Sei sulla pagina 1di 50

MATERIALI METALLICI

I Metalli e le leghe metalliche hanno propriet tecnologiche di indubbia utilit e per questo trovano moltissime applicazioni industriali. Per quanto riguarda le leghe, esse possono essere suddivise in: 1. Leghe Ferrose 2. Leghe non Ferrose a base di Fe a base di altri metalli

Il Fe F e le l sue leghe l h (in (i particolare ti l gli li acciai i i e e le l ghise) hi ) rappresentano t circa i il 90 % della produzione mondiale di materiali metallici

Ci dovuto alla loro buona combinazione di resistenza meccanica, tenacit e duttilit, abbinata a costi relativamente contenuti

Leghe Ferrose
Le principali leghe del ferro sono: 1. Acciai 2. Ghise Entrambe sono essenzialmente leghe Ferro Carbonio e si differenziano poich gli Acciai hanno un n % di carbonio < 2,06 2 06 e le ghise > 2,06 2 06

Gli Acciai sono soprattutto leghe da lavorazione plastica, cio la forma dei semilavorati o degli oggetti finali viene ottenuta attraverso lavorazioni di deformazione plastica a caldo o a freddo: laminazione, plastica, laminazione forgiatura, forgiatura stampaggio ecc. ecc

Le Ghise sono invece leghe da fonderia: gli oggetti finali sono ottenuti direttamente dalla lega liquida, che viene colata e solidifica in forme che riproducono, in negativo, la forma delloggetto gg

Produzione della Ghisa e dellAcciaio


La Produzione dellAcciaio pu essere suddivisa in 3 fasi:

1. Produzione della Ghisa grezza nellAltoforno 2 Produzione 2. Prod ione dellAcciaio 3. Ottenimento dei semilavorati

1. Produzione della Ghisa grezza nellAltoforno


Un Altoforno un forno del tipo a tino nel quale i minerale di partenza, sottoposti ad elevate T (intorno agli 800 C) e mescolati ad altre sostanze che ne facilitano la reazione, subiscono una riduzione e si trasformano in ghisa In particolare nellAltoforno vengono caricati Minerali di Ferro (dai quali si estrae la maggior parte del Fe) Carbon Coke (agente riducente) Altre Alt sostanze t (i particolare (in ti l C l Calcare ) per far f si i che h i minerali i li raggiungano i quella ll composizione chimico fisica necessaria per la loro trasformazione Prima di esser immessi nellaltoforno 9 I minerali del Ferro vengono estratti nelle miniere, lavorati e trasformati in Pellets negli li appositi i i impianti i i i di trattamento, 9 Il calcare viene estratto nelle cave (calcare grezzo), triturato e selezionato (calcare lavorato) ) 9 Il carbon coke viene ottenuto dalla combustione del Carbon fossile nelle Cokerie

1. Produzione della Ghisa grezza nellAltoforno


Nellaltoforno il coke, a T intorno agli 800 C, agisce da riducente degli ossidi di Ferro (in particolare Fe2O3) per produrre ghisa grezza che contiene circa il 45 % di C assieme i ad d altre l impurit i i mediante di una serie i di reazioni i i

Il coke reagisce dapprima con lossigeno presente nellaria per dare anidride carbonica:

C + O2

3CO2

Lanidride carbonica formatasi reagisce con il carbone in eccesso dando luogo allossido di carbonio:

CO2 + C

2CO

1. Produzione della Ghisa grezza nellAltoforno


Lossido di carbonio formatosi agisce da riducente degli ossidi di Ferro (in particolare Fe2O3) per produrre ghisa grezza che contiene circa il 45 % di C assieme ad altre impurit mediante la tipica reazione:

Fe2O3 + 3 CO

2 Fe + 3CO2

Nellaltoforno la quantit di carbon coke caricato risulta essere superiore a quella stechiometrica necessaria a ridurre i minerali di Ferro

Solo una parte di C (quella che riduce i minerali) va via sotto forma di CO2 mentre la parte in eccesso rimane intrappolata nella miscela. Alluscita dellaltoforno si avr una miscela liquida Fe-C ad alto contenuto di C (Ghisa Grezza)

2. Produzione dellAcciaio
Alluscita dellaltoforno la Ghisa viene colata direttamente in un contenitore mobile su rotaie tramite il quale viene trasportata allacciaieria

Il processo di preparazione dellAcciaio consiste nella decarburazione della ghisa e nellaggiunta nell aggiunta di componenti che consentano di ottenere quel grado di durezza e resistenza desiderato

In particolare, in questa fase, lacciaio ottenuto dalla ghisa per ossidazione del Carbonio e delle altre impurit p presenti nella g p ghisa g grezza, , finch il contenuto di C nella miscela si riduce al livello richiesto

Tutto questo si ottiene riscaldando nuovamente la ghisa in appositi forni chiamati Convertitori

2. Produzione dellAcciaio
Il processo pi comunemente usato per la conversione della ghisa grezza in acciaio comporta luso di un Convertitore ad ossigeno Non altro che un forno di forma cilindrica con rivestimento refrattario, nel cui interno inserita una lancia che insuffla O2

1. Lossigeno puro della lancia reagisce con il bagno fuso per formare ossido di Ferro 2 Fe (bagno fuso) + 02 FeO

2. Il Carbonio (si ossida) reagisce quindi con lossido di Ferro e va via sotto forma di monossido di Carbonio 2 FeO + C Fe + CO

2. Produzione dellAcciaio
Immediatamente prima che abbia inizio la reazione con lossigeno, vengono aggiunte quantit controllate di addensanti di scorie Con questo processo, della durata di circa 22 minuti, il contenuto di carbonio viene drasticamente abbassato e con esso anche le concentrazioni di impurit come lo Zolfo e il presenti nella g ghisa g grezza fosforo p

3. Ottenimento dei Semilavorati


LAcciaio fuso cos ottenuto pu essere colato dal convertitore sia in Lingottiere,
sia mediante colata continua ottenendo lunghe bramme, tagliate di opportuna lunghezza

Dopo essere stati colati, i lingotti vengono riscaldati in un forno a pozzo e quindi
vengono laminati a caldo in Bramme, o altre forme che porteranno poi, mediante una successiva i laminazione l i i a caldo ld o a freddo, f dd ad d ottenere tt nastri, t i lamiere, l i t di i travi tondini, t ia doppi T, rotaie ecc.

Bisogna comunque dire che, oggi, pi del 60% dellacciaio grezzo ottenuto con
colata continua e si prevede che questa percentuale salga nel corso dei prossimi anni

Diagramma di Stato Ferro Carburo di Ferro

Diagramma di Stato Ferro Carburo di Ferro


Il diagramma Fe C contiene le seguenti fasi solide Ferrite

9 Questa fase una soluzione solida interstiziale del carbonio nel reticolo CCC del
ferro (ferro ) ed stabile fino a 910C

9 Il Carbonio solo parzialmente solubile nel ferro , con una solubilit allo stato
solido massima dello 0,02% a 723 C e minima dello 0,005% a 0C

Diagramma di Stato Ferro Carburo di Ferro


Austenite

9Questa fase una soluzione solida


interstiziale del carbonio nel reticolo CFC del ferro (ferro ) ed stabile fino a 1493C

9 La

solubilit del Carbonio nellAustenite nell Austenite ha un massimo del 2,06 % a 1148C e diminuisce fino allo 0,8% a 723C

Cementite o Carburo di Ferro (Fe3C)

9 Fe e C possono interagire anche formando un composto intermetallico


chiamato appunto Cementite.

9 Tale composto non una fase di equilibrio in quanto, quanto sotto certe
condizioni, esso pu decomporsi nelle fasi pi stabili di ferro e carbonio (cristalli di grafite). Tuttavia, per la maggior parte delle condizioni pratiche il F 3C molto Fe l stabile bil e quindi i di viene i trattato come una fase f di equilibrio ilib i

9 Ha una composizione del 6,67% di C del 93,3% di Fe ed un composto


duro e fragile

Diagramma di Stato Ferro Carburo di Ferro


Ferrite F it

9 Questa fase una soluzione solida interstiziale del carbonio nel reticolo CCC del
ferro

9 E quindi simile alla ferrite ma si differenzia da questa ultima perch ha una


maggior costante reticolare ed stabile a T pi elevate (fra 1390 C e 1534 C)

9 La solubilit massima allo stato solido del carbonio si ha a 1495 C (0,09%)

Diagramma di Stato Ferro Carburo di Ferro


Il diagramma Fe C caratterizzato da tre trasformazioni di notevole importanza

Trasformazione T f i Euttetica E i
Al punto di trasformazione eutettica che avviene alla T di 1148 C, il liquido con 4,3 di C forma Austenite con 2,06% , di C e il composto p Fe3C che contiene 6,67% , di C Liquido (4,3% C)
1148 C

Austenite (2,06% C) + Fe3C (6,67%C)

Diagramma di Stato Ferro Carburo di Ferro


Trasformazione Peritettica
Al punto di trasformazione f i perittetica i i che h avviene i alla ll T di 1495 C, C il liquido li id con 0,53 di C si combina con ferrite (0,09% C) per formare austenite con 0,17% di C Liquido q (0,53 ( , % C) ) + ferrite ( (0,09% , C) )
1495 C

Austenite ( (0,17% , C) )

Diagramma di Stato Ferro Carburo di Ferro


Trasformazione Eutettoidica
Al punto di trasformazione eutettoidica che avviene alla T di 723C, laustenite solida lid (0,8% (0 8% C) produce d f it (0,02% ferrite (0 02% C) e Cementite C tit (6,67% (6 67% C) Austenite (0,8 % C)
723 C

ferrite (0,02% C) + Fe3C (6,67% C)

Diagramma di Stato Ferro Carburo di Ferro


Trasformazione Eutettoidica Questa Q t trasformazione t f i molto lt importante i t t per alcuni l i dei d i trattamenti t tt ti termici t i i degli d li acciai al carbonio

Un acciaio che contiene lo 0,8% di C chiamato Acciaio Eutettoidico Se un acciaio contiene meno dello 0,8 % di C chiamato Acciaio
Ipoeutettoidico

Se un acciaio contiene p pi dello 0,8 , % di C chiamato Acciaio Ipereutettoidico p

Acciai eutettoidici
Se un campione di acciaio con 0,8 % di C viene riscaldato per un tempo sufficiente al
di sopra di 723 C C e mantenuto in temperatura (es. (es 750 750C) C) per un tempo sufficiente, sufficiente la sua struttura diventer austenite omogenea (Processo di Austenitizzazione)

Se poi viene raffreddato appena sopra i 723 C la sua struttura rimarr inalterata
(punto a)

Un ulteriore raffreddamento appena sotto la temperatura eutettoidica trasformer


lintera li t struttura t tt d austenite da t it ad d una struttura t tt l lamellare ll di laminette l i tt alternate lt t di ferrite f it (punto b) e Fe3C Tale struttura eutettoidica si chiama Perlite

Poich P i h la l solubilit l bilit del d l C nella ll ferrite f it nella ll cementite tit varia i molto lt lentamente l t t da d
723 C a T ambiente, la struttura della perlite rimarr invariata in tale intervallo

Acciai eutettoidici

Acciai ipoeutettoidici
Se un campione di acciaio con 0,4 % di C viene riscaldato per un tempo sufficiente a
circa 900 C (punto a) per un tempo sufficiente, la sua struttura diventer austenite omogenea g (Processo di Austenitizzazione) (

Se poi viene raffreddato alla T del punto b (circa 775 C) comincer a nuclearsi della ferrite proeutettoidica che crescer principalmente ai bordi dei grani austenitici Se si raggiunge la T del punto c, la quantit di ferrite proeutettoidica sar aumentata
( la % di C avr raggiunto lo 0,02%) a scapito della austenite la cui % di C sar passata d ll 0,4 dallo 0 4 allo ll 0,8 08

A 723 C, se il raffreddamento lento, laustenite rimanente si trasformer in perlite


attraverso la trasformazione eutettoidica

La ferrite formatasi dallaustenite a 723 C si chiama ferrite eutettoidica per distinguerla da quella formatasi in precedenza

Acciai ipoeutettoidici

Acciai ipereutettoidici
Se un campione di acciaio con 1,2 % di C viene riscaldato per un tempo sufficiente a
circa 950 C (punto a) per un tempo sufficiente, la sua struttura diventer austenite omogenea g (Processo di Austenitizzazione) (

Se poi viene raffreddato alla T del punto b comincer a nuclearsi della cementite proeutettoidica che crescer principalmente ai bordi dei grani austenitici p Se si raggiunge la T del punto c (appena sopra i 723 C), la quantit di cementite
proeutettoidica continuer ad aumentare e la % di C nellaustenite residua passer da 1,2 a 0,8

A 723 C, se il raffreddamento lento, laustenite rimanente si trasformer in perlite


attraverso la trasformazione eutettoidica (punto d)

La cementite formatasi dallaustenite a 723 C si chiama cementite eutettoidica per distinguerla da quella formatasi in precedenza

Trattamenti termici degli acciai


Variando le modalit di riscaldamento e raffreddamento degli acciai, si possono ottenere: Strutture diverse da quelle di equilibrio rappresentate ne diagramma Fe C Diverse combinazioni di propriet meccaniche

E Esempio: i Formazione F i di M Martensite t it Fe F C mediante di t Tempra T

Il trattamento di Tempra detto anche tempra di indurimento, consiste in un raffreddamento veloce con il quale possibile ottenere una struttura cristallina particolarmente dura, detta Martensite Se un Acciaio a struttura Austenitica viene raffreddato rapidamente in Acqua a T ambiente (Trattamento di Tempra), invece di formarsi Ferrite o Cementite (a seconda se la % di C maggiore o minore di 0,8), si former una struttura particolare chiamata

Martensite

Martensite
La Martensite una fase metastabile composta da una soluzione solida interstiziale sovrassatura di C nel Fe CCC, o meglio in quello tetragonale a corpo centrato La tetragonalit causata dalla leggera distorsione della cella CCC per la presenza del Carbonio

La T alla quale inizia la trasformazione da Austenite a Martensite si chiama Martensite Star Ms mentre quella a cui finisce si chiama Martensite Finish Mf Dal Grafico si nota che la Ms diminuisce allaumentare della % di C

Microstruttura della Martensite


La microstruttura della martensite dipende dalla % di C

Per Acciai con % C < 0,6 la martensite di tipo Aciculare, costituita da domini di aghetti con, allinterno del dominio orientamenti di poco diversi; allinterno del singolo aghetto la struttura molto disordinata con unalta densit di dislocazioni Per Acciai con % C > 1 la martensite di tipo a placchette; tali placchette hanno un alto contenuto di C, dimensioni variabili e sono spesso circondate da una grande quantit di Austenite non trasformata (residua) Per P Acciai A i i con 0,6 06<%C<1 l martensite la i ha h una struttura mista, i formata sia da martensite aciculare che a placchette

Caratteristiche Meccaniche della Martensite


La Durezza e la Resistenza Meccanica della Martensite dipendono dalla % di C aumentando entrambe con questultima Allo stesso modo per, all allaumentare aumentare del contenuto di C diminuiscono sensibilmente la Duttilit e la Tenacit
La regione ombreggiata indica la possibile perdita di di durezza d d dovuta alla ll presenza di austenite residua, meno dura della Martensite

Spesso dunque gli Acciai temprati risultano essere Duri ma anche molto fragili per cui devono essere sottoposti ad un trattamento di Rinvenimento

Trattamenti termici degli acciai: Rinvenimento


Il Rinvenimento il processo di riscaldamento di un acciaio Martensitico, realizzato pertanto dopo un trattamento di Tempra, che viene realizzato ad una T < T eutettoidica

Obiettivo: Rendere lAcciaio Martensitico pi duttile e tenace anche a scapito della resistenza e della durezza

Mediante tale trattamento, la Martensite si trasforma in una struttura composta da particelle di Carburo di Ferro in una matrice Ferritica

Rinvenimento
La Martensite una struttura metastabile (soluzione solida interstiziale sovrassatura di C nel Fe TCC) che quando viene riscaldata si decompone

Nella Martensite Aciculare, tipica degli acciai a basso contenuto di C c c un alta densit di dislocazioni che forniscono agli atomi di C posizioni di energia inferiore rispetto alle loro posizioni interstiziali: il rinvenimento a T comprese fra 20 C e 200 C comporta la segregazione di tali atomi nelle posizioni a bassa E Per gli Acciai Martensitici con % di C pi alte, il meccanismo principale di ridistribuzione del carbonio a T di rinvenimento C la formazioni di precipitati Per T< 200C si forma un precipitato molto fine chiamato Carburo epsilon Per 200C < T < 700C il carburo che si forma la Cementite

Effetto della T di Rinvenimento sulla durezza

La diminuzione graduale della Durezza all allaumentare aumentare della T di rinvenimento dovuto alla diffusione degli atomi di C dalle posizioni inizialmente occupate verso interstizi reticolari p per formare i p precipitati p di carburo di ferro.

Diagramma TTT per un Acciaio Eutettoidico


Per costruire tale diagramma si analizzano le trasformazioni subite dallaustenite di un acciaio eutettoidico quando viene sottoposta ad un doppio trattamento 1. Raffreddamento rapido ad una T inferiore alla T Eutettoidica (723 C) 2. Mantenimento per un determinato t a quella T in modo da ottenere una trasformazione Isoterma

Per studiare i mutamenti microstrutturali si utilizzano un certo numero di provini di piccole dimensioni che vengono dapprima austenitizzati in forno ad una T > 723C, poi vengono raffreddati rapidamente in un bagno di Sali fusi alla T desiderata (< 723C) e superiore alla Ms infine, mantenuto a quella T per diversi t, i campioni vengono singolarmente rimossi dal bagno e raffreddati in aria a Tambiente La microstruttura ottenuta ad ogni intervallo di tempo di trasformazione pu essere cos analizzata a T ambiente

Diagramma TTT per un Acciaio Eutettoidico


Utilizzando il procedimento descritto si verifica che, per un acciaio eutettoidico raffreddato rapidamente e poi tenuto in condizioni isoterme a T = 705 C si osserva che dopo 6 minuti inizia la formazione di un piccola quantit di Perlite grossolana e dopo 67 minuti tale trasformazione si completata

Diagramma TTT per un Acciaio Eutettoidico


Ripetendo la stessa procedura a T progressivamente inferiori, inferiori si pu costruire il diagramma TTT

Per trasformazioni isoterme con 723 C < T < 550 C si hanno microstrutture perlitiche che, al diminuire della T, passano da Perlite grossolana a Perlite fine Per raffreddamenti rapidi a T inferiori a Mf laustenite si trasforma completamente in Martensite

Diagramma TTT per un Acciaio Eutettoidico

Se un Acciaio eutettoidico che si trova inizialmente a T > 723 C (austenite), subisce una trasformazione isotermica dopo essere stato raffreddato velocemente a una T compresa fra 550 C e 250C, si ottiene una struttura intermedia fra Martensite e Perlite, la Bainite La Bainite una struttura eutettoidica non lamellare formata da Ferrite e cementite (Fe3C)

Classificazione degli Acciai


Gli acciai possono essere genericamente suddivisi in due categorie: 1. Acciai al Carbonio (quelli di cui si parlato finora) Acciai Legati: Almeno un elemento di lega supera il 4-5% 2. Acciai Legati Acciai Basso Legati: tutti gli elementi di lega sono < 4-5%

Gli Acciai al Carbonio sono Leghe Fe-C che contengono da una percentuale molto bassa (circa lo 0,03 %) all all1,2 1,2 % di C, dallo 0,25 all all1% 1% di manganese e quantit minori di altri elementi quali Silicio oltre a Fosforo e Zolfo (impurit) Il manganese e il silicio, aggiunti durante la produzione dellacciaio in quanto di id ti (il Mn diossidanti M anche h desolforante d lf t e comporta t un aumento t delle d ll resistenza it meccanica) La classificazione l ifi i d li Acciai degli A i i al l C maggiormente i usata quella ll americana i A S SAE. AISI SA In base ad essa, un Acciaio designato mediante un numero a 4 cifre: le prime due per gli Acciai al C sono 10, le altre 2 indicano la % di C presente , moltiplicata per 100 Es.: La sigla AISI SAE 1030 indica un acciaio al Carbonio con contenuto in C pari allo 0,30%

Limiti degli Acciai al C: Utilizzo degli Acciai Legati


Gli acciai al C possono essere utilizzati solo se le condizioni di sollecitazione e di utilizzo non sono troppo severe in quanto hanno alcune limitazioni tra le quali: 1. Il carico di rottura non pu superare i 690 MPa senza che si abbia perdita di duttilit e resilienza 2 Non si possono produrre pezzi di elevato spessore con struttura interna martensitica in 2. quanto la Tempra non pu essere spinta in profondit 3. Hanno una bassa resistenza alla Corrosione e allOssidazione 4. Hanno una bassa resilienza a Basse T Per tali motivi sono stati sviluppati gli Acciai Legati che contengono elementi di lega al fine di migliorare le loro propriet Questi sono pi costosi degli Acciai al C, C ma per molte applicazioni sono gli unici materiali che possono soddisfare le specifiche costruttive I principali elementi di lega sono: Manganese, Nichel, Cromo, Molibdeno e Tungsteno Altri elementi possono essere Vanadio, Cobalto, Silicio, Boro, Rame, Alluminio etc.

Esercizio 1
Un acciaio al Carbonio contenente lo 0,8 % C viene raffreddato lentamente da 750 C a una temperatura appena sotto i 723 C. Assumendo che lAustenite si sia completamente trasformata in ferrite e Cementite calcolare: 1. la % in peso della ferrite eutettoidica formatasi 2. la % in peso della Cementite eutettoidica formatasi

Esercizio 1: risoluzione

Applicando la regola della leva si ha:


% Fea = 6, 67 - 0,80 5,87 100 = 100 = 88,3% 6, 67 - 0, 02 6, 65

% Fe3C =

0,80 - 0, 02 0, 78 100 = 100 = 11, 7% 6, 67 - 0, 02 6, 65

Esercizio 2
1 Kg di acciaio al Carbonio ipoeutettoidico con 0,4 % C viene raffreddato lentamente da 940 C a una temperatura appena sotto i 723 C. Calcolare: 1 la 1. l % in i peso dellAustenite d llA i presente a 723C 23C presente nellAcciaio llA i i 2. la quantit in peso della Ferrite proeutettoidica presente nellAcciaio 3 la 3. l quantit tit in i peso della d ll Ferrite F it eutettoidica t tt idi presente t nellAcciaio llA i i 4. la quatnit in peso della Cementite eutettoidica presente nellAcciaio

Esercizio 2: risoluzione 1

Applicando la regola della leva si ha:

% Austenite g =

0, 40 - 0, 02 100 = 48, 72% 0,80 - 0, 02 0,80 - 0, 40 % Fea proeutettoidica = 100 = 51, 28% 0,80 - 0, 02

Esercizio 2: risoluzione 1
Raggiunta la T di 723C lacciaio costituito dal 48,72 % di austenite e dal 51,28
% di Fe proeutettoidica

laustenite (%C = 0,8) comincia a trasformarsi in ferrite e cementite eutettoidiche


A li d la Applicando l regola l della d ll leva l si i ha: h

% Fe a totale =

6, 67 6, 67 0, 40 % Fe3C totale = 6 67 6,

0, 40 100 = 94 94, 28% 0, 02 0, 02 100 = 5, 72% 0, 0 02

Per calcolare la ferrite formatasi alleutettoidico basta sottrarre alla % di ferrite


totale quella di ferrite proeutettoidica:

% Fea eu = 94, , 28% - 51, , 28% = 43%

Esercizio 2: risoluzione 1
In definitiva, al di sotto dei 723C lacciaio sar costituito da:

Fe3C =

5, 72 (1000 g )= 57, 2 g 100

Fea tot =

94, 28 (1000 g )= 942,8 g 100

di cui :

Fea eut =

43 (1000 g ) = 430 g 100 51, 28 Fea pro = (1000 g ) = 512,8 512 8 g 100

Esercizio 2: risoluzione 2
Raggiunta la T di 723C lacciaio costituito dal 48,72 % di austenite e dal 51,28 % di Fe proeutettoidica Su 1 Kg di acciaio si ottengono:

51, 28 Fea p pro = ( (1000 g ) = 512,8 , g 100 48, 72 g = (1000 g ) = 487, 2 g 100

Esercizio 2: risoluzione 2
Dai 487,2 g di austenite si formano la Fe3C e la Fe eutettoidica. Applicando la regola della leva si ha:

% Fe a eu =

6, 67 - 0,8 6 08 100 = 88, 27% 6, 67 - 0, 02 0,8 , - 0, , 02 % Fe F 3C = 100 = 11, 11 73% 6, 67 - 0, 02

Le quantit in peso di Fe3C e Fe eutettoidica saranno date da:

Fea eut =
Fe3C =

88, 27 (487, 2 g ) = 430 g 100

11, 73 (487, 2 g )= 57, 2 g 100

Le quantit in peso di e Fe totale date da:

F a eut Fe t + Fe F a pro = 430 g + 512,8 512 8 g = 942,8 942 8 g

Esercizio 3
Determinare le composizioni che deve avere un acciaio affinche alla temperatura eutettoidica, sia costituito dal 50 % di austenite

Esercizio 3
Determinare le composizioni che deve avere un acciaio affinche alla temperatura eutettoidica, sia costituito dal 50 % di austenite Esisteranno due composizioni tali da soddisfare la condizione richiesta: X1 X2 acciaio ipoeutettoidico acciaio ipereutettoidico

Esercizio 3: risoluzione
Si applica la regola della leva a ritroso:
acciaio ipoeutettoidico:

%g =

0, 02 100 = 50 0,8 0 8 - 0, 0 02

x1 -

x1 = 0, 02 +

50 (0,8 - 0, 02)= 0, 41 100

acciaio ipereutettoidico:

6, 67 - x 2 %g = 100 = 50 6, 67 - 0,8

50 x2 = 6, 67 - (6, 67 - 0,8)= 3, 73 100

Affinch, a T= 723C, lacciaio sia costituito dal 50% di Austenite, deve presentare una contenuto in carbonio pari allo 0,41% (ipo) o 3,73% (iper).