Sei sulla pagina 1di 180

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA


Corso di Laurea in Progettazione e Gestione di Eventi e Imprese dellArte e
dello Spettacolo
Anno Accademico 2006-2007

Tesi in Storia del Teatro Contemporaneo

Il teatro non si pu tradire


Profilo di Gianna Giachetti

Relatrice

Candidata

Prof.ssa Teresa Megale

Elena Bassanelli

se ho un talento quello di amare quel piccolo mondo racchiuso tra le


spesse mura di questo edificio e soprattutto mi piacciono le persone che
lavorano in questo mondo piccolo, fuori di qui c il mondo grande e qualche
volta capita che il mondo piccolo riesca a rispecchiare il mondo grande tanto
da farcelo capire un po meglio in ogni modo riusciamo a dare a tutti
coloro che vengono qui la possibilit se non altro per qualche minuto, per
qualche secondo, di dimenticare il duro mondo che l fuori il nostro
teatro un piccolo spazio fatto di disciplina, coscienza, ordine e amore.
Da Fanny e Alexander di Ingmar Bergman.

INDICE
PREMESSA

CAPITOLO PRIMO
IL PERCORSO ARTISTICO DALLACCADEMIA ALLA DURA SCUOLA DEL PALCOSCENICO

1.1

Gli studi e lesordio sulla scena teatrale.

1.2

Orazio Costa maestro e regista.

1.3

Gli anni romani.

1.4

Lattrice ai Teatri stabili di Genova e Torino.

12

1.5

La breve stagione al Teatro Stabile di Palermo.

17

1.6

In scena con Giorgio De Lullo e Romolo Valli.

19

1.7

Nuovi ruoli e nuovi personaggi.

26

1.8

Lavorare con Tino Buazzelli.

31

1.9

Dopo il silenzio.

33

1.10 I lavori pi recenti.

39

1.11 Il cinema e la televisione.

42

CAPITOLO SECONDO
DA LA CAMERIERA BRILLANTE A IL VENTAGLIO: LE INTERPRETAZIONI GOLDONIANE

45

2.1

Gianna Giachetti interprete goldoniana.

45

2.2

I rusteghi, analisi dello spettacolo.

53

2.3

La libert di Siora Felice.

57

DOCUMENTI

66

Foto degli spettacoli e ritratti.

67

Lalbum dellAccademia. (Vol. II)

APPENDICE

99

Lattrice si racconta

100

II

Antologia critica.

111

III Teatrografia.

143

IV

Cinematografia.

156

Apparizioni televisive.

158

VI

Letture recitative.

166

BIBLIOGRAFIA.

168

PREMESSA

La storia del Teatro italiano del Novecento, ricca di artisti che


talvolta ne sono stati, e ne sono, protagonisti per decenni, seguendo o
determinandone i cambiamenti, le crisi, le evoluzioni. Personalit forti e
determinate che col loro mestiere hanno scritto o contribuito a scrivere tale
storia, grazie ad una carriera pluriennale e ad un lavoro costante. Tra questi
nomi sicuramente ha un posto di rilievo lattrice fiorentina Gianna Giachetti,
artista che dalla fine degli anni Cinquanta calca le scene affrontando ruoli
anche profondamente diversi da loro, appartenenti a grandi testi di autori
italiani e stranieri , scegliendo un percorso di libert che lha portata a
cambiare Compagnia e ad accettare nuove sfide.
Ricostruire la carriera artistica di Gianna Giachetti significa ripercorrere
una strada a ritroso negli anni, nella quale incontriamo i maggiori registi,
autori e attori del nostro teatro. Perfetta nei ruoli femminili della commedia
goldoniana, riesce a misurarsi con i personaggi e le tematiche del dramma
borghese di Cechov o di Strindberg, con la sottile psicologia dei testi di
Pirandello e di Shakespeare.
La sua carriera non riguarda tuttavia solo il teatro. Lattrice ha infatti
partecipato con la sua esperienza recitativa in molti film, talvolta dautore, ed
ha instancabilmente lavorato anche in televisione e alla radio.

Nata in una famiglia in cui gi era presente lamore per il teatro ed il


cinema grazie alla figura del noto attore Fosco Giachetti 1, cugino del padre di
Gianna Giachetti, ben presto, in et adolescenziale, le si manifestato il
desiderio di calcare le scene, un sogno che ha finito per diventare un
obiettivo preciso, perseguito con lo studio e limpegno, durante anni di prove
e di viaggi, di successi e difficolt, speranze e delusioni, con coraggio,
carattere e determinazione.
La storia, in definitiva, di una grande attrice, con un ricco passato da
raccontare, pronta ad affrontare un calendario di impegni nuovi e futuri.

Fosco Giachetti (Sesto Fiorentino 1904-Roma 1974). Attore di teatro, cinema e televisione.
Dopo aver lavorato in teatro dal 1927 con la compagnia Ricci-Bagni e con quella di Tatiana
Pavlova con un buon successo di critica, pass nel 1934 al cinema. Attore dalla recitazione
sobria e dallespressione chiusa e accigliata, fu interprete di personaggi drammatici, virili e
militareschi. Molto seguito dal pubblico dal 1936 al 1943, non riusc ad inserirsi con uguale
successo nel cinema italiano del dopoguerra. Vinse la Coppa Volpi due volte, come
protagonista in Bengasi e Un colpo di pistola.
Nel 1958 recit di nuovo in teatro a fianco della grande attrice Marta Abba in La nuova
colonia di Pirandello (Teatro Stabile di Napoli). Come attore televisivo recit in: La Signora
Rosa (1960), Lammutinamento del Caine (1962) e La giustizia (1964).
Ricordiamo tra i suoi lavori teatrali Nina di B. Frank e Un giorno dottobre di G. Kaiser. Tra i
film citiamo: Squadrone bianco e Tredici uomini e un cannone (1936), Sentinelle di bronzo
e Scipione lafricano (1937), Carmen fra i rossi (1939), Lassedio dellAlcazar (1940), Luce
nelle tenebre (1941), Noi vivi, Addio Kira!, Bengasi e Un colpo di pistola (1942), Giuseppe
Verdi (1938), Orgoglio (1939), I fratelli Karamazoff (1948), I falsari (1953), Casa Ricordi
(1954). Sulla biografia dellattore si veda: Fabrizio Borghini, Fosco Giachetti, Prefazione di
Fernaldo Di Giammatteo, Edizioni Play Time, Firenze 1989.

CAPITOLO PRIMO

IL PERCORSO ARTISTICO DALLACCADEMIA ALLA DURA SCUOLA DEL


PALCOSCENICO

1.1 GLI STUDI E LESORDIO SULLA SCENA TEATRALE

Gianna Giachetti nasce a Sesto Fiorentino il 24 luglio 1935 da Gino


Giachetti e Albertina Gherardeschi. Suo padre lavora per molti anni come
operaio nella fabbrica Richard Ginori di Sesto e suo fratello Romano1 sar un
noto giornalista e critico cinematografico. Visitando Sesto ci si accorge di
quanto la famiglia Giachetti sia nota in questa cittadina alle porte di Firenze 2.
Camminando per le vie del centro, troviamo infatti una bella galleria intitolata
a Fosco, costruita in omaggio allattore sestese e al cinema. Inoltre, presso
la Biblioteca pubblica Ernesto Ragionieri si trova la Fondazione Romano
Giachetti,

costituita

da

ben

5000

volumi

di

letteratura

americana

Romano Giachetti (Sesto Fiorentino 1930-1999). Giornalista e scrittore molto attivo fu


corrispondente dagli Stati Uniti, dove abit dal 1960, per La Repubblica, LEspresso e
Epoca. Dal 1966 insegn Letteratura Italiana presso lAdelphi University di New York. Fu
traduttore di scrittori e poeti americani. Nel 1997 diresse il mensile Americana.
Fra i molti libri citiamo: Il bacio, Idealibri, Milano 1984, Lo scrittore americano, Garzanti,
Milano 1987, Nel letto di Marylin, Rizzoli, Milano 1994, Il giovane Salinger, Baldini & Castoldi,
Milano 1998, Quaderno americano, a cura di Luca Scarlini, Marcos Y Marcos, Milano 2001.
Tra i saggi ricordiamo: Porno power: pornografia e societ capitalistica, Guaraldi, Bologna
1971.
2
Sulla storia dei cittadini illustri di Sesto Fiorentino vedi: Gianni Batistoni, Sesto Fiorentino
tra racconti e ricordi, Edizioni Agemina, Sesto Fiorentino, Firenze 1992.
1

contemporanea in lingua originale appartenenti al giornalista e donati


allistituto dalla famiglia dopo la sua morte.
Gianna Giachetti

cresce quindi in un ambiente familiare in cui ha

modelli di personalit forti e creative, tanto da stimolare la sua intelligenza


artistica e la sua ambizione. Allet di quattordici anni partecipa con curiosit
e gioia al suo primo spettacolo teatrale. Si tratta di unesperienza che
accende in lei la passione della recitazione.
La commedia Lo sbaglio di essere vivo di Aldo De Benedetti, con la
regia di Dante Nello Carapelli, e la scena quella del Selt Valdarno, oggi
sede dellEnel, in via del Sole a Firenze. La messa in scena piace molto al
pubblico in sala, che la ripaga con generosi applausi. Lattrice recita anche
con un gruppo che lavora su testi contemporanei, Laffratellamento, diretto
da Ghigo Pratesi, attivo presso i Festival delle Filodrammatiche.
La giovane attrice, spronata dallamico e attore Beppe Menegatti,
decide di iscriversi allAccademia darte drammatica Silvio DAmico 3 di
Roma. Si diploma nel 1957 insieme ad artisti che diverranno grandi
protagonisti del nostro teatro e cinema come Giuliana Lojodice, Ferruccio
Soleri, Gian Maria Volont, Umberto Orsini, Mario Missiroli.
Inizia per lei un duro percorso di formazione, siamo alla fine degli anni
Cinquanta ed il teatro italiano si caratterizza per un ricco fermento di idee e
la voglia di cambiamento. La diminuzione degli spettatori registrata in questi
anni causata dalla concorrenza di cinema e televisione, che nel 1954 d il
via alle trasmissioni ufficiali, ma anche da una crisi pi profonda. La lotta
contro gli episodi di censura, la crisi delle compagnie minori, la presenza di
3

La fondazione dellAccademia darte drammatica di Roma si deve a Silvio DAmico (Roma


1887 ivi 1955), scrittore, storico teatrale, critico e organizzatore culturale. E la prima
scuola di recitazione e regia in Italia, nella quale si sono formati i migliori attori italiani.
Figura fondamentale di critico, D Amico scrisse opere di grande riflessione sul teatro
italiano. Citiamo: Storia del teatro drammatico (1939-40), Il teatro dei fantocci (1920),
Tramonto del grande attore (1929), Invito a teatro (1935), Il teatro non deve morire (1945).
Critico attivissimo, prese posizione per un rinnovamento del teatro italiano e introdusse la
concezione di teatro di regia. Opera imponente di cui fu ideatore e direttore lEnciclopedia
dello Spettacolo, pubblicata in nove volumi (1954-62), con un decimo volume di
aggiornamento.

un teatro chiuso e vecchio come quello ufficiale, portano alla nascita di un


tentativo di innovazione e di rivolta attraverso alcuni registi come Giorgio
Strehler, Dario Fo, Luigi Squarzina, Ugo Betti, i quali lavorano per un teatro
caratterizzato dallimpegno culturale e politico-sociale4.
In questo panorama ricco e complesso inizia il percorso di attrice di
Gianna Giachetti, che gi in et giovanile recita sotto la direzione artistica di
grandi registi. E interessante notare quanto ogni sua interpretazione sia un
passo avanti lungo una strada coerente di seria formazione professionale,
attraverso esperienze in rappresentazioni teatrali di alto livello di cast e di
regia.

1.2 ORAZIO COSTA MAESTRO E REGISTA

Gianna Giachetti apprende i primi insegnamenti allAccademia da


importanti maestri, tra i quali ricordiamo Wanda Capodaglio, Ione Morino,
Elma Criner, Sergio Tofano, Giorgio Bassani, Niccol Gallo, e da un regista e
attore tra i massimi esponenti del teatro italiano come Orazio Costa 5 ,

Cfr. Roberto Tessari, Teatro italiano del Novecento, Fenomenologie e strutture 1906-1976,
Casa Editrice Le Lettere, Firenze 1996.
5
Orazio Costa Giovangigli (Roma 1911 Firenze 1999), attore e regista. Allievo attore nella
Regia Scuola Eleonora Duse, poi allievo regista allAccademia darte drammatica di Roma
gi dalla sua fondazione, si forma con i maestri Silvio DAmico prima e in seguito a Parigi con
Jacques Copeau. In Italia si va formando la scuola registica e Costa uno degli elementi
primari della Compagnia dellAccademia, creata da DAmico, per la quale mette per ben sette
edizioni in scena in modo innovativo il Mistero della vita e Passione di N.S., tratto dallo
stesso D Amico dalle Laudi Umbre. Cura la regia di testi di Shakespeare, Goldoni, Fabbri,
Cechov, Strindberg. I suoi spettacoli segnano la nascita di molti grandi attori, e
rappresentano nella memoria del teatro italiano innovative e originali interpretazioni che
tuttora insegnano. Fonda il Piccolo Teatro della citt di Roma, soppresso nella met degli
anni 50, e il Teatro Romeo, che ricordiamo per la messa in scena di un bellissimo Poverello
di Copeau. Nel 1979 a Firenze fonda il Centro di Avviamento allEspressione, presso il quale
si forma la concezione di un Metodo Mimico particolare. Negli ultimi anni il suo teatro si fa
sempre pi difficile, c lincontro con il poeta Mario Luzi per Rosales, ed altri lavori

insegnante e teorico del teatro che diffonde un suo metodo di insegnamento


per la formazione dellattore che diverr una teoria generale del teatro, in
Italia e non solo, sulla quale si basa lAccademia darte drammatica di Roma
fino al 19766.
Nella concezione di Orazio Costa lattore importante, ma deve
rimanere coerente rispetto al testo e allautore del testo, e tutti gli elementi
devono trovare la loro unit sotto la guida del regista, che svolge un ruolo
fondamentale di natura etica e di armonizzazione dello spettacolo, non solo
in

senso

coreografico,

senza

limitarne

loriginalit

stilistica.

Il

suo

insegnamento si colloca nellambito dei tentativi di aggiornamento del teatro


italiano, impediti da una tradizione che risale alla fine dellOttocento, ferma
al dominio dei grandi mattatori, attori sulla cui recitazione si basava lintero
spettacolo, fino alla fondazione dellAccademia darte drammatica di DAmico,
nella quale si va formando un nuovo tipo di attore, che pur conservando
indiscusse grandi qualit, permette la concezione di uno spettacolo che trova
nella figura del regista il momento di coesione di tutti gli elementi 7.
Lattrice

recita durante gli anni dellAccademia in alcuni importanti

allestimenti di Orazio Costa, confrontandosi con il rigore di una regia di forte


tensione spirituale, permeata da una concezione di sacralit del teatro che
contraddistingue la scuola del regista. Il 30 marzo 1956 lallieva Gianna
Giachetti recita con successo nel ruolo principale della Madonna in Donna del

Paradiso, Mistero della Nativit, Passione e Resurrezione di Nostro Signore,


testo tratto da laudi dei secoli XIII e XIV ad opera di Silvio DAmico. Levento
dedicato alla memoria di Silvio D Amico, nel primo anniversario della sua

sperimentali. Nel 1992 il Centro viene chiuso per mancanza di fondi e nellindifferenza del
Comune di Firenze.
6
Orazio Costa non ha pubblicato gli scritti che riguardano la sua concezione di regia e
metodo mimico, tuttavia esistono numerosi suoi appunti, oggi depositati presso lETI a
Firenze, detti Quaderni. Completo ed esauriente il Quaderno XVI, Lettera al nipote
Nicola, inizio scrittura il 29/08/1966, (segue nel Quaderno XVII).
7
Vedi su questo argomento e sulla nascita della regia in Italia, Mirella Schino, La nascita
della regia teatrale, Edizioni Laterza, Roma Bari, 2003.

scomparsa, e rappresenta per lattrice un vero e proprio banco di prova,


superato con grazia e capacit.
Critiche positive e lodi per la sua interpretazione le giungono sia dai
maestri dellAccademia che dalla stampa:
Fra i trentasei allievi dellAccademia ha avuto modo di distinguersi Gianna
Giachetti nella parte della Madonna. Questa giovane allieva si rivelata una
sicura promessa della nostra scena di prosa. In platea, un autorevole cugino
della giovane attrice, Fosco Giachetti, era visibilmente commosso del
successo della sua congiunta8.

Nel mese di luglio dello stesso anno Orazio Costa mette in scena Liol
di Luigi Pirandello, per commemorare i 20 anni trascorsi dalla morte del
drammaturgo e celebrare i primi 20 anni di attivit dellAccademia, e lattrice
vi recita nel ruolo di una giovane contadina. Poco pi tardi interpreta una
delle anime in Langelo di Luigi Santucci, dramma diretto da Orazio Costa,
con la regia di Mario Ferrero, che le d loccasione di conoscere lattore
Giorgio Albertazzi.
Il saggio finale dellAccademia, il 27 marzo 1957, Nostra Dea 9 , di
Massimo Bontempelli , pice complessa e metateatrale, nella quale lattrice
recita nel ruolo difficile e principale di Dea, diretta da una giovane regista ex
allieva dellAccademia. Gianna Giachetti interpreta un personaggio che
cambia carattere e atteggiamento in funzione dellabito che indossa, ruolo
che la fa distinguere per la capacit e il coraggio con il quale affronta la
Onorato, Donna del Paradiso mistero religioso ad opera di Silvio DAmico al Quirino, in
Poltrona aggiunta, Il Travaso, 8 aprile 1956.
8

Scritta nel 1925, venne messa in scena nello stesso anno al Teatro degli Undici di via
Odescalchi con grande successo. Massimo Bontempelli scrisse il testo per Marta Abba, e
utilizz il lancio clamoroso dellattrice in questa prima rappresentazione. Massimo
Bontempelli, (Como 1898-Roma 1960) fu scrittore e drammaturgo. Tra i testi per il teatro
ricordiamo La guardia alla luna, 1916 Siepe a Nordovest, 1919 - Minnie la candida, 1928
La fame, 1934. La sua intera opera si confront con quella di Luigi Pirandello, con il
Movimento Futurista e con un sottile crepuscolarismo. Nostra Dea una figura femminile
metaforica, una donna manichino che cambia personalit in base allabito indossato, qui
Bontempelli sgonfia i miti dellEros e aggredisce inoltre la retorica del potere (il popolo delle
Marionette si fa imbonire dal discorso degli eroi del Balcone e siamo nel 1919), ma in
cambio inizia il suo rapporto ossessivo colla figura dellautoma, colla maschera senza volto,
collattore disanimato, testo tratto da P.P., Bontempelli, Sipario, n. 458-459, luglioagosto 1986, pp.108-109.

prova. Lattrice scopre sorpresa di suscitare, con la sua interpretazione di


Dea, la risata del pubblico e riceve meritati applausi e critiche positive:
() Certo, diciamolo subito, c voluto un gran coraggio a scegliere Nostra
Dea per una recita di allievi; si pensi, per raccontare in breve la trama, che
la protagonista di questa commedia una simpatica, bella giovane che
cambia di carattere, di temperamento, a seconda del vestito che indossa.
Un personaggio come si vede, che farebbe drizzare i capelli anche alla pi
esperta, alla pi quotata delle attrici di prosa, una commedia che metterebbe
nelle pettole il pi bravo dei nostri registi. ()
Protagonista della commedia e della serata era Gianna Giachetti, allieva del
terzo anno. La giovane Gianna, oltrech essere bella, ha anche della stoffa;
se ci si permette fare unosservazione (a carattere generale per: un difetto
di tutti questi attori), che gesticola troppo10.

Finita lesperienza di studio e formazione dellAccademia, lattrice inizia


a lavorare nellagosto del 1957, ed ottiene una piccola parte nel coro delle
ancelle in Ifigenia in Tauride di Euripide, ancora con la regia di Orazio Costa
e Mario Ferrero, accanto ad alcuni importanti attori come Lilla Brignone,
Enrico Maria Salerno, Alberto Lupo.

1.3 GLI ANNI ROMANI

Legata alla sua citt, Gianna Giachetti si trova a dover lasciare casa e
famiglia per inseguire la sua passione e realizzare il percorso di attrice, e si
trasferisce a Roma, dove reciter nei primi importanti spettacoli. Nel 1958, a
soli ventitre anni, in scena con una commedia musicale, Lina ed il

Cavaliere, occasione che la fa lavorare accanto a Franca Valeri, Vittorio


Caprioli, Giuseppe Patroni Griffi in un genere che riscuote un buon successo
di pubblico 11. In questa occasione Gianna Giachetti interpreta una giovane
Vice, Saggio di regia allAccademia dArte drammatica, Il Paese, 28 marzo 1957.
Nel 1950 gli attori romani Vittorio Caprioli, Franca Valeri e Alberto Bonucci fondarono il
Teatro dei Gobbi, primo, fortunato e raffinato esempio di cabaret allitaliana. Vi
10

11

svanita e provocante. Viene notata dal grande pubblico oltre che per la
bellezza ed il fascino, per la capacit di vestire, allinterno di uno stesso
spettacolo, ruoli diversi tra loro con disinvoltura e ironia.
() Gianna Giachetti, autentica rivelazione dello spettacolo, ha
spadroneggiato nei panni della Mina, a volte racchia a volte vamp a seconda
della moda e delle operazioni di plastica non soltanto facciale. ()12

La stampa la definisce la giovane pin up della prosa:


() Una giovane attrice, che per le sue doti fisiche potrebbe essere
agevolmente inclusa nel novero delle maggiorate, ha compiuto in questi
giorni il suo ingresso ufficiale nel palcoscenico, e proviene dalla pi severa e
tradizionale delle scuole, dallAccademia dArte Drammatica. E Gianna
Giachetti, bruna, formosa. Ha gli occhi a mandorla, le caviglie sottilissime.
Raul Radice e Orazio Costa, suoi maestri, lhanno ritenuta degna di
interpretare il difficile personaggio di Nostra Dea nella commedia omonima
di Massimo Bontempelli. Questo personaggio trentanni addietro port
fulmineamente al rango di prima attrice Marta Abba13.

Sempre nel 1958 lincontro con Luchino Visconti

14

, con la

partecipazione al dramma familiare Veglia la mia casa, angelo, commedia


sperimentarono un tipo di teatro definito da camera, nel quale le scenette comiche si
perfezionavano seguendo gli insegnamenti della scena francese.
12
G. B., Lina e il cavaliere al Valle, Il Secolo dItalia, 18 gennaio 1958.
13
La bruna Gianna Giachetti la pin up della prosa, a cura della redazione, Il Giorno,
22 aprile 1957.
14
Luchino Visconti (Milano 1906 Roma 1976), conte, nato in una nobile e colta famiglia
lombarda, fu uno dei pi importanti registi italiani di cinema, prosa e opera. Fin da giovane
coltiv questi tre amori, ebbe una educazione musicale e teatrale, soggiorn a lungo in
Francia dove con Une partie de campagne (1936) debutt nella regia cinematografica.
Tornato in Italia abbracci le idee antifasciste, e realizz il controverso film Ossessione
(1943), che contiene gi alcuni elementi del neorealismo. Dopo la Liberazione finanzia un
gruppo teatrale con gli attori Rina Morelli e Paolo Stoppa, allEliseo di Roma, iniziando un
rinnovamento del teatro privato italiano. La sua regia (diciotto film, quarantacinque
spettacoli e ventuno opere), fu unica e irripetibile per il professionismo maniacale, il
coraggio di una rilettura coraggiosa e in chiave universale dei testi, per la grande
suggestione e impeto drammatico ed espressivo. Citiamo tra i film La terra trema (1948),
Senso (1954), Rocco e i suoi fratelli (1960), Il Gattopardo (1963), Morte a Venezia (1971).
Per la prosa ricordiamo I parenti terribili e Adamo (1945), Zoo di vetro (1946), Troilo e
Cressida e Oreste (1949), Morte di un commesso viaggiatore (1951), La Locandiera e Tre
sorelle (1952), Zio Vanja (1955), Contessina Giulia (1957), Uno sguardo dal ponte (1958), Il
giardino dei ciliegi (1965), La monaca di Monza (1967). Importante la regia rivoluzionaria
nellopera lirica, citiamo dal 1954 al 1957 La sonnambula, La traviata, Anna Bolena e Ifigenia
in Tauride. Dal 1960 ecco Simon Boccanegra, Trovatore, Salom ed altre, fino allultima
opera: Manon Lescaut (1973).

americana tratta da un vecchio romanzo di Thomas Wolfe. Il Teatro il


Quirino di Roma e la Compagnia quella di Lilla Brignone, attrice di grande
esperienza, formatasi con registi come Giorgio Strehler e Luchino Visconti.
La giovane Gianna Giachetti recita con lei ed

altri bravi interpreti quali

Adriana Asti , Corrado Pani, Tino Bianchi, e molti altri:


() Luchino Visconti ha mosso con la consueta perizia un folto gruppo di
interpreti, circa una ventina, via via animandoli sullo sfondo delle scene
veristiche di Mario Garbuglia. Ed ha ottenuto effetti eccellenti in ognuno dei
cinque quadri della commedia. ()
Applausi a scena aperta e alla fine di ogni quadro. Dopo lultimo, gli attori e il
regista, sono stati calorosamente evocati pi volte al proscenio15.

Veglia la mia casa, angelo un affresco di vita provinciale, vi si


raccontano i conflitti familiari, la solitudine e lincomprensione che talvolta vi
regna, tanto da soffocare aspirazioni e creare incapacit di comunicazione tra
genitori e figli:
() Ambiente dispersivo e opprimente quello della famiglia Gant, dove ogni
intimit di vita domestica sacrificata alla convivenza con gli ospiti della
Pensione Dixieland tenuta da Eliza Gant, una donna autoritaria e
incomprensiva sempre rivolta a combinare affari vantaggiosi per lavvenire
economico della famiglia. ()
Sfrutta la figlia Helen, bench gi maritata, servendosene come duna
domestica nel mandare avanti la pensione. ()
Ma Luchino Visconti artista duna intelligenza e duna sensibilit alle quali
non sfugge mai il motivo profondo dun testo; e, pur avendo badato a
rendere latmosfera confusionaria e opprimente della vita della pensione, la
sua regia ha mirato fin da principio a farvi avvertire il sottinteso di quel
conflitto, graduandone le rivelazioni, cos che esso esplode con tanto maggior
forza nel commovente finale.16

Gianna Giachetti recita nel ruolo della figlia Helen, sposata ma


nonostante questo sfruttata dalla madre egoista e autoritaria, che le fa
svolgere il ruolo della domestica nella conduzione della pensione che lei

Raul Radice, Veglia la mia casa, angelo di Ketty Frings al Teatro Quirino, Il Giornale
dItalia, 12 ottobre 1958.
16
Ancora un dramma familiare, a cura della redazione, Sipario, n. 151, novembre 1958, p.
23.
15

10

stessa gestisce con grande senso affaristico. La commedia riscuote un buon


successo di critica e di pubblico e rappresenta per lattrice un notevole
esercizio recitativo, guidata dalla regia equilibrata e sapiente di Visconti.
() Tra gli altri interpreti ricordiamo Gianna Giachetti, piuttosto vera nella
parte della figlia. () Di un gusto minuto e preciso le scene di Mario
Garbuglia facevano America quanto le canzoni di Nino Rota. Quattro applausi
a scena aperta, molte chiamate alla fine agli interpreti ed al regista17.

Nel 1959 lattrice, sempre a Roma, ottiene una parte che la fa


apprezzare sia dal pubblico che dalla critica, in Le ragazze bruciate verdi, di
Gian Paolo Callegari, con la regia di Daniele DAnza. Il tema trattato fa
discutere e, dopo i successi avuti allestero, lo spettacolo incontra in Italia
ostacoli e perplessit da parte della censura, poich si ispira ad un fatto di
cronaca, il cosiddetto affare Montesi, che fa emergere il ritratto di una
piccola-media borghesia priva di principi e moralit.
Il 1959 rappresenta per lattrice un ottima scuola, nella capitale
ottiene infatti un altro ruolo in una commedia di Alessandro De Stefani,

Portava la maschera, con la regia di Giorgio Bandini. Gianna Giachetti recita


accanto a Renzo Giovampietro, Carlo D Angelo, Lia Zoppelli, in una pice che
ha come temi il tradimento coniugale, la gelosia, rappresentati in una
atmosfera di sogno.
Un esperienza nuova che la porta dopo pochi mesi a confrontarsi con
un grande attore di cinema, Ugo Tognazzi, stavolta impegnato sulle scene
teatrali in Gog e Magog, riduzione di Gabriel Arout, al Teatro Quirino di
Roma. La commedia, che ha le sue origini nel giallo poliziesco, si basa sul
motivo antico del sosia e sullo sdoppiamento della personalit del
protagonista,

un Tognazzi timido e remissivo, amato e incoraggiato solo

dalla moglie, una brava Gianna Giachetti, cui si sostituisce insinuandosi nelle
sue azioni un doppio scaltro e immorale. La commedia, ricca di sorprese,
17

Giorgio Prosperi, Veglia la mia casa, angelo al Quirino, Il Tempo, 12 ottobre 1958.

11

misteri, e intrisa di risvolti psicologici, riscuote un buon successo, anche


grazie allinterpretazione degli attori:
Ugo Tognazzi entrato con tanta discrezione nel personaggio del
protagonista, ne ha disegnato lo sdoppiamento con mano cos leggera e
quasi timida, da dar limpressione che egli si difendesse con una recitazione
scolorita dal sospetto di voler portare sulla scena di prosa le forzature
comiche dellattore di rivista. ()
Gianna Giachetti (la moglie), Antonella Steni (la suocera), Mico Cundari
(lIspettore), col Severini e il Carloni, hanno contribuito al successo dello
spettacolo che ha procurato numerose chiamate a Tognazzi e ai suoi
collaboratori18.

1.4 LATTRICE AI TEATRI STABILI DI GENOVA E TORINO

Negli anni 1960-63 alcuni importanti teatri diventano Stabili; tra i


maggiori vi sono quelli delle tre citt industriali Genova, Milano e Torino. Il
problema che si presenta la forte ingerenza degli organi centrali dello Stato
sulla produzione degli Stabili, attraverso larma delle sovvenzioni pubbliche.
Da un lato il teatro ha bisogno dei fondi, dallaltro rischia una limitazione di
libert espressiva a causa del controllo statale. Tuttavia il miglior teatro di
regia sta continuando nel suo percorso, nonostante i limiti imposti dalla
burocrazia politica19.
Limpegno di Gianna Giachetti continua nei due importanti Teatri
Stabili di Genova e Torino, dove la direzione artistica rispettivamente di Luigi
Squarzina20 e Gianfranco De Bosio21, conduce la prosa a eccellenti risultati.
18

Gog e Magog di Gabriel Arout, In attesa dei grossi spettacoli, Lo spettatore, a cura della

redazione, Sipario, n. 175, novembre 1960, p. 29.


19
Cfr. Roberto Tessari, Teatro italiano del Novecento, Fenomenologie e strutture 1906-1976,
Casa Editrice Le Lettere, Firenze 1996.
20
Luigi Squarzina, nato a Livorno nel 1922, regista e drammaturgo, studia allAccademia S.
DAmico negli anni 1942-1945. La prima prova di regia da professionista nel 1947 con

12

Nel febbraio 1961 a Genova lattrice recita in Uomo e Superuomo di


George Bernard Shaw, nella Compagnia di Alberto Lionello, diretta da Luigi
Squarzina. Il tema trattato dallautore quello del
() Superuomo come prodotto, motore e guida della Forza Vitale della quale
la donna soltanto la parte ostinatamente riproduttiva, e la rappresentazione
del mito di Don Giovanni portato ai nostri tempi, e naturalmente capovolto
nel personaggio di John Tanner catturato dalla donna malgrado le sue
continue fughe.22

Il regista mette in scena il testo di Shaw in modo eccellente, la


bellezza della scenografia di Pier Luigi Pizzi e la buona recitazione di Alberto
Lionello e degli altri attori, sono elementi vincenti di uno spettacolo riuscito.
Nel settembre dello stesso anno Gianna Giachetti incontra il regista
Gianfranco De Bosio e inizia un periodo di lavoro intenso sotto la sua
direzione artistica, al Teatro Stabile di Torino. La prima esperienza con
questa regia La resistibile ascesa di Arturo Ui di Bertolt Brecht, un dramma
nel quale i temi sociali e politici cari allautore, emergono nel personaggio di
Arturo Ui, impersonato da Franco Parenti 23 , attore e regista che sar
Erano tutti miei figli. Dirige il Teatro Stabile di Genova, in collaborazione con Ivo Chiesa, dal
1962 al 1976, e vi allestisce spettacoli che suscitano scalpore come Il diavolo e il buon Dio di

Sartre (1962). Affronta Goldoni, Ibsen, Pirandello, ma anche la drammaturgia moderna. Dal
1976 dirige il Teatro Stabile di Roma, e dall83 sceglie la libera professione. La sua regia
mantiene coerentemente una propria cifra stilistica, rispettosa della realt storica e sociale,
libera dalle costrizioni del passato. Citiamo tra le sue opere da drammaturgo: I cinque sensi,
Tre quarti di luna e Emmet.
21
Gianfranco De Bosio (Verona 1924), regista. Noto per i suoi esperimenti volti alla
riscoperta di Ruzante e del suo difficile linguaggio, lavora anche su testi di Goldoni, Molire e
compie allestimenti importanti su testi del Novecento, ad esempio di Svevo. Dal 1958 dirige
il Teatro Stabile di Torino e dal 1968 al 1998 sovrintendente dellEnte lirico di Verona.
Citiamo tra i suoi lavori: La Moscheta (rappresentata nel 1950-56-60-62), I Dialoghi del
Ruzante (1965), La Betia (1969), tratti da Ruzante; La resistibile ascesa di Arturo Ui di
Brecht (1961), Le mani sporche di Sartre (1964), Se questo un uomo di Levi (1966), poi
ricordiamo Le donne gelose (1985), Le donne de casa soa (1986), Le baruffe chiozzotte
(1988), La bottega del caff (1989) tratti da Goldoni, Lavaro di Molire (1992), Un marito di
Svevo (1983). Del suo impegno nel campo della lirica ricordiamo gli importanti allestimenti di
opere di Wagner e di Verdi.
22
Roberto Rebora, A Genova - Una regia impeccabile e un Lionello in gran forma per non
parlare dellautore, Sipario, n. 180, aprile 1961, pp. 28-29.
23
Franco Parenti (Milano 1921 ivi 1989), regista, attore e autore drammatico. Sensibile e
versatile interprete, pur essendo nato come attore comico riesce durante la lunga carriera a
misurarsi con personaggi e generi diversi, dal tragico alla rivista, dal cabaret alla poesia,

13

compagno di teatro e di vita dellattrice in questi anni importanti. Il testo


viene portato in scena da De Bosio in modo efficace e la stessa Gianna
Giachetti riceve meritati applausi insieme agli altri attori, tra i quali emergono
oltre a Franco Parenti , Mimmo Craig e Adriana Asti:
() Di sinceri impeti Adriana Asti, e fortemente drammatica Gianna Giachetti
Duane nelle gramaglie della vedova di Dollfuss. Successo caloroso24.

Il dramma viene messo in scena nellambito di un corso di


rappresentazioni che comprende La Moscheta di Ruzante e La cameriera

brillante di Goldoni. Per Gianna Giachetti lavorare in questi importanti


allestimenti di Gianfranco De Bosio, significa misurarsi con tre fondamentali
autori del teatro italiano.

La Moscheta, ovvero la commedia del parlar fino di Angelo Beolco


detto Ruzante, drammaturgo rinascimentale padovano riscoperto a partire
dalla seconda met dellOttocento, viene rappresentata pi volte

25

da

Gianfranco De Bosio, che compie un approfondito studio trentennale


sullautore. Lattrice chiamata a recitare nellapplaudita edizione del 1962,
in scena in Italia ed in tourne a Barcellona e Madrid.

dallantico al moderno. Diplomato allAccademia dei Filodrammatici nel 1940 con Giorgio
Strehler, lavora nel 1941 con Paolo Grassi per la ricerca di una drammaturgia italiana e
interpreta ruoli importanti a teatro. Dal 50 collabora con la Rai per la produzione di testi sia
per la radio che per la televisione, e nel 53 scrive con Dario Fo e G. Durano Il dito
nellocchio e Sani da legare. La sua attivit registica si svolge negli anni 1959-1960 al Piccolo
Teatro di Genova, poi passa fino alla fine del 1962 al Teatro Stabile di Torino dove collabora
con Gianfranco De Bosio. Nel 1963 Direttore del Teatro Stabile di Palermo e lanno
successivo chiamato a recitare con Eduardo De Filippo. La sua attivit di regista e attore
ricca di successi e di indimenticabili interpretazioni, citiamo un commovente Ambleto di
Giovanni Testori in scena a Milano nel 1973. Nasce nel 1972 la Cooperativa Teatro Franco
Parenti, a Milano, Salone Pier Lombardo, idea di teatro vitale e innovativo.
24
Eligio Possenti, La resistibile ascesa di Arturo Ui di Brecht, in 10 anni di teatro (cronache
drammatiche) di Eligio Possenti, Editore Nuova Accademia, Milano 1964, p.343.
25
Debutto al Teatro Odeon di Buenos Aires, 17 agosto 1960, durante una tourne in
America Latina dal titolo Il sentimento popolare nel teatro italiano. Debutto in Italia nel 1961
allXI Festival Nazionale di Prosa a Bologna, poi al II Festival della Prosa di Reggio Emilia e
nello stesso anno in tourne al Thatre des Nations di Parigi. Nel 1962 in scena in Italia e
partecipazione al Festival del Teatro Latino di Barcellona. La produzione del Teatro Stabile
di Torino.

14

() La nuova edizione della Moscheta molto bella. Nella pesante scena di


Scandella, giustamente pesante come la sorvegliata parlata dei personaggi,
la vicenda di quel povero essere che Ruzzante di fronte alla bella moglie e
ai suoi amanti si svolge con una misura stilistica ineccepibile. Soltanto il
bravissimo Parenti ha dato a Ruzzante qualcosa in pi del necessario. Cio la
volont e la determinazione, che a tratti sono risultate evidenti, hanno reso il
personaggio uomo forte, il che contrario alla sua realt. Ma al di fuori di
questa osservazione Parenti non che da elogiare nel suo continuo
progredire. Con lui sono stati applauditissimi il divertentissimo Esposito,
limpetuosa Gianna Giachetti, il sorprendente Zernitz, e il simpaticissimo
Cavalieri26.

Al Festival Latino di Barcellona, Gianna Giachetti riceve il premio come


migliore attrice, per la recitazione nel ruolo di Beta, in dialetto patavino del
1500.
Lesito fu appagante, al Festival del Teatro Latino a Barcellona (1962), dove
la compagnia ottenne la maggior parte dei premi in palio, regia,
interpretazione, allestimento: la proposta parve innovativa, la presenza del
personaggio popolare al centro del discorso teatrale fu accolta con emozione
dal pubblico catalano, ben attento allora a qualsiasi umore conformista.27

Dopo Ruzante lattrice incontra Carlo Goldoni, autore a lei caro,


chiamata a recitare nel ruolo principale di Argentina ne La cameriera

brillante, un personaggio furbo, allegro, cui Gianna Giachetti regala una


grande energia ed una fresca comicit. Si tratta di una commedia scritta da
Goldoni dopo la riforma da lui operata sul teatro, in un attimo di svago e di
spasso, in quanto tale intreccio riprende quello classico e strutturale della
commedia dellarte28. Un buon successo di pubblico, una commedia riuscita
con una Compagnia formata da attori come Franco Parenti, Sergio Tofano,
Adriana Asti e naturalmente una ventiseienne Gianna Giachetti che vanta gi
una buona esperienza teatrale.
26

Alcuni ottimi spettacoli vecchi e nuovi, a cura della redazione, Sipario, n.188, dicembre

1961, p. 118.
27
Gianfranco De Bosio, Un trentennio di lavoro sul Ruzante, in Giovanni Calendoli (a cura
di), Ruzante sulle scene del secondo dopoguerra: catalogo della mostra a Padova 25
maggio-15 giugno 1983, Grafiche Piesse, Mogliano Veneto 1983.
28
La commedia tuttavia contiene alcuni elementi originali, tra cui la trovata geniale di
Argentina di far recitare agli altri personaggi una commediola pensata da lei e che vede gli
attori calati in parti contrarie ai loro caratteri. Quindi si ha loriginalit di questa invenzione
che si po definire teatro nel teatro, con laspetto interessante di mettere i personaggi a
nudo di fronte ai propri difetti.

15

Nel novembre del 1961 lattrice va in scena sempre con la regia di De


Bosio in Don Giovanni involontario di Vitaliano Brancati, commedia pervasa
da un triste sarcasmo che impegna gli attori in

una non facile

interpretazione, e riscuote un tiepido successo di pubblico e di critica:


() La bella commedia, che si crea sulle sillabe, stata presentata in
unedizione variamente giudicabile. Mi sembrato che questa volta il regista
Gianfranco De Bosio non abbia trovato che a tratti la unitariet dei toni della
rappresentazione. ()
Nella bella e intelligente scena di Emanuele Luzzati (suoi anche i costumi) il
protagonista Renzo Giovampietro ha dato unaltra prova delle sue attuali
capacit. () Con lui sono da ricordare il bravo Franco Parenti, comico e
patetico nella parte di Rosario Zappulla, giovane che non riesce con le donne;
Gianna Giachetti, che deve stare attenta a non ripetere troppo lo stesso
personaggio; Cecilia Sacchi, al suo debutto, e dobbiamo accogliere con
piacere la sua prova totalmente positiva; la brava Giovanna Pellizzi, Isabella
Riva cos comunicativa, Annamaria Bottini, Cristiano Censi, Giulio Oppi,
Mimmo Craig, Carla Parmeggiani29.

Lattrice rimane fino alla fine del 1962 allo Stabile di Torino, e va in
scena in novembre ne Lufficiale reclutatore di George Farquhar, commedia
del 1706 diretta da De Bosio e Parenti, che per certi aspetti di vita rusticana
e per il suo divertire attraverso una satira politica e amara riporta lattrice in
un atmosfera simile a quella creata da Ruzante. Lo spettacolo tuttavia non
ottiene buoni risultati e gli stessi attori offrono interpretazioni non
completamente convincenti:
() La vicenda dellUfficiale reclutatore tenue e tuttaltro che peregrina: i
casi amorosi con i consueti dispetti, equivoci e travestimenti valgono a creare
un arioso bozzetto di mondo contadino, tra il provinciale e il rusticano, con
caratteri di ribalderia e di sanguigno colore locale che fanno venire in mente
la tradizione italiana, non solo i comici dellarte, ma i pi acri Plauto e
Ruzante. ()
Nel proporre sulla scena questa complessa visione del mondo la regia di
Gianfranco De Bosio e Franco Parenti ha scelto una soluzione di
compromesso. ()
Il compromesso, poi, ha messo gli attori di fronte a grosse difficolt e non
tutti sono stati sempre allaltezza della situazione che li voleva, secondo
loccasione, calati nel personaggio oppure in una posizione critica. Se Giulio
Oppi, Osvaldo Ruggieri e Mimmo Craig (finalmente in una parte a lui
29

Roberto Rebora, Don Giovanni involontario, Sipario, n. 189, gennaio 1962, pp. 16-17.

16

congeniale di Miles gloriosus) hanno fatto tutto molto bene e con agilit,
Franco Parenti poteva essere pi insinuante e meno caricaturale, Carla
Gravina si dimostrata, per quanto piena di buona volont, ancora acerba, e
Gianna Giachetti ha avuto risultati un po monocordi30.

1.5 LA BREVE STAGIONE AL TEATRO STABILE DI PALERMO

Nel

1963 Franco Parenti assume lincarico di Direttore del Teatro

Stabile di Palermo, struttura che in questi anni collabora con lo Stabile di


Torino in varie occasioni. La scelta di un artista completo e di un autore di
ricerca come Parenti sembra rappresentare il tentativo della citt e degli
addetti ai lavori di superare i grandi problemi e gli ostacoli che incontra il
teatro in questarea, sia per lo scarso interesse degli stessi spettatori che per
linsufficiente volont della classe politica 31.
Gianna Giachetti chiamata a seguire il regista e attore, nelle nuove
produzioni da lui allestite al Teatro Stabile di Palermo, bagaglio di nuove
esperienze che lattrice affronta con il consueto impegno e la passione per la
recitazione che le d la forza e lentusiasmo di accettare nuove sfide. In
cartellone vi sono Pirandello, Molire, Brancati. Vengono messi in scena due
testi importanti, Luomo, la bestia e la virt di Luigi Pirandello, che offre
loccasione a Gianna Giachetti di recitare nel ruolo della Signora Perella, e

J.B. di Archibald Mac Leish, precedentemente rappresentato e diretto dallo


stesso Franco Parenti al Teatro Stabile di Torino.
La stagione teatrale continua, il primo marzo 1964, con Don Giovanni
di Molire, testo ambientato in Sicilia, rielaborato da Bertolt Brecht e diretto
Guido Boursier, LUfficiale reclutatore, Sipario, n. 201, gennaio 1963, pp. 38-39.
Sulla realt teatrale di Palermo vedi inchiesta a cura di Guido Valdini, Lincertezza nella
Palermo teatrale, Sipario, n. 380, gennaio 1978, pp. 52-53.

30

31

17

dallo svizzero Benno Besson, che aveva collaborato con Brecht alla riduzione
e ne era stato il primo regista.
Il Don Giovanni di Molire, immagino, lo conoscono tutti e tutti sanno che si
tratta di unopera scritta in fretta per ovviare, con la ripresa di un tema alla
moda, a unimprovvisa carenza di repertorio determinata dalla proibizione di
Tartuffe, e di unopera maledetta come poche del repertorio classico: quindici
repliche soltanto vivo lautore e poi quasi pi niente, anche in Francia, per tre
secoli, sino alla famosa ripresa di Louis Jouvet del 1947. ()
Lo spettacolo accentua il carattere sostanzialmente irriverente dellopera.
Ogni personaggio viene tipicizzato in gesti e modi di parlare risolutamente
caricaturali e ridotto alla dimensione unilaterale della macchietta. ()32

Lo spettacolo risulta tra i pi interessanti della stagione, provocatorio


e a tratti surreale, la Compagnia di attori, per la maggior parte giovani e alle
prime esperienze, offre una buona prova ed un grande sforzo a livello
organizzativo.
()
In questo senso una serata indubbiamente provocatoria e spesso
affascinante, anche se il risultato pratico non sempre allaltezza delle
intenzioni che lo hanno originato. Va tenuto presente che questa del Teatro
Stabile di Palermo una compagnia di giovani, alcuni dei quali salvo errore
alle loro prime esperienze professionistiche, che devono talvolta supplire con
la buona volont a unevidente immaturit di mezzi. Tra gli interpreti hanno
fatto spicco Gigi Reder, Gianna Giachetti, Mino Bellei e soprattutto Franco
Parenti. ()33

Ma nello stesso anno, proprio durante una replica a Cesena del Don

Giovanni, Franco Parenti, Gianna Giachetti e gli altri attori della Compagnia
apprendono la notizia dellincendio che ha gravemente danneggiato la
struttura del Teatro Bellini, lottocentesco teatro Carolino di Palermo, fatto
grave che porta loperazione di Teatro stabile condotta dallo stesso regista ad
una forzata e prematura fine. Per molti anni si avr un abbandono delle due
strutture teatrali di Palermo, il Teatro Bellini e il Teatro Garibaldi,

e si

dovranno aspettare addirittura gli anni Novanta per la riapertura del


cosiddetto Ridotto del Teatro Biondo Stabile.
32
33

Arturo Lazzari, Don Giovanni secondo Brecht, Sipario, n. 216, aprile 1964, pp. 38-39.

Ibidem.

18

1.6 IN SCENA CON GIORGIO DE LULLO E ROMOLO VALLI

Lincontro pi importante, il sodalizio artistico e affettivo di maggiore


intensit, Gianna Giachetti lo ebbe con Giorgio De Lullo 34 e Romolo Valli 35.
Lattrice li ricorda e li racconta con grande emozione e rispetto, e a noi non
resta che considerare quali grandi successi sono stati realizzati da questo
felice incontro di grandi personalit del teatro, attraverso le esperienze della
Compagnia dei Giovani al Teatro Eliseo di Roma, ed in seguito allo
scioglimento della stessa.
Nel 1965 le viene offerto da De Lullo il ruolo della bella Natascha in
una importante edizione di Le tre sorelle di Anton Cechov, con i bei costumi e
le scenografie di Pier Luigi Pizzi. Nel curare la regia Giorgio De Lullo si ispira
alla memorabile edizione del 1955 di Luchino Visconti, nella quale aveva
recitato nella parte di Tusenbach. Lo spettacolo, che vanta un cast

34

Giorgio De Lullo (Roma 1921-1981), attore e regista. Diplomato allAccademia dArte


drammatica di Roma, recita in molti spettacoli, ed entra nella Compagnia Morelli-Stoppa
(1946-47 e 1951). Come attore si forma con Visconti, e recita in una tourne in Sudamerica.
Nel 1954-55 si unisce a Buazzelli-Falk-Guarnieri-Valli nella Compagnia dei giovani, e nel 56
ne assume la direzione con Romolo Valli, dopo aver esordito come regista. Minore successo
con il cinema.
35
Romolo Valli (Reggio Emilia 1925 Roma 1980), attore. Dopo la Laurea in giurisprudenza,
fa il suo ingresso a teatro nella Compagnia itinerante di Fantasio Piccoli, che passer a
lavorare allo Stabile di Bolzano. Al Piccolo di Milano, dove lavora con Giorgio Strehler,
incontra Giorgio De Lullo che sar suo compagno di vita e di teatro. Insieme a lui fonda nel
1954, con Rossella Falk, Annamaria Guarnieri e Tino Buazzelli, la Compagnia dei Giovani,
che si scioglier nel 1973, al termine di un ciclo dedicato alla drammaturgia di Luigi
Pirandello. Attore intellettuale e colto, effettua un profondo studio dei testi e uno scavo
interiore della psicologia dei personaggi interpretati, in maggior parte pirandelliani. Citiamo
tra i grandi successi: Sei personaggi in cerca dautore (1963-64), Il gioco delle parti (196566), Lamica delle mogli (1968-69). Il suo lavoro con De Lullo continua con Il malato
immaginario di Molire (1974), per tornare a Pirandello con Tutto per bene (1975-76) e
Enrico IV (1977-78). Sue ultime interpretazioni: Terra di nessuno di Pinter, Divagazioni e
delizie di John Gay, Prima del silenzio, scritta per lui da Giuseppe Patroni Griffi. Tra le
interpretazioni cinematografiche ricordiamo: Boccaccio 79, Il Gattopardo, Morte a Venezia, Il
giardino dei Finzi Contini, Gruppo di famiglia in un interno, diretti da Luchino Visconti e
Novecento, diretto da Bernardo Bertolucci.

19

deccezione ed una rilettura curata, riscuote il sincero e convinto applauso del


pubblico e buone critiche.
() In una commedia povera di accadimenti esteriori, ma ricca di
unatmosfera creata dallazione interiore di molti personaggi nessuno dei
quali ha una funzione di protagonista, tutti sullo stesso piano dai padroni di
casa agli ospiti e ai due vecchi servitori, solo leccellenza dogni singolo
recitante pu far s che quellatmosfera si formi e si risolva in poesia. Questo
avvenuto e ne va resa ampia lode a Giorgio De Lullo regista che nella scelta
degli interpreti stato avveduto e li ha guidati in modo da portarne linsieme
a una rara perfezione. Quanto a De Lullo attore, che si era riservata la parte
del fallito e tormentato Andrej, lha resa con una sensibilit che,
nellirrompere della pena nascosta, gli ha guadagnato un applauso a scena
aperta. Le sorelle, di cui Elsa Albani era la buona e saggia Olga, Rossella Falk
linquieta e dolorosa Mascia, Elena Cotta la dolce e delusa Irina, hanno
formato un terzetto strettamente legato nella diversit dei caratteri,
commovente nella sua aspirazione alla irraggiungibile Mosca. Stupendo
Romolo Valli nel personaggio del colonnello Verscinin. Bella e odiosa Gianna
Giachetti nella figura ottusa ed egoista di Natascia36.

Uno spettacolo che tuttavia, secondo parte della critica, in alcuni


momenti stenta a mantenere un eguale livello di intensit sia nei ritmi che
nella qualit della recitazione, creando quel continuum che dovrebbe essere
uno spettacolo riuscito di Cechov:
Le Tre sorelle che ha messo in scena De Lullo allEliseo un curioso
spettacolo misto di rappresentazione e perorazione, di ottimismo e
pessimismo, di tempo allegro e tempo crepuscolare, di commedia di
atmosfera e commedia di carattere, di flusso continuo e di flusso interrotto,
di pedanteria scenica e dimmaginazione scenografica. () De Lullo ha capito
benissimo che occorreva dargli un ritmo alacre e quasi marziale senza per
questo togliere nulla alla malinconia degli addii. Ma poi su quello sfondo di
suoni e di richiami vediamo passare e ripassare laffranto, fallitissimo Andrej
che spinge la carrozzella del figlio con una mestizia degna della pi
convenzionale e risaputa delle commedie crepuscolari. ()
Di questi alti e bassi ha risentito la recitazione degli interpreti principali,
almeno di alcuni di essi, Valli che era Versinin, la Albani che faceva Olga, la
Giachetti che faceva Natalja, la Cotta che era Irina, Giuffr che era Solenyl37.

36

37

Arnaldo Fratelli, Dopo Visconti, Sipario, n. 226, febbraio 1965, pp. 13-14.
Sandro De Feo, Un Cecov troppo edificante, LEspresso, 31 gennaio 1965.

20

Molto curata e preziosa la scenografia di Pier Luigi Pizzi, ripresa da


quella viscontiana anche se meno opprimente e arricchita da un gioco mirato
di luci:
I due interni, ma specialmente lesterno con le betulle, immaginate da Pizzi
mi sono parsi tra i pi belli nella pur eccellente tradizione della nostra
messinscena cecoviana38.

Nello stesso anno Gianna Giachetti torna in scena con la regia di De


Lullo in I due gentiluomini di Verona di Shakespeare. Nella piccola ma vivace
parte di Lucietta, accanto a Franco Parenti e Glauco Mauri, continua ad
arricchire il suo bagaglio artistico di personaggi. Rappresentata allaperto la
commedia, di non grande valore, risulta allegra e gradevole, comera nelle
intenzioni del regista, affiancato anche in questo caso dallo scenografo Pier
Luigi Pizzi.
Lattrice torna a lavorare con De Lullo e Valli alcuni anni pi tardi,
dopo

aver

recitato

in

importanti

allestimenti

ed

essersi

arricchita

artisticamente attraverso lesperienza e lincontro con grandi protagonisti del


teatro come Eduardo De Filippo, Roberto Guicciardini, Giovanni Poli, Maurizio
Scaparro, Paolo Poli, Mario Scaccia.
Il ritorno alla regia di Giorgio De Lullo nel 1974 con uno spettacolo
magnificamente interpretato e diretto, Il Malato immaginario di Molire,
messo in scena al 17 Festival dei due mondi di Spoleto, con un
indimenticabile Romolo Valli nel ruolo di Argante, e Franco Parenti in quello
del Dottor Fecis. Gianna Giachetti interpreta in modo vivace ed efficace il
ruolo della serva Tonina, definendo un proprio stile di recitazione che trova la
sua forza nella presenza scenica e nello studio della voce e della tonalit.
() Di Giorgio De Lullo la regia che abilmente privilegia, anche a danno della
comicit molieriana, i risvolti drammatici della vicenda, illuminandola di
bagliori ora mesti ora crudeli. ()

38

Ibidem.

21

Di Pierluigi Pizzi la scena, che si rif a un Seicento olandese di Veermeriana


memoria, e i bellissimi costumi, luna e gli altri pi al servizio del cot
illustrativo dello spettacolo che non di quello mordente e attuale.
E infine di Romolo Valli la magistrale interpretazione del ruolo di Argante,
lultimo della carriera di Molire. ()39.

Lanno successivo ancora in scena con Romolo Valli, diretta in modo


caricaturale da Giorgio De Lullo nel ruolo della Signora Barbetti in Tutto per

bene di Luigi Pirandello, commedia amara, di introspezione psicologica, in cui


la menzogna distrugge e annienta il protagonista.
()
Testo per lattore per eccellenza, cavallo di battaglia di Ruggero Ruggeri, per
il quale fu concepito, Tutto per bene ora costituisce un prestigioso risultato di
Romolo Valli, che per un atto e mezzo capace di muoversi curvo, grigio e
rattrappito nellantico dolore e nella solitudine del personaggio, per poi
drizzarsi, scattando come un arco, con una bellissima scena di attore al
momento della verit. ()
I personaggi di contorno, come la Barbetti e suo figlio sono diretti da Giorgio
De Lullo su un registro caricaturale, talora forse troppo marcato40.

A partire dal 1963 con Sei personaggi in cerca dautore, De Lullo e


Valli si incentrano sulla drammaturgia pirandelliana, ed intendono dare un
contributo alla riproposta del teatro del celebre autore, attraverso unattenta
e profonda rilettura dei contenuti. Il percorso di Gianna Giachetti con i due
artisti continua nel 1979 in una ormai celebre messa in scena di Enrico IV di
Pirandello, ripresa per la televisione 41 , nelle vesti eleganti e aristocratiche
della marchesa Matilde Spina di Canossa. Raffinata ed efficace la
recitazione dellattrice in un ruolo affascinante e di forte tensione psicologica.
I dialoghi con Romolo Valli sono di una intensit ed una perfezione che rende
lo spettacolo una delle pi riuscite riletture del testo pirandelliano.
Il nuovo lavoro di De Lullo, Valli e Pier Luigi Pizzi vuole essere un altro
contributo alla riproposta del teatro pirandelliano, felicemente avviata nel
39

Giovanni Lombardo, Un rilancio per la prosa?, Sipario, n. 339-340, agosto-settembre


1974, pp. 25-26.
40
Fabio Doplicher, Tutto per bene, Sipario, n. 347, aprile 1975, pp. 24-25.
41
Ripresa televisiva su Rai Due, il 07/04/1979, dal Teatro Eliseo di Roma, la regia di
Giorgio De Lullo con la collaborazione di Olga Bevacqua.

22

1963. Se vero che lEnrico IV stato pi volte definito lAmleto italiano


altrettanto vero che alla molteplicit dei motivi che esso contiene (quasi una
summa di tutta la poetica pirandelliana), la rilettura critica tentata da De
Lullo e Valli vuole offrire una nuova occasione di arricchimento: sia
riallacciandosi allimpostazione antinaturalistica di proprie precendenti
realizzazioni, sia accentuando levidenza di uno dei tanti appassionati
contenuti di questopera, quello del diverso, che si auto emargina nellunica
possibile dimensione di vita: quella della creazione fantastica in opposizione
allimpossibilit di realizzarsi nel quotidiano42.

Gianna Giachetti offre uninterpretazione magistrale, attraverso un


attento studio delle pause, perfette, e luso sapiente della propria voce. La
tonalit profonda, insinuante, la risata che giunge beffarda e improvvisa
cinica e amara. Il personaggio che Gianna Giachetti costruisce sapientemente
altero, la sua gestualit severa e lo sguardo orgoglioso ma infelice poich
scopre troppo tardi cosa significa amare, essere amata, scopre il dolore,
dietro il difficile e ambiguo velo delle verit e delle menzogne.
Lo stesso anno lattrice di nuovo in scena con un allestimento di
successo, La dodicesima notte di Shakespeare, spettacolo diretto in modo
estroso e divertito da Giorgio De Lullo. Gianna Giachetti recita nel ruolo di
Maria, accanto ad alcuni bravi e giovani attori, tra i quali Monica Guerritore e
Massimo Ranieri. Uno spettacolo di grande livello professionale e di ottimo
gradimento da parte del pubblico e della critica:
()
Ma tutto lo spettacolo un meccanismo di alta precisione e ingegnosit dove
operano parecchi giovani attori con eccellenti risultati43.

Gli anni 1980 e 1981 vedono lattrice interprete di importanti


spettacoli, che rappresenteranno per lei una notevole crescita artistica, ma
allo stesso tempo le portano grandi dolori e gravi perdite. Il 1 febbraio 1980
perde la vita in un incidente stradale Romolo Valli, e da allora per il

Paolo Lucchesini, Storia del Teatro Metastasio, Vol. II, a cura di Claudio Casale,
Teatrologia, Angelo Pontecorboli editore, Firenze 1995, p. 264.
43
Fabio Doplicher, La dodicesima notte, Sipario, n. 396, maggio 1979, p. 20.
42

23

compagno di vita e di lavoro Giorgio De Lullo inizia un periodo di angosciosa


solitudine che lo porter il 10 luglio 1981 ad una morte prematura.44
Le ultime grandi regie di Giorgio De Lullo dopo la morte di Romolo
Valli, rappresentano per Gianna Giachetti importanti banchi di prova. Con
una nuova edizione di Le Tre sorelle di Cechov, diretta dal regista
nellautunno del 1980, Gianna Giachetti si misura con un personaggio
drammatico e malinconico, Olga, in una rilettura del testo nostalgica e
glaciale. Giorgio De Lullo mette in scena Cechov, la sua riflessione
sullavvenire del genere umano, le aspirazioni, i sogni, la speranza in un
futuro migliore, e lo fa con una regia sensibile e attenta. Il testo
particolarmente importante per il regista:
Alla critica di tristezza nostalgica delle tre protagoniste delle Tre sorelle, il
regista Giorgio De Lullo aggiunge a buon diritto un duplice motivo personale
di affettuoso rimpianto: come attore figur infatti nei primi anni Cinquanta
nella mirabile edizione viscontiana del dramma, come attore e regista diede
vita una decina danni pi tardi alla diligente edizione di Giovani con Romolo
Valli45.

Diversamente dallallestimento del 1965, vicino al modello viscontiano,


in questa edizione le scenografie di Pier Luigi Pizzi sono essenziali, sobrie:
A rafforzare questo sentimento, la scena di Pier Luigi Pizzi, da realistica
chera stata nel 65, si fatta allusiva: dietro alcuni concreti accessori
ambientali, un velo di tulle lascia intravedere la simbologia, congelata nel
vuoto, delle tre betulle rimaste nel mitico giardino46.

44

E tragicamente significativo il titolo, Prima del silenzio, della pice a due voci di Giuseppe
Patroni Griffi che costituisce lultima apparizione sulle scene di Romolo Valli e Giorgio De
Lullo: proprio alla fine di una replica il primo perde la vita in un incidente dauto, e il secondo
muore a pochi mesi di distanza, praticamente stroncato dal dolore.
Cfr. Dizionario dello spettacolo, in Cronologia teatro, Baldini e Castoldi editore, Milano 2003,
p. 1273.
45
Franco Quadri, Le Tre sorelle, Panorama, 22 dicembre 1980.
46
Ibidem.

24

La lettura del testo fatta da De Lullo appare scrupolosa ma sospesa, i


protagonisti si muovono: in una rarefatta atmosfera glaciale47. Lo stesso
regista afferma:
Ho scoperto che di anno in anno cambia a teatro il modo di sentire, di
esprimersi. Una volta per Cechov si dovevano caricare le pause ma nelle
condizioni attuali ho preferito asciugare tutto, essenzializzare48.

Nella nuova edizione c spazio anche per il riso: Si ride, dunque. Ma


dun riso, spesso, nervoso e inquieto, se non proprio amaro, che pu metter
tristezza pi delle lacrime49.
Gianna Giachetti Olga, una delle tre malinconiche sorelle, che
nonostante tutto riescono a sperare ancora e a resistere, unite, allo sconforto
e alla rassegnazione. La sua recitazione sentita, vibrante, lattrice ricorda di
aver pianto lacrime sincere, durante il finale: Per esempio nella scena finale
del terzo atto delle Tre sorelle, nelledizione in cui avevo il ruolo di Olga, nella
situazione commovente del dialogo con Irina che mi chiede un giorno di
poter tornare a Mosca, ricordo che piangevo davvero. C un momento nella
recitazione in cui tutto si frantuma, si rompe, tutto dolore, e questo
dipende molto dallatmosfera che si crea con gli altri attori50.
La sua interpretazione risulta calibrata ed esperta51 e lallestimento
incontra lattenzione e lapplauso del pubblico: Sala affollata, pubblico
attento e accoglienze calorosissime52.
Per Gianna Giachetti questo un periodo di spettacoli importanti, la
sua recitazione si arricchisce di esperienza e di caratteri. Nella primavera del
1981 Giorgio De Lullo intende fare un omaggio a Luchino Visconti e mette in

47

Gastone Geron, De Lullo ripropone le Tre sorelle in una rarefatta atmosfera glaciale, Il
Giornale Nuovo, 28 novembre 1980.
48
Giorgio De Lullo, da unintervista di Rodolfo Di Giammarco, La Repubblica, 28 settembre
1980.
49
Aggeo Savioli, Ridere amaro con Cechov, LUnit, 12 ottobre 1980.
50
Vedi APPENDICE I, Lattrice si racconta.
51
Aggeo Savioli, Ridere amaro con Cechov, LUnit, 12 ottobre 1980.
52

Ibidem.

25

scena La locandiera di Carlo Goldoni cos come era stata pensata nel 1952
dallo scomparso regista, avvalendosi ancora della partecipazione di Gianna
Giachetti, cui affida la parte di Mirandolina. Lattrice riscopre lamore per
Goldoni.

1.7 NUOVI RUOLI E NUOVI PERSONAGGI

Dal 1965 al 1976, Gianna Giachetti lavora instancabilmente in


importanti produzioni, alternando il felice e creativo rapporto artistico con la
Compagnia di Romolo Valli e Giorgio De Lullo, con la partecipazione in
spettacoli

di

altrettanto

spessore.

Nel

1964-65

Franco

Parenti

sta

collaborando con Eduardo De Filippo alla stesura di Larte della commedia, ed


proprio in questo periodo che si crea loccasione per Gianna Giachetti di
recitare ne Il cilindro, scritto e diretto dallo stesso Eduardo.
Si tratta di uno dei due atti unici (laltro Dolore sotto chiave),
presentati sotto il titolo comune di Due giorni dispari. Per lattrice lincontro
con Eduardo e con la sua drammaturgia rappresenta una grande emozione e,
data la formazione accademica ed il genere di autori affrontati finora, una
notevole sfida affrontata con un certo timore.
La storia de Il cilindro una storiella un po atroce e un p spassosa,
e comunque attinta al repertorio di Eduardo53, e viene messa in scena per
la prima volta nel 1966, mentre laltro atto, Dolore sotto chiave era gi stato
proposto lanno precedente al pubblico napoletano. Gianna Giachetti recita al

53

Eduardo e la famiglia allitaliana, a cura della redazione, Sipario, febbraio 1966, n.238,

pp. 22-23.

26

fianco di Regina Bianchi, Franco Parenti, Gennaro Di Napoli e dello stesso


Eduardo nella applaudita commedia.
Sempre nel 1966 lattrice torna in scena con la regia di Gianfranco De
Bosio in Il mondo quello che , nuova commedia-saggio scritta da Alberto
Moravia e presentata come spettacolo di chiusura del XXV Festival
Internazionale della Prosa di Venezia. Ma il testo, fragile come copione
teatrale, e la regia non del tutto convincente lasciano perplesso pubblico e
critica:
Una regia dispersiva insomma di Gianfranco De Bosio sotto la direzione del
quale gli attori non sono sembrati n convinti n convincenti. Gianna
Giachetti stata la migliore nella parte di una sgualdrinella del bel mondo54.

Attrice instancabile, Gianna Giachetti negli anni 1967-68 ancora al


fianco di Franco Parenti in tre spettacoli allestiti dal Teatro Stabile di Bologna.
Nel 1967 in scena ne Il Volpone di Ben Jonson, con la regia di Roberto
Guicciardini, nelle vesti sontuose di una cortigiana, Putta Alice, personaggio
del resto inventato dallo stesso regista che, insieme a Parenti, interviene con
sostanziali cambiamenti sul testo originale, arricchendolo di significati e di
vivacit.
() Lo spettacolo (scene e costumi non particolarmente notevoli di Lorenzo
Ghiglia) , come la riduzione, ben congegnato, vivace, tocca abilmente le
corde del veleno e quelle di una rabbiosa comicit. Guicciardini si conferma
capace di guidare con polso la recitazione e gli rispondono con efficacia
Franco Parenti (che ha dato con Volpone una delle sui prove pi interessanti,
secco, esaltato e tormentato come conveniva), Carlo Bagno (un poderoso
Corbaccio), Gianna Giachetti (in una azzeccata figura di cortigiana
completamente inventata), Alfredo Bianchini, Piero Nuti e Luciano Virgilio (il
cui Mosca, un po monocorde ha tuttavia avuto momenti di guizzante
credibilit)55.

Lanno dopo Franco Parenti dirige e interpreta Il Bagno di Majakovskij,


svolgendo un difficile lavoro drammaturgico nella rielaborazione del copione,
54

La crisi del linguaggio e di una societ nella felice commedia-saggio di Alberto Moravia, a
cura della redazione, Sipario, n. 247, novembre 1966, pp. 26-27.
55
Aggressivit moderna di una libera riduzione, a cura della redazione, Sipario, n. 256257, agosto-settembre 1967, pp. 89-90.

27

e soprattutto riuscendo ad allestire lo spettacolo con soli venti giorni di prove


e mezzi finanziari non sufficienti a realizzarlo come sarebbe stato necessario.
Gianna Giachetti rivela la sua versatilit e il suo coraggio misurandosi con un
personaggio alquanto improbabile come quello della donna fosforescente,
allegoria del domani, affrontando un genere di teatro, quello politico, che
vuole stupire e colpire il pubblico attraverso i modi dellavanguardia e

la

carica satirica. Sono questi gli anni delle nascenti contestazioni studentesche,
delle avanguardie, a teatro si discute sul rapporto tra attore e spettatore, e si
aprono nuove strade, quelle della protesta, della rottura e dellimpegno
storico e sociale56.
Nello stesso anno la signorina Nasturzio in uno spettacolo nuovo
diretto da Franco Parenti, La commessa di Luigi Diemoz, presentato insieme
a La mosca come due atti unici. Ma non lultimo spettacolo di questa ricca
stagione, nellestate lattrice chiamata a recitare accanto al grande attore
Nino Taranto ne Il Socrate immaginario di Ferdinando Galiani e torna
finalmente allamata commedia dellarte, con la regia di Giovanni Poli:
Commedia spumeggiante, dalla fantasia fluida, dai sentimenti appena
accennati, dalle avventure che si risolvono in schermaglie rapide e
gentilmente equivoche, Socrate immaginario anche il ritratto caustico e
allegramente amaro di una societ messa alla berlina con tutti i suoi
parrucconi. ()
In palcoscenico, uno show personale di Nino Taranto, che a 60 anni suonati
ha recitato per la prima volta una commedia in lingua, disegnando un don
Tammaro a tutto tondo duna misura esemplare che venava la pi acuta e
aperta comicit dun che di amaro, di cinico e di beffardo insieme. Accanto a
lui e al fratello Carlo (Platone), in luce Gianna Giachetti, una squillante Donna
Rosa, garbatamente ironica, Maria Grazia Sughi, briosa Emilia, Anita
Laurenzi, maliziosa cameriera, e la scatenata Marina Pagano 57.

Lo spettacolo risulta molto curato, elegante, una commedia


decisamente spumeggiante, nella quale lattrice si muove con esperienza e

56

Vedi a questo proposito Cesare Molinari, Storia del Teatro, in Teatro e lotta politica,
Capitolo XXXII, Editori Laterza, Milano 2003, pp. 271-279.
57
Giorgio Polacco, Ritorno alla commedia dellarte, Sipario, n. 268-269, agosto-settembre
1968, p. 42.

28

garbo, nelle vesti di donna Rosa (Santippe), ancora confrontandosi con un


teatro di fine Settecento, nella lingua dellepoca.
Protagonista della vicenda don Tammaro Promontorio, un ricco possidente
di Modugno al quale la lettura dellantica filosofia ha stravolto il cervello
facendogli credere di essere un novello Socrate e informandogli ogni sua
minima azione a quellaustero modello di pensatore. In chi lo circonda, don
Tammaro vede i vicini e gli amici di Socrate: la moglie, donna Rosa,
Santippe; Calandrino, il suo cameriere, Simma, e lo far bibliotecario;
mastro Antonio, il barbiere, diviene un lepido, spaesato Platone.58

Dal 1970, fino ad arrivare a Il Malato Immaginario, diretto da Giorgio


De Lullo nel 1974, Gianna Giachetti lavora con rinnovata intensit e impegno
anche con il Teatro Stabile di Bolzano, prima attrice accanto allattore Mario
Scaccia59, con la direzione registica di Maurizio Scaparro60.
Sono del 1970 e 1971 Magia rossa di Michel De Ghelderode e

Chicchignola61 di Ettore Petrolini , diretti da Maurizio Scaparro. Nella stessa


stagione teatrale in scena con la commedia Cosa dir la gente, presentata
nei due atti unici Non andartene in giro tutta nuda e Leonie in anticipo di
Georges Fejdeau, considerato il maggior drammaturgo del teatro comico
francese dopo Molire, con la regia di Mario Scaccia.
Nel 1971 lattrice ha una gradita e divertente parte ne Luomo nero,
commedia diretta dal caro amico, attore-autore e regista Paolo Poli, scritta a
due mani con Ida Omboni. Una intelligente e dissacrante pice teatrale, che
58
59

Ibidem.

Mario Scaccia, nato a Roma nel 1919, stato un grande interprete di personaggi classici e
moderni, da attore libero e con la Compagnia dei Quattro (con Mauri-Moriconi-Enriquez).
Citiamo la bella interpretazione, dopo 50 anni di carriera, in Romolo il Grande di Durrenmatt,
al Festival di Spoleto.
60
Maurizio Scaparro nasce a Roma nel 1932. Importante regista, inizia come critico e dal
1963 dirige il Teatro Stabile di Bologna. Lanno dopo presenta La Venexiana di Anonimo del
500, sua prima regia. Firma oltre sessanta spettacoli, molti con gli attori Mario Scaccia e
Pino Micol. Oltre alla regia si dedica anche allorganizzazione in modo innovativo, dirige
compagnie autonome e Teatri Stabili (dal 1969 al 1975 lo Stabile di Bolzano, dal 1983 al
1990 lo Stabile di Roma). Nel 1994-95 Commissario straordinario dellEnte teatrale italiano
e dal 1997 direttore del Teatro Eliseo di Roma.
61
Chicchignola, commedia in tre atti, considerata la migliore di Ettore Petrolini. Scritta e
rappresentata per la prima volta nel 1931, unamara riflessione sulla meschinit delluomo,
attraverso tipi di comicit diversi, da Aristofane a Molire, con un finale che presenta tuttavia
accenti positivi.

29

ha come contenuto il discorso sul costume, la storia, narrata attraverso le


vicende di una famiglia di italioti benestanti, sospesi tra la mamma e la
bandiera, degli anni che hanno preceduto lavvento del fascismo 62.
Terminata la tourne con Paolo Poli, Gianna Giachetti torna a lavorare
con Mario Scaccia in due spettacoli delle stagioni 1972-73, la commedia
macabra Il malloppo, dello scrittore satirico inglese Joe Orton, per la regia di
Sandro Sequi e Il Mercante di Venezia di Shakespeare, nel quale lo stesso
Mario Scaccia non solo primo attore nel ruolo di Shylock, ma anche regista.
Tuttavia il ruolo importante e primario di Porzia ben interpretato da Gianna
Giachetti risulta, al pari di quello di Antonio (lattore Gianfranco Ombuen),
danneggiato dalla linea mattatoriale data infine da Mario Scaccia allo
spettacolo, nonostante precedenti sue dichiarazioni indicassero diverse
intenzioni registiche:
Questo geniale attore che si accosta ora alla regia dichiara esplicitamente che
non ridurr al solo motivo di Shylock (Ermete Novelli) largomento della
commedia e indica anzi in tre mondi quelli di Porzia, di Antonio e di
Shylock i tre principali motivi conduttori dellopera63.

62
63

Franco Cuomo, Luomo nero, Sipario, n. 307, dicembre 1971, pp. 54-55.
Agostino Lombardo, Il Mercante di Venezia, Sipario, n. 331, dicembre 1973, pp. 47-48.

30

1.8 LAVORARE CON TINO BUAZZELLI64

Stupisce e certamente risulta eccezionale la quantit e la qualit degli


spettacoli nei quali Gianna Giachetti recita in questi anni. Oltre alle
interpretazioni nelle eccellenti riletture pirandelliane di Valli e De Lullo,
lattrice collabora e vive bellissime esperienze teatrali con un attore che lei
ritiene uno dei maggiori e migliori interpreti del teatro italiano, Tino Buazzelli.
Nel 1976 accanto a lui in Le allegre comari di Windsor di
Shakespeare, spettacolo che segna il suo ritorno alla regia di Orazio Costa,
con il quale non ha pi lavorato dai tempi degli allestimenti negli anni
giovanili dellAccademia. Nel ruolo di Lady Page, lattrice viene chiamata a
recitare nella ripresa invernale, ed in questa occasione conosce lattuale
compagno di teatro e di vita, lattore e regista Aurelio Pierucci65, che proprio
64

Agostino Tino Buazzelli (Frascati, Roma 1922, Roma - 1980), attore di teatro, cinema e
televisione. Si diploma allAccademia darte drammatica Silvio DAmico con gli attori Nino
Manfredi e Vittorio Gassman, ed inizia a lavorare con la Compagnia Gassman-Maltagliati nel
1947, prima di diventare capocomico. A teatro fu grande interprete di Brecht, Pirandello,
Miller e Shakespeare, ma divenne noto al grande pubblico per il personaggio
dellinvestigatore privato Nero Wolfe, interpretato in una serie televisiva degli anni 1969-71.
Nel 1954 entra nella Compagnia teatrale De Lullo-Falk, che abbandona lanno seguente per
partire in una tourne in Sudamerica con la Compagnia Proclemer-Albertazzi-Magni-Ricci.
Celebri i successi al Piccolo di Milano, allo Stabile di Genova e a Roma, diretto da Orazio
Costa. Nel 1970 fu sceneggiatore, regista e interprete, per la televisione, di Pap Goriot di
Balzac. Attore vigoroso ma a tratti sognante, dalla dizione perfetta ed un timbro di voce
caldo e armonioso, riusciva a passare dal comico al drammatico, con eleganza di gesto e
parola.
65
Aurelio Pierucci, nato a Firenze nel 1951, si diploma nel 1974 attore e regista
allAccademia darte drammatica di Roma. Collabora per la regia con Orazio Costa ed in
seguito con Tino Buazzelli. Attivo come attore, cura la regia di molti spettacoli, tra i quali
citiamo: Edipo di Seneca, Luomo dal fiore in bocca di Pirandello, Magia rossa di Ghelderode,
Gli alunni di Zeus di G.Balistreri, Inaugurazione di Rosso di San Secondo a Monaco, Il ferro
di DAnnunzio.
Molte le letture pubbliche e i recitals, da Molire a Sofocle, da Ariosto a Eschilo, e due
importanti letture dantesche: 4 cicli completi della Divina Commedia nella Chiesa della Badia
Fiorentina e una lettura antologica dantesca al Teatro Libero di Palermo. Fonda
lAssociazione Culturale Il Convivio, ed organizza la rassegna teatrale Firenze per Carlo
Goldoni, nel 1993 a Firenze, Palazzo Pitti. Produce inoltre la rassegna Gabriele DAnnunzio e
la Toscana nel 1994. Ricordiamo inoltre limpegno alla radio e il ruolo di maestro presso lo
Stabile di Palermo dove ha tenuto un corso di recitazione (movimento, voce, azione),
seguendo gli insegnamenti del teorico Orazio Costa.

31

da questo spettacolo in poi inizia un sodalizio drammaturgico e artistico con


Tino Buazzelli. Con la Compagnia Tino Buazzelli, nel 1977, Gianna Giachetti
in scena accanto allattore, nel ruolo di Taide in Mefistovalzer di Sandro
Bajini, diretto da Aurelio Pierucci e Tino Buazzelli.
Nello stesso anno ne Il Borghese gentiluomo di Molire, regia di Tino
Buazzelli e Angelo Corti, lattrice si misura con il personaggio aristocratico di
Dorimne, vestita in un lussuoso abito depoca. Lo spettacolo, divertente e
amaro, arricchito da danze e eleganti cambi di scena a vista, musiche e
maschere, risulta interessante e coinvolgente. Certamente sul buon risultato
influiscono molto la recitazione di Tino Buazzelli, Gianna Giachetti e degli altri
attori:
() Anche se nella fattispecie allo spettacolo non mancano felici intuizioni
(quella scalea littoria da infimo melodramma che collega e spartisce, stinta in
abominevole color caffelatte, il salotto raccogliticcio di uno Jourdain che ha
colonizzato lAbissinia accanto ai notabili dellaristocrazia nera; la coppia
ampollosa e fasulla Dorante-Dorimne col lezio vitreo e agghiacciante di una
Gianna Giachetti da manuale che gioca, perfida comdienne a una tavola
imbandita di riccioli e veleni; lesplosione finale fragorosa e baracconesca
della mascherata orientale tra clangori di scimitarre e luci che impazzano
come in un brutto Ferraniacolor anni cinquanta che strizzi nostalgico locchio
verso i kolossal De Mille) a Buazzelli che locchio corre sempre
magnetico66.

Gianna Giachetti torna di nuovo in scena accanto allattore nella


stagione successiva, in Luomo con le valigie di Eugne Jonesco, stavolta con
la regia di Buazzelli, Angelo Corti e Aurelio Pierucci. Qui il testo di Jonesco,
una confessione autobiografica, risulta una non facile rilettura in chiave
teatrale, e tuttavia un successo personale di Buazzelli e dei suoi due attori
principali Gianna Giachetti e Andrea Matteuzzi, esemplari professionisti che
raramente sbagliano un colpo67.
Nel 1978 viene chiamata al Festival di Avignone a recitare sul
palcoscenico dell Athelier de Louvain, in uno spettacolo diretto da Benno

66
67

Enrico Groppali, Il Borghese gentiluomo, Sipario, n. 377, ottobre 1977, pp. 18-19.
Gianfranco Civolani, Luomo con le valigie, Sipario, n. 384, maggio 1978, p. 25.

32

Besson, Le cercle de craie caucasien di Bertolt Brecht, presentato durante


lanno anche in Italia, a Genova e Taormina. In Laiuola bruciata, opera
teatrale pubblicata postuma del poeta e drammaturgo Ugo Betti, Gianna
Giachetti lavora per lultima volta con Tino Buazzelli, che muore allet di 58
anni il 20 ottobre 1980, anno di gravi lutti per lattrice e per tutto il teatro
italiano.
Lattrice in questi anni di intenso lavoro si muove sui palcoscenici
affrontando generi teatrali diversi, interpreta personaggi comici e brillanti,
ma anche drammatici e surreali. Alternando con energia le proprie
interpretazioni tra le grandi regie di Giorgio De Lullo e gli spettacoli di Tino
Buazzelli, si conferma artista autonoma e completa, una protagonista delle
scene teatrali.

1.9 DOPO IL SILENZIO

Gianna Giachetti affronta la perdita dei pi cari amici e compagni di


lavoro, ed in seguito la situazione nelle varie Compagnie mutata, talvolta in
modo non consono al suo modo di vedere, e lattrice, libera e orgogliosa,
torna a Firenze. Dopo la scomparsa di Giorgio De Lullo, in seguito ai grandi
successi, per quattro anni non le si presentano occasioni per lavorare in
teatro ai livelli cui abituata. Sono anni in cui lattrice si isola nella sua casa
di Firenze, ma che termineranno con il rientro in teatro nel 1985 in una
grande e importante produzione del Teatro Stabile di Genova, Terra

sconosciuta di Arthur Schnitzler, con la regia di Otomar Kreia.


Arthur Schnitzler in questo periodo al centro di un lavoro di
riscoperta, sia in Italia che in Europa, per lindiscusso fascino e lattualit dei
temi trattati. Nonostante gli abiti, larredamento, la musica, il contesto in cui

33

si muovono i personaggi sia quello della Belle Epoque, le loro emozioni


umane non sono lontane dalla sensibilit odierna68.
Gianna Giachetti, nella parte della Signora Wahl, interpreta un
personaggio che per certi aspetti si muove in un atmosfera riconducibile a
quella de Le Tre sorelle di Cechov. Lo stesso regista afferma:
I materiali di Schnitzler non sono quelli di Cechov, ma lepoca la stessa.
() Proprio come Le Tre sorelle, anche loro non sono contenti della propria
vita, non si sentono realizzati e non possono, o non vogliono, realizzarsi.69

Un allestimento importante, belle le scene di Guy Charles Fracois, e


convincente la prova degli attori, tra i quali citiamo Gabriele Ferzetti, Anna
Bonaiuto ed Elisabetta Pozzi, ispirati e guidati dalla regia sapiente di Kreia:
Il teatro di Genova, mi sembra, ha circondato il testo di molta attenzione, e
ha molto aiutato il regista Kreia facendolo trovare a suo agio nel
professionismo degli attori. Gabriele Ferzetti dominava la scena come
crescente protagonista. ()
Gianna Giachetti dava accenti distensivi di commedia ad un personaggio
convenzionale da commedia, appunto70.

Dopo questo grande spettacolo, nel 1986, lattrice torna a teatro con
la Compagnia Glauco Mauri in Faust di Goethe, e due anni pi tardi in Sogno

di una notte di mezza estate di Shakespeare, entrambi diretti e interpretati


dallo stesso Glauco Mauri. Mettere in scena Faust rappresenta per lattore e
regista una vera e propria impresa, essendo un testo misterioso,
monumentale, con numerosi significati simbolici:
Da questo punto di vista, raccontare la storia di Faust dalla scommessa fra
Dio e il Diavolo fino alla sua morte e salvazione bisogna dire subito che la
scommessa vinta. Le tre ore del dramma nella versione di Mauri offrono
una vicenda teatrale plausibile, ricca, significativa, emozionante e coerente,
che ci permette di veder vivere uno dei grandi miti fondativi della nostra
cultura secondo un punto di vista preciso e appassionato71.
68

Aldo Vigan, Unavventura dello spirito umano, conversazione con Otomar Kreia, nel
programma di sala dello spettacolo, Il Patalogo, n. 10, agosto 1985, pp. 121-124.
69
70

Ibidem.

Tommaso Chiaretti, Schnitzler e il suo doppio, La Repubblica, 31 gennaio 1985.


Ugo Volli, N Dio n Demonio, Faust vuol essere solo un uomo, La Repubblica, 18
ottobre 1986.

71

34

Il regista ed il traduttore Dario Del Corno intendono riflettere


sullumanit di Faust, trascurando il suo lato pi oscuro, stregonesco. Glauco
Mauri e Roberto Sturno si scambiano i ruoli di Faust e Mefisto, scelta che
rende tale rilettura una sfida psicologica tra le due personalit. Gianna
Giachetti misura tutta la sua esperienza impegnandosi nella difficile
interpretazione di vari personaggi, contribuendo con gli altri attori alla
riuscita dello spettacolo:
()
Da segnalare, accanto a queste due interpretazioni veramente notevoli, il
buon lavoro di Gianna Giachetti in numerose diverse parti femminili, il quasi
debutto di una intensa Angela Di Nardo come Margherita e Elena, e una bella
scena astratta di Mauro Carosi. La scommessa di Mauri vinta, il suo
Faust/Mefisto diviso e un po infantile, ma profondamente umano, rester fra
le immagini convincenti in cui si riflette un personaggio complesso e
inesauribile: un Faust che non ci rassomiglia pi, e al quale forse vorremmo
assomigliare ancora72.

Nel 1988 lallestimento di Glauco Mauri del Sogno di una notte di

mezza estate di Shakespeare nel magico spazio del Teatro Antico di


Taormina fa vivere Gianna Giachetti, nel ruolo di Titania, e gli altri attori, in
una atmosfera surreale:
Si tratta di un sogno. Tutto il testo un sogno, non soltanto il plot della
foresta; e il teatro il luogo ideale per la realizzazione dei sogni. Un gruppo
di attori con la struggente gioia di riscoprire pi ruoli, di vivere pi
personaggi, di poter avere pi volti, pi voci.73

Ancora nel 1988 il ritorno dellattrice ad un testo di Bertolt Brecht, Vita

di Galileo, nel ruolo della Signora Sarti, stavolta al Teatro Argentina di Roma
con la regia di Maurizio Scaparro, accanto a Pino Micol e Andrea Matteuzzi.
In scena per il novantennio della nascita di Brecht, Vita di Galileo pu
considerarsi testo centrale dellautore, profondamente controverso e di
indubbio impegno politico. Ne ricordiamo lineguagliabile edizione di Strehler
72
73

Ibidem.
Sogno di una notte di mezza estate, a cura della redazione, Il Patalogo, n. 12, dicembre

1988, p. 74.

35

al Piccolo Teatro di Milano nel 63. Il regista Maurizio Scaparro mette in scena

Vita di Galileo con successo, nel pieno rispetto del suo valore etico e morale.
La scenografia imponente e simbolica:
() Un principio di rotazione, di vita interiore della macchina teatrale
presiede allo spettacolo di Maurizio Scaparro; la scena essenzialmente
costituita da una grande sfera lignea e apribile, una sfera mentale e quindi
geometricamente articolata in angoli, con intorno delle gradinate; essa
opera di Pedro Cano ed Ennio Francia, ispirata allimmagine in un trattato
del 1505, opera del matematico Luca Pacioli. ()74

Nonostante la complessit del tema trattato lo spettacolo risulta


riuscito. Gli attori Pino Micol, Gianna Giachetti, Andrea Matteuzzi, Ezio
Marano, diretti con rigore e pulizia espressiva da Maurizio Scaparro, creano
un buon effetto dinsieme:
Ezio Marano, Gianna Giachetti, Andrea Matteuzzi sono fra i pi bravi dei ben
affiatati attori, dove sostanzialmente conta la coralit e non la
caratterizzazione sino in fondo, con tocchi sapienti di passione da parte del
regista, che nellitinerario porta intelligenza ed essenzialit75.

La stagione non tuttavia finita per lattrice, che si confronta ancora


una volta con lamato Goldoni, nel ruolo di Madonna Pasqua ne Le baruffe

chiozzotte, con la regia di Gianfranco De Bosio. Lo spettacolo


rappresentato da De Bosio con una rilettura del testo tradizionale, non del
tutto apprezzata dalla critica. Presentata nellestate a Verona con attori come
Lucilla Morlacchi, Viginio Zernitz, Daniele Griggio, piace al pubblico ma viene
in parte contestata dalla stampa per la debolezza con cui si reggono i
dialoghi e la rilettura superficiale del testo. Gianna Giachetti chiamata a
interpretare Madonna Pasqua nella edizione invernale, in parte rivista dal
regista, ruolo che nella precendente messa in scena apparteneva allattrice
Lucilla Morlacchi.

74

Fabio Doplicher, Vita di Galileo, Dialoghi sullinvenzione scenica, Sipario, n. 480-481,


settembre-ottobre 1988, p. 50.
75

Ibidem.

36

Due anni pi tardi chiamata ad interpretare il personaggio


drammatico di Giocasta in Edipo di Renzo Rosso, diretto e interpretato da
Pino Micol:
In questa versione laica e volutamente riduttiva del capolavoro inarrivabile di
Sofocle, anche andando avanti nel corso delle prove a tavolino si rafforzata
la scelta privata, la responsabilit personale, lo scandaglio gettato per
chiarire le libere motivazioni dei protagonisti.76

Scritto e premiato nel 1978, Edipo di Renzo Rosso la versione


umanizzata del capolavoro di Sofocle. Al posto del coro vi sono personaggi
fortemente emblematici. Ruolo centrale quello di Giocasta, colpevole per
aver provato una passione verso il figlio, anchegli attratto dalla madre.
Entrambi inoltre colpevoli per aver voluto lassassinio del padre:
A condizionare i due amanti potrebbe sopravvivere un senso di colpa: ed
Giocasta a soggiacervi, trafiggendosi nella vagina, come la strindberghiana
Signorina Giulia di un famoso spettacolo di Werner Schroeter; per imporsi
sulle apparenze o chiss! Per salvaguardare almeno la memoria. ()
Come attore, Micol gioca con la dialettica, ma finisce per preferirvi la potenza
dei mezzi vocali e lempito retorico, con ostentazioni disinvolte anche nelle
prestazioni sessuali con la supposta madre, che Gianna Giachetti mantiene a
sua volta sul piano pi caricato e superficiale77.

Dal ruolo drammatico di Giocasta, madre e moglie di Edipo, Gianna


Giachetti passa nel 1992 ad interpretare quello forte e positivo di Felice,
dominatrice della scena e della situazione in un riuscito e premiato
allestimento de I Rusteghi di Carlo Goldoni, curato e diretto dal regista
fiorentino Massimo Castri

78

, in occasione di un avvio anticipato delle

76

Nico Garrone, dichiarazioni raccolte a colloquio con Pino Micol, La Repubblica, 10


febbraio 1991.
77
Franco Quadri, Micol, Re dopo lomicidio, La Repubblica, 16 aprile 1991.
78
Massimo Castri, regista e autore drammatico, nasce a Cortona (Arezzo), nel 1943. Gi dai
primi lavori mostra un particolare rigore metodologico, che applica sia ai testi che
allallestimento scenico, e si distingue per il tentativo di rendere contemporanei autori come
Pirandello, Ibsen, lavorando sui testi con preciso intento analitico. Si lega nel 1968 alla
Comunit teatrale Emilia Romagna, dal 1975 alla Loggetta di Brescia e nel 1990 collabora
con il gruppo toscano dellAtelier. Citiamo tra le sue riletture della tragedia greca: Edipo di
Seneca, Le Trachinie di Sofocle, e tra i suoi spettacoli migliori: La vita che ti diedi e Vestire

37

celebrazioni per il Bicentenario della morte del commediografo, (1793


1993). In questo ruolo lattrice mostra temperamento e presenza scenica,
attinge per lo studio della voce e del gesto dal bagaglio dei personaggi di
Goldoni, Molire, Shakespeare che fanno parte della sua storia artistica e
contribuisce alla riuscita di uno spettacolo che riceve il premio UBU come
migliore regia per il 1992.
Nel maggio 1992 il Venetoteatro, che aveva prodotto lo spettacolo, si
scioglie, a causa di problemi amministrativi-politici, e si teme per la ripresa di
questo allestimento e per altri progetti. Nasce di conseguenza il Teatro
Stabile del Veneto, diretto da Giulio Bosetti, ufficialmente incaricato di
organizzare il festival internazionale goldoniano previsto per lautunno 1993.
In seguito al successo de I Rusteghi e ai cambiamenti in atto ai vertici
di Venetoteatro, gli attori costituiscono una Cooperativa e grazie a questo
sforzo organizzativo portano lo spettacolo in tourne, con un notevole rischio
economico personale. La Cooperativa mette in scena una seconda commedia
di Goldoni, Il ventaglio, con la regia di Luigi Squarzina, le belle scene di Carlo
Diappi e le musiche di Fiorenzo Carpi.
Al termine della tourne, Gianna Giachetti torna alla sua autonomia ed
esce dalla Cooperativa, dopo una razionale valutazione della validit
economica e artistica del progetto. Nel luglio del 1994 da libera attrice
interpreta il ruolo di Costanza nellallestimento de Il ferro di Gabriele
DAnnunzio, al fianco di Mario Granato e per la regia del marito Aurelio
Pierucci. Si tratta di un dramma scritto nel 1913 da Gabriele DAnnunzio,
moderno ed enigmatico in quanto introduce il tema complesso delleutanasia.
Diretto da Aurelio Pierucci, lo spettacolo allestito allaperto, nella
bella ambientazione del bel cortile del Castel di Poggio, vicino Fiesole. Il ferro
ha diviso in due la critica fin dagli anni della sua prima rappresentazione (nel
1913), ed anche nelle repliche successive. Anche in questa edizione vi sono

gli ignudi di Pirandello, I Rusteghi e la Trilogia della villeggiatura di Goldoni , La disputa di


Marivaux, Il padre di Strindberg.

38

pareri discordi, il testo risulta di difficile interpretazione, nonostante


lisirazione del regista, la suggestiva scenografia e limpegno degli attori.

1.10 I LAVORI PIU RECENTI

Nel 1992, dopo anni di inattivit, riapre il Ridotto del Teatro Biondo
Stabile di Palermo, e dieci anni pi tardi, Gianna Giachetti torna a lavorare
sulle scene che lavevano vista recitare, ancora molto giovane, al fianco di
Franco Parenti. Il Teatro palermitano, con la collaborazione dellEnte Teatro
di Messina, produce lallestimento di Racconto dinverno di Shakespeare, con
la regia di Roberto Guicciardini, le scene e i costumi di Pietro Carriglio,
direttore dello Stabile. Lattrice interpreta Paulina, figura centrale della
tragedia, che con la propria determinazione riesce ad affrontare con
fermezza il prevaricatore Re Leonte, per Gianna Giachetti ancora un ruolo
femminile dotato di grande personalit.
Lanno successivo lo Stabile mette in scena uno spettacolo in omaggio
alla memoria di padre Pino Puglisi, vittima della mafia, il testo Il fiore del

dolore del poeta Mario Luzi, e lattrice, lieta di partecipare a questo


allestimento, interpreta per la seconda volta 79 un personaggio legato al
mondo religioso, quello di madre Vincenza.
Lo spettacolo si pone lobiettivo di aprire un dibattito sulla mafia, a dieci anni
dallomicidio del piccolo prete di Brancaccio, e lo fa attraverso i versi densi
del poeta Mario Luzi, coinvolgendo il pubblico, disposto in sedie ordinate in
modo da comporre una croce.
La croce in sala simboleggia la salvezza. Il mio personaggio si aggrappa alla
fede, cerca le sue risposte e affida le sue speranze al disegno divino.
79

Lattrice aveva interpretato il ruolo della perpetua nel 1997 in Don Milani Il priore di

Barbiana, regia di Antonio e Andrea Frazzi, sceneggiato televisivo.

39

Accettarlo fondamentale, per scoprire inoltre i propri errori e cercare di


crescere sempre. Mi sono avvicinata a questo personaggio con passione e
non la prima volta che affianco un ministro del bene cos grande come
Padre Puglisi, infatti in passato ho interpretato la perpetua di Don Milani,
dove ho capito che per stare al fianco di grandi uomini di chiesa si deve
essere per forza forti e determinati e questa forza ho cercato di dare anche a
madre Vincenza, che anche se si rifugia nella preghiera e nella fede lo fa con
fermezza, nella ricerca sempre della salvezza80.

Solo due mesi pi tardi, nel maggio 2003, il Teatro Biondo produce

Serata Campanile, uno spettacolo tratto dal repertorio di Achille Campanile,


ricco di situazioni assurde, ironiche, basate su equivoci e ipocrisie. Si
susseguono vari episodi 81 , raccontati con delicato umorismo dallo scrittore
fiorentino, e portati in scena, con la regia di Pippo Spicuzza, dagli attori
Gianna Giachetti, Stefania Blandeburgo e Umberto Cantone.
Nel mese di dicembre dello stesso anno, lattrice lavora ancora con lo
Stabile di Palermo, stavolta nellallestimento di uno spettacolo, Assassinio

nella cattedrale, di Eliot, che viene dato in prima nazionale il giorno 29, lo
stesso in cui si era compiuto, nel 1170, lavvenimento trattato, il martirio
nella cattedrale di Canterbury, dellarcivescovo Thomas Becket, in seguito
alla sua ribellione al Re Enrico II. Il regista Pietro Carriglio intende
sottolineare lattualit del dibattito morale trattato, il dilemma interiore di
Becket, tema centrale dellopera: il dubbio. Gianna Giachetti si confronta in
questo spettacolo con un testo che si pu ricondurre nella forma alla Sacra
Rappresentazione, ed il suo personaggio la impegna in un lungo monologo,
durante il quale il suo corpo risulta incastrato nelle fondamenta della stessa,
ricreata, cattedrale.
Lattrice, ancora una volta coraggiosa e felice di sperimentare
esperienze diverse, accetta con grande curiosit il ruolo successivo, quello di
Praskowia in La vedova allegra, che rappresenta per lei un importante e
divertente debutto nel genere delloperetta. Lo spettacolo, un classico molto
80

Gianna Giachetti risponde a Luigi Farina, Intervista ai protagonisti, Cronaca dalla prima di
Il fiore del dolore al Teatro Biondo Stabile di Palermo, www.teatrobiondo.it.
81
Ne citiamo alcuni: La crisi del teatro risolta da me, Il bacio, Festival della canzone
napoletana, Vite degli uomini illustri, Visita di condoglianze, Nostalgia.

40

amato dai palermitani, inaugura la stagione estiva, anno 2004, del Teatro
Massimo di Palermo, e vanta un allestimento molto curato 82 , con alcune
novit, tra le quali la stessa Gianna Giachetti, presenza assolutamente inedita
in questo ruolo.
E logico spiega il regista Filippo Crivelli che nel riallestire questa Vedova
abbia apportato delle modifiche, nuovi interpreti automaticamente
suggeriscono idee diverse e, pur mantenendo la massima fedelt ai testi e
alle musiche originali, ho cercato di dare pi allegria e pi colore a uno
spettacolo che continua a essere miracolosamente giovane.83

Dopo un breve periodo di riposo lattrice ritorna a lavorare nel 2006 in


una grande produzione, con il regista Massimo Castri, che laveva portata
sulle scene con il personaggio di Felice ne I Rusteghi, spettacolo del 1992.
Questa volta Castri rilegge e mette in scena un testo dellautore svedese
August Strindberg, Il padre, tragedia misogina, in parte autobiografica,
costruita sul conflitto uomo-donna, una lotta che porta alla sconfitta
delluomo e alla sua regressione.
Il testo, definito da Friedrich Nietzsche un capolavoro di dura
psicologia, racconta il dramma del protagonista, autoritario padre e
Capitano di Marina, annientato psicologicamente dalla moglie, che gli insinua
dubbi sulla paternit della figlia fino a condurlo alla follia e al regresso allo
stato dellinfanzia, con la complicit della figlia e dellamata balia.
Un personaggio sconfitto, un dramma borghese amaro di cui Castri fa
una parodia forte, con uso di artifici e di una efficace scenografia (di Maurizio
Bal). Gianna Giachetti interpreta il ruolo della balia, con grande presenza
scenica, riuscendo a cogliere il significato chiave della sua parte nello
spettacolo, soprattutto nella scena fondamentale in cui veste il Capitano,
ormai folle, con la camicia di forza, usando la voce amorosa e rassicurante di

82

La regia di Filippo Crivelli, lOrchestra, il Coro e il Corpo di Ballo sono della fondazione
Teatro Massimo, diretti dal maestro Carmelo Caruso. Particolarmente curati scene e costumi
di Maurizio Monteverde.
83
Dichiarazione del regista Filippo Crivelli in La vedova allegra apre la stagione del Teatro di
Verdura, Comunicato stampa, www.teatromassimodipalermo.it.

41

una balia che addormenta un bambino. Accanto a lei in questo spettacolo


prodotto dal Teatro Stabile di Bologna e dallEmilia Romagna Teatro, sono
Umberto Orsini e Manuela Mandracchia, nei ruoli del Capitano e della moglie.
La sera del 22 gennaio 2007, al Teatro Studio di Milano, Gianna
Giachetti riceve il prestigioso Premio Ubu 2006 per la sua interpretazione
della balia ne Il padre, come miglior attrice non protagonista. Il premio pu
essere considerato, con ragione e merito, un riconoscimento oltre che per
linterpretazione offerta dallattrice nello spettacolo, per la sua storia
personale di artista che da ormai cinquantanni calca le scene teatrali italiane
con coerenza ed amore.
Il teatro non si pu tradire 84 , afferma con la sua voce profonda,
dopo aver ricordato e ripercorso generosamente anni di palcoscenici e viaggi,
successi e timori, dolori e perdite.

1.11 IL CINEMA E LA TELEVISIONE

Lesordio di Gianna Giachetti nel mondo del cinema in un film del


1959, Arrangiatevi!, una divertente commedia diretta dal regista pistoiese
Mauro Bolognini, interpretata da un ricco cast: Tot, Peppino De Filippo,
Franca Valeri e Vittorio Caprioli.
La giovane attrice recita lanno seguente ne La contessa azzurra, con
la regia di Claudio Gora e la partecipazione di due grandi attori come Paolo
Stoppa e Amedeo Nazzari, e nel 1961 interpreta una bella e giovane
prostituta, accanto a Claudia Cardinale, Romolo Valli e Jean Paul Belmondo
ne La viaccia, di Mauro Bolognini. Il film, bellissimo e amaro, in un
suggestivo bianco e nero, si svolge in una Firenze crepuscolare e antica di
84

Vedi APPENDICE I, Lattrice si racconta.

42

fine 1800, e narra una storia liberamente tratta da Leredit di Mario Pratesi,
con la prestigiosa sceneggiatura di Vasco Pratolini e Pasquale Festa
Campanile.
Dopo questultimo impegno seguono per Gianna Giachetti ben 35 anni
di silenzio nel mondo del cinema, una lunga pausa che si interrompe
improvvisamente nel 1996, grazie al regista e commediografo fiorentino Ugo
Chiti85, con cui torna a lavorare nel riconosciuto film di importanza nazionale

Albergo Roma, tratto dalla commedia Allegretto perbene ma non troppo


del 1987. Il film si ispira ad un fatto di cronaca accaduto in Toscana nel
1939, e si svolge in un borgo abitato da personaggi insoliti e aspri, tra i quali
la pettegola Olimpia, interpretata da Gianna Giachetti.
Ancora nel 1996 lattrice interpreta in un brillante dialetto romagnolo il
personaggio di Fosca, nella divertente e amara commedia Ritorno a casa

Gori, diretta da Alessandro Benvenuti, tratta da un suo copione teatrale. Il


ritorno al cinema dellattrice dagli anni Novanta in poi avviene anche grazie al
successo dei registi toscani, che si vanno affermando, e con i quali Gianna
Giachetti ben lieta di lavorare, con la consueta energia e gioia.
Nel 1997 in Ovosodo, originale e riuscito film del regista Paolo Virz,
pellicola che ottiene il Gran Premio Speciale della giuria alla mostra di
Venezia, e lanno seguente lavora con la regia di Francesco Nuti ne Il Signor

Quindicipalle e ne I volontari, con la regia di Domenico Costanzo. Gli impegni


cinematografici di Gianna Giachetti continuano nel 1999 nel film drammatico

Un T con Mussolini

di Franco Zeffirelli e con la partecipazione alla

commedia Bagnomaria di Giorgio Panariello.


Nel 2000 Gianna Giachetti offre una toccante interpretazione, nel ruolo
della domestica Elsa, in un film da lei molto amato86, Il cielo cade, regia di
Andrea e Antonio Frazzi, sceneggiatura di Suso Cecchi DAmico, tratto
dallomonimo romanzo di Lorenza Mazzetti. Dopo questo ruolo drammatico

85
86

Ibidem.
Ibidem.

43

lattrice torna alla commedia in un film del 2004, Tredici a tavola di Enrico
Oldoini, commedia ambientata in un vecchio casale della campagna toscana,
a met tra il comico ed il malinconico, interpretata da un ricco cast di attori
tra cui citiamo Paolo Bonacelli e Giancarlo Giannini.
Oltre che attrice di teatro e di cinema, Gianna Giachetti stata ed
tuttora una instancabile interprete di innumerevoli personaggi degli
sceneggiati televisivi del passato, fino alle attuali fiction. Notevole la quantit
e la qualit del lavoro svolto per la televisione 87, spesso con la prestigiosa
regia di maestri come Edmo Fenoglio, Mario Ferrero, Vittorio Cottafavi.
Tra i numerosi lavori sono degni di nota gli sceneggiati Il costruttore

Solnes, Il mistero delle tre orchidee, Stenterello a Tunisi, Un lungo grido di


libert, regia di Mario Ferrero; Gli addii, I fuochi di San Giovanni, Piccoli
borghesi, Il castello dei fantocci, regia di Edmo Fenoglio; Don Giovanni, La
Signora dalle camelie, regia di Vittorio Cottafavi;
Barbiana, regia di Andrea e Antonio Frazzi;

Don Milani Il priore di

Un colpo al cuore, regia di

Alessandro Benvenuti. Nel corso degli anni Gianna Giachetti ha anche


lavorato in numerose produzioni radiofoniche, a Firenze, Roma, Torino,
Milano, Napoli.

87

A questo proposito vedi lelenco completo dei lavori televisivi di Gianna Giachetti in
APPENDICE V, Apparizioni Televisive, pp. 114-121.

44

CAPITOLO SECONDO

DA LA CAMERIERA BRILLANTE A IL VENTAGLIO: LE INTERPRETAZIONI


GOLDONIANE

2.1 GIANNA GIACHETTI INTERPRETE GOLDONIANA

Il teatro di Goldoni ricco di figure femminili forti, intelligenti e


spiritose, alcune delle quali arrivano a condurre la commedia stessa. Gianna
Giachetti incontra lautore nel 1961, quando interpreta diretta da Gianfranco
De Bosio il ruolo di Argentina ne La cameriera brillante, commedia che le fa
conoscere e capire la profonda riflessione di Goldoni sul teatro e sulla
professione dellattore. Lattrice reciter in seguito in altre importanti
commedie goldoniane, interpretando con carattere e grande presenza
scenica personaggi femminili indimenticabili come Mirandolina ne La

locandiera e Siora Felice ne I rusteghi.


Gianna Giachetti comprende il rispetto dellautore nei confronti della
donna fino a farle assumere, come nel caso di Argentina ne La cameriera

brillante, il ruolo di capocomica: Goldoni le donne le ha amate e ha capito


che sono il motore della vita, uno dei grandi autori che hanno compreso la
psicologia femminile e non hanno avuto vergogna di diventare complici e
ammiratori di questo mondo perch una ricchezza1. Argentina la serva
del mercante burbero Pantalone, che ha due figlie in et da marito
1

Vedi APPENDICE I, Lattrice si racconta.

corteggiate da molti pretendenti, tra i quali Ottavio e Florindo. Il meccanismo


quello della commedia dellarte ma Goldoni esaspera i caratteri dei
personaggi, attraverso lespediente del teatro nel teatro:
Laffinit della Cameriera brillante con la commedia dellarte, di cui depone
labito farsesco soltanto nel bel terzo atto, pi elevato nel tono dellinvenzione
e nella qualit del dialogo, stata accortamente sottolineata dalla regia di
Gianfranco De Bosio, che ha dato di proposito un carattere popolare alla
tumultuosa gaiezza dei primi due atti puntando sugli effetti del brio e della
comicit degli attori bravissimi che aveva a sua disposizione2.

Nel terzo atto Argentina da vera capocomica fa recitare i personaggi in


una commedia nella commedia assegnando loro caratteri diversi e opposti ai
propri originali. Con questo espediente Goldoni intende esaltare la difficolt
della

professione

dellattore

nel

ricordare

le

parti

memoria

nellinterpretare caratteri diversi dal proprio. Lautore fa un inno allattrice


comica e alla sua importante funzione drammaturgica. Gianna Giachetti
interpretando Argentina ha la funzione di equilibrare gli estremi, da semplice
servetta assume il ruolo di capocomica e regista, lei la vera portatrice delle
idee del drammaturgo stesso.
Lattrice interpreta con impegno il personaggio importante a lei
assegnato dal regista De Bosio e la sua Argentina si muove decisa accanto
agli altri bravi attori di indubbie capacit:
Sergio Tofano nelle vesti dun Pantalone di gran stile, Gianna Giachetti in
quelle di unArgentina spiritosa, Franco Parenti e Checco Rissone nella
maschere di Brighella e Traccagnino, Giovanna Pellizzi e Adriana Asti nelle
parti delle due sorelle litigiose, Memmo Craig e Renzo Giovampietro in quelle
di Ottavio e Florindo, hanno formato un complesso estremamente gradevole
per vivacit e fusione3.

La successiva interpretazione di Gianna Giachetti in un ruolo della


commedia goldoniana avviene molti anni pi tardi, quando lattrice ormai
unartista completa e di grande esperienza. Nel 1981 Giorgio De Lullo
2
3

Arnaldo Fratelli, La cameriera brillante, Sipario, n. 187, novembre 1961, p.24.

Ibidem.

46

ripropone

La

Locandiera

di

Goldoni

nella

messinscena

pensata

rappresentata da Luchino Visconti al Teatro La Fenice nellottobre del 1952, e


offre a Gianna Giachetti il ruolo principale di Mirandolina. Si tratta certamente
di una delle commedie maggiormente rappresentate del teatro italiano,
messa in scena la prima volta nel 1753 a Venezia, al Teatro SantAngelo, con
un debutto di non grande scalpore. In seguito la commedia stata
compresa, reinterpretata e riletta attraverso moltissimi allestimenti. La sua
importanza sottolineata da Giorgio De Lullo:
E per ricordare la funzione determinante e rivoluzionaria della Locandiera di
Visconti nella storia dellinterpretazione goldoniana e per rendere omaggio al
mio Maestro che ritengo opportuno riproporla oggi, dopo trentanni come
lui la fece allora a chi la vide e la ricorda, ma soprattutto alle giovani
generazioni che non hanno potuto conoscerla4.

De Lullo si avvale per le scenografie e i costumi della collaborazione di


Maurizio Monteverde, Piero Tosi e Umberto Tirelli, professionisti che avevano
contribuito alla realizzazione di quello storico spettacolo, rispettando
attentamente le note e le indicazioni di Visconti 5 . Per la recitazione degli
attori il regista si avvale degli stessi moduli interpretativi pensati per lo
spettacolo del 1952. Il risultato una Locandiera perfetta, evocativa, di
grande emozione visiva, con lunico limite che destinato ad incontrare ogni
tentativo di riproporre un grande successo del passato: Tutto questo per
dire che impossibile ricostruire a teatro le sensazioni e i pensieri di
trentanni prima. Il teatro il qui e ora. Il teatro listante che passa e la
gente che in quellistante c6.
Gli attori diretti da Giorgio De Lullo sono impegnati in ruoli che
nelledizione del 1952 erano stati interpretati da grandi attori come Marcello
Mastroianni, Paolo Stoppa, Rina Morelli, Gianrico Tedeschi (poi sostituito da
4

Giorgio De Lullo, da programma di sala, Patalogo, n. 4, aprile 1981, p. 108.


Giorgio De Lullo introduce ununica novit, una melodia di Nino Rota composta per
Limpresario di Smirne, commedia di Goldoni messa in scena da Visconti nel 1957.
6
Roberto De Monticelli, Da quella locanda un nuovo Goldoni, Il Corriere della Sera, 21
marzo 1981.
5

47

Romolo Valli), Rossella Falk e lo stesso Giorgio De Lullo. Si tratta dunque di


una difficile scommessa del regista e dei nuovi interpreti di questa nuova

Locandiera, gli attori del Gruppo Teatro Libero Romolo Valli 7.


I personaggi della Locandiera sono rappresentativi del profondo
cambiamento nel teatro di Goldoni, superano le maschere fisse della
commedia

dellarte

per

impersonare

caratteri

reali,

veri,

ricchi

di

sfaccettature. Mirandolina una donna moderna e scaltra, che gestisce a


Firenze la locanda ereditata dal padre con laiuto del cameriere Fabrizio.
Corteggiata da un marchese decaduto e da un ricco conte, ospiti della
locanda, riesce con furbizia a giocare con i due nobili accettando lusinghe e
regali senza mai concedersi, mantenendoli inoltre come clienti della locanda
e facendo cos i propri interessi. Anche il Cavaliere di Ripafratta, misogino e
scorbutico, cede infine a Mirandolina e si innamora, ma lei con i suoi
stratagemmi riesce a calmare e governare la situazione di tensione che si
crea tra i tre nobili, sposando nel finale il cameriere Fabrizio, cos come aveva
promesso al vecchio padre.
Gianna Giachetti interpreta questo personaggio forte e carismatico
dopo molte altre grandi attrici italiane, tra le quali Eleonora Duse, Adelaide
Ristori e nel 52 Rina Morelli, e lo fa con impegno e passione, tenendo conto
della rivalutazione della figura femminile che Mirandolina rappresenta. Nata
con riferimento alla maschera di Colombina, la locandiera innalza il proprio
ruolo a simboleggiare lo scontro tra le classi sociali ed i sessi. E una donna
padrona del proprio destino, ha unintelligenza sottile e la usa attraverso la
parola; i sui lunghi monologhi fanno comprendere le sue idee e di riflesso il
pensiero goldoniano.

Gli interpreti sono: Gianna Giachetti (Mirandolina), Gabriele Tozzi (Cavaliere di Ripafratta),
Ezio Marano (Marchese di Forlimpopoli), Andrea Matteuzzi (Conte dAlbafiorita), Isabella
Guidotti (Ortensia), Marina Locchi (Dejanira), Roberto Alpi (Fabrizio), Martino Duane, Cesare
Festa.
7

48

Lautore nella premessa allopera ne difende il valore morale:


Lo scopo vi si afferma leducazione dello spettatore-lettore contro le
femmine lusinghiere, contrapposte alle donne oneste. Gli elementi
didascalici di una strategia della conquista, adoperati a piene mani dal
drammaturgo, servirebbero a dissuadere gli uomini, insegnando loro a
fuggire i pericoli, per non soccombere alle cadute8.

Goldoni quindi mette in guardia gli uomini dalla malizia delle donne,
ma ha profonda simpatia per Mirandolina, uno dei personaggi pi
rappresentativi del suo nuovo teatro. Citiamo dal III atto, scena ultima:
Mirandolina: Queste espressioni mi saran care, nei limiti della convenienza e
dellonest. Cambiando stato, voglio cambiar costume; e lor signori ancora
profittino di quanto hanno veduto, in vantaggio e sicurezza del loro cuore; e
quando mai si trovassero in occasioni di dubitare, di dover cedere, di dover
cadere, pensino alle malizie imparate, e si ricordino della Locandiera9.

Tracciare un profilo di questo personaggio necessario per capire


quanta storia del teatro esso porti con s nel corso degli anni. Interpretare
Mirandolina nello spettacolo affettuosamente riproposto da De Lullo
rappresenta per Gianna Giachetti un passo in avanti nella preparazione alle
interpretazioni di altre figure femminili che la vedranno protagonista della
scena teatrale alcuni anni pi tardi. Il suo impegno incontra una critica
positiva:
E linterpretazione stavolta, non paia giudizio limitato, una interpretazione
alla Visconti senza Visconti. Giachetti era una Mirandolina sapiente, robusta e
intrigante, corposissima10.

Limpresa difficile di Gianna Giachetti e degli altri attori quella di


veder confrontare la propria recitazione con quella degli interpreti delle altre
edizioni, tentazione della stampa e di una parte del pubblico per et
maggiormente nostalgica:
8

Teresa Megale, commento, Lautore a chi legge, in Carlo Goldoni, La locandiera, a cura di
Sara Mamone e Teresa Megale, Marsilio Editori, Venezia, giugno 2007, p. 235.
9
Ivi, pp. 226-227.
10
Tommaso Chiaretti, Quel buon gusto di 30 anni fa, La Repubblica, 21 marzo 1981.

49

La Mirandolina della generosa Gianna Giachetti che ad ascoltarla ad occhi


chiusi sembra talvolta Sarah Ferrati, forsanche per la comune matrice
toscana non sar completamente allaltezza della locandiera Morelli: ma
non certo protagonista sciatta o inespressiva, anzi attrice di vibrante
temperamento, di insinuante grazia maliziosa, di restituita capacit
dincantamento11.

Nel confronto con la Mirandolina di Rina Morelli, Gianna Giachetti


sceglie con coraggio una strada diversa e personale:
La Morelli faceva di Mirandolina una ragazza aspramente intelligente, al limite
della sgradevolezza ma sempre salvando linnocenza e linconsapevolezza
dellistinto, s che ne veniva come il soffio duna gatta adorabile e infida,
velluto e unghie. La Giachetti sembra estraniare, per dimostrarlo pi
esplicitamente, il negativo del personaggio, chiudendolo nellarco di un alto
arabesco vocale, un po alla Ferrati, ma con una sorta di manierismo che alla
lunga pu anche stancare. Tant vero che nel terzo atto, diventata pi
semplice e diretta, lattrice recupera non solo in freschezza del personaggio
ma anche in presa sul pubblico12.

Lattrice si arricchisce

di unaltra esperienza importante, uno

spettacolo talvolta criticato per essere una riproduzione dellallestimento


viscontiano priva di vere novit. Ma semplicemente questo voleva essere
nelle intenzioni di De Lullo, un omaggio a un regista e a un autore
profondamente amati: baster dar atto a De Lullo di unoperazione
generosa e coerente, compreso il calcolato rischio del rigetto trentennale. E
rimeritare con piena approvazione il suo autentico atto damore13.
Lo stesso pubblico apprezza il buon gusto e limpegno con il quale lo
spettacolo stato messo in scena:
Il pubblico che affollava la sala del Piccolo Teatro, gioved sera (giusto cinque
anni prima si erano svolti a Roma i funerali di Visconti, mentre fresco il

11

Gastone Geron, Sissignori, fu proprio cos La locandiera di Visconti, Il Giornale degli


spettacoli, 21 marzo 1981.
12
Roberto De Monticelli, Da quella locanda un nuovo Goldoni, Il Corriere della Sera, 21
marzo 1981.
13
Gastone Geron, Sissignori, fu proprio cos La locandiera di Visconti, Il Giornale degli
spettacoli, 21 marzo 1981.

50

lutto per la scomparsa di Paolo Grassi), ha tributato del resto, alla Locandiera
1981, accoglienze assai cordiali14.

Il passaggio dal ruolo di Mirandolina ad un nuovo personaggio


goldoniano viene offerto nel 1992 a Gianna Giachetti dal regista Massimo
Castri, con linterpretazione di Felice ne I rusteghi. 15 Lanno successivo il
grande successo de I rusteghi, ancora una interpretazione per Gianna
Giachetti in una commedia goldoniana, Il ventaglio, con la regia di Luigi
Squarzina. Scritta durante lesilio parigino di Goldoni e rappresentata per la
prima volta a Venezia nel 1765, viene definita dallautore: una gran
commedia, perch mi ha costato una gran fatica, e una gran fatica coster ai
comici per rappresentarla16:
Goldoni aveva dovuto fare i conti con i diversi gusti del pubblico e con le
diverse attitudini degli interpreti, ed assai probabile che sia questa la gran
fatica di cui parla nella lettera. In pratica, era stato costretto ad arretrare
rispetto ai capolavori dellultimo periodo veneziano, rinunciando ai grandi
ritratti psicologici e di ambiente per tornare, in un certo senso, alla
Commedia dellArte; e appunto da uno scenario, cio da una storia senza
dialoghi scritti era nata con un duro lavoro la nuova, nuovamente diversa e
diversamente conquistata perfezione espressiva del Ventaglio17.

Il ventaglio loggetto centrale della commedia, simbolo dello


svelamento di se stessi nelleterno gioco dellamore. Tutto ruota intorno
alloggetto che inizialmente si rompe, viene ricomprato nuovo, passa di mano
in mano creando un complicato intreccio e sollevando il misterioso gioco dei
sentimenti. Candida e Evaristo sono i due innamorati, protagonisti della
commedia. Lei fa cadere il ventaglio dal terrazzo, vicino ad Evaristo, e
loggetto si rompe, cos egli ne compra uno nuovo che intende far pervenire
a Candida attraverso un macchinoso percorso che causa malintesi e innesca

14

Aggeo Savioli, Cera una volta una famosa Locandiera, LUnit, 21 marzo 1981.
Rimandiamo ai paragrafi 2.2 e 2.3 per lanalisi dello spettacolo e dellinterpretazione
dellattrice.
16
Carlo Goldoni, Lettera a Stefano Sciugliaga, Opere, XIV, 127, p. 327, in Giuseppe Bonghi,
Introduzione a Il Ventaglio di Carlo Goldoni, www.classiciitaliani.it.
17
Giovanni Raboni, Pi ritmo per la gran commedia del Ventaglio, Il Corriere della Sera,
14 luglio 1993.
15

51

rancori e rivalit nellintero paesino. Alla fine Evaristo riesce a dare


allinnamorata il ventaglio.
Gianna Giachetti interpreta sapientemente il personaggio di Geltruda,
zia di Candida, vedova di buona condizione economica. Geltruda non ha figli
ed molto affezionata alla nipote, cui lascer tutto. E una donna attenta e di
buon senso, un ruolo adatto per lattrice, che dopo lesperienza vissuta ne La

cameriera brillante molti anni prima e lanno precedente ne I rusteghi


consapevole,

da

attrice

matura

capace

nella

lettura

dei

testi,

dellimportanza della donna nel teatro di Goldoni. Come Argentina e Felice,


anche Geltruda un personaggio chiave, portavoce del pensiero dellautore:
Nella vicenda, come stato rilevato dalla critica pi avvertita, Goldoni si
riveste delle spoglie di un personaggio assente nel canovaccio originale, la
ragionevole vedova Geltruda, che cerca di mediare attraverso il dialogo i
conflitti in corso, scoprendosi per assolutamente impotente a frenare
lirrazionalit che si scatena attorno a lei, e che finisce per adeguarsi
passivamente, senza indagare a fondo sulle loro cause, alle decisioni
repentine e arbitrarie della nipote. Un amaro accenno di autoironia, da parte
di un vecchio ormai stanco di lottare con le smanie del resto dellumanit18.

Luigi Squarzina riesce in questallestimento a mettere in evidenza il


ruolo del ventaglio come strumento magico, che innesca col suo apparire
lesplosione emotiva ingiustificata dellintera collettivit 19. Il regista intende
raggiungere lobiettivo non facile di ricreare quel ritmo che il meccanismo
stesso della trama richiede, e raggiunge risultati discreti grazie alle
scenografie appropriate di Carlo Diappi e soprattutto allapporto dei validi
attori:
Tutto bene, insomma, sulla carta; e tutto non pi che discreto, invece,
almeno per ora, nella realt dello spettacolo, dove mi parsa gi a buon
punto la resa momico vocale dei personaggi ( particolarmente godibile nel
Conte di Mario Valgoi e nella Giannina di Stefania Felicioli, ma apprezzabile
anche in Daniele Griggio, in Wanda Benedetti, in Gianna Giachetti, e direi un
po in tutti), ma dove ho trovato ancora carente, forse per i problemi di
distanza e di dispersione creati, qui al Teatro Romano di Verona, dal plein air
e dalle dimensioni del palcoscenico, proprio quel ritmo, quellinfallibile
18
19

Paolo Albonetti, Il Ventaglio di Carlo Goldoni, Libri, recensioni, www.drammaturgia.it.

Ibidem.

52

rapidit di incastri, quella geometria in cui, secondo la maggior parte degli


studiosi, da ravvisare la massima peculiarit espressiva della commedia20.

Autore importante del nostro teatro, Goldoni capace di regalarci


storie divertenti ma di profonda lettura dellanimo umano e della societ in
cui ha vissuto. Grazie ai grandi interpreti del teatro italiano le sue commedie
riescono ad essere ancora nuove e attuali. Gianna Giachetti ha portato sulla
scena personaggi femminili che Goldoni ha reso protagoniste delle proprie
commedie, per dimostrare limportanza del ruolo della donna nelleterna
guerra dei sessi e soprattutto sulla scena, riconoscendole la dignit del
mestiere di attrice.

2.2 I RUSTEGHI, ANALISI DELLO SPETTACOLO

Nel 1992, in anticipo di un anno rispetto alla celebrazione del


Bicentenario della morte di Carlo Goldoni (1793-1993), il regista Massimo
Castri mette in scena avvalendosi di validi attori21, la commedia in tre atti I

rusteghi, scritta da Goldoni nel gennaio del 1760 e allestita per la prima
volta, con il titolo La Compagnia dei Salvadeghi, ossia i Rusteghi , il 16
febbraio dello stesso anno, durante il Carnevale, al Teatro San Luca di
Venezia.
La commedia, in dialetto veneziano, ha come tema portante il conflitto
tra la mentalit conservatrice, chiusa e avara dei quattro personaggi maschili,
i rusteghi Lunardo, Canciano, Simon e Maurizio, espressione di uno stile di
Giovanni Raboni, Pi ritmo per la gran commedia del Ventaglio, Il Corriere della Sera,
14 luglio 1993.
21
Citiamo gli interpreti de I rusteghi, diretti da Massimo Castri: Gianna Giachetti (Felice),
Mario Valgoi (Lunardo), Enrico Ostermann (Simon), Daniele Griggio (Canciano), Gian Campi
(Maurizio), Michela Martini (Margarita), Wanda Benedetti (Marina), Stefania Felicioli
(Lucietta), Piergiorgio Fasolo (Felippetto), Quinto Parmeggiani (Conte Riccardo).
20

53

vita austero, privo di divertimento e leggerezza, e la visione pi moderna e


vitale delle mogli, prima fra tutte Siora Felice, moglie di Canciano.
I Rusteghi in lingua veneziana non lo stesso che i Rustici in lingua toscana.
Noi intendiamo in Venezia per uomo Rustego un uomo aspro, zottico, nemico
della civilt, della cultura e del conversare. Si scorge dal titolo della
Commedia non essere un solo il protagonista, ma vari insieme, e in fatti sono
eglino quattro, tutti dello stesso carattere, ma con varie tinte delineati, cosa
per dire il vero dificilissima, sembrando che pi caratteri eguali in una stessa
Commedia possano pi annoiare che dilettare. Questa volta mi riuscito
tutto al contrario: il Pubblico si moltissimo divertito, e posso dire
questopera una delle mie pi fortunate; perch non solo in Venezia riusc
gradita, ma da per tutto, dove finora fu dai Comici rappresentata.22

Conflitto tra mondo maschile e femminile, tra il vecchio e il nuovo, ma


non solo, poich il testo si presta a molte letture, fino ad individuare il
confronto in chiave politica e sociale di una nuova borghesia leggera e
festaiola, ma anche colta e amante della musica, del teatro, che si
contrappone ad un vecchio e conservatore ceto benestante, misantropo e
chiuso, attaccato alla roba e al denaro. Significative in questo senso le
scenografie, stanze cupe e claustrofobiche, simbolo della personalit dei
quattro rusteghi e del mondo che essi rappresentano, e per contrasto la
finestra situata nel primo atto a sinistra, in seguito a destra, dalla quale, nei
pochi minuti in cui viene aperta da Lucietta, figlia di Lunardo, entrano gli echi
allegri del Carnevale, metafora della vita che fluisce.
Antonio Fiorentino ha creato cinque eleganti interni, variazioni sul tema
comune della claustrofobia, che in un paio di casi Iuraj Saleri ha illuminato
lateralmente, alla Vermeer, da finestre a vetri alle quali le comari ogni tanto
si affacciano per rubare qualche canzone, qualche lazzo del carnevale che si
sente fervere nelle calli: uno dei piccoli, ispirati tocchi del regista23.

22

Carlo Goldoni, Lautore a chi legge, I Rusteghi, in Commedie di Carlo Goldoni, a cura di
Nicola Mangini, Unione Tipografico-Editrice Torinese, prima edizione 1971, Volume secondo,
p. 665.
23
Masolino DAmico, Al Donizetti di Bergamo il lavoro di Goldoni nellallestimento di
Venetoteatro regista Massimo Castri, La Stampa, luned 16 marzo 1992.

54

La vicenda centrale il matrimonio combinato da Maurizio e Lunardo


tra i rispettivi figli Lucietta e Felippetto, senza che i due possano conoscersi
prima della cerimonia. Felice conduce la commedia, organizzandone
lincontro e coalizzando le donne in un complotto per ingannare i mariti,
ridimensionandone lautorit e inducendoli allaccettazione e al perdono con
un arringa finale sottilmente cordiale e al tempo stesso astuta e
intraprendente.
Da mettere in rilievo anche il carattere metateatrale dellopera. Si
parla di teatro gi nella prima scena, nella quale Lucietta si lamenta con la
madre di non aver visto neanche una commedia durante il Carnevale. Al
contrario gli uomini ne parlano come di una perdita di tempo, infine la stessa
Felice sia nel secondo che nel terzo atto allude in modo diretto alla
commedia che si sta svolgendo:
Come, come! Se ghe digo el come, x fena la comedia. Andemo.
(Atto II, scena XIV).
Stemo aliegri, magnemo, bevemo, e femo un prindese alla salute de tuti
queli che con tanta bont e cortesia nha ascolt, nha sofferto, e nha
compato.
(Atto III, scena ultima).

Massimo Castri sceglie lapprofondimento analitico: la commedia


riletta dal regista in modo da sottolinearne ogni passaggio, rallentando in
certi passi, ad esempio nel finale, la velocit narrativa di Goldoni e curando
nei minimi particolari il lavoro di scavo nel carattere dei personaggi fatto
dagli attori.
Chi conosce il lavoro di Castri sa come le sue messe in scena si possano
dividere, grosso modo, in due gruppi, posti idealmente sotto il segno di due
diverse muse che vorrei chiamare (chiedendo scusa per la terminologia non
meno approssimativa che bizzarra) la musa del ribaltamento semantico e la
musa dellapprofondimento analitico. Anche se la prima gli ha ispirato non
pochi risultati di grande rilievo, confesso di preferire gli spettacoli in cui Castri
obbedisce alla seconda: e fra essi si situa limpidamente questa sua prima
regia goldoniana. Aderendo, in questo, a una gi autorevolissima nuova
tradizione che comincia con il Visconti della Locandiera e arriva, passando per
alcuni memorabili esempi strehleriani, sino al Ronconi della Serva amorosa,
Castri ha radicalmente disatteso limmagine, tuttora diffusa, di un Goldoni

55

veloce e spumeggiante, in cui linfallibile musicalit dei dialoghi prevale sulla


verit delle situazioni; e ha dedicato, al contrario, tutta la sua attenzione a
scolpire ogni passaggio, ogni parola del testo per spremerne il massimo di
emozione, di senso24.

Le scene, curate da Antonio Fiorentino, sono realistiche ed eleganti,


scarne nel mobilio, metaforicamente illuminate dalle finestre laterali, e i
costumi ideati da Claudia Calvaresi sono discreti ma non privi di una velata
ironia e divertimento. Le musiche, volutamente non settecentesche, curate
da

Bruno

De

Franceschi,

contribuiscono

ad

arricchire

dialoghi,

accompagnandoli con toni pi o meno gravi. Da ricordare lattento lavoro


sulla lingua svolto dal regista e dagli interpreti, un vero e proprio studio nel
completo rispetto del dialetto veneziano in ogni sua sfumatura:
Dellattuale spettacolo, risalta un buon assortimento di attori, alcuni veneziani
o Veneti altri no, ma tutti capaci di parlare, bene o benissimo, quel mirabile
dialetto; con punte di forza nella schiera femminile, che poi quella vincente,
in una battaglia domestica che riflette a dirla spiccia, un conflitto generale tra
conservazione e progresso, nei rapporti familiari e in quelli sociali25.

Nellinsieme si tratta di uno spettacolo riuscito e apprezzato dalla


critica, messo in scena dalla Compagnia in numerose repliche, vincitore del
Premio Ubu 1992 per la migliore regia dellanno. Eppure, nonostante il
successo si trova ad essere cancellato dal cartellone della stagione successiva
(1993) dai vertici del Teatro Stabile del Veneto, (subentrato a Venetoteatro),
decisione che porta lintero cast a costituirsi in Compagnia Goldoniana per il
Bicentenario, e a portare in giro per lItalia lo spettacolo, attraverso un
operazione organizzativa di non pochi rischi e spese, tanto da indurre gli
operatori e gli artisti a lavorare con paghe al minimo sindacale.

24

Giovanni Raboni, Grandi applausi a Bergamo per il capolavoro goldoniano allestito con
intensit e pathos da Massimo Castri. Aria nuova sui Rusteghi, Corriere della Sera,

mercoled 18 marzo 1992.


25
Aggeo Savioli, Avvio anticipato del bicentenario goldoniano al Comunale di Treviso con la

celeberrima commedia messa in scena da Massimo Castri. Dal conflitto familiare a quello tra
conservazione e progresso, LUnit, domenica 1 marzo 1992.

56

Una nota importante, per finire: I rusteghi fu prodotto lanno scorso da


Venetoteatro. Ma il costume sovietico, che governa le sorti del nostro teatro,
avendo deciso di smetterla per passare ad altro, ha visto con inaudita
sorpresa assessoriale, gli interpreti staccarsi in blocco, regista incluso, da
Venetoteatro e formare una Compagnia goldoniana del Bicentenario, con
paghe al minimo sindacale. Quanto sarebbe piaciuto a Goldoni questo fatto. I
lunghi, interminabili applausi hanno premiato anche questo atto di civilt e di
coraggio26.

2.3 LA LIBERTA DI SIORA FELICE

Gianna Giachetti interpreta Siora Felice con energia e ironico


divertimento. Limportanza del suo personaggio si rivela nel corso dei tre atti
e lattrice lo propone con piglio e presenza scenica. Dal momento della sua
prima entrata27 si rivela la differenza tra la personalit di Felice e quella delle
altre donne, e si capisce durante lo sviluppo del plot

quanto sia lei a

comandare gli eventi e ad essere la figura che ordisce e scioglie la trama


della commedia.
Il primo atto si apre con il dialogo tra Lucietta e la madre Margarita,
(seconda moglie del padre Lunardo, rimasto vedovo), la giovane alla
finestra divertita dallascolto dei canti carnevaleschi 28, e la madre si rattrista
nel ricordo dei bei tempi andati, quando poteva uscire e divertirsi. Lunardo
un uomo serio e autoritario, non vuole che le due donne abbiano nessuno
svago o godano di alcuna frivolezza, al suo ingresso in scena si crea subito
tensione nel dialogo con la moglie, infelice e repressa 29. Lunardo le annuncia
che anche per loro ci sar divertimento, avranno gente a cena, intende
26

Giorgio Prosperi, Splendido lallestimento dellopera di Goldoni, in scena al Teatro Quirino.


I Rusteghi sconfitti dalle donne, Il Tempo, venerd 11 dicembre 1992.

Atto I, scena IX.


Debotto x fenio Carneval. () De diana! Gnanca una strazza de commedia no avemo
visto. Le prime battute di Lucietta sono gi un esempio di metateatro. (Atto I, scena I).
29
Lunardo: Cossla sta maschera? Per cossa se va in maschera? No me f parlar. Le putte
no ha da andar in maschera. (Atto I, scena II).
27

28

57

invitare gli altri tre rusteghi con le mogli. Lunardo: Siora s. Cus, vedeu?
Me piase anca mi praticar. Tutti col so matrimonio. Cus no ghe x
sporchezzi30. Giunge Maurizio, ancora pi autoritario e rigido dello stesso
Lunardo, ed insieme decidono del matrimonio tra i propri figli, dopo aver
fatto uscire le due donne in malo modo. La vicenda continua nella casa di
Marina e Simon, in una ambientazione cupa e scarna, illuminata dalla finestra
situata lateralmente a destra che, aperta da Marina, fa entrare nella stanza
gli echi allegri del Carnevale.
Marina riceve la visita del nipote Felippetto che viene a chiederle
informazioni sulla futura sposa, dal momento che i due severi padre e
suocero non hanno intenzione di fargliela conoscere prima della cerimonia.
Arriva Simon brontolando del fatto di trovare in casa ospiti, suscitando la
reazione di Marina, che gli d del tanghero e si lamenta della vita austera
che le fa condurre. Arrivano nuove visite, entra Felice accompagnata dal
marito Canciano che porta molti pacchetti regalo, tanti da coprirgli il volto, e
dal Conte Riccardo, cavalier servente della dama, gentile e ben vestito.
Gianna Giachetti regala al personaggio una divertita gestualit ed un
portamento da dama, indossa un abito molto largo ai fianchi, che segna dal
momento del suo ingresso la distinzione tra il suo personaggio e le altre
figure femminili. Labito molto pi frivolo rispetto a quelli delle altre donne,
per il colore argento e la variet di accessori, ha una grande scollatura
arricchita da due fili di perle, un bel manto grigio ed il corpetto ornato di
vistosi fiocchi rosa. Anche la sua acconciatura ricca, con fiori rosa e rossi
tra i capelli e grandi orecchini di perle.
Felice mostra in modo fiero e deciso la propria femminilit, non teme il
giudizio altrui ed ha il coraggio di affrontare il marito Canciano, che appare
sottomesso, tanto da accettare la compagnia del cavaliere, con il quale
tuttavia non riesce e non vuole avere alcun tipo di dialogo. Gianna Giachetti
usa la voce come uno strumento, in modo caricaturale, incalza il marito
30

Atto I, scena II.

58

alzandone il tono e modulandola tanto da creare una cantilena strascicata,


nasale ed insinuante, soprattutto quando si rivolge a lui ripetutamente
nellatto di chiedergli conferma della propria libert di azione con la
domanda: Nevvero, Sior Cancian?.
Siora Felice, la condottiera delle mogli, pi che una femminista gi una
matriarca, alla quale Gianna Giachetti regala una petulenza invadente e una
cantilena strascicata e nasale, ricalcando la Toinette del Malato immaginario
(da lei gi interpretata accanto a Romolo Valli) nellimpostare lincontro tra i
due fidanzati come una recita rituale, e la Porzia del Mercante di Venezia
nellarringa teatrale con cui mette alle corde uno per uno quei parrucconi
nemici del teatro, forse pi grazie allimpeto che al ragionamento.31

Canciano lunico tra i rusteghi a dar ragione alla moglie, infatti alla
domanda precedente di Felice risponde: Siora si 32 . Inoltre si vanta del
palco che il marito le ha comprato nel teatro per assistere alle opere,
conquista che, vista la personalit e le idee di Lunardo e Simon, apparirebbe
impossibile per le altre due mogli. Felice, dopo aver appreso della sorte dei
due fidanzatini da Marina, elabora un coraggioso piano per farli incontrare, e
limpressione che sia lei da adesso a comandare la situazione e gli eventi.
Pulito e senza alcuna influenza della originaria cadenza toscana il dialetto
veneziano parlato da Gianna Giachetti, senza errori e con studiata attenzione
per gli accenti.
Nel secondo atto la scena si apre con la stanza apparecchiata a casa
di Lunardo, Margarita con un bel vestito color arancio prepara la tavola e
battibecca con la figliastra Lucietta, che va e viene dalla finestra, ancora una
volta aperta sui canti allegri del Carnevale. Marina e Simon arrivano proprio
mentre in atto una lite tra le due donne e Lunardo, arrabbiato con la
moglie per come si vestita e con la figlia che indossa una vecchia collana di
perle e le cascate33 ai polsi, prestatele dalla matrigna.
31

Franco Quadri, A Bergamo, I Rusteghi di Goldoni con la regia di Castri. Quei misantropi
in bala di comari. Ma non vince nessuno, La Repubblica, venerd 20 marzo 1992.

32

33

Atto I, scena IX.


I manicotti.

59

Marina risolve il conflitto conducendo via Margarita, e una volta rimasti


soli i due uomini si coalizzano dando reciproca conferma alle proprie
convinzioni. Essi declamano il disprezzo del teatro e del divertimento, visti
come spreco di soldi, ed il rifiuto dellidea di libert, ricordando con rimpianto
la severa educazione ricevuta dai genitori che li ha a loro volta portati a voler
controllare completamente mogli e figli34.
Gli ideali borghesi che Lunardo, Canciano, Simon, Maurizio incarnano, in varia
misura, rivelano, nel chiuso delle loro case sbarrate a ogni vento di novit,
unangustia, una mancanza di respiro, una tetra meschinit ove si specchia,
per usare le parole di Mario Baratto, grande goldonista (oggi scomparso),
linsufficienza storica ed economica, la carenza di egemonia culturale del ceto
mercantile della Repubblica lagunare35.

Nellaltra stanza le due donne informano Lucietta sullimminente


matrimonio e Marina parla del piano, ancora ignoto, di Felice per farli
incontrare. La stanza in cui si svolge la scena oscura e illuminata da
candele, ci sono solo pochi elementi di arredo: una scala dalla quale entrano
i personaggi, un tavolo con tre sedie ed un grande armadio scuro. Dalle scale
fa la sua seconda entrata regale Felice 36 , muovendosi con il modo di fare
misterioso e sospeso di chi porta grandi notizie e vuole suscitare stupore e
curiosit. Lattrice indossa l abito sfarzoso, arricchito da un lucido soprabito
color arancio con mantellina di pizzo nero 37, lunghi guanti in raso argentato,
ed acconciata con un buffo cappellino nero con la piuma. Spiega il piano
con ampi gesti, riuscendo a convincere le donne, timorose della furia dei
mariti, a far entrare nella stanza Felippetto mascherato da donna e Riccardo,
anchegli in maschera.

34

I dialoghi tra i rusteghi sono sapientemente accompagnati da una musica di sottofondo


grave e cupa, che sottolinea quanto essi rappresentino un mondo vecchio e conservatore.
35
Aggeo Savioli, Avvio anticipato del bicentenario goldoniano al Comunale di Treviso con la

celeberrima commedia messa in scena da Massimo Castri. Dal conflitto familiare a quello tra
conservazione e progresso, LUnit, domenica 1 marzo 1992.

Atto II, scena VIII.


In dialetto veneziano bavuta, (bauta, bautta), mantellina nera, che si porta con la
maschera.
36

37

60

Gianna Giachetti interpreta Felice con naturalezza, usa tonalit basse,


cantilenanti, per creare laspettativa, la sottile allusione, ed improvvisamente
trasforma il modo cordiale in alzate di voce perentorie e graffianti. Durante la
conversazione con Margarita e Marina, alle quali espone il suo piano, Felice
collocata al centro del tavolo, di fronte al pubblico, le altre due sono sedute
lateralmente, ad indicare il ruolo centrale da lei assunto nel plot.
Felice fa entrare Felippetto e Riccardo nella stanza, i due fanno il loro
ingresso mascherati suscitando le risate delle donne e una grande curiosit
ed emozione nella futura sposa Lucietta, mentre Margarita terrorizzata
dalla presenza in casa dei due uomini e dalla furia che scatenerebbe nel
marito Lunardo la scoperta di tali maschere. Felippetto si toglie la maschera
da donna, i due futuri sposi si vedono e si piacciono, ed qui che si coglie
ancora laspetto metateatrale del testo, sottolineato dallo stesso Riccardo:
Sono obbligato alla signora Felice, che oggi mi ha fatto godere la pi bella
commedia di questo mondo38.
E il teatro, buttato fuori dalla finestra dal disprezzo dei quattro selvadeghi,
impenetrabili a ogni cosa che sia anche minimamente in odor di novit,
rientra prepotentemente in casa proprio in quella di Lunardo, quello pi
rustego e ottuso di tutti con il travestimento del giovane Felippetto
mascherato da donna pur di poter per un attimo sbirciare la sua promessa
sposa Lucietta39.

Allarrivo improvviso dei mariti nella stanza, i due uomini mascherati


vengono nascosti nel grande armadio, linconsapevole Lunardo entra facendo
alla figlia e alle donne, in un atmosfera di finta sorpresa, lannuncio del
prossimo matrimonio con Felippetto. Ma sta per accadere ci che Margarita
temeva, i due coraggiosi ospiti mascherati vengono scoperti, dopo che
Canciano in discussione con Felice a causa della presenza in casa loro di
Riccardo, provoca loffesa uscita delluomo dal nascondiglio, in un moto di
orgoglio.
38

Atto II, scena XI.


Mario Brandolin, Le impareggiabili sfumature della genialit di Goldoni, Messaggero
Veneto, venerd 27 marzo 1992.
39

61

Ne consegue un parapiglia generale, Lunardo su tutte le furie esce e


lo seguono gli altri. In scena rimangono Felice e Riccardo. Gianna Giachetti
interpreta in questo momento una donna fiera e coraggiosa, capace di
assumersi le proprie responsabilit e con una voce decisa e portamento
maestoso regala al personaggio un profilo di grande dignit e coraggio. Esce
seguita da Riccardo, dopo aver detto ci che intende fare: Son una donna
onorata. Ho fal, e ghe voi remediar40.
Gianna Giachetti, impavida Felice, tutta intelligenza e astuzie, con lo
strapotere della moglie virago, vera dominatrice dellintera situazione con
travolgente cordialit41.

Il terzo atto inizia con una scena mesta, musica lugubre, Lunardo,
Simon e Canciano sono riuniti in una sorta di commiserazione e di comune
senso di impotenza nei confronti delle proprie mogli che hanno disobbedito e
causato una situazione di disonore. Si parla di castigarle, lo stesso Canciano
cos consiglia Lunardo: Castighla!, Mortifichla!42.
Lunardo si interroga su come agire. Cosa fare? Mandare a monte il
matrimonio, isolare Lucietta in un convento, oppure chiudere in casa moglie
e figlia, forse picchiarle con un pezzo di legno? Ancora meglio coparle?:
Simon: E po? No saveu? Ghe ne x dei omeni che bastona le so muggier, ma
credeu che gnanca per questo i le possa domar? Oib! Le fa pezo che mai; le
lo fa per despeto, se no i le copa, no gh remedio.
Lunardo: Coparle po no.
Canciano: Mo no, certo. Perch po, vltela, mnela, senza donne no se pol
star.
Atto III, scena I.

Entra Siora Felice43, una Gianna Giachetti che si muove elegante, con
atteggiamento deciso ma ragionevole: Patroni reveriti, grazie del so bon
40

Atto II, scena XIV.


Giorgio Polacco, Gli orsi immortali. Bella rilettura dei Rusteghi di Goldoni diretta da
Castri, Il Piccolo, sabato 28 marzo 1992.
42
Atto III, scena I.
43
Atto III, scena II.
41

62

amor. E decisa a risolvere la situazione ed pronta ad assumersi tutta la


colpa, ma la sua ragionevolezza non in alcun momento priva di dignit e
orgoglio. Per prima cosa affronta il marito, inizialmente con voce e fare
cordiale e carezzevole, poi al gesto imperioso di lui che la vuole condurre via
cambia completamente impostazione della voce e della tonalit. In realt
conduce una vera e propria difesa della propria indipendenza, graffiante ed
urlata, che dimostra quanto il personaggio sia forte e per niente intimorito
dalla presenza degli uomini, infatti il marito siede vinto e ammutolito.
Tornando al tono basso e cordiale si rivolge a Lunardo invitandolo a
sfogarsi con lei, perch solo lei stata a far entrare quegli uomini in casa,
con la licenza di Margarita e di Marina, al fine di far incontrare i due futuri
sposini e farli felici. Dapprima immobile, con le mani adagiate ai fianchi,
vestiti dal largo e gonfio abito, ed in seguito seduta eretta sulla grande
poltrona, riesce a tenerli tutti in pugno. La difesa da lei condotta
magistrale, finemente arguta:
S tropo rusteghi; s tropo salva deghi. La maniera che tegn co le donne,
co le muggier, co la fia, la x cus stravagante fora de lordinario, che mai in
eterno le ve poder voler ben; le ve obedisse per forza, le se mortifica con
rason, e le ve considera no marii, no padri, ma tartari, orsi e aguzini. ()
Mi ho oper per bon cuor. Se s omeni, persuadeve, se s tangheri,
sodisfeve. La puta x onesta, el puto no ha fal; nualtre semo donne donor.
Ho feno la renga; laud el matrimonio, e compat lavocato44.
Atto III, scena II.

Tuttavia Felice dovr lavorare ancora di astuzia per convincere


Lunardo ad accettare il matrimonio e a perdonare la moglie e la figlia per
laffronto ricevuto. Lo invita a sfogarsi, ad arrabbiarsi con loro ed a
brontolarle, ma poi basta, si celebri il matrimonio. Gli si avvicina con un
movimento veloce che ha parvenza di saltello e lo incalza ora con dolcezza
ora con decisione.
44

Ho terminato larringa, approvate il matrimonio, e compatite lavvocato. Si tratta di un


riferimento scherzoso sul modo in cui venivano terminate ordinariamente le arringhe dagli
avvocati a Venezia.

63

Entrano Marina, Margarita e Lucietta, apparentemente pentite e in


atto di chiedere perdono. In realt si tratta ancora una volta di una farsa
pensata da Felice, che induce le donne ad inscenare una richiesta di
perdono, con atteggiamento di pentimento ed ammissione di colpa, per
infine condurre gli uomini a fare quello che lei vuole: I ho messi in sacco,
ma con rason45:
Il giuoco talmente gustoso, e Gianna Giachetti una Felice talmente adatta a
parti di forza, che qui, per la prima volta, il ritmo si fa ripetizione, anche per
mostrare quanto la resistenza dei rusteghi sia dura, pronta a riprender fuoco
quando sembra domata, e alla fine debba apparire chiaro che Lunardo si
arrende non alla ragione ma alla forza maggiore46.

Nella scena ultima finalmente Maurizio e Lunardo si convincono che la


cosa migliore permettere la celebrazione delle nozze tra i figli, ormai
sempre pi innamorati ed in lacrime. Ed proprio lei, Felice, che prende ed
unisce le mani dei due fidanzati, davanti a Simon e Canciano, testimoni di
nozze. La vittoria di Felice appare tuttavia velata da un senso di malinconia e
di sospensione:
Esemplari, in questo senso, il clima di allucinata e ambigua eccitazione che il
regista ha creato intorno alla scena dellincontro fra Lucietta e Felippetto
travestito da donna, la cupa malinconia che grava sul pre-finale, con i
Rusteghi alla vana ricerca duna vendetta contro le mogli trasgressive, il
belleffetto di rallentamento imposto al finale vero e proprio onde evitare che
esso appaia come uno sbrigativo e banale lieto fine47.

Lunardo si mostra nelle ultime battute ragionevole ed affettuoso con


la figlia e la moglie, invita con cordialit gli ospiti a tavola: O via, puti, st
aliegri. X ora che andemo a disnar48.
Atto III, scena II.
Giorgio Prosperi, Splendido lallestimento dellopera di Goldoni, in scena al Teatro Quirino.
I Rusteghi sconfitti dalle donne, Il Tempo, venerd 11 dicembre 1992.
47
Giovanni Raboni, Grandi applausi a Bergamo per il capolavoro goldoniano allestito con
intensit e pathos da Massimo Castri. Aria nuova sui Rusteghi, Corriere della Sera,
mercoled 18 marzo 1992.
48
Atto III, scena ultima.
45

46

64

Nel ritratto dellarrogante, assolutista, intrattabile Lunardo, rustego per


antonomasia con la sua pretesa di far sposare la figlia diciottenne senza
nemmeno lasciarle prima vedere il marito designato, forse Goldoni ha
adombrato il suo nemico Carlo Gozzi, vendicandosi delle malevole accuse di
sovvertitore dei costumi insinuate dal nobilhomo parruccone. Almeno
questo m parso di intendere nella accentuazione risentita che la regia ha
imposto a Mario Valgoi, Lunardo di strepitoso risalto, anche se infine
costretto a dar via libera ai promessi sposi dalla racola travolgente
dellimpavida Felice impersonata da una superlativa Gianna Giachetti di
temperamento leonino sotto la maschera accomodante49.

Felice sente in cuor suo di aver domato i rusteghi, ma non contenta,


chiede a Lunardo di invitare a tavola anche il Conte Riccardo, che si trova in
attesa nellaltra stanza, ed al suo rifiuto compie lultima arringa, ancora una
volta usando un tono non arrendevole ma fiero e deciso:
Vedeu? Sta rusteghezza, sto salvadegume che ghav intorno, x st causa
de tuti i desordeni che x nati ancuo, e ve far esser Tuti tre, saveu? Parlo
con tuti tre: ve far esser rabbiosi, odiosi, malcontenti e universalmente
burlai. Si un poco pi civili, tratabili, umani. ()
A monte tuto. Andemo a disnar, che x ora. E se el cuogo de sior Lunardo
non ha provisto salvadeghi, a tola no ghe nha da esser, e no ghe ne sar.
Semo tuti desmesteghi, tuti boni amici, con tanto de cuor. Stemo aliegri,
magnemo, bevemo, e femo un prindese alla salute de tuti queli, che con
tanta bont e cortesia nha ascolt, nha sofferto e nha compatio.
Atto III, scena ultima.

Si chiude il sipario, la commedia finita, Felice stessa lha condotta,


come ne avesse avuto incarico dallo stesso autore, ed lei a chiuderla, con
la rituale battuta finale rivolta agli altri personaggi ed al pubblico. Certamente
Gianna Giachetti ha messo nel personaggio tutta la sua professionalit e l
esperienza, ma qualcosa di Felice le appartiene in quanto esiste nella sua
stessa natura di donna libera ed indomabile, nella forza di unattrice che,
parlando di s durante lintervista, afferma con voce ferma: non mi sono
mai piegata50.

49

Gastone Geron, Il Giornale, 1 marzo 1992, in I Rusteghi, Il Patalogo, stagione


1992/1993, settembre 1992, p. 156.
50
Vedi APPENDICE I, Lattrice si racconta.

65

DOCUMENTI

Foto degli spettacoli e ritratti.

1. 2. Gianna Giachetti, ritratti, 1954.

67

3. Gianna Giachetti con Silvio DAmico e gli allievi dellAccademia, 1954.

68

4. Gianna Giachetti con Osvaldo Ruggieri (al centro) e gli allievi dellAccademia
in Donna del Paradiso, 1956.

69

5. Gianna Giachetti e Umberto Orsini in Nostra Dea, 1957.

70

6. Gianna Giachetti in Nostra Dea, 1957.

71

7. Gianna Giachetti con Vittorio De Sica, 1957.

72

8. Gianna Giachetti e Annibale Ninchi in Veglia la mia casa, angelo, 1958.

73

9. Gianna Giachetti, Lia Zoppelli e Gabriella Andreini


in Le ragazze bruciate verdi, 1959.

10. Gianna Giachetti in Uomo e Superuomo, 1961.

74

11. Gianna Giachetti e Nora Ricci in Il mistero delle tre orchidee, sceneggiato, 1963.

75

12. Gianna Giachetti e Franco Parenti in Don Giovanni, 1964.

76

13. Gianna Giachetti in Don Giovanni, 1964. Da destra: Franco Parenti, Gianna Giachetti,
Carmen Scarpitta, Sandro Dori, Mino Bellei.

77

14. Gianna Giachetti in Le tre sorelle, 1965. Dal centro verso sinistra: Manlio Busoni,
Rossella Falk, Carlo Giuffr, Gianna Giachetti, Romolo Valli, Salvatore Puntillo, Enzo Tarascio,
Giorgio De Lullo, Elsa Albani, Elena Cotta.

78

15. Gianna Giachetti e Carla Gravina in I due gentiluomini di Verona, 1965.

16. Gianna Giachetti e Franco Parenti (al centro) in Il Volpone, 1967.

79

17. Gianna Giachetti in Il bagno, 1968. In primo piano, da sinistra: Italo DallOrto, Franco
Parenti, Gianna Giachetti, Quinto Parmeggiani, Paolo Pozzi.

80

18. Gianna Giachetti e Mario Scaccia in Non andartene in giro tutta nuda, 1970.

81

19. Gianna Giachetti in Magia rossa, 1970.

82

20. Gianna Giachetti e Mario Scaccia in Magia rossa, 1970.

83

21. Gianna Giachetti in Luomo nero, 1971. Da sinistra: Angiolina Quinterno, Paolo Poli,
Gianna Giachetti.

84

22. Gianna Giachetti con Mauro Bolognini, 1974.

85

23. Gianna Giachetti e Mauro Avogadro in Tutto per bene, 1975.

86

24. Gianna Giachetti, Romolo Valli e Adolfo Geri in Enrico IV, 1979.

87

25. Gianna Giachetti e Romolo Valli in Enrico IV, 1979.

88

26. Gianna Giachetti in Enrico IV, 1979. Da sinistra: Gianna Giachetti, Romolo Valli, Mino
Bellei e Adolfo Geri.

89

27. 28. Gianna Giachetti, ritratti, 1979.

90

29. Gianna Giachetti con il figlio Martino Duane in La dodicesima notte, 1979.

91

30. Gianna Giachetti e Gabriele Tozzi in La locandiera, 1981.

92

31. Gianna Giachetti e Pino Micol in Edipo, 1991.

93

32. Gianna Giachetti e Mario Valgoi in I rusteghi, 1992.

94

33. Gianna Giachetti in I rusteghi, 1992. Da sinistra: Michela Martini, Gianna


Giachetti e Wanda Benedetti.

95

34. Gianna Giachetti in Albergo Roma, 1996. Da sinistra: Gianna Giachetti, Barbara
Enrichi e Lucia Poli.

96

DOCUMENTI

Foto degli spettacoli e ritratti.

1. Ritratto di Gianna Giachetti, 1954. Archivio personale di Gianna Giachetti.


2. Ritratto di Gianna Giachetti, 1954. Archivio personale di Gianna Giachetti.
3. Gianna Giachetti con Silvio DAmico e gli allievi dellAccademia, 1954. Archivio
personale di Gianna Giachetti.
4. Gianna Giachetti con Osvaldo Ruggieri e gli allievi dellAccademia, in Donna del

Paradiso, 1956. Archivio personale di Gianna Giachetti.


5. Gianna Giachetti e Umberto Orsini in Nostra Dea, 1957. Archivio personale di Gianna
Giachetti.
6. Gianna Giachetti in Nostra Dea, 1957. Archivio personale di Gianna Giachetti.
7. Gianna Giachetti con Vittorio De Sica, 1957. Archivio personale di Gianna Giachetti.
8. Gianna Giachetti e Annibale Ninchi in Veglia la mia casa, angelo, 1958. Archivio
personale di Gianna Giachetti.
9. Gianna Giachetti, Lia Zoppelli e Gabriella Andreini in Le ragazze bruciate verdi, 1959.
Da Sipario, n. 155, marzo 1959, p.31.
10. Gianna Giachetti in Uomo e Superuomo, 1961. Archivio personale di Gianna
Giachetti.
11. Gianna Giachetti e Nora Ricci in Il mistero delle tre orchidee, sceneggiato, 1963.
Archivio personale di Gianna Giachetti.
12. Gianna Giachetti e Franco Parenti in Don Giovanni, 1964. Da Il Patalogo, n.219,
luglio 1964, p. 27.
13. Gianna Giachetti con Franco Parenti, Carmen Scarpitta, Sandro Dori, Mino Bellei in

Don Giovanni, 1964. Archivio personale di Gianna Giachetti.


14. Gianna Giachetti in Le tre sorelle, 1965. Con Manlio Busoni, Rossella Falk, Carlo
Giuffr, Gianna Giachetti, Romolo Valli, Salvatore Puntillo, Enzo Tarascio, Giorgio De
Lullo, Elsa Albani, Elena Cotta. Archivio personale di Gianna Giachetti.
15. Gianna Giachetti e Carla Gravina in I due gentiluomini di Verona, 1965. Da Il
Patalogo, n. 232-233, agosto-settembre 1965, p. 90.
16. Gianna Giachetti e Franco Parenti in Il Volpone, 1967. Archivio personale di Gianna
Giachetti.
17. Gianna Giachetti in Il bagno, 1968. Con Italo DallOrto, Franco Parenti, Gianna
Giachetti, Quinto Parmeggiani, Paolo Pozzi. Da Sipario, n. 264, aprile 1968, p. 34.

97

18. Gianna Giachetti e Mario Scaccia in Non andartene in giro tutta nuda, 1970. Archivio
personale di Gianna Giachetti.
19. Gianna Giachetti in Magia rossa, 1970. Archivio personale di Gianna Giachetti.
20. Gianna Giachetti e Mario Scaccia in Magia rossa, 1970. Archivio personale di Gianna
Giachetti.
21. Gianna Giachetti in Luomo nero, 1971. Con Angiolina Quinterno e Paolo Poli.
Archivio personale di Gianna Giachetti.
22. Gianna Giachetti con Mauro Bolognini, 1974. Archivio personale di Gianna Giachetti.
23. Gianna Giachetti e Mauro Avogadro in Tutto per bene, 1975. Archivio personale di
Gianna Giachetti.
24. Gianna Giachetti, Romolo Valli e Adolfo Geri in Enrico IV, 1979. Archivio personale di
Gianna Giachetti.
25. Gianna Giachetti e Romolo Valli in Enrico IV, 1979. Archivio personale di Gianna
Giachetti.
26. Gianna Giachetti in Enrico IV, 1979. Con Romolo Valli, Mino Bellei e Adolfo Geri.
Archivio personale di Gianna Giachetti.
27. Gianna Giachetti, ritratto, 1979. Archivio personale di Gianna Giachetti.
28. Gianna Giachetti, ritratto, 1979. Archivio personale di Gianna Giachetti.
29. Gianna Giachetti con il figlio Martino Duane in La dodicesima notte, 1979. Archivio
personale di Gianna Giachetti.
30. Gianna Giachetti e Gabriele Tozzi in La locandiera, 1981. Archivio personale di
Gianna Giachetti.
31. Gianna Giachetti e Pino Micol in Edipo, 1991. Archivio personale di Gianna Giachetti.
32. Gianna Giachetti e Mario Valgoi in I rusteghi, 1992. Archivio personale di Gianna
Giachetti.
33. Gianna Giachetti in I rusteghi, 1992. Da sinistra: Michela Martini, Gianna Giachetti e
Wanda Benedetti. Da Il Patalogo, aprile 1992, p. 155.
34. Gianna Giachetti in Albergo Roma, 1996. Con Barbara Enrichi e Lucia Poli. Archivio
personale di Gianna Giachetti.

98

APPENDICE I

Lattrice si racconta

Quando e come nata in lei la passione per il teatro e la recitazione?


Fin da piccina avevo in casa questa personalit di Fosco Giachetti, lui ed il
mio babbo erano cugini di primo grado, le nostre erano famiglie di contadini,
ed i contadini di una volta stavano tutti insieme. Anche se in realt ero sua
biscugina, per me era lo zio, come era la zia sua moglie, la bella Vera
Calamai, attrice e figlia di uno degli ultimi Stenterelli 1 a Firenze, Angelo
Calamai, dal quale ho ereditato tutti i libretti di Stenterelli, copioni scritti a
mano.
Nel 1949, a quattordici anni cominciai per gioco con un vecchio pensionato
delle Ferrovie, Dante Nello Carapelli, che aveva una Compagnia di
filodrammatici, molto seria e professionale. Debuttai in un Dopolavoro della
SELT Valdarno in Via del Sole a Firenze, nella piccola parte di Blanca, in una
commedia di Aldo De Benedetti, Lo sbaglio di essere vivo. Grandi applausi
subito.
Poi ho fatto altre cose con questo gruppo, e con un altro che si spostava
nelle varie citt, Laffratellamento, diretto da Ghigo Pratesi, con il quale
furono messi in scena bei testi contemporanei, mentre con Carapelli si
lavorava sui classici. Si andava ai Festival delle Filodrammatiche, ne ricordo
uno a Reggio Emilia intitolato a Maria Melato, in cui recitavo piccole parti per
le quali ho preso dei premi, poi a Pesaro. Queste sono le mie prime tourne.
In seguito accadde che gli attori pi grandi di me di quattro o cinque anni,
come Beppe Menegatti, Ferruccio Soleri, Bianca Galvan e Luciano Melani,
erano andati allAccademia dArte Drammatica. Essi furono il nodo della mia
svolta. Quando facevo parte de LAffratellamento cera con me Renzo
Montagnani, mentre Carapelli era molto amico della mamma di Rossano
Brazzi e sentiva, con orgoglio, di essere stato suo maestro e mio. Ci tengo a
ricordarli perch era un mondo sincero, onesto, carino, pulito.
Fu Beppe Menegatti a sollecitarmi perch mi iscrivessi allAccademia, e
addirittura a spedire la richiesta del Bando di concorso, in seguito alla quale
mi trovai ad essere allieva della prestigiosa scuola.
Non avrei mai osato pensare di andare via da casa, legata come sono a
Firenze e a Sesto Fiorentino, dove sono nata. La mia indipendenza mi
sembrava una follia, sono molto attaccata alle mie radici.
Tuttavia feci gli esami e mi preparai, vinsi una borsa di studio, importante
perch ne avevo bisogno per poter andare allAccademia, poich la mia
1

Stenterello, celebre maschera fiorentina che domina gran parte della scena teatrale tra la
fine del 1700 e linizio del 1800, invenzione di Luigi Del Buono, un artigiano orologiaio
amante del teatro nato a Firenze nel 1751. Nel creare la maschera, Luigi Del Buono prende
qualche spunto da Pulcinella ed inventa un carattere che, attraverso battute di spirito
sagaci ed un linguaggio schietto, critica la societ di quel tempo.

100

famiglia non era ricca, anche se non mi ha fatto mai mancare sostegno e
incoraggiamento morale. Dal 14 novembre 1954 iniziai il corso. Faccio parte
dellultima leva scelta da Silvio DAmico, che poi mor nel 1955. Con me
cerano Gian Maria Volont, Umberto Orsini, Francesca Menegutti, Mario
Bianchi, Mario Missiroli, Attilio Buccari, Elena Zen, Giuseppe dellOlio,
Giuliana Lojodice, Eva Magni, Giacomo Piperno, Luisa Tirinnanzi, Ferruccio
Soleri.
Nostra Dea di Bontempelli stato il Saggio di fine Accademia, prima avevo
recitato, nel secondo anno, con grande emozione, per la Commemorazione
della morte di Gabriele DAnnunzio, ed al primo anno in Liol di Luigi
Pirandello con la regia di Orazio Costa, spettacolo allestito per festeggiare i
20 anni dellAccademia, con gli allievi che nel frattempo erano gi diventati
importanti, Rossella Falk, Giorgio De Lullo. Noi ragazzi vi recitammo e lo
spettacolo fu portato a Venezia. Ricordo che con me cera Bice Valori.
Per commemorare la morte di Silvio DAmico, Orazio Costa mise in scena al
Teatro Quirino il Mistero recuperato dalla letteratura antica, mentre, come
dicevo, il Saggio finale fu Nostra Dea. Protagonisti eravamo Orsini, Volont
ed io. La mia parte fu quella della protagonista Dea, una donna manichino
che si trasforma nel personaggio di cui indossa labito. Scoprii, e non me
laspettavo, la risata del pubblico. Indossai labito della tortora, del ragazzo
ed altri. Bellissimi ricordi.
Mio fratello, che a quel tempo era corrispondente de La Repubblica e
lamico attore Paolo Poli mi aiutarono a trovare casa a Roma. Ricordo ancora
con un sorriso labito di lino azzurro di Paolo Poli, che per quegli anni (era il
1954) era piuttosto inusuale. Finita lAccademia iniziai a lavorare.

Ha studiato allAccademia dArte Drammatica Silvio DAmico, stato


importante il metodo di formazione dellattore appreso e quanto ha influito
sullo stile di recitazione da lei maturato nel corso degli anni? In altre parole
quanto conta la formazione di Accademia rispetto allesperienza diretta sulla
scena?
AllAccademia ho sentito il forte senso di scoperta e di appartenenza ad un
mondo serio e rigoroso, ho capito di fare un lavoro di tutto rispetto, nobile.
Fare lattore qualcosa che ti distingue nella sua nobilt. Io ho assorbito
questo rigore. Tale impostazione mi ha fatto talvolta sentire a disagio con la
tendenza attuale di superficialit e di vanit.
In Italia dopo i grossi cambiamenti degli anni Cinquanta, le nuove forme di
comunicazione, la nascita della televisione nel 1954, il neorealismo, si
creato un buco che ci ha fatto perdere il rispetto della storia, della lingua, del
percorso culturale e letterario, sociale. Limportante evento neorealista ha

101

cominciato ad impoverirsi, fino ad arrivare alle miserie culturali attuali, una


povert, una vanit imperante.
Proprio in questi giorni ho rivisto i film di Ingmar Bergman, ed ho ripensato
alla figura dellattore. Un attore uno strumento, per farlo bene devi sapere
chi sei, conoscere i tuoi mezzi, riflettere su cosa vuol dire la quarta parete,
il pubblico con il quale devi dialogare. Sei l, sul palcoscenico per dare una
vibrazione.
C una bella intervista recente di Toni Servillo, nella quale lattore riflette
sullimportanza di crescere con il pubblico, che deve recepire ci che lattore
gli manda, altrimenti come parlare con un pozzo vuoto. Occorre conoscere
lartigianato del mestiere del teatro, quello dei grandi maestri, quello di
Eduardo, ma raro ormai, visto il pullulare di mediocri e di manipolatori. Il
teatro per pochi, non unattivit di massa.
LAccademia mi ha dato questa impostazione. Talvolta il rigore per le
persone semplici come me per un blocco, dal quale ho dovuto liberarmi, e
sono occorsi anni. Ero bravina da subito, ma dovevo fare il passo in avanti.
La verifica la feci con Il malato immaginario, uno spettacolo bello,
importante. Scoprii la libert.
In seguito, dopo aver lavorato con Tino Buazzelli, non ero pi bravina, ma
bravissima perch mi ero liberata, lavorando con regie strepitose avevo
acquisito fiducia in me stessa. Non mi sentivo pi uno studente che deve
passare gli esami, troppo rigore fa troppo studente. Dallanno del diploma
allAccademia, il 1957, mi ci sono voluti venti anni per capire che ormai ero
un attrice autonoma, che ragionava.
I tre personaggi importanti, i cardini per me furono Tino Buazzelli, Giorgio
De Lullo e Romolo Valli. Ci sono stati altri personaggi importanti ma di
passaggio. Luchino Visconti, ma faceva parte del mito giovanile, Franco
Parenti, un grande artista, ma molto intellettuale, un po castrante.
Ci tengo infine a sottolineare quanto la vera formazione per un attore sia il
palcoscenico, non si pu avvalorare ci che esterno al teatro. Il teatro lo
fanno i teatranti, gli attori, i registi, lo si impara con quelli che lo
sperimentano tutti i giorni, perch ogni debutto un teatro nuovo e lo
stesso pubblico cambia ogni sera. Una sera puoi avere dieci persone che ti
vengono dietro ed un trionfo, poi un'altra ne hai dieci che non capiscono
ed il gelo assoluto, eppure lo stesso spettacolo.

Qual il suo ricordo di Orazio Costa e degli altri maestri dellAccademia ?


Ricordo con emozione i primi grandi spettacoli organizzati con la regia di
Orazio Costa allAccademia, il suo rigore, la severit. Era un grande teorico,
importante soprattutto il metodo di analisi del testo che insegnava ai registi.

102

Finita lAccademia ho lavorato con lui solo nel 1976, nel ruolo di Lady Page
ne Le allegre comari di Windsor, accanto a Tino Buazzelli.
Rammento con affetto e tengo a ricordare gli altri maestri, in particolare
Ione Morino, attrice e compagna dello scrittore Alberto Savinio, che aveva
capito che dietro le mie insicurezze si poteva lavorare, una persona deliziosa.
Gli altri sono Wanda Capodaglio, che riusciva a tirare fuori il temperamento
dei suoi allievi, Giorgio Bassani e Niccol Gallo, miei insegnanti di cultura
generale, Sergio Tofano, Elma Criner Fernandez, attrice che fu compagna e
moglie di Ettore Petrolini. Ricordo che quando recitai nel ruolo della
Madonna nel Mistero con la regia di Costa, lei vedendomi in apprensione mi
don una foto di Petrolini da tenere nel taschino durante lo spettacolo.
Tuttavia la figura fondamentale era Orazio Costa. Si lavorava molto su una
disciplina basata sul movimento, la posizione del corpo, senza le
esagerazioni delle scuole di oggi nelle quali gli allievi sono oberati da nozioni
e da esasperanti lezioni sulla respirazione. Non approvo i sistemi di
insegnamento delle scuole attuali e non ho voluto insegnare perch ritengo
sia una responsabilit enorme.
Tuttavia al Teatro Stabile di Palermo, anche per motivi di contratto, Pietro
Carriglio convinse mio marito Aurelio Pierucci e me a svolgere questo ruolo
con un gruppo di giovani che dovevano risolvere il problema del dialetto e
della grande timidezza. Da questo gruppo di ragazzi sono oggi emersi alcuni
talenti. Il dramma che successivamente non trovano lavoro, anche
uscendo dalla situazione complessa della Sicilia, perch spesso nelle
Compagnie vengono presi i mediocri e sono loro a lavorare. Forse i bravi
mettono in difficolt gli operatori attuali nel loro non sapere?

Il suo percorso di attrice di teatro sempre stato alto, non ha mai accettato
di lavorare in allestimenti di qualit minore
Non fa per me, non perch io sia eccezionale, ma per la mia impostazione,
se accettassi sarei un errore da parte di chi mi commissiona. Lavorare in un
brutto spettacolo significa vergognarsi quando si va a prendere gli applausi,
dal momento che si tradito il pubblico.
Essendo nata proletaria, come tutti i fiorentini sono snob, nel senso che ho
mirato sempre ai migliori. E unaristocrazia, fare questo mestiere, anche se
si fa un teatro popolaresco, anche se si fa un teatro comico come quello di
Aristofane, unaristocrazia. Ho amato molto Strehler, anche se non ho
lavorato con lui, perch proprio per questo mio modo di vedere, il mio
mondo era quello viscontiano.
La mia meta era quella, per questa semplicit di nascita toscana che ci fa
piantare un cipresso solo perch bello, anche se non serve a nulla.

103

Si sente legata ad un Teatro o ad una Compagnia in particolare?


Mi sento un attrice libera, non mi piace il sistema politico dei Teatri Stabili,
non mi piacciono i Ministeri, lappiattimento che comportano. Sono del segno
del Leone ascendente Sagittario, segno che ama la libert, forte e resistente,
pacioso ma con un senso di giustizia innato.
Sono molto legata al ricordo della Compagnia del Teatro Eliseo di Roma, in
cui ho avuto il privilegio di lavorare con Valli e De Lullo. Ricordo tanti
aneddoti divertenti di quei tempi. Si lavorava con gioia, affetto, un rapporto,
quello con Romolo e Giorgio, che si amavano molto, fatto di amicizia, di un
reciproco tutelarsi. Cito solo un episodio, legato alla mia interpretazione di
Natascha ne Le tre sorelle di De Lullo. Mi telefon Romolo per offrirmi la
parte, ed una volta arrivata a Roma, senza aver ancora letto il copione,
durante uno spettacolo di Cobelli, cui mi ero recata con Fenoglio, ricevetti le
lodi da Vittorio Caprioli che affermava di aver udito Romolo entusiasta del
personaggio da me portato in scena, definendomi una straordinaria
Natascha.
Ero diventata un loro prodotto, e le Tre sorelle erano cos diventate perfette,
pensare che ancora non avevo letto il copione! Cera un grande rispetto, la
Compagnia veniva presentata con tutti gli onori. Nella seconda edizione di
De Lullo de Le tre sorelle, nel 1980, nella quale avevo il drammatico ruolo di
Olga, avevamo costituito il Gruppo Teatro Libero Romolo Valli, in omaggio a
Romolo, purtroppo tragicamente scomparso.
Dopo il grande successo della Locandiera, perdemmo anche Giorgio De Lullo,
e in quellanno doloroso mor mio padre. Per me come per mio marito
Aurelio cambi la vita, il telefono ha taciuto per quattro lunghi anni. Non ho
lavorato per tutto quel tempo, dopo i ruoli di prima attrice al Teatro Eliseo.
Ci furono storie di tradimenti, di amicizie perdute, e venimmo via tutti, anche
i tecnici. Certo non mi ha aiutato il mio carattere orgoglioso, non mi sono
mai piegata. Quel mondo aveva disturbato, perch quegli artisti, ormai
scomparsi erano belli, perfetti, intelligenti, erano tutto.
Altra esperienza rilevante, fatta nel 1993 al fine di salvare lo spettacolo I
Rusteghi, dal momento che cera un cambiamento ai vertici del Teatroveneto
che non lasciava ben sperare, fu quella di costituire una Cooperativa con la
quale portammo lo spettacolo in giro per lItalia. Con questa associazione fu
messo in scena anche Il Ventaglio di Goldoni, poi mi ritirai perch iniziarono
a mancare le premesse per cui vi avevo fatto parte.
Per ben guidare un teatro ci vogliono uomini come Visconti, Strehler, il genio
vero uno, il vero capo uno, ed egli sa, amandoli e conoscendoli, usare
umanamente degli strumenti perfetti. Questa ad esempio, la storia del
Piccolo Teatro di Milano.

104

Ha collaborato con il Teatro Stabile di Palermo prima dellincendio del 1964 e


molti anni dopo. Quali difficolt ha incontrato lavorando in un contesto cos
complesso?
A Palermo ho lavorato inizialmente con Franco Parenti, fino a che ci
bruciarono il Teatro, in una citt dove la mafia un problema mai risolto. Il
Teatro era una struttura bellissima dellOttocento, nella bella piazza
Martorana, aveva ben ottocento posti. Conservo tuttora la lampada del mio
camerino, salvata dalle fiamme, che mi fu donata dalle famiglie dei bambini
che erano apparsi sulla scena negli spettacoli del 1964.
Vi si allestivano le opere, gli stessi Donizetti e Bellini vi avevano diretto, e gli
spettacoli da noi messi in scena stavano andando bene, ma evidentemente il
teatro dava noia a qualcuno.
Vi fu portato addirittura per la prima volta Benno Besson dal Berliner
Ensemble a dirigere il Don Giovanni di Brecht-Molire, prima vi avevamo
allestito Pirandello, Luomo, la bestia e la virt, e il J.B. di Mac Leish.
Andammo ad un Festival in Emilia Romagna, a Cesena durante una replica
del Don Giovanni sapemmo dellincendio.
Dopo tanti anni ci sono tornata di recente con Il fiore del dolore del poeta
Mario Luzi, cui ero legata da grande amicizia e rispetto. Dopo una brutta
edizione di Carriglio di Assassinio nella cattedrale di Eliott, ho tuttavia deciso
di staccarmi dal teatro di Palermo, dato che sento di non trovarmi in sintonia
intellettuale e culturale con la gestione attuale, e viste le difficolt che un
libero teatro destinato ad incontrare in un contesto come quello siciliano.

Ha recitato in teatro affrontando testi di Goldoni, Ruzante, Pirandello,


Strindberg e molti altri autori. Quali sono i personaggi che ha interpretato
con maggiore entusiasmo, la balia de Il padre, Felice de I rusteghi, Olga di
Le tre sorelle o altri?
Pi che il personaggio in s, ho un ricordo legato allatmosfera nella quale
quel personaggio si mosso. Certamente tutti quelli interpretati con la regia
di Giorgio De Lullo, lui era sempre dalla parte del suo attore. Ed il
personaggio di Siora Felice ne I Rusteghi, spettacolo stupendo. Una grande
figura, la principale, una donna scaltra ed emancipata, il vero genio
femminile.
Goldoni le donne le ha amate e ha capito che sono il motore della vita, uno
dei grandi autori che hanno compreso la psicologia femminile e non hanno
avuto vergogna di diventare complici e ammiratori di questo mondo perch
una ricchezza.

105

Se ti metti in contrapposizione con laltra met del cielo, cosa fai?

Quale spettacolo ricorda con maggior emozione e reputa il pi importante


della sua carriera, al momento attuale?
Ricordo con grande emozione spettacoli come Il malato immaginario, La
locandiera. Quando li abbiamo fatti alla Pergola il teatro era pieno, la coda
per entrare arrivava fino a SantEgidio.
La Locandiera fu una cosa talmente bella, un omaggio a Visconti. Poi
sicuramente Enrico IV, i Rusteghi, il bellissimo Borghese gentiluomo con Tino
Buazzelli, tutti grandi spettacoli.

Lo scorso gennaio ha ricevuto il premio UBU come miglior attrice non


protagonista per Il padre di Strindberg. Com stato lavorare con la regia di
Massimo Castri?
Non stato facile. La prima edizione non mi piaciuta, poi Massimo ha
rivisto alcune cose, ha corretto momenti troppo urlati nella recitazione del
Capitano di Umberto Orsini, e soprattutto ci ha dato pi prove, allora
diventato uno spettacolo bellissimo.
In certi momenti stato un vero tormento, Massimo bravo ma molto
meticoloso. Io avevo una parte piccola rispetto agli altri, ma credo che chi ha
fatto un certo tipo di lavoro quando entra in scena c, anche se fa una
pausa c. Ti porti dietro duemila anni di storia del teatro.
Ho capito che in un testo come questo la scena importante era quella della
vestizione, e Massimo ha reso divinamente con la ninna nanna la
retrocessione infantile del protagonista. Drammaturgicamente il momento
pi bello dello spettacolo, anche grazie alla bella lettura data dal regista.
Abbiamo avuto il pieno, tanti applausi, soprattutto al Piccolo di Milano dove
ha seguito la premiazione. Con Castri ho fatto un altro spettacolo
importante, nel 1992, I Rusteghi, che mi ha visto nel ruolo principale e
indimenticabile di Felice, fu per me e per tutta la Compagnia un grande
successo.

Il premio UBU si pu considerare anche un riconoscimento per i molti anni di


lavoro. Lentusiasmo per il teatro in lei ancora forte?
Con questo modestissimo ruolo della balia ne Il padre di Strindberg mi
hanno dato il premio UBU. La sera della premiazione mi sono trovata in
questo mondo di gente importante, intelligente, ed allora quando ho preso la
106

parola, ho voluto ricordare, usando il dialetto fiorentino e con una puntina di


orgoglio, che sono stata molto fortunata ad incontrare tre personaggi grazie
ai quali sono arrivata fin qui, Giorgio De Lullo, Romolo Valli, Tino Buazzelli.
In teatro un applauso commosso.
Tutto ci che ci viene proposto oggi, anche cose intelligenti, talvolta tradisce
il testo originale, si vuole stupire, proporre proprie riletture che offendono
lautore e lo spettatore che fiducioso giunge a teatro.
Quando poi rivedi un film come Fanny e Alexander di Bergman capisci che
quando c il pensiero, il genio creativo, non c bisogno di altro.
Ho letto di recente la biografia di unattrice vissuta nellOttocento, Laura Bon.
Vi si racconta la situazione del teatro di quel tempo, contesto della vita
avventurosa della bellissima attrice, che si ritrov a lavorare anche a
Firenze. Recitava in Borgo Ognissanti in un luogo che oggi ospita una chiesa
valdese e che riporta una targa sulla quale si ricorda come vi sorgesse un
teatrino. Mor pochi anni dopo essere caduta in povert e fu seppellita a
Venezia.
Questi sono i personaggi del teatro che mi commuovono, ed ai quali
dobbiamo rispetto. Se si pensa poi ad Eleonora Duse, alla prima volta in cui
Visconti, ancora bambino, la vide a teatro e a quanto ne rimase colpito, a
come il grande Ermete Zacconi incontrandola per strada le mostrasse tutta
la sua stima e la sua riverenza, ecco che comprendiamo che i mostri sacri
di cui tanto si parla oggi in realt sono mostri e basta, di geni veri in un
secolo se ne contano pochi, sulle dita di una mano.

Ritiene la situazione attuale del teatro italiano stimolante? Ci sono registi e


autori giovani con cui vorrebbe lavorare?
Non conosco molto il teatro attuale, faccio una vita ritirata, ma questo mio
atteggiamento una sorta di autodifesa. La stessa Firenze vive un
isolamento, dal punto di vista culturale non succede nulla di rilevante, non si
stati in grado di fondare qualcosa che tuteli il nostro patrimonio, di creare
una nostra tradizione letteraria, che si ferma al periodo rinascimentale. Ecco
perch tutti i grandi sono andati via, come lo stesso Renzo Ricci, nato in via
della Scala, e tutti quegli attori che ho trovato nel libretto sulla vita di Laura
Bon.
Apprezzo tuttavia alcuni registi come i fratelli Cauteruccio, anche se ritengo
luso di filmati e strumenti in scena eccessivi. Li sento lontani dal mio modo
di sentire. Quale sia il grande teatro italiano non occorre sia io a ricordarlo,
basta rivedere le edizioni di Pirandello di Valli e De Lullo, rappresentarono
una svolta, lautore non attirava pi il pubblico, fino ai loro spettacoli. Basta
vedere i grandi spettacoli registrati di Strehler, come Il giardino dei ciliegi, La

107

tempesta. Purtroppo i capolavori di Visconti registrati non ci sono, non si


fece in tempo.
Morirono tutti. Nel febbraio 1980 Valli, nel luglio 1981 De Lullo, il 14 dello
stesso mese mor mio padre. Un grande dolore.
Oggi viviamo di piccole star e di luccichii. In realt la storia dellattore fatta
di gioia, ma anche di dolore. Egli vive in un mondo piccolo, quello del
teatro, cos definito nel film Fanny e Alexander, dove svolge il mestiere pi
bello del mondo, perch lo si inizia a fare da bambini.
Da piccoli si gioca a fare gli altri, ci si traveste, ed indossando i vestiti e le
scarpe dei grandi si recita una parte.

Come ha risolto il problema della cadenza dialettale e quali problemi ha


avuto nel recitare in altri dialetti ?
Il rischio quello di creare delle imitazioni, delle caricature, occorre invece
capire la struttura dei suoni, ascoltare ripetutamente il parlato. Per il
chioggiotto, il dialetto de Le baruffe chiozzotte, avevo bobine con le voci
della gente nel mercato di Chioggia e per gli accenti veneti de I Rusteghi mi
sono letta libri sulla lingua, e sono stata facilitata nellapprendimento dal
fatto che vivevo tra persone veneziane ed avevo continuamente tale musica
intorno.
Ho recitato ne La moscheta in patavino del 1500, del resto incomprensibile.
Poi a Bologna con laiuto dellattore Vito ho imparato a parlare con
linconfondibile cadenza bolognese, anche attraverso luso di un registratore,
per il film Ritorno a casa Gori di Alessandro Benvenuti. E importante stare
attenti agli accenti, ad esempio il veneziano non ha le doppie ed ha accenti
diversi.
Allinizio una bella fatica, ma se si vive in un contesto nel quale tutti
parlano un dialetto, si memorizzano i suoni, registrandoli, ascoltandoli. Ma
non basta, si deve sentire limpulso che viene da dentro, e poi tradurlo. E un
doppio lavoro per noi attori.

In molte recensioni si sottolinea la sua energica capacit di attrice comica e


brillante, ma ha interpretato anche ruoli drammatici, lei si ritiene interprete
comica o drammatica?
Un attore non si ritiene comico o drammatico, un attore .
Da dove parte e qual la sua storia, questo importante. Nella vita si
possono fare le risate pi frivole, le maldicenze con le amiche, provare un
grande dolore, noi abbiamo dentro tutto questo materiale.

108

Per esempio nella scena finale del terzo atto delle Tre sorelle, nelledizione in
cui avevo il ruolo di Olga, nella situazione commovente del dialogo con Irina
che mi chiede un giorno di poter tornare a Mosca, ricordo che piangevo
davvero.
C un momento nella recitazione in cui tutto si frantuma, si rompe, tutto
dolore, e questo dipende molto dallatmosfera che si crea con gli altri attori.

Qual il suo rapporto con il cinema e la televisione ?


Ho scoperto il cinema a sessantanni, grazie ad Ugo Chiti. Dopo piccole parti
in importanti film degli anni 60, La contessa azzurra di Claudio Gora, La
viaccia e Arrangiatevi! di Mauro Bolognini, sono stata per pi di trentanni
lontana dal cinema.
Poi la parte in Albergo Roma ha aperto la strada a molte altre interpretazioni
in film diretti da registi toscani, negli anni in cui era il loro momento. Recito
volentieri per il cinema, perch non mi sento compromessa in nulla.
Tengo a citare due cose importanti che ho fatto per il cinema e la
televisione, con lottima regia dei bravi fratelli Antonio e Andrea Frazzi, dei
quali purtroppo Andrea venuto a mancare lanno scorso. Una lo
sceneggiato Don Milani - Il priore di Barbiana che apprezzo sempre pi ogni
volta che ho modo di rivederlo, e laltra un bellissimo film coprodotto dalla
Signorina Rai, Il cielo cade, e da questultima tenuto per un anno e mezzo
nel cassetto e mandato in onda, bruciandolo, di domenica pomeriggio al
posto del Campionato di calcio per qualche motivo slittato. Un film
apprezzato e premiato in tutto il mondo, per cui sono stata candidata come
miglior attrice non protagonista a Miami.

Qual stata la sua esperienza alla radio?


Ho lavorato molto alla radio, soprattutto a Firenze, con Giorgio Ciarpellini, e
poi in giro per lItalia. Facevamo letture di importanti sceneggiati, e talvolta
cose assai divertenti, ad esempio ricordo uno spassoso Morgante maggiore
di Pulci recitato con gli amici Paolo Poli e Alfredo Bianchini.

Quali sono i suoi attuali impegni?


Recentemente ho recitato a Roma in una fiction, di produzione tedesca, gi
trasmessa in Germania, stata una cosa improvvisa e piacevole alla mia et,
rifare la valigia e andare.

109

Se mi muovo lo faccio perch mi diverto e con lattore Luca Barbareschi, che


mi ha coinvolto in questa produzione, mi trovo bene, nonostante abbiamo
molti punti di vista decisamente non conciliabili.
Sono invitata nel mese di ottobre a partecipare ad un convegno che si terr
a Signa, durante il quale si parler del teatro in vernacolo, che ho sempre
amato, fin da quando ho ricevuto in omaggio da Angelo Calamai i libretti
degli Stenterelli fiorentini. Nel 1967 a Milano per la televisione recitai nel
ruolo di Anita in una divertente Acqua cheta 2 per la regia di Alessandro
Bissoni, con Arnoldo Foa e Guido Marchi. Si trattava di una commedia messa
in scena con gusto e nel rispetto del vernacolo che purtroppo a volte viene
tradito, al fine di prendere una risata in pi, e trasformato in un linguaggio
folcloristico di bassa lega.

Un suo pensiero sul teatro?


Il teatro una trasposizione alta della verit, una verit poetica.
Chi fa questo mestiere ha una grande responsabilit, perch il teatro
capace di smuovere le coscienze, e per questo va fatto in un certo modo,
ricordandosi che una comunit, non ci si pu basare sullio.
Il teatro non si pu tradire.

Lintervista stata realizzata grazie alla gentilezza e alla disponibilit


dellattrice Gianna Giachetti, durante due incontri, nei mesi di agosto e
settembre 2007, nella sua casa di Firenze.

Acqua cheta una commedia in 3 atti rappresentata per la prima volta il 29 gennaio 1908.
Si tratta di una commedia ricca di caratteri e di tipi, scritta da Augusto Novelli (Carmignano
17/01/1867-07/11/1927), fondatore del teatro in vernacolo fiorentino. Commedia importante
perch rappresenta la nascita del teatro fiorentino moderno, attraverso il superamento della
maschera dominante di Stenterello. Il testo completo delle sue opere stato pubblicato in
12 volumetti dalleditore Bemporad.

110

ANTOLOGIA CRITICA

Donna del Paradiso


Per onorare la memoria di Silvio DAmico, nel primo anniversario della sua scomparsa, la
Presidenza dellAccademia di Arte Drammatica ha, ieri sera, di fronte ad un pubblico
sceltissimo di invitati che hanno tutti una spiccata familiarit con larte in genere, presentato
una versione di laudi medievali radunate sotto il titolo appropriatissimo di Donna del
Paradiso. Questo spettacolo di eccezione che, pi che richiamare lattenzione del pubblico
degli intenditori, come abbiamo detto, ha la funzione sempre valida e sempre puntuale di
contare sulla edificazione di coloro che vi assistono, non potrebbe meglio riassumere la vita
morale e spirituale dellillustre scomparso. Perch, a parte le spiccatissime doti del critico
illustre il quale ha onorato lattivit del teatro italiano con la sua vasta cultura e con la sua
fede soprattutto nelle sorti e nelle fortune del nostro teatro, il testo rappresentato ieri sera
ha voluto ricordare la sua fiducia illimitata nel significato che si leva da questa opera di fede
viva e di amore nei frutti immancabili della redenzione cristiana.
Con una sapienza rara aveva, infatti, da tempo, lillustre storico e critico della letteratura
teatrale di ogni tempo e paese, raccolto in una sintesi concreta, unitaria e poeticissima
diverse laudi umbre dei secoli XIII e XIV: dalle quali era nato un dramma unitario e
commoventissimo. Questa sua fatica, nella quale si riassume, attraverso il linguaggio dei
primitivi, tutto il complesso mistero della nostra salvazione (per cui la nostra esistenza
veliera ha un suo preciso significato), si pu con tutta tranquillit intendere come il
testamento spirituale dello studioso e del maestro Silvio DAmico. Tale testamento, aperto
letto e interpretato ieri sera dai suoi discepoli che debbono ai suoi insegnamenti il loro
fervore e la loro vocazione, ha significato, proprio nel giorno che si commemora il sacrificio
del Cristo, pi che una comune rappresentazione, addirittura un rito che ha commosso ed
edificato, di conseguenza, tutti i presenti.
Durante le due parti infatti in cui divisa questa sacra rappresentazione gli allievi
dellAccademia di Arte Drammatica, a mezzo della loro interpretazione ingenua, sentita e
spoglia di qualsiasi lenocinio professionale, ci hanno fatto rivivere, nel linguaggio
elementare, istintivo e, pi che detto, sofferto, addirittura gridato, dei poeti quasi tutti
anonimi di quei secoli delle origini, la loro fede e la loro sincera, sofferta condolenza nel
dramma rappresentato.
Orazio Costa, lo stupendo orchestratore di questo dramma cristiano arrivato al nostro
sentimento semplificando la carica drammatica che erompe naturalmente dal testo
rappresentato. Ogni allievo interprete del suo personaggio pi che detto ha vissuto
nellintimit della sua funzione il linguaggio commoventissimo dei piissimi preti che ce lo
hanno tramandato. Al centro di questa sacra rappresentazione Gianna Giachetti nelle vesti
della Madonna ci ha contagiato con il suo dramma credibilissimo rivissuto in assoluta verace
umilt; Osvaldo Ruggieri, nelle vesti del Cristo si fatto ammirare per il suo stile improntato
a purezza e a convinzione. Tutti gli altri, con assoluta aderenza e compostezza, hanno fatto
coro al sacro mistero che stato celebrato. Il complesso polifonico romano diretto da
Gastone Tosato ha contrappuntato in un clima sovrumano il dramma che si realizzava
durante la salutare rappresentazione. Il pubblico ha ringraziato graditissimo, applaudendo, i

bravissimi interpreti di questo eccezionale dramma di amore. Allinizio della serata il


marchese De Giura e Raul Radice hanno motivato affettuosamente la eccezionale serata.
E. B., Al teatro Quirino, Donna del Paradiso, Il Giornale dItalia, 1 Aprile 1956.

Donna del Paradiso mistero religioso ed opera di Silvio D Amico al Quirino


Venerd Santo, ricorrendo il primo anniversario della scomparsa di Silvio DAmico, gli allievi
dellAccademia Nazionale dArte drammatica diretti da Orazio Costa e il Coro Polifonico
Romano diretto da Gastone Tosato hanno eseguito questo Mistero della Nativit, Passione e
Resurrezione di Nostro Signore che lillustre critico aveva tratto da Laudi dei secoli XIII e
XIV. Fra i trentasei allievi dellAccademia ha avuto modo di distinguersi Gianna Giachetti
nella parte della Madonna. Questa giovane allieva si rivelata una sicura promessa della
nostra scena di prosa. In platea, un autorevole cugino della giovane attrice, Fosco Giachetti,
era visibilmente commosso del successo della sua congiunta.
Onorato, Donna del Paradiso mistero religioso ed opera di Silvio D Amico al Quirino , in
Poltrona aggiunta, Il Travaso, 8 aprile 1956.

Dal cielo delle Laudi allInferno del Ruzante


Alcuni testi tra i pi vivi del non molto che vivo della nostra letteratura drammatica sono
stati rappresentati qui a Roma nei giorni scorsi. Al Quirino laudi e brani di laudi del Duecento
e Trecento ricuciti insieme da Silvio DAmico in modo da ricavarne un racconto filato della
vita, morte e resurrezione di Ges, e al Valle La casa nova di Goldoni e il Parlamento de
Ruzante di Angelo Beolco. Lo spettacolo straordinario del Quirino era in occasione del primo
anniversario della scomparsa di DAmico ed stato rappresentato dagli allievi dellAccademia
di Arte Drammatica che ora ha preso nome dallillustre critico, in concorso col Coro Polifonico
Romano. DAmico fu assillato tutta la sua vita dallidea generosa e disperata di una rinascita
del dramma religioso, e alle origini sacre e rituali del teatro egli si rivolse sempre come a una
sorta di paradiso perduto. Dotato come era, e in una misura davvero rara in un cattolico
militante, di senso della storia, oltre che di buon senso teatrale, egli fin per rassegnarsi al
vino che dava la botte del suo tempo. In mancanza di meglio, cio del religioso in senso
stretto, si content di una religiosit molto lata che talvolta riscattava ai suoi occhi le
professioni di fede anche le pi laiche e le pi eretiche inquietudini. Naturalmente,
offrendoglisi il destro di provare a s e agli altri che il teatro religioso in senso stretto non
era morto o almeno che avrebbe potuto essere vivo senza la malizia o linfingardaggine dei
tempi, lattivista DAmico non era uomo da lasciarsi sfuggire loccasione. E loccasione gli
venne dalle celebrazioni a Padova del centenario giottesco. Gli fu chiesto di consigliare un
dramma sacro dellet di Giotto, e DAmico fin per mettere insieme questa Donna del
Paradiso che fu rappresentata nel 1937 sul sagrato di unantica chiesa padovana ottenendo
genuino successo cos come lha ottenuto laltra sera nel teatro romano.
Non staremo qui a fare lelogio dellamore, della perizia e della pazienza che DAmico ha
messo in questo arduo lavoro dimbastitura e, qua e l, di vera e propria ripulitura di testi
che sono tra i pi semplici e patetici, ma anche tra i pi poveri, rozzi e bidimensionali della
nostra letteratura. Tutto ci che si poteva fare per rendere narrativamente e
spettacolarmente omogenee queste laudi di diversa provenienza ed et, DAmico lo ha fatto.

112

E ci che egli non ha fatto nessun altro avrebbe potuto farlo. Voglio dire che nessuno
avrebbe potuto colmare quel salto brusco col quale si passa dallumile e monodica poesia
degli anonimi artigiani di Perugia e delle raccolte di Gualdo Tadino, di Gubbio, di Orvieto al
dialogo sconvolgente e modernissimo tra Maria e Ges in croce di Iacopone. I rapporti tra
Maria e Ges nei componimenti degli anonimi laudesi umbri sono ridotti al livello familiare e
sentimentale, oggi diremmo piccolo borghese, dei loro poveri e terreni interessi di cuore. Nel
Pianto di Maria di Iacopone la piet di Ges per la Madre addolorata gi si tinge
dinsofferenza che vorremmo chiamare gidiana. Quel terribile: Lasciate che i morti
seppelliscano i morti, che tanto eccitava Gide, qui si tramuta sulle labbra del Cristo gi
lontanissimo dalla terra, in un non meno terribile: Lasciate che i vivi rimangano a soffrire
con i vivi.
Donna perch te lagni? Voglio che tu remagni che serve i miei compagni chal mondo
agio acquistato.
Lo so bene che tremendamente difficile e, per un allievo di scuola alle prime armi, quasi
impossibile, rendere questo senso di distacco e superiorit divina che si nasconde dietro le
parole di piet per una madre afflitta da una pena esclusiva e terrena. Perci non ne
facciamo un appunto al giovane Osvaldo Ruggieri. Gli si poteva chiedere, caso mai, di
sciogliersi, di abbandonarsi un po pi, di ispirarsi un po pi al Nuovo Testamento e un po
meno al Vecchio.
Una lode quasi incondizionata va invece alla bella Gianna Giachetti che ha fatto una
Madonna affettuosa, umile e calda come quella di un presepe. Il merito naturalmente
anche del regista.
Sandro De Feo, Dal cielo delle Laudi allinferno del Ruzante, LEspresso, 8 aprile 1956.

Saggio di regia allAccademia dArte drammatica


Dal lontano 1925 Nostra Dea di Massimo Bontempelli non appariva sui palcoscenici italiani;
una commedia difficile, complessa, in cui le situazioni irreali, talvolta grottesche, si alternano
ad altre umane, sentite. Una commedia difficile non soltanto a impostarsi scenicamente,
per usare un brutto neologismo, ma anche a comprendersi in tutto il suo valore, a
interpretarsi. E forse per questo che per circa trentanni Nostra Dea stata ignorata dai
maggiorenti del nostro teatro.
Dobbiamo perci ringraziare lAccademia Nazionale DArte Drammatica che porta il nome di
Silvio DAmico se ieri sera nello studio Eleonora Duse di via Vittoria abbiamo potuto vedere
sulle scene questo importante lavoro di Massimo Bontempelli. Certo, diciamolo subito, c
voluto un gran coraggio a scegliere Nostra Dea per una recita di allievi; si pensi, per
raccontare in breve la trama, che la protagonista di questa commedia una simpatica, bella
giovane che cambia di carattere, di temperamento, a seconda del vestito che indossa. E
racchiusa in un abito color tortora? Allora sar angelica, sensuale, comprensiva. Ma, per
carit, non vestitela di rosso! Diventer non soltanto di una vivacit insopportabile, ma
acida, cattiva, superba.
Un personaggio come si vede, che farebbe drizzare i capelli alla pi esperta, alla pi quotata
delle attrici di prosa, una commedia che metterebbe nelle pettole il pi bravo dei nostri
registi. Eppure, di fronte a tante difficolt, gli allievi dellAccademia, se la sono cavata, nel
complesso, abbastanza brillantemente. Il maggior merito di ci, senza dubbio, va ascritto
alla giovane regista Vilda Ciurla che ha orchestrato lo spettacolo con gusto discreto,
equilibrio, anche se in certe occasioni (vedi la fine del secondo atto), non ha potuto del tutto
liberarsi da certi artifizii scenici non del tutto convincenti, almeno a nostro avviso.

113

Protagonista della commedia e della serata era Gianna Giachetti, allieva del terzo anno. La
giovane Gianna, oltrech essere bella, ha anche della stoffa; se ci si permette fare
unosservazione (a carattere generale per: un difetto di tutti questi attori), che gesticola
troppo. Fra gli attori ricorderemo Gianmaria Volont, Umberto Orsini, Maria Francesca
Benedetti, Manlio De Angelis e Mario Missiroli, tutti quanti, chi pi chi meno, bravi e
volonterosi; dovrebbero fare strada.
Nel complesso, insomma, una serata riuscita, che il folto, sceltissimo pubblico ha mostrato di
gradire, applaudendo a non finire.
Vice, Saggio di regia allAccademia dArte drammatica, Il Paese, 28 marzo 1957.

La bruna Gianna Giachetti la pin up della prosa


() Una giovane attrice, che per le sue doti fisiche potrebbe essere agevolmente inclusa nel
novero dell maggiorate, ha compiuto in questi giorni il suo ingresso ufficiale nel
palcoscenico, e proviene dalla pi severa e tradizionale delle scuole, dallAccademia dArte
Drammatica. E Gianna Giachetti, bruna, formosa. Ha gli occhi a mandorla, le caviglie
sottilissime. Raul Radice e Orazio Costa, suoi maestri, lhanno ritenuta degna di interpretare
il difficile personaggio di Nostra Dea nella commedia omonima di Massimo Bontempelli.
Questo personaggio trentanni addietro port fulmineamente al rango di prima attrice Marta
Abba.

La bruna Gianna Giachetti la pin up della prosa, a cura della redazione, Il Giorno, 22
aprile 1957.

Lina e il cavaliere al Valle


Alla presenza di tutto il bel mondo di Roma, convenuto puntualmente alla prima del Valle,
Franca Valeri e Vittorio Caprioli hanno presentato il loro nuovo spettacolo Lina e il cavaliere,
scritto in collaborazione con Giuseppe Patroni Griffi ed Enrico Medioli.
Dopo gli altri spettacoli nei quali abbiamo avuto modo di apprezzare questa brillante coppia
di attori, quello visto ieri sera non poteva n entusiasmare n sorprendere.
Che il pubblico labbia accolto con una vera e propria manifestazione dentusiasmo nostro
parere soltanto una riprova del vuoto che oggi regna sul palcoscenico della rivista; vuoto di
intelligenza soprattutto, che questi spettacoli a cavalcioni con la prosa cercano in qualche
modo di colmare.
Lina ed il cavaliere sono i personaggi da burletta di questo spassoso dopoguerra;
arrampicatori, corruttori, profittatori, allegri pescicani. Tutta la vicenda, interpretata in chiave
di spettacolo in costume sulla base della visione che della nostra vicenda possono avere i
posteri, leggera e spassosa, ricca di notazioni di costume, di macchiette e di battute
talvolta persino originali.
Dato il carattere dello spettacolo non crediamo opportuno dilungarci troppo nella descrizione
della trama. Ci sembra piuttosto il caso di dire pi diffusamente degli interpreti. Superiore
ad ogni elogio Franca Valeri, che con una semplice sfumatura di voce, una sforzatura di
mimica riesce a trasformare una battuta; dare un significato ad una vicenda che spesso non
ne avrebbe alcuno. Vittorio Caprioli, dal canto suo, si conquistato oramai uno stile
personalissimo; con le sue mosse, i suoi cambiamenti di voce, la sua recitazione misurata in

114

ogni momento, riesce a signoreggiare sulla scena, convincendo e soprattutto divertendo


come necessario in certi casi.
Accanto a loro abbiamo ammirato Nora Ricci, bionda, alta ed elegantissima, ben registrata
nelle tre parti che il copione le assegna. Joseph de Luza, oltre ad una classica figurazione da
balletto (il giocattolo addirittura!) ha modo di brillare nei panni dun giovane principe
orientale. Gianna Giachetti, autentica rivelazione dello spettacolo, ha spadroneggiato nei
panni della Mina, a volte racchia a volte vamp a seconda della moda e delle operazioni di
plastica non soltanto facciale. Nando Greco, Franco Guendalini, Sandro Pellegrini, Massimo
Pietrobon, Angelo Zanoli si sono moltiplicati nelle altre parti (persino 9 ciascuno, secondo la
moda della rivista!), e nelle spiritose coreografie loro assegnate dalla Arnova e dalla musica
di Fiorenzo Carpi.
Come abbiamo detto lo spettacolo ha ottenuto un notevole successo: non ci sentiamo in
verit di dissentire profondamente dal pubblico, anche se crediamo che spesso come dice il
proverbio non tuttoro quello che riluce. Le scene di Duilio Donati (su idea di Coltellacci)
hanno un che di essenziale, che sadatta al tipo dello spettacolo: buoni i costumi. Si replica.
G. B., Lina e il cavaliere al Valle, Il Secolo dItalia, 18 gennaio 1958.

Lina e il cavaliere alla Pergola - La brutta bellissima


Nella commedia musicale Lina e il cavaliere, che la compagnia di Franca Valeri e Vittorio
Caprioli recita in questi giorni al Teatro della Pergola, c un personaggio molteplice: ragazza
dimessa e bruttina, maggiorata fisica con venature di idiozia, donna sofisticata, serva
meridionale. La brutta e la bellissima, lelegante e la cretina (sulla scena, ovvio) Gianna
Giachetti, nata a Sesto Fiorentino, 23 anni a luglio, cugina di quel Fosco che fu un bel
tenebroso del cinema italiano dellanteguerra. ()
P. M., La brutta bellissima, Paese Sera, 8 9 marzo 1958.

Ancora un dramma familiare


Veglia la mia casa, angelo di Thomas Wolfe e Ketty Frings
() Ambiente dispersivo e opprimente quello della famiglia Gant, dove ogni intimit di vita
domestica sacrificata alla convivenza con gli ospiti della Pensione Dixieland tenuta da Eliza
Gant, una donna autoritaria e incomprensiva sempre rivolta a combinare affari vantaggiosi
per lavvenire economico della famiglia. ()
Sfrutta la figlia Helen, bench gi maritata, servendosene come duna domestica nel
mandare avanti la pensione. ()
Ma Luchino Visconti artista duna intelligenza e duna sensibilit alle quali non sfugge mai il
motivo profondo dun testo; e, pur avendo badato a rendere latmosfera confusionaria e
opprimente della vita della pensione, la sua regia ha mirato fin da principio a farvi avvertire il
sottinteso di quel conflitto, graduandone le rivelazioni, cos che esso esplode con tanto
maggior forza nel commovente finale. ()
Degli altri interpreti dovremo limitarci a ricordare Adriana Asti (Laura), Mario Valdemarin
(Ben), Annibale Ninchi (Gant), Gianna Giachetti (Helen), Elvira Cortese (Fatty); ma tanti altri
meriterebbero dessere segnalati perch, come sempre nelle regie di Visconti, s trattato
duno spettacolo omogeneo ed equilibrato, in cui tutti hanno recitato con un accento di

115

umana verit, come vero era il linguaggio nella ottima traduzione di Suso Cecchi, e
pittorescamente vera la scena di Mario Garbuglia.

Ancora un dramma familiare, a cura della redazione, Sipario, n. 151, novembre 1958, p.

23.

Veglia la mia casa, angelo di Ketty Frings al Teatro Quirino


() Luchino Visconti ha mosso con la consueta perizia un folto gruppo di interpreti, circa una
ventina, via via animandoli sullo sfondo delle scene veristiche di Mario Garbuglia. Ed ha
ottenuto effetti eccellenti in ognuno dei cinque quadri della commedia. Ma talvolta la parola
di questo o quellinterprete sembrata appesantita da un eccesso di intenzioni delle quali a
parer nostro il testo della Frings non si giova. Crediamo cio che gli si addica una recitazione
pi spedita. Latto ascoltato con maggior adesione stato infatti il secondo, che anche il
pi diretto. Allestito con impegno eccezionale, allo spettacolo hanno dato validissimo apporto
Lilla Brignone, che durante il terzo atto ha con grande bravura rivelato quasi allimprovviso il
sentimento doloroso di Elisa; Annibale Ninchi, che fa del vecchio Gant un ribelle pieno di
saggezza, disposto a compiacersi, quando occorra, dei propri momenti retorici; Corrado Pani,
che Eugenio ed esprime con bella evidenza la insofferenza generosa di un giovane di cui
sarebbe facile snaturare i tratti con movimenti isterici; Adriana Asti, che una Laura ideale;
Lia Angeleri, la quale ha disegnato con forte rilievo la figura della equivoca signora Elizabeth;
e Gianna Giachetti, che la giovane Helen, altra figlia sacrificata da Elisa. Tra gli altri, tutti
encomiabili, si ricordano Mario Valdemarin, Elvira Cortese, Annamaria Bottini, Tina Bianchi,
Giovanni Materassi, Giuseppe Chinnici, Gianni Garcovich, Ada Vaschetti e Serena Bassano.
Applausi a scena aperta e alla fine di ogni quadro. Dopo lultimo, gli attori e il regista, sono
stati calorosamente evocati pi volte al proscenio.
Raul Radice, Veglia la mia casa, angelo di Ketty Frings al Teatro Quirino, Il Giornale
dItalia, 12 ottobre 1958.

Veglia la mia casa, angelo al Quirino.


() Tra gli altri interpreti ricordiamo Gianna Giachetti, piuttosto vera nella parte della figlia.
() Di un gusto minuto e preciso le scene di Mario Garbuglia facevano America quanto le
canzoni di Nino Rota. Quattro applausi a scena aperta, molte chiamate alla fine agli interpreti
ed al regista.
Giorgio Prosperi, Veglia la mia casa, angelo al Quirino, Il Tempo, 12 ottobre 1958.

Le ragazze bruciate verdi


() Il regista Daniele DAnza ha realizzato uno spettacolo agile e spesso mordente,
adeguato nellinsieme alle intenzioni dellautore. Gabriella Andreini e Gianna Giachetti hanno,
con diverso timbro ma con eguale penetrazione, dato vivo risalto agli sconcertanti

116

personaggi di Marcella e Nadia; Renzo Giovampietro era un giornalista calibrato ed esatto,


Carlo DAngelo ha disegnato con sofferta partecipazione la figura del padre suicida. ()
Aggeo Savioli, Le ragazze bruciate verdi, LUnit, 30 gennaio 1959.

Cronaca, avanguardia e telefoni bianchi


Le ragazze bruciate verdi di Gian Paolo Callegari
Enoto, per essersi molto parlato dei successi riportati allestero dalle Ragazze bruciate verdi
di Gian Paolo Callegari la cui rappresentazione era stata finora ostacolata in Italia, che le
ragioni della perplessit della censura vertevano sul realismo della commedia che avrebbe
tratto ispirazione da un clamoroso scandalo sopito sotto le ceneri dun recente processo, ma
tuttora vivo nella coscienza degli italiani per i suoi non tramontati aspetti morali e politici.
()
Nel rappresentare questa commedia con una piena aderenza alla verit del suo linguaggio e
con un perfetto equilibrio di effetti che d il senso della realt alla finzione scenica, Daniele
DAnza ha superato assai valorosamente la sua pi difficile prova di regista. Felice risultata
la scelta degli interpreti, per cui ogni personaggio stato reso con una bravura che
meriterebbe una lode particolare, se lo spazio non costringesse ad un rapido elenco: Carlo
DAngelo (il padre di Marcella), Lola Braccini (la madre di Edda), Lia Zoppelli (la tenutrice
della casa di appuntamenti), Gianna Giachetti (Nadia), Gabriella Andreini (Marcella), Mino
Cundari (il suo fidanzato), Michele Malaspina (lindustriale milanese), Renzo Giovampietro (il
giornalista), Silvano Tranquilli (il commissario), Teresa Ronchi (la cameriera).
Il successo della commedia s delineato fin dal primo atto, che ha avuto sei o sette
chiamate. Dopo il secondo le chiamate sono state una decina. Alla fine del lavoro gli applausi
sono andati crescendo dintensit, e lautore stato chiamato con gli interpreti moltissime
volte alla ribalta.

Cronaca, avanguardia e telefoni bianchi, Lo spettatore, a cura della redazione, Sipario, n.

155, marzo 1959, p. 23.

Portava la maschera di Alessandro De Stefani


()
Vi si tratta infatti del sogno avventurosissimo fatto da una moglie, addormentatasi per brevi
istanti mentre aiutava il marito paleontologo a compilare un saggio molto importante sulla
sua materia. Impressioni della giornata trascorsa, gelosie latenti, dubbi sullegoismo del
marito, personali peccati di pensiero, confluiscono in questo sogno che dai meandri della
psicanalisi sbocca nella pura irrazionalit.
Dal mondo efficace con cui ha reso latmosfera del sogno, giuocando abilmente con le luci e
servendosi del megafono per dare alle voci e ai rumori risonanze esagerate, s capito che la
regia di Giorgio Bandini avrebbe potuto far meglio sentire la propria presenza se il contenuto
della commedia fosse stato meno arbitrario. E c voluta lesperta bravura di Carlo DAngelo
e Lia Zoppelli per far sembrare esseri umani dei personaggi inconsistenti come quelli dei due
coniugi.

117

Le altre parvenze del sogno hanno avuto buoni interpreti in Gianna Giachetti, Renzo
Giovampietro, Michele Malaspina, Mico Cundari. La commedia stata applaudita dopo i primi
due atti, e pi brevemente alla fine.
Arnaldo Fratelli, Portava la maschera, Sipario, n.156, aprile 1959, p. 18.

In attesa dei grossi spettacoli


Gog e Magog di Gabriel Arout
() In realt Gog e Magog soltanto lesclamazione dun personaggio della commedia
buttata l a m di scongiuro, e il protagonista Giuliano un essere mite e timido che, per
essersi sempre mostrato gentile e remissivo, i parenti giudicano un incapace e ostacolano in
ogni modo le sue attitudini artistiche. La suocera lo disprezza e tiranneggia; lo zio, che suo
padre ha lasciato morendo amministratore della ditta editrice, gli lesina il denaro; solo la
moglie lo ama e lincoraggia ma inutilmente, non credendo neppure Giuliano nelle proprie
possibilit schiacciato com dallopinione che gli altri si sono fatti di lui. Quandecco che un
doppione di Giuliano, identico a lui nel fisico ma del tutto diverso nel morale che invece
audace e spiritoso, comincia ad inserirsi nelle sue azioni presentandosi a suo nome allo zio
cui riesce a spillare parecchi quattrini, prendendo il suo posto in un concerto di pianoforte
dove ottiene un grande successo,e andando perfino a letto con sua moglie di cui, con la
novit degli amplessi, rinfocola lamore. Chi questo sosia? ()
Ugo Tognazzi entrato con tanta discrezione nel personaggio del protagonista, ne ha
disegnato lo sdoppiamento con mano cos leggera e quasi timida, da dar limpressione che
egli si difendesse con una recitazione scolorita dal sospetto di voler portare sulla scena di
prosa le forzature comiche dellattore di rivista. ()
Gianna Giachetti (la moglie), Antonella Steni (la suocera), Mico Cundari (lIspettore), col
Severini e il Carloni, hanno contribuito al successo dello spettacolo che ha procurato
numerose chiamate a Tognazzi e ai suoi collaboratori.

Gog e Magog di Gabriel Arout, In attesa dei grossi spettacoli, Lo spettatore, a cura della
redazione, Sipario, n. 175, novembre 1960, p. 29.

Una regia impeccabile e un Lionello in gran forma per non parlare dellautore
Uomo e Superuomo di G.B.Shaw
In Uomo e Superuomo, commedia rappresentata in modo eccellente al Teatro Stabile di
Genova, troviamo la discussione sul prediletto tema evoluzionistico, il superuomo come
prodotto, motore e guida della Forza Vitale della quale la donna soltanto la parte
ostinatamente riproduttiva, e la rappresentazione del mito di Don Giovanni portato ai nostri
tempi (la commedia del 1903) e, naturalmente, capovolto nel personaggio di John Tanner
catturato dalla donna malgrado le sue continue fughe. ()

118

Lo spettacolo diretto da Luigi Squarzina eccellente. Il difficile equilibrio della recitazione del
quadro scenico (scene e costumi di P.L.Pizzi, molto belli), tentato dalla ricostruzione
dambiente e dalla dimostrazione concettuale, stato raggiunto felicemente non rinunciando
alle due facce della commedia che hanno cos attenuato luna nellaltra i legami limitativi del
tempo. ()
Alberto Lionello, interprete di un personaggio del tutto nuovo per lui, ha superata una
difficile prova. () Con lui hanno raggiunto ottimi risultati Gianna Giachetti, Paola Mannoni, il
finissimo Giancarlo Dettori, il concreto Carlo Hinermann, Carlo Cataneo, Nico Pepe, Gino
Bardellini, Eros Pagni.
Roberto Rebora, Una regia impeccabile e un Lionello in gran forma per non parlare
dellautore, Sipario, n. 180, aprile 1961, pp. 28-29.

La pistola puntata di Ui
La resistibile ascesa di Arturo Ui di Bertolt Brecht
() Gianfranco De Bosio ha diretto un interessante e degno spettacolo.
Lunica riserva che si potrebbe fare riguarda la non totale fiducia nei toni volutamente
farseschi. Ci avrebbe forse permesso una drammaticit scenica meno affidata alle azioni e
maggiormente ai significati.
Ma allinfuori di ci la fermezza e la coerenza dello spettacolo, nelle bellissime scene di
Mischa Scandella, sono state continue e la costruzione della parabola del tutto persuasiva.
Franco Parenti ha dato ad Arturo Ui dimensioni drammatiche assai controllate, efficacissime
soprattutto nelle manifestazioni dellisterismo e della follia di Ui.
Con lui sono stati molto applauditi i bravi Vittorio Sanipoli, Andrea Matteuzzi, Mimmo Craig,
Giulio Oppi, Stefano Svevo, Gianni Mantesi, Gianna Giachetti, Adriana Asti, Giovanna Pellizzi.
Perfetto nella breve scena dellattore Mahony stato Sergio Tofano.
Roberto Rebora, La pistola puntata di Ui, La resistibile ascesa di Arturo Ui, Sipario, n.
186, ottobre 1961, pp. 13-14.

La resistibile ascesa di Arturo Ui di Brecht


() Nella parabola di Ui, Brecht si lancia in una satira violenta contro Hitler, schernendone
lascesa al potere, denunciando le forze sociali che gli hanno facilitato quella ascesa che
altrimenti sarebbe stata resistibile, cio arrestabile, e avvertendo che sono ancora fecondi
quegli interessi di gruppo che hanno favorito la follia del dittatore e le sue gesta criminali
sulle quali grava il peso di milioni di morti. Il teatro di Brecht ha i limiti posti dalla
propaganda e si deve al suo talento se, a tratti, balza fuori la zampata potente. Oltre la
satira a Hitler, dunque, la condanna della borghesia industriale camuffata, qui, nel trust dei
Cavolfiori cos come il dittatore presentato col nome di Arturo Ui e sotto laspetto di un
capo-gangster di una Chicago di fantasia. ()

119

Gianfranco De Bosio ha messo in scena il lavoro con espressive scene di Scandella e con
molta bravura superando felicemente le molteplici difficolt tecniche e manovrando con
suggestivi effetti la quarantina di personaggi che nel lavoro figurano. Li ha fatti recitare tutti
con i toni giusti. Ha dato a Franco Parenti, che va maturandosi, alle prese con una parte n
facile n gradevole, una vitalit isterica e frenetica che lattore ha reso, imitando i modi di
Hitler. Bravissimi Sergio Tofano, che ha disegnato un guitto mirabile, Giulio Oppi un
Hindenburg somigliante e drammatico, Vittorio Sanipoli un Roma (Rohm) scolpito (ogni volta
il Sanipoli d saggi encomiabili), Andrea Matteuzzi un Gobbola perfetto. Di sinceri impeti
Adriana Asti, e fortemente drammatica Gianna Giachetti Duane nelle gramaglie della vedova
di Dollfuss. Successo caloroso.
Eligio Possenti, La resistibile ascesa di Arturo Ui di Brecht, in 10 anni di teatro (cronache
drammatiche) di Eligio Possenti, Editore Nuova Accademia, Milano 1964, pp. 341-343.

La cameriera brillante di Carlo Goldoni


La cameriera brillante pur essendo tra le commedie minori di Goldoni trascurate nelle
raccolte e quindi difficile a leggere prima della pubblicazione dellOpera omnia goldoniana
fatta dal Mondadori, era gi stata riesumata undici anni fa dalla compagnia dellAteneo di
Roma con Cesarina Gheraldi nella parte di Argentina e Antonio Gandusio in quella di
Pantalone; e lidea di ridar aria alle vecchie furberie di Argentina era stata ripresa sei anni fa
fa Cesco Baseggio, che disponeva allora delle grazie della Vazzoler per la parte della
protagonista e del brio di Marcello Moretti per la maschera di Traccagnino.
Scritta da Goldoni nella piena maturit, dopo la gran fatica delle sedici commedie nuove e
dopo che la riforma da lui operata del teatro aveva gi dato capolavori di carattere e
dambiente come La locandiera e Le donne curiose, questa Cameriera brillante segn un
passo indietro nel cammino goldoniano, un ritorno alle forme della commedia dellarte con
lintreccio tradizionale, con le maschere e i loro lazzi, coi personaggi a tipo fisso cui sfugge
soltanto un Florindo non sospiroso, ma rustico e forastico. Per Goldoni La cameriera brillante
dovette essere una parentesi svagata, uno spasso che si prese in un periodo burrascoso
della sua vita di commediografo, quando la fortunata concorrenza del Chiari lo costrinse a
scimmiottare i drammi orientali per rifarsi un pubblico. Eppure, anche in questa commedia di
ripiego, molto vicina ai canovacci rimessi allarbitrio degli attori che li nutrivano dei loro
soggetti, si avverte lunghia del leone; e non tanto nel disegno della protagonista, non
dissimile nelle furberie dalla servetta, quanto nella trovata di Argentina di far recitare al
vecchio padrone, alle due padroncine e ai loro amorosi, una commediola ideata da lei
assegnando agli attori improvvisati delle parti contrarie ai loro caratteri. Far del teatro nel
teatro non era unidea nuova, e bastava ricordare le recite nelle recite dei drammi
scespiriani; ma era originale quellidea del servirsi della recita per mettere i personaggi alle
prese coi propri difetti. Fu lo stesso Goldoni a rilevare tale aspetto di novit nella prefazione
alla commedia, dove scrisse che: non nuova linvenzione che in villeggiatura si reciti una
commedia; ma pensier novissimo dare a ciascheduno dei personaggi un positivo carattere,
e far s che nella finta rappresentazione siano forzati a sostenerne uno contrario, ed abbiano
della ripugnanza a dir cose contrarie al loro sistema, ancorch apparentemente studiate.

120

Laffinit della Cameriera brillante con la commedia dellarte, di cui depone labito farsesco
soltanto nel bel terzo atto pi elevato nel tono dellinvenzione e nella qualit del dialogo,
stata accortamente sottolineata dalla regia di Gianfranco De Bosio, che ha dato di proposito
un carattere popolare alla tumultuosa gaiezza dei primi due atti puntando sugli effetti del
brio e della comicit degli attori bravissimi che aveva a sua disposizione. Sergio Tofano nelle
vesti dun Pantalone di gran stile, Gianna Giachetti in quelle di unArgentina spiritosa, Franco
Parenti e Checco Rissone nelle maschere di Brighella e Traccagnino, Giovanna Pellizzi e
Adriana Asti nelle parti delle due sorelle litigiose, Mimmo Craig e Renzo Giovampietro in
quelle di Ottavio e di Florindo, hanno formato un complesso estremamente gradevole per
vivacit e fusione.
Arnaldo Fratelli, La cameriera brillante, Sipario, n. 187, novembre 1961, p. 24.

La Moscheta di Ruzzante
() La nuova edizione della Moscheta molto bella. Nella pesante scena di Scandella,
giustamente pesante come la sorvegliata parlata dei personaggi, la vicenda di quel povero
essere che Ruzzante di fronte alla bella moglie e ai suoi amanti si svolge con una misura
stilistica ineccepibile. Soltanto il bravissimo Parenti ha dato a Ruzzante qualcosa in pi del
necessario. Cio la volont e la determinazione, che a tratti sono risultate evidenti, hanno
reso il personaggio uomo forte, il che contrario alla sua realt. Ma al di fuori di questa
osservazione Parenti non che da elogiare nel suo continuo progredire. Con lui sono stati
applauditissimi il divertentissimo Esposito, limpetuosa Gianna Giachetti, il sorprendente
Zernitz, e il simpaticissimo Cavalieri.

Alcuni ottimi spettacoli vecchi e nuovi, a cura della redazione, Sipario, n.188, dicembre
1961, p. 118.

Don Giovanni involontario di Vitaliano Brancati


Il Don Giovanni involontario, riproposto al nostro pubblico dal Teatro Stabile di Torino, una
commedia tristissima. ()
Il don Giovanni di Brancati non ha ostacoli di fronte a s, e tanto meno non incontra nulla
che abbia una lontana somiglianza con il richiamo della coscienza. Non si accorge di nulla,
tranne che della propria noia, ma segretamente si compiace di una situazione che in qualche
modo lo fa sembrare un protagonista. Di ci che ha attorno, cio dei valori che in qualche
modo potrebbero fargli pensare al bene e al male, non sembra accorgersi. LInferno e il
Paradiso sognati nellultimo atto (con il giudizio dei suoi peccati che risultano inesistenti,
nemmeno un peccatore vero stato, e con il paradiso al quale destinato perch chi ha
sofferto nella vita stato lui e non le donne che lui crede di aver fatto soffrire) sembrano
appartenere alla capacit del personaggio di diminuire tutte le cose, anche i valori che

121

preparano la morte e che sotto molti aspetti la condizionano. Qui il moralista Brancati, nei
suoi modi umoristici e veloci, inflessibile. Anche nellevidente divertimento della scena (ma
quanti significati pu assumere la parola divertimento che sembra avere una dimensione
unica) non c la possibilit di gioco di cui nei due atti precedenti a tratti si pu avere il
sospetto. Il disfacimento del protagonista completo. Il processo al peccatore trova un
poveruomo che ha sofferto soprattutto per miseria morale (rivalutiamo una buona volta la
parola che siamo troppo abituati ad unire a passivit), e la sua entrata in paradiso dove la
madre, meccanicamente madre, ha pregato per lui, diventa il coronamento pi incolore e
squallido di una vita totalmente conformistica. Il paradiso come una casa di ricovero.
La bella commedia, che si crea sulle sillabe, stata presentata in unedizione variamente
giudicabile. Mi sembrato che questa volta il regista Gianfranco De Bosio non abbia trovato
che a tratti la unitariet dei toni della rappresentazione. Lumorismo della bellissima prima
scena andato in parte perduto perch mi sembrato gli attori non si sono trovati fra
loro. Peccato veramente, perch si tratta di una scena dimportanza capitale per la
comprensione di tutto il resto. Anche certe lentezze, certo pausare, mi sono sembrati
dannosi. E leccessivo macchiettiamo di alcuni personaggi. Il sarcasmo della commedia
dovrebbe risultare prevalentemente dalla sua seriet. Ma la rappresentazione si svolta in
crescendo, fino a darci un equilibratissimo terzo atto.
Nella bella e intelligente scena di Emanuele Luzzati (suoi anche i costumi) il protagonista
Renzo Giovampietro ha dato unaltra prova delle sue attuali capacit. E uscito gradatamente
dal poco ordine iniziale e si affermato lungo la rappresentazione con stile sorvegliatissimo
e bella autorit. Con lui sono da ricordare il bravo Franco Parenti, comico e patetico nella
parte di Rosario Zappulla, giovane che non riesce con le donne; Gianna Giachetti, che deve
stare attenta a non ripetere troppo lo stesso personaggio; Cecilia Sacchi, al suo debutto, e
dobbiamo accogliere con piacere la sua prova totalmente positiva; la brava Giovanna Pellizzi,
Isabella Riva cos comunicativa, Annamaria Bottini, Cristiano Censi, Giulio Oppi, Mimmo
Craig, Carla Parmeggiani.
Roberto Rebora, Don Giovanni involontario, Sipario, n. 189, gennaio 1962, pp. 16-17.

LUfficiale reclutatore di George Farquhar


() La vicenda dellUfficiale reclutatore tenue e tuttaltro che peregrina: i casi amorosi con
i consueti dispetti, equivoci e travestimenti valgono a creare un arioso bozzetto di mondo
contadino, tra il provinciale e il rusticano, con caratteri di ribalderia e di sanguigno colore
locale che fanno venire in mente la tradizione italiana, non solo i comici dellarte, ma i pi
acri Plauto e Ruzante. ()
Nel proporre sulla scena questa complessa visione del mondo la regia di Gianfranco De Bosio
e Franco Parenti ha scelto una soluzione di compromesso. ()
Il compromesso, poi, ha messo gli attori di fronte a grosse difficolt e non tutti sono stati
sempre allaltezza della situazione che li voleva, secondo loccasione, calati nel personaggio
oppure in una posizione critica. Se Giulio Oppi, Osvaldo Ruggieri e Mimmo Craig (finalmente
in una parte a lui congeniale di Miles gloriosus) hanno fatto tutto molto bene e con agilit,
Franco Parenti poteva essere pi insinuante e meno caricaturale, Carla Gravina si

122

dimostrata, per quanto piena di buona volont, ancora acerba, e Gianna Giachetti ha avuto
risultati un po monocordi.
Guido Boursier, LUfficiale reclutatore, Sipario, n. 201, gennaio 1963, pp. 38-39.

Don Giovanni secondo Brecht


Il Don Giovanni di Molire, immagino, lo conoscono tutti e tutti sanno che si tratta di
unopera scritta in fretta per ovviare, con la ripresa di un tema alla moda, a unimprovvisa
carenza di repertorio determinata dalla proibizione di Tartuffe, e di unopera maledetta come
poche del repertorio classico: quindici repliche soltanto vivo lautore e poi quasi pi niente,
anche in Francia, per tre secoli, sino alla famosa ripresa di Louis Jouvet del 1947. () In
Italia venuto a metterlo in scena lo svizzero Benno Besson, che gi aveva collaborato con
Brecht alla stesura del testo e che ne era stato il primo regista. Lo spettacolo accentua il
carattere sostanzialmente irriverente dellopera. Ogni personaggio viene tipicizzato in gesti e
modi di parlare risolutamente caricaturali e ridotto alla dimensione unilaterale della
macchietta. () In questo senso una serata indubbiamente provocatoria e spesso
affascinante, anche se il risultato pratico non sempre allaltezza delle intenzioni che lo
hanno originato. Va tenuto presente che questa del Teatro Stabile di Palermo una
compagnia di giovani, alcuni dei quali salvo errore alle loro prime esperienze
professionistiche, che devono talvolta supplire con la buona volont a unevidente
immaturit di mezzi. () Rimane comunque un notevole sforzo organizzativo: la compagnia,
che nella sua formazione attuale attiva solo da pochi mesi, si creata laboratori
scenografici, sartoria, ecc. (tutte cose che, come i giornali hanno informato, sono andate
perdute nel corso dellincendio che ha completamente distrutto il Teatro Bellini di Palermo
mentre gli attori recitavano nel Nord) ed riuscita a presentare come sua terza recita uno
spettacolo che, anche con le insufficienze accennate, appare comunque tra i pi vivi e i pi
insoliti di questa stagione. Tra gli interpreti hanno fatto spicco Gigi Reder, Gianna Giachetti,
Mino Bellei e soprattutto Franco Parenti.
Arturo Lazzari, Don Giovanni secondo Brecht, Sipario, n. 216, aprile 1964, pp. 38-39.

Pretesto shakespeariano
Due gentiluomini di Verona di Shakespeare
() Tenuto conto del valore non eccessivo della commedia e delle particolari esigenze di uno
spettacolo allaperto per sua natura portato a esteriorizzare e a puntare pi sugli elementi
visivi e sonori che sui valori della parola i criteri adottati da De Lullo e da Guerrieri ci
paiono perfettamente legittimi. ()

123

Nei momenti migliori si giunge a una particolare versione del meraviglioso scenico, in quelli
meno ispirati si fornisce lequivalente teatrale di un gelato per le sere estive. ()
Tra i personaggi minori la vivace Gianna Giachetti, il pittoresco Alessandro Esposito, il
dignitoso Massimo Foschi.
Ettore Capriolo, Pretesto shakespeariano, Sipario, n. 232-233, agosto-settembre 1965, p.
90.

Dopo Visconti
Le tre sorelle di Anton Cechov
() In una commedia povera di accadimenti esteriori, ma ricca di unatmosfera creata
dallazione interiore di molti personaggi nessuno dei quali ha una funzione di protagonista,
tutti sullo stesso piano dai padroni di casa agli ospiti e ai due vecchi servitori, solo
leccellenza dogni singolo recitante pu far s che quellatmosfera si formi e si risolva in
poesia. Questo avvenuto e ne va resa ampia lode a Giorgio De Lullo regista che nella
scelta degli interpreti stato avveduto e li ha guidati in modo da portarne linsieme a una
rara perfezione. Quanto a De Lullo attore, che si era riservata la parte del fallito e
tormentato Andrej, lha resa con una sensibilit che, nellirrompere della pena nascosta, gli
ha guadagnato un applauso a scena aperta. Le sorelle, di cui Elsa Albani era la buona e
saggia Olga, Rossella Falk linquieta e dolorosa Mascia, Elena Cotta la dolce e delusa Irina,
hanno formato un terzetto strettamente legato nella diversit dei caratteri, commovente
nella sua aspirazione alla irraggiungibile Mosca. Stupendo Romolo Valli nel personaggio del
colonnello Verscinin. Bella e odiosa Gianna Giachetti nella figura ottusa ed egoista di
Natascia.
Arnaldo Fratelli, Dopo Visconti, Sipario, n. 226, febbraio 1965, pp. 13-14.

Tre sorelle allEliseo


Un cechov troppo edificante
Le Tre sorelle che ha messo in scena De Lullo allEliseo un curioso spettacolo misto di
rappresentazione e perorazione, di ottimismo e pessimismo, di tempo allegro e tempo
crepuscolare, di commedia di atmosfera e commedia di carattere, di flusso continuo e di
flusso interrotto, di pedanteria scenica e dimmaginazione scenografica. () De Lullo ha
capito benissimo che occorreva dargli un ritmo alacre e quasi marziale senza per questo
togliere nulla alla malinconia degli addii. Ma poi su quello sfondo di suoni e di richiami
vediamo passare e ripassare laffranto, fallitissimo Andrej che spinge la carrozzella del figlio
con una mestizia degna della pi convenzionale e risaputa delle commedie crepuscolari. ()

124

Di questi alti e bassi ha risentito la recitazione degli interpreti principali, almeno di alcuni di
essi, Valli che era Versinin, la Albani che faceva Olga, la Giachetti che faceva Natalja, la
Cotta che era Irina, Giuffr che era Solenyl. () I due interni, ma specialmente lesterno con
le betulle, immaginate da Pizzi mi sono parsi tra i pi belli nella pur eccellente tradizione
della nostra messinscena cecoviana. Assai viva la traduzione di Guerrieri.
Sandro De Feo, Un Cecov troppo edificante, LEspresso, 31 gennaio 1965.

La crisi del linguaggio e di una societ nella felice commedia-saggio di Alberto


Moravia
Il mondo quello che di Alberto Moravia
() Il dramma lascia perplessi, fa supporre pi che non dica e, quando dice, non manca di
cadere nellovviet contenutistica. Cio non riesce a dire di pi sui contenuti che ha
individuato e che costituiscono uno degli aspetti pi allarmanti della nostra civilt. Ma certo
che la rappresentazione ha lasciato ancor pi perplessi del dramma. Il tono carico di
allusivit inconsistenti, simili ai lustrini della scena (di Riccardo Manzi) e alla esibizione dei
costumi (di Brunetta) che hanno impedito il costruirsi del paradosso moraviano. Non
parliamo poi della tirata melodrammatica dellultima scena, forse per ottenere lapplauso (ho
avuto questa impressione) che infatti venuto. Una regia dispersiva insomma di Gianfranco
De Bosio sotto la direzione del quale gli attori non sono sembrati n convinti n convincenti.
Gianna Giachetti stata la migliore nella parte di una sgualdrinella del bel mondo.

La crisi del linguaggio e di una societ nella felice commedia-saggio di Alberto Moravia, a
cura della redazione, Sipario, n. 247, novembre 1966, pp. 26-27.

Aggressivit moderna di una libera riduzione


Volpone di Ben Johnson
() Lo spettacolo (scene e costumi non particolarmente notevoli di Lorenzo Ghiglia) , come
la riduzione, ben congegnato, vivace, tocca abilmente le corde del veleno e quelle di una
rabbiosa comicit. Guicciardini si conferma capace di guidare con polso la recitazione e gli
rispondono con efficacia Franco Parenti (che ha dato con Volpone una delle sui prove pi
interessanti, secco, esaltato e tormentato come conveniva), Carlo Bagno (un poderoso
Corbaccio), Gianna Giachetti (in una azzeccata figura di cortigiana completamente
inventata), Alfredo Bianchini, Piero Nuti e Luciano Virgilio (il cui Mosca, un po monocorde ha
tuttavia avuto momenti di guizzante credibilit).

Aggressivit moderna di una libera riduzione, a cura della redazione, Sipario, n. 256257, agosto-settembre 1967, pp. 89-90.

125

La scelta dei contenuti


Il bagno di Vladimir Majakovskij
Il bagno il testamento di Majakovskij. Andato in scena meno di un mese prima del suicidio,
la riaffermazione ostinata di una serie di principi propugnati con fervore negli anni caldi e
inebrianti seguiti allottobre (1930). Principi estetici: la fiducia nel teatro come mezzo per
turbare sbalordendo (o sbalordire turbando) e nei modi dellavanguardia come linguaggio
privilegiato della nuova arte proletaria. Principi politici: la reiterata adesione alla rivoluzione
come strumento permanente di modifica e la presa di posizione risoluta contro coloro che
tentano dirreggimentarla. Linteresse del testo non consiste tuttavia nelle sue affermazioni
ma nella sua carica satirica devastante e impietosa. E sin troppo facile constatare che i
personaggi positivi sono di una bont, di unonest e di una dirittura morale e politica troppo
belle per essere vere o che la donna fosforescente non riesce a darci unimmagine
esteticamente e umanamente allettante dei domani che cantano. Sono figurine edificanti che
preannunciano, certo involontariamente, i troppi eroi con laureola in testa del realismo
socialista. Ma basta passare dallaltra parte della barricata e ogni personaggio acquista
unimmediata corposit, incidendosi vigorosamente nella memoria di chi legge o ascolta.
Certo sono personaggi unidimensionali, ma la rabbia dellautore fa s che persino quelli pi
vicini alla macchietta appaiano in vario modo esemplari nella loro vertiginosa stupidit,
mascherata di volta in volta da una furberia opportunistica, da uno snobismo senza fantasia
o da un servilismo strisciante. Lo spettacolo bolognese rivela chiaramente tutto ci che
poteva esserci e non c stato nella fase della preparazione: i mezzi finanziari insufficienti a
sviluppare come sarebbe stato necessario i suggerimenti impliciti nel testo russo; il
limitatissimo periodo di prove (non pi di 20 giorni); gli squilibri della distribuzione con attori
che si rendono conto di recitare un dramma con circo e fuochi dartificio e altri capitati qui
per sbaglio evidentemente persuasi di dover animare una commedia brillante, ecc. Tuttavia,
pur entro questi limiti, non per niente una serata da dimenticare svelti svelti come ce ne
sono state tante in questa stagione. Prima di tutto per il tipo di lavoro drammaturgico che
c stato. Franco Parenti ha coraggiosamente e amorosamente rielaborato il copione per
trarne uno spettacolo popolare per un pubblico doggi, sfrondandolo cio delle parti pi
chiaramente caduche e sostituendo occasionalmente le battute pi deboli con altri versi dello
stesso Majakovskij. () Il momento pi felice della serata sicuramente la scena della
pantomima progressista con la lotta tra capitale e lavoro e trionfo finale di questultimo,
messa in scena dal regista della commedia a beneficio dei burocrati che vogliono un teatro
ottimista e riposante. Al burocrate ottuso, tronfio, furbastro, Franco Parenti ha offerto le
risorse di una recitazione comica attentissima a cogliere gli innumerevoli aspetti sgradevoli
del personaggio e a sogghignarci sopra in ogni gesto e in ogni intonazione.
Tra gli altri interpreti Gianna Giachetti si misurata con molto coraggio con limpossibile
personaggio della donna fosforescente, Andrea Matteuzzi si ricordato delle sue numerose
esperienze brechtiane, Luigi Castejon ha brillantemente schizzato una figurina di viscido
opportunista, Benedetta Barzini ha trovato nel personaggio della vamp Mezaljansova il
veicolo pi adatto al suo non recitare. Ricoder infine Paolo Pozzi, Giorgio Triestini e Italo
DallOrto.
Ettore Capriolo, Il bagno di Vladimir Majakovskij, La scelta dei contenuti, Sipario, n. 264,
aprile 1968, pp. 33-34.

126

Ritorno alla commedia dellarte


Socrate immaginario di Ferdinando Galiani
Singolare figura di letterato, politico, economista e poligrafo, per loccasione drammaturgo in
questo ridanciano Socrate immaginario composto a 4 mani con Giambattista Lorenzi, lAbate
Ferdinando Galiani incorse lui pure (e sera nel 1775) nellidiozia censoria che ravvis nella
commedia e nella deliziosa caricatura del letterato Saverio Mattei infatuatissimo di grecismo,
gli estremi della denigrazione, proibendone la rappresentazione, dopo il trionfale esordio, per
6 anni. Protagonista della vicenda don Tammaro Promontorio, un ricco possidente di
Modugno al quale la lettura dellantica filosofia ha stravolto il cervello, facendogli credere di
essere un novello Socrate e informandogli ogni sua minima azione a quellaustero modello di
pensatore. In chi lo circonda, don Tammaro vede i vicini e gli amici di Socrate: la moglie,
donna Rosa, Santippe; Calandrino, il suo cameriere, Simma, e lo far bibliotecario;
mastro Antonio, il barbiere, diviene un lepido, spaesato Platone. Don Tammaro, o meglio
Socrate II, giunge addirittura a trangugiare la famosa cicuta, ma niente paura: si tratta solo
di un innocuo sonnifero somministratogli dal contorno compiacente nel secondare le
astruserie del bizzarro protagonista; al risveglio, don Tammaro apparir rinsavito, pronto a
dare alle due coppie innamorate la gioia di convogliare a nozze, s da risolvere gli intrighi
della burlesca commedia nel Lieto Fine dobbligo.
Commedia spumeggiante, dalla fantasia fluida, dai sentimenti appena accennati, dalle
avventure che si risolvono in schermaglie rapide e gentilmente equivoche, Socrate
immaginario anche il ritratto caustico e allegramente amaro di una societ messa alla
berlina con tutti i suoi parrucconi. Labate Galiani non , naturalmente, Molire: non ne
possiede la tempra e la foga morale; e se si pensa che quando il Socrate vide la luce,
Goldoni aveva scritto da ventanni il Teatro comico, la satira si fa ai nostri occhi ancora pi
blanda e bonaria, pi vicina, in definitiva, alla comicit secentesca o ai lazzi della Commedia
dellArte, che non alla riforma del Settecento. Sono indicazioni che non rimangono
dettaglio anagrafico, ma che aiutano a intendere il Socrate nella sua giusta dimensione, cos
come ha fatto Giovanni Poli, ( gli Zanni, Laugellin belverde), improntando il suo spettacolo al
gioco colorito e buffonesco dellArte, al virtuosismo dei comici, al loro impeto ciarlatanesco
e chiassoso, al ritmo scintillante, costantemente tenuto sopra le righe: ne uscito un
divertissement pi raffinato che popolaresco, pi ricco didee che non delasticit, ma
egualmente fresco, in possesso duna sua artificiosa ma aggressiva vitalit. La scena di
Mischa Scandella una cornice dichiaratamente e amabilmente falsa. Il tutto curato, dal
Teatro Stabile dellAquila, come se non si trattasse duno spettacolo estivo italiano: impresa,
quindi, in mezzo alla criminale sciatteria mercenaria, doppiamente meritoria.
In palcoscenico, uno show personale di Nino Taranto, che a 60 anni suonati ha recitato per
la prima volta una commedia in lingua, disegnando un don Tammaro a tutto tondo duna
misura esemplare che venava la pi acuta e aperta comicit dun che di amaro, di cinico e di
beffardo insieme. Accanto a lui e al fratello Carlo (Platone), in luce Gianna Giachetti, una
squillante Donna Rosa, garbatamente ironica, Maria Grazia Sughi, briosa Emilia, Anita
Laurenzi, maliziosa cameriera, e la scatenata Marina Pagano.
Giorgio Polacco, Ritorno alla commedia dellarte, Sipario, n. 268-269, agosto-settembre
1968, p. 42.

127

Il mercante di Venezia
Come avveniva spesso nellOttocento dietro lesempio di Ernesto Rossi (primo interprete, nel
1869, di Shylock), anche Mario Scaccia avrebbe potuto intitolare il suo spettacolo Shylock:
ovvero il Mercante di Venezia; e infatti, uscendo dalla sala del Teatro Parioli, lo spettatore
non certo indotto a pensare che il mercante del titolo in realt Antonio, malinconica
vittima dellusura, e tanto meno che la commedia affronta una tematica in cui si riflettono ed
esprimono alcuni dei problemi intellettuali ed economici pi gravi degli anni, tra il 1596 e il
1598, in cui fu scritta. Quel che lo spettatore pensa che centro e fine dellopera sia Shylock
e che il resto, personaggi e situazioni, sia un fondale su cui far meglio risaltare la figura,
senza dubbio mirabile, di quellebreo di Venezia con cui Shakespeare sviluppava e
approfondiva lesperienza offertagli dallEbreo di Malta di Christopher Marlowe. E non che ci
sia dovuto ad una deliberata scelta di Scaccia. Questo geniale attore che si accosta ora alla
regia dichiara esplicitamente che non ridurr al solo motivo di Shylock (Ermete Novelli)
largomento della commedia e indica anzi in tre mondi quelli di Porzia, di Antonio e di
Shylock i tre principali motivi conduttori dellopera. E tuttavia tali intenzioni confermate
anche da un notevole rispetto del testo (qui presentato nella scorrevole traduzione di Paola
Ojetti) e dal tentativo di distinguere i tre mondi anche attraverso i costumi (dovuti, al pari
della schematica scena, a Mario Padovan) finiscono col non realizzarsi, e quella stessa
parola teatrale che, giustamente Scaccia vuole valorizzare, risuona viva ed efficace
soltanto quando a pronunciarla Shylock-Scaccia.
Perch questo accada, e perch lo spettacolo sia, in definitiva, mattatoriale, si pu
spiegarlo in vari modi, e anzitutto proprio col fatto che, di fronte a un personaggio che,
come scrive F. Ferrara in Shakespeare e la Commedia (Bari, Adriatica, 1964) un
pericoloso invito e uninvincibile tentazione per il mattatore, Scaccia si comportato,
appunto, da mattatore, circondandosi di troppi attori inesperti o inadatti la cui fragilit, se
ha messo ancor pi in luce la bravura del capocomico, ha anche danneggiato sia il lavoro di
attori come Gianfranco Ombuen (Antonio), Gianna Giachetti (Porzia), Carla Macelloni
(Nerissa), che avrebbero potuto essere utilizzati assai meglio, sia lintero edificio della
commedia una commedia, va detto, il cui improbabile e svagato intreccio non deve far
ignorare che sapientemente costruita su un giuoco di contrasti (apparenza e realt; denaro
e amore; corruzione e purezza) che avrebbe richiesto una assai maggiore delicatezza e
riflessione. ()
Agostino Lombardo, Il Mercante di Venezia, Sipario, n. 331, dicembre 1973, pp. 47-48.

Un rilancio per la prosa?


Il Malato immaginario di Molire
() Di Giorgio De Lullo la regia che abilmente privilegia, anche a danno della comicit
molieriana, i risvolti drammatici della vicenda, illuminandola di bagliori ora mesti ora crudeli.
Di Pierluigi Pizzi la scena, che si rif a un Seicento olandese di Veermeriana memoria, e i

128

bellissimi costumi, luna e gli altri pi al servizio del cot illustrativo dello spettacolo che non
di quello mordente e attuale.
E infine di Romolo Valli la magistrale interpretazione del ruolo di Argante, lultimo della
carriera di Molire. ()
Peccato che non siano del pari il resto degli attori, poco omogenei lun laltro e nellinsieme
abbastanza scialbi.
Esclusi da questo giudizio sono per il Dottor Fecis di Franco Parenti, la vivace Tonina di
Gianna Giachetti, il Tommaso Cagherai di Mauro Avogadro (che in una breve apparizione
conferma in pieno le doti gi dimostrate nella ronconiana Partita a scacchi) e la cinica
Louison della minuscola Antonella Baldini la cui spigliata recitazione fa pensare agli spettatori
e non solo ad Argante che non ci sono pi bambini.
Giovanni Lombardo, Un rilancio per la prosa?, Sipario, n. 339-340, agosto-settembre
1974, pp. 25-26.

Tutto per bene


() Testo per lattore per eccellenza, cavallo di battaglia di Ruggero Ruggeri, per il quale fu
concepito, Tutto per bene ora costituisce un prestigioso risultato di Romolo Valli, che per un
atto e mezzo capace di muoversi curvo, grigio e rattrappito nellantico dolore e nella
solitudine del personaggio, per poi drizzarsi, scattando come un arco, con una bellissima
scena di attore al momento della verit. ()
I personaggi di contorno, come la Barbetti e suo figlio sono diretti da Giorgio De Lullo su un
registro caricaturale, talora forse troppo marcato.
Fabio Doplicher, Tutto per bene, Sipario, n. 347, aprile 1975, pp. 24-25.

Mefistovalzer
() Radenti soprassalti di gocciolante euforico riso tagliano lividi laggricciante sorriso del
calembour: la rappresentazione sottolinea il sarcasmo giustapponendo i trasalimenti
sconsolati di Buazzelli, occupato a tessere attorno al Magister Tenebrarum una rete di
autodaf derisorii allusiva al modello di Lubitsch (Heaven can wait), al plateale eccessivo di
Gianna Giachetti e alle divertite scansioni contrappuntistiche di Poddighe e Castellaneta,
ricercatori scientifici in un laboratorio di miti in liquidazione.
Enrico Groppali, Mefistovalzer, Sipario, n. 373-374, giugno-luglio 1977, p. 28.

129

Il Borghese gentiluomo
() Anche se nella fattispecie allo spettacolo non mancano felici intuizioni (quella scalea
littoria da infimo melodramma che collega e spartisce, stinta in abominevole color caffelatte,
il salotto raccogliticcio di uno Jourdain che ha colonizzato lAbissinia accanto ai notabili
dellaristocrazia nera; la coppia ampollosa e fasulla Dorante-Dorimne col lezio vitreo e
agghiacciante di una Gianna Giachetti da manuale che gioca, perfida comdienne a una
tavola imbandita di riccioli e veleni; lesplosione finale fragorosa e baracconesca della
mascherata orientale tra clangori di scimitarre e luci che impazzano come in un brutto
Ferraniacolor anni cinquanta che strizzi nostalgico locchio verso i kolossal De Mille) a
Buazzelli che locchio corre sempre magnetico.
Enrico Groppali, Il Borghese gentiluomo, Sipario, n. 377, ottobre 1977, pp. 18-19.

Luomo con le valigie


() La regia di Buazzelli recupera scansioni brechtiane (giusto: c un filo rosso PirandelloBrecht-Jonesco, al di l della filosofia brechtiana), evoca lespressionismo pi inquietante
(Toller, Ensor, Munch), assume anche cadenze trionfali (Aldo Trionfo, vorrei dire) e
riconduce alla matrice surrealista (Breton). ()
Opera cucita su misura per la dimensione (umana e umorale) del bravissimo Buazzelli,
capace in ogni momento di trasmettere emozioni e sensazioni.
Fra gli eccellenti comprimari, segnaliamo Andrea Matteuzzi e Gianna Giachetti, esemplari
professionisti che raramente sbagliano un colpo.
Gianfranco Civolani, Luomo con le valigie, Sipario, n. 384, maggio 1978, pp. 24-25.

La dodicesima notte
()
Ma tutto lo spettacolo un meccanismo di alta precisione e ingegnosit dove operano
parecchi giovani attori con eccellenti risultati.
Fabio Doplicher, La dodicesima notte, Sipario, n. 396, maggio 1979, p. 20.

Le tre sorelle
Alla critica di tristezza nostalgica delle tre protagoniste delle Tre sorelle, il regista Giorgio De
Lullo aggiunge a buon diritto un duplice motivo personale di affettuoso rimpianto: come

130

attore figur infatti nei primi anni Cinquanta nella mirabile edizione viscontiana del dramma,
come attore e regista diede vita una decina danni pi tardi alla diligente edizione di Giovani
con Romolo Valli. ()
A rafforzare questo sentimento, la scena di Pier Luigi Pizzi, da realistica chera stata nel 65,
si fatta allusiva: dietro alcuni concreti accessori ambientali, un velo di tulle lascia
intravedere la simbologia, congelata nel vuoto, delle tre betulle rimaste nel mitico giardino.
Franco Quadri, Le tre sorelle, Panorama, 22 dicembre 1980.

Ridere amaro con Cechov


Si ride molto, in queste Tre sorelle di Anton Cechov nuovamente allestite da Giorgio De
Lullo, al Parioli, con il Gruppo Teatro Libero R. V. A ben vedere, le indicazioni nel testo, al
riguardo, non scarseggiano. Ma lo scoppio dilarit al secondo atto, seguito da un momento
di autentica allegria carnevalesca, dopo la balorda sortita in francese della tirannica
borghesuccia Natascia, non tanto viene da espliciti suggerimenti cecoviani, quanto da
uninvenzione registica di Stanislavski per la famosa prima moscovita del 1901. E, in
generale, De Lullo sembra aver tenuto conto delle note di quel maestro sulla sete di vivere
che, nonostante tutto, anima i personaggi.
Si ride, dunque. Ma dun riso, spesso, nervoso e inquieto, se non proprio amaro, che pu
metter tristezza pi delle lacrime. ()
Il finale non manca il suo effetto: ma, nella rappresentazione, il secondo atto a imporsi,
per giustezza di ritmo e tensione dialettica (il primo ingrana con qualche lentezza). Meno
convincente il terzo, dove la notte dellincendio difetta di quel sottofondo febbrile, di
quellagitato contrappunto, di quella straordinariet dellevento, che sono fattori necessari sia
al convegno amoroso di Mascia e Verscinin, sia alla confessione di lei alle sorelle. Del resto,
riunire oggi come oggi (e anche prescindendo, nel caso, da strette osservanze anagrafiche)
una compagnia allaltezza del dramma, uno dei capolavori del teatro moderno, non
impresa facile. Donde gli squilibri e scompensi che si possono riscontrare nella distribuzione
attuale. La Mascia di Anita Bartolucci, ad esempio, troppo dura, spigolosa, ingrata; e non
riusciamo a comprendere i modi bulleschi che assume avviandosi allincontro segreto col
colonnello. Pi calibrata ed esperta, certo, la Olga di Gianna Giachetti; e duna cattivante
freschezza, senza leziosaggini, la Irina di Caterina Sylos Labini, che ha et e grazia adeguata
al ruolo. Carla Romanelli una Natascia figurativamente esatta e di buon piglio. Sul versante
maschile, Sergio Fantoni rende con misura lamabile loquacit (un po meno la passione) di
Verscinin, e Andrea Matteuzzi caratterizza incisivamente il vecchio medico, mentre Paolo
Giuranna situa con accortezza al limite della macchietta il suo Kulyghin, conferendogli, poi,
un vago tratto di nobilt. Massimo De Francovich un Andrei moderatamente appropriato.
Ma Gabriele Tozzi risulta un Solioni unidimensionale, tutto protervia, e Giovanni Crippa un
Tuzenbach corretto, ma abbastanza flebile. Nel contorno, apprezzabile il Ferapont sordo e
svanito, acconciamente tradizionale, di Ezio Marano.
Accurati gli interventi musicali: c un tema popolare che ricorda quello elaborato da
Stravinskj in Petruscka, e il tram-tam-tam, messaggio convenzionale tra Mascia e Verscinin,

131

si riveste nella musica di Ciaikovskj (Quinta Sinfonia). Funziona sempre la traduzione, ormai
classica, di Gerardo Guerrieri. Sala affollata, pubblico attento, e accoglienze calorosissime.
Aggeo Savioli, Ridere amaro con Cechov, LUnit, 12 ottobre 1980.

Quel buon gusto di 30 anni fa


La locandiera
E linterpretazione stavolta, non paia giudizio limitato, una interpretazione alla
Visconti senza Visconti. Giachetti era una Mirandolina sapiente, robusta e intrigante,
corposissima.
Tommaso Chiaretti, Quel buon gusto di 30 anni fa, La Repubblica, 21 marzo 1981.

Sissignori, fu proprio cos La locandiera di Visconti


La Mirandolina della generosa Gianna Giachetti che ad ascoltarla ad occhi chiusi
sembra talvolta Sarah Ferrati, forsanche per la comune matrice toscana non sar
completamente allaltezza della locandiera Morelli: ma non certo protagonista
sciatta o inespressiva, anzi attrice di vibrante temperamento, di insinuante grazia
maliziosa, di restituita capacit dincantamento.
Gastone Geron, Sissignori, fu proprio cos La locandiera di Visconti, Il Giornale
degli spettacoli, 21 marzo 1981.

Fedelmente ricostruito un grande spettacolo di Visconti


Da quella locanda un nuovo Goldoni
La Morelli faceva di Mirandolina una ragazza aspramente intelligente, al limite della
sgradevolezza ma sempre salvando linnocenza e linconsapevolezza dellistinto, s
che ne veniva come il soffio duna gatta adorabile e infida, velluto e unghie.
La Giachetti sembra estraniare, per dimostrarlo pi esplicitamente, il negativo del
personaggio, chiudendolo nellarco di un alto arabesco vocale, un po alla Ferrati, ma
con una sorta di manierismo che alla lunga pu anche stancare.

132

Tant vero che nel terzo atto, diventata pi semplice e diretta, lattrice recupera non
solo in freschezza del personaggio ma anche in presa sul pubblico.
Roberto De Monticelli, Fedelmente ricostruito un grande spettacolo di Visconti, Da
quella locanda un nuovo Goldoni, Il Corriere della Sera, 21 marzo 1981.

Cera una volta una famosa Locandiera


Il pubblico che affollava la sala del Piccolo Teatro, gioved sera (giusto cinque anni
prima si erano svolti a Roma i funerali di Visconti, mentre fresco il lutto per la
scomparsa di Paolo Grassi), ha tributato del resto, alla Locandiera 1981, accoglienze
assai cordiali.
Aggeo Savioli, Cera una volta una famosa Locandiera, LUnit, 21 marzo 1981.

Schnitzler e il suo doppio


I materiali di Schnitzler non sono quelli di Cechov, ma lepoca la stessa. () Proprio come
Le tre sorelle, anche loro non sono contenti della propria vita, non si sentono realizzati e non
possono, o non vogliono, realizzarsi.
Il teatro di Genova, mi sembra, ha circondato il testo di molta attenzione, e ha molto aiutato
il regista Kreia facendolo trovare a suo agio nel professionismo degli attori. Gabriele Ferzetti
dominava la scena come crescente protagonista. ()
Gianna Giachetti dava accenti distensivi di commedia ad un personaggio convenzionale da
commedia, appunto.
Tommaso Chiaretti, Schnitzler e il suo doppio, La Repubblica, 31 gennaio 1985.

N Dio n Demonio, Faust vuol essere solo un uomo


Da questo punto di vista, raccontare la storia di Faust dalla scommessa fra Dio e il Diavolo
fino alla sua morte e salvazione bisogna dire subito che la scommessa vinta. Le tre ore del
dramma nella versione di Mauri offrono una vicenda teatrale plausibile, ricca, significativa,
emozionante e coerente, che ci permette di veder vivere uno dei grandi miti fondativi della
nostra cultura secondo un punto di vista preciso e appassionato. () Da segnalare, accanto
a queste due interpretazioni veramente notevoli, il buon lavoro di Gianna Giachetti in
numerose diverse parti femminili, il quasi debutto di una intensa Angela Di Nardo come
Margherita e Elena, e una bella scena astratta di Mauro Carosi. La scommessa di Mauri
vinta, il suo Faust/Mefisto diviso e un po infantile, ma profondamente umano, rester fra le

133

immagini convincenti in cui si riflette un personaggio complesso e inesauribile: un Faust che


non ci rassomiglia pi, e al quale forse vorremmo assomigliare ancora.
Ugo Volli, N Dio n Demonio, Faust vuol essere solo un uomo, La Repubblica, 18 ottobre
1986.

Dialoghi sullinvenzione scenica


Vita di Galileo
()
Un principio di rotazione, di vita interiore della macchina teatrale presiede allo spettacolo di
Maurizio Scaparro; la scena essenzialmente costituita da una grande sfera lignea e apribile,
una sfera mentale e quindi geometricamente articolata in angoli, con intorno delle gradinate;
essa opera di Pedro Cano ed Ennio Francia, ispirata allimmagine in un trattato del 1505,
opera del matematico Luca Pacioli. ()
Lo scontro fra corpo e anima terrigno e caravaggesco insieme. Ma Galileo non solo una
vittima, in Brecht anche un violento, per il pensiero e per il corpo.
Questa violenza che ricordo nel guizzante, possente Tino Buazzelli in Pino Micol sfuma in
una volont di fare, rattenuta, interessante, ma un po troppo pensata e non agita.
Ezio Marano, Gianna Giachetti, Andrea Matteuzzi sono fra i pi bravi dei ben affiatati attori,
dove sostanzialmente conta la coralit e non la caratterizzazione sino in fondo, con tocchi
sapienti di passione da parte del regista, che nellitinerario porta intelligenza ed essenzialit.
Fabio Doplicher, Vita di Galileo, Dialoghi sullinvenzione scenica, Sipario, n. 480-481,
settembre-ottobre 1988, p. 50.

Micol, Re dopo lomicidio


A condizionare i due amanti potrebbe sopravvivere un senso di colpa: ed Giocasta a
soggiacervi, trafiggendosi nella vagina, come la strindberghiana Signorina Giulia di un
famoso spettacolo di Werner Schroeter; per imporsi sulle apparenze o chiss! Per
salvaguardare almeno la memoria. ()
Come attore, Micol gioca con la dialettica, ma finisce per preferirvi la potenza dei mezzi
vocali e lempito retorico, con ostentazioni disinvolte anche nelle prestazioni sessuali con la
supposta madre, che Gianna Giachetti mantiene a sua volta sul piano pi caricato e
superficiale.
Franco Quadri, Micol, Re dopo lomicidio, La Repubblica, 16 aprile 1991.

134

Avvio anticipato del bicentenario goldoniano al Comunale di Treviso con la


celeberrima commedia messa in scena da Massimo Castri. Dal conflitto familiare a
quello tra conservazione e progresso, Rusteghi e nevrotici.
() Dellattuale spettacolo, risalta un buon assortimento di attori, alcuni veneziani o Veneti
altri no, ma tutti capaci di parlare, bene o benissimo, quel mirabile dialetto; con punte di
forza nella schiera femminile, che poi quella vincente, in una battaglia domestica che
riflette a dirla spiccia, un conflitto generale tra conservazione e progresso, nei rapporti
familiari e in quelli sociali. Gli ideali borghesi che Lunardo, Canciano, Simon, Maurizio
incarnano, in varia misura, rivelano, nel chiuso delle loro case sbarrate a ogni vento di
novit, unangustia, una mancanza di respiro, una tetra meschinit ove si specchia, per
usare le parole di Mario Baratto, grande goldonista (oggi scomparso), linsufficienza storica
ed economica, la carenza di egemonia culturale del ceto mercantile della Repubblica
lagunare. ()
Diciamo di Gianna Giachetti, una Felice di travolgente cordialit, vera dominatrice della
situazione; di Wanda Benedetti, illustre veterana delle messinscene goldoniane.
Aggeo Savioli, Avvio anticipato del bicentenario goldoniano al Comunale di Treviso con la

celeberrima commedia messa in scena da Massimo Castri. Dal conflitto familiare a quello tra
conservazione e progresso, Rusteghi e nevrotici, LUnit, domenica 1 marzo 1992.

Al Donizetti di Bergamo il lavoro di Goldoni nellallestimento di Venetoteatro regista


Massimo Castri.
() Comprensibilmente Massimo Castri chiamato ad allestire questo lavoro per Venetoteatro
nellambito delle celebrazioni per il bicentenario di Goldoni che ormai ci sta rovinando
addosso, se ne innamorato e quindi ce lo ha porto con una delicatezza persino trepidante.
Antonio Fiorentino ha creato cinque eleganti interni, variazioni sul tema comune della
claustrofobia, che in un paio di casi Iuraj Saleri ha illuminato lateralmente, alla Vermeer, da
finestre a vetri alle quali le comari ogni tanto si affacciano per rubare qualche canzone,
qualche lazzo del carnevale che si sente fervere nelle calli: uno dei piccoli, ispirati tocchi
del regista. () Ottimi dunque i sei uomini, Daniele Griggio, Mario Valgoi, Enrico Ostermann
e Gian Campi pi Piergiorgio Fasolo che il timido Felippetto e Quinto Parmeggiani come il
conte Riccardo, osteggiato cavalier servente di Felice; e perfette le quattro donne Gianna
Giachetti, Stefania Felicioli, Michela Martini e Wanda Benedetti, con spicco particolare per le
prime due, ossia leloquente, energica, convinta eppur femminile Felice della Giachetti in un
divertente costume (di Claudia Calvaresi) e per lo spiritoso peperino argento vivo della
Lucietta-Felicioli.
Masolino D Amico, Al Donizetti di Bergamo il lavoro di Goldoni nellallestimento di
Venetoteatro regista Massimo Castri, La Stampa, luned 16 marzo 1992.

135

Grandi applausi a Bergamo per il capolavoro goldoniano allestito con intensit e


pathos da Massimo Castri. Aria nuova sui Rusteghi.
Fra le anticipazioni, gi abbastanza numerose, dellanno goldoniano il 93, quando ricorrer
il secondo centenario della morte del commediografo lallestimento dei Rusteghi, realizzato
per Venetoteatro da Massimo Castri mi sembra, per ora, la pi interessante e sostanziosa. Lo
spettacolo, in tourn, era laltra sera al Teatro Donizetti, dove ha fatto registrare un
lietissimo successo di pubblico. Chi conosce il lavoro di Castri sa come le sue messe in scena
si possano dividere, grosso modo, in due gruppi, posti idealmente sotto il segno di due
diverse muse che vorrei chiamare (chiedendo scusa per la terminologia non meno
approssimativa che bizzarra) la musa del ribaltamento semantico e la musa
dellapprofondimento analitico. Anche se la prima gli ha ispirato non pochi risultati di grande
rilievo, confesso di preferire gli spettacoli in cui Castri obbedisce alla seconda: e fra essi si
situa limpidamente questa sua prima regia goldoniana.
Aderendo, in questo, a una gi autorevolissima nuova tradizione che comincia con il Visconti
della Locandiera e arriva, passando per alcuni memorabili esempi strehleriani, sino al
Ronconi della Serva amorosa, Castri ha radicalmente disatteso limmagine, tuttora diffusa,
di un Goldoni veloce e spumeggiante, in cui linfallibile musicalit dei dialoghi prevale sulla
verit delle situazioni; e ha dedicato, al contrario, tutta la sua attenzione a scolpire ogni
passaggio, ogni parola del testo per spremerne il massimo di emozione, di senso. Nessun
ribaltamento, insomma: la spassosa, ma anche drammatica guerra (eterna e storica insieme)
fra il rozzo, ostinato maschilismo preborghese dei quattro rusteghi e le rivendicazioni tanto
pi vicine al nuovo spirito che dallEuropa soffia ormai anche su Venezia delle loro
controparti femminili, rimane nello spettacolo di Castri ci che , a saperla leggere, nella
commedia. Ma, appunto, a saperla leggere; e merito del regista daver imposto tale lettura
con grande evidenza plastica, con unintensit e un pathos che illuminano in Goldoni, al di l
di ogni settecentismo di maniera, una moderna, una gi ottocentesca pienezza.
Esemplari, in questo senso, il clima di allucinata e ambigua eccitazione che il regista ha
creato intorno alla scena dellincontro fra Lucietta e Felippetto travestito da donna, la cupa
malinconia che grava sul pre-finale, con i Rusteghi alla vana ricerca duna vendetta contro le
mogli trasgressive, il belleffetto di rallentamento imposto al finale vero e proprio onde
evitare che esso appaia come uno sbrigativo e banale lieto fine.
Insomma, un ottimo Goldoni e un ottimo Castri, con il contributo delle musiche (volutamente
non settecentesche) di Bruno De Franceschi e delle belle scene, giocate su semplicit e
penombra, di Antonio Fiorentino, e con quello, determinante, duna splendida compagine
dattori. In grande evidenza, naturalmente, i due principali antagonisti, ossia il misurato
Mario Valgoi e la trascinante persino troppo, a volte Gianna Giachetti; ma non meno di
loro mi sono piaciuti tutti gli altri, da Michela Martini, Daniele Griggio e Enrico Ostermann a
Gian Campi, Piergiorgio Fasolo e Quinto Parmeggiani, con una menzione particolare per
lesperta e perfetta Wanda Benedetti e per la sorprendente, gustosissima Stefania Felicioli. A
tutti, lho gi detto, il consenso schiettissimo del competente pubblico bergamasco.
Giovanni Raboni, Grandi applausi a Bergamo per il capolavoro goldoniano allestito con
intensit e pathos da Massimo Castri. Aria nuova sui Rusteghi, Corriere della Sera,
mercoled 18 marzo 1992.

136

A Bergamo, I Rusteghi di Goldoni con la regia di Castri. Quei misantropi in bala di


comari. Ma non vince nessuno
() Siora Felice, la condottiera delle mogli, pi che una femminista gi una matriarca, alla
quale Gianna Giachetti regala una petulenza invadente e una cantilena strascicata e nasale,
ricalcando la Toinette del Malato immaginario (da lei gi interpretata accanto a Romolo Valli)
nellimpostare lincontro tra i due fidanzati come una recita rituale, e la Porzia del Mercante
di Venezia nellarringa teatrale con cui mette alle corde uno per uno quei parrucconi nemici
del teatro, forse pi grazie allimpeto che al ragionamento.
Franco Quadri, A Bergamo, I Rusteghi di Goldoni con la regia di Castri. Quei misantropi in
bala di comari. Ma non vince nessuno, La Repubblica, venerd 20 marzo 1992.

I Rusteghi.
Nel ritratto dellarrogante, assolutista, intrattabile Lunardo, rustego per antonomasia con la
sua pretesa di far sposare la figlia diciottenne senza nemmeno lasciarle prima vedere il
marito designato, forse Goldoni ha adombrato il suo nemico Carlo Gozzi, vendicandosi delle
malevole accuse di sovvertitore dei costumi insinuate dal nobiluomo parruccone. Almeno
questo m parso di intendere nella accentuazione risentita che la regia ha imposto a Mario
Valgoi, Lunardo di strepitoso risalto, anche se infine costretto a dar via libera ai promessi
sposi dalla racola travolgente dellimpavida Felice impersonata da una superlativa Gianna
Giachetti di temperamento leonino sotto la maschera accomodante.
Gastone Geron, Il Giornale, 1 marzo 1992, in I Rusteghi, Il Patalogo, stagione
1992/93, settembre 1992, p. 156.

Le impareggiabili sfumature della genialit di Goldoni.


Una prima stimolante avvisaglia di quelle che saranno le numerose e importanti
manifestazioni per il bicentenario della morte di Carlo Goldoni e venuta, in questo ultimo
scorcio di stagione da Venetoteatro con la messa in scena de I rusteghi per la regia di
Massimo Castri e in questi giorni nella nostra regione. Commedia di caratteri, ma anche
puntuale e critico ritratto di un ceto mercantile ormai al tramonto, I rusteghi rappresenta
uno dei vertici della sconfinata produzione goldoniana. Critica sociale e di costume, nonch
una assoluta realistica precisione nello sbalzare i contorni psicologici dei personaggi, si
sposano, in questo capolavoro, con un gusto per lintreccio e il gioco scenico mai artefatto o
di maniera.
E il teatro, buttato fuori dalla finestra dal disprezzo dei quattro selva deghi, impenetrabili a
ogni cosa che sia anche minimamente in odor di novit, rientra prepotentemente in casa

137

proprio in quella di Lunardo, quello pi rustego e ottuso di tutti con il travestimento del
giovane Felippetto mascherato da donna pur di poter per un attimo sbirciare la sua
promessa sposa Lucietta.
Questa in fondo banale trasgressione mette per in moto meccanismi teatrali che
sconquassano i modi grigi chiusi e monotoni della vita dei quattro rusteghi e delle loro
famiglie e che, se in un primo momento sembrano far precipitare la situazione in un dramma
dramma piccolo, inconsistente, comico, appunto ch comiche sono tutte le grettezze, le
rigidit, le stupide soverchierie dei rusteghi, ne impongono poi lo scioglimento e il lieto fine.
Perch in questa lotta di sessi e di generazioni a condurre la commedia sono proprio le
donne con i loro intrighi, i loro pettegolezzi, le loro ambiguit, le loro paure e la loro
incontenibile voglia di tirarsi fuori, anche soltanto di poco e per poco, da una condizione
soffocante mortificante e storicamente insostenibile. E su questo doppio binario dello scavo
dei personaggi dentro e fuori il loro linguaggio, arricchito da Castri di pause, gesti, tic, silenzi
e controscene che ne amplificano la portata psicologica, e quello del teatro che si impone
nonostante tutto con le sue leggi e i suoi risvolti comici patetici e ridicoli, andata la regia di
Castri. E cos latmosfera dello spettacolo, allinizio tremendamente e gelidamente cupa,
intrisa di rabbia malcelata e di stolida grevit, vira pian piano nel grottesco e nel comico pi
scoperto e godibile, raggiungendo il suo apice nella scena del travestimento, con tanto di
grande armadio a nascondere lo sparuto imbelle Felipetto e il malcapitato Conte, come in
uno scatenato vaudeville.
Atmosfera che precipita poi nel terzo atto senza peraltro farsi pi rilassata con la filippica
di Donna Felice (una Gianna Giachetti magnificamente subdola e sin troppo imperiosa) nel
divertimento quasi macchiettistico e caricaturale, nellhappy end scontato e per questo
appena accennato, quasi buttato via con il sipario che si chiude a colpire la battuta di
congedo rituale di Donna Felice.
Uno spettacolo, questa inedita versione de I rusteghi, rigoroso e per niente accomodante,
cui una affiatatissima compagnia ha saputo restituire tutti i succhi agri e comici, tutte le
impareggiabili sfumature che la genialit di Goldoni aveva previsto per i suoi quattro martufi.
Che erano: Mario Valgoi, un robusto e minaccioso Lunardo, Enrico Ostermann, un Simon
mercante pedante e isterico, Daniele Griggio, un sior Canzian di bella levatura nella restia
sottomissione alla moglie, e Gian Campi un Maurizio imponente e autoritario. Capitanate
dalla Felice di Gianna Giachetti la squadra femminile annoverava una brava Michela Martini
nelle vesti di Margherita, la moglie di Lunardo, la sempre eccellente Wanda Benedetti, siora
Marina, e Stefania Felicioli, una Lucietta di grande spessore e vitalit. Completavano il cast
Piergiorgio Fasolo, Felipetto, e Quinto Parmeggiani, il Conte Riccardo.
Calorosissime le accoglienze del pubblico alla pomeridiana di mercoled scorso al Teatro
Verdi di Pordenone.
Mario Brandolin, Le impareggiabili sfumature della genialit di Goldoni, Messaggero
Veneto, venerd 27 marzo 1992.

138

Gli orsi immortali. Bella rilettura dei Rusteghi di Goldoni diretta da Castri.
() Gianna Giachetti, impavida Felice, tutta intelligenza e astuzie, con lo strapotere della
moglie virago, vera dominatrice dellintera situazione con travolgente cordialit.
Giorgio Polacco, Gli orsi immortali. Bella rilettura dei Rusteghi di Goldoni diretta da Castri,
Il Piccolo, sabato 28 marzo 1992.

Splendido lallestimento dellopera di Goldoni, in scena al Teatro Quirino.I Rusteghi


sconfitti dalle donne.
Laltra sera, al Quirino, dove si rappresentava I rusteghi di Goldoni, regia di Massimo Castri,
accaduto un fatto davvero straordinario, dati i tempi che corrono: ci siamo divertiti.
Divertiti in senso alto, vogliamo dire, come uscendo dalle piccole e grandi miserie di oggi per
entrare in un oggi pi grande, pi luminoso, in cui tutti i conti tornano, i personaggi sono
vivi ma al tempo stesso trasparenti, comici ma su un fondo di verit, diversi, come sono
sempre i viventi, anche se accomunati da vizi comportamentali. Essi sono immersi in una
luce (Juraj Saleri) che entra dalle finestre bianca, umida e opaca, cosicch non ci sono
dubbi, anche in mancanza di ogni indicazione, che ci troviamo a Venezia, citt eterna, in cui
il tempo non passa; e si ritrovano, anche se con qualche segno cambiato, vizi e difetti
comuni allumanit, nel volgere della storia; e basta un poco di attenzione per riconoscere il
corrispondente attuale. ()
Il giuoco talmente gustoso, e Gianna Giachetti una Felice talmente adatta a parti di forza,
che qui, per la prima volta, il ritmo si fa ripetizione, anche per mostrare quanto la resistenza
dei rusteghi sia dura, pronta a riprender fuoco quando sembra domata, e alla fine debba
apparire chiaro che Lunardo si arrende non alla ragione ma alla forza maggiore. Ma non
detto Delle regie di Castri, non tutte dello stesso peso e della stessa mira precisa, questa ci
pare senza dubbio la pi interessante: il regista ha il suo stile di racconto, di un umorismo
verbale e gestuale raro nel nostro teatro, ha i suoi affondi di pedale, crea un mondo di
personaggi uno diverso dallaltro, pur nella somiglianza delle posizioni, e, come chi ha
qualcosa di importante da dire, picchia sempre con sicurezza sullo stesso chiodo. La
scenografia di Antonio Fiorentino si manifesta come un sogno, per poi diventare trasparente
realt. I costumi di Claudia Calvaresi hanno anchessi, con molta discrezione, una nota
ironica. Le musiche di Bruno Franceschi sembrano voler accompagnare, pi o meno
vistosamente, i movimenti o i ritmi del dialogo. ()
Una nota importante, per finire: I Rusteghi fu prodotto lanno scorso da Venetoteatro. Ma il
costume sovietico, che governa le sorti del nostro teatro, avendo deciso di smetterla per
passare ad altro, ha visto con inaudita sorpresa assessoriale, gli interpreti staccarsi in blocco,
regista incluso, da Venetoteatro e formare una Compagnia goldoniana del Bicentenario, con
paghe al minimo sindacale. Quanto sarebbe piaciuto a Goldoni questo fatto. I lunghi,
interminabili applausi hanno premiato anche questo atto di civilt e di coraggio.
Giorgio Prosperi, Splendido lallestimento dellopera di Goldoni, in scena al Teatro Quirino. I
Rusteghi sconfitti dalle donne, Il Tempo, venerd 11 dicembre 1992.

139

Pi ritmo per la gran commedia del Ventaglio


Tutto bene, insomma, sulla carta; e tutto non pi che discreto, invece, almeno per ora, nella
realt dello spettacolo, dove mi parsa gi a buon punto la resa momico vocale dei
personaggi ( particolarmente godibile nel Conte di Mario Valgoi e nella Giannina di Stefania
Felicioli, ma apprezzabile anche in Daniele Griggio, in Wanda Benedetti, in Gianna Giachetti,
e direi un po in tutti), ma dove ho trovato ancora carente, forse per i problemi di distanza e
di dispersione creati, qui al Teatro Romano di Verona, dal plein air e dalle dimensioni del
palcoscenico, proprio quel ritmo, quellinfallibile rapidit di incastri, quella geometria in cui,
secondo la maggior parte degli studiosi, da ravvisare la massima peculiarit espressiva
della commedia.
Giovanni Raboni, Pi ritmo per la gran commedia del Ventaglio, Il Corriere della Sera, 14
luglio 1993.

Racconto dinverno di William Shakespeare al teatro Biondo di Palermo


Si conclusa al teatro Biondo di Palermo la serie di repliche del Racconto dinverno di
William Shakespeare, prodotta dallEnte Teatro di Messina per la regia di Roberto
Guicciardini. Lopera shakespeariana ha saputo regalare momenti di intensa emozione,
grazie soprattutto ad interpreti della bravura di Pamela Villoresi (Ermione/Perdita), Giulio
Brogi (Leonte) e, particolarmente, Gianna Giachetti (Paulina).
La tragedia di re Leonte che, in preda ad una folle gelosia accusa la moglie innocente e
lamico Polissene, si andata dispiegando in maniera efficace, in virt della sapiente regia di
Guicciardini e dellabilit degli interpreti; lo spettatore rimasto altamente coinvolto dal
ritmo narrativo delle vicende che hanno portato rapidamente allo sfacelo di una stirpe reale
e alla morte di pi innocenti, (Mamilio, Antigono).
La bravura di Guicciardini apparsa tanto pi evidente in quanto il regista riuscito a far s
che lintreccio non risentisse del robusto intervallo di tempo (sedici anni) tra la condanna a
morte dellinnocente ritenuta frutto del peccato (Perdita) e il suo ritorno dal padre in Sicilia,
in virt di uno stratagemma del leale ed astuto Camillo. La vicenda, si sa, termina con il
ricongiungimento di Leonte, Perdita ed Ermione, questultima ritenuta morta per tutti i sedici
anni e tenuta invece nascosta, perch condannata dal re, dalla fedele Paolina. Re, regina e
figlia ritrovata si riuniranno nuovamente, con laggiunta di Florizel, figlio di Polissene che,
ricambiato, ama Perdita.
Detto ci, il caso di soffermarsi sulla figura di Paulina perch lopera stessa lo impone.
Colpisce, infatti, lo scontro tra due personalit, Leonte e Paulina, egualmente forti, ma
animate da moti diversi: Leonte, il re prevaricatore, nella sua folle gelosia deciso a tutto e
non ha esitazione neanche nellaccanirsi sullinfante senza colpa; per contro Paulina, ferma,
irosa ma non rabbiosa, consapevole del proprio dovere tanto quanto della correttezza delle
proprie azioni, affronta praticamente da sola la furia del re. Con la sua immagine fanno
singolare e triste contrasto gli altri cortigiani, compreso suo marito, il buono ma remissivo
Antigono, che non hanno il coraggio di fermare Leonte. Sullo sfondo, innocenza violata, la

140

regina Ermione, le cui sofferenze sono parse, se possibile, quasi acuite dalla maestria di
Pamela Villoresi che, con altrettanta bravura ha impersonato anche la figlia Perdita.
Pi che meritati gli applausi per regia, cast e scenografie, queste ultime realizzate mediante
il singolare utilizzo di pannelli in alluminio.
Vito La Paglia, Racconto dinverno di William Shakespeare al teatro Biondo di Palermo,
Prometheus, Quindicinale di informazione culturale, Anno I, n. 23, 15 aprile 2002.

Su il sipario, debutta Il fiore del dolore


Il Biondo mette in scena il prete e il suo assassino
C una fitta trama di corde, sul palcoscenico del teatro Biondo, fili su fili che disegnano
sempre la stessa astrazione: un groviglio di interrogativi e verit possibili, un itinerario di
conoscenza che si attorciglia su se stesso e approda al riscatto attraverso la fede, lo
scenario scelto dal regista Pietro Carriglio per Il fiore del dolore di Mario Luzi, omaggio
appassionato che a dieci anni dallomicidio, il teatro Biondo dedica alla memoria di padre
Pino Puglisi. () Gianna Giachetti, invece, madre Vincenza. Rappresento il pensiero
religioso di Luzi racconta lattrice di fronte alle domande della gente comune, sono la
risposta di una fede cattolica molto sentita che spiega ogni evento allinterno di un
imperscrutabile disegno divino.
Laura Nobile, Su il sipario, debutta Il fiore del dolore - Il Biondo mette in scena il prete e il
suo assassino, La Repubblica, 28 marzo 2003.

LAssassinio? Una convincente produzione del Biondo di Palermo


() Ma a dispetto del tema remoto, Assassinio nella cattedrale di Thomas Steams Eliot, al
Teatro Biondo fino a ieri pomeriggio, vuoi per la felice traduzione di Giovanni Raboni, vuoi
per la mano delicatamente ispirata che Carriglio regista vi impone, vuoi per la bravura con la
quale Giulio Brogi mostra di sapersi svestire dei panni sudici di Peachum per vestire quelli
candidi di un vescovo caparbiamente deciso a servire il suo vero Re, di rara modernit,
dispiegandosi come omaggio ad un senso di libert che nessun potere, ancorch sostenuto
dalla minaccia delle armi, pu sottomettere ed annientare. ()
Ma gran bel contributo, anche nei ruoli secondari, quello dato alla coralit dellazione da
tutto il composito cast dello Stabile palermitano, fluidamente dentro lo scorrere degli eventi
punteggiato da una speciale attenzione alla recitazione dei versi, quanto alle pause, sicch
alla fine davvero come una sorta di magico respiro impregnato delevazione che lo
spettacolo lascia allo spettatore. E incisivo davvero il momento dello sgomento delle donne
dopo luccisione del vescovo, con le lunghe pause che scandiscono lo scoramento e la
contenuta disperazione, per cui oltre a Gianna Giachetti, - superba nel lungo monologo con il

141

corpo incastrato nelle fondamenta della cattedrale e la testa a cercare il disegno della luce
una menzione meritano almeno Liliana Paganini e Stefania Blandeburgo. ()
Giuseppe Drago, LAssassinio? Una convincente produzione del Biondo di Palermo ,
Prometheus, Quindicinale di informazione culturale, anno III, n. 71, luned 16 febbraio
2004.

La tragedia borghese di un padre bambino


Il padre, di August Strindberg
Grande tragedia Il padre, brucia via come una saetta, rapidamente e con enorme dolore,
illuminando al calor bianco la situazione di scontro fra uomo e donna al centro della poetica
misogina dellautore svedese. ()
Al centro Orsini di un cast in cui, se rilevanti sono le presenze di Manuela Mandracchia (la
moglie) e di Alarico Salaroli, la veterana Gianna Giachetti si staglia in maniera superba,
facendo della sua balia un piccolo cammeo.
Domenico Rigotti, La tragedia borghese di un padre bambino, Hystrio, trimestrale di teatro
e spettacolo, n. 1, anno 2006, p. 95.

142

TEATROGRAFIA

1956
Donna del Paradiso, Mistero della Nativit, Passione e Resurrezione di Nostro Signore, tratto
da laudi dei secoli XIII e XIV, ad opera di Silvio DAmico. Regia di Orazio Costa. Con la
partecipazione degli Allievi dellAccademia nazionale dArte drammatica Silvio DAmico ed il
Coro Polifonico Romano. Interpreti: Gabriella Andreini, Giuseppe Borrelli, Giovanni Briccos,
Alba Cardilli, Angela Cavo, Giovanna DArgenzio, Solveig DAssunta, Manlio De Angelis,
Massimo De Francovich, Aldo De Palma, Rene Dominis, Maria Teresa Esposito, Clementina
Filipponi, Anna Rosa Garatti, Gianna Giachetti (la Madonna), Paolo Giuranna, Maurizio Gueli,
Mario Licalsi, Carmelo Messina, Fabrizio Montaccini, Renato Mori, Gianfranco Ombuen,
Glauco Onorato, Umberto Orsini, Fulvia Pedace, Sandro Pellegrini, Rosanna Pilolli, Onorato
Romano, Osvaldo Ruggieri, Carlo Sabatini, Anna Settembre, Concetta Tomaino, Marcello
Tusco, Gianmaria Volont. Prima: Roma, Teatro Quirino, 30 marzo 1956.

Liol di Luigi Pirandello. Presentato dallAccademia nazionale dArte drammatica Silvio


DAmico. Regia di Orazio Costa. Interpreti: Giorgio De Lullo, Sergio Tofano, Wanda
Capodaglio, Gianna Giachetti (giovane contadina), Rossella Falk, Fulvia Mammi, Bice Valori,
Edmonda Aldini, Elsa Polverosi, Gabriella Andreini, Giovanna DArgenzio, Bianca Galvan,
Cesare Costantino, Giancarlo Zarfati, Giuseppe Picchi, Alba Cardilli, Angela Cavo, Solveig
DAssunta, Teresa Esposito, Cristina Mascitelli, Teresa Settembre, Concetta Tomaino, Mario
Licalsi. Scene: Virgilio Marchi. Costumi: Maria De Matteis. Musiche di scena: Roman Vlad.
Regista assistente: Mario Ferrero. Assistenti alla regia: Andrea Camilleri, Giacomo Colli.
Suggeritore: Gianmaria Volont. Prima: Biennale di Venezia, XV Festival Internazionale del
teatro di prosa, Venezia, Teatro La Fenice, 29 luglio 1956.

Langelo di Luigi Santucci, dramma vincitore del Concorso bandito dalla Pro Civitate
Christiana sul tema Gli uomini hanno bisogno di Cristo, direzione di Orazio Costa. Regia di
Mario Ferrero. Interpreti: Giorgio Albertazzi, Irene Aloisi, Corrado Nardi, Orazio Orlando,
Gianmaria Volont, Isabella Bolsi, Gianna Giachetti (una delle anime), Angela Cavo, Raffaele
Meloni, Aldo De Palma, Gianni Briccos. Prima: XIV Corso di Studi Cristiani, Anfiteatro della
cittadella cristiana, Assisi, 28 agosto 1956.

1957
Nostra Dea di Massimo Bontempelli. Presentato dallAccademia nazionale dArte drammatica
Silvio DAmico. Regia dellallieva Vilda Ciurlo. Interpreti: Umberto Orsini, Gian Maria
Volont, Gianna Giachetti (Dea), M. Francesca Benedetti, Manlio De Angelis, Mario Missiroli,
M. Elena Zen, M. Teresa Lauri, Alba Cardilli, Osvaldo Cattone, Attilio Cucari, Angela Cardile,
Giuseppe Danieli, Rossana Ingino, Manuela Andrei, Vera Besusso, Giuseppina Greci, Mario
Licalsi, Giuliana Lojodice, M. Pia Nardon, Eros Pagni, Giacomo Piperno, Ferruccio Soleri, Luisa
Tirinnanzi. Assistenti alla regia: Raffaele Meloni, Sandro Sequi. Scene e costumi: Maurizio
Monteverde. Arrangiamenti musicali: Domenico DallAera. Prima: Roma, Teatrino Eleonora
Duse, Via Vittoria, 27 marzo 1957.

Ifigenia in Tauride di Euripide. Traduzione di Elda Bossi. Regia di Orazio Costa e Mario
Ferrero. Interpreti: Lilla Brignone, Enrico Maria Salerno, Osvaldo Ruggieri, Alberto Lupo,
Andrea Bosic, Franco Graziosi, Edmonda Aldini, Gianna Pederzini, Stella Aliqu, Delia
Bartolucci, Maria Francesca Benedetti, Ornella Cappellini, Mirella Castiglione, Giovanna D
Argenzio, Gianna Giachetti (coro delle ancelle), Marisa De Marchi, Giovannella Di Cosmo,
Mirella Gregori, Cristina Mascitelli, Serena Michelotti. Coreografie: Aurelio M. Milloss.
Musiche: Roman Vlad. Scene: Giovanni Miglioli. Costumi: Maria De Matteis. Produzione:
Istituto Nazionale del Dramma Antico. Prima: Taormina, Teatro Greco Romano, 20 luglio
1957.

1958
Lina ed il cavaliere, commedia musicale di Franca Valeri, Vittorio Caprioli, Giuseppe Patroni
Griffi, Enrico Medioli. Direzione artistica: Vittorio Caprioli. Interpreti: Franca Valeri, Vittorio
Caprioli, Nora Ricci, Joseph De Souza, Gianna Giachetti (Mina), Nando Greco, Franco
Guandalini, Sandro Pellegrini, Massimo Pietrobon, Angelo Zanolli. Musiche originali di
Fiorenzo Carpi. Scene: Danilo Donati (da unidea di Coltellacci). Costumi: Danilo Donati.
Organizzazione: Ente Teatrale Italiano. Prima: Roma, Teatro Valle, 17 gennaio 1958.

Veglia la mia casa, angelo di Ketty Frings e Thomas Wolfe, traduzione di Suso Cecchi
DAmico. Regia di Luchino Visconti. Interpreti: Lilla Brignone, Corrado Pani, Adriana Asti,
Mario Valdemarin, Annibale Ninchi, Gianna Giachetti (Helen Gant), Elvira Cortese. Scene:
Mario Garbuglia. Compagnia di Lilla Brignone. Prima: Roma, Teatro Quirino, 8 ottobre 1958.

144

1959
Le ragazze bruciate verdi di Gian Paolo Callegari. Regia di Daniele DAnza. Interpreti: Carlo
DAngelo, Lola Braccini, Lia Zoppelli, Gianna Giachetti (Nadia), Gabriella Andreini, Mino
Cundari, Michele Malaspina, Renzo Giovampietro, Silvano Tranquilli, Teresa Ronchi.
Compagnia DAngelo-Zoppelli-Braccini-Giovampietro. Prima: Roma, Teatro delle Arti, 28
gennaio 1959.

Portava la maschera di Alessandro De Stefani. Regia di Giorgio Bandini. Interpreti: Carlo


DAngelo, Lia Zoppelli, Gianna Giachetti, Renzo Giovampietro, Michele Malaspina, Mico
Cundari. Compagnia DAngelo-Zoppelli-Giovampietro. Prima: Roma, Teatro delle Arti, 6
marzo 1959.

1960
Gog e Magog di Gabriel Arout. Regia di Ugo Tognazzi. Interpreti: Ugo Tognazzi (Giuliano),
Gianna Giachetti (moglie di Giuliano), Antonella Steni, Mico Cundari, Severini, Carloni.
Compagnia Ugo Tognazzi. Prima: Roma, Teatro Quirino, 18 ottobre 1960.

1961
Uomo e Superuomo di George Bernard Shaw. Regia di Luigi Squarzina. Interpreti: Alberto
Lionello, Gianna Giachetti (Anna), Paola Mannoni, Giancarlo Dettori, Carlo Hintermann, Carlo
Cataneo, Nico Pepe, Gino Bardellini, Eros Pagni. Scene e costumi: Pier Luigi Pizzi.
Compagnia del Teatro Stabile di Genova. Prima: Genova, Teatro Stabile, 16 febbraio 1961.

La resistibile ascesa di Arturo Ui di Bertolt Brecht. Regia di Gianfranco De Bosio. Interpreti:


Franco Parenti, Sergio Tofano, Vittorio Sanipoli, Andrea Matteuzzi, Mimmo Craig, Giulio Oppi,
Stefano Svevo, Gianni Mantesi, Gianna Giachetti (Signora Dolfuss), Adriana Asti, Giovanna
Pellizzi. Scene e costumi: Mischa Scandella. Compagnia del Teatro Stabile di Torino. Prima:
Teatro Carignano, 1 settembre 1961.

La cameriera brillante di Carlo Goldoni. Regia di Gianfranco De Bosio. Interpreti: Sergio


Tofano, Gianna Giachetti (Argentina), Franco Parenti, Checco Rissone, Giovanna Pellizzi,
Adriana Asti, Mimmo Craig, Renzo Giovampietro. Scene e costumi: Mischa Scandella.
Compagnia del Teatro Stabile di Torino. Venezia, ottobre 1961.

Don Giovanni involontario di Vitaliano Brancati. Regia di Gianfranco De Bosio. Interpreti:


Renzo Giovampietro, Franco Parenti, Gianna Giachetti, Cecilia Sacchi, Giovanna Pellizzi,

145

Isabella Riva, Annamaria Bottini, Cristiano Censi, Giulio Oppi, Mimmo Craig, Carla
Parmeggiani. Scene e costumi: Emanuele Luzzati. Compagnia del Teatro Stabile di Torino.

Prima: Torino, Teatro Stabile, 28 novembre 1961.

1962
La moscheta, ovvero la commedia del parlar fino di Ruzante, adattamento di Gianfranco De
Bosio e Ludovico Zorzi. Regia di Gianfranco De Bosio. Interpreti: Franco Parenti, Gianna
Giachetti (Beta), Alessandro Esposito, Virgilio Zernit, Gino Cavalieri. Scene e costumi: Mischa
Scandella. Compagnia del Teatro Stabile di Torino. Tourn in Italia e a Barcellona, Madrid,
1962.

Lufficiale reclutatore di George Farquhar, traduzione di L. Bonino. Regia di Gianfranco De


Bosio e Franco Parenti. Interpreti: Franco Parenti, Giulio Oppi, Osvaldo Ruggieri, Mimmo
Craig, Carla Gravina, Gianna Giachetti. Scene. Mischa Scandella. Costumi: Eugenio
Guglielminetti. Musiche di Giancarlo Chiaramello. Compagnia del Teatro Stabile di Torino.

Prima: Teatro Carignano, 24 novembre 1962.

1964
Luomo, la bestia e la virt di Luigi Pirandello. Regia di Franco Parenti. Interpreti: Gianna
Giachetti (Signora Perella), Franco Parenti, Lino Troisi. Produzione Teatro Stabile di Palermo.

J.B. di Archibald Mac Leish. Regia di Franco Parenti. Interpreti: Gianna Giachetti (Sara),
Franco Parenti. Scene e costumi: Eugenio Guglielminetti. Produzione Teatro Stabile di
Palermo.

Don Giovanni di Molire, riduzione di Bertolt Brecht, Benno Besson, Elizabeth Hauptmann.
Regia di Benno Besson. Interpreti: Franco Parenti, Sandro Dori, Gualtiero Rizzi, Maria Teresa
Bax, Sebastiano Calabr, Carlo Formigoni, Gigi Reder, Franco Morillo, Gianna Giachetti
(Carlotta, figlia di pescatore), Carmen Scarpitta, Mino Bellei, Geo Corsaro, Elvira Cortese,
Margarita Puratich, Manfredi Frataccia, Vincenzo Fontana, Pier Giorgio Siino, Roberto
Saladino. Scene e costumi: Philippe Pilliod. Musiche: Jean Baptiste Lully. Produzione del
Teatro Stabile di Palermo. Prima: Palermo, Teatro Stabile, 1 marzo 1964.

1965
Tre sorelle di Anton Pavlovic Cechov, traduzione di Gerardo Guerrieri. Regia di Giorgio De
Lullo. Interpreti: Massimo De Francovich, Rossella Falk, Elsa Albani, Elena Cotta, Romolo

146

Valli, Gianna Giachetti (Natascia), Enzo Tarascio, Piero Sammataro, Carlo Giuffr, Ferruccio
De Ceresa, Italo DallOrto, Salvatore Puntillo, Luigi Battaglia, Italia Marchesini, Gabriella
Gabrielli, Nino Segurini, Sebastiano Calabr, Franco Barbi, Pietro Tempestati, Maria Rosaria
Paolini. Scene e costumi: Pier Luigi Pizzi. Compagnia dei Giovani. Roma, Teatro Eliseo,
gennaio 1965.

I due gentiluomini di Verona di William Shakespeare, traduzione Gerardo Guerrieri. Regia di


Giorgio De Lullo. Interpreti: Franco Parenti, Glauco Mauri, Gianna Giachetti (Lucietta), Carla
Gravina, Piero Sammataro, Massimo De Francovich, Elena Cotta, Alessandro Esposito,
Massimo Foschi. Scene: Pier Luigi Pizzi. Verona, 1965.

1966
Il cilindro, uno dei due atti unici dello spettacolo Due giorni dispari (Atti: Il cilindro e Dolore
sotto chiave) di Eduardo De Filippo. Regia di Eduardo De Filippo. Interpreti: Gianna
Giachetti, Eduardo De Filippo, Regina Bianchi, Franco Parenti, Gennaro Di Napoli. Roma,
Teatro Quirino, febbraio 1966.

Il mondo quello che di Alberto Moravia. Regia di Gianfranco De Bosio. Interpreti: Franco
Parenti, Gianna Giachetti (Pupa), Karola Zopegni, Roberto Bisacco, Massimo De Francovich,
Paola Bacci, Italo DallOrto, Valerio Ruggeri, Nera Donati. Scene: Riccardo Manzi. Costumi:
Brunetta. Produzione Teatro Stabile di Torino. Prima: Venezia, XXV Festival Internazionale
della Prosa, Teatro La Fenice, 8 ottobre 1966.

1967
Il Volpone di Ben Jonson, riduzione di Roberto Guicciardini e Franco Parenti. Regia di
Roberto Guicciardini. Interpreti: Franco Parenti, Carlo Bagno, Gianna Giachetti (Putta Alice),
Alfredo Bianchini, Piero Nuti, Luciano Virgilio. Scene e costumi: Lorenzo Ghiglia. Firenze,
Teatro Romano di Fiesole, luglio 1967.

1968
Il bagno di Vladimir Majakovskij, traduzione di Giuseppe Mariano. Regia di Franco Parenti.
Interpreti: Franco Parenti, Giulio Girola, Lola Bonora, Elettra Bisetti, Italo DallOrto, Paolo
Pozzi, Giorgio Trestini, Renato Montanari, Marco Guidi, Gianna Giachetti (la donna
fosforescente), Quinto Parmeggiani, Andrea Matteuzzi, Benedetta Barzini, Luigi Castejon,
Giorgio Cerri, Gianni Cavina, Giulio Pizzirani, Nada Fraschi, Adolfo Milani, Gloria Bonfiglioli,
Silvano Chinni, Angela De Sanctis, Piero Filiberti, Giglio Meloni, Claudia Viero, Anita Zanarini,

147

Gianni Bacchilega. Scene: Enrico Manelli. Costumi: Ivano Mantovani. Musiche: Mario Baroni.
Produzione del Teatro Stabile di Bologna. Prima: Bologna, Teatro Duse, 8 marzo 1968.

La commessa di Luigi Diemoz. Novit assoluta in due atti unici, presentata con La mosca.
Regia di Franco Parenti. Interpreti: Franco Parenti, Gianna Giachetti (Signorina Nasturzio),
Benedetta Barzini. Scene e costumi: Elena Mannini. Produzione del Teatro Stabile di
Bologna. Bologna, Teatro La Ribalta, aprile 1968.

Socrate immaginario di Abate Ferdinando Galiani, adattamento di Giovanni Poli e Nino


Taranto. Regia di Giovanni Poli. Interpreti: Nino Taranto, Gianna Giachetti (Donna Rosa
Santippe), Maria Grazia Sughi, Anita Laurenzi, Pietro Biondi, Emilio Cappuccio, Carlo Taranto,
Marina Pagano, Franco Mazzieri, Leo Pantaleo, Franco Marchesani, Umberto Liberati. Scene
e costumi: Mischa Scandella. Produzione del Teatro Stabile dellAquila. LAquila, Cortile del
Campanara, luglio 1968.

1970
Chicchignola di Ettore Petrolini. Regia di Maurizio Scaparro. Interpreti: Mario Scaccia, Gianna
Giachetti. Scene e costumi: Roberto Francia. Produzione del Teatro Stabile di Bolzano.

Cosa dir la gente? (due atti unici: Non andartene in giro tutta nuda e Leonie in anticipo) di
George Feydeau. Regia di Mario Scaccia. Interpreti: Mario Scaccia, Gianna Giachetti.
Produzione del Teatro Stabile di Bolzano.

Magia rossa di Michel De Ghelderode, traduzione di Rossini Nicoletti. Regia di Maurizio


Scaparro. Interpreti: Mario Scaccia, Gianna Giachetti. Scene e costumi: Roberto Francia.
Produzione del Teatro Stabile di Bolzano.

1971
Luomo nero di Paolo Poli e Ida Omboni. Regia di Paolo Poli. Interpreti: Paolo Poli, Edoardo
Borioli, Pierino Dotti, Gianna Giachetti (vari personaggi), Manuel Manfredi, Angiolina
Quinterno, Rodolfo Traversa. Scene: Raffaele Giove. Prima: Prato, Teatro Metastasio, 19
novembre 1971.

1972
Il malloppo di Joe Orton. Regia di Sandro Sequi. Interpreti: Mario Scaccia, Gianna Giachetti,
Tullio Valli. Produzione del Teatro Stabile di Bolzano.

148

1973
Il mercante di Venezia di William Shakespeare. Regia di Mario Scaccia. Interpreti: Mario
Scaccia, Gianfranco Ombuen, Gianna Giachetti (Porzia), Giorgio Favretto, Lucio Rosato,
Edoardo Sala, Luciano Luciani, Adriano Bona, Pippo Degara, Lucio Allocca, Stefania
Romagnoli, Carla Macelloni, Roberto Rossini. Scene e costumi: Mario Padovani. Roma,
Teatro Parioli.

1974
Il malato immaginario di Molire, traduzione di Cesare Garboli. Regia di Giorgio De Lullo.
Interpreti: Romolo Valli, Franco Parenti, Gianna Giachetti (la serva Tonina), Mauro Avogadro,
Antonella Baldini. Scene: Pier Luigi Pizzi. Festival dei due mondi di Spoleto, XVII edizione,
1974.

1975
Tutto per bene di Luigi Pirandello. Regia di Giorgio De Lullo. Interpreti: Romolo Valli, Mino
Bellei, Isabella Guidotti, Gianrico Tondinelli, Gianna Giachetti (Signora Barbetti), Mauro
Avogadro, Anita Bartolucci, Antonio Meschini. Scene e costumi: Pier Luigi Pizzi. Roma, Teatro
Eliseo.

1976
Le allegre comari di Windsor di William Shakespeare. Traduzione, adattamento e regia di
Orazio Costa. Interpreti: Tino Buazzelli, Gianna Giachetti (Lady Page), Daniele Valmoggi,
Alberto Ricca, Giampaolo Poddighe, Gianfranco Ombuen, Sandro Rossi, Fabrizio Mazzotta,
Antonio Meschini, Tullio Solenghi, Pino Manzari, Sandro Dori, Donato Castellaneta, Orazio
Stracuzzi, Natale Russo, Mario Bussolino, Ilaria Occhini, Francesca Benedetti. Scene, costumi
e maschere: Giacomo Cal Carducci e Dafne Ciarrocchi. Musiche depoca scelte e trascritte
da Sergio Prodigo, eseguite da Alvin Curran. Produzione Estate Teatrale Veronese. Verona,
Teatro Romano, autunno 1976.

1977
Mephistovalzer di Sandro Bajini. Regia di Tino Buazzelli e Aurelio Pierucci. Interpreti: Tino
Buazzelli, Gianna Giachetti (Taide), Gianpaolo Poddighe, Donato Castellaneta. Scene e
costumi: Piero Buzzichelli. Musiche di Giovanna Busatta. Compagnia Tino Buazzelli. Milano,
Teatro Nuovo, giugno 1977.

149

Il borghese gentiluomo di Molire, traduzione di Cesare Garboli. Regia di Tino Buazzelli e


Angelo Corti. Interpreti: Tino Buazzelli, Gianna Giachetti (Dorimne), Andrea Matteuzzi,
Donato Castellaneta, Roberto Pescara, Rita Di Lernia, Maria Grazia Sughi, Anna Macci,
Fabrizio Temperini, Raffaele Bondini, Luigi Ottoni, Giuliano Santi, Orazio Donati, Alberto
Ricca. Scene: Giacomo Cal Carducci. Costumi: Dafne Ciarrocchi. Pescara, Teatro
DAnnunzio, ottobre 1977.

1978
Luomo con le valigie di Eugne Jonesco. Regia di Tino Buazzelli, Angelo Corti e Aurelio
Pierucci. Interpreti: Tino Buazzelli, Gianna Giachetti, Andrea Matteuzzi, Donato Castellaneta,
Raffaele Bondini, Giancarlo Poddighe, Alberto Ricca, Maria Grazia Sughi, Anna Macci,
Roberto Pescara, Anni Girola, Maretta Di Carmine, Luigi Ottoni, Lidia Bonetti. Scene: Roberto
Lagan. Musiche: Nicolai. Bologna, Teatro Duse, maggio 1978.

Laiuola bruciata di Ugo Betti. Regia di Tino Buazzelli. Interpreti: Gianna Giachetti (Luisa),
Tino Buazzelli, Andrea Matteuzzi.

Le cercle de craie caucasien di Bertolt Brecht. Adattamento: Benno Besson, Genevive


Serreau. Regia di Benno Besson. Interpreti: Philippe Avron, Liliane Becker, J.F. Bonnassies,
Christian Crahay, Jean Luc Debattice, Roland Depauw, Patrick Descamps, Patrick Donnay,
Colette Emmanuelle, Stphane Excoffier, Claude Koener, Alain Lahaye, Andr Lenaerts,
Robert Lemaire, Christian Leonard, Gisle Oudart, Jean-Marie Petiniot, Gianna Giachetti,
Coline Serreau, Franoise Thyrion. Scene e costumi: Ezio Toffolutti. Musiche: Paul Dessau.
Collaborazione musicale: Jean Pierre Mas. Luci: Jean Louis Albert. Suoni: Mark Elst.
Produzione: Atelier teatrale del Louvain-la Neuve, Thatre National de Chaillot (Parigi),
Festival dAvignon. Prima: Teatro Atelier de Louvain, 10 luglio 1978.

1979
La dodicesima notte di William Shakespeare, traduzione di Fantasio Piccoli, adattamento di
Giorgio De Lullo e Romolo Valli. Regia di Giorgio De Lullo. Interpreti: Massimo Ranieri,
Monica Guerritore, Mino Bellei, Anita Bartolucci, Gabriele Tozzi, Giovanni Crippa, Gianni
Williams, Luigi Onorato, Martino Duane, Gianni Felici, Alessandro Iovino, Gino Pernice, Carlo
Gravina, Gianna Giachetti (Maria), Giuliano Quaglia, Cesare Guerra, Alessandro Festa, Marina

150

Locchi, Cosima Min. Scene e costumi: Pier Luigi Pizzi. Musiche: Nino Rota. Compagnia di
prosa Teatro Eliseo. Roma, Teatro Eliseo, maggio 1979.

Enrico IV di Luigi Pirandello. Regia di Giorgio De Lullo, II edizione. Collaborazione alla regia
televisiva: Olga Bevacqua. Interpreti: Romolo Valli, Gianna Giachetti (Matilde Spina di
Canossa), Mariella Fenoglio, Pino Luongo, Mino Bellei, Adolfo Geri, Gian Franco Mari,
Gabriele Tozzi, Gianni Felici, Alessandro Festa, Gino Pernice. Scene e costumi: Pier Luigi
Pizzi. Compagnia di prosa del Teatro Eliseo. Roma, Teatro Eliseo, ottobre 1979.

1980
Tre sorelle di Anton Cechov, traduzione di Gerardo Guerrieri. Regia di Giorgio De Lullo.
Interpreti: Massimo De Francovich, Carla Romanelli, Gianna Giachetti (Olga), Anita
Bartolucci, Caterina Sylos Labini, Paolo Giuranna, Sergio Fantoni, Giovanni Crippa, Gabriele
Tozzi, Andrea Matteuzzi, Vanni Corbellini, Roberto Alpi, Ezio Marano, Maria Marchi, Miriam
Verdirosi, Cesare Guerra, Alessandro Festa, Maria Terenzi, Alessia Terenzi. Scene e costumi:
Pier Luigi Pizzi. Gruppo Teatro Libero Romolo Valli. Prima: Roma, Teatro Nuovo Parioli, 10
ottobre 1980.

1981
La locandiera di Carlo Goldoni, regia ideata da Luchino Visconti nel 1952, riproposta da
Giorgio De Lullo, Piero Tosi, Umberto Tirelli e Maurizio Monterverde. Interpreti: Gabriele
Tozzi, Ezio Marano, Andrea Matteuzzi, Gianna Giachetti (Mirandolina), Isabella Guidotti,
Marina Locchi, Roberto Alpi, Martino Duane, Cesare Festa. Musiche: Nino Rota, eseguite dal
Maestro Mario Gangi. Prima: Reggio Emilia, Teatro Municipale Romolo Valli, 14 febbraio
1981.

1985
Terra sconosciuta di Arthur Schnitzler, adattamento di Karel Kraus e Otomar Kreja,
traduzione di Eugenio Bernardi. Regia di Otomar Kreja. Interpreti: Gabriele Ferzetti, Anna
Bonaiuto, Relda Ridoni, Gianna Giachetti (Signora Wahl), Elisabetta Pozzi, Giovanni
Vettorazzo, Daniela Franchi, Ugo Maria Morosi, Claudio Beccari, Camillo Milli, Ruggero De
Daninos. Scene: Guy-Claude Franois. Costumi: Jan Skalicky. Musiche: Johann Strauss
padre. Produzione del Teatro Stabile di Genova. Prima: Prato, Teatro Metastasio, 25 gennaio
1985.

151

1986
Faust di Johann Wolfgang von Goethe, traduzione di Dario Del Corno, riduzione e
adattamento di Dario Del Corno e Glauco Mauri. Regia di Glauco Mauri. Interpreti: Glauco
Mauri, Roberto Sturno, Gianna Giachetti, Angela Di Nardo, Felice Leveratto, Rinaldo Porta,
Claudio Marchione, Francesco Marino, Luca De Bei. Scene: Mauro Carosi. Costumi: Odette
Nicoletti. Musiche: Arturo Annecchino. Compagnia Glauco Mauri, in coproduzione con Ente
Teatro Comunale di Treviso. Prima: Treviso, Teatro Comunale, 16 ottobre 1986.

1988
Vita di Galileo di Bertolt Brecht. Regia di Maurizio Scaparro. Interpreti: Pino Micol, Gianna
Giachetti (Signora Sarti), Ezio Marano, Andrea Matteuzzi, Fernando Pannullo, Giulio Pizzirani,
Beppe Tosco, Sabina Vannucchi, Alfio Antico, Salvatore Corbi, Vittorio De Bisogno, Dely De
Majo, Martino Duane, Maurizio Fabbri, Silvio Fiore, Fabio Lucarelli, Domenico Maglionico,
Gianfranco Mari, Galliano Mariani, Enrico Mastracchi Manes, Emiliana Perina, Adalberto
Rosseti, Mario Toccacelli, Emanuele Valentini, Marco Vivio. Scene: Roberto Francia e Pedro
Cano. Costumi: Alberto Verso. Musiche: Hanns Eisler. Elaborazione musicale: Pasquale
Scial. Prima: Firenze, Teatro della Pergola, 27 maggio 1988. Tourn in Italia e a Berlino.

Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare, traduzione di Dario Del Corno,
riduzione e adattamento di Dario Del Corno e Glauco Mauri. Regia di Glauco Mauri.
Interpreti: Glauco Mauri, Gianna Giachetti (Titania), Massimo Foschi, Roberto Sturno,
Almerica Schiavo, Alessandro Gassman, Luca Lazzareschi, Stefania Micheli, Cesare Lanzoni,
Claudio Marchione, Franco Fam, Andrea Liberovici. Scene e costumi: Uberto Bertacca.
Musiche: Arturo Annecchino. Compagnia Glauco Mauri. Coproduzione con Taormina Arte,
Estate Fiesolana, Estate Veronese. Prima: Taormina, Taormina Arte 88, Teatro Antico, 28
luglio 1988.

Le baruffe chiozzotte di Carlo Goldoni. Regia di Gianfranco De Bosio, II edizione. Interpreti:


Marcello Bartoli, Antonio Meschini, Michela Martini, Piergiorgio Fasolo, Paolo Valerio, Virgilio
Hernitz, Dorotea Aslandis, Gianna Giachetti (Madonna Pasqua), Stefania Graziosi, Stefania
Felicioli, Massimo Loreto, Daniele Griggio, Gian Campi, Antonio Bazza. Scene: Emanuele
Luzzati. Costumi: Santuzza Cal. Luci: Venanzio Ugolini. Musiche: Gabriella Zen. Produzione
Venetoteatro. Verona, Teatro Romano, ottobre 1988. Tourne in Italia e a Parigi, Teatro
Bobigny.

152

1991
Edipo di Renzo Rosso. Regia di Pino Micol. Interpreti: Pino Micol, Gianna Giachetti
(Giocasta), Franco Alpestre, Federico Grassi, Tiziana Bagatella, Lombardo Fornara,
Piergiorgio Fasolo, Enzo Saturni, Riccardo Zini, Laura Bernardini, Roberto Biagini, Fabrizio
Battistoni, Mario Corsi, Fabio Balasso. Scene: Antonio Fiorentino. Costumi: Alessandro Chiti.
Musiche: Stefano Marcucci. Luci: Venanzio Ugolini. Coproduzione con il Teatro di Roma.

Prima: Padova, Teatro Verdi, 5 marzo 1991.

1992
I rusteghi di Carlo Goldoni. Regia di Massimo Castri. Interpreti: Daniele Griggio, Gianna
Giachetti (Siora Felice), Quinto Parmeggiani, Stefania Felicioli, Mario Valgoi, Michela Martini,
Wanda Benedetti, Enrico Ostermann, Gian Campi, Piergiorgio Fasolo. Scene: Antonio
Fiorentino. Costumi: Claudia Calvaresi. Musiche: Bruno De Franceschi. Luci: Iuraj Saleri.
Venetoteatro, Prima: Treviso, Teatro Comunale, 25 febbraio 1992. Tourne in Italia, e a
Parigi, Berlino, Leningrado, Mosca.

1993
Il ventaglio di Carlo Goldoni. Regia di Luigi Squarzina. Interpreti: Gianna Giachetti
(Geltruda), Daniele Griggio, Mascia Musy, Gianni Fenzi, Mario Valgoi, Alberto Ricca, Stefania
Felicioli, Wanda Benedetti, Sergio Basile, Piergiorgio Fasolo, Mario Tricamo, Tony Barpi,
Antonio Bazza. Scene e costumi: Carlo Diappi. Musiche: Fiorenzo Carpi. XXVII Festival
Teatrale di Borgio Verezzi. Prima: Verona, Teatro Romano, 15 luglio 1993.

1994
Il ferro, dramma in 3 atti di Gabriele DAnnunzio. Regia di Aurelio Pierucci. Interpreti: Mario
Granato, Fabio Balasso, Gianna Giachetti (Costanza), Pia Lanciotti, Alessandra Tomassini,
Livia Bonifazi, Laura Panti. Scene e costumi: Aldo Buti. Manifestazione DAnnunzio e la

Toscana, a cura dellAssociazione culturale Il Convivio. Prima: 10 luglio 1994.

2002
Racconto dinverno di William Shakespeare, traduzione di Agostino Lombardo. Regia di
Roberto Guicciardini. Interpreti: Giulio Brogi, Pamela Villoresi, Marco Marelli, Gianni De Lellis,
Gianna Giachetti (Paulina), Franco Scaldati, Mario Parlagreco, Antonio Fermi, Caterina
Marcian, Elena Pistillo, Stefania Giambona, Massimiliano Davoli, Antonio Silva, Virgilio
Zernitz, Fiorenza Brogi, Gabriele Parrillo. Scene e costumi: Pietro Carriglio. Responsabile

153

allestimento scenico: Filippo Spicuzza. Musiche: Bruno Coli. Luci: Franco Caruso. Produzione
Ente Teatro di Messina e Teatro Biondo Stabile di Palermo. Milano, Teatro Strehler.

2003
Il fiore del dolore di Mario Luzi. Regia di Pietro Carriglio. Interpreti: Giulio Brogi, Gianna
Giachetti (Madre Vincenza), Stefania Blandeburgo, Umberto Cantone, Aurora Falcone, Filippo
Luna, Liliana Paganini, Gian Paolo Poddighe, Antonio Raffaele Addamo, Antonio Silvia, Pippo
Spicuzza, Alfonso Veneroso. Scene e costumi: Pietro Carriglio. Musiche: Matteo DAmico.
Orchestra Franco Ferrara, diretta da Carmelo Caruso. Produzione del Teatro Biondo Stabile
di Palermo. Prima: Palermo, Teatro Biondo Stabile, 28 marzo 2003.

Serata Campanile tratta da scritture di Achille Campanile. Regia di Pippo Spicuzza. Interpreti:
Umberto Cantone, Filippo Luna, Stefania Blandeburgo, Aurora Falcone, Gianna Giachetti
(vari personaggi), Danila Laguardia, Aurelio Pierucci, Elena Pistillo, Giovanni Pontillo, Fabrizio
Romano, Maurilio Scaduto, Laura Seragusa. Scene: Bruno Caruso. Produzione del Teatro
Biondo Stabile di Palermo. Prima: Palermo, Teatro Biondo, 14 maggio 2003.

Assassinio nella cattedrale di Thomas Stearns Eliot, traduzione di Giovanni Raboni. Regia di
Pietro Carriglio. Interpreti: Giulio Brogi, Gianna Giachetti, Liliana Paganini, Stefania
Blandeburgo, Filippo Luna, Rinaldo Clementi, Antonio Silvia, Alfonso Veneroso, Aurelio
Pierucci, Aldo Ralli, Umberto Cantone, Anna Gualdo, Valentina DAgostino, Caterina
Marcian, Giorgia Panasci, Salvatore Panasci, Elio Caccamo, Aurora Falcone. Scene: Pietro
Carriglio. Costumi: Bruno Caruso. Musiche: Matteo DAmico. Produzione del Teatro Biondo
Stabile di Palermo. Prima: Palermo, Teatro Biondo, 29 dicembre 2003.

2004
La Vedova allegra, operetta in 3 atti di Victor Lon e Lo Stein da Lattach dambassade di
Henri Meilhac, versione italiana di Ferdinando Fontana. Musica di Franz Lehar. Regia di
Filippo Crivelli. Interpreti: Marcello Lippi, Daniela Mazzucato, Markus Werba, Svetla
Vassileva, Max Ren Cosotti, Aldo Orsolini, Paolo Zizich, Paolo Orecchia, Pinuccia Passarello,
Antonio Marani, Patrizia Gentile, Claudio Ottino, Gianna Giachetti (Praskowia), Elio Pandolfi.
Scene e costumi: Maurizio Monteverde. Coreografia: Gerlinde Dill. Orchestra, Coro e Corpo
di ballo della Fondazione Teatro Massimo di Palermo. Direttore dOrchestra: Carmelo Caruso.

Prima: Palermo, Teatro di Verdura, 8 luglio 2004.

154

2005
Il Padre di August Strindberg, traduzione di Luciano Codignola. Regia di Massimo Castri.
Interpreti: Umberto Orsini, Manuela Mandracchia, Gianna Giachetti (la balia del Capitano),
Alarico Salaroli, Roberto Valerio, Roberto Salemi, Corinne Castelli. Scene e costumi: Maurizio
Bal. Luci: Gigi Saccomandi. Suono: Franco Visioli. Produzione di Emilia Romagna Teatro
Fondazione, Nuova Scena Arena del Sole, Teatro Stabile di Bologna. Prima: Cesena, Teatro
Bonci, 18 ottobre 2005.

155

CINEMATOGRAFIA

1959
Arrangiatevi! Di Mauro Bolognini, scritto da L. Benvenuti e P. De Bernardi, tratto dalla commedia Casa
nova vita nova (1956) di Mario De Majo e Vinicio Gioli. Interpreti: Peppino De Filippo, Tot, Laura
Adani, Franca Valeri, Vittorio Caprioli, Gianna Giachetti. Commedia.

1960
La contessa azzurra , regia di Claudio Gora. Interpreti: Amedeo Nazzari, Elly Davis, Zsa Zsa Gabor,
Paolo Stoppa, Ugo DAlessio, Franca Marzi, Angela Luce, Gianna Giachetti. Drammatico.

1961
La viaccia , regia di Mauro Bolognini, tratto da Leredit (1889) di Mario Pratesi. Sceneggiatura di Vasco
Pratolini, Pasquale Festa Campanile e Franciosa. Fotografia: L. Barboni. Scene: Flavio Mogherini.
Costumi: Piero Tosi. Interpreti: Jean Paul Belmondo, Claudia Cardinale, Pietro Germi, Romolo Valli,
Paul Frankeur, Paola Pitagora, Gianna Giachetti (giovane prostituta). Drammatico.

1996
Albergo Roma , regia di Ugo Chiti, tratto da Allegretto per bene ma non troppo (1987) di Ugo Chiti.
Interpreti: Alessandro Benvenuti, Claudio Bisio, Barbara Enrichi, Deborah Caprioglio, Tchky Karyo,
Lucia Poli, Gianna Giachetti (Olimpia), Alessandra Acciai. Commedia.

1996
Ritorno a casa Gori , regia di Alessandro Benvenuti, tratto dallomonimo copione teatrale di Alessandro
Benvenuti. Sceneggiatura: Alessandro Benvenuti, Ugo Chiti, Francesco Marciano. Interpreti: Sabrina
Ferilli, Alessandro Benvenuti, Ilaria Occhini, Athina Cenci, Alessandro Haber, Massimo Ceccherini,
Novello Novelli, Gianna Giachetti (Fosca), Vito, Carlo Monni. Commedia.

1997
Ovosodo , regia di Paolo Virz. Interpreti: Edoardo Gabbriellini, Claudia Pandolfi, Nicoletta Braschi,
Salvatore Barbato, Marco Cocci, Regina Orioli, Gianna Giachetti. Gran Premio Speciale della giuria alla
Mostra di Venezia. Commedia.

1998
Il Signor Quindicipalle , regia di Francesco Nuti. Interpreti: Francesco Nuti, Sabrina Ferilli, Novello
Novelli, Gianna Giachetti (mamma di Francesco), Alberto Gimignani, Antonio Petrocelli. Commedia.

1998
I volontari , regia di Domenico Costanzo. Interpreti: Barbara Enrichi, Stefano Bicocchi, Carlo Monni,
Gianna Giachetti, Andrea Cambi, Novello Novelli, Romina Mondello, Sergio Bini. Commedia.

1999
Un t con Mussolini , regia di Franco Zeffirelli, tratto da Lautobiografia di Zeffirelli, adattamento di
Franco Zeffirelli e John Mortimer. Interpreti: Cher, Judi Dench, Joan Plowright, Maggie Smith, Lily
Tomlin, Baird Wallace, Massimo Ghini, Gianna Giachetti, Paolo Seganti. Drammatico.

1999
Bagnomaria , regia di Giorgio Panariello. Interpreti: Giorgio Panariello, Manuela Arcuri, Ugo Pagliai,
Katia Beni, Valeria Fabrizi, Giuliana Colzi. Comico.

2000
Il cielo cade , regia di Andrea e Antonio Frazzi, tratto dal romanzo omonimo di Lorenza Mazzetti,
premio Viareggio 1967, adattamento di Suso Cecchi DAmico. Fotografia: F. Di Giacomo. Scene: M.
Garbuglia. Interpreti: Isabella Rossellini, Jeroen Krabb, Barbara Enrichi, Gianna Giachetti (la
domestica Elsa), Luciano Virgilio,

Veronica Niccolai, Lara Campoli, Elena Sofonova, Paul Brooke.

Drammatico.

2004
Tredici a tavola , regia di Enrico Oldoini. Sceneggiatura di Enrico Oldoini. Interpreti: Giancarlo Giannini,
Nicolas Vaporidis, Silvia De Santis, Kasia Smutniak, Paolo Bonacelli, Gianna Giachetti, Angela
Finocchiaro, Maria Amelia Monti, Alessandro Benvenuti. Commedia.

157

TELEVISIONE

1957
Tessa la ninfa fedele, di Margaret Kennedy. Regia: Mario Ferrero. Adattamento: Anna Luisa Meneghini.
Interpreti: Achille Millo, Alberto Lupo, Elena Cotta, Silvio Spaccesi, Fulvia Mammi, Gianna Giachetti
(Toni).
Puntate: 4. Rete: Programma Nazionale. Data: 30/11/1957 21/12/1957.

1959
Lidiota, di Fedor Dostoevskij. Regia: Giacomo Vaccari. Sceneggiatura: Giorgio Albertazzi. Interpreti:
Giorgio Albertazzi, Sergio Tofano, Gianni Santuccio, Antonio Pierfederici, Gian Maria Volont, Anna
Proclemer, Lina Volonghi, Anna Maria Guarnieri, Davide Montemurri, Gianna Giachetti (Aglaia), Augusto
Mastrantoni, Ferruccio De Ceresa, Marcello Bertini, Maria Fabbri, Carlo Hintermann, Franca Nuti.
Scenografia: Bruno Salerno. Costumi: Marcello Escoffier.
Puntate: 4. Rete: Programma Nazionale. Data: dal 26/09/1959, sabato ore 21.00.

Le due orfanelle, di Adolfo dEnnery e Eugne Cormon. Regia: Guglielmo Morandi. Traduzione: Diego
Fabbri. Adattamento televisivo in tre atti di Diego Fabbri. Interpreti: Roldano Lupi, Elisa Cegani, Alberto
Lupo, Giulia Lazzarini, Franca Badeschi, Cesarina Gheraldi, Luca Ronconi, Dante Biagioni, Gianna
Giachetti (Marianna), Cesare Fantoni, Miranda Campa, Giovanni Materassi, Evar Maran, Manlio
Guardabassi, Andreina Paul, Raffaella Pelloni, Antonella Della Porta.
Scenografia: Emilio Voglino.
Rete: Programma Nazionale. Data: 14/12/1959, luned ore 21.00.

1960
Il costruttore Sollness, tre atti di Henrik Ibsen. Regia: Mario Ferrero. Traduzione: Anita Rho. Interpreti:
Massimo Girotti, Elena Da Venezia, Giuseppe Pagliarini, Olinto Cristina, Renato De Carmine, Gianna
Giachetti (Hilde Wangel), Lucia Catullo.
Scenografia: Cesarini da Senigallia. Costumi: Veniero Colasanti.
Rete: Programma Nazionale. Data: 01/04/1960, venerd ore 21.00.

Pap Lebonnard, di Jean Aicard. Regia: Claudio Fino. Traduzione: Olga De Vellis Aillaud. Adattamento
televisivo in due tempi di Diego Fabbri. Interpreti: Cesco Baseggio, Warner Bentivegna, Giulio Oppi,
Paolo Carlini, Lida Ferro, Annamaria Alegiani, Gianna Giachetti, Franco Scandurra, Pina Cei, Aldo
Allegranza.
Scenografia: Filippo Corradi Cervi. Costumi: Emma Calderini.
Rete: Programma Nazionale. Data: 23/05/1960, luned ore 21.15.

1961
Gli addii, due tempi di Guido Cantini. Regia: Edmo Fenoglio. Interpreti: Laura Adani, Armando Furlai,
Tina Lattanzi, Gianna Giachetti (Dina), Dante Biagioni, Antonio Venturi, Enrico Glori, Andrea Checchi,
Franco Bucceri.
Scenografia: Emilio Voglino. Costumi: Maria Teresa Stella.
Rete: Programma Nazionale. Data: 20/01/1961, venerd ore 21.15.

1962
Raccomandato di ferro, tre atti di Efraim Kishm. Regia: Edmo Fenoglio. Traduzione: Samuel Avisar.
Interpreti: Claudio Ermelli, Luigi Pavese, Alberto Lionello, Cesare Fantoni, Michele Malaspina, Pina Cei,
Manlio Busoni, Gianna Giachetti, Giancarlo Corelli.
Scenografia: Emilio Voglino.
Rete: Rai Due. Data: 26/02/1962, luned ore 21.10.

Lamore medico, atto unico di Molire. Regia: Edmo Fenoglio.


Rete: Rai Due. Data: 28/12/1962, venerd ore 21.00.

1963
Il mistero delle tre orchidee, di Augusto De Angelis, dalla serie Il Commissario De Vincenzi. Regia:
Mario Ferrero. Sceneggiatura: Manlio Scarpelli, Nino Palumbo, Bruno Di Geronimo. Interpreti: Paolo
Stoppa, Lia Tanzi, Nora Ricci, Gianna Giachetti, Giuliana Calandra, Ferruccio De Ceresa, Elsa Albani,
Antonio Casagrande, Salvatore Puntillo.
Scenografia: Sergio Palmieri. Costumi: Maurizio Monteverde.
Rete: Programma Nazionale. Prima serie di Il Commissario De Vincenzi in tre sceneggiati di due
puntate ciascuno. Data: dal 24/03/1963, domenica ore 21.00.

1965
La maschera e il volto, grottesco in tre atti di Luigi Chiarelli. Regia: Flaminio Bollini. Interpreti: Elisa
Mainardi, Enzo Tarascio, Lorenzo Terzon, Gianna Giachetti, Ferruccio Soleri, Paola Quattrini, Aldo
Giuffr, Edmonda Aldini, Roldano Lupi, Luigi Proietti, Bruno Marinelli, Attilio Fernandez, Maria Capocci.
Scenografia: Pino Valenti. Costumi: Guido Cozzolino.
Rete: Programma Nazionale. Data: 16/07/1965, venerd ore 21.00.

1966
Il marito della sua vedova, atto unico di Jacinto Benavente. Regia: Flaminio Bollini. Traduzione: Maria
Luisa Aguirre. Interpreti: Giuseppe Porelli, Gianna Giachetti, Quinto Parmeggiani, Franca Dominici,
Wanda Casagrande, Renato Lupi, Franco Parenti, Irma De Simone.
Scenografia: Vincenzo Celone. Costumi: Roberto Coppa.

159

Rete: Programma Nazionale. Data: 10/06/1966, venerd ore 21.00.

I fuochi di San Giovanni, di Hermann Sudermann. Regia: Edmo Fenoglio. Traduzione: Italo Alighiero
Chiusano. Adattamento televisivo in due tempi di Edmo Fenoglio. Interpreti: Quinto Parmeggiani,
Roldano Lupi, Ottavia Piccolo, Karola Zopegni, Carlo Sabatini, Gianna Giachetti, Winnie Riva, Roberto
Bisacco, Elsa Albani, Evelina Gori, Claudio Guarino.
Scenografia: Maurizio Mamm. Costumi: Maria De Matteis.
Rete: Programma Nazionale. Data: 14/10/1966, venerd ore 21.00.

1967
Don Giovanni, in due tempi, di Molire. Regia: Vittorio Cottafavi. Traduzione: Cesare Vico Lodovici.
Interpreti: Giorgio Albertazzi, Franco Parenti, Margherita Guzzinati, Carlo Cataneo, Stefano Satta
Flores, Sergio Tofano, Gianna Giachetti (Carolina), Mila Sannoner, Renzo Palmer, Pierluigi Apr,
Pierluigi Zollo, Camillo Milli, Gino Nelinti, Enrico Canestrini.
Scenografia: Mariano Mercuri. Costumi: Veniero Colasanti.
Rete: Programma Nazionale. Data: 05/05/1967, venerd ore 21.00.

1968
Lacqua cheta, tre atti di Augusto Novelli. Regia: Alessandro Brissoni. Interpreti: Arnoldo Fo, Dory Cei,
Gianna Giachetti (Anita), Maria Grazia Sughi, Antonio Venturi, Guido Marchi, Ottavio Fanfani, Guido
Verdiani, Alfredo Bianchini, Rita Chiari, Marianella Laszlo, Evelina Gori.
Scenografia: Nicola Sanfelice. Costumi: Maria Teresa Stella.
Rete: Programma Nazionale. Data: 02/01/1968, marted ore 21.00.

La casa in ordine, due tempi, di Arthur Wing Pinero. Regia: Carlo Di Stefano. Traduzione: Olga De
Vellis Aillaud. Interpreti: Franco Aloisi, Tino Schirinzi, Enzo Tarascio, Gianna Giachetti, Ivo Garrani,
Paola Bacci, Gisella Sofio, Laura Carli, Edoardo Toniolo, Gabriele Polverosi, Germano Longo, Alberto
Carloni.
Scenografia: Emilio Voglino. Costumi: Mario Giorsi.
Rete: Programma Nazionale. Data: 21/05/1968, marted ore 21.00.

Piccoli borghesi, in due tempi, di Maksim Gorkij. Regia: Edmo Fenoglio. Traduzione: Flaminio Bollini e
Angelo Maria Ripellino. Interpreti: Mario Feliciani, Lina Volonghi, Renato De Carmine, Ileana Ghione,
Gigi Proietti, Gianrico Tedeschi, Maria Grazia Antonini, Gianna Giachetti, Mario Maranzana, Dante
Biagioni, Vittoria Dal Verme, Maria Zanoli, Angiolina Quinterno, Bruno Smith.
Scenografia: Lucio Lucentini. Costumi: Maria Teresa Stella.
Rete: Programma Nazionale. Data: 26/11/1968, marted ore 21.00.

160

1969
Vespertino al Luna Park e Il pane di Vespertino. Regia: A. Sapori. Interpreti: Gianna
Giachetti, Paolo Poli.

1971
La signora delle camelie, di Alexandre Dumas figlio. Regia: Vittorio Cottafavi. Traduzione: Maria
Bellonci. Adattamento televisivo in due tempi di Massimo Franciosa. Interpreti: Giacomo Piperno,
Arturo Dominici, Gabriella Gabrielli, Rossella Falk, Luciano Zuccolini, Gianna Giachetti (Olimpia), Claudio
Gora, Alfredo Bianchini, Massimo Foschi, Elsa Albani, Giorgio Piazza, Antonio Pierfederici, Bianca
Galvan, Dino Peretti, Ezio Rossi.
Scenografia: Giorgio Aragno. Costumi: Pier Luigi Pizzi. Musiche: Rino De Filippi.
Rete: Rai Due. Data: 24/09/1971, venerd ore 21.15.

1973
Un bambino per commissione, di Tommaso Gherardi Del Testa. Regia: Carlo Di Stefano. Adattamento
televisivo di Carlo Di Stefano. Interpreti: Paolo Poli, Gianna Giachetti, Luciano Melani, Lucia Poli, Nella
Barbieri, Manlio Busoni, Sandro Sardone, Marco Tulli.
Scenografia: Franco Nonnis. Costumi: Fiammetta Benedetto.
Rete: Rai Due. Data: 24/07/1973, marted ore 21.25.

1975
Ginevra degli Almieri, sepolta viva in Firenze con Stenterello ladro in sepoltura, di Luigi Del Buono.
Regia: Mario Ferrero. Adattamento televisivo: Alfredo Bianchini. Interpreti: Osvaldo Ruggeri, Vittorio
Congia, Alfredo Bianchini, Vanna Castellani, Guido Marchi, Paolo Pieri, Gianna Giachetti (Ginevra),
Vivaldo Matteani, Alessandro Berti, Maria Grazia Sughi, Enrico Ostermann.
Rete: Rai Due. Data: 04/02/1975, marted ore 21.00.

Stenterello a Tunisi, di Cesare Causa. Regia: Mario Ferrero. Adattamento televisivo: Alfredo Bianchini.
Interpreti: Paolo Pieri, Alfredo Bianchini, Gabriele Tozzi, Vittorio Congia, Alessandro Berti, Maria Grazia
Sughi, Daniela Gatti, Gianna Giachetti, Franco Pugi, Giampiero Becherelli, Dante Biagioni.
Scenografia: Ferdinando Ghelli. Costumi: Anna Anni. Musiche: Marco Vavolo.
Rete: Rai Due. Data: 22/07/1975, marted ore 21.00.

Cos va il mondo, in due tempi, di William Congreve. Regia: Sandro Sequi. Traduzione: Raoul Soderini.
Interpreti: Giuseppe Pambieri, Maurizio Gueli, Franco Gamba, Giulio Trevisani, Alfredo Bianchini,
Agostino De Berti, Giancarlo Santelli, Ezio Busso, Giuliana Calandra, Francesca Benedetti, Milena Alberi,
Milena Vukotic, Valentino Macchi, Gianna Giachetti (Foible), Anita Laurenzi, Rosa Maria Fantaguzzi,
Adriano Pomodoro, Camillo Milli. Scenografia: Armando Nobili. Costumi: Maurizio Monteverde.

161

Rete: Rai Due. Data: 24/10/1975, venerd ore 21.00.

1978
Un lungo grido di libert (da Mariana Pineda), di Federico Garcia Lorca. Regia: Mario Ferrero.
Adattamento televisivo: Mario Ferrero. Interpreti: Juan Manuel, Costa Andrade, Gaetano Balistreri,
Roberto Bonanni, Elena Crocr, Sara Di Nepi, Gianna Giachetti (Mariana Pineda), Felice Leveratto,
Francesca Lumachi, Marzio Margine, Loredana Martinez, Diego Michelotti, A. Ninchi, Osvaldo Ruggeri,
Libero Sansavini.
Costumi: Maurizio Monteverde. Musiche: Tito Schipa jr. Fotografia: Pier Luigi Santi. Montaggio: Luigia
Magrini.
Rete: Rai Due. Data: 22/02/1978, mercoled ore 20.40.

Il borghese gentiluomo, di Molire. Ripresa dal Teatro di Pompei. Regia teatrale: Tino Buazzelli e
Angelo Corti. Regia televisiva: Giacomo Colli. Traduzione: Cesare Garboli. Interpreti: Tino Buazzelli,
Rita Di Lernia, Anna Macci, Maria Grazia Sughi, Fabrizio Temperini, Donato Castellaneta, Andrea
Matteuzzi, Gianna Giachetti (Dorimne), Raffaele Bondini, Luigi Ottoni, Roberto Pescara, A. Ricca,
Giuseppe Lo Parco, Giuliano Santi, Orazio Donati.
Scenografia: Giacomo Cal Carducci. Costumi: Dafne Ciarrocchi. Musiche: G. B. Lugli a cura di Bruno
Nicolaj.
Rete: Rai Due. Data: 13/05/1978, sabato ore 20.40.

1979
Enrico IV, di Luigi Pirandello. Ripresa dal Teatro Eliseo di Roma. Regia: Giorgio De Lullo con la
collaborazione di Olga Bevacqua. Compagnia di prosa del Teatro Eliseo diretta da Giorgio De Lullo e
Romolo Valli. Interpreti: Romolo Valli, Gianna Giachetti (Matilde Spina di Canossa), Mariella Fenoglio,
Pino Luongo, Mino Bellei, Adolfo Geri, Gabriele Tozzi, Gian Franco Mari, Gianni Felici, Gino Pernice,
Gualtiero Isnenghi, Cesare Guerra, Alessandro Festa.
Scenografia: Pier Luigi Pizzi. Costumi: Pier Luigi Pizzi. Luci: Giuseppe Demitri.
Rete: Rai Due. Data: 07/04/1979, sabato ore 20.40.

1980
La tela del ragno, Classici del Teatro Giallo di Agatha Christie. Regia: Mario Ferrero. Adattamento
televisivo: Mario Ferrero. Traduzione: Germana Erba e Connie Ricono. Interpreti: Warner Bentivegna,
Piero Nuti, Monica Guerritore, Gabriele Tozzi, Antonella Baldini, Gianna Giachetti, Sandro Dori, Paolo
Scalondro, Daniele Tedeschi, Gino Pernice.
Scenografia: Lucio Lucentini. Costumi: Maurizio Monteverde. Luci: Bruno Saccheri.
Rete: Rai Uno. Data: 20/05/1980, marted ore 20.40.

1996

162

I rusteghi, di Carlo Goldoni. Ripresa dal Teatro La Pergola di Firenze per Palcoscenico. Regia teatrale:
Massimo Castri. Regia televisiva: Walter Licastro. Interpreti: Compagnia Teatrale del Veneto con
Gianna Giachetti (Siora Felice), Mario Valgoi (Lunardo).
Scenografia: Antonio Fiorentino. Costumi: Claudia Calvaresi. Musiche: Bruno De Franceschi. Fotografia:
Claudio Codilupi.
Rete: Rai Due. Data: 24/02/1996, sabato ore 22.30.

1997
Primo cittadino, sceneggiatura di Graziano Diana e Roberta Colombo. Regia: Gianfranco Albano.
Interpreti: Tullio Solenghi, Giulia Boschi, Susanna Marcomeni, Andrea Ferreol, Gianna Giachetti
(Serena), Ennio Coltorti, Ray Lovelock, Sergio Fiorentini, Carmen Onorati, Ettore Belmondo, Vittorio Di
Prima, Andrea Mugnai. Produzione Raicinemafiction Aran srl.
Puntate: 6. Rete: Rai Due. Data: 10/09/1997 15/10/1997.

Don Milani il priore di Barbiana, sceneggiatura di Sandro Petraglia e Stefano Rulli. Regia: Andrea Frazzi
e Antonio Frazzi. Interpreti: Sergio Castellitto, Ilaria Occhini, Roberto Citran, Arturo Paglia, Alberto
Gimignani, Bettina Giovannini, Mauro Marino, Gianna Giachetti (Eda Pelagatti), Lorenza Indovina, Mario
Valgoi. Produzione: Raicinemafiction Hiland.
Puntate: 2. Rete: Rai Due. Data: 02/12/1997 03/12/1997.

Un giorno fortunato, soggetto di Stefano Disegni, Massimo Caviglia e Massimo Martelli. Sceneggiatura:
Marco Videtta e Massimo Martelli. Regia: Massimo Martelli. Interpreti: Fabio Fazio, Bianca Galvan,
Carola Stagnaro, Bruno Gambarotta, Claudio Bisio, Enzo Jannacci, Gianna Giachetti (Giuliana), Wilma
De Angelis, Adolfo Margiotta, Massimo Olcese, Roberto Citran.
Produzione: Raicinemafiction Sidecar Film TV.
Puntate: 2. Rete: Rai Due. Data: 16/12/1997 19/12/1997.

1998
Trenta righe per un delitto, soggetto di Susanna Bolchi, Aureliano Lalli Persiani. Sceneggiatura: Giorgio
Mariuzzo, Franco Ferrini. Regia: Lodovico Gasparini. Interpreti: Luca Barbareschi, Felice Andreasi,
Paolo Maria Scalondro, Gianna Giachetti (Adua), Toni Bertorelli, Lucrezia Lante della Rovere, Sergio
Fiorentini, Ramona Badescu, Vittoria Belvedere.
Produzione: Raicinemafiction First Film.
Puntate: 4. Rete: Rai Due. Data: 10/03/1998 31/03/1998.

1999
Ama il tuo nemico , soggetto di Damiano Damiani, Sibilla Damiani. Sceneggiatura: Graziano Diana,
Damiano Damiani. Regia: Damiano Damiani. Interpreti: Massimo Ranieri, Romina Mondello, Mario

163

Adorf, Andrea Di Stefano, Cecilia Dazzi, Angelo Infanti, Nino DAngelo, Gianna Giachetti (la madre di
Fabrizio), Massimo Poggio, Tullio Sorrentino, Franco Castellano.
Produzione: Raicinemafiction ZDF Enterprises Nauta Film srl.
Puntate: 2. Rete: Rai Due. Data: 09/02/1999 11/02/1999.

Un prete tra noi, 2a serie. Soggetto: Massimo De Rita, Simone De Rita, Achille Manzotti. Sceneggiatura:
Massimo De Rita, Simone De Rita. Regia: Lodovico Gasparini. Interpreti: Massimo Dapporto, Giovanna
Ralli, Julia Brendler, Francesco De Rosa, Gianna Giachetti (Ada), Pino Ammendola, Marina Tagliaferri,
Alessio Boni.
Produzione: Rai Fiction Faso Film srl.
Puntate: 6. Rete: Rai Due. Data: 23/03/1999 08/04/1999.

2000
Un colpo al cuore, sceneggiatura di Laura Toscano e Franco Marotta. Regia: Alessandro Benvenuti.
Interpreti: Alessandro Benvenuti, Ornella Muti, Luigi Montini, Salvatore Mortelliti, Chiara Crielesi, Cecilia
Dazzi, Anita Zagaria, Prospero Richelmy, Gianna Giachetti (Luisa Ardenzi), Gabriele Antonini, Stefano
Davanzati.
Produzione: Rai Fiction Mastrofilm srl.
Puntate: 2. Rete: Rai Uno. Data: 15/10/2000 16/10/2000.

2001
Don Matteo, 2a serie. Soggetto di Enrico Oldoini, Domenico Saverni, Francesca Melandri, Alessandro
Bencivenni. Sceneggiatura: Francesca Melandri, Giovanni Capetta, Sabina Marabini, Gladis Di Pietro.
Regia: Leone Pompucci. Interpreti: Terence Hill, Gastone Moschin, Nathalie Guetta, Francesco Scali,
Claudio Ricci, Evelina Gori, Nino Frassica, Gianna Giachetti (madre di Anceschi), Flavio Insinna.
Produzione: Rai Fiction LUX VIDE S.p.A.
Puntate: 16. Rete: Rai Uno. Data: 21/10/2001 09/12/2001.

2002
Commesse 2, sceneggiatura di Laura Toscano e Franco Marotta. Regia: Jos Maria Sanchez. Interpreti:
Sabrina Ferilli, Nancy Brilli, Anna Valle, Veronica Pivetti, Elodie Treccani, Gianna Giachetti (Teresa),
Caterina Vertova, Franco Castellano, Caterina De Regibus, Massimo Ghini, Ivan Venini, Lorenzo Ciompi,
Ruben Rigillo.
Produzione: Rai Fiction Immagine e cinema.
Puntate: 6. Rete: Rai Uno. Data: 10/03/2002 14/04/2002.

Stiamo bene insieme, soggetto di Vittorio Sindoni. Sceneggiatura: Piero Mirarchi, Benedetta Faedi,
Salvatore Basili, Alessandro De Gregorio, Bruno Garbuglia, Mariolina Venezia, Mila Venturini, Pierpaolo
Pirone. Regia: Elisabetta Lodoli, Vittorio Sindoni. Interpreti: Monica Comegna, Pierluigi Coppola,

164

Eleonora DUrso, Denis Fasolo, Linda Celani, Gianna Giachetti, Gabriele Mainetti, Ludgero Fortes Dos
Santos, Antonio Angiulli, Anita Zagaria, Roberto Accornero, Remo Remotti, Orso Maria Guerrini, Piero
Natoli, Lina Sastri.
Produzione: Rai Fiction LDM Comunicazione S.p.A.
Puntate: 8. Rete: Rai 1 Rai 2. Data: 12/04/2002 06/06/2002.

2004
A casa di Anna, soggetto di Lorenzo Favella, Pietro Bodrato, Elisabetta Zincone, Maura Nuccetelli,
Umberto Marino. Sceneggiatura: Francesca Panzarella. Regia: Enrico Oldoini. Interpreti: Virna Lisi,
Angelo Infanti, Giada Desideri, Gianna Giachetti, Stefania Graziosi, Marco Bonini, Caterina De Regibus.
Produzione: Rai Fiction Endemol Italia.
Puntate: 2. Rete: Rai Uno. Data: 12/12/2004 13/12/2004.

2006
Donna Roma, fiction. Interpreti: Gianna Giachetti (Carla), Luca Barbareschi, Jutta Spider. Produzione:
Germania, Berlino. Trasmessa in Germania, prossimamente (primavera 2008) in Italia.

165

LETTURE RECITATIVE

I sette a Tebe, di Eschilo. Regia di Aurelio Pierucci. Museo Archeologico, Piazzetta del Limbo, Firenze,
1984.

Dante alla Badia, 16 letture della Divina Commedia di Dante. Ciclo organizzato dal Centro di
Avviamento allEspressione di Firenze e dal Comune di Firenze. Voce recitante: Gianna Giachetti.
Firenze, Chiesa della Badia Fiorentina, 1986.

Il marito assente, di Norberto Avila. Regia di Aurelio Pierucci. Interpreti: Gianna Giachetti, Aurelio
Pierucci, Mario Valgoi. Venezia, Palazzo Labia, 23 settembre 1991.

La casa comune, di Yves Laplace. Regia di Beppe Navello. Interpreti: Toni Barpi, Piergiorgio Fasolo,
Stefania Felicioli, Gianna Giachetti, Daniele Griggio. Venezia, Palazzo Labia, 24 settembre 1991.

Lallegoria del tempo, di Ermanno Cursana. Regia di Aurelio Pierucci. Interpreti: Gianna Giachetti,
Corrado Pani. Venezia, Palazzo Labia, 25 settembre 1991.

Se tende ad infinire, da Mizar di Pino Giacopelli. Voci recitanti: Gianna Giachetti, Aurelio Pierucci,
Gaetano Balistreri. A cura del Teatro Libero di Palermo. Monreale, Abbazia di S. Martino delle Scale,
1991.

Puccini en sortir!, spettacolo per attori animati su musiche di Giacomo Puccini. Testo: Claudio
Cinelli, Paolo Lucchesini. Regia e adattamento : Claudio Cinelli. Interpreti: Gianna Giachetti, Anna
Montinari, Paola Roman, Patrizia Tagliagambe. Associazione culturale Porte Girevoli. Firenze, Teatro di
Rifredi, 12 aprile 1994.

Poesia del Medioevo. Voce recitante: Gianna Giachetti. Firenze, Chiesa di S. Croce, (senza data).
Omaggio a Emilio Servadio. Voce recitante: Gianna Giachetti. Firenze, Gabinetto Vieusseux, (senza
data).

Ferdinando Arrabal. Voce recitante: Gianna Giachetti. Padova, Palazzo Comunale, (senza data).

Drammaturghi contemporanei europei, manifestazione a cura della S.I.A.E. Venezia, Palazzo Labia,
(senza data).

Eugenij Onegin di Sergej Prokofev, dal poema di A. Puskin. Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, dir.
Frank Shipway. Voce recitante: Gianna Giachetti. 53 Settimana Musicale Senese. Lingotto, Torino,
(senza data).

Cofano di bellezza, presentazione del libro di poesie omonimo di Piero Longo. Lettura interpretativa:
Gianna Giachetti, Aurelio Pierucci. Firenze, Caff storico letterario Giubbe Rosse, 04 maggio 2007.

Un saluto attraverso le stelle, presentazione del libro omonimo di Marisa Bulgheroni. Lettura
interpretativa: Gianna Giachetti. Firenze, Gabinetto Vieusseux, febbraio 2008.

167

BIBLIOGRAFIA

1. Saggi
Silvio DAmico, Il teatro dei fantocci, Vallecchi editore, Firenze 1920.
Idem, Tramonto del grande attore, Mondadori, Milano 1929.
Idem, Invito a teatro, Ed. Morcelliana, Roma 1935.
Idem, Il teatro non deve morire, Edizioni dellEra Nuova, Roma 1945.
Idem, Storia del teatro drammatico, 4 volumi, Garzanti, Milano 1958.
Eligio Possenti, La resistibile ascesa di Arturo Ui di Brecht, in 10 anni di teatro (cronache

drammatiche) di Eligio Possenti, Editore Nuova Accademia, Milano 1964, p.343.


Orazio Costa, Quaderni, Lettera al nipote Nicola, Quaderno XVI, inizio 29/08/1966, presso
ETI, Firenze.
Romano Giachetti, Porno power: pornografia e societ capitalistica, Guaraldi, Bologna 1971.
Gianfranco De Bosio, Un trentennio di lavoro sul Ruzante, in Giovanni Calendoli (a cura di),

Ruzante sulle scene del II dopoguerra: catalogo della mostra a Padova 25 maggio 15
giugno 1983, Grafiche Piesse, Mugliano Veneto 1983.
Fabrizio Borghini, Fosco Giachetti, Prefazione di Fernaldo Di Giammatteo, Edizioni Play Time,
Firenze 1989.

Gianni Batistoni, Sesto Fiorentino tra racconti e ricordi, Edizioni Agemina, Sesto Fiorentino,
Firenze, 1992.
Carlo Maria Pensa, Interpreti e critici: Memorie di mezzo secolo , in III Convegno

Internazionale di Studi sul Ruzante, a cura di Giovanni Calendoli, Societ Coop. Tipografica,
Padova 1993, pp. 122.
Paolo Lucchesini, Storia del Teatro Metastasio, Vol. II, a cura di Claudio Casale, Teatrologia,
Angelo Pontecorboli editore, Firenze 1995, p. 264.
Roberto Tessari, Teatro italiano del Novecento, Fenomenologie e strutture 1906 1976,
Casa Editrice Le Lettere, Firenze 1996.
AA.VV., Storia del teatro moderno e contemporaneo, vol.III, Avanguardia e Utopie del

Teatro, Collana Grandi Opere, Einaudi, 2001.


Cesare Molinari, Storia del teatro, Editori Laterza, Milano 2003.
Mirella Schino, La nascita della regia teatrale, Edizioni Laterza, Roma-Bari, 2003.
Maricla Boggio, Mistero e teatro, Orazio Costa, regia e pedagogia, Bulzoni, 2004.
Teresa Megale, commento, Lautore a chi legge, in Carlo Goldoni, La locandiera, a cura di
Sara Mamone e Teresa Megale, Marsilio Editori, Venezia, giugno 2007, p. 235.

2. Testi teatrali
Massimo Bontempelli, Primo spettacolo: La guardia alla luna, Siepe a Nordovest, Mondadori,
Milano 1927.
Massimo Bontempelli, Minnie la candida, Mondadori, Milano 1928.
Carlo Goldoni, Commedie, a cura di Nicola Mangini, volume II, Unione Tipografico-Editrice
Torinese, Torino, Prima edizione 1971.
Massimo Bontempelli, Nostra Dea e altre commedie, a cura di Alessandro Tinterri, Einaudi,
Torino 1989.

3. Testi letterari
Romano Giachetti, Il bacio, Idealibri, Milano 1984.
Idem, Lo scrittore americano, Garzanti, Milano 1987.
Idem, Nel letto di Marylin, Rizzoli, Milano 1994.

169

Idem, Il giovane Salinger, Baldini & Castoldi, Milano 1998.


Idem, Quaderno americano, a cura di Luca Scarlini, Marcos Y Marcos, Milano 2001.

4. Audiovisivi

Il borghese gentiluomo, di Molire. Ripresa dal Teatro Grande di Pompei. Regia teatrale:
Tino Buazzelli e Angelo Corti. Assistente alla Regia: Aurelio Pierucci. Regia televisiva:
Giacomo Colli. Traduzione: Cesare Garboli. Interpreti: Tino Buazzelli, Rita Di Lernia, Anna
Macci, Maria Grazia Sughi, Fabrizio Temperini, Donato Castellaneta, Andrea Matteuzzi,
Gianna Giachetti, Raffaele Bondini, Luigi Ottoni, Roberto Pescara, A. Ricca, Giuseppe Lo
Parco, Giuliano Santi, Orazio Donati. Scenografia: Giacomo Cal Carducci. Costumi: Dafne
Ciarrocchi. Musiche: G. B. Lugli a cura di Bruno Nicolaj. In collaborazione con CTB SpA patrocinio Ente Napoli.
Ripresa televisiva: Rete Rai Due. Data: 13/05/1978, sabato ore 20.40.

Enrico IV, di Luigi Pirandello. Ripresa dal Teatro Eliseo di Roma. Regia: Giorgio De Lullo con
la collaborazione di Olga Bevacqua. Compagnia di prosa del Teatro Eliseo diretta da Giorgio
De Lullo e Romolo Valli. Interpreti: Romolo Valli, Gianna Giachetti, Mariella Fenoglio, Pino
Luongo, Mino Bellei, Adolfo Geri, Gabriele Tozzi, Gian Franco Mari, Gianni Felici, Gino
Pernice, Gualtiero Isnenghi, Cesare Guerra, Alessandro Festa. Scenografia: Pier Luigi Pizzi.
Costumi: Pier Luigi Pizzi. Luci: Giuseppe Demitri.
Ripresa televisiva: Rete Rai Due. Data: 07/04/1979, sabato ore 20.40.

Fanny e Alexander, con Gunn Walgren, Ewa Froling, Jarl Kulle, diretto da Ingmar Bergman,
Sve.-Fr.-RFT, 1982.

I rusteghi, con Gianna Giachetti, Mario Valgoi, Stefania Felicioli, scritto da Carlo Goldoni,
diretto da Massimo Castri, regia televisiva Walter Licastro; Compagnia Goldoniana del
Bicentenario in collaborazione con Rai Due, Produttore esecutivo Rai Gioia Tosti, ripresa dal
Teatro La Pergola, Firenze 24/02/1996.

170

5. Periodici
5.1 Donna del Paradiso
E. B., Al teatro Quirino, Donna del Paradiso, Il Giornale dItalia, 1 Aprile 1956.
Onorato, Donna del Paradiso mistero religioso ed opera di Silvio D Amico al Quirino, in

Poltrona aggiunta, Il Travaso, 8 aprile 1956.


Sandro De Feo, Dal cielo delle Laudi allinferno del Ruzante, LEspresso, 8 aprile 1956.
5.2 Nostra Dea
Vice, Saggio di regia allAccademia dArte drammatica, Il Paese, 28 marzo 1957.
P.P., Bontempelli, Sipario, n. 458-459, luglio-agosto 1986, pp. 108-109.
5.3 Lina e il cavaliere

La bruna Gianna Giachetti la pin up della prosa, a cura della redazione, Il Giorno, 22
aprile 1957.
G. B., Lina e il cavaliere al Valle, Il Secolo dItalia, 18 gennaio 1958.
P. M., La brutta bellissima, Paese Sera, 8 9 marzo 1958.
5.4 Le ragazze bruciate verdi
Ag. Sa., Le ragazze bruciate verdi, LUnit, 30 gennaio 1959.

Cronaca, avanguardia e telefoni bianchi, Lo spettatore, a cura della redazione, Sipario, n.


155, marzo 1959, p. 23.
5.5 Veglia la mia casa, angelo
Raul Radice, Veglia la mia casa, angelo di Ketty Frings al Teatro Quirino, Il Giornale
dItalia, 12 ottobre 1958.
Giorgio Prosperi, Veglia la mia casa, angelo al Quirino, Il Tempo, 12 ottobre 1958.

Ancora un dramma familiare, a cura della redazione, Sipario, n. 151, novembre 1958, p.
23.
5.6 Portava la maschera
Arnaldo Fratelli, Portava la maschera, Sipario, n.156, aprile 1959, p. 18.
5.7 Gog e Magog

Gog e Magog di Gabriel Arout, In attesa dei grossi spettacoli, Lo spettatore, a cura della
redazione, Sipario, n. 175, novembre 1960, p. 29.

171

5.8 Uomo e Superuomo


Roberto Rebora, A Genova, Una regia impeccabile e un Lionello in gran forma per non

parlare dellautore, Sipario, n. 180, aprile 1961, pp. 28-29.


5.9 La resistibile ascesa di Arturo Ui
Roberto Rebora, La pistola puntata di Ui, La resistibile ascesa di Arturo Ui, Sipario, n. 186,
ottobre 1961, pp. 13-14.
5.10 La cameriera brillante
Arnaldo Fratelli, La cameriera brillante, Sipario, n. 187, novembre 1961, p. 24.
5.11 La moscheta

Alcuni ottimi spettacoli vecchi e nuovi, a cura della redazione, Sipario, n.188, dicembre
1961, p. 118.
5.12 Don Giovanni involontario
Roberto Rebora, Don Giovanni involontario, Sipario, n. 189, gennaio 1962, pp. 16-17.
5.13 Lufficiale reclutatore
Guido Boursier, LUfficiale reclutatore, Sipario, n. 201, gennaio 1963, pp. 38-39.
5.14 Don Giovanni
Arturo Lazzari, Don Giovanni secondo Brecht, Sipario, n. 216, aprile 1964, pp. 38-39.
Guido Valdini, Lincertezza nella Palermo teatrale, Sipario, n. 380, gennaio 1978, pp. 5253.
5.15 Tre sorelle
Sandro De Feo, Un Cecov troppo edificante, LEspresso, 31 gennaio 1965.
Arnaldo Fratelli, Dopo Visconti, Sipario, n. 226, febbraio 1965, pp. 13-14.
5.16 I due gentiluomini di Verona
Ettore Capriolo, Pretesto shakespeariano, Sipario, n. 232-233, agosto-settembre 1965, p.
90.

172

5.17 Il cilindro

Eduardo e la famiglia allitaliana, a cura della redazione, Sipario, febbraio 1966, n. 238,
pp. 22-23.
5.18 Il mondo quello che

La crisi del linguaggio e di una societ nella felice commedia-saggio di Alberto Moravia, a
cura della redazione, Sipario, n. 247, novembre 1966, pp. 26-27.
5.19 Il volpone

Aggressivit moderna di una libera riduzione, a cura della redazione, Sipario, n. 256257, agosto-settembre 1967, pp. 89-90.
5.20 Il bagno
Ettore Capriolo, Il bagno di Vladimir Majakovskij, La scelta dei contenuti, Sipario, n. 264,
aprile 1968, pp. 33-34.
5.21 Socrate immaginario
Giorgio Polacco, Ritorno alla commedia dellarte, Sipario, n. 268-269, agosto-settembre
1968, p. 42.
5.22 Luomo nero
Franco Cuomo, Luomo nero, Sipario, n. 307, dicembre 1971, pp. 54-55.
5.23 Il mercante di Venezia
Agostino Lombardo, Il mercante di Venezia, Sipario, n. 331, dicembre 1973, pp. 47-48.
5.24 Il malato immaginario
Giovanni Lombardo, Un rilancio per la prosa?, Sipario, n. 339-340, agosto-settembre
1974, pp. 25-26.
5.25 Tutto per bene
Fabio Doplicher, Tutto per bene, Sipario, n. 347, aprile 1975, pp. 24-25.
5.26

Mefistovalzer

Enrico Groppali, Mefistovalzer, Sipario, n. 373-374, giugno-luglio 1977, p. 28.

173

5.27 Il borghese gentiluomo


Enrico Groppali, Il Borghese gentiluomo, Sipario, n. 377, ottobre 1977, pp. 18-19.
5.28 Luomo con le valigie
Gianfranco Civolani, Luomo con le valigie, Sipario, n. 384, maggio 1978, pp. 24-25.
5.29 La dodicesima notte
Fabio Doplicher, La dodicesima notte, Sipario, n. 396, maggio 1979, p. 20.
5.30 Tre sorelle
Giorgio De Lullo, da unintervista di Rodolfo Di Giammarco, La Repubblica, 28 settembre
1980.
Aggeo Savioli, Ridere amaro con Cechov, LUnit, 12 ottobre 1980.
Gastone Geron, De Lullo ripropone le Tre sorelle in una rarefatta atmosfera glaciale, Il
Giornale Nuovo, 28 novembre 1980.
Franco Quadri, Le Tre sorelle, Panorama, 22 dicembre 1980.
5.31 La locandiera
Roberto De Monticelli, Da quella locanda un nuovo Goldoni, Il Corriere della Sera, 21
marzo 1981.
Tommaso Chiaretti, Quel buon gusto di 30 anni fa, La Repubblica, 21 marzo 1981.
Gastone Geron, Sissignori, fu proprio cos La locandiera di Visconti, Il Giornale degli
spettacoli, 21 marzo 1981.
Aggeo Savioli, Cera una volta una famosa Locandiera, LUnit, 21 marzo 1981.
Giorgio De Lullo, da programma di sala, Patalogo, n. 4, aprile 1981, p. 108.
5.32 Terra sconosciuta
Tommaso Chiaretti, Schnitzler e il suo doppio, La Repubblica, 31 gennaio 1985.
Aldo Vigan, Unavventura dello spirito umano, conversazione con Otomar Kreia, nel
programma di sala dello spettacolo, Il Patalogo, n. 10, agosto 1985, pp. 121-124.
5.33 Faust
Ugo Volli, N Dio n Demonio, Faust vuol essere solo un uomo, La Repubblica, 18 ottobre
1986.

174

5.34 Vita di Galileo


Fabio Doplicher, Vita di Galileo, Dialoghi sullinvenzione scenica, Sipario, n. 480-481,
settembre-ottobre 1988, p. 50.
5.35 Sogno di una notte di mezza estate

Sogno di una notte di mezza estate, a cura della redazione, Il Patalogo, n. 12, dicembre
1988, p. 74.
5.36 Edipo
Nico Garrone, a colloquio con Pino Micol, La Repubblica, 10 febbraio 1991.
Franco Quadri, Micol, Re dopo lomicidio, La Repubblica, 16 aprile 1991.
5.37 I rusteghi
Aggeo Savioli, Avvio anticipato del bicentenario goldoniano al Comunale di Treviso con la

celeberrima commedia messa in scena da Massimo Castri. Dal conflitto familiare a quello tra
conservazione e progresso, LUnit, domenica 1 marzo 1992.
Masolino DAmico, Al Donizetti di Bergamo il lavoro di Goldoni nellallestimento di

Venetoteatro regista Massimo Castri, La Stampa, luned 16 marzo 1992.


Giovanni Raboni, Grandi applausi a Bergamo per il capolavoro goldoniano allestito con

intensit e pathos da Massimo Castri. Aria nuova sui Rusteghi, Corriere della Sera,
mercoled 18 marzo 1992.
Franco Quadri, A Bergamo, I Rusteghi di Goldoni con la regia di Castri. Quei misantropi in

bala di comari. Ma non vince nessuno, La Repubblica, venerd 20 marzo 1992.


Mario Brandolin, Le impareggiabili sfumature della genialit di Goldoni , Messaggero
Veneto, venerd 27 marzo 1992.
Giorgio Polacco, Gli orsi immortali. Bella rilettura dei Rusteghi di Goldoni diretta da Castri,
Il Piccolo, sabato 28 marzo 1992.
Gastone Geron, Il Giornale, 1 marzo 1992, in I Rusteghi, Il Patalogo, stagione
1992/1993, settembre 1992, p. 156.
Giorgio Prosperi, Splendido lallestimento dellopera di Goldoni, in scena al Teatro Quirino. I

Rusteghi sconfitti dalle donne, Il Tempo, venerd 11 dicembre 1992.


5.38 Il ventaglio
Giovanni Raboni, Pi ritmo per la gran commedia del Ventaglio, Il Corriere della Sera, 14
luglio 1993.

175

5.39 Racconto dinverno


Vito La Paglia, Racconto dinverno di William Shakespeare al teatro Biondo di Palermo,
Prometheus, Quindicinale di informazione culturale, Anno I, n. 23, 15 aprile 2002.
5.40 Il fiore del dolore
Laura Nobile, Su il sipario, debutta Il fiore del dolore - Il Biondo mette in scena il prete e il

suo assassino, La Repubblica, 28 marzo 2003.


5.41 Assassinio nella cattedrale
Giuseppe Drago, LAssassinio? Una convincente produzione del Biondo di Palermo,
Prometheus, Quindicinale di informazione culturale, anno III, n. 71, luned 16 febbraio
2004.
5.42 Il padre
Domenico Rigotti, La tragedia borghese di un padre bambino, Hystrio, trimestrale di teatro
e spettacolo, n. 1, anno 2006, p. 95.

6. Testi telematici

Luigi Farina, Intervista ai protagonisti, Cronaca dalla prima di Il fiore del dolore al Teatro

Biondo Stabile di Palermo, www.teatrobiondo.it.


La vedova allegra apre la stagione del Teatro di Verdura, dichiarazioni del regista Filippo
Crivelli nel Comunicato stampa, www.teatromassimodipalermo.it.
Carlo Goldoni, Lettera a Stefano Sciugliaga, Opere, XIV, 127, p. 327, in Giuseppe Bonghi,

Introduzione a Il Ventaglio di Carlo Goldoni, www.classiciitaliani.it.


Paolo Albonetti, Il Ventaglio di Carlo Goldoni, Libri, recensioni, www.drammaturgia.it.

7. Repertori

Enciclopedia dello spettacolo, fondata da Silvio DAmico, Parte editoriale curata da G. C.


Sansoni Firenze-Roma, Casa Editrice Le Maschere, Roma luglio 1958.

176

Enciclopedia della televisione Garzanti, a cura di Aldo Grasso, Garzanti editore, Milano, 1996.
Maria Letizia Compatangelo, La maschera e il video, Tutto il teatro di prosa in televisione dal

1954 al 1998, Rai-Eri editore, Roma 1999.


Dizionario dello spettacolo, Baldini e Castoldi editore, Milano 2003.
Il Morandini dizionario dei film 2006, a cura di Laura, Luisa e Morando Morandini, Zanichelli,
Padova 2005.

177