Sei sulla pagina 1di 517

LE

VENTI COMMEDIE
DI

MARCO ACCIO PLAUTO


p#$z<zt<izza/e
DA

PIERLUIGI

DONINI

c o / f a to a

VOIi.

IV.

CREMOSA MDCCCXLVI.
COI

t ip i

d ell

er ed e

di a n i h i

P re s so Cesare d la ffc i librajo.

L a presnte Edizione posta tolto la pro


tezione delle veglianti Leggi e convenzioni dei
Governi d Italia, che concorrono ad assicurare
le propriet letterarie.

PERSA

IL PERSIANO

PIETRO GIORDANI
^ccea-

verdu m e

jicec& nc/fim ct

c/e/

erieint>

ca m m ec/cei

$ /zw V itz

PIERLUIGI D01NINI

tn fo /z

t/o n a ya cc o p ia n e/a .

PERSONE DELLA FAVOLA

Toxnvs

T ossilo

S a g jr ist io

Sagaristioke
Saturiohe

S jt u b io

JSOPHOCLIDISCA

SOFOCLIDISCA

L e u x ise l e k e .

Lemjuseleke

P ae g n iv m

Pegnio

V ir g o

F anciulla

D q r q a iv s

D ordalo

jLa Scena in Alene.

ACTUS I.
SC EN A

I.

T o x n v s , S a g jr ist io .
Tox.Q ui amatis egens ingressus esi princeps amoris in
vias,
Superavit aerumnis suis aerumnas Herculaneasj .
N a m cum leone et cum excetra, cum cervo, cum
apro Aetolico,
Cum avibus Stym phalicis, cum Antaeo, deluctari m a velim,
Quam cum amore. Ita fleo miser quaerendo argento
m utuoj
Nec quidquam nisi N on est scitint m ih i respon
dere, quos rogo.
S j g . Qui hero suo servire volt bene servos servitutemj
N ae illum edepol m ulla in pectore suo conlocare
oportet,
Quae hero placere censeat praesenti atque absenti
suo.
Ego nec lubenter servio, nec salis sum hero ex sen
tentiaj
Sed quasi lippo oculo meus me herus m anum ab
stinere haud quit tamen,
Quin m i imperet, quin me suis negotiis praefulciat.
Tox.Quis illic est, qui contra me adstal?
S jg .
Quis illic est, qui contra me adstal?
Tox. Sim ilis est Sagaristionis.

ATTO 1.
.SCENA

I.

T o s s i l o ,. S a c a k is t io n e .

Tos.

Sag.

Tos.
Sag.
Tos.

Quello spiantato il quale entro pel primo nello vie


dell' amore, aff che nelle sue disgrazie entrato
molto innanzi alle fatiche di Ercole; imperciocch
io mi torrei piuttosto da combattere col Jione,
coll idra, col cervo, col verro d Etolia, cogli uc
celli di Stimfali, con Anteo, che coll amore. Oh
tapino alla vita mia! io piango nel cercar questo
danaro a prestito, ma quanti ne frusto, altro non
mi sanno rispondere che un Non ne ho.
Quel servo il quale vuol servir bene al suo^ pa
drone, in le mia pur le gran cose e dee porsi in
cuore, le quali creda abbiano a piacere a quello,
sia egli assente o non sia: nia io non servo n volen
tiri, n son tanto ben veduto dal padrone; ep
pure egli, come gli fossi un occhio pieno di cacca,
non sa da me tener lontane le mani, egli ha sem
pre qualche ordine, egli ha sempre qualche fac
cenda cui mettermi alla testa.
E chi che mi sta contro?
E chi che mi sta contro?
E simiglia a Sagaristione-

i2
Ja-

T o x ilu s h ic <ju id cm incus a m ic u s l.

T o x . I s p r f e c lo est.

S AG-

Esse cum opinor.

T x Congrediar.
S JGConira adgrediar.
T o x .O Sagarislio, di ament le.
S JG' O Toxile, di dabunt, quae exoptes.
Ut vales?
Tox.
Ut qiteo.
S jg .

Quid agitur?

Tox.

Viviltir.

S jG .S alisn e ergo ex senlenlia?

Tox.
S i eveniunt, quae exopto, salii.
S jc .N im is stulle amicis ulere.
Tox.
Quid jam ?
S jg .
Im perare oportet.
Tox.M ihi quidem tu ja m eras mortuos, quia non te vi
sitavi.
S jg . Ncgotiiim edepol . . .
Tox.
Ferreum fori asse?
S jg .
Plusculum annum
Fui praeferratus apud molas tribunus vapularis. ( \ )
Tox'. Veius ja m islaec militia est tua.
S jg .

Tox.

S atin tu usque valuisti?


H aud probe.

S jg .E rgo edepol palles.

Tox.

Saucius factus sum in Veneris proelio;


Cupido sagitla cor meum transfixit.
S jg .
Ja m servi hic amant?
Tox. Quid ergo faciam? disne advorser, quasi Titani?
Cum dis belligerem, quibus sal esse non queam?

Sag.

Egli il mia sozio Tossilo.

Tos.

lui certamente.

S ag.

Tos.

Ha da esser lui senza fallo.


L affronter.

Sag.

Gli andr incontro.

Tos.
Tos.

0 Sagaristione, Dio t ajyti!


0 Tossilo, Dio ti colmi d ogni bene. Come stai?
Come posso.

Sag.
Sag.

Che si fa?

Tos.

Si vive.

Sag.

Proprio come vorresti? bene?

Tos.

Se m avvengono le cose che voglio, bene.


Tu non sai far conto degli amici.
E che t intendi?
Si ha da comandare.
A me tu eri morto da un pezzo, perch non t'h o veduto.
Aveva una certa faccenda . . .
Di ferro forse?

Sag.

Tos.
Sag.

Tos.
Sag.
Tos.
Sag.

Fui ferrato pi d un anno presso le macine, tri


buno di mazzieri.

Tos.

da buon tempo che se a questo soldo.

Sag.

Se tu sempre stato sano?

Tos.

Non troppo.

S ag.

Ecco perch se pallido.

Tos.

Fui ferito nella battaglia di Venere, Cupidine m 'h a


sparato il cuore d una stoccata.
Sag.
Anche i servi qui fanno all amore?
Tos.
E che vuoi? Ho io da far contra agli iddi come i
. lltani? Ho da combattere contra gTi iddi, co quali
non posso farmela valere?

S ac. Vide modoj ulmeae catapultae tuoni ne transfigant


latus.
Tox. Basilice ago eleutheria.
S jg .
Quid jam ?
Tox.
Quia herus peregri est.
S jg.
J i n tu? peregri est?
Tox. Tute si libi bene esse pati poles, veni. Vives mecum.
Basilico accipere victu.
S ag.
Vah, ja m scapulae pruriunt,
Quia te istaec audivi loqui.
Tox.
Sed hoc med unum excruciat . . .
S jg .Quidnam id est?
Tox.
Haec dies stimma hodie est, liberati mea
siet amica, an
Sempiternam servitutem serviat.
S jg .
Quid nunc vis ergo?
Tox.Tuom libi me facere potis es sempiternum.
S jg.
Quemadmodum?
Tox. Ut m ihi des numos sexcentos, quos pro capite illius
pendam,
Quos continuo tibi reponam hoc triduo aut quatri
duo.
S

jg

'JgCj fi benignus! subveni!


Qua tu confidentia rogare a med argentum tantum
JudeSj inpudens? Quin si egomet lotus veneant3 vix
recipi

Polis est, quod Iu me rogas: nam tu aquam a pu


mice postulas nunc,
Qui ipsus sitiat.
Tox.
Siene hoc tc milii facere?
S jg .
Quid faciam?

IS
Sag.

itfa guarda bene che catapulte dolmo non ti squar


cino i fianchi.

Tos.

To me la passo in carnevale.

Sag.

E che vuoi dirmi?

Tos.

Che il padrone va.

Sag.

Che di' tu mai? via?

Tos.

Tu se puoi addattarti a uscir di stecco, vieni; vi


vrai meco, farai fianchi da re.

Sag.

Vah! ti prudono le spalle, dappoich ne sento

di

queste.
Tos.

Ma ci solo mi tormenta . . .

Sag.

Che hai?

Tos.

Oggi T ultimo d, che la mia amica o la sar


libera, o serva a vita.

Sag.

E che vuoi con questo?

Tos.

in tua mano il far me cosa tua in eterno.

Sag.

E il modo?

Tos.

Dandomi seicento denari da snocciolare per la te


sta di colei, io te li dar tosto da qui a tre o
quattro d: su via, siami cortese! soccorrimi!

S ag.

Con che temerit domandi a me tanta moneta, o


sciocco? Che se anche mi vendessi tutta, appena
si potrebbe rastrellare quanto mi cerchi: tu ora cer
chi acqua da un sasso che anchesso arsiccio.

Tos.

Cos tu fai con me?

S ag.

Che ho da fare?

Tox.

R egas*
Alicunde exora mutuom.

S ag.

T u fac idem, quod rogas me.

Tox. Quaesivij nusquam reperi.


S jg .

Q uaeram j equidem si quis credat.

Tox. Nempe habeo in mundo ?


S jc .
S i id dom i esset m ihi, ja m pollicerer.
H oc meum est, h/ faciam sedulo.
Tox.
Quidquid eritj recipe te ad me.
Quaero tamen go item svdulo.
S ag.
S i quid erit, ja m scies. "
Tox.
Obsecro
Resecroque tc} operam da hanc m ihi fidelemj
S jg .
A h , odio me enicas/
Tox. A m oris vitio, non meOj nunc tibi morologus fio.
S j g . A t pol ego abs te concessero.
Tox.
Jtn abis? Bene ambulato.
Sed recipe quam prim u m poles! cave mihi quaestioni
Fuas! Usque ero d o m im a lu m dum excoxero le
noni.
SC E N A

IL

S a t i sio.

Veterem alque antiquom quaestum quaesitum mato,


Servo atque obtineo et- magna cum cura col:
N am nunquam qnisqttam meorum m ajorum fuit,
Quin parasitando paverint ventres suosj
Pater, avos, proavos, abavos, atavost tritavos,
Quasi mures, semper edere alinum cibum,

To*.
Sag.
Tos.
Sag.
Tos.
Sag.
Tos.
Sag.
Tos.
S ag.

Tos.
Sag.
Tos.

Dimandi*? cercane altrove a prestilo.


E che noi fai tu quello che vuoi da me?
I / ho fatto: ma imbottai nebbia.
Cercher, se alcuno vorr fidarsi.
Ho ninte io al mondo?
Se quattrini io avessi, te 1 avria gi impromesso:
questo te lo posso fare, cercarne fuori a tu ttuono.
Qualunque cosa avvenga, ripara in casa mia: auch io metter il capo in qualch altro luogo.
Se ve ne sar, lo saprai.
Deh! io ti scongiuro; dammi proprio un ajuto da
buon compagnaccio.
Oh se m' hai fradicio!
Non son io, 1 amore che mi fa bergolo.
Ma io batterommela a rotta.
Cosi tosto te ne vai? buona andata! torna quanto
prima! bada di non farti cercare da me? Io mi
star sempre iu casa, finch non ho trovato il ba
sto da stringere al ruffiano
SCENA

II.

S a t u r io n e .

Io duro nel mio antico mestiero che uii son cercato cosi
sottilmente, e lo conservo, e me lo tengo caro assai*
imperciocch non fu alcuno de miei vecchi che
scroccando non si gonfiasse la capanna; il padre,
il nonno, il bisavo, il bisarcavolo, e il terzarcavolo,
come sorci rossicchiarono sempre 1 altrui cibo, e
Voi.. IV. Pi.a u t .

Neque edacitate eos quisquam poterat vincere


Neque his cognomcn erat duris capitonibus.
Unde hunc ego quaestum obtineo et m ajorum lo
cu m j

Neque quadruplari m e volo: neque enim decet


Sine meo periclo ire aliena ereptum bonas
Neque illi, qui faciunt, m ihi placent ( plane loquor)
N am publicae re causa quicumque id facit
Mage, quam sui quaesii, animus induci potest,
Eum esse civem et fidelem et bonum j
Sed legirupa, qui damnet, duit in publicum
D im idium . Atque est etiam in ea lege adscribier;
Ubi quadruplator. quempiam injexit m anum ,
Tantidem illi ille rursum injiciat m anum :
Uti aequa parti prodeant ad Trisviros.
S i id fiat, nae isti fa xim nusquam adpareant,
Qui hic albo reted aliena oppugnant bona.
Sed stimile ego stultus, qui rem curo publicam.
Ubi sunt magistratus, quos curare oporteat?
N unc huc introibo: visam hesternas reliquiae,
Quierint recte, nec ne- num fuerit febris,
Opertaen' fuerint, ne quis obreptaverit.
Sed aperiuntur aedes: rcmorandust gradus,
SC E N A

I II.

T o x u v s , S atu rio .
Tox. Omnem rem invenij ut sud sibi pecunia
JIodie illam faciat leno libertam suam.

ne deuti non fuvvi alcuna mai che li potesse sgarare, n fecero al lor cognome alcun sfregio quei
bravi capassoni. Per ci conservando io questo mestiero, conservo la dignit de mici antichi; n io
voglio Care lo scultore, conciossiacch senza mio
pericolo non conviene chio vada rubacchiando l al
trui. Quelli che lo fanno, lo dico fuori de denti,
punto non mi garbano, sebbene chiunque fa questo
pi per amore della repubblica che della borsa; lo si
possa credere dabbene e leal cittadino. Ma un graflialeggi che condanna, metta la met nel pubblico.
V ha cosa eh' esser dovria posta negli statuti:
quando un soffione caccia le mani addosso ad al
tri, questi dal canto suo diagli una buona zaffata,
acci a partite pari tuttadue si presentino a trium
viri. Se ci fosse, alla f di Dio farci s che pi
non se ne vedessero di questi spigolistri clic dan
di piglio nell* avere altrui. Ma non son io il bel
cervellino a pigliarmela calda delle cose pubbliche,
in luogo ove sono i magistrati a posta? Ora io an
dr dentro, toccher il polso a rilievi di jeri, se
hanno riposato o no, o se hanno avuta la febbre,
se furono riposti, perch alcuno non faccia vento
a loro. Ma s apre 1 uscio: i(k devo fermarmi.
SCENA
T o s s il o .

Tos.

III.

S a ix r i o m e .

Io l'ho trovata la matassa: oggi il ruffiano col suo,


far sua libert quella femmina; ma ve' lo scroc-

so
Sed eccum parasitum, quojus m i auxuio est opus.
Simulabo, quasi non videam: ita adliciam virum.
Curate istic vos atque adproperate ocius.
D/e m ihi morae sit quidquam, ubi ego intro advenero.
Conmisce mulsum: struthea coluteaque (2) adpara,
Bene ut in sculris concaleant, et calamum injice.
J a m pol ille hic aderit, credo congerro meus.
S at . Me dicit! eug!
Tox.
Lautum credo a balineis
J a m hic adfuturum.
S at .
Ut ordine omnem rem tenet?
Tox. Collyrae facile ut madeant et collyphia,
Incocta ne m ihi detis.
S at.
B,em loqtiilur meram:
Nihil sunt crudae, nisi quas madidas glutias.
T um nisi cremore crasso et ju s collyricum,
N ihil est m acrum illud epicrocum (Z) perlucidum.
Quasi juream esse ju s decet collyricum.
Nolo in vesicam quod eat, in ventrem volo.
Tox, Prope me hic nescio, quis loquitur.
S at .
Te, o m i Jupiler
Terrester, coepulonus conpellat tuos.
Tox. O Salurio, opportune advenisti m ih i!
S at . M endacium edepol dicis, atque haut te decet:

N am Esurio venio, non advenio Saturio.


Tox. A t edes ja m : nam intus veniris fum ant focula.
Calefieri jussi reliquias.
S at .
Pernam quidm
Jus est adponi frigidam postridie.
Tox. Ita fieri jussi.
S at .

Ecquid halecis?

Si

Cohe, che si mabbisogna; m infinger di non ve


derlo, e cos vi casca pi presto. Badate qua den
tro voi altri, e spacciatevi; acci non. abbia a pe
nar di disagio quando ritorno. Sbatti quel mulso,
e prepara que pomi cotogni e quelle mele appiolej
falle cuocer bene ne tegami, e mettivi un po di
droghe: a. momenti sar qui avvisomi i l compagnon mio.
Sat.

Tos.
Sat.

Tos.
Sat.

Tos.
Sat.

Tos.
Sat.

Tos.
S at.

Tos.
5 at.

E dice me! allegri!

E ci verr dal bagno tutto di bucato:


Come si ricorda appuntino!
'
Fatemi bollir bene quelle lasagne e 1 ravioli; non
me li mettete innanzi crudi.
E parla da filosofo: san di nulla le pappardelle se
cotte non le manichi, e il brodo una colla: non
so che farne di questo magro lustrin gialligno; ma
questo brodo lha da esser grasso: quanto ingollo
non vo coli nella vescica, ma ha da stagnare in
pancia.
Io non so chi parla presso me.
E il tuo sozio di tavola, o mio Giove terrestre,
che ti vuole.
0 Saturione, Iddio mi ti ha mandato.
T u or se falso., e non da par tuo: imperciocch
Esurio son io, e non ci vengo Saturo.
v Mangerai; fumano i confortini del ventre: ho fatta
riscaldar rilievi.
*
Ma quel prosciutto il giorno dopo ha da esiert
imbandito freddo.
Cosi ho ordinato anch io.
E le alici?

Tox.
Fah, rogas?
S at . Sapis mullum, ad Genium.
Tox.
Sed ecquid m em inisti tu here
Qua de re ego teciim mentionem feceram?
S at . Memini: ut m ura ena et conger ne calefierent:
N am nimio melius oppeduntur frigida.
Sed quid cessamus proelium conmittere?
D um mane est, omnis esse mortalis dccet.
ToX. Nimis pene mane est.
S at.
Mane quod tju occeperis
Negotium agere, id totum procedit diem.
Tox. Quaeso, anim um advorte huc. J a m here narravi tibi
Tecumque oravi, ut numos sexcentos m ihi
Dares utendos mutuos.
S at .
M em ini et scio,
Et te me orare, et m ihi non esse, quod darem.
N ihili parasilustj quoi quidem argentum est domi:
Lubido extemplo coepere est convivium,
Tuburcinari de suo, si quid domi est.
Cynica esse e gente oportet parasitum probum:
A m pullam , strigilem, scaphium, soccos, pallium,
M arsupium habeat,- inibi paulum praesidi.
Qui fam iliarem vitam suam oblectet modo.
Tox. Jam nolo argentum: filiam utendam tuam
M ihi da.
S at .
JVunquam edepol quoiquam d ia m utendam dedi.
Tox.N on ad istoc, quod tu insimulas.
S at.
Quid cam vis?
Tox.
Scies:
Quia form a lepida d liberali est.
S at .
Res ila est.

S3
T o s.

D im andi?

S a t.

Tu sai bene amicarli il Genio.


Ma e che ti si raccorda di quanto ti ho detto
jeri?

Tos.
Sat.

Tutto; che la murena e il grongo non si scaldas


sero, imperciocch si pettinano meglio freddi: ma
perch indgiam noi a venire a battaglia;-mentre
m attina'ronvien che tutti mangino.

Tos.
Sat.

Tos.

Sat.

Tos.

E ancor troppo presto.


Ed buona cosa incominciar di buon ora: le fac*
cende fatte per tempo,, danno tutta la giornata di
vantaggio.
Sta qui attento in grazia: gi fin da jeri io t ho
pregato perch tu mi trovassi a prestito seicento
scudi.
Me ne ricorda, e so che pregato m hai, e che io
sono in asso. Il parasito che ben ferrato non
vale un fiocco: gli verrebbe il ticchio di mettersi
ogni tratto a tavola e diluviarsi quello che ha: chi fa
Io scroccone ha da menar vita cinica, dee avere la
sua boccetta, la spazzola, i zoccoli, la scodella, il
mantello ed un po di gruzzolo per passarsene tal
volta alla casalinga.
Ornai non voglio pi denaro, dammi la tua figliuo*
la da servirmene.

Sat.

Io non 1 ho data ad alcuno sinora per servirsene.

Tos.

Non a quello che tu pensi.


Perch la v u o i a d u n q u e?
Saprai, la una bella presenza ili donna.
La cosi.

S at .

Tos.
Sa i .

Tox. Hic letto neque te norti ncque gnatam tuam.


S t . Me ut quisquam norit, nini ilie, pracbet qui cibumf
Tox. Ila est. H oc tu reperire m i argentum polcs.
S t . Cupio hercle.

Tox.

Tum tu me sine illam vendere.

S t . Tun illam vendas?

Tox.

Im o alinm adlegavero,
Qui vendat, qui peregrinum se esse praedicet-,
Sicut islic leno sex huc menses Megaribus
N ondum est quom conmigravit.
S t .
Pereunt reliquiae.
Posterius tamen istuc potest.
Tox.
Scin quam potest?
Nunquam hercle hodie hic prius edes, ne frustra sies,
Quam, te hoc facturum,, quod rogo, ad firmas m iliij
Atque nisi gnatam tecum huc ja m quantum potest
Adducis, exigam hercle ego te ex hac decuria.
Quid nunc? quid est? quin dicis, quid facturus sis?
S t . Quaeso hercle, me, quoque eliam vendas, si lubet,
D um saturum vendas.
Tox.
Hoc si facturus, face.
S j t . Faciam equidem, quae vis.

Tox.

Bene facis. Propere obi domum:


Praemonstra docte, praecipe astu filiae,
Quid fabuletur: ubi se natam praedicet;
Qui sibi parentes fuerint, subrepta unde sit.
Sed longe ab Athenis esse se gnatam autumetj
t ut adfleat, quom ea memoret.
S t .
E tiam tu taces?
Ter tanto pejor ipsa est, quam illam tu esse vis.

Tos.

iS
Questo pollastriere non conosce n \te, n la fi
gliuola.
E chi m ha da conoscere se non quei che mem
pie la ventraja!
Cos . In tal guisa tu puoi trovarmi questo argento.

Sat.

L o desidero.

Tos.

Lasciamela vendere.
Vendere?
Anzi allegher un altro, che lo faccia, e che si
canti forastiero; imperciocch non sono ancora sei
mesi che questo ruffiano ci capit da Megara.

Tos.
Sat.

Sat.

Tos.

Sat.

0 miei rilievi, addio! non si pu differire all in


domani?

Tos.

Sai tu come si possa? Perch non t apponga in


fallo, oggi qui non sbocconcellerai cosa del ,mon_ do, prima che tu non mi dii certo, quello che ti
cerco; e se non ci conduci al pi presto la figlia,
io ti sfratto da questa decuria. E s ora? che hai?
che non dici diamine che sii per fare?
Sat. Deh, se ti calza vendi anche me, ma vendimi satollo.
Tos.
Se sei per farlo, fallo.
Sat.

Poffar il mondo! tutto che vuoi.

Tos.

Ottimamente! mettiti la via tra le gambe e va a


casa. Sia bravo nell insegnarle, e da scaltro subilla tua figlia, dille che debba dire, ove la debba
predicarsi nata, chi le fossero parenti, e donde
la sia stata rapita: ma la s'infinga nata assai lun
go da Atene, e pianga quando Io racconta.
E non la finisci! la scodata tre volte pi che
non vorresti!

Sat.

2G
Tox. lepide hercle dicis. Sed scinJ quid facias? Cape
Tunicam alque zonam , et chlamtjdem adferlo et cau
siam,
Quam ille habeat, qui hnc lenoni huic vendat . . .
S t.
Heu probe!
Tox. Quasi sit peregrinus.
S jt.

Laudo.

Tox.

Tum gnatam tuam


Ornatam adduce lepide in peregrinum modum.

S j t . IIo^y ornamentad?

Tox.

Abs chorago sumito.


D are debet: praebenda Aediles locaverunt.
S j t . J a m faxo hic aderunt. Sed ego horumce nihil scio.
T o x.N ih il hercle vero. N a m ubi ego argentum accepero.
Continuo tu 'illa m a lenone adserito manu.
S j t . Sibi habeat, si non extemplo ab eo abduxero.

T o x.A b i et istuc cura. Interibi ego puerum volo


Mittere ad am icam meam, ut habeat anim um bo
num;
M ed esse ecfecturum hodie. N im is longum loquor.

Tos.

S at.

Tos.
Sat.

Tos.
Sat.

Tos.

Benel tu parli da valentumo! ma sai che abbi a


fare? cerca una tonaca, una fascia, una clamide
e una cappelliera per colui che la vender al ruffiano.
Egregiamente.
Come che fosse dJ Orinci.
Benone.
Indi conduci la figlia vestita alla forastiera.
E donde queste tatta re ? .
Dal Coragoi e' dee dartele; gli edili gliele hanno
locate per questo.

S at.

Far che sien qui: ma io non ne capisco un'acca.

Tos.

Proprio un acca. Appena io avr tocco il denaro,


tu al ruffiano dichiarala subito libera.

Sat.

Se la tenga se non gliel accocco.

Tos.

Su va, e pensa a questo. Intanto io , voglio man


dare il putto dalla mia amica a farle cuore, e che
oggi sono per ispuntarla. Io ciarlo troppo.

ACTVS l.
SC E N A
SOPBOCLIDISCJ, L

I.
e MNISELESE.

S op. Salius fuit, indoctae, inm em ori, insipienti dicere to-

lieti
N im is tandem me quidem pro barda et pr rustica
reor habitam.
Quamquam ego vinum ecbibOj at una m andala non

consuevi.
Me quidem ja m satis tibi spectatam censueram esse
et meos m ores:
N a m equidem te ja m sector quintum hunc annum ,
quo interea, credo,
Cucus (k) si in ludum iret, posset ja m , ut literas
probe sciret.
Quom interim ut ingenium meum fans non edidi
cisti atque infans.
Potin ut taceas? potin ne moneas? Scio et calle et
conmemini:
Pol amas miseraj id tuos scatet animus. Tibi istuc
placidum ut sil, faciam.
L em . Miser est, qui am at.
S op.
Certo is nihili quidem, qui nihil amat. Quid

Ei hom ini opus vita? Ire decet med, herae ob


sequens ut fiam :
Libera mea opera ocius ut sit. Conveniam hunc
Toxilum: ejus
A urisj quae m andata, onerabo.

ATTO
SCENA

II.
I.

SOFOCLIDISCA, L e HNISELEHI.

S of.

L em.
Sof.

Sarien state 'anche troppe queste chiacchere a


una stupida, a una smemorata, a una balorda: aff
aff eh io mi veggo avuta il duro e villan capoc
chio. Ben vero che del vino me ne sugo, ma non
fui solita mai a mandar gi gli ordini che mi si
dnno. Pur mi credeva fossero in qualche conto
s io che le usanze mie, imperciocch siamo ornai
ne cinque anni, chio ti vengo dietro; e credo che
in tutto questo tempo, anche un cuculo, se fosse
andato a scuola, saria divenuto un gran bacalare
in lettere, e tu a tutto quest oggi, o eh io parli
o eh io taccia, non mi hai conosciuto sinora. Puoi
tacertene? puoi tu finirla? E la m entrata, e
lha mi ha fatto il callo nella memoria. Puh, se ti
veggo incarognita! per questo ti senti mangiar
1 animo. Io far in modo di vederti quieta.
E pur sgraziato chi ama!
E chi non ama, non vale un bioccolo: che vai la
vita a quest uomo? Io me ne devo ire per ub
bidir la padrona, acci per mezzo mio la sia li
bera quanto prima: trover questo Tossilo, e la
scia a me il raccomandargli bene le feste.

SC E N A

II.

TOXILVS, P aEGHIVM, SofHOCLlMSCJ.

T o x .S a tin haec tibi snnt plana tl certa? satinhaec me


m inisti et tenes?
P ae . 3Ielius, quam qui docuisti.

Tox.
A iin vero, verbereum caputi
P ae . Ajo enimvero.
Tox.
Quid ergo dixi?
P ae.
Ego reete apud illam dixero.
Tox. Non edepol scis.
P ae.
Da hercle pigmis, n i om nia m em ini et scio.
Tox. Equidem, si scis tute, quol habeas hodie digitos in
m anu,
Eo dem pignus fecum.
P ae .
'
.
Audacter, si lubido est perdere.
Tox. Bona pax sit potius.
P ae .

Tox.

Tum tu igitur sine me ire.

Et jubeo et sino.
Sed ita volo curare, ut dom i sis, quom ego te esse
illi censeam.
P ae . Faciam.
Tox.
Quo ergo is nunc?
Pae.
Dom um: uti domi sim, quom illi censeas.
Tox. Scelus tu pueri es, atque ob istanc rem aliquid te
ego peculiabo.
P ae . Scio, fide hercle herili ut soleat inpudicilia oppro
brari,
Nec subigi queanltir unquam, ut pro fido habeant
indicem.

SCENA

II.

Tossilo, P eghio, Sofoclidisca.

Tos.
Peg.

Tos.
P eg.

Tos.
Peg,

Tos.
P eg.

Tos.
P eg.

Tos.
P eg.

Tos.
P eg.

Tos.
P eg.

Tos.
P eg.

Hai tu bene capito tutto? le hai tu bene inchiavellate queste cose nella memoria?
Pi di quello che m hai insegnato.
Lo dici davvero, o muso da pugni?
Da verissimo.
E che ho detto io?
Io le diciferir tutto per punto.
Non lo sai, no.
Metti qua un pegno, s io non mi ricordo ogni
cosa.
Subito, se ben ti ricordi, io ci metto tanti diti,
quanti tu n hai in Una mano.
Vadano; se ti senti voglia di perderli.
Facciam piuttosto la pace.
E tu lasciami andare adunque.
Cosi voglio, e ti lascio: ma pensa di trovarti in
casa, quando far conto che tu vi sia.
Far.
Dove vai tu ora?
A casa; per esser quivi, quando tu vuoi.
Tu se' una buona volpe di putto, per questo ti
dar qualche quattrino.
Ecco, perch alla fede de padroni si rimproverino
quelle poche voglie che si cavano, perch e non
si lascia mai persuadere che una spia sia fedele,

ss
Tox. A bi moilo.
P ae .

Fgo laudabis faxo.

Tox.

Sed has tubvllas, Paegnium,


Ipsi Lemniselcnae fac des, et, quae jussi, nuntiato.
S op. Cesso ire ego, quo missa sum ?
P ae .E o ego.

Tox.

I sanej ego domum ibo. Face rem. hanc cum


cura geras/
Fola curriculo!
P ae.
Istuc m arinus passer per circum solet.
Ille hinc abiU intro huc. Sed quit haec est, quae me
adtorsum incedil?
S op . Paegnium hic quidem est.
P ae.
Sophoclidisca haec peculiarist ejus,

Quo ego sum missus,


Nullus esse pejor hoc puero perhibetur
Hodie. Conpellabo.
P ae .
Conmorandum est apud hanc obicem.
S op . Paegnium, deliciae pueri, salve, quid agis? ut vales?
P ae . Sophoclidisca, di me amabunt.
S op.
Quid med? utrum ?
P ae .
Hercle te,
S i, uti digna es, faciant, odio hercle habeant et fa
ciant male.
Sgp. Mille male loqui.
P ae .
Quom, tU digna es, dico, bene, non
S op.

male, loquor.
S op . Quid agis?
P ae .

Fem inam scelestam te, adstans con tra, contuor.

S op . Certe, equidem puerum pejorem , quam, te, novi ne


minem.

Tos.

Vattene.

P eg.

Resterai contento di ine.

Tos.

Ma trametti, o Pegnio, questa lettera proprio nelle


mani di Lemniselene, e dille quello che ti ho detto.
A che pi indugio io d andarmene pe fatti miei?

Sof.
P eg.

Tos.

Io vado,

P eg.

Va subito; io tornomi in casa: fa d essere ben


accorto! spicciati!
Costui fa lo struzzolo pel circo. E se ne and
dentro: ma che femmina questa che mi viene
incontro? '

Sof.
P eg.

Questi Pegnio.
Costei Sofoclidisca, la compagna di colei a cui

Tos.

io vado.
voce non vi sia in questo paese ragazzo pi tri
sto, lo chiamer.

Peg.

Io gi me la veggo! questa spranga la mi ferma.

Sof.

0 Pegnio, o delizia di putto, sta bene; che fai?

P eg.

come stai?
0 Sofoclidisca, mi dir bene. Iddio.
E a me? no forse?

Sof.
Peg.

Oh! a te se volessero pagarti conforme le derrate,


ti farebbero brutta faccia, e ti darebbero il ma
lanno.

Sof.
Peg.

Lascia d augurarmi s male.

Sof.
P eg.

Che fai?
Io mi trovo faccia faccia ad una femmina ribalda.

Sof.

Io son chiara di non aver visto mai ragazzo pi

Io auguro secondo i tuoi meriti, parlo bene e non


male.
v .

mai'iuolo di te.
Vol, IV. Plavt.

P j e . Quid m a li faciOj aut quoi m ale dico?


S op.
Quoi pol cunque
occasio esi.
P jE .N em o homo ila arbtiralust unquam.
Sop.
_
A l poi m ulti esse ila sciunt.
P ae . Ueja!
S op.
JPab ,

Heja!
T uo ex ingenio m ores alienos probas.

S op . F aleorego esse profecto m e, ut dece! lenonis fam iliae.


P a e . S a lis ja m dictum habeo.

Sed quid tu? confitere, ut te autumo.


S op.
P ae . Fatear, si ila sim.
S op.
P ae ,

J a m abi: vicisti.
A b i nunc ja m .
Ergo hoc m i expedi,

S op.
Quo te agis?
Q uo tu?
P ae .

Sor.
P ae ,

Dic tu: prior rogavi.


A t post scies.

S op, E o quidem hinc haud longe ego.

E t quidem haud longe ego.


Sop.
Quo ergo scelus?
P a e , Ni sciero. prius ex te, tu ex me nunquam hoc, quod
rogitas, sies.
Sop. Nunquam ecaslor hodie scibis, priusquam ex tcd
audivero.

P ae .

P ae , Itane est?
S op .
Itane esi?
P ae .
Mala!
Scelestus!
S op .
P ae .
Decet mc.

P eg.

Che fo di male io? di chi parlo nrnlc io!

S of.

Foffar il mondo! di tulli; purch ti balzi la palla

Peg.

sul tetto!
Uomo sinora non 1 ha mai credulo.

S of.

Ma son molti che lo sanno.

P eg.

Eh!

Sof.
P eg.

Eh!
.
T u misuri gli altri col tuo piede.

S of.

Io confesso d essere qual si conia alla famiglia

P eg.
Sof,

Ornai basta.
Ma e tu? ti dirai com io ti penso.

d un ruffiano.

Peg.

L o direi, se cos fossi.

S of.

Io ti lascio: te la do vinta.

P eg.
Sof.

Vaitene adunque.
Cavami di questa curiosit, dove tu muovi?

P eg.
Sof.

E tu?

P eg.

Dillo tu: fui prima a domandartene.

JS)F.

E sarai seconda a saperlo.


Ho a dire il vero? non lunge di qua.

P eg.

E non lunge anch io.

Sof.
Peg.

Ma. dove, o ribaldo?


Se non lo so prima da te, tu

Sof.

non lo saprai mai' pi.


E t accerto non lo saprai oggi, se prima n o n T h o

udito da te.
Peg.
Sof.
P eg.
Sof.

Proprio cos?
Proprio cosi?
Traditora!
Manigoldo!

P eg.

da par mio.

predichi

a porri,

S op.

Et me quidem addecet,

P a e . Quid ais? cerlumne est celarej quo iter faciasj pes-

surnaP
S op . Obfirmastin occultare, quo te inmiltasj pessume?
Pae. P a r pari respondes dicto: abi jatrij quando ita certa
rest,
Nihili facio scire. Valeas.
S op.

A dsla/

S*a e .

S op .
P ae . Ecquid habes?

A t propero.
Et pol ego item.

Ecquid tu?
P ae.
Nil quidem.
S op .
Cedo m anum ergo.
P ae .
Esine haec manus?
S op. Ubi illa est furtifica alteraj laeva?
P ae .
D om i eccomi
huc nullam alluli.
S op. Nescio quid habes.
P ae .
N e me allrecta, subagilalrixf
S op.
Sin te amo?
P ae. Male operam locas.
S op .
Qui?
Vae,
Quia enim nihil am as, quom in
gratam amas.
S op. Temperi hanc vigilare oportet form ulam atque ae-> .
tatulam /
Ne> ubi vorsipellis fias3 foede semper servias.
Tu quidem haud etiam es octoginta pondo.
P ae.
A t confidentia
Militia illa m ilitatur mullo mage, quam pondere,
S op.

4 l ego hanc operam perdo,

s?

S of.

d e ll e m i e p a r i .

Peg.

E s? se tu ferma, ribaldonaccia. a nascondermi


dove tu corri?

S of.

E tu, rbaldonaccio, se' proprio inchiodato a non

P eg.

Qual di tal ricevi: spulezza, dappoi ch la co-

S of.

s: non ine ne monta, buon d i


Sta.
Ho fretta.

voler dirmi ove ti ficchi?

eg .

S of.

Anch io.

Peg.

h e hai?

Sof.
P eg.

E tu?
Nulla.

Sof.

Dammi la manti.

Peg.

E questa che vuoi?

S of.
P eg.

D ov quell altra trafurella, la sinistra?'


Eccola in casa: qua non ne ho portata alcun#. _

Sof.

Io non so che tu abbia.

Peg.

Stammi lontana, o frugolo.

Sof.

E s& ti amo?

P eg.

Peschi a secco.

S of.
Peg.

Perch?
Perch 1 amor tuo d in cenci donandolo ti

S o f.

ingrato.
E ci devi pensare adesso che se bello e verde
come un aglio, per non far questa bruita vita
del servo

quando avrai cambiato pelo. Tu non

se negli ottanta come si pii re all uscio.


P eg.

A questa milizia pi degli anni fa d' uopt) la co

stanza. Ma io perdo il tempo.

Quid ja n ?
Quia peritis praedico.

S op.

Pjk .
S op.
P ae .
Sop.

Sed ego cesso.


Mane.
Molesta e*.

Ergo ero quoque,

misi

sciot

Quo agas te.


A d vos.
P ae,
S op.
Et poi ego ad vos.
P ae .
Sop.

Quid eo?
Quid id ad le allinei.9

PAE.Enim non ibis nunc vicissim , nisi scio.


Odiosus's.
S op .
Lubct.
P ae.
Numqnam hercle istuc exterebrabis tu, ut sis pejor,

qnam ego s/pm.


S op. M alitia certare lecnm m iseria est.
P ae .
M erx tu mala es.
S op . Quid id eslj quod metuas?
P ae .
Idem islud, quod tu.
S op.
Die ergo . . .
P

ae

Die ergo,
Ne hoc quoiquam homini edicerem, omnes muli, ut
loquerentur prius,

Edictum est magnopere mi.


Sop.
Et m ihi, ne quoiquam ho
m in i crederem,
Omnes m uli ut loquerentur prius hoc, quam ego.
A t tu hoc face:
Fide data credamus.
P ae .
Novi. Omnes sunt lenae levifidae,
Neque tipullae fS ) levius pondm t, quam fide lenoniae.

S of.
P

eg.

Perch?
Perch meno 1' oche a bere: io me la batto.

S of.

Resta.

Peg.
S of.

T u m hai fradicio.

E non te ne torrai da questo fradiciume, se non


so dove tu vada.

Peg.

A voi.

S of.
P ec.

E io a voi.
Perch l?

Sof.

Che te ne importa?

Peg.
Sof.

Or mi rimbecco, non andrai se non lo so.


M annoj.

Peg.

E ci mi va in sangue Oh questo non me Id


succhielli, bench tu sii scaltrita pi di me.

Sof.

Il gareggiar teeo in malizia una miseria.

Peg.

T u se' pur la cattiva roba.

Sof.
Peg.

Che questo, che temi tu?


Quello che tu.

Sof.
Peg.

Dillo adunque . . .
Dilla adunque: io mi son fatta questa legge; par
leranno' i mutoli, prima che io sciorini questo a
persona.

Sof.

E s anch io: questa cosa diranno i muti prima


di me. Ma tu fa questo, diamoci fede l un l'altro.

Peg.

Schiume vi conosco! So che parola quella delle


ruffiane, so che la come 9 vino del fiasco, so che
una tippola pesa assai pi della fede ruffianesca.

. 40
S'op. Dic amabo.
P ae.
Dic, amabo.
Sor.
Nolo ames.
P ae .
iS o p .

P ae.

Facile iupelras.-

TeCum habeto.
Et

Iu

hoc taccio.
Tacitum erit.

op.

ae.

Celabitur.

op.

ae

Toxilo has fero tabellas, luo hero.


Abi: eccillum domi.
A st ego hanc ad Lemniselenem, tuam heram, ob
signatam abielem.

Quid istic scriptum?


Juxta tecum, si t u nescis, nescio
Nisi fortasse blanda verba.
S op.
Abeo.
P ae.
Atque ego abiero.
S op.
Am bula.
S

op.

ae

SC E N A
S

III.

a g a r istio

Opulento, incluto, Ope gnato, supremo, valido, viri po


tenti,
Opes, spes, bonas copias commodanti,
Lubens vitulorqne m erito:
Quia meo amico amiciter hanc commoditatis copiam
M utui dat nunc argenti, uti egenli opem adferam :
Quod ego non mage somniabam neque opinabar
neque censebam,
Eam fore m ihi occasionem, ea nunc quasi decidit
de coelo.

Sor.

Deli! dillomi.

P eg.

Deh! fillomi.

S of .

N on v o g lio il tu o a m or*.

P eg.

T accontento facilmente.

So f.

Tienlo in te.

P eg.

Tu dillo a nessuno.

S o f.

S a r s e c r e to .

P eg .

Sar celato.

S of.

lo porto questa lettera a Tossilo tuo padrone.

Peg .

Vattene, vello in casa. Ed io questa d abete a


Lemniselene tua padrona.
E che v ha di scritto.

S o f.

P eg*

F o come te: se tu noi sai io non lo so: forse pa


role di mele.

S o f.

V ad o.

P eg.

Andr anch* io.

S o f.

Buona andata.
SCENA

III.

SGARIST ONE.

A Giove ricco, glorioso, figlio d Opi, supremo, potente,


formidabile, donator di doni, di speranze, di buo
ne venture, io pieno di giocondit rendo grazie
immortali: perch fa al mio amico un bel servigio
in dargli questo denaro a prestito, acci io cavi
di pan duro chi trovasi nelle strette. Ci che lo
non mi sarei mai sognato, n immaginato, n cre
duto che mi venisse questa buona occasione, la m
. proprio quasi piovuta dal cielo: imperciocch il

N a m herus meus me Eretriam misit, domitos boves


ut sibi mercarer;
Dedit argentum: nam ibi mercatum dixit die esse
septimij
Stultus^ qui hoc m ihi daret argentum} quojus ingenium
noverat:
N am hoc argentum abutar alibi; boves quos emerem,
non erant.
N unc et amico prosperabo et Genio meo bona mulla
faciam.
Diu quo bene sitj die uno absolvam. T a x ta x tergo
erit. Non curo:
N am amico hom ini bobus domitis mea ex crumena
largiar.
N am id demum lepidum est, triparcoSj vetulos, avidos
aridoss
Bene admordere, qui alliatum servo obsignant cum
sale.
Virtust, occasio ubi admonet^ dispicere. Quid fa cie tm ihi?
Verberibus caedi jussit, compedes inponi. Vapulet!
N e sibi me credat supplicem fore. Vae illif m ihi ja m
m l novi
Obferri potis est, quin sim peritus.
Sed Toxili puerum Paegnium eccum.

mio padrone man domini in Erclria a comperar buoi


da lavoro, e a tal uopo diemmi i quattrini, dicen
domi che il di settimo era il mercato. Bufalol lasciar
quattrini in queste mani s grifagne! Di questo
danaro me ne servir altram ente non v* erano
buoi da far buona spesa. Ora far allegro lamico, e dar molti beni al mio Genio., e quello che
basterebbe in un anno io brucier in un d. Tac,
tac trionferammi in spalla. Ma vada il diavolo:
all amico tirer fuori della mia borsa questi buoi
scozzonati. La pur gioconda l inzampognar que
sti spilorci, barbini, coi pi nella fossa e che non
darebber del fuoco al cencio, e che fan stentare
i servi con uno spicchio daglio e un p di sale!
Cos fanno i sapientuomini, le buone venture san
pigliarle pel manico: che ne verr di me? frusta
e catena. Crcpa! ma non mi vedr in ginocchio.
Tristo a lui! a me non pu darmi nuovo affanno
eh io non abbia in pratica. Ma eceo Pegnio put
to di Tossilo.

u
SC E N A

ir .

PjECKlUM, S ag aristio .
P ae . Pensum, quod datum est, confecij nunc prodeo domimi.

filane, etsi properas,

S ag .

Paegnium/ auscultai
Emere oporlet, quent obedire iibi velis.

P ae.
S jg . Adsta!

P je .

Exhibeas molestiam, ut opinor, si quid debeam.


Qui nunc tamen sic es molestus.
S jg .
Scelerate, etiam respicis?
P j e . Scio ego, quid sim aetatis: eo istuc maledictum inpuiie auferes/
S ag . Ubi Toxilus est, tuos herus?
Pae.
Ubi lubet illi, neque te consulit.
S jg . Etiam dicis, ubi est, venefice?
P je .
Nescio, inquam, ulmitriba tu,
S ag . Maledicis majori.
Pj e .

P r io r prom eritus perpetiare.

Servam operam, linguam liberam herus me jussit


habere.
S jg . Dicisne m i, ubi sil Toxilus?
P ae.
Dica, ut perpetuo pereas.
S jg . Caedere tu hodie restibus.
P ae.
Tua quidem, cucule, causa!
N o n hercle, si os praeciderim tibi, metuam, m or
ticine.
SAG.Video ego te, ja m incubitatus es.
Ita sum. Quid id attinet ad te?
Pae.
A t non sum ila, ut lu, gratiis.

SCENA

IV.

Pegno, Sagaristione,
P eg.

I o ho fatto il dover mio, ora torno a casa.

Sag.

Fermati, quanta sia la fretta che abbi nell' ossa,


Pegniol ascolta!

Peg.

T u devi comprartelo chi vuoi a tuoi ordini.

Sag.

Sta!

Peg.

Dovresti annojarmi, com io credo, se io ti dovessi


cosa del mondo, ma non te ne devo e pur m annoj istessamente.

S ag.

Ribaldonaccio, e non ti volgi?

Peg.
Sag.
Peg.

So et che la mia, per questo te la passi


netta.
D ov Tossilo, tuo padrone.
Dove gli piace, n cerca da te dove debba essere.

Sag.

E non mel dici ove sia, o stregonaccio?

Peg.
Sag.

Noi so, ti dico, o schiena d olmi.


T u bistratti un pi vecchio.

Peg.

Te le cerchi col fiscello, e perci dattene pace: il


padrone mha ordinato operassi da servo e parlassi
da libero.

Mei di' adunque, ove sia Tossilo?

Sag.
P eg.

Ti dico che scoppi una volta.

S ag.

Tu oggi avrai gli staffili addosso.

Peg.

S per tua causa, o cuccolo! non li temerei sanco

Sag.

t avessi pesto il muso, o fantasima.


Me n accorgo, tu se gi un bardassa.

Peg.

Proprio: e a te che viene in tasca? ma non Io fo,


come te; per nulla,

S jg .
P je.

Confidens!

Sum hercle vero:


Nant ego me confido libem m (ore, tu te nunquam
tperes.

S jg . Politi, ut molestus ne sies?


P je .
S jg . A bi iti m alam rem !

Quod dicis, facere noti quis.

P je .
A l tu domum: nam ibi tibi p a ra ta praes est.
SJG .F adatur hic me.
P je .
Ulinatn vades desini, iti carcerem ut sis!
S jg . Quid hoc?
P je .
S jg .

Quid est?
Elianti scelus, male loquere?

P je .

Tandem ut liceale
Quom sen o s sis, terron i tibi maledicere.

Itane? speda!

S jg .
Qtiitt dedero . . .

Nil: nam nil habes


S jc.
D i deaeque le omttes perda tri,
R isi le hodie, si prehendero, defigam in terram co
laphis!

je

P j e . A m icu t tum : eveniant volo tibi, quae optas. A t que

id fiat.

Tu ut me defigasj te cruci ipsum propediem alii adfigent.


S jg . Quin te di deaeque . . . Scitj quid hinc porro dic

turus fuerim ,
P je ,

m linguae moderari queam. Potinj abeas?


Abigis facile:
Nam ja m umbra mea intus vapulat.

S Ao.

Ut islunc di deaeque perdant!

i7
Sag.

Ardito!

P eg.

E son tale, ed oso sperarmi libero, ma tu puoi per


questo gittarti tra morti.

Sag.
Peg.
Sag.

E non puoi tu finirla dallo stancarmi?


T u non puoi fare quello che dici.
Ya sulla forca.

Peg.
Sag.

E tu a casa: ivi il malanno tJ pronto.


Costui mi chiama a corte.

P eg.

Dio volesse che mancassero i testimonii, ch tu


andresti nelle stinche!

Sag.

Peg.
Sag.
P eg.

Che hai?

s?

E ancora vuoi parlar male, o mariuolo?


Finch tu servi, lascia che un servo te ne dica
tante come ad un asino.

S ag.
Peg.

Cos eh? aspetta! e non ti dar io . . .


Nulla: ch nulla tu hai.

Sag. * Che t ' aifrangano li dei e le dee, se t'acciuffo, og

gi ti stramazzo a furia di pugni.


P eg.
Io^sono amico, e Dio ti mandi quello che vuoi: ma
facciam questo patto tu cacciami a terra, ed altri,
subito dopo t'inchiodino in croce.
Sag. Un canchero che . . . sai tu che ci voleva ag
giungere, se non posso frenar la lingua puoi tu
andartene?
Peg.
Non c tanto a fare: imperciocch or in casa chi
chioccato la mia ombra.
Sag.

Ch e possa rovinarsi dell ossa e delle carni! egli

Tanqnam proserpens bestia, est bilinguis et scelestus.


Hercle illum abiisse gattdeo. Foris aperite! Ecce aulem,
Quem convenire m axum e cupiebam, egreditur intus!
SC E N A
T

x il v

Sj S

a g a r ist io

V.
, S

o p h o c l id isc a .

T ox. Paralum ja m esse dicito, unde argentum sit futu


rum.
Jubeto habere anim um bonum: dic me illam amare
mullum.
Ubi se adlevatj ibi me adleval. Quae dixi ut nun
tiares,
Sa tin' ea tenes?
S op.
Mage calleoj quam aprugnum callum callet.
Tox. Propere abi domum.
S ac .
Nunc huic ego graphice facetus fiam:
Subnixis alis me inferam atque amicibur gloriose.
Tox. Sed quis hic ansatus ambulat?
S ag.
Magnifice conscreabor.
Tox. Sagaristio hic quidem est. Quid a g itu r Sagaristio?
ut valetur?
Ecquidj quod m andavi libij est nunc in te speculae?
S g.
adito:
Videbitur: facium volo. Venilo! promoveto!
Tox. Quid hoc hic in collo libi tumet?
S ag.
Vomica esi: pressare parce:
N am ubi qui mala tetigit m anu, dolores cooriuntur.
Tox, Quando islaec innata est libi nam?

bilingue c furbo come un serpente. Son lieto


perch se 1 ha -clta. Apritemi questa porta! ecc,
viensene fuori chi desiderava trovare!
SCENA

Y.

T ossilo', Sagaristiohe, S ofocudisca.

Tos.

Dille che ornai abbiam proprio noi dove rastrellai


questo argento: falle pigliar buon cuore, e di che
la la mia vita, Quando lei, la si consola, la consola
me. Ha tu bea fermo tutto che devi riferirle da
parte mia?

Sor.

L ho, e 1 ho ai martellato in testa eh oten du


ro un callo di verro.

Tos.
Sor.

Tos.
Sag.

Vanne a casa a gambe.


Or voglio io costui mi creda un nomo dalto af
fare;. ficcher le mani, sull anche, e mi porr in
gran pompa.
Ma chi sen viene a questa volta?
. Spurgherommi alla magnifica.

Tos.

Sagaristione desso, e non la fallo. Che si fa,


Sagaristione? come si vive? e di quello che t ho
raccomandato, n ' hai ancora qualche speranzuccia?

Sag.

Fatti in qua: si vedr chiaro; io lo voglio. Vieni!


sgranchiati!

Tos.

Che natta hai tu qui sul collo?

Sag.

E un tincone: non me lo premere: se qualche cat


tiva mano vi passa sopra, io mi sento gli spasimi
della morte.

Tos.

Quando ti di fuori questo bernoccolo.


V ol. IV. P laut.

S ag.

Tox.

JIodie.

Secari jubeas.

S ag. Meluo, ne inm aluram secem, ne exhibeat plus negoli.

Tox. Inspicere morbum luom lubet, Sagaristio.


A bi, atque cave, sis,
A cornu.
Tox. .
Quid ja m ?

S jg ,

S ag.

Quia boves bini hic sunt in crumena.

Tox. Em itte, sodes; ne enices fame! sine ire pastum.


S j g . E nim metuo, ut possim rejicere in bubilem, ne va
gentur.
Tox. Ego rejiciam: habe anim um bonum.
S jg .
Credeturj commodabo.
Sequere hac, sis: argentum hic inest, quod dudum
me rogasti.
Tox. Quid tu ais?
S jg ,
Dominus me boves m ercatum Eretriam misit;
N unc m i Eretria erit haec tua domus.
Tox, .
Nimis tu facete loquerej
M que omnes ego argentum tibi actutum incolum e
redigam:
N a m ja m omnis sycophantias instruxi et conparavi,
Quo pacto ab lenone auferam hoc argentum . . .
S jg .
Tanto melior.
Tox. Et mulier ut sit libera, atque ipse ultro duit argen
tum.
Sed sequere me; ad eam rem usus est tua m ihi o' pera.
S 4G,
Utere, ut vis,

5i
Sag.

Oggi.

Tos.

Fallo tagliare.

Sag.

Io ho paura, non sia ancora a maluranza, e che


mi dia maggior pena.

Tos.
Tos.

Vorrei vederla questa tua doglia, Sagaristione.


Ah! sfattene alla larga, venir li potria una cornata.
Come?

Sag.

Qua dentro sono due buoi chiusi in una borsa.

Tos.

Deh lasciali andare in buon ora: non ammazzarli


di fame! lasciali ire a pascolo.

Sag.

Ma io temo non mi facciano correre quando vo

Tos.
Sag.

Li ricondurr io: sta tranquillo.


Ti ho fede: mi addattcr. Vien qua se li pare: qua
entro v quel gruzzolo che pur dianzi tu in hai
chiesto.
Oh che di mai?
11 padrone mi ha mandato in Eretria far compera
di buoi; Eretria sarammi per ora questa tua casa.
Oh care parole son queste tue: io ti render su
bito sana, e salva questa moneta: imperciocch ho
teso e preparato io un cotal trabocchello, per
quale possa raspar io quest argento dal ruffiano.

Sag.

rimetterli nella stalla.

Tos.
Sag.

Tos.

Sag.

Tanto meglio.

Tos.

E la donna sia libera, ed cgi stesso munga lolio :


ma vienimi dietro, in altra cosa tu di servirmi.

Sag.

Io ti sono coppa e coltello.

ACTUS 111.
SC E N A
S

jt u r io

, V

I.
ir g o .

S j t . Quae res bene vortat m i el tibi et ventri meOj

Perennitatisque adeo huic perpetuo ciboj


Ut m ihi supersit, suppetat, superstitet.
Sequere haCj mea gnata, me cum dis volentibus.
Quoi re opera detur, scis, tenes, intellegis:
Communicavi tecum consilia omnia.
Ea causa ad hoc exemplum te exornavi ego:
Venibis tu hodie, virgo.
V ir .
Am abo, m i pater,
Quamquam lubenter escis alienis studes,
Tuin ventris causa filiam vendis tuam ?
S j t . M irum , quin regis Philippi causa aut A ttali
Te potius vendam, quam mea, quae sis mea.
V ir . Utrum pro ancilla me habeas, an pro filia?
S j t . Utrum hercle m agis in veniris rem videbitur:

Meum, opinor, imperium in te, non in

me

tibi
est.

V ir . Tua istaec potestas est, paters veruntam en,

Quamquam res nostrae sunt, pater, pauperculae,


Modice et modeste meliust vitam vivere:
N am si ad paupertatem adm igrant infam iae,
Gravior paupertas fit, fides sublestior.
S j t . Enitnvero odiosa es.

ATTO III.
SCENA

I.

S aturione , F anciulla .

S at .

Questa cosa la torni in bene a me, a te, alla mia


pancia, e alla salva perpetuit di questa durevol
cuccagna di cibo, acci non mi fallisca mai, e nab
bia davanzo, e duri anche dopo la mia morte.
Seguimi, figliuola mia, coll ajuto di Dio. Gi ben
tu sai, e hai ben fermo e inteso che si voglia
da te: io ti ho posta in mano ogni cosa. Per que
sto io t ho cos concia, tu oggi sarai venduta,
figliuola mia.

F an.

Deh padre, ben vero che tu al desco altrui alzi


il fianco volentieri, ma per amor

della tua ca

panna vendi forse la figliuola?


S at .

. F an .
S at .

F an .

(Sat.

Cazzica! la saria ben grossa s io ti vendessi, sendo tu mia, pel bene del re Filippo o Attalo, pi
che pel mio.
M' h a i tu in serva o in figliuola?
Come l ingarba meglio a questa pancia; io ti posso
comandare io, c non tu a me.
Questo potere si che tu l hai, o padre, ma se pen
siamo come sono i nostri averi e a che mal ter
mine si trovano; meglio vivere pianettamcrite la
vita. Imperciocch se alla strettezza si aggiugne
l infamia, la povert si fa pi pesante, e pi de
bole il buon nome.
Aff che mi sci stucchevole.

u
F ir .

Non suni, nequeyme esse arbitror,


Quom parva nalu recte praecipio patri:

Nam inim ici fa m a m non ita, ut nata est, ferunt.


S at . Ferant eanlque in m axum am m aam cruceml
Non ego omnis inimicitias pluris aestumo,
Quam mensa inanis nunc si adponatur mihi.
F ir . Paler, hom inum inmortalis est infam ia j
Etiam ttim vivit, quotn esse credas m ortuam .
S at . Quid metuis, ne te vendam?
F ir.
N o n metuOj paler j
Ferum insim ulari nolo.
S at .
A t nequidquam nevis:
Meo modo istuc potius fiet, quam tuo
Fiat. Quae haec res sunt?
Fin.
Cogita hoc verbum, paler.
Herus si m inatus est m alum servo suo,
Tametsi id futurum non eslj ubi captum est fla
grum,
D um tunicasponit, quanta adficilur miseria/
Ego nunc, quod non futurum est, form ido tamen.
S j t . Firgo atqne mulier nulla erit, quin sit mala,
Quae praeter sapiet, quam placet parentibus.
F i r . Firgo atqne mulier nulla erit, quin sil m ala,
Quae reticel, si quid fieri pervorse videi.
S at . Male cavere m elim i te.

Fin.

A i sil non licet.


Cavere, quid agam? nam ego tibi cautum volo.
S at . Mabisne ego sum?
F ir .
N on es, ncque me dignum est diceres
Ferum ei re operam do, ne alii dicant, quibus licet.

U
Non lo sono, n per tale mi tengo, quando sebben pi giovane metto il padre sulla buona via:
imperciocch L malevoli non dicono le cose come
le sono, ma dei grnchi ne fanno balene.
Ne
facciano quante sanno, e s impicchino! lo ho
Sat.
in tasca tutte le inimicizie, come se ora mi si
preparasse una mensa vuota.
Il cattivo nome non muore mai, o padre; e vive
F an.
ancora, quando lo si crede spento.
Diavolo! temi che ti venda da vero?
SAt.
Non lo temo, a padre, ma non vo' fingerlo.
F an.
Sat.
Questo tuo non lo voglio * d in cecL S ha da
far piuttosto il voglio mio, che il tuo. Che te
ne pare?
Bada a queste parole, o padre. Un padrone se
F an.
minaccia la mala ventura al servo, avvegnach non
* voglia dargliela, pure e al veder questi la frusta,
e mentre si cava la tonica, in quali forbici non
credi abbia esso il cuore? Cos sono io, ho paura
anche di quello che non vorr essere.
Sia
la donna maritata o fanciulla sempre trista,
Sat.
1a vuol far tu tt altro di quello che piace a' parenti.
F an.
Sia l donna m aritata o fanciulla sempre trista,
se la vuol tacere quando la vede i! mal fatto.
Faresti meglio a guardartene.
Sat.
F an. E se non posso guardarmene, che far? tu dovre
sti esser pi cauto.
Sat.
Sono un bindolo io?
Non lo sei, n da me il dirtelo, ma io pei'6
F an,
tengo il sacco a cosa, sopra la quale il mondo vi
fr mille novelle.
F aPT.

5G
S t . Dical, quod quisque v o l i e g o de hac senlenlia
A on demovebor.
"
V ir .
Mi meo si liceat modo,
Sapienter potius facias, quam stulte.
S t .

Lubet.

V ir . Lubere per me tibi licere intellegoj


Ferum lubere haud liceat, si lubeat mihi.
S t . Futura es dicto obediens, an tiottj patri?
V ir . Futura.
S t .
Scis nam > tibi quae praecepi?
V ir .
'
Omnia.
S t . Et id, ut subrepta fueris?
V ir .
Docte calleo.
i
S t . Et qui parentes fuerint?
Via.
Habeo in memoria.
Necessitate me, m ala ut fiam , facisj
Verum videto, ubi me voles nuptum dare,
N e haec fam a faciat repudiosas nuptias.
S t . Tace, stulta: non tu nunc hominum mores vides,
Quojusmodi hic cum fam a facile nubitur?
D um dos sit, nullum vitium vilio vortitur.
V ir . Ergo istuc facilo ut veniat in mentem tibi,
Me esse indotatam.
S t .
Cave, sis, tu istuc dixeris,
Nec te indotatam dicas, quo dos sit domi.
Pol ( deum virtute dicam et m ajorum meum )
L ibrorum eccillum habeo plenum soracum ,
S i hoc adcurassis lepide, quoi re operam damus,
D abuntur dolis tibi inde excenti logi,
Atque A itici omnes, nullum Siculum acceperis.
Cum hac dole poteris vel mendico nubere.

Sat.

Dicane ognuno (pianto pu, ma io non mi smuovo


d un pelo.

F an.

Ma se m avessi a udire

Sat.

E ci ho gusto.

F an.

Io gi men sono accorta che di me vuoi fare il pia


cer tuo, ma non lo potresti se io avessi a pontar
duro i piedi.

S at.
F an.

In somma vuoi fare a modo di tuo padre?

Sat.

Sai tutto che io t ho detto?

F an.

Tutto.
E questo, come tu sii stata rapita?

tu faresfi cosa pi da

saggio, che da balordo.

Sat.

Voglio.

F an.

Appuntino

Sat.
F an.

E quali ti sieno i parenti?


Ricordomi. Vuoi chio mi faccia trista per forza; ma
poni, mente quando mi vorrai dar m arito, che que
sta voce, dopo le nozze, non la mi dia un ripudio.

Sat.

Taci, cerbiattola; non vedi tu come sono oggi gli


uomini, e con che credito trovino facilmente la mo
glie? purch vi sia dota, niun vizio si mette a colpa.

F an.

Fatti

adunque venir questo in mente eh io so

Sat.

Ah, guardati dal dirlo, n crederti senza dota


quando 1 hai in casa. In f mia, e dir che que
sto per grazia di Dio e se miei antichi, io ho
quella cassa zeppa di libri; se tu ne avrai buona
cura, "a quello che no facciamo, e ti verranno
in dota un seicento motti, tutti fior di roba,
Attici, e nessun Siciliano. Con questa dota ti puoi
sposare anche ad uno che non abbia tanto da far
cantare un orbo.

no senza dota.

f i s . Quin lu me ducis, si quo ducturus, pater?


Vel tu me vende, vel face, quod tibi lubet.
S at . Bonum aequomque oxas. Sequere hac.
F is.
Dicto sum audiens.
SC E N A
D

II.

q rd jlvs.

Quidnam esse acturum hunc dicam vicinum m eum ,


Qui m ihi juratust, sese hodie argentum dare?
Quodsi non dederit atque hic dies praeterierit,
Ego argentum, ille jusjurandum amiserit.
Sed ibi concrepuit foris.Quisnam egreditur foras?
SC N 4
T ox IL U S,

I II .

D osdalvs.

Tox. Cura istuc intusj ja m ego domum me recipiam.


DoR.Toxile, quid agitur?
Tox.
E3to lutum lenonium,
Conm ixtum coeno, sterculinum publicum,
lnpure, inhoneste, injure, m lex, labes popli,
Pecuniai accipiter, avide atque invide,
P rocax, ra p a x, trahax ( trecentis versibus
Tuas inpuritias traloqui nemo potesl )
A ccipin argentum? Accipe, sii, argentum! inpudensf
Tene, sis, argentum! etiam tu argentum tenes?
N

on

m ih i

censebjs

tjktvm

argenti

fore?

(6 )

Possum te facere, ut argentum accipias, luium,


Qui nisi ju ra lo m ihi nil ansus credere?

89

Far.

Che non mi conduci l dove mi vuoi o padre?


o vendimi, o fa di m e quello che ti grilla.

S at.

Tu parli bene. Andiamo.

F an.

Eccomi pronta.

SCENA

n.

D ordalo.

Domin, che dir io sia per fare questo vicino il quale


diemmi sacramento che m avrebbe dato il danaro
oggi? S egli non me lo d, e questo giorno passa
cogli altri, io; quattrini, egli avr perduta la pa
rola. Ma qui si tocc la porta: chi che vien
fuori?
SCENA

III.

T o s sil o , D o r d a lo .

Abbiate cura in casa voi altri a queste cose, io


ritorno dentro in un attimo.
D or.
0 Tossilo, che si fa?
Tos. Ohe belletta ruffianesca, mischianza di fango, cesso
del pubblico, impuro, disonesto, senza legge n fede,
peste del popolo, pelaborse, barbin maligno, pe
tulante, ladro, manigoldo, niuno in un libro po
e tr i a raccr tutte le tue tristizie, prendi ora questo
denarol Togli se lo vuoi l argento o sfrontataccio!
su, ficcatelo nell ugne! e non lo prendi ancora? Tu
eri certo che mai pi avrei avuta io tanta moneta
neh? poss io far s che tu la riceva, o poltiglia,
ch non osasti avermi fede se prima non t avessi
giurato?
Tos.

Don. Sine respirare me, libi ut respondeam.


F ir summe populi, slabulum servilutium,
Scortorum liberator, sudiculum (1 ) flagri,
Conpedium tritor, pistrinorum civitas,
Perenniserve, lurco edax, fu ra x , fugax,
Cedo, sis, m i argentum! da m ihi argentum/ in p u deitsf

Possum a te exigere argentum? argentum , inquam ,


cedo!
Quin tu m i argentum reddis? nilne te pudet?
Leno te argentum poscit, solida servitus,
Pro liberanda amica, ut omnes audiant.
T o x . Tace, obsecro, hercle nae tu a vo x valide valet!
D oR .R eferu n dae ego habeo lin gu am n a ta m gratiae.'
E odem m ih i pretio s a l praeh ib etu r, quo tibi.

Nisi me haec defendet, nunquam delinget salem.


T o x.Ja m omitto iratus esse. Id tibi suscensui,
Quia te negabas credere argentum mihi.
D or . M irum quin tibi ego crederem, ut tu idem m ihi
Faceres, quod passim faciunt argentarii!
Ubi quid credideris, citius extemplo a foro
Fugiunt, quam ex porta ludi quom emissusl lepus.
T ox. Cape hoc sis.
D or .

Q uin das?

Tox.,
N um i sexcenti hic em nt
P ro b i numerali: fac sit mulier libera,
Alque huc continuo adduce.
D or .
J a m faxo h ic erit.
N on hercle, quoi nunc hoc dem spectandum, scio.
Tox. Fortasse meluis in m anum concredere.
D qr . M irum, quin. Citius ja m a foro argentarii
Abeunl, quam in cursu rotula circumvortitur.

D or.

Tos.
D or.

Tos.
D or.

Lasciami raccor 1 alito e ti risponder. Colonna


del popolo, postribolo di servo, liberator di manze,
manico di sferza, tritume di catene, e cittadin di
macine, schiavo in eterno, diluvion mai sazio, la
dro, fuggiasco, dammi 1 argento, o svergognato! e
non poss io aver da te l argento? dammi qua 1 ar
gento? e che non mi rendi tu largento? non ti ver
gogni? un ruffiano vuol da- te 1 argento, o schiu
macela di schiavo, peV liberar l amica, e tutti m; ascoltino.
Taci una volta per Dio! poffar il mondo che voce
tu hai!
Ho buona lingua da render merito. Io pago il sale
come te, se questa non mi difende, che mai pi
la non lecchi sale.
Or io lascio andar ogni cosa: per questo mi son
scaldato teco, perch non m avevi fede del danaro.
Saria stato un miracolo eh io t avessi fede, e che
tu non mi facessi conforme alcuni banchieri, i quali
appena hai loro dato in mano qualcosa, sen fuggono di piazza s ra tti, come una lepre nei giuo
chi fuori della porta.

Tos.
D or.

Tos.

Prendilo se lo vuoi.
Ch non me lo dai?
Qui saranno seicento denari sonanti e noverati, fa
sia libera la donna, e conducila qua tosto.

D or.

Sar qui subito. Io non so a chi farlo vedere.

Tos.
Dor.

Forse hai paura di darlo a peicBha?


Saria meraviglia del no. Dileguano si presto
di piazza i banchieri, che n men ratta iu volgersi
una ruota.

T o x.A b i islac advorsis angiportis ad fortini;


Eadem istaec facito mulier ad me transeat
P er hortum .
Don.
J a m hie faxo aderit.
Tox.
A t ne propalam.
D os. Sapienter sane.
Tox.
Supplicatum cras eat.
D or. Ita hercle vero.
Tox.
D um stas, reditum oporluit.

Tos.
D or.

Tos.
D or.

Tos.
D or.

to s .

63
Va da questa parte per questi clwassolini in piazza,
e di qua fammi passar la donna nellorto.
La sar qui a momenti.
Ma non sugli occhi del mondo.
Ben pensata.
Vada domani pel sacrificio.
Cosi.
Intanto che stai qua, tu dovevi gi esser tornato.

ACTUS IV.
SC E N A

I.

T o x il v s , S a g a r is t io , V ir g o .

Tox. S i quam rem adcures sobrie aut frugaliter,


Sotet illa recte sub manus succedere.
Atque edepol ferme ut quisque rem adcurat suant,
/Sic ei procedunt post principia denique.
S i malus aut nequam est, male res vortunl, quas
agit;
Sin autem frtigi est, eveniunt frugaliter.
H anc ego refn exorsus sum facete et callide:
Igitur bene proventuram confido mihi.
Nunc ego lenonem ila hodie intricatum dabo,
Ut ipsus sese, qua se expediat, nesciat.
Sagaristio, heus, exi atque educe virginem,
E t istas tabellas, quas consignavi tibi,
Quas tu allulisti ab hero meo usque e Persia.
S ag. N um quid moror?
Tox.
Euge, euge, exornatus basilicel
Tiara ut lepidam lepide condecorat schemam!
Tum hanc hospitam autem crepidula ut graphice

S ag.

Tox.
Age, illuc abscede procul e conspectu et tace.
Ubi cum lenone me videbis conloqui,
Id erti adeundi teihpusj nunc agilej ile vos.

ATTO IV
SCENA

I.

T o s s il o , S a g a r istio n e , F a n c iu l l i .

To..

Sa.
Tos.

Sag.
Tos.

Se tu hai cosa a fare, mettevi buon attenzio


ne e diligenza, e s la avr buon fine. Conforme
che ciascuno pone lanimo a qualche faccenda, ol
la suole averne dopo 1 esito, Se un qualche
gnoccolone, emanda a male tutto che fa; ma se
un cervello capace di pensier graniti, ogni
cosa gli vien sotto mauo. Io ho incominciata
questa ragia coll astuzia la pi cimata, e per spe
ronai di vedermela riuscir a bene. Or io vo' oggi
dar tanti viluppi a questo ruffiano, che ha da esser
pi intricato di una formica nella cenere. Ehi,
Sagaristione, vien fuori e piglia teco la putta, e
questa lettera ch'io ho sigillata, e che tu hai por
tato di Persia dal mio padrone.
A che mi fermo io?
Viva, evviva, vestito come un re! come questa tiara
la dice bene a questo bell abito! Guarda come que
ste pianelle van ben attillate al pi di quest' ospi
ta! Avete ben in mente la parte vostra?
Tanto che non v ha tragico o comico che s ben
sappia la sua.
Oh bene! oh egregiamente! Su via tirati un po
pi in l gi di vista, e sta zitto. Quando mi ve
drai in parole col ruffiano, allora sar tempo di
farsi avanti: ora fate questo, andatevene,
Vol. TV. F lavi.
5

SC E N A

II.

D o r d j l v s , T o x il v s .

Don. Quoi hom ini di propitii sunt, aliquid objiciunt lucri.


N am ego hodie conpendi feci binos panes indies:
Ila mea ancilla quae fuil hodie, sua nunc est: ar
gento vicit:
J a m hodie alienum coenabit, nil gustabit de meo.
Sum ne probus, sum lepidus civis, qui A llicam ho
die civitatem
M axum am majorem feci atque auxi civi femina?
Sed ut ego hodie fu i benignus! ut ego mullis credidi!
Nec salis a quiquam homine accepi: ita prorsus
credebam omnibusj
Nec melilo, quibus credidi hodie, ne qui in jure m i
abjurassil.
Bonus volo ja m ex hoc die essej quod neque fiel neque fuit.
Tox. Hunc ego hominem hodie in transennam doctis in
ducam dolis;
llaque huic insidiae paratae sunt probe: adgrediar
virum

Quid agis?
D or .

Tox.

Credod.

Unde agis te, Dordale?

D or .
Credo tibi.
T o x. D i dent, quae velis! Eho, ja m m a n u em isisti m ulierem ?
D or . Credo pol, credo, inquam j tibi.

Tox.

J a m libert aucltts?

Don.

Enicas?

Quin tibi dico credere.


Tox.

Dic bona fide; ja m libera est?

SCENA

II.

D or da lo , T o s s il o .

Don.

Gli uomini cui Dio vuol bene, egli d loro enftpre qualche vantaggio. Ora io oggi mi son spa
ragnati due pani al giorno, cos colei che fu
mia serva, adesso sua: il denaro l ha vinta: oggi
manger dell altrui, e nulla si papper del mio.
Non son io il valentuomo, non sono il buon citta
dino io, se oggi ho fatto crescere il novero de cit
tadini d Atene di una donna? Qual cortesia fu la
. mia di quest oggi! a quanta gente io ebbe fede!
n io aveva malleveria bastevole, e pur tanta fidan
za aveva in tutti; n ho paura che, coloro a quali og
gi ho creduto, mi spergiurino in giudizio. Da questo
di io vo fare il dabben uomo, il che non sar, n
stato giammai.
Tos.
Oggi caccier ben io costui nella ragna, tante
trappole gli pendono addosso: 1 affronter 1 uomo
che fai?
D or.

Son pieno di fede.

Tos.
Don.
Tos.

Donde vieni, o Dordalo.


T ho piena fede.
Dio t accontenti in ogni tua voglia! e s, hai gi
fatta libera la donna?

D or.

T ho fede, ti dico, t ho buonissima fede.

Tos.

E ti se' gi fatta la liberta?

D or.

T u in uccidi: ma se ti dico che ti credo.

Tos.

Dillomi in buona fede; gi libera?

D o s .I ad forum ad praetorem: exquaere, siquidem cre


dere m ihi non vis.
Libera, inquam , est. Ecquid audis?
Tox.
A l libi di benefaciant omnes!
N unquam enim posthac tibi nunc tuorum quod nolis
volam.
D or. A b i, ne ju r a : salis credo.

Tox.
D os.
T ox.

Ubi nunc tua libert est?


Apud ted.
Ajin?
A pud me est?

D or.

Tox.

AjOj inquam; apud ted est, inquam.

Ita me di ament, ut ob istanc rem


M ulla libi bona inslant a me: nam est res quaedam,
quam occtillabam
Dicere tibi; nunc eam narrabo, unde tu pergrande
fucrtim

Facias. F aciam , uti memineris mei, dum vitam vivas.


D or . Benedictis luis benefacta aures meae expostulant au

xilium .
T o x.T u o m promeritum est, merito ut faciam. Et factu
rum ul scias, tabellas
H as tene; perlege.
D os.
Haec quid a me?
Tox.
Im o ad te allinent: tua refert.
Namque e Persia ad me adlalce modo sunt islae a
meo domino.
D or. Quando?
T ox.
J/aud dudum.
Quid islaec narrant?
D or.
Tox.
E x ipsis perconlare:
Ipsae tibi narrabunt.

D or.

Va in piazza dal pretore: domanda, se pur non


vuoi avermi fede; libera, ti ripeto: e non m 'a colti?

Tos.

Dio ti dia cento buon anni di bella .vita. Or io


non vorr altro se non che il voler tuo, e quello
de tuoi.

D or.

Va: non giurarm elo, te lo credo abbastanza.

Tos.

Ora dov la tua liberta?

Dor.

In casa tua.

Tos.

Proprio? in casa mia?

Dor.

In casa tu a ti dico, in casa tu a , in casa tua.

Tos.

Cos Dio mi dia vita, come per questa faccenda ti


verranno mille vantaggi da me: imperciocch vha
cosa che non mi ricordava dirtela! ora te la dir,
e tu ne trarrai una grande cuccagna. Far s che
tu m 'abbi sempre nella memoria, finch tu porti
vita addosso.
I o non vorrei di queste tue belle parole, ma dei
buoni fatti.
E pe tuoi meriti ne te dar. E perch sappi se io
son proprio jom da fatti: to questa lettera, e leggila.

D or.

Tos.
D or.

E che h a questo co fatti miei?

Tos.

Anzi questo de fatti tuoi, tutta cosa tua: im


perciocch questa lettera la mi venne pur ora dal
mio padrone recata di Persia.

Dor.

Quando?

Tos.

Non ha molto.
E che cosa conta?
Cercane questa, la ti dir tatto.

D or.

Tos.

Don.
Cedo sane mi.
Tox:
A l recitalo clare.
Dojt. Tace, dum perlego.
Tox.
Verbum haud faciam.
D or . Salutem dicit Toxilo Timarchides
El familiae omnt. S i valetis, gaudeoj
Ego valeo tecte et rem gero et facio lucrum,
Neque isto redire his octo possum mensibut.
Itaque hic est, quod me delinet, negotium:
Eleusipolim (&) Persae cepere in A rabia,
* Plenum bonarum rerum alque antiquom oppidum;
> Ea conparalur praeda, ut fiat auctio
Publicitus: ea res me domo expertem facit.
Operam alque hospitium eqo isti praehiberi volo,
Qui tibi tabellas adfert. Cura, quae is volet:
> N am is honores m ihi suae domi habuit m axumos.
'Q uid id ad me aut ad meam rem refert, Persae
quid rerum gerant,
A u t quid herus tuos?
Tox.
Tace, stultiloque: nescis, quid t
instet boni.
Nequidquam tibi Fortuna faculam lucrificam adlncere volt.
Don. Quae istaec est Fortuna lucrifica?
Tox.
Islas, quae norunt, roga;
Ego tantundem scio, quantum tu, nisi quod per
Sed, ut occoepisli, ex tabellis nosce rem.
Don.
.
Bene me mones.
Fac silentium.
Tox.
Nunc ad illud venies, quod refert tua.

D or.

Tos.
Dor.

Tos.
D or.

Tos.

Dor.
T os.

Dor.
T os.

Dammela.
Leggila forte.
Sta zitto, ch io leggo.
Non apro bocca.
> Timarchide saluta Tossilo e tutta la famiglia. So
state bene, rallegromi; io sto bne, bado alle
cose mie, e fo quattrini, n posso tornar qui se
non dopo otto mesi. Ecco quello che qui mi so stiene: i Persiani presero Eleusipoli in Arabia,
citt antica e piena d ogni ben di Dio; or si
raccoglie il bottino, per metterlo pubblicamente
all' incanto, e questa faccenda la mi tien fuori
di casa mia. A chi ti arreca questa. lettera vo glio che tu dia opera e albergo: fa quello che
egli vuole, imperciocch egli de* primi uomini
della sua terra > E che entra questa cosa con
me, o co fatti miei, e de' Persiani e del tuo pa**
drone?
Taci, pazzarello, tu non sai bene che ti piova In
capo. Non per nulla la fortuna li mostra il lumi
cino della cuccagna.
E che lumicin di cuccagna mai questo?
Domandalo a questa lettera, ben lo s ella: anchio
non ne sapeva tanto, se non 1' avessi letta in pri
ma. Ma come hai cominciato conoscerai la cos
dalla lettera.
Tu m avvisi da amico: non fiatare.
Ora tu vieni a quello clic ti fa.

Don. a Iste, qui tabellas adfert, adduxit simul


Form a expetunda libet'alem mulierem,
Furtive advectam ex Arabia penitissuma;
E am ie volo adcurare, ut istic veneat;
A t suo periculo is emat, qui eam mercabitur:
Mancupio neque promittet neque quisquam dabit.
Probum et num eratum argentum ut accipiatt face.
Haec cura, et hospes cura ut curetur. Vale.
Tox. Quid igitur? postquam recitasti, quod erat cerae cre
ditum,
Ja m m ihi credis?
Ubi nunc ille est hospes, hasce qui attulit?
T ox. Ja m hic, credo, aderit: arcessivit illam a navi.
D or .
Nil m i opust
Litibus neque tricis. Quamobrem numerem ego ar
gentum foras?
N isi mancupio accipio, quid eo m ihi opus merci
monio?
T ox.Tacen, an non taces? N unquam ega ie tam esse
m atulam credidi.
D or .

Quid metuis?

Do/1.
Meiuo hercle vero: sensi ego ja m conpluriens,
Neque m i haud inperilo eveniet tali ut in luto hae
reamTox. Nil periculi videtur.
D or .

Scio istucj sed m etuo m ihi.

T ox.M ea quidem nihil istuc refertj tua ego refero gratia,


Tibi uti recte conciliandi prim o facerem copiam.
D or . Gratiam habeo, sed te de aliis, quam alios de te,
suaviust
Fieri doctos.

Dor.

Tos.
-Dor.

L uomo che t arreca questa lettera conduce seco

una donDa, ma duna presenza che smaglia, rubata


nel cuor dell'Arabia, io voglio che ti adoperi a c ci la venda, lasciandola a pericolo di chi la com pera; egli non promette sicurt, n alcuno sar
per dargliela. Fa s eh' ci riceva argento di buon
peso, e ben contato: bada a questo, e fa in
modo che 1 ospite sia contento. Addio.
E s ora? dappoi che hai letto questo scritto mi
credi ornai?
D ov l uomo che ha p o rtata la lettera?

Tos.

E sgr qui presto: andato a chiamarla di nave.


D or ., Non n ho bisogno io di liti, n di piastricci. Perch
devo tirar fuori io questo deoaro? se non son si
curo dell acquisto, che uopo ci ho io di un tale
negozio?
Tos.
Vuoi tacere o no? non t ho ereduto io mai di pelo
cos.tondo: che paura la tua?
D or.

Che p aura la mia, eh? m han scottato molte


volte: n questa la saria la prim a, da lasciar le

Tos.

Io non ci vedo pericolo.


Lo s o , ma io temo di me.
Io di questo m intasco nulla; Io l ' ho fatto pel
tuo bene, di parlartene difilatamente pel primo.
Te ne fo grazie; ma la pur buona cosa l'im
parare alle spalle degli altri, che gli altri alle
tue.

scarpe nelle malafitte.


D or.

Tos.
D or.

Tox.

Ne quis vero ex Barbaria peniiissuma


PersequalurI E liam tu ili am destinas?
Don.
,
rid ea m modo
M e rc im o n iu m .

Tox.

Aequa dicis. Sed optume, eccum, ipse advenit


Hospes ille, qui has tabellas attulit.
Doni
Hiccine est?
Tox.
H ic est.
Don.Haeccine illa est furtiva virgo?
Tx.
Juxta tecum aeque scio,
N isi quia adspexi. Et quidem edepol liberatisi, quis
quis est.
D o r . Sal edepol c o n c in n a fa c ie est.
T ox.
XJl contemlim carnufex!
Taciti contemplemur form am .
D os.
Laudo consilium luom.
SC E N A

III.

S j g a r i st io, V ir g o , T o x il v s , D o r d a l v s .

S j g . Satin" Alhenae tibi sunt visae fortunatae alque opi

parae?
Vm . Urbis speciem vidi, mores hom inum perspexi parum.
Tox.N um quid principio cessavit verbum docte dicere?
D or . H aud potui etiam in prim o verbo perspicere sapien
tiam.
S ag . Quid id, quod vidisli? ut m u n itu m m uro tibi visum

oppidum est?
V m . S i incolae bene sunt morati, pulcre m unitum arbitrorj

Tos.
D or.

Tos.
Don.
Tos.
D or.

Tos.

Don.
Tos.
D or.

Si che le si vorr dietro correr fin dal cuor dell


Arabia! e ancora indugi a comperarla?
Vedr la mercanzia.
Dici bene. Ma ve, a tempo: ecco se ne viene l o
spite che ha portalo la lettera.
costui?
Costui.
E ja fanciulla rubata questa?
Io ne so tanto come te, perch non lho veduta:
ma gli pure il bel visin fiorito, chiunque ella
sia.
La belloccia davvero.
Ve con che mal garbo il manigoldo: adocchiamola
senza parlare.
Sono col tuo consiglio.
SCENA

III.

S a g a r is t io n e , F anciulla , T o s s il o , D o r d a l o .

Sag.

E ti parve Atene citt


ricca?

abbastanza fortunata e

F an.

H o veduta la citt, ma poco ne ho conosciuto gli


uomini

Tos.

Non T ha gi sin da principio sputata fuori una


bella parola?

Dor.
Sag.

Non ne ho potuta ritra rre cos di botto la sapienza.

F an.

Se chi l abita buona gente, allora ben m unita

s mo in quello che hai veduto? E non la ti


sembr ben munita di mura la citt?
la credo io; se dalla citt son bandite la mala fede,

Perfdia et peculatus ex urbe et avaritia si exidant,


Quarta invidia, quinta ambitio, sextad obtrectatio,
Septum um perjurium . . .
Tox.
Euge!
V ia ,
Octava Indiligentia,
N ona injuria, decumum, quod pessumum adgressu,
Scelus.
Haec n i aberunt, rebus servandis centuplex murus
parum est.
Tox. Quid ais tu?
D or .

Tox.
D or .

Quid vis?

Tu in illis es decm sodalibuss


Te in exilium ire hinc oportet.
Quid ja m ?

Tox.

Quia perjurus es.

D or . Verba quidem haud indocte fecil:

Tox.
E x tuo, inquam , uSu est: eme hanc.
DoR.Edepol quin, quom hanc mage contemplo, mage
placet.
Tox.
S i hanc, emeris,
D i immortales/ nullus leno te alter erit opulentiorj
Evorles tuo arbitratud homines fundis, fam iliisj
Cum oplumis viris rem habebisj gratiam cupient
tuam:
Venient ad te commissatum.
D or .
A t ego introm itti vetuero.
Tox A t enim illi noctu occentabunt ostium, exurent fo
ris:
/
Proinde tu libi jubeas concludi aedis foribus ferreis,
Ferreas aedis conmutes, lim ina indas ferrea,
Ferream seram atque anellum: ne, si ferro parseris,
Ferreas tibi tute inpingi jubeas crassas conpedis.

lestorsione, l avarizia; per q u arta linvidia, quinta


l ambizione, sesta la maldicenza, settimo lo sper
giuro . . .
Tos.

Viva!

F am.

La pigrizia per l ottava, nona l ingiuria, e per


decimo quello che pi tristo di tutti la scelleraggine. Se non sori lontani questi mali, a conser
varla sn pochi ancora cento muri.
Tos.
Tu che dici?
D or. Che vuoi?
Tos.
Tu se' di quel buon dieci, tu dovresti pigliar il
bando.
D or. Perch?
Tos.
Perch s' spergiuro.
D or.

La non ha parlato male.

Tos.

Ella fatta pel caso tuo: comperala.


Poffar il mondo! quanto pi la guardo, di dieci

D or.

tanti la mi piace.

Tos.

D or.

Tos.

Se tu ne fai 1 acquisto, domine! qual pollastriere


nuoter meglio nel lardo? a tuo senno scorticherai
gli uomini e de' fondi e de servi: tu avrai a che fare
cogli ottimati: vorranno la tua grazia: verranno a
pranzare in casa tua.
Ma io serrer 1' uscio.
Ebbene? eili di notte verranno a farvi fracasso, e
t abbrucieran le imposte: infine per salvarti dovrai
chiuder la casa con porte di ferro! tu dovrai farti
una casa di ferro, le soglie di ferro, di ferro la
toppa e la spranga, perch, se sparagni il ferro,
non abbi tu a dar ordine che ficchino te in pastoje
di ferro ben grosse.

Don. I in malum cruciatum!


Tox.
I sane/ Ilanc eme. Ausculta mihi.
D o r . Modo uti sciam, quanti indicet.
Tox.
F in huc vocem?
Don.
Ego illo accessero.
Tox. Quid agis, hospes?
S jg .
Fcnioj adduco istanc, u t dudum dixeram.
N am heri in portum noctu navis venitj venire hanc
VOlOj

S i potest, si non potest, ire hinc volo, quantum potent.


D or. Salvos sis, adulescens.
S jg .
S i quidem hanc vendidero pretio suo.
T o x .A tq u i aut hoc em lore vendes pulcre aut alio n o n

p&tcs.
S jg . Esne tu huic am icus?

Tox.

Tanquam d i omnes, qui coelum colunt.


D or. Tum tu m i es inimicus certus nam generi lenonio
N unquam ullus deus tam benignus fuit, quin fu
erit propitius.
S j g . Hoc age. Opusne est hac libi emta?
D or .
S i libi venisse est opus.
M ihi quoque emta estj si tibi subiti nihil est, tan
tundem est mihi.
S jg . Indicaj fac pretium.
D or .
Tua m erx est: tua indicatio est.
Tox.A equom hic orat.
S jg .
F in bene emere
D or .
Fin' tu pulcre vendere?

T o x. Ego scio hercle ulrnm qtie velle.

Don.
Age_, indica prognariter.
S jg . Prius dico: hanc mancupio nento tibi dabit. Jam scis?

Dor.

Vann* al diavolo!

Tos.

Va tu. compera costei: fa a modo mio.

D or

Purch sappia a che prezzo la si abbia.

Tos.

Vuotu che il chiami qua?


Mi far io pi dappresso.
Ospite, che si fa?
Vengoj e ho meco costei, come avea dello pur
ora. Imperciocch tocc jeri la nave al porto, e s
possibile io voglio vendere questa femmina, e se
non si pu, voglio andarmene quanto prima.
Iddio t ajuti, o giovane.

D or.

Tos,
Sag.

Dor.
Sag.

Se p u r io vender costei al suo prezzo.

Tos.

Meglio di costui, non ti puoi imbattere kin [altro


compratore.

Sag.

Se' tu amico di costui?

Tos.

Come tutti gli Iddii che stanno in cielo.

D or.

Cagna! tu mi se cordial nemico: imperciocch alla


razza ruffianesca non v h a Dio cos benigno, che,
puh! le abbia fatto buon viso.

S ag.

Or bada qua. Ha tu bisogno di questa compera?

D or.

Se tu vuoi farne vendita, fa conto 1 abbia compe


ra: se tu hai nulla che ti faccia fretta altrettanta
ne ho anch io.

Sag.

Su adunque: fa tu il prezzo.

D or .

Tua la roba, sta a te il farla.


E ' parla bene.

Tos.
Sag.
D or.

Tos.

Yuotu ben comprarla?

E tu vuoi ben venderla?


Io so che vuol l uno e 1 altro.

D or.

S u adunque, dlia fuori.

Sag.

Anzi ogni cosa ti dico: di questa femmina niuno


ti dar mallevera. Lo sai.

Don.

Svio.
Indica, minumo dalum s qui sitj qui duci queat.
Tox. Tace, tace: nim is tu quidem hercle homo stultus es
pueriliter.
D o r . Q uid ila ?

Tox.

Quia enim te ex puella prius percontari volo,


Quae ad rem referunt . . .

D or.

A tquin hercle tu m e m onuisti

haud male.
Fide, sis: ille ego doctus leno pene in foveam decidi.
Ne hic adesses. Quamlum est adhibere hominem a inicum, ubi quid geras/
Tox. Quo genere aut qua iit patria sit nata, aut quibus
purentibus:
N e temere hane te emisse dicas suasu atque inpulsu (9) meo.
N isi molestum est, percontari hanc paucis hic volt.
S jg .
M axum t,
Suo arbitratu.
Tox.
Quid stas? adi tute, atque ipsus itidem roga,
Ut ibi percontari liceat, quae velis, etsi mihi
D ixit dare potestatem ejus; sed ego le malo tam en
Ipsu eum adire, ut ne contemnat te ille.
D os.
Salis recte mones.
Hospes, volo ego hanc percontari.
S jg .
A terra ad coelum quid lubet.
Don. Jubedum ea huc accedat at me.
S jg .
I sane, ac morem illi gere. Percontare, exquaere quidvis.
Tox.Age, age nunc tu, i prae. Fide, ul
Ingrediaris auspicato.

Dor.
Tos.
D or.

Tos.
Dor.

Tos.

Sonimelo. Sentiamo: ma ristretto a cui tu puoi,


lasciarla.
Zitto, zitto: mai pi non crdeva io che tu avessi
cosi mangiato il pan de putti. '
Perch?
Perch prima vo* ricercar alla giovane, quelle cose
che fan duopo . . .
T u m hai dato un avviso che vale un mondoGuarda che quel ruffian si trincato, come son io, a
momenti dava in trappola, se qui tu non eri. Oh
quanto dice buono a fianchi un amico, se fai qual
cosa!
' Di qual loco, in qual patria sia nata e da quali
parenti: acci tu non abbi a cantar poi d averla
compera a chius occhi, per consiglio e spinta
mia. Se non t di noja; vorrei chieder poche cose
a costei.

Sag.

Niente affatto: quante ne vuoi.

Tos.

E che stai l dunque? fatti innanzi, e ricercala? af


finch tu possa richiederla di quello che vuoi, av
vegnach mi abbia detto di lasciarmi ogni agio: ma
io amo meglio che sii tu a parlargli, acci egli non
faccia poco conto di te.
Viva, e un altro buon consiglio! Ospito, io vo do
mandar costei.
Alto e basso finche ti calza.
Fammela avvicinare adunque.
Va! e sppi bene irgli alla seconda.
Domanda,
e ridomanda quello che vuoi.
Su presto, va innanzi: guarda con che auspicio ti
metta in cammino.

Dor.
-Sag.
D or.

Sag.
Tos.

Vol. IV. P la it .

V in .

L iq u id u m est auspicium .

Tox.

Tace.
Concede, sis: ja m go illam adducam.
Don.
Age, ut rem esse in ttosiram putas.
T qx. Sequere me. Adduco hanc, si quid vis ex hac
perconlarier.
Don. Enim volo te adesse.
Tox.
H aud possum, quin huic operam dem hospiti,
Quoi herus jussit. Quid, si hic non volt me adesse
una?
S jg .
Im o i modo.
Tox. Do ego tibi operam.
Don.
Tibi ibidem das, ubi tu tuom am icum adjuvas.
Tox.Exquaere. Heus tu, advigila.
Fm.
Satis est dictum. Quamquam ego serva sum ,
Scio ego officium meum; ut, quae rogitet, vera, ut
accepi, eloquar.
Tox. Virgo, probus est hic homo.
Fm.
Credo.
Tox.
N on diu apud hunc servies.
V in .Ita pol spero, si parentes facient officium suom.
Don. Nolo ego te m ira ri, si nos ex te percontabimur
A u t patriam tuam, aut parentes.
Fm.
Cur ego id mirer, m i homo?
Servitus mea m i interdixit, ne quid m irer meum
m alum .

T ox.D ivi istam perdant! ita cata est et callida.


Habet cor. Quam dicit, quod opust/
Don.
Quod nomen tibi est?
Tox, Nunc metuo ne peccet.
Vin.
Lucridi tiotnen in patria fuit.

F ar.
Tos.
Dor.
Tos.

Tos.

L'auspicio non pu esser pi bello.


Sta zitta. Vien qua, ornai te la condurr io.
Adoperati, come tu fossi un altro noi.
Seguimi. Io ti conduco costei se bai qualcosa
a chiederle.
Ma voglio che tu sii presente.
Non posso: io bisogna che ajuti quest ospite con
forme ha ordinato il padrone, fi che se egli non
vuole eh' i mi ritrovi?
Anzi va pur franco.
Io aro il tuo fondo.

D or.

Anzi il tuo, quando fai servigio all' amico.

Tos.
F ar.

Animo a chiedere. Ehi tu, non fare il dormi.


Quante chiacchere. Sebben sia serva, so qual il
dover mio, di risponder vero a quello eh ei mi
cerca.
Fanciulla, questi dabben uomo.
Credolo.
Non starai molto al suo servizio.
S spero anch io, se i parenti sanno il dover loro.
Non farti le maravigfie, se noi ti ricerchiain della
patria e de parenti.
Perch ho da meravigliarmene, buon uomo? La mia
schiavit la mi costringe a non maravigliarmi di
nulla.
Il canchero che la mangi! che volpe bercttina
costei! che senno! la non ne dice una fuori di
tempo!
Qual nome il tuo?
Ahim! qui temo d uno scapuccio.
Lucridc mi chiamai a casa mia.

Dor.

Tos.

Sag.

Tos.
F an.

Tos.
F an.
Dor.
F a&.

Tos.

Do.
Tos.
F an.

Tox. N om en'atque men quanlivis esi prti. Quin tu hanc


) emis?
Nim is pavebam ne peccaret. Expedivit.
Don.
S i te emam,
Mihi quoque Zticndem confido fore te.
Tox.
Tu si hanc emeris,
Nunquam hercle hunc mense m vortentem, credo, te r r
vibit tibi.
D os. Ita velim quidem hercle.
Tox.
Optata ut evenant, operam addito.
N ihil adhuc peccavit etiam.
D o r.
Ubi tu naia es?
V ir .
Ut m ihi
M aler dixit, in ( \0 ) culina, in angulo ad laevam
m anum .
Tox, Haec eril libi fausta meretrix: nata est in calido
loco,

Ubi rerum omnium bonarum copia est sapidissuma.


Tctust leno, qui rogarat, ubi naia esset, dicerel.
Lepide lusit.
D or .
A t ego patriam te rogo quae sit tua.
V i r . Quae m ih i sit, n isi haec ubi nunc sum?

A t ego illam quaero, quae fuil.


V is . Omne ego pro nihilo esse ducto quod fuit, quando
fuit.
Tam quam hominem, quando nim am eeflavit, quid
eum quaeras, qui fuil?
Tox.Jta me di bene am ent, sapienter! atque quidem m i
seret lamen.
Don. Sed tamen, virgo, quae patria est tua? age, m i ac
tutum expedi.

D or .

Quid taces?

ToS.

Dr.
Tos.

Oh bl nome! oh bell augurio! e che? non la coinperi? io avea le febbri che la uni desse in uno spro
posito: sepp cavarsene.
S io ti compero spero che sarai Lucride anche a
me.
Tu, se fai questo acquisto; avvisomi, non l avrai
per serva questo mese vertente.

D or.

Cosi vorrei anch io.

Tos.

Mano a martelli quando il ferro caldo. Sino


ra la si port bene.

D or.

Dove se nata?

F an.

D or.

A quello che, dissemi la madre, in cucina, in un


angolo, a mano manca.
Costei la ti sar pur la fausta cortigiana, ella na
cque al caldo, in un luogo ove l abbondanza del
miglior ben di Dio. tocco il ruffiano che le
avea detto la manifestasse dove fosse nata. L ha
burla fu assai bella.
Ma io domando qual sia la tua patria.

F an.

E quale tu vuoi che siami, se non questa dove

D or.

Io

F an.

Io non fo caso n del passato, e del quando ei


sia passato. Allorch un uom o ha sputato l anima,

Tos.

sono?

intendomi quella che ti fu una volta.

a che vuoi tu dim andargli chi sia stato egli?

Tos.
Dor.

Cqs Dio mi prosperi, d i che cima di senno! mera


sa proprio male.
Ma pur, Fanciulla mia, qual la tua patria? deh
cavami presto questa spina, che non rispondi?

F i r . ico equidem. Quando hic servio, haec pairia est

mea.
Tox. Jam de tsloc rogare omitle. Non vides, nole eloqui,
Ne se suarum miseriarum in m em oriam inducas?
Don.
Quid esl7
Captusne est pater?
F ir .
Non caplusj sed, quod habuit, perdidit.
T o x.Haec erit bono genere nata: uil scit, nisi verum
loqui.

D or.Q us fuit? dic nomen.


F ir .
Quid illune miserum m em orem, qui fuit?
Nunc et illune Miserum et me M iseram aequom est
nominarier.
D or . Quojusmdi est in populo is habitus?
F ir .
Nemo quisquam acceptior:
Servi liberique amabant.
Tox.
Hom inem m iserum praedicas:
Qnom ipsns perditus probe est et benevolentis per
didit.
D or . E m a m , opinor.

Tox.

E liam Opinor?
D or .
S um m o genere esse arbitror.
Tox. Divitias tu ex istac facies.
D or.
Ila di fa x in ll
T o x .Eme modo.
F i r . Ja m hoc tibi dico: actutum ecaslor meus pater, ubi
me sciet
Fenisse, aderit huc, et abs te me r edimet . . .
Tox.
Quid nunc?
Don.
Quid est?
Tox. A udin, quid ait?

F an.

Tos.

Dor.

F ar.
Tos.
D or.

F an.
Dor.

F an.
Tos.

Anzi io parlo: dappoich io son qua serra, la mia


patria questa.
Ornai finiscila dal richiederle cotesto. Non vedi,
ch ella non vuol parlare, per non recarsi alla
mente le sue disgrazie?
E si? fu preso tuo padre?
Non fu preso: ma ha perduto quanto ebbe.
Costei l ha da essere di buona famiglia: la non
sa dir altro che la verit.
E chi fu egli? dimmene il nome.
E perch devo ricordar io quello 'sgraziato? ora
si potria chiamare lui Misero, e me Tapina.
E come era egli avuto dal popolo?
Non vi avea persona pi ben voluta .di lui: era
1 amore de servi e de cittadini.
Egli misero daddovero: essendo egli ridotto alla
candela ha perduto anche tutti benevoli.

Dor.

Io sono per farla mia.

Tos.

E ancora, Io sono?

D or.

Io la credo di buon Casato.

Tos. " Tu per costei farai denari a mucchi.


D or.

Tos.
F an.

Dio il volesse!

Purch la compri.
Or io non ti dico altro: appena risapr mio padre,
, dove io son venduta, verr qua, e tosto mi ricom
perer da te . . .
Tos.
E che ora?
D or.
Che hai?
Ts. Non le senti queste parole?

F ih .

N a m elsi res s u n i fractae, a m ic i sunt tam en.


D or. JYe sis plora: libera eris actutum si crebro cades.

Fin' mea esse?


Dum. quidem ne nim is diu tua sim , volo.
F ir .
Tox. Satin ut mem init libertatis? Dabit haec tibi grandis
bolos.'
Age, si quid agis/ Ego ad hunc redeo. Sequere.
Reduco hanc tibi.
D or . Adulescens, vin vendere istanc?

S ag.
Mage lubet, quam perdere.'
Tox. Tum tu pauca in verba confer: qui datur, tanti
indica.
S j g . Faciam ita, ut te velle video. Habe tibi centum minis.
D or. N im ium est.
S jg .
Octoginta,D or .
N im ium est.
S jg .
Numus abesse hinc non potest.
Quod nunc dicam.
D or.
Quid id est ergo? eloquere actutum atque indica.
S jg . Tuo periclo sexaginta haec dabitur argenti minis.
DoR.Toxile, quid ago?
Tox.
D i dcaeque te agitant ira ti, sqelus,
Qui hanc non properes destinare/
D os.
Habebo.
Tox.
Eu, praedatus probe/
( A b i, argentum effer h u c .)
Non edepol minis trecentis cara est. Fecisti lucri.
S j g . Heus tu, etiam pro vestimentis huc decem accedent
minae.
D or. Abscedent enim , non accedent.

F an.
D or.

Imperciocch, sebbene noi siam ridiati al lastrico*


tuttavia amici abbiam molti.
Non piangere: sarai presto libera, se saprai ca
scar di spesso. Vuoi tu esser mia?

F an.

Purch non lo sia per m olto, lo voglio.

To,.'

E non se contento? la si crede ancor libera: costei


la ti far cascar i fegatei dalle calcagna: or che
t ' venuta la palla al balzo, su, dlie di colpo! io
torno a costui. Seguimi: io te la rimeno.

Dor.

Dimmi, quel giovine, vuoi tu venderla?

Sag.

Si, piuttosto che perderla.

Tos.

Allora reca tutte le parole in una, dicci prezzo


a che ce la di.
Far cos conforme vedo che vuoi. tuar per cento

Sag.

mine.

D or.

Troppo.

Sag.
D or.

Ottanta.
Troppo.

Sag.

Non vi si pu to r via un quattrino

da quanto ho

detto.
D or.
Sag.
D or.
Tos.
D or.

Tos.

S ag.
D or.

E s a d u n q u e ? s b r i g a t i , s e n tia m o .
A tutto risico tuo darai sessanta mine d argento.
Tossilo, che fo io?
Tu se in odio agli dei e alle dee, m ariuolaccio, e
che non t affretti a comprarla?
mia.

Viva!
naro
fatto
Ohe!
Anzi

luccello nel carniero! ( va, porta fuori il da


). Non la saria cara per trecento mine: hai
buon guadagno.
per le vesti ci aggiungerai dieci mine.
saran disgiunte e non aggiunte.

Tox.

Tace, sis: non tu illune vides


Quaerere ansam , infectum ut faciat? A b in atque
argentum pelis?
D o r . H em iu, erto isluncl
Tox. .
Quin tu intro is?
D o r.
Abeo alque a rg e n to n i adfero.
Tox. Edepol dedisti, virgo, operam adlaudabilem.
Probam et sapientem et s o b r i a m '
F ir .
S i quid bonis
B oni fit, esse idem et grave et gratum solet.
Tox.A udin tu, Persa ubi argentum hoc acceperis,
Simulato J quasi eas prorsum in navem.
S jg .

N e doce.

Tox. Per angiportum rursum te ad me recipito


Illae per hortum.
S jg .
Quod futurum est, praedicas.
Tox. A t, ne cum argento protinam permutes dom um .
Moneo te.
S jg .
Quod te dignum est, me dignum esse vis?
Tox. Tace; parce voci:-praeda progreditur foras.
D or . Probae hic argenti sunt sexaginta minae,
Duobus nnm is minus.
S jg .
Quid ei num i sciunt?
Don. Crumenam hanc emere, aut facere uti remigret do
m um .
S jg . N e non sat esses leno, id m etuebas, miser,

Inpure, avare, ne crum enam amitteres?


Tox. Sine, quaeso: quando leno est, nil m irum facit.
Don. Lucro faciundo ego auspicavi in hunc diem:
N il m ihi tam parvi est, quin me id pigeat perdere.
Age, accipe hoc, sis.

Tos.

D or.

Tos.
D or.

TosF an.

Tos.

Taci, o bestia, non vedi tu cI k * e cerca qualche tra


ghetto per romper il negozio? va, e reca fuori#i quat
trini.
Ehi tu, guarda che non mi scappi!
E che non vai dentro?
..
Vado, e porto 1 argento.
In f, putta mia, che ci hai tenuto il sacco assai
bene, e proprio da valente e brava donna.
Se si reca servigio agli uomini dabbene, e non
se ne dimenticano c 1 hanno caro.
E tu, Persiano, ascolta; appena hai nell ugne i
quattrini, fingi che te ne debba andar subito in
nave.

Sag.

Non farm i il m aestro.

Tos.

E pel chiassetto vieni in casa mia dalla parte dcl1 orto.

S ag..

T u di quello che v o rr essere.

Tos.

Ma te lo dico, perch non vorrei che tu col denaro


avessi a cambiar porta.

Sag.

Quello che de pari tuoi, vuoi che lo sia de mici?

Tos.

Sta zitto, bassa la voce: vien fuori la starna.

D or.

Qua en tro sono

Sag.

due denari.
E che si vogliono questi denari?

D or.

0 che la borsa si comperi, o ch la torni a casa.

Sag.

Gaglioffo! e temevi forse di non esser ruflian cimato,


o sozzo barbino? avevi paura di perder la borsa?
Oh cessa in grazia: egli ruffiano, e non fa cosa
nuova.
Ho tratti i miei auspici oggi di far buon civanzo,
n v ha patacca che non -m Innesca perdere.
Togli, prendi questo, se lo vuoi.

Tos.
D or.

sessanta mine d argento, m en

Sag.

Hunc in collum, nisi-piget.

Inpone.
D o r.
Fero fiat.
S jg . .
Numquid ceterum
Me vollis?
Tox.
Q u id ta m properas?
S ag.
Ita negotium est:
M andatae quae sunt, volo deferre epislolasj
Geminum autem fratrem servire audivi hic m eum :
Eum uti requiram ego atque uti redim am , t olo.
Tox. Atque edepol tute me conmonuisti haud male:
Videor vidisse hic form a persimilem tui,
Eadem statura.
S ag .
Quippe qui frater siet.
D or. Sed scire velimus, quod tibi nomen siet.
Tox. Quid allinet, nos scire?
S ag .
Ausculta ergo, ut scias:
Vaniloquidorus, f i i ) Virginisvendonides,
Ntigipalamloquides, Argentiexterebronides,
Tedigniloquides, Numdesexpalponides,
Quodsemelarripides, Nunquameripidet postea.
D or . Heu hercle nomen m ultim odum scriptu est tuom .
S ag . Ita sunt Persarum mores: longa nom ina
Conlorplicata habemus. N um quid ceterum ,
Voltis?
D or.
Vale.
S ag.
Et vos. J a m anim us in navi est meus.
D or. Cras ires potius, hodie hic coenares. Vale.
Tox. Postquam illic abiit, dicere hic quidvis licet.
Nae, hic tibi dies inluxil lucrificabilis:
N a m non emisti hanc, verum fecisli lu cri

Sac.

Se, non t fatica mettimelo sul collo.

D or.

Niente affatto.

Mi volete voi altro?


Tos. Perch tanta fretta?
Sag.
Si voglion le faccende mie: vo ricapitar quelle let
tere che m han raccomandate; ho sentito che qui
serve mio fratello, io vo cercarne e ricompe
rarlo.
Tos.
In f del mondo che tu non m hai avvisato male:
panni aver veduta persona che ti rassimjglia, del
la tua stessa statura.
S ag.
sar mio fratello.
Dor. Ma noi vogliam sapere il nome tuo.
Tos.
E che importa saperlo?
Sag.
Ascoltami adunque e lo .saprai. Vaniloquidoro.,
Verginisvendonide, Nugipalamloquide, Argentesterebronide.,'Tedegnoloquide, Numdesespalponide., Quodsemelaripide, Unquameripide.
D or. Cacasangue! i quante forme si scrive il tuo nome.
Sag. Cosi sono i nomi de Persiani: noi gli abbi am lunghi
e bitorzoluti. Vi possJ io in qual cosa?
D or. ; Sta bene.
Sag.
Anche voi altri. Io ho tutto il .cuore in nave.
D or. Avresti potuto ire domani, e oggi far qui carit
con noi. Buon d.
Tos.
Dappoi eh e se n and, noi qui possiam parlare
a sicurt. Cazzica! giorno che ti fu questo di cuc. cagna: imperciocch tu non 1 hai compera costei,
ma 1 hai avuta a macca.
Sag.

D o r . Ille q u id em j a m sc it, q u id neg a li gesserit,

Qui m ihi furtivam m ea periclo vendidit


Argentum accepit, abiitj qui ego nunc scio,
A n ja m adseratun haec manii? quo illum sequar?
In Persas? nugas.
Tox.
Credidi gralum fore
Beneficium m eum apud le.
D or .
Im o equidem gratiam
Tibi, Toxile, habeo: w m le sensi sedulo
M ihi dare bonam operam.
Tox.
Tibm ego? imo; sed mihi.
D or . A lia i! oblittis sum intus dudum edicere,

Quae volui edicta. Adserva, hanc.


Tox.
Salva est haec quidetn.
V i r . Pater nunc cessat.
Tox.
Quid, si admoneam?
V im .
Tempus est.
SC E N A

IV .

S j t (jr i o , T o x il u s , V irg o .

Tox. H em , Salurio, e x i! nunc est illa occasio


Iuim icum ulcisci.
S jt.

Ecce m e! num quid m oror?

Tox. Age, illuc abscede procul e conspectu et tace.'


Ubi cum lenone me videbis conloqui,
Tum turbam facilo.
S jt .
D id u m sapienti sat est.

Dor.

Tos.
D or.

Tos.
D or.

Tos.
F ar.

Tos.
F an.

Ma sallo meglio di me quell altro, negozio che si


abbia fatto; avendomi venduta una' putta rubata a
tutto mio pericolo. Intascato che si ebbe largento,
e se l ha fatta con Dio; e che mi so io adesso
se la si verr a dichiarar franca? dove dovr se
guirlo? in Persia? Sogni.
Io credeva che tu me ne sapresti buon grado.
Anzi te ne ho moltissimo, o Tossilo, imperciocch
ho veduto che per me ti se' messo a piedi e a ca
vallo.
A te io? anzi, a me.
Sta, sta! mi son dimentico, d ordinare in casa
quello, che voleva dire. Attendi a costei.
Questa salva.
Pena un po' troppo mio padre.
E che se lo chiamo?
tempo.

SCENA

IV.

Saturione, T ossilo, F anciulla.


T os.
Sat.

Tos.

S at .

Ohe, Saturione, vien fuori, venne 1 ora di rifarsi


del nmico.
Eccomi! son pigro io?
Va, dilungati un po' gi di vista e non far motto.
Quando mi .vedrai in chiacchere col ruffiano, al
lora tu vien qua a far scalpore.
A buono intenditor poche parole.

SC E N A

V.

D o RDJLUSj T o x i l v s .

Don. Transcidi loris omnis adveniens domi,


Ila m ihi suppellex squalct alque aedes meae.
Tox.R edis tu tandem ?
D or .
Redeo.
Tox.
N ae ego hodie bvtiatn
Tibi vilam feci.
D or .
Faleor: habeo gratiam.
T o x.N u m quidpiam aiud me vis?
D or .
Vi bene sii libi.
Tox. Pol istuc quidem omne ja m ego usurpabo dom i:
N a m ja m inclinabo me cum liberta tua.
SC E N A

VI.

S atu rio , D obdalus , F irg o .


S a t . N isi ego illune hominem perdo, perii. Alque opiume

Eccum ipsum ante aedis!


Vir .
Salve m ullum , m i paler.
S a t . Salve, mea gnata.
D or.
H ei, Persa me pessumdediU
V i r . Pater hic meus est.
D or.
H em , quid? pater? Perii oppido/
Quid ego igitur cesso infelix lamentatici'?
Slinas sexaginta?
S at .
Ego pol te faciam , scelus,
Te quoque etiam ipsum ut lamenleris.

SCENA

V.

D o r d a lo , T o s s il o .

D or.

Appena messo pi in casa ho ro tte tutte le fruste:


v eran tre dita di polvere in te rra e sulle robe.

Tos.

Torni s presto?
Torno.
Io t ho proprio oggi cresciuta di cento
anni la vita.

D or.

Tos.

buoni

D or.

v e r o , e te n e fo g ra z ie .

Tos.

T abbisogno io adesso in qualcosa?


In buona salute.
Cos mi trover io in casa, imperciocch vo pro
prio godermela colla tua liberta.

D or.

Tos.

SCENA

YL

S a t u r io n e , D o r d a lo , F a n c iu l la .

Sat.

Se. io non sconfiggo quest uomo, io son diserto.


Ottimamente, vello qui in anima ed in carne sopra
la porta.

F an.

Iddio vi prosperi, o padre.

Sa t .
D or.

_ Addio, figliuola.
Ahi! quel Persiano

m ha

rovinato.

F an.

C o s tu i m io p a d r e .

D or.

Che? come? padre? io son morto! e che non caccio


fuori lagrim e a ciocche? e le sessanta mine?

Sat.

Io far, o manigoldo, che tu abbi a piangere te


stesso.
Yol. IY. P ia v i .
7

D or.
Occidi!
S a t . Age, ambula iti jus, leno.
D or .
Quid m e in ju s vocas?
S j t . Illi apud praetorem dicam .

Sed ego . . .
In jus voco.

D or.
S at.

D or. N onne antestaris?


T uan* ego causa, carnufex,
S at.

Quoiquam m ortali libero auris alleram,


Qui hic conmercaris civis homines liberos?
D or. Sine dicam.
S at.
D or.

Nolo.
A udi.

S um surdus. Am bulal
Sequere hac, scelesta feles virginaria!
Sequere hac, mea nata, me usque ad praetorem.
V ir .
Sequor.

S jt .

Dor.

Son perduto! "

Sai;.

Su, ya in giudizio, ruffiano.

D or.

Perch mi chiami tu a corte?

Sat.

L o dir al pretore.

D or. . Ma io . . .
Sat.
Ti chiamo in giudizio.
D or.

E non hai testimoni?

Sat.

Cagion tu a, assassino, logorer le orecchie io ad


uu libero, quando qui tu fai m ercato di carn
cittadina?

D or.
Sat.

Lasciami parlare.
Mai no. '

D or.

Ascolta.

S at.

Son sordo.

F ax

tore.
Ti seguo.

Cammina

da

questa parte, o gatto

di donne! e tu vien p er di qua meco fino al pre

r.

actus
SC E N A

I.

T o x il v s , S a g a r ist io , L e m m s e l e n e .
T o i . H ostibus v ic iis, civibus sa lvis,

re p la cid a , pacibu s
p erfectis,

Bello exlin lo, re bene gesta; integro exercitu et praesidiis,


Cum bene, J u p iler, ju v isti, dique a lii om nes coelipotentes,
E a vobis g ra tis habeo alque ago: quia p ro b e sum
ultus m eum in im icu m .
N u n c ob eam rem in ter p a rticip es d iv id a m p ra e d a m
et p a rticip a b o ,
Ile fo ra s: h ic volo a n te ostium et ja n u a m m eos p a r
ticip es bene accipere ego. S ta tu ite hic

<

Lectulos: pon ite hic, quae adsolent.


H ic sta tu i volo p rim u m a q u o la m ( i 2 )

m ih i, unde

ego om n is h ila ro s, lubenlis,


L a etifica n tis fa c ia m

ut fia n t, qu orum

o p era haec

m ih i fa c ilia fa ctu
F a cta su nt, quae volu i ecficere: n a m

im p ro bu s est

hom o, qui accipere


S c it beneficium et reddere nescit.
L em .

T oxile m i, ego cu r sine le su m ?


C ur tu autem sine m e es?

T ox.

A gedu m ergo, accede, m ea , a d m e, et am plecteris.

L em . Ego vero. O h, n ih il m age dulce estt


Sed, a m a b o , oculus m eus, quin lectis non actu tu m

commendamus?

ATTO V
SCENA

I.

T o s s il o , S a g a r is t io n e , L e m n is il e n e .

T os.

Vinti i nemici^ salvi i cittadini, quieta ogni cosa,


conchiusa la pace, estinta la guerra, condotta a
buon termine l ' impresa, intero 1* esercito e i presidii, io fo a te moltissime grazie, o Giove, e a
tutti voi altri dei potenti del cielo perch mi son
presa buona vendetta del mio nemico. Ora per
tanto divider il bottino a miei commilitoni. Venite
fuori, qui fra 1 andito e la porta vo render mer
cede amici sozii, preparate le letta: e qui mettete le
mense al solito. Io voglio che mi si metta in ta
vola 1 acqua, dond io far che tutti sieno allegri,
piacevoli, giovialoni, quelli per la cui opera spezial
mente m avvenne questa buona ventura. Imper
ciocch troppo tristo quell uomo che sa ricevere
e non rim unerare il beneficio.

L em.

0 mio Tossilo, perch io sono senza di te? per


ch tu se' lontano da me?

Tos.

Vien qua, viso mio fiorito, vieni a me ed abbrac


ciami.

L em.

Io, con tutto il cuore. Oh! non ho delizia pi gran


de! ma deh, pupilla mia! e perch non ci poniamo
a letto noi?*

Tox. Omnia quae vis, ea cupio.


L em .

M utua flunt a me.

Tox.

Age, age ergo.


Tu, Sagaristioj adeumbe in summo. ( lo )
S ag.
Ego nil m ororj cedo parem, quam pepegi.
Tox. Temperi.
S ag .

Tox.

M i islue tem p eri sero est.

Hoc age: adeumbe! hunc diem suavem


M eum nalaleni agitemus am oenum ! date aquam
manibus! ponite mensam!
Do hanc libi florentem florenti. Tu hic ens dicta
trix nobis.
Age puere, a summo septenis cyathis hos conmilte
ludos.

Move m anus! propera! tarde cyathos, Poegnium,


m ihi das. Cedo sane!
Bene m ihi! bene vobis/ bene amicae meae! bene om
nibus nobis!
Optalus m i hic dies dalus hodie est ab dis, quia te
licet amplecti
Liberam me.
L em .

T u a fa ciu m opera.

Hoc mea manus tuae poclum donat, amantem am anti uli decet.
Accipe!
Tox.
Cedo! Bene ei, qui m i invidet, el qui hoc gau
det gaudiot

Tos.

Io voglio ogni piacer tuo.

L eu .

E io lo ne ripagher.

Tos.

Su prsto adunque. Tu, Sagaristione, mettiti in capo.

Sag.

Non me ne monta: dannai solo quello che ho sbor


sato.

Tos.

A suo tempo.

Sag.

Questo a suo tempo a me un anno.

Tos.

Oh vien qua; siedi! passiamo allegramente questo bel


giorno che m il natalizio! Date 1 acqua alle mani,
mettete le tavole!, io do questa ghirlanda a te, mio
bel fior1. Tu qui sarai la regina del convito. Su,
o fanciullo, fa baloccar l in capo sette be pecheri; muovi quelle mani! fa presto! se pur lento,
o Pegnio, in darmi queste ciotole. Dammele! pr a
me! pr a Voi! pr alla amica mia! pr a tutti!
Questo giorno da me s desideralo me lo diedero
gli Iddii, perch finalmente ti possa abbracciar li
bera.

L em.

Egli per tua special grazia. Questa mia mano


t offre questa ciotola, conforme dee far l amante
all amante; prendila!

Tos.

Dammela! pr a colui che m ha invidia! pr a lui


che di questa mia gioja si rallegra!

SC E N A

II.

D o r d j l v s , S a g j m s t i o , L e u x i s e l e x e , P e c n iv m ,

Toxito.

D or . Q ui suiti; qui erun t, quique fuerunt, quique sunt fu


tu r i posthac,

Solus ego omnibus facile antideo, m iserrum us ho


m inum ut vivam.
Perii, interii! pessumus hic m ihi dies hodie inluxit:
conruptor
Ita me Toxilus perfabricavit, itaque meam rem di
vexavit.
Verriculum argenti miser ejecij neque, quamobrem
,
tjeci habeo.
Qui illum Persam atque omnis Persas atque etiam
omnis personas
M ali di orti nes perdant: ita misera Toxilus haec
m ihi concivit:
Quia fidem ei non habui argenti, eo m i has m a
chinas molitust.
Quem pol ego ut non in cruciatum atque in conpedis si vivam ,
S i quidem huc unquam herus redierit, quod spero...
Sed quid ego adspicio?
Hoc vide! quae haec fabula est? Pol hic quidem po
tant. Adgrediar.
Bone vir, salve, et tu, bona liberta.
Tox.
Dordalus hic quidem est.
Sjg .
Quin jube adire.
Tox. A di, si lubet. Agite, adplaudamus. Dordale, homo
tepidissime, salve.
Locus hic tuos est: huc adcumbe. Fer aquam 'pedi
bus! praeben', puere?

SCENA

II.

D o rd lo , S a g a r is t io n e , L e h n ise l e h e , P e g n io / T o s s il o .

D or.

Tos.
S ag.

Tps.

A quelli che sono, che saranno, che furono, e che


verranno da qui a m iir anni, io solo corro facil
mente innanzi a tutti nell' essere sgraziato alla
vita mia. Son m o rto !, sono scassinato affatto!
Questo giorno scellerato m pur sorto con brutta
luce: cotanto quel ladro di Tossilo seppe aggi
rarmi, cotanto egli m ha piallato d ogni aver
mio. Io ho gittato un sacco d' argento, ne ho in
man mia il perch questo 1 ho fatto. Che Dio affranga dell ossa e delle carni quel Persiano, e
tutti i Persiani: tanto stoscio di grandine me 1 ha
rovinato addosso Tossilo. Perch non gli ebbi
fede de' quattrini, ecco trappola che m ha tesa!
Cui io non ne tormenti o ne ferri, se mi baster
la vita, se pur qui ci verr il padrone conforme
spero . . . Ma che vedo io? Guarda! che storia
questa? Cazzica! costoro si piglian buon tempo.
Li affronter. Iddio ti salvi, buon uomo e tu, mia
buona liberta.
In f mia questi Dordalo.
E che non lo fai venire innanzi.
Fatti avatti, se ti piace. Su, stiamo allegri e
facciam plauso. 0 Dordalo, o pasta d'uomo! buon
vento qui t ha portato. Qui v' luogo por te:
siediti Portagli il calino a piedi! glielo dai, o
ragazzo?

Don. N e, sis, me uno digito attigeris: ne te ad terram ,


scelus, adfligam.
P j e .A t tib i hoc ego continuo c y a th o

oculum

ex cu tia m

tuam !
Don. Quid ais, crux, stimulatorum tritor? quomodo me
hodie vorsavisli?
Ut me in tricas conjecisti? quomodo de Persa ma
nus m i adita est?
Tox. Jurgium auferas, si sapias.
D or.
A t, bon a lib erta , haec scivisti!
( Et me celavisti. J
L eu . Stultitia est, quoi bene licet esse, eum praetorti liti
bus.
Posterius istaec te magis par agere est.
D or.
Cor m ihi urilur!
Tox Da illi cantharum j txlingue ignem, si uritur, caput
ne ardescat.
D or. Ludos me facisti, intellego, intellego.
Tox. Fin' cinaedum notom libi dari, Paegnium?
Quin elude, ut soles, quando hic liber locust!
H u i!
Babae, basilice te intulisti et facete!
P j e . Decet me facetum esse, et hunc inridere
Lenonem lubido est, quom dignus est.
Tox. Perge, ut coeperas.
Pje .
Hoc leno, tibi!
Dos. Perii, perculit me prope!
Pje.
H em , serva rursum !
D or. Delude, ut lubct, herus dum abest hinc!
Pje .
F id en , u t
Tuis diclis pareo?

D or.

No, per Dio: non metterm i dito addosso: se non


vuoi, o furfantonaccio, eh i ti sfracelli it capo in
terra.

P eg.

Ma io con questo bicchiere ben tosto ti schianter


un occhio di capo!

Do.

Tos.

Che dici* o 'forca, che aggiungi, staccio di boja?


e come hai fatto oggi a inzampognarmi? in che
modo tu m hai ficcato in queste cetere? in che
modo ha tu trovato il tranello di questo Persiano?
Non verrai qui a far batoste, se hai senno.

D or.

Ma tu , o buna liberta, beu la sapevi la taccola!


ma 1' hai tenuta secreta.

L eu.
Dor.

Tos.

ben pazzo colui che potendo star bene, vuol


appiccar lite: meglio che a questo ci pensi dopo.
Mi brucia il cuore.
Dgli un cantaro: ammorza le fiamme, acci se ti
senti caldo, non vada in vampe la tua testa.

D or.

Voi mi giuocate, me n" aw eggio, 1' intendo.

Tos.

Vuotu vedere un nuovo ballerino in Pegnio? che


non giuochi tu come se liso, essendo qua sgom
bero? hui! bene, bravo, oh bello!

P eg.

Io devo esser

Tos.

Fa come avevi cominciato.

P eg.

Questo, o ruffiano, per te.

allegro: e n ho voglia di pallare

questo ruffiano quanto n degno.

D or.

Ohim! e m ha ro tta una costola.

P eg.

Ecco te 1 accomodo!

D or.

S, giocami finch ti calza, finch il padrone lon


tano di qui!

' P eg.

Guarda, come sto al tuo ordine.

408
D o n .l!
Sed quiti tu meis con ira item diclis te n n i,
Atque hoc, quod tibi suadeo, facis?

Pje .
D or.

Q uid est id ?

P jE .R e s lim lu cape lib i cra ssa m a c suspende le!


D o n .C a ve, tis , m ed a l tin gas: ne lib i hoc tc ip io n e m a lu m
dem

M agnum !
Pje .
Ulere: te condono.
Tox.
J a m , Paegnium, da pausam.
D or . Ego pol vos eradicabo.
P je .

A l te ille, qui su p ra nos h abitat,


Q ui tib i m ale volt m aleque faciet . N o n hi dicu n tj
veru m ego.

Tox. Age, circumfer m ulsum ! bibere da usque plenis can


tharis!
J a m d iu fa ciu m

est, p o stq u a m

bibim usj n im is

d iu

sicci sum us.


D or D i fa c ia n t, ut id a ib a lis, quod 'vos nunquam tra n
seat!
P j e . Nequeo, leno, qui tibi sallem staticulum, olim quem
H egea

Faciebat. Fide vero, si libi salis placet.


S jg .

M e quoque volo

Reddere, Diodorus quem olim faciebat in Jonia.


D or . 3Ialum ego vobis dabo, nisi abilis!
S ag .

E lia m m ullis, inpudens?

Ja m ego libi, si me in rilassi*, Persam adducam dentio.


Dos. Jam lacco hercle. At tu Persa es, qui me usque
mulilavisli ad culem!
Tox. Tace, i tulle: hic ejus geminust frater.

D or.
P eg.
D or.
P eg.
D or.
P eg.

Tos.
D or.
P eg.

Tos.

D or.

P eg.

Sag.
Dor.

Sag.
D or.

Tos.

Vattene!
tu perch non stai alle parole mie; perch non
fai quel consiglio che io ti do?
Che questo?
P rendi un buon canapo e fa un dondolo.

Guardati dal toccarmi: se pur non vuoi che ti dia


questo legno addosso!
Servitene: lo lascio a te.
Finiscila ornai o Pegnio.
Io vi sradicher dal mondo.

E quegli che sta oltre le tegole, a cui tu se' in


odio, ti dar il flagello; se non tei dicono costoro,
tei dico io.
Su, su, porta intorno quel Yin melato! dcci a bere
a tazza rasa! gi un anno che non abbiam be
vuto! ornai siam troppo arsicci.
Volesse Iddio, che non v' andasse gi dalla
gola!
Io non posso pi tenermi, o ruffiano, dal farti far
quel saltetto, che fece una volta Egeo. Guarda
se abbastanza ti calza.
E io quello che Diodoro faceva nella Jonia.
Il malanno vi dar io, se non andate via.
E parli ancora, sfrontataccio? Ornai, se tu mi stuz
zichi, io conduco di huovo il Persiano.
Io non parlo altro, ma se tu quel Persiano che
m ha rimondato s ben della zucca!
Taci, o siocco, questi il fratei gemello?

Don.

Jliccinc?

Tox.
A c geminissumus.
Don. D i daeque et te et geminum fratrem excrucient!
S ag .
Qui le perdidit:
Nam ego nihil merui.
D or .
A t enim, illic quod meruit, libi id obsit volo.
Tox. Agile, suilis: ludificemus, nisi si indignum est.
S ag.

N unc opust.

L e b .A I m e haud p a r.
T ox.

Eo credo quia ne in co n cilia vit, quom

te emo.

L em . A t tam en . . .

Tox. Non At tamen! Cave ergo, sis m alo, et sequere me.


Te m ihi dicto audientem esse addecet: nam hercle
absque me
F oret et m eo p ra e sid io , hic

faceret

te prostibilem

propediem.
Sed ila pars libertinorum est, nisi patrono qui advorsalust,
Nec salis liber sibi videtur, nec salis frugi, nec sal
honestus,
N i ei obfecil, ni male dixit, ni grato ingratus re~
perlust.
L e u . P o l benefacta tu a

me

h o rta n tu r,

tuo ttt

im perio

. *
paream.
Tox. Ego sum libi patronus plane, qui huic pro te ar
gentum dedi:
KoXatpi^e hunc. Volo ludificari.
L ek.
Ego meo in loco curabo
Sedulo.
Don.
Certo illi homines nescio quid m ihi m ali
Consulunt, quod faciant.

D or.

Tos.
Don.

Questi?
*E gemellissim.
Il.m alan che Dio ti dia a te, e al tuo gemello.

Sag.

Quello che t ha diserto: io non ci ha colpa.

D or.

E a lui che 1 ha m eritato, e a te.

Tos.

Su via adunque ridiamo, se non ci par fuor di


proposito.
Ora tempo.

Sag.
L em.

Ma non da me.

Tos.

Certo, perch nou mi si volle intraversare quando


t ho compera.

L em.

Ma pure . . .

Ts.

Np, ma pure, guardati dal flagello; e fa quello che


io voglio. Tu devi fare il modo mio, imperciocch
se io non ci fossi stato, e non fosse venuto il mio
ajuto, costui t avria fatta presto da postribolo.
Ma cos la pi maggior parte de libertini, che
non si credono n abbastanza liberi, n abbastanza
valentuomini, n abbastanza onesti, se non han a. vuto qualche contrasto col patrono, se non gli fan
qualche sfregio, se non gli dicon villanie, se non
sono ingrati a chi loro ha fatto del benie.

L esi.

Poffar il mondo! i tuoi fatti dicono eh io t abbi


a obbedire.

Tos.

Io sono patrono di te, n altro v ha; io solo per


te h sborsati i
ridere.

quattrini:

Lem.

I o star ferm a al mio luogo.

D or.

Io

bevi questo,

non so diamine che pensano a farmi.

voglio

412
Su ;.
Tox.

Heus vos!
Quid ais?
S ag .
-H iccine Dordalus leno
Est, qui hic liberas m ercatur virgines? Mene est,
qui fuvit
Quondam fo rtis?
D or . Quae resi? IIcu, %o%aptZei! m alum vobis dabo.
Tox.
Al
Tibi nos dedimus dabitnusque eliam.
D or . .
Heu, natis pervellit.
P ae.
Licei.
Jam diu saepe sunt expuntae.
D or.
Loquere tu eliam , frustum pueri?
L em . Patrone, i inlro, amabo ad coenam.
D on:
Ignaviam num m eam tu inrides?
L em . Quiane te voco_, bene Ubi ut sii?
D or .
Nolo m ih i bene esse.
L em .
Ne sii.
Tox. Quid igitur? sexcenti num i quid agunt? quas turbas
danunt?
D or . Male disperii/ sciunt referre probe inimico gratiam .
Tox. Salis sumsimus ja m supplici?
D or .
Faleorj m anus do.
Tox.
E t post dabit
Sub furcis. Intro abi igilur.
D or .
I n crucem!
S ag .
A n p a ru m hic exercilu m
Hice habent me?
Tox.
Convenisse Toxilum te memineris
T vnc

quando

a b ie r o .

Q u in

tac e s ?

scio

fiA J

QUID T E L I S .

Spectatores, bene valete, Leno periit: plaudile,

Sag.

Ehi, voi altri?

Tos.

Che hai?
,
-
E questa quella buona schiuma di Dordalu che
compera le putte libere? E costui che fu una volta
s valentuomo?
Che faccenda questa? Schiaffi che piombano! vi
dar il flagello.
Siam noi che te lo abbiam dato, e daremo an
cora.

Sag.

D or.

Tos.
D or.

Ahi! mi strappa le natiche.

P eg.

Viva! e son state piluccate pi volle.

D or.

E anche tu parli, cefTo dacembali.

L em.
D or.
L em.

Patrono, deh vieri dentro a cena.


Tu ora minchioni la mia bessagine?

D or.
L em.

Non vo esserlo.
Non sia.

Tos.

E s ora? i seicento denari che fanno? che met


tono sottosopra?
Io son disparato affatto: san render coltelli per guai
ne al nemico.
Ci siam gi veudicali?

D or.

Tos.

Anzi ti chiamo per farti allegro.

D or.

Vendicatissimi: vi do la mano.

Tos.

E dopo la darai sotto la forca; va dentro adun


que.
Al diavolo!

Sag.
D or.

Tos.

E qui non m hanno torm entato abbastanza?

Ricordati d aver conosciuto Tossilo, appena me ne


sar ito. Perch se m utolo?. Il ciel vi dia vita,
o spettatori, il ruffiano disfatto, applaudite.
Vol. IV. Ilaut.

NOTE

(1) Cosi leggiamo in Lipsio: festivus jocus, cum allusione,


quasi Tribunus militaris apud Nolani,
(2) Sono stato colla correzione di Gronovio.
(3) In questa forma difmiscc Festo, 1 Epicroco: Epicro'
cum genus amiculi croco linctum , tenue et peliticidum.
(4) Lanibino legge: catiis.
(5) Troviamo in Festo: Tippula, bestiolae genus sex pe
dis habentis, sed tantae levitatis, ut super, aquam
currens non desidat.
(6) Verso dei codice Ambrosiano.
(7) Cos Bothe: Corrupte libri, subiculum, quod quid sibi
velit, scio cum ignarissimis. Recte Meursius Exercilalt. Crill. i . pag. 245, sicut olim .el Pius su
diculum. Paulus, Festi epitomator: a sudiculum
flagelli genus erat quod vapulantes sudantes fa
cit . . .
(8) I frammenti Ambrosiani leggono, Chnjsopolim.
(9) II codice Ambrosiano legge in vece in questa forma:
N e temere hanc te emisse dicas me impulsore aut
inlice.
V olo te percontari. Quin laudo consilium tuom.

A 16
(10) Guarda tristizia di Fanciulla!
(U ) Nella versione io ho voluto conservarei nomi latini,
perch si proprio sono lupghi e contorti.
(12) Aquam duplicem initio statim poni mos erat. Calidam,
Frigidam. Faceta autem allusio comici servi. Lips.
(13) Accumbere in sum m o ( nam plures lectos hic stra
tos fuisse, apparet ex vs. 1 3 .) hoc est in summo
lecto. Haec duobus modis intelligi debent: si enim
plures lecti fuere., erit accumbe in summo lecto:
6 vero unus tantum fuerit lectus, erit accumbe in
sum m a parie lecti. Tota ratio lectorum et triclinii
apud veteres haec erat. Tribus lectis plerumque
cocnabant; singulis lectis recumbebant terni, aut
summum quaterni apud lautiores; si plures sordi
dum habebatur. Cic. in Pisonem 27 exprobrat ei:
Nihil apud hunc laulum, nihil elegans elc. Graeci
quini slipati in lectulis, saepe plures. Imo et apd
lautiores bini tantum in quoque lecto recumbebant.
Hinc apud Macrob. in coenae pontificiae descrip
tione, in duobus tricliniis decem modo convivae
nomiuantur, u t appareat in magnificis epulis vix
binos lectum unum tenuisse. De lauto homine Juvenal. Sat. I;
Optima silvarum inlerea pelagique vorabat
R ex horunij vacuisque loris tantum ipse jacebal.
Accumbebant autem reclinati superiori parte corporis in
cubitum sinistrum, inferiori in longum porrecta ac
jaccnte, capite leviter erecto, dorso a pulvillis mo
dice suffulto. Ex lectis tribus, unius triclinii sci-

licet, is, qui ad sinistram erat, dicebatur summ us


eclus-, qui ad dexteram, imus, qui inter utrumque,
medius. Ratio discumbendi hoc faciebat: etenim ut
liberam et excrtam habere possent dextram ma
num, in sinistrum latus decumbebant. t qui ordo
lectorum, idem etiam fuit in singulis lectis accu
bantium. Sum m us quippe locus in unoquoque lecto
erat ejus, qui nullum supra se habebat, imus vero
quem infra medium accumbens tenebat vel occupa
bat: medius infra primum seu summum, u t imus
infra medium. Schemate rem delineabimus:
MEDIUS LECTUS

O
S

-3

i . Locus primus, qui et summus lecti summi.


. Locus medius lecti summi.
3. Locus imas, lecti summi.
4- Locus primus, qui et summus, lecti ms4U>
5. Locus medius lecti medii.
.

Locus imus lecti medii, qui et Consularis.

7.

Locus primus, aut summus lecti imi, qui et domini.

8.

Locus medius lecti imi.

9.

Locus imus lecli imi.

Honoratissimum ex his locis ducebant Romani medii lecti


locum imum, sive ultimum, eum nempe qui infra
medium ad dextram erat ejus Iccti. Is dabatur
convivarum honestissimo et dignissimo: ideo et
Consularem vocabant. Piat. Sympos. lib. I. 3:
Topaioii; de o jet; fiea r^ x Z iyq c reZ evra io y
o* v n a r ix o v itpoaayopevovei* Rom anis vero
medii lecti ullimus, quem Consularem vocant.
Imus autem medii lecti erat, quem occupabat is,
qui infra medium ad dexteram erat lecti. Praeter
imum medii lecti in summo et imo lecto, summus
utrobiqtie habebatur honoratior. Vide Mostell. I, i
42; Stich. III, 2, 37. Ideo m iratur Plutarchus, cur
honos et dignitas praecipua data illi consulari loco
apud priscos fuerit, qui nec medius erat, nec sum
mus, quum hi duo loci videri possent primatus hono
rem maxime mereri. Caeterum ex tribus lectis duo
. priores medius ac summus invitatis cedebant. Domi
nus convivii cum uxore et liberis in tertio, seu imo ac
cumbebat, isque in eo primum locum tenebat, teste
eodem. Plut. cit. loc, T o dvo x fa v o v anodeopevov
t ois yrapaxexbi(jievcii} vi rpvrvi teat ra v T ttf o
trpOTOf r o x o s { i a h a r a i o v e a rio i> ro ( e a r i.
Quum duo lecli invitatis tribuerentur, tertius leclus
ejusque primus locus domino convivii cedebat. Sueton. Aug. LXIV: Neque coenavit u na, nisi, ut in im o
lecto assiderent. Sic fiebat, ut dominus in primo loco
accumbens tertii lecti, et honestissimus convivarum
In ultimo medii, sese prope contingerent, quippe
quum in fine uterque sui lectuli locatus esset, hic
io summo tertii, ille in imo medii. Eximius est lo-

cus Sallustii in liane rem in Fragm. Igitur discu*


huere, Sertorius inferior i n medioA supra L . Fabim Hispaniensis senator ex proscriptis: Antonius
in sum m o, infra scriba Sertorii Versius: A lter
Scriba Maecenas in imo, medius inter Tarquitium
et Perpernam. Tres hic sunt lecti, medius, sum
mus, im us: in medio ut et in summo duo tantum,
in imo tres discubuere. S ertorius, u t imperator
( qui erat honoratiore loco) in -medio inferior, su
pra se habuit L. Fabium: in summo superior An
tonius, infra eum scriba Sertorii Versius: in tertio
summus fuit Perperna, utpote doiyinus convivii,
medius alter scriba Sertorii Maecenas, infra eum
Tarquitius. Videndus hic omnino Salmasius. Horat.
Satyr. lib. II, 8, 20.
Sum m us ego, et prope me Fiscus Thurinus, et infra
( S i m em ini ) Varius: cum Servilio Balatrone
Vibidius: quos Maecenas adduxerat umbras.
Nom entanus erat super ipsum, Porcius infra.
Tres fuere lecti, ( nam meminit imi inferius: Im i
convivae lecti m inim um nocuere lagenis ) novem
coenantes. In summo lecto summus Horatius, me
dius Viscus Thurinus; imus Varius: in medio lecto
imus, loco honoratissimo, Maecenas, supra quem
Servilius Balatro et Vibidius: in imo medio domi
nus Nasidienus, supra Nomentanus, infra Porcius,
Atque in triclinio discumbere in imo, in medio, in
summo dicebantur, qui in lecto aut summo, aut
medio, aut imo recumbebant. At supra et infra,.

qui' summus et imus, id est, in primo aut ultimo lecti


loco recumbebant. Suet. Calig. XXIV: Pleno convi
vio singulos infra se collocabat, uxore supra cu
bante: Tacit. III. Annal. 44: in convivio Germanici:
Quum super eum Piso discumberet, infectos m ani
bus ejus cibos arguentes. Si uxor una non coenaret, umbris is locus destinabatur et vilioribus per
sonis: Superior accumbere, Stich. IV, 5, 44. Horat.
I. Epist.
Alter in obsequium plus aequo pronus et im i
Derisor lecti.
Juv. Tertia ne vacuo cessaret culcita lecto,
Una simus ait.
Aliud fuit, quum accumbebant in toro continuo,
cui nomen erat a numero accumbentium, quos
caperet. Hexaclinon, heptaclinon, octoclinon voca
bant. Illud genus mensae o tifia d io v dicebatur; et
referebat figuram literae Sigma, Graecorum, aut
Latinorum C, atque ex numero accumbentium indigitabatur. Octoclinium, que octo convivas cape
ret, memoratur apud Martial. in Apophoretis 851.
Accipe lunata scriptum testudine sigma
Octo capit, veniat quisquis amicus erit.
tx ta x k iv o v a n P a d io v describit. In his quum una
serie discumberent, is primum locum tenere cen
sebatur, qui omnium summus erat, hoc est, in si-

nstro cornu stibadii primus accumbebat; ultimus


qui infra caeteros, hoc est, postremus in dextro
cornu. Sic capiendus Festus: Ita q u e . in conviviit
solus rex supra caeleros accubat, sed Dialis su
pra M artialem et Quirinalem; M artialis supra
proxim um , omnes deinde supra pontificem. TaciL
XIII Ann. 1 4 :'vide Manut. ad Cic. lib. IX, ep. ult.
ad Fam. (Alia quoque ratio fuisse in biclinio vi
detur, Cicer: lib. IX, ep. 26 ). Lips. lib. III Antiq.
lect. Cosi Gronovio.
(14) Verso Ambrosiano.

STICHUS

LO S T I CO

L u e /a

d eflo

fo a j/a /a z c o n &

S/%ico eh tsb. *sccio ^Battfo


PIERLUIGI DONINI
t r tv e t

af/f uomo cAt^tiiimo

BARONE CAMILLO UGONI


p u a tft
n a w a n eto

c/e& z fa/t'cKc fere

incita, t fitteen fc a i

a . cow epe

ven tu re

d/i&ncJida, v ta ck p ave
e c o // eetn/uo

m epo cety& rm anc/o c / e/etfufo


jfttcrm e p u e fla
a

cu c

m o f '

m efa
a n e /a n o

e tocca-no fiocA t.

PERSONE DELLA FAVOLA

P a n e g y r is

P a n e g ir id e

D in a c l u x

D in a cio

A n t ifo n e

n t ip h o

G e l a s im u s

G ela sim o

C r o c o t iu m

C ro c o zio

D i N ACI US j

puer

DlNACIOj

f a n c iu l l o

E p ig n o k u s

E pig n o m o

P a m p h il ip p u s

P a m fil ippo

S tic o

t ic b u s

SAG ARI jv US

S agarino

S t e f a n io

t e p h a n iu m

L a Scena in M ene.

ACTUS I.
SC E N A

I.

pA N E G rR lS'f DlNACIUM.

fuisse credo ego Penelopam, soror, ex anim o,


Quae tam diu vidua suo viro caruil: nam nos ejus
anim um
De nostris faclis noscimus, quarum hinc viri absunt.
Quorumque nos negoliis absentum, ut aequom est,
Sollicitae noctis et dies, soror, sumus semper.
D i n . Nostrum officium aequom est facere nos: neque id
mage facimus.
Quam nos monet pietas. Sed huc, mea soror, adsisdunt:
Volo multa loqui de re virum tecum.
P an.
Salvene,
A m abo?
D in .
Spero quidem, et volo. Sed hoc, soror, crucior,
Patrem tuom meumque adeo, unus unice qui
Civibus ex omnibus probus perhibetur, eum nunc
F iri inprobi officio utier, qui absentibus lanias
Injurias nostris facil viris inmerilo,
Nosque ab iis volt abducere. Haec res me vitai.
Soror, salurantj haec dividiae m ihi et senio sunt.
P a n . Neu lacrum a, soror, neve id tuo fac anim o,
Quod libi pater m inatur. Spest, melius facturum.
Novi eum: joculo istaec dicit, nec sibi ille mereat
P

a n . Miseram,

ATTO I
SCENA

I.

P a n e g ir id e , D in a c io .

Pam.

I o credo,

sorella mia* che Penelope abbia avuto

ii cuore su mille croci, essendo stilla tan ti anni


vedova del m arito, onde che possia'm per noi m e" desiale ben conoscere duolo clic sar stalo il suo,
avendo noi lontani i nostri: per 1 assenza de quali,
conforme dovere, noi abbiain sempre i triem iti
della m orte addosso notte e di.

Dm.

Noi dobbiam far ci che giustizia; e tante cose


mai non faremo, quante ne comanda 1 amore. Ma
fermali qui, o sorella, io ho a dirti assai cose in
torno ai nostri uomini.

P an.

Stanno elli bene?

Diix.

Io lo spero, e voglio. Ma sentomi spaccar lanima,


o sorella, che tuo padre, il quale <mche il mio,
uomo che di tanti cittadini avuto il pi onestissi
mo, ora dia un tulio nel malvagio; apponendone tan
te, senza una ragione al mondo, ai mariti nostri, e
volendoci spiccar via da essi. Cotesto, o sorella,
mi fa sazia della vita, e mi colma di angoscia e
di noja.,
Pan.
Non piangere, sorella, n figurarti vivo quello, che colie
sue minaccio il padre non lascia che iff fumo: spera
in meglio; so io uomo che sia egli. Questi sono spau
racchi, ma non li farebbe mai daddovepo se anco gli
Y o l . IV. P l a c t .
9

Persarum montis, aurei qui esse perhibentur,


Ut istuc faciat, quod tu metuis. Tam si faciat,
M inume decet irasci, neque id inmerito eveniet:
N a m viri nostri ut domo abierunt, hic tertius annus.
D i n . Ita , ut tu memoras.
P jn .
Quom ipsi inlerea vivant, valeant,
Ubi, sint, quid agant, ecquid agant, neque partici
pant nos,
D in .

Neque redeunt.
J n id doles, soror, quia illi

Suom officium non colunt, tuom quom facis?


P jn .
Ita pol.
D i n . T acej sis! cave sis aud ia m ego istuc ex te,

Cave posthac!
P jn .
D in .

N a m qui ja m ?

Quia pol meo animo omnis


Sapientis officium suom aequom est colere et facere.
Quamobrem ego te hoc, soror, tametsi es m ajor,
moneo.
Officium ut memineris tuom,- et, si inprobi sint
Illi ac nos faciant aliter, quamde aequom est, ta
men pol
Ne quid mage simus omnibus obnoxiae opibus. ( \ )
Nostrum officium meminisse decet.

P j n . Placet: taceo.
D in

J t m em ineris 'facito.

P j n . Nolo ego, soror, me credi esse inmemorem viri,

Neque eos honores, m ihi quos habuit, perdidit:


N am m ihi pol graia acceptaque hujus benignitast,
Ftl me quidem haec condilio nunc non poenilet,
Neque est cur studeam has nuptias mularier;

Dm.

arcasi a dare Roma Toma. Ma se anche fosse


incapato a farlo proprio, non istarebbe bene pi
gliarne sdegno, perch non lo faria egli al torto.
Or fa tre anni che i nostri uomini andarono via!
La cosi.

P an.

E se trattan to sieno essi vivi e sani, non ci fanno


per assapere; n dove-sieno, n che facciano,
o che non facciano, n pensano al ritorno.

Dm.
P ah.
Dm.

T incresce forse, o sorella, di fare il dover tuo


quando essi noi fanno?
M incresce.
Oh taci per carit! deh non farmene sentir pi
di cos fatte; guardatene da questo d !

P an.

pereb?

Dm.

Perch, conforme la penso io, ogni dabben persona


dee badare e star salda al dover suo. Per il che,
sirocchia mia, quantunque negli anni tu sii pi
innanzi di me, ti fo accorta del dover tuo; se
quelli han del bindolo e non fanno di noi quel
conto che dovrebbero, noi dobbiam sapere il no
stro, non dobbiam troppo con esso loro fare le
arrendevoli.

P an.

La mi calza: sto zitta.

Dm.

Ma fa di ricordartene.
Non voglio, sorella, che mi giudichino affatto sme
m orata del marito, n egli ha perduto niente di
quegli onori che m ha fatti una volta. M cara
e accetta la benignit sua, e io di tal condizione,
non me ne pento, n ho cagione di aver voglia

P am.

Ferum postremo in palris potestate est situm:


Faciundum id nobis, quod parentes imperant.
D i n . SciOj alque in cogitando moerore augeor:
N a m propemodum ja m oslendil suam sententiam.
T a n . Igitur quaeramus, nobis quid facto usus sit.
SC E N A
A

n t ip h o ,

II.

P a n e g y r is ,

D in a c iu x .

/ n t .Q u manet ut m aneatur semper servos homo offi


cium suffm,
Nec voluntate id facere m em init, servos is habitu
haud probust.
Fos meministis quotcalendis petere demensum cibum:
Qui minus meministis, quod opust facto, facere in
aedibus?
J a m quidem suo nisi quidque loco m i erit situm
supelleclilisj
Quom ego revortar, vos monumentis conmonefaciam
bubulis!
N on homines habitare mecum m i hic videnltir, sed
sues.

Facilej suitis, nitidae ut aedes meae sitit, quom re


deam domum.
J a m ego dom i adero. A d m eam majorem filiam in
viso domum.
S i quis quaeret, inde vocatote aliquij aut ja m egomel hic ero.
P in . Quid agimus, soror, si obfirmabit pater advorsum
n o s?

d altre nozze: ma il padre pu tutto, a noi giocc^


forza chinar la testa alla volont de parenti.
Dm.

So, e in pensarlo me ne sento morire: egli oggi-


mai ci ha aperto 1 animo suo.

P ah.

E perci non lasciamoci mettere la mano innanzi.


SCENA

II.

An t if o n e , P a n e g ir id e , D ih a c io .

st.

Quel servo che aspetta per far le sue faccende d es


sere pungolato, questi non sar mai dabben uomo.
Altro in memoria non avete se non chiedere alle
calende il vostro salario; ma di quello che far do
vete in casa ve ne ricordate voi? N stovigli, n mas
serizie erano a posto, ma vi dico io che, quando
ritorno* a suon di. frusta vo rinfrescarvi la me
moria. Pare wche la casa mia non sia albergo
di uomini, ma di troje. Su, escitevene di cacchione,
spazzatemi la casa, e fate siami jietta alla mia ve
nuta. Non pener tanto, vado a trovare, la mia fi
gliuola maggiore, se alcuno mi cerca, chiamatemi;
gi torno subito.

D in .

E che faremo, o sorella, se il padre ha proprio


ribadito il chiodo?

P ali
Nos oportet, quod illic faciat, quojui potestas phts potest.
A n i . S i manere hic sese malint polius quam alio nubere,
Non fa ciant! Quid m ihi opust decurso aetalis spa
tio cum eis
Gerere bellum, quom nil, quamobrem faciam , me
ruisse arbitror?
> M inume! nolo turbas. Sed m i hoc optumum faclu
arbitror,
'P rincipium , ego quo pacto cum illis occipiam, id
ratiociner:
Utrum ego perplexim lacessam oratione ad hunc
m odum ,
Quasi nunquam quidquam in eas simulem, quasi
nil indaudiverim,
Eas in se meruisse culpam, ac potius tentem leniter;
A n minaciter. Scio litis fore: ego meas novi oplume.
D i n . Exorando, haud advorsando, sumendam operam
censeo.
Gratiam si a patre petimus, spero ab eo impetrassere.
Advorsari sine dedecore et scelere summo haud pos
sumus.
Neque ego sum faclura, neque tu ut facias, consi
lium daboj
Verum ut exoremus. Novi ego nostros: exorabilist.
A n t . Sic faciam , adsimulabo, quasi culpam aliquam in
sese admiserint;
Perplexabiliter earum hodie perpavefaciam pectora;
Post id agam igitur deinde, ut anim us meus erit,
faciam palam.
Multa scio faciunda verba. Ibo intro. Sed aperta
est foris.
Pjn .

P an.

Nt.

D in .

nt.

Noi dobbiam rassegnarci alla sua voglia, concios*


siach egli puote pi di noi.
Se ancora pontano i piedi al muro di voler star
cos, piuttosto che m aritarsi con altri, sia in buon
ora! E che mi giova, or che son vecchio, di ve
nire aJ denti con loro, quando non ci veggo buone
ragioni per farlo? Io non voglio il diavolo! Per
credo buono adesso masticar le parole colle quali
debba affrontarle. Io non son chiaro ancora se
debba dar loro una buona sbrigliata, quasi abbia
gran che da rimprocciarle per cose udite da qual
cuno; o piuttosto se abbia a toccarle leggermente,
o spaventarle di min'accie. So che avremo da battostare un pezzo, bene lo conosco i mici polli.
I o sono d avviso che in questo affare occorra an
dargli a versi, e non a ritroso: se noi vogliam
grazia dal padre, io spero che la otterremo da lui.
Noi non possiamo essergli contrarie senza nostra
vergogna e cattivezza; n io sono di tanto, n
vom etter su te acci che tu lo faccia, ma andia*
mogli davanti colle preghiere. Io conosco lanimo
de nos.tri, egli uom che si lascia muovere.
Far cos: m infinger, come se avesser fatto qual
che fallo, e mostrando negro il bianco, vo loro
agghiadare il sangue per la paura; dopo tutto
questo manifester 1 animo mio, ben so io quante
storie si diranno. Andr dentro, ma aperta la
porta.

D i n . C erio e n im m ih i p a te r n a e vo cis so n itu s a u r is a c c i


!

P j n . Is ecaslor.

d it.

Ferre advorsum hominem occupemus


o sc u lu m .

. Salve, m i pater.

.
Et vos ambae. Eloco, agile, absecditeT
D i n . Osculum . . .
A nt.
Sat osculi est m ihi vostri.
D in .
Qtti, amabo, pater?
A n t . Quia ita meae anim ae salsura evenit.
D in .
Adside hic, paler.
A n t . Non sedeo istic; vos sedetej ego sedero in stibsellio.
D i n . Mane pulvinum.
A nt.
Bene procuras mihi; sat sic fultum est mihi.
D i n . Sine paler.
D

in

nt.

nt.

in

Q u id o p u s?
O pus.

Morem tibi geram. Atque hoc est salis.


D i n . Nunquam enim nimis curare possunt suom parenA

nt.

r e n te m filia e.

Quem aequius nos potiorem habere, quam te posti


dea pater,
Viros, quibus voluisti tu nos esse matres familias?
'A n t . Bonas ut aequom est facere, facitis, quom tamen
absentis viros
Perinde habetis, quasi praesentes sint.
D in .
Pudicitiae, pater
Est nos magnificare, qui nos socias sumserunt sibi.
ANT.Numquis hic alienus nostris didis auceps auribus?
P j n . Nullus praeter nosque leque.

Dm.

Di certo la voce del padre quella che mi fer.

P ar.

lui in carne ed ossa. Andiamogli incontro a ba


ciarlo.

1 orecchio.

Dm.

Iddio ti ajuti, o padre.

Ant.
Dm.

Anche voi due. Su fate presto, tiratevi in l!


Un bacio . . .

Ant.

Non ne vo' altro de* baci vostri.

D in.

Deh, perch, o padre?


Perch alla piaga che ho nell anim a voi vi spriz-

A n t.

- zate sopra delf salamoja.


Dm.
Ant.

Siedi qua, padre.


Li non siedo io; sedete voi: io mi p o rr sullo

Dm.

scabello.
Aspetta il cuscino.

Ant.

Vuoi proprio darm i tu tti i commodi; ma basta; sto


bene cos.

D in.

Lascia, o padre.

Ant.
D in .

A che serve?
Serve.

A n t.

Facciata quello

Dm. -

che

vuoi: adesso basta.

Non possono le figliuole onorar mai abbastanza il


padre loro: e chi dobbiam avere pi caro di te, o
padre, dopo quelli, coi quali tu hai voluto fossimo

Art.

madrifamiglie?
Voi vi dim ostrate p u r lfc dabben donne, facendo
quel conto de vostri m ariti Jontani, come fossero

Dm.

presenti.
della pudicizia, o padre, 1 aver in onore quelli
che ci vollero compagne.

Ant.

V ha qui alcuno che ci potria far lo scultore?

P an.

Nessuno, siam sole noi con tc .

Vostrum anim um adhiberi volo.


N am ego ad vos nunc, inperilus rerum et m orum
mulierum j
Discipulus venio ad magistras. Quibus matronas

A nt.

m oribus,

Qttae optumae sunt, esse oportet? Sed utraque ut di


cat mihi.
P j n . Quid istuc est quod exquaesitum huc m ulierum m o
A n t . Pol ego uxo rem

res venis:
quaero, postquam vostra mater-

mortua est.
P j n . Facile invenies et pejorem et pejus m oratam , paler,
Quam illa fuit: meliorem neque tu

reperies neque
sol videt.
A n t . A t ego ex te exquaero alque ex istac tua sorore . . .
P jn .
Edepol, paler,
Scio, ut oportet esse, si sint ita, ut ego aequom
censeo.

A n t . Volo scire erg, ut aequom censes.


Ut, per urbem quom ambulent,
Pj n .
Omnibus os obturent: ne quis merito maledicat
'
sibi
A n t .D c vicissim nu n c ja m tu.
D in .
ANT.'Ubi facillum e

Quid vis libi dicam , paler?


spectatur m ulier quae ingenio est

bono?
D i n . Q uom m ale fa clu n d i est potestas, quae ne id fa cia t,

temperat.
A n t .H aud m ale istuc. A ge tu altera: utra si conditio
pensior j

Virgiuemne an viduam habere?

Aivr.

Io

voglio che mi stiate attente; imperciocch, m a l


pratico de fatti e dell animo delle dnne or io
sono a voi come un puttino dalla maestra. Quali
costumi han da aver le matrone che sono in tra
1 ottime? me lo dica l una e 1 altra.

P an.

Che storia questa? perch vuoi sapere da noi le


usanze delle d o m e.

Ant.

Io mi vo riammogliare, da poi che morimmi la

An t .

madre vostra. ,
Voi darete del petto facilmnte in una pi trista e
cianghcllina, migliore non la troverete voi, n la
vi.h a sotto la cappa del sole.
Ma io cerco da te e da' questa tua sorella . . .

P an.

Ve ne do la fede mia, o padre, so come dovreb

P an .

bero essere, se p u r elle fossero come le vorrei


io.

Ant.
P an .

Dimmi adunque come le vorrestu?


Che quando vanno per la citt turassero a tutti
la bocca, acci alcuno non abbia meritamente a
tagliar loro le legne addosso.

Ant.

Or parla tu.

D in.

E che vuoi da me, o padre?

Come s i pu conoscere senza difficolt il buon a nimo della donna?


D in . . Quando trovandosi in pericolo di far male, sa tenersi
in su- la bfiglia.
Ant. .Non ha detto male. Su, dimmi tu, qual trovi par
tito migliore l avere una fanciulla, o una ve
dova?
An t .

Quanta mea sapientia est,


E malis multis m alum quod m inum um est id m i-

P jn .

n u m u m est m a lu m ,
Q ui pole m ulieres vitare, vitet is: ut quotidie
P rid ie caveat ne faciat, quod pigeat postridie.
jN T .Q u a e libi m ulier videtur m ulto sapientissum a?
D i n . Quae lam en

quom res secundae sunt, poterit nosceyej et

Illa , quae, aequo

a n im o

p a tie tu r ,

s ib i

esse

p ejtis

q u a m fu it,

NT.Edepol vos lepide tentavi vostmmque ingenium in


geni.
Sed hoc est, quod ad vos venio, quodque esse at-*
bas conventas volor
Mi ita auctores sunt am ici, ut vos hinc abducam
domum.
P j n . A t enim nos, quarum res agitur, aliter auctores su
m ust

N a m aut o lim , nisi libi placebant non datas opor


tu itj

J u t nunc non aequom est abduci, paler j illisce ab^


sentibus. 1
A n t . Fosne ego p a t i a r c u m m e n d ic is n u p ta s m e vivo
viris?
D iN .P lacet illic meus m ih i mendicus,- suos rex

reginae
p la c e t.

I d e m a n im u s t in p a u p e r ta te , q u i o lim i n d iv itiis fu it.


N T .V o s n e la tr o n e s

et m e n d ic o s h o m in e s

m agni pen
d itis ?

P j n . Non me tu argento dedisti, opinor,

nuptum , sed
viro.

P ah.

Art.

Dm.

Art .

P ar.

Art.

D ir .

Art.
P ar.

Per quanto senno io m abbia in capo, dico sem


pre che di tanti mali, il pi piccolo il men ma
lanno; chi pu far senza donna, faccia senza: aeci
non abbia ogni d a star coll arco teso, affinch non
dia in uno scappuccio che pianger dopo.
E tu chi tieni per dassai donna?
Quella che nelle prosperit, la si pu conoscere, e
colei che sa armarsi di pazienza, quando laria si
fa hrusca.
Pollar il mondo, e non seppi bene io mettervi alla
riprova? Ma ecco perch io vengo a voi, perch
io volev parlarvi: gli amici continuano a rifru
starmi eh io vi conduca a casa.
Ma noi che siamo in causa ben altramente la pen
siamo: l una delle due, o padre: o se non ti pia
cevano, tu loro non ci dovevi dare: o poco giusto
tu se ora, volendoci staccare da essi quando sono
assenti.
E finch saranno aperti questi occhi dovranno
sempre vedervi mogli a questi spiantati?
Quello, spiantato piace a me; ogni re piace alla sua
regina: io ho lo stesso animo or ch son nelle
secche, come una volta quando aveva, ogni ben di
di Dio.
E in tanto amore avete voi questi sbricchi pol
troni?
Io credo che non i quattrini m hai fatto sposare,
ma 1 uomo.

A n t . Quid illos exspectatis

qui abhinc

ja m

abierunt

triennium?
Quin vos capitis conditionem ex pessuma prim a
ria m ?
D i n . Stultitia est, paler, venatum ducere invitas canes.
Hostis est uxor, invita quae ad virum nuptum datur.
A n t . Certumne est, neutram vostrarum persequi impe
rium patris?
P j n . Persequim ur: n a m , quo dedisti nuptum , abire no
lum us.
A n t . Bene valete: ibo alque amicis vostra consilia eloquar.
D i n . Probiores, credo, arbitrabunt, s i probis narraveris.
A n t . Curate igitur fam iliarem rem, ut. potestis, optume.
P j n . Nunc places, quom recte monstras; nunc libi au

scultabimus.
N unc, soror, abeamus intro.
,
D in .
Jmo intervisam prius dom um
S i a viro libi forte veniet nuntius, facito ut sciam.
P j n . Neque ego te celabo, neque tu me celassis, quod
scies.
Eho, Crocotium, i, parasitum Gelasimum huc ar
cessito;
Tecum adduce: nam illum ecastor mittere ad por
tum volo,
S i quae forte ex Asia navis heri aut hodie venerit.
N am dies totos apud porlum servos unus adsidetj
Sed tamen volo intervisi. Propera alque actutum
redi.

I nt .

Pur.

Ant.
P an.

Perch state eolia bocca aperta v o i altre aspettando


chi manca da tre anni? che non volete scapricciarvi
di questo ladro partito, pigliandole uno pi bello?
La una pazzia, o padre, ire alla caccia a di
spetto de cani: un nemico quella moglie che la
prende un marito a dispetto.
E siete proprio ferme 1 una e 1' altra di non vo
ler obbedire al p ad re vostro?
Obbediamo: imperciocch non vogliamo abbando
n a re chi ci hai fatto sposare u n a volta?

An t.

I o v i s a lu to : a n d r

d i r a g li a m ic i il v s t r o c o n

s ig lio .

Din.
A nt .

P an.
Din.
P an.

Ci avranno in maggior conto, se lo conterai agli


uomini onesti.
Badate adunque alle cose vostre pi che potete.
Ora ci piaci, perch un bell avviso ci di, ora fa
remo a modo tuo. Ora, sorella, andiamo dentro.
Prima vo dare un occhiata in casa. Se dal marito
ti venne qualche novella, fammela sapere.
Io non te ne terr celata, n tieni j u a me, se ne
sai. Ehi, Crocozio, va, fammi venir qua Gelasimo
parasito, tiralo teco perciocch io ho fermo di vo
lerlo mandare al porto, se jeri, o quest oggi f
6cala qualche nave dall Asia. Vero che tutto d
v h a-un servo al porto, tuttavia vo che gli si dia
una visita. Fa presto, e torna subito.

scena

G e l SIMUS,

in .

Cb o c o t i u m . ( 2 )

G e l . F a m e m fu is s e suspicor m a lr e m m ih i:

N am postquam naius sum, satur nunquam fui.


N e q u e quisquam m e l i v s r e f e r e t m a t iu g r a t ia m (5J
Q uam ego m a t r i m e a e r e t u l i i k f i t i s s u m u s .

fia m illa med in alvo mensis gestavit decem;


A t ego illam in alvo rjeslo plus annos decem.
Alque illa puerum me gestavit parvolum,,
Quo minus laboris cepisse illam exislumoj
A t ego non pauxillam in utero gesto fam em ,
Ferum hercle mullo tnaxum am et gravissumam.
Dolores oboriuntur m ihi quotidiej
Sed malrem parere 9tsci0i qnc quid /6JM tC14.(4)
A udivi saepe hoc volgo diclilarierj
Solere elephantum gravidam perpetuos decem
Esse annos. Ejus ex semine haec certo est fames:
N am ja m conpluris annos utero haeret meo.
N unc si ridiculum quaeret hominem quispiam,
Fenalis ego sum cum ornamentis omnibus:
Inanim entis explementum quaerito.
Gelasimo nomen m i indidit parvo paler,
Quia inde a pauxillo puero ridiculus.fui.
Propter paupertatem adeo hoc nomen reperi
Eo, quia paupertas fecil, ridiculus forem :
N a m illa omnis artis perdoceij tibi quem attigit.
P er annonam caram dixit me natum paler:
Propterea} credo, nunc esuriod acrius.
Sed generi nostro haec reddila est benignitas:

G el sim o , C r o c o z io .

Io dubito non mi sia stata madre la fame, per


ciocch, dal di che nacqui io insino a questo, non
mi sono potuto mai cavar bene di grinze. Mai
uomo non ringrazi la sua madre col miglior
cuore, di quello che abbia fatto io col maggior,
dispetto del mondo. Ella m ebbe chiuso in ventre
dieci mesi, ed io, da che la porto in pancia, son
pi di dieci anni. Ella m ha portato fantolino, e
di ci credo non l avr avuta una gran fatica,
ma io nell* utero mio, mi si sbatte una fame non
lieve, ma una fame dell ottanta. Ogni giorno mi
vengono le doglie, ma non posso mai nicchiar fuori
mia madre, n so diamine che mi abbia a fare.
Io ho udito dirsi di spesso dagli uomini che 1 elefantessa sta pregna dieci anni alla fila; io son
chiaro, la fame che ho io, viene di questa semenza.
Son gi parecchi anni, eh io 1 ho negli ertragni.
Ornai se taluno si cerca un bigherajo, son qua io,
io mi vendo con tutte le frangie che ho attorno, per
farmi farcir di dentro. Puttino il padre mi chiam
Gelasimo, perch fin da bambolo io fui sollazzevole;
la povert m ' ha trovato il nome, pereh fu la po
vert che mJ ha fatto burlone, e chi noi sa, esser
bisognino chi fa tro ttar la vecchia? Il padre dissemi
chJ io nacqui in tempo di carestia, 1 ha da esser
per questo eh io ho in corpo una fame da cane.
Ma questa bont di casa nostra, a niuno io dico
Voi. IV. P l a u t .
10

Nulli negare soleo, si qui esUm vocat.


Oratio una interiit hom inum pessume,
Atque optuma hercle meo animo et scitissim a.
Qua ante utebantur: Feni illo ad coenam/ sic
facet
Promitte vero! Ne gravare! est commodum.
Folo, inquam , fieril Non am ittam , quin eas!
Nunc repererunt verbo ei vicarium
Nihili quidem hercle verbum ac vilissumum:
m Focem te ad coenam, nisi egomet coenem foris.
E i hercle ego verbo lumbos defractos velim.
N i vere pejeret, (5J si coenassit domi. >
Haec verba subigunt m e, uti mores barbaros
D iscam , ac praeconis ut faciam conpendium,
Itaque auctionem praedicem, ipse ut veneam.
Cno.Hic ille est parasitus, quem arcessitum missa sum.
Quae loquitur, auscultabo, priusquam conloquar.
G e l . Sed curiosi sunt h ic quam plures m ali,
Alienas res qui curant studio niaxum o,
Quibus ipsis nulla est res, quam procurent, sua.
S i quando quem auctionem facturum sciunt,
Adeunt, perquirunt, quid siet causae, eloco:
Alienum aes cogat, an pararit prandium j
U xorin sit reddenda dos divortio.
Eos amnes tametsi hercle haud indignos judico.
Qui, ut m ultum miseri sint, laborent, nil m ror:
D icam ( auctionis causam ut anim o gaudeant:
N am curiosus nemo est, quin sit malevolus )
Ipsus egomet, quamobrem auttionem praedicem.
D am na evenerunt m a x im a misero mihi:
Ita me mancupia miserum ailfecerunt male

Cno.

Gel .

di no che mi chiama a tavola. Oh la mala morte


di quella cara parola, che prima avevano gli uo
mini! vien l a cenai non mancare! promettime
lo! son farti increscere! tu mi rallegri! Non vo
glio che manchi. Io non ti lascio andare se
prima non desini! Ora ci han trovato il sustituto,
e la una parolaccia trista e bastarda; ti chia
merei a cena sio non fossi invitato fuori: Dio fa
cesse fiaccar le gambe a chi le pronuncia, se non
ispcrgiura cenando egli a casa! Questa parola la
m ha sconftto, la mJha fatto imparar i costumi dei
barbari, la vuole eh io Caccia il banditore, grider
lineanto, e mctterommi all asta.
Ecco il parasito a cui era mandata io: prima daf
frontarlo vo sentire diamine che si vada rampo
gnando,
Ma qui v ha molti ma bigatti di cusiosi, che si piglian gran briga delle faccende altrui, e perch d ii
non n hanno, trasandano le proprie. Yien. loro
appena all orecchio che alcuno vuol far 1 asta?
e* gli si rinserrano addosso con mille dinaande:
per debiti, o perch hai preparato un pranzo,
o perch fai divorzio dalla moglie e le restituisci
la dota? * A costoro bene sta, se lo vogliono essi,
buona notte! Dir ( per consolarli di quest asta,
imperciocch non vi ha uom curioso, se non tri
sto ) il perch io stesso vo gridando l incanto.
Mille disgrazie, mi caddero tra capo e collo: anda
rono alla malora gli affari mici. Molti bagordi

-148
Volationes plurimae demortuae.
Quot adeo coene, quas deflevi mortuas!
Quot potiones mulsi! quot autem prandia,
Quae inter continuom perdidi triennium !
Prae moerore adeo miser atque aegritudine
Consenui; pene sum famed ecmortuos.
Cno.Ridiculus aeque nullus est, quando esurit.
G e l .N u n c'a u ctio n em facere decretum est m ihi:

Foras necessum est, quidquid habeo, vendere.


Adeste, suitis! praeda erit praesentium.
Logos ridiculos vendo, Agile, licemini.
Qui coena poscit? ecqui poscit prandio?
Hercules te amabit prandio, coena, cibo.
Ehem, adnuistin? Nem o meliorem dabit
Parasitum inanem, quo recondas reliquias;
N

ulli

V el

(6 )

m e l io r e s e s s e

p a r a s it o s s in a m

u n c t io n e s g r a e c a s s u d a t o r ia s

V endo

vel

a l i a s m a l a c a s c r a p u l a r ia s :

Ca v i l l a t i o n e s

a d s c e n t a t iu n c a l a s

A c RIGINOSAM STRIGILBMj AMPULLAM RUBIDAM


Haec veniisse ja m est opus, quantum potest,
Ut decumam partem Herculi polluceam.
Cito. Ecastor auctionem haud m agni p retii
Adhaesit hom ini ad infum um ventrem fames.
A dibo hom inem .

Quis haec estr quae advOrsum it m ihi?


Epignomi ancilla haec quidem est Crocolium.
Cro . Gelasime, salve.

Gel.

Gel.
C r o . Certo

N o n id est nom en m ihi.

mecastor id fuit nomen libi.


G e l . Fuit disertimi verum id usu perdidi;
Nunc Miccotrogus (7J nomine ex vero vocor.

mi morirono, quante cene non ho piante morte!


Quante bottiglie di mulso! quanti pranzi non ho
io perduti in questi tre anni! poveretto a me, tra
le doglie e i crepacuori io son fatto vecchio: io
sono quasi scannato dalla fame.
C r o .-

N iu n a ffa m a to h a t a n t e b u r l e q u a n t e c o s tu i.

Gel.

Or io son fermo, vo proprio farlo questo incanto,


io vo proprio spazzarmi di tutto. Attenti: chi v ,'
buon per lui, la roba sua. Io vendo de bei motti,
su offerite: chi mi vuole a cena? chi a pranzo? del
pranzo, della cena e dello scotto Ercole te ne dar
rimerito. Siete contenti? Non potrai avere pi am
pia capanna di parasito ove porre i rilievi, n io
lascer mai che alcun si vanti sopra di me. Io
vendo unguenti greci sudatorii, unguenti confortatorii a chi la sera and a letto cotticcio, lazzi,lusin
gherie, spergiurazioncelle parasitiche: vendo anche
una stregghia piena di ruggine, e una ampolla
rossa; ma presto perch devo dar il decimo a Ercole.
Potenzinterra! questa un asta di non gran mo
mento! Sentesi l uomo baloccar la fame nella bu
della: l ' affronter.
Qual femmina questa che mi viene incontro? Io
non m inganno, costei Crocozio, fante d Epignomo.
Dio ti salvi, Gelasimo.
Non . questo il mio nome.
Ma come vero che son qui, credo che lo fu una
vlta.
Lo fu benissimo, ma coll' andazzo io lho perduto.
Ora chi vuol chiamarmi del mio vero nome dee
dirmi Miccotrogo.

Cro.

Gel.

Cro.
Gel.
Cro.
Gel.

Cro. EcastoTj risi le hodie.

Quando, ani quo in loco?


G el .
C ro.H c, quom auctionem praedicabat.
P essum al
Ge l.
Eo, ne audivisti?
Cro .
G e l . Quo nunc is?

Te quidem dignissumam.

A d le.
Quid venis?
Panegtfris
Cro .
Rogare jussit led, ut opere m axum o
Mecum similud adires ad sese domum.
G e l . Ego ilio mehercle vero eo, quantum potest.
Jam ne exta coda sunt?'quot agnis fecerat?
C ro. Illa quidem nullum sacruficavit.
Gel.
Quomodo?
Quid igitur me volt?
Cro .
Tritici modios decem
Rogare, opinor, te volt.
Gel.
Siene? ab se ut pelam?
C ro. Im o hercle, ut abs te m utuom nobis duis.
G e l . Nega esse, quod dem, nunc m ihi nec m utuom ,
Neque aliud quidquam, nisi, quod habeo, hoc palliums
L inguam quoque etiam vendidi datariam.
Cro. Hau, nulla tibi lingua est, quae quidem dicat
Dabo?
G e l . Felerem reliquis eccillam, quae dicat Cedo.
'C ro. Malum libi di denti
Ge l .
Haec eadem dicit libi.
Cro . Quid nunc? iturus, an non?
Cro.

Gel.

Cno.

Canchero, se io risi alle tue spalle!

Gel.

Quando? dove?

Cro.

Qui: quando gridavi l asta.

' (

Gel.

Traditora! E s, che ne dici?

Cro .

Che era proprio da p ar tuo.

Gel.

Dove corri?
A te.
Perch?
Panegiride mi f una ressa assai grande, acci io
operassi in modo che ti potessi condur meco a lei.

Cro.
Gel.
Cro.
Gl.

Io ci correr davvero, e quanto me n J esce dapiecT.

Cro.

Nessuno, non ha fatto sacrifizio.

Gel.
Cro.

Come? A che la mi vuole adunque?

Gel.
Cro.

Da me? o perch io le cerchi da lei?


No per Bacco, anzi perch tu le accomodi a

Son gi cotte le trippe? quanti agnelli ammazz ella?

La

vuol

chiederti, io

penso, dieci m oggia

di

grano.

noi.
Ge l .

Di eh io al mondo non ho cosa da dare; che le


mie cuccagne sono tu tti in questo m antello, e che
l ho venduta la mia lingua dativa;

Cro.
Gel.

AhuL e non hai tu lingua che dica d a r ?


Ho lasciata la vecchia, guarda questa che die*
d a m m en e.

Cro.

L a rovella che ti mangi.

Gel.

Questa mia lingua Io dice a te.

Cro.

E s ora? verrai o no?

J b i sane dom um :
J a m illo ventum m dicito. Propera alque abi.
Demiror, quid illaec me ad se arcessi jusserit,
Qnae nunquam jussit me ad se arcessi ante hunc
ditm j
Postquam vir abiit ejus. M irort quid sietj
Nisi, ut periclum fialj visam, quid velit.
Sed eccum D inacium ejus puerum! H oc videt
SatinJ ut facete atque ex piclurad adslitil?
Nae iste edepol vinum poculo pauxillulo
Saepe exantlavit sub m erum scitissumet

G el.

Vattene pur franca a casa: dille eh io vengo su


bito: fa presto, spacciati. Io strabilio eh' ella la mi
chiami adesso, non avendomi dal d che and via
suo marito insino a questo chiamato mai. Io ne
maraviglio, se pur non v ha qual cosa a ripa
rare, vedr che si voglia. Ma togli qua Dinacio suo
valletto! guarda, e non ti par egli dipinto? E s,
che a suon di bufloncini n avr sugato del vin
meschio.

ACTUS II.
SC E N A
D in j c iv m ,

I.

G e l j s im u s .

D i ir. Mercurius, Jovis, qui perhibetur nuntius, nunquam

aeque suo pa tri


Nuntium lepidum attulit, quamde ego nunc meae
herae nuntiabo;
Ilaque onustum pectus porto laetitia lubentiaque,
Neque lubet, nisi gloriose, quidquam proloqui. P ro
fecto
Amoenitates om nium venerum atque venustatum adfero,
Ripasque superat m i atque abundat pectus laetitia
m eum /
Nunc tibi potestas adipiscendi est gloriam, laudem,
decus:
Propera! pedes hortare! honesta dicta factis, D inacium ,
Heraeque egenti subveni benefacta m ajorum tuum ,
Quae misera est expectalione Epignomi adventus
viri!
Proinde, ut decet, virum am at suom cupide: nunc}
D inacium , expedi,
Age, ut placet! curre, ut lubet! cave quemquam flocciferisf
Cubilis depulsa de via! tranquillam concinna viam /
S i rex obstabit obviam, regem ipsum prius pervortito/

ATTO II.
SCENA

I.

D in a c io , G e l a s im q .

Mercurio che in voce d essere il procaccino di


Giove, non port mai a suo padre cos buona no
vella, conforme questa che io riferir alla mia
padrona. Io ne vo stracarico d allegria e di pia
cere, n adesso io so far altro che il bravaccio.
Io mi porto addosso le delizie di tutte le veneri,
e de solazzi; il giubilo mha rotti gli argini, e mi
gorgoglia in petto! or s che ti puoi acquistar
gloria, lode, riputazione: corri! studia il passo! fa
che le non sien solo parole, o Dinacio; non esser
avaro de' bencficii de' tuoi maggiori alla tua pa
drona, che poveretta la si sente isquarciar lanima
dall espettazione di Epignomo suo marito. In som
ma com delle dabben donne la gli va dietro
morta: ora, o Dinacio, esci di bufalo, fa come pi
vuoi! corri quanto pi ti piace! non far caso di
chicchessia! fatti largo co' gombti! fa che la strada
sa netta! E sia pur un re che t impaccia, stra
mazzalo in terra con un punzone.

G e l . Quidnam dicam Dinacium lascivibundum currere ?

' A rundinem fert sporlulamque et ham ulum pisca


rium.
D i n . Sed tandem, opinor, aequiust, heram m ihi esse supplicemj at que oratores mittere ad me, donaque ex auro et
quadrigas,
Qui vehar: nam pedibus ire non queo. Ergo ja m
revortar:
A d med iri et supplicari egomet m i aequom cen
seo.
A t vero nugas censeas nihili esse, quod ego nunc
scio.
Tantum a portu adparto bonum, tam gaudium gran
de adfero,
' V ix ipsa dom ina hoc, nisi sciat, exoptare a dis
audeat.
Nunc ultro hoc deportem? H aud placet, neque id
viri officium arbitrorj
Hoc ., hoc videtur m ihi magis . meo convenire huic
nuntio j
Advorsum ul veniat, obsecret, se ut nuntia hoc in partiam .
Secundas fortunas decent superbiae.
Sed tandem, quom recogito, qui potuit scire, haec
scire me?
N on enim possum quin revortar, quin loquar, quin
edisertem,
Heramque ex moerore exim am , benefacta m ajorum
meum
Exaugeam , augeam illam ex insperato opportuno
bono.

Gel.

Diavolo! dove se ne corre Dinacio cos allegro?


Egli ha la canna, e la sportola, e l amo da pe
scare.

Dm.

Ma alla fin finfe pur mi cred io sia meglio che la


padrona la mi preghi, e la mi mandi imbasciate,
e la mi presenti di ori e di carrozze da scarrozzar, mene, le gambe pi non mi reggono. Ora io tor
ner indietro, giusto che si corra a me, e che a mei
si faccian le supplicazioni. Ma tu dirai che le son
frottole queste che so io. Io dal porto arreco
tanto bene, e tanta gioja, che la padrona, se noi
sa, appena appena ardirebbe pregarne gli iddi. E
io dovr cantare per nulla? Mai no: questo non
;

cred' io officio di valentuomo; questo, questo mi


pare sia pi dicevole a tanta mia novella, che mi
si venga incontro, che mi scongiuri acci di que
sta notizia gliene faccia parte. AI fortunato non
disdice la boria. Eppure quando me la rivolto un
po pel capo, qual diamine avr potuto aver fumo
eh' io sappia cotesto? Non mi so tener io dal rifar
i passi, dallo sfringuellarla, dallo sminuzzolarla per
filo e per segno conforme usarono i miei antichi,
caver la padrona di tristizia, e la feliciter di
tanto inspirato bene. Metter una pietra sopra

Contundam facla

Talthybi, conlemnamque omn it


nuntios:

Simulqnc

ad

cursuram meditabor me ad ludos


Olympiae.
Sed spatium hoc accidit breve curriculo. Quam me
pocnilelf

Quid hoc? Obclusam ja n u a m video. Ibo et pullabo foris.


J perite atque adproperate! fores facile ut pateantt
removete m oram !
N im is haec res sine cura geritur: vide, quamdudum hic adslo et pullo!
Som non operam datis? Experiar, an cubili an pe
des plus valeant.
Nim is vellem haec herum fugissent, ea causa ut ha
berent malum.
Defessus sum pullando:
Hoc est postremum vobis!
G e i . Ibo alque hunc conpellabo.
Salvos sis.
D in .
El tu salve.
' Ge l . Jam tu piscalor faclus?
D in . Quampridem non edisti?
Ge l .
Un
de is? quid fers? quid festinas?
D i n . Tua quod nihilum refert,
Ne cures.
Ge l.
Quid inest istic?
D i n . Quas tu vides colubras?
,
G e l . Quid tam iracundus.
D in .
S i in te
Pudor adsit, non me adpelles.
G el . Possum scire ex te verum?
D i n . Poles; hodie non coenabis.

Taltibio, far nian conto di tutti i nunzii! e ad


un colpo eserciter le gambe per la corsa nei
giuochi olimpici. Ma la meta non lontana, uh se
me ne increscel Che questo? chiusa la porta:
andr a battere, aprite, spacciatevi! spalancatemi
queste imposte! sgranchiatevi! trppo a dondolo
state voi altri! guarda! gi un anno che sto qui
a battere, avete legato l asino? prover chi mi
dica meglio, se i piedi o i gombiti. - Io vorrei
che queste donne fossero fuggite, proprio

per

questo, perch dopo incogliessero il malanno. Io


son stracco di battere! questo l ultimo!
G el.

Andr e lo chiamer, addio.

Addio.

in .

Gel .

Ti se fatto pescatore adesso?

D in .

Che tempo che non hai mangiato?

Gel.

Onde vieni tu? che porti? che prescia .la tua?

Dm.

A te nulla fa.

Gel .

Che hai qua dentro?

D in.

E non li vedi questi vermini?

Gel.

Perch tanta stizza.

Dm.

Se in te fosse vergogna non mel domanderesti.

Gel .

Posso saper io la verit?

D in,

Patoi, oggi non avrai da cena.

SC ESA

IL

PjNECYBIS, G e LASIMUS, DlNACIUK.


PjN .Q uisnam , obsecroj has frangil foris? ubi est?
Tun haec facis, tun * m i hostis huc venis?
G el . Salve. Tuo arcessitu venio huc.
P ah .
E a u gratia foris ecfringis?
G e i . Tuos inclam a: lui delinquont. Ego, quid me velle,
visebam.
N am harunc quidem miserebat,
Din .
Ergo auxilium propere latum esL
P j n . Quisnam hic loquitur tam prope nos?
D in .
Dina cium.
Pj n .
Ubi is est?
D in . Respice me , et relinque egetilem parasitum, Panegyris.
P jN .D inacium . . .
Din .
Istuc indidere nomen majores mihi.
P j n . Quid agis?
D in .
Quid agam, rogitas?
P jn .
Quidni rogitem?
D in .
Quid mecum est tibi?
P an .M ein' fastidis , propudiose? Eloquere propere, D inacium !
D i n . Jube me omittere igitur hos, qui retinent.
P jn .
Qui retinent?
D in .
Rogas ?
Omnia mem bra lassitudo m ihi tenet . . .
Linguam quidem
Pj n .
Sat scio libi non tenere.

PaNEGIRIDK, GeLASIMO, Diiucio .


Pah.

Deb, chi mi sfascia questa porta? dov ? E seJ tu


che nc fa di queste? vien tu forse a questa volta
con mal animo?

Gel.

Iddio ti salvi, qua io vengo per tuo ordine.

P an.
Gel.

E p er questo mi sgangheri 1 uscio?


Sgrida a* tuoi; de tuoi la colpa: io veniva a sen
tire j n che mi volevi, imperciocch me e pian
geva di queste.

Dm.

E perci venne presto il soccorso.

P ax.

Chi parla in questo modo p ro s o a noi?

D in.

Dinacio.
Dov costui?
Volgetevi, o Panegiride, e spiccatevi da questo cat
tivello di parasito.

P an.
D in.
P an.

D inacio!

D in .
D in.

Tal n om e m i p osero i miei antichi.


Che fai?
E dim andate che faccia?

P an.

Perch non ho da chiederlo?

Pan.

Dm. - Che ho io con voi?


P an.
Oh, mozzina! in s poco conto tu mi hai? Fa pre
sto, escine, Dinacio.
Dm.
Ordinate adunque che mi lascino costoro che mi
tengono.
P an .
Chi ti rattiene?
D in .
Una maladetta stanchezza la mi rappiglia le midolla
nell ossa.
Pn.
S o per che la ti lascia disciolta la lingua.
Yol. IV. PjLAl'T.
11

D in .

Ila celeri curriculo fui


Propere ,o portu, honoris causa tui.
Pjn .
Ecquid adporlas botti?
D in . Nimio inpartio mullo tanto plus, quam speras.
P jn .
Salva sum /
D i n .A t ego perii, quoi medullam lassitudo perbibit!
Gel . Quid ego, quoi misero medullam ventris percepit fames?
P j n .E cquem convenisti?
D in .
Mullos.
P jn .
A t virum ecquem?
D in .
Plurimos;
Ferum ex mullis nequiorem nullum, quam hic est.
Ge l .
Quomodo?
N am jam dudum ego islunc patior dicere injuste
mihi.
Praeterhac si me inrilassis . . !
D in .
Edepol esuries male.
G e l . A nim um inducam , ut, istuc verum te elocutum
esse arbitrer.
D i n . M unditiam volo fieri: ecferle huc scopas simulgue
arundinem:
Ut operam omnem aranearum perdam et texturam
inprobem,
Dejiciainque eorum omnis telas.
Ge l .
Miserae algebunt postea.
D in . Quid illas itidem censet esse, quasi te, cum veste
unica?
Cape illat scopas!
Ge l .
Capiam.
Din .
H oc egomet, tu hoc converre/
Ge l .
Fecero.

Dir .

Son corso qua dal porto in istafetta, per ainor


vostro.

P an.

E qual bene mi porti?

Dm.

Che passa i mille doppi la vostra speranza.

P an .

Io son salva!

Dm.

E io ho sconfitto, che per la stanchezza non ho


pi succo nell ossa.
E che dir io, sgraziato, da poi che la fame la
mha fatto un diserto nel ventre?
Chi hai trovato?
Molti.
Ma e ohe uomini?
Pi di cento: ma de' tanti, niuno di fazza furfan
tina pi di questo.

Gel.
P an .
Gel .
P an.

Dm.
Gel.

Come? gi un pezzo che me le tolgo in pace


le villanie di costui: d oggi in poi se me ne di
ancora una . . .

Dm.
Gel .

Dm.

G el.
D in .

G el .
D in .

Gel.

Aff che vedrai la fame in aria.


Sarei per credere che tu non lhai detto da burla.
Io voglio che si faccia pulizia: recate fuori le scope
e gli arborelli, eh' io vo spazzare e rompere tutte
4e ragna, e gittarne abbasso tutte le tele.
Povere bestie! creperan di freddo.
Che? ere tu sieno elle spiantate come te che
hai due vesti, quando se' tra l coltri? To' quella
scpa!
Prendola.
Io qua, tu spazza l.
Far.

D i n . Ecquis huc ecferl nasiternam cum aqua/


Ge l .
Sine suffragio
Populi tamen aedilitatem hic quidem gerit.
D in .
/fge tu, ocius
Pinge hum um / consperge ante aedis!
Ge l.
Faciam.
D in .
Eactum opotluit.
H inc ego araneas de foribus dejiciam et de pariete.
G e l . Edepol rem negotiosam!
P an .
Quid sil, nil etiam scio,
N isi forte hospites venturi si sunt.
D in .
Lectos sternite!
G e l . Principium placet de lectis.
Din .
A lii ligna caedilej
A lii piscis depurgate, quos piscator allulil!
Pernam et glandium dejicite:
Ge l .
H ic hercle homo nim ium sapit.
P a n .N on ecastor, ut ego opinor, sali* herae m orem
. geris.
D i n .Im o res omnis relictas habeo prae, quod tu velis.
P a n . Tum tu igitur, qua causa missus es ad portum , m i
expedi.
D i n . Dicam. Postquam me misisti ad portum cum luci
sim ul,
Commodum radiosus ecce sol superabat ex m ari.
D um percontor portitores, ecquae navis venerit
E x Asia, et negant venisse, conspicatus sum inte
rim
Cercurum ego, quo me majorem non vidisse cen
seo.
I n portum vento secundo, velo (8) passo, pervenit.

D in.
Gel .

Dm.
Gel .

Din.
Gel.

P an.
Din.
Gel .

Dm.

Gel.
P an.
Din.
P an.
D in.

Chi porta una brocca d acqua?


Ve' costui che senza suffragio del popolo s fatto
edile?
Su muoviti, presto, spargi la terra di fiori! qua,
gittane sopra la porta!
Subito.
Gi dovevi averlo fatto: io trarr gi questi r a gnateli delle imposte e dal muro.
Poffar" il mondo che faccenda!
Io non ci capisco nulla, se prfr non sono per ar
rivar degli ospiti.
Spiumacciate i Ietti!
E mi garba questo principio dalle letta.
Voi altri spaccate le legna, voi altri purgate i
pesci che port il pescivendolo dalla scaglia!
strappate gi un prosciutto e un ghiandaie.
Potenzinterra, che cima d' uomo!
Se male i non m appongo, tu non vai troppo a
versi della tua padrona.
Anzi io lascio andare ogn altra cosa per farvi
contenta.
Dimmi allora cagione perch tu fosti mandato al
porto: cavami di questo.
Dirovvelo. Di poi che m 'avete fatto levare col di
perch fossi al porto per tempo, io arrivai quivi che il
sole gi sorgea chiaro e lampante dal mare: mentre io
cerco i dazzini se dall' Asia avesse fatto scala qual
che nave, ed essi me lo niegano; io veggo una ga
leotta che non ricordami averne vista di pi gran
de; tirava buon vento, e a vela tesa entra in
porto. Dimandiam 1' uno, dimandiam 1 altro: di

Alius alium ptreontam ur: quoja est navis? quid


vehill
Interim Epignomum conspicio, iuom virum , el servom Stichum.
P jn . Hem, quid? Epignom um elocutus?
G el.
Tuom turum el vitam m eam /
D i n . Fenil, inquam.
P jn .
Tun eum ipsum vidisti?
D in .
Ita ego, ac lubens.
Argentique aurique advexit m idium . .
P jn .
. N im is factum bene!
G e l . Hercle vero capiam scopas alque hoc converram
lubens.
D i n . Lanam purpuramque m ultam . . .
Ge l . '
Ehem, qui venirem vestiam/
D in . Lectos eburatos, auratos . . .
.G e l .
Adcubabo regie/
D i n . Tum Babylonica peristromata, conchyliata tapelia. t
N im ium advexit bonae rei.
Hercle rem gestam bene/
Gel.
D i n . Post, ut oecepi narrare, fidicinas, tibicinas,
Sambucas advexit secum form a eximia.
Ge l .
Eugepae!
Quando adbibero, adludiabo. Tum tum ridiculissumus.
D in . Post unguenta multigenera multa.
G el .
N on vendo logos
Jam-, ja m non facio auctionem: m i obtigit hereditas.
Malevoli perquisitores auctionum perierint/
Hercules, decumam esse adauctam, tibi quam vovi
gratulor.

P an.
Gel.
D in.
P an.
D in.

chi questa nave? che porta? ecco dintrammezzo


che io veggo Epignomo vostro jn arito , e il servo
Stico.
Oh che questo? Ha tu detto Epignomo?
Tuo marito vita mia.
Venne vi dico.
E l hai tu veduto?
Con questi occhi, e con che cuore! Port egli ar
gento e oro a josa . . .

P an.

Oh ben fatto!

Gel.

Or s che di tu tta lena m attacco alla scopa,


mi do a spazzar questo!

Din.
Gel .

D in.
Gel.

Dm.

Gel.
D in.
Gel.
D in.
Gel .

Lane e porpore a bisefle . . .


Cagna! mi coprir la pancia!

Letti intarsiati d avolio, e inorati . . .


Vi mi stender sopra come un re!
Dommaschi di Babilonia, e tappeti incastonati di
conchiglie. In somma egli ha portata una cuc
cagna.
Queste si dicono buone faccende! 7
Poi, p er dirvi il resto, condusse con s mandoline
pifarine, suonatrici d arpa d ' una presenza . . .

Cacasangue! una trincata e un baciozzo. Allora io


son tutto festevole.
Unguenti in chiocca e di varie sorta.
A monte la vendita, a monte lasta delle mie bur
le! m piovuta una eredit. Canchero a questa
canaglia di sindachi! 0 Ercole, da poi che hai avolo
quel decimo, ond io mi ti sono botato, me ne ral
legro.

D in . Posi aulem advexit seenni parasito . . .


G el .
Heu, perii miser/
DiN.Ridiculissumos.
Gel.
Reverrm hercle hoc, quod converri ( 9) modo.
Sunt logi venale illi, quos negabam vendere,
Eloco, et meo malo est quod malevolentes gaudeant.
Hercule, sane, qui deus si, discessisses non male!
P js.F id istin virum sororis, P am philippum ?.
D in . .
Non.
J d e st?
Pjn .
D i fi. Im o ajebant eum venisse sim ituj ?ed ego cilius Ime
Praecucurri, ut nuntiarem nuntium exoptabilem.
P j n . I intro, Dinacium: jube famulo rem divinam m i
adparent.
Rene vaie.
G el .
Fin administrem?
Sat servorum habeo domi.
P j y.
G e l . Enimvero, Gelasime,- opinor provenisti futile,
S i neque ille adest, neque hic, qui venti, quidquam

subvenit.
Ibo intro ad libro, et discam de diclis melioribus:
N am ni illo homines expello, ego 'occidi pianissim e.

D in.

Poi ha seco deparasiti . . .

Gel .

Huit son disfattoi

D in .

P an.

Piacevolissimi.
Scoper dentro quel che ho scopato fuori. E si han
da vendere questi motti eh io dicea di no, e su
bito, perch i miei malevoli se ne lecchino le dita.
0 Ercole, avresti proprio non fatto male ad an
dartene.
Hai tu visto Pamfilippo marito di mia sorella?

D in.
P an.

No.
arrivato?

Din.

Diceano eh e ra venuto insieme. Ma qua son corso '


a ro tta, per darvi questa desideratissim a novella.
Va dentro, Dinacio, di a servi che mettano a l-

Gel.

P an.
Gel .

P an.
Gel.

1 ordine pel sacrificio: statti allegro.


Vuoi dia mano anch' io.
Ho servi abbastanza
Or s, Gelasimo, ehe hai gittati i passi, se quegli
non viene, e questi che arriva non mi d qualcosa.
Andr in casa, mi ficcher su libri, e mi ricalcher
le pi belle celie in capo, con ci sia che se oggi
non vinco questi umini, io posso voltar via senza
far patti.

ACTUS III.
SC E N A

I.

E pignouus , S tic

bu s .

E p i . Quom bene re gesta salvos convortor domum ,


Neptuno gratis habeo et tempestatibusj
Sim ul Mercurio, qui me in mercimoniis
Juvit, lucrisque quadruplicavit rem meam.
Olim quos abiens adfeci aegrimonia,
Eos laetantis nunc faciam adventu meo:
N am ja m Antiphonem conveni adfinem meum ,
Cumque eo reveni ex inim icitia in gratiam.
Fidele, quaeso, quid potest pecunia!
Quoniam bene re gesta redisse me videt,
Magnasque adportavisse divitias dom um ,
Sine advocatis ibidem in cercuro, in stega,
In am icitiam atque in gratiam convorlimus,
Et hic hodie apud me coenat et frater meus:
N a m heri ambo in uno porlu fuimus; sed mea
Hodie soluta est navis aliquanto prius.
Age, abduc has intro, quas mecum adduxi, Stiche.
S t i . Here, si ego taceam , seu loquar, scio, scire te,
Quam mullas tecum miserias multaverimj
Nunc hunc diem unum ex illis mullis miseriis
Folo me eleutheriam capere advenientem domum.
E p i . El ju s et aequom postulas: sumas, Stiche,
Istunc diemj te nihil m ororj abi, quo lubet.
Cadum tibi veleris vini propino.

ATTO III.
SCENA

I.

E pig n o m o , S t ic o .

E pi.

Sn.

Ep i .

Tornandomi a casa salvo, ora che sono iti si bene gli


affari miei, io ne fo grazie a Nettuno e alle tem
peste, n dimenticomi di Mercurio, il quale in que
sto mercanteggiare m ha fatto buon viso, e mha
ingrassato del quadruplo nel avere. Quelli che
una volta io ho ricolmi di tristizia, ora far contenti
alla mia tornata. Gi mi sono accontato con Anti
fone mio parente e dairodio gli son venuto pi
caro di prima. Deh, guardate voi altri potenza
de quattrini! Da poi ch egli mi vide tornato a
casa cos ben concio delle cose mie, e con tante
ricchezze, senza avvocati l nella galeotta, e sul
cassero, ci rifacciamo ancora in su lamicizia e in
su la grazia usata; e qui cener egli oggi presso
di me con mio fratello. Imperciocch fummo jeri
insieme nello stesso porto, ma oggi la mia nave
sarp alquanto prima. Su via, tra ' dentro costoro
che ho condotti a casa mia, o Stico.
Padrone, o taccia o parli, ben so io essere voi
chiaro di quanti affanni abbia patiti con voi. Ora
questo solo giorno, dopo tanti triboli, voglio sguaz
zarmelo, essendo arrivato a casa.
T u parli dritto e bene, prenditelo, o Stico; io non
t fermo, va dove pi vuoi: io ti dono un barlozzo
di Yin vecchio.

S t i.

Papae,

D ucam hodie am icam !


Fel decem, d um de tuo.
Ubi coenas hodie, si istanc rationem institas?
S t i . A m icam ego habeo Stephanium hinc e proxum o,
Tui fratris a n c illa m e a e condixi in symbolam
A d coenam ad ejus conservom Sagarinum Syrum .
Eadem est am ica ambobus; rivales sumus.
E p i . Age abduc eas intro. H unc tibi dedo diem.
S t i . Meam culpam habeto, nisi perexcruciavero.
Ja m hercle ego per hortum ad am icam transibo
meamj
M i hanc occupatum noctem; eadem symbolam
Dabo et jubebo ad Sagarinum coenam coqui,
A ut egomet ibo alque obsonabo obsonium.
Atque^ id ne vos m irem ini hominis servolis {10)
Potare, am are atque ad caenam condicere,
Licet hoc Athenis nobis. Sed quom cogito,
Quamde in dividiam, veniam, est etiam hic ostium
Aliud posticum nostrarum harumce aedium, et
Posticam partem magis utuntur aedium;
E a ibo obsonatum, eadem referam obsonium
Per hortum: utroque conmeatus continet.
Ile hac secundum, vos, me. Ego hunc lacero diem /
Ep i.

SC EN A

II.

G e ljsim u s , E pig no u vs .
Ge l .Libros inspexi: tam confido, quam potest.
Me m eum obtenturum regem ridiculis meis,Nunc interviso, jam ne a portu advenerit,
Ut eum advenientem dictis meis deleniam.

Sti .
E p i.

Viva, andr oggi a trovare 1 amica.


Anche dieci, purch snoccioli del tuo: m a dove
cenerai tu oggi, se tu se ben fermo a questo?

St i.

La mia amasia sta qui presso; Stefanio, la fante


del fratei vostro: nel darle la parte mia dissi che
avrei chiamato anche Sagarino di Siria di lei con
servo: essa la cornacchia di noi due, noi siamo
rivali.
Animo dunque, mena in casa queste femmine, i o ti
lascio libeco tutto il d.
Datemi del capocchio, se mille non gliene appicco.
Ornai dall orto passer all* amica a godermi que
sta notte, e nello stesso tempo pagher io lo scotto,
e dir che la cena si prepari da Sagarino, e ch io
andr per la provvista. Non ve ne maravigliate voi
- altri se un povero servitorello beve, fa all'am ore,
e spende in cene: qui noi siamo in Atene e lo
possiam fape; ma io fo mie ragioni in capo, piut
tosto che recarvi noja, da poi che dietro casa no
stra vha un uscio, e eh pi battuto della porta
grande; passer di l, e porter per 1 orto la prov
vista: 1 una casa sbocca neiraltra. Voi altri venite
mi dietro: io spreco questo giorno.

E p i.

Sri.

SCENA

n.

G ela sim o , E pig n o m o .

Gel.

I o ho data u n ' occhiata a miei libri, e son tu tto


consolato di speranza di ra cca tta r il mio re colle
mie buffonerie. Ora andr a vedere s partito dal
porto, acci me lo possa abbonazzare appena ha
messo piede in terra.

E p i . Hic quidem Gelasimus est parasitus, qui venit.


GEL.Juspiciod hoc die optumo exivi foras:
Mustela murem abstulit praeter pedes.
Quoniam strenam obscaevavit} speciatum hoc m ihi
est.
N am ut illa vitam reperit hodie sibi,
Item me spero facturum . A ugurium haec facit.
Epignomus hic quidem est, qui adslat: ibo alque
adloquar.
Epignome, ut ego te nunc cotispicio lubens/
Ut prae lelilia lacrumae prosiliunt mihi!
Falaistin sque?
E p i.
Stislenlalum est sedulo.
G e l . Bene atque amice dicis.
Ep i.
D i dent, quae velis.
GEL.Propino tibi salutem plenis faucibus.

Coenem illi apud te: ( \ \ ) quoniam salvos advenis.


E p i . Locata (\%) est opera nunc quidem; tam gratia est.
G e l . Promitte.
E p i.
Certum est.
Ge l .
Sic fac3 inquam.
E p i.
Certa rest.
GEL.Zubente me hercle facies.
E p i.
Idem ego istuc scio.
Quando usus veniet, fiet.
Ge l .
Nunc ergo ustu est.
E p i . Non edepol possum.
Ge l .
Quid gravare? Censeas?
Nescio
quid vero habeo in mundo.
1 modo;
Ep i.
A lium convivam quaerito libi in hunc tibi diem.

E pi .

Costui quel b e rlin g a to lo di Gelasimo che Yiene


a questa volta.

Gel.

Oggi sono uscito fuori con bellissimo auspicio. Una


donnola la mi gherm un sorcio su piedi: ella la
mi porse l augurio e io l ho inteso, imperciocch
se quella oggi trov d a vivere, cos spero in tra v err anche a me: io fo questo pronostico. Questi
proprio Epignomo, andr e 1' affronter. O E pignomo, che delizia m i. di o r che ti veggio! dalla
gioja mi piovon gi le lagrime! se' tu sempre sta
to sano?

E pi .
Gel.
E pi .
G el.

Cos abbiam guardato.


Tu parli da valentuom o e d amico.
Che Dio ti prosperi.
I o ti salu to a g o la p ien a, cen er

a casa tu a ,

dappoich ci capiti salvo.

E pi.
Gel.

M hanno invitato adesso: p u r ti ringrazio.


Prom ettim elo.
*

E pi .

Non posso.

Gel .
E p i.
Gel.
E pi.
Gel.
E pi .
Gel .

Fammi contento.
Son fermo.
Non avr miglior piacere.
Sommelo, occorrendo si far.
Togli: occorre adesso.
Noi posso proprio.
Perch cos del cacastecchi hai tu oggi? e non te
pare? Non so che diamine m abbia di pronto.

E pi .

Vattene, cercati altri convitati q uest' oggi.

476
G el . Quin lu prom ittis?E p i.
N on graver, si possiem.
GEL.Umim quidem hercle certum promitto tibi:
Lubens accipiam certo, si promiseriis.
E p i . Valeas.
G el.
Certumne est?
E p i.
Certum: coenabo domi.
G e l . Quandoquidem operam tuam ne vis promittere,
F in ad te ad coenam veniam?
Ep i.
S i possit, velim:
Ferum hic apud me coenant alieni novem.
GEL.Haud postulo equidem med in lecto adcumbere.
Scis tute, med esse im i subselli virum.
E p i . A t ii oratores sunt popli, sum m i viri
A m bracia veniunt huc legati publice.
GEL.Ergo oratores populi su m m a tes v ir i,
Adcumbent sum m ij ego infimatis infimus.
E p i . Ila u d aequom est, te inter Aratores accipi.

G e l . Equidem hercle orator sum j sed procedit parum.


E p i . Cras de reliquiis nos volo. Multum vale.
G el . Perii hercle vero plane, nihil obnoxiel
Uno Gelasimo minus est, quam (ludum fuit.
Certum est mustelae posthac nunquam credere:
N a m incertiorem nullam novi bestiam.
Quaene ipsa decies in die m utat locum,
E am auspicavi ego in re capitali mea?
Certum est amicos convocare, ut consulam.
Qua lege nunc med esurire oporteat.

Gel .

Perch non me lo vuoi promettere?

E pi.

Non mi farei pregare se Io potessi.

Gel.

Una cosa proprio di certo ti prom etto, e proprio


di buona voglia la sento, se me ne di parola.

E pi.

Addio.

Gel.

hai tu fermo?

E p i.
Gel.

Fermo, cener a casa.

E pi.

Volentier se si potesse, ma son presso di me al- ,


tri nove forastieri.
Ma io non cerco giacermi in Ietto, ben sai pastric
ciano eh io mi sono.
Ma costoro sono oratori del popolo, gente di assai
alto affare, e che qua vengono per una pubblica
imbasceria da Ambracia.

Gel.
E pi .

Gel.

Ep i .
Gel .
E pi .
Gel.

E si adunque, dappoi che non mi vuoi prom ettere,


vuoi ch io venga a cena a casa tua?

E per questo gli o rato ri del popolo, i gentiluomini,


seggano in alto, io volgarissimo starom m i su tre
spoli.
Non dicevole che ti ritrovi tr a gli oratori.

Son oratore anch io, ma pesco in aria.


I rilievi si serbano a domani. Statti salvo.
Io son m orto, non v pi scampot buona notte
al povero Gelasimo. Io son chiaro, non vo' pi
aver fede in donnole, io non vidi mai bestia pi
incerta. E io tr a r gli auspicii in tanto pericolo da
chi cambia luogo dieci volte il d? Io son delibe
ra to di chiam ar gli amici, e chieder loro qual legge
m icostringa a soffrir tanto la farile.

V ol. IV. P laut.

ir.

ACTUS
SC E N A

I.

A n tip h o , P a m p h jl ip p is , E pgsom vs .
A x r .I la me di bene ament measque m ihi servassnt
filias,
Ut m ihi volupe est, Pamphilippe, quia vos in pa
triam domum
Redisse ambos bene gesta re video, te et fratrem
tuom.
P jm .Satis abs te accipiam, nisi videam m ihi te amicum
esse, Antiphoj
N unc, quia te m i amicum experior esse, credetur libi.
A u t . Vocem go te ad me ad coenam, frater tuos nisi
dixisset mihi,
Te apud se, coenalurtim hodiej cum me ad se ad
coenam vocatj
Et mage p a r fuerat, dare vobis me coenam adve
nientibus,
Quam promittere med ad illum, nisi nollem advorsarier.
Nunc, me gratiam abs te inire verbis, nil dcsideroj
Cras apud me eritis, et tu et ille cum vostris uxo
ribus.
P ah . Et apud me perendie: nam ille heri in hunc ja m
vocaverat
Me diem. Sed satin ego tecum pacificatus sum , A n
tipho?

ATTO
SCENA
A N TIFO N E, P

Ast .

IV.
I.

a M FILIPPO,

f ig k o m o .

Csi Dio ajuti me, s dia bene egli alle mie figliuole,
come io ne godo,

o Pamfilippo, perch io ri

veggo tornati in patria a casa vostra, dopo un


buon civanzo, s tc che tuo fratello.
P am.

Di tanto io me ne rim arria contento, se vedessi


che non mi se' amico, o Antifone; ora perch
prvo che mi vuoi bene, io te ne ho piena fede.

A^r.

Ti chiamerei a cenar meco, se tuo fratello non


m avesse detto, allorch m invitava, che tu avresti
cenato da lui. Egli vero, saria stato meglio che
nel vostro arrivo io avessi ordinata la cena, di
. quello che impromctterc ch i sarei stato da lui;
ma io non 1 ho voluto contrariare. Or io non
vo presso tc accattarmi grazia con tanti pream
boli; domani sarete a casa mia e tu e lui e le
donne vostre.

P am.

E posdomani presso di me: imperciocch egli sia


da jeri m avea invitato per oggi. Ma son gi bene
io rappattumato con te, o Antifone?

n t .Quando

ila rem gessistis, ult vos vellem amicosque


addecet,
P a x commerciumque est mecum: nam hoc tu facito
cogites:
Ut quoique hom ini res paratae, am ici suntj lassae
labant?
Ilidem am ici conlabascunl. Res amicos invenit.
E p i . Ja m redeo. N im ia est voluptas, si diu abfueris do
m o,
S i redieris, si tibi nulla est aegritudo anim o obviam.
N am ita me absente fam iliarem rem uxor curavit'
m eam ,
Omnium exilem alque inanem fecit me aegritudi
num.
Sed eccum fralrem Pam philippum , incedit cum so
cero suo.
P a . Quid agilur, Epignome?
En.
Quid lu? Quamdudum a portu venis
Huc?
Jj m .
Longissume.
E p i.
Postilla ja m iste est tranquillus tibi?
A NT. Magis quam mare, quo ambo estis vecti.
E p i.
Facis, ut alias res soles.
Hodiene exoneramus navem, frater?
P am.
Clementer volo.
Nosmet potius nos vicissalim oneremus voluptatibus.
Quam m ox coda est coena? Inpransus ego sum.
E pi*

A b i intro ad me,
et lava,
P ju .D e ts salutatum alque uxorem modo intro devortor
domum.

An t .

Quando vi siete operali com io voleva, e conforme


conviensi da amici, io ho pace e alleanza con voi:
ma fa di tener ben questo in mente: come son le
venture degli uomini; cosi sono gli amici: stracche
vacillano? anche gli amici fanno a dondolo. Chi
ha roba trova amici.

E pi.

Ornai io torno. E pu r la gran delizia, se stato


lungo spazio di tempo assente da casa tua, ritorni
senza che ti si faccia incontro alcuna disgrazia:
/
la donna mia fu s buona massaja delle faccende
casereccie, che non la m ha recato il menomo che
onde rammaricarmene. Ma ecco il fratello Pamfilippo, che se ne viene col suocero.

P am.

Che si fa, Epignomo?

E pi .

P am.

Egli un pochetto.

E pi .

E gi tei se' rabbon azzato 1 uomo?

Ant.

Pi del mare, dal quale foste portati.

E pi.

Tu fosti sempre lo stesso. La discarichiamo oggi

tu? molto

che

dal porto se qua venuto?

la nave, o fratello?
P am.

Non pigliamci tanto affanno. Pensiam piuttosto di


riempirci I un l ' altro di allegrezze. Quando sar
cotta la cena? io sono ancora digiuno.

E pi .

Va in casa mia e lavati.

P am.

Andr intanto a salutar gli di e mogliama.

F p i . Apud nos, eccillam, feslinal cum sorore uxor tua.


P am . Oplumum est: ja m istoc morae minus erit. +
E p i.
Ja m ego apud
te' ero.
A u t . Priusquam abis, presente ted huic apologum agere
unum volo.
E p i . Maxume.
A xt.
Fuit olim, quasi ego sum, senex j ei filiae
Duae erant, quasi nunc meae suntj eae erant duo
bus nuptae fratribus,
Quasi nunc meae sunt vobis. .
P au .
M iror, quo evasurust apologus.
A nr.Esse m inori illi adulescenti fidicina et tibicina j
Peregre advexerat, quasi 'nunc tu. Sed ille erat coe
lebs senex,
Quasi ego nunc sum.
P ah.
Perge porro. Praesens hic quidem apologust.
ANT.Dein senex ille illi dixit, quojus erat tibicina,
Quasi ego nunc libi dico.
P am.
Ausculto, atque anim um advorto sedulo.
A n t .* Ego tibi meam filiam , bene quicum cubitares,
dedi:
Nunc m ihi reddi ego aequom esse abs te, quicum
cubitem censeo.
P a h . Quis istuc dicit? an illic quasi tu ?
A ut.
Quasi ego nunc dico tibi.
Im o duas dabo, ( inquit ille adulescens ) una si
parum estj
Et si duarum poenitebil, ( inquit) addentur duae.
P a ii . Quis istuc, quaeso? an ille quasi ego?

E pi .

Guardala da ni, che la tutta in faccende colla


sorella.

P am.

Egregiam ente: farcm pi presto.

E pi .

I o sar teco a m om enti.

Ant.

Prim a d andartene, alla tua presenza vo raccon*

Ep i .

Volentieri.

ta re un apologo a costui.
Ant. . F u una volta, un

vecchio, quasi della mia et;

egli avea due figliuole, come ora sono le-m ie; elle
eran o m aritate a due fratelli, come ora le mie
sono a voi.
P am.
Ant.

Io non so tra rre dove l avr capo questa favola.


Il pi giovane avea delle ceteralrici e delle suonatrici di flauto; le avea egli condotte di lontano
presso a poco come hai tu fatto. Ma quel vecchio

P am.

Va p ur innanzi. Non lungi questo apologo.

Ant.
P am.

Quindi il vecchio disse a colui che avea la pifarina, presso a poco le parole che dico io a te.
Sento, e qua sono tutto orecchi.

Ant.

lo t ho d ata m ia figlia, con cui la n o tte potessi

era celibe, presso a poco come ora son io.

insiem e tro v a rti al caldo, o r io penso

che tu mi

re n d a chi mi rip a ri dal freddo.

P am.
Ant.

P am.

E chi dice questo? ti fai tu forse quello?

Egli, come se fossi io. Anzi ne dar due ( ri


sponde il giovane ) se una poco; e se t incre
scer d averne due ( disse ) se ne aggiungeranno
altre due.
E chi dicea cotesto? quegli, come se fosse ne miei
panni?

A ut.
I s ipse quasi Iu. Senex
Ille, quasi ego: S i vis ( inquil ) qualuor sane dato,
D um quidem hercle, quod edant, addas: m eum
ne contruncent cibum.
Pjm . Videlicet parcum illune senem, qui dixerit fuissej
Quoniam ille illi 'pollicetur, qui in cibum poposcerit.
A n t . Videlicet nequam fuisse illum adulescentem, qui eloco,
Ubi itlic poscit, denegavit, se dare granum trilici.
Quin hercle aequom postulabat ille senex, quando
quidem
Filiae ille dederat dolem, accipere pro tibicina.
P jm . Hercle illic quidem certo adulescens docte vorsulus fuit,
Qui seni illi concubinam dare dotatam noluit.
A n t . Senex quidem voluit, si possel, indipisci de cibo;
Quia nequit, qua lege licuit, velle dixit fieri.
Fiat, ( Ille inquit adulescens ) . Facis benigne
( inquit senex J.
Uabeon* rem pactam? ( inquil J. Faciam ila,
( inquil ) ul fieri voles.
Sed ego ibo inlro el gratulabor vostrum ad
ventum filiisj
Posi lavatum ibo in pyelum ( ibi fovebo senectutem
m eam ) ;
Post, ubi lavero, otiosus vos opperiar adeubans.
P jm . Graphicum mortalem Antiphonem / ut apologum
fecil! quam fabref
lia m nunc scelentus sese ducit pro adulescentulo!
Dabitur homini am ica, noctu quae in lecto occen
tet senem:
Nam que edepol aliud quidem illi quid am ica opus
sit nescio.
Sed quid agit parasitus nosler Gelasimus? etiam valet?

Ant.

Quegli, come fosse n e panni tuoi. Il vecchio ri


spondeva come fo io: Se vuoi ( disse ) dammene
pur quattro; purch vi aggiunga tanto da mante
n e rle , acci non maciullino del paio.

P am.

Cazzica! e' mi p ar questo vecchio una buona le

Ant.

sina; ch avendogliele colui promesse, egli vuol


anche che gli si faccia loro le spese.
DohI e dee p u r esser stata una cattiva lana di
giovane costui, che appena quegli gliene f dimando,
tosto si rifiut di dare un granello. Quel vecchio
poi non voleva cosa fuor del dovere, egli aveva
data la dota alla figliuola, ora la ricevea per la
suonatrice.

Capperi! se il giovane seppe ben cavarsela, non avendo voluto dare al vecchio 1 amasia colla dota.
Ant.
Il vecchio se 1 avesse potuto, volea anche il panaggio; dappoi che non l ha potuto, si accontent
di qualunque patto. Si faccia ( disse il giovane ).
Mi fai cortesia ( rispose il vecchio ). Siam gi d* ac
cordo? far ( s 1J altro ) quello che vuoi.
Ma ora io andr in casa, e mi rallegrer coHe
figlie del vostro arrivo; poi andr a sciaguattarmi
nel bagno ( ivi conforter un po la mia vecchiaia );
dopo, quando mi sar lavato, v aspetter a letto.
P ah.
Oh scaltritacelo d un Antifone! guarda che apo
logo! guarda che malizia! e vuol farsi beffe della
porrata questo bojaccio! Si dar l amica a que- st uomo, perch in letto gli dia la mala notte; in
- che d altro gli possa servire noi so nemmen io.
Ma che novelle di quel nostro leccon di'Gelasimo?
ancor y y o ?

P am.

E p i r Fidi edepol hominem haud perdudum.


P jm .
Quid agii?
E p i.
Quod famelicus.
P jm . Quin vocavisli hominem ad coenam?
Adveniens ne quid perderem.
Ep i.
Atque eccum tibi lupum in sermone: praesens esu
riens adest.
P jm .L udificemur hominem.
Ep i.
Capti cornili memorem mones.
SC EN A

II

G el JSIMVSj P a m p b il ip p v s , E pig no m vs .
Ge l . Sed ( id, quod occepi narrare vobis) quom hic non
adfuij
Cum amicis deliberavi ja m et cum cognatis meis
Ila m i auctores fuere, ut egomet me hodie jugula
rem fame.
Sed videonJ ego Pam philippum cum fratre Epigno
mo? Alque is est.
Adgrediar hominem. Sperale Pamphilippe, o spes
mea,
O mea vita, o mea voluptas, salve/ Salvom gaudeo
Peregre te in patriam redisse salvo.
P jm .
Salve, Gelasime.
Ge l . Valuislin bene?
Pj m .
Sustentavi sedulo.
Ge l .
Edepol gaudeo.
Edepol nae egomet m odium m ihi nunc mille esse
argenti velim/

E p i.

L o vidi pur ora.

P am.

E che fa?

E p i.

Ci che u n affam ato.

P am.

P am.

E perch non chiamarlo a cena?


Per non far subito getto del mio, ma la cosa detta
per via va, vedilo qul lupt: eccotelo e trahice per
la fame.
Burliamolo.

E p i.

T u m h ai to lta di m ano la palla.

Ep i.

SCENA

II.

Gelasimo, P amfilippo , E pignomo.


Gel ,

P am.

Gel.
P am.
Gel.

E s ( per dirvi il resto ) quando non fui qui, ho


conferito cogli amici e coJ miei parenti, e tu tti
deliberarono che oggi mi strangolassi dalla fame.
Ma Pamfilippo chi io veggo col fratello Epigoomo? lui carne ed ossa. L affronter. 0 Pamfi
lippo mio dglce, o speranza mia, mia vita, piacer
mio, che il cielo ti salvi. Io mi sento racconsolar
tutto veggendoti dopo tanto cercare il men.do che
tu hai fatto, tornar sano e salvo nella tua patria.
Buon d, o Gelasimo.
Sei sempre stato ben*#
E ne ebbi cura.

Ma bene! viva, evviva! Egli vero, come son qui,


che oggi vorrei avere un moggio d argento!

i 88
E p i . Quid eo tibi opustP
Ge l .
H unc ad coenam hercle ut vocem, te non vo
cem.
Epi.Advorsum te fabulare illuc quidem.
Ge l .
Am bos ut vocem.
E p i . Edepol te vocem lubenter, si superfiat locus.
Gel . Quin tum stans obstrusero aliquid strenue.
E p i.
Im o unum hoc polest.
G e l . Quid?
E p i . Ubi convivae abierint, tum venias . . .
Ge l .
Vae aetati tuaef
E p i . Una lautum, non ad coenam, dico.
Ge l .
D i te perduint/
Quid ais, Pamphilippe?
A d coenam hercle alio promisi foras.
P jm .
G e l . Quid? foras?
P jm .
Foras hercle vero.
Ge l .
Qui, m alum , tibi lasso lubet
Foris coenare?
. P jm .
Utrum te censes?.
Ge l .
Jube dom i coenam coqui,
Atque ad illune renuntiari.
P jm .
Solus coenabo domi?
G e l . Non enim solus, me vocato.
P jm .
A t ille ne suscenseat
M ia qui causa sum lum fecit.
Gel .
Facile excusari potest.
M ihi modo ausculta: jube dom i coenam coqui.
E p i.
Non me quidem
Faciet auctore, hodie ut illum decipiat.

189
E pi .
Gel .
E pi .
Gel .
Ep i.
Gel .
E pi .
Gel.
Ep i.
Gel.
E pl
Gel .
P ah.
Gel .
P ah.
Gel.
P ai#.
Gel.
P am.
Gel .
P am.
Gel.
E pi.

E che ne faresti?
Per invitar costui a cena; te non chiamerei io.
Parmi eh' ei parli a te.
Lo direi a tuttadue.
E io ti torrei volentieri, se avessi posto.
Anche in piedi troverei da empirmi bene il sacco.
V ha una cosa che si pu fare.
Quale?
Quando saranno ili i convitati fa di capitarci . . .
Tristo alla vita tua!
Per lavarti, ma non a cena.
Che Dio t affranca! e tu che dici, Pamfilippo?
Io ho proprio data parola di cenar fuori.
Come? fuori?
Fuori, proprio davvero.
Che diacine ti venne in capo, or che se' staneo, di
cenar fuori?
Pensi altramenti?
Di a casa tua preparino la cena, e all altro fatti
svitare.
Cener solo adunque?
Mai no solo, invita me.
Non vo si corrucci 1 uomo che per me ha gi
fatta la spesa.
Mille scuse caggiono tra le mani. F a a modo mio,
fa preparar in casa la cena.
Se vuol fare il mio consiglio non si to rr via
della parola.

G el .
Non tu hinc abis?
N i me non perspicere censes, quid agas. Cave, sis,
tu tibi:
N a m illie homo tuam haeriditalem inhiat, quasi esuriens lupus.
Non tu scis, quamde eflicientur homines noclu hic
in via?
P jm . Tanto pluris qui defendant, ire advorsum jussero.
G b l .N ou i l non i l
E p i.
Quid tanto pere suades, ne bital?
Ge l .
Jube
D om i m ihi tibi tuaeque uxori celeriter eoenam co
qui.
S i hercle faxis, non opinor, dices, deceptum fore.
P jm . Per hanc libi coenam incoenato, Gelasime, esse ho
die licet.
GEL.Ibisne ad coenam foras?
Pjm .
J p u d fratrem coeno in proxitmo.
GEL.Cerlumne est?
P jm .
Certum.
Edepol le hodie lapide percussum velimi
Ge l .
P jm . Non metuo: per hortum transeo,- non prodibo in
publicum.
E p i . Quid agis, Gelasime?
G el .
Oratores tu accipis: habeas tibi.
E p i . Tua pol refert euim.
Ge l .
S i quidem mea refert, opera ulerej
Posce.
E p i . Edepol tibi, opinor, locum eliam uni conspicor, ubi
Adcubes . . .
P jm .
Sane faciutidum censeo.

Gel.

E che fai tu qui? se p u r tu non sai c h 'io vegga


quello che pensi. Staitene alla larga: quest uomo
sta colle scane aperte come un lupo affamato
sulla tu a eredit. Non sai tu quanti uom ini si am
m azzano di notte in sulla via?

P am.
Gel.
Ep i.
Gel.

P am.
Gel .

O rdiner che in m aggior numpro mi vengano i


servi incontro.
Non andare! deh, non andare!
E perch gli fai tu calca acci non vada?

Ordina che presto si prepari la cena appo te per


me, per te, per la donna tua. Se ci tu farai
non ' dirai di certo, che t han tirato nel galappio.
Se altra cena tu non hai, o Gelasimo, oggi puoi
startene senza.
E vuoi proprio cenar fuori?

P am.
Gel.
P am.

Ceno qui vicino da mio fratello.

Gel.

I o vorrei che ti venisse una sassata nel capo!


Non ho questa paura; passo dall orto, non metto
piede in via.
E s, Gelasimo, che facciamo!

P am.
E pi.
Gel .
E pi.

Proprio?
Proprio.

T u hai gli oratori: tienteli cari.


V ha una cosa pel caso tuo.

Gel.

Se la buona per me, servitene, domanda.

Ep i .

P u r io veggo un luoghicciuolo che a te solo pu


b astare . . .

Pam.

I o cred o di farlo .

Ge l.
0 lux oppidi!
E p i . S i arte poterit odcubare.
Ge l .
.
Fel inter cuneos ferreos.
Tantum loci, ubi catellus cubel, id mihi sai est loci.
E r i .Exorabo aliquo modo: veni. .
G el .
Huccine?
Im o in carcerem:
Ep i.
N a m hic quidem meliorem Genium tuom non fa
cies, Eam us, tu.
P jm .D eos salutalo modo,- post ad te continuo transeo.
G e l . Quid igitur?
D ixi equidem, in carcerem ires.
E p i.
Gel.
Quin si jusseris,
Eo quoque ibo.
E p i.
D i immortales! hic quidem in sum m am crucem
('oena aut prandio perduci potis.
Ge l .
Ita ingenium est m eum :
Quicumvis depugno mullo facilius quam cum
fame.
E p i . Novi ego: ista apud me satis spectata est m ihi ja m
tua facilitas)
D um parasitus m i alque fratri fuisti, rem confre
gimus.
N unc ego nolo m ihi ted e Gelasimo ( i i j Catagela
simum.
GEL.Jamne abis tu? Gelasime, vide, quid es capturus
consili !
Egone? Tu nae. Miliine? Tibi nae. Fides,
ut annona est gravis.
Fides, benignila-es hom inum ut periere el prothy
miae.

Gel .

0 sole di questa terra!

E p i.

Ma se potrai star stretto.

Gel .

I o sto anche in tra cogui di ferro. A me basta il


luogo ove sta un catello.

E pi .

T accontenter in qualche modo: vieni.

Gel.

Qua?

E pi.

Anzi alle stinche: imperciocch qui certam ente non


ti faresti il Genio migliore. Ehi, tu andiamo.

P ax.

Prim a fo un saluto agl iddii, e poi passo a le.

Gel.

E p i.

T ho detto che te ne vada alle stinchc.

Gel.

Ma .se me 1 ordini vo anche l dentro.

E p i.

Poter di Dio! costui si faria anche inalberare in

s?

croce per un desinare o una cena.


Gel.

Cos io sono fatto: vengo pi facilmente alle pu


gna con chicchessia, che colla fame.

Eei.

Ben mel so io; la conosco abbastanza questa tua


abilil, finch tu fosti parasito mio e di mio fra
tello, noi siamo andati colle gambe all aria. Or io
non voglio che tu di Burlone mi diventi Burlatore.

Gel.

tosto te ne vai? 0 Gelasimo, vieni a conti,

qual consiglio vuoi tu prendere? Io? Tu.

. Per me? per le. Guarda com caro il vi


vere! Guarda come son morte le grazie e 1 al-

Vol. IV. P laut.

13

Fides, ridiculos nihili fieri atque ipsos parasilarier.


Nunquam edepol me vivom quisquam in crastinum
inspiciet diem,
N am m ihi ja m intus polione juncea ( \ ) onerabo
gulam:
Neque ego hoc com m ittam j ut homines me nortuom
dicant fame.

Iegrie negli uomini. Guarda questi parasiti chc


vantaggio ne hanno delle loro facezie! Domani
alouno non mi vede vivo jn fede mia: vo qua
dentro; metto alla gola per bevanda una buona
ritortola di giunchi, e non permetter mai che gli
uomini dicano eh io son crcpato di fame.

ACTUS r.
SC E N A
S

I.

t ic h u s.

More hoc fit, alque stulle mea sententia.


S i quem hominem exspectant, eum solent provisere,
Qui hercle illa causa nihilo veniet ocius.
Idem ego nunc facio, qui proviso Sagarinum ,
Qui nihilo veniet ocius tam hac gratia.
J a m hercle ego decumbam solus, si ille huc non venit.
Cadifm modo hinc a me huc cum vino transferam,
Postilla adcumbam. Quasi nix, tabescit dies.
SC E N A
- S jg jr in u s, S

II.
tic h u s.

S j g . Salvete, Athenae, qua? nutrices Graeciae!~

Herilis terra patria, te video lubens!


Sed amica mea et conserva quid agat Stephanium ,
Cura estj ut valeat. N am Sticho mandaveram,
Salutem ut nuntiaret ei, alque ut diceret,
Me hodie venturum, ut coenam coqueret temperi.
Sed Stichus est hic quidem.
S t i.
Fecisti, here, facetias, .
Cum hoc donavisti dono tuom servom Stichum.
Proh di inmortales! quot ego voluptates fero,
Quot risiones, quot jocos, quot savia.
Sanationes, blqtidilias, prolhymias!

ATTO V
SCENA

I.

Sxico.
Questa la un usanza sciocca a parer mio, se chi aspetta
qualcuno gli vuole andar incontro: s eh' egli vorr
venire pi tosto! Cos ora' fo io, vo incontro a Sa
garino, il quale non se ne Yiene qer questo. Ornai
io metterommi solo a tavola s' gli non capita; in
tanto porter fuor di casa mia il caratello, indi
mi porr mensa. Questo giorno mi va in dile
guo come la neve.
SCENA

II.

S agarino, S tico .

Sag. . Dio ti salvi, Atene, che hai la Grecia a balia! o

patria del padron mio, con che gija io ti veggol


Ma io abbrucio di sapere che faccia Stefanio mia
amica e mia conserva, come la si trovi in salute.
Imperciocch avea ordinato a Stico, salutassela a
nome mio, e 1 accertasse che oggi sarei venuto,
acci la prepari per tempo la cena. Ma questi
proprio Stico.
Sti.

0 padrone, che delizia m ' hai tu fatta, di si bel


dono presentando il tuo servo Stico. Cagna!
q uanti piaceri io porto, quante risa, q u an ti scherzi,
quanti* baci, salti, carezze, consolazioni!

48
S jg . Stiche, quid fit?
S ti.
Hem! euge, Sagarine lepidissumel
Fero convivam Dionysum mihique et tibi:
N am que edepol coena dicta est; locus liber datust
M ihi et libi apud vos: nam apud nos est conviviumj
Ibi voster coenat cum uxore adeo et Antipho;
Ibidem herus est noster. Hoc m ihi dono datum est.
S j g . Quis summ anavit aurum?
S t i.
Quid id ad te allinet?
Proin' tu lavare propera.
S jg .
Lautus sum.
S t i.
Optumc:
Sequere ergo med hac .intro.
S jg .
Ego vero sequor.
S t i .F oIo eluamus hodie. Peregrina omnia
Relinque: Athenas nunc colamus. Sequere me.
S jg . Sequor, et domum redeunti principium placet:
Bona scaeva strenaque obviam occessit mihi.
SC E N A

III.

STEPtiJKIVH.
M irum videri nem ini vostrum volo, spectatores,
Quid ego hinc, qae illic habito, exeam: faciam vos
certiores.
Domo dudum huc arcessita sum,- quoniam nuntia
tum est.
Istarum venttiros viros? ibi festinamus omnes,
Lectis sternendis studuimus, mundiliisque adparandis.
I n tir illud ta m negotium meis curavi amicis.

Sag.
Sti .

Sag.
Sti.
Sag.
Sti.
Sag.
Sti .
' Sag.

Che si fa, o Stico?


Ohe! Viva al nostro giovialon di Sagarino!
Bacco io porto buon convivante mio e tuo: la cena
. gi ordinata; e in casa vostra io e tu abbiamo
piazza franca, perch in casa nostra abbiamo convi
to, ivi cena il padron vostro con sua moglie e An
tifone, e ivi anche il nostro. Questo mi venne donato.
Chi ti di i quattrini?

Che te ne viene in tasca? Fa presto, vatti a lavare.


Son gi pulito.

Ottimamente: vien meco qua dentro.


Io ti seguo.
Oggi vo che la scialamo: lascia le foresterie: ora
godiamci Atene. Vienimi dietro.
Vengo, non b ru tto il principio a chi rito rn a, un
buon augurio e un bel regalo mi s fatto
avanti.

SCENA

in.

S t e f a n io .

' Io voglio, o spettatori, che alcuno di voi non faccia gran


caso se mi vede uscir fuora da questa porta, abitan
do io qui: ve ne dir il perch. Io venni pur ora
chiamata di casa mia qua dentro, perci che venne
annunziato essere arrivati i mariti di queste fem
mine: ivi siam tutti in faccenda, ci affrettiamo in ri
far le letta, e nel pulire ogni cosa. Nulladimanco in
tra tutto questo io ho volto il pensiero anche ai

Slicho et conservo Sagaritto meo, coena ut coda


esset.
Stichus obsonatustj cetcrum ego curando id adlegavi.
Nunc ibo hittCj et amicos meos curabo hic adve
nientis.
SC E N A
S ag jr in u s, S

ir.
t ic n v s.

S j s . Agile, ite fo r a s i

Ferte pom pam ! Cado te praeficio, Sliche.


Omnimodis tentare certum est nostrum hodie con
vivium.
S ti . Ila me di am eni, lepide accipim ur, quom hoc reci
pim ur in loco.
Quisquis praetereat, comissatum volo vocari.
S ac.
Convenit,
D um quidem hercle quisque veniat cum vino suo:
nam hinc quidem hodie
Pollucturae praeter nos jactura dabitur nemini.
Nosmet inter nos ministremus monotrope. Hoc con
vivium est
Pro opibus nostris salis commodule nucibus, fabu
lis, ficulis,
Olea in tryblio, lupillisj conminuto crustulo.
Sal est!
Servo hom ini modeste melius facere sum lum quam
ampliter.
Suom quemque decet.
Quibus divitiae dom i sunt, scaphio el cantharis, bi
bunt baliaeis} (6J

miei amici, affinch fosse prontata la cena a Stico e


a Sagarino mio sozio. Stico ha fatta la spesa, Del
resto poi ho io chiusamente detto ad un' altro che
ne pigliasse cura. Ora andr qui, e attender a miei
vaghi se mi arrivano.
SCENA

IV.

Sagarino, S tico .
S ag .

Presto, venite fuori! Mettete fuori le mense! Io ti


lascio in governo il botticello, o Stico. Noi oggi
dobbiamo intralasciar nulla in questo nostro con
vito.

S ti.

Cos Dio mi salvi, com ' vero che siamo i ben ve


nuti, quando entriam questo luogo; io voglio chia
m ar qualunque che passi da questa strad a a bere.
*

Sag.

Benissimo; ma che ognuno il vino si porti: imper


ciocch, da noi in fuori, qua niuno metter mani in
piatto: noi ci ministriamo da noi c alla baona.
Questo convito fatto come la borsa ne disse;
noci, fave, fichi, un piatto d ulive, lupini, e un
chicchirili ben trinciato. Basta! Un servo dee pi
tosto esser stretto che spendente. Ognuno fa il
passo come la gamba. Chi nuota nel lardo beve

A t nos nostro Samiolo poterio tam vivim us,


Nos tamen ecficimus pro opibus nostra moenia.
Am icae uter utrubi adcumbamus?
S t i.
A b i tu sane superior.
Alque adeo (u t tu scire possis, factum ) ego tecum
hoc divido:
Fide, utram tibi lubet etiam num capere, cape pro
vinciam.
S jg . Quid istuc est provinciae?
S t i.
,
Utrum Fontinali, an Libero,
Im perium te inhibere mavis?
S jg .
Nimio liquido Libero,
Sed am ica mea et tua dum comit, dumque sese
exornat, nos volo
Tam ludere inler nos. Strategum te facio huic con'
vivio.
S t i . N im ium lepide in mentem venit. Potius in subsellio
Cynice accipimur, quamde in lectis?
S ag.
Im o enim hic mage dulciust.
Sed inierim , stratege nosler, cur hic cessat cantharus?
Fide, quot cyathos bibimus.
S t i.
Tot; quod digiti sunt tibi in manu.
S ag. Cantio est
n e v ze m v ',
rpiQ %i, e t p q r e t tapa:

Tibi propino decuma. Fontem tibi lute inde, si sapis.


Bene vos! bene nos! bene te! bene me! bene nostram
etiam Stephanium.
S t i . Bibe, si bibis.
S ag.
N on m ora erit apud med.
S t i.
Edepol convivi sal eslj
Biodo nostra huc amica accedat. Id abestj aliud
nil abesl.

Sii.

Sag.
St i .

Sag.

ia ciotole, belHconi, e boccali, e noi viviamo stes


samente colle nostre scodelle di terra, noi muria
mo come possiamo. Da che parte ci porrem noi
accanto 1 arnica?
Va pur tu in alto. E, perch tu la intenda meglio,
io divido teco anche questo: guarda qual provin
cia meglio ti piaccia, e tu prendila.
Che provincia questa?

Vuotu piuttosto comandare a Fontinale o 'a Bacco?


Piuttosto a Bacco pigiato. Ma intanto che la mia e
tua amica si raffazzona, mentre che la si rinfronzisce,
io voglio che tra noi ce la spassiamo. Io ti fo ge
nerale in questo convito.

Sti.

Bella fantasia questa certo: starem

alla

cinica

Sag.

noi su trespoli, o in letto?


Questo meglio, ma frattanto, generai mio, perch
sta qui muto il pechero? guarda quanti ne ab -

Sti.
Sag.

biam sugati.
Tanti quanti, hai diti in una mano.
E v la canzone: trincane cinque, trincane tre ,
ma q u attro mai: questo calicione alla tua salute,
tu va al pozzo se hai senno: pr a yoi! pr a noi!
p r a te! pr a me! pr anche alla nostra S tefanio.

Sti.

Ma bevi se vuoi bevere.

S ag.
St i .

Non la proser tanto.


In f di valentuomo che questo convito di tu tto ab
bonda; venga ora 1 amica nostra; questo vi manca,
e non altro.

S jg . Lepide hoc aclum est. Tibi propino cantharum . Vi


num tu habesj
N im is vellem aliquid pulpamenti.
S t i.
S i horum , quae adsunt, poenitet,
Nihil est. Tene aquam.
S jg .
Melius dicis. N il m oror cupedia. ( \ 1 )
Bibej tibicen! age, si quid agis! bibendum hercle
hoc est! ne nega!
Quid hoc fastidis, quod faciundum vides tibi esse?
quin bibis?
Age, si quid agis/accipe, inquam! non hoc inpendet publicum.
Haud tuom istuc est, vereri ted. Eripe ore tibias!
S t i . Ubi illic biberit, vel servato meum m odum , vel tu
, .
dato:
Nolo ego nos pro sum m o bibere: nulli re erimus
postea'
Namque edepol quamvis desubilo vel cadus vorli po
testS jg . Quid igitur? Quamquam gravatus fuisti, non nocuit
tamen.
. Age, tibicen, quom bibisti, refer ad labia tibias!
Suffla celeriter tibi buccas quasi proserpens bestia!
Agedum , Stiche: uter demutassit, poculo multabitur.
S t i . Bonum jus dicis. Inpetrare oportet, qui aequom po
stulat.
S jg . Age ergo, observa! S i peccassis, m ullam hic reti
nebo eloco.
S t i . Oplumum alque aequisstimum oras. H em tibi hoc
prim um om nium /
Haec facelia est, am are'inter se rivalis duos.

Sag.

Sti.

Sag.

Sti .

Egli fu ben fornito. Quest cantaro alla tua salute.


Tu hai il vino, e io vorrei sbocconcellare qualche
boccone.
Se non ti bastan questi, basta pi nulla: prendi
1 acqua.
Tu parli da savio; non so che farne di tanto gras~
sume. Bevi, o suonatore, sbrigati! tu gi 1' hai da
insaccare, non rifiutarti! e perch fai su lo stoma
cato in cosa che pur devi fare? ch non bevi? su,
spacciati! prendilo, ti dico! qua non si froda la ga
bella. Non de pari tuoi il vergognartene. Tira
via quel flauto di bocca.
Quando colui avr bevuto, o tu fa a modo mio, o
tu dinne u n altro: non voglio io che si colmino
cos questi bicchieri; sarem dopo a mal partito, im
perciocch ben presto al botticello v err giuso

la

vinaccia.
Sag.

E s? quantunque n sii stato carico, pure non tha


fatto male: su, adesso che hai trincato, riporta il
pifaro alla bocca! soffia, e sprizza la lingua come
una biscia. Animo, Stico, chi non sta a questi patti
-sar condannato nel bicchicro.

Sti.

T u parli giusto: si pu facilmente obbedire chi


cerca cose oneste.

Sag.

Bravo adunque, vattene cauto! se spropositi, io su


bito tasso la multa.
T u ragioni da valentuomo: bada a questo anzi tutto.

Sti.

Questa

eh ben m archiana, che

due rivali.

Uno cantharo potare el unum scortum ducere.


Hoc memorabile est: ego tu sum , tu et ego: una
nim i sumus.
Unam am icam am am us ambo, mecum ubi est tecum est tamenj
Tecum tibi autem est, mecum ibidem esj neutri neu
ter invidet.
S ag. Ohe, ja m salis est: nolo obeaedas. Catuli ul ludunt,
nunc volo.
Fin am icam huc evocemus? Ea saltabil.
S t i.
Censeo.
S jg . Mea suavis, amoena, amabilis, ad tuos amores, Ste
phanium ,
Foras egredere! salis m ihi pulcra es.
S ti.
A t enim pulcerruma.
S j g . Fae nos hilaros hilariores opera alque adventu tuo!
Peregre advenientes te expetimus, Stephaniscidium,
mei meum,
S i amabilitas libi nostra placet, si tibi ambo ac
cepti sumus!
SC E N A
S

t e p h jn iv m ,

T.

S j g j r i n v Sj S

t ic h u s.

S t e . M orem

vobis geram, meae deliciae. N a m ita


,
Me Fenus amoena amet,
Ut ego jam dudum huc exissem similtt vobiscum fo - ras,
Nisi me vobis exornarem: nam

ila ingenium est


muliebre:

cos si amino in tra di loro, e che bevano nella


stessa coppa, e che abburatino la stessa farina.
Questo

degno

di storia, io son te,

e tu

sei

me: noi siam del medesimo animo, noi due amiamo


u n a sola donna, quando meco e anche con te ,
e quando con te la si trova, la si trova anche con me,
e l uno non h a aschio di sorta all altro.
Sag.

Ohe, basta ornai: non voglio che qui tu mi faccia


u n a tragedia; or voglio che noi giuochiam come
fanno i cani. Vuoi che chiamiam fuori 1 amica?
ella far q u attro salti.

Sti .
Sag.

Cos io penso.
0 m ia cara, dolce, amabile, vien fuori a tuoi a -

Sti.
Sag.

m ori, o Stefaniol abbastanza ti se fatta bella.


Anzi bellissima.
T u colla tu a venuta di contenti facci contentissimi 1
Dopo tanto ran g o lar pel mndo ti aspettiam o, o
Stefaniuccio, mio mele, se p u r non ti sa d agresto
il nostro am ore, se ambedue ti siam cari.

SCENA

V.

S t e f a n i o , S a g a r in o , S t i c o .

Ste.

far a modo vostro, delizie mie, e cos buon


mi dica la bellissima Venere; com io gi sarei pri
ma venuta fuori con voi, se non mi fossi accon
ciata un poco per amor vostro. Imperciocch cosi
son fatte le donne, che quando le sono ben lavate,

Io

Bene quom lauta, tersa, ornala, fid a

est, infida

esl tamen.
Nimioque sibi mulier meretrix reperii odiunt ocius
Sua inmundilia, quam in perpeluom til placeat m un
ditia sua.
S j g . N im ium lepide fabulata est.
S t i.

Feueris m era est oralio.


Sagarine!
S jg .
Quid est?
S t i.
Tolus doleo.
S jg .
Tolus? Tanto mUerior.
S te . Utrubi adcumbo?
S jg .
Utrubi tu vis?
S te .
Cum ambobus volo: nam ambos amo.
S t i . Fapulat peculium! aclum est! fugil hoc Libertas
capuli
S te . Date m ihi locum, ubi adcumbam, amabo, si quidem
placeo. Tum ibi
Cupio cum utroque bene m ihi esse.
S t i.
Dispereo . . .
S jg .
Quid ais?
S te .
Quid ergo?
S t i . Ita me di ameni nunquam enim fiet, hodie haec
quin sallet tamen!
J g e , mulsa mea suavitudo, salta! saltabo ego
simul.
S jg . N unquam edepol med istoc vinces, quin eg ibidem
pruriam.
S te . S i quidem m ihi saltandum est, tum vos date, bibat
tibicinu
S t i . Et quidem nobis.

Sag.
S ri.

S.vg.

Sri.
Sag.
Ste.
Sag.

Si e .
S ti.
Ste.

Sri.
Sag.
Ste .
Sti .

Sag.
S te .
Sti.

pulite., adorne, e stuccale non sono ancora couten


te. Una cortigiana se non la pulita la arreca
subito dispetto, ma la piace sempre se la si mo
stra ben concia.
Con che senno l ha parlato!
Queste son le parole dolciate di Venere. 0 Sa
larino!
Che hai?
Mi duole ogni osso.
Ogui osso? tanto peggio.
Dove mi siedo io?
Qual luogo tu vuoi?
Io voglio esser con I uno e con 1 altro; perch rt
amo tuttadue.
La mia cassa va in conquasso! buona notte! libera
non sar mai la mia zucca!
Fatemi luogo, ov io mi ponga: deh, se pur non vi
sono ingrata ho piacere trovarmi con 1 uno c
1' altro.
Io sono sconfitto . . .
Che dici?
E s?

Cos mi dia bene Iddio, costei non se la potr,


scappare senza fare un bel riddone! . Su, amor
mio, mio piacere, balla, che ballo aneli io.
In questo non me 1 accocchi, che anch io non me
n& senta prurito.
Se ho da far quattro salti, voi bagnate un-po il
piffero a questo suonatore.
E bagneremo anche noi.
Vol. IV. P lau t.

n o
S jg .
Tene, tibicen, prim um j pottidea loci.
S i hoc eduxeris, proinde, ul consuetus antehac, ce
leriter
Lepidam et suavem cantionem aliquam occipito ci
naedicam ,
Ubi perpruriscamus usque ex unguiculis. Inde
huc aquam.
Tene tu hoc; educe. Dudum haud placuit potio j
Nunc minus gravate ja m accipit. Tene, tu.
Interim ,
Meus oculus, da m ihi savium , dum illic bibit.
Prostibuli est autem, stantem stanti savium
Dare am icum amicae.
S t i.
Euge, Euge! Sic fu ri datur!
( Quid igitur? Quamquam gravatus, non nocuit ta
men J.
S jG .J g e , ja m infla buccas.
N unc ja m aliquid suaviter
S t i.
Redde cantionem veteri pro vino novam.
S jg . Qui Jonicus aut cinaedicus, qui hoc tale facere pos-

sietf
S i istoc me vorsu viceris, alio me provocato!
Fac tu hoc modo/
S t i.
A t tute hoc modo!
S jg .
Babae!
Tatae!
S t i.
S jg .
Papae!
S t i.
pax.
S jg . N unc pariter ambo. Omnis voco cinaedos, contra
stelis!

Saa.

Bevi fa primo, suonatore; e dopo, quando avrai


sugato presto il pechero come Tosti sempre assuefat
to, metti in tuono qualche bella, graziosa, e piaeevol
canzona che ci pizzichi e che ci grilli fin nell* ugoe.
Metti qua dentro un p* d4 acqua prendi,
bevi. Pur ora non la ti and troppo a sangue
questa bibita; ora fa men il ritroso. Piglia.
Intanto, pupilla mia, qua un baciozzo mentre
colui si beve. Non troppo dicevole il far questo
all amante, presente l amico.

Sti.

Viva, evviva! Cos si d al ladro. ( E si? av


vegnach glien incresca, non ha fatto male ).

Sag.

Su, ora zufola.

Sti.

Or via, con bel garbo intuona qualche nuora can


zona dopo il vin vecchio.

Sag.

E qual jonico, o ballerino pu fare un salto come


il mio? se tu mi vinci in questo, cartellami con

rat altro, fallo tu!


Sti.

Tu adesso!

Sag.

Ah!

St i .

Viva!

Sag.

Bravo!

Sti.

Basta!

Sag.

Siam tuttadue d un valore. Io slido i ballerini

Salis esse nobis non magis potas est quam fungo


im bris.
S t t, Intro -hinc abeamus nunc ja m : saliatum satis pro
vino est.
Ko, spectatores, plaudite atque ile ad vos comm issalum.

Fi m s

S tichi.

che ci slieno contra. fa quel male il vino a noi


che fa 1' acqua ai funghi.
Andiara dentro, per quel che abbiam bevuto abbiam saltato abbastanza. Applauditeci, o spettatori,
e ite a pigliarvi buon tempo.

ipe

dello

S t ic o .

NOTE

(1) Per jocum ita loquitur Dinacium: nam contra sentit,


videndum sibi esse^ et sorori, ne quid minus ob*
noxiae sint omnibus opibus maritis suis propter
ea, quae ipsi in se admiserint. Intempestivarum
ejusmodi facetiarum non immunis Plautus. Nam
quod affines culpae interpretantur, non congruit
verbis omnibus opibus.
(2) In varie guise leggevano le volgale questi versi, io
ho voluto starmene con Bothe.
(3) Versi del codice Ambrosiano inediti.
(4) Le volgate sed m atrem parere nequeo, nescio quomodos badi il filologo quanto sia migliore la le
so n e Ambrosiana sed matrem parere netcio, nec
quid ogam scio.

(5) Vulgo: m vere perierit, si coenassit domi. Pistoris


apud Taubmanmim ( nara ipsas viri in Plaulura
annotationes, ab hoc cum alibi tura ad Rud. IV,
A, 7 (951) commemoratas, mihi videre non magis
contigit, quam Gronovio) sed is locum sic inter
pretatur: Velim huic verbo Vocem ie ad coev a m , nisi egomet coenem foris lumbos defractos
esse, nisi ille, qui id usurpat, continuo pereat, si
me eo delusit, et domi nihilominus cocnat. Quam
explicationem ineptius refutat Boxhornius. Corrup
tum esse t q perierit, nemo facile dubitabit, cujus
loco MSS. exhibent perierit edd. aliquot primae
pleuerit. Reponendum vidi perjuret, vel potius pe
jeret, quod saepissime cum illo commutatum; Quo
niam perjuri, quales sui scculi homines putat pa
rasitus, quidquid dicunt, pejerant, joco inexpectato
li.omo infert iVi vere pejeret pro eo quod est 2V*
vere dicat, ut qui fieri non posse arbitretur quin
pejeret, quicunque hac exusatione utitur, quomodo
fere' leno Lvcus Poen.
(6) Versi Ambrosiani
(7) A [iixp o i id est (tixpot; et t p o y t v i id est fodere,
quasi Paucirodus. Convenit autem hoc verbum Pa
rasitis qui, ut mures, aliena rodunt. Ctot Taubman.
(8) Ho seguita l interpretazione di Lambino.
(9) Qua il codice Ambrosiano segna un verso da porsi:
io non ci ho trovato luogo opportuno e per ho
giudicato metterlo in tra le rtotc; il verso " que
sto est tandem aliquando importunam exigre. '
(10) Cosi legge Maj: le volgale homines servols: prima
di queslo sono segnati altri frammenti eh io non

ho sapulo mettere a posto e quel che mi duole


che vi era questo verso intero. D ari ut eum
verberabundum adducam domum.
( 1). Coenctn ilii apud te J Ita MSS., recte. Submissa
voce haec Gelasimus, ut auditores tantummodo
exaudiant, Epignomus vero solemnem illam for
mulam audire se putet, qua peregre advenientes
compellabant, Coenabis hodie apud me, de qua
cf, Ba. 448 sqq. Epid. 5 sq., quamque etiam hoc
loco inculcaverunt editores male feriati, excudentcs:
Coenabis apud me, quoniam salvos advenis. Mox
462 aperte suam sententiam dicit homo, itemque
apertiore joco Astaphium Truc. -103: Peregre quo
niam advenis, coenetur, ubi z a coenelur aeque
stolide suffecerunt coena detur.
(12) Mal le volgate leggevano Focaia. Corr. Ambrosiana,
fra il verso .29 e 30 di questa scena altri due ve
ne erano

(13)
(14)
(15)
(46)

Sed quoniam nihil processit, at ego ha (ud) ero


Apertiorem (aget) vix ita plane loquar,
Piuttosto che altri qua mi piacque seguir Lambino.
A u e t p ; libri: Nunc go nolo e Gelasimo m ihi tt
Catag.
Le volgate leggevano Fincea - Lezione Ambrosiana
assai bella.
0 litera in Homi elidenda. Cf. 647 baliacis. Vulgo
bntiolis; sed MSS. et vett. cdd. baliochis vel batiohis, unde istud nobis ortum. Turnebus Adverss.
XVI, 44: Nomina, ingi'/, poculorum graeca sunl
in hac fabula, scaphium, cantharus, baliolaj sed
hoc postremum sic appellatum a Nonio Athenaeus

lib. II. (pag. 484) baliacam vocat et Baliacium;


affert enim e Diptilq: Tip, Stic rpayeatpoe,, B a -riaxtl appoviov. (Libri vitiato metro T p a y e a <poc, itp t ic , fi., X. A a.paio* olim vulgato Aafipavt,o<; jam alii suffecere. Bot.) et mox subjicit.*
A id v (io f de oftoiov eiv0.1 oriaiv (minus recte
Turnebus a v r Bot. fiopfivA io ri fia n a x io et
libentius assentiar Athenaeo quam Nonio, praeser
tim quum quaedam etiam Plauti edd. ( velut Junt.
Both.) batiocis hodie axbibeant.
(i 7) Festus: cupes et cupedia antiqui lautiores cibos no
minabant.

TRINUMUS

IL TRINUMMO

? / 'H&rinumm*
d i * d .

* / ccio

tra m u ta to -

in

volpar**

PIERLUIGI DONINI
c o flo c a

n e f /la tr o c in io

d e n ctn e cAiawemo
di

GIAMBATTISTA N1CC0L1M
accadem ico d efla

C
&rM u*

i f p o a te
fio /e n / jim o

d ef/f m ^ jfn o

dcric oliere
i/i cao t/o contendono / eccedenza,
c
e

d ig n it d e f jopjpe/fo
/#

n o $ i$

d e$ a , fiatto/b.

PERSONE DELLA FAVOLA

L u x u r ia 1
I nopia
{ PROLOCUS
M egaronides
Callic les
L y s it e l e s
PniLTO
L esbokicus
S tasimus
Ch arm id es .
SrCOPHANTA

I l L usso
L a P overt'
Megaronide
Callicle
L isitele
F iltone
L esbonico
Stasiho
Carwde
Ciurmatori

La Scena in Alene.

PROLOGO

PROLOGUS
L uxuria, I n o p ia .

L u x .Sequere liac me, gitala, ut munus f u n g a m tuoni.


I n o . Sequorj sed finem f o r e quem dicam nescio.
L u x .Adest: hem, illaec sunt aedes. I intro nunc ja m .
N uncj ne quis erret vostrum, paucis in viam
Deducam, si quidem operam dare promittitis.
Nunc igitur prim um , quae ego sim et quae illaec
'
'
siet,
H uc ijuae abiit intro, dicam , si anim um advortitis.
P rim um m ihi Plautus nomen Luxuriae indidit;
Tum illanc m ihi gnatam esse voluit Inopiam.
Sed, ea quid huc introierit itipulsu meo,
Accipite et dote, vacivas auris, dum eloquor.
Adulescens quidam est, qui in hisce habitat aedibusj
Is rem paternam me adjutrice perdidit.
Quoniam ei, qui me alat, nil video esse reliqui.
Dedi mam gnatam , quicum aetatem exigat.
Sed de argumento ne exspectetis fabulae:
Senes, qui huc veniunt, h i rem vobis aperient.
Huic nomen est Thesauro graece fabulae j
Philemo scripsit; Plautus vortil% arbare,
Nomen Trinumo fecit. Nunc vos hoc rogat,
Ut liceat possidere hanc nomen fabulam.
Tantum est. Falele; adeste cum silentio.

PROLOGO
il

Lus.
Por.
Lus.

Lusso

la

P o v e r t '.

Yicu qua, figlia mia, a compiere il dover tuo.


Vengo. Ma dove mi abbia a fermare noo lo so
ancora.
Q u a : bada, quella una casa: tu va dentro. Ora,
affinch pigli errore nissuno di voi, io vi metter
in via, se mi promettete di stare attenti. Sopra
ogni cosa adunque, se voi attendete a me, vo farvi
assapere chi sia io, e chi colei che and l den
tro. Sappiate anzi tutto che Plauto ha voluto chia
marmi il Lusso e che fosse la Povert mia figliuola;
ora sentitemi perch la sia entrata quivi per mie
ordine: ascoltatemi bene. Vha un giovane, e quella
la casa sua, il quale, spinto da ine, ha dato
fondo alla sostanza del padre: e dappoich io non
ci veggo rilievo, da papparmi, gli ho lasciato la
figliuola acci egli tiri con essa il resto desuoi d.
Non vi aspettate 1 argomento della commedia, i
vecchi che vengono a questa volta ve lo diranno.
In Greco questa favola la si chiama il Tesoro; Filemone la compose; Plauto lha fatta volgare e la
chiam il Trinummo; ora egli vi prega di questo,
che a cotal favola non si rimuti il nome. Basta:
Iddio vi salvi: state qui senza far molto.

Vol. IV. P laut.

-15

ACTUS 1.
SC EN A

1.

ilBGAROHIDKS.
N a t am icum castigare ob merita, nunc male
Inmoene est facinus, verum in aetate utile
Et conducibile. N am ego am icum fiodie meum
Concastigabo pro conmerita noxia
Jnviltts, n i id me invitet ut faciam fides.
N am hic nim ium morbus mores invasit bonos:
Ita plerique omnes ja m sunt intermortui.
Sed, dum illi' aegrotant, interim mores m oli,
Quasi herba inrigua, subcreoere uberrume,
Neque quidquam hic vile nunc est, nisi mores m ali;
Eorum licet ja m messem metere m a xu m a m j
Nimioque hic pluris pauciorum gratiam
Faciunt pars hominum, quam id, quod prosit plu. ribus.
Ita vincunt illud conducibile gratiae,
Quae in rebus multis obstant odiosaeque sunt,
Remoramqtte faciunt re privatae et publicae.

ATTO I.
SCENA

I.

M e c a r o n id k .

Egli pur rero come son vivo che Io scamatare, quando


sei merita, i panni all* amico cosa spiacente e
punto non solazzevole, per quanto sia di utile e
di bene in questa vita umana. Oggi vo fare in
capo ad un mio sozio una buona rammanzina,
lo fo ma) volentieri; ma pure vi sona spinto dalla
amicizia. questo

un male

appiccaticcio, ca-

gion sua, le buone usanze sono quasi tutte ite in


dileguo. 'Ma intanto che quelle

se ne stanno

in mal punto, i rei costumi crebbero a maravi


glia, come le lappole th si adacquano, di guisa
che oggid in questo paese non vi ha altra
abbondanza che di tristizie. D' esse puossene fare
un grande

ricolto; qui assai uomini fanno pi

conto della grazia -di pochi,

che del vantag

gio di molti. Cos quello che pur sarebbe il gran


bene, soperchiato da questi favori dannosi a molti
e dimpaccio alla prosperit privata e pubblica.

C l lic l e s , M egro xid es .


CjL.Larem corona nostrum decorari volo.
Uxor, venerare, ut nobis haec habilalio
Bona, fausta, felix, forlunalaque evenat,
Teque ut, quam prim um possit, videam ecmortuam.
M eg.H c ille est, senecta aetate qui faetust puer,
Qui admisit in se culpam castigabilem.
Adgrediar hominem.
C l .
Quoja vox prope me sonai?
M eg . Tui benevolentis, sid ila es, ut ego volo;
S in aliler es, inim ici atque ira ti Ubi.
Cal .O amice, salve, atque aequalisl ut vales,
Megaronides?
M sg .
Et .tu edepol salve, Callicles.
Falen? valuislin'?
C i .
Valeo et valui rectius.
M eg. Quid agit tua uxor? ut valet?
Plus, quam ego volo.
Cl .
M eg . Bene hercle estj illam tibi valere et vivere.
Cjl . Credo hercle te gaudere, si quid m ihi m ali est.
M eg . Omnibus amicis, quod m ihi est, cupio esse item.
Cl . Eho, tua uxor quid agii?
Inm ortalis est:
M eg .
Fivit victuraque est.
C l .
Bene hercle nuntias,
Deosque oro, ut vitae tuae superstes suppetat.
MKG.Dum quidem hercle tecum nupta sit, sane velim.
Cl . Fin" conmulemus? tuam ego ducam et tu meam?
Faxo haud tantillum dederis verborum mihi.

Callicl, Megaronide.
C a l.

Meg.
C al.

Meg.
Cal.

Meg.

Cal.
M eg.
Cal.

Meg.
C al.

M eg.
Ca l.
M eg .
Cal.

M eg.
Cal.

Io voglio che singrillandi il nostro lare. Prega,


o moglie, che questa casa la ci sia buona, pro
spera, felice, fortunata, e che te possa vedere
quanto prima al cimitero.
Ecco T uomo che di vecchio si fatto bambino, e
che ha fatto un farfallone da coreggia. Laffronter.
Di chi la voce che mi sento appresso?
Di un amico se mi sei conforme io ti voglio; se
vuoi essere altmmenti di un nemico cordiale.
0 amico, o sozio, addio! come ti ritrovi, o Megaronide?
,
Che Dio ti ajuti, o Callide. Se tu sano? se tu sem
pre stato bene?
Sempre, senza un dolor di capo.
Che fa mogliata? Come la sta di salute?
Meglio di quanto vorrei.
La cosa proprio buona che ella ti sia sana e
viva.
Io credo che tu ci goda se ho qualche m alanni.
Io desidero agli amici tutto quello che ho io.
Ahu! e che fa tua moglie?
una diessa: la vive, e non la m orr mai.
Questa novella mi gioconda; prego Dio che la ti
vegga seppellire.
E lo vorrei anchio purch fosse tua.
Vuotu fare un cambio? Io torr l tua, tu avrai
la mia;, s far in guisa che non mi darai pi il
giambo.

M eg. Nam quidem tu, credo, m i imprudenti obrepseris.


C / l. iVae <u hercle faxod haud sciesj quam rem egeris.
MEC.Habeas, ut nactus: nota mala res opluma est:
N a m ego nunc si ignotam capiam, quid agam,
nesciam.
t
Edepol proinde ut bene vivitur, diu vivitur.
Sed hoc anim um advorte, alque aufer ridicularia:
N am ego dedita opera huc ad te advenio.
Cj l .
Quid venis?
M eg . Malis te ut verbis mullis m ultum objurgitem.
Cj l . Men ?
M g . Num quis est hic alius praeter me alque te?
Cj l .N emo est.
M eg.
Quid igitur rogitas, ten objurgitem,
N isi tute m ihi me censes dicturum male?
N a m si in te aegrotant artes antiquae tuae,
Sive inmutare vis ingenium moribus,
J u t si demutant mores ingenium tuom.
Ncque eos antiquos servas, ast captas novos,
Omnibus amicis morbum tu incuties gravem,
Ut te videre, audireqiie aegroti sient.
Cj l . Qui in mentem venit libi istaec dicta dicere?
M eg .Q uia omnis bonos bonasque adcurare addecet,
Suspicionem et culpam ut ab se segregent.
Cj l .N oh polis utrumque fieri.
M eg.
Quapropter?
Cj l .
Rogas?
Ne adm ittam culpam , ego meo sum promus pe
rfori;
Suspicio est in pectore alieno sita.
. N a m nunc ego si te subripuisse suspicer

Meg.

Ben cred' io non arriveresti a fischiarmela.

Cl.

Non sapresti negozio che avessi fatto.

Meg.

Cal*

Tientela conforme Dio te 1 ha data: mal cono


sciuto ancor cosa buona: se io ne togliessi una
nuova non saprei dove prenderla: insomma la vita
lunga se la si vive bene. Ma ora sta attento,
lascia andar questi strambotti: a bella posto io
vengo a te. A che fare?

Meg.
Cal.

A me?

Meg.

V' ha qui forse u n altro fuori di noi due?

Cal.
Meg.

Nissuno.
E perch dimandimi tu adunque chi io venga a
rimprocciare? Cre tu che io voglia sgridar me me
desimo? Imperciocch se in te sono ora a mal ter
mine le arti che tu avevi un di, se vuoi addattar
1 animo alla moda, o se la moda che ti cambia
1 animo, se tu lasci gli antichi costumi per pren
derne de nuovi, tu arrechi tal passione agli ami
ci che quando e' ti veggono o ascoltano, scntonsi
spaccare il cuore.
Diamine! perch ti venne in m ente cotesto?

Cal.
Meg.

Cal.
Meg.
Cal.

P er d arti una lavala che ti levi la pelle.

Perch ogni dabben uomo dee pigliarsi briga del


le cose buone, e allontanar da s ogni sospett
ogni colpa.
Non si hanno queste due cose.

Perch modo?
Dimandasi? Io ho la chiave del mio cuore acci
la colpa stia serrattf*Tuori, ma il sospetto alloggia
in altri. Pognamo suspicassi io avessi tu arrappat

Jovi coronam de capile e Capitolio,


Quod in culmine adstat sum m oj si id non feceris,
j4lque id tamen m ihi lubeal suspicarier,
Qui tu id prohibere me potes, ne suspicer?
Sed istuc negoti scire cupio, quidquid est.
M se./Iaben tu am icum aut fam iliarem quempiam,
Quoi pectus sapiat?
Cjl .
Edepol ( haud dicam dolo )
Sunt, quos scio esse amicos; sunt, quos suspicor;
Sunt, quorum ingenium atque animus non pote
noscier,
J d am ici pariem , an ad inim ici pervenal:
Sed tu ex afnicis certis m i es certissumus.
S i quid scis me fecisse inscite aut inprobe,
S i id m e adcusas, tuie objurgandus;
M kg.
Scio,
E t, si alia huc causa ad te adveni, aequom postulas.
Cj l . Exspecto, si quid dicas.
U es.
* Prim odum omnium
Male dictitatur tibi volgo in sermonibus:
Turpilucripidum te vocant cives tui;
Tum autem sunt alii, qui te vollurium vocant:
Hostisne an civis comedis, parvi pendere.
Haec quom audio dici in tedi excrucior miser.
Cj l .E st atque non est m i in m anu, Megaronides:
Quin dicant, non eslj merito ut ne dicant, id est.
M ee.F u itn t me tibi amicus Charmides?
Cj l .
Est et fuit.
Jd ita esse ut credas, rem tibi auctorem dabo.
N a m postquam hic ejus rem confregit filius,
Stque ad paupertatem ipse protractum videt,

Meg.
Gal.

Meg.

Cal.
Meg.

Cal.

Meg.
Cal.

snl Campidoglio la coroua a Giove, e he fatto non


lo avessi., ma a me piacesse di dubitarne, dimmi,
potrestu impedirmelo? Ma io desidero sapere che
combibbia sia questa?
Hai tu qualche amico, o famigliare che ci vegga
diritto?
In f di valentuomo ( per non dirti bugia ) sonvi
alcuni che so essermi amici; altri*-ve ne sono di cui
io dubito, e altri eh io non ho potuto ben rac
cogliere come la pensino, o se pi si accostano ai
miei nimici, o a benevoli. Ma tu de miei certi
amici se il pi fidissimo. Se tu sai che io abbia
fatta cosa da bestia, o poco buona in quanto al1' onest, non facendomela conoscere tu se* da rim-r
proverare.
So: e se per altra ragione son qua venuto io, tu
avreste a rammaricartene.
Aspetto che mi voglia tu dire.
Anzi ogni cosa, tu se divenuto la favola del vol
go. I cittadini ti gridano baro e furfante, altri,
quasi che questo fosse poco, ti dnno dello avvoitojo, e che niun caso ti fai in magnar chicchessia,
amico o patriota sia egli. Io sentendone tante del
fatto tuo sono messo in sulla croce.
'
In mia mano non , o Megaronide, il farli tacere,
che non lo dicano con giustizia.
Ti fu amico questo Carmide?
, e fu: ma, perch tu resti convinto meglio, il
fatto ti sia la prova. Dappoi che il suo figliuolo
qui gli ha mandata in bordello ogni cosa, e che
M vedea ridotto egli a far vita di accatto con una

Suamque filiam esse adultam virginem.


Sim ul ejus m atrem suamque uxorem m ortuam :
Quoniam hic iturust ipsus in Seleuciam,
M ihi conmendavit virginem gnatam suam
E t rem suam omnem el conruptum illum filium.
Haec, si m i inimicus esset, credo, haud crederet.
M eg . Quid lu? adulescentem quom esse conruptum vides.
Qui tuae mandatus est fide et fiduciae,
Quin eum restituis? quin ad frugem conrigis?
E i re operam dare te fuerat aliquanto aequius.
S i qui probiorem facere possis; non, uti
In eandem lute accederes infam iam ,
Malumque ut ejus cum tuo misceres malo.
Cj l . Quid feci?
M eg .
Quod homo nequam.
Cj l .
N on istuc meum est.
M eg . Emistin de adulescente has aedis? Quid taces?
Ubi nunc tute habitas?
Cj l .
E m i atque argentum dedi,
M inas quadraginta, adulescenti ipsi j n manum.
M eg. Dedisti argentum?
Cj l .
Facium, neque facti piget.
M eg. Edepol fide adulescentem m andatum m alaef
Dedistine hoc ei gladium, qui se occideret?
Quid secus est, aut quid interest, dare te in m anut
Argentum am anti homini adulescenti, anim i inpoti
Qui exaedificaret stiam inchoatam ignaviam?
Cj l . N on ego illi argentum redderem?
M eg.
Noti redderes,
Neque de illo quidquam neque emeres, n tq u t-ven
deres,

figliuola gi grande, e ohe m orte gli erano

la

m adre e la moglie: dovendoseneandare inSeleucia,


mi raccom and la putla, lavere e quella gioja
di suo figliuolo. vvisomi ehe se mi fosse stato,
nimico, non mi avria lasciate queste cose in Bino.
Meg .

tu che hai fatto? Visto ehe quel garzone com


messo
alla fede e alla onest tu a se ne iva colla

cavezza al collo, perch non l'h a i tu raffermo? per


ch non gli fai conoscere la buona via? A questo
saria bene stato meglio tu gli avessi data la ma
no, se p u r lo potevi riguadagnare, e non im brat
ta r te medesimo di queste ribalderie, m andando io
m alora colla sua riputaeione anche l a tua.

C al.

Che ho fatto io?

Meg .

Quello che u n tristo .

Cal.

Non de p a ri miei.

Meg.

Non hai to compera dal giovane questa casa?

C al.

L ho com pera e T ho p a g a ta , q u a ra n ta m ine ho

Or tu se mutolo? questa ove tu sei?


n o v e ra te al giovine.
Meg .

L hai pagata?

C al..

Pagata: ne mincresce del fatto.

Meg .

Oh m ale a rriv a to gio v aae, iu -che zan n e se veduto!


tu d a rg li il coltello p erch si scannasse? che bai tu
da o p p o rre , o che m o n ta il dare* HeUe m ani di u a
giovane in n a m o ra to , app etito so , q usto d e n a ro , ac
ci pi p re sto fabbricasse la. s u a rovina?

Cal.
Meg .

E dare non glielo doveva io? _ .


Giammai; n da lui com prar cosa del mondo, o
vendergliene; n offrirgli il modo affinch si faces-

N ec, qui deterior esset, faceres cepiam .


Inconciliaslin eum , qui m andalust tibi?
M e , qui m an d a vit, eum exturbasti ex aedibus?
Edepol m a n d a tu m pulcre et curatum probel

Crede huiic tute: luam rem melius gesserit.

Cj i . Subigis m aledictis m e tuis, Megaronides,


N o vo m odo adeo, quod m eae concreditum , est
T a citu rn ita ti clam fide et fiduciae,
N e enuntiarem quoiquam , neu facerem palam ,
Ut m ih i necesse sil ja m id tibi concredere.
M eg . M ihi quo credideris, sumes, ubi posiveris.
C jL.C ircum spicedum te, ne quis adsit arbiter
Nobis, et, quaeso, identidem circum spice.

M eg. Ausculto j si quid dicas.


Cj i .
S i taceas, loquar.
Q uoniam profectus hinc est peregre Charmides,
Thesaurum dem onstravit m ih i in hisce aedibus,
H ic in conclavi quodam . . . Sed circumspice.

M eg . N em o est.
Cj l .
N u m m o r u m Philippeum ad tria millia.
Jd solus solum per a m icitia m et per fidem
Flens m e obsecravit suo ne gnato crederem,
N eu quoiquam , unde ad eum id posset perm anascere.
N u nc si ille huc salvos revenit, reddam suom sibi;
S i quid eo fUerit, certe' illius filiae
Quae m ih i m a n d a ta est, habeo dotem unde dem:
Ut eam in se dignam conditionem conlocem.
M eg.P roh d i inm orlales, verbis paucis quam cito
A H um fecisti m ei alius a d te veneram .

Sed ut occepisti, perge porro proloqui.

se pi tristo. Non hai tu forse tradito chi t era


accomodato? non bai tu c a q f ia to di casa sua chi
in te pose la sua fede? S, che venne affidato in
mani che ne ebbero b ella'cu ra! Te piuttosto m et
ti
C al.

nella

sua custodia: egli far m eglio le cose

tue.
Queste tue b ru tte parole, Megaronde, mi astrin
gono per la prim a volta a m ancare a quanto venne
commesso al secreto, alla fede, alla'fidanza mia,
affinch non lo conferissi a persona, n lo palesas
si. Ma o ra necessario che io te lo dica.

C al.

Dillo p u r franco, e sta r dove 1 hai messo.


Gira 1 occhio se qui alcuno ci ascolta; deh g u ar

Meg .

dati sovente a torno.


Son tu tto orecchi, escine.

Meg .

Cal.

Meg .
Cal.

Se stai zitto, dir. Dappoich p a rtir si dovette Carmide, egli m insegn in qusta casa un tesoro,
riposto in una eotal cam era . . . Ma guarda.
Non si vede persona.
Di tre mila scudi di Filippi. Noi eram o soli, ed
egli in sull amicizia, e in sulla fede piangendo mi
giur che non 1 dessi al suo figliuolo, n ad al
cuno, acci gli potesse essere serbato intero. Ora
se egli ci to rn a salvo, io glielo rendo, se avverr
altram enti, ben vedi che io ho tanto da fare la

Meg .

dota alla di lui figliuola, che mi venne raccom an


data, acci la possa collocare in u n buon partito.
P o ter di Dio in poche parole come presto m hai
cambiato! tu tto diverso io era venuto a te. Ma ti
ra pure avanti il tuo discorso.

Cj l -Quid libi ego dicam, qui illius sapientiam


E t m eom fidelitqfem et celata om nia
Pene ille ignavos funditus pessumdedil?
MEG.Quidum?
Cj l .
Q uia, rure dum sum ego unos sex des,
M e absenle atque insciente, inconsultu meo,
A edis venalia hasce inscribit litteris.
U s e . Adesurivit m age ef inhiavit acrius
L u p u s; observavit: d u m dorm itaret canes,
Gregem universim voluit lotum avortere.

Cj l .F ecisset edepol, n i haec praesensisset canes.


Sed nunc ; rogare ego. vicissim te volo.
Q uid fu it officium m eum m e facere, face sciam .
V iru m indicare m e ei thesaurum aequom fu it,
A d vo rsu m quam ejus me obsecravisset paler?
A n ego aliu m paterer dom inum fieri hisce aedibus?
Q ui e m iu e t, essetne ejus ea pecunia?
E m i egomet potius aedis; argentum dedi
T hesauri causa, ut salvom am ico traderem ;
N eque adeo hasce em i m ih i neque usurae meae;
Illi redem i ru rsu m , a me argentum dedi.
H aec, s m sunt recta, seu 'pervorse facta sunt,
Egom et fecisse confiteor, M egaronides.
H em mea tibi m alefaciat hem avaritiam m eam !
H ascine propter res m aledicas fa m a s ferunt?
M eg . Pausa. F icisti castigatorem tuom ;
Occlusti linguam : nihil est, quod respondeam.
Cj l .N uuc ego te quaeso, ul m e opera et consilio ju ves,
C om m m iicttque hanc m ecum m eam provinciam .
M eg . Polliceor operam.
Cj l .
E rg o ubi eris paulo post?

Cal,

Che vuoi ti dica io, se non che fummo ad un pelo


che e la previdenza dell' uomo, e la lealt mia, e
tu tto il segreto non andassero al diavolo per quel
balrdo!

Meg .
Ca l .

Come?
Perch m entre eram i in villa da sei giorni soli,
nella assenza mia', senza mia saputa, senza farm i
m otto di nulla, pubblica 1 asta di questa casa.

Meg.

Che fame gli si aguzzava in gola a questo lupo:


stette attento egli se dormisse H cane, ei volle
d isertar tu tta la greggia.

Cal.

E fatto 1 avria, se il cane sentito non n i avesse


1 odore. Ora vo' farti qualche dimanda anch io.
Dimmi che avresti fatto se fossi ne panni miei?
L una delle due o insegnargli il tesoro contro il
divieto del padre, o perm ettere che un altro suo si
facesse anche il marsupio. L a casa l ho piuttosto
com perata io, 1 ho pagata in grazia del tesoro
p er risegnarlo salvo all amico; n io 1 ho com pera
p er m e, n per serv im en e , m a l ' ho redenta e ho
sborsato del mio. Eccoti la faccenda, se questo
delitto, confesso,. M egaronide, essere questa mia
colpa. Eccoli i miei assassinamenti, eccoti il bel

M eg.

Cal.

taccagno che sono io! Ed p er ci che mi taglian


tanto i panni addosso?
Acchetati tu hai sopraffatto iL m aestro, tu mi hai
chiusa la bocca! io ho nulla a rispondere.
Ora io ti prego che mi ajuti e coll opera e. col
consiglio, e che pigli meco in comune questa pro
vincia.

Meg .

Te lo prom etto.

Cal.

D oy sarai fra poco?

M z .

D om i.

CAL.Numquid vis?
M t* .

Curea tu a m fldem .

Ca l .
M

es

Fil sedula.

. Sed

quid ais?

Cal .
Quid vis?
M eo.
Ubi nunc adulescens habel?
Cj l . Posticulum hoc recepit, quom aedis vendidit.
M eg.I stuc volebam scire. T sane nunc ja m .
S e d quid ais? quid nunc virgo? nem pe apud te esi?

'C j l .

Ha esi,

Ju xta q u e eam curo cum m ea.


M eg.
Recte facis.

CAL.Num, priusquam abbilo, me rogitaturus?


M eg .
Fale.
N ih il est profecto stultius neque stolidius ( \J
Neque mendaciloquius neque argutum m agis ,
Neque confidentiloquius, neque perjurius,
Q uam u rbani adsidui cives, quos scurras vocant.
A tq u egomet m e adeo cum illis u n a ibidem traho.
Q ui illorum verbis falsis acceptor fu i,
Qui o m n ia se sim ulant scire, nec quidquam sciunlj
Quod quisque in anim o aut habet, aut habilurust,
sciunlj
S ciu n t quid in aurem rex regintte dixerit:
S ciu n t, quid Ju n o fabulata est cum Jovej
Quae neque fu tu ra , neque fa cta , illi ta m sciunlj
Falson a n vero laudent, culpent, quem velint,
N o n flocci fa ciu n t, dum illud, quod lubeat, sciant.
Omnes m ortalem hanc ajebant Calliclem
In d ig n u m civitale hac esse vivere,
B onis qui hunc adulescentem evorlisset suis:

Meg.

In casa.

Cal.
Meg.

Vuoi qual cosa?


Che osservi la parola.

Cal.

Non ci pensare.

Meg.

Che hai d altro?

Cal.

Che vuoi?

Meg.

E dove abita ora quest giovine?

Cal.

E i q u an d o

ha

fatta

la ven d ita

$ rise rv ato un

ap p a rta m e n to di dietro.
Meg.

Voleva sap er questo. O ra vaiten e. Ma che mi a g


giungi? e la fanciulla? in casa tua?

Meg.

S; e me ne piglio cura come della mia.


Ben fatto.

Cal.

P rim a che m e n e vada, n o n ti o cco rre allro?

Meg.

Sta sano. Non ha il mondo razza pi stolta,


pi bestiale, pi falsa, pi beffarda, pi im perti

C al.

nente, pi spergiura di questi oziosi ciancioni che


dicono novellieri. Anch io mi pongo adesso di
questa lega, avendomi succiate tante frottole, che
mi davano per vere senza, saper nulla di certo.
Elli sanno ci che ognun pensa, o che si andr mu
linando col tempo. E sanno quanto il re ha sussurato nell' orecchio alla regina: sanno quello che
Giunone ha detto a Giove; e quanto non avvenne
mai, elli sanno istessamente: loro non m onla se loda
no o vituperano chicchessia a diritto- o a torto,
purch sappiano quello che vogliono sapere. Uomo
non vi aveva il quale non gridasse la croce addosso a
questo Callide, che egli era indegno di vivere in
questa citt, per aver pillucato de suoi averi que
sto giovane. Io, ignaro delle parole di questi b aV ol . IV. Ijla u .

16

Ego de eorum verbis fa m ig era to ru m , inscius,


P rosilui a m icu m castigatum in n o xiu m .
Quodsi exquaeratur usque ab stirpe auctoritas,
Unde quidque auditum dicantj nisi id adpareat,
F am igeratori res sit cum da m n o et m a lo j
H oc ita si fiat, publico fiat bono:
P a u ci sint fa x im , qui sciant, quod nesciunt,
Occlusioremque habeant stultiloquentiam.

jo n i, son corso a sgridare l amico innocente. Egli


si dovria, quando si sparge una voce, cercare chi
fu il primo a darla fuori, e, se non si vede il chia
ro , allora il maldicente porli la pena. Se si faces
se questo, g ran bene tu tti ne riceverebbero: sa
rebbe pensier mio che pochi spacciassero quanto
ignorano, e s aon si farebbe cotanto m ercato di
baje.

ACTUS li.
SC E N A

I.

L ysit e l e s.

llu lla s (1 ) sim ilu res in meo corde vorsoj


M ullum in cogitando dolorem indipiscorj
Eqo m e et concoquo et m acero et defatigoj
M agister m ih i exercitor an im u s hinc est:
Sed hoc no n liquet, neque salis cogitatum est,
U tia m polius b a r un c m ilii artem expetessam,
U lram aetati agundae arbitrer firm iorem :
U tra in parie plus si voluptatis vitae
A m o rin e m e an re obsequi polius p a r sitj
A d aelalem agundam .
D e hac re m ih i salis haud liquetj nisi hoc sic fa
ciam opinor:
U lram que rem sim ul exputem j ju d e x sim , reusque
ad eam rem .
Ila fa cia m ! ila placet!
O m nium p rim u m A m o ris a rtis eloquar, quem ad
m odum expediant.
N u n q u a m A m o r quem quam jn is i cupidum hom inem
postulat se in plagas
Conjicerej eos cupit, eos conseciatur; subdole blan
ditur,
B landiloquentulusj ab re consulit, harpago, m e n d a x ,
cuppes, avarus,
Elegans, despoliqlor, latebricolarum h o m in u m conruplor

ATTO ir
SCENA

I.

L isitele .

Io vado rimescolando assai cose in capo/ e dal molto ri


voltarle io ne ricevo affanno. Io mi distruggo, mi
torm ento, mi corruccio: e di qui avviene che ho un
gramm atico nell animo il quale mi d mille m artiri.
Io non ho preso ancora il mio consiglio, non sono
ancora ben certo a quallarte di queste due mi abbia
a dare per passarm ela meglio in fin che vivo, in qual
parte insomma ritrovi io vita pi contenta, se nello
am oreggiare o nellesser massajo. Io veggo che non
sono ancora persuaso abbastanza; se non le fo cosi
discorrere meco tu tte

e due, costituirm i ad un

tempo e giudice e reo. Bene! cos mi piace,

anzi

ogni cosa dir le arti dell am ore,-e che giovino.


Amore non caccia nelle sue reti altri uomini se
non i cupidi. Questi cerca egli, questi agguindola,
a questi fa mille lusinghe; ha sempre il mele in
bocca. Stoglie dagli affari, ladro, m enzognero,
ghiotto, avaro,

leccato, spogliatore, corrom pitore

B la n d u s, inops, celali iudagator:

nam

quom odo

quis a d a m a i,
Q uom sagillalis extem plo saviis percussus est.
Eloco res foras labitur, liquilur.
D a m ih i hoc, m ei m eum , si m e am as, si a n desl
Jbi cuculus itle: Ocelle m i fiat el istuc, et si
A m p liu s vis dari. Jbi pendentem ferit illa: ja m
am plius ornlj
N on sat id est m a li, quod ecbibit, quod comesi, quod
facit su m li,
M am plius etiam datur m ox.
D u c itu r fa m ilia tota: vestiplici, unctor, a u ri custos,
Flabelliferae, sandaligertdae, cantrices, cistellatrices,
N u n tii, renunlii, raptores panis et peni.
F it ipse, dum illis com is esi, inops am alor.
H aec ego quom ago cum meo anim o el recolo, ubi
qui eget, quam preli sit parvi:
J p a g e te, A m o r i n on places! nil te utor, quam quam
illuc est dulce.
Esse et bibere A m o r a m a ro da l, libi salis quod sit
aegre:
Fugit fo ru m j fugat tuos cognalosj fugat ipsus se a
suo contuilu.
( Neque enim eum sib i m icu m volunt dici. )
M ille m odis a m o r ignorandust, procul adhibendus!,
abstinendust:
N a m qui in am o rem praecipitavit, pejtis perit, quam
si saxo saliat.
J p a g e , sis, J m o r ! tuas res tibi habe, J m or! m ih i
am icus ne fuas unquam !

247 .
di questi cianghellini che amano il bujo, egli sen
za bajocchi, e ficca il naso dappertutto per aver
ne. Imperciocch appena alcuno innam orato, ap
pena percosso da que baci che forano come gli
aghi, tosto la ro b a diventa lisciva, la va pel buco
dellacquajo Se mi vuoi bene, se hai cuore, dam
mi questo, o mio mele? e tosto il povero cucco:
occhio mio bello, si far questo ed altro se pi
tu vuoi. Ella se lo balocca, ella ha altre cose da
chiedere. Non basta quello che si beve, quello che
si pappa, lo sparnazzo che si fa. Bisogna allargar
pi la mano. Si tira in campo tu tta la famiglia,
g u ard aro b ieri, profumieri, credenzieri, fanti che
portino ventagli, sandali, cofanetti, cantatrici, v aIetti che vanno e vengono, tu tti scannapane e vuota
cucine. Queste eose opera quel baderlo di bertone
finch lo pu. Quando io penso b ru tti term ini in
che si trova chi ha bisogno, vada al diavolo lamo
re! non fai per me! io non ti voglio, avvegnach
anche tu abbi le tue feste. Amore mesce d am aro
tu tto che tu m angi, o che tu beva, ti d abba
stanza ramm arichi: ei fugge il foro, m ette in fuga
i parenti, fugge dal g u atar s medesimo, e niuno
gli vuole essere amico. P er mille ragioni decsi disco
noscere l'am ore, deesi da lui stare alla larga, deesi fuggire: imperciocch l'uom o il quale si cacciato
dentro all amore perisce di m ala m orte da sg ara rn e colui che lascia le budella in sulle secche.
Via, via am or da me! tienti la tu a cuccagna, non fia
giammai che io ti sia amico. Ye n ha a josa, gen-

S u n t ta m , quos miseros maleque habeas, tibi quos


obnoxios fecisti.
Cerlum est ad ft'ugem a n im u m adplicare,
Q uam quam ibi a nim o labos grandis capilur.
B o n i sibi haec expetunt: rem , fidem , honorem ,
C lariam et gratiam .
H oc probis pretium est. Eo m ih i m age lubet
Cum probis polius quamde cum inprobis
Vivere vanidicis.
SC EN A

II.

P hilto , L y s it e l e s .
P h i .Q uo illic homo foras se penetravit ex aedibus?
L rs.

P a ler adsum.
Im p era , quod vis: neque libi ero in m ora, neque m e
latebrose

A b s luo conspectu occultabo.


P a i. Feceris p a r tuis celeris faclis,
P a trem si percoles tuom per pielalem.
Nolo ego cum inprobis le viris, gnate m i,
Neque in via , neque in foro, ullum serm onem exsequi.
N ovi hoc seclum ego, m oribus> quibus sil M alus
bonum m a lu m esse volt,
S il sui sim ilisj turbant, m iscent m ores m ali, ra p a x,
avarus,
Invidus j sacrum p ro fa n u m , publicum privatum habent,
H iulca gens. Haec ego doleoj haec sunt, quae m ed
excruciantj
Haee dies noclisque tibi canto ut caveas.

te cui tu possa strarabellare a modo tuo, e che


hai gi fatti tuoi servi. Io son fermo, vo' attende
re al risparm io, avvegnach poca non sia la fatica
che togliesi addosso. Gii uomini dabbene queste
cose elli vogliono: avere, lealt, buon nome, ri
putazione, e grazia: questo il pregio dcJ buoni;
io ho m aggior piacere far lega colla gente onesta,
che con queste mozzine, valenti in niente altro
che nella lingua.
SCEMA

IL

F ilto h e , L is it e l e .

F il .

Da che p a rte se n ito colui?

L is .

Son q u a, p a d re , dimmi quello che vuoi, io non li


far

a sp e tta re , n

v o rr

n asco n d erm i dalla tu a

faccia.
F il .

Onora il padre e fai cosa da p a r tuo. Io non


voglio, figliuol mio, che n in strada n in piazza
appicchi discorso co tristi: so ben io secolo in
che viviamo, e ne conosco le usanze, il tristo vuo
le sia tristo anche il buono, e che lo assimigli.
Questi cattivi costumi guastano, m ettono sossopra
ogni cosa: gli uomini dJ oggi giorno rubano, scor
ticano, sono pieni di invidia, n fan distinzione
dal sacro al profano, dal pubblico al privato que
sti lupi. Di ci men sa male, queste cose mi cruc
ciano, e per questo d, e notte ti ricanto acci che ab
bi a guardartene Hanno abbastanza costoro di tener

Q uod m a n u nequeunt tangere, ta n tu m fa habentj


m a n u s quo abstineants
Celera rape, trahe, fuge, late! L a c ru m a s haec m ihi,
quom video, eliciunt,
Quia ego ad hoc genus duravi hom inum . Quin prius
m e ad pluris penetravi?
N a m h i m a jo ru m m ores laudantj eosdem lutulant,
quos conlauda ni.
H isce ego de artibus g ratiam

facio, ne colas, ne
inbuas ingenium .
JUeo m odo m oribus vivito antiquisj quae ego libi

praecipio, ea facito.
N ih il ego istos m o ro r fatuos mores
Turbidos, quis boni dedecorant se.
H a ec tibi si m ea im peria capesses, m ulta in pe
ctore bona consident.
L r s .S e m p e r ego usque a d hanc aetatem ab ineunte ado
lescentia
Tuis servivi servitutem inperiis, praeceptis, paler.
P ro ingenio ego m e liberum

esse ratus su m j pro

im perio tuom .
M eum a n im u m libi servitutem servire, aequom cen
sui.
P o i. Q ui hom o cum a nim o inde ab ineunte aetate depu
gnat suo,
U tru m ila se esse m avelit, ut eum a n im u s aequom
censeat,
A n Ua potius, ut parentes eum esse et cognati ve
lint.
S i a n im u s h o m inem pepulitj actum est: anim o ser
vit no n sibi:

via le mani da quello che toccare, non possono,


del resto poi ruba, porta via, trafuga, nascondi!
Queste cose, in vederle io, mi strappano le lacri
me, perch devo vivere, tra uomini di questa raz
za: perch non sono ito io tra pi? Costoro han
no sempre in bocca i costumi deveechi,

ma gli

insozzano quando li vantano, ed io mi credo bea


to finch a queste a rti tu non pensi e di esse tu
vuoi starten e netto. F a a senno mio, vivi allanti
ca, fa quello che ti insegno io. Io gli stimo un b a gattino questi costumi vuoti e torbidi, in
infangano i buoni.
m ente mia,

Se tu

cui si

com prenderai bene la

alla f che ti

vantaggerai

non

di

poco.
Lis.

Dalla infantilit insino a questi di, io ti sono sempre


stato soggetto, o padre; io ho sem pre fatto con
forme a tuoi avvisi.

In quanto alla n a tu ra io mi

credo libero, tuo in quanto

alla

obbedienza; e

sem pre ho creduta buona cosa I esserti servo.


F il .

Colui che da ragazzo combatte col suo animo se


dee far piuttosto quello che pi gli grilla, o piuttosto
quello onde lammoniscono i parenti o i congiun
ti, so vince lanimo, buona sera! egli serve allani-

S i ipse a n im u m pepulit, dum vivil, 'victor victorum


cluet.
T u s i a n im u m vicisti, potius quam anim us te, est
quod gaudeas.
N im io satius est, ut opusl, te ita esse, quam ut a n im o lubet.
Qui a n im u m vincunt, quam quos anim us, sem per
probiores cluent.
L r s .l s l a e c ego m ih i sem per habui aetati tegum entum
m eae,
Ne penetrarem m e usquam , ubi esset d a m n i conciliabulum ,
N e noctu irem obam bulatum , neu suom adim erem
alteri.
N e aegritudinem tibi, pater, parerem , p arsi sedulo.
S a r ta lecta tua praecepta usque habui m ea mode
stia.
P a i. Quid exprobras, bene quod fecisti? Tibi fecisti, non
m ihi.
M ih i quidem aetas acta est ferm ej tua istuc refert
m a xu m e.
B enefacta benefactis aliis pertegito, ne perpluant.
Is probus est, quem poenitet, quam probus sil el fru g i
bonaej
Q ui ipsus sibi salis placet, nec probtis est, nec fru g i
bonaej
Qui ipsus se contem nit, in eo est indoles industriae.
L r s . Ob eam rem haec, pater, autum avi, quia res quae
dam est, quam volo
P a i.

Ego m e abs te exorare.


Quid id est? V eniam dare ja m gestio.

mo e non a s; ma se vince egli, che bella vit


to ria ebbe eglil

Tu

se

le hai vinte le tue vo

glie, piuttosto che esser vinto da esse, hai cosa da


rallegrartene. ben meglio che tu sii com devi
essere, di quello che come v o rr il tuo animo. Gli
onesti uomini quelli sono che vinsero 1' animo., e
non quelli che furono vinti da esso.
Lis.

Io ebbi sem pre questo riguardo alla et mia di non


m ettere il piede mqi ove potessi acquistarne dan
no; non volli mai andar girone la notte, n e ' to
gliere quello d altri, e fui sempre guardingo di
non p o rtarti affanno, e nella mia m odestia tenni
sempre in serbo i tuoi precetti.

F il .

Perch ne meni tu vampo del bene che fatto hai?


per te l hai fatto e non per me. Io sono quasi alla
candela, e tu se' giovane e ne avrai bene. Alle
buone opere che tu hai fatte, m ettivene sopra del
le altre perch sieno ben ferme, e non iscorrano.
L uomo dabbene quello che non mai conten
to della sua onest, e chi si compiace di s non
n dabbene, n di buon sentim ento; ma chi in
dispregio di s medesimo, egli veram ente buono
a qualcosa.

Lis.

Io ho parlato cos, o padre, perch avrei cosa che


vorrei tu mi avessi a perm ettere.

F il.

Qual cosp questa? parla; io Vo' farti contento.

L y s . A dulescenti hui genere su m m o , am ico, atque ac


quali meo3

Minus qui caule et cogitate suam

rem tractavit,

palor,
Bene voto ego illi facere, si tu non itevit.
P h i.
Riempe de tuo?

L r s .D e meo: nam quod tuom est, meum e$t: omne


m eum esi autem tuom .
P a i. Quid is? egetne?
L rs.

P h i.

L rs.
P a i.

Eget
H abuitne re m ?

Habuit.
Qui eam perdidit?
Pttblicisne adfitiis fu it att m a ritu m is negotiis?
M ercalurqm ne a n venali* habuit, ubi rem perdidit?

L r s . JVihil istorum .
P a i.
Quid igitur?
L rs.
P er com itatem edepol, paterj
P raeterea a liquantum a n im i causa in deliciis dis
perdidit.
P a i. Edepol hom inem praedicatum ferm e fam iliariter,
Q ui quideni nusquam per virtutem

rem confregit,
atque egei!

N il m o ro r eum tibi esse am icum cum ejusmodi vir


tutibus.
L r s . Quia sine o m n i m a litia est, tolerare egestatem ejus
volo.
F u i.D e m endico m a le m eretur, qui ei dat,

quod edit,
aut bibat:

N a m et illuc, quod dat, perdit, et Uli prodit (3J vi


ta m ad m iseriam .

Lis.

F il.

Lis.

I o to ajutare un giovane di buon casato,

amico
e della stessa et mia, il quale governa con non
tro p p a cautela e giudizio le cose sue, se tu non
mi se contrario, o Padre.
Vuoi dargli del tuo?

Del mio. Imperciocch quello che tuo i mo,


tu tto il mio tuo.

F il .

chi costui? h a bisogno?

Lis.

Ha bisogno.

F il .

F u ricco?

Lis.
F il .

F u ricco.
Come ha fatto egli a rovinarsi? Attese egli agli
affari pubblici, o marittimi? Vendeva roba o schia

Lis.
F il.

Lis.
F il .

vi per condursi alla malora?


Nulla di tu tto questo?
E s adunque?
P er voler fare il grande, o padre, oltre a questo
si un pochetto ro tta la cavezza.
Doh con che dilicatura me 1 hai dipinto! non me
ne avresti dette tan te se si fosse condotto al la
strico o nelle secche p er voler fare il dabben uo
mo! mi calza non troppo siati amico u n uomo

di tan te virt.
Ma egli: uomo senza malizia, e io
cavarlo di pan duro.
F il . - Vuoi far cosa di niup merito? F a
m angi e beva del tuo a bertolotto:
o gittasi in un pozzo quanto si d,
Lis.

voglio un po*
che il povero
imperciocch
e all altro si

lastrica la via perch si faccia pi misero. Non ti p ar-

N o n io dico, quin, quae tu vis,

ego velim el fa -

.
ciam lubens:
Sed ego hoc verbum quom illi quoidam dico, prae
m onstro libi:
Ut ita te aliorum miserescat, ne lu i alios misereat.
L r s . Deserere illum

el dejuvare

in

rebus advorsis p u

det.
P h i . P ol pudere quam pigere praestat, totidem literis.
L r s . Edepol deum virtute dicam , paler, el m ajorum

et
tua.

M ulla bona bene p a rta habemus: bene si am ico fe


ceris,
Ne pigeat fecissej ut potius pudeat, si non feceris.
P u i.D e divitiis m agnis si quid dem as, plus fit, an m i
nus?
L r s . M inus, paler j sed civi in m u n i scis quid cantari so
let?
Quod liabcs, ne habeas, el illuc, quod m ine non
habes, habeas, m alum :
Quando quidem nec tibi bene esse poles pali, neque
alteri.
P a i. Scio equidem istuc ita solere fieri, verum , gnate m i,
Is est in m u n is, quoi nihil est, qui m unus fu n g a tu r
suoni.

L y s .D e u m virtute habem us, et qui nosmet u ta m u r, paler,


E t aliis qui com itali sim us benevolentibus.

P h i . N oii edepol tibi pernegare possum quidquam, quod


velis.
Quojus egeslalem tolerare vis? Loquere audacler
patri.

Lis.
F il .
L is .

F il .
L is .

F il .

L is .

F il .

10 cosi io perch non voglia o faccia di buon animo


11 p arer tuo. Quando io dico questo a quel mes
sere, vo aprire gli occhi a te, perch tu abbi ad
avere piet degli altri, piuttosto che gli altri lo
abbiano di te.
Ma io ho vergogna di abbandonarlo e non dargli
ajuto in queste sue distrette.
meglio vergognare che pentirsene poi, conta
le lettere e vedrai che son tante istessamente.
Gran merc di Dio, o padre, de nostri antichi e
tu a, noi abbiamo roba a fusone e di buon acquisto:
da porsi innanzi 1 a ju ta r 1 amico, 1 averne in crescim ento, piuttosto che p atir la vergogna di
non averlo fatto.
Dimmi un po' se da un tesoro tu ne togli, aumento
esso o scema?
Scema, o padre, m a sai canzona che usasi g ri
dare all uom disutile? quello che hai non dovresti
avere, vengati quel malanno che non hai, dappoi
che tu non sai fare bella vita, n ti basta lanimo
che altri la faccia.
So bene io

che si suole dir questo,

ma, figliuol

mio, il disutile colui che non ha cosa al mon


do per esser utile.
Ma noi p er la grazia di Dio, o padre, abbiam ta n
to e da servircene noi, e di allargarne a quelli
a cui vogliam bene.

'
Io non ti posso negare cosa che tu voglia. Ma
chi vuo tu cavare di pan duro? dillo p u r franca
m ente al padre.
Vol. IV. P laut.

Al

L r s . Lesbonico huic adulescenti, C harm idai filio,


Qui illic habitat.
P a i.
Qui com edii, quod fu it, quod non fuil,
L r s . Ne opprobra, pater: m ulla ho m in i eveniunt^ quae
voltj quae nevolt.
P a i.M en tire edepol, gtiale, alque id nunc facis haud (A)
consuetudinej
N a m sapiens quidem pol ipse fingit fo rtu n a m sibi:
Eo ne m u lta , quae nevolt, eveniunt, nisi ficlor m a
lusi.
L r s . M ulta esl opera opusficlurae, qui se fictorem probum
Vilae agundae esse expelitj sed hic adm odum adu
lescentulus.
P a i. N on aetate, verum ingenio apiscitur sapientia.
S a p ien ti aelas condim enlum eslj sapiens aelali cibust.
d g e d u m , eloquere, quid dare illi n u n c vis.
N il quidquam , palerj
L ys. _
Tu m odo ne m e prohibeas accipere, si quid det mihi.
P a i .A n eo egestatm et tolerabis, si quid ab illo acce
peris?
L r s .E o , paler.
P a i.
Poi ego islam volo m e rationem edoceas.
L rs.
Licet.
S c in lu illune, quo genere gnalus sii?
P a i.
Scio adprim e probo,
L r s .S o r o r illi est adulta virgo grandis: eam cupio, paler,
L a i.
L rs.
P a i.

Ducere uxorem .
S in e dole?
Sine dole.
Uxoremne?

Lis.
F il.
L is.
F il .

L is.

F il .

L is .
F il .
L is .
F il.
L is.
F il .
L is.
F il .
L is .
F il .

Questo giovine Lesbonico che sta in quella casa,


figliuolo di Carmidc.
Colui che si ha m angiato ogni cosa che aveva c
non aveva.
Non fargliene carico, o padre: all uomo assai cose
avvengono, le voglia o non le voglia egli.
Potenzinterra! come ci vedi torto, figliuolo! questo
non della tu a consuetudine, imperciocch ogni
uomo che savio fabbrica la sua fortuna: se egli
non da tanto da fabbricarsela buona, gli cadono
addosso tu tti quei m alanni eh egli non vuole.
E per duopo che sia ben pratico, chi vuol fab
bricarsi la fortuna in questo mondo; laddove co
stui, o padre, ancora troppo giovane.
Non cogli anni si acquista la sapienza, ma collin
gegno, 1 et il companatico a chi savio, e
gli anni col senno si nutrono Ors, ornai, dim
mi che gli vuoi tu dare.
Nulla, o padre, e tu non volermi impedire se d
egli qualcosa a me.
In questo modo vuoi tu alleviarlo della miseria,
ricevendo alcun che da lui?
In questo modo, o padre.
Doh: voglio proprio che tu me ne faccia chiaro.
Volentieri. Sai tu famiglia onde sia nato quegli?
Sonimelo. Buonissima.
Egli ha una sirocchia, zitella ancora e gi da ma
rito , io, o padre, ho desiderio di sposarmela.
Senza dota?
Senza dota.
Sposartela?

L rs.

Itas
Tua re salva. Hoc pacto ab illo summam inibis
gratiam ,

Neque commodius ullo pacto ei poteris auxiliarier.


P ai. Ego indotatam ied uxorem ut paliar? . . .
L rs.
Paliundum est, pater;
Et eo pacto addideris nostrae lepidam famam fa
miliae.
Pai. Multa ego possum docte dicta et quamvis facunde
^
loquis
Historiam veterem atque antiquam haec mea se
nectus sustinet!
Ferum ego quando te et amicitiam et gratiam in
nostram domum
Video adlicere, etsi advorsatus tibi fui, istac judico
Tibi permitlos posce: duce.
L rs.
D i te servassint mihi!
Sed adde ad istam gratiam unum.
Pai.
Quid id est autem unum?
L rs.
Eloquar.
Tu ad eum adeas: tu concilies: tute poscas.
P ai.
Eccerei
L rs. Nimio citius transigess firmum omne erit, quod tu
egeris.
Gravius tuom erit unum verbum ad eam rem, quam
centum mea.
Pai.Ecce autem in benignitate hoc reperi negotium!
Dabitur opera.
L rs.
Lepidus vivis. Haec sunt aedess hic habetj
Lesbonico est nomen: age, rem cura. Ego te oppeperiar dom i,

Lis.

F il .
Lis.

F il .

Lis.
F il .
Lis.
F il.
Lis.

F il .
Lis.

Sposarmela: e senza tuo danno. In questa forma


tu gli farai servigio grandissim o, in altro modo
ren d ere non gli potresti ajuto migliore.
E lascer io che u n a femmina senza dota? . . .
devi proprio lasciarlo, o padre: p er questa via,
o padre, tu darai un gran credito alla nostra
casa.
Di belle parole posso fartene anch io e sputarti
sentenze a josa: in questa mia vecchiaja mi si
raccorda tu tta la istoria de tempi andati, e la
pi antica, ma da che io veggo che nella n o stra
casa tu vuoi tira re 1 amicizia e il favore degli
uomini, avvegnacch dapprim a ti fossi ritroso,
p u re te la meno buona, te lo concedo, chiedila,
falla tua.
Che gli Iddii mi ti lascino mill anni! ma a questa
grazia aggiungivene un altra.
che cosa questa?
Eccola, tu va da lui; parla, tu
manda.

fanne la di

Questa marchiana!
Tu farai presto a sbrigartene, e tu tto che tu farai,
sar ben fatto: a questo avr m aggior peso una
parola tua, che cento delle mie.
Togli impaccio che mi son trovato p r la beni
gnit tua! Ti servir.
Che Dio t* ajuti. Questa la casa, qui sta egli,
Lesbonico il suo nome, tu va e tra tta la cosa.
Io ti aspetto in casa.

P h i . N on oplum a haec sunt, neque ego ut aequom censeo;

F erum m eliora sunl quam quae dclerrum a.


Sed hoc unum consolatur m e alque a n im u m m e u m .
Quia, qui nil aliud, n isi quod sibi soli placet,
Consulit advorsum filium , nugas agit:
M iser ex a n im o fil, factius nihilo facit.
Suae senectuti is acriorem hiem em p a ra t,
Q uom im p o rtu n a m illanc tem pestatem conciet.
Sed aperiuntur aedes, quo ibam : comode
Jpse exit Lesbonicus cum servo foras.
SC EN A
L

e s b o n ic u s ,

111.

S t a s im v s , P b il t o .

L e s . M inus quindecim d ie s sunt, quom pro hisce aedibus

M inas quadraginta accepisti a Callicle.


Esine hoc, quod dico, Slasim e?

S ta .

Q uom considero,
M eminisse videor fieri.

L es.

Q uid fa ctu m est eo?

S ta . Com esum , ex p o lu m , exu n ctu m , ( 5 ) elotum in bali-

neisj
P iscator, pistor, abstulit, lanii, coqui,
Olitores, m yropolae, aucupes. Confit cito,
Q uam si fo rm icis tu obicias papaverem ,

L es . M inus hercle in istis rebus sum lum esi sex m inis.


S ta . Quid quod dedisti scoriis?
L es .
Ibidem u n a traho.
S ta . Quid, quod defrudavi?
L es .
H em , ista ratio m a x u m a est/

F il .

Queste cose non sono delle ottim e, n io le ap


provo, ma sono sempre m igliori delle pessime. Ma
almeno questo mi di conforto, che chi non vuol
ire a versi del figlio, per far piacere a s, trovasi
.le mani piene di vento, e cade in mille corrucci,
senza cavarne vantaggio. Egli in sulla vecchiaja
preparasi u na vernata delle pi rabbiose, tirandosi
addosso tan te burrasche. Ma s apre quella casa in
cui andava io. E Lesbonico in persona che vien
fuori a tempo col servo.
SCENA

IIL

L esbonico, Stasimo, F iltone.


L es.

Sta.
L es.
Sta.

Non fanno i quindici di che noi abbiano da Cal


lid e ricevute per questa casa quaranta mine, non
egli vero quello che ti dico, o Stasimo?
Quando ci penso bene panni la sia cos.
E che ne avvenne di questo denaro?
S m angiato, s bevuto, s sprecato in un

L es.
Sta.
L es.
Sta.

guenti, s* risciaquato in bagni: l ha portato via


il pescatore, il fornajo, i beccaj, i cuochi, gli o r
tolani, i profumieri, i cacciatori. E fa presto ad an
darsene, proprio come se tu gittassi un pugno di
granelli di papaveri alle formiche.
Ma in queste tatta re non sarannosi spese sei mine.
!E quello che avete speso in bagascie?
L ho messo in quel sommato.
E quanto ho grancito io?

L es.

Ahi, questo s che il conto pi grosso!

S t j . N on tib i illud a d p o re re , s i su m s , potest:

N isi lu immortale rere esse argentum tibi.


Sero atque stulte, prius quod cautum oportuit,
P ostquam comedit rem , post rationem putat.
L es . N equ aquam a rg en ti r a tio com p a ret tam en .
S t j . R a tio quidem hercle adparetj argentum oi% erai.

M inas quadraginta accepisti a Callicle,


E t ille aedis abs te accepit m ancupio.
Adm odum .
F u i. P o l, opino j adfinis n oster aedis vendidit.
P a ler quom peregre veniet, in porla est locus,
N isi forte in ventrem filio conrepserit.
S t j . Trapezitae m ille d ra chum arum O lim picum ,
Quas de ratione debuisti, reddilae,
L es . N em pe quas spopondi.
S tj.
Im o quas d e p e n d ii n quilo.
Quas sponsione pro lu exactus nuper es.
P ro illo adulescente, quem lu esse aibas divitem.
L es . F actum .

L es .

S tj.
L es .

Ut quidem illud p erierit.

F actum id quoque est.


N a m nunc eum vidi m iserum : me ejus m iseritum
est.

S t j . Miseret te alio ru m , tu i nec m iseret nec pudet.


P h i . Tem pus adeu ndi est.

Estne hic Phillo, qui advenit?


Is hercle est ipsus.
Edepol nae ego islunc velim
S tj,
M eum fieri servom cum suo peculio.

L es,

Sta.

L es.
Sta.

L es .
F il .

Sta.
L es.
Sta.

L es .
Sta.
L es .
Sta.
F il .
Les.
Sta.

Non vi pu d u ra r sempre quel m arsupio, che


sempre si pizzica: purch non abbiate fermo voi
che i q u attrini durino in eterno. Serra la stalla
dopo scappati i buoi, colui che si riduce a fare i
conti quando ha sciupata ogni cosa.
Con tu tto questo per chiaro non vien fuori il
conto.
Vien fuori s alla vita mia; il denaro se n ito.
Voi da Callide avete avuto quaranta mie, ed egli
da voi ha avuto il possesso della casa.
Verissimo.
Alla f, alla f; che questo nostro parente ha ven
duta la casa. J1 padre allorch far rito rn o dor
m ir nell andito, se p u r non si vorr im bucare
nella pancia del figlio.
Al banchiere Olimpico si restituirono le mille dram
me che voi gli dovevi secondo i conti.
Quelle cio per cui io fui mallevadore.
Dite anzi quelle per cui io ho pagato. son quelle
che per la vostra impromessa avete esatte p u r ora,
p er quel giovine che voi predicavi s ricco.
Cos .
Che questi q u attrini se ne andarono alla grascia.
anche questo vero. Poco fa l ho veduto quel
poveraccio, e m h a fatto compassione.
A voi fanno piet gli altri, e voi non sentite n
vergogna n piet di voi.
tempo che io 1' affronti.
Fittone che vien qua, egli desso anima e
carne.
Cacasangue! se me lo to rrei io qual servo costai
con tu tti i suoi testimonii.

P h i . H eru m atque servom p lu rim u m P hillo jubet

Saivere, Lesbonicum et S lasim tim .


L es.
D i duini
T ibi, Phillo, quaecutnque optes. Quid agii filius?
P

h i . Bene

L es .
S

ta.

volt tibi.

E depol m utuom m ecum facit.


N equam illud verbum est Bene volt n isi qui bene
' facit.

Egoque volo esse liberj nequidquam volo.


H ic postulet fru g i essej nugas postulet.
P h i . Meus gnatus m e ad te m isit, inter se atque vos
A d finti atem ut conciliarem et graliam .
T u a m volt sororem ducere u xo rem j et m ih i
Sententia eadem est et volo.
L es .

H a u d nosco tuom ?

B onis tuis rebus m eas res inrides m alas.


am abit lu p iter!

P h i . H om o ego sum , hom o lu es: ila m e

Neque te derisum veni, neque dignum puloj


F eru m hoc, u t d ixi, m eus m e oravit filius,
Ut tu a m sororem poscerem u xorem sibi.
L e s . M earum m e rerum novisse aequom esi ordinem .
Cum vosris nostra non est acqua factio:
A d fin ila lem vobis a lia m quaerite.
S t j . S a tin * tu sanus m entis aut a n im i tni,
Q ui conditionem hanc repudies? n a m illune tib
F erenlaneum (6 ) esse a m icu m inventum intellego.
L es . A b in hinc dierecte?
S ta .
S i hercle ire occipiam , veles.

F il .

L es .
F il .
L es.
St a .

F il .

L es.

F il'

L es.

Fittone saluta cordialmente e il padrone e il servo;


Lesbonico e Stasimo.
Dio ti colmi d ogni bene, o Filtone, che fa il tuo
figliuolo?
Ti vuol bene.
E io glielo rim erito.
Il ti vuol bene una parola secca $e p u r non
te lo fa. Anch io voglio esser libero, m a !a voglia
mia una voglia vana: costui v o rria pur fare il
valentuom o, ma e pesca in aria.
Il figliuol mio mi ti manda per cercarti di paren
tela e amicizia. Egli vuol m enarsi in donna la tu a
sorella, in questo parere son venuto anch* io e lo
voglio.
Cre tu eh' io non ti legga? voi altri perch nuo
tate nel lardo venite a dar la berta a me, che
son a mal partito.
10 sono un uomo e un uomo se tu, s mi dia bene
Iddio! io non vengo per darti il giambo, n te ne
credo indegno; ma, conforme io ti ho detto, mio
figlio mi ha fatto calca perch io ti dimandassi
per lui in moglie tu a sorella.
Le mie bisogne ben giusto me le conosca io:
voi non siete da par nostro, cercatevi un altro

S ta.

Les.
Sta.

parentado.
V ha forse il cervello dato la volta da ricusar voi
partito s bello? Imperciocch io gi bene la veg
gio, questo che vi si offre non un amico fatto
come le mosche.
11 fistolo che ti colga!
Se mi cogliesse voi verreste a scacciarlo.

L es . N isi m e aliud quid vis, Philto, respondi tibi.


P a i. Benigniorem , Lesbonice, te m ihi,
Q uam nu n c experior esse, confido fore:
N a n i et stulte facere et stulte fabularier
U trum que, Lesbonice, in aetate haud bonum est.
S t j . F erum hercle hic dicit.
L es.

O culum ego ecfodiam libi,

S i verbum addideris/
S tj.

H ercle quin d ic a m tam en:

N a m si sic no n licebitj luscus dixero.


P a i. Ila tu nunc dicis, non esse aequiparabilis
Fostras cum nostris factiones atque opes?
L es . Dico.

P a i.

Quid n u n c? si in aedem ad coenam venerist


A tque ibi, opulentus tibi p a r forte u t veneritj
A d p o sita coena sit, popularem quam vocant,
S i illi congestae sint epulae a clientibus,
S i quid libi placeat, quod illi congestum siet,
E disne, an incoenatus cu m opulento adcubes?

es.

S tj.

E d im , n i vetet.
A t ego p o l, e tia m si vetet,

E d im , atque am babus m alis expletus vorem;


E t, quod illi placeat, praeripiam potissum um ,
Neque illi concedam quidquam de vita mea.
F erecundari nem inem apud m ensam decet.N a m ibi de divinis atque hum anis cernitur.
P a i. R em fabulare.
S tj.

N on tib i d ic a m dolo:

D ecedam ego illi de via de sem ita,


D e honore popli; verum quod ad venirem attinet,
N o n hercle hoc longe, nisi m e pugnis vicerit.
Coena hac anno na est sine sacris hereditas.

L es.
F jl.

Sta.
L es.
S ta.
F il .
L es .
F il .

L es.
Sta.

F il .
Sta.

Se tu non mi vuoi in altro, o Filtone, io t ho


data la mia risposta.
I o ho fidanza, o Lesbonico, che tu meco verrai
um ano pi di quello che o ra tu se'; imperciocch, o
Lesbonico, e I operare e il parlare da pazzo non
cosa da uomo.
Costui parla da savio.
Io ti caver un occhio se ancora ci m etti una
parolai
Giuradio, io parler istessamente: se non mi sar
fatto p arlar con due occhi, parler guercio.
E s m o tu, di' adunque che voi altri non ci state
al paro in dovizia, eh?
Certo.
Dimmi ora: se tu vieni a cenare in un tempio ad
un di que conviti che dicono popolari e che un
ricco p u r ci venisse; e messe le tavole, i clienti
di questo gli parassero davanti vivande a monti,
ed una di esse la ti andasse a sangue, dimmi un
po, ne m angeresti tu di quel mucchio?
Ne m angerei purch non mel impedisse.
Ed io anche se mel vietasse, e macinerei proprio
a due palmenti, e gli carpirei proprio quel c o tticino che pi gli stuzzica, n cosa alcuna gli darei
col mio danno; a tavola non ci vogliono rispetti,
perch l si com batte e per l anim a e p er il corpo.
T u la vedi diritta.
Io vi parlo chiaro, ad un ricco io lascier la
strada, dar la mano, far di beretta, ma quando
si tra tta di pancia e di tavola, e non mi fa sb ra ttar
via se non a furia di pugni: in questo paese u n a
cena u n a eredit senza liydli.

P h i . Sem per tu hoc facito, Lesbonice, cogiles,

Jd oplum um esse, tuie u ti sis optum us;


S i id nequeas, saltem ut optum is sis proxum us.
N u nc conditionem hanc, quam ego fero et quam abs
te pelo,
Dare atque accipere, Lesbonice, te volo.
D ei divites sunt: deos decent opulentiae
E t factiones; verum nos hom unculi
S a lillu m a n im a i, quam qum extem plo am isim us
A equo m endicus atque ille opulentissumus
Censetur censu ad A cheruntem m ortuos.
S t j . M iru m n i, illuc n i tecum d ivitia s fera s,

Ubi m ortuos sis, ila sis, ut nom en cluet.


P h i . N u n c ut scias, hic factiones atque opes

N o n esse, neque nos lu a m neglegere gratiam ,


S in e dole posco tu a m sororem filiae.
Quae res bene vortal! H abeon pa cta m ? Quid taces?
S t j . P roh d i inm orlales, couditionem quojusm odif

P m . Quin fabulare D i bene vo rla n t! spondeo


S ta . Eheu, n il usus u bi erat dicto Spondeo
Dicebat; nu n c hic, quom opus est, non quit dicere.
L es . Quom adfinilate voslra m e a rb itra m in i

D ig n u m , habeo vobis, Phillo m a g n a m gratiam :


Sed, etsi hercle graviter cecidit stultitia m ea,
P hillo, esi age sub urbe hic nobis; eum dabo

F il .

Sta.

il .

Sta.
F il .
Sta.

F a di pensar sempre a questo, o Lesbonico, che


la m iglior . cosa che s abbia al mondo quella
d essere m igliore degli altri, se non puoi aver
questa: guarda almeno di fartele vicino. Ora io
voglio che il partito il quale io ti offro e che io
ti cerco tu abbi a dare e ricevere, o Lesbonico.
Ricchi sono gli iddii, le ricchezze e le nobilt sono
degli iddii, ma noi omicciattoli appena che sputiam
1 anima, e ricchi e poveri ci facciamo eguali, e
tu tti siam messi allAcheronte sopra la stessa lista.
Oh questa la saria tonda che voi vi avessi
anche i q u attrin i dopo che avete tirate le calze:
qua delluomo non rim an altro che il nome, o
buono o tristo.
Ora perch ti assicuri tu bene che a questo mondo
non vi h a n ricchezze, n potenze; e che noi
poco caso non fa'cciamo della tua grazia, io chiedo
la tu a sorella senza dota in moglie del mio fi
gliuolo. Che Dio J)en ci dical Stai tu a questo
patto? perch se tu mutolo?
PofFar il mondo u n partito s bello!
che non soggiungi tu, s piaccia a Dio! la p ro
metto.
Puh! quando non faceva m estieri di dirla questa
parola prom etto egli facea d un lampo a

sbordellarla fuori; ora, che saria duopo, non sa


pronunziar sillaba.
Di poi che mi avete per degno di im parentarm i
L es.
con esso voi, io, o Filtone, ve ne ho grazie non
poche: avvegnacch la buassaggine mia tra tto mi
abbia in luogo assai gram o, o Filtone; io ho
qui presso le m ura un picciolo podere, io lo dar

D olem sorori: n a m is de stullUia m ea


Solus superfit praeter vitam reliquos.
P a r. Profecto dolem n il m oror.
L es .

C ertum est dare.

S t j . N o slra m n e vis nutricem , heret quae nos educat,

A balienare a nobis? Cave, sis, feceris.


Q uid edem us nosm et postea?
L es .

E tia m tu taces?

Tibi ego rationem reddam ?


P lane periim us,
N isi quid ego conm iniscor. P hilto, te volo.
P a i. S i quid vis, Slasim e.
S ta .

S ta .

H uc concede aliqu antu m .

V u i.

'

lic e t.

S t a . A rca n o tib i ego hoc d ic o : ne ille ex te sc ia t ,

Neve alius quisquam.


P a i.

Crede audacter quidlubet.

S t a . P e r deos atque hom ines dico, ne tu illune agru m


T u om siris un quam fieri n tqu e g n a ti tui.

E i re a rg u m en tu m dicam .
A u d ire edepol lubet.
S ta . P rim u m o m n iu m olim te rra quom proscinditur,
Pb i .

In quinio quoque sulco m o riu n tu r boves.

P h i . A page!
A ch eru n tis ostium in nostro ts t agro.

S ta .

T u m vin u m , priusquam coctum est, pendet puti


dum .
L es . Consuadet h om in i; credo. E lsi scelestus est.

A t m i infidelis non est.

iu dote alla sorella, imperciocch della vita in fuori,


questa la sola che mi ha lasciata la mia igno
ranza.
F il.
L es.
Sta.

L es.
Sta.
F il.
Sta.
F il.
Sta.
F il.
Sta.

F il .
Sta.
F il.
S ia .

L es.

Ala dote io non te ne cerco.


I o voglio darla.
Deh, padrone, e volete sb ra ttar voi di casa quella
povera nostra balia, che sola ci d a pappare? In
carit non vogliatelo fare, che m anderem o dopo
noi?
E non la finisci ancora? ho io da render conto ,a te?
Noi siamo a pollo pesto se non trov qualche
gretola. 0 Filtoue, io vi voglio.
Se mi vuoi, eccomi, o Stasimo.
Tiratevi un po in qua.
Subito.
,
In confessione io vi dico questo; affinch n egli,
n alcun altro lo sappia da voi.
Di p u r franco quello che vuoi.
In f di Dio e di valent uomo, non perm ettete
mai che quel pugno di te rra sia n vostra n del
vostro figliuolo; io ve ne dir il perch.
Desidero proprio saperlo.
Anzi ogni cosa, il d che si ara il fondo, i buoi,
fattene cinque porche, cadono morte.
Alla larga!
In quel nostro podere vi ha la porta deir Ache
ro nte, 1 uva pende mufTata dai raspi prim a della
vendemmia.
E in sul persuaderlo, io credo. Costui, avvegnacclic
sia p ur la g ran cavezza, nulla di manco ini fu
S'impre fedele.
Yol. IV. P l a u t .

18

S tj.

^ u d i celera. .
P ost id , fru m en ti quom alibi messis m a x u m a est,
Tribus tantis illi m inus redit, quam obseveris.

P b i . H em , istic oportet obseri m ores m alos,

S i in obserendo possint interfieri.


u n q u a m quisquam est, quojus ille

S t j . Neque

ager
fuit,

Q uin pessume ei res vorterit: quorum fuit,


J l i i exulatum abierunt; alii ecm ortui,
M i i se suspendere. H em , nunc hic quojus est,
Ut ad incilas redactus!
P a i.
jjp a g e a m e istum a g ru m t
S t j . M agis J p a g e dicas, si om nia a m e audiveris:
N a m fulguritae sunt alternae arboresj
d c e r r u m e m o riu n tu r angina suesj
Oves scabrae sunt, ta m glabrae, hem ! quam haec
est m anus j
T u m autem S y ro ru m ,

genus quod palientissum um

esi
H o m in u m , nem o extat, qui ibi sex menses vixerit:
Jta cuncti solstitiali (1 ) m orbo decidunt.
P h i . Credo ego istuc, Stasim e, ita esses sed Campas ge
nus
M ulto S y ro ru m ja m antidil patientia.
Sed is est ager profecto, ut te audivi loqui,
M alos in quem om nis publice m itti decet.
S icu t F o rtu n a to ru m m em o ra n t insulas,
Quo cuncti, qui aetatem egerunt caste suam ,
Conveniunt: contra istuc detrudi maleficos
J e q u o m videtur, qui istius sit modi.

Sta.

Udite il resto. Oltre a ci, quando altrove si rac


coglie frum ento a fusone, qui se ne miete tre Yolte
meno di quello che si semina.

Fu..

Potenzinterral qui potriansi sem inare i cattivi co


stumi, se col seminarli si potessero spegnere.

Sta.

Non fuvvi persona mai, la quale possedendo que


sta te rra , le sia capitato alcun bene. Chi fu m an
dato al bando, chi fu am mazzato, chi s appicc

F il.
S ta.

p er la gola. G uardate adesso costui, che ne il


padrone, come si ridotto al pentolino!
Via, via da me questo fondo!
Ma via, via, via direte voi: se voi da me sapessi ogni
cosa: imperciocch delle due piante 1' una per
cossa dal fulmine, i porci muojono di scaranzia,
le pecore sono piene di rogna e hanno tan ta laua,
ohe! q u an ta ve n ha su questo palmo. De'Sirii, che
sono uomini pieni di pazienza, niuno pu cavarvi

^ F il .

sana la pelle: se stanno quivi sei mesi, tu tti cre


pano pel male del solstizio.
Lo credo, o Stasimo, di piena fede. Ma gli uomini
di Campania una volta in pazienza sgaravano
quelli di Siria. Ma* se la questa te rra conforma
che dipinta me l hai, saria ella luogo acconcio
p er rilegarvi tu tti i tristi, come sono le isole fortu
nate alle quali giungono tu tti quelli che vissero
santam ente la vita. Perci parm i giustizia che
questo sia il luogo di condanna p ribaldi, essendo
essa una terra cosi brutta.

S t j . H ospitium est calam itatis. Quid verbis opust?

Q uam vis m a la m rem quaeras, illic reperias.


A t lu hercle et illi alii cave, sis, dixeris.
M e tibi dixisse hoc.
P n i.

D ixisti arcano salis.


S t j . Quin hic quidem eum cupit ab se abalienarier,
S i quidem reperire possit, quoid os sublinat.

P h i.

Metis quidem n un qu am fiet.


S i sapies quidem .

S t j.

L epide hercle de a g ro ego hunc senem deterrui:


N a m qui vivam u s nih il estj s i illum am iserit.

P a i. Redeo ad let Lesbonice.


L e s.
D ic so d e s m ihi,
Quid hic loculus tecum ?
P a i.
Quid censes? H om o esi:
F oli fieri liberj verum , quod detj non habet.
L

e s.E

t ego esse lo c u p les* v e r u m n e q u id q u a m volo.

S T J .L ic itu m , s i velles: n u n c , q u o m n ih il est, n o n licet.


L

es.

S t j.

Quid tecum , Stasim e?


D e istoc, quod d ix ti m odo,

S i ante voluisses, essesj nunc sero cupis.


r u i .D e dote m ecum con ven iri n il p o testj

Quod tibi lubetj lute agito cum nato m eoj


N u nc tu a m sororem filio posco m eoj
Quae res bene vorlal! Quid nunc? etiam con
sulis?
L es . Q uid islic? quando ita vis, d i bene vo rta n l! spon
deo.

P a i. N unquam edepol quoiquam ta m exspectatus filius


N a tu s, quam est illud Spondeo natum m ihi.

Sta.

F il .
Sta.
F il .
Sta.

F il.
L es.
F il .
L es.
Sta.
L es.
Sta.

E il ricettacolo delle miserie. Volete voi altro?


ogni malanno che voi immaginassi quivi lo tro
vereste. Ma voi guardate dal farne m otto a lui, o
ad altri eh io vi ho avvertito di questo.
Me I hai detto in confessione e "basta.
Anche costui vorria liberarsene, se p u r trovasse
.a chi fischiarla.
Mio non sar giammai.
Se p ur avete senno. Bravamente ho messo io
nell ossa a questo vecchio un buon carpiccio di
paura per questo fondo; imperciocch se esso va
perduto, non abbiam altro che ci tenga in vita.
Vengo a te, o Lesbonico.
Dimmi: e che ti ha sussurato costui?
Che vuoi abbiami detto? Egli uomo, e vorria,
divenir libero, ma non ha quattrini da spendere.
Ed io di venir ricco ma io fo un castello in aria.
E s potrebbe se lo volessi, ma perch nulla ora
avete voi, impossibile.
Che borbotti o Stasimo?
Questo, che poco fa detto avete. Se prima voi lo avessi
voluto, lo sareste; ma adesso che tardi ve ne
sentite la voglia.

F il .

L es.

Con me non si pu fare alcuna intelligenza della


dota; col mio figliuolo tu fa conforme ti piace,
lo o ra ti cerco la sorella per lui, e Dio ne pro
speri. Che di tu? ancora vi -m astichi sopra?
E che devo fare? da che tu vuoi cos, che

cos

sia: Dio ne prosperi! te la prom etto.


F

il .

Non inai venne bambolo tanto desiderato ad uomo,


qu an to questa parola te la prom etto, venne al
figliuol aiio.

S t j . D i fo rtu n a b u n t voslr* to n sili .


I la volo.

fa i.

I haCj Lesbonice, m ecum , ul coram nupliis


Dies constituatur. Eadem haec confirm abim us.
L es . Sedj S ta jim e, a l i bue ad m eam sororem ad C allic lem :

DiCj hoc negoti quomodo actum est . . .


S tj.

Ib ilu r.

L es . E t g ra tu la to r m ea e soro ri.
S tj.

S cilicet.

L e s . Die C a llidi, m i ut convenat . . .


S tj.

Quin tu i m odo!

JjES.De d o te u t videat, sine dole haud d a re . . .


I m odo!

S tj.

L e s . N a m certum est, m e sine dote haud dare . . .

Quin tu i m odo!
L e s . Neque enim illi dam no unquam esse p a tia r . . .
S tj.

A b i modo!

S tj.
L es . M eam neglegentiam, Slasim e . . .
I m odo!

S tj.
L es.

N equt
J e q tio m videiu r, quin, quod p e c c a rim . . .

Stj.

I m odo!

L E S.P vtissum um m ih i id obsil.


S tj.

1 m odo /

L ss.

O pater,
E n unquam adspiciam te?

S tj.

I m o d o ! i m o d o ! i m odo!

L s s Tute islue cu ra , quod ego ju ssi. J a m hic ero.

m
S ta. D ar bene Iddio a* vostri consigli.
F il ,

Cosi io voglio. Vien qua, Lesbonico, con me


perch determ iniamo di presenza il giorno alle
nozze. Ad un tempo confermeremo questo negozio.

L es, Deh, o Stasimo, va da mia sorella in casa

Cai*

liete e dille come sia la faccenda.


Sta.

Si andr.

L es.

E rallegrati con esso lei.

StA.

S.

L es.

Di* a "Callide venga a trovarm i . . .

Sta.

Perch non andate voi?

L es.

Che guardi egli per la dota: che pensi si abbia a fore ..

S ta.

Andate!

L es.

I o ho fermo che senza dota . . .

Sta.

Ma itevene!

L es.

Che non perm etter mai che a suo danno . . .

Sta.

Andate!

L es.

La m ia negligenza, o Stasimo . . .

Sta.

F ate presto!

L es.

Perch se ho fallato, non credo . . .

Sta.

F ate presto!

L es.

Questo duoimi sopra tutto.

Sta.

Andate!

L es.

0 padre, che non ti vegga io mai?

Sta.

Andate! Sbrattate! Spicciatevi!

L e*.

T u pensa a quanto ho detto. Ornai io sar qui.

S t j . T andem inpelravi, ahiret. D i vostram fidem /


Edepol re gesta pessume gestam probe,
Siquidem ager nobis salvos est. E tsi adm odum
Jn ambiguo st etiam nu n c, quid de hac re fu al.
S ed si alienatur, actum est de collo m eot
Gestandus peregre clypeus, galea, sarcina/
Ecfugiet ex urbe, ubi erunt factae nuptiae;
Ib it istac aliquo in m a x u m a m m a la m crucem
L a tro c in a tu m , aut in A sia m , aut in Ciliciam.
Ibo huc, quo m i im p era tu m est, etsi odi hanc do
m um ,
Postquam hic exlurhat nos ex noslris aedibus.

Sta.

Lode a Dio! ei s l ha fatta. Oh dei la vostra


fede! . . . Poffar il mondo! con un b rutto fischio
10 ho fatta una buona caccia se p u r salvo ci resta
11 fondo. Eppur la cosa trovasi ancora in tentenne,
perch sono tu tto ra incerto. Ah s ei scappa io sono
fritto della zucca. Io dovr cercar il mondo portando
scudi, elmi, fagotti. Piglier il puleggio dalla citt
appena saranno fatte le nozze, an d r al diavolo
via di qua a far il ladro in Asia o in Cilicia.
Correr o ra dove mi ha detto, avvegnacch io ab
bia in odio questa casa, sendovi vi ha dentro co
lui chc m ha dato lo sfratto.

ACTUS III.
SC EN A
Cj l l i c l e s , S

1.
t j s im v s .

C j l . Q uomodo tu is tu c , S lasim e, dixli?


S

N o stru m herilem filium


L esbonicum su a m sororem despondisse. H oc modo.

t j.

C j l .Q u o h o m in i despondit?

L y sitelij P hiltonis flio,

S tj.
Cj l .

S in e dote.
S in e dote ille illam in tantas divitias dabit ?
N o n credibile dicis.

S t j.

A l tute edepol nullus creduas.

S i hoc no n credis, ego credidero . . .


Q uid?
M e nihili pendere.
C j l . Q uam dudum istuc, aut ubi aclum est?
Cj l .

t j,

S t j.

Eloco h ic an le o stiu m t
Tarn m odo, in quit (%) P raen estin us.

Cj l .

T a n lo n in re perdita,
Q uam in re salva, Lesbonicus faclus est fru g a lio r?

t j . A lque quidem ipsus ultro venit Phillo o ra tu m filio.


C jz.F la g itiu m quidem hercle fiet, nisi dos dabitur vir
gini.

P ostrem o edepol isla m ego rem ad m e attinere in


tellego.
Ibo ad m eum castigatorem , atque ab eo consilium
pelam .

ATTO
SCENA

III
I.

Callicle, S u sin o .
Cal.

In qual modo mi racconti, una tal cosa, o Stasimo?

Sta.

Che Lesbonico figliuolo del nostro padrone ha pro


messa la sorella. In questo modo.
E a chi 1 ha impromessa egli?
A Lisitele nato da F iltone, e senza dota.

Cal.
Sta.
Cal.
Sta.

Senza dota la p o rr egli in tante ricchezze? questa


non me la bevo io.
E voi non istate a beveria, sa non la credete voi,

Cal.

E che?

S ta .

Cal.

Che n o n n e fo c a s o .
E quando avvenne questo, dove si fece tale ac
cordo?

S ta.

Qui sopra la porta: p u r ora, come cantano quei

Cal.

da Preneste.
E Lesbonico s ' fatto massajo adesso che ridotto
in spada e cappa, pi di quello chera u n d quando

Sta.
Cal.

avea salvo ogni suo avere?


Venne lo stesso Filtone a cercarla pel figlio.
Gli un to rto marcio il non dar quattrino di dota
a questa putta. Ma io veggo, questo affar mio,

la creder io . . .

andr dal mio am m onitore, e cercher


d$ lui.

consiglio

S t j .P ropetnoduTtj quid illic festinet, sentio et subolet


mihi:
Ut agro evortat Lesbonicum , quando evorlit aedibus.
O here Charmide, quam absenti hic tua res distra
hitur tibi/
Ulinam te redisse salvom videam, ut inimicos tuos
Ulciscare! ut mihi, ut erga te fui et sum , referas
gratiam !

N im ius difficile est reperiri am icum ita, ut nomen


cluetj
Quoi tilam quom rem credideris, sine om ni cura
dormias.
Sed generum nostrum ire eccillum video cum adfini suo.
Nescio quid non satis inter eos convenit: celeri gradu
Sunl uterque; illic reprehendit hunc priorem pallio.
H aud aneuscheme adstitereunl! H unc aliquantum ab
scessero:
Est lubido orationem audire duorum adfinium.
SC E N A

II.

L r SITEles , L esboxicus , S tasih us .


L r s . Sta eloco! noli advorsari, neque te occultassis mihi!
L es . Potin, ut me ire, quo profectus sum , sinas?
L ys.
S i in rem tuae,
Lesbonice, esse videatur gloriae, aut fam ae, sinam.
L e s . Quod est facillum um , facis.
L rs.
Quid id est?

Sta.

Presso a poco seuto io 1 odore del dove egli in cammini; per cacciar Lesbonio da quel poderetto,
dappoich 1 ha fatto raschiar fuori di casa. 0 p adron Carmide, come nella tu a assenza ti si manda,
a male la roba! Dio volesse che io ti vedessi to r
n a r salvo, e a pigliar vendetta de' tuoi

nimici, a

rin g raziar me di quello che fui e sono presso di


te. p u r la diffidi cosa il ritrovare tale amico
conforme lo vuole il nome,
messo

il

tuo, tu

ne possa

cui appena com - '


dorm ir

tranquillo.

Ma ve che viene il nostro genero col suo paren te,


io non so in che essi non si trovino: corrono
ambidue come pazzi; togli costui, afferr il primo
pel mantello, e si son fermi con non troppo bel
garbo? mi tirer un po in qua, ho g ra n voglia di
sentir parole che si hanno i due parenti.
SCENA

II.

L is it e l e , L e sb o n ic o , S ta sim o .

L is.

Sta l, non volgermi le spalle, n ti nasconder da me

L es.

E non puoi tu lasciarmi ire dove moveva io?

Lis.

Mai s, a Lesbonico, purch la

mi

sembri cosa

utile a te, alla tu a gloria, e al tuo buon nome.


L es.

T u fai cosa facilissima.

Lis.

E qual ?

'

L es.
tn ic o injuriam ..
L r s . Neque m eu m est, neque facere didici.

L e s.

Indoctus quam docle facis!


Quid faceret j t i q u it docuisset te, ut sic odio ettes
m ihi?
Q ui bene tim u la t facere m ih i te, m a le facis, m ale
consulit?

L rs.E g o n e ?

L es .

T u nae/

L rs,
L bs.

Qui m ale facio?


Quod ego noloj id quom facit.
Lrs. Tuae re. bene contulere cupio.
L bs.
T u n m i es m elior quam egomet m i?
S a t sapio j sa lit, in rem quae tin t m ea m , ego con
spicio m ihi.
L r s . A n id u t saperet u t qui beneficium, benevolentem,
repudies?
L e s.N u llu m beneficium esse duco id, quod, quoi facias,
n o n placet.
Scio ego et senlio ipse, quid agam , nec m odo se of
ficium m igrat,
N ec tuis depellor diclis, quin ru m o ri serviam.
L r s . Quid ais? n a m retineri nequeo, quin dicam ea, quae
promeres.
Ita n e ta n d e m .lib i m ajores fa m a m tradiderunt lui,
Ut virtute eorum anteporla per fiagitium perderes,
A tque honoris posterorum tuorum ut vendax fieres?
T ib i palerque avosque facilem fecit et p lanam via m
A d quaerundum honorem j tu

fecisti, ut difficilis
foret,

Culpa m a x u m a el desidia luisque stultis m oribus.

L es.

L is .
L es.

T orto all amico.


Non del mio costume, n qusta cosa ho lo im
parata mai.
come ne se m aestro senza essere ito a scuola!
che faresti mai; se alcuno ti avesse insegnato,
a frastornarm i cotanto? Tu infingendoti di voler il
mio bene, vuoi il mio male e mi di mali consigli?

Lis.
L es.
L is .

Io?
T u!
Son io che vuole il tuo male?

L es.
L is .
L es.

Volendo quelle cose che non voglio io.


Io desidero il tuo bene..
V uo' tu pensar meglio di me a 'c a s i miei? Io del
giudizio ne ho tanto che basta, e veggo bene ter
mine in che mi trovo.

L is.

Cre tu giudizio anche questo, il rinunziare a un


benefizio, a una benevolenza?
I o porto opinione che sia un beneficio
da cenci
quando tu lo faccia a chi non lo ha in grado. So
e conosco bene io quello che mi ho da fare, n s
cambiato ora il dover mio, n tanto potranno
smuovermi le tue parole, eh io non faccia conto
delle dicerie del popolo.
Che di tu? Io non so pi tenerm i dal non sciori
n a rti quello che tu mi strappi per forza. P er
questo eh! i tuoi m aggiori t'h a n n o lasciata la ri
putazione, perch, quello che virtuosam ente si era
no acquistato, tu avessi a m andare a traverso;
ed avessi a far getto dell' onore de' tuoi posteri?

L esu

L is .

Il padre e lavo ti aprirono- u n a via facile e piana


p er cercarti buona fama, tu per converto te l'hai

P raeoptavisti, am orem v iiiu li ut tuom praeponeresj


N u n c te hoc pacto credit posse obtegere e rra ta ? J h ,
non ita est!
Cape, tis , virtutem a n im o , et corde expelle desidiam
luo.
Jn fo ro operam am icis da,- haud in lecto am icae,
u t solitus es.
A lque a g ru m istum tibi relinqui ob eam rem enixe
expetoj
Ut libi sil, qui le cornigere possis: ne om nino ino
p ia m
Cives objectare possint tibi, quos tu inim icos habes.
L e s . O m nia ego istaec, quae d ixisti, scio. Fel

Ut rem p a tria m

exsigna
vero,

et m a jo ru m m eum foedarim glo


riam .

S cib a m , ut esse m e decercij facere non quibam miser:


I t a ,vi F enerit vicius, captus otio, in fraudem incidij
E t libi nunc, proinde ac merere, su m m a s habeo
gr alias.
L r s . A t operam perire m a m sic, et te haec corde sper
nere.
P erpeti nequeoj sim ul m e piget, pudere te parurtij
E t postrem o, n isi m auscultas, alque hoc, ut dico,

facis j
Tute pone te latebis facile, ne inveniat te honorj
Jn occulto jacebis, qnom te m a x u m e clarum voles.
P ernovi equidem, Lesbonice, tuom adm odum im pe
ritu m ingenium ;
Scio, te sponle non luapte errasse, sed am orem libi
Peclus ebscnrasse. Alque ipse am oris teneo om nis

vias.

f a tu malagevole per colpa tua, vivendo scioperato,


e alla pazzesca. Nuli altro stadio fa il tuo, che
di m ettere 'in n an zi alla virt i grilli del tuo cer
vello. Dimmi, credi tu oca poter ricoprire in que
sto modo gli spropositi ' tuoi? Ah, non cosi! F a
luogo nellanimo tuo alla virt e scaccia la pigri
zia dal tuo cuore. Attendi agli amici nel foro, e
non in letto, conforme sei solito, all amica. P e r
questo, per questo io ti lascio questo fondo, affinch
tu abbi da poterti correggere, affinch non ti possano
rinfacciare la povert que cittadini che ti sono ma
levoli.
L es.

Queste cose, che dette mi hai, sapevamele gi da


buon tempo. Io porr anche a libro come io abbia
manomessa la riputazione de' miei antichi, e
T avere del padre. Sapeva come essere dovea io,
' ma, sgraziato, non ho potuto farlo. Tinto dalla

Lis.

forza di Venere, e preso al ealappio dellozio son


rim asto nella schiaccia; ed io, conforme sono i
tuoi m eriti, grande obbligo te ne ho.
Ma soffrire non posso che vada cosi a male
1 opera mia, e che tu la disconosca proprio col
cuore; e ad un tempo me ne spasima ch poca
vergogna tu senta. In somma se tu non vuoi as
coltarm i, e fare non vuoi quello che ti dico, tu ti
nasconderai facilmente perch 1 onore non ti ri
trovi, m a quando vorrai farti chiaro, tu sta ra i
sempre dimenticato nella belletta. Ben so io, Lesbo
nico, come seJ poco pratico tu del m ondo, so che di
tu a volont fallato non hai, ma che fu lam ore il qua
le ti ha abbujato il petto. Tutte io le conosco le
49
Vol. IV. P la u t .

I ta a m o r est, balista ut jacilur: nil sic celere est,


neque volatj
A lque is m ores h om inum m oros et m orosos ecficit:
M inus placet,, mage quod suadeturj quod dissuade
, Q uom inopia est,

cupias j

tu r, placet.
quando ejus copia esi,

tu m non velis;
Ille, qui aspellit, is conpellitj ille, qui consuadet, velat.
In sa n u m est m a lu m indu hospitium devorti ad Cu
pidinem.
atque etiam ut reputes,
quid facere expetas.
S i istucj ut conari facis in d iciu m , tuom incendes
Sed te m oneo, hoc etiam

genus.
T u m ig itu r libi aquae erit cupido, genus qui restin
guas tuom.
A l qui erit? S i nactus: proinde ut corde a m a n
tes sunt cati,
N e scintillam quidem relinques, genus qui congli
scat tuom.

L e s . Facile est inventu: datur ignis, tametsi ab inimicis


petas.
Sed tu , objurgans m e a peccatis, rapis deteriorem
in viam :
. M eam libi vis dem sororem sine dole. Hoc non conventi3
M e qui abusus ta n ta m su m rem p a tria m , porro in
divitiis
Esse agrum que habere, egere illam

autem: ut m e
rito m e oderit.

N u m q u a m alienis gravis erit, qui suis se concinnat


levem.
Sicu t d ixi, faciam . Nolo te ja c ta r i diutius.

vie dell amore. Egli cos fatto, come una saetta


che scocca dalla balestra, nulla cosa cos ra tta ,
nulla cosa cos presta a volare. Egli cambia i
costumi, fa 1 uomo bisbetico e lunatico tanto che
non sa adattarsi a quante persuasioni che gli si
facciano, e s'ap p ig lia sempre a quello donde Io si
sconforta. Se non hai quello che vuoi te ne m uori;
abbialo, che ti fa noja. Chi vuol tenere un inna
m orato gli d una spinta: vuoi proibirgli una cosa?
esortalo a farla. Insomma una disgrazia assai gran
de m ettere il pi nella casa di Cupidine. Ma io ti
avverto, discorri ben sopra a quello che tu vuoi:
perch se ti appigli a quel partito, che di pren
dere tanto ti sforzi, tu m andi a fuoco e fiamma
la tu a casa. Vorrai 1 acqua per sm orzare l in
cendio, ma che ne verr? Se la trovi; sono
cos bacelloni gli innam orati, tan ta ne verserai,

L es .

da non lasciarvi poi una scintilla la quale radum i


la tu a casa.
Si fa presto a trovarla, del fuoco ne danno an
che i nemici: ma tu col farmi questa bella ram m anzina, mi tiri sopra la strada pi b ru tta volendo
che ti dii la sorella senza dota. Questo non
della convenienza mia, che io, dopo aver fatto co
tan to scialo della roba paterna, mi trovi ancora agiato di un fondo, e che essa la si vegga con la
sola vita, perch m eritam ente la mi abbia in odio.
Non sar mai grave agli altri chi fa leggiero s
per i suoi. Io son fermo a quello che ho detto,
non mi rom pere d avvantaggio il capo.

L r s . Tanto m elim i, te sororis causa egestatem exsequi,


M q u e eum agrum m e habere, quam te, tua qui to
leres m oenia?
L es . Nolo ego, m ih i te ta m prospicere, qui m eam egestatem levesj
Sedj ut inops in fa m is ne sim : ne m i hanc fa m a m
differant,
M e g erm a n a m m eam sororem in coneubinalum tibi
S ic sine dote dedisse, mage quam in m a trim o n iu m ,
Quis m e inprobior perhibeatur esse? H aec fam ige
ratio
Te honestet, m e autem conlutulet, - si sine dote du
xeris.
T ibi sit em olum entum honoris; m ih i, quod objectent,
L r s . Quid? te dictatorem

siet.
censes fore, si abs te agrum
acceperim ?

L bs . Neque volo neque postulo neque censeo: verum

ta

m en
Js honos est h o m in i pudico, m em inisse offlcium suom ,
L r s , Scio equidem te* a n im atus ut sis; video, subolel,

sentio:
Jd agis, ut, ubi adflnitalem inter nos nostram adstrinxerisj
J lq u e eum a g ru m dederis, nec quidquam hic libi
sil, qui vila m colas,
E cfngias ex urbe inunis, profugus p a tria m deserast
Cognatos, adflnitalem , am icos, factis nuptiis.
M ea opera hinc proterritum te meaque avaritia au
tum ent.
Id m e caiim issurunij ut pa tia r fieri, ne a n im u m in
duxeris:.

Lisi.

L e.

Lis.
Les.

Lf.

ti par cosa da savio, il voler tu essere pitocco*


per amor della sirocchia, e che io abbia quel fon
do pel quale tu provvedi a tuoi bisogni?
Non voglio che tu badi tanto a tornii dalla mise-'
seria, quanto che poter e infame ntin sia: che non
Ali gridino dietro averti io data una sorella c a rfiale senza dota, perch la ti servisse pi da con
cubina che da mglie. Chi pi scellerato si direbbe?
di me? Queste vci farebbero pi bella la (Ha fa
tua, ma ben pi dassai disonorevole la mia; se tu te!
la menassi Senza dota. Tu sfaresti portato in cielo*
io cacciato nel fango.
E che? pensi forse di Venir dittatore s e da te io
ricevo questo fondo?
N lo voglio, ni lo cerco, n ci mi Venne in capo
mai; ma qesto 1 Onore del dabben tom o, ri
cordarsi 11 suo dovere.
So io bene csa che tu rumitfi: Veggo, ri ho gi
sentore, ne son gi Chiarito: a questo hai tu lanimo
rivolto; appena fatto questo parentado fra noiy
e che tu, ceduto il podere, cosa al mondo noni
avrai d vivere, fuggirai dalla citt senza bisco ttoy
profugo lascierai la patria, i cognati, i parenti, gli
amici appena celebrate le ntfzzie. Alzerebbero laf
voce che io per la mia avarizia ti ho sbandeggia-'
to di qua. Che faccia io questo o che lo permet
ta, non portalo in cuore.

Non enim possum, quin exclamem: Euge! Euge, L y


sileles suaXiv!
Facile palm am habesj hic vicius. Ficit tua comoe
dia.
Ilie agit magis ex argumento el versus meliores fa
cit.
Etiam ob stultitiam tuam te lueris? M ultam abo
mina.
L es . Quid tibi interpellatio aut concilium huc accessio
est?
S t j . Eodem pacto, quo h u c accessi, abscessero.
L es .
I hac mecum domum,
Lysileles: ibi de istis rebus plura fabulabimur.
L r s . N ihil ego in occulto agere soleo. Meus ut animust,
eloquar:
S i m ihi tua soror, ut ego aequom censeo, ita nuptum
dalur
Sine dote, neque tu hinc abilurus, quod meum erit,
id erit tuom j
S in aliter anim atus es, bene quod agas, eveniat tibi:
Ego amicus tibi nunquam ero alio pacto. Sic senten
tia est.
S t j . Abiit hercle ille. Ecquid audis, Lysileles? J^go le volo.
H ic quoque abiit. Stasime, restas solus. Quid ego nunc
agam ,
N isi uti sarcinam constringam et clypeum ad dorsum
adeommodem,
Soccis fulmentas suppingi jubeam? N on sisti polest,
Fideo caculam militarem me fulurum haud longius.
S

ta.

Non posso pi, forza eh io gridi: viva, evviva!


Lisitele! all antica, facilmente hai la vittoria; que
st uomo vinto! la tua commedia ha avuta la palma.
Costui sta meglio coll argomento e i suoi versi
son passati a miglior staccio. E ancora dopo tanta
sciocchezza vi guatate voi? Schifate la multa.
Che questo interrompere, che hai qui a fare in
questo senato?
Con que piedi che ci venni cogli stessi men andr.
Yien meco in casa, Lisitile: ivi parleremo di que
sto pi alla distesa.
Le cose mie non le faccio mai all Oscuro: dirotti
mente che la mia, se mi si d, conforme io la
penso, la tua sorella senza dota in moglie, e tu
non ti allontanerai, quello che sar mio, sar tuo:
ma se la pensi altramcnti, che Dio bene ti dia. P er
altro modo io non ti sar mai amico. Questa
la mia sentenza.
Ei raschi via davvero. Avete orecchi, o Lisitele?
io vi voglio. Anche questi se 1 ha clta. Solo tu
sci, o Stasimo. Che devo io fare adesso, se non
mettermi le bisaccie al collo e acconciarmi dopo
le spalle uno scudo, e farmi inferrar di chio
di i zoccoli? Qua non si pu fermar altro; la. veg
go in ata la sorte mia, io presto mi tram uter
in bagaglion militare, appena che il padrone si inet-

f t aliquem ad rcgcm in saginam lierus se conj exit j

meus:
Credo ad summos bellatores acrcm fugitorem foret
Et capturum spolia ibi 'lunij qui hero adver
sus veneritj
Egomet a u te m q u o m extemplo arcum m i et pha
retram sumseroj
Cassidem in caputa dormibo placide in tabernaculo.
j4d forum ibo: nudius sexlus quoi talentum m utuom
Ledij reposcam: ut habeam, mecum quod feram,
viaticum.
SC E N A

III.

M e g a r o n i d e Sj C a l l i c l e s .

Ut m ihi rem narras. Callide*3 nullo modo


Pole fieri prorsus, quin dos delur virgini.
C a l . Namque hercle lionesle fieri ferme non potest,
Ut eam perpetiar ire in m atrim onium
Sine dole, quom ejus rem penes me habeam domi.
M eg . Paranda dos domi est, nisi expectare visj
Ut eam sine dote frater nuptum conlocet,
. Post adeas tute Philtonem, et dolem dare
Te ei dicas: facere id ejus ob amicitiam patris.
Verum hoc ego vereor, ne istaec pollicitatio
Te in crimen populo ponat atque infam iam .
Non temere dicant te benignum virgini:
D atam libi dolem, ei quam dares, ejus a patrej
E x ea le largitori, neque ita, ut sit data,

M eg.

ter a far lardo sulla coppa alle spalle di qualche


re. Io credo che tra gran soldati ei sar un
valoroso Marcosfila, e che far bottino
chiunque si affronter col mio padrone. Io poi ap
pena che mi prender e 1' arco e la faretra, col1 elmo in testa dormir saporito nella tenda.
J^ndr in piazza e mi far dare in dietro quei
talento che ho prestato sei giorni fa, per ayere la
scorta nel viaggio.
SCENA

III.

Megarohide, Callicle.
Meo.

Cal.

Meg.

Stante la eosa che tu mi racconti, o Callicle, in


niun modo si pa causare dal dotar questa
giovine.
Ne in f di valent' uomo posso io condurmi one
stamente lasciandola ire a m arito senza dota, avendo
in poter mio, e in mia casa il suo avere.
Deesi preparare in casa la dota, se non vuoi a spettare che il fratello la dia in isposa senza il
corredo, fa duopo che tu vada a Filtone, e dirgli
che una dota tu gli di, e che Io fai per 1 ami
cizia che tu avevi al padre. Ma temo io che
cotesta profferta non la ti ponga nelle dicerie e
nelle infamazioni del popolo. Diranno che non
per nulla tu fosti cortese a questa putta, che da
suo padre ti fu data la dota da risegnarle, che
d essa fai il largo con lei, ma che non ce la

Columem te sistere illi, et detraxe autument.


Nunc si opperiri vis adventum Charmidis,
PERLONGUM

EST:

LUBIDO: A TQ U E E A

H U IC

D U CEND I IN T E R E A

ABSCESSE RIT

CONDICIO H U IC P R I M A R I J E S T ( 9 ) .

Cal . eadem om nia istaec veniunt in mentem mihi.


Fide, si hoc utibile magis atque in rem deputas,
Ut adeas Lesbonicum edoctum, ut res se habet.
Cal . Ut ego nunc adulescenti thesaurum indicem
Indom ito, pleno amoris ac lasciviae?
M inum e, m inum e hercle vero! nam certo scio
Locum quoque illum omnem, ubi situst, come
derit:
Quem fodere metuo, sonitum ne ille exaudiat,
Ne ipsam rem indaget, dotem dare si dixerim.
M eg . Quo pacto ergo igitur?
Ca l .
Clam dos depromi potest,
*
Dum occasio ei re reperiaturj inierim
J b amico amicod alicunde argentum rogem
MEG.Potin est ab amico amicod alicunde exorari?
Potest.
Ca l . '
M eg . Gerrae! nae tu illud verbum actutum inveneris:
Mihi quidem hercle non estj quod dem mutuom.
Cal . M alum hercle (iO ) ut verum dicas, quam ut des
mutuom.
M eg . Sed vide consilium, si placet.
Cal .
Quid consili est?
M eg.S citum , ut ego opinor, consilium inveni.
Cal .
Quid est?
M eg.

Cal.
Me g .

Cal.

Meg.
C a l.

Meg.
Cal.
Meg.
Cal.
Meg.
Cal.
Meg.
Cal.

di intera conforme la ti venne mandata, ma uh


pizzico. Ora se tu vuoi aspettare 1 arrivo di Carmide un giulebbe un po troppo lungo: a costui
frattanto passeria questa voglia di donna, e que
sto patto costui pone innanzi a tutto.
Queste tutte cose veggole anch io.
Guarda se questo saria miglior partito, avvertire
Lesbonico come sia la faccenda.
E io dovr insegnar un tesoro ad un giovane
senza freno, innamorato, appettitoso? mai no, per
la vita mia, mai n far io cotestol io son chiaro;
egli si magneria anche la terra che lo ricopre. Io
tremo di scavarlo, che egli non ne senta il tintinnio,
io tremo che egli non ne venga all' acqua chiara,
s io dico che son per dare la dota.
E come farai tu adunque?
Si potr di cheto sbrucar la dota, quando si pa
rer buona occasione di farlo. Intanto cercher
io da qualche amico cordiale questo denaro.
E si pu trovar davvero da qualche amico?
Si pu.
Baje all aff di Dio! troveresti subito pronta questa
parola; io non ho quattrini da dare a prestito.
Un canchero se vuoi dire il vero, piuttosto che
tu dii a mutuo.
Ma ascolta questo avviso, se ti garba.
Qual ?
A parer mio ho proprio trovato un tratto da
scaltro.
Mei dici adunque?

M e g . H om o conducatur aliquis ja m quantum potest

Ignota facie, quae non visitata sit,


Quasi sit peregrinus.
C l .
Quid is scit facere postea?
M eo. Is homo exornetur graphice in peregrinum tnoduntj
Quasi ad adulescentem a patre ex Seleucia
Fenialj salutem ei nuntiet verbis palrisj
Illum bene gerere et valere et vivere,
E t eum rediturum actutum. Ferat epistolas
D uhsj eas nos consignemust quasi sint a patret
Cal . Falsidicum confidentem/ Quid tum postea?
M eg. Det alleram illice, alteram dicat libi
D are sese velle . . .
Perge porro dicere.
Cal . .
M eg. Seque aurum ferre virgini dotem a patre
Dicat; patremque id jussisse aurum tibi dare.
Tenes ja m ?
w
Ca l .
Propemodo, atque ausculto perlubens.
M eg. Tum tu igitur demum id adulescenti aurum dabitj
Ubi erit locata virgo in m atrim onium . . .
Cj l . Scite hercle sane hoc/
M eg.
Ubi thesaurum ecfoderis,
Suspicionem ab aduleseente amoveris:
Censebit aurum esse a patre adlalum tibi}
T u de thesauro sumes.
Cj l .
Satis scite et probe/
Quamquam hoc me aetatis sycophantari pudet.
Sed epistolas quando obsignatas adferet.
S i quidem obsignatas attulerit epistolast
N onne arbitraris tum adulescentem anuli
Paterni signum novisse?

Cal.
Meg.

Cal,
Meg.
Cal.
Meg,

Cal.
Meg.
Cal.
Meg.

C al.

Piglisi pi tosto che si pu a nolito un uomo co


me che sia, di faccia nuova., e mai non veduta,
come che sia un forastiero.
E che ne faremo dopo?
Si rivesta costui bene alla forastiera come se venisse
da Seleucia per parte del padre al giovane, e lo
saluti a nome del padre, dicagli che fa buone fac
cende, e che sano, e che vive, e che non tarde
r molto a tornare. Porti due lettere, noi le si
gilleremo, quasi che dal padre capitassero.
0 faccia tosta di bugiardo! e dopo?
L una la dia a colui, l altra dica egli volerla da
re a te . . ,
Di pur franco.
Aggiungendo che dal padre gli venne data la do
ta per la putta: e che il padre ha dato ordine di
consegnarti questi quattrini. M ha tu inteso?
Un pochetto, e t ascolto volentieri.
Allora dunque tu metterai quest oro in mano dei
giovane, appena sar m aritata la fanciulla.. .
Bene, oh il sottil consglio!
Quando avrai scavato il tesoro. Tu leverai ogni
sospetto dal giovine, ei creder ti sia portato loro
dal padre, e tu lo torrai dal marsupio. .
Benissimo! bravissimo! avvegnacch le ciurmerie mi
facciano vergogna a questa mia et. Ma quando egli
recher le lettere col suggello, ^se pur le ha da
portare sigillate, non se tu dJ avviso che il gio
vane riconosca 1 anello del padre?

M eg .
Eliam lu laces?
Sexcentae ad eam rem causae possimi conligi:
Quem habivti, perdidit: alium post fe d i novom.
J a m si obsignatas non feret, dici hoc potest,
A pud portitorem eas resignatas sibi
Inspectasque esse. In hujusmodi negotio
Diem sermone terere, segnities mera est:
Quamvis sermones possunt longi texier.
A b i ad thesaurum ja m confesiim clanculum,
Servos, ancillas amove; alque audini
Quid est?
Cj l .
M eg. Uxorem ipsam quoque hanc rem uti celes face:
N am pol lacere nunquam quidquam est quod
queat.
Quid nwtiC stas? quin te hinc amoves et demoves?
Aperi; deprome inde, auri ad hanc rem quod sal est;
Continuo operilo denuoj sed clanculum,
Sicut praecepi; cunctos exturba aedibus.
Cj l . Ila faciam .
M eg.
A t enim nim is longo sermone utimur:
Diem conficimus.
CJ l .
Quid jam ?
M sg .
Properato est opus.
Nihil est, de signo quod vereare. Me vide.
Lepida illa est causa, nt conmemoravi, dicere,
A p u d portitores esse inspectas. Denique
' Diei tempus non vides? quid illune pulas
~ Natura illa atqne ingenio? Jam dndum ebriust:
Quidvis probari poterit. Tum , quod m axum um esi,
Adferre, non pelere hic se dicel.
Jam sat est.
Cj l .

Meg.

C al.

Meg.

E non la finisci? seicento scuse ~gli si possono


scoccolare in mano: quello che ebbe l ha perduto;
se ne ha fatto fare un nuovo. Se ei non le porta
sigillata, si pu questo recare in campo, che le
ha risegnate al dazzino e che le ha aperte. Per
dere il giorno in queste ciarumelle, proprio una
pazzia: avvegnacch delle storie se ne possano far
molte. Tu catellon catelloni va al tesoro, ma ser
ve e fanti non ti sieno d' attorno. M ascolti?
Parla.
Di questa cosa tieni al bujo mogli a t a, ch non
v ha cosa eh ella possa tenere nel gozzo. Che
fai tu qui adesso? Che non sbratti, che non muovi la
polvere? Va tira fuori quanto basta, copri il re
sto, ma chiuso chiuso; conforme ti ho detto. Man
da ogni persona fuori di casa.

Cal.

F ar cos.

Meg.

Ma noi infilziam troppo


tempo.
C os?

Cal.

ciarle,

e perdiam o il

Meg.

Bisogna far presto. Del sigillo non aver paura: fi


dati in me. La gaja la frottola che t ho contato,
d essere vedute da gabellieri. In somma non ba
di a che ora noi siamo? non conosci tu 1 umore
della bestia? Ormai egli sar alticcio, gli si pu
far bere ogni cosa. Infine, quello che pi monta,
e' dir costui che ne porta, e non che ne cerca.

Cal.

Ornai basta.

M e c.Ego sycophantam Jam conduco de foro,


Epistolasque etiam consignabo duas,
Eurnque ad adulescentem meditatum probe
H uc m ittant.
Eo ego igilwr intro ad officium meum.
Cj l .
Tu istuc age actum reddas.
M eg.
N ugax sum, nisi/

<5>-<0Sa^0>-<S>

Meo.

Cal.
Meg.

Io condurr di piazza qualche ciurmadore, e gli


dar due lettere, e ben imburiassato lo mander
al giovane.
io andr pel mio mestiere, tu dammi fatto
questo.
Dimmi bajonc; se non!

Vol. IV. P laut.

20

ACTUS 1F.
SC E N A

Ca r m i d e s .

Salsipotenti et multipotenti Jovis fra tri aelherei,fi \ J Neptuno


LaetuSj lubens, laudes ago gratas gratis(jue habeo
et fluctibus salsis,
Quos penes omnis boni potestas m ei quidem fuil et
fneae vitae,
Quom suis m e ex locis in patriam urbem incolumem
reducem faciunt.
A tque tibi ego, Neptune, ante alios deos gratis ago
et habeo summas:
N am te omnes saeeomque severumque avidis moribus
conmemorant,
Spurcificum , inm anem , intolerandum, vesanum, ego
contra opera expertus:
N a m pol placido te et clementi meo usque modo ut
voluij usus in alto.
Alque hanc gloriam tuam ante auribus nobilem ja m
acceperam ad homines:
Pauperibus te parcere solitum, divites damnare al
que domare.
A b i, laudo: scis ordine, ut aequom esi, tractare ho
mines. Hoc dis dignum est:
Sem per mendicis modici sint.
Fidus fuisti; infidum esse iterant: nam absque foret
te, sal scio in alio
Distraxissent disque tulissent tuisalelliles miserum foede

ATTO IV.
SCENA

I.

Carnide.
Al Signor del mare potentissimo fratello delletereo Gio
ve, a Nettuno io contento e pieno di buona voglia do
grazie senza novero; e con lui a questi cavalloni in
salsa, i quali, potendo far di me e della ma roba
quello che pi loro frullasse, mi hanno fuori delle
case loro mandato sano e salvo nella citt e pa
tria mia. Ma a te, o Nettuno, sopra ogni altro Id
dio sono obbligato non poco: imperciocch, sebbene
non abbiavi persona la quale non ti dia del cru
dele, del barbaro, dell avido, dello sporco, delT implacato, del furioso, io ho provato altramente
conciossiach, conforme appunto voleva, ti ebbi
placido e tranquillo

tutto a modo mio. Queste

glorie tue io le Aveva udite dire a parecchi: cio


che avevi il costume di perdonare a ' poverelli, c
condannare e fiaccare i ricchi. Egregiamente! te ne
do lode, sai trattar gli uomini conforme si con
viene, cos devono fare gli Iddi: esser discreti coi
meschini. Tu mi fosti fedele, e li vanno gridando in-

Me bonaque omnia ilem una mecum passim caeru


leos per campos:
Ila ja m quasi canes, haud secus, n avem circumsta
bant turbines
Fenlidj imbres fiuctusque alque procellae infensae
frangere m alum ,
Ruere antennas, scindere vela, n i tua propitia foret
praesto
P ax. Apage a me, sisf dehinc certum est me
otio dare: satis partum habeo,
Quibus aerumnis deluctavi, filio dum divitias quaero.
Sed quis hic est, qui in plateam ingreditur cum novo
ornatu specieque?
Sim itu pol, quamquam dom um cupio, hic opperiar,
quam gerat rem.
SC E N A

II.

SrCOPHJNTJj CuJMMIDES.
S rc .H u ic ego die nomen Trinumo faciam : nam ego
operam m eam
Tribus num is hodie locavi ad artis nugatorias.
Advenio ex Seleucia ( \2 ) Macedonia, A sia atque
A rabia,
Quas ego neque oculis, nec pedibus unquam usurpavi
meis.
Fiden, egestas quid negoti dat hom ini misero mali,
Qui ego nunc subigor, trium num orum causa ut
has epistolas
Dicam ab eo homine me accepisse, quem ego, qui
sil homo, nescio,
Neque novit neque, natus necne is fuerit, id solide scio?

fido! Ben mi so io che, se tu non ci fossi state*


i tuoi scarafaldoni avrebbero dispersa e sfracellata
ogni mia roba, e me insieme per quei campi az
zurri. EUi mi stavano alle costole come cani; e tur
bini, e venti, e pioggie, e marosi, e procelle terri
bili s affollavano intorno alla nave, per fracassar
T albero, romper le sarte., squarciar le vele: e saria
certo avvenuto, se presto tu non eri col tuo soc
corso. Vanne, vanne da me! adesso mi son de
liberato di passarmela in quiete: so ben io con
che traverse ebbi a fare, per far ricco il figlio!
Ma qual uomo questo che viene in piazza vestito
in quella forma cos strana? Avvegnacch muoja di
trovarmi in casa, tuttavia aspetter costui per ve
dere che si faccia.
SCENA

IL

CIURMADORE, C a RKIDE.

Citi,

to chiamer questa giornata il Trinumnto-, im


perciocch io quest oggi mi sono dato in affitto
per appiccar sonagli. Io arrivo dalla Macedonia
Seleucia, dall'Asia e dallArabia, cui io n vidi mai,
n toccai co miei piedi. Guarda Povert, affanni
che tu doni a uom sgraziato! guarda che devo
far io cagion tua; portar per tre danari queste let
tere, e spacciarmi daverle ricevute da uomo che io
non so faccia che si abbia. E son ben certo io
'egli sia anche vissuto sotto la luna?

Ch j .P oI hic quidem fungino genere esi, cupite se totum


tegit.
IUurica facies videtur hominis, eo ornatu advenit.
S rc .lU e , qui me conduxit, ubi conduxit, abduxit dom um j
Quae voluit, m ihi dixit,

docuit el praemonstravit
prius,
Quomodo quidque agerem. N unc adeo si quid ego
addidero amplius,
Eo conductor melius de me nugas conciliaverit.
Ut illic me exornavit, ita sum ornalus. A rgentum
hoc facit.
Ip st ornamenta a chorago haec sumstl suo periculo.
Nunc ego si potero ornamentis hominem circum
ducere,
Dabo operam, ut me ipsum plane sycophantam
senliat.
Cu a . Quam mage specio, minus placet m i haec hominis
facies. M ira sunt,
N i illic homo est aut dormitator, aut sector zona
rius.
Loca contemplat, circumspectat sese alque aedis noscilal:
Credo edepol, quo nox furatum veniatj speculatur
loca.
M agis lubido est observare, quid agalj ei re operam
dabo.
S r c .H a s regiones demonstravit m i ille conductor meusj
A p u d illas aedis sistendae m ihi sunt sycophantiae.
Foris pullabo.

su
Car.

Per la f di Dio costui fatto come il fungo; il


capo gli fu d ombrello al

corpo; egli

sembra

d* Illiria, essendo vestito a quella foggia.


Ci.

Chi mi prese a nolito, fatto il contratto, tirommi a


casa sua; e m ha indettato, e m 'h a detto e ri
badito quanto voleva egli che facessi io. Se vag
giunger del mio per sopra mercato, sar meglio
servito di bubbole chi le prese a cottimo. Io son
concio di quepanni che egli mi ha messo in dosso.
Ecco forza del denaro. A suo rischio egli prese
queste bazziche dal corago: ed io, se potr fi
schiargliela anche di queste, far si eh ei died pro
prio, che il girellajo fu sempre il mio vecchio me
stiere.

Car.

Quanto pi guatolo, tanto meno questo mostac


cio mi garba. Saria da porsi in sul libro dei prodigi
se costui non un fora muri o un tagliaborse. Ei
spia i luoghi, si guarda attorno, segna le case: io
credo chei stia badando a che luqgo dovr assag
giare il muro stanotte; mi si cresce la voglia di adocchiarlo; vo' proprio stare attento.

Ciu.

Chi in ha tolto in affitto insegnommi questo quar


tiere; le mie trappole devono assediar quella casa.
Batter alla porta.

CnA.

A d nostras aedis hic quidem habet rec


tam viam:
Hercle opinor m i advenienti hac noctu agitandum
est vigilias.
S r c . Aperite hoc, aperite! Heus, ecqui his foribus tute
lam gerit?
Ch a . Quid, adulescensj quaeris? quid vis? quid istas pullas?
Src.
Heusi senex,
Census quom sum , (Z ) ju ra to ri recte rationem dedi.
Lesbonicum hic adulescentem quaero, in his regio
nibus
Ubi habita, et item alterum ad islanc capitis albi
tudinem;
Calliclem ajebat vocari, qui has m ihi dedit episto
las.
Cha . Meum gnatum hic quidem Lesbonicum quaerit et
am icum m eum ,
Quoi ego liberosque, bonaque conmendavi, Calliclem.
S r c .F a c me si scis certiorent, hice homines ubi habitent,
pater.
C uj.Q uid eos quaeris, aut qui es, aut unde es, aut unde
advenis?
S r c . Mulla simul rogitas; nescio quid expediam potissum um .
S i unum quidquid singillatim et placide percontabere,
Et meum nomen mea facta et itinera ego faxo
scias.
Ch a .F aciam ila, ut vis. Agedum , nomen prim um tuom
m em ora mihi.
Src.M a g n u m facinus incipissis petere.

Car.

E vassene difilato a casa nostra: io son chiaro,


abbench torni d un viaggio m forza di passar
qua desto la notte.

Ciu.

Aprite quest uscio, aprite! Ehi! chi guardiano a


questa casa?

Cab.

Che cerchi, o giovane? che vuoi? Che bussare


questo tuo?

Ciu.

Vecchio, mio, ho dato conto gi di me al maestrato. Io cerco un cotal giovine Lesbonico, e dove
abiti in questa contrada; e un altro che ha la
porrata in capo, come te, detto Callicle, conforme
asseverommi 1 uomo che mi die' queste lettere.

Cab.

Costui cerca del mio figliuolo e del mio amico Cal


licle, a cui ho raccomandati i figli, e ogni mio
avere.

Ciu.

Dimmi, o padre, se lo sai, se proprio questa la


casa ove stiano costoro.

Cab.

A qual uopo li vuoi? Chi se tu, di che luogo sei,


donde vieni?

Ciu.

Quante cose in un fiato: io non so quale spac


ciare per la prima. Se cheto, e una per fiata me
ne dimanderai., li dir e il nome mio, e i (atti
miei, e il cammino che ho fatto.

Car.

Far conforme tu vuoi. Su adunque, dimmi prima


il nome tuo.

Cro.

Troppo gran cosa tu cominci a chiedermi.

Quid ita?
Syc.
Quia, pater,
A nte lucem si ire occipias a meo prim o nomine,
Concubium sit noctis, priusquam ad ( i A) postumum
perveneris.
Cb a .

Cb a . Opus facto est viatico ad tuom nom en, u t tu prae


dicas.

S r e .E s t minusculum alterum, quasi vasculum vinarium .


Cb a . H ic homo solide sycophanta est. Quid ais tu, adu
lescens?
Syc.
Quid, est?
Cb a .E loquere, isti tibi quid homines debent, quos tu quae
ritas?
S r c . Pater istius adulescentis dedit has duas m i epistolas
Lesbonici. Is m i est amicus.
Cb a .
Teneo hunc mam ifeslarium /
Me sibi epistolas dedisse dicitt Ludam hominem
probet
S r c .I ta ut occepi, anim um advorlas, dicam.
Cb a .
Dabo operam tibi.
S rc .H a n c me jussit Lesbonico gnato suo, dare epistolam
E t item hanc alleram suo amico Callicli jussit dare.
Cb a . Mihi quoque edepol, quom hic nugatur, contra nu
gari lubet.
Ubi ipse erat?
Src.
Bene rem gerebat.
Cb a .
Ergo ubi?
Src.
I n Seleucia.
Cb a . Ab ipson istas accepisti?
S yc.
E manibus dedit m i ipse t n manus.

Car.

Ciu.

Car.

Ciu.

Perche?
Perch, padre mio, se incominci allalba a correre
dal mio primo nome, si far, notte folta anzi che
tu sii giunto all ultimo.
Se la come la conti, fa uopo che tu fornisca
il tuo nome di biscotto.
Ma ne ho un altro pi piccolo, come ttn carafetto
d i T in o .

Car.
Ci.
Car.

Cro.
Car.

Ciu.
Car.

Ci.

Car.

Ciu.

Oh ciurmador schiumato che si questi! Che m i


narri, o giovane?
Che hai?
E s, che vuoi tu da costoro che tu cerchi?
Il padre di questo giovane Lsbonico diemml dn
lettere. Egli mi amico.
li* ho clta al lardo la gatta! E' dice eh io gli ho
date le lettere. Vo proprio torlo in barca a nodd
mio.
S, conforme che ho detto, se vorrai ascoltatoli,'
andr avanti.
E io ti ascolter.
Egli mi ha ordinato di dare questa lettera a Le
sbonico suo figliuolo, e di consegnar quest altra al >
suo amico Callide.
Alla f mia, come vero che sono vivo, io to pro
prio far costui pifaro d montagna. E dov erasi
egli?
Faceva bene i fatti suoi.

Car.

Ma dove?

Ciu.

In Seleucia.
E 1 hai avute da lui?
Egli anima e corpo me le mise in mano.

Car.

Ciu.

316
Cb a . Qua facie est homo?

Src.
Sesquipede quidem ett quam te longior.
Cb a . Haeret haec res, t i quidem ego absens tu m quam
praesens longior.
Novisim hominem?
Src.
Ridicule rogitas, quocum una cibum
Capere soleo.
Cb a .
Quod ei est nomen?
S rc.
Quod edepol hom ini probo.
C aj.Lubet audiret
.
Src.
Illi, edepol illi illi M i V a t
misero m ihit
Cb a . Quid esi negoti?
Src.
Devoravi nomen inprudens modo.
Cb a . N on placet, qui amicos intra dentit concluse* habet.
S r c . Atque etiam modo vortabatur m i in labrit prim o
ribus.

Cba . Temperi huic hodie anteveni.


Src.
Teneor tnunufesto m iterf
C sA .Jam ne commentatus nomen?
S rc.
Deum me hercle atque hom inum pudett
CaA.Videt homo, ut hominem noverit.
Src.
Tam quam me. Fieri istuc tolet:
*
Quod m anu teneas alque oculit videas, id desideres.
L ite r if reconminiscar. C est principium nomini.
Cb a . Callias?
Src.
N on est.
Cb a .
Callippus?
Src.
Non est.
Cb a .

S y c . N on est.

Callidemides?

C ar.

Ciu.
Car.

Ciu.
Car.

Ciu.
Car.

Ciu.
Car.
Ciu.
Car.

E che persona ha quest uomo?


Egli un piede e mezzo pi lungo di te.
Questa toada. Se pur io non mi fo pi lungo
lontano che presente. Lo conosci tu quest uomo?
Faresti ridere i porri., io mangio con lui alla stessa
mensa.
Ma qual il nome suo?
Quello di un uomo onesto.
Vorrei sentirlo:
Egli egli egli egli ahi diserto a me!
Che combibbia questa?
Sciocco che fui! ne ho tranghiottito il n o n ^
Potenzinterra! non mi garba aff il tenere gli amici
chiusi tra denti.

Ciu.
Car.

E p u r ora e passeggiavami sul fior delle labbra.


Gli mi son proprio fatto innanzi a tempo.

Ciu.

Io son colto in trappola:

Car.

E tei se' ringangherato il nome?


I o ho vergogna di tutti e Dei e uomini.
G uarda, buon uomo, come lo conosci costui.

Ciu.
Car.

Ciu.

Tanto come me. La non cosa nuova questa, di


cercarsi l asino quando gli si sta a bisdosso. Me nc
far sovvenire col raccozzarne le lettere; egli inco
mincia per C.

Car.

Callia?

Ciu.

No.

Car.

Calippo?

Ciu.

Nemmeno.

Cal.

Callidemidc?

Ciu.

Mai no.

318
Cb a .
Callinicus?
Src.
N on est.
Cb a .
Callimarthus?
Src.
Nihil agisj
Neque adeo edepol floccifacio, qtiando egomet me
m ini mihi.
Cb a . A l ettim m ulti Lesbonici suvt hir: nisi nomett patris
DiceSj non monstrare istos possum hominess quos
tu quaeritas.
Quod ad exemplum est, conjectura si reperire pos
sumus?
Src.
hoc exemplum est: Ch . . .
Cb a .
A n Chares? a n Charidemus? n tim (i J
Charmides?
S r c .H e m , istuc erit! Qui istum di perdant!
Cua .
D ix i ego jam dtidum libi:
Bene le polius dicere aequom esi hom ini amicot
quam male.
S r c .S a tin intra labra atque dentit latuit vir m inum i
preti?
Cb a . Ne male loquere absenti amico.
S rc.
Quid ergo ille ignavissumus
M ihi latitabat?
'
Cu a .
S i adpellassesj respondisset, nomine.
Sed ipse ubi est?
S rc.
Pol illum reliqui ( \6 ) ad R hadam am
in Cecropia insula.
C b a . Qui homo est me insipientior, qui ipse egomet ubi

sim , quaeritem?
Src.

Sed nil disconducit huic re?


v
Quid ais?

Car.

Callinico?

Ciu.

Neppure.

Car.

Callimarco?

Ciu.

' Peschiamo a secco: e io ne fo caso come d un


fiocco rotto: basta che il mio nome., lo sappia io.

Car.

Ma in questo paese i Lesbonici sono molti: se


non mi di il nome del padre,

io non ti posso

insegnare gli uomini che tu cerchi, su che andare


sarebbe? guardiamo se possiam trovarlo per con
gettura.
C iu.,

Egli su questo andare: Ch. . . .

Car.

Chare forse? Charidemo? Charmide?

Ciu.

Oh, to, proprio questo! il fistolo che lo colga!

Car.

E non te lo detto fin da principio io, che d ' un


amico tu di p arla r bene, piuttosto che male?

Ciu.

Non forse stato buona pezza questo moccicone


celato tra le labbra ed i denti?

Car.

Non au g u rar male a u n amico assente.

Ciu.

E perch adunque mi stava nascosto quel baderlo?

Car.

Se tu I avessi chiam ato, e t avria risposto col suo


nome. Ma dov egli?

Ciu.

I o l ho

lasciato

con Radama nell isola di Ce

crope.
Car.

Chi pi scimunito di me cercando luogo ove io


mi sia? nulla di manco non si fa per nulla.

Ciu.

Che dici tu?

Cha .

Quiit hoc te rogo:

Quos locos adisti?


N im ium mirimodis mirabiles.
C b a . Lubet audire, nisi molestum est.
Src.
Quin discupto dicere.
Omnium prim um in Pontum advecti ad A ra b ia m
terram sumus.
C h a .E I i Oj an etiam Arabia est in Ponto?
S rc.
Est. Non illOj ubi tus gignitur;
Sed ubi absinthium fit atque (V I) cunila gallinacea
CaA.Nimium graphicum hunc nugatorem/ Sed ego sum
insipientior,
Qui egomet, unde redeam, hunc rogitem, quae ego
sciam alque hic nesciatj
Nisi quia iubet experirij quo evasurvsl denique.
Quid tibi nomen est, adulescens?
Src.
P a r, id est nomen m ihi
Hoc cotidianum est.
Cha .
Edepol nomen nvgatorium /
Quasi dicas, si quid crediderim tibi: pax periisse
eloco.
Sed quid ais? quo inde isli porro?
Src.
S i anim um advorlas eloquar:
A d caput amnisj quod de coelo exoritur sub solio
Jovis.
Ch a . Sub solio Jovis?
Src.
Ita dico.
Cha .
E coelo?
S yc .
Alque e medio quidem.
Cb a . EhOj an etiam in coelum escendisti?
Src.
Im o horiola advecti sumus
Usque aqua advorsa per amnem.
Src.

Car.
Ciu.
Car.
C iu.
C ar.
Ciu.

Car.

Ciu.
Car.

Ciu.
Car.
Ciu.
Car.
Ciu.
Car.
Ciu.

Vorrei mo saper io in che luogo se stato.


Io luoghi pi che mirabili.
Piacerebbemi che li dicessi se non t' carico.
Ed io ne ho una voglia marcia. Anzi ogni cosa,
giunti in Ponto, abbiamo afferrato in Arabia.
Oh, 1' Arabia forse nel Ponto?
Certo: ma non quella da cui ci arriva l incenso,
ma quella che produce 1 assenzio e lorigano per
cucinare i polli.
Costui un burlon cimato! ma bestia che sono
io, dimando a costui onde mi torni, quasi che
non sapessi ove abbia le mani, se pur non lo
per sapere dove ei la voglia finire. Come ti chiami,
buon giovane.
Buonanno il mio nome, e questo quello di
tutti i d.
Anche il nome di uom bergolo! Tu mi dici con
questo che se alcuno ti d qual cosa in mano,
buon anno! la perduta, ma che hai d'altro ?
dove ti se fitto via di !?
Dirottelo se m ascolti. Al capo di quel fiume che
bulica dal eielo sotto il soglio di Giove.

Sotto il soglio di Giove?


Sotto il soglio di Giove.
Dal cielo?
E proprio dal mezzo.
Ma dimmi se tu salito in ciclo?
E vi siamo andati in un burchiello vogando sem
pre a ritroso.

Vol. IV. P laut.

21

Ch j .
Eho, an eliam vidisli Jovem?
S r c . Callide. l u e ad viUam ajebant servi depromptum
cibum.
Cb a . Manta.
Src.
Porro . . .
Cb a .
Deinde porro nolo quidquam praedices.
S r c . Ego vero hercle.
S i es molestus? nam pudicum nem inem
Cba .
Se praebere oportet, qui abs terra ad coelum per
venerit?
S r c . D im ittam , ut te velle video. Sed monstra hosce ho
mines m ihi,
Quos ego quaero, quibus me oportet has deferre epistolas.
C uj.Q uid ais tu nunc? si forte ipsum Charmidem con
spexeris
Illum , quem istas tibi dedisse conmemoras epistolas,
Norisne hominem?
Src.
N ae tu me edepol arbitrare beluam.
Qui quidem non novisse possim, quicttm aetatem
exegerim.
A n illic ta m esset stultus, qui m ihi mille num um
crederet
Philippeum, quod me aurum deferre jussit ad gna
tum suom
A tque ad am icum Calliclem, quoi rem aibat m an
dasse hic suam?
M ihi concrederet, n i med illic el ego illune nossem
adprobe?
CaA.Enimvero ego nunc sycophantae huic sycophantari
volo:

Cab.

Ohe, hai visto Giove?

Ciu.

Volpe! Diceano esser egli ito in villa a ti*ar fuori


il cibo pe servi.

Car.

Aspetta.

Ciu.

Poi . . .

Car.

Poi non ne voglio altre.

Ciu.

E io s.

Car.

Se tu forse un fradiciume? Chi pu dirsi uoin pu


dico se dalla te rra spiccato in cielo?

Ciu.

Io lascierotti, dappoich vedo averne tu cotanta


voglia. Ma insegnami questa gente che cerco, a
cui io devo consegnar coteste lettere.

Car.

E che mi direstu? Se vedessi Io stesso

Carmidc

in carne, lui che tu di averti date queste lettere,


lo conosceresti 1 uomo?

Ciu.

Aff aff tu mi hai proprio per un di questi


decimoni, perch non debba a conoscere colui col
quale io ho vissa la vita. Cre tu sia egli cos
bestia per darmi un migliajo di filippi da portar
si al figliuol suo, e all amico Callide, a cui dice
va egli di aver affidati gli affari suoi? Si doveva
egli fidare di me, se noi non ci conoscessimo ben ai
panni gi da buon tempo?

Car.

Se Dio mi d vita, in verit che io v ho davvero


mandare questo uccellatore alluccellatojo: se posso

S i hunc possum illo mille m im um Philippeo circumducere,


Quod sibi me dedisse dixil. Quem ego, qui sit homo
nescio,
Neque oculis ante hunc diem unquam vidi, eine au
rum crederem,
Quoi, si capitis res sit, num um nunquam credam
plumbeum?
Aggrediundust hic homo m i astu. Heus, P ax, te
tribus verbis volo.
S r c . Vel trecentis.
Cha .

Haben tu a u ru m id, quod accepisti a

Charmide?
S r c . Alque etiam Philippeum, num eratum illius in mensa
manu,
Mille num um .
Cha .
Nempe ab ipso id accepisti Charmide?
S rc .M iru m , quin ab avo ejus aut proavo acciperem, qui
sunt mortui.
Cua . Adulescens j cedodum istuc aurum mihi.
Src.
Quod ego aurum dem tibi?
CjtA.Quod te a me accepisse fassus.
Src.
Abs te accepisse?
Cua .
Ita loquor.
S r c . Quis tu homo es?
Cha .
Qui mille num um libi dedi, ego sum Charmides.
*
Src.N eque edepol lu is es, neque hodie is unquam eris,
huic auro quidem.
A b ij sis, nugator: nugari nugatori postulas.
Cha . Charmides ego sum.

Ciu.
Car.

Ciu.
Car.

Ciu.

Car.

vo gran ci r gl i i mille filippi, cui dice egli avergli


io dati. Chi sia quest uomo io non lo so, n&
prima di questo d io non lo vidi mai. a lui io Ito
da dare del beiroro,- a lui che se andasse anche la
mia testa, non gli commetterei nemmeno un danajuzzo di piombo? Bisogna che lassalti io questuomo,
ma cou astuzia. Buonanno, per tre parole io ti
voglio.
Anche per trecento.
Hai tu allato quest oro, che Carmide ti ha
dato?
E oro di Filippi, son mille bei fiorini eh' io ebbi
dalle sue mani, mentre era a desco.
E te li ha proprio noverati Carmide?
Saria da strabiliarsene, se avuti avessi dall'avolo,
o dal bisavolo di lui, i quali non da poco tempo
han battuta la capata.
Buon giovane, d questi quattrini a me.

Ciu.

Perch devo darteli?

Car.

Perch detto hai d averli avuti da me.

Ciu.

D averli avuti da te?

Car.

Certo.

Ciu.

Chi se tu?

Car.

Quel Carmide che ti ha dati i mille fiorini.

Ciu.

Mai no, come son vivo, tu se quello; n oggi Io


sarai per Dio, molto meno a quest oro: vattene,
bajone, tu vorresti menar 1 oche a bere.

Car.

Carmide son io.

Src.

Nequidquam hercle es: nam nihil aurt fero.


N im is arguled obrepsisti in eapse occasiuncula:
Postquam ego me aurum ferre dixi, post tu factus
Charmidesj
Prius tu non eras, quam auri feci mentionem. N i
hil agis.
P roin lu te itidem rursum , ut Chat'midatus es, re
charmida.
Cha . Quis ego sum igitur, si quidem is non sum, qui
sum ?
Src.
Quid id ad me attinet?
D um ille ne sis, quem esse ego nolo, sis mea causa
quilubet.
Prius non is eras, qui erasj nunc is factus, qui tum
non eras.
Cha . Age, si quid agis.
Src.
Quid ego agam ?
Cb a .
A u ru m redde.
Src.
D orm itas, senex.
Cha. Fassus j Charmidem dedisse aurum tibi?
Src.
Scriptum quidem.
Cua . Properas, an non, propere abire actutum ab his
regionibus j
D orm itator, priusquam ego hic te jubeo mulcari
male?
S r c . Quamobrem?
Cha .
Quia illune, quem ementitus es, ego sum
ipsus Charmides,
Quem libi epistolas dedisse ajebas.
S rc.
Eho, quaeso, an tu is es?
Ch a .I s enimvero sum.

Ciu.

E se lo sei, lo sci per nulla: quattrini io non ne


porto. Ve bella gratola che tu

avevi trovata per

aggirarmi. Appena ho detto io che avea dell'oro


nella scarsella, di botto Carmide ti se' fatto. Tu
non lo eri prima eh io facessi parola di questoro.
Canti a* sordi. Da che ti se* ora carminato va a
farti scarminare.
Car.

E chi son io adunque, se non son chi sono?

Ciu.

E che me ne monta? purch non sii quello cui


io non voglio, statti per amor mio quello che
pi ti piace. Prima non eri quello che se', ora ti sei
composto colui che in prima non eri.

Car.

Se hai qualcosa, spicciati.

Ciu.

Che devo far io?

Car.

Dammi i quattrini.

Ciu.

Dormi al fuoco, buon vecchio.

Car.

E non hai detto Carmide averti dato I oro?

Ciu.

Si, ma colla penna.

Car.

Te ne vai o no alla m alora via di questa con


trada, ribaldonaccio, prim a eh* io non ti fracassi
1 ossa?

Ciu.

Perch?

Car.

Perch quel Carmide son io, che smentito tu hai,


cui addittavi aver date queste lettere.

Ciu.

E sei tu quello?

Car.

Io son quello.

Src.
A in' tu tandem? is ipsusne ex?
C tjj.
Ajo.
Src.
Ipsus es?
Ch j . Ipsus, inquamj Charmides sum.
S rc.
Ergo ipsusne es?
Cha .
Jpsissumus.
Abiti bine ab oculis?
S ic .
Enimvero serio quoniam advenis:
Vapulabis arbitratu meo el novorum aedilium.
C iu. Al etiam maledicis?
Src.
Im o, salvos quandoquidem advenis.
D i le perdant, si le floccifacio, an periisses prius!
Ego ob hanc operam argentum accepi; te macio in
fortunio.
C ru.Sed enim . . .
S rc.
Enim qui sis, qui non sis, floccum non inlerduim.
Jbo ad illune j renuntiabo, qui m ihi iris numos dedit:
Ut scias, se perdidisse. Ego abeo. Male vive et vale.
Quod di le omnes advenientem peregre perdant, Char
mides.
Cha . Postquam ille hinc abiit, postloquendi libere
Videtur tempus venisse alque occasio.
Jam dudum meum ille pectus pungit aculeus,
Quid illi negoli fuerit ante aedis meas:
N a m epistola illa m ihi concenturiat metum
In corde, e illud mille num um quam rem agat.
Nunquam edepol temere tinnii linlinnabulum j
Nisi qui illud tra d a t aut movet, m ulum est, lacet.
Sed quis.hic est, qui huc in plateam cursuram in
cipit?
Lnbet observare quid agat. Huc concessero.

Ciu.
Car.

Cic.
Car.

Ciu.
Car.

Ciu.
Car.

Ciu.

Car.

Ciu.

Car.

Ma sei proprio tu? sei proprio tu quello?


Si.

Proprio?
Proprio ti dico, io son quello.
Dunque sei proprio lo stesso?
Stessissimo. E non te ne vai via ancora?
Ma tu ci arrivi troppo tardi. Ne toccherai delle
grosse a mia voglia e de nuovi edili.
E pur duri in parlar male?
Anzi Dio ti salvi; dacch ci sei. Il fistolo che ti colga
se ti curo pi d una fava, perch non sci ito al
diavolo prima! Per questo io fui preso a nolito
con del buon danaro: la rovella che ti scanni.
Ma pure . . .
Ma pure chi tu sii, o chi non sii, me ne monta
un frullo: andr a colui, e riferir questo a chi
diemmi i tre danari, affinch sappia che i .quat
trini sono iti alla grascia. Io men vado: che tu possa
sempre essere il pi mal arrivato del mondo! Ogni
Dio ti mandi un canchero qualunque volta ci
arrivi, o Carmide.
Dappoi che egli se n ito, e mi pare sia venuto
il tempo e 1 agio di parlar pi franco. Ornai io
mi sento un caprifico nella corata di qual ne
gozio abbia colui sopra la mia porta: quella let
tera la mi chiama a stormo tutte le paure in cuore,
vorrei pur io sapere che si vogliano quelle mille
monete. Non a caso suona il campanello: se alcun
non lo sbatacchia, o io muove, e sta zitto pi dun
mutolo. Ma chi 1 uomo che viene a gambe di
rottamente qui in piazza? Vo proprio osservare
che si faccia. M' apposter qua.

S tasimws , Charm i d es .
S ta. Slasim e, fac te propere celerem! recipe te ad dom i

num dom um ,
N e tubilo metus exoriatur tcapulit stultitia tua!
Adde gradum! adproperal jam dudum factum est,
quom abisti domo.
Cave, sis tibi; ne bubuli in te collabi crebri ere
pent,
S i aberis ab heri quaestione! ne destiteris currere!
Ecce hominem te, Stasime, nihUi! satin in thermo
polio
Condalium es oblitus, postquam thermopotas gutturem ?
Recipe te, et recurre petere re recenti!
Ch j .
H uic, quisquis est,
Curculio est exercitor; is hunc hominem cursuram
docet.
S t j . Quid, homo nihili? non pudet te? tribusne te pote
rii
Memoriae esse oblitum? an vero, quia cum frugid
hominibus.
Ibi bibisti, qui ab alieno facile cohiberent manus?
Teruchus fuit, Cerconicus, Crinus, Cercobolus, Collabus,
Oculicrepidae, cruricrepidae ferriteri, mastigiae.
Inter eosne homines condalium te redipisci postulas,
Quorum unus subripuit currenti cursori solum?
Ch j . Ita me di ament, graphicum furem !

S tasim o , C ar m id e .

Sta.

Corri, corri, o Stasimo, quanto te n esce da piedi!


corri a casa al tuo padrone affinch di repente la
tua melonaggine non la ti dia il malanno sulle
schiene! m etti presto l un piede innanzi all altro!
egli un anno che tu manchi di casa. Statti in
guardia, che non spesseggi in sugli omeri lo scu
discio; e te ne verran molti addosso se consolata te
la pigli, in cercando il padrone! esci, esci di bufa
lo! eccoti 1 uomo, o bestia di Stasimo! E non ti
basta che al bagno ti se dimentico l anello quando
ti bagnasti la gola? torna, e di buon passo, or
che la cosa fresca!

Car.

Chiunque sia costui egli im par a co rrere da un


tonchio: ei non si muove d un pelo, e fa animo
agli altri di correre.

Sta.

Car.

Uh gnocco! Non te ne piglia vergogna? con tre


pecheri ti va la memoria in fumo: forse perch l
hai trincato con tali dabben uomini che mai non
metton mano in sull altrui? Erano quivi Teruco, Cerconico, Crino, Cercobulo, Collabo, pescagliocchi, marchiastinchi, limaferri, sacchi da botte.
Tra coteste schiume vuoi tu riavere l anello?
se 1 un dessi raschi quand era in ' sulla furia del
correre la suola ad un corriere?
Che Dio mi guardi! che cima di ladro!

Quid ego, quod periti, pelar,


N isi etiam, laborem ad dam num adponam epithe
cam insuper?
Quin tu, quod periti, perisse ducis? Cape vorsoriaml
Recipe te ad herum/
Cb a .
N o n fugilivosl hic homo: conmeminii domi.
S ta, Utinam veleres mores omnes, veteres parsimoniae,
M ajori hic honori polius essent, quam mores m a li!
Cb a . D i inmortales, basilica hic quidem facinora incep
tat loqui!
Felera quaerti/ Feltra am are hunc, more m ajorum ,
scias.
S ta .

S ta. N a m nunc m ore nihilum faciunt, quod

licet, nisi
quod lubetj

A m bitio ja m more sancta est, libera est a legibusj


Scula jacere fugereque hostis more habent licentiam,
Pelere honorem pro flagilio more fit.
Cb a .
M orem im probum /
S ta. Strenuos praelerbilare m ore fit.
Cb a .
Nequam quidem/
S ta . Mores leges perduxerunt ja m in potestatem suam ,

Mage qui sint obnoxiosae, quam parentes liberis.


Eae miserae etiam ad parietem sunt fixae clavis
ferreis,
Ubi malos mores adfigi nim io fuerat aequius.
CBA.Lubet adire atque adpellare hunc,- verum ausculto
perlubens,
E t metuo, si conpellabo, ne aliam rem occipiat loqui.
S ta. Neque istis quidquam lege sanclum est. Leges m ori
serviunt;
Mores autem rapere properant qua sacrum , qua pu
blicum.

Sta. " Perch cercher io quello che gi se n ito, se

pur io non vo col danno anche le beffe? quello


che perduto, perduto, stattene certo! piglia la
. volta! ritorna al padron tuo.
Car.
Egli non fuggiasco, l uomo si ricorda della
casa.
S ta.

M agari Dio, fossero qua in onore le costum a dei


vecchi, la frugalit antica, piuttosto che le tristizie
d oggi !

Car.

Poter di Dio, costui ora incomincia una predica!


e cerca le cose antiche! conoscerai in costui un
uomo, fatto all antica, che ama le cose de vecchi.

Sta.

Oggid v' ha questa usanza, quello che piace si fa


lecito; ornai 1 ambizione cosa santa e franca
dalle leggi; g ettar lo scudo, pagar di calcagna il
nemico licenza d oggi, come chiedere gli onori
in pago d un vitupero.

Car.

Brutta usanza per Dio!

Sta.
Car.
Sta.

Oggi la moda il dim enticar gli uomini di valore.


Cattivo alle guagnele!
1 costumi di adesso hanno sotto i piedi le leggi,
e sono si rilassate come i padri sono ai lo ro fi
gliuoli. Le poverette stanno confitte ai m uri sopra
u n chiodo di ferro, ove ben meglio di mille tan ti
stato saria appiccarvi i costumi malvagi.

Car.

Sta.

Vorrei affrontar quest uomo e parlarvi; ma pur


anche volonlieri lo ascolto, e temo che se gli
rompo in bocca 1 uovo, egli non volti carta.
A costoro nulla cosa santa per legge; le leggi
servono alla moda, e la moda la si dibatte per
ru b a r ogni cosa sacra e pubblica.

C xj.H ercle istis m alam rem m agnam moribus dignum


est dari/
S t j . Nonne hoc publice anim um advorti? N a m id genus
hominum hominibus
Univorsis est advorsum atque om ni populo male fa
cit:
Male fidem servando illis quoque abrogant etiam fi
dem,
Qui nil meriti: quippe ex eorum ingenio ingenium
horum probant.
S i quis m utuom quid dederit, fit pro proprio per
ditum.
Quom repetas, inim icum am icum beneficio invenias
luo.

Mge si exigere cupias, duarum rerum exoritur op


tio:
Vel illud, quod credideris, perdas; vel illum am icum
amiseris.
H oc qui venerii m i in mentem, re ipsa conmonitus
modo . . .
Ch j . Meus est hic quidem Slasim us servos.
N am ego talentum m utuom
S tj.

Quod dederam, talento inim icum m i emi, am icum


vendidi.
Sed ego sum insipientior, qui rebus curem publicis
Polius, quam , id quod proxum um est, meo tergo
tutelam geram.
Eo domum.
Ch j .
Heus tu adsla eloco/ audi, heus tu/
S tj.
Ch j .

N on sio.

A t ego le volo.

C ar.

E saria pur forza che a questi rei costumi ci si


desse un degno malanno!

Sta.

E non saria questa una cosa a cui dovria prov


vedere il pubblico?

Imperciocch qviesta razza

d ' uomini nemica di tutti, e dannosa a tutto il


genere umano: elli, mettendosi dopo le spalle la
buona fede, la fanno perdere. anche a que che
colpa non ne

hanno, imperciocch da costoro

ognuno piglia a giudicare gli altri. Se alcuno d cosa


a prestito, pu dire che la non pi sua. Va a
richiederla, e troverai che lamico pel tuo benefizio
nemico ti diventa. Fatti pi calzante per averla,
e ti ritrovi in quest embrice,

di

perdere

quanto hai prestato, o di non avere pi 1 amico.


Questo mi si volge ora pel capo, perch la stessa
cosa mi ricorda ora . . .
Car.

Costui il mio servo Stasimo.

Sta.

Che io con quel talento che aveva dato a prestito


mi ho compero un nemico e un amico ho venduto,
ma sciocco che son io, pigliarmi briga delle cose
pubbliche piuttosto che trovar un riparo alle mie
spalle, il che pi importa. Corro a casa.

Car.

Ehi ferm ati l, ascolta, chi!

S ta.

Mai no.

Car.

E io ti voglio.

536
S tj . Quid, si egomet te velie nolo?
Ch j .
J h , nim ium , Slasime, saeviter!
S t j . Emere m elim i, quoi imperes.

Poi ego emi atque argentum dedij


Sed si non dicto audiens est, quid ego?
S tj.
D a m agnum m alum .
Ch j . Bene mones: ita facere certus.
Ch j .

S tj.
N isi quidem es obnoxius.
Ch j .S i bonus est, obnoxius sum; sin secus est, faciam
ut jubes.
S t j . Quid id a d m e allinet, bonisne servis lu utare an
m alis?
C h j . Quia boni malique in ea re pars tibi est.
S t j.
Partem alleram

Tibi permilloj illam alteram ad me, quod boni est,


adponilo.
Ch j . S i meritus, flet. Sed respice ad me huc: ego sum
Charmides.
S t j . H em, quis est, qui mentionem fa c it, homo, hominis

optumi?
C h j . Ipse homo optumm.
S tj.
M are, terra, coelum, di, vostram fidem !

Satin ego oculis piane video? estne ipsus, an non


est? Is est!
Certe is est! is est profecto! O m i here exoplalissume,
Salve!
Ch j .
Salve, Slasime.
S tj.
Ch j .

Salvom le . . .

Scio et te credo tibi.


Sed omille aliaj hoc m ihi responde. Liberi quid
agunt mei>
Quos reliqui hic, filium alque filiam?

Sta.

E che, se io noi voglio?

Car.
Sta.
Car.

Pah, Stasimo, troppa burbanza!

Sta.
Car.
Sta.

Se vuoi un che ti ascolti compralo.


.E 1 ho compero per Dio, e l ho compero a for
za d argento; ma se non mi obbedisce, che far
io?
Dgli il malanno.

Buon avviso, cos far!


Se pur non se' di cuor dolce.

Car.

Se dabbene egli , io sono un mele; se no, far


conforme al tuo consiglio.

Sta.

E che viene in tasca a me; sieno i tuoi servi o


buoni o tristi?
Perch in questo tu pure hai una parte e di bene
e di male.
Io ti dono la seconda, a me tu lascia 1 altra, e

Car.
Sta.
Car.
Sta.

dammi quel bene che hai.


Se ti avvien per m erito. Ma volgiti qua da me:
Carmide sono io.
Ah! chi l uomo che fa menzione di quest* uomo
dabbene?

' Car.

Sta.

Car.
Sta.
Car.

L* uom dabbene in persona.


Oh mare, oh terra, oh cielo, la fede vostra, o dei!
travedo forse io? lui o non lui? E lui! pro
prio lui anima e corpo: oh, padron mio desidera
tissimo, che Dio vi ajuli!
Ajuti anche te, o Stasimo.
Che salvo . . .
L o so e te lo credo; m a lascia le altre cose; que
sto rispondi a me: i figli miei che si fanno essi,
quelli che ho lasciati qui il figliuolo e la figliuola?
V ol. IV. P a u t.

22

S ta .
Fivonl, valent.
Cha . Nempe ulerqne?
S ta .
Ulerque.
Cha .
D i m e salvom el servalnm volunl,
Celera inlus oliose percontabor, quae volo.
S ta .

Eam us inlro; sequere.


Quo tu le agis?

Q uonam , nisi dom um ?


Cha .
STA.IIiccine nos habitare censes?

Ubinam ego alibi censeam?

Cb a .

S r j.J a m . . .
Cha .
S ta.

Quid ja m ?
Non sunt nostrae aedes istae.

Quid ego ex te audio?


SrA.Fendidil tuos naius aedis . . .
C ha .
Perii!
Cha .

S ta,
Argenti m inis numeralis.

Cb a .
S ta.
Cha .

Praesentariis

Quoi?
Quadraginta.
Occidi!

Quis eas emit?


Collicies, quoi luam rem conmendaveras,
Js habitatum huc conmigravit, nosque exturbavit
foras,
Ch a . Ubi nunc filius meus habilal?

S ta .

S ta.
H ic in hoc posticulo.
Cha. Male disperii!
S ta .
Credidi, aegre tibi id, ubi audisses, fore.

Cha . Ego miser m inum is vehiculis sum per m aria m a xum a

S ta. ' Vivono, stanno bene.


Cab.
I / uno e 1 altro?
Sta.
L uno e 1 altro.
Car.
Salvo e felice mi vogliono gli iddii, ti dim ander
il resto in casa e con quiete. Andiam dentro; se
guimi.
Sta.
Car.
Sta.
Car.
Sta.

Dove co rrete voi?

In qual luogo, se non in casa?


Credete voi sia questa la casa nostra?
quale altra creder io che sia?
Oggimai . . .

Car.
Sta.

Che oggimai?
Questa casa non lo pi.

Car.
S ta.

Che ascolto io da te?


Il figliuol vostro ha venduta la casa . . .

Car.

Io son disfatto!

Sta.

Ricevendone alla mano delle buone mine d! a r


gento.

Car.
Sta.

Quante?

Quaranta.

Car.

Io son morto! e tehi l ha compera?

S ta.

Callide, a cui voi avevi raccom andate le cose vo


stre: egli and q u a dentro, spazzandone fuora
noi.

Car.
Sta.
Car.

Dove abita o ra il figliuol mio?


Qua dietro.
Io son rovinato!

Sta.

Ben mel sapeva io, che ar risaperlo, vi saria sen

Car.

tilo ardere il cuore.


Ahi a me tristo, ho navicato m ari grandissim i so-

Vectu capitali periclo, per praedones plurimos


Me servavi, salvos rediij nunc hic disperii miser
Propter eosdem, quorum causa fui hac aetate exer
citust
A d im it a n im a m m i aegritudo: Slasim e, tene m el
S tj.

Visne aquam
Tibi petam ?

CuJ.Res quom an im am agebat, tum esse obfusam oportuit.

SC E N A

IV.

Cj l u c l e s , C r j r m w r s , S t j s im u s .
C j l . Quid hoc hic clamoris audio ante aedis meas?
C h j .O Callicles, o Callicles, o Collicies,

Qualine amico mea conmendavi bona!


C j l ,P robo et fideli et fido et c u m m a g n a fide.

Et salve et salvom te advenisse gaudem!


Ch j . Credo om nia islaec, sid ita est, ut praedicas.
Sed qui iste est tuos ornatus?
Cj l .

Cb j .
S tj.
Ch j .

Ego dicam tibi.


Thesaurum ecfodiebam intus dolem, filiae
Tuae quae daretur. Sed narrabo intus tibi
Et hoc et alia: sequere.
Slasim e!

H em !
Strenue
Curre in Piraeum , alque unum curriculum face.
Videbis ja m illic navem, qua advecti sumus.
Jubeto Sangarionem, quae imperaveram,
Curare ut ecferanturj et tu ito simul.
Solutum est portitori ja m portorium.

pra piccole zattcrclle on pericolo di perdermi, in


mezzo aiadri, e mi son salvato: torno qua, e qua
mi veggo uccidere da coloro per 1' amor de quali
a questi anni ho sopportato cotanti travagli. L af
fanno mi toglie l ' alito; ah, Stasimo; tiemmi fermo!
Sta.
Car.

Volete voi d e ir acqua.


Allora abbisognava l acqua quando stremavasi il
fiato alla mia roba.

SCENA

IV.

C a l l ic l e , C a r m id e , . S tasim o .

Cal.
Car.

Che voci son queste che sento sopra Is ma


porta?
0 Callicle, ahi Callicle! deh Callicle, in carit a qual

amico ho io commesse le cose mie?


Cal.
Car.
Cal.

Car.

Sta.
Car.

Ad un uomo provato, fedele, pieno di lealt e di


buona fede. Allegromi in vederti arrivato salvo!
Io credo che tutto questo sia conforme tu mel
conti. Ma che vestito questo tuo?

Dirottelo. Scavava il tesoro per la dota della tua


figliuola. Ma ti racconter dentro ogni cosa ed
altre ancora. Viemmi dietro.
Stasimo!
Che avete?

Corri in un baleno, corri al porto. L vedrai la


nave sulla quale noi siam venuti; ordina a Sangarione sieno portate fuori le cose che avea dette,
e tu vieni con lui. Al prtolano gi pagato il
nolito.

342
S t j . Nihil est m orai.

C a j.

Tu ambula! acttilum redi!


S t j .IU c sum alque hic sum.
Cj l .
,Sequere tu hac me inlro.
Cb j .
Sequor.
S u .H i c meo hero amicus solus firmus restitit
Neque demutavit anim um de firm a fidej
H ic unus, ul ego suspicor, servat fidem,
Quanquam labores multos cepse censeo.

Sta.

Non mi terrebbero i ferri.

Car.

Va! to rn a subito!

Sta.
Cal.
Car.
Sta.

I o sono gi l e qui.

T u vien dentro da me.


Vengo-
c c o il solo amico rimaso al mio padrone, egli
non si m ai cambiato, n tentenn mai la sua
costanza. Questo solo, a p arer mio, serba la sua fede,
quantunque io credo siasi pur egli recati addosso
i b ru tti impacci,

ACTUS V
SC E N A

I.

L rs ITE LES.
H ic homo est hominum omnium praecipuos, voluptati
bus gaudiisque antepotens:
Ita commodo, quae cupio, eveniuntj quod ago, adsequitur, subit, subsequitur:
Ita gaudiis gaudia suppeditant.
Modo me Stasimus, Lesbonici servos, convenitj m ihi
dixit,
Suom herum 'peregre huc advenisse. N unc m i is
propere conveniundust:
Ut, quae cum ejus filio egi, et re pater sit fundus
potior.
Eo. Sed hae sonitu suo m ihi m oram obiciunt in
commode.
SC E N A

II.

CuJRMIDES, CJLLICLES, L r S I T E L E S .

Cb j . Neque fuit neque erit neque quenquam esse hom inum


in terra dum arbitror,
Quoi fides fidelitasque am icum erga aequiparel suom:
N am exaedificavisset me ex his aedibus adsque te
foret.

ATTO Y.
SCENA I.
L isitele .

Ecco 1 uomo che sta sopra tu tti gli uomini nella gioja
e ne' piaceri. Qualunque cosa imprenda io, qua
lunque cosa io faccia, la mi vien giuso a seconda:
luna allegrezza piove sopra laltra. Pur ora io ho
visto Stasimo, servo di Lesbonico, e mi disse es
sere qua tornato da suoi viaggi il padrone. Ora
io devo subito visitarlo, affinch quelle cose, che
ho io trattate col figliuolo, piglino maggior pie
de per la autorit del padre. Yado, ma questa
porta la mi tocca fuor di tempo.
SCENA

II.

C a r b id e , C a l l ic l e , L is it e l e .

Car.

N vi fu, n vi sar, n vi , io son chiaro, uo


mo in terra, col quale si possa comparare la fe
de e la fedelt verso lamico: imperciocch, se egli
non vi era, colui avria fatto portar i miei g rabattoli fuori di casa.

Cj l .S quid am icum erga bene feci aut consului fideli


ter,
N on videor meruisse laudem, culpa cruiss arbi*

troti
N a m beneficium proprium homini, quoi datur, prae*
sumserisj
Quod datum utendum , id reputandi copia est,
quando velis.
C /u.E st ita, ut tu dicis. Sed ego hoc nequeo m ivari
salis,
E um sororem despondisse suam in tam fortem fa
m iliam ,
Lysiteli quidem, Phillonis filio.
Lys.
E nim me nominat.
Ch j . F am iliam optum am occupavit.

L rs.

Quid ego cesso hos conloqui?


Sed m aneam etiam , opinor: namque hoc commo
dum orditur loqui.
CaA.Vaht
Cal .
Quid est?
Ch a .
Oblitus intus dudum tibi sum dicere:
Modo m i advenienti nugator quidam occessit obviam,
Nimis pergraphicus sycophantaj is mille num um se
aureum
Meo datu libi ferre et gnato Lesbonico aibat m eoj
Quem ego nec qui esset, noram , neque eum ante
usquam conspecxi prius
Sed quid rides?
Cal.
Meo adlegalu venit, quasi qui aurum m ihi
Ferret abs te, quod darem tuae gnatae dolem: ut
filius

C a l.

Car .

Lis.
C ar.

L is.

Car.

Cal.
Car.

Cal.

Se ali amico io ho fatto alcun bene, c se con es


so lui mi diportai con lealt, non veggo di meri*
tarmi loda, ma soltanto di essere lontano da col
pa: imperciocch tu avrai gi conosciuto per qual
cagione si faccia beneficio all uomo; non gli si fa
un dono, ma Una prestanza, per ripeterlo dopo,
se ne venisse-mestieri.
Egli come tu di'. Ma io vado fuori del seco*
lo, di come eglj abbia potuto promettere la so
rella in una casa cos potente, a Lisitele figliuolo
di Filtone.
E ' parla di me.
Egli ha saputo intromettersi in una buona fa
miglia.
A che pi indugio io di parlar con esso loro? Ma
aspetter ancora, finch parmi che mi venga al
balzo la palla.
Vah!
Che hai?
M era passata la memoria di narrarti una cosa.
Appena avea io messo pi in terra, mi si occorre
davanti un cotal bigherajo, un ciurmadore, ma pro
prio di que trincati; e* spacciava ch io dati gli
avea mille scudi da portarsi a Lesbonico mio fi
gliuolo: io non conoscea costui, n prima d oggi
mai non lo avea veduto. Ma che? sogghigni tu?
E venne per mio ordine: quasi che egli da tua
parte mi portasse quell oro, da locarsi in dota
alla tua figliuola, affinch il fgliuol tuo, quando

Tuos, quando illi a me darem, esse adlatum id abs


te crederet,
Neu qui rem ipsam posset intellegere, thesaurum
tuom
Me penes esse, atque a me lege populi patrium po
sceret.
Cb j . Scile edepolt
Megaronides conmunis hoc meus et tuos
Cj l .
Benevolens conmentust.
Cb j .
Quin conlaudo consilium et probo.
L r s . Quid ego ineptus, dum sermonem vereor interrumpere,
Solus sto, nec, quod conatus sum agere, ago? H o
mines conloquar.
Cb j . Quis hic est, qui huc ad nos incedit?
L rs.

Carmiden socerum suom


Lysiteles salutat.
D i dent tibi, Lysiteles, quae velis.
Cb a .
Cj l . Non ego sum salute dignus?
L rs.
Im o salve, Callicles.
Hunc priorem aequom est me habere. Tunica pro
pior pallio est.
Cb j . Deos volo consilia vostra recta recte vortere.
Filiam m eam tibi desponsatam audio.
L rs.
N isi tu nevis.
Cb j . Im o haud nolo.
L rs.
Sponden ergo tuam 'g n a ta m uxorem mihi?
Cb j .S pondeo et mille auri Philippum dolis.
L rs.
Dolem nil moror.
C b j . S i illa tibi placet, placenda dos quoque est, quam
dat tibi.
Postremo hoc, quod vis, non duces, nisi illuc, quod
non vis, feres.

io lo snocciolava a lei, si bevesse che m era sta


to mandato da te, acci non pigliasse fumo da
questo, che il tuo tesoro era appress 'di me, e
non mi chiedesse secondo la legge del popolo la
parte del padre.
Car.* Ben provvisto!
C al.
Anche Megaronide mio amico e tuo benevolo h a
gramolato in questa pasta.
C ar.
I o lo d o e piacemi questo avviso
Lis.
Moccolone che ono, perch temo rompere questo
dire? io sto qua come uno zugo, ne fo .quello che
pur fare voleva io. Affronter costro.
Car.

Chi colui che v ien e a noi?

Lis.

Lis.

Lisitele saluta Carmide suo suocero.


Lisitele, che Dio ti dia quel bene che vuoi.
E io non son degno d un saluto!
Anzi di mille, o Callide: ma gli debito che io abbia
costui in maggior conto. Ben sai, la camicia
stringe pi che la gonnella.
I o prego Iddio che prosperi ogni vostro trattato,
ho risaputo che ti fu impromessa la mia figliuola.
Se tu non se' contrario.

Car.

Mai no.

Lis.

mi prometti la tua figliuola in moglie?


Te la prometto, e le assegno mille filippi di
dota.
Non voglio dota.
Se la ti piace, t ha da piacere anche la dota, che
la ti porta. In fine non avrai tu quello che vuoi,
se non togli quello che non ti garba.

Car.
C al.

Lis.

Car .

C ar.

Lis.
Car.

350
Cj l . Jus hic orat.
L rs.
Inpctrabit tc advocato atque arbitro.
Istac lege filiam tuam sponden1 m i uxorem dari?
Cb a . Spondeo.
Cj l .
Et ego spondeo item hoc.
L rs.
Oh, salvete, ad fines meil
Cb j . Alque edepol sunt res, quas propter tibi tamen suscensui.
Cj l . Quid ego feci?
Cu j .
Metim eonntm pi quia perpessus filium.
Cj l . Si id mea volunlale factum est, est quod m ihi suscenseas.
Sed sine, me hoc abs te inpetrarej quod volo. .
Cb j .
Quid id est?
Cj l .
Scies:
S i quid stulte fecit, ni co missa facias omnia.
Quid caput quassas?'
Cb j .
C m cialur cor m i el meluo.
Cj l .
Qnidnam id est?
Cb j . Quom ille ila est, ut esse nolo, id crucior; meluo,
si tibi
Denegem, quod me oras, ne te erga me leviorem
pules.
Miserum est, male promerita ( ni merita ) seni si
tilcisci non licei.
N on gravabor: faciam ila, ut vis.
Cj l .
Probus es. Eo, ut illum evocem.
Aperite hoc, aperite propere, et Lesbonicum, si
domi estj
Foras vocale, ila subilum est, propere quod enm
conventum volo.

Cab.

Costui parla giusto.


L otterr per tua intercessione e autorit. A que-
sto patto mi consenti la tua figliuola in moglie?
La consento.

Cal.

aneli io.

Ga l .

Lis.

Lis.

Iddio vi ajuti, miei buoni parenti!

Car.

V ha una cosa, della quale son prprio un poco


riversato con t.

Cal.
Car.
Cal.

Car.
Cal.
Car.
Cal.
Car.

Cal,

Che male ho fatto io?


Hai permesso che mio figlio si gittasse la cavezza
al collo.
Se cotesto avvenne di mia voglia, adiratene a tuo
grado. Ma lascia che io possa ottenere da te quello
che voglio.
Che hai?
Dirottelo: se ha fatta qualche bessaggine, vo cb?
gliela perdoni. Ma perch squassi il capo?
Doglia e timore mi tormenta.
Che questo?
Essendo egli come noi vorrei, qusto mi tor
menta; temo poi che se io ti diniego quollo che mi
cerchi, tu mi creda ingrato. pur la gran disgrazia
che non possano i vecchi ripagar il malfatto come
sei merita. Non vo' fare il duro, far a modo
tuo.
Se buon uomo. Io vado a chiamarlo fuori.
Aprite, aprile presto e se in casa chiamatemi
fuora subito Lesbonico, la cosa di premura, non
bisogna perder tempo.

e s b o it ic v Sj

C h a r m i d e s , Ca l l i c l e s .

homo tam tumultuoso sonitu me excivit foras?


C j l . Benevolens tuos atque amicus.
L es.
Saline salve? die mihi.
CAL.Recte. Tuom patrem rediisse salvom peregre, gaudeo.
L e s . Quis id ait?
Cj l .
Ego.
L es .
Tun vidisti?
Cj l .
Et tute item videas licet.
L es .O paler, pater m i, salvet
Cb j .
Salve m ultum , gnate mi.
L es .S quid tibi, pater, laboris . . .
Cb j .
N ihil evenit, n e tim ej
Bene re gesta salvos redeo. S i tu modo fru g i esse vis,
Haec libi pacta est Calliclai filia . . .
L ks.
Ego ducam, pater,
E t eamy et si quam aliam jubebis.
Cb a .
Quamquam tibi suscensui.
Cj l . Miseria una u ni quidem hom ini est adfalim.
Ch j .
Im o huiic parum estj
N a m si pro peccatis cenlum ducat uxores, parum est.
L e s . A t ja m posthac temperabo.
Cb j .
Dicisj si facias modo.
LEs.N um quid causa est, quin uxorem cras dom um du
cam?
Cj l .
Optuma est.
Tu in perendinum paratus sis, ut ducas. Plaudite.
L

e s . Quis

Fin is Trinumi.

L esbonico, Carbide, Callicle.


L es.
Cal.

Clii mi chiama fuori con tan to fracasso?

Un tuo benevolo e amico.

L es .

Sei b en franco? dillomi.

Cal.
L es.
Cal.

Benissimo. Allegromi sia tuo padre ritornato salvo.


Chi mel conta?
Io.

L es .

E 1 h a i t u veduto?

C al .

E lo v ed rai tu an co ra.

L es.

Che Dio t ajuti, o mio padre.

Car.

Salve, salve, m io figliuolo.

L es.

Se ti venne, o padre, qualche travaglio . . .


Nulla, non temere. Tornomi fatte bene le mie fac
cende. Se tu ora vuoi fare il dabben uom o, ti
pattovita la figliuola di Callicle.

Car.

L es.

L a sposer, o p a d re , e lei ed a ltra che tu voglia.

Car
Cal.

A vvegnacch sia teco in collera.

Basta all* uomo una sola miseria.

C ar.

Ma a costui poca, im perciocch pesuoi falli sa

L es.

Ornai sar p i g u ard in g o .

Car.
L es.
Cal.

E non si potria, tirar la donna in casa domani?

ria u n a zu cch erin a il d a rg li u n centinajo di mogli.


Lo dici; b u o n o se 1 avessi a fare.

Benissimo. Tu preparati averla posdomani. Applau


diteci.
Fine

Vol. IV. P laut.

del

T rinummo.
23

NOTE

(1) Badi il leltore a questa digressione di AIcgaronide


contra i susurroni e i novellatori, i quali senza
alcun fondamento di ragione parlan male di questo
e di quello. Pur troppo cotesta razza maligna non
s mai potuta estirpare dal mondo, anzi pare che
ogni giorno ricresca a mille doppi con danno gran
dissimo di tutti i buoni.
(2) Saria pregio dell opera che coloro i quali si scatenano
fieramente contro il teatro antico, accusandolo di
soverchia licenza, leggessero attentamente questa
commedia la quale delle migliori che Plauto si
abbia composto. Con troppa facilit que letterati
doggi che voglion far dell'enciclopedico sputano
sentenze a josa, e senza una coscienza al mondo
lodano e biasimano chicchessia, dinegando persino
le cose pi patenti. Costoro sono la vera peste
della nostra letteratura, e cagion loro gi di molti
danni ne ha ricevuto. Gettinsi nel fango i sommi
quadri di Raffaello Tiziano e Correggio di che si
potr gloriare la italiana Pittura? A chi si potran

(3)
(4)

(5)
(6)

no rapportare gli studiosi per raffinare il giudizio


se non a classici insegnatori di ogni buon gusto?
se questi si spregiano, quali nomi porremo sugli
altari?
Le volgate leggono producit.
Assai avviluppalo era questo luogo nelle volgate, tanto
che ben retto non ne usciva il senso. Mureto nelle
varie lezioni ( lib. XV cap. -13 ) si sforz di cor
reggere lo svarione, del quale colpi non poca avuta
ne avranno i copisti. Anche 1 Acidalio si accrse
che ben liquido non correva il senso, e perci mise
opera in emendarlo, ma non ci riusc del tutto. Io
in tra tante lezioni non ben sapeva a quale dare la
preferenza; non spiaceami quella di Weise, n del
tutto accordavami con quella di Bolhe; ci non
ostante mi attenni a quest ultima, essendo il testo
del Professore Berlinese quello che io mi posi a
seguitare.
Le volgate leggono exutum, io sono stato colla le
zione di Guglielmio.
Alcuni leggono Praesentaneus e Praesentarius, Subitaneaus e Subilariusj le antiche edizioni Ferenta
rium : l Angelio nelle sue note dice: P lautm jocose
amicum ferentarium vocat, qui repente opem fert
et auxilium egenti amico. Jn ferentario amico,
eum qui subsidio futurus sit significare videtur
Plautus, el qui auxilium sit laturusj ut m ihi m irum
videtur, quod Farro interpretetur inanem. D uxis
se videtur interpretationem a levi arm atura illorum
equitum, quos dicit esse ferentarios vocalos: quum
Plautus ad vocabulum polias alluserit, ut et alio

loc scribti: Nulla est mihi salas dataria: a dando,


L 'aver poi io tradotto: questo che vi si offre non
un amico fatto come le mosche, credo risponda
bene allo spirito del testo; molto pi che questo
modo ricorda un vivacissimo epigramma di Pier
luigi Grossi, cui riporto qua sotto:
I falsi amici fan come le mosche
Che da sera a mattina
Sinch c ' da ltaangiar stanno in cucina.
(7) Taluni confondono il morbo sostiziale col comiziale
( mal caduco o maestro ), tali altri lo credono un
morbo che trae repentinamente a morte. Turncbo
prende questo morbo per quelle ardentissime febri
che assalgono i lavoratori ne giorni del canicola.
Qual sia il nome di questo morbo confesso proprio.
di non saperlo: quello che di certo si che il
solstizio estivo assai fatale per tutti, e specialmente
acampagnoli, molti de quali sappiamo essere morti
improvvisamente pel caldo eccessivo.
(8) Lambino legge jo m modo. Anche nel Traculento Plauto
rimprovera la goffaggine de* Prenestini.
(9) Versi Ambrosiani.
(10) Ho seguito Bothe piuttosto che tutte le volgate. .
(11) Cos Bothe meglio d' ogn altra edizione.
(12) Alcuni, e tra gli altri l Angelio interpretano questa
Selucia Macedonia, per da Seleucia e dalla Mace
donia: io allincontro la veggo altramente io credo
che il ciurmadore s intenda quella citt della Siria
fabbricata da Antioco figlio di Seleuco generale
di Alessandro Magno re di Macedonia della quale
parla anche Plinio lib. 5. cap. 81. Altre Seleucic

(43)

(14)

(45)

(16)
(47)

vi erano 1* una alle rive dell* Eufrate, 1 altra sul


fiume Belo, ed un altra in Cilicia, delle quali ragiona
lo stesso Plinio al libro quinto delle sue storie
naturali,
Per juralorem intellige, apud quem peregrini in por
tibus et nomina et patriam et negotia profiteri
cogcbantur. Ita dictus est quod et ipse juramnto
fidem suam rei pubblicae obstringeret, qui alios suo
juramento censeret. Boxornio.
Le edizioni leggevano poslremum: Bothe corresse
questa lezione in postumum e panni bene abbia
colpito a segno.
Syc Ad hoc exemplum est: Ch . . .e qui il ciurma
dore avr fatto qualche segno. -Perci mal rispon
deva traducendo semplicemente col C., avendo det
to prima quel giuntone che il nome eh gli cerca
va incominciava per C., se nell italiano noi aves
simo una lettera dell alfabeto la quale valesse al
X greco, l imbroglio sarebbe subito sciolto, ma
non avendola, ho giudicato ottima cosa tenermi
alla forma latina.
Qui Plauto scherza, e pochi videro lo scherzo celato
sotto questo nome.
Est alia cunila gallinacea appellala noslris, Graecis
origanum herackolicum Plinio.

PSEUDOLUS

LO PSEUDOLO
OVVERO

IL FURBO

CARLO GOLDONI
cde ^ece c/uMio ne 'fiotert
c a
t f

majtptot* ^ im a ,
jtc n io

/a ,

&

tnnafzo

c e n su ra

a & rc u

PIERLUIGI DONINI

recato a

v o g a re

w f m o
u-/finncc^ie

uo la vo ro
de cotmcc tanc

c o n e c r a to

a/

^Qsettdofo

1/

v c /2 e

ry& t*m a fo f*e

d e $

cen a .

ita ^ c a -

m aefov

PERSONE DELLA FAVOLA

Ca l l i p h o

F urbo (P seudolo)
Callidoro
Ballione
L orario
Simone
Callifone

Graffigna (Arpagone)

P seu d o lu s
Ca l l id o r u s
B a l l io
L

o r a r iu s

S im o

arpax

Ch a r in u s
P

uer

Carino
R agazzo

Cocus

Cuoco

SlM M IA

SlMMIA

L a Scena in Alene.

PROLOGUS A)

Studete hodie mihi: bonam in scenam affero:


N am bona bonis ferri reor aequum m axum e,
Ul m ala malis: ut, qui m ali sunt, habeant male,
Qui boni, bona. Bonos quod oderint m ali,
Sunt m alij malos quod oderint boni bonos
Esse oportet; vosque ideo estis bonij quandoquidem
Semper odistis-malos, et lege et legionibus
Hos fugitastis, Quirites, successis bonis.
H uic vos nunc pariter bonam operam date gregi,
Qui bonus est, et hodie ad bonos affert bona.
J u r e s , oculi, animus ampliter fient saturi.
I n scenam qui jejunus venerit aut sitiens,
In risu et ventre raso vigilabit sedulo:
D um ridebunt saturi, mordebunt famelici.
Nunc si spitis, cedite jejuni alque discedite.
Vos saturi, state, imo sedete alque attendite.
Non argumentum neque hujus nomen fabulae
Nunc preloquar ego: salis id faciet Pseudolus:
Salis id dictum vobis puto ja m alque deputo.
Ubi lepos, joci, risusj vinum , ebrietas decens,
Gratiae, decor, hilaritas alque delectatio,
Qui quaerit alia, is m alum videtur quaerere.
Curas malas abjicite ja m , ul otiosi, hodie.
Exporgi meliust lumbos alque exsurgere:
Plautina longa fabula in scenam venit.

ACTUS I.
SC E N A

I.

PSEUDOLUS, CJLLIDORVS.
P s e . S i e x te tacente fieri possem certior,

Here, quae" miseriae te tam misere m acerant,


*

D uorum labori ego hom inum parsissem lubens,


Mei te rogandi, et tui respondendi mihi:
N unc quoniam id fieri non potest, necessitas
Me subigit, ut te rogitem. Responde mihi:
Quid esi, quod tu exanimatus ja m hos multos dies
Gestas labellas tecum, eas lacrumis lavis,
Neque tui participem consili quemquam facis?
Eloquere, ut quod ego nescio, id tecum sciam.
Cal . Misere miser sum, Pseudole/
P se .

Id le Jupiter
Prohibessil!

Ca l .

Nihil hoc Jovis ad judicium allinelj


Sub Veneris regno vapulo, non sub Jovis.

P se . Licet me id scire quid sil? nam tu me antidhac


Suprem um habuisti comitem consiliis luis.
Ca l . Idem animus nunc esi.
P se .

Fac me certum, quid tibi esi,


A u l re juvabo aul opera aut consilio bono.

ATTO I
SCENA

I.

F urbo, Callidoro.

F cr.

al.

Firn.
Cal.
F cr.

Cal.
F ur.

Se dal vostro silenzio, o padrone, io potessi ri


tra rre quali siano quegli increscimenti che vi fanno
cos fantastico, di buon grado io sparagneria la
fatica a me di chiedere, e a voi di rispondere;
ma dappoich non si pu aver questo, necessit
vuole eh io ve ne dimandi. Rispondete a me: che
avete voi? Da parecchi d io vi trovo pi morto
che vivo, con una lettera in mano, sopra la quale
versate voi -un bucato di lagrime: e non fate pa
rola mai a chicchessia di qual farnetico abbiate
in capo? Escitevene, e spartite meco quello che
tenete in cuore voi solo.
Furbo mio, io sono assassinato.
Che Giove lo tolgal
Qua Giove non pu mettervi riparo: Venere e
non Giove che mi .colla sulla corda.
In buon ora poss io sapere che sia cotesto? Voi
per lo avanti mi avevi.il miglior compagno de vo
stri segreti.
E penso di averti anche adesso.
Ditemi adunque coruccio che sia il vostro. I* ve
ne dar vantaggio o col fatto o coll opera, o con
un buon consiglio.

Cj l . Cape has tabellas: Iule hinc narralo tibi,


Quae me miseria et cura contabefacit.
PsE.M ot libi gerelur. Sed quid hoCj quaeso?
Cj l .
Quid est?
P se . !t opinor, quaerunt lilerae haec sibi liberos:
A lia aliam scandit.
Cj l .
Ludis me ludo tuo.
P s e . Ifas quidcm poi credo, nisi Sibylla legerit,
Alium potesse interpretari neminem.
Cj l . Cur inclemeuter dicis lepidis literis,
Lepidis labellis, lepida conscriptis manu?
PsE. A n , obsecro hercle, habentque gallinae manus?
N a m has quidem gallina scripsit.
Cj l .
Odiosus m ihi es.
Lege, vel tabellas redde.
Jmo etenim perlegam.
Ps e .
Advortilo animum.
Cj l .
Non adest.
Pse.
A t tu cita
Cj l . Jmo ego tacebo; lu istinc ex cera cita:
N am istic meus animus nunc est, non in pectore.
P se . Tuam am icam video, Callidore.
Cj l .
Ubi ea, obsecro, est?
P ss.E ccam in labellis porrectam j in cera cubat.
Cj l . A l te di deaeque, quantum est . . .
P se.
,
Servassint quidemt
Cj l . Quasi solstitialis herbq, (2) paulisper fui:
Repetite exortus sum, repentino occidi,
P se . Tace, dum tabellas perlego.
Cj l .
Ergo quin legis?

Cal.

Fur.
Cal.

F ur.'

Togli questa lettera: dilla da te a te la miseria e


1 affanno che mi macera.
Far il modo vostro: deh! che Vuol dir ci?
Che cosa questa?
Alla f queste lettere yonno far razza, 1 una si
accavalla all altra.

Cal.

Tu mi uccidi colle tue burle.

F ur.

Diascolo! una sibilla potr qui leggere, altri non ci


raccoglie un jota.
Perch bistrattare una lettera cos bella? bello
il foglio, bellissima fu la mano che lo scrisse.
Ditemi voi, le galline hanno forse le mani? questi
sgorbi sono di gallina.

Cal.

F ur.
Cal.

Tu m 'h a i fradicio, o leggi questa lettera, o dam

F ur.

m ela indietro.
Anzi la legger dal sommo ali* imo, state attento

Cal.

Non 1 ho pi.

F ur.
Cal.

F ur .

E voi fatelo chiamare.


Non aprir pi bocca io; tu rivocalo fuora da que
sta lettera, impercioceh ora qua ^dentro il mio
cuore, e non in petto.
I o veggo la vostra amica, o Callidoro.

Cal.

Ah! e dove?

F ur.

Vedetela qua distesa; la dorme sulla carta.


Che Dio quanto sa ti dia . . .
Cento buon anni.
Pur ora io- fui come la clizia, presto sono sboc
ciato, ma sono anche presto svizzito.

coll animo.

Cal.
F ur .

Cal.
F ur.

Zitto or che leggo la lettera.

Cal.

Che non leggi adunque?

Vol. IV. P laut.

24

P s e . Phoenicium Callidoro, am atori suo,


Per ceram el linum litei'asque interpretes
Salutem m illil, et . salutem abs te expelitj
Lacrum ans, titubantid animo corde et peci ore.
CjL.Perii, salutem, nusquam invenio* Pseudole,
Quam illi rem illam /
P se.
Quam salutem?
Ca i .
Argenteam.
P s e . Pro lignean salute vis argenteam
Remittere illi? Fide sis, quam, tu rem geras.
C a l . R ec ita mi>do: e x labellis j a m fa x o scies,

Quam subilo argento m i usus invenio siet.


P s e . Leno me peregre m iliti Macedonico

Minis viginti vendidit, voluptas m eaj


El priusquam hinc abiit, quindecim miles m inas
Dederat: nunc unae quinque rem orantur m inae:
Ea causa miles hic reliquit symbolum
Expressam in cera ex anulo suam imaginem,
Ut, qui huc adferret ejus similem symbolum,
Cum eo sim ul me mitteret. E i re dies
Haec praestituta est, proxum a Dionysia.
C a l. Cras ea quidem sunl: prope adesi exilium mihi,
Nisi quid m ihi in te est auxili
P se.
Sine perlengam.
Ca l . Sino: nam m ihi videor cum ea fabularier.
Lege! dulce amarumque una nunc misces mihi.
P s e . N unc nostri amore mores, consuetudines,
Jocus, ludus, sermo, suavis suaviatio,
Compressiones artae am anlum conparum,
. Teneris labellis molles morsiunculae,
Papillarum horridularum oppressiunculae.

Cal.
F ur.
Cal.
F ur.
Cal.
F ur.

Cal.
F ur.
Cal.

F ur.

Fenicia a Callidoro, suo amante, facendo sugi in


terpreti la cera, i legacci, le parole manda salute,
e salute aspetta da te piangendo, piena di cor
doglio e coir animo posto tra mille croci.
Io son sconfitto, o Furbo, io non trovo salute al
cuna da spedirle.
Qual salute?
D argento.
E volete rimandar voi una salute d argento per
una di legno? Badate bene a che vi Tacciate voi.
Tira innanzi: da questa lettera conoscerai quanto
sia necessario il rinfcrrarmi di quattrini.
Il ruffiano, o vita mia, mi ha venduta ad un sol
dato Torastiero di Macedonia per venti mine, e prima
della sua partenza il soldato snocciolonne quindici:
ora Tallano al saldo solo cinque mine: per questo
qui lasci il soldato per contrassegno il suo ri
tratto scolpito in cera collanello, affinch, seuz al
tro Tare, io andassi coll uomo che portasse Fislesso
contrassegno.- questo il di stabilito, le vicine Teste
del carnevale,
Egli domani: io sono alla vigilia della mia morte,
se in te io non trovo ajuto.
Lasciatemi Tornire.
Ti lascio: imperciocch parati ancora parlarle seco!
leggi! tu s mi spargerai d un po di mele 1 amaro
che mi sento in bocca.
Ora mi si raccordano i nostri amorosi costumi, le
nostre consuetudini, i giuochelti, le carezze, le paro
line, i dolci baci, gli s tretti abbracciamenti di s amante
coppia, le care morsurclline delle labbra, le strcltolinc

H arunc voluptatum m i om nium alque ilidetn tibi


Distralio, discidium, vaslicies venit,
Nisi quae m ihi in te est aut libi est in me salus.
Haec quae ego scivi, ut scires, curavi om nia,N unc ego te experiar, quid ames, quid simules.
Vale, m

Cj l . Est misere scriptum, Pseudole!

P se.

O miserrume!

Ca l . Q u in fles?
P sb.

P u m ic e o s oculos habeo: n o n queo


L a c r u m a m e x o ra re u t e x sp u a n t u n a m m o d o .

C a i . Q uid ita ?
P se.

G enus n o s tr u m se m p e r sicco cu lu m fu it.

C AL.N ilne a d ju va re m e audes?


P se.

Q uid fa c ia m libi?

C a l . E h eu !
P sb.

Heu? Id quidem hercle, ne parsis, dabo.

Ca l . Miser sum: argentum nusquam invenio m u tu o m . . .


P s e . Eheu!
Ca l .

Neque intus numus ullus est.

P se.

E h eu !

C a l . Ille dbduclxirus m u lie re m cra s est.


P se .

E h eu !

C a l . Istoccine pacto me adjuvas?


Pse.

D o id, quod m ihi est:

N am is m ihi thesaurus jugis in nostra est domo.


C j l . A ctum hodie de me esi! Sed poles nunc m utuam
D rachm am m ihi unam dare, quam cras reddam .
- tibi?
P s e . V ix hercle opinor, si me opponam pignori.
Sed quidnam drachma facere vis?

F cr.

affettuose al seno. Di tutte queste delizie e mie e


tue a me e a te venne lo strazio, la rottura, lo
scempio, se pur io per te o tu per me non trovi
salute. Queste cose, note che mi vennero, io ho
fatto in guisa che tu pure le risapessi; ora vedr
io che coSa tu ami, o che vai rivoltando pel capo.
Addio.
Non sono una miseria queste parole, o Furbo?
Poveraccio!

Cal.

Che non piangi?

F cr.

Io

Cal.
F cr.

Perch?
(
La nostra razza non ebbe mai gli occhi all umido.
E non mi puoi ajutare di nulla?
Che ho da farvi?
Ahi a me!

Cal.

Cal.
F

cr.

Cal.

ho gli occhi della pomice, non posso pregarli


tan to che mi schizzin fuori una lagrima.

F cr.

Ahi? di questi siate p u r largo


eh io ve ne dar a isonne.

Cal.

Io sono sconfitto: io non trovo denaro a prestito. . .

F cr.

Ahi !

Cal.
F cr.
Cal.

E non ho quattrino in casa.


Ahi !
E colui p er m enarsi via domani la donna.

F cr.

. Ahi!

Cal.
F ur.

Di tal fatta il tuo ajuto?


Io do quello che ho: imperciocch di questi io ne
ho tal tesoro da di sgradarne la Tarpea di Roma.
Oggi son spacciato! Ma non petrestu prestarmi
una dramma eh io te la dar domani?.
L avrei forse appena, se statico mi dessi. Ma che
volete farne di una dramma?

Cal.

F cr.

a chiederm ene,

Reslim volo

C l .

Mihi emere.
Quamobrem?
Qui me faciam pensilem:
' C l .
Certum est m ihi ante tenebras tenebras persequi.
P s e . Qnis m i igitur drachm am reddet, si dederim libi?
J n tu ea te causa vis sciens suspendere,
Ut me defrudes drachma, si dederim tibi?
C l . Profecto nullo pacto possum vivere,
S i iUa a me abalienatur atque abducilur.
P s e . Quid fles, cucule? Vives.
C l .
Quid ego ni fleam,
Qnoi nec paratus numus argenti siet,
Ncque qnoi libellae spes sit usquam gentium?
P s e . Ul Hierarum ego harunc sermonem audio,
Nisi lu illi laciitm is fleveris argenteis,
Quod tu istis lacrumis te probare postulas,
Non pluris refert, quam si imbrem in cribrum
geras.
Verum ego te amanlem ( tte pave ) non deseram.
Spero, alicunde hodie me bona operad hac mea
Tibi inventurum esse auxilium argentarium.
Cl . J l qui id fulurum ? unde?
P se.
Unde dicam , nescioj
N isi quia fulurum est: ila supercilium salit.
Cj l . Ulinam quae dicis, diclis facta suppelanl!
P s e . Sris l quidem hercle, mea si conmvi sacra,
Quo paclo et quanlas soleam turbelas dare.
'C a l . Iu le nunc spes sunt omnes aetali meae.
P s e . Satin' est, si hanc hodie mulierem eefleio tibi,
Tua ut sit, aul si libi do vigiliti minas?
P sb.

Cal.
F ur.
, Cal.
F ur.

Cal.
F ur.
Cal.

F ur.

- Cal.
F ur.
Cal.
F ur.
Cal.
F ui^.

Vo comprarmi una corda.


A qual uopo?
Per fare un dondolo. Io son deliberato, prima che
s abbuj vo ire ove non ci si vede.
Chi adunque rejiderammi la dramma se ve la do .
io? Volete voi forse trai* de calci, al vento, per lepparmi la dramma se io ve la impresto?
Non so trovar modo a tenermi in vita se quella
viene divelta e condotta via da me.
Che lagrime son queste, o cuculo? starete in vita.
Non ho io da piangere, se non mi trovo allato
nemmeno un danajuzzo d argento; n ho speranza
di trovare al mondo una ladra di lira?
Conforme io veggo dalle parole di questa lettera,
se voi non schizzate fuora degli occhi lagrime dar
gento, il volervi mostrar valentuomo con queste;
importa tanto quanto di volere asciugare un pozzo
col crivello. Ma non istate a scorarvi, non abbiate
paura, io non vi abbandoner in questo amore.
Spero che oggi dal mio buon servigio vi si trover
qualche pugno di quattrini.
Davvero? donde?
Donde? noi so ncppur io; soltanto io so che si
far, cosi mi dice 1 occhio.
Dio volesse che a queste parole seguitassero i fatti.
Ben sapete che se aguzzo i miei ferruzzi il fracas
so che ne viene non poco.
In te si folce ora la speranza della mia vita.
E non siete contento voi, se oggi fo si o che vi
dar la donna, o che avrete in mano venti belle
mine?

376
Cj l . Salis, si fu lu r u m est.
P se .

R o g a m e vigiliti, m in a s .

Ut m e ecfeclurum libi, quae promisi, scias.


Roga, obsecro hercte: gestio promittere.
C ji.D abisne argenti m i hodie viginli minas?
P s e . D abo. M olestus n u n c j a m n e sis m ih i.

Atque hoc, ne diclum tibi neges, dico prius:


S i neminem alium potero, tuom tangam patrem.
Cj l . D i te m ihi omnes servent/ Ferum si potes,
Pietatis causa vel eliam m atrem quoque.
P s e . D e isla c re in o c u lu m tilru m v is conquiescito.
Cj l . Oculum utrum , an in aurem?
P se.

A l hoc pervolgalum est nimis.


N unc, ne quis diclum sibi neget, edico mnibus,
Pube praesenti in concione, om ni poplo,
Omnibus amicis notisque edico meis,
ln hunc diem a me ut caveant, ne credant mihi.

Cj l .S U

Tace, obsecro hercle!


P se.

Q uid n egoti est?

Ostium

Ca l .

Lenonis crepuit . . .
P se.

C ru ra m a vellem m o d o .

Cj l . Atqne ipse egreditur, penitus perjurum caput.

Cal.
Firn.

Magari Dio!
Domandatemi venti mine, voi

verrete al

eh io sar per m ettere in carne quello

chiaro
che ho

impromesso: dimandatele in carit, io ho la fregola


Cal.

Fur.

Cal.
F ur.

del prom ettere.


Mi darai tu oggi venti mine?
Dar. N pi seccatemi di vantaggio. Questo vi

dico io anzi ogni "cosa, affinch non abbiate a


negarmi d averlo udito: se non arrivo ad inzam
pognar alcuno, c h isar tolto a fare sar vostro
padre.
Che gli dii tutti bene ti guardino! Ma se ti fat
to, per mio amore, aggira anche la madre.
Di questa faccenda riposatevi p u r franco tra due
guanciali.

Cal.

Coperto sino agli occhi, o soltanto gli orecchi?

F ur.

cosa questa cos vecchia che oniai


Ora perch alcuno non disdica eh io
grido a tu tti, a' giovani qui accorsi, a
polo, a tu tti i miei amici vecchi che

Cal.
F ur.

ha la muffa.
l ho detto,
tu tto il po
mi tengano

lontano, che non mi affidino cosa del mondo.


St, fammi grazia, sta zitto.

Che storia questa?

Cal.

Crocchia la p o rta del ruffiano . . .

F ur.

Vorrei piuttosto le gambe.


Egli vien fuori, la vien fuori questa capezza di
spergiuri.

Cal.

B a l l io , L o r j r ij i r , P s e u d o l v s , C j l l id o b v s .

B al . Exile! agile, ile, ile, ignavi male habili et male


conciliali,
Quorum nunquam quidnam quoiquam tieni* in ntntem ut recte faciant:
Quibus nisi ad hoc exemplum experior, non pote
usurpari usura!
Neque ego homines magis asinos nuquam vidi, ita
plagis coHae callent:
Qus dum ferias, tibi plus noceas: eo enim ingenio
h i sunt flagritribae.
Qui haec habent consulla consilia, ubi data est oc
casio:
Rape, clepe, harpaga, lene, bibe, es, fuge. Hoc est
eorum opus:
Ut lupos apud ovis malis linquere quam hos domi
custodes.
A t faciem quom adspicias, haud m ali videntur; o' pera fa lh n t.
N unc adeo hanc edictionem nisi anim um advortetis
omnes,
N isi som num socordiamque ex pectore oculisque
amovetis,
Ila ego vostra latera loris faciam ut valide varia
sint:
Ut ne peristromata quidem aeque picta sint Campanica,
Neque AlexandrinaJbeluata conchyliata lopelia.

B a l l io n e , L o r a r i i i v , F

B a l.

urbo,

C a l l id o r o .

Uscite! venite fuori! andate! spacciatevi, poltroni


bricconi, roba di mal acquisto a cut non mai viene
il pensiero di far bene. Se io non facessi cos
non caverei mai un servigio da loro! Da che vivo
io non vidi uomini pi asini, ornai le loro costole hanno il callo per le botte; bttili, e maggior
male fai a te che a loro, perch elli sono la distruzion delle fruste, costor nientaltro voltano in capo
se non questo, ruba, graffia, togli, tieni, sbevazza,
magna, e dlia gambe, Elli son cos fatti, meglio sarian raccomandate le pecore al lupo che ala casa a
costoro. Guardali in faccia, e non ti sembreran quei
capestri che sono: e son proprio come la castagna, che
la magagna ha dentro. Or se voi non attendete-a
miei ordini, se non -cacciate via dagli occhi e dal1 animo la sonnolenza e la tristizia, io a forza
di staffili vo farvi

tanti guidaleschi su fianchi,

che s non saran

pinte le tappezzerie di Cam

pania ,

n i tappeti

di Alessandria incastonati

di conchiglie, e figurati di bestie. Fin da jeri io

Alque heri anledixeram omnibus dederamque eas


provincias;
Verum ila vos eslis perdili negligentes ingenio inprobo,
Officium vostrum ul vos malo cogatis conmonerier.
Nempe ila vos anim ali eslis, vincere hoc durilie ergo
alque me.
Hoc vide, sis: alias res agunt. H oc agite, hoc ani
m um advortile,
H uc adhibete auris, quae ego loquar, plagigerula
genera hominum!
N unquam edepol durius vostrum erit tergum, quam
terginum hoc meum.
Qui nunc? dolelne? H em , sic datur, si quis herum
servos spernit!
Adsislite omnes contra m e, et, quae loquor, ad
vortile animum.
T u , qui urnam habes, aquam ingerere. Face ple
num aenum sit cito.
Te cum securi caudicali praeficio provinciae.
L o s .A l haec retunsa est.
Bj l .
Sine siet. Item vos quoque eslis omnes:
N um qui m inus ea gratia tam en om nium utor opera?
Tibi hoc praecipio, ut niteat aedis. Habes quod fa
cias propere abi intro.
T u esto lectisterniator. Tu argentum eluitoj idem
extruilo.
Haec, quom ego a foro revorlor, facite ut obfendam parata:
Vorsa, sparsa, tersa, strala laulaque coctaque om
nia uli sini:

aveva ordinata ogni cosa, e ciascuno aveva diputato alle sue provincie, ma voi siete cos infin
gardi e perduti nella vostra malizia; che mal sa
pete ricordarvi ora il dover vostro. Ecco cosa
che vi siete cacciata in zucca, di sgarar questo
e me, se pi duriamo di voi. Togli adesso! e ' fan
tu tt' altro: badate a me, ascoltate quello che dico
io, gena da bastone! tanto non la dureranno le
vostre spalle come durer questo cuojo che io ho in
mano. E s ora ti duole? bene, cos si fa a chi mette
sotto i piedi il padrone. Guardatemi tutti in faccia, e
scrivetevi in mente gli ordini che vi do io. Tu che
hai il secchio pensa all acqua; fa, e presto, che
sia piena la caldaja. Tu che hai la scure abbili la
soprantendenza de ciocchi.
L or.

Ma questa ha rivolto il filo.

Bal.

Lascia, non fa; e s pur nel cervello siete voi altri:


e per ci ristornatene io dal servirmene? A te
do ordine che mi sia netta la casa. Tu hai g i,il
fatto tuo, va, corri dentro. Tu rifarai le letta.
Tu pulirai gli argenti, e li porrai in sull or
dine. Queste cose le trovi allorch tornomi di piaz
za, sia pensier vostro vegga io ogni cosa spazzata,
nella, pulita, spiumacciata, lavata e cotta: im per-

N am m i hodie natalis dies est: decet eum omnes


vos concelebrare.
Pernam , callum, glandium, sumen, facilo in aqua
jaceant. Satin audis?
Magnifice volo me viros summos acccipere, ut milii
rem esse reantur.
Intro abite atque haec celebrate ne mora quae sit,
cocus quom veniat,
Mihi. Ego eo in macellum, ul piscium quidque est,
pretio praestinem.
7, puere, prae: ne quisquam pertundat crumenam
cautio est.
Vel opperire: est, quod domi dicere fui pene oblitus.
A uditiri? Vobis, mulieres, hanc habeo edictionem.
Vos, quee in mundiciis mollitiis deliciisque aetatulam
agilis
Viris cum summis, inclulce amicae: nunc ego sciho,
atque hodie experiar,
Quae capiti, quae veniri operam, del, quae sua re,
quae somno studeat.
Quam libertam fore m ihi credam, et quam vena
lem, hodie experiar.
Facite hodie, ut m ihi munera m ulla huc ab am a
toribus conveniant:
N am ni hodie penus annuos convenit, cras populo
prostituam vos.
Diem natalem hunc m i esse scitis: ubi isti sunl, qui
bus vos oculi eslis,
Quibus vitae, quibus deliciae, quibus savia, m am il
lae mellitae?
M anipnlalim munerigeruli facile ante aedis ja m hic
mihi adsinl!

ciocch oggi il mio natalizio: e voi conforme


vostro debito lo avete tutti a celebrare. II pro
sciutto, il collo, il ghiandaie, e la ventresca, fate
che bolli bene. M ha tu inteso? Io vo al mio
desco

uomini

d alto

affare, perch

abbisi

credere chio son uomo che sguazza nel lardo. An


date in casa, e spacciatevi presto, acci, quando
viene il cuoco, egli non stia in pena.. Io vado al
macello ad incettare quanto pesce vi ha a qua
lunque prezzo. Tu o ragazzo, cammina innanzi
affinch alcuno non ti succhielli la borsa: sostieni
un poco, d una cosa dimenticavami. M udite voi?
Queste cose, o donne, le dico a voi, a voi che fate.
bella vita, perch siete frescoccic in tra le dilicature, e tra i piaceri, belle amanze de nobili,
ora sapr io qual di voi abbia in maggior amore,
se la testa o la pancia, se il suo bene o il letto
per dormire. Oggi io far sperimento di chi voglia
divenir liberta, o esser roba di bottega. Oggi ma
neggiatevi in guisa che qua i vostri amanti car
reggino doni a josa, imperciocch, se quest oggi
non mi fo la provvista, domani t i metto io al po
stribolo. Ben sapete voi questo essere il mio an
nuale: dove sono ora costoro a cui voi altre
siete la vita, la delizia, la soavezza, le poppelline
melate? Fate oggi mi si riversino carra di doni sopra

Cur ego vestem, ain'um, alque ea quibus vobis usttt


est* praehibeo?
Quid domi, nisi malum* vostra opera est* inprobae,
vino modo cupidae?
Eo vos vostros panlicesque adeo madefacitis* quom
ego sim siccus.
Nunc adeo hoc factu est oplumum, ut nomine quam
que adpllem suo*
Ne dictum esse actutum sibi quaepiam vostrarum
m ihi neget.
Advortite anim um cunctae!
Principio* Hedylium* lecum ago* quae am ica es
fm m entariis*
Quibus cunctis montes m axum i acervati frum enti
sunt domi:
Fac, sis* sit delalum huc m ihi frum entum * hunc
annum quod satis
JUi et fam iliae om ni sit meae, atque adeo ul fru
mento adfluanij
Ut civitas nomen m ihi conmutel, meqite ul praedi
cet
Lenone ex Ballione regem Jasonem.
Ca l . A u d in * fu r c ife r quae loq u itu r? s a tin m a g n ific u s tib i

videtur?
P se. Pol istic, atque eliam m a l i ficus. Sed tace* atque
hanc rem gere.
B j l . Aeschrodora* 'tu* quae amicos libi habes lenonum
aemulos
Lanios* qui item ut nos jurando ju re malo rem
quaerunt, audi!
N isi carnaria tria gravida tergoribus oneri 'itberi
hodie

la porta? perche vi do io e vcslimenta e ori e tutto


che vi fa mestieri? perch non ho in casa, cagion vostra, o male gatte, e calde solo del vino,
altro che malanni? Di vino voi altre insaccate ben
'l a borraccia ed io stonimene asciutto. Ecco quello
che adesso ho io da fare, chiamarvi ciascuna per
. nome., acci alcuna di voi non dica eh io non
glier abbia detto: rizzate gli orecchi. Anzi tutto io
parlo a te adunque, o Edilio, che sei 1 amica di
quelli che hanno su granai monti di frumento,
fa chc mi sia condotto qua tanto di grano che
basti quest anno a me e a tutta la famiglia, e
che venga io in tanta abbondanza di frumento
che la citt mi cambi nome, che invece del ruffan Ballione mi dica il re Giasone.
Cal.

E non senti gli spampani di questo manigoldo? c


non ti pare abbia egli del magnifico?

F ur.

Mi par di s per Dio e del malefico per giunta. Ma


state zitto; badate al fatto vostro.

Bal.

T u E scrodora, che per am anti

hai gli emuli dei

ruffiani, i beccai, perch conforme facciain noi elli


sempiono ilb o rso tto a forza di spergiuri, ascoltami!
se oggi non ho sui rastrelli tre belle schiene di porco,
/

domani far di te quello che raccontano abbiano

Vol. IV. P laui

25

Mihi erunt, cras lCj quasi D ircam olim , ul memo


rant, duo (3) gitali Jovis
Devinxere ad taurum , ilem hodie stringam ad car
narium . Id
Tibi profeclo laurus fiet.
P se.
N im is sermone hujus ira incendor!
Hunccine hic hemonem colere pali juventutem A l
licam?
Ubi sunt, ubi latent, quibus aetas integra , qui am ant
a lenone?
Quin conveniunt? quin una omnes peste hac popu
lum liberant?
Sed nimis sum slullus, nim ium indoctus fui; ne id
audeant
Illi facere, quibus ul serviant, am or cogit suos,
Sim ul prohibel faciant udvorsum eos, quod volunt.
Cal.
Fah, tace.
1 's e .
Quid e s t?
C j l . Male morigerus male facis mihi, quom sermone
huic obsonas.
P s e . Taceo.
Cj l .
Bjl.

A t taceas malo mullo, quam tacere dicas.


,
Tu autem
Xtyslylis, fac ut anim um advortas, quojus amalores
olivi

D ynam in domi habent m axum am .


S i m ihi non culleis ja m huc olivom deportatur,
Te ipsam culleo ego cras faciam ut deporlere in
pergulam.
Ibi libi
lectus dabitur, ubi tu haud somnum
capiasj

fatto a Dirce i due figliuoli di Giove: se elli legaronla ad un toro, io legher te in sulla rastrelliera,
e questa, alla vita mia, sar il tuo toro.
F ur .

Queste parole mJ ardono di rabbia! la giovent


dell Attica fa buon viso a una bestia cos fatta?
Dove sono, dove stanno imbucati questi bene ai
tanti garzoni che fanno all amore in casa de' ruf
fiani? che non si levano? perch tutti non si fanno
un solo a liberar da tal peste il popolo? Ma un
gnocco son io, i' son pure il gran capocchio, eh ei
abbiano animo a farlo, quando 1 amor loro-li fa
6tar nelle pastoje, e li attraversa a quello che vor
rebbero.

C al .

Taci una volta.

F ur .

Che avete?

C al .

Tu mi se un mal bigatto, tu non mi secondi, im


perciocch non mi fai udire le parole di costui.

F ur.

Io sto zitto.

C al .

Io vorrei che questo fosse pi in fntti che in


ciance.

B al .

Rizza ben le orecchie, o Sistile. Tu se 1 amore degli


oliandoli, e perci, se non mi viene in casa 1 olio
a otri, in un otre ti insacco domani e ti fo portar
sulla loggia. Ivi ti si dar un letto non perch tu

Sed ubi usque ad languorem . . . Tenes, quorsum


haec tendal, quae oquor?
Eli, excetra tu, quae tibi amicos lol liabes lam
probe oleo onustos,
N u m hodie tua iuorum est quoiquam opera conser
vorum
Nilidiusctdum caput, aut num ipse ego pulmento
magis
Utor unctiusculo? Sed scio: tu oleum haud magni
pendis,Fino ted ungis. Sine modo: reprendam ego cuncta
hercle una opera.
Nisi quidem hodie tu omnia facis, scelesta, haec, ttl
loquor!
Tu autem, quae pro capite argentum m ihi ja m ja m que saepe numeras,
Et pacisci modo scis, sed, quae pacta es, non scis
solvere,
( Tibij Phoenicium , ego haec loquor, deliciae sum
m atum virum J
N isi hodie m i ex fundis tuorum amicorum omne
huc penus adfertur,
Cras Phoenicium phoenicio corio invises pergulam.
SC E N A

III.

Cj l l id o r v s , P se u d o l u s , B j l l io .

Cj l . Pseudole, non audis, quae hic loquitur?


Audio, here, equidem atque
/' s e .
anim um advorto.

posso pigliar sonno, ma perch a farti languida . . .


Intendi ove io voglia inferire? Guarda, maladetta
idra; tu hai dintorno tanti amici carichi dolio, ma
avvien per questo forse che i tuoi compagni, cagion
tua, abbian la testa pi unta, o che pi occhi abbia
la mia minestra? Ben 9ommelo io: non fai gran
caso dell olio, tu col vino ti vuoi bisunta. Ma la
scia, ogni groppo viene al pettine: se tu, ribaldonaccia, non fai quello tutto che dico io! Tu . . . poi che
per quella zucchellina, mi se cosi larga in promet
termi quattrini ad ogni otta, che hai sempre pat
ti alle mani, e non li sai attendere ( a te io parlo
Fenicia, delizia di questi nobili, ) se oggi dai fondi
de* tuoi amici qua non mi viene abbondanza di
tutto, domani sulla loggia ti far venir rossa pi
che la grana di Tiro.
SCENA

III.

Callidobo, F urbo, Ballione.

Cal.

Non ascolti, o Furbo, belle cose che dice egli?

F ur.

Le ascolto padrone, e non ne perdo un ette.

C al . Quid m i es auclor huic ul m illam , ne am icam hic


m eam p ro stitu a t?

B ine curassis.
P se.
Liquido es animo: ego pro me et pro te
curabo.
Jam din ego huic et hic m ihi volumus bene, et
amicitia est antiqua.
M iltum hodie huic suo die natali rem m alam m a
gnam et maturam.
C al . Quin opus est.
P se.

P otin a lia m rem ul cures?

A t .. .

C al .
P se.

B at.

Cal .

C rucior/

P sf .

Cor dura.

C al . N on possum .
P se .

(h i.

F a c possis.

Quonam pacto possim vincere animum?

P s e . In rem quod sit, praevorlaris, quamde re advorsa

animo auscultes.
( ' a l . Nugae istaec sunt: non jucundum est, nisi amans
facil stulte.
P se.
Pergin?
C a l . O m i Pseudole, sine sim nihili! mille me, sis/
P se .
Sine modo ego abeam.
C al . Mane, mane: ja m , uti voles med esse ita ero.
P se .

N un c tu sapis.

B al .1 i dies! ego m ih i cesso. I p ra e , puere.


Cj l .

Ileus, abit/ quin revocas?

Cal.

Qual consiglio il tuo, che vuoi mandi a costui


acci non gitti al chiasso il mio amore: pensaci
bene.

F ur.

Levate pur via dall anima ogni martello: a tutto


provveder io, e per me, e per voi. Noi gi da buon
tempo ci Vogliamo il miglior bene del mondo, e
la nostra amicizia antica. A costui io nel suo
giorno natalizio mander una pesca tale, che non
ne ebbe mai una n pi grassa n pi fresca.

Cal.

La ci verrebbe a tempo.

F ur.

E non sapete volgere il capo ad altro?

Cal.
F ur.

Ma . . .
BuhI

Cal.
F ur.

Mi sento spaccar il cuore.


Fatevelo di ferro.

Cal.
F ur.

Non posso.

Cal.

E come vuoi tu eh io vinca me stesso?

F ur.

Pensate a condur bene i fatti vostri, piuttosto


che pigliar smacco da. questi intraversam enti.
Queste le son buone favole: ma un innam orato noq
contento se non d in qualche pazzia.
E ancora?

Cal.
F ur.
Cal.

Fate di poterlo.

F ur.

0 Furbo mio, non t adirare s i sono un tambcllonaccio, lasciami andare!


Ander io.

Cal.
F ur.
Bal.

Sta, sta: ornai sar conforme tu mi vuoi.


Ora v entrato il cervello.
Il giorno va; e io sto qui donzellando. Corri in
nanzi, o putto.

Cal.

Ohe bada, ei se la coglie! che non lo richiami?

592
P se . Quid properas? placide!
Cj l .
A l priusquam abeat.
B jl.
Quod h o c m alum? tam
placide is, pueref
P s e . Hodie naie, heus, hodie nale! libi ego dico! heus,
hodie naie!
Redi el respice ad nos! Tametsi occupatus,
M oramur. Mane: sunt, conloqui qui volunt te.
B j l . Quid hoc est? quis est, qui m oram occupalo.
Molestam obtulil?
Cj l .
Qui libi sospilalis
Fuit.
B jl.
Morluostj qui fuitj qui est, vivost.
P se . Nimis superbe!
B jl.
N im is molestus!
Cj l .
Reprehende hominem! adseqnere!
B jl.
1j puere!
P se.
H ae
Occedamus obviam.
B j l Jupiter le perdat, quisquis!
P se.
Te volo.
Bjl.
A l vos nolo ego ambos.
Forte haCj puere!
P se.
N on licei te conloqui?
B jl.
A t m ihi non lubet.
Cj l . Sin tuam est quidpiam in rem?
B jl .
Licetne, obsecro,
Bitere, an non licet?
P s e . Fah, m anta!
B jl .
Omitte!
Cj l .
Ballio, audi!

F ur.

Che prescia la vostra? lemme lemme!

Cal.

Ma prim a eh ci se ne vada.

Bal.

Domine! che hai, o ragazzo? cos piano te ne vai?

F ur.

Ehi, bimbolino, a te parlo io, a te che se' nato oggi,


torna e guarda chi siam noi! awegnacch tu sii
faccendato noi ti vogliamo un pochino. Fermati:
v ha chi vuol conferir teco.

Bal.

Che questo? Chi d noja ad un uomo pieno


d affari fino a capegli?

Cal.

Uno che ti ha salvo.

Bal.

Chi mJ ha salvo morto, vive solo dii mi salva.

F ur.

Troppo fumo!

Bal.

Troppa noja!

Cal.

Ferm alo pel sajo; corrigli dietro.

Bal.

Va, ragazzo.

F ur.

Noi da questa banda ti piglierem la volta.

Bal.

Che Dio t affranca chiunque tu sii!

F ur.

I o ti voglio.

Bal.

E io n 1 uno n 1 altro. Volgiti per qua, o putto!

F ur.

Non si pu p arla r teco?

Bal.

Io non ne ho voglia.

Cal.

E se fosse pel tuo meglio?

Bal.

Si pu, o non si pu ire?

F ur.

Deh, aspetta.

Bal.

Lasciami.

Cal.

Ballione, ascolta.

B al .

Surdus sum.
Profecto inanilogistae.

C l . Dedi dum fuit.


B al .

N o n p eto , quod dedisli.

C a l . D a b o , quando erit.
B al.

D u cito , quando erit.

C al . Eheu, quam ego malis perdidi modis,

Quod tibi deluli et quod dedi!


B al.

M o rtu a

Verba re nunc facis. Stultus esj rem actam agis.


P s e . Nosce saltem hunc, quis est.
B a l . J a m diu scio, qui fuil-, nunc qui is est, ipsus sciat.

Am bula lu.
P s e . P o tin , u ti sem el m o d o , B a llio , hunc cum lucro re spicias?
B al . R esp icia m isto c prelio: n a m s i sacruficem sum m o

Jovi
Atque in manibus exla l en eam, ut porriciam , in
terea loci
S i lucri quid detur, polius rem divinam deseram.
Non polest pielali obsisti huic, uliuti res sunt ceterae.
P s e . Deos quidem, quos m axum e aequom est metuere,
eos m inum i facit.
B j l . Conpellabo. Salve m ullum , serve Athenis pessume.
P s e . D i te deaeque ament vel hujus arbitratu vel meoj
Vel, si dignus alio pacto, neque ament neque fa
ciant bene.
B a l . Quid agitur, CaUidore?
Ca l .
A m a tu r alque egelur acriter.
B a l . Misereat, si fam iliam alere possim misericordia.

Bal.'
Cal.
Bal.
Cal.
Bal.
Cal.
Bal.
F cr.
Bal.

F cr.
Bal.

Son sordo: voi non avete che eiance!


Fin che ne ebbi i te ne ho dato.
Del dato io no te ne cerco.
Darottcne ancora quando ne avr.
Solazzati quando nc avrai.

Ahi a me tristo! in clic mali modi ho perduto e


quello che ti ho dato e quello che li lio porto.
T u canti r , esequie a porri: povero cucco, non vedi
che cerchi sangue dalle rape?
Guarda almeno in faccia costui.
buona pezza che io so chi fosse egli, chi sia
adesso, egli se lo sapr. Va tu.
Non puoi no, o Ballione, guardar costui anco una
volta, avendone guadagno?
L o guardo a questo patto: imperciocch, se mentre
io sono in sul fare un sacrifizio al gran Giove, e
gi mi stessero in tra le mani, per offerirle, le mi
nugia, alcuno venisse a darmi un po di guada
gno io lascerei piuttosto il sacrifizio. Divozion
cos fatta non si pu preterire come le altre.

F ur.

E fa degli dii che pi si dovricno tem ere quel

Bal.
F ur.

Mi volger. Buon d, o trista schiuma di servo.


Che Dio ti dia quel bene che ti preghiam o io e
costui, e se lo vuoi fuor di cifera, che non ti

conto come di quel pi che non ha.

Bal.
Cal.
Bal.

amino, e che non ti (Ceno un bene del mondo.


Che si fa, o Callidoro?
Amiamo, e siam nelle secche insino alla gola.
N avrei piet, s io potessi tener ritta la famiglia
colla misericordia.

P s e . S e ja , scimus nos quidem te, qualis sis: ne praedi

ces.
Sed s c i n q u i d nos volumus?
B al.
P sb. E t

P o l ego prop em o d u m : u l m a le sit m ihi.


id et hoc, quod le revocam u s, quaeso, a n im u m

advorte.
B al.

A u d io ;

Alque in pauca, ul occupatas nunc tu m , confer,


quid velis.
P s b . H unc pudet, quod libi promisit, quaque id promisit
die:
Quia tibi m inas viginli pro' am ica etiam non dedit.
B a l . N im io id quod pudet, facilius fertur , quam illud,
quod piget:
Non dedisse, iilunc pudet; me, quia non accepi, pi
get.
P s e . A t dabit, parabit. Aliquot has dies m anta modo:
N am hic id metuit, ne illam vendas ob simultatem
suam.
B a l . Fuit occasio, si vellet, jam pridem argentum ul daret.
C a l . Quid, si non habivi?
B al .
A m abas. Invenires mutuom,
A d danistam devenires, adderes foenusculum,
Subriperes patri.
P se.
Subriperet hic patri, audacissume?
N on periclum est, ne quid recle monstres.
B al .
N on lenonium est.
Ca l . Egon palri subripere possim quidquam, tam cauto
seni?
Alque adeo, si facere possim, pietas prohibet.

F ur.

Vch! sappiala ben razza barbina di che tu sei: non


dircelo colle trom be. Ma sai tu che vogliamo

Bal.
F ur.

da

te?
Mei veggo in aria: che mi venga un canchero.
E p er questo, e per altro noi ti chiamiamo in
dietro, ma deh bada o ra a noi.

Bal.

Son qua. Ma stringi tu tte le parole in poche, im


perciocch o r sono occupatissimo.
F ur. . Costui vedesi scornato che avendoti promesso le
venti mine, assegnandoti anche il giorno, p er la
sua amica, non te l ha date ancora.
Bal.

F ur.

Bal.
Cal.
Bal.

Pi presto si tollera vergogna ehe increscim ento,


ei vergognasi perch non ha dato, perch non ho
ricevuto questo mi duole a me.
Ma te ne dar, n sbrucher in qualche modo: abbi
pazienza questi pochi giorni: costui sentesi la m or
te addosso che tu la venda ad un altro per casti
garlo di questa m ancanza di parola.
Avesse egli voluto, e il colpo non gli mancava
p er darmi questo denaro.
E se non ne ebbi?
Amavi e basta, a prestito ne avesti avuto, se fossi
andato a qualche banco, dovevi porvi un micolin
di baroccolo, dovevi raschiarne al padre.

F ur.

0 faccia di pallottola! Costui doveva raschiarne


al padre, non v pericolo che tu insegni a p er
sona la buona via.

Bal.
Cal.

Non di ruffiano.
In qual m odo poteva al padre g rancir cosa del
m ondo se egli cos stretto? Pognam o anche lavessi
potuto, la riverenza m 'a v ria tenuto indietro.

Audio.
Pielalem ergo istam am plexator noctu pro Phenicio.
Sed quoniam pietatem am ori video tuo praevortere,
Omnes homines libi patres sun? nullus est tibi,
quem roges
M utuom argentum?
Cj l .
Quid nomen quoque ja m interiit Mutuom.
P s e . Heus tu, postquamde hercule isti a mensa surgunt
saturi, poti,
Qui suom repetunt, alienum reddunt nato nemini,
A b alienis cautiores sunt, ne credaut alteri.
Cj l . Nimis miser sum: num um nusquam reperire argenti
queo:
ita m iser et amore pereo el inopia argentaria.
B j l . Eme die coeca hercle olivom; id vendito oculata die:
J a m hercle vel ducentae jieri possunt praesentes m i
nae.
C j l . Perii/ an non tum lex me perdii quina viccnnaria?
Meluont credere omnes.
B al .
Eadem est m ihi lex: metuo credere.
P s e . Credere autem? Eho, poenilet te, quanto hic fuerit
usui?
B al . Non est justus quisquam am ator, nisi qui perpetuat
data,
Dalque usque, et quando nihil sit, simul ama'e de
sinit.
B jl.

CAL.Nilne m ei m iseret te?


B jl.

In a n is cedis: d ic ta non sonant.

Atque ego te vivom salvomqne vellem.


Eho, an ja m mortuosi?
B j l . Utut est, m ihi quidem profecto cum iilis diclis m or
tuosi.
P se .

B al .

C al .

F ur.

Cal.

B al .

Cal.
Bal.
F ur.

Bal.

Cal.
Bal.
F ur.

Bal.

Buon pro; c per ci la notte goditi questa rive


renza invece di Fenicia. Ma dappoich tu scpendente
pi alla riverenza che all' amore ti sono forse pa
dri tutti gli uomini? Non hai tu persona cui chie
dere un quattrino a mutuo?
E gi morta questa parola di mutuo.
Noi sai tu ancora? Questi nostri, i quali non
si lievano mai brilli e satolli se prima non hanno
il loro e non restituiscono 1 altrui a uomo vivo,
si sono fatti pi cauti a spese d altri in non
voler fidarsi di persona.
In quali forbicie son io! io non so dove trovar da
naro: cos io mi muojo e d'am ore e di mancanza
d argento.
E tu fa questo; compra dell olio a credenza, e
vendilo a pronti contanti, tu puoi rastrellare in
u n attimo anche duecento mine.
Tristo a me! Non mi correbbe la legge de' venti
cinque anni? la parola credenza fa paura a tutti.
Questa legge holla anchio, temo di fidarmi troppo.
Di fidarti troppo? Dimmi te ne spasima forse del
buono che ti ha dato costui?
Amante non vi ha che per esser giusto non sia
continuo ne doni, egli ne d finch ne ha, e
quando in stremit di ogni cosa, ei si divezza
dal fare all amore.
Non hai misericordia di me?
Scusso tu sei, e le chiacchere tintin non fanno.
Io per verit vorrei vederti vivo e salvo.
E forse morto egli?
Sia come si voglia, per me egli con queste su*

Eloco vixit am alor, ubi lenoni neplacel.


Sem per lu ad me cum argentata accedito querimonia:
N a m istoc, quod nunc lamentare, non esse argen
tum tib i,.
A p u d novercam querere.
Psj.
Eho, an unquam lu hujus nu
psisti p a tii?
B j l .D melius faciant!
P se.
Fac hoc, quod te rogamus, Ballio,
Mea fide, si isti form idas credere: ego in hoc hiduo
A u t terra aut m arid alicunde evolvam id argentum
tibi:
B j l . Tibi ego credam?
P se .
Cur non?
Bjl.
Quia pol, qua opera credam tibi,
Una opera adligem canem fugitivam agninis lactibus.
CJL.Siccine m i abs te bene merenti male refertur gralia?
B j l . Quid nunc vis?
Cj l .
Ul opperiare hos sex dies saltem modo,
Ne illam vendas, neu me perdas hominem am antem .
Bjl.
A n im o bono es:
Fel sex mensis opperibor.
Cj l .
Euge, homo lepidissime!
B j l .Im o vin etiam te faciam ex laelo laetantem magis?
Cj l . Quid ja m , Ballio?
Bjl.
Quia enim non venalem habeo Phoenicium.
Cj l . Non habes?
Bjl.
N on hercle vero.
Cj l .
O Pseudole, arcesse hoslias,
Ficlimas, lanios; ul ego huiic sacruficem summo Jovi:
N am hic m ihi nunc esi tnullo polior Jupiler, quam
Jupiler.

F u r.
B a l.

F ur.

ragia morto affatto. Quando al pollastriere


pi non piace lamante, questo si pu dire pas
sato dai vivi. Su liiii querimonie d Argento vieni
a me, imperciocch dicendomi queste larncntolc di
non aver bajocchi tu li lagni della matrigna.
Ohi e ti se forse sposato al padre di costui?
Che meglio il ciel mi dia.
Ora, o Ballione, tu fa il voler nostro, abbi fede
in me se poca ne hai in costui, io in questi tre
di da qualche luogo, o in terra o io mare sapr
disseppellirli questo denaro.

Bal.
F ur.

Di te mi fider io?

Perche no?

Bal.

Poffar il mondo! e come avr io fede in

te?

io

legherei un can fuggiasco co salsicciuoli.


Cal.

E di lai pago rimuneri i miei buoni servigi?

Bal.
Cal.

Che vuoi ora?


Che tu lasci passare questi sei d almeno senza
venderla, se non vuoi assassinare questo innam o
rato.
Piglia animo, aspetter anche sei mesi.

Bal.
Cal.
Bal.
Cal.
Bal.
C v l.
Ia l.

Cal.

Viva., tu se proprio una perla d uomo.


Anzi vuoi tu che ti metta in cielo dalla gioja?
In quel modo, Ballione?
I o non vendo pi Fenicia.
Non la vendi?
Da valentuomo.
0 Furbo, conducimi qua oslie vittime e beccai; af
finch io faccia un sacrifizio a questo sommo Giove;
imperciocch questo Giove a me ben pi caro
dell altro.
Vol. IV. Plaut.

26

B j l . Nolo victimas; m inum is med exlis piacari volo.


Ca l .Propera, quid stas? arcesse agnos! A u d in , quid ait
Jupiler?
PsK .Jam hic eroj verum exira porlam Meliam curren
dum est prius.
C j l . Quid eo?
P se.
Lanios inde arcessam dito cum tintinnabulis j
Eadem duo greges virgartim inde ulmearum adegero,
Ut hodie ad lilalionem huic suppetat salias Jovi.
In m alam crucem islic ibit Jupiler lenonius.
B jl . E x tua re non est, ul ego ecmoriar.
P se .
Quidum?
B jl .
Ego dicam libi;
Quia edepol dum ego vivos vivam , nunquam eris
frugi bonae.
P s e . Ex tua re non est, ut ego ecmoriar.
B jl .
Quidum?
P sb .
Sic: quia,
S i ego ecmortuos sim , Athenis te sil nemo nequior.
Cj l . Dic m ihi, obsecro hercle, verum serio hoc, quod te
rogo:
Non habes venalem am icam lu meam Phoenicium?
B al . Non edepol habeo profecto: nam jam pridem vendidi,
Ca l . Quomodo?
B jl.
Sine ornamentis, cum intestinis omnibus.
Cj l . Meam tu am icam vendidisti?
B jl.
Faldej vigilili minis.
C ji.F ig in li minis?
B al.
Utrum vis, vel qualer quinis m inis.
Militi Macedonio. Et ja m quindecim habeo minas,

Bal.
Cal.
F ur.
Cal.
F ur.

Bal.
F ur.
Bal.
F ur.
B al.
F ur.
Cal.

Bal.

Non voglio viti ime, io mi fo placare con budel


lame di poca spesa.
Spacciati, che fai tu qui? Togli gli agnelli, setu

sordo alle parole di Giove?


Io son qua in un attimo, ma prima ho da correre
fuor porta Mezia.
Perch l?
Per chiamar due beccai coi sonagli; o nello stesso
punto condurr due greggie di buone vergole
d olmo, perch questo Giove sia placato a suffi
cienza: andr in brandelli questo Giove ruffianesco.
Non del tuo bene che io muoja.
Perch?
Dirottelo: perch fintanto che io sono tra vivi tu
non sarai un galantuomo.
Neppur tu avrai vantaggio dalla morte mia.
Per qual cosa?
Eccotela, perch, morto io, in Atene non vi saria
mariuolo pi schiumato di te.
Quello che ti cerco dillomi adunque una volta, ma.
col miglior senno del mondo: non vendi Fenicia
1' amante mia?
Non lo posso proprio; imperciocch gi buon tem
po eh' io 1 ho venduta.

Cal.
Bal.

Come?
Senza gli ornam enti, con tu tte le burella.

Cal.
Bal.
Cal.
Bal.

Tu hai venduta l amica mia?


E bene: per venti mine.
Per venti mine?
Come vuoi, o per q uattro volte cinque mine, a un
soldato di Macedonia. Ilo gi in mano quindici
mine.

Cj l . Quidj quid, quid, ego ex led audio?


B al .
A m icam tuam ese faciam argenteam.
Cj l . Cur id autut facere?
B jl .
Lubuit: mea fuit.
Cj l .
Eho, Pseudole,
I , gladium adfer . . .
P se .
Quid opus gladio?
Cal.
Qui istunc occidam atque me.
P se . Quin tu led occidis potius? nam hunc fames ja m
occiderit.
Cal . Quid ais, quantum in terra degit, (A) hominum
perjurissume?
Juravislin, te illam nulli venditurum, nisi mihi?
BjL.Futcor.
Nempe conceptis verbis.
Ca l .
Bjl.
Eliam consultis quoque.
Cal . Perjuravisti, sceleste!
B al .
A t argentum intro condidi.
Eyo scelestus nunc argentum promere potius sum
domoj
Tu, qui pius es, istoc genere gnatus, num um non
habes.
Cj l . Pseudole, adsiste altrintecus, alque hunc onera m a- lediclis.
P se.
Licet.
Nunquam ad praetorem aeque cursim curram , ut
em ittar manu.
Cj l . Ingere mala mulla.
Ps e . *
Ja m ego te differam dictis meis,
In pudice!
B al.
Ita est.

Cal.
Bal.
Cal.
Bal.
Cal.
F ur.
Cal.
F cr.
Cal.

Bal.
Cal.
Bal.
Cal.
Bal.

Cal.
F cr.
Cal.
F ur.
Bal.

Che, che, che, sento io da te?


Che la tua amasia si fatta d argento.
perch fosti oso a tanto?
Perch n ebbi voglia; era mia.
Oh, Furbo, Corri portam i un coltello.
Un coltello? a qual uopo?
Per ispacciar dal mondo me e costui.
perch a ghiado non vi ammazzate voi? Coitui
presto se lo becca la fame.
Marran ribaldo, pi di quanti stan sotto la cappa
del sole., che cose son queste: e non hammi tu
giurato, che a nullo venduta l avresti se noa
a me?
Vero.
con un giuramento de meglio solenni?
aggiungi de meglio pensati.
E hai spergiurato, manigoldo?
Ma hommi intascato 1 argento: io che sono ua
sacrilego da casa mia posso tirar fuori denari a
mio grand agio; tu che hai del santusse, che sei
di tanta nobilt, non ti trovi un ladro nella sac
coccia.
Va da quella banda, o Furbo, e di a costui ua
carro di vituperi.
Subito, non volerei s ratto al pretore perch mi
facesse franco.
Digli villanie da cane.
Ornai vo farti in brani cogli improperi, impu
dico!
Cos .

(106

P se .
Sceleste!
B al.
Dicis vera.
P sb .
Verbero!
B a l . Quippini?
Cal .
Bustirape!
B al .
Certe.
Cal .
Furcifer!
B al .
Factum optume!
Ca l . Socio frude!
B al .
Sunt mea eccista.
P se .
Parricida!
Ba i.
Perge tu. *
P se . Sacrilege!
B al ,
Fateor.
Ca l .
Perjure!
B al.
Vetera vaticinamini.
Ca l . Legirupa!
B al.
Valide.
P sb .
Pernicies adulescentum!
B al.
A cerrim e.
Cal . Fur!
B al .
Babae!
P sb .
Fugitive!
B al.
Bom bax!
Ca l .
' Fraus popii!
B al .
Planissume!
P se . Fraudulente!
Cal .
Inpure /eno/
P se.
Coenum!
B al .
Caniores probosl
Cal .V erberavisti palrem atque matrem.

F cr.

Traditore!

Bal.
F ur.

Questo vero?
Schiena da botte!

Bal.
C al.

Perch no?

Bal.
Cal.
Bal.
Cal.
Bal.
F ur.
Bal.
F ur.

Spoglia sepolcri!
Certo.
Manigoldo!
Benissimo!
Gabbamondi!
Mio anche questo.

Parricida!
Va tu innanzi.

Bal.
Cal.

Sacrilego!
Egregiamente.
Spergiuratore!

Bal.

La cosa vecchia.

Cal.
Bal.
F ur.
Bal.
Cal.

Graffiateggi!
Viva!
Peste della giovent!
E della pi fina.
Ladro!

Bal.

Ahu!

F ur.
Bal.

Fuggiasco!
PunfT!

Cal.
Bal.
F ur.
Cal.

F raude del popolo!

Verissimo!
Commettimale!
Ciacco ruffiano!

F ur. Fangol
B al. Viva! siete bene in zolfa.

Cal.

Hai bastonato il padre e la madre.

hu.

Atque occidi quoque


praehiberem. Num peccavi
quidpiam?
Pse. In pertusum ingerimus dicta dolium; operam lu
dimus.
B j l Numquid alium me etiam vollis dicere?
Cj l .
Ecquid te pudet?
B j l . Ted amalorem esse inventum inanem, quasi cassam
nucem.
Sed quamquam mulla malaque in me dicta dixistis
modo,
Nini m ihi ja m attulerit miles quinque, quas debet
minas,
Sicul haecce praestituta sum m a est argento dies,
*
S i is non aderit, posse opinor facere ego officium
metim.
Cal . Quid id est?
B jl.
S i tu argentum attuleris, cum illo perdiderim
fidem.
H oc meum est officium. Ego, operae si sitj plus
tecum loquar j
Sed sine argento frustra est, quod me tui misereri
postulas.
JIaec mea est sententia, ut tu hine porro, quid
consulas.
Potius} quam

cibum

C jL.Jam ne abis?
B jl.
Negoli nunc sum plnus: paulo post magis.
P se. Illic homo meus estt nisi omnes di m e atque ho
mines deserunt,
Exossabo ego illm c simulter itidem, ut m uraenam
cocus.
Sed nunc, Cailidove. operam le mihi volo dare.

Bal.

E gli ho anche ammazzati piuttosto che d ar loro


le spese. Ho falto io cosa di male?

F ur.

Noi empiamo una botte fessa, diam l incenso al


grilli.

Bal.

Non mi volete voi dir altro?

Cal.

E di che senti vergogna?

Bal.

D aver trovato in te un

am ante

biullo,

come

u n a noce cassa. Ma avvegnacch dette me ne abbiate


tan te e b ru tte , se il soldato questo d non mi arreca
le altre cinque mine che mi deve, essendo oggi
il d stabilito al pagam ento, se egli dico non viene,
io mi credo in diritto di fare il dover mio.
Cal.

E qual .

Bal.

Cotesto: portami tu il denaro, e io manco di fde


lui. Altre cose ti direi se avessi tempo. Non persua
derti che di te io abbia misericordia, ch senza
quattrini tu ari il lido. Ora sai mente che sia la
mia, da questa tranne tu partito.

Cal.

S tosto te la cogli?

B al.

I o ho faccende fm sopra il capo: dopo ne

avr

pi ancora.
F ur.

mia la starna se pure non mi danno uno scam

bietto tutti gl Iddii e gli uomini, gli caver 1 ossa


come fa il cuoco alle murene. Ma ora, o Callidoro,
4

io voglio che mi diate mano.

Ecquid imperas?
P s e . Hoc ego oppidum admoenire, ut hodie capiatur,
Cj l .

volo.

A d eam rem usust hominem astutum, doctum, sci


tum et callidum.
Qui im perata ecfecla reddat, non qui vigilans dor
miat.
C j l . Cedo m ihi, quid es facturus?
P sb .

T e m p e r i ego fa x o scies:
N o lo bis ile ra ri: sa t sic longae fiu n t fabulae.

C j l . Optumum atque aequissumum oras.


P se.

P r o p e r a t a d d u c h o m in e m cito.

Pauci sunt am ici ex multis, hom ini qui certi sient.


Cj l . Ego scio istuc.

P sb.

Ergo utrimque tibi nunc delectum para:


E x illis exquaere multis unum , qui certus siet.

C j l . J a m h ic fa x o a d erit.
Pse.

P o tin , u l abeas? tib i m oram dictis creas.

SC E N A

ir.
%

P se u d o lu s.

Postquam ille hine abiit, tu adstas solus, Pseudole/


Quid nunc acturus, postquam herili filio
Largitus dictis dapsilis? ubi sunt ea?
Quoi neque parata gutta certi consili,
Neque adeo argentij neque nunc, quid faciam , scio,
Neque, exordiri prim um unde occipias, habes,
Neque detexundam ad telam certos terminos.
Sed quasi poeta, fabulas quom cepit sibi,

Gal.

Che ordini sono i tuoi?

F ur.

Io vofar tanti approcci a questa fortezza, che oggi


1' ha da esser presa: per questo fammi m estieri,
u n uomo che abbia del volpigno, che sia furbo,
scaltro, e ben trincato, il quale mi dia compiuto
quanto gli ordino io, e non u n moccolone il quale
dorm a cogli occhi aperti.

Gal.

Dimmi adunque, qual il colpo die tiri?

F ur.

U saprete a. tempo, non vo' dirlo due volte; le com


medie in questa guisa sono ' lungagnole che pi

Cal.
F ur.

'

non finiscono.
T u parli da valentuomo.
Corretel conducetem i qua l ' uomo: pochi dei molti
sono all' uomo i veri amici.

Cal.
F ur.

Sapevamcelo.

Cal.
F ur.

Ei sar qui a momenti.


ncora voi siete qui? Con queste storie vi fuggiriano i pcsci cotti.

adunque voi fate

le vostre

leve tr a

quei

coscritti cercatevene uno che sia fidato.

SCENA

IV.

F urbo.
Egli se ne ito, e tu, Furbo mio, ti vedi solo! Che sarai per
fare adesso che al padroncino hai proferito e Roma e
Toma? Dove lhai tu questa cuccagna? Tu non hai
gocciola di buon consiglio, n cica dargento; n sai
come farti all' opera, n hai un bandolo da svol
gere la matassa, n un capo certo ove fornir la
tua tela. Ma io far come il poeta, appena egli

Quaerit, quod nusquam est gentium, reperii tamen.


Facti illud verisimile, quod mendacium esi:
Nunc ego poeta fiam : viginli minae
Quae nusquam nunc sunt gentium, inveniam tam enf
Atque huic jam pridem ego me daturum dixram ,
A c volui injicere tragulam in nostrum senem;
. Ferum is nescio quo pacto praesensit prius.
Sed comprimenda est m ihi vox atque oratio.
H erum eccum Simonem videod huc una simul.
Cum tuo vicino Calliphone incedere.
E x hoc sepulcro vetere viginli m inas
Ecfodiam ego hodie, quas dem herili filio.
N unc hue concedam, ut horunc sermonem legam.

piglia la penna, cerca quanto non t ha in alcun


paese, eppure ei lo trova. Egli vende per vere le
fole pi madornali: s far anch' io, le venti mine che
ora non si veggono nemmeno in sogno, sapr tro
varle alla fede mia: le aveva gi promesse a costui, e
sentiami una voglia non poca di carrucolar il no
stro vecchio, ma non so io come n abbia potato
avere egli sentore. Ora duopo ch io mi taccia,
ecco qui venire a questa volta il padron Simone
con Callifone suo prossimano. Scaver ben io da
questo sepolcraccio in' rovina le venti mine per
dare al padroncino. Mi tirer qua. e a costoro
star raccogliendo i bioccoli.

cru s
SC E N A

ii.
I.

S im o , C jL L ifB O , P se u d o l u s .

S ia . S de damnosis, aut si de amatoribus


D ictator fat nunc Athenis Allicis,
Nemo antecedat filio, er edo, meo:
Ila nunc per urbem solus sermo est omnibus,
E um velle am icam liberare, et quaerere
A rgenlum ad eam rem. Hoc alii m ihi renuntiant,
Alque id ja m pridem sensi ct subolei mihi.
P s e . O ccisa est haec resj h aeret hoc n e g o tiu m /

Quo conmeatum volui in argentarium


Proficisci, ibi nunc oppido obsepta est via.
Praesensit: nihil est praedae praedatoribus.
C j l . Homines qui gestant quique auscultant crimina,
S i meo arbitratu liceat, omnes pendeant,
Geslores linguis, auditores auribus.
N am islaec, quae libi renuntiantur, filium
Te velle am antem argento circumducere,
Forsilan ea tibi dicta sunt mendaciaj
Sed si vera ea sunt, ul nunc mos esi, m axum e,
Quid m irum fecit, quid novom, adulescens homo,
S i am at, si am icam liberal?
P se.
Lepidum senem/
S i m . V eius nolo fa c ia t.
Ca l .

A t e n im n eq u id q u a m nevis.
V el tu 1 ie faceres tale in a d u lescen tia /

ATTO II.
SCENA

I.

Simone, CallifonEj F urbo.

Sm.

Se qui nell Attica Atene si volesse ora far* un


soprantendeute agli sparnazzatoti o a cianghellini,
niuno io credo potria andare innanzi al mio figliuolo:
ei solo ora venuto la favola del mondo, si- va
dicendo eh* ei vuole far libera l ' amica, e che per
questo cerca egli i quattrini. Tal cosa vengono
altri a dirmela, ma gli un secolo che io la so,
e che me n ' venuto 1 odore.

F ur.

Addio fave! il cielo si fa brusco, dove a far pro


vista d argento ire io voleva, mi veggo impaccia*
ta la strada; ei se n ' avvisto: mal si ru b a a casa
dei ladri.

Cal.

Se fosse in mia mano io appiccherei tutti quelli


che riportano, o che ascoltano i fatti altrui, gen
te solo di lingua e di orecchi. Imperciocch quello
che li riferiscono: cio che il figliuolo per questo
suo amore ti voglia mugner dello argento; po
tria forse essere una frottola; ma fosse anche
vero, secondo la moda d' oggi, che meraviglia,
che novit in un giovane, se fa allamore, se fran*
ca la sua amica?
Oh bel senno di vecchio!
Io non vo pigli esempio da vecchi.
S, ma dai in un sacco rotto. E non hai tu fallo
altrettanto, quando eri giovane? Fa duopo eh* iia

F ur.

Sin.
>Cal.

Probum palrem esse oportet, qui gnatum suom


Esse probiorem, quam ipsus fuerit, poslutel.
N am lu quod dam ni et quod fecisti fiagili,
Populo viritim potuit dispartirier.
Idne tu m iraris, si patrissat filius?
P s b . & Z e v , q u a m p a u c i estis h o m in es co m m o d i!

Hem j illuc est palrem esse, ut aequom est, filio/


S im . Quis hic loquitur? Meus quidem hic est servos Pseu
dolus.
H ic m ihi conrumpit filium , scelerum caput;
Hic duxj hic illi est paedagogus: hunc ego
Cupio excruciari.
Cj i .
J a m istaec in sip ie n tia est,
Sic iram in prom tu gerere. Quanto satius est
A dire blandis verbis, alque exquaerere;
Sini illa necne sint, quae libi renuntiant?
Bonus anim us in mala re dim idium est mali.
S im . Tibi auscuUabod.
P se.

I t u r a d te, P seudole:

Orationem tibi para advorsus senem.


H erum saluto prim um , ul aequom est; postea,
S i quid supersit, vicinos inparlio.
S im . Salve. Quid ayilur?
P se.
Slalur hic ad hunc modum.
S im . Statum vide hominis Callipho, quam basilicum!
C j l . B ene coufidenlerque adstitisse intellego.
P s e .D ecet in n o cen tem , qui s it, alque in n o x iu m

Scrvom superbum esse apud herum polissumum.

ben stalo un dassajuomo qncl padre, il qual vuoto


il figliuolo pi dabbene di quanto sia stato egli.
Tu hai lauto giltato, e tante ribalderie hai lu b i
le, clic ogn uomo del popolo u avrebbe le bisaceie colme: e tu vai fuor a del secolo se il figliuolo
simiglia al padre?
F ur.. Poter di Dio, in quanto poco novero siete, o uo
mini discreti! Ecco c<Tmc esser dovria un padre
col suo figliuolo!
Sim.
Chi parla qua? egli Furbo mio servo. Ecco la ca
lvezza che strozza il collo al mio figliuolo! Questi
il suo duca, questi il suo maestro, a costui
desidero io far fuori la pelle.
Cal.

Sim.

Fin.

Sui.
Fin.
Sui.
Cal.

E cco una bestialit, pigliar la muffa ad ogni tra t


to: quanto pi buon saria farsegli davanti colle
amorevoli, e cercarlo se vere siano o no le cose
che ti si annunziano: il buon animo i travagli am
mazza.
Far a modo tuo.

E' vengono a te, o Furbo: mulina in capo come


puoi farti testa a testa col vecchio. Anzi ogni
cosa salute al padrone; e se 11 avanza, nc godano
un poco anche i vicini. Addio, che si fa?
Noi stiam qua cos.
Ve Callifone regai postura d uomo!

Ben veggo io perch ti s messo con tanla


confidenza,
E s far deve un servo innocente e senza colpa,
F ur.
ci deve aver faccia franca, e specialmente davanti
il padrone.
27
Vol. IV. P la u t.

C l .S uiIj quae (e volumus percontari, quae quasi


Per nebulam nosmel scimus, alque audivimus.
S w . Conficiet ja m le. liic verbis: ut tu censeas
JYon Pseudolum, sed Socratem, lecutn loqui.
P s e . Ita est, Jam pridem Iti me spernis, senlioj

Parvam esse apud te m ihi fidem, ipse intellego


Cupis me esse nequam, tamen cro frugi bonae.
S is . Fac sis vacivas, Pseudole, aedis aurium 4
Mea ut migrare dicta possint, quo volo.
P

se

. Age,

loquere quidvis, tam etsi tibi stiscenseo.

S iu .M ih in ' dom ino servos tu suscettses?


P se ,

N am tibi
M irum id videtur?

S jm -

Hercle qui, ut tu praedicas?


Cavendum est

m i abs te irato,

haudque alio lu
modo

Me verberare, alque ego te soleo, cogitas,


Cal . Quid censes? Edepol merito esse iratum arbitror,
Quom apud te stet parum fides,
Siff,

J a m sic sino:
Iratus sil; etjo, ne quid noceat, cavero,
Sed quid ais? quid hoc, quod te rogo?

Pse,

S i quid vis, roga.


Quod scibo, Delphis tibi responsum dicito.

Cal.
S u i.

F cr.

S im.

F ur.

Sin.
F ur.
S ui.

C lL .

Sui.

F ur.

Abbiamo noi certe coscrelle a farli diciferare, cui


noi sappiamo in confuso e abbiamo udite.
Costui ti far una bibbio: non pi con Furbo, ma
ti parer d essere in discorso con Socrate.
Cosi . Gi da buon tempo voi fate niun conto di
me; sonimene accorto; veggo che appo voi io sono
senza fede; voi avete una voglia marcia di voler
mi tristo, pur tuttavia io sar della miglior pasta
del mondo.
Ora, o Furbo, fammi che sieno sgombere le tue.
orecchie, perch possano pigliarvi stanza quelle
parole che io voglio.
Or su, dite pur franco, avvegnacch con voi io
sia un po riversaticcio.
Tu servo devi esser indegnato meco che ti son
padrone?
E meravigliate voi?
Potcnzinterra! conforme tu canti girerommene lar
go dalla tua collera, forse tu pensi toccarmi di
qualche tentennate diverse da quelle onde io soglio
trovarti le osfca.
Che pensi tu? In fe della vita mia che, se 1 ha
teco, ci non 1 ha al torto, avendo tu in lui cos
poca fede.
Lasciamola ire, tengasi egli il suo corruccio, io
mi guarder perch non m abbia a nuocere. Ma
che hai tu? che mi di intorno a quello che ti
cerco?
Se volete qualcosa dimandatene, dite quello che vi
dico esservi un responso di Delfo.

S m . Adcorte ergo anim um , et fac sis promissi memor.


Quid ais? ecquam scis filium tibicinam
Meum amare . . .
J sk.
S im .
P s E .K a i t
S im .

N a t y a g (%>).

L iberare quam velit?


ovto

v a i y a $ (6)

Ecquas viginli minas


Per sycophantiam alque per doctos dolos.
Paritas ul auferas a me?
P se .
Abs te ego auferam?
S im . Ila , quas meo gnato- des, qui am icam liberet?
Falere? Dic. (1)
P se ,
K a t ro v ro va i! x a i t o v t o v a tf
S im . Falctur! D ixin, Callipho, dudum libi?
Ca l . JUemini.
S im ,
Cur haec, ubi tu rescivisti eloco,

Celata me sunl? cur non rescivi?


P se ,
Eloquar:
Quia nolebam ex me morem progigni m alum ,
Herilem ut servos crim inaret apud herum.
S im . Juberen* hunc precipilem in pistrinum trahi?
Ca i . N um quid, Sim o, peccatum - est?
S im .
Im o maxume.
P s e . Desiste: recte ego rem m eam sapio, Callipho.
Peccatali e.a sunl? A nim um advorle nunc ja m ,
Quapropter nati amoris expertem habuerim.
Pistrinum in mundo scibam, si id faxem , mihi.
S im . Non a me scibas pistrinum in mundo tibi,
Quom ea mussitas?

S im..

Bada adunque: fa di non ismemofarti della pr


messa: che non mi rispondi? Qual tu sai di queste
suonatrici essere meglio in cuore al inio figliuolo ...

F ur.

Questo so io.

Sim.

Cui egli voglia far franca?


E questo ancora io so.
E che colle tue ragie, e colle tue trappole ti ap
parecchi a rubarmi venti mine?

F ur.

Sm.
F ur.

I o rubarle a voi?

S im .

Certo! Per darle al figliuol mio, a ci cavi di


servo la sua bella? vuoi confessarmelo? dillo.
E questo vero: vero come son vivo.
Non lo confessa egli? E non te lho detto pur m o',
o Callifone?
Ricordami.
E perch tenermelo chiuso (piando I' hai saputo?
Perch non mi si disse nulla?

F ur.
S im.
C al .

Sim.
F ur.

Dirovvelo: perch non voleva che venisse da me


la b ru tta usanza che il servo si facesse appo il
padrone la spia defatti del figliuolo.

Sim.
Cal.

E non ti verrebbe voglia di cacciar costui in una


macina?
E che male ha fatto egli, o Simone?

S im.

Uno grandissimo.

F ur.

Oh finitela, queste cose ben me le so io, Callifone.


Son mancamenti cotesti? Uditemi adesso perch
v abbia celati io gli amori del figliuolo: se gli
avessi detto vedea in aria che la macina ra era
aperta.
E non te la vedevi che 1 avresti avuta istesiamente tacendomelo?

[v;

S im.

4 22

P se.
S in .

Scibam .
Cur non diclum est m ihi?

P s e . Quia illuc m alum aderat, itine oberai longiusj


Illud erat praesens, huic erant dieculae.
S im . Quid nunc agelis? n a m hinc quidem a m e non
polesl
A rg en tu m a uferri, qui praesertim senserim.
Ne quisquam credat n u m u m , ja m edicam omnibus.
P s e . N u m quam edepol quoiquam supplicabo, dum qui
dem
Tu vives,- lu m ih i hercule argentum dabis:
A bs te equidem sum am .
T u a m e sumes?
S im .
P se.
Strenue.
S im . Excludito m i hercle oculum , si dedero!
P se.
Dabis.
J a m dico ul a te caveas.

Certe edepol scio:

Cj l .

S i abstuleris, m iru m et m agnum facinus feceris.


P s e . F aciam .
S im .

S i non abstuleris?

Firgis caedilo.
Sed qui, si abstulero?
S im .
Do Jovem leslem tibi,
Te aetatem impune habiturum.

P se.

P se.

Facito, ul m em ineris.

S im . Egon ul cavere nequeam , quoi praedicitur?


P s e . Praedico ul caveas. D ico , inquam , ut caveas. Cave.

JTem, istis m ihi lu hodie manibus argentum dabis!


Cal . Edepol mortalem graphicum, si servat fidem!

F ur.

Si.
F ur .

S im.

Vedevo anche questo.


Perch tenermi lnijo?
Perch questo male eranii alle spalle, quello stavanii pi dalla lunga, quel male 1 aveva pronto,
questo aveva un po d intervallo.
ora che fate voi altri? da questa mia

scarsella

voi non potete trafurarm i un soldo, perch meri


sono avvisto: e ornai andr gridando a tutti clic
non vi fidino un quattrinello.
P

ur.

Vengami 1 aflbgaggine, se, tanto quanto voi avete


fiato, io frusto persona: egli vero come son qui,
che chi snoccioler 1* argento Sarete voi, da voi
lo prender io.

Sim.
F cr.
S im.

T u lo to rrai da me?

F cr.
C a l.

Darete. Anzi ve lo dico perch m abbiate occhio.


Pollar il mondo! se tu ci vieni a capo faresti pur
la memoranda impresa,

F cr.
S im.
F or.

Far.
E se non ci arrivi?
Scuojatemi sotto le verghe. Ma e se vengo a capo

Sim.
F or.
S im.
F or .

Cal,

Da valentuomo!
Cavami un occhio se io te ne do.

di grancirvelo?
Ti do Giove in testimonio che te la passerai netta.
Ma non dimenticarvene.
Dimenticarnien io, dopo tanto ribadirmi in capo
che me ne guardi?
E ve lo dico guardatevenc, e guardatevene ben*.
Oggi con queste vostre mani voi mi snocciolerete
i quattrini.
Egli pur cima di V a le n tu o m o se mantiene la
parola.

P s e . Servitum libi me abducito, ni fecero.


('a i .

S im .

Bene alque amice dicis.


N am nunc ja m meust.

P s e . F in ' eliam dicam , m age quod vos m irem in i?

Cai,. Studeo hercle audire: nam ted ausculto lubens.


S m . Agedum: nam salis lubenter te ausculto loqui.
J s e . Priusquam islanc pugnam pugnabo ego, etiam
prius
Dabo aliam pugnam claram el conmemorabilem.
S im . Quam pugnam?
Pse.
Ilem , ab hoc lenone vicino tuo
Per sycophantiam alque'per doctos dolos'
Tibicinam illam, tuos quam gnatus deperit,
Ea circumducam lepide lenonem.
S im .

Quid est?

P s e . Ecfeclnm hoc hodie reddam utrumque ad vesperum.

S im . S i quidem islaec opera, ut praedicas, perfeceris,

Firlute regid Agathocli antecesseris.


Sed si non faxis, numquid causae esi, eloco
Quin te in pistrinum condam?
P se.
Non unum diemj
Ferum hercle in omnis, quantum est. Sed si eefecero,
Dabin" m i argentum, quod dem lenoni3 eloco
Tua voluntate?
Ca l .
Jus bonum orat Psetidolus:
Dabo, inque.
S im .

A t enim s c i n q u i d m ih i in m entem venit?


Quid si hice inter se consenserunt, Callipho,

Aut de conpaclo faciunt consulis doliSj


Qui argento circumvorlal?

Fun.
Sim.

Tenetemi al vostro servizio se non vi arrivo.


Tu parli bene c d amico.
S, ma egli mio da un pezzo.

F ur.

Volete che vi dica altro io per cacciarvi la m ente

C al.

o ltre le stelle?
Ca l.

S im.

P a r la : io n ho una gran vglia; io gongolo in


udirti.
Escine. Ornai tu me ne hai fatto venire lacqua in
bocca.

F ur.

Prim a che m* allacci questa giornea, io venir vo

S im.

glio ad un altra battaglia hiara c memorabile.


Qual battaglia?

Fra.

S im.

F ur.

Sim.

F ur.

Cal.
Sim.

Eccovela: colle mie trappole, e co miei tranelli io


vo fischiar via da questo ruffiano vicin vostro la
pifarina della quale il figliuol vostro va tanto cotliccio.
Che s to r ia q u e s ta ?
E 1* una e 1 altra cosa vi dar compiuta prima
di sera.
Se tu conduci a compimento quanto racconti
mi sfati la virt del re Agatocle. Ma se noi fai,
che verravvi in mezzo acci di botto non ti
mandi al molino io?
E non mi lasciate dentro un giorno solo, ma
tutto il tempo di ma vita. Ma se riesco a tutto,
mi darete voi di vostra voglia il denaro da sonare
a quel j>ortapolli ?
Furbo non domanda cosa ingiusta, or via, darottelo, rispondi.
Ma sai tu cosa che mi soccorre ai pensiero? E se
co sto ro ,.o Callifone, si sono spartito il sale, p e r
lcpparmi coi loro imbrogli questo denaro?

P se .

Quis me audacioi%
S i facinus isluc audeam? Im o si sumus
Conpactij sive consilium unquam inivimus,
A n i si de ea re unquam in te r nos convenimus,
Quasi in libro quom scribuntur calamo lilerae,
Slilis m e tolum usque ulmeis conscribito.
S m . Indice ludos nunc ja m , quando lubet.
P se . Da in hnue diem operam, Callipho, quaeso, mihi:
N e quo te aliud occupes negotium.
Cal . Quin, rus uti irem , ja m heri conslituveram . . .
P s e . A t nunc disturba, quas statuisti, machinas.
Cj l . N unc non abire certum est istac gratia:
Lubido est hidos tuos spectare, Pseudole.
Et si hunc videbo non dare argentum tibi,
Quod dixit, polius quam id noti fiat ego dabo. .
S iu . N on demulabo.
P se .
N am que edepol, si non dabis,
Clamore magno el m ullum flagitaberq.
Agile, am olim ini hinc vos intro nunc ja m ,
A c meis vicissim date locum fallaciis.
S ia . Fiat.
Cj l .
Geratur mos libi.
P se .
Sed ied volo.
D om i usque adesse.
S im .
Quin tibi hanc operam dica.
Cj l . A t ego ad forum ibo. J a m hic adero.
S im .
Aclulum redi.
P s b . Suspicio est m ihi, nunc vos suspicar ier,

F ur.

Sui.
F ur.

C al.

Chi sarebbe pi temerario di me,, se avessi viso da


far questo? Anzi se daccordo noi siamo, se preso
abbiamo qualche consiglio, o se di questo re
stammo noi convenuti in qualche intelligenza,
allo stesso modo che in un libro ,si scrivono le
lettere, voi scrivetemi tutta la pll eoi calami
dell olmo.
Quando ti piace ora d pure il segno de giuchL
Deh voi, o Callifone, io prego in grazia, in questo
di non istate a fallirmi dli' opera vostra, n
pigliate altra faccenda in tra le mani.
Fin da je ri io pensato aveva di andare in villa . . .

F ur.

Ma o ra disfate quel pensiero d ie avete fatto.

Gal .

Oggi per questo io son fermo di non mi muovere;


io ho una gran voglia, o Furbo, di vedere questi
tuoi giuochi. E se io vedr costui duro a non
volerti dare i quattrini che ti impromise, piuttosto
che 1 affare vada in capperucda, te li dar !o.
Non mi riputer.
Se voi non me li darete vi grider tanto nelle
orecchie, che voi rim arrete intronato. Su, sbrattate

Sui.
F ur.

ornai di qui, e lasciate luogo alle mie trappole.


S im.

Si faccia.

Cal.
F ur.

Accontentiamolo.

S im.
Cal.

I o mi ti consacro tutto.
Io vado in piazza, e a momenti sar qui.

S im.
Fur.

I o dubito assai non abbiate ad e n tra r yo in so -

Ma io voglio che voi non vi togliatc di casa.

T orna subito.

Me idcirco haec tanta facinora promittere,


Qui vos oblectem, hanc fabulam dum transigam ,
Neque sim facturus, quod facturum dixeram.
N on demutabo. Alque etiam certum, quod siam,
Quo sim facturus pacto, nil etiam scio,
N isi quia facturum est. N am qui in scenam provenit
Nove, novom aliquid inventum adferre addecet.
S i id facere nequeat, det locum illi, qui queat.
Concedere aliquantisper hinc m i intro libet,
D um concenturio in corde sycophantias.
Tibicen vos interea hic delectaverit.
SC E N A

II.

P seudolus .
Proh lupiter!
Ut mihi, quidquid ago, lepided omnia prospereque
eveniunt!
Neque quod dubitem, neque quod tim eam in pectore
conditum est consilium.
N am ea stultitia est, facinus m agnum timido cordi.
credere:
N a m omnes res perinde sunt ut agas, ut eas ma~
gnifa cias
N am ego in meo pectore prius ita
P aravi copias duplicis
Triplicis dolos, perfidias: ubicunque
Cum hostibus congrediar ( m ajorum (&) m eorum
Fretus virtute dicam ) , mea industria et
M alitia fraudulenta

spetto, eli io vi faccia promissione di tante bra


verie pei; farvi passare il tempo, fintantoch duri
questa commedia e che alla fine reggasi nulla di
quanto ho detto. Io non mi rimuto. Questo solo
io so di certo, avvegnacch nulla sappi io del
, modo, pel quale avr la fresca a finire. Imper
ciocch colui che in sul proscenio si mostra eoa
qualche novit, egli ha pur da recare qual cosa
di straordinario. Se egli non da tanto, dia luogo
a colui che ne sa fare; ora io voglio tirarm i un
po qua dentro, vo chiamare a consiglio tutte le
mie astuzie: qui intanto vi dar diletto la musica.
-

SCENA

II.

F urbo.

Poter di Dio! Come ogni cosa vienimi a tempo e a se


conda ! io non ho dubbio in cuore, n ho
cosa del mondo che mi dia paural La pure la
gran bessaggine il commettere un impresa da
lione ad un cuor di coniglio: ogni cosa la se
condo che tu la fai e il conto in che la tieni. In
cuore io ho schierati due eserciti, ho triplicati gli
inganni, gli stratagemmi: forte nella virt de miei
antichi assalter da ogni Iato il nemico, e con la
mia desterit e malizia cimata, mi sar facile la

Facile ut vincam, facile ul spoiiem meos perduellis


m ei perfidiis.

Nunc inim icum ego hunc communcm meum alque


vostrorum omnium,
Ballionem, exballistabo tepide. Date operam modo.
H oc ego oppidum admoenire, ut hoc die capiatur,
volo,
Atque ad hoc m eat legiones adducam. S i hoc expugno,
Facilem ego hanc rem civibus meis faciam. Post ad
oppi
dum hoc vetus continuo mecum exercitum protinus
obducam.
Inde me el sim ul participes omnis meos praeda onerabo alque opplebo.
Melum el fugam perduellibus meis
Injiciam : med esse uli sciant nalum ,
Q uq su m genere gnatus. Magna me facinora decel
ecficere.

Quae post m ihi clara cI diu clueaul.


Sed hunc, quem video, qui hic esi, qui oculis
Meis obviam ignorabilis obicilur?
Lubet scire, quid hic velit cum machaera.
El hic quam rem agal. Dabo hinc insidias,
SC E N A
IIaupx,

I II.

P seu d o lu s.

H ar .IH loci alque hae sunt regiones, quae m i ah hero


sunl demonstratae,
Ul ego oculis ralionem capio, quam m i ita dixit
herus meus, miles,

vittoria, mi sar facile spogliare que ribelli colle


mie perfidie. Questo Ballione, coman nemico e mio
e di tutti voi, io balloccher daddowero. Bada
temi: voglio ora trinceare il castello, questo d lha
da esser preso, io vi stendo sotto la mia oste:
espugnato eh* ei sia i miei popolani si faran pi
facili a quest* impresa. Tosto dopo condurr l eser
cito sotto quella vecchia bicocca, da cui trarr
tanta preda da caricar me e i miei consorti, met
ter in fuga e in gran spavento i mici nemici:
Yo' che sappiano che io sono al mondo e quale
sia il mio scendente. Io deggio operar cose grandi
perch dopo il nome mio acquisti riputazione e
__ gloria. Ma chi costui che mi si fa incontro? egli ha
una faccia che io non conosco, vorrei sapere che
si voglia egli con quella daga allato. M appo
ster qua.
SCENA

III.

Sgraffigna, F urbo.
Sgr.

Questo il luogo, questa c la contrada che mi


Ycnnc insegnata dal padrone secondo che io veggo,

Septimas a porta esse aedis, ubi leno ille habitat,


quoi jussit
Symbolum me ferre et hoc argentum.
N im is velim, certum qui id faciat mihi, ubi Ballio
leno hic habitat!
P se . St, tace, tace/ Meus hic est homo, n i omnes di at
que homines deserunt!
Novo consilio nunc m ihi opus est: nova res subilo
m i haec objecta est.
H oc praevorlar principioj omnia missa habeo, quae
ante agere occepi.
J a m pol ego hunc straliolicum nuntium advenien
tem probe percutiam!
H a r . Oslium pullabo atque intus evocabo aliquem foras.
Psk. Quisquis es, conpendium ego le facere pullandi
volo;
N a m ego precator et patronus foribus processi
foras.
H jn .T u n e es Ballio?
P se.
Jm o vero ego ejus sum Subballio.
H ar . Quid istuc verbi esi?
P se .
Condus, promus sum , procurator peni.
H ar . Quasi te dicas atriensem.
P se .
Jmo atriensi ego impero.
H ar . Quid tu? servosne es, an liber?
P se .
Nunc quidem eliam servio.
H ar .I ta videre et non videre dignus, qui liber sies.
P s e . Non soles respicere te, quom dicas itijusle alteri?
Har. Hunc hominem m alum esse oportet.

Fun.

Sgr.
F ur.

e secondo che dissemi il padron soldato, la settima


casa dalla porta quella dove sta il ruffiano, al
quale mi di ordine di risegnare il contrassegno
e questo denaro. Vorrei io avvenirmi in alcuno
che mi chiarisse dove stia il ruffiano Ballione.
St, zitto, zitto! Il tordo nella schiaccia, se pur
tutti non mi abbandonano dii e uomini; qua bi
sogna cambiar dado, giuoco nuovo mi vien tra le
mani. Mettiam questo innanzi a tutto; non brighiamei altro del gi fatto: eh io muoja a ghiado
se non tocco d una buona stoccata questo ambasciator militare!
B atter la p orta e chiam er alcuno qua fuori.

F ur.

Chiunque tu sii sparagna la fatica del battere: io


son qua fuori avvocato e protettore dell uscio.
Sei tu Ballione?
Mai no, sono il sotto Ballione.
. .
Che vuoi dirmi con questo?
Che io sono il canovajo il dispensiero e il soprantcndente alla cucina.
Con questo mi li m ostri il maggiordomo.
Anzi io comando anche a quello.

Sgr.
F ur.
Sgr.

E s, tu sei servo o libero?


Sin' o ra io son servo.
Tale tu sem bri anche a me e non mi hai faccia

F ur.

degna d ' esser libero.


Non fosti assuefatto mai a g uardarti quando parli

Sgr.

male d altrui?
Costui ha da essere un gran capestro.

Sgr.
F ur.
Sgr.
F ur.
Sgr.

Vol. IV. P laut.

28

P se.

D i me servanl alque am avi:


N a m haec m ihi incus esi: procudam ego hodie hinc
mullos dolos.
JI ar . Quid illic secum solus loquilur?
P se .
Quid ais tu, adulescens?
JI ar .
Quid est?
P se . Esne tu, an non es? ab ilio m ilite es Macedonio,
Servos ejus, qui hinc a nobis est mercatus mulierem,
Qui hero meo lenoni argenti quindecim dederat m i
nas.
Quinque debel?
JI j b .
Sum . Sed ubi tu me novisti gentium
A ul vidisti aul conloculus? nam equidem Athenas
antidhac
N um qnam adveni, neque le vidi ante hunc diem un
quam oculis meis.
P s e . Quia videre inde esse: nam olim, quom abil argento
haec dies
Praestituta est, quoad referret nobis, neque dum re
tulit.
B ar . Im o adest.
P se.
Tun attulisti?
Egomel.
JI ar .
P se .
Quid dubitas dare?
H j r . Tibi ego dem?
P se .
Mihi hercle vero, qui res ralionesque heri
Palli curo, argentum acceptoj expenso, et quoi de
bet, dato.
Jl.iR.Si quidem hercle etiam suprem i promlas thesauros
Jovis,
Tibi libellam argenti nunquam credam.

Fur.

Ben mi guardano

gli iddii, c mi vogliou salvo;

questa la mia ancudine: che bolcioni vo farvi


spra oggil
Sor.
F ur.
Scr.

F lr.

Sgr.

F ur.

Sgr.
F ur.
S gr.
F ur.
S gr .
F ur.

S gr .

Che va borbottando egli?


Che mi dici, buon uomo?

Che hai?
v
Sci tu, s o no il servo trasmesso qua da quel sol
dato di Macedonia, il quale comper da noi un^
femmina, e diede al ruffiano mio padrone quindici
mine d' argento, rimanendone in debito ancora di
cinque?
Sono. Ma dove hai tu conosciuto, o visto me*
o dove abbiam fatto chiacchere insieme? imper
ciocch prima d oggi io non misi piede mai in
Atene, n ti ho mai visto prima d oggi con que
sti occhi.
Mi parve che tu fossi roba sua; imperciocch _egli
il d che se n ito, ha diputato questo giorno
al pagamento, e sin ora egli non 1 ha fatto.
Anzi lo fa.

Hatu il resto?
L ho.
Ch non lo di?
Darollo a te?
Certo che s; io ho in mano tutti gli afTari del
padron Ballione, io son quello, che ricevo, che
spendo, e che saldo i debiti.
Fossi tu anche tesoricro del gran Giove io, come
son qua vivo, non t' avrei fede duna liruzza da r
gento.

43e
D um tu strenuas, (9J
Res eral soula.
Finclam polius sic servavero.
B ah.
P s e . Fae tibi! tu invenlus vero, mcam qui furcilles fidem!
Quasi m ihi non sexcenta tanta soli soleant credier!
H r .P otest, ul olii ita arbitrentur, el ego ut ne credam
P se.

tibi.
P s b . Quasi tu dicas, me le velie argento circumducere.

H ar. im o vero quasi lu dicas, quasique ego autem id su-

P se .
H ah.
P se.

JJjn.Ferba mulla facimus. Herus si tuos domi est, quin


provocas,
Ut id agam, quod missus huc sum , quidquid est
nomen libi?
P s e . S i intus esset, evocaremj verum si dare vis m ihi,
Mage solutum erit, quam si ipsi dederis.
H ar 'J t enim s c in , quid est?
Reddere hoc, non perdere, herus me misit. N unc
cerio scio,
Hoc febrim tibi esse, quia non licet huc injicere
u n g u la s.

Ego; nisi ipsi Ballioni, num um credam nemini.


P s e . A l illic nunc negoliosusl: res agilur apud judicem .

H jr . D i bene vorlant! A t ego, quando eum esse censebo


d o m i,
Rediero, Tu epistolam hanc o me accipe alque i ll i
d a lo :

F ur.

Tienti la tua boria, s la faccenda era spacciata.

S gr .

Vo piuttosto che sia impacciata cos.

F ur.

Tristo alla vita tua! ecco chi s trovato per fai*


smacco alla lealt mia! come se non vi fossero
altri che sogliono fidarmene u n seicento tan ti di
pi!

Sgr.
F ur.

Sar che altri la pensi cosi, e che io non ti


abbia fede.
Dir mi vorresti con ci che io son p er arcarti
1 argento.

Sgr.

Anzi tu se per dirmi che io ho questo sospetto:

F ur.

m a qual il nome tuo?


Questo ruffiano ha un servo di Siria, io dir cha

son quello. Siro sono io.


S gr.
F ur.
Sgr.

Siro?

S mi chiamo io.
Noi siam troppo bergoli. Se il tuo padrone iri
casa, ch non lo chiami fuori, a ci io possa sbri
garmi quello onde qua sono venuto, qualunque sia
il tuo nome?

. F ur.

Se fosse in casa io tei chiamerei subito; ma sa


Vuoi darlo a me, saresti pi presto fuor d'im piccio
che se lo avessi a dare a lui.

Sgr.

Mi raccogli tu bene? il padrone mandomiui ai pa


garlo e non a gittarlo. Me neavveggo* tu hai lai
febbre perch non puoi ficcarvi Iugne. Io non do
quattrino a persona, se non allo stesso Ballione.

F ur.
Sgr.

Egli faccendato, egli ha una causa nel tribunale*

Che Dio l ajuti! Torner quando crederpllo id


casa. Togli da me questa lettera e dlia a l a i

N am istic symbolum est inter herum meum et tuom


de muliere.
P s e . Scio equidem: ul, qui argentum ad ferret a tq u e 'ex
pressam imaginem
Huc suam ad nos, cum eo ajebat velle m itti m u
lierem:
N m hic quoque exemplum reliquit ejus.
11

ah.

O m n em rem ten

P s e . Q uid ego n i te n e a m ?

Dato istum symbolum ergo illi.


Pse .
Licet.
Sed quid est tibi nom en?

H ar .

H ar.

H arpax.

Apage fe, H arpax! haud places.


Huc quidem hercle haud ibis intro, ne quid H arpax
feceris.
HAn.Hostis vivos rapere soleo ex acie: ex hoc nomen
m ihi est.
P s e . P o l te multo magis opinor vasa ahena ex aedibus.
I J a r Non ita est. Sed scint quid te orem, Syre?
P se.
Sciam j si dixeris.
H a r . Ego devortor extra portam huc in tabernam tertiam,
A pud anum illam (iO ) doliarem, cludam, crassam,
Chrysidem.
P se.

P s e . Q uid n u n c vis?
H ar.

Inde ut me arcessass herus tuos ubi venerit. . .

P s e . T uo arbitratu, maxume.

N a m ul lassus veni de via,


Me volo curare.
P s .
Sane sapis, el consilium placet.
Sed vide, sis, ne in quaestione sis, quando arcessam,
mihi.

H ar.

Questo il contrassegno in tra il mo e il tuo pa*


drone per quella femmina.
F ur.

Sgr.
F ur.
S gr.
F ur.
S gr.
F ur.

Sgr.

Sonamelo: dicea egli, essere voler suo che si m an


dasse la donna coll uomo che qua portasse a noi
il denaro e il suo ritratto : imperciocch egli lascionne un simile anche qua.
Sai ogni cosa dall* A alla Z.

E perch non I ho a saperlo?


D adunque questo contrassegno a lui.
Sar fatto. Ma qual il tuo nome?
Sgraffigntt.
Che Dio ne scampi! Sgraffigna, tu non mi garbi
alla f: qua dentro non ci metti passo acci tu
non faccia lo Sgraffigna anche in casa nostra.
I o so g lio r a p i r vivi i n em ici

dal

cam po:

q u e s to

m h a tr o v a to il nom e.

F ur.
Sgr.
F ur.
S gr.

F ur.
Sgr.
F ur.
Sgr.

Fun.

Credo io che molto pi farai questo ai bronzi


di casa.
Mai no: ma sai che voglio io, o Siro?
L o sapr se mel racconti.

Io volgo per di qua fuor della porta alla terza


ostei'ia, presso quella vecchia, che pare una botte*
zoppa, grassa, che si dice Criside.
Che vuoi tu ora?
Che di l mi chiami appena si to rn a il padrod
tuo

Basta, non occorre altro.


Imperciocch, avendo camminato, vo pigliar ri*
storo.
Tu hai fior di giudizio, e il tuo consiglio mi v
a vanga, ma guarda di non farmi gittare i passi
quando verr a chiamarti.

H ar . Quin, ubi prandero-, dabo operam somno.


Sane censeo.
H /tR. Numquid vis?

P se.

P se.

D o r m itu m u t abeas.

H ar.

A beo.

P se.

Alque ( auditi: Harpage?)


Jube, sis, te operiri: beatus eris, si consudaveris.
SC ESA

IF .

P seu d o lu s.

D i inmorlalesf conservavit me illic homo adventu suo!


Suo viatico reduxil me usque ex errore in viam!
N am ipsa m ihi Opportunitas non potuit opportunius
Advenire, quam haecce adlata est m i opportune
epistola.
N a m haec adlata cornu copiae est, ubi inest quid
quid volo:
Hic doli, hic fallaciae omnes, hic sunt sycophantiae, .
H ic argentum, hic am anti am ica herili filio.
Alque ego nunc ( me ut gloriosum faciam , ut copi
pectore J
Otio modo quidque agerem, ul lenoni subriperem
mulierculam,
Ja m instituta, ornata, cuncta in ordinem animo,
ul volueram,
Certa, deformata habebam-, sed profecto hoc sic erit
Centum doctum hominum consilia sola haec.divincit dea
Fortuna. Atque hoc verum est: proinde ul quisque
fortuna utitur,

Sgr.

Trangugiato un boccone, vo' fare un sonnetto.

F ur.

F arai bene.

Sgr.

Vuoi tu altro?

F ur.

Che tu vada a letto.

Sgr.

Vado.

F ur.

Ma, ( Sgraffigna m' odi? ) fatti ben coprire: se tu

sudi, torni in vita.


SCENA

IV.

F urbo.

Poter di Dio, la venuta di costui mi ha risuscitato! A


sue spese io sono ora in via

a filo di sinopia!

Non avria la Opportunit stessa potuto farmisi


davanti in miglior punto di questa lettera che
pur ora mi venne recata: questa per me il
corno dell abbondanza, qua entro vi ha tutto che
io voglia, qua sono inganni, qua raggiri, qua
trappole, qua bajocchi, qua amasia del padron
giovane. Eppur io ( per pormi in sul magnifico sic
come uomo di gran capo ) aveva gi approntato, il
modo da carpire al ruffiano quella femmina, gi
aveva ogni, cosa instituita, affazzonata, messa in
ordine proprio conforme io voleva, ma sempre la
cos: fa pi da s la fortuna che cento consigli
di furbi. Non v*~ha dubbio: noi diam del valente
secondo che soffia il vento. Chi arriv a incar-

Ita praecellet, atque exinde sapere eum omnes di


cimus.
Bene ubi quod consilium discimus accidisse, hom i
nem catum
Esse eum declaramus; slullum aulem illum , quod
vorlit m ale.
Stulti haud tcim us, frustra ut simus, quom quid
cupienter dari
Petimus nobis, quasi, quid in rem sit, possimus
noscere.
Certa amittimus, dum incerta petimus, atque hoc
evenit
I n labore atque in dolore, ut mors obrepat ihterim.
Sed ja m satis est philosophatum j nim is diu et lon
gum loquor.
D i inmortales! aurichalco contra non carum fuit
M eum mendacium, hic modo quod subito conmentus
fui,
Quia lenonis me esse dixil Nunc ego hac epistola
Tris deludam, herum el lenonem, el qui hanc m ihi
dedit epislolam.
Euge, p a r pari/ Aliud autem, quod cupiebam, con
tigit:
Venit eccum Callidorus; ducit nescio quem secum
simul.
\

'SC E N A

V.

Cjllid o r v s , Cb j r in v s , P seudolus.
C j l .D ulcia atque am ara apud te sum elocutus omnia.
Scis am orem , scis laborem, scis egestatem m eam .

nar qualche disegno noi canti am savio, e diamo


dello sciocco a quello cui and a traverso. Noi
non abbiam miglior discorso d un bue, noi c in
ganniamo a partito nei nostri desiderii, quasi che
fosse proprio in noi il conoscere quello che fa pel
caso nostro. Noi lasciamo il pincione per un matto
tordo in frasca, noi ci affatichiamo e sudiamo tuttod
e la morte intanto ce la fischia. Ma anche troppo
io ho fatto il filosofo; anche troppo tempo ho perso
in chiacchere. Potenzinterra! questa mia taccola
non la saria pagata a peso doro! come seppi di botto ,
infingermi di casa il ruffiano! Ora io con questa
lettera vo proprio dar la stretta a tre; al padro
ne, al ruffiano, e a colui che misemi in .mano
questo scritto. Viva! coltegli per guaine. Mi vien
altro da quello eh* io desiderava. Ma ecco Callidoro; io non so chi abbia seco:

SCENA

V.

Callidoro, Carino, F urbo.

Cal.

I o t ho detto e il dolce e 1 amaro d ogni cosa

mia: tu sai il mio amore, tu sai miei travagli,


tu sai la mia miseria.

C iu.C onm em ini omnia. Id lu modo, quid me vis fa cere fa c sciarti.


Cj l . C um haec libi a lia, ium elocutus, ul sii res de sym

bolo.
Cb j . Omnaj iuquam: tu modo, quid me facere vis, fac
u t scia m .'
Cj l . Pseudolus m ihi ila imperavit, ul aliquem hominem

strenuom
Benevolentem, adducerem ad se. .
Cb j .
Servas imperium probe:
N a m et am icum et benevolentem ducis. Sed islic
Pseudolus
Novos m ihi est.
Cj l .

, heureles m ih i est,
d ix it , quae d ix i tibi.

N i m iu m est m o rta lis g ra p h ic u s


Is m ih i haec esse e c fe c lu r u m

P s e . M a g n ifice h o m in e m conpellabo.
Cj l .
P se.

Q u o ja v o x sonai?

IOj io,
Te, le, le, tyranne, te rogo, qui imperitas Pseudoiot
Quaero, quoi ter, trina, triplicia, tribus modisj tria
gaudia,

yJrlibus Iribus, ter demeritas dem laetitias, de Iribus


Fraude parias, per m alitiam et per dolum et fal
laciam.
I n libello hoc obsignato ad te atluli pauxillulo.
C j l . Illic homo est.
Cb a .
Ut paratragoedat carnufex/
Cj l .
Confer gradum
Contra pariter.
Pse.
Porge audaciler, ad saltilem brachium.
Ch j . Dic, ulrum ne, Spemne an M atrem , te salutem,
Pseudole?

Car,

Mi si raccorda, dimmi tu ora in che io ti abbiso

Car.

gno.
I ii tra 1' altre io ti ho detto anche come sia la
tresca di questo contrassegno.
Escine una volta dimmi che vuoi da me?

C al.

Car.

E tu 1 ordine lo fai a puntino, imperciocch tu


gli fai conoscere proprio un tuo amico e b en -

Cal.

Cal.

F ur.
C al.
F ur.

Cal.
C ar.
C a l.

ordine di Furbo eh io gli conduca un valent uomo che mi volesse bene.

vogliente ma questo F urbo mi nuovo.


Egli uora cimato, egli il mio inventore. Impromisemi egli eh avrebbe compiuto ogni cosa
che io t ho d etta;
Vo fargli un saluto magnifico.
Chi parla qua?

Viva! evviva! voi, voi, padron mio, voi io chiamo,


voi, che sopra il Furbo tenete l imperio! voi io
cerco, voi a cui io porto un terno triplicato di tre
triplici contentezze, ben meritate per tre volte in, tre
guise: con tre mezzi, guadagnate per via di frodi,
di malizie, d inganni, e di menzogne sopra tre
nemici. In questo pistolotto io ve le do tutte Rin
chiuse.
Eccoti 1 uomo.
Parmi un tragicante questo manigoldo!
Facciamci presso I un 1 altro.

F ur.

Siate p u r franco, allungate il braccio


salute.

alla vostra

Car.

Dimmi, o Furbo, come ti chiamer io salutandoti.


Speranza, o Madre mia?

446
P s e . Im o utrumque.
Ch j .
Ulmm que salve. Sed quid aclum esl?
P se .
Quid limes?
Cj l . A llu li hunc.
P se.
Quid allulisli?
Cj l .

A dduxi, volui dicere.

P s e . Quis islic esl?


Cj l .
Charinus.
Euge, ja m % apiv o w v o v jto ia '
P se .
C h j. Quin tu, quidquid opusl, m i audacler imperas?
P se.

Tarn gralia esl.

Sene siet, Charme! nolo libi molestos esse nos.


Ch j . V os moleslos mihi? Moleslum esl id quidem.
Tm tu igilur mane.
P se .
Ch j . Quid isluc esl?
P se .
Epistolam hanc modo intercepi et symbolum.

C hj. Symbolum? quem symbolum?


P se .

Qui a milite adlatust modo.


Ejus servo, qui hunc ferebal cum quinque argenti

minis
T uam qui am icam hinc arcessebat, eii os sublevi
modo.
Cj l . Quomodo?
P se .
. H orum causa haec agitur spectatorum fabula:

H i sciunt, qui hic adfuerunt: vobis posi narra


vero.
Cj l . Quid nunc agimus?
L iberam hodie luam am icam amplexabere.
P se .
Cj l . Egone?
Tuie.
P se .
Ego?
Cj l .

Fcn.
Car.

E T uno e 1 altro.
E 1 uno e T altro che. ben ci venga, che novelle
abbiamo?

F ur.
Cal,
F cr.
Cal.
F ur.

Ho recato costui.
Come recato?
L ho condotto, questo volli dir io.

Cal.
F ur.
Car.
F cr.

Che tem ete voi?

E che uomo questo?


Carino.

Viva! dall augurio e dal nome io vado in giolito.


E che non sciferi in che ti possa occorrere?
Ve ne ringrazio, che Dio vi dia mille buon anni, o
C arino, noi non vogliamo darvi molestie.

Car.
F ur.

Voi molestie a me? questo s che m di noja.


Statevi qui adunque.

Car.

Che faccenda questa?

F ur.

Questa lettera e questo contrassegno io 1 ho in


tercetto p u r ora.
Contrassegno? qual contrassegno?

Cal.
F ur.

Cal.
F ur.
Cal.
F ur.
Cal.
F cr.
Cal.

Quello che venne testeso portato dal soldato; io


s che ho fatto un buon colpo al servo di lui,
che si portava questo e le cinque mine d 'a rg e n to
che restavano per beccarsi via la vostra amica.
E come?
La commedia si fa a questi spettatori; elli, i
sanno perch eran presenti, a voi lo dir dopo.
Che facciam ora?

Voi oggi avrete libera la vostra amica.


Io?

Voi.
I

P se .

Ipsus, inquam , si quidem hoc vioel caput;

S i modo m ihi hominem invenietis propere . . .


Ch j .
Qua facie?
P se .

M alum ,
Callidum, doctum, qui, quando principium prehen
derit,

Porro sua virtute teneat, quid se facere oporteat;


Alque eum, qtii hic non visitatus saepe sit.
Ch j .
S i senos est,
Numquid referi?
P se.
Im o mullo mavolo, quam liberum.
Ch j . Posse opinor me dare hominem libi malum et do
ctum modo
Qui a palre advenit Caryslo, nec dum ex aedibus
exit

Quoquam, neque Athenas advenil unquam ante he


sternum diem.
P se . Bene juvas. Sed quinque iuventis opus est ar
genti minis
M utuis, quas hodie reddam: nam hujus m ihi debet
paler.
Ch j . Ego daboj ne quaere aliunde.
Pse .
0 hominem opportunum mihi!

E liam opusl chamyde et machaera et petaso.


Possum a me dare.
P se . D i inm orlalesl non Charinius m i hic quidem esi,
sed Copia/
Ch j .

Sed islic servos, ex Caryslo qui huc adoenit, -quid


sapii?
Ch j . H ircum ab alis.
P se . .

M anuleatam lunicam habere hominem decet.


Ecquid habet homo isle aceti in peclore?

F ur.
Car.
F ur.

Car.
F ur.
Car.

F ur.

Car.
F ur.

Car.
F ur.

Car.
F ur.

Voi, dico, voi: se Dio mi dar vita; ma spaccia


tevi, fate presto trovatemi questo uomo.
Di che faccia Io vuoi?
Egli dev essere un uom saporito, un tristo, un
capestro, il quale udito il principio veda subito il
fine: e dcvfi aver poi una faccia che qua non la sia
di spesso stata veduta.Importaria forse eh ei servo non fosse?
Anzi lo vorrei tale piuttosto che libero.
I avviso che dare ti possa un uomo ben scozzo/nalo,_ e lesto: che arrjv da Caiisto ove tramesso
1 avea mio padre; ei sin ora non ha messo pi
fuori, n prima di jeri ha mai veduta Atene.
Voi ci date buon ajuto di spalla. Ma saria anche
mestieri trovar cinque mine d argento a prestito,
cui oggi restituir io, imperciocch le ho di cre
dito dal padre di costui.
Le dar, non cercarne fuori.
Voi siete la mia ventura: Ma bisogneria anche un
mantello, una daga, un bireto.
Questo posso dar io.
Zucche! non Carino mi costui ma l Abbondan
za! Ma questo servo che vien .da Caristo di che
sa egli?
Di becco sotto alle ditella.
Occorre allora abbia egli una tonica colle mani
che: e quest uomo ha dell aceto in petto?

Vol. IV. P laut.

29

ha ,
Alque addissum i,
P se . Quid, si opus sil, dulce ul promal indidem? ecquid_
habet?
Cha .
M urrhinam ,

passum; defrutum,

Rogas?
m tllin iam , mel
quojusmodi.

Quin in corde inslruere quondam coepit thermopo


lium.
P s e . Eugepae! lepide Charine, meo me ludo lambers.
Sed quod nomeh esse dicam ego isti servo?
Simmiae,
Ch a .
P se . Sciine in re advorsa vorsari3
Cha .
Turbe non aeque cilust.
P se . Ecquid argutust?
Ch a .

M alorum facinorum saepissume,

P se . Quid quom manufeslo tenetur?

Cha .
Anguilla esl: elabilur,
P se . Ecquid is homo scilusl?
Cha .
Plebiscitum non est scitius.
P s e . Probus homo est ut predicare te audio.
Cb a .
v. Im o ** scias.
Ubi te ad spexerit, narrabit ultro, quid sese velis.
Sed quid es acturus?
P se.
Dicam. Ubi hominem exornavero,
Subditicium fieri ego illum militis servom volo;
Sym bolum hunc ferat lenoni cum quinque argenti

minis,
Mulierem b lenone abducat. H em libi omnem fa
bulam:
Celerum, quo quidque pacto faciat, ipsi dixero.
C4b Quid nunc igitur stamus?

Car.
F ur.
Car.

E del fortissimo.
Ma se abbisogna clic a m andar avesse del dolce?
n e ha egli?
Dimandasi? egli un giulebbo di m irra, egli un
vin dolce smaccato, 'un sciroppo, lo stesso mele:
vuoi tu altro? nello stomaco egli volle una volta
ap rir bottega di confetti.

F ur.

Allegramente! in bel modo, o Carino, voi date di


rimbecco alle mie burle: ma come lo chiamer
questo servo?

Car.
F ur.
Car.
F ur.
Cur.

Scimia.
Sa egli g irar bene quando si trova impaccio?
Ei ne disgrazia una trottola.

F ur.
Car.
F ur.
Car.

E quando colto in sul fatto?


un anguilla, la ti scivola di mano.
E ha giudizio quest uomo?
Tanto non ve n ha ne' tribunali.

F ur.

Costui voi me lo pingete fatto a squadra.

Cak.

Anzi te ne accerterai da te. Appena che'gli avrai


gittati gli occhi adosso, egli ti metter in buoni
contanti in che tu lo voglia. Ma che sei per farne?
Dirrovelo: appena avr io parato quest uomo, io
voglio eh' e s'infnga quel servo del soldato: ei
porti questo contrassegno al ruffiano colle cinque
mine, e si conduca via la donna: eccovi tutta la
tresca il modo poi con cui egli dovr cavarsela
glielo dir io.

F ur.

Car.

E a' proverbi?
N un m aestro ribaldo.

Perch indugiamo adunque?

Hom inem cum ornamentis omnibus


E xornatum adducile ad me ja m ad trapezitam Ae
schinum.
Sed properate.
Cb j .
Prius illi erumus, quam tu.
P se .
Abile ergo ocius.
Quidquid incerti m i in anim o prius aul ambiguom

P se .

futi,
N unc liquet, nunc defecalum estj cor m ihi nunc
perviam est
Omnes ordines sub signis ducam legionis meae
Aoe sinistra, auspicio liquido atque ex mea senten
tia.
Confidentia est, inimicos meos me posse perdere.
N unc ibo ad forum , alque onerabo meis praceplis
Sim m iam ,
Quid agat, ne quid titubet, docte ul hanc serat fal
laciam.
Ja m ego hoc ipsum oppidum expugnatum faxo erit
lenonium.

F ur.
Cab.
F ur.

Conducetemi 1J uomo concio di tutte queste baz


ziche dal cambiere Eschino, ma spacciatevi.
Noi sarem l prima di te.
Partitevi, spuleggiate adunque. Tutto quanto prima
tenzonavami incerto pel capo, ora mel veggo pia
no e chiaro. Ora mi si aperta una strada in
cuore. Con buona ordinanza mover le mie legio
ni, 1 augurio bello, belli sono gli auspici, e qua
li io li voleva. Son certo .di poter dar la caccia
a miei nemici: ora andr in piazza, e imburiasser Scimia di che si abbia a fare, che non si faccia
crocchiar il ferro in tra le mani, ma che da fur
bo apparecchi le reti. Ornai io far che caschi in
terra questo castello ruffianesco.

ACTUS 111.
SC E N A

I.

Pi! ER.
ni servitutem di danunt lenoniam
Puero, alque eidem si addunt turpitudinem.
Nae illi, quanlum ego .nunc corde (U J consipio
meo;
M alam rem m agnam multasque aerumnas danunlf
Pelui haec m i evenit servilus, ubi ego omnibus
Parvis maguisque miseriis praefulcior-,
Neque ego amalorem m i invenire ullum queo,
Qui amet me, ul curer tandem nitidiuscule.
Nunc huic lenoni esi hodie nalalis dies:
Interm inatus est a m inumo ad m axum um ,
S i quis non hodie munus misissel sibi,
E um cras cruciata m axum o perbitere.
Nunc nescio hercle, rebus quid faciam meis.
Neque ego illud possum, quod illi, qui possunt, solent.
N unc nisi lenoni munus hodie misero,
Cras m ihi polandus fructus est fullonius.
Eheu, quam illae re ego etiam nunc sum parvolusf
Alque edepol, ul male nunc eum meluo miser,
S i quUpiam det, qui manus gravior siet:
Quamquam illud ajunt magno gemilu fieri
Comprimere dentis, videor posse aliquo modo.
Sed comprimenda est m ihi vox atque oratio:
Herus, eccum, recipit se domum et ducit cocum,

ATTO
SCENA

III.
I;

R agazzo;

Chi per mala sorte al servizio di un ruffiano, s pei*


giunta deve far anche il bardassa, aff che, per
quanto senno io abbia in capo, Domineddio gli d
pure gran malanni e tribulazioni a josa! Cotesto, av
viene a me, io ho la gabella di tutti gli impacci grandi
e piccoli; n trovare mi posso un amadore il qual
mi voglia tanto bene ond io possa curar meglio la
mia pelle. Oggi il natale di questo ruffiano, ai
grandi e a piccoli ha fatta egli una tagliata che se
alcuno non gli avesse oggi fatto qualche dono, allindomani egli lo avrebbe martoriato copi firi
tormenti del mondo. Io non so ora che mi abbia d
fare, n posso far io quello he fanno gli altri che
lo possono. S oggi i ruffiano non lo do io il be
veraggio, domani mi dar da bere col cardo. Ahi d
me! sono ancor tenerello a questo mestiere. Per v erit che paura mi fa egli! Pur ci sia in buon o ra,
se alcuno mi toccasse a m an piena, avvegnach d i'
cano che si muglia forte, io veggo che potrei in
qualche modo tener stretti i denti. Ma io qui devo
tacre, ecco il padrone che si torna ai casa e cotJ
duce il cuoco.-

B allio , Cocus, PvFJt.


B al . Forum coquinum qui vocant, stilile vocant:
N am non coquinum esl, veruni forinum est fo ru m j
N am si ego juratus pejorem hominem quaererem
Cocum, non potui, quam hunc, quem duco, ducere3
Mulliloquom, gloriosum, insulsum, inutilem.
Q uin.ob eam rem Orcus, recipere ad se noluit,
Uti sit hic, qui mortuis coenam coquat:
N am hic solus illis coquere quod placeat potest.
Coc. S i me arbilrabare isto pacto, ut praedicas,
Cur conducebas?
B al .
Inopia: alius non erat.
Sed cur sedebas in foro, si eras cocusj
Tu solus praeter alios?
Coc.
Ego dicam tibi.
H om inum avaritia ego factus sum inprobior cocus,
N on meople ingenio.
B jl .
Qua isluc ratione?
Coc.
Eloquar.
Quia enim, quom exlemplo veniunt conductum co-
cum,
Nemo illum quaerit, qui optumus et carissumustj
Illum conducunt potius^ qui vilissumust.
H oc ego fui hodie solus obsessor fori. .
Illi drachm a issent miseri; me nemo palest
M inoris quisquam mimo ut surqam subigere.
Non ego item coenam condio, ul alii coci,
Qui m ihi condita prala in patinis proferunt,

Ballione, Cuoco, Ragazzo.


Bal.

Cuo.
Bal.

Cuo.

Bal.

Cuo.

Chi dice piazza di cuochi dice una bestialit, imper


ciocch non piazza decuochi, ma piazza di ladri.
Io se avessi fatto sacramento di cercare la schiu
ma de furfanti non avrei potuto condurre altri
che fosse di questo cuoco pi tristo, ciancione
borioso, bambo, disutile. Volete voi altro? Plutone
non 1 ha voluto per lasciar qua un che faccia la
cena a morti: imperciocch costui solo sa far loro
queJ manicaretti che elli pi gustano.
Se mi avevi in quel conto che tu di, perch pi
gliarmi a nolito?
Per necessit, non ve ne aveva un altro; se tu
se quella cima di cuoco perch slavi in piazza acculnttando le panche?
Dirottelo: se non son io quella cima di cuoco, non
a me tu affibbia la colpa, ma all avarizia degli
uomini.
Perch.
Ascoltami. Perch appena vengono a noleggiare
un cuoco, nuno corre a quello il quale valente,
e che si fa pagar meglio, ma fermano piuttosto
chi dimanda meno. Ecco perch io fui il solo che
me ne stessi seduto in piazza. Gli altri spiantateli i
sariano iti per una dramma, ma a me niuntf fa
muovere le lacche per meno di uno scudo. N le
cene mie sono quelle degli altri cuochi, i quali ti
mandano in sulla tavola una prateria, come se i con-

Boves qui convivas faciant, herbasque aggerunt,


Eas herbas herbis aliis porro condiunt:
Indunt coriandrum , fcniculum , allium, atrum olus,
A dponunl rumicem, brassicam, betam, blitum,
Eo laserpiti libram pondo diluontj
Teritur sinapi sceleratum j illis, qui terunt,
Priusquam teruerunt, oculi ut extillent, facit.
E i homines coens sibi coquini/ Quom condiunt,
N on condimentis condiunt, sed strigibus,
Vivis convivis intestina quae exedinl.
H oc hic quidem homines tam brevem vitam colunt,
Q uom hasce herbas hujusmodi in suom alvom con
genitit,
Formidolosas dictu, non esu modo.
Quas herbas pecudes non edunt, homines edunt,
B j l . Quid tu? divinis condimentis utere,
Qui prorogare vitam possis hominibus,
Qui ea culpes condimenta?
Coc.
Audacter dicito:
N a m vel ducenos annos poterunt vivere,
Meas qui esitabunt escas, quas condivero.
N a m ego cicilendrum quando in patinas indidi,
A u t sipolindrum aut macidem aut sancaptidem>
Eae ipsae se patinae fervefaciunt eloco.
Haec ad N eptuni pecudes condimenta sunt.
Terrestres pecudes cicimandro condio aut
Hapalopside aut cataractria
B jl.
A t te Jupiler
Dique omnes perdant ctim condimentis tuis
Cumque tuis istis omnibus mendaciis/
Coc. Sine, sis, loqui me.

Bal.

Cro.

Bal.

Cuo.

vitati fossero altrettanti buoi. E fanno una folata


di erbe, e d erba condiscono anche le verdure; vi
cacciano del coriandolo, del finocchio, dellaglio, del
prezzemolo: vi aggiungono del romice, del cavolo,
delle bietole e del blito, e tutto distillano in una lib
bra di sugo di silfio, e vi tritolano dentro della ma
ledetta senape, la quale prima che sia ben ma
cinata fa stillar gli occhi a chi la pesta. Se le
godino elli queste cene! Quando fan le condimen
ta non usano gli intingoli, ma le striglie le quali
rodono le budella a convitati ancor vivi. Ecco
perch gli uomini non la durano tanto al mondo,
perch si cacciano in ventre erbe cos fatte, le quali
fanno paura a nominarsi non che a 'mangiarle.
Gli uomini doggi si mangiano quell' erbe che non
vogliono le bestie.
E tu che fai? Adoperi forse i condimenti del cielo
ad allungare la vita degli uomini se di tanta
colpa a questi?
Tientene certo: chi mangia delle vivande che fo io
pu vivere ducento buoni anni. Imperciocch non
ho messo a fatica io nei tegami il cicilendro, o
il sipolindro, o il mace, o la sancatide che to
sto da se mettonsi a bollire. Queste conditure
le fo io alle bestie di mare: quelle di terra io le
accomodo col cicimandro, colla appalosside, e colla
cataratria.
Che Dio mandi un canchero e tutti i malanni a
te a tuoi saporetti, e a tutte queste baggiane che
tu hai!
Lasciami "tirare innanzi.

B al .
Loquere, atque i in m alam crucem !
Coc. Ubi omnes palinae fertient, omnis aperioj
Ib i odos demissis pedibus in coelum volat.
B a i . Demissis pedibus?
Coc. '
Peccavi insciens quidem:
Quia enim demissis manibus volui dicere.
E um odorem coenat Jupiler cotidie.
B j l . S i nusquam is coctum, quidnam coenat Jupiler?
Coc. II incoenatus cubitum.
Bjl .
I n in m alam crucem?
Islaccine causa tibi hodie num um dabo?
Coc. Fateor equidem esse me cocum carissumumj
Ferum pro praelio facio ut opera adpareat
Meaj quo conductus veni . . .
Bjl.
J d furandum quidem.
Coc. A n invenire postulas quemquam cocum,
Nisi miluinis aut aquilinis ungulis?
B j l . A n tu coquinalum le ire quoquam postulas,
Quin ibi conslriclis ungulis coenam coquas?
N unc adeo lu, qu,i meus es, ja m edico libi,
Ut nostra properes am olirier om niaj
Tum ul hujus oculis habeas tuis.
Quoquo hic spectabit, eo tu spectato simul j
S i quo hic ' gradietur, pariler progredimmoj
M anum si protollet, pariler proferto m anum j
Suom si quid sumet, id tu sinito sumere.
S i nostrum sumet, tu teneto altrinsecusj
S i iste ibit, it0j stabit, adslato sim u l
S i conquiniscet iste, ceveto simul,
Ilem his discipulis privos custodes dabo.
Coc. Habe modo bonum aiiimum.

Bal.

Cuo.
Bal.

Cuo.
Bal.

Cuo.
Bal.

Cuo.

Bal.

Cuo.
Bal.

Cuo.

Parla, c il fistolo che ti colga!


Appena calde le pentole io le apro, allora a gam
be larghe sen va in ciclo il profumo.
A gambe larghe?
Ho fallato senza saperlo, io voleva dire a mani
spase. Quest' odore la cena quotidiana di Goyc.
E se non cucini, Giove che si mangia allora?
Va a letto a dente secco.
E non vai sulle forche? per questo dovr darli io
uno scudo?
Non te 1 ho detto io? non sono un cuoco da tre
quattrini, ma fo, dove sono a nolito, che secondo
il prezzo si vegga quanto io valga . . .
Per rubare.
Ma vorresti cuoco vi fosse che non avesse gli
unghioni di nibbio o di acquila?
Ma e vorresti ire in qualche luogo a far da cena
snza avere strette le mani? Ora a tc, che sci
mio, io ordino che presto pi che sai faccia sgom
bero ogni luogo e che abbi sempre gli occhi ne
gli occhi di costui: dovunque egli guarda, quivi
tu guarda, se in qualche luogo ci muove passo
vacci anche tu di conserto; alza egli una mano?
tu alza la tua; se si attaccasse a qualche cosa del
suo lasciagliela prendere, ma se a qualcosa del
nostro egli si appiglia, ticlla tu ferma dall altra
banda: va egli? va anche tu; sta egli? c tu sta
fermo. Si mette cocolloni? pur tu fa la chioccia;
le stesse guardie dar io a ciascheduno di questi
guatteri.
Statti tranquillo.

B al .

Quaest), qui possim, doce


B onum anim am habere, qui le ad me adducam
domum?
Coc. Quia sorbitione faciam ego hodie te mea,
Item ut Medea Peliam concoxit senem,
Quem medicamento et suis venenis dicitur
Fecisse rursus ex sene adulescentulum:
Item ego te faciam.
Bjl.
Eho, an etiam veneficus?
Coc. Im o vero edepol hom inum servator magis.
B a l . H em , mane! quanti unum me coquinare perdoces?
Coc. Quid?
B al .
Ut te servem, ne quid subripias mihi.
Coc. S i credis j num oj si non, ne m ina quidem.
Sed utrum amicis hodie an inim icis tuis
Daturus coenam?
B al .
Pol ego amicis scilicet.
Coc. Quin tu illo inimicos potius, quam amicos, vocas?
N a m ego ita convivis coenam conditam dabo
Hodie, alque ila suavis suavitate condiam,
Ut quisque quidque conditum gustaverit,
Ipsos sibi faciam ul digitos praerodant suos.
B a l . Quaeso hercle, priusquam quidquam convivis dabis,
Gustato Iule prius et discipulis dato,
Ut praerodatis vostras furtificas manus.
Coc.Fortasse haec tu nunc m ihi non credas, quae loquor.
B al . Molestus ne sis. N im ium tinnis: non places.
H em , illic ego habito: intro huc abi, ct coenam
coque
Propere.

Bal.

Cuo.

E come posso starmene se m forza condurti in


casa mia?
Perch con un mio potaggio ti far quello che
gi fe Medea al vecchio Pelio allorch lo ricosse.
Dicesi che pc suoi medicamenti e per le sue ma
lie ella da vecchio lo ha ringiovanito. Questo stes
so far io di te.

Bal.

Doh! sai anche g itta r 1 arte?

Cuo.

S ma quella che salva gli uomini.

Bal.

Or badam i un poco! qual prezzo vorresti a inse


gnarm i una sola vivanda?

Cuo.

Quale?

Bal.

Quella onde salvarmi da te,


vento a nien te del mio.

Cuo.

Se te. ne pare adesso uno scudo, se no nemmeno


una mina: ma dicci, se tu oggi per dare una cena
a tuoi benevoli o a nimici.

Bal.

Diacine! agli amici.

Cuo.

Deh che non li di piuttosto nemici che amici? io


far loro tale un desiaaretto e condito di tante
suavezze, che appena alcuno si metter un cotticino in bocca dal piacere s avr a rodersi le dita.

Bal.

Oh! fammi questa grazia! prim a di im bandirlo ai


convitati m angiane tu, e danne a tu o i, perch vi
abbiate a rodere quelle vostre ugne che fanno s
bene a levaldina.

Cuo.

Tu non mi hai fede a quello che ti conto?


Non mi frastornar altro. Dello scampanio tu nhai
qui fatto: aff che non mi garbi? Bada quella
la mia casa: va dentro e metti presto all ordine
la cena.

Bal.

acci tu non faccia

P ub.

Quin tu is adcubilum? el convivas cedo:


Conrumpilur .jam coena.
H em , subolem, sis, vide!
Bjl .
J a m -h ic quoque scelestus est coqui sublingio.
Profecto, quid nunc prim um caveam., nescio:
Ita in aedibus sunt fures, praedo in proxum o est:
N a m a me hic vicinus apud forum paulo prius,
Pater Callidori, opere ecfecil m axum o,
Ut m ihi caverem a Pseudoio servo suo,
Neu fidem ei haberem: nam circumire in hunc
diem,
Ul me, si posset, muliere intervorteret.
E um promisisse firm iter dixit sibi,
Sese abducturum a me dolis Phoenicium.
N unc ibo inlro alque edicam familiaribus,
Profecto ne quis quidquam credat Pseudolo.

Rac.

Bal.

Ch doq andate a ineusa voi? chiamate i convitati,


la cena ornai si guasta.
Me ne accorgo dall odore, questo ribaldo s* fatto
il leccapiatti del cuoco. Io non so in fede mia a
chi pi debba aver occhio, io piena la casa di
ladri, qui presso ho il corsaro. Pur ora io ho
incontrato questo mio vicino padre di Callidoro, e mi ha ben rifitto in capo che mi guar
dassi da Furbo di lui servo, che non gli credessi
cosa del mondo, che egli aliava come oggi potesse
carpirmi la donna. Disse avergli colui giurato,
per la gola che trappolandomi mi avria rubata
Fenicia. Ora audr dentro, e dir a que' di casa
mia che alcuno non fidi niente a Furbo.

Tot. IV. P-lct.

SO

ACTUS IV.
SC E N A

/|

PsEVDOLVSj SlUHU.

J se .S unquam quemquam di inmortales voluere esse


auxilio adjutum,
Med et Callidorum volunt servatum esse et lenonem
v
exlinctum,
Quom te adjutorem genuerunt m ihi, tam doctum
hominem atque astulum.
Sed ubi ille est? Sum ne ego homo insipiens, qui
haec mecum egomet loquor solus?
J)edil verba m i hercle, ut opinor! malus cum malo
stulle cavi!
Tum pol ego interii, homo si illic abiit,
Neque hoc opusj quod volui, ego hodie ecficiam.
Sed eccum video verbeream statuam. Ut
Magnifice se inferi!
JIem, te hercle ego circumspectabam: nimis metue. . .. bam male, ne abisses.
S ia .F u it meum officium, ut facerem, faleor.
P se ,
Ubi restiteras?
S ia .
Ubi m ihi lubilum est.
P s e . Istuc ego ja m sal scio.
S ia .
Cur ergo quod scis, me rogas?
P se . A t hoc volo monere te.
S ia .
Monendus ne, me moneat.
P s e . N im is laudem ego abs te contemnor.

ATTO IV
SCENA
F urbo
F ur.

S im.
F

ur.

S im.
F ur.
S ui.

I.

Scimia.

Se mai Dio volle dar soccorso a persona, certo


che siam noi, io e CalHdoro, cui egli vuol salvi,
e morto il ruffiano avendomi Iddio messo al mondo
questa volpe berrettina. Ma dove si quegli? Mestola
che sono io che dico queste cose da me a me! Ei
m ha incastagnato se non m inganno! balordo
che fui a non guardarmene! e non sapeva io che
eravamo tra galeotto, e marinaro? Io son perduto
se m ha quel uomo pagato di gamba! Casca
quella ragna eh oggi aveva cos ben distesa,
ma togli! vello quella befana, Uhi! come sen r a po
sato! mentre io volgeami intorno per vederti sentiami la morte addosso che tu non te l avessi svi
gnata.
E dovea farlo, ch tale, e tei confesso, era il
mio dovere.
Dove ti se fermato?
Dove me ne venne la voglia.
Sapevamelo.
A che. dom andarm ene, se lo sapevi?

I 'ur.

Io voglio rico rdarti una cosa.

Sim.
F ur.

Non vo ricordi da chi n ha bisogno.


T u mhai in conto di mcn th cica.

S in .

Quippe ego le n i contemnam,


Stratioticus homo qui cluar?
P ss.
Ja m hoc volo, quod occeptum est, agi.
SiM .Numquid agere aliud me vides?
P s e . Am bula ergo cito.
S in . .
Im o oliose volo.
PsE.Haec ea occasio est: dum itle dormii, volo
Tu prior ut occupes adire.
S im . Quid properas? placide! ne lime! Ila ille faxil J u piler,
Ut ille palam ibidem adsil, quiqui ille est, qui adesl
a milite!
Punquam edepol polior ille erit H arpax3 quam ego.
Habe anim um bonum:
Pulcre ego hanc explicatam tibi rem dabo.
Sic ego illune dolis atque mendaciis
I n tim orem dabo militarem advenam.
Ipse sese ul neget esse eum , qui sielj
Meque ul esse aulumet, qui ipsus est.
P se .
Qui poi esl?
S im . Occidis me, quom islue rogilasf
P se.
Hom inem lepidum!
Te quoque eliam dolis alque mendaciis!
Jupiler te m ihi servet!
SiMIm o milii!
Sed vide, ornatus hic salisne condecet.
PsB.Oplume habet.
S im .
Eslo.
P sb.
Tantum tibi di boni
Inmortales duint,
Quantum iu (ibi optes: nam si exoptem, quantum

dignus, lanium,

Si*.
Fur.

Che caso vuoi faccia io eli te, se io sono uom da


guerra?
Ornai questo io voglio, che noi badiamo al fatto
nostro.

Sun.
F ur.

F o altro io forse?

Sim.

Anzi vo ire a bell agio.

Fuft.

Studia il passo adunque.

Miglior congiuntura non si pu avere; mentre quel*


lasino s ' legato a buona caviglia, io voglio che
tu vada quivi pel primo.
Sm.
Che fretta la tua? flemma! non temere! Magari
Dio mi cogliesse chiunque egli sia colui che vien
da parte del soldato! Eglf non sar pi Sgraffigna
di me, sta di buon cuore, in bel modo ti dar
districata io questa mattasse. Io vo tanto impau
rare quel soldato forasliero colle mie faldlle c
colle mie zacchere, ch egli rinnegher per Dio s
medesimo, e dir chio son quello chegli in ani
ma e in carne.
Fm
Come farai tu questo?
Sin.
Tu mi ammazzi con tante dimande.
F ur.
Che gioja d uomo! Iddio ti salvi a me c o n tutti
i tuoi inganni, e le tue trappole!
Sin.
Anzi egli mi salvi a me! Ma guarda se questa vsta!
la mi vada bene.
F ur. Benissimo.
Sin.
Ottimamente.
F ur. ' Diati tanto bene Iddio quanto ne sai desiderare^
imperciocch se io te ne augurassi tanto quanto

M inus nihilo esi: neque ego homine hoc quemquam


vidi mage m alum et maleficum.
S iu . Turi id m ihi?
P se .
Taceo. Sed ego quae libi bona dabo et fa ciamj si hanc rem
Sobrie adcurassis!
S im .
Potiri, ut taceas? M emorem facit inmemorem,
Qui monet, metnor quod meminit. Omnia teneoj in
pectore
Condita suntj meditati docte sunt doli.
P se .
Probus hic homo
Est.
Neque hic est, neque ego.
S im .
P se .
A t vide ne titubes.
P oliri, ut taceas?
S im .
P se . Ita me di ament . . .
S im .
Ila non facient. Mera ja m mendacia fundes.
P se . Ul ego ob luam te, Sim m ia, perfidiam amo et m e
tuo et magnificot
S im .Ego istuc aliis dare condidicij m i obtrudere non
poles palpum.
P s e . Ut ego te hodie accipiam lepide, ubi ecfeceris hoc
opus. . .
S im .
H a ha he!
PsE.Lepido victu, vino, unguentis4 et inter poetila pulpatnentist
Ibidem

una

aderit mulier lepida, tibi savia super


savia quae det.

SlH.
F ur.

S im.

F ur.
Sim.

Fu.
S im.
F ur.
Sim.
F ur.

Sm.
N F ur.
S im.
E uft.

tic se', degno, egli savia meno di nulla. Da che


ho .vita adesso io non vidi mai uomo pi tristo
e scaltrito di costui!
Di' tu questo a me?
Io non dico altro. Ma che cuccagna di beni ti
dar io, se tu nii conduci a buon termine questa
faccenda!
E mai che non ti caschi la lingua? Tu mi scombus
soli la memoria dal cervello tu vuoi pormi in sul
liuto quest istoria, che la so come la canzone
dell oca. Io so tutto, tutto ho scritto in mente; il
paretajo ben teso.
Costui un dabben uomo.
Mai no, n costui, n io.
Guarda che le parole non ti si ammemmino in bocca,
E quando la finirai tu?
Che Dio m ajuti! . . .
Questo non faccia mai. Tu ora spandi menzogne
a braccia quadre.
Ohi quanto bene ti voglio io, o Scimi a, per questo
tuo far busbacco! come ti temo! e in quanta e stP
inazione io ti ho!
Cos appresi io a pagare gli altri; in me non ponno
far breccia le tue soje.
A che delizie ti avr io oggi se mi di questo
compiuto . . .
Ah! Ahi Eh!
Buon pasto, buon vino, buoni unguenti, buona car
ne in fra i bicchieri! Allo stesso desco saravvi una
bella facciozza, la quale di baci ti faccia tutto
carico il viso.
'

m
S im . Lepide accipis me.
P se.
Im o si eeficis, tum faxo mage dicas.
S ia . Pii ecfecero, cruciabiliter carnufex m ea ccip ito !
Sed propera m ihi monstrare, ubi sil ostium aedium.
rsE . Tertium hoc est.
S / m*
St, tace: aedes hiscunt.
P se.
Credo animo male est
Aedibus.
S jm .
Quid ja m ?
P se .
Quia edepol ipsum lenonem evomunt.
SiM.Jlliccine est?
P sb.
Illic est.
S im .
M ala m erx est, Pseudole: illuc, sis, vide:
Aon prorsus, verum ex transvorso cedit, quasi can
cer solet.
SCENA
B

j l l o

II.

P s e u d o lu s , S i a v i a .

tt.n . Minus m alum hunc hominem esse opinor, quam


esse censebam, coctim:
fia m nihil etiamdum harpagavit praeter cyathum
et cantharum'
P sb . Heus tu, nunc Occasio est et tempus!
S ia .
Tecum sentio.
Pss.Ingredere in viam dolosej ego hic in insidiis ero.
S jm .H abui num erum sedulo: hoc est sextum a porta
proxum um
Angiportum : in id angiportum me devorti jusserat.
Quotumas aedis dixerit, id ego admodum incerto
tcio.

81.
Sin.

Affogatine! tu mi accogli da re.


Ma se ci vieni a capo, vo che ne dica di pi.
E se non ci vengo tu fammi abbocconare ad un
boja! Ma spacciati, insegnami ove sia 1 uscio di
questa casa.

F ur.

il terzo.

S im.

St, Taci. Questa casa apre la bocca.


Credo che la abbia la nausea.
Perch.'
Perch la vomica fuori il ruffiano, in corpo.
lui?
Lui.
Mala mercanzia questa, o Furbo: bada ora: non
diritto cammina egli, ma a sbioscio come un
gambero.

F cr .

F ur.
S im.

F ur.

Sia.
F ur.

S im.

SCENA

II.

Ballione, F urbo, Scimia.


Bal .

Questo cuoco non quel monello chio credeva. Egli fin ora non m ha carpito altro che un bicchiero

F ur.

e un fiasco.
S im .

Ehi tu, or la viene a taglio!


Veggo.

F ur.

T u va col pi del piombo, io m ' appiatter qu.

Sin.

Ho in memoria il numero; il sesto vicolo par


tendo' dalla porta. Egli m avea detto che volgessi
per di qua, ma qual sia proprio la casa io peno
a ringangherarlo.

B j l . Quis hic homo chlamydatus est, aut unde est, aul


quem quaeritat?
Peregrina facies videtur hominis atque ignobilis.
S im . Sed eccum, qui ex incerto faciet m ihi, quod quaero,
certius.
B j l . A d m e adit recta: unde ego hominem hunc esse
dicam gentium?
S im . Heus tu, qui cum hircina stas barba, responde,
quod rogo.
B j l . Eho, an non prius salutas?
S im .
Nulla est m ihi salus dataria.
B j l . N am pol hinc tantundem accipies.
P se -.
J a m inde a principio probe!
S im .E cquem in angiporto hoc hominem tu novisti? te
rogo.
BjL.Egom el me.
S im .
P auci istuc faciunt homines, quod tu praedicas:
N am in foro vix decimus quisque est, qui ipsus sese
noverit.
P se . Salvos sum: ja m philosophatur.
S im .
H om inem ego hic quaero m alum .
Legirupam, inpium, perjurum , atque inprobum.
B jl.
Me quaeritat:
N a m m i illaec sunt cognomenta. Nomen si memo
ret modo.
Quid ei est hom ini nomen?
Leno Rallio.
S im .
Bjl.
Scivin ego?
Jpse ego is sum, adulescens, quem lu quaeritas.
S im .
T u n J Ballio es?
B jL/E go enimvero is sum.

Chi colui con quella mantelletta indosso, di che


luogo , chi cerca egli? Ei m ha la faccia duom
forassero, e di maccianghero.
S in .

Toglilo qua, chi metterammi in via.

B al.

Ei viene ritto

a me: d qual paese dir io sia

costui?
S im .

Ehi tu, barba di becco, rispondi a quello che cerco.

Bal.

Doh! e non mi di la salute in prima?

Si s .

Io non ho salute a dare a macca.

Bal.

Qua tu ayrai altrettanto.

F cr.

In sul comincio non andiam male!

S i.

Chi conosci, dimmelo, in questo chiassetto?

B al.

Io conosco me.

SlH.

Pochi fan questo: di dieci un solo in piazza ve ne


ha il quale abbia conosciuto s stesso.

F cr.

Io son salvo! ei fa anche il filosofo.

SlH.

10 qua cerco un ribaldonaccio, senza legge, senza,


fede, un commettimale, un spargitor di zizzania.

Bal.

Ei cerca me; queste son delle mie appartenenze.


S ei ne ricordasse

il nome. Come si chiama

egli?
S im.

11 ruffian Ballione.

Bal.

E 'noi sapeva io? io, quel giovane, son 1 uomo


che tu cerchi?

Sin.

Ballione se tu?

Bal.

In carne ed ossa.

S in .
Ut vestitus est perfossor parietum t
B j l . Credo in tenebris conspicatus si sis mey abstineas
m anum .
S im .Herus meus libi me salutem m ullam voluit dicere.
H anc epistolam accipe a me: hanc me tibi jussit
dare.
B j l . Quis is homo est, qui jussit?
Pse.
Perii, nunc homo in medio Iulo est!
N om en nescii: haeret haec res.
Bjl.
Quem hanc misisse ad me autumas?
S im . Nosce imaginem: tute tjus nomen memorato m ihi
Ut sciam j te Ballionem esse ipsum.
Cedo m i epistolam.
B jl.
S im .A ccipe et cognosce signum.
Oho, Polymachaeroplacides
Bjl.
Purus putust ipsust'novi. Heus, Polymachaeroplacides
N om en est.
S im .
Scio ja m , libi recte me dedisse epistolam:
Postquam Polymachaeroplacidae elocutus nomen es.
B j l .S ed quid agii?
S im .
Quod homo edepol foriis alque bellator probus.
Sed propera hanc perlegere, quaeso, epistolam ( ila
negolium est )
Alque accipere argentum actutum mulieremque emit
tere:
N a m necesse hodie Sicyoni me esse, aut cras m or
tem exsequi:
Ita herus meus imperiosus.
Bj l .
Novii nolis praedicas.
S im . Propera perlegere ergo epistolam.

Sim.

Ve com vestito questo buca muri!

Bal.

Avvisomi, che se mi vedessi di notte, t u


porresti dito addosso.

Sin.

Io ho ordine dal padron mio di salutarti. Ricevi


questa lettera da me, egli m ha comandato di
dartela.

Bal.

d a chi avesti quest ordine?

F ur.

Ahim! in che gineprajo l uomo! ei non conosce


il nome! io son fritto!
Dimmi adunque chi m andam i questa?
Riconoscine il ritratto. Tu dimmene poi il nomo

B al.

Sin.

non mi

affinch m accerti io te essere proprio Ballione.


Bal.

Dammi la lettera.

S im.
Bal.

Prendila e riconosci il sigillo.


Oh! Oh! Polimacheroplacide vivo parlante, Io co

Sin.

B al.

Sin.

Bal.
Sin.

nosco. Ohe! il suo nome Polimacheroplacide.


Or so d'aver messa la lettera in buone mani, dap
poich tu hai profferito il nome di Polimachero
placide.
E che fa egli?
Quello che un uom forte: quello che - un soldato
valente. Ma spacciati: leggi questa lettera ( La bi
sogna men fa calca ) ricevi 1 argento e manda
mi fuori la donna, imperciocch oggi m forza
d essere in Sicione, o domani io son morto:
cotanto presto il mio padrone a correre all ira.
Sonimelo: Questo un vendere il sole di Luglio.
Avacciati adunque a leggere la lettera.

Id ago, si taceas modo.


Miles lenoni Ballioni epistolam
. Conscriptam m ittit Polymachaeroplacides,
Imagine obsignatam, quae inter nos duo
Convenit olim.
Sym bolum est in epistola.
S im .
B a l . Video et cognosco signum. Sed in epistola
N ullam salutem mitterene scriptam solet?
S im . Ita militaris disciplina est, Ballio:
M anu salutem mittunt benevolentibus;
Eadem m alam rem m ittunt malevolentibus.
Sed ut occepisti, perge operam experirier,
Quid epistola ista narret.
B al .
Ausculta modo.
H a rp a x calator meus est, ad te qui venit . . .
Tune es is H arpax?
S jm.
Ego sum.
Alque iste H arpax quidem,
Bjl
Qui epistolam istam fert, ab eo argentum accipi
E t cum eo sim itu mulierem m itti volo.
Salutem scriptam dignum est dignis mittere;
Te si arbitrarem dignum , misissem tibi.
S im . Quid nunc?
B a i.

Argentum des, abducas mulierem,


S im . Uter remoratur?
Bjl.
Quin sequere ergo introi
S im .
Sequor.
B jl.

Bal.

Questo fo se tu stai zitto. Il guerriero Poli macheroplacide manda al ruffian Ballione nna
lettera scritta e sigillata come fu convenuto tra
noi due.

Sim.

Il contrassegno nella lettera.

Bal.

L o veggo e lo conosco: m a quando p er le tte ra


scrive egli, non h a costume di salutar persona?

Sin.

O Ballione, i soldati usano cos; colle mani salu


tano gli amici, e nello stesso modo danno la
mala ventura ai nimici: ma seguita, come hai co
minciato, a vedere che si voglia questa lettera.

Bal.

Ascoltami adunque. Sgraffigna un mio galuppo, ei


viene a te . . . Sei tu questo Sgraffigna?

Sin.

Io.

Bal.

Tu da questo Sgraffigna, che ti arreca la lettera,


voglio che abbi a ricevere i quattrini, e che tu
mandi la donna con lui: il saluto in iscritto
s ha a mandare a chi nJ degno. Se degno te
ne riputassi, mandato io te 1' avrei.

Sin.

E s ora?

Bal.

Dammi i denari, prendi la donna.

.Sin.

Chi si ferma di noi?

B al.

Vien dentro adunque.

Sin.

Vengo.

P seudolus .

Pejorem ego hominem magisque vorsule malum


Nunquam edepol qtiemquam

vidi, quam hic esl


Sim m ia j

N im itque ego illum hominem meluo et form ido


m ale.
N e malus ilem erga me sit, ut erga illune fuit:
0

N e in re secunda nunc m i obvortat cornua, S i occasionem capsit, qui siet malus.


Alque edepol equidem nolo: nam illi bene volo.
Ntinc in metu sum m axum o triplici modo:
P rim um om nium ja m hunc conparem meluo meum
Ne deserat med alque ad hostis transeat,
Meluo aulem, ne herus redeat eliamdum a for
N e capta praeda capti praedones fuantj
Quom haec meluo, metuo, ne ille huc H arpax advenal.
Priusquam hinc hic H arpax abierit cum mulier*.
Perii hercle/ nim ium tarde egrediuntur forast
Cor conligatis vasis exspectat meum,
S i non educat mulierem secum simul,
l'It exulatum ex pectore aufugiat meo.
.P ic to r sum: vici cautos custodes meo*/

F urbo.

Uom pi trincato (li questo Siinmia io non lo conobbi


mai da che ho vita. Ei m ha cacciato un coco
mero in corpo eh e, sia tristo altrettanto con
me come Io fu verso

colui, e che ora, dacch

la cosa piglia buon vento, inorgoglito pigli il col


po per voltarmi le corna. Me ne dorrebbe in ve
rit; imperciocch io gli voglio un bene dell anima.
Per tre cose io sono o ra 'in grande apprensione.
Anzi ogni cosa io ho i tremiti che quel mio buon
'ozio, non abbandoui me e diserti al nemico.
Poi che il padrone ritorni di piazza, e si non fos
sero colti col bottino anche i ladri. Con tu tti
questi timori ho quello per giunta che venga qua il
vero Sgraffigna, prima che quellaUro scivoli di qua
colla donna; io sono sconfitto! penano troppo a
uscirsene, io ho il cuore ehe ha gi fatto il suo
fardello: se quegli non viene fuori colla fem
mina, egli sulle mosse di pigliar csiglio lontano
da me. Vittoria! io ho vinto

tutte quelle

scolte

che stavano alle vellctte.

Vol. IV. P la it .

51

S i m m ia , P s e u d o l u s .
S im. Ne plora: nescis, ul sil res, Phoeniciumj
Verum haUd multo post faxo scibis ndcubans.

Non ego t ad illum duco dentatum virum


Macedoniensem, qui te nunc flentem facit.
Quojam esse te vis m axum e, ad eum duco te.
Callidorum haud multo post faxo amplexabere*
P s e . Quid lu intus, quaeso, desedisli? Quam diu
M ihi cor retunsum est oppugnando pectore!
Occasionem reperisti, verbero,
Ubi perconteris me insidiis hostilibus?
S in . Quin hinc m etim ur gradibus militariis?
P s e . A tq u i edepol, quamquam nequam homo es, recle
mones.
Ile hac, triumphi, ad cantharum recta via!
SC E N A
B

a l l io

r.
.

U a ha hc! nunc demum m i animus in luto esi loco,


Postquam iste hinc abiit atque abduxit mulierem.
Lubcl nunc ventre Pseudolum, scelerum caput,
A bducere'a mc mulierem fallaciis.
Conceptis hercle verbis, salis certo scio.
Ego perjurare mavelim me millies,
Quam m i illum verba per deridiculum dare.
Nunc deridebo hercle hominem, si convenero s
Perum in pistrinum , credo, ul convenit, fore.
N uhq ego Simonem m i obviam veniat velim,
Ut mea laetitia laetus promiscjxm siet

SlMMIA, FUIIBO.

Sin.

ur.

Si.
F ur.

Non piangere tu non sai la storia, o Fenicia, da


qui a non moito fa rottela sapere quando sarai
seduta. Non ti traggo io a quel mascellone di Macedoniese, che ti cagione di tante lagrime. Io ti
conduco a chi del quale tu vuoi essere. Sar
pensier mio che tu presto ti ritrovi in braccio a
Callidoro.
Domine, che hai tu fatto l dentro? Perch tenermi
il cuore cotanto intra le tenaglie? Vuoi tu fla
gellarmi di dimande adesso, o manigoldo, che
siamo ne trabocchelli del nemico?
Che non fuggiam noi a guisa di soldato?
Tu se un bindolo, p u r questo un buon avviso,
animo avviamei trionfando al fiasco.

SCENA V.
B allione .

Ahi Ah! Eh! Or finalmente ho il capo tra due guanciali,


dappoich costui se n andato via di qua e s
condotta via la donna, j^cuga adesso quel maruffin
di Furbo a carpirmela colle sue tagliuole! -Io mi
lorrei meglio far mille spergiuri che vedermi ab
bindolato da colui! Ora se m imbatto in esso vo
glio proprio dargli la quadra, ma conforme ci
siamo concordati egli sar al molino: quanto
godrei io che mi si parasse - davanti Simone per
fare che pur egli gongoli mceo della gioja./

S in o , B a llio .
S i a. Viso, quid rerum meus Uhjsses egerit,
Jam ne habeat signum e x 'arce Baliionia.
B a i . 0 fortunale, cedo fortunatam m anum t
Sim. Quid esl?
B al .
Ja m . . .
Sim.
Quid jam ?
B.4L.
N ihil est, quod metuas.
Sim.
Quid esl?
reniine homo ad le?
B al Non.
S im .
Quid est igilur boni?
BAL.Minae viginti sanae ac salvae sunt tibi,
. Hodie quas abs te indu est stipulatus Pseudolus,
S iM .relim quidem herclel
Ba i.
Roga me viginti minas,
S i illic hodie illa sil potilus muliere,
Sive eam tuo gnalo hodie, ut promisit, dabit.
Roga, obsecro hercle ( gestio promittere J:
Omnibus modis libi esse rem ut salvam sciasj
Atque eliam habeto mulierem dono tibi.
SiM-Nullum periclum est, qyod sciam: slipularier,
Ut concepisti verba viginti minas
D a b in ?
B al.
Dabuntur.
S im
Hoc quidem actum est haud male.
Sed hominem convenistin'?
Bn,
Im o ambo simul,

SmoNE, Ballione.

S im.

Pur voglio io vedere che s abbia fatto il mio


Ulisse, se abbia di gi rubato il Palladio dalla
rocca Ballionica.

Bal.

0 uom venturoso, dammi la tua destra fortunata!

Sim.
Si.

Che hai?
Ornai . . .
Ornai?

Bal.
S im.
Bal.

T u se fuor di paura.
Che questo? venne 1 uomo a te?
N o.

Sim.

Che abbiam di buono adunque?


Che quelle venti mine tu le hai sane e salve,
quelle venti mine, che ti se obbligato dare a
Furbo.
Dio il volesse!

Bal.

Bal.

S im.
Bal.

Tassa me di venti mine se oggi Viene egli a capo


d insignorirsi di quella femmina: o se egli, come
l ' ha prom esso, porteralla in braccio al figliuol
tuo: io vado in fregola di prom etterle: acciocch
ti possa meglio assicurare esser la faccenda salva
in ogni modo; pi abbiti in dono anche la donna.

Sim.*
Bal.

Sui.
Bal.

Non ci veggo risico di concordarmi in questo, mi


darai tu venti mine?
Si daranno.
Fin qua la mi va a bomba. Ma hai tu vedute!
F uomo?
Anzi tutladue.

S im . Quid ait? quid narrat, quaeso? quid dixit tibi?


B j l . Nugas theatri, vet'ba, quae in comoediis
Solent lenoni diei, quae pueri sciunt:
M alum et sceleslum et perjurum aibat esse me,
S im . Pol haud mentitusl.
B jl.
Ergo haud iratus fu
N am quanti refert, te nec recte dicere,
Qui nihil faciat quique inficias non eal?
Sim. Sed quid est, quod non metuam ab eg? id audire
experto.
B j l .Quia nunquam mulierem a me abducet, nec pol est
Jam . Bleminisline, tibi me dudum dicere,
Eam venisse m iliti Macedonio?
S im . Memini.
B jl.
I/e m , illius servos huc ad me argentum attulit
Et obsignatum symbolum . . .
S im .
Quid postea?
B j l . Qui inter me alque illum militem convenerat,
Is secum abduxit mulierem haud mullo prius.
S im . B onari fide isluc dicis?
B jl.
Unde ea sit mihi?
S im . Fide modo, ne Ulie sit contechnatus quidpiam.
B j l . Epislolaiatque imago m e cerlum facit.
Quin quidem illam in Sicyonem ex urbe abduxit
modo.
S im . Bene hercle faclum l Quid ego cesso Pseudolum
Facere, ut det nomen ad molas coloniam?
Sed quis hic homo est chlamydatus?
B jl.
N on edepol scio,
Nisi ul observemus, quo eat aut quam rem gerat.

Bal.

S im.
Bal.

SlH.
Bal.

S im.
Bal.
S im.
Bal.
Sim.
Bal.
Sim.
Bal.

Sim.

Bal.

Che dice egli? Che storie ha alle inani? Che parole ti ha egli fatte?
Bajucole da teatro, quelle cose che nelle commedie
diconsi a' ruffiani, che le sanno anche i putti: ei
davami del tristo, del scellerato, dello spergiuro.
EJ non disse menzogna.
E per questo non mi venne la muffa. Che fa-il
dir villanie da bue a chi non glie ne monta, o
che non si fa caso di sbugiardarle?
Ma che questo eh io non abbia a temere da
lui? questo io voglio spere.
Perch giammai non si condurr via la donna da me,
n pu farlo. E non ti si ricorda averti io detto pur
ora che l ho venduta ad un soldato di fllacedonia?
Mi si ricorda.
Togli, ora il servo di lui in ha squattrinato 1 ar
gento, e m ha recati) il contrassegno . . .
E dopo?
E conforme ci intendemmo tra noi quel soldato
si condotta via la putta.
Mi di tu questo in buona fede?
E donde vuoi eh io ne abbia?
Guarda, chJ egli non abbia trovata qualche stiva,
La lettera e il ritratto mi cava di dubbio: vuoi
tu altro? pur ora egli ha condotta via la femmina
da Atene in Sicione. '
Oh ben fatto! Ma a che pi tardo io a far in
modo che Furbo dia il suo nome alla colonia
delle macine? Ma che uomo questo che ha la
soprasberga alle spalle?
Io noi so alla mia f: ma osserviamo dove muova,
o che si faccia.

J I j h p j x , Simo, B a l l i o .
0

H a r . Malus et nequam est homo, qui nihili imperium

heri facit sui seivos;


N ihili est aulem, suom qui officium facere inmemor
est, nisi admonilus.
N a m qui liberos eloco se arbitrantur,
E x conspectu heri si sui se abdiderunt,
L u xa n tu r, lustrantur, comedunt, quod habent,
Ji nomen diu ferunt servitutis,
Nec boni ingeni quidquam in his inest,
Nisi uti se improbis teneant arlibus.
Cum islis m ih i'n ec locus nec sermo convenit,
Neque iis unquam nobilis fui. Ego, ut m ihi impe
ratum e*t,
Etsi abest, hic adesse herum arbitror. Nunc ego
illum metuo,
Quom hic ne adest, ne, quom adsit, metuam. Ei
re i operam dabo. N am
Me in taberna usque adhuc siverat Syrus,
Quoi dedi symbolum. M ansi, ut jnsserat
( Leno ubi esset domi, me aibat arcessere J;
Ferum ubi non venit, nec vocat, huc venio ultro,
ul sciam, quid re sil:
N e illic homo me ludificelurj neque quidquam est
m d iu s, quam ut pullem hoc,
Alque huc evocem intus aliquem. Leno hoc. argen
tum volo
A me accipiat alque am illal mulierem mecum simuL

Sgraffigna, Sino he, Ballione.


Sgr.

Egli una mala e trista cavezza d servo quello


che ha ili nessun pregio gli ordini del padrone, ed
poi buono a nulla se smemorato aspetta il pun
golo per fare il dover suo. Imperciocch coloro che
si credono liberi, appena spiccansi dalla faccia del
padrone, si dnno a spendere, a gittar ne' postri
boli a manicar tutto ehe si hanno; questi, finch
lor basta la vita, portan sempre nome di servo,
n briciola di buona voglia in loro, se non di
tenersi ben saldi a' brutti costumi. Con gente cos
fatta io non mi trovo mai, n fo parole con loro,
n fui mai conosciuto da esSi. Io fp quel che mi
venne ordinato, credo d aver sempre il padrone
sugli occhi, avvegnach siami egli lontano mille
miglia. Ora temo io lui, beneh qua non sia, n pi
n meno, che se vi fosse. Attender adesso a questo,
imperciocch Siro al quale io diedi il contrassegno,
m ha lasciato sia ora all osteria: ei dicevami che
quando il ruffiano fosse tornato pur saria venuto;
bene aspettato io lho, ma non capitando egli, n
chiamandomi, io vengo qua per sapere come stia la
cosa; l uomo non me la fischier di certo; io non
posso far miglior cosa di battere, e chiamar qua
fuori alcuno. Io voglio che il ruffiano riceva da
me questo marsupio, e che mi lasci la donna.

490
B j l . Heus tu!
S im .
Quid vis?
Bjl.
H ic homo meus esl.
S im .
Quidum?
Bjl.
Quia praeda haec mea esl:
Scortum quaerilj habet argentum. J a m admordere
hunc m ihi lubet.
SiM .Jam ne illune comesurus es?
B jl.
D um recens est,
D um dalur, dum calet, devorari decet.
N a m boni me viri pauperantj inprobi
J iu n t, augent rem meam. Malo popli strenui, inprobi usu m ihi sunt.
S im . M alum quod tibi di dabunt, qui sic scelestus.
. H js .M e nunc conmomor, quom has foris non ferio: ut
S ciam , siine Ballio domi.
Fenus m i haec dona
Bjl.
D atat, quom hos huc adigit lucrifugas, damni
Cupidos, qui se suamque aetatem bene curant,
Edunt, bibunt, scortantur. Illi sunt alio ingenio
atque tu,
Qui neque tibi bene esse patere, et illis, quibus est,
invides.
H j b .H cus, ubi estis vos?
B jl .
H ic quidem ad me recta habet rectam viam.
H j r . Heus, ubi estis vos?
Bjl .
Heus, adulescens, quid istic debetur tibi?
Bene ego ab hoc praedatus ibo. Novi: bona scaeva
est mihi.

Bal.

Ehi tu!

Sin.

Che vuoi?

Bal.
S im.
Bal.

Questo merlo mio.


Perch?
Perch 1 ho gi nel carniero, ei vuol scorrer la

Simv
Bal.

S im.

campagna, ed ha quattrini a lato. Scntomi gi la


voglia di abboccarlo. * '
S presto vuoi manucartelo?
Mentre fresco, mentre in sulla voglia di dare,
mentre caldo ancora bisogna papparselo. Gli
uomini dabbene mi spiantano, i tristi mi pasco
lano, e mi inricchiscono. Que che son la rovina
del popolo, que fhe son malvagi, son quelli che
mi dnno la vita.
Il m orbo che ti colga! ch ghioltoncello se t
mai.

Sgr.
Bal.

Sgr.
B al.
Sgr.
Bal.

Io perdo il tempo non battendo a questa porta,


per saper se Ballione sia in casa.
Questa provvidenza di Venere mandandomi co
storo che fuggono il guadagno come il diavolo,
che son desiderosi di sculacciar il mattone, che
altro non pensano che curar bene la pellet m an
giare, bevere, e donneare. Questi son daltro avviso
che il tuo, tu non soffri di pigliarti buon tempo,
e crepi dJ invidia per quelli che se lo pigliano.
E dove siete voi altri?
Costui viensene difilato a me.
E dove siete voi altri?
Oh, quel giovane, che hai tu da queste parti? la
son certo che andr a buon bottino, sonimene
avvisto, 1 augurio buono.

4 92

H ar . Ecquis hoc aperit?


B al.
Heus, chlamydate, quid islic debetur tibi?
H ar . Aedium dom inum lenonem Ballionem quaerito.
B j l . Quisquis es, adulescens, operam fac conpendi quae
rere.
H ar . Quid ja m ?
Bjl .
Quia ted ipsus coram praesens praesentem videt.
H ar . T uri es?
S in .
Chlamydate, cave, sis, libi a curio infortunio ,
Atque in hunc intende digitum: hic leno est.
Bjl .
A t hic est vir probus j
Sed tu , probe vir, flagitare saepe clamore in
foro,
Quom libella nusquam est, nisi quid leno hic sub
venit libi.
H j r .Q uii tu mecum fabulare?
Bjl .
Fabulor. Quid vis tibi?
H ar .Argentum accipias.
B ai ,.
Jam dudum , si des, porrexi m anum .
H a r . Accipe. Hic sunt quinque argenti lectae numeratae
minae.
Hoc tibi herus me jussit ferre Polymachaeroplacides,
Quod deberet, alque ut mecum mitteres Phoenicium,
B a l . Herus tuos . . .
H ar .
Ita dico.
Miles . . .
Bjl .
H jr .
Ita loquor.
B jl .
Macedonius . . ,
H ar . A dm odum , inquam.
Te ad me misit Polymachaeroplacides . . ,
Ba l .

Scr .
Bal.

Chi apre qua?


Ehi tu l con quella clamida, che ti si deve?

Sc r .

I o cerca il padron di casa il ruffian Ballione.

Bal.

Chiunque tu sii, quel giovine, poni p u r fine alla


tu a ricerca.
Perch?
P erch egli ti sta davanti.'
Se tu quello?

Sgr.
Bal.
Sgr.
Sim.

Sgr.
Bal.

0 uom della sopransegna, guardati da un ma


lanno che saria non da fava, appunta col dito
quest uomo, il ruffiano costui.
Questi un uom dabbene, p u r tu , dabben uomo,
se spesso bistrattato in piazza, quando non hai
u n a lira, se questo portapolli non ti viene in
ajuto.
E che non vuoi*tu p arlar meco?
Parlo: in che ti occorro io?

BaL.

S gr.

P rendi -questo denaro.

Bal.

da un anno, se me lo di, eh io ho sporta la


mano.

Sgr.

Prendilo: qua dentro son noverate cinque brave


mine d argento; il mio padrone Polimacheropla
cide, m ha ordinato di portartele perch te le
doveva, acci tu mandassi Fenicia con me.

Bal.
S gr.

Il tuo padrone . . .

Bal.
Sgr.
Bal.
S gr.

Il soldato . . .
Proprio.

Bal.

Polimacheroplacide ti ha mandato a me . ! .

Certo.

Di Macedonia . . .
Davvero.

494
H j r . Fera memoras.
H oc argentoni ul m ihi dales . . .
B jl.
H jr .
S i tu quidem es
Leno Ballio.
B jl.
Alque ut a me mulierem abducas?
Hjr .
Ita.
B j l . A n Phoenicium esse dixil?
H jr .
Recle meministi.
Bjl.
Mane:
J a m redeo ad le.
Hjr .
A l maturate propera: nam propero. Fides
J a m die m ullum esse?
Fideo. H unc advocare eliam volo.
Bjl .
Siane modo istic: ja m revortar ad le. Quid
nunc fil, Sim o?
Quid agimus? manufesto hnitb hominem teneo, qui
argentum attulit.
S in . Quid jam ?
Bjl .
A n nescis, quae sit haec res?
S in .
Ju xta cum ignarissumis.
B j l . Edepol, hominem verberonem Pseudolumi ut docte
dolum
Conmenlusll tanlum dem argenti, quantum miles de
buit,
Dedit huic, atque hominem exornavit, mulierem qui
arcesseret.
Pseudolus tuos adlegavil hunc, quasi a Macedonio
Milite esset.
S im .
Habesne argentum ab homine?
Rogitas, quod vides?
B jl .

Sgr.

Dici il giusto.

Bal.

Perch mi dii questo denaro . . .

Sgr. .

Se p u r tu sei il ruffiau Ballione.

Bal.

E per condur via la donna?

Sgr.

Per questo.

Bal.

Forse ti disse egli Fenicia?

S gr.

Ben te n arricordi.

Bal.

Aspetta: vengo in un attimo.

Sgr.

Ma spacciati, perch ho fretta, tu vedi che il sole


gi basso.

Bal.

Veggo: io vo* chiamare in testimonio anche costui,


aspetta un

micolino, subito io sono a te. Quali

novelle abbiamo, o Simone? che facciamo? Non


lho colto il pincione io in questuomo che mi ha
*
p o rtato 1 argento?

Sia.

E si ora?

Bal.

Non vi travedi dentro nulla?

Sua.

Tanto come i ciechi.

Bal.

Egli pur la mala ^ a tta quel Furbo, che trappola


ha trovata il mariuolo, egli ha dato a costui tanto
quanto dovevami il soldato, gli ha messe queste
frappe indosso per venire a chiamarmi la donna.
Il tuo Furbo mandami costui come fosse uno sbir. ro del soldato di Macedonia.

S im.

E 1 hai avuto il denaro dall uomo?

Bal.

Dimandi? e non questo che vedi?

S ia . Heus, memento ergo dim idium ialine mihi de praedo


dare!
Commune istuc esse oporlet.
Bjl.
Quid? malum? Id tolum tuom est.
H jR .Q uam m o x m i operam das?
B j l . Tibi do equidem. Quid nunc es auctor,
Simo?
S m , Exploratorem hunc faciam us ludos suppositicium
Adeo, donicum ipsus sese ludos fieri senserit.
B j l . Sequere. Quid ais? Nempe lu illius servos es?
Hjb.
Planissume.
B j l . Quanti te emil?
Hjb .
Suarum in pugna virium victoria:
N a m ego eram domi imperator summus in patria
mea.
B j l . A n etiam ille unquam expugnavit carcerem, patriam
tuam?
H ar . Contumeliam si dices, audies.
Bjl.
Quotumo die
E x Sicyone pervenisti huc?
H ar.
Allero ad meridiem.
B j l . Strenue mehercule isli. Quamvis pernix hic homo
estt
Ubi suram adspicias, scias, posse eum gerere crassas
conpedes.
Quid ais? tune etiam cubitare solitus in cunis
puer?
S ia . Scilicet.
Etiam ne facere solilus es? sciri quid loquar?
Bjl.
S ia . Scilicet solitum esse.
Sanine eslis?
H ar .

S im.

Ohe, ricordati di p artir meco a m et questo b o t


tino? cotesto civanzo daccom unarsi tra noi.

Bal.
Sgr.

Che anzi? un canchero? questo tutto tuo.


Quando verrai tu a me?

Bal.

Subito
mone?

Sim.

Teniamo un pezzo sulla colla questa spia sup


positizia, finch s avvegga da per s lui essere
tolto a fare.

Bal.

Vien qua: che mi dici tu? se proprio tu servo di


colui?
Servissimo.
A qual prezzo ti ebbe?

Sgr.
Bal.
Sgr.

Qual

consiglio mi d ii tu

ora, o Si-

Ei m ha fatto suo colla vittoria delle sue braccia,


imperciocch a casa mia, nella mia patria, io e ra
generai com andante.

Bal.

Ha forse egli espugnato le stinche che son patria

Sgr.
Bal.

tua?
Se mi di villanie ne avrai altrettante.
In qual d sei arriv ato qua da Sidone?

Sgr.
Bal.

J e r 1 altro a mezzo d.
P er Dio se ha fatto presto? Che gambe ha que
s t' uomo! pongli alla nocca gli occhi; puoi far
conto che ferri porti egli. Ma che aggiungi? da

S im.
Bal.

fanciullo solevi dorm ire in culla?


Sicuram ente.
E fosti solito fare? tu raccogli quel che
io?

S im.

Solitissimo.

Sgr.

Il cervello v ha forse dato di volta?


V ol. IV. Plaut.

32

dico

B al .

Quid, quod te rogo?


Nociu in vigiliam quando ibat miles, tum lu iban
simul?
Conveniebalne in vaginam tua machaera militis?
H a r . I in m alam crucem I
B al.
Ire licebit libi lamen hodie temperi.
JltR. Quin tu mulierem m i emittis? aut redde argentum.
V al .
Mane.
11m . Quid m aneam ?
Chlamydem hanc conmemore*, quanti
B a i.
conducta est.
I I ar .
Quid esl?
B al . Quid meret machaera?
H ar.
Helleborum hisce hominibus opus est.
E lio . . .
B al .
H ar . Mitle.
B al.
Quid mercedis petasus hodie domino demeret?
JlAR.Quid domino? quid somniatis? Mea quidem haec
habeo omnia,
Meo peculio emta.
B al.
IV^mpe, quod fem ina sum m a sustinet.
HAR.Uncli hi sunt senes, fricari sese ex antiquo volunt.
B a l . Responde, obsecro hercle, hoc vero serio, quod te
rogo:
Quid meres? quantillo argento te conduxit Pseudo
lus?
HAR.Quid istic Pseudolusl?
B jl.
Praeceptor tuos, qui te hanc fallaciam
Docuit, ul fallaciis hinc mulierem a me abduceres.
H ar. Quem tu Pseudolum, quas lu m ihi praedicas falla
cias,
Quem ego hominem nulli coloris novi?

Senti qul che li dimando? Quando il soldato era


di guardia andavi anche tu iusiemc? entrava nella
tua guaina la-daga del soldato?
Sgr.
Va sulla forca!
'
Bal. ; Oggi tu hai tempo e puoi andartene.
S gr.
L una delle due, o dammi la donna o rendimi
l argento?
'
Bal.
Aspetta.
Che ho da aspettare?
S gr.
Bal.
Ti arricordi per quanto hai presa a nolito questa
clamide?
Sgr.
Che questo?
Bal.
Questa daga quanto la ti piange d affitto?
Elleboro ci vorria per costoro!
Sgr.
B al.
Oh! . . .
Lasciami.
Sgr.
Quanto dentrata d oggi al padrone questo petaso
Bal.
Sgr.
Che padrone? che sogni son questi? queste cose^
son roba mia, e holle pagate del mio.
Quella forse che sta in eapo all anche?
Bal.
Questi vecchi si sono unti, e van cercando chi
Sgr.
li freghi all' antica.
Deh! rispondimi chiaro, e proprio del buon senno
Bal.
che tu abbia a quello che ti cerco: qual mercede
hai tu? a quanto batti compro Furbo?
Sgr.
Che Furbo mi conti?
Il tuo maestro: quegli che tha sobillato l astuzia
Bal.
di venir qua per rubarmi a forza di bafrerie la
putta.
Che Furbo, che barrerie mi vai tu raccontando,
Sgr.
io non so colore che si abbia quest uomo.

B al .

Non tu islnc abis?


N ihil est hodie hic sycophantis quaestus. Proin lu
Pseudoio
Nunties, abduxisse alium praedam, qui occurrit
prior
H arpax.
H ar .
I t quidem edepol H arpax ego tum .
B l.
Im o edepol esse vis.
Purus putus sycophanta hic.
H ar .
Ego tibi argentum dedi,
Et dudum adveniens extemplo symbolum servo tuo,
Heri imagine obsignatam epistolam, hic anle oslium.
B al . Meo tu epistolam dedisli servo? quoi servo?
) I ar.
Syro.
fiA L .N um confidit sycophanta hic? Nequam meditatur
male:
N a m illam epistolam ipsus verus H arpax huc ad'
me allulit,
H ar . H arpax ego vocor> ego servos sum macedonis m iV
litisj
Ego nec sycophantiose quidquam ago, nec malefice>
Neque istunc Pseudolum mortalis qui sit noviJt ne
que scio,
S im , T u nisi m irum est, leno, plane perdidisti mulierem,
B al . Edepol nae istuc magis magisque metuo, quom verba
audio.
SiM* M ihi quoque edepol jam dudum ille Syrus cor per
frigefacit,
Symbolum qui ab hoc accepit. M ira sunt, ni Pseu
dolus t.
Eho lu, qua facie fuit dudumf quoi dedisli symbo
lum ?

6 al.

Sgr.

Bal.
Sgr.

E non sloggi di qua tu? qua oggi i ciurmadori noii


hanno niente a che fare, torna a Furbo e digli!
il Sgraffigna che prima ci venne aversi condott
via la preda.
Questo Sgraffigna sono io.
fcio lo vuoi essere. Lieva la gamba! che ciurma -1
dor costui!
Ben i q u attrin i ti ho dato io, e p u r ora, appcn.l
q ua venuto, al tuo servo io diedi il contrassegno,
una lettera sigillata col ritratto del padrone, qua
sopra l porta.

Bal.
Scr.

Tu hai dato Una lettera i mio servo? a qual


servo?
A Siro.

Bal.

E tan ta baldanza ha qtlestd briccne? questa mozzina vorria darmi il pepe: questa Ietter il verd
Sgraffigna me l 'h a gi portata.

S gr.

Sgraffigna mi <$irto io, io sono il servo del soldato*


macedone: n ciurmerie, n stregonecci uso ne fat
ti miei, io non conosco, n so razza duomo che si d
questo Furbo.
Non meraviglio, o ruffiano, che tu abbi perduta,
la donna.

Sin.
Bal.

E a dirla schietto ude ne sento gi la paura nelle


ossa all udir queste parole.

S im.

Anche a me mi fa da un pezzo gelare il sangue! quel Siro che ha ricevuto il contrassegno da costui.
Io casco dalle nuvole, egli Furbo senza altrot
ma dimmi che faccia aveva 1 uomo a cui tu hai
dato questo eontrassegno?

U jit.R u ftu qiiidam, ventriosus, crassis suris, subniger, '


Magno capite, aculis oculis, ore rubicundo, admo
dum
M agnis pedibus.
S in .
Perdidisti, postquam dixisti pedes!
Pseudolus fuit ipsus.
A ctum est de me! Jam m orior, Sim o!
B jl .
I I j n Hercle haud te sinam ecmoriri, nisi m i argentum
redditur
Figinti minae.
S im .
Atque etiam m ihi aliae viginti minae.
B j l . Auferetur praemium id a me, quod promisi per
jcum?
SiM.De improbis viris auferri praem ium et praedam
decet.
B j l . Saltem Pseudolum m ihi dedas.
S im .
Pseudolum ego dedam tibi?
Quid deliquit? D ixiri, ab eo u t.tib i caveres, centies?
B i . Perdidit me.
S im .
A t me viginli modicis multavit minis.
B j l . Quid nunc faciam ?
Mjm .
S i m i argentum dederis, te suspendito
B j l . D i te perdant! Sequere, sis, me ergo ad forum , u l
solvam.
B jr .
Sequor.
Quid ego?
Bjl.
Peregrinos absolvam: cras agam cum civibus.
Pseudolus m ihi centuriata habuit eapilis comitia,
Qui illune ad m e hodie adlegavit, mulierem qui ab
duceret.
Sequere tu nunc. Ne exspectetis, d u m . hac do
m um redeam via:

Sgr.

Egli era un colai rossastro, t panciuto, di polpe


grosse, brunotto, di gran zucca, d occhi aguzzi,
rosso in faccia, e di piedi grandissimi.

Sim.

Io son sconfitto, dappoich m hai fatto m otto dei


piedi. F urbo in anima e corpo.
I o son spacciato! io ho 1 anima sulle labbra, o

Bal.
S gr.
Sim.
Bal.

Simone.
Ma non te la far sputare per Dio, se non mi
rendi i quattrini, le sono venti mine.
E venti mine anche a me.

E mi si carpir quel prezzo che io promisi da


burla?

S im.

E prezzo e bottino s' ha da cavare dai rei uo


mini.

Bal.

Almeno concedimi Furbo.

Sim.

Furbo ti dar io? che male ha fatto egli? e

non

ti ho detto io un cento volte che ti guardassi da


lui?
Bal.
S im.
Bal.

Egli m ha diserto.
E me ha condannato di altre venti buone mine.

S gr.
Bal.

Paga me, e poi t'impicca.


Che Dio t aflranga, seguimi se n ' hai voglia fino
in piazza se vuoi eh io ti paghi.

Sgr.
S im.
Bal.

Ti seguo.
E io?

Ora che far io?

Oggi vo spacciarmi de* forestieri, domani tratter


coi cittadini. Oggi Furbo mha condannato del capo
mandandomi colui, perch mi rubasse la donna ;

- 501
Ila res getta est, angiporta haec certum est consectarier.
H ar . S i graderete tantum , quantum loquere, ja m esses
ad forum.
B al. Certum m i est, ecmortuaem facere ex natali die.
SC E N A

F ili.

SlMO.
Bene ego illune tetigi, bene autem servos inimicum suoml
Nunc m ihi certum est, alio poeto Pseudoio insidias
dare,
Quam aliis in comoediis fit, ubi cum stimulis aut
flagris
Insidiatur; at ego ja m inultus prom am viginti mimis,
Quas prom isi, si ecfecisset; obviam ei ultro deferam.
N im is illic mortalis doctus, nim is vorsntus, nimis
malusi
Superavit Dolum Trojanum atque UKssem Pseudolus!
Nunc ibo intro: argentum prom am ; Pseudolo insi
dias dabo.

Sgr.
Bal.

Seguimi tu ora, non mi aspettate eh* io torni da


questa banda, il caso che mi venne vuol ch io
vada pe viottoli.
Se tu camminassi tanto qaanto parli certo saresti
gi al foro.
Io son chiaro, il natalizio mio vo cambiarlo in
m ortorio.

SCENA

vm .

SlMOHB.
Io 1 ho tocco d un buon bolcionc e bene per Dio ha
pigliate sul nemico le sue vendette il servo! Io ho
gi fatto il mio consiglio, vo appostar Furbo, ma
non come si, fa nelle altre commedie coi pungoli
e colle fruste, io senza dargli male gli snoccioler
venti mine, che promesse gli ho se egli riusciva a
bene; vogargliele io stesso. Che uom scaltro! che
cianghellino! che mariuolo 'quegli! Furbo ha vin
to il trojano Dolone, e Ulisse: andr dentro, pren
der i quattrini, e aspetter Furbo al passo.

ACTUS r.
SC E N A

I.

P se u d o l u s .

'

Quid hoc? siccine hoc fil, pedes? statiri, an non?


A n id voltis; ut m e hic jacentem aliquis tollat?
N am hercle si cecidero, vostrum erit flagitium.
Pergitiri pergere? A h j saeviundum m i hodie est.
M agnum hoc vilium vino est: pedes capiat prim um .
Luctator dolosust.
Profecto edepol ego nunc probe abeo madulsa;
Jta victu excurato, ita mundicia digna,
Itque in loco festivo sumus festive accepti.
Quid opus multas agere med ambages? Hoc est ho
m inij quamobrem
F ilam am elt hic omnes voluptates, indu hoc omnes
sunt venustates/
P roxum um dii arbitro esse: nam ibi amans conplexus amantem est;
Ib i labra ad labella adjungilj ibi alter alterum bi
lingui
M anufesto inler se prehenduntj ibi m am m a m a m milla opprim itur;
A u t, si lubet, corpora condupHcantj
M anu candida cantharum dulciferum
Propinare, amicjssumam am icitiam ,
Neque ibi esse alium alii odio, nec molestum,
Nec sermonibus morologis uti:

ATTO V.
SCENA
F

I.

urbo.

Che questo? cos dovete essere meco, o piedi? volete


star fermi o ao? volete forse voi che alcuno mi
raccolga dopo che ho fatto il tomo? Se io do del
culo in terra-la vergogna sar vostra: e che non
la si voglia ancor finire? Oggi devo io far pro
prio il fiero. Ecco gran peccato che ha il vino:
prima d ogni altra cosa egli s apprende a piedi,
egli un lottatore pieno dinganni; poffar il mon
do! oggi son proprio ben cottccio, siam proprio
stati accolti assai bene con un buon pasto, con
una polizia che innamora, in un luogo che il pi
festevole non ha il mondo; ma che vado io ag
girandomi in tante storie? Qual uomo vi ha sotto
il sole il quale possa amar meglio la vita? in que
sto son tutti i gusti, in questo son tutte le gioje,
io Io credo vicinissimo agli Iddii? imperciocch
quando 1 amante strignesi nelle braccia 1* amica,
quando congiunge labbro a labbro, quando 1 un
1 altro si ruba la lingua, quando si danno quelle
strettoline, o se meglio pi calza si avviticchiano
e si vede colmo da una man di gigli un bel bicchiero di vin dolce, io veggo esser quivi la pi
soave delle amicizie, niuno essere in odio all' al
tro, n di poja, n hanno in bocca certe baje da

Unguenta atque odors, lemniscos, corollas


D a ri dapsilis; non enim parcipromi
Victu celeroj ne quis me roget.
Hoc ego modo alque herus m inor hanc diem sum*
simus prothyme.
Postquam opus meum, ul' volui, omne perpetravit
hostibus fugatis:
Illos adcttbanlisj potantis, am antis,
Cum scortis reliqui et meum scortum ibidem,
Cordi atque animo suo obsequentes. Sed postquam
exsurrexi, me orant
Ut saltem. A d hunc me m odum intuli, illis
Uti satisfacerem ex disciplina:
Quippe ego, qui probe Ionica perdidici. Sed palliolalim amictus
H ac incessi ludibundus.' Plaudunt;, partim clamitant
me ul
Revortar. Occepi denuo hoc modo volvij ilem amicae
D abam meae me,
Ul me amaret. Ubi circumvorlor, cado. Id fuit
maenia ludo.
Ilaque, dum enitor, p a x ! ja m pene inquinavi pallium.
Nimiae tum voluptati edepol fui,
Ob casum datur cantharusj bibi.
Conmuto eloco pallium j illud posivij
Inde huc exii, crapulam dum amoverem.
Nunc ab hero ad herum meum m ajorem
venio foedus conmemoratum.
Aperite, aperite! heus, Sim onif adesse me, quis
nuntiate!

vcggliia. Eranvi unguenti, odori, nastri, corone:


N alcun stia a domandarvi se ebbimo del te
gnente nello spendere per la tavola. In questa
forma, e allegramente io e il padrone abbiam
passato il d.
Dappoich io ho compiuta la mia faccenda proprio con
forme io voleva, che ho sbaragliati i nemici, io
ho lasciati quegli amanti giacenti e ciompi insieme
alla mia bagascia, che facevano proprio quanto
volevano. Dappoich mi levai suso mi pregano
. d ' un balletto. Io mi son mosso a questo modo
per accontentarli, e per far veder loro eh' io ho
proprio studiata 1 arte Jonica. Ma dopo coperto
del mio mantello son venuto da questa banda per
pigliarmi un po' di burla. Mi fan plauso e gridasi
da taluni cli'io torni indietro. Di nuovo io mi son
messo a far quattro giri; mi gittava al collo delTami. ca perch la mi facesse un po' di carezze, ma insul bello io do un cimbotto, e questo fu il tragi
co fine della commedia. Ma sia in buon ora, mentre
fo per levarmi poco manc eh* io non bruttai il
mantello: che gusto prese la brigata! per toglier
mi la paura mi si .di un bellicone e io ci vidi
il fondo; cambio il mantello e lascio gi 1 altro:
son venuto qua fuori per farmi passare i fumi.
Ora dal -padron giovane vo al padron vecchio per
ricordargli la promessa. Aprite, aprite! alcuno va*
da a Simone, ditegli ch'io son qui.

S i t o , P seudolus , B allio .
S i . F ox viri pessumi me exciet foras.
Sed quid hoc? qUomodo? quid lu? video ego . .
PsB.C um corona ebrium Pseudolum tuom.
S im . U bere hercle hoc quidem! Sed vide slalum l
Nur* mea gralia pertimescit magis?
Cogito, saeviter blanditeme adloquar.
Sed hoc vim vetat facere nunc, quod fero, si
Qua in hoc spes sila est mihi.
P se . F ir m alus viro oplumo obviam il.
S im .
D i le ament, Pseudole.
Phui,
In m ulam crucem/
P sb.
Cur ergo adflicter me?
S im .
Quid tu, m alum , ergo
Os m i inruclas ebrius?
P s b . Molliter siste nunc m et cave ne cadam/
N on vides m e, ut madide madeam?
SiM .Quae istaec audacia est, le sic interdius
Cum corolla ebrium incederei
P ss. Lubet.
S im .
Quid? Lubet? Pergiri ructare in os mihi?
P ss. Suavis ruclus m i est. Sic sine modo.
S im . Credo equidem> potesse te, scelus,
M assici montis uberrumos qualuor
Fructus ecbibere in hora una.
P se .
Hiberna, addito.

Simohe, F urbo, Ballione.


S im.
F ur.
S im.

L a voce d ' u n ribaldo mi chiama fuori. Ma che


questo, come? che vuoi tu? chi veggo io?
Il vostro F u rbo un po alticcio colla ghirlanda
in capo.,
Questa cosa da libero, ma guarda postura! ha
forse egli un tim ore di pi perch io son qui? Io
sto pensando se debba parlargli brusco o dolce, ma
questo eh' io porto mi toglie dal fargli violenza,
avendo speranza di buscar qual cosa.

F ur.

Un rlbaldonaccio si fa in c o n tri alla cima de galan


tuom ini.

Sim.

Che Dio t ajuti, o Furbo, Puh! a mandarti in


croce.
Perch dovr io darmi al malanno.

F ur.
S im.
F cr.
Sim.

0 capestro, perch mi ru tti in faccia?


Levatemi voi pian piano! guardate eh io non ca
schi! Non vedete voi come io son bagnato?
Che sfacciataggine la tu a cam m inar di giorno,
e s briaco, colla ghirlanda in testa?

F ur.

Perch cos mi piace.

Sim.
F ur.

Come ti piace? e duri in ruttarm i in faccia?

Sim.

Io

F ur.

E aggiungete d 'in v e rn o .

Il ru tto fa bene a me abbiate pazienza.

credo, o forca, che tu berresti in un ora quat


tro grasse vendemmie del monte Masso.

S in . Haud male mones. Sed dic tamen,


Unde onustam celocem agere te praedicem.
P se . Cum tuo, filio perpotavi modo.
Sed, Sim o, ut probe tactus Ballio esl!
Quae tibi dixi, ul ecfecta reddidi!
SiM.Deridts? Pessumus homo es!
P se .
Mulier haec feci
Cum tuo filio libera adeubet.
S im . Omnia, ut quidque egisti, ordine scio.
P se . Quid ergo dubitas dare m i argenluml
S im .
J us petis, faleo'r. Tene.
P se . A t negabas te daturum m ihi, tamen das. Onera
hunc hominenij
Atque me consequere hac.
S im .
lstunc ego onerem?
P se .
Onerabis, scio.
S im . Quid ego huic hom ini faciam? satin ullro argentum
auferlj et me inridel?
PsE.Vae victis! Forte igitur humerum. Hem!
B j l . Hoc ego nunquam ratus sum fore medj ul tibi fie
rem supplex.
HeUj eheu, heu!
P se .
Desine.
Bjl,
Doleo.
P se.
M doleres tu, ego dolerem.
B j l . Q uid?.hoc auferes nunc, Pseudole,
Abs tuo heroi
P s t\
Lubentissimo corde atque animo.

Sin.
F ur.

Tu non dici male. Ma pur tu dimmi donde ne


vieni cos pieno, che mi sembri una caracca.
Io ho trincato col figliuol vostro. Ma, o Simone,
non ben trafitto quel pollastrier Ballione! e non
vi ho io dato compiuto tutto quanto vi ho pro
messo?

Sim.

Mi di tu un po di giambo eh! Tu se la peggio

F ur .

ho fatto che questa donna la si trovasse col


vostro figliuolo.
Tutte per filo, e per segno le conosco le tue valenterie.
Perch adunque state in forse voi dal darmi lar
gento?
Tu chiedi il giusto, Io confesso, prendilo.
p u r voi duro a dirmi che non me l avreste da

cavezza del mondo.

Sin.
F ur .

Sin.
F ur.

Io

to: nulla di manco o ra me lo snocciolate voi, ca


ricatene questuomo e seguitemi da questa banda.

Sin
F ur .

Si.

F ur .
Bal.

F ur.

lo caricartelo?
E me lo caricherete di certo?
E che posso far io a costui? e non basta eli ei
si piglia in buona pace i quattrini e che mi dii
anche la burla?
Guai ai vinti! volgete le spalle, guardate. H cm !
Non sariami venuto in mente giammai eh' io avessi
a venir supplichevole davanti a te. Ohi, Ohi, Uhi !
Finiscila.

B al.

E me duole!

F ur .

Se non piangessi tu, piangerei io.

B al .

E che? o ra tei porti via, o F urbo, dal tuo padrone?

F ur.

Di tutta voglia, del miglior cuore del


VOL. IV. PLAUf.

m ondo.

33

B al . Non audes, quaeso, aliquam pariem graliam facere


hinc m i argentiti
J ' s e . Novi, dices me avidum esse hominem: nam hinc
nunquam eris num o divitior.
Neque te m ei tergi misereret, si hoc non hodie e f
fecissem.
B j l . Erit, ubi te ulciscar, si vivo/
Quid m inilarei Habeo tergum.
P se.
B j l . Age sane.
P se.
Jgilur redi.
B al.
Quid redeam?
P se .
Redi modo: non eris deceptus.
B jl . Redeo.
P se .
Sim ul mecum i potatum.
B jl .
Egone eaml
P se .
Fac, quod te jubeo.
S i is, aut dim idium aut plus etiam faxo hinc feres.
B jl.
Eo. Duc me, quo vis.
P se . Quid nunc? numquid iratus aut m ihi, aut filio
propter as res, Simo?
S im .
N il profecto.
P se . I hac.
B jl.
Te sequor. Quin vocas spectatores simul?
P s e . Hercle me isti haud solent. Ferum si adplaudere
Follis alque adprobare hunc gregem et fabulam , in
Crastinum vos vocabo.

B al.
F ur.

Bal.
F ur.
Bal.
F ur.
Bal.
F ur.
Bal.
F ur.
Bal.
F ur.
Bal.
F u r.

E non sci da tanto di partirne un po meco di


questo denaro?
Mei sol tu dirai eh io 'sono un taccagno, ma da
parte mia tu non ti fai ricco d un soldo. N tu
avresti avuto misericordia alle mie spalle se oggi
questo io non avessi compiuto.
Veramnai ben colpo da vendicarmi se avr vita.
Che minacele son queste? ho buona schiena.
Su adunque.
T orna qua.

A che fare?
Torna, non farai getto depassi.
Torno.

Vien meco a bere.


I o?

F a quello che t ordino: se vieni, far che ti si


dia, o la met o qual cosa di pi.
Vengo, conducimi dove vuoi.
E s o ra, o Simone, siete in collera meco voi,
col figliuolo p er questo?

Sun.

Niente affatto.

F ur.
Bal.
F ur.

Vien qua.
Ti seguo. Perch non chiami anche gli spettatori?
Questi no n fanno mai altrettanto con me. Ma se
volete voi applaudire, e approvar questa compa
gnia e questa favola, V invito per domani.

NOTE
(1) Questo prologo supposito: taluni

portano opinione

sia c s s q fattura di quell" Urceo Codro il quale fece


il supplemento aliAulularia. Vedi Voi. IH. pa
gina 306.
(2) Herbam, solslilialem de ea intellego, quae tempore
solstitii, noctc praesertim frigidiuscula., u t solet,
et rorulenta subnascitur, et postea a calore solis
diurni, qui tunc maxime saevit, m oritur, aut certe
languescit. Boxornio.
(3) Zcto e Amfione figliuoli di Giove, nati da Antiope,
legarono Dirce, cui Lieo aveva sposata, ad una
coda di bue, e Lieo uccisero.
(4) Cos corresse Lipsio. Ant. lectt. lib. IV. cap. 4. pag.
132. ed dAnversa 1575.

( 5)
(6) Sono stato colla correzione di Bothe.
(7)
(8) Male Angelio legge malortim.
(9) Assai qui discordano i testi. Io ho seguitato 1 Eusingero perch mi parve in questo luogo il migliore
tra gli schiaritori.
(10) Molti durano a leggere diobolarem.
(11) Alcune lezioni hanno conspicio.

INDICE

II P e r s i a n o ...................................................... * PagDedica dei P e r s i a n o .................................................


Lo S t i c o .......................................................................*
Dedica dello Stico
.................................................
............................................................
II Trinummo
Dedica dei T r i n u m m o ............................................
Lo Pseudulo ovvero il F u r b o .................................
Dedica del F u r b o ......................................................

8
^
123
-125
219
221
359
361