Sei sulla pagina 1di 44

MARZO19 I MAST in regalo

INI DE
Una nu LLA GU
Dunqo
ova org
anizzaz
ERRA
ra
, Crona nio
che dell e esclusiva p
e Guer e
re Eter r
ne!

EI
eroS
#num

LO SPECIALE
OLD SCHOOL
RENAISSANCE
Storia e sviluppo di un
movimento di Grognard

L'INTERVISTA
Come Nascono le
Colonne Sonore COSA CI ASPETTiamo
di un GdR
Intervista ad Antonio Affrunti
DAL PLAY?
Tutte le novità sui Giochi di Ruolo in
la recensione
uscita al Modena Play, raccontate dai
TORCHBEARER
La rinascita degli Old School inizia da Torchbearer nostri amici MorgenGabe.

Cover art by David Simons


La Terra Dei Giochi

www.terradeigiochi.it
l'editoriale

Lo Stato dell'Arte

L’articolo pubblicato qualche giorno fa da Andrea Bonzi sul Resto del Carlino ha avuto molta
eco nel mondo di appassionati di giochi di ruolo e addetti ai lavori. Qualcuno potrebbe dire
che forse ne ha avuta troppa e che probabilmente si è data troppa importanza a chi parla
senza sapere di cosa stia parlando. Io invece non credo che si debba fare finta di niente e
visto che il gioco di ruolo - nel contesto più ampio del gioco da tavolo - sta vivendo una
sua seconda età dell’oro, è bene ribadire a viva forza che siamo di fronte ad un fenomeno
di costume che non solo non ha niente di misticamente pericoloso, ma è anzi uno degli
strumenti più efficaci e immediati do socializzazione e abbattimento delle barriere.

Un bello e accorato appello di Nicola De Gobbis nei giorni immediatamente successivi


all’esplodere della polemica, ci ha ricordato non solo quali siano le innumerevoli qualità
del gioco di ruolo, ma anche tutta la galassia di appassionati, associazioni, manifestazioni e
appuntamenti che rendono il nostro hobby vivo e vitale. Visto che si tratta spesso di eventi
aperti - e Modena Play rappresenta una grande occasione da questo punto do vista - chi
scrive certi articoli potrebbe fare ciò che è compito di un giornalista, ovvero indagare sul
campo, dalle fonti primarie, l’argomento di cui vuole trattare e spero che il signor Bonzi - e
con lui la redazione del Resto del Carlino - venga a fare un giro in fiera e a provare anche
solo uno tra i tanti titoli che saranno in demo. Così, se non altro, saprà farsi un’idea più
documentata sull’argomento.

Venendo a noi, questo sesto numero di GDR Time, è un numero che segna forse un
periodo nuovo per questa rivista. Per la prima volta usciamo in un’edizione cartacea -
grazie alla collaborazione con Terra dei Giochi - e insieme a questo numero troverete anche
tutte le uscite precedenti, racchiuse in un unico grande almanacco. Oltre agli articoli e
agli approfondimenti già pubblicati, e a tutti i giochi, scenari e moduli avventura che vi
abbiamo allegato nei numeri precedenti, troverete del materiale aggiuntivo di Dunqora per
Fate scritto in esclusiva per noi da Alberto Tronchi e illustrato da Daniel Comerci. Vista la
concomitanza con Modena Play, non potevano mancare i consueti consigli per gli acquisti
a cura di MorgenGabe, le recensioni in anteprima su Sagas of The Icelanders e Vampiri 5a
edizione e uno speciale dedicato all’Old School Renaissance.

Un’ultima considerazione la voglio dedicare alla community Facebook “Io gioco di ruolo”,
che ha raggiungo i 6000 iscritti e che sempre di più è diventata il punto di riferimento per i
giocatori di ruolo italiani.

Luigi Briganti
direttore

3
hi di ruolo
mazione sui gioc
magazine di infor

GDR time

Impaginazione e grafica
clemente musa e linebreak
di ruolo
ione sui giochi
magazine di informaz
www.linebreak.it

GDR time
Scrivici a
info@gdrtime.it

in collaborazione con

Direttore
Luigi Briganti 

    

Redazione
Chiara listo, giuseppe vitale,
giacomo bellucci, daniele di
rubbo, luca de marini, daniele
prisco, moreno pedrinzani,
marco andreetto, filippo
fusi, VANESSA CoLGIACO Tutto il materiale presente in questo
Hanno partecipato a questo numero volume è rilasciato sotto licenza Creative
luana de vitis Commons Attribuzione - Non commerciale
- Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-
ND 3.0 IT)

ho un gioco in test 6 GLI EVENTI


COSA CI ASPETTIAMO DAL PLAY?
Tutte le uscite, di MorgenGabe

8 IL PROGETTO
GDR AL BUIO
Facciamo un po’ di luce, di Vanessa Colciago

36 11 L'APPROFONDIMENTO
ANALOGICI VS DIGITALI
la recensione Due tipologie a confronto, di Giacomo Bellucci

14
L'INTERVISTA
COME NASCONO LE COLONNE
SONORE DI UN GDR
Intervista ad Antonio Affrunti, di Luana De Vitis

24 18 lo SPECIALE
Original Dungeons & Dragons
Eresia contro-culturale, di Moreno Pedrinzani
speciale OSR
Questo numero è dedicato
all’Old School Renaissance,
un movimento che cerca
di riportare alla ribalta un
modo di giocare di ruolo
nato negli anni ‘70 e ‘80
e che ora sta avendo una
nuova seconda gioventù

24 la recensione/2
Sagas of the icelanders
Il gelido ma passionale mondo delle
il gioco free

saghe islandesi, di Daniele di Rubbo

28
LO SPECIALE
OLD SCHOOL RENAISSANCE
Storia e sviluppo di un movimento di Grognard,

22
di Daniele Prisco

36 LA RECENSIONE/3
Vampiri 5° Edizione
Cosa vi aspetta? Di Marco Valerio “Spike” Rossi
I MASTINI DELLA GUERRA
Nell pagine interne, una
nuova organizzazione
esclusiva per Dunqora,
Cronache delle Guerre Eterne!

40
L'ALTRA FACCIA DEL GDR
UNA CHAT PER CRESCERE
Il GdR by Chat come momento di crescita, Cover art by David Simons
di Filippo Fusi https://www.artstation.com/arcvein
Gli Eventi

Cosa ci aspettiamo dal Play?


Tutte le uscite!

S
e Lucca è LA fiera nerd per eccellenza il Play Dreamlord Press, l’araldo di Fate in Italia, sbarca
di Modena è LA fiera dei giochi di ruolo e da con ben tre titoli – uno di questi lungamente atteso
tavolo per eccellenza. In occasione di questa dalla comunità dei pbta italiana. Parliamo di Sagas of
edizione, mai come in questo momento, le the Icelanders, il gioco delle saghe islandesi. Presenta
case editrici del nostro settore stanno sfornando inoltre Seco Creek Vigilance Committee, un violento
titoli interessanti e di alta qualità. E noi, che siamo e interessante gioco nel Far West e Ghost Planet
curiosi per natura, abbiamo deciso di assediare tutti un nuovo mondo di Fate ambientato nello spazio,
gli editori per farci dire qualcosa di più. con eroi pronti a salvare la terra da una terribile
Al momento in cui il pezzo andrà in stampa minaccia.
probabilmente ci sarà qualche gioco in più e La Eleven Aces porta avanti la cronologia dei
qualcuno in meno, e qualcun altro potrebbe essere suoi giochi arrivando alla decima espansione di
già uscito, ma è il bello dello scrivere in anticipo, no? Nameless Land con Il Sovrano della Caduta, una
Vediamo quanti dei giochi in questa lista usciranno grande campagna in edizione limitata, disponibile
davvero! fino ad esaurimento scorte; per Heavy Sugar verrà
pubblicato invece il Pacchetto Accoglienza, un
Pronti? plico contenente tutto l’occorrente per far orientare
Andando in ordine alfabetico la prima casa editrice un personaggio appena arrivato a Balhan City
della lista è Acchiappasogni, che per Lucca ci all’interno della città.
aveva regalato Augusta Universalis e, per Modena I Fumble GDR, anche loro freschi di prime
presenta Le Notti di Nibiru: I Diari di Thalmon Rahx pubblicazioni a Lucca, presenteranno Shining Knits,
parte prima e Augusta Universalis: Taumantis, due un gioco di ruolo per bambini, e due giochi di
espansioni molto attese per i suoi giochi di punta. ruolo in playtest di cui non possono ancora rivelare
Alleanza Games, al momento in cui scriviamo, ulteriori dettagli.
ci informa di non avere nuove uscite ma di avere Isola Illyon presenterà La Dama Nera, un’avventura
in programma tavoli per far giocare un gioco – al per Awaken uscita grazie ad un crowdfunding.
momento top secret – che uscirà poi alla prossima
Lucca. La Kaizoku Press si presenta con il manuale del
Master di Mutants & Masterminds, il loro “Gioco di
I DiceGamesItalia, notissimi influencer di settore Bandiera” sui supereroi.
già freschi autori di The Silence of Hollowind – che
ha visto la luce la scorsa Lucca -, presentano The Mini Games annuncia una raccolta di tutte le
Fire of Knowledge e Murder of Blood, due avventure storie inedite di Drizzit, raccolte in un unico albo,
scritte appositamente per l’ambientazione. ma nessun nuovo titolo.

6
Narrattiva, già vincitrice dello scorso Gioco di utilizzerà Monad Echo, il nuovo sistema della casa.
Ruolo dell’Anno con Lovecraftesque, farà uscire ben La Wyrd annuncia il nuovo Coriolis, uscito da un
quattro titoli, uno prima della fiera e tre subito dopo. fortunato crowdfunding, in formato standard,
Parliamo di Urban Shadows, pbta Urban Fantasy, deluxe e box,al suo fianco la Guida del Master di
La seconda edizione de Il Mostro della Settimana, Trudvang Chronicles e quattro avventure di Shadow
il gioco pulp tarantiniano Violentina e Bluebeard’s of the Demon Lords, due per The Strange e due per
Bride, un gioco che prende spunto dall’omonima Numenera confermandosi uno degli editori più
favola, dalle forti componenti psicologiche. prolifici della fiera
Need Games continua a far parlare di sé portando L’avevamo già detto quando abbiamo parlato delle
in italiano l’attesissima quinta versione di Vampiri uscite di Lucca e lo diciamo di nuovo, con il rischio di
La Masquerade, oltre ad un’espansione per ogni sembrare ripetitivi, ma i giochi di ruolo continuano
linea al momento supportata, molti di quali non a fioccare e uscire, mostrando che il nostro mondo è
sono ancora stati annunciati. in continua espansione.
Anche la Raven non si smentisce e offre numerosi Come si può evincere dai titoli ci sono giochi per
titoli, oltre ad una nuova ristampa della 7th edizione tutti i gusti, molto diversi l’uno dall’altro e adatti alle
del Richiamo di Cthulhu: I MIti di Cthulhu, un esigenze di tutti i gruppi.
volume con le regole di D&D quinta edizione
Questo Play è fatto di grandi attese, molto hype e
per giocare nel mondo di Lovecraft, Household,
arrivi – come Vampiri o il nuovo Savage Worlds – ma
annunciato come “il gioco di ruolo più piccolo del
anche di grandi assenze – qualcuno ha detto Blades
mondo”, di produzione tutta italiana, Il Richiamo di
in the Dark? – ma ciò che conta davvero è quanto
Cthulhu Starter Set in italiano.
i singoli prodotti, nella loro interezza, portino il
Quando contattata, la Serpentarium ha scelto nostro hobby ad espandersi e a diventare sempre più
di mantenere un cauto riserbo sulle sue prossime inclusivo.
uscite, per ora avvolte nel mistero.
di Chiara Listo e
SpaceOrange42, fino ad un anno fa conosciuta Giuseppe Vitale
come GGStudio e in finale con ben due giochi per lo
scorso Gioco di Ruolo dell’Anno, annuncia numerosi
titoli tra cui l’attesissimo Savage Worlds Adventure
Edition, la versione italiana del nuovo SW, uno dei morgengabe
giochi che ha raccolto più fondi nella storia del È un’entità duale, costituita da due creature,
Morgen e Gabe, femmina e maschio, che
nostro hobby in una campagna di Crowdfunding. amano creare insieme e giocare con le
Al fianco di questo prodotto trovano spazio la nuova ambientazioni, gli uomini e gli dei.
espansione di Cabal, Maestri Sublimi e il Companion Scopri i loro articoli, approfondimenti e mondi di loro
di Be-Movie, e Pigsmoke, un pbta peculiarissimo creazione scansionando il QR Code in alto
ambientato in una scuola di magia.
Terra dei Giochi presenta ben tre ambientazioni
per Adventurers, il gioco di ruolo OSR di Umberto
Pignatelli: Campioni Olimpici, di Gilbert Gallo, Vampiri: Quickstart
ambientata in un mondo mitico, Dark Camelot, di Vampiri, uno dei giochi più attesi, ha già un
quickstart scaricabile.
Pignatelli stesso, ambientato nell’oscura corte di
Scansiona il QR Code a lato per scaricarlo.
Re Artù e Vigilantes, un’ambientazione anni ’20 di
Bottari.
Tin Hat Games annuncia #UH Profiles una raccolta
di profili di personaggi importanti di Urban Heroes
FATE PDF
in stile FBI e Xenoscape, un gioco post sci-fi di cui Il gioco più noto della Dreamlord Press è
ancora non sappiamo molto. scaricabile gratuitamente dal sito dell’editore
in formato PDF.
The World Anvil presenta Rinascita, un gioco in
Scansiona il QR Code in alto per accedere al sito.
collaborazione con Blackbox Games, un setting
inedito ispirato al famoso Evolution Pulse, che
7
Il Progetto

GdR al Buio
Facciamo un po’ di luce

M
odena Play 2019 sta ospitando proprio giocheranno, come in un appuntamento al buio,
in queste ore GDR al Buio, in un grande ma con i GDR. Il Giocatore non deve preparare, né
evento di gioco di ruolo: PLAY al Buio. Per portare con sé nulla se non la sana voglia di divertirsi
chi non sapesse di cosa si tratta ci sono qui e di essere disposto a scoprire qualcosa di nuovo. Ad
io, appositamente reclutata per rischiarare le vostre un GDR al Buio troverete dei Master con dei giochi
menti quanto basta per accendere la vostra curiosità. e delle avventure pronte, dei personaggi pregenerati
(se servono), le regole del gioco vi verranno spiegate
Come un appuntamento al buio mano mano che le incontrerete. Giocherete una one-
GDR al Buio è un’iniziativa di gioco di ruolo shot di un’ampiezza tale da permettervi di esplorare
organizzato partorita dalla mente di Daniele cosa il gioco possa offrirvi e capire se fa per voi o
Fusetto nel Settembre 2016, tra le nebbie di Pavia. meno.
Per spiegarvi di cosa si tratta sfrutterò un simpatico
aneddoto: In occasione del Lucca Comics & Games Come Nasce e Perché
2017, Daniele si trovò a chiacchierare con John L’idea originaria, come accennato, è di Daniele che,
Wick, autore di 7th Sea, nella conversazione saltò in quel lontano 2016, alle prese con i Play Test de
fuori un “Blind GDR” al quale, Daniele, si disse Le Notti di Nibiru, si trovò a fare i conti con la dura
desideroso di portare il gioco di John. Inutile dire realtà che fin troppi giocatori di ruolo affrontano:
che John non aveva neanche lontanamente idea di creare e mantenere il tavolo da gioco. Quante volte
che cosa fosse questo “Blind GDR” quindi gli chiese le serate di gioco saltano perché:
qualche dettaglio in più per raccapezzarsi e Daniele
se ne uscì con questa efficacissima immagine: “It’s • “Sono stato trattenuto in ufficio, mi spiace ragazzi,
Like a Blind Date, without Candles and Roses, but non ce la faccio stasera”
With RPG Games”. Credo che questa sia, ad oggi, • “Ho un esame la settimana prossima e sono non
la più incisiva delle spiegazioni possibili, ancora indietro, di più! Giocate senza di me, ci vediamo
imbattuta, perché In effetti è proprio così: GDR al appena la sessione finisce”
Buio è un evento di gioco a cadenza regolare in cui • “Scusate, ragazzi, mia figlia ha la febbre, non
giocatori di ruolo di ogni genere e tipo si presentano posso proprio venire stasera..”
al luogo e al momento concordato per sedersi ad un
E quante altre volte il gioco non parte nemmeno
tavolo e ...giocare! Senza sapere a cosa o con chi
semplicemente perché non sembra essere nelle corde
8
del gruppo e non gli viene data a priori la possibilità ha avuto, di cui parleremo nel paragrafo successivo,
di essere giocato... ma soprattutto per alcuni altri numeri veramente
Così, con una pila enorme di manuali acquistati interessanti che ci dicono quanto sta impattando e
alle varie fiere, letti, e mai giocati e tantissima quanto positivamente.
voglia di provarli tutti, Daniele ed Edoardo Da conteggi parziali della Stagione 2018/2019
Cremaschi (Coordinatore o, come preferisce lui attualmente in corso, con dati aggiornati a Febbraio
Chief of Annoying Operation) si armarono di buona 2019, si stimano più di 1000 partecipanti su 220
volontà e diedero vita alla prima stagione di GdR diversi tavoli da gioco sparsi per l’Italia, presso i
al Buio, presso la fumetteria SuperGulp di Pavia. quali per circa 500 volte i nostri giocatori hanno
Al Primo Gdr al Buio c’erano Daniele, Edoardo provato un gioco completamente nuovo. Tra tutti i
e… nessun’altro! Con il tempo, invece, la formula partecipanti, 400 sono New Entry al Gdr al Buio e
riscosse un discreto successo, tale da superare tutte -tra tutti il numero più importante- poco più di 50,
le loro preliminari previsioni. sono proprio nuovi Giocatori di Ruolo. Questo è
I motivi per cui crediamo che abbia ottenuto tutto senz’altro il numero di cui siamo maggiormente fieri
questo favore di pubblico, diciamo i suoi punti e lo siamo perché crediamo fermamente che la realtà
forti sono: non richiede preparazione precedente del buio possa costituire una buona accoglienza
da parte del giocatore, non costituisce un impegno per i neofiti, offrendo loro un ambiente piacevole e
fisso a cui il giocatore non può mancare per poter disteso in cui, semplicemente, giocare e imparare a
continuare a frequentarlo, permette al giocatore giocare senza alcuna pretesa
di entrare in contatto con altri di, per così dire, expertise.
giocatori e ultimo, ma non L’ambiente che si crea
meno importante, da modo attorno al nuovo giocatore
di provare un sacco, ma impatta in maniera
veramente un sacco di giochi importante nel lascito
nuovi (giusto per darvi il polso dell’esperienza, al punto
di quanti: nella prima Season tale -azzardo a sostenere-
di Gdr al Buio, limitata da poter diventare la
quindi alla sola città di discriminante tra un
Pavia, sono stati giocati 26 giocatore che giocherà
titoli diversi, in un’ampissima di nuovo e uno che non lo
gamma che va da D&D farà più.
5e a titoli come Everyone
is John, passando per Lady Blackbird). Gdr al Buio oggi, dove e con chi
Non abbiamo la pretesa, ovviamente, che quella Gdr al Buio oggi è un marchio registrato Ⓡ di
che noi proponiamo sia una verità rivelata scolpita proprietà della Bright Society - composta da
nella pietra né lo spirito “giusto” o che “..debba Daniele Fusetto, Edoardo Cremaschi, Chiara Listo
animare tutti i giocatori di ruolo”, esistono giocatori e Giuseppe Vitale- che ne costituisce la direzione
abitudinari che preferiscono restare con il loro Nazionale. L’iniziativa conta 19 rassegne fisiche in
gruppo ormai formato e giocare ai loro giochi preferiti tutt’Italia e la definiamo Glocal nel senso più vero
ed è una soluzione altrettanto valida, che per altro e puro del termine: è pensata per poter esportare lo
anche alcuni di noi praticano settimanalmente; Gdr stesso format e lo stesso regolamento alla specifica
al Buio si propone di andare incontro alle necessità realtà che desidera attivarsi per avere una sua
di chi un gruppo fisso magari non ce l’ha o non propria rassegna, talvolta appoggiandosi su attività
avrebbe la possibilità di mantenerlo, o ancora, ce commerciali in ambito ludico, talaltra coinvolgendo
l’ha ma vorrebbe provare anche qualcosa di nuovo attivamente associazioni ludiche del territorio
e diverso. e laddove disponibile anche l’amministrazione
comunale. La linfa vitale del Gdr al Buio sono i
Qualche Numero “Illuminante” singoli gruppi che decidono di prendervi parte e
Se siamo (mi permetto questa prima persona di organizzare l’evento propriamente “in casa loro”
plurale per l’occasionale supporto che ho fornito parlando alla comunità di giocatori che li circonda
in rari momenti di necessità) così fieri di questa con un progetto che è al contempo definito da una
iniziativa non è solo per la grande diffusione che
9
visione comune e malleabile per le esigenze di ogni Se invece tutte queste città sono troppo lontane da
singola rassegna. Qui di seguito, miei intrepidi te, non disperare. Gdr al Buio è anche online! grazie
giocatori, trovate una lista, rigorosamente in ordine a Loris Salmare e a Racconti di GDR, l’evento
alfabetico, delle città in cui potete trovarci, della si tiene mensilmente, con le medesime specifiche
location dove l’evento si tiene e soprattutto grazie delle rassegne fisiche e i nostri master e facilitatori
a chi, in modo tale che, se interessati, possiate vi aspettano su Discord. Ora non avere più scuse…
raggiungere la più vicina a voi e ...provare! Sul blog di Storie di Ruolo, trovate tutte le
informazioni relative alle singole rassegne e i
• Ancona: grazie a GdR Addicted, Presso il rispettivi regolamenti.
Circolo Ludico e Culturale Lovecraft
• Andria: grazie all’associazione Covo della We Wanted You
Fenice, Presso la sede associativa Se questo articolo vi ha convinto tanto da interessarvi
non solo a provare, ma magari a voler organizzare
• Arezzo: grazie all’ Arezzo Gaming Club, Presso
GdR al Buio nella tua città, potete contattare uno
la sede associativa
dei membri della Bright Society e discutere con loro,
• Bari: grazie all’associazione Finibus prima di tuffarvi però nella grande avventura a
Terrae, Presso la sede associativa spron battuto, lascio qui qualche piccolo consiglio:
Bergamo: grazie a Laiv.it, Presso Gioc’Onda in primo luogo domandatevi se siete almeno in
Bologna: grazie a MorgenGabe, Presso il 3-4 persone ad occuparsene, Gdr al Buio è una
Residence “WE_Bologna” realtà bellissima, ma richiede costanza e impegno e
• Cormano: grazie a Adunanza Ludica, Presso soprattutto richiede di presentare una grande varietà
L’IdraGames di giochi che gli organizzatori dovranno prepararsi
e conoscere per poterli sottoporre ai loro giocatori;
• Genova: grazie a Daniele Sanna & Riccardo secondariamente se avete una sede che possa essere
(L’Avventuriero Precario), presso il Dado adatta ad ospitare la rassegna, in questo possiamo
Errante esservi d’aiuto offrendo referenze da parte di
• Lodi: grazie a Piercarlo Serena, presso l’Oratorio esercizi che già lo ospitano, per rassicurare il vostro
di Sant’Alberto candidato su chi siamo e cosa facciamo. Se avete già
una risposta a queste domande, cosa aspettate?
• Macerata: grazie a Marco Cingolani,
presso il Palazzo Comunale di Montecosaro
Milano: grazie a Master Inc., presso La Forgia di Vanessa Colciago
degli Eroi
• Modugno: grazie a Legione Ludica, presso la
Fumetteria Smallville Storie di Ruolo
• Morbegno: grazie a Morbo Ludens, presso la Blog dedicato ai gochi di ruolo, di storie e alle
narrazioni
sede associativa
• Palermo: grazie a Dario D’Arpa, presso lo Scansiona il QR Code in alto per accedere al sito.
Steampub
• Pavia: grazie a Storie di Ruolo, presso la
fumetteria SuperGulp e il Valhalla Pub
• Rolo: grazie a La Contea, presso il Centro Jolly
Roma: grazie a Il Salotto di Giano, presso la
sede associativa
• Torino: grazie a Master Senza Frontiere,
presso il Circolo ARCI La Cadrega
Trieste: grazie a La Costola dei Barbari, presso
Associazione Franco Basaglia
(Dati aggiornati a Febbraio 2019)

10
L'Approfondimento

analogici vs Digitali
Due Tipologie a confronto

N
egli ultimi anni sono state avanzate molte 15 per riuscirci e sa che ogni valore sopra quindici
classificazioni per il gioco di ruolo, alcune implica per lui un successo altrettanto efficace,
più riuscite altre più deboli. Molte di queste così come scendere sotto la soglia indica un colpo
sono tipicamente per gli addetti ai lavori, alla andato a vuoto e la conseguente possibilità della
stessa maniera di come al naturalista e al genetista bestia ancora in vita di contrattaccare. Questo rende
serva classificare le forme di vita. molto preciso ed efficace l’azione, dando al giocatore
In questo articolo cercherò di esporne una mia immediatamente la comprensione intuitiva delle sue
personale, con l’unica pretesa di rendere l’utente probabilità di successo.
più consapevole sui giochi da lui preferiti e aiutarlo Analogamente il contadino del vecchio west che sta
a scegliere eventuali nuovi titoli vicini alle sue discutendo con il suo vicino di proprietà sa che può
preferenze. usare il tratto “Sono sempre ascoltato quando parlo”
e lanciare il suo dado a otto facce per parlare e udire
Un modo che molti regolamenti usano per dirimere le proprie ragioni mentre l’altro sa che probabilmente
le questioni interne al gioco, tra i personaggi e l’unica sua strada per avere successo nel litigio e
tra questi ultimi e il mondo di gioco è quello di togliersi dall’impiccio di chi debba costruire le
usare un sistema randomico che simuli il caso e fosse di confine tra i campi sia usare il tratto “Porto
l’imprevedibile. Strumento tipico di questa esigenza sempre con me il mio winchester” e lanciare il suo
è il dado, di svariate facce e dimensioni. Altri dado a dieci facce, facendo probabilmente terminare
strumenti usati come un dado ma di forma diversa la trattativa all’istante ma inasprendo ulteriormente
possono essere di volta in volta le carte da gioco, la i rapporti con il prepotente vicino. Anche questa
morra italiana e altre cose simili. attribuzione numerica rende immediatamente
Quando si usa uno strumento di questo genere, dove il evidente che il primo contadino abbia una buona
risultato numerico è importante ai fini di determinare parlantina, cosa che il secondo non ha e che fa
il successo o meno di un’azione del personaggio o quindi parlare per lui la bocca del suo fucile. Niente
del giocatore sul mondo di gioco, implicitamente è ancora deciso finché i dadi non verranno tirati
viene definita una scala di granularità della fiction ma quando lo saranno, un semplice confronto tra
narrata. Il mio personaggio guerriero, ad esempio, numeri decreterà il personaggio del giocatore che si
che deve lanciare un dado a venti facce per capire se aggiudica questa piccola disfida.
riuscirà a colpire il drago, sa che dovrà fare almeno

11
Esistono tuttavia altri giochi dove l’utilizzo di sistemi fede e avere salva la vita o se mantenersi fedeli a
randomici non esiste o è ridotto ai minimi termini quella che viene considerata eresia e bruciare sul
per alcune particolari situazioni. In alcuni giochi rogo per essa.
di quest’ultimo tipo, ad esempio, si interpretano
cavalieri ai confini del mondo e vengono narrate Queste due categorie di giochi li definisco
storie epiche di eroismo e decadenza di questi rispettivamente giochi digitali e giochi analogici.
particolari personaggi, il cui regno avvolto nei Nei primi esiste una scala precisa di valori
ghiacci sta pian piano degenerando insieme alle loro che discretizzano le possibilità dei personaggi,
coscienze. Il dialogo al tavolo fluisce in un modo rendendo la realtà immaginata al tavolo granulare,
molto particolare e viene narrata la storia usando guadagnando in precisione su molti aspetti. Nei
un meccanismo di parole rituali che si passano secondi invece la gamma delle possibilità è continua
da giocatore a giocatore e che introducono la vera e non si hanno scalini nelle varie conoscenze, abilità
e propria narrazione. Sembra quasi una partita di o quant’altro del personaggio e nelle avversità del
tennis dove esistono racchette diverse per reagire a mondo. Si guadagna in possibilità e in libertà di
colpi diversi che il giocatore narrazione, perdendo talvolta
può cambiare e dove, alla il senso di sfida e la precisione.
fine, ognuno dei giocatori può
decidere, di volta in volta, se Questa ulteriore
continuare a contrattaccare categorizzazione di cui,
verbalmente, aggiungendo probabilmente, non sentivate
parti di storia e condizioni il bisogno, ha almeno la pretesa
via via più spiacevoli per di non poter essere assimilata
entrambi i personaggi oppure nelle altre più classiche, non
abbandonare accettando del tutto almeno. Una delle
quanto sia stato narrato fino classificazioni rimaste più
ad ora. in voga negli ultimi anni è
In un altro gioco invece i quella che riguarda gli intenti
personaggi si trovano ad dei giocatori al tavolo e che
immedesimarsi nell’atmosfera possiamo spesso trovare
di un paesino arroccato nei anche nei regolamenti che
pirenei nel tredicesimo secolo ne spingano uno di questi
mentre sono assediati dagli rispetto agli altri. Tali intenti,
eserciti crociati a causa delle suddivisi in macrocategorie,
accuse a loro carico di eresia. sono tre:
In questo tipo di gioco il giocatore ha delle carte Narrativism: Story Now : “Il Narrativismo si esprime
spunto e un personaggio le cui relazioni con il resto tramite la creazione, attraverso il role-playing, di
dei personaggi è intessuto in maniera magistrale dal una storia con un tema riconoscibile. I personaggi
gioco. Quando è il suo turno può introdurre una sono Protagonisti, nel senso letterario del termine,
scena prendendo spunto dalla carta, chiamando e i giocatori sono spesso considerati co-autori. Gli
in causa altri personaggi a sua scelta e scegliendo Elementi dell’Esplorazione forniscono il materiale
un luogo di questo particolare paesino dove si per i conflitti narrativi (ancora, nel senso dato a
svolgeranno le vicende. Al contrario del precedente queste parole dall’analisi letteraria).” (Edwards,
qui non si decreta un vincitore, lo scopo è quasi del 2001)
tutto registico di impostare una scena importante e Gamism: Step on Up : “Il Gamismo può essere
appassionante e poi farci vivere dentro i personaggi. espresso come competizione fra i partecipanti (le
Solo alla fine del gioco i crociati riescono a sfondare persone reali); include condizioni di vittoria e di
le difese della rocca e a catturare tutti i presenti sconfitta per i personaggi, sia a breve che a lungo
tranne uno. Ogni giocatore avrà quindi il compito termine, che si riflettono sulle strategie di gioco dei
di scegliere se riuscire a fuggire dai sotterranei, giocatori. Gli Elementi dell’Esplorazione forniscono
condannando tutti gli altri, se abiurare la propria
12
un’arena per la competizione.” (Edwards, 2001) appartenenti da una setta religiosa non di molto
Simulationism: The Right to Dream : “Dedizione dissimile ai mormoni che nell’america del vecchio
agli eventi immaginati nel gioco, specificatamente west si occupano di portare la posta da un paese
alle loro cause nella fiction e ai loro elementi tematici all’altro e dirimere le questioni di giustizia dei posti
prestabiliti.” (Edwards, 2004) che vanno a visitare. Il gioco aiuta tipicamente un
intento di tipo Story Now ma è chiaramente un gioco
La classificazione duale “giochi digitali/giochi digitale perché i dadi sono molto usati e il numero
analogici” è ortogonale a questa categorizzazione e fa da padrone poiché la meccanica ricorda in parte
i rapporti che ha con i tre gruppi è ben esplicato nel l’adrenalinica modalità dei rilanci del poker.
seguente diagramma: Polaris un gioco meraviglioso dove i cavalieri di
ghiaccio lottano al polo nord contro l’avanzata
Digitali del giorno e del calore e contemporaneamente dei
demoni che tentano di corrompere la loro integrità.
Il gioco ha anch’esso un binario indirizzato verso
l’intento Story Now ma non fa praticamente mai
Step utilizzo dei dadi (solo in una particolarissima
meccanica si fa uso di un dado a sei facce) ma usa un
On Up sistema di codifica della battaglia dialettica molto
Right efficace. Il gioco è quindi praticamente del tutto
To Dream analogico, anzi direi fieramente analogico.
Montsegur 1244 in questo gioco dal design quasi
perfetto i personaggi sono gli eretici dell’omonima
Story cittadina sui pirenei, assediati per due anni
Now dall’esercito crociato. Anche qua non si fa uso di
nessun tipo di dado, il gioco è orientato allo Story
Now ed è puramente analogico.
Analogici
Questa ulteriore classificazione quindi non è
sicuramente priva di difetti ma solamente una
riflessione ragionata di un’ulteriore caratteristica
rispetto alla quale si può parlare di regolamenti di
giochi di ruolo. Sarei molto felice di conoscere le
impressioni di chi leggerà questo articolo e di averne
Quindi, quasi tutti i giochi “Step On Up” sono giochi conferme o di arrivare a conoscere giochi che siano
digitali mentre le altre due categorie appartengono impossibili da classificare in questo modo.
ad entrambi questi insiemi e probabilmente hanno di Giacomo Bellucci
giochi che sfuggono a questa ulteriore dualità. I
giochi che ho presentato negli esempi all’inizio Riflessioni Appassionate
Pensieri e Teorie per giocare col cuore.
dell’articolo sono rispettivamente :
A cura di Claudia Cangini e Michele Gelli.
Dungeons & Dragons un gioco, anzi il gioco per Scansiona o Clicca sul codice QR al lato per
eccellenza, di esplorazione di sotterranei e mondi scaricare il Volume.
fantasy alla ricerca di fama, tesori e misteri. Il gioco
è prettamente digitale e fa molto uso del numero in SPUNTI E LINK UTILI
Quanto letto ed elaborato in questo articolo è frutto di
ogni sua forma e mette al primo piano negli intenti un’elaborazione del tutto personale di alcune risorse
dei giocatori quello di vincere una sfida contro il reperite in rete:
mondo e contro gli altri giocatori. • Teoria del Gioco di Ruolo
• Il Big Model
Cani nella Vigna una pietra miliare nella storia
del gioco di ruolo. I personaggi sono dei ragazzini • Teoria GNS

13
L'Intervista

Come Nascono le Colonne


Sonore di un GdR
Intervista ad Antonio Affrunti

C
iao Antonio, presentati e parlaci un attimo GDR con le quali collaborare artisticamente è
di te! Cosa ti ha portato ad avvicinarti, in particolarmente stimolante e entusiasmante.
qualità di compositore al mondo del GDR? Lasciami innanzitutto dire che la Sonor Village oltre
Tu giochi di ruolo? a me, che compongo e supervisiono tutti i lavori, è
Ciao a tutti, sono Antonio Affrunti, ho 48 anni e, formata da Daniele Siscaro che compone e mi aiuta
oltre all’ attività di musicista e insegnante di musica, nelle relazioni con le case editrici e Gianluca Siscaro
sono il direttore della Sonor Village, team che si nello studio del quale produciamo e realizziamo
occupa di sonorizzazioni e colonne sonore. tutti i nostri lavori.
L’attività della Sonor Village è nata da un mio
progetto di abbinare una colonna sonora oltre che ai Lo scopo è quello di creare colonne sonore adatte
media classici: film, corti , animazione e videogiochi, a ogni genere di situazione giocabile? Parlaci di
anche a quei prodotti che normalmente non la come le hai sviluppate!
integrano come i libri, i fumetti o, in questo caso. i Assolutamente si! Noi sviluppiamo sonorizzazioni
giochi da tavolo e di Ruolo. che si integrano perfettamente con i diversi
Ovviamente fin da ragazzo sono stato un grande momenti/scene del gioco. Ad esempio se nel gioco
frequentatore di tutte queste realtà, dai fumetti c’è una situazione di paura/pericolo noi scriviamo
al cinema, dai primi cartoni animati giapponesi un brano adatto ad enfatizzare quall’atmosfera, così
ai videogiochi , passando con curiosità anche come scriviamo un brano che “inciti ed infiammi” il
attraverso i giochi di ruolo e da tavolo classici come giocatore in un momento di battaglia.
D&D e Cluedo, tanto per citarne due. Normalmente prima di sviluppare una colonna
Quindi non ho fatto altro che cercare di unire il mio sonora di qualsiasi prodotto, parliamo a lungo con
amore per la musica con l’interesse per tutte queste editori ed autori cercando di comprendere dalle loro
altre realtà. parole l’atmosfera generale del gioco e di come esso si
Negli ultimi anni proprio il mondo dei GDR ha sviluppa nelle varie fasi. Ascoltiamo le loro richieste e
destato la mia curiosità ed ho scoperto una realtà poi leggiamo il manuale. A quel punto cominciamo a
veramente notevole fatta di prodotti che per qualità scrivere sviluppando dei provini che sottoponiamo al
di progettazione e realizzazione niente hanno vaglio delle persone coinvolte ed una volta approvati
da invidiare ad altri media come ad esempio i portiamo il lavoro a rifinitura finale (missaggio
videogiochi. E soprattutto sto scoprendo delle e mastering). Tecnicamente sviluppiamo tutto
persone fantastiche che operano nel mondo dei mediante dei software di composizione musicale e
14
mescoliamo strumenti virtuali a strumenti reali in scene diverse. Pensi che la musica di sottofondo sia
modo da avere il massimo della qualità (cosa alla un elemento importante nell’ambito di una partita
quale tengo particolarmente). a un GDR?
Io credo che la giusta sonorizzazione possa dare al
Le tue fonti di ispirazione? Cosa ti hanno gioco una marcia in più, accorciando le distanze
comunicato questi giochi, vogliamo conoscere il da altri prodotti di intrattenimento basati sulla
tuo processo creativo. multimedialità (come i videogiochi).
Per poter scrivere colonne sonore che possano La musica è un mezzo espressivo davvero potente e
abbracciare diversi stili (dall’Horror al Fantasy, la colonna sonora rende l’esperienza di gioco ancora
dall’Action alla Sci-fi) devi veramente nutrirti di più vivida ed emozionante acuendo i sentimenti
tanta musica di ogni genere e provenienza senza provati nelle varie fasi.
avere dei limiti, poiché ogni genere può essere utile Immagina quanto è importante la colonna sonora
nella composizione. Quindi non ascoltare solo le in un film. Indubbiamente senza di essa alcune
colonne sonore di film, anime e videogiochi emozioni si perderebbero. Beh, Io penso che anche
vari che comunque rappresentano sempre per un gioco la colonna sonora possa rivestire lo
un punto di riferimento. Poi devi essere stesso ruolo.
bravo nel calarti bene nell’atmosfera
di gioco, in qualche modo direi che Come sono state accolte dal pubblico le tue opere
devi essere “empatico” rispetto al per questi Giochi di Ruolo e come ti sei trovato con
gioco stesso, e nel creare veramente le due case editrici coinvolte?
un mondo sonoro originale che lo
identifichi al primo ascolto. Da quello che gli editori e gli autori
Per esempio per “Le notti di NIbiru” mi dicono, ed anche da alcuni
leggere il manuale è stato una commenti di giocatori nei forum
grande fonte di ispirazione. dedicati, direi che le colonne
Le immagini ad esempio sonore sono state accolte molto
erano particolarmente bene.
evocative e da subito mi Durante lo sviluppo delle
hanno suggerito alcune idee sonorizzazioni sono stati
per sonorizzare il gioco, fatti dei test dalle case editrici
mescolando suoni sci-fy e con i nostri provini per
fantasy a melodie evocative. testarne l’efficacia ed i risultati
In “Augusta Universalis” sono stati assolutamente
abbiamo mescolato sonorità positivi.
anche qui vagamente sci-fy/fantasy Come ti accennavo prima, collaborare
con voci e canti in latino per dare l’idea della con la Acchiappasogni di Luca de Marini
“Roma antica” inverata nel futuro. e la MInos Game di Davide Franceschi è stata una
Per “Rockopolis”, gioco basato sulla vita di una bellissima esperienza sotto tutti i punti di vista :
rock band, è stato più facile visto che si gioca in umano e professionale.
un ambiente che come musicisti abbiamo vissuto e Editori ed autori sono veramente persone fuori dal
viviamo tutti i giorni. Quindi abbiamo mescolato comune e collaborare con loro ci ha permesso di
del sano rock di vario tipo (largo spazio a chitarre, imparare molto sul mondo dei GDR, e di questo
bassi e batterie) con atmosfere dark e dissonanti gliene sono grato.
ogni qual volta entravano in gioco le muse (non dico D’altronde eravamo ogni volta spinti da un grande
altro per non spoilerare). entusiasmo che ci trasmettevamo a vicenda.
Poi la creatività ed il mestiere fanno il resto dando Personalmente mi piace collaborare con altre
vita musicalmente al suono che da subito abbiamo persone anche quando si può essere in disaccordo su
immaginato. alcune scelte perché ritengo che alla fine l’obbiettivo
di tutti sia di avere il prodotto migliore possibile,
Un Gioco di Ruolo è come un grande film o un impiegando tutte le energie a disposizione. E quando
lungo romanzo, ricco di suspance, “puntate” e questo accade il risultato è sempre degno di nota.
15
Augusta Universalis, Le notti di Nibiru e Rockopolis Provate i suddetti giochi e ne avrete una prova!
sono ognuno a loro modo dei GDR bellissimi. Devo poi assolutamente ringraziare te e GDR Time
Devo dire inoltre che pubblicizzare la colonna sonora per l’intervista e la cortese attenzione che ci avete
ha dato ad alcuni di questi giochi una bella “mano” riservato.
durante il finanziamento tramite Kickstarter. Ringrazio di nuovo tutti gli autori e gli editori di
Acchiappasogni e Minos Game perchè se siamo
Progetti per il futuro? Quali altri giochi di ruolo qui è sopratutto grazie a loro che per primi hanno
“sonorizzerai”, insieme al Team di Sonor Village? creduto nel nostro progetto.
Nel nostro futuro prossimo ci sono già nuovi Ed infine ringrazio i miei soci della Sonor Village
progetti importanti nel campo dei GDR che stanno che considero come fratelli e con i quali stiamo
per partire con nuove case editrici. facendo grandi cose.
Non posso spoilerare nulla, ma non vediamo l’ora di
iniziare a lavorarci!
Nel frattempo oltre a portare a termine altre colonne
sonore per altre realtà, ci stiamo impegnando per far di Luana De Vitis
conoscere il nostro lavoro e la nostra realtà tramite
anche dei video promozionali che stiamo divulgando Youtube Sonor Village
su vari forum e gruppi Facebook. Scansiona o clicca sul Codice QR per accedere
al nostro canale Youtube e vedere il video
Se c’è qualche parola o considerazione finale con cui promozionale per le colonne sonore dei GdR.
vorresti chiudere questo incontro, dimmi pure!
Per quanto mi riguarda, non vedo l’ora di ascoltare Sonor Village
qualche tuo nuovo lavoro e nel frattempo consiglio Via Aurelio Cotta 36 00175 Roma RM
a tutti di immergervi nelle meravigliose atmosfere Direttore Antonio Affrunti
tel. 3383366374
dei Giochi di Ruolo sonorizzati da Antonio e Sonor Daniele Siscaro
Village! tel.3925502514
e-mail: sonorvillage@gmail.com
Voglio solo dire in chiusura che credo fortemente
facebook: https://www.facebook.com/sonorvillage
nell’enorme potenzialità di abbinare musica ad hoc soundcloud: https://www.soundcloud.com/sonor-village
ad un GDR.
16
Finalmente i giochi trovano casa

Vorresti trovare altre persone con cui


fare giochi di ruolo
o da tavolo?
Airgdr.it viene in tuo soccorso!
Visita il sito e unisciti alla
community di giocatori di tutta Italia!

https://airgdr.it
info@airgdr.it
https://www.facebook.com/airgdr
https://www.instagram.com/airgdr
17
Lo Speciale

Original Dungeons & Dragons


Eresia contro-culturale

q
uesto breve articolo prenderà in esame wargamer riuscirono ad inventare il gioco di ruolo
alcuni caratteri del gioco di ruolo delle per come lo intendiamo, la risposta potrebbe essere
origini, sia chiaro che non si intende anche semplicistica, come ad esempio “OD&D
imporre una verità, ma solo offrire uno veniva giocato come uno wargame, il vero gioco
spunto di ragionamento L’eventuale tono perentorio di ruolo è venuto in seguito”. Questa frase, che mi
è dovuto alla costruzione di una tesi che abbisogna è capitato di sentir formulare nell’ambiente dei
necessariamente di punti chiave forti per potersi giocatori di ruolo italiani, è in mia opinione vera per
formulare. metà. Sì, OD&D veniva giocato come uno wargame,
C’è un grande fraintendimento che sta alla base con la sola differenza, sostanziale e decisiva, che
di tutto il discorso volto a definire e a catalogare i ogni singola persona era chiamata ad interpretare
giochi, forse dovuto alla lontananza temporale, che un singolo personaggio (concezione non inaudita,
distorce le finalità e i comportamenti spontanei, ma molto rara nel wargame, presente nel Kriegsspiel
non scritti, che ci si aspettava tenessero i fruitori prussiano per scopi squisitamente pratici e tecnici,
di determinati prodotti in determinate epoche. Mi e nel Braunstein napoleonico, che può dirsi de facto
riferisco alla prima edizione di Dungeons & Dragons, un gioco di ruolo ante litteram). Ma no, il vero gioco
il primo gioco di ruolo, scritto da G. Gygax e D. di ruolo non nasce in un secondo tempo, e questo
Arneson ed edito nel 1974 da TSR. Gioco costruito lo dichiaro senza timore, senza che ciò degeneri in
per addizione, a volte scomposta, come una grande una dissertazione sterile sulla sua primogenitura,
opera architettonica priva di un progetto preciso, ma fatto che non ci interessa trattare in questa sede,
costruita giorno per giorno secondo estro, finendo né possibile da trattare senza prima dare una
per presentarsi in modo magnifico, ma confuso, con definizione chiara, univoca e riconosciuta di “gioco
molte diramazioni, divagazioni e tratti peculiari di ruolo”, cosa che, per quanto mi risulta, nessuno
presenti esclusivamente in alcuni settore specifici, ha ancora fatto sul piano internazionale e con reale
non formalizzati nell’amalgama generale. autorità.

Se Original Dungeons & Dragons (da ora in poi La vera domanda che dovremmo porci, però, è:
OD&D) non fu un prodotto armonico, fu senza quali erano le finalità e quale era lo spirito del
dubbio un prodotto rivoluzionario, testimone di ciò wargame negli anni ’70? Se leggiamo un testo di
fu il suo successo. Se ci chiedessimo su quali basi due peso, come Setting up a Wargames Campaign di
Tony Bath, ci rendiamo conto che lo wargame
18
funzionava secondo quella che chiamerei “volontà trattava di un gioco diverso, con un target diverso,
di rappresentazione”, un’operazione che parte dal ma soprattutto un gioco fatto per razionalizzare
desiderio di rappresentare una battaglia e inizia l’eccesso di libertà, senza però questa libertà
a porsi domande su come sarebbe più plausibile umiliare. È interessante a tal proposito leggere cosa
ed interessante farlo (con ampie sfumature che scriveva Gygax sulla rivista The Dragon:
spostano il peso ora sul divertimento, come in Little
Wars di H.G. Wells, ora sulla simulazione, come nel “Because D&D allowed such freedom, because the
Kriegsspiel prussiano, per citare due vie primigenie). work itself said
Non per caso la medesima concezione sta alla base so, because the initial batch of DMs were so imaginative
del gioco di ruolo: la volontà di rappresentare un and creative,
mondo e i suoi personaggi, quindi l’applicazione o because the rules are incomplete, vague and often
l’invenzione di norme matematiche e aleatorie per ambiguous, D&D
gestirlo in modo plausibile e divertente. has turned into a non-game. That is, there is so much
Il wargame, che è pietra angolare dell’architettura variation between
che ha dato vita al concetto di gioco di ruolo, tanto the way the game is played from region to region, state
che la prima edizione di Dungeons & Dragons to state, area to
premette l’utilizzo e la conoscenza dello wargame area, and even from group to group within a
Chainmail, è per così dire “rientrato dalla finestra”, metropolitan district, there
sull’onda propulsiva dei giochi fantasy pen & paper, is no continuity and little agreement as to just what
proponendosi dapprima in modo tradizionale, the game is and how
e quindi spontaneo, fino alla concretizzazione, best to play it.”
nella seconda metà degli anni ’80, di una variante The Dragon, numero 26, giugno 1977.
agonistico-torneistica, con Warhammer Fantasy
Battle come capofila. Era la fine del metodo Una dichiarazione dura che intende far svoltare
propositivo, del materiale grezzo, era l’entrata il gioco verso un maggior controllo aziendale.
in scena di un condiviso set di regole e modi di Ricordiamo che OD&D si trattava di un gioco
intendere un prodotto che, dotato di marchio, doveva dove, per fare un esempio, oltre ad una serie di
essere obbligatoriamente riconoscibile. Questo razze giocabili proposte, veniva detto chiaramente
cambiamento non a caso investì una decina di anni che non vi era motivo per vietare un qualsiasi tipo
prima il mondo dei giochi di ruolo con l’uscita e la di personaggio, come un drago o un balrog, se un
diffusione di Advanced Dungeons & Dragons. Fu giocatore lo avesse richiesto!
un atto di normalizzazione, e quindi di controllo
aziendale, su un prodotto dapprima presentato “Conformity to a more rigid set of rules also provides
come una variegata scatola di attrezzi avente come a better
target gli appassionati di wargame e di storia platform from which to launch major tournaments
militare. Tutto ciò porterà poi anche al concetto di as well.
“miniatura ufficiale”, assente in precedenza, quando, […]
ancora con l’inizio della normalizzazione, nel TSR is now considering how best to establish
bagaglio culturale del giocatore c’era l’utilizzo libero an annual or semi-annual “Open” tournament for
e creativo di qualsiasi elemento tridimensionale, AD&D players to
non necessariamente pensato per wargamers, che il compete for enjoyment, considerable prize awards,
mercato proponesse (si pensi come esempio principe recognition, and a
la curiosa vicenda dei “chinasaurs” di Gygax, che chance to play in the “Masters” event.”
diedero vita ad alcuni dei mostri più iconici. The Dragon, numero 26, giugno 1977.
Paradossalmente nella seconda metà degli anni ’70,
con l’ondata normalizzatrice, abbiamo un panorama Ed è in questo passaggio che si evince la necessità
vitale, multiforme e libero, quello degli wargames, e da parte di TSR di acquisire un controllo sul
un AD&D che entrava a gamba tesa con un prodotto prodotto volto alla creazione di affezione al marchio
volto a creare una struttura standard. Se esiste una e possibilità di riunire i giocatori entro canoni fatti
certa continuità tra OD&D e AD&D, è anche vero calare dall’alto. Se OD&D nasce come un prodotto
che Gygax non solo dichiarò in modo netto che si radicale e rivoluzionario, che partendo dalle norme
19
di plausibilità e volontà di rappresentazione del contro-culturale. Il movimento OSR si è guadagnato
wargame, intende sovvertire uno dei capisaldi del un peso economico non risibile sul piano delle
gioco come concetto che veniva precedentemente vendite di prodotti, come si evince dall’articolo di
inteso, proponendo una struttura che arriva persino Maliszewski, Full Circle: A History of the Old School
a negare sé stessa (il non-game di cui parla Gygax) Revival, scritto nel 2009 e pubblicato su Escapist
per amore del libero gioco, con AD&D questo strada Magazine, e probabilmente oggi l’ambiente è persino
viene immediatamente chiusa per abbracciare più vitale rispetto ad un decennio fa. Ciò dimostra
elementi legati, sul piano del marketing, alla che l’idea originaria di intendere il gioco è ancora
fornitura di un prodotto riconoscibile e replicabile. viva e, mutando naturalmente sul solco della cultura
Questo tipo di controllo sul prodotto ebbe successo popolare, ripresenta sé stessa sotto altre forme, senza
già a quei tempi, ma soltanto con l’enorme diffusione mai essere spazzata via da logiche uniformanti.
di internet se ne raggiunse il vertice molti anni
di Moreno Pedrinzani
dopo, e mi riferisco al D&D Insider nell’era D&D
4° edizione, un supporto online che aggiornava il
regolamento come se si trattasse di un software
informatico, affiancato a D&D Encounters che SPUNTI E LINK UTILI
permetteva di vivere la medesima esperienza di gioco, Per una breve storia del fenomeno OSR:
Full Circle: A History of the Old School Revival
pastorizzata e confezionata, contemporaneamente
in diverse parti del mondo.L’ardita metafora col Per un’analisi degli aspetti etici e culturali di D&D:
The Paladin Ethic and the Spirit of Dungeoneering
cibo industriale vuol far riferimento a quella che il
sociologo George Ritzer ha utilizzato per definire gli Outdoor Survival:
• Un’ipotesi di sviluppo del primo setting di OD&D
elementi ottimizzati e standardizzati della società desunto dalla mappa di Outdoor Survival
dei consumi, la “mcdonaldizzazione”. • Qui invece è possibile trovare un rifacimento della
La risposta a questa pervasività del marketing mappa esagonata originale di Outdoor Survival
è quel movimento di resistenza chiamato OSR,
un tentativo ben riuscito di riappropriarsi
dell’esperienza di gioco, anch’esso veicolato
tramite internet, strumento chiave del controllo
globale, ma anche vasto ambiente nelle cui pieghe
si nascondono importanti esperienze di resistenza
20
21
l'Espansione

Cronache delle Guerre Eterne


I Mastini della Guerra

D
unqora - le Cronache delle guerre eterne è i Dragh vivono una seconda giovinezza fatta di
un mondo di Fate edizione Accelerata che vi battaglie e conquiste, come nella migliore delle
aprirà le porte del fantasy nella sua forma tradizioni marziali che ne hanno contraddistinto
più classica e avventurosa. la nascita.

Dunqora è una terra divisa da guerre secolari, che Essere un Mastino della Guerra equivale a far
bruciano i popoli e forgiano il cuore di eroi pronti a parte di una famiglia in cui ogni compagno di
battersi per la giustizia. Una landa fatta di antiche lotta ha lo stesso valore. Queste bande rientrano
civiltà, navi volanti e creature fantastiche quanto a pieno diritto nelle tante contraddizioni Dragh;
pericolose. Un luogo dove ogni cultura tenta di là dove schiavismo e oppressione sono elementi
primeggiare e muove battaglia nel tentativo di comuni nella cultura dei Reietti, il rispetto per i
affermarsi sulle altre. compagni d’armi supera il normale cameratismo
creando così legami di fedeltà e amicizia profondi,
Le Organizzazioni sono gruppi e clan del mondo nati da un giuramento più importante della vita
di Dunqora a cui i personaggi possono prendere del singolo.
parte, ricevendo in cambio privilegi e spesso anche
obblighi e dogmi da rispettare. Per i Dragh, l’abilità come soldato è la principale
fonte di rispetto e per questo diviene abbastanza
I Mastini della guerra sono una nuova facile per un appartenente a qualsiasi altra cultura
organizzazione inerente ai Reietti Dragh, una guadagnarsi un posto tra i Mastini e trovare così
cultura di feroci guerrieri uniti dal sangue e una nuova famiglia. Molti schiavi che hanno
dall’onore di tradizioni antiche, mutate da anni di dimostrato valore vengono spesso liberati dai
buio, esuli da una guerra civile che ha visto i Dragh propri padroni Dragh o, più giustamente, promossi
come gli sconfitti. a compagni di guerra. Allo stesso modo, molti esuli
e fuggitivi delle altre culture trovano rifugio nelle
Rinati dalle ceneri di antichi fasti e ricchezze, compagnie di guerra Dragh, e in una nuova vita
i Dragh si sono riorganizzati in clan di soldati che non fa domande sulle colpe passate.
e mercenari definiti Lame e, nel tempo, sono
divenuti i migliori Mastini della guerra di Se vuoi che il tuo personaggio appartenga a una
tutta Dunqora. Forti di una nuova alleanza compagnia di Mastini della guerra, devi inserire
con l’inarrestabile impero di Varystern, a oggi questa caratteristica in uno dei suoi aspetti. Questo
22
ti legherà a una banda mercenaria, con tutti i vantaggi e svantaggi annessi. Il modo migliore per farlo è creare
un aspetto che riguardi il tuo giuramento e il nome della tua compagnia di Mastini.

Come Mastino della guerra, hai accesso ai seguenti talenti:

Compagni d’armi: fai squadra con un piccolo gruppo di


Mastini a cui ti sei legato come fosse una famiglia. Anche
se fate parte di una compagnia più grande, sai
che loro hanno qualcosa di speciale e potrete
sempre contare gli uni sugli altri. Crea tre
aspetti che rappresentino
tre compagni
differenti,
questi devono
comprendere
un nome o
soprannome e
la caratteristica
principale del tuo
compagno, come: Geov
il maglio implacabile o Talissa la
viaggiatrice. Assegna a ognuno
dei tre compagni anche un
Talento che rappresenti una
sua conoscenza/abilità speciale.
Una volta per sessione, puoi
richiedere gratuitamente l’aiuto di
uno dei tuoi compagni ottenendo
un’invocazione gratuita sull’aspetto
che lo riguarda. Inoltre puoi spendere
1 punto fato per attivare, per te, l’effetto
di uno dei Talenti. Descrivi come
il tuo compagno interviene in
tuo aiuto.

Mercenario di lungo
corso: la tua compagnia
di Mastini è famosa
e temuta in tutta
Dunqora, crea
un aspetto che
rappresenti il nome e
la caratteristica saliente
del gruppo di cui fai parte.
Ricevi un’invocazione gratuita su
questo aspetto nel corso di ogni sessione,
inoltre, quando incontri un altro gruppo di mercenari
o soldati, puoi dichiarare che abbiano già avuto a Dunqora
Edito da: Dreamlord Press
che fare con voi in passato. Il GM creerà un aspetto
Autore/i: Alberto Tronchi e Daniel Comerci
a riguardo stabilendo che tipo di relazione vi unisce, Pubblicazione: 2018
positiva o negativa che sia. Ricevi un’invocazione Prezzo: 25,00€
gratuita sull’aspetto appena creato. Clicca sul QR Code o scansionalo per visitare il negozio
online di Terra dei Giochi e acquistare Dunqora.
23
La Recensione

Per chi regge la torcia


La rinascita degli Old School inizia da Torchbearer

S
critto da Thor Olavsrud e da Luke Crane, il sangue dalle tue ferite. Ma almeno è la tua vita.
papà di Burning Wheel e Mouseguard, E se sei fortunato, intelligente e testardo, potresti
nonché Mr Kickstarter, Torchbearer è un arrivare in alto. Ci sono un sacco di tesori perduti là
dungeon crawler che strizza l’occhio alle fuori, pronti a essere trovati. E la legge sui recuperi
prime edizioni di D&D, in particolare OD&D è misericordiosamente generosa: tu lo trovi, tu lo
e la famigerata Scatola Rossa, ma lo fa con una spendi, vendi o tieni.
propensione tutta moderna verso la caratterizzazione
dei personaggi e l’impianto narrativo. Innanzitutto, Quindi reietti come siete, non vi resta che partire
il pitch: all’avventura in cerca di tesori e riscatto, nella
speranza di diventare ricchi e così migliorare la
“Avventuriero” è una parola sporca. Sei una canaglia, vostra vita.
un criminale, un fannullone, un vagabondo, un
mercenario, un tagliagole. La gente rispettabile Tutto comincia in una taverna
appartiene alle gilde, alla Chiesa o è figlia della
Essendo un dungeon crawler, e per di più idealmente
nobiltà. O escludendo questo, sono sale della terra
vecchio stile, Torchbearer è basato sulle peripezie di
e lavorano i campi per tutti noi. Il tuo problema è
un gruppo di avventurieri nei dungeon del nostro
che non sei niente di tutto questo. Sei terzogenito o
mondo immaginario. Un mondo da esplorare e che
peggio. Non puoi far parte di una gilda, ha troppi
– da manuale – non è definito più di tanto, lasciando
apprendisti. Sicuro come la morte non fai parte della
al gruppo (ma più che altro al master) la libertà di
nobiltà, e se anche fosse, i tuoi fratelli e sorelle più
dargli forma, tenendo presente le poche indicazioni
grandi hanno spennato l’eredità di famiglia. I templi
riportate nel manuale. I vostri avventurieri, infatti,
ti prenderebbero, ma hanno così tanti accoliti…
si ritroveranno in una taverna, dove magari avranno
ti hanno dato gli strumenti e un simbolo sacro e ti
appreso di qualche impresa da portare a termine,
hanno mandato fuori dalla porta di nuovo: “Va’ e
magari recuperare un tesoro, o salvare qualche
predica la parola e trova qualcosa di interessante per
persona rapita e si ritroveranno subito catapultati
i Signori Immortali”. E se mai ti fosse balenata l’idea
nell’avventura.
romantica della vita dei campi, ripensaci. Finiresti
poco più che schiavo di un nobile benestante. Quindi, Troverete sì il capitolo dedicato ai mostri (Denizens),
non c’è niente per te se non andare per la tua strada. ma non ci sarà una parte dedicata all’ambientazione,
C’è una certa libertà in questo, ma è una vita dura. se non delle scarne descrizioni di pochi luoghi
I soldi sfilano dalle tue dita tanto facilmente quanto importanti. Il che rende la creazione da parte
24
creazione, vedrete emergere la sua personalità, la sua
storia, le sue abitudini.
Ogni aspetto del background che si viene a creare,
non è infatti fine a sé stesso, ma ha degli effetti
meccanici in gioco. Per esempio, definire dei
genitori, un mentore, uno o più amici, un nemico
e cosa questi fanno per vivere e dove vivono può
salvarvi la vita nella cosiddetta town fase, ovvero
il momento di pausa tra un’avventura e un’altra in
cui i giocatori si recano in città “per fare provviste”.
Tutto ciò che fate in città in questa fase comporta un
costo, che stabilirete con un tiro sulla caratteristica
“Risorse”. Ora il punto è questo: siete nello sperduto
villaggio che vi ha dato i natali e i vostri genitori
possono offrirvi riparo? La difficoltà al test finale
sarà diminuita di uno. Siete nell’affollata metropoli
e avete un amico che vi deve un favore? La difficoltà
sarà diminuita di uno, e via dicendo.
Ma un personaggio è definito anche da altri
aspetti, molto interessanti, che battono il martello
sull’incudine dell’interpretazione: Credo, Obiettivo
del master ancora più interessante, perché può e Istinto. Si tratta di tre descrittori che muovono le
sbizzarrirsi a dare vita al mondo che più preferisce, azioni del personaggio durante l’avventura. Il Credo
oppure usarne uno già esistente. è qualcosa in cui crede, una frase tipo “non farò
mai del male a chi non è in grado di difendersi”.
L’Obiettivo è strettamente legato alla sessione
Il Ruolo del Master
corrente e può essere cambiato di sessione in sessione;
Il ruolo del master è infatti quello tipico del master viene deciso solo dopo che il master ha delineato i
in un dungeon crawler: preparare il dungeon, presupposti della missione (Es.: “recupererò il calice
impostare i pericoli e mettere i giocatori in difficoltà. d’oro del re dei nani”). L’Istinto infine è qualcosa che
La differenza con i giochi vecchio stile è che il master il personaggio fa automaticamente in determinate
non può barare o piegare le regole a suo piacimento. situazioni: “quando percepisco il pericolo, estraggo
Deve seguire esattamente ciò che il regolamento gli la spada”. Questi tre aspetti sono molto interessanti,
impone, senza Regola 0 o Home rules di sorta. sia perché portarli in gioco fa guadagnare esperienza
a fine sessione, sia perché il master può battere su
I Personaggi quei tasti per mettere in crisi il personaggio, che ad
I personaggi sono i classici stereotipi fantasy un certo punto può anche arrivare a cambiare le sue
alla Tolkien: abbiamo l’Elfo Ranger, l’Halfling convinzioni.
Scassinatore, il Nano Avventuriero, e l’Umano
Guerriero, Mago o Chierico. Nuove classi (e razze Le Meccaniche: Test e Conflitti
relative) sono state introdotte con le espansioni Come ogni dungeon crawler che si rispetti, anche
successive e possono essere scaricate gratuitamente Torchbearer prevede il superamento di prove.
dal sito di Torchbearer, ma di base, quelle con cui Queste possono essere di due tipo: o tiro singolo su
iniziare almeno la prima avventura sono quelle abilità o caratteristica, o conflitto. Nel primo caso è
riportate sopra. possibile effettuare test indipendenti o contrapposti,
Ogni personaggio – differentemente da altri a seconda che l’ostacolo da superare sia passivo
giochi dello stesso genere – non è solo una lista di (una parete da scalare) o attivo (un orco che vuole
caratteristiche e abilità definite da un modificatore affettarvi con la sua ascia bipenne). Tutto quel che
da aggiungere al tiro di un dado: la scheda – che bisogna fare è raccogliere il numero di dadi indicato
riassume praticamente tutte le regole – racconta il accanto all’abilità o caratteristica (con l’aggiunta, se
personaggio in tutte le sue sfaccettature e già dalla possibile di eventuali bonus) e sperare di fare più
25
City of Forest
Una Mappa di
Luigi Briganti

successi di quelli richiesti dall’ostacolo. è un test contrapposto, per cui chi fa di più vince.
Il conflitto è invece la parte più interessante del gioco, Ovviamente questi tipi di azione sono liberamente
perché estremamente tattico. Comporta inoltre interpretabili: se in un conflitto di tipo “Kill”
che il gruppo sia unito e cooperi per la migliore Attacco corrisponde ad un attacco fisico, in un
riuscita. Ogni conflitto è composto da un minimo conflitto di tipo “Convince”, l’Attacco può essere un
di tre azioni, il cui scopo sarà quello di diminuire a argomento particolarmente incalzante, così come
zero la disposizione dell’avversario. La disposizione la Finta può risultare in una menzogna, e così via.
rappresenta i punti ferita di ciascuna parte in causa L’uso di determinate armi nei conflitti garantisce per
per quel conflitto: viene tirata all’inizio di ciascun altro dei bonus di tipo diverso, secondo la tabella che
conflitto e suddivisa tra i componenti di quella troverete qui a lato.
fazione. Ad esempio: se sto combattendo contro tre
orchi e la loro disposizione è 9, ciascuno di loro avrà La Doppia Esperienza
3 “punti ferita”. Attenzione però: non si tratta di veri Infine c’è da analizzare in breve il discorso
e propri punti ferita, ma solo di un valore da ridurre dell’avanzamento. Come già detto agire secondo
per sconfiggere il nemico. Istinto, Credo e Obiettivo fa guadagnare punti
I conflitti sono infatti di diverso tipo e non tutti esperienza al termine della sessione. Questi punti
prevedono il combattimento fisico. Le azioni esperienza prendono la forma di punti fato e punti
possibili in un conflitto sono quattro (Attacco, persona, delle riserve da spendere per ottenere
Difesa, Finta e Manovra) e sono sia descrittive che benefici durante il gioco. L’avanzamento di livello
meccaniche. Descrittive, perché le azioni dichiarate si ottiene quando si saranno spesi gli x punti fato
vanno descritte per come avvengono in fiction. e gli y punti persona richiesti per passare al livello
Meccaniche perché tra loro si combinano in maniera successivo. Ma c’è anche un altro tipo di esperienza,
particolare, così se il master programma un Attacco che è quella derivante dall’uso delle proprie abilità.
e i giocatori rispondono con un Attacco, si tratta Queste infatti si avanzano esclusivamente usandole
di tiro indipendente: entrambi faremo “danno” e sia avendo successo, sia fallendo. Un’abilità passerà
all’avversario. Invece un Attacco contro una Difesa dal livello x al livello x+1, quando usandola avrò
avuto x successi e x-1 fallimenti. Semplice.
26
Ah! La Stanchezza... poetica di Mouseguard, Torchbearer rappresenta
Cosa comporta la vita da avventuriero? Giornate l’evoluzione naturale e più semplificata (per quanto
molto stancanti, che mettono alla prova non solo il ancora complessa) del Burning Wheel Engine. Molti
fisico, ma anche i nervi. È a questo che servono le storcono il naso di fronte a quanto crunchy sia il
condizioni, ovvero dei descrittori che sostituiscono sistema, e specie chi è abituato all’immediatezza di
i “punti ferita” che si trovano in altri giochi. Le nuovi fantasy alla Dungeon World lo ritiene troppo
condizioni si ottengono ogni volta che si “esagera” macchinoso. Eppure, per quanto le difficoltà iniziali
nell’andare avanti senza riposarsi. Tutti partono da siano innegabili, non appena inizia a carburare e i
Riposato, ma più vanno avanti e più rischiano di giocatori hanno capito appieno lo spirito del gioco,
diventare Affamati e Assetati, Arrabbiati, Spaventati, ogni elemento va al suo posto e Torchbearer si
Esausti, Feriti, Malati fino a che non diventano Morti, mostra per quel che è: un esempio perfetto di design
se non fanno nulla per recuperare. Le condizioni ruolistico, in cui il regolamento fa quel che il gioco
possono essere attribuite dal master nel caso in cui i promette e non lascia perplessi i giocatori. Insomma,
giocatori non si riposino appunto (ed esclusivamente se mi passate la battuta, Torchbearer è D&D come
in quest’ordine), oppure nel caso di tiri falliti o twist tutti (o molti di noi) avremmo voluto che fosse.
nella trama. Ovviamente, ancora, ogni condizione di Luigi Briganti
ha effetti sia a livello narrativo-descrittivo che a
livello meccanico: essere Arrabbiato non consente di
usare tratti; essere Malato dà -1 dado ai test su abilità Torchbearer
Torchbearer è un gioco di ruolo Old School in
e caratteristiche, e così via. cui i giocatori interpretano avventurieri reietti
in cerca del loro posto nel mondo.
Torchbearer è basato sul motore di The Burning
Conclusioni Wheel, lo stesso di MouseGuard.
Ho cercato di riassumere in breve le caratteristiche di Scansiona il QR Code in alto per sito.
Torchbearer e ciò che secondo me lo rende un degno
erede dei vecchi D&D per quanto riguarda il color e
il setting, ma un gioco del tutto moderno per quanto Torchbearer
riguarda l’esplorazione narrativa del mondo e dei Edito da: The Burning Wheel
personaggi. Dopo la corposa esperienza di Burning Autore/i: Thor Olavsrud e Luke Crane
Pubblicazione: Estate 2013
Wheel – un fantasy piuttosto corposo, non solo per Prezzo: 15,00$ (PDF)
mole di pagine (600 pagine nella sua Gold Edition) Clicca sul QR Code o scansionalo per acquistare Torchbearer
ma anche per tematiche e possibilità – e quella direttamente dal sito web dell’editore

GIUDIZIO FINALE: 8
AMBIENTAZIONE

REGOLAMENTO

ESPERIENZA DI GIOCO

ILLUSTRAZIONE E GRAFICA

COMPLETEZZA DEI CONTENUTI

QUALITA’ DEL PRODOTTO

27
Lo Speciale

Old School Renaissance


Storia e sviluppo di un movimento di Grognard

P
uò succedere di non rendersi conto che uno ambientazioni inedite o adattamenti di giochi già
stile di gioco esiste fino a quando qualcuno esistenti per le regole di Dungeons & Dragons.
non ne definisce i canoni. Può accadere con
venticinque anni di ritardo e per una serie di
cause fortuite. Può avvenire proprio nel periodo in Due editori, la Necromancer Games e la Troll Lord
cui in cui movimenti indie e i game designer stanno Games, seguono l’onda del rinnovato entusiasmo
guardando esattamente dall’a-ltra parte. Ma si sa il e decidono di pubblicare avventure per la terza
gioco di ruolo è una grande partita a dadi e tutto edizione, ma con una piccola differenza rispetto
può succedere. alla massa dei manuali in commercio, vogliono
riprendere stile di gioco e la struttura dei moduli di
Nei primi anni 2000 esce la terza edizione di fine anni ’70 e primi anni ’80. Vengono accolti con
Dungeons & Dragons. La Wizards of the Coast, entusiasmo da un gruppo ristretto di giocatori che
forte dell’enorme quantità di denaro portata però pian piano cresce e si riunisce grazie a un sito,
dal fenomeno Magic, acquista a fine anni ’90 Dragonsfoot, in cui si discute dei giochi “vecchia
le proprietà intellettuali della TSR, storica casa scuola” e si crea materiale gratuito compatibile con i
editrice del gioco di ruolo più famoso al mondo, vecchi regolamenti D&D.
e mette subito in cantiere una nuova edizione del
gioco, ribattezzata “terza edizione” che uscirà Nel 2004 la Troll Lord Games decide di osare di più,
agli inizi del nuovo millennio. Non solo questa pubblicando Castle & Crusades, un gioco di ruolo
nuova edizione è la più grande revisione mai che utilizza il d20 System per riprodurre lo stile
fatta alle regole di D&D ma si porta a presso una di gioco dei regolamenti degli anni ‘70 e ’80. Uno
rivoluzione destinata a cambiare e rilanciare il degli autori del Player Handbook di C&C è Matt
mercato del gioco di ruolo, la così detta Open Finch, che inizia poco dopo la stesura di OSRIC,
Gaming License. un regolamento che emula Advanced Dungeons &
Il sistema di regole di D&D 3° ed., detto d20 Dragons. La cosa interessante è che Matt ma non
System, viene infatti rilasciato gratuitamente su crea un gioco che emula AD&D, ma riprende quasi
internet. Chiunque può utilizzarlo, copiarlo o in maniera testuale le regole originali. Legalmente
modificarlo per produrre materiale compatibile per questo è possibile perché negli Stati Uniti le regole
scopi commerciali. Il successo è enorme. Presto il di un gioco non sono soggette a copyright, lo
mercato viene invaso da prodotti OGL compatibili, è solo la loro presentazione artistica, quindi è
28
possibile ricreare le regole di un gioco usando una del personaggio e spesso mortale. Non essendoci
presentazione e una terminologia diversa da quelle nessuna volontà nell’equilibrare il gioco sul livello
originali. OSRIC, così viene nominato il gioco, è ha dei personaggi, i giocatori sono stimolati a evitare
tutti gli effetti il primo retroclone. mostri, nemici, trappole, magie e insidie.
Il termine viene utilizzato per indicare un gioco di
ruolo che mira a ricreare il regolamento di vecchie Un altro aspetto fondamentale dei giochi
edizioni dello stesso gioco non più supportare Old School è infatti l’aleatorietà degli eventi,
dall’editore originale, riprendendone completamente rappresentata spesso con l’uso di tabelle, in grande
o in parte il regolamento. quantità, per molti aspetti del gioco, che aiutano
il master a rimanere una figura neutrale più che
Il gioco diviene molto conosciuto nell’ambiente e le un vero e proprio narratore. La “storia”, in questo
prime tre lettere dell’acronimo che significano Old tipo di partite è solamente un sottoprodotto
School Reference and Index Compilation, vengono dell’avventura, non il principale obiettivo del gioco
prese dagli appassionati e trasformate in “Old School e dei giocatori.
Renaissance” (o “Old School Revival”). Il gioco
viene rilasciato gratuitamente on line e su print on Qualche gioco consigliato per chi volesse
demand nel 2006, riscontrando un buon successo, approcciarsi all’OSR e non avesse a portata di mano
tanto che altre case editrici iniziano a produrre i titoli storici, ormai difficili da trovare se non nel
materiale compatibile. mercato del collezionismo (e a volte con prezzi
Dal 2011 uno stand davvero importanti).
del movimento OSR è
presente alla Gen Con Tradotti in italiano abbiamo
in rappresentanza di La Marca dell’Est,
una serie di compagnie purtroppo non più
che aderiscono alla prodotto dall’editore
sua idea e che sono Red Glove ma ancora
arrivate ad influenzare recuperabile nelle fiere
anche l’edizione 5.0 di di settore. Il gioco,
Dungeons & Dragons, nato in terra iberica,
la quale riprende in diversi punti le è la riproposizione
vecchie edizioni. quasi senza modifiche
del regolamento
Ma in cosa consiste lo stile Old School? BECMI di Dungeons
Significa rifarsi al modo di giocare originario, & Dragons (la così
ovvero quello tipico dei giochi usciti tra gli anni detta Scatola Rossa). Più facile da trovare, dato che
’70 e i primi anni ’80. in particolare Original D&D. è anche acquistabile in print on demand, Labyrinth
I titoli che si rifanno a questo stile, riprendono, Lord, retroclone della versione Moldvay di D&D del
clonano e “retroingegnerizzano” quei giochi e 1981 (la così detta Basic Set).
quell’esperienza. Se masticate la lingua di Albione invece posso
L’approccio Old School presenta la tipica divisione consigliarvi Lamentations of the Flame Princess,
di ruoli tra chi partecipa al gioco, ovvero master retroclone del sempre amato D&D Basic/Expert
da una parte e personaggi dall’altra. Questi ultimi ambientato in una versione grimdark dell’Inghilterra
esplorano un dungeon o una zona selvaggia Elisabettiana.
per arraffare tesori, cercando nel frattempo di
sopravvivere. La mortalità del proprio personaggio di Daniele Prisco
è molto elevata e il gioco spinge ad affrontare ogni
Dragonsfoot
pericolo o incontro usando l’esperienza personale Sito dedicato alla prima 1° edizione di AD&D. ,
del giocatore più che quella del personaggio che nonché uno dei maggiori ritrovi di “Grognard”.
si interpreta. L’interpretazione è sempre ben Una tappa sicuramente obbligata non solo
per gli amanti di D&D ma per tutti quelli che
accolta ma non è strettamente necessaria. L’esito
vogliono trovare risorse utili.
di un tiro di dadi, per qualsiasi motivo, può Scansiona o Clicca sul codice QR in alto per accedere a
essere tremendamente punitivo nei confronti Dragonsfoot.
29
la recensione

Sagas of the icelanders


Il gelido ma passionale mondo delle saghe islandesi

c
Con questa recensione di Sagas of the Sagas of the Icelanders è un gioco di ruolo Powered
Icelanders, mi si pone un compito by the Apocalypse – ossia appoggiato sul sistema
gravoso; per due ragioni: da una parte, di game design de Il mondo dell’apocalisse (1ª ed.:
sono sicuramente una delle persone più D. Vincent Baker, 2010; 2ª ed.: D. Vincent Baker e
appassionate e che conoscono meglio il gioco in Meguey Baker, 2016) – scritto e sviluppato dal game
Italia, e quindi spero di non sfigurare né di farlo designer sloveno Gregor Vuga, che lo ha pubblicato
sfigurare; dall’altra, perché, anche stavolta, sono in inglese nel 2013, dopo una campagna di
troppo implicato nel progetto di localizzazione crowdfunding conclusasi con successo su Indiegogo
italiana per essere percepito come (e forse proprio (allora Kickstarter non era ancora aperto a noi
per essere) neutrale. Se, per la prima preoccupazione, Europei). Fa parte dei Powered by the Apocalypse
tutto dipende da me, per la seconda non posso che della primissima ora, insieme ai già pubblicati in
cercare di fare il mio lavoro al meglio, sperare che Italia Cuori di mostro (Avery Alder, 1ª ed.: 2011), Il
possa risultarvi utile e che possiate valutare voi dove mostro della settimana (Michael Sands, 1ª ed.: 2012)
finisce la mia oggettività e inizia la mia soggettività. e Dungeon World (Sage LaTorra e Adam Koebel,
Ma passiamo alla recensione… 2012) e, a livello di design, è generalmente accettato
come la punta di diamante di quella prima ondata,
che contiene sicuramente i migliori derivati de Il
Presentazione mondo dell’apocalisse mai pubblicati.
«Ho finito di leggere Sagas of the Icelanders, sai?»
«Come ti è sembrato?» Una terra senza re
«Francamente, mi ha un po’ deluso. Io mi aspettavo Il gioco ha una forte premessa storica: nell’872,
cose più epiche – eroismo e miti nordici – e qui, Harald Bellachioma sconfisse i suoi contendenti
invece, giochi le famiglie islandesi. Non so… mi nella battaglia ad Hafrsfjord e divenne il primo
sembra un po’ noioso». re di tutta la Norvegia. Questo fece sì che molti
«Ti sbagli: quelle storie familiari sono molto più vere esponenti delle famiglie più in vista che non si
e interessanti, anche da giocare, di tante altre che si erano schierate con lui, e quelli che non accettarono
leggono nelle saghe mitologiche». la pesante tassazione da lui imposta all’indomani
della sua vittoria, decisero di lasciare la Norvegia in
La prima voce era quella del me del 2013, che aveva
cerca di lidi più ospitali, e privi di padroni. Fu così
appena terminato la lettura del gioco in previsione
che, nell’874, Ingolf Arnarson e la sua famiglia si
di portarlo alla EtrusCon Estate 2013 per provarlo
stabilirono in Islanda come primi coloni, costruendo
per la prima volta; la seconda, invece, era quella del
una fattoria nella zona dell’attuale Reykjavík.
mio amico Iacopo, le cui parole – imparai solo tempo
Nell’arco di un cinquantennio, altre famiglie si
dopo – erano state davvero molto sagge e veritiere.
insediarono nell’isola nordatlantica, arrivando a
30
popolarla completamente e stabilendo un sistema di Cerimonie (MC), il game master di Sagas of
sociale, politico e religioso indipendente da quello the Icelanders. Il compito dell’MC è quello di dare
della madrepatria. L’indipendenza dell’Islanda vita all’Islanda e al mondo di gioco, e voce a tutti i
terminerà soltanto nel 1262, col passaggio dell’isola personaggi secondari della storia (PNG); egli deve,
sotto il controllo della corona norvegese, ma il gioco inoltre, preparare il terreno fertile per una buona
intende spingersi al massimo fino all’avvento del saga, il che non significa una storia già scritta, ma
primo vescovo cristiano, Isleif Gissurarson, che, una situazione iniziale esplosiva e piena di potenziali
consacrato nel 1056, fece costruire una prima chiesa drammi e conflitti per i personaggi principali
a Skálholt, nell’Islanda meridionale. (PG). Gli altri giocatori, invece, interpreteranno i
protagonisti della saga familiare che il gioco ci darà
gli strumenti per rievocare: siano essi i padri o le
Di cosa parla madri, i figli o gli anziani, i forestieri o gli schiavi, o
In Sagas of the Icelanders, avrete l’opportunità di ancora le figure più marginali e strane della società
giocare storie di drammi, amori e vendette familiari islandese. Il loro compito è quello di giocare questi
ambientate nell’Islanda del cosiddetto “periodo personaggi con autenticità e passione, andando a
delle saghe” (874-1056 circa). Queste storie familiari caccia delle loro storie emergenti e facendo per loro
sono note come “saghe” (in antico scelte significative, che ci facciano
norreno, saga significa, appunto, ricordare di loro a lungo.
“storia”, “racconto”) e furono
registrate solo a partire dall’età degli
Sturlunghi, nel XIII secolo, quando Sistema di gioco
questa influente famiglia patrocinò La struttura di base, non si
la loro scrittura, probabilmente distanzia enormemente dagli altri
per conservare delle storie che gli Powered by the Apocalypse: la
Islandesi dovevano considerare regola di base è sempre la “mossa”.
fondative e che stavano per La mossa è una regola che si
smarrirsi, a causa della loro natura attiva quando succede qualcosa
spiccatamente orale. Nelle saghe nella narrazione: in quel caso,
degli Islandesi, troviamo temi ed essa si innesca e tutti i giocatori
eventi relativi semplici e vicini sono chiamati a seguirla. Questa
alla quotidianità di una comunità può comportare dei tiri di dado
agropastorale medievale: dispute (sempre due dadi a sei facce), delle
per la terra, offese ricevute e da scelte, un processo di domande e
vendicare, matrimoni organizzati, risposte, o semplicemente qualcosa
cause portate in tribunale, vendette che succede. Tutte le mosse
pianificate e faide di sangue. hanno sempre conseguenze che
Troveremo storie di famiglie che influenzano la narrazione: una
rischiano la morte per il freddo e per la fame spalla a mossa, insomma, comincia dalla narrazione, passa
spalla a quelle di famiglie che intrattengono rapporti per le regole e torna nella narrazione, garantendo un
stretti coi re di Norvegia; vedremo agire gli spiriti continuo flusso ininterrotto di regole e narrazione
della terra, il potere delle Norne, del Wyrd (il fato) che dà al gioco una spiccata fluidità.
e degli dèi stessi, seppure mai con l’appariscenza Anche l’MC ha le sue mosse, ma queste non sono
che si manifesta nelle saghe mitologiche; vedremo mai casuali: gli dicono semplicemente cosa può
diverse situazioni apparentemente quotidiane introdurre nella narrazione e quando. Si tratta di
colpirci nel profondo, forse proprio perché, sebbene eventi che si verificano (mosse cerimoniali dure)
siano passati innumerevoli secoli, ancora in grado di o del loro semplice inizio (mosse cerimoniali
colpirci nella nostra umanità. morbide), che modificano la situazione in maniera
interessante e che richiedono potenzialmente
risposte da parte dei personaggi. L’MC ha anche un
Cosa serve per giocare sistema di obiettivi e principi che gli spiegano in che
Per giocare occorrono un certo numero di giocatori, modo scegliere e declinare le proprie mosse, e qual
dai tre ai sei, di cui uno svolgerà il ruolo di Maestro è il suo scopo ultimo di gioco: questo è il telaio sul
31
quale lui intesserà le sue scelte; non è mai lasciato a L’importanza dei ruoli di genere
sé stesso e dovrebbe sempre sapere quale ventaglio
di buone opzioni ha davanti a sé. Quello del genere dei personaggi è un aspetto
importante in Sagas of the Icelanders non per
capriccio, ma perché era così anche nelle saghe degli
I Personaggi dei Giocatori Islandesi. Per questo, tutti i personaggi accedono a
Anche qui, come in altri Powered by the Apocalypse, un set di mosse base, che sono quelle per tutti, ma
i giocatori sono chiamati a scegliere dei libretti anche a un set di mosse di ruolo, specifiche per i due
per i loro personaggi e, anche in questo caso, non generi. Insomma, se tutti potranno guardare nel
sarà possibile scegliere due libretti uguali all’inizio cuore degli altri personaggi (capire cosa pensano,
della partita. I giocatori potranno vestire i panni cosa provano e cosa intendono fare), soltanto le
dell’Uomo – un capofamiglia e un proprietario donne potranno giacere con un uomo per concepire
terriero, alla base della società islandese – o della un bambino e soltanto gli uomini potranno vedere
Donna – amministratrice dei beni della famiglia il proprio onore messo in questione. Questo non
e depositaria del buonsenso –; quelli di un Goði significa che le donne non possano provare ad
– un sacerdote-giudice, primus inter pares tra agire da uomini, e viceversa, ma, semplicemente,
uomini ai quali è vincolato da che, quando lo fanno, non hanno
giuramenti solenni – o di una le stesse garanzie sociali degli
Matriarca – una donna esperta, uomini e, pertanto, ci si affiderà al
che è stata già sposata e che è naturale fluire della narrazione o
depositaria di grande saggezza e alle risposte che l’MC darà, anche
di legami politici –; quelli di uno in questi casi, attraverso le sue
Húskarl – un uomo libero, ma mosse cerimoniali.
senza terra, anche se con l’abilità
del guerriero di professione – o Espandere il Gioco
di una Skjaldmær – una donna
guerriera che si veste come un Il manuale ha anche un capitolo
uomo e va in battaglia sfidando i di regole “avanzate”, le quali sono
costumi e le convenzioni –; quelli molto tematiche, ma che non
di un Viaggiatore – un uomo richiedono di essere introdotte
misterioso che viene da lontano e da subito nel gioco, per non
custodisce un importante segreto mettere troppa carne al fuoco.
– o di una Seiðkona – una strega e Così, ci sono regole per rendere
una veggente, detentrice di poteri più pressante la differenza di ceto,
antichi e sconosciuti ai più –; che garantisce l’accesso ad armi
oppure quelli di un Thræll – un e armature in grado di salvare la
servitore, fido agente dei propri padroni o in lotta per vita, in caso di scontro armato; regole per la religione,
la propria libertà –, di un Bambino – germoglio della in caso si muoia da pagani o da cristiani, in caso di
prossima generazione, portatore di uno sguardo più conversione e di predicazione, in grado di cambiare
innocente e libero di scegliere la propria strada – o di le sorti dell’Islanda; regole per le controversie legali,
un Mostro – un fuorilegge e un reietto, con un cuore con tanto di spiegazioni di come avvenivano processi
nero e intenzioni tutt’altro che nobili. Tutti i libretti e cerimonie solenni (a cura di Jason Morningstar),
sono rigorosamente divisi per genere: maschili in grado di dare ai giocatori il senso del formidabile
(Uomo, Goði, Húskarl e Viaggiatore) e femminili intrico della politica e delle reti d’influenza tra le
(Donna, Matriarca, Skjaldmær e Seiðkona), ma ci famiglie; regole per il gioco su più sessioni, a lungo
sono anche dei libretti che possono essere declinati su termine, in grado di coinvolgere più generazioni
entrambi i generi (Thræll, Bambino e Mostro). Tutti di personaggi e di tessere le loro vicende su diversi
i personaggi, all’inizio della partita, faranno parte decenni, se non secoli, della storia islandese. Per
della stessa famiglia, allargata o non, abiteranno nella chi avesse voglia di approfondire ulteriormente la
stessa fattoria o saranno, perlomeno, circonvicini. parte storico-culturale, vi sono anche delle ricche
appendici, le quali includono un intervento di Elin
Dalstål sull’amore e la sessualità dei Norreni; un
articolo di Luigi Briganti sull’organizzazione statale
32
islandese del periodo delle saghe; e una mediografia, quale i personaggi si muoveranno. Ogni volta che un
con tanto di saggi storici, libri, fumetti, film e altri filo di quella trama verrà toccato, l’MC potrà e dovrà
giochi di ruolo a tema “nordico”, che hanno funto da prendere delle decisioni al volo, sempre sulla base dei
fonte d’ispirazione per creare il gioco e che potranno propri obiettivi, principi e su quello che ha inserito
ispirare anche i suoi potenziali giocatori. nei propri fronti. Essi costituiscono, insomma, uno
strumento per fare valutazioni e prendere decisioni
coerenti al volo, non per prenarrare una storia che
Cosa deve fare l’mc deve, invece, emergere completamente dalla partita.
L’MC ha anche altri strumenti efficienti per gestire
la partita e questi, come in altri Powered by the
Apocalypse, sono i fronti. In Sagas of the Icelanders, Il Cuore di una saga
essi prendono il nome di sei tra i più noti dèi norreni: A questo punto, vi chiederete: “Sì, ma che razza
Odino, Thor, Freya, Freyr, Loki e Hel. Ciascuno di di storie giocheremo, in Sagas of the Icelanders?”.
essi ha delle pulsioni, espresse sotto forma di mosse Storie di questo tipo: un uomo di nome Skallagrim
cerimoniali, che servono a spingere il mondo di gioco il Largo si è insediato con la sua famiglia nell’Islanda
e i PNG a comportarsi in maniera minacciosa per i settentrionale. È da tempo distante da sua moglie,
PG e le loro circostanze. Otre a Gyda, perché si incolpano a
questo, sotto ogni fronte-dio, si vicenda per la morte della
organizza un sistema di minacce figlioletta, Vigdis la Giovane,
che ne seguono le pulsioni, ed annegata per una disgrazia. Il
esse vanno dai pericoli posti dalla fratello di Skallagrim, Olvir, è
terra e dal mare, agli uomini e morto per mano di un potente
alle donne potenti, ai vicini e le e crudele goði vicino, Harek il
altre famiglie, ai fuorilegge e gli Senzadio. La vedova di Olvir,
emarginati, fino ad arrivare ai Vigdis la Bianca, è una skjaldmær;
fati e agli spiriti che infestano ora abita con Skallagrim e Gyda e,
l’Islanda. Ogni minaccia ha come Skallagrim, cerca vendetta
un set di mosse cerimoniali su Harek. Questa vicenda
dedicato, che consentono all’MC porterà Skallagrim e Gyda a
di fare mosse a tema. Ogni fronte- riappacificarsi e a ritrovare una
dio, poi, può avere dei conti alla concordia matrimoniale, dopo
rovescia che servono per dare aver acquietato lo spirito della
uno scopo alle proprie minacce figlioletta tramite l’intervento
e per tenere traccia del loro di una seiðkona. Nel frattempo,
divenire nel corso della partita, Harek sta accordandosi col re
e delle mosse personalizzate, di Norvegia per mettere tutta
scritte dall’MC e dai giocatori, che si aggiungono al l’Islanda sotto il loro controllo; la famiglia dei
set di mosse alle quali i giocatori possono accedere protagonisti compie una spedizione in Norvegia per
per dare alla partita un focus ancora più tematico. cercare alleati e li trova in uno jarl (conte), Snorri il
Sempre nel capitolo dedicato all’MC, si sprecano Saggio, fedele al re, ma giusto e benevolo, che accetta
le indicazioni su come seguire i propri obiettivi e di aiutarli e col quale Vigdis inizia un interesse
i propri principi, su come fare le proprie mosse, su romantico. Alla fine, Skallagrim riesce a portare
come creare i fronti e su come condurre la prima e la causa della sua vendetta davanti a un tribunale
le sessioni seguenti. Infatti, la prima sessione segue e Vigdis a costringere Harek a duellare con essa,
delle regole un po’ particolari: l’MC arriva al tavolo nonostante sia una donna. La saga si conclude con
di gioco senza aver preparato alcuna storia da la famiglia stabilmente insediata nei propri terreni,
giocare, ma ha un libretto a lui dedicato da compilare con la faida con Harek conclusasi con la morte
prendendo appunti, facendo domande ai giocatori e dell’uomo, e con un matrimonio in arrivo tra Vigdis
gettando insieme a loro le basi della saga. Tra la prima e Snorri.
e la seconda sessione, egli organizzerà quegli appunti Quella che vi ho appena raccontato non è una
sotto forma di fronti, in modo tale da avere davanti storia messa giù a tavolino, ma una delle saghe che
a sé una trama di situazioni interessanti, entro la io stesso ho giocato (ho semplificato e riassunto
33
molto, credetemi). La cosa sorprendente è che beneficiare di esempi di fronti già scritti o di una
io, all’epoca, non avevo letto nessuna saga degli spiegazione passo per passo di come scriverne
Islandesi; immaginatevi la mia sorpresa quando, uno. Ma questi, in ultima analisi, sono difetti che
dopo averne lette alcune, ho constatato come molte hanno anche molti altri giochi (anche Powered by
delle mie partite fossero state estremamente simili the Apocalypse). L’edizione italiana cerca di chiarire
e inquadrabili nell’estetica di quelle saghe. Ma e migliorare il testo dell’edizione in lingua inglese
non lasciatevi ingannare: Sagas of the Icelanders con precisazioni, chiarificazioni, approfondimenti,
non è un gioco storico, non è un gioco meramente riscrittura o aggiunta di alcune parti per rendere
celebrativo delle saghe. È un gioco tematico: parla dei più chiaro come giocare; sicuramente, si poteva
personaggi, delle loro paure, delle loro aspirazioni, fare molto di più, ma il tempo è sempre una risorsa
delle loro decisioni. La storia e lo schema delle saghe limitata. Quello che fa spiccare questo gioco sopra
sono solo delle scuse per affrontare queste tematiche. gli altri della sua generazione (e, mi permetto di
Per questo, seppure l’idea di fare il contadino in una dire, sopra tutti gli altri Powered by the Apocalypse
terra fredda e arida, sulle prime, possa non ispirare, che conosco), a mio avviso, è un’estrema eleganza
vi assicuro che non ho mai trovato un giocatore che nel game design, che gli è riconosciuta pressoché
si sia seduto al tavolo e che, al momento di alzarsi, unanimemente: la premessa del gioco è lì, i mezzi
non abbia voluto averne di più, molto di più. Questo per realizzarla sono tutti nel manuale. Questo gioco
è un gioco che parte da situazioni semplici, vicine è uno strumento musicale finemente realizzato e ben
a casa (tutti noi abbiamo una famiglia e, magari, accordato: per suonare la sua dolce melodia dovrete
anche dei parenti serpenti), è un gioco sagittabondo fare un po’ di pratica, e anche capire per conto
di dardi che vi colpiranno al cuore e che vi faranno vostro delle cose che il vostro maestro di musica non
innamorare perdutamente di esso. vi sta dicendo. Però, vi assicuro che varrà la pena di
ascoltare la musica che vi farà suonare.
di Daniele Di Rubbo
Conclusioni
È, dunque, privo di difetti? Assolutamente no. Il
manuale avrebbe sicuramente beneficiato di esempi Sagas of the icelanders
(ve ne sono pochissimi) e di una spiegazione più Edito da: Dreamlord Press
Autore/i: Gregor Vuga
ampia sulle mosse dei personaggi, sul loro senso Pubblicazione: 2019
e su come usarle; la stessa scrittura delle mosse, a Prezzo: 30,00€
volte, avrebbe potuto essere più chiara o più attenta Clicca sul QR Code o scansionalo per visitare il negozio online
ai casi particolari. La parte dell’MC avrebbe potuto di Dreamlord Press e acquistare Sagas of the Icelanders.

GIUDIZIO FINALE: 9
AMBIENTAZIONE

REGOLAMENTO

ESPERIENZA DI GIOCO

ILLUSTRAZIONE E GRAFICA

COMPLETEZZA DEI CONTENUTI

QUALITA’ DEL PRODOTTO

34
35
la recensione

Vampiri 5° Edizione
Cosa vi aspetta?

p
arlando di ritorno della Old School non si può Questa nuova ambientazione ha creato un’atmosfera
certamente tralasciare l’uscita della nuova ancora più stringente ed asfissiante, che costringe i
edizione di Vampiri: La Masquerade. giocatori a riflettere bene su qualsiasi loro mossa e
Il capostipite del Mondo di Tenebra è stata fornisce ai Narratori notevoli spunti su cui costruire
una vera e propria pietra miliare del gioco di ruolo le proprie avventure.
degli anni ‘90, portando una ventata di novità Personalmente ho trovato anche interessante
non solo in termini di meccaniche ma anche di l’inserimento di un maggiore focus sui Sangue
ambientazione, focalizzando il gioco non più in un Debole, ora molto più presenti nel Mondo di Tenebra.
mondo fantasy ma in mondo contemporaneo dark, Le loro particolarità come la maggiore resistenza alla
corrotto e pericoloso, dove i mostri da sconfiggere luce solare e la loro disciplina peculiare Alchimia,
non sono più gli altri ma sé stessi. che sfrutta il sangue raccolto per catalizzare dei
poteri unici e dagli effetti più disparati, sono stati
Ambientazione un’interessante aggiunta che porta sicuramente una
Nessuna apocalisse vampirica è mai giunta ma bensì nuova prospettiva al gioco.
un altro grande pericolo incombe ora sui Cainiti: Tuttavia ci sono anche cose che non mi sono molto
la seconda inquisizione. Grazie a corpi specializzati piaciute, tra cui la totale scomparsa del Sabbath e
dei servizi segreti e all’attività della Chiesa Cattolica, dei Clan Indipendenti. Nelle precedenti edizioni il
molti Vampiri sono stati scoperti ed eliminati Sabbath era una delle due maggiori Sette e costituiva
in segreto, in aggiunta a ciò sembra che i vampiri una delle principali fonti da cui attingere per creare
Anziani siano quasi tutti scomparsi, si vocifera che avventure. In questa quinta edizione invece, tutta
abbiano sentito una sorta di “richiamo” mistico che l’influenza di questa setta è totalmente scomparsa,
li attira in luoghi reconditi e sperduti. liquidata da un semplice “La seconda inquisizione li
Questo caos ha portato ad uno sconvolgimento ha sterminati quasi tutti”.
totale delle Sette finora conosciute, con il Sabbath Questa drastica riduzione dei Clan produce un
annientato e scomparso dai radar così come i Clan impoverimento non solo dell’ambientazione, ma
Indipendenti, e la Camarilla che sta passando una anche delle scelte in fase di creazione dei personaggi,
terribile crisi di potere dovuta alla scomparsa di molti diminuendo la possibilità di differenziare il party
suoi Anziani e Principi. Tutto ciò ha dato spazio agli e di creare trame secondarie legate alle storiche
Anarchici, dandogli la forza di poter finalmente rivalità tra i vari Clan.
alzare i toni e pretendere territori e libertà dal giogo
della Torre d’Avorio.
36
Regolamento ogni singolo livello ha uno o più poteri. Ogni
Il regolamento di base è rimasto più o meno volta che un PG acquista un pallino in una
lo stesso, il sistema su cui si fonda è sempre il Disciplina, potrà scegliere un potere dal livello
d10 a pool, con il numero di dadi da lanciare corrispondente a quello raggiunto con i pallini
stabilito dalla somma di Caratteristica + Abilità. o di livello inferiore. Queste nuove meccaniche
Sono state introdotte però alcune modifiche, ad per i poteri ampliano la scelta all’interno di una
esempio il successo con un dado si ottiene con un stessa Disciplina, e ricordano molto il sistema dei
risultato di 6 o + mentre la difficoltà delle azioni Boons di Scion, altro gioco della White Wolf.
non rappresenta più il numero da raggiungere
con il dado, ma bensì il numero di successi da Meccanica della Fame
ottenere per poter superare l’azione, un po’ come Una novità a livello di regolamento è l’introduzione
avviene per il Nuovo Mondo di Tenebra. della meccanica della Fame, che va a sostituire i
La sensazione generale è che abbiano voluto vecchi Punti Sangue nella gestione dello stato di
avvicinarsi di più ai giochi narrativi, mantenendo “sete” del nostro vampiro.
però la struttura classica che li caratterizzava, La Fame ha un valore che può andare da 0 a 5,
questo è stato fatto cercando di snellire certi con il primo che indica la sazietà e il secondo
procedimenti, incentivando il Narratore ad l’estrema sete di sangue, che si traduce in un
utilizzare i tiri solo quando ci sono situazioni di pari numero di Dadi Fame da inserire nei pool
rilevanza narrativa o di stress per i personaggi. dei nostri tiri, tranne che per quelli su Volontà
Un esempio è la meccanica del “Vinci ma ad un o Umanità, sostituendoli a dadi normali. Se per
costo”, in cui se il tiro non ha ottenuto successi caso questi dadi dovessero risultare in un Critico,
sufficienti a raggiungere la difficoltà imposta, il si avrà un Critico Disastroso, in cui la bestia ha
Narratore può offrire la possibilità di vincere ma preso il sopravvento consentendo di raggiungere
con qualche conseguenza negativa, suggerita dal l’obiettivo ma esponendo il personaggio in tutta
lui stesso oppure dagli altri giocatori. la sua mostruosità, mentre nel caso in cui il tiro
fallisse e almeno uno di questi dadi risultasse in
Questo nuovo approccio però non è stato gestito un 1, allora si avrà un Fallimento Bestiale ed il
in maniera ottimale, i creatori infatti hanno personaggio cadrà preda di una Compulsione,
voluto introdurre diverse regole che richiamano azione dettata dalla bestia interiore, come ad
i giochi più moderni e narrativi, affiancandovi esempio la necessità di saltare alla gola di un
allo stesso tempo delle meccaniche facoltative umano, la voglia di fare del male o distruggere
che invece ripristinano l’assetto più classico del cose, la paura di essere arso vivo dalla luce solare
regolamento, rendendo il gioco una via di mezzo ecc…
imperfetta tra queste due soluzioni.
Tutto questo è un grande passo in avanti rispetto
Sono poi state rivisitate le Discipline, ora infatti al vecchio sistema dei Punti Sangue, in quanto
non si hanno più dei singoli poteri per ogni lega a doppio filo la fiction di gioco e la gestione
pallino, ma bensì una divisione per livelli, dove della sete di sangue a livello di meccaniche.

37
Grafica e Illustrazioni Conclusioni
L’impaginazione è molto elementare ed Vampiri 5° Edizione ha portato diverse novità
essenziale, con alternanza di pagine a sfondo sia per quanto riguarda l’ambientazione che il
bianco e nere, con il testo diviso in colonne regolamento, ma avrebbe dovuto osare di più,
e scritte decisamente di dimensioni piccole avere il coraggio di scegliere un nuovo approccio
rispetto alla pagina, lasciando ampi margini dei piuttosto che tenere i piedi in due staffe. Questo
fogli inutilizzati. è valido sia per quanto riguarda il regolamento
La cosa che veramente mi ha lasciato più perplesso che il comparto grafico, forse gestiti con troppa
però sono le illustrazioni: nella maggior parte dei fretta e superficialità, tuttavia il gioco presenta
casi sembrano infatti foto di LARPER che non idee molto interessanti e funzionali, che sono
rimandano minimamente alla figura di vampiro, certamente un netto passo avanti rispetto alle
così come la maggioranza degli altri artwork. vecchie edizioni.
di Marco Valerio “Spike“ Rossi
L’impressione è che abbiano voluto risparmiare
sul comparto grafico, utilizzando materiali che
già avevano, come foto fatte ai Live o addirittura
usando dei fermi immagine del trailer dell’ormai
cancellato progetto “Mondo di Tenebra
MMORPG”.

GdR Addicted Vampiri The Masquerade 5°ed


Canale YouTube dedicato alla diffusione del Edito da: White Wolf Entertainment AB
gioco di ruolo, in cui vengono pubblicate Autore/i: Mark Rein-Hagen
recensioni, approfondimenti e giocate. Pubblicazione: 2018
Prezzo: 46,99€
Scansiona il QR Code in alto per accedere al Canale. Clicca sul QR Code o scansionalo per visitare il sito di
Modiphius e acquistare Vampiri: The Masquerade 5°ED.

GIUDIZIO FINALE: 6,5


AMBIENTAZIONE

REGOLAMENTO

ESPERIENZA DI GIOCO

ILLUSTRAZIONE E GRAFICA

COMPLETEZZA DEI CONTENUTI

QUALITA’ DEL PRODOTTO

38
Ho Un Gioco In Test

Narratore? Descrizione del gioco


Il ruolo del master è il classico ruolo del master Vedasi gli altri campi.
in un GDR: arbitro definitivo delle regole e molto
probabilmente autore della situazione in cui i Cosa potrebbe cambiare o
giocatori si muoveranno. migliorare?
La lore è attualmente incompleta e vanno inoltre
Ambientazione scritti dei veri e propri moduli d’avventura per
L’ambientazione è una ambientazione aiutare i nuovi giocatori. I sistemi di gioco sono
pseudovittoriana, in un 1889 ucronico dove all’alba decisi ma vanno tweakati.
del 1800 è stata scoperta una strabiliante fonte di
energia, che ha portato a cambiamenti tecnologici Cosa è definitivo?
radicali. Tra le grandi differenze portate da Le idee di base della lore e la maggior parte dei
questo vi è principalmente il predominio inglese sistemi di gioco (alcuni sono stati anche playtestati
sul mondo conosciuto (ad esclusione di una Cina in maniera abbastanza estensiva).
iper-isolazionista) grazie all’invenzione di una
nuova macchina da guerra: il Raging Bulls (in Punti di Forza / Pregi
parole povere, un mecha).
Velocità, feel western, “epica sporca” (gritty) un po’
alla GoT in un ambiente inaspettato ma allo stesso
Meccanica Principale tempo familiare.
Il gioco è un challenge-based in cui le azioni vengono
risolte principalmente attraverso una dicepool, con Punti di Debolezza / Difetti
un sistema rapido ma allo stesso tempo efficace per
Mancanza di arte e di formattazione, relativamente
stabilire la qualità di riuscita di un azione.
poco playtest e impossibilità di distribuzione
cartacea nell’immediato futuro.
Avventure tipiche
Il gioco ha un feel molto western, sia nella lore Varie ed eventuali
sia nelle avventure: anche quando non si svolge
Penso sia tutto :D
direttamente nella frontiera, i personaggi sono
l’equivalente di cowboy scatenati. Le avventure
Raging Bulls
tipiche vanno dal classicissimo “assalto alla Versione: Alpha Beta Release candidate
dirigenza” fino ad avventure molto più “pulp” (che Autori: Simone di Francesco e Luca Coppola
il sistema supporta benissimo) e addirittura horror Numero di Giocatori: 4 - 5+
in certi casi. Email: sdifrancesco97@gmail.com
Dove hai presentato il gioco?: Solo online
Scansiona il QR Code per visitare la pagina Facebook.
39
l'Altra Faccia Del gdr

Una Chat per Crescere


Il GdR by Chat come momento di crescita

I
l GDR ad oggi è una tipologia di gioco che a questa tipologia di GDR un’attenzione che forse, ad
ha vissuto diversi travagli nel corso della sua oggi, è ancora mancata.
storia che l’hanno anche visto osteggiato su Prima di iniziare il discorso è giusto ricordare
più fronti ad esempio quello dottrinale, quello che il GDR by chat è la più anziana tipologia di
psicologico e sociale. Diversi articoli sono stati gioco online che si sia sviluppata dal momento
pubblicati nel corso degli anni e diverse voci, anche che per essere giocata non servivano computer
autorevoli, si sono schierate contro questo medium potenti e connessioni a internet efficienti come
soprattutto intorno al periodo in cui iniziava ad quelle richieste dagli attuali giochi online come gli
affermarsi; ma questo non ha mai desistito ed invece mmorpg o anche i giochi per console; da questo
ha offerto emozioni e sorprese a chi ha imparato a punto di vista, con la sua nascita italiana risalente
guardarlo con occhio attento e scevro da qualsivoglia alla fine degli anni ’90, il gioco play by chat
pregiudizio. Difatti negli ultimi anni abbiamo potrebbe anche essere considerato quale “vecchia
assistito a una vera e propria rinascita del medium al scuola del gioco online” o anche sua “avanguardia”;
punto che, là dove in precedenza specialisti di diversi ad oggi probabilmente schiacciato dalle novità per
settori lo attaccavano incolpandolo di assurdità il panorama online il play by chat verte in una
dimostratesi tali nel tempo, negli ultimi anni si sono situazione complessa: nonostante rimangano attive
alternati studi ed articoli relativi agli effetti postivi diverse land (o “piattaforme di gioco), di cui alcune
che questi giochi hanno su i propri giocatori. Si è particolarmente frequentate, abbiamo anche
scritto, e probabilmente si continuerà a scrivere, di assistito alla chiusura di land storiche come la
come questi svaghi possano concedere uno stacco più vecchia d’Italia ExtremeLot (alla cui chiusura
dalla rutine quotidiana intelligente e utile che porta i anche una testata importante come La Stampa
ragazzi a formare gruppi di amicizie e a dialogare in ha dedicato un articolo) oppure la land di più
un’epoca che ci vuole sempre più digitali e isolati. Da recente chiusura che è probabilmente Le cronache
questo ultimo punto considerato pare forse illogico di Earthland. Come abbiamo però annunciato
che si passi a parlare di come il GDR play by chat poco prima questa tipologia di gioco, nonostante
offra a sua volta delle splendide possibilità di crescita la situazione in cui verta, offre diversi fattori che
per i giocatori ma in realtà è giusto concedere anche
40
sarebbe bene mettere in rilievo poiché offrono la
possibilità di una crescita personale che esula dal
gioco in sé e si riflette in primis sui giocatori e
per iniziare questo discorso è ovvio partire dalla
scrittura.

Una CHat per Scrivere


Viviamo in un periodo storico in cui non solo i
giovani ma anche gli adulti sono sempre meno portati
a scrivere; l’arte della scrittura si limita oggigiorno
a stentati e frivoli aforismi da piazzare in bella
mostra su Facebook o sotto alle foto di Instagram
presentando nonostante tutto una grammatica
pessima e spesse volte banalità rielaborate da
pensieri altrui. Il Play by Chat invece avvicina i
giocatori a una scrittura di più ampio respiro, la
condizione di scrivere un minimo di caratteri per
far scattare l’acquisizione di esperienza sprona i
giocatori ogni volta a rispettare quel minimo e non
solo: ogni giocatore deve riuscire a descrivere in
maniera efficiente le azioni del suo personaggio in
modo che queste siano ben comprensibili da parte
degli altri giocatori, non ci si limita a dire “faccio
quello” o “faccio quest’altro” e in caso gli altri non
ci capissero rispiegare con altri termini, magari
facendosi aiutare; quando azioniamo in una land
dobbiamo essere certi di aver scritto non solo in una
grammatica corretta ma anche in modo che gli latri
non abbiano problemi a figurarsi come il nostro pg
si sta muovendo.

Da questa analisi potrebbe emergere come in un


play by chat l’unica scrittura stimolata sia una
scrittura di tipo descrittivo-narrativo, tipologia di
narrazione che nonostante la poca considerazione
che abbiamo di lei rimane alla base del nostro
rapportarci agli altri quando dobbiamo descrivere
cose che ci sono accadute o anche semplici storie
che possono o meno riguardarci da vicino; ma
in realtà questo tipo di gioco sprona anche una
scrittura di tipo riflessivo: spesso da regolamento
nelle varie land viene vietato di riportare il pensiero
nell’azione inviata dal momento che gli altri non
possono conoscere quello che il tuo pg sta pensando
e perciò è spesso sconsigliato riportarlo per evitare
che l’altro giocatore possa cedere al metagame (una
piaga universalmente nota a tutti i giocatori di GDR
con una media esperienza); perciò come possiamo
mostrare una meditazione o un pensiero senza
descriverlo? Parlando: il dialogo è una componente
altrettanto fondamentale all’interno di una land
non solo perché questa rende possibile l’interazione
tra pg diversi ma anche perché in questa possiamo
41
mostrare la crescita del nostro pg, come ragiona e E dalla stessa Legare
come è poi portato a ragionare; mostriamo la capacità Dulcis in fundo la grandezza di un gdr qualsiasi è
di formulare un pensiero a livello scritto che non si sicuramente quella di unire e di creare un gruppo
limiterà in questo caso a aforismi tratti dalle parole e un by chat riesce a farlo anche a distanza; la
altrui ma saranno pensieri del nostro pg che toccherà possibilità di conoscere player sparsi per il proprio
a noi descrivere e a nessun’altro; queste sicuramente paese e non solo è la grande possibilità offerta da
sono delle caratteristiche che in un play by chat ogni gioco online e il GDR play by chat non è da
sanno spronare alla scrittura i giocatori rendendoli meno; le interazioni che arriveremo ad avare con
anche in grado di descrivere situazioni, pensieri dei pg potrebbero presto diventare interazioni
e parole inusuali e, sapendo descrivere queste, si col player che muove quel pg. Le possibilità di
diviene in grado di descrivere nello scritto anche conoscere persone nuove di socializzare con loro
situazioni ordinarie con maggiore accuratezza e con e affini è sicuramente una grande possibilità
un lessico sempre adatto; insomma: la pratica aiuta che non viene concessa dai gdr dove alle volte è
e il gdr by chat assiste alla scrittura probabilmente meglio che ci sia un party a monte; nei by chat il
come nessun altro medium ad oggi. party si formerà e, dal momento che spesso una
land è affiancata dalla sua community, e visto che
Una CHat per Immaginare il nostro secolo è il secolo dei contatti a distanza
Vi è un secondo aspetto che il gdr by chat aiuta a e di un mondo virtuale che interagisce e relaziona
sviluppare nel giocatore e questo è la componente sempre più con il reale, non sarà affatto difficile
immaginativa del singolo, forse uno degli aspetti che prima o poi, a fiere, raduni o simili, avremo
più appiattito e mortificato da questi ultimi modo di conoscere direttamente quelle persone
anni. Per spiegare questo partiamo dal porci una che abbiamo imparato a conoscere ed apprezzare
domanda: qual è la vera differenza tra un Player proprio a partire dai loro pg; un’interazione unica
e un Master in un gdr qualsiasi? Se si esclude il e speciale in grado di aprire i nostri occhi anche
fatto che il Master deve attenersi all’essere un su realtà che spesso e volentieri non avremmo
giudice la differenza si riduce sostanzialmente al modo di conoscere all’interno del nostro piccolo
fatto che questi deve essere in grado di creare una party locale.
campagna o una sessione che i giocatori andranno Questi sono solo alcuni dei motivi per cui il gioco
poi a sviluppare e; alle volte un master viene tramite by chat può essere una risorsa oltre che uno
aiutato da ambientazioni già preorganizzate o da svago, una risorsa che è in grado di migliorarci sotto
spunti presi da manuali e simili tuttavia la sua diversi aspetti non dissimilmente da qualsiasi altra
vera forza risiede proprio nel creare le situazioni forma di GDR; questo articolo non vuole essere un
e le avventure che gli altri andranno a vivere punto di arrivo quanto un inizio di una riflessione
sfruttando la propria immaginazione. Nel GDR personale e non che potrà sempre spronare
play by chat spesso e volentieri una role non inizierà un’indagine critica e propositiva verso un medium
con un master nella stessa chat e perciò toccherà al che ha ancora tanto da offrirci e di cui sicuramente
player decidere ed inventare il perché il suo PG si non si è ancora parlato abbastanza.
trovi in quel luogo, se magari questi sta parlando
con un determinato PNG, magari potrebbe essere di Filippo Fusi
il nostro stesso personaggio il datore di una quest
a un altro o altre idee simili che raramente un GdR by Chat
Il GDR nel tempo si è evoluto assumendo un
personaggio è in grado o ha modo di giocare in grande numero di tipologie; tra queste una di
una campagna di un normale GDR salvo rare quelle più ignote ma contemporaneamente più
eccezioni; ovviamente questi dovrà muoversi nel affascinante è quella del GDR by chat.
rispetto delle regole e dell’ambientazione di una Scopri di più scansionando il QR Code
land non differentemente da ciò che fa un Master.
Ecco perciò che l’immaginazione di un giocatore
non viene solo stimolata da spunti derivanti da
altri ma sarà lei stessa promotrice di gioco e di
contesti, ispirazione per sé stessi e per gli altri.

42
In esclusiva al Play di Modena 2019
5-7 Aprile, Stand La Terra dei Giochi

Più eroi, più tesori, più pericoli.

Advanced Dungeons è l’espansione definitiva per Dungeons - Il Gioco Fantasy Old School in
Solitario, che renderà le vostre partite sempre più avvincenti. In questo manuale troverete:
la Modalità Multi-Eroe, 2 nuovi eroi da utilizzare, la gestione degli equipaggiamenti, le regole
per l’illuminazione dei dungeon, cercare passaggi segreti, accamparsi, nuovi incantesimi,
nuovi mostri, le Montagne Zanna di Drago, 6 nuove queste tanto altro!

La Tomba di
Re Caladero III
Ricchezze, misteri e morte vi attendono nella quest
più pericolosa mai scritta per Strange Magic.

www.dungeoneer-games.it www.terradeigiochi.it