Sei sulla pagina 1di 2

Mercoledì 19 gennaio 2011, ore 14:00 Aula Magna ISIA Urbino

Conferenza di Giovanni Anceschi via Santa Chiara 36, Urbino


Docente di riferimento Nunzia Coco info@isiaurbino.net

NEW
BASIC
DESIGN
E
BASIC Programma
• Introduzione: il Basic design attuale

DESIGN
L’esperienza allo IUAV
Temporalità e interazione
• Gli antefatti
• Lo snodo fondamentale di Ulm

A ULM
La riforma di Maldonado: caratteristiche
del Basic specifico (architettura, prodotto,
comunicazione) e scienza.
• Bidi/tridi vs. onto/feno
• Anceschi risponde: esperienze a confronto
Cos’è il Basic design? Chi è Giovanni Anceschi?
Il Basic design è l’ambito disciplinare del Design che intreccia È una figura di spicco del mondo della comunicazione
finalità propedeutiche e propositi fondativi. in Italia e all’estero. Promotore di un design etico e politico
E precisamente si propone di insegnare a dar forma ad oggetti, e antesignano nell’uso delle tecnologie più avanzate. È artista,
comunicati, eventi, processi, ecc. designer, saggista e organizzatore di “cultura della visibilità”.

La conferenza Professione

La conferenza di Giovanni Anceschi è dedicata a questa attività Professore ordinario di Disegno industriale. Presso lo IUAV, nel
pedagogica e a questa impostazione concettuale decisamente quadro della Scuola di dottorato, è coordinatore del dottorato
cruciale per la Design education. di ricerca in Scienze del design, dove organizza, fra l’altro, un
La conferenza partirà dalle circostanze attuali che vedono, seminario/workshop internazionale annuale dedicato al Basic
proprio in Italia, alcuni sviluppi profondamente innovativi design/Newbasicdesign/Hyperbasicdesign.
per una Disciplina della Configurazione di artefatti e processi Da più di trent’anni insegna discipline della comunicazione
cinetici e interattivi. nell’università, a CdL in Urbanistica, Preganziol, al DAMS di
Si occuperà successivamente di una svolta cruciale negli sviluppi Bologna e presso il Politecnico di Milano, dove - con Maldonado
disciplinari, che aveva avuto luogo (negli anni ’50 e oltre) presso e altri - aveva fondato la Facoltà del design.
La Scuola di Ulm ad opera di Tomás Maldonado. Sviluppa, un’intensa attività di conferenze, seminari e mostre
La svolta rappresenta una revisione (nella direzione di un in Italia e all’estero (Brema, Buenos Aires, Darmstadt, Hannover,
sistema di fondamenti scientifici rigorosi) dell’idea originaria Karlsruhe, Lisbona, Losanna, New York, Parigi, San Paolo,
di Basic Design nata presso il Bauhaus. Shanghai, Strasburgo, Toronto, Londra, Weimar).
L’incontro con Giovanni Anceschi proseguirà nella forma di Negli anni ’60, è fra i fondatori del movimento internazionale
risposte alle domande del pubblico sulla sua esperienza di dell’arte cinetica e programmata. Sempre negli anni ’60 si laurea
studente e docente alla Scuola di Ulm e sulle esperienze attuali. e insegna alla scuola di Ulm. Negli anni ’80 è protagonista del
movimento di cultura del progetto Grafica di Pubblica Utilità,
La Scuola di Ulm che ha varato la Carta del progetto Grafico.

La Hochschule für Gestaltung di Ulm viene fondata nel 1953 Pubblicazioni e premi
in Germania. Primo direttore è Max Bill, che chiama, nella fase
iniziale, alcuni docenti del Bauhaus, per insegnare nel contesto È l’autore , fra l’altro, di Monogrammi e figure, Firenze, 1988,
del corso fondamentale. In seguito la scuola assume un indirizzo de L’oggetto della raffigurazione, Milano, 1992, e a sua cura
indipendente grazie all’apporto di personalità quali quella è uscito Il progetto delle interfacce, Milano, 1993, che è il primo
di Tomás Maldonado, che porterà cambiamenti decisivi nel libro sul design dell’interazione in Italia. E’ stato direttore di
contesto dell’insegnamento fondamentale. “Grafica”.Insignito di premi prestigiosi come il Compasso d’oro
Le esercitazioni di Basic Design perdono quel carattere 1998 e l’Icograda Excellence Award for distinguished services
sperimentale tipico del Bauhaus, per avvicinarsi a un nuovo to graphic design 1999.
modello pedagogico fondato sul “problem solving”. La scuola
di Ulm si caratterizza per un nuovo modello pedagogico, Link
sviluppatosi con l’introduzione da parte di Maldonado di
discipline scientifiche (teoria della simmetria, topologia, http://www.newbasicdesign.it/
psicologia della percezione, semiotica). L’uso di queste discipline http://it.wikipedia.org/wiki/Giovanni_Anceschi
non è tuttavia fine a se stesso, ma sempre funzionale allo http://www.hfg-archiv.ulm.de/english/
sviluppo della creatività intesa come progettualità. http://www.isiaurbino.net/home/