Sei sulla pagina 1di 115

FISIANOMIA 2009

Una mostra
di elaborati
e progetti grafici
degli allievi
dell'ISIA di Urbino
10 1
PAGINADUE
Quaderni Isia Urbino
N1 Marzo 2010
FISIANOMIA 2009
Fisianomia 2009
Una mostra di elaborati e progetti grafci
degli allievi dellISIA di Urbino,
a disposizione per lorientamento delle Scuole superiori
che hanno corsi in comunicazione visiva e graphic design.
Istituto Superiore
per le Industrie Artistiche
36, via Santa Chiara
61029 Urbino (PU)
t (+39) 0722 320195
fx (+39) 0722 4336
info@isiaurbino.net
www.isiaurbino.net
ISIA Urbino
LISIA (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche) un Istituto
pubblico, di livello universitario, appartenente al Dipartimento
Alta Formazione Artistica Musicale del Ministero dellIstruzione
Universit e Ricerca, che si contraddistingue per linsegnamento
del Graphic Design risultando essere, in Italia, la pi importante
istituzione statale per la progettazione grafca ed editoriale.
Situato in Urbino, citt rinascimentale dichiarata Patrimonio
dellumanit dallUnesco, lIstituto ha la sua sede presso
il Monastero di Santa Chiara, un edifcio di grande valenza storica
ed artistica. Il suo corpo docente composto da professionisti
ed insegnanti esperti nel settore della grafca e del design
della comunicazione. Gli attuali due corsi di diploma sono
strutturati in un corso triennale in Progettazione Grafca
e Comunicazione Visiva e in un biennio specialistico in Grafca
dei sistemi indirizzo in Comunicazione e design per leditoria.
A questultimo si affancher, a partire dalla.a. 2010/11,
un secondo biennio - unico nel suo genere - in Grafca delle
immagini indirizzo in Fotografa dei beni culturali il quale former
fotograf professionisti in grado di affrontare il mondo del lavoro
anche oltre la specifcit della materia. I corsi, oltre alle materie
curricolari, sono supportati in maniera determinante da speciali
attivit integrative, di notevole impegno didattico e scientifco:
workshop, conferenze, seminari, sperimentazioni progettuali,
conferiscono al piano di studi una dinamica fondamentale
e particolarmente innovativa.
In particolar modo si evidenzia, in questo panorama formativo, un
laboratorio di ricerca, progettazione e sviluppo: Offcina Santa Chiara.
Al suo interno si realizzano ricerche e progetti - non appartenenti
al normale iter didattico - il cui scopo quello di far conoscere
a fondo il mondo del lavoro. Ci per consentire ai suoi partecipanti
di operarne allinterno con la specifca cultura del progettista
grafco, un operatore tecnico culturale - questo - che entra
nel complesso mondo della comunicazione con un ruolo centrale,
da regista e attore primario. A completare la vasta offerta
formativa c la recente istituzione della Summer School, attiva in
estate con studenti e docenti stranieri, che contribuisce
ad arricchire i rapporti internazionali dellIstituto.
Fisianomia 2009
Isia Urbino
Fisianomia 2009 permette di ricostruire le peculiarit delliter didattico e formativo proposto
dal piano di studi dellIsia in cui risulta evidente il valore attribuito alla sperimentazione e alla ricerca
nellambito della comunicazione visiva cos come appare evidente la tensione verso una rifessione
costante sul ruolo del progettista nella societ contemporanea.
La mostra Fisianomia composta da pannelli 70X100 aggiornati di anno in anno che presentano
i corsi didattici degli studenti, gli esami, le tesi e le attivit integrative e pu essere a disposizione
delle scuole di comunicazione visiva e di graphic design.
I docenti Isia possono essere invitati per presentare il percorso didattico della scuola
e per specifci approfondimenti.
Per informazioni rivolgersi a info@isiaurbino.net
Lesposizione dei lavori degli studenti dellIsia di Urbino allestita e pu essere visitata nella Scuola.
stata ospitata a Milano presso la galleria Aiap, a Bolzano alla Facolt delle arti e del design
e a Cordenons (PN) allIstituto darte.
Aiap, 17 giugno - 3 luglio 2009
A Milano linaugurazione della mostra stata anticipata da una tavola rotonda dal titolo
La formazione del grafco. La didattica della comunicazione visiva in Italia, intesa come
una occasione di confronto e rifessione su metodi, programmi, obiettivi e problematiche
dellinsegnamento della comunicazione visiva con gli interventi di Roberto Pieracini (Direttore Isia
Urbino), Beppe Chia (Presidente Aiap), Giovanni Baule (Presidente del corso di Laurea in Design
della Comunicazione, Politecnico di Milano), Sergio Menichelli (Docente Isia), Patrizia Moschella
(Coordinatrice graphic design e art direction, Naba).
Facolt di Design e arti, 16 maggio - 5 giugno 2009
A Bolzano FIsianomia 2009 stata inaugurata da Roberto Pieracini e da Antonino Benincasa,
Professore di Comunicazione Visiva presso la Facolt di Design e Arti.
Istituto darte di Cordenons 5 maggio 2009
A Cordenons (Pn) Fisianomia 2009 stata esposta in occasione dellincontro tenuto
dal Prof. Luciano Perondi dal titolo Alcune rifessioni sulla scrittura e lo spazio, in un ciclo
di incontri sulla comunicazione visiva, organizzato dallIstituto Statale dArte di Cordenons
con il sostegno del Comune di Cordenons. Il ciclo di incontri ha affrontato i percorsi del progetto
grafco nel contesto della continua espansione degli strumenti della comunicazione visiva.
III
Istituto Superiore per le Industrie Artistiche
Progettazione grafica e comunicazione visiva
=`j`Xefd`X )''0
!naucurazicne
venerdl 5/05/2009, ore 9:00
16/05-05/06/2009
lunven dalle ore 08:00 alle ore 22:00
sab dalle ore 08:00 alle ore 6:00
Libera Universit di BcIzanc
Via Sernesi Ldilicio L piano
La FaccIt di Desicn e Arti di BcIzanc cspita Fisiancmia 2009,
mostra degli allievi dell'!S!A, !stitutc Supericre per Ie !ndustrie
Artistiche di Urbinc. L'I5IA l'unica scuola italiana statale a
livello universitario dedicata esclusivamente aI Craphic Desicn e
aIIa Ccmunicazicne visiva, che da sempre Ionda la propria
identit sulla tipograIia e sul libro.
Cli elaborati e i progetti graIici esposti valorizzano la
sperimentazione e la ricerca nell'ambito della comunicazione
e contribuiscono ad aprire una riIlessione sulla Iormazione e sul
rucIc deI prccettista nella societ contemporanea.
C
M
Y
CM
MY
CY
CMY
K
2MANIFESTO_FINIZANOMIA2009OK.pdf 13-05-2009 13:08:49
Dal 1998 il centro storico di Urbino patrimonio dellumanit UNESCO.
La scuola ha sede nel prestigioso ex Monastero di Santa Chiara progettato alla fne
del 400 da Francesco di Giorgio Martini.
ISIA lacronimo di Istituto Superiore per le Industrie Artistiche, unetichetta creata circa ottanta
anni addietro per identifcare alcuni istituti di livello superiore dedicati alla formazione in nuovi
settori, riconducibili allodierno campo del design.
LIstituto ISIA nasce nel 1974 grazie alla collaborazione di persone qualifcate tra docenti universitari,
architetti e professionisti del settore grafco. Il primo Comitato Scientifco Didattico era composto
da: Pietro Sanchini (Direttore), Walter Fontana (Presidente), Giancarlo De Carlo, Renato Bruscaglia,
Armando Brandolese, Bob Noorda e Giancarlo Iliprandi (Consiglieri).
Nellidentit dellISIA il collegamento tra la formazione e il mondo del lavoro sempre stato
un elemento fondamentale per questo il nostro corpo docente formato per la quasi totalit
da professionisti a contratto, in grado di portare nella scuola i problemi della professione
e coltivare con attenzione la cultura del progetto, sia come leva di sviluppo delle imprese,
sia come fattore di crescita materiale delle persone.
Il modello da sempre caratterizzato dallaccesso programmato di studenti, dalla grande fessibilit
didattica e dalla interdisciplinarit dei corsi, nonch dal vivere di studenti
e insegnanti come in una comunit, un atelier di ricerca, un laboratorio culturale, sempre
e costantemente aperto alla collaborazione con il mondo industriale, non disgiunto tuttavia da una
crescente sensibilit nei confronti dei problemi sociali, e pi in generale da unetica indispensabile
per il designer.
La nostra scuola in particolare si sempre contraddistinta per la qualit della formazione nel campo
della progettazione grafca, e ancora oggi quasi un oggetto del desiderio per quei giovani che
vogliono indirizzarsi al mondo della comunicazione visiva.
A seguito della legge di riforma 508/99, le quattro ISIA presenti nelle citt di Faenza, Firenze, Roma
e Urbino sono stati chiamati a rivedere la propria didattica per renderla analoga, nella struttura,
a quella dei corsi universitari, istituendo due percorsi formativi distinti, uno di primo
e uno di secondo livello. LIstituto sta attivando anche un biennio in Fotografa per i Beni Culturali
Di conseguenza lISIA di Urbino proseguendo nella sua tradizione ha attivato, a partire dallanno
accademico 2005-2006 un corso di primo livello in Progettazione grafca e Comunicazione visiva
al quale segue un corso di secondo livello, in Comunicazione e design per leditoria. A dimostrazione
della validit didattica dellIstituto molti studenti sono diventati professionisti di primo piano
nellambito della progettazione e della comunicazione.
Dire che una buona parte della grafca italiana passata per Urbino non affatto esagerato.
www.isiaurbino.net
fisianomia 2009 / presentazione Isia / 1
Il corso specialistico in Comunicazione
e design per leditoria si rivolge
a studenti gi formati nelle competenze
pratiche e teoriche nellambito
della grafca. La scuola ha lobiettivo
di fornire agli studenti delle
opportunit formative per sviluppare
le proprie competenze nella regia
di progetti di comunicazione
di complessit elevata.
Si scelto di orientare il corso in
direzione della progettazione grafca
editoriale, utilizzando anche linguaggi
come lillustrazione e la fotografa, viste
come complementari al design della
comunicazione secondo un ventaglio
di approcci il pi ampio possibile.
Si cercher di affrontare i temi
progettuali congiuntamente allo
studio di elementi teorici, visti
come componente coerente della
progettazione stessa e non come
moduli disgiunti.
Il corso di laurea specialistica offre
lopportunit di prendere parte
ai progetti di Offcina Santa Chiara.
Questi sono progetti reali
in cui assieme a un committente
si sviluppa un progetto con una forte
componente di ricerca combinata
con una azione progettuale.
Sono inclusi in questi progetti
sia gli aspetti di documentazione
bibliografca, sia la ricerca
delle competenze che si possono usare
a supporto di uno specifco problema.
Inoltre questi progetti includono
lattivit di sperimentazione
con costruzione di esperimenti
di verifca e di monitoraggio delle
soluzioni progettuali.
LAUREA DI SECONDO LIVELLO
Comunicazione
e design per leditoria
fisianomia 2009 / piano di studi specialistica / 1
I ANNO
Architettura dellinformazione
Multimedia design
Semiotica del design
Progettazione per leditoria
Grafca editoriale
Progettazione grafca
Storia del design
Fotografa
Illustrazione 1
Illustrazione 2
Storia dellillustrazione
Storia della fotografa
Progettazione dei caratteri
ATTIVIT FORMATIVE
Attivit autonome dello studente
Altre attivit formative
Tirocini - Ricerca - Sviluppo
Lingua inglese
Tesi
2 ANNO
Metodologia
Progettazione grafca
Design della comunicazione
Progettazione editoriale
Design degli ambienti
Storia del design
Fotografa
Illustrazione 1
Illustrazione 2
Il corso triennale in Progettazione
grafca e Comunicazione visiva
ha come fne didattico quello
di formare un progettista che sia
in grado di confrontarsi con problemi
interdisciplinari.
Si propone un corso didattico
che parte dalle competenze necessarie
a formare un progettista grafco,
non disgiunte da una formazione
teorica che si intreccia strettamente
con le discipline progettuali, completate
con una serie di corsi che riguardano
vari aspetti e specializzazioni della
progettazione grafca.
Parte integrante del triennio sono
infatti discipline (quali lillustrazione,
la fotografa, la progettazione
dei caratteri tipografci) che vanno
al di l delle comuni competenze
di un progettista grafco.
Dal punto di vista teorico lobiettivo
quello di fornire le basi culturali
che permettano al progettista
di osservare i problemi secondo
una prospettiva non unicamente legata
alla contingenza delle professioni,
con lidea di aprirsi a nuove possibilit.
Oltre ad una forte componente storica
(dellillustrazione,della fotografa,
della grafca e del libro), nel corso sono
previsti ampi interventi sulla semiotica,
sulla psicologia della percezione e sulla
matematica.
Non secondario lapprendimento
di tecniche per un uso consapevole
degli strumenti, nel tentativo
complessivo di formare una fgura
fessibile, capace di correlare le varie
discipline e di sfruttare i mezzi pratici
e teorici acquisiti per dare risposte
adeguate a problemi eterogenei.
DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO
Progettazione grafca
e comunicazione visiva
fisianomia 2009 / piano di studi triennio / 2
I ANNO
Basic design
Basic design (Laboratorio)
Elementi di informatica per il design
Tecniche e linguaggi della rappr.
Informatica di base
Metodi di rappresentazione
Storia del libro e della stampa
Cultura e grafca del design
Tecniche tipografche
Matematica per il design
Storia delle comunicazioni visive
Fotografa 1
Fotografa 2
ATTIVIT FORMATIVE
Attivit autonome dello studente
Altre attivit formative
Tirocini - Ricerca - Sviluppo
Lingua inglese
Tesi
2 ANNO
Metodologia della progettazione
Tecniche tipografche II
Iconografa (ex-semiotica)
Grafca editoriale
Progettazione dei caratteri
Storia dellillustrazione
Tecniche di stampa
Design dellinterfaccia
Storia della fotografa e tecniche f.
Fotografa
Illustrazione
3 ANNO
Comunicazione dimpresa
Comunicazione per gli spazi espositivi
Design dellimballaggio
Tecniche di stampa
Sociologia della comunicazione
Design dellinterfaccia
Lab. Sintesi Finale di prog. grafca
Progettazione Grafca
Illustrazione
Fotografa
9
E
H
?D
7
B
:
E

8
E
B
E
=
D
7

J
E
B
;
D
J
?D
E

D
7
F
E
B
?

<
;
H
H
7
H
7

<
?H
;
D
P
;

F
;
I
7
H
E

C
E
:
;
D
7

J
H
?;
I
J
;

=
K
8
8
?E

I
7
D
F
?;
H
E

?D
8
7
=
D
E

J
E
H
H
?J
7
:
?I
?;
D
7

L
;
D
J
K
H
?D
7

9
E
H
:
;
D
E
D
I

9
7
C
F
E
I
7
C
F
?;
H
E

9
7
J
7
D
?7

I
;
D
?=
7
B
B
?7

9
7
I
J
?E
D
I
:
?P
E
F
F
E
B
7

I
?H
7
9
K
I
7

H
?C
?D
?

J
;
H
D
?

F
;
I
7
H
E

H
E
C
7

7
E
I
J
7

Russo borbone
Marro repubblicano
Verde di spera zione
Marro c
Ianc e niente
Russo Francese
Umido
Giallo Striscia
Sampietrino
Monumento allo smog
Persona che aspetta
Cielo ore 16:00
Rosso acero intenso
Blu lontani ricordi
Grigio mattone chiaro
Azzurro acqua marina
Giallo robinia chiaro
Grigio azzurro intenso
Memoires
Au-del
Secret
Dcolor
Nostalgie
Bronzo pomodoro
Verde adriatico
Arancio vibrante
Azzurro pulito
Verde sottomonte
Marrone delle mura
Verde Tiglio
Rosa cremisi
marrone mattone
Bianco bugnato
Grigio sanpietrino
Azzurro swim
Carne
Rosso bagliore
Onde
Piastrelle
Bianco rotonda
Verde campo
Foglie allombra
Vin brul
Castagne
Fango caldo
Grigio casa e vapore
Verde prato
Giallo mais
Azzurro meduna
Azzurro celina
Rosso matone
Grigio grava
Celeste occhi del nonno
Verde mare adriatico
Ocra di sabbia
Senape di oro
Viola sangiovese
Rosso Rimini
Vento barcolana
Rosso wine
Terra risiera
Verde pineta
Blu miramare
Blu audace
Verde colline allorizzonte
Arancio zucca
Mura dorate
Libro antico
Nebbia mattutina
Rosso mattone
Giallo tuorlo duovo
Oro natalizio
Rosa stucco
Verde felce
Marrone porcino
Grigio gesso
Giallo santUbaldo
Blu san Giorgio
Nero santAntonio
Rosso ceraiolo
Grigio sanpietrino
Calcare antico
Vinaccia
Mais maturo
Foglie secche scuro
Verde prato tagliato
brina del mattino
Pioggia
Verde giallo chiaro
Blu brezza marina
Verde fresco chiaro
Grigio verde scuro
Grigio argenteo scuro
Marronciono sabbia chiaro
Grigio fumo
Cielo terso
Specchio dacqua
Acqua impetuosa
Grigio ast
Rosso San Valentino
Asfalto
Betonella
Cielo
Prati
Zona blu
Luci
Aria pura
Campo di Siena scuro
Verde bosco
Uliveti
Chianti novello
Marrone campi
Rosso coppi
Luminoso gioallo pannocchia
Verde maggese
Azzurro cielo mattutino
Grigio nebbia
Verde selva oscura
Blu san Lorenzo
Ocra brugnato
Beige ribollita
Arancio amici miei
Nero dolore
Rosso magma
Blu jazz
Viola incanto
Turchese doriente
Giallo assetato
Verde ospedale
Rosso capelli di Lara
Color mattone
Grigio metallo
Platino
Rosa salmone
Rosa alba
Giallo primi raggi
Azzurro estivo
Giallo sole spento
Rosso tramonto
Blu-viola sogno destate
4
0
, 5
0
N
1
4
, 1
5
E
0
m
4
1
,5
3
N
1
2
,2
8
E
3
7
m
4
4
,3
1
N
1
0
,5
0
E
1
4
0
m
4
5
,4
4
N
7
,1
8
E
5
7
9
m
4
3
,5
4
N
1
2
,5
4
E
1
9
m
4
3
,1
2
N
1
3
,1
7
E
3
0
6
m
4
3
,4
2
N
1
3
,1
3
E
1
1
m
4
3
,5
0
N
1
1
,5
7
E
5
1
7
m
4
5
,5
9
N
1
2
,4
2
E
4
6
m
4
4
,0
3
N
1
2
,3
3
E
1
0
m
4
5
,4
1
N
1
3
,4
4
E
1
4
7
m
4
3
,3
8
N
1
3
,0
2
E
1
7
8
m
4
4
,2
9
N
1
1
,2
0
E
6
2
m
4
3
,2
1
N
1
2
,3
4
E
5
4
1
m
4
5
,5
8
N
1
2
,4
7
E
3
6
m
4
3
,5
4
N
1
2
,5
4
E
1
9
m
4
2
,3
3
N
1
2
,3
8
E
1
2
8
m
4
3
,0
1
N
1
0
,3
6
E
1
2
m
4
3
,1
0
N
1
1
,4
6
E
2
6
8
m
4
3
,4
6
N
1
1
,1
5
E
5
7
m
3
7
,3
0
N
1
5
,0
5
E
1
1
m
4
4
,5
0
N
1
1
,3
7
E
8
m
4
5
,3
4
N
1
1
,5
6
E
1
9
m
N
a
p
o
li
R
o
m
a
S
p
e
z
z
a
n
o
P
e
s
a
r
o
A
o
s
ta
T
o
le
n
tin
o
S
e
n
ig
a
llia
C
o
r
d
e
n
o
n
s
R
im
in
i
T
r
ie
s
te
C
o
r
in
a
ld
o
B
o
lo
g
n
a
G
u
b
b
io
C
a
s
tio
n
s
Z
o
p
p
o
la
P
e
s
a
r
o
T
e
r
n
i
V
e
n
tu
r
in
a
S
ie
n
a
C
a
m
p
o
s
a
m
p
ie
r
o
F
ir
e
n
z
e
C
a
ta
n
ia
F
e
r
r
a
r
a
S
. P
ie
r
o
in
B
.
S
ir
a
c
u
s
a
3
7
,0
3
N
1
5
,1
7
E
1
m
fisianomia 2009 / basic design / 4
9
E
H
?D
7
B
:
E

8
E
B
E
=
D
7

J
E
B
;
D
J
?D
E

D
7
F
E
B
?

<
;
H
H
7
H
7

<
?H
;
D
P
;

F
;
I
7
H
E

C
E
:
;
D
7

J
H
?;
I
J
;

=
K
8
8
?E

I
7
D
F
?;
H
E

?D
8
7
=
D
E

J
E
H
H
?J
7
:
?I
?;
D
7

L
;
D
J
K
H
?D
7

9
E
H
:
;
D
E
D
I

9
7
C
F
E
I
7
C
F
?;
H
E

9
7
J
7
D
?7

I
;
D
?=
7
B
B
?7

9
7
I
J
?E
D
I
:
?P
E
F
F
E
B
7

I
?H
7
9
K
I
7

H
?C
?D
?

J
;
H
D
?

F
;
I
7
H
E

H
E
C
7

7
E
I
J
7

,
CZabVc^[ZhidVWW^VbdkdajidgZcYZgZ
k^h^W^a^ ^ Xdadg^ X]ZkZc^kVcdVhhdX^Vi^
Vahd\\Ziid# 6[VcXVcYda^ VcXdgV e^
[VX^aZigdkVgZYZ^ g^hXdcig^ ^ciZgZhhVci^ hj
d\cjcd#
A6 HJ<<:HI>DC:
9:A8DADG:
TbVc^[Zhid
-
A6 HJ<<:HI>DC:
9:A8DADG:
TbVc^[Zhid
&%
8ADJ<=
T^cX]^dhigdcZgdhjXVgiV
&&
8ADJ<=
TVXg^a^XdcZgdheVidaVid
&*
86GIDA>C6
U
LWbb[ Z7eijW
TigV^i Yjc^dcYjX^Zaq igVii^cdY^ X^Zad
&+
T[Zj^aaZYX]^gZq [d\a^dhigVeeVid
86GIDA>C6
U
LWbb[ Z7eijW
La suggestione del colore: il manifesto
Inchiostro su carta
Cartoline dalla Valle dAosta
''
Tjc\ZhidcVijgVaZ
>AH:<CD
'(
>AH:<CD
Tjc\ZhidcVijgVaZ
Il segno
fisianomia 2009 / basic design / 5
fisianomia 2009 / Workshop Musica in corpo / 6
fisianomia 2009 / Workshop Scritture con James Clough / 7
fisianomia 2009 / laboratorio di basic design / 8
840
L
385
E
917
C
955
A
137
U
031

939
P
205
S
099
R
S
481
728
N
S
094
202
O
035
C
949
S
882
E
850
E
888
D
944
I
904
.
893

379
E
C
516
133
A
I
689
622
E
805
E
844
O
594
O
243
R
172
R
874

487
I
240
E
589
341
864
S
129
237
E
946
034
R
455
E
885
R
732
I
066
E
556
.
275
V
694
A
V
830
168
T
.
654
587
D
070
O
839
314

278
N
207
E
836
L
381

415
V
936
P
025
693
O
724
272
770
R
914
N
559
E
663
L
959
T
101
P
521
A
660
E
867
U
060
658
E
E
164
552
U
911
O
879
L
349
.
920
B
853
E
801
T
869
E
929
L
902
C
T
795
238
P
C
619
307
E
876

950
A
953
I
851

242
O
910
D
938
O
859
L
624
,
I
095
588
L
L
199
517
O
105
069
C
848
N
628
U
697
E
136
T
416
E
310
344
N
N
760
203
R
584
342
T
735
,
804
C
384
H
313
N
889
E
766
O
486
E
450
N
134
O
L
130
273
R
D
234
482
C
841
O
845
S
524
S
886
O
277
909
N
903

625
N
169
I

725
553
L
T
549
377
L
140 877
O N
915 699
V
419 068
O
523 453
A
854 347
R A
731 942
R O
868 857
P
485 895
S U
554 935
H O
T
165 305
518 413
L
H D
269 404
447 726
P P
700 210
N
769 174
B P
489 803
S
921 418
R N
662 856
I O
171 907
E U
345 927
U
894 931
S O
764 900
O E
I
445 620
933 897
N
A
514 408
831 131
O
947 595
E ,
104 664
E
454 954
S
593 383
T C
312 382
O
696 241
L
937 892
R A
930 029
C O
659 866
I Z
R I
690 550
863 448
N
S E
304 023
026 691
I T
175 842
O
880 209
E
918 849
E G
956 957
F F
960 592
I T
947 871
C
030 835
N U
860 834
N
204 519
P L
E T
200 515
343 832
L S
O ,
479 058
796 166
E
665 245
T
134 196
T E
883 768
N
852 887
V
627 961
T C
873 941
I
962 065
A T
520 896
R A
239 028
R
H N
235 585
483 027
I E
N
339 827
961 306
V
912 948
S
734 846
O P
838 488
A
558 837
S L
925 890
L
206 276
S E
451 800
O N
555 861
O B
309 833
C E
E
655 410
378 797
E
P
374 022
761 201
O U
630 280
T N
951 244
A
033 103
E R
348 032
I C
855 417
S
908 661
A
380 100
I A
590 799
T A
274 063
E A
O P
270 375
898 062
E
U
444 093
096 656
V
560
881
C
919
802
I
926
Q
311
N
765
N
064
O
901
R
L
340
762
E
H
828
271
A
315
S
279
O
884
T
067
R
891
L
870
R
928
A
449
865
D
O
480
097
R
723
376

913
I
629
T
138
T
767
N
452
N
940
R
858
I
932
S
934

I
024
727
T
128
236
D
350

952
S
733
T
922
A
557

905

135

862
A
798
S
829
132
L
233
586
878
E
847
I
137
958
A
875

626
730
I
739
P
098
T
794
692
A
A
163
621
N
843
S
490
Q
698
R
102
E
522
L
346
S
170
P
484
763
T

059
161
P
A
793
551
525
C
420
N
208
R
923
M
945
N
591
U
695
O
414
O
899
R
M
759
657
E
V
758
411
P
688
S
652
125
E
S
751
194
I
N
473
443
I
826
L
685
E
L
121
614
R
O
378
198
V
021
T
160
E
R
716
229
A
R
543
303
C
791
L
020
E
156
579
S
R
017
338
O
302
650
R
G
681
264
E
S
822
548
I
756
,
195
L
O
191
544
O
R
787
653
A
247
615
N
T
646
299
G
E
052
268
056
A
230
E
226
509
N
Q
122
373
P
721
I
825
,
611
334
I
E
087
478
V
686
O
265
E
A
261
404
P
S
157
513
C
091
N
580
P
A
576
369
N
S
752
618 617
M L
651 231
A
335 300
, T
R
296 471
474 158
G
R D
192 577
583 757
N
126 266
S R
545 018
E
S I
541 015
508 718
A
N
717 297
057 232
. A
616 511
A A
475 824
D V
O
331 820
823 088
E V
S
682 542
792 582
O E
161 301
E A
510 019
G
U L
401 785
053 403
P N
U S
227 332
092 512
L
581 476
M D
370 789
I U
S A
360 050
788 683
N
L E
647 507
127 162
E
196 406
N R
440 054
P
A L
436 750
123 193
E R
P
612 367
722 337
T D
546 336
O
405 754
A P
A S
506 085
753 648
S T
O U
262 472
477
O
371
E
089
A
N
715
228
T
E
402
372
S
441
719
R
U
120
263
E
S
437
687
055
L
124
R
O
680
613
S
T
016
267
E
755
O
684
E
R
155
298
S
R
821
407
E
790
159
E
260
333
P
051
197
720
D
439
U
190
368
T
O
786
442
C
090
O
649
O
N
610
438
T
E
086
225
U
013
S
712
S
U
361
R
814
575
I
818
A
257
R
E
501
E
009
295
N
048
277
U
P
536
I
044
400
783
I
222
U
396
D
779
365
L
748
O
292
I
G
466
S
079
435
G
083
U
606
L
G
291
744
540
I
713
E
327
E
S
431
G
114
645
114
O
572
N
R
186
709
014
T
678
O
362
L
E
815
C
199
505
153
P
537
V
A
045
S
674
470
E
643
T
392
R
E
780
L
184
819 539
T
188 538
U R
642 046
N N
T
080 640
L D
369 604
049 644
I U
608 328
A S
432 781
G
I L
745 220
E
324 359
434 744
N
223 503
G M
502 081
P P
R
115 605
R N
219 464
784 504
I
360 398
V
467 746
,
S S
710 255

254 499
609 399
R I
573 468
E A
117 151
E N
P R
150 570
E G
289 534
084 119
T T
258 433
V U
011 711
, N
G Q
675 290
I R
394 569
469 154
R O
293 012
I U
816 221
R E
E R
185 535
E C
429 008
574
152
641
A
O
325
P
813
364
A
047
O
676
G
500
F
043
189
T
817
S
607
N
E
360
E
778
224
I
782
A
256
D
465
A
078
259
I
082
T
116
I
395

743
329
A
747
U
326
P
A
430
113
294
U
187
T
571
I
E
010
708
O
567
I
148
E
777

673
I
392
A
253
A
532
L
638
P
327
P
288
I
462
I
323
I
497
T
603
006
O
463
N
811
L
358
E
041
L
428
I
776
O
498
U
076 216
R .
568 042
I E
741 636
A Q
393 077
A
111 251
. O
533 707

706 286
.
218 112
E S
146 601
183 182
T D
181 321
S E
007 672
D
671 566
G
812 252

356
I
147
531
S
742
U
391
H
637

426

287
V
496
322
R
461
V
602
U
005
P
357
810
L
179
318
,
036
A
040
I
634
E
493
N
771
A
775
D
284
D
354
071
N
075
E
319

458

736

740
V
599
V
353
R
106
N
110
A
389
N
423
A
701
U
701
.
564
V
388
O
141
,
145
N
424
I
002
E
666
U
670
,
459
D
807
176
T
180
E
592
I
037
R
631
O
215
A
249
772
M
211
N
635 390
494 703
D L
072 212
O U
596 351 446
P C
250 355
G G
003 004
R
737 632
T .
246 456 422
N I H
495 530
O
808 668
N T
107 247
U O
280 491 330
U R
600 809
I E
773 108
A L
702 587
L D
561 421 217 623
V
285 774
I N
038 143
E N
142 182
G
316
A
320 074
D L
738 633
R
177 562
E U
526
I
425 565
.
073 178
S R
667 317
T I
386
460
E
598
E
492
A
104
L
213
L
352
E
739
O
563
O
527
144
O
248
N
387
N
704
A
039
457
,
214
L
283
O
001
P
669
O
328
D
806

SALITA AL MONTE CARMELO


SAN GIOVANNI DELLA CROCE
fisianomia 2009 / matematica per il design / 9
fisianomia 2009 / type design / 10
riprodurre la scrittura cosiva
nella sua fluidita naturale e
spotanea il carattere tipografico
chocolate nasce da segni gestuali
successivamente progettati coe
alfabeto la rielaboazioe della
scrittura in digitale mira a
mantenere una certa armoia
e cotinuita delle fome ogni
lettera viene resa co un unico
tratto cotinuo copoo da una
parte e sottile dall altra
un kller, seduto su
un kiser, mangava
un kwi, attendendo la
flotta armata
e l'aviazione provvista
di krosene.
intanto il kmikze
con la kfah ed il suo
capitano, nominato
kfk per depistare
i nemici, suonava
il fauto, ascoltando
il flusso del vento
che grava sul mare
delle isole fji.
kwi
the quick
brown fox
jumps over
a lazy dog
ktchup
the quick
brown fox
jumps over
a lazy dog
fipper
the quick
brown fox
jumps over
a lazy dog
ktsch
abcdefghijklmn
opqrstuvwxyz
!? .,
*& $ @
WbX[he b_]^j
)&fj
WbX[he h[]kbWh
)&fj
WbX[he XebZ
)&fj
abcdefghijklmn
opqrstuvwxyz
!? .,
*& $ @
abcdefghijklmn
opqrstuvwxyz
!? .,
*& $ @
futti
albero
l'esplosione
lentissima
di un seme.
bruno munari
isia urbino
diploma accademico primo livello
type design
docente: albert pinggera
studente: arnaldo flippini
WbX[he b_]^j/%'( fj
no, secondo me tutto un problema
di alimentazione. si, comincia
tutto da li, dalla scelta del cibo che
nutre il nostro corpo, dalle cose che
contribuiscono alla nostra crescita.
si, guardiamo ad esempio
un minestrone, si un bel minestrone
con dentro tanta roba, tanta verdura,
bello anche da vedere, anche come
fatto culturale, per dire. si, tu ce l'hai
la davanti fumante, colorato, pieno
di sedani, rape, fnocchi, carote,
eccetera, eccetera, eccetera... e mang,
anche perch hai fame e quindi lo
mang. si, mang tutto anche se non
che del minestrone ti interessa
tutto, certo non puoi mica metterti li
a selezionare, a dividere con le mani,
WbX[he b_]^j''%'* fj
sarebbe diffcile, scomodo
e anche maleducato, quindi
mang tutto anche se in realt
del minestrone ti interessa...
a me personalmente
del minestrone interessa
la carota, evidente che mi
interessa la carota per le sue
propriet eccezionali d'altronde
ben note. la carota, questo
prezioso ortaggo fa bene al...
irrobustisce il... nervo ottico,
si, fa bene ai bulbi, ti vengono
due bulboni... importante
vedere anche politicamente
questa vista che cresce,
che si sviluppa, che individua
il nemico da combattere, si.
WbX[he h[]kbWh/%'( fj
no, secondo me tutto un problema
di alimentazione. si, comincia
tutto da li, dalla scelta del cibo che
nutre il nostro corpo, dalle cose che
contribuiscono alla nostra crescita.
si, guardiamo ad esempio
un minestrone, si un bel minestrone
con dentro tanta roba, tanta
verdura, bello anche da vedere,
anche come fatto culturale, per dire.
si, tu ce l'hai la davanti fumante,
colorato, pieno di sedani, rape,
fnocchi, carote, eccetera, eccetera,
eccetera... e mang, anche perch hai
fame e quindi lo mang.
si, mang tutto anche se non che
del minestrone ti interessa tutto,
certo non puoi mica metterti li...
WbX[he h[]kbWh''%'* fj
sarebbe diffcile, scomodo
e anche maleducato, quindi
mang tutto anche se in realt
del minestrone ti interessa...
a me personalmente
del minestrone interessa
la carota, evidente che mi
interessa la carota per
le sue propriet eccezionali
d'altronde ben note. la carota,
questo prezioso ortaggo
fa bene al... irrobustisce
il... nervo ottico, si, fa bene
ai bulbi, ti vengono due
bulboni... importante
vedere anche politicamente
questa vista che cresce,
che si sviluppa, che individua
WbX[he XebZ /%'( fj
no, secondo me tutto
un problema di alimentazione.
si, comincia tutto da li, dalla scelta
del cibo che nutre il nostro corpo,
dalle cose che contribuiscono
alla nostra crescita.
si, guardiamo ad esempio
un minestrone, si un bel
minestrone con dentro tanta roba,
tanta verdura, bello anche
da vedere, anche come fatto
culturale, per dire. si, tu ce l'hai
la davanti fumante, colorato, pieno
di sedani, rape, fnocchi, carote,
eccetera, eccetera, eccetera...
e mang, anche perch hai fame
e quindi lo mang. si, mang tutto
anche se non che del minestrone...
WbX[he XebZ ''%'* fj
certo non puoi mica
metterti li a selezionare,
a dividere con le mani,
sarebbe diffcile, scomodo
e anche maleducato,
quindi mang tutto anche
sein realt del minestrone
ti interessa...
a me personalmente del
minestrone interessa
la carota, evidente che
mi interessa la carota per
le sue propriet eccezionali
d'altronde ben note.
la carota, questo prezioso
ortaggo fa bene al...
irrobustisce il... nervo
ottico, si, fa bene ai bulbi,
fisianomia 2009 / type design / 11
Jos Mara Arguedas
LA VOLPE SOPRA
E LA VOLPE SOTTO
una favola
N
u
o
v
i

C
o
r
a
l
l
i

F
e
l
t
r
i
n
e
l
l
i
J. M. ARGUEDAS
LAVOLPESOPRAELAVOLPESOTTO
Il lettore che affronta questo volume si trova davanti un testo che non
ha forse nessun punto di riferimento analogico nella lettura contempo-
ranea, anche se il suo autore uno dei pi noti narratori ispanoame-
ricani e le sue opere sono ampiamente tradotte in italiano. Il nucleo
fondamentale costruito da un abbozzo di romanzo, perch si presenta
immediatamente intrecciato con altri meteriali letterari di natura diver-
sa: i diari dello scrittore stesso, il testo di un discorso pronunciato in
occasione di un premio, sino alle ultime pagine, vere e proprie disposi-
zioni finali prima del suicidio. Il titolo allude ai due mondi fondamentali
e contrapposti del Per: la costa e la sierra. Ma c anche il riferimento
a unopposizione che percorre tutta la cultura andina tra alto e basso.
Pi concretamente, si assiste allutilizzazione di uno dei testi pi straor-
dinari della cultura quechua durante il periodo coloniale: il manoscritto
conservato presso la Biblioteca Nazionale di Madrid che raccoglie la
documentazione sulle credenze religiose degli indios, a mezzo secolo di
distanza dalla conquista spagnola. Il libro risulta essere una delle avven-
ture pi audaci della cultura ispanoamericana contemporanea. In essa,
accanto alla rivendicazione orgogliosa delle radici indigene insediate, si
avverte lannuncio di una letteratura nuova, in cui le istanze del mon-
do andino e le sue forme espressive diventano elementi portanti di una
struttura narrativa proiettata al futuro.
Di Jos Mara Arguedas (1911-1969), Feltrinelli pubblica I fiumi profondi,
Tutte le stirpi, Festa del sangue, Il Sexto, Arte popolare, religione e cultura
degli indios andini. Di prossima pubblicazione, Musica, danze e riti.
In copertina Louis Guillaume Les masques.
14,50
438
L
A
V
O
L
P
E
S
O
P
R
A
E
L
A
V
O
L
P
E
S
O
T
T
O

J
. M
. A
R
G
U
E
D
A
S
Nuovi Coral li Feltrinel li
Normativa Editoriale
Formato volume chiuso e raffilato: 194x114 mm.
Formato volume aperto e raffilato: 194x228 mm + dorso.
114 mm 114 mm variabile
1
9
4
m
m
2
1
,2
m
m
103,1 mm
10,9 mm
3
2
m
m
5
8
,5
m
m
1
0
3
,5
m
m
Box logo Feltrinelli
Coordinate:
103,1 mm dal dorso,
21,2 mm dalla testa;
altezza: 21,6 mm;
larghezza: 10,9 mm;
colore logo: rosso*;
colore di fondo: a sfondare,
*vedi normativa pag 10.
Box bianco esterno
Coordinate:
0 mm dal dorso,
32 mm dalla testa;
altezza: 58,5 mm;
larghezza: 103,1 mm;
colore: a sfondare.
4
7
,6
m
m
4
1
,5
m
m
107,3 mm
13 pt
2
1
,6
m
m
1
2
0
p
t
d
im
e
n
s
io
n
e
va
ria
b
ile
8 mm 87,1 mm
3
7
,5
m
m
d
im
e
n
s
io
n
e
va
ria
b
ile variabile
1
0
p
t
3,7 mm
3
1
m
m
5
2
m
m
7
5
m
m
9
0
,5
m
m
9 pt
1
7
6
,5
m
m
1
1
,5
m
m
6 mm
8 mm 8 mm
1
0
,5
m
m
4
2
9
,6
p
t
98 mm
1
6
3
m
m
74 mm 2
5
m
m
32 mm 13 mm
1
0
p
t
8 mm
1
8
5
m
m
Riproduzione della copertina Nuovi Coralli Feltrinelli,
le misure sono reali, ma non comprendono le abbondanze.
Box illustrazione
Coordinate:
0 mm dal dorso,
0 mm dalla testa;
altezza: 194 mm;
larghezza: 114 mm.
Box esterno edizione
Coordinate:
103,1 mm dal dorso,
32 mm dalla testa;
altezza: 58,5 mm;
larghezza: 10,9 mm;
colore: grigio*,
*vedi normativa pag 10.
Box edizione
Coordinate:
107,3 mm dal dorso,
41,5 mm dalla testa;
giustezza: 47,6 mm;
larghezza: 13 pt.
Testo edizione
testo ruotato di 90
in senso antiorario;
Adobe Caslon Pro
semibold, c. 11,5/13 pt,
Mm, crenatura 60,
allineamento centrato;
colore: a sfondare.
Box esterno per allineamento
Coordinate:
8 mm dal dorso,
37,5 mm dalla testa;
altezza: 120 pt;
giustezza: 87,1 mm.
Box autore/titolo/sottotitolo
Coordinate:
8 mm dal dorso,
valore variabile dalla testa,
il box allineato centrato in
verticale rispetto al Box
esterno per allineamento;
altezza: variabile;
giustezza: 87,1 mm.
Testo autore
Max 2 linee di testo;
Sabon bold,
corpo variabile**, Mm,
crenatura 0, allineamento
a sinistra, spazio dopo 10 pt;
colore: rosso*.
Testo titolo
Max 2 linee di testo;
Sabon bold,
corpo variabile**, MM,
crenatura 0, allineamento
a sinistra, spazio dopo 9 pt;
colore: grigio*.
Testo sottotitolo
Max 1 linea di testo;
Sabon bold italic,
c. 14/16,8 pt, mm,
crenatura 0,
allineamento a sinistra;
colore: grigio*.
*vedi normativa pag 10.
**vedi normativa pag 4.
Box testo sinossi
Coordinate:
10,5 mm dalla testa,
8 mm dal taglio;
altezza: 429,6 pt;
giustezza: 98 mm.
Testo autore e titolo sinossi
Max 2 linee di testo,
prima linea autore,
seconda linea titolo;
Sabon bold, c. 10/15 pt, MM,
crenatura 0, allineamento
a sinistra, spazio dopo 33 pt;
colore: a sfondare.
Testo sinossi
Max 21 linee di testo;
Sabon roman/italic,
c. 9/10,8 pt, Mm, crenatura 0,
allineamento giustificato
a blocchetto, spazio dopo 20 pt;
colore: a sfondare.
Testo biografia autore sinossi
Max 9 linee di testo;
Sabon bold italic/roman/italic,
c. 8,5/10,2 pt, Mm,
crenatura 0, allineamento
giustificato a blocchetto,
spazio dopo 20 pt;
colore: a sfondare.
Testo autore immagine in prima
di copertina
Max 1 linea di testo;
Itc Franklin Gothic book,
c. 7/8 pt, Mm, crenatura 0,
allineamento a sinistra;
colore: a sfondare.
Box barcode
Coordinate:
163 mm dalla testa,
74 mm dal taglio;
altezza: 25 mm;
larghezza: 32 mm;
colore barcode: nero;
colore di fondo: a sfondare.
Box prezzo
Coordinate:
185 mm dalla testa,
8 mm dal taglio;
altezza: 10 pt;
giustezza: 13 mm.
Testo prezzo
Max 1 linea di testo;
Itc Franklin Gothic book,
c. 10/10 pt, MM, crenatura 0,
allineamento a sinistra,
colore: a sfondare.
Box numero volume
Coordinate:
box centrato nel dorso,
3,7 mm dalla testa;
giustezza: variabile;
altezza: 10 pt.
Testo numero volume
Max 1 linea di testo,
max 3 battute di testo;
Sabon bold, c. 9/10 pt,
MM, crenatura 0,
allineamento centrato;
colore: a sfondare.
Box autore dorso
Coordinate:
box centrato nel dorso
e inclinato di 90
in senso orario;
31 mm dalla testa;
giustezza: 52 mm;
larghezza: 9 pt.
Testo autore dorso
Max 1 linea di testo,
Sabon bold, c. 8/9 pt,
MM, crenatura 0,
allineamento a destra;
colore: a sfondare.
Box titolo dorso
Coordinate:
box centrato nel dorso
e inclinato di 90
in senso orario;
90,5 mm dalla testa;
giustezza: 75 mm;
larghezza: 9 pt.
Testo titolo dorso
Max 1 linea di testo,
Sabon bold, c. 8/9 pt,
MM, crenatura 0,
allineamento a sinistra;
colore: a sfondare.
Box logo Feltrinelli dorso
Coordinate:
box centrato nel dorso
176,5 mm dalla testa;
larghezza: 6 mm;
altezza: 11,5 mm;
colore logo: a sfondare,
colore di fondo: assente.


Box rosso esterno
Coordinate:
0 mm dal taglio,
0 mm dalla testa;
altezza: 194 mm;
larghezza: 114 mm + dorso;
colore: rosso*,
*vedi normativa pag 10.
Krzysztof Kieslowski
Krzysztof Piesiewicz
DECALOGO
K. KIESLOWSKI - K. PIESIEWICZ
DECALOGO
Krzysztof Kieslowski
Lidea di fare un film venuta al mio amico Krzysztof Piesiewicz che ha
scritto con me la sceneggiatura. Allinizio non cera altro che il titolo, poi
abbiamo elaborato un punto di vista comune sui Dieci comandamenti.
Un punto di vista laico, uno sguardo concreto, pragmatico, allinsieme
di norme che vigono da alcune migliaia di anni e che nessuno fino ad
ora ha messo in discussione. Vorrei dare unimmagine del mondo non
solo condivisibile per noi che viviamo in Polonia, ma anche per tutti gli
altri europei...
Krzysztof Piesiewicz
Lidea dei Dieci comandamenti mi perseguitava da diversi anni. Forse
quando, in un museo di Varsavia, ho visto una tavola del Trecento, divi-
sa in dieci parti, dove lartista aveva rappresentato le tavole della legge.
Quel che mi affascina, dei comandamenti, che tutti siamo daccordo
sul fatto che sono giusti, ma al tempo stesso tutti li violiamo, tutti i gior-
ni. Mi interessano perch consentono di indagare sulla doppiezza del-
luomo. Che poi siano norme religiose secondario. Secondo me sono
norme morali. Ma al tempo stesso anche fisiche, psichiche, spirituali...
In copertina Enzo Cucchi Senza titolo.
17,00
442
D
E
C
A
L
O
G
O
K
. K
IE
S
L
O
W
S
K
I - K
. P
IE
S
IE
W
IC
Z
N
u
o
v
i

C
o
r
a
l
l
i

F
e
l
t
r
i
n
e
l
l
i
prova copertina.indd 10 6-07-2008 10:27:36
Satyajit Ray
LA NOTTE
DELLINDACO
S. RAY
LANOTTE DELLINDACO
Il pubblico italiano conosce poco Satyajit Ray come regista, non lo co-
nosce per nulla come scrittore. Eppure Ray, da oltre venticinque anni,
scrive e pubblica regolarmemte storie destinate ai ragazzi, e forse non
soltanto loro. Storie fantastiche, avventure di giungla e piccole storie
di vita quotidiana. Verne, Wells e Conan Doyle, insieme agli eroi dei
grandi cicli epici del Mahabharata e del Ramayana, sono ispiratori
di alcuni suoi personaggi.
Dietro lo scrittore sentiamo luomo di cinema abituato a narrare per
immagini. Luso di flash-back permette di creare atmosfere di sogno e
sdoppiamenti richiamando il passato anglo-indiano e introducendo ele-
menti che danno spessore storico e dicono quanto profondamente le due
culture, quella inglese - lingua in cui Ray scrive - e quella indiana, siano
compenetrate. La struttura narrativa, molto semplice e legata ai moduli
tradizionali dei racconti per ragazzi, rivela il regista e lo sceneggiatore,
preoccupato anche di descrivere, di far vedere: la giungla, le valli imma-
ginarie fuori dal tempo e dello spazio, la rumorosa Calcutta dei nosrti
giorni sono in qualche modo visibili; i protagonisti, uomini e animali,
hanno la stessa malinconia e mite evidenza dei personaggi in bianco
e nero dei suoi film. La quotidianit interrotta dallinsorgere di fatti
prodigiosi nel tentativo, riuscito, di dare equilibrio, quasi unarmonia a
delle esistenze minuscole accettate con saggezza e autoironia.
Satyajit Ray nato a Calcutta nel 1921. Si diploma in scienze economiche
allUniversit di Calcutta e studia arti grafiche. Nel 1947 fonda il primo
cineclub indiano, la Calcutta Film Society, e ha modo cos di conoscere la ci-
nematografia occidentale che ha grande influenza sulla sua opera. Nel 1950
collabora ai sopraluoghi per il filmdi Jean Renoir, The River (1951) e lanno
seguente acquista i diritti del romanzo Pather Panchali e inizia i propri mezzi
di produzione del film. Nel 1957 vince il Leone doro alla mostra del cinema
di Venezia e nel 1982 gli viene consegnato il Leone doro alla carriera. Ha
pubblicato un volume di memorie Our Films, Their Films (1976).
In copertina Giulia Rosselli Sogno.
8,40
413
L
A
N
O
T
T
E
D
E
L
L
IN
D
A
C
O

S
. R
A
Y
N
u
o
v
i

C
o
r
a
l
l
i

F
e
l
t
r
i
n
e
l
l
i
prova copertina.indd 5 6-07-2008 10:27:20
fisianomia 2009 / grafica editoriale / 12
onolisi dei difelli
Tavola n. 9 Cristian Checcanin, Manuela de Gioia, Cecilia Giampaoli, Umberto Mischi, Giulia Sambugaro, Simone Scimmi, Emanuele Simone
B[Xkij[fW]We]]_
0ueslo buslo pogo risullo gi in primo onolisi, eviden-
lemenle corenle di uno necessorio chiorezzo formole.
Lo divisione suggerilo dollo griglio confusionorio
perche monco in soslonzo un disegno defnilo, di op-
porluni riferimenli visivi. Non sembro esserci uno
vero logico nello disposizione delle informozioni in-
serile. Per quonlo riguordo il leslo viene follo lrop-
po uso delle obbreviozioni e di cerli lermini specifci
non vengono dole spiegozioni di sorlo. l corollere
lmonospozioloI ho un corpo lroppo gronde rispello
oll`orchilelluro dello pogino se confronlolo con ollri
esempi di busle pogo.
L`impoginolo diviso in due porli e lo legendo usolo
per olcune informozioni si lrovono nello primo porle
e si rilrovono nello secondo. Lo lelluro complessi-
vo risullo indisculibilmenle diffcile, soprollullo per
chi non ho moi ovulo o che fore con uno buslo po-
go. 0erle scelle composilive denolono un evidenle
disinleresse nei confronli di chi fruisce dello buslo
pogo mo soprollullo del molivo per cui viene slilolo
queslo eloborolo. lo slipendio mensile guodognolo
do un lovorolore.
Ulilizzo inopporluno e lroppo
frequenle delle obbreviozioni
le informozioni si dividono lro lo
primo e lo secondo porle dello buslo
pogo, in pi lo legendo non oiulo nello
comprensione del leslo
Lo legendo non oiulo nello
comprensione del leslo
l molivo ullimo dello compilozione dello
busl pogo no ricopre mollo imporlonzo,
rispello olle ollre informozioni.
Lo divisione suggerilo dollo griglio
confusionorio, monco
un disegno defnilo
0uesli doli risullono pressoch illeggibili
1/2 2/2
Tavola n. 10 Cristian Checcanin, Manuela de Gioia, Cecilia Giampaoli, Umberto Mischi, Giulia Sambugaro, Simone Scimmi, Emanuele Simone
ospelli riluoli nel conleslo lovorolivo slorico
8kijWfW]W
uno proposlo di redesign
C;I;B7LEH7JEEH:?D7H?E
0RF Ll\0RlTF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O,3O
00RN Ll\0RlT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
MP0RT0 0RDNlR0 . . . . . . . . . . . . . . . . 837,/O
RDUZ0NF 0RlRl
00DUTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32,7O
PlUSl PRlNZ0. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5/,8
0RF RFTRBUTF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173,OO
0RF NlL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113,5O
HH MNMlLF NPS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173,OO
FD0 PFNS0NF 0TR DSP . . . . . . . . . . . 1,2O
FD0 TFS0RFRl
0U0Tl TFR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1/,3
FFST\Tl 00DUTl lHHI . . . . . . . . . . . . . . 27,1
FFST\Tl N0N 00DUTl. . . . . . . . . . . . . . 7,53
C;I;B7LEH7JEIJH7EH:?D7H?E
STRl0RDNlR01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O,87
Ll\0R0 N0TTURN02 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3,O2
STRl0RDNlR /O-//1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7,5O
NDFNNTl
DSP0NBLTl N0TTURN0 . . . . . . . . 12,/5
JEJ7B;BEH:EC;DI?B; . . . . . 1.373,3O
DEJ;
10L STRl0RDNlR \FN00N0 RFTRBUT lLL`0Rl
lL /5% N PU DFLLl RFTRBUZ0NF 0RlRl 0RDNlRl.

2L Ll\0R0 N0TTURN0 \FNFRFTRBUT0 lLL`0Rl
lL /O% N PU DFLLl RFTRBUZU0NF 0RlRl 0RDNlRl
JEJ7B;D;JJE
?D;KHE3
1O,13
JH7JJ;DKJ;
RFTRBUZ0NF
TFR lNNUl
NUMFR0 00RN
TFR 1OO%
RFTRBUZ0NF UTLF
TFR MFSF.
F0ND0 PFNS0NF
TFR MFSF
TRlTTFNUTF
F. PRF\. L. /38/2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13,5O
MP0NBLF S0Rl\0
MP0NBLF NlL.
MP0NBLF
F0ND0 PRF\.
MP0NBLF
FS0lLF MFNSLF.
MP0NBLF RS
lRR0T0NDlT0
JEJ7B;JH7JJ;DKJ; . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13,5O
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.35,8O
:;:KP?ED?
DFTRlZ0NF
D SPFTTlNZl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O7,5O
DFTRlZ0N 00NU0F
DFTRlZ0N F0L
DFTRlZ0N lLTR
lDDZ0NlLF
RF00NlLF RlTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1/,85
lDDZ0NlLF
00MUNlLF RlTl. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2,/5
lDDZ0NlLF
l000NT0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . O,87
JEJ7B;:;:KP?ED? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125,7
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.O,13
H?J;DKJ;
RTFNUTF
S00lL. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13O,OO
RTFNUTF
0PDFL/FD0 0RFDT0
RTFNUTF
FX NlDFL P.
RTFNUTF
F. PRF\.55 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5O,OO
RTFNUTF PRF\, NT.
F0ND0 lSSSTFNZl
RTFNUTF
PlST0RF/FP/0.FDLF
JEJ7B;H?J;DKJ; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135,OO
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.22/,8O
F;HIED7B;
DlTl D NlS0Tl . . . . . . . . . . . . . 1O-O8-171
DlTl D lSSUNZ0NF . . . . O7-O2-2OO
0UlLF0l . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . EF;H7?E
MlTR00Ll . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
00D0F . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . OO172
00D0F
FS0lLF ... RSS0\N71N/L823BL
P0SZ0NF NPS . . . . . . . . . . . . . OOOOOOOOOO
lNTlN SRL
vio 0rislons 1O
33O8 Moniogo lPNI
lel. O/27-123/5
p. ivo 123/578
IJ?F;D:?E:79EDJH7JJE
RFTRBUZ0NF 0RlRl . . . . . . . . . 8,//81
RFTR. 00RNlLFRl . . . . . . . . . . . . 5O,23835
lNN/MFS lNZlNTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . O/O
T0TlLF L0RD0
0RDNlR0 MFNSLF . . . . . . . . . . . . 1.3O7,38
RPFF L0RDl MFNSLF . . . . . . . . . . . . 282,73
RPFF L0RDl lNNUl. . . . . . . . . . . . 3.35,1
B0LL0 STTUT0 N
voci che sommole defniscono
il lolole lordo mensile
voci che sollrorre ol lolole lordo mensile
defniscono il lolole nello percepilo
BUSTl Pl0l N0\FMBRF 2OO
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
BW9eij_jkp_ed[ ?jWb_WdW
lrl. 35
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro in lulle le sue forme
ed opplicozioni.
0uro lo formozione e l`ele-
vozione professionole dei
lovorolori.
Promuove e fovorisce gli
occordi e le orgonizzozioni
inlernozionoli inlesi od of-
fermore e regolore i dirilli
del lovoro.
Riconosce lo liberl di
emigrozione, solvo gli ob-
blighi slobilili dollo leg-
ge nell`inleresse genero-
le e lulelo il lovoro iloliono
oll`eslero.
lrl. 3
l lovorolore ho dirillo od
uno relribuzione propor-
zionolo ollo quonlil e
quolil del suo lovoro e in
ogni coso suffcienle od
ossicurore o se e ollo fo-
miglio un`esislenzo libero
e digniloso.
Lo durolo mossimo dello
giornolo lovorolivo slo-
bililo dollo legge.
l lovorolore ho dirillo ol
riposo sellimonole e o fe-
rie onnuoli relribuile, e
non pu rinunziorvi.
lrl. 37
Lo donno lovorolrice ho gli
slessi dirilli e, o poril di
lovoro, le slesse relribu-
zioni che spellono ol lo-
vorolore. Le condizioni di
lovoro devono consenlire
l`odempimenlo dello suo
essenziole funzione fomi-
liore e ossicurore ollo mo-
dre e ol bombino uno spe-
ciole odeguolo prolezione.
Lo legge slobilisce il limi-
le minimo di el per il lo-
voro soloriolo.
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro dei minori con spe-
cioli norme e goronlisce
od essi, o poril di lovo-
ro, il dirillo ollo poril di
relribuzione.
'$&//
')
NFTT0
l Pl0lRF
N FUR0 l2I
Fgregio Signore,
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
C;I;B7LEH7JEEH:?D7H?E
0RF Ll\0RlTF 1O,3O
00RN Ll\0RlT 2
MP0RT0 0RDNlR0 837,/O
RDUZ0NF 0RlRl
00DUTl 32,7O
PlUSl PRlNZ0 5/,8
0RF RFTRBUTF 173,OO
0RF NlL 113,5O
HH MNMlLF NPS 173,OO
FD0 PFNS0NF 0TR DSP 1,2O
FD0 TFS0RFRl
0U0Tl TFR 1/,3
FFST\Tl 00DUTl lHHI 27,1
FFST\Tl N0N 00DUTl 7,53
C;I;B7LEH7JEIJH7EH:?D7H?E
STRl0RDNlR0 1O,87
Ll\0R0 N0TTURN0 3,O2
STRl0RDNlR /O-// 7,5O
NDFNNTl
DSP0NBLTl N0TTURN0 12,/5
JEJ7B;BEH:EC;DI?B; 1.373,3O
DEJ;
0L STRl0RDNlR \FN00N0 RFTRBUT lLL`0Rl
lL /5% N PU DFLLl RFTRBUZ0NF 0RlRl 0RDNlRl.

L Ll\0R0 N0TTURN0 \FNFRFTRBUT0 lLL`0Rl
lL /O% N PU DFLLl RFTRBUZU0NF 0RlRl 0RDNlRl
JEJ7B;D;JJE
?D;KHE3
1O,13
JH7JJ;DKJ;
RFTRBUZ0NF
TFR lNNUl
NUMFR0 00RN
TFR 1OO%
RFTRBUZ0NF UTLF
TFR MFSF.
F0ND0 PFNS0NF
TFR MFSF
TRlTTFNUTF
F. PRF\. L. /38/2 13,5O
MP0NBLF S0Rl\0
MP0NBLF NlL.
MP0NBLF
F0ND0 PRF\.
MP0NBLF
FS0lLF MFNSLF.
MP0NBLF RS
lRR0T0NDlT0
JEJ7B;JH7JJ;DKJ; 13,5O
JEJ7B; 1.35,8O
:;:KP?ED?
DFTRlZ0NF
D SPFTTlNZl 1O7,5O
DFTRlZ0N 00NU0F
DFTRlZ0N F0L
DFTRlZ0N lLTR
lDDZ0NlLF
RF00NlLF RlTl 1/,85
lDDZ0NlLF
00MUNlLF RlTl 2,/5
lDDZ0NlLF
l000NT0 O,87
JEJ7B;:;:KP?ED? 125,7
JEJ7B; 1.O,13
H?J;DKJ;
RTFNUTF
S00lL 13O,OO
RTFNUTF
0PDFL/FD0 0RFDT0
RTFNUTF
FX NlDFL P.
RTFNUTF
F. PRF\.55 5O,OO
RTFNUTF PRF\, NT.
F0ND0 lSSSTFNZl
RTFNUTF
PlST0RF/FP/0.FDLF
JEJ7B;H?J;DKJ; 135,OO
JEJ7B; 1.22/,8O
F;HIED7B;
DlTl D NlS0Tl 1O-O8-171
DlTl D lSSUNZ0NF O7-O2-2OO
0UlLF0l EF;H7?E
MlTR00Ll 17
00D0F OO172
00D0F
FS0lLF ... RSS0\N71N/L823BL
P0SZ0NF NPS OOOOOOOOOO
lNTlN SRL
vio 0rislons 1O
33O8 Moniogo lPNI
lel. O/27-123/5
p. ivo 123/578
IJ?F;D:?E:79EDJH7JJE
RFTRBUZ0NF 0RlRl 8,//81
RFTR. 00RNlLFRl 5O,23835
lNN/MFS lNZlNTl O/O
T0TlLF L0RD0
0RDNlR0 MFNSLF 1.3O7,38
RPFF L0RDl MFNSLF 282,73
RPFF L0RDl lNNUl 3.35,1
B0LL0 STTUT0 N
voci che sommole defniscono
il lolole lordo mensile
voci che sollrorre ol lolole lordo mensile
defniscono il lolole nello percepilo
BUSTl Pl0l N0\FMBRF 2OO
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
BW9eij_jkp_ed[ ?jWb_WdW
lrl. 35
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro in lulle le sue forme
ed opplicozioni.
0uro lo formozione e l`ele-
vozione professionole dei
lovorolori.
Promuove e fovorisce gli
occordi e le orgonizzozioni
inlernozionoli inlesi od of-
fermore e regolore i dirilli
del lovoro.
Riconosce lo liberl di
emigrozione, solvo gli ob-
blighi slobilili dollo leg-
ge nell`inleresse genero-
le e lulelo il lovoro iloliono
oll`eslero.
lrl. 3
l lovorolore ho dirillo od
uno relribuzione propor-
zionolo ollo quonlil e
quolil del suo lovoro e in
ogni coso suffcienle od
ossicurore o se e ollo fo-
miglio un`esislenzo libero
e digniloso.
Lo durolo mossimo dello
giornolo lovorolivo slo-
bililo dollo legge.
l lovorolore ho dirillo ol
riposo sellimonole e o fe-
rie onnuoli relribuile, e
non pu rinunziorvi.
lrl. 37
Lo donno lovorolrice ho gli
slessi dirilli e, o poril di
lovoro, le slesse relribu-
zioni che spellono ol lo-
vorolore. Le condizioni di
lovoro devono consenlire
l`odempimenlo dello suo
essenziole funzione fomi-
liore e ossicurore ollo mo-
dre e ol bombino uno spe-
ciole odeguolo prolezione.
Lo legge slobilisce il limi-
le minimo di el per il lo-
voro soloriolo.
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro dei minori con spe-
cioli norme e goronlisce
od essi, o poril di lovo-
ro, il dirillo ollo poril di
relribuzione.
'$&//
')
NFTT0
l Pl0lRF
N FUR0 l2I
Fgregio Signore,
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
8kijWfW]W
Per il redesign dello buslo pogo obboimo inlrodollo
olcune semplici idee derivole doll`onolisi di esempi
di busle pogo esislenli. Siomo porlili dol presupposlo
che i doli dello buslo pogo dovevono essere sislemoli
in modo do rendere mollo pi chioro lo lelluro di un
documenlo che per suo noluro complesso. nlro-
ducendo l`ideo del percorso che lego le vorie voci,
dol nome del lovorolore oll`imporlo nello mensile, il
documenlo risullo pi leggibile. Lo slompo sul relro
funzionole, ossieme ollo rispellivo piegoluro, od
uno nuovo concezione dello buslo pogo. Sul relro si
lrovo infolli l`imporlo nello slompolo con un corpo
piulloslo gronde lil corollere l`FF DN, corpo 122
plI e lre orlicoli dello 0osliluzione iloliono specifci
sui dirilli dei lovorolori.
0ome nei conlrolli, l`imposlozione dello griglio per
l`impoginozione prevede che il morgine sinislro di-
spongo di uno spozio dedicolo ollo rilegoluro od onel-
li, per essere opporlunomenle sislemolo in un rocco-
glilore uno vollo recopilolo ol lovorolore.
Tavola n. 10 Cristian Checcanin, Manuela de Gioia, Cecilia Giampaoli, Umberto Mischi, Giulia Sambugaro, Simone Scimmi, Emanuele Simone
ospelli riluoli nel conleslo lovorolivo slorico
8kijWfW]W
uno proposlo di redesign
C;I;B7LEH7JEEH:?D7H?E
0RF Ll\0RlTF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O,3O
00RN Ll\0RlT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
MP0RT0 0RDNlR0 . . . . . . . . . . . . . . . . 837,/O
RDUZ0NF 0RlRl
00DUTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32,7O
PlUSl PRlNZ0. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5/,8
0RF RFTRBUTF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173,OO
0RF NlL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113,5O
HH MNMlLF NPS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173,OO
FD0 PFNS0NF 0TR DSP . . . . . . . . . . . 1,2O
FD0 TFS0RFRl
0U0Tl TFR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1/,3
FFST\Tl 00DUTl lHHI . . . . . . . . . . . . . . 27,1
FFST\Tl N0N 00DUTl. . . . . . . . . . . . . . 7,53
C;I;B7LEH7JEIJH7EH:?D7H?E
STRl0RDNlR01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O,87
Ll\0R0 N0TTURN02 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3,O2
STRl0RDNlR /O-//1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7,5O
NDFNNTl
DSP0NBLTl N0TTURN0 . . . . . . . . 12,/5
JEJ7B;BEH:EC;DI?B; . . . . . 1.373,3O
DEJ;
10L STRl0RDNlR \FN00N0 RFTRBUT lLL`0Rl
lL /5% N PU DFLLl RFTRBUZ0NF 0RlRl 0RDNlRl.

2L Ll\0R0 N0TTURN0 \FNFRFTRBUT0 lLL`0Rl
lL /O% N PU DFLLl RFTRBUZU0NF 0RlRl 0RDNlRl
JEJ7B;D;JJE
?D;KHE3
1O,13
JH7JJ;DKJ;
RFTRBUZ0NF
TFR lNNUl
NUMFR0 00RN
TFR 1OO%
RFTRBUZ0NF UTLF
TFR MFSF.
F0ND0 PFNS0NF
TFR MFSF
TRlTTFNUTF
F. PRF\. L. /38/2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13,5O
MP0NBLF S0Rl\0
MP0NBLF NlL.
MP0NBLF
F0ND0 PRF\.
MP0NBLF
FS0lLF MFNSLF.
MP0NBLF RS
lRR0T0NDlT0
JEJ7B;JH7JJ;DKJ; . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13,5O
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.35,8O
:;:KP?ED?
DFTRlZ0NF
D SPFTTlNZl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O7,5O
DFTRlZ0N 00NU0F
DFTRlZ0N F0L
DFTRlZ0N lLTR
lDDZ0NlLF
RF00NlLF RlTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1/,85
lDDZ0NlLF
00MUNlLF RlTl. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2,/5
lDDZ0NlLF
l000NT0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . O,87
JEJ7B;:;:KP?ED? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125,7
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.O,13
H?J;DKJ;
RTFNUTF
S00lL. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13O,OO
RTFNUTF
0PDFL/FD0 0RFDT0
RTFNUTF
FX NlDFL P.
RTFNUTF
F. PRF\.55 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5O,OO
RTFNUTF PRF\, NT.
F0ND0 lSSSTFNZl
RTFNUTF
PlST0RF/FP/0.FDLF
JEJ7B;H?J;DKJ; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135,OO
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.22/,8O
F;HIED7B;
DlTl D NlS0Tl . . . . . . . . . . . . . 1O-O8-171
DlTl D lSSUNZ0NF . . . . O7-O2-2OO
0UlLF0l . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . EF;H7?E
MlTR00Ll . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
00D0F . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . OO172
00D0F
FS0lLF ... RSS0\N71N/L823BL
P0SZ0NF NPS . . . . . . . . . . . . . OOOOOOOOOO
lNTlN SRL
vio 0rislons 1O
33O8 Moniogo lPNI
lel. O/27-123/5
p. ivo 123/578
IJ?F;D:?E:79EDJH7JJE
RFTRBUZ0NF 0RlRl . . . . . . . . . 8,//81
RFTR. 00RNlLFRl . . . . . . . . . . . . 5O,23835
lNN/MFS lNZlNTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . O/O
T0TlLF L0RD0
0RDNlR0 MFNSLF . . . . . . . . . . . . 1.3O7,38
RPFF L0RDl MFNSLF . . . . . . . . . . . . 282,73
RPFF L0RDl lNNUl. . . . . . . . . . . . 3.35,1
B0LL0 STTUT0 N
voci che sommole defniscono
il lolole lordo mensile
voci che sollrorre ol lolole lordo mensile
defniscono il lolole nello percepilo
BUSTl Pl0l N0\FMBRF 2OO
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
BW9eij_jkp_ed[ ?jWb_WdW
lrl. 35
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro in lulle le sue forme
ed opplicozioni.
0uro lo formozione e l`ele-
vozione professionole dei
lovorolori.
Promuove e fovorisce gli
occordi e le orgonizzozioni
inlernozionoli inlesi od of-
fermore e regolore i dirilli
del lovoro.
Riconosce lo liberl di
emigrozione, solvo gli ob-
blighi slobilili dollo leg-
ge nell`inleresse genero-
le e lulelo il lovoro iloliono
oll`eslero.
lrl. 3
l lovorolore ho dirillo od
uno relribuzione propor-
zionolo ollo quonlil e
quolil del suo lovoro e in
ogni coso suffcienle od
ossicurore o se e ollo fo-
miglio un`esislenzo libero
e digniloso.
Lo durolo mossimo dello
giornolo lovorolivo slo-
bililo dollo legge.
l lovorolore ho dirillo ol
riposo sellimonole e o fe-
rie onnuoli relribuile, e
non pu rinunziorvi.
lrl. 37
Lo donno lovorolrice ho gli
slessi dirilli e, o poril di
lovoro, le slesse relribu-
zioni che spellono ol lo-
vorolore. Le condizioni di
lovoro devono consenlire
l`odempimenlo dello suo
essenziole funzione fomi-
liore e ossicurore ollo mo-
dre e ol bombino uno spe-
ciole odeguolo prolezione.
Lo legge slobilisce il limi-
le minimo di el per il lo-
voro soloriolo.
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro dei minori con spe-
cioli norme e goronlisce
od essi, o poril di lovo-
ro, il dirillo ollo poril di
relribuzione.
'$&//
')
NFTT0
l Pl0lRF
N FUR0 l2I
Fgregio Signore,
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
C;I;B7LEH7JEEH:?D7H?E
0RF Ll\0RlTF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O,3O
00RN Ll\0RlT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
MP0RT0 0RDNlR0 . . . . . . . . . . . . . . . . 837,/O
RDUZ0NF 0RlRl
00DUTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32,7O
PlUSl PRlNZ0. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5/,8
0RF RFTRBUTF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173,OO
0RF NlL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113,5O
HH MNMlLF NPS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173,OO
FD0 PFNS0NF 0TR DSP . . . . . . . . . . . 1,2O
FD0 TFS0RFRl
0U0Tl TFR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1/,3
FFST\Tl 00DUTl lHHI . . . . . . . . . . . . . . 27,1
FFST\Tl N0N 00DUTl. . . . . . . . . . . . . . 7,53
C;I;B7LEH7JEIJH7EH:?D7H?E
STRl0RDNlR0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O,87
Ll\0R0 N0TTURN0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3,O2
STRl0RDNlR /O-// . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7,5O
NDFNNTl
DSP0NBLTl N0TTURN0 . . . . . . . . 12,/5
JEJ7B;BEH:EC;DI?B; . . . . . 1.373,3O
DEJ;
0L STRl0RDNlR \FN00N0 RFTRBUT lLL`0Rl
lL /5% N PU DFLLl RFTRBUZ0NF 0RlRl 0RDNlRl.

L Ll\0R0 N0TTURN0 \FNFRFTRBUT0 lLL`0Rl
lL /O% N PU DFLLl RFTRBUZU0NF 0RlRl 0RDNlRl
JEJ7B;D;JJE
?D;KHE3
1O,13
JH7JJ;DKJ;
RFTRBUZ0NF
TFR lNNUl
NUMFR0 00RN
TFR 1OO%
RFTRBUZ0NF UTLF
TFR MFSF.
F0ND0 PFNS0NF
TFR MFSF
TRlTTFNUTF
F. PRF\. L. /38/2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13,5O
MP0NBLF S0Rl\0
MP0NBLF NlL.
MP0NBLF
F0ND0 PRF\.
MP0NBLF
FS0lLF MFNSLF.
MP0NBLF RS
lRR0T0NDlT0
JEJ7B;JH7JJ;DKJ; . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13,5O
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.35,8O
:;:KP?ED?
DFTRlZ0NF
D SPFTTlNZl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O7,5O
DFTRlZ0N 00NU0F
DFTRlZ0N F0L
DFTRlZ0N lLTR
lDDZ0NlLF
RF00NlLF RlTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1/,85
lDDZ0NlLF
00MUNlLF RlTl. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2,/5
lDDZ0NlLF
l000NT0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . O,87
JEJ7B;:;:KP?ED? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125,7
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.O,13
H?J;DKJ;
RTFNUTF
S00lL. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13O,OO
RTFNUTF
0PDFL/FD0 0RFDT0
RTFNUTF
FX NlDFL P.
RTFNUTF
F. PRF\.55 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5O,OO
RTFNUTF PRF\, NT.
F0ND0 lSSSTFNZl
RTFNUTF
PlST0RF/FP/0.FDLF
JEJ7B;H?J;DKJ; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135,OO
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.22/,8O
F;HIED7B;
DlTl D NlS0Tl . . . . . . . . . . . . . 1O-O8-171
DlTl D lSSUNZ0NF . . . . O7-O2-2OO
0UlLF0l . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . EF;H7?E
MlTR00Ll . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
00D0F . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . OO172
00D0F
FS0lLF ... RSS0\N71N/L823BL
P0SZ0NF NPS . . . . . . . . . . . . . OOOOOOOOOO
lNTlN SRL
vio 0rislons 1O
33O8 Moniogo lPNI
lel. O/27-123/5
p. ivo 123/578
IJ?F;D:?E:79EDJH7JJE
RFTRBUZ0NF 0RlRl . . . . . . . . . 8,//81
RFTR. 00RNlLFRl . . . . . . . . . . . . 5O,23835
lNN/MFS lNZlNTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . O/O
T0TlLF L0RD0
0RDNlR0 MFNSLF . . . . . . . . . . . . 1.3O7,38
RPFF L0RDl MFNSLF . . . . . . . . . . . . 282,73
RPFF L0RDl lNNUl. . . . . . . . . . . . 3.35,1
B0LL0 STTUT0 N
voci che sommole defniscono
il lolole lordo mensile
voci che sollrorre ol lolole lordo mensile
defniscono il lolole nello percepilo
BUSTl Pl0l N0\FMBRF 2OO
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
BW9eij_jkp_ed[ ?jWb_WdW
lrl. 35
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro in lulle le sue forme
ed opplicozioni.
0uro lo formozione e l`ele-
vozione professionole dei
lovorolori.
Promuove e fovorisce gli
occordi e le orgonizzozioni
inlernozionoli inlesi od of-
fermore e regolore i dirilli
del lovoro.
Riconosce lo liberl di
emigrozione, solvo gli ob-
blighi slobilili dollo leg-
ge nell`inleresse genero-
le e lulelo il lovoro iloliono
oll`eslero.
lrl. 3
l lovorolore ho dirillo od
uno relribuzione propor-
zionolo ollo quonlil e
quolil del suo lovoro e in
ogni coso suffcienle od
ossicurore o se e ollo fo-
miglio un`esislenzo libero
e digniloso.
Lo durolo mossimo dello
giornolo lovorolivo slo-
bililo dollo legge.
l lovorolore ho dirillo ol
riposo sellimonole e o fe-
rie onnuoli relribuile, e
non pu rinunziorvi.
lrl. 37
Lo donno lovorolrice ho gli
slessi dirilli e, o poril di
lovoro, le slesse relribu-
zioni che spellono ol lo-
vorolore. Le condizioni di
lovoro devono consenlire
l`odempimenlo dello suo
essenziole funzione fomi-
liore e ossicurore ollo mo-
dre e ol bombino uno spe-
ciole odeguolo prolezione.
Lo legge slobilisce il limi-
le minimo di el per il lo-
voro soloriolo.
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro dei minori con spe-
cioli norme e goronlisce
od essi, o poril di lovo-
ro, il dirillo ollo poril di
relribuzione.
'$&//
')
NFTT0
l Pl0lRF
N FUR0 l2I
Fgregio Signore,
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
8kijWfW]W
Per il redesign dello buslo pogo obboimo inlrodollo
olcune semplici idee derivole doll`onolisi di esempi
di busle pogo esislenli. Siomo porlili dol presupposlo
che i doli dello buslo pogo dovevono essere sislemoli
in modo do rendere mollo pi chioro lo lelluro di un
documenlo che per suo noluro complesso. nlro-
ducendo l`ideo del percorso che lego le vorie voci,
dol nome del lovorolore oll`imporlo nello mensile, il
documenlo risullo pi leggibile. Lo slompo sul relro
funzionole, ossieme ollo rispellivo piegoluro, od
uno nuovo concezione dello buslo pogo. Sul relro si
lrovo infolli l`imporlo nello slompolo con un corpo
piulloslo gronde lil corollere l`FF DN, corpo 122
plI e lre orlicoli dello 0osliluzione iloliono specifci
sui dirilli dei lovorolori.
0ome nei conlrolli, l`imposlozione dello griglio per
l`impoginozione prevede che il morgine sinislro di-
spongo di uno spozio dedicolo ollo rilegoluro od onel-
li, per essere opporlunomenle sislemolo in un rocco-
glilore uno vollo recopilolo ol lovorolore.
Tavola n. 10 Cristian Checcanin, Manuela de Gioia, Cecilia Giampaoli, Umberto Mischi, Giulia Sambugaro, Simone Scimmi, Emanuele Simone
ospelli riluoli nel conleslo lovorolivo slorico
8kijWfW]W
uno proposlo di redesign
C;I;B7LEH7JEEH:?D7H?E
0RF Ll\0RlTF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O,3O
00RN Ll\0RlT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
MP0RT0 0RDNlR0 . . . . . . . . . . . . . . . . 837,/O
RDUZ0NF 0RlRl
00DUTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32,7O
PlUSl PRlNZ0. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5/,8
0RF RFTRBUTF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173,OO
0RF NlL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113,5O
HH MNMlLF NPS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173,OO
FD0 PFNS0NF 0TR DSP . . . . . . . . . . . 1,2O
FD0 TFS0RFRl
0U0Tl TFR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1/,3
FFST\Tl 00DUTl lHHI . . . . . . . . . . . . . . 27,1
FFST\Tl N0N 00DUTl. . . . . . . . . . . . . . 7,53
C;I;B7LEH7JEIJH7EH:?D7H?E
STRl0RDNlR01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O,87
Ll\0R0 N0TTURN02 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3,O2
STRl0RDNlR /O-//1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7,5O
NDFNNTl
DSP0NBLTl N0TTURN0 . . . . . . . . 12,/5
JEJ7B;BEH:EC;DI?B; . . . . . 1.373,3O
DEJ;
10L STRl0RDNlR \FN00N0 RFTRBUT lLL`0Rl
lL /5% N PU DFLLl RFTRBUZ0NF 0RlRl 0RDNlRl.

2L Ll\0R0 N0TTURN0 \FNFRFTRBUT0 lLL`0Rl
lL /O% N PU DFLLl RFTRBUZU0NF 0RlRl 0RDNlRl
JEJ7B;D;JJE
?D;KHE3
1O,13
JH7JJ;DKJ;
RFTRBUZ0NF
TFR lNNUl
NUMFR0 00RN
TFR 1OO%
RFTRBUZ0NF UTLF
TFR MFSF.
F0ND0 PFNS0NF
TFR MFSF
TRlTTFNUTF
F. PRF\. L. /38/2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13,5O
MP0NBLF S0Rl\0
MP0NBLF NlL.
MP0NBLF
F0ND0 PRF\.
MP0NBLF
FS0lLF MFNSLF.
MP0NBLF RS
lRR0T0NDlT0
JEJ7B;JH7JJ;DKJ; . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13,5O
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.35,8O
:;:KP?ED?
DFTRlZ0NF
D SPFTTlNZl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O7,5O
DFTRlZ0N 00NU0F
DFTRlZ0N F0L
DFTRlZ0N lLTR
lDDZ0NlLF
RF00NlLF RlTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1/,85
lDDZ0NlLF
00MUNlLF RlTl. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2,/5
lDDZ0NlLF
l000NT0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . O,87
JEJ7B;:;:KP?ED? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125,7
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.O,13
H?J;DKJ;
RTFNUTF
S00lL. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13O,OO
RTFNUTF
0PDFL/FD0 0RFDT0
RTFNUTF
FX NlDFL P.
RTFNUTF
F. PRF\.55 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5O,OO
RTFNUTF PRF\, NT.
F0ND0 lSSSTFNZl
RTFNUTF
PlST0RF/FP/0.FDLF
JEJ7B;H?J;DKJ; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135,OO
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.22/,8O
F;HIED7B;
DlTl D NlS0Tl . . . . . . . . . . . . . 1O-O8-171
DlTl D lSSUNZ0NF . . . . O7-O2-2OO
0UlLF0l . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . EF;H7?E
MlTR00Ll . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
00D0F . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . OO172
00D0F
FS0lLF ... RSS0\N71N/L823BL
P0SZ0NF NPS . . . . . . . . . . . . . OOOOOOOOOO
lNTlN SRL
vio 0rislons 1O
33O8 Moniogo lPNI
lel. O/27-123/5
p. ivo 123/578
IJ?F;D:?E:79EDJH7JJE
RFTRBUZ0NF 0RlRl . . . . . . . . . 8,//81
RFTR. 00RNlLFRl . . . . . . . . . . . . 5O,23835
lNN/MFS lNZlNTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . O/O
T0TlLF L0RD0
0RDNlR0 MFNSLF . . . . . . . . . . . . 1.3O7,38
RPFF L0RDl MFNSLF . . . . . . . . . . . . 282,73
RPFF L0RDl lNNUl. . . . . . . . . . . . 3.35,1
B0LL0 STTUT0 N
voci che sommole defniscono
il lolole lordo mensile
voci che sollrorre ol lolole lordo mensile
defniscono il lolole nello percepilo
BUSTl Pl0l N0\FMBRF 2OO
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
BW9eij_jkp_ed[ ?jWb_WdW
lrl. 35
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro in lulle le sue forme
ed opplicozioni.
0uro lo formozione e l`ele-
vozione professionole dei
lovorolori.
Promuove e fovorisce gli
occordi e le orgonizzozioni
inlernozionoli inlesi od of-
fermore e regolore i dirilli
del lovoro.
Riconosce lo liberl di
emigrozione, solvo gli ob-
blighi slobilili dollo leg-
ge nell`inleresse genero-
le e lulelo il lovoro iloliono
oll`eslero.
lrl. 3
l lovorolore ho dirillo od
uno relribuzione propor-
zionolo ollo quonlil e
quolil del suo lovoro e in
ogni coso suffcienle od
ossicurore o se e ollo fo-
miglio un`esislenzo libero
e digniloso.
Lo durolo mossimo dello
giornolo lovorolivo slo-
bililo dollo legge.
l lovorolore ho dirillo ol
riposo sellimonole e o fe-
rie onnuoli relribuile, e
non pu rinunziorvi.
lrl. 37
Lo donno lovorolrice ho gli
slessi dirilli e, o poril di
lovoro, le slesse relribu-
zioni che spellono ol lo-
vorolore. Le condizioni di
lovoro devono consenlire
l`odempimenlo dello suo
essenziole funzione fomi-
liore e ossicurore ollo mo-
dre e ol bombino uno spe-
ciole odeguolo prolezione.
Lo legge slobilisce il limi-
le minimo di el per il lo-
voro soloriolo.
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro dei minori con spe-
cioli norme e goronlisce
od essi, o poril di lovo-
ro, il dirillo ollo poril di
relribuzione.
'$&//
')
NFTT0
l Pl0lRF
N FUR0 l2I
Fgregio Signore,
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
C;I;B7LEH7JEEH:?D7H?E
0RF Ll\0RlTF 1O,3O
00RN Ll\0RlT 2
MP0RT0 0RDNlR0 837,/O
RDUZ0NF 0RlRl
00DUTl 32,7O
PlUSl PRlNZ0 5/,8
0RF RFTRBUTF 173,OO
0RF NlL 113,5O
HH MNMlLF NPS 173,OO
FD0 PFNS0NF 0TR DSP 1,2O
FD0 TFS0RFRl
0U0Tl TFR 1/,3
FFST\Tl 00DUTl lHHI 27,1
FFST\Tl N0N 00DUTl 7,53
C;I;B7LEH7JEIJH7EH:?D7H?E
STRl0RDNlR0 1O,87
Ll\0R0 N0TTURN0 3,O2
STRl0RDNlR /O-// 7,5O
NDFNNTl
DSP0NBLTl N0TTURN0 12,/5
JEJ7B;BEH:EC;DI?B; 1.373,3O
DEJ;
0L STRl0RDNlR \FN00N0 RFTRBUT lLL`0Rl
lL /5% N PU DFLLl RFTRBUZ0NF 0RlRl 0RDNlRl.

L Ll\0R0 N0TTURN0 \FNFRFTRBUT0 lLL`0Rl
lL /O% N PU DFLLl RFTRBUZU0NF 0RlRl 0RDNlRl
JEJ7B;D;JJE
?D;KHE3
1O,13
JH7JJ;DKJ;
RFTRBUZ0NF
TFR lNNUl
NUMFR0 00RN
TFR 1OO%
RFTRBUZ0NF UTLF
TFR MFSF.
F0ND0 PFNS0NF
TFR MFSF
TRlTTFNUTF
F. PRF\. L. /38/2 13,5O
MP0NBLF S0Rl\0
MP0NBLF NlL.
MP0NBLF
F0ND0 PRF\.
MP0NBLF
FS0lLF MFNSLF.
MP0NBLF RS
lRR0T0NDlT0
JEJ7B;JH7JJ;DKJ; 13,5O
JEJ7B; 1.35,8O
:;:KP?ED?
DFTRlZ0NF
D SPFTTlNZl 1O7,5O
DFTRlZ0N 00NU0F
DFTRlZ0N F0L
DFTRlZ0N lLTR
lDDZ0NlLF
RF00NlLF RlTl 1/,85
lDDZ0NlLF
00MUNlLF RlTl 2,/5
lDDZ0NlLF
l000NT0 O,87
JEJ7B;:;:KP?ED? 125,7
JEJ7B; 1.O,13
H?J;DKJ;
RTFNUTF
S00lL 13O,OO
RTFNUTF
0PDFL/FD0 0RFDT0
RTFNUTF
FX NlDFL P.
RTFNUTF
F. PRF\.55 5O,OO
RTFNUTF PRF\, NT.
F0ND0 lSSSTFNZl
RTFNUTF
PlST0RF/FP/0.FDLF
JEJ7B;H?J;DKJ; 135,OO
JEJ7B; 1.22/,8O
F;HIED7B;
DlTl D NlS0Tl 1O-O8-171
DlTl D lSSUNZ0NF O7-O2-2OO
0UlLF0l EF;H7?E
MlTR00Ll 17
00D0F OO172
00D0F
FS0lLF ... RSS0\N71N/L823BL
P0SZ0NF NPS OOOOOOOOOO
lNTlN SRL
vio 0rislons 1O
33O8 Moniogo lPNI
lel. O/27-123/5
p. ivo 123/578
IJ?F;D:?E:79EDJH7JJE
RFTRBUZ0NF 0RlRl 8,//81
RFTR. 00RNlLFRl 5O,23835
lNN/MFS lNZlNTl O/O
T0TlLF L0RD0
0RDNlR0 MFNSLF 1.3O7,38
RPFF L0RDl MFNSLF 282,73
RPFF L0RDl lNNUl 3.35,1
B0LL0 STTUT0 N
voci che sommole defniscono
il lolole lordo mensile
voci che sollrorre ol lolole lordo mensile
defniscono il lolole nello percepilo
BUSTl Pl0l N0\FMBRF 2OO
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
BW9eij_jkp_ed[ ?jWb_WdW
lrl. 35
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro in lulle le sue forme
ed opplicozioni.
0uro lo formozione e l`ele-
vozione professionole dei
lovorolori.
Promuove e fovorisce gli
occordi e le orgonizzozioni
inlernozionoli inlesi od of-
fermore e regolore i dirilli
del lovoro.
Riconosce lo liberl di
emigrozione, solvo gli ob-
blighi slobilili dollo leg-
ge nell`inleresse genero-
le e lulelo il lovoro iloliono
oll`eslero.
lrl. 3
l lovorolore ho dirillo od
uno relribuzione propor-
zionolo ollo quonlil e
quolil del suo lovoro e in
ogni coso suffcienle od
ossicurore o se e ollo fo-
miglio un`esislenzo libero
e digniloso.
Lo durolo mossimo dello
giornolo lovorolivo slo-
bililo dollo legge.
l lovorolore ho dirillo ol
riposo sellimonole e o fe-
rie onnuoli relribuile, e
non pu rinunziorvi.
lrl. 37
Lo donno lovorolrice ho gli
slessi dirilli e, o poril di
lovoro, le slesse relribu-
zioni che spellono ol lo-
vorolore. Le condizioni di
lovoro devono consenlire
l`odempimenlo dello suo
essenziole funzione fomi-
liore e ossicurore ollo mo-
dre e ol bombino uno spe-
ciole odeguolo prolezione.
Lo legge slobilisce il limi-
le minimo di el per il lo-
voro soloriolo.
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro dei minori con spe-
cioli norme e goronlisce
od essi, o poril di lovo-
ro, il dirillo ollo poril di
relribuzione.
'$&//
')
NFTT0
l Pl0lRF
N FUR0 l2I
Fgregio Signore,
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
8kijWfW]W
Per il redesign dello buslo pogo obboimo inlrodollo
olcune semplici idee derivole doll`onolisi di esempi
di busle pogo esislenli. Siomo porlili dol presupposlo
che i doli dello buslo pogo dovevono essere sislemoli
in modo do rendere mollo pi chioro lo lelluro di un
documenlo che per suo noluro complesso. nlro-
ducendo l`ideo del percorso che lego le vorie voci,
dol nome del lovorolore oll`imporlo nello mensile, il
documenlo risullo pi leggibile. Lo slompo sul relro
funzionole, ossieme ollo rispellivo piegoluro, od
uno nuovo concezione dello buslo pogo. Sul relro si
lrovo infolli l`imporlo nello slompolo con un corpo
piulloslo gronde lil corollere l`FF DN, corpo 122
plI e lre orlicoli dello 0osliluzione iloliono specifci
sui dirilli dei lovorolori.
0ome nei conlrolli, l`imposlozione dello griglio per
l`impoginozione prevede che il morgine sinislro di-
spongo di uno spozio dedicolo ollo rilegoluro od onel-
li, per essere opporlunomenle sislemolo in un rocco-
glilore uno vollo recopilolo ol lovorolore.
Tavola n. 10 Cristian Checcanin, Manuela de Gioia, Cecilia Giampaoli, Umberto Mischi, Giulia Sambugaro, Simone Scimmi, Emanuele Simone
ospelli riluoli nel conleslo lovorolivo slorico
8kijWfW]W
uno proposlo di redesign
C;I;B7LEH7JEEH:?D7H?E
0RF Ll\0RlTF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O,3O
00RN Ll\0RlT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
MP0RT0 0RDNlR0 . . . . . . . . . . . . . . . . 837,/O
RDUZ0NF 0RlRl
00DUTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32,7O
PlUSl PRlNZ0. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5/,8
0RF RFTRBUTF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173,OO
0RF NlL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113,5O
HH MNMlLF NPS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173,OO
FD0 PFNS0NF 0TR DSP . . . . . . . . . . . 1,2O
FD0 TFS0RFRl
0U0Tl TFR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1/,3
FFST\Tl 00DUTl lHHI . . . . . . . . . . . . . . 27,1
FFST\Tl N0N 00DUTl. . . . . . . . . . . . . . 7,53
C;I;B7LEH7JEIJH7EH:?D7H?E
STRl0RDNlR01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O,87
Ll\0R0 N0TTURN02 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3,O2
STRl0RDNlR /O-//1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7,5O
NDFNNTl
DSP0NBLTl N0TTURN0 . . . . . . . . 12,/5
JEJ7B;BEH:EC;DI?B; . . . . . 1.373,3O
DEJ;
10L STRl0RDNlR \FN00N0 RFTRBUT lLL`0Rl
lL /5% N PU DFLLl RFTRBUZ0NF 0RlRl 0RDNlRl.

2L Ll\0R0 N0TTURN0 \FNFRFTRBUT0 lLL`0Rl
lL /O% N PU DFLLl RFTRBUZU0NF 0RlRl 0RDNlRl
JEJ7B;D;JJE
?D;KHE3
1O,13
JH7JJ;DKJ;
RFTRBUZ0NF
TFR lNNUl
NUMFR0 00RN
TFR 1OO%
RFTRBUZ0NF UTLF
TFR MFSF.
F0ND0 PFNS0NF
TFR MFSF
TRlTTFNUTF
F. PRF\. L. /38/2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13,5O
MP0NBLF S0Rl\0
MP0NBLF NlL.
MP0NBLF
F0ND0 PRF\.
MP0NBLF
FS0lLF MFNSLF.
MP0NBLF RS
lRR0T0NDlT0
JEJ7B;JH7JJ;DKJ; . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13,5O
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.35,8O
:;:KP?ED?
DFTRlZ0NF
D SPFTTlNZl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O7,5O
DFTRlZ0N 00NU0F
DFTRlZ0N F0L
DFTRlZ0N lLTR
lDDZ0NlLF
RF00NlLF RlTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1/,85
lDDZ0NlLF
00MUNlLF RlTl. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2,/5
lDDZ0NlLF
l000NT0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . O,87
JEJ7B;:;:KP?ED? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125,7
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.O,13
H?J;DKJ;
RTFNUTF
S00lL. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13O,OO
RTFNUTF
0PDFL/FD0 0RFDT0
RTFNUTF
FX NlDFL P.
RTFNUTF
F. PRF\.55 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5O,OO
RTFNUTF PRF\, NT.
F0ND0 lSSSTFNZl
RTFNUTF
PlST0RF/FP/0.FDLF
JEJ7B;H?J;DKJ; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135,OO
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.22/,8O
F;HIED7B;
DlTl D NlS0Tl . . . . . . . . . . . . . 1O-O8-171
DlTl D lSSUNZ0NF . . . . O7-O2-2OO
0UlLF0l . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . EF;H7?E
MlTR00Ll . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
00D0F . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . OO172
00D0F
FS0lLF ... RSS0\N71N/L823BL
P0SZ0NF NPS . . . . . . . . . . . . . OOOOOOOOOO
lNTlN SRL
vio 0rislons 1O
33O8 Moniogo lPNI
lel. O/27-123/5
p. ivo 123/578
IJ?F;D:?E:79EDJH7JJE
RFTRBUZ0NF 0RlRl . . . . . . . . . 8,//81
RFTR. 00RNlLFRl . . . . . . . . . . . . 5O,23835
lNN/MFS lNZlNTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . O/O
T0TlLF L0RD0
0RDNlR0 MFNSLF . . . . . . . . . . . . 1.3O7,38
RPFF L0RDl MFNSLF . . . . . . . . . . . . 282,73
RPFF L0RDl lNNUl. . . . . . . . . . . . 3.35,1
B0LL0 STTUT0 N
voci che sommole defniscono
il lolole lordo mensile
voci che sollrorre ol lolole lordo mensile
defniscono il lolole nello percepilo
BUSTl Pl0l N0\FMBRF 2OO
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
BW9eij_jkp_ed[ ?jWb_WdW
lrl. 35
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro in lulle le sue forme
ed opplicozioni.
0uro lo formozione e l`ele-
vozione professionole dei
lovorolori.
Promuove e fovorisce gli
occordi e le orgonizzozioni
inlernozionoli inlesi od of-
fermore e regolore i dirilli
del lovoro.
Riconosce lo liberl di
emigrozione, solvo gli ob-
blighi slobilili dollo leg-
ge nell`inleresse genero-
le e lulelo il lovoro iloliono
oll`eslero.
lrl. 3
l lovorolore ho dirillo od
uno relribuzione propor-
zionolo ollo quonlil e
quolil del suo lovoro e in
ogni coso suffcienle od
ossicurore o se e ollo fo-
miglio un`esislenzo libero
e digniloso.
Lo durolo mossimo dello
giornolo lovorolivo slo-
bililo dollo legge.
l lovorolore ho dirillo ol
riposo sellimonole e o fe-
rie onnuoli relribuile, e
non pu rinunziorvi.
lrl. 37
Lo donno lovorolrice ho gli
slessi dirilli e, o poril di
lovoro, le slesse relribu-
zioni che spellono ol lo-
vorolore. Le condizioni di
lovoro devono consenlire
l`odempimenlo dello suo
essenziole funzione fomi-
liore e ossicurore ollo mo-
dre e ol bombino uno spe-
ciole odeguolo prolezione.
Lo legge slobilisce il limi-
le minimo di el per il lo-
voro soloriolo.
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro dei minori con spe-
cioli norme e goronlisce
od essi, o poril di lovo-
ro, il dirillo ollo poril di
relribuzione.
'$&//
')
NFTT0
l Pl0lRF
N FUR0 l2I
Fgregio Signore,
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
C;I;B7LEH7JEEH:?D7H?E
0RF Ll\0RlTF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O,3O
00RN Ll\0RlT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
MP0RT0 0RDNlR0 . . . . . . . . . . . . . . . . 837,/O
RDUZ0NF 0RlRl
00DUTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32,7O
PlUSl PRlNZ0. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5/,8
0RF RFTRBUTF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173,OO
0RF NlL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113,5O
HH MNMlLF NPS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173,OO
FD0 PFNS0NF 0TR DSP . . . . . . . . . . . 1,2O
FD0 TFS0RFRl
0U0Tl TFR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1/,3
FFST\Tl 00DUTl lHHI . . . . . . . . . . . . . . 27,1
FFST\Tl N0N 00DUTl. . . . . . . . . . . . . . 7,53
C;I;B7LEH7JEIJH7EH:?D7H?E
STRl0RDNlR0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O,87
Ll\0R0 N0TTURN0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3,O2
STRl0RDNlR /O-// . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7,5O
NDFNNTl
DSP0NBLTl N0TTURN0 . . . . . . . . 12,/5
JEJ7B;BEH:EC;DI?B; . . . . . 1.373,3O
DEJ;
0L STRl0RDNlR \FN00N0 RFTRBUT lLL`0Rl
lL /5% N PU DFLLl RFTRBUZ0NF 0RlRl 0RDNlRl.

L Ll\0R0 N0TTURN0 \FNFRFTRBUT0 lLL`0Rl
lL /O% N PU DFLLl RFTRBUZU0NF 0RlRl 0RDNlRl
JEJ7B;D;JJE
?D;KHE3
1O,13
JH7JJ;DKJ;
RFTRBUZ0NF
TFR lNNUl
NUMFR0 00RN
TFR 1OO%
RFTRBUZ0NF UTLF
TFR MFSF.
F0ND0 PFNS0NF
TFR MFSF
TRlTTFNUTF
F. PRF\. L. /38/2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13,5O
MP0NBLF S0Rl\0
MP0NBLF NlL.
MP0NBLF
F0ND0 PRF\.
MP0NBLF
FS0lLF MFNSLF.
MP0NBLF RS
lRR0T0NDlT0
JEJ7B;JH7JJ;DKJ; . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13,5O
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.35,8O
:;:KP?ED?
DFTRlZ0NF
D SPFTTlNZl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1O7,5O
DFTRlZ0N 00NU0F
DFTRlZ0N F0L
DFTRlZ0N lLTR
lDDZ0NlLF
RF00NlLF RlTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1/,85
lDDZ0NlLF
00MUNlLF RlTl. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2,/5
lDDZ0NlLF
l000NT0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . O,87
JEJ7B;:;:KP?ED? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125,7
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.O,13
H?J;DKJ;
RTFNUTF
S00lL. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13O,OO
RTFNUTF
0PDFL/FD0 0RFDT0
RTFNUTF
FX NlDFL P.
RTFNUTF
F. PRF\.55 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5O,OO
RTFNUTF PRF\, NT.
F0ND0 lSSSTFNZl
RTFNUTF
PlST0RF/FP/0.FDLF
JEJ7B;H?J;DKJ; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135,OO
JEJ7B; . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.22/,8O
F;HIED7B;
DlTl D NlS0Tl . . . . . . . . . . . . . 1O-O8-171
DlTl D lSSUNZ0NF . . . . O7-O2-2OO
0UlLF0l . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . EF;H7?E
MlTR00Ll . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
00D0F . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . OO172
00D0F
FS0lLF ... RSS0\N71N/L823BL
P0SZ0NF NPS . . . . . . . . . . . . . OOOOOOOOOO
lNTlN SRL
vio 0rislons 1O
33O8 Moniogo lPNI
lel. O/27-123/5
p. ivo 123/578
IJ?F;D:?E:79EDJH7JJE
RFTRBUZ0NF 0RlRl . . . . . . . . . 8,//81
RFTR. 00RNlLFRl . . . . . . . . . . . . 5O,23835
lNN/MFS lNZlNTl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . O/O
T0TlLF L0RD0
0RDNlR0 MFNSLF . . . . . . . . . . . . 1.3O7,38
RPFF L0RDl MFNSLF . . . . . . . . . . . . 282,73
RPFF L0RDl lNNUl. . . . . . . . . . . . 3.35,1
B0LL0 STTUT0 N
voci che sommole defniscono
il lolole lordo mensile
voci che sollrorre ol lolole lordo mensile
defniscono il lolole nello percepilo
BUSTl Pl0l N0\FMBRF 2OO
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
BW9eij_jkp_ed[ ?jWb_WdW
lrl. 35
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro in lulle le sue forme
ed opplicozioni.
0uro lo formozione e l`ele-
vozione professionole dei
lovorolori.
Promuove e fovorisce gli
occordi e le orgonizzozioni
inlernozionoli inlesi od of-
fermore e regolore i dirilli
del lovoro.
Riconosce lo liberl di
emigrozione, solvo gli ob-
blighi slobilili dollo leg-
ge nell`inleresse genero-
le e lulelo il lovoro iloliono
oll`eslero.
lrl. 3
l lovorolore ho dirillo od
uno relribuzione propor-
zionolo ollo quonlil e
quolil del suo lovoro e in
ogni coso suffcienle od
ossicurore o se e ollo fo-
miglio un`esislenzo libero
e digniloso.
Lo durolo mossimo dello
giornolo lovorolivo slo-
bililo dollo legge.
l lovorolore ho dirillo ol
riposo sellimonole e o fe-
rie onnuoli relribuile, e
non pu rinunziorvi.
lrl. 37
Lo donno lovorolrice ho gli
slessi dirilli e, o poril di
lovoro, le slesse relribu-
zioni che spellono ol lo-
vorolore. Le condizioni di
lovoro devono consenlire
l`odempimenlo dello suo
essenziole funzione fomi-
liore e ossicurore ollo mo-
dre e ol bombino uno spe-
ciole odeguolo prolezione.
Lo legge slobilisce il limi-
le minimo di el per il lo-
voro soloriolo.
Lo Repubblico lulelo il lo-
voro dei minori con spe-
cioli norme e goronlisce
od essi, o poril di lovo-
ro, il dirillo ollo poril di
relribuzione.
'$&//
')
NFTT0
l Pl0lRF
N FUR0 l2I
Fgregio Signore,
00\lNN
R0SS
vio dello slozione 15
33O3 Meduno lPNI
8kijWfW]W
Per il redesign dello buslo pogo obboimo inlrodollo
olcune semplici idee derivole doll`onolisi di esempi
di busle pogo esislenli. Siomo porlili dol presupposlo
che i doli dello buslo pogo dovevono essere sislemoli
in modo do rendere mollo pi chioro lo lelluro di un
documenlo che per suo noluro complesso. nlro-
ducendo l`ideo del percorso che lego le vorie voci,
dol nome del lovorolore oll`imporlo nello mensile, il
documenlo risullo pi leggibile. Lo slompo sul relro
funzionole, ossieme ollo rispellivo piegoluro, od
uno nuovo concezione dello buslo pogo. Sul relro si
lrovo infolli l`imporlo nello slompolo con un corpo
piulloslo gronde lil corollere l`FF DN, corpo 122
plI e lre orlicoli dello 0osliluzione iloliono specifci
sui dirilli dei lovorolori.
0ome nei conlrolli, l`imposlozione dello griglio per
l`impoginozione prevede che il morgine sinislro di-
spongo di uno spozio dedicolo ollo rilegoluro od onel-
li, per essere opporlunomenle sislemolo in un rocco-
glilore uno vollo recopilolo ol lovorolore.
fisianomia 2009 / metodologia della progettazione / 13
sceltl per la scvrappcslzlcne; se fcsse pcsslblle scvrappcrre tutte le "0"
eslstentl (dcvremmc pensare dl lncludere anche tutte quelle calllerache!)
l'area evldenzlata pctrebbe ccmunque sclc avvlclnarsl alla fcrma base
ccmune, a cl che pl chlarlsce ll "prlnclplc" "0". un'"ldea", lnfattl, per essere
tale ncn deve necessarlamente manlfestarsl, pu essere latente, ln pctenza.
"ldea" qualccsa sempre ln evcluzlcne che ncn pcsslblle crlstalllzzare;
se cl rlusclsse dl csservare la sua pcslzlcne nellc spazlc (fcrma), sarebbe
la sua evcluzlcne nel tempc a sfueelrcl; "lndetermlnablle" dlrebbe Felsenbere.
Scpra (eura ) evldenzlata l'area ln cul la scvrappcslzlcne del caratterl
maeelcrmente frequente.
L'cutllne azzurrc ldentlca lc spazlc ccn la masslma presenza del trattl.
hcn pcsslamc ccmunque dlre, vlsta la ncstra abltudlne a ccnfrcntarcl
nella lettura dl caratterl dlversl, che le lettere dlseenate al dl fucrl dell'area
evldenzlata slacnc quelle pl dlfcllmente rlccncsclblll.
F pcsslblle ldentlcare l'archetlpc della lettera "0": Ccme evldente la
saecma dl eura u, sarebbe rlsultata dlversa se lc fcsserc statl l caratterl
eura eura u
eserclzlc 1 - ldentlcazlcne della lettera archetlplca
ucve sl ccllcca la rlccncsclblllt dl una lettera; l'ldentlcablllt dl un ccdlce:
L'esemplc prcpcne la scvrappcslzlcne della stessa lettera "0"
dl z fcnt dlverse: Meta-hcrmal, 0ptlma, Avenlr LT Std, 8entcnSans,
Adcbe Caslcn Prc, uldct, ulh o6uo Std, uTL uccumenta ST, Futura,
Caramcnd, Clll Sans, Felvetlca, kcckwell, Tlmes, verdana, Mlller,
lTC 0fclna Sans Std, lmpact, 8cdcnl SvtyTwc lTC TT, Adcbe lenscn Prc, uldct,
Ccurler, Frutleer LT Std, Cecrela e Palatlnc.
hella eura 1 vlslblle l'cutllne del caratterl che evldenzla lc spazlc
ln cul pl frequente la marcatura del trattl.
hell'esemplc successlvc (eura z) le lettere scnc scvrappcste per trasparenza,
questc evldenzla l'area cccupata dal caratterl.
Le zcne pl chlare ldentlcanc ell spazl ln cul la marcatura del trattl
della "0" menc frequente; vlceversa, ell spazl pl scurl evldenzlanc le aree
ln cul pl spessc scnc tracclatl l trattl ldentlcatlvl del carattere.
eura 1 eura z
fisianomia 2009 / semiotica / 14
cimitero
siete qui
PESARD
AREZZD-FIRENZE
FAND-RDMA
Mausoleo dei Duchi
mappa totem
Porta Lavagine
Scelta dei caratteri
Il carattere scelto per
la lingua cinese il
.
Cinese

ll ccncept prevede un
pacchettc dl cartlne ccn un
latc unlcc e un retrc sempre
dlfferenzlatc.
hel frcnte sar stampata la
cartlna tctale dl dell'area dl
appllcazlcne del prceettc,
lnquadrata dentrc un
retlcclatc; sul retrc lnvece
dlverse pcsslblllt rlferlte
alla zccmata dl clascuna
pcrzlcne trattata ln
manlera fctceraca ccn un
fctcmcntaeelc dl varl scattl
ln prcspettlva dal bassc
versc l'altc.
/ Cartceraa
2
B

Waynding - gruppo 1
Mausoleo dei Duchi
Chiesa
di San Bernardino
Segnale
Ma
Mausoleo dei Duchi

Il segnale progettato
per essere utiizzato sia
per il percorso pedonale/
panoramico che per
il percorso stradale
normale.
Le bande trasversali sono
catarifrangenti, cos da
rendere il segnale pi
visibile anche con poca
luce.
la freccia per indicare
la direzione stata
ricavata da un glifo del
carattere Fakir. Questa
freccia coerente, nelle
forme, al carattere e al
pittogramma.
* llvellc / klllevl Cenerall
ln fase dl anallsl scnc statl
ldentlcatl sul terrltcrlc (la
cul mcrfclcela presenta
dlversl dlsllvelll, per cul
tutta la cltt strutturata
su pendenze) l puntl dl
vlsta pancramlcl e ell sccrcl
paesaeelstlcl.
Sl sceltc dl prccedere ccn
ll planc dl wayndlne pclch
sl nctata la carenza dl
lnfcrmazlcnl cartcerache e
seenaletlche.
hella cartlna, lunec ll
perlmetrc della cltt scnc
seenalatl l puntl dal quall
pcsslblle ecdere dl una
vlslcne paesaeelstlca del
terrltcrlc cltre le mura del
centrc stcrlcc.
ll ncstrc lnterventc lnvece
ha fccallzzatc l'attenzlcne
sul puntl ln cul pcsslblle
frulre dl una prcspettlva
anche lnterna della cltt ln
mcdc da avere unc seuardc
d'lnsleme delle archltetture
urblnatl.
/ Puntl pancramlcl
/ Cartceraa
La mappa denltlva sar
reallzzata ccn un mcntaeelc
dl fctc del clell dl urblnc.
La prcspettlva ncn
permetter dl mantenere
le eluste dlmenslcnl delle
vle ln quantc quelle rlprese
(e qulndl euardate) da pl
vlclnc apparlrannc pl erandl
delle altre anche se ln realt
sl tratter dl vle pl basse c
pl strette.
lnerandlmentc
Partlcclare della mappa denltlva
Pittogramma
Il pittogramma sintetizza
le forme del mausoleo
visto da uno dei punti
pamoramici dentro
le mura di Urbino.
Per Il disegno del
pittogramma ci siamo
ispirati alle forme
estrapolate dal prolo
della citt e a quelle
del carattere scelto.
Il pittogramma in alto
a destra viene utilizzato
per dimensioni ridotte.
Sl sceltc dl lneabblare la
mappa della cartlna entrc
un retlcclc dl asclsse e
crdlnate che da crlelne ad
una quadrettatura ccmpcsta
da 16 rettanecll cenunc
del quall ccmprende una
pcrzlcne dl terrltcrlc. Sl
denlsccnc nellc speclcc
1z aree dl lnterventc
rlccncsclblll nella realt dalla
seenaletlca dl rlferlmentc.
Le dlmenslcnl della mappa
sarannc o cm ln altezza e
;o cm ln larehezza.
/ Cartceraa
una vclta anallzzate le
caratterlstlche tecnlche,
slamc passatl ad unc studlc
leeatc alla cultura del
terrltcrlc.
SPFClFlCFF CuLTukALl
fcrte tradlzlcne lnclscrla
dcve la stampa drltta
dlventa sclc un pretestc
per preparare lastre
al rcvesclc, pratlca
prcbabllmente leeata a
rltl alchemlcl e masscnlcl.
cltt dl lmplantc
umanlstlcc-rlnasclmentale
SPFClFlCFF klCFlFSTF
blllneulsmc-ebralcc
andamentc scrlttcrlc da
destra versc slnlstra
nella tradlzlcne rabblnlca
cenl essere vlvente
ccme splntc da un mctc
ascenscnale che lc eleva
versc ulc, versc ll clelc.
klccrrente ln tutte le ncstre
rlcerche la dlcctcmla:
altc-bassc, destra-slnlstra,
drlttc-rcvesclc.
vclendc sueeerlre un puntc
dl vlsta alternatlvc sl sceltc
dl rlbaltare specularmente
l'crlentamentc della cartlna,
cl ccmpcrta che l rlferlmentl
slcl ncn sarannc pl sulla
terra ma ln clelc.
Anche la nallt del prceettc
vlene rlbaltata: da un lavcrc
dl wayndlne, sl passatl ad
un ldea dl waylccslne.
ll vlsltatcre sar llberc dl
perdersl e dl rltrcvare la
strada tra l pcsslblll ltlnerarl
che pcrtanc alla fcrtezza. l
puntl dl rlferlmentc verrannc
lndlcatl sulle pcrzlcnl dl
terrltcrlc ldentlcate ccme
settcrl da cccrdlnate, la
scala e l rlferlmentl eeceracl
verrannc dlrettamente dalle
altltudlnl.
ll ncme del prceettc,
ln rlferlmentc a tutte le
ccnslderazlcnl tratte sar
"Llnea d'arla" (dcpplc sensc
lrcnlcc-evccatlvc) mentre
ln ebralcc sl scelta una
cltazlcne dl un salmc 18 (1)
"Fasshamalm mesapperln"
cvverc "l clell narranc".
/ Strateela / Pcetlca
un esemplc dl sccrclc vlslblle da una
delle tante vle dl urblnc.
workshop Orientarsi nei 5 continenti: storie di frecce e colori, culture e lingue con Luigi Farrauto / 15
E MY T E S T
05
E MY T E S T
05
E MY T E S T
05
E MY T E S T
05
Gianni Bianchi - ISIA Urbino - III corso - a.a. 2007/08 - Prof. Sergio Menichelli
FNZ
PATOLOGIA DEL PRODOTTO
S I MBOL OGI A
02
La persuasione che induce
il consumatore allacquisto
lillusione della naturalit,
la sua mistificazione; tramite
lutilizzo degli stessi mezzi
che creano larmonia della
natura (proporzione aurea,
simmetria, ramificazione...).
LUMACA
- lenta: prodotto sicuro.
- viscida: esperienza perversa
che lascia il segno.
- perfetto guscio spirale
RAMO/SINAPSI
FOGLIA
EMY
- nome femminile: stimola
empatia e sicurezza. emicrania emy
E MY T E S T
05
C A T E G O R I E
OTTICA
FORME
NUMERI
PAROLE
TEMPO DI SPONI BI LE
FNZ
e m y

P U N T E G G I
P E R E R R O R E
2 PT
1 PT
T E S T
V A L U T A Z I O N E
D E L G R A D O
D I I M P A T T O
D E L P R O D O T T O
FNZ
15 sh
S T E S S O C O L O R E
fisianomia 2009 / grafica editoriale / 16






:FDD<EKN8E>$=
=LKJ8LMy
.BSHVFSJUF:PVSDFOBS
:FDD<EKN8E>$=
=LKJ8LMy
.BSHVFSJUF:PVSDFOBS
:FDD<EKN8E>$=
=LKJ8LMy
.BSHVFSJUF:PVSDFOBS
?FNN8E>$=
N8JJ8M<;
.BSHVFSJUF:PVSDFOBS
?FNN8E>$=
N8JJ8M<;
.BSHVFSJUF:PVSDFOBS
?FNN8E>$=
N8JJ8M<;
.BSHVFSJUF:PVSDFOBS
:FD<N8E>$=
=LJ8CM8KF
.BSHVFSJUF:PVSDFOBS
:FD<N8E>$=
=LJ8CM8KF
.BSHVFSJUF:PVSDFOBS
:FD<N8E>$=
=LJ8CM8KF
.BSHVFSJUF:PVSDFOBS
$PNF 8BOH'P'V4BMWBUP ."3(6&5*5&:063$&/"3

attravcrso lc nostrc novc apcrturc, pcr rcndcrti


coscicntc dci tuoi torti io dcvo guidarti lungo
i corridoi dclla mia mcmoria c raccontarti
tutta la mia vita. Mio padrc avcva nascosto
una collczionc dcllc tuc pitturc nclla camcra
pi scgrcta dcl palazzo, cra inatti dcl parcrc
chc i pcrsonaggi dci quadri non dcbbano csscr
csposti alla vista dci proani, alla prcscnza
dci quali non possono abbassarc gli occhi.
proprio VangFo, pcrchc intorno a mc si cra
prcdisposta la solitudinc pcr pcrmcttcrmi di
maturarc in lci. Pcr cvitarc al mio candorc gli
schizzi di ango dcllc animc umanc, da mc cra
stata allontanata la marca inquicta dci mici
uturi soggctti, c non cra pcrmcsso a ncssuno
di passarc davanti alla mia soglia pcr timorc
chc l'ombra di qucll'uomo o di quclla donna
potcssc raggiungcrmi. uci vccchi scrvitori
chc mi crano stati conccssi si manicstavano il
mcno possibilc, lc orc volgcvano in ccrchio, i
colori dcllc tuc pitturc si ravvivavano con l'alba
c impallidivano con il crcpuscolo. Lc guardavo
di nottc, quando non riuscivo a dormirc, c pcr
circa dicci anni lc ho guardatc tuttc lc notti.
urantc il giorno, scduto su un tappcto di cui
conosccvo il discgno a mcmoria, accndomi
riposarc lc palmc vuotc dcllc mani sullc

."3(6&5*5&:063$&/"3 $PNF 8BOH'P'V4BMWBUP


ginocchia di scta gialla, pcnsavo allc gioic chc
l'avvcnirc avcva in scrbo pcr mc. !mmaginavo il
mondo, con il pacsc di Han al ccntro, similc alla
pianura monotona c cava dclla mano solcata
dallc lincc atali dci Cinquc Fiumi. All'intorno,
il marc dovc nascono i mostri, c pi lontano
ancora lc montagnc chc sopportano il ciclo.
pcr aiutarmi a rapprcscntarc tuttc lc cosc, mi
scrvivo dcllc tuc pitturc. Tu mi hai atto crcdcrc
chc il marc somigli a quclla vasta distcsc
d'acqua ocrta dallc tuc tclc, cos azzurra chc
una pictra, cadcndoci, non pu chc trasormarsi
in uno zaro, chc lc donnc si aprano c si
richiudano comc i ori, simili allc crcaturc chc
spintc dal vcnto camminano nci viali dci tuoi
giardini, c chc i giovani gucrricri dalla gurctta
csilc chc vcgliano ncllc ortczzc dci conni
siano cssi stcssi dcllc rcccc capaci di traggcrci
il cuorc. A scdici anni ho visto riaprirsi lc portc
chc mi scparavano dal mondo:sono salito sulla
tcrrazza dcl palazzo pcr guardarc lc nuvolc, ma
lc nuvolc crano mcno bcllc dci tuoi crcpuscoli.
Ho ordinato la portantina: sballottato sullc
stradc di cui non prcvcdcvo nc il ango nc lc
pictrc, ho pcrcorso lc provincc dcll'!mpcro
scnza trovarc i tuoi giardini picni di donnc
simili a lucciolc, lc tuc donnc il cui corpo c csso

."3(6&5*5&:063$&/"3 $PNF 8BOH'P'V4BMWBUP $PNF 8BOH'P'V4BMWBUP ."3(6&5*5&:063$&/"3

attravcrso lc nostrc novc apcrturc, pcr rcndcrti


coscicntc dci tuoi torti io dcvo guidarti lungo
i corridoi dclla mia mcmoria c raccontarti
tutta la mia vita. Mio padrc avcva nascosto
una collczionc dcllc tuc pitturc nclla camcra
pi scgrcta dcl palazzo, cra inatti dcl parcrc
chc i pcrsonaggi dci quadri non dcbbano csscr
csposti alla vista dci proani, alla prcscnza
dci quali non possono abbassarc gli occhi.
proprio VangFo, pcrchc intorno a mc si cra
prcdisposta la solitudinc pcr pcrmcttcrmi di
maturarc in lci. Pcr cvitarc al mio candorc gli
schizzi di ango dcllc animc umanc, da mc cra
stata allontanata la marca inquicta dci mici
uturi soggctti, c non cra pcrmcsso a ncssuno
di passarc davanti alla mia soglia pcr timorc
chc l'ombra di qucll'uomo o di quclla donna
potcssc raggiungcrmi. uci vccchi scrvitori
chc mi crano stati conccssi si manicstavano il
mcno possibilc, lc orc volgcvano in ccrchio, i
colori dcllc tuc pitturc si ravvivavano con l'alba
c impallidivano con il crcpuscolo. Lc guardavo
di nottc, quando non riuscivo a dormirc, c pcr
circa dicci anni lc ho guardatc tuttc lc notti.
urantc il giorno, scduto su un tappcto di cui
conosccvo il discgno a mcmoria, accndomi
riposarc lc palmc vuotc dcllc mani sullc
ginocchia di scta gialla, pcnsavo allc gioic chc
l'avvcnirc avcva in scrbo pcr mc. !mmaginavo il
mondo, con il pacsc di Han al ccntro, similc alla
pianura monotona c cava dclla mano solcata
dallc lincc atali dci Cinquc Fiumi. All'intorno,
il marc dovc nascono i mostri, c pi lontano
ancora lc montagnc chc sopportano il ciclo.
pcr aiutarmi a rapprcscntarc tuttc lc cosc, mi
scrvivo dcllc tuc pitturc. Tu mi hai atto crcdcrc
chc il marc somigli a quclla vasta distcsc
d'acqua ocrta dallc tuc tclc, cos azzurra chc
una pictra, cadcndoci, non pu chc trasormarsi
in uno zaro, chc lc donnc si aprano c si
richiudano comc i ori, simili allc crcaturc chc
spintc dal vcnto camminano nci viali dci tuoi
giardini, c chc i giovani gucrricri dalla gurctta
csilc chc vcgliano ncllc ortczzc dci conni
siano cssi stcssi dcllc rcccc capaci di traggcrci
il cuorc. A scdici anni ho visto riaprirsi lc portc
chc mi scparavano dal mondo:sono salito sulla
tcrrazza dcl palazzo pcr guardarc lc nuvolc, ma
lc nuvolc crano mcno bcllc dci tuoi crcpuscoli.
Ho ordinato la portantina: sballottato sullc
stradc di cui non prcvcdcvo nc il ango nc lc
pictrc, ho pcrcorso lc provincc dcll'!mpcro
scnza trovarc i tuoi giardini picni di donnc
simili a lucciolc, lc tuc donnc il cui corpo c csso

."3(6&5*5&:063$&/"3 $PNF 8BOH'P'V4BMWBUP


ginocchia di scta gialla, pcnsavo allc gioic chc
l'avvcnirc avcva in scrbo pcr mc. !mmaginavo il
mondo, con il pacsc di Han al ccntro, similc alla
pianura monotona c cava dclla mano solcata
dallc lincc atali dci Cinquc Fiumi. All'intorno,
il marc dovc nascono i mostri, c pi lontano
ancora lc montagnc chc sopportano il ciclo.
pcr aiutarmi a rapprcscntarc tuttc lc cosc, mi
scrvivo dcllc tuc pitturc. Tu mi hai atto crcdcrc
chc il marc somigli a quclla vasta distcsc
d'acqua ocrta dallc tuc tclc, cos azzurra chc
una pictra, cadcndoci, non pu chc trasormarsi
in uno zaro, chc lc donnc si aprano c si
richiudano comc i ori, simili allc crcaturc chc
spintc dal vcnto camminano nci viali dci tuoi
giardini, c chc i giovani gucrricri dalla gurctta
csilc chc vcgliano ncllc ortczzc dci conni
siano cssi stcssi dcllc rcccc capaci di traggcrci
il cuorc. A scdici anni ho visto riaprirsi lc portc
chc mi scparavano dal mondo:sono salito sulla
tcrrazza dcl palazzo pcr guardarc lc nuvolc, ma
lc nuvolc crano mcno bcllc dci tuoi crcpuscoli.
Ho ordinato la portantina: sballottato sullc
stradc di cui non prcvcdcvo nc il ango nc lc
pictrc, ho pcrcorso lc provincc dcll'!mpcro
scnza trovarc i tuoi giardini picni di donnc
simili a lucciolc, lc tuc donnc il cui corpo c csso
$PNF 8BOH'P'V4BMWBUP ."3(6&5*5&:063$&/"3

attravcrso lc nostrc novc apcrturc, pcr rcndcrti


coscicntc dci tuoi torti io dcvo guidarti lungo
i corridoi dclla mia mcmoria c raccontarti
tutta la mia vita. Mio padrc avcva nascosto
una collczionc dcllc tuc pitturc nclla camcra
pi scgrcta dcl palazzo, cra inatti dcl parcrc
chc i pcrsonaggi dci quadri non dcbbano csscr
csposti alla vista dci proani, alla prcscnza
dci quali non possono abbassarc gli occhi.
proprio VangFo, pcrchc intorno a mc si cra
prcdisposta la solitudinc pcr pcrmcttcrmi di
maturarc in lci. Pcr cvitarc al mio candorc gli
schizzi di ango dcllc animc umanc, da mc cra
stata allontanata la marca inquicta dci mici
uturi soggctti, c non cra pcrmcsso a ncssuno
di passarc davanti alla mia soglia pcr timorc
chc l'ombra di qucll'uomo o di quclla donna
potcssc raggiungcrmi. uci vccchi scrvitori
chc mi crano stati conccssi si manicstavano il
mcno possibilc, lc orc volgcvano in ccrchio, i
colori dcllc tuc pitturc si ravvivavano con l'alba
c impallidivano con il crcpuscolo. Lc guardavo
di nottc, quando non riuscivo a dormirc, c pcr
circa dicci anni lc ho guardatc tuttc lc notti.
urantc il giorno, scduto su un tappcto di cui
conosccvo il discgno a mcmoria, accndomi
riposarc lc palmc vuotc dcllc mani sullc
fisianomia 2009 / grafica editoriale / 17
Stoffa disegnata da Celia Birtwell nel 1971 Prove frma di Celia Birtwell Marchio fnale Disegno di un particolare
della stoffa
Mr and Mrs Clark and Percy by David Hockney 1970
Acrylic on canvas 304 x 213 cm
Celia Birtwell nel 1970 Celia Birtwell oggi
fisianomia 2009 / grafica editoriale / 18
DESIGN ICONS
S
e
d
ia
R
o
sso
/B
lu
, 1
9
1
8
_
1
9
2
3
fisianomia 2009 / grafica editoriale / 19
fisianomia 2009 / illustrazione / 20
fisianomia 2009 / grafica editoriale / 21
Corso: Graphic design
Docente: Adriano Filippetti
Studente: Emilio Grazzi
A.A. 2007/2008
Conservatorio
Statale di Musica
Luisa dAnnunzio
Manuale
di immagine
coordinata:
analisi progettuale,
denitivi del marchio
e applicazioni
17
m
an
u
ale d
i im
m
ag
in
e co
o
rd
in
ata | Co
n
servato
rio
Lu
isa d
A
n
n
u
n
zio

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA
L
u
is
a
d
A
n
n
u
n
z
io
MIUR
AFAM
CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA
Luisa dAnnunzio
Comunicazione modulistica
Dimensioni carta intestata (primo foglio e successivi): for-
mato UNI A4 (210x297mm);
Dimensioni busta: formato Letter standard (109x220mm).
Carta: Fabriano Copy2, grammature 80 e 120g/mq e carta
adesiva nera 100g/mq per chiudere la busta.
Vedi Es1
6
m
an
u
ale d
i im
m
ag
in
e co
o
rd
in
ata | Co
n
servato
rio
Lu
isa d
A
n
n
u
n
zio

Linsieme delle icone generate forma una sequenza che riper-
corre gli strumenti di tutte le cattedre attualmente in vigore
allinterno del Conservatorio. Laccostamento dei segni forma
una sorta di linea continua tra i vertici delle estensioni che
rappresenta idealmente unonda sonora. La scandire ritmico
delle icone d un senso di uniformit e richiama in qualche
modo il disegno delle note ribattute su di un pentagramma.
Sequenza
m
an
u
ale d
i im
m
ag
in
e co
o
rd
in
ata | Co
n
servato
rio
Lu
isa d
A
n
n
u
n
zio

25b
Concerto
Musiche di
Chopin
Shostacovich
Wagner
Puccini
Beriloz
Beethoven
Marted
22 novembre
ore 21.00
Salone Pedrotti
Conservatorio Statale di Musica
Luisa dAnnunzio
S. Cecilia
Orchestra Sinfonica
del Conservatorio
Luisa dAnnunzio
Inaugurazione
di unimmagine
coordinata
Luisa dAnnunzio
conservatorio
Luisa dAnnunzio
6 settembre 2008
ore 15.00
cordtle esterno
MateMusica
nessi e relazioni
tra note e numeri
incontri e seminari
15-16-18 giugno 2008
Conservatorio Lusia dAnnunzio
Sala degli Uomini Illustri
Luisa dAnnunzio
fisianomia 2009 / comunicazione dimpresa / 22
fisianomia 2009 / packaging design / 23
fisianomia 2009 / design degli allestimenti / 24
fisianomia 2009 / illustrazione / 25
fisianomia 2009 / fotografia / 26
.JUJDP %FJ FE&SPJ BNJTVSBEJ CBNCJOP
0ruppo dl lavoro: Mareherlta Cennl, Allce Lottl,
Stefanla Luslnl, Mareherlta Mlchell.
lll anno lSlA
Anno Accadamlco zoo/]zoo8
ulsclpllna: Marketlne e allestlmento
uocente: F. 0lell
.JUJDP %FJ FE&SPJ BNJTVSBEJ CBNCJOP
0ruppo dl lavoro: Mareherlta Cennl, Allce Lottl,
Stefanla Luslnl, Mareherlta Mlchell.
lll anno lSlA
Anno Accadamlco zoo/]zooS
0lsclpllna: Marketlne e allestlmento
0ocente: F. 0lell
"MMFTUJNFOUP EFHMJ TQB[J FTUFSOJ FEJOUFSOJ BMNVTFP
Per l'allestlmento dello spazlo esterno, quale ll cortlle, sono state reallzzate
delle saeome ln cartone abete stampate su carta adeslva che rlpercorrono le
dodlcl fatlche dl Frcole.
.JUJDP %FJ FE&SPJ BNJTVSBEJ CBNCJOP
0ruppo dl lavoro: Mareherlta Cennl, Allce Lottl,
Stefanla Luslnl, Mareherlta Mlchell.
lll anno lSlA
Anno Accadamlco zoo/]zooS
0lsclpllna: Marketlne e allestlmento
0ocente: F. 0lell
"MMFTUJNFOUP EFHMJ TQB[J FTUFSOJ FEJOUFSOJ BMNVTFP
Per l'allestlmento dello spazlo esterno, quale ll cortlle, sono state reallzzate
delle saeome ln cartone abete stampate su carta adeslva che rlpercorrono le
dodlcl fatlche dl Frcole.
.JUJDP %FJ FE&SPJ BNJTVSBEJ CBNCJOP
0ruppo dl lavoro: Mareherlta Cennl, Allce Lottl,
Stefanla Luslnl, Mareherlta Mlchell.
lll anno lSlA
Anno Accadamlco zoo/]zoo8
ulsclpllna: Marketlne e allestlmento
uocente: F. 0lell
"MMFTUJNFOUP EFHMJ TQB[J FTUFSOJ FEJOUFSOJ BMNVTFP
Per l'allestlmento deell spazl lnternl al museo stato reallzzato un percorso per
seeulre lo svlluppo e la narrazlone delle opere ln senso cronoloelco.
Le opere sl trovavano lnfattl collocate ln modo dlsperslvo all'lnterno del museo;
erazle all'uso dl questo percorso dl palllnl rossl, rlsulta lmposslblle perdersl e
l'lnteresse del bamblno vlene stlmolato: nasce cos una sorta dl caccla al tesoro
che porta ll bamblno, seeuendo l palllnl numeratl, a scoprlre l tesorl del museo.
fisianomia 2009 / Illustrazione - Evento Mitico! - Museo Etrusco Bologna / 27
fisianomia 2009 / fotografia Identit/appartenenza / 28
29
ESERCITAZIONi
n2
Dopo aver ridisegnato la struttura base di 5 lettere dellalfabeto (tracciato di traslazione),
generare 36 varianti modicando spessore ed altezza del un tratto e calcolare la variazione
delle dimensioni della struttura allaumentare del peso.
36
32
import processing.pdf.*;
int w=700;
int n_x=6;
int space= w/n_x;
int h_gliph=495;;
oat scala =(space)/h_gliph;
int gradi =-30;
void setup(){
size(w,w);
ellipseMode(CENTER);
smooth();
beginRecord(PDF, "stroke_##.pdf");
noStroke();
ll(0);
}
char c='a';
void draw(){
background(255);
for(int i =25; i<width-7; i+=space){
for(int j =10; j<width-7; j+=space){
pushMatrix();
translate(i,j);
scale(scala);

//int gradi = -(i*45)/width;
//int w_s=(j+space)/space*10;
int ki=(i+space)/space;
int kj=(j+space)/space;
int h_s=10*ki+(30*kj);
oat h=sin(radians(-gradi))*h_s;

scale((h_gliph)/(h_gliph+fase));
translate(0,0.5*h);

switch(c){
case 'a':{
a( h_s, 10*ki,gradi);
}break;
}
popMatrix();
}
}
noLoop();
endRecord();
}
34
frame
esempi
trasfor-
mazione
varianti
img
img 1
img n img n img n
img n
img n
img n
img n
img n
img n
img n
img n
img n
img 2 img 3 img n
w_f=w/n
w_f*r_scale
r_scale
h_f*r_scale
b_f=b_max-n
h_f=w_f
-rx
n= 3->9
+rx
width
height
(i,j)
(i,j)
(i,j)
(i,j)
(i,j)
(i,j)
(i,j)
(i,j)
(i,j)
(i,j)
(i,j)
(i,j)
-ry
+ry
SCHEMA STRUTTURALE
6
11
8
7
12
10
9
33
ESERCITAZIONI
n3
Data una serie di opere darte, sceglierne una ed individuare le regole formali applicate,
ricreando una procedura che generi n varianti dellopera.
int n,w_f,h_f;
int k=8;
PImage img01, img02;
void setup(){
size (590,786);
img01 = loadImage(ivan03.jpg);
img02 = loadImage(ivan04.jpg);
noFill();
stroke(255);
background(255);
frameRate(1);
}
void draw(){
background(255);
n= int (random(3,10));
w_f= width/n;
h_f=w_f;
strokeWeight(14-n);
for(int i=0; i<width; i+=w_f){
for(int j=0; j<height; j+=h_f){
oat img_n= int (random(10));
if (img_n%2==0){
frame01(i,j);
}else{
frame02(i,j);
}
}
}

ll(255);
rect(0,height-(height% h_f),width,height% w_f);
saveFrame(hockney_###.tif);
}
void frame01 (int x, int y){
int rx= int (random (w_f/k));
int ry= int (random (w_f/k));
int r_scale= int (random (w_f/k));
copy(img01,x+rx, y+ry, w_f+r_scale, h_f+r_scale, x, y, w_f+r_scale, h_f+r_scale);
noFill();
rect(x, y, w_f, h_f);
}
void frame02 (int x, int y){
int rx= int (random (w_f/k));
int ry= int (random (w_f/k));
int r_scale= int (random (w_f/k));
copy(img02,x+rx, y+ry, w_f+r_scale, h_f+r_scale, x, y, w_f+r_scale, h_f+r_scale);
noFill();
rect(x, y, w_f, h_f);
}
4
1 2
3
4
5
6
19
Skype
Blog
YouTube
ISIA di Urbino / telecamera Aula di Informatica / ore 10.12
Film
Test q.i.
Flipper
18
Sito Harley-Davison
Msn
Chat
Videogioco golf
Word
Skype
Download musica
mySpace
Mail
Cambio icone
Sito v.m.18 anni
Personalizza scrivania
IL COMPUTER UNO SCEMO VELOCE
fisianomia 2009 / Tesi di Lorenzo Bravi - Procedure di basic design / 28
fisianomia 2009 / Tesi di Alice Lotti Bien Manger/ 30
<:CC6>D
;:77G6>D B6GOD
6EG>A:
<>J<CD
B6<<>D
AJ<A>D
6<DHID
H:II:B7G:
DIID7G:
CDK:B7G:
9>8:B7G:
>ck^V\\^dXdc8ZcZgZcidaV
I2 abe per un anno
2
0
0
9
> c k ^ V \ \ ^ d X d c 8 Z c Z g Z c i d a V
I 2 a b e p e r u n a n n o
u a n d o p a r i a m o d i C e n e r e n t o a p e n s i a m o s u b i t o a a
b i o n d a e b u o n a r a g a z z a d a i g r a n d i o c c h i a z z u r r i , m a t r a t t a t a
d a a m a t r i g n a c r u d e e e d a e s o r e a s t r e c a t t i v e . P e n s i a m o
a i n t e r v e n t o d e a f a t a b u o n a , a a z u c c a c h e d i v e n t a c a r r o z z a ,
a i t o p i n i e d a g i u c c e i n i , a P r i n c i p e A z z u r r o , a a s c a r p i n a
d i v e t r o . . . D i f c i m e n t e q u a c u n o d i n o i s i i m m a g i n a
u n a C e n e r e n t o a c o n g i o c c h i a m a n d o r a o c o n a p e e s c u r a .
L p p u r e s e t t e c e n t o a n n i p r i m a c h e a a b a c o m p a r i s s e
i n L u r o p a , C e n e r e n t o a e s i s t e v a g i a i n C i n a . g g i e s i s t o n o
a m o n d o c i r c a 3 4 S v e r s i o n i d i f f e r e n t i . g n i p o p o o h a
r e i n t e r p r e t a t o a s t o r i a e a t t r a v e r s o q u e s t a a b a r a c c o n t a
d i s e e d e e p r o p r i e t r a d i z i o n i a g g i u n g e n d o o t o g i e n d o
d e i p a r t i c o a r i . l e g g e r e e v a r i e a b e d i C e n e r e n t o a p e r c i
e u n m o d o p e r p o t e r c o n o s c e r e i m o n d o e e v a r i e c u t u r e .
l e a b e , c o m e g i u o m i n i , v i a g g i a n o .
l v i a g g i o d i C e n e r e n t o a e m o t o u n g o e p a r t e d a e s t r e m o
o r i e n t e p e r a r r i v a r e n o a n o i .
u e s t o c a e n d a r i o r i p r o p o n e i v i a g g i o d i C e n e r e n t o a d a A s i a
n o a n o s t r o c o n t i n e n t e e i p e r c o r s o d e a n n o 2 0 0 9 d i v e n t a
a m e t a f o r a d i q u e s t o u n g o t r a g i t t o . A t t r a v e r s o q u e s t o
c a e n d a r i o e p o s s i b i e c o n o s c e r e e s c o p r i r e a f u n z i o n e d e i
c a e n d a r i e a o r o s t r u t t u r a n e e v a r i e c u t u r e c h e p o p o a n o
A s i a e L u r o p a . S o n o r i p o r t a t e i n o t r e e p r i n c i p a i f e s t i v i t a
t r a d i z i o n a i d e i p a e s i a t t r a v e r s a t i d a a a b a .
se
g
n
o
p
e
r a
p
ie
g
a
se
g
n
o
p
e
r a
p
ie
g
a
l s i a U r b i n o _ D i p o m a A c c a d e m i c o d i l i v e o
L i s a 8 a d u c c i _ n u m e r o d i m a t r i c o a 8 8 4
r e a t o r e F r a n c e s c o R a m b e r t i _ a . a . 2 0 0 / , 2 0 0 8
c o p e r t i n a . i n d d 1 1 - 0 2 - 2 0 0 9 1 7 : 0 4 : 5 0
aj
c
Z
Y

b
V
giZ
Y

b
Z
gXd
aZ
Y

,
+
*
\
^d
kZ
Y

-
kZ
c
Z
gY

hV
W
V
id
Y
d
b
Z
c
^X
V
&&
&%
.
aj
c
Z
Y

&'
b
V
giZ
Y

b
Z
gXd
aZ
Y

&)
&(
\
^d
kZ
Y

&*
kZ
c
Z
gY

&+
Y
d
b
Z
c
^X
V
)
\
^d
k
Z
Y

kZ
c
Z
gY

hV
W
V
id
(
'
&
\
Z
c
c
V
^
d
b
Z
gXd
aZ
Y

\
^d
kZ
Y

kZ
c
Z
gY

'(
''
'&
hV
W
V
id
')
Y
d
b
Z
c
^X
V
aj
c
Z
Y

b
V
giZ
Y

',
'+
'*
b
Z
gXd
aZ
Y

'-
\
^d
kZ
Y

kZ
c
Z
gY

(%
'.
hV
W
V
id
(&
'%
hV
W
V
id
aj
c
Z
Y

&.
&,
b
V
giZ
Y

8ZgVjcVkdaiVjcVWVbW^cVY^cdbZ NZ M^Vc# Hjd eVYgZ ZgVjc cdid hVe^ZciZ YZak^aaV\\^d


Z VkZkVYjZ bd\a^# AVbVbbVZ ^aeVe|Y^NZ M^Vc bdg^gdcd Z aV[VcX^jaaVg^bVhZ Xdc aVaigV
bd\a^Z YZaeVYgZ Z aVhjVhdgZaaVhigV#
Y
d
b
Z
c
^X
V
&-
86ED96CCD 8>C:H:
86ED96CCD 7J99>HI6
86ED96CCD C:A 86A:C96G>D <G:<DG>6CD
86ED96CCD 8G>HI>6CD DGID9DHHD
8
>
C
6
K>:IC6B
calendario ok.indd 12-13
1-02-2009 16:43:06
ajcZY
b
VgiZY
b
ZgXdaZY
,
+
*
\^dkZY
-
kZcZgY
hVWVid
Ydb
Zc^XV
&&
&%
.
ajcZY
&'
b
VgiZY
b
ZgXdaZY
&)
&(
\^dkZY
&*
kZcZgY
&+
Ydb
Zc^XV
)
\^dkZY
kZcZgY
hVWVid
(
'
&
d
i
i
d
W
g
Z
b
ZgXdaZY
\^dkZY
kZcZgY
'(
''
'&
hVWVid
')
Ydb
Zc^XV
ajcZY
b
VgiZY
',
'+
'*
b
ZgXdaZY
'-
\^dkZY
kZcZgY
(%
'.
hVWVid
(&
'%
hVWVid
ajcZY
&.
&,
b
VgiZY
Ydb
Zc^XV
&-
CDGK:<>6
;G6C8>6
>C<=>AI:GG6
<:GB6C>6
EDADC>6
6GB:C>6
GJHH>6
>G6F
>I
6
A
>6
\^dkZY
kZcZgY
hVWVid
,
+
*
Ydb
Zc^XV
-
ajcZY
b
VgiZY
b
ZgXdaZY
&&
&%
.
\^dkZY
&'
kZcZgY
hVWVid
&)
&(
Ydb
Zc^XV
&*
ajcZY
&+
b
ZgXdaZY
)
Ydb
Zc^XV
ajcZY
b
VgiZY
(
'
&
b
V
g
o
d
hVWVid
Ydb
Zc^XV
ajcZY
'(
''
'&
b
VgiZY
')
b
ZgXdaZY
\^dkZY
kZcZgY
',
'+
'*
hVWVid
'-
Ydb
Zc^XV
ajcZY
(%
'.
b
VgiZY
(&
'%
b
VgiZY
\^dkZY
&.
&,
kZcZgY
b
ZgXdaZY
&-
8>C6
K>:IC6B
>G6F
GJHH>6
6GB:C>6
>C
9
>6
b
VgiZY
b
ZgXdaZY
\^dkZY
,
+
*
kZcZgY
-
hVWVid
Ydb
Zc^XV
ajcZY
&&
&%
.
b
VgiZY
&'
b
ZgXdaZY
\^dkZY
&)
&(
kZcZgY
&*
hVWVid
&+
ajcZY
)
kZcZgY
hVWVid
Ydb
Zc^XV
(
'
&
b
V
\
\
^
d
\^dkZY
kZcZgY
hVWVid
'(
''
'&
Ydb
Zc^XV
')
ajcZY
b
VgiZY
b
ZgXdaZY
',
'+
'*
\^dkZY
'-
kZcZgY
hVWVid
(%
'.
Ydb
Zc^XV
(&
'%
Ydb
Zc^XV
b
VgiZY
&.
&,
b
ZgXdaZY
ajcZY
&-
6GB:C>6
CDGK:<>6
EDADC>6
<:GB6C>6
G
J
H
H
>6
3_Ogni scarpa una cultura
Le illustrazioni
a
j
\
a
^
d
kZcZgY
(&
EDADC>6
GJHH>6
Ydb
Zc^XV
ajcZY
b
VgiZY
,
+
*
b
ZgXdaZY
-
\^dkZY
kZcZgY
hVWVid
&&
&%
.
Ydb
Zc^XV
&'
ajcZY
b
VgiZY
&)
&(
b
ZgXdaZY
&*
\^dkZY
&+
hVWVid
)
b
ZgXdaZY
\^dkZY
kZcZgY
(
'
&
b
VgiZY
b
ZgXdaZY
\^dkZY
'(
''
'&
kZcZgY
')
hVWVid
Ydb
Zc^XV
ajcZY
',
'+
'*
b
VgiZY
'-
b
ZgXdaZY
\^dkZY
(%
'.
'%
kZcZgY
Ydb
Zc^XV
&.
&,
ajcZY
hVWVid
&-
C
D
G
K
:
<
>6
fisianomia 2009 / Tesi di Elisa Balducci In viaggio con Cenerentola / 31
fisianomia 2009 / Tesi di Valeria Anzolin Gli Americani / 32
fisianomia 2009 / typefood / 2
fisianomia 2009 / typefood / 3
fisianomia 2009 / identit aziendale / 4
KALMAN
una ricerca sul metodo
di Tibor Kalman
MASSIN. VARIAZIONI SUL LIBRO
una monografa su Robert Massin
BOSCO
uninstallazione tipografca
su una poesia
di Wisawa Szymborska
LA SCOPERTA DELLALFABETO
uninstallazione tipografca
sullomonino racconto
di Luigi Malerba
BOSCO
volume esplicativo
dellinstallazione tipografca
progetti di Stefano Faoro
LA SCOPERTA DELLALFABETO
volume esplicativo
dellinstallazione tipografca
progetti di Michela Povoleri
fisianomia 2009 / progettazione per leditoria / 5
fisianomia 2009 / grafica editoriale / 6
fisianomia 2009 / workshop il libro fotografico con Alberto Bianda / 7
fisianomia 2009 / workshop il libro fotografico con Alberto Bianda / 8
Italo
evo
James
oyce
Umber
to Sab
a Marc
ello Du
dovich
Margh
erita
ack El
sabet
a di B
fisianomia 2009 / progettazione grafica / 9
fisianomia 2009 / workshop la sintassi dellimmagine con Chiara Carrer / 11
Fascino
Goffredo Parise
Illustrazioni di Margherita Micheli
Un pomeriggio di agosto in montagna tra nubi nere e brontolanti una donna con grandi occhi limpidi pieni
di curiosit e un bambino biondo e un po grasso per mano vide in una stradina deserta un uomo alto che
somigliava a Clark Gable.
fisianomia 2009 / workshop la sintassi dellimmagine con Chiara Carrer / 12
fisianomia 2009 / workshop Smitizzare il medium fotografico con Michele Turriani / 13
fisianomia 2009 / Workshop La stampa al Platino-palladio con Sabrina Bonfantini / 14
freedom
and
order
cuattro
raici
olancsi
all'isia
ci urbino
isia - istituto
suprior
incustri
artistich
Iunedi 7 apriIe
ore 15.30
conrnza
aprta
al pubblico
isia di urbino
con iI parocinio di
AGl -aIIiance
graphique
internationaIe
AlAP-
associazione
itaIiana
progettazione
per Ia
comunicazione
visiva
comune di urbino
marted| 8,
mercoIed| 9,
gioved| 10 apriIe
workshop
risrvato
ali stucnti
cl corso
ci ciploma
accacmico
ci 2 livllo
la mostra rimarr
aprtaino
al 29 april 2CC8
orari:
call or 9.CC
all or 8.CC
(sabato
comnica
sclusi).
venerd| 11 apriIe
ore 18.30
inauurazion
clla mostra
36,
via santa chiara,
urbino
tl. C722 32C95
srtria<
isiaurbino.it
www.isiaurbino.it
ptr
bilak
karl
martns
armanc
mvis
maurn
moorn
+ lust
isia di urbino
con iI parocinio di
AGl -aIIiance
graphique
internationaIe
AlAP-
associazione
itaIiana
progettazione
per Ia
comunicazione
visiva
comune di urbino
Freedom and order
La raica olancs, alla
pari clla moca italiana
o cl csin scancinavo,
un non luoo clla cultura
cl csin. La succtta
catoria implica un'alta
ciusa cualit nlla
prottazion raica
ma snza alcuna cistinzion
tra innovativ pubblicit
pr la Nik installazioni
al conin con l'art.
E spsso, alla pari ci vini
italiani nl monco, anch
l'ultimo tavrnllo
con tichtta olancs
trova spazio nll rassn
sul mlio cl mlio.
Ousta occasion prmtt
cuncu ci accncr
l'intrss ( sicuramnt
non ci saurir o approon-
cir il tma) sia su un moco
ci intncr la prottazion
raica ch ci stir uno
stucio prossional
ci alto livllo.
La carattristica cli stuci
ci custi cuattro prossio-
nisti inatti culla ci non
Graphic csinr rlanc,
spcializzato in tiporaia,
ha prottato libri altri
strumnti citoriali,
rancobolli schc
tlonich (pr Dutch PTT)
c un consicrvol numro
ci acciat ci ciici, tra cui
nl 2CC5 cull in vtro
clla Philharmoni
ac Haarlm. Tra i suoi clinti
citori vari istituzioni
ci ovrno.
Nl 993 stato insinito
cl Prmio HN Vrkman
pr la prottazion
clla rivista Oas nl 996
ha ricvuto il Dr /.H.
Hinkn Priz pr l'art.
ll suo lavoro stato nominato
tr volt al Dsin Priz
Rottrcam. Nl 998,
alla Fira cl Libro ci Lipsia,
a Karl Martns: Printc
Mattr stata assnata
la mcalia c'oro com
il milior libro prottato
'in tutto il monco'.
lnsna raphic csin
cal 977.
Fino al 994 prsso
la Scuola c'/rt ci /rnhm,
poi alla Jan van Eyck
/cacmi ci Maastricht.
Dal 997 visitin lcturr
in prottazion raica
prsso il Graphic Dsin
Dpartmnt clla School
o /rt clla Yal Univrsity.
Nllo stsso anno ha
oncato con Vir Pirma
il Typoraphy Vorkshop
(VT) pr la ormazion
post-laura prsso l'/rtEZ,
lnstitut or th /rts
ci /rnhm. Dal 2CC n
concivic la suprvision
artistica con /rmanc Mvis.
Oirschot, 963.
Diplomato alla Grrit
Ritvlc /cacmy,
/mstrcam.
Dal 2CC2 insna al
Vrkplaats Typorai,
/rnhm.
Linca van Dursn,
/arcnbur 96.
Diplomata alla Grrit
Ritvlc /cacmy,
/mstrcam. Dal 2CC ciri
il raphic cpartmnt
alla Grrit Ritvlc
/cacmy, /mstrcam.
lnsim cal 986,
hanno curato l'icntit
ci Stcli|k Musum,
Musum Poi|mans
van Puninn Rottrcam,
Viktor & Rol, Rottrcam
2CC, Capital cultural
c'Europa, VMX architcts,
/rchitctn Ci., lavorato
pr KPN, Dutch Post
anc Tlcom, Ministro
cll Finanz,
Th Nthrlancs N/i,
architctur institut,
Rottrcam, Ecizioni CC,
Thams & Hucson.
Dal 2CC3 tnono
rolarmnt corsi alla Yal
School o /rts sono
Snior Rsarchrs
alla Jan van Eyck
/kacmi, Maastricht.
Dorcrcht 969.
Diplomata alla Villm
c Koonin /cacmy
ci Rottrcam, viv
lavora ac /mstrcam cov
nl 2CC7 ha oncato il suo
stucio. Dal 2CC al 2CC4
ha insnato raphic csin
alla /rtEZ /cacmy o /rts,
/rnhm. Tra i suoi incarichi
piu rcnti la campana pr
la /rnhm Fashion Pinnal
culla pr l'annual
Hollanc Fstival.
Dal 998 al 2CC7 ha collabo-
rato con Danil van cr
Vlcn, occupancosi
ci civrs istituzioni culturali.
lnsim hanno lavorato
al r-csin clla rivista
c'architttura /rchis (ora
chiamata C\YbZR), cal 2CC
al 2CC5, all'icntit visiva
alla campana mural
cll'Hollanc Fstival, stival
intrnazional ci art
cultura pr la cual hanno
vinto numrosi prmi, tra cui
il primo prmio al Chaumont
Postr Fstival 2CC7.
Tra li altri clinti:
Stcli|k Musum
/mstrcam, Droo
Dsin, TNT, Maasin 3
Stockholm Konsthall
Gallria Jan Mot.
Ccoslovacchia, 973.
Si ciplomato all'/tlir
national c cration
typoraphicu, Parii,
in suito ha ottnuto
il cottorato calla Jan van
Eyck /kacmi, Maastricht.
Dirttor oncator
(con Stuart Paily)
clla rivista ci art
csin Dot Dot Dot, tin
rolarmnt conrnz
(tra l piu rcnti
Rhoc lslanc School
o Dsin, LPP Loncra,
EC/L Losanna).
Ha cisnato civrsi ont
tra i cuali FF Eurka
(Fontshop), Fcra Grta
(Typothcu).
Typothcu lo stucio
oncria ciital
ci carattri oncato
ca Ptr Johanna Pilak.
Oltr al cisno ci carattri,
si occupa prvalntmnt
ci csin citorial.
Tra i committnti:
Dutch Royal mail (TPG Post):
Ncrlancs Dans Thatr:
Stroom, cntro pr l arti
l'architttura: Nthrlancs
/rchitctur lnstitut.
freedom
and
order
cuattro
raici
olancsi
all'isia
ci urbino
isia - istituto
suprior
incustri
artistich
Iunedi 7 apriIe
ore 15.30
conrnza
aprta
al pubblico
marted| 8,
mercoIed| 9,
gioved| 10 apriIe
workshop
risrvato
ali stucnti
cl corso
ci ciploma
accacmico
ci 2 livllo
la mostra rimarr
aprtaino
al 29 april 2CC8
orari:
call or 9.CC
all or 8.CC
(sabato
comnica
sclusi).
venerd| 11 apriIe
ore 18.30
inauurazion
clla mostra
36,
via santa chiara,
urbino
tl. C722 32C95
srtria<
isiaurbino.it
www.isiaurbino.it
ptr
bilak
karl
martns
armanc
mvis
maurn
moorn
+ lust
Peter BiIak KareI Martens Armand Mevis Maureen Mooren
P\[ VY]Na_\PV[V\QV P\[ VYP\[a_VOba\QV
suprar mai cuattro
prson ci oranico.
Pr contro la cualit
ci clinti ccllnt:
Stcli|k Musum
ci /mstrcam, Dutch Post
anc Tlcom. Ministro
cll Finanz, Nthrlancs
/rchitctur lnstitut,
Hollanc Fstival,
Haywarc Gallry, Musum
Poi|mans Van Puninn
Rottrcam, altri.
Ouasi tutti srcitano
un'attivit cicattica
in scuol importanti
cuali Yal School o /rts,
Vrkplaats Typorai,
Jan van Eyck /cacmi,
svolono attivit ci ricrca.
E cul risrvato sinor,
straorcinario silnzioso
innovator ci custa
part concttual
clla raica olancs,
ch si chiama Karl
Martns, in cualch moco
il tramit ci piu iovani
con la tracizion nazional.
Da lui hanno imparato
la lzion ch prima
clla orma sta il pnsiro,
ma mai rinuncianco
alla sprimntazion
ci nuovi linuai.
Martns, nato nl 939,
ha smpr conciviso
la sua rainata capacit
ci lavorar con la stampa
tiporaica, con l parol,
i matriali, li inchiostri,
tra l'sprssion artistica
o ci pura sprimntazion
la prottazion raica,
prvalntmnt ci libri.
Nli anni sssanta
raccoli l'ical tstimon
ca Villm Sancbr,
raico c intllttual
olancs, ch u il primo
cirttor c assim art
circtor cllo Stcli|k
Musum ci /mstrcam,
cal 948 al 962.
La sua attivit nll'citoria
clancstina nli anni
cll'invasion nazista
la sua ammirazion
pr il lavoro ci un altro
ranc artista-tiporao,
Hncrik Nicolaas Vrkman,
ucciso in campo
ci concntramnto, lo porto
ac ainar una straorcinaria
snsibilit pr l'uso
ci matriali povri
pr la sprimntazion
nlla stampa con mzzi
improvvisati.
L sprimntazioni
tiporaich ci Martns
con i pzzi cl Mcano
piuttosto ch con l matrici
ci carta l'uso cll lttr
cual matria sprssiva
hanno sicuramnt ispirato
non solo l lanti
composizioni raich
ci contmporani olancsi,
ch cui prsntiamo,
ma anch la cura nlla sclta
ci matriali ni loro otti
raici, smntnco ancora
una volta ch il csin
bicimnsional non sist.
Ma soprattutto la lzion
assorbita ca Martns, ch
a ci custo csin olancs
uno ci piu avanzati
cl nostro tmpo, culla
ch riuarca la ricrca
clla orma ch rapprsnti
il contnuto ch abbia
risptto cl ricttor
cl mssaio. Non ci sono
rictt pr custo cic
Martns. E continua
una custion ci mntalit.
un continuo procsso
in cui bisona soppsar
obbittivi, siniicati
mtoco. E ancora contro
l'uso ci una raica avulsa
cal snso: ll tsto spsso
cormato in moco tal ch
il lttor si ritrova ac ssr
solamnt un ossrvator.
Ouanco la orma il punto
ci partnza allora avvin
un appiattimnto. Oullo
ch oriinariamnt intso
com supporto cl contnuto
civin incipncnt
allora c' un cclino
vrso l'ornamnto.
3_RRQ\ZN[Q\_QR_, cuncu,
ovvro prtto cuilibrio
tra rior sprimntazion,
com ricorca Ptr Pilak
intrvistanco Karl Martns.
Oull'orcin ci limiti
imposti prch solo
cos possibil trovar
cll soluzioni.
freedom
and
order
cuattro
raici
olancsi
all'isia
ci urbino
isia - istituto
suprior
incustri
artistich
Iunedi 7 apriIe
ore 15.30
conrnza
aprta
al pubblico
isia di urbino
con iI parocinio di
AGl -aIIiance
graphique
internationaIe
AlAP-
associazione
itaIiana
progettazione
per Ia
comunicazione
visiva
comune di urbino
marted| 8,
mercoIed| 9,
gioved| 10 apriIe
workshop
risrvato
ali stucnti
cl corso
ci ciploma
accacmico
ci 2 livllo
la mostra rimarr
aprtaino
al 29 april 2CC8
orari:
call or 9.CC
all or 8.CC
(sabato
comnica
sclusi).
venerd| 11 apriIe
ore 18.30
inauurazion
clla mostra
36,
via santa chiara,
urbino
tl. C722 32C95
srtria<
isiaurbino.it
www.isiaurbino.it
ptr
bilak
karl
martns
armanc
mvis
maurn
moorn
+ lust
fisianomia 2009 / Workshop con Martens, Mevis, Mooren, Bilak e Meus Freedom and Order/ 16
fisianomia 2009 / Mostra Freedom and Order/ 17
(R)ESISTERE
PER IMMAGINI
27 gennaio 2009
Giornata della memoria
Isia, Istituto Superiore Industrie
Artistiche, Urbino
Facolt di Sociologia, Universit
degli studi di Urbino Carlo Bo
Accademia di Belle Arti, Urbino
(R)esistere per immagini
Germano Facetti dalla rappresentazione
del Lager alla storia del XX secolo
Museo Diffuso della Resistenza,
della Deportazione, della Guerra, dei Diritti
e della Libert di Torino
R- esistenze
Video-testimonianze di partigiani
Accademia di Belle Arti di Urbino,
Biennio specialistico di Visual Design
Graci per la democrazia
Isia, Istituto superiore industrie artistiche,
Urbino, Biennio specialistico
Penguin, cover story 1960 70
Biblioteca Isia
1938 1945. La persecuzione
degli ebrei in Italia
Fondazione Centro di documentazione
ebraica contemporanea, Milano
Marted 27 gennaio 2009
ore 10.30
Inaugurazione della mostra
ore 11.00
Cerimonia di celebrazione
della Giornata della memoria
ore 15.00
Incontro/dibattito con gli studenti
La democrazia dei Graci
La mostra rimarr aperta
no al 28 febbraio 2009
dalle ore 9.00 alle ore 18.00
sabato e domenica esclusi
Isia, Istituto Superiore
Industrie Artistiche
via Santa Chiara, 36
61029 Urbino, PU
tel. 0722 320195
segreteria@isiaurbino.it
www.isiaurbino.it
fisianomia 2009 / Mostra Grafci per la democrazia / 19
fisianomia 2009 / Mostra Resistere per immagini / 20
fisianomia 2009 / Parola macchina del pensiero / 22
Il carattere Lekton, stato disegnato dagli studenti coordinati
dal docente Luciano Perondi e liberamente ispirato al carattere Notizia
utilizzato dalle macchine da scrivere Olivetti.
OpenSource www.lekton.blog.isiaurbino.it
[...]
fisianomia 2009 / Il carattere tipografico Lekton / 23
2 3
12 13
14 15
16 17
fisianomia 2009 / da Caterina Tesi di Caterina Fattori / 24
fisianomia 2009 / shangai 07, ritratti Urbani di una citt che cambia Tesi di Roberta Paolucci / 25
Offcina Santa Chiara
Laboratorio di Ricerca, Progettazione e Sviluppo
Offcina Santa Chiara il Laboratorio
di Ricerca, Progettazione e Sviluppo
dedicato a:
studenti dellIstituto Superiore
per le Industrie Artistiche di Urbino;
titolari di convenzioni di tirocinio
che si svolgono presso lIstituto
Superiore per le Industrie Artistiche
di Urbino;
studenti di corsi di studio
o di dottorato gestiti in collaborazione
tra lIstituto Superiore per le Industrie
Artistiche di Urbino ed altri Istituti
universitari.
Ha come fnalit il conoscere a fondo
il mondo del lavoro, operare
al suo interno con la specifca cultura
del progettista grafco, operatore tecnico
culturale e verifcare
la propria formazione per entrare
poi in un ruolo centrale, da registi
e attori primari, nel pi complesso
mondo della comunicazione. Scoprire,
verifcare i luoghi dove questa centralit
sia oggi possibile.
Per arrivare a questo chiaro
che il senso della responsabilit,
non solo tecnica, elemento
indispensabile con cui affrontare
il progetto, saperlo argomentare e far
in modo che corrisponda realmente
alle necessit sociali richieste.
Si realizzano allinterno di Offcina
S.C. ricerche e progetti che non
appartengono al normale iter didattico.
Offcina S.C. deve avvicinarsi a quei
luoghi che richiedono progettazione e
che la professione non riesce
a sostenere, fare tutto quello che la libera
professione non riesce ad affrontare.
Le tipologie di lavoro che si possono
sviluppare allinterno del Laboratorio
appartengono a tre specifche aree:
indagini e ricerche;
ricerche e progettazione;
progettazione e sviluppo.
Deve essere comunque privilegiato
il rapporto con Enti e Aziende pubbliche,
mentre allo stesso tempo escluso
qualsiasi lavoro o progetto di tipo
unicamente commerciale.
fisianomia 2009 / Offcina Santa Chiara / 29
fisianomia / Fotografia - Parco Naturale Monte San Bartolo / 31
Porco Son Borlolo
Pesoro
Sislemo di segnolelico
Sl Urbino
0orso di diplomo occodemico
di 2
o
livello
lnno occodemico 2OO7/2OO8
0orso
Design dell`ombienle
Docenle
llberlo Morongoni
Progello
llice Polenghi
Per ollirore l`ollenzione primo
di ogni segnole viene poslo
uno sequenzo di lre dissuosori
equidislonli l`uno doll`ollro,
che producono ol possoggio
del veicolo un rumore ripelulo
e rilmico.
n conlropposizione
oi dissuosori ed ol conlinuo
rumore dell`osfollo, gli ingressi
ol porco sono segnololi
do un lrollo di slrodo pi liscio
e pi silenzionso.
Un unico dissuosore non sorebbe
suffcienle, perche polrebbe essere
confuso con un difello del monlo
slrodole.
dissuosori non devono essere
in rilievo, mo ollo slesso livello
dello slrodo.
Sono composli do un moleriole
corollerizzolo do un forle livello di
ollrilo, come od esempio un osfollo
pi gronuloso o inciso.
Tl\. O/
Ikf[hY_
IjhWZW0 hkceh[ [ i_b[dp_e
Roppresenlozione grofco
l monlo slrodole
prevolenlemenle osfollolo.
l secondo dello voriozione
dello superfcie, e quindi
dell`ospello lollile/udilivo,
si ollengono effelli diversi.
H_jce
I_b[dp_e
Porco Son Borlolo
Pesoro
Sislemo di segnolelico
Sl Urbino
0orso di diplomo occodemico
di 2
o
livello
lnno occodemico 2OO7/2OO8
0orso
Design dell`ombienle
Docenle
llberlo Morongoni
Progello
llice Polenghi
Tl\. 1
L_ijWZ_iYehY_e
Lo segnolelico orizzonlole viene
sempre vislo do lonlono
ed in moviemenlo.
Per permellere che le icone siono
visuolizzole correllomenle,
necessorio deformorle in bose
ollo modolil di visione di scorcio
ed ollo velocil di percorrenzo
dello slrodo su cui sono posle.
n queslo coso l`ollezzo di ogni
icono slolo roddoppiolo.
F_WdjW
Scolo 1.5OO
Porco Son Borlolo
Pesoro
Sislemo di segnolelico
Sl Urbino
0orso di diplomo occodemico
di 2
o
livello
lnno occodemico 2OO7/2OO8
0orso
Design dell`ombienle
Docenle
llberlo Morongoni
Progello
llice Polenghi
Tl\. 13
?Yed[
Posizionomenlo
su uno superfcie neulro
Uno delle soluzioni pi odolle
risullo il posizionomenlo
delle icone su un fondo bionco.
n queslo modo i segnoli risullono
focilmenle visibili od un primo
sguordo, ed ollo slesso lempo
le forme ol loro inlerno
si dislinguono choromenle.
Le indicozioni dei porcheggi,
le frecce ed ollri evenluoli segnoli
generici sono ollenuli in negolivo.
EVgXdHVc7Vgidad
EZhVgd
H^hiZbV Y^ hZ\cVaZi^XV
>H>6JgW^cd
8dghdY^ Y^eadbV VXXVYZb^Xd
Y^ '
d
a^kZaad
6ccdVXXVYZb^Xd'%%,$'%%-
8dghd
9Zh^\cYZaaVbW^ZciZ
9dXZciZ
6aWZgidBVgVc\dc^
Egd\Ziid
6a^XZEdaZc\]^
EVgXd BVgZ HZci^Zg^
)WcX_[dj_
EVgX]Z\\^d ;gZXXZ
<_eh[dpkebW 7bjh[ _dZ_YWp_ed_
I6K# %+
?Yed[
EVgXdHVc7Vgidad
EZhVgd
H^hiZbV Y^ hZ\cVaZi^XV
>H>6JgW^cd
8dghdY^ Y^eadbV VXXVYZb^Xd
Y^ '
d
a^kZaad
6ccdVXXVYZb^Xd'%%,$'%%-
8dghd
9Zh^\cYZaaVbW^ZciZ
9dXZciZ
6aWZgidBVgVc\dc^
Egd\Ziid
6a^XZEdaZc\]^
I6K# &,
I[gk[dpWl_ikWb#jWjj_b[
HZci^Zgd
?Yed[
9^hhjVhdg^ g^ib^X^2
g^X]^VbdYZaaViiZco^dcZ#
>XdcV2
^c[dgbVo^dcZ/hZci^Zgd#
;gZXX^V 2
^c[dgbVo^dcZ/Y^gZo^dcZ#
7ii[cXbW]]_e
HXVaV &/*%%
Ikf[hY_
9ebeh_
8dadgZ2
eZgXZo^dcZ^c\gZhhdhZci^Zgd#
fisianomia 2009 / Sistema di segnaletica Progetto di Alice Polenghi / 32
Diploma Accademico
di 1 Livello
Progettazione grafca
e comunicazione visiva
3 / Basic design - 1 anno
Docente: Francesco Ramberti
I colori dei luoghi
Poter osservare un unico colore composto
da diverse sensazioni e da differenti emo-
zioni. Come i pittori divisionisti, la giustap-
posizione dei colori ha prodotto unimma-
gine che potesse ricreare una dimensione.
Riempire lo spazio inattivo con molecole
di colori, assegnati dai nostri compagni
alle proprie citt. Progetto di Arianna
Mencarelli, Sophia Marostica, Angela
Pierini e Arnaldo Filippini.
4 / Basic design - 1 anno
Docente: Francesco Ramberti
Atlante sui colori dei luoghi dorigine
Alla base del manifesto c la timeline:
al posto del tempo ci sono le coordinate
geografche delle nostre citt; Il risultato
una linea che collega ciascuno di noi col
compagno; cos come le nostre esperien-
ze personali si vengono a mescolare con
quelle degli altri, ogni luogo non distinto
nettamente dagli altri; tutto vive e si uni-
sce in funzione dellaltro. Progetto di Elena
Panetti, Francesca Danesi, Marcelo Cabrera
5 / Basic design - 1 anno
Docente: Francesco Ramberti
Cartoline dalla Valle dAosta
Riportare le sensazioni che la citt tra-
smette. I colori del centro di Aosta, del
cielo o delle immagini della mia mente:
sfumature che il sogno nasconde e che la
paura cela.
Il segno
Cerco un gesto, un gesto naturale per
essere sicuro che questo corpo mio.
(Giorgio Gaber)
6 / Workshop Musica in Corpo - 1 anno
Ospite: Roberto Galvani
Docente: Francesco Ramberti
Ritmo, ordine, armonia. Parole chiave indi-
spensabili per la musica. E per la grafca?
Senza ritmo non si pu costruire un ma-
nifesto, se un marchio privo di armonia
non rimarr mai impresso. Lottando con
i bamb abbiamo compreso limportanza
di un ritmo comune per creare movimenti
armonici; utilizzando gli strumenti musicali
abbiamo capito limportanza dellordine
per giungere ad uno scopo comune.
7 / Workshop Alfabeti espressivi - 1 anno
Ospite: James Clough
Docente: Francesco Ramberti,
Luciano Perondi
Comprendere limportanza del gesto,
della libert espressiva. Sperimentare
senza lausilio del computer: questa
lunica regola. Con ogni tipo di stru-
mento, saccheggiando le dispense
e i negozi di casalinghi si liberato
lestro, la voglia di provare il nuovo.
8 / Laboratorio di Basic design - 1 anno
Docente: Siro Cangiotti
Un libro sul colore
Una ricerca sui colori primari e comple-
mentari tramite la costruzione del libro.
Progetto di Cristian Checcanin.
Kubik
Come i Cinesi fanno da millenni con il Tan-
gram a due dimensioi, cos gli appassionati
del Kubik si ingegnano a trovare forme
artistiche a tre dimensioni. Progetto di
Benedetta Riccardini e Mattia Rosa
9 / Matematica per il design - 1 anno
Docente: Davide Riboli
Salita a Montecarmelo
[...]Per poter gustare il tutto, non cercare
il gusto in nulla. [...]Per poter conoscere
il tutto, non voler sapere nulla. Salita al
Monte Carmelo di San Giovanni della Cro-
ce. Questo il concetto che ci ha portati
ad organizzare la Lirica, numerando ogni
singola lettera e spazio per poi scomporla.
Seguire il cammino cha dal nulla, porta a
poter conoscere il tutto.
10 / Type design - 2 anno
Docente: Albert Pinggera
Il carattere tipografco Chocolate
Riprodurre la scrittura corsiva nella sua
fuidit naturale e spontanea. Il carattere
nasce da segni gestuali, successivamente
progettati come alfabeto. La rielabora-
zione della scrittura in digitale mira a
mantenere una certa armonia e continuit
delle forme. Ogni lettera un unico tratto
continuo, corposo da una parte e sottile
dallaltra.
Progetto di Cristian Checcanin
11 / Type design - 2 anno
Docente: Albert Pinggera
Albero
Il corso di Type design ha previsto la pro-
gettazione di un carattere partendo da un
segno grafco lasciato sul foglio.
Progetto di Arnaldo Filippini
12 / Grafca Editoriale - 2 anno
Docente: Alberto Bernini
Nuovi coralli Feltrinelli
Il corso di grafca editorial prevede
la rogettazione della normativa
di una collana editoriale coerente
con lo stile della casa editrice
scelta. Progetto di Elisa Balducci.
13 / Metodologia della progettazione
2 anno
Docente: Beppe Chia
Modulistica per il lavoro
Alla luce del principio generale della
libert di forma, lordinamento italiano non
prevede unimpostazione predeterminata
per la modulistica del lavoro. Rivalutare
il senso di appartenenza professionale
del lavoratore attraverso la leggibilit e
lestetica di un documento.
Un rapporto contrattuale prima di tutto
una relazione umana.
14 / Semiotica per il design
e tecniche tipografche - 2 anno
Docenti: Antonio Perri e Luciano Perondi
Identifcazione della lettera archetipica
Progetto di Cecilia Giampaoli
15 / Workshop Orientarsi nei cinque
continenti: storie di frecce e colori,
culture e lingue - 2 anno
Ospite: Luigi Farrauto
Docente: Luciano Perondi
Il Mausoleo dei duchi e Linea daria
Il workshop ha indagato i fattori che
infuenzano lorientamento, analizzato lo
spazio fsico ed i fussi. Si ha poi proposto
una risposta grafca coerente, col vincolo
del bilinguismo.
16 / Grafca editoriale - 3 anno
Docente: Sergio Menichelli
Emy, patologia del prodotto
Emy unappendice organica
produttrice di emicrania. Il paradosso
che spinge il consumatore a percepire
come indispensabili oggetti contrari
alla sua natura (sonniferi, cibi dietetici,
assaggiatori dacqua...). Lestremizzazione
di questo concetto lofferta di
patologie in alternativa ai farmaci per
curarle. Progetto di Gianni Bianchi
17 18 19 / Grafca editoriale - 3 anno
Docente: Sergio Menichelli
17 / Come Wang-f fu Salvato
Progetto di Elisa Balducci
18 / Celia Birtwell
Progetto di Margherita Micheli
19 / Design Icons
Progetto di Margherita Cenni
20 / Illustrazione - 3 anno
Docente: Sandro Natalini
ET
Progetto di illustrazioni per il concorso
sulle pagine di apertura del catalogo
Einaudi. I libri trovano metafora
nelle foglie. Progetto di Tommaso Nava
21 / Grafca Editoriale - 3 anno
Docente: Sergio Menichelli
Radici viaggio eternit
Rilettura del brano Come Wang-F fu
salvato di Marguerite Yourcenar. Ho
voluto realizzare degli sketchbook, in
quanto strumenti per ridefnire limmagine
delle cose secondo la personale visione:
non amava tanto le cose quanto
limmagine di esse. Nellarte orientale
viene data importanza allimmagine
appuntata in quanto superiore
allelaborato fnale.
Progetto di Tommaso Nava
22 / Comunicazione dimpresa - 3 anno
Docente: Adriano Filippetti
Immagine coordinata del Conservatorio
statale musicale Luisa DAnnunzio
La volont di voler rappresentare
simbolicamente tutti gli strumenti
poneva linterrogativo sulle modalit di
rappresentazione. Era necessario trovare
unicona che riassumesse le particolarit
dei vari strumenti. Si scelto di prendere
una costante fsica comune a qualsiasi
strumento: lestensione sonora.
Progetto di Emilio Grazzi
23 / Packaging - 3 anno
Docente: Sergio Tacconi
Lalveare
Il packaging crea latmosfera del mondo
delle api. Le scatole sono ordinate su
uno scaffale e ricordano la forma di un
alveare. Lespositore in legno e modulare.
Limballaggio, inoltre, ha un adesivo
a forma di foglia dove sono riportate le
informazioni su articolo, colore, numero.
La scatola contiene le scarpe da bambino e
nellaltra apertura un puzzle.
Progetto di Elisa Balducci e Daniela Cincini
24 / Design degli allestimenti - 3 anno
Docente: Fabrizio Gigli
Laula comune
In questo ambiente gli studenti devono
poter svolgere le attivit di studio nei
periodi che non dedicano alla frequenza
delle ordinarie lezioni (studio, riunioni,
svago). Il progetto nasce durante il
restauro del complesso del monastero
Santa Chiara che ospita lIsia. Progetto
di Daniela Cincini, Elisa Balducci, Fabio
Demitri, Gianluca Camillini,
Emilio Grazzi
25 / Illustrazione - 2 anno
Docente: Arianna Papini
Garofani Rossi e voglia di Volare
Un progetto che nasce dallincontro
con assistenti ai disabili per esprime
e valorizzare le possibilit e i limiti di
due mondi diversi, di due punti di vista
differenti: il cielo, il volo, il mondo del
corvo, e la terra, i prati, i fori che l
elefante vive. Unamicizia che signifca
laccettazione e la valorizzazione di ci
che si e delle proprie possibilit.
Progetto di Giulia Sambugaro
26 / Fotografa - 2 anno
Docente: Stefano Veschi
Il sogno
Stavamo in piedi in una stanza con il
pavimento a scacchi, la cucina, forse, ma
pi grande. Parlavamo. Non so di cosa. Mi
accorgo che c un flo teso fra una parete
e laltra, mi avvicino mentre tu continui
a parlare, pizzico lo spago con un dito e
ascolto il suono che si allarga intorno;
acuto, mi infastidisce. La vecchia della casa
di l entra e stende ad asciugare al flo dei
piccoli pesci. Penso che intenda darli da
mangiare ai sui gatti. In fondo mi sembra
normale. Li guardo, mi manca il fato.
Tu mi chiedi: mi ami? Non so cosa ti ho
risposto. Progetto di Cecilia Giampaoli
27 / Mitico - 3 anno
Docente: Sandro Natalini
Percorso al Museo etrusco di Bologna
Progetti degli studenti del corso di
illustrazione del terzo anno 2007/2008
Allestimento di Elisa Santellani, Alice Lotti,
Stefania Lusini e Margherita Micheli.
28 / Fotografa
Docente: Silvano Bacciardi
Identit/appartenenza
Tra identit e appartenenza c uno stretto
legame, come c uno stretto legame tra la
storia che racconta la vita di una persona
e i suoi connotati impressi sul viso e sulle
mani. Progetto di Fabio Demitri
29 / Tesi
Relatore: Luciano Perondi
Procedure di Basic Design
La ricerca nasce dalla volont di abbinare
ai metodi classici di insegnamento del
Basic Design alcune esercitazioni che
prevedano luso della programmazione
per lo svolgimento e la soluzione. Il
lavoro ha previsto una ricerca storica sul
Basic Design, per capirne i fondamenti,
levoluzione e i personaggi signifcativi.
Tesi di Lorenzo Bravi
30 / Tesi
Relatore: Sandro Natalini
Bien Manger
Libro di ricette locali per preservare la
ricchezza del cucina maliana: progetto di
tesi realizzato in collaborazione con Slow
Food e Slow Food per la Biodiversit Onlus.
Lillustrazione viene utilizzata come mezzo
di comunicazione per rappresentare
e permettere la comprensione di usi,
costumi e tradizioni di una cultura
extraeuropea. Tesi di Alice Lotti
31 / Tesi
Docente: Francesco Ramberti
In viaggio con Cenerentola
Un racconto della realt multiculturale. In
viaggio con Cenerentola un kit composto
da un calendario interculturale e un libro
di supporto che vertono sulla metafora del
viaggio della faba di Cenerentola. Lungo il
viaggio della faba tra Asia ed Europa.
Tesi di Elisa Balducci
32 / Tesi
Docente: Silvano Bacciardi
Gli americani: ritratto di un luogo
Un libro di reportage fotografco inerente
la presenza americana nel Nordest dItalia,
quella legata ad uninstallazione militare
di una superpotenza mondiale, il tutto si
orienta come una rifessione sul territorio.
Tesi di Valeria Anzolin
Diploma Accademico
di 2 Livello
Comunicazione
e design
per leditoria
2 / Metodologia della progettazione
1 anno
Docente: Marco Ricci Tortoioli
Typofood, lalfabeto
Conclusione di un percorso didattico sulla
tipografa che ha portato alla preparazione
di un alfabeto culinario.
Progetto degli studenti del 1 anno
specialistico, a.a. 2007/2008
3 / Metodologia della progettazione
1 anno
Docente: Marco Ricci Tortoioli
Typefood, momenti di preparazione
Conclusione di un percorso didattico sulla
tipografa che ha portato alla preparazione
di un alfabeto. Progetto degli studenti del
2 anno specialistico, a.a. 2007/2008
4 / Identit aziendale - 1 anno
Docente: Roberto Pieracini
Urbino Servizi
Una sperimentazione per creare, tramite
dei moduli, il lettering ed il marchio
per lazienda. Creare una font per
dare riconoscibilit ad Urbino Servizi.
Attraverso lutilizzo dellimmagine
proiettata, stato possibile distorcere il
carattere per trovare nuove soluzioni. Il
lettering porta in s i concetti di divisione
e di unit.
Progetto di Elena Papassissa
5 / Progettazione per leditoria - 1 anno
Docente: Leonardo Sonnoli
I temi, i metodi, le vicende e le
problematiche della riproducibilit grafca,
intesa quale disciplina che progetta e
organizza artefatti stampati a grande
tiratura e diffusione. Si indagato sul
rapporto tra testo e immagine allinterno
dei formati editoriali, sia attraverso il
redesign di stampati che la progettazione
ex novo di uno stampato sperimentale.
Attraverso la ricerca storica sono stati
indagati esempi notevoli del passato e del
contemporaneo. Progetto di Stefano Faoro
e Michela Povoleri
6 / Grafca editoriale - 1 anno
Docente: Alberto Lecaldano
Bologna della guerra.
Come la citt di prepar al confitto
Sono soltanto scritte innocue, divenute
oramai parte del paesaggio urbano, ma
sessantanni fa salvavano la vita. Sono i
graffti di guerra, ancora presenti sui muri
dei palazzi di Bologna. Ci raccontano come
si organizz la popolazione di fronte al
confitto, che a Bologna caus circa 2500
vittime nelle oltre novanta incursioni aeree
subite. Progetto di Chiara Mambretti
7 e 8 / Workshop Il libro fotografco
1 anno
Ospite: Alberto Bianda
Docente: Paola Binante
7 / Alcuni momenti di progettazione
Il workshop ha esplorato la lettura di
unimmagine, la messa in relazione tra
immagini, labbinata, la sequenza.
8 / Libro fotografco La metamorfosi
Progetto di Chiara Astolf
9 e 10 / Progettazione grafca - 2 anno
Docente: Mauro Bubbico
Trieste: Lanima di un luogo
Che cos lidentit di un luogo? Un libro e
tre manifesti per mettere in scena il volto,
la vita affettiva e creativa dei triestini. Tre
diverse angolazioni: il paesaggio urbano
con i personaggi che lo hanno costruito
e abitato, i volti e segni disseminati nei
libri di storia e nella citt letta come
opera darte; la storia della fsionomia
della famiglia dellautrice per tentare
una risposta alla domanda: chi sono io?
Progetto di Alice Polenghi
11 e 12 / Workshop di illustrazione - Biennio
La sintassi dellimmagine
Ospite: Chiara Carrer
Docente: Silvana Sola
11 / Momenti di progettazione
Confrontarsi con limmagine, confrontarsi
con il testo: il risultato di una discussione
sul narrare ha dato vita allimpaginazione
di un piccolo libro Fascino un racconto di
Parise.
12 / Progetti di Susanna Frascari
e Margherita Micheli
13 / Workshop di fotografa - Biennio
Smitizzare il medium fotografco
(De-costruzione dellimmagine)
Docente: Michele Turriani
Alcuni momenti di sperimentazione
14 / Workshop di fotografa
La stampa al Platino-palladio - Biennio
Ospite: Sabrina Bonfantini
Docente: Simone Casetta
Il workshop ha previsto la produzione
completa di una fotografa realizzata con
questa antica tecnica. In contemporanea
al lavoro delle stampe al platino palladio
gli studenti hanno documentato
fotografcamente le varie fasi di lavoro da
cui nasce il racconto dellesperienza.
15 / 16 / 17 / 18 / Workshop e Mostra
Freedom and Order - Biennio
Ospiti: Karel Martens, Armand Mevis,
Maureen Mooren, Peter Bilak, Janna Me-
eus.
Docente: Leonardo Sonnoli
15 / La modalit olandese di cercare la
libert di espressione dentro la ristrettezza
delle regole e la capicit di sviluppo
dellapproccio modernista. Da J. F. van
Royen, responsabile della comunicazione
delle Poste olandesi (ptt) dagli anni 20, a
Werkman che ha pagato con la sua vita la
stampa della libert, da Willem Sandberg a
Karel Martens, fno alle nuove generazioni.
Manifesto di Leonardo Sonnoli
16 / Freedom and Order
Momenti di confronto
per lallestimento della mostra
Ognuno dei grafci assieme ad un gruppo
di studenti, ha progettato come esporre i
materiali di uno degli altri tutor. Ne nato
un crossover interpretativo che ha unito
la didattica sulla progettazione ad una
straordinaria mostra che vede esposti
Armand Mevis, Peter Bilak, Moreen Moreen
e Karel Martens. Fotografe di Mge Yilmaz
17 / Freedom and Order
Allestimento della mostra
Lallestimento il risultato del workshop
svolto dagli studenti con Armand Mevis,
Peter Bilak, Maureen Mooren e Janna
Meeus. A cura degli studenti Isia
Fotografe di Mge Yilmaz
18 19 e 20 / Resistere per immagini
Con gli studenti del 2 anno specialistico
27 gennaio 2009, Giornata della
memoria
53396 (R)esistere per immagini,
Germano Facetti dalla rappresentazione
dei lager alla storia del XX secolo a cura
di Gianfranco Torri
R-esistenze, video-testimonianze di
partigiani di Urbino
Grafci per la democrazia (ISIA)
Penguin, cover story 1960-70
1938-1945. La persecuzione degli ebrei
in Italia
Manifesto di Mauro Bubbico
19 / Grafci per la democrazia
Installazione realizzata al termine di
una ricerca sul contributo dei grafci
alla resistenza e alla ricostruzione in
Europa. Grafci aderirono al movimento
resistenziale mettendo a disposizione della
stampa clandestina la loro professionalit
e che, fnita la guerra, parteciparono alla
rinascita culturale del Paese.
Progetto degli studenti del 2 anno
specilistico 08/09.
Docente Mauro Bubbico
Fotografe di Mge Yilmaz
18 / 19 / 20 / 27 Gennaio 2009,
Giornata della Memoria
20 / 53396 (R)esistere per immagini,
Germano Facetti dalla repparesentazio-
ne
dei lager alla storia del XX secolo
A cura di Gianfranco Torri
Un omaggio a Germano Facetti, uomo
sopravvissuto alla Deportazione, art
director alla Penguin Books e creativo
poliedrico, attraverso i documenti privati
e professionali del fondo dellIstituto
piemontese per la storia della Resistenza
e della societ contemporanea Giorgio
Agosti di Torino.
Fotografe di Mge Yilmaz
21 / Parola Macchina del pensiero
Docente: Marco Tortoioli Ricci
Un progetto di identit applicato
ad un luogo. Intende interpretare
il tema dellidentit non come sistema
di coordinamento di un segno ma come
valore relazionale e come progetto
dellesperienza. Non lidentit
imposta della marca di prodotto ma
lidentit condivisa, valore astratto di cui
si dibatte molto, ma che nel caso specifco
deriva in modo tangibile dallesperienza
del progetto di impresa etica Olivetti.
Parola Macchina del pensiero
22 / Fiera della parola
Docente: Marco Tortoioli Ricci
Luomo stesso al centro del progetto:
i visitatori e attori della Fiera della Parola.
Il progetto vuole provocare occasioni e
momenti di pensiero, di relazione e di
espressione corrisponda a determinare il
processo pi effcace di comunicazione di
unidentit. Fotografe di Mge Yilmaz
23 / Il Lekton Docente: Luciano Perondi
Il carattere tipografco liberamente ispirato
al notizia, utilizzato dalle macchine da
scrivere Olivetti.
Disegnato dagli studenti Luna Castroni,
Stefano Faoro, Emilio Macchia, Elena
Papassissa, Michela Povoleri, Tobias
Seemiller e il docente Luciano Perondi
24 / Tesi
A da Caterina.
Discorso Fra menti amorose
Relatore: Daniele Barbieri,
Co-relatore: Emilio Tini
I libri mi piacciono. C qualcosa ancor
prima del libro, della storia narrata, della
vicenda del personaggio, dellequilibrio tra
il bianco e il nero e del rumore della carta
che mi affascina terribilmente: la dedica. Il
progetto anzich fnire inizia qui da questi
nomi. Ad Alice e Davide. Ad Emilio Paola,
Lucio e Mario. A mia madre e mio padre.
A simone, a me.
Tesi di Caterina Fattori
25 / 26 / Tesi
Shanghai07
Ritratti urbani di una citt che cambia
Relatrice: Paola Binante
Un reportage sulla Cina per documentare
le trasformazioni nel territorio e che
coinvolgono allo stesso modo i suoi
abitanti, cos come ho sentito il dovere
di conservare in qualche modo la
memoria di quei luoghi ancestrali, prima
del cambiamento. Le mie immagini
rappresentano un percorso visivo fatto
di spazi ed emozioni che si fondono sul
tracciato di una mappa.
Tesi di Roberta Paolucci
Offcina
Santa Chiara
30 / 31 / Offcina Santa Chiara
30 / Il Parco San Bartolo
Docente: Luciano Perondi
Analisi degli spazi del Parco per la
progettazione e la valorizzazione di un
luogo. Progetto di Alice Polenghi, Chiara
Giallorenzo, Elena Papassissa,
Mariangela Di Pinto
31 / Gli abitanti di Fiorenzuola di Focara
Docente: Franois Fabrizi
Fotografe di Massimo Falqui Massidda
32 / Sistema di segnaletica
Docente: Alberto Marangoni
Lintero progetto basato sulla
segnaletca orizzontale e sul concetto
di multisensorialit: tatto, udito e
vista interagiscono. Sulla strada e sui
sentieri vengono applicati elementi con
caratteristiche tattili e uditive diverse da
quelle delle superfci dominanti (asfalto,
ghiaia e terra battuta), che agiscono
sullattenzione dellutente e sulla sua
percezione dellambiente.
Progetto di Alice Polenghi
ISIA Urbino
The ISIA (Higher Institute for the Artistic
Industries) is a public Institute at univer-
sity level, that belongs to the Department
for High Training in Arts and Music, which
is part of the Ministry of Education, Uni-
versity and Research. The school, charac-
terized by the teaching of Graphic Design,
is the most important public institution for
graphic and publishing design.
Located in Urbino, a renaissance city that
UNESCO has declared World Heritage
Centre, the schools facility is at the Santa
Chiara Monastery a building with great
historic and artistic value.
The academic staff is made of profes-
sionals and teachers who are experts in
the felds of communication graphic and
design. The two current degree courses
are divided into a three-year program in
Graphic Design and Visual Communica-
tion and a two-year specialized program
in System Graphics as part of the degree
in Editorial-Publishing Communication
and Design. Starting with the 2010/2011
academic year a new two-year program in
Image Graphic will start as part of the de-
gree in Photography of Cultural Heritage,
that will train professional photographers
able to confront the world of work beyond
their area of specialization.
The courses, besides the curriculum
teachings, are supported with special sup-
plementary activities that require a high
didactic and scientifc profle; workshops,
conferences, seminars, project experi-
ments, all give to the curriculum a particu-
larly innovative dynamic.
In this highly formative background, spe-
cifc evidence is given to a research labora-
tory for design and development: Offcina
Santa Chiara. Here students undertake
projects and research - in addition to the
regular curriculum - which aim at acquir-
ing an in-depth knowledge of the world of
work. This allows participants to work at
these projects adopting the specifc view-
point of the graphic designer. This kind of
cultural and technical worker will enter
the communications world taking a central
role as an organizer and leading player.
To complete the extensive curriculum of-
fered, the recent opening of the Summer
School, held in the summer with foreign
students and teachers, helps to enrich the
Institutes international relations.
First-level Academic
Diploma (triennium)
Graphic Design
and Visual Communication
The didactic goal of the three year-long
course in Graphic Design and Visual Com-
munication is to train designers able to
confront multidisciplinary problems. It en-
tails a didactical path that starts from the
skills necessary to train a graphic designer,
combined with a theoretical training that
is tightly entwined with planning subjects,
and a series of teachings regarding vari-
ous aspects and specializations of graphic
design. Integral part of the three-year
course are teachings (such as illustration,
photography, letter types design) which go
beyond the usual competences of a graph-
ic designer. The effort, from a theoretical
point of view, is to provide the cultural ba-
sis that will allow the designer to observe
the challenges from a perspective, not just
linked to the immediate contingency of the
profession, but open towards new possibili-
ties. Besides a strong historical component
(for illustration, photography, graphic de-
sign, and publishing), the course includes
ample sections on semiotics, psychology
of perception, and mathematics.
Not secondary, is the teaching of tech-
niques for an informed use of the work-
tools, in an overall attempt to train a
fexible candidate, able to connect various
disciplines, and to take advantage of the
practical and theoretical means acquired
in order to fnd valid answers to heteroge-
neous problems.
3/Basic design - 1st year
Teacher: Franco Ramberti
The colors of places
Being able to perceive a single color made
of multiple sensations and diverse emo-
tions. Like divisionist painters, the juxta-
position of colors has produced an image
which can suggest a new dimension.
Fill the inactive space with molecules of
colors, assigned by our partners to their
cities.
Project by Arianna Mencarelli, Sophia
Marostica, Angela Pierini e Arnaldo Filip-
pini.
4/Basic design - 1st year
Teacher: Francesco Ramberti
Color atlas of places of origin
The central idea of the poster is the time-
line: instead of time we use the geograph-
ic coordinates of our cities; the result is a
line that connects each one of us to his/
her partner; each location is not clearly
separated from the others just like our
personal experiences get mixed with those
of others; everything lives and becomes
unifed thanks to the other.
Project by Elena Panetti, Francesca Danesi,
Marcelo Cabrera.
5/Basic design - 1st year
Teacher: Francesco Ramberti
Postcards from the Valle dAosta
Report the feeling that the city conveys.
The colors of Aostas city center, of the sky,
or of the images in my mind: undertones
that dreams hide and fear conceal.
The mark
I look for a gesture, an instinctive gesture
to be sure that this body is mine. (Giorgio
Gaber)

6/Workshop Music in the Body
1st year
Guest: Roberto Galvani
Teacher: Francesco Ramberti
Rhythm, order, harmony. Fundamental key-
words in music. And what about graphic
design? Without rhythm we cannot make
a poster, a logo that has no harmony will
not be remembered. Fighting with bam-
boo sticks we realized the importance of
a shared rhythm to create harmonious
movements; by using musical instruments
we understood the importance of order in
reaching a common goal.
7/Workshop Expressive Alphabets
1st year
Guest: James Clough
Teacher: Francesco Ramberti, Luciano
Perondi
Understand the importance of the gesture,
of expressive freedom. To experiment
without the help of the computer: this was
the only rule. With all kind of instruments,
plundering the pantry and the houseware
store, the inspiration and the desire to try
new things got free.
8/Basic Design Workshop - 1st year
Teacher: Siro Cangiotti
A book on colors
A research on primary and complementary
colors conducted trough book construc-
tion.
Project by Christian Checcanin.
Kubik
Like people from China have been doing
for millennia with two-dimensional Tan-
gram, Kubik fans try to fnd three-dimen-
sional artistic shapes.
Project by Benedetta Riccardini and Mattia
Rosa
9/Graphic Design Mathematics - 1st year
Teacher: Davide Riboli
Ascent to Mount Carmel
[] To reach satisfaction in all, desire its
possession in nothing. [] to come to
knowledge of all, desire the knowledge of
nothing. [] Ascent to Mount Carmel by
San Juan de la Cruz. This is the concept
that guided us to organizing the Lirica,
numbering every single letter and space in
order to break it down. Following the path
that from nothing leads to the knowl-
edge of all.
10/Type design - 2nd year
Teacher: Albert Pinggera
Chocolate typeface
To reproduce handwriting in all its natural
and spontaneous fuidity. The typeface
originates from gestural signs, subse-
quently conceived as an alphabet. The
reprocessing of writing in a digital format
aims at preserving a good degree of har-
mony and continuity in the shapes. Each
character is rendered in a single continu-
ous stroke, full-bodied on one side and thin
on the other.
Project by Christian Checcanin
11/Type design - 2nd year
Teacher: Albert Pinggera
Tree
The Type Design course included the plan-
ning of a typeface starting from a graphic
sign on a sheet of paper.
Project by Arnaldo Filippini
12/ Graphic Publishing - 2nd year
Teacher: Alberto Bernini
Nuovi Coralli Feltrinelli
The graphic publishing course entails the
planning of the rules for an publishing
series coherent with the graphic style of
the chosen publishing house.
Project by Elisa Balducci
13/Planning methodology - 2nd year
Teacher: Beppe Chia
Job form sets
In light of the general principal of form
freedom, the Italian system does not
provide for a fxed planning regarding job
form sets. Reassessing the workers pro-
fessional sense of belonging trough the
legibility and aesthetic quality of a docu-
ment.
A contractual relationship is frst of all a
human relationship.
14/Design semiotics and typographical
techniques - 2nd year
Teachers: Antonio Perri and Luciano Perondi
Identifcation of the archetypal letter
Project by Cecilia Giampaoli
15/Workshop Finding your way in the fve
continents: stories of arrows and colors,
cultures and languages - 2nd year
Guest: Luigi Farrauto
Teacher: Luciano Perondi
The Mausoleo dei Duchi and Linea daria
The workshop investigated the issues
that effect the sense of direction, analyz-
ing physical space and fuxes. A coherent
graphic answer has been proposed within
a bilingual bond.
16/Graphic Publishing - 3rd year
Teacher: Sergio Menichelli
Emy, pathology of the product
Emy is an organic appendage that pro-
duces migraines. The paradox that leads
consumers to consider absolutely neces-
sary objects that are contrary to his/her
nature (sleeping pills, dietetic foods, water
tasters) Pushing this idea to the extreme
we have the offering of pathologies to sub-
stitute the medications that cure them.
Project by Gianni Bianchi
17 18 19/ Graphic Publishing - 3rd year
Teacher: Sergio Menichelli
17/How was Wang-f Saved
Project by Elisa Balducci
18/Celia Birtwel
Project by Margherita Micheli
19/Design Icons
Project by Margherita Cenni
20/Illustration - 3rd year
Teacher: Sandro Natalini
ET
Illustration project for the contest con-
cerning the opening pages of the Einaudi
catalog. The books fnd metaphor in the
leaves.
Project by Tommaso Nava
21/ Graphic Publishing - 3rd year
Teacher: Sergio Menichelli
Roots trip eternity
A new reading of the passage How was
Wang-F saved by Marguerite Yourcenar.
I wanted to create some sketchbooks as
tools to redefne the image of things ac-
cording to a personal vision: he didnt
love so much the objects but the image of
them. In oriental art more importance is
given to the sketched image than to the
fnal result.
Project by Tommaso Nava
22 / Company communications - 3rd
year
Teacher: Adriano Filippetti
Coordinated corporate image for the
Luisa DAnnunzio state academy of
music
The wish to symbolically depict all the
instruments led to the issue of represen-
tational modes. It was necessary to fnd an
icon able to summarize the various instru-
ments peculiarities. The fnal choice was
to adopt a physical criterion common to all
instruments: sound extension.
Project by Emilio Grazzi
23 / Packaging - 3rd year
Teacher: Sergio Tacconi
The Beehive
The packaging reproduces the bees world
ambience. The boxes are arranged on a
shelf and evoke the shape of a beehive.
The wooden display rack is modular. The
package, moreover, includes a leaf-shaped
sticker bearing the information regarding
item, color, and number. The box holds a
pair of kids shoes and, in the other open-
ing, a puzzle.
Project by Elisa Balducci and Daniela Cincini
24 / Set-up design - 3rd year
Teacher: Fabrizio Gigli
The communal classroom
In this setting students need to carry out
study activities when they are not attend-
ing regular classes (studying, meeting,
relaxation). The project begins during the
renovation of the Santa Chiara monastery
complex, which houses the Isia.
Project by Daniela Cincini, Elisa Balducci, Fa-
bio Demitri, Gianluca Camillini, Emilio Grazzi
25 / Illustration - 2nd year
Teacher: Arianna Papini
Red Carnation and Desire to Fly
A project that arises from the encounter
with staff assisting people with disabilities
and that aims at expressing and emphasiz-
ing possibilities and limitations of two dif-
ferent worlds, two different points of view:
the sky, fying, the crows world, and the
earth, lawns, the fowers that the elephant
experiences. A friendship that symbolizes
acceptance and valorization of who we are
and of our possibilities.
Project by Giulia Sambugaro
26 / Photography - 2nd year
Teacher: Stefano Veschi
The Dream
We were standing in a room with a check-
ered foor, the kitchen perhaps, but bigger.
We were talking. About what, I dont know.
I notice a wire stretched between the walls,
I come closer while you continue speaking,
I pinch the wire with a fnger and listen
to the sound that propagates around; its
high pitched, it bothers me. The old lady
from the house across the street comes in
and hangs on the wire small fsh to dry. I
think shell feed them to her cat. After all
I think its normal. I look at them, Im out
of breath. You ask me: do you love me? I
dont know what I answered.
Project by Cecilia Giampaoli.
27/Mithical - 3rd year
Teacher: Sandro Natalini
Itinerary in the Etruscan Museum
in Bologna
Projects by the students enrolled in the
third-year illustration course 2007/2008.
Set up by Elisa Santellani, Alice Lotti, Ste-
fania Lusini and Margherita Micheli.
28/Photograph
Teacher: Silvano Bacciardi
Identity/belonging
Between identity and belonging there is
a strong connection, just like there is a
strong connection between the story that
narrates a persons life and his/her fea-
tures engraved in the face and hands.
Project by Fabio Demitri
29/Thesis
Advisor: Luciano Perondi
Basic Design procedures
The research derives form the wish to link
together the classic methodology of Basic
Design teaching with some exercises that
require careful planning in the approach in
for fnding the solution. The work included
a historic research on Basic Design in order
to comprehend its basic principles, evolu-
tion, and most signifcant personalities.
Thesis by: Lorenzo Bravi
30/ Thesis
Advisor: Sandro Natalini
Bien Manger
Recipe book with local dishes to preserve
the richness of the malian cuisine: thesis
project carried out in cooperation with
Slow Food [and Slow Food] for the Onlus
Biodiversity. Illustrations are used as a
communication media to portray and allow
the comprehension of customs and tradi-
tions of a non-European culture.
Thesis by: Alice Lotti
31 / Thesis
Advisor: Francesco Ramberti
Travelling with Cinderella
A tale of multicultural reality. Travelling
with Cinderella is a kit that includes a
multicultural calendar and a support book
both focused on the metaphor of the trip
in Cinderellas fable. Alongside the fable
trip between Asia and Europe.
Thesis by: Elisa Balducci
32 / Thesis
Advisor: Silvano Bacciardi
The Americans: the portrait of a place
A photo storybook concerning the Ameri-
can presence in the North-East of Italy,
tied to a military base of a global super-
power. All this becomes a refection on the
regional territory.
Thesis by Valeria Anzolin
Second-level
Academic Diploma
Communication and Design
for the Publishing Industry
The specialized degree course in Commu-
nication and Design for the Publishing In-
dustry is aimed at students already trained
in the practical and theoretical skills of the
graphic feld. The school aims at providing
the students with training opportunities
to develop their skills in directing communi-
cation projects of a relatively high complex-
ity. We have chosen to point/aim the course
towards graphic design for publishing, add-
ing illustration and photography elements
both seen as complimentary to communi-
cation design and offered according to a
series of approaches as wide as possible.
At the same time, aspects regarding de-
sign, will be paralleled with the study of
theoretical elements, seen as coherent
components of design itself, rather that
as separate modules.
The specialized degree course gives the
opportunity to take part in the projects of
Offcina Santa Chiara.
These are real projects where, together
with a client, a project with strong leanings
towards research and planning is devel-
oped. Included in these projects are aspects
concerning bibliographic documentation, as
well as those relating to the identifcation of
skills that can best be used solve a problem,
or those necessary to giving a functional
synthesis explaining what skill is best uti-
lized when specifc problems are encoun-
tered. Furthermore these projects include
documentation activities regarding a given
project, as well as experimental activities
(construction of experiments to verify and
monitor the project solutions adopted).
2 / Design Methodology
Teacher: Marco Ricci Tortoioli
Typefood, the alphabet
Final outcome of a didactic itinerary on ty-
pography which has brought to the prepa-
ration of a culinary alphabet.
Project by the students in the 1st year
of specialization - AY 2007/2008
3 / Design Methodology
Teacher: Marco Ricci Tortoioli
Typefood, preparation moments
Final outcome of a didactic itinerary on ty-
pography which has brought to the prepa-
ration of an alphabet.
Project by the students in the 2nd
year of specialization - AY 2007/2008
4 / Corporate identity - 1st year
Teacher: Roberto Pieracini
Urbino Services Company
Experimenting to create, through modules,
the lettering and the logo for the company.
Create a font to grant recognizability to
the Urbino Services Company. Thanks to
the use of projected images, fonts were
distorted in an effort to fnd new solutions.
The lettering bears in itself the notions of
division and unity.
Project by Elena Papassissa
5 / Publishing design - 1st year
Teacher: Leonardo Sonnoli
The themes, methods, events, and prob-
lems concerning graphic repeatability
seen as guiding principles in designing and
organizing printed artifacts of high circula-
tion. The relationship between text and
image within publishing formats was inves-
tigated, both through redesigning existing
printed artifacts, as well as by designing a
new experimental one. Signifcant examples
of the past and of today have been investi-
gated through historical research.
Project by Stefano Faoro
and Michela Povoleri.
6 / Graphic Publishing - 1st year
Teacher: Alberto Lecaldano
Wartime Bologna.
How did the city prepared itself for the
confict
They are just harmless signs which today
have become part of the urban landscape,
but that sixty years ago used to save lives.
These are the war graffti still discernible on
the walls of Bolognas buildings. They tell
us how the people got organized in view of
the confict that caused some 2500 casual-
ties in the city of Bologna, hit by more that
ninety air rides.
Project by Chiara Mambretti
7 and 8 / Workshop The photo book
1st year
Guest: Alberto Bianda
Teacher: Paola Binante
7 / A few moments in the designing process
The workshop explored image reading, im-
age connecting, the coupling, the sequence.
8 / Photo book The metamorphosis
Project by Chiara Astolf
9 and 10 / Graphic design - 2nd year
Teacher: Mauro Bubbico
Trieste: The soul of a place
What is the identity of a place? A book and
three posters to dramatize the features, the
emotional and creative life, of the people
of Trieste. Three different angles: the urban
landscape, with those who built it and popu-
lated it; the faces and the signs scattered
in the history books and in the city, seen as
artwork; the history of the authors fam-
ily, in an effort to answer the question: who
am I?
Project by Alice Polenghi
11 and 12 / Illustration workshop
The image syntax
Guest: Chiara Carrer
Teacher: Silvana Sola
11 / Designing moments
Confronting the image, confronting the
text. The outcomes of a discussion on nar-
rating has given birth to the pagination of
a small book: Fascino a tale by Parise.
12 / Projects by Susanna Fra-
scari and Margherita Micheli
13 / Photography workshop
Demythologizing the photographic me-
dium (De-construction of the image)
Teacher: Michele Turriani
A few moments of the experimentation
14 / Photography workshop
The platinum-palladium printing proc-
ess
Guest: Sabrina Bonfantini
Teacher: Simone Casetta
The workshop entailed the full produc-
tion of a photograph through this an-
cient technique. While working on the
platinum-palladium prints, the students
have chronicled photographically the
subsequent steps of their work, from
here originates the tale of the experience.
15 /16/ 17/ Workshop and Exhibition
Freedom and Order
Guests: Armand Mevis, Peter Bilak, Mau-
reen Moreen, Janna Meeus
Teacher: Leonardo Sonnoli
15 / The Dutch method of searching for
freedom of expression within the narrow-
ness of the rules and the development ca-
pacity of the modernist approach. From J.F.
van Royen, communications manager for
the Dutch postal services (ptt) in the 1920s,
to Werkman, who has paid with his life for
advocating press freedom. From Willem
Sandberg to Karel Martens, and up to the
new generation.
Poster by Leonardo Sonnoli
16 / Comparing opinions while preparing
the exhibition
Freedom and Order
Each one of the designers, with a group
of students, has designed a display for
the material made by one of the other
tutors. This gave birth to an interpreta-
tional cross-over that combined design
pedagogy and an extraordinary exhibition
which includes works by Armand Mevis,
Peter Bilak, Moreen Moreen, and Karel
Martens. Photographs by Mge Yilmaz
17 / Exhibition set up
Freedom and Order
The set up is the result of the workshop
that the students did with Armand Mevis,
Peter Bilak, Mauren Moreen.
By the Isia students. Pho-
tographs by Mge Yilmaz
18 19 and 20 / Resisting through images
Teacher: Mauro Bubbico
Poster by Mauro Bubbico
27 January 2009, Memory day
53396 (R)esist trough images, Germano
Facetti from concentration camp portrayal to
XX century history
R-esisting, video testimonies from parti-
sans
Graphic designers for democracy
Penguin, cover story 1960-70
1938-1945. The persecu-
tion of the Jews in Italy
19 / Graphic designers for democracy
Installation created at the end of a research
on graphic designers contribution to the
Resistance and to the reconstruction in
Europe. Graphic designers who felt the
need, joined the resistance movement mak-
ing their professional expertise available to
clandestine press. At the end of the war they
took part in the countrys cultural rebirth.
Project by the second year spe-
cialization students 08/09.
Photographs by Mge Yilmaz
20 / Resisting through images
Curated by Gianfranco Torri
53396 (R)esist through images, Germano
Facetti from concentration camp portray-
al to XX century history
A homage to Germano Facetti - deporta-
tion survivor, art director at Penguin Books,
and multifaceted creative artist - based
on the private and professional docu-
ments of the piedmontese institutes fund
for the history of Resistance and on the
contemporary society Giorgio Agosti
of Turin. Photographs by Mge Yilmaz
21 / Word, thought machine
Teacher: Marco Tortoioli Ricci
A project of identity applied to a place.
Aims at interpreting the theme of identity
not as a signs coordinating system but
as a relational value and an experiential
project. Not the identity imposed by the
products brand, but the shared identity,
the abstract value so often discussed, that
in this specifc instance rises tangibly from
the Olivetti ethical business plan experience.
22 and 23 / Word, thought machine
22 / Word fair
Teacher: Marco Tortoioli Ricci
Man himself is at the center of the project:
the visitors and actors at the Word Fair. The
project aims at promoting moments and
opportunities for thought, relationship, and
expression, in an effort to determine the
most productive process to communicate an
identity. Photographs by Mge Yilmaz
23 / The Lekton
Teacher: Luciano Perondi
The typographic font freely adapted from
the notizia and used for machines
Designed by students Luna Castroni,
Stefano Faoro, Emilio Macchia, Elena
Papassissa, Michela Povoleri, Tobias
Seemiller and teacher Luciano Perondi
24 e 25 / Thesis
Advisor: Daniele Barbieri
Co-advisor: Emilio Tini
A from Caterina.
Discussion between loving minds
I like books. But there is something that
precedes the books, the story narrated,
the characters adventures, the balance
between white and black, the ever so fasci-
nating sound of paper: the dedication. The
project, rather than ending, starts here,
from these names. To Alice and Davide.
To Emilio Paola, Lucio and Mario. For my
mother an father. To Simone, to me.
Project by Caterina Fattori
26, 27 and 28 / Thesis
Advisor: Paola Binante
Shangai07
Urban portraits of a changing city
A reportage from China, portraying the
transformations in the country and in the
population while dutifully keeping in mind
the memories of that ancestral land, before
the current changes. My images portray
a visual path made of spaces and feelings
that mingle on the route traced on a map.
Project by Roberta Paolucci
Offcina Santa Chiara
Workshop in Research,
Design, and Development

Offcina Santa Chiara is the Workshop in
Research, Design, and Development in-
tended for:
students of the Istituto Superiore per le
Industrie Artistiche of Urbino;
individuals enrolled training programs
held at the Istituto Superiore per le Indus-
trie Artistiche of Urbino;
students whos undergraduate or doc-
toral program is ran in collaboration with
the Istituto Superiore per le Industrie Ar-
tistiche of Urbino.
It aims at acquiring deep knowledge of
the world of work, specifcally acting in it
as a graphic designer and technical and
cultural operator, verifying ones own train-
ing in view of assuming a leading role as
primary performers within the complex
world of communications. Discover, and
verify where this central role can be ac-
complished today.
In reaching this goal, the sense of respon-
sibility - non simply from a technical point
of view - is essential when approaching a
project, and when reasoning over it trying
to make sure it truly responds to the re-
quired social needs.
Within Offcine S.C., research and projects
that do not belong to the regular cur-
riculum are carried out. Offcine S.C. must
come close to those environments that
require design and that the profession is
unable to sustain, it must do all the things
that the profession is unable to confront.
The kind of works that can evolve within
the Laboratorio can be grouped in three
areas:
investigations and research;
research and design;
design and development.
The relationship with organizations
and public companies must be fa-
vored, while, any merely commercial
work or project, is to be rejected.
30 31 and 32 / Offcina Santa Chiara
30 / The San Bartolo Park
Teacher: Luciano Perondi
Survey of the park environments in view of
the design and development of a space.
Design by Alice Polenghi, Chiara Gialloren-
zo, Elena Papassissa, Mariangela Di Pinto
31 / The Fiorenzuola di Focara residents
Teacher: Franois Fabrizi
Design by Massimo Falqui Massidda
32 / System of signs
Teacher: Alberto Marangoni
The whole project is based on traffc signs
and on the idea of multisensoriality: touch,
hearing, and sight interact. Elements with
tactile and visual characteristics different
from those on prevailing surfaces (asphalt,
gravel, and dirt), are applied along the
roads and paths. These infuence the users
attention and on his/her environment per-
ception.
Design by Alice Polenghi
PAGINADUE
Quaderni Isia Urbino
numero 1, marzo 2010
Fisianomia 2009
Una mostra di elaborati e di progetti grafci
degli allievi dellISIA di Urbino.
A cura della Direzione ISIA
Design Book Alberto Lecaldano
Impaginato da Lucia Pigliapochi
e Lorena De Benedittis
Fotografe in copertina di Mge Yilmaz
Stampa Grapho 5 - Bellocchi di Fano (PU)
Il corso specialistico in Comunicazione
e design per leditoria si rivolge
a studenti gi formati nelle competenze
pratiche e teoriche nellambito
della grafca. La scuola ha lobiettivo
di fornire agli studenti delle
opportunit formative per sviluppare
le proprie competenze nella regia
di progetti di comunicazione
di complessit elevata.
Si scelto di orientare il corso in
direzione della progettazione grafca
editoriale, utilizzando anche linguaggi
come lillustrazione e la fotografa, viste
come complementari al design della
comunicazione secondo un ventaglio
di approcci il pi ampio possibile.
Si cercher di affrontare i temi
progettuali congiuntamente allo
studio di elementi teorici, visti
come componente coerente della
progettazione stessa e non come
moduli disgiunti.
Il corso di laurea specialistica offre
lopportunit di prendere parte
ai progetti di Offcina Santa Chiara.
Questi sono progetti reali
in cui assieme a un committente
si sviluppa un progetto con una forte
componente di ricerca combinata
con una azione progettuale.
Sono inclusi in questi progetti
sia gli aspetti di documentazione
bibliografca, sia la ricerca
delle competenze che si possono usare
a supporto di uno specifco problema.
Inoltre questi progetti includono
lattivit di sperimentazione
con costruzione di esperimenti
di verifca e di monitoraggio delle
soluzioni progettuali.
LAUREA DI SECONDO LIVELLO
Comunicazione
e design per leditoria
fisianomia 2009 / piano di studi specialistica / 1
I ANNO
Architettura dellinformazione
Multimedia design
Semiotica del design
Progettazione per leditoria
Grafca editoriale
Progettazione grafca
Storia del design
Fotografa
Illustrazione 1
Illustrazione 2
Storia dellillustrazione
Storia della fotografa
Progettazione dei caratteri
ATTIVIT FORMATIVE
Attivit autonome dello studente
Altre attivit formative
Tirocini - Ricerca - Sviluppo
Lingua inglese
Tesi
2 ANNO
Metodologia
Progettazione grafca
Design della comunicazione
Progettazione editoriale
Design degli ambienti
Storia del design
Fotografa
Illustrazione 1
Illustrazione 2
fisianomia 2009 / typefood / 2
fisianomia 2009 / typefood / 3
fisianomia 2009 / identit aziendale / 4
KALMAN
una ricerca sul metodo
di Tibor Kalman
MASSIN. VARIAZIONI SUL LIBRO
una monografa su Robert Massin
BOSCO
uninstallazione tipografca
su una poesia
di Wisawa Szymborska
LA SCOPERTA DELLALFABETO
uninstallazione tipografca
sullomonino racconto
di Luigi Malerba
BOSCO
volume esplicativo
dellinstallazione tipografca
progetti di Stefano Faoro
LA SCOPERTA DELLALFABETO
volume esplicativo
dellinstallazione tipografca
progetti di Michela Povoleri
fisianomia 2009 / progettazione per leditoria / 5
fisianomia 2009 / grafica editoriale / 6
fisianomia 2009 / workshop il libro fotografico con Alberto Bianda / 7
fisianomia 2009 / workshop il libro fotografico con Alberto Bianda / 8
Italo
evo
James
oyce
Umber
to Sab
a Marc
ello Du
dovich
Margh
erita
ack El
sabet
a di B
fisianomia 2009 / progettazione grafica / 9
fisianomia 2009 / workshop la sintassi dellimmagine con Chiara Carrer / 11
Fascino
Goffredo Parise
Illustrazioni di Margherita Micheli
Un pomeriggio di agosto in montagna tra nubi nere e brontolanti una donna con grandi occhi limpidi pieni
di curiosit e un bambino biondo e un po grasso per mano vide in una stradina deserta un uomo alto che
somigliava a Clark Gable.
fisianomia 2009 / workshop la sintassi dellimmagine con Chiara Carrer / 12
fisianomia 2009 / workshop Smitizzare il medium fotografico con Michele Turriani / 13
fisianomia 2009 / Workshop La stampa al Platino-palladio con Sabrina Bonfantini / 14
freedom
and
order
cuattro
raici
olancsi
all'isia
ci urbino
isia - istituto
suprior
incustri
artistich
Iunedi 7 apriIe
ore 15.30
conrnza
aprta
al pubblico
isia di urbino
con iI parocinio di
AGl -aIIiance
graphique
internationaIe
AlAP-
associazione
itaIiana
progettazione
per Ia
comunicazione
visiva
comune di urbino
marted| 8,
mercoIed| 9,
gioved| 10 apriIe
workshop
risrvato
ali stucnti
cl corso
ci ciploma
accacmico
ci 2 livllo
la mostra rimarr
aprtaino
al 29 april 2CC8
orari:
call or 9.CC
all or 8.CC
(sabato
comnica
sclusi).
venerd| 11 apriIe
ore 18.30
inauurazion
clla mostra
36,
via santa chiara,
urbino
tl. C722 32C95
srtria<
isiaurbino.it
www.isiaurbino.it
ptr
bilak
karl
martns
armanc
mvis
maurn
moorn
+ lust
isia di urbino
con iI parocinio di
AGl -aIIiance
graphique
internationaIe
AlAP-
associazione
itaIiana
progettazione
per Ia
comunicazione
visiva
comune di urbino
Freedom and order
La raica olancs, alla
pari clla moca italiana
o cl csin scancinavo,
un non luoo clla cultura
cl csin. La succtta
catoria implica un'alta
ciusa cualit nlla
prottazion raica
ma snza alcuna cistinzion
tra innovativ pubblicit
pr la Nik installazioni
al conin con l'art.
E spsso, alla pari ci vini
italiani nl monco, anch
l'ultimo tavrnllo
con tichtta olancs
trova spazio nll rassn
sul mlio cl mlio.
Ousta occasion prmtt
cuncu ci accncr
l'intrss ( sicuramnt
non ci saurir o approon-
cir il tma) sia su un moco
ci intncr la prottazion
raica ch ci stir uno
stucio prossional
ci alto livllo.
La carattristica cli stuci
ci custi cuattro prossio-
nisti inatti culla ci non
Graphic csinr rlanc,
spcializzato in tiporaia,
ha prottato libri altri
strumnti citoriali,
rancobolli schc
tlonich (pr Dutch PTT)
c un consicrvol numro
ci acciat ci ciici, tra cui
nl 2CC5 cull in vtro
clla Philharmoni
ac Haarlm. Tra i suoi clinti
citori vari istituzioni
ci ovrno.
Nl 993 stato insinito
cl Prmio HN Vrkman
pr la prottazion
clla rivista Oas nl 996
ha ricvuto il Dr /.H.
Hinkn Priz pr l'art.
ll suo lavoro stato nominato
tr volt al Dsin Priz
Rottrcam. Nl 998,
alla Fira cl Libro ci Lipsia,
a Karl Martns: Printc
Mattr stata assnata
la mcalia c'oro com
il milior libro prottato
'in tutto il monco'.
lnsna raphic csin
cal 977.
Fino al 994 prsso
la Scuola c'/rt ci /rnhm,
poi alla Jan van Eyck
/cacmi ci Maastricht.
Dal 997 visitin lcturr
in prottazion raica
prsso il Graphic Dsin
Dpartmnt clla School
o /rt clla Yal Univrsity.
Nllo stsso anno ha
oncato con Vir Pirma
il Typoraphy Vorkshop
(VT) pr la ormazion
post-laura prsso l'/rtEZ,
lnstitut or th /rts
ci /rnhm. Dal 2CC n
concivic la suprvision
artistica con /rmanc Mvis.
Oirschot, 963.
Diplomato alla Grrit
Ritvlc /cacmy,
/mstrcam.
Dal 2CC2 insna al
Vrkplaats Typorai,
/rnhm.
Linca van Dursn,
/arcnbur 96.
Diplomata alla Grrit
Ritvlc /cacmy,
/mstrcam. Dal 2CC ciri
il raphic cpartmnt
alla Grrit Ritvlc
/cacmy, /mstrcam.
lnsim cal 986,
hanno curato l'icntit
ci Stcli|k Musum,
Musum Poi|mans
van Puninn Rottrcam,
Viktor & Rol, Rottrcam
2CC, Capital cultural
c'Europa, VMX architcts,
/rchitctn Ci., lavorato
pr KPN, Dutch Post
anc Tlcom, Ministro
cll Finanz,
Th Nthrlancs N/i,
architctur institut,
Rottrcam, Ecizioni CC,
Thams & Hucson.
Dal 2CC3 tnono
rolarmnt corsi alla Yal
School o /rts sono
Snior Rsarchrs
alla Jan van Eyck
/kacmi, Maastricht.
Dorcrcht 969.
Diplomata alla Villm
c Koonin /cacmy
ci Rottrcam, viv
lavora ac /mstrcam cov
nl 2CC7 ha oncato il suo
stucio. Dal 2CC al 2CC4
ha insnato raphic csin
alla /rtEZ /cacmy o /rts,
/rnhm. Tra i suoi incarichi
piu rcnti la campana pr
la /rnhm Fashion Pinnal
culla pr l'annual
Hollanc Fstival.
Dal 998 al 2CC7 ha collabo-
rato con Danil van cr
Vlcn, occupancosi
ci civrs istituzioni culturali.
lnsim hanno lavorato
al r-csin clla rivista
c'architttura /rchis (ora
chiamata C\YbZR), cal 2CC
al 2CC5, all'icntit visiva
alla campana mural
cll'Hollanc Fstival, stival
intrnazional ci art
cultura pr la cual hanno
vinto numrosi prmi, tra cui
il primo prmio al Chaumont
Postr Fstival 2CC7.
Tra li altri clinti:
Stcli|k Musum
/mstrcam, Droo
Dsin, TNT, Maasin 3
Stockholm Konsthall
Gallria Jan Mot.
Ccoslovacchia, 973.
Si ciplomato all'/tlir
national c cration
typoraphicu, Parii,
in suito ha ottnuto
il cottorato calla Jan van
Eyck /kacmi, Maastricht.
Dirttor oncator
(con Stuart Paily)
clla rivista ci art
csin Dot Dot Dot, tin
rolarmnt conrnz
(tra l piu rcnti
Rhoc lslanc School
o Dsin, LPP Loncra,
EC/L Losanna).
Ha cisnato civrsi ont
tra i cuali FF Eurka
(Fontshop), Fcra Grta
(Typothcu).
Typothcu lo stucio
oncria ciital
ci carattri oncato
ca Ptr Johanna Pilak.
Oltr al cisno ci carattri,
si occupa prvalntmnt
ci csin citorial.
Tra i committnti:
Dutch Royal mail (TPG Post):
Ncrlancs Dans Thatr:
Stroom, cntro pr l arti
l'architttura: Nthrlancs
/rchitctur lnstitut.
freedom
and
order
cuattro
raici
olancsi
all'isia
ci urbino
isia - istituto
suprior
incustri
artistich
Iunedi 7 apriIe
ore 15.30
conrnza
aprta
al pubblico
marted| 8,
mercoIed| 9,
gioved| 10 apriIe
workshop
risrvato
ali stucnti
cl corso
ci ciploma
accacmico
ci 2 livllo
la mostra rimarr
aprtaino
al 29 april 2CC8
orari:
call or 9.CC
all or 8.CC
(sabato
comnica
sclusi).
venerd| 11 apriIe
ore 18.30
inauurazion
clla mostra
36,
via santa chiara,
urbino
tl. C722 32C95
srtria<
isiaurbino.it
www.isiaurbino.it
ptr
bilak
karl
martns
armanc
mvis
maurn
moorn
+ lust
Peter BiIak KareI Martens Armand Mevis Maureen Mooren
P\[ VY]Na_\PV[V\QV P\[ VYP\[a_VOba\QV
suprar mai cuattro
prson ci oranico.
Pr contro la cualit
ci clinti ccllnt:
Stcli|k Musum
ci /mstrcam, Dutch Post
anc Tlcom. Ministro
cll Finanz, Nthrlancs
/rchitctur lnstitut,
Hollanc Fstival,
Haywarc Gallry, Musum
Poi|mans Van Puninn
Rottrcam, altri.
Ouasi tutti srcitano
un'attivit cicattica
in scuol importanti
cuali Yal School o /rts,
Vrkplaats Typorai,
Jan van Eyck /cacmi,
svolono attivit ci ricrca.
E cul risrvato sinor,
straorcinario silnzioso
innovator ci custa
part concttual
clla raica olancs,
ch si chiama Karl
Martns, in cualch moco
il tramit ci piu iovani
con la tracizion nazional.
Da lui hanno imparato
la lzion ch prima
clla orma sta il pnsiro,
ma mai rinuncianco
alla sprimntazion
ci nuovi linuai.
Martns, nato nl 939,
ha smpr conciviso
la sua rainata capacit
ci lavorar con la stampa
tiporaica, con l parol,
i matriali, li inchiostri,
tra l'sprssion artistica
o ci pura sprimntazion
la prottazion raica,
prvalntmnt ci libri.
Nli anni sssanta
raccoli l'ical tstimon
ca Villm Sancbr,
raico c intllttual
olancs, ch u il primo
cirttor c assim art
circtor cllo Stcli|k
Musum ci /mstrcam,
cal 948 al 962.
La sua attivit nll'citoria
clancstina nli anni
cll'invasion nazista
la sua ammirazion
pr il lavoro ci un altro
ranc artista-tiporao,
Hncrik Nicolaas Vrkman,
ucciso in campo
ci concntramnto, lo porto
ac ainar una straorcinaria
snsibilit pr l'uso
ci matriali povri
pr la sprimntazion
nlla stampa con mzzi
improvvisati.
L sprimntazioni
tiporaich ci Martns
con i pzzi cl Mcano
piuttosto ch con l matrici
ci carta l'uso cll lttr
cual matria sprssiva
hanno sicuramnt ispirato
non solo l lanti
composizioni raich
ci contmporani olancsi,
ch cui prsntiamo,
ma anch la cura nlla sclta
ci matriali ni loro otti
raici, smntnco ancora
una volta ch il csin
bicimnsional non sist.
Ma soprattutto la lzion
assorbita ca Martns, ch
a ci custo csin olancs
uno ci piu avanzati
cl nostro tmpo, culla
ch riuarca la ricrca
clla orma ch rapprsnti
il contnuto ch abbia
risptto cl ricttor
cl mssaio. Non ci sono
rictt pr custo cic
Martns. E continua
una custion ci mntalit.
un continuo procsso
in cui bisona soppsar
obbittivi, siniicati
mtoco. E ancora contro
l'uso ci una raica avulsa
cal snso: ll tsto spsso
cormato in moco tal ch
il lttor si ritrova ac ssr
solamnt un ossrvator.
Ouanco la orma il punto
ci partnza allora avvin
un appiattimnto. Oullo
ch oriinariamnt intso
com supporto cl contnuto
civin incipncnt
allora c' un cclino
vrso l'ornamnto.
3_RRQ\ZN[Q\_QR_, cuncu,
ovvro prtto cuilibrio
tra rior sprimntazion,
com ricorca Ptr Pilak
intrvistanco Karl Martns.
Oull'orcin ci limiti
imposti prch solo
cos possibil trovar
cll soluzioni.
freedom
and
order
cuattro
raici
olancsi
all'isia
ci urbino
isia - istituto
suprior
incustri
artistich
Iunedi 7 apriIe
ore 15.30
conrnza
aprta
al pubblico
isia di urbino
con iI parocinio di
AGl -aIIiance
graphique
internationaIe
AlAP-
associazione
itaIiana
progettazione
per Ia
comunicazione
visiva
comune di urbino
marted| 8,
mercoIed| 9,
gioved| 10 apriIe
workshop
risrvato
ali stucnti
cl corso
ci ciploma
accacmico
ci 2 livllo
la mostra rimarr
aprtaino
al 29 april 2CC8
orari:
call or 9.CC
all or 8.CC
(sabato
comnica
sclusi).
venerd| 11 apriIe
ore 18.30
inauurazion
clla mostra
36,
via santa chiara,
urbino
tl. C722 32C95
srtria<
isiaurbino.it
www.isiaurbino.it
ptr
bilak
karl
martns
armanc
mvis
maurn
moorn
+ lust
fisianomia 2009 / Workshop con Martens, Mevis, Mooren, Bilak e Meus Freedom and Order/ 16
fisianomia 2009 / Mostra Freedom and Order/ 17
(R)ESISTERE
PER IMMAGINI
27 gennaio 2009
Giornata della memoria
Isia, Istituto Superiore Industrie
Artistiche, Urbino
Facolt di Sociologia, Universit
degli studi di Urbino Carlo Bo
Accademia di Belle Arti, Urbino
(R)esistere per immagini
Germano Facetti dalla rappresentazione
del Lager alla storia del XX secolo
Museo Diffuso della Resistenza,
della Deportazione, della Guerra, dei Diritti
e della Libert di Torino
R- esistenze
Video-testimonianze di partigiani
Accademia di Belle Arti di Urbino,
Biennio specialistico di Visual Design
Graci per la democrazia
Isia, Istituto superiore industrie artistiche,
Urbino, Biennio specialistico
Penguin, cover story 1960 70
Biblioteca Isia
1938 1945. La persecuzione
degli ebrei in Italia
Fondazione Centro di documentazione
ebraica contemporanea, Milano
Marted 27 gennaio 2009
ore 10.30
Inaugurazione della mostra
ore 11.00
Cerimonia di celebrazione
della Giornata della memoria
ore 15.00
Incontro/dibattito con gli studenti
La democrazia dei Graci
La mostra rimarr aperta
no al 28 febbraio 2009
dalle ore 9.00 alle ore 18.00
sabato e domenica esclusi
Isia, Istituto Superiore
Industrie Artistiche
via Santa Chiara, 36
61029 Urbino, PU
tel. 0722 320195
segreteria@isiaurbino.it
www.isiaurbino.it
fisianomia 2009 / Mostra Grafci per la democrazia / 19
fisianomia 2009 / Mostra Resistere per immagini / 20
fisianomia 2009 / Parola macchina del pensiero / 22
Il carattere Lekton, stato disegnato dagli studenti coordinati
dal docente Luciano Perondi e liberamente ispirato al carattere Notizia
utilizzato dalle macchine da scrivere Olivetti.
OpenSource www.lekton.blog.isiaurbino.it
[...]
fisianomia 2009 / Il carattere tipografico Lekton / 23
2 3
12 13
14 15
16 17
fisianomia 2009 / da Caterina Tesi di Caterina Fattori / 24
fisianomia 2009 / shangai 07, ritratti Urbani di una citt che cambia Tesi di Roberta Paolucci / 25
Offcina Santa Chiara
Laboratorio di Ricerca, Progettazione e Sviluppo
Offcina Santa Chiara il Laboratorio
di Ricerca, Progettazione e Sviluppo
dedicato a:
studenti dellIstituto Superiore
per le Industrie Artistiche di Urbino;
titolari di convenzioni di tirocinio
che si svolgono presso lIstituto
Superiore per le Industrie Artistiche
di Urbino;
studenti di corsi di studio
o di dottorato gestiti in collaborazione
tra lIstituto Superiore per le Industrie
Artistiche di Urbino ed altri Istituti
universitari.
Ha come fnalit il conoscere a fondo
il mondo del lavoro, operare
al suo interno con la specifca cultura
del progettista grafco, operatore tecnico
culturale e verifcare
la propria formazione per entrare
poi in un ruolo centrale, da registi
e attori primari, nel pi complesso
mondo della comunicazione. Scoprire,
verifcare i luoghi dove questa centralit
sia oggi possibile.
Per arrivare a questo chiaro
che il senso della responsabilit,
non solo tecnica, elemento
indispensabile con cui affrontare
il progetto, saperlo argomentare e far
in modo che corrisponda realmente
alle necessit sociali richieste.
Si realizzano allinterno di Offcina
S.C. ricerche e progetti che non
appartengono al normale iter didattico.
Offcina S.C. deve avvicinarsi a quei
luoghi che richiedono progettazione e
che la professione non riesce
a sostenere, fare tutto quello che la libera
professione non riesce ad affrontare.
Le tipologie di lavoro che si possono
sviluppare allinterno del Laboratorio
appartengono a tre specifche aree:
indagini e ricerche;
ricerche e progettazione;
progettazione e sviluppo.
Deve essere comunque privilegiato
il rapporto con Enti e Aziende pubbliche,
mentre allo stesso tempo escluso
qualsiasi lavoro o progetto di tipo
unicamente commerciale.
fisianomia 2009 / Offcina Santa Chiara / 29
fisianomia / Fotografia - Parco Naturale Monte San Bartolo / 31
Porco Son Borlolo
Pesoro
Sislemo di segnolelico
Sl Urbino
0orso di diplomo occodemico
di 2
o
livello
lnno occodemico 2OO7/2OO8
0orso
Design dell`ombienle
Docenle
llberlo Morongoni
Progello
llice Polenghi
Per ollirore l`ollenzione primo
di ogni segnole viene poslo
uno sequenzo di lre dissuosori
equidislonli l`uno doll`ollro,
che producono ol possoggio
del veicolo un rumore ripelulo
e rilmico.
n conlropposizione
oi dissuosori ed ol conlinuo
rumore dell`osfollo, gli ingressi
ol porco sono segnololi
do un lrollo di slrodo pi liscio
e pi silenzionso.
Un unico dissuosore non sorebbe
suffcienle, perche polrebbe essere
confuso con un difello del monlo
slrodole.
dissuosori non devono essere
in rilievo, mo ollo slesso livello
dello slrodo.
Sono composli do un moleriole
corollerizzolo do un forle livello di
ollrilo, come od esempio un osfollo
pi gronuloso o inciso.
Tl\. O/
Ikf[hY_
IjhWZW0 hkceh[ [ i_b[dp_e
Roppresenlozione grofco
l monlo slrodole
prevolenlemenle osfollolo.
l secondo dello voriozione
dello superfcie, e quindi
dell`ospello lollile/udilivo,
si ollengono effelli diversi.
H_jce
I_b[dp_e
Porco Son Borlolo
Pesoro
Sislemo di segnolelico
Sl Urbino
0orso di diplomo occodemico
di 2
o
livello
lnno occodemico 2OO7/2OO8
0orso
Design dell`ombienle
Docenle
llberlo Morongoni
Progello
llice Polenghi
Tl\. 1
L_ijWZ_iYehY_e
Lo segnolelico orizzonlole viene
sempre vislo do lonlono
ed in moviemenlo.
Per permellere che le icone siono
visuolizzole correllomenle,
necessorio deformorle in bose
ollo modolil di visione di scorcio
ed ollo velocil di percorrenzo
dello slrodo su cui sono posle.
n queslo coso l`ollezzo di ogni
icono slolo roddoppiolo.
F_WdjW
Scolo 1.5OO
Porco Son Borlolo
Pesoro
Sislemo di segnolelico
Sl Urbino
0orso di diplomo occodemico
di 2
o
livello
lnno occodemico 2OO7/2OO8
0orso
Design dell`ombienle
Docenle
llberlo Morongoni
Progello
llice Polenghi
Tl\. 13
?Yed[
Posizionomenlo
su uno superfcie neulro
Uno delle soluzioni pi odolle
risullo il posizionomenlo
delle icone su un fondo bionco.
n queslo modo i segnoli risullono
focilmenle visibili od un primo
sguordo, ed ollo slesso lempo
le forme ol loro inlerno
si dislinguono choromenle.
Le indicozioni dei porcheggi,
le frecce ed ollri evenluoli segnoli
generici sono ollenuli in negolivo.
EVgXdHVc7Vgidad
EZhVgd
H^hiZbV Y^ hZ\cVaZi^XV
>H>6JgW^cd
8dghdY^ Y^eadbV VXXVYZb^Xd
Y^ '
d
a^kZaad
6ccdVXXVYZb^Xd'%%,$'%%-
8dghd
9Zh^\cYZaaVbW^ZciZ
9dXZciZ
6aWZgidBVgVc\dc^
Egd\Ziid
6a^XZEdaZc\]^
EVgXd BVgZ HZci^Zg^
)WcX_[dj_
EVgX]Z\\^d ;gZXXZ
<_eh[dpkebW 7bjh[ _dZ_YWp_ed_
I6K# %+
?Yed[
EVgXdHVc7Vgidad
EZhVgd
H^hiZbV Y^ hZ\cVaZi^XV
>H>6JgW^cd
8dghdY^ Y^eadbV VXXVYZb^Xd
Y^ '
d
a^kZaad
6ccdVXXVYZb^Xd'%%,$'%%-
8dghd
9Zh^\cYZaaVbW^ZciZ
9dXZciZ
6aWZgidBVgVc\dc^
Egd\Ziid
6a^XZEdaZc\]^
I6K# &,
I[gk[dpWl_ikWb#jWjj_b[
HZci^Zgd
?Yed[
9^hhjVhdg^ g^ib^X^2
g^X]^VbdYZaaViiZco^dcZ#
>XdcV2
^c[dgbVo^dcZ/hZci^Zgd#
;gZXX^V 2
^c[dgbVo^dcZ/Y^gZo^dcZ#
7ii[cXbW]]_e
HXVaV &/*%%
Ikf[hY_
9ebeh_
8dadgZ2
eZgXZo^dcZ^c\gZhhdhZci^Zgd#
fisianomia 2009 / Sistema di segnaletica Progetto di Alice Polenghi / 32
Diploma Accademico
di 1 Livello
Progettazione grafca
e comunicazione visiva
3 / Basic design - 1 anno
Docente: Francesco Ramberti
I colori dei luoghi
Poter osservare un unico colore composto
da diverse sensazioni e da differenti emo-
zioni. Come i pittori divisionisti, la giustap-
posizione dei colori ha prodotto unimma-
gine che potesse ricreare una dimensione.
Riempire lo spazio inattivo con molecole
di colori, assegnati dai nostri compagni
alle proprie citt. Progetto di Arianna
Mencarelli, Sophia Marostica, Angela
Pierini e Arnaldo Filippini.
4 / Basic design - 1 anno
Docente: Francesco Ramberti
Atlante sui colori dei luoghi dorigine
Alla base del manifesto c la timeline:
al posto del tempo ci sono le coordinate
geografche delle nostre citt; Il risultato
una linea che collega ciascuno di noi col
compagno; cos come le nostre esperien-
ze personali si vengono a mescolare con
quelle degli altri, ogni luogo non distinto
nettamente dagli altri; tutto vive e si uni-
sce in funzione dellaltro. Progetto di Elena
Panetti, Francesca Danesi, Marcelo Cabrera
5 / Basic design - 1 anno
Docente: Francesco Ramberti
Cartoline dalla Valle dAosta
Riportare le sensazioni che la citt tra-
smette. I colori del centro di Aosta, del
cielo o delle immagini della mia mente:
sfumature che il sogno nasconde e che la
paura cela.
Il segno
Cerco un gesto, un gesto naturale per
essere sicuro che questo corpo mio.
(Giorgio Gaber)
6 / Workshop Musica in Corpo - 1 anno
Ospite: Roberto Galvani
Docente: Francesco Ramberti
Ritmo, ordine, armonia. Parole chiave indi-
spensabili per la musica. E per la grafca?
Senza ritmo non si pu costruire un ma-
nifesto, se un marchio privo di armonia
non rimarr mai impresso. Lottando con
i bamb abbiamo compreso limportanza
di un ritmo comune per creare movimenti
armonici; utilizzando gli strumenti musicali
abbiamo capito limportanza dellordine
per giungere ad uno scopo comune.
7 / Workshop Alfabeti espressivi - 1 anno
Ospite: James Clough
Docente: Francesco Ramberti,
Luciano Perondi
Comprendere limportanza del gesto,
della libert espressiva. Sperimentare
senza lausilio del computer: questa
lunica regola. Con ogni tipo di stru-
mento, saccheggiando le dispense
e i negozi di casalinghi si liberato
lestro, la voglia di provare il nuovo.
8 / Laboratorio di Basic design - 1 anno
Docente: Siro Cangiotti
Un libro sul colore
Una ricerca sui colori primari e comple-
mentari tramite la costruzione del libro.
Progetto di Cristian Checcanin.
Kubik
Come i Cinesi fanno da millenni con il Tan-
gram a due dimensioi, cos gli appassionati
del Kubik si ingegnano a trovare forme
artistiche a tre dimensioni. Progetto di
Benedetta Riccardini e Mattia Rosa
9 / Matematica per il design - 1 anno
Docente: Davide Riboli
Salita a Montecarmelo
[...]Per poter gustare il tutto, non cercare
il gusto in nulla. [...]Per poter conoscere
il tutto, non voler sapere nulla. Salita al
Monte Carmelo di San Giovanni della Cro-
ce. Questo il concetto che ci ha portati
ad organizzare la Lirica, numerando ogni
singola lettera e spazio per poi scomporla.
Seguire il cammino cha dal nulla, porta a
poter conoscere il tutto.
10 / Type design - 2 anno
Docente: Albert Pinggera
Il carattere tipografco Chocolate
Riprodurre la scrittura corsiva nella sua
fuidit naturale e spontanea. Il carattere
nasce da segni gestuali, successivamente
progettati come alfabeto. La rielabora-
zione della scrittura in digitale mira a
mantenere una certa armonia e continuit
delle forme. Ogni lettera un unico tratto
continuo, corposo da una parte e sottile
dallaltra.
Progetto di Cristian Checcanin
11 / Type design - 2 anno
Docente: Albert Pinggera
Albero
Il corso di Type design ha previsto la pro-
gettazione di un carattere partendo da un
segno grafco lasciato sul foglio.
Progetto di Arnaldo Filippini
12 / Grafca Editoriale - 2 anno
Docente: Alberto Bernini
Nuovi coralli Feltrinelli
Il corso di grafca editorial prevede
la rogettazione della normativa
di una collana editoriale coerente
con lo stile della casa editrice
scelta. Progetto di Elisa Balducci.
13 / Metodologia della progettazione
2 anno
Docente: Beppe Chia
Modulistica per il lavoro
Alla luce del principio generale della
libert di forma, lordinamento italiano non
prevede unimpostazione predeterminata
per la modulistica del lavoro. Rivalutare
il senso di appartenenza professionale
del lavoratore attraverso la leggibilit e
lestetica di un documento.
Un rapporto contrattuale prima di tutto
una relazione umana.
14 / Semiotica per il design
e tecniche tipografche - 2 anno
Docenti: Antonio Perri e Luciano Perondi
Identifcazione della lettera archetipica
Progetto di Cecilia Giampaoli
15 / Workshop Orientarsi nei cinque
continenti: storie di frecce e colori,
culture e lingue - 2 anno
Ospite: Luigi Farrauto
Docente: Luciano Perondi
Il Mausoleo dei duchi e Linea daria
Il workshop ha indagato i fattori che
infuenzano lorientamento, analizzato lo
spazio fsico ed i fussi. Si ha poi proposto
una risposta grafca coerente, col vincolo
del bilinguismo.
16 / Grafca editoriale - 3 anno
Docente: Sergio Menichelli
Emy, patologia del prodotto
Emy unappendice organica
produttrice di emicrania. Il paradosso
che spinge il consumatore a percepire
come indispensabili oggetti contrari
alla sua natura (sonniferi, cibi dietetici,
assaggiatori dacqua...). Lestremizzazione
di questo concetto lofferta di
patologie in alternativa ai farmaci per
curarle. Progetto di Gianni Bianchi
17 18 19 / Grafca editoriale - 3 anno
Docente: Sergio Menichelli
17 / Come Wang-f fu Salvato
Progetto di Elisa Balducci
18 / Celia Birtwell
Progetto di Margherita Micheli
19 / Design Icons
Progetto di Margherita Cenni
20 / Illustrazione - 3 anno
Docente: Sandro Natalini
ET
Progetto di illustrazioni per il concorso
sulle pagine di apertura del catalogo
Einaudi. I libri trovano metafora
nelle foglie. Progetto di Tommaso Nava
21 / Grafca Editoriale - 3 anno
Docente: Sergio Menichelli
Radici viaggio eternit
Rilettura del brano Come Wang-F fu
salvato di Marguerite Yourcenar. Ho
voluto realizzare degli sketchbook, in
quanto strumenti per ridefnire limmagine
delle cose secondo la personale visione:
non amava tanto le cose quanto
limmagine di esse. Nellarte orientale
viene data importanza allimmagine
appuntata in quanto superiore
allelaborato fnale.
Progetto di Tommaso Nava
22 / Comunicazione dimpresa - 3 anno
Docente: Adriano Filippetti
Immagine coordinata del Conservatorio
statale musicale Luisa DAnnunzio
La volont di voler rappresentare
simbolicamente tutti gli strumenti
poneva linterrogativo sulle modalit di
rappresentazione. Era necessario trovare
unicona che riassumesse le particolarit
dei vari strumenti. Si scelto di prendere
una costante fsica comune a qualsiasi
strumento: lestensione sonora.
Progetto di Emilio Grazzi
23 / Packaging - 3 anno
Docente: Sergio Tacconi
Lalveare
Il packaging crea latmosfera del mondo
delle api. Le scatole sono ordinate su
uno scaffale e ricordano la forma di un
alveare. Lespositore in legno e modulare.
Limballaggio, inoltre, ha un adesivo
a forma di foglia dove sono riportate le
informazioni su articolo, colore, numero.
La scatola contiene le scarpe da bambino e
nellaltra apertura un puzzle.
Progetto di Elisa Balducci e Daniela Cincini
24 / Design degli allestimenti - 3 anno
Docente: Fabrizio Gigli
Laula comune
In questo ambiente gli studenti devono
poter svolgere le attivit di studio nei
periodi che non dedicano alla frequenza
delle ordinarie lezioni (studio, riunioni,
svago). Il progetto nasce durante il
restauro del complesso del monastero
Santa Chiara che ospita lIsia. Progetto
di Daniela Cincini, Elisa Balducci, Fabio
Demitri, Gianluca Camillini,
Emilio Grazzi
25 / Illustrazione - 2 anno
Docente: Arianna Papini
Garofani Rossi e voglia di Volare
Un progetto che nasce dallincontro
con assistenti ai disabili per esprime
e valorizzare le possibilit e i limiti di
due mondi diversi, di due punti di vista
differenti: il cielo, il volo, il mondo del
corvo, e la terra, i prati, i fori che l
elefante vive. Unamicizia che signifca
laccettazione e la valorizzazione di ci
che si e delle proprie possibilit.
Progetto di Giulia Sambugaro
26 / Fotografa - 2 anno
Docente: Stefano Veschi
Il sogno
Stavamo in piedi in una stanza con il
pavimento a scacchi, la cucina, forse, ma
pi grande. Parlavamo. Non so di cosa. Mi
accorgo che c un flo teso fra una parete
e laltra, mi avvicino mentre tu continui
a parlare, pizzico lo spago con un dito e
ascolto il suono che si allarga intorno;
acuto, mi infastidisce. La vecchia della casa
di l entra e stende ad asciugare al flo dei
piccoli pesci. Penso che intenda darli da
mangiare ai sui gatti. In fondo mi sembra
normale. Li guardo, mi manca il fato.
Tu mi chiedi: mi ami? Non so cosa ti ho
risposto. Progetto di Cecilia Giampaoli
27 / Mitico - 3 anno
Docente: Sandro Natalini
Percorso al Museo etrusco di Bologna
Progetti degli studenti del corso di
illustrazione del terzo anno 2007/2008
Allestimento di Elisa Santellani, Alice Lotti,
Stefania Lusini e Margherita Micheli.
28 / Fotografa
Docente: Silvano Bacciardi
Identit/appartenenza
Tra identit e appartenenza c uno stretto
legame, come c uno stretto legame tra la
storia che racconta la vita di una persona
e i suoi connotati impressi sul viso e sulle
mani. Progetto di Fabio Demitri
29 / Tesi
Relatore: Luciano Perondi
Procedure di Basic Design
La ricerca nasce dalla volont di abbinare
ai metodi classici di insegnamento del
Basic Design alcune esercitazioni che
prevedano luso della programmazione
per lo svolgimento e la soluzione. Il
lavoro ha previsto una ricerca storica sul
Basic Design, per capirne i fondamenti,
levoluzione e i personaggi signifcativi.
Tesi di Lorenzo Bravi
30 / Tesi
Relatore: Sandro Natalini
Bien Manger
Libro di ricette locali per preservare la
ricchezza del cucina maliana: progetto di
tesi realizzato in collaborazione con Slow
Food e Slow Food per la Biodiversit Onlus.
Lillustrazione viene utilizzata come mezzo
di comunicazione per rappresentare
e permettere la comprensione di usi,
costumi e tradizioni di una cultura
extraeuropea. Tesi di Alice Lotti
31 / Tesi
Docente: Francesco Ramberti
In viaggio con Cenerentola
Un racconto della realt multiculturale. In
viaggio con Cenerentola un kit composto
da un calendario interculturale e un libro
di supporto che vertono sulla metafora del
viaggio della faba di Cenerentola. Lungo il
viaggio della faba tra Asia ed Europa.
Tesi di Elisa Balducci
32 / Tesi
Docente: Silvano Bacciardi
Gli americani: ritratto di un luogo
Un libro di reportage fotografco inerente
la presenza americana nel Nordest dItalia,
quella legata ad uninstallazione militare
di una superpotenza mondiale, il tutto si
orienta come una rifessione sul territorio.
Tesi di Valeria Anzolin
Diploma Accademico
di 2 Livello
Comunicazione
e design
per leditoria
2 / Metodologia della progettazione
1 anno
Docente: Marco Ricci Tortoioli
Typofood, lalfabeto
Conclusione di un percorso didattico sulla
tipografa che ha portato alla preparazione
di un alfabeto culinario.
Progetto degli studenti del 1 anno
specialistico, a.a. 2007/2008
3 / Metodologia della progettazione
1 anno
Docente: Marco Ricci Tortoioli
Typefood, momenti di preparazione
Conclusione di un percorso didattico sulla
tipografa che ha portato alla preparazione
di un alfabeto. Progetto degli studenti del
2 anno specialistico, a.a. 2007/2008
4 / Identit aziendale - 1 anno
Docente: Roberto Pieracini
Urbino Servizi
Una sperimentazione per creare, tramite
dei moduli, il lettering ed il marchio
per lazienda. Creare una font per
dare riconoscibilit ad Urbino Servizi.
Attraverso lutilizzo dellimmagine
proiettata, stato possibile distorcere il
carattere per trovare nuove soluzioni. Il
lettering porta in s i concetti di divisione
e di unit.
Progetto di Elena Papassissa
5 / Progettazione per leditoria - 1 anno
Docente: Leonardo Sonnoli
I temi, i metodi, le vicende e le
problematiche della riproducibilit grafca,
intesa quale disciplina che progetta e
organizza artefatti stampati a grande
tiratura e diffusione. Si indagato sul
rapporto tra testo e immagine allinterno
dei formati editoriali, sia attraverso il
redesign di stampati che la progettazione
ex novo di uno stampato sperimentale.
Attraverso la ricerca storica sono stati
indagati esempi notevoli del passato e del
contemporaneo. Progetto di Stefano Faoro
e Michela Povoleri
6 / Grafca editoriale - 1 anno
Docente: Alberto Lecaldano
Bologna della guerra.
Come la citt di prepar al confitto
Sono soltanto scritte innocue, divenute
oramai parte del paesaggio urbano, ma
sessantanni fa salvavano la vita. Sono i
graffti di guerra, ancora presenti sui muri
dei palazzi di Bologna. Ci raccontano come
si organizz la popolazione di fronte al
confitto, che a Bologna caus circa 2500
vittime nelle oltre novanta incursioni aeree
subite. Progetto di Chiara Mambretti
7 e 8 / Workshop Il libro fotografco
1 anno
Ospite: Alberto Bianda
Docente: Paola Binante
7 / Alcuni momenti di progettazione
Il workshop ha esplorato la lettura di
unimmagine, la messa in relazione tra
immagini, labbinata, la sequenza.
8 / Libro fotografco La metamorfosi
Progetto di Chiara Astolf
9 e 10 / Progettazione grafca - 2 anno
Docente: Mauro Bubbico
Trieste: Lanima di un luogo
Che cos lidentit di un luogo? Un libro e
tre manifesti per mettere in scena il volto,
la vita affettiva e creativa dei triestini. Tre
diverse angolazioni: il paesaggio urbano
con i personaggi che lo hanno costruito
e abitato, i volti e segni disseminati nei
libri di storia e nella citt letta come
opera darte; la storia della fsionomia
della famiglia dellautrice per tentare
una risposta alla domanda: chi sono io?
Progetto di Alice Polenghi
11 e 12 / Workshop di illustrazione - Biennio
La sintassi dellimmagine
Ospite: Chiara Carrer
Docente: Silvana Sola
11 / Momenti di progettazione
Confrontarsi con limmagine, confrontarsi
con il testo: il risultato di una discussione
sul narrare ha dato vita allimpaginazione
di un piccolo libro Fascino un racconto di
Parise.
12 / Progetti di Susanna Frascari
e Margherita Micheli
13 / Workshop di fotografa - Biennio
Smitizzare il medium fotografco
(De-costruzione dellimmagine)
Docente: Michele Turriani
Alcuni momenti di sperimentazione
14 / Workshop di fotografa
La stampa al Platino-palladio - Biennio
Ospite: Sabrina Bonfantini
Docente: Simone Casetta
Il workshop ha previsto la produzione
completa di una fotografa realizzata con
questa antica tecnica. In contemporanea
al lavoro delle stampe al platino palladio
gli studenti hanno documentato
fotografcamente le varie fasi di lavoro da
cui nasce il racconto dellesperienza.
15 / 16 / 17 / 18 / Workshop e Mostra
Freedom and Order - Biennio
Ospiti: Karel Martens, Armand Mevis,
Maureen Mooren, Peter Bilak, Janna Me-
eus.
Docente: Leonardo Sonnoli
15 / La modalit olandese di cercare la
libert di espressione dentro la ristrettezza
delle regole e la capicit di sviluppo
dellapproccio modernista. Da J. F. van
Royen, responsabile della comunicazione
delle Poste olandesi (ptt) dagli anni 20, a
Werkman che ha pagato con la sua vita la
stampa della libert, da Willem Sandberg a
Karel Martens, fno alle nuove generazioni.
Manifesto di Leonardo Sonnoli
16 / Freedom and Order
Momenti di confronto
per lallestimento della mostra
Ognuno dei grafci assieme ad un gruppo
di studenti, ha progettato come esporre i
materiali di uno degli altri tutor. Ne nato
un crossover interpretativo che ha unito
la didattica sulla progettazione ad una
straordinaria mostra che vede esposti
Armand Mevis, Peter Bilak, Moreen Moreen
e Karel Martens. Fotografe di Mge Yilmaz
17 / Freedom and Order
Allestimento della mostra
Lallestimento il risultato del workshop
svolto dagli studenti con Armand Mevis,
Peter Bilak, Maureen Mooren e Janna
Meeus. A cura degli studenti Isia
Fotografe di Mge Yilmaz
18 19 e 20 / Resistere per immagini
Con gli studenti del 2 anno specialistico
27 gennaio 2009, Giornata della
memoria
53396 (R)esistere per immagini,
Germano Facetti dalla rappresentazione
dei lager alla storia del XX secolo a cura
di Gianfranco Torri
R-esistenze, video-testimonianze di
partigiani di Urbino
Grafci per la democrazia (ISIA)
Penguin, cover story 1960-70
1938-1945. La persecuzione degli ebrei
in Italia
Manifesto di Mauro Bubbico
19 / Grafci per la democrazia
Installazione realizzata al termine di
una ricerca sul contributo dei grafci
alla resistenza e alla ricostruzione in
Europa. Grafci aderirono al movimento
resistenziale mettendo a disposizione della
stampa clandestina la loro professionalit
e che, fnita la guerra, parteciparono alla
rinascita culturale del Paese.
Progetto degli studenti del 2 anno
specilistico 08/09.
Docente Mauro Bubbico
Fotografe di Mge Yilmaz
18 / 19 / 20 / 27 Gennaio 2009,
Giornata della Memoria
20 / 53396 (R)esistere per immagini,
Germano Facetti dalla repparesentazio-
ne
dei lager alla storia del XX secolo
A cura di Gianfranco Torri
Un omaggio a Germano Facetti, uomo
sopravvissuto alla Deportazione, art
director alla Penguin Books e creativo
poliedrico, attraverso i documenti privati
e professionali del fondo dellIstituto
piemontese per la storia della Resistenza
e della societ contemporanea Giorgio
Agosti di Torino.
Fotografe di Mge Yilmaz
21 / Parola Macchina del pensiero
Docente: Marco Tortoioli Ricci
Un progetto di identit applicato
ad un luogo. Intende interpretare
il tema dellidentit non come sistema
di coordinamento di un segno ma come
valore relazionale e come progetto
dellesperienza. Non lidentit
imposta della marca di prodotto ma
lidentit condivisa, valore astratto di cui
si dibatte molto, ma che nel caso specifco
deriva in modo tangibile dallesperienza
del progetto di impresa etica Olivetti.
Parola Macchina del pensiero
22 / Fiera della parola
Docente: Marco Tortoioli Ricci
Luomo stesso al centro del progetto:
i visitatori e attori della Fiera della Parola.
Il progetto vuole provocare occasioni e
momenti di pensiero, di relazione e di
espressione corrisponda a determinare il
processo pi effcace di comunicazione di
unidentit. Fotografe di Mge Yilmaz
23 / Il Lekton Docente: Luciano Perondi
Il carattere tipografco liberamente ispirato
al notizia, utilizzato dalle macchine da
scrivere Olivetti.
Disegnato dagli studenti Luna Castroni,
Stefano Faoro, Emilio Macchia, Elena
Papassissa, Michela Povoleri, Tobias
Seemiller e il docente Luciano Perondi
24 / Tesi
A da Caterina.
Discorso Fra menti amorose
Relatore: Daniele Barbieri,
Co-relatore: Emilio Tini
I libri mi piacciono. C qualcosa ancor
prima del libro, della storia narrata, della
vicenda del personaggio, dellequilibrio tra
il bianco e il nero e del rumore della carta
che mi affascina terribilmente: la dedica. Il
progetto anzich fnire inizia qui da questi
nomi. Ad Alice e Davide. Ad Emilio Paola,
Lucio e Mario. A mia madre e mio padre.
A simone, a me.
Tesi di Caterina Fattori
25 / 26 / Tesi
Shanghai07
Ritratti urbani di una citt che cambia
Relatrice: Paola Binante
Un reportage sulla Cina per documentare
le trasformazioni nel territorio e che
coinvolgono allo stesso modo i suoi
abitanti, cos come ho sentito il dovere
di conservare in qualche modo la
memoria di quei luoghi ancestrali, prima
del cambiamento. Le mie immagini
rappresentano un percorso visivo fatto
di spazi ed emozioni che si fondono sul
tracciato di una mappa.
Tesi di Roberta Paolucci
Offcina
Santa Chiara
30 / 31 / Offcina Santa Chiara
30 / Il Parco San Bartolo
Docente: Luciano Perondi
Analisi degli spazi del Parco per la
progettazione e la valorizzazione di un
luogo. Progetto di Alice Polenghi, Chiara
Giallorenzo, Elena Papassissa,
Mariangela Di Pinto
31 / Gli abitanti di Fiorenzuola di Focara
Docente: Franois Fabrizi
Fotografe di Massimo Falqui Massidda
32 / Sistema di segnaletica
Docente: Alberto Marangoni
Lintero progetto basato sulla
segnaletca orizzontale e sul concetto
di multisensorialit: tatto, udito e
vista interagiscono. Sulla strada e sui
sentieri vengono applicati elementi con
caratteristiche tattili e uditive diverse da
quelle delle superfci dominanti (asfalto,
ghiaia e terra battuta), che agiscono
sullattenzione dellutente e sulla sua
percezione dellambiente.
Progetto di Alice Polenghi
ISIA Urbino
The ISIA (Higher Institute for the Artistic
Industries) is a public Institute at univer-
sity level, that belongs to the Department
for High Training in Arts and Music, which
is part of the Ministry of Education, Uni-
versity and Research. The school, charac-
terized by the teaching of Graphic Design,
is the most important public institution for
graphic and publishing design.
Located in Urbino, a renaissance city that
UNESCO has declared World Heritage
Centre, the schools facility is at the Santa
Chiara Monastery a building with great
historic and artistic value.
The academic staff is made of profes-
sionals and teachers who are experts in
the felds of communication graphic and
design. The two current degree courses
are divided into a three-year program in
Graphic Design and Visual Communica-
tion and a two-year specialized program
in System Graphics as part of the degree
in Editorial-Publishing Communication
and Design. Starting with the 2010/2011
academic year a new two-year program in
Image Graphic will start as part of the de-
gree in Photography of Cultural Heritage,
that will train professional photographers
able to confront the world of work beyond
their area of specialization.
The courses, besides the curriculum
teachings, are supported with special sup-
plementary activities that require a high
didactic and scientifc profle; workshops,
conferences, seminars, project experi-
ments, all give to the curriculum a particu-
larly innovative dynamic.
In this highly formative background, spe-
cifc evidence is given to a research labora-
tory for design and development: Offcina
Santa Chiara. Here students undertake
projects and research - in addition to the
regular curriculum - which aim at acquir-
ing an in-depth knowledge of the world of
work. This allows participants to work at
these projects adopting the specifc view-
point of the graphic designer. This kind of
cultural and technical worker will enter
the communications world taking a central
role as an organizer and leading player.
To complete the extensive curriculum of-
fered, the recent opening of the Summer
School, held in the summer with foreign
students and teachers, helps to enrich the
Institutes international relations.
First-level Academic
Diploma (triennium)
Graphic Design
and Visual Communication
The didactic goal of the three year-long
course in Graphic Design and Visual Com-
munication is to train designers able to
confront multidisciplinary problems. It en-
tails a didactical path that starts from the
skills necessary to train a graphic designer,
combined with a theoretical training that
is tightly entwined with planning subjects,
and a series of teachings regarding vari-
ous aspects and specializations of graphic
design. Integral part of the three-year
course are teachings (such as illustration,
photography, letter types design) which go
beyond the usual competences of a graph-
ic designer. The effort, from a theoretical
point of view, is to provide the cultural ba-
sis that will allow the designer to observe
the challenges from a perspective, not just
linked to the immediate contingency of the
profession, but open towards new possibili-
ties. Besides a strong historical component
(for illustration, photography, graphic de-
sign, and publishing), the course includes
ample sections on semiotics, psychology
of perception, and mathematics.
Not secondary, is the teaching of tech-
niques for an informed use of the work-
tools, in an overall attempt to train a
fexible candidate, able to connect various
disciplines, and to take advantage of the
practical and theoretical means acquired
in order to fnd valid answers to heteroge-
neous problems.
3/Basic design - 1st year
Teacher: Franco Ramberti
The colors of places
Being able to perceive a single color made
of multiple sensations and diverse emo-
tions. Like divisionist painters, the juxta-
position of colors has produced an image
which can suggest a new dimension.
Fill the inactive space with molecules of
colors, assigned by our partners to their
cities.
Project by Arianna Mencarelli, Sophia
Marostica, Angela Pierini e Arnaldo Filip-
pini.
4/Basic design - 1st year
Teacher: Francesco Ramberti
Color atlas of places of origin
The central idea of the poster is the time-
line: instead of time we use the geograph-
ic coordinates of our cities; the result is a
line that connects each one of us to his/
her partner; each location is not clearly
separated from the others just like our
personal experiences get mixed with those
of others; everything lives and becomes
unifed thanks to the other.
Project by Elena Panetti, Francesca Danesi,
Marcelo Cabrera.
5/Basic design - 1st year
Teacher: Francesco Ramberti
Postcards from the Valle dAosta
Report the feeling that the city conveys.
The colors of Aostas city center, of the sky,
or of the images in my mind: undertones
that dreams hide and fear conceal.
The mark
I look for a gesture, an instinctive gesture
to be sure that this body is mine. (Giorgio
Gaber)

6/Workshop Music in the Body
1st year
Guest: Roberto Galvani
Teacher: Francesco Ramberti
Rhythm, order, harmony. Fundamental key-
words in music. And what about graphic
design? Without rhythm we cannot make
a poster, a logo that has no harmony will
not be remembered. Fighting with bam-
boo sticks we realized the importance of
a shared rhythm to create harmonious
movements; by using musical instruments
we understood the importance of order in
reaching a common goal.
7/Workshop Expressive Alphabets
1st year
Guest: James Clough
Teacher: Francesco Ramberti, Luciano
Perondi
Understand the importance of the gesture,
of expressive freedom. To experiment
without the help of the computer: this was
the only rule. With all kind of instruments,
plundering the pantry and the houseware
store, the inspiration and the desire to try
new things got free.
8/Basic Design Workshop - 1st year
Teacher: Siro Cangiotti
A book on colors
A research on primary and complementary
colors conducted trough book construc-
tion.
Project by Christian Checcanin.
Kubik
Like people from China have been doing
for millennia with two-dimensional Tan-
gram, Kubik fans try to fnd three-dimen-
sional artistic shapes.
Project by Benedetta Riccardini and Mattia
Rosa
9/Graphic Design Mathematics - 1st year
Teacher: Davide Riboli
Ascent to Mount Carmel
[] To reach satisfaction in all, desire its
possession in nothing. [] to come to
knowledge of all, desire the knowledge of
nothing. [] Ascent to Mount Carmel by
San Juan de la Cruz. This is the concept
that guided us to organizing the Lirica,
numbering every single letter and space in
order to break it down. Following the path
that from nothing leads to the knowl-
edge of all.
10/Type design - 2nd year
Teacher: Albert Pinggera
Chocolate typeface
To reproduce handwriting in all its natural
and spontaneous fuidity. The typeface
originates from gestural signs, subse-
quently conceived as an alphabet. The
reprocessing of writing in a digital format
aims at preserving a good degree of har-
mony and continuity in the shapes. Each
character is rendered in a single continu-
ous stroke, full-bodied on one side and thin
on the other.
Project by Christian Checcanin
11/Type design - 2nd year
Teacher: Albert Pinggera
Tree
The Type Design course included the plan-
ning of a typeface starting from a graphic
sign on a sheet of paper.
Project by Arnaldo Filippini
12/ Graphic Publishing - 2nd year
Teacher: Alberto Bernini
Nuovi Coralli Feltrinelli
The graphic publishing course entails the
planning of the rules for an publishing
series coherent with the graphic style of
the chosen publishing house.
Project by Elisa Balducci
13/Planning methodology - 2nd year
Teacher: Beppe Chia
Job form sets
In light of the general principal of form
freedom, the Italian system does not
provide for a fxed planning regarding job
form sets. Reassessing the workers pro-
fessional sense of belonging trough the
legibility and aesthetic quality of a docu-
ment.
A contractual relationship is frst of all a
human relationship.
14/Design semiotics and typographical
techniques - 2nd year
Teachers: Antonio Perri and Luciano Perondi
Identifcation of the archetypal letter
Project by Cecilia Giampaoli
15/Workshop Finding your way in the fve
continents: stories of arrows and colors,
cultures and languages - 2nd year
Guest: Luigi Farrauto
Teacher: Luciano Perondi
The Mausoleo dei Duchi and Linea daria
The workshop investigated the issues
that effect the sense of direction, analyz-
ing physical space and fuxes. A coherent
graphic answer has been proposed within
a bilingual bond.
16/Graphic Publishing - 3rd year
Teacher: Sergio Menichelli
Emy, pathology of the product
Emy is an organic appendage that pro-
duces migraines. The paradox that leads
consumers to consider absolutely neces-
sary objects that are contrary to his/her
nature (sleeping pills, dietetic foods, water
tasters) Pushing this idea to the extreme
we have the offering of pathologies to sub-
stitute the medications that cure them.
Project by Gianni Bianchi
17 18 19/ Graphic Publishing - 3rd year
Teacher: Sergio Menichelli
17/How was Wang-f Saved
Project by Elisa Balducci
18/Celia Birtwel
Project by Margherita Micheli
19/Design Icons
Project by Margherita Cenni
20/Illustration - 3rd year
Teacher: Sandro Natalini
ET
Illustration project for the contest con-
cerning the opening pages of the Einaudi
catalog. The books fnd metaphor in the
leaves.
Project by Tommaso Nava
21/ Graphic Publishing - 3rd year
Teacher: Sergio Menichelli
Roots trip eternity
A new reading of the passage How was
Wang-F saved by Marguerite Yourcenar.
I wanted to create some sketchbooks as
tools to redefne the image of things ac-
cording to a personal vision: he didnt
love so much the objects but the image of
them. In oriental art more importance is
given to the sketched image than to the
fnal result.
Project by Tommaso Nava
22 / Company communications - 3rd
year
Teacher: Adriano Filippetti
Coordinated corporate image for the
Luisa DAnnunzio state academy of
music
The wish to symbolically depict all the
instruments led to the issue of represen-
tational modes. It was necessary to fnd an
icon able to summarize the various instru-
ments peculiarities. The fnal choice was
to adopt a physical criterion common to all
instruments: sound extension.
Project by Emilio Grazzi
23 / Packaging - 3rd year
Teacher: Sergio Tacconi
The Beehive
The packaging reproduces the bees world
ambience. The boxes are arranged on a
shelf and evoke the shape of a beehive.
The wooden display rack is modular. The
package, moreover, includes a leaf-shaped
sticker bearing the information regarding
item, color, and number. The box holds a
pair of kids shoes and, in the other open-
ing, a puzzle.
Project by Elisa Balducci and Daniela Cincini
24 / Set-up design - 3rd year
Teacher: Fabrizio Gigli
The communal classroom
In this setting students need to carry out
study activities when they are not attend-
ing regular classes (studying, meeting,
relaxation). The project begins during the
renovation of the Santa Chiara monastery
complex, which houses the Isia.
Project by Daniela Cincini, Elisa Balducci, Fa-
bio Demitri, Gianluca Camillini, Emilio Grazzi
25 / Illustration - 2nd year
Teacher: Arianna Papini
Red Carnation and Desire to Fly
A project that arises from the encounter
with staff assisting people with disabilities
and that aims at expressing and emphasiz-
ing possibilities and limitations of two dif-
ferent worlds, two different points of view:
the sky, fying, the crows world, and the
earth, lawns, the fowers that the elephant
experiences. A friendship that symbolizes
acceptance and valorization of who we are
and of our possibilities.
Project by Giulia Sambugaro
26 / Photography - 2nd year
Teacher: Stefano Veschi
The Dream
We were standing in a room with a check-
ered foor, the kitchen perhaps, but bigger.
We were talking. About what, I dont know.
I notice a wire stretched between the walls,
I come closer while you continue speaking,
I pinch the wire with a fnger and listen
to the sound that propagates around; its
high pitched, it bothers me. The old lady
from the house across the street comes in
and hangs on the wire small fsh to dry. I
think shell feed them to her cat. After all
I think its normal. I look at them, Im out
of breath. You ask me: do you love me? I
dont know what I answered.
Project by Cecilia Giampaoli.
27/Mithical - 3rd year
Teacher: Sandro Natalini
Itinerary in the Etruscan Museum
in Bologna
Projects by the students enrolled in the
third-year illustration course 2007/2008.
Set up by Elisa Santellani, Alice Lotti, Ste-
fania Lusini and Margherita Micheli.
28/Photograph
Teacher: Silvano Bacciardi
Identity/belonging
Between identity and belonging there is
a strong connection, just like there is a
strong connection between the story that
narrates a persons life and his/her fea-
tures engraved in the face and hands.
Project by Fabio Demitri
29/Thesis
Advisor: Luciano Perondi
Basic Design procedures
The research derives form the wish to link
together the classic methodology of Basic
Design teaching with some exercises that
require careful planning in the approach in
for fnding the solution. The work included
a historic research on Basic Design in order
to comprehend its basic principles, evolu-
tion, and most signifcant personalities.
Thesis by: Lorenzo Bravi
30/ Thesis
Advisor: Sandro Natalini
Bien Manger
Recipe book with local dishes to preserve
the richness of the malian cuisine: thesis
project carried out in cooperation with
Slow Food [and Slow Food] for the Onlus
Biodiversity. Illustrations are used as a
communication media to portray and allow
the comprehension of customs and tradi-
tions of a non-European culture.
Thesis by: Alice Lotti
31 / Thesis
Advisor: Francesco Ramberti
Travelling with Cinderella
A tale of multicultural reality. Travelling
with Cinderella is a kit that includes a
multicultural calendar and a support book
both focused on the metaphor of the trip
in Cinderellas fable. Alongside the fable
trip between Asia and Europe.
Thesis by: Elisa Balducci
32 / Thesis
Advisor: Silvano Bacciardi
The Americans: the portrait of a place
A photo storybook concerning the Ameri-
can presence in the North-East of Italy,
tied to a military base of a global super-
power. All this becomes a refection on the
regional territory.
Thesis by Valeria Anzolin
Second-level
Academic Diploma
Communication and Design
for the Publishing Industry
The specialized degree course in Commu-
nication and Design for the Publishing In-
dustry is aimed at students already trained
in the practical and theoretical skills of the
graphic feld. The school aims at providing
the students with training opportunities
to develop their skills in directing communi-
cation projects of a relatively high complex-
ity. We have chosen to point/aim the course
towards graphic design for publishing, add-
ing illustration and photography elements
both seen as complimentary to communi-
cation design and offered according to a
series of approaches as wide as possible.
At the same time, aspects regarding de-
sign, will be paralleled with the study of
theoretical elements, seen as coherent
components of design itself, rather that
as separate modules.
The specialized degree course gives the
opportunity to take part in the projects of
Offcina Santa Chiara.
These are real projects where, together
with a client, a project with strong leanings
towards research and planning is devel-
oped. Included in these projects are aspects
concerning bibliographic documentation, as
well as those relating to the identifcation of
skills that can best be used solve a problem,
or those necessary to giving a functional
synthesis explaining what skill is best uti-
lized when specifc problems are encoun-
tered. Furthermore these projects include
documentation activities regarding a given
project, as well as experimental activities
(construction of experiments to verify and
monitor the project solutions adopted).
2 / Design Methodology
Teacher: Marco Ricci Tortoioli
Typefood, the alphabet
Final outcome of a didactic itinerary on ty-
pography which has brought to the prepa-
ration of a culinary alphabet.
Project by the students in the 1st year
of specialization - AY 2007/2008
3 / Design Methodology
Teacher: Marco Ricci Tortoioli
Typefood, preparation moments
Final outcome of a didactic itinerary on ty-
pography which has brought to the prepa-
ration of an alphabet.
Project by the students in the 2nd
year of specialization - AY 2007/2008
4 / Corporate identity - 1st year
Teacher: Roberto Pieracini
Urbino Services Company
Experimenting to create, through modules,
the lettering and the logo for the company.
Create a font to grant recognizability to
the Urbino Services Company. Thanks to
the use of projected images, fonts were
distorted in an effort to fnd new solutions.
The lettering bears in itself the notions of
division and unity.
Project by Elena Papassissa
5 / Publishing design - 1st year
Teacher: Leonardo Sonnoli
The themes, methods, events, and prob-
lems concerning graphic repeatability
seen as guiding principles in designing and
organizing printed artifacts of high circula-
tion. The relationship between text and
image within publishing formats was inves-
tigated, both through redesigning existing
printed artifacts, as well as by designing a
new experimental one. Signifcant examples
of the past and of today have been investi-
gated through historical research.
Project by Stefano Faoro
and Michela Povoleri.
6 / Graphic Publishing - 1st year
Teacher: Alberto Lecaldano
Wartime Bologna.
How did the city prepared itself for the
confict
They are just harmless signs which today
have become part of the urban landscape,
but that sixty years ago used to save lives.
These are the war graffti still discernible on
the walls of Bolognas buildings. They tell
us how the people got organized in view of
the confict that caused some 2500 casual-
ties in the city of Bologna, hit by more that
ninety air rides.
Project by Chiara Mambretti
7 and 8 / Workshop The photo book
1st year
Guest: Alberto Bianda
Teacher: Paola Binante
7 / A few moments in the designing process
The workshop explored image reading, im-
age connecting, the coupling, the sequence.
8 / Photo book The metamorphosis
Project by Chiara Astolf
9 and 10 / Graphic design - 2nd year
Teacher: Mauro Bubbico
Trieste: The soul of a place
What is the identity of a place? A book and
three posters to dramatize the features, the
emotional and creative life, of the people
of Trieste. Three different angles: the urban
landscape, with those who built it and popu-
lated it; the faces and the signs scattered
in the history books and in the city, seen as
artwork; the history of the authors fam-
ily, in an effort to answer the question: who
am I?
Project by Alice Polenghi
11 and 12 / Illustration workshop
The image syntax
Guest: Chiara Carrer
Teacher: Silvana Sola
11 / Designing moments
Confronting the image, confronting the
text. The outcomes of a discussion on nar-
rating has given birth to the pagination of
a small book: Fascino a tale by Parise.
12 / Projects by Susanna Fra-
scari and Margherita Micheli
13 / Photography workshop
Demythologizing the photographic me-
dium (De-construction of the image)
Teacher: Michele Turriani
A few moments of the experimentation
14 / Photography workshop
The platinum-palladium printing proc-
ess
Guest: Sabrina Bonfantini
Teacher: Simone Casetta
The workshop entailed the full produc-
tion of a photograph through this an-
cient technique. While working on the
platinum-palladium prints, the students
have chronicled photographically the
subsequent steps of their work, from
here originates the tale of the experience.
15 /16/ 17/ Workshop and Exhibition
Freedom and Order
Guests: Armand Mevis, Peter Bilak, Mau-
reen Moreen, Janna Meeus
Teacher: Leonardo Sonnoli
15 / The Dutch method of searching for
freedom of expression within the narrow-
ness of the rules and the development ca-
pacity of the modernist approach. From J.F.
van Royen, communications manager for
the Dutch postal services (ptt) in the 1920s,
to Werkman, who has paid with his life for
advocating press freedom. From Willem
Sandberg to Karel Martens, and up to the
new generation.
Poster by Leonardo Sonnoli
16 / Comparing opinions while preparing
the exhibition
Freedom and Order
Each one of the designers, with a group
of students, has designed a display for
the material made by one of the other
tutors. This gave birth to an interpreta-
tional cross-over that combined design
pedagogy and an extraordinary exhibition
which includes works by Armand Mevis,
Peter Bilak, Moreen Moreen, and Karel
Martens. Photographs by Mge Yilmaz
17 / Exhibition set up
Freedom and Order
The set up is the result of the workshop
that the students did with Armand Mevis,
Peter Bilak, Mauren Moreen.
By the Isia students. Pho-
tographs by Mge Yilmaz
18 19 and 20 / Resisting through images
Teacher: Mauro Bubbico
Poster by Mauro Bubbico
27 January 2009, Memory day
53396 (R)esist trough images, Germano
Facetti from concentration camp portrayal to
XX century history
R-esisting, video testimonies from parti-
sans
Graphic designers for democracy
Penguin, cover story 1960-70
1938-1945. The persecu-
tion of the Jews in Italy
19 / Graphic designers for democracy
Installation created at the end of a research
on graphic designers contribution to the
Resistance and to the reconstruction in
Europe. Graphic designers who felt the
need, joined the resistance movement mak-
ing their professional expertise available to
clandestine press. At the end of the war they
took part in the countrys cultural rebirth.
Project by the second year spe-
cialization students 08/09.
Photographs by Mge Yilmaz
20 / Resisting through images
Curated by Gianfranco Torri
53396 (R)esist through images, Germano
Facetti from concentration camp portray-
al to XX century history
A homage to Germano Facetti - deporta-
tion survivor, art director at Penguin Books,
and multifaceted creative artist - based
on the private and professional docu-
ments of the piedmontese institutes fund
for the history of Resistance and on the
contemporary society Giorgio Agosti
of Turin. Photographs by Mge Yilmaz
21 / Word, thought machine
Teacher: Marco Tortoioli Ricci
A project of identity applied to a place.
Aims at interpreting the theme of identity
not as a signs coordinating system but
as a relational value and an experiential
project. Not the identity imposed by the
products brand, but the shared identity,
the abstract value so often discussed, that
in this specifc instance rises tangibly from
the Olivetti ethical business plan experience.
22 and 23 / Word, thought machine
22 / Word fair
Teacher: Marco Tortoioli Ricci
Man himself is at the center of the project:
the visitors and actors at the Word Fair. The
project aims at promoting moments and
opportunities for thought, relationship, and
expression, in an effort to determine the
most productive process to communicate an
identity. Photographs by Mge Yilmaz
23 / The Lekton
Teacher: Luciano Perondi
The typographic font freely adapted from
the notizia and used for machines
Designed by students Luna Castroni,
Stefano Faoro, Emilio Macchia, Elena
Papassissa, Michela Povoleri, Tobias
Seemiller and teacher Luciano Perondi
24 e 25 / Thesis
Advisor: Daniele Barbieri
Co-advisor: Emilio Tini
A from Caterina.
Discussion between loving minds
I like books. But there is something that
precedes the books, the story narrated,
the characters adventures, the balance
between white and black, the ever so fasci-
nating sound of paper: the dedication. The
project, rather than ending, starts here,
from these names. To Alice and Davide.
To Emilio Paola, Lucio and Mario. For my
mother an father. To Simone, to me.
Project by Caterina Fattori
26, 27 and 28 / Thesis
Advisor: Paola Binante
Shangai07
Urban portraits of a changing city
A reportage from China, portraying the
transformations in the country and in the
population while dutifully keeping in mind
the memories of that ancestral land, before
the current changes. My images portray
a visual path made of spaces and feelings
that mingle on the route traced on a map.
Project by Roberta Paolucci
Offcina Santa Chiara
Workshop in Research,
Design, and Development

Offcina Santa Chiara is the Workshop in
Research, Design, and Development in-
tended for:
students of the Istituto Superiore per le
Industrie Artistiche of Urbino;
individuals enrolled training programs
held at the Istituto Superiore per le Indus-
trie Artistiche of Urbino;
students whos undergraduate or doc-
toral program is ran in collaboration with
the Istituto Superiore per le Industrie Ar-
tistiche of Urbino.
It aims at acquiring deep knowledge of
the world of work, specifcally acting in it
as a graphic designer and technical and
cultural operator, verifying ones own train-
ing in view of assuming a leading role as
primary performers within the complex
world of communications. Discover, and
verify where this central role can be ac-
complished today.
In reaching this goal, the sense of respon-
sibility - non simply from a technical point
of view - is essential when approaching a
project, and when reasoning over it trying
to make sure it truly responds to the re-
quired social needs.
Within Offcine S.C., research and projects
that do not belong to the regular cur-
riculum are carried out. Offcine S.C. must
come close to those environments that
require design and that the profession is
unable to sustain, it must do all the things
that the profession is unable to confront.
The kind of works that can evolve within
the Laboratorio can be grouped in three
areas:
investigations and research;
research and design;
design and development.
The relationship with organizations
and public companies must be fa-
vored, while, any merely commercial
work or project, is to be rejected.
30 31 and 32 / Offcina Santa Chiara
30 / The San Bartolo Park
Teacher: Luciano Perondi
Survey of the park environments in view of
the design and development of a space.
Design by Alice Polenghi, Chiara Gialloren-
zo, Elena Papassissa, Mariangela Di Pinto
31 / The Fiorenzuola di Focara residents
Teacher: Franois Fabrizi
Design by Massimo Falqui Massidda
32 / System of signs
Teacher: Alberto Marangoni
The whole project is based on traffc signs
and on the idea of multisensoriality: touch,
hearing, and sight interact. Elements with
tactile and visual characteristics different
from those on prevailing surfaces (asphalt,
gravel, and dirt), are applied along the
roads and paths. These infuence the users
attention and on his/her environment per-
ception.
Design by Alice Polenghi
PAGINADUE
Quaderni Isia Urbino
numero 1, marzo 2010
Fisianomia 2009
Una mostra di elaborati e di progetti grafci
degli allievi dellISIA di Urbino.
A cura della Direzione ISIA
Design Book Alberto Lecaldano
Impaginato da Lucia Pigliapochi
e Lorena De Benedittis
Fotografe in copertina di Mge Yilmaz
Stampa Grapho 5 - Bellocchi di Fano (PU)
Istituto Superiore
per le Industrie Artistiche
36, via Santa Chiara
61029 Urbino (PU)
t (+39) 0722 320195
fx (+39) 0722 4336
info@isiaurbino.net
www.isiaurbino.net