Sei sulla pagina 1di 9

CENNI SULLE CARATTERISTICHE

FISICHE E CHIMICHE DEL TITANIO


Contrariamente a quello che molti pensano, il titanio non un metallo raro;
esso anzi molto abbondante in natura, tanto che occupa il 4 posto in
ordine di quantit, fra i componenti della crosta terrestre.
La sua scoperta risale a circa 200 anni fa, ma l'inizio della sua produzione
industriale e della sua applicazione tecnica avvenuto solo intorno alla met
degli anni quaranta.
Il Titanio e Le sue Leghe hanno una durata di vita molto pi lunga della
maggior parte degli altri metalli, grazie alle loro eccellenti caratteristiche
fisico-chimiche che permettono un rapido rientro negli investimenti. I costi di
manutenzione sono ridotti e la sostituzione del materiale molto meno
frequente.
Il titanio metallico si ottiene prevalentemente da alcuni minerali, che lo
contengono sotto forma di ossido. Il processo metallurgico avviene
essenzialmente in tre fasi:
Riduzione del minerale in forma metallica spugnosa (la cosiddetta
spugna di titanio);
Fusione sotto vuoto;
Rifusione in getti o forgiatura in forme specifiche per le successive
lavorazioni a caldo (laminazione, trafilatura., riforgiatura) e a freddo
(rilaminazione).
La gamma dei prodotti ottenibili del tutto simile a quella degli altri metalli di
pi largo uso; coils, lamiere, barre, tubi, fili, profilati, in grado di soddisfare
qualsiasi esigenza dei pi vari settori industriali.
01

Il titanio presenta una combinazione di caratteristiche estremamente


favorevoli, per un suo largo impiego industriale:
Elevata resistenza meccanica, rapportata ad una relativa bassa densit
(4,51 kg/dm3);
Elevatissima resistenza alla corrosione in ambienti aggressivi;
Assoluta biocompatibilit;
Elevata temperatura di fusione (1668);
Amagneticit quasi assoluta;
Basso modulo elastico e bassi coefficienti di conducibilit e dilatazione
termica.
La microstruttura cristallina del titanio particolarmente interessante,
soprattutto in relazione al suo comportamento nella formazione di leghe con
altri elementi, siano essi elementi oppure no.
Alla temperatura di 882 il titanio PURO presenta una trasformazione
allotropica; cambia cio la sua struttura cristallina da una fase alfa (struttura
esagonale compatta) ad una fase beta (struttura cubica a corpo centrato),
stabile fino al punto di fusione.
Inoltre l'atomo di titanio presenta una struttura elettronica con orbitali di livello
"d" incompleti. Ci facilita la formazione di leghe con una ampia gamma di
elementi metallici, cosiddetti "interstiziali", che comprendono O, N, H, allo
stato gassoso.
La combinazione con alcuni elementi caratterizzata da un processo di
stabilizzazione della fase alfa, con altri elementi si attiva invece un processo
di stabilizzazione della fase beta.
La presenza delle due fasi ha quindi indirizzato verso la possibilit di
concepire leghe con microstruttura in fase "alfa" o la fase " beta", o in "fase
mista alfa/beta", che coprono un campo molto ampio di caratteristiche
meccaniche e chimiche. L'adozione di opportuni trattamenti termici consente
poi, in analogia con gli acciai, di estendere ulteriormente il campo delle fasi
che si possono formare, ciascuna con le sue caratteristiche peculiari.
La resistenza del titanio alla corrosione in ambienti aggressivi di natura
essenzialmente eletttrochimica.

02

Il metallo si ricopre spontaneamente, anche a temperatura ambiente, di uno


strato protettivo superficiale di ossido di titanio (TiO2), duro, aderente ed
omogeneo, molto stabile anche in presenza di forti variazioni di temperatura,
potenziale elettrico, pH. Tale strato, se asportato o danneggiato, si rigenera
rapidamente in ambiente aerato ed umido.
A contatto con altri metalli, il titanio, che si colloca fra gli elementi nobili nella
scala elettrochimica, diviene sede di reazioni galvaniche, che ne evitano la
corrosione a danno del metallo accoppiato.
Per quanto riguarda le diverse tipologie del titanio la principale distinzione
fra il titanio detto commercialmente puro (con una percentuale variabile
compresa fra 0,1 e 1% di elementi intersatiziali) e il titanio legato.
L'aumento della percentuale degli elementi interstiziali contenuti o
l'introduzione di eventuali elementi di lega portano a delle variazioni delle
caratteristiche di base (aumento delle caratteristiche meccaniche aumento
della resistenza alla corrosione).
RIFERIMENTI NORMATIVI
Analogamente ai principali metalli, anche per il titanio, esiste un quadro di
normative di riferimento che ne definiscono le caratteristiche, la composizione
chimica, le relative forcelle di analisi nonch valori di resistenza a rottura,
snervamento e allungamento. Le norme pi note a livello internazionale sono
quella americana ASTM MIL-T e AMS quelle Russe, Ucraine GOST non
troppo dissimili alle norme occidentali.
La normativa americana ASTM per il titanio Commercialmente puro (C P)
identifica quattro gradi principali ognuno con caratteristiche differenti e idonee
nelle diverse applicazioni industriali per contro la normativa russa GOST
identifica due differenti tipologie per il titanio C P.
La norma ASTM B 265 riguarda i laminati piani, la ASTM B 348 si riferisce ai
prodotti lunghi la B 337 e B338 si riferiscono ai tubi in titanio.
La norma GOST 19807-91 riguarda la composizione chimica delle principali
leghe: la GOST 22178-76 si riferisce alle lamiere in titanio e leghe di titanio;
la GOST 23755-79 si riferisce alle piastre; la GOST 26492-85 ai tondi in
titanio o in lega di titanio; la GOSI 22897-86 si riferisce ai tubi non saldati
formati a freddo.
03

IL TITANIO CP
ASTM GR 1 - GOST BT 1- 00
La qualit di titanio puro pi indicata alle deformazioni a freddo ed al profondo
stampaggio. E impiegata soprattutto per il rivestimento di serbatoi e per la
produzione di lamiere stirate.
Caratteristiche e composizione:
TI
99,8

O
0,180

N
0,030

H
0,005

C
0,080

Fe
0,200

T DI
T DI
CARICO DI
CARICO DI ALLUNGAMENTO
DUREZZA
RESISTIVIT
TRANSIZIONE FUSIONE SNERVAMENTO ROTTURA
SUPERFICILALE ELETTRICA
A 20C
A 20C
DA ALFA A
A 20C
BETA
0,46
888 C
1.670 C
170 N/MM2
240 N/MM2
24 %
140 HB
MICROOHMM

ASTM GR 2 - GOST BT 1-0


Associa a caratteristiche di resistenza sufficientemente elevate una buona
formabilit a freddo. E la qualit di titanio pi largamente utilizzata.
Caratteristiche e composizione:
TI
O
N
99,7
0,250
0,030
Note: nella BT 1-0 accettato un 0,7 di Al max

H
0,015

C
0,100

Fe
0,150

T DI
T DI
CARICO DI
CARICO DI ALLUNGAMENTO
DUREZZA
RESISTIVIT
TRANSIZIONE FUSIONE SNERVAMENTO ROTTURA
SUPERFICILALE ELETTRICA
DA ALFA A
A 20C
A 20C
A 20C
BETA
0,50
910 C
1.665 C
276 N/MM2
345 N/MM2
20 %
150-170 HB
MICROOHMM

04

ASTM GR 3
E utilizzato in ambienti ossidanti e per impieghi a basse temperature.
Caratteristiche e composizione:
TI
99,6

O
0,300

N
0,050

H
0,015

C
0,080

Fe
0,300

T DI
T DI
CARICO DI
CARICO DI ALLUNGAMENTO
DUREZZA
RESISTIVIT
TRANSIZIONE FUSIONE SNERVAMENTO ROTTURA
SUPERFICILALE ELETTRICA
DA ALFA A
A 20C
A 20C
A 20C
BETA
0,60
920 C
1.660 C
380 N/MM2
445 N/MM2
18 %
170 HB
MICROOHMM

ASTM GR 4
utilizzato dove sia richiesto resistenza alla corrosione ed allerosione e per
temperature fino a 425 C:
Caratteristiche e composizione:
TI
99,5

O
0,400

N
0,050

H
0,015

C
0,080

Fe
0,500

T DI
T DI
CARICO DI
CARICO ALLUNGAMENTO
DUREZZA
RESISTIVIT
TRANSIZIONE FUSIONE SNERVAMENTO
DI
SUPERFICILALE ELETTRICA
DA ALFA A
A 20C
ROTTURA
A 20C
BETA
A 20C
0,60
550
950 C
1.660 C
480 N/MM2
15 %
200 HB
MICROOHM2
N/MM
M

05

IL TITANIO LEGATO
ASTM GR 5 - GOST BT 6
La pi versatile lega di titanio, con una combinazione ideale di favorevoli
caratteristiche.
Oltre ad un buon comportamento alla forgiatura, presenta eccellente duttilit
e tenacit allo stato ricotto. Grazie alla sua bassa sensibilit agli effetti di
intaglio, alla sua elevata resistenza alla cavitazione. Questo tipo di lega pu
essere utilizzata in qualsiasi tipo di costruzione meccanica.
Caratteristiche e composizione
Il titanio presente con una percentuale dell89% ed per tale motivo che il
grado 5 considerato una lega di titanio in quanto vi sono anche percentuali
considerevoli di alluminio (6%) e vanadio (4%).
Come abbiamo gi detto, alla temperatura di 882 il titanio PURO presenta
una trasformazione allotropica; cambia cio la sua struttura cristallina da una
fase alfa (struttura esagonale compatta) ad una fase beta (struttura cubica a
corpo centrato), stabile fino al punto di fusione.
Nella lega di titanio grado 5 la presenza di alluminio e vanadio innalza il
cambiamento della sua struttura cristallina da una fase alfa (struttura
esagonale compatta) ad una fase beta (struttura cubica a corpo centrato),
alla temperatura di 990 che rimane poi stabile fino al punto di fusione.
O
0,200

N
0,050

H
0,015

C
0,100

Fe
0,400

Al
5,5-6,75%

V
3,5-4,5%

T DI
T DI
CARICO DI
CARICO ALLUNGAMENTO
DUREZZA
RESISTIVIT
TRANSIZIONE FUSIONE SNERVAMENTO
DI
SUPERFICILALE ELETTRICA
DA ALFA A
A 20C
ROTTURA
A 20C
BETA
A 20C
1,45
895
990 C
1.650 C 790-970 N/MM2
10 %
300-340 HB MICROOHM2
N/MM
M

06

Leghe Commerciali di Titanio disponibili:


Impurity Limits %
Designation

Nominal Composition %

Fe

Al

Sn

Zi

Mo

Others

Unalloied Grades
ASTM Grade 1

0.03

0.10

0.015

0.20

0.18

...

...

...

...

...

ASTM Grade 2

0.03

0.10

0.015

0.30

0.35

...

...

...

...

...

ASTM Grade 4

0.05

0.10

0.015

0.5

0.470

...

...

...

...

...

ASTM Grade 7

0.03

0.10

0.015

0.30

0.25

...

...

...

...

0.2 Pd

Ti 6Al 4V Grade 5

0.05

0.1

0.0125

0.30

0.20

...

...

...

4V

Ti 6Al 4V ELI

0.05

0.08

0.0125

0.25

0.13

...

...

...

4V

Ti 3Al 2.5V Grade 9

0.015

0.05

0.015

0.30

0.12

3.0

...

...

...

2.5 V

Alpha Beta Alloys

Caratteristiche fisiche e meccaniche del Titanio e delle sue leghe:


Titanio
commercialmente puro

Leghe di Titanio
alpha + beta

GRADO

Grado 1

Grado 2

Grado 4

Grado 7

Grado 5

Grado 5 ELI

Grado9

Rm (MPA)

240

345

550

375

900

900

620

Rp02 (MPA)

170

275

485

345

830

830

520

Allungam. %

24

20

15

20

10

10

15

KCU resilienza (J)

110-160

40-80

14-27

40-80

15-20

24

54

Durezza

36 HRC

35 HRC

20 HRC

4.51

4.51

4.51

4.51

4.4

4.4

4.48

Modulo elasticit
normale (GPa)

103

103

107

107

110

110

103

Modulo elasticit
tangenziale (GPa)

40

40

40

40

40

40

40

Peso spec. Kg/dm

120 HB/30 160 HB/30 250 HB/30 160 HB/30


3

Saldabilit

ottima

ottima

ottima

ottima

buona

buona

ottima

Temp di fucinat.(C)

870-930

870-930

900-930

900-930

950-980

950-980

870-900

Temp di Stamp. (C)

815-870

815-870

840-870

815-870

900-950

900-950

760-815

Beta Transus
(C +/- 25)

882

900

940

900

1000

990

795

Tipologia di semilavorati e applicazioni:

Titanio
commercialmente puro
GRADO

Grado 1

Grado 2

Tipologia di
semilavorati

Barre
billetta
lemiera
filo tubo
vergella

Barre
billetta
lemiera
filo tubo
vergella

Applicazioni

Grado 4

Leghe di Titanio
alpha + beta
Grado 7

Barre
Barre
billetta
billetta
lemiera filo lemiera filo
tubo
tubo
vergella
vergella

Nell'industria chimica e navale per la resistenza


alla corrosione.
Nei componenti aeronautici in cui si desidera la
massima formabilita.

Grado 5

Grado 5 ELI

Grado9

Barre billetta
lemiera filo tubo
vergella

Barre billetta lemiera filo


tubo vergella

Barre billetta lemiera filo


tubo vergella

Componenti di
motore di aereo.
Viteria, strutture
aeronautiche E la
legha pi usata.

Alta tenacit alla frattura, Condotti oleodinamici in


basse temperature di
aeronautica. Il carico di
esercizio. Usato per
rottura a 700Mpa con
applicazioni biomediche e deformazione a freddo.
marine.

07

Lutilizzo del titanio nel settore dentale


La nostra societ di produzione, da pi 10 anni realizza impianti dentali
per il settore odontoiatrico con una consolidata esperienza nella
micromeccanica e nanotecnologia."
Lalta specializzazione raggiunta e lindividuazione di fornitori esterni leader
nei vari settori di appartenenza hanno permesso di produrre impianti dentali
e parti protesiche che assicurano il rispetto di tutte le normative esistenti a
costi estremamente competitivi.
Nel settore dentale i sistemi implantologici possono essere realizzati in
diverse leghe di titanio: dal titanio grado 2, il pi puro e con maggiori
caratteristiche di osteointegrazione, impiegato nella realizzazione degli
impianti, fino alla lega di titanio grado 5, la pi resistente e adatta ai
componenti pi sollecitati.
Le caratteristiche fisico-meccaniche e la composizione del titanio utilizzato
generalmente nel settore dentale, sono riportate nella seguente tabella:

Grado 2
Grado 3
Grado 4
Grado 5

carico di
rottura
M Pa 340
M Pa 450
M Pa 550
M Pa 900

Ti

Fe

99% 0,03% 0,10% 0,15% 0,20% 0,25%


99% 0,05% 0,10% 0,15% 0,30% 0,35%
99% 0,05% 0,10% 0,15% 0,50% 0,40%
89% 0,05% 0,10% 0,12% 0,30% 0,20%

08

Noi utilizziamo ESCLUSIVAMENTE titanio grado 4 e lega di titanio grado 5;


con le differenze per la realizzazione di ogni singolo pezzo riportate nella
seguente tabella:
TITANIO GRADO 4
Impianti bifasici
Viti di guarigione
Transfer da impronta
Analoghi da laboratorio

LEGA DI TITANIO GRADO 5


Impianti monofasici
Monconi in titanio
Monconi da sovrafusione con base in titanio
Viti di connessione

Viene utilizzato solo materiale di composizione chimica controllata e


caratteristiche conformi alle norme applicabili sui materiali per dispositivi
medici (ISO 5832 - ASTM F316, ASTM F67)
Il materiale in consegna dal produttore corredato dai certificati di analisi
chimica e meccanica che vengono archiviati.
Gli impianti dentali e i componenti protesici sono coperti dalla marcatura CE
(v. certificato CE) che attesta la loro conformit ai requisiti di sicurezza
stabiliti dalla Direttiva Europea 93/42/0.
L'intero processo produttivo stato implementato e viene costantemente
controllato secondo le specifiche della norma Uni-En 13685:2000.
La costante attenzione nei confronti delle esigenze del cliente ci permette di
poter offrire un prodotto assolutamente di avanguardia anche nella tipologia
dei trattamenti di rivestimento.
Su specifica richiesta siamo in grado di fornire servizi di trattamento
superficiale al plasma sia in aria che sotto vuoto (con garanzia di assoluta
adesione del rivestimento all'impianto) o di sabbiatura con lutilizzo di una
particolare miscela abrasiva che garantisce la perfetta pulizia dellimpianto
senza lasciare alcuna traccia di contaminazione cos come invece avviene
con il normale uso di corindone bianco o di applicare un rivestimento di
nitruro di titanio che assicura la risoluzione del problema dellingrigimento
della gengiva e la totale biocompatibilit.
Il nostro servizio si completa con la possibilit di confezionare gli impianti
secondo le singole esigenze con il prelavaggio e la sterilizzazione finale.
09