Sei sulla pagina 1di 277

Rime

di Chiaro Davanzati

Letteratura italiana Einaudi

Edizione di riferimento:

a cura di Aldo Menichetti,


Commissione per i testi di lingua,
Bologna 1965

Letteratura italiana Einaudi

Sommario
Tenzone con frate Ubertino
I
In gran parole la proferta fama
I
Se lalta disclezion di voi mi chiama
I
Puro senno e leanza
II
Novo savere e novo intendimento
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
XI
XII
XIII
XIV
XV
XVI
XVII
XVIII
XIX
XX
XXI
XXII
XXIII
XXIV
XXV
XXVI

Assai mera posato


Donna, ciascun fa canto
La mia vita, poi <ch> sanza conforto
Lungiamente portai
Or vo cantar, e poi cantar mi tene
Quando mi membra, lassa
Troppo ag<g>io fatto lungia dimoranza
Gravosa dimoranza
In voi, mia donna, misi lo mio core
Quand contrado il tempo e la stagione
Oi lasso, lo mio partire
Gentil donna, sio canto
Quantio pi penso, e l pensier
Io non posso celare n covrire
Orato di valor, dolze meo sire
Di cantare ho talento
Chi mprima disse amore
Greve cosa latendere
Fami sembianza di s grande ardire
Sesser potesse chio il potesse avere
Allegrosi cantari
Sovente il mio cor pingo
Ahi dolze e gaia terra fiorentina
Quando lo mar tempesta

1
3
4
6
8
10
12
15
17
19
21
23
25
27
29
30
32
33
36
39
41
43
44
47
49
52
53
55

Letteratura italiana Einaudi

Sommario
XXVII
XXVIII
XXIX
XXX
XXXI
XXXII
XXXIII
XXXIV
XXXV
XXXVI
XXXVII
XXXVIII
XXXIX
XL
XLI
XLII
XLIII
XLIV
XLV
XLVI
XLVII
XLVIII
XLIX
L
LI
LII
LIII
LIV
LV
LVI

Chunque altri blasma


Da che mi conven fare
Or tornate in usanza, buona gente
Uno disio m nato
Molti lungo tempo hanno
Maravigliomi forte
Om <ch>e va per ciamino
Quanto ch da mia parte
Li contrariosi tempi di fortuna
Talento ag<g>io di dire
Donna, la disanza
La gioia e lalegranza
Madonna, lungiamente ag<g>io portato
Dunamorosa voglia mi convene
La mia fedel voglienza
Non gi per gioia chi ag<g>ia
Novella gioia che porta?
Amore, io non mi doglio
Madonna, di cherere
Valer voria sio mai fui validore
Lo mio doglioso core
La mia gran benenanza e lo disire
Amor mha dato in taloco a servire
Non gi per gioia chag<g>ia
Tut<t>o laffanno, la pena e l dolore
Per la grande abondanza cho sento
Lo namorato core
Amoroso meo core
La mia disiderosa e dolze vita
Di lungia parte aducemi lamore

57
61
65
66
69
71
74
76
77
79
82
85
87
89
90
93
95
98
100
103
104
107
108
109
112
113
115
118
120
122

Letteratura italiana Einaudi

iv

Sommario
LVII
LVIII
LIX
LX
LXI
LXI a
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24

Di lontana riviera
Madonna, poi mavete
Nesuna gioia creo
Sio mi parto da voi, donna malvagia
A San Giovanni, a Monte, mia canzone
Or nel campo entrato tal campione
Qualunque madimanda
Ringrazzo amore de laventurosa
Da tut<t>i miei pensier mi son diviso
Cos divene a me similemente
I aggio cominciato e vo far guerra
S come il cervio che torna a morire
In tal pensiero ho miso lo mio core
Un sol si vede, chogni luminare
S mi distringe il dolce pensamento
Io voglio star sovra laudar lamore
La spene e lo disio e l pensamento
Volete udire in quante ore del giorno
Lo disoso core e la speranza
Guardando, bella, il vostro alegro viso
Gentil mia donna, poi chio namorai
Partir convienmi, lasso doloroso
Tutta la pena chio ag<g>io portata
Ahi lasso, in quante guise son dolente
Gentil mia donna, sag<g>ia
Io non son degno, donna
Cos gioioso e gaio lo mio core
Va, mio sonetto, essai con cui ragiona?
Molti omini vanno ragionando
De la fenice impreso ag<g>io natura

124
126
129
131
133
136
139
139
140
141
141
142
143
143
144
145
145
146
147
147
148
149
149
150
151
151
152
153
153
154

Letteratura italiana Einaudi

Sommario
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54

Il parpaglion che fere a la lumera


Come Narcissi, in sua spera mirando
Come lo lunicorno, che si prende
La salamandra vive ne lo foco
S come la pantera per alore
Come la tigra nel suo gran dolore
Come il castoro, quando egli cacc<i>ato
La splendiente luce, quando apare
Io non posso, madonna, ritenere
Tutte le pene chio gi mai portai
Madonna, s maven di voi pensando
Io so chi non ho tanta di potenza
Di grazze far, madonna, mai non fino
Non vo che temi tanto nel tuo core
Madonna, io temo tanto a voi venire
Chi non teme non p es<s>ere amante
Io porto ci che porta me pensando
Di voi amar, madonna, son temente
Lo dragone regnando pur avampa
Molto diletto e piacemi vedere
Molto mi piace veder cavaliero
Ancor mi piace veglio canoscente
Ancor mi piace veder mercatante
E piacemi e diletto certo assai
E s mi piace vedere pulzella
Ancor mi piace a vedova pensare
E s mi piace padre argomentoso
Ancor mi piace chi suo padre inora
E piacemi vedere rilegioso
Palamidesse amico, ogni vert

155
155
156
157
157
158
159
159
160
161
161
162
163
163
164
165
165
166
167
167
168
169
170
170
171
172
173
173
174
175

Letteratura italiana Einaudi

vi

Sommario
55
56
57
58
59
60
61
62
63

Chi ntende, intenda ci che n carta impetro


Lamore ave natura de lo foco
Quandomo aquista damor nulla cosa
Adimorando n istrano paese
Cos maven com Pals sua lanza
Poi so chio fallo per troppo volere
In ogni cosa vuol senno e misura
Non dico sia fallo, chi l suo difende
Com forte vita e dolorosa, lasso

Contrasti con Madonna


Prima tenzone con Madonna
64 Madonna, perchavegna novitate
65 Vostra merz, messere, se mamate
66 Madonna, iag<g>io audito soventore
67 Messere, omo vol cosa talfata
68 Madonna, sio credesse veramente
69 E no mi piace, sire, la partenza
70 Madonna, or veg<g>io che poco vi cale
71 Io vag<g>io amato, sire, e voglio amare
72 Madonna, io lamerag<g>io sag<g>iamente
73 In un regno convenesi un segnore
74 Ahim lasso dolente, che farag<g>io
75 Io son certa, messer, che voi mamaste
76 Madonna, or provedete ad una cosa
77 Io non dico, messer, che voi pechiate
78 Grazze e merz, madonna, sempre sia
Seconda tenzone con Madonna
79 Gentil mia gioia, in cui messho mia ntenza
80 Dolze meo sire, assai m gran placenza

175
176
177
177
178
179
180
180
181

183
184
184
185
186
187
187
188
189
190
190
191
192
193
193
194
195

Letteratura italiana Einaudi

vii

Sommario
Terza tenzone con Madonna
81 Assai aggio celato e ricoverto
82 Se ricelato lungo tempo siete
83 Io non posso, madonna, ritenere
Quarta tenzone con Madonna
84 A guisa di temente incominzai
85 Foll chi follemente si procacc<i>a
86 Madonna, amor non chere gentilezza
87 La voglia chai non ven di sag<g>io loco
88 Madonna, al primo fui ben conoscente
89 Non mi bisogna n talenta tanto
90 Madonna, i ag<g>io audito spessamente
91 E son servigi, ch ben degna cosa
92 Il vostro onor non chero dibassando
93 Se del tuo core nonn-ha segnoria
94 Madonna, unque per forza non dimando
95 I mi disdico chi non ho tuo core
96 Madonna, a lamor piace, ed i l diletto
97 Lom pote in s aver tal disanza
98 Madonna, io nonn-udivi dicer mai
99 Per sodisfar lo tuo folle ardimento
Quinta tenzone con Madonna
100 Vostro piagente viso ed amoroso
101 S mabelisce vostro parlamento
102 Lo vostro disinore io nol diletto
103 Assai mi piace, sire, tua acontanza

210
211
212
212

Tenzoni
Con Monte e con Maestro Rinuccino
104 Di pic<c>iolo alber grande frutto atendo

214

196
197
197
198
199
200
200
201
202
203
203
204
205
206
206
207
208
209
209

Letteratura italiana Einaudi

viii

Sommario
104 a
104 b
105
106
106 a
106 b
107
108
108 a
108 b
108 c
108 d
109
109 a
110
110 a
111
111 a
112
112 a
113
114
114 a
115 a
115
116 a

Di quello frutto onde fai atendo


Questo saria, amico, it mio consiglio
Se per onore a voi grazze rendesse
Bono sparver non prende sanza artiglio
A fare onor qual omo saprendesse
Lom poria prima cercar tutto il mondo
Omo . c auene . a bene . e po sauere
Lo pensamento fa salire amore
Del vino greco levatag<g>io sag<g>io
Tu che di guerra colpo nonn-atendi
Se l ner non fosse, il bianco non saria
Amore ha nascimento e fiore e foglia
Con Pacino di Ser Filippo Angiulieri
Lalta discrezone e la valenza
Cortesemente fate proferenza
Vostro consiglio chaudo asai mabella
Ben trae a segno ta vostra marella
Quando larciere avisa suo guardare
Larcier chavisa per pi dritto trare
Assai vho detto e dico tuttavia
Io so ben certo che si pu trovare
Da che savete, amico, indivinare
Con Monte Andrea
Ben hai memora e scenza divina
La vostra lauda nver me tanto fina
Con Monte Andrea
S come ciascun om pu sua figura
Come l fantin ca ne lo speglio smira
Con Monte Andrea
Lo nomo ca per contradio si mostra

215
216
217
217
218
219
220
220
221
222
223
223
224
225
226
226
227
228
229
229
230
231
232
233
234
235

Letteratura italiana Einaudi

ix

Sommario
116 b
116
117
117 a
117 b
118
118 a

119 a
119
120 a
120
121 a
121
122 a
122

So<l> volont mi porta sio folleg<g>io


Certo io vi dico in pura veritate
Con Ser Cione
Io vo sanza portare a chi mi porta
Al tempestoso mar lo buon conforto
Grazza ed alegrezza insiemormente
Con Pacino di Ser Filippo Angiulieri
Imparo m pervenire a lamore
Imparo sempre condizion damore
Fra Monte e Ser Cione, Ser Beroardo,
Federico Gualterotti, Chiaro,
Messer Lambertuccio Frescobaldi
Se ci avesse alcuno segnor pi campo
Con adimanda magna scienza porta
Con Dante <da Maiano?>
Tre pensier aggio, onde mi vien pensare
Per veresperenzia di parlare
Gi non magenza, Chiaro, il dimandare
Se credi per beltate o per sapere
Con Dante <da Maiano?>
Provedi, saggio, ad esta visone
Amico, proveduto ha mia intenzione

Rime dubbie e attribuzioni


D. 1 a Chi giudica lo pome ne lo fiore
D. 1
Disidero lo pome ne lo fiore
D. 2 a Conosco il frutto e l fiore de lamore
D. 2
Di penne di paone e daltre assai
D. 3
Non saccio a che coninzi lo meo dire
D. 4
Non me ne maraviglio, donna fina

236
237
238
239
239
241
242

243
244
245
246
246
247
248
249
250
250
251
252
253
253

Letteratura italiana Einaudi

Sommario
D. 5
D. 6
D. 7
D. 8
D. 9
D. 10
D. 11
D. 12
D. 13

Donzella gaia e sag<g>ia e canoscente


Lo <mio> folle ardimento mha conquiso
Gentil e sag<g>ia donzella amorosa
Qualunque donna ha pregio di bieltate
Tanto sono temente e vergognoso
Si fussi andanico e l cor di diamante
Dacch parlar non possovi celato
S come l sol che tra laltura passa
Non credo al mondo pi <gran> gioia sia

Tenzone tra Pacino di Ser Filippo e un anonimo


D. 14 Lo nome a voi si face, ser Pacino
D. 14 a Lo mio risposo invio a lo camino
D. 15 Auditho dire che mante persone
D. 15 a Poi chio son tutto a la giu<ri>dizione
D. 16 Amore mha s vinto e ricreduto
D. 16 a Io vag<g>io inteso, poi che v piaciuto
D. 17 Io son tanto temioso e vergognoso
D. 18 Aggio talento di parlar con voi

254
255
255
256
257
257
258
259
259
260
261
262
262
263
264
265
265

Letteratura italiana Einaudi

xi

TENZONE CON FRATE UBERTINO


<I a-II>
I
(V CXIX)
FRATE UBERTINO
In gran parole la proferta fama
e in voce comun senno laudato,
se sguita lafetto, gran virtute;
senn, lom disavanza ed infama
lo laudamento a paragon provato:
(.....) onore e le grazze ha perdute.
Vile metallo talfiada dorato
e prende alto colore,
e poco ha di valore;
la canna prende altezza di bel vana,
laidi fa fiori, e nullo frutto grana.
Aprite gli oc<c>hi a no avere sdignanza,
fatevi avanti e non serate porte,
vostro savere aprite a chi lui chere;
di che vedete prendete intendanza,
non divinate altro sen<n>o che aporte,
non trasformate le chiarite spere.
A invisibil cose deste figura,
lo non-sostanzato
faceste corporato.
Caldo senza fredor non posso usare:
proveder si convene al consigliare.

10

15

20

La planeta mag<g>ior di gran potenza,


che in terra segnoreg<g>ia tut<t>a gente,

Letteratura italiana Einaudi

Chiaro Davanzati - Rime

genera e cresce assai diverse cose;


in molte corpora sta sua valenza
e n tut<t>e apare assa isplend<>ente,
flori creante con gran spine e rose;
e a tut<t>e d splend<>ente luce
con diversi splendori
insieme operatori;
in molte guise varia, chi li guarda.
e molte volte dabagliar non tarda.
Dolce ha veleno ed amaro mle,
trestiza con gaudio insieme ad ora,
languir con gioia, solazzo e lamento;
e talor ha petanza crudele,
e in u<n> stato ferma non dimora;
dole e d pianto con alegramento.
Come le piace ti muta colore,
<e> trati e alenta,
e svolge e atalenta;
e ancor pi, che dilettha in pene,
e vai atorno e tieneti in catene.
< . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -eso
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -ere
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -ato
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -eso
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -ere
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -ato
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -ondo
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ero
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ero
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ate
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ate

25

30

35

40

45

50

Letteratura italiana Einaudi

Chiaro Davanzati - Rime

I
(V CC)
2
Se lalta disclezion di voi mi chiama
(per altrui voce, non per mio aprovato)
loda, s per sag<g>iar, nonn-ha salute:
ma, qual chio sia, lo mio cor si richiama,
per vostro onor seguire e fare a grato,
di quanto pi avesse in me vertute.
E son certo che siete colorato
dambra e di moscato; lo sapore
dognaltro megliore:
onde salegra mia mente e sta sana
quando vadirizzate a mia quintana.
Chi vuole di valor sag<g>io lusanza
le vie di verit ha tut<t>e acorte:
per altrui fallo sua grazza non pre;
e quei conversa ben, chi ha lenza,
e l confessar ragion nolli par forte
ma diletta, chi usa tal mestere.
Dunqua, sag<g>io planete a grande altura
e ciascunha lo suo corpo formato,
celestal nomato
fu per celestal tereno usare:
per ciaschedun si salva meo parlare.
Non de lom molto dir l ov la scienza,
ch breve detto di molti ntendente,
ch lunghe aringherie odo noiose:
sapore vene damara semenza,
caldo fredurha temperatamente,
chi l mezzo segue ha gioi pi saporose.
Per chi per planeta si conduce

10

15

20

25

Letteratura italiana Einaudi

Chiaro Davanzati - Rime

prenda qual<unqu>e pi li d calori:


mag<g>ior <n> sol valori;
chi de lo sol veracemente imbarda
in genera<r> calor bono si tarda.
Di grazza tempro, io non mapello fiele,
n di sapienza non mi gitto fora,
n di ci degno sia daver convento;
ma nver di voi in croce ag<g>io le vele;
se fe figura in terra dimora,
seguite qual pi scaldavi talento.
Supercelestal Dio e Segnore
in Suo corpo acontenta
chilLui crede; non penta;
dunque tre son li regni ovE sostene,
<in> corpo e sustanza, amore e bene.
Assai vi narro, se mavete inteso
onde lo confessar vi de piacere
che senza intesa no bon giudicato:
avegna chio perdon vostro ripreso,
e sol di benenanza lho tenere,
perch simil costume veg<g>io usato.
Onde pensate al primo e al secondo,
e poi, dopo l pensiero
non siate menzoniero:
usate propiamente veritate,
se fin pregio volete di bontate.

30

35

40

45

50

55

(V CXCVIII)
FRATE UBERTINO
Puro senno e leanza,
alto savere e plena veritate,

Letteratura italiana Einaudi

Chiaro Davanzati - Rime

ove dimora e grana cuposa,


non dotto in mia fallanza.
No riprension, ma <n> buona f sacc<i>ate
inver voi dissi lauda grazosa.
Ag<g>io colori umani
e saver dom mortale,
ma, quanto il mio cor vale
o conosce, in dritta laltate
voglio usare a tut<t>o mio podere.
Del mio poco valore
in poca caonoscenza i ho usanza,
ma per la trta via a taston vado;
ma per zo ch onore
usar ragione sanza alcuna eranza,
quel che saccio n altro non m a grado.
Bona grazza non falla
per fallo daltra gente,
ma afina valente:
io so ben trare sanza vostro segno,
e non madritto a <la> vostra quintana.
Me una cosa sola
costringe e sforza e d caldo e fredore,
e scalda e fred<d>a vertute e talento,
e grande porta scola,
e segnoreg<g>ia onne teren segnore,
ed a cui piace d gioia e tormento:
quel che di sovra al cielo
co l oc<c>hio cordale
lo <...> celestale
<.....................> possa vedere:
non mischiam que<llo> co le cose umane.
Un segnore tereno
comune in ogni regno ha segnoria;

10

15

20

25

30

35

Letteratura italiana Einaudi

Chiaro Davanzati - Rime

lui ubidisco e servo a mia possanza


e sua f porto in seno;
nullo sopra segnore credo sia
che nver di lui non ag<g>ia <n s> mancanza.
Esto teren segnore
dimoranza avere
e perpetuo stare
<in>fin che fiaro le cose terene
e che sar <lo> novis<s>imo die.
Giudicar non si puote
senza<ver> proveduta canoscenza,
ne senza intesa aperta proferere;
de le chiosate note
manifesta si puote avere intenza:
chi nonn-intenda detto de tacere.
Perfetto insegnamento
non sha senza dottore
n senza core, amore:
giudice senza leg<g>e sempreterna
falla for<i> misura in sua <s>entenza.

40

45

50

55

II
(V CCI)
Novo savere e novo intendimento,
novel dimando e nova risponsione,
a nuovo fatto, nuovo consigliato:
vert non par per poco mostramento?
poco dimostro da grande intenzione
folle fa sag<g>io, pregio <fa> blasmato?
Dagua ven foco e foco se ne spegne;
tai cose son laudate non son degne,

Letteratura italiana Einaudi

Chiaro Davanzati - Rime

ch l poco foco gran sel<v>a divora:


chi troppo parla, credo, invan lavora.
Lingua ch di parlar molto imbiadata
perde semenza e genera malizza;
sovente grana loglio in sua ricolta:
chi non vuol pregio non ha nominata,
ed omo largo non ama avarizza;
lonesto schifa lo pecar talvolta:
per me lo dico e per voi veramente
chavem gralibro fatto di neiente,
la via de folli sempre seguitando
salvata rima e sentenze fallando.
Per due ragion le cose intendo care:
perch son rade over per lor vertute;
ma deste due la lor via non tenete,
ma lo contrado, per certo mi pare:
a far mesione honde scole tenute,
poi tra le lode es<s>er voi non volete.
Davril de lra sha gran<de> diletto;
poi ven lo mag<g>io: cala l suo afetto
e perde per la troppa soverchianza,
perch di le troppa <l>abondanza.
Poi non vintendo e voi non mintendete,
cos conven si falli largomento
da luna parte per laltra ac<c>ertire;
io vi dimostro ci che mi cherete:
or mio l fallo o vostr il fallimento?
Cos non so qual sag<g>ia lo gradire.
Vostro segnore assai ave in balia;
chi sua vertute fug<g>e fa follia:
primo secondo, fermo in trinitate,
giusta tien parte in pura detate.

10

15

20

25

30

35

40

Letteratura italiana Einaudi

Chiaro Davanzati - Rime

III
(V CCII)

Assai mera posato


di non voler cantare,
credendo ricelare
la benenanza e lamoroso stato,
per nonn-adimostrare
l ove son tut<t>o dato,
non mi fosse furato
dalcun malvagio per lo mio parlare.
Or mha s preso amore,
che mi fa risvegliare
lo dolze <ri>membrare
chaio de lo sapore:
far canzon di fina rimmembranza,
poi chio son tut<t>o ne la sua posanza.
Amor mave in podere,
distretto in sua balia
a la sua segnoria:
pi chaltra m n piacere.
Forse <per>chio navia
<cotanto> in mio podere,
non credea pare avere
n che damor pi sia.
Ma poi, perseverando,
mhaffatto conoscente
chio lo credea neiente
apo chio trovo amando;
lo primo e l mezzo fue neiente a dire
apo la fine, tant lo gradire.

10

15

20

25

Letteratura italiana Einaudi

Chiaro Davanzati - Rime

Amor, sed io valesse


quanto valer voria
o tut<t>a fosse mia
la terra, quanta se ne posedesse,
neiente mi paria,
si dallui no lavesse
o per lui la tenesse,
tanto mi par gioiosa gentilia.
Chal primo quando amai
di folle amor mi prese;
or son damor cortese
pi chio non coninzai,
ed amo la mia donna in veritate
al mondo sag<g>ia e ferma in dietate.
Quat<t>ro son laulimenta
chogni animal mantene
ed in vita li tene,
onde ciascun per s vi sacontenta:
la talpa in terra ha bene,
leche in agua abenta,
calameon di venta,
la salamandra in foco si mantene.
Ed io sono animale,
di ci vita non prendo,
ma pur damor servendo
cresce mio bene e sale:
chamore e la mia donna e l core mio
sono una cosa e hanno uno disio
Mia canzon dubidenza
e di gran gechimento,
va l ov il piacimento:
pregio ed aunore tutto vi sagenza,
ed ivi l compimento

30

35

40

45

50

55

60

Letteratura italiana Einaudi

Chiaro Davanzati - Rime

di tutta la valenza
senza nesuna intenza;
l ov mia donna fa dimoramento:
dille che mi perdoni
saggio fallato in dire,
chio non posso covrire
chio di lei no ragioni:
chamore ed essa mhaffatto credente
che pi gioia che illor non sia neiente

65

70

IV
(V CCIII)

Donna, ciascun fa canto


di gioia per amore:
mostrano ben che l core
trovi merzede alquanto;
ma io nonn-ho valore,
ca di sospiri e pianto
sovente mi ramanto,
veg<g>endo cha voi piace il meo dolore.
Ma non cangio labore,
ch m rimaso di voi lo guardare;
so che noia vi pare,
ma gi furare
da me lamare
non potete, chio non sia servidore.
Sio servo e voi dispiace,
veg<g>io ben ch follia,

10

15

Letteratura italiana Einaudi

10

Chiaro Davanzati - Rime

ma damare la via
omo di sua ofesa render pace;
e tut<t>o ci disia
lo mio cor, sa voi piace,
e comoro in fornace
ci afina tutavia.
Se voi par villania
da me voi ricepere
lo parlare e l vedere,
guardate a lo savere,
come valere
po<tesse> donna sanza cortesia.
Cortesia sofrire
doglia per istagione:
tut<t>o ci vuol ragione,
chapresso oltra<ggio> nasce l<o> disire;
sio misi mia intenzione
in voi per me gradire,
veg<g>io che v languire,
partir non pos la mia openone.
Ma questa la cagione
ca tut<t>o ci chio dico m<> arivato
in bono usato:
che chi amato
s blasmato,
se non ama, <ed> in fallo si ripone.
Ponesi in fallimento
donna senza pietate;
non saven protestate
l ov argogliamento;
la vostra richitate
venne in dibassamento,

20

25

30

35

40

45

Letteratura italiana Einaudi

11

Chiaro Davanzati - Rime

se per unira cento


ver me, bella, mostrate.
La claritate
de la vostra bellezza
a me dava chiarezza
che la greve ferezza
ser dolcezza,
sio tegno lumiltate.

50

55

Lumiltate mi guida
a una dolze speranza,
ch l chieder petanza
nesun amante isfida.
Visto lho per usanza
che lo leon per grida
cresce in vita e rafida
li figli suoi di pic<c>iola possanza:
cos illeanza
poreste voi di me, bene allegrando:
sio per usando
merz chiamando,
uno vostro comando
mi doneria possanza.

60

65

70

V
(V CCIV)
La mia vita, poi <ch> sanza conforto,
forzatamente ho misa in disperanza,
perch pietanza non mi val cherere;
tant lo gran martiro ched io porto
chognaltra cosa tegno in obranza,
ed in crudel pesanza

Letteratura italiana Einaudi

12

Chiaro Davanzati - Rime

radoppio meo podere,


pensando chio fui ric<c>o oltre misura
e portai gioia comaltro amadore,
poi partio con dolore
e lalegranza mi torna in rancura;
di voi, gentil mia donna, fui gaudente
e presi frutto in vostra degnitate:
ed or v niquitate
senza ofension di farmene perdente.
Perdente, gi per mia comessone
non fui di voi; nd esser non poria
che tutava di quantio valesse,
non sia di voi, a farvi subezione,
disiderando sovente la dia
cha vostra segnoria
lo me servir piacesse.
Comio sola, lasso doloroso,
prendere parte de l<o> vostro regno,
pi chio non era degno!
Sio vi capesse ancor, saria gioioso.
Perci mag<g>ior dolor deg<g>io portare,
perder la cosa chag<g>io posseduta,
che sion lavesse avuta:
seria danno, ma no s da blasmare.
Sio blasmo avesse gi per mio follore,
non mi doria di ci che mincontrasse,
e sio merz chiamasse,
perder ne dovria prova;
poi chio non sia maleal servidore,
non seria fallo sio piet trovasse
e a me saumilasse
il vostro core ed a merz si muova,
sella manera e luso ritenete
dello leone quand pi adirato,

10

15

20

25

30

35

40

Letteratura italiana Einaudi

13

Chiaro Davanzati - Rime

che torna umilato


a chi merz li chiere, voi il savete.
E io non fino voi merz cherendo,
e poria sucitar dunacoglienza
di voi meco n piagenza,
poi fineria lo mio dolor servendo.
Servendo fineria gi la mia doglia
e lo penare mi saria alegranza,
sed io saver certanza
potesse de lofesa,
la qual non feci, e non saria mia voglia:
ma piace tanto a vostra gentilanza
di me dare agrestanza,
chio sto contento, no ne fo difesa;
elluso del segugio vo seguire:
quando il segnor lo batte pi cocente,
se l chiama, di presente
e torna, e mette in gioia lo languire;
se tal manera a me tener non vale,
convene a me stesso es<s>ere nemico:
poi non truovo omo amico,
de le mie man sarnne micidiale.
Ahm lasso, che dir la gente,
se la vostra bellezza dispietata?
Ser per me blasmata,
abiendo pregio, di crudalitate.
Dipo la morte, larma mia dolente
di ci si creder esser dannata:
perci sia acomandata
a voi, chavete in ci la libertate:
chi odo dir chal pulican divene
che sucita li suo figli di morte,
e certo no gli forte,
ma fug<g>e il suo dolore e n gioia rivene:

45

50

55

60

65

70

Letteratura italiana Einaudi

14

Chiaro Davanzati - Rime

cos poreste surgere e amendare


la morte e l fallo, e sariavi leg<g>ero,
se per lo mio preghero
doveste solo unora aumilare.

75

VI
(V CCV)
Lungiamente portai
mia ferita in celato
e fui temente di dir mia doglienza;
tut<t>o in me maginai
vostro prencipio stato,
credendo in voi campar per ubidenza:
ch la valenza di voi, donna altera,
fueme pantera e presemi damore
come daulore
<che> dessa <ven> si prende ognaltra fera:
cos di voi mi presi inamorando;
merc chiamando, istato son cherente,
se fosse a voi piacente,
di dare ancor ci che dimostro in cera.
Acci chio pi celare
non posso il mio tormento,
gentil donna, lo dicer mi convene:
tanto mi sforza amare,
chio nonn-ho sentimento:
conosco ci chi ho che da voi vene;
e gioia e pene e quantho di possanza
mi veste amanza pi chio non so dire.
Del mio ag<g>echire
convene ormai a voi aver pietanza,

10

15

20

Letteratura italiana Einaudi

15

Chiaro Davanzati - Rime

ch l mio penare a blasmo non tornasse:


seo pi vadimandasse,
dotto non si paresse ci chio porto:
per voria far porto
del mio lontano ateso in benenanza.

25

Quando penso ed isguardo


la vostra gran bieltate,
in ciascun membro sento li sospiri,
cotanto nho riguardo
de lo tardar che fate
non perdan ci, ondatendon disiri.
Oh i dolzi smiri e la gaia fazzone!
Del parpaglione aver mi par natura,
che si mette a larsura
per lo chiaror del foco a la stagione:
cos maven, di voi, bella, veg<g>endo,
che mi moro temendo,
cherendo a voi merzede,
ed ancora con fede
che mi doniate, sag<g>io in voi ragione.

30

Per lungo atendimento


ogne frutto pervene
veracemente a sua stagione e loco;
al mio coninzamento
simile non avene,
ch, com pi tardo, pi dimoro in foco.
Se nonn-ha loco in voi merz cherere,
non p parere in me vita gioiosa,
ma com fa lantalosa
conven chio facc<i>a a giusto mio podere,
cha lalbero l dove pi costuma
s si consuma per lo suo diletto:
ed io simile aspetto:
se non mi date, non posso valere.

45

35

40

50

55

Letteratura italiana Einaudi

16

Chiaro Davanzati - Rime

Poi che per me non vaglio,


se da voi non proseg<g>io,
dunque, sio prendo, vostr la fatura:
piacc<i>avi il mio travaglio,
ch, quantio pi vi veg<g>io,
sento lo core in pi cocente arsura:
ed ho paura, se non provedete,
per che voi <l> volete,
poi ched i voi non ag<g>io,
esendo in vostro omag<g>io;
ed io mi moro e piet non avete.
Ben fora ormai stagion, tantho soferto
di voi amar coverto,
davere alcuna gioia
anzi cad io mi moia:
poria campar, se voi mi socorete.

60

65

70

VII
(V CCVI)
Or vo cantar, e poi cantar mi tene
ch l merito damor con benenanza,
in allegranza affanno m tornato:
mille merc a lamoroso bene
che dispiet ver me con orgoglianza,
poi dumilianza mha rico<r> donato.
A tal mha dato che mi fa parere
gioia la pena e l<o> tormento gioco,
ag<g>endio parte e loco
nel suo nobil savere;
chio gi per me contare io no l savria
la sua bieltade quant poderosa,

10

Letteratura italiana Einaudi

17

Chiaro Davanzati - Rime

che laira tenebrosa,


sapare, fa parer di notte dia.
Dunqua, sio canto, ben ag<g>io ragione:
membrando a la sua gaia portatura
ogne rancura aver deg<>io n obrio;
sillargamente me ha fatto mesione,
che n un voler congiuntha sua natura
meco, si chio paura
non ho di perder mai lo suo disio.
Ma tegno in fio
<da lei> la propiet della mia vita,
perchio con gioia la presi non forzando,
ma, pur merz chiamando,
degn di darmi gioiosa compita:
ondio son ric<c>o dallei, conoscendo
che l suo valore avanti mha cortto
de lo dispetto
dovera, <pur> pensando, ritemendo.
Io portai mia feruta lungiamente
celata, chio non volli adimostrare
per non gravar la sua ferma conscienza:
fe comomo salvag<g>io veramente:
quandha rio tempo, forza lo cantare
co lo sperare
ca l buon vegna, chabassi sua doglienza.
Cos pura credenza
avea tutor nel suo ric<c>o valore,
chio non sana dal suo ben dipartito
sio le stesse gechito,
ma avanzerei comaltro servidore:
onde l suo pregio mha tut<t>o donato
pi che medesmo lei non dimandai;
ondio ringrazzo ormai
amore ellei e l mio dolze aspetato.

15

20

25

30

35

40

45

Letteratura italiana Einaudi

18

Chiaro Davanzati - Rime

Ringrazzo voi, di fin cor merz rendo:


merz, mia donna, ancor degno non sia
s alta segnoria me aquistare;
e sio navesse parte pur veg<g>endo,
sereb<b>e altura di gran gentilia,
non che balia di voi senzesser pare.
Perz laudare
mi converia, ma non son s sennato
che l vostro pregio a me si convenisse;
ma, come l sag<g>io disse,
chi non p tut<t>o, alquanto gli serbato:
per pregio, valore e caunoscenza
in voi sormonta e tut<t>o acompimento
e pi ben per un cento
chio divisar non so per la mia scienza.

50

55

60

VIII
(V CCVII)
Quando mi membra, lassa,
s com gi fui damore,
pensando alore
ben dovra languire,
veg<g>endo lo meo sire
me non guardare: e passa
e gli oc<c>hi bassa;
mostra chio sia dolore.
Ma io nonn-ho valore
nullaltro ma pesanza:
veg<g>endo la mia amanza dipartire,
voria morire
o ritornare a la sua benenanza.

10

Letteratura italiana Einaudi

19

Chiaro Davanzati - Rime

Ben voria ritornare,


quanti ho pi potenza,
e met<t>ere ubidenza,
a ci chio aver potesse ci chio soglio;
non mi saria cordoglio
ma diso trovare,
vogliendo conservare
compiuta sua piagenza.
Poi che di lui servenza
non ho, che deg<g>io fare?
Piangere e sospirare tutavia,
o la sua segnoria
compiuta raquistare.
Eo raquistar non posso,
lassa, gi mai diletto,
chio fallii l suo precetto:
son degna daver pena
pi che donna terena.
Per l meo sir mosso
s fero ver me adosso
che non cura meo detto:
dunqua, che ne raspetto?
Doglia e maninconia.
Da poi che mha n obria,
non so che deg<g>ia fare:
pianger e sospirare
tanto chamenderag<g>io la follia.
Lo mio greve follore,
lassa me dolorosa,
fu quandio dispetosa
credea chegli altra amasse,
o che nver me fallasse
lo suo verace amore:
sio ne sento dolore

15

20

25

30

35

40

45

Letteratura italiana Einaudi

20

Chiaro Davanzati - Rime

ragion, poi ched io ne fui vogliosa;


e sio parto dogliosa
nonn- gi meraviglia.
Dunque, se sasotiglia
di darmi malenanza,
convene con pietanza,
merz cherendo, che nalzi le ciglia;
co le man giunte avanti,
dolze l meo sir, piangendo,
umilmente cherendo
del mio fallir perdono:
e sio colpata sono,
honne sospiri e pianti;
li miei dolor son tanti
chio tut<t>a ardo ed incendo:
per, se voi veg<g>endo,
com solete non fate,
ch moro in veritate,
sio no ritorno a lo prencipio stato
chio vag<g>ia inamorato,
ubriando la fera niquitate.

50

55

60

65

IX
(V CCVIII)
Troppo ag<g>io fatto lungia dimoranza,
lasso, cho non vidi
la dolze speme a cu i mera dato:
sonne smaruto e vivone in pesanza,
ohim, ch non mavidi
del folle senno mio, che mha nganato
ed allungiato da lo suo comando:

Letteratura italiana Einaudi

21

Chiaro Davanzati - Rime

per dritto chogni gioia minfragna,


poi chio malungo da la sua compagna;
e come pi me ne vo alungiando,
menho di gioia e pi doglio affannando.
Se mia folla minganna e maucide
e d pena e tormenti,
ben ragion che nullo omo mi pianga,
chio sono ben come quei che si vide
ne lagua infino a denti,
e mor di sete temendo no afranga:
ma no rimanga io ne lo scoglio afranto.
Cos ag<g>io per somigliante eranza
smisurata la sua dolze speranza:
e so, sio perdo lei cui amo tanto,
perdutho me a gioia e riso e canto.
Tantaio minespreso feramente,
chion mi sao consigliare:
gran ragion chio perisca a tal sorte,
chio faccio come l cecer certamente,
che si sforza a cantare
quando si sente aprossimar la morte.
E pi m forte
la pena ovio son dato,
quandio non veg<g>io quella dolze spera,
che ne lo scuro mi don lumera:
ohm, sio fosse un anno morto stato,
s doverei allei es<s>er tornato.
S come non si puo<t> rilevare,
da poi che cade giuso,
lo lofante, ch di gran possanza,
mentre che gli altri co lo lor gridare
vegnon, chelevan suso
e rendorli il conforto e la baldanza;

10

15

20

25

30

35

40

Letteratura italiana Einaudi

22

Chiaro Davanzati - Rime

a tal sembianza,
canzon, vatene in corso
ad ogne fino amante ovunque sede,
che deg<g>iano per me gridar merzede;
ch se per lor non m fatto socorso,
fra i ternafin del disperar son corso.

45

X
(V CCIX)
Gravosa dimoranza
faccio, poi che disparte
convenmi contro a voglia adimorare,
metendo la speranza
l ove non ag<g>io parte
altro che solamente tormentare,
da poi non veg<g>io possasi partire
da me punto languire:
pi disando l dovaio spera,
penando, trovo fera
per me piet e la merc calare.
Se l dimoro cheo faccio
col pensier non malena,
la mia vita <por> durare poco;
meglio la morte avaccio,
che vivendo con pena:
forse cha laltro mondo avrag<g>io gioco,
ch lo tormento in esto mondo avere
per laltro tenere,
do<vo>gni bon <sofrente ha bon> membrato
secondo io veg<g>io usato:
ma per me, lasso, so ch tut<t>o foco.

10

15

20

Letteratura italiana Einaudi

23

Chiaro Davanzati - Rime

Dunque voria partire,


se l mio cor concedesse,
ricanoscendo meo meglioramento;
manno mi vol seguire,
tantha sue voglie messe
in altro loco ond l suo piacimento.
Per damor voria fosse in usanza,
omo quandha pesanza,
che<lli> trovasse la piet incarnata,
quando fosse chiamata
secondo opera che desse tormento.
Se n disperar dimoro
da tutto meo disio
e di tornar non ag<g>io libertate,
de lo talento moro:
ch sanza l core mio
non posso dimorare a le contrate.
E la valente, in cui messo ag<g>io intenza,
seo non veio in presenza,
non pote gioia aver gi la mia vita,
ma di crudel ferita
conven morir con fera niquitate.
Ordunque, canzonetta,
poi di lontana via
ti convene far <corso> a lavenente,
dille chaltro no aspetta
<or> la speranza mia
solo chellei vedere di presente;
e questo ci laondio riprendo gioia
de la mia pena e noia,
<pur> atendendo allei tosto redire:
se non torna in fallire
lo mio pensero, alegr<er> sovente.

25

30

35

40

45

50

55

Letteratura italiana Einaudi

24

Chiaro Davanzati - Rime

XI
(V CCX)
In voi, mia donna, misi lo mio core:
ben more
damore,
e neiente lo posso dipartire.
Io vivo in gra<n> temenza ed in tremore
tutore;
valore
non ag<g>io, ch sento lo cor partire.
Pre chi cor non ave,
ma troppo cosa grave
a disturbar la morte,
ch forte,
che no la p om neiente fug<g>ire.
Serrato lamore ave
lo cor con forte chiave
e dentro da le porte
s forte,
che per voi, bella, volesi morire.
Se lo cor more, morire io non voglio:
cordoglio
chio soglio
aver, non averia, n nulla pena;
ma quanto vivo sanza cor, pi doglio,
e sfoglio
dorgoglio
la mia persona, ch cor no la mena,
per che n voi lo misi
e no lo ne divisi:
faccio giusta vendetta
pi dritta
che sio morisse, ch vivo in catena.

10

15

20

25

30

Letteratura italiana Einaudi

25

Chiaro Davanzati - Rime

Non malegrai n risi


poi che lo core asisi
in voi, bella, cho detta:
pi stretta
fia la mia vita dognaltra terena.
In doglia con martri e con penare
istare
mi pare,
poi chio pietate in voi, donna, non trovo;
e mpresho la manera e l costumare
damare:
dottare
ciascuna cosa; ad umilt mi movo.
In tal or cominza<i>,
gi mai
aver non credo abento:
tormento
e doglio <forte>, senno provedete;
da poi chio namorai,
di guai
m fatto il nodrimento:
del compimento
non sac<c>io, donna, che talento avete.
Sio pur malegro e tegno in voi speranza,
pietanza!,
damanza,
non saumilia inver me vostro core;
credo che per lontana adimoranza
la benenanza
vene in falanza,
e la gran gioia fenisce con dolore.
Dunqua, <poi zo> vedete,
tenete
la via de lo savere:

35

40

45

50

55

60

65

Letteratura italiana Einaudi

26

Chiaro Davanzati - Rime

chavere
non pote donna pregio veramente,
se gaia e bella ste
e gi non provedete
ci che vi fa valere
e dispiacere:
pietate ed umiltate solamente.
Canzonetta, di presente tinvia,
in cortesi<a>,
chi ha balia
di consigliare amante disamato;
ch per sua diletosa gentilia
gi m n obria
lor compagnia:
no mabandoni perchio sia afondato;
ma per me umilmente
<vadane> a lavenente
ch s dispetosa,
s che gioiosa
tornasse inver di me per sua preghera;
che, s mha lungiamente
perdente,
la mia vita dogliosa
e tenebrosa
non fosse sempre di cotal manera.

70

75

80

85

XII
(V CCXI)
Quand contrado il tempo e la stagione
ed omo ha pena contro a suo volere,
co lo pensere adoppia suo tormento;

Letteratura italiana Einaudi

27

Chiaro Davanzati - Rime

ch l mal sofrire l dritto paragone


a que ch sag<g>io: quando <ha> lo spiacere,
met<t>er piacere inanzi a <n>tendimento,
e bon talento aver, ch tempo vene
che torna in bene lo gravoso affanno,
e menda danno, se conforto tene,
chi bona spene non mette in inganno.
Ordunque, sag<g>io di savere ornato
in cui pregio ed onore era e valenza,
la soferenza gentil cor nodrisce;
mette n obra ci dovha affannato,
in bona spene mette il core e penza
che grave intenza non dura e rincresce.
E ben sor<t>isce
chi nel male conforta la sua vita:
chi ho in udita
che l pulicano sucita di morte,
e no gli forte:
cos la pena p venir gioita,
chi nonn-i<n>vita pensiero oltre grato.
Ben ho savere al sag<g>io rimembrare
chAdammo de lo nferno si partio
e soferio
la pena chamend lo suo fallire
(non dico certo in voi fosse fallare,
ma sanza colpa giudic s Dio);
e tenne in fio
dal suo Segnor la mort e <i> fu disire;
mostr che lo sofrire
dovesse fare ognomo, in suo dolore;
e questo lo valore,
chal mondo nonn- pena s cocente
che non torni piagente,
chi n buona spene mette lo suo core.

10

15

20

25

30

35

Letteratura italiana Einaudi

28

Chiaro Davanzati - Rime

XIII
(V CCXII e CCXXXVIII)
Oi lasso, lo mio partire
non pensai che fosse doglia;
credea co lamor gioire
ed esser tut<t>o a sua voglia:
ed io ne sono alungato
e no lo posso vedere;
morag<g>io disconfortato
di tut<t>o il mo piacere.
Non mi credea, perchio gisse,
esser con doglia pensoso
che lo mio core ismarisse:
comio lo sento dottoso!
Or vivo in pi disperanza
che sio fosse giudicato:
levata m lalegranza,
chag<g>io lamor mio lasciato.
Ma quest lo meo disio:
ca per lungo adimorare
ver in gioia lo voler mio,
s chio por alegrare;
e, saltro damore avene,
non ser pregio a lamore,
chio afino per <mie> pene
a cui sono servidore.
Servire con umiltate
a chi l fa diven gioioso:
compie la sua volontate
di ci ch stato pensoso.
Ma io non posso servire:

10

15

20

25

Letteratura italiana Einaudi

29

Chiaro Davanzati - Rime

tanto mi sono alungato


che non saccio deredire:
Amor, voi sia acomandato.

30

XIV
(V CCXIII)
Gentil donna, sio canto
non vi deg<g>ia spiacere,
ch lo mi fa volere
il vostro adorno viso e la bieltate
e l valore, ch tanto
chognaltro dispare<re>
fate; tant il piacere,
chogni doglienza in gioia ritornate.
Dunqua lo mio cantare
nasce di tanta altura,
che sio l volesse, amor no lo voria:
s mi stringe e disia,
che vuol chio canti sanza ricelare,
conservando lamare
umilemente, sanza villania.
Madonna, rimembrando
ove credo avenire,
non m noia languire,
ma disosa vita veramente:
per mi vo alegrando,
sonno de lo disire
chaio di pervenire
a ladornezza che n voi piagente:
ch l ove asate
non p parir nebiore,

10

15

20

25

Letteratura italiana Einaudi

30

Chiaro Davanzati - Rime

ma tut<t>a claritate e benenanza;


non eb<b>e in voi mancanza,
ma tut<t>a potestate,
ch laltre riparate
quando tra esse fate dimoranza.
Gentil donna amorosa,
il vostro adornamento
ha tanto valimento,
che, sio non vaglio, s mi fa valere:
non pote star nascosa
la mia voglia e l talento:
per fa sentimento;
non cheo dimostri quel ch da tenere,
ma canto inamorato,
come fedel cha gioia,
isperando di pervenir davanti
a li disir cotanti:
che comi amo sia da voi amato,
chaltro non m pi n grato
se no la vostra cera e be sembianti.
Li be sembianti e lamoroso viso
di voi, donna sovrana,
e l colore di grana
alegra la mia mente co lo core;
dognaltra son diviso:
per voi fiorisce e grana
la mia vita e sta sana,
che senza voi non poria aver valore.
Dunque ag<g>iate voglienza
come lamor congiunga,
ca per troppo tardare omo amarisce,
e gran pena patisce
chi non ha provedenza:
se n voi pregio sagenza,

30

35

40

45

50

55

Letteratura italiana Einaudi

31

Chiaro Davanzati - Rime

pietanza quel chavanti lo norisce.


Orata donna e sag<g>ia,
assai dicer poria
di vostra gentilia,
ma dotto che per dir non si paresse:
samor non vincorag<g>ia,
che vita fia la mia?
Quando ser la dia
cha le mie braccia stretta vi tenesse?
Solo per lo pensero
son mo degno davere
altro che solo lo vostro disio.
Ben so che gi n obrio
non mi ter lo vostro viso altero,
ma secondo mestero
de<l> meo servir riceverag<g>io in fio.

60

65

70

75

XV
(V CCXIV)
Quantio pi penso, e l pensier pi mincende,
e quando io mi sog<g>iorno di pensare
amore non mi lascia rechare;
inmantenente tra<r>mi a s simprende:
e vuol chio sia servo, ancor chio franco sia:
e lungiamente io son stato servente,
di crudel pene umle e soferente,
voglioso di seguir tut<t>a sua via.
Poi al suo volere acordai lo talento,
e dipart quantho al suo piacere;
ci fei in quel punto contro a mio volere:

10

Letteratura italiana Einaudi

32

Chiaro Davanzati - Rime

or mi distringe chio sia a servimento.


Non masicura gi di megliorare,
ed io non so quale mi sia il migliore
trallui seguire ed esser servitore
od in mia franchitate dimorare.
Lasso, sio franco met<t>omi a servag<g>io,
abiendo pena e tutor radopiando,
che me ne nasce pur dolor pensando!
E sio lo scuso, fo contro a corag<g>io:
per conven da me venir laiuto,
chadimandare io non ne so consiglio;
per mavo che qualunque eo piglio
gi non mi rende gioia n saluto.
Ordunque, se li sag<g>i e li valenti
hanno n amore la lor voglia misa,
facendone per pena non divisa,
ma seguitando tut<t>i a suoi argomenti,
se songannati e intra li sag<g>i sono,
voglio dunque verace amor seguire;
e, sio naquisto affanno con martire,
alcun dir di poi chio sa bono.

15

20

25

XVI
(V CCXV)
1
<Messere>
Io non posso celare n covrire
ci che maduce, donna, il vostro amore,
ed ho temenza, sio ne fo sentore,

Letteratura italiana Einaudi

33

Chiaro Davanzati - Rime

non vi dispiaccia o donivi languire;


per son di merzede cheritore:
che sio fallasse, sia n voi lo parcire;
ch l vostro alegro viso mi fa dire
e poi chavete me e lo mio core.
Dunque, madonna, se lamor mi stringe
ed hami dato al vostro servimento,
ben veg<g>io, tale fue l cominciamento,
chalegro deg<g>io gir l ove mi pinge:
ch mprima mi credea lamore unome,
mentre che l viso vostro non mavinse;
da voi nato quel che mi costrinse:
bello direi, ma ho dottanza come.
Donna, con gran temenza incominzai
non credendo caper nel vostro regno,
chio gi per me non era tanto degno:
ma quel chio vidi, a ci mi sicurai,
s che ci ch<ed> io vaglio da voi tegno,
e non mi credo dipartir gi mai:
in tale guisa di voi inamorai,
che nel mio core pur sesto e disegno
perch lo ncominzare fue gioioso
e poi hanno seguito i be sembianti.
Quandio passo veg<g>endovi davanti,
lo cor si parte, a voi vien talentoso
di dicer ci chio sento per amare;
a me non torna, con voi si dimora:
cos con voi potessio in quellora
es<s>ere in terzo sanza villanare!
Madonna, ben salegra la mia mente,
e parte dole ed ha greve dottanza
non perda per la lunga dimoranza
chemolte cose fallane presente;
per conviene a voi aver pietanza

10

15

20

25

30

35

Letteratura italiana Einaudi

34

Chiaro Davanzati - Rime

di me, con tutto chio non sia cherente.


Non vi dispiacc<i>a: tanto son temente,
che dicer non vi so la mia pesanza.
Ma fo fra me medesimo ragione,
se guerir tarda la vostra bieltate
e non avete di me petate,
chio mor, s fort la condizione:
per, gentil, cortese donna e sag<g>ia,
non falli il vostro dolze inconinzare,
ch troppo foria forte il mio penare,
se piet e merz non vincorag<g>ia.
Madonna, ci chio dico gran follore,
ch s gran gioia, come di voi atendo,
s alta cosa che mi va p<a>rendo
che soferirne morte sia valore;
ma tutavia sio vo merz cherendo,
sono com ubidente servitore:
faccio per sollenar lo grande ardore
chio sento per amar, l ondio incendo;
ch mante fiate son chio mi dispero,
e dico: Ohi lasso, che vit la mia?
Ch non mi movo e vo a la donna mia
e moro avanti a lo suo viso altero?
Poi masicuro a la vostra valenza,
che so ch tanta, che piet navrete:
merz, donna; se troppo il mi tenete,
dipo la morte non vi fia a <n>crescenza.
Donna, sovente dicere ag<g>io audito
assai si lauda lo buon cominzato,
ma pur la fine facelo laudato,
lodalo l pregio l ov lom salito.
Dunque lo vostro fu dolze aportato,
quando damor mi faceste lo nvito;
e poi nel mezzo avetelo seguito,

40

45

50

55

60

65

70

Letteratura italiana Einaudi

35

Chiaro Davanzati - Rime

lo bon fenir vi de essere in grato:


chio gi per me nonn-ag<g>io altro disio,
se non chio atendo lo bon compimento:
che si congiunga il vostro piacimento
insiemormente co lo voler mio;
ch tempo ven, don<n>a, chom pote avere
gioia, e se smarisce il temporale,
lo tempo passa, suo pregio non vale:
s tempo, per Dio fatemi gaudere.

75

80

XVII
(V CCXVI)
2
<Madonna>
Orato di valor, dolze meo sire,
alegra son, se l vostro gentil core
canta del fino amore,
vogliendo il mio comincio perseguire:
chassai m gioia avervi a servidore,
e quandio sento chag<g>iate disire,
obrio ogne martire
e sol di benenanza ag<g>io savore:
ca, voi mirando, amor tut<t>a mavinge,
s chio ho n obrio ogne altro intendimento
e se non fosse blasmo che pavento,
io seguirei l ove lamor mi pinge;
ma lo dolze sperare ag<g>io del pome,
lo qual credo compir como mavinse,
che quando cominciai tanto mi vinse,
che, pur tempo aspetando, dico: Oh me!.

10

15

Letteratura italiana Einaudi

36

Chiaro Davanzati - Rime

Orato sire, quando inamorai


del vostro gran valor, diedivi pegno
lo cor: meco nol tegno;
con voi dimora, poi che coninzai,
ed ho temenza, sio pi nanti vegno,
non io ag<g>ia destati li miei guai,
perchio gi non amai
n disai; se n su questo mavegno,
porag<g>io dir chamor sia poderoso,
e possa me, s come gli altri amanti,
alegra far di canti,
ed ogne meo sospiro far gioioso:
per fermezza deg<g>iate pigliare
chaltra voglienza gi pi non mincora,
se non chio atendo lora
comio vi possa alegra gioia donare.
Orato sire, assai odo sovente
chamor nonn-, se non ave dottanza:
chi non sente pesanza
non p di gran valore esser tenente.
Chi bene ama non voglia soverchianza,
ma sostenere in gioia umilemente
ci cha damor presente,
e tutora afinando sua speranza,
tutor celando la sua openone,
fug<g>endo blasmo e seguendo umiltate:
credo ben che lo fate,
tant la vostra nobil discrezione.
Ed eo medesma, avegna non sia sag<g>ia,
lo nostro amor vogliendo ricelare,
assai sento penare,
tempo aspetando a ci che mincorag<g>ia.
Orato sire, dolze meo segnore,
confortate, chio pi di voi incendo,

20

25

30

35

40

45

50

Letteratura italiana Einaudi

37

Chiaro Davanzati - Rime

n gi vita non prendo


se non solo di pervenire a lore
comio vi possa sodisfar, gaudendo,
di quel laondio fui cominciatore:
pi di voi nho dolore,
e fra me stessa sospiro piangendo;
e se non fosse chio non mi dispero,
pensando de la vostra gentilia,
ch so chavete tanta cortesia,
chatender tempo non vi fia guerero;
e poi direte a me sio fo fallenza,
e ferma sicurt di me credete
che, pi chio non son mia, vostra mavete,
di quanto pi avesse in me potenza.
Orato sire, sio non vho servito,
per non-volere gi nonn-ho lasciato,
e assai mi fora in grato
che l mio talento fossene seguito:
chio vamo ed amer ed ag<g>io amato
ed ogne altro diso m fug<g>ito;
lo vostro fino amor m s agradito,
chogne valore avetemi furato.
Per convien si compia lo disio,
e sguiti lo bon cominciamento:
di ci prendete da me fermamento
che solamente questo il voler mio,
di perseguire lo vostro piacere
e non tardar gi lungo temporale;
per vi priego, se di me vi cale,
che bon conforto sia in vostro pensiere.

55

60

65

70

75

80

Letteratura italiana Einaudi

38

Chiaro Davanzati - Rime

XVIII
(V CCXVII)
Di cantare ho talento,
membrando ci chamore
mhaffatto di martri in gioia tornare;
ma tutora pavento,
sed io faccio sentore,
non paia quello chio vorei celare.
Massio voglio mostrare
de la mia benenanza,
ch ben saria fallanza
sed io alquanto non mi ralegrasse
e con gioia cantasse,
ricelando la mia dolze speranza
laonde nasce tal disio menare.
Disio ho di valenza
quant lo mio piacere,
ch son ruscito di gran manentia,
e son dato a servenza
l ov tut<t>o valere,
pregio ed onor, larghezza e cortesia.
E di mia gran follia
certo son commendato,
comom cha disato
lo suo gravoso danno e disinore,
poi, me conoscidore,
ritorn al dritto stato
seguendo il bene, e lo suo male obria.
Obrar mi convene
lo tempo cho perduto,
e umilemente fino amor seguire;
e lo grande mio bene,

10

15

20

25

30

Letteratura italiana Einaudi

39

Chiaro Davanzati - Rime

chel<l>o mha conceduto,


gechitamente deg<g>iolo gradire,
come vuole ubidire
segnor valente e sag<g>io:
chaver di reo parag<g>io
e prender lo suo frutto contrarioso,
credomo esser gioioso,
radoppia il suo dannag<g>io;
ma chi ben serve sempre nha disire.
Disatag<g>io invano:
non ne fui conoscente
di reo segnor la sua openone:
era gechito e umano,
come buon soferente,
non credendo partir sanza cagione.
Or sono al paragone:
laondio malegro e canto,
e l mio tormento e pianto
chag<g>io portato, meter n obrio;
ma buon segnore ho <n> fio
non savria dir lo quanto,
tanto mha dato e d pi ch ragione.
Canzonetta mia fina,
or tinva presente
a la sovrana in cui pregio dimora:
quella che mi dimina
e fami gir gaudente
e dogni reo sofrir mha tratto fora.
Sempre damar mincora
lo suo piagente viso,
la boc<c>a e <l> dolze riso,
ladornezze compiute ed a ragioni;
dille che mi perdoni
sal cantar mi son miso,
ch l suo fin prso il fa, tanto minora.

35

40

45

50

55

60

65

Letteratura italiana Einaudi

40

Chiaro Davanzati - Rime

XIX
(V CCXVIII)
Chi mprima disse amore
fall veracemente:
chillui crede presente
punne dire amarore;
chi lo segue, lo sente
ci che mostra di fore:
nonn- tale 1 sapore
s come lo comincio primamente:
ch con piagente isguardo omo innamora;
ci che mostra di fora
gi mai nol vuol seguire;
con pene e con martre
lo nodrisce a tutora,
lontan di gioia e presso di finire.
Amore amaro dico,
guerra daffanno e dira;
assai forte sospira
quegli che gli pi amico;
chi collui pi si smira
fa di dolor notrico;
per mi ci fatico,
che lopera di lui ria mi ci tira.
Chassai a buon tolle e a malvagi dona;
a tal mette corona
che nolli saveria,
e tal mette in obria
e sovente il cagiona,
che fora degno aver gran segnoria.
Amaro amor, tormento,
dolor dogne pesanza,

10

15

20

25

30

Letteratura italiana Einaudi

41

Chiaro Davanzati - Rime

<..............anza>
primer di piacimento,
e poi tolle allegranza;
segue lo tradimento:
in ci ferma talento
ed ogne poso mette in obranza;
e s come lo foco colorato,
bello a vedere: usato,
chi lo toc<c>a, cocente,
e divora presente
ci che gli dimostrato,
e la grande alegrezza fa dolente.
Amore a che cagione
aquista li serventi?
Credo per far dolenti
de la sua openone.
Ahi Dio, quanti valenti
mortha sanza cagione!
Villano amor fellone,
comave acorto i venti!
Ca ben pu dir chassai lavori invano
quei che lo serve umano:
e senza gioia lo tene,
nodriscelo di pene:
ma quei fa ben, chi pi li sta lontano
e chi la sua amistate poco tene.
Canzonetta, agli amanti
di presente tinvia:
ciascun che n pene sia
lo partir fac<ci>a avanti;
non seguan la follia
e falsi sguardi tanti:
ciascun daltro samanti,
non entri in sua balia:

35

40

45

50

55

60

Letteratura italiana Einaudi

42

Chiaro Davanzati - Rime

chamor ninferno <> dogne pena forte


e dolor dogni morte;
chi pi lui cred e pi vi safatica
lo suo danno notrica:
ognom di lui servir serri le porte.

65

XX
(V CCXIX)
Greve cosa latendere
quello chomo ha n disia:
ira, e danno, e maninconia
ave chi ha speranza dessaprendere:
chllunga atesa obra disanza
e mette in disperanza
ci chom crede aquistare;
li bon face bassare
<e> chi pi vale, pi sente pesanza.
Dun s lontano ateso
donna, vostra impromessa
tardata m e dimessa,
ed in me tormentoso foco ha preso,
s chio son pi che prima doloroso:
dimpromessa non sono disoso,
ma tutor la pavento:
me foria per un cento
chio fosse come mpria chera gioioso.
Donna, di voi mavene
a semblanza del foco
che mprima pare gioco,
ma chi lo toc<c>a ha pene;

10

15

20

Letteratura italiana Einaudi

43

Chiaro Davanzati - Rime

cos di voi: quando prima guardai


(e) con vo parlai,
erami in piacimento;
seguendo poi, tormento
assai nho avuto e radoplati i guai.
Nonn- verace usanza,
donna, n dritto onore
dar pene a servidore
e torerli la sua gran benenanza:
ma si convene a donna cha bieltate
modo di veritate,
a pregio mantenere:
promet<t>ere e atenere,
ma non torere e donar niquitate.
A voi, donna, sinvia
mia canzonetta adesso,
chio non ag<g>io altro messo
lo qual vi dica la mia malatia:
se non mi ristorate, io certo pro,
essenda me guerero
vostro alegro donato:
piacc<i>avi e siavi a grato
di provedere inverso me, chio pro.

25

30

35

40

45

XXI
(V CCXX)
Fami sembianza di s grande ardire
damarmi coralmente
la mia donna, cui mi son tut<t>o dato,
che par chio nag<g>ia tut<t>o il meo disire;

Letteratura italiana Einaudi

44

Chiaro Davanzati - Rime

e credetelo, gente:
glorificando me in grande stato,
fate s come apone
lo savio, sormonando
che, la cera guardando,
lo voler dentro si pu giudicare.
Ben <n> tut<t>o ragione
che tal chiarore spanda
chentha chi la mi manda,
per zo che naturalmente il de fare.
Nome di re non val senza podere;
pi vale ascosto bene,
che gran bene pregar lom che simprenda;
chi sta nel foco gi non de volere
chaltri dica: Egli ha bene
e credalo, e non quello che gli afenda:
chaltro sentenza il morto.
Nulluom non indovino:
ragione <ha> del mischino
che non vuol palesare la sua noia;
de lom col male a porto
di gran gente venire,
ch tal lo po sentire
che l male cha li fa tornare in gioia.
Per pregio di richezze chio non hoe
non vo parer chio goda,
da che l mio cor di pena non si parte;
sel<l>a mia donna sembra, chio dire
questo ciascheduno oda:
ched io illei nonn-eb<b>i anc<or>e parte.
Forse che ci chio dico
non credete neiente,
ma chio ne sia dicente
ad arti per torervene credenza;

10

15

20

25

30

35

Letteratura italiana Einaudi

45

Chiaro Davanzati - Rime

se nol credete, dico


ched ho <o>gni grande cosa
veg<g>endo lamorosa,
incarnata sembianza che magenza.
Pensando li sembianti che mi face
tanto forte travaglio,
che come matto vegno dismaruto:
sospiro, piango, dico: Perch l face,
gi per lei ched io vaglio,
e non mi dona quel chag<g>io servuto?
Se ntenzar vole, soe
chela sua vista sembra
che tut<t>e le sue membra
si<en com>prese damor ver di me amare;
se non mamasse, soe
che per mia diligione
non vorei far cagione
che ne potesse biasimo aquistare.
S come audite, a cotal son condotto
che viver n morire,
<sperar> n disperare non mi posso;
lo rallegrare e l<o> prorare dotto:
che non sia, a l vero dire,
mi par da tante pene dir lo posso;
non so ched io mi fac<c>ia,
n chente ramo io prenda
che meve no misprenda.
A voi, donne e donzelle, ne <ri>ncresca,
tanto che, dove piacc<i>a,
la mia donna pregate
chag<g>ia di me pietate
e secondo ragione gioia macresca.

40

45

50

55

60

65

70

Letteratura italiana Einaudi

46

Chiaro Davanzati - Rime

XXII
(V CCXXI)
Sesser potesse chio il potesse avere,
anzi che grande avere,
tanto vorei savere,
madonna, pur unora,
chio scrivere sapesse quante <ho> pene,
o chio il mio core pingere savesse
con quante pene avesse,
in guisa che paresse
chent il mal ch<i> tutora
per star lontan di voi, dolze mio bene;
e zo chio dico avendo,
sovrano mi teria co<m> ragione,
ch col mio cor non prendo
altro disio, che n voi creder mi doglia,
ed i questo averia,
chi pingere mi cor essua cagione,
e voi lo manderia,
e saria ric<c>o di compiuta voglia.
Creder voglio lo mal cho in grazza avere
con trmi ognaltro avere:
ed io fac<c>io savere
<non si fe tale ancora>
che navr gioia e uscer di pene:
ch<unque> avesse <o>ro e mal savesse
guerir del mal chavesse
per lor o non paresse,
folle saria quellora:
ch star ne lor ed arder non bene.
Oro ed argen<t>o avendo,
non mi toria mia doglia di ragione;
or dunque ben maprendo

10

15

20

25

30

Letteratura italiana Einaudi

47

Chiaro Davanzati - Rime

dimandar lo sanar de la mia doglia:


gi mai non saveria
bene per mal cherer, e <a> che cagione
ne ladimanderia?
Del poco di<r> si <p> discovrir voglia.

Ognor tal senno non si puote avere,


come per tut<t>o avere
il mi fantin savere:
ch l fantino spes<s>ora
chere volare, e l pregione per pene;
cotali prieghi, chi molti savesse,
a chi l suo tempo avesse
e matto non paresse?
Fssi in buona memora
conoscer di, se fa pescaia bene.
Non muove bene, avendo
gran disiranza e pene, la ragione:
per zo non mi riprendo
di zo chio chero, perch il mi fa doglia;
nd altri nonn-avria
di riprender<e> me dritta cagione:
con dritto amanderia
ci chegli ha, po che doglia mendar voglia.
Al vento vo spannar, chi pos<s>avere,
prendendo quello avere
cho posso e l savere,
me<r>tando veder lra
e dimorare in foco senza pene.
Pensar vo pur comio dire savesse,
in guisa s chavesse
lo mio dire paresse
frutto in voi, <n> cu<i dimo>ra
quanto nel mondo si sembla di bene.
Assai pensato avendo,

35

40

45

50

55

60

65

Letteratura italiana Einaudi

48

Chiaro Davanzati - Rime

tal frutto mi par non dir mia ragione


chent, sa dir laprendo:
cos mi vuol dispera<r> la mia doglia;
ag<g>io udito chavria
<a> trovar <pres>to porta la cagione,
e ne comanderia:
per zo non vo disperar la mia voglia.
Isperando ci che disi<o> avere,
ah quanto mal chavere
mi fa lo non-savere!
Che crediate chancora
lo core mio, s come fa per pene,
non mi rimembro che di ben savesse,
per allegrar chavesse
mio cor, che gioia paresse.
Poi chio non vi vidi ora,
membra<r> chio ag<g>ia, no n<e> sento bene.
Pur io gran male avendo
per sovramar, pensando la ragione
veg<g>io chio pur aprendo;
sio dormo veglio, tutor sento doglia:
e zo perch averia?
aitando non mi cangiate cagione;
forse che manderia
pensiero in vanechiarmi vostra voglia.

70

75

80

85

90

XXIII
(V CCXXII)
Allegrosi cantari,
molta merz vi chero,
ch mi facc<i>a dimossa,

Letteratura italiana Einaudi

49

Chiaro Davanzati - Rime

se de li mie vi faccio gueranza,


che, sio li fo contrari
desta guisa, per vero
altri lave comossa
in me questa gran disaventuranza.
Voria ben per mio grato
fiorire in altro frutto,
ma simile disdotto
che l zezer fa bernare
mi l fa, ed i<n> cantare
comegli terminar vo la mia vita.
Esta stagion non vene
che mi doni conforto;
di tai cantar non fino
come zigola infin che morte prova:
ma la fenice avene
che per morte entra in porto
molto gioioso e fino,
e <per> zo che s tanto rinova:
ondio morir voria
sanza dimora avere,
sio dovesse tenere
simigliante natura:
ma Deo de la ventura
prego che deami a savere la possa.
S ho ferma credenza
che lo mio nascimento
fosse in mala pianeta,
che l mi prego tegn<i>o nave afondata;
e lunga soferenza
di gravoso tormento
in ci creder maqueta;
poi che nulla nonn- per distinata
e tut<t>o ben vi sta,

10

15

20

25

30

35

Letteratura italiana Einaudi

50

Chiaro Davanzati - Rime

grave pena sofro:


ma cagione fa fero
foco de laqua uscire:
perz non m da dire
chio falli, sa cotal ramo maprendo.
Ben , la mia, gran doglia:
chio non posso guerire,
se quei che mha feruto
non mi sana com Pels sua lanza;
e diamante sua voglia
paremene a sentire,
chal cor mi stea laguto
chentro gli ha messo la sua disianza.
<. . . . . . . . . . . . . . . .>
lo mal che me mosse,
come dugel che fosse
la sua vita cazzato:
per son disperato,
non credo mai sentire gioia damore.
Non credetti svenire
comio sono svenuto
tanto crudelemente,
tantera alto per la vert damore
ben era, a lo ver dire,
fiorin doro venuto
damor, cui son servente:
prendea di lui tutora il frutto e l flore:
ca simile mavene
chalLuzefer legato,
che tut<t>o il suo gra<n> stato
perd n un movimento.
Desto dir non mallento:
che n cotal porto provi chi l mi dne.

40

45

50

55

60

65

70

Letteratura italiana Einaudi

51

Chiaro Davanzati - Rime

XXIV
(V CCXXIII)
Sovente il mio cor pingo
ad amore, chll
penson avere avento:
credo incarnare, eo pingo;
nonn-ho vigor chellha:
cos son di gio avento.
Mando lo cor, non torna;
ma lo corpo ratorna:
non si racorge a loco,
tanto li piace loco.
Cos perdo che fo:
credo ben far, non fo.
Co la credenza inganno
la mia mente e me stesso:
credo parlare a boc<c>a.
S come l pesce a nganno
prende a lamo se stesso,
cos il mio core imboc<c>a
ci chamore li d:
credene aver, no ndha:
mostrali gioco a punta,
prendelo a taglio e punta.
Son caduto, or mapiglio:
neiente ci chio piglio.
Va, mia canzone, al sag<g>io
cha l nome per contraro:
dilli chio son turbato,
perch, di valor sag<g>io,
di me intenda il contraro,
ischiari l mio turbato:

10

15

20

25

30

Letteratura italiana Einaudi

52

Chiaro Davanzati - Rime

perch il podere e sha,


dicane ci che sa;
consigli mia gran pena,
che la sostegno apena:
sio mi posi o sog<g>iorni
o vi perda pi giorni.

35

XXV
(V CCXXIV)
Ahi dolze e gaia terra fiorentina,
fontana di valore e di piagenza,
fior de laltre, Fiorenza,
qualunque ha pi saver ti ten reina.
Formata fue di Roma tua semenza
e da Dio solo data la dotrina,
ch per luce divina
lo re Fiorin ci spese sua potenza;
ed eb<b>e in sua seguenza
conti e marchesi, prencipi e baroni,
gentil daltre ragioni:
cesati fuor dorgoglio e villania,
miser lor baronia
a ci che fossi de laltre mag<g>iore.
Come fosti ordinata primamente
da sei baron che pi avean daltura,
e ciascun puose cura
ver sua parte, com fosse pi piacente;
da San Giovanni avesti sua figura,
i be costumi dal fior de la gente,
da savi il convenente;
in planeta di Lo pi sicura,

10

15

20

Letteratura italiana Einaudi

53

Chiaro Davanzati - Rime

di villania fuor, pura,


di piacimento e di valore orata,
sana aira e in gioia formata,
diletto dogni bene ed abondosa,
gentile ed amorosa,
imperadrice dogni cortesia.
Ahim, Fiorenza, che rimembrare
lo grande stato e la tua franchitate
cho detta!, ch in viltate
disposta ed abassata, ed in penare
somessa, e sottoposta in fedaltate,
per li tuoi figli collorio portare,
che, per non perdonare
lun laltro, thanno messa in basitate.
Ahm lasso, dov lo savere
e lo pregio e l valore e la franchezza?
La tua gran gentilezza
credo che dorme e giace in mala parte:
chi mprima disse parte
fra li tuo figli tormentato sia.
Fiorenza non pos dir, ch se sf<i>orita,
n ragionar che n te sia cortisia:
chi chi non saomilia,
gi sua bont non puote esser gradita;
non se pi tua, n hai la segnoria,
anzi se disorata ed aunita
ed hai perduta vita,
ch messa tha ciascuno n schiavonia.
Da lun tuo figlio due volte donata
per laltro consumare e dar dolore,
e per laltro a segnore
se oramai e doneragli il fio:
non val chiedere a Dio
per te merz, Fiorenze dolorosa.

25

30

35

40

45

50

55

Letteratura italiana Einaudi

54

Chiaro Davanzati - Rime

Ch moltipricato in tua statura


asto e nvida, noia e strug<g>imento
orgoglioso talento,
avarizza, pigrezza e losura;
e ciascuno che n te ha pensamento
e studia sempre di volere usura;
di Dio nonn-han paura
ma sieguen sempre disar tormento.
Li pic<c>iol, li mezzani e li mag<g>iori
hanno altro in cor che non mostran di fora:
per contrado lavora
onde l Segnore Idio pien di pietate
per Sua nobilitate
ti riconduca a la verace via.

60

65

70

XXVI
(V CCXXV)
Quando lo mar tempesta,
per natura che gli ne,
de lo suo tempestare gitta londa;
e n quella guisa alpesta
spesso, ch grandne
la cagion che tempesta <s> gli abonda.
Vede londagitare,
gi mai non vede posa,
infin che quella cosa
che lo fa tempestare
non si parte dallui,
perch natura illui
di cos far, quando i giunge quellora.

10

E per natura getta

Letteratura italiana Einaudi

55

Chiaro Davanzati - Rime

la tempesta il maroso,
d<ov>unque l ove inchiuder non si pote:
dunque elli in cui lo getta
fior ch tempestoso
e che gioie per stagion menare pote.
E da ch cos certo,
bene faria fallanza
chi ponesse fallanza
in chio lo metto sper<t>o:
facesse in ci pur duna
guisa, com so, mal sona,
ch mare, com tempesta, londa butta.
Tanto mi par lo dire,
chag<g>io fatto, certano,
che di parlare ancora no ridotto
quel che mi fa languire,
ancora che lontano,
massai dirllo, come sia condotto.
Ci natura distina:
s comha sua natura
ciascuna cratura,
ritraie indi gioi fina;
a quella chio avea
traea, da che dovea,
e come pesce per lo mare stava.
Istando pi gioioso
ne lo mar dogni gioia,
ed unra crudele comincie
a farlo tempestoso,
pur per me donar noia,
ondo morte tosto navere;
ch per suo tempestare
mi lasci smisurato:
con unonda abutato

15

20

25

30

35

40

45

Letteratura italiana Einaudi

56

Chiaro Davanzati - Rime

lungi mha fuor del mare,


e posto in ter<r>a dura
e tratto di natura,
<come d>onde li pesci, chindi han vita.
Veggendo ched io sono
di star ne laqua fora,
assai isbatuto son per ritornare.
Tanto sbatuto sono:
ed ancor non mi fora
per certo dentro mai non <ri>tornare;
ond mia vita terra
pi che non fari in parte
lbere che si parte,
quand verde, da terra:
ma prego sire Deo
che <n> quella guisa cheo
moro, chi morir fami morir faccia.

50

55

60

65

XXVII
(V CCXXVI)
Chunque altri blasma
per torto che li face,
bene si de laudare
di chi li fa ragione,
ch l ben de star come l male in parvenza.
Chi pur lo torto blasma
e l ben celar li piace,
ben este da blasmare
duna falsa cagione,
s come il falso pien di scanoscenza.
E zo credendo la mia canoscenza,

10

Letteratura italiana Einaudi

57

Chiaro Davanzati - Rime

per chio son blasmato


plus-or forte damore
parendomi ingannato,
or co ragione laudarmene voglio,
seguendo nel ben ci che nel mal soglio;
ed a lamor cui servo
grazze fo di buon core,
palesandomi servo
sovra gli altri per lungo mer<i>tato.

15

20

Non vo far comhan fatto


molti che sono e fuoro,
che, su<n> to<r>n i<n> spiacere,
cento piacer piagenti
hanno somessi e riputati inoia.
Tut<t>e doglie in affatto
che per amor mi fuoro
con alegro volere
paleso a tut<t>e genti
dimett<er>a sol per una gioia.
Non potreb<b>e mia vita star s croia
chio mi blasmasse mai
damor chatanto tegno,
che gioia mha dato omai:
tut<t>i li mal passa in ben che mha dato.
Sal mio chieder mavesse sormontato,
tanto alto non sare<i>,
cha chi pi bassa tegno
apreso mi sarei,
pare<n>domesser ne lo som<m>o loco.

40

Sed io fosse sicuro


di regnar quanto il mondo,
non poterei servire
tanto n ringrazzare
amor, che l suo gran dono navanzasse.

45

25

30

35

Letteratura italiana Einaudi

58

Chiaro Davanzati - Rime

Non posso star sicuro


ormai con cor giucondo
inver damor fallire,
tanto saria il fallare
co blasimo di me cha amor fallasse.
Nanti vorei morir, chio pur pensasse
di star damor diviso:
chamor loco mhaffatto
nel dolze paradiso,
giungendo ben miei rai con quei del sole,
donandomi a servire a tal che vuole
di cui servo mi piace
dimorare intrasatto,
servendola verace
in tut<t>e parti <a> tut<t>o il mio podere.
Non mi fue con gravezza
lo dolze acordamento
chag<g>io co la mia donna:
lo primo sguardo prese,
confortando me star suo amadore;
nol mi fe mia bellezza
n grande insegnamento;
n, cortese sovronna,
da me non si difese,
sdegnando me per suo grande valore.
Quanto di bene i tegno dad amore;
senza amar nonn- bene;
dallui quant discende:
per chi lha n ispene
mantegnalo, sperando guiderdono.
Non prende servo senza darli dono,
ancor che la mercede
al servidor no rende
s tosto come crede,
chamor lo face provando gli amanti.

50

55

60

65

70

75

80

Letteratura italiana Einaudi

59

Chiaro Davanzati - Rime

Pareglia lbori e fiori


e verdor de li prati
e de lagua chiarore
e lume dogni spera
quel<l>a che mha e tien per suo servente;
tratta tut<t>i gli onori;
de li piacenti stati
som<m>ha il suo gran valore;
naturha di pantera:
lo suo dolz<or> prende tut<t>a la gente.
Imperal coronha veramente
di tut<t>a la bieltate;
dessere cortese,
savia con umiltate:
a lei inchina quant di piacere.
Cos mi fa sperare grande avere,
facendomi damare
sembianti, me palese
di tal gioia aquistare
a compimento de lo mio disio.
Compimento di frutto
non mi fa rallegrare
n s lodar damore,
perci ched io no lag<g>io,
e zo riman perchio non so dovne:
ch l suo valore in tutto
fermo zo me dare:
ma ralegra il mio core
e lodamor ch mag<g>io,
percha la som<m>a gioia maferma spene.
Ch sae guiderdonar lomo di bene
lamar, quando saprende
aprendersi di tale
chaltri non ne riprende
ed amor no ne g<r>ava del parere.

85

90

95

100

105

110

115

Letteratura italiana Einaudi

60

Chiaro Davanzati - Rime

Ed io ben vorei tanto del savere,


ched io contar savesse
quanto madonna vale
a quel chaltrui paresse,
ch zo aver gran dono mi teria.
Quante quale <l> valere
che madonna prosiede
dire non <lo> poria
nd istimar con core,
chella smisura come il ciel st<ell>ato;
volerlo fa<r> parere
in gran noia mi riede;
cos si storberia
mio alegro valore.
A ci che non si sturbi da vil lato,
e d consiglio ad ogni namorato
che mantien disanza
<damorosa donzella>
che deg<g>ia gire a danza
quel giorno che domenica sapella:
domenica ogni cosa rinovella
s come primavera,
cotal vertute n ella.
Tut<t>a gioia chom <ha> altera
in domenica mi fue conceputa.

120

125

130

135

140

XXVIII
(V CCXXVII)
Da che mi conven fare
cosa ch da biasmare
e da tenere grande fallimento,

Letteratura italiana Einaudi

61

Chiaro Davanzati - Rime

donne e donzelle invito;


chi bene si audito
a gl<i> uomini cui ho far parlamento;
e vo far difensione
del parlare villano
che di me si faria,
se la greve cagione
che mha dato il cor vano
celar dovesse, che pur loderia.
Amore cha semblanza
di fina namoranza,
chi lo partisse sera sconoscente;
e ben si pu ridire
che fosse a lo ver dire
oltre misura di ci far fallente;
ed e cos tenuto
serei in ogne parte
per non saver lo certo,
chanzi vorei feruto
essere in ogni parte,
che tale biasimo in me fosse certo.
S come altri amadori
che met<t>oro i lor cori
ne le femine amare ben servendo,
coralemente misi
lo mio, n nol dimisi,
in una donna, <ed> allei non falendo
lungo tempho passato.
Certo amor mi tenea
dognom pi altamente:
ed ora mhaffallato,
ch del propio chavea
di s, mi d daltro fatto parvente.

10

15

20

25

30

35

Letteratura italiana Einaudi

62

Chiaro Davanzati - Rime

Lasso, <era> mia credenza


damare <a> som<m>a intenza:
altrui sentenzando, me lanzava.
S comom non sapiente
del fino oro lucente
faca diligion, piombo avanzava;
era simil di quelli
che vede il busco altrui,
e non sua grande trave.
Parmi che nullo ovelli
non de dir: son colui
che non ha pari, per gran stato chave.
Se mavesse commiato
di partire donato,
non blasmerei, poi che fallasse:
ch mera ben gran doglia,
poi che<i> fiore e foglia,
<che> frutto <ancora> di lei <non> pigliasse.
Ma ella mi mostrava
di lalmente amare,
n partir non volea:
ed altro omo amava!
No lo potea celare;
chio la vidi che celar lo volea.
Forte son lamentato
perch mave fallato,
donando s indelaltrui talento.
Ancora in veritate
pi mag<g>ior falsitate
mhaffatta, da blasmare per un cento:
altrom <a> chi era data
in unora che mee
a s fece venire,
dicendo la spietata:

40

45

50

55

60

65

70

Letteratura italiana Einaudi

63

Chiaro Davanzati - Rime

ma voglia nonn-e.
perchio collui mi dovesse ferire.
Come Cain primero
di far crudele e fero
micidio fu, posso dire che sia
el<l>a prima chapare
di s gran fallo fare
in tale guisa, sanza dir bugia.
Dunque saria ragione
che n aer e<d> in foco
come Caino stesse,
perch <la> tradigione
in ciascheduno loco
similemente pales<at>a stesse.
Ora <ch>avete audito
s come son tradito,
di ci chio faccio mai non mincolpate,
chio non poria far quella
che degna non fossella
a gravezza di lei in veritate:
per che lamava eo
pi chanche fosse amata
donna da amadore;
tut<t>a gioia cha il cor meo
dava a la rinegata,
lassa, cui piacean doglie nel mi core.
Donne chonore avete,
donzelle che l volete,
intra voi ragionate zo cho detto;
<ed> es<s>a biasimate
di s gran falsitate,
ch tenute ne siete per iscritto.
Per non blasmar lo male

75

80

85

90

95

100

Letteratura italiana Einaudi

64

Chiaro Davanzati - Rime

molta gente si duole


che gi non si doria;
tal pensero ancor sale
che lo male far sle,
che blasmo usato lo ne distoria.

105

XXIX
(V CCXXVIII)
Or tornate in usanza, buona gente,
di blasimar lo mal quando si face,
se no il mondo perir in presente,
tanto <ci> abonda la gente fallace
che tutor grana de li frutti rei.
Vostro socorso sia sanza fallanza,
a ci che de lo mal far sia dottanza,
ch non periscan li bon per li rei.
Lo biasmo date com convene<nte>;
ed intendete una gran falsitate
che mha fatto una donna, cui servente
mio core stato in molta laltate:
mostrandomi damar pi domo nato,
fallito mave per altro amadore:
ondio mi doglio che n s vano core
lungo tempo lo mio amore ho dato.
A Giuda ben la posso asumigliare
che baciando ingann Nostro Segnore;
mai nessuno omo non si pu guardare
da quei che vuole ingannar con amore.
Vergilio, chera tanto sapente,
per falso amore si trov ingannato:

10

15

20

Letteratura italiana Einaudi

65

Chiaro Davanzati - Rime

cos fosse ogne amante vendicato


come si vendic de la fallente!
Se mha fallito, non posso fare altro;
io non son lo primero cui avegna:
Salamone ingannato fue, non chaltro,
chera del senno la pi somma insegna.
A la grande vendetta mi richiamo,
perchio spero daver grande conforto,
guiderdonato chi mha fatto torto
pi grevemente che non fue Adamo.
Tutto zo che mha fatto la mia intenza
era veduta cosa che sareb<b>e:
per quando ella fece <sua> fallenza
a lo primiero segnor ched ella eb<b>e,
nol conoscea, tantera compreso:
ingannmi lamor come Sansone,
che vide quello per mante stagione
che potea bene creder com fue preso.

25

30

35

40

XXX
(V CCXXIX)
Uno disio m nato
damor tanto corale,
che non posso altro chello:
come fuoco stipato,
tutor sormonta e sale,
raprendendomi n ello.
Or sono al paragone:
che samor per ragione
dona morte per uso,

Letteratura italiana Einaudi

66

Chiaro Davanzati - Rime

chio mora senza induso:


cos forte mincama
dlbore sanza rama.
Se pe-ragion non de
n per uso amor morte,
morte mho zo cherendo:
cos luna dare
al cor distretta forte,
ondio mor volendo.
Di morte no spavento,
ch morire in tormento
allegrezza e gioia,
secondo ch gran noia
a quelluomo morire
cha stato di gioire.
Gioia nonn-ho n spero,
chamor mi fa volere
sanza lale volare,
ed in tal loco altero
chavrei prima podere
desto mondo disfare.
Cos nonn- con gab<b>o
sio doglio e l mal, dico. ab<b>o:
chamore amar mi face
tal che non mi conface,
tal che nag<g>io dottanza
pur di farle sembianza.
Dotto ed ho paura
di mostrarle cad eo
lami come molto amo,
per choltre misura,
secondo che veg<g>io eo,
ella sormonta damo

10

15

20

25

30

35

40

Letteratura italiana Einaudi

67

Chiaro Davanzati - Rime

tra le donne a miro:


cos, quando la miro
me medesmo disdegno,
e dico: non son degno
di s alto montare:
non vi poria andare.

45

Asdegn<and>ome gesse,
inver le sue altezze
maraviglia no mne,
chanche pintura in gesse
di cotante adornezze
non si fece nd ne.
A lo sol d chiarore,
ogni sperha splendore
dalli, quanta splende;
ogni vert ne scende;
lamar la doteria,
tantha di segnoria.
Cos, samor comanda
e vuol pur che lami io,
ello fa gran pecato
sed ello allei non manda
ne lo core disio
damor bene incarnato,
che, comio lamo, mami
e per sembianza chiami
lo mio core e conforti
ched io amor le porti
o, comaltri amadori
com mia donna la nori.
Gli amador tut<t>i quanti,
le donne e le donzelle
che damore hanno cura,

50

55

60

65

70

75

Letteratura italiana Einaudi

68

Chiaro Davanzati - Rime

con sospiri e con pianti


pi che non son le stelle
assai oltre misura,
io fo priego di core
che prieghino lamore
che mi trag<g>a deranza
ed ag<g>iame pietanza,
ondio ag<g>ia cagione
dallegrare in canzone.

80

XXXI
(V CCXXX)
Molti lungo tempo hanno
de lamor novellato
e divisatamente
che Amore e dondha nascimento;
ed ancora non hanno
propio vero trovato
meravigliosamente:
di zo mi fate lo conoscimento.
Mover mi face in trovare canzone
erro di lor cagione,
per diffinir tenzone,
ragion provando ci ched io dirne.
Dice lo Vangelisto
che Dio fue primamente,
chEllo cri quanto ie
con grande disider<>o dAmore:
dunque lAmor Cristo
e dalLui vegnente,
da che lAmor non ie

10

15

Letteratura italiana Einaudi

69

Chiaro Davanzati - Rime

alLui dato per altro criatore.


Que son dal vero Amore inamorati
cha Dio son servi dati:
possono esser chiamati
naturalmente da lAmore amati.

20

Nonn-este omo <per> vero


se domo non nato,
n lamore non este
disirare, se da lAmor non vene.
Amore propio e vero
nonn-este di pecato,
e de lo pecato este
voler tal donna che sposa no gli ne.
E gli era<n>ti s dicono ch amore
trarla di suo onore,
e lun laltro amadore
a zo disiderare apellatore.

25

Ogni disio carnale


ello tentamento
che domono face,
ello mantene e va<lo> sormontanno;
e se saver ne sale
e bello portamento
ed altro assai che piace,
suo gegno il fa per covrire lo nganno:
<ma> guai a chi si dona a tal disire!
Laquisto del piacere
tornar li fa ilanguire,
comAdamo fer, ch< as>empro <e> miri.
Nonn- ragion n bene
che l mastro sia levato
de la cafera sua
e posto uvomo ch sanza valere.

30

35

40

45

50

Letteratura italiana Einaudi

70

Chiaro Davanzati - Rime

A cui e si convene
loro de esser dato,
e l piombo, chi pi su ha,
nonn- degno che da prosedere.
Amore per Amore sinantisca:
non per Amor fiorisca
n dar pregio gradisca
voler donna com pecato seguisca.

55

60

XXXII
(V CCXXXI)
Maravigliomi forte
chag<g>io trovato assai
cha lamor danno blasmo,
che dicon che d morte
crudel, piena di guai;
chillha n s bene blasmo:
e foragione fan lo<r> fallimente,
ch nonn- discendente
di lui altro che bene:
savio e cortese sanza noia vene
chi dallui distretto;
e que ch ric<c>o face dispendente,
( . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -ente)
e pagato si tiene,
e colli rei non vene:
tut<t>i gli ha in dispetto.
Amor fa cui distringe
parlar pensatamente
e dir bon senza reo;
ed omo che ristringe

10

15

20

Letteratura italiana Einaudi

71

Chiaro Davanzati - Rime

volenterosamente
ogne mal far ten reo;
e sempre lalte cose disare
e l core umilare
e servir sanza detto
(...........-etto)
e dona guiderdono,
ch dipo servire fa mperare
e del guiderdonare
al servidor perfetto
non falla, cotant leale e netto,
sommo di tut<t>o bono.
Le doglie a lomo face
pacente portare,
n disperar nolascia;
fino, valente face
cui stringe daquistare,
e gi mai non salascia.
Certa<na>mente non sente damore
que che i pone follore,
chamor d ta<l> plagenza,
che mai dallui non si vuol far partenza.
N tanto non si nhae
come per sogno si crede spesse ore
far zo che non fa fiore:
blasmando di fallenza
amor, credo blasmha cui fa ncrescenza:
di lui bono si nhae.
Fac<e> amore om leale
e molto vertudioso
e buon pregio li de.
Somo n tanter<r>o sale
che parla il contrarioso
a zo che lamor fae,

25

30

35

40

45

50

Letteratura italiana Einaudi

72

Chiaro Davanzati - Rime

amor per zo dalto loco no scende,


n non si ne disprende
nesuno buono amante,
ma dalloro blasmato duramante
e falso aprovato:
cos lor dir medesimo gli ofende,
perch ben non comprende
che a dire amante:
quello che <l>amore fa possante,
ch tut<t>o ben provato.

55

Tant amore a dire


quanto pro senza danno,
di tut<t>o ben fontana:
chi dice: este languire
<ed amanti sffanno>,
non sa ciascun singana;
ch ciascheduno amante sta gioioso,
damor disideroso,
e no rifina mai
di dire: Amor, pi mi tien che non hai
ne la tua segnoria:
ch chi damor non sente sta doglioso,
senza alcuno riposo;
ha sempre di dir mai:
dolze amore, di te mi prendo assai
chio amante non ti stia.

65

Chi chi non voglie, e blasmi:


i lo lodo, ed invito
amor che mi comprenda
ed i<n> s umanamente mincarni,
s chaltri non dimanni;
n mai a nullo dire
non mi rendo, che me voglia partire
dallui, amor verace.

60

70

75

80

85

Letteratura italiana Einaudi

73

Chiaro Davanzati - Rime

XXXIII
(V CCXXXII)
Om <ch>e va per ciamino
e ten verso levante
per giungere al ponente,
nonn-aver rifino
dandare al suo vivante,
perch non fia giungente;
perch, quanto pi va, vene lontano
cos grand cagione
sempraffannando se non trova porto:
cos non divereb<b>e prosimano
nullo, senza ragione,
a la dritta sentenza di conforto.
Chi non entra per via
che sia dritta, gi mai
non trover lamore,
n sapreb<b>e che sia:
cercar potreb<b>e assai,
e vivere in erore.
A le vere scriture omo dee
ricorrer, per savere
le diffinite sentenze e le cose:
per loro s truova fondo a ci che
secondo lor valere,
chllag<g>io ben per ver vertudose.
Secondo la scrittura
verace amore Deo,
e Deo lamore ne:
una propia figura,
secondo che veg<g>io eo,
come il pro cha bene.

10

15

20

25

30

Letteratura italiana Einaudi

74

Chiaro Davanzati - Rime

Amore Deo: senza prencipio fue


<e sar senza fine,>
s <che, n> cui fede, s lamor verace:
amore pro, ed anche <se> non fue,
dovunque sta da fine
dogni reo trae lo core e mette in pace.
Ben ragion chiarita
co <n> natura discese,
chamore , Deo <d>umano:
ch cos s vaita
lumanit che prese
per porgerne la mano.
Se, quanto amor dalLui in fori, fosse
tantello non saria
che dichinato fosse a zo guerire;
dunque perch amar damor si mosse,
cos dunqu la via
infra lo core, chi lo vol servire.
Se per contraro nome
de lo bene <ha> lo male
e de lo prode danno,
cos ve dice come
nomha l disi<o> carnale
lo giusto amore essanno:
e <do>dio ha nome, pien di tut<t>o reo;
disces da primero
da Lucefero, <e>d egli l<a>onche desso
dimora e sta: e qual loco seo?
core di mal mestero,
s com Deo dove lamore messo.

35

40

45

50

55

60

Letteratura italiana Einaudi

75

Chiaro Davanzati - Rime

XXXIV
(V CCXXXIII)
Quanto ch da mia parte,
di voi mi tegno amico,
credendomi esser di voi ben cangiato;
ed io perci, fuor parte,
con verit vi dico
laonde <di> voi tutora sto gravato:
non perchd io mategna a tal disio,
ma per buona amistate,
sapiando cha vo grava,
riputando lo vostro male mio.
De la vostra amistate
non voglio troppo dire:
da sentenza il fatto, non parole;
dico a voi che membriate
che non par inantire
lo civaliere che nantir non vole
a lo torneio, vogliendo cavalcare
ad unor due civalli:
e zo ben ragione,
ch ciascun de avere suo guidare.
Ben fuor di ragione
chunque far volesse
laqua inver<so> del cielo <su> piog<g>iare,
e grand la cagione:
se per zo chom volesse,
e non potendo, <s>afondasse <n> mare,
greve blasimo a tal ben si convene:
ch zascun de volere
quello chaver si pote,
e lasciar quello che gi mai non vene.

10

15

20

25

30

Letteratura italiana Einaudi

76

Chiaro Davanzati - Rime

Se om da blasmare
che vuol ci che non dee,
ben ste da blasmare, zo mi sembra,
ch voi volete stare
papa e mper<>o, che
contra ragione, ed avenir ta membra.
Prendete luna de le due richesse,
e pensate chaugello
mai non avreb<b>e posa,
volando ello, se mai non si ponesse.
Non dottate servire
a quella segnoria
che grada voi, perch<a l>altra ne gravi;
e di quel chavenire
possa, profeterai
non fate, ch pensier son come navi;
seguite s come va la ventura
servendo lalmente
l dov il vostro core,
chella vi pu dar porto forancura.

35

40

45

50

XXXV
(V CCXXXIV)
Li contrariosi tempi di fortuna,
il soferire affanno malamente,
dimostrar lom sac<c>ente e vigoroso:
chalor si pare sha bontate alcuna
in met<t>er lo suo core e la sua mente
in quel che sia piagente e corag<g>ioso.
Ch <n> soferire om gioia ed alegranza
di soverchianza nonn- gi laudato:

Letteratura italiana Einaudi

77

Chiaro Davanzati - Rime

quegli sag<g>io provato


che ne le pene fa sua temperanza,
e mette in ubranza
lo rio tempo lo qual no gli este in grato.
Chi non dole non sa che sia allegrare,
ch l male de lo ben meglioramento:
dunque sentir tormento a la stagione
acresce del valente suo pregiare;
segli ha di soferenza nodrimento,
nel compimento lo suo paragone,
ch nostro padre Dio di suo podere
ne d tener per lunga soferenza;
chi aserva penitenza
umilemente, sanza suo dolere,
de om met<t>er pensere
nel ben che vene, ed obrar doglienza.
Giovan di tempo, sag<g>io di costumi,
non falli in voi lo bon savere usato,
ma vi sia ricordato tutavia
che l vostro cor di soferenza alumi;
tempo no sta tutora n uno stato:
quantegli pi turbato,
in chiarit sinvia.
Dunque conforti vostro gentil core
di bon savore, avanti per venire
e perdere languire:
chassai val me chi sofera dolore,
<che> vene a pi valore,
che sed ei soferisse pur disire.
Ahi Deo merz, quant pi saporoso
il ben che dipo il male ha sua vegnenza
e apura credenza disando!
chessere allegro e avenire doglioso

10

15

20

25

30

35

40

Letteratura italiana Einaudi

78

Chiaro Davanzati - Rime

perdita da no raver semenza:


ma la valenza sol di ben sperando.
Per chi si conforta nel danag<g>io
dici om cha bon corag<g>io
ed fermo e valente:
per siavi piacente
di ci ben mantener lo dritto usag<g>io,
e non siate salvag<g>io
daver conforto dibonairamente.

45

50

XXXVI
(V CCXXXV)
Talento ag<g>io di dire
ci che celar voria,
ma lamorosa via
nol mi lascia covrire:
ch lo meo cor disia
a voi, dolze meo sire,
sovente ore venire
a dir sua vita ria:
come lontanamente
in voi ho disato,
fedele amor portato
a tutora ubidente;
e di ci ch vogliente
in voi non ha trovato:
perch s sia incontrato
saver nol p neiente.

10

15

Meo cor non p savere,


se dol, perch savene;
e ci chegli ave e tene

Letteratura italiana Einaudi

79

Chiaro Davanzati - Rime

in voi lo potere.
Quando mi risovene
come non p capere
in voi per suo valere,
sospiri nag<g>io e pene:
ch so che sag<g>io siete
in ogne altra scenza,
ma de la mia ubidenza
contraro vi tenete
e gi non provedete:
la mia fedel voglienza
in celato e n parvenza
con voi sempre movete.
Auditag<g>io nomare
che n gentil core amore
fa suo porto, e lo core
sol si mantien damare;
e quando al servitore
piacegli meritare,
no atende dimandare,
ch desto n ad ognore.
E n voi gentilezza,
credo, senno e misura;
di ci coreg<g>e e dura
ogne orata richezza:
se n voi regna ferezza,
parmi contra natura,
o mia disaventura
vaduce in tale asprezza.
Per lungo temporale
fue la mia vita spesa
in voi serv<i>re, intesa
di quanto porta e vale:
non fe malvagia impresa

20

25

30

35

40

45

50

Letteratura italiana Einaudi

80

Chiaro Davanzati - Rime

nel suo vizzo corale,


perchogne altro animale
ov sua propia atesa,
onde disio ha, tende:
<ed> eo simile lag<g>io
nel vostro segnorag<g>io,
se non mi si contende;
ma troppo si difende
dal mio fedele omag<g>io:
chom nonn- detto sag<g>io
perchal suo servo ofende.
Mia canzonetta, adesso
tinvia al mio segnore,
che sia comandatore
di ci cho detto ad esso,
e l suo nobil valore
gi non mi sia dimesso;
chio non ag<g>io altro messo
che te e lo mio core:
digli chio non mi doglio
per voglia di partire,
chio no navria lardire:
ma son fedel com soglio,
e sempre volsi e voglio
compiuto suo disire:
se per meve n fallire,
di ci l mio cordoglio.

55

60

65

70

75

80

Letteratura italiana Einaudi

81

Chiaro Davanzati - Rime

XXXVII
(V CCXXXVI)
<MESSERE:>
Donna, la disanza
chag<g>io di voi veg<g>endo,
vami lo cor prendendo
di fina namoranza:
perz merz cherendo
son voi con umilianza
che nag<g>iate pietanza,
chio non perdatendendo:
che se tarda lo fin coninzamento,
lo tempo passa: per tardar non vene
alcuna cosa a bene,
ma fero ismarimento;
ma, s perseverato il coninzare,
psi la fine in gioia giudicare:
ondio che spero, atendo compimento.

10

15

<DONNA:>
Sire, se voi atendete
di me alcuna cosa,
sonne maravigliosa
forte che lo dicete:
ch, poi chio fui vogliosa
de lo disio chavete,
ben so che voi savete
che non mera noiosa
vostra contigia avere,
chassai temp chio lag<g>io disiata;
e fue mia coninzata
damoroso volere,

10

Letteratura italiana Einaudi

82

Chiaro Davanzati - Rime

e l dono chesto al primo vi donai:


volere gi di vo non cangiai,
ma da la vostra parte, al mio parere.

15

<MESSERE:>
Donna, lo namorare
natura ave del foco,
chal primo pare un poco,
poi cresce in breve stare.
Quandi fu neloco
lndio atendea alegrare,
presivi a risguardare:
laondio ne ncendo e coco:
che sio vadimandai, in parte ni,
ma non gi s comera mia credenza:
per feci partenza,
non da li pensier mei,
ma solamente chamor mincendea;
e ancor lo grande dolore chavea,
chio non ne presi quando sola vi.

10

15

<DONNA:>
Sire, poi maquistaste,
voi me in unitate
di pura volontate,
voi non madimandaste;
e per altre fiate
a meve ritornaste,
alquanto ne pigliaste:
pia<c>quemi in veritate.
Se alent da vostra parte amore
mostrando chio vi fosse rincresciuta,
faceste dipartuta
non di buon servitore.

10

Letteratura italiana Einaudi

83

Chiaro Davanzati - Rime

Or mi cherete di merz chio nag<g>ia:


ed io per ci non vi sar salvag<g>ia
quando fia l tempo seguir vostro core.

15

<MESSERE:>
Donna, sovente usag<g>io
chamor viene n obria,
e smarisce la via
di lui lo folle e l sag<g>io:
ch quanto om pi disia,
si mette in pi servag<g>io;
talor viene in dannag<g>io
chi pi tien cortesia:
chamore ha usanza e ven di tal manera,
che nullo ne pote esser conoscente;
tal crede esser gaudente
che perde ci che spera
e<d> amarisce per lungo tardato:
piac<c>iavi e siavi a grato
di proveder lo mio cor che non pra.

10

15

<DONNA:>
Sire, l mio core vole
e amore matalenta
che da me gioia senta
lo vostro cor, se dole;
la mente ci contenta
assai pi che non sle;
e gi amor non disvole
gioia cheno abenta.
Per vi confortate in bona voglia
ed isperate di me gioia tutora:
presente fia quella ora
chio vi trar di doglia

10

Letteratura italiana Einaudi

84

Chiaro Davanzati - Rime

ed in grande baldor far redire


sovente alcun languire,
e l frutto seguir il fiore e la foglia.

15

XXXVIII
(V CCXXX)
La gioia e lalegranza,
la voglia e lo talento
che nfra lo mio cor sento,
mha messo in disianza
di far cominzamento
ed i<n> cantar mostranza
per la gioia chavanza
laltre di piacimento,
poi che veduto lag<g>io,
lo suo ric<c>o bellore,
che luce e d splendore
pi che l sole di mag<g>io:
ch tanto chom la vede
non poria mal pensare
n mai alcun follore adoperare;
e vada a lei veder chi no l mi crede.
I non poria ac<c>ertire
in tut<t> a sua valenza,
ch de la sua piagenza
millaltre avrian disire:
chll ove fa aparenza
lo scuro fa chiarire,
e face il sol venire
l ovunque n presenza:
li suoi cavei dorati

10

15

20

25

Letteratura italiana Einaudi

85

Chiaro Davanzati - Rime

e li cigli neretti
e vlti comarchetti,
con due oc<c>hi morati,
li denti minotetti
di perle son serrati;
lab<b>ra vermiglia, li color rosati:
cui mira, par che tut<t>e gioie saetti.
Chi llei non va a vedere
non sa che gioia sia,
chi damorosa via
vuol pregio mantenere;
ch l ov cortesia
adornezze e piacere
de la bielt tenere
sovra gnaltra che sia.
Dunque, amorosi amanti
perch pi vi tardate?
perch no ladorate
giorno e notti davanti
e sempre rimirate
li suoi dolzi sembianti?
Gioite ed alegratevi di canti:
sempre le sue bellezze rimmembrate.
Ben credo Dio volesse
quando la fe in primero,
che l suo visag<g>io altero
sovrogne altro paresse;
e quelli fosse impero
ched illei sintendesse,
salvo sallei piacesse
la ntesa e suo mestero;
a cui donasse amore
avesse la corona,
ed ogne altra persona

30

35

40

45

50

55

Letteratura italiana Einaudi

86

Chiaro Davanzati - Rime

tenesselo a segnore.
Che val chi no ragiona
sempre del suo valore?
Poco, ch <gi> non credo chag<g>ia core
a cui no mette n isperanza bona.

60

Assai ag<g>io lasciato


di quel chi non ho detto:
ch nel mio cor lassetto
cha in s donor pregiato,
ma gi no la dimetto.
In parte lho narrato,
chio non son s assenato
che mi fosse concetto.
Di tanto son gioioso,
cho visto lo suo viso,
la boc<c>a e l dolze riso
e l parlare amoroso,
che daltro paradiso
non saria mai voglioso:
per se di cantare ormai riposo,
fol ch <n> pensar di sua bielt somiso.

65

70

75

80

XXXIX
(V CCXXXIX)
Madonna, lungiamente ag<g>io portato
amore in core, e nollho discoverto
per tema non vi fosse a dispiacere;
e ciascun giorno m pi doplicato,
riguardando lo vostro viso aperto
che passa ogne altro viso di piacere
e ave pi valeree nsegnamento

Letteratura italiana Einaudi

87

Chiaro Davanzati - Rime

che non eb<b>e Morgana n Tisbia;


da voi surge la gioia e l compimento:
dunque ben posso dire che n voi sia
pregio ed onore e tut<t>o valimento.
Ci chag<g>io detto, e pi chio non so dire,
madonna, n voi di nobile sembianza.
Dunque non maraviglio sio dottai,
ch l fino amor mi prese, e tolse ardire;
mise lo core e me in vostra posanza,
s chio mapello tut<t>o vostro ormai;
ch in tal or coninzaiin voi amare,
chognaltra cosa messag<g>io n obria:
la ma vita sol di voi guardare;
per, madonna, in vostra segnoria
di me servente deg<g>iavi membrare.
Rimmembranza, <ma>donna, si convene
da voi aver di me, vostro servente,
a ci chio non perisca in voi amando;
ch s come a lo cervio madivene,
che, l dov feruto, inmantenente
ritorna al grido <di> chi l va cacc<i>ando.
Ed io a voi amandofo ritorno,
ch di nulla altra cosa ag<g>io valenza,
se non veder lo vostro viso adorno;
per, madonna, ag<g>iate provedenza
de lo gravoso affanno oveo sog<g>iorno.
Madonna, se la mente masicura
a dicer ci chio dico in be sembianti,
e che vi piace chi sia amadore
guardando vostra angelica figura,
tenete a mente, esendo a voi davanti,
parlando asicurastemi damore,
avendo voi tremoreche guardata

10

15

20

25

30

35

40

Letteratura italiana Einaudi

88

Chiaro Davanzati - Rime

sarete, ed io vedendolo tutora:


e per la mia gioia prolungata.
Ma no prolunghi, piacciavi ad unora
per me guerir, voi esser sicurata.
Ben si conve<n> ardire a chi bene ama,
e anti morte a donna aver pietate
a ci che sia laudata di valenza;
chamor che tarda pur disia e brama
e more di compir sua volontate.
Chi p donare e tiene fa fallenza,
l dov convenenzadi donare:
ch non detto dono render vita,
ma somma dogne buono adoperare;
dunque valente, sag<g>ia e norita,
piac<c>iavi me di morte sucitare.

45

50

55

XL
(V CCXL)
Dunamorosa voglia mi convene
cantare alegramente, rimembrando
comio partivi da la donna mia,
ca dolzemente mi dicea abrazzando:
Se vai, meo sire, non ag<g>e n obria
tornare a lamoroso nostro bene,
ma rimmembra lo nostro fin diporto,
a ci che di tornare ag<g>e voglienza;
prendi lo core e me ne la tua baglia,
s che mi porti avanti tua parvenza,
pinta in core, comio sono n intaglia:
di simile voler farag<g>io porto.

10

Letteratura italiana Einaudi

89

Chiaro Davanzati - Rime

E io, abrac<c>iando lamorosa cera,


baciando dolzemente le parlai:
Gentil mia gioia, in voi la mia vita:
altra speranza non avrag<g>io mai
che solamente de la mia redita
a voi, che siete del mio cor lomera.
E<d> ella a s mi strinse inmantenente:
Dolze meo sire, a Dio sia acomandato:
dmi tua f presente di tornare;
ed io lel die, pi<a>ngendo a lo comiato.
Dis<s>ile: Amore meo, non sconfortare;
membra che la tornata sia presente.
Cos partivi da lo mio diletto.
Canto, ch mi sovien de lamorosa
e doglio forte de lo dipartire,
per tanto che lo so, che m gravosa:
cos fosse cangiato a uno redire
che fosse in sicurt de lo dispetto!
Per tanto mi soverchia lalegranza:
membrandomi la gioia chavemo insembra:
quandio verag<g>io a simile disio?
Ch di nul<l>altra cosa pi mi membra
che di tornar col donde partio:
che di gioie torni doppio di speranza.

15

20

25

30

35

XLI
(V CCXLI)
La mia fedel voglienza
che nel mio core stata
gran tempo adimorata
ferma con ubidenza,

Letteratura italiana Einaudi

90

Chiaro Davanzati - Rime

molto lag<g>io celata,


chag<g>io avuto temenza:
maffattha permanenza
lamore ogni fiata
nel mio voglioso core,
e sovente invato
a voi corona e pregio di bieltate:
al mio parer passate,
come robino passa di valore
ognaltra pietra, e voi laltre damore;
ed ei sempre con voi s dimorato.
Lo core e l pensamento,
ogne vertute mia
in vostra segnoria
fattha dimoramento;
ed io mai non ardia
mostrarvi il mio talento,
perch ava pavento
darvi maninconia:
ch di cortese e puro
amor sempre vamai
ed amo, bella, senza villania;
ch vostra cortesia
mha fatto come lantalosa face,
che l suo diletto che tanto le piace
laduce in parte e loco non sicuro.
Sicuro mi rendea,
madonna, mante volte
di vostre ric<c>he acolte,
che da voi, bella, avea;
somi alungiate e tolte
l ovio le vedea;
non s come credea,
mad i<n> pi rade volte.

10

15

20

25

30

35

Letteratura italiana Einaudi

91

Chiaro Davanzati - Rime

Di ci piange la mente
e gli oc<c>hi miei dogliosi,
pensando de la vostra dipartenza
che fue per mia doglienza:
ma riconforto a l<o> vostro amonire,
ch diceste, veg<g>endomi languire:
Sale<n> e doli, s<> fo similmente.
Similemente, io creo,
madonna, madivene
come quelli che tene
da buon segnore in feo,
che tantha bona spene
che conforta lo reo.
Voi siete lo mi Deo
onde l baldor mi vene,
e credomi salvare
per questa detate,
e commendare ognaltro mio pecato.
Madonna, se v n grato
mia fedalia in vostro rimembrare,
nul<l>altra gioia aver mai non mi pare
che sol a voi servire in veritate.
In verit voi siete,
madonna, quella cosa
in cui sempre riposa
lo core e me chavete,
tanto siete pietosa;
so ben che conoscete
le mie voglie sagrete,
cho n voi, vertudiosa.
Non son per dirvi oltrag<g>io,
villania o dispregio,
ma fac<c>ione oratoro e sagrestia;
credo che lalma mia

40

45

50

55

60

65

70

Letteratura italiana Einaudi

92

Chiaro Davanzati - Rime

por aver salvazione in voi sperando:


p<er> la mia vertute racomando,
poi non vi veg<g>io, al vostro segnorag<g>io.

75

XLII
(V CCXLII)
Non gi per gioia chi ag<g>ia
diletto lo cantare,
ma per molto pensare,
che tanto mincorag<g>ia
che mi fa travagliare
e d vita salvag<g>ia,
e sovente mi sag<g>ia
di gravoso penare.
Vogliendo ricelare
di mio greve dolore,
quel ca dentro ho, di fore
a nullo altro non pare:
con amoroso foco
dentro marde ed i<n>cende,
ma di for non displende,
anti par chag<g>ia gioco:
e tal mi pregia cho vita gioiosa,
che, se l savesse, diceria dogliosa.
Lo mal che mi dimena
sol la rimembranza
de la mia disanza:
altri nha gio e io pena;
prendene <n> abondanza,
ed io la veg<g>io a pena;
la chiara ara serena

10

15

20

25

Letteratura italiana Einaudi

93

Chiaro Davanzati - Rime

per me n discuranza,
ch quei che llha in possanza
nha pi che non disia,
ed io nho carestia
e largo di pesanza.
Per, sogne altra gioia
avesse in me presente,
pensando in ci, neiente
prezzeria pi che noia:
e la sua dolze cera riguardando,
mi faria ric<c>o un sol motto parlando.
Ahi lasso malauroso,
ben mha Dio giudicato,
cha l mio disio sposato
ad altro aventuroso
chel si tene abrazzato,
ed io ne sto doglioso.
Maladetto sia sposo,
sllho caro acatato!
Chll dov il pregio contato
di valore e di bieltate,
altri lave in potestate,
ondio ne moro trapensato;
e non mi creo s alto regno,
que chellha, aver lo dovesse;
dunque mai, sa Dio piacesse,
di tal gioia non degno:
chvere io sol di lei un piacere
non curerei mai daltro avere.
Quando penso meo languire,
lira e la maninconia,
s masale gilosia
chio vorei quasi morire,
rimembrando che ver sia

30

35

40

45

50

55

Letteratura italiana Einaudi

94

Chiaro Davanzati - Rime

tut<t>o ci chi audo dire:


chaltri lag<g>ia in suo disire,
quello ondi ho carestia:
ch, sio volesse, non avria
un pel di sua roba che veste:
e tut<t>e le sue gioie son deste
dare, chi nha la segnoria!
Cos per me amore e Dio
son divenuti crudaltate
ed hanno tut<t>a la bieltate
ad un malvagio data in fio:
ed io non posso un solo sguardo
dallei aver, tantha riguardo.
Per, sio doglio, solamente
la verit mi fa dolere,
quandi so chaltri lha n podere,
la gioia ondio son s vogliente;
ch, senza lei, aver lo mondo
ric<c>o gi no mi teria,
pensandio chio fosse n obria
da lo suo viso giucondo;
e solamente un suo guardare
poria di morte me campare.

60

65

70

75

80

XLIII
(V CCXLIII)
Novella gioia che porta?
Amante in bene amare
nonn- detto savere
partir per cagion pena,
ch de lamor porta

Letteratura italiana Einaudi

95

Chiaro Davanzati - Rime

sofrir le cose amare,


perch face savere
quel chom soporta apena.
Chi ave gioia sale
in agio pi che n pregio;
chi donna non vol, pregio
come lamaro in sale;
ma chi ben si compare
quegli <n>, che de lafanno
alegra cera fanno,
e l mal punto non pare.
Adunqua dici om prode
chi damor non salassa,
e serve umilemente
chi n segnoria lo tene.
Di nullo bene prode
chi lo convince e lassa,
per che mprimamente
amor prende<r>lotene:
e de esser pi preso
donar, poi cha provato,
a ci che sia aprovato,
di bon laudore apreso,
avegna che conserva
amor di pur servire,
ch gi per diservire
lomilt non saserva.
Qualunqu quegli chama,
di suo parag<g>io donna
Servir pi li convene,
chsso allui dimostrare
chamante l core incama
per poco se<rvir> donna
ched allassai divene.

10

15

20

25

30

35

Letteratura italiana Einaudi

96

Chiaro Davanzati - Rime

Poco non p mostrare


lo cor, poi che la voglia,
ch non sara amante:
per tu chetamante
pi presto si a tua voglia,
ch quegli detto sag<g>io
che n gio per saver cape,
ch ven dolze pi chape
lo frutto poi cha l sag<g>io.
Quelli che mprima am
dovria primer donare,
perch primer sentio
damor la sua travaglia:
e chi poi prese lamo
ancor si de adonare,
da poi che consentio;
voler gioia per travaglia
dunque la donna pare.
Lo don le sia pi chesto,
cha lom nonn- richesto
quel don che non ha pare:
ch lomo prende vita,
la don<n>a onore dona:
chi mprima vi sadona,
pi gentil cor lo nvita.
Di pi mi resto dire,
ch l sag<g>io, quando membra,
coreg<g>e ben le membra
di ci chegli ode dire,
ed io mi credo sia
di bon saver lo nodo:
chio di bon tanto nodo
chognaltro no<n>ca s ha.

40

45

50

55

60

65

70

Letteratura italiana Einaudi

97

Chiaro Davanzati - Rime

XLIV
(V CCXLIV)
Amore, io non mi doglio
per mie pene sentire,
perchio voglia partire
da vostra segnoria,
n perch pi chio soglio
doppiato ag<g>ia martire:
ma voglio alquanto dire
mia crudel vita e ria;
chi macontai di pria
a voi di fin corag<g>io,
perseverando mag<g>io
divenir chio non era;
cha simil di pantera
faceste per usag<g>io,
chognaltra fera prende per olore:
voi mi prendeste, amore,
lo core e me, veg<g>endo vostra spera.
La spera chio guardai,
amor, di voi primero,
fu lo visag<g>io altero
chio vidi a lavenente:
di ci minamorai,
chu<n> spiro inver me fero
al cor mi die pensero,
s chogne membro presemi e la mente,
e fecemi credente
che nonn- pi chamare:
ca sol per un guardare
la vita ho mantenuta;
or la sento ismaruta,
ch la veg<g>io celare.

10

15

20

25

30

Letteratura italiana Einaudi

98

Chiaro Davanzati - Rime

via pi la mia pena rindopiata


se la cosa aquista<ta>
io la perdo, che sen lavesse avuta.
Lasso, ch ci chio veo
mi par contrara cosa,
da poi che lamorosa
mi cela il suo bel viso.
Morir convemi, creo,
se pi mi sta nascosa;
e se nonn- pietosa
son dogne gioia diviso:
ch l dovunque aviso
veder la credo, lasso!
Alor movo lo passo,
om dic<end>o forte
perch pur tarde, morte?
Gi son venuto al passo
che mi conven morire inamorato:
amor, ben fai pecato
se dun veder primer non mi conforte.
Se l mio core paresse
di fri figurato
com damor gravato
nullomo credo sia,
da poi che lo vedesse,
che fosse s spietato
che ver lui umiliato
non fosse alcona dia;
e voi, che la balia,
amor, di lui avete
e morir lo vedete,
e sempre dispietate;
e regna in voi pietate
nel punto che volete:
perch, lasso, adunque madivene

35

40

45

50

55

60

65

Letteratura italiana Einaudi

99

Chiaro Davanzati - Rime

che mi consumo in pene


n per merz non cappio ov bieltate?
Lasso, non veg<g>io quando
eo possa gioia avere
ch lo dolze vedere
chavea, ag<g>io perduto,
per cui vivea alegrando
sanza<lcuno > dolere,
tantera lo piacere
ovio era venuto.
Amor, poi v piaciuto
la mia greve doglienza,
or non vi sia increscenza
di me servire unora:
gite l ove dimora
valore e conoscenza,
e le contate chio per essa moro;
se pi face dimoro
chio no la veg<g>ia, dogni ben son fora.

70

75

80

85

XLV
(V CCXLV)
Madonna, di cherere
merz non fino mai,
a ci che sia vertate
che regna in gentil core;
n l cor nonn-ha valere
n poco nd assai,
se nonn-ha in s pietate
o volont damore.
E n voi l cor gentile,

Letteratura italiana Einaudi

100

Chiaro Davanzati - Rime

valore e piacimento,
di pregio il compimento
pi din altra vivente:
dunqua, sio son cherente
merz a voi, amorosa,
dovete esser pietosa,
ch fina donna aiuta suo servente.
Madonna, sio vichero
umilmente merzede,
or non perda in voi prova
sua nobel segnoria:
ch per mercede spero
ci che l core mio crede,
sol che piet si mova
da vostra gentilia
primero chio perisse:
ch poi non mi varia
merz, madonna mia;
di me ag<g>iate pietanza,
ch n voi saria fallanza
lasciastemi perire,
potendomi guerire
e dandomi alegranza.
Madonna, mag<g>ior pena
non si trova n amare,
chatender lom davere
la cosa che disia:
ch mai no gli solena,
veg<g>endola tardare,
ma radoppia dolere
in gran manenconia.
Ed io che pur atendo
come fedele amico,
fate come l nemico

10

15

20

25

30

35

40

Letteratura italiana Einaudi

101

Chiaro Davanzati - Rime

cha lo suo servo ofende:


perch non si contende,
li d pena e dolore:
cos fate al mio core,
che di voi sempre grande gioia natende.
Per lungo atendimento,
madonna, ag<g>io veduto
ogne frutto avanzare
in sua stagione e loco;
al mio coninzamento
cos nonn- avenuto,
ma per contraro, pare,
nodriscemi di foco.
Credo <d>in ora in ora
in gioia pervenire,
ed io sento languire
ciascun giorno pi forte:
piacevi la mia morte,
madonna, di vedere?
sono in questo piacere
le vostre voglie acorte?
Cotale usanza tene
in voi meo core umano,
che mai pi non diletta
cha voi merz chiamare;
a me, <lasso>, adivene
come a lo<m cha> cor <v>ano,
che pur penando aspetta
ci che vede alungiare.
Cos in travaglio veo
lo core, e me collui:
se non ne pesa a voi
girmi consumando,
la vita terminando

45

50

55

60

65

70

75

Letteratura italiana Einaudi

102

Chiaro Davanzati - Rime

come l cecere face,


che la morte gli piace,
feniscela cantando.

80

XLVI
(V CCXLVI)
Valer voria sio mai fui validore
o sunque valsi per saver ben dire,
chal punto son chello vorei seguire
e dimostrare a lingua ci chi ho in core.
Ma dopo lausignuolo a suo cantare
si leva la corniglia a simiglianza:
lo primo loda, e s pone in bassanza.
A me ver vostro dir simile pare,
ma seguo luso di que cha talento
di prender, che di s fa avanzamento.
Sio vo valere e non ho valimento,
convenmi l ov il senno fare inchino:
e io il voglio a voi far, mastro aretino
Guitone, in cui di pregio l valimento.
E lo nchinar chio fo lubidenza
con talento di voi sempre servire:
ma dubito nonn-ag<g>ia folle ardire
volere di s altero benvoglienza;
ma chi lo poco vuol moltipricare
convien che mpronti e sappiasi avanzare.

10

15

20

Se l pregio pregia il non pregiato loco,


que ch laudato de aver dottanza,
veg<g>endo di se stesso tal eranza
che lassai gli domanda del suo poco.

Letteratura italiana Einaudi

103

Chiaro Davanzati - Rime

Che de far dunque que ch dimandato?


Quel che non ha, per s non p donare;
ma bona cera e largo ragionare
sempre d<e> aver e voglia per usato:
ed io per uso che non so, savere
non posso, non manca<i> per <non> volere.
Sio ag<g>io audito e odo di voi, sag<g>io,
che mia semenza deg<g>ia far pi rada,
e ditemi che molta gente bada
ondio fornisca tanto fermo usag<g>io
rispondo chio non posso, ma voria
potere, a ci chio fosse servidore:
ch mia fortuna fami cheritore
altrui, ondio vorei aver cortesia;
ma quel chio posso fac<c>iol volontieri,
che nonn- pi che parlare e pensieri.

25

30

35

40

XLVII
(V CCXLVII)
Lo mio doglioso core
e langosciosa mente
mi fa novellamente
piangendo risentire,
membrando lo dolore
ondio son soferente,
chassai voria sovente
pi volontier morire,
pensando cho smaruto
lo pi ric<c>o aquistato,
cha nullo altromo nato
fosse mai conceduto;

10

Letteratura italiana Einaudi

104

Chiaro Davanzati - Rime

e nollag<g>io veduto,
lungo tempo passato,
onde l cor mha colpato
d<a>ver tal gio per<d>uto.
Sio piango e mi lamento
od ho vita dogliosa,
non credo nulla cosa
possami rallegrare,
ch l mio namoramento
venne da lamorosa;
illei sog<g>iorna e posa
la mia voglia e l penare:
dunque gi non poria
per altra gioia avere,
ch sol di lei vedere
era la vita mia.
Deo, che il m<i c>ontraria
non credo il suo savere;
forse ch l non-potere,
cha alquanta gelosia.
Lasso, non veg<g>io come
campare possa mai:
cor meo, perch non vai
davanti a lavenente?
Domandala che nome
ave lo mal ched hai,
o se campar porai
per esser buon servente;
Ch se dallei non vene,
non pi gi mai guerire,
ma ti conven partire
da tut<t>e gioie e bene,
e consumare in pene
se non ti degna audire:

15

20

25

30

35

40

45

Letteratura italiana Einaudi

105

Chiaro Davanzati - Rime

or ti renda lardire
chavei, ch lo ti tene.
Quandomo ave improntato
ci chegli ha in disianza,
aven che per usanza
non crede mai dolere;
poi sel vene fallato,
mag<g>ior la pesanza
che non fu lalegranza
de lo prencipio avere:
dunque mag<g>ior doglienza
la gioia cho smaruta,
che sion lavesse avuta
davanti mia parvenza.
Per la dolze acoglienza
chavea de laveduta,
pareami aver tenuta
dogne mia benvoglienza.
Ahim, come ferag<g>io?
Morir convemi, lassol
Che val chi mi dilasso
in dire altra ragione?
Campare eo non porag<g>io,
chamore, ad ogne passo
chio fo ver lui, par lasso
ver la mia openone.
Alcun dirmi: Folle,
perch damor ti<n>speri?
Dir: I tormenti feri
amor per me li volle;
lag<g>io, che mi ritolle
li sguardi piagenteri:
piacegli pur chio peri,
poi la mi cela e stolle.

50

55

60

65

70

75

80

Letteratura italiana Einaudi

106

Chiaro Davanzati - Rime

XLVIII
(V CCXLVIII)
La mia gran benenanza e lo disire
mi stringe di cantare alegramente,
membrando, bella, la vostra bieltate:
ch non pote esser doglia n languire
ma gioia ed alegranza veramente
in quella parte l ove dimorate:
ed ogne altra passatedi valore:
di voi risurge e vene lalegranza;
mirando voi, nonn- s gran pesanza
che non torni alegranza con baldore:
dunque voi siete spera e viva luce,
per cui ogne adornezza si conduce.
S come il sol che schiara ogni nebiore,
quando li rag<g>i manda di sua spera
sormonta in allegrezza ogni scurato,
cos quando aparite, alente fiore,
in gioia ritorna ogne turbata cera,
ciascuno viso fate inamorato.
Ahi, giorno aventuratopien di gioia
fue quando Dio form vostra statura!
che non volle che simile figura
di clarit ver la vostra sapoia,
ma sola, sanza para dadornezze,
dogni valore orato e di bellezze.
Gentile donna, assai poria laudari
e non tanto che n voi pi ben non sia:
ma dotto per laudar non si paresse;
ch l gran ricore non potom celare
n gioia damore mettere in obria:
ma celare vora, so potesse,

10

15

20

25

30

Letteratura italiana Einaudi

107

Chiaro Davanzati - Rime

a ci chom non vedesse l dovamo;


ma la gran gioia ch di voi corale
al mio pascor mi fa far lanovale.
Quantio pi prendo di voi, pi ne bramo,
membrando, bella, chio di voi sia amante
e l vostro viso sia per me diamante.
Io non doglio, madonn, a lo partire,
ch l vostro fino amore masicura
che pi gioiosa fia la ritornata:
bello voria cambiare ad un venire;
non chio ridotti nd ag<g>ia paura,
ma disoso atendo la fata,
chio vag<g>ia namorata e disando,
quando avenir si possa nostro bene,
che mi doniate, il tempo quando vene
de dolzi sguardi, ses<s>er pu, parlando;
e non metete laltro n obranza,
ma rimembrate a ci che chere amanza.

35

40

45

XLIX
(V CCXLIX)
Amor mha dato in taloco a servire
che di contrado viver mi convene
l ove savenegioia ed alegranza,
s come il cecere quand al perire,
che termina cantando le sue pene,
contasi in bene quel che gli pesanza;
a tal speranza porto la mia vita,
che di doglienza fo novel cantare,
per dimostrar chi ag<g>ia gioi in parere;
ma lo sperar davere me nodrisce

10

Letteratura italiana Einaudi

108

Chiaro Davanzati - Rime

come agua pesce: prendone vivanda,


chamor comanda chio deg<g>ia sofrire.
Samor comanda chio deg<g>ia sofrire
e pur contarmi lo tormento in bene,
ci che mi vene dunqu solenanza:
ch quanto omo pi forte e ha pi ardire,
alora umilit li si convene,
chorgoglio tene amore in ubrianza.
Or dunqu amanza aver gioia la ferita,
da che ci chamor dona alegrare
e me si pare: or non deg<g>io dolere,
ch bene aver talora altrui rincresce:
dunque riesce chi sospiri manda
col dove anda suo core a gioire.
Seo mando l core e spero di gioire
atendendol con gioia, e no rivene,
ch si contene di far dimoranza;
piaceli tanto, che poi nonn-ha ardire:
rimandami sospiri, a me non vene;
dico infra mene: scur mia possanza.
Per qual sembianza fueme concedita
gioia per pene somo di pensare
che lo mparar de lorso vie mi avere,
che per ira tenere monta e cresce
e si nodrisce di dolore; quanda
in me si spanda simile nodrire?

15

20

25

30

35

L
(V CCL)
Non gi per gioia chag<g>ia mi conforto,
ma perchio veg<g>io un uom morto damore

Letteratura italiana Einaudi

109

Chiaro Davanzati - Rime

per dritto amare ed esser servidore


a suo poder di donna tutavia:
chormai le donne che l vedranno morto
ciascuna pi pietanza avranno in core,
veg<g>endo per asempro lo dolore
del buono amante, chi l tene n obria;
ciascuna creder veracemente
quello onde sono state miscredente,
che nullom possa per amor morire:
cos fosse piaciuto a lalto Sire
che la donna per cui mort lamante
fosse morta collui <a l> av<en>ante,
per che ciascuna fosse poi credente.
In tanto posso de lamor mesdire,
quantha morto un per lealmente amare
e nollha gi voluto acompagnare,
ca se fosse, saria pi gioia la morte:
cha lamante faria mag<g>i<o>r disire
se la donna collui al trapassare
desto secol comei vedesse andare:
gi lo morir no gli saria s forte;
e gli amador che gioia vanno sperando
non viverian languendo pur tardando,
ch laltre donne navriano dottanza
e moverian lor cori a pi pietanza,
veg<g>endo daguaglianza il guiderdone
del danno e l pro, l ove amor li pone:
e credo a lor vara merz chiamando.
Ancor dunaltra cosa amor riprendo:
da poi due ne congiunge in un piacere
lun pur tormenta e facelo dolere,
e laltro non costringe di parag<g>io.
E molti naudo van di ci dolendo,
che non acompie mai lo lor volere:

10

15

20

25

30

35

Letteratura italiana Einaudi

110

Chiaro Davanzati - Rime

da poi ch morto, che val o<m> pe<n>tere?


Ci cha sperato potom dir danag<g>io.
Per, smor piacesse, crederia
che pi valore e pregio gli saria
samendasse di ci chag<g>io contato,
ancor che gentil cor lungo aspetato
non dispera per lunga soferenza:
ma de lamor mi credo pi valenza
fora il donar, l ove il mistier pur sia.
Alcun pormi dir: Folle, cheffai?
riprendi amor? Nonnha conoscimento;
risponder: s ha e valimento
chaucide e altoreg<g>ia cui li piace,
ch me fattha sentir de li suoi guai,
ma ha ritenuto a s lo piacimento:
a tal mha dato e messo in servimento,
tardando assai, languir forte mi face:
per che <a>lungiare p mia vita,
se non provede nanti che perita
sa, che mi var poi <lo> pentere?
Gitto a mio danno l parlare e l vedere,
e se mia vita regna pur languire
e non mi dona, me foria fallire,
se l suo valore di gioia non minvita.
Va, canzonetta, a chi sente damore,
che deg<g>ia Dio pregar per lamadore
ch morto e desta vita trapassato,
chaiuti lui ed ogni namorato,
<e> cha le donne umli lor durezza,
cha loro amanti donin pi larghezza,
non sempre sia lor vita con dolore.

40

45

50

55

60

65

Letteratura italiana Einaudi

111

Chiaro Davanzati - Rime

LI
(V CCLI)
Tut<t>o laffanno, la pena e l dolore
chio mai portai in mia vita passata
fue gaudimento, lasso, apo chor sento:
chanima, mente, volontate e core
ogne vertute mia consumata
in doppio pi che non fu gi tormento.
Ispre<i>o pensamento di valere,
e sio unque valsi, maladico lora
per quel chogni vertute mi adolora;
gli oc<c>hi di pianger non posso tenere,
pensando cho fornito altrui di canto
e me<ve>, lasso, di dolore e pianto.
Sempre servi, lasso me, volontieri,
di quel poco poder chi ag<g>io avuto,
a cui piacesse il mio adoperare:
talento, forza, volont e pensieri,
ho messo tut<t>o in ci chag<g>io potuto
a chi lo mha voluto adimandare;
pesami e dole chio veg<g>io mentire
per mia disaventura un detto usato
che molti savi gi lhanno aprovato:
che gi perduto mai non fu servire;
ed io per me lo nego, ch fallace
e per me perde sua vert verace.
Non mio servire, lasso, non mi vale
lo diservire in doppia parte e loco;
cui servo non diletta mia amistate:
ahm, chio non veg<g>io a cui ne cale!
Per se mio servir lo mio foco,
lo diservire non m gi bontate:

10

15

20

25

30

Letteratura italiana Einaudi

112

Chiaro Davanzati - Rime

per sospiro e doglio fortemente


e getto in disperanza la mia vita,
ch la veg<g>io disorata ed aunita,
e per quel chaltri avanza s perdente.
Dunque se per servir non ha valore,
per che porag<g>io dunque avere amore?
Alcun dirmi: Folle, che hai detto?
Tu argomenti falso il tuo parlare,
ch ci che di non p vert seguire;
per diservir non vene omo ad afetto,
n per villana cosa in buon pregiare,
chavanza e monta e sale per servire.
A ci risponder cha me no avene,
savene altrui, cotantho pi doglienza:
e per quest la mia mag<g>ior temenza,
che l donde altri ha gioia, ed io nho pene;
per di ci cho detto non disdico,
perchio per me non truovo un dritto amico.

35

40

45

LII
(V CCLII)
Per la grande abondanza cho sento
di gioia e<d> alegranza al cor venire
per nulla guisa posso soferire
che di cantar non facc<i>a movimento;
ma dubito non mo possa fornire
in profere<r> ci chi ho in pensamento,
ch di tal parte lo ncominciamento
cha savio om non seria leg<g>er di dire.
Ed io che non son sag<g>io, son temente,
sio laudo, no l mio laudo ag<g>ia valore:

10

Letteratura italiana Einaudi

113

Chiaro Davanzati - Rime

ed in far lode sempr lo mio core


voglioso, e ne costringe la mia mente,
e vuol chio laudi la fior di bieltate,
quella che solamente dun vedere
chom di lei ag<g>ia, s lo fa pentere
dogni ria voglia, donagli umiltate.
Per maraviglia fue in terra formata
la gioia del mondo chogni gioia avanza,
e sol la fece Dio per dimostranza
perch da boni fossene adorata:
e chi avesse in s nulla mancanza
di penitenza chavesse fallata,
veg<g>endo lei chamenda le pecata,
per quel veder gli fatta perdonanza;
ed ancor pi, che quando omo la vede
gi mai non p pensar di cosa ria,
ch nullo n ermato in tal resia
che non tornasse fermo ne la fede:
ch sua bielt tanta e lo valore,
lo pregio e lo piacere e ladornezze,
che, se davanti avesse le durezze,
farale tut<t>e aumilar damore.
Adunque chi disia in tale loco,
ben de suo core in gioia ralegrare
e la sua disanza inavanzare
s che possa ad assai venir di poco;
per me lo dico, cho messo pensare
in disar lo suo bel riso e gioco,
e gi mai altra segnoria no nvoco
chellei, s mi comprese dun guardare;
avegna ci chio dico sia follia,
pensando di mia pic<c>iola posanza
e davere s alta rimembranza
come la sua piagente segnoria.

15

20

25

30

35

40

Letteratura italiana Einaudi

114

Chiaro Davanzati - Rime

Ma chi mi rende buona sicuranza


che l dov piacere cortesia,
non ten gi mai che facc<i>a villania:
chi serve non diletta soverchianza.
Ed io, che di servire son voglioso,
di lepretasso ho presa la natura,
che nel suo core gi nonn ha paura,
chi l chiama per amore disoso:
vene a le pene ed a doglia e rancura;
di zo chegli ave contasi gioioso;
non gi mai lo suo cor temoroso,
ch l fedel cor chaserva lasicura:
ondio che spero non dotto gi mai,
ca se natura o mio distin volesse
aducermi col dovio potesse
parlare a lei, cos comio guardai,
non credo chio doglienza mai avesse,
cotanto inamorato cominzai:
ch mai al mio vivente non pensai
che di me alquanto a lei risovenisse.

45

50

55

60

LIII
(V CCLIII)
Lo namorato core,
messere, se paventa,
nonn da blasimare,
ch fino amor nonn sanza temere:
da poi ch nato amore,
non par chelli consenta
mai chelli pensare,
co rimembranza di sua gioia vedere;

Letteratura italiana Einaudi

115

Chiaro Davanzati - Rime

e sforza di valere
che piacc<i>a a se medesimo ed altrui:
chamor dato a cui?
a cortesia, a pregio ed a piacere,
e per me<r>z cherere
passar durezza e divenire umile;
e quest cor gentile,
sir meo, a render vita a quei che pre.
Ed io, che namorai
di voi solo veg<g>endo,
ch fino amor costrinse
lo core e la vertute e l pensamento,
e perci coninciai
a disar temendo,
vostra lab<b>ia mavinse,
volle chio mi movesse ad ardimento.
Ondio ag<g>io pavento,
ch greve p lamor far permanenza
iloco di valenza,
se nonn daguaglianza il valimento;
lo vostro asultamento
vegnente gaio e di magna potenza:
se nonn-ha provedenza
ver me, dunque destai lo mio tormento.
Tormento n pesanza,
non dico ci mi sia,
madonna, in voi amare,
ma <n> rimembrar la mia propia statura,
che nonn- daguaglianza
con vostra giovania,
n di bilt non pare
in simiglianza di vostra figura.
Adunque ag<g>io paura:
chio vamo, sire, s teneramente,

10

15

20

25

30

35

40

Letteratura italiana Einaudi

116

Chiaro Davanzati - Rime

chavendovi presente,
pensando lo partire, ag<g>io rancura:
chamore l cor mi fura
e tut<t>a la vertute e l pensamento;
e qual il mio pavento
non vi smarisca, e la mia morte dura!
Coma lo cervio avene
voria che mavenisse,
che suo gran temporale
rinuova, secondo ag<g>io audito dire,
e giovane diviene;
le pene i son dimesse
per cibo cha lui vale;
ma io non posso: quest il mio languire;
ca sol per voi servire
voria valer, pi che per mia piagenza:
ch a voi la potenza
de la mia morte e pena, e del disire.
Non mi poria avenire
a questo mondo s alto ricore
sanza lo vostro amore,
che mi piacesse offossemi a gradire.
La speme e lo disio
che s fedel vi porto,
per la temenza chave
ci cha di voglia non sa proferere:
ma di voi tiene in fio
quantha gioia e conforto,
n di sua pena grave
non fa mostranza, tantave disire:
per de provedere
vostra nobilit ver la mia cera,
chen ci alcuna fera
che, pur servendo lei, doni dolere,

45

50

55

60

65

70

75

Letteratura italiana Einaudi

117

Chiaro Davanzati - Rime

ma di su gran potere
contra natura fa suo portamento;
vostro gran piacimento
tegnami a servo, comio vho a mesere.

80

LIV
(V CCLIV)
Amoroso meo core,
Deo, quantha pensamento,
rimemorando al ben chai proseduto!
e sovenendo alore
del tuo gran piacimento,
tormenti e doli l ove son venuto.
Poi che se s lontano
da la tua gioia vedere,
non puoi gi mai piacere
ned essere sovrano,
se no ritorni a simile diletto:
lasso, che son distretto
di non potervi essere prosimano!
Di gioia e dalegranza
comaltro innamorato
soleva avere e <di> grazza abondosa:
ahim, quantho pesanza,
quandag<g>io ben pensato
chio son disparte da la pi amorosa,
in cui sempre dimora
valore e caonoscenza,
bieltate con valenza!
Ognaltra impar ne fora,
ch l dov<unqu>ella <suole> apare<re>

10

15

20

Letteratura italiana Einaudi

118

Chiaro Davanzati - Rime

non p doglienza avere:


che no la veg<g>io, dogni gioia son fora.
Voria che mavenisse
comag<g>io audito dire
de lorso simigliante <a> sua natura,
che per doglia chavesse
o per pene o languire
venisse viguroso per rancura;
ma non posso neiente:
pensando mi consumo
e lo mio core allumo,
pensando a lavenente
che mi solea in gioia mantenere
solo di lei vedere:
ed or che no la veg<g>io, son dolente.
La mia spene divisa,
non gi di bene amare,
ma di paese chag<g>io, prolungato:
la mente e l core n Pisa,
tut<t>o lo mio pensare
davanti a lavenente in quello lato,
cherendole merzede
<che> non metta n obria
la dolze namoria
di noi, poi non mi vede:
ca due fin cori esendo inamorati
perch siano alungiati,
non partono, ma crescono in pi fede.
Poi chio non posso avanti
da la mia gioia parlare,
va, mia canzone, e umilmente la nchina:
dille, se movo a canti,
follo perimembrare

25

30

35

40

45

50

55

Letteratura italiana Einaudi

119

Chiaro Davanzati - Rime

del suo valor, ch de laltre regina:


ch disperando creo
nullom sia dritto amante;
perchio non sia davante,
sempre v il core meo;
e perchio tardi la dolze veduta.
non fia gioia smaruta,
ch ristorar porag<g>io dogni reo.

60

LV
(V CCLV)
La mia disiderosa e dolze vita,
madonna, rimembrando il vostro viso
e la compiuta gioia di valenza
cho riceputo, che m s gradita
che sono in quella disanza asiso:
voglioso, mai da ci non fo partenza.
Fo come lepretasso odo che face,
che trag<g>e a chi lapella per amore:
tant di fedel core
che va a morire e pareli verace;
e io sospiro e piango, e gioia dimeno:
per non turbare, lo meo mal rafreno.
Non dico che lo cor mio senta male
in voi, gentil mia donna ed amorosa,
per cosa chavenire li potesse:
ch, com pi pena, tanto pi ne vale;
e sempre porta e ave in s nascosa
la sua gioiosa gioia che non paresse;
ma che li dole la grande abondanza
de la sagreta vostra vita altera,

10

15

20

Letteratura italiana Einaudi

120

Chiaro Davanzati - Rime

che gli fatta guerera


mostrando chelle sia greve pesanza;
ma che mi riconforta lo diletto,
ch l gran saver ch in voi nonn-ho dispetto.
Li tempi contrariosi son venenti,
onde di noi lo terzo fa partire:
di ci pensando temo e mi rancuro
ed ho pensier chassai mi dan paventi,
perch lo terzo mostrami in suo dire
noia: ma solo in voi mi rasicuro.
Cos com si poria loc<c>hio levare
che divisasse pi chuna figura,
cos saria fortura
da me partir lo vostro fino amare,
ch senza voi gi vita non avria,
ch la mia gioia n vostra segnoria.
Tant la spene e lo disio e l talento
che lungiamente damor ho portato,
madonna, apo chor sento fue neiente:
perci ag<g>io via mag<g>iore pavento
che qual pi ama teme per usato:
dunqu temenza de lamor crescente.
E l mio temer, nonn- che da vo vegna
alcuna cosa che ne sia damag<g>io;
ma chi mi rende oltrag<g>io
al mio temer, chio nho vista la nsegna?
chi mha servuto e fattomi gioioso,
mostra talento di farmi doglioso.
Madonna, due congiunti in un volere,
sun guerrero <e> impronta aver lor danno,
fermezza de tra loro esser pi forte;
ci che lun vuole de laltro piacere,
e partano lo ben come laffanno:

25

30

35

40

45

50

Letteratura italiana Einaudi

121

Chiaro Davanzati - Rime

non p lun senza laltro sentir morte.


Adunqua, perch il tempo contrarioso,
sormonti e vegna: so ch n voi fermezza,
onde nostra alecrezza
non partir nel fino amor gioioso:
per malegro e canto e mi conforto
<i>sperando con gioia essere a porto.

55

60

LVI
(V CCLVI)
Di lungia parte aducemi lamore
spesso gioia e pena, rimembrando
chio son lontan da tut<t>o mio disio;
la mente nonn- meco n lo core,
ch lavenente lave in suo comando,
ed io quantag<g>io, tegnol dallei in fio:
di che dimeno gioia ed alegranza,
rimembrando de la sua gran bieltate
e che le piace chio le sia servente;
e di questo ag<g>io doglia con pesanza,
chio son disparte di quelle contrate
col dove dimora lavenente.
Lavenente e l mio cor fan compagnia,
e chiamano la mente e lo ntelletto
che vegnano a veder chi segnor nera
e chi per amor prese la balia
del pi piagente e nobile diletto
cheffosse mai inullaltra riviera:
ca manti sono chan gioia riceputa,
ma non che nver la mia sian di parag<g>io:
di ci pi doppiamente ag<g>io doglienza,

10

15

20

Letteratura italiana Einaudi

122

Chiaro Davanzati - Rime

che senza pene mi fu conceduta


per umilta<te>, non gi per oltrag<g>io,
da lavenente in cui regna valenza.
Per dogl o, non posso allegrare,
che quanto pi sentio di piacimento
cotanto pi mi dole la dimora
chio son disparte sanza lei parlare:
ch di nulla altra cosa ho pensamento
che lo tornare, quando fia quella ora
chio raquisti lo tempo cho perduto
e metta n obranza le mie pene
chag<g>io portate per lei non vedere:
ch son di ci pensando divenuto
natural come l ce<ce>ro divene
che termina cantando lo spiacere.
Dolze riviera gaia ed amorosa,
diletto sovra tut<t>e la sovrana,
porto di gioie e di valore orata,
dadornamento e di grazze abondosa,
gentil terra sovrogne altra pisana,
ove lo pregio compie sua giornata,
perch <son> prolungato, ohim lasso,
e fcevi l meo core dimoranza
e lavenente da cui tegno vita,
che chiamo lo suo nome ad ogne passo,
e par che ne soleni mia pesanza
pensando solamente la redita?
Di ci mi riconforto e non dispero:
pensando ne la sua ric<c>a acoglienza
che mi de far, tornandole davanti;
e ladornezze del suo viso altero
far redire in gioia la mia doglienza
e li martri chag<g>io avuti tanti.

25

30

35

40

45

50

Letteratura italiana Einaudi

123

Chiaro Davanzati - Rime

Per, mia canzonetta, allei tinvia;


inchinala e saluta dolzemente;
dille chio credo in gioia ristorare
presente chio vedr sua segnoria:
sovrogni amante credo esser gaudente,
onde fra tanto deg<g>ia confortare.

55

60

LVII
(V CCLVII)
Di lontana riviera
sospirl e pensamento
maduce amor, memblando a lavenente,
de la sua dolce cera
e l sag<g>io parlamento
chio nava, ondio nera gaudente;
or che sono alungato,
dimoro sanza core,
sovente travagliando in mia pesanza,
ch di nulla alegranza,
lasso, non mi sovene,
se non torna e rivene
la mia bona ventura al primo stato.
Sa la mia gioia non torno,
non posso gioia avere
nd alegranza ondio alegro sia;
e com pi fo sog<g>iorno
pi ho greve dolere,
rimembrando la sua gran cortesia,
che non credo Tisbia,
Alna n Morgana
avesson di bielt tanto valore:

10

15

20

Letteratura italiana Einaudi

124

Chiaro Davanzati - Rime

ch l suo dolze splendore


rischiara ogni turbato,
e face inamorato
chi guarda o mira inver la gioia mia.
Eo non posso guardare
cogli oc<c>hi corporali,
ma col core le son sempre davanti;
non so mai che pensare:
li giorni quanti e quali
avea di gioia, mirando i suo sembianti,
<e> la dolce acoglienza
che mi facea s dibuonairamente.
Ahim lasso dolente, com farag<g>io?
Perch vivo ad oltrag<g>io
di me medesmo ognora,
che l ove dimora
la mia gioia, non ag<g>io lecenza?
S come il pesce prende
in agua la sua vita
n mai non viveria in altro loco,
cos lamor mac<c>ende
e al pensare minvita
e mi comprende damoroso foco:
ch daltro non poria
la mia vita durare
che solo rimembrar de lamorosa,
per ch quella cosa
ovi ho messo tut<t>o mio disio,
e porto e tegno in fio
ci chag<g>io di vert o segnoria.
Una dolze speranza
pensando mi conforta
e re<n>demi n alquanto viguroso:

25

30

35

40

45

50

55

Letteratura italiana Einaudi

125

Chiaro Davanzati - Rime

che quando omo ha pesanza


di suo dolor che porta,
poi chave ben, gli sa pi saporoso:
onde poria avenire
procian lo ben chio spero,
che mi poria del mio mal ristorare,
in breve ritornare
l ondio sono lontano
ed es<s>er prossimano
di quella in cui <tutto> mio disire.

60

65

LVIII
(V CCLVIII)
Madonna, poi mavete
in vostra segnoria,
perch mi tormentate,
da poi son vostro pi chio non son mio,
e l cor con voi tenete
e la speranza mia?
Sennonn- in voi pietate,
tormento e dico: lasso, com faccio?
Ca voi disiderando,
madonna, e voi guardando,
sempre ne presi vita:
e ora m fallita la speranza,
ch la dolze impromessa
chavea, or m dimessa;
lamoroso sguardare,
ch lo veo celare, honde pesanza.

10

15

Pesanza m dogliosa,
madonna, chio non veo

Letteratura italiana Einaudi

126

Chiaro Davanzati - Rime

vostra amorosa cera,


che mi solea di fin cor rallegrare;
perch mi sta nascosa,
s forte ne vaneo
che per nulla manera
eo posso la mia vita confortare;
ma faccio a simiglianza
del cecer per usanza,
che ci che li dispiace
dimostra che li piace e va cantando:
ed io similemente
canto, e sono dolente:
ch sanza voi vedere
gioia non posso aver n ben pensando.
Pensando, lasso, pro
perch sia divenuto
che mi state celata,
ma credo n ag<g>ia<n> colpa i mai parlieri;
onde merz vi chero
chamor non sia smaruto
n la spene cho data
a voi, perch ci sian fatti guerieri:
ca fina donna deve
lamor tenere in seve
via pi distretamente,
se la malvagia gente ne favella;
chi chi ha n s ricore,
lo cela sove<n>tore:
per s n voi temenza,
fallo vostra plasenza ch s bella.
Bella sovrogni ste,
madonna, al mio parere,
e pi dognaltra cosa
mi fate sovrognaltra ragionare;

20

25

30

35

40

45

50

Letteratura italiana Einaudi

127

Chiaro Davanzati - Rime

tut<t>e adornezze avete


e somma di piacere:
sennoffoste pietosa,
farestene ciascun maravigliare;
chomo cha richitate
e usa scarsitate
di quel chave aquistato,
chenn forte blasmato malamente
e donna cha bieltate,
se nonn ha in s pietate,
par che ne sia ripresa:
onde di quella intesa vi stea a mente.
Madonna, disando
vostro amoroso viso,
non posso soferire
la mia voglia dalquanto dimostrare;
se la dico in cantando,
non son perci diviso
del vostro amor covrire,
ch sempre lag<g>io a mente doservare;
ma siavi ricordato,
sio vi son servo dato,
di faremi gioioso;
non vi paia noioso meo cantare;
non ag<g>iate riguardo
da darmi il dolze sguardo
chio <ne> solea avere,
che mi facea valere e gioia menare.

55

60

65

70

75

80

Letteratura italiana Einaudi

128

Chiaro Davanzati - Rime

LIX
(V CCLIX)
Nesuna gioia creo
che n esto mondo sia ver cortesia
o pregio di valenza prosedere,
ch per asempro veo,
chi non si amisuria co maestria,
che fina canoscenza non p avere:
ch verit tenere
loco di danno e o<n>ta,
e lo mentire pronta
e vale talfata:
per pi laudata
la gioia chomo ave in grato,
che l giusto adoperato:
non serve ci che richiede volere.
Ove dimora e posa
cortesia e valore? In gentil core,
chaltrove non poria far dimoranza:
ch pi poderosa
la fiam<m>a di splendor che di calore,
onde lo cor gentil ne prende usanza
che fa perseveranza
pi di servire e ama
che lo poder non chiama,
ma stringelo misura:
l ove non forza dura
lo poco valor vale,
e talfiata svale
s come lumilt per orgoglianza.
L ove pog<g>ia noranza
per cortesia mantene e monta e vene,

10

15

20

25

30

Letteratura italiana Einaudi

129

Chiaro Davanzati - Rime

come per fiato raviva lo foco;


e per amisuranza
orgoglio cala e pene, e monta n bene
di fina gioia in alturalo poco,
ch tale detto gioco
in amorosa via
chac<c>ende villania.
Per chi ama senta
ci che lamor talenta:
e s fa come lape
che per dolze <si> cape
e per trafitta cac<c>iasi di loco.
Adunque valimento
vale per ubidenza, com semenza
che doplica di frutto adoperando:
cos di placimento
amor nasce ed agenza in canoscenza,
che sanza ci di gioia va alungiando;
ch lagua sogottando
a dura pietra tolle
e partela, ch molle:
cos per soferire
si prosiede disire:
selluna parte tace,
orgoglio vene in pace;
per s e no si va contrariando.
Sicome per fredura
lagua in ghiacc<i>a raprende, gin sarende
cotanto indura per adimorare,
e dove per calura
sua durezza rincende, s contende
vert de luna e laltra per usare;
cos avene damare,
che richier gentilezza

35

40

45

50

55

60

Letteratura italiana Einaudi

130

Chiaro Davanzati - Rime

e talo<r> con prodezza,


e donasi a viltate
chi nha gentil<i>tate,
chamore <n> vizi<o> manda
soverchio di vivanda,
se cortesia e ubidire non pare.

65

70

LX
(V CCLX)
Sio mi parto da voi, donna malvagia,
non parto di cantare;
sio il volesse celare,
paria mi fosse a noia ci chadagia:
ch molti han gioia, e par loro penare,
e ci che li disagia
dimenano <n> gran ragia
per erro o per follia damore amare.
Ma non son io di simigliante erore,
chio sento che n amore
via men danno, chi si sa partire,
che <n pur> seguir lo malvagio segnore.
Per, malvagia donna, la partenza
m gran gioia e disire,
ma mi convien maldire;
di ci mi duole ed ho grave increscenza,
ma so chassai pi vostro fallire
che la mia proferenza:
per nho percepenza,
visando chogne reo veste in disire:
ca, per vendere altrui vostra bieltate,
assai vi riparate

10

15

20

Letteratura italiana Einaudi

131

Chiaro Davanzati - Rime

dun cor cento voleri e ciascun reo;


e qual peo, pi lo palesate.
Malvagia donna, ben si converia
e l folle gastigare
e l traditor dannare,
chamendar non si pu la sua follia;
e veglia in tempo e giovane in trattare
mai non comenderia;
queto mai ambieria
caval cha bene impreso di trotare:
adunque mala vostra costumanza
fue sempre per usanza,
ma gli oc<c>hi triti e la cera e l parlare:
non pare ci cha l cor di malenanza.
Malvagia donna, folle fui al primero
che n voi misi talento,
e lo bel portamento
mi fece talentoso a tal mestero:
ch l puro om mai non guarda tradimento
ma l falso menzonero
si mostra piacentero
al dritto amico, e poi li d tormento;
cos me dimostraste primamente
dessere benvogliente:
perseverando, sono acompagnato,
chal vostro usato gi non puosi mente.

25

30

35

40

45

Malvagia donna, gi non finerete

se non cercate comuno

50

s che non sia veruno,


che dica daltra falsa quanto siete;
quintana siete ove fiere ciascuno
ch ric<c>i assai tenete:
cos vinvechierete,

55

Letteratura italiana Einaudi

132

Chiaro Davanzati - Rime

ancor sia bianco il pel via pi che bruno:


per troppo tempo siete rimbambita,
credendo parer zita:
ma li scherniti dan testimonanza,
palesanza di vostra falsa vita.

60

Ed io, che n voi lo tempo ag<g>io perduto,


somi riconosciuto
chio mi parto da doglia e da pesanza,
e n alegranza grande son saluto.

LXI
(V CCLXXXV)
A San Giovanni, a Monte, mia canzone,
tinvia inmantenente e non far resto;
di chio gli mpianto e nesto
al suo stato conforto in mio sermone,
s n udenza e dintendere desto.
Lo savio il dice, ed ver paragone,
omo in sua passone
membrar lo scampo, come sa presto:
ch mal per mal no aleg<gi>a, ch maggiore
aluma foco e ardore,
e per sovrabondanza trasnatura
senno e misura, reo face peggiore;
ma chi nel mal conforta sua natura,
audo che men li idura
che <n> soferire al mondo omo ricore:
caunoscidor nonn- sanza rancura.

10

15

Di tre richezze intendo lom compiuto;


chi le possiede interamente ed ave,

Letteratura italiana Einaudi

133

Chiaro Davanzati - Rime

no li deve esser grave


non pi aver, ch le due son saluto:
giovantute, sant porto e nave,
libert di ciascuna l<o> valuto;
non fu omo veduto
comprar potesse luna per ci chave.
Dunque gli conta che le due prosiede,
perch povert crede,
se libert per sua vilt li manca.
Ch ci lo franca, se davanti vede:
che l validore vale se no stanca
nel mal poggiar la branca
e ne lo bene aver speranza e fede:
chi ben provede di bruna fa bianca.
Isvegli lo gentil buon costumato;
voglia s non gittare intra li lassi;
spanni sua vita, e passi;
lo ben chavuto pensi aver sognato;
metta speranza com pi nonn-abassi,
ch gnudo fue primeramente nato;
per cui solo alevato?
per lo potente Dio, cui gi non lassi,
ilLui merz, merz sempre cherere,
fermisperanza avere
chapresso il male sia lo ben venente;
allegramente isforzi di valere,
ca nulla cosa ci compiutamente
a esto mondo vivente,
ch lalto abassa e veggiolo cadere,
e lo poco valere e far potente.
Pensa, gli di, che no alletti doglienza
ch tanto lungiamente lha chiamata
che la sha avicinata:
dunque li porta Dio benevoglienza.
Or chiami vita e gioia megliorata,

20

25

30

35

40

45

50

Letteratura italiana Einaudi

134

Chiaro Davanzati - Rime

e benenanza metta in sua intenza:


forse per sua cherenza
gli fia come la doglia apresentata.
Non pi villano a s ch suto altrui
di Dio lo cor sia lui;
pigli dAdamo e dEva sempro e miri:
di gran martiri in gioia fuor trambondui
metendo n amendar solo disiri
obrando sospiri:
ch Dio lave promesso ad onne cui:
n son n fui gi mai senza consiri.
Mentre omo vivo non si de sperare,
chun buono giorno mille mai ristora;
uno reo punto ed ora
tolle lontana gioia ed alegrare:
chi l credo ed ag<g>iolo visto plus-ora
una candela morta ravivare
per poco dimenare,
e l malato sanar s che non plora:
ch l mondo ad una rota ha simiglianza
che volge per usanza,
che l basso monta e lalto cade giuso,
e per lunguso non ave mancanza:
e tal si sfata e crede esser confuso
che di gioia vene suso:
dunqua nullo si gitti in disperanza,
ch sempre avanza chi dessa fa scuso.
Or paia chi gi mai fue viguroso
e non sia neghietoso,
ch franco cor pote aquistar tesoro
che non pote oro far lui valoroso:
per non de lom far troppo dimoro
in male o sta l laboro:
ch quegli de lo pregio disioso
che l si fa sposo e non dice: io doloro.

55

60

65

70

75

80

85

Letteratura italiana Einaudi

135

Chiaro Davanzati - Rime

LXI a
(V CCLXXXVI)
MONTE
Or nel campo entrato tal campione
in mio socorso, che dir posso questo:
lo contrado che vesto
in sua sentenza non p aver quistione;
conoscenza, savere nonn-ha in presto,
ch le prosiede bene in sua magione;
e, chi parla menzone,
dico che n amendar lui richesto.
E poi che non m dato dal Fatore
che n me sia poco o fiore
di sodisfar chi ha n me fede pura,
disaventura di me guidatore:
a far me grazze temo ed ho paura,
perch gra<n> pagatura
servigi oltrar, nollaudar pagatore:
sia amendator de la mia vita dura.
So che per molti si sa ed creduto
cha le vert del mondo la<uro> chiave;
ha n cor porto soave,
di ciascun ha il potere, fa saputo
e fa cernir, nonch l busco, la trave,
ch tesauro di quanto tempo suto:
cui non conceduto
dirag<g>io bene a che posta sarave.
Diciam chom sia di tut<t>e bont rede,
sano dal capo al pede,
libero, giovan da sedere in panca:
tut<t>o lo sfranca, e dico a nulla riede
se di ricore fuori, e peg<g>io anca,

10

15

20

25

Letteratura italiana Einaudi

136

Chiaro Davanzati - Rime

chogne cosa ven manca,


suo affetto e labore a mercede,
e sempre sede col contrado a banca.
Ben sai, amico, ch nel mondo usato
chi si procaccia che ricore amassi
soli graditi spassi,
valer pu, se dal cor seguitato;
qual in bont ti dico pi trapassi,
se conoscenza nollha ubrato
ha s mortale istato,
che quanti son li ben per lui son cassi,
sha l mortal colpo di perdere avere,
poi vedi che I potere
di ciascuna vert fa ben cernente,
ed n<e>iente bont, se ricor pre.
Ahi com gnudo, inodiato da gente,
chi daver perdente,
che non p pervenire in tal podere
vendetta vedere possa di lui nocente
Da poi ch, amico, di me la sentenza
mi credo a te facesse sua giornata,
so che llhai aprovata:
che n me socorso non sia n guerenza:
pi chio non disvisai lho n me formata.
Non pensi come vita ha n me potenza,
poi chag<g>io canoscenza
alquanta de la vita ch n me data?
E seo lamento ag<g>io fatto pli,
dico che sol non fui
omo che di vanitate sadiri;
ma or, meo sir, son s nel tut<t>o gii,
convene pur lo contraro a me tiri
l ove volga o giri:
a disperanza aver non son co lui,

30

35

40

45

50

55

60

Letteratura italiana Einaudi

137

Chiaro Davanzati - Rime

ma son sol cui son li tormenti smiri.


Mie travers<i>e non poria divisare;
s sono spento, pur conven che mora;
seme fece dimora
vertute alcuna da me rallegrare,
dogni socorso son s n tut<t>o fora,
che qual mha preso pi a giudicare,
volessemi mostrare,
son certo naverian pietate ancora.
Conforto non p avere in me possanza,
ch tantho dabondanza
di contrado, pi chin meo dir non uso;
solo mi cuso mai no aver speranza.
Amico meo, iloco son rinchiuso
chio cotanto macuso:
cui era la mia vita soperchianza
vede ve<n>gianza sentenzarvi suso.
Chiaro, in te chiaritate fa riposo,
e l tuo dir prezoso
d gradire a quanti mini vivoro,
tanto par poro, fermo e diletoso;
ma o, lasso, sol che n vita moro,
per chio tanto mi scoro,
to tuo consiglio fior seguir non oso:
son sventuros<o> di quanti sono o foro.
Intendi, amico, sed io son ben corso:
<per>ch qui non a forso
mi rimaso che la volontate
e potesta<te> di conoscer mio corso,
e pu la lingua dir cha libertate:
quest la veritate.
Or chi mi pote fare ormai socorso?
Nonn ho un sorso de le vert contate.

65

70

75

80

85

90

95

Letteratura italiana Einaudi

138

Chiaro Davanzati - Rime

1
(V 350)
Qualunque madimanda per amore,
comegli sag<g>io, vo chi li risponda.
E rende altrui giustizza de lo core,
n con martri pi gi non confonda:

ch molto vale lo sofrir dolore,


ma s meglio a cui lo bene abonda;
chi ha donato elui messo il suo valore,
di pic<c>iol fiume vien talor grande onda.

Damore avene s come del sole:


quando si leva, luce ignogne parte,
e poi si torna l ond levato.

11

Cos va amore cando chi l vole:


cui trova bon, di s li dona parte;
con alegrezza inalzo lo suo stato.

14

2
(V 352)
Ringrazzo amore de laventurosa
gioia e d<e l>allegrezza che mha data,
ch mi don a servir la pi amorosa
che non fue Tisbia o Morgana la fata,

che la sua bocca aulisce pi che rosa,


viso amoroso e golha morganata.

Letteratura italiana Einaudi

139

Chiaro Davanzati - Rime

Perch mi sturba la gente noiosa?


Me fanno guerra e lor nonn- montata.

Ma prego quella, a cui merz i sono,


che non si deb<b>ia smagare neiente
per la ria gente che met<t>or lor guarda,

11

ma stea co meco il suo core a bandono


e guardi s comio le son servente:
dallei presente la vita ag<g>io in guarda.

14

3
(V 353)
Da tut<t>i miei pensier mi son diviso
e solo in un mi son miso ed acolto,
ed in questo procaccio e son pi fiso
che l pregione di pene es<s>ere sciolto,

che mai non cura solazzo n riso


mentre che quel dolore no gli tolto:
cos son io n esto pensiero miso
per lui servire, e dognaltro son vlto.

Fo come quei che molte gioie ha n guarda,


e poi nelluna mette suo piacere
e lascia laltre e dessa si comprende,

11

ed a sollazzo lo suo cor non tarda:


perchag<g>ia pena, afina lo servire,
e cortesia sovente lo difende.

14

Letteratura italiana Einaudi

140

Chiaro Davanzati - Rime

4
(V 354)
Cos divene a me similemente
coma lacel che va e no rivene:
per la pastura che trova piagente
dimora illoco e dessa si contene;

cos il meo core a voi, donna avenente,


mando, perch vi conti le mie pene.
con voi rimane, ed io ne son perdente:
tanto li piace, non cura altro bene.

Ondio vi prego, da che lo tenete,


che rimembiate de laltra persona
come sanzesso possa dimorare;

11

ben so che tanta canoscenza avete,


se per voi pre sanza gioia alcuna,
che fia dispregio al nostro fin amare.

14

5
(V 355)
I aggio cominciato e vo far guerra:
chi me nonn-ama, faccia difensione;
e credo, guerando, aquistar terra,
perchio fuor tutto son sanza cagione;

e chi mafende meter in tal serra


che de lanor mi render ragione;

Letteratura italiana Einaudi

141

Chiaro Davanzati - Rime

chio non far s come que ch n erra,


ca per losinghe torna a la stagione.

Ca la mia vita di natura dorso:


quando om lo batte e tenelo in paura,
alora ingrassa e divene pi forte;

11

cos ag<gi>o in guerar socorso,


e credo che maiuta la ventura:
a cui mi piace posso donar morte.

14

6
(V 356)
S come il cervio che torna a morire
l ov feruto s coralemente,
e l cecero comincia a rispaldire,
quando la morte venire si sente:

cos faccio, che ritorno a servire


a voi, madonna, se mi val neiente,
e dicovi: servendo vo morire,
pur che mi diate la morte sovente;

e sio nollho, fo comomo salvag<g>io,


ca nel cantare tanto si rimbaglia,
quandha rio tempo, chatende lo bono.

11

A voi, mia donna, lo mio core ingag<g>io:


che lo tegnate, no date travaglia,
ch da voi tegno laltra vita in dono.

14

Letteratura italiana Einaudi

142

Chiaro Davanzati - Rime

7
(V 357)
In tal pensiero ho miso lo mio core,
che n amoroso foco arde ed incende
duna s fresca ed aulorita fiore,
che quantio pi la guardo, pi mi prende;

bellezze ed umilt, fresco colore,


illei tutta bielt chiarisce e splende;
ahi lasso, ben morag<g>io per suo amore,
se sua piet inver me non discende!

Ch, quandio guardo lo suo chiaro viso,


fo <co>me l parpaglione a la lumera,
che va morire per sua claritate;

11

ed io, mirando lo suo gioco e riso,


fo come quelli che mira la spera
del sol: sua luce nonn-ha claritate.

14

8
(V 378)
Un sol si vede, chogni luminare
dispare per lo gran sprendor che rende,
e per li razzi che manda per lre
dinamorare alcun non si difende,

e de le gioie sovra laltre pare,


col suo mirare ciascun core ac<c>ende;

Letteratura italiana Einaudi

143

Chiaro Davanzati - Rime

di morto vivo fa risucitare


col suo avisare, tanto ben risplende.

Figurato lo sole o<n>dho parlato,


se maginato in vostro cor valente
allegramente de star per usato;

11

e nulla pena i de parer cocente,


ma soferente dumile aspetato:
chi fa laudato amor l buon servente.

14

9
(V 379)

S mi distringe il dolce pensamento


di voi, gentil mia donna, rimembrando,
che soventore lo core e l talento
non posso ritener di gioia cantando;

e poi pavento, si fo mostramento,


per li malvagi che vanno <s>parlando:
ma tanta dalegrezza e di gioia sento,
che mi conven mostrare a voi parlando:

ch l gran ricore non potom celare,


che non ne facc<i>a alquanto dimostranza,
cotanto vene di fin cor lamare;

11

onde, seo canto, fol pe rimembranza


comeo parti da voi con alegrare:
de-ritornare ho via mag<g>io alegranza.

14

Letteratura italiana Einaudi

144

Chiaro Davanzati - Rime

10
<V 380>
Io voglio star sovra laudar lamore
e biasimar la ria gente noiosa:
bene ag<g>ia chi leanza tien tuttore
e quale nora sua donna amorosa;

e Dio sconfonda chi sturbatore


a nullo amante ched amar si cosa:
chamor si prende e vien di forzal core,
ed io vi mostro com dolze cosa.

E chi in amore intende, in gioia sadorna


e di ben dire avanza suo corag<g>io;
perch sia mag<g>io suo minore inora;

11

sovente porta cortesia e sog<g>iorna,


alegramente canta per usag<g>io:
mostrato vag<g>io e pi vi mostro ancora.

14

11
(V 545)
La spene e lo disio e l pensamento,
lo core e la vertute e quanto i ag<g>io
in segnoria damore tutto sento
ed in voglienza di fedele omag<g>io;

e vo cercando sol di piacimento,


gridando amor sovrogni cosa mag<g>io:

Letteratura italiana Einaudi

145

Chiaro Davanzati - Rime

s sono alegro, nulla doglia sento,


cotant disioso il segnorag<g>io,
rimembrando chio sia fedel donato
de la pi ric<c>a gioia ed avenente
chunque mai fosse nullo namorato,
e piace lei ched i le sia servente:
ondio son ric<c>o in s dolze pensato,
che passo gli altri chan damor neente.

8
10

12
(V 546)
Volete udire in quante ore del giorno
amor mi volge e gira al suo talento?
Chal primo chio mi movo, miro intorno
de la mia gioia: sed io <no> la sento

assettomi n ulloco e mi sog<g>iorno


piango e sospiro ed ho greve tormento;
e poi rimiro per lo viso adorno:
se l veg<g>io, canto, ed ho gran sbaldimento.

E poi quando si parte la mia gioia


lo cor mi fura e tutta la vertute:
in quello punto mi aviso chio moia;

11

se si naved e mandami salute,


inmantenente oblone ogni noia.
Cos lore del giorno ho compartute.

14

Letteratura italiana Einaudi

146

Chiaro Davanzati - Rime

13
(V 547)
Lo disoso core e la speranza
cho di voi, fina donna ed amorosa,
mi fa di canto e di gran benenanza
rinovellar la mia vita gioiosa,

poi che di voi non veg<g>io simiglianza


n pari di bielt s graziosa:
chIsotta n Tisbia per sembianza,
nesuna in gioia fue s poderosa;

come voi bella siete dadornezze


e di valor compiuta e di savere,
ver voi ognaltra par chag<g>ia bassezze:

11

adunque spero per merz cherere


capere in parte per le vostre altezze
ne lo diletto ondio ag<g>io volere.

14

14
(V 548)
Guardando, bella, il vostro alegro viso,
lo cor dal corpo mio tosto si parte
e l ove siete s dimora asiso:
del mondo mai non vuol pi gioia n parte.

Cos dallui lo corpo sta diviso:


piacegli il dimorar cos in disparte,

Letteratura italiana Einaudi

147

Chiaro Davanzati - Rime

ondio ne perdo gioco e canto e riso,


e non vi so parlar mai che per carte;

e per esse ho dottanza tuttavia


non vi dispiaccia: tanto son temente,
che taccio ci che dicere voria.

11

Onde, madonna, sio non son cherente,


provedete qual la vita mia,
se non ste per cera canoscente.

15
(V 549)
Gentil mia donna, poi chio namorai
del vostro adorno viso riguardando,
di nesuna altra cosa non pensai
se non <> dubidir vostro comando;

e sempre immaginata vi portai,


come voi siete, nel mi cor pensando;
e s dottosamente inconinzai,
chad ogni passo movo sospirando:

perch s magna e diletosa gioia


non saveria ad om di mio parag<g>io;
ed eo l conosco, e non posso partire:

11

amor minvia, a ci che vuol chio moia:


ma mi sicura il vostro segnorag<g>io,
che per piet non mi far morire.

14

Letteratura italiana Einaudi

148

Chiaro Davanzati - Rime

16
(V 550)
Partir convienmi, lasso doloroso,
da quella gioia che n vita mi mantene
e gire in altra parte, ohim, pensoso:
lasso, perch la morte non mi vene?

Credo per sempre mai viver noioso


ad onta di me stesso, con gran pene,
cheo lascio il dolze viso ed amoroso
de lavenente, e morir mi convene,

seo non campo per uno sol membrare


che mi dice: Confortati, amor mio,
e ag<g>i rimembranza di tornare:

11

lo cor tuo lascia, e portine lo mio;


per questo solo credomi campare,
ma s mi duol quando le dico adio.

14

17
(V 551)
Tutta la pena chio ag<g>io portata,
donna, da vo istandovi lontano,
grazza di<r> vi, ch n gioia m ritornata
da poi chio vi son fatto prosimano:

ca seo dolea per lunga dimorata,


tornato son di gioia via pi sovrano,

Letteratura italiana Einaudi

149

Chiaro Davanzati - Rime

e or conosco ch pi namorata
la cosa chomo aquista per afano.

Affano non sofersio mai neiente


in voi amar, ma disosa vita:
chanti fui ric<c>o, poi vi fui servente:

11

ma sio mi dolsi per lunga partita,


or che tornato sono, son gaudente,
tanto mave nalzato la redita.

14

18
(V 552)
Ahi lasso, in quante guise son dolente
ne la dogliosa mia vita pensando!
chio pur disio ed amo lavenente,
ed ella sempre il mio amor va cessando;

e cherole merz umilemente


co le man giunte avanti le istando,
ed ella non si cura in ci neiente:
cos convien chio pra disiando.

Sio avesse d<e l>orso la natura,


poria campar, se ver quella usanza
che ngrassa per tenere in s rancura:

11

ma non divene a me, ca di pesanza


ag<g>io la morte, e veiola in figura
ver me venire, e non trovo pietanza.

14

Letteratura italiana Einaudi

150

Chiaro Davanzati - Rime

19
(V 553)
Gentil mia donna, sag<g>ia ed avanante,
di me servente ag<g>iate rimembranza:
quandio passo l dove siete avante,
mostratemi per vista e per sembianza

che vi piaccia chio sa vostro amante


o per voi siegua lamorosa usanza
ch nulla cosa m tanto possante
come di ci averne sicuranza:

chio sono vostro e per voi porto vita,


e solamente voi disio ed amo
e credo alegra gioia prosedere.

11

Per mia mente e core pur vinvita


che vallegriate, chio altro non bramo
che mi mostrate chi vi sia in piacere.

14

20
(V 554)
Io non son degno, donna, di cherere
a voi la cosa ondio ag<g>io talento,
ch so che nonn--me tanto valere
che l vostro core stessevi contento;

e sio lo taccio, greve ag<g>io dolere,


e de lo dire grande ag<g>io pavento:

Letteratura italiana Einaudi

151

Chiaro Davanzati - Rime

ma s mi stringe amore in suo podere


che per penar farag<g>ione ardimento,

cherendovi davanti perdonanza


sed io fallasse in ci dalcuna cosa,
che l mi fareb<b>e dir greve pesanza:

11

la vostra dolce boc<c>a ed amorosa


duno baciar mi desse sicuranza;
poi la mia vita ne sar gioiosa.

14

21
(V 555)
Cos gioioso e gaio lo mio core,
che nol savria co lingua divisare:
arimembrando che l meo dolze amore
ritornato, che navea penare,

sonne montato in s grande baldore,


che non mi credo di gioia aver pare,
ch lavenente e l suo dolze splendore
sovrogni amante mi fa rallegrare,

riguardando lo suo amoroso viso,


che passa di bieltate, al mio parere,
ognaltra donna chag<g>ia in s valore.

11

Son stato in doglia, ch nera diviso:


or m tornata la doglia in piacere
veg<g>endo ritornato il suo bellore.

14

Letteratura italiana Einaudi

152

Chiaro Davanzati - Rime

22
(V 556)
Va, mio sonetto, essai con cui ragiona?
co lamorosa cha l nome di fiore,
quella che di bieltate ha la corona,
lo pregio e ladornezze e lo valore.

Quando le se davanti a sua persona,


salutala per me suo servidore:
dille che daltra cosa no ragiona
lo mio intelletto, che del suo amore;

e perchio sia lontan di lei vedere,


lo core ha seco, che le sta davanti
e no le fina di merz cherere:

11

ondio leracomando per inanti,


infin chi torni al suo dolze piacere
ch l dimorar mi d sospiri e pianti.

14

23
(V 557)
Molti omini vanno ragionando,
dicendo che lamore degna cosa,
e face il folle assai gire amendando,
lo scarso, largo con grazza copiosa,

lo nescio, ben sac<c>ente sermonando,


lo vile pro e la noia gioiosa:

Letteratura italiana Einaudi

153

Chiaro Davanzati - Rime

ed io nel tutto questo vo negando,


chamore cosa tutta contrariosa,

e nonn-ha in s n senno n misura,


n cosa chomo possala laudare,
ma doppio di tormento e di rancura;

11

chi pi lo serve, pi lo fa penare,


e gi di meritar non mette cura:
dunque tutto di folle adoperare.

14

24
(V 558)
De la fenice impreso ag<g>io natura,
che sarde se medesma, per venire
giovane e fresca, e non ca<n>gia figura:
per aver gioia sofera languire;

ondio medesmo duna grarancura


credo campar per lungo soferire,
e spero in sicurt de la paura
per ubidenza in gran gioia redire.

Ch soferendo gran pene ed afanno,


lo bene n di ci pi savoroso
e par che n poco tempo mendi danno:

11

ondio son fatto in ci aventuroso


e miei voler come fenici vanno,
ch vo a le pene per esser gioioso.

14

Letteratura italiana Einaudi

154

Chiaro Davanzati - Rime

25
(V 559)
Il parpaglion che fere a la lumera
per lo splendor, ch s bella gli pare,
saventa ad essa per la grande spera,
tanto che si conduce a divampare:

cos faccio, mirando vostra cera,


madonna, e l vostro dolce ragionare,
che diletando strug<g>o come cera
e non posso la voglia rinfrenare.

Cos son divenuto parpaglione


che more al foco per sua claritate,
e per natura ha n s quella cagione:

11

ed io, madonna, per vostra bieltate,


mirandola, consumo in pensagione,
se per merz non trovo in voi pietate.

14

26
(V 560)
Come Narcissi, in sua spera mirando,
sinamorao per ombra a la fontana;
veg<g>endo se medesimo pensando,
ferssi il core e la sua mente vana;

gittvisi entro per lombra pigliando,


di quello amor lo prese morte strana;

Letteratura italiana Einaudi

155

Chiaro Davanzati - Rime

ed io, vostra bielta<te> rimembrando


lora chio vidi voi, donna sovrana

inamorato son s feramente


che, poi chio voglia, non poria partire,
s mha lamor compreso strettamente;

11

tormentami lo giorno e fa languire:


coma Narcis<s>i parmi piagente,
veg<g>endo voi, la morte soferire.

14

27
(V 561)
Come lo lunicorno, che si prende
a la donzella per verginitate,
e va a la morte, gi non si contende
dallei, poi che no gl<i> usa veritate;

quando lha preso al cacciator lo rende


ed el ne face la sua volontate:
cos Amor li suoi amanti raprende
dun disoso foco a le fiate,

che mostra lor piacere e disianza


e donagli a le donne intenditori:
quelle lor danno tormento e pesanza;

11

quando li sente ben fermi amadori,


le pene danno lor per alegranza,
fanoli dimorar sempre in dolori.

14

Letteratura italiana Einaudi

156

Chiaro Davanzati - Rime

28
(V 562)
La salamandra vive ne lo foco,
ed ogni altro animale ne perisce;
ed allei sola par sollazzo e gioco,
e solamente dentro si nodrisce;

ed io ne sento pur damore un poco


del suo incendore: tanto mi gradisce,
ch non mavampa, ma lo core coco:
disiderando desso mi guerisce.

Cos son salamandra divenuto,


ch ci chomo si conta per danag<g>io
mi pare a me per gioia conceduto:

11

chom fug<g>e segnoria per oltrag<g>io,


ed io mi conto per essa aricuto,
e pur diletto stare a vassallag<g>io.

14

29
(V 563)
S come la pantera per alore
comprende laltre fiere di plagenza;
urlando lei, vi trag<g>ono a romore,
ed ella le comprende dincrescenza:

a simiglianza possio dir damore,


chaprende i suoi con amorosa lenza

Letteratura italiana Einaudi

157

Chiaro Davanzati - Rime

mostrando bei sembianti soventore,


e poi li tiene illunga penitenza;

e facegli angosciare disando,


e nonn-acompie mai lo lor piacere,
ma li nodrisce di pene aspetando;

11

e tal si crede prosimano avere,


che lungiamente dole e va penando:
a me lo fece, lasso, a suo podere.

14

30
(V 564)
Come la tigra nel suo gran dolore
solena ne lo speglio riguardando,
e vede figurato lo colore
de li suoi figli, chel<l>a va cercando;

per quel diletto obria lo cacc<i>atore,


dimora iloco, nol va seguitando:
cos chi compreso ben damore
ave la vita sua donna mirando;

ch ne solena sua greve doglienza:


intanto che la mira sta gioioso,
credendo vincer lei per ubidenza:

11

la donna nonn-ha lo suo cor pietoso;


passa lo giorno, e falla ci che penza:
a me divene, lasso doloroso!

14

Letteratura italiana Einaudi

158

Chiaro Davanzati - Rime

31
(V 565)
Come il castoro, quando egli cacc<i>ato,
veg<g>endo che non pote pi scampare,
lascia di quello che gli pi ncarnato,
e tutto il fa per pi in vita regnare;

lo cacc<i>ator, presente lha trovato,


inmantenente lascia lo cacc<i>are:
cos faccio, che sono inamorato,
che lascio ognaltra cosa per amare.

Ma lamor, po chio ubrio ognaltre cose,


no lascia me, ma tienmi disioso
de lavenente dolze donna mia,

11

che mi porge le gioie diletose;


e son castoro fatto argomentoso,
ca, per campar, diletto segnoria.

14

32
(V 566)
La splendiente luce, quando apare,
in ogne scura parte d chiarore;
cotantha di vertute il suo guardare,
che sovra tutti gli altri l suo splendore:

cos madonna mia face alegrare,


mirando lei, chi avesse alcun dolore;

Letteratura italiana Einaudi

159

Chiaro Davanzati - Rime

adesso lo fa in gioia ritornare,


tanto sormonta e passa il suo valore.

E laltre donne fan di lei bandiera,


imperadrice dogni costumanza,
perch di tutte quante la lumera;

11

e li pintor la miran per usanza


per trare asempro di s bella cera,
per farne a laltre genti dimostranza.

14

33
(V 567)
Io non posso, madonna, ritenere
la voglia che mi stringe e lo talento,
chio nol vi mostri alquanto in profere<re>,
avegna che tutora nho pavento

non dica cosa che vi sia spiacere:


di questo dotto ed honne pensamento;
ma rasicuro, ch l vostro savere
al mio follor far perdonamento.

Quello ondio ag<g>io s gran disianza,


madonna, solamente chio potesse
per mia merz trovare in voi pietanza,

11

e per mia cera l vostro cor credesse


ci che lo mio <con>sente di pesanza,
s che lamor comio vi distringesse.

14

Letteratura italiana Einaudi

160

Chiaro Davanzati - Rime

34
(V 568)
Tutte le pene chio gi mai portai
inver quelle chio sento fuor neiente,
ch simigliante gi no le provai,
n le prov nesuno altrom vivente:

ch n un sol punto ci chi aquistai


ag<g>io perduto, ohim lasso dolente,
n raquistar no lo porag<g>io mai:
dunqua, come vivrag<g>io infra la gente?

Chi ho perduta donna ed amistate


e avere e gaudimento e benenanza,
contigia de valenti e mia bontate,

11

e son venuto in doglia ed i<n> pesanza:


la morte saria vita in veritate,
e credo mi saria pi consolanza.

14

35
(V 569)
Madonna, s maven di voi pensando
come quelli ch in periglioso mare
e vede la tempesta sormontando
e non si turba, tantha disare:

l ovha il suo diletto memorando,


obra, per la spene del tornare,

Letteratura italiana Einaudi

161

Chiaro Davanzati - Rime

tutte le pene chave travagliando,


tanto che vene a porto di scampare:

sapeli poi lo ben cha pi gioioso:


ed io, pensando in voi, bella, aquistare,
del mal chio ag<g>io non ne son dottoso,

11

ch vivo n isperanza megliorare


che l vostro gentil cor sar pietoso,
ondio porag<g>io in gioia dimorare.

14

36
(V 570)
Io so chi non ho tanta di potenza
chio meritar potesse lo donato
cho ricevuto da vostra valenza,
sanza penar chio non ag<g>io provato;

ma, quanto vaglio, in vostra riverenza


dimoro sempre, e di servir vogliato:
per non ve ne faccio proferenza,
perchio son tutto vostro donicato:

ch laltrui non de lomo proferere,


ma de lo suo servir, save valore,
e la via dubidenza mantenere:

11

ondio, madonna, sonvi servidore,


ch l vostro amore s alto piacere
chio presi vita e voi donaste onore.

14

Letteratura italiana Einaudi

162

Chiaro Davanzati - Rime

37
(V 571)
Di grazze far, madonna, mai non fino,
n di servire stanco non veria,
pensando il diletoso giorno e fino
chio presi frutto in vostra segnoria:

ch tanta gio<i>a presi in quel matino,


che non sentir mai in vita mia:
vo sempre per voi essere assesino
in tutto ci che l vostro cor disia:

perci, madonna, non vi sia pesanza


sio canto o mi conforto o gio dimeno,
pensando cho damor s altamanza

11

chal mio parer passo ognaltro<m> tereno:


onde, sio canto, tanta la baldanza,
che per nesuna cosa mi rafreno.

14

38
(V 572)
Non vo che temi tanto nel tuo core
che di parlare perdi intendimento,
ch stato non se tanto fallatore
chio non ti possa far perdonamento:

per domanda, nonn-aver temore,


ch gi per dir non sentira tormento:

Letteratura italiana Einaudi

163

Chiaro Davanzati - Rime

ma se tacessi, ti saria peg<g>iore,


ed io navria per ci pi pensamento;

ca se mi piacer lo tuo dimando,


i ne far ci cha piacer ti fia,
e, se mi spiace, lo gir scusando,

11

ch lo cherer forzar non mi poria.


Per domandare non gire dottando:
donna non fere altrui per diceria.

14

39
(V 573)
Madonna, io temo tanto a voi venire
pensando, tant forte la minacc<i>a,
ch mi vi par veder sempre ferire
co li mi oc<c>hi avanti de la facc<i>a;

e non credo mi vaglia lo schermire,


tanto vostra ferezza mi discacc<i>a:
de la venuta l meglio soferire,
ch quelli falla che l suo mal savacc<i>a.

Avegna se la scusa mascoltate


e volete la scusa ricepere,
io la vi fo, se voi mi sicurate;

11

non chio confessi colpa al mio podere


<se vi fosse, vendetta ne pigliate>,
ma de la morte vo fidanza avere.

14

Letteratura italiana Einaudi

164

Chiaro Davanzati - Rime

40
(V 574)
Chi non teme non p es<s>ere amante,
ched lamor temenza; e lo temere
s come cortesia simigliante,
che si coreg<g>e per misura avere;

ondio temente non vardisco, avante


a voi, gentil mia donna, di cherere
f, ubidenza <n> opera e sembiante:
a voi seguir non cangio a ci volere;

percho tema, credo meglio amare,


avegna non sia tanto mi valore
chio mi dovesse a voi, bella, acontare;

11

ma seg<u>o luso dumil servidore:


per la gran f chellave in domandare
prende arditanza de lo suo segnore.

14

41
(V 575)
Io porto ci che porta me pensando,
e tegno chi mi tiene in segnoria,
e chi mi cerca, vo di lui cercando;
di lunga parte comparto la via,

e chi mi mena, vo collui parlando,


e tegno in baglia chi mave in balia;

Letteratura italiana Einaudi

165

Chiaro Davanzati - Rime

sog<g>iorno iloco e vo sempre fugando,


e sono alegro ed ho maninconia;

penso ched i<n> pensier segnore nera


di quella gioia, che di gioia passa
ognaltra bella, cha bielt neiente:

11

e sto in disparte e son ne la rivera,


l dove lascio il cor che non mi lassa,
e non veg<g>endo, veg<g>io lavenente.

14

42
(V 576)
Di voi amar, madonna, son temente,
ch non son degno aver s alta ntesa
n di tal segnoria es<s>er servente
e sed io sono, faccio folle impresa;

ma lamor mi distringe feramente


e non mi vale inver lui far contesa,
ch molti asempri donami sovente
comomo aquista per lontana atesa:

perchogni cosa vuol cominciamento,


ch l poco vene in gran moltipricare
a quelli che sa fare avanzamento:

11

onde per mi vi convene amare.


Sed io ne faccio in ci folle ardimento,
per Dio lo mi deg<g>iate perdonare.

14

Letteratura italiana Einaudi

166

Chiaro Davanzati - Rime

43
(V 577)
Lo dragone regnando pur avampa,
n greve intenza alcuna no gli punta;
ver la spos<s>ata possa quasi giunta
diverso intendimento chognor lampa:

manto saver per argomento campa


e per lungo avisar, che par di giunta
per altrui voglia alegri cor e giunta;
agio e tempo <ad> alter loco varampa.

Ma dritto il pel di corno lonor porta,


tien fermo poi, suo contrari fug<g>endo,
e la divina possa no va corta:

11

e cui ne duole va il core pungendo,


perch la fiam<m>a al gran foco samorta,
a la p<r>edetta profezia giugnendo.

14

44
(V 578)
1
Molto diletto e piacemi vedere
a giovane possente validore
dolze parole e umle proferere,
e dipo la parola benfatore;

Letteratura italiana Einaudi

167

Chiaro Davanzati - Rime

largo, e dove savene, <ri>tenere,


e mantenere amico e servidore,
e perch serva non deg<g>ia dolere,
n co rimproccio porga suo valore.

E s mi piace di lui dilettare,


in bella donna intender chiusamente,
e chag<g>ia bella cera con usare;

11

e rlverisca ciascuno valente,


ed orgoglioso partirsi damare,
e l suo costume che sia conoscente.

14

45
<V 579>
2
Molto mi piace veder cavaliero
cortese e savio, e sia ben costumato,
leale e puro e fermo veritero,
in tutto facc<i>a bono <ad>operato;

non troppo parli o che sia menzonero


o sforzi altrui per suo ric<c>o aquistato:
ma be sembianti e facc<i>a, viso clero
inver gli amici, e mostrisi invogliato.

Ancor mi piace pi di lui vedere


di quel che mprende s buon pugnatore:
perdendo, la ragion facc<i>a valere;

11

Letteratura italiana Einaudi

168

Chiaro Davanzati - Rime

e che diletti di volere onore


e chami Dio e l prossimo servire,
e del comune suo difenditore.

14

46
(V 585)
3
Ancor mi piace veglio canoscente,
di ci chegli ha fallato ripentuto,
e ritornare a Dio umilemente,
e rimembrar lo tempo ov venuto;

e che dea belli asempri a tut<t>a gente


e non conti lo mal chegli ha veduto,
e meriti chi gli stato servente,
ed amendi il pecato ov caduto.

Ancor mi piace suo figlio riprenda


di male adoperare e di mentire,
e che l suo avere in vanit no spenda:

11

ed a cui deve sforzi di servire,


e serva l ove deve, e si rac<c>enda
in voler pregio per onor gradire.

14

Letteratura italiana Einaudi

169

Chiaro Davanzati - Rime

47
(V 586)
4
Ancor mi piace veder mercatante
ad un sol motto vender su mercato,
di laltate fermo, adoperante
ed istudioso e desto ed ispacc<i>ato,

con fermo viso, non molto parlante,


e non diletti lo male infamato,
e giorno e notti veg<g>hi, e sia pensante
in quale guisa possa esser laudato.

Ancor mi piace artefice sentito


di su arte pensare, argomentoso,
fatore, e lo lavoro suo pulito;

11

<a>misurato, e non sia neghietoso,


e quando ha l tempo, desto ed amonito,
e facc<i>a suo overier ben vigoroso.

14

48
(V 587)
5
E piacemi e diletto certo assai
veder sergente desto di servire
fator, che non si veg<g>ia stanco mai
di volont compresa dubidire;

Letteratura italiana Einaudi

170

Chiaro Davanzati - Rime

non garitor n pianga li suoi guai,


piagente ed amoroso con disire;
e quando om ladomanda: Dove vai?,
cortesemente porga lo su dire.

Ancor mi piace segnor poder<oso>,


che tal servente sappia mantenere,
e ch di meritarlo benvoglioso.

11

E piacemi donzel che pu valere


che vaglia, e sempre sia disideroso
di soferenza e pregio di piacere.

14

49
(V 588)
6
E s mi piace vedere pulzella,
piana ed umile e con bel reg<g>imento,
bassare gli oc<c>hi suoi quando favella,
poche parole, non gran parlamento;

e s mi piace assai forte ed abella


sha be costumi e n s buon sentimento,
e quando ode di s bona novella,
chadopplichi lo bono in pensamento.

E <s> piacemi ancora a dismisura


a bella donna savio ragionare,
e chag<g>ia in s avenante portatura,

11

Letteratura italiana Einaudi

171

Chiaro Davanzati - Rime

e ci chama il marito deg<g>iamare


e se n andando fa bella andatura,
ed avenantemente salutare.

14

50
<V 589>
7
Ancor mi piace a vedova pensare
come suoi figli possa mantenere
in bei costumi, e del mal gastigare,
e che mantegna ben lo lor podere;

e che non pensi mai di maritare,


ma solamente lor pe sposo avere;
lor giovantute sappia comportare,
per se medesma castit volere.

E piacemi figlio<l> che riverisca


cotal madre e diletti lo suo onore,
e li comandamenti suoi ubidisca;

11

che simpronti daver lo suo amore


e di servirli gi mai no rincresca,
ma le rafini sempre servidore.

14

Letteratura italiana Einaudi

172

Chiaro Davanzati - Rime

51
(V 590)
8
E s mi piace padre argomentoso
in mantener suo figlio costumato
di bei costumi, e faccial temoroso;
e che laprenda s che sia laudato,

e che lo nvii e fac<c>ialo studioso,


di buoni asempri sempre amaestrato;
damare e di servire sia voglioso
a Dio, ed agli amici faccia a grato.

E piacemi gli dea invamento,


onde sua vita possa mantenere
con giustizza, e non con fallimento;

11

e veritate in s deg<g>ia tenere,


e sempre inodi e scacci tradimento,
e con purezza improntisi davere.

14

52
(V 591)
9
Ancor mi piace chi suo padre inora
e nagialo di ci che gli piagente,
e se n sua ubidenza ben dimora
e mostrasi di lui servir vogliente;

Letteratura italiana Einaudi

173

Chiaro Davanzati - Rime

e se per lui servir sempre lavora,


a zo che l vesta e tegna orevolmente;
e piacemi di Dio li dica ognora
come lo serva, e sia benivogliente;

e che gli dea lecenza di ben fare,


e no ladiri, ma tegnal gioioso;
e tuttavia lo deg<g>ia confortare,

11

con sue parole farlo baldanzoso,


a ci che possa lanima salvare
e l corpo suo tener disideroso.

14

53
(V 592)
10
E piacemi vedere rilegioso
casto ed amanito di ben fare,
e che non sia leg<g>iadro e vizoso,
e de la morte sempre ricordare,

e sia damare Dio disideroso,


e star gichitamente sovraltare;
e paia intra la gente vergognoso,
e umilemente porga suo parlare.

E piacemi, quand a confessone,


che non guardi nel viso chi gli avanti,
e che diletti giostizza e ragione,

11

Letteratura italiana Einaudi

174

Chiaro Davanzati - Rime

e che non facc<i>a vista n sembianti


che lo ne riprendessor le persone;
e suoi pecati sian nel cor suo pianti.

14

54
(V 593)
Palamidesse amico, ogni vert
secondo loverar de lomo cerne:
savere e maestria assai governe:
dunque, per <che> cagione falli tu?

Ben sai che magno pregio fue dArt


e gralumera celar per lanterne;
dipo la state pensa ca vern,
primeri c amici fulgli comantu

che disi corona aver dalchimia,


per ta<l> speranza amici lasci aretro
e pensla manera de la scimia.

11

Se non mintendi ben perchio timpetro,


pensa che nonn- s pic<c>iola rimia
che non possa valer davanti o retro.

14

55
(V 594)
Chi ntende, intenda ci che n carta impetro:
che l ben damor mi piace, e no madagro;

Letteratura italiana Einaudi

175

Chiaro Davanzati - Rime

e lo sperar mavanza, e non maretro,


ma pur datender mi corono e sagro.

E tutor mi ramiro damor vetro,


e, chi ne cresce, chio pur ne dimagro;
tal condizion nol soferia san Petro:
samore larga altrui, me pur agro.

Ordunque, amico, qual la coretta


damore gioia, ubrando le pene,
che sia di lui donata pi concetta

11

lo tuo saver so che conosce bene:


co lo vedere amore i suoi ralletta,
e tal vede, chamor no li savene.

14

56
(V 351 e 595)
Lamore ave natura de lo foco,
chal primo par di pic<c>iola possanza,
sormonta e sale in grande altura il poco,
inmantenente fa gioia di pesanza;

e tali pene pascele con gioco


che tutto tempo non han solenanza;
abita ne lo core e fa suo loco,
sospiri e pianti rende per usanza.

E ven de lo vedere e dudenza,


de lo pensiero ed ancor di sag<g>iare:
fermasi quando vene lo piacere;

11

Letteratura italiana Einaudi

176

Chiaro Davanzati - Rime

dunque nonn-ha riparo sua potenza:


per conven ciascuno aumiliare
e star gechito di quantha podere.

14

57
(V 596)
Quandomo aquista damor nulla cosa,
molt gran senno se ben la mantene;
ch, se la lascia, ripigliar non ne osa
altrui che s, che non sareb<b>e bene:

ondio ripiglio me, che fui in posa


ed aquistai per poco senno pene,
ed i lo pruno e non colsi la rosa,
e la bont chaudivi gi non vene.

11

Per, ciascuno cha gioia aquistata


no la diparta da s per parole,
anzi ne pigli tutto il suo piacere:

14

non facc<i>a s comio, cheb<b>i privata


la namorata gioia che l core vuole
e non ne presi, s la lasciai gire.

14

58
(V 597)
Adimorando n istrano paese,
di voi, mia donna, a tutora pensava,

Letteratura italiana Einaudi

177

Chiaro Davanzati - Rime

ch mi parea fallire di palese


ch di me novelle non vi mandava;

ed ogni giorno mi parea un mese,


pensandomi l dove adimorava;
e nel pensar di me facea marchese
e schiavo: tanto salia e montava.

Tuttavia rimembiando la tornata,


ched io venia la s gran<de> diporto,
lasciava pene e grande pensamento;

11

e discendea, membiando la pensata


chlio avea fatta di gire a tal porto,
che venia in fallo e rimanea in tormento.

14

59
(V 598)
Cos maven com Pals sua lanza,
ca del suo colpo om non potea guerire
mentre chun altro a simile sembianza
unaltra fiata non si fea ferire.

Cos dichio di voi, donna, ileanza


che ci chio presi mi torna ilanguire:
se sumigliante nonn-ag<g>io lusanza,
di presente vedretemi morire;

ch non m meraviglia sio morisse,


pensando a lalta gioia ched i ho presa
chaltre fate pi non vi venisse:

11

Letteratura italiana Einaudi

178

Chiaro Davanzati - Rime

ch la fiam<m>a, da poi ch bene apresa,


tardi sastuta, sentro pur mardesse,
cos coralement, veg<g>io, ac<c>esa.

14

60
(V 599)
Poi so chio fallo per troppo volere
s come impronto che trag<g>e al tegnente
e talor va e prende per cherere,
cos del mio conincio similmente:

ch tantho voglia dassai proferere


che labondanza mi torna a neiente,
s come quei cha gioia in suo podere
e dotta tuttasor des<s>er perdente.

Cos di voi amor poi naquistai,


tenere a mente lo vostro ricore
ne la mia mente distretto portai:

11

dunque serie manco fallatore,


seo vi vedesse in grande operasai,
sio non vi ramentasse ci ch onore.

14

Non cha me si convegna


tanta vostra screzione
di me, pic<c>ola nsegna
a s alto barone.

18

Letteratura italiana Einaudi

179

Chiaro Davanzati - Rime

61
(V 600)
In ogni cosa vuol senno e misura
perch valor pregiato insegna fare:
ch non lom laudato pericura,
ma per i<s>forzo di ben costumare;

e n tutte cose si conven paura,


perch gli forte cosa il coninzare:
ch l mal conincio tardi, veio, dura:
per convien dinanti lom pensare;

ma chi si move ben tardi si pente,


se daltrui o da s consigliato
e ne gran fatti non vi sia corente,

11

chello diritto senno sie blasmato.


Per nag<g>iate cura, voi valente,
chonor richiere lo bon costumato.

14

Per se carta impetro,


per Dio or intendete:
se con voi san Pe<t>ro,
al suo detto credete.

18

62
(V 601)
Non dico sia fallo, chi l suo difende
o chi del dritto fa bona posanza;
ch la ragion sentenza dritto atende,
e n ci conven che lomo ag<g>ia speranza;

Letteratura italiana Einaudi

180

Chiaro Davanzati - Rime

e dimostrar franchigia, chi l contende,


misurato di senno co leanza.
Que<st> il valor che lo valente prende:
ma non conven si gitti in disperanza

e scorra per ardor di niquitate


e facc<i>a torto di quel cha ragione:
chio lodo blasimar per le fate;

11

ch l vano assalto face il parpaglione


bassare a lume per la chiaritate;
cos divien di quellopenone.

14

63
(V 602)
Com forte vita e dolorosa, lasso,
pate chi n altrui forza e balia!
ch tutto suo pensier ritorna in asso
e face mille morti notte e dia:

per me l dico, che sono a simil passo,


fedele schiavo in altrui segnoria,
s chio la morte chero ad ogne passo,
e sio lavesse, so che l me saria.

Chi segnoreg<g>ia nollauso nomare,


ch pi vilt saria di me ancora:
ned io sofrir non posso n cessare.

11

A Dio piace che l mio segnor labora,


ed io non credo possasi salvare
chi ha ci chio, cos ne fossio fora!

14

Letteratura italiana Einaudi

181

Chiaro Davanzati - Rime

Tantho dis<a>ventura,
credo per mio pecato,
che la divina altura
ver per me spietato.

18

Letteratura italiana Einaudi

182

Chiaro Davanzati - Rime

CONTRASTI CON MADONNA


PRIMA TENZONE CON MADONNA
64
(V 722)
1
<MESSERE>
Madonna, perchavegna novitate
in opera od in vista ed in sembianza,
non cangio il cor da vostra fedaltate
ma fac<c>iol per a<ve>re pi inoranza:

ch sempre porto in cor vostra bieltate


ed inullaltra metto mia speranza,
ma ne rafino meglio in volontate
quanto de laltre pi prendo acontanza:

ch voi siete del mio cor tramontana


ch non si muta da voi la mia vita
e voi amando la mente mi sana:

11

ed mi s vostra bielt gradita,


che mai non parto, s mi par sovrana,
ma corro a ci com ferro a calamita.

14

Letteratura italiana Einaudi

183

Chiaro Davanzati - Rime

65
(V 723)
2
<MADONNA>
Vostra merz, messere, se mamate,
chi amo voi a tutta mia possanza
ed ag<g>io amato, e so che lo pensate,
e di questo son certa per leanza;

ma or convien che voi da ci mutiate


la mente e l core e la vostra speranza,
e daltra donna ag<g>iate libertate
ed ella in voi verace disanza:

e convien che sia amor sanza partire.


Ed io non me ne doglionulla guisa
e no lo conto vostro lo fallire:

11

ma nostra gioia convien che sia div<i>sa,


ma non da la mia parte lo disire
del diletto laondi era presa.

14

66
(V 724)
3
<MESSERE>
Madonna, iag<g>io audito soventore
che nulla cosa dipartir poria

Letteratura italiana Einaudi

184

Chiaro Davanzati - Rime

uno perfetto ed incarnato amore,


n la sua gioia mettere in obria.

Ed io, che vag<g>io AMato a fedel core


ed amo, bella, pi chaltra che sia,
da che potreb<b>e nascer questo erore
chio mutasse da voi la spene mia?

Non gi per cosa chavenir potesse:


ch dogni bella aprendo asempro e miro,
para di voi non veg<g>io al mio parere:

11

per non credo daltra mai prendesse;


e perci non gitatene sospiro,
ch da voi non poria cangiar volere.

14

67
<V 725>
4
<MADONNA>
Messere, omo vol cosa talfata
che non n la voglienza da laudare,
ma tra la gente n forte blasmata,
e dipo il biasmo non si pu amendare:

onde la nostra gioia tanto stata


che la potemo ormai far riposare
e faragion che mai non fosse stata
se non di bei sembianti con guardare;

Letteratura italiana Einaudi

185

Chiaro Davanzati - Rime

chormai avete donna, ed io segnore:


nonn- pi degna cosa di volere
intra noi due amar di folle amore

11

ma di cortese puro, e di piacere.


Ma cosa che tornasse a disinore
non vo che mai pensiate possedere.

14

68
(V 726)
5
<MESSERE>
Madonna, sio credesse veramente
ci che voi dite, meco ragionando
che fosse verit veracemente
i credo chio maucideria, pensando

che voi da me cangiaste core o mente


o l fino amor da voi gisse calando:
i partiria da donna e daltra gente
e gir del mondo non voria parlando.

Ma, perch mi l diciate, no lo creo


e per non mi<n>spero per lo dire,
ma voglio pi davanti confortare.

11

E se volete, parta il voler meo


di prender donna che mi tegna sire
inanti chio perdesse il vostro amare.

14

Letteratura italiana Einaudi

186

Chiaro Davanzati - Rime

69
(V 727)
6
<MADONNA>
E no mi piace, sire, la partenza
da vostra fina donna ed amorosa
ma piacemi le stiate ad ubidenza
s come buon segnor de far a sposa-

e ci che vole sia vostra voglienza,


e la non-volont vi sia noiosa;
e di questo mi fate gran pracenza,
e saltro fosse, ne saria cruc<c>iosa.

Ma dipartiamo il vano intendimento


ch stato fra noi due aoperando,
che si congiunse di carnal talento:

11

la vostra donna sempre gite amando


<ed io lo mio segnore a piacimento>
e dolzi motti tra voi due parlando.

14

70
<V 728>
7
<MESSERE>
Madonna, or veg<g>io che poco vi cale
di me, che vostro servo sono stato:

Letteratura italiana Einaudi

187

Chiaro Davanzati - Rime

s diletate forte lo mio male


come nemico fossevi colpato.

Ch la mia vita sanza voi non vale:


dunque, se mi fallite, son passato
di questo mondo, ve gio son mortale:
da poi che piace a voi, sone invogliato.

Ma avanti chio di donna mapigliasse,


savete, donna, chio vadimandai
se l vostro amore per ci mi fallasse;

11

diceste: Crescerne pi che mai


e di quella credenza non dottasse:
presi dunque consiglio de miei guai.

14

71
(V 729)
8
<MADONNA>
Io vag<g>io amato, sire, e voglio amare
ed unque non cangiai di ci talento
e per inanzi no lo credo fare,
n di ci nonn-ag<g>iate pensamento:

ch pi mi sa di buon vostro parlare


che dalcuno altro avere servimento.
Da che mi piace deg<g>iasi posare
lo frutto de lo vostro piagimento,

Letteratura italiana Einaudi

188

Chiaro Davanzati - Rime

e non vo che pensiate chio diletti


vostro travaglio o pena inulla guisa
n disperiate gi per li miei detti,

11

n chio facc<i>a da voi final divisa:


ma vo che l vostro core si rassetti
damare la donna che avete prisa.

14

72
(V 730)
9
<MESSERE>
Madonna, io lamerag<g>io sag<g>iamente
in tutto ci cha donna si convene,
e servir allei gichitamente
di quel piacere onde lamor mantene:

s chella, credo, mi ter a servente


s come cosa chassai lapertene;
ma non chio cangi mio core n mente
dal vostro amor, che mi saria gran pene.

Ma vo di lei semana e mesi fare,


e di voi Pasqua e giorno dalegranza
come la gioia del mondo sanza pare.

11

E di questo mi date sicuranza,


madonna, ondio mi possa rallegrare
ed in voi sempre aver buona speranza.

14

Letteratura italiana Einaudi

189

Chiaro Davanzati - Rime

73
(V 731)
10
<MADONNA>
In un regno convenesi un segnore,
e se pi ve navesse, disnorato,
secondo chag<g>io udito sovente ore;
ed da savi lungo asempro dato

che quelli chama e serv damore


da lo propinquo chama sia amato,
e se per altro muta mente o core
dipartesi da lamoroso usato.

Adunque, sire, non si converia


che voi aveste donna disposata
e manteneste amica in segnoria;

11

ma si conven che la sposa si amata


e lopera di noi messa n obria
e<d> amist cortese rafermata.

14

74
(V 732)
11
<MESSERE>
Ahim lasso dolente, che farag<g>io,
madonna, poi la mia morte vi piace,

Letteratura italiana Einaudi

190

Chiaro Davanzati - Rime

e talentate chio viva ad oltragg>io


di me e de lo vostro cor verace,

e quanto pi vi fo fedele omag<g>io


di mia preghera, tanto pi vi spiace?
Non si rimembra lo vostro corag<g>io
la pena e lo travaglio che mi face,

dicendo chio diparta lo mio core


dal vostro amor, ch n vita mi mantene,
e segua daltra per aver dolore?

11

Ma senza voi nesuna gioia mi vene:


voi siete quella cui son servidore,
onde rinasce e surge lo mi bene.

14

75
(V 733)
12
<MADONNA>
Io son certa, messer, che voi mamaste
di pura ed incarnata benvoglienza,
e sovra tutte cose disaste
a me servire e stare ad ubidenza:

ed io amai voi, e del mio amar pigliaste


in tutto ci che fu vostra plagenza,
e nullacosa, credo, riserbaste
chio no la desse n la vostra potenza.

Letteratura italiana Einaudi

191

Chiaro Davanzati - Rime

Ed or chavete daltra segnoria,


non mi dispiace certo, ma talenta,
ch l vostro onor nacresce tuttavia:

11

ma lo mio cor non par che maconsenta


chio vami pi per nulla villania:
di quel ch suto non vuol chio mi penta.

14

76
(V 734)
13
<MESSERE>
Madonna, or provedete ad una cosa,
ch lungiamente lag<g>io udito dire,
che buono amor non fu nd essere osa
sunque gi mai dallui na<c>que partire:

onde, se voi di me foste amorosa


ed io di voi, e presine disire,
greve pena con morte dolorosa
volete <a> quella gioia convenire?

Chal primo chaltra donna disposasse,


richiesine primier vostra lecenza;
dissi che l vostro cor, bella, pensasse:

11

mostraste che non vi fosse a spiagenza;


parve perci lo mio sasicurasse:
per, sio pec<c>o, fue vostra fallenza.

14

Letteratura italiana Einaudi

192

Chiaro Davanzati - Rime

77
(V 735)
14
<MADONNA>
Io non dico, messer, che voi pechiate
per vostra donna amare e riverire,
n vamonisco che da me partiate
lo vostro amor, ma solo lo disire

del frutto, che pi aver no lo pensate


perchio fallar pi voglia a lo mio sir
n voi a vostra donnalealtate:
ma buono amor cortes da gradire.

E tanto vho damarvi intendimento


che daltro non mi piace es<s>ere amata
se non dal vostro dolze piacimento;

11

e poria esser chalcuna fata


il nostro amore avria congiungimento
secondo nostra amanza ricelata.

14

78
(V 736)
15
<MESSERE>
Grazze e merz, madonna, sempre sia
al vostro dolze ed amoroso core,

Letteratura italiana Einaudi

193

Chiaro Davanzati - Rime

cha fatta rallegrar la mente mia


chera montata in s fero dolore.

Or mha chiarito vostra cortesia


di quella cosa ondio era n erore:
voglio ubidir la vostra segnoria
di quanto piace e madomanda amore,

e vo celare e <di> dir ritenere


quanto disia e vuole vostra mente,
fin che vi piace chio deg<g>ia tacere,

11

e rinovarmi a voi, donna, servente,


ch mai non credo per altra valere
se no, madonna, per voi solamente.

18

SECONDA TENZONE CON MADONNA


79
<V 737>
1
<MESSERE>
Gentil mia gioia, in cui messho mia ntenza,
in cui regna bielt e cortesia,
ch sovrogne altra val vostra valenza,
e pi mi par chag<g>iate segnoria,

onde salegra mi core ed agenza


pensando chi vostro servente sia,
sio dotto di veder vostra presenza,

Letteratura italiana Einaudi

194

Chiaro Davanzati - Rime

verace amor nonn-ho messo n obria;

ma pi che mai, fedel vi so ubidente


di quanto pi avesse in me valore,
che l fino amor di ci mi fa vogliente:

11

avegna che avete altro segnore,


per temenza cha voi non sia spiacente,
io son temente pi di far sentore

14

80
(V 738)
2
<MADONNA>
Dolze meo sire, assai m gran placenza
pensando ched i vag<g>ia in mi balia,
e daltro che di voi l meo cor non penza:
alegra son seo vi veg<g>io la dia;

per non vi sia noia n ncrescenza


come solete o pi seguir la via,
e no lasciate perchaltr a temenza
mi tegna in baglia ed ag<g>ia in segnoria:

ch non cosa ondio sia pi vogliente


che con vo solo conversar damore,
prender savore cha voi sia piagente:

11

per ne prego voi e vostro core


che voi deg<g>iate a me venir sovente
come di<m>primamente servidore.

Letteratura italiana Einaudi

195

Chiaro Davanzati - Rime

TERZA TENZONE CON MADONNA


81
(V 739)
1
<MESSERE>
Assai aggio celato e ricoverto
madonna, il mio talento dimostrare,
e per temenza me ne son soferto
non vostro cor facessene gravare:

ma s forte mi stringe e dole certo


chio no lo posso, lasso, pi celare
chio no lo dica a voi davanti aperto:
per Dio vi piaccia al fallo perdonare;

ch s mi stringe e mi combatte amore


che, poi chio voglia, nol posso tacere.
Per vi chero, come servidore,

11

che mi doniate, bella, uno piacere:


cio tanta arditanza nel mio core
che vi possa contar lo suo volere.

14

Letteratura italiana Einaudi

196

Chiaro Davanzati - Rime

82
(V 740)
2
<MADONNA>
Se ricelato lungo tempo siete,
sire, di non mostrar vostro talento,
s contro a mio onor, certo facete
s come saggio cha buon sentimento:

chi non teme nonn-ama, ben savete,


ond temenza damor fermamento:
per credo che ci che mi dicete
vegna da fino amor lo nascimento:

e perci vostro dono adimandato


dllovi da mia parte volontieri
quando aggia tempo e loco non blasmato:

11

e che guardiate de li mai parlieri,


che soventore damore inarrato
procac<c>iansi di dar tormenti feri.

14

83
(V 741)
3
<MESSERE>
Io non posso, madonna, ritenere,
quando ci passo, ched io non vi miri,

Letteratura italiana Einaudi

197

Chiaro Davanzati - Rime

ch l cor mi batte ed ha tanto volere


che fa bagnare gli oc<c>hi di sospiri;

sio no gli nalzo a voi, bella, vedere,


ogni mio membro par cha doglia tiri;
e piangono con tanto dispiacere
che ciascuno ver laltro par sadiri;

e catun pare spirito incarnato


con intelletto che meco favelli
e dica: Guarda l viso dilicato.

11

Alor mi pare che l cor mi tempelli:


riguardo l ove siete in quello lato,
de mai parlier dottando sempre delli.

14

QUARTA TENZONE CON MADONNA


84
(V 742)
1
<MESSERE>
A guisa di temente incominzai
vostra amorosa cera riguardando,
madonna, tanto chio minamorai
ondio son preso poi perseverando:

lasempro de la tigra non guardai,


ca ne lo speglio mira trapassando,
rist alquanto, ubria li suoi guai;

Letteratura italiana Einaudi

198

Chiaro Davanzati - Rime

lo cacc<i>atore intanto va fugando,

e scampa per ingegno e maestria


ed a la tigra lascia il mal doglioso:
onde possiede quello che disia.

11

Voi siete il cacc<i>atore viguroso,


la tigra amore, e io son la follia
che vo cercando il mal ch periglioso.

14

85
(V 743)
2
<MADONNA>
Foll chi follemente si procacc<i>a
e chi pensiero mette in suo danag<g>io,
e se ben sede, selli imprende cacc<i>a
la qual non crede giungere a passag<g>io;

e perde quanto <s>impronta ed avacc<i>a


e de la spene nonn-ha segnorag<g>io;
per te lo dico: poi se tratto illacc<i>a
per un guardar, dimora al suo servag<g>io,

ch non facesti come sag<g>io amante


che pone spene iloco diguaglianza
ed ivi impronta quanto puote avante;

11

ma tu non seguitasti quella usanza,


volesti in grande altura esser posante:
ragion che ne senti malenanza.

14

Letteratura italiana Einaudi

199

Chiaro Davanzati - Rime

86
(V 744)
3
<MESSERE>
Madonna, amor non chere gentilezza
n grande massa chomo ag<g>ia davere,
ma ponesi col dovha bellezza:
in basso e n alto segue lo piacere;

e nonn-ischifa dom sua picolezza,


per ch ne lo cor lo suo podere:
ch tal di for non par, cha n s franchezza
largo, cortes e pien di buon volere.

E veggio, cui ventura vol atare,


che n breve tempo va n alto gioioso
se sape il poco cha moltipricare:

11

ch dagua veg<g>io il foco vigoroso,


ed odo che contro a natura pare:
cos poria avenir, sio son voglioso.

14

87
(V 745)
4
<MADONNA>
La voglia chai non ven di sag<g>io loco
ch foll chi simpronta di volere

Letteratura italiana Einaudi

200

Chiaro Davanzati - Rime

laltera cosa sottoporre al poco


ed in sua propiet ferma tenere:

ch chi non dole non sa che sia gioco,


ma chi dispiace sente lo piacere:
chi pur guardasse e non tocasse il foco
non crederia potessegli nocere.

Onde tu, che guardando inamorasti,


prendesti il foco nanti a lo sprendore:
se ncendi ben ragion, ch non pensasti;

11

sio sono amanza daltero valore


e tu se basso, male timpigliasti
credendome conquider per amore.

14

88
(V 746)
5
<MESSERE>
Madonna, al primo fui ben conoscente
ca degna cosa a me gi non saria
chio di parag<g>io amar fosse credente
o di voi fermamente aver bala:

ma per servire ed essere ubidente


gichitamente a vostra segnoria,
credetti mi teneste per servente
e credo ancor per vostra cortesia.

Letteratura italiana Einaudi

201

Chiaro Davanzati - Rime

Sio fe follia, Amor mi ci codusse,


e non son io lo primo namorato
a cui Amor le suo vertute adusse.

11

L ov altezza e l pregio s locato,


non p durar, se piet no l condusse:
io per merz poria esser campato.

14

89
(V 747)
6
<MADONNA>
Non mi bisogna n talenta tanto
lo tuo mestiere, chio ne sia vogliosa
che per cherer merz tacolga acanto,
ondio fra laltre fosse vergognosa;

non credo che di me ti doni vanto


fra gli altri chio di te fosse amorosa,
n che di mio piacer possi far manto
di gioia che ti fosse talentosa,

ch quelli chama non vol disinore


di quella parte ovha lo ntendimento,
ma sempre si procac<ci>a de lonore:

11

onde lo tuo vano intendimento,


credendo tu avermi per amore
ed arivarmi a tanto abassamento.

14

Letteratura italiana Einaudi

202

Chiaro Davanzati - Rime

90
(V 748)
7
<MESSERE>
Madonna, i ag<g>io audito spessamente,
chi serve un basso, chne pi laudato
che se servisse un alt<er>o, potente,
di gran valore, aposto in alto lato:

ch de laltero dicene la gente


che l fa perch ne sia tosto cangiato
over perch di lui siane temente,
s che ridotta del suo magno stato;

ma chi socorre un basso bisognoso


aquista lui a servo ed hanne onore,
e la gente lo tien pi grazoso:

11

chi ag<g>io udito dicer sovente ore:


megli far bene a un pover vergognoso,
cha quelli che lo chere per ogne ore.

14

91
(V 749)
8
<MADONNA>
E son servigi, ch ben degna cosa
che l bisognoso siane proveduto;

Letteratura italiana Einaudi

203

Chiaro Davanzati - Rime

chi per Dio chiere ed ha lingua pietosa


alegramente deve essere uduto;

e gentil cha sua vita bisognosa,


chi pote li dovria donare aiuto:
ma la tua chesta folle ed orgogliosa,
pensando ci che chiedere ha voluto.

E fomi maraviglia chamor sia


s dibasato, che regni in tuo core,
che dice om chave tanta gentilia;

11

ed e sostene in s tanto follore


che vuol che tu domandi segnoria,
per un tuo sguardo, di tut<t>o mio onore.

14

92
(V 750)
9
<MESSERE>
Il vostro onor non chero dibassando,
madonna, per mia volont seguire,
ma solo per segnore ladomando,
ed io come ubidente per servire;

ed altra cosa non vo disando


che solamente voi, bella, ubidire,
ch fino amor mi prese, voi mirando,
s chio non posso, poi voglia, partire.

Letteratura italiana Einaudi

204

Chiaro Davanzati - Rime

Adunque mi conven, merz cherendo


co le man giunte a vostra segnoria,
sempre, valente donna, dimandare:

11

chio moro amando, voi, bella, veg<g>endo,


e del mio cor nonn-ag<g>io la balia,
ca voi lavete, a me non vuol tornare.

14

93
(V 751)
10
<MADONNA>
Se del tuo core nonn-ha segnoria,
dunque come lo mio poresti avere,
ch ci che tu talenti contraria
a me, e di neient eo ci ho volere?

Se quel che teni non hai in balia,


credi dunque laltrui per forza avere?
Non certo, ch grande torto saria
ed unque a Dio gi non dovria piacere.

Per ti parti di cotal voglienza,


chaquistar non ci puoi alcuna cosa,
chio dibassar non voglio mia valenza;

11

e tua forza nonn- s poderosa


ched io la dotti od ag<g>iane temenza,
n per amor gi non ne son vogliosa.

14

Letteratura italiana Einaudi

205

Chiaro Davanzati - Rime

94
(V 752)
11
<MESSERE>
Madonna, unque per forza non dimando
vostra gentil persona a segnorag<g>io,
ma per merz tutora a voi chiamando,
ed io fedele sempre al vostro omag<g>io:

ca se lamor mi prese riguardando,


io non posso quetar lo suo folag<g>io
che mise il core e me in vostro comando:
dunque, sio pec<c>o, nonn- mio loltrag<g>io,

ma solamente amor<e> ne ncolpate,


<per> che mi distringe a ci volere
ed hami messo in vostra potestate.

11

Non vi talenta? Deg<g>iavi piacere


che lo mio core voi mi ridoniate:
forse mi rimar di pi cherere.

14

95
(V 580 e 753)
12
<MADONNA>
I mi disdico chi non ho tuo core,
e sio lavesse, io lo ti renderia;

Letteratura italiana Einaudi

206

Chiaro Davanzati - Rime

ma poi nollho, richerilo ad amore,


a cui lo desti per la tua follia;

e se mi se oferto servidore,
io non ti voglio per mia villania;
ma quando fosse in servigio donore,
i son certa chassai mi piaceria.

Ma tu mi cheri cosa chio non voglio,


e tu medesmo so ben che lo credi:
dunque lamenda solo il disvolere.

11

Ed uno esempro dicere ti voglio


(se se sentito, pensalo e provedi):
chesser non p amor sanza piacere.

14

96
(V 581 e 754)
13
<MESSERE>
Madonna, a lamor piace, ed i l diletto,
disanza damore fedelmente,
e dunque in disperanza non mi getto,
chio vistho duna pietra solamente

cominciar ponte e venire ad affetto,


ed un voglioso basso esser potente:
ondio medesmo gioia mimprometto
n disperar gi non mi vo neiente;

Letteratura italiana Einaudi

207

Chiaro Davanzati - Rime

ch quando piog<g>ia e l tempo nuvoloso,


in poca dora veg<g>iolo schiarare
e divenire umle ladiroso.

11

Per non vo partir da voi amare,


chamor lo vostro cor p far pietoso
s come ha messo il mio in disare.

14

97
(V 582 e 755)
14
<MADONNA>
Lom pote in s aver tal disanza
chaffanna tutto tempo e non vaviene,
e foria me savesse temperanza
al primo che giungesse ne le pene:

onde la tua mi par vana speranza


voler la cosa che non tapertene,
ch, chi ha l torto, lo chieder perdonanza
inulla guisa nolli si convene.

Ondio non deg<g>io il mio segnor fallire


per nullo altrapiacere o far a grato,
ma sempre mai lo suo onor seguire.

11

Se tu morissi, nonn- mio il pecato,


ma gran colpa del tuo folle ardire
che n s ma]vagio loco tha arivato.

14

Letteratura italiana Einaudi

208

Chiaro Davanzati - Rime

98
(V 583 e 756)
15
<MESSERE>
Madonna, io nonn-udivi dicer mai
che la merz fallisse ad omo ancora:
ed io con cor la chiamo e la chiamai,
non me ne gitto in disperanza fora;

ch, se lamor pec ed i pecai,


lo core messo che sempre vadora
cherendovi perdon sed io fallai,
ch pet so che con voi dimora:

chll dov bieltate e piacimento,


pregio ed onore e modo di savere
ben de merz trovarvi uml talento.

11

Ondio che vamo di fedel volere


piac<c>iavi chio non mora in tal tormento
chio perda il corpo e larma e lo piacere.

14

99
(V 584 e 757)
16
<MADONNA>
Per sodisfar lo tuo folle ardimento
ti voglio alquanto dare di speranza,

Letteratura italiana Einaudi

209

Chiaro Davanzati - Rime

non gi perch mi piacc<i>a o sia n talento,


ma per quetar la tua gran malenanza:

e quel chio ti largisco ed aconsento


chio ti dono alquanta dintendanza,
ch far potresti ben tal portamento
che l tuo mistier mi seria in disanza.

Per propensa a ci che ti bisogna,


ch per merc amor fura lo core
ed entravi s come agua n ispugna:

11

ma chi si scovre, nonn- detto amore,


ch face s come quelli che sogna,
che crede posseder lo suo ricore.

14

QUINTA TENZONE CON MADONNA


100
(V 758)
1
<MESSERE>
Vostro piagente viso ed amoroso,
madonna, mha di s s namorato,
che giorno e notte son di ci pensoso
e s n travaglio, chio non trovo lato

ovio di ci trovar possa riposo,


se da voi, bella, non sono aiutato:
che mi facciate dun piacer gioioso,

Letteratura italiana Einaudi

210

Chiaro Davanzati - Rime

dun bel sembiante che mi sia mostrato,

che vi piaccia tenermi a servidore,


umle, sanza villania volere,
amando voi di cortese amore:

11

e questa vita pi fiami a piacere,


che se del mondo fossene segnore:
credendo a ci non senteria dolere.

14

101
(V 759)
2
<MADONNA>
S mabelisce vostro parlamento
de ladimando, sire, che facete,
che buonamente ci ag<g>io lo talento
in aservare quello che dicete;

ma solo duna cosa ag<g>io pavento:


non sia vertate ci che proferete
damor sanza villano intendimento:
ch, segli vero, certo mi piacete.

E vogliovi tenere in amistate


in quanto piacc<i>a a voi che sia mio onore:
di ci prendete da me sicurtate,

11

salvo che non vi sia villano amore;


e se vi fosse, s ve ne cessate:
non diletate lo meo disinore.

14

Letteratura italiana Einaudi

211

Chiaro Davanzati - Rime

102
(V 760)
3
<MESSERE>
Lo vostro disinore io nol diletto
e no lo dilettai al mio vivente;
e questo verit, ben vimprometto:
ch sempre de lonore fui vogliente,

n quel volere gi mai non dimetto,


ma sempre di servire son cherente
nd altra gioia mai pi nonn-aspetto
ca sol di voi servire umilemente.

E questo in cortesa vi domando,


madonna: chio sia vostro donicato
e nulla altra speranza vo cercando.

11

E di questo mi pare aver fallato,


s alta chesta fare a voi parlando:
non poria per me esser meritato.

14

103
(V 761)
4
<MADONNA>
Assai mi piace, sire, tua acontanza
ed amola e diso fortemente;

Letteratura italiana Einaudi

212

Chiaro Davanzati - Rime

s porgi lo tuo dir con gran pietanza,


che mhai del tuo voler fatta vogliente:

e vo che tu ne prende sicuranza


chio ti diletto ed amo per servente
ed amerag<g>io con pura leanza,
sol che tu guardi al biasmo de la gente:

ch sovente ore vanno indovinando


laltrui talento, per noia donare
a quei che saman di verace amore;

11

quel che nonn- vert vanno parlando:


ondio ti priego deg<g>eti guardare,
s chio veg<g>ia avanzar lo tuo valore.

14

Letteratura italiana Einaudi

213

Chiaro Davanzati - Rime

TENZONI
I
TENZONE CON MONTE
E CON MAESTRO RINUCCINO
(104-108 d)
104
(V 633)
1
Di pic<c>iolo alber grande frutto atendo,
ed in bona speranza mi riposa
chio sono in guerra e pur pace contendo
e guerra far neiente m noiosa;

dal meo guerrero, colpo non difendo,


perchio veg<g>io del pruno uiscir la rosa;
tant lo mio martoro chio marendo,
avegna che la guerra m gioiosa.

Per consiglio a voi, Monte, dimando,


samor per astio cresce inulla guisa
o per pensare, o s servir megliore;

11

o se lusare amor e collui stando


guerra talora se ne fa divisa,
o quale aferma prencipale amore.

14

Letteratura italiana Einaudi

214

Chiaro Davanzati - Rime

104 a
(V 634)
2
MONTE
Di quello frutto onde fai atendo,
se l conquidi per guerra, fai gran cosa,
per chamor egli <n>dha per difendo,
chaltrui d l pruno ed a s tien la rosa;

se tu ricevi il colpo, no riprendo,


cotant la via damor perigliosa;
soferir ti convien morte veg<g>endo,
e chi v preso ancora n essa posa;

e non ti vale, amico, fare arendo,


convien ti paia sua guerra gioiosa.
E tu mha fatto de lamor domando:

11

lo primo nascimento, chi ben visa,


lo vedere, e quel concria amore;
ma l fermamento lo piacere usando,

14

e non si ferma amore in altra guisa,


e questo move ad amare lo core.

16

Letteratura italiana Einaudi

215

Chiaro Davanzati - Rime

104 b
(V 635)
3
MONTE
Questo saria, amico, it mio consiglio:
inver lamore star pur da la larga.
Non vo ti facc<i>a di ci maraviglio,
per che le sue pene a doppio varga;

di tutte laltre fa mag<g>iore apiglio,


sol per un bene cento mal ti targa;
voreb<b>e esser mastro pi che volpiglio
a cui amor mostrasse sua via larga:

cio di gioie, di che amore ripiglio:


tegnol<o> morto in cui amor si sparga.
Per tantha getosia ove sormonta

11

e doglie e pene co n un foco ac<c>eso:


cos guernisce amore e d pensiero.
E vo tu credi questo per lo vero,

14

per che desti mali i sono apreso:


non ab<b>ie voglia de lamor far monta.

16

Letteratura italiana Einaudi

216

Chiaro Davanzati - Rime

105
(V 636)
4
Se per onore a voi grazze rendesse,
porial ben far per ci chi veg<g>io e sento;
ma seria fallo, se lo ver tacesse:
eo lodo, se mia loda crescimento.

Dotto ca non-intesa vaprendesse


al mio domando far rispondimento:
se bene aviso, io creo che dicesse
samor crescea per poco dastiamento,

o se gradire fa guerra guardare,


o fa montar servente ver segnore:
in questo tegno ci chio domandai.

11

Pensate non vinganni lo rimare,


ca lamendare d poi bon atore:
di ci <n>d amendo io non aric<c>o mai.

14

106
(V 637)
5
Bono sparver non prende sanza artiglio,
e chi ben cacc<i>a prender non si larga;
chi dona il cor per un levar di ciglio
uno proverbio chusan quei da Barga;

Letteratura italiana Einaudi

217

Chiaro Davanzati - Rime

quandom per non far guerra n gran periglio,


in gran bonac<ci>a i non v<>i <st>are a larga,
ca per tempesta lu<l>timo consiglio
si de serbare, e l senno in ben si sbarga.
8
Perz chi trova nol si tegna ad onta
i-nulla guisa se fosse ripreso,
perchognom parla per lo suo pensero;

11

ch molti son che sentenzha<n> non conta


se non di con<in>ciar lor dire inceso:
aucel di buono ailar nonn- lanero.

14

106 a
(V 638)
6
MONTE
A fare onor qual omo saprendesse,
lo suo pregio de stare in montamento,
e non mi piace chi l fallo covrisse,
di tale guisa fora il fallimento.

A zo che I vostro detto o <n>tendesse


di quale guisa era il nascimento,
eo non mi parto chio il ver non dicesse
di quel che chiuse il vostro finimento,

e non mingann rima chio vedesse:


non sia ripreso sanza il falimento.
Ma or vi piace altro dimandare,

11

Letteratura italiana Einaudi

218

Chiaro Davanzati - Rime

ch chiude il vostro detto in tal tenore,


che n tal sentenza ancor non mi fermai.
Pensando, s divisato lamare:

14

per astio e per far guerra me l peg<g>iore:


gli altri amanti io non sentenzo mai.

16

106 b
(V 639)
7
MONTE
Lom poria prima cercar tutto il mondo
che l cuor dun uomo a quello che satende:
se del suo affanno amore te nha mondo
e di sua gioia nel tutto taprende,

lo mio consiglio mettilo in perfondo,


chio ti mostrava quello ove me stende
per farti sag<g>io del suo greve pondo:
cos di se medesmo lomo ofende!

Da poi che de lamor tu tieni l fondo,


tegnolo folle chi teco contende.
Ma tegno sia la mia gran maraviglia,

11

ch sofro de lamore pur lo peg<g>io,


ca messo mha in due vie e tiemi fermo.
De lo detto proverbio assai fo schermo:

14

dunque, se per forza d amor mi reg<g>io,


fa torto qual amante mi ripiglia.

16

Letteratura italiana Einaudi

219

Chiaro Davanzati - Rime

107
(V 640)
8
Omo . c auene . a bene . e po sauere
quant<o> . ai dir<e> chiaro . chiaro . jn tuo cor<e> sag<g>io
como . Si uene . e mene . lo ciascire
<jn>canto . ch e suaro . l aro . per oltrag<g>io
4
como . n a pene . mene . e lo spiaciere
canto . cafaro . jnparo . a dur<e> passag<g>io
pomo . di pene . ene . cio e a dire
pianto . se paro . taro . gir<e> pur ag<g>io

<J> trouo chui facie . pacie . po che sente


partte jn male . quale . n_ propone
amor<e> m a preso . meso . pur a scolglio

11

vostro cor<e> faci e . e facie . me gaudente


le uostre cartte . jn artte . la ntenzone
se pur di riso . diuiso . m acolglio

14

108
(V 641 e 776)
9
Lo pensamento fa salire amore
come lo fiato chac<c>ende lo foco,
e lusamento li d gran valore,
ch tene irimembranza quello gioco;

Letteratura italiana Einaudi

220

Chiaro Davanzati - Rime

adastiamento il ben mette n erore


e fa pi caro assai <lo> vile loco;
agradimento fa piacer segnore
ed avanza ed adoppia tosto l poco.

Pensare, usare, astiar tiene <n> membranza,


gradire astringe e guerra fa guardare,
e tutte vanno e per s ciascheduna:

11

lamore in tale guisa sinavanza.


Omai dicete ci cha voi ne pare,
ca l mio domando pi gio nonn-ha alcuna.

14

cos sale lamore e sinavanza


ed io piglio quello che pi mi pare:
servire a grado me di cosa alcuna.

17

108 a
(V 642)
10
MONTE
Del vino greco levatag<g>io sag<g>io,
ma l parlare non ag<g>io ancora conto:
per risposta, amico, non farag<g>io
perch di grande altura fatthai smonto,

ch rinovato mhai novel linguag<g>io;


ben ti puoi rimaner di tale sconto;
s onor caduto, ondio tavea per sag<g>io?
Ch mi credea il tu dire avesse monto;

Letteratura italiana Einaudi

221

Chiaro Davanzati - Rime

e l tuo dimando eo per nulla ag<g>io:


ne lo fenire perdi nel buon punto,
ch lasci il pieno ed hai presa la crosta:

11

cos hai porto il tuo parlare invano


di ci cha lo dirieto mi mandasti,
ca di nulla sentenza non usasti.

14

Non vidi mai cos detto <i>strano:


divisata coverta fattha rosta.

16

108 b
(V 645)
11
MAESTRO RINUCCINO
Tu che di guerra colpo nonn-atendi
e vivi pur ad amorosa spene,
questo consiglio, se ti piace, intendi,
chad ogni dritto amante si convene:

lo male e l ben con ubidenza prendi,


piacere e dispiacere, e noia e pene,
e pur con soferenza ti difendi.
Lo scudo leva quando il colpo vene,

ch contro a fino amor non val difesa


n guernigione alcuna n fortezza,
cassuoi colpi non hanno provedenza:

11

per se lamorosa via hai presa,


lumilitate ti por n altezza
ed averai damor dritta sentenza.

Letteratura italiana Einaudi

222

Chiaro Davanzati - Rime

108 c
(V 644)
12
MAESTRO RINUCCINO
Se l ner non fosse, il bianco non saria,
n l ben per mal non perde benenanza;
ma ci chelluno a laltro contraria
ciascun ne cresce in forza per usanza.

Sombra non fosse, il sol no luceria,


n di splendor non avriano acordanza;
dunque i contradi tegnon questa via:
chapresso posti cresce lor baldanza.

Perci lamor piacere e noia porta,


ca si nodrisce e ferma in piacimento,
ma, se di noia sac<c>ende, pi gradisce:

11

adunqua vedi peragione acorta


perch n amore fanno acordamento
piacere e noia, e lun laltro seguisce.

14

108 d
(V 643)
13
MAESTRO RINUCCINO
Amore ha nascimento e fiore e foglia,
poi ven lo frutto ch lungo aspetato;

Letteratura italiana Einaudi

223

Chiaro Davanzati - Rime

piacer gli d esenza, fior in doglia


ed inoiosi affanni poi ch nato;
con guerra pace par che n esso acoglia,
e l mezzo da la fine varato:
perz chi vive n amorosa voglia
di due contrari veste per usato.
Amor con pace vene e cresce in guerra,
come per agua fred<d>a monta foco;
ma lamorosa guerra vuol misura:
dunque, se la mia mente non < n> erra
amor di guereg<g>iare ha tempo e loco,
ma in piacere ritorna per natura.

TENZONE CON PACINO


DI SER FILIPPO ANGIULIERI
(109-113)
109
(V 670)
1
Lalta discrezone e la valenza
di voi valente facemi voglioso,
avegna chio coninzi con temenza
ca non vi paia il mio cheder noioso:

ma uso al savio che spande semenza


nel folle, perchavegna argomentoso;
ed io comaltri sono a differenza,
udendo dire allom, quand amoroso:

Letteratura italiana Einaudi

224

Chiaro Davanzati - Rime

Ahi Deo damor, merz ag<g>e e pietate!;


de le suo pene ciascun si richiama,
ac<c>ertando che Dio lamore sia.

11

Ed io ve nadimando veritate,
segli o no cos como si chiama,
ch la certezza in ci saver voria.

14

109 a
(V 671)
2
PACINO
Cortesemente fate proferenza
del vostro dir piacente ed amoroso,
ondio malegro, s forte magenza:
ch fortemente son stato pensoso

ed verace e certa mia credenza,


ed ineiente non ne son dottoso,
che n voi regna savere e canoscenza:
per alquanto son maraviglioso

de lo dimando, amico, che mi fate,


poi tra la gente n aperta fama
che Dio damore nonn-ha segnoria;

11

ed io vi dico la mia volontate,


che quate amante pi coralmente ama
n dicer ci n creder non dovria.

14

Letteratura italiana Einaudi

225

Chiaro Davanzati - Rime

110
(V 672)
3
Vostro consiglio chaudo asai mabella,
ch so che n fede lo mavete dato,
secondo chio vi dissi la novella,
per consigliarmi con sotil pensato:

ma la sentenza, nonn-ispero n ella,


perchio ridotto non voi siate errato;
come l nochier che smarisce la stella
navica con temenza al tempestato,

cos credo che lerro simigliante


<in voi> sia nato per ismarimento
daltro pensiero che vi stringe avante:

11

chamore Dio, e Dio fermamento:


dunque chi crede sue vertute tante,
chi chiama Dio damor, non ha pavento.

14

110 a
(V 673)
4
PACINO
Ben trae a segno ta vostra marella
comomo chaltre volte n usato;
tutora aprende chi con voi favella,

Letteratura italiana Einaudi

226

Chiaro Davanzati - Rime

s siete di parlare amaestrato;

se l vero usare da voi si rubella,


so che l soperchio damor vha ingannato:
ch quale Dio damor crede od apella
parmi da veritate svarato.

E n ci non erro, ma erra lamante,


qual quelli ched ag<g>ia intendimento
ca Dio damore sia segnore stante

11

o che sua forza ag<g>ia valimento:


casselli fosse Dio vero posante,
illui nonn-averebbe fallimento.

14

111
(V 674)
5
Quando larciere avisa suo guardare,
fallo per ben colpir dirittamente,
poi, selli falla, nonn- da laudare,
se l colpo nonn-ag<g>iunge veramente;

cos del sag<g>io per troppo parlare


aven cha dritto nonn- conoscente,
poi si ritorna il senno a non-pregiare,
s chal di poi <dis>parlane la gente.

Cos, valente, lo pensier vi fura


damor sua segnoria e ntendimento,
chamore e Dio tutta una figura:

11

Letteratura italiana Einaudi

227

Chiaro Davanzati - Rime

se ci non fosse, non fia salvamento;


amar convien, chi valentia vol pura.
Dunque damore Dio fue nascimento.

14

111 a
(V 675)
6
PACINO
Larcier chavisa per pi dritto trare
i l<o> ne lodo assai ne la mia mente:
poi che pur falli, nonn- da blasmare
come quei chessafretta per neiente;

e peragione de omo sperare


che quelli che n trarre troppo corente
pi tosto falla l ove crede dare:
credo chavene voi similemente.

Tutto che siate di sag<g>ia natura,


errar vi face lo non-pensamento
che Dio verace ha sua propia statura

11

ed di ciascun bene il compimento;


ma gi del vano amor non mette cura,
ca pi disama chami per un cento.

14

Letteratura italiana Einaudi

228

Chiaro Davanzati - Rime

112
(V 676)
7
Assai vho detto e dico tuttavia
<se mintendete non sacc<i>o neiente>
chamore Dio e Dio la sua via:
e voi ve ne mostrate discredente.

Amore insegna altrui la cortesia,


e chi non vale s lo fa valente;
da s diparte orgoglio e villania
chi donato a fino amor servente.

Dunqu segnor con tanta libertate


chellomo segnoreg<g>ia e dona pregio;
s potem dire: illui deitate.

11

Lo confessare a me no mi dispregio
ch quegli sag<g>io chusa veritate:
or provedete ben ci ch valegio.

14

112 a
(V 677)
8
PACINO
Io so ben certo che si pu trovare
in det amor verace e vero;

Letteratura italiana Einaudi

229

Chiaro Davanzati - Rime

per che regna ilLui sanza mancare


perfettamente, secondo chi spero:

ma gi con Do nonn-ave che fare


quel vano amore ch l vostro penzero
chag<g>iunger non si pu sanza pecare
perch volere di carnal mestero.

E dunque, com vostro intendimento


che regni in det simile amore
ch generato di carnal talento?

11

Tacetelo di dir per vostro aonore,


chal vostro pregio gran dibassamento
trovarsi in voi s aperto erore.

14

Partire voglio ormai di questo gioco,


poi chio vho detto assai del mio parere
e nteso ag<g>io da voi il vostro volere:
la verit rimagnasi in su loco.

18

113
(V 678)
9
Da che savete, amico, indivinare
ci ched io penso dentro dal mio core
tutto mavete fatto trapensare
cad io non sacc<i>a, o voi ne siete fore:

ch vanit gi non pote regnare


in quella parte ovabita lamore:

Letteratura italiana Einaudi

230

Chiaro Davanzati - Rime

misura e senno cosa da pregiare,


orgoglio e villania rendengli ardore.

Ch l Padre mise prima amor nel Figlio


e poi gli diede deit amando:
Di vanit, gli disse, non far piglio,

11

e quei seguio perfetto il suo comando.


E l Guagnelista dicene consiglio
chamore e Dio sono n uloco stando.

14

Rispondo a ritornello
ch n su logo ragione:
la sentenza no apello
ma vada so<r>gozzone.

18

TENZONE CON MONTE ANDREA


(114-114 a)
114
(V 690)
1
Ben hai memora e scenza divina
a tale corso, amico, se coretto:
ch molto da laudare tua dotrina
tal argomento porti fra lo petto:

ch vi prender damor la via latina


e cessar morte verso suo progetto:

Letteratura italiana Einaudi

231

Chiaro Davanzati - Rime

chi non nato a simile distina


si par che svari di cotale detto,

chal primo nascimento como vene


di pianto con doglienza fa sentore
e di presso atendomo alegrare:

11

la cara cosa aquistasi con pene,


se ntra le care si pu dire amore:
dunqu valenza sua pena portare.

14

114 a
(V 691)
2
MONTE
La vostra lauda nver me tanto fina
cha voi grazze mai render non dimetto;
coreg<g>e l meo labor pungente spina,
per che del vostro consiglio son netto:

ma l corpo e l core e larma mia tapina


in tutt fuor dogni verace affetto:
e cui distringe amore in questo inchina;
tener sua via non vha altro diletto.

Certo non credo sia mai pi roina


ched lamore, cui ha ben distretto;
poi che<lli > nato, pur sormonta, e tene

11

gelosia, affanno e mortale dolore:


dal prencipio a la fine questo apare;

Letteratura italiana Einaudi

232

Chiaro Davanzati - Rime

caro acatta chi n su tal punto vene:

14

fuor di s, e quanto vale onore


per degna cosa non sa giudicare.

16

IV
TENZONE CON MONTE ANDREA
<115 a-115>
115 a
(V 768)
1
MONTE
S come ciascun om pu sua figura
veder, lo quale ne lo speglio smira,
similmente voria ca per natura
dognom, l ove sua opera tira,

o n bene o n male, si cernisse pura,


guardando in viso; poi saria fuor dira:
ch chi riprend e falso a dismisura,
esendo ci, tosto se ne partira.

Da che l contradio pur nel secol dura,


vada in perfondo quanto il mondo gira:
cad io non ci conosco pi rimedio,

11

poi chastio e nvida ed orgoglio e male,


chi pi vafina, quegli n maggior sedio;
montar si crede in segnoria reate.

14

Letteratura italiana Einaudi

233

Chiaro Davanzati - Rime

Cos fosse oggi ci ched io concedio,


e l ciel tenesse la via altretale.

15

115
(V 769)
2
Come l fantin ca ne lo speglio smira
e vede a propiet la sua figura,
s gli abelisce, di presente gira,
parte per quel veder da s rancura;

vole pigliare, per trarersi dira,


non val neiente a contastar paura;
prende lo speglio e frangelo per ira:
alora adoppia pi danno e arsura.

E ci divien, ch l concedette Dio,


e rend tutte cose in temporale,
e noi dalLui le prosediamo in fio.

11

Dunque chi vole contro ad animale


che fu ed e fia, como di rio
sar blasmato, rimprocciandol male.

14

Letteratura italiana Einaudi

234

Chiaro Davanzati - Rime

V
TENZONE CON MONTE ANDREA
(116 a-116)
116 a
(V 770)
1
MONTE
Lo nomo ca per contradio si mostra
a dritta mostra, secondo chi odo
(vo mac<c>ertir de la potenza vostra),
sed egli in vostra guida, tanto lodo.

In vanitate il folle spesso giostra:


soprendo giostra eo di tale modo;
la generaz<>one umana nostra
natura nostra, ch l folle fa nodo;

lega s e turba co<me> mar a lostra:


poi tra lo strale il sag<g>io ch disnodo:
cos ciascun conven che maestro ab<b>ia;

11

val poco lab<b>iadi bie<l>tate chag<g>ia:


chello non cag<g>ia, ci no lamaestra.
Uno volere n me che mo madestra:

14

saver chadestra fin pregio e lo sag<g>ia.


Saver vasag<g>ia che di ci mi scab<b>ia.

16

Letteratura italiana Einaudi

235

Chiaro Davanzati - Rime

116 b
(V 771)
2
MONTE
So<l> volont mi porta sio folleg<g>io,
e poco senno, ch ne son dischesto,
ed ancor molto male chio posseg<g>io:
ma chi l senn a<ve>, colui richesto,

che per usanza amico tutor veg<g>io:


chi non sa si riduce a buon maesto,
ed io per me di tal voler mi reg<g>io:
ed aprendeami a voi di saver questo:

quel che sormonta e mantene in seg<g>io


fin pregio, e a ci volere s aresto.
Damaestrarmi in ci non v agradito,

11

lo qual mi credo sia sol per disdegno


pensando voi chi sia nel tutto aunito:
ma chi posiede in s alt<er>o regno

14

com fate voi, secondo chag<g>io audito,


no l de celar, ma di rispondr degno.

16

Letteratura italiana Einaudi

236

Chiaro Davanzati - Rime

116
(V 772)
3
Certo io vi dico in pura veritate
chio feci impiutamente la mbasciata
la qual mi deste, e dissigli in bontate
di quella chesta de laltra fiata.

Mostr talento di vostra amistate,


ma di risponder fattha sua giornata;
donvi pregio di grarichitate,
di gran saver chavete per usata,

ma l suo ricor tiene ancora amassato:


in anno in anno dona in temporale,
e tene e vole tutto suo trovato;

11

ma nominanza aver non vol corale;


quello che dice vol tener celato:
dotta che l vostro saver lo suo sale.

14

Letteratura italiana Einaudi

237

Chiaro Davanzati - Rime

VI
TENZONE CON SER CIONE
(117-117 c)
117
(V 773)
1
Io vo sanza portare a chi mi porta,
e porto amore ed io non son portato;
non dico nulla ed ho la lingua acorta,
sio dico nulla, s son ripigliato;

ed ho il cor vivo e la persona morta,


e non son preso e trovomi legato;
anzi chio mova, grido e sto a la porta,
e non veg<g>endo, sono inamorato;

e son menato e sto tutora iloco,


e servo son damor veracemente,
e vo parlando con quei che mi mena;

11

e son ne laqua ed ardo tutto in foco,


e sio guadagno, trovomi perdente:
ser Uguic<c>ion, vedete segli pena.

14

Letteratura italiana Einaudi

238

Chiaro Davanzati - Rime

117 a
(V 774)
2
SER CIONE
Al tempestoso mar lo buon conforto
conduce l marinaro a la speranza;
ch mante fiate lomo a rio porto
ch sbigotisce, e quest la perdanza;

<e> chi per lo pensiero preso e morto,


la buona udienza donali alegranza:
per voi lo dico, dottori, ch torto
cha me non date in vostro dir baldanza.

Ch questo l sag<g>io pregio ed insegnato:


chi n altura e nora suo minore
par che si mova da gentil corag<g>io;

11

e la leg<g>e lo mostra in suo ditato:


la cosa che non danna e fa valore,
nullo pensier vi de esser salvag<g>io.

14

117 b
(V 775)
3
SER CIONE
Grazza ed alegrezza insiemormente
som<m>a di graricore ha n potestate;

Letteratura italiana Einaudi

239

Chiaro Davanzati - Rime

farne due parti, megtior veramente


non so qual sia <n> chag<g>ia pi bontate:

chavere omo alegrezza in core e n mente


certo la tegno grande richitate,
ed essere ingrazzato infra la gente
molt gran cosa ed anche in detate.

In erro son di queste due vertute,


se son partute, e lo primho ratento:
e lo talento avria esserne certo;

11

e le cu lode son meglior tenute


o son credute pi per sapimento,
dimandamento fo, chi n pi sperto.

14

117 c
(V 777)
4
SER CIONE
Consiglio bene chi si d ad amare
<che> guardi prima a ci chelli savene,
e non sadiri, prima che l penare
sormonti illui, o biasimi le pene:

ch lira folle per isconfortare,


e quegli amante che doglia sostene:
per umilf si pu amore aquistare
co la merc: unque altro non convene,

Letteratura italiana Einaudi

240

Chiaro Davanzati - Rime

se non essere umle e disoso


ed astetar con molta dubitanza
e far piacer, chunque lo domanda.

11

Cos potomo divenir gioioso,


chamor nonn- se non pur disianza:
da que ch amato tamador lo manda.

14

VII
TENZONE CON PACINO
DI SER FILIPPO ANGIULIERI
(118-118 a)
118
(V 791)
1
Imparo m pervenire a lamore;
amor mi pinge, s ched io non paro;
imparo getto, sio penso lamore;
amor mi prende comAlna Paro.

Saparo, no ritegno, perchamore


damor nasce: si ho be<n>, bene sparo.
Raparo a la contrada l ov amore:
amor mi scaccia, s chio no vaparo.

Vorei no amar n poter dire: i amo,


chAdamo fu ngannato per amare;
me sono amare tutte gioie, se amo;

11

Letteratura italiana Einaudi

241

Chiaro Davanzati - Rime

com pesce ad amo od omo rotto a mare


damar la fortuna. Di cui amo
si nho amo, valente, che ten pare?

14

118 a
(V 792)
2
PACINO
Imparo sempre condizion damore;
damor son pi ched in vista non paro;
non paro credo aver servo damore:
damore amare eo pur sono for paro,

e paro di color mi tene amore,


chamor tormenta senza alcun riparo;
gi paro non fo contra de lamore:
samor mi colpa, pur lo scudo paro.

E pur amare vo quella cui amo,


chad amo mave s preso lamare:
pi chaltro amare lei diletto ed amo.

11

Poi ched io amo voi di bono amare,


damar consiglio che mbochiate lamo:
in camo detto vho quel che mi pare.

14

Letteratura italiana Einaudi

242

Chiaro Davanzati - Rime

VIII
TENZONE FRA MONTE E SER CIONE,
SER BEROARDO, FEDERIGO GUALTEROTTI,
CHIARO, MESSER LAMBERTUCCIO
FRESCOBALDI
(119 a-119)
119 a
(V 882)
1
MONTE
Se ci avesse alcuno segnor pi campo
che speri di volere essere al campo
con que cha l giglio ne lazzurro campo,
quanto li piace e vuol prenda del campo

e l ove pi li agrada tenda il campo


e lo fornisca auro pi chagua cha n Po:
di s n di sua gente non fia campo,
se non come contro a leone can p.

Tal frutto rende e render suo campo,


chi sementa, perche non dice: i campo,
ma sempre ver li suoi nemici ha cor so,

11

e gi no stanca n riman nel corso:


lo ver cernisce, com ciascuno corso.
Palamidesse, chal Merlin dai corso,

14

saltro ne speri che quello chor so,


cerniscilme, ch gi non so locorso.

16

Letteratura italiana Einaudi

243

Chiaro Davanzati - Rime

119
(V 886)
2
Con adimanda magna scienza porta
mavete, amico, per <i>scritta porta,
di quei che ne lazzurro giglio porta:
venut al campo segnor che lo sporta,

ch lo profeta Merlin ne raporta;


vermiglio il campo, lagulia i<n> su porta
ha doro que cha aperta gi la porta
e de la mpresa molto si diporta;

e dice che ver di qua da Po,


ed ancor pi, ch ne dimostra po:
ver lui nesuno contastar no p.

11

Concede il Papa e laltro non disp:


per forza frange s che Carlo po
del campo poco tener per suo p.

14

Letteratura italiana Einaudi

244

Chiaro Davanzati - Rime

IX
TENZONE CON DANTE <DA MAIANO?>
<120 a-121>
120 a
1
DANTE
Tre pensier aggio, onde mi vien pensare,
ed hovvi inctuso tutto l mio sapere;
e ciaschedun per s mi d penare,
communemente fannomi morere.

Luno mafferma pur chio deggia amare


la bella a cui donato aggio l volere;
ed io l consento, e no l voglio obliare,
ch non potria senzello gioia avere.

Negli altri due non so prender fidanza:


lun meco ardisce e fammi coraggioso
chio damor<e> richieda la mi amanza;

11

laltro mantiene il cherir temoroso.


Ondio ti prego, Chiaro, per tua orranza,
che mi consigli del men dubitoso.

14

Letteratura italiana Einaudi

245

Chiaro Davanzati - Rime

120
2
Per veresperenzia di parlare
sento chavete nello cor podere
di signoria damore desiare
e desser servo a donna con piacere;

per che le tre nomate cose, pare,


le due dottando, fannovi dolere:
ma ci facendo vien da fermo amare,
chamor non fora bon senza temere.

Per consiglio vostra desanza


metter avanti ci, che, l cor voglioso
servendo, richiedesse vostramanza:

11

ch nulla for<a> di cor s orgoglioso,


sun suo servent pien dumilanza,
che l cor suo non fa<ce>sse piatoso.

14

121 a
3
DANTE
Gi non magenza, Chiaro, il dimandare,
ma che magenza amare e non cherere
ch nullo uom deve sua donna pregare
di cosa che pu lei danno tenere,

Letteratura italiana Einaudi

246

Chiaro Davanzati - Rime

ma desoso nel deso stare


dora damor, e in ci mai permanere
ch lo desio fa luomo megliorare,
che l pi malvagio isforza di valere;

e quel che viene in su la dilettanza


di valer non mai s desoso:
perci in cherir non fermo mia speranza.

11

Ci prova augel che pi canta amoroso:


si vien che compia la sua desanza
s <n>d l cantar, che sembia altrui noioso.

14

121
4
Se credi per beltate o per sapere
la donna chami sia damor s accesa
chella ti dica s senza cherere,
di ci chi ho ditto mi puoi far ripresa;

e sel ti piace pur star a vedere,


non faccio a ci chai detto mai contesa;
ma era mia credenza fermo avere
chamassi, come gli altri, a buona attesa,

credendo, per merc capere in essa


o per servire, che facessi tanto
che lei, cherendo, fussi daver degno:

11

ch buona donna Dio sne demessa,


lamanza duom carnal di tal planto;
a nullaltra lamor non <n> disdegno.

14

Letteratura italiana Einaudi

247

Chiaro Davanzati - Rime

X
TENZONE CON DANTE DA MAIANO
<122 a-122>
122 a
1
DANTE DA MAIANO A DIVERSI COMPOSITORI
Provedi, saggio, ad esta visone
e per merc ne trai vera sentenza.
Dico: una donna di bella fazzone,
di cui el meo cor gradir molto sagenza,

mi fe duna ghirlanda donagione,


verde, fronzuta, con bella accoglienza;
appresso mi trovai per vestigione
camicia di suo dosso, a mia parvenza.

Allor di tanto, amico, mi francai


che dolcemente presila abbracciare:
non si contese, ma ridea la bella.

11

Cos ridendo, molto la baciai:


del pi non dico, ch mi fe giurare.
E morta, ch mia madre, era con elta.

14

Letteratura italiana Einaudi

248

Chiaro Davanzati - Rime

122
2
Amico, proveduto ha mia intenzione
a ci che mi narrasti per tua scienza:
saggia la mi porgesti per ragione,
ma non ne so ben trar vera sentenza.

Intanto che ti di, mi par cagione


a lo tuo cor di g<i>oia e di plagenza;
prendesti, seguitando il parpiglione:
la spera per piacer non ha <n> temenza.

Cos facesti a lei per dolzi rai,


quando avis col suo dolze mirare
che fu crarore <a> te pi che di stella:

11

verr di fatto, samor siguirai.


Di tua madre ti guarda da pensare,
chaltra tua cosa savverr con ella.

14

Letteratura italiana Einaudi

249

Chiaro Davanzati - Rime

RIME DUBBIE E ATTRIBUZIONI


D. 1 a
1
Chi giudica lo pome ne lo fiore
e non sa di che lbore s nato,
non sa che lape dinanti ha dolzore
e dietro porta lago avelenato,

n che lo foco ag<g>ia in s catore


veg<g>endolo lucente ed ismerato.
ma se provato avesse lo suo ardore,
belli paria del viso tracangiato.

Similemente quelli che mprimero


per sleal simiglianza disse amore,
non seppe qual si fosse il compimento;

11

ma se provato avesse com fero


avreb<b>e detto che fosse amarore
ed ogni fior fosse sanza aulimento.

14

D. 1
(V 680)
2
Disidero lo pome ne lo fiore
<per>ch conosco llbore ond nato;

Letteratura italiana Einaudi

250

Chiaro Davanzati - Rime

nonn-ha semblanza dape fino amore,


non avelena lomo namorato;

e nonn-ave lo foco in s dolzore


come lamor cu lhai asimigliato:
tu hai openon di granderore,
s come mostra lasempro chai dato.

Chi nonn-ha de lamore sperienza,


gi de lamore briga non si dea
e con fini amador nonn-ag<g>ia intenza,

11

ch n tut<t>e parti il piato perderia


e non poria apellar de la sentenza,
se ne domandi Pramo e Tisbia.

14

D. 2 a
(V 681)
3
Conosco il frutto e l fiore de lamore
e saccio sua natura e dond nato
e posso giudicar lo pome e l fiore,
ch sono in tal natura naturato:

e saccio ben che amoroso dolzore


non nasce danimale avelenato,
e dotcemente incende il suo calore:
per zo lo dico chellag<g>io provato.

Molt contrarosa simiglianza


da quel che dolze rende sanzamaro

Letteratura italiana Einaudi

251

Chiaro Davanzati - Rime

a quel ca di ciascunha misticanza.

11

Acatta lo mercato molto caro


lom che di mercatar nonn-ha intendanza,
ca per lo do<l>ze compera lamaro.

14

D. 2
(V 682)
4
Di penne di paone e daltre assai
vistita, la corniglia a corte andau;
ma no lasciava gi per ci lo crai,
e, a riguardo, sempre cornigliau;

gli aucelli, che la sgurdar, molto splai


de le lor penne, chessa li furau:
lo furto le ritorna scherne e guai,
ch ciascun di sua penna la spogliau.

Per te lo dico, novo canzonero,


che ti vesti le penne del Notaro
e vai furando lo detto stranero:

11

s co gli agei la corniglia spogliaro,


spoglieriati per falso menzonero,
se fosse vivo, Iacopo notaro.

14

Letteratura italiana Einaudi

252

Chiaro Davanzati - Rime

D. 3
(V 358)
Non saccio a che coninzi lo meo dire,
di s gran gioia face movimento,
ca per un cento de lo meo servire
ho ricevuto doppio pagamento;

a pena pote il mio cor soferire,


tanto gli abonda fino piacimento,
a dimostrare como il meo disire
ha di tutta alegrezza compimento.

E tanto inanzi dire non poria


quanto mi tegno sovrameritato,
membrando il giorno chio veb<b>i in balia

11

ed i vi presi ci che mi fu a grato,


abrac<c>iando e baciando, donna mia,
lo vostro chiaro viso inamorato.

14

D. 4
(V 359)
Non me ne maraviglio, donna fina,
se ntra lalt<e>re mi parete il fiore,
o se ciascuna bieltate dichina
istando presso del vostro valore:

ca la stella chapare la matina


mi rasomiglia lo vostro clarore;

Letteratura italiana Einaudi

253

Chiaro Davanzati - Rime

com pi vi sguardo, pi mi <si> rafina


lo vostro dritto natural colore.

Ondio credente sono, ogni fata


chio bene aviso vostra claritate,
che voi non s<i>ate femina incarnata,

11

ma penso che divina maestate


a semiglianza dangelo formata
ag<g>ia per certo la vostra bieltate.

14

D. 5
(V 360)
Donzella gaia e sag<g>ia e canoscente,
in cui dimora tutora ed avanza
bont e senno e valore valente
e bielt tanta, chio credo in certanza

che Dio co le suo mani propiamente


formasse voi dangelica sembianza,
ch non si truova tra lumana gente
bielt nesuna a vostra somiglianza;

e qual quella che pi bella pare,


istando di voi presso (chi ci vede,
mirabil cosa sembra), s dispare.

11

Ondio son tutto in <la> vostra merzede:


potendo vostro servo dimorare,
pi paradiso lo mio cor non crede.

14

Letteratura italiana Einaudi

254

Chiaro Davanzati - Rime

D. 6
(V 361)
Lo <mio> folle ardimento mha conquiso,
che mi tramise ad essere servente
di voi, avenente ed amoroso viso,
per cui sospiro e doglio spessamente.

Ubrar non vi posso, ci m aviso,


s mha vostro bellor fatto ubidente:
cos a voi mi son dato e d, priso
per forza di bellezze veramente.

Ch similmente vostra gran bieltate


seguir mi face la folle natura
del parpaglione che fere lo foco,

11

ch vede illui s grande chiaritate,


che girando si mette n aventura,
ovha morire credendo aver gioco.

14

D. 7
(V 362)
Gentil e sag<g>ia donzella amorosa
in cui tutto bono insegnamento,
la vostra cera angelica gioiosa
som<m>a dafinato compimento:

adunque ben certo degna cosa,


da poi chavete ognaltro valimento,

Letteratura italiana Einaudi

255

Chiaro Davanzati - Rime

che ver di me non siate disdegnosa:


mercede ag<g>iate de lo mio tormento,

s cheo non pra, dolze amore meo,


ch ne dibasseria lo vostro stato
in questo mondo ed ancora apo Deo:

11

e certo prender ve ne de pecato,


ch saracino non son n giudeo,
ma vostro fedel servo dimorato.

14

D. 8
(V 363)
Qualunque donna ha pregio di bieltate
consiglio che da voi, bella, si guarde;
che non vegna a lo loco l ove siate,
ca se ci vene, non fia chi la sguarde.

Come candela ha pic<c>iola chiartate


a gralumera, quando apresso larde,
cos laltre vi sono asomigliate:
per di starvi apresso son codarde.

Qualunque bella donna vi cortea


sa ben che non ha pregio l ove sete,
ma non si pu tener che non vi vea:

11

le donne come gli omini ferite,


e voi medesma fer e inamorea
la vostra cera, quando la vedete.

14

Letteratura italiana Einaudi

256

Chiaro Davanzati - Rime

D. 9
(V 364)
Tanto sono temente e vergognoso
a tutte lore chio vi sto davanti,
che non dico laondio son disioso
e non mardisco pur di far sembianti;

asai fiate mi movo corag<g>ioso


di dirvi, come dicon gli altri amanti:
poi chio son nanti a voi, viso amoroso,
li miei pensier di parlar sono afranti.

Cotant la temenza che mabonda


di voi, madonna, chio non vi dispiacc<i>a,
che mi ritegno e non dico neiente:

11

e lo tenere par che mi confonda,


chassai pi temo la vostra minacc<i>a
che laltrui ferita<te> duramente.

14

D. 10
1
Si fussi andanico e l cor di diamante
e di cuoio di balena il vestimento,
a non poder soffrir pene <co>tante
s dovre giovar consumamento,

ch nonn- al mondo cosa s pesante


chi no gli truovi contro amovimento;

Letteratura italiana Einaudi

257

Chiaro Davanzati - Rime

ma non porrie contar n dire quante


si<en> pur le mie gran pene ello tormento;

e per parto dacci mia ntenzione,


chffar no ne porrie conto n dire
n per sembianti farne dimostranza:

11

masse llamor vi movesse piatanza,


volendo amme lo core e li oc<c>hi avrire,
alquanto ve ne scuopre mia fazione.

14

D. 11
2
Dacch parlar non possovi celato,
cantando vi diraggio mio volere,
cherendovi merz che vi sie grato
secondo mie gran pene provedere:

chsson per voi in s gravoso stato,


chapena posso vita sostenere;
piango, sospiro, doglio e sto infiammato
del vostro amor, che tanto m n piacere

chogni altro cho ver vo mi par nente,


cotant in vo biltade e cunoscenza,
in tutte membra gaia ed avenente:

11

ch di Morgana avete la scenza


e dElena bellezza al mio par<v>ente:
ben dimostr Dio in voi la sua potenza.

14

Letteratura italiana Einaudi

258

Chiaro Davanzati - Rime

D. 12
3
S come l sol che tra laltura passa
e sempre alluma sua clarita spera
e nver di noi giammai nente abassa
ed nel mondo de li occhi lumera;

cos vo siete dogni belt massa


e di valor sovrogni donnaltera,
s che di voi guardar nessun non cassa,
l dovappare vostradorna cera.

Ed eo, lasso, guardando nnamorai,


ch mmi discese al cor vostra figura
per li occhi, come ven dal sol li rai

11

e sempre di piacer nodrisce e dura:


ondeo damor non mi lamento mai
per pena chio ne senta o per rancura.

14

D. 13
4
Non credo al mondo pi <gran> gioia sia
che fermamente per amore amare
ed acquistar di lui la signoria
e pi dogni altra cosa disare;

Letteratura italiana Einaudi

259

Chiaro Davanzati - Rime

ondi chesson donato in sua balia


lo dico, perch verit mi pare;
per chi segue lamorosa via
di lui pensando deggiasi allegrare:

chamore gioia somma di <om> valente,


e chi damor non sente nulla vale
e quello alto ch di lui servente;

11

lo nnamorato vol gire sanzale:


quando li mmembra di sua gioia piacente,
non crede avere al mondo alcun<o> male.

14

TENZONE TRA PACINO DI SER FILIPPO


E UN ANONIMO
D. 14
(V 793)
5
Lo nome a voi si face, ser Pacino,
chavete, e megliorar non si poria,
ch noi vedemo il mondo andare al chino
perch la pace nonn-ha segnoria:

in gran boce venuto l ghebellino,


onde la terra abissar ne dovria,
ch morto e divorato hanno il giardino,
da poi che venne ne la lor balia:

Letteratura italiana Einaudi

260

Chiaro Davanzati - Rime

clte ne son le rose e le viuole


ed vi nata cota e coreg<g>iuola.
Certo ben credo vi paia pecato;

11

maraviglia mi fo, se non vi duole


di quei che vivon dimbolo di suola
ed han fatto ciascun di s casato.

14

D. 14 a
(V 795)
2
PACINO
Lo mio risposo invio a lo camino
l dove siete per la dritta via
a voi cha sumiglianza del Merlino
parlate sag<g>io, a la scienza mia;

e, credo, grazze del Segnor divino


avete di trovare maestria.
Sac<c>iate chamor mave s n dimino
chognaltra cosa nho messa in obria;

di parte non travaglio, ch non vuole


amor, che mha nodrito a la sua scola,
chassai ne poria dir per lungo stato;

11

e del passato tempo chesser suole


e del presente lo cor mi simbola,
quando di dire mi venisse in grato.

14

Letteratura italiana Einaudi

261

Chiaro Davanzati - Rime

D. 15
(V 794)
3
Auditho dire che mante persone
credon veracemente al distinato,
per chio rinuovo mia intenzione
di ci cha lo prencipio fue formato;

cho non trovo incontro a la ragione


perch lo detto lor non sia aprovato;
a me medesmo nat una cagione,
chio so per certo chio non sono erato:

e dunque, sargomento alcuno avete


che contro al distinato voglia dire,
io sono aparechiato a la dife<n>za.

11

Il mio nome per scritto non vedete,


ca per temenza nol vi fo sentire:
se ndovinatel, tenete credenza.

14

D. 15 a
(V 796)
4
PACINO
Poi chio son tutto a la giu<ri>dizione
damore, a cui sog<g>etto son donato,
ellui non piace facc<i>a risponsione

Letteratura italiana Einaudi

262

Chiaro Davanzati - Rime

a ci che voi mavete adimandato,

vo che vi piaccia che disfinigione


ne facc<i>a un od altro in chericato,
challoro si convene esta tenzone;
cad io non son di ci amaestrato,

ma sono dato, s como intendete,


e messo tutto in amore servire
<con> corpo, core, senno ed iscienza;

11

e se ntramet<t>er tenzon mi volete


damor che fa li suoi amanti gioire,
chiudete in un sonetto vostra intenza.

14

D. 16
(V 799)
5
Amore mha s vinto e ricreduto
che ben non so che sia del giorno unora,
e s coralemente mha feruto
che chi l savesse naveria rancura;

ed hami in questo tanto <ri>tenuto


cha contare saria una smisura;
avuto nonn-ho dallui altro aiuto,
se non ci chio vi conto pe scritura:

ondio vorei consiglio a questo fatto


da te, Pacin amico, co sapiente,
e mandalomi a dire ad ogni patto:

11

Letteratura italiana Einaudi

263

Chiaro Davanzati - Rime

di quella cosa, che m s cocente


che da la gente son tenuto matto,
sed io mi parto sia pur lui tenente.

14

D. 16 a
(V 800)
6
PACINO
Io vag<g>io inteso, poi che v piaciuto,
a ci chavete detto, e posto cura:
rispondovi, poi che ne son tenuto,
secondo che conosce mia natura:

<e> dico che lamore ha conceduto


assui amanti pena forte e dura
per mag<g>iormente merito compiuto
dare a colui cha bene fede pura;

e dunque quei che serve a questo patto


non de sentir che sia pena neiente,
atendendo di far s ric<c>o acatto:

11

perci consiglio che siate ubidente,


damor servire non faliate tratto,
ch guicterdon navrete certamente.

14

Letteratura italiana Einaudi

264

Chiaro Davanzati - Rime

D. 17
Io son tanto temioso e vergognoso
a tutte lore chio vi so davanti;
spesse volte io mi muovo coraggioso
per fare e dire quel che fan gli amanti:

quandio <so> avanti a voi, viso amoroso,


el parlare e pensier mi sono afranti,
e l fino amar mi tien s dubitoso,
chio non so far n atti n sembianti.

Ma io faraggio come lo sparvero,


cha lo incominciamento dubitoso
quando co gl<i> agellet<t>i a la foresta,

11

e poi diventa ardito e manero:


da che cominci diviene argogl<i>oso
e della caccia mena gran tempesta.

14

D. 18
Aggio talento di parlar con voi
e vovi dire tutto el convenente:
di voi so preso pi chio mai non fui,
pur raguardando voi, donnavanente;

e gi non posso innamorar daltrui,


tanto mi strigne amor coral<e>mente:
per pensate entro al cor vostro <plui>,
s-cchio non muora, o donna <mia> valente.

Letteratura italiana Einaudi

265

Chiaro Davanzati - Rime

Ma sio mi muoio per voi, bella, amando,


a me adiviene come a luom se<l>vaggio:
quando ha l maltempo, canta e sta in giuoco,

11

pur el buono che venga <r>aspettando;


cos di voi aspetto: tantho <n> aggio,
cho, festa per aver, diletto <fuoco>.

14

Letteratura italiana Einaudi

266