Sei sulla pagina 1di 72

GLI SPECIALI

COME SCEGLIERE
LO SCONTO
PIÙ CONVENIENTE

IL 110%
E TUTTI
I BONUS
PER LA
CASA
I LIBRI DEL SOLE 24 ORE NON VENDIBILE SEPARATAMENTE
Pubblicazione settimanale con Il Sole 24 ORE Solo ed esclusivamente per gli abbonati
€ 2,50 (I Libri del Sole 24 ORE € 0,50 + Il Sole 24 ORE € 2,00) in vendita separata dal quotidiano a € 0,50
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

Un confronto tra gli sconti


in cerca di convenienza
di Jean Marie Del Bo

I
l superbonus del 110% sembra aver vori di recupero edilizio. Tutti premiati,
conquistato il cuore degli italiani. come il superbonus, dalla possibilità di
Da mesi, ormai, è al centro dell’at- essere monetizzati in anticipo attraverso
tenzione di contribuenti e profes- lo sconto in fattura da parte dell’impresa
sionisti che vedono nella nuova o la cessione del credito a una banca o a un
agevolazione un’opportunità senza pre- intermediario finanziario.
cedenti per ridurre il proprio debito con il Ottobre è il mese dell’educazione fi-
Fisco o per ottenere, senza ritardi, risorse nanziaria. Da qui la necessità di compiere
che derivano da una forma di investi- una valutazione a ragion veduta anche
mento iperagevolato. Ora, però, è il mo- quando ci si appresta a realizzare opere
mento delle scelte. Di uscire dal semplice edilizie agevolate. Non rimanendo, per
studio della norma e delle opportunità forza, legati al totem del 110%, ma cercan-
che essa offre e di calare queste possibilità do fra le varie agevolazioni quale è più
nel proprio caso particolare. utile per costruire un vestito su misura
Questo prodotto vuole dare una chan- per le necessità della propria casa, del
ce in più proprio ai contribuenti (e ai pro- proprio condominio e, soprattutto, delle
fessionisti che li devono guidare nelle proprie esigenze di vita.
scelte). Il fascicolo propone, infatti, una Nelle scelte potranno aiutare le schede
rapida e facile rilettura delle opportunità riassuntive e le tabelle illustrative che
offerte dal superbonus: si tratta di fare corredano il volume. Mentre nella gestio-
una verifica sui requisiti necessari per ar- ne saranno quanto mai utili le check list
rivare a poter usufruire del 110 per cento. predisposte dal Consiglo nazionale dei
Ma aggiunge a questo test un rapido ri- commercialisti e degli esperti contabili
torno anche sugli altri bonus, che vengo- riprodotte nell’ultimo capitolo del volu-
no offerti dal nostro ordinamento con me. Uno strumento utile per i professio-
premi di assoluto rilievo. Si riprendono nisti ma anche per chi vuole capire i pas-
così in esame le regole base del bonus fac- saggi che caratterizzano l’iter gestionale
ciate, delle agevolazioni di riqualificazio- dei super ecobonus e sismabonus per la
ne energetica differenti dal superbonus e propria abitazione.
degli ormai tradizionali sconti legati ai la- © RIPRODUZIONE RISERVATA

3
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

L’offerta del Gruppo 24ORE

Direttore responsabile
Fabio Tamburini
Progetto
e coordinamento
Indicazioni quotidiane
editoriale Ogni giorno sul Sole 24 Ore gli approfondi-
Jean Marie Del Bo
Mauro Meazza menti e le analisi degli esperti, la cronaca, la
segnalazione degli interventi di prassi da
Hanno collaborato
parte dell’agenzia delle Entrate. E ogni lune-
Dario Aquaro
Giacomo Bagnasco dì, in più, i chiarimenti dell’Esperto Risponde,
Cristiano Dell’Oste (www.espertorisponde.ilsole24ore.com)
Luca De Stefani
Saverio Fossati
Testi di questo numero Strumenti digitali
Dario Aquaro
Andrea Barocci Sul sito del Sole 24 Ore, nella sezione pre-
Cristiano Dell’Oste mium «24+», riservata agli abbonati, le
Saverio Fossati Guide e gli speciali dedicati ai bonus del
Giorgio Gavelli
Federica Pezzatti Fisco per i lavori in casa. E sul quotidiano
Luca Rollino digitale «NT+Fisco» contenuti esclusivi per
Marco Zandonà i professionisti.

I Libri del Sole 24 ORE In arrivo Smart24 Superbonus


Settimanale – N. 27/2020 –
Ottobre 2020 Smart24Superbonus è una nuova iniziati-
Registrazione Tribunale di Milano va dedicata esclusivamente al tema age-
n. 33 del 22-01-2007
Direttore responsabile: volazioni per la casa. In un unico prodotto
Fabio Tamburini digitale vengono proposte tutte le regole
Proprietario ed Editore:
Il Sole 24 ORE S.p.A. per muoversi con sicurezza nel mondo
Sede legale, redazione e direzione:
Via Monte Rosa n. 91, 20149
degli interventi edilizi agevolati.
Milano Lo Speciale Telefisco di martedì prossimo
Da vendersi in abbinamento
al quotidiano «Il Sole 24 ORE».
dedicato al superbonus (si veda a pagina
Solo ed esclusivamente per gli 6) continuerà in Smart24Super- bonus
abbonati, in vendita separata
dal quotidiano a 0,50€ con 12 appuntamenti mensili. Il primo il
24 novembre, dedicato al 110% in condo-
CHIUSO IN REDAZIONE minio; seguiranno il 15 dicembre «Villette,
IL 16 OTTOBRE 2020 case unifamiliari e unità autonome» , il 12
gennaio 2021 «Lavori trainanti e trainati»
© Riproduzione riservata
Copyright Il Sole 24 Ore Spa
e il 23 febbraio «Le esclusioni». L’intero
prodotto sarà in vendita a 249 euro.

4
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE SOMMARIO

Le scelte L’ecobonus
01 05
pagina 7 pagina 35

Il superbonus Gli sconti


02 del 110% 06 «storici»
pagina 17 pagina 39

Il sismabonus I bonus per


03 07 giardini e mobili
pagina 27 pagina 51

Il bonus Le check list


04 facciate 08 dei commercialisti
pagina 31 pagina 55

5
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

Martedì 27 ottobre l’evento


con gli esperti del Sole 24 Ore

T
elefisco torna in campo per il zioni e il passaggio di classe energetica,
superbonus: martedì 27 ot- di Luca Rollino
tobre si svolgerà il convegno O Il visto di conformità nel gioco delle
gratuito «Il superbonus del responsabilità, coinvolgimenti del
110% - Speciale Telefisco». professionista e rapporti con il “gene-
L’appuntamento è dalle 9 alle 13 in ral contractor” e con il committente,
streaming, con gli esperti del Sole 24 di Giorgio Gavelli
Ore e le risposte dell’agenzia delle En- O La convenienza del 110% in rapporto al
trate. Il programma sarà incentrato su bonus facciate; gli altri bonus sostituti-
cinque relazioni: vi, di Luca De Stefani
O Gli edifici ammessi e quelli esclusi dal L’evento è accreditato ai fini della for-
superbonus, di Gian Paolo Tosoni mazione per notai, commercialisti, con-
O In condominio: tele-assemblee, mag- sulenti del lavoro, periti industriali e am-
gioranze e responsabilità dell’ammini- ministratori di condominio. Informazio-
stratore, di Antonio Scarpa ni e iscrizioni all’indirizzo:
O Il confronto fra limiti di spese e detra- www.ilsole24ore.com/superbonus

Il programma di «Telefisco Superbonus» dalle 9 alle 13

O Saluti di apertura di Giuseppe Cerbo- O Dopo le relazioni e le risposte delle


ne, ad Gruppo 24 ORE, e del direttore del Entrate tavola rotonda su «La cessione
Sole 24 Ore, Fabio Tamburini del credito: regole e opportunità», con
O Interviste a Riccardo Fraccaro, sotto- Francesco Burrelli, presidente nazionale
segretario Presidenza del Consiglio, ed Anaci; Enrico Esposito, capo dell’ufficio
Ernesto Maria Ruffini, direttore del- legislativo Mise; Maurizio Postal, consi-
l’agenzia delle Entrate gliere nazionale Cndcec; Raffaele Russo,
O Le relazioni degli esperti e le risposte vicecapo di gabinetto Mef, e altri espo-
dell’agenzia delle Entrate nenti del mondo produttivo

6
01
LE SCELTE
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

LE BASI
Il quadro del 110%
tra fisco, imprese
e convenienza

di Saverio Fossati

I
dee chiare. Per l’approccio al 110% La convenienza
si tratta di fare una serie di passi Anzitutto va chiarito un aspetto impor-
prima di addentrarsi in quella che tante, che, se male interpretato, po-
non è una giungla ma certo una trebbe portare a qualche delusione:
strada in salita. non è vero, tranne in rari casi, che non si
Il superbonus prevede anzitutto che si tira fuori un euro. In realtà le prime con-
ragioni sulla reale convenienza, attra- sulenze, lo studio di fattibilità e il pro-
verso la valutazione di: lavori effettiva- getto vanno pagati quasi sempre a par-
mente da fare; spese reali e congruità ri- te (si potranno poi detrarre in cinque
spetto ai limiti previsti; individuazione di anni) , a meno che il professionista non
un consulente che segua i primi sviluppi; accetti la cessione del credito o lo scon-
liquidità disponibile per le spese fuori dal to in fattura.
110 per cento o per quelle che comunque Poi bisogna considerare il complesso
vanno anticipate a qualunque titolo. rapporto tra spese effettive e limiti di

8
LE SCELTE

congruità: non sempre coincidono con i quelli “trainanti”, senza i quali il mecca-
prezzari regionali indicati dal Mise e il ri- nismo non può partire (si vedano i capi-
scchio è di trovarsi con una parte di spe- toli 2 e 3)
sa fuori dal tetto e quindi fuori dal 110%. Le tipologie di edificio interessate so-
Per questo un intervento sulla faccia- no i condomìni (con prevalenza abitati-
ta che comprenda il cappotto termico va), gli edifici unifamiliari e quel tipo di
(si veda il capitolo 4), con il 90% di de- unità immobiliari che, pur inserite in
trazione (anche sfruttabile come ces- fabbricati plurifamiliari, sono dotate di
sione del credito o sconto in fattura) autonomia funzionale e accesso auto-
può diventare più conveniente. nomo (si veda il box qui sotto).
Infine, conta anche la scelta tra ces- Quando almeno uno degli inter-
sione del credito, sconto in fattura o venti “trainanti” viene realizzato di-
detrazione in 5 anni, che praticamente venta possibile effettuare, anche nei
vuol dire investire la propria liquidità singoli appartamenti condominiali,
al 2 per cento. Quest’ultima opzione, quelli “trainati”, cioè tutti gli inter-
va detto, con titoli di Stato a rendi- venti di risparmio energetico che si-
mento negativo, è molto appetibile ma nora scontavano la detrazione del
occorre avere una capienza fiscale 65% che invece sale al 110% e con le
adeguata alla spesa. stesse possibilità di utilizzo (cessio-
ne, sconto o detrazione).
Gli interventi Esiste anche la possibilità di sfruttare
Terminate queste prime valutazioni, si il sismabonus, con meno vincoli di risul-
tratta di individuare gli interventi am- tato (si veda il capitolo 3)
messi al 110% . Si tratta, anzitutto, di © RIPRODUZIONE RISERVATA

Le unità «indipendenti» nel condominio


Villette a schiera o anche appartamenti dere a svolgere i lavori trainanti (e anche
singoli, loft o ex laboratori artigiani: la cate- quelli trainati) purché abbiano:
goria delle unità immobiliari «funzional- 1) impianti in proprietà esclusiva; il Dm del
mente indipendenti», in proprietà esclusiva Mise del 6 agosto scorso parla di acqua, gas,
e a destinazione abitativa unifamiliare e riscaldamento ed elettricità a titolo esem-
all’interno di «edifici plurifamiliari» è ampia plificativo ma non è chiaro quali siano es-
e con la legge di conversione del Dl senziali per definire l’«indipendenza»;
104/2020 si è allargata rispetto alle prime 2) almeno un accesso autonomo, ma è
definizioni restrittive di Mise ed Entrate. lecito trovarsi ad attraversare, giardino o
In sostanza, nell’inerzia del condominio, i cortili «anche di proprietà non esclusiva»,
proprietari di queste unità possono proce- quindi anche del condominio.

9
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

INTERVENTI AMMESSI AL SUPERBONUS


ISOLAMENTO TERMICO SPESA MASSIMA:
TIPO DI INTERVENTO: Interventi di isolamen- 20.000 euro, moltiplicato per il numero delle
to termico delle superfici opache verticali, unità immobiliari che compongono l'edificio, per
orizzontali o inclinate che interessano l'involu- edifici composti fino a otto unità immobiliari
cro dell'edificio con un'incidenza superiore al 15.000 euro, moltiplicato per il numero delle
25% della superficie disperdente lorda dell'edi- unità immobiliari che compongono l'edificio, per
ficio medesimo o dell'unità immobiliare sita edifici composti da più di otto unità immobiliari
all'interno di edifici plurifamiliari che sia funzio-
nalmente indipendente e disponga di uno o più CLIMATIZZAZIONE/2
accessi autonomi dall'esterno. TIPO DI INTERVENTO: Interventi sugli edifici
SPESA MASSIMA: unifamiliari o sulle unità immobiliari site all'in-
50.000 euro, per gli edifici unifamiliari o per le terno di edifici plurifamiliari, le quali siano fun-
unità immobiliari funzionalmente indipendenti zionalmente indipendenti e dispongano di uno
40.000 euro, moltiplicato per il numero delle o più accessi autonomi dall'esterno, per la sosti-
unità immobiliari che compongono l'edificio, per tuzione degli impianti di climatizzazione in-
edifici composti da due a otto unità immobiliari vernale esistenti con impianti per il riscalda-
30.000 euro, moltiplicato per il numero delle mento e/o il raffrescamento e/o la fornitura di
unità immobiliari che compongono l'edificio, per acqua calda sanitaria a condensazione, con
gli edifici composti da più di otto unità efficienza almeno pari alla classe A di prodotto
immobiliari. prevista dal regolamento delegato (UE) n.
811/2013 della Commissione del 18 febbraio
CLIMATIZZAZIONE/1 2013 a pompa di calore, ivi inclusi impianti ibridi
TIPO DI INTERVENTO: Interventi sulle parti o geotermici, anche abbinati all'installazione di
comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accu-
impianti di climatizzazione invernale mulo o con impianti di microcogenerazione, a
esistenti con impianti centralizzati per il riscal- collettori solari o con impianti a biomassa con
damento e/o il raffrescamento e/o la fornitura classe di qualità 5 stelle (individuata dal Dm
di acqua calda sanitaria, a condensazione, con ministero Ambiente 186/2017).
efficienza almeno pari alla classe A di prodotto SPESA MASSIMA: 30.000 euro
prevista dal regolamento delegato (UE) n.
811/2013 della Commissione d EFFICIENTAMENTO ENERGETICO/1
el 18 febbraio 2013, a pompa di calore, ivi inclu- TIPO DI INTERVENTO: Interventi di efficienta-
si gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati mento energetico di cui all'articolo 14 del de-
all'installazione di impianti fotovoltaici e creto legge n. 63/2013, eseguiti congiunta-
relativi sistemi di accumulo ovvero mente ad almeno uno dei precedenti interventi
con impianti di microcogenerazione e che assicurino il miglioramento di almeno due
o a collettori solari. classi energetiche o, se non possibile, il conse-

10
LE SCELTE

guimento della classe energetica più alta dell'impianto solare fotovoltaico, eseguita
SPESA MASSIMA: limiti di spesa previsti per congiuntamente a uno degli interventi di
ciascun intervento isolamento termico delle superfici opache o
di sostituzione degli impianti di climatizzazio-
EFFICIENTAMENTO ENERGETICO/2 ne invernale esistenti o di riduzione del ri-
TIPO DI INTERVENTO: Interventi di efficienta- schio sismico precedentemente elencati.
mento energetico di cui all'articolo 14 del de- SPESA MASSIMA: 48.000 euro e comunque
creto legge n. 63/2013, eseguiti su edifici sot- nel limite di spesa di 2.400 euro per ogni kW
toposti a vincoli, anche non realizzati congiun- di potenza nominale. In caso di interventi di
tamente agli interventi di isolamento termico cui all'articolo 3, comma 1, lettere d), e) ed f),
delle superfici opache o di sostituzione degli del Dpr n. 380/2001 il limite di spesa è ri-
impianti di climatizzazione invernale esistenti, a dotto a 1.600 euro per ogni kW di potenza
condizione che assicurino il miglioramento di nominale
almeno due classi energetiche o, se non possi-
bile, il conseguimento della classe energetica SISTEMI DI ACCUMULO
più alta TIPO DI INTERVENTO: Installazione, conte-
SPESA MASSIMA: limiti di spesa previsti per stuale o successiva all'installazione di im-
ciascun intervento pianti solari fotovoltaici, di sistemi di accu-
mulo integrati negli impianti solari fotovol-
RISCHIO SISMICO taici agevolati
TIPO DI INTERVENTO: Interventi di riduzione SPESA MASSIMA: 1.000 euro per ogni kWh
del rischio sismico (articolo 16, commi da di capacità di accumulo del sistema di accu-
1-bis a 1-septies del decreto legge n. mulo, nel limite complessivo di spesa di
63/2013). In caso di cessione del corrispon- 48.000 euro e, comunque, di 2.400 euro per
dente credito a un'impresa di assicurazione e di ogni kW di potenza nominale dell'impianto.
contestuale stipula di una polizza che copre il
rischio di eventi calamitosi, la detrazione previ- VEICOLI ELETTRICI
sta nell'articolo 15, comma 1, lettera f-bis), del TIPO DI INTERVENTO: Installazione di infra-
Tuir, spetta nella misura del 90%. strutture per la ricarica di veicoli elettrici negli
SPESA MASSIMA: limiti di spesa previsti per edifici, a condizione che sia effettuata congiun-
ciascun intervento tamente ad almeno uno degli interventi di isola-
mento termico delle superfici opache o di sosti-
FOTOVOLTAICO tuzione degli impianti di climatizzazione inver-
TIPO DI INTERVENTO: Installazione di im- nale esistenti, sopra indicati
pianti solari fotovoltaici connessi alla rete SPESA MASSIMA: 3.000 euro
elettrica su edifici fino a un ammontare com- Fonte: Agenzia delle Entrate
plessivo delle spese non superiore a quello guida Superbonus 110% , luglio 2020

11
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

OLTRE LA DETRAZIONE

Il bonus si può cedere


o scontare in fattura
di Giorgio Gavelli scun intervento complessivo (e ciascuno

T
di essi deve riferirsi ad almeno il 30% del
re opportunità, con percorsi medesimo intervento);
differenti. Detrazione, sconto in O il modello con cui si esercita l’opzio-
fattura e cessione del credito ne per la cessione del credito va inviato
sono le modalità alternative con cui, (a partire dal 15 ottobre scorso) entro il
grazie all’articolo 121 del Dl Rilancio 16 marzo dell’anno successivo a quello
34/20, si può fruire del superbonus e in cui sono state sostenute le spese che
anche di molti “vecchi” bonus edilizi. danno diritto alla detrazione, seguendo
Prima di esaminare i tre percorsi, sono le istruzioni di cui al provvedimento
però importanti alcune premesse: direttoriale approvato l’8 agosto scorso
O il binomio “superbonus – cessione/ (e modificato pochi giorni prima dell’av-
sconto in fattura” non è corretto né – vio della procedura).
come anticipato – dal lato oggettivo, né
dal lato soggettivo. Infatti, tutti i soggetti La detrazione fiscale
che possono realizzare gli interventi La detrazione è la classica modalità di
agevolati a cui fa riferimento l’articolo utilizzo del bonus, caratterizzata dalla
121 del decreto Rilancio possono proce- necessità di disporre – possibilmente in
dere all’opzione, compresi (ad esempio tutti gli anni previsti dal legislatore –
per ecobonus, sismabonus e bonus della capienza fiscale: un carico imposi-
facciate) i professionisti e le imprese, i tivo che consenta di sfruttare l’agevola-
quali, invece, con riferimento al 110% zione, considerando il fatto che redditi
sono attori solo per quanto riguarda i soggetti a tassazione separata o imposta
lavori condominiali; sostitutiva non servono a questi fini.
O le spese per cui è ammessa la comu- Il problema di non perdere il possibile
nicazione sono quelle sostenute «negli risparmio d’imposta, quindi, è tanto
anni 2020 e 2021» (e non solo dal 1° maggiore quanto più il bonus è “spal-
luglio 2020); mato” in un periodo breve: da questo
O l’opzione può essere esercitata in punto di vista, il superbonus del 110%
relazione a ciascuno stato di avanza- (anche sui lavori “trainati”) e il sismabo-
mento dei lavori (Sal), che, nel solo caso nus tradizionale, entrambi recuperabili
degli interventi che fruiscono del 110%, in 5 anni, sono abbastanza pericolosi e
non possono essere più di due per cia- “invogliano” a seguire altre strade.

12
LE SCELTE

Da tener presente, tuttavia, che la Mentre in passato il fornitore recupe-


detrazione non necessita del visto di rava sempre in cinque anni, oggi si se-
conformità (con l’importante eccezione gue la durata dell’originaria detrazione
di chi presenta il modello 730) e com- (articolo 121, comma 3), che per il super-
porta il costo dell’asseverazione se que- bonus è sempre di cinque anni. Lo scon-
sta è richiesta dal singolo intervento to va citato in fattura ma non incide
(sempre nel 110%). Inoltre, consente di sull’imponibile, per cui il fornitore va a
sfruttare appieno l’intero ammontare debito di Iva anche se non incassa.
delle agevolazioni, senza riduzioni a L’opzione, inoltre, non deve per forza
favore di terzi soggetti. riguardare la totalità del bonus matura-
Da non trascurare anche la possibilità to dal contribuente, ma può essere par-
di passare dalla detrazione alla cessione ziale. In questo caso, la parte non utiliz-
del credito, per le quote non ancora zata per abbattere il quantum dovuto al
utilizzate. Infatti, chi sostiene la spesa fornitore viene detratta in dichiarazione
nel 2020 può, ad esempio, scegliere di dal contribuente, oppure ceduta a terzi.
fruire delle prime due rate di detrazione
spettanti, indicandole nelle relative La cessione del credito
dichiarazioni dei redditi, e poi cedere il Con il meccanismo della cessione, il
credito corrispondente alle restanti rate. contribuente paga la fattura al fornitore
ma poi “trasforma” la detrazione in
Lo sconto in fattura credito cedendola a un terzo (compresi
Con lo sconto il contribuente fruisce del gli istituti di credito e gli altri interme-
credito d’imposta attraverso una decur- diari finanziari). L’opzione comporta un
tazione dell’importo della fattura da “sacrificio” economico pari all’attualiz-
pagare al fornitore. Lo sconto può arri- zazione imposta dall’acquirente, ma è
vare fino al 100% dell’ammontare da evidente che più il cedente è incapiente
corrispondere, per cui il 10% di maggio- o ha redditi variabili e non certi, più sarà
razione sulla parte scontata spetta al disposto ad accontentarsi.
fornitore. Quest’ultimo, a sua volta, Al di là di questo aspetto, vanno consi-
recupera il contributo anticipato sotto derate le spese del visto di conformità e
forma di credito d’imposta per un im- dell’asseverazione tecnica, i cui oneri
porto pari alla detrazione spettante, con sono comunque detraibili (e, come tali,
facoltà di successiva cessione a terzi. possono rientrare nel complessivo
La circolare 24/E/2020 ha confermato importo oggetto di cessione). Come
che lo sconto può essere parziale e il anticipato, per le spese sostenute nel
credito maturato dal fornitore per i 2020 e nel 2021 è possibile cominciare a
lavori del superbonus è pari al 110% detrarre normalmente e in un secondo
dell’importo “scontato”. L’importo momento cedere le quote residue: ad
eccedente, a scelta del beneficiario, esempio, perché non si ha più capienza
sempre maggiorato del 10%, può essere di Irpef ordinaria.
detratto o ceduto. © RIPRODUZIONE RISERVATA

13
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

ISTITUTI A CONFRONTO

Banche in concorrenza
per l’acquisto del credito
di Federica Pezzatti dai 103mila euro di Poste Italiane (pari

F
al 103% dell’intervento e al 93,64% del
ondamentale per il decollo delle credito vantato nei confronti dello
agevolazioni sismabonus ed Stato) ai 102mila euro degli altri prin-
ecobonus è la cessione del cre- cipali operatori con Itas e Crèdit Agri-
dito d’imposta, grazie alla quale singoli cole che si fermano invece a 100mila
privati e condomìni (ma anche impre- euro (pari al 100% dell’intervento e al
se) possono “vendere” il credito d’im- 90,91% del credito d’imposta). Cifra
posta vantato nei confronti dello Stato prevista del resto da quasi tutti gli altri
a banche o altri operatori, come previ- gruppi quando a cedere il credito su
sto dal decreto Rilancio. Il tutto ovvia- sismabonus o ecobonus sono le im-
mente se non si opta per il recupero in prese (con l’eccezione di Banca Carige
dichiarazione o per lo sconto in fattura. che arriva al 101%).
In sostanza, ogni 100 euro spesi per
l’intervento, lo Stato restituirà 110 euro Le proposte delle banche
in 5 anni. Cedendo subito tale credito A scendere in campo per prime sono
d’imposta si otterrà dalla banca o dalla state le principali banche come Banco
compagnia assicurativa (o da altro Bpm, Unicredit e Intesa Sanpaolo, a cui
soggetto abilitato) liquidità pari all’at- si sono aggiunte Crèdit Agricole, Bcc
tualizzazione della cifra spettante in Roma, Bnl, Banca Carige, Banca Sella,
cinque anni al netto dei margini tratte- Bper Banca e la Banca Popolare di
nuti dall’istituto. Sondrio dando vita a una buona coper-
Si tratta di cessioni che possono ri- tura nazionale rinforzata anche dagli
guardare anche crediti relativi ad altri sportelli postali.
bonus per l’edilizia, qualora la banca Intesa Sanpaolo, molto presente nel
abbia scelto di ampliare il raggio anche Nord-Est, ha previsto finanziamenti
a questi interventi. “ponte” per accompagnare i clienti
All’atto pratico, come si può vedere nell’esecuzione dei lavori, a stato avan-
nella tabella comparativa nella pagina zamento o alla chiusura del progetto, e
seguente, le offerte attualmente sul l’acquisto dei crediti d’imposta a un
mercato prevedono che per un inter- prezzo stabilito fin dalla stipula del
vento di 100mila euro le persone fisi- contratto di cessione. Network Deloit-
che possano ottenere cifre che vanno te offrirà ai clienti di Intesa Sanpaolo

14
LE SCELTE

un servizio facoltativo di consulenza Le offerte sul mercato


per tutte le fasi dell’intervento.
UniCredit ha stipulato invece un Superbonus/Ecobonus/Sismabonus ed altri bonus edilizi:
accordo con PwC Tls, con l’obiettivo di percentuale prezzo di acquisto dei crediti d'imposta
rendere più immediato l’iter per con- SUPERBONUS
domini, privati e imprese che intendo- QUOTE ANNUALI DI COMPENSAZIONE (5 ANNI)
SOGGETTI BENEFICIARI IMPRESE PERSONE FISICHE
no usufruire dei vantaggi previsti dal
91,82% 93,19%
decreto Rilancio. L’accordo prevede un Banca Carige
(101% su 110%) (102,5% su 110%)
servizio di consulenza sugli aspetti IntesaSanpaolo
90,91% 92,73%
tecnici e di natura fiscale per tutte le (100% su 110%) (102% su 110%)
90,91% 92,73%
fasi del processo, finalizzato all’analisi Unicredit
(100% su 110%) (102% su 110%)
e alla verifica della completezza e con- 91,82%
BCC
gruità di tutta la documentazione (101%su 110%)
90,91% 92,73%
prevista dalla normativa e dai decreti Banca Sella
(100% su 110%) (102% su 110%)
attuativi del Mise e dell’agenzia delle 90,91% 92,73%
Generali
Entrate - attestati di prestazione ener- (100% su 110%) (102% su 110%)
getica (Ape a inizio e a fine lavori), 90,91%
Itas
(100% su 110%)
asseverazione tecnica, visto di confor- 93,64%
Poste Italiane
mità - oltre a servizi di consulenza (103% su 110%)
progettuale sui lavori che i clienti in- BNL
90,91%
(100% su 110%)
tendono eseguire e di verifica sull’ef-
90,91% 92,73%
fettiva esecuzione degli stessi, fino Bper
(100% su 110%) (102% su 110%)
all’assistenza sul trasferimento del Credit Agricole
90,91%
credito d'imposta maturato dal casset- (100% su 110%)
90,91% 92,73%
to fiscale del cliente a quello della ban- Banca Pop. Sondrio
(100% su 110%) (102% su 110%)
ca. Il tutto viene realizzato attraverso 92,73%
UnipolSai
una piattaforma tecnologica dedicata. (102% su 110%)
ALTRI BONUS
In campo le assicurazioni QUOTE ANNUALI DI COMPENSAZIONE 10 (ANNI)
SOGGETTI BENEFICIARI IMPRESE/PERSONE FISICHE
All’offerta bancaria si è affiancata quel- Banca Carige 81,12% (73% su 90% e 40,5% su 50%)
la assicurativa con Generali, Reale IntesaSanpaolo 80,00% (72% su 90% e 40% su 50%)
Group, Groupama, UnipolSai e Itas. Unicredit 78,00% (70% su 90% e 39% su 50%)
Anche Axa si dice pronta ad allargare BCC Roma 80,00% (72% su 90% e 40% su 50%)
ulteriormente la propria gamma di Banca Sella Non disponibile
soluzioni, incluse il finanziamento e Generali Non disponibile
l'acquisto del credito, a favore delle Poste Italiane Non disponibile
imprese e dei clienti privati. BNL 80,00% (72% su 90% e 40% su 50%)
Le imprese assicurative fanno dunque Bper Non disponibile
il loro ingresso in questo business, Credit Agricole 78,00% (70% su 90% e 39% su 50%)
dopo i chiarimenti ottenuti con i prov- Banca Pop. Sondrio Non disponibile
UnipolSai Non disponibile
vedimenti dell’Agenzia delle Entrate,

15
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE LE SCELTE

anche per sfruttare le opportunità di Gigliotti, direttore tecnico e sinistri di


ampliamento della proposta di coper- UnipolSai –ed è convinta che il Super-
ture ad hoc per i professionisti del Bonus possa essere uno strumento
settore e per i proprietari di casa. rilevante per la crescita, accelerando
«Non abbiamo pensato a questa solu- un processo di sostenibilità e di rinno-
zione solo per entrare nel settore della vamento strutturale delle milioni di
cessione del credito, ma per avere uno abitazioni e generando benefici anche
strumento adatto a sviluppare il nostro al settore edile ed alla sua filiera».
business con soluzioni che hanno Si parte dall’assistenza in assemblea
anche finalità sociali, come le copertu- condominale, al supporto nelle fasi
re dalle catastrofi naturali – spiega successive con la messa a disposizione
Massimo Monacelli, chief property & di piattaforme digitali che consentono
casualty officer di Generali Italia –. di controllare tutto il processo.
Inoltre vogliamo essere al fianco del Tra gli obiettivi delle compagnie c’è
settore dell’edilizia, dando una mano anche la proposta della copertura Rc
anche al Paese e alla ripartenza». professionale per gli asseveratori. La
Di offerta complessiva e completa polizza è obbligatoria (con un massi-
parlano anche Reale Group, storica- male minimo di 500mila euro) e dovrà
mente vicino al segmento dei condo- essere esibita nella pratica, pena deca-
mìni e a UnipolSai, gruppo leader nel denza dell’asseverazione stessa, che è
settore danni. a sua volta un tassello fondamentale
«La nostra compagnia vuole supporta- per la validità dell’intervento e per
re il rilancio del Paese in questo mo- l’ottenimento del credito d’imposta.
mento difficile – ha spiegato Giovanna © RIPRODUZIONE RISERVATA

Polizza agevolata
Il contribuente che per effettuare inter- premio pagato per la copertura contro i
venti antisismici deciderà di cedere il disastri naturali (terremoti, alluvioni).
proprio credito fiscale del 110% a una Un vantaggio che potrebbe far aumentare
compagnia assicurativa stipulando conte- l’utilizzo di queste polizze poco diffuse in
stualmente una polizza contro le calamità Italia, nonostante già godano di una detra-
naturali beneficerà di una detrazione del zione del 19% del premio (che resta valido
90% sul premio. per modalità di acquisto diverse dal si-
L’agevolazione è prevista dall’articolo 119 smabonus).
del Dl Rilancio 34/2020, convertito dalla Confermata anche l’esenzione della tassa
legge 77 del 17 luglio, secondo il quale è sulle assicurazioni in fase di sottoscrizione,
possibile uno sconto fiscale del 90% del già prevista per le coperture catastrofali.

16
02
IL SUPERBONUS
DEL 110%
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

SUPERBONUS
Energia, risparmio
premiato in villette
e nel condominio

di Cristiano Dell’Oste

S
ervono lavori pesanti e venti “trainati” (di fatto, tutte le opere
ben progettati. Il “voucher già agevolate dall’ecobonus ordinario,
fiscale” del 110% destinato dal cambio delle finestre al solare termi-
al miglioramento energe- co, la cui detrazione aumenta al 110% se
tico è riservato a chi fa sa- vengono agganciate a lavori trainanti).
lire di almeno due voti la pagella del- È fondamentale, perciò, eseguire una
l’edificio (passando, ad esempio, dal- valutazione preliminare indipendente
la classe F alla D). per individuare il catalogo dei lavori più
Per ottenerlo è necessario eseguire al- adatti, anche in funzione del budget del
meno un lavoro “trainante” (coibenta- committente. Ad esempio – secondo la
zione del 25% della superficie disper- simulazione elaborata da Cremonesi
dente lorda dell’edificio o intervento Consulenze per Il Sole 24 Ore di lunedì 21
sull’impianto termico) al quale è possi- settembre – la riqualificazione di una
bile aggiungere a scelta uno o più inter- villetta con coibentazione dell’involu-

18
IL SUPERBONUS

cro, cambio della caldaia, con sistema te: se nell’edificio prevale la superficie
ibrido (condensazione + pompa di calo- degli alloggi, sono agevolate anche le
re), impianto fotovoltaico (3 kW) e sosti- spese riferite alle unità non abitative (ad
tuzione degli infissi può costare 85.700 esempio uffici o negozi); se invece pre-
euro. Spesa che si traduce in un super- vale la superficie delle unità non abitati-
bonus di 94.270 euro (pari al 110%) e per- ve, queste ultime non hanno il 110% e
mette di ridurre la bolletta energetica da potranno, se mai, avere le altre agevola-
1.521 a 697 euro annui. zioni spettanti (ad esempio, gli alloggi
La detrazione del 110% vale per le spe- avranno il 110% e gli uffici l’ecobonus del
se sostenute dal 1° luglio di quest’anno 65%, secondo la procedura sdoganata
al 31 dicembre 2021. La detrazione si re- dall’interpello 294/2020);
cupera in cinque anni sotto forma di 3 un condominio che contiene solo
sconto dall’imposta dovuta (Irpef o Ires unità non abitative è escluso dal super-
per le società di capitali). In alternativa, bonus (come un centro direzionale);
può essere sfruttata sotto forma di 4 su un’abitazione inserita in un edifi-
sconto in fattura – se il fornitore lo pro- cio plurifamiliare si possono eseguire
pone – o ceduta ad altri soggetti (ban- lavori agevolati dal superbonus senza
che, intermediari finanziari o qualsiasi coinvolgere le altre se essa è “indipen-
altro soggetto privato). Poiché il super- dente” (cioè ha impianti autonomi e ac-
bonus matura a fine lavori (o ai singoli cesso esterno); oppure, se l’unità non è
Sal, non inferiori al 30% del totale), la indipendente, si può avere il 110% se l’in-
banca può anche finanziare i lavori, così tervento su di essa consente comunque
che il committente non debba anticipa- di coinvolgere il 25% della superficie di-
re il denaro per pagare l’impresa: il cor- sperdente lorda dell’edificio e migliora-
rispettivo della cessione andrà poi a re di due classi l’intero edificio (interpel-
estinguere il finanziamento. lo 408/2020);
Esiste anche un’altra versione del su- 5 un edificio con diverse unità immobi-
perbonus, quella “sismabonus” (della liari appartenenti a un unico proprieta-
quale ci occupiamo a pagina 32). rio – che quindi non è un “condominio
in senso civilistico – non ha il 110%;
Edifici agevolati ed esclusi 6 un immobile non residenziale (ad
Gli edifici su cui si può intervenire devo- esempio, un laboratorio in categoria
no essere abitativi. Il decreto Rilancio C/3) non può mai avere il superbonus, a
(articolo 119) non lo dice espressamente a meno che non venga ristrutturato e
ma le Entrate (circolare 24/E) hanno “convertito” in abitazione.
dettato dei limiti in più. Perciò: Ci sono poi due vincoli di carattere ge-
1 un’abitazione monofamiliare può nerale. Primo: non sono mai agevolate
avere il superbonus; le unità censite nelle categorie catastali
2 un condominio che contiene almeno di pregio A/1, A/8 e A/9 (tranne, per
un appartamento è ammesso al super- quest’ultima categoria, quelle aperte al
bonus, ma con una limitazione rilevan- pubblico). Perciò, se al piano nobile di

19
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

un palazzo ci sono appartamenti in ca- getti del terzo settore, e le associazioni e


tegoria A/1, questi non potranno avere il società sportive dilettantistiche per i soli
110%, che invece spetterà agli alloggi nei lavori eseguiti sugli spogliatoi.
piani inferiori e superiori: le dimore in Gli imprenditori e le società, perciò,
A/1, invece, potranno avere le diverse sono agevolati solo se vengono coinvol-
agevolazioni spettanti in base al tipo di ti nei lavori in quanto “condòmini” di un
lavoro eseguito. edificio con almeno un appartamento
Secondo vincolo: tutti gli immobili su (sia che possiedano abitazioni, sia che
cui si interviene con il superbonus in possiedano unità non abitative).
versione “eco” devono essere dotati di Per le persone fisiche, comunque, il
impianto di riscaldamento. Quindi mol- 110% in versione “eco” può essere appli-
ti ruderi da ristrutturare saranno esclusi cato al massimo su due unità, escluden-
dal 110 per cento. Attenzione, però: que- do i lavori su parti comuni. Ad esempio,
sto limite non vale per il sismabonus. un contribuente che possiede tre appar-
tamenti in un condominio in cui si ese-
Privati, condomini e imprese gue un intervento agevolato al 110%,
Tra i beneficiari del superbonus il decre- avrà diritto al superbonus per tutte e tre
to Rilancio (articolo 119) individua in- le quote. Se però intende eseguire lavori
nanzitutto i condomìni e le persone fisi- “trainati” nei singoli alloggi, potrà age-
che “private”, cioè al di fuori dell’attività volarne al massimo due. E se ha anche
d’impresa o professione. A questi si ag- una villetta al mare, i lavori eseguiti al-
giungono poi gli istituti case popolari l’interno dei due appartamenti inibi-
(per i quali il superbonus dura fino al 30 ranno quelli nella casa in riviera.
giugno 2022), le Onlus e alcuni altri sog- © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’identikit
Il 110% è un’agevolazione fiscale che pio 50.000 euro per la coibentazione di una
premia interventi di miglioramento ener- casa monofamiliare) ma bisogna anche
getico (indicati ai commi 1-3 dell’articolo rispettare i limiti di «congruità» della spesa
119 del decreto Rilancio) e messa in fissati dal Dm Requisiti 6 agosto 2020.
sicurezza antisismica (comma 4 dello Il superbonus può essere usato come
stesso articolo). detrazione Irpef o Ires in 5 anni. In alterna-
Si applica alle spese sostenute dal 1° luglio tiva, può essere subito “monetizzato”
2020 al 31 dicembre 2021. utilizzandolo sotto forma di sconto in
Il superbonus è pari - appunto - al 110% fattura (con l’accordo del fornitore) o
della spesa sostenuta. I massimali di spesa cedendolo a una banca, a un intermediario
variano in base al tipo di lavoro (ad esem- o ad un altro soggetto privato.

20
IL SUPERBONUS

IL MECCANISMO «TRAINANTE»

Caldaie e cappotti guidano


gli eco-lavori agevolati
di Marco Zandonà eventuali sistemi di accumulo, anche

I
successivi), se contestuale all’isola-
l superbonus al 110% è riconosciu- mento termico dell’involucro, alla
to per tre categorie di interventi sostituzione degli impianti di clima-
principali: l’isolamento termico tizzazione o ai lavori di messa in sicu-
delle superfici, la sostituzione di im- rezza sismica.
pianti di climatizzazione invernale e Gli interventi “trainati”, dunque,
la messa in sicurezza sismica. Lavori fruiscono del 110% solo in quanto
da effettuare su condomìni, edifici effettuati insieme a quelli principa-
unifamiliari o unità immobiliari site li. E con la circolare 24/E/2020 è
in edifici plurifamiliari. Questi tipi di stato precisato che gli interventi
intervento, che sono detti “trainanti”, “trainati” si considerano effettuati
se effettuati a determinate condizioni, congiuntamente ai “trainanti” se le
consentono di detrarre al 110% in relative spese sono sostenute tra la
cinque anni le spese sostenute, oppu- data di inizio e la data di fine dei
re di avvalersi della cessione del credi- lavori “trainanti”.
to o dello sconto in fattura.
L’esecuzione di un intervento Gli eco-lavori «trainanti»
“trainante”consente inoltre di esten- Ecco nel dettaglio quali sono gli inter-
dere l’aliquota del 110% a ulteriori venti trainanti di riqualificazione
lavori, che però devono essere ese- energetica (ecobonus).
guiti contestualmente e per questo 1 L’isolamento termico - nei condo-
sono detti “trainati”. mìni o nelle unifamiliari o plurifami-
Sono così “trainati” tutti gli inter- liari con entrata autonoma, comprese
venti da ecobonus previsti dall’artico- le villette a schiera - delle superfici
lo 14 del Dl 63/2013, diversi da quelli opache verticali, orizzontali e inclina-
“trainanti” ed effettuati contestual- te (cosiddetto cappotto), con un’inci-
mente ad essi; l’installazione di infra- denza superiore al 25% della superfi-
strutture di ricarica di veicoli elettrici, cie disperdente lorda dell’edificio.
se contestuale all’isolamento termico Con il Dl 104/2020 è stata chiarita la
dell’involucro e alla sostituzione degli definizione di accesso autonomo
impianti di climatizzazione; l’installa- dall’esterno: «un accesso indipenden-
zione di impianti fotovoltaici (con te, non comune ad altre unità immo-

21
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

biliari, chiuso da cancello o portone fino a 8 unità immobiliari; e non su-


d’ingresso che consenta l’accesso periore a 15.000 euro moltiplicati per
dalla strada o da cortile o giardino il numero delle unità immobiliari che
anche di proprietà non esclusiva», in compongono gli edifici composti da
modo includere tra i beneficiari anche più di otto unità immobiliari (in tale
i proprietari degli edifici unifamiliari importo rientrano anche le spese
funzionalmente indipendenti, che relative allo smaltimento e alla boni-
hanno un accesso autonomo anche da fica dell’impianto sostituito).
aree comuni esterne. Per la sostituzione di impianti di
La detrazione è calcolata su un am- climatizzazione invernale negli edifi-
montare complessivo di spesa: fino a ci unifamiliari o nelle unità immobi-
50.000 euro per edifici unifamiliari o liari site all’interno di edifici plurifa-
per unità immobiliari situate all’inter- miliari (le villette a schiera) la detra-
no di edifici plurifamiliari (cioè le zione è calcolata su un tetto massimo
villette a schiera); fino a 40.000 euro di spesa fino a 30.000 euro. Solo per
moltiplicati per il numero delle unità le aree non metanizzate nei Comuni
immobiliari in edifici da 2 a 8 unità; non interessati dalle procedure eu-
fino a 30.000 euro moltiplicati per il ropee di infrazione relative alla qua-
numero delle unità immobiliari in lità dell’aria, il 110% è ammesso an-
edifici con più di 8 unità immobiliari. che per la sostituzione degli impianti
2 La sostituzione degli impianti di di climatizzazione invernale con
climatizzazione invernale sulle parti caldaie a biomassa aventi prestazio-
comuni con impianti centralizzati per ni emissive con i valori previsti alme-
il riscaldamento, il raffrescamento o no per la classe 5.
la fornitura di acqua calda sanitaria -
a condensazione almeno pari alla I requisiti energetici
classe A, a pompa di calore, inclusi gli Per ottenere il superbonus del 110%
impianti ibridi o geotermici, anche occorre, al termine dei lavori, il mi-
abbinati all’installazione di impianti glioramento di due classi energetiche
fotovoltaici e relativi sistemi di accu- dell’edificio, attestato dall’Ape (atte-
mulo, di microcogenerazione o a stato di prestazione energetica) pre e
collettori solari - e l’allaccio a sistemi post intervento.
di teleriscaldamento efficiente (esclu- Se l’edificio è sottoposto ad almeno
sivamente per i Comuni montani non uno dei vincoli del Codice dei beni
interessati dalle procedure europee di culturali e del paesaggio, o se gli inter-
infrazione relative alla qualità del- venti “potenziati” sono vietati da
l’aria). La detrazione è calcolata su un regolamenti edilizi, urbanistici e am-
ammontare complessivo di spesa: bientali, l’ecobonus al 110% si applica
non superiore a 20.000 euro moltipli- a tutti gli interventi di risparmio ener-
cati per il numero delle unità immo- getico “trainati, anche in assenza degli
biliari che compongono gli edifici interventi “trainanti”, fermo restando

22
IL SUPERBONUS

il rispetto dei requisiti minimi e, ove di spesa ammessa alla detrazione va


possibile, il miglioramento di almeno riferito all’unità abitativa e alle sue
due classi energetiche dell’edificio o pertinenze considerate insieme, an-
delle unità immobiliari (oppure, in che se accatastate separatamente. Il
caso di impossibilità, il conseguimen- limite è sempre di 96.000 euro anche
to della classe energetica più alta). nel caso di acquisto delle “unità im-
Gli interventi di risparmio energeti- mobiliari antisismiche”; e di 96.000
co accedono al superbonus anche in moltiplicato per il numero delle unità
caso di demolizione e ricostruzione, immobiliari di ciascun edificio, per gli
con ampliamento volumetrico, pur- interventi sulle parti comuni di edifici
ché nel rispetto dei requisiti minimi e in condominio.
del miglioramento delle due classi
energetiche, e sempre che si tratti di Gli interventi «trainati»
interventi di demolizione e ricostru- L’esecuzione degli interventi trainanti
zione nei termini della “ristruttura- consente -come detto - di estendere la
zione edilizia”. maggior aliquota del 110% anche ad
ulteriori lavori “trainati”, da eseguire
Le opere antisismiche contestualmente.
Gli interventi trainanti per il sismabo- Per l’ecobonus sono interventi
nus al 110% sono tutti quelli eseguiti “trainati” tutti gli interventi di riqua-
sulle parti strutturali dell’edificio e lificazione energetica previsti dal-
che comportano, al termine dell’inter- l’articolo 14 del Dl 63/2013, diversi da
vento, il miglioramento di una o due quelli “trainanti” ed effettuati conte-
classi sismiche, oppure un migliora- stualmente: la sostituzione degli
mento della sicurezza statica anche infissi, l’installazione di schermature
senza variazione di classe. L’edificio solari e la coibentazione della singo-
deve essere situato in zona 1, 2 e 3 la unità; la sostituzione dell’impian-
della mappa sismica nazionale (viene to di riscaldamento della singola
espressamente esclusa la sola zona 4). unità a fronte del realizzo del cap-
E la detrazione spetta anche per l’in- potto condominiale; l’installazione
stallazione di sistemi di monitoraggio di infrastrutture di ricarica di veicoli
strutturale continuo a fini antisismici, elettrici se effettuata contestualmen-
eseguita insieme a uno degli interven- te all’isolamento termico dell’involu-
ti da sismabonus, nel rispetto dei cro e alla sostituzione degli impianti
limiti di spesa previsti dalla legislazio- di climatizzazione.
ne vigente per i medesimi interventi. Sempre tra gli interventi trainati, sia
Per il sismabonus potenziato al per l’eco che per il sismabonus, rien-
110%, gli importi di spesa ammessi tra l’installazione di impianti fotovol-
sono pari a 96.000 euro, nel caso di taici con contestuale o successiva
interventi realizzati su singole unità installazione di sistemi di accumulo.
immobiliari. L’ammontare massimo © RIPRODUZIONE RISERVATA

23
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

GLI ADEMPIMENTI

Asseverazioni e visti
per l’ok alle agevolazioni
di Giorgio Gavelli posta, pari alla detrazione spettante

P
(con facoltà di successiva cessione del
er ottenere il superbonus del credito ad altri soggetti, compresi istituti
110% il legislatore ha previsto di credito e altri intermediari finanziari);
diversi adempimenti, superiori a O la cessione di un credito d’imposta di
quelli (già impegnativi) dell’eco e sisma- pari ammontare, con facoltà di successi-
bonus “ordinari”: dal visto di conformità va cessione a terzi (compresi istituti di
alle asseverazioni tecniche, fino alle credito e altri intermediari finanziari).
delibere assembleari. Per apprezzare appieno il ruolo del
professionista in questa fase occorre
Il visto di conformità ricordare anche alcune disposizioni
L’articolo 121 del Dl Rilancio 34/2020 inserite all’articolo 119 del Dl Rilancio.
introduce due alternative alla detrazio- Innanzitutto - al comma 11 - si afferma
ne fiscale per tutti i soggetti che «negli che, ai fini dell’opzione per la cessione o
anni 2020 e 2021» sostengono spese per per lo sconto in fattura, «il contribuente
interventi edilizi agevolati non solo dal richiede il visto di conformità dei dati
superbonus del 110%, ma anche da altri relativi alla documentazione che attesta
bonus, tra cui quello “classico” per il la sussistenza dei presupposti che dan-
recupero del patrimonio edilizio (artico- no diritto alla detrazione d’imposta» per
lo 16-bis, comma 1, lettere a-b, del Tuir) e gli interventi indicati al medesimo arti-
il bonus facciate (articolo 1, comma 219, colo 119. Il visto di conformità è rilasciato
della legge di Bilancio 2020). in base all’articolo 35 del Dlgs 241/1997,
Al posto dell’utilizzo diretto della dai soggetti indicati alle lettere a-b ,
detrazione spettante, i contribuenti comma 3, dell’articolo 3 del Dpr 322/98,
possono quindi optare in via telematica e dai responsabili dell’assistenza fiscale
(secondo le modalità definite dal prov- dei centri costituiti dai soggetti di cui
vedimento del direttore dell’agenzia all’articolo 32 del Dlgs 241/97 (cioè i Caf);
delle Entrate dell’8 agosto 2020) per: Viene inoltre stabilito - al comma 15 -
O uno sconto sul corrispettivo dovuto, che tra le spese detraibili rientrano, per
fino a un importo pari al corrispettivo gli interventi citati, quelle sostenute per
stesso, da parte dei fornitori che hanno il rilascio delle attestazioni e delle asse-
eseguito gli interventi e da questi ultimi verazioni di cui ai commi 3 e 13 e del
recuperato sotto forma di credito d’im- visto di conformità di cui al comma 11.

24
IL SUPERBONUS

Quindi, riepilogando: tali soggetti rilasciano, su richiesta dei


O per gli interventi che hanno diritto al contribuenti, un visto di conformità dei
superbonus del 110%, le attestazioni dati dichiarativi alla relativa documen-
tecniche sono sempre necessarie, men- tazione e alle risultanze delle scritture
tre il visto di conformità specifico occor- contabili, nonché di queste ultime alla
re solo se si procede alla cessione del relativa documentazione contabile.
credito o si chiede lo “sconto in fattura”; Tuttavia, nell’ipotesi di cui al comma 11,
O per gli altri interventi richiamati articolo 119, del Dl Rilancio (superbonus
dall’articolo 121 del Dl Rilancio, diversi per cessione del credito o sconto in
da quelli di cui al punto precedente, il fattura), il visto deve riguardare la con-
visto di conformità specifico non è mai formità «dei dati relativi alla documen-
obbligatorio; mentre le attestazioni tazione che attesta la sussistenza dei
tecniche sono necessarie se e in quanto presupposti che danno diritto alla detra-
richieste dai singoli interventi ai fini zione d’imposta per gli interventi di cui
dell’ecobonus e del sismabonus, sulla al presente articolo». Ne consegue che,
base di quanto previsto dal Dm “Requi- in tale ipotesi, il compito di verifica del
siti” del 6 agosto scorso. professionista è meno esteso.
Per quanto riguarda i soggetti che
possono rilasciare il visto di conformità, Le attestazioni tecniche
si tratta - oltre ai responsabili Caf (ex Per fruire del superbonus, anche attra-
articolo 32 del Dlgs 241/97) - dei soggetti verso la “semplice” detrazione in dichia-
di cui alle lettere a-b del comma 3, arti- razione, sono necessarie le asseverazioni
colo 3, del Dpr 322/98: prescritte dalla lettera a), comma 13,
N gli iscritti negli albi dei dottori com- dell’articolo 119 per gli interventi di ri-
mercialisti, dei ragionieri e dei periti sparmio energetico, e dalla successiva
commerciali e dei consulenti del lavoro; lettera b), per le opere antisismiche. Tali
N i soggetti iscritti alla data del 30 set- asseverazioni hanno la funzione di atte-
tembre 1993 nei ruoli di periti ed esperti stare sia la sussistenza dei requisiti tecnici
tenuti dalle Camere di commercio, in- richiesti dal legislatore, sia la congruità
dustria, artigianato e agricoltura per la della spesa sostenuta, secondo quanto
sub-categoria tributi, in possesso di disposto dal decreto “Requisiti” del Mise
diploma di laurea in giurisprudenza o in del 6 agosto 2020. L’altro decreto del Mise
economia e commercio o equipollenti o del 6 agosto contiene i facsimile delle
diploma di ragioneria. asseverazioni, da rilasciare a fine lavori o
Ai fini del rilascio del visto, i professio- per ogni stato avanzamento (come previ-
nisti abilitati alla trasmissione telemati- sto dal comma 13-bis dell’articolo 119), se
ca delle dichiarazioni devono seguire le si intende fruire del 110 per cento.
procedure previste dal Dm 164/1999 Il soggetto che rilascia il visto di con-
(istanza alla competente direzione delle formità deve verificare la presenza delle
Entrate, polizza assicurativa, eccetera). asseverazioni e delle attestazioni rila-
In base all’articolo 35 del Dlgs 241/97, sciate dai professionisti incaricati.

25
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE IL SUPERBONUS

Le delibere condominiali un terzo del valore dell’edificio. Per la


In caso di lavori condominiali (indi- validità dell’assemblea, in base al
spensabili, in particolare, quelli “trai- Codice civile, occorre:
nanti”), la delibera che li approva N in prima convocazione, l’interven-
diventa parte essenziale della detra- to dei condòmini che rappresentano
zione e dovrà essere conservata dal almeno 2/3 del valore dell’edificio e la
contribuente assieme alla tabella maggioranza dei partecipanti al con-
millesimale (in alternativa, si può dominio;
ricorrere alla certificazione dell’am- N in seconda convocazione, l’inter-
ministratore). vento dei condòmini che rappresenta-
In proposito, la conversione del Dl no almeno 1/3 del valore dell’edificio e
Agosto 104/2020 ha implementato la 1/3 dei partecipanti al condominio.
normativa, chiarendo anche alcuni Anche se non espressamente previ-
punti dibattuti in merito alle maggio- sto dal regolamento condominiale,
ranze. Il nuovo testo del comma 9-bis previo consenso di tutti i condòmini,
dell’articolo 119 prevede quindi che le la partecipazione all’assemblea può
delibere condominiali concernenti avvenire in modalità di videoconfe-
l’approvazione degli interventi ogget- renza. In tal caso il verbale (redatto
to di superbonus e degli eventuali dal segretario e sottoscritto dal presi-
finanziamenti collegati, nonché l’ade- dente) dev’essere trasmesso all’am-
sione all’opzione per la cessione o per ministratore e a tutti i condòmini con
lo sconto in fattura, sono valide se le stesse formalità previste per la
approvate dalla maggioranza degli convocazione.
intervenuti che rappresenti almeno © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli adempimenti necessari


Interventi ex articolo 119, Dl 34/2020 di conformità non sono richiesti per
Asseverazioni tecniche e di congruità: detrazione, cessione del credito e sconto
sempre obbligatorie (per detrazione, ces- in fattura.
sione del credito o sconto in fattura). Restano ferme le attestazioni previste per
Visto di conformità: obbligatorio solo per gli interventi di ecobonus o sismabonus, in
cessione del credito e sconto in fattura base al Dm “Requisiti” del Mise del 6 agosto
(non richiesto per la detrazione). 2020 (o ai decreti precedenti, in caso di
lavori iniziati prima del 6 ottobre 2020).
Altri interventi citati all’articolo 121, E restano anche i visti di conformità previsti
diversi da quelli legati al superbonus per il modello 730 e per la compensazione
Asseverazioni tecniche, di congruità, e visto dei crediti dichiarativi «sopra soglia».

26
03
IL SISMABONUS
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

SISMABONUS
Ridurre il rischio
dà un «premio»
anche agli acquisti

di Andrea Barocci*

I
l decreto legge 34/2020 («De- perbonus assorbe così tutti gli inter-
creto Rilancio») consente, con il venti strutturali possibili, andando di
superbonus del 110%, di elevare fatto a eliminare ogni premialità lega-
ad alcune condizioni le detra- ta alla classificazione ed elevando
zioni del sismabonus alla per- qualsiasi intervento alla percentuale
centuale del 110 per cento. Si tratta di del 110 per cento. Vediamo però le ca-
una possibilità e non di un obbligo, ratteristiche di base del sismabonus,
perché il sismabonus ha maggiore senza il superbonus.
versatilità e campi d'applicazione ri-
spetto al superbonus. La possibilità di Normativa base
utilizzare la detrazione maggiorata O Il sismabonus è stato introdotto dal
(articolo 119, comma 4, del Dl 34/2020) decreto legge 63/2013 e consiste in de-
è prevista per le spese sostenute dal 1° trazioni maggiorate per la messa in si-
luglio 2020 al 31 dicembre 2021 e il su- curezza degli edifici. La legge di bilan-

28
IL SISMABONUS

cio per il 2017 (232/2016), modificando ché per la realizzazione degli inter-
l’articolo 16 del Dl 63/2013 ha poten- venti necessari al rilascio della sud-
ziato il sismabonus: detta documentazione.
O concedendo fino al 31 dicembre Gli interventi relativi all’adozione di
2021 per le detrazioni; misure antisismiche e all’esecuzione
O prevedendo l’applicabilità degli in- di opere per la messa in sicurezza stati-
centivi anche alle seconde case e agli ca devono essere realizzati sulle parti
insediamenti produttivi; strutturali degli edifici o complessi di
O inserendo nelle detrazioni anche le edifici collegati strutturalmente e
spese effettuate per la classificazione e comprendere interi edifici e, ove ri-
verifica sismica degli immobili; guardino i centri storici, devono essere
O per interventi sulle parti comuni eseguiti sulla base di progetti unitari e
di edifici condominiali, consenten- non su singole unità immobiliari.
do la cessione del credito d’imposta Da qui si inseriscono i due articoli
oltre che alle imprese di costruzioni principali per il sismabonus e la conse-
anche a soggetti terzi (non banche o guente classificazione:
istituti di credito). 1 se dalla realizzazione degli inter-
Il decreto del ministero delle Infra- venti deriva una riduzione del rischio
strutture n. 58 del 28 febbraio 2017 ha sismico che determina il passaggio a
stabilito le linee guida per la classifica- una classe di rischio inferiore, la detra-
zione del rischio sismico delle costru- zione dall’imposta spetta nella misura
zioni nonché le modalità per l’attesta- del 70% della spesa sostenuta. Se
zione, da parte di professionisti abili- dall'intervento deriva il passaggio a
tati, dell’efficacia degli interventi ef- due classi di rischio inferiori, la detra-
fettuati, in attuazione della legge di zione spetta all’80 per cento;
bilancio 2017. Il 7 marzo il Dm Infra- 2 se gli interventi sono realizzati sul-
strutture n. 65 ha disposto alcune cor- le parti comuni di edifici condominia-
rezioni formali. li, le detrazioni spettano al 75% nel ca-
so di passaggio a una classe inferiore e
Gli interventi all’85% se il passaggio è a due classi.
Gli interventi agevolati sono elenca- Queste detrazioni si applicano su un
ti all’articolo 16 bis, comma 1, lettera ammontare delle spese non superio-
i), del Tuir (Dpr 917/86): interventi re a 96mila euro, moltiplicato per il
relativi all’adozione di misure anti- numero delle unità immobiliari di
sismiche con particolare riguardo ciascun edificio. Per tali interventi, a
all’esecuzione di opere per la messa decorrere dal 1º gennaio 2017, in luo-
in sicurezza statica, in particolare go della detrazione i soggetti benefi-
sulle parti strutturali, per la redazio- ciari possono optare per la cessione
ne della documentazione obbligato- del corrispondente credito ai fornito-
ria atta a comprovare la sicurezza ri che hanno effettuato gli interventi
statica del patrimonio edilizio, non- ovvero ad altri soggetti privati, con la

29
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE IL SISMABONUS

facoltà di successiva cessione del cre- Infine, con il Dl 34/2019 è stata inse-
dito (purché privati, e comunque non rita la detrazione per acquisto di case
a istituti di credito). antisismiche anche nelle zone sismi-
che 2 e 3, in precedenza possibile nella
Correzioni più recenti sola zona sismica 1. Chi compra unità
La legge di bilancio per il 2018 (n. immobiliari antisismiche in uno dei
205/2017) ha ulteriormente potenzia- Comuni in zona a rischio sismico 1, 2 o
to il provvedimento: 3 può beneficiare di una detrazione del
O con l’estensione agli Istituti au- 75% o dell’85% del prezzo di vendita fi-
tonomi per le case popolari (patri- no a un importo massimo di 96mila
monio Erp); euro, purché l’unità immobiliare sia
O con agevolazioni per interventi ceduta, entro i 18 mesi dalla fine lavori,
congiunti di riqualificazione energeti- dall’impresa di costruzione o di ri-
ca e miglioramento antisismico; strutturazione immobiliare che vi ab-
O con la parziale deducibilità delle bia effettuato interventi di demolizio-
spese assicurative contro il rischio ne e ricostruzione, anche con variazio-
sismico. ne volumetrica, ove consentito.
Con la risoluzione 34/E del 27 aprile In alternativa alla fruizione diret-
2018, l’agenzia delle Entrate ha speci- ta della detrazione in cinque quote
ficato che è possibile procedere anche annuali di pari importo, l’acquiren-
con demolizione e ricostruzione (pur- te può scegliere di cedere il credito
ché sia «un intervento di ristruttura- corrispondente.
zione edilizia e non un intervento di *Isi - Ingegneria Sismica Italiana
nuova costruzione»). © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’identikit
Il sismabonus è una detrazione da Irpef e da portano miglioramenti della classe sismica;
Ires per interventi di messa in sicurezza O 70% per interventi che riducono il rischio
statica di abitazioni e immobili a destinazio- sismico di una classe;
ne produttiva situati in zone ad alta perico- O 80% per interventi che riducono il rischio
losità sismica (zone 1, 2 e 3 della mappa sismico di due classi.
sismica italiana). La detrazione va calcolata Se gli interventi sono eseguiti su edifici
su una spesa non superiore a 96mila euro condominiali, le percentuali aumentano al
per unità immobiliare e ripartita in 5 quote 75% o all'85%, rispettivamente se il miglio-
annuali di pari importo. ramento è di una o due classi.
La detrazione è pari al: Il Dl 34/2020 ha elevato queste percentuali
O 50% delle spese per interventi che non al 110% senza distinzioni sino a fine 2021.

30
04
IL BONUS
FACCIATE
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

BONUS FACCIATE
Superfici esterne:
detrazione al 90%
per rifare il look

di Dario Aquaro e Cristiano Dell’Oste

I
ntrodotta dalla legge di Bilancio cornici. Sono agevolate anche le spese
2020, la detrazione del 90% per il correlate: per ponteggi, smaltimento dei
recupero delle facciate degli edi- materiali, titoli abilitativi, eccetera.
fici ha visto arrivare diversi chia- Requisito essenziale è che gli immobili
rimenti: con la circolare 2/E e (di qualsiasi categoria catastale) si trovi-
con gli interpelli su casi specifici, per gli no nelle zone A e B (indicate nel Dm
aspetti di dettaglio. 1444/1968) o in zone assimilabili in base
Il bonus consente di recuperare il 90% alla normativa regionale e ai regolamenti
dei costi sostenuti nel 2020 - senza limiti edilizi comunali.
di spesa - per il rinnovamento e il consoli- Il bonus facciate è fruibile da tutti: in-
damento della facciata esterna (inclusa la quilini e proprietari, residenti e non resi-
semplice pulitura e tinteggiatura), gli in- denti in Italia, persone fisiche e imprese.
terventi su balconi, ornamenti e fregi, e E in alternativa alla detrazione (Irpef o
anche su grondaie, pluviali, parapetti e Ires) da ripartire in dieci quote annue, si

32
IL BONUS FACCIATE

può - come stabilito dal Dl Rilancio 34/20 O Facciate. Il bonus riguarda gli inter-
- optare per lo sconto in fattura o la ces- venti di pulitura, tinteggiatura, consoli-
sione del credito (la cessione varrà anche damento, ripristino, miglioramento
sulle quote residue se all’inizio si è scelta delle caratteristiche termiche, rinnovo
la detrazione diretta). degli elementi costitutivi della facciata
esterna. Se l’intervento influisce dal
Gli interventi agevolati punto di vista termico, o comunque in-
In un primo tempo l’Agenzia aveva affer- teressa oltre il 10% della superficie di-
mato che l’agevolazione spetta sull’inte- sperdente lorda complessiva dell’edifi-
ro perimetro esterno del fabbricato con- cio, per avere il 90% bisogna rispettare i
dominiale, ma non per gli interventi ese- requisiti minimi indicati nel Dm 26 giu-
guiti sulle facciate interne dell’edificio gno 2015 e i valori limite di isolamento
(ad esempio, esposte verso cortili, cavedi, (trasmittanza) di cui al Dm Sviluppo “re-
chiostrini e simili), a meno che non fosse- quisiti” del 6 agosto 2020.
ro visibili dalla strada o da suolo ad uso Se invece l’incidenza è superiore al 25%
pubblico. In una recente risposta della superficie disperdente lorda del-
(296/20) ha dato via libera al bonus per le l’edificio e se ne migliora di due classi la
facciate interne anche se solo parzial- prestazione energetica, l’intervento - in
mente visibili dalla strada. Precisando presenza degli altri requisiti - può rien-
che tocca al contribuente dimostrarlo. In trare tra quelli “trainanti” del superbo-
caso di intervento agevolabile solo par- nus del 110%: percentuale che in tal caso si
zialmente, sarebbe meglio farsi fatturare estende alle spese sostenute per i lavori in
distintamente le spese, perché quelle che facciata (“assorbiti” nei lavori principali).
non rientrano nel bonus facciate potreb- Se però l’edificio è rivestito di pia-
bero rientrare, ad esempio, nel 50 per strelle o materiali particolari per coi-
cento. Detto ciò, ecco un sintetico elenco bentare i quali bisognerebbe stravol-
delle opere agevolate. gerne l’aspetto, la superficie coperta da
O Balconi. Ok al bonus facciate per in- tali materiali non va “conteggiata” ai fi-
terventi di pulitura e tinteggiatura della ni del 10% e quindi in certi casi si po-
superficie, consolidamento, ripristino o trebbe evitare di fare la coibentazione
rinnovo degli elementi costitutivi dei (circolare 2/E/2020).
balconi posti sulla facciata esterna. Bo- O Grondaie. Ammesso il bonus del 90%
nus ammesso anche se si esegue solo un per riparazione o sostituzione, se le gron-
intervento sui balconi, purché collocati daie si trovano su facciate esterne. Age-
su una facciata esterna. volati anche i lavori compresi in inter-
O Cornicioni. La detrazione del 90% va- venti complessivi sulla facciata esterna.
le per i lavori riconducibili al decoro urba- O Impianti. La detrazione del 90% ri-
no (pulizia, tinteggiatura, consolida- guarda solo la sistemazione delle parti
mento, ripristino o rinnovo). Agevolati impiantistiche che si trovano sulla parte
anche i lavori compresi in interventi opaca della facciata (ad esempio, cavi dei
complessivi sulla facciata esterna. condizionatori o dell’antenna). Su altre

33
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE IL BONUS FACCIATE

parti impiantische, invece, spetta la de- I lavori esclusi dal 90%


trazione standard del 50 per cento. Non beneficiano del bonus facciate gli
O Ornamenti e fregi. Questi, ai fini del interventi su lastrici solari, tetti, vetra-
bonus facciate, sono parificati ai balco- te, infissi, portoni, cancelli o terrazzi a
ni. Quindi, hanno il 90% gli interventi - livello. Cancelli e portoni possono frui-
compresa la semplice pulitura o tin- re del 50%: se l’intervento serve a mi-
teggiatura - dei fregi e degli ornamenti gliorare la sicurezza, è agevolato a pre-
sulle facciate esterne (in alternativa, scindere dall’inquadramento edilizio
spetta la detrazione del 50% sui lavori (cambio della serratura, installazione
edilizi standard). di grate e così via).
O Parapetti e pluviali. Ammesso il bo- Per le finestre, su parti comuni condo-
nus facciate per riparazione o sostituzio- miniali c’è il 50% in caso di riparazione o
ne di parapetti e pluviali, se si trovano su sostituzione anche senza modifiche di
facciate esterne. Agevolati anche i lavori materiali, forma e/o colori. Modifiche
compresi in interventi complessivi. che servono invece nelle singole unità.
O Ponteggio. Le spese per il noleggio del L’installazione di tende e scherma-
ponteggio per le facciate esterne, anche ture (allegato M del Dlgs 311/2006) può
se pagate a un’impresa diversa da quella fruire dell’ecobonus al 50 per cento.
che esegue i lavori, sono comprese nella Mentre per le coperture orizzontali,
detrazione del 90 per cento. come lastrici, tetti e terrazze, spetta il
O Progettazione. Rientrano nel bonus 50% edilizio standard o l’ecobonus al
facciate anche le spese di progettazione e 65% (se si raggiungono i requisiti di
le altre spese professionali (ad esempio, rendimento energetico).
perizie, sopralluoghi, redazione Ape). © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’identikit
Il bonus facciate si applica solo per il 2020 - zone limitrofe totalmente o parzialmente
salvo proroghe nella prossima legge di edificate (zone B, medesimo Dm).
Bilancio - ed è una detrazione per interventi Se i lavori di rifacimento della facciata ri-
di rifacimento della facciata esterna visibile guardano interventi influenti dal punto di
dalla pubblica via (ivi compresi balconi), di vista termico o interessano oltre il 10%
tutte le tipologie di fabbricati (abitativi e dell’intonaco della superficie disperdente
non ) posseduti da soggetti Irpef privati o lorda complessiva dell’edificio, devono
da imprese e società (soggetti Irpef o Ires). soddisfare i requisiti di cui al Dm Mise 26
Non sono previsti tetti di spesa. giugno 2015, e, con riguardo ai valori di
L'immobile deve trovarsi nei centri storici trasmittanza termica, i requisiti della tabella
(zona omogenea A del Dm 1444/1968) e in 2 dell’allegato B al Dm Mise 11 marzo 2008.

34
05
L’ECOBONUS
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

ECOBONUS
Interventi «green»
per migliorare
i consumi energetici

di Luca Rollino

C
on il termine “ecobonus” si volucro opaco e trasparente, la sostitu-
indicano le detrazioni pre- zione del sistema di generazione del ca-
viste per interventi di riqua- lore, l’efficientamento complessivo del-
lificazione energetica del l’edificio, l’installazione di pannelli solari
patrimonio edilizio esi- termici, di sistemi schermanti o di siste-
stente. Inizialmente pensate dalla legge mi domotici per la building automation, la
296/2006 con un’unica aliquota (55% realizzazione di interventi volti a garan-
della spesa sostenuta), le agevolazioni si tire sia una riduzione dei consumi ener-
sono poi differenziate per aliquota di de- getici che un miglioramento della sicu-
trazione, per spesa massima agevolabile rezza sismica dell’edificio;
e per tipologia di beneficiari. L’ecobonus 2 la spesa massima agevolabile. In base
si basa su quattro principi fondamentali: al tipo di intervento, c’è un limite alla spe-
1 il tipo di intervento. Sono previste age- sa agevolabile o alla detrazione massima
volazioni per la riqualificazione dell’in- fruibile. Nel primo caso, si ricava la detra-

36
L'ECOBONUS

zione fruibile moltiplicando la massima vale anche per immobili merce e immo-
spesa per l’aliquota di detrazione. Nel se- bili patrimonio. Il Dl Rilancio 34/20 ha
condo caso, invece, si ricava la massima innalzato l’aliquota al 110% per le spese
spesa agevolabile dividendo la detrazio- sostenute per la riqualificazione energe-
ne fruibile per la relativa aliquota. I mas- tica degli edifici, a precise condizioni:
simali di spesa previsti sono comprensivi N presenza di uno degli interventi “trai-
di Iva, spese tecniche e tutti gli oneri eco- nanti” (coibentazione dell’involucro
nomici connessi all’intervento; opaco o sostituzione dell’impianto ter-
3 il tipo di edificio. L’ecobonus è diffe- mico), tranne per gli edifici con vincoli
rente a seconda che riguardi un edificio architettonici o urbanistici;
unifamiliare, un edificio funzionalmen- N duplice salto di classe energetica del-
te autonomo, un edificio plurifamiliare l’edificio nel suo complesso, tramite in-
di proprietà di un unico soggetto, o un terventi “trainanti” e “trainati”;
edificio condominiale. Sono poi previste N congruità dei prezzi di realizzazione
eccezioni per edifici con vincoli architet- degli interventi, da dimostrare con i
tonici o urbanistici e per edifici collocati prezzari regionali o il prezzario Dei.
in contesti montani non metanizzati.
Non è rilevante la destinazione d’uso, I lavori agevolati
tranne che per fruire dell’aliquota più al- Nell’ecobonus “classico” rientrano i se-
ta (110%), per cui le Entrate richiedono la guenti lavori:
prevalenza residenziale. Possono fruire O interventi di riqualificazione energe-
dell’ecobonus anche gli immobili colla- tica globale eseguiti su edifici o su singole
benti (F/2), purché sua presente un im- unità immobiliari (aliquota 65%, detra-
pianto di riscaldamento; zione massima 100mila euro);
4 i requisiti prestazionali. È necessario O interventi sull’involucro edilizio di
realizzare un intervento di riqualifica- edifici o parti di edifici (aliquota variabile
zione energetica a norma con la legisla- tra il 50% e il 75% e spesa massima agevo-
zione vigente in materia di efficienza labile differente in base all’intervento).
energetica e, in aggiunta, garantire una Tali interventi possono riguardare: le
specifica prestazione agli elementi le cui strutture opache verticali o orizzontali
spese sono agevolate. Per fruire del 110%, (coperture e pavimenti); la sostituzione
è altresì richiesto il duplice salto di classe di finestre comprensive di infissi; la posa
energetica, da dimostrarsi con l’Ape (at- in opera di schermature solari, montate
testato di prestazione energetica) pre e in modo solidale all’involucro edilizio o
post intervento. ai suoi componenti; le parti comuni di
edifici condominiali, che interessino
La detrazione potenziata l’involucro dell’edificio con un’incidenza
L’ecobonus può essere fruito da soggetti superiore al 25% della superficie disper-
Irpef o Ires, e non vi sono più preclusioni dente lorda dell’edificio medesimo. Sono
agli immobili non strumentali detenuti previsti incrementi di aliquota nelle zone
da persone giuridiche: l’agevolazione sismiche 1, 2 e 3, se c’è il passaggio a una o

37
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE L'ECOBONUS

due classi di rischio sismico inferiore; di impianti di climatizzazione inverna-


O installazione di collettori solari per la le con impianti dotati di micro-cogene-
produzione di acqua calda per usi do- ratori di potenza elettrica inferiore a
mestici e non; 50kWe; la sostituzione di scaldacqua
O interventi sugli impianti di climatiz- tradizionali con altri a pompa di calore,
zazione invernale e produzione di ac- per la produzione di acqua calda sanita-
qua calda sanitaria (aliquota tra il 50% e ria; l’installazione, di impianti di clima-
il 65%, spesa massima agevolabile diffe- tizzazione invernale dotati di genera-
rente in base all’intervento. tori di calore alimentati da biomasse
Tali interventi possono riguardare: la combustibili; l’installazione e messa in
sostituzione, integrale o parziale, di opera, nelle unità abitative, di disposi-
impianti di climatizzazione invernale tivi e sistemi di building automation.
con impianti dotati di caldaie a conden- Sono agevolati anche l’installazione
sazione, con eventuale installazione di di impianti fotovoltaici (e relativi siste-
sistemi di termoregolazione evoluti, mi di accumulo) e l’installazione di co-
appartenenti alle classi V, VI oppure VIII lonnine di ricarica delle auto elettriche.
della comunicazione della Commissio- Tali interventi non rientrano nell’in-
ne 2014/C 207/02; la sostituzione, inte- sieme delle detrazioni dell’ecobonus
grale o parziale, di impianti di climatiz- “ordinario” (di solito, potrebbero in-
zazione invernale con impianti dotati fatti essere agevolati dal 50% edilizio
di generatori d’aria calda a condensa- standard). Ma sono inclusi tra i nuovi
zione, o di pompe di calore ad alta effi- interventi “trainati” del super-ecobo-
cienza, o di apparecchi ibridi; la sostitu- nus del 110 per cento.
zione funzionale, integrale o parziale, © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’identikit
L’ecobonus è un’agevolazione fiscale che di climatizzazione, eccetera) e del tipo di
premia gli interventi di riqualificazione edificio oggetto dei lavori (parte comune
energetica del patrimonio edilizio esistente. condominiale o singola unità immobiliare).
È fruibile dai soggetti Irpef e dai soggetti L’agevolazione può essere usata come
Ires (anche per immobili non strumentali: detrazione (suddivisa in 10 anni), “monetiz-
immobili merce o immobili patrimonio). zata” subito sotto forma di sconto in fattu-
L’ecobonus concede una detrazione che va ra, oppure ceduta a una banca, a un’inter-
dal 50 al 75% delle spese sostenute, con mediario finanziario o a un altro privato. Per
diversi massimali, a seconda del tipo di alcune spese di riqualificazione, il Dl Rilan-
intervento agevolato (riqualificazione cio 34/20 ha alzato la detrazione al 110%
globale, lavori sull’involucro, sugli impianti (spalmata in 5 anni), a precise condizioni.

38
06
GLI SCONTI
«STORICI»
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

SCONTI «STORICI»
Manutenzioni
e migliorie
sempre agevolate

di Marco Zandonà

I
l decreto Rilancio (articoli 119 e 121 mento al superbonus. Ne proponiamo
del Dl 34/2020, convertito dalla qui solo un veloce riepilogo, rimandan-
legge 77/2020) ha esteso la possi- do ai rispettivi capitoli.
bilità di optare, in alternativa al-
l’utilizzo diretto della detrazione I bonus specifici
in dichiarazione dei redditi, per lo sconto O Il sismabonus ordinario (si veda il
in fattura e per la cessione del credito a capitolo 3) è una detrazione da Irpef o
tutti i soggetti, incluse le banche e gli in- da Ires: compete a privati persone fisi-
termediari, anche per tutti gli altri bonus che, società di persone e di capitali e
minori rispetto al 110 per cento. professionisti che sostengono le spese
Nelle altre parti di questo fascicolo per l’intervento di riqualificazione si-
vengono esaminati alcuni sconti speci- smica e che posseggono, o detengono,
fici, che naturalmente continuano a es- l’immobile sulla base di un titolo ido-
sere utilizzabili anche senza collega- neo (contratto di locazione o comodato

40
GLI SCONTI STORICI

o leasing). Gli interventi agevolati de- O L’ecobonus ordinario (si veda il ca-
vono essere eseguiti su abitazioni e im- pitolo 5), a meno di proroghe con la
mobili a destinazione produttiva situa- prossima legge di bilancio 2021, si ap-
ti nelle zone ad alta pericolosità sismica plica solo sino al 31 dicembre 2020 ed è
(zone 1, 2 e 3 ai sensi dell’ordinanza del una detrazione da Irpef o Ires delle spe-
Presidente del Consiglio dei ministri n. se sostenute per interventi di riqualifi-
3274 del 20 marzo 2003, mappa sismica cazione energetica di edifici esistenti
italiana). Sono esclusi gli interventi su (abitazioni o immobili a destinazione
immobili in corso di costruzione, in produttiva o commerciale). Possono
quanto l’agevolazione riguarda solo beneficiarvi privati persone fisiche, so-
interventi su fabbricati esistenti. cietà di persone, professionisti, società
La detrazione può andare dal 50% fino di capitali ed enti che sostengono le spe-
all’85% delle spese sostenute per inter- se per l’intervento di riqualificazione
venti di messa in sicurezza statica, in energetica e che posseggono, o deten-
particolare sulle parti strutturali degli gono, l’immobile sulla base di un titolo
edifici e interventi consistenti nella de- idoneo (contratto di locazione, como-
molizione e ricostruzione di edifici esi- dato, leasing). Anche in tal caso, sono
stenti. Rientrano tra le spese detraibili esclusi gli interventi su immobili in cor-
anche quelle per la redazione della do- so di costruzione, in quanto l’agevola-
cumentazione obbligatoria, necessaria zione è concessa solo per interventi
a comprovare la sicurezza statica, e gli eseguiti su fabbricati esistenti e accata-
interventi necessari al rilascio della stati prima dell’inizio dei lavori.
suddetta documentazione obbligato- La detrazione va dal 50% al 75% e spetta
ria. Spetta anche per l’acquisto di im- entro un ammontare massimo, varia-
mobili antisismici facenti parte di edi- bile a seconda del tipo di intervento e in
fici demoliti e ricostruiti anche con va- base al fatto che questo riguardi la sin-
riazione volumetrica. In particolare, gli gola unità immobiliare o edifici condo-
acquirenti di tali immobili possono miniali. La detrazione va ripartita in 10
fruire di una detrazione pari al 75% o al- quote annuali di pari importo. Sino al 31
l’85% del prezzo di vendita (a seconda dicembre 2021, nell’ipotesi di interventi
se il miglioramento è di una o due classi realizzati su parti comuni di edifici con-
sismiche), da assumere sino a un im- dominiali, ricadenti nelle zone sismi-
porto massimo di 96mila euro e da sud- che 1, 2 e 3, volti congiuntamente alla ri-
dividere in 5 anni. Per essere agevolata, duzione del rischio sismico e alla riqua-
inoltre, l’unità immobiliare deve essere lificazione energetica, ecobonus e si-
ceduta dalla stessa impresa di costru- smabonus sono cumulabili. Tale
zione, o ristrutturazione immobiliare, beneficio è riconosciuto nella misura
che ha eseguito l’intervento tramite de- unica del: 80%, se gli interventi deter-
molizione e ricostruzione, entro 18 me- minano il passaggio ad 1 classe di ri-
si dal termine di lavori e, comunque, schio sismico inferiore; 85%, se gli in-
entro il 31 dicembre 2021. terventi determinano il passaggio a 2

41
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

classi di rischio sismico inferiori. La de- Il bonus ristrutturazioni


trazione è ripartita in 10 quote annuali Il più classico dei bonus, esistente dal 1998,
di pari importo e si applica su un am- è il bonus ristrutturazioni che consente di
montare delle spese non superiore a detrarre dall’Irpef il 50% delle spese soste-
euro 136mila moltiplicato per il numero nute per determinati lavori “di recupero”.
delle unità immobiliari di ciascun edifi- Sino al 31 dicembre 2020, l’importo
cio. L’Enea ha precisato che, per benefi- massimo di spesa ammesso al beneficio
ciare della maggior detrazione, gli in- è 96mila euro e la detrazione va ripartita
terventi, oltre al miglioramento sismi- in 10 quote annuali di pari importo. Sal-
co (riduzione di 1 o 2 classi), devono ri- vo proroga del potenziamento, dal 1°
spettare anche i requisiti energetici gennaio 2021 la detrazione tornerebbe
previsti per ottenere l’ecobonus “mag- nella misura standard del 36% di 48mila
giorato” al 70% o 75%. euro per ciascuna unità immobiliare.
O Il bonus facciate (si veda il capitolo 4) si La detrazione Irpef del 50% spetta per le
applica solo per il 2020, salvo proroghe spese relative a interventi di recupero ef-
nella prossima legge di Bilancio. È una de- fettuati sia su singole unità immobiliari
trazione per interventi di rifacimento del- residenziali, che su parti comuni di edifici
la facciata esterna visibile dalla pubblica residenziali. Le tipologie di interventi am-
via, inclusa la semplice pulitura e tinteg- messi alla detrazione sono quelli indicati
giatura, e gli interventi su balconi, orna- dall’articolo16-bis del Tuir, il Testo unico
menti e fregi, di tutte le tipologie di fabbri- delle imposte sui redditi (Dpr 917/1986):
cati (abitativi e no) posseduti da soggetti O interventi di manutenzione ordina-
Irpef privati o da imprese e società (sog- ria (solo per le parti comuni di edifici re-
getti Irpef o Ires). I beneficiari devono pos- sidenziali), manutenzione straordina-
sedere o detenere l’immobile oggetto del- ria, restauro e risanamento conservati-
l’intervento in base a un titolo idoneo, al vo e ristrutturazione edilizia;
momento di avvio dei lavori o al momento O opere finalizzate al ripristino del-
del sostenimento delle spese, se antece- l’immobile danneggiato a seguito di
dente all’avvio. La data di inizio dei lavori eventi calamitosi;
deve risultare dai titoli abilitativi, se previ- O realizzazione e acquisto di parcheg-
sti, o da una dichiarazione sostitutiva di at- gi pertinenziali;
to di notorietà. O opere volte al superamento delle
Beneficiano della detrazione anche i lavori barriere architettoniche;
sulle grondaie e i pluviali, su parapetti e O opere finalizzate ad impedire il com-
cornici. E sono comprese anche le spese pimento di atti illeciti da parte di terzi;
correlate: dall’installazione dei ponteggi O opere finalizzate alla cablatura degli
allo smaltimento dei materiali, dall’Iva al- edifici e al contenimento dell’inquina-
l’imposta di bollo, dai diritti pagati per la ri- mento acustico;
chiesta di titoli abitativi edilizi alla tassa O opere finalizzate al risparmio energe-
per l’occupazione del suolo pubblico. Non tico e alla sicurezza statica e antisismica;
sono previsti tetti di spesa. O interventi di bonifica dell’amianto;

42
GLI SCONTI STORICI

O opere finalizzate a evitare infortuni prese familiari), alle stesse condizioni


domestici; previste per gli imprenditori indivi-
O opere finalizzate alla messa a norma duali. Hanno, inoltre, diritto alla detra-
degli edifici. L’agevolazione spetta sia zione purché sostengano le spese e sia-
per le spese relative a lavori eseguiti su no intestatari di bonifici e fatture:
singole unità immobiliari, che per quelle O il familiare convivente del posses-
eseguite su parti comuni condominiali e sore o detentore dell’immobile og-
comprende anche le spese di progetta- getto dell’intervento (il coniuge, i pa-
zione e le prestazioni professionali con- renti entro il terzo grado e gli affini
nesse all’esecuzione delle opere edilizie. entro il secondo grado);
Beneficiari del bonus ristrutturazioni O il coniuge separato assegnatario del-
sono i soggetti Irpef, proprietari o nudi l’immobile intestato all’altro coniuge;
proprietari del bene oggetto di ristrut- O il componente dell’unione civile;
turazione, nonché: O il convivente more uxorio, non pro-
O i titolari di un diritto reale di godi- prietario dell’immobile oggetto di lavori
mento (usufrutto, uso, abitazione o su- né titolare di un contratto di comodato.
perficie) sul bene; La detrazione, oltre a essere riconosciu-
O i locatari o comodatari del bene; ta per le spese di recupero, spetta anche
O i soci di cooperative divise e indivise; per l’acquisto di immobili a uso abitativo
O gli imprenditori individuali, per gli facenti parte di edifici interamente ri-
immobili non rientranti fra i beni stru- strutturati da imprese di costruzione o ri-
mentali o merce; strutturazione immobiliare e da coopera-
O i soggetti che producono redditi in tive edilizie che abbiano provveduto, en-
forma associata (società semplici, in tro 18 mesi dalla data di fine lavori, alla
nome collettivo, in accomandita sem- successiva alienazione o assegnazione.
plice e soggetti a questi equiparati, im- © RIPRODUZIONE RISERVATA

In sintesi
Le opzioni dello sconto in fattura e della lavori di recupero edilizio (elencati all’artico-
cessione del credito sono state estese dal lo 16 del Tuir). Fino al 31 dicembre 2020, la
Dl Rilancio anche ai bonus diversi dal 110 detrazione concessa è pari al 50% e l’impor-
per cento. Oltre all’eco e sismabonus ordi- to massimo di spesa ammesso al beneficio
nari, e al bonus facciate, la chanche riguarda è 96mila euro per ciascuna unità immobilia-
anche il “classico” bonus ristrutturazioni. Si re. Salvo proroga del potenziamento, dal 1°
tratta dell’agevolazione che consente di gennaio 2021 la detrazione tornerebbe
detrarre dall’Irpef (in dieci quote annuali) il nella misura standard del 36% su una spesa
50% delle spese sostenute per determinati di 48mila euro.

43
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

Il catalogo dei lavori agevolabili nelle unità singole /1


Interventi sulle singole unità abitative e modalità BOX AUTO
Nuova costruzione (detraibile, purché reso perti-
ACCORPAMENTI DI LOCALI O DI ALTRE UNITÀ nenziale di una unità immobiliare)
IMMOBILIARI CABLATURA DEGLI EDIFICI
Spostamento di alcuni locali da una unità immo- Opere finalizzate alla cablatura degli edifici, a
biliare ad altra o anche unione di due unità immo- condizione che interconnettano tutte le unità
biliari con opere esterne immobiliari residenziali
ALLARGAMENTO PORTE CALDAIA
Con demolizioni di modesta entità, realizzazione Sostituzione o riparazione con innovazioni
di chiusure o aperture interne che non modifichi- CALORIFERI E CONDIZIONATORI
no lo schema distributivo delle unità immobiliari e Sostituzione con altri anche di diverso tipo e
dell’edificio riparazione o installazione di singoli elementi
ALLARGAMENTO PORTE E FINESTRE ESTERNE (detraibile nelle singole unità immobiliari se si
Con demolizioni di modeste proporzioni di muratura tratta di opere finalizzate al risparmio energeti-
ALLARME FINESTRE ESTERNE co). Installazione di macchinari esterni
Installazione, sostituzione dell’impianto o ripara- CANCELLI ESTERNI
zione con innovazioni Nuova realizzazione o sostituzione con altri aven-
AMPLIAMENTO ti caratteristiche diverse (materiali, dimensioni e
CON FORMAZIONE DI VOLUMI TECNICI colori) da quelle preesistenti
Demolizione e/o costruzione (scale, vano ascen- CANNA FUMARIA
sore, locale caldaia, ecc.) con opere interne ed Nuova costruzione interna o esterna o rifacimen-
esterne to modificando i caratteri preesistenti
APERTURA INTERNA CANTINE
Apertura vano porta per unire due unità immobi- Effettuazione di suddivisioni interne con demoli-
liari o altri locali con opere interne o apertura sul zioni e ricostruzioni tavolati. Opere esterne con
pianerottolo interno modifiche delle caratteristiche delle pareti, porte
ASCENSORE e finestre
Nuova installazione o sostituzione di quello pree- CENTRALE IDRICA
sistente (esterno o interno) con altro avente Riparazioni varie con modifiche distributive inter-
caratteri essenziali diversi, oppure per adegua- ne o esterne. Nuova costruzione (volume tecnico)
mento legge 13/89 nell’ambito di un’operazione di manutenzione
BALCONI straordinaria, di un restauro o di una ristruttura-
Rifacimento con altri avente caratteri diversi zione
(materiali, finiture e colori) da quelli preesistenti e CENTRALE TERMICA
nuova costruzione Riparazioni varie interne ed esterne, conservando
BARRIERE ARCHITETTONICHE le caratteristiche (materiali, sagoma e colori)
Eliminazione uguali a quelle preesistenti (opere murarie). Con

44
GLI SCONTI STORICI

modifiche distributive interne. Con modifiche GRADINI SCALE


esterne (sagoma, materiali e colori nuova costru- Sostituzione gradini interni e esterni, modifi-
zione volume tecnico) nell’ambito di un’operazio- cando la forma, le dimensioni o i materiali pree-
ne di manutenzione straordinaria, di un restauro o sistenti
di una ristrutturazione GRONDAIE
CITOFONI, VIDEOCITOFONI E TELECAMERE Nuova installazione o sostituzione con modifiche
Sostituzione o nuova installazione con le opere della situazione preesistente
murarie occorrenti IMPIANTO DI RISCALDAMENTO AUTONOMO
CONTENIMENTO DELL’INQUINAMENTO ACUSTICO INTERNO (PURCHÉ CONFORME AL DM
Opere finalizzate al contenimento realizzate anche in 37/2008 - EX LEGGE 46/90)
assenza di opere edilizie propriamente dette (detrai- Nuovo impianto, senza opere edilizie. Nuovo
bile, purché sia certificato il raggiungimento degli impianto con opere edilizie esterne (canna fuma-
standard di legge). ria e/o altre opere interne o esterne) per riscalda-
CORNICIONI mento o ventilazione. Riparazioni con ammoder-
Nuova formazione o rifacimento con caratteristi- namenti e/o innovazioni
che diverse da quelle preesistenti IMPIANTO ELETTRICO
DAVANZALI FINESTRE E BALCONI Sostituzione dell’impianto o integrazione per
Nuova realizzazione o sostituzione di quelli pree- messa a norma
sistenti con altri aventi caratteristiche diverse IMPIANTO IDRAULICO
(materiali, finiture e colori). Sostituzione o riparazione con innovazioni rispet-
FACCIATA to al preesistente
Rifacimento, anche parziale, modificando mate- INFERRIATA FISSA
riali e/o colori (o anche solo i colori) Sostituzione con innovazioni rispetto alla situa-
FINESTRA zione preesistente. Nuova installazione con o
Nuova apertura o modifica di quelle preesistenti. senza opere esterne
Sostituzione con finestre di sagoma, materiale e INFISSI ESTERNI
colori diversi Nuova installazione o sostituzione con altri aventi
FOGNATURA sagoma, materiali o colori diversi (solo se riguar-
Nuova costruzione o rifacimento con dimensioni da l’intera facciata)
e/o percorso diversi da quello preesistente, con INTERRUTTORE DIFFERENZIALE
opere interne o esterne (dal limite della proprietà Sostituzione o riparazione con innovazioni
fino alla fognatura pubblica) INTONACI ESTERNI FACCIATA
GARAGE Intonaci e tinteggiatura esterna con modifiche a
Riparazioni varie e sostituzioni di parti con carat- materiali e/o colori
teristiche diverse da quelle preesistenti. Nuova LASTRICO SOLARE
costruzione (detraibile, se reso pertinenziale ad Rifacimento con materiali diversi rispetto a quelli
una unità immobiliare) preesistenti

45
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

Il catalogo dei lavori agevolabili nelle unità singole /2


LOCALE CALDAIA PARETE INTERNA
Riparazioni murarie varie con modifiche rispetto Nuova costruzione, demolizione e ricostruzione
alla situazione preesistente. Nuova formazione in altra parte interna
(volume tecnico) o esecuzione di interventi ester- PAVIMENTAZIONE ESTERNA
ni che modificano materiali-finiture-colori Nuova pavimentazione o sostituzione della pree-
LUCERNARI sistente modificando la superficie e i materiali
Nuova formazione o sostituzione con altri aventi carat- PENSILINA PROTEZIONE AUTOVETTURE
teri (sagoma e colori) diversi da quelli preesistenti Sostituzione di quella preesistente con altra
MANSARDA avente caratteristiche (materiali e colori) diverse
Modifiche interne ed esterne con opere edilizie, da quelle preesistenti
senza modificarne la destinazione d'uso PERSIANA
MARCIAPIEDE Nuova installazione o sostituzione con altra aven-
Nuova realizzazione su suolo privato te sagoma, materiale e colori diversi
MESSA A NORMA DEGLI EDIFICI PIANEROTTOLO
Interventi di messa a norma degli edifici (detraibile, Riparazione struttura con dimensioni e materiali
purché compresa nelle categorie di cui all’art. 1, legge diversi da quelli preesistenti
449/97 e siano presentate le certificazioni di legge) PISCINA
MONTACARICHI Rifacimento modificando caratteri preesistenti
Nuova installazione e sostituzione di quello pree- PORTA BLINDATA ESTERNA
sistente con altro avente caratteristiche (mate- Nuova installazione o sostituzione con altre aven-
riali e colori) diverse da quelle preesistenti ti sagoma o colori diversi
MURI DI CINTA PORTA BLINDATA INTERNA
Realizzazione e sostituzione con modificazioni Nuova installazione
rispetto alla situazione preesistente PORTA-FINESTRA
MURI ESTERNI DI CONTENIMENTO Nuova installazione o sostituzione con altra aven-
Nuova costruzione, demolizione e ricostruzione in te sagoma e colori diversi. Trasformazione da
altra parte esterna o nello stesso luogo, ma modifi- finestra a porta finestra
cando dimensioni, sagoma, materiali e colori PORTE ESTERNE
MURI INTERNI Nuova installazione o sostituzione con altre aven-
Nuova costruzione o demolizione e ricostruzione ti sagome o colori diversi e viceversa
in altra parte interna RECINZIONI
PARAPETTI E BALCONI Realizzazione di nuova recinzione o sostituzione
Rifacimento o sostituzione con altri aventi carat- di quella preesistente con altra avente caratteri-
teri diversi da quelli preesistenti stiche diverse
PARETE ESTERNA RICOSTRUZIONE
Rifacimento anche parziale modificando materiali Demolizione e ricostruzione con la stessa volu-
e colori (o anche solo i colori) metria dell’immobile preesistente

46
GLI SCONTI STORICI

RISPARMIO ENERGETICO SOTTOTETTO


Opere finalizzate al risparmio energetico, Riparazione modificando la posizione preesistente;
realizzate anche in assenza di opere edilizie sostituzione apparecchi sanitari, innovazioni con
propriamente dette (detraibile, purché sia caratteristiche diverse da quelle preesistenti. Modi-
certificato il raggiungimento fiche interne ed esterne con varie opere edilizie
degli standard di legge) senza modificarne la destinazione d’uso. Formazio-
SANITARI ne di una unità immobiliare abitabile nel sottotetto
Sostituzione di impianti (la sostituzione degli mediante l’esecuzione di opere edilizie varie (detrai-
apparecchi sanitari è detraibile solo se integrata o bile, purché già compreso nel volume)
correlata a interventi maggiori per i quali spetta STRADA ASFALTATA PRIVATA
l’agevolazione) - Realizzazione di servizio igienico Per accesso alla proprietà
interno TEGOLE
SARACINESCA Sostituzione con altre di materiale e/o forma
Nuova installazione di qualsiasi tipo o sostituzio- diverse da quelle preesistenti
ne di quella preesistente con innovazioni TERRAZZI
SCALA ESTERNA Rifacimento completo con caratteristiche diverse
Nuova installazione, rifacimento e sostituzione da quelle preesistenti (dimensioni o piano)
con altra di caratteri (pendenza, posizione, dimen- TETTO
sioni materiali e colori) diversi dai preesistenti Sostituzione dell’intera copertura. Modifica della
SCALA INTERNA pendenza delle falde con o senza aumento di volume
Nuova installazione, rifacimento e sostituzione TINTEGGIATURA ESTERNA
con altra, modificando pendenza e posizione Rifacimento modificando materiali e/o colori
rispetto a quella preesistente TRAVI (TETTO)
SERRAMENTI ESTERNI Sostituzioni con modifiche. Sostituzione totale
Nuova installazione o sostituzione con altri aventi per formazione nuovo tetto
finiture e colori diversi dai precedenti VERANDA
SICUREZZA STATICA Innovazioni rispetto alla situazione precedente.
Opere finalizzate alla sicurezza statica ed antisi- Nuova costruzione con demolizione del muro che
smica dà sul balcone creando aumento di superficie lorda
SOLAIO di pavimento. Trasformazione di balcone in veranda
Sostituzione dei solai di copertura con materiali VESPAIO
diversi dai preesistenti. Sostituzione di solai Rifacimento
interpiano senza modifica delle quote. Adegua- ZOCCOLO ESTERNO FACCIATA
mento dell’altezza dei solai Sostituzione con altro avente caratteri essenziali diversi
SOPPALCO
Innovazioni rispetto alla struttura preesistente o Fonte: Agenzia delle Entrate, Guida ristrutturazioni
nuova costruzione edilizie: le agevolazioni fiscali, luglio 2019

47
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

Il catalogo dei lavori agevolabili in condominio /1


Interventi sulle parti condominiali e modalità e colori) uguali a quelle preesistenti
CENTRALE IDRICA
AEROSABBIATURA Riparazioni varie interne ed esterne, conservando
Su facciata caratteristiche (materiali, sagoma e colori) uguali a
ALLARGAMENTO PORTE INTERNE quelle preesistenti
Con demolizioni di modesta entità CENTRALE TERMICA
ALLARME (IMPIANTO) Riparazioni varie interne ed esterne, conservando
Riparazione senza innovazioni. Riparazione con caratteristiche (materiali, sagoma e colori) uguali a
sostituzione di alcuni elementi quelle preesistenti
ANDRONE CORNICIONI
Rifacimento conservando caratteristiche uguali a Rifacimento o sostituzione conservando i caratteri
quelle preesistenti essenziali preesistenti (materiali, dimensioni)
ANTENNA DAVANZALI FINESTRE E BALCONI
Antenna comune in sostituzione delle antenne private Riparazione o sostituzione conservando i caratteri
BALCONI essenziali preesistenti
Riparazioni parti murarie (frontalini, cielo), sostitu- FACCIATA
zione di parapetti e ringhiere conservando caratte- Piccola apertura per sfiatatoio gas, rifacimento,
ristiche (materiali, sagome e colori) uguali anche completo, con materiali e colori uguali a
BOX quelli preesistenti
Riparazioni varie e sostituzione di parti anche strutturali FINESTRA
conservando dimensioni uguali a quelle preesistenti Sostituzione senza modifica della tipologia di infissi
CALDAIA FOGNATURA
Riparazione senza innovazioni. Riparazione con Riparazione o sostituzione della canalizzazione
sostituzione di alcuni elementi fognaria, fino al limite della proprietà del fabbricato
CALORIFERI E CONDIZIONATORI GARAGE
Sostituzione con altri anche di diverso tipo e ripa- Riparazioni varie e sostituzione di parti anche
razione o installazione di singoli elementi strutturali conservando dimensioni
CANCELLI ESTERNI uguali a quelle preesistenti
Riparazione o sostituzione cancelli o portoni, con- GRADINI SCALE
servando caratteristiche (sagoma e colori) uguali a Sostituzione con gradini uguali a quelli preesisten-
quelle preesistenti ti, interni e esterni
CANNA FUMARIA GRONDAIE
Riparazione o rifacimento, interno ed esterno Riparazione o sostituzione senza modifiche della
conservando caratteristiche (materiali, sagoma e situazione preesistente
colori) uguali a quelle preesistenti IMPIANTO DI RISCALDAMENTO (PURCHÉ CON-
CANTINE FORMEAL DM 37/2008 - EX LEGGE 46/90)
Riparazione conservando caratteristiche (materiali Riparazione dell’impianto senza innovazioni, ripa-

48
GLI SCONTI STORICI

razione con ammodernamenti e/o innovazioni quelle preesistenti


IMPIANTO ELETTRICO MURI DI CINTA
Sostituzione dell’impianto o integrazione per mes- Riparazione conservando caratteristiche uguali a
sa a norma quelle preesistenti
IMPIANTO IDRAULICO MURI ESTERNI DI CONTENIMENTO
Riparazione senza innovazioni o sostituzioni Riparazione o rifacimento con materiali e sagoma
INFERRIATA FISSA uguali a quelli preesistenti
Sostituzione di quelle preesistenti senza modifica- MURI INTERNI
re la sagoma e/o i colori Riparazione o rifacimento conservando la stessa
INFISSI ESTERNI posizione, anche con materiali diversi
Riparazione o sostituzione, conservando la sago- PARAPETTI E BALCONI
ma, i materiali e i colori uguali a quelli preesistenti Riparazione o rinforzo della struttura conservando
INFISSI INTERNI caratteri uguali a quelli preesistenti
Sostituzione con altri infissi conservando le carat- PARCHEGGI
teristiche preesistenti Riparazioni varie e sostituzione di parti anche
INTERRUTTORE DIFFERENZIALE strutturali conservando dimensioni uguali a quelle
Riparazione senza innovazioni o riparazione con preesistenti
sostituzione di alcuni elementi PARETE ESTERNA
INTONACI ESTERNI FACCIATA Rifacimento, anche completo,
Intonaci e tinteggiatura esterna conservando con materiali e colori uguali a quelli preesistenti
materiali e colori uguali a quelli preesistenti PARETE INTERNA
INTONACI INTERNI Riparazione o rifacimento conservando la stessa
Intonaci e tinteggiatura interna senza limitazioni di posizione, anche con materiali diversi
materiale e colori PAVIMENTAZIONE ESTERNA
LASTRICO SOLARE Rifacimento con dimensioni e materiali uguali a
Rifacimento conservando materiali uguali a quelli quelli preesistenti
preesistenti PAVIMENTAZIONE INTERNA
LOCALE CALDAIA Riparazioni senza innovazioni
Riparazioni murarie varie conservando le suddivi- PENSILINA PROTEZIONE AUTOVETTURE
sioni interne preesistenti Rifacimento conservando sagoma e colori preesi-
LUCERNARI stenti
Sostituzione con altri aventi gli stessi caratteri PERSIANA
(sagoma e colori) di quelli preesistenti Sostituzione conservando le caratteristiche pree-
MARCIAPIEDE SU SUOLO PRIVATO sistenti (sagoma e colori)
Rifacimento come preesistente PIANEROTTOLO
MONTACARICHI (INTERNI ED ESTERNI) Riparazione struttura conservando dimensioni e
Riparazione conservando caratteristiche uguali a materiali uguali a quelli preesistenti

49
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE GLI SCONTI STORICI

Il catalogo dei lavori agevolabili in condominio /2


(interno ed esterno) SERRAMENTI INTERNI
PISCINA Riparazioni, conservando materiali caratteristi-
Riparazione e rinforzo di strutture, conservando che e colori preesistenti
le caratteristiche (materiali, sagoma e colori) SOLAIO
preesistenti Sostituzione dei solai di copertura con materiali
PORTA BLINDATA ESTERNA uguali a quelli preesistenti
Sostituzione conservando sagome e colori pree- TEGOLE
sistenti Sostituzione con altre uguali a quelle preesistenti
PORTA-FINESTRA TERRAZZI
Sostituzione con altra avente gli stessi caratteri Riparazione delle pavimentazioni, rifacimento o
essenziali sostituzione conservando le caratteristiche
PORTE ESTERNE preesistenti (dimensioni e piano)
Sostituzione conservando sagome e colori pree- TETTO
sistenti Riparazione con sostituzione di parte della strut-
PORTE INTERNE tura e dei materiali di copertura, conservando le
Riparazione, conservando materiali, colori, di- caratteristiche preesistenti
mensioni TINTEGGIATURA ESTERNA
RECINZIONI Rifacimento conservando materiali e colori pree-
Riparazione e sostituzione conservando caratte- sistenti
ristiche (sagoma, materiali e colori) preesistenti TINTEGGIATURA INTERNA
SANITARI Rifacimento senza limitazioni per materiali e
Riparazione apparecchi sanitari e opere edilizie colori
varie (tubazioni, piastrelle, ecc.) TRAMEZZI
SARACINESCA Sostituzione tramezzi interni, senza alterazione
Sostituzione con altra, della tipologia dell’unità
purché vengano conservati dimensioni e colori immobiliare
uguali a quelli preesistenti TRAVI (TETTO)
SCALA ESTERNA Sostituzione con altre aventi materiali, dimensio-
Riparazione conservando pendenza, posizione, ni e posizione uguali a quelle preesistenti
sagoma, colori e materiali uguali VERANDA
ai preesistenti Rifacimento parziale conservando i caratteri
SCALA INTERNA essenziali
Riparazione e sostituzione conservando penden- ZOCCOLO ESTERNO FACCIATA
za sagoma e posizioni Rifacimento conservando i caratteri essenziali
preesistenti
SERRAMENTI ESTERNI Fonte: Agenzia delle Entrate, Guida ristrutturazio-
Sostituzione con altri aventi le stesse caratteristiche ni edilizie: le agevolazioni fiscali, luglio 2019

50
07
I BONUS PER
GIARDINI E MOBILI
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

SCONTI «MINORI»
Mobili e giardini:
spese da pagare
entro fine anno

di Dario Aquaro

C
i sono due agevolazioni che 50% per l’acquisto di nuovi arredi e grandi
non sono state toccate dalle elettrodomestici di classe non inferiore
nuove regole introdotte dal alla A+ (A per i forni e le lavasciuga), desti-
Dl Rilancio 34/2020: i bonus nati all’immobile oggetto di ristruttura-
per l’acquisto dei mobili e zione. La detrazione si calcola su una spe-
per la sistemazione del verde domestico. sa massima di 10mila euro per unità im-
Due bonus che non sono stati ammessi al mobiliare, va suddivisa in dieci rate an-
meccanismo dello sconto in fattura o della nuali ed è riservata a chi beneficia della
cessione del credito. E che sono destinati a detrazione del 50% sul recupero edilizio
scadere a fine 2020, salvo ulteriori confer- (anche se la casa è la stessa, ad esempio, il
me in arrivo con i decreti di fine anno. marito non può avere il bonus mobili se è
la moglie a detrarre la ristrutturazione).
Il bonus mobili Quando si esegue un intervento sulle
Il bonus mobili è la detrazione Irpef del parti condominiali, i condòmini hanno

52
GIARDINI E MOBILI

diritto alla detrazione, ciascuno per la sostituzione della caldaia (senza ecobo-
propria quota, solo per i mobili destinati nus); l’installazione di pannelli fotovol-
ad arredare queste parti non per quelli de- taici per l’abitazione; la sostituzione
stinati alla propria abitazione. dello scaldabagno.
Non consentono di accedere al bonus
I lavori edilizi ammessi mobili, invece, gli interventi finalizzati a
Il bonus è stato prorogato per la setti- prevenire il rischio di atti illeciti: a meno
ma volta dalla legge di Bilancio 2020: che, per le loro particolari caratteristiche,
per il momento, vale dunque per le non siano anche inquadrabili tra i lavori di
spese sostenute entro il prossimo 31 manutenzione ordinaria, straordinaria,
dicembre. Per ottenerlo, occorre ri- restauro o risanamento conservativo, ri-
spettare tre condizioni: strutturazione edilizia. Il cambio della
O i lavori agevolati dalla detrazione del serratura, quindi, non basta. Ma può esse-
50% devono essere almeno di manuten- re sufficiente l’installazione di un impian-
zione straordinaria; perché solo sulle par- to di allarme in casa (se richiede opere sul-
ti condominiali è ammessa anche la ma- l’impianto elettrico); l’installazione di un
nutenzione ordinaria (come la tinteggia- portoncino blindato; l’installazione o la
tura di pareti e soffitti); sostituzione delle inferriate nella singola
O le opere di ristrutturazione agevolate abitazione; o del videocitofono in un’abi-
devono essere avviate dal 2019; tazione unifamiliare.
O i lavori devono essere avviati prima del- Mobili e grandi elettrodomestici si pos-
l’acquisto degli arredi; mentre non è fon- sono pagare con bonifici ordinari, banco-
damentale che le spese di ristrutturazione mat o carte di credito. Nel caso delle card, il
siano sostenute prima di quelle per l’arre- pagamento si considera avvenuto nel
do dell’immobile. giorno di uso della carta, e non in quello di
La data di avvio dei lavori può essere addebito sul conto. Comunque, oltre alla
dimostrata, per esempio, da eventuali fattura di acquisto, va conservata anche la
abilitazioni amministrative o dalla co- ricevuta del bonifico, la ricevuta di avve-
municazione preventiva all’Asl, se do- nuta transazione, o la documentazione di
vuta. Altrimenti, per i lavori che non ne- addebito sul conto (per chi usa le carte).
cessitano di comunicazioni o titoli abi-
litativi, basta una dichiarazione sosti- Il bonus giardini
tutiva di atto di notorietà, da conservare Il bonus giardini è la detrazione Irpef del
in caso di controlli. 36% sulle spese sostenute (entro il 31 di-
Tra gli interventi di manutenzione cembre 2020, salvo proroghe) per la “si-
straordinaria (e quindi agevolati) nei stemazione a verde” di aree scoperte pri-
singoli appartamenti rientrano: il rifa- vate degli edifici, comprese pertinenze,
cimento del bagno o la realizzazione di recinzioni, impianti di irrigazione, e per la
nuovi servizi igienici; la sostituzione di realizzazione di pozzi, coperture a verde e
infissi esterni (non usando l’ecobonus); giardini pensili. La detrazione si calcola su
il rifacimento dell’impianto elettrico; la una spesa massima di 5mila euro per uni-

53
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE GIARDINI E MOBILI

tà immobiliare e viene ripartita in dieci sempre a un intervento innovativo.


quote annuali. Per ogni abitazione, dun- Se compresa in un intervento globale,
que, l’importo massimo detraibile è pari a può beneficiare del bonus la fornitura di
1.800 euro (36% di 5mila) per abitazione. piante e arbusti, anche in vasi mobili (vasi
In caso di interventi sulle parti comuni di che non sono agevolati se acquistati sin-
edifici condominiali, l’agevolazione si golarmente). Sono inoltre detraibili gli in-
calcola su una spesa massima di 5mila eu- terventi mirati al mantenimento del buo-
ro per ciascuna unità. no stato vegetativo e alla difesa fitosanita-
ria di alberi secolari o di esemplari arborei
Le opere «verdi» agevolate di notevole pregio paesaggistico, natura-
Beneficiano del bonus le opere che si inse- listico, monumentale, storico e culturale.
riscono in un intervento relativo all’intero Niente bonus, invece, per la manu-
giardino o area, e che consiste nella siste- tenzione ordinaria annuale dei giardi-
mazione a verde ex novo o in un radicale ni, così come per i lavori eseguiti in eco-
rinnovamento. È quindi agevolato l’inter- nomia dal contribuente (cioè acqui-
vento complessivo di riqualificazione stando i materiali): un divieto che, però,
dell’area verde: non il semplice acquisto di non esclude la possibilità di rivolgersi a
piante o altro materiale. Ad esempio, è de- fornitori diversi per l’acquisto di alberi,
traibile la spesa per trasformare un cortile piante, arbusti, cespugli, specie vegeta-
in giardino; o la risistemazione integrale li, e per eseguire i lavori.
di un giardino con nuove aiuole, vialetti e Quanto ai pagamenti, valgono le stesse
recinzioni; oppure la realizzazione di fio- regole del bonus mobili; ma sono ammes-
riere fisse e l’allestimento di verde perma- si anche gli assegni non trasferibili.
nente di balconi e terrazzi, purché riferiti © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’identikit
Il bonus mobili premia gli acquisiti di arredi Il bonus mobili è una detrazione Irpef del
e grandi elettrodomestici di classe non 50% (su una spesa massima di 10mila
inferiore alla A+ (A per forni e lavasciuga) euro, compreso trasporto e montaggio). Il
destinati all’immobile oggetto di ristruttu- bonus giardini è una detrazione Irpef del
razione (agevolata dal bonus edilizio del 36% (su una spesa massima di 5mila euro
50%, con lavori iniziati non prima del 2019). per unità immobilare).
Il bonus giardini premia i lavori di “sistema- Entrambe le detrazioni valgono per le spe-
zione a verde” di aree scoperte private degli se sostenute entro il 31 dicembre 2020, e
edifici, comprese pertinenze, recinzioni, si suddividono in dieci quote annue di pari
impianti di irrigazione, e per la realizzazione importo. Non sono ammessi sconti in
di pozzi, coperture a verde e giardini pensili. fattura o cessioni del credito.

54
08
LE CHECK LIST
DEI COMMERCIALISTI
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

STRUMENTI
Via al maxisconto
sotto il controllo
dai professionisti

P
resentiamo in queste pagine al rilascio del visto di conformità sul bo-
le due check list predisposte nus, previsto dall’articolo 35 del decreto
dal Consiglio nazionale dei legislativo 241/1997 e necessario nei casi di
dottori commercialisti e degli richiesta al fornitore dello sconto in fattu-
esperti contabili e dalla Fon- ra o di cessione a terzi. Il Consiglio nazio-
dazione nazionale commercialisti per nale e la Fondazione hanno predisposto
agevolare i professionisti nella gestione modelli che consentono di individuare i
del superbonus. vari punti critici e gli adempimenti da non
Le due check list riguardano, rispettiva- dimenticare: come si vede, la lista dei con-
mente, l’utilizzo del 110% per gli interventi trolli è particolarmente lunga e coinvolge
di risparmio energetico propri del super- aspetti diversi. Le check list sono disponi-
bonus e per gli interventi del sismabonus bili sul sito del Consiglio nazionale e della
richiamati dal superbonus e potranno es- Fondazione nazionale.
sere utilizzate dai professionisti chiamati © RIPRODUZIONE RISERVATA

56
LE CHECK LIST

Check list - Visto di conformità Superbonus 110% su interventi per l'efficienza energetica

BENEFICIARIO

Cognome/Ragione sociale ________________________________________________

Nome ________________________________________________

Cod.Įscale ________________________________________________

SPESE SOSTENUTE

Interventi trainanti € _____________________

Interventi trainati € _____________________

Totale spesa € _____________________

TOTALE DETRAZIONI € _____________________

AMMONTARE CREDITO CEDUTO

I°/SAL UNICO € _________________

II° SAL € _________________

III° SAL € _________________

SoggĞƩo beneĮciario
Condominio SI NO
Persona Įsica
o Proprietario SI NO
o Detentore SI NO
o Familiare convivente SI NO
IACP o assimilaƟ SI NO
CooperaƟva di abitazione a proprietà indivisa SI NO
ONLUS SI NO
Organizzazione di volontariato SI NO
Associazione di promozione sociale SI NO
ASD o SSD SI NO
Comunità energeƟĐhe rinnovabili SI NO
DaƟ relaƟvi all’immobile e relaƟve imposte comunali
Visura catastale SI NO
Domanda di accatastamento (solo per gli immobili non ancora censiƟͿ SI NO
Ricevute di pagamento dell’imposta comunale sugli immobili (se dovutaͿ SI NO
Documentazione aƩĞstante la proprietà o disponibilità dell’immobile

57
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

AƩŽdi acquisƚŽŽcerƟĮĐĂƚŽcatastale SI NO
CŽntrĂƩŽdi lŽcaziŽne SI NO
CŽntrĂƩŽdi cŽmŽdatŽ SI NO
CerƟĮĐĂƚŽdellŽsƚĂƚŽdi famigliaŽĂuƚŽcerƟĮĐaziŽne (familiare cŽnvivente) SI NO
CŽpia successiŽne 1 e autŽcerƟĮcaziŽne aƩestante la dispŽnibilità e detenziŽne materiale
SI NO
e direƩĂdell’immŽbile (erede)
CŽpia verbale CDA di acceƩaziŽne della dŽmanda di assegnaziŽne (sŽciŽ cŽŽperaƟva
SI NO
indivisa)
CŽpia sentenza di separaziŽne SI NO
CŽpia preliminare di acquisƚŽ cŽn immissiŽne in pŽssessŽ SI NO
CŽnsensŽ all’esecuziŽne dei lavŽri da parte del prŽprietariŽ (per tuƫ i detenƚŽri diversi
SI NO
da familiari cŽnvivenƟͿ
CŽpia ĂƩŽ di cessiŽne dell’immŽbile cŽn previsiŽne di mantenimenƚŽ del diriƩŽ alla
SI NO
detraziŽne in capŽal cedente
ParƟ comuni (condominio)
CŽpia della delibera assembleare e della tabella millesimale di riparƟziŽne delle spese
SI NO
ŽvveƌŽ CerƟĮĐaziŽne dell’amministrĂƚŽre di cŽndŽminiŽ
CŽndŽminiŽminimŽ
o Delibera assembleare dei cŽndòmini SI NO
o AuƚŽcerƟĮĐaziŽne ĂƩestante la natura dei lavŽri eseguiƟ e i daƟ catastali delle
SI NO
unità immŽbiliari facenƟ parte del cŽndŽminŝŽ
Altre autocerƟĮcazioni 2

AuƚŽcerƟĮĐaziŽne ĂƩestante il rispeƩŽ del limite massimŽ di detraziŽne tra gli avenƟ
SI NO
diriƩŽ
AuƚŽcerƟĮĐaziŽne ĂƩestante la presenza Ž menŽ di altri cŽntribuƟ per gli stessi
SI NO
intervenƟ
AuƚŽcerƟĮcaziŽne ĂƩestante che l’immŽbile ŽggeƩŽ di intervenƚŽ nŽn è uƟůŝzzatŽ
SI NO
nell’ambiƚŽdi aƫvità d’impresĂŽprŽfessiŽnale
AuƚŽcerƟĮcaziŽne ĂƩestante la presenza di redditŽ nell’annŽ precedente il sŽstenimentŽ
SI NO
della spesa
AuƚŽcerƟĮcaziŽne ĂƩestante l’assenza/la presenza di intervenƟ della stessa natura sullŽ
stessŽ immŽbile che rappresentanŽ mera prŽsecuziŽne di intervenƟ iniziaƟ in anni SI NO
precedenƟ
AuƚŽcerƟĮcaziŽneĂƩestante l’assenza/presenza di intervenƟ su altre unità immŽbiliari SI NO
Abilitazioni amministraƟve, comunicazioni, relazioni e aƩestazioni tecniche richieste dalla vigente legislazione
CŽmunicaziŽne IniziŽLavŽri (CILŽCILA) cŽn ricevuta di depŽsitŽ SI NO
SegnalaziŽne cerƟĮĐata di iniziŽĂƫvità (Scia) cŽn ricevuta di depŽsitŽ SI NO
AltrŽ_____________________ SI NO
DichiaraziŽne sŽsƟtuƟva dell’ĂƩŽ di nŽtŽrietà resa dal cŽntribuente in cui sia indicata la
data di iniziŽ dei lavŽri ed ĂƩestata la circŽstanza che gli intervenƟ pŽsƟ in essere
SI NO
rientranŽ tra quelli agevŽlabili e che i medesimi nŽn necessitanŽ di alcun ƟƚŽlŽ abilitaƟvŽ
ai sensi della nŽrmaƟva edilizia vigente
Ricevuta di spediziŽne della cŽmunicaziŽne prevenƟva iniziŽlavŽri all’ASL di cŽmpetenza SI NO
RelaziŽne tecnica ex art. 28 della legge 10/1991, art. 8 cŽmma 1 del D.lgs 192/2005 e
successive mŽdiĮĐaziŽni, cŽn ricevuta di presentaziŽne pressŽ lŽ spŽrtellŽ unicŽ SI NO
cŽmpetente
DocumenƟ di spesa e relaƟvi pagamenƟ
FĂƩure e relaƟvi bŽniĮĐŝ SI NO

1 È pŽssibile aƩestare la cŽndiziŽne di erede aƩƌaversŽ autŽcerƟĮcaziŽne.


2 DichiaraziŽne sŽsƟtuƟva dell’aƩŽ di nŽtŽrietà resa ai sensi dell’art. 47 del DPR n. 445 del 2000.

58
LE CHECK LIST

BENEFICIARIO

Cognome/Ragione sociale ________________________________________________

Nome ________________________________________________

Cod.Įscale ________________________________________________

SPESE SOSTENUTE

Interventi trainanti € _____________________

Interventi trainati € _____________________

Totale spesa € _____________________

TOTALE DETRAZIONI € _____________________

AMMONTARE CREDITO CEDUTO

I°/SAL UNICO € _________________

II° SAL € _________________

III° SAL € _________________

SoggĞƩo beneĮciario
Condominio SI NO
Persona Įsica
o Proprietario SI NO
o Detentore SI NO
o Familiare convivente SI NO
IACP o assimilaƟ SI NO
CooperaƟva di abitazione a proprietà indivisa SI NO
ONLUS SI NO
Organizzazione di volontariato SI NO
Associazione di promozione sociale SI NO
ASD o SSD SI NO
Comunità energeƟĐhe rinnovabili SI NO
DaƟ relaƟvi all’immobile e relaƟve imposte comunali
Visura catastale SI NO
Domanda di accatastamento (solo per gli immobili non ancora censiƟͿ SI NO
Ricevute di pagamento dell’imposta comunale sugli immobili (se dovutaͿ SI NO
Documentazione aƩĞstante la proprietà o disponibilità dell’immobile

59
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

Tabella A - Interventi trainanti


TIPOLOGIA INTERVENTO CARATTERISTICHE INTERVENTO LIMITI DI SPESA
Isolamento termico delle superfici L’intervento di isolamento termico deve O 50.000 euro per gli edifici
opache verticali (pareti coinvolgere più del 25 per cento della unifamiliari o per le unità immobiliari
generalmente esterne), orizzontali superficie disperdente lorda dell’edificio funzionalmente indipendenti site
(coperture, pavimenti) e inclinate medesimo. all’interno di edifici plurifamiliari;
che interessano l'involucro degli
edifici, compresi quelli unifamiliari, I materiali isolanti utilizzati devono O 40.000 euro, moltiplicato per il
con un'incidenza superiore al 25 per rispettare i criteri ambientali minimi di cui numero delle unità immobiliari che
cento della superficie disperdente al decreto del Ministro dell'ambiente e compongono l’edificio, se lo stesso
lorda dell'edificio medesimo o della tutela del territorio e del mare 11 è composto da due a otto unità
dell’unità immobiliare ottobre 2017. immobiliari;
funzionalmente indipendente e che
disponga di uno o più accessi O 30.000 euro, moltiplicato per il
autonomi dall’esterno, sita numero delle unità immobiliari che
all'interno di edifici plurifamiliari compongono l’edificio, se lo stesso
(Art. 119 co. 1 lett. a)) è composto da più di otto unità.

Sostituzione degli impianti di Il Superbonus si applica agli interventi O 20.000 euro moltiplicato per il
climatizzazione invernale (9) sulle effettuati sulle parti comuni degli edifici numero delle unità immobiliari che
parti comuni degli edifici in in condominio per la sostituzione degli compongono l’edificio per gli edifici
condominio impianti esistenti con: composti fino a otto unità
(Art. 119 co. 1 lett. b)) O impianti centralizzati per il immobiliari;
riscaldamento, il raffrescamento o la O 15.000 euro moltiplicato per il
fornitura di acqua calda sanitaria a numero delle unità immobiliari che
condensazione, con efficienza almeno compongono l’edificio per gli edifici
pari alla classe A di prodotto prevista dal composti da più di otto unità
regolamento delegato (UE) n. 811/2013 immobiliari (10) (11)
della Commissione del 18 febbraio 2013,
a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti
ibridi o geotermici, anche abbinati
all'installazione di impianti fotovoltaici e
relativi sistemi di accumulo;
Oimpianti di microcogenerazione;
Oimpianti a collettori solari.

60
LE CHECK LIST

TIPOLOGIA INTERVENTO CARATTERISTICHE INTERVENTO LIMITI DI SPESA


Sostituzione di impianti di Il Superbonus spetta per interventi La detrazione è calcolata su un
climatizzazione invernale sugli effettuati sugli «edifici unifamiliari» o ammontare complessivo delle
«edifici unifamiliari» o sulle unità sulle unità immobiliari funzionalmente spese non superiore a euro 30.000
immobiliari di edifici plurifamiliari indipendenti e che dispongano di uno o (12) per singola unità immobiliare.
(Art. 119 co. 1 lett. c)) più accessi autonomi dall’esterno, site Nel predetto limite, la detrazione
all'interno di edifici plurifamiliari (cd. spetta anche per le spese relative
villette a schiera), per la sostituzione degli allo smaltimento e alla bonifica
impianti di climatizzazione invernale dell'impianto sostituito.
esistenti con:
O impianti per il riscaldamento, il
raffrescamento o la fornitura di acqua
calda sanitaria a condensazione, con
efficienza almeno pari alla classe A di
prodotto prevista dal regolamento
delegato (UE) n. 811/2013 della
Commissione del 18 febbraio 2013, a
pompa di calore, ivi inclusi gli impianti
ibridi o geotermici, anche abbinati
all'installazione di impianti fotovoltaici e
relativi sistemi di accumulo;
O impianti di microcogenerazione;
O impianti a collettori solari

NOTE: (9) La sostituzione del generatore di calore è sufficiente per godere della detrazione al 110 per cento. Sono inoltre ammesse le spese
relative all'adeguamento dei sistemi di distribuzione (tubi), emissione (sistemi scaldanti) e regolazione (sonde, termostati e valvole
termostatiche).
(10) La detrazione spetta, nel limite massimo di spesa previsto, anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell'impianto
sostituito nonché per la sostituzione della canna fumaria collettiva esistente, mediante sistemi fumari multipli o collettivi nuovi, compatibili
con apparecchi a condensazione, con marcatura CE di cui al regolamento delegato (UE) 305/2011, nel rispetto dei requisiti minimi
prestazionali previsti dalla norma UNI 7129-3.
(11) Nel caso di installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo, il limite di spesa previsto per tale intervento (fino a euro
48.000) si aggiunge quello stabilito per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.
(12) A tale limite di spesa si aggiunge quello previsto nel caso di eventuale installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo
fino a euro 48.000.

61
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

Tabella B - Interventi trainati


TIPO INTERVENTO CONDIZIONI NECESSARIE LIMITI DI SPESA

Spese sostenute per tutti gli Solo se eseguiti congiuntamente (13) Nei limiti di detrazione o di
interventi di efficientamento sempreché assicurino, nel loro complesso, il spesa previsti nell’articolo 14
energetico indicati nell'articolo 14 miglioramento di due classi energetiche oppure, del decreto-legge n. 63 del
del decreto-legge n. 63 del 2013 (cd. ove non possibile, il conseguimento della classe 2013 per ciascun intervento
“ecobonus”) energetica più alta (attualmente la classe A4) a (14)
(art. 119 co. 2) condizione che gli interventi siano
effettivamente conclusi.

Installazione di impianti solari Installazione degli impianti eseguita La detrazione è calcolata su un


fotovoltaici connessi alla rete congiuntamente all’intervento trainante. ammontare complessivo delle
elettrica sugli edifici di cui all'articolo Deve essere prevista la cessione in favore del spese non superiore a euro
1, comma 1, lettere a), b), c) e d), del Gestore dei servizi energetici (GSE) Spa con le 48.000 per ciascuna unità
decreto del presidente della modalità di cui all’articolo 13, comma 3 del immobiliare e, comunque, nel
repubblica 26 agosto 1993, n. 412. decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387, limite di spesa di euro 2.400
(art. 119 co. 5) dell’energia non auto-consumata in sito ovvero per ogni kW di potenza
non condivisa per l’autoconsumo, ai sensi nominale dell'impianto solare
dell’articolo 42-bis del decreto legge 30 fotovoltaico. Il limite di spesa
dicembre 2019, n. 162, convertito, con per l’installazione
modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2020, n. 8. dell’impianto fotovoltaico è
La detrazione non è cumulabile con altri incentivi ridotto ad euro 1.600 per ogni
pubblici o altre forme di agevolazione di qualsiasi kW di potenza nel caso in cui
natura previste dalla normativa europea, sia contestuale ad un
nazionale e regionale, compresi i fondi di intervento di ristrutturazione
garanzia e di rotazione di cui all'articolo 11, edilizia, di nuova costruzione o
comma 4, del decreto legislativo 3 marzo 2011, di ristrutturazione urbanistica,
n. 28, e gli incentivi per lo scambio sul posto di cui di cui all’articolo 3, comma 1,
all'articolo 25-bis del decreto-legge 24 giugno lettere d), e) ed f), del decreto
2014, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla del Presidente della
legge 11 agosto 2014, n. 116. Repubblica 6 giugno 2001, n.
380.

62
LE CHECK LIST

TIPO INTERVENTO CONDIZIONI NECESSARIE LIMITI DI SPESA

Sistemi di accumulo integrati negli Stesse condizioni indicate al punto precedente. La detrazione è calcolata su un
impianti solari fotovoltaici agevolati ammontare complessivo delle
contestuale o successiva spese non superiore a euro
all’installazione degli impianti 48.000 per ciascuna unità
medesimi. immobiliare e, comunque, nel
(art. 119 co. 6) limite di spesa di euro 1.000
per ogni kWh di capacità di
accumulo dei predetti sistemi.
Installazione delle infrastrutture per Solo se eseguiti congiuntamente Il limite di spesa ammesso alla
la ricarica di veicoli elettrici negli detrazione, pari a 3.000 euro, è
edifici nonché costi legati annuale ed è riferito a ciascun
all’aumento di potenza impegnata intervento di acquisto e posa in
del contatore dell’energia elettrica, opera delle infrastrutture di
fino ad un massimo di 7 kw, di cui ricarica.
all'articolo 16-ter del decreto-legge
n. 63 del 2013.
(art. 119 co. 8)

NOTA: (13) Tale condizione si considera soddisfatta se le date delle spese sostenute per gli interventi trainati, sono ricomprese nell'intervallo di tempo
individuato dalla data di inizio e dalla data di fine dei lavori per la realizzazione degli interventi trainanti.
(14) L'elenco degli interventi agevolabili è contenuto nella tabella C.

63
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

Tabella C - Interventi trainati di cui all'art 119 co. 2 D.L. n. 34/2020


TIPOLOGIA INTERVENTO TRAINATO LIMITE DI SPESA
1. Isolamento termico delle superfici opache verticali, La spesa massima ammissibile ammonta a
orizzontali e inclinate che interessano le parti comuni 54.545,45 € per numero immobili che
l’involucro dell’edificio con un’incidenza complessiva compongono l’edificio interessate dall’intervento
minore o uguale al 25 per cento della superficie
disperdente lorda dell’edificio medesimo

2. Sostituzione di finestre comprensive di infissi delle La spesa massima ammissibile ammonta a


parti comuni 54.545,45 € per numero immobili che
compongono l’edificio interessate dall’intervento

In caso di esecuzione congiunta degli interventi di cui ai precedenti punti 1 e 2 la detrazione massima
concessa ammonta complessivamente a 54.545,45 € per numero immobili che compongono l’edificio
interessate dall’intervento

3. Acquisto e posa in opera delle schermature solari e La spesa massima ammissibile ammonta a
chiusure oscuranti delle parti comuni 54.545,45 € per il numero di unità immobiliari di
cui si compone l’edificio interessate
dall’intervento

4. Intervento, sulle parti comuni, di sostituzione degli La spesa massima ammissibile ammonta a
impianti di climatizzazione invernale esistenti con 27.272,72 € per il numero di unità immobiliari di
impianti dotati di: cui si compone l’edificio interessate
a) generatori di aria calda a condensazione dall’intervento.
b) generatori a biomassa in classe 5 N.B. In caso di istallazione contestuale di più
c) scaldacqua a pompa di calore impianti di cui alle lettere a) b) e c) (ad esempio
generatori di aria calda a condensazione
unitamente a scaldacqua a pompa di calore) la
detrazione massima fruibile rimane comunque
pari a 27.272,72 € per il numero di unità
immobiliari di cui si compone l’edificio interessate
dall’intervento.

A tali limiti di spesa si aggiunge quella prevista nel caso di eventuale installazione di impianti fotovoltaici e
relativi sistemi di accumulo nei limiti di spesa previsti dall’art. 119 co. 5 e 6

5. Infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli La spesa massima ammissibile è di 3.000 per il
edifici numero di unità di immobiliari che compongono
l’edificio

64
LE CHECK LIST

TIPOLOGIA INTERVENTO TRAINATO LIMITE DI SPESA


6. Isolamento termico delle superfici opache verticali, La spesa massima ammissibile ammonta a
orizzontali e inclinate che interessano le parti private 54.545,45 euro
dell’involucro dell’edificio o su edifici unifamiliari con
un’incidenza complessiva minore o uguale al 25 per cento
della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo
7. Sostituzione delle finestre comprensive di infissi su La spesa massima ammissibile ammonta a
parti private di un unità immobiliare 54.545,45 euro
In caso di esecuzione congiunta degli interventi di cui ai precedenti punti 6 e 7 la detrazione massima
concessa ammonta complessivamente a 54.545,45 €
8. Acquisto e posa in opera delle schermature solari e La spesa massima ammissibile ammonta a
chiusure oscuranti delle parti private dell’edificio o 54.545,45 euro
dell’immobile unifamiliare
9. Intervento di sostituzione degli impianti su edifici La spesa massima ammissibile è pari 27.272,72
unifamiliari di climatizzazione invernale esistenti con euro
impianto dotati di: N.B In caso di esecuzione congiunta degli
a) caldaie a condensazione interventi di cui alle lettere da a) ad e) la detrazione
b) generatori di aria calda a condensazione massima concessa ammonta complessivamente a
c) pompe di calore (PDC) a compressione di vapore 27.272,72 euro
elettriche anche sonde geotermiche
d) pompe di calore ad assorbimento a gas
e) sistemi ibridi (caldaia a condensazione)
f) scaldacqua a pompa di calore
10. Intervento di sostituzione degli impianti di La spesa massima ammissibile per l’intervento è
climatizzazione invernale esistenti con impianto dotati di pari a 90.909,09 euro;
sistemi microcogenerazione
11. Installazione, di impianti di climatizzazione invernale La spesa massima ammissibile è pari a 27.272,72
dotati di generatori di calore alimentati da biomasse euro.
combustibili
12. Solare termico La spesa massima ammissibile è pari a 27.272,72
euro.
A tali limiti di spesa si aggiunge quella prevista nel caso di eventuale installazione di impianti fotovoltaici e
relativi sistemi di accumulo nei limiti di spesa previsti dall’art. 119 co. 5 e 6
13. Infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli La spesa massima ammissibile è di 3.000
edifici unifamiliari

65
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

Check list - Visto di conformità Superbonus 110% interventi per la riduzione del rischio sismico

BENEFICIARIO

Cognome/Ragione sociale ________________________________________________

Nome ________________________________________________

Cod.Įscale ________________________________________________

SPESE SOSTENUTE

IntervenƟ trainanƟ € _____________________

IntervenƟ trainaƟ € _____________________

Totale spesa € _____________________

TOTALE DETRAZIONI € _____________________

AMMONTARE CREDITO CEDUTO

I°/SAL UNICO € _________________

II° SAL € _________________

III° SAL € _________________

SoggĞƩo beneĮciario
Condominio SI NO
Persona Įsica
o Proprietario SI NO
o Detentore SI NO
o Familiare convivente SI NO
IACP o assimilaƟ SI NO
CooperaƟva di abitazione a proprietà indivisa SI NO
ONLUS SI NO
Organizzazione di volontariato SI NO
Associazione di promozione sociale SI NO
ASD o SSD SI NO
DaƟ relaƟvi all’immobile e relaƟve imposte comunali
Visura catastale SI NO
Domanda di accatastamento (solo per gli immobili non ancora censiƟͿ SI NO
Ricevute di pagamento dell’imposta comunale sugli immobili (se dovutaͿ SI NO
Documentazione aƩĞstante la proprietà o disponibilità dell’immobile

66
LE CHECK LIST

AƩŽdi acquisƚŽŽ cerƟĮĐĂƚŽcatastale SI NO


CŽntrĂƩŽdi lŽcaziŽne SI NO
CŽntrĂƩŽdi cŽmŽdatŽ SI NO
CerƟĮĐĂƚŽdellŽsƚĂƚŽdi famigliĂŽauƚŽcerƟĮĐaziŽne (familiare cŽnvivente) SI NO
CŽpia successiŽne 1 e auƚŽcerƟĮcaziŽne aƩestante la dispŽnibilità e detenziŽne
SI NO
materiale e direƩĂdell’immŽbile (erede)
CŽpia verbale CDA di acceƩaziŽne della dŽmanda di assegnaziŽne (sŽciŽ cŽŽperaƟva
SI NO
indivisa)
CŽpia sentenza di separaziŽne SI NO
CŽpia preliminare di acquisƚŽ cŽn immissiŽne in pŽssessŽ SI NO
CŽnsensŽĂll’esecuziŽne dei lavŽri da parte del prŽprietariŽ(per tuƫ i detenƚŽri diversi
SI NO
da familiari cŽnvivenƟͿ
CŽpia ĂƩŽ di cessiŽne dell’immŽbile cŽn previsiŽne di mantenimenƚŽ del diriƩŽ alla
SI NO
detraziŽne in capŽĂl cedente
ParƟ comuni (condominio)
CŽpia della delibera assembleare e della tabella millesimale di riparƟziŽne delle spese
SI NO
ŽvverŽcerƟĮĐaziŽne dell’amministrĂƚŽre di cŽndŽminŝŽ
CŽndŽminiŽminimŽ
o Delibera assembleare dei cŽndòmini SI NO
o AuƚŽcerƟĮĐaziŽne ĂƩestante la natura dei lavŽri eseguiƟ e i daƟ catastali delle
SI NO
unità immŽbiliari facenƟ parte del cŽndŽminŝŽ
Altre autocerƟĮcazioni 2

AuƚŽcerƟĮĐaziŽne ĂƩestante il rispeƩŽ del limite massimŽ di detraziŽne tra gli avenƟ
SI NO
diriƩŽ
AuƚŽcerƟĮĐaziŽne ĂƩestante la presenza Ž menŽ di altri cŽntribuƟ per gli stessi
SI NO
intervenƟ
AuƚŽcerƟĮĐaziŽne ĂƩestante che l’immŽbile ŽggeƩŽ di intervenƚŽ nŽn è uƟůŝzzatŽ
SI NO
nell’ambiƚŽdi aƫvità d’impresĂŽprŽfessiŽnale
AuƚŽcerƟĮcaziŽne ĂƩestante la presenza di redditŽ nell’annŽ precedente il
SI NO
sŽstenimenƚŽdella spesa
AuƚŽcerƟĮcaziŽne ĂƩestante l’assenza/la presenza di intervenƟ della stessa natura
sullŽ stessŽ immŽbile che rappresentanŽ mera prŽsecuziŽne di intervenƟ iniziaƟ in SI NO
anni precedenƟ
Abilitazioni amministraƟve, comunicazioni, relazioni e aƩestazioni tecniche richieste dalla vigente legislazione
CŽmunicaziŽne IniziŽLavŽri (CIL ŽCILA) cŽn ricevuta di depŽsitŽ SI NO
SegnalaziŽne cerƟĮĐata di iniziŽĂƫvità (Scia) cŽn ricevuta di depŽsitŽ SI NO
AltrŽ_____________________ SI NO
DichiaraziŽne sŽsƟtuƟva dell’ĂƩŽ di nŽƚŽrietà resa dal cŽntribuente in cui sia indicata
la data di iniziŽ dei lavŽri ed ĂƩestata la circŽstanza che gli intervenƟ pŽsƟ in essere
SI NO
rientranŽ tra quelli agevŽlabili e che i medesimi nŽn necessitanŽ di alcun ƟƚŽlŽ
abilitaƟvŽĂi sensi della nŽrmaƟva edilizia vigente
Ricevuta di spediziŽne della cŽmunicaziŽne prevenƟva iniziŽ lavŽri all’ASL di
SI NO
cŽmpetenza
AsseveraziŽne della classe di rischiŽ dell’ediĮĐŝŽ precedente l’interventŽ e di quella
cŽnseguibile a seguiƚŽ dell’esecuziŽne dell’intervenƚŽ prŽgeƩĂƚŽ ex art. 3 cŽ. 2 del
SI NO
D.M. 28 febbraiŽ 2017, n. 58, cŽn ricevuta di depŽsitŽ pressŽ lŽ spŽrtellŽ unicŽ
cŽmpetente
DocumenƟ di spesa e relaƟvi pagamenƟ
FĂƩure e relaƟvi bŽniĮĐŝ SI NO

1 È pŽssibile aƩestare la cŽndiziŽne di erede aƩƌaversŽ autŽcerƟĮcaziŽne.


2 DichiaraziŽne sŽsƟtuƟva dell’aƩŽ di nŽtŽrietà resa ai sensi dell’art. 47 del DPR n. 445 del 2000.

67
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE

Oneri di urbanizzazione SI NO
Imposta di bollo SI NO
Altro __________________________ SI NO
Altro __________________________ SI NO
Altro __________________________ SI NO
Tipologia di intervento
IntervenƟ trainanƟ (vedi Tabella A)

IntervenƟ anƟsismici e di riduzione del rischio sismico di cui ai commi da 1-bis a 1- SI NO


sepƟes dell'arƟĐolo 16 del decreto-legge n. 63 del 2013
o Su parƟ comuni SI NO
o Su ediĮĐŝ unifamiliari o plurifamiliari indipendenƟ SI NO
IntervenƟ trainaƟ (vedi Tabella B) SI NO
o Installazione di impianƟ solari fotovoltaici SI NO
o Sistemi di accumulo integraƟ SI NO
o Realizzazione di sistemi di monitoraggio struƩurale conƟnuo a Įni anƟsismici SI NO
Asseverazioni e aƩĞstazioni intermedie (SAL)
AƩestazione della conformità degli intervenƟ eseguiƟ al progeƩŽ depositato, come
asseverato dal progeƫsta a inizio lavori, ex art. 3 co. 4 del D.M. del 28 febbraio 2017, n. SI NO
58, con ricevuta di presentazione allo sportello unico competente
AƩestazione della congruità delle spese sostenute in relazione agli intervenƟ agevolaƟ,
SI NO
ex art. 119 co. 13 leƩ. b) D.L. n. 34/2020
AutocerƟĮcazione aƩestante che lo Stato di Avanzamento dei Lavori si riferisce ad
almeno il 30% dell’intervento previsto e che per lo stesso intervento non è stato SI NO
superato il limite di due SAL 3
Copia/e della/e ricevuta/e di trasmissione della/e Comunicazione/i di opzione di
SI NO
cessione/sconto all’Agenzia delle entrate riguardante/i precedenƟ SAL (se presenƟͿ
Polizza/e RC del/i tecnico/i sŽƩŽscriƩŽre/i delleĂƩestazioni di cui ai punƟ precedenƟ SI NO
Consenso alla cessione del credito o sconto in faƩura da parte del
SI NO
cessionario/fornitore 4
Asseverazioni e aƩĞstazioni Įnali
AƩestazione della conformità degli intervenƟ eseguiƟ al progeƩŽ depositato, come
asseverato dal progeƫsta a inizio lavori, ex art. 3 co. 4 del D.M. del 28 febbraio 2017, n. SI NO
58, con ricevuta di presentazione allo sportello unico competente
AƩestazione della congruità delle spese sostenute in relazione agli intervenƟ agevolaƟ,
SI NO
ex art. 119 co. 13 leƩ. b) D.L. n. 34/2020
Polizza/e RC del/i tecnico/i sŽƩŽscriƩŽre/i delleĂƩestazioni di cui ai punƟ precedenƟ SI NO
ContrĂƩŽ di cessione al GSE dell’energia non autoconsumata e scheda prodŽƩŽ (solo
SI NO
per intervenƟ fotovoltaici)
Consenso alla cessione del credito o sconto in fĂƩura da parte del
SI NO
cessionario/fornitore 5

3 Dichiarazione sosƟtuƟva dell’aƩo di notorietà resa ai sensi dell’art. 47 del DPR n. 445 del 2000.
4 L’acceƩazione del fornitore è comprovata dal documento di spesa emesso dal fornitore dal quale deve risultare l’applicazione
dello sconto.
5 Vedi nota 4.

68
LE CHECK LIST

Tabella A - Interventi trainanti

TIPOLOGIA INTERVENTO CARATTERISTICHE INTERVENTO LIMITI DI SPESA

Interventi antisismici e di Si tratta di interventi antisismici per O 96.000 euro, nel caso di interventi
riduzione del rischio sismico la messa in sicurezza statica delle realizzati su singole unità immobiliari. Il
di cui ai commi da 1-bis a 1- parti strutturali di edifici o di limite di spesa ammesso alla detrazione è
septies dell'articolo 16 del complessi di edifici collegati annuale e riguarda il singolo immobile. (6)
decreto-legge n. 63 del 2013 strutturalmente, di cui all’art. 16-bis, In caso di più soggetti aventi diritto alla
(cd. sismabonus) comma 1, lett. i), del TUIR, le cui detrazione (comproprietari, ecc.), tale
(Art. 119 co. 4) procedute autorizzatorie sono limite deve essere ripartito tra gli stessi
iniziate dopo il 1° gennaio 2017, per ciascun periodo d’imposta in relazione
relativi a edifici ubicati nelle zone alle spese sostenute ed effettivamente
sismiche 1, 2 e 3 di cui all’ordinanza rimaste a carico;
del Presidente del Consiglio dei
ministri n. 3274 del 20 marzo 2003, O 96.000 euro moltiplicato per il numero
inclusi quelli dai quali deriva la delle unità immobiliari di ciascun edificio,
riduzione di una o due classi di per gli interventi sulle parti comuni di
rischio sismico, anche realizzati sulle edifici in condominio;
parti comuni di edifici in condominio
(commi da 1-bis a 1- sexies). O 96.000 euro, nel caso di acquisto delle
“case antisismiche”.
Il Bonus 110 si applica anche alle
spese sostenute dagli acquirenti
delle cd. case antisismiche, vale a
dire delle unità immobiliari facenti
parte di edifici ubicati in zone
classificate a rischio sismico 1, 2 e 3
(individuate dall’ordinanza del
Presidente del Consiglio dei ministri
n. 3519 del 28 aprile 2006) oggetto
di interventi antisismici effettuati
mediante demolizione e
ricostruzione dell’immobile da parte
di imprese di costruzione o
ristrutturazione immobiliare che
entro 18 mesi dal termine dei lavori
provvedano alla successiva rivendita
(comma 1-septies).

NOTA: (6) Nell'ipotesi in cui gli interventi realizzati in ciascun anno consistano nella mera prosecuzione di lavori iniziati negli anni precedenti sulla stessa
unità immobiliare, ai fini della determinazione del limite massimo delle spese ammesse in detrazione occorre tenere conto anche delle spese sostenute
negli anni pregressi. Si ha, quindi, diritto all'agevolazione solo se la spesa per la quale si è già fruito della relativa detrazione nell'anno di sostenimento non
ha superato il limite complessivo

69
IL 110% E TUTTI I BONUS PER LA CASA IL SOLE 24 ORE LE CHECK LIST

Tabella B - Inteventi trainati


TIPO INTERVENTO CONDIZIONI NECESSARIE LIMITI DI SPESA
Installazione di impianti Installazione degli impianti eseguita La detrazione è calcolata su un
solari fotovoltaici connessi congiuntamente all’intervento ammontare complessivo delle spese non
alla rete elettrica sugli edifici trainante. superiore a euro 48.000 per ciascuna
di cui all'articolo 1, comma 1, unità immobiliare e, comunque, nel limite
lettere a), b), c) e d), del Deve essere prevista la cessione in di spesa di euro 2.400 per ogni kW di
decreto del presidente d ella favore del Gestore dei servizi potenza nominale dell'impianto solare
repubblica 26 agosto 1993, energetici (GSE) Spa con le modalità fotovoltaico.
n. 412. di cui all’articolo 13, comma 3 del
(art. 119 co. 5) decreto legislativo 29 dicembre Il limite di spesa per l’installazione
2003, n. 387, dell’energia non auto- dell’impianto fotovoltaico è ridotto ad
consumata in sito ovvero non euro 1.600 per ogni kW di potenza nel
condivisa per l’autoconsumo, ai caso in cui sia contestuale ad un
sensi dell’articolo 42-bis del decreto intervento di ristrutturazione edilizia, di
legge 30 dicembre 2019, n. 162, nuova costruzione o di ristrutturazione
convertito, con modificazioni, dalla urbanistica, di cui all’articolo 3, comma 1,
legge 28 febbraio 2020, n. 8. lettere d), e) ed f), del decreto del
Presidente della Repubblica 6 giugno
La detrazione non è cumulabile con 2001, n. 380.
altri incentivi pubblici o altre forme
di agevolazione di qualsiasi natura
previste dalla normativa europea,
nazionale e regionale, compresi i
fondi di garanzia e di rotazione di cui
all'articolo 11, comma 4, del decreto
legislativo 3 marzo 2011, n. 28, e gli
incentivi per lo scambio sul posto di
cui all'articolo 25-bis del decreto-
legge 24 giugno 2014, n. 91,
convertito, con modificazioni, dalla
legge 11 agosto 2014, n. 116.
Sistemi di accumulo integrati Stesse condizioni indicate al punto La detrazione è calcolata su un
negli impianti solari precedente. ammontare complessivo delle spese non
fotovoltaici agevolati superiore a euro 48.000 per ciascuna
contestuale o successiva unità immobiliare e, comunque, nel limite
all’installazione degli impianti di spesa di euro 1.000 per ogni kWh di
medesimi. capacità di accumulo dei predetti sistemi.
(art. 119 co. 6)
Realizzazione di sistemi di a condizione che sia eseguita Nel rispetto dei limiti di spesa previsti
monitoraggio strutturale congiuntamente a uno degli dalla legislazione vigente per i medesimi
continuo a fini antisismici interventi di cui ai commi da 1-bis a interventi.
(art. 119 co. 4bis) 1-septies dell'articolo 16 del
decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63,
convertito, con modificazioni, dalla
legge 3 agosto 2013, n. 90,

70