Come abbiamo visto nell'unità 115 usiamo il verbo to do nella maggior parte dei casi
restanti soprattutto per parlare di lavoro e obblighi.

Ad esempio:
I'll do the cooking tonight, if you like? (Preparo io la cena stasera, se vuoi?)
Could you do me a favour? (Potresti farmi un favore?)
They've done a lot of research on the new project. (Hanno fatto molte ricerche
sul nuovo progetto.)
What are you doing tonight? (Cosa fai stasera?)
I'm not doing anything special. (Niente di speciale)
Ad ogni modo, come nel caso di to make, ci sono delle eccezioni a questa regola!

Usiamo il verbo to do in molte altre espressioni.


Vediamo, quindi le espressioni più comuni del verbo to do.

Ecco un elenco delle espressioni più comuni del verbo to do.


to do the housework (fare i lavori domestici)
to do the cleaning (fare le pulizie)
to do the homework (fare i compiti)
to do the work (fare il lavoro)
to do a job (fare un lavoro)
to do military service (fare il servizio militare)
to do maths (fare matematica)
to do something, nothing (fare qualcosa, niente)
to do a favour (fare un favore)
to do business (fare affari)
to do a course (fare un corso)
to do exercise (fare esercizio)
to do exercises (fare esercitazioni)
Esistono molte possibili espressioni con il verbo to do, non è così?

Abbiamo imparato le espressioni più comuni con i verbi to make e to do.

Concludiamo con ulteriori espressioni con il verbo to make.


Ecco un elenco di altre espressioni comuni con il verbo to make.
to make an offer (fare un'offerta)
to make a phone call (fare una telefonata)
to make plans (fare progetti)
to make progress (fare progressi)
to make a spech (tenere un discorso)
to make trouble (creare problemi)

245
Osserva questi due esempi di frasi:

Are they making any progress with that new motorway? (Stiamo facendo
progressi con quella nuova autostrada?)
Jack always makes wonderful speeches. (Jack fa sempre dei bellissimi discorsi)

246
Lezione 117 (insegnante Fabiola)

Il gerundio con TO GO

Oggi studieremo come si forma il gerundio dopo il verbo to go.


Abbiamo imparato molto sui gerundi finora, non è così?
Iniziamo quindi a ricapitolare, e facciamo un veloce ripasso dei gerundi.
Nell'unità 115 abbiamo imparato come si usa il gerundio dopo il verbo fare.

Ad esempio to do the cleaning (fare le pulizie)


to do the cooking (cucinare)
to do the dusting (spolverare)

Ricorda che quando il verbo to do è seguito da un gerundio, quest'ultimo deve essere


preceduto dall'articolo the. Ad ogni modo, in questa unità impareremo ad usare il
gerundio dopo il verbo to go. In questo caso, succede esattamente il contrario, vale a
dire, dopo il verbo to go il gerundio non ha bisogno di essere preceduto dall'articolo
the.

Vediamo, quindi, come si usa il gerundio dopo il verbo to go.


Il gerundio dopo il verbo to go si usa per esprimere azioni inerenti a hobbies e sport.

Vediamo alcuni esempi con il verbo to go seguito dal gerundio:


go dancing (andare a ballare)
go shopping (andare a fare la spesa)
go sailing (andare in barca a vela)
go skiing (andare a sciare)
go fishing. (andare a pescare)

Hmmm? stai notando delle somiglianze?

Ricorda dall'unità 110, il gerundio si forma aggiungendo -ing al verbo.


Vediamo ancora degli esempi con il verbo to go seguito dal gerundio:
go swimming (andare a nuotare)
go jogging (andare a correre)
go skating (andare a pattinare)
go walking. (andare a camminare)

È facile, vero?

Vediamo come usare il gerundio dopo il verbo to go nei diversi tempi verbali.
Possiamo formare il gerundio dopo il verbo to go in diversi tempi verbali.
Vediamo il verbo to go nei suoi diversi tempi verbali: go went gone

247
Iniziamo usando il gerundio dopo il presente indicativo di go
The children go swimming every weekend. (I bambini vanno a nuotare ogni fine
settimana)
Although my parents are quite old, they go walking every afternoon.
(Sebbene i miei genitori siano alquanto anziani, ogni pomeriggio vanno a camminare)

Vediamo ora come usare il gerundio dopo il passato "went".


We went dancing on Saturday night. (Siamo andati a ballare sabato sera)
She went shopping at 9 and I haven't seen her since. (È andata a fare compere
alle 9 e non la vedo da allora)
Gillian went skating at the ice-rink on Saturday. (Gillian è andata a pattinare
alla pista di pattinaggio sul ghiaccio, sabato)

E, infine, vediamo il gerundio dopo il participio passato "gone".


I have never gone sailing in my life. (Non sono mai andato in barca a vela in vita
mia)
È facile, vero?

È possibile usare il gerundio anche dopo il verbo to go all'infinito.


Vediamo come si usa il gerundio dopo l'infinito del verbo to go.
Osserva questi esempi e nota se vi sono delle somiglianze.
Would you like to go skiing next weekend? (Ti andrebbe di andare a sciare il
prossimo fine settimana?)
Would you like to go skating? (Vorresti andare a pattinare?)
My husband used to go jogging every morning before he had his heart attack.
(Mio marito andava a correre ogni mattina prima di avere l'infarto)

Come vedi, l'uso del gerundio è molto semplice. Si forma sempre allo stesso modo, in
tutti i tempi verbali!

248
Lezione 118 (insegnante Graham)

Preposizioni dopo il verbo TO GO

Oggi impareremo le preposizioni che seguono il verbo to go.


Iniziamo ripassando le tre forme del verbo to go (andare):
Present Past Simple Past Participle
go went gone
Il verbo to go può essere seguito dalle preposizioni to, on e for dipendendo da cosa
segue il verbo.
Quindi iniziamo vedendo to go con la preposizione TO.

La preposizione più comune che troviamo dopo il verbo to go è to.

Qui trovi alcuni esempi con differenti tempi verbali:


I go to the cinema once a week. (Vado al cinema una volta a settimana)
I'm going to London next month. (Andrò a Londra il mese prossimo)
She doesn't want to go to work. (Non vuole andare a lavorare)
We went to a restaurant for my birthday. (Siamo andati al ristorante per il mio
compleanno)
They have gone to the mountains to ski. (Sono andati in montagna a sciare)
I went to bed early last night but I didn't go to sleep until midnight. (Sono
andato a letto presto la notte scorsa ma non ho dormito fino a mezzanotte)

Ma c'è un'eccezione.
Osserva!
He went home after the party. (È andato a casa dopo la festa)
Diciamo sempre "to go home" senza la preposizione to.

Ora vediamo to go con la preposizione on.


Usiamo la preposizione on dopo il verbo to go per parlare di cose come gite o
vacanze.
They go on excursions every weekend. (Vanno in gita ogni settimana)
We're going on holiday next week. (Andremo in vacanza la settimana prossima)
She went on cruise to Greece. (È andata in crociera in Grecia)
My boss goes on trips quite a lot. (Il mio capo va abbastanza in vacanza)

E l'ultima combinazione che vedremo oggi è to go con la preposizione for.


Usiamo la preposizione for dopo il verbo to go per parlare di attività specifiche.
Queste di solito sono brevi attività come to go for a drink (andare a bere qualcosa) o
to go for a walk (andare a fare una passeggiata).

249
Osserva queste due frasi:
I always go for a walk on Sunday (Vado sempre a fare una passeggiata la
domenica)
I always go walking on Sunday (Vado sempre a passeggiare la domenica)
Come puoi vedere, possiamo anche fare frasi senza for, usando il gerundio.

Il gerundio è generalmente usato, comunque, per attività più lunghe.


Qui trovi altri esempi:
He has gone for a run. (È andato a fare una corsa)
He has gone running. (È uscito a correre)
The children are going for a swim. (I bambini vanno a fare una nuotata)
The children are going swimming. (I bambini vanno a nuotare)
Let's go out for a drink. (Andiamo a bere qualcosa)
Let's go out drinking. (Usciamo a bere)

Nota che nell'ultimo esempio abbiamo usato il verbo frasale to go out (uscire),
seguito anche dalla preposizione for.
In questo caso, to go out significa prendere parte a un'attività sociale fuori di casa.

Ora ricapitoliamo osservando alcuni esempi di queste preposizioni usate dopo il


verbo to go.
We went on a cruise to the Caribbean for our honeymoon. (Noi siamo andati in
crociera ai Caraibi per la nostra luna di miele)
They have gone to that new Italian restaurant. (Sono stati in quel nuovo
ristorante italiano)
I will go for a walk after dinner. (Andrò a fare una passeggiata dopo la cena)
I always go to bed early on Sundays (Vado sempre a letto presto la domenica)
She didn't go on holiday last year. (Non è andata in vacanza l'anno scorso)
Did you go for a drink last night? (Sei andato a bere qualcosa ieri sera?)
He has gone to the dentist's. (È andato dal dentista)
We won't go for a swim. It's too cold.(Non andiamo a nuotare. Fa troppo freddo)

250
Lezione 119 (insegnante Graham)

To get

Oggi impareremo come usare il verbo TO GET.


Iniziamo ad imparare come usare il verbo to get con il significato di to obtain
(ottenere).
Cominciamo con le tre forme del verbo to get: get got got
È importante sapere che il verbo to get ha molti diversi significati. Il significato più
comune è to obtain.
Per esempio: Did you get my letter? (Hai ricevuto la mia lettera?)
Where did you get your ties? (Dove hai comprato le cravatte?)
I'll get the newspaper. (Prendo il giornale)
How did she get her job? (Come ha ottenuto il lavoro?)
Can you get me a sandwich? (Mi puoi prendere un panino?)
È semplice, no?

Ora, vediamo un altro uso del verbo to get.


Vediamo il verbo to get + aggettivi.
Quando il verbo to get è seguito da un aggettivo, si riferisce di solito a alcun tipo di
cambiamento di stato.
Vediamo una lista delle combinazioni più comuni del verbo to get + aggettivo:
get angry (arrabbiarsi)
get better (stare meglio)
get cold (raffreddarsi)
get dark (oscurarsi)
get dressed (vestirsi)
get drunk (ubriacarsi)
get hungry (affamare, sentire appetito)
get hurt (farsi male)
get lost (perdersi)
get married (sposarsi)
get old (invecchiare)
get ready (prepararsi)
get tired (stancarsi)
get used to (abituarsi)
get wet (bagnarsi)

Quindi, ora sappiamo abbastanza delle combinazioni più comuni, vediamo ora alcuni
esempi con il verbo to get + aggettivi
get angry
Don't get angry. It's not my fault. (Non ti arrabbiare. Non è colpa mia)

251
get better
I hope you get better soon (Spero che starai meglio presto)
get cold
Hurry up! Your dinner is getting cold. (Sbrigati! La tua cena si sta raffreddando)
get dark
It gets dark early in the winter. (Fa buio presto in inverno)
get dressed
I got dressed after breakfast (Mi sono vestito dopo colazione)
get drunk
You'll get drunk if you don't take care. (Ti ubriacherei se non stai attento)
get hungry
I'm getting hungry. Can we eat soon? (Mi sta venendo appetito. Possiamo
mangiare fuori?)
get hurt
He got hurt playing baseball. (Si è fatto male giocando a baseball)
get lost
They had a map, but they still got lost. (Avevano una mappa ma si sono persi
comunque)
get married
She got married in white. (Si è sposata in bianco)
get old
Our dog is getting old. (Il nostro cane si sta facendo vecchio)
get ready
I would get ready if I were you. It's late. (Mi preparerei se fossi in te. È tardi)
get tired
I get tired of working with the computer. (Mi stanco a lavorare con il computer)
get used to
I can't get used to living in the country. (Non posso abituarmi a vivere in
campagna)
get wet
You'll get wet without an umbrella. (Ti bagnerai senza ombrello)

252
Lezione 120 (insegnante Graham)

“Phrasal verbs” con to get

Oggi impareremo alcuni "phrasal verbs" con to get

Iniziamo ripassando le tre forme del verbo to get al presente, passato e participio
passato.
Present Past Simple Past Participle
Get got got
Ora, ricorda che nell'unità 119 sei stato introdotto al verbo to get e hai imparato che il
suo significato più comune è to obtain (ottenere).
Per esempio: How did she get her job? (Come ha ottenuto il lavoro?)

In questa unità, vedremo i "phrasal verbs" con get con le preposizioni to, in, out, on e
off.
Impareremo quindi i "phrasal verbs”: to get to (arrivare)
to get in (entrare, salire)
to get out (uscire, scendere)
to get on (salire)
to get off (scendere)
Ricorda che quando un verbo è seguito da una preposizione, il suo significato cambia.

Cominciamo con il phrasal verb to get to.


Uno dei principali significati del phrasal verb "to get to" è "to arrive". (arrivare)

Vediamo alcuni esempi.


I usually get to work at about 8,30. (Normalmente arrivo al lavoro alle 8,30)
We got to London before dinner. (Siamo arrivati a Londra prima di cena)
How can I get to the museum from here? (Come posso arrivare al museo da
qui?)
Mary didn't get home till two o'clock last night. (Mary non è arrivata a casa fino
alle due la notte scorsa)
Ora, osserva di nuovo l'ultima frase. To get home si usa sempre senza la preposizione
"to". Si tratta di un'eccezione.

Bene, vediamo quindi alcuni "phrasal verbs” interessanti: get on/get off e get
in/get out.
Usiamo il phrasal verb "to get on" (salire) e "to get off” (scendere) quando parliamo
di trasporto pubblico come treni, bus, aerei e navi.
Però per macchine e taxi, e altri veicoli chiusi e piccoli usiamo "to get in" (salire) e
"to get out" (scendere).

Osserva questi esempi:

253
We go on the bus at Piccadilly Circus. (Siamo saliti sull'autobus a Piccadilly
Circus)
Excuse me, are you getting off at the next stop? (Scusi, scenda alla prossima
fermata?)
They got in a taxi and went to the airport. (Sono saliti sul taxi e sono andati
all'aeroporto)
When they got out of the taxi, it started to rain. (Quando scesero dal taxi, iniziò
a piovere)

Per finire, vediamo altri esempi di "phrasal verbs" con to get.


We got home yesterday at midnight. (Siamo tornati a casa ieri a mezzanotte)
What time will the plane get to London? (A che ora arriva l'aereo a Londra?)
How do I get to your house? (Come arrivo a casa tua?)
We didn't get on the bus because it was full. (Non siamo saliti sull'autobus
perchè era pieno)
Where do I get off for the museum? (Dove scendo per il museo?)
Get in the car and wait for me there. (Sali in macchina e aspettami lì)
They were getting out of the taxi when it happened. (Stavano scendendo dal taxi
quando è successo)

254
Lezione 121 (insegnante Fabiola)

To be to

Oggi studieremo come si usa to be to per esprimere progetti, ordini, istruzioni e il


destino.

Cominciamo con i progetti.


La struttura be + l'infinito si usa spesso per parlare di progetti che sono già stati
organizzati, già fatti per il futuro.
Ad esempio: The Queen is to visit Canada. (La regina visiterà il Canada)
Osserva che questa forma "be + infinito" si usa come una forma abbreviata del futuro
con "going to". Quindi la forma completa di questa frase sarebbe: The Queen is
going to visit Canada.

La forma abbreviata si usa generalmente nei titoli di giornale.


Ad esempio:
The leaders are going to meet in Geneva sarebbe The leaders are to meet in
Geneva. (I capi si riuniranno a Ginevra)
The Dynamic Trio are going to reform sarebbe The Dynamic Trio are to
reform. (Il Trio Dinamico si rinnoverà)
TV-7 is going to begin broadcasting in May sarebbe TV-7 is to begin
broadcasting in May. (TV-7 comincerà la programmazione a maggio)
Marks and Spencer is going to open five new stores sarebbe Marks and
Spencer is to open five new stores. (Marks e Spencer apriranno cinque nuovi
negozi)
Facile, vero?
Ma aspetta. Osserva questi titoli di giornale.
Queen to visit Canada.
Leaders to meet in Geneva.
Alcuni giornali abbreviano ancora di più la frase omettendo l'articolo e il verbo to be.

Vediamo ora "to be to" per dare ordini e istruzioni.


La forma breve di "going to" che equivale alla struttura "be+ infinito" può essere
usata anche per dare ordini o istruzioni.

Iniziamo con le istruzioni.


Ad esempio:
Nobody is to leave the room. (Che nessuno lasci la stanza)
They are not to be opened until Christmas Day. (Non devono essere aperti prima
di Natale)
It is to be treated in the strictest confidence. (È da trattarsi in maniera
estremamente confidenziale)

255
The children are to go to bed at nine o'clock. (I bambini devono andare a letto
alle nove)
He is to go to prison for three years. (Deve andare in prigione per tre anni)
Osserva come questa struttura si usa soprattutto in terza persona, come un modo
impersonale di dare istruzioni.

Per tutte queste istruzioni è possibile usare anche il verbo modale must invece della
struttura be+infinito.
Ad esempio:
Nobody must leave the room. (Che nessuno lasci la stanza)
They must not be opened until Christmas Day. (Non devono essere aperti prima
di Natale)
It must be treated in the strictest confidence. (È da trattarsi in maniera
estremamente confidenziale)
The children must go to bed at nine o'clock. (I bambini devono andare a letto alle
nove)
He must go to prison for three years. (Deve andare in prigione per tre anni)
Facile, vero?

Quando la forma abbreviata di going to si usa in seconda persona you esprime allora
un ordine.
Ad esempio: You are to finish this report by six o'clock (Devi finire questo
rapporto per le sei) è lo stesso che Finish this report by six o'clock.

Passiamo ora all'uso di "to be to" per esprimere l'idea del destino.
La forma breve di "going to" che equivale alla struttura "be + infinito" può essere
anche usata per riferirsi all'idea del destino.
Ad esempio: They said goodbye not knowing they were to meet again. (Si sono
salutati senza sapere che si sarebbero incontrati)
Osserva che per esprimere tale idea del destino "be + infinito" si usa al passato.
Ad esempio was to e were to.

Vediamo ancora degli esempi.


These were to be his last words as president. (Queste sarebbero state le sue
ultime parole come presidente)
It was to be ten years before he became champion. (Sarebbero dovuti passare
dieci anni prima che diventasse campione)
She never considered at school that she was to become his wife. (Lei non
pensò mai a scuola che sarebbe diventata sua moglie)

256
Lezione 122 (insegnante Fabiola)

to be about to

Oggi impareremo a usare l'espressione to be about to (stare per).


Usiamo quest'espressione prima di un altro verbo per dire che stiamo per fare
qualcosa.
Si utilizza per riferirsi a cose che accadranno in un futuro prossimo.
Osserva questi esempi:
He is about to get married (Sta per sposarsi)
We are about to have lunch. Are you hungry? (Stiamo per pranzare. Avete fame?)

Per sottolineare che si tratta di un futuro molto vicino usiamo l'avverbio just.
Guarda:
They are just about to begin the exam. (Stanno appena per iniziare l'esame)
I am just about to leave. I am in a hurry. (Sto appena per partire)
In questi esempi il verbo è al tempo presente. Ma può essere usato anche al tempo
passato e al futuro.

Vediamo "to be about to" al passato e al futuro.


Usare quest'espressione in altri tempi verbali è molto semplice. Devi solo coniugare il
verbo to be correttamente.
Ricorda che le forme al passato del verbo to be sono was e were e che al futuro è will
be.

Osserva questi esempi


We were about to leave when the phone ring. (Stavamo per partire quando il
telefono squillò)
He was just about to jump when he remembered his parachute. (Stava appena
per saltare quando si ricordò del suo paracadute)
This time tomorrow I'll be about to sign the contract. (Domani a quest'ora
stava per firmare il contratto)
They will be about to send us the wrong model. We should call them now.
(Staranno per inviarci il modello sbagliato. Dovremmo chiamarli adesso)

Ora, vediamo un'altra espressione molto simile: to be on the point of.


Quest'espressione è sempre seguita da un gerundio, la forma -ing di un verbo. Ha lo
stesso significato di "to be just about to".
Guarda questi esempi.
I was on the point of calling you when you rang. (Ero sul punto di chiamarti
quando mi hai chiamato)
They were on the point of leaving when their friends arrived. (Erano sul punto
di partire quando sono arrivati i loro amici)

257
L'espressione "to be on the point of" si usa raramente, così restiamo su "to be about
to".

Finalmente, vediamo alcuni altri esempi di to be about to.


The company is about to open a new office in London. (L'impresa sta per aprire
un nuovo ufficio a Londra)
She is about to leave. (Sta per partire)
We are about to start the meeting. (Stanno per iniziare la riunione)
The boss is about to leave for his holidays. (Il capo sta per partire per le
vacanze)
The employees were about to go on strike. (Gli impiegati stavano per scendere in
sciopero)
The children will be about to have breakfast. (I bambini stanno per fare
colazione)
My sister is about to have her third child (Mia sorella sta per avere il suo terzo
figlio)

258
Lezione 123 (insegnante Fabiola)

Future continuous

Oggi impareremo il "future continuous" con will.


Il future continuous si usa per esprimere un'azione che sarà in corso in un momento
specifico del futuro.
Ad esempio: I will be working (Lavorerò/starò lavorando)
Per formare il "future continuous" si usa il futuro del verbo to be "will be" seguito da
un verbo al gerundio.

Vediamo degli esempi di "future continuous" nella forma affermativa.


I will be working all Saturday morning. (Sabato starò lavorando tutta la mattina)
She will be playing tennis then. (In quel momento lei starà giocando a tennis)
They'll be flying to Rio for the carnival on Saturday. (Sabato saranno in volo
per il carnevale di Rio)
We will be celebrating your birthday all weekend. (Festeggeremo il tuo
compleanno per tutto il fine settimana)
We will be dancing all night. (Balleremo tutta la notte)

Vediamo ora degli esempi di "future continuous" in frasi negative.


I will not be living in New York next year. (Non starò vivendo a New York
l'anno prossimo)
La forma negativa si crea usando la forma negativa del futuro del verbo to be: "will
not be" più il gerundio.
Si può anche usare la forma contratta di "will not": "won't".
I won't be living in New York next year. (Non starò vivendo a New York l'anno
prossimo)

Vediamo degli altri esempi:


I won't be working tomorrow when you come. (Non starò lavorando domani
quando verrai)
He won''t be feeling very well tomorrow after all that wine. (Non si sentirà
molto bene domani dopo tutto quel vino)
Linda won't be waiting for you when you arrive. (Linda non ti starà aspettando
quando arriverai)

Vediamo degli esempi con il "future continuous" nella forma interrogativa.


Per formare le domande bisogna porre l'ausiliare will prima del soggetto.
Osserva questi esempi
Will you be working in August this year? (Starai lavorando ad agosto
quest'anno?)

259
Will you be staying in the Bahamas all summer? (Sarai alle Bahamas tutta
l'estate?)
Will you be travelling the whole year? (Starai viaggiando tutto l'anno?)
Will Ken be living in your house this summer? (Ken vivrà a casa tua
quest'estate?)

Concludiamo con le risposte brevi al "future continuous" con will.


Per le risposte brevi c'è bisogno del verbo modale will o la forma negativa won't.
Osserva questi esempi:
Will your ex be coming to visit us every week? No, he won't. (Il tuo ex verrà a
trovarci ogni settimana? No)
Will they be playing cards all night? Yes, they will. (Giocheranno a carte tutta
la notte? Sì)

260
Lezione 124 (insegnante Fabiola)

Futuro di THERE IS e THERE ARE

Oggi studieremo il futuro di there is e there are.


Nell'unità 28 abbiamo visto come si usano there is e there are al singolare e al plurale
per affermare la presenza di qualcosa nel presente.
Nell'unità 64 abbiamo visto "there was" e "there were" al singolare e al plurale per
affermare la presenza di qualcosa nel passato.
Ora studieremo "there will be" per entrambi, singolare e plurale, per affermare che
qualcosa ci sarà nel futuro.

Guarda questi esempi di frasi affermative.


There will be a meeting on Monday. (Ci sarà una riunione lunedì)
There will be a party for Jane on Saturday. (Ci sarà una festa per Jane sabato)
There will be thirty people at the party. (Ci saranno trenta persone alla festa)
There will be a lot of cars parked in the street. (Ci saranno molte macchine
parcheggiate nella strada)

Vediamo ora la forma negativa di "there will be".


Nella forma negativa usiamo will più not che nella forma contratta diventa won't per
tutte le persone.
Osserva questi esempi:
There won't be a meeting on Monday. (Non ci sarà riunione lunedì)
There won't be any time for a party. (Non ci sarà tempo per una festa)
There won't be many people at work. (Non ci saranno molte persone al lavoro)
There won't be any problems. (Non ci sarà nessun problema)

C'è un altro tipo di frase negativa. È formata dal verbo all'affermativo più "no".
Ecco alcuni esempi di questa struttura.
There will be no meeting on Monday. (Non ci sarà riunione lunedì)
There will be no time for a party. (Non ci sarà tempo per una festa)
There will be no problem. (Non ci sarà nessun problema)

Vediamo la forma interrogativa di "there will be".

Osserva questi esempi.


Will there be any time for a meeting? (Ci sarà tempo per una riunione?)
Will there be any shops open tomorrow? (Ci sarà qualche negozio aperto
domani?)
Nota che nella forma interrogativa l'ausiliare will va all'inizio della frase e che
abbiamo usato any con i sostantivi non numerabili e con il plurale dei numerabili.

261
Per esempio:
Will there be many people at the party? (Ci saranno molte persone alla festa)
Tuttavia non lo usiamo con i sostantivi singolari numerabili.
Will there be a meeting tomorrow? (Ci sarà una riunione domani?)

Per le risposte brevi a questo tipo di domande usiamo "there will" o "there won't".
Per esempio Will there be a meeting on Monday? Yes, there will. (Ci sarà un
incontro lunedì? Sì, ci sarà)
Will there be any shops open tomorrow? No, there won't. (Ci sarà qualche
negozio aperto domani? No)

Concludiamo con qualche altro esempio di "there is" e "there are" al futuro.

Osserva questi esempi di there is e there are al futuro.


There won't be anything to eat at the party. (Non ci sarà niente da mangiare alla
festa)
Will there be many people? (Ci saranno molte persone?)
Will there be any guests? (Ci saranno degli ospiti?)
There will be a few journalists. (Ci sarà qualche giornalista)
But won't there be any food? (Non ci sarà niente da mangiare?)
There will only be drinks. (Ci sarà solo da bere)
There will be a lot of complaints! (Ci saranno molte lamentele!)

262
Lezione 125 (insegnante Fabiola)

Futuro con CAN

Oggi impareremo il futuro del verbo can.


Come ben sai, can si usa per esprimere una possibilità o capacità, al presente.
Si tratta di un verbo ausiliare; pertanto non è possibile che sia accompagnato dal
verbo "will". Per questo per esprimere una possibilità o capacità al futuro, si usa to
be able to .
Ad esempio I will be able to (io potrò)

Vediamo alcuni esempi di "will be able to" per esprimere una possibilità.
Osserva questi due esempi.
He will be able to do the shopping for you when he comes home. (Lui potrà
fare la spesa per te, quando arriverà a casa)
They will be able to take the car if it's raining, because I don't need it.
(Potranno prendere la macchina se piove, io non ne ho bisogno)
Osserva che la forma è uguale per tutte le persone e che si può anche usare la forma
contratta di will.
Ad esempio: I'll you'll we'll

Ecco degli esempi:


I'll be able to do it tomorrow. (Potrò farlo domani)
You'll be able to buy a new car in some months. ( Potrai comprarti una macchina
nuova tra qualche mese)
He'll be able to repair the bicycle. (Lui potrà riparare la bicicletta)
She'll be able to lose weight if she wants. (Lei potrà perdere peso se vorrà)
We'll be able to drive you to the station. (Potremo portarvi alla stazione)
You'll be able to visit the museum. (Potrai visitare il museo)
They'll be able to write some letters tonight. (Potranno scrivere delle lettere
stasera)
Ricorda anche che il futuro con will si usa anche nelle frasi condizionali.
If I can save five hundred pounds, I'll be able to buy a new computer. (Se
riesco a risparmiare cinquecento sterline, potrò comprarmi un computer nuovo)

Vediamo alcuni esempi di will be able to per esprimere la capacità.

Ecco degli esempi:


You will be able to swim very well if you practice every weekend. (Saprai
nuotare benissimo se ti eserciti ogni fine settimana)
She will be able to type very fast when she finishes her course. (Potrà
dattilografare molto velocemente quando finirà il corso)

263
They will be able to drive after they have done their military service.
(Sapranno guidare dopo aver fatto il servizio militare)

E con la forma contratta:


I'll be able to speak English soon. (Sarò in grado di parlare inglese presto)
You'll be able to understand him if you try. (Riuscirai a capirlo se ci provi)
He'll be able to cook if he takes lessons. (Sarà capace di cucinare, se prenderà
lezioni)
She'll be able to help you. (Lei saprà aiutarti)
We'll be able to do the exercises properly. (Sapremo volgere gli esercizi in modo
corretto)
You'll be able to read faster if you practice. (Sarai in grado di leggere più veloce
se ti eserciti)
They'll be able to find out the truth. (Riusciranno a scoprire la verità)

Andiamo avanti! Vediamo la forma negativa di will be able to.


L'uso della forma negativa di will è molto semplice.
Ricorda però che nelle frasi negative, il verbo ausiliare will diventa won't.
Ad esempio:
I won't be able to do it tomorrow unless you help me. (Non riuscirò a farlo
domani a meno che tu non mi aiuti)
They won't be able to speak English if they don't study. (Non saranno in grado
di parlare inglese se non studiano)
He won't be able to help you. (Non potrà aiutarti)
We won't be able to go on holiday this year. (Non potremo andare in vacanza
quest'anno)

Osserva quest'altro modo di formare frasi negative.


I'll never be able to use this programme. (Non riuscirò ad usare questo
programma)
È facile, vero?

Vediamo la forma interrogativa e le risposte brevi con will be able to.


Nelle domande, l'ausiliare will va prima del soggetto.

Ad esempio:
Will she be able to do it tomorrow? (Potrà farlo domani?)
Will you be able to speak English before the summer? (Saprà parlare inglese
prima dell'estate?)
Will they be able to find us without phoning? (Saranno in grado di trovarci senza
chiamarci?)
Will you be able to look after the children on Friday? (Potrai badare ai bambini
venerdì?)

264
Will they be able to repair the car before the weekend? (Potranno riparare la
macchina prima del fine settimana?)

Per le risposte brevi usiamo l'ausiliare will o won't a seconda della risposta, se è
positiva o negativa. Ad esempio:

Will you be able to come to the party? (Potrai venire alla festa?)
Yes, I will. (Sì)
Will she be able to come with you? (Lei potrà venire con te?)
No, she won't. (No)

265
Lezione 126 (insegnante Cristina)

MUST al futuro

Oggi impareremo come usare must al tempo futuro.


Come già sai, usiamo must per esprimere necessità o obbligo al tempo presente.
Must è un verbo modale
Per esempio: I will have to (Dovrò)
Non è per niente difficile!

Vediamo gli esempi di will have to per esprimere un obbligo al futuro.


Osserva questi due esempi:
I will have to wait until Friday. (Dovrò aspettare fino a venerdì)
You will have to speak slowly to be understood. (Dovrai parlare piano per essere
capito)
Nota che è lo stesso per tutte le persone e che possiamo anche usare le forme
contratte di will: I'll you'll we'll.
Qui a seguire altri esempi:
He'll have to tell them his secret. (Dovrà dire loro il suo segreto)
She'll have to go to the party alone. (Dovrà andare sola alla festa)
We'll have to change our clothes to go in. (Dovremo cambiarci i vestiti per
entrare)
You'll have to sing for at least an hour. (Dovrai cantare per almeno un'ora)
They'll have to use another way to travel so far. (Dovranno usare un altro modo
per viaggiare molto lontano)
I'm sorry but you'll have to come back tomorrow. (Mi dispiace ma dovrai
tornare domani)
I think we'll have to postpone the meeting until Wednesday. (Credo che
dovremo posporre la riunione a mercoledì)

Ricorda inoltre che usiamo il futuro con will in frasi condizionali.


Osserva questo esempio: If he fails his exam, he'll have to repeat the year .(Se
sospende l'esame, dovrà ripetere l'anno)

Ora, osserviamo gli esempi con will have to alla forma negativa.
Usare la forma negativa di will è molto semplice.
Solo ricorda che in frasi negative il verbo ausiliare will diventa won't.

Per esempio:
I won't have to pay so much tax this year. (Non dovrò pagare molte tasse
quest'anno)
She won't have to worry about money now. She just won the lottery! (Non
dovrà preoccuparsi dei soldi ora. Ha appena vinto alla lotteria!)

266
They won't have to go to school tomorrow. It's a holiday. (Non dovranno
andare a scuola domani. È giorno di vacanza)
Questo è abbastanza facile, no?

Ora vediamo will have to nelle frasi interrogative e nelle risposte brevi.
Nelle domande, l'ausiliare will va prima del soggetto.
Per esempio:
Will you have to travel a lot in your new job? (Dovrai viaggiare molto per il tuo
nuovo lavoro?)
When will you have to leave? (Quando dovrai partire?)
What will she have to do in her new job? (Che cosa dovrà fare il suo nuovo
lavoro?)

Per risposte brevi usiamo i verbi ausiliari will o won't, a seconda che la risposta sia
positiva o negativa.
Per esempio, con la domanda Will you have to travel a lot in your new job?
(Dovrai viaggiare molto nel tuo nuovo lavoro?) per dare una risposta breve
affermativa dirai Yes, I will (Sì, dovrò) e, nella forma negativa dirai No, I won't.
(No, non dovrò)

Altri modi possibili per rispondere a domande con will have to sono:
When will you have to leave? (Quando te ne dovrai andare?)
About ten o'clock. (Alle 10 circa)
What will she have to do in her new job? (Che cosa dovrà fare al suo nuovo
lavoro?)
Market research. (Ricerche di mercato)

267
Lezione 127 (insegnante Lisa)

Future perfect

Oggi impareremo come usare il future perfect.


Iniziamo a vedere come formulare la regola grammaticale del future perfect.
Usiamo il future perfect per dire che qualcosa sarà terminato in un certo momento del
futuro. Si costruisce con il verbo have (avere) al futuro.
Per esempio:
I will have worked on five projects. (Avrò lavorato a cinque progetti)
I will have worked for one hour when you come home. (Avrò lavorato per
un'ora quando arriverai)
At 20 years old she will have been to Japan three times. (A 20 anni sarà stata in
Giappone tre volte)
Nota che il participio passato di to be (essere/stare) è been.

Osserva alcuni esempi con il future perfect - frasi affermative:


You will have played the guitar for two years (Avrai suonato la chitarra per due
anni)
He will have changed his look in a week. (Avrà cambiato il suo aspetto fra una
settimana)
She will have sent you some letters. (Ti avrà inviato alcune lettere)
We will have run twenty kilometers. (Avremo corso per venti chilometri)
You will have eaten everything in ten minutes if you don't slow down. (Avrai
mangiato tutto in dieci minuti se non rallenti)
They will have frozen by now if they aren't wearing their coats. (Sarebbero
congelate adesso, se non avessero i loro cappotti)
I will have saved a thousand pounds by the end of the year. (Avrò risparmiato
mille sterline entro la fine dell'anno)
They will have won twelve leagues if they get this one. (Avranno vinto dodici
campionati se vincono anche questo)
I will have been to Japan three times. (Sarà stato in Giappone tre volte)
Soon we will have been in this flat for five years. (Presto avremo vissuto in
quest'appartamento per cinque anni)
È più facile dopo un po' di pratica, no?

Perciò, passiamo al future perfect - frasi negative.


Per formare una frase negativa al future perfect, semplicemente aggiungiamo la
parola not, di conseguenza la frase include will not che come forma contratta cambia
in won't.
Per esempio:
They won't have finished the meeting yet. It's only six o' clock. (Non avranno
finito l''incontro ancora. Sono solo le sei)

268
She won't have met your boyfriend until your wedding day. (Non avrebbe
conosciuto il tuo ragazzo fino al giorno delle vostre nozze)
We won't have launched the new product by the end of March. (Non avremo
lanciato il nuovo prodotto prima della fine di marzo)
They won't have started the project yet. (Non avranno ancora iniziato il progetto)
She won't have gone without me (Non sarebbe andata senza di me)
È abbastanza facile, no?

Perciò, vediamo come usare il future perfect - forma interrogativa.


Osserva questi esempi:
When will they have finished the new model? (Quando avranno finito il nuovo
modello?)
How long will you have worked here when you retire? (Per quanto tempo avrai
lavorato qui quando andrai in pensione?)
When will you have finished your new book? (Quando avrai terminato il tuo
nuovo libro?)
Will you have finished that report by six? (Avrai finito questo rapporto per le
sei?)
Come puoi vedere, nelle domande will è posto prima del soggetto.

E ora, vediamo brevemente risposte brevi con will e won't.


Per rispondere a questa domanda Will you have finished that report by six?
affermativamente, puoi dare una risposta breve Yes, I will (Sì, lo farò)

Vediamo un'altra domanda e impariamo come rispondere con una risposta breve nella
forma negativa:
Will he have passed his exam, do you think? (Pensi che avrà passato l'esame?)
No, he won't. I'm sure (No. Ne sono sicuro)

269
Lezione 128 (insegnante Ben)

Future perfect continuous

Oggi impareremo come e quando usare il future perfect continuous.


Iniziamo a vedere la regola grammaticale per formare il future perfect continuous.
Nella precedente unità, l'unità 127, abbiamo imparato come usare il future perfect.
Per esempio: I will have worked. (Avrò lavorato)
Formiamo il future perfect con will have e il verbo al participio passato.

Ora vediamo come formare il future perfect continuous.


Vediamo quest'esempio: I will have been working (Avrò lavorato)
Come puoi vedere, si forma il future perfect continuous con will have ma in questo
caso aggiungiamo il participio passato del verbo to be, been, la forma -ing del verbo,
in questo caso, working (lavorando).
Nota che usiamo il future perfect continuous per parlare di un'azione progressiva nel
futuro.

Bene, ora conosci la regola. Vediamo alcuni esempi con il future perfect continuous.
Next week, I will have been working for this company for ten years. (La
prossima settimana, saranno dieci anni che lavoro per quest'impresa)
Soon we'll have been travelling around India for a year. (Questo sarà un anno
che viaggiamo per l'India)
By the end of this year we will have been playing tennis together for five
years. (Alla fine di quest'anno saranno cinque anni che giochiamo a tennis insieme)
When I finish this exercise, I will have been studying for two hours (Quando
finisco questo esercizio, avrò studiato per due ore)
Formare il future perfect continuous è facile, vero?

Ora vediamo come usare il future perfect continuous nella forma negativa e
interrogativa.
Per esprimere la forma negativa del future perfect continuous usiamo semplicemente
la forma negativa won't. Ricorda che won't è la forma contratta di will not.
Ecco un esempio:
They won't have been waiting for long once we get there. (Quando arriveremo,
non ci staranno aspettando da molto)

Ora conosci la forma negativa, quindi vediamo come si formulano le domande con il
future perfect continuous.
Ecco un esempio: How long will we have been living together when we get
married? (Per quanto tempo avremo vissuto insieme quando ci sposeremo?)

270
Lezione 129 (insegnante Fabiola)

I pronomi relativi

Oggi studieremo i pronomi relativi


La maggior parte dei pronomi relativi li abbiamo visti nelle unità 18 e 20. Abbiamo
visto what, which, who, whom, whose.
Un altro pronome relativo che non è un pronome interrogativo è that.
In generale i pronomi relativi si usano per unire due frasi.
Osserva questi esempi:
John is a doctor. He lives in New York. (John è medico. Lui vive a New York)
John, who lives in New York, is a doctor.(John che vive a New York, è medico)
She is Swedish. She is my sister's neighbour. (Lei è svedese. Lei è la vicina di
mia sorella)
She è il soggetto in entrambe le frasi, possiamo dire quindi:
She, who is Swedish, is my sister's neighbour. (Lei, che è svedese, è la vicina di
mia sorella)
Nota che nell'ultimo esempio, who sostituisce il soggetto she.

I pronomi relativi si usano per evitare la ripetizione del soggetto o del complemento.
Come hai potuto vedere in questi due esempi, le frasi relative vanno tra due virgole.

Vediamo l'uso delle virgole nelle frasi relative.


Le virgole svolgono un ruolo molto importante nelle frasi relative.

Osserva i seguenti due esempi.


The boys who knew the teacher was ill didn't go to school. (I ragazzi che
sapevano che l'insegnante era malata non andarono a scuola)
The boys, who knew the teacher was ill, didn't go to school. (I ragazzi, che
sapevano che l'insegnante era malata, non andarono a scuola)
È la stessa frase ma con due significati molto diversi.
Nella prima frase solo i ragazzi che sapevano che l'insegnante era malata non
andarono a scuola. Tutti gli altri andarono. Tuttavia, nella seconda, tutti i ragazzi
sapevano che l'insegnante era malata, per questo nessuno di loro andò a scuola.
Si usano le virgole per separare una frase relativa, solo quando la suddetta frase può
essere omessa senza che ciò influisca nel significato generale che si vuole
trasmettere.

Vediamo ora il pronome relativo what.


A differenza di altri pronomi relativi what non può essere usato per descrivere il
sostantivo che lo precede. La sua funzione è quella di enfatizzare l'oggetto o l'azione
a cui si riferisce.

271
Ad esempio:
Do you know what she said? (Sai cosa ha detto?)
He's going to be very angry when he sees what you've done. (Si arrabbierà
molto quando vedrà quello che hai fatto)
I will explain exactly what the company wants. (Spiegherò esattamente quello
che vuole l'azienda)
I can't believe what they did to that old theatre. (Non posso credere cosa hanno
fatto a quel vecchio teatro)

Vediamo ora il pronome relativo which.


Which si usa quando si parla di animali o cose; segue il sostantivo a cui si riferisce e
aggiunge ulteriori informazioni alla frase.
Osserva questo esempio: That's the book which tells the story of the first
woman astronaut. (Quello è il libro che racconta la storia della prima donna
astronauta).
Nota che le informazioni fornite da which sono essenziali e per questa ragione la
frase non è racchiusa tra due virgole, si può anche dire: That's the book that tells
the story of the first woman astronaut.
Vediamo un altro esempio: Their car, which was the fastest there, won the race.
(La loro macchina, che era la più veloce lì, vinse la corsa)
In questo caso, which fornisce delle informazioni che non sono essenziali ed è per
questo che in questa frase abbiamo usato le virgole e che non possiamo usare that al
posto di which.
Vediamo ancora degli esempi.
Peter's car, which he rented in London, broke down after ten miles. (La
macchina di Peter, quella che ha noleggiato a Londra, si ruppe dopo dieci chilometri)
My aunt's cat, which is called "Pussy", is very beautiful. (Il gatto di mia zia,
che si chiama "Pussy", è molto bello)
The door which leads to the street is locked. (La porta che dà alla strada è
chiusa)
I saw a film on Friday that you will like. (Venerdì ho visto un film che ti
piacerà)

Ecco un consiglio utile: i pronomi relativi possono essere omessi se i due soggetti
della frase sono diversi, quindi possiamo anche dire:
I saw a film you will like. (Ho visto un film che ti piacerà)

Passiamo ora al pronome relativo who


Who si usa quando si parla di persone; segue il sostantivo a cui si riferisce e fornisce
maggiori informazioni alla frase.
Osserva questi esempi: Those girls, who live in that flat, are both law-students.
(Quelle ragazze che vivono in quell'appartamento sono entrambe studentesse di
legge)

272
The teacher who taught me English was from The States. (L'insegnante che mi
ha insegnato inglese era degli Stati Uniti)

A volte è possibile sostituire who con that.


Ad esempio He's the man that stole my car. (Quello è l'uomo che ha rubato la mia
auto)
E ricorda: quando il soggetto della frase relativa è diverso da quello della frase
principale, il pronome può essere omesso, quindi possiamo dire That's the man that
I met yesterday o That's the man I met yesterday. (Quello è l'uomo che ho
conosciuto ieri)
Is she the girl that you told me about? o Is she the girl you told me about? (È
quella la ragazza di cui mi hai parlato?)

E il pronome relativo whom?


Whom si riferisce anch'esso a persone. È il pronome complemento oggetto di who e
si usa quando non ci si riferisce al soggetto.
Possiamo anche ometterlo, come negli altri casi.
Osserva questi esempi:
The man whom I bought this car from said it was in perfect condition o
The man I bought this car from said it was in perfect condition. (L'uomo dal
quale ho comprato questa macchina disse che era in perfette condizioni)
Mary is the girl whom you spoke to at the party o
Mary is the girl you spoke to at the party. (Mary è la ragazza con la quale hai
parlato alla festa)

Vediamo infine il pronome relativo whose.


Whose equivale alla forma possessiva di who e which.
Osserva questi esempi
This is John, whose wife works at the university. (Lui è John, la cui moglie
lavora all'università)
I'm helping the lady whose husband is ill. (Sto aiutando la signora, il cui marito è
malato)
The boy whose mother is a doctor wants to study medicine. (Il ragazzo, la cui
madre è un dottore, vuole studiare medicina)
There are five men whose jobs are in danger. (Ci sono cinque uomini, i cui posti
di lavoro sono in pericolo)

273
Lezione 130 (insegnante Fabiola)

Pronomi riflessivi

Oggi impareremo quando e come usare i pronomi riflessivi.


I pronomi riflessivi non sono usati molto spesso in inglese.
Si impiegano quando la stessa persona è sia il soggetto che l'oggetto dell'azione.
Per esempio: Look after yourself. (Prenditi cura di te!)
I pronomi riflessivi sono:myself (me stesso)
yourself (te stesso)
himself (se stesso)
herself (se stesso)
itself (se stesso)
ourselves (noi stessi)
yourselves (voi stessi)
themselves (loro stessi)

Vediamo alcuni esempi con i pronomi riflessivi.


Osserviamo alcune frasi che contengono un pronome riflessivo.
I cut myself shaving this morning. (Mi sono tagliato rasandomi questa mattina)
Look at yourself in the mirror. (Guardati allo specchio)
He enjoyed himself very much at the party. (Si è molto divertito alla festa)
Did she pay for herself? (Ha pagato per lei?)
Take care of yourselves. (Prendetevi cura di voi)
They blamed themselves for the accident. (Si sono accusati dell'incidente)
Nota che nell'ultimo esempio, se sostituissimo il pronome riflessivo themselves con
il pronome reciproco each other, "They blamed each other for the accident" (Si
incolparono l'un l'altro dell'incidente), il significato della frase cambierebbe
radicalmente.
Bene, ora sai come usare i pronomi riflessivi.
Ricorda che sono usati quando la stessa persona è sia il soggetto che l'oggetto della
frase. Comunque, non sono necessari quando il verbo descrive cose che le persone
normalmente fanno per se stesse.

Vediamo i verbi che non sono seguiti da pronomi riflessivi.


Vediamo questi esempi:
I wash (Mi lavo)
I always wash after breakfast. (Mi lavo sempre dopo colazione)
I have a shower (Faccio una doccia)
I had a shower before I left. (Ho fatto una doccia prima di uscire)
I have a bath (Mi faccio un bagno)
I take a bath (Mi faccio un bagno)

274
She was having a bath when I phoned (Si stava facendo il bagno quando ho
chiamato)
She was taking a bath when I phoned. (Si stava facendo il bagno quando ho
chiamato)
I get dressed (Mi vesto)
Tell the children to get dressed. (Dì ai bambini di vestirsi)
I shave (Mi rado)
My son was happy because he shaved for the first time yesterday. (Mio figlio
era contento perchè si è rasato ieri per la prima volta)
Nota che in questi esempi non sono necessari i pronomi riflessivi a meno che non
vogliamo enfatizzare il fatto che stiamo facendo qualcosa senza aiuto.

Vediamo come usare i pronomi enfatici.


Quando i pronomi riflessivi sono usati per sottolineare un nome particolare si
chiamano pronomi enfatici e sono usati per sottolineare che il soggetto ha fatto
personalmente l'azione.
Per esempio: She did it herself o, detto in modo diverso, She did it by herself.
(Lo ha fatto lei da sola)

Osserva qualche altro esempio.


I spoke to the Managing Director myself. (Ho parlato io stesso al direttore
generale)
The food itself is bad, but the restaurant is nice. (Il cibo in sè è cattivo, però il
ristorante è carino)
We painted the whole house ourselves. (Abbiamo dipinto noi stessi l'intera casa)
The children cleaned the room by themselves. (I bambini hanno pulito loro stessi
la stanza)

275
Lezione 131 (insegnante Ella)

Forma passiva

Oggi cominceremo a studiare la forma passiva.


Cominciamo vedendo l'uso della forma passiva rispetto a quella attiva.
Mettiamo a confronto la forma passiva e quella attiva.
Vediamo ad esempio questa frase: The janitor opens the office at 6:30 (Il portiere
apre l'ufficio alle 6,30) si serve della forma attiva. Mentre nella forma passiva questa
stessa frase diventa The office is opened at 6:30 (L'ufficio è aperto alle 6,30).
Nota che per formare il passivo si usa il verbo to be più il participio passato del
verbo.
Inoltre nelle frasi passive il soggetto viene solitamente omesso.
Per questo usiamo il passivo per dare più importanza a ciò che accade piuttosto che a
chi compie l'azione.

Vediamo un altro esempio.


La frase We launch a new product every month (Lanciamo un nuovo prodotto
ogni mese) è nella forma attiva. Tuttavia, al passivo la frase sarebbe A new product
is launched every month (Viene lanciato un nuovo prodotto ogni mese).
Come vedi abbiamo omesso il soggetto e usato il verbo to be più il participio passato
del verbo.
Ricorda che il participio passato dei verbi regolari si forma aggiungendo -ed alla
fine.
Ad esempio worked (lavorato)
danced (ballato)
E si trova nella terza colonna nelle liste dei verbi irregolari. Ad esempio:
eaten (mangiato)
seen (visto)

Bene, ora conosci la regola, andiamo avanti.

Vediamo la forma passiva nei tempi verbali semplici.


Come già detto, quando si usa la forma passiva generalmente si omette il soggetto.
Tuttavia può essere espresso alla fine della frase e introdotto dalla preposizione by

Vediamo di nuovo il primo esempio.


Ricordi la frase espressa sia in forma attiva che passiva.
Ricordi che nella forma attiva diciamo The janitor opens the office at 6:30 e in quella
passiva The office is opened at 6:30.
Se inseriamo il soggetto: The office is opened at 6:30 by the janitor . (L'ufficio
viene aperto alle 6,30 dal portiere)

276
Vediamo l'altro esempio.
We launch a new product every month. (Lanciamo un nuovo prodotto ogni mese)
A new product is launched every month by us. (Da noi viene lanciato un nuovo
prodotto ogni mese)
Come puoi vedere entrambe le frasi sono al simple present. Quindi per formare il
passivo abbiamo usato il simple present del verbo to be e il past participle del verbo

Vediamo ora alcuni esempi di frasi passive al simple past.


"Sunflowers" was painted by Van Gogh. (Il quadro "Girasoli" è stato dipinto da
Van Gogh.)
Troops were sent to the area by the US government. (Furono mandate truppe
nella zona dal governo degli Stati Uniti)
The new hospital was opened by the Queen. (Il nuovo ospedale è stato aperto
dalla Regina)
Queste frasi sono al simple past, per questo abbiamo usato il simple past del verbo to
be più il participio passato.
La formazione del passivo è facile, vero?

Vediamo ora come si usa il passivo con i verbi modali.


Quando si usa il passivo con i verbi modali come can, must, should, il verbo
modale va prima del verbo to be.
Ad esempio:
Tickets can be ordered by telephone (I biglietti possono essere prenotati per
telefono)
This medicine must be taken every two hours (Questa medicina deve essere
presa ogni due ore)
Tyre pressures should always be checked before a long journey. (La pressione
dei pneumatici dovrebbe essere controllata sempre prima di un lungo viaggio)
Nota che si usa l'infinito del verbo to be senza il to.
Abbiamo imparato come si usa la forma passiva con i tempi verbali semplici e con i
verbi modali.
Ma, un attimo, c'è dell'altro!

Il passivo può essere usato anche con altri tempi verbali.


Vediamo come si forma il passivo con altri tempi verbali.
In tutti i tempi verbali il passivo si forma sempre allo stesso modo: con il verbo to be
più un participio passato. Ad esempio:
is opened (è aperto)
was painted (è stato dipinto)
have been taken (sono stati presi)
must be taken (devo essere preso)
will be served (sarà servito)
is going to be changed (sarà cambiato)

277
Cominciamo vedendo alcuni esempi di frasi passive al present continuous e past
continuous.
Ad esempio
Present Continuous
A new bridge is being built over the river. (Un nuovo ponte viene costruito sul
fiume)
Old clothes are being collected for the refugees. (Vengono raccolti abiti usati per
i rifugiati)
Past Continuous
My car was being repaired yesterday. (La mia auto veniva riparata ieri)
The new computers were being installed when we arrived. (I nuovi computer
venivano installati quando siamo arrivati)

Ed ora con il Present Perfect e il Past Perfect.


Present Perfect
My new plan for the department has been approved. (Il mio nuovo progetto per
il dipartamento è stato approvato)
Past Perfect
Dinner had been prepared for us by the children when we got home. (Quando
arrivammo a casa la cena ci era stata preparata dai bambini)

Per finire, vediamo come si forma il passivo nei tempi verbali: futuro e condizionale.
Future
Dinner will be served at 8:30. (La cena sarà servita alle 8:30)
My telephone number is going to be changed. (Il mio numero di telefono verrà
cambiato)
Conditional
If the workers went on strike, they would be sacked. (Se i lavoratori entrassero
in sciopero, verrebbero licenziati)

278
Lezione 132 (insegnante Fabiola)

Dalla forma passiva alla forma attiva

Oggi andremo avanti con lo studio della forma passiva.


Cominciamo vedendo come si trasforma il modo passivo in attivo.
Ricordi che nell'unità 131 abbiamo imparato a trasformare una frase da attiva in
passiva.

Ora vedremo il contrario, vale a dire, come trasformare una frase passiva in attiva.
Ad esempio la frase Oil has been found in the North Sea (È stato trovato petrolio
nel mare del Nord) è una frase passiva e la frase They have found oil in the North
Sea (Hanno trovato petrolio nel Mare del Nord) è una frase attiva.

Quindi, per trasformare una frase da passiva ad attiva si usa il soggetto anonimo:
they.
Ad esempio la frase
Forma passiva
A cure for cancer was discovered last week (Una cura contro il cancro è stata
scoperta la settimana scorsa)
Forma attiva
They discovered a cure for cancer last week. (Hanno scoperto una cura contro il
cancro la settimana scorsa)
Forma passiva
A lot of telegrams were sent to the Queen on her birthday. (Sono stati inviati
molti telegrammi alla Regina per il suo compleanno)
Forma attiva
They sent a lot of telegrams to the Queen on her birthday. (Hanno mandato
molti telegrammi alla Regina per il suo compleanno)
Forma passiva
Millions of bottles of wine are produced in France every year. (Milioni di
bottiglie di vino vengono prodotti ogni anno in Francia)
Forma attiva
They produce millions of bottles of wine in France every year. (In Francia,
ogni anno producono milioni di bottiglie di vino)
Facile, vero?

La forma passiva può essere usata anche con il verbo get in molti modi diversi.
Vediamo dunque il passivo formato da get - primo caso
Il passivo può essere usato con il verbo to be seguito da un participio passato.
Ricordi le tre forme del verbo "to get": get got got
Ad esempio A lot of people get killed on the roads every year. (Molte persone
muoiono sulle strade ogni anno)

279
Nota che quando usiamo questa struttura - il passivo con get, il past participle funge
da aggettivo. Questa struttura si usa in moltissimi casi!
Ad esempio:
I' m sorry, The dinner got burnt while I was talking on the phone. (Mi dispiace.
La cena si è bruciata mentre parlavo al telefono)
How did this mirror get broken? (Come si è rotto questo specchio?)

Vediamo ora il passivo con get - secondo caso


Il passivo può anche essere formato da "get" più un participio passato, quando si
parla di qualcosa che è stato fatto o verrà fatto per noi.
Ad esempio: We got the kitchen decorated last month. (Abbiamo arredato la
cucina il mese scorso)

Nota che va sempre un oggetto tra get e il participio passato.


Lascia che ti mostri ancora degli esempi:
She's getting her hairs cut at Salon Simon. (Si sta facendo tagliare i capelli nel
Salone Simon)
Where did you get your carpet cleaned? (Dove hai fatto pulire il tuo tappeto?)
Will you get my car washed this afternoon, please? (Mi puoi far lavare la
macchina oggi pomeriggio, per favore?)
Quest'uso di get è più comune nell'inglese parlato che in quello scritto.
Nella lingua scritta, questa costruzione si usa maggiormente con il verbo to have per
parlare di qualcosa che ci è accaduto, o che è stato fatto, o verrà fatto per noi.
Ad esempio:
I'll have a telephone installed next week. (Mi installeranno il telefono la
settimana prossima)
He had his money stolen when he was on holiday last summer. (Gli hanno
rubato i soldi mentre era in vacanza, l'estate scorsa)

Vediamo il passivo con get - terzo caso


Il verbo to get più il participio passato si usa anche in altre espressioni quali:
to get dressed (vestirsi)
to get lost (perdersi)
to get married (sposarsi)

Vediamo alcuni esempi


I got dressed and went to work. (Mi sono vestita e sono andata al lavoro)
Don't get lost! (Non perderti!)
They will get married in June. (Si sposeranno a giugno)

280
Lezione 133 (insegnante Graham)

Condizionale al passato

Oggi impareremo le forme condizionali al passato


Iniziamo ripassando quattro importanti tempi verbali del modo condizionale.
Questi tempi verbali al modo condizionale sono "conditional simple", "conditional
continuous", "conditional perfect" e "conditional perfect continuous".
Esempi:
I would dance every day if you came. (Ballerei tutti i giorni se venissi)
I would be dancing now if you were here. (Starei ballando ora se tu fossi qui)
I would have danced if you had come. (Avrei ballato se fossi venuto)
I would have been dancing a lot if you had come. (Avrei ballato molto se tu
fossi venuto)
Nota che tutti questi tempi verbali al condizionale sono formati con il verbo modale
would.
Quindi, prima di proseguire ripassiamo brevemente il verbo modale would.
Ricorda che usiamo il verbo modale will per formare tempi verbali al futuro.
Per formare tempi verbali al condizionale, usiamo il verbo modale would.
Per esempio: I work (presente) (lavoro)
I will work (futuro) (lavorerò)
I would work (condizionale) (lavorerei)
Ricorda che le frasi al condizionale sono comunemente usate con la congiunzione if.

Ora, siamo pronti a vedere il condizionale con il simple past e would.


Nell'unità 58 abbiamo visto frasi al condizionale con if + presente + futuro con will.
Per esempio: If you come, I will dance. (Se vieni, ballerò)

Usiamo le frasi condizionali con il futuro per parlare dei possibili risultati di
un'azione nel futuro.
La cosa importante da ricordare a proposito di questo condizionale è che c'è una reale
possibilità che la condizione si verifichi.
Comunque, per parlare di cose che probabilmente non accadranno, cioè di eventi o
situazioni ipotetiche, usiamo if + simple past + condizionale con would.
Per esempio: If you came, I would dance. (Se tu venissi, ballerei)
Così vediamo esempi del condizionale con il simple past.
If you saved more, you would have money for your holidays. (Se avessi
risparmiato di più, avresti soldi per le tue vacanze)
If I had a lot of money, I would live in the Bahamas. (Se avessi molti soldi
vivrei alle Bahamas)
If the children were older, we would go out more. (Se i bambini fossero più
grandi, usciremmo di più)

281
If we went to London, we would speak a lot of English. (Se andassimo a
Londra, parleremmo molto inglese)
If she asked me to marry her, I would say yes. (Se mi chiedesse di sposarla, direi
di sì)

E il condizionale con il simple past in frasi interrogative.


Nelle domande, il verbo modale would precede il soggetto.
Osserva questi esempi:
What would you buy if you won the lottery? (Che cosa compreresti, se vincessi
alla lotteria?)
Where would you live if you didn't live in England? (Dove vivresti se non
vivessi in Inghilterra?)
What would she do if she lost her job? (Che cosa farebbe se perdesse il suo
lavoro?)
Who would you choose if you were on the Oscar committee? (Chi scegliereste
se fossi nella giuria degli Oscar?)
Ricorda che si può usare would per richieste formali, per esempio:
Would you open the door? (Apriresti la porta?)
E per fare offerte, per esempio:
Would you like another biscuit? (Vorresti un altro biscotto?)

Ora, vediamo il condizionale in frasi negative. In frasi negative usiamo la forma


negativa del verbo ausiliare più l'infinito, quindi did not - didn't + infinito.
would not - wouldn't + infinito
were not - weren't + infinito

Qui alcuni esempi:


If we didn't smoke, we would save a lot of money (Se non fumassimo,
risparmieremmo molti soldi)
If she had to work, she wouldn't play so much tennis (Se dovesse lavorare, non
giocherebbe tanto a tennis)
If he didn't like his job, he would leave it. (Se non gli piacesse il suo lavoro, lo
lascerebbe)
If they didn't speak good English, they wouldn't be hostesses. (Se non
parlassero bene l'inglese, non sarebbero assistenti di volo)
If I weren't a good teacher, I would be an actor. (Se non fossi un buon
professore, sarei un attore)
If you were married, I wouldn't invite you to dinner. (Se tu fossi sposato, non ti
inviterei a cenare)

Finalmente, vediamo il condizionale in contrasto con il congiuntivo.


Il congiuntivo non è molto comune in inglese.

282
È a volte, ma raramente, usato per indicare situazioni incerte e ipotetiche, ma queste
sono di solito espresse in altri modi.
Usiamo il simple past: If you studied a lot. (Se studiassi molto)
C'è solo un caso in cui il congiuntivo è diverso dal simple past. È alla prima e terza
persona singolare del verbo to be.

Confrontiamo:
Simple Past Subjunctive
I was I were
you were you were
he/she/it was he/she/it were
we were we were
you were you were
they were they were

283
Lezione 134 (insegnante Ella)

Unless, in case

Normalmente usiamo la congiunzione if in frasi al condizionale ma oggi impareremo


altre congiunzioni che possono essere usate in espressioni al condizionale.
Iniziamo a vedere quali sono queste congiunzioni.
Abbiamo visto alcune di queste congiunzioni nell'unità 60 usate in frasi condizionali
con will.
Ora, vedremo frasi condizionali con will e con altri due verbi modali: would e could.
Ecco le congiunzioni che vedremo oggi: before (prima), after (dopo), while
(mentre), as soon as (non appena), until (fino), unless (a meno che), as long as
(fino a che), provided (a condizione che), in case (nel caso che), even if (anche se).

Ora vediamo le espressioni al condizionale con before, after, while, as soon as e


until.
Ecco alcuni esempi dell'uso delle espressioni elencate
They would never launch a new product before they tested the market. (Non
lancerebbero mai un nuovo prodotto prima di aver analizzato il mercato)
Will you take a holiday after you finish your exams? (Faresti una vacanza dopo
gli esami?)
I would look after the house while you were away. (Mi saresti occupato della tua
casa mentre eri via)
She will phone me as soon as she knows. (Mi chiamerà appena sa qualcosa)
I will stay here until you get back. (Starò qui fino a che non torni)
Come puoi notare tutte queste congiunzioni sono collegate all'idea di tempo.

Vediamo frasi al condizionale con unless, as long as, provided, in case e even if.

Guarda attentamente i seguenti esempi e nota che queste altre congiunzioni sono
connesse all'idea di possibilità e condizioni.
He won't go unless she goes with him. (Non andrà via a meno che lui non lo
accompagni)
We would offer a discount as long as they accepted the delivery dates.
(Offriremo uno sconto a patto che accettino le date di consegna)
We could change the design provided they paid the extra cost. (Cambieremo il
disegno, a condizione che paghino il costo aggiuntivo)
I would take an umbrella in case it rained. (Prenderò un ombrello nel caso che
piova)
He wouldn't stop working even if he retired. (Non smetterebbe di lavorare anche
se in pensione)

284
Finiamo con alcuni esempi di queste espressioni al condizionale.
I would take a sandwich in case you get hungry. (Prenderò un panino nel caso
mi venga fame)
If we let him, he would play until he spent all the money. (Se lo lasciassimo,
giocherebbe fino a spendere tutti i suoi soldi)
I wouldn't leave before the film finished. (Non me ne andrei prima che finisca il
film)
She wouldn't go back home unless her mother were ill. (Non tornerebbe a casa,
a meno che non si ammali la sua mamma)
I wouldn't do it unless I had a good reason. (Non lo farei a meno che non abbia
una buona ragione)

285
Lezione 135 (insegnante Ben)

Periodo ipotetico con il simple past

Oggi impareremo come e quando si usa il periodo ipotetico con il simple past.
Cominciamo a vedere come si usano in situazioni irreali.
Usiamo il periodo ipotetico con il simple past e con would per parlare di situazioni
irreali.
Per situazioni irreali intendiamo situazioni irreali, improbabili o false al momento in
cui si parla.

Osserva questi esempi.


If I had wings, I would fly. (Se avessi ali, volerei)
If we were Japanese, we would work for more hours. (Se fossimo giapponesi,
lavoreremo per più ore)
If I could go back in time, I would visit Ancient Egypt. (Se potessi tornare
indietro nel tempo, visiterei l'antico Egitto)
If I were twenty years younger, I wouldn't be sitting there listening to music.
(Se avessi venti anni in meno, non me ne starei seduto ad ascoltare musica)
If we didn't have any kids, we would be able to go on holiday. (Se non
avessimo figli, potremmo andare in vacanza)
If Marilyn Monroe were alive, she would still be a star. (Se Marilyn Monroe
fosse viva, sarebbe ancora una star)
I would understand this inscription if I could read Arabic. (Capirei questa
iscrizione se sapessi leggere l'arabo)
È semplice, vero?

Il periodo ipotetico formato da frasi al simple past più would si usa anche per dare
consigli.

Andiamo avanti e vediamo come dare consigli con questo tempo verbale.
Ripassiamo però prima una cosa importante.
Come già sai, quando usiamo il simple past del verbo to be usiamo was alla prima e
alla terza persona singolare.
Ma quando usiamo il periodo ipotetico usiamo sempre were , come forma passata del
verbo to be per la prima e la terza persona singolare.
Per esempio: if I were (se io fossi)
if he were (se lui fosse)

Vediamo ora alcuni esempi con il periodo ipotetico con il verbo to be, per dare
consigli.
If I were you, I would tell her you're sorry. (Se fossi in te, le direi che mi
dispiace)

286
If I were in your shoes, I would tell the truth. (Se fossi al tuo posto, direi la
verità)
If I were more patient, he wouldn't be so angry all the time. (Se fosse più
paziente, non sarebbe sempre arrabbiato)
If I were more careful, you wouldn't have so many accidents. (Se tu facessi più
attenzione, non avresti tanti incidenti)
I would complain to the manager if I were you. (Se fossi in te, mi lamenterei con
il direttore)

Si possono anche dare consigli usando il simple past e altri tempi verbali.
Osserva questi esempi:
I wouldn't accept that if I worked at your company. (Se lavorassi nella tua
impresa, non l'accetterei)
We would report your neighbours to the police if we lived here.
(Segnaleremmo i tuoi vicini alla polizia se vivessimo qui)

287
Lezione 136 (insegnante Ella)

Could, should, ought to, might

Oggi impareremo a usare le parole could, should, ought to e might in frasi al


condizionale.
Però che cosa sono le parole could, should, ought to e might?
Le parole could, should, ought to e might sono verbi modali e possono essere usati in
frasi al condizionale invece di would però con diversi significati.
Innanzitutto, vediamo would, could e might.

Vediamo queste due frasi con would.


If we were Japanese, we would work for more hours (Se fossimo giapponesi,
lavoreremo molte ore in più)
If I were you, I would tell her you're sorry. (Se fossi in te, le direi che ti dispiace)
Questi esempi sono molto interessanti.
Nota che usiamo le frasi al condizionale con il past simple per descrivere qualcosa di
irreale ipotetico e anche per dare consiglio.
Inoltre, nota che con questo tipo di frasi al condizionale usiamo were con tutte le
persone, anche se è possibile usare was con I, he, she e it.

Ora vediamo di nuovo il secondo esempio.


If I were you, I would tell her you're sorry. (Se fossi in te, le direi che ti
dispiace)
Qui la parola would implica la condizione ma evidentemente definisce la volontà.
Ora guarda questa frase.
If you had the nerve, you could tell her you're sorry. (Se ne avessi il coraggio,
potresti dirle che ti dispiace)
Could implica la possibilità ma non necessariamente la volontà.

E questa frase?
If you wanted to surprise her, you might tell her you're sorry. (Se lo vuoi
sorprendere, potresti dirle che ti dispiace)
Qui, might implica la possibilità, ma una volontà meno definita.

Vediamo ora should e ought to.


Should e ought to possono essere usati in modi simili in frasi condizionali.
Vediamo questi esempi con should.
If you were wrong, you should tell her you're sorry. (Se ti sei sbagliato, le
dovresti dire che ti dispiace)
La parola should qui è usata per fare una raccomandazione e normalmente riflette
l'opinione di chi parla.

288
ought to ha lo stesso significato di should ma è più formale.
Entrambi si usano per dare consigli.

Quindi, vediamo altri esempi di frasi condizionali con could, should, ought to e
might.
Ecco alcuni esempi di frasi condizionali che impiegano i verbi modali.
If you don't want to have an accident, you should drive more slowly. (Se non
vuoi avere un incidente, dovresti guidare più piano)
Un modo formale di dire questo
If you don't want to have an accident, you ought to drive more slowly.

Continuiamo con altri esempi.


If I had a day off, I might go skiing. (Se ho un giorno libero, potrei andare a
sciare)
You could save money, if you didn't smoke. (Potresti risparmiare se non
fumassi)
Where should I go if I study medicine? (Dove potrei andare se studiassi
medicina?)
If we had more free time, we could go out more often. (Se avessimo tempo
libero, potremmo uscire più spesso)

289
Lezione 137 (insegnante Fabiola)

Condizionale con il Past Perfect

Oggi studieremo uno dei periodi ipotetici dell'irrealtà: condizionale con il past
perfect.
Cominciamo con un esempio:
If I had studied more at school, I would have passed all my exams. (Se avessi
studiato di più a scuola, avrei superato tutti gli esami)
Questo condizionale si forma mediante if + il past perfect.
La cosa più importante da ricordare su questo condizionale è che si usa per parlare di
eventi passati non accaduti ma di cui si ipotizzano le eventuali conseguenze.
Quindi non ho studiato e non ho superato gli esami ed ora è troppo tardi.
Nota che mi pento di non aver studiato.
Questo condizionale si usa di solito quando si è tristi rispetto ad un'azione passata
ormai non più modificabile.

Osserva quest'altro esempio


If you had come to the party, you would have met some interesting people.
(Se fossi venuto alla festa, avresti conosciuto delle persone interessanti)
Ma può anche essere usato in modo molto positivo.

Osserva:
If we had sold our house last year, we would have lost a lot of money. (Se
avessimo venduto la nostra casa l'anno scorso, avremmo perso molti soldi)
Per fortuna, non l'abbiamo venduta.

Vediamo ora la forma negativa del condizionale con il past perfect.


In frasi negative, si aggiunge not al verbo ausiliare have.
Ad esempio:
If I had not been so lazy at school, I would have passed my exams. (Se non
fossi stata così svogliata a scuola, avrei superato gli esami)
Si può usare not anche con il verbo would.
Guarda:
If I had studied more at school, I would not have failed my exams. (Se avessi
studiato di più a scuola, non sarei stata bocciata all'esame)
O lo si può aggiungere in entrambe le frasi.
Ad esempio:
If I had not been so lazy at school, I would not have failed my exams. (Se non
fossi stata così svogliata a scuola, non sarei stata bocciata all'esame)
Non è difficile, vero?? Dipende tutto da quello che vuoi dire e come.

Ti mostro degli altri esempi di frasi negative al condizionale con il past perfect.

290
Osserva attentamente come costruiamo la forma negativa in queste frasi.
If you hadn't missed the party, you would have met some interesting people.
(Se non ti fossi perso la festa, avresti conosciuto delle persone interessanti)
If you had come to the party, you wouldn't have been so bored. (Se fossi
venuto alla festa, non ti saresti annoiato tanto)
If you hadn't missed the party, you wouldn't have been so bored. (Se non ti
fossi perso la festa, non ti saresti annoiato tanto)
If I had not rained yesterday, the barbecue would have been a success. (Se
non avesse piovuto ieri, la grigliata sarebbe andata benissimo)
If I had rained yesterday, the barbecue wouldn't have been a success. (Se
avesse piovuto ieri, la grigliata non sarebbe andata così bene)
If I had not rained yesterday, the barbecue wouldn't have been a disaster. (Se
non avesse piovuto ieri, la grigliata non sarebbe andata così male)
If we hadn't sold our house last year, we would have made a lot of money.
(Se non avessimo venduto la nostra casa l'anno scorso, avremmo guadagnato molti
soldi)
If we had sold our hoouse last year, we wouldn't have made so much money.
(Se avessimo venduto la nostra casa l'anno scorso, non avremmo guadagnato tanti
soldi)
If we hadn't sold our house last year, we wouldn't have made so much money.
(Se non avessimo venduto la nostra casa l'anno scorso, non avremmo guadagnato
tanti soldi)

Vediamo ora il condizionale con il past perfect nella forma interrogativa.


Cominciamo con una semplice frase affermativa con would.
You would have been very happy (Saresti stato molto felice)
Trasformiamola ora in una frase interrogativa:
Would you have been very happy? (Saresti stato molto felice?)

Come vedi nelle frasi interrogative would va prima del soggetto.


Accade lo stesso con le frasi al condizionale
Guarda:
What would you have done if you had won the Christmas lottery? (Che cosa
avresti fatto se avessi vinto la lotteria di Natale?)
Who would you have liked to be if you had been a famous person? (Chi ti
sarebbe piaciuto essere se fossi stato una persona famosa?)
If you had lived in another era, which one would you have enjoyed most? (Se
avessi vissuto in un'altra era, quale ti sarebbe piaciuta di più)

Terminiamo con qualche esempio del condizionale con il past perfect.


Osserva questi esempi con attenzione.
If we had not lowered the price, they wouldn't have bought it. (Se non
avessimo abbassato il prezzo, non l'avrebbero comprato)

291
If you had paid the bill, they wouldn't have cut off the telephone. (Se tu avessi
pagato la bolletta, non ti avrebbero staccato la linea telefonica)
If we had met two years ago, I wouldn't have got married. (Se ci fossimo
conosciuti due anni fa, non mi sarei sposato)
Where would you have lived if you hadn't bought this house? (Dove ti sarebbe
piaciuto vivere, se non avessi comprato questa casa?)
Which film would you have seen if you had gone to the cinema? (Quale film
avresti voluto vedere se fossi andato al cinema?)
He would have passed the exam easily if he had worked a little harder.
(Avrebbe superato l'esame facilmente se avesse studiato un po' di più)

292
Lezione 138 (insegnante Ella)

Could have, should have, might have

Oggi impareremo l'uso di could have, should have e might have.


Iniziamo con un rapido ripasso di could, should e might.
Nell'unità 136, abbiamo imparato i verbi modali would, could, should, ought to e
might e nell'unità 137, abbiamo appreso come usare would have con il Past Perfect.
Ricorda che le parole could, should e might possono essere usate in modo simile a
would.
Comunque, ci sono tra loro leggere differenze, quindi dobbiamo assicurarci di usarle
correttamente.

Ora, vediamo da vicino i significati di could have e might have.


Could have e might have possono essere usati in frasi in modo simile a would have
ma suggeriscono diversi livelli di certezza e probabilità.

Vediamo questi esempi, così possiamo distinguere meglio le differenze.


If I had been you, I would have told her you were sorry (Se fossi stato al tuo
posto, le avrei detto che ti dispiaceva)
Qui, il would have implica intenzione e una probabilità definita.

Ora osserva questa frase


If you had had the nerve, you could have told her what you really feel. (Se ne
avessi avuto il coraggio, le avresti detto quello che realmente senti)
Qui, il could have implica possibilità ma non necessariamente completa certezza.

Ora, osserva questo esempio.


If it hadn't been raining, I might have gone for a walk (Se non avesse piovuto,
sarei andato a fare una passeggiata)
Might have è simile a could have poichè implica possibilità, ma meno certezza.

Ora, vediamo più da vicino il significato di should have.


Should have si usa per parlare di cose per le quali mostriamo dubbio per averle fatte
e suggerire qualcosa che sarebbe meglio fare.

Guarda questi esempi:

I should have worked harder at school. But I didn't. (Avrei dovuto lavorare con
più impegno a scuola. Ma non l'ho fatto.)
He should have married her when he had the chance. But he didn't. (Avrebbe
dovuto sposarsi con lei quando aveva avuto l'occasione. Ma non lo ha fatto)

293
We should have bought that house when it was cheap. But we didn't.
(Avremmo dovuto comprare quella casa quando costava poco. Ma non lo abbiamo
fatto.)
They should have invited her to the party. But they didn't. (Avrebbero dovuto
invitarla alla festa. Ma non lo hanno fatto)
We should have left home earlier. (Avremmo dovuto andare via prima)
I should have known it was a bad decision when everybody laughed. (Avrei
dovuto sapere che era una cattiva decisione quando tutti ridevano)
They should have driven the car before buying it (Avrebbero dovuto provare a
guidare la macchina prima di comprarla)
She should have read the instructions more carefully. (Avrebbe dovuto leggere
le istruzioni più attentamente)

Ora, assicuratevi di non dover usare could have, should have o might have durante il
vostro studio dell'inglese!

294
Lezione 139 (insegnante Ben)

Condizionali misti

Oggi impareremo ad usare i condizionali misti.


Hai imparato molto sui condizionali durante il corso.
Cominciamo ripassando le frasi al condizionale.
Vediamo un esempio di periodo ipotetico con il futuro.
I will tell him if I see him. (Se lo vedo, glielo dico)
Ricorda che i periodi ipotetici sono caratterizzati da due frasi unite dalla
congiunzione "if".
Non dimenticare che puoi anche dire:
If I see him, I will tell him. (Se lo vedo, glielo dico)
Il condizionale con il futuro è formato dal simple present nella frase introdotta da if e
dal futuro con will nella frase principale.
Questo condizionale si usa quando esiste una possibilità reale che qualcosa accada.

Vediamo ora un esempio di periodo ipotetico con il tempo passato.


If I had a lot of money, I would live in the Bahamas. (Se avessi molti soldi,
vivrei alle Bahamas)
In questo caso nella frase introdotta da "if" usiamo il simple past e nella principale
would più un verbo all'infinito senza il "to".
Questo condizionale si usa per parlare di situazioni ipotetiche poco reali.

Concludiamo il ripasso con il periodo ipotetico formato dal past perfect.


Lascia che ti faccia un esempio.
If I had studied more at school, I would have passed all my exams. (Se avessi
studiato di più a scuola, avrei superato tutti gli esami)
Questo periodo ipotetico è formato dal past perfect nella frase introdotta da if e would
have più un participio passato nella frase principale.
Si usa per parlare di situazioni al passato che non sono accadute e delle loro
ipotetiche conseguenze.

Ecco quindi le tre forme di periodi ipotetici principali. (condizionale con il futuro,
condizionale con il passato semplice e condizionale con il passato perfetto)

Tuttavia esistono anche i periodi ipotetici misti ed è quello di cui parleremo nella
nostra lezione di oggi.
I periodi ipotetici misti combinano insieme diversi tempi verbali.
Anche se si usano più comunemente con il past perfect.
Cominciamo con quello caratterizzato dal past perfect e would.
Possiamo formulare frasi con would in due tipi: simple e continuous.

295
Cominciamo con esempi di periodi ipotetici semplici.
If we hadn't agreed to go on this sailing holiday, you wouldn't be so sick. (Se
non avessimo acconsentito ad andare in vacanza in barca a vela, non staresti così
male)
Where would you be now if you hadn't gone to University? (Dove saresti
adesso se non fossi andato all'università?)
Would you have so many children if you hadn't been brought up in an
orphanage? (Avresti così tanti bambini se non fossi cresciuto in un orfanotrofio?)
Ora, ricorda che si possono usare anche altri verbi modali al posto di would.
Guarda questo esempio.
If you had come on time, you could be in New York by now. (Se fossi arrivato
in tempo ora saresti potuto essere a New York.)
Ricorda di usare la contrazione ogni volta che puoi nel linguaggio parlato:
If you'd come on time, you could be in New York by now.
La 'd in questo caso equivale a "had".

Ora ti mostrerò alcuni esempi di condizionale progressivo


If I had married Jim, I would be living in Australia now. (Se avessi sposato Jim,
ora starei vivendo in Australia)
Ricorda che tutti i tempi verbali progressivi si formano con il verbo to be, in questo
caso "would be" più un verbo alla -ing form.
Con le forme contratte diremo:
If I'd married Jim, I'd be living in Australia now.
Nota bene che 'd equivale sia a "had" che a "would".
Vediamo altri due esempi
If they'd given me that mortgage, I'd be living in a penthouse now. (Se mi
avessero dato quell'ipoteca, ora starei vivendo in un attico)
If they hadn't spent so much money on the wedding, they wouldn't be renting
their flat. (Se non avessero speso tanti soldi per le nozze, ora non starebbero
affittando il loro appartamento)

Continuiamo.
Ti mostrerò ora i periodi ipotetici misti con il past perfect più would have.
Would have è una forma del perfetto ma può anche essere usato nella forma
progressiva.
Vediamo un esempio del condizionale perfetto:
I would have been happier if I had passed the exam . (Sarei stato felice se avessi
superato l'esame)
Ed ora alcuni esempi del condizionale perfetto progressivo:
If I hadn't rained, I would have been watering my plants by now. (Se non
avesse piovuto, ora sarei stato ad annaffiare le piante)
What would you have done if you hadn't been working here? (Che cosa avresti
fatto, se non avessi lavorato qui?)

296
Lezione 140 (insegnante Graham)

Discorso indiretto (prima parte)

Oggi inizieremo ad imparare l'uso del discorso indiretto.


Usiamo il discorso indiretto per spiegare quello che qualcuno ha detto, senza riportare
esattamente le parole che sono state usate.
È normalmente introdotto dai verbi say o tell al passato: said e told.

Guarda questi esempi:


They said that they couldn't come to the party (Dissero che non sarebbero potuti
venire alla festa)
He told me that he likes my hair (Mi disse che gli piacevano i miei capelli)
Nota bene che in inglese la congiunzione that non è necessaria. Si può omettere e
dire:
They said they couldn't come to the party
He told me he likes my hair.

La differenza tra to say e to tell è la seguente:


con said non c'è complemento oggetto (Loro hanno detto - They said) ma con told
ci deve essere un complemento oggetto, in questo caso, me (lui mi ha detto - he told
me)
In questo modo indichiamo esattamente con chi parliamo.

Vediamo ora alcuni esempi del discorso indiretto con il simple present.
Guarda gli esempi e ricorda che la congiunzione that non è necessaria, quindi non la
utilizzeremo.
She says it's a wonderful day. (Lei dice che è una giornata meravigliosa)
He says it always rains in April. (Lui dice che piove sempre ad aprile)
The newspaper says prices are rising (Sul giornale dicono che i prezzi stanno
aumentando)

E ora, vediamo alcuni esempi del discorso indiretto con il simple past.

Guarda questi esempi:


She told me she had to go to the dentist's. (Mi disse che doveva andare dal
dentista)
He said he wanted to see the film. (Disse che voleva vedere il film)
She said she was happy to see me (Disse che era felice di vedermi)
He told me I didn't need any money. (Mi disse che non avevo bisogno di soldi)
They said they couldn't come to the party. (Dissero che non sarebbero potuti
venire alla festa)
He said I had to arrive before seven. (Disse che dovevo arrivare prima delle sette)

297
He told me he wanted to get a new job. (Mi disse che voleva trovare un altro
lavoro)

Vediamo alcuni esempi del discorso indiretto con il past perfect.


They said they had seen a lot of wild animals. (Dissero di aver visto molti
animali selvaggi)
She said she hadn't bought anything in the shop. (Disse di non aver comprato
nulla nel negozio)
He said he had come without his glasses. (Disse di non aver portato gli occhiali -
di essere venuto senza gli occhiali)
They said they hadn't been there before. (Dissero di non essere mai stati lì prima)

Passiamo ora ad esempi del discorso indiretto con going to.


He said Arsenal were going to win the League. (Disse che l'Arsenal avrebbe
vinto il campionato)
She told me she wasn't going to continue with her studies. (Mi disse che non
aveva intenzione di continuare i suoi studi)
They said they were going to watch the football match. (Dissero che avrebbero
visto la partita di calcio)

E infine, vediamo alcuni esempi del discorso indiretto con il condizionale.


He said he would see me on Monday. (Disse che avrebbero visto il lunedì)
They said they wouldn't go there again. (Dissero che non sarebbero tornati in
quel posto)
She said she would be very grateful. (Disse che sarebbe stata molto grata)
They told us it would cost double. (Ci dissero che sarebbe costato il doppio)

298
Lezione 141 (insegnante Cristina)

Discorso indiretto (parte seconda)

Oggi continueremo a studiare come usare il discorso indiretto.


Iniziamo ripassando quello che abbiamo imparato fino ad ora sul discorso indiretto.
Come hai imparato dall'unità 140, usiamo il discorso indiretto per spiegare ciò che
qualcuno ha detto senza riportare le esatte parole usate.
Il discorso indiretto è normalmente introdotto dai verbi say e tell al passato, said e
told.

Quindi, vediamo alcuni esempi di discorso indiretto dall'unità precedente con l'uso
del simple present.
She says it's a wonderful day (Lei dice che è un giorno meraviglioso)
Con il simple past
He said he wanted to see the film (Disse che voleva vedere il film)
Con il past perfect
They said they had seen a lot of wild animals (Dissero che avevano visto molti
animali selvaggi)
Con "going to"
They said they were going to watch the football match (Dissero che avrebbero
visto la partita di calcio)
Con il simple conditional
He said he would see me on Monday (Disse che mi avrebbe venuto il lunedì)

E con l'imperativo?
Vediamo ora come usare il discorso indiretto con le frasi imperative.
Iniziamo con un esempio.
He told me to close the door (Mi disse di chiudere la porta)
Usiamo l'imperativo per dare ordini, fare richieste, dare consigli e suggerimenti.
Gli imperativi diventano frasi all'infinito nel discorso indiretto.
Possono essere usati anche in frasi negative.
He told me not to close the door. (Mi disse di non chiudere la porta)
Semplicemente si aggiunge la parola not prima della frase all'infinito.

Qui trovi altri esempi:


She asked me to open the window. (Mi chiese di aprire la finestra)
o alla forma negativa
She asked me not to open the window. (Mi disse di non aprire la finestra)
He asked me to lend him five dollars. (Mi chiese di prestargli cinque dollari)
He asked me not to lend him any money. (Mi chiese di non prestargli soldi)
Fino ad ora avevi imparato che usiamo i verbi to say e to tell nel discorso indiretto,
ma nota che possiamo anche usare to ask nel passato, asked per riferire richieste.

299
Possiamo anche usare il verbo to ask in domande indirette.
Il verbo to ask è usato anche in domande indirette.
Osserva un esempio:
Ha detto e cito: "Where do you live?". ("Dove vivi?")
Quando usiamo il discorso indiretto, lo riporteremo come segue:
He asked me where I lived (Mi chiese dove vivevo.)
Nelle domande indirette non usiamo ausiliari.

Osserva un altro esempio.


Lui disse e citò "Where are you from?" (Di dove sei?)
Al discorso indiretto diventa He asked me where I was from. (Mi chiese di dove
ero)
Nota in questo esempio che nella domanda indiretta abbiamo usato il verbo to be
dopo il soggetto.

Ora ti darò altri esempi con il verbo al discorso indiretto:


Vediamo altri esempi.
Simple Past
He asked me if I smoked (Mi chiese se fumavo)
Past Perfect
She asked me if I had smoked before (Mi chiese se avevo fumato prima)
Simple Conditional
He asked me if I would smoke again. (Mi chiese se avrei fumato ancora)
Sai come usare il discorso indiretto con i verbi to say, to tell e to ask, ma ci sono
molti altri verbi con il reported speech.

Ce ne sono molti come:


to admit (ammettere)
He admited that he was wrong. (Ammise di avere torto)
to advise (raccomandare)
He advised me to stay home (Mi raccomandò di stare a casa)
to be sure (essere sicuro)
He was sure he had forgotten the tickets. (Era sicuro di avere dimenticato i
biglietti)
to claim (affermare)
They claimed they were American (Affermavano di essere americani)
to explain (spiegare)
I explained to him that i had lost my passport. (Gli ho ho spiegato che avevo
perso il mio passaporto)
to mention (menzionare)
I mentioned I was getting married. (Ho menzionato che mi stavo per sposare)
to promise (promettere)
I promised her that I would be careful. (Le ho promesso che sarei stato prudente)

300
to reply (rispondere)
She replied that she was looking for a job. (Rispose che stava cercando un
lavoro)
to state (dichiarare)
The president stated he was satisfied (Il presidente dichiarò che era soddisfatto)

301
Lezione 142 (insegnante Ben)

Phrasal verbs (prima parte)

Oggi cominceremo a studiare i "phrasal verbs", ma cos'è un "prhasal verb"


Un "phrasal verb" è la combinazione di un verbo più una preposizione o un
avverbio.
A volte può trattarsi di più di una preposizione o di entrambi, una preposizione e un
avverbio.
La cosa più importante da ricordare al riguardo è che un verbo combinato con una
preposizione o un avverbio assume un nuovo significato.
Per esempio, il verbo to look significa dirigere lo sguardo verso una determinata
direzione o verso un determinato oggetto ma il "phrasal verb" to look for significa
cercare qualcosa o qualcuno.
Per esempio: She has gone to look for a new dress. (E andata a cercare un vestito
nuovo)

Vediamo qualche altro esempio di "phrasal verb" con look.


Esistono diversi "phrasal verbs" con il verbo to look.
look after (badare)
We're looking after the neighbours'children this weekend. (Questo
finesettimana baderemo ai bambini dei nostri vicini)
look forward to (aspettare con ansia)
I'm looking forward to the concert next week. (Sto aspettando con ansia il
concerto della prossima settimana)
look into (analizzare)
We will look into this question at the next meeting (Analizzeremo questo
argomento nella prossima riunione)
look like (assomigliare)
She looks like her mother (Assomiglia a sua madre)
look out (fare attenzione)
Look out! That car nearly hit us! (Attenzione! Quella macchina ci ha quasi
colpito!)
look through (consultare)
I need to look through my notes before the exam. (Ho bisogno di consultare i
miei appunti prima dell'esame)
look up (cercare)
If you don't know the word, look it up in the dictionary. (Se non conosci la
parola, cercala nel dizionario)

Passiamo ai "phrasal verbs" separabili e inseparabili.


Ora sappiamo che i "phrasal verbs" sono combinazioni di parole a volte possiamo
separarle, altre volte no.

302
Vediamo alcuni di quelli che possono essere separati.
Per esempio: to make up (inventare)
Possiamo dire to make up a story (inventare una storia)
to make a story up

to put off (posticipare)


to put off a meeting (posticipare una riunione)
to put a meeting off

to turn off (spegnere)


to turn off the TV (spegnere la TV)
to turn the TV off

Vediamo ora alcuni di quelli che non possono essere separati:


to give in (arrendersi)
to hold on (aspettare)
to come across (imbattersi)
to deal with (occuparsi)
to run through (ripassare)

E poi ce ne sono altri che possono essere sia separabili che inseparabili in base al loro
significato e a come vengono usati.

to take off (decollare), per esempio, non può essere separato quando si riferisce al
decollo di un aereo che inizia il volo, ma può essere separato quando si riferisce
all'azione di rimuovere qualcosa.
Ci sono molte cose da ricordare, vero?
Non preoccuparti! Questi altri due tipi di "phrasal verbs" li studieremo in modo più
approfondito nelle unità 143 e 144.

303
Lezione 143 (insegnante Cristina)

Phrasal verbs (seconda parte)

Oggi continueremo a studiare i "phrasal verbs".


Iniziamo ripassando ciò che già abbiamo imparato sui "phrasal verbs".
Nell'unità 142 hai appreso che un "phrasal verb" è la combinazione tra un verbo e una
preposizione o un avverbio.
Si può avere più di una preposizione o sia l'avverbio che la preposizione.
Ricorda, la cosa più importante sui "phrasal verbs" è che la combinazione di un verbo
con una preposizione o con un avverbio ne cambia completamente il significato.
Per esempio, to look non ha lo stesso significato del "phrasal verb" to look after,
che significa prendersi cura di qualcosa o qualcuno.
Ricorda anche che ci sono "phrasal verbs" separabili e inseparabili.
Se il phrasal verb è seguito da un nome, può essere separato.
Per esempio:
to take your jacket off (togliersi la giacca)
to make story up (inventare una storia)
to turn the TV off (spegnere la TV)

Oggi vedremo i phrasal verbs che possono essere separati.


Iniziamo con i phrasal verbs give back e make up.
Osserva attentamente questi esempi:
give back (restituire)
I will give the money back to you tomorrow (Ti restituirò i soldi domani)
I will give back the money to you tomorrow
Nota che quando l'oggetto è un nome, non è obbligatorio separare il phrasal verb.

Qui ci sono altri esempi:


Have you given back the record I lent you? (Hai restituito il disco che ti ho
prestato?)
She gave me back my ring and married somebody else. (Mi ha restituito
l'anello e ha sposato qualcun'altro)
She gave me my ring back and married somebody else.

Ora, osserva alcuni esempi di to make up. (inventare)


He made up a story to explain his absence. (Si è inventato una storia per spiegare
la sua assenza)
He made a story up to explain his absence.
He makes up a joke about his mother-in-law. (Inventa una storia su sua suocera)
He makes jokes up about his mother-in-law. (Inventa storie su sua suocera)
Is that true or did you make it up? (E' vero o te lo sei inventato?)
Ricorda che se l'oggetto è un pronome dobbiamo sempre separare il phrasal verb.

304
Ora passiamo ai phrasal verbs pick up e put off.
pick up (Raccogliere/prendere da)
Can you pick up the children from school? (Puoi andare a prendere i bambini a
scuola?)
Can you pick the children up from school?
I'll pick you up from the airport. (Ti vengo a prendere all'aeroporto)

put off (posticipare)


We will have to put off the meeting until Monday. (Dobbiamo posticipare la
riunione a lunedì)
We will have to put the meeting off until Monday.
They have to put off their wedding until July. (Devono posticipare le nozze a
luglio)
They have to put their wedding off until July.

E ora gli ultimi due phrasal verbs separabili per oggi: i phrasal verbs put on e turn
off.
put on (mettere/mettere in scena)
Put a coat on. It's cold outside. (Mettiti un cappotto. Fa freddo fuori)
Put on a coat. It's cold outside.
We're putting on a film show for the children. (Stiamo mettendo in scena un film
per i bambini)
We're putting a film show on for the children.
Why don't you put on that black dress I like? (Perchè non ti metti il vestito nero
che mi piace?)
Why don't you put that black dress I like on?

turn off (spegnere)


Turn off the television before you go to bed. (Spegni la televisione prima di
andare a letto.)
Turn the television off before you go to bed.
Do you want me to turn off the air-conditioning? (Vuoi che io spenga l'aria
condizionata?)
Do you want to turn the air-conditioning off? (Vuoi spegnere l'aria
condizionata?)
Would you mind turning off the heating? (Ti spiacerebbe spegnere il
riscaldamento?)

305
Lezione 144 (insegnante Sarah)

Phrasal verbs (terza parte)

Oggi continueremo a imparare come usare i "phrasal verbs".


Iniziamo ripassando come usare i "phrasal verbs" separabili.
Nell'unità 143, abbiamo osservato che un "phrasal verb" può essere separato.
Per esempio è possibile separare il "phrasal verb" take off?
Sì. È possibile.
Per esempio, è possibile dire Take off your jacket (Togliti la giacca)
Take your jacket off
Nella seconda frase l'oggetto diretto separa il "phrasal verb".
Ricorda che se l'oggetto è un pronome, il "phrasal verb" deve essere separato,
Osserva: Take it off (Toglila)

In questa unità esamineremo i "phrasal verbs" che non possono essere separati.

Continuiamo osservando alcuni esempi con questi "phrasal verbs".


Vediamo alcuni esempi con il "phrasal verb" hold on (attendere)
Hold on a moment. I'm nearby ready. (Attendi un attimo. Sono quasi pronto)
Please hold on. I'll if he is here. (Per favore, attenda. Vedo se c'è.)
If you hold on, I will take you in my car. (Se attendi, ti porto con la mia
macchina)
Come puoi vedere, non c'è oggetto diretto così che le due parti del "phrasal verb" non
possono essere separate.

Facciamo pratica osservando altri esempi con "phrasal verbs" inseparabili.


stand for (significare)
What do the letters NATO stand for? (Che cosa significano le lettere NATO?)
Our company stands for excellence and service. (La nostra compagnia è
significativa per eccellenza e servizio)
The dove stands for peace and hope. (La colomba significa pace e speranza)

Keep out (stare lontani)


Keep out! Radioactive materials (Stare lontani! Materiali radioattivi)
Keep out of the house while I am cleaning. (State lontani da casa mentre faccio
le pulizie)
Keep out of the sun or you will get burnt. (Stai lontano dal sole o ti brucerai)

go with (stare bene)


That tie doesn't go with that suit. (Quella cravatta non sta bene con quel vestito)
Green never goes with red when you talk about fashion. (Il verde non sta mai
bene con il rosso quando si parla di moda)

306
Ricorda che i "phrasal verbs" possono essere usati in qualsiasi tempo verbale.

Vediamo "phrasal verbs" inseparabili con diversi tempi verbali

break down (rompersi/andare in panne)


Sorry we are late; The car broke down on the way. (Scusa il ritardo. La
macchina è andata in panne mentre venivamo)
The lift has broken down and we had to use the stairs. (L'ascensore si è rotto e
abbiamo dovuto usare le scale)
The coffee machine is always breaking down. (La macchina del caffè si rompe
sempre)

go through (esaminare/dare un'occhiata)


I need to go through my notes before the presentation. (Devo dare un'occhiata ai
miei appunti prima della presentazione)
I went through all my drawers, but I couldn't find it. (Ho dato un'occhiata in
tutti i cassetti, ma non l'ho potuto trovare)
He went through the report ten times, but he still didn't understand it. (Ho
esaminato il rapporto dieci volte, ma ancora non lo ha capito)

come back (tornare)


Can you bring me a newspaper when you come back? (Puoi portarmi un
giornale quando torni?)
We came back last night to avoid the traffic. (Siamo tornati la notte scorsa per
evitare il traffico)
Come back safely! (Torna sano e salvo!)

take off (decollare)


Our plane takes off at eleven. (Il nostro aereo decolla alle undici)
We can't take off until the fog clears. (Non possiamo decollare prima che la
nebbia si diradi)
I'm sorry, your plane took off ten minutes ago. (Mi dispiace, il tuo aereo è
decollato dieci minuti fa)

Nota che in questo caso take off ha un significato differente dal precedente.

wake up (svegliarsi)
He didn't wake up until nine o' clock. (Non si è svegliato fino alle nove)
I woke up late and missed the train. (Mi sono svegliata tardi e ho perso il treno)
Be quiet or the children will wake up. (Stai tranquillo o i bambini si
sveglieranno)

307
look forward to (essere in attesa di/aspettate con impazienza)
We are looking forward to our holidays in July. (Aspettiamo con impazienza le
nostre vacanze a luglio)
I'm not looking forward to my dentist appointment tomorrow. (Non aspetto
con impazienza il mio appuntamento con il dentista domani)
She always looks forward to Monday morning. (Aspetta sempre con impazienza
il lunedì mattina)

feel like (aver voglia di)


I don't feel like going to work today. (Non ha voglia di andare al lavoro oggi)
Do you feel like a game of chess? (Hai voglia di giocare a scacchi?)
We stopped in the park because the children felt like an ice-cream. (Ci siamo
fermati nel parco perchè i bambini avevano voglia di un gelato.)

308