Sei sulla pagina 1di 4

DUALISMO DEI MAGMI E CRISTALLIZZAZIONE FRAZIONATA: Ci sono due tipi di magma: magma primario e magma secondario.

Si forma nel mantello superiore, femico e allorigine molto caldo e fluido Si forma dalla fusione parziale delle rocce della crosta, pi sialico, ha unelevata viscosit ed meno caldo

Durante la risalita del magma possono avvenire PROCESSI DI DIFFERENZIAZIONE: durante il raffreddamento solidificano per primi i minerali femici. Se il magma fermo, i minerali che si formano per primi reagiscono con la massa fusa del magma, modificando la loro composizione. CRISTALLIZZAZIONE FRAZIONATA: quando i minerali che si formano per primi cadono verso il basso o salgono(per decantazione), la massa residua perde i componenti femici e assume con il tempo una composizione chimica pi sialica. IL MAGMA PUO CONTAMINARSI: viene a contatto con altri minerali. A. IL PROCESSO SEDIMENTARIO I materiali di cui sono costituite le rocce sedimentarie provengono da rocce preesistenti che sono state alterate e disgregate da parte dellazione degli agenti esogeni(acqua, fenomeni atmosferici, vento, ghiaccio, uomo). 1. DEGRADAZIONE METEORICA: la prima tappa del processo consiste nell alterazione e disgregazione delle rocce affioranti; queste rocce non sono quasi mai in equilibrio con lambiente esterno, in quanto formatesi in condizioni molto diverse. I principali fattori che provocano la degradazione delle rocce sono: Clima Atmosfera(ossigeno e biossido di carbonio) Acqua Vento Attivit degli esseri viventi. I processi possono essere fisici o chimici Alcuni o tutti i minerali della roccia vengono trasformati in minerali differenti. Cause: acqua, biossido di carbonio e ossigeno, soluzione, idratazione, idrolisi, carbonatazione, ossidazione.

Le rocce vengono disgregate e si producono frammenti con la stessa composizione della roccia madre. Cause: gelo e disgelo, dilatazione e contrazione termica, azione meccanica delle radici.

Questi due processi procedono contemporaneamente e le rocce possono resistere diversamente. 2. EROSIONE: il risultato della degradazione meteorica e consiste nella distruzione parziale o totale delle rocce affioranti.

Produce tre tipi di materiali: DETRITI, SOSTANZE SOLUBILI e MINERALI DI ALTERAZIONE INSOLUBILI. I frammenti danno origine a una COLTRE DI DETRITI che ricopre la roccia inalterata. La porzione inalterata di tale coltre forma il suolo. I detriti in parte restano sul luogo di formazione ed in parte vengono rimossi. 3. TRASPORTO: il motore principale del trasporto la forza di gravit, e lacqua il pi efficace veicolo di trasporto. 1. SEDIMENTAZIONE: la fase di accumulo dei detriti, dei sali o dei resti abbandonati dagli organismi dopo la loro morte. La sedimentazione pu realizzarsi con modalit differenti: DIMINUZIONE DELLA FORZA DEGLI AGENTI DI TRASPORTO PRECIPITAZIONE DELLE SOSTANZE MINERALI CHE LACQUA TRASPORTA IN SOLUZIONE AMBIENTI SEDIMENTARI: luoghi dove si accumulano i sedimenti. terrestri marini I sedimenti depositati in genere sono incoerenti. 2. DIAGENESI: la fase terminale del processo sedimentario, cio insieme dei processi fisici e chimici che trasformano i sedimenti incoerenti in una roccia coerente. I sedimenti depositati vengono sepolti da nuove strati di materiale e lentamente vengono compattati. SOSTANZE CEMENTANTI: precipitano negli spazi tra i granuli; le pi diffuse sono il carbonato di calcio e la silice. Le rocce sedimentarie il cui componente principale il carbonato di calcio sono chiamate calcari. LA STRUTTURA E LE CARATTERISTICHE DELLE ROCCE SEDIMENTARIE: STRATIFICAZIONE: la caratteristica comune alla maggior parte delle rocce sedimentarie. E caratteristica delle rocce sedimentarie formate da detriti cementati; ogni strato corrisponde ad un preciso evento sedimentario, un intervallo di tempo durante il quale le condizioni di sedimentazione si sono mantenute costanti. Quando si parla delle rocce sedimentarie il termine struttura viene solitamente utilizzato per indicare aspetto, orientamento ecc. degli strati o delle masse rocciose nel loro insieme. Alcune rocce hanno una struttura compatta, perch sono formate dai sali che si formano per precipitazione o da materiali accumulati da organismi biocostruttori. Molto spesso negli strati sedimentari sono inclusi resti fossili. CLASSIFICAZIONE DELLE ROCCE SEDIMENTARIE: Si basa sulla genesi delle rocce e non sulla loro composizione mineralogica. Tre gruppi principali: Rocce clastiche o detritiche: formate da frammenti(clasti) incoerenti o cementati in seguito a un processo di diagenesi. La classificazione di queste rocce si basa sulle dimensioni e sulla forma delle particelle pi abbondanti di cui sono costituite e sul tipo di cemento eventualmente presente. Di transizione

I sedimenti incoerenti possono essere: Ghiaie: clasti grossolani di diametro superiore ai 2mm Sabbie: clasti di media grandezza con diametro compreso tra i 2 mm e 1/16 di mm Silt: clasti molto piccoli con diametro compreso tra 1/16 e 1/256 di mm Argille: clasti microscopici con diametro che non supera i 1/256 di mm, conferiscono alla roccia comportamenti fisico chimici particolari. A ciascun tipo di sedimento corrisponde una roccia coerente, in cui gli interstizi tra un frammento e laltro sono riempiti da particelle fini o da sostanze che fungono da cemento. Il cemento pi comune il calcare. Le ghiaie originano conglomerati: contengono ciottoli di grandi dimensioni, chiaramente riconoscibili; quando i ciottoli sono arrotondati si parla di conglomerati in senso stretto, quando sono spigolosi prendono il nome di brecce. Le sabbie originano le arenarie: contengono granuli ancora distinguibili ad occhio nudo. Sono costituite in buona parte da silicati idrati di I silt originano le siltiti alluminio, che si formano in seguito allalterazione Le argille originano le argilliti chimica di silicati instabili; molto spesso sono associate a sedimenti fini di origine chimica o organogena, cos si producono rocce a composizione mista. MARNE: contengono argille e calcare. CAOLINO: argilla pure di colore bianco. ARGILLE NERE: sostanze organiche. ARGILLE AZZURRE: ossido ferroso. ARGILLE ROSSE E GIALLE: ossidi ferrici Rocce piroclastiche: prodotte dalla sedimentazione e dalla diagenesi dei materiali solidi eruttati dai vulcani. Brecce vulcaniche: contengono blocchi grossolani. Tufi: con frammenti con diametro compreso tra 4mm e 32 mm Cineriti: polveri con diametro inferiore a 4mm.

Rocce di deposito chimico: sono costituite di sostanze depositate mediante processi chimici. Comprendono: Evaporiti: derivano dalla precipitazione di sali in bacini di acque dolci o salate. I sali contenuti nellacqua precipitano formando rocce che presentano una struttura cristallina; essi precipitano secondo una sequenza precisa che dipende dalla loro solubilit: carbonato, solfato di calcio, cloruro di sodio, sali di magnesio e potassio. Le evaporati pi frequenti sono: il salgemma, il gesso e lanidrite. Calcari inorganici: contengono carbonato di calcio depositato per precipitazione chimica in mare o in ambienti continentali. Un esempio il travertino(spugnoso e poroso), che si origina a causa di fenomeni di incrostazione operati da acque di cascate o corsi dacqua ricchi di carbonato di calcio in soluzione. Tra le rocce carbonatiche di deposito chimico si inseriscono anche le stalagtiti e le stalagmiti. Il calcare pu anche depositarsi intorno a granuli di altra natura, formando sferette che poi vengono cementate insieme. Si ottiene cos un calcare oolitico. Rocce silicee: la selce si forma in seguito a precipitazione chimica di SiO2. nelle selce presente il quarzo in forma microcristallina. Il diaspro una roccia silicea stratificata.

P.s.: la silice pu essere presente nelle rocce sedimentarie in forme differenti, secondo il grado di diagenesi subito dai sedimenti; opale, calcedonio, quarzo. Rocce residuali: una roccia che si viene a formare quando del materiale insolubile che era mescolato con uno solubile rimane solo, perch laltro si sciolto. Es: caolino, bauxite e lateriti. Rocce organogene: sono formate da sedimenti prodotti in vario modo da esseri viventi. I principali sali presenti nelle parti dure degli esseri viventi sono: carbonato di calcio, silice, fosfato di calcio. Le principali rocce organogene sono: Rocce carbonatiche: CALCARI: Si formano in ambiente marino dai DOLOMIE: Rocce carbonatiche costituite dal minerale dolomite. Dolomitizzazione dei calcari: processo per cui nei calcari amrini le acque circolanti portano a una sostituzione di parte degli ioni calcio con ioni magnesio. resti di organismi unicellulari, dai gusci e dalle conchiglie degli invertebrati. Contengono spesso sia resti organici sia carbonato di calcio di origine chimica. Una parte consistente di calcari deriva dai sedimenti ricchi di resti di organismi ridotti in frammenti finissimi. I calcari si formano anche per opera di organismi costruttori.

Rocce silicee: derivano dai resti di organismi marini che utilizzano la silice per la costruzione dei loro gusci e scheletri. Es: diatomee e radiolari. Le rocce derivanti dai fanghi che si accumulano in questo modo sul fondale sono porose e friabili; diatomiti e radiolariti possono trasformarsi in selci.

Rocce fosfatiche: sono le fosforiti, derivano da scheletri di vertebrati o


dallaccumulo di escrementi di uccelli marini. Contengono fosfato di calcio.