Sei sulla pagina 1di 1

18 MERCOLEDÌ

Primo Piano
14 LUGLIO
2010 La piovra

Foto di Francesco Corradini


“Lombardia”, come spiega Nicola
Gratteri, da 30 anni massima autori-
tà sulle Ndrine in libri come Fratelli
di Sangue(scritto col giornalista An-
tonio Nicaso.
Una nuova struttura per le ‘ndrine..
«La ‘ndrangheta si è evoluta dal si-
stema anni 80 laddove prima la for-
ze delle ‘ndrine era la struttura fami-
listica, orizzontale, ardua da investi-

Struttura
È cambiata nel corso
del tempo. Un referente
esterno e un giudice
interno per dirimere
questioni di gerarchie

gare, nell’ultimo decennio si è adat-


Milano, Tribunale, conferenza sull'Operazione Crimine. Nella foto Pietro Grasso e Ilda Boccassini tata alla complessità raggiunta; ser-
viva coordinamento tra i diversi lo-
cali, sorti come funghi, ecco i tre
mandamenti del reggino a cui tutti
Intervista a Nicola Gratteri devono relazionare: Reggio, Joni-
ca-Locride e Piana di Gioja -tirre-

«Oppedisano? Solo un reggente


no».
E adesso c’è un reggente, un capo dei
Capi?
«Nelle intercettazioni si percepisce

Il terzo livello resta ancora oscuro»


però come gli ‘ndranghetisti si sia-
no dati un referente esterno e un
giudice interno per dirimere que-
stioni di gerarchie, ma che nelle riu-
nioni periodiche vanno tenuti tutti
Secondo il magistrato con l’operazione di ieri si è dato un duro colpo alle cosche. Anche al corrente (la più seguita è il 2 set-
se i veri pezzi da novanta restano latitanti. Come nell’ombra sono i cosidetti «invisibili» tembre al santuario di Polsi, San Lu-
ca, per la Madonna d’a Muntagna),
come dice Rocco Morabito da Afri-
co all’attuale capo Oppedisano:
sponibili» ad affari coi mafiosi e ai po- “sempre da qua devono passare…
GIANLUCA URSINI
litici che li dovevano portare nel cuo- se vogliono decidere una cosa su Ca-
REGGIO CALABRIA
re dell’Expo; altri 156 solo nel Reggi-
Chi è labria e Sicilia solo a noi devono
no di cui 120 eseguiti e 30 latitanti in Nicola Gratteri, l’uomo chiedere… che, non lo sanno che il
adono i capi dei Capi: Aspromonte o nei paradisi fiscale. la che sfida le cosche porto di Gioja Tauro lo abbiamo fat-

C Mimmo Oppedisano, che


indicano re, (ma è solo
reggente..); lì a Rosarno
cadono i Pesce; i Bellocco, in galera
gli Iamonte di Melito Porto Salvo,
più grande operazione mai condotta
contro la ndrangheta. Toronto, Que-
bec Thunder Bay in Canada; Zurigo,
Fravenfeld in Svizzera; Ravensburg,
Engen, Francoforte, Radolfzell, Sien-
to noi? Non sanno che l’autostrada
Salerno Reggio è nostra”».
Quindi la ‘ndrina è stata decapitata.
«Oppedisano non va frainteso co-
me capo assoluto, credere che col
vinti gli invincibili Commisso di Si- gen Rielasingen in Germania. Sono suo arresto siano stati privati della
derno, con gran parte del traffico di le ramificazioni dei calabresi; non guida... Era un reggente nel siste-
ero e coca con gli States tramite il più dei singole famiglie che taglieg- ma di rotazione creato per evitare
broker internazionale Roberto Pan- giano, importano coca e fanno frutta- attriti e gelosie. Ogni anno un capo-
nunzi, evaso in aprile a Roma; cado- re i danari succhiati a calabresi e ita- bastone; questo era il
no i Raso di Cittanova, i Nucera di liani. Ma vere ‘ndrine, locali come di- “dodecamestre” del boss di Rosar-
Condofuri, i Romeo a Roghudi, Zoc- cono i mafiosi; clan autonomi, ognu- no. Ma con Oppedisano è come se
cali a Bagnara, cadono gli Ursini a no dei quali risponde, come analizza- NICOLA GRATTERI fosse di turno una potenza minore,
Gioiosa Jonica, i Maesano di Rocca- to nelle 3000 pagine del dispositivo NASCE A GERACE NEL 1958 non certo pezzi da 90 come Morabi-
forte del Greco, gli Albanese di Si- di fermo della Procura antimafia di to di Africo o Piromalli di Gioja. Op-
derno e i più potenti della Locride, Reggio Calabria per l’operazione pedesano vanta il grado di Vangelo,
gli Aquino di Giojosa; cade «Don Mi- «Crimine», a un referente nella terra Nicola Gratteri nasce a Gerace uno dei più alti, ed era membro del-
co» Alvaro, quello che s’aspettava natia, col quale dirimere le controver- nella Locride, terzo di cinque figli. Do- la Santa l’organizzazione super se-
per dirimere le controversie su co- sie,o sapere come spartire le torte se poaver conseguito lamaturità scienti- greta, e sull’ adesione a questo orga-
me ripartire i soldi del Ponte. più teste adocchiano un «bisinissi». fica si iscrive alla Facoltà di Giurispru- nismo segreto dirimeva questioni».
«Quando esce di galera Don Mico ci Come i locali di Desio Limbiate, Corsi- denza all’Università di Catania. Si lau- Il capo preso ieri non faceva però
dividiamo i soldi da Roma», ripeto- co, Solaro Bruzzano Bollate Erba Se- rea in quattro anni e due anni dopo parte degli Invisibili, l’ancora igno-
no i Libri e i Condello nelle intercet- regno Lissone Legnano Milano città e entra in magistratura. Attualmente è to terzo livello tra massoneria politi-
tazioni. oltre 300 arresti: 120 in altri venti, tutti federati in una super uno dei magistrati più conosciuti del- ca e professionisti che l’operazione
Lombardia contro le 500 ditte «di- struttura coordinativa, la la DDA. Crimine non ha toccato.❖