Sei sulla pagina 1di 99

StudioKlain

le basi della grafica


StudioKlain
le basi della grafica

[ Indice le basi della grafica


[

Tipografia
introduzione 2
il corpo del carattere/unit di misura 3
crenatura e legatura 4
giustezza 6
interlinea 7
giustificazione e spaziatura 8
modernismo 10
rivista fuse 17
neville brody 21
anatomia del carattere 22
capacit espressive del carattere 24
carattere come immagine 26
formattazione del testo 30
classificazione dei caratteri 31
testo e immagini 45
i caratteri speciali 47
adrian frutiger/la nascita di univers 49
famiglie di caratteri/helvetica/officina 51
caratteri in dettaglio 53

Immagine
introduzione 56
copertina dell' independent magazine 57
immagini a colori 59
andy potts 61
varie gradazioni del nero 64
trapping 65
colors magazine 66
johnson banks 69
faydherbe-de vringer 70
elaborare un'immagine/thomas ruff 73
StudioKlain
le basi della grafica

[ Indice le basi della grafica


[

Layout
introduzione 77
2wice glow 78
2wice car 79
2wice spring 82
il formato di un progetto 83
la posizione di un'intestazione 86
combinazione di titolo immagine e blocco di testo 90
le gabbie 93
la scelta del font 97
StudioKlain
le basi della grafica

[ tipografia
[
unimmaginaria composizione con tipi in legno, che riproduce la matrice per la stampa
della scritta caratteri tipografici. i venti caratteri utilizzati sono tratti da serie famose,
talvolta rielaborazioni moderne di tipi antichi: il caso ad esempio del garamond itc,
ispirato ai caratteri ideati verso il 1530 dal francese claude garamond (1480 ca.-
1561); del didot linotype, riedizione del carattere disegnato dal tipografo francese
firmin didot (1764-1836); del bodoni, che riprende la forma dei punzoni fusi attorno
al 1788 dello stampatore e tipografo italiano giovan battista bodoni (1740-1813); del
baskerville, che ricalca il tipo disegnato a partire dal 1750 dal calligrafo inglese john
baskerville (1706-1775).
1
StudioKlain
le basi della grafica

[ introduzione
[
la tipografia, la cui origine risale all'invenzione dei caratteri tipografici mobili, avvenuta
verso la met del xv secolo, rimasta per ben cinquecento anni l'unico metodo di
stampa in grado di consentire grandi tirature. originariamente le superfici per la
stampa a rilievo venivano preparate componendo i caratteri mobili delle singole lettere
in modo da formare pagine di testo, le cosiddette forme tipografiche. l'inchiostro
veniva applicato sulle zone in rilievo della forma per essere poi trasferito su carta o
pergamena. Il significato del termine viene oggi comunemente esteso fino a
comprendere, in generale, l'arte della realizzazione di testi stampati (libri, giornali,
periodici, poster, annunci pubblicitari), attraverso la scelta del tipo, della dimensione
e dello stile di carattere appropriato.

2
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_il corpo del carattere/unit di misura

il corpo del carattere

la parola "font" difficilmente traducibile in


italiano. potrebbe essere resa con disegno del
carattere". un font pu assumere diverse
dimensioni che vengono scelte sulla base del
"corpo". il corpo la misura della distanza
verticale tra il punto pi alto e il punto pi
basso di un gruppo di caratteri. da questa
osservazione deriva che il corpo fornisce
unidea molto approssimativa delle dimensioni
vere e proprie di un carattere ed molto
approssimativo anche per quel che riguarda la
leggibilit; infatti font diversi ma con lo stesso
corpo possono avere livelli di leggibilit molto
diversi.

unit di misura

il corpo si esprime in punti tipografici. punti


sono misure molto complicate, vi sono diversi
tipi di "punti" si parla infatti di "punto cicero",
"didot", "pica"... essi non sono basati sul sistema
metrico decimale. il punto tipografico un
dodicesimo della riga tipografica. il sistema
anglosassone prevede una riga tipografica
di circa 4,2 mm, per cui un punto circa
0.35; che sarebbe il punto pica.
la riga nella trazione europea di 4,512 mm
e quindi il "punto didot" di 0,376 mm. la
dimensione in punti di un carattere va dal punto
pi basso dei caratteri che hanno un'asta
discendente (come la q o la g) al punto pi alto
di un carattere che ha un'asta che sale (ad
esempio, la d).
per misurare un font nel senso orizzontale in
molti casi si usano i punti em o n. sono
espressi in percentuale rispetto alla larghezza
della lettera m e alla larghezza della lettera n
che cambiano al cambiare del font. questa unit
di misura relativa al font viene usata con profitto
per la spaziatura tra i caratteri e per altre
spaziature orizzontali.
3
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_crenatura e legatura

crenatura

con il termine crenatura o kerning si indica la


riduzione dello spazio in eccesso fra due
caratteri, attuata al fine di eliminare spazi bianchi
antiestetici e dare un aspetto pi omogeneo al
testo. le distanze fra lettera e lettera non devono
ritenersi necessariamente uguali. di fatti
potrebbe darsi il caso che tutte o gran parte
delle lettere che formano una parola vengano
ad avere la medesima distanza fra le singole
lettere: questo tuttavia sarebbe un caso dovuto
agli aspetti costruttivi delle lettere stesse e per
nulla dovuto al preconcetto che tali distanze
debbano calcolarsi uguali. la crenatura nelle
lettere di stile lineare sar differente da quella
nelle lettere di stile graziato; nelle prime lo
spazio fra due aste verticali supera, di solito,
lo spessore dellasta stessa, eccetto nel caso
in cui lo spessore dellasta sia molto largo. ci
determinato dal fatto che il bianco interno
alla lettera esige un corrispondente bianco
esterno.quando bisogna affiancare lettere
particolari (con molto spazio bianco al loro
interno) la crenatura diventa la correzione
ottica della spaziatura tra lettera e lettera.

legatura

nei font graziati l'ascendente della lettera "f" e


la grazia dell'ascendente della lettera che la
segue possono sembrare fastidiose alla vista
per questo spesso vengono unite da una
legatura. allo stesso modo il puntino della "j"
pu essere eliminato e unito alla lettera "f".
4
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_crenatura e legatura

AT AT AY AY AV AV AW AW
Ay Ay Av A v Aw Aw FA F A
TO T O TA TA Ta T a Te Te
To T o Ti T i Tr T r Tu T u
Ty T y Tw T w Ts T s Tc Tc
LT LT VA VA Va Va Ve Ve
PA PA Vi V i Vr V r Vu V u
Vy Vy RT R T RV RV RW R W
RY R Y Ry R y WA WA Wa Wa
We We Wo Wo Wi W i Wr W r
WU W U WY W Y YA YA Ya Ya
Ye Ye Yo Yo Yi Y i Yp Yp
Yq Yq Yu Yu Yv Yv YV Y V
5
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_giustezza

giustezza colonna di 3 cm

la giustezza definisce la larghezza di una lorem ipsum


colonna di testo, si regola in base all'interlinea dolor sit am
e viceversa, ci vuol dire che due blocchi di tempore
testo aventi stesso carattere, stessa interlinea incidunt ut
e stessa dimensione del carattere avranno labore et
leggibilit diversa se distribuiti su colonne di dolore. atque
diversa dimensione. la giustezza si misura in ut odia,
righe tipografiche o in centimetri. la giustezza invidia
stabilisce la lunghezza massima delle righe despicatione
tipografiche. ci non vuol dire che la riga di et adver
testo debba essere lunga come la giustezza, antur
cosa che si verifica solo nella composizione a luptabib
blocchetto; la riga pu essere di differente
3 cm
lunghezza, stabilendo appunto, per la giustezza
il massimo della lunghezza delle righe sulla
quale centrato o allineato, a sinistra o a destra,
il testo. la sproporzione fra un corpo del carattere
e la lunghezza delle linee pu nuocere alla colonna di 7 cm
leggibilit, nel senso che, se il corpo troppo
grande leffetto risulter sgradevole, mentre se
lorem ipsum dolor sit am
troppo piccolo render faticosa la lettura.
tempore
poich locchio legge per gruppi di parole
incidunt ut labore et dolore.
anzich per parole singole, il loro numero sulla
atque ut odia, invidia
riga molto importante. per una corretta
despicatione et adver antur
giustezza, bisogna ricordare che: luptabib
i caratteri con grazie danno i migliori risultati
con 9-12 parole per riga. 7 cm
i caratteri senza grazie hanno bisogno di
righe da 7 a 10 parole.
i caratteri con occhio grande accettano righe
pi lunghe, mentre quelli con locchio piccolo
colonna di 8 cm
impongono meno parole per riga.
il numero di parole contenute in una riga pu
essere modificato aumentando o diminuendo lorem ipsum dolor sit am tempore
il corpo, cambiando carattere o modificando la incidunt ut labore et dolore. atque
giustezza. ut odia, invidia despicatione et adver
la lunghezza di una linea di testo dovrebbe antur luptabib
contenere circa da 1 a 2 volte le lettere
8 cm
dellalfabeto minuscolo di un carattere tondo,
neretto, normale.
quando si lavorara su giustezze pi lunghe
bisogna aumentare lo spazio interlineare ed
evitare confusione ed inciampi nel passaggio
della lettura da una linea a quella sottostante.
6
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_interlinea

interlinea interlinea di 14 punti

linterlinea lo spazio inserito fra due righe di lorem ipsum


testo per favorire il movimento dellocchio dolor sit am 14 punti

dalluna allaltra; si calcola in punti o righe tempore


tipografiche prendendo come riferimento le incidunt ut
linee di base (baseline) delle righe di testo. labore et
come il corpo, anche linterlinea una misura dolore. atque
che ha un rilievo solo ed escluivamente in ut odia,
senso verticale. l'interlinea non ha delle regole invidia
fisse, poich si definisce in relazione al carattere despicatione
e al formato della pagina. aumentando et adver
linterlineatura in modo eccessivo (3 punti) si antur
crea una forte orizzontabilit nella pagina, che, luptabib
solo in casi particolari, pu costituire un fatto
positivo. una maggiore interlineatura
consentita alla grande giustezza, mentre la
giustezza inferiore non sopporta spazi eccessivi
fra le righe. linverso dellinterlineatura la
sterlineatura (spazio in meno fra le righe di interlinea di 18 punti
testo) e deve essere usata con le righe corte
(5-6 parole), nei testi e titoli in maiuscolo, con lorem ipsum dolor sit am
i caratteri con occhio piccolo e con quelli chiari
tempore
18 punti

e dalle aste sottili; negli elenchi e negli indici.


quando un testo sterlineato risulta ben leggibile, incidunt ut labore et
non stanca la vista e il quadro della pagina dolore. atque ut odia,
ben compatto, ci si trova di fronte ad un carattere invidia despicatione et
davvero ben disegnato. nel fissare linterlinea
adver antur luptabib
durante la composizione tipografica, bisogna
ricordare che:
come regola generale, lo spazio fra due righe
deve essere il 120% del corpo utilizzato. se,
ad esempio, si usa il corpo 10, si sceglier
uninterlinea 12.
interlinea di 20 punti
linterlineatura va aumentata con le righe
lunghe (12-15 o pi parole), con i caratteri con
occhio grande, con grossezze elevate (caratteri lorem ipsum dolor sit am
20 punti
neri e nerissimi) e quando i caratteri si toccano tempore
con gli ascendenti, i discendenti o gli accenti.
incidunt ut labore et dolore.
atque ut odia, invidia
despicatione et adver antur
luptabib
7
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_giustificazione e spaziatura

giustificazione

si parla di allineamento a sinistra quando


tutte le righe iniziano sotto la stessa colonna;
allineamento a destra quando ciascuna riga
termina sulla stessa colonna; allineamento
centrato quando ciascuna riga posta al
centro. e chiaro che le varie righe sono
composte da parole diverse, e quindi le varie
righe avranno ciascuna un numero di lettere
differente. le righe saranno dunque un po pi
lunghe o un po pi corte. se iniziano o terminano
sulla stessa colonna, dalla parte opposta (alla
fine o allinizio) si avr una certa irregolarit del
testo. giustificando il testo invece si inserisce
o si comprime una piccola quantit di spazio
qua e l lungo la riga, in modo che ciascuna
riga sia allineata alle altre. questo significa che
viene alterato il rapporto tra nero e bianco
e la regolarit che si crea a livello di riga pu
essere sacrificata a livello di colpo docchio
sul testo; cio un testo con parole molto lunghe
a cui si applica una giustificazione pu
presentare molti spazi vuoti e risultare
visivamente imperfetto.quando si parla di testo
giustificato si intende che tutte le righe
vengono pareggiate in larghezza orizzontale,
eccetto quelle in cui termina il paragrafo, che
restano allineate a bandiera. quindi, nel caso
in cui c' una riga corta, un punto e un a-capo,
il programma di giustificazione non tocca quella
riga, che viene resa come fosse allineata a
sinistra. lopzione (presente solo su alcuni
programmi) che consente di giustificare tutte
le righe si chiama giustificato forzato .

spaziatura
spaziatura eccessiva
per rendere i caratteri distinguibili possibile spaziatura normale
regolare la spaziatura fra tutte le lettere. una
spaziatura minore permette l'inserimento di pi
lettere in un'area ma una riduzione esagerata sapziatura ridotta
della spaziatura pu provocare una
sovrapposizione delle lettere mentre
un'eccessiva spaziatura rende le lettere troppo
spaziatura molto ridotta
distanti l'una dall'altra.
spaziatura troppo ridotta
8
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_giustificazione e spaziatura

minimo: 50 ottimo: 80 massimo: 120 minimo: 80 ottimo: 100 massimo: 150

nulla potest mulier tantum se nulla potest mulier tantum se


dicere amatam vere, quantum a dicere amatam vere, quantum a
me lesbia amata mea est. nulla me lesbia amata mea est. nulla
fides ullo fuit umquam foedere fides ullo fuit umquam foedere
tanta, quanta in amore tuo ex tanta, quanta in amore tuo ex
parte reperta mea est. parte reperta mea est.

minimo: 100 ottimo: 140 massimo: 200 minimo: 140 ottimo: 170 massimo: 250

nulla potest mulier tantum se nulla potest mulier tantum se


dicere amatam vere, quantum dicere amatam vere, quantum
a me lesbia amata mea est. a me lesbia amata mea est.
nulla fides ullo fuit umquam nulla fides ullo fuit umquam
foedere tanta, quanta in amore foedere tanta, quanta in amore
tuo ex parte reperta mea est. tuo ex parte reperta mea est.

minimo: 170 ottimo: 200 massimo: 300 minimo: 200 ottimo: 250 massimo: 350

nulla potest mulier tantum se nulla potest mulier tantum se


dicere amatam vere, quantum dicere amatam vere, quantum
a me lesbia amata mea est. a me lesbia amata mea est.
nulla fides ullo fuit umquam nulla fides ullo fuit umquam
foedere tanta, quanta in amore foedere tanta, quanta in
tuo ex parte reperta mea est. amore tuo ex parte reperta
mea est.
9
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_modernismo

listituzione tardo-modernista per


eccellenza si ebbe negli anni
immediatamente successivi alla mostra
the international style al moma di new
york nel 1932. la scelta di dedicare il
proprio programma sullarchitettura
allintroduzione del pubblico americano
al movimento moderno, segna la genesi
del linguaggio stilistico e internazionalista
del modernismo. tale gesto intese
circoscrivere diverse scuole in pi paesi
in conformit a un credo formale e
materiale condiviso.

de stijl
i contenuti del movimento de stijl vengono
messi a punto da mondrian, mentre van
doesburg li diffonde viaggiando e tenendo
conferenze.

costruttivismo bauhaus
una corrente astratto- partendo da una radicale
geometrica che nasce in decontestualizzazione degli
russia come movimento oggetti e degli ambienti, il
d'avanguardia. il bauhaus si attu nella
costruttivismo s'inserisce tendenza a ridurre la
nei fermenti della struttura a pura essenzialit
rivoluzione russa con un tecnologica. le forme
ritmo d'intensa elementari divennero i
s p e r i m e n ta z i o n e c h e "mattoni" di base di queste
terminer nel 1933 circa costruzioni.
per l'avversione del
g o v e r n o . s ta t o u n
movimento di forte
influenza per la nascita del
modernismo.
10
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_modernismo

13
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_modernismo

14
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_modernismo/faydherbe-de vringer

manifesti per il festival estivo dell'aia: de


haagse zomer
design: faydherbe/de vringer
questi manifesti sono ispirati al costruttivismo
russo, ad artisti come el lissitzki e rodchenko.
sono caratterizzati da vivaci colori e da un
collage che rispecchia lo stile di fayedherbe/de
vringer.

15
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_modernismo/faydherbe-de vringer

16
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_rivista fuse

17
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_rivista fuse

copertine per la rivista "fuse"


design: research studios london
fuse: mitica rivista digitale con uscita
quadrimestrale. fuse rappresenta gli originali,
esacerbati, destrutturati fonts della fine del xx
secolo. la rivista fuse viene fondata da neville
brody e jon wozencroft nel 1991 e ad essa
allegato un disco contenente caratteri tipografici
sperimentali e poster disegnati appositamente
per esplorare le potenzialit dei caratteri stessi.
lobiettivo non era tanto quello di creare caratteri
utilizzabili, ma di portare avanti una ricerca
allinterno della struttura dellalfabeto e di
accentuare le forme che sono pi vicine al
linguaggio scritto io vorrei togliere la
tipografia dalla condizione di puro servizio,
e portarla verso una posizione
potenzialmente pi espressiva e visivamente
dinamica, dichiarava lo stesso brody. ad ogni
emissione della rivista venivano riuniti quattro
progettisti o tipografi ognuno incaricato per
generare un manifesto con un carattere
sperimentale basato su un tema centrale. fuse
rappresenta un punto d'incontro per il disegno
e la tipografia sperimentale. dopo la fondazione
di questa rivista si aprono nuovi orizzonti per
la tiopografia che specializzer nell'uso del
computer.

18
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_rivista fuse

19
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_rivista fuse

20
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_neville brody

brody neville (1957)

si tratta di uno dei designer che hanno


rivoluzionato l'arte tipografica e il graphic design.
formatosi al london college of printing, appena
diplomato diviene autore della grafica di cabaret
voltaire e art director della fetish record, curando
l'artwork degli album di sconosciuti gruppi
musicali punk. nei primi anni '80 come art
director cura l'immagine delle riviste the face,
city limit, arena, rinnovando la grafica inglese
non solo underground. nell'87 fonda un suo
studio, il research studio, che in breve tempo
diviene un punto di riferimento obbligato per
chiunque si occupi di grafica. nei 10 anni
successivi, disegna i loghi della tv via cavo
tedesca premire, della orf, delle poste olandesi,
della haus der kulturen der welt di berlino, del
parco in giappone e di greenpeace. in italia
cura la veste grafica di alcune riviste tra cui il
mensile fondato da flavio lucchini, lei. col titolo
the graphic language of neville brody, nell'88
viene allestita una mostra sul suo lavoro che
gira le principali capitali facendolo conoscere
in tutto il mondo. il materiale dell'esposizione
costituir la base di un volume monografico.
in questi anni che fonda fuse (font works und
font shop international), l'associazione che
nell'ultimo decennio del secolo ha dominato la
scena grafica internazionale. nel '94 esce the
graphic language of neville brody 2, che
raccoglie tutti i lavori prodotti dopo l'88. con
l'avvento della computer graphics, amplia il suo
campo di interessi e di esperienze professionali
creando i pi diffusi e versatili linguaggi visuali
usati nel mondo delle comunicazioni
elettroniche.
21
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_anatomia del carattere

anatomia del carattere

un carattere pu essere classificato in base


alle sua caratteristiche. per poter classificare
i caratteri esiste una terminologia che ne
descrive gli elementi. esitono diverse versioni
di un carattere:
roman: la forma grafica di base, l'aspetto
delle lettere stato copiato dalle iscrizioni
trovate sui reperti romani.
light: una versione pi leggera del roman.
boldface: ha uno spessore maggiore delle
lettere rispetto al roman.
italic: la versione corsivo del roman.
condensed: versione condensata del roman.
extended: versione estesa del roman.

22
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_anatomia del carattere/times new roman

apice asta curva braccio

C DE G montante barra

I J K LM P arco ispessimento

R ST V W
XYZ
coda

ascendente orecchio

bc e f h
occhiello asta retta linea curva collo gancio

ij no p
altezza delle
aste ascendenti

altezza delle

r s uvw
aste discendenti
grazia

times new roman; 1932


discendente tratto terminale carattere tipografico di larghissima fortuna, disegnato nel 1931

x yz
per il quotidiano britannico "the times" da un'quipe di grafici
coordinata da stanley morison. contraddistinto da notevole
differenza di spessore nello sviluppo del tratto, decisamente
altezza assottigliato in prossimit dei raccordi e nelle parti finali dei
bracci delle lettere aperte, ha uncini tondeggianti e contenute
delle grazie appuntite. ne esistono varie versioni, che si differenziano
minuscole tuttavia poco da quella originaria realizzata dalla fonderia
monotype.
23
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_capacit espressive del carattere

c a pa c i t e s p r e s s i v e d e l c a r a t t e r e

il valore delle parole scritte pu essere espresso


anche dalla forma del carattere, questo perch
vi sono caratteri delicati e potenti, maschili e
femminili, eleganti e rigidi, gravi, seri. sono
questi accorgimenti che sovente danno alla
stampa un potere che altrimenti non avrebbe
quindi la grandezza e lo spessore di un
carattere, considerati come tono e suono di
voce, possono costituire di per se elementi di
espressione. ci che agevola l'espressione
tipografica di uno stato d'animo anche la
disposizione e non solo la forma del carattere
che, qualora sia eccentrica, gioca un brutto tiro
alla leggibilit.

24
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_capacit espressive del carattere/faydherbe-de vringer

copertine per i rapporti del ministero della


sanit
design: faydherbe/de vringer

i grafici fydherbe e de vringer utilizzano diversi


tipi di caratteri per esprimere dei significati che
sarebbero troppo espliciti se espressi con la
fotografia.

25
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_carattere come immagine/lewis moberly

bottiglia per il vino portoghese herdade do


peso
design: lewis moberly

lewis moberly ha inciso direttamente sulla


bottiglia l'etichetta del vino portoghese, "herdade
do peso". inoltre sul collo della bottiglia sono
collocate immagini che rappresentano i
paesaggi di alentejo, la terra di produzione del
vino, ogni paesaggio cambia con il cambiare
della stagione.

26
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_carattere come immagine/studio sagmeister

trying to look good limits my life


design: studio sagmeister

stefan sagmeister: "mio nonno stato educato


nell'arte dell'incisione ed io sono cresciuto con
la saggezza delle sue opere. ricordo ancora il
pannello appeso nel nostro ingresso in austria,
dove si legge:
questa casa mia e non lo , neppure il
prossimo ragazzo la posseder, porteranno
via anche il terzo. dunque, dimmi amico
mio, di chi questa casa?
sto solo seguendo la tradizione, il titolo di
quest'opera (e il suo contenuto) una delle
poche cose che ho imparato finora nella mia
vita".

27
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_carattere come immagine/studio sagmeister

AIGA detroit
design: studio sagmeister

per questo manifesto di conferenza per AIGA


di detroit lo studio sagmeister ha cecato di
comunicare la sensazione di dolore
che accompagna la maggior parte dei progetti
di design; proponendo ad uno stagista di farsi
incidere la grafica direttamente sulla pelle cos
come aveva fatto richie manic dei manic street
preachers.

28
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_carattere come immagine/studio sagmeister

poster di lou reed


design: studio sagmeister

poster che annuncia l'uscita del nuovo album


di lou reed "set the twilight reeling". lo studio
sagmeister ha scelto di scrivere le parole dei
testi direttamente sul volto del cantante poich
hanno dei significati strettamente personali.
la canzone dell'album dal titolo set the twilight
reeling ha generato colloqui annaspanti sulla
penombra di una stella che recentemente
emerge. lo studio sagmeister ha illustrato la
metamorfosi di questa stella che come il
carattere del cantante dapprima cupo poi
riemerge per dare spazio ad un nuovo uomo.
stata utilizzata una scatola di colore blu notte
combinata con un ritratto luminoso di lou
stampato sulla copertina del libretto. la parte
posteriore del libretto e la progettazione del cd
in se formano insieme uno schema di un'eclissi.
lo stile della parte grafica interna riflette invece
il contenuto delle parole dei testi.

29
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_formattazione del testo

testo giustificato. dimensione 11. testo giustificato. rientro per la prima


riga. dimensione 12. divisione in tre
paragrafi.
per "formattazione del testo" si intende la scelta Per "formattazione del testo" si intende la
delle dimensioni e della forma dei caratteri. ma scelta delle dimensioni e della forma dei caratteri.
significa anche dare un aspetto chiaro e ma significa anche dare un aspetto chiaro e
gradevole al testo assegnando determinate gradevole al testo assegnando determinate
caratteristiche a parole e periodi. il fine quello caratteristiche a parole e periodi.
di mettere pi o meno in evidenza i termini, in
relazione all'importanza che devono assumere Il fine quello di mettere pi o meno in evidenza
all'interno del documento. in un libro, ad esempio, i termini, in relazione all'importanza che devono
i caratteri usati per il titolo di un paragrafo sono assumere all'interno del documento.
sicuramente pi grandi di quelli usati per il resto
del testo, ma pi piccoli di quelli che compongono In un libro, ad esempio, i caratteri usati per il
il nome del capitolo. titolo di un paragrafo sono sicuramente pi grandi
di quelli usati per il resto del testo, ma pi piccoli di
quelli che compongono il nome del capitolo.

testo allineato a sinistra. dimensione 11. testo al centro. dimensione 11. interlinea
interlinea 12. linea di separazione per al 120%. lettera iniziale di dimensione
ogni paragrafo. 28.
per "formattazione del testo" si intende la scelta
delle dimensioni e della forma dei caratteri. ma
significa anche dare un aspetto chiaro e
p er "formattazione del testo" si intende la
scelta delle dimensioni e della forma dei
gradevole al testo assegnando determinate caratteri. ma significa anche dare un aspetto
caratteristiche a parole e periodi. chiaro e gradevole al testo assegnando determinate
caratteristiche a parole e periodi.
il fine quello di mettere pi o meno in evidenza i
termini, in relazione all'importanza che devono
assumere all'interno del documento. il fine quello di mettere pi o meno in evidenza i
termini, in relazione all'importanza che devono
in un libro, ad esempio, i caratteri usati per il titolo assumere all'interno del documento.
di un paragrafo sono sicuramente pi grandi di quelli
usati per il resto del testo, ma pi piccoli di quelli in un libro, ad esempio, i caratteri usati per il titolo
che compongono il nome del capitolo. di un paragrafo sono sicuramente pi grandi di quelli
usati per il resto del testo, ma pi piccoli di quelli
che compongono il nome del capitolo.
30
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_classificazione dei caratteri

classificazione dei caratteri


BLACKLETTER,
i caratteri possono essere classificati basando GOTHIC , OLD
si sul loro aspetto visivo ci importante per E N G L I S H ,
poter utilizzare al meglio i caratteri. BLOCK.
principalmente si distinguono quattro categorie
di font:
roman: comprende tutti i font con grazie. SERIF, ROMAN
gothic: comprende tutti i font senza grazie.
sono dei caratteri che di solito vengono usati old style venetian/humanist
per titoli e intestazioni per via della loro chiarezza
nelle linee.
script: comprende tutti i font che imitano la old style aldine/garaldes
scrittura a mano questo per far si che le lettere
siano tutte unite. ce ne sono di vari tipi, quelli old style dutch
che ad esempio imitano l'effetto di una penna
stilografica o quello di un pennello. vengono old style revival
per la maggior parte utilizzati per testi brevi
come un invito o un biglietto da visita. transitional
blackletter: comprende i font che si ispirano
ai manoscritti germanici antichi. si tratta di una didone
calligrafia che si usava soprattutto nel
medioevo, un carattere difficoltoso da leggere slab serif o egyptian
per questo solitamente viene usato come
ornamento, ad esempio per una capolettera. clarendon

glyphic

SANS-SERIF, GOTHIC O LINEARE

grotesque

neo grotesque

geometric

humanistic

square

SCRIPT

d e c o r at i v e

graphic type
31
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_classificazione dei caratteri

blackletter, gothic, old english, block.

32
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_classificazione dei caratteri

33
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_classificazione dei caratteri

34
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_classificazione dei caratteri

35
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_classificazione dei caratteri

36
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_classificazione dei caratteri

37
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_classificazione dei caratteri

38
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_classificazione dei caratteri

39
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_classificazione dei caratteri

40
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_classificazione dei caratteri

OCRA font ideato nel 1968 dalla ATE

41
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_classificazione dei caratteri

42
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_classificazione dei caratteri

43
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_classificazione dei caratteri

44
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_testo e immagini/faydherbe-de vringer

manifesti cinematografici
design: faydherbe/de vringer
questi manifesti sono stati realizzati negli anni
novanta prima che lo studio adottasse il
computer. i caratteri sono degli esempi realizzati
a mano negli anni venti. de vringer afferma che
i caratteri tipografici non sono essenziali per
determinare lo stile di un lavoro, lo sono invece
le immagini. come si pu vedere dagli esempi
molto utilizzata la sovrastampa poich si
cercava di dare il massimo da due soli colori
dato che l'uso della quadricromia era molto
meno diffuso rispetto ai nostri giorni.

45
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_testo e immagini/faydherbe-de vringer

46
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_i caratteri speciali

i caratteri speciali
un alfabeto tipografico non solamente
composto da lettere maiuscole, minuscole e
numeri; ma anche da segni ortografici. una
buona font, per ogni tipo di piattaforma,
composta da circa 200 caratteri utilizzabili. i
segni non alfabetici vengono definiti caratteri
speciali. i caratteri speciali sono ad esempio:
i segni di interpunizione o la punteggiatura
che non altro che un insieme di segni
convenzionali che servono a regolare o a
scandire, nella pagina scritta, il flusso dele
parole e della frase, in modo da riprodurre il
pi fedelmente possibile le intonazioni
espressive del parlato. gli accenti definiscono
invece un aumento di intensit di suono conferito
a una vocale nella pronuncia di una parola; a
tale intensit, detta accento tonico, pu
corrispondere nella lingua scritta un segno,
detto accento grafico, che diventa ortografico
quando richiesto dalle regole grammaticali
di una lingua. non bisogna confondere l'accento
con altri segni diacritici come la tilde (, , ),
la dieresi o umlaut (, ) e la cediglia (), che
modificano il valore fonetico di una consonante
o di una vocale. infine esistono i pittogrammi
che sono delle abbrreviazioni sui simboli delle
valute.

47
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_i caratteri speciali

48
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_adrian frutiger/la nascita di univers

adrian frutiger
a sessantanni di distanza, la passione di frutiger
per i segni in generale e per i caratteri tipografici
in particolare rimasta inalterata. nel suo atelier
nel canton berna, dove tornato a vivere dopo
un soggiorno parigino durato decenni, le
testimonianze di unesistenza passata tra i
segni sono onnipresenti. una delle pi celebri
famiglie di caratteri da lui create univers.

la nascita di univers
citt natale di univers fu parigi, dove frutiger si
era trasferito dopo gli studi alla scuola di arti
applicate di zurigo, allinizio degli anni cinquanta.
nella capitale francese il giovane designer aveva
trovato impiego presso la grande fonderia di
caratteri deberny & peignot. nel 1952 charles
peignot, proprietario della fonderia, acquist
negli usa una licenza per costruire il primo
apparecchio per la fotocomposizione in europa.
a frutiger fu assegnato il compito di ridisegnare
una decina di scritture classiche con le grazie,
quali la garamond, la bodoni o la baskerville,
per adattarle alla nuova tecnologia. ben presto
si pose il problema di rendere compatibile con
la fotocomposizione anche una scrittura lineare.
la pi diffusa allepoca in francia era la futura,
progettata da paul renner. coerentemente
alla filosofia del bauhaus, si trattava di una
scrittura completamente 'costruita', osserva
frutiger. le o erano tracciate con il compasso,
le linee con la riga, le a avevano le due
gambe dello stesso spessore. a zurigo
ero stato allievo di un ottimo insegnante,
appassionato della scrittura capitale
romana, aggiunge. le maiuscole romane
hanno proporzioni precise: i tratti ascendenti
delle a sono pi sottili di quelli discendenti,
le linee orizzontali delle o pi sottili di quelle
verticali. frutiger propose perci a peignot di
creare una nuova scrittura, muovendo dalle
caratteristiche delle maiuscole romane, ma
reinterpretandole in senso moderno. la proposta
avrebbe condotto a univers, una scrittura che
per la prima volta comprendeva unintera
gamma di caratteri, con vari gradi di grassetto
e con le rispettive versioni in corsivo.
49
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_adrian frutiger/la nascita di univers

50
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_famiglie di caratteri/helvetica

famiglie di caratteri

il font, la fonte o la font indica una famiglia di


caratteri dello stesso stile, ma con delle variabili
ed esempio quella del grassetto (bold) e del
corsivo (italic). delle famiglie di caratteri possono
essere ad esmpio: bodoni, futura, officina,
helvetica, garamond...

helvetica

carattere bastone disegnato nel 1957 da edward


hoffman e max miedinger per la fonderia haas.
si distingue per le forme leggermente ovoidali
delle chiusure interne, sviluppate in altezza,
che gli conferiscono particolare eleganza,
insieme alle equilibrate soluzioni per i raccordi
e i tratti onduati.

51
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_famiglie di caratteri/officina

52
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_caratteri in dettaglio

caratteri in dettaglio

nella definizione di un caratere tipografico


alcune volte di fondamentale importanza la
spaziatura delle lettere. lo spazio occupato da
una lettera viene definito con il nome di letter-
spacing. il letter-spacing si misura in em, si
tratta di un'unit di misura pari alla grandezza
della lettera m. un carattere tipografico pu
anche essere monospaziato o avere una
larghezza propozionata.

caratteri monospaziato: i caratteri


monospaziati avevano degli stili che di solito
venivano usati per le macchine da scrivere. un
carattere monospaziato pu essere ad esempio
courier.

caratteri con larghezza proporzionata: in


questo caso ogni carattere occupa uno spazio
proporzionato alla sua dimensione. un sistema
che veniva usato dalle fonderie monotype e
linotype.

numeri allineati: in genere i caratteri tipografici


non consentono l'allineamento verticale dei
numeri. questa caratteristica importante per
le informazioni tabulari, e si verifica nei caratteri
monospaziati.

numerali old style:


alcuni caratteri hanno la caratteristica di avere
i numerali di altezze diverse. questo fa si che
su una stessa riga i numeri appaiono non allinati
orizzontalmente, per questo motivo la lettura
difficoltosa.

numerali non allineati:

si tratta di caratteri che hanno una larghezza


proporzionata alle loro dimensioni pertanto i
numerali risultano non allineati verticalmente.
il corsivo e l'obliquo: generalmente nei
caratteri tipografici il corsivo viene generato
con un'opzione del computer cio inclinando il
font a destra. in realta il corsivo vero e proprio
un carattere ridisegnato con le caratteristiche
del corsivo.
53
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_caratteri in dettaglio

54
StudioKlain
le basi della grafica

[ immagine
[
uno dei lavori dello studio "frost design" in questo caso si tratta di un manifesto
dedicato a keith haring, chiara anche in questo lavoro la passione di frost design
per i manifesti a fisarmonica. la foto di keith haring viene utilizzata a fianco di una
delle sue opere.
design: frost design
55
StudioKlain
le basi della grafica

[ introduzione
[
l'immagine pu essere interpretata come un messaggio costituito da segni iconici.
in termini semiotici, l'immagine un vero e proprio testo, un oggetto semiotico da
interpretare come qualsiasi altro testo indipendentemente dal suo supporto materiale
specifico, che caratterizzato dalla bidimensionalit del suo significante. la nostra
cultura e il sapere delegano gran parte delle informazioni alle immagini e alla
comunicazione visiva. soprattutto i mass media come la televisione e il cinema, fanno
ampio uso di immagini e, in particolare, di immagini in movimento.
un'immagine rappresenta oggetti figurati o astratti attraverso segni iconici il cui grado
di somiglianza con ci che raffigurato (il "referente") sempre relativo a un sistema
culturale specifico. esistono infatti gradi differenti di iconicit, ossia i segni assomigliano
agli oggetti rappresentati in modo maggiore o minore a seconda dei vari sistemi di
convenzioni culturali. la rappresentazione "per immagini", in questi termini, richiede
alcune operazioni di selezione e di "pertinentizzazione"; in altre parole si scelgono,
di volta in volta, soltanto determinati caratteri da riprodurre. il rapporto tra immagine
e oggetto rivela gli elementi e i tratti che, a scapito di altri, sono stati considerati
funzionali a un certo scopo comunicativo.

56
StudioKlain le basi della grafica
immagine_copertina dell' independent magazine

design per la copertina dell'independent


magazine
design: frost design

per la copertina dell'independent magazine,


frost design ha optato per una pagina bianca
e pulita dove il testo si riduce all'essenziale,
ci che conta solo il messaggio lanciato
dall'immagine. il risultato una copertina
originale che non ha niente a che fare con
quelle attuali.

57
StudioKlain le basi della grafica
immagine_copertina dell' independent magazine

58
StudioKlain le basi della grafica
immagine_immagini a colori

immagini a colori

l'immagine a colori si ottiene attraverso un


procedimento basato sui principi della sintesi
cromatica sottrattiva. la stampa cmyk,
conosciuta come "stampa a colori", il metodo
standard usato per stampare immagini a colori.
cmyk deriva dal termine inglese dei quattro
colori. c cyan, m magenta, y yellow, e k
'key" di black. teoricamente, quando si
mescola assieme il 100% di ciascuno dei tre
colori sottrattivi ciano, magenta e giallo, il
ciano (c)
risultato il nero. tuttavia, impurit nell'inchiostro
rendono impossibile ottenere un nero puro. per
questa ragione, il settore della stampa aggiunge
un inchiostro nero (k) separato, che determina
un sistema a quattro colori. per poter riprodurre
immagini naturali con sfumature continue,
un'immagine a colori deve essere scomposta
in quattro lastre di stampa, per ognuno dei
quattro colori con diverse percenuali di retino.
quando i quattro retini sono sovrapposti il
risultato l'immagine a colori originale.

ciano e magenta (c+m)

ciano, magenta e giallo (c+m+y)

ciano, magenta, giallo e nero (c+m+y+k)


59
StudioKlain le basi della grafica
immagine_immagini a colori

ciano, magenta, giallo e nero (c, m, y, k)

ciano (c) magenta (m)

nero (k) giallo (g)


60
StudioKlain le basi della grafica
immagine_andy potts

healthy on the inside


design: andy potts

sono molto particolari le immagini ispirate a


scene di vita quotidiana di andy potts. immagini
imperfette, curiose, graffiti, manifesti o cartoline.
un esempio quest'immagine creata per
guardian guide sull'esercizio fisico in carcere
del detenuto charles bronson il famoso attore
statunitense di origine lituana. il personaggio
dell'immagine stato realizzato utilizzando le
foto di due persone modificate con elementi di
disegno.

relationships
design: andy potts

immagine per guardian weekend magazine,


dove potts ha cercato di illustrare lo stress delle
coppie in viaggio elaborando due foto di un
uomo e una donna a cui stato aggiunto un
effetto movimento e macchie di colore sulla
pelle. l'immagine stata concepita nel formato
di una lettera, munita anche di timbro postale.
61
StudioKlain le basi della grafica
immagine_andy potts

end of the road


design: andy potts

trovata geniale quella di potts che in occasione


dell'ultima uscita della rivista online "beast" ha
utilizzato la foto danneggiata di una strada per
evocare il tema dell'addio.

me and bobby
design: andy potts

in occorrenza del concerto di un suo amico


potts ha creato una foto astratta in cui si
riconosce una somiglianza umana e un leggero
movimento. la sagoma umana e le fiamme
sono elementi aggiunti a mano. in una solo
foto sono stati aggiunti elementi grafici e
tipografici.

62
StudioKlain le basi della grafica
immagine_andy potts

big brother
design: andy potts

per l'articolo sul commercio elettronico per the


guide in occasione del reality "grande fratello",
potts crea un immagine in cui si vede una figura
umana munita di cuffie e telefonino che
rappresenta il pubbluco a cui si rivolge il reality.
la figura stata disegnata al computer. vari
elementi fanno da sfondo su cui si vede l'occhio
del grande fratello.

63
StudioKlain le basi della grafica
immagine_varie gradazioni del nero

varie gradazioni del nero

molte volte quando in un progetto sono presenti


pi aree di nero pu essere utile rafforzare il
nero con altri colori, questo perch visto da
solo il nero potrebbe apparire slavato. inoltre
la condivisione di un colore con gli oggetti
100% K
adiacenti rende il distacco meno eccessivo in
pratica basta aggiungere al nero una
percentuale al 50% di ciano che il colore pi
adatto per questa operazione.

100% K, 60% C

100% C, 100% Y, 100% M, 100% K

64
StudioKlain le basi della grafica
tipografia_trapping

trapping

il trapping detto anche abbondanza una lieve


sovrapposizione di inchiostri con cui si coprono
eventuali fessure tra i colori dell'immagine
stampata, dovute a errori di registro. il trapping
consente di correggere quindi problemi di
registro nei colori a tinta unita. in genere, non riduzione
occorre applicare l'abbondanza nelle immagini
a toni continui, quali le fotografie. un uso
eccessivo dell'abbondanza pu produrre dei
bordi evidenti. questi problemi potrebbero non
essere visibili a monitor. solitamente il trapping
viene usato per colori molto scuri come il nero,
per far si che il cambiamento di tono sia meno
evidente. nel caso in cui si sceglie un numero
negativo per il trapping si ha come risultato la diffusione
riduzione; nel caso contrario invece cio se il
numero positivo il risultato chiamato
diffusione. per sovrastampa si intende invece
la fusione dei colori.

sovrastampa

65
StudioKlain le basi della grafica
immagine_colors magazine

colors magazine

colors una rivista che si esprime soprattutto


attraverso il linguaggio visivo: un metodo
universale che raggiunge il maggior numero
di persone con un impatto forte ed immediato.
utilizzando le immaginin i temi di colors variano
dalla guerra, all'aids, all'ecologia fino ad arrivare
alla moda allo shopping, e ai giocattoli, ma
sempre con un punto di vista anticonvenzionale.
venduto in oltre 40 paesi, pubblicato in 3 edizioni
e 4 lingue colors un magazine trimestrale
che raggiunge i giovani di tutto il mondo.
frutto della creativit di luciano benetton ed
oliviero toscano, colors nasce nel 1991, sotto
la guida di tibor kalman, con l'idea che: "la
diversit positiva e che tutte le culture
hanno lo stesso valore". a partire dal numero
41, sotto la guida di fernando gutierrez e con
una nuova veste grafica, colors ha spostato la
sua attenzione sul tema delle diverse comunit
che abitano il pianeta usando foto ed interviste
per raccontare con immediatezza e semplicit
le intime bellezze dellessere umano.

66
StudioKlain le basi della grafica
immagine_colors magazine

67
StudioKlain le basi della grafica
immagine_colors magazine

REFUGEES ROMA ELDERLY

PUBLIC VOLUNTEER MADNESS


HOUSING

SCHOOL PRISON THE ROAD

ROLANDO SLAVERY FOOD


TRUJILLO
68
StudioKlain le basi della grafica
immagine_johnson banks

poster per il british council


design: johnson banks

johnson banks spiega che quando il consiglio


britannico gli ha chiesto di dimostrare che la
gran-bretagna non solo birra tiepida e cricket,
ha pensato che tutte le vecchie icone della
gran-bretagna dovevano essere gettate.
per fare questa dimostrazione viene da pensare
dunque ad una bretagna interamente nuova
senza alcun riferimento al passato.
ma gli abitanti non la pensano allo stesso modo
c' infatti un legame intrinseco tra il passato e
il presente per cui ogni cosa profondamente
legata alla storia e alla tradizione. il
cambiamento della gran bretagna va
evolvendosi mostrando quindi sia il vecchio
che il nuovo.

69
StudioKlain le basi della grafica
immagine_faydherbe-de vringer

zoo agenda
design: faydherbe-de vringer

per la realizzazione di questo lavoro i grafici


faydherbe-de vringer hanno utilizzato diverse
immagini e pi colori sovrapposti per creare
composizioni davvero originali.

70
StudioKlain le basi della grafica
immagine_faydherbe-de vringer

manifesti per nederlands dans theater


design: faydherbe

sono immagini molto forti quelle che hanno


utilizzato i due grafici faydherbe-de vringer. per
evocare l'immagine del ballerino fanno uso di
braccia, gambe, busti, abbracci, capelli ma
comunque tutti soggetti relativi al corpo. con
inquadrature particolari queste immagini
riescono a riproporre il tema della danza.

71
StudioKlain le basi della grafica
immagine_faydherbe-de vringer

72
StudioKlain le basi della grafica
immagine_elaborare un'immagine/thomas ruff

elaborare un'immagine

per elaborazione di un'immagine s'intende il


ritocco, gli scontorni, la modifica della forma e
delle dimensioni. con l'aiuto di strumenti sia
software che hardware. elaborando le immagini
possibile attuare delle modifiche che rendano
l'immagine irriconoscibile cos come fa l'rtista
thoams ruff. le sue opere sono il risultato di
elaborazioni sistematiche che danno come
risultato un'immagine psichedelica cos come
possibile vedere in quest'opera: "substrate".
la manipolazione digitale a cui ruff sottopone
le immagini comporta alcune scelte
interpretative : effetti di sfocatura, variazioni
del colore, ma anche un' integrazione
automatica dei dati mancanti per ottenere forti
ingrandimenti in alta risoluzione. L'opera cos
ottenuta pu essere ora esposta in un contesto
ben diverso da quello originario, pur
mantenendo un indice critico puntato sul reale.

73
StudioKlain le basi della grafica
immagine_elaborare un'immagine/thomas ruff

74
StudioKlain le basi della grafica
immagine_elaborare un'immagine/franke w. herbert

digitaler einstein
design: franke herbert

un esempio esaustivo di un' elaborazione di


un'immagine pu essere il volto di einstein
digitalizzato da franke herbert fino a fargli
assumere una forma del tutto irriconoscibile
da quella precedente.

75
StudioKlain
le basi della grafica

[ layout
[
l'uscita di 2wice "animal" ha presentato un'opportunit per illustrare la prevalenza
del linguaggio figurato animale nel ballo, nella moda e nella fotografia. il design e
l' editoria in generale danno la sensazione di una favola di esopo, di un qualcosa di
fanciullesco ma non esattamente per bambini. c' molta semplicit nella tipografia,
che chiara ma elegante. inoltre, la fotografia tutta molto diretta e semplice, e varia
dai ritratti dei cuccioli fino alle tavole tassidermiche.
design: pentagram
76
StudioKlain
le basi della grafica

[ introduzione
[
per layout si intende la gestione e la forma dello spazio grafico, il modo in cui vengono
disposti su una pagina i vari elementi che la compongono, quali testo, immagini,
grafica, sfondi, bordi, margini e cosi via; con lo scopo di rendere la comprensione
degli elementi grafici e testuali pi semplice possibile.
i problemi pratici ed estetici di un sito internet, di un magazine o di una rete televisiva
fanno parte del layout. il layout dunque l'aspetto grafico, il legante che amalgama
contenuti, servizi ed estetica in un mix capace di attrarre il visitatore di un sito o il
lettore di una rivista. il layout deve sempre attenersi a delle semplici ma basilari
regole: la grafica, base della comunicazione visiva, deve ammaliare il lettore senza
disturbarlo nella lettura dei contenuti, trasmettendo al contempo l' immagine dell'azienda.
solitamente il layout si definisce in base ad una griglia, nella quale vengono collocate
le immagini e il testo in modo rapido e coerente con il resto delle pagine.

77
StudioKlain le basi della grafica
layout_2wice glow

2wice glow
design: pentagram

per dare spazio alla creativit il nome della


rivista "2wice" stato progettato adottando il
numero due al posto della lettera "t" come per
tradurre "numeralmente" il significato della
parola che : due volte. si tratta di una rivista
semestrale e interdisciplinare con un tema
specifico per ogni edizione. l'edizione di "2wice
glow" esplora il fenomeno della luminosit,
soprattutto la sovrapposizione dell'illuminazione
nelle citt e le fasi.

78
StudioKlain le basi della grafica
layout_2wice car

79
StudioKlain le basi della grafica
layout_2wice car

80
StudioKlain le basi della grafica
layout_2wice car

2wice car
design: pentagram

questa edizione di 2wice car si concentra sugli


interni delle automobili invitando un numero di
p r o d u t t o r i a c o n s i d e r a r e l o s pa z i o
dell'automobile in una serie di saggi provocatori.
la conversazione e lo svago sono gli attributi
tipici della vita domestica, di conseguenza lo
spazio domestico diventa sempre pi un punto
di riferimento per il design dei nuovi interni delle
automobili. il layout non si sbilancia e rimane
comunque coerente con il tema trattato a partire
dalla copertina, che un esempio un p buffo
di guanti per automobilisti.

81
StudioKlain le basi della grafica
layout_2wice spring

82
StudioKlain le basi della grafica
layout_il formato di un progetto

il formato di un progetto

ogni progetto ha un formato diverso, che


vincolato dal suo fine. che si tratti di un poster
pubblicitario, di una locandina, di una pagina
di un libro, di una brochure, della copertina di
un cd, o di un packaging il formato sempre
differente. ovviamente esistono delle regole
che stabiliscono il formato adatto per ogni tipo
di lavoro. esistono anche dei fattori economici
che regolano il tipo di formato ad esempio una
forma insolita per un progetto potrebbe causare
sprechi inutili di carta. nel caso in cui si utilizza
solo testo, occorre scegliere un formato verticale
poich sarebbe faticoso leggere delle righe
troppo lunghe. quindi importante considerare
anche la comprensione del contenuto di un
progetto cos come il target al quale indirizzato
il progetto. se si tratta di una rivista per ragazzi
possibile anche esagerare un p con la
fantasia, ed inserire nel progetto delle forme
particolari che attirino l'attenzione, se invece
ad essere pubblicizzata una famosa etichetta
di moda il pubblico a cui si rivolge sicuramente
pi adulto, quindi il progetto dovr contenere
delle forme eleganti ma che siano comunque
originali. possibile adattare anche le immagini
al formato del progetto, scegliendo le opportune
dimensioni.

83
StudioKlain le basi della grafica
layout_il formato di un progetto/spunk design machine

tank goodness box


design: spunk design machine

tank goodness ha pensato di portare i suoi


biscotti nelle sedi casalinghe come appena
sfornati.
per questo ha avuto bisogno di un'identit visiva
e letterale. spunk design machine ha progettato
fin nei minimi dettagli l'identit di questo prodotto
pensando ad un packaging nel quale sia
abbinata la qualit e la raffinatezza del prodotto;
tenendo presente la possibilit che potrebbe
essere dato come regalo. il formato del
packaging dettato dall'esigenza di contenere
il prodotto.

84
StudioKlain le basi della grafica
layout_il formato di un progetto/matsumoto incorporated

sugimoto invitation
matsumoto incorporated

matsumoto incorporated ha progettato l'invito


per una mostra d'arte di hiroshi sugimoto aperta
in un college di arte e design. poich le opere
che venivano esibite erano di grandi dimensioni
hanno pensato di stampare le opere scelte per
l'invito in un formato di grande effetto. questo
per sarebbe stato difficile da fare con un invito
standardizzato. la soluzione era quella di
stampare l'invito con il formato di un foglio da
pressa: 24 x 36'', ma usare comunque una
carta leggera che poteva essere piegata e
spedita. stata scelta una carta da giornale
leggera; tutte le informazioni riguardanti la
mostra sono state stampate sulla parte esterna
dell'invito, in modo tale che una volta che l'invito
viene piegato pu essere usato anche come
manifesto. questa soluzione ha concesso una
certa flessibilit l'invito poteva infatti essere
spedito, distribuito a mano, e appeso intorno
al college per promuovere la mostra.

85
StudioKlain le basi della grafica
layout_la posizione di un'intestazione

la posizione di un'intestazione
INDICE
il posizionamento dei vari elementi su una
pagina fondamentale nella realizzazione di
un progetto, una parola in base a come viene
posizionata su una pagina in grado di suscitare
sensazioni differenti. il testo pu essere
appoggiato al bordo superiore della pagina
creando per un effetto insolito, in questo caso
dovranno essere gli altri elementi a dare al
progetto un certo equilibrio. un orientamento
diverso del testo pu invece creare tensione.
il testo pu anche espandersi su tutta la pagina
dando una sensazione di dominanza. una
diversa angolazione del testo pu portare dei

INDICE
problemi nella lettura e contrasti visivi.

INDICE
E
IC
D
IN

86
StudioKlain le basi della grafica
layout_la posizione di un'intestazione

premessa

P R E M E S S A

PREMESSA

PREMESSA
87
StudioKlain le basi della grafica
layout_la posizione di un'intestazione

lexmark style guide


design: leo burnett usa, inc.

lexmark un'azienda internazionale che aveva


bisogno di solidit attraverso il loro marchio.
leo burnett ha progettato per loro una guida di
stile. in primo piano stato inserita la parola
"hi", con un corpo che occupa quasi tutto il
formato. visibilmente minore invece il corpo
del pay-off "i'm your style guide", allineato a
destra e sottostante alla parola hi. occupa solo
un piccolo spazio. il marchio dell'azienda
centrato orizzontalmente nel formato della guida
ed posizionato in basso a tutto.

88
StudioKlain le basi della grafica
layout_la posizione di un'intestazione

am pm design identity system


am pm design

lo scopo di questo progetto era quello di


aggiornare un'identit attuale abbracciando
una nuova filosofia della transizione, della
mobilit e del pensiero progressista mantenendo
il nome dell' azienda. il nuovo contrassegno
consiste in tre diversi cerchi
che illustrano la transizione dal sole alla luna
in allineamento verticale. nella carta intestata
il marchio disposto isolatamente a sinistra
del foglio come per evidenziare la nuova
immagine dell'azienda, in modo che esso sia
la prima cosa che salta all'occhio, mentre tutte
le altre informazioni riguardanti l'azienda sono
state collocate a destra del foglio.

89
StudioKlain le basi della grafica
layout_combinazione di titolo, immagine e blocco di testo

combinazione di titolo, immagine e blocco


in questo caso specifico, c' un forte
di testo
contrasto tra il testo e l'immagine, che
date le sue dimensioni ha un effetto di
quando si hanno a disposizione diversi elementi
dominanza sul testo.
da inserire in una pagina possibile modificarne
gli attributi cercando di creare un certo equilibrio. IL PANDA
possibile pensare a diverse composizioni
mettendo in evidenza l' elemento pi importante
e scegliere alla fine quella pi adatta. integrare
l'immagine con il testo visivamente la
soluzione pi corretta, ma possibile anche
orientare il titolo in modo diverso dal testo,
oppure far seguire al testo la forma
dell'immagine. il primo passo da seguire
quello di stabilire il valore degli elementi.
dopodich necessario selezionare il tipo di
carattere e le dimensioni per il titolo, il sottotitolo
e il testo. per quanto riguarda il testo bisogna
stabilire anche la sua giustezza, il rapporto tra
il titolo e il numero delle colonne e quante
dovranno essere le colonne. si avranno diversi
tipi di risultati: composizioni simmetriche o
asimmetriche, un dominio dell' immagine o un
il panda
dominio del testo, colonne singole o multiple.
in molti casi la soluzione dipende anche dalla il ruolo dell'immagine in
forma dell'immagine, dalla lunghezza del testo questo caso pi
da inserire, dal formato della pagina ma il pi informativo per cui il lettore
delle volte tutto affidato all'abilit del visivamente portato a
progettista. concentrarsi sul testo. ci
dovuto al fatto che le
dimensioni dell' immagine
sono state ridotte, e il
testo stato aumentato.

il panda
molte volte per enfatizzare il
testo pu essere utile ritagliare
l'immagine eliminando i
particolari che non sono utili per
la comprensione dei contenuti.
questo espediente permette di
evidenziare comunque il testo
e al contempo ottenere
un'immagine dalle discrete
dimensioni.
90
StudioKlain le basi della grafica
layout_combinazione di titolo, immagine e blocco di testo

intestazione
in questo caso si tratta di una composizione
simmetrica, dove il testo giustificato e la stessa
dimensione per l'immagine e il testo non fa s
che l'attenzione sia concentrata su un elemento
in particolare ma si ha una sensazione di staticit
e di equilibrio. anche il titolo contribuisce a dare
pari enfasi al testo e all'immagine poich esso
centrato su entrambi . l'inserimento di uno sfondo
all'immagine riduce l'attenzione sulla barca.

91
StudioKlain le basi della grafica
layout_combinazione di titolo, immagine e blocco di testo

apv j sh i font

i font
lox
utile conoscere vari tipi di font
disponibili e saperli utilizzare al
m meglio,questo perch per ogni tipo
di testo: titolo, sottotitolo,
didascalie... esistono dei font
apv j sh
utile conoscere vari tipi di font disponibili e
saperli utilizzare al meglio, questo perch per appropriati che ne
ogni tipo di testo: titolo, sottotitolo, didascalie... valorizzano il fine.
esistono dei font appropriati che ne valorizzano
il fine. lox m

I FONT
utile conoscere vari
tipi di font disponibili e apv j sh
utile conoscere
vari tipi di font
disponibili e
i font
lox
saperli utilizzare al saperli utilizzare

apv j sh
meglio, questo perch al meglio, questo
per ogni tipo di testo:
m perch per ogni
titolo, sottotitolo, tipo di testo: titolo,
didascalie... esistono dei sottotitolo,

lox
font appropriati che ne didascalie...
esistono dei font
valorizzano il fine.
appropriati che ne m
valorizzano il fine.

utile conoscere vari tipi di font disponibili e saperli


utilizzare al meglio, questo perch per ogni tipo i font utile conoscere

apv j sh
di testo: titolo, sottotitolo, didascalie... esistono dei
font appropriati che ne valorizzano il fine.
vari tipi di font disponibili e
saperli utilizzare al meglio,

apv j sh questo perch per ogni

lox
tipo di testo: titolo,

i font l o x m
m sottotitolo, didascalie...
esistono dei font
appropriati che ne
valorizzano il fine.

utile conoscere vari tipi di font disponibili e saperli


utilizzare al meglio, questo perch per ogni tipo di

apv j sh
testo: titolo, sottotitolo, didascalie... esistono dei font
appropriati che ne valorizzano il fine. utile
nt

conoscere
i vari tipi di font
i fo

disponibili e
saperli utilizzare al

lox
f meglio, questo perch
per ogni tipo di testo: titolo,
o sottotitolo, didascalie... esistono
n m dei font appropriati che ne
valorizzano il fine.
t
92
StudioKlain le basi della grafica
layout_le gabbie

le gabbie

la base sulla quale creare un progetto grafico


per la maggior parte dei progettisti una griglia
nella quale possibile posizionare con
precisione tutti gli elementi. la griglie o le gabbie
variano in base al materiale da inserire nel
progetto, possono essere semplici con divisioni
uguali, o complesse con dimensioni variabili.
quanto pi complesso il contenuto da inserire
nella gabbia, tanto pi essa dovr essere
versatile. solitamente quando si progetta una
gabbia si deve tener conto anche degli spazi
tra le varie unit e tra la pagina e la gabbia
stessa. con le griglie possibile creare spazi
di forma originale, e posizionare gli elementi
nel modo pi idoneo tenendo conto anche dei
blocchetti di testo e delle didascalie delle
immagini.

93
StudioKlain le basi della grafica
layout_le gabbie

94
StudioKlain le basi della grafica
layout_le gabbie

un esempio di
simmetria e staticit,
infatti in questa
gabbia c' un certo
equilibrio per cui le
immagini sono
disposte in modo
ordinato.

si tratta in questo caso di


una gabbia molto
versatile. infatti pu
TITOLO accogliere immagini di
diverse dimensioni e
blocchetti di testo di
diversa lunghezza.

95
StudioKlain le basi della grafica
layout_le gabbie/the guardian

the guardian
design: pentagram

il quotidiano the guardian stato rilanciato nel


1988 con una nuova grafica da pentagram, le
innovazioni furono di grande successo. il titolo
del quotidiano stato riprogettato con un
carattere lineare e uno graziato, con una diversa
dimensione. per l' interno stata usata una
griglia a ventiquattro colonne, mentre per gli
annunci pubblicitari stata comunque
mantenuta la griglia standard a otto colonne.

96
StudioKlain le basi della grafica
layout_la scelta del font

la scelta del font

i fattori da considerare nella scelta di un


times new roman: il
carattere sono diversi. innanzitutto necessario tradizionale font graziato,
scegliere la sensazione visiva che dovr
comunicare il carattere, quindi optare per un assottigliato in prossimit
font delicato o per un aggressivo. dopodich
stabilire se il titolo dovr essere in contrasto o
dei raccordi, uncini
in armonia col testo e quindi utilizzare due font tondeggianti e contenute
diversi per il titolo e il testo, ad esempio uno
graziato e uno lineare o lo stesso font. il "times grazie appuntite.
new roman" uno dei classici font graziati,
"l'avantgarde" invece un font lineare e
moderno in contrasto con il tradizionale times
new roman. il "bodoni" un carattere con grazie
ma filiformi, il "century" invece ha delle grazie
raccordate.

97
StudioKlain le basi della grafica
layout_la scelta del font

98