Sei sulla pagina 1di 509

La presente Edizione è posta sotto la pro­

tezione delle veglianti Leggi

e Convenzioni dei

Governi d’Italia, che le proprietà letterarie.

concorrono a garantire

La presente Edizione è posta sotto la pro­ tezione delle veglianti Leggi e Convenzioni dei Governi

MILES GLORIOSUS

IL

SOLDATO

MILLANTATORE

tS&ff uomo fófetmJidàomo

SALVATORE

BETTI

•^r^M ore

e

S/eptteéawo fiafyieàt#

*séccacktm O '

cfó

«9f ££uca- in

$pom a,

 

con

/a

dottrin a ,

 

^fuer^^^iaàe e fef& vùa'

d ep /t dwcfót

 

/e

m a//» ^ in /adce

d e f éecofó

f c

to rn a re

in

d ig n ità

i£ aerino

dxp/t anticAc

 

PIERLUIGI DONIM

^c&eéta.

étca

e$a>

ómmù

verócone

S/o&iato

tsó& cflantatore

do

££/<zuto

u-m dem ente

condactm .

PERSONE DELLA FAVOLA

PrncopouNicES

 

PlRGOPOLIMCE

A rtotrogus

 

Artotrogo

P

j u e s t r io

P alestrioke

P eriplecto senes

 

P eriplettomeke

ScELEDRVS

 

SCELEDRO

P bilocom jsium

 

F ilocomasio

P lebsid es

Pleuside

L vcrio

 

Lucrioke

ACROTELEVTIVtt

 

Acroteleuzio

M il p m d ip p a

 

Milfidippa

P u er

Ragazzo

Cario

Cariore

 

La

Scena

è

in

Efeso.

JCTUS

I.

SCENA

ì.

P m c o p o L iK i c E S j

A

r t q

j r o

c

v s .

Pr«. Curale, ut splendor meo sil clijpeo clarior,

Quam solis radii esse olim, quom sudum est, solent:

Ut, ubi usus veniat, contra conserta manu Praestringat oculorum aciem in acie hostibus.

Nam

sgo hanc

machaeram m ihi consolari volo,

Ne lamentetur, neve animum despondeat, Quia se jampridem feriatam gestitem, Quae-misere gestit fartum (i) facere ex hoslibus. Sed ubi Artotrogus?

A rt.

Fortem

H ic

est,, stat propter v in im

atque fortunatum

et fo rm a

regia.

Tam bellatorem (2) Mars se haud ausit dicere, Neque aequiparare suas virtutes ad tuas.

PrR.Q uem ne

ego servavi in

campis

Gurgustidoniis,

IJbi Bombomachides Cluninstaridysarchides Erat imperator summus, Neptuni nepos?

A rt. M emini: nempe illum dicis cum arm is aureis,

Quojus tu

legiones difflavisti spirituj

Quasi ventus folia

aut paniculam

(Z) tectoriam.

PrR. Istuc

quidem

edepol nihil est.

Art.

Nil hercle hoc quidem Praeut alia dicam, tu quae nunquam feceris. Perjuriorem hoc hominem si quis viderit Aut gloriarum pleniorem, quam illic est.

Me sibi habelo, et ego mancupio

dabo me; nisi

Unum, epityrum, (i) apud illum esurio insane bene.

 

ATTO

I.

 

SCENA

I.

 

Pircopolikice,

Artotrogo. •

 

PfR.

Fate chc mi risplcnda

lo scudo

coinè il

più

bri

sole di Luglio, acciocché, se avverrà eh’ io

venga

alle mani., abbarbagli i nemici in campo. La voglio

Ar t .

consolare questa mia daga, non vo’ che si lamenti, nè che le caschi il cuore se tanto tempo l’ho tenuta oziosa nel fodero. Poveretta! vorrebbe far salsiciotli della carne de' nemici. Ma dov’ è Artotrogo? Eccolo: qui presso un uomo forte, fortunato, di

reai presenza:

Marte non

fu mai

ardito a dirsi

come te fiero in battaglia, nè in

paladineria osò

giammai porsi al tuo paraggio.

P ir .

Quello forse

cui io salvai la pancia ne’ campi Gur-

gustidonii, dove

governava

la giornata

il nipote

Ar t .

di Nettuno Bombomachide Cluninstaridisarchidc? Me l’arricordo, chè dicesti esser egli venuto coll’ar-

ntc

d’oro; tu

hai fatto

come il vento, col solo alito

gli hai mandate

in

isbaraglio le legioni come fos­

P ir .

sero foglie, o caluggini di canna. E questo è cica.

 

Ar t .

Certo chc questo

è

cica in

confronto di quello chc

non festi mai. Se aleuna può trovare uomo più mar­ rano e più borioso di costui, voglio eh’ egli mi tenga suo servo: se non chc una cosa sola appo

 

costui ho

trovata

vero, le

torte

d’ ulive,

chc in

casa

sua me

le pappo

sì buone

da leccarmene le

dita.

42

PrR . Ubi A rt .

tu

es?

Eccum

edepol. Vel elephanto in India

 

Quo paclo pugno praefregisti brachium?

P rR .

Quid? brachium?

 
   

Illud

dicere volui, femur.

A rt. P rR . Al

indiligenter

iceram.

A

Poi si quidem

. Connisus esses, per corium, per viscera,

 

Perque os elephanti brachium tramilteres.

PrR.Nolo

te

islaec hic

nunc.

 

A r t .

Ne hercle

operae pretium

quidem

 

M ihi

narrare, luas qui virlules sciam.

 

Venter creat omnis has aerumnas: auribus Perhaurienda sunt, ne dentes dentiant, Et adsenlandum est, quidquid hic menlibilur.

P rR . Quid

illud,

quod dico?

 

A r t .

 

Hem, scio jam

quid vis dicere.

PrR.

Facium hercle eslj memini fieri. Quid

id est?

 

A rt.

Quidquid

est.

P rR . Habes

tabellas?

A rt.

Vis

rogare?

habeo,

et stylum.

 

P rR . Facete

advoriis

anim um

iuom

ad

anim um

meum.

A rt. Novisse mores me tuos meditate decct,

 
 

Curamque

adhibere,

 

ut

praedolat

(6)

mihi,

quod

 

velis

PrR.Ecquid

meministi

.

.

.

?

A rt.

Memini.

Centum in

Cilicia

Et quinquaginta, centum Sycolatronidae, Triginta Sardi, sexaginla Macedones,

Sunt

homines, tu quos occidisti uno die.

P ir.

Dove

se’ tu?

 

Art.

Vedimi qua. Ma cappita! e come ti avvenne in India il rompere un braccio ad un elefante?

P ir.

Che? un

bràccio?

Art.

Questo m’ intendeva,

uno

stinco.

P ir.

E

non

fu

chc

un buffetto.

Art.

Cazzica!

se

gli

davi

un pugno

gli

avresti per le

costole inabissalo il braccio nella pancia e fatte

P ir.

uscire dalla bocca. Or poni questo da banda.

Art.

Con me dovresti nemmeno mover fiato; le conosco

Pm.

io le tue gesta una per una. Ah ventre, ventre, quanti impacci tu mi dai, perchè i denti non mi fac­ ciano le file! chc pazienza mi dai ad udir tante smar­ giassate e a far sembianza di crederle! Che dico io?

Art.

Lo

so

già

quello clic mi

vuoi dire:

rinnego

 

Dio

se non

avvenne, me ne ricordo.

 

Pir.

E

che

è

ciò?

Art.

Tutto che vuoi.

 

Pir.

Hai le tavolette?

Art.

Vuoi scrivere? ho

anche lo stilo.

 

Pir.

Oh come

fai presto

a leggermi.

t.

E

bisogna chc

ti

conosca

tuo

anche i pensieri,

e

che

subito

odori il

desiderio.

 

Pir.

E chc ricordi adesso?

Art.

Ricordomi. Cencinquanta nella Cilicia, cento Sico- latronidi, trenta Sardesi^ e sessanta Macedoni son tutta gente chc mandasti all’ inferno in un di.

P rR. Quanta A rt.

islaec hom inum

sum m a

esi?

Septem millia.

P rR . Tantum esse oportet: recte rationem tenes.

A rt. A l nullos, habeo scriptosj sic m em ini tamen.

PrR.Edepol

m emoria

esi

optuma.

A rt. P rR .Dum

Offa me monet. talem facies,, qualem adhuc, adsiduo edes:

A

Conmunicabo semper le mensa mea. rt. Quid i n , Cappadocia, ubi tu quingentos simul,

Ni hebes machaera foret, uno ictu occideres?

P rs.At pedilis delicia (7) erant: sivi viverent.

A rt. Quid

tibi ego

dicam,

quod omnes mortales sciunt,

Pyrgopolinicem te unum in terra vivere Virlule et forma et factis inviclissumis?

Amant ted omnes mulieres ne injuria,

Qui sis

tam

pulcerj vel illae, quae here pallio

Me reprehenderunt.

PrR.

'

Quid here dixerunt tibi?

A rt. Rogitabant: Hiccine Achilles, inquito,

est libi?

Imo ejus frater, inquam. Innuit altera:

Ergo mecastor pulcer esi, inquit mihi, Et liberalis. Fide, caesaries quam decet! Nae illacc sunt fortunatae, quae cum isto cubant!

P rR .Itane A rt.

aibat

tandem? Quaene ambae,

obsecraverint,

Ut

te

hodie quasi pom pam

illam

praeterducerem?

Prs.Nim ia

est miseria,

pulcrum esse hominem nimis.

A rt. Ufoìcstae sunt mihi: orant, ambiunt, obsecrant,

Fidere ut liceat; ad sese arcessi jubent:

Ut

tuo

non

liccat operam

dare negotio.

PrR. Fidetnr- tempus esse, ut eamus ad forum,

Ut

in

labellis quos consignavi hic Iteri

Latrones, ibus denumerem stipendium. Nam Rex Seleucus me opere oravit maxumo, Ut sibi latrones cogenm et conscriberem:

Regi hunc diem mihi operam decretum est dare.

Asr.Age,

eamus ergo.

PrR.

Sequimini, satellites.

P ir .

 

È

pur

la

gran

miseria

per

un uomo l’aver

un po’

 

dell’ attraente.

Abt.

 

Elle ini rompono il capo, mi seccano, mi pregano,

 
  • mi fan la pecchia intorno,

chè sia loro

data la

for­

tuna di vederti, e mi stringono talmente che

non

  • mi laseian per attender allcv cose

tue

tutto quel

P ih.

 

fiato eh’ io vorrei. Sembra 1’ ora d* andare*-in piazza per dar la paga

 

a que’ coscritti di jeri. Il re Seleuco mi fece gran pressa perchè gli raccattassi gente più chc potessi.

Quest’ oggi vo’ spenderlo tutto pel

re.

A

r

t

.

Andiamo adunque.

P

ir .

Soldati, seguitemi.

V

o

l

.

II.

P u

.i t

.

g

ACTUS

IL

SCENA

I.

P alaestrio.

JUilii ad enarrandum hoc argomenlum est comitas. Si ad ascullandum vostra erit benignilas. Qui aulem auscultare nolilj exsurgat foras,

Ut sii,

ubi sedeat ille, qui auscultare volt.

Nunc, qua adsedistis causa in festivo loco, Comoediai, quam modo acturi sumus, Et argumentum et nomen vobis eloquar. Alazon graecc huic nomen esi comoediacj Id nos latine Gloriosum dicimus. Hoc oppidum Ephesust: inde (8) miles, meus hems, esi. Qui hinc ad fonum abiit, gloriosusj impudens, Stercoreus, plenus perjuri alque adulteri, . Ait sese ultro omnis mulieres sectarier:

Is dendiculo est, quaqua incedit, omnibus; Itaque hic merctriccs, labiis dum ductant euntt Majorem pariem videas valgis saviis.

Nam

ego haud diu apud hunc servitutem servio.

Id volo vos scire, quomodo ad hunc devenerim

In

servitutem ab eo, quoi servivi prius.

Date operam: nam nunc argumentum exordiar. Erat herus Athenis mihi adulescens optumusj Meretricem is amabat matre Athenis Allicis, Et illa illum contra: qui est amor cultu oplumus.

Is publice legatus Naupactum hinc fuit

ATTO

II

SCENA

I.

P alestriopìe.

  • Mi piace raccontarvi l’argomento, se pur volete in corlesia

udirlo:

chi

ne

fa nessun

conto pigli il puleggio e

lasci piazza franca

a

chi vuole sentirmi. Or

vi

dirò

perché

siete raccolti

in questo

luogo

d’ allegria,

più dirovvi

ancora

il

titolo

c

l’argomento

 

della

commedia chc siamo per

fare. Alazoute si

chiama

essa in greco, il chc presso noi vai quanto

a

Spaccone.

Qui siamo

in Efeso,

e

di

costì venne

quel soldataccio mio padrone chc poco fa andò iti piazza, uomo borioso, petulante, sozzo, spergiuro,

adultero all’ ultimo segno. E’ dice chc gli

corrono

dietro tutte le donne, ma dovunque mette il capo,

fassi la favola di tutti;

se

guardi alle

cantoniere

quando lo baciano, quasi tutte le vedi baciarlo colla bocca torta. È non molto eh’ io Io servo, e voglio

che sappiate pur voi altri, come da quello a cui prima serviva, sia percosso ncll’unghic di costui. State at­

tenti,

ciano

siamo in su 1’ argomento. d’ un

Un buon pastric­

giovanotto era in Atene signor mio,

egli amoreggiava una cortigiana Ateniese ancor essa chc gli voleva un bene dell’ anima: questo è il più bell’ amore del mondo. Andò cotesto giovane in qualità xli pubblico legato a Lepanto per servigio

Magnai reii publicai gratta. Interibi ut islic forte miles advenit Athenas, insinuat se ad illam amicam lieri, Occepit ejns mairi suppalparier FinOj ornamentis opiparisque obsoniisj Itaque intimum ibi se miles apud lenam facil. Ubi prinuim evenit militi huic occasio3 Sublinit os illi lenae, matri mUlieris} Quam metis amabat lienis: nam is illius filiam Conpegit in navem miles clam matrem suamj Eamquem invitam huc mulierem in Ephesum advehit. Ut amicam herilem Athenis avectam scio, EgOj quantum vivos possum, mihi navem paro; JnscendOj ut eam rem Naupactum ad herum nun­ tiem.

Ubi sumus provecti in altum, sicut voluerunlj Capiunt praedones navem illamj ubi veclus fui.

Prius periij quam ad herum veni, quo ire occeperam,

Ille,

qui me

cepit^

dat me

huic

dono militi.

Hic postquam in aedis ad se me duxit domum,

Video illam amicam herilem, Athenis quae fuit. Ubi contra adspexit me, oculis mihi signum dedit, Ne se adpellaremj deinde^ postquam occasio est, Conqueritur mecum mulier fortunas suasj Aitj fugere sese Athenas cupere ex hac domuj Sese illum amore, meum hentm, Athenis qui fuit, Neque pejus quemquam odissej quam islunc miUlctn. EgOj quoniam inspexi mulieris senlenliamj Cepi tabellas, consignavi clanculum, Do mercatori quoidam3 qui ad eum deferat, Meum herum, qui Alhenis fuerat qui hanc

ama­

veratj

della gran repubblica. Infrattanto essendo per av­ ventura questo soldato venuto in Atene, egli s’in­ sinua presso 1' amante del mio padrone, comincia a

sollucherarne la madre, e con vino, dorerie, e cibi si fa amica quella portapolli. Ma appena a questo soldato si porse il colpo, ci raffibbia alla madre della giovane

amata dal mio

padrone,

e,

senza chc la madre

nc

sentisse punto, caccia in nave la fanciulla, e contra

-voglia la trasse

in Efeso. Saputo

eh’ ebb’ io essere

stata rapita l’amica del padrone, tosto tosto no­

leggio una nave,

vi salgo

sopra per

ragguagliare

dell’.avvenuto il padrone che era a Lepanto. Ma

pigliato che avemmo il

largo,, i corsari,

che tanto

volevano, assaltano la

nave sulla

quale io

era,

c

cosi mi trovo in trappola prima di giungere

al

pa­

drone a cui m’ era mosso. Il corsaro che mi prese mi dà in dono a questo soldato, il

quale

condussemi a casa sua, ed ivi io trovo

quel-

1’ amica , che il mio padrone

aveva in Atene. Come

ella riscontrami)! in viso mi disse cogli occhi, ben

mi guardassi dal chiamarla per nome: e appena le

si

offerse l’agio, si rammarica meco della sua dis­

grazia; dice vorrebbe fuggirsene

da

questa casa e

ricoverarsi

in Atene,

soltanto

quel

mio

padrone

chc

stava

in

Atene

essere era

il

cuor

suo,

cd

aggiunge che niun uomo le è più in odio di questo

fantaccio.

Conosciuto

l’ animo

della

donna

piglio

una tavoletta, la scrivo

di nascosto,

e

la

risegno

ad

un mercatante perchè la ricapitasse a quel mio

padrone

eh’ ebbi

un

tempo

in

Atene,

e

fu

1’ innamoralo di costei, invitandolo

a venire.

Egli

22

Ut

is

hnc

venerii.

Is

non

sprevit nuntium:

Nam et venit, et hic in proxumo dcvortitur Apud paternum suom hospitem,, lepidum senem. Itaque ille amanti suo hospiti morem gerit, Nosque opera consilioque adhortatur, juvatj

Itaque ego paravi hic inttis magnas machinas, Qui amantis una inter se facerem convenas:

Nam unum conclave, concubinae quod dedit Miles, quo nemo nisi eapse inferret pedem, In co conclavi ego perfodi parietem. Qua conmealtis esset hinc huc mulieri. Et sene sciente hoc feci: is consilium dedit. Nam meus conservos est homo haud magni preli, Quem concubinae miles custodem addidilj Ei nos facetis fabricis ed doctis dolis Glaucomam od oculos obiiciemus, cumque ita Faciemus, ut, quod viderit, non videritj

Et mox,

ne erretis, haec duarum

hodie in vicem

Et hic et illic mulier feret imaginem:

At que eadem Ciit, verum alia esse adsimilabitnr. Ita sublinetur os custodi mulieris. Sed foris concrepuit hinc a vicino sene:

Ipse exit.

Hic est lepidtis,

quem dixi,

senex.

SCENA

II.

P erjplectomekes,

P alaestrio.

P er. Ni hercle defregeritis talck posthac, quemque in tegulis

Videritis alienum, ego vostra faciam

latera lorea!

Mihi quidem jam

arbitri vicini sunt, mede quid fiat

domi:

non disprezzò 1’ avviso

mio;

conciossiachè arrivò,

e pigliò albergo

qui

vicino

a

noi,

in casa d’ un

di

suo

padre, il quale

è

un

tal giovialonc

ospite d 'u n

vecchio che in questa tresca

tiene il sacco

al

suo

ospite amante: facendoci coraggio, c sov-

vendoci d’ opera e

di consiglio. In

casa io ho fatta

tal

cavalletta che

questi

due

 

amanti

si possono

trovare insieme, perocché diè il soldato una camera alla sua concubina, dove fuor di lei vi può nessuno

por

déntro il piede: io

ho

fallo

un

buco nella pa­

rete di questa

camera,

affinchè

fosse un transito

per venir

qua, a questa

femmina, ciò sa il

vecchio,

cd egli stesso ce l’ha suggerito. Egli è quel

mio conservo, che il soldato assegnò custode

alla

donna'

il

più

dolce zugo

del

mondo,

e

noi colle

nostre

gherminelle

l’abbacineremo

in

guisa che vegga

e

non

vegga

quello che gli

negli occhi.

Ma

a

cessarvi da

ogni errore,

oggi

costei qui e qua, dentro e fuori

sembianza di due,

così sarà scornacchialo il custode. Ma crocchiò la

porta di questo vecchio

nostro vicino, egli è desso,

 

è

desso il vecchio

di

cui

ho

parlalo

poc’ anzi.

 

SCENA

II.

 

Periplettomene, P alestwone.

 

P

e r

.

Se

d’ ora

innanzi

voi altri

non isfracellerete le

 

gambe di

colui chc non essendo de’ nostri vicn

colto sulle mie tegole, della

vostra pelle nc

farò

Ita per inpluvium inlrospeclanl. Nunc adeo edico omnibus:

Quemque a milite hoc videritis hominem in nostris tegulis Extra unum Palaestrionems huc deturbatote in viam. Quod ille gallinam aut columbam se sedari aut si­ miam Dicatj disperistisj ni usqu& ad mortem male mnl- cassilis! Atque adeo, ut ne legi fraudem fecerint talariae, Adcuratote, ut sine talis domi agitent convivium. P a i . Nescio quid malefactum a nostra huic familia est, quantum audio. Ita senex talos elidi jussit conservis meis. Sed me excepitj nihili facio, quid illis faciat celeris. Adgrediar hominemj (9J et nunc advorsum me est

P er.

P al.

Per.

Quid tumultuas cum nostra familial Occisi sumus. (\0) Quid negoti est? Res palam est.

P al.

Quae res palam est?

P er.

De legulis Modo nescio quis inspeclavil voslrum familiarium Per noslrum inpluvium intus apud nos Philocoma- sium atque hospitem

Pal.

Osculantis. Quis homo vidit?

casa mia: ognuno mi fa Ia spia dalle gronde; pertanto quello che dico adesso lo canto a tutti: chiunque sta col soldato, tranne Palestrionè, che voi troverete sul mio tetto, dica correr dietro ad un colombo, ad una gallina, ad una sciinia, voglio chc sia balestra­ to giù nella via a capitombolo. Guai a voi se non

1’ ammazzate, non dee egli più contraire

alla legge

talaria: sia della vostra cura chc senza talloni si

piglino costoro buon tempo in casa.

P

a

l

.

Non so

che male

abbia fatto

a

costui la

nostra

 

famiglia per

ordinare che

a

tutti

i

mici conservi,

salvando me solo, vengano fracassate le gambe. Ma

io

dell’ altrui danno non

mi piglio

affanno. L’ af­

fronterò,

egli

m’ è

quasi

di rincontro: che

si

fa, o

Periplettomene?

 

P

e r

 

.

Per

quanti voless’ io trovare,

niun

meglio

di

tc

 

m’ è il benvcnutis6Ìmo.

 

P a

l

.

Che è ciò?

che

baccano

avete voi co’ nostri? noi

P

e r

.

siam morti. Ma che faccenda è questa? Tutto è scoperto.

 

P

a

l

.

Come? scoperto?

P

e r

 

.

Non so de' vostri

chi

sia pur

mo venuto sul tetto*

 

ina questo è il fatto eh’ egli vide dalle gronde

in casa mia Filoconrasio

e l’ospite che si baciavano.

P

a

l

.

E

chi vide questo?

P er.

   

T j l .

 

T uos conservos. Qui

is

homo

est?

PER.Nescio: ita

abripuit repente sese subito.

 

P

j l

.

Suspicorj ,

P er.

M e periisse. Ubi abiit, conclamo: Heus, quid agis tu? inquam. M ihi

 

Ille,

abiens,

m ihi

misero,

ita

respondit,

se sectari simiam.

 

P

j l . Vae

quoi pereundum est propter nihili.

 

bestiam!

 

Sed Philocomasium

hiccine etiam

nunc

est?

P

er.

Sisj jube

 

Quom

exibam , hic erat.

Pal.( \\ J

transire

huc,

quantum

possit,

se

ut

 

videant dom i

 

Familiares, nisi quidem illa nos volt, qui servi su­ m us,

Propter amorem suom

omnis

crucibus contubernalis dari.

P er.D ìx ì

ego istuc,

nisi quid

aliud

vis

 

P j l .

Volo. Huic

dicito,

utrumque,

 

Artem

et disciplinam,

obtineat

et

colorem.

P

er.

Q uemadmodum?

P

j l . (12J

P rofecto

vt

n e

quoquab

d e

in g en io

degre­

 

m u l ie b r i.

 

Ut

eu h

qui

se

b ic

f id it

fe rbis

d ij t v r v in cat

n e

is t b

 

riDERITj

 

S i

quidem

centies hic

visa

sit,

tam en

inficias

eat.

Os habet, linguam , perfidiam, m alitiam atque au­

daciam , Confidentiam, confit'milalem, fraudulentiam :

Qui arguat se,

eum

contra

vincat jurejurando

suo.

P

e r

.

Un tuo

sozio.

P

a l

.

E chi era?

 

P

e r

.

Noi ^o,

si ratto

fu in dileguarsene.*

 

P

a

l

.

Ahimè: io mi veggo

al lumicino.

P

e r

.

Quando andavascnc, io gli grido,'ohe che fai tu là:

 

ed egli mentre

pagavami di

calcagna, risposcmi,

correr dietro ad una scimia.

P

a

l

.

Oh tristo

alla vita mia!

chc

nembo di

grandine

 

vorrammi sbuffare addosso per una

vile bestiola!

Ma Filocomasio è ancora qui dentro?

 

P

e r

 

.

V’ era

quand’ io me ne usciva.

P

a

l

.

Oh ditele in carità ritorni a noi presto più che può, affinchè quelli di casa 1’ abbiano da vedere, se pur ella non vuole per questo amor suo vederci

 

tutti crucifissi.

 

P

e r

 

.

Questo

glicl diss’ io,

se

pur non vuoi

altro.

P

a

l

.

Ma e ditele ancora: usi ogni artifizio e diligenza,

P

e r

 

.

e non cambi mai di colore. Perchè?

P

a

l

.

Per far vedere ch’ella è femmina della stessa buccia dell'altre, perchè possa convincere colui chc l'ha qui veduta, aver esso avuto in quell’ istante le traveg­ gole: fosse pur colta un cento volte, ella sia­ sene sempre arditamente sul niego. Ella ha faccia franca, ha lingua, perfidia, malizia, sfacciataggine, petulanza, fermezza cd astuzia anche da vendere; tiri giù sacramentando tutti li dii, ma faccia restar colle pive nel sacco colui chc la rimprovera. In

 

D

om i habet anim um

falsiloquonij falsificum,

falsi­ ju rium ;

Domi dolos, domi delenifica facta, domi fallacias.

Nam mulier

olitori nunquam supplicat, si qua

est

 

mala:

 

Domi habet horlum et condimenta ad omnis moles melifica. (ÌZ)

Pe m. Fjjo istaec,

si

erit

hic,

nuntiabo.

Sed

quid est,

Pa-

 

laestrio,

 

Quod volutas tute tecum in corde?

P j l .

Paulitpcr tace,

 

D

um

ego

m ih i

consilia in

anim um convoco,

et dum

Quid

constilo, agam, quetn dolum doloso contra conseiro

parem. Qui illam hic vidit osculantem: id visum ut ne vi­

sum siet. PBK.Quaerej ego hinc abscessero abs te huc inierim. Illuc, sis, ride, Quaemadmodum adstitil, severa fronte curas cogitans! Pectus digitis pultat: cor, credo, evocatunist foras. Ecce avortit visusj laevo in femine habet laevam manum, Dextera digitis rationem conputat, feriens femur

Dexlerum: ita,

vehementer SED quod A G A T (\K)

aegre suppetit, Concrepuit digitis: laborat. Crebro conmulal slalus Eccere autem capite nutat! Non placet, quod reperii, Quidquid est, incoclum non expromet; bene coctum dabit. Écce autem aedificat: columnam mento suffigit ( l 5)

suo.

casa è menzognera, ingannatrice, spergiura, ha mille

tranelli, mille lusinghe, mille trappole, e ben saprete

se

queste

schiume corrono

all’ ortolano; 1’ hanno

in

se stesse 1’ orticello

che

loro dispensa 1’ erbe

melate da condir largamente di ribalderie ogni piattello.

P

e r

.

Io

gliele

dirò queste

cose, se qui

sarà

ancora: ma

 

che

è

ciò,

Pales trione, che vai tu or rugumando?

P

a i>-

Non aprir bocca intanto che tutto ristringomi nel

 

cervello per isbrucar fuori,

come

debba aggirar

quel traditor

mio conservo che

la colse

sul furto,

aeciò per

lui

il

visto non

sia stato visto.

F e b .

 

Pensa.

mi

tirerò

qua

alla larga. Guarda come

 

s’ è piantatoi uh

che viso

arcigno

mi

fa

egli ora

che ruminai batte il petto colle dita forse per chia­

mar fuori il cuore: ve’ or che si volta, tien la

manca sulla coscia sinestra, colla

dritta

fa

i

conti

sulle

dita, percotendosi il destro fianco; tanta fatica

questo gli

costa.

Scatta

i

nocchi, si affanna, non

istà fermo un momento. Guarda,

or

tentenna il

capo! questo non gli attaglia, vuol proprio

 

che la

pesca abbia il nocciolo: togli, adesso s’è messo in

fabbrica, fè del braccio

colonna al mento; ya via!

Apage! -non placet profecto mi iìla inaedi ficai io:

Nam os columnatum poetae esse indaudivi barbaro, Quoi bini custodes semper tolis lioris adcubant. Euge, euge, euscheme adstitit hercle, dulice et co­ moedice! Nunquam hodie quiescet, priusquam id, quod petit, perfecerit. Habet, opinor. Age, si quid agis! vigila! ne somno stude, Nisi quidem hic agitari mavis varius! vigila! tibi ego dico! Au, Feriatus fiGJ ne sis! Heus, ted adloquor, Palaestrio! Vigila, inquam! expergiscere, inquam! lucet hoc, inquam/

P al.

Audio.

PER.Viden’ hostis

tibi

adesse

tuoque

tergo

obsidium?

consulet Arripe opem auxiliumque ad hanc rem! Propere hoc, non placide, decet. Anlemoeni aliqua! aliquo tu autem circumduce exer­ citum!

Cura obsidium perduellisj nosttis praesidium

para!

Interclude inimicis conmeatumj tibi muni viam, Qua cibatus conmeatusque ad te et legiones tuas Tuto possit pervenire/ Hanc rem age: res subitaria est. Reperi! conminiscere! cedo calidum consilium cito:

Quae hic sunt visa, ut visa ne sintj facta infacta uti sicut.

Jl/agnam illic, mi homo, rem incipissisj magna moe­ nis moenia! Tute unus si recipere hoc ad te dicis, confidentia est, Nos inimicos profligare posse.

non mi garba troppo questa sorta d’ edilizio, però

 

che ho sentito

che due

guardie

arca alle costole

un barbaro poeta alior che stavasi in questa guisa.

Oh! bene! Iodato a Dio! che s’ è messo con mag­

gior decenza, con un

po’ più

di garbo,

e proprio,

alla comica! oggi non l’ha da aver pace, se non

riesce

a scovar fuori quello

eh’ e’

vuole.

Or

1’ ha

colta,

mano

a

martelli

se

il

ferro

è caldo;

ohe

destati, non

dormire, se non

vuoi le

verghe

ad­

dosso, veglia adunque.

A te

 

io

dico, non pigliar­

tela consolata!

oh a

te

io

dico, Palcstrione, su, su

svegliati, su, egli è giorno.

 

P

a i*.

Sento.

P

e r

.

Non vedi?

ti vien

sopra

Y inimico, e

come li

si

 

accalca alle spalle! guardia, fratello, guardia; pensa al caso tuo cd ajutati, chè finora il pericolo è molto;

piglia il tempo

in

vantaggio a far qualche riparo!

attela

in cerchio

l’ esercito,

stringi

nelle

mura i

ribelli,

sovvieni a’ nostri:

togli

le

provvigioni ai

nemici ed assecura a te

ed

a

tuoi

una via

per la

quale

possano giungerti

e

senza pericolo le mu­

nizioni ed i viveri. Animo adunque all* impresa, il

bisogno

incalza. Pensa, macchina, dà

qualche

stratagemma

acciò il

visto non sia visto,

ed

il fat­

to

cada disfatto. Difficile è la faccenda che hai tra

mani, ma ci mette in un castello, e se tu dici

bastartene l’animo v’ è tutta la speranza della vit­ toria.

P al.

 

Dico

et recipio

ad

me.

P

er. Et

ego tc inpelrare

dico

id,

quod petis.

Pa l .

 

Al le Jupiler

 

Bene amet!

 

P er.

Al

tu inparli,

amtce, me, quod conmentus.

P al.

 

Tace,

Dum in regionem astutianim meamm

le induco,

ut

scias.

Juxta mccum mea consilia.

P er.

Salva

sumes

indidem.

PAL.Herus meus elephanti corio

circumlenlust,

non suo,

Neque habet plus sapienliai,

quarti

lapis.

Per.

Egomet scio.

P al.Nunc sic rationem incipissam, sic insliluam astutiam

Ut Philocomasio hanc sororem geminam germanam alleram

Dicam Athenis advenisse cum amatore aliquo sno

 

Tam similem j

quam

lacte lacti estj apud

te eos

hic

 

devorlier

 

Dicam hospitio

.

P er.

Euge, euge,

lepide! laudo conmenlum tuom/

 

Pal.UIj si illanc concriminalus sicl adoorsum militem Jtfeus conservos, eam vidisse cum alieno oscularier,

P er.

Arguam hanc vidisse àpud le conira conservom meum Cum suo amatore amplexantem atque osculantem. Imo optume!

P al.

Idem ego dicam, si me exquqerel miles. Sed simillumas

Dicito essej Philocomasio id praecipiendum

est,

ut

 

sciat,

Ne tilubel, si quaeret ex ea miles.

P

a i..

 

Lo

dico,

e

me

la

piglio

sopra

di

me.

P

e r

 

.

Ed

io

t* accerto

doli’ esito.

P

l

a

. P e r .

Che Dio v' ajuti.

Ma, mettimi

a parte

 

del tuo

disegno.

 

P

a

l

.

Statevene zitto finché vi conduco nel mio pensatojo,

 

ove, inteso meco, voi vedrete schierata ogni mia astuzia.

P e r .

 

Di me

tu

se’ sicuro.

 

P a l.

Non

è

pelle

d’ uomo quella

del

mio

padrone., ma

 

cuojo d’ elefante, cd

ha

in capo

tanto

sugo

di

senno da sgararne una pietra.

 

P e r . P

a

l

.

 

Sonamelo.

Ecco adunque il mio

 

trovato, ecco la ragna; sp«*r.

 

ger voce che con un

suo

amante

è venuta

da À-

tcnc a ritrovar FHocomasio

una sua

sorella ger­

mana., la quale tanto

 

le si assimiglia come

il latte

al latte;

c

che

tulli

questi li avete ospiti a casa

vostra.

 

P e r . .

P

a

l

 

Viva, evviva! oh

come piacenti questa

zacchera!'

Cosicché se questo mio conservo la accuserà appo

 

il

soldato,

qualmente

l’ha veduta

alle mani

con

un altro, io dirò per contrario eh’eli’era un’altra

donna

quella

veduta

dal

mio

conservo in casa

vostra

abbracciare

e

baciucchiare

quel

suo

a-

ntantc.

 

P e r .

 

Ottimamente!

così

risponderò

anch’io al

soldato

 

quando me ne facesse dimanda.

P a

l

.

Ma ditegli

essere

simigliantissime. Di

ciò

deesi

indettar Filocomasio, chc soprattutto (piando il soli­ dato vuol assaggiarle in bocca, essa si mostri franca nel rispondergli.

Y o l .

II.

P la u t.

3

u

Per.

Nimis doclum dohtml Sed si ambas videre in uno miles concilio volet, Quid agimus?

P j l . Facile est: trecentae possunt

causae conligi:

,

Non domi estj abiit ambulatum; dormiti orna­ tur, lavati

m Prandet; potat; occupata estj

operae non estj

non potest.

»

Quantum vis prolationum, dum modo nunc prima

P

Inducamus; vera ut esse credat, e s . Perplacet, uti dicis.

via quae mentibilur.

P j l . Intro abi ergo, et, si isti est, mulierem

Jube

cito domum transire

atque haec ei monstra:

 

praecipe.

Ut teneat

consilia

nòstra,

quemadmodum

exorsi

 

sumusj

P

e s .

De gemina sorore. Docte libi illanc perdoctam dabo. Numquid aliud?

P

j l

. P er. P j l .

Intro ut abeas. Abeo quidem. Ego ibo domum Atque hemonem investigando sumam operam, hinc dissimulando, Qui fuerit conservos, qui hodie sit sectatus simiam. Nam ille non potuit, quin sermone aliquem familiarium Participaverit de amica heri, vidisse sese eam Uic in proxumo osculantem cum alieno adulescentulo. Novi morem ego: (17) • Tacere nequeo, quae solus scio. »

P

e r

.

Oh che

tela ben

ordita è

mai

questa ! Ma

e

come

 

la scappoleremo, se in un colpo il soldato vuol ve­

dere

e

l’ una

c

l’ altra?

 

P AL.

 

facile

è

il rimedio:

son

pronte

trecento

scuse

»

 

non. è

in

casa, andò

£

far

due

passi,

dorme, è

allo

specchio,

si

lava,

mangia,

beve,

Ì: La

fac­

cenda, non ha

tempo, non

può » lungagnole non

mancano a far si chc il cucco si bea a prima

P

e r

.

giunta quelle fanfalucole che noi gli daremo davanti. Questo parlare mi ringaluzza tutto.

P

a

l

.

Itene adunque subito dentro,

e se tuttavia v’ è la

 

donna, ordinatele vada tosto in casa. Imbeccatela,

ma battete molto

questo .chiodo, non si faccia ra­

 

schiar di mente questa nostra intelligenza della sorella germana.

e r

.

 

P P P P a l.

a

l

.

er .

 

Io te la manderò maestra. Or vuoi tu altro? Che vi mettiate dentro.

Vado a rotta.' Andrò anch’ io, e facendo il gonzo per non pa­ gar gabella, provcrommi se posso trovare quel mio

 

conservo che

oggi

corse dietro alla

scimia, im­

perciocché quegli non avrà potuto tenersi da con­

ferire con alcuno di famiglia d’aver veduta la con­ cubina del padrone baciare un altro giovane nella

casa

di

questo

vicino. Le

conosco

queste

lane:

non so tener chiuso quanto so io. Se trovo chi

S i invenio j qui vidit, ad eum vincas pluteosque agtim. Res parata est: vi pugnaudoque hominem capere certa resi S i ita non reperto, ibo odorans, quasi canis venaticuSj Usque donec persecutus volpexn ero vestigiis. Sed fores concrcpuenint nostrae: ego voci moderabo meae:

Nam illic Philocomasio custos, meus conservos; it foras.

SCENA

III.

SCELEDRVS, PJLJESTRIO.

S ce. Nisi quidem ego hodie ambulavi dormiens in tegulis, Certo edepol scio, me vidisse hic proxumae viciniae Philocomasium herilem amicam sibi alienum quae­ rere.

P j l . Hic

illanc

vidit

osculantem,

S ce Quis

liic

est?

quantum

hunc

audivi

loqui.

P j l . S ce.

T uos conservos. Quid agis, Sceledre?

Te,

Palaestrio,

P j l .

Volupe csi convenisse. Quid jam j

S ce. Metuo.

aut quid negoti? fac sciam.

P j l -

Quid metuis?

S ce.

Ne hercle hodie, quantum hic familiarium est,

P j i .

Maxumum in malum

cruciatumque insaliamus.

. Tu sali Solus: nam ego istam insulturam et desulturam nil moror.

J’ha vista, me gli serro

addosso con vigne c paliz-

zi. Io già son fermo e preparato ad usare

la

forza.

S’io busso a vóto per la ragnaja, andrò annasando come un bracco tanto quanto ho trovata la volpe nel covo. Ma si toccò il nostro uscio, abbasserò la voce, imperciocché là è il mio sozio, il guardiano di Filocomasio, che vien fuori.

SCENA

III.

Sceleduo, Palestrioke.

Sce.

Per mia fe

se oggi

quando

era

sul tetto

non dor­

casa Filocomasio l’amica del padrone nelle braccia d'un

miva certo son io

che

in

del vicino ho vista

altro.

P al.

Ecco

chi colse

la gatta,

se

ben

raccolgo

io.

Sce.

Chi

è

qui?

P al.

Un camerata. Che fai, Scelcdro?

Sce.

Opportunamente io trovoli, o Palestrionc.

P al.

E

adunque?

che novità

abbiamo?

dimmela.

Sce.

Ahi!

ahi?

P al.

Che è questo

Sce.

Che quanti jo n o di questa casa abbiano a far

quat­

tro

salti sulla forca.

Pal.

Tal

festa sia tutta tua, perocché

di questo

salta­

beccare su

e

giù non

mi cal punto

nè poco.

S ce. Nescis

 

tu

fortasse,

apud

nos facinus

quod

natum

 

est novom.

P

j l . Quod

id

est facinus?

S P j l .

ce.

 

Inpudicum . Tute

sci solite tibij

M ihi

ne

dixis:

scire

nolo.

S

ce.

Non

enim

fa ciam ,

quin scias.

S im iam liodic sum sectatus nostram in hoi'um tegulis.

PjL.Edepol, Sccledrcj homo sedatus nihili nequam bestiam S ce. D i te perdant/

P

j l

.

Te

istuc aequom,

quoniam

occepisti eloqui.

S ce. Forte

fortuna

per inpluvium

huc

despexi in

pro-

xum um j \ Atque ego illi adspicio osculantem Philocomasium cum altero

Nescio quo adulescente.

P j l .

Quod ego,

Sceledrej scelus ex te audio?

S ce. Profecto vidi.

 

P j l . S ce.

Tuten’?

Egomet duobus his oculis meis.

P j l . Abi!

non verisimile

 

S ce.

dicis, ncque vidisti. Num

tibi

P j l .

Lippus videor? Medicum istuc

tibi melius percontarier.

Ferum enim tu istanc,

si

te

di ament,

temere haud

 

tollas fabulam:

 

Tuis nunc cruribus capitique fraudem hinc capita­ lem creas:

Nam

tibi jam ,

ut pereas,

paratum est dupliciter, nisi supprimis

S ce.

Tuom stultiloquium. Qui vero dupliciter?

 

S ce.

Non sai

tu

che ribalderia

avvenne

in

casa?

P al-

E

quale?

S ce.

Ignominiosa!

 

P al-

Tienla in

te,

non

dirmela,

non

voglio

saperla.

 

S ce.

Ed

io

non posso

tacertela:

oggi son

corso

dietro

alla nostra

scimia sul tetto

di costoro.

P al.

Oh

che

gocciolon

d’un

Sceledro,

tanto

affaticare

per

una

trista

bestiola!

 

Sce.

Il Canchero

che

ti

colga.

 

P al.

Te piuttosto, che parlasti pel primo.

 

Sce.

Per buona ventura

dalla gronda

io guardo abbasso

in casa il vicino, e veggo colei, Filocomasio che

era

con un

giovane il

quale

non

so nemmen io

chi

sia.

P al.

0

Sceledro, che sento io

da

te!

Sce.

L’ ho proprio veduta.

 

P al.

Tu?

Sce.

Con

questi

due occhi.

 

P a l.

Ah vattene, queste son ciancie da nonna,

tu

non

1’ hai veduta

tu.

 

Sce.

Sembroti sciarpellato io forse?

 

P a i»

Meglio

saria

che

di

ciò

ti

consultassi to l

me­

dico. Ma se Dio di

te

si

ricorda, non

darà

in

ceci questa tua

favola, eh’ essa ti tempesterà e

la

testa

e le gambe, e se tu non taci cotesta tua matta

fantasia, la ti prepara

due

vie per le quali tu

corri

incontro alla tua rovina.

Sce.

E

quali

sono?

P j l .

Dicam

tibi.

Primumdum, si falso jnsimnlas Philocomasiunij hoc

perierisj Iterum,, si id verum est, tu eii cuslos additus ftericris.

S ce. Quid fual

me,

nescivs haec

me

vidisse, ego ccrlo scio.

P

j l

.

Pergin’, infelix?

 

S ce.

Quid tibi vis dicam, nisi quod viderim?

 

Quin etiam nunc

intus hic in proxumo

est.

P j l .

ce.

Eho,

non

domi

est?

S

rise ,

abi

intro

tuie:

nam

ego

m ihi

nil

credi

 

postulo.

P j l . Certum facered

est.

S ce.

Ilie te opperiar; eadem illi insidias dabo, Quam mox horsum ad stabulum junix recipiat se a pabulo. Quid ego nunc faciam? Custodem me illi miles tradidit.

Nunc si indicium facio, interiij si taceo,

interii ta­

 

men,

. Si hoc palam fuerit. Quid pejus muliere aut auda- cius? Dum ego in tegulis sum, illae haec hospitio se edit foras. Edepol facinus fecit audax/ Uoccine, si miles sciat Credo hercle, has smtollat aedis totas atque hunc

Quidquid hercle est,

mussitabo

potius,

in

crucem.

quam inte­

ream male. Non ego possum, quae ipsa sese venditat, tutaiier. PjL.Scelcdre, Sceledre/

P al.

se locomasio, tu se’ fritto; 1’ altra,

Eccotele: 1’una.

falso

ò ciò

chc

s’ egli

tu

apponi a Fi-

è

vero, qual

custode negligente, tu

se’ morto.

S ce.

Chc

si

vorrà

fare

di

me,

io

noi

so, questo

però

so

ben

io come

son

vivo,

d’averla

veduta.

P al.

E ancora, o sgraziato?

S ce.

Vuoi che dica tult’ altro

di quello che vid’ io? anzi

la

è

tuttavia

da questo nostro vicino.

Doh! non

è

in

 

P al.

casa?

S ce.

Va

tu

a vedere;

va

tu

dentro, ch’ io

s’ abbia fede

alle parole

voglio

non

mie.

 

P al.

S ce.

Così farò. Va, eh’io qua

ti aspetto. L’apposterò e così, quando

questa manza torna a casa, la pagherò della stessa

moneta qual’ è l’ orzo che la mi vende. Che

farò

io?

Il

soldato

me

la

diede

in custodia. Ora

s’ io

parlo

son

pcrdutOs

se

taccio

son

disfallo

istcssamentc, quando questa cosa verrassi a sapere,

Che v’ ha di

più tristo e più ardito della donna?

sul tetto: costei

se

la

svignò fuori di

Mentr’ io ero casa nostra.

Ella è pur

grossa! Se questo giunge al

soldato — che visibilio ha' da essere, e per coronar L’ opera io sarò messo in croce. Ma sia che vuole, è meglio tacere chc far gheppio, però io non posso

P

a

l

.

essere sicuro quand’ ella stessa si getta al mercato* Sccicdro, Sccledro.

   

Quis homo interimit?

 

s

S ce. P j l .

 

Alter est audacior?

 

Quis mage dis inimicis nattis, quam

tu, atque iratis?

S ce.

Quid

est?

P jL.Iuben

tibi oculos écfodiri,

quibus id,

quod nusquam

 

est, vides?

S ce. Quid?

nusquam?

 

P

j l

.

A

o n

ego nunc

em am

vitam

luam

vitiosa

nuce.

S ce. Quid

uegoti

est?

P j l .

Quid negoli sit rogas?

 

S ce.

 

Cur non,

rogem?

PjL.Nonne tibi istanc praetruncari linguam

largiloquam

 

jubes?

ScE.Quamobrem jubeam?

P j l .

Philocomasium

eccam dom i, quam

 

in proxumo

 

Fidisse aibas te osculantem

atque amplexantem cum

 

altei'0.

 

est,

lolio

victitare

te,

tam

vili tritico.

S ce. M irum P j l . Quid

jam ?

 

S ce.

Quia

luscitiosus.

P j l .

Verbero, edepol tu quidem

 

Caecus, non luscitiosus: nam eam quidem

eccillam

 

domi.

S ce. Quid? domi?

 

P j l .