Sei sulla pagina 1di 318

GUIDA PER L’INSEGNANTE

R. Paoli L. Leone
F. Ferrarin V. Panza

Musica
nel cuore
• Repertorio per i concerti di classe
• Programmazione per competenze
• Strategie e materiali per la didattica inclusiva
va

con Laboratorio musicale


interattivo
GUIDA PER L’INSEGNANTE

Musica
nel cuore
• Repertorio per i concerti di classe
• Programmazione per competenze
• Strategie e materiali per la didattica inclusiva
2
3
4
5
Indice
Obiettivi e caratteristiche metodologiche del corso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Programmazione  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
Tabelle di programmazione  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Lavorare per competenze in musica  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
La didattica inclusiva nella Scuola secondaria di I grado  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25

Repertorio per i concerti di classe


Brani polifonici 
Adeste fideles (natalizio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
Au clair de la lune (popolare) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
Belle qui tiens ma vie (classico) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
Calypso (popolare) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
Can Can (classico) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
Deck the hall (natalizio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
La notte di Natale (natalizio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
Molly Malone (popolare) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
Peixinhos do mar (popolare) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
Pick a bale of cotton (popolare) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
Quand je bois du vin clairet (classico) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
Se chanta (popolare) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
Siyahamba (popolare) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
Sur le pont d’Avignon (popolare) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
Tema (dalla Sinfonia n. 40, classico) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
The first Noel (natalizio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109

Partiture per chitarra


Medioevo e Rinascimento
In taberna quando sumus (Anonimo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Dies Irae (T. da Celano) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Gagliarda (Galilei) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
Greensleeves (Cutting) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
Quand je bois du vin clairet (Anonimo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
Belle qui tiens ma vie (Anonimo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116

Barocco
Te Deum in Re maggiore (Charpentier) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
Adagio (dal Concerto per tromba in Re maggiore, Telemann) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118

6
Indice
Lascia ch’io pianga (da Rinaldo, Haendel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
Hallelujah (dal Messiah, Haendel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
Alla hornpipe (da Musica sull’acqua, Haendel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
Minuetto II (da Musica per i reali fuochi d’artificio, Haendel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
La primavera: Allegro (da Le quattro stagioni, Vivaldi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
L’autunno: La caccia (da Le quattro stagioni, Vivaldi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
L’inverno: Largo (da Le quattro stagioni, Vivaldi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
Corale (dalla Passione secondo Matteo, Bach) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
Aria sulla quarta corda (dalla Suite n. 3 in Re maggiore, Bach) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
Minuetto (Bach) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
Corale (dalla Cantata n.147, Bach) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126

Classicismo
Ah! Vous dirai-je, Maman! (Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
Andante (dal Concerto per pianoforte n. 21 K 467, Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
Sinfonia n. 40 K 550 (Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
Tema (dalla Sonata K 331, Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
Aria (da Il flauto magico, Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
Aria di Papageno (da Il flauto magico, Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
Non più andrai farfallone… (da Le nozze di Figaro, Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
Romanza (dalla Piccola serenata notturna K 525, Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
Adagio (da Patetica op. 13, Beethoven) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
Canto di Ringraziamento (dalla Sinfonia n. 6, Beethoven) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
Inno alla Gioia (dalla Sinfonia n. 9 op. 125, Beethoven) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
Per Elisa (Beethoven) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
Romanza n. 2 in Fa maggiore op. 50 (Beethoven) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
Inno al Creatore (Beethoven) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136

Romanticismo
Il contadino allegro (Schumann) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
Libiam ne’ lieti calici (da La Traviata, Verdi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
Va pensiero (da Nabucco, Verdi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
Marcia trionfale (da Aida, Verdi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
La donna è mobile (da Rigoletto, Verdi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
La Moldava (Smetana) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
Ninna nanna (Brahms) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
Sul bel Danubio blu (Strauss) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
Danza polovesiana (da Il principe Igor, Borodin) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
L’amour est un oiseau rébelle (da Carmen, Bizet) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
Allegro ma non troppo (dal Concerto per pianoforte n. 1, Ciaikovskij) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
Scena (da Il lago dei cigni, Ciaikovskij) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
Il mattino (da Peer Gynt, Grieg) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
Land of hope and glory (da Pomp and circumstances, Elgar) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146

7
Indice

Partiture per tastiera


Medioevo e Rinascimento
In taberna quando sumus (Anonimo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
Dies Irae (T. da Celano) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
Gagliarda (Galilei) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
Greensleeves (Cutting) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
Quand je bois du vin clairet (Anonimo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
Belle qui tiens ma vie (Anonimo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150

Barocco
Te Deum in Re maggiore (Charpentier) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
Adagio (dal Concerto per tromba in Re maggiore, Telemann) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
Lascia ch’io pianga (da Rinaldo, Haendel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
Hallelujah (dal Messiah, Haendel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
Alla hornpipe (da Musica sull’acqua, Haendel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
Minuetto II (da Musica per i reali fuochi d’artificio, Haendel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
La primavera: Allegro (da Le quattro stagioni, Vivaldi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
L’autunno: La caccia (da Le quattro stagioni, Vivaldi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
L’inverno: Largo (da Le quattro stagioni, Vivaldi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
Corale (dalla Passione secondo Matteo, Bach) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
Aria sulla quarta corda (dalla Suite n. 3 in Re maggiore, Bach) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
Minuetto (Bach) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
Corale (dalla Cantata n.147, Bach) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160

Classicismo
Ah! Vous dirai-je, Maman! (Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
Andante (dal Concerto per pianoforte n. 21 K 467, Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162
Sinfonia n. 40 K 550 (Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
Tema (dalla Sonata K 331, Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
Aria (da Il flauto magico, Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
Aria di Papageno (da Il flauto magico, Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
Non più andrai farfallone… (da Le nozze di Figaro, Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
Romanza (dalla Piccola serenata notturna K 525, Mozart) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
Adagio (da Patetica op. 13, Beethoven) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
Canto di Ringraziamento (dalla Sinfonia n. 6, Beethoven) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
Inno alla Gioia (dalla Sinfonia n. 9 op. 125, Beethoven) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
Per Elisa (Beethoven) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
Romanza n. 2 in Fa maggiore op. 50 (Beethoven) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
Inno al Creatore (Beethoven) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170

Romanticismo
Il contadino allegro (Schumann) ............................................................................................................................................................. 171

8
Indice
Libiam ne’ lieti calici (da La Traviata, Verdi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
Va pensiero (da Nabucco, Verdi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
Marcia trionfale (da Aida, Verdi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 174
La donna è mobile (da Rigoletto, Verdi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
La Moldava (Smetana) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
Ninna nanna (Brahms) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
Sul bel Danubio blu (Strauss) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
Danza polovesiana (da Il principe Igor, Borodin) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
L’amour est un oiseau rébelle (da Carmen, Bizet) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
Allegro ma non troppo (dal Concerto per pianoforte n. 1, Ciaikovskij) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
Scena (da Il lago dei cigni, Ciaikovskij) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
Il mattino (da Peer Gynt, Grieg) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
Land of hope and glory (da Pomp and circumstances, Elgar) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180

Prove di verifica
Volume A • Teoria musicale
prova 1 Il ritmo e le figure musicali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
prova 2 I rapporti tra le note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184

Volume A • Metodi
prova 3 Metodo per suonare (A) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
prova 4 Metodo per suonare (B) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188
prova 5 Metodo per suonare (C) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
prova 6 Metodo per accompagnare • Metodo per cantare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192

Volume B • Suoni, strumenti e voci


prova 7 Il suono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
prova 8 Strumenti a corda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
prova 9 Strumenti a fiato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
prova 10 Strumenti a tastiera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
prova 11 Strumenti a percussione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
prova 12 Formazioni strumentali e voci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204

Volume B • Storia della musica


prova 13 Il Medioevo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
prova 14 Il Rinascimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
prova 15 Il Barocco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
prova 16 Il Classicismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
prova 17 Il Romanticismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
prova 18 La musica dal Novecento a oggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
prova 19 Il jazz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218

9
Indice

Verifiche per la didattica inclusiva


Volume A
verifica 1 Teoria musicale (A) ........................................................................................................................................................... 222
verifica 2 Teoria musicale (B) ........................................................................................................................................................... 224

Volume B
verifica 3 Il suono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
verifica 4 Gli strumenti musicali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
verifica 5 Formazioni strumentali e voci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
verifica 6 Storia della musica: Medioevo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232
verifica 7 Storia della musica: Rinascimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
verifica 8 Storia della musica: Barocco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
verifica 9 Storia della musica: Classicismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 238
verifica 10 Storia della musica: Romanticismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
verifica 11 Storia della musica: la musica dal Novecento a oggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
verifica 12 Storia della musica: il jazz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244

Prove di verifica con soluzioni integrate


Volume A • Teoria musicale
prova 1 Il ritmo e le figure musicali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
prova 2 I rapporti tra le note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250

Volume A • Metodi
prova 3 Metodo per suonare (A) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 252
prova 4 Metodo per suonare (B) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
prova 5 Metodo per suonare (C) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
prova 6 Metodo per accompagnare • Metodo per cantare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258

Volume B • Suoni, strumenti e voci


prova 7 Il suono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
prova 8 Strumenti a corda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
prova 9 Strumenti a fiato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264
prova 10 Strumenti a tastiera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
prova 11 Strumenti a percussione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268
prova 12 Formazioni strumentali e voci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270

Volume B • Storia della musica


prova 13 Il Medioevo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272
prova 14 Il Rinascimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274
prova 15 Il Barocco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276

10
Indice
prova 16 Il Classicismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
prova 17 Il Romanticismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
prova 18 La musica dal Novecento a oggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282
prova 19 Il jazz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 284

Verifiche per la didattica inclusiva


con soluzioni integrate
Volume A
verifica 1 Teoria musicale (A) ........................................................................................................................................................... 288
verifica 2 Teoria musicale (B) ........................................................................................................................................................... 290

Volume B
verifica 3 Il suono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 292
verifica 4 Gli strumenti musicali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 294
verifica 5 Formazioni strumentali e voci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 296
verifica 6 Storia della musica: Medioevo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298
verifica 7 Storia della musica: Rinascimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300
verifica 8 Storia della musica: Barocco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 302
verifica 9 Storia della musica: Classicismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 304
verifica 10 Storia della musica: Romanticismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 306
verifica 11 Storia della musica: la musica dal Novecento a oggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308
verifica 12 Storia della musica: il jazz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310

Griglie di valutazione delle competenze del Volume A  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313

11
Obiettivi e caratteristiche metodologiche
del corso
Un corso dalle infinite risorse… per tutti
Musica nel cuore si pone come obiettivo quello di affiancare costantemente studenti e insegnanti
attraverso molteplici risorse: libro cartaceo, libro digitale (anche in versione easy eBook off line)
Laboratorio musicale, Portale zona Musica.
Il docente ha la possibilità di preparare le lezioni in modo innovativo, grazie agli efficaci contributi
multimediali e a strumenti come il Crea lezioni dell’eBook, ma anche di impostarle nella forma
tradizionale, poiché il testo cartaceo può essere utilizzato in maniera del tutto autonoma rispetto
al corredo digitale.
Il Laboratorio musicale, che rappresenta un valore aggiunto di grande rilievo e di sicura efficacia
didattica, si integra perfettamente con il testo.
Entrambi i volumi del corso sono forniti al docente come LIBRO DOC, cioè in versione riservata,
con tutte le soluzioni integrate direttamente nelle pagine e risorse aggiuntive (raccolte nelle pagine
blu). Questo consente un grande risparmio di tempo nella correzione delle attività.

Volume A: teoria, metodi, antologia


Il volume A si apre con la teoria musicale. L’apprendimento dei simboli e delle regole musicali è
verificato attraverso numerosissimi esercizi da svolgere direttamente sul libro, ai quali si aggiun-
gono le attività in forma di videogioco (con segnalazione degli errori e punteggio) contenute nelle
app del Laboratorio musicale.
Per insegnare la scrittura musicale, vengono proposti dettati melodici con un numero sempre
maggiore di note: gli alunni ascoltano la voce guida che intona le note e le trascrivono nella giusta
posizione direttamente nei pentagrammi del libro.
Il metodo per suonare segue un percorso estremamente graduale che presenta le singole note con
le posizioni delle dita su flauto dolce, chitarra e tastiera. Per ogni nota si trovano esercizi e spezzoni
musicali di brani classici e pop. All’interno del metodo per suonare sono anche riproposte “in pil-
lole” le regole di teoria musicale. Questo consente al docente di scegliere la metodologia didattica
preferita: iniziare dalla teoria musicale oppure direttamente dalla pratica strumentale.
Anche il metodo per accompagnare adotta un percorso graduale: i singoli accordi sono proposti
uno per volta, con le posizioni sia della tastiera che della chitarra. I brani suggeriti per la pratica
strumentale sono canzoni pop.
Nel metodo per cantare le esercitazioni vanno dalla lettura cantata (si cantano i nomi delle note)
fino all’esecuzione polifonica.
L’antologia raccoglie un vastissimo repertorio di brani da suonare e cantare appartenenti ai più
svariati generi musicali: dal pop/rock italiano e straniero, alle colonne sonore, agli stili musicali,
ai brani natalizi, agli inni nazionali, ai brani classici, ai pezzi polifonici. Questi ultimi hanno un
ulteriore sviluppo nella Guida per l’insegnante, che contiene numerosi brani a più voci. Una delle
sezioni più ampie è quella dei brani classici: catalogati per periodo storico, consentono di ripercor-
rere la storia della musica dal Medioevo ai giorni nostri. La prima sezione, intitolata Suonafacile,
contiene una selezione di brani molto semplificati da utilizzare già durante lo studio delle prime

12
Obiettivi e caratteristiche metodologiche del corso

note del metodo per suonare. Per le sue caratteristiche, può essere utilizzata efficacemente anche
nelle situazioni di Bisogni Educativi Speciali. Le sezioni I gruppi rock internazionali, Guerra e
pace e Le canzoni e la storia d’Italia rappresentano anche dei percorsi di competenze, in grado
di attivare abilità diverse, comprese quelle digitali: i vari pezzi sono ampiamente contestualizzati,
spartiti e testo sono accompagnati da analisi guidate, si propongono collegamenti interdisciplinari,
compiti in situazione e ricerche in rete.

Volume B: ascolto e storia della musica


La prima parte del volume è dedicata all’imparare ad ascoltare: introduce i ragazzi ai vari generi
musicali e li allena all’ascolto consapevole attraverso le attività sul Flauto magico. L’opera di Mo-
zart è raccontata come una fiaba in un piacevole e coinvolgente filmato, con la voce narrante di
un’attrice, le immagini del pittore Emanuele Luzzati e gli inserti musicali che ne propongono i
momenti più piacevoli e significativi.
A strumenti musicali, formazioni e voci il libro dedica ampio spazio. Ogni strumento è presen-
tato con descrizioni e illustrazioni accurate, un ascolto specifico e relativo questionario operativo,
curiosità sui grandi interpreti e suggerimenti per trovare approfondimenti in rete.
Si dedica attenzione anche agli strumenti etnici dei vari continenti e a quelli che hanno avuto un
ruolo da protagonisti durante i vari periodi storici.
La storia della musica ha un approccio “amichevole” e fa conoscere ai ragazzi i grandi compositori
anche nella loro dimensione umana e quotidiana, attraverso curiosità e aneddoti. L’evoluzione dei
generi e delle forme musicali è contestualizzata storicamente e geograficamente, ponendo atten-
zione anche alla produzione culturale e artistica del periodo.
Le forme musicali sono presentate parallelamente agli autori in modo da rendere più organizzate
e sistematiche le lezioni.
Gli ascolti guidati, che si avvalgono di una grafica molto intuitiva, aiutano i ragazzi a comprendere
con facilità i caratteri essenziali dei vari periodi e si possono efficacemente utilizzare anche per
Bisogni Educativi Speciali. Le registrazioni originali relative a questi ascolti sono presenti anche
nel libro digitale dei ragazzi.
La versione digitale del libro fornisce, non solo al docente ma anche ai ragazzi, una serie di interes-
santi videolezioni che illustrano, attraverso filmati, immagini e registrazioni, i vari periodi storici.

La didattica inclusiva
Il corso, sia nei volumi cartacei che nelle risorse digitali, è stato progettato anche in funzione delle
esigenze di didattica inclusiva. Molte delle soluzioni adottate tengono conto dei suggerimenti del Ce-
disma, il Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e la Marginalità dell’Università Cattolica del Sacro
Cuore di Milano (Facoltà di Scienze della formazione), che svolge attività di ricerca e formazione
nel campo della pedagogia e della didattica speciale ed è diretto dal prof. Luigi d’Alonzo, ordinario
di Pedagogia Speciale presso l’Università Cattolica.
Tutti i percorsi del libro presentano difficoltà graduali e progressive; inoltre, all’interno delle sin-
gole sezioni sono sempre presenti elementi appositamente pensati per una didattica inclusiva.
Ne sono un esempio:
- i percorsi cognitivi di unità, che hanno la funzione di mappe visuali illustrate. Tutti sono ripro-
posti, nella versione digitale del libro, tradotti in 6 lingue (inglese, francese, spagnolo, rumeno,

13
Obiettivi e caratteristiche metodologiche del corso

arabo, cinese) e anche in formato audio, per facilitare gli alunni stranieri;
- i box L’essenziale, in apertura dei capitoli del volume B, che ripropongono in breve e in maniera
semplice i concetti fondamentali;
- gli ascolti guidati con questionari illustrati.
Per quanto riguarda le attività relative al fare musica:
- il metodo per suonare presenta esercizi strumentali semplificati, con pentagramma ingrandito e
la seconda linea colorata di rosso per una lettura facilitata. La lettura facilitata del pentagramma
è una funzionalità importante del Laboratorio musicale: tutti gli spartiti del libro possono infatti
essere fruiti in visualizzazione BES con un semplice clic;
- tutti i brani, sia del Metodo che dell’Antologia, sono dotati di linea ritmica per l’accompagna-
mento con strumenti a percussione: questo consente di coinvolgere nell’esecuzione tutti gli
alunni della classe;
- l’utilizzo del Laboratorio musicale digitale consente di esercitarsi a suonare sugli spartiti che
scorrono in sincronia con la base. Nella modalità “studio”, tutte le melodie si possono rallentare
a piacere, per favorire gli alunni con difficoltà.

Il Laboratorio musicale
È uno strumento didattico molto efficace. Contiene una serie di applicazioni digitali per l’appren-
dimento della grammatica musicale che riguardano i simboli musicali, il ritmo, l’acustica e danno
anche la possibilità di sperimentare la composizione. Si tratta di attività immediate e intuitive, con
la segnalazione immediata degli errori e un sistema di punteggi analogo a quello dei videogiochi.
Le singole app si possono utilizzare autonomamente oppure si possono attivare attraverso le pa-
gine del libro digitale, a cui sono collegate.
A queste app si aggiunge Music Tutor 2, una piattaforma che consente di:
- visualizzare lo spartito animato ed eseguire il brano seguendo le note che cambiano colore in
sincronia con la base;
- rallentare la melodia a proprio piacere e creare una versione “studio” del brano in modo perso-
nalizzato;
- attivare o disattivare la melodia;
- vedere le corrette posizioni delle dita su flauto, chitarra e tastiera;
- attivare il riconoscimento melodico, che verifica l’esecuzione e segnala gli errori, presentando
un report dettagliato.

eBook e easy eBook


I volumi cartacei comprendono, nel prezzo, anche la versione digitale on line (eBook) e off line
(easy eBook), che comprende non solo la riproduzione di tutte le pagine del libro, ma anche le
risorse multimediali, quali ascolti audio, videolezioni, basi musicali in mp3.
La versione riservata al docente è arricchita di tutti gli ascolti contenuti nel set di 22 cd audio, rag-
giungibili velocemente dalle pagine del libro, oltre che raccolti in cartelle per argomento. Il libro
digitale DOC, inoltre, favorisce l’utilizzo delle infinite risorse di Internet, proponendo percorsi in
rete organizzati e collegamenti a risorse online già selezionate.
Le funzionalità intrinseche all’eBook consentono, al docente che lo desideri, una totale persona-
lizzazione del testo, per rispondere alle diverse esigenze delle classi o della programmazione. Le
funzionalità sono presenti anche nell’easy eBook, utilizzabile anche in assenza di rete internet.

14
Obiettivi e caratteristiche metodologiche del corso

La Guida per l’insegnante


La Guida per l’insegnante è uno strumento che accompagna il docente in tutte le fasi del proprio
lavoro. Si apre con una Proposta di programmazione per competenze puntuale e articolata che
riguarda tutte le tipologie di attività, sia quelle legate al fare musica, sia quelle legate all’ascolto.
L’obiettivo è quello di far acquisire a ogni alunno il più alto livello di competenze possibile.
Segue una parte dedicata alle competenze in musica: cosa sono e come si valutano.
La Guida contiene molte numerose risorse aggiuntive:
- una selezione di brani polifonici, appositamente arrangiati per i concerti di classe, tratti dal
repertorio popolare, classico e natalizio. Di questi brani viene fornita la doppia base: con e senza
melodia;
- una selezione di brani classici (dal Medioevo al Romanticismo) in duplice versione: con diteg-
giatura per tastiera e per chitarra.
Le prove di verifica riguardano tutte le unità dei volumi A e B. Sono proposte in doppia versione:
- senza le soluzioni, per fotocopiare le pagine e distribuirle ai ragazzi;
- con le soluzioni integrate, per consentire una correzione più rapida da parte del docente.
Sono presenti anche le verifiche per la didattica inclusiva (anche queste presentate in duplice
versione: senza e con le soluzioni).

15
Programmazione
Le indicazioni nazionali
La musica, componente fondamentale e universale dell’esperienza umana, offre uno spazio sim-
bolico e relazionale propizio all’attivazione di processi di cooperazione e socializzazione, all’ac-
quisizione di strumenti di conoscenza, alla valorizzazione della creatività e della partecipazione,
allo sviluppo del senso di appartenenza a una comunità, nonché all’interazione fra culture diverse.
L’apprendimento della musica consta di pratiche e di conoscenze, e nella scuola si articola su due
dimensioni:
a) produzione, mediante l’azione diretta (esplorativa, compositiva, esecutiva) con e sui materiali
sonori, in particolare attraverso l’attività corale e di musica d’insieme;
b) fruizione consapevole, che implica la costruzione e l’elaborazione di significati personali, sociali
e culturali, relativamente a fatti, eventi, opere del presente e del passato.
Il canto, la pratica degli strumenti musicali, la produzione creativa, l’ascolto, la comprensione e la
riflessione critica favoriscono lo sviluppo della musicalità che è in ciascuno; promuovono l’inte-
grazione delle componenti percettivo-motorie, cognitive e affettivo-sociali della personalità; con-
tribuiscono al benessere psicofisico in una prospettiva di prevenzione del disagio, dando risposta
a bisogni, desideri, domande, caratteristiche delle diverse fasce d’età. In particolare, attraverso l’e-
sperienza del far musica insieme, ognuno potrà cominciare a leggere e a scrivere musica, in forme
diverse, a produrla e a improvvisarla.
L’apprendimento della musica esplica specifiche funzioni formative, tra loro interdipendenti. Me-
diante la funzione cognitivo-culturale gli alunni esercitano la capacità di rappresentazione simbo-
lica della realtà, sviluppano un pensiero flessibile, intuitivo, creativo e partecipano al patrimonio
di diverse culture musicali; utilizzano le competenze specifiche della disciplina per cogliere signi-
ficati, mentalità, modi di vita e valori della comunità a cui fanno riferimento. Mediante la funzione
linguistico-comunicativa la musica educa gli alunni all’espressione e alla comunicazione attraverso
gli strumenti e le tecniche specifiche del proprio linguaggio.
Mediante la funzione emotivo-affettiva gli alunni, nel rapporto con l’opera d’arte, sviluppano la
riflessione sulla formalizzazione simbolica delle emozioni. Mediante la funzione identitaria e inter-
culturale la musica induce gli alunni a prendere coscienza della loro appartenenza a una tradizione
culturale e nel contempo fornisce loro gli strumenti per la conoscenza, il confronto e il rispetto di
altre tradizioni culturali e religiose.
Mediante la funzione relazionale essa instaura relazioni interpersonali e di gruppo, fondate su pra-
tiche compartecipate e sull’ascolto condiviso. Mediante la funzione critico-estetica essa sviluppa
negli alunni una sensibilità artistica basata sull’interpretazione sia di messaggi sonori sia di opere
d’arte, eleva la loro autonomia di giudizio e il livello di fruizione estetica del patrimonio culturale.
In quanto mezzo di espressione e di comunicazione, la musica interagisce costantemente con le
altre arti ed è aperta agli scambi e alle interazioni con i vari ambiti del sapere.

16
Programmazione

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


al termine della Scuola secondaria di primo grado (*)
L’alunno partecipa in modo attivo alla realizzazione di esperienze musicali attraverso l’esecuzione
e l’interpretazione di brani strumentali e vocali appartenenti a generi e culture differenti.
Usa diversi sistemi di notazione funzionali alla lettura, all’analisi e alla riproduzione di brani musi-
cali. È in grado di ideare e realizzare, anche attraverso l’improvvisazione o partecipando a processi
di elaborazione collettiva, messaggi musicali e multimediali, nel confronto critico con modelli
appartenenti al patrimonio musicale, utilizzando anche sistemi informatici.
Comprende e valuta eventi, materiali, opere musicali riconoscendone i significati, anche in rela-
zione alla propria esperienza musicale e ai diversi contesti storico-culturali.
Integra con altri saperi e altre pratiche artistiche le proprie esperienze musicali, servendosi anche
di appropriati codici e sistemi di codifica.

(*) per il quadro delle competenze specifiche connesse allo studio dello strumento musicale, si rinvia alle specifiche norme di
settore.

Obiettivi di apprendimento al termine della


classe terza della Scuola secondaria di primo grado
• Eseguire in modo espressivo, collettivamente e individualmente, brani vocali e strumentali di
diversi generi e stili, anche avvalendosi di strumentazioni elettroniche.
• Improvvisare, rielaborare, comporre brani musicali vocali e strumentali, utilizzando sia struttu-
re aperte, sia semplici schemi ritmico-melodici.
• Riconoscere e classificare anche stilisticamente i più importanti elementi costitutivi del linguag-
gio musicale.
• Conoscere, descrivere e interpretare in modo critico opere d’arte musicali e progettare/realiz-
zare eventi sonori che integrino altre forme artistiche, quali danza, teatro, arti visive e multime-
diali.
• Decodificare e utilizzare la notazione tradizionale e altri sistemi di scrittura.
• Orientare la costruzione della propria identità musicale, ampliarne l’orizzonte valorizzando le
proprie esperienze, il percorso svolto e le opportunità offerte dal contesto.
• Accedere alle risorse musicali presenti in rete e utilizzare software specifici per elaborazioni
sonore e musicali.

(da: Indicazioni nazionali 2012)

17
Tabelle di programmazione
VOLUME A ARGOMENTO OBIETTIVI DI COMPETENZE
APPRENDIMENTO

PARTE 1 Unità 1 • Decodificare e utilizzare la • L’alunno conosce i principali simboli


TEORIA MUSICALE Il ritmo e le figure notazione tradizionale e altri della notazione musicale.
musicali sistemi di scrittura. • L’alunno legge ritmicamente i
Unità 2 • Improvvisare, rielaborare, principali simboli della notazione
I rapporti tra le note comporre brani musicali vocali musicale.
e strumentali, utilizzando sia • L’alunno riconosce e utilizza i simboli
Unità 3 strutture aperte, sia semplici che modificano la durata e l’altezza
Ascoltare, scrivere e schemi ritmico-melodici. delle note.
leggere la musica
• L’alunno compone brani musicali su
indicazione della voce guida.

PARTE 2 Unità 1 • Decodificare e utilizzare la • L’alunno esegue, con lo strumento


METODI Metodo per suonare notazione tradizionale e altri musicale, semplici esercizi, leggendo
sistemi di scrittura. i simboli della notazione musicale.
Unità 2
Metodo per • Improvvisare, rielaborare, • L’alunno esegue e rielabora, con le
accompagnare comporre brani musicali vocali mani o con strumenti a percussione,
e strumentali, utilizzando sia semplici schemi ritmici.
Unità 3 strutture aperte, sia semplici • L’alunno esegue, con lo strumento
Metodo per cantare schemi ritmico-melodici. musicale, semplici brani musicali
• Eseguire in modo di diversi generi e stili, leggendo
espressivo, collettivamente i simboli della notazione
e individualmente, brani musicale e avvalendosi sia
strumentali di diversi generi dell’accompagnamento audio di
e stili, anche avvalendosi di basi strumentali, sia di applicazioni
strumentazioni elettroniche. digitali (eBook).
• Accedere alle risorse musicali • L’alunno esegue, con uno strumento
presenti in rete e utilizzare musicale polifonico (chitarra o
software specifici per tastiera), i principali accordi musicali.
elaborazioni sonore e musicali. • L’alunno esegue, con uno strumento
musicale polifonico (chitarra o
tastiera), i principali accordi musicali
seguendo il ritmo del brano
musicale.
• L’alunno esegue, con la voce,
semplici brani musicali di diversi
generi e stili, cantando il nome delle
note.
• L’alunno canta il testo di un brano
musicale seguendo il ritmo della
base musicale.

18
Tabelle di programmazione

VOLUME A ARGOMENTO OBIETTIVI DI COMPETENZE


APPRENDIMENTO

PARTE 3 Unità 1 Suonafacile • Decodificare e utilizzare la • L’alunno esegue, con lo strumento


ANTOLOGIA notazione tradizionale e altri musicale brani musicali d’autore,
Unità 2
sistemi di scrittura. selezionati per livello di difficoltà,
Concerto in… stile
• Eseguire in modo espressivo, tratti dal repertorio pop, classico e
Unità 3 collettivamente e tradizionale, leggendo i simboli della
Canzoni italiane di individualmente, brani vocali notazione musicale e avvalendosi
ieri e di oggi e strumentali di diversi generi sia dell’accompagnamento audio di
Unità 4 e stili, anche avvalendosi di basi strumentali, sia di applicazioni
I gruppi rock strumentazioni elettroniche. digitali (eBook).
internazionali • Accedere alle risorse musicali • L’alunno esegue, con lo strumento
presenti in rete e utilizzare musicale, con lo strumento
Unità 5
software specifici per polifonico per l’accompagnamento o
Successi dal mondo
elaborazioni sonore e musicali. con la voce, brani musicali d’autore,
Unità 6 tratti dal repertorio pop, classico e
Colonne sonore tradizionale, leggendo i simboli della
notazione musicale e avvalendosi
Unità 7
sia dell’accompagnamento audio di
Il suono delle nazioni
basi strumentali, sia di applicazioni
Unità 8 digitali (eBook).
Guerra e pace • L’alunno realizza eventi sonori che
Unità 9 integrino altre forme artistiche,
Brani natalizi quali danza, teatro, arti visive e
multimediali.
Unità 10
Repertorio classico
Unità 11
Le canzoni e la storia
d’Italia
Unità 12
Gran finale polifonico

VOLUME B ARGOMENTO OBIETTIVI DI COMPETENZE


APPRENDIMENTO

PARTE 1 Unità 1 • Riconoscere le più importanti • L’alunno riconosce e classifica le


ASCOLTO La musica dal vivo forme del linguaggio musicale. principali forme di musica dal vivo.

Unità 2
Imparare ad
ascoltare

19
Tabelle di programmazione

VOLUME B ARGOMENTO OBIETTIVI DI COMPETENZE


APPRENDIMENTO

PARTE 2 Unità 1 • Riconoscere e classificare i più • L’alunno conosce i meccanismi che


SUONI, STRUMENTI Il suono importanti elementi costitutivi generano il suono.
E VOCI del linguaggio musicale. • L’alunno conosce e identifica le
Unità 2
Gli strumenti a corda • Accedere alle risorse musicali principali caratteristiche del suono.
presenti in rete e utilizzare • L’alunno conosce e classifica gli
Unità 3 software specifici per strumenti musicali in base sia
Gli strumenti a fiato elaborazioni sonore e musicali. all’immagine dello strumento, sia al
Unità 4 • Riconoscere e classificare i più timbro.
Gli strumenti a importanti elementi costitutivi • L’alunno riconosce e classifica le
tastiera del linguaggio musicale (gli formazioni strumentali.
Unità 5 strumenti musicali).
• L’alunno riconosce e classifica le voci
Gli strumenti a • Accedere alle risorse musicali maschili, femminili, bianche e il coro.
percussione presenti in rete e utilizzare
software specifici per
Unità 6
elaborazioni sonore e musicali.
Formazioni
strumentali e voci • Riconoscere e classificare i più
importanti elementi costitutivi
del linguaggio musicale (le
formazioni e le voci).
• Accedere alle risorse musicali
presenti in rete e utilizzare
software specifici per
elaborazioni sonore e musicali.

PARTE 3 La musica • Conoscere, descrivere e • L’alunno riconosce le principali


STORIA DELLA nell’antichità interpretare in modo critico caratteristiche della musica nella
MUSICA opere d’arte musicali. sua evoluzione storica.
Unità 1
Il Medioevo • Orientare la costruzione della • L’alunno riconosce e analizza le
propria identità musicale, principali forme musicali nella loro
Unità 2 ampliarne l’orizzonte evoluzione storica.
Il Rinascimento valorizzando le proprie • L’alunno conosce i principali
Unità 3 esperienze, il percorso svolto musicisti e la loro produzione.
Il Barocco e le opportunità offerte dal
• L’alunno conosce, descrive e
contesto.
Unità 4 interpreta in modo critico opere
Il Classicismo • Accedere alle risorse musicali d’arte musicali e realizza eventi
presenti in rete e utilizzare sonori che integrino altre forme
Unità 5 software specifici per artistiche, quali danza, teatro, arti
Il Romanticismo elaborazioni sonore e musicali. visive e multimediali.
Unità 6 • L’alunno orienta la costruzione della
La musica dal propria identità musicale, ne amplia
Novecento a oggi l’orizzonte, valorizzando le proprie
Unità 7 esperienze e il percorso svolto.
Il jazz

20
Lavorare per competenze in musica
Che cosa si intende per «competenza»?
Da alcuni anni nella scuola italiana si assiste a un cambiamento che ha portato ad una trasforma-
zione significativa del processo di insegnamento/apprendimento: il passaggio da una scuola delle
conoscenze a una scuola delle competenze, da una didattica basata sull’apprendimento dei conte-
nuti e delle procedure ad una didattica in cui lo studente diventa protagonista attivo del proprio
apprendimento. L’obiettivo è la promozione sociale e professionale dell’individuo in quella che
Edith Cresson, nel Libro bianco sull’istruzione e la formazione (Unione Europea, 1995), chiamava
la «società conoscitiva».
Una Raccomandazione del Parlamento Europeo del 18 dicembre 2006 stabilisce le competenze
chiave necessarie per lo sviluppo personale, sociale e professionale di ogni cittadino europeo.
Le otto competenze chiave, che il legislatore definisce «irrinunciabili», sono le seguenti:
1. comunicazione nella madrelingua
2. comunicazione nelle lingue straniere
3. competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia
4. competenza digitale
5. imparare a imparare
6. competenze sociali e civiche
7. spirito di iniziativa e imprenditorialità
8. consapevolezza ed espressione culturale.
Sono considerate tutte ugualmente importanti, poiché ciascuna di esse può contribuire a una vita
positiva nella società della conoscenza. In Italia, dopo una serie di tappe di un cammino non sempre
facile, la normativa adotta la definizione di competenze già presente nel quadro normativo europeo:
«Le competenze indicano la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali,
sociali e/o metodologiche in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o perso-
nale. Le competenze sono descritte in termini di responsabilità e autonomia».
Le abilità indicano invece la «capacità di applicare le conoscenze apprese per svolgere compiti o
risolvere problemi». Si tratta di due dimensioni della formazione strettamente collegate fra di loro
e sono entrambe ugualmente significative, perché insieme generano le competenze.
L’«individuo competente» è quello che sa affrontare le situazioni e risolvere i problemi mettendo in
campo, in modo proficuo, conoscenze, abilità, attitudini, attraverso esperienze concrete e significa-
tive, all’interno di quello che i documenti chiamano «contesto».
Gli obiettivi di una didattica per competenze, infatti, sono il successo formativo e lo sviluppo sociale
e professionale dell’individuo.

In che cosa cambia l’attività del docente?


Nella didattica per competenze si deve spostare l’attenzione dal «cosa» al «come» e al «perché»:
dalla centralità dei contenuti si passa ad una didattica che pone al centro lo studente come prota-
gonista del proprio processo di apprendimento. L’insegnante deve, in un certo senso, costruire il
contesto nel quale lo studente può effettivamente diventare soggetto attivo. Ciò che viene richiesto
è il passaggio da un insegnamento inteso come trasmissione frontale ad un insegnamento in cui
il docente deve creare e organizzare situazioni di apprendimento tali da mettere in atto tutte le
dimensioni dell’intelligenza, da quella cognitiva a quella affettiva.

21
Lavorare per competenze in musica
Questo tipo di azione didattica prevede la collaborazione fra docenti, per superare la parcellizzazione
dei contenuti e la frammentazione dei saperi, che ha sempre rappresentato un limite della didattica
più tradizionale, nonostante i tentativi messi in atto per superarla. Le competenze hanno carattere
interdisciplinare e questo implica il coinvolgimento di tutto il Consiglio di Classe, che dovrebbe ela-
borare un’unica programmazione, individuando le competenze ritenute centrali nell’attività didatti-
ca, e procedere alla elaborazione di prove specifiche, costruite sul modello delle prove internazionali
OCSE-PISA, adottando tipologie diverse per attivare più competenze.

Quali sono le competenze di cittadinanza?


Nelle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione
(settembre 2012), sono indicati i traguardi per lo sviluppo delle competenze da raggiungere al ter-
mine del primo ciclo di istruzione in ogni singola disciplina. Sono definite invece «competenze di
cittadinanza» quelle competenze ritenute essenziali in tutte le discipline in quanto fondamentali
per lo sviluppo sociale e professionale dell’individuo. Esse sono così declinate.

COMPETENZA Descrizione

Organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti e


Imparare a imparare varie modalità di informazione e di formazione (formale, non formale ed informale), anche in
funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro.
Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e di lavoro,
utilizzando le conoscenze apprese per stabilire obiettivi significativi e realistici e le relative
Progettare
priorità, valutando i vincoli e le possibilità esistenti, definendo strategie di azione e verificando
i risultati raggiunti.
Comprendere messaggi di genere diverso (quotidiano, letterario, tecnico, scientifico) e di
complessità diversa, trasmessi utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico,
simbolico, ecc.) mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali). Rappresentare
Comunicare
eventi, fenomeni, principi, concetti, norme, procedure, atteggiamenti, stati d’animo, emozioni,
ecc. utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) e diverse
conoscenze disciplinari, mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali).
Interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui
Collaborare e
capacità, gestendo la conflittualità, contribuendo all’apprendimento comune ed alla realizza-
partecipare
zione delle attività collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri.
Agire in modo Sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale e far valere al suo interno i
autonomo e propri diritti e bisogni riconoscendo al contempo quelli altrui, le opportunità comuni, i limiti, le
responsabile regole, le responsabilità.
Affrontare situazioni problematiche costruendo e verificando ipotesi, individuando le fonti e le
Risolvere problemi risorse adeguate, raccogliendo e valutando i dati, proponendo soluzioni, utilizzando, secondo
il tipo di problema, contenuti e metodi delle diverse discipline.

Individuare Individuare e rappresentare, elaborando argomentazioni coerenti, collegamenti e relazioni tra


fenomeni, eventi e concetti diversi, anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari, e lontani
collegamenti e
nello spazio e nel tempo, cogliendone la natura sistemica, individuando analogie e differenze,
relazioni coerenze ed incoerenze, cause ed effetti e la loro natura probabilistica.
Acquisire e Acquisire e interpretare criticamente l’informazione ricevuta nei diversi ambiti e attraverso
interpretare diversi strumenti comunicativi, valutandone l’attendibilità e l’utilità, distinguendo fatti e opi-
l’informazione nioni.

22
Lavorare per competenze in musica

Come devono essere le prove di competenza?


Le prove di competenza sono concepite per valutare il grado di sviluppo di aspetti di competenza
in ogni disciplina o asse. Esse hanno lo scopo di verificare la capacità dell’allievo di mobilitare co-
noscenze e abilità, combinandole con le risorse personali (affettività, motivazione, schemi mentali,
ecc.) e ambientali per affrontare problemi e trovare soluzioni.
Le conoscenze non riguardano soltanto ciò che si è appreso a scuola, ma anche ciò che si impara in
quelli che vengono chiamati «contesti non formali»: la famiglia, il gruppo degli amici, la squadra,
gli scout, ecc.: tutto quanto si apprende diventa ugualmente importante per sviluppare le compe-
tenze e imparare ad agire in modo autonomo e responsabile di fronte a un problema. Per affron-
tare correttamente una prova di competenza, occorre utilizzare tutte le informazioni acquisite nei
diversi ambienti in cui si vive.
È importante ricordare che le prove di competenza devono rispecchiare o simulare contesti di vita
quotidiana (sociale, personale, scolastica, lavorativa): devono cioè riprodurre contesti autentici.
Sono prove che presentano situazioni di verifica aperte, articolate, sovra e interdisciplinari in cui
l’allievo viene chiamato a immedesimarsi in un ruolo specifico all’interno di una situazione com-
plessa.
Una prova di competenza può richiedere un tempo di esecuzione più o meno ampio e può pre-
vedere anche delle parti da svolgere secondo le modalità del lavoro di gruppo o del cooperative
learning.
Tutte le prove prevedono una produzione, cioè un compito, che può essere orale, scritta, figurativa
o un elaborato digitale.
Alcuni esempi concreti di «compiti» che possono essere assegnati dal docente di Musica per cer-
tificare le competenze sono:
• scrivere la scaletta di una lezione da tenere agli altri compagni o a un diverso uditorio;
• elaborare un volantino per promuovere un evento musicale;
• realizzare il programma di sala per un concerto;
• scrivere un articolo per il giornale di classe su situazioni legate al mondo della musica;
• organizzare il concerto di Natale e di fine anno;
• preparare schede illustrative (anche in formato multimediale) sugli strumenti musicali;
• analizzare ed eseguire brani provenienti da contesti lontani rispetto alla realtà degli alunni.

Come sono strutturate le prove?


Le attività proposte, nella maggior parte dei casi, richiedono di mettere in atto le conoscenze e
i metodi di lavoro appresi a scuola. Tuttavia, accanto e insieme a questi, sarà spesso necessario
utilizzare anche conoscenze acquisite in famiglia o dagli amici, informazioni lette sui giornali o in
Internet.
In alcuni casi, per trovare la risposta bisognerà analizzare attentamente il contesto: questo modo di
procedere si chiama «inferenza» e indica la capacità di ricavare le informazioni presenti nel testo
in modo non esplicito.
Le prove partono sempre da una situazione-problema che simula un contesto reale: ciò che viene
chiesto è svolgere un «compito», spiegato all’inizio della prova stessa e ricordato alla fine.
Una serie di quesiti e attività da svolgere aiutano a raccogliere tutti gli elementi per elaborare il
compito.
In alcuni casi si tratta di leggere attentamente un documento e di rispondere a domande formulate

23
Lavorare per competenze in musica
secondo la tipologia delle prove INVALSI o a domande aperte; altre volte le domande possono
chiamare in causa l’esperienza personale e il bagaglio di conoscenze di ogni studente, nonché la
sua capacità di reperire informazioni in altri contesti o in Internet.
In tutte le prove è richiesto di mettere in campo la capacità di ascolto. I brani proposti fanno rife-
rimento a registrazioni contenute nel set in dotazione all’insegnante.
Si richiede inoltre agli allievi di dimostrare la propria capacità di decodificare la notazione musi-
cale, analizzando alcune battute significative degli spartiti proposti e, infine, di eseguire gli spartiti
stessi, individualmente e/o colletivamente.

Come si valutano le competenze?


La valutazione delle competenze raggiunte può avvenire per livelli: avanzato, intermedio, base,
iniziale.

L’alunno/a svolge compiti e risolve problemi complessi, mostrando padronanza nell’uso


A – AVANZATO delle conoscenze e delle abilità; propone e sostiene le proprie opinioni e assume in modo
responsabile decisioni consapevoli.

L’alunno/a svolge compiti e risolve problemi in situazioni nuove, compie scelte consapevoli,
B – INTERMEDIO
mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite.

L’alunno/a svolge compiti semplici anche in situazioni nuove, mostrando di possedere


C – BASE
conoscenze e abilità fondamentali e di saper applicare basilari regole e procedure apprese.

D – INIZIALE L’alunno/a, se opportunamente guidato/a, svolge compiti semplici in situazioni note.

24
La didattica inclusiva nella
Scuola secondaria di I grado
A cura di Silvia Maggiolini, CeDisMa

Il CeDisMa (Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e la Marginalità – Università Cattolica del
Sacro Cuore di Milano, Facoltà di Scienze della formazione) svolge attività di ricerca e formazione
nel campo della pedagogia e della didattica speciale ed è diretto dal prof. Luigi d’Alonzo, ordinario
di Pedagogia Speciale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

La normativa recente
All’interno della prospettiva inclusiva verso la quale scuole di ogni ordine e grado si stanno sempre
più orientando, è utile precisare le azioni legislative che hanno inciso in modo significativo nel
panorama scolastico degli ultimi anni.
Un passo fondamentale in tale direzione è stato innanzitutto compiuto grazie alla Legge 170, 8
ottobre 2010 Nuove norme in materia di Disturbi Specifici di Apprendimento in ambito scolastico
(e D.M. 5669 del 12 luglio 2011 e allegati, Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli
studenti con Disturbi Specifici di Apprendimento). La normativa riconosce e definisce «la dislessia,
la disortografia, la disgrafia e la discalculia come Disturbi Specifici di Apprendimento (d’ora in
poi DSA) assegnando al sistema nazionale di istruzione e agli atenei il compito di individuare
le forme didattiche e le modalità di valutazione più adeguate affinché alunni e studenti con
DSA possano raggiungere il successo formativo» (MIUR, Linee guida, 2011, p.3). Tutto ciò ha
indubbiamente rappresentato per la scuola italiana una significativa opportunità non solo per
favorire lo sviluppo di una cultura inclusiva, nel rispetto di tutte le potenzialità presenti in classe,
ma anche per riflettere sulle scelte organizzative e didattiche che ne sono alla base. In ultima analisi,
tale attenzione normativa può essere pensata all’interno di un lungo processo che ha posto sempre
più in evidenza la necessità di rivedere modalità di fare scuola, di proporre i contenuti o di gestire
la classe, divenute anacronistiche e pertanto difficilmente in grado di incontrare le mutate esigenze
di gruppi classe sempre più complessi ed eterogenei.

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170


Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico

Sono qui riportati gli articoli più rilevanti della legge 170 /2010
Art. 1 Riconoscimento e definizione di dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia
La presente legge riconosce la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia quali disturbi specifici di
apprendimento, di seguito denominati «DSA», che si manifestano in presenza di capacità cognitive adeguate,
in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali, ma possono costituire una limitazione importante
per alcune attività della vita quotidiana.[ ] Per dislessia si intende un disturbo specifico che si manifesta con
una difficoltà nell’imparare a leggere; per disgrafia un disturbo specifico di scrittura che si manifesta in una
difficoltà di realizzazione grafica; per disortografia un disturbo specifico di scrittura che si manifesta in difficoltà
nei processi linguistici di transcodifica; per discalculia un disturbo specifico che si manifesta con una difficoltà
negli automatismi di calcolo e dell’elaborazione dei numeri.

25
La didattica inclusiva nella Scuola secondaria di I grado

Art. 2 Finalità
La legge persegue le seguenti finalità: garantire il diritto all’istruzione; favorire il successo scolastico; ridurre
i disagi relazionali ed emozionali; adottare forme di verifica e valutazione adeguate alle necessità formative
degli studenti; preparare gli insegnanti e sensibilizzare i genitori sui problemi legati ai DSA; favorire la diagnosi
precoce e percorsi didattici riabilitativi; incrementare la comunicazione tra la scuola, le famiglie e i servizi sanitari;
assicurare uguali opportunità di sviluppo delle capacità in ambito sociale e professionale.
Art. 3 Procedure di diagnosi
La diagnosi dei DSA è effettuata nell’ambito dei trattamenti specialistici già assicurati dal Servizio sanitario
nazionale a legislazione vigente ed è comunicata dalla famiglia alla scuola di appartenenza dello studente. Per gli
studenti che, nonostante adeguate attività di recupero didattico mirato, presentano persistenti difficoltà, la scuola
trasmette apposita comunicazione alla famiglia. È compito delle scuole di ogni ordine e grado attivare, previa
apposita comunicazione alle famiglie interessate, interventi tempestivi, idonei ad individuare i casi sospetti di
DSA.
Art. 5 Misure educative e didattiche di supporto
Gli studenti con diagnosi di DSA hanno diritto a fruire di appositi provvedimenti dispensativi e compensativi
di flessibilità didattica nel corso dei cicli di istruzione e formazione e negli studi universitari. In particolare le
istituzioni scolastiche garantiscono agli studenti con DSA: l’uso di una didattica individualizzata e personalizzata,
con forme efficaci e flessibili di lavoro scolastico che tengano conto anche di caratteristiche peculiari dei
soggetti; l’introduzione di strumenti compensativi (compresi mezzi di apprendimento alternativi e tecnologie
informatiche), nonché misure dispensative da alcune prestazioni non essenziali ai fini dei concetti da apprendere.
Per l’insegnamento delle lingue straniere, è garantito l’uso di strumenti compensativi che favoriscano la
comunicazione verbale e che assicurino ritmi graduali di apprendimento, prevedendo anche, ove risulti utile, la
possibilità dell’esonero. Agli studenti con DSA sono garantite, durante il percorso di istruzione e di formazione
scolastica e universitaria, adeguate forme di verifica e di valutazione, anche per quanto concerne gli esami di Stato
e di ammissione all’università, nonché gli esami universitari.

Ulteriori sollecitazioni in termini di riconoscimento delle responsabilità educative della scuola e di


presa in carico di tutti gli alunni con differenti difficoltà sono offerte dalla Direttiva Ministeriale 27
dicembre 2012, Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione
territoriale per l’inclusione, dalla successiva Circolare Ministeriale del 6 marzo 2013, che ne precisa
le indicazioni operative, e dalla Nota 2563 del 22 novembre 2013.
Con tali azioni normative viene evidenziata la necessità di estendere il campo di intervento
pedagogico e didattico della scuola a tutti i bisogni educativi speciali che essa accoglie, tenendo
in debito conto le molteplici differenze insite nelle modalità di apprendimento di ogni alunno e
riconoscendo, pertanto, il diritto alla personalizzazione del percorso formativo, come indicato nei
principi della L.53/2003.
L’espressione Bisogno Educativo Speciale (BES), da tempo in uso nelle sue varie sfaccettature in
campo pedagogico e non solo, è divenuta così parte integrante del lessico scolastico per indicare
una macroarea di realtà, esigenze, difficoltà che possono incidere ed ostacolare il regolare percorso
di apprendimento ed al cui interno possono essere delineate tre distinte condizioni (Figura 1):
• Alunni con certificazione di disabilità (ai sensi della Legge 104/1992): in questa area sono
compresi tutti i ragazzi in possesso di adeguata documentazione sanitaria che attesti la presenza
di una condizione di disabilità (intellettiva, sensoriale, fisica o di una pluridisabilità). Per questi
alunni è prevista dalla legge la stesura di un Piano Educativo Individualizzato.
• Alunni con disturbi specifici dell’apprendimento-DSA (ai sensi della Legge 170/2010)
e per i quali è prevista la stesura di un Piano Didattico Personalizzato. Sono inoltre compresi

26
La didattica inclusiva nella Scuola secondaria di I grado
alunni con disturbi evolutivi specifici, che possono manifestarsi come deficit del linguaggio,
della coordinazione motoria, dell’attenzione e dell’iperattività (ADHD), di un funzionamento
intellettivo limite (anche se quest’ultimo, più precisamente, si pone al limite di separazione fra
disabilità e disturbo specifico).
• Alunni con svantaggio socio-economico, linguistico e culturale, ossia ragazzi che presentano
una condizione di fragilità personale tale da costituire un effettivo ostacolo al percorso di sviluppo
e di apprendimento. In questo caso, la scelta di ricorrere alla definizione di un Piano Didattico
Personalizzato, quale strumento per il lavoro educativo e didattico, viene collegialmente operata
dal Consiglio di Classe e dal team docenti. Viene con ciò evidenziata l’autorevolezza di tale
istituzione nello stabilire autonomamente l’opportunità o meno di predisporre la stesura di un
PDP per l’alunno in questione.
In particolare è la C.M. 8/3/2013 a fornire agli istituti scolastici ulteriori specifiche in merito alle
modalità di intervento nelle situazioni che rilevano un bisogno educativo speciale, sottolineando
che: «Fermo restando l’obbligo di presentazione delle certificazioni per l’esercizio dei diritti con-
seguenti alle situazioni di disabilità e di DSA, è compito doveroso dei Consigli di classe o dei team
dei docenti nelle scuole primarie indicare in quali altri casi sia opportuna e necessaria l’adozione
di una personalizzazione della didattica ed eventualmente di misure compensative o dispensative,
nella prospettiva di una presa in carico globale ed inclusiva di tutti gli alunni. Strumento privile-
giato è il percorso individualizzato e personalizzato, redatto in un Piano Didattico Personalizzato
(PDP), che ha lo scopo di definire, monitorare e documentare – secondo un’elaborazione colle-
giale, corresponsabile e partecipata – le strategie di intervento più idonee e i criteri di valutazione
degli apprendimenti» (Circolare Ministeriale 8 marzo 2013, Direttiva Ministeriale 27 dicembre
2012 Strumenti d’intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale
per l’inclusione scolastica. Indicazioni operative, p. 2).

Disabilità intellettiva

Alunni con disabilità (L.104/1992) Disabilità fisica/motoria


Piano Educativo Individualizzato Disabilità sensoriale
Pluridisabilità

Dislessia
Alunni con
Alunni con Disturbo specifico Disortografia
Bisogni
dell’Apprendimento (L.170/210)
Educativi Discalculia
Piano Didattico Personalizzato
Speciali
Disgrafia

Alunni con difficoltà cognitive,


Alunni con svantaggio psicologiche, emotive
socio-economico,
linguistico e culturale Tipologie non previste dalla L. 170/2010
Piano Didattico Personalizzato Svantaggio socio-economico
(se deciso dal Consiglio di Classe)
Svantaggio culturale e linguistico

Figura 1. Gli alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)

27
La didattica inclusiva nella Scuola secondaria di I grado
Infine, in ordine temporale, nella legge 107 del 13 luglio 2015 Riforma del sistema nazionale di
istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti, meglio nota come
riforma La buona scuola, viene ribadita la necessità di interventi di potenziamento dell’inclusione
scolastica e del diritto allo studio degli alunni con bisogni educativi speciali attraverso percorsi
individualizzati e personalizzati anche con il supporto e la collaborazione dei servizi socio-sanitari
ed educativi del territorio e delle associazioni di settore” (Legge 107/2015, art.1, comma 7d).
Emerge dunque il ruolo cruciale rivestito da docenti di ogni ordine e grado nel garantire
opportunità di crescita, di apprendimento e di benessere a tutti i loro alunni, indipendentemente
dalla presenza di qualsiasi difficoltà, sia essa temporanea o permanente. È compito prioritario della
scuola, pensata e strutturata in chiave inclusiva, creare tutte le condizioni perché tutto ciò possa
realizzarsi. Vediamo ora quindi quali possano essere i principi di base, ma anche le azioni e gli
strumenti concreti in grado di offrire spunti operativi e fungere da guida per il lavoro dei docenti
della Scuola secondaria di I grado.

Le radici per una scuola inclusiva


Molteplici sono i fattori che possono incidere in modo considerevole sull’organizzazione didattica
e sulla gestione del gruppo classe secondo approcci e logiche inclusive. Pare tuttavia opportuno
muovere da una constatazione, evidente nella sua semplicità ma non sempre adeguatamente
rispettata, quale obiettivo prioritario nella realizzazione di un positivo contesto di lavoro. Si è
pienamente convinti che solo all’interno di una rete relazionale, attenta al benessere del singolo
come del gruppo, di un ambiente capace di garantire le condizioni per consentire a tutti di vivere
serenamente il proprio ruolo e di assolvere i compiti richiesti, potranno sorgere quelle esperienze
emotive in grado di trasformarsi in significati, nozioni e conoscenze.
È inevitabile pertanto ritenere essenziale e prioritario ricercare le modalità attraverso le quali
consentire a tutti e a ciascuno di vivere relazioni intense sul piano umano, di percepirsi parte
integrante di un gruppo, di sperimentare il piacere di scoprire e di apprendere che accompagna
ogni azione umana che richieda impegno e dedizione.
Non è certamente un caso il fatto che l’OCSE, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo
Economico, che da anni si occupa di misurare le competenze raggiunte in alcune discipline
dagli adolescenti di tutto il mondo, abbia scelto di analizzare nella recente indagine PISA-OCSE
il legame tra benessere sociale-emotivo dell’alunno e performance scolastica (OECD, 2015, Do
teacher-student relations affect students’ well-being at school?).
Nel rapporto citato viene espressamente messo in evidenza come lo star bene a scuola rappresenti
una dimensione fondamentale per un positivo e completo sviluppo dei ragazzi che, in essa,
trascorrono «circa un terzo delle loro ore di veglia, durante la maggior parte delle settimane
dell’anno» (OECD, 2015, p.1). Viene al riguardo riportato l’esempio di alcuni Paesi (come ad
esempio Belgio, Giappone, Singapore) nei quali, accanto a punteggi elevati in termini di competenze
matematiche raggiunte dai propri allievi, si registrano anche i più alti livelli di felicità e benessere
degli stessi. Una ricerca questa che purtroppo pone l’Italia sotto la media OCSE sia per quanto
attiene alla mera preparazione scolastica dei ragazzi, sia per ciò che concerne il loro star bene e la
serenità con la quale affrontano l’esperienza dell’apprendimento.
Tutto ciò porta a riflettere, in tema di didattica inclusiva, sull’importanza di promuovere modelli e
strategie che possano essere assunti come ordinaria pratica di lavoro quotidiano e non quali azioni
estemporanee necessarie a tamponare, di volta in volta, esigenze o richieste più o meno impellenti:
in un’espressione, potremmo dire, la necessità di prendersi cura della classe per poter prendersi

28
La didattica inclusiva nella Scuola secondaria di I grado
cura delle singole realtà di cui essa si compone.
Nella scuola secondaria di I grado, in virtù delle sue specificità, le considerazioni qui presentate
acquistano ulteriore spessore. Spesso ritenuta l’anello debole del nostro sistema di istruzione, essa è
chiamata ad occuparsi dell’educazione e del successo formativo di ragazzi in un’età particolarmente
complessa, dove il vissuto scolastico, in tutte le sue forme, gioca indubbiamente un ruolo decisivo
nel processo di costruzione di un’identità personale e sociale. L’attenzione alla dimensione emotivo-
affettiva alla base dell’apprendimento, alla qualità delle relazioni che si instaurano nel gruppo classe,
primo fra tutte il legame di fiducia tra docente e allievo, la ricerca delle condizioni per la realizzazione
di un ambiente di lavoro rispettoso delle capacità e dei ritmi di ciascuno sono solo alcuni possibili
aspetti nei quali si declina un’impostazione metodologica, organizzativa e didattica che possa
definirsi inclusiva. Il mancato riconoscimento di tali presupposti svuoterebbe di significato e di
efficacia qualsiasi strategia di insegnamento, riducendola così sul piano del puro tecnicismo.
Entrando nel merito di quanto appena affermato, occorre pertanto considerare, in via preliminare,
l’importanza delle azioni seguenti.
• Attivare una riflessione attorno al ruolo del docente, quale promotore di dinamiche relazionali
e affettive autentiche, capaci di infondere l’idea che ogni alunno possa offrire il proprio contributo
nella costruzione del successo formativo, trasformando così una semplice trasmissione di nozioni
in una reale esperienza educativa. Nella scuola della complessità, diviene ancora più evidente la
centralità di tale compito, che non può più essere giocato unicamente sul piano dei saperi disciplinari
e su pratiche coercitive di gestione e di intervento, ma prima di tutto sulla ricerca e messa in atto
di modalità attraverso le quali attivare entusiasmi e interessi, incanalandoli verso la conquista di
apprendimenti significativi. E nel far questo non si intende dar vita ad imprese rivoluzionarie,
quanto piuttosto partire da ciò che avviene in aula, e riempire di cura gesti e azioni quotidiane:
il rispetto dei tempi e dei modi, differenti per ognuno, con i quali i ragazzi vivono l’esperienza
scolastica, il riconoscimento della persona, oltre alla sola identità di studente, e pertanto dei suoi
bisogni e delle sue peculiarità, l’importanza di una presenza autentica e dell’ascolto, anche oltre i
ritmi scanditi dall’orario scolastico.
• Considerare l’accoglienza e la valorizzazione delle differenze individuali quali fattori
imprescindibili alla base di ogni riflessione che voglia realmente sfociare in pratiche inclusive:
solo così facendo ogni alunno potrà percepirsi parte essenziale di un gruppo, nel quale le singole
peculiarità, qualunque forma esse assumano, rappresentano una risorsa alla quale attingere lungo
il percorso di crescita.
• Garantire una costante ricerca del benessere individuale e collettivo, condizione indispensabile
per sostenere la motivazione e l’impegno destinati al lavoro quotidiano. Indubbiamente, il desiderio
di apprendere, la curiosità, l’interesse dell’allievo per contenuti e discipline rappresentano mete
ambiziose che non possono essere indicate una volta per tutte e per le quali non esistono ricette
universalmente valide. La comprensione dei meccanismi sottesi alle dinamiche motivazionali si
traduce dunque in uno sforzo continuo, da parte del docente, di individuazione e di attuazione dei
possibili fattori che possano rendere l’apprendimento maggiormente piacevole ed efficace.
• Riconoscere le variabili che incidono nella costruzione di un positivo ambiente relazionale e di
lavoro. Si consideri, al riguardo: il clima di classe sereno e non competitivo; la capacità di affrontare
gli inevitabili momenti di tensione e di coniugare, con maestria, disponibilità e fermezza; la
qualità dei rapporti tra colleghi; l’attenzione ai bisogni di successo e di competenza, fondamentali

29
La didattica inclusiva nella Scuola secondaria di I grado
soprattutto in questa delicata fase di crescita dell’alunno, proprio perché in grado di restituire
un’immagine di sé come persona valida e capace.
• Favorire l’attivazione di strategie didattiche e metodologiche che possano incontrare le esigenze
di ciascun ragazzo, rispettandone ritmi e stili cognitivi. Ne sono un esempio la necessità di variare
metodi, strumenti e proposte formative, di avvalersi di modelli didattici innovativi, di riconoscere
tempestivamente una condizione di noia o di affaticamento e di allentare di conseguenza ritmi
e carichi di lavoro, di incentivare la partecipazione di ogni singolo alunno attraverso domande
guida, feedback immediati e agganci con la realtà.
• Promuovere un’adeguata conduzione del gruppo, facendo riferimento, con tale espressione, alla
pluralità e complessità delle azioni che essa comporta.
Tutto ciò nella consapevolezza che gli obiettivi propri di un sistema inclusivo possano essere
conseguiti solo attraverso la realizzazione di una significativa rete di collaborazione tra scuola,
famiglia e territorio, in un’ottica di corresponsabilità sociale ed educativa. Progettare un ambiente
che sappia promuovere il valore della partecipazione e della condivisione significa, in ultima
analisi, creare tutte le opportunità per dar vita a uno spazio di convivenza nel quale si respiri
quotidianamente la bellezza ed il piacere della scoperta, la gioia di sperimentare e di sperimentarsi,
al di là dei limiti o di eventuali difficoltà.

Costruzione di un Accoglienza e
positivo ambiente valorizzazione
relazionale e di delle differenze
apprendimento individuali

Promozione del
Ricerca di strategie
Le radici per benessere e della
didattiche e
una scuola inclusiva partecipazione di
metodologiche
tutti gli alunni

Gestione del gruppo Riflessione attorno


classe al ruolo del docente
come regista del
contesto classe
Figura 2. Le radici di una scuola inclusiva

Le azioni per una scuola inclusiva


Diviene interessante comprendere ora quali azioni didattiche, nello specifico della Scuola
secondaria di I grado, possano essere innestate su tali fondamenta e dare quindi piena attuazione
alle linee teoriche attorno alle quali si sviluppa il dibattito in merito al tema dell’inclusione.
Occorre innanzitutto considerare le specificità di tale ciclo scolastico: esso non può essere pensato
solo in termini di transizione dal contesto della Scuola primaria (connotato da un approccio pratico-
esperienziale al mondo della conoscenza e da una maggiore attenzione all’intreccio che lega i
processi cognitivi a quelli relazionali) a quello della secondaria di II grado, orientato alla costruzione
di competenze fondamentali per l’inserimento dei ragazzi nel tessuto societario e lavorativo. Appare

30
La didattica inclusiva nella Scuola secondaria di I grado
invece doveroso riconoscere e ragionare sulle caratteristiche che le dinamiche di insegnamento-
apprendimento vengono ad assumere in questa precisa fase evolutiva della persona.
In questo senso non è possibile non considerare, per esempio, gli atteggiamenti che l’alunno
sviluppa nei confronti delle figure e dell’ambiente scolastico, in grado di condizionare il senso di
appartenenza sociale e, con esso, il livello di investimento emotivo e cognitivo, oppure ignorare
le modalità attraverso le quali egli costruisce, consolida o perfeziona il proprio metodo di studio.
Pertanto anche le possibili declinazioni in termini di strategie inclusive dovranno necessariamente
tener conto di tutti questi aspetti. Con particolare riferimento al triennio della Scuola secondaria
di I grado, indicazioni metodologiche degne di nota possono allora essere le seguenti.
• Flessibilità e differenziazione di approcci e metodo di insegnamento. La capacità del docente
di variare modalità di lavoro in funzione di vari fattori (quali per esempio l’emergere di specifici
bisogni, la tipologia e la finalità delle attività presentate, i contenuti disciplinari, il momento della
giornata scolastica) costituisce indubbiamente un elemento di grande rilevanza per riuscire ad
alimentare l’attenzione e l’interesse degli alunni. Si pensi per esempio all’importanza rivestita da
una didattica metacognitiva, volta a promuovere nel ragazzo sia una progressiva consapevolezza
del proprio processo di studio e di sistematizzazione delle conoscenze acquisite, sia la ricerca
di strategie personali mediante le quali superare limiti o difficoltà e rendere più efficace
l’apprendimento.
• Approccio cooperativo, che valorizzi la risorsa rappresentata dai compagni di classe, attraverso
la realizzazione di attività in piccolo e/o grande gruppo, e in grado di attivare esperienze relazionali
fondamentali non solo per l’apprendimento in senso stretto, ma anche per lo sviluppo di molte
abilità sociali e trasversali. L’opportunità, offerta da tale modalità di lavoro, di partecipare
attivamente alla costruzione di un pensiero comune, di condividere intenti e responsabilità in vista
di un traguardo da raggiungere, di accogliere, vagliare e mediare tra differenti proposte, può infatti
costituire un valido contributo alla valorizzazione delle differenze, nella consapevolezza che tutte
siano indispensabili per la realizzazione di un prodotto o per il conseguimento dell’esito finale.
• Adattamento del libro di testo (Cfr. §6.), intesa come possibilità di ripensare a vari livelli (grafico,
lessicale, organizzativo) tale sussidio didattico, affinché possa divenire maggiormente fruibile
anche da ragazzi con difficoltà, contribuendo non solo a rendere più accessibili le conoscenze ma
anche, e soprattutto, a coltivare la componente motivazionale e gli aspetti legati alla costruzione
dell’autostima personale. In linea con i principi del processo inclusivo, non è dunque il singolo
a doversi conformare al contesto, ma al contrario è lo “strumento libro” che viene adeguato in
funzione delle differenti modalità percettive e cognitive degli alunni per consentirne una migliore
esplicitazione dei contenuti.
• Utilizzo di supporti visivi. Strettamente connesso al punto precedente, occorre considerare
anche un’organizzazione didattica che si avvalga, durante la conduzione delle lezioni, di supporti
visivi, quali immagini, schemi, simboli, ma anche connettori logici e linee del tempo, che possano
facilitare l’anticipazione delle informazioni e quindi il riconoscimento e la memorizzazione
di concetti-chiave. È fondamentale poter disporre di strumenti che consentano il ricorso ad
illustrazioni, fotografie, evidenziazioni in grado di richiamare, in modo semplice e chiaro, gli
argomenti trattati.
• Un’idea di didattica attiva e laboratoriale, basata sui significati del fare e costruita attorno ad
esperienze di vita reale. Le scelte metodologiche dovrebbero essere in grado di promuovere, da

31
La didattica inclusiva nella Scuola secondaria di I grado
parte dell’allievo, una progressiva costruzione del sapere. Tutto ciò a favore di un apprendimento
che non si limiti semplicemente ad aggiungere contenuti e proposte alle conoscenze pregresse, ma
amplifichi le possibilità di integrazione e di organizzazione delle stesse.
• Una scuola veramente inclusiva dovrebbe, infine, avviare una riflessione in merito al ruolo della
valutazione che non può essere sganciata da una programmazione didattico-educativa sempre
più attenta allo sviluppo di competenze. Essa può divenire così un significativo strumento per
la regolazione dei processi di apprendimento di ogni ragazzo, e, con essa, un motore per la
responsabilizzazione e la crescita personale.

Il ruolo della valutazione Didattica laboratoriale

Supporti e richiami visivi:


immagini, organizzatori Adattamento del testo
Le azioni per
iconici, simboli, colori
una scuola inclusiva

Approccio cooperativo Flessibilità e


e valorizzazione della differenziazione di
risorsa compagni approcci e metodi

Figura 3. Le azioni per una scuola inclusiva

Il libro di testo e la strutturazione di materiali didattici


Nella realizzazione di attività didattiche, il libro di testo può senza dubbio assumere una funzione
di guida e di supporto al lavoro quotidiano del docente. Per tali ragioni, anche la strutturazione di
materiali didattici adeguati alle abilità e alle esigenze di tutti i ragazzi rappresenta un fondamentale
tassello all’interno di un approccio metodologico che possa definirsi inclusivo.
Alla luce di tali considerazioni, al fine di rispondere a tali finalità, l’Editore, in collaborazione con
il Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e la Marginalità (CeDisMa) dell’Università Cattolica
del Sacro Cuore, ha arricchito la sua proposta editoriale avviando un progetto di adattamento e
perfezionamento dei libri di testo affinché questi possano divenire efficaci strumenti operativi a
favore di tutto il processo di insegnamento-apprendimento nella Scuola secondaria di I grado.
In particolare, al fine di riconoscere e valorizzare i differenti stili cognitivi presenti in classe,
l’intervento di revisione dei contenuti è stato realizzato tenendo in considerazione più criteri
metodologici.
Sul piano grafico-strutturale, la valorizzazione del canale iconico è stata realizzata attraverso
il ricorso a immagini, schemi, simboli che, come noto, acquistano grande rilevanza a livello
percettivo e mnestico, indipendentemente dalla presenza di una condizione di criticità che possa
incidere, in varia misura, nel percorso di apprendimento.
Rientrano in questa azione gli interventi legati all’inserimento di:
• spiegazioni e dimostrazioni visuali, rese tramite immagini parlanti;
• mappe, tabelle, percorsi cognitivi visuali e, che corredano il testo di elementi utili ad anticipare
ed organizzare i vari contenuti e temi affrontati;

32
La didattica inclusiva nella Scuola secondaria di I grado
• elenchi puntati e/o numerati che consentono una rapida visualizzazione di dati o informazioni;
• box che focalizzano l’attenzione sui concetti essenziali o che guidano alla comprensione.
Inoltre, sono stati scelti font ad alta leggibilità e si sono sono utilizzate adeguate spaziature
all’interno dei testi. In generale, favoriscono la leggibilità i layout di pagina (intestazioni di
paragrafi, capoversi, giustezza delle righe).
Per quanto riguarda il piano contenutistico e lessicale, si è adottato uno stile linguistico e sintattico
che risponda a criteri di linearità e chiarezza, utilizzando frasi brevi ed evitando l’eccesso di
subordinate e di forme passive.

Brevi istruzioni per l’uso


Alcune domande prima di iniziare la lezione
1. Come è stato predisposto il setting di 6. Sono state ipotizzate le eventuali
apprendimento? difficoltà che possono verificarsi nella
2. Il materiale usato è accessibile a tutti? realizzazione dell’attività?
3. Sono stati presi in considerazione i 7. È stata analizzata la possibilità di attività
differenti ritmi di apprendimento di tutti alternative?
gli alunni? 8. Come avviene il coinvolgimento di
4. La lezione nasce da una progettazione eventuali figure educative presenti in
condivisa? classe (educatore, assistente educativo)?
5. È previsto il ricorso a differenti canali 9. Le modalità di valutazione rispondono ai
espressivi (verbale, visivo…)? principi dell’inclusione?

Bibliografia di approfondimento
American Psychiatric Association, Diagnostic and Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della
Statistical Manual of Mental Disorders, APA 2013 Ricerca, Alunni con Disturbi specifici di apprendimento.
Rilevazioni integrative, 2010/2011 in https://istruzione.it
d’Alonzo L., Come fare per gestire la classe nella pratica
didattica, Giunti Firenze 2013 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca,
Gli alunni stranieri nel sistema scolastico italiano, 2013
d’Alonzo L., Bocci F., Pinnelli S., Didattica speciale per
in https://istruzione.it
l’inclusione, Pensa Multimedia Lecce 2015
OECD (2015),
d’Alonzo L., Maggiolini S., Zanfroni E., «Gli alunni a Working paper, Do teacher-student relations affect
scuola sono sempre più difficili?» Esiti di una ricerca students’ well-being at school?, PISA in Focus, No. 50,
sulla complessità di gestione della classe nella percezione OECD Publishing, Paris
degli insegnanti in «Italian Journal of Special Education
for Inclusion» 2/2013 Organizzazione Mondiale della Sanità, International
Classification of Functioning (ICF), (versione italiana a
European Agency for Developmental in Special cura di Erickson, Trento, 2011)
Needs Education, La formazione docente per
Schalock, R. L., Gardner, J. F., Bradley, V. J., Quality of
l’inclusione. Il profilo dei docenti inclusivi,
life for people with intellectual and other developmental
in https://european-agency.org
disabilities: Applications across individuals,
Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, organizations, communities, and systems. American
L’integrazione scolastica degli alunni con disabilità, A.S. Association on Intellectual and Developmental
2014/2015 in https://istruzione.it Disabilities, 2007

33
Repertorio
per i concerti
di classe
• Brani polifonici
• Partiture per chitarra
• Partiture per tastiera
BRANI POLIFONICI
Adeste fideles
Testo e musica: Anonimo
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 1 CD 22 traccia 2 Genere Difficoltà Suonare: Do-Do2 Suonare: Sol-Mi -Fa
inse

inse
gn gn Natalizio Cantare: Si -Si Cantare: Sol-Mi -Fa
ante ante

#
Voce & 4Q) ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

#4 ∑ œœœœœœœœ œ Œ Ó œœœœœœœœ œ Œ Œ œ
Flauto I & ) Q

#
Flauto II & 4Q) ∑ œœœœœœœœ œ Œ Ó œœœœœœœœ œ Œ Œ œœ

6
# ∑ nb 3
& ∑ ∑ bb ∑

# œ. œ œ œ œ ˙ œ nbbb ˙ .
3
& œ œ œ œ J
œ.
J
Œ

# j œœ j nbb 3
& œ œ œ œ œ. œ œ ˙ œ. œ b ˙. Œ

13 Solista
b
&b b Ó Œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ ˙ œ œ
œ œ ˙ ˙ œ œ
A - des - te fi - de - les lae - ti tri - um - phan - tes ve - ni - te ve -
b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑
&b b

b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑
&b b

36
Adeste fideles

b
19

&b b œ œ œ œ œ ˙ œ . œj ˙ .
Œ ˙ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ
ni - te in - Be - thlem! Na - tum vi - de - te Re - gem an - ge -
b
&b b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b
&b b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b
25

& b b œ . œj œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ
œ œ
lo - rum, ve - ni - te a - do - re - mus, ve - ni - te a - do - re - mus, ve - ni - te a - do -
b
&b b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b
&b b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

bbb œ . œj ˙ .
31

Œ Ó Œ
Coro

& œ œ œ œ œ
˙ ∑
˙ ˙
re - mus - Do - mi - num. A - des - te fi -
b
&b b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b
&b b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b
37

&b b ˙ œ œ œ œ ˙ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œœ ˙ œ . œj
˙
de - les lae - ti tri - um - phan - tes ve - ni - te ve - ni - te in - Be -
b
&b b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b
&b b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

37
Repertorio per i concerti di classe

b
43

&b b Œ ˙ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ œ . œj œ œ œ œ œ œ
˙.
thlem! Na - tum vi - de - te Re - gem an - ge - lo - rum, ve - ni - te a - do -
b
&b b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b
&b b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b
œ . œj
49

&b b ˙ œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ ˙ œ œ ˙
œ
re - mus, ve - ni - te a - do - re - mus, ve - ni - te a - do - re - mus - Do - -mi
b
&b b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b
&b b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b nb
55

& b b ˙. Œ ∑ n ∑ ∑ ∑ ∑ ∑
num.
b n b œœœœœœœœ œ Œ Ó œœœœœœœœ œ Œ Œ œ
&b b ∑ ∑ n œ œ œ œ

b nnb
&b b ∑ ∑ œœœœœœœœ œ Œ Ó œœœœœœœœ œ Œ Œ œ œ
œœ œ œ
62

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

j
& b œ . œJ œ œ œ ˙ œ . œ ˙ . Œ Ó Œ œ ˙ œ œ ˙ œ
Œ œ œ œ œ

j j
& b œ. œ œ œ œ ˙ œ. œ ˙. Œ Ó Œ œ ˙ œ œ
˙
œ
Œ œ œ
œ œ

38
Adeste fideles

69

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&b ˙ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ ˙ Œ ˙ œ œ ˙ œ Œ œ œœœ
˙ ˙.

œ œ œ œ ˙ n˙
& b ˙. œ ˙ œ nœ œ ˙. Œ ˙ œ œ œ œœ Œ œ œœœ

77

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

& b œ . œj œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ. œ œ œ œ
œ œ J

j œœ
& b œ . œj œ Œ ∑ ∑ Œ
œ
Œ
œ
Œ
œ
Œ œ œ œ
œ œ œ œ œ. œ
84

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

j
& b ˙ œ. œ ˙. Œ ˙
œ œ
˙
œ
Œ œ œœœ ˙ œ œ ˙
œ œ œ œ œ œœ

j Œ Ó Œ ˙. œ ˙.
& b ˙ œ. œ ˙. ∑
œ
œ ˙ œ œ œœ œ
œ
92

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&b ˙ Œ œ œ ˙ œ Œ œ œ œ œ œ . œj œ œ œ œ œ
œ . œj ˙ .
˙
œ

&b ˙ œ . œj ˙ . Œ ˙ œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ . œj œ Œ ∑

39
Repertorio per i concerti di classe

99

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

j
&b ˙ œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ. œ œ œ œ ˙ œ. œ w
œ J

Œ Œ Œ Œ œœ j œœ ˙ j
&b ∑
œ œ œ œ œ œ œ
. œ œ. œ w
œ œ

TESTO VERSIONE RITMICA

1. Adeste fideles, laeti triumphantes 1. Venite fedeli, l’angelo vi invita


venite, venite in Bethleem! E venite, venite, in Betlemmme!
Natum videte, Regem angelorum. Nato è per noi Cristo Salvatore.

Rit. Venite adoremus, Rit. Venite adoriamo,


venite adoremus, venite adoriamo,
venite adoremus Dominum. venite adoriamo il Signore Gesù.

2. Adeste fideles laeti triumphantes 2. Venite fedeli, l’angelo vi invita


venite, venite in Bethleem! E venite, venite, in Betlemmme!
Natum videte Regem angelorum. Nato è per noi Cristo Salvatore.

Rit. Venite adoremus, Rit. Venite adoriamo,


venite adoremus, venite adoriamo,
venite adoremus Dominum. venite adoriamo il Signore Gesù.

40
Au clair de la lune
Testo e musica: Anonimo
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 3 CD 22 traccia 4 Genere Difficoltà Suonare: Do-La Suonare: Fa
inse

gn inse
gn Popolare Cantare: Do-La Cantare: Fa
ante ante

Introduzione
Cantato I strofa

& b 4Q )
8
VOCI œ œ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ
Al chia - ro di lu - na, scri - ver - ti vor -

& b 4Q)
8
FLAUTI

12

&b ˙ Ó œ œ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ
rei, ca - ro a - mi - co mi - o che o - ra non ci

&b

16

&b ˙ Ó œ œ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ
sei. Ma son sen - za pen - na e car - ta più non

&b

20

&b œ œ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ
w
ho. Per star - ti vi - ci - no io ti pen - se -

&b
Flauti
24

&b ˙ Ó
rò!

&b œ œ œ œ

41
Repertorio per i concerti di classe

28

&b

&b ˙ ˙ œ œ œ œ ˙ Ó œ œ œ œ

32

&b

&b ˙ ˙ œ œ œ œ ˙ Ó œ œ œ œ

36

&b

&b ˙ ˙ œ œ œ œ
Ó œ œ œ œ
˙
40

&b

&b ˙ ˙ œ œ œ œ ˙ Ó
Cantato II strofa
44

&b œ œ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ
Ti ri - cor - di quan - do a - bi - ta - vi

&b

48

&b ˙ Ó œ œ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ
qui? Gio - ca - va - mo a pal - la, qua - si tut - to il

&b

42
Au clair de la lune

52

&b ˙ Ó œ œ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ
dì. Ma sei an - da - to vi - a, quan - do tor - ne -

&b

56

&b œ œ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ
w
rai? Sa - rò un po' cre - sciu - to quan - do mi ve -

&b

Finale con imitazioni flauti-voci


60

&b ˙ Ó
drai!

&b œ œ œ œ

64

&b œ œ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ ˙ Ó
Al chia - ro di lu - na scri - ver - ti vor - rei.

&b ˙ ˙ œ œ œ œ ˙ Ó œ œ œ œ

68

&b œ œ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ ˙ Ó
Al chia - ro di lu - na scri - ver - ti vor - rei.

&b ˙ ˙ œ œ œ œ ˙ Ó œ œ œ œ

72

&b œ œ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ w œ œ œ œ
Ma son sen - za pen - na, car - ta più non ho. Al chia - ro di

&b ˙ ˙ œ œ œ œ ˙.
Œ œ œ œ œ ˙ ˙

43
Repertorio per i concerti di classe

77

&b ˙ ˙ œ œ œ œ w
lu - na scri - ver - ti vor - rei.

&b œ œ œ œ ˙ Ó

TESTO

1. Al chiaro di luna, scriverti vorrei, Ma sei andato via, quando tornerai?


caro amico mio, che ora non ci sei. Sarò un po’ cresciuto quando mi vedrai!
Ma son senza penna e carta più non ho.
Per starti vicino io ti penserò! 3. Al chiaro di luna, scriverti vorrei,
al chiaro di luna, scriverti vorrei,
suonato ma son senza penna, carta più non ho.
Al chiaro di luna, scriverti vorrei.
2. Ti ricordi quando abitavi qui?
Giocavamo a palla, quasi tutti i dì.

44
Belle qui tiens ma vie
Testo e musica: Anonimo
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 5 CD 22 traccia 6 Genere Difficoltà Suonare: Re-Re2 Suonare: Sol m
inse

gn inse
gn Classico Cantare: Re-Re2 Cantare: Sol m
ante ante

Suonato

b œ
& b 2Q ) ˙ œ
21
VOCI ˙ œ #œ œ œ
Bel - le qui tiens ma vi - e cap -

b
& b 2Q )
21
FLAUTI 1

b
& b 2Q )
21
FLAUTI 2

27
b
&b œ œ œ œ ˙ ˙ œ #œ œ œ
ti - ve dans tes yeux. Qui m'as l'â - me ra -

b
&b

b
&b

33
b œ œ
&b ˙ œ œ œ œ ˙ ˙
vi - e d'un sou - ris gra - ci - eux. Viens

b
&b

b
&b

45
Repertorio per i concerti di classe

39
b
&b œ œ œ œ #˙ ˙ nœ #œ œ œ #œ
tôt me se - cou - rir ou me fau - dra mou -

b
&b

b
&b

45
b
&b ˙ ˙ œ œ œ œ #˙ ˙
rir. Viens tôt me se - cou - rir ou

b
&b

b
&b
Suonato
51
b
& b nœ #œ œ
12
œ #œ ˙
me fau - dra mou - rir.

b
&b
12
˙ œ #œ

b
&b
12

68
b
&b

b œ œ
&b œ œ ˙ œ œ œ œ ˙

b
&b

46
Belle qui tiens ma vie

74
b
&b

b œ œ
&b ˙ œ #œ œ œ ˙ œ œ

b
&b

80
b
&b

b
&b œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ #˙

b
&b

86
b
&b

b
&b ˙ nœ #œ œ œ #œ ˙ ˙ œ œ

b
&b

92
b
&b

b
&b œ œ #˙ ˙ nœ #œ œ œ #œ ˙

b
&b

47
Repertorio per i concerti di classe

Suonato
98
b œ
&b ˙ œ
12
˙ œ #œ œ œ
Bel - le qui tiens ma vi - e cap -

b œ
&b ˙ œ
12
˙ œ #œ œ œ

b
&b œ
12
˙ œ œ œ œ ˙ œ

115
b
&b œ œ œ œ ˙ ˙ œ #œ œ œ
ti - ve dans tes yeux. Qui m’as l’â - me ra -

b
&b œ œ œ œ ˙ ˙ œ #œ œ œ

b
&b œ œ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ

121
b œ œ
&b ˙ œ œ œ œ ˙ ˙
vi - e d’un sou - ris gra - ci - eux. Viens

b œ œ
&b ˙ œ œ œ œ ˙ ˙

b
&b ˙ œ œ œ œ œ œ ˙ Œ œ

127
b
&b œ œ œ œ #˙ ˙ nœ #œ œ œ #œ
tôt me se - cou - rir ou me fau - dra mou -

b
&b œ œ œ œ #˙ ˙ nœ #œ œ œ #œ

b
&b œ œ œ ˙
Œ œ œ œ
œ œ œ

48
Belle qui tiens ma vie

133
b
&b ˙ ˙ œ œ œ œ #˙ ˙
rir. Viens tôt me se - cou - rir ou

b
&b ˙ ˙ œ œ œ œ #˙ ˙
b
&b ˙ Œ œ œ œ œ ˙
Œ œ
œ
Finale
139
b
& b nœ #œ œ œ #œ ˙
me fau - dra mou - rir.

b
& b nœ #œ œ œ #œ ˙ œ #œ œ œ œ œ œ œ œ

b
&b œ œ ˙ œ #œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ
145
b
&b

b
& b #œ œ œ #œ œ œ œ œ œ œ œ #œ œ ˙
b
& b #œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙

TESTO suonato

1. Belle qui tiens ma vie 2. Belle qui tiens ma vie


captive dans tes yeux, captive dans tes yeux,
qui m’as l’âme ravie qui m’as l’âme ravie
d’un sourire gracieux. d’un sourire gracieux.

Rit. Viens tôt me secourir Rit. Viens tôt me secourir


ou me faudra mourir. ou me faudra mourir.
Viens tôt me secourir Viens tôt me secourir
ou me faudra mourir. ou me faudra mourir.

49
Calypso
Testo e musica: Anonimo
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 7 CD 22 traccia 8 Genere Difficoltà Suonare: Do-Do2 Suonare: Do
inse

inse
gn gn Canone Cantare: SiGRAVE-Do Cantare: Do
ante ante

Introduzione pianoforte
12
Coro parlato & 4Q) Ó ∑ Ó ∑
œ œœ œ œ œœ œ
Shake a lit - tle shake a lit - tle,
12
Percussioni ã 4Q) ∑ œœœœÓ ∑ œœœœÓ
17 Pianoforte
4
&œ œœ œÓ œ œœ œ
Ó
œ
‰ jŒ
œ œ œ
Œ Ó
shake a lit - tle, shake a lit - tle you bang a drum!
4
ã Ó œœœœ Ó œœœœ œ ‰œŒ œ
J
œ Œ Ó

25
j j
Voce &œ œ œ œ œ œ œ œ œ Ó œ œ œ œ œ ˙ Ó
A - ny time you need a ca - lyp - so, here is what you must do.
29
œ j j
&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œœ œ œ œœ œ œ œœ œ œ œ œ œ
First of all you need a rhy - thm; so shake a lit- tle, shake a lit - tle, shake a lit - tle, sha - ker and you

33
j j j
&œ œ œ œ œ œ œ œ j
œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙
Ó
bang a drum and you sing and strum and then there's a ca - lyp - so for you.
37

& œ œ œ œ œ œœ œ œ Ó
j
œ œ œ œj œ ˙ Ó œ œ œ œ œj œj œ
Flauto œ œ
43
j j j
& œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œj œ œ œj œ œj œ ˙ Ó

50
Calypso

j j
49

Voce I &œ œ œ œ œ œ œ œ œ Ó œ œ œ œ œ ˙
Ó
A - ny time you need a ca - lyp - so, here is what you must do.

Voce II & ∑ ∑ ∑ ∑

j j
&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œœ œ œ œœ œ œ œœ œ œ œ œ œ
53

First of all you need a rhy - thm; so shake a lit - tle, shake a lit - tle, shake a lit - tle, sha - ker and you

& ∑ ∑ ∑ ∑

j j
&œ œ œj œ j
57

œ œ œ œ œ œ œ œœ œ œ œ œ Ó
˙
bang a drum and you sing and strum and then there's a ca - lyp - so for you.

Ó j j Ó
&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙
A - ny time you need a ca - lyp - so, here is what you must do.

j j
61

&œœ œ œ œ œœ œ œ Ó œ œ œ Ó
œ œ ˙
A-ny time you need a ca - lyp - so here is what you must do.
j
&œ œ œ œ œ œ œ œj œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
First of all you need a rhy-thm; so shake a lit - tle, shake a lit-tle, shake a lit-tle, sha-ker and you

œ j j
65

Voce I &œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Ó
First of all you need a rhy - thm; so shake a -lit tle,

j j j
Voce II &œ œ œ œ œ œ œ œ
j
œ œ œ œ œ œ œ œ œ
bang a drum and you sing and strum and then there's a ca - lyp - so for

Percussioni ã ∑ ∑ Ó œ œ œ œ

51
Repertorio per i concerti di classe
68

& œ œ œ œÓ œ œ œ œÓ œ œ œ œÓ œ
‰ jŒ
œ œ œ
Œ Ó
shake a lit - tle, shake a lit - tle, shake a lit - tle, you bang a drum!

& Ó Ó Ó ‰ jŒ Œ Ó
˙ œ œœ œ œ œœ œ œ œ œ œ
you. Shake a lit - tle, shake a lit - tle, you bang a drum!

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

ã Ó œœœœ Ó œœœœ Ó œœœœ œ ‰ œ Œ œ œ Œ Ó


J

73

Voce & ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

& œ œ œ œ œ œœ œ œ Ó
j
œ œ œ œj œ ˙ Ó œ œ œ œ œj œj œ
Flauto I
œ œ

& ∑ ∑ ∑ ∑
œ œ œ œ Ó
œœœœœ
Flauto II

Flauto III & ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

79

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

j j j
&œœœ œœœ œœ œœœœœœœœ œ œ œ œ œ œ œ œ j j
œ œ œ œ œ œj œ
j
& œ œ œ œj œ Ó œ œ œ œ œj œ j
œ œ œœœ œœœ œœ
˙ œ
j
& ∑ ∑
œœœ œœœ œ œ
œ Ó œ œ œ œj œ

52
Calypso

j j
84

& ∑
œ œ œ œ Ó œ œ œ œ œ Ó
œ œ œ œ œ ˙
j j j j
A - ny time you need a ca - lyp - so, here is what you must do.
Ó œ j Ó
&
˙
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ j
œ œ ˙
œ j j j
&
˙
Ó œ œ œ œ œ œ œ œj œ œ œj œ j
œ œ ˙
Ó

Ó j j
&˙ œ Ó œ œ œ Ó
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙

TESTO

Coro parlato Any time you need a calypso


Shake a little here is what you must do.
Shake a little First of all you need a rhythm so
Shake a little shake a little, shake a little,
Shake a little shake a little shaker and you
You bang a drum! Calypso! bang a drum and you
sing and strum and then
Coro cantato
there’s a calypso for you.
Any time you need a calypso,
here is what you must do. Any time you need a calypso,
First of all you need a rhythm; here is what you must do.
so shake a little, shake a little, First of all you need a rhythm;
shake a little shaker and you so shake a little, shake a little,
bang a drum and you shake a little shake a little
sing and strum and then you bang a drum! Calypso
there’s a calypso for you.
Any time you need a calypso
Coro canone here is what you must do.

53
Can can
Testo e musica: J. Offenbach
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 9 CD 22 traccia 10 Genere Difficoltà Suonare: Do-Mi2 Suonare: Sol-Do
inse

inse
gn gn Classico Cantare: Do-Mi2 Cantare: Sol-Do
ante ante

& 4Q) ‰ Œ Œ
8
FLAUTI 1
œ œ

& 4Q) ‰ Œ Œ
8
FLAUTI 2
œ œ

10

œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
&œ œ œ œ œ

&œ ‰ j ‰ j œ œ œ Œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ
13
œ ‰ Jœ œ ‰ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
& J œ

& ‰ # œj œ ‰ œj œ ‰ œj œ ‰ j ‰ j ‰ j
œ œ œ œ œ œ

16
œ œ œ œ œ ‰ Jœ œ
& œ ‰ œ
J
œ œ œ œ œ œ œ

& œ œ œ œ œ Œ ‰ # œj œ ‰ œj œ ‰ j ‰ œj œ
œ œ

19

&œ œ œ œ
∑ œ œ œ œ

& ∑ œ œ œ œ œ œ ∑
œ

54
Can can

22

& ∑ œ #œ œ œ œ #œ œ œ

& œ œ œ #œ œ œ œ ‰ j ‰ j ‰ j ‰ j
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

25

& œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ œ œ œ
˙

& œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ œ œ œ
˙

28

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ

31

& ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

& œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
˙
34

& œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ
œ œ ˙ œ œ œ œ

& œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ
˙ œ œ œ œ
37

&œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ

&œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ

55
Repertorio per i concerti di classe

40

&œ œ œ œ œ œ Œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ
œ œ œ œ œ œ œ œ
Come inizio
43

œ œ œ œ œ œ ‰ œJ œ
&œ œ œ œ œ œ œ œ ‰ œ
J

& ‰ œj œ ‰ j œ œ œ Œ ‰ # œj œ ‰ œj œ
œ œ œ œ
46

œ œ œ œ œ
&œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ

& ‰ œj œ ‰ j ‰ j ‰ j œ œ œ Œ
œ œ œ œ œ œ œ œ

49
œ ‰ œJ œ ‰ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
& J œ œ œ

& ‰ # œj œ ‰ œj œ ‰ j ‰ œj œ ∑
œ œ

52

& ∑ œ œ ∑ œ #œ œ œ
œ œ

&œ œ œ œ œ œ œ ∑ œ œ
œ œ #œ œ œ
‰ j ‰ j
œ œ œ œ œ œ

56

&œ #œ œ œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ

& ‰ œj œ œ ‰ œj œ œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ

56
Can can

59

& œ œ œ œ œ œ œ œ œ
˙ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

& œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
˙ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

63

& ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

& œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
˙
66

& œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ
œ œ ˙ œ œ œ œ

& œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ

69

&œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ
Finale
72

& œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

& œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ

75

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ
57
Repertorio per i concerti di classe

78

& œ œ œ œ œ œ Œ œ Œ œ Œ Ó
œ œ œ

& œ œ œ Œ œ Œ œ Œ Ó
œ œ

58
Deck the hall
Testo e musica: Anonimo
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 11 CD 22 traccia 12 Genere Difficoltà Suonare: Do-Do2 Suonare: Do
inse

gn inse
gn Natalizio Cantare: SiGRAVE-Do2 Cantare: Do
ante ante

Introduzione

& 4Q)
Organo Archi
7 9
Voce ∑ ∑

& 4Q)
7 9
œ. j
Flauto œ œ œ œ œ œ œ
19

& ∑ ∑ ∑ ∑

j Πj
& œ œ œ œ œ. œ œ œ œ œ. œ œ œ œ œ œ œ
23

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

& œ œ œ œ œ . œj Œ j j œ
œ œ œ œ. œ œ œ œ. œ œ œ œ #œ œ œ œ
28

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&œ œ œ Œ œ. j œ œ œ œ œ . œj œ œ
œ œ œ œ œ œ œ ˙

& œ . œj œ œ œ . œj œ œ
33

j Œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ. œ œ œ œ
Deck the hall with boughs of hol - ly fa la la la la, la la - la.
la Tis the sea son

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

59
Repertorio per i concerti di classe

j j
38

&œ œ œ œ j Œ œ œ œ
œ œ œ œ œ. œ œ œ œ œ. œ œ œ œ.
to be jol - ly fa la la la la la la la la. Fill the mead cup drain the bar - rel

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

j œ œ œ œ œ . œj
& œ #œ œ œ œ œ
43

œ œ œ Œ œ. œ œ œ œ œ œ œ
fa la la la la la la la la. Troll the an - cient Christ - mas car - rol fa la la la la la

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

Orchestra
j
48

&œ œ œ Œ œ. j
8
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ. œ
la la la. Deck the hall with boughs of hol - ly fa la la la la, la

&
8
∑ ∑ ∑ ∑

j
60

&œ Œ œ. œ œ œ j Œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ. œ œ œ œ
la la la. This the sea - son to be jol - ly fa la la la la, la la la la.

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

j j œ œ œ
65

& œ. œ œ œ œ Œ
œ œ œ œ. œ œ #œ œ œ
Fill the mead cup drain the bar - rel fa la la la la la la la la.

& ∑ ∑ ∑ ∑

j j
69

& œ. œ œ œ œ œ œ œ. œ œ Œ
œ œ œ œ œ œ œ
Troll the an - cient Christ - mas car - rol fa la la la la, la la la la.

& ∑ ∑ ∑ ∑

60
Deck the hall
73

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

& œ. j j Œ œ. j
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ. œ œ œ œ œ œ œ

78

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

j
& œ œ œ œ œ œ œ œ œ . œj œ œ œ Œ œ . œj œ œ œ . œ œ œ œ # œ œ œ œ œ

84

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&œ œ œ Œ j j
œ. œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ. œ œ œ œ Œ

89 Più espressivo

& ˙. œ ˙ ˙ ˙ ˙ ˙ ˙ œ œ œ œ
Troll the an - cient Christ - mas car - rol fa la la la

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

j
94 Più energico

& ˙. œ
∑ œ. œ œ œ
˙ ˙ w
la la la la la. Deck the hall with

j
& ∑ ∑ ∑ ∑ œ. œ œ œ

99

&œ œ j Œ
œ œ œ œ œ œ œ. œ œ œ œ
boughs of hol - ly fa la la la la la la la la!

& œ j œ œ Œ
œ œ œ œ œ œ œ œ. œ œ
61
Repertorio per i concerti di classe

TESTO VERSIONE RITMICA

Deck the hall with boughs of holly Nella sala preparata,


Fa la la la la, la la la la. falala lalala lalala,
con i rami addobbata,
Tis the season to be jolly falala lalala lalala,
Fa la la la la, la la la la. il Natale festeggiamo,
falala lalala lalala,
Fill the mead cup drain the barrel tutti quanti insiem cantiamo,
Fa la la, la la la, la la la. falala lalala lalala.

Troll the ancient Christmas carrol Arde il fuoco nel camino,


Fa la la la la, la la la la. falala lalala lalala,
(tutto 2 volte) brocca piena di buon vino,
falala lalala lalala,
Troll the ancient Christmas carrol questa notte brinderemo,
Fa la la la la, la la la la. falala lalala lalala,
fino a tardi balleremo,
Deck the hall with boughs of holly falala lalala lalala.
Fa la la la la, la la la la.
Non dormite pastorelli,
falala lalala lalala,
ecco un suon di campanelli,
falala lalala lalala,
festa grande nel mio cuore,
falala lalala lalala,
oggi è nato il Signore,
falala lalala lalala.

62
La notte di Natale
Testo e musica: Anonimo
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 13 CD 22 traccia 14 Genere Difficoltà Suonare: Do-Do2 Suonare: Si -Do
inse

gn inse gn Natalizio Cantare: Si -Re2 Cantare: Si -Do


ante ante

Solista
bb 2 Œ ‰ œj œ œ œ œ œ œ œ œ
23
Voce & Q) œ œ œ œ œ œ œ
La not-te di Na - ta - le è na-to un bel bam - bi - no, bian - co,
˘
b 23
Flauto & b 2Q) ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑
30
b œ œ œ œ œœœ œ œ
&b œ œ œ œ œ œ œ
œ
œ œ œ œ
ros - so, tut - to ric - cio - li - no, Ma - ri - a la - va - va, Giu - sep - pe sten - de - va,
b
&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

37 Coro

& bb œ œ œ œ œ œ œ œœ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œœ œ œ œ œ œ
bim-bo pian - ge - va dal fred - do che a - ve - va. La not - te di Na - ta - le è na-to un bel bam-
˘ ˘
b
&b ∑ ∑ ∑ ∑ ˙ ˙ ˙

44
b œ œ œ œ œ œ œ œ œ
&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
bi - no, bian - co, ros - so, tut - to ric - cio - li - no, Ma - ri - a la - va - va, Giu -

b œ œ œ ˙˙ ˙˙
&b œ Œ ˙ ˙ ˙

51
b 4
&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
sep - pe sten - de - va, bim - bo pian - ge - va dal fred - do che a - ve - va.
˘
b 4
& b ˙˙ œœ œ
œ
∑ ∑ ∑ ∑

63
Repertorio per i concerti di classe

bb
61

œ œ œ œ œ œ œ
Solista
& œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
So - pra u - na cul - la co - per - ta di pa - glia, den - tro u - na stal - la na - sce - va -Ge

b
˘ ˘

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b
68

&b œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
sù. Men - tre dal cie - lo la ne - ve ca - de - va Ma - ri - a col ve- lo co -
b
&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b ‰ œj œ œ
75

&b œ œ œ
Coro

œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
pri - va Ge - sù. La not - te di Na - ta - le è na - to un bel bam - bi - no,
b
˘

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b œ œ œ œ œ œ œ œ
81

&b œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ
bian - co, ros - so, tut - to ric - cio - li - no, Ma - ri - a la - va - va, Giu -
b
&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b
87

&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
sep - pe sten - de - va, bim - bo pian - ge - va dal fred - do che a - ve - va
b
˘

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b
93

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b j
& b ‰ œj œ œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œj ‰ œ œ ‰œ œ œœ œœœ ‰ œj œ œ

64
La notte di Natale

b nn
102

&b
5
∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&b
b œœœœ ˙ œ œ œ œj ‰ œ j
œ ‰œœ œ œ œ
œ œ œ nn
5

‰ œj œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
114

Œ
Solista

& œ œ œ
3

La not - te di Na - ta - le è na-to un bel bam - bi - no, bian - co,


˘

&
3
∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

œ œ œ œ œœ œ œ œ œ
123

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
ros - so, tut - to ric - cio - li - no, Ma - ri - a la - va - va, Giu - sep - pe sten - de - va,

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
130 Coro

&œ œ œ œ œ œ œ œœ œ œœ œ œ œ
bim - bo pian - ge - va dal fred - do che a - ve - va. La not - te di Na - ta - le è na-to un bel bam -
˘ ˘

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

œ œ œ œ œœ œ œ œ
137

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
bi - no, bian - co, ros - so, tut - to ric - cio - li - no, Ma - ri - a la - va - va, Giu
-

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&œ œ œ
144

œ œ œ œ œ œ œ œ œœ œ œ
7
œ œ œ
sep - pe sten - de - va, bim - bo pian - ge - va dal fred - do che a - ve - va.
˘

&
7
∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

65
Repertorio per i concerti di classe

157

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&Œ ‰ œj œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

164

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

œ
&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

171

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ

178

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ
185 Solista

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ œ œ œ œ œ œ
Bim - bo pian - ge - va dal

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ∑ ∑
œ
192 Coro
&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
5
œ œ œ œœ œ
fred - do che–a - ve - va, bim - bo pian - ge - va dal fred - do che–a - ve - va.

&
5
∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

66
La notte di Natale

TESTO

1. La notte di Natale è nato un bel bambino, 2. La notte di Natale è nato un bel bambino,
bianco, rosso, tutto ricciolino. bianco, rosso, tutto ricciolino.
Maria lavava, Giuseppe stendeva, Maria lavava, Giuseppe stendeva,
bimbo piangeva dal freddo che aveva. (2 volte) bimbo piangeva dal freddo che aveva. (4 volte)

Rit. Sopra una culla coperta di paglia, … Bimbo piangeva dal freddo che aveva,
dentro una stalla nasceva Gesù. … bimbo piangeva dal freddo che aveva.
Mentre dal cielo la neve cadeva
Maria col velo copriva Gesù.

67
Molly Malone
Testo e musica: Anonimo
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 15 CD 22 traccia 16 Genere Difficoltà Suonare: Do-Do2 Suonare: Fa
inse

inse
gn gn Popolare Cantare: Do-Do2 Cantare: Fa
ante ante

& b Q3)
7
ΠΠj j
VOCE 1
œ œ. œ œ œ œ. œ œ
In Du - blin's fair ci - ty, Where the

& b Q3)
7
VOCE 2

& b Q3)
7
FLAUTI

11
j j j œ.
& b œ. œ œ œ œ. œ œ. œ œ œ
J œ
girls are so pret - ty, I first set my eyes on sweet

&b

&b

15

&b œ j j j
œ. œ ˙ œ œ œ. œ œ œ œ. œ
Mol - ly Ma - lone. As she wheeled her wheel - bar - row Through

&b

&b

68
Molly Malone

19
j j œ. j j
& b œ. œ œ œ œ. œ œ œ
J œ œ. œ œ. œ œ
streets broad and nar - row, Crying "Cockl - les and mus - sels, a - live, a - live -

&b

&b

24
j jœ . j j j
&b ˙ œ . œ œ œ œ œ . œ œ œ œ. œ œ œ . œ œ œ . œ œ . œj œ
œ J
o!" A - live, a - live o! A - live, a - live - o! Crying, "Cock - les and mus - sels, A - live, a - live -

&b

&b

32

&b ˙ Œ 6

o!"

&b
6

j j j j
&b Œ Œ œ œ. œ
6
œ œ. œ œ œ œ. œ œ œ. œ œ

44

&b

&b

j œ. j j j
& b œ. œ œ œ œ œ œ. œ ˙ œ œ.
J œ œ œ. œ œ œ

69
Repertorio per i concerti di classe

50

&b

&b

j j œ. j j
& b œ. œ œ œ œ. œ œ œ œ œ. œ œ. œ œ
J
55
j j j
&b Œ Œ
œ œ. œ œ œ œ. œ œ. œ œ
A - live, a - live o! A - live, a - live -

&b

j j j
&b ˙ œ. œ œ œ œ. œ œ. œ œ
œ
59
j œ. j j
& b œ œ. œ œ œ
J œ œ. œ œ. œ œ ˙ Œ
o! Crying, "Cock - les and mus - sels, A - live, a - live - o!"

&b

j œ. j j
& b œ œ. œ œ œ
J œ œ. œ œ. œ œ ˙ Œ

64

&b
6
ΠΠj j
œ œ. œ œ œ œ. œ œ
She died of a fe - ver, And no

&b
6

&b
6

70
Molly Malone

73
j j j œ.
& b œ. œ œ œ œ. œ œ. œ œ œ
J œ
one could save her, and that was the end of sweet

&b

&b

77
j j j
&b œ œ. œ ˙ œ. œ œ œ œ. œ
œ œ
Mol - ly Ma - lone. But her ghost wheels her bar - row, trough

&b

&b

81
j j œ. j
& b œ. œ œ œ œ. œ œ œ
J œ œ. œ
streets broad and nar - row, Crying "Co - ckles and mus - sels, a -

&b

&b

85

& b œ. j j j
œ œ ˙ œ œ. œ œ œ œ. œ
live, a - live o!" A - live, a - live o! A -

&b ΠΠj j
œ œ. œ œ œ œ. œ
A - live, a - live o! A -

&b

71
Repertorio per i concerti di classe
89
j j œ. j
& b œ. œ œ œ œ. œ œ œ
J œ œ. œ
live, a - live - o! Crying, "Cock - les and mus - sels, A -

j j
& b œ. j j .
œ œ œ œ œ œ œ. œ œ œ. œ
live, a - live - o! Crying, "Cock - les and mus - sels, A -

&b

93

& b œ. j Œ
œ œ ˙
live, a - live - o!"

&b . j ˙ Œ
œ œ œ
live, a - live - o!"

j j j
&b Œ Œ œ œ œ. œ œ œ. œ œ. œ œ

98

&b

&b

j j j
&b œ Œ œ œ œ. œ œ œ. œ œ. œ œ ˙ Œ

TESTO

1. In Dublin’s fair city, Rit. «Alive-a-live-oh, alive-a-live-oh»,


where the girls are so pretty, crying «Cockles and mussels, alive alive oh».
I first set my eyes on sweet Molly Malone,
2. She died of a fever,
as she wheeled her wheel-barrow,
and no one could save her,
through streets broad and narrow,
and that was the end of sweet Molly Malone.
crying, «Cockles and mussels, alive alive oh!».
But her ghost wheels her barrow,
Rit. «Alive-a-live-oh, alive-a-live-oh», through streets broad and narrow,
crying «Cockles and mussels, alive alive oh». crying, «Cockles and mussels, alive, alive oh!».
Rit. «Alive-a-live-oh, alive-a-live-oh»,
suonato
crying «Cockles and mussels, alive alive oh!».

72
Peixinhos do mar
Testo e musica: Anonimo
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 17 CD 22 traccia 18 Genere Difficoltà Suonare: Do-Do2 Suonare: Do
inse

gn inse
gn Popolare Cantare: Do-Si Cantare: Do
ante ante

Introduzione

4 4 Mani Piede
Percussioni ã Q) œ ‰ œ œœ œ Œ Ó œ‰œ œœ ˙ Ó œ‰œ œœ œ Œ Ó œ‰œ œœ ˙ Ó
J J J J

13

& jœ œj œjœ œj ˙ Ó jœ œj œjœ œj ˙ Ó ww œœ œœ œœ œœ œœ


Flauto I e II œœ œ œ œ œ œ ˙ œœ œ œ œ œ œ ˙

Percussioni ã œ ‰œ œ œ œ Œ Ó œ ‰œ œ œ ˙ Ó œ ‰œ œ œ œ Œ Ó
J J J
19
j j
& œœ œœ œœ œœ œœ œœj ˙˙ Ó ww œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœj ˙˙ Ó

ã œ ‰ Jœ œ œ ˙ Ó œ ‰œ œ œ œ Œ Ó
J
œ ‰œ œ œ
J
˙ Ó

25
j j œ œj œj œ œj ˙
& œœj œœ œœj œœj œœ œœ ˙˙ Ó
œœ œ œ œ œ œ ˙
Ó ww œœ œœ œœ œœ œœ

ã œ ‰ œJ œ œ œ Œ Ó œ ‰œ œ œ
J
˙ Ó œ ‰œ œ œ œ Œ Ó
J
31
j j
& œœ œœ œœ œœ œœ œœj ˙˙ Ó ww œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœj ˙˙ Ó ..

ã œ ‰ œJ œ œ ˙ Ó œ ‰œ œ œ œ Œ Ó œ ‰œ œ œ ˙ Ó ..
J J

73
Repertorio per i concerti di classe

j j œ œj ˙ Ó j j œ œj ˙ Ó w
37

Voce & œj œ œ œ œ
j œ œ œ œ œ œ œ œ
Quem me en si nou a na - dar. Quem me en - si- nou a na - dar. Foi, foi ma-ri-nhei-ro
˘ ˘

Flauto & ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

43

& œ œ œ œj œ j Ó w œ œ œ œ œ œ œ œ œj œ œj ˙ Ó
œ ˙
foi os pei - xi - nhos do mar. Foi, foi ma - ri - nhei - ro foi os pei-xi- nhos do mar.

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

j j j j j j
49

Ó Ó
Coro a due voci

& œj œ œ œ œœ ˙ œ
j
œ œ œ œœ ˙
ww œœ œœ œœ œœ œœ
Quem me en - si - nou a na - dar. Quem me en -si- nou a na - dar. Foi, foi ma-ri-nhei-ro
˘ ˘

& ∑ jœ œjœjœ œj ˙ Ó jœ œjœjœ œj w w


œ œ

& œœ œœ œœ œœj œœ œœj ˙˙ Ó œœ œœ œœ œœj œœ œœj ˙˙


55

ww œœ œœ œœ œœ œœ Œ œ
foi os pei - xi - nhos do mar. Foi, foi ma - ri - nhei - ro foi os pei-xi-nhos do mar. E

&w w w w w w

61

œ œ œ œ œ œ . œ œ œj ˙ Œ ˘ œ ˙. œ œ œ œ
Solista
& ˙. œ œ œ
nós que vi - e - mos de ou - tras ter - ras d'ou - tro mar. E nós -que vi e- mos de ou
- tras
˘ ˘

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

67

& œ . œ œ œj ˙ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ œ . œ œj œ
œ
ter - ras d'ou - tro mar. Te - mos pól - vo - ra chum - bo e ba - la nós que - re - mos é -gu er -
˘

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

74
Peixinhos do mar

72

&˙ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ œ . œ œj œ Ó
œ ˙
rear. Te - mos pól - vo - ra chum - bo e ba - la nós que - re - mos é gu - er - rear.
˘

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

77

& ∑ ∑ ∑ ∑ ww œœ œ œ œ œœ
œœ œ
Voce
Foi, foi ma-ri-nhei-ro

j j j jœ œj œj œ œj ˙
Flauto I e II & œœjœœ œœ œœ œœ œœ ˙˙ Ó œœ œ œ œ œ œ ˙ Ó ∑ ∑

ã œ ‰œ œ œ œ Œ Ó œ ‰œ œ œ ˙ Ó œ ‰œ œ œ œ Œ Ó
Percussioni
J J J

& œœ œœ œœ œœj œœ œj ˙ œœ œ œ œ œœ œœ œœ œœ œœj œœ œj ˙


83

Ó ww Ó
œ ˙ œ œ œ œ ˙
foi os pei - xi - nhos do mar. Foi, foi ma - ri - nhei - ro foi os-pei - xi - nhos do mar.

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

ã œ ‰ œJ œ œ ˙ Ó œ ‰œ œ œ œ Œ
J
Ó œ ‰ œ œ
J
œ ˙ Ó

89

& ∑ ∑ ∑ ∑ ww œœ œ œ œ œœ
œ œ œ
Foi, foi ma - ri - nhei- ro
j j j j j
& œœj œœ œœj œœj œœ œœ ˙˙ Ó œœ œœ œœ œœ œœ œœ ˙˙ Ó ∑ ∑

ã œ ‰ Jœ œ œ œ Œ Ó œ ‰œ œ œ
J
˙ Ó œ ‰œ œ œ œ Œ
J
Ó

75
Repertorio per i concerti di classe

j j
& œœ œœ œœ œœ œœ œœj ˙˙ Ó œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœ œœj ˙˙
95

ww Ó
foi os pei - xi - nhos do mar. Foi, foi ma - ri - nhei - ro foi os pei - xi - nhos do mar.

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

ã œ ‰ Jœ œ œ ˙ Ó œ ‰œ œ œ œ Œ
J
Ó œ ‰ œ œ
J
œ œ Ó

101 Finale Flauti

& ∑ ∑ ∑ ∑

j j
& ww œœ œœ œœ œ œ œ œ œ œ Œ Ó
œœ œœ œœ œ œ œ œ œ œ

ã ∑ ∑ ∑ ∑

TESTO TRADUZIONE

Quem me ensinou a nadar, Chi mi insegnò a nuotar,


quem me ensinou a nadar. chi mi insegnò a nuotar.
Foi foi marinheiro Fu, fu un marinaio
foi os peixinhos do mar. furono i pesci del mar.
Foi foi marinheiro Fu, fu un marinaio
foi os peixinhos do mar. (2 volte) furono i pesci del mar. (2 volte)

Ei nós, que viemos E noi che veniamo


de outras terras, d’outro mar. da altre terre, da un altro mare.
Ei nós, que viemos E noi che veniamo
de outras terras, d’outro mar. da altre terre, da un altro mare.
Temos pólvora, chumbo e bala Abbiamo polvere, piombo e pallottole
nós queremos é guerrear. ciò che vogliamo è combattere.
Temos pólvora, chumbo e bala Abbiamo polvere, piombo e pallottole
nós queremos é guerrear. ciò che vogliamo è combattere.

Foi foi marinheiro Fu, fu un marinaio


foi os peixinhos do mar… (4 volte) furono i pesci del mar… (4 volte)

76
Pick a bale of cotton
Testo e musica: Anonimo
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 19 CD 22 traccia 20 Genere Difficoltà Suonare: Do-Do2 Suonare: Fa
inse

gn inse
gn Popolare Cantare: Do-Do2 Cantare: Fa
ante ante

Introduzione

& b 4Q) œ . œ œ . œ œj œ ‰ œ
8
VOCE 1 œ œ œ. œ œ œ œ. œ œ
Jump down, turn a - round, pick a bale of cot - ton. Jump down, turn a - round,

& b 4Q)
8
VOCE 2

& b 4Q)
8
FLAUTI

12

& b œ. œ œ. œ ˙ œ œ œ. œ œ œ . œ œ . œ œj œ ‰ œ œ œ. œ œ
pick a bale a day. Jump down, turn a - round, pick a bale of cot - ton. Jump down, turn a - round,

&b

&b

16

& b œ. œ œ. œ ˙ ˙ œ œ œ œ . œ œ . œ œj œ ‰ ˙ œ œ œ
pick a bale a day. Oh Lor - dy, pick a bale of cot - ton. Oh Lor - dy,

&b

&b

77
Repertorio per i concerti di classe

20

& b œ. œ œ. œ ˙ ˙ œ œ œ œ . œ œ . œ œj œ ‰ ˙ œ œ œ
pick a bale a day. Oh Lor - dy, pick a bale of cot - ton. Oh Lor - dy,

&b

&b

24

& b œ. œ œ. œ ˙ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œj œ ‰ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ
pick a bale a day. Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale of cot - ton. Pick a, pick a, pick a, pick a,

&b

&b

28

& b œ. œ œ. œ ˙ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œj œ ‰ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ
pick a bale a day. Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale of cot - ton. Pick a, pick a, pick a, pick a,

&b

&b
Musica
32

& b œ. œ œ. œ ˙
4

pick a bale a day.

&b
4

&b œ . œ œ . œ œj œ ‰
4
œ œ œ. œ œ

78
Pick a bale of cotton

39

&b

&b

&b œ œ œ. œ œ œ. œ œ. œ ˙ œ œ œ. œ œ œ . œ œ . œ œj œ ‰

43

&b

&b

&b œ œ œ. œ œ œ. œ œ. œ ˙ ˙ œ œ œJ ‰ œ . œ œ . œ œj ‰
œ
47

&b

&b

&b ˙ œ œ œJ ‰ œ . œ œ . œ ˙ ˙ œ œ œJ ‰ œ . œ œ . œ œj ‰
œ
51

&b

&b

&b ˙ œ œ œJ ‰ œ . œ œ . œ ˙ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œj œ ‰

79
Repertorio per i concerti di classe

55

&b

&b

& b œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ ˙ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œj œ ‰

Musica
59

&b
4
œ œ œ. œ œ
Jump down, turn a - round,

&b œ œ œ
4
˙
Oh Lor - dy,

& b œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ œ Œ
4

66

& b œ . œ œ . œ œj ‰ œ œ œ. œ œ œ. œ œ. œ ˙ œ œ œ. œ œ
œ
pick a bale of cot - ton. Jump down, turn a - round, pick a bale a day. Jump down, turn a - round,

& b œ . œ œ . œ œj ‰ ˙ œ œ œ œ. œ œ. œ ˙ ˙ œ œ œ
œ
pick a bale of cot - ton. Oh Lor - dy, pick a bale a day. Oh Lor - dy,

&b

70

& b œ . œ œ . œ œj œ ‰ œ œ œ. œ œ œ. œ œ. œ ˙ ˙ œ œ œ
pick a bale of cot - ton. Jump down, turn a - round, pick a bale a day. Oh Lor - dy,

& b œ . œ œ . œ œj œ ‰ ˙ œ œ œ œ. œ œ. œ ˙ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ
pick a bale of cot - ton. Oh Lor - dy, pick a bale a day. Pick a, pick a, pick a, pick a,

&b

80
Pick a bale of cotton

74

& b œ . œ œ . œ œj œ ‰ ˙ œ œ œ œ. œ œ. œ ˙ ˙ œ œ œ
pick a bale of cot - ton. Oh Lor - dy, pick a bale a day. Oh Lor - dy,

& b œ . œ œ . œ œj ‰ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ ˙ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ
œ
pick a bale of cot - ton. Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale a day. Pick a, pick a, pick a, pick a,

&b

78

& b œ . œ œ . œ œj œ ‰ ˙ œ œ œ œ. œ œ. œ ˙ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ
pick a bale of cot - ton. Oh Lor - dy, pick a bale a day. Pick a, pick a, pick a, pick a,

& b œ . œ œ . œ œj ‰ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ ˙ ˙ œ œ œ
œ
pick a bale of cot - ton. Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale a day. Oh Lor - dy,

&b

82

& b œ . œ œ . œ œj œ ‰ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ ˙ œ. œ œ. œ œ. œ œ. œ
pick a bale of cot - ton. Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale a day. Pick a, pick a, pick a, pick a,

& b œ . œ œ . œ œj ‰ ˙ œ œ œ œ. œ œ. œ ˙ ˙ œ œ œ
œ
pick a bale of cot - ton. Oh Lor - dy, pick a bale a day. Oh Lor - dy,

&b
Musica
86

& b œ . œ œ . œ œj œ ‰ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ œ . œ ˙
4

pick a bale of cot - ton. Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale a

& b œ . œ œ . œ œj ‰ ˙ œ œ œ
4
œ. œ œ. œ ˙
œ
pick a bale of cot - ton. Oh Lor - dy, pick a bale a day.

&b
4

81
Repertorio per i concerti di classe

TESTO suonato a 2 voci sovrapposte

1. Jump down, turn around, pick a bale of cotton. 2. Jump down, turn around, pick a bale of cotton.
Jump down, turn around, pick a bale a day. Jump down, turn around, pick a bale a day.
Jump down, turn around, pick a bale of cotton. Jump down, turn around, pick a bale of cotton.
Jump down, turn around, pick a bale a day. Jump down, turn around, pick a bale a day.

Rit. Oh Lordy, pick a bale of cotton, Rit. Oh Lordy, pick a bale of cotton,
Oh Lordy, pick a bale a day. Oh Lordy, pick a bale a day.
Oh Lordy, pick a bale of cotton, Oh Lordy, pick a bale of cotton,
Oh Lordy, pick a bale a day. Oh Lordy, pick a bale a day.

Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale of cotton. Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale of cotton.
Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale a day. Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale a day.
Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale of cotton. Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale of cotton.
Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale a day. Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale a day.

82
Quand je bois du vin clairet
Testo e musica: Anonimo
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 21 CD 22 traccia 22 Genere Difficoltà Suonare: Do-Re2 Suonare: Re m
inse

gn inse
gn Popolare Cantare: Do-Do2 Cantare: Re m
ante ante

Suonato

& b 3Q ) jœ œ œ œ œ œ œ
8
VOCI
œ œ œ œ œ œ œ. œ œ œ œœœ
Quand je bois du vin clai - ret, a - mis, trout tour-ne, tour-ne, tour-ne, tour - ne.

& b 3Q)
8
FLAUTI 1

& b 3Q)
8
FLAUTI 2

13

&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ ˙
Œ
œ œ œ œ œ œ
œ
Aus - si dé - sor - mains je bois, An - jou ou Ar - bois. Quand je bois du vin clai -

&b

&b

18

& b œ. j œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œœœ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
ret, a - mis trout tour - ne, tour - ne, tour - ne, tour - ne. Aus - si dé - sor - mains je bois, An - jou

&b

&b

83
Repertorio per i concerti di classe

23
j œ œ œ œ œ
&b ˙ œ ˙
Œ œ. œ œ œ ˙ œ œ
ou Ar - bois. Chan - tons et bu - vons, à ce fla - con fai - sons la

&b

&b
28

j j
& b œ. œ œ œ. œ œ œ œ œ œ œ ˙ ˙
Œ
œ
guer - re, Chan - tons et bu - vons, mes a - mis, bu - vons donc.

&b

&b

33
j œ œ œ œ œ j j
& b œ. œ œ œ ˙ œ œ œ. œ œ œ. œ œ œ
Chan - tons et bu - vons, à ce fla - con fai - sons la guer - re, Chan - tons et bu -

&b

&b
Suonato
38

&b œ Œ 8
œ œ œ ˙ œ ˙
vons, mes a - mis, bu - vons donc.

&b
8
œ œ œ œ œ œ

&b
8

84
Quand je bois du vin clairet

50

&b

& b œ. j
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

&b

55

&b

&b ˙ Œ j œ œ œ œ œ œ
œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ. œ œ œ

&b

60

&b

&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ ˙
Œ
œ

&b

65

&b

j œ œ œ œ j j
& b œ. œ œ œ ˙ œ œ œ œ. œ œ œ. œ œ œ

&b

85
Repertorio per i concerti di classe

70

&b

j
&b œ œ œ œ ˙ œ ˙
Œ œ. œ œ œ ˙ œ

&b

75

&b

j
& b œ œ œ œ œ œ œ. j
œ œ œ. œ œ œ œ œ œ œ ˙ œ

&b
Suonato
80

&b
8 j
œ œ œ œ œ œ œ. œ œ œ œ œ œ œ œ œ
Quand je bois du vin clai - ret, a - mis, trout tour - ne, tour - ne, tour - ne,

&b ˙ Œ 8 j
œ œ œ œ œ œ œ. œ œ œ œ œ œ œ œ œ

&b
8
˙ œ œœœœ œ œ ˙ œ
92

&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ ˙
Œ
œ œ
tour - ne. Aus - si dé - sor - mains je bois, An - jou ou Ar - bois.

&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ ˙
Œ
œ œ

&b œ œ œ ˙ ˙ œ œ œ œ œ œ ˙
Œ
œ œ

86
Quand je bois du vin clairet

97

& b œ œ œ œ œ œ œ. j
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œœœ œ œ œ œ œ œ
Quand je bois du vin clai - ret, a - mis trout tour - ne, tour - ne, tour - ne, tour - ne. Aus - si dé - sor - mains je

& b œ œ œ œ œ œ œ. j
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œœœ œ œ œ œ œ œ

&b ˙ œœœœ œ œ ˙ œ œ
œ
˙
œ œ œ

102
j
&b œ œ œ ˙ œ ˙
Œ œ. œ œ œ ˙ œ
bois, An - jou ou Ar - bois. Chan - tons et bu - vons, à

j
&b œ œ œ ˙ ˙
Œ œ. œ œ œ ˙ œ
œ

&b ˙ œ œ œ œ œ œ ˙
Œ ˙ œ œ œ œ œ
œ
107
j
&b œ œ œ œ œ œ œ.
j
œ œ œ. œ œ œ œ œ œ œ ˙ œ
ce fla - con fai - sons la guer - re, Chan - tons et bu - vons, mes a - mis, bu - vons

j
&b œ œ œ œ œ œ œ. j
œ œ œ. œ œ œ œ œ œ œ ˙ œ

&b œ œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œœœœœœ
˙ œ
112
j œ œ œ œ œ j
&b ˙ Œ œ. œ œ œ ˙ œ œ œ. œ œ
donc. Chan - tons et bu - vons, à ce fla - con fai - sons la guer - re,

j œ œ œ œ œ j
&b ˙ Œ œ. œ œ œ ˙ œ œ œ. œ œ

&b œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
˙ œ

87
Repertorio per i concerti di classe

Finale
117
j
& b œ. œ œ œ œ œ œ œ ˙ ˙
Œ
œ
Chan - tons et bu - vons, mes a - mis, bu - vons donc.

j
& b œ. œ œ œ œ œ œ œ ˙ ˙
Œ
œ œ œ œ œ œ
œ

&b ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙
Œ
˙ œ
122

&b

& b œ. j
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

&b œ œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ ˙ ˙
œ œ œ
127

&b

&b ˙ Œ ‰ jœ œ œ œ œ œ œ œ
œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ

&b œ œ œ œ œ œ ˙ Œ
˙ œ œ œ œ œ œ ˙
œ œ
132

&b

&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
Œ
œ
Œ Œ
œ

&b œ œ œ œ œ Œ œ œ Œ Œ
˙ œ ˙

88
Quand je bois du vin clairet

TESTO suonato

1. Quand je bois du vin clairet, 2. Quand je bois du vin clairet,


amis tout tourne, tourne, tourne, tourne. amis tout tourne, tourne, tourne, tourne.
Aussi désormais je bois, Anjou ou Arbois. Aussi désormais je bois, Anjou ou Arbois.
Quand je bois du vin clairet, Quand je bois du vin clairet,
amis tout tourne, tourne, tourne, tourne. amis tout tourne, tourne, tourne, tourne.
Aussi désormais je bois, Anjou ou Arbois. Aussi désormais je bois, Anjou ou Arbois.

Chantons et buvons, à ce flacon faisons la guerre, Chantons et buvons, à ce flacon faisons la guerre,
chantons et buvons, mes amis, buvons donc! Chantons et buvons, mes amis, buvons donc!
Chantons et buvons, à ce flacon faisons la guerre, Chantons et buvons, à ce flacon faisons la guerre,
chantons et buvons, mes amis, buvons donc! Chantons et buvons, mes amis, buvons donc!

89
Se chanta
Testo e musica: Anonimo
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 23 CD 22 traccia 24 Genere Difficoltà Suonare: Re-Do2 Suonare: Sol
inse

inse
gn gn Popolare Cantare: Re-Do2 Cantare: Sol
ante ante

Percussioni Oboe Oboe


# 11 3

4
Voce I & ∑ ∑ ∑ ∑

# 11 3
∑ ∑ ∑ ∑ ∑
4
Voce II &
# 11 3 4
Œ Œ œ Œ Œ
& œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
Flauto

24
# ∑
& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

#
& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

# j j j j
& œ. œ œ œ. œ œ œ œ œ œ Œ Œ œ. œ œ œ. œ œ œ œ œ
31 Solista
# Œ Œ
& œ œ œ œœ œ œ œ œ ˙ œ ˙ œ œ ˙ œ œœ œ œ
Se chan - ta, que chan - te chan - ta pas per iu, chan - ta per ma mi a qu'es al-
# ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑
&
#
& œ Œ Œ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑
38
# Coro

& ˙ œ ˙ œ œ œ œœ œ œ œ œ ˙ œ ˙ œ œ ˙ œ
luènh de iu. Se chan - ta, que chan - te, chan - ta pas per iu, chan - ta per ma
# ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑
&
# ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑
&
90
Se chanta

# œœ
45 Orchestra

& œ œ ˙ œ Œ
7
˙ ∑ ∑ ∑

#
mi -a qu'es al - luènh de iu.

&
7
∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

#
& Œ Œ œ œ œœ œ œ œœ
7
∑ ∑ ∑
œ
# j
58 Coro
& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ œ. œ œ
#
Chan - te que

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

# œ j
& ˙ œ œœ ˙ œ œ œœ ˙ œ Œ
˙ ˙ œ. œ œ

#j j j
65

œ œ œ
Ó
œ œ œ
Œ
Solista
& œ. œ œ œ œ . œ œ œ . œ œ œ œ
#
chan - te que chan - ta per iu. Chan - te que chan - te que chan - ta per iu. Se

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

# j j j
œ œ œ
Ó
œ œ œ
& œ. œ œ . œ œ . œ œ Ó
œ œ œ œ

# œ œœ œ œ ˙
72

& œ œ œœ œ œ œ œ ˙ œ ˙ œ œ ˙
Coro
œ ˙
œ
#
chan - ta, que - chan - te, chan- ta pas per iu, chan-ta per ma mi - a qu'es al - luènh de iu. Se

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

#
& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

91
Repertorio per i concerti di classe

# œ
80

& œ œ œœ œ œ œ œ ˙ œ ˙ œ œ ˙ œ œ œ œ ˙ œ

#
chan - ta, que chan - te, chan - ta pas per iu, chan - ta per ma mi - a qu'es al - luènh de

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

#
& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

#
87 Orchestra

& ˙ Œ Ó œ œ œœ œ œ œ œ ˙ œ ˙ œ œ
7

œ
#
iu. Se chan - ta, que chan - te, chan - ta pas per - iu, chan ta

& Ó j j j j
7

œ œ. œœ œ. œ œ œ. œ œ œ. œ œ
#
Se chan - ta se chan - ta se chan - ta se chan- ta se

&
7
∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

# œ
100

& ˙ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
˙ œ
#
per ma mi - a qu'es al - luènh de iu. Se chan - ta, que chan - te, chan - ta

& œ . œj œ œ.
j
œ œ
j
œ. œ œ ˙ œ œ.
j
œ œ œ.
j
œ œ
#
chan - ta se chan - ta se lu - ènh de iu. Se chan - ta se chan - ta se

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

# œ
106

& ˙ œ ˙ œ œ ˙ œ œ œ œ ˙ œ ˙ Œ

#
pas per iu, chan - ta per ma mi - a qu'es al - luènh de iu.

& œ. j j j j j Œ
œ œ œ. œ œ œ. œ œ œ. œ œ œ. œ œ ˙
#
chan - ta se chan - ta se chan - ta se chan - ta se chan - ta de iu.

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

92
Se chanta

# j j j j
112

& œ. œ œ œ. œ œ œ œ œ œ Ó œ. œ œ œ. œ œ
#
Chan - te que chan - te que chan - ta per iu. -
Chan te que chan - te que

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

# j j œ œ Ó j j
& œ. œ œ œ. œ œ œ œ œ. œ œ œ. œ œ

#
118 Orchestra

& œ œ œ Ó Ó j Œ
4
œ œ œ. œ œ œ œ
#
chan - ta per iu. - Se chan ta se chan - ta

&
4
∑ ∑ ∑ ∑ ∑

# œ œ Ó Ó
& œ j Œ
4
œ œ œ. œ œ œ œ

#
127

& Ó œ œ.
j
œ œ œ œ
Œ Ó
œ œ.
j
œ œ
#
Se chan - ta se chan - ta Se chan - ta se

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

#
& Ó œ œ.
j
œ œ œ œ
Œ Ó
œ œ.
j
œ œ

#
132

& œ Œ Ó j Œ ∑
œ œ œ. œ œ œ œ
#
chan - ta Se chan - ta se chan - ta

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

#
& œ Œ Ó j Œ ∑
œ œ œ. œ œ œ œ

93
Repertorio per i concerti di classe

TESTO TRADUZIONE

1. Se chanta, que chante 1. Se canta, che canti


chanta pas per iu, non canta per me,
chanta per ma mia canta per la mia amica
qu’es al luènh de iu. (2 volte) che è lontana da me. (2 volte)

2. Chante, que chante 2. Canti, che canti


que chanta per iu. che canta per me.
Chante, que chante Canti, che canti
que chanta per iu. che canta per me.

3. Se chanta, que chante 3. Se canta, che canti


chanta pas per iu, non canta per me,
chanta per ma mia canta per la mia amica
qu’es al luènh de iu. (2 volte) che è lontana da me. (2 volte)

4. Se chanta, que chante 4. Se canta, che canti


chanta pas per iu, non canta per me,
chanta per ma mia canta per la mia amica
qu’es al luènh de iu. (2 volte) che è lontana da me. (2 volte)

5. Chante, que chante 5. Canti, che canti


que chanta per iu. che canta per me.
Chante, que chante Canti, che canti
que chanta per iu. che canta per me.

Se chanta, se chanta… (4 volte) Se canta, se canta… (4 volte)

94
Siyahamba
Testo e musica: Anonimo
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 25 CD 22 traccia 26 Genere Difficoltà Suonare: Do-Do2 Suonare: Fa
inse

gn inse
gn Etnica Cantare: Do-Do2 Cantare: Fa
ante ante

Crescendo
4
Coro parlato ã Q) Ó Œ ‹ ‹ ‹ ‹ Œ ‹ ‹ ‹ ‹ ‹ ‹ Ó ‹ ‹ ‹ ‹Œ ‹ ‹ ‹ ‹
Si -ya ham - ba ham - ba Si - ya ham - ba Si - ya ham - ba ham - ba Si - ya
5
ã‹ ‹Ó ‹ ‹ ‹ ‹Œ ‹ ‹ ‹ ‹ ‹ ‹ Œ Ó Ó Œ ‹ ‹ ‹ ‹Œ ‹ ‹ ‹ ‹
ham - ba Si - ya ham - ba ham - ba Si - ya ham - ba Si - ya ham - ba ham - ba Si - ya

10
ã‹ ‹ Œ Ó ∑ Ó Œ ‹ ‹ ‹ ‹ Œ ‹ ‹ ‹ ‹
ham - ba Si - ya ham - ba ham - ba Si - ya
14

Voce I ã ‹ ‹Œ & Ó ∑ ∑ ∑ ∑ ∑
ham - ba
Voce II &b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

Flauto I &b Ó Œ
œœ
˙ ‰ œ œ œ œœ œ ‰œ œ œ œœœ œ œœ œ œ œ Œ Œ
œ œœ
˙ ‰œœœ

Flauto II &b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑
20

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

& b œœ œ œ ‰œ œ œ œœœ œ œœ œ œ ˙ Œ œ œ œ œ ˙ . Œ œ œ œ œ œ œœœ œ œœ œ œ ˙ Œ œ œ

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑
95
Repertorio per i concerti di classe

27

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ÓŒ
œ œ

&b
Si - ya
∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

& b œ œ ˙. Œ œœ œ œœ œœœœœœœœ ˙ Ó ∑ ∑ ∑ ∑

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

j
35

& b ˙ œ œ œ œ œ œ œ ‰ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙. ˙ œœ œ œ
œ œ œ

&b
hamb' e - ku - kha - nye - ni kwen - khos si - ya hamb' e-ku-kha-nye-ni kwen - khos Si - ya hamb' e - ku - kha -
∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

j
Œœ œ œ œ œ
40

&b œ œ œ œ ‰ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙. œ œ œ œ ˙.

&b
nye - ni kwen - khos si - ya hamb' e- ku- kha- nye- ni kwen - khos si - ya ham - ba o, o si-ya
∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

96
Siyahamba

& b œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ Œ œ œ œ œ ˙ . Œœ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
45

&b
ham-b'e-ku-kha-nye-ni kwen - khos si - ya ham - ba o, o si-ya ham - b'e- ku - kha - nye- ni kwen - khos.
∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

j
50

&b ˙ Œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ
œ
‰ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

&b Ó Œ j
œ œ œ œ œ œ œ œ ‰ œ
Si - ya hamb' e - ku - kha - nye - ni kwen - khos si - ya hamb' e - ku - kha - nye - ni kwen - khos

œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

&b
Si - ya hamb' e - ku - kha - nye - ni kwen - khos si - ya hamb' e - ku - ka - nye - ni kwen - khos
∑ ∑ ∑ ∑

&b ∑ ∑ ∑ ∑

j
54

&b ˙ Œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ
œ
‰ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

j
&b ˙ Œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ ‰ œ
Si - ya hamb' e - ku - kha - nye - ni kwen - khos si - ya hamb' e - ku - kha - nye - ni kwen - khos

œ œ œ œ œ œ œ œ œ

&b
Si - ya hamb' e - ku - kha - nye - ni kwen - khos si - ya hamb' e - ku - kha - nye - ni kwen - khos
∑ ∑ ∑ ∑

&b ∑ ∑ ∑ ∑

97
Repertorio per i concerti di classe

œ œ
58

& b ˙ Œ œ œ œ œ ˙. Œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

&b ˙ Œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ Œ
si - ya ham - ba o, o si - ya ham - b'e - ku - kha - nye - ni kwen - khos.

œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

&b
si - ya ham - ba ham - ba si - ya ham - ba ham - ba si - ya ham - b'e - ku - kha - nye - ni kwen - khos
∑ ∑ ∑ ∑

&b ∑ ∑ ∑ ∑

Œ œœ œ
62

& b ˙ Œ œ œ œ œ ˙. œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙. Œ

& b ˙ Œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙. Œ
si - ya ham - ba o, o si-ya ham-b'e-ku-kha-nye-ni kwen - khos.

&b Ó Œ
si - ya ham-ba ham-ba si-ya ham-ba ham-ba si-ya ham-b'e-ku-kha-nye-ni kwen - khos.
∑ ∑ ∑ ∑
œœ

&b ∑ ∑ ∑ ∑ Ó Œ
œœ
67

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

j j
& b ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ ‰œ œ œœ œ œ œœ œ œ ˙ Œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ ‰œ œ œœ œ œ œœ œ œ

j j
& b ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ ‰ œ œ œœ œ œ œœ œ œ ˙ Œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ ‰ œ œ œœ œ œ œœ œ œ

98
Siyahamba

œ œ
74

&b Ó Œ Œ œ œ
Tutti

œ œ œ œ ˙. œ
Si - ya ham - ba o, o si - ya

&b Ó Œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ
Œ
œ œ œ œ

&b ˙ Œ Œ œ œ œ œ
Si - ya ham - ba ham - ba si - ya ham - ba ham - ba si - ya

œ œ œ œ ˙. œ

&b ˙ Œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ
Œ
œ œ œ œ

œœ œ
77

&b œ œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ Œ œœ
˙ œ œ ˙.

&b œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ Œ Œ
ham - b'e - ku - kha - nye - ni kwen - khos. si - ya ham - ba o, o si-ya

œ ˙ œ œ œ œœœ œ œ œ œœœ

&b œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ Œ œœ œ œœ
ham - b'e - ku - kha - nye - ni kwen - khos si - ya ham - ba ham-ba si-ya ham-ba ham-ba si-ya

œ ˙ œ œ ˙.

&b œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ Œ Œ
œ ˙ œ œ œ œœœ œ œ œ œœœ
81 Coro parlato

&b œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ ã Œ ‹ ‹ ‹ ‹ Œ ‹ ‹ ‹ ‹
ham - b'e - ku - kha - nye - ni kwen - khos Si - ya ham - ba ham - ba Si - ya

&b œ œ œ œ œ œ œ
Ó
œ ˙
ham - b'e - ku - kha - nye - ni kwen - khos

&b œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ Ó

&b œ œ œ œ œ œ œ Ó
œ ˙

99
Repertorio per i concerti di classe

84 diminuendo

ã ‹ ‹ Œ Ó ∑ Ó Œ ‹ ‹ ‹ ‹Œ ‹ ‹ ‹ ‹ ‹ ‹ Œ Ó ∑
ham-ba Si - ya ham - ba ham - ba Si - ya ham - ba
90

ãÓ Œ ‹ ‹ ‹ ‹ Œ ‹ ‹ ‹ ‹ ‹ ‹ Œ Ó ∑ Ó Œ ‹ ‹
Si - ya ham - ba ham - ba Si - ya ham - ba - Si ya
95

ã ‹ ‹Œ ‹ ‹ ‹ ‹ ‹ ‹ Œ Ó ∑ Ó Œ ‹ ‹ ‹ ‹Œ ‹ ‹ ‹ ‹ ‹ ‹ Œ Ó
ham-ba ham-ba Si-ya ham - ba Si - ya ham-ba ham-ba si- ya ham - ba.

TESTO TRADUZIONE

Coro parlato Coro parlato


Siyahamba hamba Siyahamba… (5 volte) Siyahamba hamba Siyahamba… (5 volte)

Coro cantato Coro cantato


Siyahamb’ ekukhanyeni kwen-khos’ Noi camminiamo nella luce di Dio
Siyahamb’ ekukhanyeni kwen-khos’ Noi camminiamo nella luce di Dio
Siyahamb’ ekukhanyeni kwen-khos’ Noi camminiamo nella luce di Dio
Siyahamb’ ekukhanyeni kwen-khos’ Noi camminiamo nella luce di Dio
Siyahamba, oo, siyahamb’ ekukhanyeni kwen-khos’ Noi camminiamo, camminiamo nella luce di Dio
Siyahamba, oo, siyahamb’ ekukhanyeni kwen-khos’… Noi camminiamo, camminiamo nella luce di Dio…
(2 volte) (2 volte)
Siyahamba, oo, siyahamb’ ekukhanyeni kwen-khos’ Noi camminiamo, camminiamo nella luce di Dio
Siyahamba, oo, siyahamb’ ekukhanyeni kwen-khos’ Noi camminiamo, camminiamo nella luce di Dio

Coro parlato Coro parlato


Siyahamba hamba Siyahamba (6 volte) Siyahamba hamba Siyahamba (6 volte)

100
Sur le pont d’Avignon
Testo e musica: Anonimo
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 27 CD 22 traccia 28 Genere Difficoltà Suonare: Do-Do2 Suonare: Fa
inse

gn inse
gn Popolare Cantare: Do-Do2 Cantare: Fa
ante ante

Introduzione

& b 2Q ) Œ œ œ œ œ
18
VOCI œ œ œ œ œ œ œ œ
Sur le pont d'A - vi - gnon L'on y dan - se, l'on y

& b 2Q )
18
FLAUTI

23

&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ ‰ œj
œ œ
dan - se. Sur le pont d'A - vi - gnon L'on y dan - se tout en rond. Les

&b

28

&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ
beaux mes - sieurs font comme ça et puis en - co - re comme ça. Sur le

&b

33

&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ
pont d'A - vi - gnon L'on y dan - se, l'on y dan - se. Sur le pont d'A - vi -

&b
Musica
38

&b œ œ œ œ œ œ œ Œ 10
œ
gnon L'on y dan - se tout en rond. Tema Flauti

&b Œ
10
œ œ

101
Repertorio per i concerti di classe

52

&b

&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ

57

&b

&b œ œ œ œ ‰ j
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

62

&b

&b œ œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ

67

&b

&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ
72

&b

&b œ Œ ‰ œ œ œ ‰ œ œ œ ‰ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ

102
Sur le pont d’Avignon

77

&b

&b ‰ œ œ œ ‰ œœœ ‰ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ
82

&b Œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ
Sur le pont d'A - vi - gnon L'on y dan - se, l'on y

&b ‰ œ œ ‰ œ œ ‰ œ œ
œ œ œ œ œ œ
87

&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ‰ œj
œ œ œ œ œ
dan - se. Sur le pont d'A - vi - gnon L'on y dan - se tout en rond. Les

&b Œ ‰ œœ ‰ œœ ‰ œ œ œ Œ
œ œ œ œ œ œ œ

92

&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ
beaux mes - sieurs font comme ça et puis en - co - re comme ça. Sur le

&b œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ

97

&b œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ
pont d'A - vi - gnon L'on y dan - se, l'on y dan - se. Sur le pont d'A - vi -

&b ‰ œ œ œ œ ‰ œœ
œ œ
‰ œœ
œ œ œ
Œ ‰ œœ
œ œ

103
Repertorio per i concerti di classe

Finale
102

&b œ œ œ œ œ Œ
œ œ œ
gnon L'on y dan - se tout en rond

&b ‰ œ œ ‰ œ œ œ œ Œ ‰ œ œ
œ œ
‰ œœœ
œ œ œ œ
107

&b

&b ‰ œœ œ œœ ‰ œ œ
œ œ
‰ œœœ ‰ œ œ
œ œœ œ œ œ
œ œ œ œ

TESTO suonato

1. Sur le Pont d’Avignon l’on y danse, l’on y danse. 2. Sur le Pont d’Avignon l’on y danse, l’on y danse.
Sur le Pont d’Avignon l’on y danse tous en rond. Sur le Pont d’Avignon l’on y danse tous en rond.
Les beaux messieurs font comme ça Les beaux messieurs font comme ça
et puis encore comme ça. et puis encore comme ça.

Sur le Pont d’Avignon l’on y danse, l’on y danse. Sur le Pont d’Avignon l’on y danse, l’on y danse.
Sur le Pont d’Avignon l’on y danse tous en rond. Sur le Pont d’Avignon lon y danse tous en rond.

104
Tema (dalla Sinfonia n. 40 )
Autore: W. A. Mozart
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 29 CD 22 traccia 30 Genere Difficoltà Suonare: Do-Fa2 Suonare: La m
inse

gn inse
gn Classico Cantare: Do-Fa2 Cantare: La m
ante ante

Introduzione

& 4Q) Ó Œ œ œ Œ œœ œ œœ
11
FLAUTI 1
œ œ œœœ œœ œ œ œœ

& 4Q) Ó Œ œ œ Œ œœ œ œœœ œ


11
FLAUTI 2
œ œ œœœ œœ œ œ
16

&œ œ Œ œœ œ œœœ œœ œ ˙ œ œ #œ œ œ œœ
œ œœ œ œ Œ

&œ œ Œ œœ œ œœœ œœ œ ˙ œ œ #œ œ œ œ œ
œ œ œ
Ó

21

& œ œ #œ œ œ œ Œ œ œ œ œ #œ œ œ œ œ œ œ œ w

œ
&w w w w œ #œ œ

26

&˙ ˙ Œ ˙ Œ ˙ Œ ˙
œ œ œ œ œ œ œ

œ œ œ œ
&œ #œ Œ ˙ #œ Œ ˙ #œ Œ ˙ #œ œ œ œ

31

& ˙ Œ œ œ œ œœœ œœ œ œ Œ œœ œ œœœ œœ Œ œœ


œ œ

& #˙ Œ œ œ œ œœœ œœ œ œ Œ œœ œ œœœ œœ Ó


œ œ

105
Repertorio per i concerti di classe

36

&œ œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ Ó

&w ˙ ˙ Ó
˙ ˙ ˙

Musica
40

&
5
Ó Œ œ Œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ

&
5
Ó Œ œ Œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ

48

&œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ
œ

&œ œ œ œ œ œ œ Œ œ Œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
52

Œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ
& #œ œ œ œ œ œ œ œ #œ œ

& #œ œ œ œ œ œ Ó w w
œ œ

56
œ œ
&œ #œ œ œ œ œ œ œ
w ˙ ˙

&w Œ #œ œ œ œ œ œ œ œ
w
60

& œ Œ ˙ Œ ˙ Œ ˙ œ œ
œ œ œ œ

& #œ Œ ˙ #œ Œ ˙ #œ Œ ˙ œ #œ œ œ

106
Tema (dalla Sinfonia n. 40 )

64

&˙ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ

&˙ Œ œ Œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

68

Œ œ Œ œ œ œ œ œ œ
&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

&œ Œ œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ

72

&w ˙. œ œ œ œ Œ
œ œ œ ‰
œ
j

&w œ œ Œ œ œ ‰ j
˙. œ œ œ œ

76

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ œ Œ œ œ œ
œ œ

&œ œ œ Œ œ Œ œ œ œ œ œ œ œ Œ
œ œ œ œ

80
œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ œ. œ
&œ œ œ œ Œ œ Œ œ J

&œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ œ. j
œ

84
œ œ. œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
& œ J œ œ œ œ œ

j
& œ œ. œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ
œ
œ
107
Repertorio per i concerti di classe

88

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ Œ
œ œ œ œ œ

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ Œ œ œ

Finale
92

&œ Œ Œ œ œ œ Œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ Ó

&œ Œ Œ œ œ œ Œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ Ó

108
The first Noel
Testo e musica: Anonimo
Base con melodia Base senza melodia Estensione Tonalità
CD 22 traccia 31 CD 22 traccia 32 Genere Difficoltà Suonare: Do-Do2 Suonare: Si -Do
inse

gn inse
gn Natalizio Cantare: SiGRAVE-Do2 Cantare: Si -Do
ante ante

Introduzione per pianoforte Solista 1


b 4
Voce & b 3Q) Œ Œ Œ
œ œ œ.
j
œ œ œ ˙
œ œ œ œ œ
The first No - el, the an - gels did
b 4
Flauto & b 3Q) Œ ∑ ∑ ∑ ∑

9 Solista 2

& bb œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ j
œ œ œ œ. œ œ œ
say, was to cer - tain poor shep - herds in fields as they lay, in fields whe - re
b
&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

15 CORO
& bb ˙ œœ œ œ œ œ Œ œœ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ
œ œœ
they lay keep-ing their sheep, on a cold win-ter's night that was so deep. No -
b
&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

22
b
&b j œœ ˙ œ ˙ Œ œ œœ œ œœ œœ Œ ∑
œ. œ œ œ ˙ œ ˙
el, No - el, No - el, No - el. Born is the King of I - sra - el.
b
&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

31 Solista 1
b
&b ΠΠj
œ œ œ. œ œ œ ˙ œœ œ œ œ œŒœ œ œ œ œ œ œ œ
They look - ed up and saw a star, shin - ing in the east be -
b
&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

109
Repertorio per i concerti di classe

b
38

&b œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ Œ œœ œ œ œ
Solista 2
j
œ œ œ œ. œ œ œ ˙
yond them far, and to the earth it gave great light, and so it con -
b
&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

bb
45

œ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œj œ œ ˙ œœ ˙ Œ œ œ œ
Coro

& œ ˙
.
ti-nued both day and night. No - el, No - el, No - el, No - el. Born is the
b
&b ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

b nn
53

&b œ œ œ œ œ œ ˙ Œ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑
King of I - sra - el.

bb nn Œ Œ œ
Solista

& Œ Œ Œ
œ œ œœ œ œœ œ œœ
∑ ∑ ∑ ∑

61

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&œ Œ œœ œ Œ œœ œ Œ œœ œ œ œ œ Œ œœ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

69

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

&œ Œ œ œ œ œ œ œ j
œ Œ œ œ œ. œ œ œ
Pochi
œ œ œ œ œ

75

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

œ œ œ œ œ œ Œ œœ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ Œ œœ
Tutti

110
The first Noel

82

& ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑

& œ. j
œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ

œ œ ˙
88

Œ Œ œ j œ Œ
Coro
& ∑
œ œ. œ œ œ ˙ ˙
No - el, No - el, No - el, No - el.

&œ œ œ œ Œ œ œ œ Œ œ œ
Œ œ
œ
Œ
œ ˙
Œ

&œ œ
94

œ œ œ œ œ œ œ Œ Œ
Voce I œ
Born is the King of I - sra - el!

&œ œ œ œ œ œ Œ Œ
Voce II
œ œ œ œ
Born is the King of I - sra - el!

Flauto I &œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
Œ Œ

&œ œ œ œ Œ Œ
Flauto II
œ œ œ œ œ œ

&œ œ
98

œ œ œ œ œ œ œ Œ Œ
œ
Born is the King of I - sra - el!

&œ œ œ œ œ œ Œ Œ
œ œ œ œ
Born is the King of I - sra - el!

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ Œ

&œ œ œ œ Œ Œ
œ œ œ œ œ œ
111
Repertorio per i concerti di classe

TESTO

1. The first Noel the angels did say, and to the earth it gave great light,
was to certain poor shepherds in fields as they lay, and so it continued both day and night.
in fields where they lay keeping their sheep,
on a cold winter’s night that was so deep. Rit. Noel, Noel, Noel, Noel!
Born is the King of Israel!
Rit. Noel, Noel, Noel, Noel! Noel, Noel, Noel, Noel!
Born is the King of Israel! Born is the King of Israel!
Born is the King of Israel!
2. They looked up and saw a star,
shining in the east beyond them far,

112
PARTITURE PER CHITARRA

MEDIOEVO e RINASCIMENTO

In taberna quando sumus


Autore: Anonimo
Base CD 22 traccia 33
Base concerto CD 22 traccia 34

Dies Irae
Autore: T. da Celano
Base CD 22 traccia 35
Base concerto CD 22 traccia 36

Liberamente

113
Repertorio per i concerti di classe

Gagliarda
Autore: V. Galilei
Base CD 22 traccia 37
Base concerto CD 22 traccia 38

114
Partiture per chitarra

Greensleeves
Autore: F. Cutting
Base CD 22 traccia 39
Base concerto CD 22 traccia 40

115
Repertorio per i concerti di classe

Quand je bois du vin clairet


Autore: Anonimo
Base CD 22 traccia 41
Base concerto CD 22 traccia 42

Belle qui tiens ma vie


Autore: Anonimo
Base CD 22 traccia 43
Base concerto CD 22 traccia 44

116
Partiture per chitarra

BAROCCO

Te Deum in Re maggiore
Autore: M.-A. Charpentier
Base CD 22 traccia 45
Base concerto CD 22 traccia 46

117
Repertorio per i concerti di classe

Adagio (dal Concerto per tromba in Re maggiore)


Autore: G. P. Telemann
Base CD 22 traccia 47
Base concerto CD 22 traccia 48

118
Partiture per chitarra

Lascia ch’io pianga (da Rinaldo)


Autore: G. F. Haendel
Base CD 22 traccia 49
Base concerto CD 22 traccia 50

119
Repertorio per i concerti di classe

Hallelujah (dal Messiah)


Autore: G. F. Haendel
Base CD 22 traccia 51
Base concerto CD 22 traccia 52

120
Partiture per chitarra

Alla hornpipe (da Musica sull’acqua)


Autore: G. F. Haendel
Base CD 22 traccia 53
Base concerto CD 22 traccia 54

Minuetto II (da Musiche per i reali fuochi d’artificio)


Autore: G. F. Haendel
Base CD 22 traccia 55
Base concerto CD 22 traccia 56

121
Repertorio per i concerti di classe

La primavera: Allegro (da Le quattro stagioni )


Autore: A. Vivaldi
Base CD 22 traccia 57
Base concerto CD 22 traccia 58

L’autunno: La caccia (da Le quattro stagioni )


Autore: A. Vivaldi
Base CD 22 traccia 59
Base concerto CD 22 traccia 60

122
Partiture per chitarra

L’inverno: Largo (da Le quattro stagioni )


Autore: A. Vivaldi
Base CD 22 traccia 61
Base concerto CD 22 traccia 62

Corale (dalla Passione secondo Matteo )


Autore: J. S. Bach
Base CD 22 traccia 63
Base concerto CD 22 traccia 64

123
Repertorio per i concerti di classe

Aria sulla quarta corda (dalla Suite n. 3 in Re maggiore )


Autore: J. S. Bach
Base CD 22 traccia 65
Base concerto CD 22 traccia 66

124
Partiture per chitarra

Minuetto
Autore: J. S. Bach
Base CD 22 traccia 67
Base concerto CD 22 traccia 68

125
Repertorio per i concerti di classe

Corale (dalla Cantata n. 147 )


Autore: J. S. Bach
Base CD 22 traccia 69
Base concerto CD 22 traccia 70

126
Partiture per chitarra

CLASSICISMO

Ah! Vous dirai-je, Maman!


Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 71
Base concerto CD 22 traccia 72

127
Repertorio per i concerti di classe

Andante (dal Concerto per pianoforte n. 21 K 467 )


Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 73
Base concerto CD 22 traccia 74

128
Partiture per chitarra

Sinfonia n. 40 K 550
Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 75
Base concerto CD 22 traccia 76

129
Repertorio per i concerti di classe

Tema (dalla Sonata K 331 )


Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 77
Base concerto CD 22 traccia 78

Aria (da Il flauto magico )


Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 79
Base concerto CD 22 traccia 80

130
Partiture per chitarra

Aria di Papageno (da Il flauto magico )


Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 81
Base concerto CD 22 traccia 82

Non più andrai farfallone… (da Le nozze di Figaro )


Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 83
Base concerto CD 22 traccia 84

131
Repertorio per i concerti di classe

Romanza (dalla Piccola serenata notturna K 525 )


Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 85
Base concerto CD 22 traccia 86

Adagio (da Patetica op. 13 )


Autore: L. van Beethoven
Base CD 22 traccia 87
Base concerto CD 22 traccia 88

132
Partiture per chitarra

Canto di Ringraziamento (dalla Sinfonia n. 6 )


Autore: L. van Beethoven
Base CD 22 traccia 89
Base concerto CD 22 traccia 90

133
Repertorio per i concerti di classe

Inno alla Gioia (dalla Sinfonia n. 9 op. 125 )


Autore: L. van Beethoven
Base CD 22 traccia 91
Base concerto CD 22 traccia 92

Per Elisa
Autore: L. van Beethoven
Base CD 22 traccia 93
Base concerto CD 22 traccia 94

134
Partiture per chitarra

Romanza n. 2 in Fa maggiore op. 50


Autore: L. van Beethoven
Base CD 22 traccia 95
Base concerto CD 22 traccia 96

135
Repertorio per i concerti di classe

Inno al Creatore
Autore: L. van Beethoven
Base CD 22 traccia 97
Base concerto CD 22 traccia 98

136
Partiture per chitarra

ROMANTICISMO

Il contadino allegro
Autore: R. Schumann
Base CD 22 traccia 99
Base concerto CD 22 traccia 100

137
Repertorio per i concerti di classe

Libiam ne’ lieti calici (da La Traviata )


Autore: G. Verdi
Base CD 22 traccia 101
Base concerto CD 22 traccia 102

138
Partiture per chitarra

Va pensiero (da Nabucco )


Autore: G. Verdi
Base CD 22 traccia 103
Base concerto CD 22 traccia 104

139
Repertorio per i concerti di classe

Marcia trionfale (da Aida )


Autore: G. Verdi
Base CD 22 traccia 105
Base concerto CD 22 traccia 106

140
Partiture per chitarra

La donna è mobile (da Rigoletto )


Autore: G. Verdi
Base CD 22 traccia 107
Base concerto CD 22 traccia 108

141
Repertorio per i concerti di classe

La Moldava
Autore: B. Smetana
Base CD 22 traccia 109
Base concerto CD 22 traccia 110

Ninna nanna
Autore: J. Brahms
Base CD 22 traccia 111
Base concerto CD 22 traccia 112

142
Partiture per chitarra

Sul bel Danubio blu


Autore: J. Strauss
Base CD 22 traccia 113
Base concerto CD 22 traccia 114

Danza polovesiana (da Il principe Igor )


Autore: B. Borodin
Base CD 22 traccia 115
Base concerto CD 22 traccia 116

143
Repertorio per i concerti di classe

L’amour est un oiseau rébelle (da Carmen )


Autore: G. Bizet
Base CD 22 traccia 117
Base concerto CD 22 traccia 118

144
Partiture per chitarra

Allegro ma non troppo (dalla Concerto per pianoforte n. 1 )


Autore: P. I. Ciaikovskij
Base CD 22 traccia 119
Base concerto CD 22 traccia 120

Scena (da Il lago dei cigni )


Autore: P. I. Ciaikovskij
Base CD 22 traccia 121
Base concerto CD 22 traccia 122

145
Repertorio per i concerti di classe

Il mattino (da Peer Gynt )


Autore: E. Grieg
Base CD 22 traccia 123
Base concerto CD 22 traccia 124

Land of hope and glory (da Pomp and circumstances )


Autore: E. Elgar
Base CD 22 traccia 125
Base concerto CD 22 traccia 126

146
PARTITURE PER TASTIERA

MEDIOEVO e RINASCIMENTO

In taberna quando sumus


Autore: Anonimo
Base CD 22 traccia 33
Base concerto CD 22 traccia 34

Dies Irae
Autore: T. da Celano
Base CD 22 traccia 35
Base concerto CD 22 traccia 36

Liberamente

147
Repertorio per i concerti di classe

Gagliarda
Autore: V. Galilei
Base CD 22 traccia 37
Base concerto CD 22 traccia 38

148
Partiture per tastiera

Greensleeves
Autore: F. Cutting
Base CD 22 traccia 39
Base concerto CD 22 traccia 40

149
Repertorio per i concerti di classe

Quand je bois du vin clairet


Autore: Anonimo
Base CD 22 traccia 41
Base concerto CD 22 traccia 42

Belle qui tiens ma vie


Autore: Anonimo
Base CD 22 traccia 43
Base concerto CD 22 traccia 44

150
Partiture per tastiera

BAROCCO

Te Deum in Re maggiore
Autore: M.-A. Charpentier
Base CD 22 traccia 45
Base concerto CD 22 traccia 46

151
Repertorio per i concerti di classe

Adagio (dal Concerto per tromba in Re maggiore)


Autore: G. P. Telemann
Base CD 22 traccia 47
Base concerto CD 22 traccia 48

152
Partiture per tastiera

Lascia ch’io pianga (da Rinaldo)


Autore: G. F. Haendel
Base CD 22 traccia 49
Base concerto CD 22 traccia 50

153
Repertorio per i concerti di classe

Hallelujah (dal Messiah)


Autore: G. F. Haendel
Base CD 22 traccia 51
Base concerto CD 22 traccia 52

154
Partiture per tastiera

Alla hornpipe (da Musica sull’acqua)


Autore: G. F. Haendel
Base CD 22 traccia 53
Base concerto CD 22 traccia 54

Minuetto II (da Musiche per i reali fuochi d’artificio)


Autore: G. F. Haendel
Base CD 22 traccia 55
Base concerto CD 22 traccia 56

155
Repertorio per i concerti di classe

La primavera: Allegro (da Le quattro stagioni )


Autore: A. Vivaldi
Base CD 22 traccia 57
Base concerto CD 22 traccia 58

L’autunno: La caccia (da Le quattro stagioni )


Autore: A. Vivaldi
Base CD 22 traccia 59
Base concerto CD 22 traccia 60

156
Partiture per tastiera

L’inverno: Largo (da Le quattro stagioni )


Autore: A. Vivaldi
Base CD 22 traccia 61
Base concerto CD 22 traccia 62

Corale (dalla Passione secondo Matteo )


Autore: J. S. Bach
Base CD 22 traccia 63
Base concerto CD 22 traccia 64

157
Repertorio per i concerti di classe

Aria sulla quarta corda (dalla Suite n. 3 in Re maggiore )


Autore: J. S. Bach
Base CD 22 traccia 65
Base concerto CD 22 traccia 66

158
Partiture per tastiera

Minuetto
Autore: J. S. Bach
Base CD 22 traccia 67
Base concerto CD 22 traccia 68

159
Repertorio per i concerti di classe

Corale (dalla Cantata n. 147 )


Autore: J. S. Bach
Base CD 22 traccia 69
Base concerto CD 22 traccia 70

160
Partiture per tastiera

CLASSICISMO

Ah! Vous dirai-je, Maman!


Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 71
Base concerto CD 22 traccia 72

161
Repertorio per i concerti di classe

Andante (dal Concerto per pianoforte n. 21 K 467 )


Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 73
Base concerto CD 22 traccia 74

162
Partiture per tastiera

Sinfonia n. 40 K 550
Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 75
Base concerto CD 22 traccia 76

163
Repertorio per i concerti di classe

Tema (dalla Sonata K 331 )


Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 77
Base concerto CD 22 traccia 78

Aria (da Il flauto magico )


Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 79
Base concerto CD 22 traccia 80

164
Partiture per tastiera

Aria di Papageno (da Il flauto magico )


Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 81
Base concerto CD 22 traccia 82

Non più andrai farfallone… (da Le nozze di Figaro )


Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 83
Base concerto CD 22 traccia 84

165
Repertorio per i concerti di classe

Romanza (dalla Piccola serenata notturna K 525 )


Autore: W. A. Mozart
Base CD 22 traccia 85
Base concerto CD 22 traccia 86

Adagio (da Patetica op. 13 )


Autore: L. van Beethoven
Base CD 22 traccia 87
Base concerto CD 22 traccia 88

166
Partiture per tastiera

Canto di Ringraziamento (dalla Sinfonia n. 6 )


Autore: L. van Beethoven
Base CD 22 traccia 89
Base concerto CD 22 traccia 90

167
Repertorio per i concerti di classe

Inno alla Gioia (dalla Sinfonia n. 9 op. 125 )


Autore: L. van Beethoven
Base CD 22 traccia 91
Base concerto CD 22 traccia 92

Per Elisa
Autore: L. van Beethoven
Base CD 22 traccia 93
Base concerto CD 22 traccia 94

168
Partiture per tastiera

Romanza n. 2 in Fa maggiore op. 50


Autore: L. van Beethoven
Base CD 22 traccia 95
Base concerto CD 22 traccia 96

169
Repertorio per i concerti di classe

Inno al Creatore
Autore: L. van Beethoven
Base CD 22 traccia 97
Base concerto CD 22 traccia 98

170
Partiture per tastiera

ROMANTICISMO

Il contadino allegro
Autore: R. Schumann
Base CD 22 traccia 99
Base concerto CD 22 traccia 100

171
Repertorio per i concerti di classe

Libiam ne’ lieti calici (da La Traviata )


Autore: G. Verdi
Base CD 22 traccia 101
Base concerto CD 22 traccia 102

172
Partiture per tastiera

Va pensiero (da Nabucco )


Autore: G. Verdi
Base CD 22 traccia 103
Base concerto CD 22 traccia 104

173
Repertorio per i concerti di classe

Marcia trionfale (da Aida )


Autore: G. Verdi
Base CD 22 traccia 105
Base concerto CD 22 traccia 106

174
Partiture per tastiera

La donna è mobile (da Rigoletto )


Autore: G. Verdi
Base CD 22 traccia 107
Base concerto CD 22 traccia 108

175
Repertorio per i concerti di classe

La Moldava
Autore: B. Smetana
Base CD 22 traccia 109
Base concerto CD 22 traccia 110

Ninna nanna
Autore: J. Brahms
Base CD 22 traccia 111
Base concerto CD 22 traccia 112

176
Partiture per tastiera

Sul bel Danubio blu


Autore: J. Strauss
Base CD 22 traccia 113
Base concerto CD 22 traccia 114

Danza polovesiana (da Il principe Igor )


Autore: B. Borodin
Base CD 22 traccia 115
Base concerto CD 22 traccia 116

177
Repertorio per i concerti di classe

L’amour est un oiseau rébelle (da Carmen )


Autore: G. Bizet
Base CD 22 traccia 117
Base concerto CD 22 traccia 118

178
Partiture per tastiera

Allegro ma non troppo (dalla Concerto per pianoforte n. 1 )


Autore: P. I. Ciaikovskij
Base CD 22 traccia 119
Base concerto CD 22 traccia 120

Scena (da Il lago dei cigni )


Autore: P. I. Ciaikovskij
Base CD 22 traccia 121
Base concerto CD 22 traccia 122

179
Repertorio per i concerti di classe

Il mattino (da Peer Gynt )


Autore: E. Grieg
Base CD 22 traccia 123
Base concerto CD 22 traccia 124

Land of hope and glory (da Pomp and circumstances )


Autore: E. Elgar
Base CD 22 traccia 125
Base concerto CD 22 traccia 126

180
Prove di verifica

I file in formato Word, modificabili, di tutte le prove di verifica sono disponibili negli eBook
in versione docente e tra le risorse digitali del sito del libro presente su deascuola.it
Nome Classe Data

Prova 1
Teoria musicale
Volume A • Il ritmo e le figure musicali

1. Il pentagramma è composto da:


A 5 linee e 5 spazi
B 4 linee e 4 spazi
C 5 linee e 4 spazi
D 4 linee e 5 spazi
Punti: ……/1

2. Tra i suoni raffigurati nel pentagramma quelli più gravi si trovano:


A nella parte bassa
B nella parte centrale
C nella parte alta
Punti: ……/1

3. Che cosa sono i tagli addizionali?

Punti: ……/1

4. Quale funzione svolge il segno del ritornello?


A Fa ripetere il brano
B Fa suonare più piano
C Fa suonare più lentamente
D Fa smettere di suonare
Punti: ……/1

5. Quante crome occorrono per avere lo stesso valore di una minima?


A Due
B Quattro
C Sei
D Otto
Punti: ……/1

6. Come si chiama la nota che ha una durata corrispondente a un movimento della mano?

Punti: ……/1

182
Prova 1

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/17 0-5 6-7 8-9 10-11 12-14 15-16 17

7. La minima ha un valore corrispondente a:


A un movimento della mano
B due movimenti della mano
C tre movimenti della mano
D quattro movimenti della mano
Punti: ……/1

8. Quante semiminime occorrono per completare quattro movimenti della mano?


A Tre C Quattro
B Due D Sei
Punti: ……/1

9. Scrivi sotto ogni pausa la rispettiva durata espressa in movimenti.

Punti: ……/3

10. Collega con una linea le figure che si equivalgono.


1 A

2 B

3 C

4 D
Punti: ……/4

11. Quante semibrevi occorrono per completare quattro movimenti della mano?
A Due C Quattro
B Una D Sei
Punti: ……/1

12. Quante semicrome occorrono per completare due movimenti della mano?
A Due C Sei
B Quattro D Otto
Punti: ……/1

183
Nome Classe Data

Prova 2
Teoria musicale
Volume A • I rapporti tra le note

1. Quali note possono essere unite dalla legatura di valore?


A Solo le semibrevi
B Solo le minime
C Solo le crome
D Tutte
Punti: ……/1

2. Le note unite dalla legatura di valore devono avere:


A la stessa altezza
B lo stesso valore
C la stessa potenza
D lo stesso timbro
Punti: ……/1

3. Quale tra questi è un tempo composto?


A 2/4 C 6/8
B 4/4 D 3/4
Punti: ……/1

4. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 La corona indica che il brano deve essere ripetuto. V F
2 Il segno del ritornello si trova obbligatoriamente in fondo al brano. V F
3 La terzina è un gruppo di tre note che prende il posto di due. V F
4 Il tempo 4/4 è un tempo composto. V F
Punti: ……/4

5. Come si chiama il simbolo che prolunga una nota finale a piacere?

Punti: ……/1

6. Come si definisce la differenza di altezza tra due note?


A Intervallo
B Scala musicale
C Tempo musicale
D Ritornello
Punti: ……/1

184
Prova 2

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/18 0-6 7-8 9-11 12-14 15-16 17 18

7. Qual è l’ampiezza dell’intervallo tra le note Si e Do?

Punti: ……/1

8. Quale simbolo musicale aumenta il valore della nota della sua metà?

Punti: ……/1

9. Quale aspetto della musica è legato all’agogica?


A La velocità
B Il volume
C La durata
D L’amplificazione
Punti: ……/1

10. Quale funzione svolge il diesis?


A Aumenta la durata della nota
B Diminuisce l’altezza della nota
C Riporta la nota allo stato naturale
D Aumenta l’altezza della nota
Punti: ……/1

11. Come si chiama questo segno: b ?

Punti: ……/1

12. Collega con una linea le figure che si equivalgono.


1 A

2 B

3 C

4 D
Punti: ……/4

185
Nome Classe Data

Prova 3
Metodi
Volume A • Metodo per suonare (A)

1. Quale nome prende l’elemento musicale composto da 5 linee e 4 spazi?

Punti: ……/1

2. Come si chiama la nota che ha una durata corrispondente a un movimento della mano?

Punti: ……/1

3. Quale posizione occupa la nota Sol nel pentagramma?


A Secondo rigo
B Secondo spazio
C Terzo rigo
D Terzo spazio
Punti: ……/1

4. La croma ha un valore corrispondente a:


A mezzo movimento della mano
B due movimenti della mano
C tre movimenti della mano
D quattro movimenti della mano
Punti: ……/1

5. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 La nota Sol è posizionata sul secondo rigo del pentagramma. V F
2 La minima ha una durata doppia rispetto alla croma. V F
3 La croma è caratterizzata da due cediglie attaccate al gambo. V F
4 La nota Do2 è posizionata nel terzo spazio. V F
Punti: ……/4

6. Quante semiminime occorrono per completare un movimento della mano?


A Tre
B Una
C Quattro
D Sei
Punti: ……/1

186
Prova 3

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/30 0-12 13-15 16-18 19-23 24-26 27-28 29-30

7. Scrivi 4 semiminime sul pentagramma posizionandole in base al nome scritto sotto.

Sol Si Re2 La
Punti: ……/4

8. Scrivi sotto ogni pausa la rispettiva durata espressa in movimenti.

Punti: ……/3

9. Indica quanti movimenti della mano valgono i seguenti gruppi di note.

1 = movimenti 5 = movimenti

2 = movimenti 6 = movimenti

3 = movimenti 7 = movimenti

4 = movimenti 8 = movimenti

Punti: ……/8

10. Scrivi 4 crome sul pentagramma posizionandole in base al nome scritto sotto.

Re2 Do2 Sol Si


Punti: ……/4

11. Come si chiama la nota che ha una durata corrispondente a due movimenti della mano?

Punti: ……/1

12. Quale posizione occupa la nota Do2 nel pentagramma?


A Secondo rigo
B Secondo spazio
C Terzo rigo
D Terzo spazio
Punti: ……/1

187
Nome Classe Data

Prova 4
Metodi
Volume A • Metodo per suonare (B)

1. Qual è la caratteristica della nota Do?


A Si trova sopra il pentagramma con un taglio in testa
B Si trova sotto il pentagramma con un taglio in testa
C Si trova sopra il pentagramma senza alcun taglio
D Si trova sotto il pentagramma senza alcun taglio
Punti: ……/1

2. Come si chiama la nota che ha un valore corrispondente a un quarto di movimento della mano?
A Minima
B Semicroma
C Croma
D Semibreve
Punti: ……/1

3. Qual è la caratteristica della nota Re?


A Si trova nel centro del pentagramma
B Si trova sotto il pentagramma con un taglio in testa
C Si trova sopra il pentagramma senza alcun taglio
D Si trova sotto il pentagramma senza alcun taglio
Punti: ……/1

4. Scrivi 4 semibrevi sul pentagramma posizionandole in base al nome scritto sotto.

Sol Do2 Do Re2


Punti: ……/4

5. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 La croma è caratterizzata da 2 cediglie poste sul gambo. V F
2 La semibreve non ha alcun gambo. V F
3 La nota Do è senza tagli addizionali in testa. V F
4 La nota Re ha un taglio addizionale in testa. V F
Punti: ……/4

188
Prova 4

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/32 0-15 16-17 18-20 21-24 25-28 29-30 31-32

6. Quante semicrome occorrono per completare 2 movimenti della mano?


A Due C Tre
B Otto D Sei
Punti: ……/1

7. Quante semicrome occorrono per avere lo stesso valore della semiminima?


A Due C Sei
B Quattro D Otto
Punti: ……/1

8. Scrivi 4 semicrome sul pentagramma posizionandole in base al nome scritto sotto.

Fa Re Si Mi
Punti: ……/4

9. La croma ha un valore corrispondente a:


A mezzo movimento della mano
B due movimenti della mano
C tre movimenti della mano
D quattro movimenti della mano
Punti: ……/1

10. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 La nota Do non può essere rappresentata dalla semicroma. V F
2 La minima ha una durata doppia rispetto alla semicroma. V F
3 La croma ha una durata doppia rispetto alla semicroma. V F
4 La nota Do2 è posizionata nel terzo spazio. V F
Punti: ……/4

11. Otto semicrome equivalgono a:


A una semibreve C una croma
B una minima D una semiminima
Punti: ……/1

12. Scrivi sul pentagramma una scala di semibrevi utilizzando tutte le note che conosci.

Do Re Mi Fa Sol La Si Do2 Re2


Punti: ……/9

189
Nome Classe Data

Prova 5
Metodi
Volume A • Metodo per suonare (C)

1. Quale funzione svolge il punto di valore?


A Unisce due note della stessa altezza
B Aumenta l’altezza della nota di un semitono
C Aumenta il valore della nota della sua metà
D Diminuisce l’altezza della nota di un semitono
Punti: ……/1

2. Rispondi vero o falso per ciascuna delle seguenti affermazioni.


La nota Fa # si trova tra il Si e il Do. V F
b
1
2 La nota Si si trova tra il Mi e il Fa. V F
3 Il segno di alterazione posto accanto alla chiave di Sol vale per l’intero brano. V F
4 La semicroma ha un gambo e una cediglia. V F
5 La legatura di valore unisce solo note della stessa altezza. V F
Punti: ……/5

3. La funzione del diesis è quella di:


A diminuire l’altezza della nota
B aumentare l’altezza della nota
C aumentare il valore della nota
D diminuire il valore della nota
Punti: ……/1

4. Come si chiama l’alterazione che diminuisce l’altezza della nota di un semitono?

Punti: ……/1

5. Una minima con il punto di valore vale:


A due movimenti
B un movimento
C tre movimenti
D quattro movimenti
Punti: ……/1

190
Prova 5

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/32 0-15 16-17 18-20 21-24 25-28 29-30 31-32

6. Come si chiamano tre crome quando si eseguono nello stesso tempo di due?

Punti: ……/1

7. Scrivi 4 semicrome sul pentagramma posizionandole in base al nome scritto sotto.

Mi2 Si b Fa2 Fa #
Punti: ……/4

8. Indica quanti movimenti della mano valgono i seguenti gruppi di note.

1 = movimenti 5 = movimenti

2 = movimenti 6 = movimenti

3 = movimenti 7 = movimenti

4 = movimenti 8 = movimenti

Punti: ……/8

9. Scrivi 4 semicrome sul pentagramma posizionandole in base al nome scritto sotto.

Semibreve Do Semiminima Do2 Croma Si b Semicroma Fa # Croma Sol2

Minima Mi2 Semiminima Sol2 Semibreve La Semicroma Si Croma Re2

Punti: ……/10

191
Nome Classe Data

Prova 6
Metodi
Volume A • Metodo per accompagnare • Metodo per cantare

1. Come si chiamano, nel linguaggio musicale, i gruppi di note eseguite contemporaneamente?


A Scale
B Accenti
C Accordi
D Alterazioni
Punti: ……/1

2. Uno strumento in grado di eseguire accordi deve essere:


A monofonico
B stonato
C polifonico
D a fiato
Punti: ……/1

3. Cosa significa per uno strumento essere polifonico?

Punti: ……/1

4. Quali tra questi strumenti possono eseguire accordi?


A Fagotto e flauto
B Chitarra e tastiera
C Tromba e oboe
D Batteria e flauto
Punti: ……/1

5. Quale tra i seguenti accordi è di modo maggiore?


A Re - Fa - La C b
Sol - Si - Re
B Do - Mi - Sol D La - Do - Mi
Punti: ……/1

6. Quale tra i seguenti accordi è di modo minore?


A Re - Fa - La C Fa - La - Do
B Do - Mi - Sol D Sol - Si - Re
Punti: ……/1

192
Prova 6

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/17 0-5 6-7 8-9 10-11 12-14 15-16 17

7. b
Se nell’accordo maggiore Do - Mi - Sol si trasforma la nota Mi in Mi cosa si ottiene?

Punti: ……/1

8. Che cosa significa la sigla La m?

Punti: ……/1

9. Come si chiama la lamella di plastica con la quale si pizzicano le corde della chitarra?
A Ancia
B Triangolo
C Plettro
D Tirante
Punti: ……/1

10. Scrivi con quali numeri vengono indicate le dita della mano sinistra quando si suona la tastiera.
Anulare:
Indice:
Medio:
Mignolo:
Pollice:
Punti: ……/5

11. Quale muscolo si abbassa quando inspiriamo l’aria?

Punti: ……/1

12. Quale parte del nostro corpo amplifica le vibrazioni delle corde vocali?

Punti: ……/1

13. Quando si inizia a cantare è bene “scaldare” la voce con:


A le note gravi
B le note acute
C le note medie
Punti: ……/1

193
Nome Classe Data

Prova 7
Suoni, strumenti e voci
Volume B • Il suono

1. Da che cosa nasce un suono?

Punti: ……/1

2. Come si chiama l’elemento da cui ha origine un suono?


A Sorgente sonora
B Mezzo propagante
Punti: ……/1

3. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Il suono si propaga solo attraverso l’aria. V F
2 Nell’aria si diffonde alla velocità di 340 m al secondo. V F
3 Il suono genera nell’aria una compressione e una rarefazione. V F
4 La compressione e la rarefazione dell’aria sono visibili. V F
Punti: ……/4

4. Indica da quali parti è composto un orecchio, scegliendo le definizioni tra quelle dell’elenco in fondo.
Orecchio esterno:
Orecchio medio:
Orecchio interno:

staffa, coclea, condotto uditivo, martello, incudine, nervo acustico, timpano, padiglione auricolare
Punti: ……/8

5. Come si chiama il fenomeno che dà la possibilità di riascoltare un suono?


A Eco
B Mezzo propagante
C Compressione
D Distorsione
Punti: ……/1

6. Come viene definita la rappresentazione di un’onda sonora?

Punti: ……/1

194
Prova 7

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/31 0-12 13-16 17-18 19-21 22-24 25-29 30-31

7. Da che cosa prende il nome la sigla Hz (Hertz)?

Punti: ……/1

8. Collega in modo corretto i termini di sinistra con la loro definizione.


1 Altezza A definisce il volume di un suono (piano e forte)
2 Intensità B riguarda la “personalità” di un suono
3 Durata C distingue i suoni in acuti e gravi
4 Timbro D indica quanto “dura” un suono
Punti: ……/4

9. Quale caratteristica del suono riguarda la frequenza?


A Altezza C Timbro
B Intensità D Durata
Punti: ……/1

10. Con quale misura si indica l’intensità?


A Hz B Decibel
Punti: ……/1

11. Indica i simboli che vengono utilizzati nel linguaggio musicale per indicare l’intensità.

Punti: ……/2

12. Che cosa descrive il timbro nel grafico di un’onda?

Punti: ……/1

13. Come viene indicata la durata dei suoni nel linguaggio musicale?
A Con i decibel C Con le figure di durata
B Con gli Hz D Con gli ultrasuoni
Punti: ……/1

14. Collega in modo corretto le seguenti definizioni.


1 suono grave A 20.000 Hz
2 suono acuto B 130 decibel
3 suono piano C 20 decibel
4 suono forte D 16 Hz
Punti: ……/4

195
Nome Classe Data

Prova 8
Suoni, strumenti e voci
Volume B • Strumenti a corda

1. Indica sotto ogni figura il nome dello strumento.

Punti: ……/6

2. In che modo viene suonato il violino?

Punti: ……/1

3. A che cosa serve la cassa armonica?

Punti: ……/1

196
Prova 8

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/20 0-8 9-10 11-12 13-15 16-17 18-19 20

4. In questi brani qual è lo strumento solista?

CD 16 traccia 3
Brano 1:
inse

gn DVD B traccia 3
ante

CD 16 traccia 8
Brano 2:
inse

gn DVD B traccia 8
ante
Punti: ……/2

5. Quali sono gli strumenti a corda pizzicata più diffusi?

Punti: ……/1

6. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 La chitarra elettrica si suona generalmente con il plettro. V F
2 L’arpa ha più di 40 corde. V F
3 Le corde dell’arpa si strofinano con l’archetto. V F
4 Il musicista che suona l’arpa si chiama arpia. V F
5 La chitarra elettrica non ha la cassa armonica. V F
Punti: ……/5

7. In questi brani qual è lo strumento solista?

CD 16 traccia 9
Brano 1:
inse

gn DVD B traccia 9
ante

CD 16 traccia 7
Brano 2:
inse

gn DVD B traccia 7
ante

CD 16 traccia 10
Brano 3:
inse

gn DVD B traccia 10
ante
Punti: ……/3

8. Che cosa sono i pick-up? Per quali strumenti vengono utilizzati?

Punti: ……/1

197
Nome Classe Data

Prova 9
Suoni, strumenti e voci
Volume B • Strumenti a fiato

1. Indica sotto ogni figura il nome dello strumento.

Punti: ……/3

2. Come sono anche chiamati questi strumenti?


A Strumenti a fiato C Strumenti ad ancia doppia
B Strumenti ad ancia semplice D Strumenti a corda
Punti: ……/1

3. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Il clarinetto è costruito in ebano. V F
2 L’oboe ha un suono potente. V F
3 Il flauto traverso prende il nome dalla sua posizione rispetto all’esecutore. V F
4 L’ancia è la parte finale dello strumento. V F
5 L’ancia doppia è costituita da due sottili lamine. V F
Punti: ……/5

4. In questi brani qual è lo strumento solista?

CD 16 traccia 14
Brano 1:
inse

gn DVD B traccia 14
ante

CD 16 traccia 12
Brano 2:
inse

gn DVD B traccia 12
ante

CD 16 traccia 16
Brano 3:
inse

gn DVD B traccia 16
ante
Punti: ……/3

198
Prova 9

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/22 0-9 10-11 12-13 14-16 17-19 20-21 22

5. Qual è lo strumento con l’estensione più grave nella famiglia degli ottoni?

Punti: ……/1

6. Quale tipo di imboccatura utilizzano gli ottoni?


A Ad ancia semplice
B Ad ancia doppia
C Imboccatura libera
Punti: ……/1

7. Qual è lo strumento solista presente in questi brani?

CD 16 traccia 17
Brano 1:
inse

gn DVD B traccia 17
ante

CD 16 traccia 19
Brano 2:
inse

gn DVD B traccia 19
ante

CD 16 traccia 20
Brano 3:
inse

gn DVD B traccia 20
ante
Punti: ……/3

8. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Gli ottoni utilizzano i pistoni per variare il suono. V F
2 La sordina serve ad amplificare il suono. V F
3 I pistoni possono variare da tre a sei. V F
4 La tromba utilizza la coulisse. V F
5 Negli ottoni il suono è prodotto dalla pressione delle labbra sull’imboccatura. V F
Punti: ……/5

199
Nome Classe Data

Prova 10
Suoni, strumenti e voci
Volume B • Strumenti a tastiera

1. Indica sotto ogni figura il nome dello strumento.

Punti: ……/4

2. Perché il fisarmonicista apre e chiude costantemente il mantice dello strumento?

Punti: ……/1

3. La fisarmonica è in grado di eseguire:


A solo la melodia
B solo l’accompagnamento
C la melodia e l’accompagnamento assieme
Punti: ……/1

4. Come si cambia il timbro del suono nell’organo?


A Azionando i registri C Tramite la tastiera
B Azionando la pedaliera D Non si può cambiare timbro
Punti: ……/1

200
Prova 10

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/19 0-9 10-11 12-13 14-15 16-17 18 19

5. Da che cosa sono prodotti i suoni gravi nell’organo?

Punti: ……/1

6. A che cosa servono le canne dell’organo?

Punti: ……/1

7. In questi brani qual è lo strumento solista?

CD 17 traccia 2
Brano 1:
inse

gn DVD B traccia 22
ante

CD 17 traccia 5
Brano 2:
inse

gn DVD B traccia 25
ante

CD 17 traccia 1
Brano 3:
inse

gn DVD B traccia 21
ante
Punti: ……/3

8. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Nel pianoforte i pedali servono a controllare la durata e il volume del suono. V F
2 La tastiera del pianoforte è composta da 88 tasti. V F
3 Le corde sono pizzicate da plettri. V F
4 Il pianoforte è munito di una cassa di risonanza. V F
5 Nel clavicembalo le corde sono percosse. V F
Punti: ……/5

9. In questi brani qual è lo strumento solista?

CD 17 traccia 3
Brano 1:
inse

gn DVD B traccia 23
ante

CD 17 traccia 4
Brano 2:
inse

gn DVD B traccia 24
ante
Punti: ……/2

201
Nome Classe Data

Prova 11
Suoni, strumenti e voci
Volume B • Strumenti a percussione

1. Indica sotto ogni figura il nome dello strumento.

Punti: ……/5

2. Che cosa si intende per suono determinato?

Punti: ……/1

3. Che cosa si intende per suono indeterminato?

Punti: ……/1

4. Indica a quale tipologia appartengono le percussioni presenti nella domanda 1.


Suono determinato:
Suono indeterminato:
Punti: ……/2

202
Prova 11

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/20 0-6 7-10 11-13 14-15 16-17 18-19 20

5. In quanti modi può avvenire la produzione del suono negli strumenti a percussione?

Punti: ……/1

6. Quale di questi strumenti non è dotato di membrana?


A Il tamburo
B La grancassa
C I timpani
D I piatti
Punti: ……/1

7. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Lo xilofono ha le piastre di legno disposte come i tasti di un pianoforte. V F
2 I timpani hanno un pedale con il quale si può aumentare la tensione della membrana. V F
3 La grancassa si suona percuotendo la membrana con le mani. V F
4 I piatti producono un suono determinato. V F
5 La batteria è nata negli Stati Uniti. V F
Punti: ……/5

8. Indica da quali elementi è costituita la batteria.

Punti: ……/1

9. Con quale strumento solista iniziano questi due brani?

CD 17 traccia 6
Brano 1:
inse

gn DVD B traccia 26
ante

CD 17 traccia 8
Brano 2:
inse

gn DVD B traccia 28
ante
Punti: ……/2

10. Qual è lo strumento solista di questo brano?


CD 17 traccia 6
inse

gn DVD B traccia 26
ante
Punti: ……/1

203
Nome Classe Data

Prova 12
Suoni, strumenti e voci
Volume B • Formazioni strumentali e voci

1. Qual è la più piccola tra le formazioni strumentali?

Punti: ……/1

2. Inserisci le parole mancanti scegliendole tra quelle nell’elenco in fondo.


Il è una formazione strumentale composta da tre esecutori. Solitamente è formato da
due strumenti e uno che ha funzione di accompagnamento.
L’orchestra nasce negli e ha un grande successo negli anni
. Tra gli strumenti, il ruolo determinante è occupato dai .
jazz, fiati, melodici, trio, Stati Uniti, polifonico, Trenta
Punti: ……/7

3. Quale strumento ad arco non compare nella formazione del quartetto d’archi?

Punti: ……/1

4. Quali strumenti compongono di solito un quintetto di fiati?

Punti: ……/1

5. Quali strumenti sono considerati fondamentali nell’organico dell’orchestra barocca?


A Gli archi e gli strumenti a tastiera
B I fiati e gli ottoni
C I fiati e le percussioni
D Gli ottoni e le percussioni
Punti: ……/1

6. Come si chiama l’orchestra nata nell’Ottocento?


A Orchestra da camera
B Orchestra barocca
C Orchestra sinfonica
D Orchestra jazz
Punti: ……/1

204
Prova 12

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/22 0-8 9-11 12-13 14-16 17-19 20-21 22

7. Quali strumenti comprende la formazione della banda?

Punti: ……/1

CD 18 traccia 17 8. Quale formazione esegue questo brano di Haydn?


inse

gn DVD B traccia 58
ante

Punti: ……/1

CD 19 traccia 2 9. Quale formazione esegue la famosa Sinfonia n. 5 di Beethoven?


inse

gn DVD B traccia 64
ante

Punti: ……/1

10. Come si chiamano le voci dei bambini?

Punti: ……/1

11. Quali tra queste voci sono femminili?


A Tenore D Contralto
B Baritono E Basso
C Soprano
Punti: ……/2

12. Dai una definizione a ognuno di questi tipi di coro.


Coro a voci pari:
Coro a voci dispari:
Punti: ……/2

13. Quali sono le voci più acute maschili e femminili?

Punti: ……/1

CD 18 traccia 19 14. Quale tipo di voce maschile interpreta questo brano?


inse

gn DVD B traccia 60
ante

Punti: ……/1

205
Nome Classe Data

Prova 13
Storia della musica
Volume B • Il Medioevo

1. Collega in modo corretto i termini di sinistra con la loro definizione.


1 polifonia A feste popolari
2 menestrelli e giullari B castelli
3 musica da ballare C monasteri
4 canto gregoriano D musica a più voci
Punti: ……/4

2. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 La spiritualità nel Medioevo è molto sentita. V F
2 La musica dei castelli è molto raffinata. V F
3 I monaci cantano in chiesa accompagnandosi con strumenti. V F
4 I canti gregoriani sono in lingua volgare. V F
5 La musica delle feste popolari è di facile ascolto. V F
Punti: ……/5

3. Come si chiamano le melodie di una composizione polifonica?


A Vox organalis e vox principalis
B Accordali
C Musiche strumentali
Punti: ……/1

4. Come viene definita la tecnica compositiva polifonica?

Punti: ……/1

5. Che cos’è l’Antiphonarium Cento?

Punti: ……/1

6. Chi sono i menestrelli e i giullari?

Punti: ……/1

206
Prova 13

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/20 0-9 10-11 12-13 14-15 16-17 18-19 20

7. In che lingua sono i testi delle loro canzoni?

Punti: ……/1

8. Qual è la caratteristica principale dell’Ars nova?


A La musica è scritta con suoni di durata precisa
B L’utilizzo della polifonia nella musica sacra
C L’utilizzo degli strumenti musicali
D L’utilizzo delle sole voci
Punti: ……/1

9. Quale di questi ascolti è un brano profano?

CD 17 traccia 13
A Ascolto 1
inse

gn DVD B traccia 33
ante

CD 17 traccia 14
B Ascolto 2
inse

gn DVD B traccia 34
ante

CD 17 traccia 15
C Ascolto 3
inse

gn DVD B traccia 35
ante
Punti: ……/1

10. Ascolta. Questo brano è:


CD 17 traccia 13
A un canto gregoriano
B un brano polifonico
inse

gn DVD B traccia 33
ante C un brano profano
Punti: ……/1

11. Ascolta. Questo brano è:


CD 17 traccia 12
A un canto gregoriano
B un brano polifonico
inse

gn DVD B traccia 32
ante C un brano profano
Punti: ……/1

12. Quali sono i principali strumenti utilizzati nel Medioevo?

Punti: ……/2

207
Nome Classe Data

Prova 14
Storia della musica
Volume B • Il Rinascimento

1. Inserisci le parole mancanti scegliendole tra quelle nell’elenco al fondo.


Nel Rinascimento l’uomo si sente collocato al centro dell’ . Si riscoprono valori quali
la e l’ . La cultura si sviluppa presso le
dei che offrono protezione e aiuto agli e ai letterati.
La musica riveste un di primo piano nella vita quotidiana e i musicisti godono di un
notevole .
La raggiunge un livello di perfezione assoluto. Gli strumenti musicali vengono
e migliorati notevolmente.
prestigio, signori, amore per la vita, perfezionati, bellezza, polifonia, Universo, corti, artisti, ruolo
Punti: ……/10

2. La polifonia nel Rinascimento:


A è portata al massimo splendore B decade
Punti: ……/1

3. Cosa sono la basse danse e la pavana?


A Due danze C Due canti gregoriani
B Due brani sacri D Due madrigali
Punti: ……/1

4. Quando nasce Giovanni Pierluigi da Palestrina e dove opera principalmente?

Punti: ……/1

5. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Nella Scuola veneziana il canto gregoriano ottiene il suo massimo splendore. V F
2 La Scuola romana dà molta importanza alla musica strumentale. V F
3 Nelle corti si sviluppa la musica profana. V F
4 Vi sono due tipi di viola: da braccio e da gamba. V F
5 Il liuto è costruito in un unico modello. V F
Punti: ……/5

208
Prova 14

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/25 0-9 10-12 13-15 16-18 19-22 23-24 25

6. Nell’ambito della musica sacra, qual è la forma più importante?


A Il canto gregoriano C L’Ars nova
B La messa D Il canto polifonico
Punti: ……/1

7. Indica quali tra questi strumenti del Rinascimento (liuto, viola da gamba, cromorno, cornetto) sono a
fiato e quali a corda.
A corda:
A fiato:
Punti: ……/2

8. Quale tra i seguenti brani appartiene al Rinascimento?

CD 17 traccia 12
A Brano 1
inse

gn DVD B traccia 32
ante

CD 17 traccia 20
B Brano 2
inse

gn DVD B traccia 40
ante

CD 18 traccia 2
C Brano 3
inse

gn DVD B traccia 42
ante
Punti: ……/1

9. Ascolta. La musica di questo brano è:

CD 17 traccia 18 A sacra
inse

gn DVD B traccia 38 B profana


ante
Punti: ……/1

10. Indica l’autore del brano scegliendo tra quelli suggeriti in fondo.
CD 17 traccia 19
Brano 1:
inse

gn DVD B traccia 39
ante

CD 17 traccia 21
Brano 2:
inse

gn DVD B traccia 41
ante

Gabrieli, Palestrina, Charpentier, Arbeau


Punti: ……/2

209
Nome Classe Data

Prova 15
Storia della musica
Volume B • Il Barocco

1. Inserisci le parole mancanti scegliendole tra quelle nell’elenco al fondo.


Il Barocco si afferma tra il e il . È uno stile
e dai toni grandiosi, nell’arte come nella musica. La corte più sfarzosa è quella del in
Francia, all’interno della quale nasce la prima . Si afferma un nuovo spettacolo,
il , che ottiene subito un enorme successo. La viene via via
abbandonata per lasciare il posto a uno stile più basato sulla .
I brani presentano grandi dovute all’alternarsi degli strumenti dell’orchestra.
orchestra permanente, semplice, spettacolare, Re Sole, Seicento, polifonia, melodia,
variazioni d’intensità, melodramma, Settecento
Punti: ……/10

2. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Durante il periodo barocco iniziano a formarsi le orchestre stabili. V F
2 Il liuto viene modificato con l’aggiunta di corde. V F
3 I brani sono scritti senza essere destinati a un particolare strumento. V F
4 Gli strumenti musicali vengono molto perfezionati o trasformati radicalmente. V F
5 I liutai italiani sono i compositori più importanti. V F
6 Il violino e il clavicembalo sono gli strumenti più amati. V F
Punti: ……/6

3. Collega i musicisti con le opere corrispondenti.


1 Antonio Vivaldi A Il Messiah
2 Georg Friedrich Haendel B Cantata BWV 147
3 Johann Sebastian Bach C Le quattro stagioni
4 Marc-Antoine Charpentier D Te Deum
Punti: ……/4

210
Prova 15

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/30 0-12 13-15 16-18 19-23 24-26 27-28 29-30

4. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Haendel scrive molti melodrammi e oratori. V F
2 Vivaldi scrive molti concerti. V F
3 Le quattro stagioni sono composizioni descrittive. V F
4 A Londra Bach compone molta musica sacra. V F
5 Il Preludio di Charpentier è utilizzato come sigla in TV. V F
Punti: ……/5

5. L’oratorio narra:
A vicende legate alla storia antica
B vicende ispirate a tematiche religiose
Punti: ……/1

6. Il concerto grosso è caratterizzato dalla presenza:


A di un solista
B del concertino, un gruppo di solisti
Punti: ……/1

7. Quali dei seguenti brani appartiene al periodo barocco?

CD 18 traccia 8
A Brano 1
inse

gn DVD B traccia 49
ante

CD 17 traccia 21
B Brano 2
inse

gn DVD B traccia 41
ante
Punti: ……/1

8. Chi fra i seguenti autori ha composto questo brano?


A Vivaldi
CD 18 traccia 12 B Telemann
inse

gn DVD B traccia 53 C Bach


ante
D Beethoven
Punti: ……/1

9. A quale concerto appartiene questo brano di Vivaldi? Da quale opera è tratto?

CD 18 traccia 7
inse

gn DVD B traccia 48
ante
Punti: ……/1

211
Nome Classe Data

Prova 16
Storia della musica
Volume B • Il Classicismo

1. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Il Classicismo musicale si colloca fra il 1760 e il 1830. V F
2 Il pianoforte alla fine del Settecento sostituisce il clavicembalo. V F
3 I melodrammi sono sempre scritti in tedesco. V F
4 Il melodramma classico ha, rispetto al passato, un maggiore equilibrio tra testo e musica. V F
5 I timpani sono i soli strumenti a percussione utilizzati nell’orchestra. V F
Punti: ……/5

2. Quale forma utilizza questo brano di Haydn?

CD 18 traccia 17
inse

gn DVD B traccia 58
ante
Punti: ……/1

3. Collega i musicisti alle rispettive opere.


A Per Elisa
B Sinfonia n. 9
1 Mozart C Messa da requiem
2 Beethoven D Don Giovanni
E Concerto per violino K 207
F Sinfonia n. 3 «Eroica»
Punti: ……/6

4. Indica se le seguenti affermazioni sulla vita di Mozart sono vere o false.


1 Scopre le sue straordinarie doti in età adulta. V F
2 È stato grande solo nella composizione. V F
3 Si reca a Vienna su incarico dell’arcivescovo di Salisburgo. V F
4 La Messa da requiem è completata da un suo allievo. V F
5 Viene sepolto con un grandioso funerale. V F
Punti: ……/5

212
Prova 16

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/28 0-10 11-14 15-17 18-20 21-24 25-26 27-28

5. Quali sono le forme strumentali che godono di maggior fortuna durante il Classicismo?
A Il concerto e la sinfonia
B La polifonia
C La danza
D Le laudi
Punti: ……/1

6. Indica se le seguenti affermazioni sulla vita di Beethoven sono vere o false.


1 Inizia gli studi musicali in tenera età. V F
2 Nel 1792 si trasferisce a Berlino. V F
3 È amato e apprezzato dai suoi concittadini. V F
4 Una malattia gli causa la progressiva perdita dell’udito. V F
5 Le sue composizioni nascono dall’esigenza di esprimere i propri sentimenti. V F
6 Ama rifugiarsi nella natura. V F
7 L’Inno alla Gioia è stato scelto come inno europeo. V F
Punti: ……/7

7. Fai un breve commento ai valori umani e sociali espressi dalla Sinfonia n. 9 di Beethoven.

Punti: ……/1

8. Chi fra i seguenti autori ha composto questo brano?


CD 18 traccia 16
A Bach
inse

gn DVD B traccia 57
ante B Mozart
C Vivaldi
D Beethoven
Punti: ……/1

CD 18 traccia 15 9. A quale melodramma di Mozart appartiene quest’aria?


inse

gn DVD B traccia 56
ante

Punti: ……/1

213
Nome Classe Data

Prova 17
Storia della musica
Volume B • Il Romanticismo

1. Inserisci le parole mancanti scegliendole tra quelle nell’elenco al fondo.


Per i musicisti romantici far musica significa tradurre in suoni i propri . Uno
dei precursori di questo modo di considerare la musica è che diventa per
i musicisti del un importante modello da seguire. Gli ideali di democrazia
e d’ danno luogo in molti Paesi a moti insurrezionali. In Italia, il
porta all’unificazione nazionale e alla nascita del Regno d’Italia. I melodrammi
di , ricchi di accenti eroici, infiammano i patrioti italiani. Gli artisti non vivono
più alle dipendenze dei principi, ma inseriti nella ; sostengono la superiorità
dell’immaginazione rispetto alla . I musicisti romantici utilizzano uno stile più
, capace di raccontare il mondo delle . La musica, grazie anche
al melodramma, acquista una maggiore raggiungendo che
fino ad allora ne erano state escluse.
indipendenza nazionale, emozioni, Romanticismo, Beethoven, sentimenti, classi sociali,
Risorgimento, personale, ragione, diffusione, società, Giuseppe Verdi
Punti: ……/12

2. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Nella musica romantica il ritmo è più libero rispetto al passato. V F
2 In questo periodo è molto amato il virtuosismo. V F
3 Le orchestre tornano a essere di piccole dimensioni. V F
4 Il grande pubblico ama poco i melodrammi. V F
5 La sinfonia è la forma più eseguita nelle prime sale da ballo. V F
Punti: ……/5

3. Quali sono le forme che si affermano maggiormente?

Punti: ……/1

4. Completa le seguenti affermazioni sottolineando l’alternativa corretta.


I grandi esecutori, detti virtuosi / compositori, incantano con la loro bravura gli ascoltatori; tra tutti ricordiamo
il grande Rossini / Paganini. Il desiderio degli artisti romantici è quello di esprimere i propri sentimenti / creare
brani di grandi dimensioni. Per poter dare voce alla loro interiorità, abbandonano / seguono sempre più gli

214
Prova 17

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/37 0-13 14-17 18-21 22-25 26-30 31-34 35-37

schemi del passato. Il ritmo è meno libero / più libero; la dinamica diventa varia e più / meno ricca di contrasti.
La fantasia e l’immaginazione / L’ordine e l’equilibrio sono gli aspetti che gli artisti potenziano nelle loro opere.
La quotidianità / Il sogno e il mistero è / sono spesso fonte d’ispirazione per l’artista.
Punti: ……/8

5. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Richard Wagner è un grande compositore di sinfonie. V F
2 Il poema sinfonico è una composizione per orchestra. V F
3 Il poema sinfonico è ispirato a soggetti letterari, artistici, naturalistici o autobiografici. V F
4 Il balletto è uno spettacolo in cui i protagonisti cantano e ballano. V F
5 Il Lied appartiene al genere della musica da camera. V F
Punti: ……/5

6. Collega i musicisti con le loro rispettive opere.


1 Verdi A La Valchiria
2 Schubert B Gretchen am Spinnrade
3 Chopin C Nabucco
4 Wagner D Notturno in Mi b op. 9 n. 2
Punti: ……/4

7. Chi fra i seguenti autori ha composto questo brano?

CD 19 traccia 16 A Verdi C Chopin


inse

gn DVD B traccia 78 B Wagner D Ciaikovskij


ante
Punti: ……/1

8. Quale tra i tre brani appartiene al periodo romantico?

CD 18 traccia 19
A Brano 1
inse

gn DVD B traccia 60
ante

CD 19 traccia 3
B Brano 2
inse

gn DVD B traccia 65
ante

CD 17 traccia 2
C Brano 3
inse

gn DVD B traccia 22
ante
Punti: ……/1

215
Nome Classe Data

Prova 18
Storia della musica
Volume B • La musica dal Novecento a oggi

1. Inserisci le parole mancanti scegliendole tra quelle nell’elenco al fondo.


Il Novecento è stato segnato da due guerre mondiali, dall’orrore dei campi di sterminio e dalla bomba
atomica, ma, parallelamente, da grandi progressi sia in campo , sia in quello
dei diritti umani. In campo artistico e musicale coesistono tendenze e stili diversi. I musicisti sono alla
ricerca di nuove. Nella musica strumentale, accanto alla musica tonale, si afferma
quella , che sostituisce gli accordi e le con nuovi schemi
compositivi, e quella , nella quale i compositori usano i dodici suoni organizzandoli in
modo diverso da quello tradizionale. Compaiono nuovi musicali e si assiste a delle
fra i diversi stili.
scale, atonale, scientifico-tecnologico, contaminazioni, dodecafonica, tecniche, strumenti
Punti: ……/7

2. Completa le seguenti affermazioni sottolineando l’alternativa corretta.


Come i pittori impressionisti privilegiano il colore / la forma, i musicisti portano la loro attenzione sul
ritmo / timbro. Le sonorità sono sfumate / molto forti e l’armonia utilizzata crea un effetto di pesantezza /
sospensione. Nella politonalità il compositore utilizza più tonalità contemporaneamente / in due brani distinti,
mentre nella poliritmia sono i ritmi a essere sovrapposti / sempre variati. Con l’Espressionismo, nato in
Germania nei primi decenni del Novecento, i musicisti tornano alle / si allontanano definitivamente dalle
tecniche compositive tradizionali.
Punti: ……/7

3. Collega ogni movimento al musicista che lo rappresenta.


1 Schönberg A Minimalismo
2 Reich B Dodecafonia
3 Puccini C Impressionismo
4 Debussy D Verismo
Punti: ……/4

216
Prova 18

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/30 0-14 15-16 17-20 21-24 25-26 27-28 29-30

4. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 I musicisti talvolta utilizzano dei rumori nei loro brani. V F
2 La musica espressionista è di facile comprensione. V F
3 Il ritmo è l’elemento caratterizzante nella musica di Stravinsky. V F
4 Nella dodecafonia la tonalità è molto importante. V F
5 Il pianoforte preparato è privo di corde. V F
6 Nel Minimalismo c’è una ripetizione continua di poche note. V F
Punti: ……/6

5. Come si chiama la scala utilizzata da Debussy?

Punti: ……/1

6. Come vengono definiti i brani dove più generi ed esperienze si incontrano?

Punti: ……/1

7. A quale movimento artistico appartiene questo brano?


A Futurismo
CD 20 traccia 24 B Primitivismo
inse

gn DVD B traccia 106 C Impressionismo


ante
D Minimalismo
Punti: ……/1

8. Qual è la forma dove si afferma maggiormente Igor Stravinsky?

Punti: ……/1

9. Che tipo di primavera evoca Stravinsky nella Sagra della primavera?

Punti: ……/1

10. Il brano è un esempio di:


A musica impressionista
CD 21 traccia 1 B musica jazz
inse

gn DVD B traccia 107 C musica atonale e dodecafonica


ante
D musica romantica
Punti: ……/1

217
Nome Classe Data

Prova 19
Storia della musica
Volume B • Il jazz

1. Inserisci le parole mancanti scegliendole tra quelle nell’elenco al fondo.


Il jazz, nato dai , è una delle musiche innovative del nostro tempo. La sue
affondano nella deportazione degli . Nasce infatti alla fine
dell’ dai e dagli . La prima forma di jazz
suonato è il proposto da musicisti errabondi che cantano la loro tristezza e miseria.
La sua caratteristica maggiore è l’ .
Con le , il jazz esce dai quartieri delle periferie e viene apprezzato anche dai Bianchi.
Negli anni Trenta lo , dal carattere allegro e vivace, diventa un genere molto popolare
anche perché adatto al .
radici, schiavi, swing, work songs, Ottocento, improvvisazione, jazz band, ballo, spiritual, blues, Neri d’America
Punti: ……/11

2. Abbina le definizioni alle forme musicali in modo corretto.


1 work song A genere vocale religioso
2 spiritual e gospel B canto di lavoro
3 blues C genere cantato e suonato dal carattere triste
Punti: ……/3

3. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Lo spiritual nasce dallo swing. V F
2 Il blues è un genere allegro e spensierato. V F
3 Louis Armstrong è stato un grande pianista. V F
4 Il jazz classico si sviluppa a New Orleans. V F
5 Lo swing è un genere nato tra le due guerre mondiali. V F
6 Negli anni Settanta il jazz incontra il rock. V F
Punti: ……/6

4. Quali argomenti trattano i testi degli spiritual?

Punti: ……/1

218
Prova 19

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/30 0-12 13-14 15-17 18-22 23-26 27-28 29-30

5. Da che cosa è caratterizzato il blues?


A Dal modo di suonare la chitarra
B Dall’utilizzo di una particolare scala
C Dal modo di cantare del solista
D Dal modo di suonare le percussioni
Punti: ……/1

6. Qual è la caratteristica tipica del jazz?


A L’impiego della tromba
B Il ritmo dondolante
C L’improvvisazione
D Le sonorità molto forti
Punti: ……/1

7. Quale strumento suonano rispettivamente Armstrong e Goodman?


Armstrong:
Goodman:
Punti: ……/2

8. Quale strumento suonano rispettivamente Parker e Davis?


Parker:
Davis:
Punti: ……/2

9. Ascolta i tre brani e indica per ciascuno se si tratta di jazz classico, blues o fusion.

CD 21 traccia 11
Brano 1:
inse

gn DVD B traccia 117


ante

CD 21 traccia 16
Brano 2:
inse

gn DVD B traccia 122


ante

CD 21 traccia 9
Brano 3:
inse

gn DVD B traccia 115


ante
Punti: ……/3

219
Verifiche per la
didattica inclusiva

I file in formato Word, modificabili, di tutte verifiche per la didattica inclusiva sono disponibili
negli eBook in versione docente e tra le risorse digitali del sito del libro presente su deascuola.it
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 1
Volume A • Teoria musicale (A)
1. Cosa rappresentano le figure musicali?

Punti: ……/1

2. Quali figure rappresentano i silenzi?

Punti: ……/1

3. Come si chiama l’insieme di cinque linee e quattro spazi?


A Chiave musicale
B Ritornello
C Pentagramma
D Tempo musicale
Punti: ……/1

4. Come si chiama il simbolo che si trova all’inizio del pentagramma?


A Nota
B Chiave musicale
C Battuta
D Pausa
Punti: ……/1

5. Completa la scala musicale con i nomi mancanti.


Do Re Fa La

Punti: ……/3

222
Verifica 1

Punteggio totale …………/9

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
6. Che cosa sono le battute?
A I titoli dei brani
B Parti di pentagramma delimitate da stanghette
C Note musicali
D L’insieme di numeri
Punti: ……/1

7. Come si chiama l’indicazione numerica che si trova vicino alla chiave di Sol?

Punti: ……/1

223
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 2
Volume A • Teoria musicale (B)

1. Qual è la durata del suono rappresentato dalla semiminima?


A Due pulsazioni
B Una pulsazione
C Tre pulsazioni
D Quattro pulsazioni
Punti: ……/1

2. Come si chiama la figura che rappresenta una durata di 4 pulsazioni?

Punti: ……/1

3. Completa la tabella qui sopra inserendo il nome delle note.

nome forma pausa valore durata


4
................................... 4
2
................................... 4
1
................................... 4
1
................................... 8
1
................................... 16
1
................................... 32
1
................................... 64

Punti: ……/7

224
Verifica 2

Punteggio totale …………/11

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
4. Con quale segno si trasforma una nota da due pulsazioni a tre pulsazioni?

Punti: ……/1

5. Come si chiama il segno che unisce due note della stessa altezza?

Punti: ……/1

225
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 3
Volume B • Il suono

1. Il suono nasce:
A dalla vibrazione di un corpo elastico
B dalla vibrazione di un’onda
C dal movimento dell’aria
D dal movimento dell’acqua
Punti: ……/1

2. La vibrazione viene trasmessa attraverso:


A un’altra vibrazione
B le onde sonore
C il vuoto
D lo spazio
Punti: ……/1

3. Fai qualche esempio di vibrazione di un corpo elastico.

Punti: ……/2

4. Da quali parti è formato l’apparato uditivo?


A Orecchio esterno, medio e interno
B Padiglione
C Timpano
D Nervo acustico
Punti: ……/1

226
Verifica 3

Punteggio totale …………/7

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
5. Guarda il disegno: come si chiama un’oscillazione completa all’interno di una
sinusoide?

Punti: ……/1

6. Come si chiamano le caratteristiche del suono?


A Suoni bassi e suoni alti
B Altezza, intensità, timbro e durata
C Suoni forti e deboli
D Decibel
Punti: ……/1

227
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 4
Volume B • Gli strumenti musicali

1. Quali sono le quattro famiglie in cui possono essere suddivisi gli strumenti
musicali?

Punti: ……/1

2. Gli strumenti a fiato sono così chiamati perché:


A si suonano stando in piedi
B utilizzano la vibrazione dell’aria soffiata all’interno dello strumento
C si usano all’aperto
D vengono impiegati nelle bande
Punti: ……/1

3. Gli strumenti a corda sono così chiamati perché:


A producono il suono attraverso le corde
B producono il suono attraverso le percussioni
C producono il suono attraverso l’aria
D producono il suono attraverso una percussione
Punti: ……/1

4. Gli strumenti a tastiera sono così chiamati perché:


A il suono si diffonde azionando i tasti di una tastiera
B si suonano stando seduti
C hanno tre pistoni per variare il suono
D hanno dei tasti per cambiare il timbro
Punti: ……/1

228
Verifica 4

Punteggio totale …………/10

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
5. Indica il nome dei seguenti strumenti.

Punti: ……/6

229
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 5
Volume B • Formazioni strumentali e voci

1. Indica, tra le seguenti, quali sono le formazioni strumentali di piccole


dimensioni. (Attenzione: le risposte corrette sono 4!)
A Orchestra da camera
B Duo
C Trio
D Orchestra sinfonica
E Quartetto
F Banda
G Quintetto
H Jazz band
Punti: ……/4

2. Qual è la formazione strumentale con l’organico più ampio?


A La banda
B Il coro
C L’orchestra sinfonica
D L’orchestra da camera
Punti: ……/1

3. Completa lo schema indicando quali sono le principali voci maschili e


femminili.

Voci maschili Voci femminili

Punti: ……/6

230
Verifica 5

Punteggio totale …………/15

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
4. Indica quale, tra le voci maschili, è quella più acuta:
A tenore
B basso
C baritono
D soprano
Punti: ……/1

5. Indica quale, tra le voci femminili, è quella più acuta:


A mezzo contralto
B contralto
C soprano
D tenore
Punti: ……/1

6. Come viene chiamata la voce dei bambini?

Punti: ……/1

7. Come si chiama la formazione composta da sole voci?


A Orchestra
B Quartetto
C Coro
D Banda
Punti: ……/1

231
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 6
Volume B • Storia della musica: Medioevo
1. Quali sono i luoghi dove si fa musica durante il Medioevo?
A Le chiese, le piazze e i castelli
B I teatri
C I giardini all’aperto
D Le corti
Punti: ……/1

2. Indica tra i seguenti strumenti quali sono tipici del periodo medievale.
(Attenzione: le risposte corrette sono 2!)
A Chitarra
B Pianoforte
C Viella
D Chitarra
E Ghironda
F Basso
Punti: ……/2

3. Come si chiama nel Medioevo la musica che si esegue durante le funzioni


religiose?
A Sinfonia
B Canto gregoriano
C Canto corale
D Concerto
Punti: ……/1

4. Come si chiama un canto sacro che presenta più melodie eseguite assieme?

Punti: ……/1

232
Verifica 6

Punteggio totale …………/8

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
5. Come si chiamano i musicisti che allietano le serate dei nobili nei loro
castelli?
A Concertisti
B Trovatori e trovieri
C Saltimbanchi
D Mecenati
Punti: ……/1

6. Chi sono i menestrelli?


A Musicisti girovaghi
B Cantanti
C Scrittori
D Poeti
Punti: ……/1

7. A che cosa è spesso abbinata la musica profana?

Punti: ……/1

233
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 7
Volume B • Storia della musica: Rinascimento

1. In quali luoghi si fa musica nel Rinascimento?


A Nei teatri
B Nelle chiese
C Nelle corti
D Nelle case private
Punti: ……/1

2. Qual è lo strumento a corda più importante di questo periodo?


A Il pianoforte
B Il liuto
C Il tamburo
D La tromba
Punti: ……/1

3. Qual è il genere sacro più importante?


A Il canto gregoriano
B La messa
C La ballata
D La musica da ballo
Punti: ……/1

4. Quali sono le principali scuole di questo periodo?

Punti: ……/3

234
Verifica 7

Punteggio totale …………/11

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
5. Cosa si intende per «musica profana»?
A La musica eseguita nelle chiese
B La musica eseguita durante le feste e la musica da ballo
C La musica militare
D La musica cantata
Punti: ……/1

6. Qual è il genere profano più importante?


A La messa
B Il madrigale
C La musica polifonica
D La musica solo suonata
Punti: ……/1

7. Indica quali dei seguenti musicisti appartengono al periodo rinascimentale.


(Attenzione: le risposte corrette sono 3!)
A Giovanni Gabrieli
B Wolfgang Amadeus Mozart
C Igor Stravinsky
D Giovanni Pierluigi da Palestrina
E Luca Marenzio
F Louis Armstrong
Punti: ……/3

235
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 8
Volume B • Storia della musica: Barocco

1. Quali sono le due caratteristiche più evidenti della musica barocca?

Punti: ……/1

2. Quali sono gli strumenti a corda più importanti di questo periodo?


A Il pianoforte
B Il liuto e il clavicembalo
C Il tamburo
D La tromba
Punti: ……/1

3. Qual è la più importante forma musicale che nasce in questo periodo?


A La messa
B La polifonia
C Il melodramma
D Il canto sacro
Punti: ……/1

4. Qual è la forma musicale strumentale che si afferma maggiormente?


A La ballata
B La sinfonia
C Il duo
D Il concerto
Punti: ……/1

236
Verifica 8

Punteggio totale …………/9

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
5. Che cos’è una suite?

Punti: ……/1

6. Nella musica barocca sono spesso presenti:


A improvvisi cambi d’intensità (ff / pp)
B assolo
C cambi di ritmo
D parti solo cantate
Punti: ……/1

7. Indica quali dei seguenti musicisti appartengono al periodo barocco.


(Attenzione: le risposte corrette sono 3!)
A Vivaldi
B Verdi
C Beethoven
D Bach
E Haendel
F Mozart
Punti: ……/3

237
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 9
Volume B • Storia della musica: Classicismo

1. In quali luoghi si fa musica durante il Classicismo?


A Nei teatri d’opera e nelle sale pubbliche e private
B Nelle piazze
C Nei castelli
D Nei conventi
Punti: ……/1

2. Quale strumento si afferma maggiormente in questo periodo?


A Il pianoforte
B Il liuto
C Il tamburo
D Il violino
Punti: ……/1

3. Qual è la forma musicale vocale che si afferma durante il Classicismo?


A La messa
B La polifonia
C Il melodramma
D Il canto sacro
Punti: ……/1

4. Qual è la forma musicale strumentale che si afferma maggiormente durante il


Classicismo?
A La ballata
B La sinfonia
C Il duo
D Il concerto
Punti: ……/1

238
Verifica 9

Punteggio totale …………/10

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
5. Qual è l’autore che porta il melodramma a livelli espressivi mai raggiunti?

Punti: ……/1

6. Da che cosa sono caratterizzati i brani di questo periodo?


A Da melodie semplici e orecchiabili
B Da una polifonia molto complessa
C Da ricchi abbellimenti
D Da improvvisi cambi d’intensità (f / p)
Punti: ……/1

7. Indica quali dei seguenti musicisti appartengono al periodo classico.


(Attenzione: le risposte corrette sono 3!)
A Vivaldi
B Verdi
C Beethoven
D Bach
E Mozart
F Haydn
Punti: ……/3

8. Qual è la più importante composizione di Beethoven?

Punti: ……/1

239
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 10
Volume B • Storia della musica: Romanticismo

1. In quali luoghi si fa musica durante il periodo romantico?


A Nei teatri, nelle sale da concerto e nei salotti
B Nelle piazze
C Nei castelli
D Nei giardini
Punti: ……/1

2. Qual è lo strumento preferito dal pubblico?


A Il violino C Il pianoforte
B Il violoncello D Il flauto
Punti: ……/1

3. Le vicende rappresentate nei melodrammi sono quasi sempre:


A ironiche
B serene e gioviali
C comiche
D tormentate e con un finale tragico
Punti: ……/1

4. Qual è la forma strumentale più importante?

Punti: ……/1

5. Come viene chiamata la bravura tecnica dei musicisti?


A Virtuosismo C Agilità
B Espressività D Interpretazione
Punti: ……/1

240
Verifica 10

Punteggio totale …………/13

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
6. Il balletto è uno spettacolo:
A di solo canto
B di danza, con musica, scene e costumi
C solo suonato
D di carattere religioso
Punti: ……/1

7. I musicisti romantici sapevano descrivere:


A sia le forti passioni, sia i sentimenti più delicati
B solo situazioni legate al mondo dei sogni
C solo situazioni tragiche
D solo la natura
Punti: ……/1

8. Le variazioni d’intensità, dovute all’alternanza di vari strumenti, vengono:


A dimenticate C potenziate
B usate di rado D usate solo nei finali
Punti: ……/1

9. Indica quali dei seguenti musicisti appartengono al periodo romantico.


(Attenzione: le risposte corrette sono 3!)
A Vivaldi D Bach
B Chopin E Wagner
C Verdi F Mozart
Punti: ……/3

10. Qual è il più grande compositore italiano di melodrammi?

Punti: ……/1

11. Qual è il più grande compositore russo di balletti?

Punti: ……/1

241
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 11
Volume B • Storia della musica:
la musica dal Novecento a oggi

1. Nel Novecento la musica classica:


A diventa un fenomeno di massa
B viene seguita da poche persone competenti
C viene eseguita solo nei teatri
D viene eseguita solo nelle sale da ballo
Punti: ……/1

2. A che cosa, soprattutto, si deve la grande divulgazione della musica nel


Novecento?
A Ai concerti C Ai festival
B A radio, tv, dischi, cd, Internet D Alle orchestrine
Punti: ……/1

3. I compositori cominciano a utilizzare:


A nuove formazioni strumentali C strumenti elettronici
B nuove tecniche compositive D strumenti etnici
Punti: ……/1

4. Indica quali tecniche compositive appartengono al Novecento. (Attenzione: le


risposte corrette sono 2!)
A Musica atonale D Canto gregoriano
B Polifonia sacra E Musica aleatoria
C Musica dodecafonica F Ars nova
Punti: ……/2

5. Il ritmo spesso è:
A molto regolare B libero e irregolare
Punti: ……/1

242
Verifica 11

Punteggio totale …………/14

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
6. Le dissonanze creano sonorità:
A aspre e forti
B serene e piacevoli
C gioiose
D adatte alla musica spirituale
Punti: ……/1

7. Indica quali dei seguenti musicisti appartengono al Novecento. (Attenzione:


le risposte corrette sono 3!)
A Verdi D Stravinsky
B Mozart E Debussy
C Puccini F Beethoven
Punti: ……/3

8. A quale stile viene per lo più associato Claude Debussy?

Punti: ……/1

9. A quale genere è legato Igor Stravinsky?

Punti: ……/1

10. Qual è la caratteristica principale del Minimalismo?

Punti: ……/1

11. A quale stile compositivo è legato John Cage?

Punti: ……/1

243
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 12
Volume B • Storia della musica: il jazz

1. Dove nasce il jazz?


A In Europa C In Africa
B Negli Stati Uniti D In Asia
Punti: ……/1

2. Da quale musica deriva?


A Dalle canzonette americane C Dai canti degli emigrati italiani
B Dai canti degli schiavi neri D Dai canti popolari degli indiani
Punti: ……/1

3. Qual è la principale caratteristica del jazz?


A La melodia toccante C Gli accordi
B L’improvvisazione D Le sonorità delicate
Punti: ……/1

4. Le sonorità dei brani jazz sono:


A ricche di timbri B povere di timbri
Punti: ……/1

5. Come si chiama la formazione strumentale tipica della musica jazz?


A La banda C Il quartetto
B L’orchestra D La jazz band
Punti: ……/1

6. Indica qualche strumento presente nelle jazz band.

Punti: ……/2

244
Verifica 12

Punteggio totale …………/16

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
7. Che cosa si intende per improvvisazione?
A Eseguire una melodia “deformandola”
B Eseguire una melodia senza spartito
C Eseguire una melodia nel registro acuto
D Eseguire una melodia con più strumenti
Punti: ……/1

8. Negli anni Trenta dal jazz nasce un genere piuttosto commerciale: quale?
A Lo swing C Il balletto
B La canzone D Il rap
Punti: ……/1

9. Indica quali tra i seguenti musicisti sono jazz. (Attenzione: le risposte


corrette sono 4!)
A Armstrong D Parker
B Verdi E Vivaldi
C Goodman F Davis
Punti: ……/4

10. A quale genere è legato Louis Armstrong?

Punti: ……/1

11. A quale genere è legato Benny Goodman?

Punti: ……/1

12. A quale genere è legato Charlie Parker?

Punti: ……/1

245
Prove di verifica
con soluzioni
integrate
Nome Classe Data

Prova 1
Teoria musicale
Volume A • Il ritmo e le figure musicali

1. Il pentagramma è composto da:


A 5 linee e 5 spazi
B 4 linee e 4 spazi
C 5 linee e 4 spazi
D 4 linee e 5 spazi
Punti: ……/1

2. Tra i suoni raffigurati nel pentagramma quelli più gravi si trovano:


A nella parte bassa
B nella parte centrale
C nella parte alta
Punti: ……/1

3. Che cosa sono i tagli addizionali?


Piccole lineette poste sulla testa delle note che servono a identificare le note che si
trovano sopra o sotto il pentagramma
Punti: ……/1

4. Quale funzione svolge il segno del ritornello?


A Fa ripetere il brano
B Fa suonare più piano
C Fa suonare più lentamente
D Fa smettere di suonare
Punti: ……/1

5. Quante crome occorrono per avere lo stesso valore di una minima?


A Due
B Quattro
C Sei
D Otto
Punti: ……/1

6. Come si chiama la nota che ha una durata corrispondente a un movimento della mano?
Semiminima
Punti: ……/1

248
Prova 1

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/17 0-5 6-7 8-9 10-11 12-14 15-16 17

7. La minima ha un valore corrispondente a:


A un movimento della mano
B due movimenti della mano
C tre movimenti della mano
D quattro movimenti della mano
Punti: ……/1

8. Quante semiminime occorrono per completare quattro movimenti della mano?


A Tre C Quattro
B Due D Sei
Punti: ……/1

9. Scrivi sotto ogni pausa la rispettiva durata espressa in movimenti.

quattro uno mezzo


Punti: ……/3

10. Collega con una linea le figure che si equivalgono.


1 A

2 B

3 C

4 D
Punti: ……/4

11. Quante semibrevi occorrono per completare quattro movimenti della mano?
A Due C Quattro
B Una D Sei
Punti: ……/1

12. Quante semicrome occorrono per completare due movimenti della mano?
A Due C Sei
B Quattro D Otto
Punti: ……/1

249
Nome Classe Data

Prova 2
Teoria musicale
Volume A • I rapporti tra le note

1. Quali note possono essere unite dalla legatura di valore?


A Solo le semibrevi
B Solo le minime
C Solo le crome
D Tutte
Punti: ……/1

2. Le note unite dalla legatura di valore devono avere:


A la stessa altezza
B lo stesso valore
C la stessa potenza
D lo stesso timbro
Punti: ……/1

3. Quale tra questi è un tempo composto?


A 2/4 C 6/8
B 4/4 D 3/4
Punti: ……/1

4. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 La corona indica che il brano deve essere ripetuto. V F
2 Il segno del ritornello si trova obbligatoriamente in fondo al brano. V F
3 La terzina è un gruppo di tre note che prende il posto di due. V F
4 Il tempo 4/4 è un tempo composto. V F
Punti: ……/4

5. Come si chiama il simbolo che prolunga una nota finale a piacere?


Corona
Punti: ……/1

6. Come si definisce la differenza di altezza tra due note?


A Intervallo
B Scala musicale
C Tempo musicale
D Ritornello
Punti: ……/1

250
Prova 2

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/18 0-6 7-8 9-11 12-14 15-16 17 18

7. Qual è l’ampiezza dell’intervallo tra le note Si e Do?


Un semitono
Punti: ……/1

8. Quale simbolo musicale aumenta il valore della nota della sua metà?
Il punto di valore
Punti: ……/1

9. Quale aspetto della musica è legato all’agogica?


A La velocità
B Il volume
C La durata
D L’amplificazione
Punti: ……/1

10. Quale funzione svolge il diesis?


A Aumenta la durata della nota
B Diminuisce l’altezza della nota
C Riporta la nota allo stato naturale
D Aumenta l’altezza della nota
Punti: ……/1

11. Come si chiama questo segno: b ?


Bemolle
Punti: ……/1

12. Collega con una linea le figure che si equivalgono.


1 A

2 B

3 C

4 D
Punti: ……/4

251
Nome Classe Data

Prova 3
Metodi
Volume A • Metodo per suonare (A)

1. Quale nome prende l’elemento musicale composto da 5 linee e 4 spazi?


Pentagramma
Punti: ……/1

2. Come si chiama la nota che ha una durata corrispondente a un movimento della mano?
Semiminima
Punti: ……/1

3. Quale posizione occupa la nota Sol nel pentagramma?


A Secondo rigo
B Secondo spazio
C Terzo rigo
D Terzo spazio
Punti: ……/1

4. La croma ha un valore corrispondente a:


A mezzo movimento della mano
B due movimenti della mano
C tre movimenti della mano
D quattro movimenti della mano
Punti: ……/1

5. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 La nota Sol è posizionata sul secondo rigo del pentagramma. V F
2 La minima ha una durata doppia rispetto alla croma. V F
3 La croma è caratterizzata da due cediglie attaccate al gambo. V F
4 La nota Do2 è posizionata nel terzo spazio. V F
Punti: ……/4

6. Quante semiminime occorrono per completare un movimento della mano?


A Tre
B Una
C Quattro
D Sei
Punti: ……/1

252
Prova 3

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/30 0-12 13-15 16-18 19-23 24-26 27-28 29-30

7. Scrivi 4 semiminime sul pentagramma posizionandole in base al nome scritto sotto.

Sol Si Re2 La
Punti: ……/4

8. Scrivi sotto ogni pausa la rispettiva durata espressa in movimenti.

un movimento due movimenti mezzo movimento


Punti: ……/3

9. Indica quanti movimenti della mano valgono i seguenti gruppi di note.

1 = quattro movimenti 5 = uno movimenti

2 = tre movimenti 6 = tre movimenti

3 = quattro movimenti 7 = due movimenti

4 = uno movimenti 8 = due movimenti

Punti: ……/8

10. Scrivi 4 crome sul pentagramma posizionandole in base al nome scritto sotto.

Re2 Do2 Sol Si


Punti: ……/4

11. Come si chiama la nota che ha una durata corrispondente a due movimenti della mano?
Minima
Punti: ……/1

12. Quale posizione occupa la nota Do2 nel pentagramma?


A Secondo rigo
B Secondo spazio
C Terzo rigo
D Terzo spazio
Punti: ……/1

253
Nome Classe Data

Prova 4
Metodi
Volume A • Metodo per suonare (B)

1. Qual è la caratteristica della nota Do?


A Si trova sopra il pentagramma con un taglio in testa
B Si trova sotto il pentagramma con un taglio in testa
C Si trova sopra il pentagramma senza alcun taglio
D Si trova sotto il pentagramma senza alcun taglio
Punti: ……/1

2. Come si chiama la nota che ha un valore corrispondente a un quarto di movimento della mano?
A Minima
B Semicroma
C Croma
D Semibreve
Punti: ……/1

3. Qual è la caratteristica della nota Re?


A Si trova nel centro del pentagramma
B Si trova sotto il pentagramma con un taglio in testa
C Si trova sopra il pentagramma senza alcun taglio
D Si trova sotto il pentagramma senza alcun taglio
Punti: ……/1

4. Scrivi 4 semibrevi sul pentagramma posizionandole in base al nome scritto sotto.

Sol Do2 Do Re2


Punti: ……/4

5. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 La croma è caratterizzata da 2 cediglie poste sul gambo. V F
2 La semibreve non ha alcun gambo. V F
3 La nota Do è senza tagli addizionali in testa. V F
4 La nota Re ha un taglio addizionale in testa. V F
Punti: ……/4

254
Prova 4

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/32 0-15 16-17 18-20 21-24 25-28 29-30 31-32

6. Quante semicrome occorrono per completare 2 movimenti della mano?


A Due C Tre
B Otto D Sei
Punti: ……/1

7. Quante semicrome occorrono per avere lo stesso valore della semiminima?


A Due C Sei
B Quattro D Otto
Punti: ……/1

8. Scrivi 4 semicrome sul pentagramma posizionandole in base al nome scritto sotto.

Fa Re Si Mi
Punti: ……/4

9. La croma ha un valore corrispondente a:


A mezzo movimento della mano
B due movimenti della mano
C tre movimenti della mano
D quattro movimenti della mano
Punti: ……/1

10. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 La nota Do non può essere rappresentata dalla semicroma. V F
2 La minima ha una durata doppia rispetto alla semicroma. V F
3 La croma ha una durata doppia rispetto alla semicroma. V F
4 La nota Do2 è posizionata nel terzo spazio. V F
Punti: ……/4

11. Otto semicrome equivalgono a:


A una semibreve C una croma
B una minima D una semiminima
Punti: ……/1

12. Scrivi sul pentagramma una scala di semibrevi utilizzando tutte le note che conosci.

Do Re Mi Fa Sol La Si Do2 Re2


Punti: ……/9

255
Nome Classe Data

Prova 5
Metodi
Volume A • Metodo per suonare (C)

1. Quale funzione svolge il punto di valore?


A Unisce due note della stessa altezza
B Aumenta l’altezza della nota di un semitono
C Aumenta il valore della nota della sua metà
D Diminuisce l’altezza della nota di un semitono
Punti: ……/1

2. Rispondi vero o falso per ciascuna delle seguenti affermazioni.


La nota Fa # si trova tra il Si e il Do. V F
b
1
2 La nota Si si trova tra il Mi e il Fa. V F
3 Il segno di alterazione posto accanto alla chiave di Sol vale per l’intero brano. V F
4 La semicroma ha un gambo e una cediglia. V F
5 La legatura di valore unisce solo note della stessa altezza. V F
Punti: ……/5

3. La funzione del diesis è quella di:


A diminuire l’altezza della nota
B aumentare l’altezza della nota
C aumentare il valore della nota
D diminuire il valore della nota
Punti: ……/1

4. Come si chiama l’alterazione che diminuisce l’altezza della nota di un semitono?


Bemolle
Punti: ……/1

5. Una minima con il punto di valore vale:


A due movimenti
B un movimento
C tre movimenti
D quattro movimenti
Punti: ……/1

256
Prova 5

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/32 0-15 16-17 18-20 21-24 25-28 29-30 31-32

6. Come si chiamano tre crome quando si eseguono nello stesso tempo di due?
Terzina
Punti: ……/1

7. Scrivi 4 semicrome sul pentagramma posizionandole in base al nome scritto sotto.

Mi2 Si b Fa2 Fa #
Punti: ……/4

8. Indica quanti movimenti della mano valgono i seguenti gruppi di note.

1 = quattro movimenti 5 = due movimenti

2 = quattro movimenti 6 = quattro movimenti

3 = uno movimenti 7 = due movimenti

4 = uno movimenti 8 = tre movimenti

Punti: ……/8

9. Scrivi 4 semicrome sul pentagramma posizionandole in base al nome scritto sotto.

Semibreve Do Semiminima Do2 Croma Si b Semicroma Fa # Croma Sol2

Minima Mi2 Semiminima Sol2 Semibreve La Semicroma Si Croma Re2

Punti: ……/10

257
Nome Classe Data

Prova 6
Metodi
Volume A • Metodo per accompagnare • Metodo per cantare

1. Come si chiamano, nel linguaggio musicale, i gruppi di note eseguite contemporaneamente?


A Scale
B Accenti
C Accordi
D Alterazioni
Punti: ……/1

2. Uno strumento in grado di eseguire accordi deve essere:


A monofonico
B stonato
C polifonico
D a fiato
Punti: ……/1

3. Cosa significa per uno strumento essere polifonico?


Deve essere in grado di eseguire più suoni contemporaneamente
Punti: ……/1

4. Quali tra questi strumenti possono eseguire accordi?


A Fagotto e flauto
B Chitarra e tastiera
C Tromba e oboe
D Batteria e flauto
Punti: ……/1

5. Quale tra i seguenti accordi è di modo maggiore?


A Re - Fa - La C b
Sol - Si - Re
B Do - Mi - Sol D La - Do - Mi
Punti: ……/1

6. Quale tra i seguenti accordi è di modo minore?


A Re - Fa - La C Fa - La - Do
B Do - Mi - Sol D Sol - Si - Re
Punti: ……/1

258
Prova 6

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/17 0-5 6-7 8-9 10-11 12-14 15-16 17

7. b
Se nell’accordo maggiore Do - Mi - Sol si trasforma la nota Mi in Mi cosa si ottiene?
Un accordo minore
Punti: ……/1

8. Che cosa significa la sigla La m?


Accordo di La minore
Punti: ……/1

9. Come si chiama la lamella di plastica con la quale si pizzicano le corde della chitarra?
A Ancia
B Triangolo
C Plettro
D Tirante
Punti: ……/1

10. Scrivi con quali numeri vengono indicate le dita della mano sinistra quando si suona la tastiera.
Anulare: 4
Indice: 2
Medio: 3
Mignolo: 5
Pollice: 1
Punti: ……/5

11. Quale muscolo si abbassa quando inspiriamo l’aria?


Il diaframma
Punti: ……/1

12. Quale parte del nostro corpo amplifica le vibrazioni delle corde vocali?
La cassa toracica
Punti: ……/1

13. Quando si inizia a cantare è bene “scaldare” la voce con:


A le note gravi
B le note acute
C le note medie
Punti: ……/1

259
Nome Classe Data

Prova 7
Suoni, strumenti e voci
Volume B • Il suono

1. Da che cosa nasce un suono?


Dalla vibrazione di un corpo elastico
Punti: ……/1

2. Come si chiama l’elemento da cui ha origine un suono?


A Sorgente sonora
B Mezzo propagante
Punti: ……/1

3. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Il suono si propaga solo attraverso l’aria. V F
2 Nell’aria si diffonde alla velocità di 340 m al secondo. V F
3 Il suono genera nell’aria una compressione e una rarefazione. V F
4 La compressione e la rarefazione dell’aria sono visibili. V F
Punti: ……/4

4. Indica da quali parti è composto un orecchio, scegliendo le definizioni tra quelle dell’elenco in fondo.
Orecchio esterno: padiglione auricolare, condotto uditivo, martello
Orecchio medio: incudine, timpano
Orecchio interno: staffa, coclea, nervo acustico
staffa, coclea, condotto uditivo, martello, incudine, nervo acustico, timpano, padiglione auricolare
Punti: ……/8

5. Come si chiama il fenomeno che dà la possibilità di riascoltare un suono?


A Eco
B Mezzo propagante
C Compressione
D Distorsione
Punti: ……/1

6. Come viene definita la rappresentazione di un’onda sonora?


Sinusoide
Punti: ……/1

260
Prova 7

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/31 0-12 13-16 17-18 19-21 22-24 25-29 30-31

7. Da che cosa prende il nome la sigla Hz (Hertz)?


Dal fisico che ha studiato questo fenomeno
Punti: ……/1

8. Collega in modo corretto i termini di sinistra con la loro definizione.


1 Altezza A definisce il volume di un suono (piano e forte)
2 Intensità B riguarda la “personalità” di un suono
3 Durata C distingue i suoni in acuti e gravi
4 Timbro D indica quanto “dura” un suono
Punti: ……/4

9. Quale caratteristica del suono riguarda la frequenza?


A Altezza C Timbro
B Intensità D Durata
Punti: ……/1

10. Con quale misura si indica l’intensità?


A Hz B Decibel
Punti: ……/1

11. Indica i simboli che vengono utilizzati nel linguaggio musicale per indicare l’intensità.

Punti: ……/2

12. Che cosa descrive il timbro nel grafico di un’onda?


La forma
Punti: ……/1

13. Come viene indicata la durata dei suoni nel linguaggio musicale?
A Con i decibel C Con le figure di durata
B Con gli Hz D Con gli ultrasuoni
Punti: ……/1

14. Collega in modo corretto le seguenti definizioni.


1 suono grave A 20.000 Hz
2 suono acuto B 130 decibel
3 suono piano C 20 decibel
4 suono forte D 16 Hz
Punti: ……/4

261
Nome Classe Data

Prova 8
Suoni, strumenti e voci
Volume B • Strumenti a corda

1. Indica sotto ogni figura il nome dello strumento.

viola arpa chitarra

basso contrabbasso violino


Punti: ……/6

2. In che modo viene suonato il violino?


Con l’archetto
Punti: ……/1

3. A che cosa serve la cassa armonica?


Ad amplificare il suono
Punti: ……/1

262
Prova 8

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/20 0-8 9-10 11-12 13-15 16-17 18-19 20

4. In questi brani qual è lo strumento solista?

CD 16 traccia 3
Brano 1: violino
inse

gn DVD B traccia 3
ante

CD 16 traccia 8
Brano 2: chitarra classica
inse

gn DVD B traccia 8
ante
Punti: ……/2

5. Quali sono gli strumenti a corda pizzicata più diffusi?


Arpa, chitarra elettrica, basso elettrico
Punti: ……/1

6. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 La chitarra elettrica si suona generalmente con il plettro. V F
2 L’arpa ha più di 40 corde. V F
3 Le corde dell’arpa si strofinano con l’archetto. V F
4 Il musicista che suona l’arpa si chiama arpia. V F
5 La chitarra elettrica non ha la cassa armonica. V F
Punti: ……/5

7. In questi brani qual è lo strumento solista?

CD 16 traccia 9
Brano 1: chitarra elettrica
inse

gn DVD B traccia 9
ante

CD 16 traccia 7
Brano 2: arpa
inse

gn DVD B traccia 7
ante

CD 16 traccia 10
Brano 3: basso elettrico
inse

gn DVD B traccia 10
ante
Punti: ……/3

8. Che cosa sono i pick-up? Per quali strumenti vengono utilizzati?


Sono dei microfoni posizionati sotto le corde, al centro della cassa per aumentare la
potenza del suono. Si usano nella chitarra elettrica e nel basso
Punti: ……/1

263
Nome Classe Data

Prova 9
Suoni, strumenti e voci
Volume B • Strumenti a fiato

1. Indica sotto ogni figura il nome dello strumento.

flauto traverso clarinetto fagotto


Punti: ……/3

2. Come sono anche chiamati questi strumenti?


A Strumenti a fiato C Strumenti ad ancia doppia
B Strumenti ad ancia semplice D Strumenti a corda
Punti: ……/1

3. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Il clarinetto è costruito in ebano. V F
2 L’oboe ha un suono potente. V F
3 Il flauto traverso prende il nome dalla sua posizione rispetto all’esecutore. V F
4 L’ancia è la parte finale dello strumento. V F
5 L’ancia doppia è costituita da due sottili lamine. V F
Punti: ……/5

4. In questi brani qual è lo strumento solista?

CD 16 traccia 14
Brano 1: oboe
inse

gn DVD B traccia 14
ante

CD 16 traccia 12
Brano 2: flauto traverso
inse

gn DVD B traccia 12
ante

CD 16 traccia 16
Brano 3: saxofono
inse

gn DVD B traccia 16
ante
Punti: ……/3

264
Prova 9

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/22 0-9 10-11 12-13 14-16 17-19 20-21 22

5. Qual è lo strumento con l’estensione più grave nella famiglia degli ottoni?
La tuba
Punti: ……/1

6. Quale tipo di imboccatura utilizzano gli ottoni?


A Ad ancia semplice
B Ad ancia doppia
C Imboccatura libera
Punti: ……/1

7. Qual è lo strumento solista presente in questi brani?

CD 16 traccia 17
Brano 1: tromba
inse

gn DVD B traccia 17
ante

CD 16 traccia 19
Brano 2: corno
inse

gn DVD B traccia 19
ante

CD 16 traccia 20
Brano 3: tuba
inse

gn DVD B traccia 20
ante
Punti: ……/3

8. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Gli ottoni utilizzano i pistoni per variare il suono. V F
2 La sordina serve ad amplificare il suono. V F
3 I pistoni possono variare da tre a sei. V F
4 La tromba utilizza la coulisse. V F
5 Negli ottoni il suono è prodotto dalla pressione delle labbra sull’imboccatura. V F
Punti: ……/5

265
Nome Classe Data

Prova 10
Suoni, strumenti e voci
Volume B • Strumenti a tastiera

1. Indica sotto ogni figura il nome dello strumento.

organo fisarmonica pianoforte

tastiera
Punti: ……/4

2. Perché il fisarmonicista apre e chiude costantemente il mantice dello strumento?


Per consentire all’aria di entrare nello strumento
Punti: ……/1

3. La fisarmonica è in grado di eseguire:


A solo la melodia
B solo l’accompagnamento
C la melodia e l’accompagnamento assieme
Punti: ……/1

4. Come si cambia il timbro del suono nell’organo?


A Azionando i registri C Tramite la tastiera
B Azionando la pedaliera D Non si può cambiare timbro
Punti: ……/1

266
Prova 10

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/19 0-9 10-11 12-13 14-15 16-17 18 19

5. Da che cosa sono prodotti i suoni gravi nell’organo?


Dalla pedaliera
Punti: ……/1

6. A che cosa servono le canne dell’organo?


A creare il suono
Punti: ……/1

7. In questi brani qual è lo strumento solista?

CD 17 traccia 2
Brano 1: pianoforte
inse

gn DVD B traccia 22
ante

CD 17 traccia 5
Brano 2: tastiera elettronica
inse

gn DVD B traccia 25
ante

CD 17 traccia 1
Brano 3: clavicembalo
inse

gn DVD B traccia 21
ante
Punti: ……/3

8. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Nel pianoforte i pedali servono a controllare la durata e il volume del suono. V F
2 La tastiera del pianoforte è composta da 88 tasti. V F
3 Le corde sono pizzicate da plettri. V F
4 Il pianoforte è munito di una cassa di risonanza. V F
5 Nel clavicembalo le corde sono percosse. V F
Punti: ……/5

9. In questi brani qual è lo strumento solista?

CD 17 traccia 3
Brano 1: fisarmonica
inse

gn DVD B traccia 23
ante

CD 17 traccia 4
Brano 2: organo
inse

gn DVD B traccia 24
ante
Punti: ……/2

267
Nome Classe Data

Prova 11
Suoni, strumenti e voci
Volume B • Strumenti a percussione

1. Indica sotto ogni figura il nome dello strumento.

timpani tamburo batteria

piatti xilofono
Punti: ……/5

2. Che cosa si intende per suono determinato?


Un suono con altezza ben precisa
Punti: ……/1

3. Che cosa si intende per suono indeterminato?


Un suono con altezza non classificabile
Punti: ……/1

4. Indica a quale tipologia appartengono le percussioni presenti nella domanda 1.


Suono determinato: xilofono, timpani
Suono indeterminato: piatti, tamburo, batteria
Punti: ……/2

268
Prova 11

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/20 0-6 7-10 11-13 14-15 16-17 18-19 20

5. In quanti modi può avvenire la produzione del suono negli strumenti a percussione?
Percussione, scuotimento, raschiamento, concussione
Punti: ……/1

6. Quale di questi strumenti non è dotato di membrana?


A Il tamburo
B La grancassa
C I timpani
D I piatti
Punti: ……/1

7. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Lo xilofono ha le piastre di legno disposte come i tasti di un pianoforte. V F
2 I timpani hanno un pedale con il quale si può aumentare la tensione della membrana. V F
3 La grancassa si suona percuotendo la membrana con le mani. V F
4 I piatti producono un suono determinato. V F
5 La batteria è nata negli Stati Uniti. V F
Punti: ……/5

8. Indica da quali elementi è costituita la batteria.


Rullante, piatti, cassa, charleston, tom, timpano
Punti: ……/1

9. Con quale strumento solista iniziano questi due brani?

CD 17 traccia 6
Brano 1: timpani
inse

gn DVD B traccia 26
ante

CD 17 traccia 8
Brano 2: tamburo
inse

gn DVD B traccia 28
ante
Punti: ……/2

10. Qual è lo strumento solista di questo brano?


CD 17 traccia 6
xilofono
inse

gn DVD B traccia 26
ante
Punti: ……/1

269
Nome Classe Data

Prova 12
Suoni, strumenti e voci
Volume B • Formazioni strumentali e voci

1. Qual è la più piccola tra le formazioni strumentali?


Il duo
Punti: ……/1

2. Inserisci le parole mancanti scegliendole tra quelle nell’elenco in fondo.


Il trio è una formazione strumentale composta da tre esecutori. Solitamente è formato da
due strumenti melodici e uno polifonico che ha funzione di accompagnamento.
L’orchestra jazz nasce negli Stati Uniti e ha un grande successo negli anni
Trenta . Tra gli strumenti, il ruolo determinante è occupato dai fiati .
jazz, fiati, melodici, trio, Stati Uniti, polifonico, Trenta
Punti: ……/7

3. Quale strumento ad arco non compare nella formazione del quartetto d’archi?
Il contrabbasso
Punti: ……/1

4. Quali strumenti compongono di solito un quintetto di fiati?


Flauto traverso, oboe, clarinetto, fagotto, corno
Punti: ……/1

5. Quali strumenti sono considerati fondamentali nell’organico dell’orchestra barocca?


A Gli archi e gli strumenti a tastiera
B I fiati e gli ottoni
C I fiati e le percussioni
D Gli ottoni e le percussioni
Punti: ……/1

6. Come si chiama l’orchestra nata nell’Ottocento?


A Orchestra da camera
B Orchestra barocca
C Orchestra sinfonica
D Orchestra jazz
Punti: ……/1

270
Prova 12

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/22 0-8 9-11 12-13 14-16 17-19 20-21 22

7. Quali strumenti comprende la formazione della banda?


Legni, ottoni, percussioni
Punti: ……/1

CD 18 traccia 17 8. Quale formazione esegue questo brano di Haydn?


inse

gn DVD B
ante
traccia 58 Il quartetto

Punti: ……/1

CD 19 traccia 2 9. Quale formazione esegue la famosa Sinfonia n. 5 di Beethoven?


inse

gn DVD B
ante
traccia 64 L’orchestra sinfonica

Punti: ……/1

10. Come si chiamano le voci dei bambini?


Voci bianche
Punti: ……/1

11. Quali tra queste voci sono femminili?


A Tenore D Contralto
B Baritono E Basso
C Soprano
Punti: ……/2

12. Dai una definizione a ognuno di questi tipi di coro.


Coro a voci pari: formato da persone con lo stesso sesso
Coro a voci dispari: formato da persone di entrambi i sessi
Punti: ……/2

13. Quali sono le voci più acute maschili e femminili?


Tenore e soprano
Punti: ……/1

CD 18 traccia 19 14. Quale tipo di voce maschile interpreta questo brano?


inse

gn DVD B
ante
traccia 60 Un basso

Punti: ……/1

271
Nome Classe Data

Prova 13
Storia della musica
Volume B • Il Medioevo

1. Collega in modo corretto i termini di sinistra con la loro definizione.


1 polifonia A feste popolari
2 menestrelli e giullari B castelli
3 musica da ballare C monasteri
4 canto gregoriano D musica a più voci
Punti: ……/4

2. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 La spiritualità nel Medioevo è molto sentita. V F
2 La musica dei castelli è molto raffinata. V F
3 I monaci cantano in chiesa accompagnandosi con strumenti. V F
4 I canti gregoriani sono in lingua volgare. V F
5 La musica delle feste popolari è di facile ascolto. V F
Punti: ……/5

3. Come si chiamano le melodie di una composizione polifonica?


A Vox organalis e vox principalis
B Accordali
C Musiche strumentali
Punti: ……/1

4. Come viene definita la tecnica compositiva polifonica?


Contrappunto
Punti: ……/1

5. Che cos’è l’Antiphonarium Cento?


Una raccolta di canti sacri scritta da papa Gregorio Magno
Punti: ……/1

6. Chi sono i menestrelli e i giullari?


Musicisti girovaghi
Punti: ……/1

272
Prova 13

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/20 0-9 10-11 12-13 14-15 16-17 18-19 20

7. In che lingua sono i testi delle loro canzoni?


In volgare
Punti: ……/1

8. Qual è la caratteristica principale dell’Ars nova?


A La musica è scritta con suoni di durata precisa
B L’utilizzo della polifonia nella musica sacra
C L’utilizzo degli strumenti musicali
D L’utilizzo delle sole voci
Punti: ……/1

9. Quale di questi ascolti è un brano profano?

CD 17 traccia 13
A Ascolto 1
inse

gn DVD B traccia 33
ante

CD 17 traccia 14
B Ascolto 2
inse

gn DVD B traccia 34
ante

CD 17 traccia 15
C Ascolto 3
inse

gn DVD B traccia 35
ante
Punti: ……/1

10. Ascolta. Questo brano è:


CD 17 traccia 13
A un canto gregoriano
B un brano polifonico
inse

gn DVD B traccia 33
ante C un brano profano
Punti: ……/1

11. Ascolta. Questo brano è:


CD 17 traccia 12
A un canto gregoriano
B un brano polifonico
inse

gn DVD B traccia 32
ante C un brano profano
Punti: ……/1

12. Quali sono i principali strumenti utilizzati nel Medioevo?


Organo portativo, fidula, bombarda, ciaramella, ghironda, viella
Punti: ……/2

273
Nome Classe Data

Prova 14
Storia della musica
Volume B • Il Rinascimento

1. Inserisci le parole mancanti scegliendole tra quelle nell’elenco al fondo.


Nel Rinascimento l’uomo si sente collocato al centro dell’ Universo . Si riscoprono valori quali
la bellezza e l’ amore per la vita . La cultura si sviluppa presso le corti
dei signori che offrono protezione e aiuto agli artisti e ai letterati.
La musica riveste un ruolo di primo piano nella vita quotidiana e i musicisti godono di un
notevole prestigio .
La polifonia raggiunge un livello di perfezione assoluto. Gli strumenti musicali vengono
perfezionati e migliorati notevolmente.
prestigio, signori, amore per la vita, perfezionati, bellezza, polifonia, Universo, corti, artisti, ruolo
Punti: ……/10

2. La polifonia nel Rinascimento:


A è portata al massimo splendore B decade
Punti: ……/1

3. Cosa sono la basse danse e la pavana?


A Due danze C Due canti gregoriani
B Due brani sacri D Due madrigali
Punti: ……/1

4. Quando nasce Giovanni Pierluigi da Palestrina e dove opera principalmente?


Nel 1526 a Roma
Punti: ……/1

5. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Nella Scuola veneziana il canto gregoriano ottiene il suo massimo splendore. V F
2 La Scuola romana dà molta importanza alla musica strumentale. V F
3 Nelle corti si sviluppa la musica profana. V F
4 Vi sono due tipi di viola: da braccio e da gamba. V F
5 Il liuto è costruito in un unico modello. V F
Punti: ……/5

274
Prova 14

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/25 0-9 10-12 13-15 16-18 19-22 23-24 25

6. Nell’ambito della musica sacra, qual è la forma più importante?


A Il canto gregoriano C L’Ars nova
B La messa D Il canto polifonico
Punti: ……/1

7. Indica quali tra questi strumenti del Rinascimento (liuto, viola da gamba, cromorno, cornetto) sono a
fiato e quali a corda.
A corda: liuto, viola
A fiato: cromorno, cornetto
Punti: ……/2

8. Quale tra i seguenti brani appartiene al Rinascimento?

CD 17 traccia 12
A Brano 1
inse

gn DVD B traccia 32
ante

CD 17 traccia 20
B Brano 2
inse

gn DVD B traccia 40
ante

CD 18 traccia 2
C Brano 3
inse

gn DVD B traccia 42
ante
Punti: ……/1

9. Ascolta. La musica di questo brano è:

CD 17 traccia 18 A sacra
inse

gn DVD B traccia 38 B profana


ante
Punti: ……/1

10. Indica l’autore del brano scegliendo tra quelli suggeriti in fondo.
CD 17 traccia 19
Brano 1: Gabrieli
inse

gn DVD B traccia 39
ante

CD 17 traccia 21
Brano 2: Arbeau
inse

gn DVD B traccia 41
ante

Gabrieli, Palestrina, Charpentier, Arbeau


Punti: ……/2

275
Nome Classe Data

Prova 15
Storia della musica
Volume B • Il Barocco

1. Inserisci le parole mancanti scegliendole tra quelle nell’elenco al fondo.


Il Barocco si afferma tra il Seicento e il Settecento . È uno stile spettacolare
e dai toni grandiosi, nell’arte come nella musica. La corte più sfarzosa è quella del Re Sole in
Francia, all’interno della quale nasce la prima orchestra permanente . Si afferma un nuovo spettacolo,
il melodramma , che ottiene subito un enorme successo. La polifonia viene via via
abbandonata per lasciare il posto a uno stile più semplice basato sulla melodia .
I brani presentano grandi variazioni di intensità dovute all’alternarsi degli strumenti dell’orchestra.
orchestra permanente, semplice, spettacolare, Re Sole, Seicento, polifonia, melodia,
variazioni d’intensità, melodramma, Settecento
Punti: ……/10

2. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Durante il periodo barocco iniziano a formarsi le orchestre stabili. V F
2 Il liuto viene modificato con l’aggiunta di corde. V F
3 I brani sono scritti senza essere destinati a un particolare strumento. V F
4 Gli strumenti musicali vengono molto perfezionati o trasformati radicalmente. V F
5 I liutai italiani sono i compositori più importanti. V F
6 Il violino e il clavicembalo sono gli strumenti più amati. V F
Punti: ……/6

3. Collega i musicisti con le opere corrispondenti.


1 Antonio Vivaldi A Il Messiah
2 Georg Friedrich Haendel B Cantata BWV 147
3 Johann Sebastian Bach C Le quattro stagioni
4 Marc-Antoine Charpentier D Te Deum
Punti: ……/4

276
Prova 15

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/30 0-12 13-15 16-18 19-23 24-26 27-28 29-30

4. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Haendel scrive molti melodrammi e oratori. V F
2 Vivaldi scrive molti concerti. V F
3 Le quattro stagioni sono composizioni descrittive. V F
4 A Londra Bach compone molta musica sacra. V F
5 Il Preludio di Charpentier è utilizzato come sigla in TV. V F
Punti: ……/5

5. L’oratorio narra:
A vicende legate alla storia antica
B vicende ispirate a tematiche religiose
Punti: ……/1

6. Il concerto grosso è caratterizzato dalla presenza:


A di un solista
B del concertino, un gruppo di solisti
Punti: ……/1

7. Quali dei seguenti brani appartiene al periodo barocco?

CD 18 traccia 8
A Brano 1
inse

gn DVD B traccia 49
ante

CD 17 traccia 21
B Brano 2
inse

gn DVD B traccia 41
ante
Punti: ……/1

8. Chi fra i seguenti autori ha composto questo brano?


A Vivaldi
CD 18 traccia 12 B Telemann
inse

gn DVD B traccia 53 C Bach


ante
D Beethoven
Punti: ……/1

9. A quale concerto appartiene questo brano di Vivaldi? Da quale opera è tratto?

CD 18 traccia 7
L’autunno. Le quattro stagioni
inse

gn DVD B traccia 48
ante
Punti: ……/1

277
Nome Classe Data

Prova 16
Storia della musica
Volume B • Il Classicismo

1. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Il Classicismo musicale si colloca fra il 1760 e il 1830. V F
2 Il pianoforte alla fine del Settecento sostituisce il clavicembalo. V F
3 I melodrammi sono sempre scritti in tedesco. V F
4 Il melodramma classico ha, rispetto al passato, un maggiore equilibrio tra testo e musica. V F
5 I timpani sono i soli strumenti a percussione utilizzati nell’orchestra. V F
Punti: ……/5

2. Quale forma utilizza questo brano di Haydn?

CD 18 traccia 17
Il quartetto
inse

gn DVD B traccia 58
ante
Punti: ……/1

3. Collega i musicisti alle rispettive opere.


A Per Elisa
B Sinfonia n. 9
1 Mozart C Messa da requiem
2 Beethoven D Don Giovanni
E Concerto per violino K 207
F Sinfonia n. 3 «Eroica»
Punti: ……/6

4. Indica se le seguenti affermazioni sulla vita di Mozart sono vere o false.


1 Scopre le sue straordinarie doti in età adulta. V F
2 È stato grande solo nella composizione. V F
3 Si reca a Vienna su incarico dell’arcivescovo di Salisburgo. V F
4 La Messa da requiem è completata da un suo allievo. V F
5 Viene sepolto con un grandioso funerale. V F
Punti: ……/5

278
Prova 16

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/28 0-10 11-14 15-17 18-20 21-24 25-26 27-28

5. Quali sono le forme strumentali che godono di maggior fortuna durante il Classicismo?
A Il concerto e la sinfonia
B La polifonia
C La danza
D Le laudi
Punti: ……/1

6. Indica se le seguenti affermazioni sulla vita di Beethoven sono vere o false.


1 Inizia gli studi musicali in tenera età. V F
2 Nel 1792 si trasferisce a Berlino. V F
3 È amato e apprezzato dai suoi concittadini. V F
4 Una malattia gli causa la progressiva perdita dell’udito. V F
5 Le sue composizioni nascono dall’esigenza di esprimere i propri sentimenti. V F
6 Ama rifugiarsi nella natura. V F
7 L’Inno alla Gioia è stato scelto come inno europeo. V F
Punti: ……/7

7. Fai un breve commento ai valori umani e sociali espressi dalla Sinfonia n. 9 di Beethoven.
Risposta libera

Punti: ……/1

8. Chi fra i seguenti autori ha composto questo brano?


CD 18 traccia 16
A Bach
inse

gn DVD B traccia 57
ante B Mozart
C Vivaldi
D Beethoven
Punti: ……/1

CD 18 traccia 15 9. A quale melodramma di Mozart appartiene quest’aria?


inse

gn DVD B
ante
traccia 56 Al Don Giovanni

Punti: ……/1

279
Nome Classe Data

Prova 17
Storia della musica
Volume B • Il Romanticismo

1. Inserisci le parole mancanti scegliendole tra quelle nell’elenco al fondo.


Per i musicisti romantici far musica significa tradurre in suoni i propri sentimenti . Uno
dei precursori di questo modo di considerare la musica è Beethoven che diventa per
i musicisti del Romanticismo un importante modello da seguire. Gli ideali di democrazia
e d’ indipendenza nazionale danno luogo in molti Paesi a moti insurrezionali. In Italia, il
Risorgimento porta all’unificazione nazionale e alla nascita del Regno d’Italia. I melodrammi
di Giuseppe Verdi , ricchi di accenti eroici, infiammano i patrioti italiani. Gli artisti non vivono
più alle dipendenze dei principi, ma inseriti nella società ; sostengono la superiorità
dell’immaginazione rispetto alla ragione . I musicisti romantici utilizzano uno stile più
personale , capace di raccontare il mondo delle emozioni . La musica, grazie anche
al melodramma, acquista una maggiore diffusione raggiungendo classi sociali che
fino ad allora ne erano state escluse.
indipendenza nazionale, emozioni, Romanticismo, Beethoven, sentimenti, classi sociali,
Risorgimento, personale, ragione, diffusione, società, Giuseppe Verdi
Punti: ……/12

2. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Nella musica romantica il ritmo è più libero rispetto al passato. V F
2 In questo periodo è molto amato il virtuosismo. V F
3 Le orchestre tornano a essere di piccole dimensioni. V F
4 Il grande pubblico ama poco i melodrammi. V F
5 La sinfonia è la forma più eseguita nelle prime sale da ballo. V F
Punti: ……/5

3. Quali sono le forme che si affermano maggiormente?


Melodramma, capriccio, Lied, concerto, sinfonia, notturno, balletto, poema sinfonico
Punti: ……/1

4. Completa le seguenti affermazioni sottolineando l’alternativa corretta.


I grandi esecutori, detti virtuosi / compositori, incantano con la loro bravura gli ascoltatori; tra tutti ricordiamo
il grande Rossini / Paganini. Il desiderio degli artisti romantici è quello di esprimere i propri sentimenti / creare
brani di grandi dimensioni. Per poter dare voce alla loro interiorità, abbandonano / seguono sempre più gli

280
Prova 17

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/37 0-13 14-17 18-21 22-25 26-30 31-34 35-37

schemi del passato. Il ritmo è meno libero / più libero; la dinamica diventa varia e più / meno ricca di contrasti.
La fantasia e l’immaginazione / L’ordine e l’equilibrio sono gli aspetti che gli artisti potenziano nelle loro opere.
La quotidianità / Il sogno e il mistero è / sono spesso fonte d’ispirazione per l’artista.
Punti: ……/8

5. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Richard Wagner è un grande compositore di sinfonie. V F
2 Il poema sinfonico è una composizione per orchestra. V F
3 Il poema sinfonico è ispirato a soggetti letterari, artistici, naturalistici o autobiografici. V F
4 Il balletto è uno spettacolo in cui i protagonisti cantano e ballano. V F
5 Il Lied appartiene al genere della musica da camera. V F
Punti: ……/5

6. Collega i musicisti con le loro rispettive opere.


1 Verdi A La Valchiria
2 Schubert B Gretchen am Spinnrade
3 Chopin C Nabucco
4 Wagner D Notturno in Mi b op. 9 n. 2
Punti: ……/4

7. Chi fra i seguenti autori ha composto questo brano?

CD 19 traccia 16 A Verdi C Chopin


inse

gn DVD B traccia 78 B Wagner D Ciaikovskij


ante
Punti: ……/1

8. Quale tra i tre brani appartiene al periodo romantico?

CD 18 traccia 19
A Brano 1
inse

gn DVD B traccia 60
ante

CD 19 traccia 3
B Brano 2
inse

gn DVD B traccia 65
ante

CD 17 traccia 2
C Brano 3
inse

gn DVD B traccia 22
ante
Punti: ……/1

281
Nome Classe Data

Prova 18
Storia della musica
Volume B • La musica dal Novecento a oggi

1. Inserisci le parole mancanti scegliendole tra quelle nell’elenco al fondo.


Il Novecento è stato segnato da due guerre mondiali, dall’orrore dei campi di sterminio e dalla bomba
atomica, ma, parallelamente, da grandi progressi sia in campo scientifico-tecnologico , sia in quello
dei diritti umani. In campo artistico e musicale coesistono tendenze e stili diversi. I musicisti sono alla
ricerca di tecniche nuove. Nella musica strumentale, accanto alla musica tonale, si afferma
quella atonale , che sostituisce gli accordi e le scale con nuovi schemi
compositivi, e quella dodecafonica , nella quale i compositori usano i dodici suoni organizzandoli in
modo diverso da quello tradizionale. Compaiono nuovi strumenti musicali e si assiste a delle
contaminazioni fra i diversi stili.
scale, atonale, scientifico-tecnologico, contaminazioni, dodecafonica, tecniche, strumenti
Punti: ……/7

2. Completa le seguenti affermazioni sottolineando l’alternativa corretta.


Come i pittori impressionisti privilegiano il colore / la forma, i musicisti portano la loro attenzione sul
ritmo / timbro. Le sonorità sono sfumate / molto forti e l’armonia utilizzata crea un effetto di pesantezza /
sospensione. Nella politonalità il compositore utilizza più tonalità contemporaneamente / in due brani distinti,
mentre nella poliritmia sono i ritmi a essere sovrapposti / sempre variati. Con l’Espressionismo, nato in
Germania nei primi decenni del Novecento, i musicisti tornano alle / si allontanano definitivamente dalle
tecniche compositive tradizionali.
Punti: ……/7

3. Collega ogni movimento al musicista che lo rappresenta.


1 Schönberg A Minimalismo
2 Reich B Dodecafonia
3 Puccini C Impressionismo
4 Debussy D Verismo
Punti: ……/4

282
Prova 18

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/30 0-14 15-16 17-20 21-24 25-26 27-28 29-30

4. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 I musicisti talvolta utilizzano dei rumori nei loro brani. V F
2 La musica espressionista è di facile comprensione. V F
3 Il ritmo è l’elemento caratterizzante nella musica di Stravinsky. V F
4 Nella dodecafonia la tonalità è molto importante. V F
5 Il pianoforte preparato è privo di corde. V F
6 Nel Minimalismo c’è una ripetizione continua di poche note. V F
Punti: ……/6

5. Come si chiama la scala utilizzata da Debussy?


Scala pentatonica o per toni interi
Punti: ……/1

6. Come vengono definiti i brani dove più generi ed esperienze si incontrano?


Contaminazioni
Punti: ……/1

7. A quale movimento artistico appartiene questo brano?


A Futurismo
CD 20 traccia 24 B Primitivismo
inse

gn DVD B traccia 106 C Impressionismo


ante
D Minimalismo
Punti: ……/1

8. Qual è la forma dove si afferma maggiormente Igor Stravinsky?


Il balletto
Punti: ……/1

9. Che tipo di primavera evoca Stravinsky nella Sagra della primavera?


Primitiva e selvaggia
Punti: ……/1

10. Il brano è un esempio di:


A musica impressionista
CD 21 traccia 1 B musica jazz
inse

gn DVD B traccia 107 C musica atonale e dodecafonica


ante
D musica romantica
Punti: ……/1

283
Nome Classe Data

Prova 19
Storia della musica
Volume B • Il jazz

1. Inserisci le parole mancanti scegliendole tra quelle nell’elenco al fondo.


Il jazz, nato dai Neri d’America , è una delle musiche innovative del nostro tempo. La sue
radici affondano nella deportazione degli schiavi . Nasce infatti alla fine
dell’ Ottocento dai work songs e dagli spiritual . La prima forma di jazz
suonato è il blues proposto da musicisti errabondi che cantano la loro tristezza e miseria.
La sua caratteristica maggiore è l’ improvvisazione .
Con le jazz band , il jazz esce dai quartieri delle periferie e viene apprezzato anche dai Bianchi.
Negli anni Trenta lo swing , dal carattere allegro e vivace, diventa un genere molto popolare
anche perché adatto al ballo .
radici, schiavi, swing, work songs, Ottocento, improvvisazione, jazz band, ballo, spiritual, blues, Neri d’America
Punti: ……/11

2. Abbina le definizioni alle forme musicali in modo corretto.


1 work song A genere vocale religioso
2 spiritual e gospel B canto di lavoro
3 blues C genere cantato e suonato dal carattere triste
Punti: ……/3

3. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


1 Lo spiritual nasce dallo swing. V F
2 Il blues è un genere allegro e spensierato. V F
3 Louis Armstrong è stato un grande pianista. V F
4 Il jazz classico si sviluppa a New Orleans. V F
5 Lo swing è un genere nato tra le due guerre mondiali. V F
6 Negli anni Settanta il jazz incontra il rock. V F
Punti: ……/6

4. Quali argomenti trattano i testi degli spiritual?


Fede e speranza
Punti: ……/1

284
Prova 19

Valutazione 
4 5 6 7 8 9 10

Punteggio totale …………/30 0-12 13-14 15-17 18-22 23-26 27-28 29-30

5. Da che cosa è caratterizzato il blues?


A Dal modo di suonare la chitarra
B Dall’utilizzo di una particolare scala
C Dal modo di cantare del solista
D Dal modo di suonare le percussioni
Punti: ……/1

6. Qual è la caratteristica tipica del jazz?


A L’impiego della tromba
B Il ritmo dondolante
C L’improvvisazione
D Le sonorità molto forti
Punti: ……/1

7. Quale strumento suonano rispettivamente Armstrong e Goodman?


Armstrong: tromba
Goodman: clarinetto
Punti: ……/2

8. Quale strumento suonano rispettivamente Parker e Davis?


Parker: saxofono
Davis: tromba
Punti: ……/2

9. Ascolta i tre brani e indica per ciascuno se si tratta di jazz classico, blues o fusion.

CD 21 traccia 11
Brano 1: blues
inse

gn DVD B traccia 117


ante

CD 21 traccia 16
Brano 2: fusion
inse

gn DVD B traccia 122


ante

CD 21 traccia 9
Brano 3: jazz classico
inse

gn DVD B traccia 115


ante
Punti: ……/3

285
Verifiche per la
didattica inclusiva
con soluzioni integrate
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 1
Volume A • Teoria musicale (A)

1. Cosa rappresentano le figure musicali?


I suoni
Punti: ……/1

2. Quali figure rappresentano i silenzi?


Le pause
Punti: ……/1

3. Come si chiama l’insieme di cinque linee e quattro spazi?


A Chiave musicale
B Ritornello
C Pentagramma
D Tempo musicale
Punti: ……/1

4. Come si chiama il simbolo che si trova all’inizio del pentagramma?


A Nota
B Chiave musicale
C Battuta
D Pausa
Punti: ……/1

5. Completa la scala musicale con i nomi mancanti.


Do Re Mi Fa Sol La Si
Punti: ……/3

288
Verifica 1

Punteggio totale …………/9

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
6. Che cosa sono le battute?
A I titoli dei brani
B Parti di pentagramma delimitate da stanghette
C Note musicali
D L’insieme di numeri
Punti: ……/1

7. Come si chiama l’indicazione numerica che si trova vicino alla chiave di Sol?
Tempo musicale
Punti: ……/1

289
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 2
Volume A • Teoria musicale (B)

1. Qual è la durata del suono rappresentato dalla semiminima?


A Due pulsazioni
B Una pulsazione
C Tre pulsazioni
D Quattro pulsazioni
Punti: ……/1

2. Come si chiama la figura che rappresenta una durata di 4 pulsazioni?


Semibreve
Punti: ……/1

3. Completa la tabella qui sopra inserendo il nome delle note.

nome forma pausa valore durata


4
semibreve
................................... 4
2
minima
................................... 4
1
semiminima
................................... 4
1
croma
................................... 8
1
semicroma
................................... 16
1
biscroma
................................... 32
1
semibiscroma
................................... 64

Punti: ……/7

290
Verifica 2

Punteggio totale …………/11

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
4. Con quale segno si trasforma una nota da due pulsazioni a tre pulsazioni?
Con il punto di valore
Punti: ……/1

5. Come si chiama il segno che unisce due note della stessa altezza?
Legatura di valore
Punti: ……/1

291
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 3
Volume B • Il suono

1. Il suono nasce:
A dalla vibrazione di un corpo elastico
B dalla vibrazione di un’onda
C dal movimento dell’aria
D dal movimento dell’acqua
Punti: ……/1

2. La vibrazione viene trasmessa attraverso:


A un’altra vibrazione
B le onde sonore
C il vuoto
D lo spazio
Punti: ……/1

3. Fai qualche esempio di vibrazione di un corpo elastico.


Risposta esemplificativa: vibrazioni di pelli, corde, lamelle di legno,
labbra dell’esecutore
Punti: ……/2

4. Da quali parti è formato l’apparato uditivo?


A Orecchio esterno, medio e interno
B Padiglione
C Timpano
D Nervo acustico
Punti: ……/1

292
Verifica 3

Punteggio totale …………/7

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
5. Guarda il disegno: come si chiama un’oscillazione completa all’interno di una
sinusoide?

Periodo
Punti: ……/1

6. Come si chiamano le caratteristiche del suono?


A Suoni bassi e suoni alti
B Altezza, intensità, timbro e durata
C Suoni forti e deboli
D Decibel
Punti: ……/1

293
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 4
Volume B • Gli strumenti musicali

1. Quali sono le quattro famiglie in cui possono essere suddivisi gli strumenti
musicali?

Strumenti a corda, strumenti a fiato, strumenti a tastiera,


strumenti a percussione
Punti: ……/1

2. Gli strumenti a fiato sono così chiamati perché:


A si suonano stando in piedi
B utilizzano la vibrazione dell’aria soffiata all’interno dello strumento
C si usano all’aperto
D vengono impiegati nelle bande
Punti: ……/1

3. Gli strumenti a corda sono così chiamati perché:


A producono il suono attraverso le corde
B producono il suono attraverso le percussioni
C producono il suono attraverso l’aria
D producono il suono attraverso una percussione
Punti: ……/1

4. Gli strumenti a tastiera sono così chiamati perché:


A il suono si diffonde azionando i tasti di una tastiera
B si suonano stando seduti
C hanno tre pistoni per variare il suono
D hanno dei tasti per cambiare il timbro
Punti: ……/1

294
Verifica 4

Punteggio totale …………/10

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
5. Indica il nome dei seguenti strumenti.

clarinetto violino flauto traverso

pianoforte tromba batteria

Punti: ……/6

295
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 5
Volume B • Formazioni strumentali e voci

1. Indica, tra le seguenti, quali sono le formazioni strumentali di piccole


dimensioni. (Attenzione: le risposte corrette sono 4!)
A Orchestra da camera
B Duo
C Trio
D Orchestra sinfonica
E Quartetto
F Banda
G Quintetto
H Jazz band
Punti: ……/4

2. Qual è la formazione strumentale con l’organico più ampio?


A La banda
B Il coro
C L’orchestra sinfonica
D L’orchestra da camera
Punti: ……/1

3. Completa lo schema indicando quali sono le principali voci maschili e


femminili.

Voci maschili Voci femminili

tenore soprano
basso mezzo soprano
baritono contralto
Punti: ……/6

296
Verifica 5

Punteggio totale …………/15

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
4. Indica quale, tra le voci maschili, è quella più acuta:
A tenore
B basso
C baritono
D soprano
Punti: ……/1

5. Indica quale, tra le voci femminili, è quella più acuta:


A mezzo contralto
B contralto
C soprano
D tenore
Punti: ……/1

6. Come viene chiamata la voce dei bambini?


Voce bianca
Punti: ……/1

7. Come si chiama la formazione composta da sole voci?


A Orchestra
B Quartetto
C Coro
D Banda
Punti: ……/1

297
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 6
Volume B • Storia della musica: Medioevo
1. Quali sono i luoghi dove si fa musica durante il Medioevo?
A Le chiese, le piazze e i castelli
B I teatri
C I giardini all’aperto
D Le corti
Punti: ……/1

2. Indica tra i seguenti strumenti quali sono tipici del periodo medievale.
(Attenzione: le risposte corrette sono 2!)
A Chitarra
B Pianoforte
C Viella
D Chitarra
E Ghironda
F Basso
Punti: ……/2

3. Come si chiama nel Medioevo la musica che si esegue durante le funzioni


religiose?
A Sinfonia
B Canto gregoriano
C Canto corale
D Concerto
Punti: ……/1

4. Come si chiama un canto sacro che presenta più melodie eseguite assieme?
Canto polifonico
Punti: ……/1

298
Verifica 6

Punteggio totale …………/8

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
5. Come si chiamano i musicisti che allietano le serate dei nobili nei loro
castelli?
A Concertisti
B Trovatori e trovieri
C Saltimbanchi
D Mecenati
Punti: ……/1

6. Chi sono i menestrelli?


A Musicisti girovaghi
B Cantanti
C Scrittori
D Poeti
Punti: ……/1

7. A che cosa è spesso abbinata la musica profana?


Alla danza
Punti: ……/1

299
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 7
Volume B • Storia della musica: Rinascimento

1. In quali luoghi si fa musica nel Rinascimento?


A Nei teatri
B Nelle chiese
C Nelle corti
D Nelle case private
Punti: ……/1

2. Qual è lo strumento a corda più importante di questo periodo?


A Il pianoforte
B Il liuto
C Il tamburo
D La tromba
Punti: ……/1

3. Qual è il genere sacro più importante?


A Il canto gregoriano
B La messa
C La ballata
D La musica da ballo
Punti: ……/1

4. Quali sono le principali scuole di questo periodo?


La Scuola fiamminga, la Scuola veneziana e la Scuola romana
Punti: ……/3

300
Verifica 7

Punteggio totale …………/11

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
5. Cosa si intende per «musica profana»?
A La musica eseguita nelle chiese
B La musica eseguita durante le feste e la musica da ballo
C La musica militare
D La musica cantata
Punti: ……/1

6. Qual è il genere profano più importante?


A La messa
B Il madrigale
C La musica polifonica
D La musica solo suonata
Punti: ……/1

7. Indica quali dei seguenti musicisti appartengono al periodo rinascimentale.


(Attenzione: le risposte corrette sono 3!)
A Giovanni Gabrieli
B Wolfgang Amadeus Mozart
C Igor Stravinsky
D Giovanni Pierluigi da Palestrina
E Luca Marenzio
F Louis Armstrong
Punti: ……/3

301
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 8
Volume B • Storia della musica: Barocco

1. Quali sono le due caratteristiche più evidenti della musica barocca?


La grandiosità e la ricchezza di ornamenti
Punti: ……/1

2. Quali sono gli strumenti a corda più importanti di questo periodo?


A Il pianoforte
B Il liuto e il clavicembalo
C Il tamburo
D La tromba
Punti: ……/1

3. Qual è la più importante forma musicale che nasce in questo periodo?


A La messa
B La polifonia
C Il melodramma
D Il canto sacro
Punti: ……/1

4. Qual è la forma musicale strumentale che si afferma maggiormente?


A La ballata
B La sinfonia
C Il duo
D Il concerto
Punti: ……/1

302
Verifica 8

Punteggio totale …………/9

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
5. Che cos’è una suite?
La suite è una composizione strumentale costituita da più movimenti di danza
che alternano brani lenti e brani veloci
Punti: ……/1

6. Nella musica barocca sono spesso presenti:


A improvvisi cambi d’intensità (ff / pp)
B assolo
C cambi di ritmo
D parti solo cantate
Punti: ……/1

7. Indica quali dei seguenti musicisti appartengono al periodo barocco.


(Attenzione: le risposte corrette sono 3!)
A Vivaldi
B Verdi
C Beethoven
D Bach
E Haendel
F Mozart
Punti: ……/3

303
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 9
Volume B • Storia della musica: Classicismo

1. In quali luoghi si fa musica durante il Classicismo?


A Nei teatri d’opera e nelle sale pubbliche e private
B Nelle piazze
C Nei castelli
D Nei conventi
Punti: ……/1

2. Quale strumento si afferma maggiormente in questo periodo?


A Il pianoforte
B Il liuto
C Il tamburo
D Il violino
Punti: ……/1

3. Qual è la forma musicale vocale che si afferma durante il Classicismo?


A La messa
B La polifonia
C Il melodramma
D Il canto sacro
Punti: ……/1

4. Qual è la forma musicale strumentale che si afferma maggiormente durante il


Classicismo?
A La ballata
B La sinfonia
C Il duo
D Il concerto
Punti: ……/1

304
Verifica 9

Punteggio totale …………/10

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
5. Qual è l’autore che porta il melodramma a livelli espressivi mai raggiunti?
Wolfgang Amadeus Mozart
Punti: ……/1

6. Da che cosa sono caratterizzati i brani di questo periodo?


A Da melodie semplici e orecchiabili
B Da una polifonia molto complessa
C Da ricchi abbellimenti
D Da improvvisi cambi d’intensità (f / p)
Punti: ……/1

7. Indica quali dei seguenti musicisti appartengono al periodo classico.


(Attenzione: le risposte corrette sono 3!)
A Vivaldi
B Verdi
C Beethoven
D Bach
E Mozart
F Haydn
Punti: ……/3

8. Qual è la più importante composizione di Beethoven?


La Sinfonia n. 9
Punti: ……/1

305
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 10
Volume B • Storia della musica: Romanticismo

1. In quali luoghi si fa musica durante il periodo romantico?


A Nei teatri, nelle sale da concerto e nei salotti
B Nelle piazze
C Nei castelli
D Nei giardini
Punti: ……/1

2. Qual è lo strumento preferito dal pubblico?


A Il violino C Il pianoforte
B Il violoncello D Il flauto
Punti: ……/1

3. Le vicende rappresentate nei melodrammi sono quasi sempre:


A ironiche
B serene e gioviali
C comiche
D tormentate e con un finale tragico
Punti: ……/1

4. Qual è la forma strumentale più importante?


La sinfonia
Punti: ……/1

5. Come viene chiamata la bravura tecnica dei musicisti?


A Virtuosismo C Agilità
B Espressività D Interpretazione
Punti: ……/1

306
Verifica 10

Punteggio totale …………/13

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
6. Il balletto è uno spettacolo:
A di solo canto
B di danza, con musica, scene e costumi
C solo suonato
D di carattere religioso
Punti: ……/1

7. I musicisti romantici sapevano descrivere:


A sia le forti passioni, sia i sentimenti più delicati
B solo situazioni legate al mondo dei sogni
C solo situazioni tragiche
D solo la natura
Punti: ……/1

8. Le variazioni d’intensità, dovute all’alternanza di vari strumenti, vengono:


A dimenticate C potenziate
B usate di rado D usate solo nei finali
Punti: ……/1

9. Indica quali dei seguenti musicisti appartengono al periodo romantico.


(Attenzione: le risposte corrette sono 3!)
A Vivaldi D Bach
B Chopin E Wagner
C Verdi F Mozart
Punti: ……/3

10. Qual è il più grande compositore italiano di melodrammi?


Giuseppe Verdi
Punti: ……/1

11. Qual è il più grande compositore russo di balletti?


Piotr Ilic Ciaikovskij
Punti: ……/1

307
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 11
Volume B • Storia della musica:
la musica dal Novecento a oggi

1. Nel Novecento la musica classica:


A diventa un fenomeno di massa
B viene seguita da poche persone competenti
C viene eseguita solo nei teatri
D viene eseguita solo nelle sale da ballo
Punti: ……/1

2. A che cosa, soprattutto, si deve la grande divulgazione della musica nel


Novecento?
A Ai concerti C Ai festival
B A radio, tv, dischi, cd, Internet D Alle orchestrine
Punti: ……/1

3. I compositori cominciano a utilizzare:


A nuove formazioni strumentali C strumenti elettronici
B nuove tecniche compositive D strumenti etnici
Punti: ……/1

4. Indica quali tecniche compositive appartengono al Novecento. (Attenzione: le


risposte corrette sono 2!)
A Musica atonale D Canto gregoriano
B Polifonia sacra E Musica aleatoria
C Musica dodecafonica F Ars nova
Punti: ……/2

5. Il ritmo spesso è:
A molto regolare B libero e irregolare
Punti: ……/1

308
Verifica 11

Punteggio totale …………/14

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
6. Le dissonanze creano sonorità:
A aspre e forti
B serene e piacevoli
C gioiose
D adatte alla musica spirituale
Punti: ……/1

7. Indica quali dei seguenti musicisti appartengono al Novecento. (Attenzione:


le risposte corrette sono 3!)
A Verdi D Stravinsky
B Mozart E Debussy
C Puccini F Beethoven
Punti: ……/3

8. A quale stile viene per lo più associato Claude Debussy?


All’Impressionismo musicale
Punti: ……/1

9. A quale genere è legato Igor Stravinsky?


Al balletto
Punti: ……/1

10. Qual è la caratteristica principale del Minimalismo?


Di ripetere continuamente poche note intervallandole incessantemente
Punti: ……/1

11. A quale stile compositivo è legato John Cage?


Alla musica aleatoria
Punti: ……/1

309
Nome Classe Data
DIDATTICA
INCLUSIVA

Verifica 12
Volume B • Storia della musica: il jazz

1. Dove nasce il jazz?


A In Europa C In Africa
B Negli Stati Uniti D In Asia
Punti: ……/1

2. Da quale musica deriva?


A Dalle canzonette americane C Dai canti degli emigrati italiani
B Dai canti degli schiavi neri D Dai canti popolari degli indiani
Punti: ……/1

3. Qual è la principale caratteristica del jazz?


A La melodia toccante C Gli accordi
B L’improvvisazione D Le sonorità delicate
Punti: ……/1

4. Le sonorità dei brani jazz sono:


A ricche di timbri B povere di timbri
Punti: ……/1

5. Come si chiama la formazione strumentale tipica della musica jazz?


A La banda C Il quartetto
B L’orchestra D La jazz band
Punti: ……/1

6. Indica qualche strumento presente nelle jazz band.


Risposta esemplificativa: tromba, clarinetto, banjo o chitarra,
tuba o contrabbasso, batteria
Punti: ……/2

310
Verifica 12

Punteggio totale …………/16

Valutazione …...........................................................................................................................................................................................................................................

…........................................................................................................................................................................................................................................................................

INCLUSIVA
DIDATTICA
7. Che cosa si intende per improvvisazione?
A Eseguire una melodia “deformandola”
B Eseguire una melodia senza spartito
C Eseguire una melodia nel registro acuto
D Eseguire una melodia con più strumenti
Punti: ……/1

8. Negli anni Trenta dal jazz nasce un genere piuttosto commerciale: quale?
A Lo swing C Il balletto
B La canzone D Il rap
Punti: ……/1

9. Indica quali tra i seguenti musicisti sono jazz. (Attenzione: le risposte


corrette sono 4!)
A Armstrong D Parker
B Verdi E Vivaldi
C Goodman F Davis
Punti: ……/4

10. A quale genere è legato Louis Armstrong?


Al jazz tradizionale
Punti: ……/1

11. A quale genere è legato Benny Goodman?


Allo swing
Punti: ……/1

12. A quale genere è legato Charlie Parker?


Al bebop
Punti: ……/1

311
Griglie di valutazione delle competenze
Le griglie che seguono si riferiscono ai Percorsi di competenze presenti nel Volume A.
Le competenze da valutare sono le seguenti:
1. Riconoscere i più importanti elementi costitutivi del linguaggio musicale all’interno di canti
d’autore e popolari.
2. Analizzare testi e comprenderne i significati.
3. Acquisire e interpretare informazioni.
4. Usare supporti digitali e informatici.
5. Eseguire brani vocali e strumentali.

Percorso «I gruppi rock internazionali»


LIVELLO
COMPETENZE ATTIVITÀ SVOLTE
RAGGIUNTO
1. Riconoscere i più L’alunno ha analizzato, sotto l’aspetto della notazione
importanti elementi musicale, alcune battute dei vari brani, per dimostrare la BASE
costitutivi del conoscenza relativa ai vari elementi di grammatica musicale.
linguaggio musicale INTERMEDIO
Il livello di competenza acquisito è il seguente:
all’interno di canti AVANZATO
d’autore e popolari.
2. Analizzare testi e L’alunno ha analizzato il testo delle canzoni, proposto sia in
comprenderne i lingua originale (inglese) sia in lingua italiana, rispondendo BASE
significati. alle domande presentate.
Ha compreso il significato dei testi e, soprattutto per il brano INTERMEDIO
Another brick in the wall, il messaggio sociale contenuto.
AVANZATO
Il livello di competenza acquisito è il seguente:
3. Acquisire e L’alunno ha letto i documenti proposti riguardanti i brani
interpretare Yesterday dei Beatles, ( I can’t get no ) Satisfaction dei Rolling BASE
informazioni. Stones e Another brick in the wall dei Pink Floyd.
Ha lavorato sulle biografie di questi gruppi e si è INTERMEDIO
documentato ulteriormente trovando altre informazioni.
AVANZATO
Il livello di competenza acquisito è il seguente:
4. Usare supporti L’alunno ha trovato online altre risorse relative ai brani BASE
digitali e informatici. studiati anche utilizzando le parole chiave fornite nei
documenti. INTERMEDIO
Il livello di competenza acquisito è il seguente: AVANZATO
5. Eseguire brani vocali L’alunno ha eseguito con lo strumento musicale inizialmente BASE
e strumentali. alcune battute estrapolate dai brani e successivamente le
canzoni per intero. INTERMEDIO
Il livello di competenza acquisito è il seguente: AVANZATO

BASE
IL LIVELLO DI COMPETENZA ACQUISITO È IL SEGUENTE: INTERMEDIO

AVANZATO

313
Griglie di valutazione delle competenze

Percorso «Guerra e pace»


LIVELLO
COMPETENZE ATTIVITÀ SVOLTE
RAGGIUNTO
1. Riconoscere i più L’alunno ha analizzato, sotto l’aspetto della notazione
importanti elementi musicale, alcune battute dei vari brani, per dimostrare BASE
costitutivi del la conoscenza relativa dei vari elementi di grammatica
linguaggio musicale musicale. INTERMEDIO
all’interno di canti Il livello di competenza acquisito è il seguente: AVANZATO
d’autore e popolari.
2. Analizzare testi e L’alunno ha analizzato il testo delle canzoni, rispondendo alle BASE
comprenderne i domande presentate. Ha compreso i testi e gli importanti
significati. messaggi sociali inseriti all’interno di essi. INTERMEDIO
Il livello di competenza acquisito è il seguente: AVANZATO
3. Acquisire e L’alunno ha letto i documenti proposti riguardanti i brani La
interpretare guerra di Piero di Fabrizio De André, La canzone del bambino
informazioni. nel vento (Auschwitz ) di Francesco Guccini e Sunday Bloody BASE
Sunday degli U2. Ha lavorato sulle biografie di questi INTERMEDIO
cantanti e si è documentato ulteriormente trovando altre
informazioni. AVANZATO
Il livello di competenza acquisito è il seguente:
4. Usare supporti L’alunno ha trovato online altre risorse relative ai brani BASE
digitali e informatici. studiati anche utilizzando le parole chiave fornite nei
documenti. INTERMEDIO
Il livello di competenza acquisito è il seguente: AVANZATO
5. Eseguire brani vocali L’alunno ha eseguito con lo strumento musicale inizialmente BASE
e strumentali. alcune battute estrapolate dai brani e successivamente le
canzoni per intero. INTERMEDIO
Il livello di competenza acquisito è il seguente: AVANZATO

BASE
IL LIVELLO DI COMPETENZA ACQUISITO È IL SEGUENTE: INTERMEDIO

AVANZATO

314
Griglie di valutazione delle competenze

Percorso «Le canzoni e la storia d’Italia»


LIVELLO
COMPETENZE ATTIVITÀ SVOLTE
RAGGIUNTO
1. Riconoscere i più L’alunno ha analizzato, sotto l’aspetto della notazione
importanti elementi musicale, alcune battute dei vari brani, per dimostrare la BASE
costitutivi del conoscenza relativa ai vari elementi di grammatica musicale.
linguaggio musicale INTERMEDIO
Il livello di competenza acquisito è il seguente:
all’interno di canti AVANZATO
d’autore e popolari.
2. Analizzare testi e L’alunno ha analizzato il testo delle canzoni, rispondendo
comprenderne i alle domande presentate. Ha compreso il significato dei BASE
significati. testi e l’importanza del messaggio storico-sociale presente INTERMEDIO
all’interno.
Il livello di competenza acquisito è il seguente: AVANZATO

3. Acquisire e L’alunno ha letto i documenti proposti riguardanti i brani


interpretare E la bandiera dei tre colori, Ta-pum e La leggenda del Piave. Ha BASE
informazioni. lavorato sul contesto storico in cui sono nati i brani e si è INTERMEDIO
documentato ulteriormente trovando altre informazioni.
Il livello di competenza acquisito è il seguente: AVANZATO

4. Usare supporti L’alunno ha trovato online altre risorse relative ai brani BASE
digitali e informatici. studiati anche utilizzando le parole chiave fornite nei
documenti. INTERMEDIO
Il livello di competenza acquisito è il seguente: AVANZATO
5. Eseguire brani vocali L’alunno ha eseguito con lo strumento musicale inizialmente BASE
e strumentali. alcune battute estrapolate dai brani e successivamente le
canzoni per intero. INTERMEDIO
Il livello di competenza acquisito è il seguente: AVANZATO

BASE
IL LIVELLO DI COMPETENZA ACQUISITO È IL SEGUENTE: INTERMEDIO

AVANZATO

315
internet: deascuola.it
e-mail: info@deascuola.it

Redattore responsabile: Rebecca Regli


Redazione: Ohara Sherko
Tecnico responsabile: Riccardo Massaro
Progetto grafico e impaginazione: Cabodigraf
Copertina: Silvia Bassi, Simona Speranza
Grafia musicale: Laura Ortolan
Ricerca iconografica: Laura Fiorenzo
Ricerca iconografica per la copertina: Alice Graziotin

Art Director: Nadia Maestri

Brani polifonici: a cura di Alberto Beozzi

Proprietà letteraria riservata


© 2017 De Agostini Scuola SpA – Novara
1ª edizione: gennaio 2017
Printed in Italy

Immagine in copertina: Getty Images.

L’editore dichiara la propria disponibilità a regolarizzare eventuali omissioni o errori di attribuzione.


Nel rispetto del DL 74/92 sulla trasparenza nella pubblicità, le immagini escludono ogni e qualsiasi possibile intenzione o effetto
promozionale verso i lettori.
Tutti i diritti riservati. Nessuna parte del materiale protetto da questo copyright potrà essere riprodotta in alcuna forma senza
l’autorizzazione scritta dell’Editore.

Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume dietro pagamento alla SIAE
del compenso previsto dall’art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n. 633.
Le fotocopie effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello
personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da CLEARedi, Centro Licenze e Autorizzazioni
per le Riproduzioni Editoriali, Corso di Porta Romana, 108 – 20122 Milano – e-mail: autorizzazioni@clearedi.org e sito web www.
clearedi.org.
Eventuali segnalazioni di errori, refusi, richieste di chiarimento di funzionamento tecnico dei supporti multimediali o spiegazioni sulle
scelte operate dagli autori e dalla Casa Editrice possono essere inviate all’indirizzo di posta elettronica info@deascuola.it.