Sei sulla pagina 1di 420

PANFILO DI PAOLO

LE PAROLE DEL VANGELO


(DA ABB A ZIZZANIA)
UN PICCOLO DIZIONARIO DEI TERMINI DEI VANGELI E DINTORNI
551 VOCI
Nuova Versione Interamente riveduta e corretta
(GENNAIO 2014)
NOTA DELL'AUTORE
Il presente dizionario basato sulla mia personale ricerca
attraverso le opere dei seguenti autori citati
R. al-Adawiyya, D. Alighieri, ,G. Andreoli, A. DAosta, F. Armellini,
F. dAssisi, C. Augias, E. Balducci, G. Barbaglio, . Bart, !. Bello,
G. Bernanos,E. Bianchi, ". Bigiaretti, D. Bonhoe##er, G. Bosco, R. Brown,
$. Buber, G. Bush, !. di Calcutta, F. Camacho, %. C&mara,
'. Can(haracyra, G. Caramore, C. Carretto, B. Carucci )iterbi,
*. $. Castillo, G. Cellucci, +. Cinti, ". Ciotti, C. Collo,
F. F. Co,,ola, E. Coreth, '. Costan-o, .. Di ',inetoli, G. D/Anna,
F. De Andr0, 1. De Benedetti, !. De Chardin, G. Della 1ergola,
+. Diamanti, G. di 2issa. R. Di 'egni, F. Dostoe3s(i4, $. Ec(hart,
5. Eco, A. Einstein, F. Engels .A. Eschel, %-%. Esser, 1. Farinella,
'. Fausti, F. Ferrario, G. Filoramo, $. Fo6, '. Frigerio, A. Gallo,
$. Gandhi, R. Garaudy, D. Garota , D. Garrone, A. $. Gerard, G. Girardet,
*. $. Gon-ale--Rui-, A. Grillo, +gna-io +) di Antiochia, *. +3ory,
). *an(7l73itch, '. ier(egaard, $artin "uther ing, 1. le, R. "a )alle,
C. "ubich, R. "ullo, $. "utero, A. $aggi, B. $aggioni, R. $ancini,
). $ancuso, C. $. $artini, *. $ateos, 1. $a--olari, !. $erton,
'. $essina, ". $ilani, C. $olari *. $onod, G. $orselli, D. $8ller,
F. 2ardone, F. 2iet-sche, E. .lmi, $. .3adia, R. 1ani((ar, A. 1aoli,
R. 17re- $9r:ue- , E. 1eyretti, G. 1iana, Abb0 1ierre, '. 1iersanti,
". 1intor, 1latone, C. '. 1linio, Abba 1oemon, '. ;uin-io, . Rahner,
*. Rat-inger, G. Ra3asi, 1. Ricca, 1. Richer, 1. A. Robinson,
A. Roncalli, A. Rosso, *. $. Gon-ale--Rui-, <. 'altini, *. 'aramago,
E. 'cal#ari, ". 'ebastiani, =. 'ha(es,eare, B. ',ino-a, 1. 'te#ani,
!. G. '3etonio, C. !acito, A. !ellung, D. !ettaman-i, ". !urci,
!. DA:uino, D. $. !uroldo, G. )annucci, *. B. )ianney, . )ogt,
G. )on Rad, .. =ilde, E. =iesel, A. <arri, G. <i-ola, $. <undel.
tornata la gioia . Grazie, Francesco!
INDICE GENERALE
ABB.............................................................7
ABOMINIO della DESOLAZIONE..............7
ABRAMO......................................................7
ACCOGLIERE..............................................8
ACQUA.........................................................9
ACQUA VIVA..............................................10
AFFATICATO.............................................10
AGNELLO...................................................10
AGNELLO d DIO.......................................11
ALTISSIMO.................................................11
l!ALTISSIMO...............................................11
ALTO...........................................................1"
ALTRA RIVA...............................................1#
ALZARSI.....................................................1#
AMARE.......................................................1#
AMATO.......................................................1$
AMEN..........................................................1$
AMEN AMEN.............................................1$
AMMAESTRARE........................................1%
AMORE.......................................................1%
ANDREA.....................................................1&
ANGELO.....................................................17
ANGELO del SIGNORE............................."1
ANIMA........................................................"1
ANNA.........................................................."&
ANNUNCIARE..........................................."&
ANTIOCO IV E'IFANE............................."7
ANZIANI del 'O'OLO..............................."7
A'OCRIFO................................................."7
A'OSTOLI.................................................."8
A'OSTOLO.................................................#1
ARAM..........................................................#1
ARAMAICO.................................................#1
ARIMATEA.................................................#"
ARONITI....................................................#"
ASCOLTARE ( UDIRE...............................#"
ASIDEI........................................................##
ASMONEI...................................................##
ASSIRIA......................................................#$
AUGUSTO..................................................#$
AUTORIT.................................................#%
BARABBA...................................................#%
BATTESIMO...............................................#&
BATTESIMO d GES)...............................#&
l BATTESIMO d G*+a,, Ba--.-a..........#7
BATTESIMO CRISTIANO.........................#7
BATTESIMO ,ell* S'IRITO SANTO........#8
BATTEZZARE............................................$0
BATTISTA..................................................$0
BEATI..........................................................$1
BEATITUDINI............................................$1
l BENEDETTO..........................................$8
BENEDIRE (BENEDIZIONE....................$8
BETANIA....................................................$9
BETSIDA..................................................%0
BIBBIA........................................................%0
BISOGNA ( BISOGNAVA...........................%1
BOAN/RG0ES...........................................%1
BUONA NOTIZIA......................................%"
CAFARNAO................................................%"
CAIFA.........................................................%#
CANAAN.....................................................%#
CANANEI...................................................%$
CA'ANNE ( FESTA delle CA'ANNE........%$
CARISMA....................................................%%
CARNE........................................................%%
CASA...........................................................%&
CASO...........................................................%7
CIBO...........................................................%8
CIECO.........................................................%9
CIELI..........................................................&0
CIELO.........................................................&0
CIRCONCISIONE.......................................&1
CIRO...........................................................&"
CITT d DAVIDE......................................&"
COLOMBA..................................................&"
COL'A ( ERRORE.....................................&#
COM'ASSIONE ( MISERICORDIA (
'IET.........................................................&$
COM'IERE.................................................&7
CONDANNARE..........................................&7
CONFORTARE...........................................&8
CONOSCENZA...........................................&8
CONOSCERE.............................................&8
CONSEGNARE...........................................&9
CONSOLARE..............................................70
CONVERSIONE.........................................70
COR'O........................................................7"
COSCIENZA...............................................7#
COSTANTINO............................................7%
CREAZIONE...............................................7&
CREAZIONE NUOVA.................................77
CREDENTE................................................78
CREDERE...................................................79
CRESCERE e DIMINUIRE.......................80
CRISTO......................................................80
CRISTIANESIMO......................................80
CRISTIANO...............................................80
CROCE........................................................81
DARE GLORIA a DIO................................8#
DAVIDE......................................................8$
DEDICAZIONE..........................................8&
DEM1NIO..................................................8&
DENARO....................................................87
DE'ORRE..................................................88
DESERTO...................................................88
DESTINO...................................................89
DIAS'ORA.................................................89
DIAVOLO...................................................90
DIO..............................................................91
DIRITTI UMANI........................................9$
DISCE'OLA...............................................9&
DISCE'OLO...............................................9&
l DISCE'OLO AMATO..............................97
, DIS'ARTE..............................................97
DODICI.....................................................97
DONARE..................................................100
DONARSI.................................................100
DONNA.....................................................100
DONO.......................................................10#
DONO d DIO...........................................10$
DOTTORI della LEGGE...........................10$
DOVERE...................................................10$
EBRAICO..................................................10&
EBRAISMO...............................................10&
EBREI.......................................................108
ECCO........................................................108
EDOM.......................................................108
ELIA..........................................................109
ELLENISMO.............................................110
ELLENISTI...............................................110
ES'IAZIONE.............................................111
ESSENI......................................................111
EUCARESTIA............................................11#
EVANGELIZZARE...................................1"0
EVANGELO..............................................1"0
FARE.........................................................1"0
FARISEI....................................................1"0
FEDE.........................................................1""
FELICIT..................................................1"&
FESTIVIT EBRAIC0E...........................1"&
FICO..........................................................1"7
FIGLI de2l UOMINI................................1"7
FIGLI del MALIGNO................................1"8
FIGLI del 'ADRE.....................................1"8
FIGLI del REGNO....................................1"8
FIGLI della LUCE.....................................1"8
FIGLI dell!ALTISSIMO............................1"8
FIGLI d ABRAMO...................................1"9
FIGLI d DIO............................................1"9
FIGLI d ISRAELE....................................1"9
FIGLI d ZEBEDEO..................................1"9
FIGLIA d ABRAMO.................................1#0
FIGLIA d SION........................................1#0
FIGLIE d GERUSALEMME....................1#0
FIGLIO......................................................1#0
FIGLIO del FALEGNAME........................1#1
FIGLIO della 'ACE...................................1#1
FIGLIO della 'ERDIZIONE.....................1#1
FIGLIO dell!ALTISSIMO..........................1#"
FIGLIO dell!UOMO..................................1#"
FIGLIO d ABRAMO................................1##
FIGLIO d DAVIDE..................................1#$
FIGLIO d DIO..........................................1#$
FIGLIO d GIUSE''E..............................1#%
FIGLIO d MARIA....................................1#%
FILATTERI...............................................1#&
FILI''O....................................................1#&
FILISTEA..................................................1#7
FILISTEI...................................................1#7
FLAGELLARE...........................................1#7
la FOLLA ( le FOLLE ( la GENTE ( l
'O'OLO ( la MOLTITUDINE.................1#8
FORZA......................................................1#8
FRATELLI del SIGNORE.........................1#8
FRATELLO...............................................1#8
GALILEA...................................................1#9
GALILEI...................................................1$0
GARIZIM..................................................1$0
GE/NNA...................................................1$1
GENERARE..............................................1$"
GENERATO da DIO.................................1$"
GENERAZIONE.......................................1$#
GENITORI................................................1$#
GERICO....................................................1$#
GERUSALEMME.....................................1$$
GES).........................................................1$%
GES) CRISTO..........................................1$7
GETS/MANI............................................1$9
GETTARE FUORI ( CACCIARE FUORI. 1$9
G0EMAR0............................................1%0
GIACOBBE...............................................1%0
GIACOMO.................................................1%1
GIARDINO................................................1%1
GIOIA........................................................1%"
GIORDANO..............................................1%#
GIORNO....................................................1%#
l GIORNO del GIUDIZIO........................1%#
l GIORNO del SIGNORE.........................1%$
l GIORNO d GES).................................1%$
GIORNO ( l 'RIMO GIORNO della
SETTIMANA.............................................1%$
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 2
GIORNO ( l! 3l-4* GIORNO..................1%$
GIORNO ( l TERZO GIORNO................1%%
GIORNO ( l SESTO GIORNO.................1%%
GIORNO ( l! OTTAVO GIORNO..............1%%
GIORNO ( QUEL GIORNO......................1%%
GIOVANNA...............................................1%&
GIOVANNI................................................1%&
GIOVANNI A'OSTOLO...........................1%&
GIOVANNI l BATTISTA..........................1%&
GIUDA.......................................................1%7
GIUDA5 l 6a-7a78a 99l8*.......................1%7
GIUDA de VANGELI.............................1%8
GIUDA ISCARIOTA.................................1%8
GIUDAISMO............................................1&0
GIUDEA....................................................1&0
GIUDEI......................................................1&1
GIUDEO:CRISTIANI...............................1&#
GIUDICE...................................................1&#
GIUDIZIO.................................................1&#
GIUSE''E................................................1&$
GIUSTIZIA................................................1&%
GLORIA....................................................1&8
Da7e GLORIA a DIO.................................1&8
GLORIA d DIO........................................1&9
GLORIA d GES).....................................1&9
GLORIA UMANA.....................................170
GLORIFICARE.........................................170
GNOSI ( GNOSTICISMO.........................171
G1LGOTA.................................................17"
GRAZIA.....................................................17"
la GRAZIA e la VERIT............................17#
GRAZIA .3 GRAZIA.................................17#
GREGGE...................................................17#
GRIDARE..................................................17$
GUAI.........................................................17$
GUARIRE..................................................177
0AGGAD0.............................................178
0ALA;0................................................179
0AMAREZ................................................179
IDUMEA...................................................180
INARIDITO..............................................180
INCARNAZIONE......................................181
INFERNO.................................................18"
INIZIO......................................................18#
INSEGNAMENTO....................................18#
INSEGNARE ( AMMAESTRARE............18$
INVIARE...................................................18%
IO SONO...................................................18&
IOTA..........................................................187
ISAIA.........................................................187
ISRAELE...................................................188
ISRAELITI................................................188
ISRAELIANI.............................................188
ISSO'O.....................................................188
<0=0.......................................................189
LAGO d GENN/SARET..........................189
LAICO.......................................................189
LA'IDARE................................................190
LAZZARO..................................................191
LEBBRA....................................................191
LEBBROSO...............................................191
LEGGE......................................................19"
LEGGE e 'ROFETI..................................19&
LETTO.......................................................19&
LEVI..........................................................197
LEVIRATO................................................197
LEVITI......................................................198
LIBERARE................................................198
LIBERAZIONE.........................................199
LIBERI....................................................."00
LIBERO ARBITRIO................................."01
LIBERT.................................................."0"
LIT1STROTO.........................................."0%
LUCE........................................................"0%
LUOGO....................................................."0&
MACCABEI..............................................."07
MADDALENA5 MARIA d MAGDALA5 de--a
la MADDALENA......................................"07
MADRE...................................................."09
MAESTRO................................................"09
MAGDALA................................................"11
MAMMONA.............................................."11
MANDARE................................................"1"
MANNA....................................................."1"
MANTELLO.............................................."1#
MARE........................................................"1$
MARE d BRONZO..................................."1%
MARE d GALILEA..................................."1%
MARE d ;INNERET ( d C0INAR1T. . ."1%
MARE d TIBERIADE.............................."1%
MAR MORTO..........................................."1%
MARITO...................................................."1%
MARTA....................................................."1&
MASORETI..............................................."17
MATRIMONIO........................................."17
MATRIMONIO EBRAICO........................"17
MEMORIA ( MEMORIALE....................."18
MENOR0..............................................."19
MESSIA....................................................."19
MIDRAS0................................................""0
MI;V/......................................................""1
MIRACOLO..............................................""1
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 3
MIRRA......................................................""$
MISERICORDIA......................................""$
MIS0N0................................................""$
MITE ( MITEZZA....................................""%
MOAB.......................................................""7
MOLTITUDINE.......................................""8
MONDO...................................................""8
MONTE...................................................."#0
MONTE de2l ULIVI................................"#0
MONTE SION.........................................."#0
MORMORARE........................................."#0
MORTE....................................................."#1
MOS/........................................................"#1
NARDO....................................................."##
NATANAELE............................................"##
NAZARENO............................................."##
NAZARET................................................."#$
NAZOREO................................................"#%
NICODEMO............................................."#%
NOME......................................................."#&
NOTTE......................................................"#7
NOZZE......................................................"#7
NUMERI >S49*l*2a de ,34e7?........."#9
NUOVO...................................................."$0
OBBEDIRE..............................................."$1
ONNI'OTENTE......................................."$#
O'ERA ( O'ERE....................................."$$
O'ERA ( O'ERE d DIO........................."$%
O'ERE del CRISTO................................."$&
O'ERAI...................................................."$&
O'ERARE................................................."$7
O'ERATORI d 'ACE.............................."$7
O'ERATORI d INGIUSTIZIA................"$7
O'ERE BUONE......................................."$8
O'ERE d ABRAMO................................"$8
O'ERE d SCRIBI e FARISEI.................."$9
O'ERE MALVAGIE................................."$9
O'ERE 6@ GRANDI..............................."$9
ORA ( l!ORA............................................."%0
ORFANI...................................................."%0
OSEA........................................................"%0
'ACE........................................................."%1
'ADRE......................................................"%"
l 'ADRE della MENZOGNA..................."%#
'ADRE MIO............................................."%#
'ADRE NOSTRO....................................."%$
'ADRI......................................................."%8
'AGANI...................................................."%8
'ALESTINA.............................................."%9
'ARABOLA.............................................."%9
'ARCLITO............................................."&0
'ARADISO................................................"&1
'ARASCEVE............................................"&"
'AROLA..................................................."&"
'ASQUA..................................................."&#
'ASTORE................................................."&%
'AURA....................................................."&&
'ECCATI.................................................."&&
'ECCATO................................................."&&
'ECCATO del MONDO............................"70
'ECCATO ORIGINALE............................"71
'ECORE..................................................."7$
'ENTECOSTE.........................................."7$
'ERDONARE..........................................."7%
'ERDONO................................................"7&
'IEDI........................................................"79
'IET......................................................."80
'IETRA...................................................."80
'IETRO....................................................."81
'ILATO....................................................."8"
'ISCINA..................................................."8#
'ISCINA d BETZAT * BETSAIDA......."8$
'ISCINA d SILOE..................................."8$
'O'OLO..................................................."8$
'ORTENTO.............................................."8$
'OTENZA................................................."8$
'OTERE..................................................."8%
'OVERI...................................................."87
'OVERI , S'IRITO................................"91
'OVERT................................................."9"
'REDESTINAZIONE..............................."9"
'REDICARE............................................."9#
'REDICAZIONE......................................"9$
'REGARE................................................."9$
'REG0IERA............................................"97
'REG0IERA d GES)............................."98
'RESBITERO..........................................."99
'RETE......................................................"99
'RETORIO...............................................#00
'RIMOGENITO.......................................#00
'RINCI'IO..............................................#00
'ROCLAMARE........................................#00
'RODIGIO................................................#01
'ROFETA.................................................#01
'ROFETARE ( 'ROFETIZZARE............#0#
'ROFETESSA..........................................#0#
'ROS/LITO.............................................#0#
'ROVVIDENZA.......................................#0$
'UBBLICANO..........................................#0%
'URGATORIO.........................................#07
'URIFICAZIONE....................................#08
'URO........................................................#09
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 4
RABBA.......................................................#09
RABBINO.................................................#10
RABBUNA.................................................#10
RAC0ELE..................................................#11
RADDRIZZARE........................................#11
RE..............................................................#11
RE de GIUDEI..........................................#11
RE d!ISRAELE..........................................#1"
REDENZIONE..........................................#1"
REDIMERE..............................................#1"
REGINA del SUD......................................#1"
REGNARE.................................................#1#
REGNI del MONDO.................................#1#
REGNO.....................................................#1#
REGNO de CIELI....................................#1#
REGNO del NORD...................................#1$
REGNO d DAVIDE..................................#1$
REGNO d DIO.........................................#1$
REGNO d GES).....................................#"0
REGNO d GIUDA....................................#"1
REGNO d!ISRAELE..................................#"1
RESURREZIONE.....................................#""
RICC0EZZA.............................................#"7
RICCO.......................................................#"9
RISCATTARE...........................................#"9
RISCATTO................................................##0
ROCCIA....................................................##"
SABATO....................................................##"
SACERDOTE............................................##$
SACRIFICIO.............................................##7
SACRO......................................................#$0
SADDUCEI...............................................#$0
SADOCITI.................................................#$1
SALVARE..................................................#$1
SALVATORE............................................#$#
SALVEZZA...............................................#$$
SAMARIA.................................................#$%
SAMARITANA.........................................#$%
SAMARITANO.........................................#$%
SANGUE...................................................#$&
SANGUE ( CARNE e SANGUE...............#$7
SANGUE ( VERSARE l SANGUE...........#$7
SANTI.....................................................#$7
SANTIFICARE.........................................#$8
SANTO......................................................#$8
l SANTO..................................................#$8
l SANTO de SANTI................................#$8
l SANTO d DIO......................................#$8
l SANTO d ISRAELE..............................#$9
l SANTO S'IRITO...................................#$9
SANTUARIO............................................#$9
SATANA...................................................#$9
SCACCIARE.............................................#$9
SCACCIARE dalla SINAGOGA................#%0
SCENDERE..............................................#%0
SCOMUNICA...........................................#%0
SCRIBI......................................................#%1
la SCRITTURA ( le SCRITTURE.............#%"
SEGNI de TEM'I....................................#%"
SEGNI e 'RODIGI...................................#%"
SEGNO......................................................#%#
SEGNO dal CIELO...................................#%$
SEGNO d GIONA....................................#%$
SELEUCIDI..............................................#%%
SENO........................................................#%%
SE'OLCRO * TOMBA.............................#%%
SER'ENTE...............................................#%&
SERVA......................................................#%&
SERVIRE..................................................#%7
SERVO ( FIGLIO ( RAGAZZO................#%8
SERVO ( SERVITORE.............................#%9
SERVO del SIGNORE..............................#%9
SERVO ( SC0IAVO..................................#%9
SETTANTA...............................................#&0
S0ALOM...................................................#&1
S0E1L......................................................#&1
SICAR.......................................................#&"
SIC0EM...................................................#&"
SIGNORE.................................................#&"
SIGNORE5 SIGNORE..............................#&#
SALOE.......................................................#&$
SIMONE de--* 'IETRO...........................#&$
SIMONE d CIRENE................................#&&
SIMONE l CANANEO.............................#&&
SIMONE l FARISEO...............................#&&
SIMONE l FRATELLO d Ge.@..............#&&
SIMONE l LEBBROSO...........................#&7
SIMONE ISCARIOTA..............................#&7
SIMONE l* ZELOTA................................#&7
SINAGOGA...............................................#&7
SINAGOGA ( ES'ULSI * CACCIATI dalla
SINAGOGA..............................................#&8
SINAGOGA ( GES) e la SINAGOGA......#&9
SINDONE.................................................#&9
SINEDRIO................................................#&9
SOMMI SACERDOTI...............................#70
SOMMO SACERDOTE.............................#71
CA'I de SACERDOTI............................#71
SORELLE del SIGNORE..........................#71
S'IRARE...................................................#71
S'IRITO...................................................#7"
S'IRITO IM'URO ( S'IRITO IMMONDO
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 5
...................................................................#7#
S'IRITO SANTO ( S'IRITO d DIO (
S'IRITO del SIGNORE (S'IRITO del
'ADRE......................................................#7#
S'IRITO ( l* S'IRITO d VERIT..........#7$
S'IRITO e VERIT..................................#7%
S'IRITO ( NATO dall* S'IRITO............#7%
S'IRITO ( La BESTEMMIA CONTRO l*
S'IRITO...................................................#7&
TALMUD..................................................#7&
TARGUM..................................................#77
TEM'IO....................................................#77
TEM'IO ( SANTUARIO..........................#79
TEM'O.....................................................#80
TENEBRA................................................#80
TESTIMONI.............................................#8"
TESTIMONIANZA ( TESTIMONIARE. .#8"
T0AN0..................................................#8#
TIBERIADE..............................................#8$
TIMORE...................................................#8$
TOMBA.....................................................#8&
TOMMASO...............................................#8&
TOR0.....................................................#87
TOR0 ORALE.......................................#89
TRADIRE.................................................#90
TRATTINO...............................................#90
TRINIT...................................................#90
TROVARE.................................................#91
TUNICA....................................................#9"
UDIRE......................................................#9"
ULTIMI GIORNI ( ULTIMI TEM'I.......#9"
ULTIMO GIORNO...................................#97
UNIGENITO ( 'RIMOGENITO..............#97
UOMO......................................................#98
UOMO IM'URO......................................$00
VANGELI..................................................$01
VANGELI A'OCRIFI...............................$01
VANGELO................................................$0"
VEDERE...................................................$0$
VEDOVE...................................................$0&
VERBO.....................................................$0&
VERBO INCARNATO..............................$0&
VERIT....................................................$08
VERIT ( S'IRITO della VERIT..........$10
VERIT ( S'IRITO e VERIT.................$11
VERIT ( GRAZIA e VERIT..................$11
I, VERIT................................................$1"
I, VERIT5 , VERIT............................$1"
VINO.........................................................$1"
VITA..........................................................$1"
VITA ETERNA..........................................$1#
VULGATA.................................................$1&
BOM ;I''UR...........................................$1&
ZEBEDEO.................................................$17
ZELOTI.....................................................$17
ZIZZANIA.................................................$18
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 6
ABB ABB
un termine onomatopeico infantile per rivolgersi al padre, famigliare ed affettuoso, privo di quell'alone di
autoritarismo che il concetto di padre aveva in quella cultura, con un calore quasi materno. Il termine
aramaico deriva da ab, padre, significa il padre da cui si nati; la stessa confidenza con la madre indicata
dalla parola aramaica imm, da em, madre, che per usata anche per gli animali.
impensabile per un ebreo rivolgersi a Dio con famigliarit, anche se talora, nelle scritture, Dio
chiamato!"adre#. Infatti, anche in $iovanni %,&', nello scontro tra $es( e i $iudei sulla discendenza
abramitica, le autorit religiose !Gli risposero allora: Noi non siamo nai da prosi!"ione# a$$iamo !n
solo padre: Dio%)#.
Abb si trova una sola volta nei vangeli in bocca a $es(, in *arco '&,+,- !&$$'% Padre% (!o ) possi$ile a
e: allonana da me *!eso +ali+e% Per, non +i, +-e voglio io. ma +i, +-e v!oi !#, per indicare il suo
rapporto unico con !il "adre# come fonte della vita. a prima di *arco, l.apostolo "aolo aveva ripreso le
parole del /risto, riferendole a chi, accolto il dono dello 0pirito, divenuto figlio di Dio a pieno titolo-
!/nfai !i *!elli +-e sono g!idai dallo 0pirio di Dio. *!esi sono figli di Dio1 2 voi non avee ri+ev!o
!no spirio da s+-iavi per ri+adere nella pa!ra. ma avee ri+ev!o lo 0pirio +-e rende figli adoivi. per
me""o del *!ale gridiamo: &$$'% Padre%31 Lo 0pirio sesso. insieme al nosro spirio. aesa +-e siamo
figli di Dio1 2 se siamo figli. siamo an+-e eredi: eredi di Dio. +oeredi di 4riso. se davvero prendiamo pare
alle s!e sofferen"e per pare+ipare an+-e alla s!a gloria# 12omani %,'&3'45.
6edi anche "7D28.
Torna all'indice generale
ABOMINIO ABOMINIO della della DESOLAZIONE DESOLAZIONE
Il termine !abominio della desolazione# o !sacrilego devastatore# o !sacrilegio devastante#, esprime l'orrore
e il disprezzo per ogni azione che profani la santit di un luogo. In particolare indica il sacrilegio perpetrato
nella casa di Dio, il 9empio di $erusalemme, e l'impurit che ne derivava, raccontate in Daniele ':,''. 9ra le
visioni di Daniele c' anche la profezia su 7ntioco I6 8pifne 1'4;3',&5, re di 0iria e dunque della $iudea,
discendente di 0eleuco I, generale di 7lessandro *agno, che si faceva chiamare epiphnes ossia
manifestazione dello splendore di <eus in terra, ma che era soprannominato epinmes, pazzo. 8gli nel ',4 a.
/., profan il 9empio e il 0anto dei 0anti, impose ai giudei il culto di <eus =limpio, erigendo, sull'altare
degli olocausti, una statua $iove, proibendo la religione ed i riti giudaici ed ordinando di distruggere i libri
della >egge, sotto pena di morte. /i provoc la violenta rivolta dei *accabei guidati dal sacerdote *attatia
e poi dal figlio $iuda *accabeo che, dopo la riconquista $erusalemme, nello stesso giorno del ',& a. /.
purific il tempio e ricostru? l'altare offrendo sacrifici 1'*accabei ',;& e &,&;3;+5.
*a forse, *atteo e *arco si riferiscono a quando 1nel &@ d. /.5 /aligola, figlio di $ermanico e nipote di
9iberio, ordin a "etronio, governatore della 0iria, di far innalzare nel 9empio una sua statua, provocando
una furibonda reazione popolare.
Torna all'indice generale
ABRAMO ABRAMO
$li ebrei rimpatriati dalla cattivit babilonese tentarono di darsi un.identit su cui fondare la nuova nazione.
e il libro del $enesi, uno scritto tardivo 163I6 secolo a./.5 che vuole, attraverso immagini e simboli,
raccontare gli inizi dell.umanit, e non una cronaca di avvenimenti reali.
Il racconto mitico del $enesi, dalla fine del capitolo '', vuole ricostruire la nascita del popolo ebraico
descrivendo la vita di 7bramo, discendente diretto di Ao, di 0em e di 8ber, partendo da antichi racconti
mitici tramandati oralmente tra le trib( beduine del medio oriente.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 5
7lla morte del padre 9erach, un costruttore di idoli, 7bramo lascia Br, nella bassa *esopotamia, con 0ara, la
moglie sterile, e il nipote >ot e migra verso occidente fino alla terra di /anaan, dove, secondo il racconto,
Dio lo aveva condotto perchC ne prendesse possesso- !/l 0ignore disse ad &$ram: Vaene dalla !a erra.
dalla !a parenela e dalla +asa di !o padre. verso la erra +-e io i indi+-er,1 6ar, di e !na grande
na"ione e i $enedir,. render, grande il !o nome e possa ! essere !na $enedi"ione1 7enedir, +oloro +-e i
$enediranno e +oloro +-e i malediranno maledir,. e in e si diranno $enedee !e le famiglie della erra31
&llora &$ram par8. +ome gli aveva ordinao il 0ignore. e +on l!i par8 Lo1 &$ram aveva seana+in*!e anni
*!ando las+i, 4arran1 &$ram prese la moglie 0ar'i e Lo. figlio di s!o fraello. e !i i $eni +-e avevano
a+*!isai in 4arran e !e le persone +-e l8 si erano pro+!rae e si in+amminarono verso la erra di
4anaan1 &rrivarono nella erra di 4anaan e &$ram la aravers, fino alla lo+ali' di 0i+-em. presso la
9!er+ia di :ore1 Nella erra si rovavano allora i 4ananei1 /l 0ignore apparve ad &$ram e gli disse: &lla
!a dis+enden"a io dar, *!esa erra31 &llora &$ram +osr!8 in *!el l!ogo !n alare al 0ignore +-e gli era
apparso# 1$enesi ':, '345. Il libro poi, per accentuare il legame con la terra promessa, narra l.incontro con
*elchisedeD, il re sacerdote di 0alem, la futura $erusalemme.
>a Eibbia narra come egli avesse piena fiducia in Dio, ma certo che si faceva aiutare da 7gar, la schiava di
0ara, per avere un figlio. *a Dio mantiene le sue promesse e da 0ara, ormai vecchia, nasce Isacco, dal quale
pu iniziare la discendenza promessa, con $iacobbe3Israele e i suoi figli- !9!ando &$ram e$$e novananove
anni. il 0ignore gli apparve e gli disse: /o sono Dio l;<nnipoene: +ammina davani a me e sii inegro1
Porr, la mia allean"a ra me e e e i render, molo. molo n!meroso31 0!$io &$ram si prosr, +on il viso a
erra e Dio parl, +on l!i: 9!ano a me. e++o. la mia allean"a ) +on e: divenerai padre di !na moli!dine
di na"ioni# 1$enesi '4,'3&5.
Bn altro punto focale del racconto la richiesta divina di sacrificare il suo unico figlio- !Dopo *!ese +ose.
Dio mise alla prova &$ramo e gli disse: &$ramo%31 =ispose: 2++omi%31 =iprese: Prendi !o figlio. il !o
!nigenio +-e ami. /sa++o. va; nel erriorio di :,ria e offrilo in olo+a!so s! di !n mone +-e io i
indi+-er,31 &$ramo si al", di $!on maino. sell, l;asino. prese +on s> d!e servi e il figlio /sa++o. spa++, la
legna per l;olo+a!so e si mise in viaggio verso il l!ogo +-e Dio gli aveva indi+ao# 1$enesi ::,'3+5. 1F5
!4os8 arrivarono al l!ogo +-e Dio gli aveva indi+ao# *!i &$ramo +osr!8 l;alare. +ollo+, la legna. leg, s!o
figlio /sa++o e lo depose s!ll;alare. sopra la legna1 Poi &$ramo sese la mano e prese il +olello per
immolare s!o figlio1 :a l;angelo del 0ignore lo +-iam, dal +ielo e gli disse: &$ramo. &$ramo%31 =ispose:
2++omi%31 L;angelo disse: Non sendere la mano +onro il raga""o e non fargli niene% <ra so +-e ! emi
Dio e non mi -ai rifi!ao !o figlio. il !o !nigenio31 &llora &$ramo al", gli o++-i e vide !n ariee.
impigliao +on le +orna in !n +esp!glio1 &$ramo and, a prendere l;ariee e lo offr8 in olo+a!so inve+e del
figlio1 &$ramo +-iam, *!el l!ogo /l 0ignore vede3# per+i, oggi si di+e: 0!l mone il 0ignore si fa vedere3#
1$enesi ::,G3'&5.
Huesto racconto, apparentemente insensato, inaccettabile per la nostra mentalit neo testamentaria, acquista
un senso se si fa riferimento al testo ebraico, nel quale si parla di Elohim 1il nome plurale degli dei cananei,
cui si sacrificano i figli primogeniti5 che chiede ad 7bramo di sacrificargli il figlio, e il Dio unico 1 Jahv5
che invece lo rifiuta.
Torna all'indice generale
ACCOGLIERE ACCOGLIERE
l verbo !accogliere# indica, per il cristiano, il comportamento che deve avere il credente verso Dio, che non
va cercato o ricevuto, ma accolto. >o stesso vale per $es(, la "arola che il "adre ci invia- ?Venne fra la s!a
gene. ma i s!oi non l;-anno a++olo1 & *!ani per, l;-anno a++olo. -a dao poere di divenare figli di Dio@
1$iovanni ',''3':5.
*a lo stesso termine greco usato per dire !accogliere#, viene anche tradotto con !prendere# o !catturare# in
$iovanni '%,': 1&llora i soldai. +on il +omandane e le g!ardie dei Gi!dei. +a!rarono GesA. lo legarono5.
*arco, da parte sua, spiega che ascoltare e accogliere la "arola non sufficiente, perchC occorre portare
frutto- /l seminaore semina la Parola1 9!elli l!ngo la srada sono +oloro nei *!ali viene seminaa la
Parola. ma. *!ando l;as+olano. s!$io viene 0aana e pora via la Parola seminaa in loro1 9!elli seminai
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo B
s!l erreno sassoso sono +oloro +-e. *!ando as+olano la Parola. s!$io l;a++olgono +on gioia. ma non
-anno radi+e in se sessi. sono in+osani e *!indi. al sopraggi!ngere di *!al+-e ri$ola"ione o perse+!"ione
a +a!sa della Parola. s!$io vengono meno1 &lri sono *!elli seminai ra i rovi: *!esi sono +oloro +-e
-anno as+olano la Parola. ma sopraggi!ngono le preo++!pa"ioni del mondo e la sed!"ione della ri++-e""a
e !e le alre passioni. soffo+ano la Parola e *!esa rimane sen"a fr!o1 &lri an+ora sono *!elli seminai
s!l erreno $!ono: sono +oloro +-e as+olano la Parola. l;a++olgono e porano fr!o: il rena. il sessana. il
+eno per !no3 1&,'&3:@5. =ssia occorre accogliere, nel senso di ricevere la Euona Aotizia portata da $es(
ma anche farla fiorire in gesti d.amore gratuito e illimitato, nonostante i limiti posti dalla nostra finitezza,
dagli errori, dai condizionamenti della famiglia e della societ, ma anche della religione.
>o stesso *arco espone con chiarezza come dobbiamo accogliere il 6angelo- !Gi!nsero inano a 4af'rnao1
2 *!ando f! in +asa. +-iese loro: Di +-e +osa savae dis+!endo l!ngo la viaC31 2d essi a+evano1 Per la
via infai avevano dis+!sso ra loro +-i fosse il piA grande1 &llora. sed!osi. +-iam, i Dodi+i e disse loro:
0e !no v!ol essere il primo. sia l;!limo di !i e il serviore di !i31 2. preso !n $am$ino. lo pose in
me""o a loro e a$$ra++iandolo disse loro: 4-i a++oglie !n $am$ino nel mio nome. a++oglie me# +-i
a++oglie me. non a++oglie me. ma +ol!i +-e mi -a mandao3# 1G,++3+45, e I/n veri' vi di+o: 4-i non
a++oglie il regno di Dio +ome l;a++oglie !n $am$ino. non vi enrer'# 1'@,';5.
Il verbo !accogliere# ha anche il senso di !ospitare#- usato nell.episodio di <accheo 1>uca 'G,,5 e in quello
delle sorelle di >azzaro 1>uca '@,+%5, ma soprattutto il verbo di *aria nella sua perfezione di madre
diventata la discepola perfetta- ?:aria ) i+ona dellDa++oglien"a per+-> non nas+e +on !na sani' gi' prona
per lD!so. non -a +apio !o sin dal prin+ipio. ma +ammina nella fede a++eando !na lena rivela"ione
araverso il empo e i segni. +ome ogni alra +rea!ra !mana# +onservando nel +!ore E +ome di+e a d!e
riprese L!+a nel +apiolo d!e E an+-e *!ello +-e non ries+e a +omprendere@ 1>ilia 0ebastiani5.
Torna all'indice generale
ACQUA ACQUA
Hdr in greco, mentre il recipiente che la contiene hudria, giara o anfora che sia. *a nel rito battesimale
del Eattista, in *arco e $iovanni, viene usato il termine potams, fiume.
In quella terra riarsa l'acqua pi( che mai simbolo di vita; ma gli ebrei, che non era un popolo di navigatori,
temeva l'immensa distesa d'acqua del mare ed era terrorizzato di poter morire senza la sepoltura in terra
d'Israele e quindi di essere escluso dalla resurrezione.
"er questo l'acqua, nella Eibbia ebraica, ha un triplice valore-
- 1) l.elemento essenziale nei riti purificatori della religione ebraica;
- 2) il segno della vita che Dio offre ai suoi figli. cos? simboleggiato nelle parole di $eremia :,'+- !2ssi
-anno a$$andonao me. sorgene di a+*!a viva. per s+avarsi +iserne s+repolae. +-e non engono lDa+*!a I;
oppure in quelle del 0almi ,&,'G- I(! visii la erra e la disseiI;
- 3) segno di morte e distruzione, segno del nulla, del caos o delle forze avverse all.uomo che solo Dio pu
governare, delle grandi acque del diluvio. scritto in $iobbe +%,%3''- !4-i -a +-i!so ra d!e pore il mare.
*!ando !s+iva impe!oso dal seno maerno. *!ando io lo vesivo di n!$i e lo fas+iavo di !na n!vola os+!ra.
*!ando gli -o fissao !n limie. e gli -o messo +-iavisello e d!e pore di+endo: 6in *!i gi!ngerai e non
olre e *!i s;infranger' l;orgoglio delle !e onde3J#.
Ael vangelo di $iovanni, invece, l'acqua ha un triplice diverso significato-
1) simbolo dello 0pirito 0anto sia nell'episodio della samaritana, sia nell'acqua e sangue usciti dal costato di
/risto sulla croce;
2) simbolo di rinascita dall'alto dell'uomo nuovo nell'episodio di Aicodemo che $es( ha invitato a rinascere
da Ia+*!a e da 0pirioI;
3) simbolo, nell'episodio nozze di /ana, dell'antico Israele 1l.infedele sposa di Dio5 che non ha vino- $es(
trasforma l'acqua in buon vino, perchC non l.obbedienza alla >egge, ma l'amore il giusto rapporto tra Dio e
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo F
il suo popolo.
Torna all'indice generale
ACQUA VIVA ACQUA VIVA
"i( volte nella Eibbia, la fresca acqua corrente chiamata !acqua viva#.
In $iovanni &,'@3'&, nell'episodio della samaritana, l'acqua sorgiva viene contrapposta all'acqua del pozzo-
IGesA le rispose: 0e ! +onos+essi il dono di Dio e +-i ) +ol!i +-e i di+e: GDammi da $ere%G. ! sessa
gliene avresi +-ieso ed egli i avre$$e dao a+*!a viva31 Gli disse la donna: 0ignore. ! non -ai !n me""o
per aingere e il po""o HphrearI ) profondo# da dove -ai d!n*!e *!es;a+*!a vivaC 0ei ! forse piA grande
del nosro padre Gia+o$$e. +-e +i diede *!eso po""o e ne $evve l!i +on i s!oi figli e il s!o $esiameC31 Le
rispose GesA: 4-i!n*!e $eve di *!es;a+*!a avr' di n!ovo see# inve+e +-i $eve dell;a+*!a +-e io gli dar,.
non avr' mai piA see1 &n"i. l;a+*!a +-e io gli dar, divener' in l!i !na sorgene HpeghI di a+*!a +-e
"ampilla per la via eerna3I.
Torna all'indice generale
AFFATICATO AFFATICATO
$es( affaticato 1il verbo greco opiao5 in $iovanni &,, presso il pozzo di $iacobbe- !GesA d!n*!e.
affai+ao per il viaggio. sedeva presso il po""o1 2ra +ir+a me""ogiorno#.
7nche le folle, in *atteo '',:%, sono affaticate per il peso del !giogo#, come chiamata la >egge- KVenie a
me. voi !i +-e siee affai+ai e oppressi e io vi dar' risoro). 0ono I>e folle affrante dalla fatica di vivereI
diceva 9onino Eello, lo scomodo vescovo di *olfetta.
Bn termine diverso usato in *arco ,,&% 1Vedendoli per, affai+ai nel remare poi+-> avevano il veno
+onrario. s!l finire della noe and, verso di loro +amminando s!l mare. e voleva olrepassarli5 dove
scritto che i discepoli erano !provati dallo sforzo# di remare.
Torna all'indice generale
AGNELLO AGNELLO
Il termine usato da $iovanni all.inizio del suo vangelo, quando chiama $es( !agnello di Dio# e, alla fine,
quando $es( invita 0imone "ietro a prendersi cura dei suoi agnelli.
/ompare anche in >uca '@,+- !&ndae: e++o. vi mando +ome agnelli in me""o a l!pi# ma nel brano
corrispondente di *atteo '@,', che invece dice pecore- !2++o: io vi mando +ome pe+ore in me""o a l!pi#
siae d!n*!e pr!deni +ome i serpeni e sempli+i +ome le +olom$e#.
In greco agnello si dice in pi( modi 1amns, arn o anche arn!on. che il diminutivo di arn5. "ecora
invece prbon, come ricorda il nome della porta di $erusalemme detta !delle pecore# o ! probtica #, citata
nel vangelo di $iovanni all'inizio del capitolo 6, nell'episodio della drammatica guarigione, nel giorno di
sabato, del paralitico nella piscina di Eetzat.
>a parola !agnello# porta alla memoria, nella Eibbia, tre figure-
1) >a prima figura quella del servo sofferente di LMNM descritto 3 in Isaia ;+,4 3 come una vittima
sacrificale che si d liberamente ai suoi carnefici. Il servo anonimo di Isaia, raffigurato come un agnello
1:alraao. si las+i, !miliare e non apr8 la s!a $o++a# era +ome agnello +ondoo al ma+ello. +ome pe+ora
m!a di frone ai s!oi osaori. ma non apr8 la s!a $o++a5, l'immagine dell'uomo senza colpa, che accetta
umiliazioni, sofferenze e morte ed offre se stesso in espiazione dei peccati Idi moltiI, consegnandosi muto ai
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 10
suoi carnefici. *a l'idea che qualcuno debba pagare per le colpe di altri sembra un pensiero legato ad una
visione ancora troppo umana della divinit- ?/l 0ignore fe+e ri+adere s! di l!i lDini*!i' di noi !iI 1;+,%5.
>'immagine di $es( che muore perchC il "adre vuole dal Oiglio una riparazione per perdonare i peccati degli
uomini mi sembra blasfema, eppure ha ancora tanti fervidi e convinti seguaci. $es( morto solo per ragioni
umane, vittima del potere oppressore e del fanatismo religioso, perchC il giusto, in un mondo ingiusto, desta
avversione ed odio.
2) >a seconda immagine quella del vangelo di $iovanni che vede in $es( l'agnello pasquale che *os
ordina di uccidere e mangiare 18sodo ':5, senza spezzarne le ossa, nella notte dell'esodo; la sua carne
arrostita dar ai figli di Israele la forza per partire dall'8gitto verso la libert, e il suo sangue, spruzzato con
un ramoscello di issopo sull'architrave e sugli stipiti delle porte delle case, salver dalla morte i primogeniti
ebrei- l.agnello redentore, con il cui sangue Dio riscatta il suo popolo. >a celebrazione di tutte le pasque
successive il memoriale, ricordo ed attualizzazione, di quell'evento di salvezza. "er $iovanni, infatti, $es(
muore nell'ora in cui nel 9empio vengono uccisi gli agnelli per la "asqua. 8gli dona agli uomini il suo corpo
e il suo sangue, da mangiare e bere. >a "asqua il memoriale della sua morte, per la liberazione dalla morte
eterna, la morte seconda, come dice il libro dell.7pocalisse.
3) Infine, nello stesso libro, il /risto presentato come l.agnello immolato, che appare sgozzato, ma in piedi,
ossia vivo, risorto e con i segni della passione, ad indicare che l'amore vince la morte e che il bene,
comunque comunica vita e lascia un segno indelebile nell'individuo, cos? come le scelte negative tolgono vita
e danno la morte definitiva, eterna.
Torna all'indice generale
AGNELLO AGNELLO di di DIO DIO
In aramaico il termine tal" significa agnello, ma anche ragazzo o servo. 7l traduttore spetta il compito di
usare il termine pi( adatto al senso dello scritto, senso che nel testo da tradurre, non risulta sempre chiaro.
"er $iovanni 1',:G.+,5 l.agnello di Dio quello della notte dell'esodo, nel senso descritto al punto due della
voce 7$A8>>=.
Torna all'indice generale
ALTISSIMO ALTISSIMO
Il !monte altissimo# il segno della promessa diabolica fatta a $es( di raggiungere la condizione divina
cedendo all'idolatria del potere, anzichC donando tutto se stesso- !Di n!ovo il diavolo lo por, sopra !n
mone alissimo e gli mosr, !i i regni del mondo e la loro gloria e gli disse: (!e *!ese +ose io i dar,
se. geandoi ai miei piedi. mi adorerai31 &llora GesA gli rispose: Vaene. 0aana% 0a s+rio infai: /l
0ignore. Dio !o. adorerai: a l!i solo renderai +!lo3@ 1*atteo &,%3''5. Huesto il grande peccato
all.origine di tutti i peccati, quello che $es( rifiuta, ponendo allo steso tempo questa rinuncia alla base della
sua sequela- ossia sostituire al potere sugli altri, che diabolico, il servizio per amore, che divino.
!"erchC quando diciamo poere non alludiamo solo a quella espressione eminente che il potere politico, ma
al potere in tutti i gradi e in tutte le forme, che la pretesa dell'uomo di ridurre l'altra persona a strumento di
sC, per la propria affermazioneI 18rnesto Ealducci5.
Torna all'indice generale
l lALTISSIMO ALTISSIMO
Il greco #psistos, traduce il vocabolo ebraico El#on che vuol dire IIl Dio 7ltissimoI.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 11
In *arco ;,4 e >uca %,:% il $eraseno indemoniato si rivolge a $es(- K4-e v!oi da me GesA. 6iglio del Dio
&lissimoC (i s+ongi!ro. in nome di Dio. non ormenarmi%).
In >uca dice l'angelo a *aria- I2d e++o +on+epirai !n figlio. lo darai alla l!+e e lo +-iamerai GesA1 0ar'
grande e verr' +-iamao 6iglio dell;&lissimo# il 0ignore Dio gli dar' il rono di Davide s!o padreG 1',+'3
+:51 *entre in ',+;- GLe rispose l;angelo: Lo 0pirio 0ano s+ender' s! di e. e la poen"a dell;&lissimo i
+oprir' la s!a om$ra1 4ol!i +-e nas+er' sar' d!n*!e sano e +-iamao 6iglio di Dio3G1
Aello stesso capitolo 1',4,5 di $iovanni Eattista scritto- I2 !. $am$ino. sarai +-iamao profea
dell;&lissimo per+-> andrai innan"i al 0ignore a preparargli le sradeI.
Il brano pi( interessante in >uca ,,+; quando l.evangelista mostra come ogni uomo possa diventare Oiglio
di Dio- I&mae inve+e i vosri nemi+i. fae del $ene e presae sen"a sperare n!lla in +am$io. e la vosra
ri+ompensa sar' grande e saree figli dell;&lissimo# per+-> egli ) $enevolo verso gli ingrai e i malvagiI.
Torna all'indice generale
ALTO ALTO
>.7>9=, secondo la cosmogonia dell.epoca, indica Dio, che sopra il settimo cielo.
/on l.espressione !dall.alto# 1in greco anoten5 gli evangelisti 1specie $iovanni ed escluso >uca5 vogliono
indicare che, in un avvenimento,si manifesta l.azione divina.
In *atteo :4,;@3;' e in *arco ';,+43+% al momento della morte, $es( emette un forte grido ed effonde lo
0pirito mentre !/l velo del empio si s*!ar+i, in d!e. da +ima a fondo# 1ma il testo dice !dall.alto#5 e indica
che tra Dio e gli uomini c. ora una comunicazione diretta.
>uca dice che !il velo si s*!ar+i, a me'# 1:+,&;5. >a parola diversa, il concetto lo stesso.
$iovanni 1'G,:+5 esprime la stessa idea- !/ soldai poi. *!ando e$$ero +ro+efisso GesA. presero le s!e vesi.
ne fe+ero *!aro pari !na per +ias+!n soldao e la !ni+a1 :a *!ella !ni+a era sen"a +!+i!re. ess!a
!a d;!n pe""o da +ima a fondo# 1ma il testo greco dice !dall.alto#5. >a tunica era la parte
dell.abbigliamento che era a contatto diretto con il corpo di $es(, ossia con la sua umanit e l.evangelista
pone l.accento sulla completa intimit tra Dio e $es( 1!/o e il Padre siamo !no# in '@,+@5, un.intimit che
non viene mai meno.
Bgualmente al capitolo terzo di $iovanni l.avverbio usato per dire !nas+ere dall;alo# rivolto a Aicodemo
e !venire dall;alo# per $es(, che viene da Dio.
Huando "ilato minaccia $es( asserendo di avere il potere di liberarlo o di crocifiggerlo, $es( risponde- K(!
non avresi al+!n poere s! di me. se +i, non i fosse sao dao dall;alo1 Per *!eso +-i mi -a +onsegnao a
e -a !n pe++ao piA grande) 1'G,''5. >.imperatore gli aveva dato l.autorit di amministrare la giustizia, ma
"ilato usa la sua libert P dono di Dio a tutti gli uomini P per compiere un.ingiustizia. *a, dice $es( ai capi
dei sacerdoti, che parlano in nome di Dio, alla colpa per l.ingiustizia, si aggiunge il peccato, la colpa di
fronte a Dio.
In $iovanni :,4 allorchC si descrive l.azione che permette di rapportarsi con Dio, scritto che le giare furono
riempite fino !in alto#- !2 GesA disse loro: ?=iempie d;a+*!a le anfore3# e le riempirono fino all;orlo3#. Il
giusto rapporto con Dio non dipende dall.osservanza della legge di *os, ma dall.adesione a $es( e al suo
6angelo.
Differente il significato in due altri brani, $iovanni %,:+ 12 di+eva loro: KVoi siee di *!aggiA. io sono di
lassA# 1il greco dice !in alto#5 voi siee di *!eso mondo. io non sono di *!eso mondo5 e >uca :&,&G 12d
e++o. io mando s! di voi +ol!i +-e il Padre mio -a promesso# ma voi resae in +i'. fin+-> non siae rivesii
di poen"a dall;aloI in cui !alto# o !lass(# rispecchiano la mentalit di quell.epoca, secondo la quale Dio
in alto e pu solo scendere. >o diciamo anche noi, quando diciamo !scendi 0anto 0piritoQ#.
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 12
ALTRA RIVA ALTRA RIVA
Indica il dirigersi verso i territori pagani, l'altra riva del lago di 9iberiade, oppure il ritorno in Israele dopo
aver soggiornato i quei territori.
*a, ogni volta che $es( si dirige fuori da Israele, mettendo in atto un vero e proprio contro3esodo, si
frappone sempre un ostacolo, una difficolt, oppure si manifesta un'incomprensione o con i discepoli, o con
gli stessi pagani.
Torna all'indice generale
ALZARSI ALZARSI
I due verbi greci egheriro e anhistemi, che significano alzarsi, mettersi in piedi, sollevarsi, in senso proprio
o figurato, vengono usati dagli evangelisti per indicare la resurrezione di $es(, che si !solleva# per entrare
nella sfera divina.
Dice il 6angelo che, come chi morto dorme, cos? chi risuscita si risveglia e sta in piedi.
"er esempio, in $iovanni ;,%, nell.episodio del !paralitico# nella piscina di Eetzat 1GesA gli disse: Jl"ai.
prendi la !a $arella e +ammina35, dove il doppio significato evidente, perchC $es( gli ordina di alzarsi, di
sollevarsi dal lettuccio e di iniziare un cammino di resurrezione, attraverso un atto volontario di trasgressione
della >egge.
Torna all'indice generale
AMARE AMARE
Il Deuteronomio prescrive l.amore totale per Dio: !(! amerai il 0ignore. !o Dio. +on !o il +!ore. +on
!a l;anima e +on !e le for"e# 1,,;5. Il >evitico invece lo comanda per il prossimo, ossia solo per gli
8brei- !Non i vendi+-erai e non ser$erai ran+ore +onro i figli del !o popolo. ma amerai il !o prossimo
+ome e sesso# 1'G,'%5.
>a vecchia alleanza ordinava di obbedire alla >egge di Dio e di amare il proprio popolo. tutto.
"oi arriva un oscuro galileo, impuro e maledetto, che chiama Dio con il nome di !"adre# e viene a dire ai
suoi discepoli che non serve amare Dio, ma bisogna amare come Dio- KVi do !n +omandameno n!ovo: +-e
vi amiae gli !ni gli alri1 4ome io -o amao voi. +os8 amaevi an+-e voi gli !ni gli alri) 1$iovanni '+,+&5,
dove l.evangelista adopera , per dire !nuovo# il termine greco ains che indica una qualit che soppianta il
vecchio perchC migliore.
7llora certo importante, e neanche tanto difficile, amare Dio. *a chi ama solo Dio, non ama neanche Dio.
8, aggiunge 8rnesto Ealducci, che !7mare veramente il Dio di $es( vuol dire entrare con passione dentro la
tribolazione del mondo, non starsene fuori# 1F5 !l.amore di Dio va verso il diverso, il lontano, l.immondo, il
ripudiato- un amore che precipita verso le bassezze. Aon un amore che d appuntamento in alto, ai bravi,
ai mistico, ai contemplativi, ai capaci di grandi ascensioni#.
*olto pi( importante per la nostra vita spirituale sapere che Dio ci ama senza condizioni, perdutamente e
gratuitamente, !con bont universale, come il sole# se vogliamo usare un.espressione di Nilliam
0haDespeare nell.8nrico 6.
!>.amore di Dio non provocato dal nostro amore ma lo precede, lo sorpassa, riempie l.universo e tocca di
sC ogni creatura#, diceva 8rnesto Ealducci. Di questo amore noi siamo chiamati a diventare testimoni nel
mondo. >.essere amati, il sentirsi amati da Dio senza meriti, senza limiti, senza eccezioni, la forza ci induce
ad amare, seppure con un amore umano, che significa scegliere e quindi escludere, finchC, con tutte le
difficolt legate della nostra limitatezza creaturale, non impariamo da $es(.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 13
Aella prima lettera di $iovanni scritto che, chi ama come Dio ama, figlio di Dio- !4arissimo. amiamo+i
gli !ni gli alri. per+-> l;amore ) da Dio:+-i!n*!e ama ) sao generao da Dio e +onos+e Dio1 4-i non ama
non -a +onos+i!o Dio. per+-> Dio ) amore# 1&,43%5 e anche !Noi amiamo per+-> egli +i -a amai per
primo# 1&,'G5.
*a, attenzione, ci avverte Davide *aria 9uroldo- !7mare come firmare un assegno in bianco. >a cifra la
mette l.altro#.
/i stato dato in dono la vita per imparare ad amare e ci viene chiesto di amare mentre siamo sulla terra,
perchC quando ce ne andiamo troppo tardi.
Torna all'indice generale
AMATO AMATO
'5 Il figlio amato da Dio dei sinottici quello che eredita tutto dal "adre- I2 si sen8 !na vo+e dal +ielo: (!
sei il 6iglio mio. lDamao 1oppure il prediletto o l'amatissimo, tradotto anche con unico5. in e mi sono
+ompia+i!o 1ho posto il mio amore53# 1*arco ',''5.
:5 Il discepolo amato 1o che $es( amava5 nominato spesso nel vangelo di $iovanni- I&llora *!el dis+epolo
+-e GesA amava disse a Piero K I 1$iovanni :',45.
>o stesso vangelo non nomina mai l'apostolo $iovanni, il che ha fatto nascere l.ipotesi che di lui si tratti; ma
solo un.ipotesi, peraltro poco credibile. "robabilmente figura del discepolo ideale, che accoglie in pieno il
messaggio evangelico ed pronto a morire come $es(- infatti il solo discepolo presente sotto la croce.
Torna all'indice generale
AMEN AMEN
Il greco men viene all'ebraico amn e dalla radice consonantica ebraica ImnI che indica ci che solido,
certo, sicuro, perci traducibile con l'avverbio !certamente o veramente#.
anche una confessione di fede, un dare testimonianza della propria fede.
6a anche ricordato che il termine !mammona# ha la stessa radice di amen, qualcosa che, per alcuni, l.unica
certezza su cui contare.
In >uca ',,'+3'& scritto- !Ness!n serviore p!, servire d!e padroni. per+-> o odier' l;!no e amer' l;alro.
opp!re s;affe"ioner' all;!no e dispre""er' l;alro1 Non poee servire Dio e la ri++-e""a 1mammona5). :a i
farisei. +-e erano aa++ai al denaro. as+olavano !e *!ese +ose e si fa+evano $effe di l!i#.
I farisei lo facevano, come i teocon devoti e ricchi dei nostri tempi, lo fanno ancora.
Ael libro dell.7pocalisse il termine anche il nome di $es( che parla all.angelo della /hiesa di >aodicea,
diventata ricca, ma che aveva perso il fervore della fede che porta frutti- !4os8 parla l;&men. il (esimone
degno di fede e veriiero. il Prin+ipio della +rea"ione di Dio1 4onos+o le !e opere: ! non sei n> freddo n>
+aldo1 :agari ! fossi freddo o +aldo% :a poi+-> sei iepido. non sei +io) n> freddo n> +aldo. so per
vomiari dalla mia $o++a1 (! di+i: 0ono ri++o. mi sono arri++-io. non -o $isogno di n!lla1 :a non sai di
essere !n infeli+e. !n misera$ile. !n povero. +ie+o e n!do# 1+,'&3'45.
AMEN AMEN AMEN AMEN
7men amen, in verit in verit- un.espressione usata nei vangeli per stabilire la certezza assoluta di
un'affermazione. 9raducibile anche con IIo vi assicuroI.
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 14
AMMAESTRARE AMMAESTRARE
6edi IA08$A728.
Torna all'indice generale
AMORE AMORE
!>.amore ci che fa prigionieri coloro che sono liberi e che d agli schiavi la libert#, dice 2aimondo
>ullo. In italiano IamoreI una parola !povera# perchC troppo ricca si significati. >a lingua greca ha quattro
termini per dire amore- di questi tre si trovano nel Auovo 9estamento e solo due, agpe e philia, nei vangeli.
1) Agpe 175 sostantivo ed agapo verbo, indicano l.amore gratuito, generoso, universale ed assoluto,
misericordioso, che si fa dono 1ossia di una gratuit totale5 che non va meritato, ma accolto, per poi farlo
fiorire in gesti d'amore verso gli altri.
/ome l.amore di Dio da cui nessuno, proprio nessuno, pu essere o sentirsi escluso.
In '$iovanni :,;, si dice di $es(- I/n l!i lDamore di Dio 175 ) veramene perfeoG1
8d a $es(, il figlio dell'Bomo, che noi dobbiamo guardare per imparare a vivere l'amore.
*a Dio ha bisogno di noi per far giungere il suo amore agli altri uomini, e perci noi diventiamo
responsabili della felicit di chi abbiamo vicino.
"er i cristiani l.amore di Dio, ci che $es( venuto a mostrarci del "adre.
!Dio amore# perchC '5 ama chi non lo merita :5 non chiede nulla in cambio +5 perdona anticipatamente.
I0iamo immersi in un oceano d.amore e $es( venuto a ricordarceloI 1$iovanni 6annucci5.
$es( l.immagine perfetta dell.amore di Dio, primi i diseredati, i poveri, i perseguitati- G4ome il Padre -a
amao 175 me. +os8 an+-;io -o amao 175 voiG 1$iovanni ';,G5. 8 aggiunge- GNess!no -a !n amore 175 piA
grande di *!eso: dare la s!a via per i propri ami+iG 1$iovanni ';,'+5.
Da tutto questo debbono scaturire le norme del nostro comportamento.
GVi do !n +omandameno n!ovo: +-e vi amiae 175 gli !ni gli alri# +ome io vi -o amao 175. +os8 amaevi
175 an+-e voi gli !ni gli alri1 Da *!eso !i sapranno +-e siee miei dis+epoli. se avree amore gli !ni per
gli alriG. 1$iovanni '+,+&3+;5.
7nzi, di pi(- G&vee ineso +-e f! deo: &merai 175 il !o prossimo e odierai il !o nemi+o# ma io vi di+o:
amae 175 i vosri nemi+i e pregae per i vosri perse+!ori. affin+-> siae figli del Padre vosro +-e ) nei
+ieli. +-e fa sorgere il s!o sole sopra i malvagi e sopra i $!oni. e fa piovere sopra i gi!si e sopra gli
ingi!si1 /nfai se amae H&I *!elli +-e vi amano 175. *!ale merio ne aveeC Non fanno +os8 an+-e i
p!$$li+aniC 2 se dae il sal!o solano ai vosri fraelli. +-e +osa fae di sraordinarioC Non fanno +os8
an+-e i paganiC 0iae voi d!n*!e perfei +ome ) perfeo il Padre vosro +-e ) nei +ieliI 1*atteo ;,&+3&%5.
>uca anche pi( radicale perchC non dice, come *atteo, ?malvagi e $!oni. gi!si e ingi!si@, ma ?gi!si e
$!oni@ non vengono neanche nominati- !&mae i vosri nemi+i per+-> Dio ) $enevolo verso gli ingrai e i
malvagi@ 1,,+;5. 8 verso i buoni e i giustiJ >o stesso.
Huella di $es( sembra un'utopia irrealizzabile ma non lo , perchC >ui l'ha fatto, e non si realizza tra noi solo
perchC non trova realizzatori tra coloro che si chiamano cristiani. "ensate che la parola !amore# non compare
nel /redo; ma il credente vero l'amante, perchC il contrario dell'amore non l'odio ma l'indifferenza, la
malattia mortale del cristianesimo.
0e vero, com' vero, che l'amore di Dio diventa causa dell'amore umano, allora bisogna essere disponibili
affinchC l'amore di Dio possa, attraverso noi, giungere agli altri. Huindi, ogni volta che chiudiamo, con il
nostro comportamento, un canale di flusso, che poniamo ostacoli alla manifestazione dell'amore che Dio,
tramite noi, vuol riversare sulle persone che ci sono vicine o che ogni giorno incontriamo, allora rinunciamo
volontariamente al nostro divenire seguaci di /risto.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 15
0e nella comunit cristiana non esiste la pratica dell.amore, non esiste la /hiesa, perchC l.amore la forza
pi( tenace che esista, mentre le dottrine possono solo dividere, perchC discriminano.
Dal bene nasce il bene e la vita, cos? come dal male nasce il male e la morte.
2) Phila 1"5 1e il verbo philo5 indica invece un amore umano fatto di amicizia, affetto, attrazione,
gradimento, affezione, simpatia. 7mico si dice phils e bacio phila 1come la peccatrice in casa del fariseo
in >uca 4,+,3;@ che $iuda in *arco '&,&&3&;5.
8cco ora tradotto il brano di $iovanni :',';3'4 con il verbo greco messo tra parentesi.
G9!and;e$$ero mangiao. GesA disse a 0imone Piero: 0imone di Giovanni. mi ami 175 ! piA di +osoroC31
Gli rispose: 4ero. 0ignore. ! sai +-e i amo 1"531 Gli disse: Pas+i i miei agnelli31 Gli disse di n!ovo:
0imone di Giovanni. mi ami 175C31 Gli rispose: 4ero. 0ignore. ! lo sai +-e i amo 1"531 Gli disse: Pas+i
le mie pe+orelle31 Gli disse per la er"a vola: 0imone di Giovanni. mi v!oi $ene 1"5C31 Piero rimase
addolorao +-e per la er"a vola gli di+esse: :i amiC 1"5. e gli disse: 0ignore. ! sai !o# ! sai +-e i amo
1"531 Gli rispose GesA: Pas+i le mie pe+orelle3G.
3) ros invece indica generalmente un sentimento umano di desiderio, passione, sensualit. *a pu anche
indicare l'anelito, lo sforzo dell'uomo per rivolgersi a Dio per estinguere la sua sete. Il termine non si trova
nei vangeli.
4) Strgo un sentimento di amicizia e di affetto tipico dell.ambiente familiare.
>o usa "aolo in 2omani ':,'@ dicendo- ?&maevi gli !ni gli alri +on affeo fraerno@, 1filostrorghia, tenero
amore, come traduce qualche altro5.
*i piace chiudere con una frase di $iovanni 7ndreoli- !0pendi a piene mani l.amore. >.amore l.unica
impresa nella quale pi( si spende pi( si guadagna. 2egalalo, buttalo via, spargilo ai quattro venti, vuotati le
tasche, scuoti il cesto, capovolgi il bicchiere e domani ne avrai pi( di prima#.
/redo che sia l.amore la scintilla che d inizio alla ricerca di Dio; ossia dall.esperienza dell.amore umano
vissuto a pieno, si pu arrivare all.esperienza del divino.
Ma scritto Isabella /inti che- !>.universo permeato d.amore, sostenuto dall.amore, giustificato
dall.amore e trover compimento nell.amore#.
>.amore, quando presente, appare con assoluta evidenza in tutto il suo splendore, ma si vede bene anche
quando si va spegnendo. Nilliam 0haDespeare, nel $iulio /esare, mette in bocca a Eruto queste parole-
I6edi >ucilio, quando l.amore comincia ad affievolirsi, fa ricorso a forzate cerimonie#.
"erci, meno cerimonie e pi( amoreQ
Torna all'indice generale
ANDREA ANDREA
7ndrea, che significa virile, forte, coraggioso, , con Oilippo, uno dei due apostoli che, nei quattro vangeli,
hanno un nome greco.
0imone ed 7ndrea erano due fratelli pescatori nativi di Eetsaida che vivevano a /afarnao, sulle rive del lago
di 9iberiade. Aei vangeli si ricorda continuamente che 7ndrea il fratello di 0imon "ietro.
Ael vangelo di $iovanni un discepolo di $iovanni Eattista che per abbandona per seguire $es(. 8gli va
poi in cerca del fratello 0imone che, in vero senza entusiasmo, lo segue per andare da $es(, il quale, in
quest.occasione gli d il soprannome di !pietra#, da cui deriva il soprannome di "ietro, con il quale lo
chiamano spesso gli evangelisti, ma non $es(, che quando si rivolge a lui lo chiama 0imone.
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 16
ANGELO ANGELO
>.ebraico mala 1plurale malim5 significa !messaggero# e indica un !inviato# da Dio 1una persona, una
creatura, ma anche una situazione o un avvenimento5 per rendere manifesta la sua volont. Huando il testo
ebraico fu tradotto in greco, si us il termine nghelos 1plurale angheli5, il cui significato !messaggero
degli dei#, e tra questi, il dio *ercurio, raffigurato con le ali ai piedi.
>a dottrina cattolica stabilisce che il credere all.esistenza degli angeli una verit di fede, ossia il non
credere mette il fedele fuori dalla /hiesa- in pratica una scomunica. *a anche se, in effetti, nessun cattolico
mette in dubbio l.esistenza degli angeli, le idee che si hanno in proposito sono cos? diverse che possibile
credere tutto e il contrario di tutto. Il pi( delle volte prevale un.accozzaglia di credenze e superstizioni che
poco o nulla hanno a che vedere con il 6angelo. Oigure angeliche abbondano nei libri di devozioni e in quelli
per i bambini, nel mondo AeR 7ge, nella letteratura esoterica, nel folDlore e infine nelle immagini natalizie
paganeggianti. Insomma gli angeli affollano l'immaginario collettivo nel facile misticismo di chi ama
appoggiarsi ad un vago !trascendente# senza scomodare Dio. >a letteratura angelica una palude di acqua
stagnante infestata da esseri sovrumani semidivini di ogni genere, buoni e cattivi, che combattono tra loro
per colpire o proteggere gli uomini, e che forse bene tenere a bada sia con preghiere o, come fa qualcuno,
con scongiuri e talismani, sacri o profani che siano.
0embra che la cosa pi( importante sia il crederci con atteggiamento devoto. /. un interessante commento di
>ilia 0ebastiani- !Aon davvero molto felice il modo in cui la tradizione cattolica ha elaborato l.immagine
dell.7ngelo /ustode, e tuttavia, l.idea in sC non era priva di senso e di bellezza; al di l delle sconsolanti,
respingenti banalizzazioni che si determinano in un.interpretazione letterale volta sopratutto al controllo dei
comportamenti, ci ricorda la vicinanza di Dio- vicinanza costante che riguarda personalmente ogni sua
creatura, anche quando sembrerebbe smentirla. 6icinanza storica, esistenziale, intima di un Dio che di tutti,
ma non collettivo o generico. >.angelo non un assoluto, non un individuo, ma proprio nella mancanza di
identit personale risiede la sua identit ideale e teologica. 0erve infatti a mediare l.esperienza di Dio, la
quale s? un valore assoluto, anzi quello che d valore a tutti gli altri. 7nche dell.angelo si pu dire quanto
si avuto occasione di dire ad altro proposito- cio che conseguenze anche gravi si determinano quando
un.immagine viene assolutizzata fino a prendere il posto della realt ineffabile che dovrebbe servire#.
>e immagini delle figure angeliche subiscono nella Eibbia, sotto l.influsso di stratificazioni culturali spaziali
e temporali 1si parla di millenni5 diversissime come quella babilonese, sumerica, egizia, cananea, caldea,
edomita, ellenistica, una complessa evoluzione per cui riassumerle praticamente impossibile.
>a loro importanza nella 0acra 0crittura cresce, dopo l.esilio babilonese, sotto l.influsso della cultura
mesopotamica, quando gli ebrei esiliati si ritrovarono in una religione piena di geni alati, buoni e cattivi, fino
ad esplodere nel tardo giudaismo quando la 9orh orale prende il sopravvento su quella scritta.
In ogni caso, nella Eibbia, non si trova scritto che gli angeli siano creature, ossia create da Dio.
9rascrivo solo alcuni degli appunti raccolti negli anni, per cercare di non viaggiare solo nell.irrazionalit,
considerando alcune delle tante possibili contaminazioni subite dal termine.
Il monoteismo biblico fu una scoperta tardiva, preceduta da un politeismo in cui il Dio d.Israele, pi( grande e
pi( forte degli altri dei, proteggeva il popolo ebraico che si era scelto. 0olo in seguito prevalse l.idea di un
Dio unico, artefice sia del bene che del male, un concetto che serv? ad eliminare la presenza di un demiurgo
cui addossare il male presente nel mondo.
"oi si prefer? attribuire il male a potenze spirituali ostili, creature ribelli a Dio, o ad esseri semidivini, nemici
di Dio e degli uomini. 0olo tardivamente arriv a maturazione l'immagine profetica di un Dio unico e
creatore, esclusivamente buono, di cui si far portatore convinto $es(.
Il male, in questa visione, legato ad una creaturalit perfettibile, perchC la perfezione un traguardo che si
raggiunge seguendo ed imitando l.amore gratuito e incondizionato del "adre, che, per primo, $es(, il Oiglio
perfetto, ha mostrato agli uomini.
/ome accadeva nelle altre religioni del tempo, la primitiva raffigurazione di Dio era simile a quella di un
monarca orientale onnipotente, un signore tirannico e dispotico che si circondava di una grande corte di servi
e dignitari, alcuni dei quali erano anche ammessi alla sua presenza. 0i riteneva che il 0ignore avesse in cielo
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 15
la sua corte costituita da angeli, chiamati Kfigli di Dio). In $iobbe ',, scritto- ILn giorno i figli di Dio
1sono cos? chiamati gli angeli5 andarono a presenarsi davani al 0ignore e an+-e 0aana and, in me""o a
loroG1 Ael 0almo %:,' Dio Gsi al"a nellDassem$lea divinaI. In '2e ::,'G si descrive una milizia celeste ai
suoi ordini, con una rigida gerarchia 1Deuteronomio +:,%5 o anche Kesercito del cielo) 1Deuteronomio &,'G5.
7 ognuno di loro affidato un popolo, con il compito di proteggerlo e di garantire la giustizia. *ichele
l'angelo tutelare d'Israele 1Daniele ':,'5, diventato il simbolo delle forze che lottano contro i nemici di Dio.
Ael libro di Daniele compare come difensore del popolo ebraico in un conflitto con l'angelo tutelare dei
persiani 1Deuteronomio '@,:'5.
*a la cultura e la religione ebraica subiscono sopratutto la contaminazione del mondo cananeo, di quello
assirobabilonese ed egiziano. Aella cosmologia assiro3babilonese, persiana, come in quella cananea, esisteva
un numero sterminato di potenze sovrumane, ma dal comportamento umano, buone o cattive, dalle quali
dipendeva la vita degli uomini.
Aella !Eibbia per la famiglia# delle edizioni san "aolo a cura di $ianfranco 2avasi, a commento dei versetti
+,,'3,+ del >ibro di Daniele 1Poen"e !e del 0ignore. $enedie il 0ignore K5, si ricorda che !con questa
espressione si designano le schiere celesti, cio gli astri che, nell.antico linguaggio dei popoli orientali,
influenzato dalla mitologia, erano considerati membri della corte divina#.
NEL VE!"# $ES$A%EN$#
$li angeli si pongono presto all'attenzione del lettore della Eibbia perchC gi nel primo libro 1$enesi '%,'3
++5 si parla di tre angeli in forma umana che si presentano ad 7bramo e che nel racconto, finiscono con
l'identificarsi con Dio stesso- l'angelo presentato come epifania del divino perchC la trascendenza di Dio va
sempre tutelata.
In $enesi '%, il racconto della visita di Dio ad 7bramo alla quercia di *amre, l.azione cos? descritta-
giungono presso la sua tenda tre uomini 1'%,:5, uno dei quali il 0ignore 1'%,'&5 e gli altri due sono angeli
1'G,'5, poi sono detti uomini 1'G,;5 poi di nuovo angeli 1'G,';5 e infine di nuovo uomini in 'G,',.
Bn altro brano paradigmatico si trova in $enesi +:,:+3:G- !D!rane *!ella noe egli 1$iacobbe5 si al",.
prese le d!e mogli. le d!e s+-iave. i s!oi !ndi+i $am$ini e pass, il g!ado dello /a$$oM1 Li prese. fe+e loro
passare il orrene e por, di l' an+-e !i i s!oi averi1 Gia+o$$e rimase solo e !n !omo lo, +on l!i fino
allo sp!nare dell;a!rora1 Vedendo +-e non ri!s+iva a vin+erlo. lo +olp8 all;ari+ola"ione del femore e
l;ari+ola"ione del femore di Gia+o$$e si slog,. menre +onin!ava a loare +on l!i1 9!ello disse: Las+iami
andare. per+-> ) sp!naa l;a!rora31 Gia+o$$e rispose: Non i las+er,. se non mi avrai $enedeo%31 Gli
domand,: 4ome i +-iamiC31 =ispose: Gia+o$$e31 =iprese: Non i +-iamerai piA Gia+o$$e. ma /sraele.
per+-> -ai +om$a!o +on Dio e +on gli !omini e -ai vino%)#.
0empre in $enesi ::,''3': nominato l.angelo del 0ignore per dire Dio- !:a l;angelo del 0ignore Hl;angelo
di Jah$ I lo +-iam, dal +ielo e gli disse: &$ramo. &$ramo%31 =ispose: 2++omi%31 L;angelo disse: Non
sendere la mano +onro il raga""o e non fargli niene% <ra so +-e ! emi Dio e non mi -ai rifi!ao !o
figlio. il !o !nigenio3#.
Aella Eibbia troviamo-
3 angeli intercessori 1$b ++,:+5- IVi ) !n angelo presso di l!i. !n proeore solo ra mille. per mosrare
allD!omo il s!o dovereI,
3 angeli sterminatori 1o demni sterminatori5 agiscono per eseguire carneficine volute da Dio, come in 8sodo
'',&; '/ronache :',';; 0apienza '%,:;; :0amuele :&,';3:4.
3 solo tardivamente compaiono gli !angeli custodi#. In 9obia ':,': si parla di 2affaele 1Dio guarisce5 che
dice- I0appiae d!n*!e +-e *!ando ! e 0ara eravae in preg-iera. io presenavo lDaesao della vosra
preg-iera davani alla gloria del 0ignoreI.
/ompaiono poi altre categorie di angeli come i serafini, i cherubini o gli arcangeli.
3 I serafini, la cui etimologia indica Ii bruciantiI o Ii volantiI, sono descritti in Isaia ,,: con sei paia di ali. In
Isaia '&,:G il termine !sera%in& per tradotto 1nel greco della >SS5 con !drago alato#.
3 I cherubini 1dall'accadico aribu, benedicente5, sono esseri fantastici immaginati nell'antica 0iria come
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1B
mostri alati, met umani e met animali 1come sfingi alate5 che stanno a guardia delle dimore dei re, dei
templi e delle aree sacre e, nel libro della $enesi, sono messi a guardia del paradiso perduto.
Aell'ebraismo solo dei cherubini ammessa la raffigurazione plastica e cos? due cherubini sono posti
sull'7rca dell'7lleanza e ce ne sono rappresentati anche sulle pareti del 9empio, ma mai sono confusi con gli
angeli- il 0ignore degli eserciti !siede s!i +-er!$ini# in ,,: e Daniele +,;;.
3 $li arcangeli sono a capo di una supposta gerarchia celeste- sono sette gli angeli che stanno attorno al trono
di Dio per servirlo 19obia ':,';5. 0ette come simbolo di totalit e completezza, ma anche come i sette
consiglieri del re nella corte persiana. Aomino-
3 $abriele 1Dio forte5 che compare nel libro del profeta Daniele, poi ripreso da >uca quando Dio parla a
<accaria nel 9empio e nell'7nnunciazione a *aria. 8gli a capo della corte celeste e, come ogni primo
ministro delle corti orientali, ammesso alla presenza di Dio.
3 *ichele 1/hi come DioJ5, tutore del popolo ebraico, a capo delle schiere celesti, preposto al paradiso, ai
serpenti ed ai cherubini, incaricato di colpire gli angeli ribelli e gli uomini peccatori. la forza di Dio che si
oppone al male 1Daniele ':,'5- I<ra in *!el empo sorger' :i+-ele. il gran prin+ipe. +-e vigila s!i figli del
s!o popoloI.
3 2affaele 1!Dio guarisce#5 presentato in ;,& come protettore dei giusti.
$li apocrifi del 6ecchio 9estamento riportano tanti altri nomi- Briel, 2aguel, 0araqiel, 2emeiel, 0aziel,
Oanuel sono solo alcuni. Bn mondo molto variegato nel quale molto difficile districarsi.
*a in :0amuele '&,'43:@ e 'G,:% Davide chiamato angelo, e in 7mos ',43'4 chiamato !angelo de
0ignore# il contadino che si rivolge al profeta.
NEL N&#V# $ES$A%EN$#
*arco 1',:3&5 e *atteo 1'','5 chiamano angelo 1tradotto per dalla /8I con !messaggero#5 $iovanni
Eattista. In >uca 1G,;:5 scritto che $es( !mand, messaggeri 1in greco angeli5 davani a s>1 9!esi si
in+amminarono ed enrarono in !n villaggio di 0amariani per preparargli l;ingresso# e in 4,:& gli inviati di
$iovanni Eattista a $es( sono detti angeli.
In *atteo tre volte compare un !angelo del 0ignore# 1ai pastori, nella fuga in 8gitto, nella resurrezione5 ma
conosciamo bene le diverse modalit usate dall.ebreo *atteo per non nominare l'azione diretta di Dio.
In *arco si nominano gli angeli quattro volte.
1) In ','+, $es( nel deserto servito dagli angeli- questo racconto un tipico '()*A+H che serve ad
indicare che $es( tentato per tutta la vita, ma vince le varie tentazioni del potere per cui intorno a lui 1come
a Dio5 vengono gli angeli del servizio.
2) In %,+% 1!K verr' nella gloria del Padre s!o +on gli angeli sani#5 si vuol indicare la condizione divina di
$es( e di chi ne segue le scelte.
3) In ':,:; 3 nell.episodio della donna che rimasta vedova di sette mariti 3 $es(, che si rivolge ai sadducei
che non credono nella resurrezione, dicendo- !9!ando risorgeranno dai mori. infai. non prenderanno
moglie n> mario. ma saranno +ome angeli nei +ieli#.
*atteo 1::,+@5 usa quasi le stesse parole, mentre >uca 1:@,+&3+,5 fornisce la chiave di lettura della pericope-
!GesA rispose: / figli di *!eso mondo prendono moglie e prendono mario# ma *!elli +-e sono gi!di+ai
degni della via f!!ra e della ris!rre"ione dai mori. non prendono n> moglie n> mario# infai non possono
piA morire. per+-> sono !g!ali agli angeli e. poi+-> sono figli della ris!rre"ione. sono figli di Dio#. /olui
che vive in Dio, ha la sua stessa vita, una vita !eterna#, ossia una vita che supera la morte. Il brano indica
perci la condizione dei risorti che, sottratti ai condizionamenti terreni, ricevono vita soltanto da Dio.
4) Infine in *arco '+,:4 1!2gli mander' gli angeli e rad!ner' i s!oi elei dai *!aro veni#5 si descrive, nel
giudizio finale, gli eletti nella gloria di Dio.
$iovanni parla di angeli tre volte- in ',;' citando $enesi, in ':,:G e :@,': quando si manifesta la potenza
della presenza divina.
"aolo, infine, secondo la tradizione dei rabbini, parla anche lui di 7ngeli e 7rcangeli, ma anche 1come
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1F
dicono i nomi5 di vere e proprie potenze cosmiche in grado di influenzare la vita degli umani, ma da Dio
sottoposte a $es(- "rincipati, "otest, "otenze, Dominazioni e 9roni 1/olossesi ',',5.
Ael >ibro dell'7pocalisse gli angeli contornano a miriadi di miriadi il trono di Dio e tra essi sette gli sono pi(
vicini. 7ltri sono invece gli strumenti della collera di Dio. Aell.7pocalisse descritta una titanica lotta tra gli
angeli $!oni con a capo *ichele e quelli +aivi con a capo il grande drago 1simbolo del potere totalitario,
con la bestia che la sua propaganda5 e i suoi angeli 1che sono coloro che sono asserviti al potere5- il bene
vince e il diavolo 1lDa++!saore dei nosri fraelli5 e suoi angeli sono precipitati sulla terra- I0+oppi, *!indi
!na g!erra nel +ielo: :i+-ele e i s!oi angeli +om$aevano +onro il drago1 /l drago +om$aeva insieme ai
s!oi angeli. ma non prevalsero e non +i f! piA poso per essi in +ielo1 /l grande drago. il serpene ani+o.
+ol!i +-e +-iamano il diavolo e 0aana e +-e sed!+e !a la erra. f! pre+ipiao s!lla erra e +on l!i f!rono
pre+ipiai an+-e i s!oi angeli I 17pocalisse ':,43'@5.
Huesta visione altamente simbolica va, come tutta l.7pocalisse, interpretata- la condanna di ogni forma del
potere ed anche dei suoi emissari.
Aella seconda lettera di "ietro compaiono gli angeli decaduti tipici dei libri apocrifi. Il mito della caduta
degli angeli e della battaglia tra *ichele e il Diavolo di cui parla l'7pocalisse, esiste infatti, nel libro di
8noch, che non nel canone cristiano 1se non nel cristianesimo etiopico5 e neanche tra i libri del 6ecchio
9estamento.
Dice $ianfranco 2avasi- !Huesta identit tra angelo e Dio ha suggerito ad alcuni studiosi un'ipotesi- l'angelo
nella Eibbia non che un IantropomorfismoI, cio un modo simbolico per rappresentare il rivelarsi di Dio
all'uomo. In questo senso l'angelo avrebbe una funzione analoga al sogno a cui sopra abbiamo accennato-
non per nulla angeli e sogni si intrecciano ripetutamente. 0crive, ad esempio, uno dei famosi biblisti del 'G@@,
il tedesco $erhard von 2ad- K7ttraverso l'angelo in realt Dio stesso che appare agli uomini in forma
umana). $li fa eco uno dei maggiori specialisti del Auovo 9estamento, l'americano 2aTmond 8. EroRn,
proprio in un'opera dedicata ai vangeli dell'infanzia di $es(- K>'angelo nella Eibbia un semplice modo di
descrivere la presenza di Dio in mezzo agli uomini). 8 se sfogliamo un recente IDizionario enciclopedico
illustrato della Eibbia "iemmeI alla voce IangeloI leggiamo che K>'angelo del 0ignore identificato con il
0ignore che si manifesta in forma visibile a favore del suo popolo. Oorse si tratta di un antico espediente
letterario per esprimere la trascendenza di Dio, cio il suo essere misterioso anche quando si rivelaI F Iil
0ignore per eccellenza l'7ltro, cio colui che diverso e superiore rispetto all'uomo, 3 se usiamo il
linguaggio teologico 3 il trascendente. D'altra parte, per, egli anche il vicino, l'8mmanuele, il Dio3con3noi
presente nella storia dell'uomo. =ra, per impedire che questa vicinanza IimpolveriI Dio, l'autore biblico
ricorre agli angeli che, pur venendo dall'area divina, possono entrare nel mondo degli uomini, parlano e
agiscono visibilmente come una creatura. *a il messaggio che egli porta con sC sempre divino. In altri
termini, l'angelo spesso nella Eibbia una personificazione dell'efficace "arola di Dio che annunzia e opera
salvezza e giudizio#.
>o stesso concetto si pu esprimere con altre parole- !Aessun angelo stato cos? presente nella tradizione
cristiana, cos? raffigurato dagli artisti, cos? caro ai fedeli, quanto l.angelo dell.annunciazione, che nel vangelo
ha un nome 3 $abriele P e nella tradizione cristiana ha avuto anche il titolo di arcangelo- ora, nella
prospettiva di una spiritualit cristiana adulta, sarebbe importante acquisire la consapevolezza vivente del
fatto che la nostra vita intera un tessuto di annunciazioni, che sulla nostra strada camminano accanto e
incontro a noi parecchi angeli, anche se spesso atipici al punto che difficile riconoscerli. =gni persona che
incontriamo pu mediare un progetto di Dio per noi- e la tenerezza di Dio o la sua sfida, la sua risposta o la
sua domanda. 8 ognuno di noi, pur con tutti i suoi limiti e le sue personali resistenze a Dio che chiama, pu
essere, in determinate circostanze, l.angelo dell.annunciazione di un altro#. 1F5 !>.angelo nel racconto >uca
F ha in fondo la stessa funzione che hanno nel racconto di *atteo i sogni profetici- serve a umanizzare e a
rendere sostenibile l.esperienza del volere di Dio. Il racconto dell.7nnunciazione ormai non viene pi( inteso
quasi da nessuno come il racconto di un fatto percepibile dall.esterno, come una circostanza in cui *aria
riceve la visita di un personaggio soprannaturale. Ao, la spiegazione meno fragorosamente miracolistica, ma
anche pi( autentica e feconda quella che intende l.annunciazione come racconto stilizzato di un.esperienza
interiore, con ogni probabilit non istantanea ma distesa nel tempo, in cui *aria acquisisce consapevolmente,
non senza sforzi e fatica, la misteriosa consapevolezza di un ruolo eccezionale che Dio riserva a lei
nell.opera di salvezza. >.angelo che, secondo il racconto di >uca , consola l.angoscia mortale di $es(
durante l.agonia nel $etsemani, forse non vuole essere altro che un inviato di Dio, nella prospettiva
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 20
dell.evangelista- ma come impedirsi di leggere oltre la lettera questo particolare, che si trova solo nel terzo
vangelo, come segno della presenza di Dio accanto a $es( in quel momento supremoJ# 1>ilia 0ebastiani5.
Oorme tangibili dell'intervento divino, gli angeli, sembrano allora indicare non tanto soggetti celesti
soprannaturali messaggeri di Dio quanto veri e propri interventi straordinari di Dio stesso che agisce, con
modalit diverse, in determinate situazioni, nella vita di un uomo o di una comunit.
0i pu definire perci angelo ogni mediatore che si faccia strumento nelle mani di Dio per la salvezza
dell'uomo, ossia tutti coloro che collaborano con il piano salvifico di Dio.
Il /oncilio di >aodicea 1+&+3+%'5 fece divieto di sviluppare una venerazione superstiziosa verso gli 7ngeli,
che in certe espressioni rasentava un vero e proprio culto idolatra. *a, nonostante ci, nel ''@@, il grande
mistico Eernardo cominci a diffondere in occidente il culto dell.7ngelo /ustode, che poi diventato
generalizzato nella devozione dei cattolici.
Io credo invece che ogni uomo pu, anzi deve, diventare un angelo per l.altro uomo, un esplicito messaggero
dell.amore di Dio.
Aon esistono, allora, difficolt a credere o a non credere nell.esistenza degli angeli in quanto ogni tesi
sostenibile e nessuna dimostrabile. invece certo che, per i cristiani, $es( /risto l'angelo per eccellenza,
unico ponte tra il "adre e i suoi figli- IDa !limo mand, loro il proprio figlioI dice *atteo 1:',+45 nella
parabola dei vignaioli omicidi.
Torna all'indice generale
ANGELO ANGELO del del SIGNORE SIGNORE
>a Eibbia nomina un 7ngelo del 0ignore quando narra gli interventi di Dio nella storia dell'uomo, perchC
vuol indicare che Dio non distaccato dagli avvenimenti umani ma nello stesso tempo, secondo la mentalit
ebraica, non si vuole nominare Dio, che fa invece conoscere la sua volont attraverso un messaggero.
Dice >ilia 0ebastiani che l.angelo del 0ignore !la stessa presenza divina, resa visibile, attenuata, in un certo
senso umanizzata, insomma aperta all.esperienza degli esseri umani, i quali altrimenti non sarebbero in
grado di sostenerla#.
Il termine indica, in modo indiretto, l'intervento di Dio stesso 1che non si vuole nominare5 quando comunica,
si rapporta, con gli uomini, come scritto in $enesi ',,43'+ e ::,''3':5, come pure in 8sodo +,:3&.
In >uca compare a <accaria nel santuario 1',''5, a $iuseppe in sogno 1',:@.:& e :,'+5 e si mostra ai pastori a
Eetlemme 1:,G5. In *atteo :%,: parla alle due discepole presso il sepolcro vuoto.
0i tratta di !una specie di controfigura di Dio#, come riassume, con efficacia, >ilia 0ebastiani.
Torna all'indice generale
ANIMA ANIMA
8timologicamente il termine anima deriva dal greco nemos che significa vento. 9radotto nella Eibbia,
dall.ebraico al greco, con ps#ch- letteralmente vento, respiro, soffio vitale e anche !spirito#.
7nima certo un concetto religioso ma anche antropologico e il significato cambia moltissimo nelle varie
religioni e culture.
/oncetto ricco ma contemporaneamente vago, inafferrabile, come l.acqua o il vento,difficilmente definibile,
ma diverso anche negli individui di gruppi apparentemente omogenei. In generale, nel sentire comune, la
parte spirituale dell'uomo, qualcosa che ha a che fare con l'immortalit, senza confini definiti con altri aspetti
umani non biologici come spirito, interiorit, sostanza spirituale, coscienza, animo, l.essere intimo, la
persona, l.individualit, la vita, insieme con l.intelligenza, il pensiero, la ragione, il cuore, la memoria,
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 21
l.intelligenza, l.esperienza, la percezione- insomma tutto ci che non strettamente materia.
"arola dai mille volti, una terra senza frontiere, un oceano sconfinato, tra fede, religione, teologia, filosofia e,
dato recente, anche scienza. /artesio diceva infatti che la sede dell'anima nella ghiandola cerebrale
chiamata pineale, mentre alcuni neurofisiologi moderni arrivano ad identificarla con il sistema neuronale.
$ianfranco 2avasi in !Ereve storia dell.anima# ha una bellissima immagine quando parla del suo viaggio
alla ricerca del significato di anima- un fiume che nasce da pi( sorgenti, che si dipana con un lento cammino
serpentiforme e sbocca nel mare con un grande delta.
/arlo *aria *artini, nella lettera scritta a 6ito *ancuso, da $erusalemme nel :@@, e pubblicata all.inizio
del libro #>.anima e il suo destino#, dice- !/arissimo 6ito, hai avuto un bel coraggio a scrivere dell.anima, la
cosa pi( eterea, pi( imprendibile che ci sia, tanto che si giunge a dubitare che essa esista#.
9ra le varie definizioni di autorevoli dizionari riporto quella del Dizionario Italiano 2agionato, $. D'7nna 3
0intesi- I8ssenza o principio vitale, elemento che infonde la vita, che sorregge e realizza la vita di un
organismo. /ome tale propria non solo dell'uomo ma di tutti gli esseri che vivono- e infatti in 7ristotele si
distingue l'anima intellettiva 1che sente, intende e vuole5, immortale, propria solo dell'uomo, dall'anima
sensitiva, comune all'uomo e agli animali, dall'anima vegetativa, propria anche delle pianteI.
*olto interessante anche il significato secondario della parola, usata per indicare- sostegno, telaio,
intelaiatura, struttura, ossatura eccetera.
Dice /arlo *olari- !Il termine Kanima) uno dei pi( comuni nelle lingue umane, anche se il suo significato
molto vario e a volte indeterminato# 1F5 !Il termine anima pu servire per indicare la realt umana nella
forma compiuta di vita alla quale chiamata dopo la morte, ma resta un termine ambiguo quando designa
una realt spirituale in contrapposizione al corpo#. 1F5 !U forse meglio parlare della triplice dimensione
dell.uomo- corporale, psichica e spirituale#.
0crive $ianfranco 2avasi- !9uttavia la diversit tra anima e corpo non legittima nessuna incrinatura
dell.unit anima3corpo- la vera unica sostanza quella dell.uomo in sC, sostanza costituita appunto dai due
1diversi ma uniti5 principi fondamentali dell.anima e del corpo. >a stessa anima, osserva 9ommaso, senza il
corpo sarebbe come una mano recisa da un organismo vivente e in sC non sarebbe persona. >a stessa
immortalit dell.anima, ossia la sua sopravvivenza oltre la morte, intesa dal Dottore della /hiesa non come
una permanenza del tutto autonoma- l.anima mantiene sempre una relazione trascendentale, cio un legame
metafisico, con la Kmateria)3corpo di cui era stata la !forma#, in attesa di ricomporre in pieno l.unit ferita
dalla morte. per tale via che si recupera la dottrina cristiana della nostra resurrezione finale, dopo lo Kstato
intermedio) delle anime, segu?to alla morte. Huesto fa capire come, anche nel caso estremo della morte, in
9ommaso l.esaltazione dell.anima non avvenga mai a scapito del corpo#.
*olto interessante pu essere la lettura della voce !anima# dell'8nciclopedia di 2epubblica, redatta da /arlo
/ollo- !Oino all'inizio di questo secolo cattolici e protestanti ritenevano, quasi all'unanimit, che la presenza
nell'uomo di un'anima spirituale e immortale costituisse un dato irrinunciabile della fede cristiana.
0uccessivamente la scoperta del modo diverso di concepire l'uomo nella cultura ebraica e il rigetto del
dualismo platonico e di quello cartesiano nelle antropologie moderne hanno indotto prima i protestanti e poi i
cattolici a riesaminare il concetto di anima e a domandarsi se non lo si possa, o addirittura non lo si debba,
abbandonare perchC estraneo e contrario alla concezione biblica, e improponibile all'uomo d'oggi. >a
concezione dell'uomo presente nella Eibbia non dualistica bens? sintetica e descrittiva- l'uomo visto come
unit vivente. Il termine ebraico ne%esh, impropriamente tradotto con !anima#, indica l'intero uomo in
quanto dotato di respiro vitale e quindi vivente e animato dallo spirito di Dio. Il Auovo 9estamento si attiene
per lo pi( all'uso linguistico dell'7ntico 9estamento, intendendo l'anima 1ps#ch5 come vita e forza vitale
senza contrapporla al corpo. >a distinzione tra anima e corpo penetr nel pensiero cristiano attraverso i "adri
della /hiesa ma sub? radicali correzioni- l'anima non divina per natura e non preesiste al corpo ma creata,
insieme la corpo, da Dio. Bna vigorosa riaffermazione dell'unit dell'uomo si ebbe con 9ommaso d'7quino.
7derendo all'antropologia aristotelica intese l'anima come %orma corporis unita sostanzialmente al corpo,
trascendente la materia ma essenzialmente correlata ad essa. Huesta prospettiva fortemente unitaria si riflette
nel concilio di 6ienne 1'+''5 e nel >ateranense 6 1';'+5. Il concilio 6aticano II fece un uso discreto e
riservato del termine anima, preferendogli quello di Kpersona) pi( idoneo ad esprimere l'unit dell'uomo e a
rivalutarne il corpo. =ggi la teologia si orienta ad evitare sia la sopravvalutazione sia la svalutazione della
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 22
nozione anima. Il cristianesimo non si identifica con alcuna antropologia particolare pur dovendo servirsene,
ma neppure le considera tutte ugualmente capaci di esprimere la realt dell'uomo e la sua vocazione alla
salvezza. Il binomio anima3corpo non di per sC insostituibile. "er intanto, se rettamente inteso come dualit
senza dualismi, e l'anima anzichC essere immaginata come una Kcosa) accanto al corpo, viene concepita
come Kprincipio interno che condiziona l'unit e la totalit dell'uomo) 18. /oreth5, c' da pensare che esso
non sia poi cos? inaccettabile e che costituisca per ora la rappresentazione pi( idonea a tradurre la ricca e
complessa realt dell'uomo e la sua capacit di aprirsi alla sorprendente vocazione a cui Dio lo chiama#.
Aella Eibbia ebraica si trovano termini diversi utili per comprendere il concetto di persona. Huesti termini
sono- *uah, ,e%esh 1e ,e%esh ha""ah5, ,ishamat 1e ,isham atha""im 5.
1) *uah 1-neuma in greco e +piritus in latino5 la fonte della vita di uomini e animali, il principio vitale,
un.indispensabile energia vitale che sostiene la ,e%esh. Aella Eibbia scritto-
3 $iobbe ++,&- !Lo spirio di Dio H*uahI mi -a +reao e il soffio H,ishmatI dell;<nnipoene mi fa vivere#.
3 0almo '@&,+@3+'' !Nas+ondi il !o volo: li assale il errore# ogli loro il respiro H,e%eshI: m!oiono. e
riornano nella polvere1 :andi il !o spirio H*uahI. sono +reai. e rinnovi la fa++ia della erra#.
2) ,e%esh un termine dai moltissimi significati- gola, palato, trachea, collo, soffio, alito, respiro. Inoltre
fame, nutrimento, vitto, sostentamento, appetito, desiderio, brama. *a anche anima, essere vivente e, infine,
persona come individuo. Dire anima per indicare un individuo, noto, si usa nella lingua corrente quando si
dice !un paese di mille anime# oppure com. usato in >uca ',&,- !&llora :aria disse: L;anima mia
magnifi+a il 0ignore3; oppure in *arco '&,+&- !La mia anima ) rise fino alla more#- ossia !io# o !la mia
persona#. ,e%esh perci l'essere vivente, ogni essere vivente, ossia chi ha in sC il principio vitale 1 *uah5,
la cui mancanza provoca la morte.
"er dire un essere vivente nella sua completezza, fatto di soma e ps#ch, la Eibbia usa il termine ,e%esh
ha""ah. scritto in $enesi :,4: ?/l 0ignore Dio HEloimI plasm, l;!omo HadamI +on la polvere della erra
HadamahI. soffi, nelle s!e nari+i !n alio di via H!na ,ishm atha""imI e l;!omo HadamI divenne !n essere
vivene H,e%esh ha""ahI@.
IAel mondo ebraico si parla di !ne%esh#, nella traduzione greca si parla di !ps#ch#, ma ps#ch non
l.anima come intendiamo noi, ma la consapevolezza esistenziale, lo spirito vitale, per il quale noi viviamo
e, quando viene meno, cessiamo di vivereI 10alvatore Origerio5.
Illuminante il versetto :% del capitolo '@ di *atteo- !2 non a$$iae pa!ra di *!elli +-e !++idono il +orpo
HsomaI. ma non -anno poere di !++idere l;anima 1ps#ch, la vita, la consapevolezza di sC5 a$$iae pa!ra
pi!oso di +ol!i +-e -a il poere di far perire nella Ge)nna e l;anima e il +orpo@. ossia distruggere tutto
l.essere, l.intera persona nell.immondezzaio di $erusalemme.
3) ,e%esh ha""ah indica allora !l.essere vivente# completo di soma e di ps#ch.
4) ,ishamat uno spirito che proprio di Dio ed comunicato all'uomo creato.
/0 ,isham atha""im tradotto con alito di vita, la coscienza vitale, la consapevolezza di sC, la capacit di
distinguere e scegliere tra bene e male.
Aella cultura ebraica arcaica l'uomo che muore, muore completamente, scende nel mondo sotterraneo dei
morti 1shel5, il luogo della non vita, dell.assenza di Dio, dove sopravvive una larva di uomo. *a gi fin dal
tempo dei *accabei 1II secolo a. /.5 si fa strada l'idea che i giusti che hanno sub?to torti, persecuzioni o
martirio, sopravvivranno per opera e volont di Dio, risuscitando.
>a filosofia greca 10ocrate, "latone e 7ristotele5 3 con la sua visione dualistica dell'uomo- anima e corpo,
materia e spirito, aspirazioni superiori ed inferiori, istintivit e spiritualit 3 alla base della cultura
occidentale.
"latone 1nel 6edone, il testo che racconta le ultime ora di 0ocrate5 fa parlare 0ocrate, che per primo chiama
ps#ch la coscienza intellettuale e morale dell'uomo, cio la sua capacit di intendere e volere il bene,
contrapponendola al soma mortale, il corpo in cui rinchiusa, preesistente ad esso, immortale, appartenente
al mondo delle idee, opposta per natura alla mutabilit e caducit della materia. ci che fa superare la
morte alla creatura umana perchC l'anima si libera ascendendo al cielo, liberandosi dalla materia.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 23
$ran parte della cultura occidentale figlia dell.eredit platonica del dualismo di un corpo 1materia,
prigione5 e di un'anima prigioniera da liberare. =ccorre inoltre ricordare che il concetto di !inferno, paradiso
e purgatorio# sembra preso di sana pianta dal filosofo Oedone, allievo di 0ocrate.
"latone poi anche il padre della metempsicosi per cui l.anima immortale, reincarnandosi, espia una colpa
originaria in attesa di ritornare al mondo delle idee in uno stato di eterna ed immutabile beatitudine, nella
pura contemplazione della verit.
7ristotele, discepolo di "latone, teorizza un'anima vegetativa, una sensitiva ed una intellettiva 1razionale,
pensante detta nous5 che l'unica delle tre ad essere immortale.
!/on il modello platonico di anima spirituale era facile definire l.immortalit e l.abbiamo visto con il
6edone, il dialogo del filosofo ateniese dedicato proprio al destino ultimo dell.anima- con la morte l.anima
spazzava finalmente le catene del corpo, ne abbandonava la spoglia e volava verso la luce e la libert della
trascendenza celeste. Aon per nulla la stessa antica predicazione ecclesiale amava seguire questo modello
spiritualista e, come vedremo, la visione immortalistico3spirituale ancora inchiodata, nel comune sentire
cristiano, a quella concezione# 1$ianfranco 2avasi5.
Dice "aolo De Eenedetti- IIl concetto di anima immortale un concetto greco, platonico che implica anche
un dualismo anima3corpo che non biblico, non ebraico, quindi non deve essere neanche cristianoI.
Il dualismo contrapposto anima3corpo proprio della filosofia greca non trova riscontro nella teologia cristiana
1ed ebraica5 che radicalmente antiplatonica. Easti ricordare che la dottrina gnostica, con il suo disprezzo
della corporeit 1accettando o rifiutando ascetismo estremo o completa indulgenza5, il rifiuto della
resurrezione dei morti e l'affermazione dell'immortalit dell'anima che si realizza ascendendo al cielo,
liberandosi dalla materia, stata ferocemente combattuta come un'eresia, ma purtroppo una china sulla
quale si tende, talora consapevolmente, a scivolare.
"er la fede ebraico cristiana soma, pneuma, ps#ch sono un.unit inscindibile, per cui si diventa tanto pi(
!persona# quanto pi( queste componenti sono in armonia tra loro. 7llora !U forse meglio parlare della
triplice dimensione dell.uomo- corporale, psichica e spirituale# 1/arlo *olari5.
KOin dall'origine, e anche prima della nascita del cristianesimo, essa 1la cultura occidentale5 ha sempre avuto
una inclinazione al dualismo, cio ad opporre l'anima e il corpo, lo spirito e la materia, di cercare la salvezza
nel rigetto del mondo materiale, considerato come forzatamente perverso) 1F5 KAel cuore stesso del
cristianesimo si trova un rigetto radicale del dualismo. Aessuna altra religione accorda altrettanta importanza
al corpo. I cristiani sostengono che Dio ha preso carne in modo pienamente umano, che nato da donna
come ogni bambino. Il centro della liturgia cristiana la condivisione del suo corpo. Il cuore di questa fede
la sua 2isurrezione. Il cristianesimo in se stesso profondamente antidualista). 1F5 K/erto il cristianesimo
nasce da una tomba vuota, con l'assenza di un corpo. *a quasi subito questo corpo riprende il suo posto alla
tavola dei discepoli, nel cammino di 8mmaus, fa valere le sue prerogative realmente umane e chiede verifica
delle proprie ferite all'incredulit di 9ommaso) 1$iancarlo <izola5.
>a primitiva comunit cristiana credeva che $es( non risuscitava i morti, ma comunicava ai vivi che gli
davano adesione 1!+-i +rede in me#5, una qualit di vita che detta eterna, non perchC dura per sempre ma
perchC capace di superare la fine della vita biologica. Dice "aolo in /olossesi :,':- I4on l!i infai siee
sai sepoli insieme nel $aesimo. in l!i siee sai insieme ris!s+iaiI. F I0e d!n*!e siee risori K I. Ael
testo apocrifo di Oilippo, viene attribuita a $es( la frase- I0e non si ris!s+ia prima. menre si ) an+ora in
via. morendo non si ris!s+ia piAI.
lo 0pirito effuso da $es( sulla croce che permette di superare la morte, lo 0pirito d la vita indistruttibile.
I4-i vive e +rede in me non morir' maiI dice $es( a *arta. Aon contrappone vita e morte ma nascita e
morte, entrambe espressioni della vita.
2ipete 7lberto *aggi- !Aon si muore mai, ma si nasce due volte e la seconda per sempre#.
0crive $ianfranco 2avasi- !>a teologia fiorita dopo il concilio 6aticano II, pur non ignorando questo forte
accento della tradizione sull.immortalit dell.anima, ha cercato di relativizzare in modo pi( marcato l.unit P
anch.essa tradizionale, come si visto P della persona umana e di comporla con l.annunzio prettamente
cristiano della resurrezione# 1F5 !2iguarda al tema specifico dell.immortalit gloriosa Kintermedia
dell.anima prima della resurrezione finale, il famoso teologo tedesco Varl 2ahner 1'G@&3'G%&5 avanzava
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 24
un.obiezione di immediato impatto- K"erchC mai un defunto, ormai beato, dovrebbe interessarsi tanto della
venuta di /risto e del giudizio ultimo e della risurrezione finale, se gi presso di lui e presso Dio nella
felicit eternaJ). $i >utero ironizzava cos?- KDev.essere un.anima insensata quella che, se fosse in cielo,
bramerebbe il corpoQ). un po. per queste ovvie considerazioni che spesso, come si detto, sia a livello
popolare sia in ambito colto si preferisce ripiegare sull.immortalit dell.anima ponendola al centro della fede
e della speranza, accantonando o mettendo la sordina sulla pur netta e capitale proclamazione della
risurrezione proposta dai testi biblici. 7l contrario altri spostano tutto l.accento sulla risurrezione finale,
considerata una ri3creazione di ogni creatura umana, nella consapevolezza che ci che oltre il tempo e lo
spazio, ossia l.eternit, non ha durate intermedie 1concetto ovviamente legato al tempo che ha un Kprima) e
un Kpoi)5 ma istantaneo. In quella sorta di punto che l.eternit si condensa tutto ci che oltre la morte,
oltre la frontiera del nostro tempo. 7 questa considerazione si deve aggiungere un rilievo gi emerso durante
la nostra ricerca sulle sorgenti bibliche della dottrina dell.anima- l.idea dell.oltrevita beato ebraico3cristiano
non identificabile con l.immortalit platonica, concepita esclusivamente come una permanenza senza fine
nell.essere. >.aldil biblico , invece, un ingresso nell.intimit divina, una comunione filiale fra il giusto e il
suo 0ignore, una contemplazione faccia a faccia di Dio, un dialogo d.amore, secondo le parole di san
$iovanni nella sua prima lettera 1+,:5- KNoi fin d;ora siamo figli di Dio. ma +i, +-e saremo non ) sao
an+ora rivelao. sappiamo. per,. +-e *!ando egli sar' manifesao. noi saremo simili a l!i. per+-> lo
vedremo +os8 +ome egli )).
>a visione ebraico cristiana dell'uomo 1il cardine la non dualit anima3corpo5 si contrappone nettamente
alla visione greca, gi nei primi due secoli di vita della /hiesa, e la discriminazione il credere nella
resurrezione dei morti 1la persona nella sua totalit5 e non nell'immortalit dell.anima.
>.anima non sopravvive alla persona, ma l.intera persona continua la sua esistenza in Dio- !la via non )
ola ma rasformaa# scritto nel prefazio della *essa dei defunti, perchC la trasformazione avviene gi in
questa vita. Huando poi la parte biologica muore e si disfa, la persona continua a vivere in Dio.
Il /atechismo degli adulti della /8I 1!>a verit vi far liberi#5 in riferimento alla continuit della vita scrive
con chiarezza 1''G;5- K"ossiamo concludere che dopo la morte sopravvive l.io personale, dotato di
coscienza e volont. 0e si vuole chiamarlo anima, basta intendere questa parola in maniera biblica). *a poi
aggiunge che la persona 1l.io personale5 dopo la morte !perde il corpo, cio l.insieme dei suoi rapporti
sensibili con il mondo naturale e umano, ma continua a sussistere nella sua singolarit, in attesa di
raggiungere la completa perfezione, al termine della storia, con la resurrezione#.
=ssia la persona, formata di sola anima, imperfetta e diventer perfetta alla fine del mondo, quando ci sar
la resurrezione della carne e le due componenti si ricongiungeranno. 0olo per me queste affermazioni si
contraddiconoJ =ppure il dualismo, cacciato dalla porta rientra dalla finestraJ 9ollerato, per non dire
accettato da molti.
7ltro punto interessante da considerare che i cosiddetti !miracoli# di $es( sono, nel contempo, una
guarigione materiale ma anche e spirituale. sempre la persona tutta intera che viene salvata, cio liberata da
ci che gli impedisce di essere completamente !persona#. 9utto l.uomo viene liberato da ci che gli
impedisce di essere libero.
7 complicare le cose per noi, c. anche, nella traduzione /8I dei vangeli, dell.uso diversificato del termine
ps#ch, tale da creare confusione. ". es. in *atteo '@,:%- !2 non a$$iae pa!ra di *!elli +-e !++idono il
+orpo. ma non -anno poere di !++idere l;anima# a$$iae pa!ra pi!oso di +ol!i +-e -a il poere di far
perire nella Ge)nna e l;anima e il +orpo # dove si parla di morte del corpo ma anche dell.anima. In alcuni
brani paralleli dei quattro vangeli, lo stesso termine vita assume significati diversi perchC la vita che si vuol
salvare 1biologica5 non la stessa che si perder 1la vita eterna5, ma il termine usato sempre ps#ch1.
3 1*atteo ',,:;3:,5- !Per+-> +-i v!ole salvare la propria via. la perder'# ma +-i perder' la propria via
per +a!sa mia la rover'1 /nfai *!ale vanaggio avr' !n !omo se g!adagner' il mondo inero. ma perda la
propria viaC < +-e +osa !n !omo por' dare in +am$io della propria viaC#.
3 1*arco %,+;3+45- !Per+-> +-i v!ole salvare la propria via. la perder'# ma +-i perder' la propria via per
+a!sa mia e del Vangelo. la salver'1 /nfai *!ale vanaggio +;) +-e !n !omo g!adagni il mondo inero e
perda la propria viaC 4-e +osa pore$$e dare !n !omo in +am$io della propria viaC #.
3 1>uca G,:&3:;5. !4-i v!ole salvare la propria via. la perder'. ma +-i perder' la propria via per +a!sa
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 25
mia. la salver'1 /nfai. *!ale vanaggio -a !n !omo +-e g!adagna il mondo inero. ma perde o rovina se
sessoC#1 Dove !se stesso# indica la persona nella sua interezza, ma non dice ps#ch1.
3 !4-i ama la propria via. la perde e +-i odia la propria via in *!eso mondo. la +onserver' per la via
eerna# 1$iovanni ':,:;5. Dove vita eterna 2o aion. *entre in >uca %,;; !vita# la traduzione del
termine greco pneuma, spirito. "arole poco chiare, almeno a me.
In >uca ',&, l.espressione !L;anima mia signifi+a il 0ignore# chiaramente indica !Io magnifico il 0ignore#.
>o stesso in *arco '&,+& le parole di $es( nel $etsmani- !La mia anima ) rise fino alla more#. "oi c.
>uca ':,'G3:@ dove in due versetti ci sono due modalit di traduzione dello stesso termine- !Poi dir, a me
sesso 1ps#ch15- 7nima 1ps#ch15 mia. -ai a disposi"ione moli $eni. per moli anni# rip,sai. mangia. $evi e
dai alla gioia1 :a Dio gli disse: 0olo. *!esa noe sessa i sar' ri+-iesa la !a via 1ps#ch15. 2 *!ello
+-e -ai preparao di +-i sar'C#. >.anima 1secondo il significato che ognuno pu dare a questa parola5 si
perde se si rifiuta la !vita# continuamente offerta da Dio.
7 mio modesto avviso la differenza tra il /redo 7postolico 1inizi del II secolo5 e il /redo niceno3
costantinopolitano del +%', sta nell.uso del termine di !resurrezione della carne# nel primo e di !resurrezione
dei morti# nel secondo, dove scompare una rottura di continuit, come dice "aolo in '/orinzi ';,&:3&&-
!4os8 an+-e la ris!rre"ione dei mori: ) seminao nella +orr!"ione. risorge nell;in+orr!i$ili'# ) seminao
nella miseria. risorge nella gloria# ) seminao nella de$ole""a. risorge nella poen"a# ) seminao +orpo
animale. risorge +orpo spiri!ale#.
>a persona che si apre all'irruzione dello 0pirito divino, trasfigura la povert della condizione umana perchC
lo 0pirito del 2isorto la introduce nella gloria e nell'eternit.
Torna all'indice generale
ANNA ANNA
'5 7nna, personaggio femminile, figlia di Oanule, della trib( di 7ser 1la pi( piccola tra le trib( di Israele5,
la vecchia profetessa vedova che vive nel 9empio e che, mossa dallo 0pirito, riconosce in $es( il *essia
quando portato al 9empio per essere riscattato, come tutti i primogeniti, secondo la legge di *os 1>uca
:,+,3+%5. 2appresenta l.Israele che riconosce in $es( il *essia e, dice >uca, che ha %& anni 14 che indica la
perfezione, per ': che Israele5.
:5 7nna, il personaggio maschile nominato nei vangeli, il suocero di /aifa, il sommo sacerdote del
processo a $es(. 7nna il diminutivo di 7nania 1 LahR misericordioso5.
8ra un sadduceo, nominato 0ommo 0acerdote mentre regnava 8rode 7grippa II nel , d. /. da Huirino, legato
romano in 0iria, e deposto da 6alerio $rato nel ';. 8gli rimase per sempre molto influente, facendo poi
nominare cinque suoi figli e un nipote alla somma carica.
$li successe $iuseppe /aifa o /aiafa, suo genero. Il processo a $es( si svolse durate il tempo in cui era
sommo sacerdote /aifa, ma nel racconto evangelico scritto che fu portato prima in casa di 7nna, il deus e3
machina dell.intera operazione.
Aoto per la sua ingordigia di potere e di ricchezza, la figura emblematica di colui che manovra dietro le
quinte e rappresenta il potere politico economico e religioso, simbolo delle tenebre nel vangelo di $iovanni.
Torna all'indice generale
ANNUNCIARE ANNUNCIARE
Il greco 4r#ssein 1da cui il termine erigma che indica l'annunzio del messaggio cristiano5 si pu tradurre
con "28DI/728 ma anche con 7AABA/I728.
Aei vangeli il verbo annunziare significa portare buone notizie, anzi la buona notizia che il Dio "adre di
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 26
$es( non un tiranno vendicativo, ma un padre amoroso.
8 allora evangelizzare non sinonimo di catechizzare, nC di fare proseliti, ma di portare a tutti il !vangelo#,
ossia questa buona notizia. =ra, purtroppo, gli annunziatori del 6angelo crescono nutriti di teologia e fuori
della vita evangelica e molti laici, persone normali, talora pi( mature dei chierici, lo percepiscono, e
abbandonano il mondo degli effetti speciali di chi si nasconde dietro una facciata religiosa ed ipocrita.
In alcuni passi, invece, quando si tratta di annunciare al mondo il 6angelo in senso stretto, viene usato il
termine evangelizzare 1portare la !buona3notizia# in greco eu5angh1lion5.
I due termini si trovano insieme al versetto %,' di >uca- !/n seg!io egli se ne andava per +i' e villaggi.
predi+ando e ann!n+iando la $!ona noi"ia del regno di Dio#.
7nnunciare, nel senso di evangelizzare si trova, per esempio, in *atteo '',; 1i +ie+-i ria+*!isano la visa.
gli "oppi +amminano. i le$$rosi sono p!rifi+ai. i sordi odono. i mori ris!s+iano. ai poveri ) ann!n+iao il
Vangelo 5, e in >uca &,&+ 12gli per, disse loro: N ne+essario +-e io ann!n+i la $!ona noi"ia del regno di
Dio an+-e alle alre +i'# per *!eso sono sao mandao5 e in $iovanni ',,'& 12gli mi glorifi+-er'. per+->
prender' da *!el +-e ) mio e ve lo ann!n+er'5. Aon esiste invece nel vangelo di *arco.
Torna all'indice generale
ANTIOCO IV EPIFANE ANTIOCO IV EPIFANE
7ntioco I6 8pifne, re di 0iria 1e perci anche della "alestina5 dal '4; al ',& a. /., era figlio di 7ntioco III il
$rande, della dinastia dei 0eleucidi, discendenti di 0eleuco I, un generale di 7lessandro *agno.
Huesto re siro3ellenistico, amante del lusso, tanto ambizioso quanto geniale, si faceva chiamare epiphnes
ossia manifestazione dello splendore di <eus in terra, ma era chiamato dai suoi nemici epinmes, pazzo.
0accheggi $erusalemme e il 9empio e nel ',4 a. /., volle imporre ai giudei il culto di <eus =limpio con
una statua eretta nel 9empio; inoltre mise al bando la religione giudaica ed ordin di distruggere i libri della
>egge, sotto pena di morte.
Huesto provoc una violenta rivolta, guidata prima dal sacerdote *attatia e poi da suo figlio $iuda
*accabeo che, dopo la riconquista di $erusalemme, nello stesso giorno dell'anno ',& a. /., purific il
9empio e ricostru? l.altare degli olocausti 1'*accabei ',;& e &,&;3;+5.
Torna all'indice generale
ANZIANI ANZIANI del del POPOLO POPOLO
/hiamati in greco presb#teri, essi componevano una specie di senato formato dai capi sia delle famiglie
nobili che dei clan, e rappresentavano il potere economico, l.aristocrazia civile giudaica.
$li anziani o presbiteri, con i sommi sacerdoti e gli scribi formavano il 0inedrio, con a capo il sommo
sacerdote in carica.
Torna all'indice generale
APOCRIFO APOCRIFO
Ael greco classico il termine significa segreto, nascosto, occulto. 8rano cos? chiamati gli scritti sacri che non
venivano letti durante il culto pubblico, ma erano riservati a pochi eletti. "oi cambiato il senso e il termine
passato ad indicare qualcosa di nascosto, poco chiaro, oppure deformato o fantasioso, come sono i vangeli
di $es( bambino e della *adonna. Huesti testi sono ritenuti inattendibili, e bollati come eretici, per la loro
interpretazione deformata della persona e del messaggio di $es(.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 25
/elebri sono gli scritti gnostici del Auovo 9estamento come il 6angelo di $iuda o quello pi( conosciuto da
pi( tempo, di 9ommaso.
Ael significato corrente si chiama apocrifo un libro, riferito a $es( stesso, a suoi parenti, ai primi discepoli o
agli apostoli, non ammesso, per scelta, nel canone dei libri inspirati, i libri ufficiali della Eibbia cristiana,
anche se ai testi apocrifi sono legate molte devozioni molto poco cristiane.
>a composizione del canone biblico varia nelle varie /hiese che riconoscono il libro sacro.
Torna all'indice generale
APOSTOLI APOSTOLI
Apostoli il sostantivo plurale di apstolos, derivante dal verbo apostllo, mandare o inviare, e indica un
messaggero cui assegnato il compito di portare un messaggio o una notizia. 0empre nella letteratura greca
classica c. per un altro nome che esprime lo stesso concetto- angelo, alla cui voce si rimanda. 7nche nella
>SS, ove compare molte centinaia di volte, il termine indica una funzione temporanea che non ha mai il
senso della missionariet, peraltro non prevista nel giudaismo.
Il significato attuale, secondo il senso comune, quello dato a "aolo apostolo, coluiWcolei che
inviatoWinviata ad evangelizzare. "er questa ragione veniva chiamata !apostola# nella /hiesa primitiva,
*aria di *agdala, un figura da vera leader, che per ben presto venne messa da parte dai maschi, decisi a
non condividere il potere che la /hiesa andava diabolicamente accumulando, facendo fuori una met dei
possibili competitors. Huesta discriminazione, fatta risalire allo stesso $es(, palesemente infondata, anche
se in bocca ad un papa, che chiaramente parla !pro domo sua#. $es(, contrapponendosi apertamente alla
mentalit misgena del suo tempo, non solo aveva discepoli e discepole, ma il 2isorto invia la *addalena ad
evangelizzare- !:aria di :'gdala and, ad ann!n+iare ai dis+epoli: Oo viso il 0ignore%3 e +i, +-e le
aveva deo# 1$iovanni :@,'%5.
7postoli sono pertanto tutti coloro che sono inviati per annunziare ad Israele prima e poi a tutte le nazioni 1i
gentili, le genti5, il 6angelo di $es(, la buona notizia che Dio amore, solo amore, un amore totale e
gratuito. *a il primo apostolo proprio $es( 3 Oiglio e inviato di Dio 3 che, in 8brei +,', chiamato
!aposolo della fede +-e noi professiamo#.
Dal significato primitivo generico di inviati, il termine poi passato ad indicare alcuni della cerchia ristretta
dei discepoli di $es(, classicamente dodici; ma sui nomi di questi autorevoli personaggi non c. accordo nei
quattro evangeli. 16edi lo 0/M8*75.
In ogni caso quello degli apostoli un elenco piuttosto imbarazzante; tra essi c' uno che lo rinnega ed un
altro che lo tradisce; ci sono anche un collaboratore degli odiati romani, almeno uno zelota e due fratelli
fondamentalisti ed ambiziosi. Ael pericolo tutti lo abbandonano. *a poi essi furono capaci, "ietro in testa, di
dare la vita per essere fedeli al loro *aestro.
7postrofati pi( volte da $es( come uomini di poca fede 1I&++orosene. GesA +-iese: Per+->. !omini di
po+a fede. andae di+endo +-e non avee il paneCI in *arco ',,%5 oppure come persone che non capiscono
1GesA disse loro: Per+-> dis+!ee +-e non avee paneC Non inendee e non +apie an+oraC &vee il +!ore
ind!rioCI in *arco %,'45.
Del gruppo ristretto dei seguaci non fanno parte nC scribi nC farisei che si ritengono gli eletti e quindi non
possono accettare un messaggio cos? nuovo e con un.apertura universale e che non sia esclusivo per gli ebrei.
*arco li nomina in ,,+@- !Gli aposoli HapostoliI si ri!nirono dove era GesA e gli riferirono !o *!ello +-e
avevano fao e insegnao# e forse anche in +,'&; !Ne +osi!8 dodi+i 1Iche chiam apostoliI scritto solo in
alcuni codici5 +-e sessero +on l!i e an+-e per mandarli HapostlloI a predi+are#.
9ra gli studiosi non c. accordo perchC per qualcuno il termine va riferito solo ai dodici o a tutti i discepoli,
oppure se, seguendo il vangelo di >uca, che scrive quando i testimoni diretti erano scomparsi P c. chi tende
a mitizzare la funzione. Aon neanche certo se sia stata la /hiesa primitiva ad inviare, alcuni discepoli per
portare a tutti gli uomini la buona notizia, o se l.investitura risalga al 2isorto oppure a $es( vivente.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 2B
2iporto l.opinione di D. *Xller dal Dizionario dei /oncetti Eiblici del Auovo 9estamento- !>a disorientante
molteplicit dei tentativi ci costringe ad ammettere che oggi non ci possibile chiarire in maniera definitiva
l.oscurit che grava sulle origini dell.apostolato proto3cristiano. 1F5 Hualunque via imbocchiamo per tentare
di comprendere queste diverse rappresentazioni in base al loro contesto storico, nessuna ci consentir di
andare pi( in l di ipotesi. Huesto non ci dispensa dall.obbligo di scegliere quella che appare pi( verosimile,
o che ci sembra quadrare meglio, di sottoporla a sempre nuove verifiche e di permetter che venga messa in
discussione. 1F5 /ome fatto incontestabile si deve considerare l.originaria ed essenziale connessione tra
incarico missionario e apostolato nella chiesa primitiva. 0e per pensiamo che i ': discepoli, nel loro
significato escatologico di rappresentanti delle ': trib( d.Israele, erano legati in un certo senso a
$erusalemme, dovremmo allora ritenere del tutto inverosimile che sia stato $es( stesso P se prima o
immediatamente dopo la risurrezione, poco importa P a investirli dell.ufficio apostolico cos? come fu inteso
successivamente. 0arebbe inoltre a malapena concepibile che un gruppo di discepoli, provvisti di una simile
autorit conferita dal 0ignore in persona, perdesse la sua posizione di preminenza tanto presto, al pi( tardi
nell.epoca del concilio apostolico, al punto da non sapere nemmeno pi( con esattezza chi fossero i dodici.
Infine, come avrebbero *arco, *atteo ed eventualmente anche $iovanni, potuto sottacere, senza alcuna
ragione evidente, un apostolato dei dodici istituito da $es(J#. 1F5 Da "aolo, per la sua controversia con gli
avversari gnostici, veniamo a conoscere i tratti essenziali di questo apostolato. Aell.epoca post paolina,
quando si videro sempre pi( nei dodici gli unici trasmettitori legittimi del messaggio relativo a $es( in
quanto /risto, e l.idea si and progressivamente affermando, si sarebbe poi arrivati gradualmente ad
attribuire il titolo di apostoli a tutto il gruppo dei dodici. possibile, infine, che la limitazione del titolo di
apostoli ai dodici sia stata operata da >uca per far di loro i garanti della tradizione legittima#.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 2F
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 30
APOSTOLO APOSTOLO
Aei vangeli, specie quello di $v, la parola apostolo non sembra indicare un titolo, una carica, ma una
funzione. /os? in $iovanni '+,',- I/n veri'. in veri' vi di+o: !n servo non ) piA grande del s!o padrone. n>
!n inviao HaposoloI ) piA grande di +-i lo -a mandaoI.
"rima che venissero scritti i 6angeli, "aolo, nelle lettere a lui attribuite, chiama se stesso apostolo nel senso
letterale, perchC inviato da $es( stesso ad evangelizzare le genti.
Aegli 7tti degli 7postoli, sono chiamati apostoli anche *attia e Ernaba che pure non facevano parte dei
primitivi IdodiciI, ma sono personaggi di primissimo piano della /hiesa originaria pur non avendo segu?to
direttamente $es(.
Infine c. il problema posto dalla figura di "aolo di 9arso 1che si definisce apostolo di /risto5 e delle sue
controversie con gli apostoli di $erusalemme e con 0imone "ietro in particolare.
Torna all'indice generale
ARAM ARAM
una regione corrispondente all'alta *esopotamia, all.incirca nei territori dell'attuale 0iria, da cui part?
7bramo, chiamato da Dio a lasciare Br dei /aldei, nel territorio di /arran, per raggiungere la terra che,
secondo il mitico racconto biblico, gli era stata promessa da Dio, in /anaan.
Aella Eibbia il generale e ministro del re di 7ram, chiamato Aaman il 0iro, il lebbroso guarito dal profeta
8liseo che gli aveva ordinato di immergersi sette volte nel $iordano. 2icordato da $es( in nella sinagoga di
Aazaret in polemica con i suoi concittadini che lo contestano 1>uca &,:45.
Torna all'indice generale
ARAMAICO ARAMAICO
7ntica lingua di radice semitica degli abitanti di 7ram, gli 7ramei, e simile all'ebraico- usata dagli assiri, dai
persiani, dai babilonesi e infine anche dagli ebrei, perchC dal tempo dell'impero assiro era divenuta una
lingua internazionale, una sorta di esperanto dell.epoca.
>.aramaico era la lingua parlata correntemente dal popolo al tempo di $es(; l'ebraico era invece la lingua del
culto, quella dei testi sacri, parlata da scribi e sacerdoti, ma non compresa dalla gente perchC era uscita
dall'uso comune durante l'esilio babilonese.
$es( parlava in aramaico ma conosceva l'ebraico 1lesse infatti il rotolo di Isaia nella sinagoga di Aazaret,
oppure lo citava a memoria5 e non detto che non conoscesse almeno parzialmente anche il greco, la lingua
commerciale del tempo.
>a versione aramaica della Eibbia ebraica si chiama 972$B* 1che significa traduzione5 mentre la versione
greca si chiama Ila 08997A97 o >SSI.
/i sono alcuna parole aramaiche contenute nei vangeli- 6oanrghes 3 Talit um 3 7orban 3 E%%at 3
6artimeo 3 *abbun8 3 Abb. Il vangelo di $iovanni riporta tre termini, tutti collegati alla morte di $es(-
6etesda 1o 6et2aet5, 9abbat e 9lgota.
/. anche il prefisso bar 1figlio5 dei nomi Eartolomeo, Eartimeo e Earabba.
Infine c. la frase detta da $es( 1*atteo :4,&,5 sulla croce- !Elo8. Elo8, lem sabactniJ#, che l.inizio del
0almo :' nella traduzione aramaica, dove Elo8 la trascrizione del termine Elah8, sotto l.influsso
dell.ebraico Elohim.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 31
ARIMATEA ARIMATEA
0i tratta di un villaggio all'estremo nord della $iudea, anticamente noto come 2amataim o anche 2ama,
famoso per essere la patria del profeta 0amuele. Oorse l'attuale 2amall, una citt araba, distante poche
decine di chilometri da $erusalemme.
Aei quattro vangeli $iuseppe d'7rimatea, membro autorevole del 0inedrio e ricco, definito uomo Ibuono e
giustoI, appare come una figura in chiaroscuro. 8ra infatti discepolo di $es(, seppure di nascosto, ma ebbe il
coraggio di chiedere ad 8rode il corpo di $es(, un condannato all'infamia della crocifissione e quindi
destinato ad una fossa comune, per farlo deporre nella sua tomba nuova nei pressi del $lgota.
In >uca :+,;' non approva la decisione del sinedrio che condanna $es( senza processarlo.
Torna all'indice generale
ARONITI ARONITI
"rendono il nome da 7ronne, discendente di >evi, il terzo figlio di $iacobbe 1e di >ia5, fratello maggiore e
portavoce di *os, che il primo sommo sacerdote e capostipite dei sacerdoti d.Israele, anche se lui stesso
che, tardando *os a scendere dal 0inai, costru? il vitello d.oro che gli Israeliti adorarono, scatenando la
grande ira del fratello. 8lisabetta, madre di $iovanni il Eattista, era un discendente di 7ronne 1>uca ',;5. I
sacerdoti 0adociti erano 7roniti.
Torna all'indice generale
ASCOLTARE / UDIRE ASCOLTARE / UDIRE
+hem (srael, ascolta Israele- la professione di fede che il pio israelita ripete tre volte al giorno, come
contenuta in Deuteronomio ,,&; !&s+ola. /sraele: il 0ignore ) il nosro Dio. !ni+o ) il 0ignore1 (! amerai il
0ignore. !o Dio. +on !o il +!ore. +on !a l;anima e +on !e le for"e#. Israele chiamato ad ascoltare la
sua voce e la sordit figura del rifiuto e dell'opposizione.
K2 an+-e il Padre. +-e mi -a mandao. -a reso esimonian"a di me1 :a voi non avee mai as+olao la s!a
vo+e. n> avee viso il s!o volo) 1$iovanni ;,+45.
>a frase riportata anche in *arco ':,:G3+'- !GesA rispose: /l primo ): &s+ola. /sraele% /l 0ignore nosro
Dio ) l;!ni+o 0ignore# amerai il 0ignore !o Dio +on !o il !o +!ore e +on !a la !a anima. +on !a la
!a mene e +on !a la !a for"a1 /l se+ondo ) *!eso: &merai il !o prossimo +ome e sesso1 Non +;) alro
+omandameno piA grande di *!esi3#.
In ebraico, cos? come in latino, ascoltare equivale ad obbedire 1ob audire5 ossia ascoltare, capire e vivere il
messaggio della 0crittura. *a ascolta veramente solo chi ha dei dubbi e non chi ha solo certezze e crede di
non aver nulla da imparare.
KPer+i, +-i!n*!e as+ola *!ese mie parole e le mee in prai+a. ) simile a !n !omo saggio +-e -a +osr!io
la s!a +asa s!lla ro++ia1 4adde la pioggia. srariparono i fi!mi. soffiarono i veni e si a$$aerono s! *!ella
+asa. ma essa non +adde. per+-> era fondaa sopra la ro++ia1 4-i!n*!e as+ola *!ese mie parole e non le
mee in prai+a. ) simile a !n !omo solo +-e -a +osr!io la s!a +asa s!lla sa$$ia1 4adde la pioggia.
srariparono i fi!mi. soffiarono i veni e si a$$aerono s! *!ella +asa. ed essa +adde. e la s!a rovina f!
grande ) 1*atteo 4,:&3:45.
Il verbo di uso frequente nella Eibbia e chi per eccellenza ascolta Dio, che ascolta sempre, e ci esaudisce
solo se chiediamolo lo 0pirito 0anto- K0e voi d!n*!e. +-e siee +aivi. sapee dare +ose $!one ai vosri figli.
*!ano piA il Padre vosro del +ielo dar' lo 0pirio 0ano a *!elli +-e glielo +-iedono%) 1>uca '','+5.
I*a in nessun testo dell'7ntico 9estamento si afferma che egli ascolta le lodi che gli vengono rivolteI, fa
notare Oernando 7rmellini.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 32
Torna all'indice generale
ASIDEI ASIDEI
Il termine 7sidei 1dal greco Asidoi, a sua volta derivante dall.ebraico Hasidin5, sta ad indicare un movimento
religioso di persone devote chiamate appunto !i pii#, che si opponevano strenuamente all.ellenizzazione
forzata della "alestina.
Dopo la morte di 7lessandro *agno, nel +:+ a. /., inizi questa politica, in maniera discreta con i 9olomei
egiziani e poi in modo sempre pi( massiccio, con vessazioni e persecuzioni, e infine raggiungendo il culmine
quando i 08>8B/IDI siriani s.impossessarono della regione, e con 7ntioco I6 8pifane che profan il
9empio facendovi erigere, nel ',4 a. /., una statua a $iove =limpio, scatenando la rivolta dei *accabei che
poi riuscirono a liberare la "alestina.
*a la sete di dominio dei re e dei sacerdoti 70*=A8I 1quelli della dinastia dei *accabei5, port gli 7sidei,
che erano preoccupati solo per le questioni religiose, a prendere le distanze dal potere politico3religioso dei
*accabei, che inizialmente avevano appoggiato.
Il movimento degli 7sidei si divise in due tronconi ancora attivi al tempo di $es(- i O72I08I e gli 8008AI.
Torna all'indice generale
ASMONEI ASMONEI
8ra cos? chiamata la dinastia di sommi sacerdoti della famiglia dei *7//7E8I.
9utto inizi con il sacerdote *attatia, che nel ',4 a. /. inizi la lotta armata contro l'ellenizzazione forzata
degli ebrei da parte della famiglia regnante della dinastia dei 0eleucidi, discendenti di un generale di
7lessandro *agno cui era toccato il governo della 0iria, e quindi della "alestina.
7lla sua morte la lotta fu proseguita dai figli- $iovanni, 0imone, $iuda 1soprannominato *accabeo da cui
prese il nome la discendenza5 e $ionata. 0imone nel '&' a. /., sotto la pressione popolare e con
l'approvazione della 0iria, divenne sommo sacerdote e poi anche etnarca della $iudea.
I discendenti di 0imone sono detti 70*=A8I, da 7smoneo, un antenato di *attatia.
$iovanni era diventato sommo sacerdote e re con il nome di $iovanni Ircano I 1'+&3'@& a. /.5, cui successe
7ristobulo 1'@&3'@+ a. /.5 e poi da 7lessandro Ianneo 1'@+34, a. /.5.
Dopo di lui inizia un periodo di lotte intestine per il potere, sotto lo sguardo interessato di 2oma.
Bn ricco idumeo, 7ntipatro, dopo l'annessione della 0iria da parte di 2oma, si schiera con i romani vincitori
e, dopo la conquista di $erusalemme nel ,+ a. /., ne diventa governatore.
7lla sua morte, nel &+ a. /., il figlio 8rode 1che aveva aiutato i romani nella guerra5 nominato re della
$iudea, che per conquister militarmente solo sei anni dopo, nel +4 a. /.
!7lla fine, dal movimento religioso di rivolta 1dei *accabei5 sorse una dinastia politica in $erusalemme,
quella degli 7smonei. 0otto di loro si potC raggiungere quasi l.ampiezza dell.antico grande regno di David, e
fu reintrodotto anche il titolo di Kre). Ou conquistata anche la 0amaria e il tempio samaritano sul monte
$arizim venne distrutto. Il governo degli 7smonei tuttavia fu sanguinario e crudele; furono eliminati senza
scrupoli tutti i rivali politici. Diversamente da David essi avevano poco sostegno presso il popolo e invece
contavano avversari accaniti tra i Kpii). 7lla fine il governo degli 7smonei fin? perchC entr in azione una
nuova grande potenza- l.impero romano. 1F5 "ompeo conquist $erusalemme e vi comp? un terribile bagno
di sangue. >ui ed altri romani violarono addirittura il 0anto dei 0anti del 9empio. >.antico regno degli
7smonei fu decisamente ridimensionato, la sua indipendenza politica fu eliminata. 7nche $erusalemme
cadde negli ingranaggi dei contrasti romani. Huando "ompeo fu vinto da /esare, gli 7smonei furono
nominati Kalleati) di 2oma. 0ul piano giuridico3formale $erusalemme era di nuovo indipendente e poteva
addirittura essere fortificata. 9uttavia il regno degli 7smonei era stato talmente ridotto nelle sue dimensioni
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 33
che questi vantaggi riguardavano quasi soltanto la citt. Il circondario era soggetto a un funzionario romano.
Huesto funzionario, il procuratore della $iudea, era un idumeo ed era il padre di 8rode il $rande# 1Vlaus
6ogt5.
Torna all'indice generale
ASSIRIA ASSIRIA
$li abitanti dell'7ssiria 1o di 7ssur5 erano un antico popolo semitico che abitava in un vasto e fertile
territorio pianeggiante del nord della *esopotamia, grossolanamente l'attuale Iraq. 8ssi furono gli inventori
dei caratteri cuneiformi.
Ael SIS sec. a. /. era un grande impero con capitale 7ssur e pi( a nord c.era la grande e celebre citt di
Ainive, situata sulla riva orientale del 9igri, il cui nome compare gi nei documenti del quarto millennio a. /.
e che divent capitale nel 6II sec. a. /.
Ael S6III sec. a. /. fu sottomessa dall'impero babilonese e poi da quello ittita, ma dal SIII
o
sec. essa stessa
conquist un immenso impero, raggiungendo, due secoli dopo, il massimo splendore e una potenza tale che il
re 9iglat3"ilezer si faceva chiamare Ire del mondoI.
Intorno al ''@@ a./. gli 7ssiri erano i dominatori di tutto il medio oriente. 0egu? un lungo periodo di
decadenza, con una ricomparsa nella scena medio3orientale nel S sec. a. /.
In "alestina il 2egno del nord o di Israele, fu vassallo pi( o meno recalcitrante dell'7ssiria.
=sea, re d.Israele, per due volte si contrappose alla dominazione straniera finchC 0almanassar 6 nel 4:: a.
/. espugn la capitale 0amaria, ne deport gli abitanti, che rimpiazz con coloni assiri.
7nche il regno di $iuda era vassallo dell'7ssiria e quando il re 8zechia cerc l'indipendenza, il re assiro
0ennacherib lo invase. 8gli infatti nel 4@' a. /. assedi $erusalemme con un esercito immane, ma il profeta
Isaia esort 8zechia a non arrendersi. Bn mattino gli abitanti videro che, durante la notte, inspiegabilmente,
l'esercito assiro era scomparso e l.accampamento era deserto. $li storici parlano dello scoppio di
un'epidemia o della necessit, per gli 7ssiri, di portare altrove il loro esercito- !<ra in *!ella noe l;angelo
del 0ignore !s+8 e +olp8 nell;a++ampameno degli &ssiri +enooana+in*!emila !omini1 9!ando i s!persii
si al"arono al maino. e++o. erano !i +adaveri sen"a via1 0enn'+-eri$. re d;&ssiria. lev, le ende. par8 e
fe+e riorno a Ninive. dove rimase1 :enre si prosrava nel empio di Nisro+. s!o dio. i s!oi figli &dramm)le+
e 0ar)ser lo +olpirono di spada. meendosi *!indi al si+!ro nella erra di &rar'1 &l s!o poso divenne re
s!o figlio &ssar-'ddon# 1:2e 'G,+;3+45. "er gli abitanti di $erusalemme era stato Dio stesso a salvarli. 0i
form cos? la convinzione che la citt fosse imprendibile perchC Dio l.avrebbe sempre salvata nel momento
del massimo pericolo, opinione che dur fino alla II guerra giudaica, quando le truppe romane di 9ito
conquistarono e distrussero $erusalemme, nel 4@ d./.
Ael ,'& a. /. i Eabilonesi conquistarono Ainive, l'ultima capitale assira, ponendo fine all'impero assiro,
anche se erroneamente, nel libro di $iuditta, il re di Eabilonia, Aabucodonosor, chiamato re degli 7ssiri.
>a *esopotamia fu poi conquistata nel ,Y secolo a. /. da /iro il $rande re di "ersia, ed infine da 7lessandro
*agno nel I6 secolo.
Torna all'indice generale
AUGUSTO AUGUSTO
=ttaviano, il chiacchierato pronipote di /esare 1figlio della sorella =ttavia5 e da lui adottato come figlio, fu il
primo imperatore romano 1dal +, a. /. al & d. /.5. Ael :4 a. /. il senato di 2oma gli tribut il titolo di
IaugustoI, IdivusG, il divino 7ugusto, passando alla storia come /esare 7ugusto, come scritto in >uca :,'.
8gli si faceva chiamare Dio, figlio di 7pollo, Degno di adorazione, 0ignore, e promosse in tutto l.impero il
culto della sua persona. 0i fece nominare altres? 0ommo "ontefice, la pi( alta carica religiosa di 2oma, titolo
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 34
che, dopo di lui, rimase agli imperatori, finchC pass ai vescovi di 2oma, quando il loro potere era cresciuto
tanto da influenzare anche le decisioni politiche. 7lla sua morte nel '& d. /., gli succedette 9iberio.
Torna all'indice generale
AUTORIT AUTORIT
>.autorit, intesa nel senso di autorevolezza, si manifesta in un servizio prestato alle persone, basato sulla
propria competenza.
Il popolo la riconosce nelle parole e nelle azioni di $es( in *atteo 4,:G- !egli infatti insegnava loro come
uno che ha autorit, e non come i loro scribi# e nel corrispondente brano di *arco ',::.
*a il 0inedrio si sente colpito e reagisce- 1$es(5 ?2nr, nel empio e. menre insegnava. gli si avvi+inarono
i +api dei sa+erdoi e gli an"iani del popolo e dissero: 4on *!ale a!ori' fai *!ese +oseC 2 +-i i -a dao
*!esa a!ori'C31 GesA rispose loro: &n+-;io vi far, !na sola domanda1 0e mi rispondee. an+-;io vi dir,
+on *!ale a!ori' fa++io *!eso1 =ispondendo a GesA dissero: Non lo sappiamo3@ 1*atteo :',:+3:&5,
?&llora an+-;egli disse loro: Nean+-;io vi di+o +on *!ale a!ori' fa++io *!ese +ose3@ 1v. :45. "oi,
facendo riferimento ai sinedristi, $es( narra la parabola dei vignaioli omicidi- ?Ldie *!ese para$ole. i +api
dei sa+erdoi e i farisei +apirono +-e parlava di loro1 4er+avano di +a!rarlo. ma e$$ero pa!ra della folla.
per+-> lo +onsiderava !n profea@ 1*atteo :',&;3&,5 e in *arco '',:43++.
Il senso profondo della parola !autorit#, si oppone a quello di !potere#.
6edi anche "=9828.
Torna all'indice generale
BARABBA BARABBA
Da 6ar figlio e abb: padre, significa !figlio del padre#, chiaramente contrapposto a $es(, Oiglio di Dio,
ossia il Oiglio del "adre celeste, anche se non mai indicato con questo nome.
Infatti, anche se alcuni autori affermano che erano cos? chiamati gli !8sposito# di allora, mi sembra che sia
qui invece chiara l.allusione al contrasto tra il !figlio del padre# che comunica morte 1!Voi avee per padre il
diavolo e volee +ompiere i desideri del padre vosro1 2gli era omi+ida fin da prin+ipio e non sava saldo
nella veri'. per+-> in l!i non +;) veri'1 9!ando di+e il falso. di+e +i, +-e ) s!o. per+-> ) men"ognero e
padre della men"ogna# in $iovanni %,&&5, e il !Oiglio del "adre#, fonte d.amore- !4-i non ama non -a
+onos+i!o Dio. per+-> Dio ) amore# 1'$iovanni &,%5 e !:aesro. sappiamo +-e sei veriiero e insegni la via
di Dio se+ondo veri'# 1*atteo ::,',5.
7 suffragio di questa tesi infatti, nel testo greco di *atteo 1:4,',5 troviamo in nome di $es( Earabba.
*arco e >uca dicono che Earabba un assassino 1*arco ';,4 e >uca :+, 'G 5. *arco dice che un ribelle,
>uca dice !un rivoltoso# e $iovanni un brigante 1lestes, ossia un lestofante5; era insomma un sovversivo,un
sedizioso, uno zelota che cercava la rivolta armata contro i romani, perci un terrorista da mandare a morte.
*a per il popolo, insofferente al dominio romano, era un partigiano, amato dai nazionalisti e dagli zeloti,
come asserisce *atto 1:4,',5 chiamandolo un !+ar+erao famoso#, uno che aderisce a ideologie di morte.
Il procuratore romano, che voleva liberarsi di $es(, crede di avere in mano la situazione 1dopotutto $es( era
stato appena accolto trionfalmente al suo ingresso in $erusalemme5 ma non aveva fatto i conti con la casta
sacerdotale che, temendo di perdere il potere, era disposta a tutto pur di liberarsi di un sovversivo molto pi(
pericoloso di Earabba, e per il quale la condanna alla crocifissione era stata gi decisa. "ilato chiede al
popolo di scegliere tra due !liberatori#, uno che si serve della violenza, l.altro che usa l'amore e la verit.
8 il popolo, su istigazione dei capi dei sacerdoti 1*arco ';,''5 e anche degli anziani 1*atteo :4,:@5, sceglie
Earabba, un eroe popolare.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 35
Dice *atteo 1:4,:'3::5- !&llora il governaore domand, loro: Di *!esi d!e. +-i volee +-e io rimea in
li$er' per voiC31 9!elli risposero: 7ara$$a%31 4-iese loro Pilao: :a allora. +-e far, di GesA. +-iamao
4risoC31 (!i risposero: 0ia +ro+ifisso%3#.
$li evangelisti parlano della consuetudine di liberare un carcerato in occasione della "asqua 1*arco ';,%,
*atteo :4,';, >uca :+,:@ e $iovanni '%,G5, un.usanza che per non documentata da altre fonti. *atteo
dice che Iil governaore era solio rimeere in li$er' per la folla !n +ar+erao. a loro s+ela#. 8 cos? il
popolo istigato a scegliere Earabba, cosicchC si pu eseguire la condanna di $es(, gi decisa dal potere.
Torna all'indice generale
BATTESIMO BATTESIMO
Il termine battesimo, 6ptisma in greco, un antico specifico rito giudaico di purificazione, paragonabile
alla miv1, il bagno rituale, che uno dei fondamenti della vita religiosa ebraica. I pi( antichi riferimenti al
miv1 presenti nella Torh riguardano un Icambiamento di statoI- quando fu costruito il tabernacolo nel
deserto e *os scelse 7ronne e i suoi figli per farli diventare sacerdoti, il primo gesto fu quello di
immergerli nell.acqua; con questo atto rituale li differenzi dal resto del popolo 1In >evitico %,, la traduzione
dice !li lav, +on a+*!a# ma il testo originale dice !li sommerse#5.
"rima delle nozze, la futura sposa deve essere immersa in acqua per ': volte, quante sono le trib( d.Israele,
per essere purificata. 7llo stesso modo anche la sposa sterile, dopo un lungo periodo di digiuno, doveva poi
purificarsi tramite la miv sperando di diventare feconda, perchC per la cultura ebraica, solo le donne
possono essere sterili.
7l tempo di $es( era un rito comune tra gli ebrei- indicava la morte e la sepoltura nell'acqua, da cui
risorgeva l'uomo nuovo perchC il passato di ingiustizia, riconosciuto e confessato, rimaneva sepolto
nell'acqua. 8ra usato, p. es., per la liberazione di uno schiavo che diventava libero o per la conversione di un
pagano che diventava ebreo.
orna all'indice generale
BATTESIMO BATTESIMO di di GES GES
Il battesimo nell.acqua era un segno di conversione, ma non per $es(, che pur si mette in fila tra i peccatori
per mostrare la volont programmatica di volersi immergere solidalmente nella storia di peccato e di
conversione del suo popolo e di accettare l'impegno di essere pronto a portare a buon fine la sua missione,
opponendosi al sistema politico3religioso oppressore, e disposto, per amore, a dare la sua vita, e a subire
anche la morte infamante della croce, se dovesse servire.
In *arco 1','@5 si legge chiaramente che $es( risale s(bito dall.acqua, ossia risuscita da morte, perchC in lui
c. la totalit dello 0pirito e la morte non ha su lui nessun potere- !2 sA$io. salendo dall;a+*!a. vide i +ieli
s*!ar+iarsi e lo 0pirio dis+endere s! di l!i +ome +olom$a#.
I/osciente della sua missione messianica, esprime nel battesimo il suo impegno nei confronti di tutta
l'umanit e riceve l'investitura per la sua missione, lo 0pirito, che, conferendogli la condizione divina,
realizza la sua pienezza umanaI 1L. *ateos e O. /amacho5.
Infatti, Dio lo chiama Oiglio in *arco ','' e >uca +,::- !2 venne !na vo+e dal +ielo 1ossia da Dio5- (! sei
il 6iglio mio. l;amao: in e -o poso il mio +ompia+imeno3#.
0ul fiume $iordano Dio gli dona allora tutta la sua capacit d'amare- lo 0pirito, che scende su $es( e lo
rende pertanto l.uomo3Dio, presenza reale di Dio fra gli uomini.
$es( entra nel $iordano come un uomo e ne esce come il *essia.
nel battesimo che $es( acquista coscienza di sC. I>a voce che scende dall'alto e lo proclama Oiglio
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 36
prediletto, anche una luce che scende dal suo interno. Il quel momento, la coscienza che 8gli ha di sC la
stessa coscienza che Dio ha di se stesso. $es( diviene, come era nel profondo, nella predisposizione eterna,
Oiglio del "adre, consapevole della sua missioneI 18rnesto Ealducci5.
I>'esperienza di Dio che $es( ha avuto nel $iordano ha prodotto un cambiamento totale nella sua vita e ora
il figlio di $iuseppe pienamente cosciente di essere il Oiglio di Dio, l'inviato dal 0ignore per inaugurare il
regno di DioI 17lberto *aggi5.
scritto in >uca- !0ono ven!o a porare il f!o+o s!lla erra# e +ome vorrei +-e fosse gi' a++eso% 4;) !n
$aesimo +-e devo ri+evere 1che mi aspetta5# e +ome sono angos+iao. fin+-> non sia +ompi!o%@ 1':,&G3;@5.
$es(, che venuto a portare il fuoco dello 0pirito che distrugge il male, viene immerso fino alla morte nella
sofferenza, nell'umiliazione, nell'abbandono, perchC sempre fedele all'amore- questo il battesimo che lo
attende e che lui attende.
IIl battesimo di $iovanni era il segno dello sforzo dell'uomo che cerca di crearsi uno spazio per il perdono di
Dio, il battesimo del /risto l'arrivo della potenza di Dio che ricrea l'uomoI, scrive Eruno *aggioni.
I/on il battesimo $es( ha preso pubblicamente l'impegno di manifestare fedelmente l'amore del "adre a tutti
gli uomini. Huesta scelta lo pone in totale sintonia con un Dio che, essendo amore, desidera comunicarsi e si
sente irresistibilmente attratto dall'uomo che, per amore, fa dono della sua vita. Il "adre risponde alla
decisione di $es( col dono dello 0pirito, portando a compimento, nel Oiglio, la creazione dell'uomo. >o
0pirito sceso su $es( gli comunica la pienezza di vita e la forza d'amore del "adre, e $es( l'Bomo3Dio,
meta finale della creazione# 17lberto *aggi5.
$iovanni 1',:%5, parlando del battesimo di $es(. dice che Iavvenne in 7eania. al di l' del GiordanoI.
!>a tradizione ha giustamente localizzato l'episodio a Eetabra, il guado dove anche il popolo d'Israele,
guidato da $iosu, ha attraversato il fiume ed entrato nella terra promessa. Ael gesto di $es( sono dunque
presenti richiami espliciti al passaggio dalla schiavit( alla libert e all'inizio di un nuovo esodo verso la terra
promessa# 1Oernando 7rmellini5.
Torna all'indice generale
il il BATTESIMO BATTESIMO di Gioa!!i Ba""i#"a di Gioa!!i Ba""i#"a
8ra un rito di penitenza, di perdono dei peccati e di conversione, con il quale l'uomo vecchio moriva, per
risorgere a vita nuova. Huesto battesimo metteva in agitazione il clero perchC si contrapponeva al perdono
ricevuto nel 9empio, attraverso riti, sacrifici ed offerte, e le folle accorrevano, abbandonando il 9empio.
Torna all'indice generale
BATTESIMO CRISTIANO BATTESIMO CRISTIANO
Il battesimo un.iniziazione, dovrebbe essere il segno cosciente dell'ingresso in una comunit di credenti,
dell'incorporazione in /risto; un rito iniziatico che, come tale, non da solo sufficiente a stabilire uno !stato
di vita#, anche se ne il fondamento, in modo che, attraverso scelte personali di vita, si concretizzino le
implicazioni vitali del sacramento.
Dice l.apostolo "aolo 12omani ,,+3;5- !< non sapee +-e *!ani siamo sai $ae""ai in 4riso GesA. siamo
sai $ae""ai nella s!a moreC Per me""o del $aesimo d!n*!e siamo sai sepoli insieme a l!i nella more
affin+->. +ome 4riso f! ris!s+iao dai mori per me""o della gloria del Padre. +os8 an+-e noi possiamo
+amminare in !na via n!ova1 0e infai siamo sai inimamene !nii a l!i a somiglian"a della s!a more. lo
saremo an+-e a somiglian"a della s!a ris!rre"ione#.
Eattezzati in /risto per partecipare della sua vita, morte e resurrezione.
In *atteo 1:%,'%3:@5 $es( dice- !& me ) sao dao ogni poere in +ielo e s!lla erra1 &ndae d!n*!e e fae
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 35
dis+epoli !i i popoli. $ae""andoli nel nome del Padre e del 6iglio e dello 0pirio 0ano. insegnando loro a
osservare !o +i, +-e vi -o +omandao1 2d e++o. io sono +on voi !i i giorni #. Il comando di $es(
chiaro- fare discepoli, ossia portare a tutti la buona notizia dell.amore gratuito di Dio per tutti gli uomini, per
tutte le genti, immergendoli, inzuppandoli nell'amore infinito e senza fine, di /olui che dona vita, di /olui
che realizza la pienezza di vita e dona la forza che permette di viverlo, l.amore del Oiglio che ci ha
manifestato a pieno il nome di Dio, amore compassionevole, con la forza onnipotente dello 0pirito d.amore.
IAelle comunit primitive il battesimo era amministrato nel nome di $es(. "ietro, nel giorno di "entecoste,
si rivolge al popolo e lo esorta al pentimento e a farsi battezzare Knel nome di GesA 4riso. per la remissione
dei pe++ai) 17tti :,+%5. 0olo in seguito fu introdotto l'uso di battezzare nel nome della (rini' e la formula
che *atteo pone sulla bocca del 2isorto, riflette la prassi liturgica della seconda met del I secolo d. /.I
1Oernando 7rmellini5.
I pi( credono che il rito del battesimo faccia diventare cristiani e figli di Dio, salvati perchC liberati dal
peccato originale. *a un rito, da solo, per quanto sacro, non apporta grazia se viene somministrato e vissuto
senza profondit, senza coinvolgimento personale. /erto la comunit 1per mezzo dei genitori e dei padrini5
responsabile dell'impegno verso il battezzato- una comunit che per deve testimoniare la fede con le opere,
per far crescere il battezzato ogni giorno come figlio di Dio; una comunit che deve rinunciare al male e che
si impegna a farlo crescere nell.amore e ad annullare le spinte negative che lo coinvolgeranno, spinte
provenienti da comportamenti colpevoli ereditati delle passate generazioni 1chiamatelo, se volete, !peccato
originale#5.
Il battesimo, dopo il 6aticano II, considerato la consacrazione sacerdotale del popolo santo di Dio. Bn
sacerdozio che verr esercitato in modi diversi- quello ministeriale dei chierici 1diaconi, presbiteri, vescovi5 e
quello dei laici 1in famiglia, sul lavoro, nello studio5, come in modo concreto ciascuno di noi celebra la
propria esistenza in /risto, cos? ognuno vive il proprio sacerdozio.
Il battesimo il segno del Isi di Dio su di meI, un !si# unico- il battesimo perci unico, irripetibile.
*a la realt diversa. Oinita la cerimonia, finiti i regali, la festa e il pranzo, pochissimi si prendono cura di
questo bambino per farlo crescere nella fede vissuta, e in molti, anzi in troppi, il battesimo ricevuto non
lascia traccia visibile.
Il rito del battesimo, senza alcuna partecipazione personale, non porta la salvezza, e neanche basta il
battesimo per essere cristiani, come pure non basta appendere un crocifisso su una parete o mettere al collo
un lussuoso gioiello a forma di croce.
*a, quando il battezzando un adulto consapevole, deve dichiarare pubblicamente di voler diventare
cristiano e di mettersi sulla strada di /risto. 8 il bambino, per impegno dei genitori e dei padrini, lo diventer
solo quando far le sue scelte coerenti con la fede.
8rnesto Ealducci ci invita a non dire- !8ro nelle tenebre, mi sono battezzato e ora sono nella luce. Il compito
finito. Ao, il compito comincia#.
Torna all'indice generale
BATTESIMO BATTESIMO nello nello SPIRITO SANTO SPIRITO SANTO
Due personaggi dei vangeli fanno da ponte tra il 6ecchio e il Auovo 9estamento- $iovanni Eattista e *aria
di Aazaret. *a la madre di $es( entra a far parte a pieno titolo della !Auova /reazione#, inaugurata da
$es(, perchC diventa la perfetta discepola del Oiglio.
Invece il figlio di 8lisabetta e <accaria, che pure era stato capace di rompere con un sistema ingiusto e di
portare le folle lontano da $erusalemme, provocando la reazione stizzita dei farisei che inviano una
delegazione inquirente di sacerdoti e leviti 1$iovanni ','G.:&5 a Eetnia, al di l del $iordano, ossia nei
territori impuri dei pagani. 8gli, per primo, inveisce contro la classe dirigente al potere, invitandola alla
conversione- ?Vedendo moli farisei e sadd!+ei venire al s!o $aesimo. disse loro: =a""a di vipere% 4-i vi
-a fao +redere di poer sf!ggire all;ira immineneC 6ae d!n*!e !n fr!o degno della +onversione@
1*atteo +,4.%5. >o stesso appello fatto ai pubblicani ed ai soldati l.abbandono di una vita di rapina e il
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 3B
rispetto delle persone- !Le folle lo inerrogavano: 4-e +osa do$$iamo fareC31 =ispondeva loro: 4-i -a
d!e !ni+-e ne dia a +-i non ne -a. e +-i -a da mangiare fa++ia alreano31 Vennero an+-e dei p!$$li+ani a
farsi $ae""are e gli +-iesero: :aesro. +-e +osa do$$iamo fareC31 2d egli disse loro: Non esigee n!lla
di piA di *!ano vi ) sao fissao31 Lo inerrogavano an+-e al+!ni soldai: 2 noi. +-e +osa do$$iamo
fareC31 =ispose loro: Non malraae e non esor+ee niene a ness!no# a++onenaevi delle vosre pag-e3@
1>uca +,'@3'&5.
$iovanni Eattista, anche se intravede la novit portata da $es(, non sa coglierla e il suo Dio rimane quello
dei suoi padri- Gi' la s+!re ) posa alla radi+e degli al$eri# per+i, ogni al$ero +-e non d' $!on fr!o viene
agliao e geao nel f!o+o1 /o vi $ae""o nell;a+*!a per la +onversione# ma +ol!i +-e viene dopo di me )
piA fore di me e io non sono degno di porargli i sandali# egli vi $ae""er' in 0pirio 0ano e f!o+o1 (iene in
mano la pala e p!lir' la s!a aia e ra++oglier' il s!o fr!meno nel granaio. ma $r!+er' la paglia +on !n
f!o+o inesing!i$ile3 1*atteo +,'@3':5. /os? chC egli incapace di cogliere l.immagine di Dio che $es(
porta, per il quale l.amore di Dio non un premio, ma un dono gratuito del suo amore.
$es( viene a battezzarci nello 0pirito 0anto e noi dobbiamo solo immergerci nell.amore di Dio, farci
impregnare, ed assorbirlo come spugne. 7ccogliere l.amore che ci donato, per poi comunicarlo agli altri,
con un successivo impegno personale e comunitario, nella costruzione del 2egno di Dio, percorrendo la
strada da >ui segnata, del servizio per amore- !GesA li +-iam, a s> e disse: Voi sapee +-e i governani
delle na"ioni dominano s! di esse e i +api le opprimono1 (ra voi non sar' +os8# ma +-i v!ole divenare
grande ra voi. sar' vosro serviore e +-i v!ole essere il primo ra voi. sar' vosro s+-iavo1 4ome il 6iglio
dell;!omo. +-e non ) ven!o per farsi servire. ma per servire e dare la propria via in ris+ao per moli3#
1*atteo :@,:;3:%5.
$es( l.ha fatto spendendo la sua vita per noi- !D!rane la +ena. *!ando il diavolo aveva gi' messo in +!ore
a Gi!da. figlio di 0imone /s+arioa. di radirlo. GesA. sapendo +-e il Padre gli aveva dao !o nelle mani e
+-e era ven!o da Dio e a Dio riornava. si al", da avola. depose le vesi. prese !n as+i!gamano e se lo
+inse aorno alla via1

Poi vers, dell;a+*!a nel +aino e +omin+i, a lavare i piedi dei dis+epoli e ad
as+i!garli +on l;as+i!gamano di +!i si era +ino# 1$iovanni '+,:3;5.
>.evangelista $iovanni 1',++5 presenta $es( con queste parole- ?4ol!i s!l *!ale vedrai s+endere e
rimanere lo 0pirio ) +ol!i +-e $ae""a in 0pirio 0ano@1 0u $es( scende !lo 0pirito# ossia la totalit dello
0pirito, e non dice lo 0pirito 0anto, ossia il santificatore, perchC $es( gi !santo#, l.Bomo che ha
sviluppato al massimo le sue qualit umane e la sua capacit di amore simile a quella di Dio.
>o 0pirito di Dio infatti viene dato senza misura a tutti, che per lo accolgono solo nella misura in cui sono
capaci, in maniera progressiva, ossia a piccolissimi frammenti successivi.
Ael primo capitolo del vangelo di $iovanni, $es( presentato come colui che !oglie il pe++ao del
mondo#1',:G5 e che !$ae""a nello 0pirio 0ano# 1',++5.
/ome $es(, coloro che, immersi nell.amore di Dio, accolgono la pienezza di vita, sviluppano una capacit
d.amare tale che non possono cadere nel !peccato del mondo#, ossia nell.egoismo di ogni sistema oppressore
dell.uomo sull.uomo.
Il battesimo d.acqua ha il significato di morte e rinascita perchC il battezzato muore simbolicamente alla vita
precedente e rinasce a vita nuova. Il battesimo nello 0pirito invece, indica che lo 0pirito divino 3 la forza
dell.amore di Dio P vuol impregnare l.individuo, penetrarlo, permearlo, colmarlo.
Ael battesimo ricevuto da $es( sul $iordano, lo 0pirito di Dio aveva impregnato completamente $es(-
!Giovanni esimoni, di+endo: Oo +onemplao lo 0pirio dis+endere +ome !na +olom$a dal +ielo e
rimanere s! di l!i3 1$iovanni ',+:5.
*orendo poi sulla croce 8gli effonde lo 0pirito su tutta l.umanit- !Dopo aver preso l;a+eo. GesA disse: N
+ompi!o1 2. +-inao il +apo. +onsegn, lo 0pirio3# 1$iovanni 'G,+@5.
8ppure nei vangeli non si dice mai di $es( che battezzi nello 0pirito 0anto- l.avvenimento non mai
descritto. *a se c. un momento in cui 8gli ci immerge nell.amore di Dio, lo 0pirito 0anto, nella
celebrazione eucaristica, quando veniamo immersi completamente in quella potenza d.7more, se ci
impegniamo a farci pane, alimento di vita per gli altri.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 3F
BATTEZZARE BATTEZZARE
In greco baptim, significa immergere, sommergere nell.acqua, affogare.
Torna all'indice generale
BATTISTA BATTISTA
Aei vangeli, la figura del Eattista 1ma molto di pi( quella di *aria, la madre di $es(5 posta a cerniera tra il
6ecchio e il Auovo 9estamento.
Di $iovanni Eattista, *arco, com. nel suo stile, racconta l.essenziale- egli un profeta che vive nel deserto
e ricorda, nel comportamento e nell.abbigliamento, il profeta 8lia, che, secondo la tradizione, sarebbe
riapparso prima dell.arrivo del *essia.
8gli chiede al popolo la conversione, cui fa seguito un battesimo rituale per immersione in acqua 1'iv5 per
togliere la macchia, il segno lasciato dal peccato.
7llo stesso tempo egli annuncia un !battesimo nello 0pirito# che arriver con $es(, il /risto inviato da Dio a
salvare il suo popolo.
>uca, in un lungo midrash, ricorda che $iovanni, figlio di <accaria e di 8lisabetta, figlio di un sacerdote,
lui stesso sacerdote per diritto ereditario, ma rinuncia per dedicarsi a predicare e a battezzare il popolo sulle
rive del $iordano, presso il mar *orto, non lontano da Humran.
8ppure questa predicazione ha orizzonti limitati- attacca in effetti farisei, sadducei e scribi, ma per il resto
non mette in discussione la societ dell'epoca, perchC, secondo lui, l'ordine esistente funziona e bastano
piccoli aggiustamenti.
Il Eattista riconosce in $es( il *essia ma, da uomo religioso dell.7ntica 7lleanza, crede in un Dio che
premia e che castiga e, essendo 1dice qualcuno5 il maestro di $es(, arriva perfino ad indicargli cosa deve
fare- !(iene in mano la pala per p!lire la s!a aia e ra++ogliere il fr!meno nel s!o granaio# ma $r!+er' la
paglia +on f!o+o inesing!i$ile # 1>uca +,'45. $iovanni Eattista il giustiziere di Dio, che $es(
ridimensiona perchC la misericordia di Dio pi( forte della giustizia- Dio non punisce perchC ama.
$es(, Oiglio di Dio, chiede agli uomini di essere accolto e allora il peccatore stesso far giustizia dei propri
idoli, perchC lo 0pirito 0anto brucia la >egge nel fuoco dell.7more.
*atteo scrive per una comunit che fatica a comprendere il gesto di $es( di farsi battezzare da $iovanni e
racconta di un improbabile colloquio tra i due- $es( dice che $iovanni il pi( grande profeta del passato,
ma il pi( piccolo nel 2egno dei /ieli che viene 1*atteo '',''5, perchC nel 2egno di Dio, non la giustizia ma
l'amore d il senso pieno alla vita del discepolo.
Il vangelo di $iovanni 1',+:5 non racconta il battesimo di $es(, ma lo d per acquisito quando dice di aver
visto lo 0pirito scendere e rimanere su di lui.
Huando poi il Eattista si accorge che $es( va oltre la giustizia retributiva, ed elogia la fede del centurione
come superiore a quella di tutto Israele, entra in crisi e dalla prigione dove rinchiuso, lo richiama all'ordine
e gli manda a dire tramite i suoi discepoli- !0ei ! +ol!i +-e deve venire o do$$iamo aspeare !n alroC#
1>uca 4,'G5. $es( lo invita allora a non scandalizzarsi e gli ricorda le opere messianiche che egli compie.
0econdo un.ipotesi, suggestiva ma pur sempre un.ipotesi, il Eattista ha frequentato ambienti esseni, da cui si
poi distaccato per svolgere una missione pubblica, pur essendo rimasto a predicare nel deserto, sulle rive
del $iordano, in una zona vicina a Humran. 0econdo la stessa ipotesi $es( stesso avrebbe avuto contatti con
gli 8sseni e in quell.ambiente avrebbe studiato e approfondito le scritture, prima di allontanarsi 1non solo
fisicamente5 da quelle posizioni. Infatti $es( non sposato, discepolo del Eattista e avrebbe celebrato la
"asqua di marted?, secondo l.usanza essena, nel quartiere degli 8sseni, dove si trova il /enacolo, e avrebbe
sub?to tutte le vicissitudini della cattura e dei processi in quattro giorni invece che in un solo giorno, come
raccontano i sinottici, cosa peraltro altamente improbabile.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 40
6edi anche 8008AI.
Torna all'indice generale
BEATI BEATI
In greco beato marios e l.essere proclamato beato si dice maar82o.
Aei vangeli l.essere dichiarato !beato# segno di una garanzia di salvezza o di liberazione, un cambiamento
radicale della condizione di sofferenza presente, un augurio di felicit certa 1lo shalom ebraico5 intesa come
pienezza di vita garantita da Dio stesso.
Dice $es( a coloro che vivendo della sua stessa linfa, danno frutti d.amore- !Vi -o deo *!ese +ose per+->
la mia gioia sia in voi e la vosra gioia sia piena# 1$iovanni ';,''5.
$es( fa, dicono i vangeli, molte proposte di pienezza di vita in occasioni di apparente completa infelicit,
proposte che portano, come conseguenza, ad un atteggiamento interiore di pace, serenit, beatitudine e
felicit profonda. nell.accettazione di queste proposte che troveremo la felicit, quella che ogni uomo cerca
e che Dio vuole, fin da questa vita terrena.
2iguardo alle beatitudini di *atteo e di >uca, non la premessa a rendere beati, ma la condizione che ne
consegue- i !poveri per lo spirito# non sono beati in sC ma lo diventano perchC Dio se ne prende cura.
In *atteo sono dichiarati beati !i poveri per lo spirito# 1perchC di essi si prende cura Dio5 !quelli che sono
nel pianto# 1perchC Dio li consoler, ossia si impegna per l.eliminazione della causa di sofferenza5, !i miti#
1perchC Dio render loro la dignit di uomini5, !quelli che hanno fame e sete della giustizia# 1perchC Dio
risponder ai loro bisogni primari5, !i misericordiosi# 1perchC Dio sar lo loro misericordia5, !i puri di cuore#
1perchC faranno l.esperienza di Dio nella loro vita5, !gli operatori di pace# 1perchC Dio li riconoscer come
figli5, !i perseguitati per la giustizia# 1perchC gi vivono sotto la 0ignoria di Dio5.
8 siccome coloro che vivono le beatitudini saranno perseguitati da coloro che vedono vacillare il loro potere
ingiusto, $es( aggiunge 1*atteo ;,''3':5- !7eai voi *!ando vi ins!leranno. vi perseg!ieranno e.
menendo. diranno ogni sora di male +onro di voi per +a!sa mia1 =allegraevi ed es!lae. per+-> grande )
la vosra ri+ompensa nei +ieli1 4os8 infai perseg!iarono i profei +-e f!rono prima di voi#.
8 $es( sar il primo tra quelli scritti della lista nera delle autorit religiose di allora, che decreteranno per lui
una morte atroce e infamante.
Torna all'indice generale
BEATITUDINI BEATITUDINI
>a beatitudine era ritenuta, nella $recia antica, la condizione propria degli dei, ossia quella di essere felici e
liberi dalle preoccupazioni della vita quotidiana e dalla paura della morte.
Huelle evangeliche le troviamo in >uca, *atteo e $iovanni, mentre l.7pocalisse, che ne ha solo sette, apre e
chiude con una beatitudine 1',+ e ::.'&5-
3 !7eao +-i legge e $eai +oloro +-e as+olano le parole di *!esa profe"ia e +!sodis+ono le +ose +-e vi
sono s+rie: il empo infai ) vi+ino#,
3 !7eai +oloro +-e lavano le loro vesi per avere dirio all;al$ero della via#.
*a quando si dice !beatitudini# si intende parlare principalmente di quelle riportate nell.elenco specifico del
vangelo di *atteo 1;,+3':5, che sono otto 1% il numero che simboleggia la resurrezione5, espresse con 4:
parole 1ad indicare che sono per tutte le nazioni conosciute5. /i sono poi le beatitudini del vangelo di >uca
1,,:@3:+5 che corrispondono alla prima, alla quarta e alla ottava di *atteo, che l.evangelista rivolge
direttamente a coloro che hanno gi intrapreso la sequela di $es(, e che >uca rafforza con il loro
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 41
corrispettivo in negativo.
Ael vangelo di *arco non troviamo beatitudini, ma solo !guai#.
/i viene detto che ci che concorre a dare la felicit non la soddisfazione dei nostri desideri ma il compiere
un cammino verso gli altri, che, se talora doloroso, ha un traguardo di gioia. Oare il contrario porta
all.infelicit. In 7tti :@,+; $es( dice- !4;) piA gioia nel dare +-e nel ri+evere%#, perchC la beatitudine, la
nostra felicit, non dipende da quello che gli altri fanno per noi, ma da quello che facciamo per gli altri- !>
dove l'amore dilaga- l? c' gioiaI riassume "aolo 2icca.
>e beatitudini sono il codice della nuova alleanza messianica che sostituiscono, per i seguaci di $es(, i dieci
comandamenti di *os. Diceva /arlo *aria *artini che sono !la regola di vita del discepolo#.
I>e beatitudini non indicano solo il cammino per arrivare a quella gioia che $es( ha promesso alla fine del
lungo discorso di addio, ma il criterio con il quale Dio giudica la nostra vitaI 17rturo "aoli5.
>e (EA$"$&)"N" di %A$$E# *+,3-12)
!Vedendo le folle. GesA sal8 s!l mone: si pose a sedere e si avvi+inarono a l!i i s!oi dis+epoli1 0i mise a
parlare e insegnava loro di+endo# 1;,'3:5-
Z;.+[ ;6eati <uelli che sono poveri per lo spirito, perch1 di essi il regno dei cieli&.
Huesta prima beatitudine la base che sostiene tutte le altre, che altrimenti non sussisterebbero.
In una comunit veramente cristiana i !poveri per lo spirito# sono beati, ossia immensamente felici e sono
contemporaneamente-
3 pu essere consolato per la sua afflizione, chi hanno scelto la condivisione evangelica,
3 pu ereditare la terra chi, per la sua mitezza, rifiuta di ricorrere alla violenza,
3 pu essere dissetato e saziato chi ha sete e fame di giustizia,
3 pu sperimentare la misericordia di Dio, chi vive quotidianamente la misericordia,
3 pu percepire la presenza di Dio nella sua vita, chi ha il cuore puro, libero da ogni ipocrisia,
3 pu essere riconosciuto da Dio come figlio chi ha contribuito a costruire la pace 1shalom5,
3 costoro possederanno il 2egno di Dio in terra per il loro desiderio di giustizia.
/oloro che, secondo la volont di Dio, vivono e lavorano per costruire questa societ giusta, saranno odiati e
perseguitati da chi detiene il potere e adora *ammona, saranno ingiustamente insultati, ma vivranno nella
perfetta e piena felicit che viene da Dio.
- 6eati -
Eeati, ossia immensamente felici.
- <uelli che sono poveri per lo spirito -
Il termine greco usato da *atteo 1ptochi5 indica il povero che mendica e si umilia- !I mendicanti dello
0pirito#, stato scritto.
In aramaico, la lingua parlata da $es(, poveri e miti sono espressi con la stessa parola.
I poveri non sono coloro che non sono ricchi, ma gli umili, gli oppressi, i malati, le vedove, gli orfani e,
soprattutto, coloro che basano la loro forza sulla fiducia in Dio e non sul danaro e sull'orgoglio umano.
"overi per lo spirito sono coloro che si fanno poveri per amore, per seguire un impulso interiore; coloro che
diventano volontariamente un po' pi( poveri perchC gli altri siano meno poveri. I9utti, anche se ricchi,
diventino un po. pi( poveri, affinchC tutti, anche se poveri, diventino un po. pi( ricchiI, scrive 7lberto
*aggi. la condivisione, una scelta libera e per amore, nel sentirsi responsabili della felicit degli altri.
- per lo spirito -
Aon i poveri -i spirito, ossia i deficienti. Aon .ello spirito ossia il ricco che si dichiara distaccato dalle
proprie ricchezze, che per tiene per sC 1ma $es( ha invitato il giovane ricco a vendere tutto e a dare ai
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 42
poveri, ma egli rinuncia alla felicit, mentre <accheo entra, con gioia, nel 2egno quando d ai poveri5, ma
per lo spirito ossia quelli che, per la propria forza interiore 1lo spirito personale5 scelgono di farsi pi( poveri
affinchC i poveri siano meno poveri.
!Huelli capaci di ricevere e di godere le tre ricchezze che vengono dal nulla- l.incapacit di giudicare e di
possedere e la capacit di essere solidali#, scrive 7rturo "aoli. Insomma i poveri per decisione e non quelli
per necessit, non quelli resi poveri da qualcuno.
- perch1 di essi -
Huesta prima beatitudine al presente e le altre al futuro perchC ne sono una conseguenza.
- il regno dei cieli -
2egno dei cieli non il "aradiso o l'altra vita, perchC il verbo al presente indica che essi sono gi nel 2egno
di Dio in terra, perchC Dio si prende cura di chi si prende cura degli altri.
Bna comunit che non solo deve farsi povera per i poveri, ci ricorda papa Orancesco, ma che combatta anche
le cause della povert. I>a condivisione dei beni non un aspetto marginale e facoltativo della proposta
evangelica, un'esigenza imprescindibile della vocazione cristiana. Aon si tratta di ridursi in miseria per
aiutare gli altri, ma di mostrare che la fede nel 2isorto ha fatto comprendere il valore relativo dei beni di
questo mondoI, scrive Oernando 7rmellini.
/oncludendo, *atteo contrappone la >egge e i /omandamenti all'amore e alle beatitudini, nella solidariet e
nella condivisione. >a stessa beatitudine che indica >uca negli 7tti- !0i ) piA $eai nel dare +-e nel
ri+evere%# 1:@,+;5.
Z;.&[ ;6eati gli oppressi, perch1 saranno consolati&.
- 6eati gli oppressi -
Il popolo ebreo era oppresso dai romani e dalle stesse autorit civili e religiose giudaiche.
*a l.evangelista parla degli oppressi di sempre schiacciati dai potenti di turno, politici e religiosi, in una
condizione di ingiustizia e che !sono nel pianto#, ossia manifestano apertamente il loro dolore.
- perch1 saranno consolati -
$li afflitti diventano beati perchC saranno consolati, ossia sparir la causa dell.oppressione.
>.evangelista usa il verbo !consolare# nel senso che saranno liberati eliminando alla radice la causa della
sofferenza attraverso gesti concreti.
Aon dice !confortati# ossia con un aiuto morale 1un conforto5 solo a parole.
$li antichi profeti avevano usato espressioni di liberazione per Israele oppresso-
3 !Poi+-> di+e il 0ignore: /nnal"ae +ani di gioia per Gia+o$$e. es!lae per la prima delle na"ioni. fae
!dire la vosra lode e die: /l 0ignore -a salvao il s!o popolo. il reso d;/sraele)# 1$eremia +',45.
3 K4am$ier, il loro l!o in gioia. li +onsoler, e li render, feli+i. sen"a affli"ioni) 1$eremia +','+5.
3 !Per dare agli afflii di 0ion !na +orona inve+e della +enere. olio di lei"ia inve+e dell;a$io da l!o. vese
di lode inve+e di !no spirio meso# 1Isaia ,',+5.
3 !4ome !na madre +onsola !n figlio. +os8 io vi +onsoler,# 1Isaia ,,,'+5.
$es(, in *atteo invece si rivolge a tutti gli afflitti e gli oppressi per le ingiustizie di ogni tipo di potere,
perchC il vangelo per tutti.
>uca 1,,:'5, dice !7eai voi. +-e ora piangee. per+-> rideree#,
e l.7pocalisse 14,'45- !Dio as+i!g-er' ogni la+rima dai loro o++-i# .
Z;.;[ ;6eati i miti perch1 erediteranno la terra&.
6ersetto di difficile interpretazione con proposte molto diverse tra loro e, forse, nonostante duemila anni di
esegesi, senza una spiegazione che sia una risposta di fede o razionale.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 43
- 6eati i miti -
I miti, non sono i sottomessi alle autorit, come per secoli ha tentato di tradurre il potere temporale, e
neanche coloro che rifiutano di ricorrere alla violenza, foss.anche per ristabilire la giustizia, ma coloro che
non oppongono nessuna resistenza alla forza dello 0pirito, in uno stato di abbandono all.amore di Dio.
7lberto *aggi propone un.esegesi originale ed interessante, secondo la quale per !miti# si intendono i
!diseredati#, i poveri 1poveri e miti in aramaico sono la stessa parola5.
0ono coloro che erano stati espropriati della loro porzione di terra, cui era legata la vita e la dignit, perchC
se ne erano appropriati i pi( intraprendenti, i furbi, i violenti e i prepotenti. 0i tratta di una condizione sociale
di impoverimento che sar superata nella comunit del 2egno in cui la regola che vige quella della
condivisione dei beni.
- perch1 erediteranno la terra -
Aon si tratta di Icielo e terra nuoveI, ossia l'aldil. *a si parla della terra, di tutta la terra per indicare i beni
messianici. "er la /8I la comunit di $es( erediter la terra, come Israele aveva ricevuto di Dio la terra di
/anaan.
"er altri si tratta della terra !dei viventi#, il 2egno di Dio inaugurato da $es(, dove vige la condivisione.
Il territorio tra il $iordano e il mare, la terra di /anaan, conquistata da $iosu, che era stato suddivisa tra le
trib(, i clan e le famiglie, con il tempo era diventata di propriet di poche famiglie ricche che sfruttavano
come braccianti gli e\ proprietari ridotti in miseria dai debiti.
Il salmista invita i poveri a non ribellarsi perchC Dio avrebbe fatto giustizia- !Non irriari a +a!sa dei
malvagi. non invidiare i malfaori1 4ome l;er$a preso appassiranno# +ome il verde del prao avvi""iranno1
4onfida nel 0ignore e fa; il $ene: a$ierai la erra e vi pas+olerai +on si+!re""a1 4er+a la gioia nel 0ignore:
esa!dir' i desideri del !o +!ore1
&ffida al 0ignore la !a via. +onfida in l!i ed egli agir': far' $rillare +ome l!+e la !a gi!si"ia. il !o dirio
+ome il me""ogiorno1 0a; in silen"io davani al 0ignore e spera in l!i# non irriari per +-i -a s!++esso. per
l;!omo +-e rama insidie1 Desisi dall;ira e deponi lo sdegno. non irriari: non ne verre$$e +-e male#
per+-> i malvagi saranno eliminai. ma +-i spera nel 0ignore avr' in eredi' la erra# 10almo +4,'3G5.
Aella comunit che nasce dall.accettazione della prima beatitudine, i diseredati erediteranno, ossia
riceveranno gratuitamente, tutta la terra e non solo un terreno, senza aver fatto nulla per averla, ma solo
perchC a loro dovuta.
I>'accaparramento dei beni, causa prima di ogni ingiustizia, assolutamente incompatibile con la realt del
regno di Dio, dove nessuna forma di avidit ha cittadinanzaI, dice 7lberto *aggi.
$iannino "iana, in un convegno tenutosi nella /ittadella di 7ssisi nell.7gosto del :@@4, intitolato !>o
scandalo delle mitezza#, interpretava !erediteranno la terra# nel senso che i miti, avendo la capacit di farlo,
sono chiamati a governare la terra.
Z;.,[ ;6eati gli a%%amati e gli assetati di <uesta giusti2ia, perch1 saranno sa2iati&.
"er giustizia, nella Eibbia ebraica, si intende l'adempimento di ogni dovere davanti a Dio; nulla a che vedere
con la giustizia legata alle leggi umane.
Ael linguaggio di $es(, la ricerca spasmodica di una giustizia integrale, che in Dio anche, anzi
sopratutto, amore e misericordia.
"er 7lberto *aggi coloro per i quali la giustizia 1negata ai diseredati5 diventata una questione vitale, come
la fame e la sete, saranno da Dio saziati 1il termine greco significa satolli, sazi fino a scoppiare5 e dissetatati-
!Non avranno pi( fame n> avranno pi( see# 17pocalisse 4,',5.
Z;.4[ 6eati coloro che hanno misericordia, perch1 troveranno misericordia.
*atteo conclude dicendo che coloro che hanno scelto come norma di comportamento la prima beatitudine,
sono facilmente riconoscibili perchC sono insieme- misericordiosi, puri di cuore e costruttori di pace.
- 6eati i misericordiosi -
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 44
>a misericordia, non come sentimento 1sentire pena o piet5 ma come comportamento abituale 1opere di
misericordia5 verso gli uomini, significa portare soccorso a chi nel bisogno, diventando lo strumento di Dio
a soccorso degli uomini.
- perch1 troveranno misericordia -
Il testo greco ha il verbo al passivo, ossia dice che i misericordiosi !saranno miseri+ordiai#.
"ortare soccorso, per essere soccorsi- $es( promette il soccorso di Dio a coloro che soccorrono gli altri, non
in una logica di scambio, non come una retribuzione, ma perchC in essi espressa la misericordia di Dio-
saremo misericordiosi se siamo capaci di attingere alla fonte inesauribile della misericordia. !>a misericordia
di Dio sicura, non dobbiamo meritarla nC provocarla- l.amore di Dio, il suo perdono ci precedono#, ricorda
/arlo *olari, che aggiunge- !non siamo noi ad amare ma il bene che in noi cerca di diventare amore#.
/. un racconto arabo sul "rofeta *aometto 1che pure si affida ed accetta completamente alla volont di
Dio5 che piange vedendo morire soffocato il piccolo nipote, figlio della figlia, e, alla domanda del perchC di
quel pianto, dice che !la misericordia che Dio che pone nel cuore dei suoi servi misericordiosi#, e
conclude- !Iddio avr misericordia soltanto dei misericordiosi#.
/os?, chi chiude il cuore alla misericordia, come chi lo chiude al perdono dovuto a tutti, blocca, rende
inattivo, il perdono e la misericordia che Dio continuamente riversa su tutti.
Z;.%[ ;6eati <uelli che hanno un cuore puro, perch1 vedranno )io&.
!Eeati coloro che hanno il cuore pulito perchC vedono Dio# , scriveva Lorge >uis Eorges.
Il 0almo :& dice- !4-i por' salire il mone del 0ignoreC 4-i por' sare nel s!o l!ogo sanoC 4-i -a mani
inno+eni e +!ore p!ro. +-i non si rivolge agli idoli. +-i non gi!ra +on inganno# 1+3&5. l.invito del salmista
a presentarsi alla presenza di Dio nel 9empio di $erusalemme, in condizione di purezza legale. Aon questa
la pienezza cui fa riferimento l.evangelista, come non la purezza sessuale della morale cattolica.
"urezza di cuore equivale a purezza delle intenzioni, senza ipocrisie, senza sovrastrutture, senza falsa
religiosit, in lealt, sincerit e semplicit.
- 6eati i puri di cuore -
>a parola !cuore#, riportata alla nostra cultura dal linguaggio biblico, indica la !mente#, la !coscienza# e non
il !sentimento#. 0i tratta pertanto di individui che, avendo scelto di essere poveri nello spirito, sono
trasparenti e limpidi nella propria coscienza.
0e, nei rapporti interpersonali, manca la purezza di cuore, una maschera impedisce il contatto.
- perch1 vedranno )io -
6edranno 1in greco horo, la vista interiore5 si traduce con avranno una profonda e costante esperienza di
Dio come "adre tenero, anche negli aspetti pi( insignificanti della loro vita.
Z;.G[ ;6eati i costruttori di pace, perch1 saranno chiamati %igli di )io&.
5 6eati i costruttori di pace -
Il significato semitico di pace molto ampio perchC indica benessere, pace, giustizia e molto altro, ossia tutto
ci che costituisce la felicit dell'uomo, sia in se stesso che nella societ.
Aella Eibbia in latino 16ulgata /lementina5 troviamo !beati paci%ici# 1intendendo coloro che !fanno# la
pace5 che etimologicamente giusto, ma crea confusione, perchC per pacifici si intende normalmente chi
ama stare in pace, ama la quiete, cerca di trovare la pace per sC.
$li operatori di pace invece non troveranno mai pace perchC si fanno 1con parole ed opere5 promotori di pace
in una dimensione attiva e scomoda, anche se ci comporta la perdita della loro pace.
"erci non i pacifici 1chi cerca la tranquillit e la propria pace5 ma i pacificatori, coloro che perdono la loro
pace per aiutare gli altri, lavorando per la felicit e il benessere degli altri, contro gli oppressori dei poveri e
dei diseredati, sono quelli sempre dalla parte degli ultimi e sono disposti ad intervenire, pagando di persona,
dove i diritti sono calpestati.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 45
- perch1 saranno chiamati %igli di )io -
Oigli di Dio, coloro che si comportano come >ui e $li somigliano, e Dio li riconosce figli.
0ono i collaboratori di Dio nel togliere le ingiustizie del mondo e, come Dio, lavorano per dare felicit.
Z;.'@[ ;6eati i perseguitati a causa della giusti2ia, perch1 di loro il regno dei cieli&1
!Eeati coloro che soffrono persecuzione a causa della giustizia perchC a loro importa di pi( la giustizia che il
proprio destino umano#, scriveva Lorge >uis Eorges.
- 6eati i perseguitati a causa della giusti2ia -
Huelli che, animati dallo 0pirito, hanno deciso, con una scelta libera, di rimanere fedeli alla "arola di Dio e
di vivere nello spirito delle beatitudini, saranno perseguitatiQ
7 coloro che restano fedeli a questo programma non possono venire gli applausi del mondo perchC essi
hanno disturbato i potenti e i ricchi. 0e vi perseguiteranno sarete beati, se non vi perseguitano, non lo sarete.
- perch1 di loro il regno dei cieli -
Di essi 1il verbo torna al presente5 il regno dei cieli, ossia sono sotto la signoria di Dio, che porta la felicit.
Z;.''[ ;6eati voi <uando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male
contro di voi per causa mia&.
Huesta beatitudine il proseguo della precedente, forse un commento dell'evangelista, rivolto solo ai
discepoli che saranno perseguitati nella menzogna, che un.attivit diabolica- !Voi avee per padre il
diavolo e volee +ompiere i desideri del padre vosro1 2gli era omi+ida fin da prin+ipio e non sava saldo
nella veri'. per+-> in l!i non +;) veri'1 9!ando di+e il falso. di+e +i, +-e ) s!o. per+-> ) men"ognero e
padre della men"ogna# 1$iovanni %,&&5.
*a, per volont di Dio, la persecuzione 1il termine greco ricorda una persecuzione di tipo religioso5 si
trasformer in fonte di gioia.
cambiato poco, ed ora come allora, perchC gli oppressori si vendicheranno. !0e -anno perseg!iao me.
perseg!ieranno an+-e voi#, ha detto $es( in $iovanni ';,:@.
Z;.':[ ;*allegratevi ed esultate, perch1 grande la vostra ricompensa nei cieli. =os8 in%atti hanno
perseguitato i pro%eti che vissero prima di voi&.
>a ricompensa, nei cieli, ossia in Dio, messa al presente 1, non sar'5, perchC gi ricompensa ora
1rallegratevi ed esultate5.
>.evangelista *atteo ha anche altre beatitudini-
Z'+,',3'4[ 6eati invece i vostri occhi perch1 vedono e i vostri orecchi perch1 ascoltano.
In verit io vi dico- molti profeti e molti giusti hanno desiderato vedere ci che voi guardate, ma non lo
videro, e ascoltare ci che voi ascoltate, ma non lo ascoltaronoQ
Z',.'4[ E 9es>? @6eato sei tu, +imone %iglio di 9iona, perch1 n1 la carne n1 il sangue te l'hanno rivelato,
ma il -adre mio che sta nei cieli.
*atteo mette in bocca a "ietro, riconoscendone il primato una parola di fede che la sua comunit riconosce
pienamente perchC viene da Dio. *a $es( lo chiama figlio del profeta $iona che , come $iona tenta di
opporsi alla volont di Dio, per poi finalmente cedere.
]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]
Le (EA$"$&)"N" -i L&A */,20-231 12,22)
0ono un sunto delle beatitudini di *atteo, che >uca rivolge direttamente ai discepoli della sua comunit che
hanno scelto di seguire $es( e che sono perseguitati dai poteri del !mondo#.
!Dis+eso +on loro. si ferm, in !n l!ogo pianeggiane1 4;era gran folla di s!oi dis+epoli e gran moli!dine
di gene da !a la Gi!dea. da Ger!salemme e dal liorale di (iro e di 0idone. +-e erano ven!i per
as+olarlo ed essere g!arii dalle loro malaie# an+-e *!elli +-e erano ormenai da spirii imp!ri venivano
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 46
g!arii1 (!a la folla +er+ava di o++arlo. per+-> da l!i !s+iva !na for"a +-e g!ariva !i1 2d egli. al"'i gli
o++-i verso i s!oi dis+epoli. di+eva 1,,'43:@5-
3 ,,:@ ;6eati voi, poveri, perch1 vostro il regno di )io&.
>uca si rivolge direttamente alla sua comunit che ha gi scelto di essere povera tra i poveri.
3 ,,:' ;6eati voi, che ora avete %ame, perch1 sarete sa2iati. 6eati voi, che ora piangete, perch1 riderete&.
0ono sofferenze corporali vere, alle quali la comunit chiamata a porre rimedio.
3,,::3:, ;6eati voi, <uando gli uomini vi odieranno e <uando vi metteranno al bando e vi insulteranno e
dispre22eranno il vostro nome come in%ame, a causa del Aiglio dellBuomo.
=allegraevi in *!el giorno ed es!lae per+->. e++o. la vosra ri+ompensa ) grande nel +ielo1 &llo sesso
modo infai agivano i loro padri +on i profei@.
Huesto tipo di societ, invisa ai poteri del mondo, provocher la persecuzione, cui seguiranno, per volont di
Dio, gioia ed esultanza.
3 ':,+4 ;6eati <uei servi che il padrone al suo ritorno trover ancora svegliC in verit io vi dico, si
stringer le vesti ai %ianchi, li %ar mettere a tavola e passer a servirli&.
Aei racconti dei vangeli, ogni banchetto figura della cena eucaristica, quando il 0ignore non solo passa a
servire i commensali, ma dona anche il suo sangue e il suo corpo, invitando i suoi discepoli a farsi pane
spezzato per l.umanit.
lo stesso concetto che $iovanni racconta nell.episodio della lavanda dei piedi.
>uca 1'',:43:%5 ha un.altra beatitudine, proclamata da una donna tra la folla, che $es( prontamente corregge
estendendola a tutti-
?:enre di+eva *!eso. !na donna dalla folla al", la vo+e e gli disse:
@6eato il grembo che ti ha portato e il seno che ti ha allattatoDE.
*a egli disse-
@6eati piuttosto coloro che ascoltano la parola di )io e la osservanoDE@
]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]
>a (EA$"$&)"NE di L&A negli A$$" degli AP#S$#L" *20,3+)
>.apostolo "aolo di 9arso rivela ai cristiani di 8feso, il segreto, la formula della perfetta felicit 1beati,
immensamente felici5- !/n !e le maniere vi -o mosrao +-e i de$oli si devono so++orrere lavorando +os8.
ri+ordando le parole del 0ignore GesA. +-e disse:
Z:@.+;[ +i pi> beati nel dare che nel ricevereD&.
]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]
>e E879I9BDIAI di $I=67AAI 1'+,'4 e :@,:G5
!0e d!n*!e io. il 0ignore e il :aesro. -o lavao i piedi a voi. an+-e voi dovee lavare i piedi gli !ni agli
alri1 Vi -o dao !n esempio. infai. per+-> an+-e voi fa++iae +ome io -o fao a voi1 /n veri'. in veri' io vi
di+o: !n servo non ) piA grande del s!o padrone. n> !n inviao ) piA grande di +-i lo -a mandao 1$iovanni
'+, '&3',5 F
Z'+.'4[ +apendo <ueste cose, siete beati se le mettete in pratica31
Il discepolo che vuol seguire il *aestro, lo segue nel servizio libero, volontario e per amore- K/l figlio
dell;Lomo. +-e non ) ven!o per farsi servire. ma per servire e dare la propria via in ris+ao per moli)
1*atteo :@.:%5. questa la fonte della felicit.
?<o giorni dopo i dis+epoli erano di n!ovo in +asa e +;era +on loro an+-e (ommaso1 Venne GesA. a pore
+-i!se. see in me""o e disse: Pa+e a voi%31 Poi disse a (ommaso: :ei *!i il !o dio e g!arda le mie
mani# endi la !a mano e meila nel mio fian+o# e non essere in+red!lo. ma +redene%31 Gli rispose
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 45
(ommaso: :io 0ignore e mio Dio%3@ 1$iovanni :@,:,3:%5 F
Z:@.:G[ ;9es> gli disse? @-erch1 mi hai veduto, tu hai credutoC beati <uelli che non hanno visto e hanno
credutoDE&.
Il messaggio per i discepoli di tutti i tempi che credono senza avere certezze, ma solo confidando nelle
promesse del *aestro.
6edi anche $I=I7.
orna all'indice generale
il il BENEDETTO BENEDETTO
Il termine !Il Eenedetto# si usa per non nominare Dio, e lo troviamo in bocca al sommo sacerdote, quando
cerca un pretesto per condannare $es( a morte, ma non alla lapidazione 3 come prevedeva la >egge per chi
aveva bestemmiato 3 ma alla crocifissione, per dimostrare al popolo che $es( era un maledetto da Dio- !:a
egli a+eva e non rispondeva n!lla1 Di n!ovo il sommo sa+erdoe lo inerrog, di+endogli: 0ei ! il 4riso. il
6iglio del 7enedeoC) 1*arco '&,,'5.
Torna all'indice generale
BENEDIRE /BENEDIZIONE BENEDIRE /BENEDIZIONE
In $enesi 1':,:5 la narrazione del viaggio di 7bram da Br dei /aldei a /anaan inizia con una benedizione
divina per lui e la sua gente- !Oar di te una grande nazione e ti benedir#, ma, nel versetto successivo il
redattore precisa che lo stesso Dio annuncia anche la sua protezione- ?7enedir, +oloro +-e i $enediranno e
+oloro +-e i malediranno maledir,@.
In ebraico il termine 4era5h 1benedizione5 indica la comunicazione di energie positive o la trasmissione
della vita 1da 4ere6h, ginocchio, eufemismo per non nominare i genitali5, come scritto in $enesi- ?Dio li
$enedisse: 0iae fe+ondi e molipli+aevi@ 1',::5.
Infatti per l.ebreo la benedizione divina era ben evidente nell.abbondanza di figli, armenti, campi e salute.
7llo stesso modo, la povert e la sterilit era segno evidente di una maledizione divina.
Huesta promessa era stata fatta ad 7bram- !Poi lo +ond!sse f!ori e gli disse: G!arda in +ielo e +ona le
selle. se ries+i a +onarle3# e soggi!nse: (ale sar' la !a dis+enden"a3# 1';,;5.
I>a benedizione la pi( caratteristica delle preghiere giudaiche. In ogni momento della giornata, il pio
israelita pensa agli interventi di Dio in favore del suo popolo, ricorda i benefici da lui concessi e lo ringrazia
pronunciando benedizioniI, scrive Oernando 7rmellini.
Ael Deuteronomio 1:%,';3,%5 si parla anche di un Dio che minaccia maledizioni e castighi tremendi.
*a $es( mostra un altro volto di Dio, quello di un "adre che ama e benedice tutte le sue creature- !
Davani
a l!i verranno rad!nai !i i popoli1 2gli separer' gli !ni dagli alri. +ome il pasore separa le pe+ore dalle
+apre. e porr' le pe+ore alla s!a desra e le +apre alla sinisra1 &llora il re dir' a *!elli +-e saranno alla
s!a desra: ?Venie. $enedei del Padre mio. ri+evee in eredi' il regno preparao per voi fin dalla
+rea"ione del mondo. per+-> -o av!o fame e mi avee dao da mangiare. -o av!o see e mi avee dao da
$ere. ero sraniero e mi avee a++olo. n!do e mi avee vesio. malao e mi avee visiao. ero in +ar+ere e
siee ven!i a rovarmi@1 &llora i gi!si gli risponderanno: ?0ignore. *!ando i a$$iamo viso affamao e i
a$$iamo dao da mangiare. o asseao e i a$$iamo dao da $ereC 9!ando mai i a$$iamo viso sraniero e i
a$$iamo a++olo. o n!do e i a$$iamo vesioC 9!ando mai i a$$iamo viso malao o in +ar+ere e siamo
ven!i a visiariC@1 2 il re risponder' loro: ?/n veri' io vi di+o: !o *!ello +-e avee fao a !no solo di
*!esi miei fraelli piA pi++oli. l;avee fao a me# 1*atteo :;,+:3&@5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 4B
0egue una maledizione per chi non ha risposto con l.amore alle esigenze dei fratelli, ma non si parla della
maledizione di Dio, ma, chi causa della sua stessa rovina, maledice se stesso- !Poi dir' an+-e a *!elli +-e
saranno alla sinisra: Via. lonano da me. maledei. nel f!o+o eerno. preparao per il diavolo e per i s!oi
angeli3# 1*atteo :;,&'5.
Aella cena pasquale dei vangeli sinottici, $es( impone la berah sul pane e sul vino, ossia trasmette o
comunica la sua propria vita, mentre $iovanni, senza narrarli, spiega cosa significhino quei gesti e quelle
parole, quando $es( mette in gioco tutta la propria esistenza in favore degli altri, cos? come chiede a noi.
>.evangelista *arco scrive- G:enre mangiavano prese il pane e. pron!n"iaa la $enedi"ione. lo spe"", e lo
diede loro. di+endo: Prendee. *!eso ) il mio +orpo31 Poi prese il +ali+e e rese gra"ie. lo diede loro e ne
$evvero !i1 2 disse: 9!eso ) il mio sang!e. il sang!e dell;allean"a versao per moli3G 1'&,::3:&5.
Aell'episodio dei pani e dei pesci di *arco ,,&' la condivisione che porta benedizione- !"resi i cinque pani
e i due pesci, lev gli occhi al cielo, pronunzi la benedizione, spezz i pani e li dava ai discepoli perchC li
distribuissero; e divise i due pesci fra tutti#.
Huesta trasmissione di energia vitale talora manifestata con l.imposizione delle mani come in *arco
'@,';3',- ?/n veri' vi di+o: 4-i non a++oglie il regno di Dio +ome l;a++oglie !n $am$ino. non vi enrer'31
2. a$$ra++iandoli. li $enedi+eva ponendo le mani s! di loro@.
7nche l.uomo benedice Dio, riconoscendo nel Dio /reatore l'origine della vita e del bene, ma non perchC
con le sue lodi aumenti la gloria di Dio o perchC possa ricevere in cambio qualche favore.
Infatti Dio dona sempre tutto prima che noi lo chiediamo, dona a tutti, solo per amore, sovrabbondante vita,
fino a fare l.uomo partecipe, dopo la morte, della vita eterna.
Dio allora viene !benedetto# per ringraziarlo e lodarlo.
/. un versetto di *atteo che dice- ?/n *!el empo GesA disse: (i rendo lode. Padre. 0ignore del +ielo e
della erra. per+-> -ai nas+oso *!ese +ose ai sapieni e ai doi e le -ai rivelae ai pi++oli3@ 1*atteo
'',:;5.
*a la benedizione pi( sconvolgente quella che $es( chiede, nel vangelo di >uca, ai suoi discepoli di
pronunciare- :a a voi +-e as+olae. io di+o: &mae i vosri nemi+i. fae del $ene a +oloro +-e vi odiano.
$enedie +oloro +-e vi maledi+ono. pregae per +oloro +-e vi malraano3 1,,:43:%5.
Bna pagina tra le pi( inascoltate del 6angelo, perchC essa ci obbligherebbe tutti ad amare coloro che ci
odiano, a pronunciare su di essi la benedizione di Dio.
Torna all'indice generale
BETANIA BETANIA
8sistono nei vangeli due localit con questo nome-
'5 Eetania 1il cui significato Icasa dei poveri# anche se potrebbe anche essere !casa di 7naniaI o !casa dei
datteri# secondo il 9almud5, un villaggio palestinese ad est di $erusalemme, sul *onte degli Blivi, da cui
dista circa tre chilometri. 8ra il villaggio della primitiva comunit di $es(, dove si ritirava nella casa dei suoi
amici, >azzaro, *arta e *aria. "er l.evangelista >uca 1:&,;@3;'5 il luogo dell.assunzione di $es( al cielo.
:5 Eetania oltre il $iordano, ossia in 9ransgiordania, nel territorio della "erea, , per l'evangelista $iovanni
1',:%5, il luogo dove $iovanni battezzava le folle.
0i tratta probabilmente di Eet3ennn, !casa delle fonti# o !delle barche#, un guado del $iordano nei pressi di
$erico, poco prima che il fiume si getti nel *ar *orto. >a localit, posta ben &@@ metri sotto il livello del
mare, potrebbe essere stata scelta dall.evangelista $iovanni 1',:%5 come simbolo della nosis, lo svuotarsi,
l.abbassarsi di Dio che viene come uomo tra gli uomini.
I>a tradizione ha giustamente localizzato l'episodio a Eetabra, il guado dove anche il popolo d'Israele,
guidato da $iosu, ha attraversato il fiume ed entrato nella terra promessa. Ael gesto di $es( sono dunque
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 4F
presenti richiami espliciti al passaggio dalla schiavit( alla libert e all'inizio di un nuovo esodo verso la 9erra
promessaI 1Oernando 7rmellini5.
orna all'indice generale
BETSIDA BETSIDA
Eetsida, che significa !casa del pesce# o !della pesca# o !del pescatore#, era un piccolo porto per barche da
pesca, posto all'estremo nord del lago di 9iberiade, non lontano da /afarnao, sulla riva orientale del
$iordano, che qui si immette nel lago.
"opolosa cittadina di frontiera, fuori dai confini di Israele, nei territori governati da 8rode Oilippo II,
divenuto tetrarca della Eatanea, 9raconitide e $aulanitide alla morte del padre 8rode il $rande. 8gli, nel : a.
/, la ingrand? e la chiam Iulias 1Eetsida $iulia5, in onore della figlia di 7ugusto.
In $iovanni ':,:' detta Eetsida di $alilea, mentre invece apparteneva alla 9raconitide.
8ra la citt di "ietro, 7ndrea e Oilippo e forse anche di $iacomo e $iovanni, i figli di <ebedeo.
Eetsida, /afarnao e /orazim sono le citt sulla cui sorte piange $es(, quando rimprovera ai loro abitanti di
non essersi convertiti, nonostante avessero visto e vissuto le opere potenti che vi aveva compiuto 1*atteo
'',:@3:+ e >uca '@,'+3';5- proprio qui che $es( guarisce un cieco, come narrato in *arco %,::3:,.
Torna all'indice generale
BIBBIA BIBBIA
Il canone cattolico composto da 4: libri. I :, del AB=6= 98097*8A9= 1>ettere, 6angeli, 7tti e
7pocalisse5 sono tutti scritti in lingua greca. I &, libri chiamati 7ntico 9estamento 1la >egge, gli 0critti e i
"rofeti5 non coincidono con quelli della Eibbia ebraica e certe esclusioni sono clamorose, mancando, p.es., il
libro della 0apienza, il 0iracide e i due libri dei *accabei. 7ltri libri, come 8ster e Daniele, sono invece
diversi nel contenuto.
9ra la Torah dei *asoreti e quella dei 0amaritani ci sono duemila varianti, tra il codice greco e quello
ebraico ci sono mille varianti. 9ra il libro di Isaia di Humran e quella dei *asoreti ci sono +@@ varianti, e il
libro di Daniele non un libro profetico per gli ebrei.
Insomma le !verit# rivelate sono diverse a seconda di dove si nasce.
>.ordine di presentazione dei libri biblici non cronologico ma canonico, perchC il Deuteronomio il pi(
antico e il libro della $enesi, messo per primo, in effetti molto pi( tardivo. >.ultimo, in senso cronologico.
il >ibro della 0apienza, scritto il secolo prima di $es( in 7lessandria d.8gitto.
I racconti della Eibbia ebraica erano prima trasmessi oralmente, poi furono messi per iscritto, quindi tradotti
in aramaico 1972$B*5, in greco 1la 08997A975 e infine anche trascritti cos? come sono pronunziati nella
lingua parlata 1Eibbia dei *70=289I5, ossia con l.aggiunta delle vocali, non presenti nel testo ebraico, che
una scrittura consonantica.
0ono certamente testi ispirati, ma scritti con parole umane, con una fortissima impronta misogina, fino alla
rivoluzione femminista portata dai vangeli.
I libri del cosiddetto 7ntico 9estamento sono un mi\ di testi di diversa derivazione, scritti da pi( mani, tratti
da pi( fonti non sempre concordanti 1elohista, ^ahRista, sacerdotale5, in tempi diversi, con narrazioni diverse
degli stessi !fatti# 1come i due racconti della creazione dell.umanit che si trovano nella $enesi5.
0ono il frutto di duemila anni di evoluzione della cultura e della religione di un popolo, e il racconto
sviluppato non come effettivamente accaduto, ma come le conseguenze derivate dalle scelte fatte hanno
fatto capire a posteriori, diventando cos? la storia della salvezza operata da Dio.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 50
>e influenze delle civilt succedutesi in quei territori in duemila anni di storia sono evidenti- babilonesi,
sumeriche, egiziane, edomite, caldee, cananee, filistee e madianite. Il racconto di 7bramo e di Isacco da
sacrificare chiaramente caldeo, il racconto settenario della creazione e le figure mitologiche di angeli e
demni sono simili ai racconti di $hilgamesh della civilt babilonese e persiana, il mito di Ao preso dalla
cultura sumerica, il salmo '@+ identico all.inno al sole del faraone 7Denaton, il padre di 9utanDamon, al
quale gli ebrei hanno aggiunto solamente l.ultimo versetto, e la storia di $iobbe edomita.
>e religioni monoteiste nate dalla Eibbia ebraica sono chiamate !2eligioni del >ibro#. 0e questo vero per i
mussulmani per i quali il /orano solo parola di Dio, solo in parte vero per gli ebrei, che hanno un !libro
sacro#, ma continuamente aggiungono commenti su commenti alla ricerca dei pi( reconditi significati del
testo, e non lo assolutamente per i cristiani per i quali la "arola di Dio non in un !>ibro# ma in un
!Bomo#, $es( /risto, nel quale la "arola di Dio si incarnata e continua a vivere.
Dopo molti secoli 1il concilio di 9rento aveva vietato la lettura personale della Eibbia, che era detto !il libro
dei protestanti#5 la 0acra 0crittura, con il /oncilio 6aticano II, ora patrimonio comune di tutti i credenti e
non pi( monopolio di chierici, ministri, teologi, sapienti, biblisti ecc. e tutti possono leggerla, comprenderla,
commentarla e soprattutto viverla.
*a sembra che molti preti non la frequentano che occasionalmente e superficialmente.
>a Eibbia, si dice, parola di Dio, ma espressa con linguaggio umano, quindi condizionata dalla cultura,
dalla storia, dalla tradizione, dall.esperienza di chi ha vissuto l.evento, di chi ha trasmesso il racconto, di chi
ha redatto lo scritto e di chi lo legge.
"er tutte queste ragioni ogni scritto sacro, con il tempo, pu essere capito in modo sempre pi( profondo e,
dice $regorio *agno, !cresce con chi lo legge#, lo approfondisce e lo comprende. *a sopratutto la
comprende chi la vive e ne fa l.esperienza personale- questo l.unico metodo sicuro per capire il testo.
Torna all'indice generale
BISOGNA / BISOGNAVA BISOGNA / BISOGNAVA
6edi D=6828.
Torna all'indice generale
BOAN$RG%ES BOAN$RG%ES
$iacomo e $iovanni, figli di <ebedeo, gli inseparabili fratelli, sono da $es( soprannominati, in senso
negativo, 6oanrghes 1*arco +,'45, ossia figli del tuono 1i fulmini5 o anche figli dell.ira, per il loro carattere
impulsivo, per lo spirito autoritario e la grande ambizione 1*arco '@,+;3&;5 che la madre sosteneva
apertamente, con grande disappunto degli altri apostoli che, in fondo, avevano le stesse aspirazioni 1*atteo
:@,:@3:&5. In *arco '; nominata una certa 0alome, che si ipotizza possa trattarsi della loro madre.
$iovanni e suo fratello $iacomo sono protagonisti, in negativo, di due episodi di intolleranza da cui $es(
prende immediatamente le distanze- quando vogliono impedire che altri operino nel nome di $es( in quanto
non fanno parte del gruppo 1>uca G,&G3;@5 e quando invocano il fuoco dal cielo, la punizione divina, per i
0amaritani che non volevano accogliere il maestro diretto a $erusalemme. Inoltre gli ambiziosi fratelli
cercano i posti d.onore nel regno che, essi credevano, $es( stesse per istaurare a $erusalemme 1*arco
'@,+45. *atteo, nello stesso episodio 1:@,:@3:&5 alleggerisce la pesante posizione dei due mettendo la
richiesta in bocca alla loro madre- !&llora gli si avvi+in, la madre dei figli di Pe$edeo +on i s!oi figli e si
prosr, per +-iedergli *!al+osa1 2gli le disse: 4-e +osa v!oiC31 Gli rispose: Di; +-e *!esi miei d!e figli
siedano !no alla !a desra e !no alla !a sinisra nel !o regno31 =ispose GesA: Voi non sapee *!ello +-e
+-iedee1 Poee $ere il +ali+e +-e io so per $ereC31 Gli di+ono: Lo possiamo31 2d egli disse loro: /l mio
+ali+e. lo $erree# per, sedere alla mia desra e alla mia sinisra non sa a me +on+ederlo: ) per +oloro per i
*!ali il Padre mio lo -a preparao31 Gli alri die+i. avendo senio. si sdegnarono +on i d!e fraelli#.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 51
8ssi facevano parte, insieme con 0imone, del piccolo gruppo di discepoli di cui $es( si occupa
maggiormente e che sono presenti ai momenti determinanti della sua vita, come la trasfigurazione 1*atteo
'4,'3%5, la preghiera del $etsemani 1*atteo :,,+,3+45, la resurrezione della figlia di $iairo 1*arco ;,+45,
mentre a "ietro e $iovanni affidata la logistica della cena di "asqua 1>uca ::,%5.
*a essi non sono i soli ad avere un soprannome negativo perchC sono in compagnia di $iuda, detto il
traditore, di 0imone detto# la pietra# e di 0imone detto !lo zelota#.
Torna all'indice generale
BUONA NOTIZIA BUONA NOTIZIA
Il termine greco eu5angh1lion significa !buona3notizia# o !lieto annuncio# ed tradotto in italiano con
!vangelo#, che la buona notizia portata da $es( agli uomini- Dio un "adre che ama tutti gli uomini
gratuitamente, senza distinzioni nC preferenze.
*a il messaggio di $es( non divisibile da $es( stesso perchC lui !la buona notizia# per tutta l.umanit.
*a non possibile rendere credibile, la Ibuona notiziaI se non si agisce evangelicamente nella vita
quotidiana- il 6angelo va testimoniato con la vita.
Il cristianesimo si deve far portatore della buona notizia senza appoggiarsi sulla ricchezza, sul prestigio, sul
potere, ma solo sul servizio. "ortare la buona notizia ai poveri, come ha chiesto $es(, 1riprendendo il profeta
Isaia in >uca &,'%5 significa annunziare una verit scomoda perchC 8gli non pu non denunciare ogni
sfruttamento e ogni sottomissione e non pu non opporsi al potere, alla forza, al denaro, alla conoscenza
elitaria e alle discriminazioni, specie quelle attuate nel suo nome.
I>a /hiesa non deve solo annunziare il 2egno, ma deve essere la prova che il regno arrivato e che il suo
messaggio possibileI 1Eruno *aggioni5. =ccorre allora ricominciare dalle beatitudini, bisogna vivere le
beatitudini, perchC venga il !suo 2egno#.
Dice Oiedrich Aietzsche- I0e la buona novella della vostra Eibbia fosse scritta sul vostro volto, voi non
avreste bisogno di insistere cos? ostinatamente perchC si creda all'autorit di questo libro- le vostre opere, le
vostre azioni dovrebbero rendere quasi superflua la Eibbia, perchC voi stessi dovreste continuamente
costituire la Eibbia vivaI. /ome dargli tortoJ
6edi anche 67A$8>=.
Torna all'indice generale
CAFARNAO CAFARNAO
0ignifica !villaggio della consolazione# o 1improbabile5 !villaggio di Aaum#, il profeta.
0ituata nel territorio che era stato delle trib( di Aeftali e <abulon, sul confine con le terre della tetrarchia di
8rode Oilippo 1Iturea5 e sotto la giurisdizione del tetrarca 8rode 7ntipa e, per questo, pi( sicura dalle
ingerenze del clero gerolosimitano.
"osto di frontiera, nodo carovaniero da dove passavano i convogli dirette ai territori pagani, sulla strada che
portava a Damasco, lungo la !via del mare# tra 8uropa e 7sia.
8ra un piccolo ma importante villaggio di pescatori sulla riva nord orientale del lago di 9iberiade, in
prossimit del $iordano, a nord di *gdala, con una guarnigione militare comandata da un centurione; nella
parte alta della citt c.era una dogana per il pagamento del dazio per le merci di passaggio.
7llora c.era anche un.importante sinagoga, dove insegnavano rabbini famosi come Millel.
8ra perci il posto ideale per far conoscere il messaggio universale di $es(. che vi risiedeva e ne aveva fatto
la sua sede operativa, anche se la cittadina era evitata dai giudei perchC di costumi pagani. 8gli, lasciata
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 52
Aazaret, si era trasferito a /afarnao; ma la sua, pi( che una partenza, sembra un abbandono forzato, una
fuga, se non una vera e propria espulsione.
In *atteo G,' si parla de Ila sua cittI e, secondo la legge giudaica, chi ci aveva vissuto per almeno dodici
mesi vi doveva pagare la tassa per il 9empio. Il fatto narrato da *atteo 1'4,:&3:45- !9!ando f!rono gi!ni
a 4af'rnao. *!elli +-e ris+!oevano la assa per il empio si avvi+inarono a Piero e gli dissero: /l vosro
maesro non paga la assaC31 =ispose: 0831 :enre enrava in +asa. GesA lo prevenne di+endo: 4-e +osa
i pare. 0imoneC / re della erra da +-i ris+!oono le asse e i ri$!iC Dai propri figli o dagli esraneiC31
=ispose: Dagli esranei31 2 GesA repli+,: 9!indi i figli sono li$eri1 :a. per eviare di s+andali""arli. va;
al mare. gea l;amo e prendi il primo pes+e +-e viene s!. aprigli la $o++a e vi roverai !na monea
d;argeno1 Prendila e +onsegnala loro per me e per e3#.
Dell.antica cittadina restano solo rovine riportate alla luce dagli scavi archeologici, tra una grande sinagoga
posteriore ai racconti evangelici 1I6 sec. d. /5 e, con molte probabilit, i resti della casa dove viveva $es(.
Torna all'indice generale
CAIFA CAIFA
Detto Vaiapha in ebraico e Viapha in greco 1che vuol dire l'inquisitore, l'oppressore5 /aifa, in realt, si
chiamava $iuseppe ed era un 07DDB/8=, genero di 7nania, 6hiamato 7nna in alcune traduzioni, che era
stato sommo sacerdote nel periodo tra il , al '; d. /.
/aifa, che era a capo del sinedrio che condann a morte $es(, fu sommo sacerdote per ben '% anni dal '% al
+,, quando fu destituito dal governatore romano 6alerio $rato.
lui, secondo $iovanni, che dice- Non vi rendee +ono +-e ) +onveniene per voi +-e !n solo !omo m!oia
per il popolo. e non vada in rovina la na"ione inera%3 1'',;@5.
8ra famoso per avere nel suo libro paga tantissima gente e forse anche "ilato. /aifa decadde quando il
procuratore romano fu destituito da 6itellio, legato della provincia di 0iria.
$li successe un nipote di 7nna, il capostipite di una genia di corrotti e corruttori.
orna all'indice generale
CANAAN CANAAN
Il territorio 1in ebraico ena5an5 prende il nome dall.ultimogenito dei figli di /am, quindi un nipote di Ao,
ed indica la terra corrispondente grossolanamente alla "alestina, con modeste zone della $iordania, della
0iria e del basso >ibano 1la Oenicia5, situata tra il *editerraneo ad ovest e la valle del $iordano e il mar
*orto ad est.
8ra abitata dalle popolazioni autoctone prima dell.occupazione da parte di gruppi appartenenti ai cosiddetti
"opoli del mare, primo fra tutti i Oilistei 1dai quali prese appunto il nome di "alestina5 e poi occupato dagli
Israeliti. /irca :@@@ anni prima di /risto, sotto la pressione di popoli provenienti dal nord, i /aldei e le genti
della *esopotamia emigrarono ed andarono ad occupare la "alestina- tra essi, secondo il racconto biblico,
7bramo e la sua gente.
"er gli 8brei allora diventata la 9erra di Israele o la 9erra "romessa, una terra idealizzata dove !scorre latte
e miele# e dove, nell'era messianica, Dio riunir tutto il suo popolo.
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 53
CANANEI CANANEI
Il nome non indica un.etnia ma solo gli abitanti indigeni della terra di /anaan che vivevano nelle terre poi
occupate dagli 8brei che li avevano sottomessi perchC il libro della $enesi, scritto posteriormente, dice che
/am, il figlio maledetto da Ao, deve essere schiavo di 0em 1G,:;5. noto a tutti che la storia sempre
scritta dai vincitori.
0i tratta di un popolo di razza semitica, insediato in "alestina gi almeno due secoli prima che arrivasse
7bramo, e composto, al tempo dei filistei, da abili commercianti, marinai e artigiani noti nella fabbricazione
dei tessuti di porpora, al punto che il termine cananeo venne pi( tardi usato anche nel senso di mercante,
trafficante, viaggiatore. Il termine divenuto poi, per gli ebrei, sinonimo di persona maledetta da Dio.
I Oilistei erano una delle tante popolazioni 1chiamate successivamente popoli del mare5 che, circa nel ':@@
a. /, provenienti dal nord, avevano invaso le coste del *editerraneo.
In seguito divennero una spina nel fianco delle popolazioni ebree e, anche dopo la sottomissione da parte di
Davide, continuarono a vivere sulle coste del *editerraneo, grossolanamente nei territori del >ibano attuale.
Bn dio molto venerato in quei territori era Eaal, il signore, della fertilit, della fecondit e della pioggia, la
cui figura aveva contaminato anche i popoli di religione ebraica.
>a pratica di scarificare i propri figli a Eaal, che era comune tra i /ananei e lo divenne anche tra gli ebrei.
In *arco 1+,'%5 e *atteo 1'@.&5, 0imone, uno degli apostoli, chiamato !il /ananeo#, lo stesso uomo che il
vangelo di >uca 1,,';5 e negli 7tti 1','+5, chiamato !zelota#.
*atteo 1,,';3:%5 ha, nel suo vangelo, uno tra i pi( affascinanti personaggi femminili, la /ananea, donna
rispettosa ma tenace e con una fede tale da destare l.ammirazione di $es(.
Torna all'indice generale
CAPANNE / FESTA CAPANNE / FESTA delle delle CAPANNE CAPANNE
una delle tre grandi feste3pellegrinaggio a $erusalemme, quella che si celebra ogni anno il '; del 6II mese
19ishri5 tra settembre e ottobre, ed era originariamente la !festa della raccolta# dei frutti autunnali, delle olive
e dell.uva. "oi pass ad indicare la liberazione di Israele, ad opera di Dio, dall.oppressione egiziana. "er
sette giorni, durante tutta la festa, gli uomini vivono in capanne costruite con rami frondosi o in piccole tende
1detta per questo festa dei 9abernacoli5 per ricordare come Dio li avesse liberati dal faraone, e in attesa della
vittoria finale del I0ignore degli esercitiI sui pagani.
8ra la grande festa d.autunno, tanto popolare da essere chiamata semplicemente la Oesta, durante la quale si
attendeva la manifestazione del *essia di Israele. 8 proprio per questo i suoi fratelli di $es( volevano che si
recasse a $erusalemme per manifestarsi- !0i avvi+inava inano la fesa dei Gi!dei. *!ella delle 4apanne1 /
s!oi fraelli gli dissero: Pari di *!i e va; nella Gi!dea. per+-> an+-e i !oi dis+epoli vedano le opere +-e !
+ompi1 Ness!no infai. se v!ole essere ri+onos+i!o p!$$li+amene. agis+e di nas+oso1 0e fai *!ese +ose.
manifesa e sesso al mondo%31 Nepp!re i s!oi fraelli infai +redevano in l!i1 GesA allora disse loro: /l
mio empo non ) an+ora ven!o# il vosro empo inve+e ) sempre prono1 /l mondo non p!, odiare voi. ma
odia me. per+-> di esso io aeso +-e le s!e opere sono +aive1 0alie voi alla fesa# io non salgo a *!esa
fesa. per+-> il mio empo non ) an+ora +ompi!o31 Dopo aver deo *!ese +ose. res, nella Galilea1 :a
*!ando i s!oi fraelli salirono per la fesa. vi sal8 an+-e l!i: non aperamene. ma *!asi di nas+oso#
1$iovanni 4,:3'@5. $es( per non voleva essere riconosciuto come il *essia atteso, per la liberazione dalla
dominazione romana.
>a festa era contrassegnata dalle solenni liturgie della luce e dell'acqua ma $es( entra !a gamba tesa# e
rovina appositamente i due momenti pi( importanti di quella settimana festiva, proprio nei giorni che
$erusalemme era piena di pellegrini.
Aella liturgia dell.acqua il sommo sacerdote, riccamente addobbato, scendeva la scalinata dalla sommit del
9empio fino alla sorgente di 0iloe, prendeva l.acqua in una brocca d.oro, risaliva la scalinata in processione
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 54
e versava l.acqua sull.altare a ricordo dell.acqua scaturita dalla roccia nel deserto- l.acqua, in questa cultura,
ci che d la vita ed era immagine della >egge. *a, al culmine della festa, !Nell;!limo giorno. il grande
giorno della fesa. GesA. rio in piedi. grid,: 0e *!al+!no -a see. venga a me. e $eva +-i +rede in me1
4ome di+e la 0+ri!ra: Dal s!o grem$o sgorg-eranno fi!mi di a+*!a viva31 9!eso egli disse dello 0pirio
+-e avre$$ero ri+ev!o i +redeni in l!i: infai non vi era an+ora lo 0pirio. per+-> GesA non era an+ora
sao glorifi+ao# 1$iovanni 4,+43+G5. $es( si sostituisce, quindi, alla >egge- inaudito e insopportabile.
Aella liturgia della luce, sulle mura del 9empio e nel cortile detto !delle donne#, venivano accesi quattro
enormi candelabri d.oro alti diversi metri, che illuminavano il 9empio e si vedevano da tutta la citt. 7l
calare della sera, i sacerdoti ne raggiungevano con delle scale la sommit, formata da grossi bacili ripieni
d.olio, e davano fuoco a degli stoppini ricavati dalle loro vesti dismesse. >a luce era la >egge e, osservando
la >egge, si ha la luce per camminare.
*a ancora una volta $es( si intromette in questo momento solenne- !Di n!ovo GesA parl, loro e disse: /o
sono la l!+e del mondo# +-i seg!e me. non +amminer' nelle ene$re. ma avr' la l!+e della via)# 1$iovanni
%,':5. *a alla fine del capitolo 1%,;G5 scritto che- ?&llora ra++olsero delle piere per gearle +onro di l!i#
ma GesA si nas+ose e !s+8 dal empio#.
>a situazione per >ui si sta facendo molto pericolosa ed perci che decide di sparire.
Torna all'indice generale
CARISMA CARISMA
Il carisma una dote naturale che l.uomo ha 1tutti ne hanno almeno uno e nessuno li ha tutti5 e che, se non la
usa per innalzarmi al di sopra degli altri, ma la mette a servizio di tutti, viene potenziata dall.7more di Dio
1lo 0pirito 0anto5 e porta frutti abbondanti.
I carismi sono funzioni che lo 0pirito suscita all'interno della comunit e servono ad arricchire il corpo della
comunit, dice l.apostolo "aolo.
>e comunit di tipo paolino sono carismatiche per il dono dello 0pirito, democratiche perchC c'era
comunione tra i carismatici, e non verticistica, perchC vi prevalgono la compartecipazione e la comunione-
tutti sono chiamati a collaborare, nessuno prevale e nessuno viene escluso.
Torna all'indice generale
CARNE CARNE
>a voce !carne# 1il senso non sovrapponibile a quello di !corpo#5 ha l.ovvio significato di carne vera e
propria, come scritto in >uca :&,+G- KG!ardae le mie mani e i miei piedi: sono proprio io% (o++aemi e
g!ardae# !n fanasma non -a +arne e ossa. +ome vedee +-e io -o).
Il termine carne 1in greco sar3 e in ebraico basar5 indica, nella Eibbia, la persona con la sua !contingenza, la
debolezza, la spazialit e la temporalit limitata# 12avasi5, con un corpo Isegnato da limiti, asservito alla
morte, vulnerabile al peccatoI 1>ilia 0ebastiani5.
IAel linguaggio della 0crittura la parola carne, e quella correlativa spirito, non sono da ricalcare nella
semantica ereditata dalla cultura occidentale, secondo cui la carne la nostra realt fisica, lo spirito il
nostro principio immateriale. Ael linguaggio biblico la _carne` ogni impulso e ogni orizzonte che
obbediscono all'amore di sC, all'esigenza di affermare se stesso. 9utto questo carne. >o _spirito` invece
comincia laddove nasce lo spodestamento dell'io, dove lo stesso principio di autodeterminazione non pi(
un principio primo ma trasceso da un altro principio che quello della dedizione totale di sC alla causa
universale, cio all'amore come dedizione al regno, ad una realt che non ci appartiene e di fronte alla quale
ci sentiamo segni, strumenti, annunciatori; che deve venire a costo della nostra vita. Huesta libert la libert
da noi stessi- non siamo solo soggetti liberi ma liberati. In questo momento comincia l'orizzonte dello spirito.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 55
8cco perchC fra questi due principi 3 la carne e lo spirito 3 non c' possibilit di conciliazione. = uno vive per
se stesso, e non importa a che livello 3 perfino in un eremo si pu andare per vivere per se stessi 3 o si vive
dedito ad una causa che quella dell'umanit intera, in questo caso sotto gli occhi di Dio e secondo la
promessa di Dio. Dentro di noi queste due istanze sono presenti. dominante quella carnale 3 ed il nostro
limite 3 ed presente anche quella secondo lo spirito- noi abbiamo ansia di libert totaleI 18rnesto Ealducci5.
>a carne perci simbolo della condizione umana naturale di creatura con le sue debolezze e fragilit, con i
suoi difetti e le infedelt- corruttibile, imperfetta, precaria, fallibile, mortale.
"er l.apostolo "aolo principio, sorgente e strumento di peccato oppure indica la limitatezza delle capacit
umane- !+onos+ere se+ondo la +arneI ossia in modo imperfetto# 12omani 4,;5.
/on i "adri della /hiesa, e poi nel medioevo, il termine divent sinonimo di concupiscenza 1non solo
sessuale5, di egoismo, ambizione, invidia, rancore, ingiustizia, sopraffazione, superbia, bramosia ed
istintivit; come tale, sempre da mortificare. *a, al contrario della filosofia greca dove c.era il disprezzo
assoluto della carne, con $es( c. la santificazione della carne, perchC Dio in $es( si fatto carne, ossia si
fatto uomo fragile e mortale. /on lui Dio entra nell'immanenza e non pi( trascendente.
8 nei vangeli, in particolare in quello di *arco, $es( mostra Isentimenti, ansie, dolori, emozioni, delusioni,
umiliazioni, ignoranza, paura della morteI, in tutto uguale a noi, meno che nel peccato, in quanto 8gli
aderisce sempre e completamente alla volont del "adre.
In $iovanni ','& si parla del 6erbo Iche prese un corpo mortale, che si rivest? di muscoli, che divenne uno di
noi, che si fece in tutto simile a noi 1compresi i sentimenti, le passioni, le emozioni, i condizionamenti
culturali, la stanchezza, la fatica, l'ignoranza 3 s?, anche l'ignoranza 3 e poi le tentazioni, i conflitti interiori
F5 in tutto simile a noi fuorchC nel peccatoI 1Oernando 7rmellini5.
Il 6erbo di Dio si fatto carne, ossia il progetto di Dio si realizza nella debolezza, in un uomo destinato alla
morte ma anche alla resurrezione, se rinasce nello 0pirito ossia se da incompleto diventa completo, per avere
la condizione divina acquisita in $es(, perchC egli ci ha dato !la +apa+i' di divenare 6igli di Dio#.
>a carne, ossia la persona umana, destinata a risorgere perchC nulla dell.uomo andr perduto e tutto l'uomo
risorge con un corpo spirituale- !4os8 an+-e la ris!rre"ione dei mori: ) seminao nella +orr!"ione. risorge
nell;in+orr!i$ili'# ) seminao nella miseria. risorge nella gloria# ) seminao nella de$ole""a. risorge nella
poen"a# ) seminao +orpo animale. risorge +orpo spiri!ale# 1' /orinzi ';,&:3&&5.
Torna all'indice generale
CASA CASA
Aella lingua greca ci sono due termini per dire !casa#-
'5 F8os- la casa come abitazione della famiglia 1detta bet ab, ossia qualcosa di propriet del padre5.
:5 Fiia- casa come famiglia, focolare o le relazioni umane al suo interno. *a anche stirpe o comunit.
Aell'ebraico la !bet# non significa semplicemente casa, nel senso di abitazione, ma ha il senso del vivere
insieme, co3abitare, condividere, rapportarsi, oppure indica la comunit. *a significa anche casato 1famiglia,
clan o trib(5 oppure pu indicare la posterit. Infatti, per esprimere l.unita della nazione, la stirpe o la
famiglia, si usano locuzioni che indicano un unico antenato. "er esempio-
3 la casa d.Israele 18sodo ',,+ o *atteo '@,,5,
3 la casa di $iacobbe 1>uca ',++5,
3 la casa di Davide, ossia la stirpe reale davidica 1'0amuele :@,', e >uca ',:45.
>a lettera dell.alfabeto ebraico !dlet# indica la casa nel senso di costruzione, ma sta anche a indicare la casa
di Dio, il 9empio in genere o il 0antuario in particolare. "er l'8breo, infatti, Jah$ abita nel 0antuario; quella
la sua casa, e chi vuole incontrarlo deve andare a $erusalemme, nel 9empio. 7nche nei vangeli sinottici
1*atteo ':,&; *arco :,:, e >uca ,,&5 si nomina la casa di Dio allorchC si ricorda l.episodio di Davide e i
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 56
suoi uomini che mangiano il pane riservato ai sacerdoti.
7nche $es( ne parla ma non la chiama casa di Dio, ma casa del "adre, in $iovanni :,',- KPorae via di *!i
*!ese +ose e non fae della +asa del Padre mio !n mer+ao%). *a s(bito dopo, alla 0amaritana dice che non
si deve adorare Dio in un tempio ma !in 0pirio e veri'#, ossia con un amore fedele.
>a casa del "adre nominata anche in $iovanni '&,: 1Nella +asa del Padre mio vi sono mole dimore1 0e no.
vi avrei mai deo: ?Vado a prepararvi !n posoC#5. !*olte dimore# nel senso che ognuno di noi chiamato
a diventare una !dimora# diversa dagli altri, unica e irrepetibile, per manifestare il volto di Dio a suo modo-
!=ispose GesA: 0e !no mi ama. osserver' la mia parola e il Padre mio lo amer' e noi verremo a l!i e
prenderemo dimora presso di l!i # 1$iovanni '&,:+5.
Torna all'indice generale
CASO CASO
/hiamato talora D809IA=, anche se il significato dei due termini non sovrapponibile.
Il concetto non esiste nella cultura ebraica.
Diverso il O79= che, nella mitologia greca e romana, una necessit che ci sovrasta, un potere misterioso
e incontrastabile, cui tutti gli uomini sono soggetti, perfino gli dei dell.=limpo, $iove compreso. Aella
cultura greca I0i rafforzava l'idea del destino e del male irrimediabili- il fato che colpisce gli uomini alla
cieca e distrugge in pochi attimi quei beni che erano riusciti a ottenere e conservare. Il senso del fato
induceva la maggioranza alla superstizione e all'astrologia, mentre risvegliava in altri la coscienza di colpa e
l'immagine di una caduta che aveva diviso all'origine l'uomo dalle sorgenti della vita e che si ripercuoteva in
ogni singola esistenzaI 1$iorgio $irardet5. >a parola greca indica infatti qualcosa che !deve# succedere e a
cui non si pu, in ogni caso, sfuggire.
Il destino inesorabile torna alla ribalta ai nostri giorni con gli sudi sul genoma umano.
"arlare di caso significa che ci sono altre logiche oltre la logica InormaleI nota, ossia riconoscere che la
risoluzione di un problema talora legato ad una serie di principi e leggi naturali imponderabili, a cui la
scienza va ponendo rimedi sempre pi( specifici. >a conoscenza dovrebbe insegnare a sottomettere verso il
bene 1ma purtroppo lo fa anche verso il male5 quelle forze prima ritenute ingovernabili.
Il caso considerato come una soluzione possibile 1improbabile ma non impossibile5 come una legge che
governa le cose, una legge per noi inspiegabile, se si parte dalle sole cause conosciute, senza indagare su
quelle sconosciute.
7nagrammando la parola /70= si pu avere la parola /7=0, una situazione che il contrario di ordine e
armonia, il 7osmos che da Dio costituito all.inizio- !>a erra era informe e desera e le ene$re
ri+oprivano l;a$isso menre lo spirio di Dio aleggiava s!lle a+*!e# 1$enesi ',:5.
Il caos finisce quando Dio detta le immutabili regole, che diverranno note solo se l.uomo usa il suo ingegno,
perchC anche il caos ha le sue regole, che per non conosciamo. Oiniranno il caos e il caso quando tutte le
regole saranno note, forse mai.
Il destino sarebbe qualcosa che si oppone all'autodeterminazione, o perchC gi presente in Dio, o gi scritto
nelle stelle, o nel codice genetico dell'individuo, come ciascuno preferisce.
>a libert, in questo caso, ne esce malconcia. *a !0e esiste il destino, non esiste Dio#, dice "aolo De
Eenedetti.
0embra non pensare cos? 8rnesto Ealducci che parla del caso come !l'altra faccia della graziaI 1F5 I=ssia
da una parte elemento fortuito e dall'altra trasmissione di un gioco di DioI.
"i( probabilmente dicono la stessa cosa con espressioni diverse. Il caso, cio, non si oppone a Dio, ma anzi
Dio pu servirsene e guidarlo. "ensa e dice infatti /arlo *olari- !I>a casualit non segno di insufficienza o
di disordine, bens? di sovrabbondanza di offerte vitaliI.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 55
Il corso delle cose non retto dalla necessit, da un destino invincibile, ma dalle libere scelte di ogni uomo
1sia a favore che contro il progetto divino di salvezza5 e perci dipende dalla sua cultura, ma anche
dall.educazione, dall'insegnamento familiare, dalla condizione sociale e dalla religione. *a a questi
condizionamenti si pu ovviare, solo se lo vogliamo, facendo una scelta radicale di vita, come fece $es(, che
fu figlio del suo tempo, ma usc? da ogni vincolo e condizionamento del suo tempo.
Il destino di ognuno legato certamente alle proprie scelte di vita, ma queste sono soggette a
condizionamenti, troppi per permettere una vera scelta in piena libert.
=gni uomo chiamato, dice Lacques *onod 1!Il caso e la necessit#5 a dare un senso alla sua propria vita-
IIl suo dovere, come il suo destino, non scritto in nessun luogo. 7 lui la scelta tra il 2egno e le tenebreI.
!Homo %aber %ortune sue#, ogni uomo artefice del proprio destino, dice il famoso detto romano e Nilliam
0haDespeare, nel $iulio /esare, mette in bocca a /assio queste parole- I$li uomini talora sono padroni dei
loro destini- la colpa, caro Eruto, non nelle nostre stelle, ma in noi stessi, se noi siamo degli schiaviI.
>uca 1'@,+@3+45 usa la parola caso nella parabola del samaritano- !GesA riprese: Ln !omo s+endeva da
Ger!salemme a Geri+o e +adde nelle mani dei $rigani. +-e gli porarono via !o. lo per+ossero a sang!e e
se ne andarono. las+iandolo me""o moro1 Per 4&0<. !n sa+erdoe s+endeva per *!ella medesima srada e.
*!ando lo vide. pass, olre1 &n+-e !n levia. gi!no in *!el l!ogo. vide e pass, olre1 /nve+e !n 0amariano.
+-e era in viaggio. passandogli a++ano. vide e ne e$$e +ompassione1 Gli si fe+e vi+ino. gli fas+i, le ferie.
versandovi olio e vino# poi lo +ari+, s!lla s!a +aval+a!ra. lo por, in !n al$ergo e si prese +!ra di l!i1 /l
giorno seg!ene. ir, f!ori d!e denari e li diede all;al$ergaore. di+endo: ?&$$i +!ra di l!i# +i, +-e
spenderai in piA. e lo pag-er, al mio riorno@1 4-i di *!esi re i sem$ra sia sao prossimo di +ol!i +-e )
+ad!o nelle mani dei $riganiC31 9!ello rispose: 4-i -a av!o +ompassione di l!i31 GesA gli disse: Va; e
an+-e ! fa; +os83#. >.evangelista dice !per caso# ma fa capire che il caso proprio non c.entra, ma c.entra la
grazia, come diceva 8rnesto Ealducci.
6edi anche "2=66ID8A<7.
Torna all'indice generale
CIBO CIBO
Ma l.ovvio significato di alimento 1in greco tro%5, come in-
!2 l!i. Giovanni. porava !n vesio di peli di +ammello e !na +in!ra di pelle aorno ai fian+-i# il s!o +i$o
erano +avallee e miele selvai+o# 1*arco +,&5 o !4-i ) d!n*!e il servo fidao e pr!dene. +-e il padrone -a
messo a +apo dei s!oi domesi+i per dare loro il +i$o a empo de$io# 1*atteo :&,&; e il corrispondente >uca
':,&:5 e anche !/l giorno +omin+iava a de+linare e i Dodi+i gli si avvi+inarono di+endo: 4ongeda la folla
per+-> vada nei villaggi e nelle +ampagne dei dinorni. per alloggiare e rovare +i$o: *!i siamo in !na "ona
desera)# 1>uca %,':5.
*a il !prendere cibo# diventa per $es( l.occasione per attaccare le vuote prescrizioni rituali della >egge, la
tradizione degli antichi, come p. es. in *arco 4,;- KPer+-> i !oi dis+epoli non si +omporano se+ondo la
radi"ione degli ani+-i. ma prendono +i$o +on mani imp!reC).
7ltrove invita a non preoccuparsi del cibo e del vestiario, ma abbandonarsi all.amore del "adre, fonte
perenne di vita 1*atteo ,,:; e >uca ':,:+5. >uca 1'&,:3';5 racconta di una cena a casa di uno dei capi, dove
$es( era sotto stretta osservazione di scribi e farisei che volevano vedere se aveva il coraggio, in casa loro,
di guarire un idropico nel giorno di sabato.
8gli infatti lo guarisce e conclude il suo insegnamento rivolto al padrone di casa con le parole- !=i+everai
infai !na ri+ompensa alla res!rre"ione dei gi!si# 1'&,'&5. 8, dire !ri+ompensa per i gi!si@ sembra fatta
apposta per i farisei, che si ritenevano i giusti per eccellenza e si aspettavano da Dio la resurrezione e la
ricompensa. 7llora uno dei commensali, ascoltando i suoi insegnamenti non resiste ed esclama- K7eao +-i
prender' +i$o nel regno di Dio%) 1'&,';5. *a qui arriva la doccia fredda, perchC $es( aggiunge un.altra
parabola che fa loro andare di traverso la cena- quella del grande banchetto i cui invitati rifiutano l.invito,
permettendo di riempire la sala di !poveri, storpi, ciechi e zoppi#, che il fariseo avrebbe dovuto invitare.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 5B
0appiamo che ogni cena o pranzo raccontato nei vangeli adombra la cena eucaristica, e questo vale specie
nei racconti della condivisione di pani e pesci.
*a $iovanni l.evangelista che, apertamente e pi( degli altri, d al cibo un senso figurato 1in greco brosis5-
!:a egli rispose loro: /o -o da mangiare !n +i$o +-e voi non +onos+ee31 2 i dis+epoli si domandavano
l;!n l;alro: 9!al+!no gli -a forse porao da mangiareC31 GesA disse loro: /l mio +i$o ) fare la volon' di
+ol!i +-e mi -a mandao e +ompiere la s!a opera3# 1&,+:3+&5.
8d invita i discepoli a fare altrettanto- KDaevi da fare non per il +i$o +-e non d!ra. ma per il +i$o +-e
rimane per la via eerna e +-e il 6iglio dell;!omo vi dar'1 Per+-> s! di l!i il Padre. Dio. -a messo il s!o
sigillo) 1,,:45. Oino a farsi lui stesso cibo e bevanda di vita eterna- !Per+-> la mia +arne ) vero +i$o e il mio
sang!e vera $evanda# 1,,;;5.
Torna all'indice generale
CIECO CIECO
Aon il !non vedente#, come il sordo non il !non udente#. >a cecit, come la sordit, nella Eibbia hanno
un valore simbolico- l.incapacit di vedere e di sentire, ossia di comprendere in modo giusto la parola di Dio.
K=endi insensi$ile il +!ore di *!eso popolo. rendilo d!ro d;ore++-io e a++e+a i s!oi o++-i. e non veda +on
gli o++-i n> oda +on gli ore++-i n> +omprenda +on il +!ore n> si +onvera in modo da essere g!ario), dice
Isaia 1,,'@5 citato in $iovanni ':,+G3&@.
>a religione ebraica aveva decretato che la cecit era una maledizione per una grave colpa commessa, perchC
non permetteva al cieco di studiare la >egge. scritto in $iovanni G,'3:- !Passando. vide !n !omo +ie+o
dalla nas+ia e i s!oi dis+epoli lo inerrogarono: =a$$8. +-i -a pe++ao. l!i o i s!oi geniori. per+-> sia nao
+ie+oC)#. *a $es( categorico- KN> l!i -a pe++ao n> i s!oi geniori. ma ) per+-> in l!i siano manifesae
le opere di Dio). Aon solo Dio non lo condanna, ma anzi lo libera 1l.opera di Dio5.
I profeti invocano da Dio la salvezza, com. scritto nel libro del profeta Isaia- I6a; !s+ire il popolo +ie+o.
+-e p!re -a o++-i. i sordi. +-e p!re -anno ore++-iI 1&+,%5 e I2gli viene a li$erarvi1 &llora si apriranno gli
o++-i ai +ie+-i e si s+-i!deranno gli ore++-i dei sordiI 1&+,%5. Il *essia davidico verr per liberare l.Israele
oppresso dai nemici, ma $es(, citando Isaia ;+,' e ,,'@, dice che liberer coloro che sono oppressi da quel
sistema teocratico ingiusto- !Lo 0pirio del 0ignore ) sopra di me# per *!eso mi -a +onsa+rao +on
l;!n"ione e mi -a mandao a porare ai poveri il lieo ann!n+io. a pro+lamare ai prigionieri la li$era"ione e
ai +ie+-i la visa# a rimeere in li$er' gli oppressi. a pro+lamare l;anno di gra"ia del 0ignore# 1>uca &,'%3
'G5.
Huesta sostanziale differenza non piace agli abitanti di Aazaret, che tentano di ammazzarlo. $es(, viene a
restituire vita e libert da tutti i sistemi oppressori dell.uomo, e comincia con la liberazione da quella
religione sfruttatrice in nome di Dio- ?/ +ie+-i ria+*!isano la visa. gli "oppi +amminano. i le$$rosi sono
p!rifi+ai. i sordi odono. i mori ris!s+iano. ai poveri ) ann!n+iao il Vangelo# 1*atteo '',;5.
/iechi, sordi, indemoniati, zoppi, storpi, oppressi e poveri saranno liberati, e persino i morti saranno
risuscitati- sono tutte vittime della religione, quelli che $es( venuto a salvare.
In particolare nel vangelo di $iovanni viene presentato il tentativo delle tenebre 1male, potere, ideologia,
religione5 di soffocare la luce 1$iovanni ',;.G5 P $es(, figlio di Dio, e il 6angelo di Dio P che l.evangelista
esplicita magistralmente in due versetti- !La l!+e splende nelle ene$re e le ene$re non l;-anno vinaI 1',;5
e !Veniva nel mondo la l!+e vera. *!ella +-e ill!mina ogni !omo# 1',G5.
"er ordine di Davide ciechi e zoppi non potevano entrare nel tempio di $erusalemme 1:0amuele ;,%5, ma
$es( li cerca e li guarisce liberandoli dalla soggezione alla >egge- !$li si avvi+inarono nel empio +ie+-i e
sorpi. ed egli li g!ar8# 1*atteo :','&5 e !&llora Hi Gi!deiI ra++olsero delle piere per gearle +onro di l!i:
ma GesA si nas+ose e !s+8 dal (empio1 Passando. vide !n !omo +ie+o dalla nas+ia# 1$iovanni %,;G e G,'5.
8gli apre gli occhi ai ciechi e permette di vedere la loro condizione di sottomissione- questo comportamento
di $es( intollerabile per le persone religiose, quelle che si fanno chiamare !guide dei ciechi#.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 5F
*a il giudizio di $es( su di loro non lascia scampo- !GesA allora disse: N per !n gi!di"io +-e io sono
ven!o in *!eso mondo. per+-> +oloro +-e non vedono. vedano e *!elli +-e vedono. divenino +ie+-i31
&l+!ni dei farisei +-e erano +on l!i !dirono *!ese parole e gli dissero: 0iamo +ie+-i an+-e noiC31 GesA
rispose loro: 0e fose +ie+-i. non avrese al+!n pe++ao# ma si++ome die: ?Noi vediamo@. il vosro pe++ao
rimane3# H$iovanni G, +G3&'5.
Aon meno dure sono le parole di *atteo verso scribi e farisei- !G!ai a voi. g!ide +ie+-e# 1:+,',5 e !G!ide
+ie+-e. +-e filrae il mos+erino e ingoiae il +ammello% G!ai a voi. s+ri$i e farisei ipo+rii. +-e p!lie
l;eserno del $i++-iere e del piao. ma all;inerno sono pieni di avidi' e d;inemperan"a1 6ariseo +ie+o.
p!lis+i prima l;inerno del $i++-iere. per+-> an+-e l;eserno diveni p!lio%@ H23.24E26I. con l.invito ai suoi
discepoli ad abbandonarli per non cadere con loro nella rovina: ?Las+iaeli sare% 0ono +ie+-i e g!ide di
+ie+-i1 2 *!ando !n +ie+o g!ida !n alro +ie+o. !i e d!e +adranno in !n fosso# 1';,'&5.
7nche gli apostoli, in particolare $iacomo e $iovanni, sono vittime della sete di potere che attanaglia le
autorit religiose. 0ia *atteo 1:@, +@3++5 che *arco 1*atteo :@, +@3++5 e >uca 1'%,+;3&+5 riportano il
racconto dei ciechi di $erico s(bito dopo aver raccontato l.incomprensione dei Dodici nei riguardi di $es(,
che allora apre loro gli occhi.
Torna all'indice generale
CIELI CIELI
/on lo stesso senso del singolare, talora si usa il termine cielo al plurale. *atteo, ebreo che non vuole urtare
la suscettibilit dei primi ebrei convertiti non dice !2egno di Dio#, ma !2egno dei cieli#.
Dio, il "adre di $es(, riconosciuto come 0ignore unico del suo popolo e come tale lo invochiamo- KVoi
d!n*!e pregae +os8: Padre nosro +-e sei nei +ieli. sia sanifi+ao il !o nome. venga il !o regno. sia faa
la !a volon'. +ome in +ielo +os8 in erra) 1,,G3'@5.
Torna all'indice generale
CIELO CIELO
Il cielo 1in greco ouranos5 nei vangeli pu avere significati diversi-
1) >o spazio sopra la terra, l.atmosfera o gli eventi atmosferici come in *atteo ,,:,- !G!ardae gli !++elli
del +ielo: non s>minano e non mieono. n> ra++olgono nei granai# epp!re il Padre vosro +elese li n!re1
Non valee forse piA di loroJ#.
2) Il primo cielo, che divide le acque superiori e quelle inferiori, che si apriva per far cadere la pioggia, come
in >uca &,:;- !&n"i. in veri' io vi di+o: +;erano mole vedove in /sraele al empo di 2lia. *!ando il +ielo f!
+-i!so per re anni e sei mesi e +i f! !na grande +aresia in !o il paese#.
3) Il simbolo della creazione, dell.immanente, della caducit- !Il +ielo e la erra passeranno. ma le mie
parole non passeranno# 1*arco '+,+'5. =ppure in *atteo !/n veri' vi di+o: fin+-> non siano passai il +ielo
e la erra. non passer' nepp!re !no ioa o !n raino dalla Legge. sen"a +-e !o sia +ompi!o# 1;,'%5.
4) Immagine della dimora di Dio o del trono di Dio. 0econdo la cosmogonia dell.epoca, sopra la terra ci sono
sette cieli o volte celesti e tra un cielo e l.altro ci sono ;@@ anni di cammino- ossia Dio vive in una sfera
irraggiungibile dall.uomo. Ael terzo cielo c' il "aradiso, al di sopra del settimo c. Dio. /osicchC, per
indicare l.effusione dello 0pirito di Dio su $es(, si dice che, squarciatisi i cieli, discende- !2 s!$io. !s+endo
dall;a+*!a. vide s*!ar+iarsi i +ieli e lo 0pirio dis+endere verso di l!i +ome !na +olom$a# 1*arco ','@5.
Aelle 0critture si dice che Dio !abita# nel cielo o nei cieli-
3 !2 +-i gi!ra per il +ielo. gi!ra per il rono di Dio e per 4ol!i +-e vi ) assiso# 1*atteo :+,::5.
3 !/l 0ignore GesA. dopo aver parlao +on loro. f! elevao in +ielo e sedee alla desra di Dio# 1*arco
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 60
',,'G5.
3 !:enre li $enedi+eva. si sa++, da loro e veniva porao s!. in +ielo# 1>uca :&,;'5.
3 !Gloria a Dio nel piA alo dei +ieli e s!lla erra pa+e agli !omini. +-e egli ama# 1>uca :,'&5.
Aei cieli intermedi si pensava esistessero creature spirituali, esseri semidivini non ancora completamente
sottomessi a Dio 1troni, dominazioni, principati e potest5 e che $es( sottomette- !Nel nome di GesA ogni
gino++-io si pieg-i nei +ieli s!lla erra e sooerra# 1Oilippesi :,'@5.
scritto in *atteo :&,:G 10!$io dopo la ri$ola"ione di *!ei giorni. il sole si os+!rer'. la l!na non dar' piA
la s!a l!+e. le selle +adranno dal +ielo e le poen"e dei +ieli saranno s+onvole5 e in *arco '+,:&3:;.
>uca 1'@,'%5 scrive- !2gli HGesAI disse loro: Vedevo 0aana +adere dal +ielo +ome !na folgore3#. Il 0atana,
l.accusatore degli uomini presso Dio, con l.avvento di $es(, che porta l.immagine di un Dio che perdona
prima che il perdono venga richiesto, cessa la sua funzione e cade dal cielo.
+) Indica Dio o la condizione divina- scritto !cielo# ma si legge Dio. cos? in tutti i vangeli-
3 !/ farisei e i sadd!+ei si avvi+inarono per meerlo alla prova e gli +-iesero +-e mosrasse loro !n segno
dal +ielo# 1*atteo ',,'5.
3 !2 venne !na vo+e dal +ielo: (! sei il 6iglio mio. l;amao: in e -o poso il mio +ompia+imeno3# 1*arco
',''5.
3 !&lri poi. per meerlo alla prova. gli domandavano !n segno dal +ielo# 1>uca '',',5.
3 KPadre. glorifi+a il !o nome31 Venne allora !na vo+e dal +ielo: L;-o glorifi+ao e lo glorifi+-er, an+ora%
) 1$iovanni ':,:%5.
In $iovanni inoltre c. poi il lungo discorso del pane disceso dal cielo, $es(, dono di Dio-
3 !=ispose loro GesA: /n veri'. in veri' io vi di+o: non ) :os) +-e vi -a dao il pane dal +ielo. ma ) il
Padre mio +-e vi d' il pane dal +ielo. *!ello vero1 /nfai il pane di Dio ) +ol!i +-e dis+ende dal +ielo e d' la
via al mondo3# 1,,+:3++5.
3 K/o sono il pane vivo. dis+eso dal +ielo1 0e !no mangia di *!eso pane vivr' in eerno e il pane +-e io dar,
) la mia +arne per la via del mondo) 1,,;'5.
Torna all'indice generale
CIRCONCISIONE CIRCONCISIONE
"iccolo intervento chirurgico che consiste nell.asportazione parziale o totale del prepuzio a scopo igienico o
rituale. >a circoncisione, tra gli ebrei, di solito praticata precocemente.
>a pratica era comune nella 0iria, "alestina e in 8gitto, ma non praticata tra i Oilistei e sconosciuta in
*esopotamia. *a, durante l.esilio a Eabilonia, finisce col divenire, insieme con il sabato, un segno
distintivo del popolo ebraico deportato -il segno per eccellenza dell.7lleanza degli israeliti, naturalmente dei
solo maschi, con LahR.
Ael capitolo '4 libro della $enesi 1scritto molti secolo dopo il ritorno da Eabilonia5 descritta l.alleanza tra
Dio ed 7bramo e la sua discendenza, che si esplicita e manifesta con il rito della circoncisione che diventa
cos? la testimonianza dell.alleanza.
>.offerta alla divinit di una parte del corpo diventa un suggello, un marchio eterno di propriet, mentre
l.incirconciso deve essere !eliminato#- !9!esa ) la mia allean"a +-e dovee osservare. allean"a ra me e voi
e la !a dis+enden"a dopo di e: sia +ir+on+iso ra voi ogni mas+-io1 Vi las+eree +ir+on+idere la +arne del
vosro prep!"io e +i, sar' il segno dell;allean"a ra me e voi1 9!ando avr' oo giorni. sar' +ir+on+iso ra
voi ogni mas+-io di genera"ione in genera"ione. sia *!ello nao in +asa sia *!ello +omprao +on denaro da
*!al!n*!e sraniero +-e non sia della !a sirpe1 Deve essere +ir+on+iso +-i ) nao in +asa e +-i viene
+omprao +on denaro# +os8 la mia allean"a s!ssiser' nella vosra +arne +ome allean"a perenne1 /l mas+-io
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 61
non +ir+on+iso. di +!i +io) non sar' saa +ir+on+isa la +arne del prep!"io. sia eliminao# 14,'@3'&5. !&llora
&$ramo prese /smaele. s!o figlio. e !i i nai nella s!a +asa e !i *!elli +omprai +on il s!o denaro. !i i
mas+-i appareneni al personale della +asa di &$ramo. e +ir+on+ise la +arne del loro prep!"io in *!ello
sesso giorno. +ome Dio gli aveva deo1 &$ramo aveva novananove anni. *!ando si fe+e +ir+on+idere la
+arne del prep!"io1 /smaele. s!o figlio. aveva redi+i anni *!ando gli f! +ir+on+isa la +arne del prep!"io1 /n
*!ello sesso giorno f!rono +ir+on+isi &$ramo e /smaele. s!o figlio1 2 !i gli !omini della s!a +asa. *!elli
nai in +asa e *!elli +omprai +on denaro dagli sranieri. f!rono +ir+on+isi +on l!i# 14,:+3:45.
Il vangelo di >uca narra che anche $es( fu circonciso, secondo la prescrizione della >egge, quando ha
compiuto gli otto giorni 1:,:'5.
>a primitiva comunit apostolica aveva molte remore ad abbandonare, con la circoncisione, tutte le
prescrizioni della legge mosaica, ma "aolo tuona- !La +ir+on+isione non +ona n!lla. e la non +ir+on+isione
non +ona n!lla# +ona inve+e l;osservan"a dei +omandameni di Dio# 1'/orinzi 4,'G5. *a i vangeli lo
smentiscono e "aolo cambier idea sui comandamenti.
Torna all'indice generale
CIRO CIRO
/iro II, detto il $rande, che successe al padre /ambise nel ;;% a. /. fu il fondatore dell'impero persiano
dopo che aveva soggiogato *edi, 7ssiri e poi Eabilonesi nel ;+G a. /.
Aell.anno successivo emise il famoso editto con il quale inaugur un.inedita politica di assoluta tolleranza
verso le religioni dei paesi conquistati, il che permise agli ebrei esuli in Eabilonia, di tornare in Israele e
ricostruire il 9empio, dopo che furono loro restituiti gli arredi trafugati da Aabucodonosor. Ael giro di vari
decenni, quasi ;@.@@@ esuli tornarono in patria da padroni.
"er questo la Eibbia gli conferisce il titolo di *essia, unto del 0ignore. Ael ;:G a. /. mor? in battaglia.
Isaia aveva visto nel re persiano l.uomo della "rovvidenza, il *essia atteso, il /risto liberatore, ma ben
presto comprese che la salvezza non sarebbe mai venuta da un uomo di potere, ma da un umile servo che
porter la liberazione al popolo d.Israele e ai pagani.
Torna all'indice generale
CITT CITT di di DAVIDE DAVIDE
il nome dato alla parte fortificata della residenza di Davide, fuori dalle attuali mura, verso sud3est. 7l
tempo dei *accabei indicava la zona nord3occidentale di $erusalemme dove era stata costruita una
roccaforte voluta da 7ntioco 8pifane per controllare la zona del 9empio. "i( tardi indicher la parte dove
sorge il 9empio e infine la vecchia $erusalemme o anche l'intera $erusalemme.
*a anche Eetlemme, sua citt natale, chiamata !la citt di Davide#.
Torna all'indice generale
COLOMBA COLOMBA
Aella Eibbia ebraica, il termine colomba, ha significati diversi-
'5 In $enesi immagine della benevolenza di Dio dopo il diluvio 1%,,3':5.
:5 Ael /antico dei /antici indica la fedelt.
+5 In =sea 4,'' e '','' si riferisce ad 8fraim3Israele, come istituzione.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 62
Aei vangeli-
&5 l.immagine dello 0pirito 0anto, sceso sotto le sembianze di una colomba, su $es( battezzato. !Giovanni
esimoni, di+endo: Oo +onemplao lo 0pirio dis+endere +ome !na +olom$a dal +ielo e rimanere s! di
l!i3# 1$iovanni ',+:5. $es( il nido dello 0pirito, in lui risiede la pienezza di Dio- su lui scende e rimane.
2icordo che in ebraico, le consonati di +heinh, la presenza di Dio, sono le stesse di Ici che come una
colombaI.
;5 Inoltre indica la semplicit- !2++o: io vi mando +ome pe+ore in me""o a l!pi# siae d!n*!e pr!deni +ome
i serpeni e sempli+i +ome le +olom$e# 1*atteo '@,',5.
,5 >e colombe sono anche l.offerta delle persone povere al 9empio 1!per offrire in sa+rifi+io !na +oppia di
orore o d!e giovani +olom$i. +ome pres+rive la legge del 0ignore# in >uca :,:&5 e per questo i venditori
sono presi di mira da $es( allorchC scaccia compratori e venditori dal 9empio, diventato !una spelonca di
ladri#- !GesA enr, nel empio e s+a++i, !i *!elli +-e nel empio vendevano e +ompravano# roves+i, i
avoli dei +am$iamonee e le sedie dei vendiori di +olom$e# 1*atteo :',':5.
Torna all'indice generale
COLPA / ERRORE COLPA / ERRORE
Bn atto o un comportamento con il quale, per libera scelta, si decide di trasgredire una norma o una legge,
diventando colpevoli, e, se la trasgressione riguarda una norma religiosa ritenuta proveniente da Dio, anche
!peccatori#.
0pesso la trasgressione della norma racchiude solamente un giudizio morale, ossia l.infrazione di precetto
della morale comune.
3 !:a io vi di+o la veri': ) $ene per voi +-e io me ne vada. per+->. se non me ne vado. non verr' a voi il
Par'+lio# se inve+e me ne vado. lo mander, a voi1 2 *!ando sar' ven!o. dimosrer' la +olpa del mondo
rig!ardo al pe++ao. alla gi!si"ia e al gi!di"io1 =ig!ardo al pe++ao. per+-> non +redono in me# rig!ardo
alla gi!si"ia. per+-> vado al Padre e non mi vedree piA# rig!ardo al gi!di"io. per+-> il prin+ipe di *!eso
mondo ) gi' +ondannao# 1$iovanni ',,43''5.
6edi anche *=AD= e "8//79=.
3 I0e voi perdoneree agli !omini le loro +olpe. il Padre vosro +elese perdoner' an+-e voi# 1*atteo ,,'&5.
6edi alla voce "82D=A=.
- 7/n veri' io vi di+o: !o sar' perdonao ai figli degli !omini. i pe++ai e an+-e !e le $esemmie +-e
diranno# ma +-i avr' $esemmiao +onro lo 0pirio 0ano non sar' perdonao in eerno: ) reo di +olpa
eerna31 Poi+-> di+evano: N possed!o da !no spirio imp!ro3@. >.espressione si trova solo nei sinottici
1*atteo ':,+'3+:; *arco +,:G; >uca ':,'@5.
3 !0e il !o fraello +ommeer' !na +olpa +onro di e. va; e ammonis+ilo fra e e l!i solo# se i as+oler'.
avrai g!adagnao il !o fraello# se non as+oler'. prendi an+ora +on e !na o d!e persone. per+-> ogni +osa
sia risola s!lla parola di d!e o re esimoni1 0e poi non as+oler' +osoro. dillo alla +om!ni'# e se non
as+oler' nean+-e la +om!ni'. sia per e +ome il pagano e il p!$$li+ano#.
8 ancora-
3 !&llora Piero gli si avvi+in, e gli disse: 0ignore. se il mio fraello +ommee +olpe +onro di me. *!ane
vole dovr, perdonargliC 6ino a see voleC31 2 GesA gli rispose: Non i di+o fino a see vole. ma fino a
seana vole see#. 1*atteo '%,'; e '4. :'3::5. =ssia sempre, come fa Dio.
- K9!ando vi meee a pregare. se avee *!al+osa +onro *!al+!no. perdonae. per+-> an+-e il Padre vosro
+-e ) nei +ieli perdoni a voi le vosre +olpe) 1*arco '',:;5.
- !Gli di+e Pilao: 4-e +os;) la veri'C31 2. deo *!eso. !s+8 di n!ovo verso i Gi!dei e disse loro: /o non
rovo in l!i +olpa al+!na1 Vi ) ra voi l;!san"a +-e. in o++asione della Pas*!a. io rimea !no in li$er' per
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 63
voi: volee d!n*!e +-e io rimea in li$er' per voi il re dei Gi!deiC31 &llora essi gridarono di n!ovo: Non
+os!i. ma 7ara$$a%31 7ara$$a era !n $rigane# 1$iovanni '%,+%3&@5. Invece $es( , per loro, colpevole,
per aver trasgredito la >egge di Dio. Bna colpa gravissima, degna della pena di morte per crocifissione,
colpa che invece non esiste per "ilato, che per decide di cedere solo per convenienza politica.
3 !&llora Pilao fe+e prendere GesA e lo fe+e flagellare1 2 i soldai. inre++iaa !na +orona di spine. gliela
posero s!l +apo e gli misero addosso !n manello di porpora1 Poi gli si avvi+inavano e di+evano: 0alve. re
dei Gi!dei%31 2 gli davano s+-iaffi1 Pilao !s+8 f!ori di n!ovo e disse loro: 2++o. io ve lo +ond!+o f!ori.
per+-> sappiae +-e non rovo in l!i +olpa al+!na31 &llora GesA !s+8. porando la +orona di spine e il
manello di porpora1 2 Pilao disse loro: 2++o l;!omo%31 4ome lo videro. i +api dei sa+erdoi e le g!ardie
gridarono: 4ro+ifiggilo% 4ro+ifiggilo%31 Disse loro Pilao: Prendeelo voi e +ro+ifiggeelo# io in l!i non
rovo +olpa3# 1$iovanni 'G,'3,5.
0econdo l.evangelista *atteo, le autorit religiose giudaiche cercano di far sentire sempre in colpa le
persone al fine di soggiogarle, inventando sempre nuove trasgressioni- !Legano infai fardelli pesani e
diffi+ili da porare e li pongono s!lle spalle della gene# 1:+,&5.
Torna all'indice generale
COMPASSIONE / MISERICORDIA / PIET COMPASSIONE / MISERICORDIA / PIET
0ono tre termini che esprimono sentimenti simili ma non uguali, eppure, talora, nelle traduzioni sono usati
come sinonimi, mentre non lo sono.
>a lingua greca ha tre termini differenti, tutti presenti nei vangeli-
'5 8leos a traducibile con piet.
:5 Spla.6h.. a traducibile con compassione.
+5 9i5tir:s a traducibile con misericordia.
1) 8leos a indica un sentimento di piet e di intima commozione. >o conosciamo, sia perchC la radice
semantica da cui viene il termine !elemosina#, sia per il !5;rie ele;so.# della celebrazione eucaristica,
!0ignore piet#.
Il termine usato nei sinottici, dove lo troviamo sempre tradotto con !misericordia# a partire dalla
beatitudine di *atteo-
E !7eai i miseri+ordiosi. per+-> roveranno miseri+ordia# 1*atteo ;,45;
E ?&ndae a imparare +-e +osa v!ol dire: :iseri+ordia io voglio e non sa+rifi+i1 /o non sono ven!o infai a
+-iamare i gi!si. ma i pe++aori# 1*atteo G,'+5;
E !G!ai a voi. s+ri$i e farisei ipo+rii. +-e pagae la de+ima s!lla mena. s!ll;an>o e s!l +!m8no. e
rasgredie le pres+ri"ioni piA gravi della Legge: la gi!si"ia. la miseri+ordia e la fedel'1 9!ese inve+e
erano le +ose da fare. sen"a ralas+iare *!elle# 1*atteo :+,:+5.
/os? anche in *arco ;,'G nell.episodio dell.indemoniato di $erasa- !Va nella !a +asa. dai !oi. ann!n+ia
loro +i, +-e il 0ignore i -a fao e la miseri+ordia +-e -a av!o per e#.
8 poi nel primo capitolo di >uca-
E !Di genera"ione in genera"ione la s!a miseri+ordia per *!elli +-e lo emono# H',;@5;
E !Oa so++orso /sraele. s!o servo. ri+ordandosi della s!a miseri+ordia# 1',;&5;
E !/ vi+ini e i pareni !dirono +-e il 0ignore aveva manifesao in lei la s!a grande miseri+ordia . e si
rallegravano +on lei# 1',;%5.
E !4os8 egli -a +on+esso miseri+ordia ai nosri padri e si ) ri+ordao della s!a sana allean"a# 1',4:5 e
E !Gra"ie alla enere""a e miseri+ordia del nosro Dio. +i visier' !n sole +-e sorge dall;alo# 1',4%51
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 64
7ltre volte una vera e propria richiesta d.aiuto, un.invocazione alla misericordia divina in chi non conosce
ancora la vera natura di Dio, quella di essere compassionevole con tutti gli uomini, senza distinzione
alcuna.
cos? in *atteo-
E !:enre GesA si allonanava di l'. d!e +ie+-i lo seg!irono gridando: 6iglio di Davide. a$$i pie' di
noi%3@ 1G,:45;
E !2d e++o. !na donna +ananea. +-e veniva da *!ella regione. si mise a gridare: Pie' di me. 0ignore. figlio
di Davide% :ia figlia ) molo ormenaa da !n dem,nio3# 1';,::5;
E !&ppena riornai presso la folla. si avvi+in, a GesA !n !omo +-e gli si ge, in gino++-io e disse:
0ignore. a$$i pie' di mio figlio% N epilei+o e soffre molo# +ade spesso nel f!o+o e sovene
nell;a+*!a1 L;-o porao dai !oi dis+epoli. ma non sono ri!s+ii a g!arirlo3# 1'4,'&3',5;
E !Non dovevi an+-e ! aver pie' del !o +ompagno. +os8 +ome io -o av!o pie' di eC@ 1'%,++51
7llo stesso modo nel vangelo di *arco '@,&43&%: !0enendo +-e era GesA Na"areno. +omin+i, a gridare e a
dire: 6iglio di Davide. GesA. a$$i pie' di me%31 :oli lo rimproveravano per+-> a+esse. ma egli
gridava an+ora piA fore: 6iglio di Davide. a$$i pie' di me%3#.
/os? pure una volta nel testo di >uca '4,':3'+: !2nrando in !n villaggio. gli vennero in+onro die+i
le$$rosi. +-e si fermarono a disan"a e dissero ad ala vo+e: GesA. maesro. a$$i pie' di noi%3#. 8
l.aiuto di $es( per loro arriv.
2) Spla.6h.. a la compassione un atteggiamento che indica un coinvolgimento profondo che spinge ad
agire per porre fine alla causa del dolore che affligge una persona. Aell.7ntico 9estamento applicato
sempre a Dio; nel Auovo anche a $es( e a chi si comporta verso il prossimo come farebbe Dio.
Il termine greco ha come primo significato !viscere# e, solo per estensione, quello di !compassione#, e
traduce l.ebraico raha:i., che il sentimento divino di sim3patia, del patire insieme.
7 Dio, come ad una madre, fremono le viscere e l.utero, per la miseria del figlio- !$li si torcevano le
budella#, traduce *attheR Oo\.
/on parole umane capaci di esprimere solo velatamente gli attributi di Dio, si potrebbe parlare della paternit
!uterina# di colui che d vita all.universo.
*a noi facciamo fatica ad accettare la 0ua misericordia e l.immagine di un Dio che perdona sempre, non
piace. 7nzi forse neanche Dio. Bn Dio misericordioso uno scandalo per gli uomini pii e religiosi,
ma, non dimentichiamo che la concezione legalistica, giuridica, della giustizia retributiva azzera la
*isericordia.
!Hualunque cosa Dio faccia, la prima ad emergere la compassione#, ha scritto *aestro 8cDhart, e il
filosofo ebreo 7bram 8schel dice- !Dio mistero, *a oltre il mistero di Dio c. la misericordia#.
>a misericordia si deve manifestare anche in noi !/l gi!di"io sar' sen"a miseri+ordia +onro +-i non avr'
av!o miseri+ordia1 La miseri+ordia -a sempre la meglio s!l gi!di"io1 & +-e serve. fraelli miei. se !no
di+e di avere fede. ma non -a le opereC# 1$iacomo :,'+3'&5.
*a le traduzioni correnti, compresa quella attuale /8I, traducono anche questo termine con !misericordia#,
creando talora una certa confusione e, in ogni caso, impedendo di comprendere l.intimo significato del
testo.
Aei vangeli la compassione divina coincide con quella di $es( in *atteo-
E !Vedendo le folle. ne sen8 +ompassione. per+-> erano san+-e e sfinie +ome pe+ore +-e non -anno
pasore# 1G,+,5;
E !0+eso dalla $ar+a. egli vide !na grande folla. sen8 +ompassione per loro e g!ar8 i loro malai# 1'&,'&5;
E !&llora GesA +-iam, a s> i s!oi dis+epoli e disse: 0eno +ompassione per la folla1 <rmai da re giorni
sanno +on me e non -anno da mangiare1 Non voglio rimandarli digi!ni. per+-> non vengano meno
l!ngo il +ammino3# 1';,+:5;
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 65
E !0+eso dalla $ar+a. egli vide !na grande folla. e$$e +ompassione di loro. per+-> erano +ome pe+ore +-e
non -anno pasore. e si mise a insegnare loro mole +ose# 1'&,'&5;
E !GesA e$$e +ompassione. o++, loro gli o++-i ed essi all;isane ri+!perarono la visa e lo seg!irono#
1:@,+&5.
*atteo usa lo stesso termine della compassione divina nella parabola del servo spietato e del padrone
munifico, che figura del "adre che condona la colpa senza porre limiti-
E !/l padrone e$$e +ompassione di *!el servo. lo las+i, andare e gli +ondon, il de$io# 1'%,:45.
2icordo che la disperazione di $iuda suicida proprio una sfida all.infinita misericordia di Dio- la
presunzione di aver commesso una colpa che neanche Dio potesse perdonare.
>a stessa cosa vale anche per *arco-
E !Venne da l!i !n le$$roso. +-e lo s!ppli+ava in gino++-io e gli di+eva: 0e v!oi. p!oi p!rifi+armi%31 Ne
e$$e +ompassione. ese la mano. lo o++, e gli disse: Lo voglio. sii p!rifi+ao%3# 1',&@3&'5;
E !0+eso dalla $ar+a. egli vide !na grande folla. e$$e +ompassione di loro. per+-> erano +ome pe+ore +-e
non -anno pasore. e si mise a insegnare loro mole +ose# 1,,+&5.
E 0eno +ompassione per la folla# ormai da re giorni sanno +on me e non -anno da mangiare3 1%,:5.
8 anche per >uca nel racconto del figlio della vedova di Aain, morto e resuscitato da $es(-
E !Vedendola. il 0ignore f! preso da grande +ompassione per lei e le disse: Non piangere%3#. 8 in >uca
';,:@, nella parabola del padre prodigo e del figlio ritrovato, l.evangelista usa lo stesso termine- ?0i
al", e orn, da s!o padre1 9!ando era an+ora lonano. s!o padre lo vide. e$$e +ompassione. gli +orse
in+onro. gli si ge, al +ollo e lo $a+i,@. perchC quel "adre rappresenta Dio.
!>a forza risanante della misericordia#, dice "iero 0tefani parlando della parabola del figlio ritrovato. >a
misericordia di Dio segue la colpa e la supera. /on la misericordia il male perde ogni potere e,
rispondendo al male con il bene, si spezza il contagio del male.
7ncora in >uca, nella parabola del samaritano che ha un comportamento compassionevole 1'@,++.+45, si
ripresenta lo stesso termine- !/nve+e !n 0amariano. +-e era in viaggio. passandogli a++ano. vide e ne
e$$e +ompassione#. ma il finale della parabola, ci sorprende per la risposta del Dottore della >egge, che
non pu accettare che il comportamento di un eretico samaritano, sia paragonato a quello di Dio, e usa
1'@,+45 il termine leos, piet- !9!ello rispose: 4-i -a av!o +ompassione di l!i31 GesA gli disse: Va;
e an+-e ! fa; +os83#. $es( lo ammonisce- /hiamala come vuoi, l.importante che tu faccia la stessa
cosa.
!Aon c. un viaggio verso l.uomo e uno verso Dio, ce n. uno solo- quello verso l.uomo ed l? che si
incontra Dio# 1F5 !Dio il tuo prossimo F non nell.ordine ontologico F ma si approssima a te nel tuo
prossimo# 18rnesto Ealducci5.
!0iamo debitori al prossimo della *isericordia di /risto#, scrive ancora Mans3Melmut 8sser.
3) #i5tir:s a un atteggiamento umano di commiserazione e misericordia verso le sventure del prossimo.
Aon tanto un sentimento umano da ricco a povero, da forte a debole, ma il comportamento abituale della
persona, un carisma 3 ossia dono personale messo a disposizione degli altri 3 che si traduce in gesti
concreti, un amore che si comunica agli altri, indipendentemente dalla risposta, un farsi ultimo con
gli ultimi.
>o ritroviamo in >uca ,,+, con l.invito di $es( ad imitare la bont del "adre- !0iae miseri+ordiosi. +ome il
Padre vosro ) miseri+ordioso#, ossia un invito a dare anche senza sperare di ricevere nulla in
contraccambio, ad amare i nemici, a perdonare, a non giudicare, e persino ad essere benevoli verso gli
ingrati e i malvagi. ImpossibileJ Oorse no, perchC $es(, un uomo, l.ha fatto.
!Aon un sentimento ma un'azione concreta con la quale si aiutano gli altri ad uscire da una situazione di
difficolt. Il misericordioso non C uno che di sentimenti misericordiosi, nC uno che non lo fa
occasionalmente, ma chi opera attivamente ed abitualmente per aiutare gli altri e su cui si pu sempre
contare# 17lberto *aggi5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 66
IAon c' cosa pi( importante in un'intera vita che chinarsi perchC l'altro, caduto, cingendoti il collo, possa
rialzarsiI, diceva >uigi "intor.
Torna all'indice generale
COMPIERE COMPIERE
=ltre all.ovvio significato di !fare# o di !finire#, il !compiere# indica il compimento in $es( di
un.affermazione della 0acra 0crittura.
"ortare a compimento o a perfezione 1in greco plerosai0, il verbo tecnico usato nei vangeli per indicare il
portare alla realizzazione completa, delle antiche profezie, ossia il compimento, in $es(, del disegno di Dio
sull.umanit, non mettendo da parte la >egge, ma superandola.
Aon predestinazione e non neanche la prova che il 6ecchio 9estamento aveva predetto bene. Aon indica
che avverr ci che era stato predetto dai profeti, ma indica che in $es(, sempre in sintonia perfetta con il
volere di Dio, quanto predetto arriva al suo pieno compimento, alla sua conclusione. /ome deve accadere
per il 2egno, che un progetto divino, ma il suo compimento affidato agli uomini, che possono anche farlo
fallire se non operano in sintonia con l.7more.
In *atteo ;.'4- !Non +rediae +-e io sia ven!o a demolire la Legge o i Profei# non son ven!o per a$olire.
ma per porare a +ompimeno#. IPiene""a della Legge infai ) la +ari'I, dice "aolo in 2omani '+,'@.
Ael vangelo di $iovanni il compimento della 0crittura evocato molte volte, pi( spesso in relazione al
tradimento e alla passione- chi lo stava tradendo, torturando, uccidendo, cercando di opporsi al progetto
d.amore di Dio sull.umanit, in effetti sta mostrando come !Il piano d'amore di Dio si compie non malgrado,
ma attraverso le resistenze dell'uomo. 8sse, alla fine, non fanno che I+ompiere +i, +-e la !a mano e la !a
volon' avevano preordinao +-e avvenisseI 17tti &,:%5. 8videnziano infatti l'amore Icompiuto e indubitabile
di Dio per noi# 10ilvano Oausti5.
8 alla fine $es( porta a compimento, a perfezione, il piano divino di salvezza per l.umanit, anche
accettando di bere l.aceto dell.odio, e trasformandolo in amore, !lo 0pirito#- !Dopo *!eso. GesA. sapendo
+-e ormai !o era +ompi!o. affin+-> si +ompisse la 0+ri!ra. disse: Oo see31 Vi era l8 !n vaso pieno di
a+eo# posero per+i, !na sp!gna. im$ev!a di a+eo. in +ima a !na +anna e gliela a++osarono alla $o++a1
Dopo aver preso l;a+eo. GesA disse: N +ompi!o%31 2. +-inao il +apo. +onsegn, lo spirio# 1$iovanni
'G,:%3+@5. 9utto compiuto, portato a compimento, perchC il disegno di Dio si attuato in $es(, mostrando
che il progetto divino si realizza anche nella sofferenza, nella persecuzione e nella morte infamante- K/l
empo ) +ompi!o e il regno di Dio ) vi+ino# +onverievi e +redee nel vangelo) 1*arco ',';5.
questo il tempo opportuno per far irrompere nel mondo il nuovo ordine basato sull.amore e la
condivisione; cambiare mentalit e credere alla buona notizia dell.amore gratuito di Dio per tutti, specie per
chi ne ha pi( bisogno- i poveri, i diseredati, gli emarginati, gli sfruttati da ogni potere oppressivo sull.uomo.
>a frase !in quei giorni# vuole allora indicare che in quell.avvenimento si attua il compimento delle
0critture. 8 accade anche per noi, oggi, negli ultimi tempi di grazia.
Torna all'indice generale
CONDANNARE CONDANNARE
$es( stato condannato dal potere religioso giudaico perchC infedele, bestemmiatore, eterodosso, e il
procuratore romano, pur riluttante, si fatto coinvolgere.
Il racconto della condanna di $es( alla crocifissione, cos? com. raccontata dagli evangelisti, non chiaro-
3 il sinedrio non si riunisce di sabato e nei giorni di festa,
3 "ilato, pur essendo noto come un uomo senza scrupoli, aveva l.obbligo di sottostare al diritto romano e alla
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 65
Ge3 *omana, che prevedeva un collegio di giudici.
3 Inoltre la norma dell.ordinamento romano che dice Iin dubio pro reoI che fine ha fattoJ
Torna all'indice generale
CONFORTARE CONFORTARE
6edi /=A0=>728.
Torna all'indice generale
CONOSCENZA CONOSCENZA
<accaria un sacerdote, che 3 non poteva fare altrimenti 3 pensa a Dio con le categorie proprie del 6ecchio
9estamento, dice- !Per dare al s!o popolo la +onos+en"a della salve""a nella remissione dei s!oi pe++ai #
1>uca ',445.
>e stesse categorie di cui sono prigionieri gli scribi, i teologi del tempo, che si sono impossessati della chiave
per conoscere il volto di Dio, quella chiave che apre la porta della vita eterna come dice $es( in $iovanni
'4,+- !9!esa ) la via eerna: +-e +onos+ano e. l;!ni+o vero Dio. e +ol!i +-e -ai mandao. GesA 4riso#.
$es( fa su di loro il lamento funebre perchC sono morti, come lo sono le loro dottrine- K&-i a voi. doori
della Legge. +-e avee porao via la +-iave della +onos+en"a# voi non siee enrai. e a *!elli +-e volevano
enrare voi l;avee impedio) 1>uca '',;:5.
8ssi hanno nascosto il vero volto di un Dio che giustifica, rende giusti, facendone invece un giustiziere.
Torna all'indice generale
CONOSCERE CONOSCERE
Aella lingua greca ci sono due verbi che vengono tradotti in italiano con !conoscere#-
3 conoscere come conoscenza, identificazione, o anche sapere e avere informazioni.
3 conoscere nel senso di avere un rapporto intimo, o riconoscere, aver parte con, fare esperienza.
Aei vangeli il verbo conoscere ha tre significati-
1) /onoscere nel senso di conoscenza fisica o intellettuale-
3 !Giovanni rispose loro: /o $ae""o nell;a+*!a1 /n me""o a voi sa !no +-e voi non +onos+ee# 1$iovanni
',:,5.
3 !Dai loro fr!i li ri+onos+eree1 0i ra++oglie forse !va dagli spini. o fi+-i dai roviC# 1*atteo 4,',5.
3 !:a egli +omin+i, a impre+are e a gi!rare: Non +onos+o *!es;!omo di +!i parlae3# 1*arco '&,4'5.
3 !:a egli 1"ietro5 neg, di+endo: < donna. non lo +onos+o%3# 1>uca ::,;45.
2) *a nel mondo ebraico !conoscere# indica sia una profonda esperienza intima, sia il rapporto sessuale,
ossia una piena esperienza amorosa e comunione di vita' !9!ando si des, dal sonno. Gi!seppe fe+e +ome
gli aveva ordinao l;angelo del 0ignore e prese +on s> la s!a sposa# sen"a +-e egli la +onos+esse. ella diede
alla l!+e !n figlio ed egli lo +-iam, GesA# 1*atteo ',:&3:;5.
!&llora :aria disse all;angelo: 4ome avverr' *!eso. poi+-> non +onos+o !omoC3# 1>uca ',+&5.
3) Inoltre conoscenza come profonda ed intima esperienza personale-
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 6B
3 !/o sono il $!on pasore. +onos+o le mie pe+ore e le mie pe+ore +onos+ono me. +os8 +ome il Padre +onos+e
me e io +onos+o il Padre. e do la mia via per le pe+ore@ 1$iovanni '@,'&3';5.
3 !9!esa ) la via eerna: +-e +onos+ano e. l;!ni+o vero Dio. e +ol!i +-e -ai mandao. GesA 4riso#
1$iovanni '4,+5.
3 !Padre gi!so. il mondo non i -a +onos+i!o. ma io i -o +onos+i!o. e *!esi -anno +onos+i!o +-e ! mi
-ai mandao1 2 io -o fao +onos+ere loro il !o nome e lo far, +onos+ere. per+-> l;amore +on il *!ale mi -ai
amao sia in essi e io in loro3# 1$iovanni '4,:;3:,5. 0olo chi ama conosce Dio, e ne fa l.esperienza.
I>'amore svolge una funzione di conoscenza; ed amando che si conosce Dio. 1F5 Huesto non significa che
l'amore sostituisce la fede. 1F5 Huando dico che l'amore occupa il centro dell'insegnamento del Auovo
9estamento, affermo che esiste un'unione inseparabile fra l'amore umano e l'amore di DioI 1Los *aria
/astillo5.
!(!o ) sao dao a me dal Padre mio# ness!no +onos+e il 6iglio se non il Padre. e ness!no +onos+e il
Padre se non il 6iglio e +ol!i al *!ale il 6iglio vorr' rivelarlo# 1*atteo '',:45.
K/onoscenza non come Iavere informazioni suI ma come Iaver parte conI, ossia una relazione vitale,
conoscenza intima- Dio, il Eene) 12oberto *ancini5.
!>.amore la vera strada della conoscenza# diceva /arlo /arretto.
Torna all'indice generale
CONSEGNARE CONSEGNARE
Il verbo greco parad8domi, in italiano pu essere tradotto sia con !consegnare# o !trasmettere#, ma anche
!tradire#.
*a il verbo greco che significa pi( precisamente !tradire# prod8domi 1traditore prodotes5.
/os? troviamo, ad esempio, in *arco- !Venne per la er"a vola e disse loro: Dormie p!re e riposaevi%
7asa% N ven!a l;ora: e++o. il figlio dell;Lomo viene +onsegnao nelle mani dei pe++aori1 &l"aevi.
andiamo% 2++o. +ol!i +-e mi radis+e ) vi+ino3# 1'&,&'3&:5.
>o stesso in *atteo :4,:3+, in >uca ::,&% e :+.:; e in $iovanni '+,:' e '%,+@.
Huesta confusione forse deriva dal fatto che parad8domi tradotto in latino con tradere che significa
consegnare ed ha solo una certa assonanza con tradire, senza averne il senso. Huesto significa che quando nei
vangeli troviamo i verbi italiani tradire o consegnare, il testo greco ha sempre parad8domi.
>a radice del verbo parad8domi si ritrova nel sostantivo !tradizione# Hpardosis0, come in *arco 4,%-
K(ras+!rando il +omandameno di Dio. voi osservae la radi"ione degli !omini3.
"er queste ragioni alcuni autori preferiscono, usando un termine tecnico e teologico e non giuridico, tradurre
sempre con !consegnare#.
quello che fa anche 7lberto *aggi quando riassume la passione e morte di $es(, allorchC $iuda lo
consegna a /aifa e ai sommi sacerdoti, che lo consegnano a "ilato, che lo consegna ai soldati, che lo
consegnano ai carnefici perchC lo crocifiggano.
7lla fine di questa serie di azioni negative ispirate dall.odio, c. il dono d.amore di $es( che consegna lo
0pirito, ossia tutta la sua capacit di amare, che aveva ricevuto dal "adre nel battesimo- !GesA. gridando a
gran vo+e. disse: Padre. nelle !e mani +onsegno il mio spirio31 Deo *!eso. spir,%# 1>uca :+,&,5.
Ael testo /8I dei vangeli, in *atteo 1:',&'5 e >uca 1'G,'+.';.:+5 troviamo invece tre volte il verbo
!consegnare#, che andrebbe invece tradotto invece con !dare#.
Infine *atteo scrive- !Dopo !n po+o. i preseni si avvi+inarono e dissero a Piero: N vero. an+-e ! sei !no
di loro: infai il !o a++eno i radis+e%3# 1:,,4+5, che andrebbe tradotto invece con !ti fa riconoscere#.
6edi anche $IBD7 I0/72I=97.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 6F
CONSOLARE CONSOLARE
Huando si dice !consolazione# si intende un.azione concreta tesa ad eliminare alla radice la causa della
sofferenza di qualcuno e, nella Eibbia, considerata un.azione divina, come dice Dio stesso per bocca del
profeta Isaia- ! /o. io sono il vosro +onsolaore# 1;',':5 e ripete *atteo- !7eai *!elli +-e sono nel piano.
per+-> saranno +onsolai# 1;,&5. 0e il verbo coniugato al passivo indica l.azione divina.
*a >uca cita un.altra frase del profeta Isaia 1,','3:5 che $es( ripete, censurandola, nella sinagoga di
Aazaret - !GesA riorn, in Galilea +on la poen"a dello 0pirio e la s!a fama si diff!se in !a la regione1
/nsegnava nelle loro sinagog-e e gli rendevano lode1 Venne a N'"are. dove era +res+i!o. e se+ondo il s!o
solio. di sa$ao. enr, nella sinagoga e si al", a leggere1 Gli f! dao il roolo del profea /saia# apr8 il roolo
e rov, il passo dove era s+rio: Lo 0pirio del 0ignore ) sopra di me# per *!eso mi -a +onsa+rao +on
l;!n"ione e mi -a mandao a porare ai poveri il lieo ann!n+io. a pro+lamare ai prigionieri la li$era"ione e
ai +ie+-i la visa# a rimeere in li$er' gli oppressi. a pro+lamare l;anno di gra"ia del 0ignore1 =iavvolse il
roolo. lo ri+onsegn, all;inserviene e sedee1 Nella sinagoga. gli o++-i di !i erano fissi s! di l!i1 &llora
+omin+i, a dire loro: <ggi si ) +ompi!a *!esa 0+ri!ra +-e voi avee as+olao3# 1&,'&3:'5.
*a Isaia 1,',:5 aveva detto- !K a prom!lgare l;anno di gra"ia del 0ignore. il giorno di vendea del nosro
Dio. per +onsolare !i gli afflii@. Aon nominando la vendetta divina, $es( scatena l.ira dei suoi focosi
concittadini, che tentarono di ucciderlo.
Il "adre di $es( non conosce la vendetta ma solo la compassione, che un atteggiamento che indica un
coinvolgimento profondo, che spinge ad agire per porre fine alla causa del dolore.
Dice 7lberto *aggi che l.atto di consolare !Aon un sentimento ma un'azione concreta con la quale si
aiutano gli altri ad uscire da una situazione di difficolt. Il misericordioso non C uno che di sentimenti
misericordiosi, nC uno che lo fa occasionalmente, ma chi si adopera attivamente ed abitualmente per aiutare
gli altri e su cui si pu sempre contare#.
Aell.7ntico 9estamento il termine applicato sempre e solo a Dio, nel Auovo anche a $es( e a chi si
comporta verso il prossimo come farebbe Dio. >uca lo ricorda in due memorabili parabole- quella del
samaritano che soccorre il viandante aggredito dai briganti e quella del "adre in attesa che figlio, che lo
aveva lasciato per dilapidare le sue sostanze, tornasse a casa.
0empre >uca ci parla di 0imeone mentre incontra $iuseppe e *aria che portano il neonato al 9empio e che,
guidato dallo 0pirito, vede in $es( colui che porr fine alle sofferenze del popolo di Israele- !<ra a
Ger!salemme +;era !n !omo di nome 0imeone. !omo gi!so e pio. +-e aspeava la +onsola"ione d;/sraele. e
lo 0pirio 0ano era s! di l!i# 1:,:;5.
>o stesso evangelista 1,,:&5 ha parole dure verso coloro che si sono arricchiti sfruttando gli ana$in, i poveri
che possono confidare solo in Dio- !:a a-i a voi. ri++-i. per+-> avee gi' ri+ev!o la vosra +onsola"ione#,
quella che cercavano, quella del loro idolo, mammona.
Il povero >azzaro, invece, sar consolato da Dio- !:a &$ramo rispose: 6iglio. ri+,rdai +-e. nella via. !
-ai ri+ev!o i !oi $eni. e La""aro i s!oi mali# ma ora in *!eso modo l!i ) +onsolao. ! inve+e sei in me""o
ai ormeni)# 1',,:;5, finalmente conscio di aver sprecato la vita, svuotandola di ogni significato.
7nche nel vangelo di $iovanni, nella traduzione della /8I, troviamo il verbo !consolare#- !:oli Gi!dei
erano ven!i da :ara e :aria a +onsolarle per il fraello@ 1'','G5 e ? / Gi!dei. +-e erano in +asa +on lei a
+onsolarla. vedendo :aria al"arsi in frea e !s+ire. la seg!irono. pensando +-e andasse a piangere al
sepol+ro# 1'',+'5. *a il verbo usato dall.evangelista diverso, perchC il testo greco usa il verbo
!confortare#, che indica un.azione puramente verbale che non riesce ad eliminare la causa della sofferenza.
Torna all'indice generale
CONVERSIONE CONVERSIONE
0ono state chiamate conversioni quelle che, in nome di /risto, /arlo *agno conseguiva portandosi dietro il
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 50
boia nei paesi conquistati, quelle imposte agli ebrei 1marrani, che vuol dire porci5 in cambio della vita, e la
strage di milioni tra i nativi sudamericani. Il tutto, pensate, in nome del 6angelo, la Euona Aotizia di $es(.
Aei vangeli sono due i termini greci usati per dire conversione-
'5 Epistr1pho che significa ritornare, tornare indietro, ritornare. un ritorno verso Dio, verso la religione,
verso il culto. Aella religione occorre pentirsi, fare penitenza, per ricevere il perdono.
un termine assente in $iovanni, usato una sola volta da *arco &,': 1&ffin+-> g!ardino. s8. ma non vedano.
as+olino. s8. ma non +omprendano. per+-> non si +onverano e venga loro perdonao5 e da *atteo '+,';
1Per+-> il +!ore di *!eso popolo ) divenao insensi$ile. sono divenai d!ri di ore++-i e -anno +-i!so gli
o++-i. per+-> non vedano +on gli o++-i. non as+olino +on gli ore++-i e non +omprendano +on il +!ore e non
si +onverano e io li g!aris+a%5 e un po. di pi( da >uca 1',',3'4 e ::,+'3+:5, in bocca all.angelo che
annuncia a <accaria la nascita del Eattista che 1ri+ond!rr' moli figli d;/sraele al 0ignore loro Dio1 2gli
+amminer' innan"i a l!i +on lo spirio e la poen"a di 2lia. per ri+ond!rre i +!ori dei padri verso i figli e i
ri$elli alla sagge""a dei gi!si e preparare al 0ignore !n popolo $en disposo5, oppure in bocca $es( che si
rivolge a "ietro 10imone. 0imone. e++o: 0aana vi -a +er+ai per vagliarvi +ome il grano# ma io -o pregao
per e. per+-> la !a fede non venga meno1 2 !. !na vola +onverio. +onferma i !oi fraelli5.
:5 'etano1o a /onvertirsi come un cambio sia di mentalit che di comportamento, un cambiare
l'orientamento della propria esistenza, un orientare la vita verso il bene degli altri.
!Oacciamo dei nostri gesti, anche i pi( semplici, dei simboli preziosi di vita. Eastano piccoli atti per
richiamare grandi ideali, per mettere in circolo enormi energie vitali# 1/arlo *olari5. /onversione la
traduzione del termine greco metnoia che significa invertire la rotta, cambiare strada, abbandonare la strada
sbagliata, in base a qualcosa che mi accaduto, che ho visto o capito o sentito o provato. un-
3 lasciarsi invadere da Dio per divenire una creatura nuova- I>a conversione non l'iniziativa dell'uomo che
vuole diventare migliore, ma la risposta umana ad una sollecitudine di Dio che, con atto gratuito, purifica la
creatura dal peccato rinnovandole l'offerta della vita. 7l perdono richiesto, perci non deve seguire nessuna
punizione o sofferenza, bens? una forma nuova di esistenza che si concretizza in gesti concreti di dialogo, in
atti di accoglienza, in invenzioni di fraternit, in segni di amicizia, in offerte di misericordia, secondo le
diverse forme di peccato di cui si chiede perdonoI 1/arlo *olari5.
3 lasciarsi convertire- !Vi s!ppli+-iamo in nome di 4riso: las+iaevi ri+on+iliare +on Dio# 1: /orinzi ;,:@5.
3 aprirsi alla potenza di Dio, un rompere con la vita passata, un cambio di mentalit che incide nel
comportamento,
3 accettare senza indugi e resistenze il cambiamento e partecipare alla 0ua novit,
3 pensare secondo Dio e vivere le beatitudini; !Bna riforma della mente# la chiama 6ito *ancuso,
3 cambiare mentalit, orientare il nostro atteggiamento verso il bene degli altri, permettendo a Dio di
occuparsi di noi,
3 abbandonare ogni ingiustizia, perchC la societ diventi un luogo accogliente e vivibile per tutti,
3 vivere per eliminare sofferenza e povert,
3 far sparire dal nostro programma di vita situazioni di comodo, di compromesso, per combattere ogni
malvagit dentro e fuori di noi;
I>e componenti della conversione sono almeno tre- la consapevolezza del negativo che condizione la storia e
le persone, la presa di distanza ideale dal male individuato, l'esercizio della fiducia in Dio per consentire
l'espressione in noi della sua misericordiaI 1/arlo *olari5.
3 cambiare vita abbandonare il male e spendere la vita per gli altri, permettendo cos? a Dio di pensare a me.
Il vangelo di $iovanni la chiama rinascita, indicandola come l.inizio di un nuovo cammino, un nascere di
nuovo o dall'alto 1da acqua e 0pirito5- !Aon tanto un cambiamento di mentalit, quanto una rinascita#
12oberto *ancini5.
>.apostolo "aolo ci chiama ad attuare in noi un mutamento radicale, fin nella mente, e un rinnovamento
profondo e globale nelle abitudini e nelle opere- 7Vi esoro d!n*!e. fraelli. per la miseri+ordia di Dio. a
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 51
offrire i vosri +orpi +ome sa+rifi+io vivene. sano e gradio a Dio# ) *!eso il vosro +!lo spiri!ale1 Non
+onformaevi a *!eso mondo. ma las+iaevi rasformare rinnovando il vosro modo di pensare. per poer
dis+ernere la volon' di Dio. +i, +-e ) $!ono. a l!i gradio e perfeo# 12omani ':.'3:5.
*a la conversione non si verifica una volta nella vita 1come era all.inizio del cristianesimo, con il
battesimo5, ma, ogni qual volta che accoglie la parola presente nel messaggio, il credente deve rispondere
con un rinnovato atteggiamento di conversione. Bn percorso continuo di conversione, un mettersi ogni
giorno sulla strada che porta ad amare tutti gli uomini perchC la conversione continua, come dice "aolo in
2omani '@,':- I4-i +rede di sare in piedi. g!ardi di non +adereI.
K/' una voce che grida all'uomo fino al suo ultimo respiro- =ggi, convertitiQ), dice 7bba "oemon, un padre
del deserto. =ssia occorre una verifica continua della sequela, del cammino verso il 2egno; un continuo
cadere e rialzarsi; sia per il singolo individuo che per le comunit cristiane. 2adicale mutamento della scala
dei valori per diventare attori nella creazione del 2egno di Dio, un andare dalla religione alla fede,un
cambiare i propri pensieri per uniformarli a quelli di Dio.
!0ignifica anche far sorgere dalle ceneri di una religione incolore, inodore e insapore una fede operosa e
tesa# 1$ianfranco 2avasi5.
>.invito alla conversione per tutti, proprio tutti, perchC per l.avvento del 2egno, tutti debbono cambiare, io
per primo- IIl mondo non cambia se prima non cambio ioI dice 7ndrea, il protagonista di /n memoria di me,
il bel film di 0averio /ostanzo. Infatti K4i sar' piA gioia in +ielo per !n pe++aore +-e si +onvere. +-e per
novananove gi!si +-e non -anno $isogno di +onversione) 1>uca ';,45.
I relativamente facile convertire il peccatore, ma i buoni sono spesso inconvertibili semplicemente perchC
non vedono la minima necessit di convertirsi. 1F5 Il grande problema la salvezza di coloro i quali,
essendo buoni, pensano di non avere pi( bisogno di essere salvati e immaginano che il loro compito sia
rendere gli altri buoni come loroI 19homas *erton5.
Ael cattolicesimo sembra che la conversione sia stata sostituita con la confessione, il chiedere perdono a Dio
e poi fare una penitenza. *a sarebbe pi( giusto andare da chi ho offeso e chiedergli di perdonarci. /hiedere
perdono solo a Dio non serve.
Bn.altra idea nefasta quella di pensare che !conversione# significhi passare alla religione cattolica, creando
un avvenimento mediatico. 2icordate *agdi 7llan e 9onT ElairJ Bna conversione per la televisione, uno
spettacolo in mondovisione, ad uso e consumo del 6aticano. 6isto com. finita la conversione di 7llamJ
Diceva *ohandas $andhi- !Aon cambiate religione ma approfondite il bene della vostra, a meno che non sia
un cammino#.
D.altronde !>a conversione, dunque, non tanto il passare da una religione all.altra, o dalla non religione ad
una religione, o dall.ateismo al teismo. conversione di vita, dal vivere per sC al vivere per gli altri, dal
prendere al dare, dal desiderare al donare, dal risentimento e dall.odio alla misericordia e al perdono,
dall.inimicizia alla riconciliazione. >a vita cambia direzione, allora richiede anche un rinnegamento, un
tornare indietro, perchC non tutte le vie sono buone, non tutte sono vie di vita. *a le vie non sono tanto le
dottrine e i sistemi religiosi, quanto i modi in cui viviamo. 0e cambio religione e non modo di vivere, io non
sono cambiato. 0e non sappiamo cambiare via e vita, non sappiamo vivere. Dette queste facili parole, siamo
ognuno davanti alla propria coscienza, in qualunque religione o nessuna religione#, ha scritto 8nrico "eTretti.
Torna all'indice generale
CORPO CORPO
In termine greco s<:a, indica la persona come !identit, presenza e attivit# e contiene i concetti di vita,
carne, mente, coscienza e spirito.
>a mente 1che non la parte spirituale del corpo5 domina sul corpo e le tentazioni della carne sono in effetti
imposte al corpo dalla mente- per esempio, gli eccessi nel mangiare 1bulimia e anoressia5 o le deviazioni
sessuali, sono opera della mente, e quando una persona subisce violenza nel corpo, le ferite insanabili
rimangono per sempre nella mente e non nel corpo.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 52
Aella mentalit semitica, cos? come nei 6angeli, non ammessa la divisione che la cultura e la filosofia
greca fanno, tra anima e corpo, eppure, anche per una certa spiritualit cristiana antievangelica, il corpo
solo un peso che opprime l'anima.
!>'uomo della Eibbia pi( che IavereI un corpo ha la coscienza di IessereI un corpo. Il corpo, infatti, non
visto come un peso o una tomba dell'anima 3 come pensava il mondo greco 3 ma un segno vivo dell'essere
intero dell'uomo e di tutte le sue relazioni# 1$ianfranco 2avasi5.
!0iamo esseri spirituali che stanno facendo un.esperienza corporea# diceva 9heilhard de /hardin, mentre
Davide *aria 9uroldo, ha scritto- !Il corpo- scialuppa che ti salva sull'oceano del Aulla#, ossia si nasce per
l.eternit, quella che non esiste per chi non nasce.
"erci il corpo l.unico strumento che possa dare un senso alla nostra esistenza attraverso il rapporto con il
resto dell.umanit, e sopratutto il mezzo per raggiungere il traguardo cui siamo chiamati, ossia la vita
eterna, una vita chiamata eterna perchC di qualit divina.
/., in *atteo, un versetto che rimasto vittima dei vescovi responsabili della traduzione della Eibbia, i
quali immettono nel vangelo il dualismo platonico di corpo e anima e finiscono con il far morire l.anima- !2
non a$$iae pa!ra di *!elli +-e !++idono il +orpo. ma non -anno poere di !++idere l;anima# a$$iae pa!ra
pi!oso di +ol!i +-e -a il poere di far perire nella Ge)nna e l;anima e il +orpo#1'@,:%5, ma la giusta
traduzione - !2 non a$$iae pa!ra di *!elli +-e !++idono il +orpo. ma non -anno poere di !++idere la
persona# a$$iae pa!ra pi!oso di +ol!i +-e -a il poere di far perire nella Ge)nna e la persona e il +orpo@.
Aessuna religione prende cos? sul serio il corpo come il cristianesimo- il corpo non visto come un nemico o
una prigione dello 0pirito, ma viene celebrato come il tempio dello 0pirito. $es( si offre a noi, offre il suo
corpo, ossia tutta la sua persona- !<ra. menre mangiavano. GesA prese il pane. re+i, la $enedi"ione. lo
spe"", e. menre lo dava ai dis+epoli. disse: Prendee. mangiae: *!eso ) il mio +orpo3#, in *atteo :,,:,.
Huesto il mio corpo, ossia questo sono io, perchC il pane non diventa $es( ma $es( che si fa pane. Aoi,
cibandoci di $es(, ci impegniamo a farci pane spezzato per gli altri, come lui ha comandato- !2. ri+ev!o !n
+ali+e. rese gra"ie e disse: Prendeelo e faelo passare ra voi. per+-> io vi di+o: da *!eso momeno non
$err, piA del fr!o della vie. fin+-> non verr' il regno di Dio31 Poi prese il pane. rese gra"ie. lo spe"", e lo
diede loro di+endo: 9!eso ) il mio +orpo. +-e ) dao per voi# fae *!eso in memoria di me3# 1>uca ::,'43
'G5. >a presenza di $es( nel pane e nel vino simbolica, nel senso del IsignumI ossia una presenza
sacramentale. *a il corpo di $es( /risto diventato oggetto di culto 1adorazione dell.ostia consacrata5,
invece che rappresentare un sicuro riferimento per l.agire dei credenti a favore della comunit e per spingerli
a donarsi totalmente, anche fino alla morte, come estremo gesto d'amore.
Aoi tutti che prendiamo parte alla cena eucaristica, quando facciamo !la comunione#, siamo chiamati a fare
pi( !comunione# perchC l.assemblea dei partecipanti alla celebrazione, il popolo di Dio, il corpo di /risto-
!<ra voi siee +orpo di 4riso e. ogn!no se+ondo la propria pare. s!e mem$ra# 1' /orinzi ':,:45.
7ttraverso la nascita, vita, morte e resurrezione di $es(, il corpo umano trasfigurato diventato parte della
vita stessa di Dio. Dice infatti $regorio di Aissa- IDunque noi ora crediamo che il pane, santificato dal 6erbo
di Dio, si trasforma nel corpo del 6erbo divino. /ome dunque il pane, dopo la trasformazione in quel corpo,
stato elevato alla persona divina, cos? anche noi abbiamo lo stesso risultatoI.
"er corpo non si intende un ammasso di muscoli, ossa, sangue, eccetera, che cambia senza sosta per tutta la
vita, ma ci che ci rende unici e ci mette in relazione con gli altri e con Dio.
Dopo la morte del corpo, noi vivremo in un modo completamente nuovo, avremo perduto la nostra realt
biologica, ma rimarremo sempre noi stessi, diversi da chiunque altroWa.
6edi anche /72A8.
Torna all'indice generale
COSCIENZA COSCIENZA
Huello che chiamiamo coscienza , chiamata nella Eibbia, cuore.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 53
Il termine ambiguo, perchC la coscienza non una dimensione stabile e assoluta, ma duttile e risente degli
interessi collettivi e personali; tanto pi( che, dopo Oreud, sappiamo come il nostro agire sia, pi( o meno
consapevolmente, guidato dal subconscio. >a coscienza non prescinde, dalla conoscenza, dalla
consapevolezza di se stessi e del proprio agire, e dalla responsabilit personale. !/onosci te stesso# era
scritto sulla facciata del tempio di 7pollo a Delfi- prendi coscienza dei tuoi limiti.
>a coscienza va intesa come sede della consapevolezza di sC, della soggettivit, dell.Io interiore, nell.intimo
dell.uomo, nel profondo, dove solo Dio, l.amore, vede. 1*atteo ,,,5.
"er $eremia la coscienza l.ultimo tribunale davanti a Dio- !2++o. verranno giorni ora+olo del 0ignore
nei *!ali +on la +asa d;/sraele e +on la +asa di Gi!da +on+l!der, !n;allean"a n!ova1 Non sar' +ome
l;allean"a +-e -o +on+l!so +on i loro padri. *!ando li presi per mano per farli !s+ire dalla erra d;2gio.
allean"a +-e essi -anno infrano. $en+-> io fossi loro 0ignore1 <ra+olo del 0ignore1 9!esa sar' l;allean"a
+-e +on+l!der, +on la +asa d;/sraele dopo *!ei giorni ora+olo del 0ignore : porr, la mia legge denro di
loro. la s+river, s!l loro +!ore1 &llora io sar, il loro Dio ed essi saranno il mio popolo1 Non dovranno piA
isr!irsi l;!n l;alro. di+endo: ?4onos+ee il 0ignore@. per+-> !i mi +onos+eranno. dal piA pi++olo al piA
grande ora+olo del 0ignore . poi+-> io perdoner, la loro ini*!i' e non ri+order, piA il loro pe++ao3#
1+',+'3+&5. !Huesta la tavola vivente in cui scritta la legge#, dice 8rnesto Ealducci.
7gli uomini chiesto di raggiungere la consapevolezza di se stessi, del proprio agire- liberi e responsabili di
fronte a se stessi, di fronte agli altri e a Dio, per creare un ponte fra lontani, per comunicare tra diversi-
cercare una comunicazione con l.altro, una comunicazione con l.7ltro.
0i parla evidentemente di una coscienza che sia in uno stato di permanente sorveglianza di se stessa, che non
agisca in modo acritico, ma giudichi con discernimento.
0eguire i dettami della propria coscienza non per una garanzia di aver agito in maniera giusta 3 c. infatti
la concreta possibilit di fare del male anche agendo secondo coscienza 3 ma non possibile sbagliare se ci si
mette in una relazione armoniosa con gli altri, in maniera responsabile e disponibile. Huando si fa !l.esame
di coscienza# non con Dio che ci dobbiamo relazionare 1infatti 8gli gi sa5, ma con gli altri.
!>a libert di coscienza un fatto molto ambiguo, anche se dobbiamo difenderla# 1F5 !>a nostra coscienza
troppo inserita in condizionamenti che la sorpassano e sono iniqui. >a coscienza non nasce, come un
lampo, in un cielo puro, germoglia dallo strame della storia e porta con sC la tossicit di questo strame, per
non abbiamo altro punto di riferimento degno di ascolto. Dobbiamo mirare ad un tempo in cui essa sar una
coscienza pura, cio una coscienza veramente libera e non di una libert formale e farisaica, ma veramente
libera. >a coscienza libera quando il principio che la modella dall.interno la disposizione a dare la propria
vita per gli altri. In quel momento la coscienza si fa pura. 1F5 !>a voce della coscienza o la voce di Dio un
monito, un.esortazione, un richiamo, non una costrizione fisica. >a scelta buona o cattiva nasce dal grado di
maturit, di responsabilit, compreso il grado di benessere psico3fisico che uno possiede#, dice =rtensio da
0pinetoli.
8ssa, di per sC non nC buona nC cattiva ma si forma continuamente, e va continuamente depurata dalle
incrostazioni dell'educazione, delle tradizioni, della cultura dominante, degli interessi.
Diceva 8rnesto Ealducci- I>a coscienza abbandonata a se stessa, in un mondo ostile, pu diventare pazzaI
1F5 I>a coscienza dell'uomo il luogo in cui sorgono le catene del male, le concatenazioni negative che poi
prendono corpo nella storia, diventando una specie di struttura invincibile ed anche il luogo da cui partono
le concatenazioni positive in cui si articola la faticosa vicenda della liberazione umana mai compiuta, sempre
da ricominciare. questo il punto cardine nel discorso su $es( come salvatoreI.
"er il cristiano il luogo dell.incontro con Dio e da dove Dio ci parla. 8 se il singolo individuo pu
sbagliare, perchC pu non comprendere correttamente, ecco l.assemblea agapica, dove tutti coloro che hanno,
liberamente e maturamente, accolto $es( e il suo messaggio possono confrontarsi con tutti, per formare una
coscienza personale retta, tramite l.assiduit alla parola.
I>a coscienza una voce interiore silenziosa che il Dio in noiI 1F5 IDio nella coscienza dell'uomo. =gni
uomo ha la parola di Dio dentro di sC# 1F5 !Ael cuore di ogni uomo c' la sua parolaI 18rnesto Ealducci5.
>a prima lettera di $iovanni 1+,',3::5 dice cos. la retta coscienza- !/n *!eso a$$iamo +onos+i!o l;amore.
nel fao +-e egli -a dao la s!a via per noi# *!indi an+-e noi do$$iamo dare la via per i fraelli1 :a se !no
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 54
-a ri++-e""e di *!eso mondo e. vedendo il s!o fraello in ne+essi'. gli +-i!de il proprio +!ore. +ome rimane
in l!i l;amore di DioC 6iglioli. non amiamo a parole n> +on la ling!a. ma +on i fai e nella veri'1 /n *!eso
+onos+eremo +-e siamo dalla veri' e davani a l!i rassi+!reremo il nosro +!ore. *!al!n*!e +osa esso +i
rimproveri. Dio ) piA grande del nosro +!ore e +onos+e ogni +osa1 4arissimi. se il nosro +!ore non +i
rimprovera n!lla. a$$iamo fid!+ia in Dio. e *!al!n*!e +osa +-iediamo. la ri+eviamo da l!i. per+->
osserviamo i s!oi +omandameni e fa++iamo *!ello +-e gli ) gradio#.
>a libert di coscienza, sacrosanta, non un principio in base al quale ognuno fa quello che vuole, ma un
principio in base al quale ognuno deve sentirsi responsabile di tutti gli altri uomini. >a concezione della
coscienza individualistica una delle forme pretestuose con cui la libert esprime il disprezzo degli altri,
perchC la coscienza, mentre rivendica autonomia, deve anche assumere responsabilit.
0crive $eorges Eernanos- !Il cristianesimo aveva sguinzagliato nel mondo una verit che niente avrebbe pi(
fermato perchC si trovava gi nel profondo delle coscienze, una verit in cui l.uomo si era riconosciuto- Dio
ha salvato ognuno di noi, e ognuno di noi vale il sangue di Dio#.
I>a coscienza libera quando il principio che la modella dall'interno la disposizione a dare la propria vita
per gli altri. In quel momento la coscienza si fa pura, perchC se io invoco la coscienza per difendere quello
che ho, in realt io voglio salvare la mia vitaI 18rnesto Ealducci5.
>.invito di $es( chiaro- !2 per+-> non gi!di+ae voi sessi +i, +-e ) gi!soC# 1>uca ':,;45, ma anche il suo
monito- !2 di+eva: 4i, +-e es+e dall;!omo ) *!ello +-e rende imp!ro l;!omo1 Dal di denro infai. +io)
dal +!ore degli !omini. es+ono i proposii di male: imp!ri'. f!ri. omi+idi. ad!l)ri. avidi'. malvagi'.
inganno. dissol!e""a. invidia. +al!nnia. s!per$ia. sole""a1 (!e *!ese +ose +aive vengono f!ori
dall;inerno e rendono imp!ro l;!omo3# 1*arco 4.:@3:+5.
I>a coscienza non un metro sicuro e tuttavia altri non ne abbiamo, perchC anche le parole pi( sante, anche
le verit che riteniamo pi( assolute, se non passano per questo filtro della coscienza e non vengono accolte
con consenso spontaneo, non valgono nullaI 18rnesto Ealducci5.
>a seconda met del SIS secolo fu un periodo buio per la /hiesa. 7veva cominciato il futuro $regorio S6I
che, nato da famiglia nobile, prima di diventare papa aveva inventato la teoria dell.infallibilit del papa e,
subito dopo essere stato eletto 1del '%+: l.enciclica !*irari vos#5 dichiar che la libert di coscienza
diabolica. Dodici anni dopo condann le scuole bibliche protestanti. Bna mente certo non illuminata, tanto
che aveva iniziato il suo mandato proibendo la costruzione di linee ferroviarie nello stato pontificio,
definendole, !chemins d.enfer#. 7lla sua morte gli subentr un altro aristocratico, "io IS, all.inizio un
liberale. *a, fra il b,G e il b4@, si schier apertamente contro la modernit, il progresso, la democrazia e la
libert di coscienza, definendola un !delirio# e, durante il concilio 6aticano I, un concilio peraltro non
ecumenico, proclam il dogma dell.infallibilit del papa.
Il primato della coscienza in materia religiosa, stato affermato dal 6aticano II nel decreto sulla dignit
umana- IHuesto concilio 6aticano dichiara che, in materia religiosa, nessuno sia forzato ad agire contro la
sua coscienzaI. 8 il /atechismo 1art.'%@@5 dice- !>.essere umano deve sempre obbedire al giudizio certo
della propria coscienza#.
Loseph 2atzinger quando non era ancora papa, scrisse- !7l di sopra del papa come espressione del diritto
vincolante dell.autorit ecclesiastica, sia ancora la coscienza individuale, alla quale prima di tutto bisogna
obbedire, in caso di necessit anche contro l.ingiunzione dell.autorit ecclesiastica#.
"arole sante, rimaste parole.
Torna all'indice generale
COSTANTINO COSTANTINO
7lla fine del II secolo la /hiesa di 2oma, che aveva conquistato un potere enorme legato all.adesione di una
grande massa di persone dei ceti pi( poveri, era molto ben organizzata e in mano ad un ricco clero
aristocratico che amministrava enormi ricchezze in nome di Dio. Diocleziano pens di prenderne possesso
con la forza, ma la sua persecuzione 1+@+3+@&5 fu un vero fallimento.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 55
Aell.anno +':, nella battaglia di "onte *ilvio, /ostantino vinse contro *assenzio 1che si era apertamente
dichiarato anticristiano5 attribuendo poi la vittoria ad un presunto intervento divino in suo favore, legato alla
visione di una scritta e di una croce- un grande effetto speciale ante litteram. >.anno successivo eman
l.editto di *ilano 1+'+5 con cui si riconosceva ai cristiani la libert di culto; era l.inizio del cammino verso
una religione di stato.
8gli, invece, ebbe il sopravvento su tutti i suoi avversari perchC era un uomo calcolatore, lungimirante,
realista, astuto, ma anche spietatamente crudele. /ostantino fu un abilissimo politico che aveva capito da che
parte tirava l.aria e come la /hiesa fosse diventata uno stato nello stato, con enorme potere e grandi
ricchezze. 8gli fece il primo concordato della storia, vantaggioso per entrambi e pens anche di trasformare
la fede cristiana in religione imperiale, pur permettendo ancora i culti pagani. /on l.aperto sostegno del clero
divenne detentore di un potere assoluto per volont del Dio cristiano unico e onnipotente. Il trasferimento
della capitale a /ostantinopoli lo consacr un monarca assoluto di tipo orientale, un megalomane che
dichiarava sacro tutto ci che toccava.
Aon ancora battezzato, da imperatore e vicario di /risto, fu l.inventore del termine !consustanziale# e pilot
le sorti del concilio di Aicea 1+:;5 opponendosi alla dottrina di 7rio che professava quello che poi sar
chiamato arianesimo 1$es( figlio di Dio, ma non ha la natura divina5. 7rio fu condannato ed esiliato, ma
poi riabilitato nel concilio di $erusalemme del ++; e richiamato da /ostantino a corte, ma mor? poco prima
della cerimonia di riammissione, quando l.imperatore si stava gi avvicinando all.eresia ariana.
/ostantino si fece battezzare in punto di morte 1++45 dopo aver ammazzato /rispo, il figlio della prima
moglie, e Oausta, la seconda moglie, accusandoli per una sospetta tresca tra la moglie e il figliastro. *a,
probabilmente, si trattava solo di questioni di successione al trono.
Torna all'indice generale
CREAZIONE CREAZIONE
Dire !creare# significa non solo chiamare all'esistenza, nel tempo e nello spazio, le cose che non esistono, ma
significa asserire che tutto quello che esiste non esisterebbe se non esistesse >ui, l.autore della vita.
0crive /arlo *olari- !0pesso si pensa che essere creato voglia dire essere originato e che quindi creare
voglia dire dare origine ad una cosa. In realt essere creato significa dipendere totalmente nella propria
esistenza e nel proprio operare; e creare, quindi, significa alimentare continuamente un essere nella sua
esistenza# 1F5 !Intendiamo l.azione divina come una forza che rende possibile l.esistenza e l.agire delle
creature#.
Aon solo Dio ha creato !all'inizio#, ma egli Icolui che fa, che compie, che agisceI continuamente e rende
possibile l'esistenza e il divenire di tutte le cose, agendo dal di dentro della realt materiale- !:andi il !o
spirio. sono +reai. e rinnovi la fa++ia della erra@ 10almo '@&,+@5.
/ome disse negli anni .:@ 9eilhard de /hardin- IDio, propriamente parlando, non fa le cose, ma fa che le
cose si facciano#. la perfetta sintesi tra !creazione ed evoluzione#, asserita dal /atechismo degli 7dulti
della /8I 1+,;5 e ripresa nella $audium e 0pes del 'G,;.
IDio propriamente parlando non fa, ma fa che si facciano le coseI 1F5 Ila realt materiale condotta,
attraverso tappe successive, a forme elevate di vita e di perfezione spirituale, fino ad un compimento che non
ci dato conoscere, se non in parziali anticipazioniI 1F5 !>e creature non possono accogliere tutta la
perfezione loro offerta in un solo istante e completamente. "iccole strutture vitali pian piano si sono
sviluppate fino alla complessit fisica, biologica e psichica nel presente. 9utto questo avvenuto
nell.imperfezione, nell.inadeguatezza perchC la creazione ancora in corso, tutte le creature sono in divenire
e la loro perfezione sta alla fine del processo#, ripete /arlo *olari.
Aell.evoluzione della concezione ebraica del monoteismo, dopo il lungo periodo del politeismo pre3esilico,
si giunse prima alla concezione di un Dio liberatore e successivamente di un Dio creatore.
I racconti della creazione del libro della $enesi, riportano chiaramente la concezione che la creazione
andata a buon fine 1',+'5 in sei giorni 1Dio vide *!ano aveva fao. ed e++o. era +osa molo $!ona1 2 f! sera
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 56
e f! maina: seso giorno5 e, alla fine, quando tutto era terminato per sempre, il settimo giorno, secondo il
racconto, Dio si ripos dopo aver creato l'universo e l'uomo- !4os8 f!rono porai a +ompimeno il +ielo e la
erra e !e le loro s+-iere1 Dio. nel seimo giorno. por, a +ompimeno il lavoro +-e aveva fao e +ess, nel
seimo giorno da ogni s!o lavoro +-e aveva fao1 Dio $enedisse il seimo giorno e lo +onsa+r,. per+-> in
esso aveva +essao da ogni lavoro +-e egli aveva fao +reando# 1$enesi :,'3+5.
*a, si vedeva chiaramente, la creazione era tutt.altro che !molto buona#, perchC la donna aveva ceduto alle
lusinghe del tentatore apparso in forma di serpente.
scritto in $enesi +,';3',- !/o porr, inimi+i"ia fra e e la donna fra la !a sirpe e la s!a sirpe: *!esa i
s+-ia++er' la esa e ! le insidierai il +al+agno3la esa e ! le insidierai il +al+agno31 &lla donna disse:
:olipli+-er, i !oi dolori e le =ispose l;!omo: La donna +-e ! mi -ai poso a++ano mi -a dao
dell;al$ero e io ne -o mangiao31 /l 0ignore Dio disse alla donna: 4-e -ai faoC31 =ispose la donna: /l
serpene mi -a ingannaa e io -o mangiao31 &llora il 0ignore Dio disse al serpene: Poi+-> -ai fao
*!eso. maledeo ! fra !o il $esiame e fra !i gli animali selvai+i% 0!l !o venre +amminerai e polvere
mangerai per !i i giorni della !a via1 /o porr, inimi+i"ia fra e e la donna fra la !a sirpe e la s!a sirpe:
*!esa i s+-ia++er' !e gravidan"e. +on dolore parorirai figli1 Verso !o mario sar' il !o isino. ed egli i
dominer'3#.
=ra tutto a posto- Dio salvo, l.uomo salvo e la donna schiava dell.uomo e del Dio dei maschi.
$es( non d.accordo- la vecchia creazione finita ed iniziata la nuova creazione, che porta a
perfezionamento la prima.
$li ultimi due libri del Auovo 9estamento pongono $es( come inizio della prima e compimento della
seconda- !/n prin+ipio era il Ver$o. e il Ver$o era presso Dio e il Ver$o era Dio1 2gli era. in prin+ipio.
presso Dio: !o ) sao fao per me""o di l!i e sen"a di l!i n!lla ) sao fao di +i, +-e esise# 1$iovanni
','3+5, e l.7pocalisse chiama $es( !il Primo e l;Llimo# e !l;&lfa e l;<mega#, !il Prin+ipio e la 6ine#, colui
che era all.inizio della creazione e colui che la porta a termine.
Torna all'indice generale
CREAZIONE NUOVA CREAZIONE NUOVA
>.intero universo, dice il racconto mitico della $enesi, fu creato in cinque !giorni# e nel sesto fu creata
l.umanit. Il settimo giorno, secondo il racconto mitico della $enesi, Dio si ripos- !4os8 f!rono porai a
+ompimeno il +ielo e la erra e !e le loro s+-iere1 Dio. nel seimo giorno. por, a +ompimeno il lavoro
+-e aveva fao e +ess, nel seimo giorno da ogni s!o lavoro +-e aveva fao1 Dio $enedisse il seimo
giorno e lo +onsa+r,. per+-> in esso aveva +essao da ogni lavoro +-e egli aveva fao +reando # 1$enesi :,'3
+5.
Il sabato era, per il suo popolo, il segno che la creazione era terminata e che Dio si riposava.
*a !>a creazione non il gesto compiuto da Dio in un tempo remoto, ma il dono di ogni giorno# come dice
il /atechismo degli 7dulti della /8I 1+,@5. !/olui che crea, crea sempre# diceva 9heilhard De /hardin.
$es( dice che la creazione non terminata- !Per *!eso i Gi!dei perseg!iavano GesA. per+-> fa+eva ali
+ose di sa$ao1 :a GesA disse loro: /l Padre mio agis+e an+-e ora e an+-;io agis+o3# 1$iovanni ;,',3'45.
Oin tanto che l.umanit non realizza nella figliolanza divina, la creazione non terminata e tutti sono
chiamati a collaborare-
!Ln solo Dio e Padre di !i. +-e ) al di sopra di !i. opera per me""o di !i ed ) presene in !i@
18fesini &,,5.
!L;ardene aspeaiva della +rea"ione. infai. ) proesa verso la rivela"ione dei figli di Dio1 La +rea"ione
infai ) saa sooposa alla +ad!+i' non per s!a volon'. ma per volon' di +ol!i +-e l;-a sooposa
nella speran"a +-e an+-e la sessa +rea"ione sar' li$eraa dalla s+-iaviA della +orr!"ione per enrare nella
li$er' della gloria dei figli di Dio1 0appiamo infai +-e !a insieme la +rea"ione geme e soffre le doglie
del paro fino ad oggi# 12omani %,'G3::5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 55
In *atteo 'G,:G $es( la chiama letteralmente IrigenerazioneI- !2 GesA disse loro: K/n veri' io vi di+o: voi
+-e mi avee seg!io. *!ando il 6iglio dell;!omo sar' sed!o s!l rono della s!a gloria. alla rigenera"ione
del mondo. siederee an+-e voi s! dodi+i roni a gi!di+are le dodi+i ri$A d;/sraele#.
"er l.7pocalisse la Auova /reazione la $erusalemme /eleste- !2 vidi !n +ielo n!ovo e !na erra n!ova: il
+ielo e la erra di prima infai erano s+omparsi e il mare non +;era piA1 2 vidi an+-e la +i' sana. la
Ger!salemme n!ova. s+endere dal +ielo. da Dio. prona +ome !na sposa adorna per il s!o sposo1 Ldii allora
!na vo+e poene. +-e veniva dal rono e di+eva: 2++o la enda di Dio +on gli !omini% 2gli a$ier' +on loro
ed essi saranno s!oi popoli ed egli sar' il Dio +on loro. il loro Dio1 2 as+i!g-er' ogni la+rima dai loro
o++-i e non vi sar' piA la more n> l!o n> lameno n> affanno. per+-> le +ose di prima sono passae31 2
4ol!i +-e sedeva s!l rono disse: 2++o. io fa++io n!ove !e le +ose3@ 17pocalisse :','3+5.
>a Auova /reazione dono di Dio, in cui per entra qualcosa dell'umanit, ossia tutto ci che di buono
l'uomo ha fatto- il 2egno di Dio, costruito dall.umanit redenta.
Dice "aolo nella prima lettera ai /orinzi che noi siamo !+olla$oraori di Dio# 1+,G5.
>a creazione non compiuta 1$or in progress, si direbbe oggi5, ma non resta incompiuta, perchC si compir
attraverso tutto quello che l'uomo vi apporter di bene e d'amore, insieme con la redenzione portata da Dio
stesso, per mezzo dell'incarnazione del Oiglio.
>a nuova creazione iniziata con $es( e cesser quando l.Bomo sar giunto alla pienezza, ossia diventer,
nella perfetta umanit, Oiglio di Dio, secondo il progetto divino.
!Il risultato risponde a un progetto di Dio nel senso che la forza creatrice introduce nel processo 1creativo5 la
tensione verso la figliolanza divinaI 1F5 Iquando Dio sar tutto in tutti# 1/arlo *olari5.
>e creature attendono un compimento che non arriver da se stesso, ma dipende dalla capacit di aprirsi, per
essere riempita ed abitata dalla pienezza divina, e ci sar la pienezza dell'7more, senza peccato nC morte.
2ispetto a Dio la creazione contingente, coinvolta verso il compimento, verso l'armonia e la totale
comunione tra le creature tra loro e tra le creature e il creatore. Il paradiso terrestre posto in fondo alla
storia della salvezza, non al principio.
"aolo De Eenedetti dice- I/ompito dell'uomo quello di continuare la creazione e, secondo una paradossale
storia rabbinica, di fare cose pi( belle di quelle fatte da DioI.
Torna all'indice generale
CREDENTE CREDENTE
Il termine presente in-
3 $iovanni 4, +%3+G- !Nell;!limo giorno. il grande giorno della fesa. GesA. rio in piedi. grid,: 0e
*!al+!no -a see. venga a me. e $eva +-i +rede in me1 4ome di+e la 0+ri!ra: Dal s!o grem$o sgorg-eranno
fi!mi di a+*!a viva31 9!eso egli disse dello 0pirio +-e avre$$ero ri+ev!o i +redeni in l!i: infai non vi
era an+ora lo 0pirio. per+-> GesA non era an+ora sao glorifi+ao#.
3 $iovanni :@,:43:%- !Poi HGesAI disse a (ommaso: :ei *!i il !o dio e g!arda le mie mani# endi la !a
mano. e meila nel mio fian+o# e non essere in+red!lo. ma +redene% Gli rispose (ommaso: :io 0ignore e
mio Dio%)#.
I credenti sono tutti coloro che ricevono e accolgono lo 0pirito, ma non cercano segni e miracoli per credere-
!GesA gli disse: 0e non vedee segni e prodigi. voi non +redee3# 1$iovanni &,&%5; sono le parole che
rivolge al funzionario reale che voleva che scendesse a /afarnao per guarire il figlio e che, in verit, mostra
di credere fermamente alla sua parola. *a l.evangelista sta certamente parlando a noi.
8 9ommaso, colui che dice di non credere se non vede, ma dopo l.esperienza personale del /risto risorto, ha
la pi( bella professione di fede dei vangeli- !:io 0ignore e mio Dio%# 1$iovanni :@,:%5. 7 queste parole di
9ommaso, $es( fa seguire quella che l.ultima beatitudine dei vangeli- !7eai +oloro +-e non -anno viso e
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 5B
-anno +red!o# 1$iovanni :@,:G5.
Aonostante il gran numero di persone pie presenti nei vangeli, la pi( grande ammirazione di $es( va alla
fede di persone pagane, come la donna cananea 1*atteo %,'@5 e il centurione di /afarnao 1*atteo ';,:%5.
0econdo il 6angelo, !Aella religione il credente colui che obbedisce a Dio, osservando le sue leggi. Aella
fede il credente colui che assomiglia al "adre, praticando un amore simile al suo# 17lberto *aggi5.
IIl non credente non colui che non ha fede, ma colui che non ama. >a fede comunione con lo 0pirito di
Dio, che amore, donazione agli altri, condivisione. 9i apri agli altri e sei credente, ti chiudi e sei ateo. In
base a questo ci sono tanti cristiani che in pratica sono atei e tanti atei sono cristiani# 1=rtensio da 0pinetoli5.
*aria, la madre di $es(, la perfetta credente, colei che pur non comprendendo quanto le stava accadendo,
meditava sulle parole di $es( e sugli avvenimenti che travolgevano il Oiglio, mentre conservava tutte queste
cose nel suo cuore di giovane donna, cui, come a tutte le donne, era negato l'accesso alle 0critture, ma
credeva in >ui- 2 $eaa +olei +-e -a +red!o nell;adempimeno di +i, +-e il 0ignore le -a deo3 1>uca
',&;5. Infatti lei, presente sotto la croce con un dolore immenso, non nominata tra coloro cui il Oiglio
risorto appare, perchC *aria l.unica che aveva creduto, senza ombra di dubbio, alla sua resurrezione.
stato detto che tutti i credenti hanno in comune la fede, ma non la stessa fede.
Torna all'indice generale
CREDERE CREDERE
/redere, in greco pisteuI, significa aver fede, avere fiducia, fidarsi fino in fondo. Oede in qualcosa che non
siamo in grado di provare, che non necessita di essere provato ma che noi sentiamo essere profondamente
vera. 0i crede solo se si ha fiducia.
"er il cristiano un credere in Dio e nelle sue promesse, ma anche in $es( e nella sua parola, il 6angelo,
ossia la buona notizia che $es( ha per primo portato, quella di un.immagine inedita di un Dio che ama tutti
gli uomini, indipendentemente dal comportamento rispetto alla >egge. K4-i +rede in me. non +rede in me ma
in +ol!i +-e mi -a mandao), dice $es( in $iovanni ':,&&.
I/redere in /risto non significa semplicemente appartenere ad una struttura religiosa che si richiama alla
tradizione sorta dalla fede di $es(, nC seguire puntualmente le leggi della /hiesa o praticare una serie di
precetti morali. 0ignifica bens? assumere il suo stile di vita spirituale, esercitare lo stesso suo atteggiamento
nei confronti del "adre, riconoscere l'azione di Dio, agire alla sua presenza per rimanere nel suo amore, e
consentire cos? alla $razia di fiorire nella storia in modo nuovoI 1/arlo *olari5.
un atto di fiducia totale, incondizionata di chi accoglie $es( e la sua parola e ne condivide le scelte di vita
per somigliare al "adre, praticando un amore simile al suo !Per+-> +-i!n*!e +rede in l!i Hil figlio
dell;LomoI a$$ia la via eerna# 1$iovanni +,';5.
$es(, all.inizio del vangelo di *arco 1'.';5 dice- K/l empo ) +ompi!o e il regno di Dio ) vi+ino#
+onverievi e +redee nel vangelo). /onvertirsi, ossia cambiare mentalit e conformarsi al 6angelo e dare
adesione a $es(, orientando la propria vita al bene degli altri.
Il Divino non chiede all'essere umano di credere in Dio, ma di credere, di avere fiducia nei propri simili e
amarli come Dio li ama, e lo stesso $es( ci chiede di credere nel Dio che lui manifesta.
*a l.evangelista $iovanni mostra chiaramente che la fede una pianta che, curata ogni giorno e nutrita solo
di gesti d.amore, d frutti abbondanti e vita- 7& *!ani per, lo -anno a++olo -a dao poere di divenare
figli di Dio: a *!elli +-e +redono nel s!o nome. i *!ali. non da sang!e n> da volere di +arne n> da volere di
!omo. ma da Dio sono sai generai# 1',':3'+5.
/redere significa essere convinti che il mondo pu cambiare, ma solo cominciando da noi stessi.
/redere non accettare verit teologiche o formule di fede, ma dare adesione al modello di umanit di $es(,
ed essere conquistati e coinvolti nell'azione creatrice.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 5F
I/redere in Dio, infatti, significa ritenere che il Eene esiste gi in forma piena e che, a frammenti, pu
entrare nella storia umana attraverso l'accoglienza fedele e attenta delle offerte di vita che continuamente
fluisconoI 1F5 I/redere in /risto non significa semplicemente appartenere ad una struttura religiosa che si
richiama alla tradizione sorta dalla fede di $es(, nC seguire puntualmente le leggi della /hiesa o praticare
una serie di precetti morali. 0ignifica bens? assumere il suo stile di vita spirituale, esercitare lo stesso suo
atteggiamento nei confronti del "adre, riconoscere l'azione di Dio, agire alla sua presenza per rimanere nel
suo amore, e consentire cos? alla $razia di fiorire nella storia in modo nuovoI 1/arlo *olari5.
/redere non accettare verit teologiche o formule di fede, ma dare adesione al suo messaggio e alla sua
pienezza d.amore, al modello di umanit che 8gli presenta, mettersi in ascolto, in comunione o in sintonia
con Dio e con il suo 0pirito-
3 !GesA le disse: /o sono la ris!rre"ione e la via# +-i +rede in me. an+-e se m!ore. vivr'# 1$iovanni '',:;5
3 !9!esa infai ) la volon' del Padre mio: +-e +-i!n*!e vede il 6iglio e +rede in l!i a$$ia la via eerna# e
io lo ris!s+ier, nell;!limo giorno# 1$iovanni ,,&@5.
8ppure ognuno di noi sa che fede e incredulit sono inscindibili- I4redo. 0ignore1 :a ! ai!a la mia
in+red!li'I, dice il padre dell'indemoniato a $es( in *arco G,:&, perchC la fede senza dubbi non fede vera.
6edi anche O8D8.
Torna all'indice generale
CRESCERE e DIMINUIRE CRESCERE e DIMINUIRE
KL!i deve +res+ere# io. inve+e. dimin!ire), dice il Eattista di $es( 1$iovanni +,+@5.
/rescere e diminuire, sono termini che si usavano Iper designare il sorgere e il tramontare del sole; come
se il Eattista dicesse- nasce un mondo, finisce un altroI 18rnesto Ealducci5.
Torna all'indice generale
CRISTO CRISTO
9raduzione del termine greco =hrists, dell.ebraico 'ashiah, in italiano *800I7.
l.unto, il consacrato del 0ignore, come erano prima i re d.Israele e poi il suo *essia.
Torna all'indice generale
CRISTIANESIMO CRISTIANESIMO
!Il 6angelo libert, nel senso ricchissimo della parola, ma con tutte le implicazioni, anche sociali e
politiche. Oatemi della fede cristiana una professione di stato e voi avete gi ucciso nel cuore il
cristianesimo# 18rnesto Ealducci5.
Torna all'indice generale
CRISTIANO CRISTIANO
!Aon la virt( che ci fa cristiani, ma la risposta generosa, libera, creativa di gesti, di pensieri, di iniziative a
favore dei fratelli# 18rnesto Ealducci5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo B0
6ivere da cristiano difficilissimo, una rarit, ma non impossibile, come ha dimostrato Orancesco d.7ssisi,
contraddicendo il filosofo tedesco Oriedrich Aietzsche quando diceva che- !Di cristiani in tutta la storia ce
n. stato solo uno e quello l.hanno messo in croce#.
Torna all'indice generale
CROCE CROCE
>a crocifissione non era una modalit di esecuzione dei condannati a morte, perchC il diritto penale giudaico
prevedeva la lapidazione e lo strangolamento, mentre i romani decapitavano, come l.apostolo "aolo.
8ra invece una tortura inventata dai persiani per gli schiavi fuggitivi o per coloro che si erano macchiati di
particolari efferati delitti, ma poi molto usata dai romani come deterrente, al fine di terrorizzare gli schiavi, i
traditori e i ribelli, tanto che 9acito la definisce il supplizio degli schiavi. 0econdo il diritto romano, la pena
non era applicabile ai cittadini di 2oma.
Durante l.assedio di $erusalemme da parte delle legioni romane del generale 9ito, poi diventato imperatore,
gli storici narrano che si arrivasse a crocifiggerne fino a ;@@ al giorno. Ae fece largo uso 7ntioco I6 8pifane
contro gli ebrei insorti, ma poi anche i *accabei e la dinastia regnante degli 7smodei, vincitori sui 0eleucidi.
Aon era un modo di condannare a morte, ma un supplizio vero e proprio che durava diversi giorni finchC la
morte del crocifisso sopraggiungeva per asfissia.
Il condannato, denudato, era condotto verso il luogo destinato 1a $erusalemme era il /alvario5, trasportando
l.asse trasversale 1patibulum5, su cui sarebbe poi stato legato, tra due ali di folla che, a causa di quella morte
infamante, aveva il dovere di percuoterlo, deriderlo e coprirlo di insulti e sputi.
Invece l.uso dei chiodi per trafiggere i polsi 1non le mani5 e i calcagni era molto raro.
/hi aveva assistito ad una crocifissione ne restava terrorizzato per sempre e, nel timore di fare la stessa fine,
preferiva suicidarsi prima che accadesse.
I vangeli, quando parlano della crocifissione di $es( non nominano i chiodi, 1gli evangelisti non inducono
mai in particolari5 ma ne parla $iovanni per bocca di 9ommaso- !(ommaso. !no dei Dodi+i. +-iamao
D8dimo. non era +on loro *!ando venne GesA1 Gli di+evano gli alri dis+epoli: &$$iamo viso il 0ignore%31
:a egli disse loro: 0e non vedo nelle s!e mani il segno dei +-iodi e non meo il mio dio nel segno dei
+-iodi e non meo la mia mano nel s!o fian+o. io non +redo3# 1:@.:&3:;5.
Il palo verticale 1stipes5 restava fissato sul luogo dell'esecuzione e i crocefissi restavano di poco sollevati da
terra, tanto poco da poter essere divorati vivi da cani, volpi, o attaccati dagli uccelli che miravano agli occhi.
7lla fine, se la condanna veniva eseguita con i due pali, si formava una 9 oppure una croce, specie nel caso
ci si dovesse appendervi una tavola di legno con il motivo della condanna 1titulus5. 7ltre volte i condannati
venivano appesi ad un palo, un albero o ad una porta, talora sulla porta della citt se doveva essere di monito
per tutti coloro che transitavano.
"er ritardare la morte e prolungare la tortura, si usava sorreggere il condannato con un piolo posto tra le
gambe, che permetteva di appoggiarsi per respirare, oppure un cuneo su cui appoggiare i piedi legati o, talora
con i calcagni trafitti da un unico lungo chiodo.
2imanevano cos? anche per molti giorni, tra atroci sofferenze e divorati dalla sete.
Oar precedere la crocifissione dalla flagellazione era, in fondo, una forma di piet perchC il condannato, se
sopravviveva alla flagellazione, moriva molto pi( rapidamente, com. accaduto a $es(. Bn altro metodo per
accelerare la morte era quello di spezzare le gambe dei condannati che, non potendosi pi( sostenere,
soffocavano rapidamente, come racconta $iovanni- !2ra il giorno della Paras+eve e i Gi!dei. per+-> i +orpi
non rimanessero s!lla +ro+e d!rane il sa$ao era infai !n giorno solenne *!el sa$ao . +-iesero a
Pilao +-e fossero spe""ae loro le gam$e e fossero porai via1 Vennero d!n*!e i soldai e spe""arono le
gam$e all;!no e all;alro +-e erano sai +ro+ifissi insieme +on l!i1 Ven!i per, da GesA. vedendo +-e era gi'
moro. non gli spe""arono le gam$e # 1'G,+'3++5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo B1
I cadaveri erano poi gettati in una fossa comune, ma $es( fu salvato dall.intervento provvidenziale di
$iuseppe di 7rimatea e di Aicodmo.
0e la crocifissione era, per i romani,un supplizio per punire gli schiavi che osavano ribellarsi, per gli ebrei
era una maledizione divina- !0e !n !omo avr' +ommesso !n delio degno di more e ! l;avrai messo a
more e appeso a !n al$ero. il s!o +adavere non dovr' rimanere !a la noe s!ll;al$ero. ma lo seppellirai
lo sesso giorno. per+-> l;appeso ) !na maledi"ione di Dio e ! non +onaminerai il paese +-e il 0ignore. !o
Dio. i d' in eredi'# 1Deuteronomio :',::5.
/rocifissi ed impiccati erano i maledetti da Dio e per questo dovevano restare appesi, poco sospesi da terra
1nC in terra nC in cielo5 ossia rifiutati da tutti.
$es( aveva compreso che, se portava fino in fondo la volont di aderire sempre al progetto d'amore di Dio,
sarebbe stato ignominiosamente ucciso, ma accett ugualmente questo rischio per mostrare a tutti la potenza
dell.amore gratuito e illimitato del "adre, e la morte, liberamente scelta, diventava cos? l'atto redentivo
gradito a Dio, perchC mostrava agli uomini, attraverso $es(, un amore che non conosce limiti.
3 7>a croce, abisso di male senza limiti, l'unico contenitore capace di accogliere quel bene infinito che
Dio# 10ilvano Oausti5.
3 !/hiunque fa dell'amore il senso della vita morir crocifisso# e infatti !$es( non poteva passare in mezzo
alle grandi costruzioni del mondo antico senza esserne schiacciato. 8ra giusto che fosse crocifisso perchC
non c'era posto in questo mondo per un essere libero, in quanto questo essere libero destabilizza le
fondamenta del mondo# 18rnesto Ealducci5.
Huesta morte ignominiosa fu voluta dalle autorit religiose e $es( non l.ha voluta sfuggire perchC se avesse
evitata , avrebbe dovuto scendere ad un compromesso con il mondo e la sua testimonianza sarebbe stata
inefficiente. Aon ha ceduto ed morto torturato, mentre continuava a mostrare l'amore che Dio ha per tutti,
anche per chi lo crocifiggeva. 7nche quello che sembra un fallimento, l'ingiustizia, la persecuzione e la
morte ignominiosa, possono essere vissuti in maniera positiva, continuando ad amare oltre ogni aspettativa
ed ogni logica apparente. >a stessa cosa, ossia accettare la persecuzione dei potenti per testimoniare
1martireo5 la forza redentrice dell.amore, chiesta ad ogni uomo, in sua memoria- !0ono stati i potenti e i
sapienti che hanno crocifisso $es( /risto e sono loro che crocifiggono l'uomo# scriveva 8rnesto Ealducci.
I 0ommi 0acerdoti scelsero per lui la crocifissione 1mentre avrebbe dovuto essere lapidato5 perchC la morte
in croce era considerata una maledizione da parte di Dio, e per convincere il popolo che non poteva essere lui
il *essia. "ilato l.avvall per timore di essere denunciato all.imperatore- !Pilao +er+ava di meerlo in
li$er'1 :a i Gi!dei gridarono: 0e li$eri +os!i. non sei ami+o di 4esare% 4-i!n*!e si fa re si mee +onro
4esare3# 1$iovanni %,':5 e anzi, per sicurezza fece scrivere che era stato condannato per essersi proclamato
!re di $iudei#. !Pilao +ompose an+-e l;is+ri"ione e la fe+e porre s!lla +ro+e# vi era s+rio: GesA il
Na"areno. il re dei Gi!dei3# 1$iovanni 'G,'G5.
Infatti per il delitto di lesa maest, il diritto romano prevedeva la morte.
$es( mori in croce, secondo il nostro calendario, il 4 aprile dell.anno +@ 1quando oramai 9iberio si era
ritirato a /apri da quattro anni5 unico giorno possibile in cui capitava il plenilunio nel giorno di sabato, come
dice $iovanni evangelista- !2ra il giorno della Paras+eve e i Gi!dei. per+-> i +orpi non rimanessero s!lla
+ro+e d!rane il sa$ao era infai !n giorno solenne *!el sa$ao . +-iesero a Pilao +-e fossero spe""ae
loro le gam$e e fossero porai via# 1'G,+'5. Il precedente plenilunio di sabato era capitato nel :4 1troppo
presto5 e il successivo capitava il +, 1troppo tardi5.
Ael 9almud 1trattato 0anedrin5 scritto che $es( fu appeso al legno il '& di Aisan a mezzogiorno e mor? alle
tre, mentre nel 9empio si macellavano gli agnelli pasquali che dovevano essere mangiati la sera stessa.
$es(, ad ogni annunzio della sua passione e morte, fece seguire l.annunzio della resurrezione.
8 cos? sar per chiunque decide di seguirlo in questo cammino di diffamazione 1indemoniato, bestemmiatore,
pazzo, imbroglione, mangione e beone5 e di persecuzione- !=i+ordaevi della parola +-e io vi -o deo: Ln
servo non ) piA grande del s!o padrone31 0e -anno perseg!iao me. perseg!ieranno an+-e voi# se -anno
osservao la mia parola. osserveranno an+-e la vosra# 1$iovanni ';,:@5.
Infatti !/hiunque fa dell'amore il senso della vita, morir crocifisso# 18rnesto Ealducci5, come ha detto ai
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo B2
suoi discepoli- !GesA disse ai s!oi dis+epoli: 0e *!al+!no v!ole venire diero a me. rinneg-i se sesso.
prenda la s!a +ro+e e mi seg!a1 Per+-> +-i v!ole salvare la propria via. la perder'# ma +-i perder' la
propria via per +a!sa mia. la rover'3 # H*atteo ',,:&3:;5.
*a !la sua croce# non indica le inevitabili disgrazie, malattie, sofferenze, e lutti che comporta il vivere, non
indica qualcosa che viene data da Dio, ma un peso che, solo chi lo vuole, prende volontariamente, solleva,
accettando la perdita totale della propria reputazione senza lasciarsi condizionare nell.amore, anche se sa che
chi ama in questo modo finir crocifisso.
Infatti la comunit di $iovanni, che meglio ha compreso il messaggio di $es(, descrive la scena del $lgota
come un segno di amore e di vita, non di morte ma di vita eterna. 8 anche se sembrava un fallimento,
l'ingiustizia, la persecuzione e la morte ignominiosa possono essere vissuti in maniera positiva, continuando
ad amare.
*a accettare questa visione provoca scandalo e lo stesso apostolo "aolo, per primo, ha dovuto fondare la sua
teologia sul sacrificio del sacrificio e dell'espiazione come risposta al disegno di Dio, che ha sacrificato il
figlio sulla croce. Huesta visione distorta fu poi ripresa prima da 9ertulliano, da 7mbrogio ed infine da
7nselmo d.7osta e trova anche ora una foltissima schiera di accaniti sostenitori, specie al di l del 9evere.
2icordo che solo dal I6 secolo la croce comincia a sostituire vecchi simboli cristiani- il pesce, l'ancora, il
pastore, ma come segno di amore e di vita e non di punizione divina.
*a le cose sono presto cambiate e la croce fu imposta come un segno del sacro sul profano, del clero sui
laici, dei governanti sui sudditi, dell.oppressore sull' oppresso, del forte sul debole, del ricco sul povero, del
bianco sul nero, del padre sui figli, dell'uomo sulla donna.
>a croce comparsa nelle corone e nelle spade, sui vessilli in battaglia, sugli scudi dei crociati, in mano agli
inquisitori, e infine come un gioiello o un talismano tra le tette delle signorine e nei covi dei mafiosi. =ra
serve anche per marcare il territorio della >ega o persino come simbolo di un partito.
>a croce che esportata con le armi, la violenza, l'ingiustizia, quella dei padroni, degli schiavisti, degli
sfruttatori, dei predatori, degli stupratori. /os? nel mondo odiata perchC diventata simbolo di popoli
violenti, razziatori, sfruttatori, atei, negatori di Dio o almeno dell'amore di Dio, come ha dimostrato la guerra
in Iraq e la sua degenerazione.
Torna all'indice generale
DARE GLORIA DARE GLORIA a a DIO DIO
1) 2iconoscere Dio come unico 0ignore, come fanno-
3 gli angeli a Eetlemme- KGloria a Dio nel piA alo dei +ieli e s!lla erra pa+e agli !omini. +-e egli ama)
1>uca :,'&5;
3 le folle alla guarigione del paralitico- !Le folle. vedendo *!eso. f!rono prese da imore e resero gloria a
Dio +-e aveva dao !n ale poere agli !omini# 1*atteo G,%5;
3 le folle e il paralitico guarito- I0!$io egli si al", davani a loro. prese il le!++io s! +!i era diseso e and,
a +asa s!a. glorifi+ando Dio1 (!i f!rono +oli da s!pore e davano gloria a Dio# pieni di imore di+evano:
<ggi a$$iamo viso +ose prodigiose3# in >uca ;,:;3:,;
3 il centurione vedendo morire $es(- !GesA. gridando a gran vo+e. disse: Padre. nelle !e mani +onsegno il
mio spirio31 Deo *!eso. spir,1 Viso +i, +-e era a++ad!o. il +en!rione dava gloria a Dio di+endo:
Veramene *!es;!omo era gi!so3# 1>uca :+,&,3&45;
3 $es( rammaricato dopo la guarigione di dieci lebbrosi- !Non si ) rovao ness!no +-e ornasse indiero a
rendere gloria a Dio. all;inf!ori di *!eso sranieroC# 1>uca '4.'%5.
3 *a nell.episodio della donna curva guarita in sinagoga nel giorno di sabato, >uca esagera perchC fa
glorificare Dio da una donna- ! 1$es(5 sava insegnando in !na sinagoga in giorno di sa$ao1 4;era l' !na
donna +-e !no spirio eneva inferma da di+ioo anni# era +!rva e non ri!s+iva in al+!n modo a sare
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo B3
diria1 GesA la vide. la +-iam, a s> e le disse: Donna. sei li$eraa dalla !a malaia31 /mpose le mani s!
di lei e s!$io *!ella si raddri"", e glorifi+ava Dio# 1>uca '+,'@3'+5.
2) Bna richiesta fatta al nato cieco di essere sincero fino in fondo, confessando apertamente le proprie colpe
anche se andasse a proprio danno- !&llora +-iamarono di n!ovo l;!omo +-e era sao +ie+o e gli dissero:
Da; gloria a Dio% Noi sappiamo +-e *!es;!omo ) !n pe++aore3# 1$iovanni G,:&5.
3) $li uomini danno gloria a Dio quando l'amore tradotto in gesti concreti verso gli altri.
I farisei invece cercano la loro gloria, perchC cercano il plauso per quello che fanno.
Torna all'indice generale
DAVIDE DAVIDE
Davide un personaggio romantico, epico, in gran parte mitizzato; ma una volta depurato da tutto ci che
leggenda, folDlore e agiografia, rimane sempre la figura di un grande personaggio storico.
Aoto come un giovane e tranquillo pastorello, un mistico, un poeta idilliaco 1a lui sono attribuiti molti passi
biblici5, una figura messianica idealizzata nelle storie agiografiche. *a anche un capobanda di sbandati,
ricercati, razziatori, avventurieri, un brutale mafioso ante litteram che scorrazzava nei territori palestinesi
promettendo protezione e taglieggiando le popolazioni 1'0amuele :;5, un sanguinario uomo di potere che
mise a tacere tutti i suoi nemici, un uomo di conquista che si sentiva padrone di tutto e di tutti, ma anche un
uomo politico, certo senza scrupoli, ma abile, lungimirante, avveduto e fortunato, un sanguinario capo
militare, spinto da un.ambizione senza fine, proteso a diventare il padrone assoluto delle dodici trib(.
Aello stesso tempo capace di grande magnanimit e misericordia, verso il figlio 7ssalonne che voleva
usurpare il suo regno e verso 0aul che lo ricercava per ucciderlo, e che, per due volte, salv.
Davide ha il grande merito di aver costruito una nazione, di aver dato a quell.accozzaglia di trib( in eterna
lotta tra loro, il senso dello stato e di aver fondato una nazione omogenea.
!>.immagine di David che noi oggi possediamo spesso segnata dalla idealizzazione che ne hanno fatto gli
scrittori biblici posteriori. 1F5 essi sapevano per che David stava all.inizio della grande epopea politica di
Israele. 8 cos? ricoprirono di uno splendore d.oro i racconti del periodo davidico. 1F5 David entr alla corte
di 0aul come porta spada e suonatore di cetra. 1F5 David non rimase a lungo alla corte di 0aul.
"robabilmente 0aul cap? che David poteva essere un rivale. /os? David fugg? e nella steppa raccolse attorno
a sC una truppa speciale a lui devota. Huesti soldati di professione non erano dunque devoti in primo luogo a
una causa, ma a una persona, certo non a titolo gratuito. >a truppa di David non era un esercito popolare, ma
era costituita da Kesperti) e soldati di professione. Huesto fatto rendeva superiore rispetto alle truppe di
Israele. Infine David con la sua truppa si era nesso al servizio del grande nemico di Israele, al servizio cio
dei filistei. 0ebbene ora egli fosse un loro feudatario, pare che riuscisse a evitare un impiego delle sue truppe
contro Israele. Dopo che 0aul si fu suicidato, David potC rischiare di tornare nella sua trib( d.origine. Hui
venne proclamato re delle trib( meridionali. Huando fu ucciso il re delle trib( settentrionali, che era figlio di
0aul, David fu nominato anche re delle trib( del Aord. Da allora le due parti del regno furono riunite nella
sua persona. Oormarono un unico regno soltanto perchC avevano un re in comune. "er tutta la sua vita David
riusc? a tenere unite le due parti, unione che dur fino alla morte di suo figlio 0alomone. Bn po. alla volta
David ingrand? il suo regno, che divenne uno Kstato di molti popoli). >e sue truppe, che continuavano ad
essere formate da soldati di professione, conquistarono molte citt3stato cananee. 1F5 Ou una grande impresa
di David il riuscire a tenere insieme questo stato complicato. 7nche verso l.esterno egli riusc? a render sicuro
il suo grande regno. 2iusc? a spezzare definitivamente la supremazia militare dei filistei e ad infliggere dure
sconfitte ai suoi precedenti padroni. 7 questi successi militari di David diede un contributo anche il fatto che
in quell.epoca nessuna grande potenza straniera esercitava un.influenza abbastanza forte nel territorio del
suo grande regno. I sui nemici furono quindi solo piccoli stati. 7nzitutto David riusc? a conquistare
$erusalemme. 0ino a quel momento questa citt era considerata inespugnabile. 7ttorno all.anno '@@@ per le
truppe di David riuscirono a conquistarla con un colpo di mano. Oorse penetrarono per la galleria che
congiungeva la citt con una sorgente. 1F5 David non aggiudic questa conquista a una delle trib(, ma alla
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo B4
sua propriet personale. Il fatto comport un considerevole aumento dei suoi possedimenti personali. Inoltre
la conquistata Kcitt di David) era libera dagli atti di gelosia esistenti fra le trib( perchC si trovava in
territorio Kneutrale). D.altra parte gli abitanti della citt per gran parte non erano israeliti. David fece di
$erusalemme la capitale del suo regno. Ingrand? la citt e la un? con la tradizione religiosa del suo popolo.
Oece portare con solennit !l.arca dell.alleanza# a $erusalemme. 0ino a quel momento $erusalemme non
aveva avuto alcun ruolo nella tradizione religiosa. Da allora per incominci a diventare anche il centro
religioso. 0otto un successore di David questa strada doveva portare fino alla !centralizzazione del culto#- in
seguito soltanto il culto del 9empio di $erusalemme fu considerato legittimo# 1Vlaus 6ogt5.
Davide era entrato in scena come un umile pastorello nato a Eetlemme, capoluogo della trib( di $iuda ad %
Vm a sud di $erusalemme, figlio di Iesse, un facoltoso possidente, e nipote di 2uth, una donna straniera,
anzi, peggio, una moabita.
Bnto re dal profeta 0amuele, entr alla corte di 0aul come scudiero ma poi fu addetto a suonare la cetra per il
re malato. Eello, valoroso, prode e saggio, fu preso a benvolere da tutta la corte e da 0aul 1In'/ronache
'&,'4 si dice- !La fama di Davide si diff!se in !i i paesi. menre il 0ignore lo rendeva erri$ile fra !e le
geni#5. *a ben presto prevalsero diffidenza e gelosia e Davide, aiutato dei figli di 0aul, dovette fuggire per
non rischiare di essere ucciso.
"er lui cominci una vita da fuorilegge nel deserto di $iuda, fino al *ar *orto e al 0inai, a capo di una
banda di avventurieri mercenari, fino a mettersi a servizio di un principe filisteo, che lo fece feudatario di un
territorio, anche se Davide rimase sempre in ottimi rapporti con le trib( del sud.
*a nella battaglia decisiva tra le sei trib( del sud e i filistei, questi, per sua fortuna, non lo vollero in campo.
0aul venne sconfitto e si suicid, mentre Davide si recava a *amre, santuario delle trib( del sud. 7bner, il
generale di 0aul sopravvissuto, si salv e poi nomin re Is3baal, il figlio di 0aul, mentre Davide veniva fatto
re di $iuda dalle trib( del sud. 0i consum cos? la divisione della confederazione su cui aveva regnato 0aul.
*a 7bner e Is3baal morirono in battaglia, mentre David, nel frattempo, aveva sposato *ical, diventando cos?
il genero del defunto 0aul.
Infatti il re aveva, molti anni prima, promesso la figlia minore *ical a Davide, ma poi l.aveva data in sposa
ad un altro. 7lla morte del re, Davide pretese di riaverla, divenendo il legittimo pretendente al trono. 0e ne
parla in '0amuele '%,:@3::- !/nano :i+al. l;alra figlia di 0a!l. s;invag-8 di Davide# ne riferirono a 0a!l e
la +osa gli sem$r, gi!sa1 0a!l di+eva: Gliela dar,. ma sar' per l!i !na rappola e la mano dei 6ilisei
+adr' s! di l!i31 2 0a!l disse a Davide: <ggi -ai !na se+onda o++asione per divenare mio genero31
9!indi 0a!l ordin, ai s!oi minisri: Die in segreo a Davide: ?2++o. ! pia+i al re e i s!oi minisri i
amano1 0!. d!n*!e. divena genero del re3#.
9re donne, fra le tante mogli e concubine, furono decisive nella vita di Davide-
3 *ical, la figlia del re 0aul, che Davide us per l.ascesa al trono.
3 7bigail la moglie di Aabal, che pag a Davide il pizzo che il marito si era rifiutato di pagare; quando Aabal
mor? di crepacuore, Davide si prese, con la moglie, le sue grandi ricchezze.
3 Eetsabea, la moglie di un suo generale, Bria l'Ittita, che Davide aveva presa come amante, aveva messa
incinta, cercando poi di far passare il nascituro come figlio del marito; ma Bria aveva mangiato la foglia, per
cui Davide fece in modo che fosse ucciso in battaglia.
Davide stava regnando bene nel territorio di $iuda e al nord aveva lasciato un buon ricordo, per cui gli
anziani delle trib( del nord lo elessero re anche d.Israele ed egli, riunificato il regno che fu di 0aul, vinse
definitivamente i filistei, che per non furono mai assoggettati. *a mentre 0aul era stato messo a capo di
una confederazione, mentre il re Davide diede a quel popolo uno stato e una patria comune.
Il regno per non aveva una capitale, ma Davide aveva gi la soluzione pronta. 7veva conquistato, con uno
stratagemma, una citt3stato indipendente, la citt gebusea di $erusalemme, di cui si era s(bito dichiarato re,
pur senza scacciarne gli abitanti. >a citt e il suo territorio diventarono un suo possedimento personale e
$erusalemme era detta !la citt di Davide#. Aon essendo nC delle trib( del nord, nC di quelle del sud, poteva
diventare, e diventer, la capitale di tutti. Bn vero colpo di genio.
2ipudiata la moglie *ical, Davide spos la sua amante Eetsabea, da cui nacque, dopo la morte del
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo B5
primogenito, 0alomone che, per le trame della madre, regn dopo di lui, avendo usurpato il trono al
primogenito 7donia, il legittimo successore, che era stato fatto uccidere.
Davide non solo riun? le ': trib( in un solo regno ma conquist anche molti territori di popolazioni locali-
/ananei, 7mmoniti, 7ramei e *oabiti. I Oilistei furono vinti ma non furono assoggettati.
/on la monarchia davidica inizia una specie di capitalismo ante litteram, fondato su tasse pesanti e sul
latifondo, con sudditi ricchissimi e altri poverissimi. Bno stato forte e ben funzionante, con uno stuolo di
efficienti burocrati e cortigiani.
7 riprova della sua capacit unica di condottiero, politico e governante, Davide aveva pronta anche la
ciliegina da mettere su quella succulenta torta. Infatti il santuario dell.7rca era finito nelle mani dei filistei e,
con il tempo, era stato quasi dimenticato. Davide lo riport a $erusalemme 3 sotto una tenda eretta sul monte
0ion 3 con tutti gli onori, durante una grandiosa festa popolare, condita, come si usa, da regalie per il popolo.
Il santuario era ormai nella citt di sua propriet, i sacerdoti erano funzionari pubblici e lui ne aveva il pieno
controllo. >a citt di sua propriet divenne cos? il centro religioso della nazione giudaica, il santuario
nazionale unico, verso cui far affluire tutte le ricchezze del regno- !2gli si +osr!8 edifi+i nella 4i' di
Davide. prepar, il poso per l;ar+a di Dio ed eresse per essa !na enda# 1'/ronache ';,'5.
"ur avendo acquisito il terreno su cui avrebbe voluto costruire il 9empio, egli non lo edific perchC Dio
stesso glielo imped?- !(! -ai versao roppo sang!e e -ai fao grandi g!erre. per+i, non edifi+-erai !n
empio al mio nome# 1'/ronache ::,%5.
/i penser 0alomone, mettendo il suo popolo ai lavori forzati.
Torna all'indice generale
DEDICAZIONE DEDICAZIONE
Ael ',4 a. /. 7ntioco I6 8pifane, re della 0iria, della dinastia dei 0eleucidi, tentando di ellenizzare la
"alestina, arriv ad innalzare nel tempio di $erusalemme una statua di $iove =limpico- per gli ebrei era
!l.abominio della desolazione#.
>a rivolta, guidata dai *accabei, fu pronta ed efficace e tutto il territorio fu presto sotto il controllo dei
discendenti del sacerdote *attatia che aveva dato inizio alla rivolta. $i tre anni dopo, $iuda *accabeo, nel
',&, potC celebrare la purificazione e riconsacrazione del 9empio. >a data viene ricordata nel :;Y giorno del
nono mese del calendario ebraico, il mese denominato /asleu, a cavallo tra novembre e dicembre. >a festa
detta della Inaugurazione o Dedicazione, ricorre nel periodo del solstizio d'inverno, il nostro Aatale, ed
perci celebrata la vittoria della luce sulle tenebre 1festa delle >uci5. Huella che era detta la !festa grande
d.inverno#, durava otto giorni ed era connessa al ritorno del *essia atteso. 0i leggevano in quei giorni le
profezie del profeta 8zechiele che annuncia Dio come vero pastore che d la vita per il suo popolo.
Ael capitolo '@ di $iovanni scritto !=i+orreva allora a Ger!salemme la fesa della Dedi+a"ione1 2ra
inverno1 GesA +amminava nel empio. nel pori+o di 0alomone1 &llora i Gi!dei gli si fe+ero aorno e gli
di+evano: 6ino a *!ando +i errai nell;in+ere""aC 0e ! sei il 4riso. dillo a noi aperamene )# 1'@,::3:&5.
Torna all'indice generale
DEM&NIO DEM&NIO
Demnio la traduzione italiana di un termine che si trova nella traduzione in greco della bibbia ebraica 1la
>SS5, usata per alcune figure fantastiche semiumane mitologiche molto presenti nella cultura babilonese e
conosciute dagli ebrei in esilio in *esopotamia.
/on questo unico termine venivano chiamate, per esempio, le arpie, le sirene, i centauri ecc.
Inoltre la Eibbia ebraica chiama demni gli dei stranieri, gli idoli e le potenze spirituali semidivine che
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo B6
affollavano l.immaginario di quelle primitive civilt arcaiche.
7nche i vangeli parlano della presenza tra gli uomini dei demni e degli spiriti impuri, come di una forza che
agisce negativamente sull.uomo e gli impedisce di essere se stesso, una realt alienante che distrugge la
persona e gli toglie la forza vitale- sono tutte le ideologie di potere e di sopraffazione.
Huesta realt, nemica di Dio, il potere, la dottrina e gli insegnamenti degli scribi che nascondeva agli
israeliti il vero volto di Dio, nascosto da ideologie e fanatismi religiosi.
>o raccontano molto bene gli episodi di *arco ',:+ 1l.indemoniato della sinagoga di /afarnao5, *arco 4,:&3
+4 1la figlia della donna siro3fenicia e il sordomuto5, >uca '+,'@3'4 1la donna curva in una sinagoga nel
giorno di sabato5 e infine in *atteo ':,&+3&; quando $es( parla della generazione che gli contemporanea
che non si decide a scegliere il suo messaggio liberatorio e perci rischia di cadere in un baratro profondo.
$es( li vince con la forza dello 0pirito della verit, che il mondo della religione !non p!, ri+evere per+->
non lo vede e non lo +onos+e# 1$iovanni '&,',5.
7llora scribi, farisei e sommi sacerdoti detentori, in nome di Dio, del potere assoluto sul popolo lo insultano
1in $iovanni ':,:&- K:a i farisei. !dendo *!eso. dissero: 4os!i non s+a++ia i dem,ni se non per me""o di
7eel"e$Al. +apo dei dem,ni)5, lo combattono e finiranno per ucciderlo come si uccidevano gli schiavi ribelli,
ossia crocifiggendolo.
/i sono poi gli indemoniati dei nostri tempi che vengono considerati posseduti dal diavolo. *a va ricordato
che mai, nei vangeli, si trova scritto che qualcuno sia posseduto dal satana o dal diavolo, nonostante le
infondate campagne terroristiche di alcuni preti, nominati ad hoc dai vescovi, a loro volta nominati dal
6aticano. Dobbiamo chiedersi come si possano ancora permettere, in paesi che si dichiarano civili, queste
agghiaccianti violenze sulla persone, praticamente solo bambini o donne, che vengono esorcizzate,
naturalmente, da uomini.
Il *edio 8vo tra noi e chiss che non tornino anche i roghi. /hi ha uno stomaco abbastanza forte cerchi sul
Neb le immagini orribili, spaventose, atroci, impressionanti, terrificanti, agghiaccianti, delle sadiche
violenze eseguite con fredda e lucida determinazione a segnare per sempre quelle vite.
6edi anche DI76=>=.
Torna all'indice generale
DENARO DENARO
8ra la moneta romana d'argento del peso di circa & grammi, che equivaleva, al tempo di $es(, a ', assi,
oppure ad una dracma greca, ossia la paga giornaliera di un operaio, ma anche di un legionario.
7l tempo di /esare 7ugusto era la moneta usata in tutto l'impero con una parit fissa predeterminata e
durante i giorni della predicazione di $es( portava l.effige di 9iberio, il che, per gli ebrei, era un obbrobrio, a
causa della rappresentazione di una figura umana, tra l.altro divinizzata, dell.odiato straniero che occupava il
sacro suolo. !>e tasse sono sempre pagate ovunque di malavoglia, ma, a rendere odioso il tributo, si
aggiungeva in "alestina un motivo di ordine religioso- il denaro richiesto aveva su un lato la raffigurazione
dell'imperatore di 2oma e l'iscrizione- K9iberio /esare, figlio augusto del divino 7ugusto) e sul retro il
titolo K0ommo "ontefice) con l'immagine di una donna seduta, simbolo della pace, forse >ivia, la madre di
9iberio# 1Oernando 7rmellini5.
Di questo parla il racconto della trappola tesa a $es( per metterlo contro i romani 1>uca :+,'3:5 oppure per
accusarlo di essere un collaborazionista- ?2gli domand, loro: 9!esa immagine e l;is+ri"ione. di +-i
sonoC31 Gli risposero: Di 4esare31 &llora disse loro: =endee d!n*!e a 4esare *!ello +-e ) di 4esare e a
Dio *!ello +-e ) di Dio3@ 1*atteo ::,:@3:' e il corrispettivo di >uca :+,:&3:;5- a /esare va reso il denaro e
a Dio, l.uomo, creato a sua immagine.
Da un articolo apparso nel numero di Dicembre :@': di 2occa, scritto da /arlo *olari, riporta una frase di
7rne $arborg, uno scrittore norvegese morto nel 'G:&- !0i dice che col denaro si compri tutto. Ao, non
vero. "otete comprarvi il cibo ma non l.appetito, la medicina ma non la salute, un letto soffice ma non il
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo B5
sonno, il sapere ma non il senno, l.immagine ma non il benessere, il divertimento ma non la gioia, i
conoscenti ma non gli amici, i servitori ma non la fedelt, i capelli grigi ma non la reputazione, giorni
tranquilli ma non la serenit. Il denaro pu comprare la buccia di tutte le cose. *a non il seme. Huello non si
pu avere con il denaro#.
Aei vangeli il termine !denaro# usato anche per indicare la ricchezza.
>uca riporta l.invito di $es( a saper usare la ricchezza, anche e soprattutto quella accumulata ingiustamente,
per aiutare gli altri- !2$$ene. io vi di+o: Pro+!raevi ami+i +on la disonesa ri++-e""a. per+->. *!and;essa
verr' a man+are. vi a++olgano nelle dimore eerne# 1',,G5.
6edi anche *7**=A7, "=682I, 2I//M8<<7, 2I//=.
Torna all'indice generale
DEPORRE DEPORRE
Il termine deporre molto usato da $iovanni-
3 !Per *!eso il Padre mi ama: per+-> io do la mia via. per poi riprenderla di n!ovo# 1'@,'45.
3 $es( !domand,: Dove lo avee posoC31 Gli dissero: 0ignore. vieni a vedere%)# 1'',+&5.
3 $es( !si al", da avola. depose le vesi. prese !n as+i!gamano e se lo +inse aorno alla via# 1'+,&5.
3 !<ra. nel l!ogo dove era sao +ro+ifisso. vi era !n giardino e nel giardino !n sepol+ro n!ovo. nel *!ale
ness!no era sao an+ora poso1 L' d!n*!e deposero GesA. per+-> era il giorno della Paras+eve dei gi!dei.
e dao +-e *!el sepol+ro era vi+inoI 1$iovanni 'G,&'3&:5.
KI crocifissi, condannati alla pena capitale soprattutto per terrorismo, dovevano restare al patibolo fino alla
consumazione del cadavere, lasciato in pasto agli animali selvatici in segno di ludibrio e di profanazione. 0i
violava, cos?, la norma biblica secondo la quale il cadavere doveva essere sepolto al tramonto per impedire
che contaminasse la terra santa d'Israele 1Deuteronomio :',::3:+5. Huel cadavere, comunque, doveva essere
sepolto in una fossa comune, approntata dall'alta corte di giustizia, lontano dalle tombe dei padri. 9uttavia
era possibile che i parenti o una personalit autorevole potessero ottenere dall'autorit romana la consegna
del corpo del crocefisso. 7nzi il filosofo giudeo di 7lessandra d'8gitto, Oilone, menziona l'uso di rilasciare ai
parenti le salme dei crocifissi in occasione del genetliaco dell'imperatore o dei prefetti romani locali)
1$ianfranco 2avasi5.
Diverso il verbo usato da >uca 1:,45- ?Diede alla l!+e il s!o figlio primogenio. lo avvolse in fas+e e lo
pose in !na mangiaoia. per+-> per loro non +;era poso nell;alloggio@1 Il testo in realt dice -?lo adagi, in
!na mangiaoia@.
Torna all'indice generale
DESERTO DESERTO
Il termine greco remos 1da cui l.italiano eremita5 traducibile con deserto, ma usato anche per dire un
luogo solitario, disabitato 1remos tpos5.
Il deserto certo un luogo !geografico# ma sopratutto !teologico#, ossia una realt dove verificare la
fedelt a Dio. Il popolo ebraico nel 0inai per quarant.anni fu messo alla prova 1Deuteronomio %,:5, per
crescere, maturare, per fare una seria verifica della sua fede in LahR- !il luogo della prova e della fedelt a
Dio#, dice 0ilvano Oausti. Diceva 8rnesto Ealducci- IIl deserto, pi( che un luogo geografico, una categoria
antropologica permanente del discorso profetico perchC il deserto indica il ricominciare da capo, il riprendere
le misure a partire da zeroI.
*a il deserto anche ricco di simboli- C il luogo d.incontro con la tentazione, dell'intimit tra due che si
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo BB
amano, dell'incontro con l'7ssoluto e dove LahR si rivela, il luogo della sua "resenza, ma anche il luogo
dove Dio tradito.
Il Eattista fa la sua esperienza profetica, simile a quella del profeta 8lia, lontano da $erusalemme, dal
9empio e dalle sue idolatrie, nel deserto di $iuda, nei territori degradanti verso il mar *orto.
Ael deserto $es( tentato per &@ giorni 1le sue tentazioni sono le stesse dei &@ anni del popolo ebraico
raccontate nel libro dell.8sodo5 che gli evangelisti narrano con la tecnica del midrsh.
2icchezza, potere e gloria sono le eterne tentazioni che il 0atana mette in atto anche nei riguardi della
/hiesa, che, troppo spesso, ha dimenticato la parola del /risto e ha ceduto, tradendolo e rinnegandolo.
*arco 1',':3'+5 racconta di $es(, ricevuto il battesimo di $iovanni e dopo il riconoscimento come Oiglio di
Dio- !2 sA$io lo 0pirio lo sospinse nel desero e nel desero rimase *!arana giorni. enao da 0aana#.
!Huattro il numero dell'uomo in attesa di salvezza, che rimanda allD2sodo. come i multipli di &, ossia &@@
anni d'esilio in 8gitto, &@ anni di 8sodo, &@ giorni per $es(; un.esperienza non unica, perchC molto diffusa
nel mondo rabbinico di Israele quando, prima di ricevere l'investitura a rabbino, molti facevano
quest'esperienza di quaranta giorni di deserto che era un identificarsi, un partecipare all'esperienza dell'esodo,
era appunto un vivere l'esperienza del !deserto# cio l'esperienza del silenzio, dell'ascolto, della solitudine, e
quindi della totale dipendenza da Dio# 10alvatore Origerio5.
$es( vive questa condizione come !Bna situazione di esperienza religiosa particolarmente intensa, nuova,
decisiva e drammatica, come fu anticamente il passaggio del popolo ebraico attraverso il deserto del 0inai#
10ilvano Oausti e altri5.
bene per ricordare che, nei vangeli, il satana ha il volto concreto dei farisei, dei sadducei, dei sommi
sacerdoti, ma anche di "ietro, quando vuol dettare le sue condizioni di comportamento al *essia. *a KVa
diero a me. 0aana% Per+-> ! non pensi se+ondo Dio. ma se+ondo gli !omini ), dice $es( al diavolo
tentatore 1*arco %,++5.
Torna all'indice generale
DESTINO DESTINO
6edi /70=.
Torna all'indice generale
DIASPORA DIASPORA
Derivante da un termine greco che significa !dispersione#, la traduzione del nome ebraico galut che
significa !esilio#.
/on il termine !diaspora# si indicano le diffusioni spontanee o forzate, di colonie ebraiche, che diedero
origini a tantissime comunit, anche di notevole importanza, dapprima in tutto il mediterraneo e poi in tutto
ilmondo. Da sempre, fino ai nostri giorni, le comunit ebraiche si radunano intorno alle sinagoghe.
>.inizio della dispersione pu essere fatta risalire al tempo della deportazione degli abitanti del 2egno del
Aord 12egno d'Israele5 nel 4+: a. /. con il re assiro 0argon II e proseguita, tra il ,@+ e il ;%' a. /. per opera
del re di Eabilonia Aabucodonosor II, per quanto riguarda il 2egno di $iuda e la citt di $erusalemme.
9ra il III e il II sec. a. /., nella grande e potente comunit ebrea di 7lessandria d.8gitto nasce, per volont
degli ebrei della diaspora, che ormai non parlano pi( l.ebraico, la traduzione in greco della Eibbia ebraica
detta !la 08997A97# 1>SS5.
Ael 4@ d. /. 9ito, a seguito della rivolta antiromana della $iudea e della $alilea, rade al suolo la citt di
$erusalemme e il 9empio e deporta in "uglia circa ;@@@ superstiti.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo BF
proprio nella diaspora che nascono e si sviluppano le scuole rabbiniche.
>e sinagoghe della diaspora divennero successivamente i primi centri per la diffusione del cristianesimo nel
mondo, specie per la predicazione di "aolo e di "ietro.
*a, per gli ebrei, quando il *essia arriver, riunir tutti i dispersi d.Israele, riportandoli nella terra promessa.
Torna all'indice generale
DIAVOLO DIAVOLO
>o spirito del male nelle scritture chiamato con il nome greco di diavolo 1diabolos da diaballo che significa
distruggo, faccio a pezzi, contrapposto a simballo che significa metto insieme5 oppure con il nome ebraico di
satana 1satn5. In particolare si usa di solito- diavolo pi( per indicare separazione, divisione, inganno e
menzogna 1!padre della men"ogna# in $iovanni %,&&5 e satana pi( per indicare accusatore o nemico.
*a nell.7ntico 9estamento il satana indicava sempre un nemico umano- in '0amuele :G,& Davide il satn
dei Oilistei, in '2e '','& l.Idumeo Madah e il satn di 0alomone, in 8ster %,' 7nm il satn del giudaismo.
Ael libro di $iobbe, invece, il satana compare come un ministro alla corte di Dio, che ha il permesso mette
alla prova l.uomo- !<ra. !n giorno. i figli di Dio andarono a presenarsi al 0ignore e an+-e 0aana and, in
me""o a loro1 /l 0ignore +-iese a 0aana: Da dove vieniC31 0aana rispose al 0ignore: Dalla erra. +-e -o
per+orso in l!ngo e in largo3# 1',,345.
8ntrambi i titoli stanno ad indicare la personificazione del male, e sono usati nella religione per togliere a
Dio la responsabilit del male nel mondo e per dire che il male trascende l'uomo, come una forza che lo
seduce e pu vincerlo. Huesto concetto vale anche per il cattolicesimo, anche se $es( dice altrimenti- KDal
di denro infai. +io) dal +!ore degli !omini. es+ono i proposii di male: imp!ri'. f!ri. omi+idi. ad!l)ri.
avidi'. malvagi'. inganno. dissol!e""a. invidia. +al!nnia. s!per$ia. sole""a1 (!e *!ese +ose +aive
vengono f!ori dall;inerno e rendono imp!ro l;!omo) 1*arco 4,:'3:+5 e *atteo 1';,'G5 aggiunge le !false
esimonian"e#- il male procurato e quello sub?to per la malvagit degli uomini in genere e, molto peggio,
quello procurato dalle persone religiose.
*arco, nel suo vangelo, nomina solo il !diavolo#, mentre >uca preferisce il !satana#, anche se poi scrive che
$es( tentato dal diavolo.
Aei vangeli P e in particolare in quello di $iovanni 3 il diavolo simbolo di un.ideologia di potere, fanatica e
violenta, che si oppone all.insegnamento di $es(, il simbolo del potere oppressore che tenta gli uomini.
$es(, nel deserto, tentato dal diavolo ad assumere il potere. *a $es(, che non venuto a sostituire un
potere con un altro, ha dichiarato diabolico ogni potere ed ha posto il servizio alla base delle relazioni
umane. In questo senso vanno viste le tentazioni di fare di $es( un *essia politico, portate avanti-
3 da "ietro in *atteo ',,:+ e *arco %,++ 1:a egli. volandosi. disse a Piero: Va; diero a me. 0aana% (!
mi sei di s+andalo. per+-> non pensi se+ondo Dio. ma se+ondo gli !omini%35; ma $es( pregher per lui in
>uca ::,+'3+: 10imone. 0imone. e++o: 0aana vi -a +er+ai per vagliarvi +ome il grano# ma io -o pregao
per e. per+-> la !a fede non venga meno1 2 !. !na vola +onverio. +onferma i !oi fraelli5,
3 da $iuda in >uca ::,+ 1&llora 0aana enr, in Gi!da. deo /s+arioa. +-e era !no dei Dodi+i 5, e, in
$iovanni ,,4@34' scritto- !GesA riprese: Non sono forse io +-e -o s+elo voi. i Dodi+iC 2pp!re !no di voi
) !n diavolo%31 Parlava di Gi!da. figlio di 0imone /s+arioa: +os!i infai sava per radirlo. ed era !no dei
Dodi+i#, mentre in '+,: scrive- !D!rane la +ena. *!ando il diavolo aveva gi' messo in +!ore a Gi!da.
figlio di 0imone /s+arioa. di radirlo# e in '+,:4- !&llora. dopo il $o++one. saana enr, in l!i#,
3 dai farisei e i sadducei in *atteo ',,'1/ farisei e i sadd!+ei si avvi+inarono per enarlo e gli +-iesero +-e
mosrasse loro !n segno dal +ielo5,
3 dai farisei, gli erodiani e i dottori della >egge in *atteo ::,+& 1&llora i farisei. avendo !dio +-e egli aveva
+-i!so la $o++a ai sadd!+ei. si ri!nirono insieme e !no di loro. !n doore della Legge. lo inerrog, per
enarlo5,
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo F0
3 dai $iudei, il potere religioso, in $iovanni %,&& 1Voi avee per padre il diavolo e volee +ompiere i desideri
del padre vosro1 2gli era omi+ida fin da prin+ipio e non sava saldo nella veri'. per+-> in l!i non +;)
veri'1 9!ando di+e il falso. di+e +i, +-e ) s!o. per+-> ) men"ognero e padre della men"ogna5.
questo anche il senso dell.invocazione posta alla fine del "adre Aostro di *atteo, !li$era+i dal maligno#
che l.invito dei discepoli a chiedere al "adre un sostegno per non cadere nella tentazione di ricercare per se
stessi il potere.
In *atteo '+,+%3+G 1/l +ampo ) il mondo e il seme $!ono sono i figli del =egno1 La "i""ania sono i figli del
:aligno e il nemi+o +-e l;-a seminaa ) il diavolo5 e in *arco &,'; 19!elli l!ngo la srada sono +oloro nei
*!ali viene seminaa la Parola. ma. *!ando l;as+olano. s!$io viene il saana e pora via la Parola
seminaa in loro5, e pure in >uca %,': 1/ semi +ad!i l!ngo la srada sono +oloro +-e l;-anno as+olaa. ma
poi viene il diavolo e pora via la Parola dal loro +!ore. per+-> non avvenga +-e. +redendo. siano salvai 5 il
diavolo, il satana, indicano colui che non permette che la "arola, il messaggio di amore di servizio portato da
$es(, attecchisca nel cuore degli uomini e sia apportatrice di salvezza.
*a $es( chiede ai discepoli di comportarsi !secondo verit# per non essere travolti dal male, come scritto
in *atteo ;,+4 10ia inve+e il vosro parlare: ?08. s8@. ?No. no@# il di piA viene dal :aligno5.
In '$iovanni ;,'G si afferma che K!o il mondo gia+e soo il poere del maligno) 3 dove il mondo indica
l'insieme delle strutture mondane ostili alla luce ed alla verit, coloro che si oppongono attivamente al
progetto divino di salvezza annunziato da $es(, il mondo ribelle che rifiuta l.amore di Dio, e ogni sistema di
potere ingiusto e oppressore P con le passioni, l'orgoglio, la cupidigia, la gelosia, l'invidia, la smania di
dominare, i sentimenti di rancore.
*a $es( ci assicura 1>uca '@,'%5 che, il potere dello spirito del male sui seguaci veri di $es( finito perchC
c. un avvocato difensore presso il "adre, lo 0pirito 0anto "arclito, cos? che l.accusatore degli uomini non
avr pi( accesso a Dio 1GesA disse loro: Vedevo 0aana +adere dal +ielo +ome !na folgoreI e ?il prin+ipe di
*!eso mondo ) gi' +ondannao# 1$iovanni ',,''5. >o conferma il libro dell.7pocalisse- !&llora !dii !na
vo+e poene nel +ielo +-e di+eva: <ra si ) +ompi!a la salve""a. la for"a e il regno del nosro Dio e la
poen"a del s!o 4riso. per+-> ) sao pre+ipiao l;a++!saore dei nosri fraelli. +ol!i +-e li a++!sava
davani al nosro Dio giorno e noe3# 1':,'@5.
Ae !>a >eggenda del grande inquisitore# del romanzo di DostoevsDi^ !I fratelli Varamazov# lo spirito del
male chiamato !spirito dell.autodistruzione e del non essere#.
7ltri modi di nominarlo sono- il !principe di questo mondo# 1$iovanni ':,+'. '&,+@ e',,''5 !il nemico#
1*atteo '+,:;5, !il maligno# 1$iovanni '4,';5, ma anche, impropriamente, Eeelzeb(, >ucifero 1ma solo nei
testi apocrifi5, o demnio. *a il termine demnio indica in fondo la stessa realt perchC nei demni si
riconoscono tutte la ideologie di potere e di sopraffazione che sottomettono gli uomini e se ne impossessano.
Eeelzeb(l e chiamato !capo dei demni#, non dei diavoli, in *arco +,:: e nei brani corrispettivi di *atteo
':,:& e >uca '',';.
"er quanto riguarda il termine !lucifero#, va ricordato non esiste nel canone biblico la figura di un angelo
bellissimo che, ribellandosi a Dio, stato punito e precipitato sulla terra, per portare alla dannazione gli
uomini, i quali pertanto sarebbero condannati per la colpa di qualcun altro. certo che non esiste nella
scrittura canonica la figura di un angelo bellissimo ribellatosi a Dio che lo ha punito facendolo precipitare
sulla terra per portare alla dannazione gli uomini, i quali, in fondo sconterebbero la colpa del diavolo.
Torna all'indice generale
DIO DIO
Aelle religioni monoteiste !Dio# il nome generico dell.8ssere 0upremo 8terno, unico /reatore e 0ignore di
tutte le cose- in greco Thes. Aella religione ebraica il tetragramma consonantico LMNM rappresenta il nome
impronunciabile, e mai pronunziato dagli ebrei, di cui non si conosce neanche la dizione sicura, da quando 3
nel 4@ d. /. ad opera delle truppe imperiali romane guidate dal generale 9ito, figlio dell.imperatore
6espasiano e futuro successore al trono 3 fu distrutto il 9empio e furono uccisi gli ultimi sommi sacerdoti.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo F1
/ostoro infatti erano gli unici che, solo quando erano in carica, potevano, una volta all.anno, entrare nel
0anto dei 0anti e alla presenza della $loria di Dio, pronunciare il suo 0anto Aome, cos? come l.avevano
ricevuto dai loro predecessori.
Jah$ e 9eova sono invece nomi convenzionali del Dio 1l.Elohim5 degli ebrei, cui si giunti apponendo nel
tetragramma sacro le vocali ebraiche rispettivamente di Adonai o di Elohim.
>.evoluzione del concetto 1e del nome5 di Dio nell.ebraismo, con il passaggio dal politeismo pre3esilico,
attraverso il Dio d.Israele superiore agli altri dei e protettore d.Israele, fino al Dio unico e universale,
0ignore di tutti i popoli, lenta ma progressiva. >.evoluzione, che era iniziata in tempi preistorici con
7bramo, proseguita con alterne vicende, sotto l.influsso delle varie civilt del medio oriente con cui gli
ebrei sono venuti in contatto- 7ssiri, Eabilonesi, /ananei, Oenici ecc.
*a alla fine del 6I secolo a. /., al tempo di $ioisia, ancora scritto che nel 9empio di $erusalemme furono
distrutti gli oggetti del culto ed eliminati i sacerdoti addetti all.offerta dell.incenso a Eaal, al 0ole, alla >una
e alle schiere celesti.
Aella Eibbia si trovano molti nomi di Dio, che trascrivo come li ho capiti.
1) El, il nome del dio superiore del vasto panteon fenicio, usato come nome generico della divinit, e
ricompare, come prefisso, in altri nomi biblici. /on una moglie, come erano gli dei prima di Jah$. "er
esempio 6et5el 1casa di Dio5 il luogo dove $iacobbe sogn la scala che univa la terra al cielo 1$enesi
:%,'@,::5 e dove egli eresse ad altare la pietra su cui aveva posato il capo per dormire.
2) El#on, il nome del Dio cananeo detto altissimo o l.7ltissimo. "adre di tanti dei, tutti chiamati Dio.
In $enesi '&,'%3'G scritto- ! *elch?sedeD, re di 0alem, offr? pane e vino- era sacerdote del Dio altissimo e
benedisse 7bram con queste parole- K0ia benedetto 7bram dal Dio altissimo, creatore del cielo e della terra,
e benedetto sia il Dio altissimo, che ti ha messo in mano i tuoi nemici)#.
3) Elohim il nome plurale 1tradotto con il termine Dio5 di entit divine singolari. In *arco ';,+& messo
sulla bocca di $es( sulla croce- !&lle re GesA grid, a gran vo+e: 2lo81 2lo81 Lem' sa$a+'ni3 +-e. in
aramai+o. signifi+a: Dio mio. Dio mio. per+-> mi -ai a$$andonaoC3#, dove Elo8 una contrazione di
Elohim#.
7ll.inizio del racconto biblico il 0ignore 1Jah$. +onos+i!o +ome il dio del 0inai5 pi( grande di tutti gli
di 1gli Elohim5- !<ra io so +-e il 0ignore ) piA grande di !i gli d)i# 18sodo '%,''5#, non l.unico, ma il
pi( grande, quello che combatte con Israele nella conquista del territorio di /anaan.
3 !/l 0ignore disse a :os): Vi prender, +ome mio popolo e divener, il vosro Dio1 0apree +-e io sono il
0ignore. il vosro Dio 1Jah$ lBElohim tuo5. +-e vi sorae ai lavori for"ai degli 2gi"iani1 Vi far, enrare
nella erra +-e -o gi!rao a mano al"aa di dare ad &$ramo. a /sa++o e a Gia+o$$e# ve la dar, in possesso:
io sono il 0ignore%3# 18sodo ,,'.43%5;
3 !Dio pron!n+i, !e *!ese parole: /o sono il 0ignore. !o Dio 1Jah$ lBElohim tuoI. +-e i -o fao
!s+ire dalla erra d;2gio. dalla +ondi"ione servile: Non avrai alri d)i HElohimI di frone a me1 Non i farai
idolo n> immagine al+!na di *!ano ) lassA nel +ielo. n> di *!ano ) *!aggiA s!lla erra. n> di *!ano ) nelle
a+*!e soo la erra1 Non i prosrerai davani a loro e non li servirai1 Per+-> io. il 0ignore. !o Dio. H Jah$,
lBElohim tuoI sono !n Dio geloso# 18sodo :@, '3;5; e aggiunge nel Deuteronomio-
3 !9!alora il !o fraello. figlio di !o padre o figlio di !a madre. o il figlio o la figlia o la moglie +-e riposa
s!l !o peo o l;ami+o +-e ) +ome e sesso ;isig-i in segreo. di+endo: ?&ndiamo. serviamo alri d)i@. d)i
1Elohim5 +-e n> ! n> i !oi padri avee +onos+i!o. divini' 1Elohim5 dei popoli +-e vi +ir+ondano. vi+ini a
e o da e lonani da !n;esremi' all;alra della erra. ! non dargli rea. non as+olarlo1 /l !o o++-io non
ne a$$ia +ompassione: non risparmiarlo. non +oprire la s!a +olpa1 (! an"i devi !++iderlo: la !a mano sia
la prima +onro di l!i per meerlo a more# poi sar' la mano di !o il popolo1 Lapidalo e m!oia. per+-> -a
+er+ao di ras+inari lonano dal 0ignore. !o Dio. 1Jah$, lBElohim tuo5 +-e i -a fao !s+ire dalla erra
d;2gio. dalla +ondi"ione servile# 1'+,43''5.
Ael racconto di $enesi :: in cui si narra del sacrificio di Isacco viene messa in evidenza che il dio cananeo
chiedeva sacrifici umani ma il Dio di Israele li rifiuta. Dice il racconto al versetto '- !Dopo *!ese +ose. Dio
HElohimI mise alla prova &$ramo e gli disse: &$ramo%31 =ispose: 2++omi%31 =iprese: Prendi !o figlio.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo F2
il !o !nigenio +-e ami. /sa++o. va; nel erriorio di :,ria e offrilo in olo+a!so s! di !n mone +-e io i
indi+-er,3#. *a poi 1vv'' 3':5 dice- !:a l;angelo del 0ignore Hl;angelo di Jah$ I lo +-iam, dal +ielo e gli
disse: &$ramo. &$ramo%31 =ispose: 2++omi%31 L;angelo disse: Non sendere la mano +onro il raga""o e
non fargli niene% <ra so +-e ! emi Dio e non mi -ai rifi!ao !o figlio. il !o !nigenio3.#
4) El5+abaoth, il dio cananeo e fenicio !degli eserciti#, delle milizie celesti o dello zodiaco 1potenze
semidivine angeliche o diaboliche in grado di influenzare le vicissitudini umane5, tradotto in greco con
-antorator e, molto male, in italiano con =nnipotente. 0ono nominate nel Auovo 9estamento da "aolo in
/olossesi ',', 1*!elle visi$ili e *!elle invisi$ili: (roni. Domina"ioni. Prin+ipai e Poen"e5 e da *atteo
:&,:G3+@5 10!$io dopo la ri$ola"ione di *!ei giorni. il sole si os+!rer'. la l!na non dar' piA la s!a l!+e. le
selle +adranno dal +ielo e le poen"e dei +ieli saranno s+onvole1 &llora +omparir' in +ielo il segno del
6iglio dell;!omo e allora si $aeranno il peo !e le ri$A della erra. e vedranno il 6iglio dell;!omo
venire s!lle n!$i del +ielo +on grande poen"a e gloria. 5 per dire che la loro fine decretata con $es(5.
+) El5+haddai, il potente dio cananeo e fenicio della montagna, tradotto anch.esso in greco con -antorator
e in italiano con =nnipotente.
/) Adonai, 0ignore mio, viene usato per non nominare JHJH, quando lo si incontra scritto.
7ltre volte il nome di Dio evocato attraverso un suo attributo- !il "=98A98#, !il E8A8D899=#, !il
07A9=#, !la $>=2I7#, !l.7>9I00I*=#, !la DI*=27#, !l.8982A=#, !la *7809c# o addirittura
solamente !Ha +hem# ossia !il A=*8#.
>.appellativo del potente Dio cananeo della tempesta, 6aal, invece usato nella Eibbia in senso
dispregiativo per indicare gli idoli e i falsi dei.
Il salmo G','3: un esempio evidente di questa casistica- !(! +-e a$ii al riparo dell;&lissimo 1El"on5 e
dimori all;om$ra dell;<nnipoene 1+haddai5. d8 al 0ignore 1JHJH5. ! sei il mio rif!gio. la mia fore""a. il
Dio 1Elohim5 in +!i +onfido#.
Aella Eibbia greca dei 0ettanta il tetragramma JHJH reso con il greco 7#rios, traducibile in italiano sia
con il termine !Dio# che con !0ignore#.
Insomma i nomi con cui chiamiamo Dio cercano di indicare alcuni aspetti 3 parziali, inadatti o simbolici e
molto spesso falsi 3 di una realt che non conosciamo. "ercepiamo Dio solo attraverso analogie, paragoni,
simboli, con tutti i loro limiti semantici.
Varl Earth ci ricorda che !tutte le nostre parole su Dio sono parole umane#.
=gni nostra figura di Dio non Dio, ma il riflesso dell.immagine umana che noi abbiamo di lui, filtrata
dalla nostra cultura, dalle nostre esperienze- ogni nostra rappresentazione di Dio non mai la verit su Dio.
In Dio spesso proiettiamo le nostre ambizioni, le frustrazioni, i comportamenti umani dei potenti e
costruiamo un Dio spietato, fatto a nostra immagine e somiglianza, come un tiranno a cui estorcere favori o
chiedere ricompense per i buoni comportamenti nel rispettare le sue 1J5 leggi.
7 Dio, spesso, Idiamo un volto che mostruoso come il nostroI, diceva 8rnesto Ealducci.
/i ricorda 2oberto *ancini- !0e il Dio che abbiamo in mente peggiore di noi uomini 3 se chiede la
sofferenza per tornare ad amarci, se non sa perdonare 3 allora sicuramente un idolo, la proiezione della
nostra prepotenza, della nostra angoscia, della nostra cecit, della nostra violenza#.
9alora il nostro rapporto con il Dio della religione basato sulla paura e allora si ubbidisce alla >egge o si fa
il bene, solo per il timore dell.ira di Dio, solo per evitare i suoi castighi, specie quelli eterni, che abbiamo
meritato, diceva la vecchia formula dell.atto di dolore. 8 anche se diciamo che Dio buono, infinitamente
buono, subito dopo aggiungiamo che anche giusto; ossia buono ma, alla fine, si vendicher per le offese
che gli facciamo.
=ccorre per assolutamente cancellare l'immagine idolatrica di un Dio che chiede i nostri sacrifici, la nostra
sofferenza per amarci, che vuol punire o, peggio, che si vendica- il 6angelo non porta traccia di tutto ci,
anche se ci sono alcuni rigurgiti della visione di un Dio dispensatore di pene, specie in *atteo. 0iamo noi il
fariseo che nel 9empio pretende che Dio riconosca e ricompensi i nostri meriti 1presunti5, mentre
giudichiamo senza appello il pubblicano, che invece Dio vuole !giustificato#.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo F3
7ttenti infine quando qualcuno fa qualcosa in nome di Dio perchC ricordiamo che $es( stato torturato,
crocefisso e ammazzato proprio in nome di DioQ
!Aon mi importa sapere chi Dio. *i importa sapere da che parte sta# diceva don "eppino Diana ucciso con
quattro rivoltellate dalla camorra nella sacrestia della sua parrocchia a /asal di "rincipe- Dio gli aveva detto
chiaramente da che parte stava. $es(, invece, parlando di Dio, non lo definisce mai, non lo chiama Dio, ma
!"adre# e addirittura, in *arco, !7bb#.
Il "adre di $es( un Dio che non si fa condizionare dal male che facciamo, non risponde al male con il male
1con il peccato e la violenza ci facciamo il male da soli, molto male5 ma anzi, tutto vuol trasformare in bene.
In che modo allora il cristiano pu conoscere com. Dio e sapere cosa Dio vuole da noiJ molto semplice-
basta guardare a $es(. Aon perchC $es( uguale a Dio, ma perchC Dio uguale a $es(. Aon possiamo
conoscere che il Dio che $es( ci presenta- !Dio. ness!no lo -a mai viso: il 6iglio !nigenio. +-e ) Dio ed )
nel seno del Padre. ) l!i +-e lo -a rivelao# 1$iovanni ','%5.
Aei vangeli, scritti in greco, appaiono i termini Thes e 7#rios, oltre all."o So.o che $es( usa per se stesso
nel vangelo di $iovanni, per affermare la sua condizione divina.
!I= 0=A=# infatti la risposta di Dio a *os, espresso nella lingua e nella mentalit greca.
di 9ommaso, detto Didimo, il gemello di $es(, il quale si rivolge al risorto che sette giorni prima aveva
rifiutato di sperimentare come !il 6ivente#, la pi( bella espressione di fede del 6angelo- !Il mio 0ignore
17#rios5 e il mio Dio 1Thes5Q# 1$iovanni :@,:%5.
"roprio 9ommaso, la cui mancanza di fede poi diventata proverbialeQ
Torna all'indice generale
DIRITTI UMANI DIRITTI UMANI
$es( /risto, Oiglio di Dio, mandato da Dio, venuto a ricordarci che gli uomini sono tutti uguali, con la
stessa dignit personale davanti al "adre /eleste, che in questo non fa distinzione neanche tra buoni e cattivi,
puri e impuri, giusti e peccatori; tantomeno fra maschi e femmine, chierici e laici, bianchi e neri, servi e
padroni, sudditi e sovrani, vergini e meretrici, amici e nemici, omo ed etero; tutti appartenenti alla !razza
umana#, diceva 7lbert 8instein quando chi era di !razza# ebrea era ricercato per essere eliminato. "rima era
toccato agli indios dell.7merica, ai negri dell.7frica, e toccher a molti altri uomini colpevoli di essere
diversi. 7lle donne invece, da sempre, toccato e tocca di essere discriminate e sottomesse, sopratutto nelle
religioni. *a, se di fronte a Dio siamo tutti uguali, come possiamo essere diversi di fronte agli uominiJ
8ppure questo accade, purtroppo anche nel cristianesimo, che non sempre ha rispettato la dignit che, per
volont di Dio, di ogni uomo.
>.8uropa diventata la culla dello stato di diritto e della democrazia, purtroppo senza che ci sia stato nessun
apporto della /hiesa /attolica. 7nzi ci furono in passato prese di posizione per l.esproprio dei diritti civili.
In 7merica stato coniato un apposito termine che sta ad indicare l.espropriazione dei diritti umani-
!-ise.fra.6hise:e.t#.
>.unica distinzione valida davanti a Dio quella di amare o non amare, servire o farsi servire. /e lo sta
ricordando con forza papa Orancesco e a qualcuno questo non piace.
$es( ci ha liberati dalle diseguaglianze 1Voi siee !i fraelliI, dal potere oppressivo 14oloro +-e -anno
poere s! di esse sono +-iamai $enefaori5 e dal dominio del danaro 1Non poee servire Dio e la ri++-e""a5.
8gli entra in rapporto con ogni genere di peccatori, eretici, donne, ladri, pubblicani, prostitute,
scandalizzando gli osservanti, le persone pie e bigotte 1scribi e farisei5.
Dice "ietro, alla fine di un lungo cammino di conversione- /n veri' so rendendomi +ono +-e Dio non fa
preferen"a di persone3 17tti '@,+&5. "er altri la strada da percorrere ancora molto lunga, e forse non sono
neanche interessati.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo F4
"erci sarebbe ora di dire basta ai privilegi di pochi contro i diritti di tutti, le ingiustizie, le disuguaglianze,
le discriminazioni tra gli esseri umani, lo sfruttamento, gli abusi di potere, che sono i figli del potere stesso.
Easta con !inferiori e superiori#, !sudditi e sovrani#, !uguali e diversi#, e questo perchC !donna e uomo#,
!sano e malato#, !bianco e nero#, !ricco e povero#, !destro e mancino# sono certo differenti, ma sono tutti
perfettamente uguali nei diritti, tutti con un.identica dignit personale, quella che spetta ad ognuno dalla
nascita per il solo fatto di essere un essere umano, perchC ogni uomo degno di godere di ogni diritto.
8 non serve chiedere a Dio- ?0ignore. fino a *!andoC@ 10almo ,,&5 perchC Dio non assente, ma sono
assenti i cristiani, ed alcuni pi( degli altri. Oino al :@'+, l.anno del svolta.
0appiamo bene come, per essere un !diverso#, basti essere un carcerato, un prigioniero di $uantanamo, un
lavorare alla Oiat di "omigliano, oppure nascere in certe regioni, per diventare una persona !senza diritti#.
0appiamo anche come basti essere ricchi, potenti, parlamentari, per avere pi( diritti degli altri.
Aon possiamo dimenticare che, dice $es(, ?voi siee !i fraelli@ 1*atteo :+,%5, ossia figli dello stesso
"adre. /hi separa, divide, contrappone, sottomette, opprime, sfrutta, specie in nome di Dio, ha per dio un
idolo che serve attraverso il potere e il denaro.
8sercitare tutti i diritti umani, o meglio dell.individuo, proprio della condizione umana, ed anche
l.espressione universale dell.umanit.
l.insopprimibile aspirazione di tutti alla libert, che Dio ha suggellato entro l.unico limite della giusta
relazione interpersonale con il prossimo, verso cui abbiamo un debito, che il 6angelo chiama gape e
-ia6o.a, debito che, peraltro, un debito reciproco.
?La +ari' non sia ipo+ria: deesae il male. aa++aevi al $ene# amaevi gli !ni gli alri +on affeo
fraerno. gareggiae nello simarvi a vi+enda1 Non siae pigri nel fare il $ene. siae inve+e ferveni nello
spirio# servie il 0ignore1 0iae liei nella speran"a. +osani nella ri$ola"ione. perseverani nella preg-iera1
4ondividee le ne+essi' dei sani# siae prem!rosi nell;ospiali'1 7enedie +oloro +-e vi perseg!iano.
$enedie e non maledie1 =allegraevi +on *!elli +-e sono nella gioia# piangee +on *!elli +-e sono nel
piano1 &$$iae i medesimi senimeni gli !ni verso gli alri# non n!rie desideri di grande""a# volgeevi
pi!oso a +i, +-e ) !mile1 Non simaevi sapieni da voi sessi1 Non rendee a ness!no male per male1
4er+ae di +ompiere il $ene davani a !i gli !omini@ 12omani ':,G3'45.
/on l.Incarnazione Dio ha assunto la nostra condizione umana e l.ha nobilitata attraverso $es( che
chiamato il 2edentore perchC ci ha liberati. 0i dice che la spiritualit la via per trovare Dio, mentre il
6angelo dice che l'umanizzazione e, specie per il cristiano, fuori da questa via non possibile trovare Dio.
Aegare anche un solo diritto a chiunque, significa privare le persone dei doni di libert e dignit ricevute da
Dio, e quindi significa offendere Dio stesso. Huando poi si negano i diritti alle donne, umiliandole e
ritenendole indegne rispetto agli uomini, si mostra non solo disprezzo ed odio verso met del genere umano,
ma anche aperta avversione verso il messaggio di $es( che ha personalmente liberato la donna dallo stato di
soggezione e schiavit( in cui era. >e donne, i poveri, i diseredati, gli esclusi, nei vangeli sono chiamati !i
piccoli#- ?/n veri' io vi di+o: !o *!ello +-e non avee fao a !no solo di *!esi piA pi++oli. non l;avee
fao a me@ 1*atteo :;,&;5. /. poco da stare allegri.
>.occidente, che si dice cristiano, ha dovuto ereditare questi diritti dalla rivoluzione francese cui si deve, alla
fine del S6III secolo, la carta dei Diritti dell.Bomo e del /ittadino. avvilente pensare che !>ibert,
Oraternit, 8guaglianza# siano parole che, in tutto il mondo, fanno pensare non al cristianesimo, ossia al
messaggio di /risto che ne l.inventore, ma alla 2ivoluzione Orancese. "ensate che colpe ha quella /hiesaQ
"i( tardi nacquero i movimenti di emancipazione e auto3liberazione della donna, che, per la costante
opposizione di ogni retrivo e conservatore potere maschilista, ancora lontana dall.uguaglianza di genere, la
grande novit che $es( ha voluto e praticato 1!I suoi discepoli e si meravigliavano che parlasse con una
donna# in $iovanni &,:45. $es( ha sempre accettato le persone cos? com.erano, senza mai discriminare,
aggiungendo- ?2 $eao ) +ol!i +-e non rova in me moivo di s+andalo%@ 1*atteo '',,5.
Ael SS secolo la societ civile internazionale ha sistematizzato il diritto a non essere discriminati- una
semplice questione di civilt o di incivilt. >e leggi civili, nell.occidente, si basano sull.uguaglianza dei
diritti e dei doveri per tutti perchC viene riconosciuto il valore di ogni persona, cosa che viene esclusa in una
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo F5
societ strutturata in maniera piramidale dove le persone hanno valore a seconda della posizione sociale.
>.articolo : della /ostituzione Italiana 1'G&45 recita- !>a 2epubblica riconosce e garantisce i diritti
inviolabili dell.uomo#. d interessante che solo l.anno dopo l.7ssemblea dell.=AB ha approvato la
Dichiarazione Bniversale dei Diritti Bmani. del 'GG% la !/onvenzione europea per la salvaguardia dei
diritti dell.uomo e delle libert fondamentali# e l.istituzione della /orte 8uropea per i diritti dell.uomo. >a
costituzione americana dichiara perfino che tutti hanno diritto alla felicit.
8ppure, per i tanti fondamentalisti nostrani 1!/ristiani ringhiosi e intransigenti#, li chiama 7rturo "aoli5 i
diritti bisogna guadagnarseli e i doveri, verso chi comanda, sono obbligatori. "er capire l.importanza
dell.argomento basta pensare a come, diminuendo i diritti si arriva alla schiavit(, mentre aumentando i diritti
si arriva alla libert. /os? per i singoli come per le aggregazioni umane, fino agli stati.
9utti sanno che ci sono ancora tantissimi stati dove i diritti civili sono soppressi.
"rendiamo lo 0tato del 6aticano, fino a ieri una monarchia assoluta, con un monarca !gloriosamente
regnante# in nome di Dio 1in pratica una teocrazia5, dove un capo di stato, vicario di /risto ossia il vice di
/risto, si faceva chiamare !santo padre#, ed aveva !potest suprema piena immediata e universale# 1++'5.
/ontro ogni sua decisione, sentenza o decreto, non era ammesso appello o ricorso 1+++5 perchC il "apa non
pu essere giudicato da nessuno 1'&@&5. 8 se qualcuno dei sudditi vuol ricorrere al concilio ecumenico o al
collegio dei vescovo, immediatamente punito con una censura 1'+4:5. In uno stato dove non ci sono diritti,
tutto si fa di nascosto e anche i processi si svolgono all.insaputa dell.imputato, al quale solo comunicata la
condanna, senza possibilit di appello. Il tutto, pensate, in nome di $es(, perchC la legge fondamentale, una
specie di /arta /ostituzionale vaticana, il /odice di Diritto /anonico.
0ono le culture che creano le diversit e le conseguenti divisioni e, quando religioni e cultura si identificano,
accade la stessa cosa alla religione.
9roppo spesso le religioni sono interessate solo la libert religiosa, ossia la libert per se stesse, e mancano
della cultura dei diritti, specie dei diritti legati a genere e sesso.
9utti, proprio tutti, nessuno escluso 3 lo chiede il 6angelo di $es( P hanno, per volont divina, il diritto a
realizzarsi come persona e vivere con dignit, rispettati da tutti; anzi, dai seguaci di /risto, amati
incondizionatamente.
In una sessione del 078, 7ndrea $rillo ha affermato, con un concetto intriso di 6angelo, che ogni cittadino
della polis non deve essere solo un soggetto di diritti e un oggetto di doveri, ma un destinatario di doni, liberi
e gratuiti. Eellissimo.
Torna all'indice generale
DISCEPOLA DISCEPOLA
6edi *aria, la madre di $es( e *aria di *agdala.
Torna all'indice generale
DISCEPOLO DISCEPOLO
Discepolo colui che segue l.insegnamento di un maestro. In particolare discepoli di $es( sono coloro che
hanno risposto alla sua chiamata, che operano nel suo nome comportandosi come lui si comportato 1!Da
*!eso !i sapranno +-e siee miei dis+epoli: se avee amore gli !ni per gli alri# in $iovanni '+,+;5, che
fanno esperienza del risorto e la comunicano a tutti i popoli, anche, e forse sopratutto, ai pagani 17ndae
d!n*!e e fae dis+epoli !i i popoli. $ae""andoli nel nome del Padre e del 6iglio e dello 0pirio 0ano.
insegnando loro a osservare !o +i, +-e vi -o +omandao1 2d e++o. io sono +on voi !i i giorni. fino alla
fine del mondo # in *atteo :%,'G3:@5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo F6
Aella cultura e nella religione ebraica la donna non pu diventare discepola 1non esiste neanche il nome al
femminile5 e anzi non le permesso neanche di leggere la Torh.
$es( rivoluziona questo discriminatorio mondo arcaico e prende al suo seguito delle donne che finiscono per
essere discepole migliori degli uomini. *a questa nostra /hiesa, quando tornata preda della !religione# e
ha dimenticando la geniale intuizione di $es(, presto diventata misogina e gi alla fine del I secolo le
donne erano gi fatte sparire dalle posizioni pi( in vista nella comunit, sottomesse dall.avidit di potere
degli uomini.
Torna all'indice generale
il il DISCEPOLO AMATO DISCEPOLO AMATO
Aei vangeli non scritto che il discepolo amato sia il !prediletto#, perchC $es( non ha discepoli prediletti e
la sua predilezione, casomai, va a coloro che la societ ha reso poveri, ai peccatori e ai perseguitati in nome
della >egge di *os, agli esclusi di ogni tempo, specie quelli perseguitati ed esclusi in nome di Dio.
Huesto !discepolo amato# uno dei primi a seguire $es(, nel seno di $es( ossia gli intimo nella cena,
presso la croce ossia crocefisso simbolicamente con $es( e sar poi il primo, tra i maschi del gruppo, a
sperimentarlo risuscitato.
Il discepolo che $es( amava non ha nome e, proprio perchC anonimo, il modello di credente, un
personaggio rappresentativo. insomma il discepolo ideale, quello che ogni cristiano dovrebbe essere.
Bna tradizione basata sul nulla asserisce che il discepolo amato sia l.apostolo $iovanni, anche se l.unico
discepolo di cui scritto che $es( !lo amava#, >azzaro.
Torna all'indice generale
i! i! DISPARTE DISPARTE
"arola tecnica che indica sempre una situazione negativa di incomprensione, resistenza, se non di ostilit, da
parte dei discepoli che non capiscono le parole o i gesti di $es( e tendono ad opporglisi.
Torna all'indice generale
i i DODICI DODICI
In greco, hoi ddea, un numero simbolico- dodici come le trib( di Israele.
Bsato nel linguaggio comune per indicare i dodici apostoli, ma in effetti il termine indica !il nuovo Israele#,
quello definitivo, fondato sulla nuova alleanza in $es(.
>a prima volta si trova nelle lettere di "aolo- in '/orinzi ';,; scritto che il 2isorto I appare a 4efa e ai
dodi+iI. In *arco +,',3'G- !4osi!8 d!n*!e i Dodi+i: 0imone. al *!ale impose il nome di Piero# poi
Gia+omo di Pe$edeo e Giovanni fraello di Gia+omo. ai *!ali diede il nome di 7oan)rg-es. +io) figli del
!ono# e &ndrea. 6ilippo. 7arolomeo. :aeo. (ommaso. Gia+omo di &lfeo. (addeo. 0imone il 4ananeo e
Gi!da /s+arioa. *!ello +-e poi lo rad8#.
In *atteo '@,:3& invece- !/ nomi dei dodi+i aposoli 1unica volta in *atteo che sono chiamati apostoli invece
di discepoli5 sono: ?0imone. +-iamao Piero. e &ndrea. s!o fraello# Gia+omo di Pe$edeo e Giovanni s!o
fraello. 6ilippo e 7arolomeo. (ommaso e :aeo il p!$$li+ano. Gia+omo d;&lfeo e (addeo. 0imone il
4ananeo e Gi!da lD/s+arioa. +-e poi lo rad8#. Aegli elenchi 0imone messo per primo e $iuda ultimo.
0olo di $iuda si ripete che era Iuno dei dodiciI per sottolineare la repulsione degli evangelisti per la gravit
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo F5
del suo gesto- !Disse allora GesA ai Dodi+i: Volee andarvene an+-e voiC31 Gli rispose 0imon Piero:
0ignore. da +-i andremoC (! -ai parole di via eerna e noi a$$iamo +red!o e +onos+i!o +-e ! sei il
0ano di Dio31 GesA riprese: Non sono forse io +-e -o s+elo voi. i Dodi+iC 2pp!re !no di voi ) !n
diavolo%31 Parlava di Gi!da. figlio di 0imone /s+arioa: +os!i infai sava per radirlo. ed era !no dei
Dodi+i# 1$iovanni ,,,434'5. $iuda non predestinato; egli, come tutti, libero di scegliere e di sbagliare.
/on la scomparsa di $iuda, i dodici diventano gli undici, ma successivamente viene ricostituito il numero, a
dimostrazione che quello era un numero simbolico per dire !il nuovo Israele#, ma, dopo l.elezione di *attia,
nessun altro entra nel numero.
Ael capitolo :' di $iovanni, quello della pesca miracolosa nel lago di 9iberiade, dopo l.apparizione del
risorto, dei dodici apostoli ne sono nominati solo sette, usando il numero che indica la totalit.
Aon sono l'inizio di una gerarchia chiamata ad esercitare il potere sulla comunit, bens? i missionari della
buona notizia dell'amore misericordioso di Dio che libera gli uomini da ogni idolatria- !il 6angelo eterno#,
come lo chiama l'7pocalisse 1'&,,5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo FB
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo FF
DONARE DONARE
Donare la vita per i propri amici , per l.evangelista $iovanni, la misura perfetta dell.amore.
?Ness!no -a !n amore piA grande di *!eso: dare la s!a via per i propri ami+i1 Voi siee miei ami+i. se fae
+i, +-e io vi +omando1 Non vi +-iamo piA servi. per+-> il servo non sa *!ello +-e fa il s!o padrone# ma vi -o
+-iamao ami+i. per+-> !o +i, +-e -o !dio dal Padre mio l;-o fao +onos+ere a voi@ 1$iovanni ';,':3';5,
e ?Vi do !n +omandameno n!ovo: +-e vi amiae gli !ni gli alri1 4ome io -o amao voi. +os8 amaevi an+-e
voi gli !ni gli alri@ 1$iovanni '+,+&5.
Dare 1donare5 il verbo di Dio, un dono per la salvezza- ?Dio infai -a ano amao il mondo da dare il
6iglio !nigenio. per+-> +-i!n*!e +rede in l!i non vada perd!o. ma a$$ia la via eerna1 Dio. infai. non -a
mandao il 6iglio nel mondo per +ondannare il mondo. ma per+-> il mondo sia salvao per me""o di l!i@
1$iovanni +,',5.
Torna all'indice generale
DONARSI DONARSI
7 proposito del !sacrificio di /risto# dice 0alvatore Origerio- !Il vangelo di $iovanni molto chiaro- K0ono
io +-e dono la mia via# ness!no me la p!, prendere: sono io +-e la dono) con un atteggiamento oblativo,
cio di scelta# 1F5 !Di questa capacit oblativa dell.esistenza, ne abbiamo fatto una lettura sacrificale,
abbiamo insistito molto sul sacrificio, come rifiuto, come negazione, come privazione; fare un sacrificio vuol
dire privarmi di qualcosa; questo un altro degli atteggiamenti che dobbiamo correggere con molta
attenzione, perchC l.economia della croce, la ragione stessa della croce, non sacrificare la propria vita, che
masochismoQ >.economia della croce donare se stesso totalmente agli altri- non un atteggiamento
negativo ma positivo; non un subire ma un donare#.
Huindi coloro che vivono in comunione con $es( non possono non mettersi in rapporto, perchC 8gli non
pu che mettere in relazione totale la nostra esistenza con la sua, che un.esistenza offerta, un.esistenza
donata fino alla morte, cio un.esistenza data in dono a quegli stessi che gliela tolgono.
Torna all'indice generale
DONNA DONNA
Il termine greco per dire donna gh#n1, che significa anche moglie1 In ebraico donna isci, da isc uomo.
77ramaico, ebraico e greco biblico non conoscono il termine sposa e lo traducono con il termine generico di
donna# 1=rtensio da 0pinetoli5.
Il libro della $enesi 1',:45 parla della creazione dell.uomo e della donna, maschio e femmina, entrambi a sua
immagine e somiglianza 12 Dio +re, l;!omo a s!a immagine# a immagine di Dio lo +re,: mas+-io e
femmina li +re,5. Huesta ipotesi era tanto insopportabile per la classe sacerdotale al potere, che nel capitolo
successivo 1:,:'3 :+5 viene immediatamente corretta, ed 8va formata da una costola di 7damo per essere
un !aiuto dell.uomo#, praticamente la sua schiava. In quella cultura maschilista patriarcale tribale misogina 3
ma non solo in quella P la donna 1ritenuta un maschio mal riuscito perchC, nata da un seme avariato5, era
discriminata perchC considerata un essere inferiore in tutto, una cosa pi( che una persona e ridotta in uno
stato subumano da intolleranza e fanatismo- considerata come gli schiavi e i bambini. >a religione ebraica,
che ha tra le sue basi la circoncisione, troppo maschilista.
>a donna era inoltre ritenuta la causa prima del peccato- !Dalla donna -a ini"io il pe++ao e per +a!sa s!a
!i moriamo@ 10iracide :;,:&5. Del peccato e quindi della morte.
7nche ora, nelle religioni, compresa quella cattolica, la donna considerata inferiore all.uomo.
"er le sue caratteristiche semi3umane, era allora senza diritti e acquistava valore solo attraverso l.uomo che
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 100
materialmente la possedeva, come si possiede una cosa. 2elegata sempre in casa, la sua salvezza dipendeva
solo dalla maternit, partorendo molti figli, tanto che nel 9almud la donna chiamata !utero#. /os? accade
ancora oggi tra gli ebrei cosiddetti ortodossi.
Ael bottino di guerra il suo valore era considerato di meno di quello di un asino.
In 8sodo :@,'4 la donna messa tra le propriet dell.uomo con gli schiavi, il bue e l.asino e dal padre era
venduta al marito con un regolare contratto e il marito la poteva ripudiare e scacciare di casa per aver fatto
qualcosa di sconveniente, ma, per certi rabb?, anche per il pi( banale dei motivi- bastava metterle in mano, in
presenza di due testimoni, il libello del ripudio e dirle !9u non sei pi( mia moglie e io non sono pi( tuo
marito#. Oatto, e per sempre. Il destino era quasi sempre la morte.
>a donna non era neanche tenuta a rispettare il sabato, come scritto in Deuteronomio ;,':3'&- !<sserva il
giorno del sa$ao per sanifi+arlo. +ome il 0ignore. !o Dio. i -a +omandao1 0ei giorni lavorerai e farai
ogni !o lavoro# ma il seimo giorno ) il sa$ao in onore del 0ignore. !o Dio: non farai al+!n lavoro. n> !.
n> !o figlio. n> !a figlia. n> il !o s+-iavo. n> la !a s+-iava. n> il !o $!e. n> il !o asino. n> il !o
$esiame. n> il foresiero +-e dimora presso di e. per+-> il !o s+-iavo e la !a s+-iava si riposino +ome e#.
Ael giorno di sabato tutti devono. obbligatoriamente, santificare la festa, meno la moglie.
0empre sottomessa- prima al padre e ai fratelli, poi al marito e infine ai figli e se diventava vedova, al figlio
maggiore- segregate come schiave, perchC tanto valevano. Inoltre, completamente emarginata dalla vita
civile, non si faceva mai vedere- invisibile perchC inesistente.
Dopo l'esilio a Eabilonia cominci la loro sistematica esclusione dalla vita pubblica; non potevano
testimoniare nei tribunali perchC ritenute inguaribilmente bugiarde da quando 0ara aveva riso alla promessa
di Dio di darle un figlio nella sua vecchiaia 18sodo '%,';5 e poi aveva mentito a Dio, dicendo di non aver
riso. Da allora, si dice che Dio non abbia pi( rivolto la parola ad una donna. 2idotte in uno stato sub3umano
da intolleranza e fanatismo perchC ritenute perennemente impure, maledette e lontane dal Dio.
Infatti nei racconti evangelici sono le donne che vanno al sepolcro per ungere il cadavere 1*arco ',,' e >uca
:&,'5; il contatto con un cadavere rendeva impuri, ma il problema non si poneva per le donne, considerate
impure di natura.
8ra loro proibito di entrare nell.area sacra del 9empio riservata ai maschi ebrei. Indegne di studiare la 9orh
1ed anche solo di toccare i rotoli della >egge5 mentre gli uomini erano obbligati allo studio fin da bambini.
7 chi capitava di avere troppe figlie femmine 3 una vera calamit 3, era lecito venderle, lasciarle morire di
fame o anche esporle, ossia abbandonarle ai crocicchi delle strade prima del levar del sole, dove venivano
prese da mercanti di schiavi che le allevavano e poi le rivendevano oppure le avviavano alla prostituzione fin
da piccolissime, in uno stato da cui era impossibile uscire se non con la morte.
/os?, anche oggi, si pu sentir dire !7uguri e figli maschiQ#. I>a Eibbia narra una storia della salvezza quasi
esclusivamente al maschile. "ersino l'esperienza parziale di un Dio che si fa carne, che vive l'avventura
umana, al maschile, dal momento che $es( uomo e non donnaI 1>idia *aggi5.
"er la donna, un mondo fatto di sottomissione, prevaricazione, sfruttamento, esclusione e silenzio. 9utto
questo, dicevano i maschi, per volont divina, del Dio legislatore.
*a nella storia dell.umanit finalmente compare $es( e tutto cambiato, o meglio, tutto avrebbe dovuto
cambiare. $es( infatti prediligeva gli emarginati della societ- poveri, peccatori, malati e donne.
/hiamando le donne al suo seguito ridiede loro la dignit che spettava, quella di ogni persona umana.
/on l'ammettere donne 1e che donneQ5 a seguirlo, $es( mina la societ maschilista del suo tempo e d inizio
al femminismo, alla liberazione della donna, ma la /hiesa primitiva, dimenticando il 6angelo, regredisce ben
presto in una visione misogina da cui non si ancora staccata del tutto perchC ha nella gerarchia, sempre
attaccata al potere, esistono forti rigurgiti antifemministi.
!4;erano +on l!i i dodi+i e al+!ne donne# 1>uca %,:5- un colpo di genio di $es(, una vera liberazione, presto
vanificata da una /hiesa di potere, che le fa letteralmente sparire gi dalla fine del I secolo.
Il ruolo preminente delle donne nella comunit di $es( era, per quei tempi, per quella mentalit, per quella
societ, fonte di grande scandalo, e infatti poi rapidamente messo a tacere anche nella /hiesa, che fa sparire
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 101
le donne e le sostituisce con una figura idealizzata di donna, *aria sua madre. >e donne non sono mai bene
accettate nei templi- ma quando la /hiesa primitiva non aveva templi, e non si era ancora fatta corrompere da
/ostantino e 9eodosio, le donne avevano posti di responsabilit. *a i templi sono ottimi mezzi per avere il
potere in mano e, si sa, il potere non si condivide. sempre accaduto cos? in tutte le religioni fino ai tempi
nostri, con la spudoratezza di dire che !Dio lo vuole#. Il loro Dio lo vuole, certo non lo vuole $es(, nC il
"adre di $es(.
>a vittima prediletta dalle religioni sempre stata ed la donna, e la via che porta alla liberazione della
donna 1lavoro, cultura, socialit5 irta di ostacoli messi dal potere maschilista, patriarcale e religioso che ha
radici poli3millenarie e che $es( voleva abbattere e certo abbatter, servendosi degli uomini di buona
volont, non interessati al potere, che, lo sappiamo, sempre diabolico. Il 2egno di Dio si compir con la
collaborazione dei veri seguaci di $es(, come >ui ha promesso- questo fa tremare la gerarchie religiose
perchC per la religione potrebbe essere la fine, se e quando inizieranno i tempi messianici della fede. 6iviamo
ancora in una civilt patriarcale arrogante, la stessa per cui san 9ommaso asseriva che le donne sono !maschi
imperfetti# e non perfettibili.
0e vero, e lo , che il discrimine tra civilt e barbarie sta nel ruolo che della donna, allora siamo barbari.
6ediamo ora in dettaglio il ruolo della donne nei vangeli.
1) Huando era impensabile per un rabbi avere donne al seguito 1specie se discusse, come era *aria di
*gdala da cui aveva scacciato sette demni in *arco ',,G, o addirittura $iovanna, la moglie di /uza, che
era il ministro delle finanze di 8rode, in >uca %,:3+5 $es( invece se ne circonda, perchC lo seguano.
>a parola !discepola# non esiste nella lingua ebraica e un 2abbi non avrebbe mai avvicinato o rivolto la
parola ad una donna. Infatti i discepoli si meravigliarono che stesse parlando ad una donna e per giunta
0amaritana 1$iovanni &, '3&:5- ma proprio a lei $es( si rivela come *essia e diventa la prima missionaria.
$es( Idette alla donna un ruolo fondamentale nell'annuncio stesso del 6angelo, perchC l'annuncio primo
della resurrezione fu portato da una donna, e se vero che testimonianze femminili non valgono,
paradossale il fatto che la testimonianza sul fatto essenziale della salvezza, la resurrezione, sia stata affidata
per primo alla donnaI 18rnesto Ealducci5.
2) Il risorto appare alle donne 1*atteo :%,'3'G; *arco ',,'3''; >uca :&,'3''; $iovanni :@,'3'%5 e nei
racconti si nota in tutta la sua importanza *aria di *agdala, chiamata nella /hiesa primitiva, l.7postola.
Oigura di primo piano nella comunit di coloro che seguivano $es(, scatenava il risentimento dei maschi e di
questo rimane traccia nel vangelo apocrifo di 9ommaso che, in chiusura 1''&5 scrive- I0imon Piero disse
loro: :aria deve andare via da noi% Per+-> le femmine non sono degne della via31 GesA disse: /nve+e io
la err, +on me in modo da farne !n mas+-io. affin+-> ella diveni !no spirio vivene1 2 similmene per voi
mas+-i1 Poi+-> ogni femmina +-e si fa mas+-io enrer' nel regno dei +ieli3I.
$es( Idette alla donna un ruolo fondamentale nell'annuncio stesso del 6angelo, perchC l'annuncio primo
della resurrezione fu portato da una donna, e se vero che le testimonianze femminili non valgono,
paradossale il fatto che la testimonianza sul fatto essenziale della salvezza, la resurrezione, sia stata affidata
per primo alla donnaI 18rnesto Ealducci5. I discepoli uomini non ci fanno una bella figura.
=ppure ella pu liberarsi, farsi maschio, come racconta >uca di *aria, sorella di >azzaro- !:enre erano in
+ammino. enr, in !n villaggio e !na donna. di nome :ara. lo ospi,1 2lla aveva !na sorella. di nome
:aria. la *!ale. sed!a ai piedi del 0ignore. as+olava la s!a parola1 :ara inve+e era disola per i moli
servi"i1 &llora si fe+e avani e disse: 0ignore. non ;impora n!lla +-e mia sorella mi a$$ia las+iaa sola a
servireC Dille d!n*!e +-e mi ai!i31 :a il 0ignore le rispose: :ara. :ara. ! i affanni e i agii per mole
+ose. ma di !na +osa sola +;) $isogno1 :aria -a s+elo la pare migliore. +-e non le sar' ola)# 1'@,+%3&:5.
>ei diventa padrona della sua libert, che non le sar tolta, perchC una libert conquistata e non concessa.
Aella seconda parte del vangelo di >uca, gli 7tti degli 7postoli, si racconta che "ietro, liberato dalle catene,
uscendo dalla prigione, non si reca presso la comunit di $iacomo, ancora legata ai dettami del giudaismo,
ma si reca presso una comunit retta da una donna. Dice il testo- !Dopo aver rifle!o. si re+, alla +asa di
:aria. madre di Giovanni. deo :ar+o. dove moli erano ri!nii e pregavano1 &ppena e$$e $!ssao alla
pora eserna. !na serva di nome =ode si avvi+in, per senire +-i era1 =i+onos+i!a la vo+e di Piero. per la
gioia non apr8 la pora. ma +orse ad ann!n+iare +-e f!ori +;era Piero1 (! vaneggi%3. le dissero1 :a ella
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 102
insiseva +-e era proprio +os81 2 *!elli inve+e di+evano: N l;angelo di Piero31 9!esi inano +onin!ava a
$!ssare e. *!ando aprirono e lo videro. rimasero s!pefai1 2gli allora fe+e loro +enno +on la mano di
a+ere e narr, loro +ome il 0ignore lo aveva rao f!ori dal +ar+ere. e aggi!nse: =iferie *!eso a Gia+omo
e ai fraelli31 Poi !s+8 e se ne and, verso !n alro l!ogo# 17tti ':, ':3'45.
3) I personaggi femminili del vangelo sono tutti positivi se si escludono le donne che avevano o aspiravano
al potere come 8rodiade e la madre dei figli di <ebedeo 1*atteo :@,:@3:'5- !&llora gli si avvi+in, la madre
dei figli di Pe$edeo +on i s!oi figli e si prosr, per +-iedergli *!al+osa1 2gli le disse: 4-e +osa v!oiC31 Gli
rispose: Di; +-e *!esi miei d!e figli siedano !no alla !a desra e !no alla !a sinisra nel !o regno)#.
4) 7nche $iovanni 1:;,:45 mette sotto la croce solo le donne, tra cui la madre 1perchC il !discepolo che egli
amava# rappresenta qui il discepolo ideale, quello che disposto a dare la vita con >ui5 ma non mette i
discepoli veri che si erano dati a precipitosa fuga o lo avevano tradito o rinnegato.
+) Aell.episodio della donna /ananea 1*atteo ';,::3 :%5 quando, nel racconto, $es( sembra rifiutarla, in
verit sono i discepoli a volerla scacciare 1!:a egli non le rivolse nepp!re !na parola1 &llora i dis+epoli gli
si a++osarono e lo pregarono: 2sa!dis+ila. per+-> +i viene diero gridando%)5. 9raduzione benevola,
perchC pi( verosimile che la traduzione esatta sia !+a++iala. mandala via a mani v!oe# 1v. :+5. 8 la
conclusione contiene l.ammirazione piena di $es(- !&llora GesA le repli+,: Donna. grande ) la !a fede%
(i sia fao +ome desideri31 2 da *!ellDisane s!a figlia f! g!aria# 16. :%5. Degli apostoli invece, si dice che
!-anno po+a fede#.
/) $es( condanna senza appello il ripudio 1inventato dai maschi per i maschi, ma fatto passare come volont
di Dio5 ma i discepoli si ribellano- !Gli domandarono: Per+-> allora :os) -a ordinao di darle l;&o di
rip!dio e di rip!diarlaC31 =ispose loro: Per la d!re""a del vosro +!ore :os) vi -a permesso di rip!diare
le vosre mogli# all;ini"io per, non f! +os81 :a io vi di+o: +-i!n*!e rip!dia la propria moglie. se non in +aso
di !nione illegiima. e ne sposa !n;alra. +ommee ad!lerio31 Gli dissero i s!oi dis+epoli: 0e *!esa ) la
si!a"ione dell;!omo rispeo alla donna. non +onviene sposarsi3@ 1*atteo 'G,43'@5.
= padroni o meglio nienteQ
2) 0ono tre i personaggi femminili del 6angelo di $iovanni, cui $es( si rivolge chiamandole !donna#-
a5 la madre a /ana di $alilea e sotto la croce, la sposa fedele dell'antica alleanza, l'Israele fedele, di cui il
!discepolo amato# diventa cos? !figlio#;
b5 la 0amaritana ossia l'adultera che ha sette mariti, ossia sette dei al posto di un solo Dio, la sposa infedele
che Dio riconquista con l.amore e
c5 *aria di *agdala, figura della nuova comunit di $es( che sta nascendo, di cui la *addalena rappresenta
la sposa della Auova 7lleanza.
Torna all'indice generale
DONO DONO
Dono ci che si riceve per amicizia o per bont del donatore, senza contraccambio e non per gli eventuali
meriti di chi lo riceve.
Il dono, fatto per essere accolto, , per definizione, asimmetrico, senza reciprocit, altrimenti sarebbe uno
scambio. "er la stessa ragione non pu essere contraccambiato.
Il suo vero scopo allora quello di diventare fecondo, di moltiplicarsi espandendosi.
8 si pu dare anche senza nulla possedere perchC- !Huando non si ha pi( niente da dare perchC si dato
tutto, allora si diventa capaci di veri doni#, diceva "rimo *azzolari.
*a per poter donare bisogna saper per3donare. Il per3dono al fratello !scioglie# l'amore generoso del "adre e
lo rende operativo. >a riconciliazione funziona senza il dono, ma il dono non funziona senza la
riconciliazione- !0e d!n*!e ! preseni la !a offera all;alare e l8 i ri+ordi +-e !o fraello -a *!al+-e +osa
+onro di e. las+ia l8 il !o dono davani all;alare. va; prima a ri+on+iliari +on il !o fraello e poi orna a
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 103
offrire il !o dono ! 1*atteo ;,:+3:&5.
Torna all'indice generale
DONO DONO di di DIO DIO
!GesA le risponde: 0e ! +onos+essi il dono di Dio e +-i ) +ol!i +-e i di+e: ?Dammi da $ere%@. ! avresi
+-ieso a l!i ed egli i avre$$e dao a+*!a viva3#1$iovanni &,'@5.
7lla 0amaritana e a noi $es( vuole mostrare un Dio che dona e che si dona- amore incondizionato e totale
cui deve corrispondere amore simile, non verso Dio ma verso gli altri- un !senso unico#.
Dice "aolo 1'/orinti &,45- !4-e +osa possiedi +-e ! non l;a$$ia ri+ev!oC#. >'amore, con la vita e
l'amicizia, si diffonde da Dio agli uomini, solo attraverso gli uomini.
Torna all'indice generale
DOTTORI DOTTORI della della LEGGE LEGGE
9ermine usato da *atteo 1::,+;5 e da >uca 1'@,:;5 per indicare gli 0/2IEI, i teologi ufficiali, i soli
ufficialmente riconosciuti come esperti in teologia e diritto.
7 loro si allude in >uca :,&, parlando di $es( ritrovato dai genitori nel 9empio tra i !maestri#, ossia coloro
che avevano il compito di insegnare la >egge di *os.
Torna all'indice generale
DOVERE DOVERE
Il verbo !dovere# pu indicare quattro possibilit-
1) un verbo tecnico che indica la volont di Dio, qualcosa che rientra nel disegno divino di salvezza
sull'umanit, che si compir solo se qualcun.altro vi aderisce a pieno, come ha fatto $es(.
/os? come !D868# o ! A8/80072I=#, ma anche !EI0=$A7#, indicano l'attuazione certa di un progetto
divino sugli uomini in generale e su $es( in particolare, come dicono le scritture oppure che $es( rivela.
!Doveva#, insomma, la conclusione logica del progetto di salvezza di Dio sull.umanit.
*a anche !adempiere le scritture# in >uca &,',- K<ggi si ) adempi!a *!esa s+ri!ra +-e voi avee !dio
+on le vosre ore++-ie).
Bna certa teologia, tanto nefanda e scellerata quanto falsa, vuole che $es( sia stato crocefisso per volont di
Dio, un dio crudele che non esita a sacrificare a se stesso il suo unico Oiglio. Invece $es( stato sacrificato
per volont e convenienza dei 0ommi 0acerdoti e della classe dirigente al potere, il sinedrio- !:a !no di
loro. 4aifa. +-e era sommo sa+erdoe *!ell;anno. disse loro: Voi non +apie n!lla% Non vi rendee +ono +-e
) +onveniene per voi +-e !n solo !omo m!oia per il popolo. e non vada in rovina la na"ione inera%3#.
3 K/l 6iglio dell;!omo disse deve soffrire molo. essere rifi!ao dagli an"iani. dai +api dei sa+erdoi e
dagli s+ri$i. venire !++iso e risorgere il er"o giorno) 1>uca G,::5.
3 !Da allora GesA +omin+i, a spiegare ai s!oi dis+epoli +-e doveva andare a Ger!salemme e soffrire molo
da pare degli an"iani. dei +api dei sa+erdoi e degli s+ri$i. e venire !++iso e risorgere il er"o giorno#
1*atteo %,'+ e *arco %,+'5.
3 !Di+eva *!eso per indi+are di *!ale more doveva morire# 1$iovanni ':,++ e '%,+:5.
!Il danno pi( grande che si potuto fare al cristianesimo stato questa re3interpretazione sacrificale della
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 104
morte di /risto. /ome conseguenza, adesso, abbiamo dei cristiani deresponsabilizzati in quanto pensano che
$es( /risto ha gi fatto tutto per loro e quindi loro non debbono fare quasi niente- sufficiente appropriarci
dei suoi meriti. 8 questa stata una vera catastrofe per un cristianesimo autentico. Il cristianesimo
diventato una celebrazione, una ritualit, un praticare e non un fare# 1=rtensio da 0pinetoli5.
Huesta visione ancora viva nella gerarchia post3conciliare che l.ha imposta nella celebrazione eucaristica,
ossia nella celebrazione comunitaria di $es( che dona di tutto se stesso e la sua vita. Il celebrante cattolico
italiano 1solo questo5 D868 dire !offerto in sacrificio# quando invece $es( si offerto per puro amore.
$es( ha aderito completamente al progetto salvifico di Dio, che era chiaro e conosciuto perchC svelato e
scritto nella Eibbia, ma non riconosciuto dai suoi.
3 K/nfai non avevano an+ora +ompreso la 0+ri!ra. +-e +io) egli doveva risorgere dai mori) 1$iovanni
:@,G5.
3 KPer+-> io vi di+o: deve +ompiersi in me *!esa parola della 0+ri!ra: 2 f! annoverao ra gli empi1 /nfai
!o *!ello +-e mi rig!arda volge al s!o +ompimeno) 1>uca ::,+45.
3 K2 +ome :os) innal", il serpene nel desero. +os8 $isogna +-e sia innal"ao il figlio dell;Lomo)
1$iovanni +,'&5.
Aello stesso tempo $es( sconfessa l.interpretazione corrente sul *essia atteso- !&llora la folla gli rispose:
Noi a$$iamo appreso dalla Legge +-e il 4riso rimane in eerno# +ome p!oi dire +-e il 6iglio dell;!omo
deve essere innal"aoC3#.
Ael disegno divino c.era l.assoluta coerenza dell.agire del Oiglio rispetto alla volont di salvezza
dell.umanit- K:a $isogna +-e il mondo sappia +-e io amo il Padre. e +ome il Padre mi -a +omandao. +os8
io agis+o) 1$iovanni '&,+'5. Infatti !Da allora GesA +omin+i, a spiegare ai s!oi dis+epoli +-e doveva
andare a Ger!salemme e soffrire molo da pare degli an"iani. dei +api dei sa+erdoi e degli s+ri$i. e venire
!++iso e risorgere il er"o giorno# 1*atteo ',,:'5, ma anche *atteo %,'+; *arco %,+'; >uca
G,::.'+,++.'4,:;. :&,4 e :&,+,5.
!Huando scritto che $es( !doveva# non indica una necessit che lo sovrasta, che lo stringe come un chicco
di grano stretto nella macina. una necessit che interna ad una scelta- la 0ua sceltaI 18rnesto Ealducci5.
Bn'amara necessit, non cercata nC sub?ta, ma accolta per puro amore.
*a c. anche la salvezza per chi la religione discriminava, come la donna curva sotto la >egge- K2 *!esa
figlia di &$ramo. +-e 0aana -a en!o prigioniera per $en di+ioo anni. non doveva essere li$eraa da
*!eso legame nel giorno di sa$aoC3 HL!+a 13.16I# oppure <accheo il capo dei pubblicani- ?&llora +orse
avani e. per ri!s+ire a vederlo. sal8 s! !n si+omoro. per+-> doveva passare di l'@ HL!+a 1F.4I ; o come pure
la samaritana eretica- !Doveva per+i, araversare la 0amaria#. dice $iovanni 1&,&5.
2) /. poi il nostro !dovere# come quello di assolvere un compito, una scelta obbligata per il discepolo,
rispondendo ad un invito categorico di $es(, quello di pagare un debito verso gli altri- K0e d!n*!e io. il
0ignore e il :aesro. -o lavao i piedi a voi. an+-e voi dovee lavare i piedi gli !ni agli alri ) 1$iovanni
'+,'&5. Infatti !GesA li +-iam, a s> e disse: Voi sapee +-e i governani delle na"ioni dominano s! di esse e
i +api le opprimono1 (ra voi non sar' +os8# ma +-i v!ole divenare grande ra voi. sar' vosro serviore e +-i
v!ole essere il primo ra voi. sar' vosro s+-iavo1 4ome il 6iglio dell;!omo. +-e non ) ven!o per farsi
servire. ma per servire e dare la propria via in ris+ao per moli3@ 1*atteo :@,:;3:%5.
0econdo voi, a chi pensate che queste parole siano rivolteJ quello che penso anch.io.
Il discepolo ha anche altri imperativi da assolvere, come in $iovanni +,4 1Non meravigliari se i -o deo:
dovee nas+ere dall;alo5 o in >uca ':,; 1Vi mosrer, inve+e di +-i dovee aver pa!ra: emee +ol!i +-e. dopo
aver !++iso. -a il poere di geare nella Ge)nna1 08. ve lo di+o. emee +os!i5.
3) /. l.uso del verbo !dovere# nel senso di !quello che dovuto# come debito verso un altro, come dice
l.amministratore infedele- !4-iam, !no per !no i de$iori del s!o padrone e disse al primo: (! *!ano devi
al mio padroneC)#.
4) =ppure una cosa che non pu non accadere, inevitabile, ma non per decisione divina ma per una scelta
umana, perchC ogni uomo libero di accettare o meno questo progetto di salvezza o anche di opporsi
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 105
all'amore con l'odio.
$es( doveva morire perchC, in un mondo ingiusto, il giusto soffre sia per volere che per mano degli ingiusti
che non lo sopportano. Dopo aver fatto certe scelte, le conseguenze sono ineluttabili, debbono accadere. 0e
persegue fino in fondo il disegno divino, $es( non pu che fare quella fine. >a necessit e le conseguenze
non sono cercate, ma evitabili solo se si sceglie di rifiutare le premesse.
!/hi tocca i fili muore# dice il cartello sui tralicci dell.alta tensione, ma non muore certo perchC cos? scritto
o per volont divina. $es( sa bene che la sua presa di posizione a favore dell.Bomo lo porter alla morte, ma
vuole essere coerente fino in fondo con il progetto d.amore del "adre. 7nche se conscio che il clero
gerolosomitano lo cerca per ucciderlo nella maniera pi( infamante, perchC odiato dai detentori del potere.
Torna all'indice generale
EBRAICO EBRAICO
In ebraico 1una lingua del gruppo semitico 1come l.aramaico5, con una struttura piuttosto semplice, senza
declinazioni nC congiuntivo e povera di parole 1circa ;@@@ termini5, ma ricchissimo di concetti5 scritto gran
parte dell.7ntico 9estamento. 9esti aramaici sono presenti nel canone ebraico che non prevede per testi
scritti in greco come il 0econdo libro dei *accabei o il libro della 0apienza.
"arlata dal popolo d.Israele, considerata la lingua sacra, non solo perchC la Eibbia !parola di Dio#, ma
anche nel senso che Dio parla questa lingua 1la stessa cosa gli arabi dicono del /orano5.
>a lingua scritta consonantica ossia formata solo dalle ventidue consonati che, per tradizione, prese
singolarmente hanno ciascuna un peso e un significato simbolico. Il suono delle parole era solo orale.
Dal tempo della deportazione babilonese 16I sec. a. /.5 l.ebraico era diventato quasi una lingua morta,
mentre l.727*7I/= andava prendendo gradualmente il sopravvento sull.ebraico, che diventava
patrimonio di pochi individui delle classi colte e ricche, ma continuava ad essere in uso nella liturgia. *a
nessuno pi(, all.infuori degli addetti ai lavori, lo comprendeva, per cui andava tradotto a beneficio dei
partecipanti alle funzioni liturgiche.
Aelle comunit ebraiche della diaspora, come ad 7lessandria d.8gitto, nacque la traduzione della Eibbia in
greco, detta la 08997A97.
Aell.era volgare, in un periodo di molti secoli, i *70=289I introdussero nella scrittura dei segni diacritici
equivalenti 1puntini e trattini5 per indicare le vocali 1circa una ventina di suoni5 cos? come si usava nella
lettura tradizionale, con le pause e i modi di recitazione sinagogale. *a questo, per le notevoli varianti di
pronuncia tra le varie comunit ebraiche in "alestina e nella diaspora, diventava una vera e propria
interpretazione. /iononostante lo scritto *asoretico il testo ebraico di base sia per ebrei e cristiani.
$es( parlava e predicava in aramaico, ma conosceva l.ebraico perchC ha letto, nella sinagoga di Aazaret, il
brano del rotolo consegnatogli dall.inserviente 1>uca &,',3'G5 a meno che non lo conoscesse a memoria e
poi citasse il testo, seppure censurandolo in parte.
*arco usa, nel testo greco, diverse parole ebraiche; +,:: 6eel2eb>l 3 G,&+ 9enna 3 '&,+: 9etsmani 3 ';,::
9lgota 3 ';,&: -arascve.
Torna all'indice generale
EBRAISMO EBRAISMO
Il termine indica la religione ebraica ma, dal tempo del 0econdo 9empio, possibile usare, come sinonimo,
anche la parola $iudaismo.
>.ebraismo la religione etnica degli 8brei, che ruota intorno alla 9orh scritta e orale, al !popolo eletto#,
alla !terra promessa#, all.7lleanza e al monoteismo, ma anche al sabato, alle festivit religiose, alle regole di
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 106
purit e a quelle alimentari, alla circoncisione, e pi( tardi, al culto sinagogale.
*a al tempo di $es( c.erano ancora il 9empio, i sacrifici e una classe sacerdotale.
In senso stretto l.ebraismo non si dovrebbe chiamare religione del libro, ma la fede nell.7lleanza perchC, se
c. un libro sacro sul cui contenuto si sono sempre confrontate le scuole rabbiniche con le interpretazioni pi(
varie, fino agli estremi, proprio la Eibbia ebraica.
/ertamente una religione, ma anche una storia millenaria, una cultura e una civilt vastissime- un mondo
complesso e, in un certo senso, impenetrabile ai non addetti ai lavori.
>e vicende storiche influirono moltissimo nell.evoluzione dell.8braismo. $rossolanamente possiamo
riconoscere dieci periodi storici, cos? come raccontati nel mito e poi nella storia-
1) *igrazione di 7bramo, sotto la spinta delle invasioni di popoli asiatici 1i popoli del mare5, dalla parte
meridionale della *esopotamia, verso nord lungo l.8ufrate e poi, deviando a sud3ovest, verso /anaan.
2) *igrazione della discendenza di 7bramo verso l.8gitto e successivo asservimento.
3) 8sodo 1spontaneo eWo obbligato5 verso la "alestina attraverso il deserto del 0inai, sotto la guida di *os e
poi di $iosu, e la conquista della !terra promessa#. Da qui comincia la storia.
4) "eriodo monarchico 10aul e poi con Davide e 0alomone5 con il quale finisce il mito ed inizia la storia di
Israele. 7lla morte di 0alomone, si consuma lo scisma tra regno del nord 1Israele5 e del sud 1$iuda5.
Ael 4:: a. /. 0almanassar 6, re degli 7ssiri, conquista la 0amaria e pone fine al regno del nord. Ael ;%,
Aabucodonosor II, re babilonese, conquista $erusalemme e la $iudea.
+) "eriodo delle deportazioni in Eabilonia 1;G% e ;%4 a. /5 della classe dirigente e della famiglia reale, di cui
viene per riconosciuta la legittimit. I deportati rimangono liberi, anche se soggetti a lavori obbligatori.
/) Ael ;+G c. sconfitta dei Eabilonesi ad opera dei "ersiani di /iro il $rande. Ael ;+% ha inizio il ritorno
degli esiliati a $erusalemme 1durato un circa un secolo5, prima chi non aveva fatto fortuna, e poi chi aveva
accumulato enormi ricchezze, fino a tenere in pugno le finanze del regno di 7rtaserse 17ssuero secondo la
versione ebraica5 e a scatenare la furia omicida di 7man, il suo primo ministro, che decide di far uccidere
tutti i giudei. *a 8ster, la regina, ebrea di nascita, e *ardocheo, suo zio, li liberarono mentre 7man e i figli
furono impiccati. /on l.approvazione e sotto la protezione dei re persiani, gli ebrei tornati da Eabilonia,
1Aeemia, un ebreo divenuto coppiere di /iro e poi nominato governatore della $iudea, con 8sdra, scriba e
sacerdote, restauratore della >egge, e con i legittimi re davidici 0esbassar e <orobabele5 rinasce il regno di
$iuda e il giudaismo- !Neemia. +-e era il governaore. 2sdra. sa+erdoe e s+ri$a# 1Aeemia %,G5.
Inizia cos? uno scontro violento con gli ebrei rimasti in "alestina al tempo della deportazione, e che avevano
formato un popolo meticcio, mescolandosi con i coloni portati da Aabucodonosor. Huesti, perseguitati e
sconfitti, fuggirono in 0amaria distaccandosi completamente dal regno di $iuda, fino ad innalzare un altro
tempio sul monte $arizim, in contrapposizione a quello di $erusalemme.
2) "eriodo ellenista, che va dalla conquista di $erusalemme da parte di 7lessandro il *acedone 1++:5 alla
spartizione dell.impero tra i suoi generali dopo la sua morte 1+:+ a. /.5- in "alestina i 9olomei prima e poi i
0eleucidi.
=) "eriodo romano dalla conquista di $erusalemme da parte di "ompeo 1,& a. /.5, alla fine dell.Impero
romano d.=riente.
>) "eriodo Islamico dal ,+% d. /.
10) Oondazione dello 0tato 8braico 1'G&%5 e situazione conflittuale con i "alestinesi di lingua araba, abitanti
di quelle terre espropriate pi( o meno legalmente.
=gnuno di questi avvenimenti modifica l.8braismo, specie quello della cattivit babilonese quando il profeta
8zechiele assesta un duro colpo alla monarchia, rea di aver portato alla rovina la nazione e di aver scatenato
l.ira di LahR. >a teologia di 8zechiele e le riforme di $ioisia portano alla fine della monarchia e, in un certo
senso, dell.8braismo, dando inizio al $IBD7I0*=.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 105
EBREI EBREI
9ermine di raro uso nell'7ntico 9estamento, molto spesso in bocca ai non ebrei, mentre gli ebrei preferiscono
il termine Israeliti 1gli Israeliani sono i cittadini dello stato d.Israele5.
>a parola sembra avere pi( una connotazione etnica, mentre israelita, una pi( religiosa.
8breo solo chi nasce da madre ebrea. "ur essendo una religione che non fa proselitismo, accoglie chi si
converte se decide di vivere a pieno la 9orh e le prescrizioni della >egge scritta ed orale, ad iniziare dalla
circoncisione.
"er gli 8brei !Aon c' altro Dio che LahR, altro luogo di culto che il tempio di $erusalemme, altra legge che
la 9orh#. 7l di fuori di LahR ci sono gli idoli e, al di fuori del 9empio, ci sono i luoghi abominevoli.
>'unica strada della verit e della salvezza passa per $erusalemme.
0e i pagani vogliono conseguirla debbono salire al Kmonte del 0ignore), venire al Dio di Israele, osservare le
pratiche e le cerimonie della >egge 1cfr. Isaia :,'3;; ,@,'3,5.
!>'intransigenza religiosa giudaica nasce dalla convinzione di comunicare con il vero Dio, creatore del cielo
e della terra, al di fuori del quale non c' nessun altro e non c' altro#, scrive =rtensio da 0pinetoli.
6edi anche I0278>I9I 1prima gli abitanti del regno del nord, poi i figli di Israele5 e $IBD8I 1prima solo gli
abitanti del regno di $iuda, poi i sudditi romani della provincia di 0iria5.
"er spiegare l.etimologia del termine esistono due versioni, entrambe poco convincenti-
3 dal nome di un nipote di 0em, figlio di Ao, chiamato 8ber 1$enesi '@,:'5 o
3 dal termine ibrim che deriva dal verbo abr, che significa passare 1dall.idolatria al servizio del vero Dio5 o
attraversare 1l.8ufrate verso /anaan5.
Di fatto in $enesi si nomina 7bram l.8breo 1'&,'+5 e gli Israeliti sono chiamati 8brei quando li si vuole
distinguere dagli altri popoli 1&@,'; e &+,+:5. In 8sodo :,' si parla dei fratelli ebrei di *os e in ;,+ del !Dio
degli ebrei#.
$es( un ebreo, ma certamente molto anomalo, e talora ci tiene molto a prendere le distanze dai discendenti
ebrei di 7bramo e in $iovanni %, ;, 8gli dice- !&$ramo. il vosro padre F#.
Torna all'indice generale
ECCO ECCO
Aei vangeli il termine usato pi( spesso per sorprendere il lettore con un avvenimento inatteso e improvviso.
/os? in $iovanni ;,'& 1Po+o dopo GesA lo rov, nel empio e gli disse: 2++o: sei g!ario% Non pe++are piA.
per+-> non i a++ada *!al+osa di peggio3I e in *arco ',:+ 12d e++o. nella loro sinagoga vi era !n !omo
possed!o da !no spirio imp!ro e +omin+i, a gridare5.
"i( raramente, come interiezione affermativa come in $iovanni ',:G- !/l giorno dopo. vedendo GesA venire
verso di l!i. disse: 2++o l;agnello di Dio. +ol!i +-e oglie il pe++ao del mondo%#.
Torna all'indice generale
EDOM EDOM
8dom significa !il rosso#, come era rosso 8sa( e come rossa quella fertile terra.
il nome di un vasto territorio in gran parte arido e montuoso a sud della $iudea, tra il *ar *orto e il *ar
2osso, abitata prima da 8sa(, il primogenito di Isacco, e poi dai suoi discendenti, chiamati 8D=*I9I
1Idumei in greco5. /on costoro si scontr *os, che arrivava dall.8gitto, a capo del suo popolo, al tempo
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 10B
dell.esodo, per il rifiuto dei re edomiti di permettere il passaggio degli ebrei 1fratelli e nemici5 sui propri
territori 1Aumeri :',&; Deuteronomio :,% e $iudici '','43'%5, fatto che li costrinse ad un lungo giro.
Huando quella terra venne conquistata fu assegnata alla trib( di 0imeone.
0aul, il primo re d.Israele, li combattC e Davide li vinse e li assoggett, sterminandoli.
/on la morte di 0alomone la regione entr a far parte del regno di $iuda o del sud, e, in seguito, quel che
restava di quel popolo fu in lotta sia contro Israele che contro le potenze vicine.
>.odio verso Israele era tanto grande che, allorchC Aabucodonosor distrusse $erusalemme, gli edomiti
parteciparono al saccheggio e consegnarono ai babilonesi i fuggiaschi ebrei.
Dal tempo dei *accabei assume il nome di IDB*87.
Torna all'indice generale
ELIA ELIA
Il nome significa- il 0ignore il mio Dio 1LMNM Dio5.
considerato il profeta pi( grande dell'7ntico 9estamento 1circa a met del IS secolo a. /.5 che al tempo del
feroce ed insaziabile re 7cab 3 che aveva introdotto ed imposto il culto di Eaal nel regno d'Israele 1o del
nord5 P e di sua moglie, la scellerata regina $ezabele 1figlia del re fenicio di 9iro e di 0idone5, venne da loro
perseguitato per il suo zelo nella lotta contro i culti idolatrici. Il profeta si salv da morte, fuggendo nel
deserto, protetto da Dio.
8lia preannunzi una carestia legata a tre anni di siccit, come effettivamente avvenne. noto il racconto che
narra come una vedova di 0arepta sfam se stessa, il figlio 1da 8lia riportato in vita5 e il profeta, per lungo
tempo, con un pugno di farina e un po. di olio 1narrato in :2e '4 e ricordato da $es( in >uca &,:;3:,5.
7ltrettanto famosa la sua sfida pubblica contro i sacerdoti di Eaal che egli, dopo la vittoria, scanna di sua
mano 1ben &;@5, nel torrente Vison, dopo averli fatti catturare 1'2e '43'G5- risposta ideologica e fanatica in
difesa della sua immagine falsa, di un Dio che impone con la violenza il rispetto della >egge di *os.
"oi 8lia, per ordine di Dio, inizia un cammino di conversione verso l'=reb 1il 0inai5, dove Dio gli si rivela,
ed 8lia riconosce che la vera voce di Dio, la volont di Dio, non nel vento impetuoso, non nel terremoto,
non nel fuoco, ma nella Ivoce di silenzio sottileI, un silenzio dove dimora la voce da Dio 1'G,''3';5.
>a Eibbia dice che 8lia non morto ma stato rapito in cielo. Il suo ritorno avverr prima dell'arrivo del
*essia che dovr ristabilire il regno d'Israele, secondo la profezia di *alachia.
Aei vangeli la figura di $iovanni il battezzatore strettamente collegata a quella di 8lia. 6este come 8lia,
vive nel deserto, perseguitato da 8rodiade come 8lia lo fu da $ezabele e $es( stesso dichiara che il
Eattista il profeta che viene prima del *essia- !&llora i dis+epoli gli domandarono: Per+-> d!n*!e gli
s+ri$i di+ono +-e prima deve venire 2liaC31 2d egli rispose: 08. verr' 2lia e risa$ilir' ogni +osa1 :a io vi
di+o: 2lia ) gi' ven!o e non l;-anno ri+onos+i!o# an"i. -anno fao di l!i *!ello +-e -anno vol!o1 4os8
an+-e il 6iglio dell;!omo dovr' soffrire per opera loro31 &llora i dis+epoli +ompresero +-e egli parlava loro
di Giovanni il 7aisa# come scritto in *atteo '4,'@3'+5.
8lia compare anche, insieme a *os, nel racconto della 9rasfigurazione di $es( 1*atteo '4,'3G5; l.episodio
vuol mostrare come la >egge e i "rofeti, per dire la 0crittura prima di $es(, sono ora illuminate dalla nuova
luce della "arola- !2d e++o !na vo+e dalla n!$e +-e di+eva: 9!esi ) il 6iglio mio. l;amao: in l!i -o poso
il mio +ompia+imeno1 L!i as+olae3#.
Il cristiano infatti, deve trattenere solo quella parte di 7ntico 9estamento che non contrasta con
l.insegnamento di $es(. Il resto un fardello inutile e, forse, dannoso per il cristianesimo.
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 10F
ELLENISMO ELLENISMO
Ael ++: a. /. 7lessandro *agno conquista $erusalemme, la citt che, vuoi per la lungimirante ed aperta
visione politica del conquistatore, vuoi per la pronta sottomissione degli abitanti, ottiene di poter vivere
secondo le proprie tradizioni. *a, dopo la sua precoce morte, la "alestina passa, nel +': a. /., sotto il
controllo dei 9olomei per quasi un secolo e mezzo, fino al '4+ a. /., quando viene deposto l.ultimo legittimo
sommo sacerdote sadocita.
In questo lungo lasso di tempo si forma una numerosa e forte colonia di ebrei rifugiati, emigrati e deportati,
ad 7lessandria d.8gitto, la capitale dei 9olomei. >a comunit, divenuta ricca e influente, abbandona la lingua
sacra ebraica che non pi( compresa, dando vita alla pi( famosa traduzione dall.ebraico al greco, la
08997A97, ed adotta non solo la lingua dei $reci, ma anche le usanze e i costumi. Ael :@@ a. /. il re di
0iria, 7ntioco III, sconfigge l.egiziano 9olomeo 6 e d inizio cos? all.influenza siriana in "alestina, ma
cominciano anche le lotte intestine tra ebrei filo3siriani e filo3egiziani mentre gli ultimi sacerdoti 07D=/I9I
fuggiti da $erusalemme, fondano le comunit degli 8sseni lungo le rive del *ar *orto. *a i generali che si
erano suddivisi l.impero di 7lessandro, non hanno la statura politica nC l.intelligenza del grande condottiero
e si rendono invisi ai popoli sottomessi a causa della loro politica colonialista. 0otto la guida dei
*7//7E8I, nel ',4 a. /. inizia la rivolta antisiriana degli ebrei contro i 08>8B/IDI, in particolare contro
7ntioco I6 8pifane. 8ssi, anche con l.aiuto dei romani, hanno la meglio, ma, da allora, 2oma aumenta le
mire egemoniche su quel territorio, che finisce nelle loro mani con la dinastia degli 8rodi.
0i forma, nel frattempo, una classe di ebrei che, pur rimanendo monoteisti, vedono di buon occhio quella
moderna civilt e per questo sono combattuti dagli ebrei conservatori. Aello stesso tempo ci sono anche
molti ebrei della diaspora e i pagani convertiti, che vanno a vivere a $erusalemme o che la frequentano
durante le festivit religiose. Di loro fa cenno l.evangelista $iovanni 1':,:@3::5 quando racconta che alcuni
greci chiedono a Oilippo, il discepolo di $es( con un rassicurante nome greco, di poter conoscere il *aestro.
>a /hiesa di 7ntiochia, dove per la prima volta i seguaci di $es( vengono chiamati cristiani, la pi(
rappresentativa di questo modo di intendere la fede. Bna /hiesa ben organizzata, tanto da poter fare una
colletta per la /hiesa di $erusalemme che era in bancarotta perchC i fedeli vendevano le loro sostanze e
deponevano quanto ricavato !ai piedi degli aposoli# 17tti &,+;5, i quali per non erano per in grado di
amministrare la comunit ed anzi facevano favoritismi tra ebrei e greci- !/n *!ei giorni. a!menando il
n!mero dei dis+epoli. *!elli di ling!a gre+a mormorarono +onro *!elli di ling!a e$rai+a per+->.
nell;assisen"a *!oidiana. venivano ras+!rae le loro vedove# 17tti ,,'5.
Torna all'indice generale
ELLENISTI ELLENISTI
I primi discepoli di $es( erano tutti ebrei 1certo una parte minima del popolo ebreo5 e molti pensano che il
termine !i dodici# sia solo una simbologia per dire il !nuovo Israele#.
*a il cristianesimo nascente si trova ben presto a doversi confrontare con la cultura greca, ed infatti i vangeli
e tutto il Auovo 9estamento, sono stati scritti in greco e due apostoli, 7ndrea e Oilippo, hanno nomi greci.
In tutti i vangeli appare chiaro che $es( rifiutato dal popolo ebraico e dalle persone pie, mentre accolto
dai non ebrei, dai pagani e dai peccatori, cosicchC, ben presto, nasce una contrapposizione tra loro.
6engono chiamati !ellenisti# i seguaci di $es( non ebrei, o gli ebrei di lingua e cultura greca, che si
opponevano ai giudeo3cristiani, che erano tutti circoncisi, che a $erusalemme frequentavano il 9empio dove
i sacerdoti continuavano a praticare i sacrifici, che rispettavano la >egge e le norme di purit rituale, che
osservavano il riposo sabbatico, vivendo in pieno accordo con gli ebrei ortodossi.
Il primo martire, 0tefano, era un ellenista e fu lapidato con la collaborazione indiretta di "aolo di 9arso che,
una volta convertito, ader? alle posizioni degli ellenisti, scontrandosi con la /hiesa di $erusalemme e con lo
stesso "ietro. $li 7tti degli 7postoli mostrano con chiarezza il cambiamento perchC "ietro, che il
protagonista della prima parte del racconto, lascia rapidamente la supremazia a "aolo, che prima si reca tra
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 110
gli 8brei della diaspora e poi, al contrario degli apostoli, si fa portatore della !Euona Aotizia# tra le nazioni
pagane obbedendo infine alla volont di $es( 1K&ndae d!n*!e e fae dis+epoli !i i popoli. $ae""andoli
nel nome del Padre e del 6iglio e dello 0pirio 0ano. insegnando loro a osservare !o +i, +-e vi -o
+omandao1 2d e++o. io sono +on voi !i i giorni. fino alla fine del mondo), in *atteo :%,'G3:@5, mentre gli
apostoli 1apostoli significa inviati5, dopo la resurrezione, rimangono a $erusalemme, seguendo ancora le
regole del giudaismo, in perfetto accordo con la comunit ebraica.
*a le differenze risulteranno ben presto evidenti e il conflitto inevitabile, perchC si deve scegliere tra-
3 una legge di *os, a fronte di una fede in $es(,
3 una religione etnica per pochi eletti, a fronte di una fede universale,
3 una religione 1tempio, sacerdoti, sacrifici, liturgie, offerte5, a fronte di una fede intima,
3 una fede aperta e dialogante, a fronte di una /hiesa gerolosomitana chiusa in se stessa,
3 un decalogo di divieti, a fronte dell.unico comandamento dell.amore,
3 l.immagine di un Dio spietato, a fronte di un "adre misericordioso; di un Dio che condanna, a fronte di uno
che perdona sempre e gratuitamente; di un Dio che esclude, a fronte di uno che tutti accoglie, di un Dio per
Israele a fronte di un Dio per tutta l.umanit, di un Dio irraggiungibile a fronte di uno incarnato, di un Dio
che abita nel 9empio a fronte di un Dio che vive nell.intimo di ogni uomo, di un Dio che si riposa il sabato a
fronte di uno che crea continuamente, di un Dio che chiede sacrifici e di un Dio che serve, dona e si dona.
>.ellenismo accett, con coraggio, la sfida con la cultura greca e dal connubio nata la civilt occidentale.
Torna all'indice generale
ESPIAZIONE ESPIAZIONE
6edi, tra le festivit ebraiche, la festa dello e=* VI""B2.
Torna all'indice generale
ESSENI ESSENI
"ur essendo una delle grandi componenti nell.orizzonte religioso ebraico al tempo di $es( 1insieme con
sacerdoti, leviti, sadducei, farisei, scribi e zeloti5 non sono mai nominati nei vangeli.
Ael 'G&4, a seguito del ritrovamento casuale, nelle grotte di Humran, di rotoli della scrittura e della loro
regola, gli 8sseni sono balzati all.attenzione degli esperti, con un materiale di importanza fondamentale per
la comprensione della 0acra 0crittura fino al 4@ d. /.
7l tempo dei *accabei 1II sec. a. /.5 erano sorti in Israele gruppi di devoti 1i pii o 70ID8I5 da cui
derivarono in seguito due movimenti religiosi- i farisei e gli 8sseni. *a questi, al contrario dei *accabei che
lottavano anche per mantenere il loro potere politico, avevano solo motivazioni religiose. $li 8sseni si erano
posti ai margini della vita religiosa ufficiale, essendosi ritirati nel deserto intorno al *ar *orto, dove
avevano fondato comunit di tipo monastico3ascetico, di cui la pi( celebre quella di /hirbet Humran 1o
semplicemente Humran5, divenuta famosa quando, tra il 'G&4 e il 'G;, in alcune grotte nei pressi del *ar
*orto, furono fortunosamente reperiti, in giare di creta, alcuni manoscritti di testi biblici e preziosi
commentari appartenenti alla loro biblioteca.
In questi scritti sono stati ritrovati commenti ad altri detti di $es( e una frase dei vangeli riportata in *atteo
;,&+ dove scritto che $es( afferma- !&vee ineso +-e f! deo: &merai il !o prossimo e odierai il !o
nemi+o#. *a in nessun passo delle 0critture fino ad allora note era riportata questa frase. Il testo completo
del vangelo di *atteo dice- !&vee ineso +-e f! deo: &merai il !o prossimo e odierai il !o nemi+o1 :a io
vi di+o: amae i vosri nemi+i e pregae per *!elli +-e vi perseg!iano. affin+-> siae figli del Padre vosro
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 111
+-e ) nei +ieli# egli fa sorgere il s!o sole s!i +aivi e s!i $!oni. e fa piovere s!i gi!si e s!gli ingi!si1 /nfai.
se amae *!elli +-e vi amano. *!ale ri+ompensa ne aveeC Non fanno +os8 an+-e i p!$$li+aniC 2 se dae il
sal!o solano ai vosri fraelli. +-e +osa fae di sraordinarioC Non fanno +os8 an+-e i paganiC Voi. d!n*!e.
siae perfei +ome ) perfeo il Padre vosro +elese#. 1*atteo ;,&+3&%5.
Il brano indica una chiara presa di distanza dalle dottrine degli 8sseni che sembra $es( conoscesse.
$li 8sseni vivevano sotto la guida di un sacerdote, il !*aestro di giustizia#, di cui non si conosce il nome, in
attesa della salvezza imminente, con la vittoria dei !figli della luce# 1loro5 sui figli delle tenebre 1tutti gli
altri5. 7l sacerdote che guidava la comunit, Dio stesso rivelava direttamente, a pieno, ogni mistero nascosto
nelle 0critture e nessun.altra interpretazione era lecita- in pratica una nuova Torh. >.esatto contrario delle
mille interpretazioni, considerate tutte canoniche, di scribi e rabbini.
7ttivi dal II sec. a /. al I d. /., poi scomparsi nel ,%W4@ d. /. perchC trucidati dalla decima legione romana,
oppure dispersi. "aolo parla di incontri con 8sseni della diaspora.
I$li esseni, comunit di tipo monastico in rottura con le istituzioni ufficiali 1non viene ricordato nei vangeli5,
aspettavano, come i farisei, la signoria di Dio, ma senza occuparsi di niente al di fuori del loro circolo di
eletti. 7i tempi di $es(, mantenevano un atteggiamento zelota e attendevano il momento della guerra santaI
1Luan *ateos5.
0i ritenevano gli eletti, i salvati 1come del resto pensavano di se stessi i farisei5 ed accettavano adepti solo
dopo un lungo periodo di prova, per un anno fuori dalla comunit ma rispettandone le regole, e poi per altri
due anni sotto stretta osservazione. >a regola era durissima e non ammetteva errori di sorta, mentre
l.osservanza dei ,'+ precetti era rigorosa tanto che per loro anche i farisei erano ritenuti troppo permissivi.
>e loro abluzioni rituali per immersione 1'iv5 avvenivano fino a sette volte al giorno al fine di purificarsi
in attesa dell.ormai prossimo arrivo del *essia figlio di Davide. 6ivevano una vita ascetica lontano
dall.Israele impuro e destinato a perire, mentre loro, il !resto santo# erano destinati alla salvezza.
2itenevano che i 07D=/I9I, 1alcuni dei quali avevano lasciato $erusalemme per ritirarsi nel deserto di
$iuda sulle rive del mar *orto, per fondare questa comunit5 fossero gli unici sacerdoti legittimi, ed erano in
contrasto con la classe sacerdotale 170ID8I5 discendente della famiglia dei *7//7E8I che consideravano
non solo immonda e corrotta, ma anche usurpatrice ed illegittima; il sommo sacerdote di $erusalemme era
chiamato !l.insipiente# o !l.empio# ossia ateo. Infatti il *essia li avrebbe eliminati tutti fisicamente.
"er gli 8sseni i tempi messianici sarebbero giunti con un duplice *essia- uno re e uno sacerdote. /on loro
sarebbe cos? stata annientata l.iniquit ed si sarebbe instaurato il regno universale di Israele, quello che,
sembra, anche gli apostoli attendevano- !2gli si mosr, a essi vivo. dopo la s!a passione. +on mole prove.
d!rane *!arana giorni. apparendo loro e parlando delle +ose rig!ardani il regno di Dio1 :enre si
rovava a avola +on essi. ordin, loro di non allonanarsi da Ger!salemme. ma di aendere l;adempimeno
della promessa del Padre. *!ella disse +-e voi avee !dio da me: Giovanni $ae"", +on a+*!a. voi
inve+e. ra non moli giorni. saree $ae""ai in 0pirio 0ano31 9!elli d!n*!e +-e erano +on l!i gli
domandavano: 0ignore. ) *!eso il empo nel *!ale ri+osi!irai il regno per /sraeleC3# 17tti ',+3,5.
6ivevano sia in grandi centri abitati sia in comunit cenobitiche di tipo monastico, tra le quali famosa la
comunit di Humran. >a loro regola prevedeva il celibato, anche se alcuni contraevano il matrimonio con il
solo fine di procurarsi una discendenza; ma anche per costoro l.astinenza dai rapporti matrimoniali era
richiesta nel periodo di gravidanza.
!Intorno ad un nucleo fortemente gerarchico costituito da sacerdoti e leviti dissidenti, scribi e maestri
formatisi nello studio e nella meditazione delle 0critture, si radunavano gruppi di fedeli alla ricerca
appassionata della purezza e parossisticamente legati alla >egge. >a pratica del celibato indica che essi
perseguivano un ideale di castit, ma nel cimitero di Humran sono stati trovati degli scheletri femminili.
Dunque la condizione matrimoniale non vietava l.accesso alla comunit. 8ssa accoglieva gli adepti dopo una
prova che imponeva l.obbedienza alla gerarchia e aveva come condizione essenziale la promessa del segreto
sulla natura dell.iniziazione. 7lcuni interpreti hanno creduto di individuare nel +orp!s di dottrine degli
8sseni influenze gnostiche, neopitagoriche e zoroastriane. 9utti i membri della comunit svolgevano in
comune la preghiera, il lavoro, la ricerca di Dio attraverso la sua "arola e i pasti fraterni. 0eguivano
rigorosamente la >egge mosaica con un.importante eccezione- si astenevano dai sacrifici cruenti. *olte
caratteristiche degli esseni hanno indotto alcuni interpreti ad accostare la loro setta a $iovanni Eattista, a
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 112
$iovanni evangelista 3 sopratutto in quanto autore dell.7pocalisse 3 e al /risto stesso, predicatore delle
beatitudini# 17ndrC3*arie $erard5. 8siste anche l.ipotesi di alcuni studiosi che collega $es( agli 8sseni, che
basata su alcuni indizi riguardanti $iovanni Eattista e lo stesso $es(. Infatti-
3 Il Eattista esercitava la sua missione sul $iordano, a pochi chilometri da Humran. 8gli avrebbe, secondo
questa ipotesi, lasciato la setta stabilendosi sulle rive del $iordano, dove il fiume entra nel *ar *orto, e qui
praticava un battesimo per immersione.
3 il Eattista era il maestro di $es(, com. scritto in *arco ',4- !2 pro+lamava: Viene dopo di me +ol!i +-e
) piA fore di me: io non sono degno di +-inarmi per slegare i la++i dei s!oi sandali1 /o vi -o $ae""ao +on
a+*!a. ma egli vi $ae""er' in 0pirio 0ano3#. 7ngelico "oppi traduce !dietro a me# aggiungendo per
s(bito dopo che egli non intende nC la temporalit nC la sequela. *a, se invece intendessimo !dietro a me#
nel senso di ! mio seguace#, l.ipotesi reggerebbe. >.espressione la stessa in *atteo :@,'G quando $es(
ordina a "ietro di tornare dietro a lui, ed tradotta nel senso di seguirlo e non di precederlo, ossia di fare il
discepolo. Inoltre la frase del vangelo di $iovanni !Oo viso lo 0pirio dis+endere +ome !na +olom$a K# la
formula con cui, nella comunit essenica, il maestro dichiarava il discepolo !illuminato dallo 0pirito#.
3 $iovanni aspettava un *essia simile a quello degli 8sseni 1in >uca +,'4 scritto- K(iene in mano la pala
per p!lire la s!a aia e per ra++ogliere il fr!meno nel s!o granaio# ma $r!+er' la paglia +on !n f!o+o
inesing!i$ile)5. 8 quando $es( lo delude e mangia con i peccatori che avrebbe dovuto distruggere, gli
manda quasi una scomunica- K0ei ! +ol!i +-e deve venire o do$$iamo aspeare !n alroC) 1*atteo '',+5.
"er quanto riguarda $es( le ipotesi sono altre, non meno interessanti, ma sempre ipotesi-
3 /erto il falegname di Aazaret conosceva perfettamente le scritture e, per quanto fosse di famiglia pia, non
avrebbe mai potuto raggiungere quei livelli di conoscenza nella sua casa o nella sinagoga 1non neanche
storicamente certo che Aazaret ne avesse una5. Aon risulta inoltre che sia stato allievo di un rabbi a
$erusalemme, mentre a /afarnao giunto dopo i trenta anni. 0i ipotizza perci che abbia frequentato
ambienti esseni duranti gli anni !oscuri#, dove avrebbe imparato a conoscere e approfondire le 0critture.
*a la sua vocazione non era quella monastica, bens? di vivere in mezzo alla gente pi( povera e tra gli esclusi
dalla vita sociale e religiosa di Israele.
3 Il /enacolo si trova a $erusalemme nel quartiere degli 8sseni, ed egli avrebbe celebrato la "asqua di
marted?, com.era in uso tra gli 8sseni, che seguivano un loro calendario particolare.
3 Aei vangeli gli 8sseni non sarebbero pertanto nominati perchC, per la comunit di $es(, quello era il
passato e non il presente, che era invece una novit assoluta.
3 Inoltre c. quella frase del suddetto testo di *atteo ;,&+- !&vee ineso +-e f! deo: &merai il !o prossimo
e odierai il !o nemi+o#, assente nelle scritture e ritrovata negli scritti di Humran.
/on il mondo degli 8sseni, quello di $iovanni Eattista e quello di $es( ci sono diverse assonanze, ma anche
radicali differenze- una per tutte il concetto di purit rituale.
7 questo proposito interessante l.ipotesi riportata nello schema riguardante gli ultimi giorni di $es( a
$erusalemme, riferita ad una nuova interpretazione del vangelo di $iovanni 1vedi schema5.
Torna all'indice generale
EUCARESTIA EUCARESTIA
In greco eucharistein e in ebraico todah, significa rendere grazie a Dio per le meraviglie che compie in noi.
Invece oinonia, comunione, il termine greco che indica il tipo di legame sorto tra i seguaci di $es(, uniti
nella diversit, e che trova il suo momento liturgico nell'8ucarestia, sacramento di comunione e momento
privilegiato di impegno di fraternit e donazione agli altri, con la presenza viva e vera del corpo e del sangue
di $es(, cio nella sua realt 1che simbolica solo nei gesti e nelle parole5 di un amore fedele Ifino alla
fineI, ma anche con la presenza della "arola, azione divina salvifica di creazione e di vita.
Il 0almo '@&, che un magnifico inno di ringraziamento a Dio creatore, nei versetti '& e ';, sembra
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 113
prefigurare la gioia e la forza che l.8ucarestia ci dona- !(! fai +res+ere l;er$a per il $esiame e le piane +-e
l;!omo +oliva per rarre +i$o dalla erra. vino +-e alliea il +!ore dell;!omo. olio +-e fa $rillare il s!o volo
e pane +-e sosiene il s!o +!ore#.
Ael convito eucaristico la comunit, rende grazie e fa memoria del grande mistero d.amore della morte
violenta di $es(, mentre il suo dono si rinnova e prefigura il banchetto escatologico. !Aella prospettiva
messianica, l'8ucarestia l'anticipazione del banchetto# 18rnesto Ealducci5.
Il racconto della cena eucaristica manca, come tutti sanno, nel vangelo di $iovanni. >e altre quattro
narrazioni hanno ben poco in comune e addirittura la frase !fae *!eso in memoria di me! riportata
solamente da "aolo e da >uca.
*a c. anche il pericolo che l.uso di formule prefabbricate e la ripetitivit dei gesti possa rendere vuota la
!memoria# che siamo chiamati a fare e, qualora ci sia una cieca fiducia nelle formule, si rischia di cadere in
espressioni che hanno un sapore magico, con l.uso stretto delle parole prescritte, di formule precise,
altrimenti non c. la !transustanziazione#- parola che ci riporta di colpo nel buio della /hiesa costantiniana.
Huella di $es( una presenza reale ma il pane rimane pane, il vino rimane vino, anche se diventano
simboli, segni tangibili, della sua volont di amore che ha trasmesso a noi. Il 0uo corpo non Isotto le specie
del paneI, nC IconI il pane, e neppure InelI pane, nC Ial postoI del pane- semplicemente ! il pane#.
0e, come risulta dallo schema, le parole dei redattori sono diverse, l.essenza della cena, il messaggio che ci
porta, uguale per tutti quattro i racconti, ed anche lo stesso che $iovanni esplicita nella lavanda dei piedi.
>.8ucarestia, o la /ena del 0ignore, come preferisce chiamarla "aolo, un simbolo, il simbolo della vita
condivisa con $es( e con i fratelli, in un gesto che riassume perfettamente la vita di $es(, una vita spesa per
gli altri, che ha il suo apice in una morte crudele accettata per amore.
!"ertanto la celebrazione eucaristica realizza se stessa quando fa in modo che i credenti donino Icorpo e
sangueI come /risto per i fratelli# 1/arlo *aria *artini5.
!0e vi occorresse il mio sangue, cercatemi, mi troverete e potrete berlo tutto#, andava dicendo <eno 0altini.
Aelle nostre 8ucarestie il 0ignore veramente presente e ci invita a farci pane spezzato e a renderci
disponibili anche a morire per amore, se fosse necessario- !Vi -o dao lDesempio per+-> +ome -o fao io fae
an+-e voi# 1$iovanni '+,';5. Aoi ci nutriamo di /risto, che ci d la forza e la capacit di farci mangiare
dagli altri per diventare nutrimento, dare vita agli altri, !questo farsi mangiare dai poveri# 1>uigi /iotti5.
0crive Luan *ateos- !7ccettando $es( che da se stesso per comunicare vita, l.uomo trasforma in norma il
dono di sC# e !>a comunit cristiana ha la missione di rendere visibile la generosit divina attraverso la
propria generosit#. /on $es( e come $es(, ci impegniamo a fare della nostra vita un dono d'amore e a
manifestare visibilmente la sua misericordia, e a farci pane 1cio essere fonte di vita per gli altri5 e vino
1ossia gioia e felicit per le persone che incontriamo5.
Il pane e il vino sono corpo e sangue di /risto ma riceverli e accoglierli deve sottendere la volont di farci
pane spezzato per i fratelli. !>'8ucarestia mi rende attento a tutte le forme di fame dei fratelli- fame di pane,
fame d'amore, fame di comprensione, fame di perdono e sopratutto fame di Dio# 1Oernando 7rmellini5.
Diceva poeticamente Oabrizio De 7ndr, contando !Il pescatore#- K6ers il vino e spezz il pane per chi
diceva ho sete, ho fame).
!Disse loro GesA: /o 0ono il pane della via# +-i viene a me non avr' mai piA fame e +-i +rede in me non
avr' mai piA see3# 1$iovanni ,,+;5. 7 noi non serve altro.
perci indispensabile che facciamo passare il senso di ci di cui facciamo memoria nella celebrazione
eucaristica, dall.altare alla nostra vita, per trovarci coinvolti in questa offerta, e IcomprometterciI
personalmente di fronte a Dio, altrimenti questa !messa# diventa per noi una menzogna. !Huesto dovrebbe
essere il senso di una 8ucarestia recuperata dai rigidi schemi rituali in cui abbiamo imparato a viverla#
18rnesto Ealducci5.
"aolo 1' /orinzi '',:;5 conclude il racconto della cena, il primo, con un invito- !6ae *!eso ogni vola +-e
ne $evee. in memoria di meI, ossia fate altrettanto, fate la stessa cosa, ma certo non si riferisce ai gesti, ma a
quello che quei gesti sottendono, perchC si attualizzi la presenza di Dio nella comunit riunita per ringraziare
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 114
per l.opera della nostra salvezza attuata da $es( con il suo donarsi per amore e non per il suo !sacrificio#
1perchC in latino hostia significa vittima, un.espressione ambigua che accetta il concetto che qualcuno stato
sacrificato a qualcun altro5.
Oare memoria non significa solamente IricordareI in senso astratto, ma rendere attuale, Irendere presenteI. 8
$es( si rende presente con il suo corpo solo se la comunit, il popolo di Dio raccolto nel suo nome, ossia
l.assemblea, diventa essa stessa le membra del corpo di /risto, per rinnovare la propria fedelt alla "arola di
Dio, per restare in sintonia con la sua azione creatrice, per accogliere il flusso continuo del suo dono e farlo
fiorire in forme nuove di fraternit e di condivisione, non per fare !la comunione#, ma per fare !comunione#,
per vivere una vera esperienza comunitaria.
"aolo apostolo ci dice che noi siamo il corpo di /risto e ce lo ricorda 8rnesto Ealducci- !Il vero corpo del
0ignore non ci che sta sotto l.ostia, ma siamo noi. >a realt del sacramento non ci che sta sotto l.ostia,
ma l.umanit, perchC noi siamo il corpo del 0ignore# 1F5 !Aoi dobbiamo creare un corpo solo# 1F5
!Aell.8ucarestia c. una dinamica oblativa che fa contrasto con la spinta centripeta che mira a fare di noi un
corpo rigido, chiuso in sC. 0i davvero in questa prospettiva se viviamo in modo oblativo, cio offrendoci
agli altri, facendo nostra la condizione degli esclusi, perchC $es( ha realizzato il mistero della salvezza
diventando escluso tra gli esclusi, condannato tra i condannati, reietto, criminale, perchC come un criminale
fu ucciso#.
!KOate questo in memoria di me) l.espressione della sua ultima volont, il 9estamento lasciato a quanti si
sono messi in ascolto della sua parola. "i( che un rito un compito, un servizio, un impegno da assumersi
anche con il rischio della propria vita 1!spezzare# il corpo e !versare# il sangue5 per il bene delle
moltitudini# 1=rtensio da 0pinetoli5.
Aella $enesi si racconta come il serpente spezzi la sintonia tra Dio e gli uomini 1 0e mangiae di *!eso
al$ero saree +ome Dio5, ma $es(, il nuovo 7damo, la ristabilisce 14-i mangia la mia +arne e $eve il mio
sang!e -a la via eerna e io lo ris!s+ier, nell;!limo giorno5.
>.8ucarestia-
3 non la magica trasformazione di carboidrati in proteine e di alcool in emazie;
3 non un atto di culto a Dio, ma il momento in cui Dio si offre ed invita ognuno di noi ad offrirsi in dono
all.altro;
3 non un rifugio consolatorio per persone pie, ma un mettere a rischio la propria vita nel dono totale di sC;
3 non un rito ma un segno che mentre mostra una cosa, in effetti ne indica un.altra, vediamo il pane
spezzato e il vino versato, ma c. il corpo e il sangue di /risto versato per noi, per mostrarci come la sua
fedelt al disegno divino di amore senza condizioni e senza limiti, che non si ferma neanche quando il potere
religioso lo consegna al potere civile per salvare il proprio potere economico;
3 non una cerimonia ma il momento in cui il "adre ci avvolge col suo tenero amore e ci chiede, con lui e
come lui, di andare verso gli altri, mentre 8gli elimina le nostre impurit ed aumenta la nostra capacit di
amare; il momento per noi del perdono pieno e gratuito dato a tutti come dato a noi perchC
!gra!iamene avee ri+ev!o. gra!iamene dae# 1*atteo '@,%5.
"aolo, in quella splendida pagina della prima lettera ai /orinzi in cui parla per primo della /ena del 0ignore,
ha un.invettiva contro coloro che partecipano alla cena eucaristica senza i sentimenti di fraterna condivisione
e spirito di amore reciproco- !:enre vi do *!ese isr!"ioni. non posso lodarvi. per+-> vi ri!nie insieme
non per il meglio. ma per il peggio1 /nnan"i !o seno dire +-e. *!ando vi rad!nae in assem$lea. vi sono
divisioni ra voi. e in pare lo +redo1 N ne+essario infai +-e sorgano fa"ioni ra voi. per+-> in me""o a voi si
manifesino *!elli +-e -anno s!perao la prova1 9!ando d!n*!e vi rad!nae insieme. il vosro non ) piA !n
mangiare la +ena del 0ignore1 4ias+!no infai. *!ando siee a avola. +omin+ia a prendere il proprio paso e
+os8 !no -a fame. l;alro ) !$ria+o1 Non avee forse le vosre +ase per mangiare e per $ereC < volee geare
il dispre""o s!lla 4-iesa di Dio e !miliare +-i non -a nieneC 4-e devo dirviC LodarviC /n *!eso non vi
lodo% /o. infai. -o ri+ev!o dal 0ignore *!ello +-e a mia vola vi -o rasmesso: il 0ignore GesA. nella noe
in +!i veniva radio. prese del pane e. dopo aver reso gra"ie. lo spe"", e disse: 9!eso ) il mio +orpo. +-e )
per voi# fae *!eso in memoria di me31 &llo sesso modo. dopo aver +enao. prese an+-e il +ali+e. di+endo:
9!eso +ali+e ) la n!ova allean"a nel mio sang!e# fae *!eso. ogni vola +-e ne $evee. in memoria di
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 115
me31 <gni vola infai +-e mangiae *!eso pane e $evee al +ali+e. voi ann!n+iae la more del 0ignore.
fin+-> egli venga1 Per+i, +-i!n*!e mangia il pane o $eve al +ali+e del 0ignore in modo indegno. sar'
+olpevole verso il +orpo e il sang!e del 0ignore1 4ias+!no. d!n*!e. esamini se sesso e poi mangi del pane e
$eva dal +ali+e# per+-> +-i mangia e $eve sen"a ri+onos+ere il +orpo del 0ignore. mangia e $eve la propria
+ondanna1 N per *!eso +-e ra voi +i sono moli ammalai e infermi. e !n $!on n!mero sono mori1 0e per,
+i esaminassimo &enamene da noi sessi. non saremmo gi!di+ai# *!ando poi siamo gi!di+ai dal 0ignore.
siamo da l!i ammonii per non essere +ondannai insieme +on il mondo1 Per+i,. fraelli miei. *!ando vi
rad!nae per la +ena. aspeaevi gli !ni gli alri1 2 se *!al+!no -a fame. mangi a +asa. per+-> non vi
rad!niae a vosra +ondanna# 1'/orinzi '','43++5. "er "aolo o c. la comunione con /risto e con i fratelli
oppure non esiste 8ucarestia e siamo rei del /orpo e 0angue di /risto, perchC la rottura della fraternit
snatura il senso della cena, che nell.8ucarestia /omunione.
!Il fatto importante dell.eucarestia non la materialit del mangiare insieme ma l.esperienza che
simboleggia. /i suppone chiaramente che l.eucarestia sia il simbolo della vita condivisa- la vita che si
condivide con $es(, realmente presente, e anche con tutti i fratelli uniti nell.identico progetto e nell.identico
destino, nella medesima scala di valori, nella medesima speranza e nel medesimo impegno di raggiungere
quell.ideale di convivenza umana che proprio della fede nel vangelo# 1Los *aria /astillo5.
Infatti l.assemblea che celebra e il presbitero presiede la celebrazione.
l'impegno preso dal singolo nella comunit, intesa come luogo dell.azione dello 0pirito, e non l'azione del
prete, che !rende presente il 0ignore#; un impegno che si esprime mangiando il pane e bevendo il vino, il
/orpo e il 0angue di $es(, ossia impegnandosi a diventare pane e vino, per dare forza e felicit agli uomini.
/os? scritto sia in *arco ',,'& 1&pparve an+-e agli Lndi+i. menre erano a avola5, che in $iovanni :@,:,
1<o giorni dopo i dis+epoli erano di n!ovo in +asa e +;era +on loro an+-e (ommaso1 Venne GesA. a pore
+-i!se. see in me""o e disse: Pa+e a voi%35.
>a comunione a cui i credenti tendono e che viene espressa nell'8ucarestia, si realizza per un.iniziativa
divina alla quale i fedeli si aprono.
l'azione di Dio che, accolta nella fede, stabilisce ambiti di relazione e alimenta scambi vitali.
*a perchC il rito diventi sacramento necessario che esso traduca la fede della /hiesa e costituisca
l'esercizio di un reale abbandono fiducioso in Dio, quale principio e fonte continua della nostra esistenza. 0e
ci non si verifica, il rito non un gesto vitale, non esprime potenza di novit e di grazia, insomma non
assurge a ruolo di sacramento.
!0e l'8ucarestia non conduce a novit di vita e quindi a un dono reciproco, se non riesce ad ampliare il flusso
che ci investe, ad alimentare la rete spirituale nella quale siamo inseriti, non efficace, cio non ambito
dell'azione divina, non quindi sacramento della fede ecclesiale e perde il suo valore# 1/arlo *olari5.
"er questo, tutte le volte che sento parlare delle lunghe discussioni sull.intercomunione, mi viene s(bito in
mente uno stupido pensiero- sciiti e sunniti, uniti dal /orano e divisi dalle ideologie, che si scannano, con
grande gusto, in nome di Dio. 7 qualcuno che obietta che sono idee da protestante, rispondo che i protestanti
non sono i padroni del 6angelo. *a la polemica non serve che a dividere, mentre abbiamo bisogno di
ecumenismo; dice infatti $es( ai suoi discepoli- !voi siee !i fraelli#.
>.importanza della cena eucaristica nella vita cristiana talmente grande da diventare il fulcro di ogni
comunit riunita in nome di $es(. Infatti la cena eucaristica si celebrava nelle case dei cristiani 1che i pagani
chiamavano !atei# ossia senza il dio delle religioni5 fin dall'inizio, quando ancora non esistevano le scritture
del Auovo 9estamento, cos? come racconta "aolo nella prima lettera ai /orinzi. *a c. dell.altro-
3 "rima di morire $es( ha anticipato in un gesto gli avvenimenti che stavano per accadere- la sua vita stava
per essere data per gli uomini, il suo corpo spezzato, il suo sangue versato per amore. 8 lo ha fatto in una
comunit che 8gli sapeva che stava per rinnegarlo, tradirlo e abbandonarlo.
>.8ucarestia stato l.ultimo gesto che ha compiuto da vivo e il primo da risorto. 7i discepoli di 8mmaus,
che non credevano alla sua risurrezione, disorientati e senza speranza, $es( spiega, interpreta le 0critture,
celebra l.8ucarestia e li rianima- :enre +onversavano e dis+!evano insieme. GesA in persona si avvi+in, e
+amminava +on loro1 :a i loro o++-i erano impedii a ri+onos+erlo. 1F5 !0oli e leni di +!ore a +redere in
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 116
!o +i, +-e -anno deo i profei%@ 1F5 ?9!ando f! a avola +on loro. prese il pane. re+i, la $enedi"ione.
lo spe"", e lo diede loro1 &llora si aprirono loro gli o++-i e lo ri+ono$$ero@ 1>uca :&, ';3',. :;. +@3+5.
>.8ucarestia prefigura la sua morte ed certezza della sua 2esurrezione e quindi della nostra.
3 Aei vangeli ogni convivio , come dice il termine, condivisione di vita e parla, pi( o meno apertamente,
dell.8ucarestia, ma sopratutto nella condivisione dei pani 1*arco ,,+&3&& e %,'3'@; >uca G,':3'4 e
$iovanni ,,;3'+5 che i racconti parlano con le stesse parole dette da $es( nella /ena. 8gli chiama i discepoli
a distribuire a tutti, senza distinzioni, il pane, e, nel racconto di $iovanni, lui stesso che distribuisce.
3 !Dicono alcuni che per comunicarsi spesso bisogna essere santi. Aon vero. Huesto un ingannoQ >a
/omunione per chi vuol farsi santo, non per i santi; i rimedi si danno ai malati, come il cibo si d ai
deboli# 1$iovanni Eosco5, e
3 !Aon dite che siete peccatori, che avete troppe miserie, e che perci non osate accostarvi alla santa
/omunione. 0arebbe come dire che siete troppo ammalati e che perci non volete nC medici nC medicine#
1Lean3Eaptiste 6ianneT5.
Infine Oernando 7rmellini dice- ! 0e l.8ucarestia fosse un premio per i giusti, certo nessuno oserebbe
riceverla. *a essa non il pane degli angeli, il cibo offerto agli uomini pellegrini sulla terra, peccatori,
deboli, stanchi, bisognosi d.aiuto. Ael racconto dell.istituzione dell.8ucarestia, l.evangelista *atteo,
riferisce le parole di $es( nel momento in cui offre ai discepoli il calice del vino- K7eveene !i. per+->
*!eso ) il mio sang!e dell;allean"a. versao per moli. in remissione dei pe++ai) 1,,:43:%5. Aon per
celebrare la propria purezza e santit che ci si accosta al banchetto eucaristico, ma per ottenere da Dio la
remissione dei peccati. 7 chi fa la comunione non viene richiesta la perfezione morale, ma la disposizione
del povero che riconosce la propria indegnit e la propria miseri e si avvicina a colui che lo pu guarire. "er
chi riceve con questa disposizione di fede umile e sincera, il pane eucaristico diviene una medicina, cura le
malattie morali, rimargina qualunque ferita, vince ogni peccato#.
0appiamo che la /hiesa ha invitato i divorziati a frequentare la celebrazione eucaristica, ma proibendo loro
di prendere la comunione- significa che si pu invitare qualcuno ad un banchetto, purchC digiuniQ
$es(, poi, in $iovanni, 1,,+:3;%5 parla apertamente di se stesso come carne e sangue per la vita eterna-
!=ispose loro GesA: /n veri'. in veri' io vi di+o: non ) :os) +-e vi -a dao il pane dal +ielo. ma ) il
Padre mio +-e vi d' il pane dal +ielo. *!ello vero1 /nfai il pane di Dio ) +ol!i +-e dis+ende dal +ielo e d' la
via al mondo31 &llora gli dissero: 0ignore. da++i sempre *!eso pane31 GesA rispose loro: /o sono il pane
della via# +-i viene a me non avr' fame e +-i +rede in me non avr' see. mai%@ 1$iovanni ,,+:3+;5 1F5 !/o
sono il pane della via1 / vosri padri -anno mangiao la manna nel desero e sono mori# *!eso ) il pane
+-e dis+ende dal +ielo. per+-> +-i ne mangia non m!oia1 /o sono il pane vivo. dis+eso dal +ielo1 0e !no
mangia di *!eso pane vivr' in eerno e il pane +-e io dar, ) la mia +arne per la via del mondo31 &llora i
Gi!dei si misero a dis+!ere aspramene fra loro: 4ome p!, +os!i dar+i la s!a +arne da mangiareC31 GesA
disse loro: /n veri'. in veri' io vi di+o: se non mangiae la +arne del 6iglio dell;!omo e non $evee il s!o
sang!e. non avee in voi la via1 4-i mangia la mia +arne e $eve il mio sang!e -a la via eerna e io lo
ris!s+ier, nell;!limo giorno1 Per+-> la mia +arne ) vero +i$o e il mio sang!e vera $evanda1 4-i mangia la
mia +arne e $eve il mio sang!e rimane in me e io in l!i1 4ome il Padre. +-e -a la via. -a mandao me e io
vivo per il Padre. +os8 an+-e +ol!i +-e mangia me vivr' per me1 9!eso ) il pane dis+eso dal +ielo# non )
+ome *!ello +-e mangiarono i padri e morirono1 4-i mangia *!eso pane vivr' in eerno3@ 1,,&%3;%5.
8ppure proprio $iovanni, che parla in questi termini del dono che $es( fa del suo corpo e del suo sangue,
non riporta il racconto della cena pasquale e lo sostituisce con la lavanda dei piedi. Infatti l.8ucarestia !non
un rifugio consolatorio, ma rischio di vita e dono totale di sC# 10alvatore Origerio5, fino a farsi schiavi per
amore, come quando, nella celebrazione 8ucaristica, $es( stesso passa a servirci, come dice >uca ':,+4-
!7eai *!ei servi +-e il padrone al s!o riorno rover' an+ora svegli# in veri' io vi di+o. si sringer' le vesi
ai fian+-i. li far' meere a avola e passer' a servirli#.
*a sembra che erano molti quelli che vogliono essere serviti, che quelli disposti a servire.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 115
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 11B
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 11F
EVANGELIZZARE EVANGELIZZARE
Aon significa cristianizzare, imporre dottrine, ma portare nel mondo la buona notizia di un amore gratuito e
incondizionato di Dio per l.umanit e la sua azione salvifica universale, attraverso $es(.
I"ortate il vangeloI e non Ifate proselitiI, com. detto dei farisei in *atteo :+,';.
Torna all'indice generale
EVANGELO EVANGELO
0inonimo di 67A$8>=.
Torna all'indice generale
FARE FARE
Oare, nel libro della $enesi, il verbo che indica l'azione creatrice di Dio, mentre riferito agli uomini, indica
coloro che si fabbricano idoli da adorare- !0erviree a d)i fai da mano d;!omo. di legno e di piera. i *!ali
non vedono. non mangiano. non odorano# 1Deuteronomio &,+%5. >.evangelista $iovanni, ci presenta la
"arola di Dio 1il 6erbo5 che crea e ci ricorda che Iil mondo f! fao per me""o di l!iI 1','@5.
0empre in $iovanni 1;,'G5 $es( colui che d, comunica, trasmette o restituisce vita a coloro cui la vita
stata tolta, come il paralitico sul bordo della piscina di Eetsaida- !GesA riprese a parlare e disse loro: /n
veri'. in veri' io vi di+o: il 6iglio da se sesso non p!, fare n!lla. se non +i, +-e vede fare dal Padre#
*!ello +-e egli fa. an+-e il 6iglio lo fa allo sesso modo# e !/o non posso far n!lla da me sesso# 1v. +@5.
Ael capitolo ; del vangelo di $iovanni, al versetto :G. nella traduzione /8I, $es( ripete per due volte il
verbo fare- !Non meravigliaevi di *!eso: viene l;ora in +!i !i +oloro +-e sono nei sepol+ri !dranno la
s!a vo+e e !s+iranno. *!ani fe+ero il $ene per !na ris!rre"ione di via e *!ani ?fe+ero@ il male per !na
ris!rre"ione di +ondanna# 1:%3:G5. *a l.evangelista non vuol usare il verbo !fare# della creazione quando
parla nel male e scrive !fe+ero il $ene# e !prai+arono il male#.
*olto interessante in *atteo il "adre Aostro, dove, quando si legge 1,,'@5 !sia faa la !a volon'#, in
effetti scritto !si +ompia la !a volon'#, con un verbo impersonale che significa !si realizzi# il 9uo disegno
di rendere l'uomo felice. >o stesso vale per *atteo ':,;@- K4-i!n*!e fa 1compie5 la volon' del Padre mio
+-e ) nei +ieli. egli ) per me fraello. sorella e madre).
>uca, nella parabola del !buon samaritano#, scrive 1'G,+45- !GesA gli disse: Va; e an+-e ! fa; +os83#,
perchC l'amore si trasmette non con le parole e le dottrine ma con la vita vissuta, facendo esperienze di vita.
I>a fede nella prassi non nell.enunciazioneI diceva 8rnesto Ealducci.
Torna all'indice generale
FARISEI FARISEI
Il nome deriva dal greco pharisaios, che viene dall.ebraico perushim, che significa !separati#.
8ssi infatti si separano dagli altri uomini perchC il regno di Dio solo per i giusti, per chi rispetta tutte le
norme della >egge; per $es( invece il 2egno non per i santi ma per gli esclusi dalla religione, i pagani, i
peccatori e le prostitute 1*atteo :',+'5.
I farisei costituivano un movimento religioso spirituale, i cui membri, laici e progressisti, formavano una
potente corrente spirituale, costituita da un numero non irrilevante di persone devote e con atteggiamenti
molto radicali. 0olitamente pacifici, ma talora spietati verso chi si opponeva alla loro visione religiosa, tant.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 120
vero che uno dei due fondatori del movimento degli zeloti era proprio un fariseo. >o stesso apostolo "aolo,
prima della conversione, era un fariseo, feroce persecutore dei cristiani, tra cui 0tefano.
I farisei rispettavano tutti giorni dell'anno le norme di purit e di santit che i sacerdoti addetti al culto erano
obbligati a rispettare solo una volta l'anno; anche nel pagamento delle decime al 9empio esageravano,
pagando anche per gli prodotti che ne erano esenti- pi( sacerdoti dei sacerdotiQ
!0eparati# da tutti gli altri uomini che non potevano, o non volevano, rispettare quotidianamente le ,'+
regole o precetti, religiosi o igienici o rituali, estrapolati dalla >egge scritta ed orale. Il numero ,'+ viene
dalla somma di :&% precetti 1le parti del corpo umano5 e +,; proibizioni 1i giorni dell'anno5- ossia tutto
l'uomo e tutto l'anno, per tutta la vita. Aon solo, ma essi erano anche rispettosi delle ';:' azioni proibite di
sabato 1i +G lavori principali usati nella costruzione del 9empio, che erano suddivisi a loro volta in +G
sottolavori5, secondo le indicazioni degli 0cribi. "er la mentalit farisaica ci li rendeva pi( vicini e graditi a
Dio e solo cos? avrebbero conseguito la resurrezione alla fine dei tempi e la vita eterna.
"er questa ragione il loro comportamento tendeva alla separazione da tutti coloro che non seguivano lo
stesso stile di vita; essi, infatti, nutrivano profondo disprezzo nei riguardi del popolo che non era in grado di
rispettare la >egge, persone troppo occupate a sopravvivere.
0i ritenevano l.elite spirituale, i santi, i puri, i pii laici osservanti che volevano essere d.esempio per tutti,
traendone un grande potere spirituale che andava crescendo anche perchC molti farisei erano anche scribi e
aggiungevano alla superiorit dell.esempio, quella della conoscenza della 0crittura.
/ostituivano un'Clite religiosa che, con la perfetta osservanza, si IseparavaI da tutto ci che, per i dettami del
>evitico, avrebbe potuto contaminare il loro stato di purit, uomini compresi, ma sopratutto le donne, i
malati, i morti, i peccatori, gli stranieri.
/i li rendeva presuntuosi, arroganti, sicuri di sC perchC autosufficienti, fino a considerare la loro salvezza
come un diritto conseguito per aver rispettato ogni precetto della >egge- pensavano, anzi erano conviti, di
dover meritare l'amore gratuito di Dio- ?D!e !omini salirono al empio a pregare: !no era fariseo e l;alro
p!$$li+ano1 /l fariseo. sando in piedi. pregava +os8 ra s>: < Dio. i ringra"io per+-> non sono +ome gli
alri !omini. ladri. ingi!si. adAleri. e nepp!re +ome *!eso p!$$li+ano1 Digi!no d!e vole alla seimana e
pago le de+ime di !o *!ello +-e possiedo3# 1>uca '%,'@3':5.
0i ritenevano gli eletti tra gli eletti, eppure erano disprezzati dagli 8sseni che non li ritenevano abbastanza
osservanti.
II farisei, devoti osservanti della legge, guide spirituali del popolo, pensavano che la venuta della signoria di
Dio dipendesse dalla fedelt all'osservanza e non si impegnavano nel miglioramento della situazione sociale
ingiusta. 8rano quindi spiritualisti inattivi che, sebbene odiassero il regime romano, non ne mettevano in
pericolo la stabilit. 0econdo loro Dio avrebbe inaugurato la sua signoria per mezzo del *essia, con una
specie di colpo di stato che avrebbe cambiato la situazione politica e socialeI 1Luan *ateos5.
I"rofessionisti del sacro e modelli di santitI, come li definisce 7lberto *aggi, si sentivano, ed erano, un
esempio da seguire, amati e stimati dalla gente del popolo, che li considerava i giusti per antonomasia.
7lcuni, i pi( ricchi e influenti, facevano parte anche del 0inedrio.
I farisei avevano bisogno degli scribi che sostenessero il loro stile di vita e gli scribi necessitavano dei farisei
per mettere in pratica i loro insegnamenti.
*a spesso il loro era solo uno scrupoloso quanto vuoto formalismo spettacolarizzato, condannato da $es(,
ma ancora molto in voga ai nostri giorni- !2 *!ando pregae. non siae simili agli ipo+rii +-e. nelle
sinagog-e e negli angoli delle pia""e. amano pregare sando rii. per essere visi dalla gene1 /n veri' io vi
di+o: -anno gi' ri+ev!o la loro ri+ompensa# 1*atteo ,,;5.
7l contrario dei 0adducei, consideravano divina anche la >egge orale, credevano anche all.esistenza degli
angeli, all'immortalit dell'anima e alla resurrezione dei soli giusti di Israele nell.ultimo giorno.
Ora l'altro i farisei asserivano che tutto il popolo di Israele era santo e non solo i sacerdoti, cos? che questi
ultimi andarono progressivamente perdendo gran parte della loro importanza politica e religiosa, con
l.aumento del prestigio di scribi e farisei.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 121
a loro che si deve molto nella salvaguardia delle tradizioni ebraiche e del $iudaismo dopo la distruzione
del 9empio e di $erusalemme, nell.anno 4@ d. /. ad opera dei romani di 9ito.
>e premesse per la nascita di questi movimenti religiosi giudaici osservanti si possono far risalire al 6I
secolo a. /., al ritorno dall.esilio babilonese, al tempo della riforma di 8sdra e Aeemia, quando, per volont
dei re persiani succeduti a /iro il $rande, viene ricostruita $erusalemme con il 9empio e si ristabiliscono
l.osservanza della >egge in "alestina.
7ll'epoca dei *accabei, $iovanni Ircano I 1'+;3'@&5 diede vita ad un principato con una marcata impronta
ellenistica, in antagonismo aperto con la classe sacerdotale ed aristocratica dei sadducei. 0iccome lo scopo
della loro ribellione al potere politico era solo quello di voler vivere totalmente secondo la tradizione della
>egge, i 0adducei ben presto abbandonarono la lotta armata 1anche contro i romani5 intrapresa al tempo dei
*accabei, quando ebbero dai romani libert di culto.
>.influenza dei farisei si espanse molto al finire del I secolo d. /. quando, dopo la distruzione del 9empio,
finito il culto e dispersa la nazione giudaica, scomparsi sadducei, erodiani, esseni e zeloti, i farisei divennero
le guide esclusive del $iudaismo e i feroci persecutori dei cristiani, che furono scomunicati e cacciati dalle
sinagoghe. Di questa cacciata rimane un.eco nel capitolo :+ di *atteo.
I farisei contestavano $es( e i suoi discepoli dichiarandoli impuri perchC avevano rapporti con peccatori e
pubblicani, e addirittura mangiavano alla stessa tavola, non rispettavano il sabato e non digiunavano due
volte la settimana come loro facevano.
Aei vangeli anche a causa di questa persecuzione, i farisei 3 e specie gli scribi3farisei 3 sono descritti come
personaggi molto negativi e sono chiamati ipocriti, guide cieche, pazzi,sepolcri imbiancati e razza di vipere.
*a questa immagine non rende giustizia alla complessit del mondo farisaico che, al tempo di $es(, era
molto variegato e addirittura suddividibile in pi( categorie. "er esempio, negli 7tti viene ricordata la figura
di $amaliele, il maestro di "aolo apostolo, di cui si dice che parlava con moderazione nel sinedrio, quando
gli apostoli erano perseguitati.
9ra l.altro $es( condivide con loro il pensiero sulla resurrezione dei morti, negata dai 0adducei.
Insieme con gli scribi, i farisei sono detti !ipocriti# non in senso morale, ma nel senso di commedianti,
perchC recitano una commedia o meglio una tragedia. *a la critica portata dagli evangelisti ai farisei , in
verit, contro la stessa comunit cristiana- l'evangelista parla alla folla e ai discepoli non riferendosi al
passato, ma al presente, mostrando i danni di una teologia basata sull'osservanza di regole 1il lievio dei
farisei5. >a verit che l'evangelista teme che nella sua comunit risorgano gli atteggiamenti farisaici del
merito e dell'esempio. 0i prospetta la possibilit che agiscano di nuovo nella /hiesa il lievito dei farisei e le
categorie del $iudaismo- la spiritualit del merito, delle pratiche di piet, dell'ipocrisia, dell'apparire e non
quello dell'accoglienza del dono gratuito di Dio che diventa dono per gli altri.
Insomma- non bisogna lasciare spazio alle degenerazioni del fariseismo di tutte le epoche e di tutte le
religioni, che purtroppo anche oggi prova a risorgere.
Torna all'indice generale
FEDE FEDE
In greco fede si dice p8stis, aver fede o credere pisteuo, mentre apistia significa incredulit.
In ebraico il termine corrispondente deriva dalla radice consonantica mn 1come per amen5 3 che indica
saldezza, sicurezza, ma anche fede e fiducia 3 che si ritrova nei verbi !avere fiducia# e !affidarsi#.
6ito *ancuso la chiama !fede fiduciosa#.
*a, scrive 0ilvano Oausti !>a fede non cieca- una proposta ragionevole, che risponde alla nostra sete,
della quale possiamo verificare se soddisfatta o no. Bna fede che si sottragga alla verifica dell.esperienza non
che un.illusione, come quella che prestiamo agli idoli. Huesta s? che ostinata e cieca#.
>a fede sempre dubitosa, mentre la religione ha solo certezze, talora non negoziabili o non discutibili, un
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 122
asserto molto pericoloso, come diceva 8rnesto Ealducci- !Dobbiamo ospitare il dubbio, lasciargli spazio in
noi, perchC non ci avvenga di trasformare la fede in fanatismo#.
/arlo *olari dispiega con lucidit le tante facce della fede-
3 I/omplesso degli ideali o dei valori ai quali uno dedica la propria esistenza, ai quali crede. 0i parla, ad
esempio, di fede politica, di fede laica o anche di fede sportiva oltre che religiosa. In senso biblico fede
designa l'atto di appoggiarsi, dell'aderire con fiducia ad una persona e in particolare a DioI.
3 I>a fede in Dio l'esercizio di una fiducia per cui nella ricerca ci si abbandona al 6ero, nell'amore ci si
lascia guidare dal Eene, nelle forme nuove ci si ispira al Eello, nel portare tutte le situazioni dell'esistenza si
consente alla 6ita di esprimersi. In questa prospettiva si comprende perchC il 6aticano II 1>umen $entium,
',5 dica che un ateo pu avere una fede salvifica e pu pervenire al regno di Dio anche se non convinto
dell'esistenza del Dio che gli altri gli presentanoI.
3 ID'altra parte per il credente esiste sempre il rischio di ridurre la fede in Dio alla pratica religiosa,
all'accoglienza di dottrine tradizionali 1o +reden"e5 e all'osservanza rigorosa di regole morali. In tal caso, pur
credendo che Dio esiste e praticando una religione, si continua a porre la fiducia nel denaro, in amici potenti,
nelle proprie capacit operative, nelle strutture di appartenenza, nelle armi degli arsenali, nella dialettica. "er
queste facili ambiguit, la fede, anche in un credente, spesso incide solo in modo esteriore nei comportamenti
e nelle scelte sociali. Aessun atto viene compiuto per un reale abbandono fiducioso in una Oorza pi( grande,
in uno 0pirito che introduce novitI.
8rnesto Ealducci esprime un concetto solo in parte vero- I>'opzione di fede non ha sostegni che la rendano
trasmissibile agli altri. >a fede in se stessa incomunicabileI, che, a mio avviso, /arlo *olari completa- I>a
fede inizia e si sviluppa per induzione di altri che vivendo accanto ci mostrano quale efficacia ha per
l'esistenza fidarsi di Dio. >a fede perci non pu essere imposta ma solo offerta per testimonianzaI. /os? che
la fede nasce solo in un ambiente affettivamente ricco, aperto alla fiducia reciproca e all.amore, perchC un
atto di fiducia, un confidare in qualcuno- il bambino comincia il suo lungo cammino di fede avendo come
base la fiducia verso genitori.
9rascrivo alcune espressioni di altri autori, secondo i quali avere fede significa-
3 Iaprire il proprio cuore alla graziaI 1Oerdinando 7rmellini5,
3 Icredere alla fedelt di DioI 10ilvano Oausti5,
3 Iun crear spazio, dare spazio alla libert di DioI, dice >uigi 0artori parlando di *aria come donna senza
privilegi ma con una grande fede.
Dionigi 9ettamanzi, intervistato da Oranco *arcoaldi, dice- !/hi animato dalla fede consegna se stesso
all.altro, abbandona l.idea di dominio sulla realt# 1F5 /redere in Dio !0ignifica non tanto fare riferimento
ad un essere assoluto trascendente, ma a un essere che ha un nome, un volto, un cuore. 0ignifica credere a
qualcuno che mi intercetta, mi accompagna, mi provoca, mi consola. 8 mi costringe a comportarmi
diversamente. >a fede, insomma, pi( che un concetto, un incontro, una comunione# 1F5 !>a fede verit,
ma prima ancora vita#.
Dice 8nrico "eTretti- !0ei incerto nella tua fedeJ Aon arrovellarti su Dio che non vedi. 0occorri il fratello
che vedi- affamato, assetato, senza casa, senza abiti, malato, carcerato, perseguitato, oppresso. 0e Dio non
c', o se impotente, o indifferente, sarai tu un po' di quella giustizia che attendevi da lui. 0e Dio c', sarai tu
una mano della sua giustizia e un volto del suo amore, gli unici modi in cui pu manifestarsi. Aon chiedere a
lui ci che lui chiede a noi#.
Dio parla ma non si impone e l.uomo libero di ascoltarlo o rifiutarlo. Eisogna cercare di dare vita ad una
relazione vissuta come un cammino, con la coscienza che la meta non raggiungibile, perchC escatologica.
>a fede implica allora un movimento alla ricerca perenne di Dio, che non riusciremo mai ad afferrare ma che
occorre sempre rincorrere.
>a nostra fede, la fede del cristiano, lo spazio indispensabile per l'agire di Dio, l'inizio di una vera
relazione con >ui, una relazione interpersonale dinamica vissuta nell'amore, verso Dio, al quale ci si affida, e
verso gli uomini, con una proposta di vita da vivere in comunit. Inizia con un atteggiamento interiore, ma si
mostra, si estrinseca attraverso i comportamenti.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 123
"er noi la fede aver incontrato $es(, abbandonarsi a lui, e vivere al nostro meglio la sua proposta di vita- la
nostra fede deve infatti incarnarsi nella nostra vita. "er me stesso lo ritengo difficile perchC significa- amare i
propri nemici, farsi povero per lo spirito, passare per la porta stretta.
>a fede del discepolo non un affare privato tra lui e Dio ma si esprime solo nel cercare il bene dell'altro, di
cui si responsabili; e non solo nel gruppo o nella comunit, ma verso tutti gli altri esseri umani.
Diceva >utero che !la fede operaia#, ossia al servizio gratuito degli altri, vale a dire diaconia.
>a lettera di $iacomo ci richiama a far seguire alla fede le opere !0iae di *!elli +-e meono in prai+a la
Parola. e non as+olaori solano# 1',::5 e ribadisce che- !4os8 an+-e la fede: se non ) seg!ia dalle opere.
in se sessa ) mora# 1:,'45. 0iamo tutti chiamati a costruire giorno per giorno il 2egno di Dio, con $es(
sempre presente, che continuamente viene.
Bna fede operante, dove nessuno pu essere spettatore, ma deve essere attore, attivo e non passivo.
>a fede non nelle parole o nei riti ma vive nella testimonianza quotidiana di amore verso gli altri.
Diceva 8rnesto Ealducci- !0e separate la fede dalla carit, avrete dei delinquenti sacri#, com. gi successo
nel cristianesimo.
0olo allora !Il credente in Dio scopre che l.atteggiamento di fiducia nella forza che lo avvolge, la pratica
della preghiera e lo sviluppo delle dimensioni interiori, possono sprigionare potenzialit inedite# 1/arlo
*olari5.
0i dice comunemente che la fede un dono di Dio, addossando a >ui la mancanza di fede; mentre la fede
contemporaneamente un dono di Dio, ma anche la risposta dell'uomo a questo dono. !>a fede non un
privilegio per qualcuno ma una possibilit per tutti#, dice 7lberto *aggi.
"er noi cristiani l'impegno a rispondere alla chiamata, a somigliare al modello di Bomo3Dio che $es(, a
seguire la sua strada, espressa con un amore totale, quello che lo ha portato alla morte.
>a risposta al richiamo di Dio, deve essere libera, cosciente, allo stesso tempo entusiasta, docile, amorosa,
concreta, in sintonia con il vangelo di $es(. Dio dona, si dona, e aspetta la nostra risposta, e I0e non
rispondi, determini il tuo fallimento personale, il tuo disastroI 1David *aria 9uroldo5.
>a fede sempre un fatto personale da gestire davanti a Dio con la propria coscienza 1soggettivit, capacit,
preparazione, sensibilit e non solo5, e una volta nata, deve maturare e progredire, evolvere, crescere, e
cresce specie quando viene messa alla prova.
Bna fede pensata, che nasca dalla frequentazione del 6angelo e che insegni a vivere nel quotidiano, da
coltivare perchC diventi adulta, matura, responsabile, consapevole e libera.
/he, se adulta, si nutra di un cibo solido e non di latte 1<ra. +-i si n!re an+ora di lae non -a l;esperien"a
della dorina della gi!si"ia. per+-> ) an+ora !n $am$ino1 /l n!rimeno solido ) inve+e per gli ad!li. per
*!elli +-e. mediane l;esperien"a. -anno le fa+ol' eser+iae a dising!ere il $ene dal male5 dice "aolo in
8brei ','+3'&. 8 in >uca ':,;,3;4 $es( dice- !/po+rii% 0apee val!are l;aspeo della erra e del +ielo#
+ome mai *!eso empo non sapee val!arloC 2 per+-> non gi!di+ae voi sessi +i, +-e ) gi!soC#. "roprio
quello che una parte della gerarchia ecclesiastica vorrebbe impedire che facciamo.
I>'altra faccia della fede l'incertezza, l'inquietudineI, diceva 8rnesto Ealducci, che aggiungeva- !>a fede
sempre ricerca- il dubbio un suo momento necessario. Bna fede che non conosce dubbi gi corrottaI.
>a fede una lotta ed un'agonia, un continuo farsi domande, avere dubbi, andare a tentoni nella notte
cercando una luce che continuamente si perde, per cercarla di nuovo temendo di non ritrovarla.
I>'interrogativo di $es( in fondo un modo di riconsegnare agli uomini la loro responsabilit. Dio non
garantisce nulla, non affatto detto che egli vincer nella nostra storia, all'interno del nostro tempo.
>asciando intatto il mistero delle 0ue decisioni, per quanto riguarda l'esistenza eterna dell'uomo, nel nostro
tempo, che lo spazio della nostra libert e della nostra responsabilit, il gioco aperto e tutto dipende da
noiI 18rnesto Ealducci5.
I>a fede ama le domande, le prende sul serio, perchC l'aiutano a non addormentarsi, a non fossilizzarsi, a
restare viva e forse persino a crescereI 1"aolo 2icca5. /rescere nella conoscenza della fede, mettendola
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 124
sempre in discussione, tra certezze dubbi e tentennamenti, una lotta continua, non una condizione pacifica.
>a fede non acquisita una volta per sempre ma aperta ad una crescita, una scoperta, un interrogativo
costante, con dubbi che debbono trovate una risposta, in una conversione costante, un esodo continuo.
Dobbiamo crescere nello 0pirito, e se non abbiamo dubbi allora siamo morti. Aon dobbiamo scoraggiarci, nC
rassegnarci. Aon ci data nessuna garanzia ma solo la costante richiesta di impegno e di responsabilit. /on
una certezza- solo con la fede si pu salvare la fede.
>a fede cambia perchC noi cambiamo e quindi il suo futuro non pu essere noto nC prevedibile, forse
neanche per Dio- !:a il 6iglio dellD!omo. *!ando verr'. rover' la fede s!lla erraC# 1>uca'%,% 5.
"er, credo, l'esperienza di Dio che facciamo nella fede non esclude, ma integra la ragione e la supera- sono
due canali che possono portare a Dio. 2icordava Eenedetto S6I 1a 2atisbona nel :@@,5 che la fede senza
ragione pu cadere nel fondamentalismo, mentre la ragione senza la fede rischia di favorire l'insorgenza di
regimi totalitari. Infatti la fede ideologica non solo vana ma persino pericolosa.
7>a fede razionale, senza essere l'esito della ragione# aggiunge 8nzo Eianchi.
Oede e ragione non sono contrapposte. >a fede non si pone contro la ragione, anche se la ragione da sola non
pu arrivare alla fede, eppure per libera volont decide se credere o non credere alle ragioni della fede.
D.altro canto tutti i tentativi della religione di farsi nemica della scienza, le si sono rivoltati contro, facendole
perdere la credibilit, perchC la scienza, figlia della ragione, fa regredire il aos, come ha fatto Dio all.inizio.
8 non parliamo del *edioevo o di $alilei, ma dei riti tribali chiamati esorcismi, nei quali preti invasati
esercitano riti magici su persone con problemi mentali. Huando finirJ 0pero presto, anche se temo mai.
Oede e religione sono invece contrapposte, perchC la fede una libera ricerca individuale 1=sea invita a
sforzarsi di conoscerlo5 mentre la religione la sua istituzionalizzazione e codificazione.
Dice $andhi che la fede non si pu propagandare; la fede si vive e, vivendo, si diffonde da sC.
Inizia dalla fiducia verso chi ci vicino e ci ama, tramandata dai comportamenti in famiglia non pu essere
insegnata. >a fede non si passa per eredit, ma si trasmette con gesti di amore3fiducia.
>a fede un movimento d'amore e non di dottrina, come vita vissuta e non come verit da credere.
!Bn irrigidimento ideologico, rituale e liturgico, porta a creare quei soggetti religiosi con i quali $es( ebbe i
suoi scontri pi( duri, proprio perchC negli IortodossiI e negli IosservantiI si forma con maggiore facilit una
indisponibilit di fondo a ci che nuovo e che sollecita una risposta dell'uomo all'agire del Dio viventeI
1$iovanni Oranzoni5.
"er religione si intende tutto quello che gli uomini fanno per Dio, per avere il favore di Dio o per sfuggire ai
suoi castighi 1orazioni, sacrifici, devozioni, rinunce, liturgie5 mentre la fede l.accoglienza di quello che Dio
fa per gli uomini, per il loro bene, per la loro felicit.
>a fede rende liberi, la religione schiavi perchC portatrice di verit non discutibili, dogmi, sacralizzazione, e
spesso di irrazionalit.
Aella religione non abbiamo nulla fare perchC tutto stato fatto e non serve altro che ubbidire.
Aella religione tra l'uomo e Dio c. un sacerdote, mentre nella fede nulla si pone tra l'uomo e Dio.
>a religione nasce dal timore mentre la fede nasce dall'amore.
>a religione pu essere finta, la fede non serve fingerla.
>a fede non pu essere imposta, la religione s?.
>a fede ci chiede di agire davanti a Dio, la religione di agire per conto di Dio o per difendere Dio.
Aella religione il credente deve avere obbedienza cieca ad una dottrina, ad una legge, ad un'autorit, ad una
gerarchia. !Il fedele colui che obbedisce a Dio rispettando le sue leggi, mentre nella fede colui che
assomiglia al "adre, praticando un amore simile al suo# 17lberto *aggi5.
>.ateo non chi non crede, ma chi non ama perchC si chiuso in sC stesso- !/n veri' io vi di+o: !o *!ello
+-e avee fao a !no solo di *!esi miei fraelli piA pi++oli. l;avee fao a me# 1*atteo :;,&@5. 2icordo,
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 125
prima di tutto a me, le parole di /arlo /arretto- !/ome possibile per il cristiano restare ricco se c. chi
muore di fameJ /ome possibile per il cristiano nutrirsi della carne di /risto e sfruttare i fratelli con sistemi
oppressivi, tenerli nelle baracche mentre ci sono alloggi vuoti, denutriti mentre ci preoccupiamo di
dimagrireJ "enso che le centinaia di migliaia di morti di fame in 7frica pesino sulla nostra coscienza di
8uropei, e che non sia tanto facile liberarsi dalla responsabilit, se nel !terzo mondo#, a causa nostra e dei
nostri metodi basati sul denaro e sull.interesse, i poveri diventano sempre pi( poveri e i ricchi sempre pi(
ricchi. 8d per questo che la parola forte pi( giusta del 6angelo, che ci compete, quella dettaci da $es(-
KIpocritiQ). Ipocrita, che vai alla *essa e fai soffrire tua madre. Ipocrita, che fingi di credere in Dio e cerchi
di non incontrarti mai con i fratelli#.
IAon chi dice che ha fede, ha fede. =ccorre vedere come essa testimoniata. 0e i credenti nel !crocefisso#
diventano crocifissori, non hanno fede. 0e i credenti nelle beatitudini diventano ricchi, prepotenti,
guerrafondai, non hanno fede. >a fede non un nome, non una professione, un modo di esistere. qui la
discriminazione vera e dobbiamo abituarci sempre di pi( a non dar retta alle appartenenze ufficiali. >a nostra
fede si misura sulla nostra appartenenza al mistero di $es(, al figlio di Dio, uomo che vive tra gli uomini
come reietto perseguitatoI 18rnesto Ealducci5.
>a religione pu dare occasione di vivere la fede, ma anche diventare negativa fino a soffocarla.
!Bn irrigidimento ideologico, rituale e liturgico, porta a creare quei soggetti religiosi con i quali $es( ebbe i
suoi scontri pi( duri, proprio perchC negli IortodossiI e negli IosservantiI si forma con maggiore facilit una
indisponibilit di fondo a ci che nuovo e che sollecita una risposta dell'uomo all'agire del Dio viventeI
1$iovanni Oranzoni5.
Aei vangeli $es( accusa non solo i giudei e le folle di !non credere# 1$iovanni '&,'G5 ma anche i discepoli
1>uca :&,&'5. 7ltre volte li rimprovera di avere !poca fede# 1*atteo ,,+@; %,:,; ',,%; '4,:@ e >uca ':,:%5 e
anche a "ietro dice- Lomo di po+a fede. per+-> -ai d!$iaoC) 1*atteo '&,+'5. In *atteo '4,:@ apostrofa i
discepoli con la fase ormai proverbiale- K/n veri' io vi di+o: se avree fede pari a !n granello di senape.
diree a *!eso mone: ?0p,sai da *!i a l'@. ed esso si sposer'. e n!lla vi sar' impossi$ile3.
$es( mostra ai discepoli la fede salvifica dei reietti dalla religione- samaritani, prostitute, pubblicani, impuri
ecc., specie in alcuni episodi emblematici ove si mostra la grande fede di due donne- l.emorroissa 1*arco
;,+&; *atteo G,:@ e >uca %,&%5 e la straniera pagana siro3fenicia 1*atteo ';,:;5 e di due uomini- il
funzionario reale di *atteo %,'@ e il centurione 3 straniero, pagano ed oppressore degli ebrei 3 di >uca 4,G per
il quale, unico, $es( ha parole di ammirazione- !&ll;!dire *!eso. GesA lo ammir, e. volgendosi alla folla
+-e lo seg!iva. disse: /o vi di+o +-e nean+-e in /sraele -o rovao !na fede +os8 grande%)#.
6edi anche /28D828.
Torna all'indice generale
FELICIT FELICIT
6edi 0M7>=*.
orna all'indice generale
FESTIVIT EBRAIC%E FESTIVIT EBRAIC%E
6edi /7"7AA8, D8DI/7<I=A8, "70HB7, "8A98/=098, e=* VI""B2.
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 126
FICO FICO
Aella Eibbia ebraica il fico, come pure la vite, simbolo di Israele, e anche in $iovanni, quando lo si trova
nell.episodio dell.incontro di $es( con Aatanaele, ha lo stesso significato- !6ilippo rov, Naanaele e gli
disse: &$$iamo rovao +ol!i del *!ale -anno s+rio :os). nella Legge. e i Profei: GesA. il figlio di
Gi!seppe. di N'"are31 Naanaele gli disse: Da N'"are p!, venire *!al+osa di $!onoC31 6ilippo gli
rispose: Vieni e vedi31 GesA inano. viso Naanaele +-e gli veniva in+onro. disse di l!i: 2++o davvero !n
/sraelia in +!i non +;) falsi'31 Naanaele gli domand,: 4ome mi +onos+iC31 Gli rispose GesA: Prima +-e
6ilippo i +-iamasse. io i -o viso *!ando eri soo l;al$ero di fi+-i31 Gli repli+, Naanaele: =a$$8. ! sei il
6iglio di Dio. ! sei il re d;/sraele%31 Gli rispose GesA: Per+-> i -o deo +-e i avevo viso soo l;al$ero di
fi+-i. ! +rediC Vedrai +ose piA grandi di *!ese%31 Poi gli disse: /n veri'. in veri' io vi di+o: vedree il
+ielo apero e gli angeli di Dio salire e s+endere sopra il 6iglio dell;!omo3@ 1$iovanni ',&;3;'5.
>uca 1'+,,5 con lo stesso esempio di un albero che non porta frutto, vuol mostrare la misericordia e la
pazienza di Dio verso Israele, refrattario alla sua voce.
In *arco e *atteo invece indica l.istituzione religiosa e il 9empio- un albero pieno di foglie 1sfarzo, lusso,
incenso, sontuose liturgie5 che sfrutta il terreno ma senza dare frutti, dissangua il popolo con la richiesta di
sacrifici. $es( aveva infatti detto Iil empo ) +ompi!oI, giunta l.ora di mostrare i frutti attesi- !La maina
dopo. menre rienrava in +i'. e$$e fame1 Vedendo !n al$ero di fi+-i l!ngo la srada. gli si avvi+in,. ma
non vi rov, alro +-e foglie. e gli disse: :ai piA in eerno nas+a !n fr!o da e%31 2 s!$io il fi+o se++,1
Vedendo +i,. i dis+epoli rimasero s!pii e dissero: 4ome mai l;al$ero di fi+-i ) se++ao in !n isaneC31
=ispose loro GesA: /n veri' io vi di+o: se avree fede e non d!$ieree. non solo poree fare +i, +-e -o
fao a *!es;al$ero. ma. an+-e se diree a *!eso mone: ?L)vai e g)ai nel mare@. +i, avverr'1 2 !o
*!ello +-e +-iederee +on fede nella preg-iera. lo oerree3# 1*atteo :','%3::5.
*arco, pi( esplicito e nello stesso brano sostituisce direttamente il fico con il monte su cui sorgeva il
9empio- !&vendo viso da lonano !n al$ero di fi+-i +-e aveva delle foglie. si avvi+in, per vedere se per
+aso vi rovasse *!al+osa ma. *!ando vi gi!nse vi+ino. non rov, alro +-e foglie1 Non era infai la sagione
dei fi+-i1 =ivolo all;al$ero. disse: Ness!no mai piA in eerno mangi i !oi fr!i%31 2 i s!oi dis+epoli
l;!dirono1 Gi!nsero a Ger!salemme1 2nrao nel empio. si mise a s+a++iare *!elli +-e vendevano e *!elli
+-e +ompravano nel empio# roves+i, i avoli dei +am$iamonee e le sedie dei vendiori di +olom$e e non
permeeva +-e si rasporassero +ose araverso il empio1 2 insegnava loro di+endo: Non sa forse s+rio:
La mia +asa sar' +-iamaa +asa di preg-iera per !e le na"ioniC Voi inve+e ne avee fao !n +ovo di
ladri31 Lo !dirono i +api dei sa+erdoi e gli s+ri$i e +er+avano il modo di farlo morire1 &vevano infai pa!ra
di l!i. per+-> !a la folla era s!pia del s!o insegnameno1 9!ando venne la sera. !s+irono f!ori dalla
+i'1 La maina seg!ene. passando. videro l;al$ero di fi+-i se++ao fin dalle radi+i1 Piero si ri+ord, e gli
disse: :aesro. g!arda: l;al$ero di fi+-i +-e -ai maledeo ) se++ao31 =ispose loro GesA: &$$iae fede in
Dio% /n veri' io vi di+o: se !no di+esse a *!eso mone: ?L)vai e g)ai nel mare@. sen"a d!$iare in +!or
s!o. ma +redendo +-e *!ano di+e avviene. +i, gli avverr'1 Per *!eso vi di+o: !o *!ello +-e +-iederee
nella preg-iera. a$$iae fede di averlo oen!o e vi a++adr'# 1'','+3:&5.
orna all'indice generale
FIGLI FIGLI de'li de'li UOMINI UOMINI
8spressione usata in *arco +,:%3+@ per asserire la fragilit umana contrapposta alla misericordia divina, che
per ha il suo limite nell.ostinato rifiuto umano di riconoscere l.incondizionato amore del "adre- !/n veri'
io vi di+o: !o sar' perdonao ai figli degli !omini. i pe++ai e an+-e !e le $esemmie +-e diranno# ma +-i
avr' $esemmiao +onro lo 0pirio 0ano non sar' perdonao in eerno: ) reo di +olpa eerna31 Poi+->
di+evano: N possed!o da !no spirio imp!ro3#.
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 125
FIGLI FIGLI del del MALIGNO MALIGNO
=ppure figli del diavolo o di satana, indica coloro che apportano male e sofferenza agli uomini, nella loro
lotta contro la comunit che si riconosce in $es( e lo segue- !/l +ampo ) il mondo e il seme $!ono sono i
figli del =egno1 La "i""ania sono i figli del :aligno# 1*atteo '+,+%5. /ontrapposti ai !figli del 2egno#.
Torna all'indice generale
FIGLI FIGLI del del PADRE PADRE
7:a io vi di+o: amae i vosri nemi+i e pregae per *!elli +-e vi perseg!iano. affin+-> siae figli del Padre
vosro +-e ) nei +ieli# egli fa sorgere il s!o sole s!i +aivi e s!i $!oni. e fa piovere s!i gi!si e s!gli ingi!si #
1*atteo ;,&&3&;5. >a prima parte del brano la spiegazione della seconda. /os? come il "adre ama tutti, chi
vuol essere un !figlio del "adre# di $es( chiamato ad amare tutti e pregare per i nemici 3 anche se sono
persecutori P proprio come ha fatto $es(.
Torna all'indice generale
FIGLI FIGLI del del REGNO REGNO
!/l +ampo ) il mondo e il seme $!ono sono i figli del =egno1 La "i""ania sono i figli del :aligno# 1*atteo
'+,+%5. 0ono i cittadini del 2egno di Dio, antitetico ai regni del mondo, del potere, del maligno, di chi lavora
per il male.
Torna all'indice generale
FIGLI FIGLI della della LUCE LUCE
$li 8008AI si facevano chiamare !figli della luce#.
>.affermazione e la spiegazione si trovano in $iovanni ':,+;3+,- !&llora GesA disse loro: &n+ora per po+o
empo la l!+e ) ra voi1 4amminae menre avee la l!+e. per+-> le ene$re non vi sorprendano# +-i +ammina
nelle ene$re non sa dove va1 :enre avee la l!+e. +redee nella l!+e. per divenare figli della l!+e31 GesA
disse *!ese +ose. poi se ne and, e si nas+ose loro#. Aessuno figlio della luce, ma tutti possono diventarlo.
0ono coloro che partecipano allo splendore della luce, gli illuminati.
Torna all'indice generale
FIGLI FIGLI dell dellALTISSIMO ALTISSIMO
>uca ci spiega come diventare figli dell.7ltissimo, ossia figli di Dio- 7:a a voi +-e as+olae. io di+o: amae
i vosri nemi+i. fae del $ene a *!elli +-e vi odiano. $enedie +oloro +-e vi maledi+ono. pregae per +oloro
+-e vi raano male1 & +-i i per+!oe s!lla g!an+ia. offri an+-e l;alra# a +-i i srappa il manello. non
rifi!are nean+-e la !ni+a1 Da; a +-i!n*!e i +-iede. e a +-i prende le +ose !e. non +-iederle indiero1 2
+ome volee +-e gli !omini fa++iano a voi. +os8 an+-e voi fae a loro1 0e amae *!elli +-e vi amano. *!ale
grai!dine vi ) dov!aC &n+-e i pe++aori amano *!elli +-e li amano1 2 se fae del $ene a +oloro +-e fanno
del $ene a voi. *!ale grai!dine vi ) dov!aC &n+-e i pe++aori fanno lo sesso1 2 se presae a +oloro da +!i
sperae ri+evere. *!ale grai!dine vi ) dov!aC &n+-e i pe++aori +on+edono presii ai pe++aori per
ri+everne alreano1 &mae inve+e i vosri nemi+i. fae del $ene e presae sen"a sperarne n!lla. e la vosra
ri+ompensa sar' grande e saree figli dell;&lissimo. per+-> egli ) $enevolo verso gli ingrai e i malvagi #
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 12B
1>uca ,,:43+;5.
!Oiglio di Dio chi assomiglia al "adre, praticando un amore simile al suo#, dice 7lberto *aggi.
Torna all'indice generale
FIGLI FIGLI di di ABRAMO ABRAMO
0i intendono gli eredi della promessa di Dio al patriarca 7bramo.
"er *atteo 1','5 !il figlio di 7bramo# $es( e non i farisei e i sadducei che si presentavano sulle rive del
$iordano per farsi battezzare da $iovanni 1+,G5. Bgualmente scritto di loro in >uca +,%. >o stesso dice
$es( ai $iudei in $iovanni %,+G.
>uca invece ha parole rivoluzionarie sull.immagine di figliolanza da 7bramo e chiama !figlia di 7bramo# la
donna curva da '% anni, liberata nel giorno di sabato in una sinagoga, tra le proteste dell.arcisinagogo
1'+,',5; l.evangelista, come se non bastasse, spudoratamente arriva a far dire a $es( essere !figlio di
7bramo# un ricco pubblicano, anzi il capo dei pubblicani di $erico 1'G,G5.
Torna all'indice generale
FIGLI FIGLI di di DIO DIO
Ael vangelo di $iovanni 1',':5 scritto che gli uomini hanno il potere, ossia possono, se solo lo vogliono,
diventare figli di Dio. *atteo, nelle beatitudini dice che !gli operaori di pa+e saranno +-iamai figli di Dio#
1;,G5. In $iovanni '',;'3;: sono chiamati figli di Dio i !dispersi# per i quali $es( era disposto a dare la vita
perchC il messaggio e la salvezza sono universali.
>uca riconosce che i risorti sono figli di Dio, perchC lo sono diventati 1:@,+,5.
Torna all'indice generale
FIGLI FIGLI di di ISRAELE ISRAELE
Indica genericamente i discendenti di $iacobbe W Israele, ossia gli ebrei.
*a in *atteo :4,G indica solo la loro classe dirigente al potere, quella che ha crocefisso $es( per interesse-
!&llora si +omp8 *!ano era sao deo per me""o del profea Geremia: 2 presero rena monee d;argeno. il
pre""o di +ol!i +-e a al pre""o f! val!ao dai figli d;/sraele#.
FIGLI FIGLI di di ZEBEDEO ZEBEDEO
0ono i due focosi e intolleranti apostoli, spesso nominati insieme e talora insieme con l.ambiziosa madre, !la
madre dei figli di <ebedeo#.
>a madre chiede per i figli i posti pi( importanti a fianco di $es(, quando egli, a $erusalemme, prender il
potere e regner su Israele come re, figlio di Davide.
*atteo la paragona a Eetsabea, prima amante e poi moglie di Davide, che chiede al re il trono che spettava
ad 7donia, per il suo figlio 0alomone. Aessuna delle due chiamata per nome perchC una !la madre dei
figli di <ebedeo#, l.altra la !moglie di Bria#.
In tutti i vangeli, con 0imone "ietro, fanno parte della cerchia pi( stretta non solo dei discepolo di $es(, ma
anche degli stessi apostoli e sono testimoni degli avvenimenti pi( rilevanti della sua vita.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 12F
FIGLIA FIGLIA di di ABRAMO ABRAMO
>uca 1'+,'@3'45 parla di una donna curva da '% anni e guarita di sabato in una sinagoga.
Bna donna, considerata in quella societ un individuo senza valore, per $es( ha invece un valore uguale a
tutti gli esseri umani, nessuno escluso.
Torna all'indice generale
FIGLIA FIGLIA di di SION SION
0ion il nome gebuseo del monte su cui sorge il 9empio ed spesso usato come sinonimo di $erusalemme.
Il termine anche usato per rappresentare sia il popolo che la nazione ebraica.
In *atteo :',; 1Die alla figlia di 0ion: 2++o. a e viene il !o re. mie. sed!o s! !n;asina e s! !n p!ledro.
figlio di !na $esia da soma5, in $iovanni ':,'; 1Non emere. figlia di 0ion% 2++o. il !o re viene. sed!o s!
!n p!ledro d;asina5 e, molto liberamente, <accaria G,G3'@- !2s!la grandemene. figlia di 0ion. gi!$ila.
figlia di Ger!salemme% 2++o. a e viene il !o re1 2gli ) gi!so e viorioso. !mile. +aval+a !n asino. !n
p!ledro figlio d;asina1 6ar' sparire il +arro da g!erra da Nfraim e il +avallo da Ger!salemme. l;ar+o di
g!erra sar' spe""ao. ann!n+er' la pa+e alle na"ioni. il s!o dominio sar' da mare a mare e dal 6i!me fino
ai +onfini della erra# ma gli evangelisti fanno scompare ogni espressione di vittoria sulle nazioni pagane o
di dominio sulle genti.
Huesto *essia mite sar, apparentemente, sconfitto perchC venuto per servire e dare la vita a nostro favore.
Torna all'indice generale
FIGLIE FIGLIE di di GERUSALEMME GERUSALEMME
Il termine usato solo in >uca rivolto alle donne che $es( incontra piangenti sulla via del /alvario 1:+,:%5-
!:a GesA. volandosi verso di loro. disse: 6iglie di Ger!salemme. non piangee s! di me. ma piangee s!
voi sesse e s!i vosri figli).
Torna all'indice generale
FIGLIO FIGLIO
A) Il greco biblico ricco di termini riportabili alla traduzione italiana di figlio-
'5 H#is- indica un figlio completo, ma anche come termine affettivo oppure come l.erede. Huesto l.unico
termine usato tutte le volte che riferito a $es(.
:5 Tnon- figlio piccolo, prole, partorito 1da tito, partorire5, termine usato anche per gli animali.
+5 ,epio- bambino, infante, fanciullo.
&5 -a8s- figlio, ragazzo, servo 1contrapposto a dulos, schiavo5.
;5 -aid8on- bambino, fanciulletto; ma anche riferito ad uno schiavo ancora bambino.
,5 -aidrion- ragazzino, garzone.
() Inoltre in aramaico c. un termine, talia, che significa ragazzo o servo 1come pais5, ma anche agnello.
"er cui in $iovanni',:G.+, si traduce giustamente !ecco l.agnello di Dio#.
Aei vangeli !servo di Dio# si trova in *atteo ':','% quando l.evangelista riferisce a $es( le parole di Isaia
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 130
&:,'3&, in cui il profeta parla di un misterioso personaggio, forse /iro il $rande, che chiama servo di Dio.
Ael *agnificat 1>uca ',;&5 la parola riferita ad Israele e nel brano del Eenedictus 1>uca ',,G5 a Davide.
) >a parola !figlio# nei vangeli assume significati diversi-
3 nascita 1p. es. in *atteo '@,:3+; *arco ','G; >uca :,+, e $iovanni &,; e ,,4'5
3 destino 1figlio della perdizione $iovanni '4,':5
3 condizione 1figli della luce in $iovanni ':,+, e figli della pace in >uca '@,,5
3 appartenenza 1figli del 2egno come in *atteo %,': e >uca ',,%5
3 affetto 1*atteo G,:: 3 *arco :,; e $iovanni '+,++5
3 comportamento 1*atteo ',,'4 e $iovanni :',';5- colui che assomiglia al padre.
Torna all'indice generale
FIGLIO FIGLIO del del FALEGNAME FALEGNAME
In quella cultura essere figlio di qualcuno non equivaleva ad un dato anagrafico, ma significava uno che, nel
comportamento, assomigliava al padre. Infatti, giunto a Aazaret ed andato nella sinagoga di sabato, andava
facendo affermazioni scandalose, tanto che i suoi concittadini stentavano a riconoscerlo perchC non sembrava
neanche un nazaretano e lo apostrofavano con un !costui#- !Non ) +os!i il figlio del falegnameC 2 s!a
madre. non si +-iama :ariaC 2 i s!oi fraelli. Gia+omo. Gi!seppe. 0imone e Gi!daJ# 1*atteo '+,;;5.
Aello stesso episodio narrato da >uca 1&,::5 la domanda la stessa, ma la conclusione pi( tragica perchC
tentano addirittura di ammazzarlo.
9utt.altra interpretazione per $iovanni ',&;- !6ilippo rov, Naanaele e gli disse: &$$iamo rovao +ol!i
del *!ale -anno s+rio :os). nella Legge. e i Profei: GesA. il figlio di Gi!seppe. di N'"are3#. Oilippo
crede di aver trovato il *essia, quello figlio di $iuseppe ed infatti non dice !GesA il figlio di Gi!seppe#
come viene tradotto nella versione della /ei sopra riportata, ma dice !GesA. figlio di Gi!seppe#.
7 quell.epoca infatti, c.era l.attesa del *essia in due figure ben distinte- il *essia figlio di Davide e il
*essia figlio di $iuseppe- uno avrebbe dovuto procedere l.altro al fine di preparare il suo arrivo.
0econdo la tradizione, il *essia figlio di $iuseppe, il *essia guerriero, avrebbe lottato contro i nemici
pagani e sarebbe morto in battaglia per preparare la strada al *essia figlio di Davide, che avrebbe regnato.
In sintesi- *essia figlio di $iuseppe quello che lotta; *essia figlio di Davide, quello che regna.
Torna all'indice generale
FIGLIO FIGLIO della della PACE PACE
7/n *!al!n*!e +asa enriae. prima die: ?Pa+e a *!esa +asa%@1 0e vi sar' !n figlio della pa+e. la vosra
pa+e s+ender' s! di l!i. alrimeni riorner' s! di voi# 1>uca '@,;3,5. >a pace, quella intesa secondo il
significato dell.ebraico shalm, per coloro che sono e si comportano come !figli#, che *atteo chiama
beati- !7eai gli operaori di pa+e. per+-> saranno +-iamai figli di Dio# 1;,G5.
Torna all'indice generale
FIGLIO FIGLIO della della PERDIZIONE PERDIZIONE
!9!and;ero +on loro. io li +!sodivo nel !o nome. *!ello +-e mi -ai dao. e li -o +onservai. e ness!no di
loro ) andao perd!o. ranne il figlio della perdi"ione. per+-> si +ompisse la 0+ri!ra#. >.affermazione nel
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 131
vangelo di $iovanni 1'4,':5 che, notoriamente, molto duro con l. Iscariota, e indica colui che va verso la
perdizione e che si sarebbe perso.
Torna all'indice generale
FIGLIO FIGLIO dell dellALTISSIMO ALTISSIMO
Il Dio altissimo o l.7ltissimo traducono l.ebraico El#on, usato per non pronunciare il nome di Dio.
*a anche per $es( dall.indemoniato $eraseno 1*arco ;,4 e >uca %,:%5 e nell.annunzio dell.angelo a *aria
1>uca ',+:5- !0ar' grande e verr' +-iamao 6iglio dell;&lissimo# il 0ignore Dio gli dar' il rono di Davide
s!o padre#.
Torna all'indice generale
FIGLIO FIGLIO dell dellUOMO UOMO
Ael testo greco h#is tou antropou. Aella lingua ebraica 1ben adam5 e in quella aramaica 14ara .asa5,
l.espressione !figlio dell.uomo# significa semplicemente un membro della specie umana, !l.uomo# o !un
uomo#, ed usata dai profeti, in particolare dal profeta Daniele, per indicare un personaggio, singolare o
collettivo, che riceve potest da parte di Dio e che riveste un carattere messianico. 7nche gli evangelisti
usano con grande frequenza 14' volte5 tale espressione, molto spesso in bocca a $es(, il quale la riprende in
terza persona, sempre riferendola a se stesso.
Il figlio dell.Bomo l.uomo che ha raggiunto la condizione divina, l.Bomo completo, quello perfetto,
l.Bomo che ha accolto in pienezza lo 0pirito di Dio, lo possiede e lo manifesta all.umanit intera che
chiamata a seguire $es( nel suo cammino verso la realizzazione piena.
Dice /arlo *olari che !>a realt umana di $es( non scende dal cielo, bens? fiorisce dal tronco di Lesse,
radicato sulla terra# 1F5 !$es( un fiore che Dio fa sbocciare sulla terra attraverso la fedelt di un piccolo
resto d.Israele#.
l.uomo che, avendo raggiunto il massimo delle potenzialit e delle capacit umane, entra nella condizione
divina- pi( l.uomo umano, pi( fa emergere il divino che in lui. Infatti questo non un privilegio esclusivo
di $es(, ma una possibilit per tutti. "i( l.uomo scopre e valorizza la sua umanit, pi( scopre il divino che
ha in sC, perchC in ognuno di noi c. qualcosa di divino che deve essere liberato attraverso la piena umanit.
>'Bomo perfetto in umanit diventa come Dio. $es( stato il primo a farlo, ha vissuto perfettamente la sua
umanit diventando l.Bomo3Dio e in lui l.umanit vive in maniera divina e la divinit nella piena umanit.
In lui Dio ha assunto la condizione umana, ossia diventato figlio dell'Bomo.
Oiglio dell.Bomo e Oiglio di Dio in $es( si compenetrano senza confusione.
Oiglio dell'Bomo l'uomo con la condizione divina e Oiglio di Dio Dio nella condizione umana, perchC
$es( !non un Dio camuffato da uomo, un uomo tra gli uomini# 18rnesto Ealducci5.
Aonostante la sua morte ignominiosa e terribile, $es( ha sempre mantenuto vivo il suo amore verso tutti,
senza lasciarsi condizionare dal male sub?to; il figlio dell.Bomo sale cos? a Dio portando con sC la nostra
umanit- !2 GesA disse loro: /n veri' io vi di+o: voi +-e mi avee seg!io. *!ando il 6iglio dell;!omo sar'
sed!o s!l rono della s!a gloria. alla rigenera"ione del mondo. siederee an+-e voi s! dodi+i roni a
gi!di+are le dodi+i ri$A d;/sraele# 1*atteo 'G,:%5. /os? in *arco '&,,: HGesA rispose: /o lo sono% 2
vedree il 6iglio dell;!omo sed!o alla desra della Poen"a e venire +on le n!$i del +ielo35 e in >uca ::,,G
1:a d;ora in poi il 6iglio dell;!omo sieder' alla desra della poen"a di Dio5. In $iovanni ':,:+ $es( nel
$etsemani annunzia che !N ven!a l;ora +-e il 6iglio dell;!omo sia glorifi+ao# e in '+,+, quando $iuda sta
portando a termine il suo tradimento, $es( proclama la sua gloria e la gloria del "adre- !9!ando f! !s+io.
GesA disse: <ra il 6iglio dell;!omo ) sao glorifi+ao. e Dio ) sao glorifi+ao in l!i#.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 132
Invece l.attesa venuta del figlio dell.Bomo, di cui si parla nei vangeli sinottici, non si riferisce ad una
ipotetica fine del mondo, ma alla caduta e alla fine di un sistema oppressore di morte, posto in essere dal
potente di turno. Dice >uca- !&llora vedranno il 6iglio dell;!omo venire s! !na n!$e +on grande poen"a e
gloria1 9!ando +omin+eranno ad a++adere *!ese +ose. risollevaevi e al"ae il +apo. per+-> la vosra
li$era"ione ) vi+ina#1 :',:43:%5.
"ervenuto alla gloria di Dio, $es( annunzia il ritorno tra i suoi in *atteo ',,:4 1Per+-> il 6iglio dell;!omo
sa per venire nella gloria del Padre s!o. +on i s!oi angeli. e allora render' a +ias+!no se+ondo le s!e
a"ioniI in *arco '+,:, 1&llora vedranno il 6iglio dell;!omo venire s!lle n!$i +on grande poen"a e gloria5
in >uca '4,+@ 14os8 a++adr' nel giorno in +!i il 6iglio dell;!omo si manifeser'5 e :',:4 1&llora vedranno il
6iglio dell;!omo venire s! !na n!$e +on grande poen"a e gloria5 con un terribile avvertimento- !:a il
6iglio dell;!omo. *!ando verr'. rover' la fede s!lla erraC# 1>uca '%,%5.
!Aella teologia degli evangelisti 1sinottici5, la Kvenuta del Oiglio dell.Bomo) si riferisce ad ogni traguardo
raggiunto, nella storia, a favore della dignit e della libert umana; e ci dipende dalla maturazione sia
dell.individuo, che dell.umanit; per questo il momento di tale venuta non pu essere precisato, solo il "adre
pu determinarlo# 12icardo "erez5.
8gli, con la sua vita e la sua morte, fa da spartiacque tra passato e futuro, tra !4-i si vergogner' di me e delle
mie parole davani a *!esa genera"ione ad!lera e pe++ari+e. an+-e il 6iglio dell;!omo si vergogner' di
l!i. *!ando verr' nella gloria del Padre s!o +on gli angeli sani# 1*arco %,+%5 e chi accetta di finire come
lui per essergli fedele- !7eai voi. *!ando gli !omini vi odieranno e *!ando vi meeranno al $ando e vi
ins!leranno e dispre""eranno il vosro nome +ome infame. a +a!sa del 6iglio dell;!omo# 1>uca ,,::5.
Intanto gli evangelisti ci ricordano che, nella sua umanit perfetta, l.uomo $es( !-a il poere s!lla erra di
perdonare i pe++ai# 1*atteo G,,;*arco :,'@; >uca ;,:&5 ed !signore an+-e del sa$ao# 1*arco :,:%;
*atteo ':,:%; >uca ,,;5. 8 anche- !1il "adre5 gli -a dao il poere di gi!di+are per+-> ) 6iglio dell;!omo#
1$iovanni ;,:45, eppure egli !) ven!o a +er+are e a salvare +i, +-e era perd!o# 1>uca 'G,'@5. Infine, e qui
ha proprio esagerato, !/l 6iglio dell;!omo non ) ven!o per farsi servire. ma per servire e dare la propria
via in ris+ao per moli# 1*arco '@,&;5. 7ffermazioni inaudite e blasfeme per le orecchie dei pii giudei per
cui bene che $es( venga diffamato- !N !n mangione e !n $eone. !n ami+o di p!$$li+ani e prosi!e@in
*atteo '','G e ?per+i, egli deve soffrire molo ed essere rifi!ao dagli an"iani. dai +api dei sa+erdoi e
dagli s+ri$i# 1*arco %,+'; *atteo '4,': e >uca G,::5, deve essere !+onsegnao ai +api dei sa+erdoi ed agli
s+ri$i# 1*atteo '4,:: e :@,'%; *arco '@,++5 agli !uomini# 1*atteo '4,::; *arco G,+'e >uca G,&&5 ai
!pe++aori# 1*arco '&,& e >uca :&,45, !deve soffrire molo ed essere dispre""ao# 1*arco G,':5, lo
condanneranno a morte 1*atteo :@,'% e *arco '@,++5, per essere crocefisso 1>uca :&,45. !:a il er"o giorno
risorger'# 1*arco %,+' e G,+'; >uca :&,45.
8ppure, ai discepoli che si aspettano da lui la restaurazione del regno d.Israele 1infatti non cercavano il regno
di Dio5, $es( ordina di non parlare con nessuno della sua trasfigurazione, quando aveva loro mostrato la
condizione del 2isorto 1*atteo '4.G; *arco G,G5 prima che essi facessero l.esperienza diretta della sua
2esurrezione dai morti.
Invece $iovanni celebra la gloria del figlio dell.Bomo innalzato sulla croce- !Disse allora GesA: 9!ando
avree innal"ao il 6iglio dell;!omo. allora +onos+eree +-e /o 0ono e +-e non fa++io n!lla da me sesso. ma
parlo +ome il Padre mi -a insegnao3@ 1%,:,5, e che dona la vita eterna a chi si impegna per la vita fisica
degli uomini- Daevi da fare non per il +i$o +-e non d!ra. ma per il +i$o +-e rimane per la via eerna e
+-e il 6iglio dell;!omo vi dar'1 Per+-> s! di l!i il Padre. Dio. -a messo il s!o sigillo3# 1,,:45 perchC !GesA
disse loro: /n veri'. in veri' io vi di+o: se non mangiae la +arne del 6iglio dell;!omo e non $evee il s!o
sang!e. non avee in voi la via3# 1,,;+5.
Oiglio dell.Bomo, indica che Dio si pu incontrare solo nell.Bomo, perchC diventato uno di noi.
0e ha questo programma di vita, ogni figlio dell.Bomo diventa figlio di Dio, ogni uomo pu raggiunge la
condizione divina.
FIGLIO FIGLIO di di ABRAMO ABRAMO
Bsato nel senso di discendenza usato nelle genealogie di *atteo ',' e >uca +,+&.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 133
In >uca $es(, per dire che Dio ama tutti gli uomini senza distinzione, chiama figlio di 7bramo, ossia figlio
della promessa universale di salvezza, il pubblicano <accheo, l.impuro, l.escluso dalla societ giudaica
1'G,:5, e la donna curva guarita in una sinagoga 1'+,''5.
Torna all'indice generale
FIGLIO FIGLIO di di DAVIDE DAVIDE
>.allocuzione figlio di Davide ha due significati-
1) Discendente di Davide, secondo le 0critture- !Non di+e la 0+ri!ra: dalla sirpe di Davide e da
7elemme. il villaggio di Davide. verr' il 4risoC# 1$iovanni 4,&:5. /os? scritto in *atteo ':,+; e ::,&:
per $es(. *a la stessa cosa vale per $iuseppe, che il padre legale- !:enre per, sava +onsiderando
*!ese +ose. e++o. gli apparve in sogno !n angelo del 0ignore e gli disse: Gi!seppe. figlio di Davide. non
emere di prendere +on e :aria. !a sposa1 /nfai il $am$ino +-e ) generao in lei viene dallo 0pirio 0ano#
1*atteo ',:@5.
2) Bn *essia politico, guerriero e restauratore del regno di Davide o d.Israele. Infatti la folla, che pensa che
sia finalmente giunto l.uomo che li doveva liberare dal giogo romano e restaurava il regno d.Israele, lo
acclama figlio di Davide all.ingresso in $erusalemme 1*atteo :',G5.
8ra proprio questo anche il pensiero di Aatanaele 1$iovanni ',&G5- !=a$$8. ! sei il figlio di Dio. ! sei il re
d;/sraele%#. 8 cosi pensavano i suoi discepoli 17tti ',+.,5- ! 2gli si mosr, a essi vivo. dopo la s!a passione.
+on mole prove. d!rane *!arana giorni. apparendo loro e parlando delle +ose rig!ardani il regno di Dio1
HKI ?9!elli d!n*!e +-e erano +on l!i gli domandavano: 0ignore. ) *!eso il empo nel *!ale ri+osi!irai
il regno per /sraeleC#. Huesto grande equivoco segner l.intero percorso dei vangeli, mostrando a pieno
l.enorme difficolt dei discepoli a riconoscerlo come Oiglio di Dio.
Torna all'indice generale
FIGLIO FIGLIO di di DIO DIO
>.espressione pu avere significati molto diversi tra loro.
a) I potenti della terra, fino al tempo di $es( 1forse anche oltre5, si ritenevano di natura divina e i faraoni e
gli imperatori romani- =ttaviano, si faceva chiamare Dio, figlio di Dio, il Divo 7ugusto, 0alvatore, 0ignore,
Degno di adorazione, perfino con riti di culto.
la pretesa dei potenti che, per il loro stesso potere, si considerano superiori agli altri fino a dichiararsi di
origine divina. 8 non siamo molto lontani dai nostri giorni 1'%&%5, quando /arlo 7lberto di 0avoia faceva
scrivere nel suo 0tatuto che !la persona del re sacra e inviolabile#. /ome dice pure il Diritto /anonico.
>o stesso scritto di Davide 1:0amuele 4,'&- !/o sar, per l!i padre ed egli sar' per me figlio#5 e di pi( nel
giorno della sua consacrazione reale 10almo :, 4- !(! sei mio figlio. io oggi i -o generao#5.
Aei testi dell.7ntico 9estamento detto esplicitamente di Israele 18sodo &,::- !/sraele ) il mio
primogenio#5, meno esplicitamente in $eremia +',G 1per+-> io sono !n padre per /sraele5.
4) Il portatore della benedizione divina o l.eletto di Dio-
3 !/l enaore gli si avvi+in, e gli disse: 0e ! sei 6iglio di Dio. di; +-e *!ese piere divenino pane3#
1*atteo &,+5.
3 !2d e++o. si misero a gridare: 4-e v!oi da noi. 6iglio di DioC 0ei ven!o *!i a ormenar+i prima del
empoC3# 1*atteo %,:G5.
3 !9!elli +-e erano s!lla $ar+a si prosrarono davani a l!i. di+endo: Davvero ! sei 6iglio di Dio%3#
1*atteo '&,++5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 134
3 !/l +en!rione. e *!elli +-e +on l!i fa+evano la g!ardia a GesA. alla visa del erremoo e di *!ello +-e
s!++edeva. f!rono presi da grande imore e di+evano: Davvero +os!i era 6iglio di Dio%3# 1*atteo :4, ;&5.
6) =ppure il *essia atteso-
3 !=ispose 0imon Piero: (! sei il 4riso. il 6iglio del Dio vivene3# 1*atteo ',,',5.
3 !:a GesA a+eva1 &llora il sommo sa+erdoe gli disse: (i s+ongi!ro. per il Dio vivene. di dir+i se sei ! il
4riso. il 6iglio di Dio3# 1*atteo :,,,+5.
3 K(!. +-e disr!ggi il empio e in re giorni lo ri+osr!is+i. salva e sesso. se ! sei 6iglio di Dio. e s+endi
dalla +ro+e%) 1*atteo :4,&@5, dicevano per insultare $es( crocifisso.
3 !Gli spirii imp!ri. *!ando lo vedevano. +adevano ai s!oi piedi e gridavano: (! sei il 6iglio di Dio%3@
1*arco +,''5.
In *arco ',' scritto- !/ni"io del vangelo di GesA. 4riso. 6iglio di Dio#. 7nche se !figlio di Dio# manca in
molti importanti codici, accettata dagli esegeti perchC coerente con il testo di *arco che contrappone il
!*essia figlio di Davide# proprio dei $iudei al !*essia figlio di Dio#, ossia l.Bomo che raggiunge la
condizione divina.
>a frase di $iovanni ,,:4 1Daevi da fare non per il +i$o +-e non d!ra. ma per il +i$o +-e rimane per la via
eerna e +-e il 6iglio dell;!omo vi dar'1 Per+-> s! di l!i il Padre. Dio. -a messo il s!o sigillo5 fa da ponte tra
il !Oiglio di Dio# e il !figlio dell.Bomo#.
-) Oiglio di Dio nel senso di generato da Dio, esplicitamente detto di $es(, per esempio-
3 in *atteo '4,; 12gli sava an+ora parlando. *!ando !na n!$e l!minosa li +opr8 +on la s!a om$ra1 2d e++o
!na vo+e dalla n!$e +-e di+eva: 9!esi ) il 6iglio mio. l;amao: in l!i -o poso il mio +ompia+imeno1
&s+olaelo35;
3 in *arco ','' 12 venne !na vo+e dal +ielo: (! sei il 6iglio mio. l;amao: in e -o poso il mio
+ompia+imeno35.
3 in $iovanni sopratutto, che ne fa il leitmotiv del vangelo, esplicitamente dal prologo ','& 12 il Ver$o si
fe+e +arne e venne ad a$iare in me""o a noi# e noi a$$iamo +onemplao la s!a gloria. gloria +ome del
6iglio !nigenio +-e viene dal Padre. pieno di gra"ia e di veri'5, e poi quando *arta asserisce in '',:4- !Gli
rispose: 08. o 0ignore. io +redo +-e ! sei il 4riso. il 6iglio di Dio. +ol!i +-e viene nel mondo3#.
$es( !Oiglio# perchC in lui si realizza perfettamente e completamente l.opera di Dio.
e) In >uca +,+% 7damo detto figlio di Dio perchC non ha un padre carnale, ma viene direttamente da Dio.
Torna all'indice generale
FIGLIO FIGLIO di di GIUSEPPE GIUSEPPE
6edi OI$>I= del O7>8$A7*8.
Torna all'indice generale
FIGLIO FIGLIO di di MARIA MARIA
*arco 1,,+5 parla dell.accoglienza ostile che $es( riceve a Aazaret e fa dire ai concittadini- !Non ) +os!i il
falegname. il figlio di :aria. il fraello di Gia+omo. di /oses. di Gi!da e di 0imoneC 2 le s!e sorelle. non
sanno *!i da noiC31 2d era per loro moivo di s+andalo#. >o chiamano !+os!i il falegname#, ossia un
ignorante che pretende di insegnare nella sinagoga le sue scandalose dottrine e, come segno di somma offesa,
ne nominano la madre invece del padre, quasi non ne fossero certi.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 135
Torna all'indice generale
FILATTERI FILATTERI
Bsati in riferimento al memoriale dell.8sodo 1'+,G5- !0ar' per e segno s!lla !a mano e memoriale fra i
!oi o++-i. affin+-> la legge del 0ignore sia s!lla !a $o++a#.
I filatteri 1in ebraico efillin5, cos? chiamati dal greco p-ilasso che significa !custodire#, sono piccoli astucci
di cuoio nero, muniti di legacci, in cui erano inseriti quattro brani dai libri dell'8sodo e Deuteronomio 1:f:5,
legati sulla fronte 1da uno a quattro5 e sull'avambraccio sinistro 1dalla parte del cuore5, e che dovevano essere
usati per la preghiera del mattino, ma non di sabato perchC il sabato , di per se stesso, un segno.
:a i farisei li indossavano osenaamene !o il giorno per !na religiosi'. faa di segni eseriori e +-e
servivano ad esi$ire la loro rela"ione pari+olare +on Dio: G(!e le loro opere le fanno per essere ammirai
dalla gene: allargano i loro fila)ri e all!ngano le frange# si +ompia++iono dei posi d;onore nei $an+-ei.
dei primi seggi nelle sinagog-e. dei sal!i nelle pia""e. +ome an+-e di essere +-iamai ?ra$$8@ dalla gene@
scritto in *atteo :+,;34.
Torna all'indice generale
FILIPPO FILIPPO
il nome greco di uno degli apostoli 1come pure 7ndrea5, e significa !amante dei cavalli#.
>.apostolo Oilippo, che proveniva da Eetsaida ed era concittadino di 7ndrea e di "ietro, appena nominato
nei vangeli, se si esclude il quarto vangelo, in cui protagonista in quattro occasioni-
a5 la sua vocazione e il successivo coinvolgimento di Aatanaele 1',&+3&,5,
b5 la condivisione dei pani in terra pagana 1,,;345,
c5 l.episodio dell.incontro di $es( con i greci a $erusalemme 1':,:@3::5,
d5 durante l.ultima cena 1'&,43''5.
7ltri due Oilippo sono figure storiche del tempo di $es(, e sono-
'5 8rode Oilippo I, il figlio di 8rode il $rande ed i *arianne II, un'aristocratica asmonea figlia del sommo
sacerdote 0imone, che 8rode spos dopo aver fatto assassinare la donna con cui era sposato.
0uccessivamente, accusato di complotto e diseredato, visse esule a 2oma come semplice cittadino. >a sua
ambiziosa moglie, 8rodiade, lo lasci per sposare lo zio 8rode 7ntipa conosciuto a 2oma, fratellastro del
marito. >a figlia 0alom, che aveva seguito la madre alla corte dello zio, ball per 8rode 7ntipa, e gli chiede,
su istigazione della madre, la testa del Eattista 1*arco ,,'45.
:5 8rode Oilippo II, figlio di 8rode il $rande e della quinta moglie /leopatra. 9etrarca dal & a. / fino alla sua
morte nel +4 d./. di vasti territori a nord3est del lago di 9iberiade. 2isiedeva a /esarea di Oilippo, localit
resa famosa per lo scontro tra $es( e "ietro 1*arco %,:43++ e *atteo ',,'+3:+5. 8gli spos la giovane
0alom, una nipote perchC figlia del fratellastro Oilippo I e di 8rodiade.
>a sua figura di regnante fu esente da eccessi e giudicata bene dagli storici contemporanei.
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 136
FILISTEA FILISTEA
<ona costiera a sud3ovest di $erusalemme 1denominata -hilistina5, occupata dal popolo dei filistei, che si
erano sostituiti ai cananei nel SIII sec. a. /.- dai Oilistei prende nome l.attuale "alestina.
Ael loro territorio c.erano citt grandi come $aza, 7scalon e 7sdod.
Torna all'indice generale
FILISTEI FILISTEI
0ono i discendenti di una popolazione proveniente da isole del mare 8geo e dall'7sia minore, poi chiamati
!popolo del mare#, che occup parte costiera pianeggiante del sud della "alestina.
0i contrapposero agli ebrei che sconfissero quando era re 0aul, perchC avevano armi di ferro, ma furono poi
sconfitti da Davide, di cui rimasta famosa la lotta con il loro super eroe $olia.
Ael corso dei secoli riuscirono per a mantenere la loro identit, come pure l'ostilit verso Israele da cui
furono vinti eppure mai sottomessi.
Torna all'indice generale
FLAGELLARE FLAGELLARE
Il flagello romano era una frusta di cordicelle o di fettucce di cuoio, con in cima uncini di ferro, o pezzi di
piombo, ossa o altro, atti a scarnificare il prigioniero ad ogni colpo.
Il condannato, di solito uno che aveva turbato la quiete pubblica o un ribelle, era denudato, legato ad una
colonna e colpito da due persone che si ponevano ai suoi lati, liberi di agire senza limiti prestabiliti. "i( che
una tortura era un mezzo per uccidere il condannato che, di solito, moriva sotto i colpi di pi( aguzzini. /hi
sopravviveva alla flagellazione non era poi ucciso. "ilato infatti voleva liberare $es(, ma non potC perche
ricattato dai capi dei sacerdoti- !&llora Pilao fe+e prendere GesA e lo fe+e flagellare1 2 i soldai. inre++iaa
!na +orona di spine. gliela posero s!l +apo e gli misero addosso !n manello di porpora1 Poi gli si
avvi+inavano e di+evano: 0alve. re dei Gi!dei%31 2 gli davano s+-iaffi1 Pilao !s+8 f!ori di n!ovo e disse
loro: 2++o. io ve lo +ond!+o f!ori. per+-> sappiae +-e non rovo in l!i +olpa al+!na31

&llora GesA !s+8.
porando la +orona di spine e il manello di porpora1 2 Pilao disse loro: 2++o l;!omo%31 4ome lo videro. i
+api dei sa+erdoi e le g!ardie gridarono: 4ro+ifiggilo% 4ro+ifiggilo%31 Disse loro Pilao: Prendeelo voi e
+ro+ifiggeelo# io in l!i non rovo +olpa31 Gli risposero i Gi!dei: Noi a$$iamo !na Legge e se+ondo la
Legge deve morire. per+-> si ) fao 6iglio di Dio3# 1$iovanni 'G,'345.
$es( invece, dopo essere stato flagellato, venne crocefisso, e ci spiega come egli sia rapidamente morto
poco dopo essere stato inchiodato alla croce.
$iovanni 1:,';5 aveva gi nominato un flagello- !&llora fe+e !na fr!sa di +ordi+elle e s+a++i, !i f!ori dal
empio. +on le pe+ore e i $!oi# ge, a erra il denaro dei +am$iamonee e ne roves+i, i $an+-i #.
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 135
la la FOLLA / FOLLA / le le FOLLE / FOLLE / la la GENTE / GENTE / il il POPOLO / POPOLO / la la
MOLTITUDINE MOLTITUDINE
0ono termini simili anche se la lingua greca ha tre termini- '5 etnos, che indica la nazione, :5 laos 1da cui
viene il termine laico5 che significa membro del popolo e +5 olos, usato per dire una folla importante per
quantit o qualit, ma che pu essere usato anche nel senso dispregiativo, per dire !gentaglia# come in
$iovanni 4,&G- !:a *!esa gene. +-e non +onos+e la Legge. ) maledea%#.
>a folla che segue $es(, ossia che gli d adesione perchC ha compreso ed accolto il suo messaggio 1sono
soprattutto gli impuri e i pagani5, va distinta dalla folla di persone provenienti dal giudaismo che lo segue
perchC vede in lui il liberatore, il riformatore delle istituzioni e il restauratore del regno di Davide- ! :oli
sendevano i propri manelli s!lla srada. alri inve+e delle fronde. agliae nei +ampi1 9!elli +-e
pre+edevano e *!elli +-e seg!ivano. gridavano: <sanna% 7enedeo +ol!i +-e viene nel nome del 0ignore%
7enedeo il =egno +-e viene. del nosro padre Davide% <sanna nel piA alo dei +ieli%3# 1*arco '',%3'@5.
*a, per gli ebrei, $es( sar un.amara delusione, per cui pi( tardi urleranno per avere la sua morte- !:a i
+api dei sa+erdoi in+iarono la folla per+->. pi!oso. egli rimeesse in li$er' per loro 7ara$$a1 Pilao
disse loro di n!ovo: 4-e +osa volee d!n*!e +-e io fa++ia di *!ello +-e voi +-iamae il re dei Gi!deiC31 2d
essi di n!ovo gridarono: 4ro+ifiggilo%31 Pilao di+eva loro: 4-e male -a faoC31 :a essi gridarono piA
fore: 4ro+ifiggilo%)# 1*arco ';,''3'&5.
Infine occorre ricordare che il termine IpopoloI spesso, nella 0crittura, indica il popolo di Israele.
Torna all'indice generale
FORZA FORZA
6edi *I27/=>=.
Torna all'indice generale
FRATELLI FRATELLI del del SIGNORE SIGNORE
In *arco ,,+ e +,:', sono- $iacomo, Iosu 1o $ios, variazione di $iuseppe5, $iuda e 0imone.
/os? in *atteo ':,&4 e '+,;;; *arco +,+'3+;; >uca %,'G3:'; $iovanni 4,+.;.'@.
6edi anche 0=28>>8 del 0I$A=28.
Torna all'indice generale
FRATELLO FRATELLO
Aella Eibbia il termine ha un significato molto esteso perchC comprende oltre i figli degli stessi genitori,
anche persone con ascendenti comuni, in particolare i cugini, maschi e femmine- p. es. in $enesi'+,%
7bramo chiama !fratello# il nipote >ot, figlio di 7ran, uno dei fratelli di 7bramo.
Il termine tradotto in greco con adelphs 1plurale adelphi5 che indica i nati della stessa madre, diverso da
anepsios cugino, come si trova in /oilossesi&,'@ dove *arco detto cugino di Earnaba. Diversamente in
>uca ',+, dove si racconta che *aria va dalla parente 1s#nghenes5 1e non dalla cugina5 8lisabetta.
Invece nel vangelo di $iovanni 1',&@3&' e ,,%5 7ndrea e "ietro sono detti fratelli carnali, perchC il testo
greco dice ton adelphon o ton idion.
Aei 6angeli il termine significa non solo fratello o parente prossimo, ma indica anche una fratellanza
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 13B
spirituale, i membri della comunit- eccone alcuni esempi.
3 !Dopo *!eso fao HGesAI s+ese a 4af'rnao. insieme a s!a madre. ai s!oi fraelli e ai s!oi dis+epoli1 L'
rimasero po+-i giorni# 1$iovanni :,':5.
3 !/ s!oi fraelli gli dissero: Pari di *!i e va; nella Gi!dea. per+-> an+-e i !oi dis+epoli vedano le opere
+-e ! +ompi# 1$iovanni 4,+5.
3 !Gi!nsero s!a madre e i s!oi fraelli e. sando f!ori. mandarono a +-iamarlo1 &orno a l!i era sed!a !na
folla. e gli dissero: 2++o. !a madre. i !oi fraelli e le !e sorelle sanno f!ori e i +er+ano31 :a egli
rispose loro: 4-i ) mia madre e +-i sono i miei fraelliC31 Girando lo sg!ardo s! *!elli +-e erano sed!i
aorno a l!i. disse: 2++o mia madre e i miei fraelli% Per+-> +-i fa la volon' di Dio. +os!i per me )
fraello. sorella e madre3@ 1*arco +,+'3+;5.
3 !*a voi non faevi +-iamare ra$$8. per+-> !no solo ) il vosro :aesro e voi siee !i fraelli # 1*atteo
:+,%5. Aon si pu allora ignorare come, talora, la parola !fratellanza# strida con la parola !gerarchia# e le sue
strutture del potere.
"i( tardi $es( risorto chiamer !miei fratelli# i discepoli, perchC hanno il "adre in comune- !GesA le disse:
Non mi raenere. per+-> non sono an+ora salio al Padre# ma va; dai miei fraelli e di; loro: 0algo al
Padre mio e Padre vosro. Dio mio e Dio vosro3@ 1$iovanni :@,'45.
Infatti riconoscersi figli di un unico "adre significa riconoscersi tutti fratelli e sorelle.
IBna tale scoperta pu turbare, e pu addirittura spaventare l'idea che persino gli antipatici, i diversi, i brutti,
i cattivi rientrino nello stesso rapporto di parentelaI. 1*aggi e 9hellung5.
Torna all'indice generale
GALILEA GALILEA
"osta all'estremo nord della "alestina, entra a far parte del regno d.Israele al momento dello scisma dal regno
di $iuda, quando 2oboamo succede al padre 0alomone.
9erra di confine 1appartenente poi alla provincia romana di 0iria5, che, per la mescolanza tra giudei e pagani
discendenti dei coloni assiri ivi trasferiti al tempo della deportazione a Eabilonia, era disprezzata dagli 8brei
perchC considerata immonda.
Ma infatti un nome che non un nome perchC 9alil5ha5go"im, che vuol dire !distretto dei pagani#, da cui
!$alilea delle genti#, ossia dei gentili, ossia dei non ebrei 1*atteo &,';5.
8ppure su quelli che abitavano in erra e om$ra di more una luce si levata, come aveva profetato Isaia
1%,:+ e G,'5. Bna terra da cui, si diceva, non pu nascere nessun profetaQ $iovanni 14,;'3;:5 riporta un
episodio emblematico quando i farisei, irritati perchC le guardie inviate ad arrestare $es( erano invece
tornate a mani vuote, attaccano violentemente Aicodemo che cercava di ristabilire un minimo di legalit
dicendo- La nosra Legge gi!di+a forse !n !omo prima di averlo as+olao e di sapere +i, +-e faC31 Gli
risposero: 0ei forse an+-e ! della GalileaC 0!dia. e vedrai +-e dalla Galilea non sorge profea%3. >o
insultano con disprezzo dandogli del galileo, e dicono una falsit, perchC dimenticano che $iona era galileo.
>a $alilea al tempo della nascita di $es( faceva parte, come tutta la "alestina, del regno di 8rode il $rande
e, alla sua morte, pass sotto il potere del figlio, il tetrarca 1*arco lo chiama re, ma non lo era5 8rode 7ntipa
che regn fino al +G d. /.
7ntipa trasfer? la capitale da 0efforis 1la citt distrutta dai romani al comando di Huintilio 6aro, quando
$iuda il $alileo, a capo degli zeloti vi si era asserragliato5 a 9iberiade, cos? chiamata in onore di 9iberio.
>a regione era disseminata di centinaia di piccoli e grandi villaggi, ma anche di vere proprie citt ricordate
nei vangeli- Eetsadia, /afarnao, /ana, /esarea di Oilippo, /orazim, *agadan, *agdala, 9iberiade e anche
Aazaret, un piccolo e sconosciuto borgo della $alilea, con poche centinaia di abitanti, vicina alla e\ capitale
0efforis dove non risulta che $es( sia mai andato.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 13F
>a $alilea, lontana dalla $iudea e dall.influenza di $erusalemme, era una regione malfamata, odiata, eretica
e turbolenta, abitata da un gran numero di meticci, impuri, sobillatori, bellicosi, sempre in lotta con i $iudei
e piena di zeloti antiromani che trovavano facile rifugio tra i suoi monti. "erci ogni movimento iniziato
dalla $alilea suscitava sospetti a $erusalemme.
7l contrario della $iudea arida e pietrosa, diventata ricca con lo sfruttamento delle ricchezze che erano
destinate ad affluire nel 9empio, il centro del potere religioso, in mano ai ricchi sadducei, la $alilea, pur
avendo una terra fertile, era un territorio poverissimo perchC in mano ai latifondisti di $erusalemme.
7nche il dialetto e il modo di parlare dei $alilei era disprezzato dai $iudei; ce lo ricorda *atteo nella scena
che si svolge nel cortile della casa del sommo sacerdote- !Dopo !n po+o. i preseni si avvi+inarono e dissero
a Piero: N vero. an+-e ! sei !no di loro: infai il !o a++eno i radis+e%3 # 1*atteo :,,4+5.
*a "ietro nega l.evidenza, ripudiando $es(.
Torna all'indice generale
GALILEI GALILEI
0ono naturalmente gli abitanti della $alilea, ma il termine usato nei vangeli per indicare soggetti con
cattiva reputazione, ribelli e sovversivi di natura, teste calde, gentaglia, banditi, in maniera particolare gli
abitanti di Aazaret. 0crive lo storico $iuseppe Olavio che !I $alilei sono facinorosi fin da piccoli#.
$es( non pu essere il *essia in quanto proviene da un territorio abitato da infedeli 1$iovanni 4, ;:5.
In *atteo :,,,G $es( definito Iil $alileoI, e pure "ietro 1*arco '&,4@ e >uca ::,;G5; insomma per i
giudei, essi sono due impuri facinorosi che mettono in pericolo l.intera nazione. 8, in *atteo :,,:G, "ietro
accusato da una servetta di essere uno del gruppo di !$es(, il $alileo# appena arrestato.
0ono disprezzati da tutti perchC incapaci di esprimersi correttamente per il loro inconfondibile accento
dialettale, per cui chiunque pu insultarli impunemente e perfino le donne, che sono esseri subumani,
possono rivolgersi a uno di loro chiamandolo- !stupido galileo#.
0ono ritenuti tutti, senza distinzione, immondi e inavvicinabili perchC nati da donne mestruate dalla nascita,
scritto nel libro del 9almud.
Diversamente dalla teologia messianica davidica dei $iudei, i $alilei avevano una concezione messianica di
tipo comunitario, come chiaramente quella di $es(.
$es( $alileo e Aazaret la sua patria, eppure egli dice alla samaritana, che lo aveva chiamato giudeo,
1$iovanni &,:: 5 che !la salve""a viene dai Gi!dei%#.
Torna all'indice generale
GARIZIM GARIZIM
Huando si parla del monte $arizim, si parla della rivalit, anzi dell.odio atavico tra gli abitanti del sud della
"alestina 1la $iudea5 e quelli del centro 1la 0amaria5.
Dopo la morte di 0alomone e la scissione del regno di $iuda da quello d.Israele, 0amaria divenne la capitale
del regno del nord, retto da $eroboamo. *a l.inimicizia tra i due popoli risaliva a pi( di sette secoli prima.
In una delle tante e ricorrenti invasioni degli 7ssiri, nel 4:: a./., 0argon II ha conquistato la 0amaria e ne ha
deportato la classe dirigente, trasferendo in quelle terre coloni di altre nazioni. Ael giro di poco tempo le
popolazioni si erano mescolate e ne era uscita una razza meticcia che, agli occhi dei $iudei, era impura.
!/l re d;&ssiria mand, gene da 7a$ilonia. da 4!a. da &vva. da 4amae da 0efarv'im e la sa$il8 nelle +i'
della 0amaria al poso degli /sraelii1 2 *!elli presero possesso della 0amaria e si sa$ilirono nelle s!e +i'1
&ll;ini"io del loro insediameno non veneravano il 0ignore ed egli invi, +onro di loro dei leoni. +-e ne
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 140
fa+evano srage1 &llora dissero al re d;&ssiria: Le popola"ioni +-e ! -ai rasferio e sa$ilio nelle +i'
della 0amaria non +onos+ono il +!lo del dio lo+ale ed egli -a mandao +onro di loro dei leoni. i *!ali
seminano more ra loro. per+-> esse non +onos+ono il +!lo del dio lo+ale31 /l re d;&ssiria ordin,:
:andae laggiA !no dei sa+erdoi +-e avee deporao di l': vada. vi si sa$ilis+a e insegni il +!lo del dio
lo+ale31 Venne !no dei sa+erdoi deporai da 0amaria. +-e si sa$il8 a 7eel e insegnava loro +ome venerare
il 0ignore1 <gni popola"ione si fe+e i s!oi d)i e li mise nei empli delle al!re +osr!ie dai 0amariani.
ogn!na nella +i' dove dimorava1 Gli !omini di 7a$ilonia si fe+ero 0!++oE7en,. gli !omini di 4!a si
fe+ero Nergal. gli !omini di 4amasi fe+ero &sim'1 Gli &vvii si fe+ero Ni$+a" e (araM# i 0efarvei
$r!+iavano nel f!o+o i propri figli in onore di &dramm)le+ e di &namm)le+. divini' di 0efarv'im1
Veneravano an+-e il 0ignore# si fe+ero sa+erdoi per le al!re. s+egliendoli ra di loro: presavano servi"io
per loro nei empli delle al!re1 Veneravano il 0ignore e servivano i loro d)i. se+ondo il +!lo delle
na"ioni dalle *!ali li avevano deporai1 6ino ad oggi essi agis+ono se+ondo i +!li ani+-i: non venerano il
0ignore e non agis+ono se+ondo le loro norme e il loro +!lo. n> se+ondo la legge e il +omando +-e il
0ignore -a dao ai figli di Gia+o$$e. a +!i impose il nome d;/sraele1 /l 0ignore aveva +on+l!so +on loro
!n;allean"a e aveva loro ordinao: Non venerae alri d)i. non prosraevi davani a loro. non servieli e
non sa+rifi+ae a loro. ma venerae solo il 0ignore. +-e vi -a fao salire dalla erra d;2gio +on grande
poen"a e +on $ra++io eso: a l!i prosraevi e a l!i sa+rifi+ae1 <sservae le norme. i pre+ei. la legge e il
+omando +-e egli -a s+rio per voi. meendoli in prai+a !i i giorni# non venerae alri d)i1 Non
dimeni+ae l;allean"a +-e -o +on+l!so +on voi e non venerae alri d)i. ma venerae solano il 0ignore.
vosro Dio. ed egli vi li$erer' dal poere di !i i vosri nemi+i31 2ssi per, non as+olarono. ma +onin!ano
ad agire se+ondo il loro +!lo ani+o1 4os8 *!elle popola"ioni veneravano il 0ignore e servivano i loro idoli.
e +os8 p!re i loro figli e i figli dei loro figli: +ome fe+ero i loro padri essi fanno an+ora oggi# 1:2e '4,:&3&'5.
Dopo l.editto di /iro del ;+% a./., gli ebrei rimpatriati da Eabilonia, tra la fine del I6 secolo alla met del 6,
presero il sopravvento su coloro che erano restati in patria e, con la riforma di 8sdra, costituirono uno stato
teocratico razzista che diede inizio ad una feroce pulizia etnica con l.esclusione dei samaritani dalla
ricostruzione del tempio di $erusalemme. /oloro che non vollero accettare questa dura realt e rifiutarono di
scacciare moglie e figli perchC non avevano puro sangue ebreo, si rifugiarono in 0amaria dove, con l.apporto
decisivo di un fratello del sommo sacerdote Iaddua, si costru? 1++@ a. /.5 un nuovo tempio a LahR, in
contrapposizione a quello sul monte 0ion.
Ael ':% a. /. $iovanni Ircano, discendente dei *accabei che si erano rivoltati contro i 0eleucidi, padroni
della 0iria, conquistarono la 0amaria e distrussero la capitale e il tempio eretto sul $arizim.
*a i 0amaritani, per ritorsione, tra il , e il G a. /. 1non si conosce esattamente la data5 alla vigilia della
"asqua si introdussero di nascosto dentro il tempio di $erusalemme e lo cosparsero di ossa di morti. Di
conseguenza gli ebrei non poterono celebrare la "asqua, perchC il 9empio era diventato impuro- da quel
momento fu proibito ai 0amaritani di accedervi. 8 ai tempi di $es(, in una societ dominata da scribi e
farisei, la divisione era ancora molto profonda.
Torna all'indice generale
GE$NNA GE$NNA
9raduzione del greco gehnna, derivante dall.ebraico 9e5Hinnom che significa la valle di Minnom, il
nome di una scoscesa valle che costeggia $erusalemme verso ovest e che, all.altezza della citt bassa, devia
verso est cingendo il lato sud della citt, fino a congiungersi con la valle del torrente /edron, che scorre nel
lato est, verso il *onte degli Blivi.
"er secoli era stato il luogo dove si svolgeva il culto idolatrico al dio pagano 1fenicio e cananeo5 *oloch
1una deformazione della parola ebraica re, mal5, che prevedeva sacrifici umani, tra cui l'uccisione dei figli
maschi, specie se primogeniti, gettati vivi tra le fiamme in onore del dio, ogni volta che si stava per
intraprendere un affare importante.
Aonostante i profeti tuonassero ripetutamente contro quella barbarie, il culto non si era mai estinto, ma, al
tempo del pio re 8zechia 16III sec. a. /.5, figlio dell.empio 7caz, la valle fu trasformata nell.immondezzaio
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 141
della citt, dove il fuoco che distruggeva l.immondizia ardeva giorno e notte, divenendo cos? un luogo
sommamente impuro per gli ebrei, che evitavano accuratamente di frequentarlo. Il termine compare molte
volte in *atteo, tre volte in *arco G,&&3&4 e una sola volta in >uca ':,;. *ai in $iovanni.
Il termine $enna collegato con il fuoco, appunto perchC nella vallata la fiamma, autoalimentata, ardeva
ininterrottamente per distruggere i rifiuti. In alcuni brani evangelici il termine $enna sostituito
dall.allocuzione !f!o+o eerno# 1*atteo '%,% e :;,&'5 o anche !forna+e ardene# 1*atteo '+,&+.&%5, !f!o+o
inesing!i$ile# 1*arco G,&+.&;.&4 e >uca +,'45 oppure con una specificazione, la !Geenna di f!o+o#, ad
indicare un luogo dove le fiamme ardevano per autocombustione. Il termine erroneamente passato ad
indicare la condanna eterna dei malvagi, lasciati a cuocere per sempre nell.inferno per volont di Dio o per
convinzione di chi lo pensa.
*a potrebbe indicare, pi( che una punizione eterna, un annientamento della persona, come sembra dire in
*atteo '@,:% dove ammonisce che, con la fine inevitabile della vita biologica, non finisca anche la vita
1ps#5; nella traduzione /8I il termine tradotto con !anima#, che allora starebbe ad indicare la morte
dell.anima. >o stesso concetto espresso, con minore chiarezza, in >uca ':,;. $iovanni 17pocalisse :,''5
propone di chiamarla !morte seconda#, come la fine dell.individuo che non ha mai accettato la continua
offerta della vita, che viene da Dio. /os? la chiama anche san Orancesco nel /antico delle /reature.
Oinire nel fuoco della $enna, per alcuni esegeti, sarebbe non una punizione per l.anima prima e poi anche
per il corpo, voluta da Dio dopo la morte biologica dell.individuo, ma la fine definitiva dell.individuo- si
finisce nella $enna non per punizione divina ma come conseguenza della bestemmia contro lo 0pirito 0anto
1*atteo ':,+:3++ e *arco +,:%3:G5.
Bn altro concetto interessante si trova in *atteo :;,&'- !Poi dir' an+-e a *!elli +-e saranno alla sinisra:
Via. lonano da me. maledei. nel f!o+o eerno. preparao per il diavolo e per i s!oi angeli3 #, che sono
coloro che sono condannati alla distruzione eterna, insieme con la bestia del potere e il falso profeta, come
scritto nell.7pocalisse 1:@,'@5.
>a $enna indica pertanto il giudizio di Dio sulla storia umana, su chi ha sempre rifiutato tutte le proposte di
vita e finisce per sempre senza rimedio 1piano e sridore di deni5.
6edi anche 0M8g> e IAO82A=.
Torna all'indice generale
GENERARE GENERARE
In quella cultura, e nella letteratura biblica, l'uomo che genera il figlio, perchC la madre serve solo come
incubatrice per portare a maturazione il seme del padre, senza metterci niente di suo. /os? fino ai vangeli.
*atteo, nella sua improbabile genealogia parte da 7bramo per giungere fino a $iacobbe, il padre di
$iuseppe, quando l.interminabile elenco di !gener# si interrompe per far spazio a *aria, sua sposa !dalla
quale nato $es(, chiamato /risto#. >uca non usa il verbo generare dicendo !figlio di# a partire da 7damo
1figlio di Dio5, fino ad 8li, padre di $iuseppe, ritenuto il padre di $es(, ma in effetti nato da Dio, per azione
dello 0pirito 0anto.
Il messaggio teologico che la primitiva comunit cristiana ci ha voluto trasmettere chiaro- $es( trae vita
direttamente dalla forza di Dio, lo 0pirito 0anto. Bn uomo cos?, mai apparso prima nella storia dell.umanit,
non pu che provenire da Dio, senza concorso umano.
Torna all'indice generale
GENERATO GENERATO da da DIO DIO
$es( l.unigenito figlio di Dio 1$iovanni ','&.'% e, +,',.'%5 dall.eternit.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 142
*a lo stesso $iovanni, nel "rologo 1',':3'+5 dichiara che ad ogni uomo che crede nel suo nome, ossia che
aderisce alla persona di $es(, data la capacit di diventare figlio di Dio- !& *!ani per, lo -anno a++olo
-a dao poere di divenare figli di Dio: a *!elli +-e +redono nel s!o nome. i *!ali. non da sang!e n> da
volere di +arne n> da volere di !omo. ma da Dio sono sai generai#. Aella prima lettera di $iovanni 1&,45
riaffermato con forza che I4-i!n*!e ama ) generao da Dio e +onos+e DioI.
Torna all'indice generale
GENERAZIONE GENERAZIONE
Il termine ha solitamente connotati negativi. Ael 6ecchio 9estamento si riferisce alla !generazione# del
diluvio che venne distrutta per la sua malvagit e a quella dell'8sodo dall.8gitto che, a causa dei suoi
tradimenti, per? nel deserto.
*a c. anche la !generazione# fausta del tempo del *essia, che per gli ebrei deve venire.
>a negativit del termine esiste anche per il Auovo 9estamento- !:a egli sospir, profondamene e disse:
Per+-> *!esa genera"ione +-iede !n segnoC /n veri' io vi di+o: a *!esa genera"ione non sar' dao al+!n
segno3# 1*arco %,':5.
8 >uca specifica- !:enre le folle si a++al+avano. GesA +omin+i, a dire: 9!esa genera"ione ) !na
genera"ione malvagia# essa +er+a !n segno. ma non le sar' dao al+!n segno. se non il segno di Giona1
Poi+->. +ome Giona f! !n segno per *!elli di Ninive. +os8 an+-e il 6iglio dell;!omo lo sar' per *!esa
genera"ione1 Nel giorno del gi!di"io. la regina del 0!d si al"er' +onro gli !omini di *!esa genera"ione e li
+ondanner'. per+-> ella venne dagli esremi +onfini della erra per as+olare la sapien"a di 0alomone1 2d
e++o. *!i vi ) !no piA grande di 0alomone1 Nel giorno del gi!di"io. gli a$iani di Ninive si al"eranno +onro
*!esa genera"ione e la +ondanneranno. per+-> essi alla predi+a"ione di Giona si +onverirono1 2d e++o. *!i
vi ) !no piA grande di Giona# 1'',:G3+:5.
!Huesta generazione# anche la nostra, sempre alla ricerca di segni prodigiosi e di miracoli.
Torna all'indice generale
GENITORI GENITORI
Il termine non esiste nell'7ntico 9estamento, perchC solo padre che genera, mentre la madre partorisce.
Il quarto comandamento, infatti, non dice di onorare i genitori, ma dice !tuo padre e tua madre#.
*a il 6angelo rivoluziona la religione- *aria che genera $es( 1*atteo ',',5 e >uca parla dei !genitori# di
$es( 1:,&'5.
Torna all'indice generale
GERICO GERICO
una citt molto antica, di cui la Eibbia narra che fu la prima ad essere conquistata da $iosu nel viaggio
verso la terra promessa, dopo averne fatto precipitare la mura; ma l.archeologia dimostra che i suoi resti sono
di circa ,@@@ anni antecedente al mito del racconto biblico.
>a citt sorge intorno ad un.oasi famosa ed importante, che si trova ad ovest del $iordano, nei pressi del mar
*orto sotto il livello del mare, con un clima invernale mite.
0alendo, attraverso il deserto di $iuda, si arriva a $erusalemme, distante meno di trenta chilometri, che
circa %@@ metri sul livello del mare mentre $erico :;@3+@@ metri sotto. 8ra, allora, una citt sacerdotale, e
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 143
molti andavano verso nord a $erusalemme per il culto.
*arco vi colloca la guarigione del cieco Eartimeo 1'@,&,5, mentre >uca ne parla nella parabola del
samaritano compassionevole 1'@,+@5 e nell.episodio di <accheo, il ricco pubblicano che si converte 1'G,'3:5.
Torna all'indice generale
GERUSALEMME GERUSALEMME
In ebraico significa !visione di pace#. Invece, per la nostra lingua il suo nome contiene la radice greca hieros
1sacro5 e l.ebraica shalom 1pace5 ed perci la !citt della pace#.
Aella citt c. il 9empio e nel 9empio c. il santo dei 0anti, dimora della +hein, la gloria di Dio; perci
salire a $erusalemme ha il significati di ascendere per incontrare la gloria di Dio.
Di questa citt la Eibbia parla sin dai tempi di 7bramo, che dona a *elchisedeD, re3sacerdote di 0alem, la
decima del bottino di guerra 18sodo '&,'%3:@5, poi, di nuovo, in occasione del mancato sacrificio di suo
figlio Isacco sul monte *oria 18sodo ::5, con cui si identifica.
>a citt ubicata in una zona montuosa strategica, circondata da solide mura e da torrenti che scorrono in
valli scoscese- da est, verso sud, il torrente /edron che divide la citt dal *onte degli Blivi, a da ovest e poi
a sud dalla famigerata valle della $eenna, dove i torrenti confluiscono, sfociando nel lontano *ar *orto.
7 nord, a protezione di una zona sovrastante il 9empio senza difese naturali, fu costruita una roccaforte, detta
fortezza 7ntonia, dove, al tempo di $es(, risiedevano le truppe di occupazione romane.
/itt $ebusea fino alla fine del I secolo a. /. quando Davide, con un colpo di mano di un manipolo di
mercenari, la occupa e ne fa una sua propriet personale, anche se lascia che i $ebusei continuino a vivere in
quel territorio. Davide ne rafforza le mura, vi fa trasportare l.7rca dell.7lleanza alzando la tenda sacra in un
terreno acquistato dal gebuseo 7raun, vi costruisce poi la dimora reale e ne fa la capitale del regno.
Il figlio 0alomone la amplia, la abbellisce e vi costruisce il primo 9empio, molto famoso, ma di modeste
dimensioni, accanto alla sua sontuosa reggia.
>a primitiva, modesta, citt bassa, detta citt di Davide, fu pi( volte ampliata e circondata di nuove mura.
Dopo la morte di 0alomone e lo scisma del 2egno del Aord 1o d.Israele5, divenne la capitale del regno del
sud 1o di $iuda5.
Infatti le pretese vessatorie di suo figlio 2oboamo avevano provocato il distacco delle dieci trib( del nord
che si riuniscono nel regno di Israele o del nord, nominando re $eroboamo, gi ambizioso comandante delle
truppe reclutate da 0alomone. *a, a causa delle feroci lotte intestine, i due regni sono facile preda dei
bellicosi vicini e la citt fin? per essere conquistata e distrutta da Aabucodonosor nel ;%, a. /. con la
deportazione degli abitanti a Eabilonia.
2icostruita dopo il ritorno degli esiliati per volont di /iro il $rande, passa, di mano in mano, sotto i
*acedoni di 7lessandro *agno, poi sotto i 0eleucidi sconfitti dai *accabei, infine sotto i 2omani quando,
nel ,+ a. /., "ompeo la conquista. "ochi anni dopo 8rode il $rande, alla morte di /esare, si schiera
apertamente dalla parte di =ttaviano e questi, diventato l.imperatore 7ugusto, gli concede la corona della
"alestina, terra che per egli stesso deve conquistare, se vuole possederla. 8rode regna dal +4 a. /. al & d. /.
e, sempre odiato dalla popolazione giudea, ingrandisce e abbellisce la citt, iniziando la colossale costruzione
del secondo 9empio che, pochi anni dopo essere terminato, sar distrutto nel 4@ d. /., insieme alla citt di
$erusalemme, dal generale 9ito, futuro imperatore di 2oma.
Ael '+;, per ordine di 7driano, a seguito dell.ennesima sommossa antiromana, finir completamente
distrutta e i suoi abitanti saranno dispersi con il divieto di rientrarvi.
Da allora la citt sar sempre occupata da eserciti stranieri- romani, persiani, ottomani, arabi.
In ebraico chiamata Kerushal#n. Ael testo greco dei vangeli il suo nome scritto in due modi-
3 Jerosolima, come nome geografico, usato in maniera esclusiva da *arco e da $iovanni;
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 144
3 Jerusalem come termine sacrale che indica l'istituzione sacra; quello preferito da >uca.
*arco e $iovanni e *atteo usano sempre il nome geografico, se si esclude *atteo :+, il capitolo della
violenta invettiva di $es( contro l.istituzione religiosa giudaica, quando dice- !Ger!salemme. Ger!salemme.
! +-e !++idi i profei e lapidi *!elli +-e sono sai mandai a e. *!ane vole -o vol!o ra++ogliere i !oi
figli. +ome !na +-io++ia ra++oglie i s!oi p!l+ini soo le ali. e voi non avee vol!o%#.
>a citt nei vangeli presentata sotto una luce sinistra perchC qui che $es( deve arrivare per portare alle
estreme conseguenze la sfida al clero gerosolimitano, nel cuore stesso del potere religioso, che aveva
sfigurato il volto di Dio. Il Dio "adre amorevole e misericordioso era diventato un Dio perverso, irato,
giustiziere pi( che giusto.
>'immagine di Dio era stata deformata dalla religione con leggi, prescrizioni, divieti, obblighi e pesi tanto
inumani che lo stesso "ietro negli 7tti asserisce che In> io n> alri -anno po!o porareI. $es( venuto a
ridare al Dio creatore, quello dei profeti, il suo vero volto, disobbedendo alla >egge del Dio legislatore
voluto della casta sacerdotale, e da una istituzione religiosa che si chiusa a Dio ed alle novit dello 0pirito.
"er *arco, la salita di $es( a $erusalemme e strettamente legata alla passione morte. >uca vi fa iniziare e
finire il suo vangelo. "er $iovanni $es( vi sale pi( volte e ogni volta c. uno scontro con i $iudei al potere.
*atteo mostra $erusalemme sotto una sinistra luce di morte- infatti la stella che guida i *agi non brilla sulla
citt, e $es( soffrir e morir per mano della casta religiosa, tanto che $es( risorto non si mostra ai discepoli
perchC vuole farlo nell.impura $alilea, la sua terra.
/I99c di D76ID8 il nome dato alla parte fortificata della residenza di Davide, fuori dalle attuali mura,
verso sud3est. 7l tempo dei *accabei indicava la zona nord3occidentale di $erusalemme ove sorgeva una
roccaforte voluta da 7ntioco 8pifane per controllare la zona del 9empio. "i( tardi indicher la parte dove
sorge il 9empio e infine la vecchia $erusalemme o l'intera $erusalemme.
*a anche Eetlemme chiamata !la citt di Davide# in quanto sua presunta citt natale.
6edi anche /I99c di D76ID8.
Torna all'indice generale
GES GES
Il nome, molto comune nel mondo ebraico, contiene la radice del verbo liberare o salvare, cos? come in =sea,
Isaia e $iosu. In ebraico Lehosu, contratto in Lesu e poi ancora in Lesu, significa !LahR salva#, !il
0ignore libera# o !il 0ignore d la vittoria#. In greco tradotto con Leso(s.
il nome scelto per il figlio di *aria di Aazaret da Dio stesso in *atteo ',:' quando dice a $iuseppe,
mentre ha in animo di ripudiare *aria- ?2lla dar' alla l!+e !n figlio e ! lo +-iamerai GesA: egli infai
salver' il s!o popolo dai s!oi pe++ai@.
In >uca ',+' la stessa cosa detta, cosa inaudita, a *aria, una donna- ?2d e++o. +on+epirai !n figlio. lo
darai alla l!+e e lo +-iamerai GesA@. *a a nessuna donna questo permesso.
$es( una figura storica, un uomo uguale a tutti gli altri. vissuto come ogni altro uomo- mangiava e
beveva, gioiva e si arrabbiava, si abbatteva, aveva paura, si addolorava e si sdegnava, provocava i $iudei con
gesti altamente simbolici- toccava i lebbrosi e i morti, frequentava i pubblicani, parlava con le donne, si
faceva toccare da una prostituta, e, bestemmia orribile per un 8breo, parla di Dio come di un samaritano o,
peggio, ad una donna.
*a quest.uomo cercava Dio e si metteva in ascolto della sua voce per vivere in perfetta sintonia con la sua
volont, tanto da mettersi a lavare i piedi ai discepoli durante la cena.
>a storicit 1specie della morte5 di $es( riportata 1oltre che dai vangeli canonici e dai primi vangeli
apocrifi ossia quelli pi( vicini ai tempi degli apostoli5 dallo storico $iuseppe Olavio, dal 9almud babilonese
nel trattato 0anhedrin e infine da autori romani come 9acito 17nnali5, 0vetonio 1>e vite dei dodici /esari5 e
"linio il $iovane in una lettera a 9raiano mentre era governatore della Eitinia.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 145
"ur essendo un uomo in tutto e per tutto, Dio lo riconosce uguale a se stesso per essersi lasciato
completamente attraversare dalla volont divina, ossia senza opporre nessun ostacolo all'amore di Dio, che si
identifica in $es( per insegnarci a diventare pi( umani.
I cristiani riconoscono la condizione divina di $es( e, dice "aolo 2icca- !>a sua divinit consiste nella sua
umanit, 0iamo noi che siamo ancora troppo poco umani#. 8, come ci ricorda 8nzo Eianchi- !Il
cristianesimo umano o non cristianesimo#.
$es( la realizzazione completa dell'idea che Dio ha dell.Bomo che porta al massimo le sue potenzialit
umane, mostra il volto umano di Dio- il cammino di ogni uomo verso Dio.
!0e io non mi misuro con l.uomo $es(, con il suo modo di essere, con la sua parola, con la sua morte, con il
senso globale della sua esistenza, io non posso parlare di Dio e di tutto il resto perchC non sono passato per la
porta stretta, che la porta umana# 18rnesto Ealducci5.
Huella di $es( non una via privilegiata esclusiva, ma una possibilit per gli uomini che lo vogliono.
>a condizione divina di $es( alla base dei quattro vangeli pur se la modalit di esplicitarla molto
differente- quattro $es( diversi, per dire la stessa cosa, ossia che Dio uguale a $es(- ?Dio. ness!no lo -a
mai viso: il 6iglio !nigenio. +-e ) Dio ed ) nel seno del Padre. ) l!i +-e lo -a rivelao@ 1$iovanni ','%5.
9utti e quattro i vangeli pongono come centro del racconto il battesimo ricevuto nel $iordano e la teofania
che pone $es( all.attenzione del mondo giudaico- !2d e++o in *!ei giorni GesA venne da Na"are di Galilea
e Giovanni lo $ae"", nel Giordano1 2 immediaamene. !s+endo dall;a+*!a. vide i +ieli s*!ar+iarsi e lo
0pirio dis+endere verso l!i +ome +olom$a1 2 venne !na vo+e dal +ielo: (! sei il 6iglio mio. lDamao. in e
-o poso il mio +ompia+imeno3# 1*arco ',''5.
*a la /hiesa di $iovanni evangelista, alla fine del primo secolo, ha chiara l.immagine che il progetto divino
che si realizza nell.uomo3$es(, esisteva da sempre in Dio perchC il /risto la "arola di Dio 1$iovanni ','%5.
$es( vero uomo, ma anche vero Dio H!/o e il Padre siamo Lno#, scritto in $iovanni '@,+@5- uguali,
distinti, ma non separabili.
$es( Dio perchC , per noi, l.unica rivelazione di Dio, il Dio si rivelato in $es(- !Veniva nel mondo la
l!+e *!ella vera. *!ella +-e ill!mina ogni !omo1 2gli era nel mondo. e il mondo ) sao fao per me""o di
l!i. epp!re il mondo non lD-a +onos+i!o# 1$iovanni ',G3'@5.
*atteo e >uca, per dire che un uomo cos? solo Dio ce lo poteva dare 1con l'ansia di darlo5, costruiscono due
intensi racconti, due midrsh, parlando del concepimento ad opera dello 0pirito di Dio e della nascita da
*aria, una giovane vergine. D.altronde nascite di grandi personaggi biblici da donne sterili normale nella
Eibbia e cos? accadde, per esempio, ad Isacco, 0ansone e $iovanni Eattista. "er *aria non sterile e
$iuseppe non vecchio.
8lla resa feconda dall.azione dello 0pirito di Dio, dall.7more, e diventa un invito rivolto a noi perchC ci
lasciamo fecondare dall.amore di Dio per dare frutti d.amore gratuito a chiunque incontriamo, per quello che
i nostri limiti umani ci permettono.
$es( era un ebreo della trib( di $iuda, un laico a tutti gli effetti perchC non apparteneva alla trib( di >evi,
ma poi detto 0ommo 0acerdote da "aolo 1in 8brei &,'&3';5, seppure in senso metaforico; infatti, nella
stessa lettera, anche chiamato nostro fratello.
$es( predica e fa cose che ai suoi tempi nessuno osava neanche pensare o ipotizzare. 8gli porta per la prima
volta nel mondo l'immagine di un Dio che ama tutti gli uomini incondizionatamente. >a nostra fede in lui
consiste nel rispondere al suo amore rivolgendo il nostro amore in modo tangibile verso tutti gli uomini.
0criveva in una sintesi perfetta Earuch 0pinoza, filosofo olandese di famiglia ebrea vissuto nel S6II secolo,
che ogni uomo dev.essere Dio per l.altro uomo 1ho:o ho:i.i )e?s5 trasformando in positivo la relazione
negativa di !ho:o ho:i.i l?p?s#.
I$es( vissuto circa duemila anni fa, ma presente tuttora in mezzo agli uomini a interpellare le loro
coscienze e a suggerire a quanti hanno ancora la fortuna di ascoltarlo un modo nuovo non tanto di pensare
quanto di vivere. 8sso pu apparire utopico, ma quell'utopia alla quale egli ha creduto e per la quale ha
dato la vitaI 1=rtensio da 0pinetoli5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 146
!$es( ha realizzato, vivendola, una dimensione spirituale della persona mai ancora apparsa in quella forma
ed ha cos? avviato una fase nuova della storia salvifica. >a forza di amore espressa da $es( sulla croce,
ragione della sua resurrezione, e la energia comunicata ai discepoli con il dono dello 0pirito, ragione della
vitalit della chiesa, hanno avviato una tappa inedita della sua storia# 1/arlo *olari5. il punto di svolta
nell.evoluzione dell.umanit.
I$es( vive la sua vita di uomo completamente radicato in Dio, e per quanto riguarda il rapporto con Dio si
mostra di solito ai suoi autorevole e fiducioso; ma ci non gli impedisce l'incertezza umana nel suo percorso
esistenziale, non esclude la tentazione, la sofferenza e anche l'insofferenza. $es( non possiede una sfera
divina e impassibile nella quale rifugiarsi a comando. Il suo rapporto di straordinaria vicinanza e trasparenza
con Dio non gli risparmia l'esperienza radicale della precarietI 1>ilia 0ebastiani5.
"erci $es( contemporaneamente Oiglio dell.Bomo 1ossia l'uomo con la condizione divina5 e Oiglio di
Dio 1ossia egli il volto umano di Dio5.
!$es( nello stesso tempo l'uomo per Dio e Dio per l'uomo# riassume bene "aolo 2icca.
In *atteo '',:G, $es( dice di se stesso- !/mparae da me. +-e sono mie e !mile di +!ore#. 8gli la mitezza
personificata.
6edi anche *I98 W *I98<<7.
Torna all'indice generale
GES CRISTO GES CRISTO
$es( /risto il 6erbo Incarnato 1$iovanni '5.
I concili di Aicea 1+:;5, di /ostantinopoli I 1+%'5 e di /alcedonia 1&;'5 stabiliscono, con parole umane
imperfette, i dogmi cristologici che sono alla base della fede cristiana.
7 Aicea si proclama l.uguaglianza sostanziale di /risto con Dio e la sua eterna filiazione divina.
"l re-o Ni6e.o lo spe6ifi6a .ell@a:4ito -ella fe-e tri.itaria'
Aoi crediamo
] in un solo Dio "adre che governa ogni cosa,
creatore di tutte le cose visibili e invisibili
] in un solo 0ignore $es( /risto, figlio di Dio,
generato unigenito dal "adre, cio della stessa sostanza del "adre,
Dio da Dio, luce da luce, Dio vero da Dio vero.
$enerato, non creato, -ella stessa sosta.Aa -el Pa-re
per mezzo del quale tutto stato fatto, ci che in cielo e ci che sulla terra.
il quale per noi uomini e per la nostra salvezza disceso e si incarnato,
si fatto uomo, ha sofferto ed risorto il terzo giorno, risalito al cielo
e verr a giudicare i vivi e i morti,
] e nello 0pirito 0anto.
Ael concilio di /ostantinopoli I si ribad? che il 6erbo di Dio, perfetto in divinit da sempre, divenuto, in
$es( di Aazaret, un uomo, perfetto in umanit.
7 /alcedonia si specific la modalit della coesistenza nella persona di $es( /risto della natura umana e
della natura divina 1una persona, due sostanze o due nature5 con la formula-
1) senza confusione e senza cambiamento, 2) senza divisione e senza separazione.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 145
1) 0enza confusione e senza cambiamento, ossia le -?e .at?re, ?:a.a e -iBi.a, restano distinte; il 6erbo
resta verbo e l.uomo resta uomo, perfettamente umano; le due nature non cambiano e non si mescolano.
$es( non ha nulla di divino e il /risto, il 6erbo di Dio, non ha nulla di umano.
$es( non fu un superuomo con poteri soprannaturali, ma visse la sua vita come ogni altro uomo, escludendo
il peccato perchC accett a pieno la sua condizione umana e la port al pieno compimento, secondo il
primitivo progetto di Dio sull.umanit.
2) 0enza divisione e senza separazione, ossia le due realt sono inseparabili e non agiscono ciascuna per
proprio conto, separate, ma unite e continuamente a confronto tra loro. Ael 6erbo Incarnato coesistono sia la
coscienza divina del 6erbo, che la coscienza umana di $es( con i suoi limiti. /i sono anche due volont che
si confrontano continuamente per quella unione profonda tra le due nature, le due volont, le due coscienze.
>a fede cattolica chiama eresie sia il !nestorianesimo# di Aestorio che il !monofisismo# di 8utiche.
Aestorio, un vescovo siriano che fu patriarca di /ostantinopoli, negava la possibilit di unione nella persona
di $es( /risto della natura umana e di quella divina.
8utiche, monaco e archimandrita, asseriva che la presenza in $es( /risto della natura divina, rendeva
inconsistente la natura umana.
>a definizione cristologica di /alcedonia si presenta con una struttura perfettamente simmetrica-
!0eguendo i santi padri, insegniamo tutti concordemente a confessare
un solo e medesimo Oiglio, nostro 0ignore $es( /risto
lo stesso perfetto i. -iBi.it veramente Dio lo stesso perfetto i. ?:a.it veramente uomo
1fatto5 di un.anima ragionevole e di corpo,
6o.s?sta.Aiale al Pa-re lo stesso 6o.s?sta.Aiale a .oi secondo l.umanit
lo stesso secondo la divinit simile a noi in tutto
eccetto il peccato,
ma negli ultimi tempi, per noi e la nostra salvezza
ge.erato -al Pa-re prima dei secoli 1generato5 da *aria, la 6ergine, la madre di Dio
se6o.-o la s?a -iBi.it se6o.-o l@?:a.it
?. solo e :e-esi:o risto , Oiglio, 0ignore, Bnigenito,
ri6o.os6i?to i. -?e .at?re,
se.Aa 6o.f?sio.e se.Aa :?taAio.e se.Aa -iBisio.e se.Aa separaAio.e
non essendola differenza delle nature e incontrandosi in una sola persona 1]5
minimamente soppressa dall.unione e in una sola ipostasi 1]]5
ma restando al contrario salve le propriet e non 1un essere5 spartito o diviso in due persone
di ciascuna delle due nature
?. solo e :e-esi:o Ciglio ?.ige.ito,
Dio, 6erbo, 0ignore, $es( /risto.
1]5 "820=A7- non intesa come un soggetto che ha la sua coscienza e la sua volont, perchC in questo senso
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 14B
nel Ver4o i.6ar.ato coesistono sia la coscienza divina del 6erbo che la coscienza e la volont umana di
$es(, soggetta agli stessi limiti di tutti gli uomini.
1]]5 I"=0970I- si dice di qualcosa che sta sotto, soggiace, in latino sub3stantia, tradotto con sostanza.
0i pu dire che esistono due nature 1umana e divina5 nella realt umana di $es(.
In due concili successivi, tenutisi entrambi a /ostantinopoli 1nel ;;+ e nel ,%@5 si risolsero alcune
controversie dottrinali e si port a conclusione lo sviluppo della dottrina cristologica.
>e espressioni umane per indicare queste verit, trovano un limite nelle parole usate per spiegarle.
7lcune parole di /arlo *olari ci aiutano a capire-
!$es( uomo per identit. Il 6erbo 8terno Dio per identit. Il 6erbo 8terno uomo per relazione. $es(
Dio per relazione. 8gli infatti esprime umanamente l.azione di Dio#. 1F5 !In $es( si vedeva il gesto umano,
ma che era la traduzione della parola di Dio che diventava gesto, parola, misericordia, amore#. 1F5 !In $es(
ci che sta sotto la forza divina 1l.ipostasi5, mentre ci che si manifesta la realt umana#. 1F5 !In $es( la
realt umana alimentata , attraversata, sostenuta, dalla "arola eterna, dall.azione creatrice di Dio, in modo
perfetto. 7nche in noi, ma in modo imperfetto, per i limiti e le insufficienze del peccato che commettiamo,
anche se siamo chiamati a diventare immagine perfetta, figli di Dio in $es(, compiendo un cammino che
$es( ha realizzato nella sua vita#.
6edi anche IA/72A7<I=A8 e 92IAI9c.
Torna all'indice generale
GETS$MANI GETS$MANI
>.ebraico ghat shemmanim significa il torchio degli oli, il frantoio per le olive.
cos? chiamato un uliveto con annesso frantoio, situato alle pendici del *onte degli Blivi, al di l del
torrente /edron ad oriente di $erusalemme.
! il luogo della passione di $es(, narrata con aspetti molto diversi a seconda della linea teologica degli
evangelisti, tant. che !$iovanni non racconta affatto la passione di /risto, ma racconta la glorificazione di
/risto che sbaraglia i nemici, dando gli ordini- I7ndiamoI dice alle truppe. una ricostruzione non solo
idealizzata, ma funzionale, non tanto per dimostrare cosa $es( ha sofferto, ma che nonostante la sofferenza
egli si dimostrato al di sopra, superiore al danno, al male, che gli stavano facendo# 1=rtensio da 0pinetoli5.
Torna all'indice generale
GETTARE FUORI / CACCIARE FUORI GETTARE FUORI / CACCIARE FUORI
'5 Aell.episodio del nato3cieco di $iovanni, i $iudei cacciano fuori, ossia scomunicano l.uomo- !Gli
repli+arono: 0ei nao !o nei pe++ai e insegni a noiC31 2 lo +a++iarono f!ori # 1$iovanni G,+&5, come
avevano minacciato i genitori- !/ Gi!dei avevano gi' sa$ilio +-e. se !no lo avesse ri+onos+i!o +ome il
4riso. venisse esp!lso dalla sinagoga# 1%,::5.
:5 7ltre volte indica l.uscita della sfera della luce3vita per entrare nel mondo delle tenebre3morte-
3 per chi rifiuta il /risto di Dio- !<ra io vi di+o +-e moli verranno dall;oriene e dall;o++idene e
siederanno a mensa +on &$ramo. /sa++o e Gia+o$$e nel regno dei +ieli. menre i figli del regno saranno
+a++iai f!ori. nelle ene$re. dove sar' piano e sridore di deni# 1*atteo %,''3':5;
3 per chi non fa fruttare i ralenti ricevuti, per un.immagine falsa di Dio- !2 il servo in!ile geaelo f!ori
nelle ene$re# l' sar' piano e sridore di deni# 1*atteo :;.+@5;
3 per chi invitato alla festa di nozze del figlio del re, ma non indossa la veste nuziale, simbolo esteriore del
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 14F
mutamento della realt interiore, e resta fuori- !&llora il re ordin, ai servi: Legaelo mani e piedi e
geaelo f!ori nelle ene$re# l' sar' piano e sridore di deni3# 1*atteo ::,'+5;
3 per chi non aveva operato per il bene- K0for"aevi di enrare per la pora srea. per+-> moli. io vi di+o.
+er+-eranno di enrare. ma non +i ri!s+iranno1 9!ando il padrone di +asa si al"er' e +-i!der' la pora. voi.
rimasi f!ori. +omin+eree a $!ssare alla pora. di+endo: ?0ignore. apri+i%@1 :a egli vi risponder': ?Non so
di dove siee@1 &llora +omin+eree a dire: ?&$$iamo mangiao e $ev!o in !a presen"a e ! -ai insegnao
nelle nosre pia""e@1 :a egli vi di+-iarer': ?Voi. non so di dove siee1 &llonanaevi da me. voi !i
operaori di ingi!si"ia%@1 L' +i sar' piano e sridore di deni. *!ando vedree &$ramo. /sa++o e Gia+o$$e e
!i i profei nel regno di Dio. voi inve+e +a++iai f!ori1 Verranno da oriene e da o++idene. da seenrione e
da me""ogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio1 2d e++o. vi sono !limi +-e saranno primi. e vi sono
primi +-e saranno !limi) 1>uca '+,:&3+@5.
+5 In *arco indica prima il rifiuto e poi la cattura e l.uccisione di $es(, da parte del potere religioso, per i
propri loschi scopi- !Lo presero. lo !++isero e lo gearono f!ori della vigna# 1*arco ':,%5.
Torna all'indice generale
G%EMAR% G%EMAR%
0i chiama 9hemar lo studio approfondito e il commento della 'ishnh nelle scuole rabbiniche palestinesi
e babilonesi dal III al 6I secolo e poi riunite in un grande commentario in lingua aramaica, riconosciuto e
codificato, giunto a noi in due distinte composizioni 1Talmudin5 molto diverse tra loro.
scritta o 9M7AcM
9=2cM

come M7>7VcM
orale poi scritta *I0MAcM pi( D!E%AEF! pi( 9M7AcM hh 97>*BD
1norma5 1commento5 come M7$$7DcM
Torna all'indice generale
GIACOBBE GIACOBBE
Da Isacco, figlio unico di 7bramo e di 2ebecca, nascono due gemelli- il primogenito si chiama 8sa( 1detto
8dom, il rosso, per il suo folto pelo rossiccio5 cacciatore e nomade e $iacobbe, pastore e sedentario 1il cui
nome probabilmente fa riferimento al calcagno, perchC era nato tenendo il calcagno del fratello5.
8gli, preferito dalla madre e, dice la Eibbia ebraica, da Dio, con uno stratagemma 1un piatto di minestra di
lenticchie5 si fa cedere da 8sa( la primogenitura, con solenne giuramento. 7stuto, furbo ai limiti della
disonest, inganna anche il padre, vecchio e cieco, con la complicit della madre, carpendogli la benedizione
che, anche quando 8sa( aveva scoperto l.inganno, non si pu revocare.
$iacobbe, per sfuggire all.ira del fratello e per cercare moglie, si recher presso >abano per prendere in
moglie una sua figlia, ma >abano, anche lui con l.inganno, gli fa sposare, dopo sette anni di servit(, prima
>ia 1antilope5 e solo dopo altri sette anni di lavoro, 2achele 1pecora madre5, la donna che $iacobbe amava.
>ia trascurata ma fertile, 2achele desiderata ma sterile per lungo tempo. Durante il viaggio di ritorno in
/anaan, $iacobbe sostiene, al guado del torrente LabboD, una misteriosa lotta notturna 1con un uomo F un
angelo del 0ignore F Dio stesso5 che non risponde alla domanda di far conoscere il suo nome, mentre gli
cambia il nome da $iacobbe 1appoggiato alla menzogna5 in Israele 1appoggiato a Dio5. Dice il testo 1$enesi
+:,:G5- !Non i +-iamerai piA Gia+o$$e. ma /sraele per+-> -ai +om$a!o +on Dio e gli !omini e -ai vino#.
>'ostilit tra i fratelli continua tra i loro discendenti, gli edomiti e gli israeliti. 7i nostri giorni si pu
grossolanamente, tra gli arabi e gli Israeliani.
$iacobbe ebbe ': figli- 2uben, 0imeone, >evi, $iuda 1nati da >ia5, Daniele e Aeftali 1nati da Eila, una
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 150
schiava di 2achele5, $ad e 7ser 1figli di <ilpa, una schiava di >ia5, Isscar, <abulon, 1figli di >ia5; $iuseppe e
Eeniamino 1figli di 2achele5. Inoltre da >ia una figlia, Dina.
I figli di $iuseppe, 8fraim e *anasse, al ritorno di $iacobbe dall.8gitto vengono da lui adottati, e sono
considerati a pieno titolo tra i capostipiti del popolo d.Israele.
8sau, descritto come un rozzo cacciatore, nel confronto con il fratello quello che si comporta meglio e,
quando $iacobbe3Israele pieno di paura, lo incontra mentre tornava da /arran in /anaan, lo abbraccia e lo
bacia, perdonandolo.
In $enesi si narra, senza giudizi morali, il cambiamento di $iacobbe e la sua trasformazione da capo di una
trib(, a Israele, capo di un popolo e le sue mitiche dodici trib(.
0olo nel vangelo di *atteo 1',',5 c. un altro $iacobbe- cos? chiamato il padre di $iuseppe, il padre
putativo di $es(.
Torna all'indice generale
GIACOMO GIACOMO
Huesto nome ha stessa radice di $iacobbe.
'5 $iacomo, fratello di $iovanni, figli di <ebedeo, detto il maggiore, pescatori di Eetsaida.
Aei vangeli sinottici nominato o come fratello 1maggiore5 di $iovanni, o, pi( spesso, come uno dei figli di
<ebedeo; nel quarto vangelo non mai nominato. I due ambiziosi fratelli 1*arco '@,+;5 soprannominati
Eoanrghes, cio Kfigli del tuono), per il loro carattere irruente, sono stati, con "ietro, i testimoni degli
avvenimenti pi( importati della vita di $es(.
>a loro madre, nei vangeli mai chiamata per nome, ma sempre nominata come !la madre dei figli di
Pe$edeo#, era tra le donne che seguivano $es( e supportava l.ambizione dei figli, con una richiesta esplicita
di posti di maggior potere nel regno di Davide che pensavano $es( stesse per instaurare a $erusalemme
1*atteo :@,:@3:'5.
$iacomo fu ucciso di spada, tra il &: e il &&, a $erusalemme da 8rode 7grippa 17tti ':,'45.
:5 $iacomo di 7lfeo, nell.elenco degli apostoli dei vangeli sinottici e di 7tti ','+ e ':,'.
+5 $iacomo 1che in *arco ';,&@ detto !il minore#5, quando nominato senza una diversa indicazione, il
!fraello del 0ignore#, uno dei figli 1con $iuseppe, 0imone e $iuda5 di *aria di /leofa o /leopa.
, insomma, lo zio di $es(, poi a capo della primitiva /hiesa di $erusalemme 17tti ':,'4. ';,'4. :','45.
0econdo lo storico $iuseppe Olavio, egli fu lapidato su istigazione dal sommo sacerdote 7nania II, nel ,:.
&5 Bn $iacomo, il padre dell.apostolo $iuda, non l.Iscariota 1>uca ,,', e 7tti ','+5.
orna all'indice generale
GIARDINO GIARDINO
Il giardino in 8den un mito universale, presente in tutte le culture, interpretato come un passato perduto e
da riguadagnare. invece una realt a venire, verso cui dobbiamo tendere, un obiettivo da raggiungere per
accedere alla pienezza della vita, la vita eterna.
>.ebraico gan indica un giardino protetto da mura, in persiano pardes, in greco par:deisos da cui il termine
italiano paradiso.
>.evangelista $iovanni nomina quattro volte un !giardino# sempre collegato alla passione, morte e
resurrezione di $es(. Il termine compare per la prima volta dopo l'ultima cena e poi nel luogo dove era stato
crocifisso, per indicare la sfera divina in cui $es( entra e ne uscir risorto- il luogo della vita.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 151
3 !Dopo aver deo *!ese +ose. GesA !s+8 +on i s!oi dis+epoli al di l' del orrene 4edron. dove +;era !n
giardino. nel *!ale enr, +on i s!oi dis+epoli@ 1'%,'5;
3 !:a !no dei servi del sommo sa+erdoe. parene di *!ello a +!i Piero aveva agliao l;ore++-io. disse:
Non i -o forse viso +on l!i nel giardinoC3@ 1'%,:,5;
E ?<ra. nel l!ogo dove era sao +ro+ifisso. vi era !n giardino e nel giardino !n sepol+ro n!ovo. nel *!ale
ness!no era sao an+ora poso@ 1'G,&'5;
E ?Le disse GesA: Donna. per+-> piangiC 4-i +er+-iC31 2lla. pensando +-e fosse il +!sode del giardino. gli
disse: 0ignore. se l;-ai porao via !. dimmi dove l;-ai poso e io andr, a prenderlo3 1:@,';5.
Di $iuda, invece, si dice che vi and, ma non scritto che vi entr- !Gi!da d!n*!e vi and,. dopo aver preso
!n gr!ppo di soldai e al+!ne g!ardie fornie dai +api dei sa+erdoi e dai farisei. +on lanerne. fia++ole e
armi# 1'%,+5.
Torna all'indice generale
GIOIA GIOIA
>.immagine di un dio che chiede agli esseri umani di offrirgli la loro sofferenza, che, per amarli, chiede
sacrifici, che passa il tempo a misurare le loro azioni, che non aiuta l.uomo a raggiungere la felicit e anzi vi
si oppone, un dio minore che noi uomini superiamo in misericordia e in amore, una figura che esce distrutta
nei vangeli. il Dio di chi pensa che l.amore vada meritato e vive in un mondo di premi e di castighi.
Il cristianesimo, che si basa sulla !buona notizia# portata da $es(, intriso di gioia e chiede ai suoi di
adoperarsi in ogni modo per alleviare la sofferenza nel mondo perchC con il suo messaggio porta Iserenit,
gioia, pace con se stessi e con Dio, con i vicini e i pi( lontaniI 1=rtensio da 0pinetoli5 e Inon si pu avere un
cammino di conversione senza la capacit di gioireI 1>ilia 0ebastiani5.
/e lo ricorda anche *attheR Oo\ nel suo libro che intitola !In principio era la gioia#- non il sacrificio, non il
dolore, non il peccato, che erano diventate la base di ogni teologia ritenuta ortodossa.
*a finalmente giunta l.ora di cambiare.
>a nostra la gioia che viene dal sapersi sempre amati dal "adre e che si alimenta nell.amore per tutte le
creature, a cominciare da tutti gli uomini, tutti amati- Gloria a Dio nel piA alo dei +ieli e s!lla erra pa+e
agli !omini. +-e egli ama3 1>uca :,'&5, che aggiunge ?/o vi di+o: +os8 vi sar' gioia nel +ielo per !n solo
pe++aore +-e si +onvere. piA +-e per novananove gi!si i *!ali non -anno $isogno di +onversione@ 1';,45.
!> dove l'amore dilaga- l? c' gioiaI dice "aolo 2icca. 7nche se, come dice 7rturo "aoli, !la gioia una
conquista alla fine di un cammino lungo e spesso doloroso#.
>a risposta alla chiamata di $es( porta una gioia che non rimuove il dolore, ma lo comprende e lo supera.
"urtroppo le sofferenze della vita rimangono, ma il sentirsi amati sempre da Dio sar fonte di gioia anche nel
dolore perchC ce lo far sentire sempre vicino- ?&n+-e se vado per !na valle os+!ra. non emo al+!n male.
per+-> ! sei +on me@, canta il 0almo :+.
Aelle !beatitudini# $es( promette gioia in situazioni negative dalle quali ci si aspetterebbe dolore.
la stessa gioia pervade i vangeli e se ne parla, per esempio-
3 per i magi 1*atteo :,'@5,
3 per chi trova un tesoro 1*atteo '+,&&5,
3 per chi ha saputo investire i talenti ricevuti 1 *atteo :;,:'3:+5,
3 per le donne che trovano il sepolcro vuoto 1 *atteo :%,%5,
3 per l.annuncio ai pastori 1>uca :,'@3''5,
3 per il disprezzo e la persecuzione per i testimoni del 6angelo 1>uca ,,::3:+5,
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 152
3 per i settantadue discepoli nella loro missione tra i popoli pagani 1>uca '@,'43:'5,
3 per il pastore che ritrova la pecora 1>uca ';,;345,
3 per la moneta ritrovata 1>uca ';,G3'@5,
3 per il fratello ritornato 1>uca ';,+:5,
3 per la conversione di <accheo 1>uca 'G,,5,
3 per i discepoli che riconoscono il 2isorto 1>uca :&,&'5,
3 per il /risto asceso al cielo 1>uca :&,;:5,
3 per lo sposo 1$es(5 che si congiunge con la sposa 1Israele5 in $iovanni +,:G,
3 per 7bramo che vide l.avvento del *essia 1$iovanni %,;,5,
3 per i discepoli che sapranno vivere il messaggio di $es( 1$iovanni ';,''5, con la consapevolezza che la
resurrezione far seguito alla morte di $es( 1$iovanni ',,:@3:&5.
$es( infatti, salendo al "adre, chiede la pienezza della gioia per i discepoli- !Vi -o deo *!ese +ose per+->
la mia gioia sia in voi e la vosra gioia sia piena@ 1$iovanni ';,''5 e ?:a ora io vengo a e e di+o *!eso
menre sono nel mondo. per+-> a$$iano in se sessi la piene""a della mia gioia@ 1$iovanni '4,'+5.
$li 7tti degli 7postoli 1:@,+;5 riportano le parole di $es( dette ai discepoli per vivere nella pienezza della
gioia- ?0i ) piA $eai nel dare +-e nel ri+evere@.
6edi anche E879I9BDIAI.
Torna all'indice generale
GIORDANO GIORDANO
Il fiume biblico, il cui nome significa !quello che scorre#, nasce da sorgenti diverse alle pendici del monte
Mermon, nel >ibano meridionale, raggiunge il lago di 9iberiade con un dislivello di circa '@@@ metri, lo
attraversa per perdersi nel *ar *orto, dopo circa +,@ Dm.
Il fiume, che allora era un vero fiume ossia con acqua perenne, segna, nell'8sodo, il confine con la terra
promessa e successivamente con le terre pagane.
KIl $iordano il fiume che percorre verticalmente non solo tutta la 9errasanta ma anche tutta la Eibbia- dalla
$enesi, quando >ot sceglie come sua sede proprio la valle del $iordano, sino al Auovo 9estamento, quando
sulle sue rive appare un profeta straordinario, il Eattista) 1$ianfranco 2avasi5.
Torna all'indice generale
GIORNO GIORNO
Il termine giorno 1hemera in greco5 serve ad indicare !una giornata# o anche il giorno come !il contrario
della notte#.
Torna all'indice generale
il il GIORNO GIORNO del del GIUDIZIO GIUDIZIO
Aon la rappresentazione apocalittica di un giorno futuro in cui Dio esprimer il suo inappellabile giudizio
di salvezza o di condanna sugli uomini e li divider in buoni o cattivi, puri o impuri, giusti o peccatori,
distribuendo premi e castighi.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 153
Il giorno del giudizio invece nel divenire quotidiano, quando possiamo continuamente accettare o rifiutare
la proposta di vita eterna, di quella vita che, venendo da Dio, ha la capacit di superare la morte biologica.
Indica il destino di vita o di morte che ognuno si costruisce.
0econdo il loro modo di vedere, gli ebrei sarebbero stati esenti dal giudizio finale mentre il *essia avrebbe
giudicato e condannato i popoli pagani.
Torna all'indice generale
il il GIORNO GIORNO del del SIGNORE SIGNORE
= il giorno di LahR, di cui parlano 7mos, $ioele, e 0ofonia, un'espressione dal forte sapore nazionalistico
che serve ad indicare l'irrompere di Dio nella storia per giudicare e punire le genti 1i pagani5 e salvare Israele
dai suoi oppressori. Aella valle di $iosafat 1che significa LahR giudica5 si riteneva che alla fine dei tempi si
sarebbe compiuto il giudizio divino quando solo i giusti sarebbero risorti. Dal I6 secolo stata identificata
con la valle del /edron posta ad est di $erusalemme, verso il *onte degli Blivi, un monte ora ricoperto di
tombe di persone che, pensate, si sono fatte l? seppellire perchC vogliono essere le prime a risuscitare.
Torna all'indice generale
il il GIORNO GIORNO di di GES GES
il giorno della creazione dell.uomo nuovo in $es(, l.uomo della nuova creazione.
In $iovanni %,;, $es( dice- K&$ramo. vosro padre. es!l, nella speran"a di vedere ?il mio giorno@# lo vide
e f! pieno di gioia).
Torna all'indice generale
GIORNO GIORNO / il / il PRIMO GIORNO PRIMO GIORNO della della SETTIMANA SETTIMANA
il nome giudaico della nostra domenica, ossia il giorno della 2esurrezione di $es(, che segna l'inizio della
nuova creazione.
Torna all'indice generale
GIORNO GIORNO / l (l"i)o / l (l"i)o GIORNO GIORNO
>'ultimo giorno il giorno della sua morte3resurrezione di $es(, ma anche quello della nostra- K2 *!esa )
la volon' di +ol!i +-e mi -a mandao: +-e io non perda n!lla di *!ano egli mi -a dao. ma +-e lo ris!s+ii
nell;!limo giorno1 9!esa infai ) la volon' del Padre mio: +-e +-i!n*!e vede il 6iglio e +rede in l!i a$$ia
la via eerna# e io lo ris!s+ier, nell;!limo giorno3# 1$iovanni ,,+G3&@5.
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 154
GIORNO GIORNO / il / il TERZO GIORNO TERZO GIORNO
Il numero tre indica la totalit, ci che completo o definitivo. 9re sono i rinnegamenti di "ietro
1completezza piena5, e !il er"o giorno# il giorno della risurrezione dopo la morte, ossia il giorno della
vittoria definitiva di $es( sulla morte.
Il terzo giorno Dio scende sul 0inai, manifesta la sua gloria e dona la >egge, ossia rende manifesta la sua
alleanza. /os? $es( nell.episodio delle nozze di /ana, in cui manifesta la sua gloria e d inizio, il terzo
giorno, alla nuova ed eterna alleanza basata sul dono dell.amore.
Torna all'indice generale
GIORNO GIORNO / il / il SESTO GIORNO SESTO GIORNO
Il numero sei da solo indica l.incompletezza, l'imperfezione.
"receduto da IgiornoI pu indicare-
'5 la creazione dell.uomo, oppure
:5 il giorno che precede il riposo sabbatico di Dio e quindi delle sue creature.
Torna all'indice generale
GIORNO GIORNO / l / l OTTAVO GIORNO OTTAVO GIORNO
>'ottavo giorno 1come dicevano i cristiani5 o il primo giorno della settimana 1come dicevano i giudei5 o la
domenica come si usa dal I6 secolo, il giorno della resurrezione che i cristiani celebravano nella cena
eucaristica, la cena del 0ignore 1dominicum5.
il giorno della scoperta della tomba vuota e perci chiamato il giorno della resurrezione- !/l primo giorno
della seimana. :aria di :'gdala si re+, al sepol+ro di maino. *!ando era an+ora $!io. e vide +-e la
piera era saa ola dal sepol+ro# 1$iovanni :@,'5.
Aon la sostituzione del sabato ebraico perchC, anche quando /ostantino istitu? 1+:'5 un giorno festivo
settimanale e scelse il giorno del sole, ossia la domenica, l.ottavo giorno era il giorno in cui si celebrava la
cena del 0ignore, era un giorno di riposo, ma non obbligatorio o assoluto. 0olo nel ,Y secolo, con
l'equiparazione della domenica cristiana al sabato giudaico, divenne un giorno !di precetto#, con obblighi da
rispettare o gravi pene da sopportare- la >egge, che $es( aveva superata, prevale di nuovo sulla fede.
Torna all'indice generale
GIORNO GIORNO / / QUEL GIORNO QUEL GIORNO
8spressione coniata dal profeta 7mos per indicare il giudizio inesorabile di Dio su Israele, a causa del suo
comportamento peccaminoso.
l.espressione di >uca :',+& con l.invito a vegliare- !

0ae aeni a voi sessi. +-e i vosri +!ori non si
appesanis+ano in dissipa"ioni. !$ria+-e""e e affanni della via e +-e *!el giorno non vi piom$i addosso
all;improvviso#. !Aon intorpiditi dall'indifferenzaI, l.invito rivolto a i cristiana da $ianfranco 2avasi,
nell.attesa della venuta del figlio dell.Bomo.
Ael vangelo di $iovanni l.espressione indica il giorno decisivo per la salvezza.
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 155
GIOVANNA GIOVANNA
Ael vangelo di >uca 1%,+5 c. anche una $iovanna, moglie di /usa, amministratore del tesoro di 8rode
7ntipa, tetrarca della $alilea che, avendo abbandonato il marito, con un gruppo di donne, alcune delle quali
benestanti, seguiva $es( e lo sostenevano con i loro beni.
Aoi non possiamo neanche immaginare l.enorme scandalo che suscitava tra le persone pie ed i benpensanti,
quel rabbi galileo che aveva delle donne tra i suoi discepoli.
Torna all'indice generale
GIOVANNI GIOVANNI
Aome molto comune nel 6ecchio 9estamento, deriva dal greco (oannes che a sua volta la traduzione
dell.ebraico Kohanan, !LahR misericordia# oppure !LahR ha fatto grazia#.
Oin dall'antichit il nome dato al presunto autore dell'evangelo che porta il suo nome; ma molto pi(
probabile, quasi certo, che questo vangelo, nato in una /hiesa di ebreo3cristiani che vivevano in un ambiente
ellenizzante, sia stato scritto in un lungo arco di tempo, da autori diversi e poi attribuito a $iovanni.
Torna all'indice generale
GIOVANNI APOSTOLO GIOVANNI APOSTOLO
Aominato come fratello minore di $iacomo 1il maggiore5, figli di <ebedeo, soprannominati 6oanerghes,
figli del tuono, per il loro carattere irruento, seguivano $es( con alla madre, !la madre dei figli di Pe$edeo#.
Il probabile nome della donna 0alome perchC *atteo 1:4,;,5 dice che sotto la croce di $es( c.erano tre
donne ossia *aria di *agdala, *aria madre di $iacomo e di $iuseppe, e la madre dei figli di <ebedeo. Ael
brano 1';,&@3&'5 del vangelo di *arco, le donne che lo seguivano erano molte e solo di tre viene riferito il
nome- *aria di *agdala, *aria madre di $iacomo il minore e di Loses 1$iuseppe5, e 0alme.
Ael vangelo di $iovanni quest.apostolo non nominato per cui qualcuno avanza l.ipotesi 1ma solo
un.ipotesi indimostrabile5 che $iovanni sia il cosiddetto !dis+epolo +-e GesA amava#; ma molto
probabilmente solo un.immagine del discepolo ideale.
Torna all'indice generale
GIOVANNI GIOVANNI il il BATTISTA BATTISTA
Aei vangeli la figura di $iovanni il Eattista 1ma molto di pi( quella di *aria, la madre di $es(5 posta a
cerniera tra l.7ntica 7lleanza con gli 8brei e la Auova con tutta l.umanit.
*arco, com. nel suo stile, racconta di lui l.essenziale- egli un profeta che vive nel deserto e ricorda, sia
nel comportamento che nell.abbigliamento, il profeta 8lia, che, secondo la tradizione, sarebbe riapparso
prima dell.arrivo del *essia. Il Eattista chiede al popolo digiuno, pentimento, penitenza e conversione, cui
far seguito un battesimo rituale in acqua 1vedi 'iv5 per togliere la macchia, il segno lasciato dal peccato.
*a la sua immagine di Dio e del *essia agli antipodi di quella portata da $es(- questo fatto lo disorienta,
tanto che dalla prigione, da cui non uscir vivo, manda a chiedere a $es( se lui veramente il *essia
condottiero atteso da Israele o bisogna aspettarne un altro. $es( allora dichiara 1*atteo '',''5- ?/n veri' io
vi di+o: fra i nai da donna non ) soro al+!no piA grande di Giovanni il 7aisa# ma il piA pi++olo nel regno
dei +ieli ) piA grande di l!i@. *a allo stesso tempo annuncia un !battesimo nello 0pirito#- !/o non lo
+onos+evo. ma proprio +ol!i +-e mi -a inviao a $ae""are nell;a+*!a mi disse: ?4ol!i s!l *!ale vedrai
dis+endere e rimanere lo 0pirio. ) l!i +-e $ae""a nello 0pirio 0ano # 1$iovanni ',++5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 156
>uca, in un lungo midrsh, ricorda che $iovanni, figlio di <accaria, essendo figlio di un sacerdote, lui
stesso sacerdote per diritto ereditario, ma ci rinuncia per dedicarsi a predicare e a battezzare il popolo, sulle
rive del $iordano nei pressi del mar *orto, vicino a Humran.
>a madre 8lisabetta, anch.essa di famiglia sacerdotale e discendente di 7ronne, parente della madre di $es(,
vecchia e sterile, ma per opera dello 0pirito concepisce e partorisce $iovanni. Il padre, incredulo
all.annunzio divino nel 9empio, diventa muto e riacquister la parola solo alla circoncisione del figlio.
*a la sua predicazione ha orizzonti limitati- attacca in effetti farisei, sadducei e scribi, ma per il resto non
mette in discussione la societ dell'epoca- per lui l'ordine esistente funziona, bastano piccoli aggiustamenti.
Il Eattista riconosce in $es( il *essia ma, da uomo religioso dell.7ntica 7lleanza, crede in un Dio che
premia e castiga e, comportandosi come il maestro di $es(, arriva ad indicargli cosa deve fare- !(iene in
mano la pala per p!lire la s!a aia e ra++ogliere il fr!meno nel s!o granaio# ma $r!+er' la paglia +on f!o+o
inesing!i$ile# 1>uca +,'45. Due suoi discepoli 1$iovanni ',+;3&:5 seguono $es( su invito del Eattista,
mentre altri continuano a seguirlo nonostante abbiano conosciuto $es(, ricomparendo in *atteo G,'&-
!&llora gli si avvi+inarono i dis+epoli di Giovanni e gli dissero: Per+-> noi e i farisei digi!niamo mole
vole. menre i !oi dis+epoli non digi!nanoC).
Il Dio di $iovanni Eattista un giustiziere che $es( ridimensiona- la misericordia di Dio pi( forte della
giustizia. Il "adre di $es( non punisce perchC ama, ma chiede agli uomini di essere accolto, perchC allora lo
stesso peccatore far giustizia dei propri idoli perchC lo 0pirito 0anto brucia la >egge nel fuoco dell.7more.
$es( dice che $iovanni il pi( piccolo nel 2egno dei /ieli che viene 1*atteo '',''5, perchC nel 2egno la
giustizia non il massimo e solo l'amore d il senso pieno alla vita del discepolo.
Huando il Eattista si accorge che $es( va oltre la giustizia, fino ad elogiare la fede del centurione come
superiore a quella di tutto Israele, entra in crisi e dalla prigione lo richiama all'ordine e gli manda a dire
tramite i suoi discepoli- !0ei ! +ol!i +-e deve venire o do$$iamo aspeare !n alroC# 1>uca 4,'G5. allora
che $es( lo invita a non scandalizzarsi e gli ricorda le opere messianiche che egli sta gi compiendo. *a
8rode 7ntipa, su istigazione di 8rodiade, la moglie del fratellastro con cui conviveva, lo fa decapitare.
0econdo un.ipotesi, suggestiva ma pur sempre ipotesi, il Eattista potrebbe aver frequentato ambienti esseni,
da cui si era poi distaccato per svolgere una missione pubblica, pur rimanendo a predicare nel deserto, sulle
rive del $iordano, in una zona molto vicina a Humran. 0econdo la stessa ipotesi $es( stesso avrebbe avuto
contatti con gli 8sseni e qui avrebbe studiato e approfondito le scritture, prima di allontanarsi 1non solo
fisicamente5 da quelle posizioni. $es( sarebbe discepolo del Eattista e avrebbe celebrato la "asqua di
marted? secondo l.uso degli 8sseni, nel quartiere da essi abitato a $erusalemme, e avrebbe sub?to le
vicissitudini della cattura e dei processi in quattro giorni invece che in un solo giorno come raccontano i
vangeli sinottici, una cosa altamente improbabile.
6edi anche 8008AI.
Torna all'indice generale
GIUDA GIUDA
$iuda significa !il 0ignore sia lodato#, dalla radice "adah che significa lodare.
Torna all'indice generale
GIUDA* GIUDA* il +a",ia,-a .i.li-o il +a",ia,-a .i.li-o
8ra il quarto figlio di $iacobbe3Israel e di >ia, ma divenne poi il leader indiscusso del popolo ebraico. 0pos
una cananea da cui ebbe tre figli, come pure uno ne ebbe, con un inganno della nuora, anch.essa cananea,
9amar che si era travestita da prostituta per farsi da lui ingravidare, perchC era rimasta vedova senza figli e
quindi tagliata fuori dall.asse ereditario.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 155
Torna all'indice generale
i i GIUDA GIUDA dei dei VANGELI VANGELI
'5 $iuda, figlio di $iacobbe, tra gli antenati di $es( nelle genealogie di *atteo e >uca. Eetlemme
chiamata terra di $iuda da *atteo.
:5 Aell. improbabile genealogia del *essia, >uca mette un altro $iuda.
+5 $iuda il nome di un !fraello del 0ignore# in tutti i vangeli 1che *atteo chiama $iuda 9addeo5.
&5 Infine c. $iuda Iscariota.
Torna all'indice generale
GIUDA ISCARIOTA GIUDA ISCARIOTA
Hualcuno asserisce che il soprannome derivi da sicarios 1sica, pugnale5, ossia indica un assassino. *a egli
chiamato anche figlio di 0imone Iscariota, ossia sarebbe figlio di 0imone assassino; una tesi insostenibile.
"i( probabilmente il nome deriva da !ish57eriot, uomo di Veriot#, una localit della $iudea, per cui $iuda
sarebbe l.unico giudeo tra gli apostoli.
>a figura di $iuda Iscariota forse la pi( controversa dei vangeli e gli stessi evangelisti riportano su di lui
notizie diverse. 9utti i vangeli lo definiscono !traditore#, ricordano che !uno dei dodici# e che guida coloro
che vanno ad arrestare $es(; le concordanze finiscono qui. 8secrato nei vangeli, per mostrare ci che quel
tradimento provocava nei cristiani. >e altre notizie sono discordanti-
3 posseduto dal diavolo 1si dice solo per lui5 per >uca e $iovanni,
3 solo $iovanni, molto astioso verso $iuda, riporta che $es( lo chiama diavolo, come d.altro canto aveva
detto a "ietro; questi due sono peraltro gli unici apostoli che $es( chiama per nome;
3 solo $iovanni dice che un ladro e prelevava per sC dalla cassa comune; $iuda teneva la cassa anche se nel
gruppo c.era un vero esperto come *atteo3>evi, il pubblicano,
3 solo nei vangeli di $iovanni e di *atteo, $es( gli dice apertamente che sar lui a tradirlo;
3 solo $iovanni non parla del bacio dato a $es( nel $etsemani;
3 solo *atteo e >uca affermano che $es( si rivolge direttamente a $iuda nell.orto;
3 *arco e *atteo dicono che $iuda sia andato dai sacerdoti per accordarsi sul come consegnare loro $es(,
ma per *arco i sacerdoti gli promettono una ricompensa in danaro,
3 solo *atteo riferisce che $iuda preso dal rimorso 1Oo pe++ao per+-> -o radio sang!e inno+ene5,
riporta le trenta monete d.argento che getta nel tempio, e infine si impicca 1IIlluso, deluso e, fra poco,
disperatoI, sintetizza con efficacia $ianfranco 2avasi5; la versione di >uca negli 7tti tutt.altra- !Gi!da
d!n*!e +ompr, !n +ampo +on il pre""o del s!o delio e poi. pre+ipiando. si s*!ar+i, e si sparsero !e le
s!e vis+ere# 1','%5. *a si tratta solo di racconti !teologici#, non di cronaca.
"ersonaggio contraddittorio, scelto e reietto contemporaneamente 1$es( riprese- KNon sono forse io +-e -o
s+elo voi. i Dodi+iC 2pp!re !no di voi ) !n diavolo%), in $iovanni ,,4@5, ma anche infedele
all.insegnamento del maestro, come, del resto, gli altri apostoli.
Ael racconto dell.ultima cena secondo $iovanni, scritto- !Dee *!ese +ose. GesA f! profondamene
!r$ao e di+-iar,: /n veri'. in veri' io vi di+o: !no di voi mi radir'31 / dis+epoli si g!ardavano l;!n
l;alro. non sapendo $ene di +-i parlasse@ 1'+,:'3::5. *a nessuno di loro si sente tranquillo.
0olo $iovanni riporta le parole di $es(- !9!and;ero +on loro. io li +!sodivo nel !o nome. *!ello +-e mi -ai
dao. e li -o +onservai. e ness!no di loro ) andao perd!o. ranne il figlio della perdi"ione. per+-> si
+ompisse la 0+ri!ra# 1'4,':5- $iuda sarebbe predestinato alla perdizione- una pedina nelle mani di Dio che
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 15B
pertanto non poteva che dannarsiJ 9eoria basata su cosaJ
0i tratterebbe di un disegno provvidenziale di salvezza che fa sorgere molti interrogativi. "u Dio volere un
male, anche se a fin di beneJ "u un uomo essere una pedina, attraverso il male che costretto a fare, per
una volont divinaJ "erchC i suoi carnefici sono perdonati !per+-> non sanno *!ello +-e fanno# e lui noJ
"u essere $iuda la sola eccezione alla *isericordia di DioJ "erchC il !figliol prodigo# non si pente ed
perdonato, mentre $iuda si pente e non pu esserloJ "erchC lui solo predestinato ad essere maledettoJ
>a predestinazione non pu esistere 1e non esiste5 perchC Dio non pu obbligare un uomo a fare !il male#,
foss.anche per !il bene#. Ao, in nessun caso. "u invece trasformare il male, fatto o sub?to, in bene.
/he bisogno c.era che qualcuno guidasse le guardie e i soldati nell.orto del $etsemaniJ 9utti conoscevano il
Aazareno e tutti sapevano che passava la notte nell.orto, specie i $iudei, che da anni lo tenevano d.occhio,
aspettando l.occasione propizia per catturalo e ammazzarlo.
D.altronde anche $iuda, come tutti gli uomini, libero di scegliere tra il bene e il male, e subisce le
conseguenze, quelle s? invitabili, del suo comportamento.
/. nel vangelo di $iovanni un versetto 1'+,:45 emblematico- >a traduzione /8I del 'G4' diceva K9!ello
+-e devi fare. fallo al piA preso), mentre in quella attuale K9!ello +-e v!oi fare. fallo preso), ma che nel
testo greco scritto K9!ello +-e fai. fa preso) o, detto meglio, !9!ello +-e sai fa+endo. fallo preso#. >a
prospettiva cambia completamente.
$iuda, cos? come gli altri discepoli, non aveva capito $es( ed attendeva il *essia restauratore del regno di
Israele e sceglie di percorrere la strada sbagliata e diventa la pedina 1credo inconsapevole5 di una morte
annunciata, anche se la crocifissione non era nella mente di nessuno dei discepoli.
8gli certamente usato, non da Dio, ma dai sommi sacerdoti che poi, raggiunto il loro scopo, lo disprezzano
e lo abbandonano- !&llora Gi!da +ol!i +-e lo rad8 . vedendo +-e GesA era sao +ondannao. preso dal
rimorso. ripor, le rena monee d;argeno ai +api dei sa+erdoi e agli an"iani. di+endo: Oo pe++ao.
per+-> -o radio sang!e inno+ene31 :a *!elli dissero: & noi +-e imporaC Pensa+i !%3# 1*atteo :4,+3&5.
>a vera colpa di $iuda sta piuttosto nel non aver creduto nella misericordia di Dio, o nell.averla rifiutata.
>a sua disperazione una sfida a Dio, perchC egli presume di aver commesso una colpa tanto grave che
neanche Dio potesse perdonare, e questa una pretesa veramente diabolica.
Il peccato di $iuda perdonabileJ 8sistono peccati imperdonabiliJ Oorse solo il rifiuto a credere nell'amore.
>a disperazione la vera morte senza ritorno, perchC per la morte di ogni carne prevista la risurrezione.
In *atteo $es( chiama !amico# chi sta per tradirlo- !:enre an+ora egli parlava. e++o arrivare Gi!da. !no
dei Dodi+i. e +on l!i !na grande folla +on spade e $asoni. mandaa dai +api dei sa+erdoi e dagli an"iani
del popolo1 /l radiore aveva dao loro !n segno. di+endo: 9!ello +-e $a+er,. ) l!i# arresaelo%31 0!$io si
avvi+in, a GesA e disse: 0alve. =a$$8%31 2 lo $a+i,1 2 GesA gli disse: &mi+o. per *!eso sei *!i%31 &llora
si fe+ero avani. misero le mani addosso a GesA e lo arresarono# 1:,,&43;@5. In questo contesto narrativo, il
contrasto tra le parole !amico# e !traditore# evidenzia l.atmosfera tragica di quella notte di odio, sofferenza,
tortura e della morte ignominiosa di una vittima inerme del potere sinedrista.
8ppure *atteo, per dire !amico#, non usa il termine phils dell.amicizia usato da $es( in ';,';, ma etiros
che indica un compagno, un appartenente al gruppo ristretto dei discepoli, il che ne fa un vero !traditore# nel
senso letterale moderno della parola.
Il verbo tradire 1dal latino tradere5 la traduzione del greco paradidomi, che significa !consegnare,
trasferire# 1da cui viene il termine !tradizione#, ossia qualcosa che ci stato consegnato di chi ci ha
preceduto5. $iuda consegna $es( alle guardie, queste ai sommi sacerdoti, che lo consegnano a "ilato, che lo
consegna ai soldati affinchC venga crocefisso.
*a la traduzione corrente comune !tradire#. *a nella lettera di "aolo ai $lati 1:,:@5 troviamo una
traduzione non in linea con la prassi ed il testo italiano infatti dice - !Non vivo piA io. ma 4riso vive in me1 2
*!esa via. +-e io vivo nel +orpo. la vivo nella fede del 6iglio di Dio. +-e mi -a amao e -a +onsegnao
1paradidomi5 se sesso per me#.
/. poi un brano di >uca 1:',':3',5 dove lo stesso verbo 1paradidomi5 tradotto 1versione /8I5 in due modi
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 15F
diversi- !:a prima di !o *!eso meeranno le mani s! di voi e vi perseg!ieranno. +onsegnandovi alle
sinagog-e e alle prigioni. ras+inandovi davani a re e a governaori. a +a!sa del mio nome1 &vree allora
o++asione di dare esimonian"a1 :eeevi $ene Hd!n*!eI in mene di non preparare prima la vosra difesa#
io vi dar, parola e sapien"a. a +!i H+os8 +-eI !i i vosri avversari non poranno resisere. n> +onro$aere1
0aree radii perfino dai geniori. dai fraelli. dai pareni e dagli ami+i. e meeranno a more al+!ni di voi@1
Torna all'indice generale
GIUDAISMO GIUDAISMO
Il giudaismo un movimento politico3religioso nato nel 6 secolo a. /., dopo il ritorno dall'esilio babilonese,
quando la sinagoga aveva ormai preso il posto del 9empio e la preghiera, con lo studio della >egge, il posto
dei sacrifici cruenti.
I rimpatriati instaurano una teocrazia intollerante e fanatica per mano di 8sdra 1con l.avvallo molto
interessato dei re persiani5 e attuano una profonda riforma eahRista dell.8braismo, con un rigido
monoteismo, una visione nazionalistica della religione 1che non tende a fare proseliti5, il dominio assoluto
della classe sacerdotale, la Torh come perno della religione e della cultura ebraica, con le sue categorie
sacro3profano e puro3impuro, la pulizia etnica e norme di purit strettissime per cui gli ebrei furono obbligati
a ripudiare le mogli non ebree e a scacciare i figli da loro avuti.
Israele, una nazione sacra, chiusa in se stessa, impermeabile ai gentili, retta dalla legge divina, e con precetti
innumerevoli- meriti, minacce, proibizioni, espiazioni, doveri, obblighi, osservanze.
Aotevoli le differenze rispetto alla religione ebraica pi( antica- ora esiste la preminenza dell.interpretazione
della 0acra 0crittura, la codificazione scritta della >egge orale, l.importanza dei rabbini e della sinagoga, la
teorica santit di tutto il popolo 1non solo dei sacerdoti5 e l.affermazione categorica della divisione tra puro e
impuro. $es( vive in un periodo del !9ardo $iudaismo#o !$iudaismo del secondo 9empio#.
Il termine $iudaismo verr poi usato come un sinonimo di 8braismo.
Il giudaismo del quarto 8vangelo poi non pi( quello complesso dei sinottici 1con 9empio, sommi sacerdoti,
sacerdoti, sadducei, zeloti, erodiani, ecc5 ma quello semplificato del periodo dopo la distruzione di
$erusalemme nel 4@ d. /., formato da scribi, farisei e sinagoghe.
7ll'inizio, come attestano gli 7tti, i primi cristiani 1la /hiesa di $erusalemme5 erano integrati perfettamente
nel $iudaismo ed anzi si consideravano !la comunit giudaica# che aveva riconosciuto il *essia che aveva
portato a compimento la promessa fatta ad Israele. *a i seguaci di $es( detti ellenisti, non accettano questa
visione e, con la loro interpretazione del 6angelo, costruiscono !il /ristianesimo#, che fu molto combattuto
dal $iudaismo ortodosso.
7nche ora esiste una /hiesa che si professa giudeo3cristiana, composta da ebrei che credono che $es( sia il
*essia, ma che continuano a seguire molte delle regole della religione ebraica.
6edi anche 8E27I0*=.
orna all'indice generale
GIUDEA GIUDEA
questo il nome del territorio montagnoso del sud della "alestina, tra la fascia costiera e il mar *orto,
occupata, dopo l.esodo, dalla trib( di $iuda, posta a sud di Daniele e Eeniamino e a nord di 0imeone. Il
nome poi passato ad indicare tutto il territorio palestinese, la terra dei $iudei o degli 8brei, anche se il
nome proprio di $iudea compare tardivamente per indicare la provincia persiana della "alestina.
Intorno al '@+@ a. /. 0aul diviene il primo re di una confederazione delle trib( d.Israele e, dopo la sua
tragica morte, intorno al '@'@, Davide conquista il suo regno che tiene per un quarto di secolo vincendo i
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 160
Oilistei, conquistando $erusalemme al popolo dei $ebusei e unificando tutte le trib( in un.unica nazione con
capitale a $erusalemme. Ael G4& a. /. sale sul trono di Davide suo figlio 0alomone che consolida il regno
fino al G+'. 7lla sua morte si consuma la scissione tra il regno del sud 1detto di $iuda e formato dalle sole
trib( di $iuda e Eeniamino5 e il regno del nord 1detto d.Israele5 formato dalle altre '@ trib( ribelli.
Inizia un lungo periodo di lotte intestine di cui approfittano per primi gli 7ssiri che finiscono con
l.assoggettare dapprima il 2egno del Aord, deportarne gli abitanti e sostituendoli con coloni assiri, e poi
occupando anche il 2egno del 0ud, fino ad assediare $erusalemme, che per misteriosamente si salva.
*a la stella degli 7ssiri sta per tramontare mentre risorge l.impero babilonese che conquista la $iudea nel
;%4 a. /. e deporta la sua classe dirigente a Eabilonia. *ezzo secolo dopo, il re di "ersia, /iro, lo sconfigge
liberando i popoli oppressi e permettendo il ritorno in patria degli 8brei deportati, che riconquistano il potere
in $iudea, pur rimanendo tributari dei re persiani. *a sono, a loro volta, sconfitti dai macedoni di 7lessandro
*agno, che prende possesso di quei territori. *a 7lessandro muore giovanissimo e i suoi generali si
spartiscono il suo immenso impero. >a $iudea passa sotto i 9olomei, padroni dell.8gitto, e poi sotto i
0eleucidi regnanti in 0iria. *a soprusi e persecuzioni scatenano la rivolta della famiglia sacerdotale detta dei
*accabei, che conquistano il potere, con la dinastia dei sommi sacerdoti 7smonei che poi, resasi invisa ai
compatrioti e a causa delle lotte interne, finisce con il favorire le mire dei 2omani sulla regione, finchC
"ompeo, nel 4, a. /., l.assoggetta, facendone un protettorato di 2oma.
*a la famiglia idumea degli 7ntipatri, con l.appoggio di 2oma, per mano di un valoroso generale, 8rode il
$rande, nominato re dai romani, conquista quei territori e li mantiene fino alla sua morte nel & d. /. Dopo di
allora il regno viene diviso in & parti, rette ognuno da un tetrarca- la $iudea, con l.Idumea e la 0amaria, va al
figlio 7rchelao. "roprio a causa della sua nota ferocia, $iuseppe e la sua famiglia, di ritorno dall.8gitto,
preferiscono andare a vivere a Aazaret. *a nel , d. /. 7rchelao viene deposto dall.imperatore romano ed
esiliato- la $iudea assegnata ad un procuratore designato direttamente da 2oma.
7lla morte dell.imperatore 7ugusto gli succedono 9iberio e poi /aligola, cos? che 8rode 7grippa, che viveva
a 2oma, nominato da /aligola, re di una parte di quei territori e, dal &' d. /., anche della $iudea. 0otto il
suo regno viene decapitato $iacomo il *aggiore, il fratello di $iovanni e viene imprigionato "ietro. 7lla sua
morte ignominiosa nel && d. /. tutti i territori passano sotto il diretto controllo romano, finchC nel 4@ d. /.,
9ito figlio dell.imperatore 6espasiano e futuro imperatore, conquista e distrugge $erusalemme con il
9empio, mettendo la parola fine all.indipendenza.
>a dominazione di 2oma sulla regione cessa nel ,+% con l.inizio dell.occupazione araba.
Torna all'indice generale
GIUDEI GIUDEI
0ono cos? chiamati dapprima gli appartenenti alla trib( di $iuda, poi, alla fine dell'esilio babilonese, gli
abitanti della $iudea, infine divenne equivalente al termine 8brei. 9alora, per i romani, il termine prende una
caratteristica etnico3religiosa dispregiativa 1!0ono forse io gi!deoC#, dice "ilato a $es( in $iovanni '%,+;5.
Aei vangelo di $iovanni, invece, con i $iudei si indica la classe dirigente al potere, come dimostra
chiaramente l.episodio della guarigione del cieco nato quando l.evangelista, parlando dei genitori del cieco,
evidentemente giudei, dice- !9!eso dissero i s!oi geniori. per+-> avevano pa!ra dei Gi!dei# infai i
Gi!dei avevano gi' de+iso +-e. se !no lo avesse ri+onos+i!o +ome il 4riso. venisse esp!lso dalla sinagoga#
1$iovanni G,::3:+5. 0ono le autorit giudaiche, molto temute dal popolo 14,'+ e G,::5, che, a loro volta,
temevano i farisei 1':,&:5 e la loro fortissima influenza sulla popolazione.
Ael vangelo di $iovanni si possono infatti riconoscere ben sei significati-
'5 I costituenti il popolo eletto 1!la salve""a viene dei Gi!dei# 1$iovanni &,::5.
:5 Bn significato etnico- !0ei ! il =e dei Gi!deiC# 1$iovanni '%,++5.
+5 >a folla, in generale, ma senza dare su di essa nessun giudizio- !La gran folla di gi!dei venne a sapere
+-e GesA si rovava l'. e a++orse non solo per GesA. ma an+-e per vedere La""aro +-e egli aveva ris!s+iao
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 161
dai mori# 1$iovanni ':,G5.
&5 I giudei intesi come classe dominante 1sacerdoti e sinedriti, leviti e farisei, come p. es. in $iovanni +,'
dove si parla di Aicodemo5, con un giudizio negativo, perchC comprende soprattutto coloro che hanno il
potere, ma anche coloro che si mostrano fedeli al regime.
0crive 8rnesto Ealducci- IAon contro il popolo giudaico che si muove la polemica giovannea ma nei
confronti di chi credeva di interpretare ufficialmente la storia e lo spirito di quel popolo, travisandola
profondamente; l'evangelista $iovanni vede l'incarnazione pi( immediata e responsabile delle tenebre, non
nel popolo giudaico in quanto tale, ma nella struttura politica e religiosa del giudaismo del suo tempoI.
;5 /oloro che sono servi del potere, sempre pronti ad eseguirne gli ordini- !Dopo *!esi fai GesA
per+orreva la Galilea# infai non voleva piA per+orrere la Gi!dea. per+-> i gi!dei +er+avano di !++iderlo#
1$iovanni 4,'5.
,5 /. da ricordare infine l.episodio, riportato in $iovanni ,,&', del discorso di $es( nella sinagoga di
/afarnao, in $alilea, dove cui sono chiamati giudei i galilei.
*a, per secoli i vangeli sono stati il pretesto per un antisemitismo viscerale 1senza nessuna giustificazione
nelle scritture del Auovo 9estamento5 e, per quanto riguarda i cattolici, ci fino al 6aticano II.
I protestanti non sono stati da meno a cominciare da >utero che scriveva- !/osa vogliamo fare noi cristiani
di questo spregevole maledetto popolo degli 8brei, dato che essi vivono presso di noi che conosciamo tali
bugie bestemmie, maledizioni. Aoi non dobbiamo tollerarlo per non essere corresponsabili delle loro bugie
maledizioni e imprecazioni.
In primo luogo che si incendino le loro sinagoghe, le scuole, e ci che non vuole consumarsi nel fuoco lo si
ricopra con la terra o lo si seppellisca in modo che per l.eternit nessuno ne possa vedere una pietra.
In secondo luogo siano demolite e ridotte in polvere anche le loro case perchC in esse praticano la stessa cosa
che fanno nelle loro sinagoghe. "erci li si pu mettere in un sito, nella stalla con gli zingari, e cos? sapranno
che nel nostro paese essi non sono i signori che si vantano di essere, ma sono in esilio e in prigionia.
In terzo luogo che si sequestrino tutti i loro beni, le preghiere, gli scritti talmudici dove vengono insegnate
tali idolatrie, menzogne, imprecazioni e bestemmie.
In quarto luogo sia proibito ai loro rabbini, sotto pena di morte, di continuare ad insegnare.
In quinto luogo si abolisca del tutto il salvacondotto per entrare dagli ebrei in quanto non hanno affari da
sbrigare nel paese dato che non sono signori nC funzionari nC mercanti, nC persone di questo tipo. Devono
rimanere nella loro citt.
In sesto luogo che si proibisca loro l.usura e che si confischino loro tutti i denari contanti e i gioielli in
argento e oro conservandoli in deposito. >a ragione di ci che tutto quello che possiedono come detto
sopra, ce l.hanno rubato e rapinato grazie alla loro usura perchC in caso contrario non hanno altro mezzo di
sostentamento.
In settimo luogo che si diano nelle mani degli ebrei e delle ebree forti e giovani il correggiato, l.ascia, la
vanga, la rocca, il fuso e si faccia guadagnare il pane con il sudore della fronte come imposto ai figli di
7damo. Insomma se avete come sudditi dei giudei e non gradite tale mio consiglio, trovatene uno migliore,
affinchC voi e noi tutti ci libereremo del peso insopportabile e diabolico degli 8brei#.
8 perfino Eonhoeffer caduto nel tranello- !Aella /hiesa di /risto non si mai perduta l.idea che il popolo
eletto che crocifisse il 0ignore del mondo, debba portare la maledizione di ci che ha fatto in una lunga storia
di dolore. $li ebrei sono il pi( misero di tutti popoli della terra, sono dispersi qua e l per il mondo, non
hanno un posto sicuro dove potersi fermare e sono sempre costretti a preoccuparsi dell.eventualit che li si
scacci. *a la serie di dolori di questo popolo, amato e punito da Dio, sotto il segno del ritorno finale del
popolo di Israele al suo Dio, e questo ritorno avviene nella conversione di Israele a /risto, che sar la fine
del periodo di dolore di questo popolo#.
Degli ortodossi sufficiente ricordare gli stretti legami sempre esistiti con i nazionalismi domestici.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 162
Torna all'indice generale
GIUDEO/CRISTIANI GIUDEO/CRISTIANI
0ono cos? chiamate alcune comunit della /hiesa primitiva formata da ebrei convertiti, i quali continuavano
ad osservare le tradizioni e le leggi di purit giudaiche. 7nche oggi esistono tali comunit.
/ostoro si contrapponevano alle comunit etno3cristiane formate da persone provenienti dalle altre culture o
religioni; primi tra queste gli ellenisti, come quella cui apparteneva 0tefano protomartire.
Torna all'indice generale
GIUDICE GIUDICE
$es( distrugge l'immagine del Dio della religione, che giudica e condanna, che premia i buoni e castigando i
malvagi e i peccatori, un Dio che, situato nella sfera dell.assoluta purezza, discrimina tra puri ed impuri.
$es( invece presenta Dio come un "adre che una continua comunicazione di amore, che ama sempre e
indistintamente tutti gli uomini senza praticare nessuna discriminazione, senza lasciarsi condizionare dal
comportamento e dalle risposte che riceve.
/hiede solo che l'amore incondizionato e gratuito che 8gli effonde continuamente su tutti, diventi attivo ed
operativo, gratuito ed incondizionato, verso gli altri, come accade accogliendo $es( e il suo messaggio.
Torna all'indice generale
GIUDIZIO GIUDIZIO
Il giudizio di Dio quello di un "adre che ama tutti i suoi figli, un Dio 0alvatore che ! v!ole +-e !i gli
!omini siano salvai e gi!ngano alla +onos+en"a della veri'# 1'9imoteo :,&5.
!Ael tribunale di Dio si perdona settanta volte sette al giorno#, diceva <eno 0altini.
7lla salvezza, che Dio vuole per tutti, c. per un solo limite, un limite invalicabile anche per >ui- la libert
che Dio stesso ha voluto per ognuno. "er i cristiani la discriminante tra perdizione e salvezza $es(-
3 !/l Padre infai non gi!di+a ness!no. ma -a dao ogni gi!di"io al 6iglio# 1$iovanni ;,::5.
3 !/n veri'. in veri' io vi di+o: +-i as+ola la mia parola e +rede a +ol!i +-e mi -a mandao. -a la via
eerna e non va in+onro al gi!di"io. ma ) passao dalla more alla via# 1$iovanni ;,:&5.
3 !GesA allora disse: N per !n gi!di"io +-e io sono ven!o in *!eso mondo. per+-> +oloro +-e non vedono.
vedano e *!elli +-e vedono. divenino +ie+-i3# 1$iovanni G,+G5.
!Ael quarto vangelo, in una prospettiva teologica ancora pi( profonda, $es( dice che lui non giudica
nessuno, che lui non solo non venuto per giudicare il mondo ma perchC il mondo abbia la vita e perchC il
mondo riceva la salvezza, ma che lui non ha bisogno di giudicare. Huesta la prospettiva del quarto vangelo.
"erchC ognuno in realt si giudica da se stesso- quando uno imbocca una via mortifera, il giudizio della
morte se lo d da sC. Aon ha bisogno dunque di un giudizio estrinseco da parte di $es(, da parte del giudice.
8 quindi il giudizio si consuma ora, adesso, nella nostra vita. $i adesso posto tutto quello che essenziale
per avere poi una definitivit al giudizio che Dio dar alla fine dei tempi# 18nzo Eianchi5.
!"remio o castigo sono metafore per indicare la connessione tra le scelte storiche delle persone e il loro
divenire figli di Dio. >a persona nella sua realt definitiva premio o castigo, gloria di Dio o suo rifiuto. Il
giudizio la sentenza che noi stessi pronunciamo sulle scelte storiche, alla luce del risultato che la nostra
realt personale# 1/arlo *olari5.
Il giudizio di condanna quello scelto per sC stesso da chi si ostina a rifiutare la parola di salvezza portata da
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 163
$es(, perchC giudicare 1rinein5 significa scegliere, prendere posizione- !Il giudizio finale ora- nel
momento in cui si prende posizione davanti a Dio rivelato in $es(. Il presente il tempo di Dio per
eccellenza# 1"aolo 2icca5. Infatti il monito !2$$ene. nel gi!di"io. (iro e 0idone saranno raae meno
d!ramene di voi# 1>uca '@,':5 chiaramente rivolto a chi rifiuta la salvezza e non si converte- !4-i +rede
in l!i non ) +ondannao: :a +-i non +rede ) gi' sao +ondannao. per+-> non -a +red!o nel nome
dell;!nigenio 6iglio di Dio# 1$iovanni +,'%5. =ssia, per ognuno di noi, il !giudizio# significa che sar
misurato il nostro modo di essere stati figli di Dio e fratelli degli uomini.
scritto nella lettera di $iacomo- !Parlae e agie +ome persone +-e devono essere gi!di+ae se+ondo !na
legge di li$er'. per+-> il gi!di"io sar' sen"a miseri+ordia +onro +-i non avr' av!o miseri+ordia1 La
miseri+ordia -a sempre la meglio s!l gi!di"io# 1:,':3'+5. /os? fa il "adre di $es(.
Bn solo giudizio di condanna inappellabile, quello nei confronti di chi gestisce il potere contro i propri
simili 1che $iovanni chiama !il mondo#5- !<ra ) il gi!di"io di *!eso mondo# ora il prin+ipe di *!eso
mondo sar' geao f!ori# 1$iovanni ':,+'5.
Torna all'indice generale
GIUSEPPE GIUSEPPE
Aome ebraico che significa IIl 0ignore aggiungaI 1sottinteso, altri figli5.
0ono quattro i personaggi dei vangeli con questo nome.
1) Il marito di *aria, padre putativo 1ossia padre solo secondo la >egge5 di $es( che non stato generato
dal falegname di Aazaret; in senso letterale per gli ortodossi, in maniera simbolica e teologica per alcune
/hiese protestanti. Il senso profondo del messaggio che $es( non frutto di un uomo e una donna, ma
della potenza dello 0pirito che, adombrando *aria, ha concepito e ha dato vita a un uomo e alla sua vicenda
umana. un modo per dire che solo Dio ce lo poteva dare.
I 6angeli dicono, con un linguaggio simbolico e non fondamentalista, che $es( Inon ebbe padre umanoI
ossia non aveva retaggi umani, che non dipendeva da una tradizione paterna, che non era in alcun modo
condizionato da un passato umano, che non ha segu?to modelli umani, che non stato condizionato da una
cultura o da una tradizione ricevuta, che non stato condizionato da preconcetti religiosi o razziali.
In sintesi si pu dire che $es(, come si dice di sua madre, non portava il peso del !peccato originale#.
Aelle due genealogie di $es( presenti nei vangeli, $iuseppe , per *atteo, figlio di $iacobbe 1',',5, mentre
per >uca figlio di 8li 1+,:&5.
*atteo lo definisce giusto 1','G3:@5 e nello stesso versetto smentisce questa affermazione. 0e il giusto
colui che obbedisce scrupolosamente a tutte le prescrizioni ed i precetti della >egge, allora avrebbe dovuto
lui stesso lapidare la sposa incinta con cui ancora non conviveva, ma egli, trasgredendo la >egge, decide di
ripudiarla- !Gi!seppe s!o sposo. poi+-> era !omo gi!so e non voleva a++!sarla p!$$li+amene. pens, di
rip!diarla in segreo1 :enre per, sava +onsiderando *!ese +ose. e++o. gli apparve in sogno !n angelo del
0ignore e gli disse: Gi!seppe. figlio di Davide. non emere di prendere +on e :aria. !a sposa1 /nfai il
$am$ino +-e ) generao in lei viene dallo 0pirio 0ano#.
$iuseppe un personaggio scomodo- *arco non lo nomina nemmeno. *atteo e >uca ne parlano di pi(, ma
lo fanno presto sparire senza lasciare traccia, mentre i vangeli apocrifi, non avendo nulla da dire alla fede, si
sbizzarriscono in racconti fantasiosi e inverosimili sulla famiglia di Aazaret.
$li abitanti di Aazaret, quando $es( si era presentato di sabato in sinagoga a leggere il brano messianico di
Isaia, aveva tralasciato volontariamente la frase che parla del !giorno di vendea del nosro Dio# e si
chiedono- KNon ) +os!i il figlio di Gi!seppeC) 1>uca &,::5, facendo intendere che questo $es(, con le sue
idee rivoluzionarie di amore universale, non assomigliava a $iuseppe.
2) Il figlio di $iacobbe, colui che ricevette dal padre il terreno in 0amaria nel quale c' il pozzo di $iacobbe,
dove $es( incontr la samaritana 1$iovanni &5. 7nche $iuseppe, come $es(, tradito e venduto dai fratelli,
che egli salva, in $enesi, da +4 in poi.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 164
+5 $iuseppe d'7rimatea, un personaggio presente in tutti i vangeli, indispensabile per salvare il cadavere di
$es( dalla fossa comune, a cui era destinato, come tutte le persone crocifisse. 9anto indispensabile che
qualcuno potrebbe pensare che questa veridicit possa nascondere la verit con una menzogna, arricchendola
di particolari. *a la risurrezione di $es( un fatto vero, che non abbisogna di prove storiche che, infatti, nei
vangeli non ci sono. 7nzi i racconti degli evangelisti sono tanto differenti e contrastanti tra loro, da togliere
ogni parvenza di storicit. Aella pura fede ci sono tutte le prove che servono al credente che fa l.esperienza
del suo personale incontro con il 2isorto.
Diversa la figura di $iuseppe d.7rimatea nei vangeli-
3 In >uca :+,;@- !2d e++o. vi era !n !omo di nome Gi!seppe. mem$ro del sinedrio. $!ono e gi!so. non
aveva aderio alla de+isione e all;operao degli alri1 2ra di &rimaea. !na +i' della Gi!dea. e aspeava il
regno di Dio#. >uca non dice !il regno d.Israele# come gli altri evangelisti.
3 "er *atteo 1:4,;45 era un uomo ricco, diventato discepolo di $es(.
3 "er *arco 1';,&+5 era membro autorevole del sinedrio, tanto autorevole e ricco da riuscire ad avere da
"ilato il corpo di un condannato a morte, che avrebbe dovuto essere gettato in una fossa comune, per
metterlo nel suo lussuoso sepolcro con due stanze che si era fatto costruire appena fuori di $erusalemme,
dove ormai risiedeva.
3 $iovanni 1'G,+%5 ne mette in evidenza la pavidit- !Dopo *!esi fai Gi!seppe di &rimaea. +-e era
dis+epolo di GesA. ma di nas+oso. per imore dei Gi!dei. +-iese a Pilao di prendere il +orpo di GesA#.
>a sua venuta alla tomba con una mistura di cento libbre 1circa +@ Vg5 di aloe e mirra per ungere il cadavere,
dimostra che anche per lui in quel sepolcro era finita la storia di questo sconosciuto galileo che lo aveva
affascinato, tanto da diventare, proprio prima della "asqua, impuro entrando nella casa di un pagano 1dove i
sommi sacerdoti non avevano voluto entrare5 e poi perfino entrando in contatto con un cadavere.
&5 In *atteo '+, ;;, si parla di un $iuseppe come uno dei IfratelliI di $es(, forse un cugino, certo un
componente del clan.
Torna all'indice generale
GIUSTIZIA GIUSTIZIA
Aella tradizione ebraica, !giustizia# indica un merito acquisito. Daniele $arrone, nella S>II sessione di
Oormazione 8cumenica del 078, commentando $enesi ';,, 12gli +redee al 0ignore. +-e glielo a++redi,
+ome gi!si"ia5, traduce I7bramo credette nel 0ignore il quale consider tale fede come un atto meritorioI.
Aella traduzione greca dell.7ntico 9estamento, detta la 0ettanta, il termine giustizia traduce l.ebraico fedelt,
che un attributo di Dio, come scritto in "roverbi :',':- !/l Gi!so osserva la +asa dellDempio e pre+ipia i
malvagi nella sven!ra# e in $iobbe +&,'4- !2 ! osi +ondannare il Gi!so s!premoC#. >o ricorda anche
$es( che 3 in $iovanni '4,:; 3 chiama Dio !Padre gi!so#. Dio !il $iusto# per la sua assoluta fedelt al
patto fatto con l'umanit.
>a >egge lo dice chiaramente- !La gi!si"ia +onsiser' per noi nel meere in prai+a !i *!esi +omandi.
davani al 0ignore. nosro Dio. +ome +i -a ordinao# 1Deuteronomio ,,:;5.
>.uomo, nel 6ecchio 9estamento, giusto solo se osserva con scrupolo la >egge divina con tutte le sue
prescrizioni, se fedele innanzitutto al volere di Dio e poi anche verso la comunit di cui si fa parte,
iniziando dal popolo ebraico. 7bele detto il giusto, e lo sono anche 8lisabetta e <accaria e $iuseppe di
Aazaret. *a $iuseppe un.eccezione positiva perchC un giusto che disobbedisce alla >egge, con il
consenso dell.autore della >egge- !Gi!seppe s!o sposo. poi+-> era !omo gi!so e non voleva a++!sarla
p!$$li+amene. pens, di rip!diarla in segreo1 :enre per, sava +onsiderando *!ese +ose. e++o. gli
apparve in sogno !n angelo del 0ignore e gli disse: Gi!seppe. figlio di Davide. non emere di prendere +on
e :aria. !a sposa1 /nfai il $am$ino +-e ) generao in lei viene dallo 0pirio 0ano# 1*atteo ','G3:@5.
>a conseguenza immediata di questo concetto sarebbe che ciascuno debba ricevere secondo il proprio
merito, legato al comportamento, per cui il giusto che obbedisce alla >egge sar premiato e il malvagio
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 165
peccatore sar punito, secondo la giustizia retributiva, una specie di tardiva legge del taglione.
0criveva 8rnesto Ealducci a commento del concetto di giustizia farisaica- !>a giustizia era quella costruita
dai farisei sulla propria misura, per legittimare la propria onest e per colpire con un medesimo segno di
condanna, i peccatori, i pagani e, pi( in generale, i bisognosi di misericordia. 7bituati a comportarsi con Dio
secondo una ben calcolata precettistica, essi dominavano gli uomini con lo stesso criterio del loro Dio,
soggiogandoli alle proprie leggi con espedienti di timore- incapaci di concepire Dio come amore, anche nei
confronti degli uomini erano incapaci di offrire e cogliere amore. prigionieri della loro ideologia teocratica,
costoro parlavano in nome di dio senza conoscerlo e trattavano l.uomo senza conoscerlo. 7ppunto il sistema
ha condotto $es( sulla croce#.
*a attenti a chi dice che Dio giusto nel senso che un giustiziere, perchC, prima o poi, sar lui a fare
giustizia per conto di Dio, come accadde con $eorge Eush che si appell alla !giustizia infinita# per
scatenare la sciagurata guerra santa contro gli infedeli, in Iraq.
*a la giustizia non pu essere disgiunta dall.amore e dalla verit, cos? come ce lo ricorda il salmo %;-
!&more e veri' s;in+onreranno. gi!si"ia e pa+e si $a+eranno1 Veri' germoglier' dalla erra e gi!si"ia si
affa++er' dal +ielo# 1''3':5.
>o fa presente anche l.apostolo "aolo, ricordando se stesso prima della conversione- !0e *!al+!no riiene di
poer avere fid!+ia nella +arne. io piA di l!i: +ir+on+iso all;e' di oo giorni. della sirpe d;/sraele. della
ri$A di 7eniamino. 2$reo figlio di 2$rei# *!ano alla Legge. fariseo# *!ano allo "elo. perse+!ore della
4-iesa# *!ano alla gi!si"ia +-e deriva dall;osservan"a della Legge. irreprensi$ile# 1Oilippesi +,&3,5.
Bna traccia di questa sua visone della giustizia divina sembra trovarsi nella >ettera agli 8brei- !/nfai. !na
erra im$ev!a della pioggia +-e spesso +ade s! di essa. se prod!+e er$e !ili a *!ani la +olivano. ri+eve
$enedi"ione da Dio# ma se prod!+e spine e rovi. non vale n!lla ed ) vi+ina alla maledi"ione: finir'
$r!+iaa%# 1,,43%5. =ssia- Dio buono, ma anche giusto, per cui alla fine non pu non castigare, cosicchC
spine, rovi e zizzania finiranno nel rogo, ossia saranno distrutti nel fuoco della giustizia divina. >a finale
punizione divina dei malvagi, propria del $iudaismo ma non solo, l'interpretazione di una giustizia divina
vendicativa, non quella redentrice portata da $es(.
Infatti in tutto il 6angelo non si trova mai una tale rappresentazione di Dio, il "adre di $es(; invece dal
Oiglio ci giunge quella di un "adre misericordioso che !) $enevolo verso gli ingrai e i malvagi# 1>uca ,,+;5.
Aon si parla pi( di giustizia retributiva, ma di giustizia restituiva, ossia quella che vuole ripristinare, per
amore, il giusto rapporto d.amore tra il "adre e i suoi figli. !>'introduzione, nel rapporto con il 0ignore, dei
criteri della giustizia retributiva, della contabilit, dei premi e dei castighi, delle lusinghe e delle minacce,
della registrazione dei meriti e delle trasgressioni, una deformazione diabolica della fede# 1F5 !Dio premia
secondo i meriti- l'epitaffio sulla tomba dell'amore# 1Oernando 7rmellini5.
3 Dio giusto perchC adempie gratuitamente, senza la necessit di meriti, le promesse di vita e di salvezza.
3 Dio giusto perchC giustifica, ossia rende giusti gli ingiusti, e il giusto non giusto perchC fa le cose giuste,
ma per la risposta alla grazia di Dio, ossia perchC stato giustificato. 7llora, con $es(, si giusti non per le
opere della >egge ma per la fede nel /risto, come risposta alla grazia- !$iustizia fatta quando il malvagio
diventa giusto#, annota ancora Oernando 7rmellini.
3 Dio giusto perchC adempie gratuitamente, senza la necessit di meriti, le promesse di vita e di salvezza.
3 Dio giusto perchC giustifica e, con $es(, si giusti non per le opere della >egge ma per la fede nel /risto.
>a giustizia divina aiuta il malvagio a diventare buono, permettendo che liberamente sbagli ma traendo poi il
bene anche dal male, giustificando in tal modo il malvagio.
!>a giustizia di Dio non quella che Dio esige, ma quella che Dio d; non la giustizia IattivaI del mio
agire, ma quella IpassivaI di cui Dio mi riveste. >a giustizia di Dio quella che, invece di inchiodarmi nella
colpa, mi regala la giustizia. In una parola- la giustizia di Dio la grazia. Oare giustizia, per Dio, significa
fare grazia# 1"aolo 2icca5.
!Aon l'uomo realizza la giustizia, ma la $iustizia lo stimola ad inventare nuovi modelli di convivenza
umana# scrive /arlo *olari.
/ome ci ricorda *atteo 1:@,'3';5, la giustizia di Dio d a tutti la stessa paga, perchC non guarda i meriti ma
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 166
le necessit delle persone, e perchC Dio non pu dare nulla che sia meno del massimo. 8 >uca, nella parabola
del figlio ritrovato 1';,''3+:5 condanna senza appello la giustizia retributiva del fratello maggiore.
Dio certamente giusto, ma non perchC fa giustizia premiando i buoni e castigando i cattivi, ma perchC non
sopporta l.ingiustizia, causa di sofferenza e infelicit per i suoi figli, e libera tutti gli oppressi, come ha fatto
con gli 8brei in 8gitto, mentre chiede a tutti gli uomini di comportarsi secondo giustizia, verso tutti gli altri e
praticare la giustizia significa vivere la propria vita in pienezza, al servizio costante degli altri.
!>a radice dell.ingiustizia la ricerca del proprio interesse# diceva Luan *ateos.
Ignazio I6 patriarca di 7ntiochia, in una intervista concessa a $abrielle /aramore, diceva- !$iustizia
significa rispettare l.essere umano ovunque sia e quale egli sia, dare gli stessi diritti che diamo a noi stessi- il
6angelo ha detto !8 come volete che gli uomini facciano a voi, cos? anche voi fate a loro# 1>uca ,,+'5. 8cco
la regola- l.altro come me. 0e non si pensa cos? non si potr mai essere giusti#.
*atteo nel capitolo 6 del suo vangelo, quello delle beatitudini, dedica due versetti alla giustizia, chiamando
beati, ossia immensamente felici, !*!elli +-e -anno fame e see della gi!si"ia. per+-> saranno sa"iai# 16.
,5, perchC Dio si far carico di aiutare quelli che lo sentono come un bisogno primario nella loro vita e che,
per la loro battaglia per la giustizia sociale, saranno perseguitati, !7eai i perseg!iai per la gi!si"ia. per+->
di essi ) il regno dei +ieli# 1v.'@5 perchC, in un mondo ingiusto, il giusto soffre per opera degli uomini
ingiusti che non sopportano la giustizia.
$es( ci chiede di lavorare per costruire il 2egno di Dio 1+er+ae il s!o regno5 e lasciarci guidare dal suo
amore- !2 voi. non sae a domandarvi +-e +osa mangeree e $erree. e non sae in ansia: di !e *!ese
+ose vanno in +er+a i pagani di *!eso mondo# ma il Padre vosro sa +-e ne avee $isogno1 4er+ae pi!oso
il s!o regno. e *!ese +ose vi saranno dae in aggi!na1 Non emere. pi++olo gregge. per+-> al Padre vosro )
pia+i!o dare a voi il =egno# 1>uca ':,:G3+:5.
8 *atteo- !Non preo++!paevi d!n*!e di+endo: 4-e +osa mangeremoC 4-e +osa $erremoC 4-e +osa
indosseremoC31 Di !e *!ese +ose vanno in +er+a i pagani1 /l Padre vosro +elese. infai. sa +-e ne avee
$isogno1 4er+ae inve+e. an"i!o. il regno di Dio e la s!a Hdel PadreI gi!si"ia. e !e *!ese +ose vi
saranno dae in aggi!na# 1,,+'3++5.
7 chi cerca la misericordia e la giustizia del "adre per costruire il 2egno di Dio, ossia per consentire che sia
l.amore di Dio a governarci, $es( dice- K0iae miseri+ordiosi. +ome il Padre vosro ) miseri+ordioso1 Non
gi!di+ae e non saree gi!di+ai# non +ondannae e non saree +ondannai# perdonae e saree perdonai1
Dae e vi sar' dao: !na mis!ra $!ona. pigiaa. +olma e ra$o++ane vi sar' versaa nel grem$o. per+-> +on
la mis!ra +on la *!ale mis!rae. sar' mis!rao a voi in +am$io) 1in >uca ,,+,3+%5.
Il credente !sa che la giustizia di Dio non ha confini o limitazioni geografiche, ma sa pure che essa non
efficace sulla terra se non diventa seria decisione di uomini, resi giusti dallo 0pirito di Dio# 1/arlo *olari5.
>a giustizia, il perdono e la misericordia sono la base indispensabile per aver un mondo migliore per
costruire il 2egno, perchC, per il cristiano, l'amore misericordioso e la condivisione dei beni dovrebbero
essere il culmine della giustizia e perchC, oltre la giustizia umana, c. il perdono, per3dono, ossia un dono, un
regalo, gratuito, senza uno scambio.
In termini umani, la giustizia un termine ambiguo il cui significato cambia secondo i presupposti perchC
risente di troppi fattori- cultura, religione, legislazione, ed infatti ognuno ha la sua propria idea di giustizia,
ma, in ogni caso, un.eventuale punizione non pu essere fine a se stessa, ma solo un mezzo per il recupero.
>a giustizia non la legalit perchC un.azione pu essere del tutto legale ma sommamente ingiusta, come
sono la pena di morte, le leggi razziali e ogni tipo di discriminazione. >a giustizia deve basarsi
sull.uguaglianza dei diritti e dei doveri per tutti, senza sperequazioni, sopraffazioni e privilegi, perchC deve
riconoscere il valore di ogni persona, cosa che impossibile in una societ strutturata in maniera piramidale,
dove le persone hanno pi( o meno valore a seconda della loro posizione sociale, del potere, della ricchezza o
di qualsiasi altro parametro umano o religioso.
I nostri comportamenti, se non tendono a progettare e realizzare sempre nuove forme di uguaglianza,
diventano un ostacolo alla realizzazione di una societ giusta, quel 2egno di Dio che siamo chiamati a
costruire ogni giorno. 8 allora il risentimento delle vittime giusta perchC chiede giustizia senza riceverla.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 165
Torna all'indice generale
GLORIA GLORIA
"er parlare di un attributo divino, il termine ebraico abd 1in greco do3a5, indica qualcosa di pesante, che
sovrasta l'uomo, lo splendore della presenza divina che si manifesta agli uomini, l'azione di Dio nella storia,
in maniera tale che l.uomo possa almeno intuire il suo intrinseco valore. >'uomo !biblico# era cosciente che
l.uomo incapace di !vedere# Dio e pu solo contemplare la sua Kgloria), cio i segni della sua presenza, le
sue opere, i gesti di potenza che egli opera in favore del suo popolo, attraverso atti salvifici-
3 KDimosrer, la mia gloria s!l faraone e s! !o il s!o eser+io. i s!oi +arri e i s!oi +avalieri ) 18sodo
'&,'45.
- G/ +ieli narrano la gloria di Dio. l;opera delle s!e mani ann!n+ia il firmamenoH 10almo 'G,:5.
3 K0ano. sano. sano il 0ignore degli eser+ii% (!a la erra ) piena della s!a gloria) 1Isaia ,,+5.
3 !Lna vo+e grida: Nel desero preparae la via al 0ignore. spianae nella seppa la srada per il nosro
Dio1 <gni valle sia innal"aa. ogni mone e ogni +olle siano a$$assai# il erreno a++idenao si rasformi in
piano e *!ello s+os+eso in vallaa1 &llora si riveler' la gloria del 0ignore e !i gli !omini insieme la
vedranno. per+-> la $o++a del 0ignore -a parlao3# 1Isaia &@,+3;5.
I>a gloria di Dio significa ci che egli veramente , e che si rivela a noi nello splendore di ci che fa. In
$iovanni la gloria la bellezza dell'amore perfetto che si rivela e si dona a noi dalla croceI 10ilvano Oausti5.
Ael Auovo 9estamento la gloria di Dio si manifesta in $es(, nella sua parola e nel suo modo di agire-
3 !9!ando il 6iglio dell;!omo verr' nella s!a gloria. e !i gli angeli +on l!i. sieder' s!l rono della s!a
gloria# 1*atteo :;,+'5.
3 !&llora vedranno il 6iglio dell;!omo venire s!lle n!$i +on grande poen"a e gloria# 1*arco '+,:,5.
3 !Ln angelo del 0ignore si presen, a loro e la gloria del 0ignore li avvolse di l!+e# 1>uca :.G5.
3 !9!eso. a 4ana di Galilea. f! l;ini"io dei segni +ompi!i da GesA# egli manifes, la s!a gloria e i s!oi
dis+epoli +redeero in l!i# 1$iovanni :,''5.
Huesto perchC la sua gloria quella del Oiglio di Dio, fin dal principio, prima che il mondo fosse creato-
3 !2 il Ver$o si fe+e +arne e venne ad a$iare in me""o a noi# e noi a$$iamo +onemplao la s!a gloria.
gloria +ome del 6iglio !nigenio +-e viene dal Padre. pieno di gra"ia e di veri'# 1$iovanni ','& 5.
3 !2 ora. Padre. glorifi+ami davani a e +on *!ella gloria +-e io avevo presso di e prima +-e il mondo fosse
# 1$iovanni '4,;5.
3 !2 la gloria +-e ! -ai dao a me. io l;-o daa a loro. per+-> siano !na sola +osa +ome noi siamo !na sola
+osa # 1$iovanni '4,::5.
!$es( nella gloria# significa che egli, come uomo, ha centrato l.obiettivo al quale Dio chiama ogni uomo,
sconfiggendo ogni tentazione del potere.
Torna all'indice generale
Da,e Da,e GLORIA GLORIA a a DIO DIO
>a frase pu avere un doppio significato-
1) Oare una professione di fede vissuta fino in fondo-
3 !4os8 risplenda la vosra l!+e davani agli !omini. per+-> vedano le vosre opere $!one e rendano gloria
al Padre vosro +-e ) nei +ieli@ 1*atteo ;,',5.
>a gloria di $es( si manifesta sulla croce, come asserisce >uca al versetto :+,&4 1!6isto +i, +-e era
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 16B
a++ad!o. il +en!rione dava gloria a Dio di+endo: Veramene *!es;!omo era gi!so3#5, ma per $iovanni
la croce stessa.
3 !9!eso disse per indi+are +on *!ale more egli avre$$e glorifi+ao Dio# 1$iovanni :','G5, ossia
riconoscerlo per quello che , ossia !amore misericordioso#.
/os? per le folle che assistono alla guarigione del paralitico 1*atteo G,:34 e >uca ;,:;5.
*a in che modo i suoi discepoli possono dare gloria a DioJ Aon costruendo chiese e basiliche sempre pi(
sontuose, o con liturgie sfarzose, ma- !/n *!eso ) glorifi+ao il Padre mio: +-e poriae molo fr!o e
diveniae miei dis+epoli# 1$iovanni ';,%5, ossia amando come lui ha amato- KVi do !n +omandameno
n!ovo: +-e vi amiae gli !ni gli alri1 4ome io -o amao voi. +os8 amaevi an+-e voi gli !ni gli alri1 Da
*!eso !i sapranno +-e siee miei dis+epoli: se avee amore gli !ni per gli alri) 1$iovanni '+,+&3+;5.
*a c. anche chi non riconosce la gloria di Dio, come nell.episodio della guarigione dei '@ lebbrosi dove
riportata la frase di $es(- !Non si ) rovao ness!no +-e ornasse indiero a rendere gloria a Dio. all;inf!ori
di *!eso sranieroC# 1>uca '4,'%5.
2) =ppure un invito a dire la verit, riparando cos? un'offesa fatta a Dio' !&llora +-iamarono di n!ovo
l;!omo +-e era sao +ie+o e gli dissero: Da; gloria a Dio% Noi sappiamo +-e *!es;!omo ) !n pe++aore3@
1$iovanni G,:&5. Insomma- sii sincero fino in fondoQ
Torna all'indice generale
GLORIA GLORIA di di DIO DIO
I>a gloria di Dio significa ci che egli , che si rivela a noi nello splendore di ci che fa. In $iovanni la
gloria la bellezza dell'amore perfetto che si rivela e dona a noi dalla croceI 10ilvano Oausti5.
Ael racconto biblico l.uomo cosciente che l'occhio umano incapace di vedere Dio, ma pu contemplarne
la !gloria#, cio i segni della sua presenza, le sue opere 1!/ +ieli narrano la gloria di Dio# nel 0almo 'G,:5,
ma sopratutto i gesti di potenza in favore del suo popolo- KDimosrer, la mia gloria s!l faraone e s! !o il
s!o eser+io. i s!oi +arri e i s!oi +avalieri) 18sodo '&,'45.
>a gloria di Dio la manifestazione, parziale e incompleta, del mistero di Dio agli uomini, lo splendore della
presenza divina, la stessa presenza di Dio, la sua teofania, che si esprimono attraverso potenti atti salvifici.
>a resurrezione di >azzaro, se *arta ne far l.esperienza, sar la manifestazione della gloria di Dio- !Le
disse GesA: Non i -o deo +-e. se +rederai. vedrai la gloria di DioC3@ 1$iovanni '',&@5.
Huesta gloria di Dio e a lui solo spetta- !/o sono il 0ignore: *!eso ) il mio nome# non +eder, la mia gloria
ad alri. n> il mio onore agli idoli# 1Isaia &:,%5.
Aulla di ci che facciamo o pensiamo di fare a gloria di Dio pu mai cambiarlo o aumentarne la gloria, nC
diminuirla perchC la religione non stata inventata da Dio, ma dagli uomini- 8gli non pu essere interessato
ai canti, all.incenso, al culto o alle sontuose liturgie, ma solo ad un atteggiamento di amore disinteressato
verso gli altri.
Torna all'indice generale
GLORIA GLORIA di di GES GES
quella che riceve dal "adre e che mostra pienamente nella croce- !2 il ver$o si fe+e +arne e venne ad
a$iare in me""o a noi# e noi a$$iamo viso la s!a gloria. gloria +ome del 6iglio !nigenio. +-e viene dal
Padre. pieno di gra"ia e di veri'# 1$iovanni ','&5.
/os? come quando 8gli si manifester in ogni uomo che dona la propria vita quando !il figlio dell;Lomo sa
per venire nella gloria del Padre s!o@ 1*atteo ',,:45.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 16F
8, parlando della sua morte, la fa coincidere con la sua gloria- !GesA rispose loro: N ven!a l;ora +-e il
6iglio dell;!omo sia glorifi+ao3# 1$iovanni ':,:+5, e anche- !Padre. ) ven!a l;ora: glorifi+a il 6iglio !o
per+-> il 6iglio glorifi+-i e# 1$iovanni '4,'5, oppure- #/o i -o glorifi+ao s!lla erra. +ompiendo l;opera
+-e mi -ai dao da fare1 2 ora. Padre. glorifi+ami davani a e +on *!ella gloria +-e io avevo presso di e
prima +-e il mondo fosse# 1$iovanni '4,&3;5.
contrapposta alla gloria umana che $es( rifiuta- !/o non ri+evo gloria 1onori5 dagli !omini1 :a io vi
+onos+o e so +-e non avee in voi l;amore di Dio1 /o sono ven!o nel nome del Padre mio e voi non mi
a++ogliee# se !n alro venisse nel proprio nome. lo a++oglierese# 1$iovanni ;,&'3&+5.
8 ai giudei che lo accusavano di essere un 0amaritano e un indemoniato, $es( risponde- K/o non +er+o la
mia gloria# vi ) +-i la +er+a e gi!di+a) 1$iovanni %,;@5.
Torna all'indice generale
GLORIA UMANA GLORIA UMANA
la vana3gloria 1enodo3ia in greco5 ossia la gloria vana, quella che non serve a niente, una gloria inutile e
dannosa, satanica perchC legata al potere- !Di n!ovo il diavolo lo por, sopra !n mone alissimo e gli
mosr, !i i regni del mondo e la loro gloria# 1*atteo &,%5. 0ono gli attestati di onore ricevuti dagli uomini,
che vanno mostrati al mondo con orpelli e abiti sontuosi perchC il mondo riconosca il loro potere.
$es( non la cerca, non l.accetta 1!:a GesA. sapendo +-e venivano a prenderlo per farlo re. si riir, di
n!ovo s!l mone. l!i da solo# in $iovanni ,,';5 e chiede ai suoi discepoli di comportarsi alla stessa maniera-
K/o non ri+evo gloria dagli !omini1 :a io vi +onos+o e so +-e non avee in voi l;amore di Dio1 /o sono
ven!o nel nome del Padre mio e voi non mi a++ogliee# se !n alro venisse nel proprio nome. lo
a++oglierese1 2 +ome poee +redere. voi +-e prendee gloria gli !ni dagli alri. e non +er+ae la gloria +-e
viene da Dio soloC) 1$iovanni ;,&'3&&5. 8 aggiunge K4-i parla da se sesso. +er+a la propria gloria. ma
+-i +er+a la gloria di +ol!i +-e mi -a mandao ) veriiero e in l!i non +;) ingi!si"ia) 14,'%5.
la gloria di chi cerca l.applauso, la gloria degli ipocriti e degli orgogliosi, smascherata da >uca- #D!e
!omini salirono al empio a pregare: !no era fariseo e l;alro p!$$li+ano1 /l fariseo. sando in piedi. pregava
+os8 ra s>: K< Dio. i ringra"io per+-> non sono +ome gli alri !omini. ladri. ingi!si. adAleri. e nepp!re
+ome *!eso p!$$li+ano1 Digi!no d!e vole alla seimana e pago le de+ime di !o *!ello +-e possiedo3
1'%,'@3':5 che aggiunge-
KG!ardaevi dagli s+ri$i. +-e vogliono passeggiare in l!ng-e vesi e si +ompia++iono di essere sal!ai nelle
pia""e. di avere i primi seggi nelle sinagog-e e i primi posi nei $an+-ei# divorano le +ase delle vedove e
pregano a l!ngo per farsi vedere1 2ssi ri+everanno !na +ondanna piA severa) 1:@,&,3&45.
Torna all'indice generale
GLORIFICARE GLORIFICARE
In greco do3a2o, in >uca :,:@ glorificare Dio un.azione compiuta dagli impuri pastori- !/ pasori se ne
ornarono. glorifi+ando e lodando Dio per !o *!ello +-e avevano !dio e viso. +om;era sao deo loro#.
Ael capitolo '4 di $iovanni c. un rimando di gloria tra $es( e il "adre 1'4,'.&3;5-
!4os8 parl, GesA1 Poi. al"'i gli o++-i al +ielo. disse: Padre. ) ven!a l;ora: glorifi+a il 6iglio !o per+-> il
6iglio glorifi+-i e# 1v. '5
e !/o i -o glorifi+ao s!lla erra. +ompiendo l;opera +-e mi -ai dao da fare1 2 ora. Padre. glorifi+ami
davani a e +on *!ella gloria +-e io avevo presso di e prima +-e il mondo fosse# 1vv. &3;5.
>a gloria che si compie pienamente sulla croce-
3 !9!eso egli disse riferendosi allo 0pirio +-e avre$$ero ri+ev!o i +redeni in l!i: infai non +;era an+ora
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 150
HloI 0pirio. per+-> GesA non era sao an+ora glorifi+ao# 1$iovanni4,+G5 e
3 !GesA rispose: N gi!na l;ora +-e sia glorifi+ao il figlio dellDLomo1 /n veri'. in veri' vi di+o: se il
+-i++o di grano. +ad!o in erra. non m!ore. rimane solo# se inve+e m!ore. prod!+e molo fr!o# 1$iovanni
':,:+5.
Torna all'indice generale
GNOSI / GNOSTICISMO GNOSI / GNOSTICISMO
>a parola greca gnosis, da cui deriva il termine, significa conoscenza.
>o gnosticismo un variegato mondo filosofico3religioso, forse di derivazione zoroastriana persiana, che, al
fine della salvezza, ritiene che la IconoscenzaI della verit rivelata sia superiore alla fede, con la diretta
conseguenza che la salvezza riservata a pochi eletti, una specie di societ dei perfetti, i solo che hanno
accesso a conoscenze esoteriche e misteriche del divino, dalla quale perci esclusa la maggior parte
dell.umanit, l.esatto contrario del messaggio evangelico universale.
>o gnosticismo sembra nascere dal cristianesimo perchC i primi scritti gnostici noti sono del II 3III secolo d.
/. 7nche se questo non vero, certamente vero che la tentazione gnostica era fortissima nei primi secoli e
anzi lo gnosticismo stata la prima eresia contro cui dovette combattere il cristianesimo nascente.
0ua caratteristica essenziale un dualismo portato all.estremo con la contrapposizione tra bene e male, luce e
tenebre, buono e cattivo, e l.assoluta, completa e insuperabile separazione tra il divino e l.umano.
>'origine del mondo sarebbe legata ad una !caduta# e il Dio creatore impone ordine e regole che vogliono
sottomettere la creatura umana; ma quest.idea non concorda con quella di un 0alvatore inviato per amore, di
un "adre che dona il suo Oiglio per la redenzione dell.umanit intera, nessuno escluso.
Il rifiuto del corpo e del mondo un concetto gnostico, e la scintilla divina che presente nell'uomo deve
essere ricongiunta alla divinit, di cui parte, per cui non l'uomo che va salvato, ma solo il frammento di
Dio che nell'uomo, escludendo pertanto il corpo. Ael loro disprezzo per il corpo, che considerano solo uno
scomodo ed insignificante fardello, gli gnostici potevano predicare in certi casi una continenza assoluta, in
altri casi un totale libertinismo.
"er lo gnosticismo ci sono due $es(, uno materiale che tiene prigioniero quello spirituale, che va liberato
con la morte, che poi il compito affidato a $iuda Iscariota. 0i legge nell.ormai famoso 6angelo copto di
$iuda, che il traditore sarebbe in effetti il discepolo prediletto, che si sacrifica affinchC sia permessa la
manifestazione piena $es( stesso- I(! sa+rifi+-erai lD!omo +-e mi riveseI- un.asserzione gnostica.
*a, come asserisce l.apostolo "aolo, la salvezza non la liberazione dal corpo, ma del corpo.
Inoltre lo gnosticismo nega la morte in croce di $es(, perchC il suo corpo stato sostituito da Dio con il
corpo di un altro uomo. "er gli gnostici, la risurrezione di $es( solo simbolica, da una vita fisica ad una
vita spirituale, e l.incontro con il /risto risorto solo un'evenienza spirituale.
Il cristianesimo nascente, in nome della Incarnazione, rifiuta radicalmente le tesi gnostiche del disprezzo del
corpo e del bene fisico, della separazione della parte materiale dalla parte spirituale dell.uomo, del disprezzo
delle gioie e del piacere, del bisogno di mortificare le necessit corporali, l.esoterismo degli eletti e la loro
separazione volontaria dai non eletti.
Il vangelo di $iovanni, si sa, usa categorie e linguaggio dello gnosticismo come la contrapposizione luce3
tenebre, verit3menzogna, vita3morte, amore3odio, e il simbolismo di acqua e pane, la presenza di un inviato
celeste che viene a rivelare il volto di Dio e la salvezza come conoscenza del suo vero volto. *a portatore
di asserzioni assolutamente antignostiche, perchC parla di una storia vera 1non un racconto mitico5, di un
uomo vero in cui Dio ha scelto di incarnarsi e, infine, non ammette la separazione la parte spirituale
dell.uomo da quella carnale 1anima3corpo5, una tesi eretica accettata da chi, alla morte dell.individuo, separa
l.anima dal corpo. Il cristianesimo si basa su basilari asserzioni antignostiche-
3 Dio si fatto carne.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 151
3 Dio fuori delle possibilit della conoscenza umana 1Ness!no -a mai viso Dio signifi+a +-e ness!no lo
p!, +onos+ere araverso sfor"i !mani5.
3 Dio non sapienza o intelligenza- !/n *!el empo GesA disse: (i rendo lode. Padre. 0ignore del +ielo e
della erra. per+-> -ai nas+oso *!ese +ose ai sapieni e ai doi e le -ai rivelae ai pi++oli# 1*atteo '',:;5.
0ono noti anche vangeli gnostici e persino un cristianesimo gnostico, ma il peggio che il cristianesimo
ancora fortemente inquinato da molte idee gnostiche, non saprei direi se tollerate o incoraggiate.
/i sono residui di gnosticismo anche nella /hiesa cattolica se-
'5 suddivide l.umanit in
a5 esseri spirituali 1pochi eletti5,
b5 esseri psichici 1molti e imperfetti5,
c5 esseri ilici 1le persone materiali senza possibilit salvezza5,
:5 rifiuta il corpo e il mondo,
+5 accetta il dualismo 1corpo e anima, luce e tenebre, vita e morte, Dio e mondo, spirito e carne5.
Torna all'indice generale
G&LGOTA G&LGOTA
Aome aramaico di una cava di pietra di malachite 1la pietra del re5 s(bito fuori $erusalemme, che fu
abbandonata dopo i danni causati da un terremoto.
>a cava dismessa era usata allora per le esecuzioni capitali e per le sepolture dei condannati, per non
contaminare la citt santa, ove si trovava la dimora di Dio in terra.
In italiano !calvario# 1dal latino calvarium5, perchC aveva la forma di un cranio, come scritto nel vangelo
di $iovanni 'G,'4- !2gli. porando la +ro+e. si avvi, verso il l!ogo deo del 4ranio. in e$rai+o 9lgota#.
chiamato !monte /alvario#, anche se il dislivello meno di dieci metri.
/on 6et2et e 9abbat, uno dei tre nomi ebraici legati alla morte di $es(.
Torna all'indice generale
GRAZIA GRAZIA
Il greco chris, ossia la grazia o il dono, il termine che indica la gratuita donazione che Dio fa di se stesso,
chiamando alla salvezza tutti gli uomini, ferma restando la libert, che ognuno ha di rifiutarla.
Ael Auovo 9estamento la grazia la salvezza portata da $es(, il dono di Dio in $es(.
Dio d a tutti a parit di condizioni- un dono, un regalo universale contrapposto ai meriti per le opere della
>egge- nel giudaismo il rispetto della >egge discrimina tra ebrei e pagani, e questi possono salvarsi solo se si
assoggettano alla >egge mosaica. >a salvezza del "adre di $es(, invece viene effusa in pienezza, per un
dono generoso e gratuito, che precede anche la creazione dell'uomo- un dono preventivo e incondizionato, un
regalo che non da restituire al donatore, ma da donare ad altri.
Aon un privilegio o merito- tutto dono gratuito da parte di Dio, senza contropartita, senza richiesta di
essere ricambiato, indipendente da qualsiasi sforzo umano. "er giungere alla salvezza non servono i precetti
perchC basta la grazia. /hi la confonde con i frutti della propria fatica ne privato proprio per questo motivo.
Infatti tutti, ma proprio tutti, saremmo perduti senza la sua grazia, promessa e donata a coloro che vogliono
accoglierla, da suo Oiglio e nostro 0ignore $es(, senza altri intermediari.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 152
Huella grazia in *aria non trov ostacoli e potC cos? ricolmarla- K2nrando da lei. disse: =all>grai. piena
di gra"ia: il 0ignore ) +on e) 1>uca ',:%5. >o stesso per $es(- !/l $am$ino +res+eva e si forifi+ava. pieno
di sapien"a. e la gra"ia di Dio era s! di l!i# 1>uca :,&@5.
"aolo spiega questo immenso dono con le parole pi( belle-
3 !Per gra"ia infai siee salvai mediane la fede# e +i, non viene da voi. ma ) dono di Dio# n> viene dalle
opere. per+-> ness!no possa vanarsene# 18fesini :,G5.
3 !<ra inve+e. indipendenemene dalla legge. si ) manifesaa la gi!si"ia di Dio. esimoniaa dalla legge e
dai profei# gi!si"ia di Dio per me""o della fede in GesA 4riso. per !i *!elli +-e +redono1 2 non +;)
disin"ione: !i -anno pe++ao e sono privi della gloria di Dio. ma sono gi!sifi+ai gra!iamene per la
s!a gra"ia. in virA della reden"ione reali""aa da 4riso GesA1 Noi rieniamo infai +-e l;!omo )
gi!sifi+ao per la fede indipendenemene dalle opere della legge# 12omani +,:'3:%5.
3 !Dio infai -a rin+-i!so !i nella diso$$edien"a. per !sare a !i miseri+ordia# 12omani '',+:5.
Torna all'indice generale
la la GRAZIA GRAZIA e la e la VERIT VERIT
un.espressione che significa l'amore fedele, quello che solo Dio ha.
un flusso che non interrotto neanche dal peccato, perchC Dio non si lascia influenzare dagli atteggiamenti
dell'uomo, ma che l.uomo pu invece rifiutare. scritto in $iovanni-
!2 il Ver$o si fe+e +arne e venne ad a$iare in me""o a noi# e noi a$$iamo +onemplao la s!a gloria. gloria
+ome del 6iglio !nigenio +-e viene dal Padre. pieno di gra"ia e di veri'# 1','&5, e !"erchC la Legge f! daa
per me""o di :os). la gra"ia e la veri' vennero per me""o di GesA 4riso# 1','45.
Torna all'indice generale
GRAZIA GRAZIA #( #( GRAZIA GRAZIA
!Dalla s!a piene""a noi !i a$$iamo ri+ev!o: gra"ia s! gra"ia# 1$iovanni ',',5.
Indica un crescendo senza limiti di amore su amore, dove l'unico limite quello posto dall'uomo.
Infatti chiunque ama gli altri, permette al "adre di aumentare la capacit di accogliere il 0uo amore- !Per+->
a +-i -a. sar' dao# ma a +-i non -a. sar' olo an+-e *!ello +-e -a3# 1*arco &,:;5.
Torna all'indice generale
GREGGE GREGGE
In senso proprio in >uca :,% 14;erano in *!ella regione al+!ni pasori +-e. pernoando all;apero.
vegliavano !a la noe fa+endo la g!ardia al loro gregge5 e '4,4 14-i di voi. se -a !n servo ad arare o a
pas+olare il gregge. gli dir'. *!ando rienra dal +ampo: ?Vieni s!$io e meii a avolaC5.
In senso figurato per indicare i seguaci di $es( in >uca ':,+: 1Non emere. pi++olo gregge. per+-> al Padre
vosro ) pia+i!o dare a voi il =egno5 e *atteo :,,+: 1&llora GesA disse loro: 9!esa noe per !i voi
sar, moivo di s+andalo1 0a s+rio infai: Per+!oer, il pasore e saranno disperse le pe+ore del gregge5.
*a il versetto pi( interessante, quello che, per colpa di un errore di traduzione di $irolamo che invece di
tradurre !gregge# tradusse !ovile#, ha indotto la /hiesa romana a combattere tutte le altre /hiese per secoli-
!2 -o alre pe+ore +-e non provengono da *!eso re+ino: an+-e *!elle io devo g!idare1 &s+oleranno la mia
vo+e e diveneranno !n gregge. !n pasore# 1$iovanni '@,',5 e non !un solo ovile, un solo pastore#.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 153
7llo stesso modo 1il gregge uno e il pastore uno5 scritto nel libro del 0iracide '%,'+- !La miseri+ordia
dell;!omo rig!arda il s!o prossimo. la miseri+ordia del 0ignore ogni essere vivene1 2gli rimprovera.
+orregge. ammaesra e g!ida +ome !n pasore il s!o gregge#.
Torna all'indice generale
GRIDARE GRIDARE
Aei vangeli il verbo gridare indica un alzare la voce-
per disperazione 1*atteo :,'%5, per paura 1*atteo '&,:, e *arco ,,&G5, per festeggiare 1*atteo :',G. :;,,.
*arco '',G. $iovanni ':,'+5, ma anche come richiesta di aiuto 1>uca ',,:&5 o di giustizia 1>uca '%,45.
$ridano verso $es( per chiedere aiuto gli indemoniati, gli spiriti impuri, il padre dell.epilettico e la madre
cananea, i ciechi di $erico- tutti simboli di incomprensione.
$iovanni Eattista una voce che grida nel deserto per chiamare tutti alla conversione 1*arco ',+ 3 *atteo
+,+ 3 >uca +,& e $iovanni ',:+5.
Ael vangelo di $iovanni gridano le guardie, i capi dei sacerdoti e la folla da loro istigata a chiedere la morte
di $es( 1'%,&@.'G,,.':.'; 5, grida $es( invitando tutti a bere la sua acqua viva 14,+45 e chiamando >azzaro
alla vita 1'',&+5.
Aei sinottici 1ma non nel vangelo di $iovanni5 grida $es( sulla croce 1*atteo :4,&,; *arco ';,+&; >uca
:+,&,5, il forte grido di vittoria sulla morte mentre effonde lo 0pirito.
7i cristiani il compito di Igridare il vangelo con la vitaI 1/harles De Ooucauld5.
Torna all'indice generale
GUAI GUAI
I termine greco !ouai# 1o l.ebraico !hoi#5 ha due possibili traduzioni.
>a prima !guai#, un.improbabile minaccia di Dio contro qualcuno, cos? come si ritrova in alcuni passi della
Eibbia ebraica.
"er es. nel cap. II di 7bacuc ai versetti ,. G. ':. '; e 'G c. una serie di esempi-
!G!ai a +-e a++!m!la +i, +-e non ) s!o#,
!G!ai a +-i ) avido di g!adagni ille+ii#,
!G!ai a +-i +osr!is+e !na +i' s!l sang!e#,
!G!ai a +-i fa $ere i s!oi vi+ini mis+-iando vino fore per !$ria+arli e s+oprire le loro n!di'#,
!G!ai a +-i di+e al legno: 0v>gliai3. e alla piera m!a: Jl"ai3#.
>.altra possibile traduzione in italiano !ahimC# oppure !ahi#, termine che indica un lamento, un pianto,
come si usava fare per la morte di una persona, durante i funerali, o uno stato di sofferenza o di pericolo.
In '2e '+,'@ meglio scritto- !Depose il +adavere nella propria om$a ed egli e i s!oi figli lo piansero
di+endo: &-i fraello mio%3#. /os? pure in $eremia ::,'% come in *arco :&,'G 1&-i alle donne in+ine e a
*!elle +-e allaeranno in *!ei giorni5.
chiaro che quest.ultima non pu essere in nessun caso una minaccia, o una maledizione 1come asserisce
$abriella /aramore, in una trasmissione di Bomini e "rofeti sull.argomento5 ma solo un doloroso lamento
1"aolo 2icca5 per avvenimenti che sembrano ineluttabili, date le premesse.
In questo senso andrebbero tradotte con !ahi# i cosiddetti quattro !guai# di >uca ,,:&3:, perchC $es( non
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 154
minaccia, bens? compiange chi si posto in una condizione di pericolo da cui poi difficile uscire.
"erci non una minaccia, ma un avvertimento.
" !$B7I# *A!") di %AE#
Il primo !ahi# di *arco fa chiaramente comprendere come sia sbagliato tradurre con una minaccia quello
che in effetti solo un lamento di $es( per la tragica condizione in cui ci si trova; in questo caso specifico
riguardo la condizione di $erusalemme oltraggiata e poi distrutta dalle truppe di occupazione romane.
*arco '&,'&3'4- ?9!ando vedree l;a$ominio della devasa"ione presene l' dove non ) le+io +-i legge.
+omprenda . allora *!elli +-e si rovano nella Gi!dea f!ggano s!i moni. +-i si rova s!lla erra""a non
s+enda e non enri a prendere *!al+osa nella s!a +asa. e +-i si rova nel +ampo non orni indiero a
prendersi il manello1 ;(n <uei giorni ahi alle donne incinte e a <uelle che allattanoD&
*arco'&,:'- ;(l Aiglio dellBuomo se ne va, come sta scritto di luiC ma ahi a <uellBuomo, dal <uale il Aiglio
dellBuomo viene traditoD 'eglio per <uellBuomo se non %osse mai natoDE&.
/on quel gesto $iuda consegna $es( ai carnefici e se stesso alla perdizione.
]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]
" !$B7I# *A!") di %A$$E#
*atteo '','G3:&- ?N ven!o il 6iglio dell;!omo. +-e mangia e $eve. e di+ono: 2++o. ) !n mangione e !n
$eone. !n ami+o di p!$$li+ani e di pe++aori@1 :a la sapien"a ) saa ri+onos+i!a gi!sa per le opere +-e
essa +ompie31 &llora si mise a rimproverare le +i' nelle *!ali era avven!a la maggior pare dei s!oi
prodigi. per+-> non si erano +onverie:
7hi a te, /oraz?nQ 7hi a te, EetsidaQ "erchC, se a 9iro e a 0idone fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati
in mezzo a voi, gi da tempo esse, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite.
8bbene, io vi dico- nel giorno del giudizio, 9iro e 0idone saranno trattate meno duramente di voi. 8 tu,
/afrnao, sarai forse innalzata fino al cieloJ Oino agli inferi precipiteraiQ "erchC, se a 0doma fossero
avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a te, oggi essa esisterebbe ancoraQ 8bbene, io vi dico- nel giorno
del giudizio, la terra di 0doma sar trattata meno duramente di teQ)#.
*atteo'%,&3G- !Per+i, +-i!n*!e si far' pi++olo +ome *!eso $am$ino. +os!i ) il piA grande nel regno dei
+ieli1 2 +-i a++oglier' !n solo $am$ino +ome *!eso nel mio nome. a++oglie me1 4-i inve+e s+andali""er'
!no solo di *!esi pi++oli +-e +redono in me. gli +onviene +-e gli venga appesa al +ollo !na ma+ina da
m!lino e sia geao nel profondo del mare1
7hi al mondo per gli scandaliQ inevitabile che vengano scandali, ma ahi all.uomo a causa del quale viene
lo scandaloQ
0e la !a mano o il !o piede i ) moivo di s+andalo. aglialo e gealo via da e1 N meglio per e enrare
nella via mon+o o "oppo. an"i+-> +on d!e mani o d!e piedi essere geao nel f!o+o eerno1 2 se il !o
o++-io i ) moivo di s+andalo. +avalo e gealo via da e1 N meglio per e enrare nella via +on !n o++-io
solo. an"i+-> +on d!e o++-i essere geao nella Ge)nna del f!o+o#.
*atteo :+,'+- !Ahi a voi, scribi e %arisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti alla genteC di %atto
non entrate voi, e non lasciate entrare nemmeno <uelli che vogliono entrare.
7hi voi, scribi e farisei commedianti, che, per la vostra sete di potere, non permettete agli uomini di vivere in
una societ basata sull.amore, sulla pace e sulla condivisione.
*atteo:+,';- ;Ahi a voi, scribi e %arisei ipocriti, che percorrete il mare e la terra per %are un solo proslito
e, <uando lo divenuto, lo rendete degno della 9enna due volte pi> di voi&.
7hi voi commedianti che fate cadere nel legalismo della vostra religione di morte i pagani che avrebbero
potuto salvarsi, mentre finiscono nell.immondezzaio di $erusalemme.
*atteo:+,',- ;Ahi a voi, guide cieche, che dite? ;+e uno giura per il tempio, non conta nullaC se invece
uno giura per lBoro del tempio, resta obbligato&1
!7hi voi# commedianti, che vi credete guide dei ciechi mentre siete guide cieche e rendete vana la parola di
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 155
Dio, svendendola per il vostro interesse, essendo i devoti di *ammona.
*atteo :+,:+3++- ?Ahi a voi, scribi e %arisei ipocriti, che pagate la decima sulla menta, sullBan1to e sul
cum8no, e trasgredite le prescri2ioni pi> gravi della Gegge? la giusti2ia, la misericordia e la %edelt.
9!ese inve+e erano le +ose da fare. sen"a ralas+iare *!elle1 G!ide +ie+-e. +-e filrae il mos+erino e
ingoiae il +ammello%
7hi a voi, scribi e farisei ipocriti, che pulite l.esterno del bicchiere e del piatto, ma all.interno sono pieni di
avidit e d.intemperanza.
Oariseo cieco, pulisci prima l.interno del bicchiere, perchC anche l.esterno diventi pulitoQ
7hi a voi, scribi e farisei ipocriti, che assomigliate a sepolcri imbiancati- all.esterno appaiono belli, ma
dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni marciume.
4os8 an+-e voi: all;eserno apparie gi!si davani alla gene. ma denro siee pieni di ipo+risia e di ini*!i'1
7hi a voi, scribi e farisei ipocriti, che costruite le tombe dei profeti e adornate i sepolcri dei giusti,
e die: 0e fossimo viss!i al empo dei nosri padri. non saremmo sai loro +ompli+i nel versare il sang!e
dei profei31 4os8 esimoniae. +onro voi sessi. di essere figli di +-i !++ise i profei1 2$$ene. voi +olmae la
mis!ra dei vosri padri1 0erpeni. ra""a di vipere. +ome poree sf!ggire alla +ondanna della Ge)nnaC
Ahi voi commedianti +-e rispeae i pre+ei insignifi+ani Hla radi"ione degli !ominiI e rasgredie le
fondamena della volon' di Dio. +-e sono: la gi!si"ia. la miseri+ordia e la fedel'1 /n *!eso modo le +ose
insignifi+ani divenano imporani e le +ose imporani vengono ralas+iae e radie1
Ahi voi commedianti +-e rispeae le f!ili norme di p!ri' ri!ale e ?Non +apie +-e !o +i, +-e enra
nell;!omo dal di f!ori non p!, renderlo imp!ro. per+-> non gli enra nel +!ore ma nel venre e va nella
fognaC31 4os8 rendeva p!ri !i gli alimeni1 2 di+eva: 4i, +-e es+e dall;!omo ) *!ello +-e rende imp!ro
l;!omo1 Dal di denro infai. +io) dal +!ore degli !omini. es+ono i proposii di male: imp!ri'. f!ri. omi+idi.
ad!l)ri. avidi'. malvagi'. inganno. dissol!e""a. invidia. +al!nnia. s!per$ia. sole""a1 (!e *!ese +ose
+aive vengono f!ori dall;inerno e rendono imp!ro l;!omo3#. 1*arco 4,'%3:+5.
7hi voi commedianti che sembrate giusti e modelli di santit, mentre siete falsi e disonesti, che vi fate
chiamare pastori, mentre siete lupi rapaci. 7ssassinate i profeti che, in mezzo a voi, annunziano la parola di
Dio, mentre costruite monumenti ai profeti che i vostri antenati hanno ucciso.
*atteo :&,'G- !(n <uei giorni ahi alle donne incinte e a <uelle che allattanoD&
>.evangelista sta parlando della tragedia che ha colpito il popolo ebraico con la distruzione di $erusalemme
e del 9empio ad opera del generale 9ito, figlio di 6espasiano e futuro imperatore, a seguito di
un.insurrezione contro le truppe di occupazione romane.
>a comunit cristiana si salv perchC, aveva rifiutato la violenza ed era fuggita dalla citt.
*atteo :,,:&- ;(l Aiglio dellBuomo se ne va, come sta scritto di luiC ma ahi a <uellBuomo dal <uale il
Aiglio dellBuomo viene traditoD 'eglio per <uellBuomo se non %osse mai natoDE&.
$iuda diventa vittima dell.ambizione di potere di quegli ebrei che attendevano un *essia regale, il figlio di
Davide, che, con la forza, avrebbe vinto dominato tutti i popoli.
!9!and;ero +on loro. io li +!sodivo nel !o nome. *!ello +-e mi -ai dao. e li -o +onservai. e ness!no di
loro ) andao perd!o. ranne il figlio della perdi"ione. per+-> si +ompisse la 0+ri!ra# 1$iovanni '4,':5.
]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]
" 7$B7I3 *A!") -i L&A
>uca, per mettere in evidenza le scelte fatte dalla sua comunit, contrappone le beatitudini agli ahi, ossia alle
tentazioni a cui potrebbe andare incontro.
>uca ,,:&- ;'a ahi voi, ricchi, perch1 avete gi ricevuto la vostra consola2ione&.
!>a vostra ricchezza vi basta e non desiderate altro cosicchC la ricchezza diventa la vostra stessa vita#, dice
"aolo 2icca.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 156
>uca ,,:;- 7Ahi voi, che ora siete sa2i, perch1 avrete %ame. Ahi a voi, che ora ridete, perch1 sarete nel
dolore e piangerete31
Aon solo chi accumula potere e ricchezza con lo sfruttamento e l.accaparramento, ma anche chi permette che
l.ingiustizia crei fame, sete e pianto 1la povert dei pi(5, provocando dolore e morte, con conseguenze
negative su voi e sull.intera comunit- allora capirete cosa vuol dire avere fame e vi renderete conto della
sofferenza che vi circonda.
>uca ,,:,- ;Ahi, <uando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo in%atti agivano i loro padri
con i %alsi pro%eti&.
"rofeti di corte, prezzolati dai potenti di turno, per mentire.
>uca '@,'+- ;Ahi te, =ora28n, ahi a te, 6etsidaD -erch1, se a Tiro e a +idone %ossero avvenuti i prodigi
che avvennero in me22o a voi, gi da tempo, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite&.
il pianto di $es( sulle cittadine sulle rive del lago di 9iberiade che, pur avendo visto i segni della presenza
del 2egno, non hanno creduto al messaggio d? amore e di pace che portava.
>uca '',&:3&&- 7'a hai voi, %arisei, che pagate la decima sulla menta, sulla ruta e su tutte le erbe, e
lasciate da parte la giusti2ia e lBamore di )io. Lueste invece erano le cose da %are, sen2a trascurare <uelle.
Ahi voi, %arisei, che amate i primi posti nelle sinagoghe e i saluti sulle pia22e.
Ahi voi, perch1 siete come <uei sepolcri che non si vedono e la gente vi passa sopra sen2a saperlo31
>uca '',&,3&4- GAhi anche a voi, dottori della Gegge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e <uei
pesi voi non li toccate nemmeno con un ditoD Ahi voi, che costruite i sepolcri dei pro%eti, e i vostri padri li
hanno uccisiH1
>uca teme che nella sua /hiesa si riproducano le dinamiche di morte che si erano create nella societ
giudaica, che non aveva voluto ascoltare la voce degli inviati di Dio che invocavano giustizia sociale.
>uca '',;:- GAhi voi, dottori della Gegge, che avete portato via la chiave della conoscen2aC voi non siete
entrati, e a <uelli che volevano entrare voi lBavete impeditoH1
Bsano la conoscenza della >egge per travisarla e sottomettere il popolo.
>uca '4,'3:- G)isse ai suoi discepoli? @M inevitabile che vengano scandali, ma ahi a colui a causa del
<uale vengonoH1
!N meglio per l!i +-e gli venga messa al +ollo !na ma+ina da m!lino e sia geao nel mare. pi!oso +-e
s+andali""are !no di *!esi pi++oli#.
"er essi ci sar morte senza resurrezione, come chi, pensavano, non sepolto in Israele.
>uca :',:+- G(n <uei giorni guai alle donne che sono incinte e a <uelle che allattano, perch1 vi sar
grande calamit nel paese e ira contro <uesto popoloH1
6ersetto equivalente in *arco '+,'4 e in *atteo :+,'G.
>uca ::,:: - G(l Aiglio dellBuomo se ne va, secondo <uanto stabilito, ma guai a <uellBuomo dal <uale
egli viene traditoDE.
6ersetto equivalente in *arco '&,:' e in *atteo :,,:&.
6edi anche E879I9BDIAI.
GUARIRE GUARIRE
Aegli 7tti 1+,+%5 scritto- !Dio +onsa+r, in 0pirio 0ano e poen"a GesA di N'"are. il *!ale pass,
$enefi+ando e risanando !i +oloro +-e savano soo il poere del diavolo. per+-> Dio era +on l!i#.
!8 cio tutti coloro che erano umanamente oppressi, o fisicamente, o moralmente, o politicamente. Il diavolo
il potere che opprime, la forza che fa s? che un uomo non sia un uomo, non sia se stesso; una forza
anonima che qualcuno pu rappresentare anche attraverso la simbologia sacrale del diavoloI 18rnesto
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 155
Ealducci5.
$es( non guarisce in nome di Dio, nC dice !mai ti ha guarito#, ma !la tua fede ti ha salvato#.
$li evangelisti non puntano mai il loro interesse sui miracoli, ma sul segno che questi mostrano e sugli atti di
fede delle persone guarite.
8 ai dieci lebbrosi guariti vicino a $erusalemme, guariti per la compassione che Dio ha verso tutti i
sofferenti, non annuncia la guarigione ma la salvezza; anche se, con la salvezza, giunge la guarigione, perchC
l.azione di Dio tesa a salvare tutto l.uomo e non solo la sua !anima# o a guarire il suo !corpo#.
>o fa comprendere molto bene il latino salus che significa contemporaneamente sia salute che salvezza.
!L!ngo il +ammino verso Ger!salemme. GesA araversava la 0amaria e la Galilea1 2nrando in !n
villaggio. gli vennero in+onro die+i le$$rosi. +-e si fermarono a disan"a e dissero ad ala vo+e: GesA.
maesro. a$$i pie' di noi%31 &ppena li vide. GesA disse loro: &ndae a presenarvi ai sa+erdoi31 2 menre
essi andavano. f!rono p!rifi+ai1 Lno di loro. vedendosi g!ario. orn, indiero lodando Dio a gran vo+e. e
si prosr, davani a GesA. ai s!oi piedi. per ringra"iarlo1 2ra !n 0amariano1 :a GesA osserv,: Non ne
sono sai p!rifi+ai die+iC 2 gli alri nove dove sonoC Non si ) rovao ness!no +-e ornasse indiero a
rendere gloria a Dio. all;inf!ori di *!eso sranieroC31 2 gli disse: Jl"ai e va;# la !a fede i -a salvao%3#
1>uca '4,''3'G5.
7tti compiuti senza magie o esoterismi, ma solo con la sua potenza dello 0pirito. 8 anche quando compie
azioni che sembrano farlo, in effetti compie solo gesti altamente simbolici-
3 nell.episodio del cieco dalla nascita 1$iovanni G,,5 !sp!, per erra. fe+e del fango +on la saliva. spalm, il
fango s!gli o++-i del +ie+o# dove l.azione sta ad indicare la creazione dell.uomo, come scritto in $enesi;
3 al sordomuto 1*arco 4,++5 e al cieco di Eetsaida 1*arco %,:+5 tocca la lingua con la saliva che era ritenuta
come una condensazione del respiro e figura della 0pirito.
7ltre volte tocca con la mano, ma solo per una plateale trasgressione della >egge. =sa toccare un lebbroso
1*arco ',&'5 e persino un cadavere 1>uca 4,'&5 per dimostrare la falsit delle regole di purit del >evitico.
Aella guarigione della suocera di "ietro, $es( compie insieme tre trasgressioni- tocca una donna, per giunta
malata, e lo fa di sabato, uscendo dalla sinagoga, in 1*atteo %,'& e *arco',+@3+'5.
Torna all'indice generale
%AGGAD% %AGGAD%
Il termine viene da una radice ebraica che significa raccontare e, in senso molto generico, si pu tradurre con
!narrazione# talmudica- attraverso il racconto presentare e spiegare la precettistica.
I racconti del viaggio dall.8gitto alla "alestina, l.esodo biblico per eccellenza, certamente la pi( importante
Maggad.
0ono sopratutto tradizioni popolari e folDloristiche, proverbi, racconti, frammisti ad elementi religiosi, etici e
politici.
0i dice che Haggadh sia tutto quello che non Halah ossia che non assume carattere normativo.
scritta o 9M7AcM
9=2cM

come M7>7VcM
orale poi scritta *I0MAcM pi( $M8*72cM pi( 9M7AcM hh 97>*BD
1norma5 1commento5 come !ADDA)F!
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 15B
%ALA0% %ALA0%
Da una radice vocale ebraica che significa !cammino o via o condotta o norma# ossia le norme
comportamentali di un buon ebreo, la parola Halah indica un insieme di prescrizioni, commenti,
interpretazioni, discussioni, precetti, spiegazioni, norme di comportamento ed etiche, scaturite
dall.applicazione pratica delle prescrizioni della legge scritta, la Torh. la cosiddetta >egge =rale che
fatta risalire a *os, che l.avrebbe ricevuta da Dio stesso sul 0inai, perchC, attraverso una catena ininterrotta,
giungesse fino agli scribi che, al tempo di $es( ne erano i depositari esclusivi.
>a trasmissione era sempre stata fatta oralmente perchC questa tradizione degli antichi 1o degli anziani o dei
padri5 non doveva essere messa per iscritto. *a il timore che l.enorme patrimonio culturale e religioso
andasse distrutto ha spinto a riportarla per iscritto in quella che si chiama la 'ishnh.
Aella vita quotidiana di ogni pio ebreo si presentano situazioni, circostanze e casi riguardo ai quali non si
dice nulla nella >egge scritta. 0i cos? resa necessaria e si andata formando la Halah, che la
concretizzazione,
l.applicazione della Torh alle mille situazioni che la >egge divina non aveva previsto nC poteva prevedere,
con norme per la corretta condotta della comunit ebraica in tutti gli accadimenti della vita.
>. Halah ha permesso agli ebrei di preservare una marcata identit anche se dispersi in culture, religioni e
popoli diversi.
Halah, 'isnh e 9hemarh formano il Talmud che il vero cuore dell'ebraismo- dopo la Eibbia - che
viene sempre letta alla luce del Talmud - il libro pi( studiato dagli 8brei. /on le sue norme 1la Halah5 e
con le sue storie 1la Haggadh5, stata ed una diga contro le influenze estranee alla cultura giudaica, per
mantenere l.identit del popolo ebraico, anche nella diaspora.
scritta o 9M7AcM
9=2cM

come !ALAIF!
orale poi scritta *I0MAcM pi( $M8*72cM pi( 9M7AcM hh 97>*BD
1norma5 1commento5 come M7$$7DcM
Torna all'indice generale
%AMAREZ %AMAREZ
In $iovanni 4,&G scritto- K:a *!esa gene. +-e non +onos+e la Legge. ) maledea%). *a una traduzione
pi( aderente allo spirito dovrebbe allora essere !gentaglia# o !plebaglia#.
>a Eibbia Interconfessionale traduce con !questa maledetta gente del popolo#.
Il termine greco los 1reso in italiano con gente, folla, massa5 riporta al termine ebraico hamare2 che indica
il !popolo della terra#, i popolani, i contadini, i bifolchi, i cafoni.
8ssi, per la loro condizione sociale, nC potevano studiare la >egge, nC potevano osservare le pratiche
religiose; per questo erano visti come causa di tutti i mali dell.umanit.
Il pio ebreo recitava tre volte al giorno questa formula di benedizione- !Eenedetto colui che non mi ha fatto
pagano, nC hamare2, nC donna#. >e donne non potevano che dire- !Eenedetto colui che non mi ha fatto
pagana, nC hamare2 e secondo la sua volont#. 0ottomesse e rassegnateQ
9ra la casta religiosa al potere 1farisei, sacerdoti, scribi5 e il popolo, lasciato nell.indigenza, nella povert e
nell.ignoranza, c.era un abisso- il potere si riteneva in possesso della verit e tutti gli altri erano maledetti.
Il 9almud arriva a prescrivere che !i saggi# non debbano in sposa le loro figlie agli hamare2, per rispettare la
disposizione divina che proibisce l.accoppiamento con un animale 1Deuteronomio :4,:'5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 15F
Torna all'indice generale
IDUMEA IDUMEA
Il territorio corrisponde grossolanamente a quello che si chiamava 8D=* fino alla rivolta dei *7//7E8I,
la dinastia in lotta contro la politica di ellenizzazione della regione da parte dei 08>8B/IDI.
Aella lingua greca (dumes significa il paese di 8dom.
$iovanni Ircano, sommo sacerdote 70*=A8= della famiglia dei *accabei e principe della $iudea, li
assoggett e attu una conversione forzata obbligandoli alla circoncisione.
7ntipatro era un ricchissimo Idumeo, amico di 2oma; suo figlio 8rode il $rande, divenne re di tutta la
"alestina e non solo, come premio per aver appoggiato i 2omani che andavano estendendo la loro influenza
sul *edio =riente.
/on la distruzione di $erusalemme da parte di 9ito nel 4@ d. /., si pose fine ad ogni parvenza di autonomia
della regione, facendo anche scomparire dalla scena gli Idumei.
In *arco +,% alcuni Idumei sono nominati tra le folle che seguono $es(.
Torna all'indice generale
INARIDITO INARIDITO
Inaridito o secco, 1che, nella traduzione /8I dei vangeli, reso anche con i termini paralizzato o paralitico5
indica lo stato di inazione, del singolo o talora dell.intero popolo ebraico, che $es( guarisce liberando dalla
cappa della >egge, infondendo lo 0pirito datore di vita, perchC ci che senza 0pirito vuoto di forze, di
energia, di vita.
/os? era nella visione del profeta 8zechiele 1+4,'3;5- !La mano del 0ignore f! sopra di me e il 0ignore mi
por, f!ori in spirio e mi depose nella pian!ra +-e era piena di ossa# mi fe+e passare a++ano a esse da
ogni pare1 Vidi +-e erano in grandissima *!ani' nella disesa della valle e !e inaridie1 :i disse:
6iglio dell;!omo. poranno *!ese ossa rivivereC31 /o risposi: 0ignore Dio. ! lo sai31 2gli mi repli+,:
Profei""a s! *!ese ossa e ann!n+ia loro: ?<ssa inaridie. !die la parola del 0ignore1 4os8 di+e il 0ignore
Dio a *!ese ossa: 2++o. io fa++io enrare in voi lo spirio e rivivree#.
lo 0pirito che continuamente dona la vita, ridandola a chi stata tolta. /os? nei vangeli-
3 !& Ger!salemme. presso la pora delle Pe+ore. vi ) !na pis+ina. +-iamaa in e$rai+o 7e"a'. +on +in*!e
pori+i. soo i *!ali gia+eva !n grande n!mero di infermi. +ie+-i. "oppi e paralii+i 13ern5# 1$iovanni ;,:3
+5.
3 !2d e++o !n !omo +-e aveva !na mano parali""aa H3eranI1 Per a++!sarlo. domandarono a GesA: N
le+io g!arire in giorno di sa$aoC3# 1*atteo ':,'@5.
3 K/o sono la vie vera e il Padre mio ) l;agri+olore1 <gni ral+io +-e in me non pora fr!o. lo aglia. e ogni
ral+io +-e pora fr!o. lo poa per+-> pori piA fr!o1 Voi siee gi' p!ri. a +a!sa della parola +-e vi -o
ann!n+iao1 =imanee in me e io in voi1 4ome il ral+io non p!, porare fr!o da se sesso se non rimane
nella vie. +os8 nean+-e voi se non rimanee in me1 /o sono la vie. voi i ral+i1 4-i rimane in me. e io in l!i.
pora molo fr!o. per+-> sen"a di me non poee far n!lla1 4-i non rimane in me viene geao via +ome il
ral+io e se++a# poi lo ra++olgono. lo geano nel f!o+o e lo $r!+iano) 1$iovanni ';,'3,5.
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1B0
INCARNAZIONE INCARNAZIONE
!La Parola si ) faa +arne e venne ad a$iare in me""o a noi# scritto in $iovanni ','&.
*a l.Incarnazione non avviene in un istante, al momento della risposta affermativa di *aria alla voce di Dio,
ma un processo che dura tutta la sua vita.
3 !/ome diceva gi 9heilhard de /hardin occorre Ksottrarre la venuta del Oiglio di Dio, l.Incarnazione, al
quadro di una concezione statica del mondo e della vita, in cui stata finora collocata) 12aniero >a 6alle5.
3 >.incarnazione non un evento istantaneo che si esaurisce nella realt umana di $es(, Kma incide in modo
profondo nella storia ed ancora operante nel divenire umano) 1/arlo *olari5.
3 KAon si pu ridurre Dio a un ruolo esclusivamente storico, nC l.Incarnazione a un fenomeno temporale)
12aimundo "aniDDar5.
Il concilio di /alcedonia del &;' condann 8utiche, archimandrita di /ostantinopoli, che asseriva che $es(
aveva qualche cosa di pi( degli altri uomini perchC la realt umana di $es( che, rapportandosi con il 6erbo,
aveva acquistato caratteristiche divine. Dice infatti il testo conciliare- !0eguendo pertanto i santi padri,
insegniamo a tutti concordemente a confessare che un solo e stesso Oiglio, il 0ignore nostro $es( /risto, lo
stesso, perfetto in divinit 1ed ) il Ver$o eernoI e lo stesso perfetto in umanit 1+-e +-iamiamo GesA5, Dio
veramente e uomo veramente, di anima razionale e di corpo, consustanziale al "adre secondo la divinit 1 il
Ver$o eerno5, in tutto simile a noi, fuorchC nel peccato 1nella s!a !mani' +-e +-iamiamo GesA5, generato
dal "adre prima dei secoli secondo la divinit e negli ultimi giorni egli stesso, per noi e per la nostra salvezza
da *aria, la vergine, la madre di Dio 1Aicea nel +:;5, secondo l'umanit. Bno solo, 1+onro Nesorio
ar+ives+ovo di 4osaninopoli. +ondannao 20 anni prima. +-e asseriva +-e in GesA +oesisessero d!e
soggei e +i, avre$$e fao di l!i !n essere sraordinario 5 lo stesso /risto, Oiglio, 0ignore, Bnigenito, in
due nature, senza confusione e mutamento, senza divisione e separazione.
"oichC, non essendo stata eliminata la differenza delle nature, a motivo dell'unione, la differenza resta 1ossia
disin"ione nella differen"a5, ma piuttosto essendo stata salvaguardato ci che proprio di entrambe le nature
1Dio ) rimaso Dio. e lD!omo ) rimaso !omo5 ed essendo confluito in un unico prosopon, in latino
IpersonaI 1la maschera indossata davanti al volto dagli attori a teatro per rappresentare un personaggio. Il
termine indica che $es( svolgeva una missione, una funzione da parte di Dio, e manifestava la perfezione
divina, rivelava Dio5 e in un'unica ipostasis 1ipo3st, ci che sta sotto, soggiace, in latino sub5stantia, in
italiano !sostanza# intesa nel senso che aveva allora, ossia una cosa che soggiace5#.
Dice /arlo *olari che in $es( il gesto umano visibile era la manifestazione della parola divina.
7 questo siamo tutti chiamati, ossia a consentire all.azione di Dio di diventare in noi gesto, parola di
misericordia, di amore- !non sono io a vivere, ma la 6ita che cerca di esprimersi in me; non sono io ad
amare, ma il bene che cerca di diventare amore in me; non sono io a cercare la verit, ma la verit che
cerca in me le modalit per trovare spazio nella mia vita#, dice /arlo *olari.
/i avvenuto pienamente in $es( per la prima volta nella storia dell.umanit, permettendo a noi di seguire
la sua via verso la realizzazione piena che lui, perfettamente e compiutamente, ha gi raggiunto, non avendo
frapposto ostacoli all.azione di Dio in lui, ossia non frapponendo il peccato tra lui e Dio.
9roviamo scritto in >uca'%,'%3'G- !Ln noa$ile lo inerrog,: :aesro $!ono. +-e devo fare per oenere la
via eernaC31 GesA gli rispose: Per+-> mi +-iami $!onoC Ness!no ) $!ono. se non Dio solo#. 8 anche noi
potremmo dire, con l.apostolo "aolo- !Non vivo piA io. ma 4riso vive in me1 2 *!esa via. +-e io vivo nel
+orpo. la vivo nella fede del 6iglio di Dio. +-e mi -a amao e -a +onsegnao se sesso per me# 1$lati :,:@5.
=ssia, l'azione di $es( rivelava Dio al punto da manifestarne l'efficacia, la potenza, nella sua azione, nella
sua parola. scritto nel vangelo di $iovanni- GNon fa++io n!lla da me sesso. ma +ome mi -a insegnao il
Padre. +os8 io parloG 1%,:%5 e GLe parole +-e io vi di+o. non le di+o da me# ma il Padre. +-e rimane in me.
+ompie le s!e opere@ 1'&,'@5.
In $es( ci che sta sotto 1l.ipostasi5 la forza divina, mentre ci che si manifesta la realt umana,
traduzione della forza divina in gesto umano, senza divisione e senza separazione, ma nella totale
distinzione, per cui il gesto, esclusivamente umano, attraversato e sostenuto dalla "arola creatrice.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1B1
Di $es( si vedeva il gesto umano, che era la traduzione della parola di Dio che diventava gesto, parola,
misericordia, amore. chiesto anche noi di metterci in ascolto ed accogliere la 6ita che fluisce da Dio.
2iassumendo-
$es( il 6erbo incarnato- senza confusione, senza mutamento, senza divisione, senza separazione.
0enza mutazione, senza confusione 1contro 8utiche5 perchC il 6erbo resta il 6erbo, l'uomo resta
perfettamente nell.uomo; nell'unione nessuno dei due cambia, ma restano separati e distinti.
$es( non ha nulla di divino, il 6erbo nulla di umano- non c' confusione tra i due.
0enza separazione, senza divisione 1contro Aestorio5 perchC non sono due realt separate che vanno ciascuna
per conto proprio, ma restano unite. 9roppe parole umane per una sola verit.
6edi anche $80i /2I09= e 92IAI9c.
Torna all'indice generale
INFERNO INFERNO
>.inferno non esiste. Ael senso che la parola 1e quindi il concetto5 non reperibile, sia nel 6ecchio che nel
Auovo 9estamento. "er l.ebreo non concepibile l.idea di una punizione eterna e l.esistenza dell.inferno
avrebbe il significato che Dio, non riuscendo a vincerlo, avrebbe, in fondo, fatto diventare eterno il male.
0conosciuta nel mondo ebraico, greco, romano, l'idea di inferno 1come luogo di castigo eterno dopo la morte,
dove va prima l'anima e poi andr anche il corpo, alla fine del mondo5 infatti nata diversi secoli dopo la
morte di $es(.
>a parola non esiste neanche nel IcredoI e la /hiesa di 2oma non ha mai detto di nessuno che sia all'inferno
1mentre di molti dice che sono in paradiso5.
!/ miei pensieri non sono i vosri pensieri. le vosre vie non sono le mie vie# 1Isaia ;;,%5.
0i tratterebbe di una sofferenza eterna, un castigo infinito, una vendetta spietata che il Dio37more impartisce
a chi non ubbidisce alla sua >egge, una pena che non porta a nessun riscatto ed fine a se stessa. 8ppure
coloro che asseriscono quest.assurdit teologica sono gli stessi che dicono che Dio chiede agli uomini di
perdonare sempre 1seana vole see5.
8 proprio quello che $es( ha fatto e noi non riusciamo a fare- !Padre perdona loro per+-> non sanno *!ello
+-e fanno# 1>uca :+,+&5. *a allora, se la punizione eterna esiste, la richiesta di $es( non stata esaudita.
Il teologo cattolico von Ealthasar arriva ad ipotizzare che l.inferno esista, ma vuoto. 0i tratterebbe pertanto
solo di un deterrente escogitato da Dio per spaventare gli uomini perchC si comportino bene. *i sembra una
teoria alquanto bizzarra.
0ono forse gli uomini 1esclusi quelli religiosi5 pi( buoni di Dio, non accettando pi( la pena di morte o che
una pena che sia per sempreJ 0emplicemente impossibileQ
Aella nostra civilt giuridica, per ogni colpa c' una pena proporzionata, purchC serva per la rieducazione e il
recupero di chi ha sbagliato.
Aoi non amiamo i fondamentalismi e li lasciamo a certe /hiese americane 1o nostrane5.
I brani dei vangeli in cui qualcuno suppone che ci siano elementi per asserire la realt dell.inferno, sotto la
scure della moderna esegesi, sono tutti crollati.
2imane invece intatta la volont di un Dio 0alvatore, il Dio "adre che si manifestato in $es( e riportata in
almeno tre brani tratti dai vangeli-
3 !Dio. nosro salvaore. il *!ale v!ole +-e !i gli !omini siano salvai# 1'9imoteo :,+3&5.
3 !4riso GesA ) moro. an"i ) risoro. sa alla desra di Dio e iner+ede per noi%# 12omani %,+&5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1B2
3 !Dio non -a mandao il 6iglio nel mondo per +ondannare il mondo. ma per+-> il mondo sia salvao per
me""o di l!i# 1$iovanni +,'45.
Il nostro Dio non il giustiziere caro al Eattista, ma il "adre di $es( e "adre nostro. *a per qualcuno il
/atechismo pi( importante del 6angelo, ma solo per mantenere il potere sulle persone e sulle coscienze.
"enso invece che andare all.inferno non significhi essere messi arrosto da qualche parte per sempre, ma
l.aver fallito il bersaglio della propria vita, non aver raggiunto lo scopo di vivere per sempre nell.amore, di
aver scelto di rifiutare l'amore e la vita e di cercare l'odio e la morte. >'inferno infatti esiste davvero ed la
possibilit di perdere Dio con un atto libero che lo respinge, respingendo l'7more.
Diceva =scar Nilde !>.inferno e il paradiso sono tutti e due dentro di noi#.
Il vero pericolo per, non andare all.inferno, ma vivere nell.inferno- infatti senza l'amore il nostro cuore
diventa veramente un inferno. 0ia ben chiaro- quest.inferno non lo crea Dio, ma lo fa la libert umana e Dio
ne prende atto con infinito rammarico, ma anche con infinito rispetto della nostra libert.
0crive Oernando 7rmellini- !>'inferno esiste, ma non un luogo creato da Dio per punire, al termine della
vita, chi si sar comportato male. una condizione di infelicit e disperazione creata dal peccato.
Dall'inferno del peccato per possibile uscire- si viene liberati da /risto e dal suo giudizio di salvezza#.
8d aggiunge $iovanni 6annucci- !Dov' l'infernoJ in noi. In ognuno di noi ci sono gli inferi, e negli inferi
ci sono i demoni, e i demoni non vengono dal di fuori, vengono da noi, sono una parte importante del nostro
essere, sono l'ombra del nostro essere#.
0iamo nell.inferno, e la nostra vita biologica diventa un fallimento, se non accogliamo il dono d'amore che
riceviamo continuamente, in ogni istante della nostra vita, da Dio.
0econdo alcuni esegeti, l.inferno allora il nulla della persona, quando non si saputo conservare l.offerta
della vita che ci stata consegnata, a causa delle nostre scelte sbagliate.
>a !vita# si va allora atrofizzando fino ad annullarsi, per il rifiuto, ostinato e cosciente, della proposta di vita
piena che $es( fa, portando cos? alla ?morte seconda@, la fine dell.esistenza#.
$es( parla della !$eCnna di fuoco# come l.immagine della distruzione della persona per il rifiuto ostinato e
cosciente della proposta di vita piena che continuamente fa.
8ssendo liberi, siamo pienamente responsabili delle nostre azioni, come dice, con efficacia, 0ilvio "iersanti-
!Aon c. nC inferno nC paradiso. Aon ci sono nC premi nC punizioni- ci sono solo conseguenze#. 9utte le
azioni, materiali o spirituali, non sono mai senza conseguenze, positive o negative.
6edi anche $8dAA7.
Torna all'indice generale
INIZIO INIZIO
>a parola !inizio# nel primo versetto del vangelo di *arco- !/ni"io del vangelo di GesA 4riso. figlio di
Dio#. la trasposizione della parola greca arh o dell.ebraico beresh8t, traducibile, pi( appropriatamente,
con il termine !principio# di $enesi',' 1/n prin+ipio Dio +re, il +ielo e la erra5 e di $iovanni ',' 1/n
prin+ipio era il Ver$o5.
Torna all'indice generale
INSEGNAMENTO INSEGNAMENTO
IAon una semplice informazione; si tratta di comunicare un sapere che il discepolo deve applicare alla
propria vita e condottaI 1Luan *ateos5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1B3
Torna all'indice generale
INSEGNARE / AMMAESTRARE INSEGNARE / AMMAESTRARE
Il verbo greco didso, si traduce con insegnare o anche istruire, ammaestrare.
6erbo tecnico usato per $es( quando si rivolge agli ebrei, usando categorie veterotestamentarie che ritiene
pi( adatte a insegnare la novit del 6angelo del 2egno. I suoi discepoli, non avendo assimilato il messaggio
di $es( e persistendo nella loro visione di un nazionalismo religioso di restaurazione del regno di Davide,
bene che non insegnino.
In $iovanni ,,&; insegnare il compito di Dio- !0a s+rio nei profei: 2 !i saranno isr!ii da Dio1
4-i!n*!e -a as+olao il Padre e -a imparao da l!i. viene a me#.
Huello che Dio insegna, noi lo impariamo da $es(.
In $iovanni '&,:, lo 0pirito che insegna- !:a il Par'+lio. lo 0pirio 0ano +-e il Padre mander' nel mio
nome. l!i vi insegner' ogni +osa e vi ri+order' !o +i, +-e io vi -o deo#. >o 0pirito insegna, facendo
ricordare le parole di $es(.
$es( stesso insegna sotto il portico di 0alomone nel 9empio di $erusalemme- !0al8 al empio e +omin+i, da
insegnare@ 1$iovanni 4,'&5 e- !Pron!n+i, *!ese parole nel l!ogo del esoro. menre insegnava nel empio@
1$iovanni %,:@5.
$li evangelisti ci ricordano che $es( frequentava la sinagoga per insegnare e non si dice mai che seguisse le
funzioni liturgiche-
3 !GesA disse *!ese +ose. insegnando nella sinagoga a 4af'rnao# 1$iovanni ,,;G5. I $iudei non la
prendono bene e, in attesa di tempi migliori, lo lasciano andare- !GesA pron!n+i, *!ese parole nel l!ogo del
esoro. menre insegnava nel empio1 2 ness!no lo arres,. per+-> non era an+ora ven!a la s!a ora#
1$iovanni %,:@5.
3 IGesA per+orreva !a la Galilea. e ammaesrava nelle loro sinagog-e e ann!n+iando il Vangelo del
=egno e g!arendo ogni sora di malaie e di infermi' nel popoloI 1*atteo &,:+5.
3 !GesA riorn, in Galilea +on la poen"a dello 0pirio 0ano e la s!a fama si diff!se in !a la regione1
/nsegnava nelle loro sinagog-e e !i ne fa+evano grandi lodi# 1>uca &,'&3';5.
3 !Poi s+ese a 4af'rnao. +i' della Galilea. e in giorno di sa$ao insegnava alla gene# 1>uca &,+'5.
>.insegnamento rivolto alla gente che lo seguiva-
3 !Poi dis+ese a 4af'rnao. !na +i' della Galilea. e al sa$ao ammaesrava la gene# 1>uca &,+'5.
3 !Ln giorno. menre. levao in piedi. sava presso il lago di Gen)sare e la folla gli fa+eva ressa inorno per
as+olare la parola di Dio. vide d!e $ar+-e ormeggiae alla sponda1 / pes+aori erano s+esi e lavavano le
rei1 0al8 in !na $ar+a. +-e era di 0imone. e lo preg, di s+osarsi !n po+o da erra1 0ed!osi. si mise ad
ammaesrare le folle dalla $ar+a# 1>uca ;,'3+5.
3 !GesA per+orreva i villaggi d;inorno. insegnando# 1*arco ,,,5.
3 !Pario di l'. si re+, nel erriorio della Gi!dea e al di l' del fi!me Giordano1 La folla a++orse di n!ovo a
l!i e di n!ovo egli insegnava loro. +ome era solio fare# 1*arco '@,'5.
*a si rivolge anche ai discepoli- 3 !Vedendo le folle. GesA sal8 s!l mone: si pose a sedere e si avvi+inarono
a l!i i s!oi dis+epoli1 0i mise a parlare e insegnava loro di+endo: 7eai i poveri in spirio. per+-> di essi ) il
regno dei +ieli# 1*atteo ;,'3+5.
3 !0al8 in !na $ar+a. +-e era di 0imone. e lo preg, di s+osarsi !n po+o da erra1 0edee e insegnava alle
folle dalla $ar+a# 1>uca ;,+5.
3 !2 +omin+i, a insegnare loro +-e il figlio dellDLomo doveva soffrire molo. ed essere rifi!ao dagli
an"iani. dai +api dei sa+erdoi e dagli s+ri$i. poi venire !++iso e. dopo re giorni. risorgere# 1*arco %,+'5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1B4
*a ai discepoli insegner anche lo 0pirito 0anto, che ricorder loro le parole di $es(-
3 !:a il Par'+lio. lo 0pirio 0ano +-e il Padre mander' nel mio nome. l!i vi insegner' ogni +osa e vi
ri+order' !o +i, +-e io vi -o deo# 1$iovanni '&,:,5.
/ome detto, i discepoli non debbono insegnare, ma lo fanno ugualmente e $es( costretto a riprenderli
1questo vogliono dire gli e evangelisti quando dicono !in dispare#5 com. scritto in *arco ,,+@3+:- !Gli
aposoli si ri!nirono aorno a GesA e gli riferirono !o *!ello +-e avevano fao e *!ello +-e avevano
insegnao1 2d egli disse loro: Venie in dispare. voi soli. in !n l!ogo desero. e riposaevi !n po;31 2rano
infai moli *!elli +-e andavano e venivano e non avevano nean+-e il empo di mangiare1 &llora andarono
+on la $ar+a verso !n l!ogo desero. in dispare#.
6err il loro tempo, quando si faranno guidare dal 0ignore, presente in mezzo a loro- !GesA si avvi+in, e
disse loro: & me ) sao dao ogni poere in +ielo e s!lla erra1 &ndae d!n*!e e fae dis+epoli !i i popoli.
$ae""andoli nel nome del Padre e del 6iglio e dello 0pirio 0ano. insegnando loro a osservare !o +i, +-e
vi -o +omandao1 2d e++o. io sono +on voi !i i giorni. fino alla fine del mondo3# 1*atteo :%,'%3:@5.
6edi anche "28DI/728, 7AABA/I728 e "2=/>7*728.
Torna all'indice generale
INVIARE INVIARE
il verbo greco apostllo significa mandare qualcuno con uno scopo, una missione- Dio manda $es(, che
manda i discepoli.
In >uca ',:,3:4 scritto- !&l seso mese. l;angelo Ga$riele f! mandao da Dio in !na +i' della Galilea.
+-iamaa N'"are. a !na vergine. promessa sposa di !n !omo della +asa di Davide. di nome Gi!seppe1 La
vergine si +-iamava :aria#.
In *arco ',: Dio manda un messaggero davanti a $es(- !4ome ) s+rio nel profea /saia: 2++o. io mando
HapostlloI il mio messaggero 1angelonI davani a e: egli i preparer' la via#.
In *atteo :&,+'- K2d egli mander' gli angeli Hapostolei tous angelousI e rad!ner' i s!oi elei dai *!aro
veni. dall;esremi' della erra fino all;esremi' del +ielo#.
Ael vangelo di *arco ci sono esempi di come apostllo abbia un significato aspecifico; infatti usato in ',:
per il Eattista- !2++o innan"i a e mando Hapostllo. invioI il mio messaggero Hnghelos. angeloI@ e in G,+4
per $es(- ?4-i a++oglie me. non a++oglie me. ma +ol!i +-e mi -a mandao HapostlloI#.
In ,,:4 si usa questo verbo parlando di 8rode- !0A$io il re mand, HaposteilasI !na g!ardia +on l;ordine +-e
gli fosse poraa la esa di Giovanni#.
In *arco ,,4 $es( manda i dodici- !&llora +-iama a s> i dodi+i HdodecaI. ed in+omin+i, a mandarli
HapostelleinI a d!e a d!e e diede loro poere s!gli spirii imp!ri@. mentre, al versetto '&,'+, $es( manda
tutti i discepoli- ?&llora mand, HapostoleiI d!e s!oi dis+epoli di+endo loro: &ndae in +i' e in+onreree
!n !omo +on !na $ro++a d;a+*!a# seg!8elo#.
In *arco +,'+3'G si parla della costituzione del nucleo ristretto di discepoli- !Ne +osi!8 dodi+i. +-e
+-iam, aposoli. per+-> sessero +on l!i e per mandarli a predi+are +on il poere di s+a++iare i dem,ni#.
Aella versione /8I !Dodici# e !7postoli# sono scritti con l.iniziale maiuscola, per mostrare la supposta
supremazia di questi inviati rispetto a tutti gli altri inviati. Inoltre occorre rilevare che la frase- !Ne +osi!8
dodi+i +-e +-iam, aposoli#, 1hous ai apostolous onomasen5 presente solo in alcuni codici.
$li apostoli sono gli inviati e gli inviati sono apostoli. /os? come gli angeli sono messaggeri e i messaggeri
sono angeli. In ultima analisi angeli e apostoli sono termini equivalenti- infatti nel vangelo di $iovanni si
legge 1:@,'%5 che *aria di *gdala inviata da $es( a portare l.annunzio 1aggelon5 ai discepoli l.annunzio
cristiano della morte e resurrezione di $es(, il erigma pasquale. "er questo la *addalena, per la /hiesa
primitiva, l.apostola. *a il termine apostolo applicato al genere femminile, sgradito al nascente clero e
presto viene fatto sparire.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1B5
Ael vangelo di $iovanni non esiste la parola !apostolo o apostoli# e tra quelli elencati nei vangeli sinottici, e
si parla sempre e solo di !inviati#. >a /hiesa giovannea, ossia la /hiesa del servizio, si presenta in aperto
contrasto con coloro che accampavano, gi da s(bito, pretese di potere e diritti di successione, e $iovanni,
nell.ultima cena, non parla dell.istituzione della 8ucarestia, riporta invece la lavanda dei piedi.
Ael vangelo di $iovanni, durante la cena, $es( serve ed invita i suoi discepoli a servire 1 diaono5- si parla
pertanto del diaconato e non del sacerdozio, come asserisce qualcuno.
6edi anche 7"=09=>=, 7A$8>=.
Torna all'indice generale
IO SONO IO SONO
!:os) disse a Dio: 2++o. io vado dagli /sraelii e di+o loro: ?/l Dio dei vosri padri mi -a mandao a voi@1
:i diranno: ?9!al ) il s!o nomeC@1 2 io +-e +osa risponder, loroC31 Dio disse a :os): /o sono +ol!i +-e
sono%31 2 aggi!nse: 4os8 dirai agli /sraelii: ?/oE0ono mi -a mandao a voi@31 Dio disse an+ora a :os):
Dirai agli /sraelii: ?/l 0ignore. Dio dei vosri padri. Dio di &$ramo. Dio di /sa++o. Dio di Gia+o$$e. mi -a
mandao a voi@1 9!eso ) il mio nome per sempre# *!eso ) il iolo +on +!i sar, ri+ordao di genera"ione in
genera"ione # 18sodo +,'+3';5. Il senso sarebbe- Io sono vicino agli oppressi. Huesto non il nome di Dio
ma un'attivit che lo rende riconoscibile per il suo concreto agire a favore dei diseredati.
K0econdo le due interpretazioni pi( diffuse, questa autopresentazione di Dio il rifiuto di consegnare il
proprio nome 1KIo sono quello che sono), ossia !la cosa non ti riguarda#5 o l.attestato e la promessa di
presenza 1KIo ci sono), dove l.esserci non l.esistere in senso assoluto ma l.essere vicino a qualcuno5. >e
due interpretazioni non sono incompatibili- potremmo congiungerle nella bella formula- !Io non ti do il mio
nome ma ti do la mia parola# 17rmando 2osso5.
Aella lingua ebraica non esiste il concetto di !essere# ma solo quello concreto di !esserci#, per cui !Io 0ono#
stato tradotto in modi molto diversi, nessuno completamente esatto- b/o sono +ol!i +-e );; b/o sono +ol!i
+-e sar,;; Q/o +i sono;; b/o sar, +on e;; b/o ero. sono e sar, +ol!i +-e ero.; b/o sono e sar, +on voi..
*oni =vadia lo declina al futuro- K/o sono +ol!i +-e sar').
il concetto di $es( in *atteo :%.:@- K2d e++o. io sono +on voi !i i giorni. fino alla fine del mondo). !Io
ci sono#, sono con voi sempre, dice $es(.
!Io 0ono# un termine che $es( usa in terza persona, per autodefinirsi. *a l.evangelista $iovanni la mette
in bocca anche al cieco dalla nascita che, guarito e rimodellato a immagine e somiglianza del Dio, il cui volto
$es( gli ha fatto conoscere, sotto l.azione dello 0pirito, pu dire- Io 0ono.
$es( rivendica, per sC 1e per noi5, la condizione divina. In pratica $es( dice !Io 0ono Dio#.
Il senso lo stesso in $iovanni '&,G !4-i -a viso me -a viso il Padre# e in '&,''- !4redee a me: /o 0ono
nel Padre e il Padre ) in me# oppure !/o e il Padre siamo !no# di $iovanni '@,+@.
7l Eattista, che riporta le parole del profeta Isaia, l.evangelista 1$iovanni ',:+5, per non fargli dire !Io
0ono#, scrive- KIo, vo+e di !no +-e grida nel desero- =endee diria la via del 0ignore) e non !/o sono
vo+e#, come riportato nella traduzione /8I.
Aell.7pocalisse, $iovanni lo definisce in un modo stupendo, K/o sono +ol!i +-e era. +-e ). +-e viene ) 1',&5,
dice che !viene# e non che !sar#.
!Ael nostro futuro c. il venire continuo di Dio, e aprirci al futuro vuol dire aprirci costantemente alla sua
venuta. >.espressione allude all'unit di passato3presente3futuro# in Dio 10alvatore Origerio5.
Ael 6angelo di $iovanni si contrappongono !Io 0ono# di $es( e !Aon 0ono# del Eattista 1',:'5 ai
rappresentanti della casta sacerdotale venuta da $erusalemme ad inquisirlo 1&llora gli +-iesero: K4-i sei.
d!n*!eC 0ei ! 2liaC31 Non 0ono3. disse1 0ei ! il profeaC31 No3. rispose5 e quello di "ietro 1'%,'45 che
nega di conoscere $es( davanti alla servetta che lo aveva riconosciuto 12 la giovane porinaia disse a
Piero: Non sei an+-e ! !no dei dis+epoli di *!es;!omoC31 2gli rispose: Non 0ono35.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1B6
*a la traduzione /8I dice !Aon lo sono#, tradendo il testo greco ed il suo significato profondo.
7ltre volte l.espressione, in bocca a $es(, seguita dal complemento di specificazione- il pane della vita, la
luce del mondo, la porta, la resurrezione e la vita, la via la verit la vita, il buon pastore, la vera vite, la vera
luce, il pane vero.
Torna all'indice generale
IOTA IOTA
Il termine greco iota 1corrispondente alla nostra !i#, si rappresenta infatti con un piccolo segno grafico, ed
traducibile anche con !apice# o con !trattino#5, lo si trova in *atteo ;,'%- !/n veri' io vi di+o: fin+-> non
siano passai il +ielo e la erra. non passer' !n solo ioa o !n solo raino della Legge. sen"a +-e !o sia
avven!o#. *entre >uca 1',,'45 dice- !N piA fa+ile +-e a$$iano fine il +ielo e la erra. an"i+-> +ada !n solo
raino della Legge#.
In ebraico la pi( piccola consonante dell'alfabeto la decima lettera, #od, un trattino nero, talora omesso, un
piccolo segno posto a distinzione tra due lettere simili.
*a questa consonante ebraica l'iniziale del tetragramma divino, che noi chiamiamo, per convenzione
JahK, ma anche di (sral, di Kerushal#im. 1$erusalemme5, di Kehud. 1la trib( di $iuda5.
=ssia essa, in una lingua le cui le consonanti hanno tutte un significato altamente simbolico, racchiude il
senso dello stesso Israele.
6edi anche 92799IA=.
Torna all'indice generale
ISAIA ISAIA
In ebraico Kesha#ah significa !il 0ignore libera o salva#.
Il profeta, vissuto tra la seconda met dell.%Y secolo e la prima del 4Y a. /., viene indicato come l.autore del
libro che porta il suo nome, ma certo che gli autori di questo scritto sono diversi, vissuti in secoli diversi,
cos? come molto diversificato il contenuto del testo. 0e ne possono distinguere almeno tre parti con i primi
+G capitoli che parlano dell.ascesa della potenza assira che conquista $erusalemme e ne deporta gli abitanti,
ai tempi del profeta. >a seconda parte, capp. &@3;;, si occupa dei deportati a Eabilonia a seguito delle
conquiste babilonesi. >a terza parla degli avvenimenti post3esilici seguiti alla vittoria sui babilonesi ad opera
di /iro, re dei persiani. 7lle parole di Isaia fanno spesso riferimento i vangeli sia per la gran mole di brani
messianici, sia per gli scritti sul !0ervo 0offerente del 0ignore# nei capp. dal &: al ;+ con apparenti
riferimenti al racconto della passione.
$es( stesso, nella sinagoga di /afarnao 1>uca &,',3:'5, dice che di >ui parlava il profeta 1Isaia ,','3:5 come
il *essia. *a nella citazione che l.evangelista fa, manca la seconda parte del versetto :, dove si parla del
?giorno di vendea del nosro Dio#, immagine che $es( non accetta che venga messa in bocca al "adre.
In >uca +,&3, il brano di Isaia &@,+3; citato per mostrare come il Eattista sia il precursore del *essia,
riconosciuto nella persona di $es(. >o stesso in *arco ',: e in $iovanni ',:+.
In *atteo ',:+ citato Isaia 4,'& per presentare la nascita di $es( da *aria 6ergine.
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1B5
ISRAELE ISRAELE
1) $iacobbe 1il nome significa !aggrapparsi al tallone# del fratello primogenito 8sa(, oppure !appoggiato
alla menzogna#5 ma, dopo la lotta con l'angelo di Dio 1viene chiaramente usato il termine angelo per non
nominare la divinit5 al torrente IabboD, $iacobbe viene chiamato Israele 1!colui che lotta con Dio# oppure
!appoggiato a Dio#5. per questo che i dodici figli di $iacobbe e i loro discendenti formano quello che
chiamato !popolo o figli di Israele#.
2) >o stato di Israele la repubblica nata nel 'G&% alla fine del mandato britannico sulla "alestina, posta tra
>ibano, $iordania, 0iria ed 8gitto, sulla sponda orientale del mediterraneo, un territorio che poco pi(
esteso del >azio.
3) 2egno di Israele era il 2egno del Aord nato nel G+' a./. dopo la scissione dal 2egno di $iuda o del 0ud,
alla salita al trono di 2oboamo, figlio di 0alomone. Il regno d.Israele finisce con =sia, sconfitto dal re assiro
0almanassar che, dopo aver deportato gli ebrei, sostitu? la popolazione ebrea con coloni provenienti da altri
territori del suo regno.
4) >o stato di Israele la repubblica nata nel 'G&% alla fine del mandato britannico sulla "alestina, posta tra
>ibano, $iordania, 0iria ed 8gitto, sulla sponda orientale del mediterraneo.
Torna all'indice generale
ISRAELITI ISRAELITI
"u indicare sia di figli di Israele, ossia i discendenti di $iacobbe3Israele, sia gli abitanti del 2egno d'Israele
o 2egno del Aord, ma anche come sinonimo di 8breo o anche di $iudeo.
In $iovanni ',&4 si parla di Aatanaele come di ILn /sraelia in +!i non +D) falsi'I.
Torna all'indice generale
ISRAELIANI ISRAELIANI
0ono gli abitanti del moderno stato di Israele.
Torna all'indice generale
ISSOPO ISSOPO
>.issopo 1H#ssopus o%%icinalis 5 un arbusto aromatico che cresce spontaneamente nel bacino del
*editerraneo, lungo i muri, dall.aspetto molto simile alla maggiorana e all'origano.
6iene usato nella Eibbia nei riti di purificazione, come canta il 0almo ;',G- !&spergimi +on rami d;issopo e
sar, p!ro# lavami e sar, piA $ian+o della neve#.
Ael libro dell'8sodo 1':,45 scritto che si deve intingere un ramo d.issopo nel sangue dell'agnello pasquale
per segnare gli stipiti delle porte, perchC siano risparmiati i primogeniti ebrei quando l.angelo sterminatore
scender per uccidere tutti i primogeniti dell.8gitto.
Ael vangelo di $iovanni 'G,:G si parla di una spugna intrisa d.aceto e posta su un rametto d.issopo per darla
a $es( agonizzante sulla croce 1Vi era l8 !n vaso pieno di a+eo# posero per+i, !na sp!gna. im$ev!a di
a+eo. in +ima a !n issopo e gliela a++osarono alla $o++a5. >.evangelista vuol collegare la morte di $es( al
giorno della vigilia di "asqua dell.8sodo, all.agnello pasquale, la cui carne d la forza per affrontare l.esodo
verso la libert e il cui sangue, intinto nell.issopo, evita la morte dei primogeniti ebrei. Bn altro collegamento
che vuol fare $iovanni 1'G,++5 sta nel fatto che a $es(, gi morto, non furono spezzate le gambe 1Ven!i
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1BB
per, da GesA. vedendo +-e era gi' moro. non gli spe""arono le gam$e5, come all.agnello pasquale cui, dice
il 0ignore- !non ne spe""eree al+!n osso# 18sodo ':,&,5.
>a traduzione /8I di $iovanni 'G,:G non parla di !issopo# ma di !canna# 1 infatti impossibile,
materialmente impossibile, mettere una spugna intrisa di aceto su un rametto d.issopo5 sostituendo alla
parola greca h#ssopoi 1issopo5 il termine h#ssoi 1canna o giavellotto5, ignorandone il senso simbolico e il
profondo significato teologico.
Torna all'indice generale
1%2% 1%2%
il tetragramma sacro che indica il nome impronunciabile del Dio di Israele 1impronunciabile perchC
inconoscibile5 e che non veniva mai pronunciato, se non dal 0ommo 0acerdote in carica, una volta l'anno, nel
giorno dello eom Vippur, quando, da solo, entrava nel 0anto dei 0anti, alla presenza della gloria di Dio.
/on la morte dell.ultimo 0ommo 0acerdote il nome non fu pi( pronunciato e non si conosce come
effettivamente si pronunci.
7l suo posto, quando si trova scritto il tetragramma, si pu pronunciare il nome Adonai.
In italiano pronunziato di solito, pi( o meno giustamente, con Jah$ 1oppure $eova per i suoi !testimoni#5
ed tradotto con !0ignore#, in greco 7#rios.
$es( ci ha mostrato Dio cos? com' veramente, perchC il vero volto di Dio $es(- per i cristiani Dio
uguale a $es(, e non il contrario, perchC senza $es( non potremmo conoscere nulla di Dio, com. scritto in
$iovanni ','%. Da allora il nome di Dio , per noi, quello di "adre.
Torna all'indice generale
LAGO LAGO di di GENN$SARET GENN$SARET
Il mare di $alilea 1che in effetti un lago5 in >uca ;,' cos? chiamato 1limn5- !:enre la folla gli fa+eva
ressa aorno per as+olare la parola di Dio. GesA. sando presso il lago di Genn)sare#.
Torna all'indice generale
LAICO LAICO
Dal greco los, popolo, da cui, in senso lato, !il popolo di Dio#.
In senso generico e allargato, il concetto comprende non credenti, atei, agnostici e molto di pi(.
"er il cristianesimo si intende il credente battezzato che non appartiene ad un ordine religioso e che non fa
parte del clero; non un prete, ma !sacerdote# perchC, secondo la dottrina del /oncilio 6aticano II, il
battesimo la consacrazione sacerdotale del popolo santo di Dio; un sacerdozio esercitato con ministeri
diversi secondo il proprio ruolo nell.esistenza quotidiana.
quella porzione del "opolo di Dio che, consapevolmente, vivendo la vita teologale, nell'ambito profano
specifico 1famiglia, lavoro, sindacato, politica ecc5, assume il compito di svolgere la Imissione del cristianoI
nel suo campo specifico, in piena autonomia- questa la missione ecclesiale in ambito secolare.
IAon un caso che da un punto di vista storico culturale la dimensione laica dell'esistenza sia nata all'interno
della societ cristianaI, ci ricorda 8rnesto Ealducci, perchC il cristianesimo nato senza templi, senza
sacerdoti, senza sacrifici e senza liturgie, tant' che i primi cristiani erano considerati atei dai pagani.
*a da /ostantino in poi la categoria del !sacro# entrata a far parte a pieno titolo della !religione# cristiana,
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1BF
che per rischia di rimanere esclusa dalla !fede# in $es( e nel "adre- KDio ) spirio. e *!elli +-e lo adorano
devono adorare in spirio e veri') 1$iovanni &, :&5.
Infatti !Dio non distingue tra sacro e profano, non discrimina tra puro ed impuro, non si veste da prete, non
abita nei templi e nei santuari ma nello spirito e nella verit, non sbraita dai pulpiti ma parla nel sussurro di
un vento leggero# 12aniero >a 6alle5. 8 !Aon c. contraddizione tra fedelt alla chiesa 1alla /hiesa, alle
chiese5 e attaccamento all.istanza della laicit# 18nzo Eianchi5.
>a gerarchia chiede ai laici una fede adulta 1e non si pu che essere d.accordo5 e poi li vuole anche docili e
ubbidienti, e, se questo perfettamente comprensibile da quel punto di vista, non si pu non dissentire da
tutti gli altri perchC nella richiesta c. insita un.evidente irrazionalit, una insuperabile contraddizione per
una persona che ha cercato il !cibo solido# nel 6angelo per formarsi una retta coscienza ed quindi in grado
di giudicare da sola.
>a /hiesa gerarchica 1che per secoli e secoli ha ostacolato i laici che volessero studiare la Eibbia e il 6angelo
e nella liturgia ha parlato solo in latino, che nessuno capiva5 deve perci convertirsi alla laicit del suo
fondatore, un difensore dell.umanit contro lo strapotere della societ sacralizzata, che l.ha rifiutato,
combattuto e assassinato in nome di Dio.
Aon possiamo infatti dimenticare che per volont di "io S 1che, beato lui, stato dichiarato beato5 era stata
messa all.indice la stessa parola di Dio, e certi suoi seguaci, cancro del cristianesimo, sono ancora in mezzo a
noi ad avvelenare la cristianit.
Torna all'indice generale
LAPIDARE LAPIDARE
>a lapidazione era una modalit di condanna a morte comune nella societ teocratica che vigeva
nell.ebraismo al tempo di $es(- un vero assassinio in nome di Dio. In verit, Dio aveva parlato chiaro- !Non
!++iderai# 18sodo :@,'+5, ma poi la >egge di *os prevedeva un.infinit di eccezioni, e la lapidazione era
una prassi molto praticata.
!>a lapidazione una forma di assassinio collettivo del quale nessuno si sente responsabile. 8sige
l.unanimit della folla- tutti collaborano e sfogano la loro aggressivit contro il trasgressore, per lo pi(
presunto, che rappresenta ci che tutti travaglia e che si vuol levare di mezzo# 1F5 !>a violenza, gi!sifi+aa
dal consenso, una volta scatenata, deve comunque scaricarsi su qualcuno# 10ilvano Oausti5.
>.evangelista $iovanni parla di tre tentativi di lapidazione, tutti tentati dentro al 9empio di $erusalemme, e
$es( chiamato in causa, direttamente o indirettamente, nei tre episodi-
'5 K:os). nella Legge. +i -a +omandao di lapidare donne +ome *!esa1 (! +-e ne di+iC) 1%,;5. >.adulterio
che avveniva prima che i coniugi andassero a vivere insieme, era punito con la lapidazione, mentre, se
avveniva dopo, prevedeva la morte per soffocazione. >a colpevole, con le mani legate, era gettata all'indietro
in una buca, e i testimoni stessi scagliavano la prima pietra, di solito molto pesante, seguita dal lancio di altre
pietre da parte di tutti i presenti.
>e altre due volte il tentativo di lapidazione contro $es( stesso, un insopportabile bestemmiatore-
:5 !&llora 1i $iudei5 ra++olsero delle piere per gearle +onro di l!i# ma GesA si nas+ose e !s+8 dal empio#
1%,;G5;
+5 !Di n!ovo i Gi!dei ra++olsero delle piere per lapidarlo1 GesA disse loro: Vi -o fao vedere mole opere
$!one da pare del Padre: per *!ale di esse volee lapidarmiC31 Gli risposero i Gi!dei: Non i lapidiamo
per !n;opera $!ona. ma per !na $esemmia: per+-> !. +-e sei !omo. i fai Dio3# 1'@,+'3++5.
>a sorte cui $es( scampato, toccher invece, in nome di Dio e con la complicit di "aolo di 9arso, ad un
altro bestemmiatore, 0tefano, il primo martire.
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1F0
LAZZARO LAZZARO
>azzaro l.abbreviazione di 8leazaro, 8l37zar, che significa !Dio aiuta#.
0ono due i personaggi evangelici con questo nome-
'5 Il povero della parabola del ricco epulone di >uca ',,'G3+' l'unico protagonista di una parabola che
abbia il nome proprio, ignorato dal ricco che, la sua colpa, neanche si accorge di lui. "er l.evangelista la
ricchezza non segno della benevolenza di Dio, e anzi Dio ama i poveri.
:5 Il fratello di *arta e *aria di Eetania, l.amico che $es( amava, il personaggio del racconto dei capitoli
'' e ': di $iovanni.
Torna all'indice generale
LEBBRA LEBBRA
"i( che una malattia, la lebbra era considerata una maledizione, il giusto castigo di Dio, che cos? puniva il
peccatore, per particolari gravissimi peccati.
8rano allora chiamate lebbra molte affezioni cutanee, specie alcune macchie della pelle, anche transitorie,
guaribili. >a loro avvenuta guarigione doveva pertanto essere constatata dai sacerdoti nel 9empio, a
pagamento 1*atteo %,&. *arco ',&&. >uca ;,'&5.
8sisteva anche, si credeva, una lebbra dei tessuti, del cuoio e perfino delle mura di casa.
*a la lebbra, quella vera, era, per la religione ebraica, inguaribile, perchC solo Dio avrebbe potuto salvare un
lebbroso, liberarlo e purificarlo. *a, essendo essi impuri, non potevano rivolgersi a Dio perchC era
irrimediabilmente rotta ogni comunicazione con il divino.
Aell.7ntico 9estamento si narra di due soli lebbrosi guariti da Dio- *iriam 1Aumeri':5 punita con la lebbra
per aver criticato il fratello *os, reo di aver sposato un.etiope 1in effetti era una donna non ebrea di colore5
e Aaamn, il generale siriano guarito, per intercessione del profeta 8liseo, che si era per categoricamente
rifiutato di incontrarlo 1cfr. >uca &,:45.
Il 9almud riporta, parlando a proposito delle malattie mandate da Dio come punizione per i peccati,
un.invocazione- IEenedetto sia Dio, il giudice giustoI, da recitare quando si incontravano lebbrosi, ciechi,
paralitici e zoppi. Huesta mentalit blasfema non ancora del tutto scomparsa.
Torna all'indice generale
LEBBROSO LEBBROSO
>.emarginazione civile e religiosa era assoluta- uno scomunicato, espulso dall.accampamento, che al tempo
della vita nomade era destinato a morte certa. 7l tempo di $es( il lebbroso doveva vivere fuori dalle citt e
dai villaggi, lontano da tutti, non poteva avvicinare nessuno nC essere avvicinato, doveva indossare vesti
strappate, e, alla vista di qualcuno, doveva gridare la sua impurit, dicendo- !immondo, immondo# perchC la
sua impurit, non la malattia, era ritenuta contagiosa.
0e veniva trovato dentro le mura di $erusalemme, riceveva +G frustate; se colto nel 9empio doveva essere
immediatamente ucciso.
Aei vangeli sono simbolo dell'emarginazione sociale e religiosa causata dalla >egge, figura di tutte le
persone che la religione emargina perchC IDio lo vuoleI.
*a $es( non solo non li sfugge, ma si fa avvicinare e addirittura li tocca 1*atteo %,:3&; *arco ',&@3&+;
>uca ;,':3'&5- allora non solo $es( non diventa impuro, ma rende immediatamente puro il lebbroso.
I lebbrosi del vangelo sono personaggi anonimi rappresentativi, figura delle persone emarginate dalla
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1F1
religione, ma guarite, salvate, liberate da $es(, a monito per i credenti.
Bno solo di essi ha un nome- 0imone il lebbroso che aveva invitato $es( a casa, ma, stranamente, non gli
chiede di essere guarito o purificato. Huesta non la sola stranezza del racconto 1*atteo :,,,3'+. *arco
'&,+3G. >uca ;,':3'&5 in cui il padrone di casa un uomo che si chiama come 0imone, il discepolo che, nei
vangeli, soprannominato !pietra#.
Ael vangelo di $iovanni non ci sono lebbrosi, ma si parla di altre esclusioni pi( subdole e pericolose.
Torna all'indice generale
LEGGE LEGGE
>a parola >egge assente nell.7pocalisse e nelle >ettere /attoliche, 1esclusa quella di $iacomo5 e,
soprattutto nel vangelo di *arco 1Il !6angelo senza >egge#, lo definisce 7lberto *aggi5. Huest.assenza
clamorosa se si pensa che questo primo 6angelo stato scritto a ridosso degli avvenimenti che narra, poco
dopo la morte e la risurrezione di $es(.
Aon per questo *arco sfugge ai problemi posti dalla >egge e anzi, in due famosi episodi, attacca con
violenza scribi e farisei che trascurano il comandamento di Dio per osservare la tradizione umana 14,'3';5-
!0i ri!nirono aorno a l!i i farisei e al+!ni degli s+ri$i. ven!i da Ger!salemme1 &vendo viso +-e al+!ni dei
s!oi dis+epoli prendevano +i$o +on mani imp!re. +io) non lavae i farisei infai e !i i Gi!dei non
mangiano se non si sono lavai a++!raamene le mani. aenendosi alla radi"ione degli ani+-i e. ornando
dal mer+ao. non mangiano sen"a aver fao le a$l!"ioni. e osservano mole alre +ose per radi"ione. +ome
lava!re di $i++-ieri. di soviglie. di oggei di rame e di lei . *!ei farisei e s+ri$i lo inerrogarono:
Per+-> i !oi dis+epoli non si +omporano se+ondo la radi"ione degli ani+-i. ma prendono +i$o +on mani
imp!reC31 2d egli rispose loro: 7ene -a profeao /saia di voi. ipo+rii. +ome sa s+rio: 9!eso popolo mi
onora +on le la$$ra. ma il s!o +!ore ) lonano da me1 /nvano mi rendono +!lo. insegnando dorine +-e
sono pre+ei di !omini1 (ras+!rando il +omandameno di Dio. voi osservae la radi"ione degli !omini31 2
di+eva loro: 0iee veramene a$ili nel rifi!are il +omandameno di Dio per osservare la vosra radi"ione1
:os) infai disse: <nora !o padre e !a madre. e: 4-i maledi+e il padre o la madre sia messo a more1 Voi
inve+e die: ?0e !no di+-iara al padre o alla madre: 4i, +on +!i dovrei ai!ari ) orbn. +io) offera a
Dio@. non gli +onsenie di fare piA n!lla per il padre o la madre1 4os8 ann!llae la parola di Dio +on la
radi"ione +-e avee ramandao voi1 2 di +ose simili ne fae mole31 4-iamaa di n!ovo la folla. di+eva loro:
&s+olaemi !i e +omprendee $ene% Non +;) n!lla f!ori dell;!omo +-e. enrando in l!i. possa renderlo
imp!ro1 :a sono le +ose +-e es+ono dall;!omo a renderlo imp!ro3@. >.attacco di $es( contro la >egge, sia
quella scritta che quella orale, violento perchC essa era diventata uno strumento di oppressione, di soprusi e
di prevaricazione.
Aell.episodio riguardante la possibilit di ripudiare 1non si tratta del divorzio ma del 2I"BDI=5 la moglie,
*arco 1'@,'3G5 dice che *os ha permesso agli Israeliti maschi ci che Dio non voleva- !Pario di l'.
venne nella regione della Gi!dea e al di l' del fi!me Giordano1 La folla a++orse di n!ovo a l!i e di n!ovo
egli insegnava loro. +ome era solio fare1 &l+!ni farisei si avvi+inarono e. per meerlo alla prova. gli
domandavano se ) le+io a !n mario rip!diare la propria moglie1 :a egli rispose loro: 4-e +osa vi -a
ordinao :os)C31 Dissero: :os) -a permesso di s+rivere !n ao di rip!dio e di rip!diarla31 GesA disse
loro: Per la d!re""a del vosro +!ore egli s+risse per voi *!esa norma1 :a dall;ini"io della +rea"ione li
fe+e mas+-io e femmina# per *!eso l;!omo las+er' s!o padre e s!a madre e si !nir' a s!a moglie e i d!e
diveneranno !na +arne sola1 4os8 non sono piA d!e. ma !na sola +arne1 D!n*!e l;!omo non divida *!ello
+-e Dio -a +ongi!no31 & +asa. i dis+epoli lo inerrogavano di n!ovo s! *!eso argomeno1 2 disse loro:
4-i rip!dia la propria moglie e ne sposa !n;alra. +ommee ad!lerio verso di lei# e se lei. rip!diao il
mario. ne sposa !n alro. +ommee ad!lerio3#.
7 quel tempo la >egge era ormai appannaggio esclusivo degli scribi che, talora, la manovravano e
manipolavano a esclusivo vantaggio della classe religiosa al potere.
$es( attacca apertamente il mondo farisaico per il modo di intendere il precetto pi( importante, quello che
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1F2
Dio stesso rispetta- il riposo sabbatico. scritto-
!&vvenne +-e di sa$ao GesA passava fra +ampi di grano e i s!oi dis+epoli. menre +amminavano. si misero
a +ogliere le spig-e1 / farisei gli di+evano: G!arda% Per+-> fanno in giorno di sa$ao *!ello +-e non )
le+ioC31 2d egli rispose loro: Non avee mai leo *!ello +-e fe+e Davide *!ando si rov, nel $isogno e l!i
e i s!oi +ompagni e$$ero fameC 0oo il sommo sa+erdoe &$ia'r. enr, nella +asa di Dio e mangi, i pani
dell;offera. +-e non ) le+io mangiare se non ai sa+erdoi. e ne diede an+-e ai s!oi +ompagni%31 2 di+eva
loro: /l sa$ao ) sao fao per l;!omo e non l;!omo per il sa$ao% Per+i, il 6iglio dell;!omo ) signore
an+-e del sa$ao31 2nr, di n!ovo nella sinagoga1 Vi era l8 !n !omo +-e aveva !na mano parali""aa. e
savano a vedere se lo g!ariva in giorno di sa$ao. per a++!sarlo1 2gli disse all;!omo +-e aveva la mano
parali""aa: Jl"ai. vieni *!i in me""o%31 Poi domand, loro: N le+io in giorno di sa$ao fare del $ene o
fare del male. salvare !na via o !++iderlaC31 :a essi a+evano1 2 g!ardandoli !;inorno +on
indigna"ione. rarisao per la d!re""a dei loro +!ori. disse all;!omo: (endi la mano%31 2gli la ese e la s!a
mano f! g!aria1 2 i farisei !s+irono s!$io +on gli erodiani e ennero +onsiglio +onro di l!i per farlo
morire# 1*arco :,:+3+,,5.
Aei vangeli chiaro che, con le parole e le azioni, $es( supera completamente la >egge, intesa come
mediazione tra Dio e gli uomini, avendo egli, unico mediatore, aperto l.accesso diretto di ogni uomo a Dio.
scritto chiaramente in >uca ',,',- !Legge e Profei fino a Giovanni: da allora in poi viene ann!n+iao il
regno di Dio# e in *atteo ;,:'3&% quando ripete per cinque volte - !&vee ineso +-e f! deo dagli ani+-i.
ma io vi di+o#.
Ael vangelo di $iovanni, tutti i riferimenti alla >egge stanno ad indicare la ormai definitiva frattura del
cristianesimo nascente con quel piccolo mondo antico. !2ispose loro GesA: Non ) forse s+rio nella vostra
Legge 3# 1'@,+&5 ma anche- !9!eso per+-> si adempisse la parola s+ria nella loro Legge# 1';.:;5.
In *atteo ;.'4 aggiunge- ! Non +rediae +-e io sia ven!o ad a$olire la Legge o i Profei# non sono ven!o
ad a$olire. ma a dare pieno +ompimeno@1 8 l.apostolo "aolo, l.ha capito per primo, e l.ha scritto in 2omani
'+,'@: ?Pieno +ompimeno della Legge ) l;amore#.
*atteo G,'+ P che riporta =sea ,,, 3 scrive- K&ndae a imparare +-e +osa v!ol dire: :iseri+ordia io voglio e
non sa+rifi+i1 /o non sono ven!o infai a +-iamare i gi!si. ma i pe++aori) 1G,'+5.
>a salvezza pertanto, secondo $es(, non viene dall.osservanza della >egge e dei /omandamenti, ma dal
vivere !il comandamento#, l.unico, dato ai suoi seguaci, il !comandamento nuovo#, quello definitivo, di una
qualit che supera tutti gli altri e che permette di onorare Dio e l.Bomo contemporaneamente, quello
specifico della Auova 7lleanza- KVi do !n +omandameno n!ovo: +-e vi amiae gli !ni gli alri1 4ome io -o
amao voi. +os8 amaevi an+-e voi gli !ni gli alri1 Da *!eso !i sapranno +-e siee miei dis+epoli: se avee
amore gli !ni per gli alri ) 1$iovanni '+,+&3+;5. I veri seguaci di $es(, infatti, non sono quelli che seguono
la >egge di *os, ma quelli che fanno l.esperienza del dono dello 0pirito.
Il tempo della preparazione 1o della >egge5 finito, perchC con $es( giunto il tempo della sua
realizzazione- !&vee ineso +-e f! deo agli ani+-i: Non !++iderai# +-i avr' !++iso dovr' essere sooposo
al gi!di"io1 :a io vi di+o: +-i!n*!e si adira +on il proprio fraello dovr' essere sooposo al gi!di"io1 4-i
poi di+e al fraello: ?0!pido@. dovr' essere sooposo al sinedrio# e +-i gli di+e: ?Pa""o@. sar' desinao al
f!o+o della Ge)nna# 1*atteo ;,:'3::5.
*a gi prima di *arco, "aolo di 9arso aveva avuto parole durissime contro la >egge. Dice l.apostolo- !La
for"a del pe++ao ) la LeggeI 1'/orinzi ';,;,5 e in $lati+,'+ aggiunge- I4riso +i -a ris+aai dalla
maledi"ione della Legge. diven!o per noi maledi"ione#.
In '/orinzi 4,'G- !La +ir+on+isione non +ona n!lla. e la non +ir+on+isione non +ona n!lla# +ona inve+e
l;osservan"a dei +omandameni di Dio#, scindendo i comandamenti di Dio dalla legge di *os.
>a tesi di "aolo tanto semplice quanto efficace- !Non siae de$iori di n!lla a ness!no. se non dell;amore
vi+endevole# per+-> +-i ama l;alro -a adempi!o la Legge1 1F5 La +ari' non fa ness!n male al prossimo:
piene""a della legge ) la +ari'# 12omani '+,%.'@5.
$i dai profeti era venuto un forte richiamo perchC accanto alla Torh, ormai in mano agli scribi, si
andavano accumulando continue degenerazioni della parola di Dio.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1F3
scritto infatti in $eremia %,%3G- !4ome poee dire: Noi siamo saggi. per+-> a$$iamo la legge del
0ignoreC 31 & men"ogna l;-a ridoa lo silo men"ognero degli s+ri$i% / saggi resano +onf!si. s+on+erai e
presi +ome in !n la++io1 2++o. -anno rigeao la parola del 0ignore: *!ale sapien"a possono avereC#.
Inoltre- K9!esa sar' l;allean"a +-e +on+l!der, +on la +asa d;/sraele dopo *!ei giorni ora+olo del 0ignore
: porr, la mia legge denro di loro. la s+river, s!l loro +!ore1 &llora io sar, il loro Dio ed essi saranno il
mio popolo1 Non dovranno piA isr!irsi l;!n l;alro. di+endo: ?4onos+ee il 0ignore@. per+-> !i mi
+onos+eranno. dal piA pi++olo al piA grande ora+olo del 0ignore . poi+-> io perdoner, la loro ini*!i' e
non ri+order, piA il loro pe++ao) 1+',++3+&5.
Diceva 8rnesto Ealducci- !>.orizzonte quello della nuova alleanza che dovr sostituire la vecchia alleanza,
quella delle tavole di pietra, una legge esterna, esterna come una pietra, minacciosa, gravida di sanzioni. >a
peregrinazione del popolo nel deserto dopo la legge funestata da punizioni, da serpenti velenosi, da terre
che si aprono e inghiottiscono i peccatori. >a legge e la sanzione vanno sempre insieme. Aoi diciamo che la
prima alleanza finita ed cominciata la seconda, ma in realt solo cominciata in germe perchC siamo
ancora nell.alleanza P chiamiamola cos? P delle !pietre# in quanto ancora la legge scritta fuori, ha le sue
autorit che si impongono, le sue punizioni, le sue condanne, le sue scomuniche. 0iamo ancora, dal punto di
vista della legge, all.et della pietra. >.et profetizzata da $eremia P che ha trovato in $es( il proprio
adempimento P ancora di l da venire perchC la sua caratteristica che non ci saranno pi( leggi e nessuno
insegner all.altro perchC ciascuno parler da sC secondo la sua coscienza, in quanto quella legge sar scritta
non sulle pietre ma nel cuore, dentro. >a legge della coscienza sostituir quella scritta sulle tavole di pietra.
6orrei dire che tutta la storia tra questa prima alleanza e la seconda, quella cui tendiamo che per non
dobbiamo considerare semplicemente come un orizzonte lontano, com.era la terra promessa per i pellegrini
del deserto, in quanto essa gi cominciata. il suo tempo gi stato inaugurato da $es( /risto e quindi chi di
noi pu, chi di noi ha il coraggio, chi di noi ha la generosit sufficiente, pu gi cominciare ora. 7nche se poi
cadranno su di lui le tavole di pietra, per egli avr vissuto secondo la nuova alleanza che l.alleanza della
libert , dove i rapporti di dipendenza saranno tutti recisi#.
>a >egge, soffocata da tradizioni e interpretazioni era diventata, al tempo di $es(, uno strumento di potere in
mano alla casta religiosa. Infatti, nel nome della >egge di Dio, si richiedeva una cieca dipendenza
all.interpretazione della >egge proposta dai dirigenti 1*arco 4,'3'+; >uca '+, '&; $iovanni 4,&G5. *a
l.obbedienza a tutta la >egge mosaica chiaramente vincolante solo per il solo popolo ebraico e cos? in
effetti diventa una discriminante tra popolo che si autodefinisce eletto e salvato e tutti gli altri popoli- e il
segno tangibile della discriminazione la circoncisione.
>a giustificazione deriva allora dall.obbedienza alla >egge, per cui chi obbedisce, o meglio chi pu obbedire,
si ritiene creditore nei riguardi di Dio, a causa dei meriti accumulati, e disprezza gli altri. In $iovanni 4,&4 i
farisei, perfetti osservanti, dicono alle guardie che non avevano arrestato $es( secondo gli ordini- I9!esa
gene +-e non +onos+e la Legge ) maledeaI. Infatti al tempo di $es( la >egge, scritta in ebraico, la lingua
sacra, la lingua di Dio, non era pi( compresa dal popolo che parlava normalmente in aramaico.
0trettamente collegati alla >egge ci sono- la trasgressione come peccato, l.obbedienza acritica come mezzo
per acquistare meriti, la perequazione tra le piccole e insignificanti norme e quelle principali 1Thor e
Halacha si equivalgono5, la scarsa importanza sia della coscienza personale che dell.amore. >a propria
egoistica salvezza diventa allora pi( importante dell.amore per gli altri, il merito 1digiuni, riti, tradizioni,
orazioni5 vale pi( della grazia e l.obbedienza mette a posto la coscienza di tutte le persone pie.
>.orgoglio, l.autocompiacimento, l.autosufficienza di chi pretende di avere accumulato meriti verso Dio,
messa a fronte dell.umilt di chi sa di aver ricevuto un dono.
>a >egge diventa cos? un idolo, prende il posto di Dio e l.obbedienza alla >egge d l.illusione di potersi
salvare da soli. *a, dice il fariseo "aolo in $lati:,'%- !L;!omo non ) gi!sifi+ao dalle opere della legge ma
solano dalla fede in GesA 4riso 1F5 dalle opere della Legge non verr' mai gi!sifi+ao ness!no#.
>.evangelista >uca presenta un ritratto perfetto di questo modo di pensare nella parabola del fariseo e del
pubblicano al 9empio 1'%,G3'&5.
9utte le religioni, non solo quella ebraica, tendono a sacralizzare la legge, le regole, proponendole come
disposizione divina, e la casta sacerdotale incaricata di colpire i trasgressori- cos? il potere religioso voleva
allora sottomettere i fedeli. /os? il povero, lo storpio, il cieco, il lebbroso 3 esclusi dal contatto con Dio da un
sistema oppressore 3 si convincevano di essere esclusi dall.amore di Dio, perdendo la forza di ribellarsi.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1F4
Huesto fino a $es(, che proclama parole di liberazione- non esiste una >egge di Dio, perchC Dio solo
amore, amore di "adre. =ccorre allora vigilare, perchC la >egge pu diventare facilmente uno strumento di
potere, cos? come era prima che $es( lo smascherasse e gli strenui difensori della >egge si sentissero in
dovere di ucciderlo.
>'aperta avversione di $es( per il 9empio e per la >egge orale e scritta, lo rendevano insopportabile ai
detentori del potere, specie ai farisei, agli scribi e alla casta sacerdotale.
0crive LosC *aria /astillo- !Aon v. dubbio che $es( abbia violato in pi( di un.occasione la Halach, per
esempio quando guariva i malati in giorno di sabato o quando non imponeva ai discepoli i digiuni praticati
dai farisei. In qualche occasione, anzi, $es( arriv a rinfacciare ai suoi contemporanei il fatto di aggrapparsi
alle tradizioni umane fino al punto di violare il comandamento di Dio 1*arco 4,'3%5. 1F5 $es(,
provocatoriamente, si mostra come uno che contro tutto quel sistema, qualificandolo come cosa vana
1*arco 4,4; *atteo ';,G5 e grossolana ipocrisia 1 *arco 4,,; *atteo ';,45, qualcosa che attenta ai diritti
delle persone e alla stessa volont di Dio 1*arco 4,G; *atteo ';,+5. In certi momenti sdegno e tristezza
invadono $es( 1*arco +,;5 davanti al triste spettacolo di una religiosit legalista che opprimeva il popolo
semplice 1cfr. *atteo :+,&5 e che sovente degenerava nell.omissione delle cose pi( gravi, imposte dalla
volont di Dio, quali Kla giustizia, la misericordia e la fedelt). 1*atteo :+,:+5. *a l.atteggiamento di $es(
davanti alla legge non si fermato qui. $es( non ha violato solo la Halach, ma anche e sopratutto la Torh.
Huando $es( tocca il lebbroso, si oppone direttamente a ci che Dio prescrive nella legge di *os 1>evitico
;,+; '+, &;3&,5; quando permette ai suoi discepoli di strappare le spighe in giorno di sabato e giustifica tale
condotta, si oppone egualmente alla legge mosaica 18sodo +', ':3'4; +&,:'; +;,:5; lo stesso dicasi quando
tocca i malati 1contro >evitico '+3';5, e sopratutto i cadaveri 1contro Aumeri ':G, ''3'&5. "i( chiaramente
quando dichiara mondi tutti gli alimenti 1contro >evitico '', :;3&4; Deuteronomio '&.'3:'5# 1F5 ! dunque
inaccettabile la teoria di coloro che distinguono tra il comportamento di $es( in relazione alla Halach, da
una parte, e il suo comportamento in relazione alla Torh, dall.altra# 1F5 !Del resto, bene tenere presente
che nel giudaismo dei tempi di /risto la distinzione tra la Torh e la Halach non era cos? chiara come noi
oggi crediamo. 7bbondano invece i dati che indicano che la Torh comprendeva non solo il complesso della
legge mosaica 1in particolare il "entateuco5, ma anche la dottrina generalmente in vigore#. 1F5 !F $es(
non solo si ripetutamente e deliberatamente messo ai margini della legge, ma che inoltre vi si opposto, ha
insegnato cose contrarie a essa, l.ha abolita in alcuni casi e ha preso le difese della comunit dei discepoli
quando questi non avevano badato alle osservanze legali. da tener presente che tutto ci che si riferisce non
solo alle tradizioni umane che insegnavano i farisei e teologi di quel tempo, ma anche P almeno in certi casi
P alla legge divina dell.7ntico 9estamento#. 1F5 !F che cosa significa questo comportamento di $es( per
la nostra fede e per la nostra vita cristianaJ >a domanda ne suppone logicamente un.altra ancor pi(
elementare- ancora valida la legge dell. 7ntico 9estamento per i credenti in $es(J 8 se la legge dell.7ntico
9estamento non ha valore per noi credenti, quali esigenze impone allora $es( ai suoi discepoliJ#.
>.episodio del cosiddetto !giovane ricco# di *arco '@,'43:: e dei corrispondenti sinottici risponde a questa
domanda. "er entrare nella !vita eterna# basta osservare i comandamenti della seconda tavola della >egge;
per entrare nella comunit di $es( 1!s)g!imi#5, ossia per entrare s(bito nella 6ita, non bastano i
comandamenti.
!9ra la religiosit ebraica 1giudaica5 e la fede cristiana non esiste semplicemente una relazione quantitativa
1la fede cristiana sarebbe allora la religiosit ebraica cui si aggiunge la sequela di /risto5, ma tra le due esiste
una differenza qualitativa. precisamente questo che viene a sottolineare il nostro testo. /i che $es(
presenta al giovane non un programma di riforma del giudaismo 1perfezionare quella religione
aggiungendole qualcos.altro5, ma un progetto alternativo, qualcosa di radicalmente nuovo. 7 questo si
riferisce la chiamata al sCguito di $es(, che il giovane comprende non come un andare oltre la linea di quello
che gi faceva, ma come qualcosa di radicalmente nuovo, qualcosa che lo sorprende e a cui certamente non
disposto# 1LosC *aria /astillo5.
>a legge superata, inutile, perchC le promesse sono giunte a compimento e giustizia e fedelt non sono
misurate con la legge, ma con l.aderenza alle beatitudini, la !Auova >egge# proclamata sul monte da $es(.
IAon l'uomo che deve rispettare la >egge, ma la >egge che deve avere rispetto per l'uomo. =gni qualvolta
che ravvisa un conflitto tra il bene della >egge e il bene dell'Bomo, $es( non ha esitazione- il bene
dell'uomo viene prima del rispetto della >eggeI 17lberto *aggi5.
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1F5
Ael commentare l'episodio delle nozze di /ana, 9onino Eello dice- I *aria non solo avverte che la vecchia
alleanza ormai logora e che l'antica economia di salvezza fondata sulle prescrizioni della legge ha chiuso da
tempo la sua contabilit, ma sollecita coraggiosamente la transizione. 6ede raggiunti i livelli di guardia da un
mondo che boccheggia nella tristezza, e invoca da suo figlio non tanto uno strappo alla legge della natura,
quanto uno strappo alla natura della legge. Huesta non contiene ormai nulla, non in grado di purificare
nessuno, e non rallegra pi( il cuore dell'uomoI.
Dai racconti evangelici scaturisce un forte A= alla fede retributiva, perchC Dio non si vende e non si compra.
>a legge del 2egno questa- !>'umanit esiste nel mondo perchC realizzi il proposito di /olui che l'ha posta
in essere, di diventare cio una famiglia legata da rapporti di amore- che usa, con riconoscenza, dei beni della
creazione non per prevaricare l'uno sull'altro, non per stabilire il dominio dei ricchi sui poveri, ma per
glorificare, nell'unit e nella fraternit, il Dio che ha creato tutte le cose# 18rnesto Ealducci5.
"aul Vle, nel 'G'@, con un.espressione poetica che sembra fatta apposta per noi, scriveva,- I=h, non lasciar
morire l'infinita scintilla nella misura stretta della leggeI.
6edi anche 9=2cM.
Torna all'indice generale
LEGGE LEGGE e e PROFETI PROFETI
Il termine indica tutta la 0crittura, la Eibbia ebraica, dove a prevalere certo la >egge e non i profeti.
In $iovanni ',&; l.evangelista riporta le parole che Oilippo, convinto di aver trovato il *essia figlio di
Davide, dice a Aatanaele, che poi confermer- !6ilippo rov, Naanaele e gli disse: &$$iamo rovao +ol!i
del *!ale -anno s+rio :os). nella Legge. e i Profei: GesA. il figlio di Gi!seppe. di Na"are3#. 0aranno tutti
delusi da questo oscuro $alileo.
>uca 1',,',5 , in questo senso, chiarissimo- !La Legge e i Profei fino a Giovanni: da allora in poi viene
ann!n+iao il regno di Dio e ogn!no si sfor"a di enrarvi#, e *atteo, che parla ad un pubblico impregnato
della cultura ebraica, tende a mettere in chiaro che la >egge e "rofeti non sono ripudiati da $es(, ma vanno
compresi per quello che realmente sono. Infatti dice- !(!o *!ano volee +-e gli !omini fa++iano a voi.
an+-e voi faelo a loro: *!esa infai ) la Legge e i Profei# 14,':5; e, parlando a farisei, sadducei e scribi,
aggiunge 1::,+43&@5- !$li rispose- K&merai il 0ignore !o Dio +on !o il !o +!ore. +on !a la !a anima e
+on !a la !a mene. 9!eso ) il grande e primo +omandameno1 /l se+ondo poi ) simile a *!ello: &merai il
!o prossimo +ome e sesso1 Da *!esi d!e +omandameni dipendono !a la Legge e i Profei3#.
Torna all'indice generale
LETTO LETTO
Aei vangelo si trova sempre il termine l8nen come in *atteo G,: 12d e++o. gli poravano !n paralii+o
diseso s! !n leo1 GesA. vedendo la loro fede. disse al paralii+o: 4oraggio. figlio. i sono perdonai i
pe++ai35, anche quando tradotto con il diminutivo !lettuccio# come scritto in >uca ;,'G- !Non rovando
da *!ale pare farlo enrare a +a!sa della folla. salirono s!l eo e. araverso le egole. lo +alarono +on il
le!++io davani a GesA nel me""o della san"a#.
7ltre volte per dire che qualcuno ! a letto#, viene usato il verbo giacere, come in *atteo %,,- ?0ignore. il
mio servo ) in +asa. a leo. gia+e parali""ao e soffre erri$ilmene@1
Torna all'indice generale
Le parole del Vangelo versione 2014 Panfilo Di Paolo 1F6
LEVI LEVI
Bna delle dodici trib(, prende il nome da >evi, il terzo figlio di $iacobbe, avuto dalla moglie >ia.
*a i suoi figli furono maledetti da $iacobbe per la loro ferocia usata contro i cananei, perchC 0ichem, figlio
del padrone di quelle terre, aveva violentato Dina, pur volendola successivamente sposare 1$enesi +&5.
*os ed 7ronne sono discendenti di >evi e 7ronne il capostipite della classe sacerdotale di Israele, leviti e
sacerdoti. >a trib( di >evi era stata esclusa dalla spartizione della terra conquistata e nel >evitico si dice che
essi sarebbero vissuti dei proventi del 9empio, dove erano chiamati a servire Dio, con mansioni secondarie
rispetto ai sacerdoti.
Ael vangelo di *arco 1:,'&5 >evi il pubblicano chiamato da $es( a seguirlo 1Passando. vide Levi. il figlio
di &lfeo. sed!o al $an+o delle impose. e gli disse: 0>g!imi31 2d egli si al", e lo seg!8 5. lo stesso
personaggio che per nel vangelo di *atteo chiamato *atteo- !&ndando via di l'. GesA vide !n !omo.
+-iamao :aeo. sed!o al $an+o delle impose. e gli disse: 0>g!imi31 2d egli si al", e lo seg!8# 1G,G5.
Torna all'indice generale
LEVIRATO LEVIRATO
>a legge del levirato 1dal latino levir, cognato5 un'istituzione matrimoniale gi in uso presso 7ssiri ed
Mittiti, poi adottata anche da Israele. In quella cultura non avere discendenza maschile, era ritenuta una
disgrazia perchC solo nella discendenza si continua a vivere- la vita dopo la morte continua solo nei figli.
Il cognato 1o il parente pi( prossimo5 era obbligato a possedere la donna rimasta vedova e senza figli 3 che
per non era obbligata ad accettare 3 per assicurare una discendenza al marito defunto, la cui vita cos? non si
interrompeva, e soprattutto perchC l'eredita non fosse dispersa. Il primo figlio che nasceva era considerato il
primogenito del defunto, ed aveva pieno diritto all.eredit paterna. >'uomo che si rifiutava veniva denunciato
davanti agli anziani, dalla donna, che gli toglieva un sandalo dal piede sputandoci, come gesto infamante di
disprezzo, facendogli perdere il diritto3dovere di unirsi a lei, e disonorandolo di fronte al clan.
scritto in Deuteronomio :;,;3'@- !9!ando i fraelli a$ieranno insieme e !no di loro morir' sen"a las+iare
figli. la moglie del def!no non si sposer' +on !no di f!ori. +on !n esraneo1 0!o +ognao si !nir' a lei e se
la prender' in moglie. +ompiendo +os8 verso di lei il dovere di +ognao1 /l primogenio +-e ella meer' al
mondo. andr' soo il nome del fraello moro. per+-> il nome di *!esi non si esing!a in /sraele1 :a se
*!ell;!omo non -a pia+ere di prendere la +ognaa. ella salir' alla pora degli an"iani e dir': :io +ognao
rifi!a di assi+!rare in /sraele il nome del fraello# non a++onsene a +ompiere verso di me il dovere di
+ognao31 &llora gli an"iani della s!a +i' lo +-iameranno e gli parleranno1 0e egli p