Sei sulla pagina 1di 324

BIBLIOTECA

D E G L I
SCRITTORI LATINI
CON TRADUZIONE E NOTE
M. TERENTIUS VARRO
QUAE SUPERSUNT OPERA
VENET1IS
E X C U D I T J O S E P H A N T O N E L L !
ACHF.I* DO SATUS * O U I t | | ATllC
3I.DCTC.XLVI
OPERE
DI
M. TERENZIO VARRON0
CON TRADUZIONE E NOTE
VENEZIA
DALLA TIP. DI GIUSEPPE ANTONELL1 ED.
P Rr a i ATO DI M I O i G M I OBO
l846
M. TERENZIO VARRONE
SGGIO STORICO
S OP RA
M. TERENZIO YARRONE
---------- M 4-----------
^ d a r o o Terenzio Vairone nacque anno di Roma 633 sotto il consolato di
Lodo Cedlio Metello e di Quinto. Chi fosse suo padre non noto ; notissima
bens nella romana storia si la famiglia Trenzia fra le plebee ed antichissima
ed illastre : questa probabilmente uscita era di Sabina, Sabino essendo, al dir di
'Varrone stesso, quel cognome. Ebbi essa poscia il soprannome da uno dei suoi
maggiori, il quale guerreggiando nell* Illirio, e<f azzuffatosi con un capitano, o re
nemico, robustamente lo abbranc, e viro a forza il trasse neromani accampa
menti ; e per tale egregio fatto.fu col nome del superato nemico, che Varrone
dicerasi, dai suoi popolani chiamato, di cui poi, come di domestico preziosissimo
monumento, i suoi posteri si compiacquero, e V adottarono.
Varrone fin dalla prima et si applic alle lettere, nelle quali ebbe a precet
tore Lucio Elio Stilone, cavalier romano, die a que tempi nella citt distinguevasi
per gli egregi costumi e per lo studio delle ottime discipline ; uomo della romana
letteratura, la quale cominciava allora a mettere profonde radici, ampiamente
benemerito. E poich ebb' egli sotto la disciplina di quel valentuomo acquistata
ogni parte di letteraria coltura , pass in Atene, ed ivi alla filosofia si consecr
sotto il magisterio di Antioco Aacalonita, soggetto nell' Accademia celebratissimo.
Sotto qoest insigne letterato ebbe a compagno de" suoi studii Marco Tullio Gce-
M. Tamiauo V a io li 1
rone, col quale fin d'alora contrasse U stretta amicizia, che poi costantemente
conserv.
Questi due rari ingegni, i quali poi e nelle lettere e nell1amministrazione
della repubblica ebbero tanta parte , avevano allora lasciata la citt in mano di
Lucio Siila, il quale abusando della forza delle armi, e per 1 indole sua e per la
protervia de1suoi favoriti, la reggeva da tiranno.
Varrone si restitu finalmente in Roma, non si sa poi ben dire , se prima o
dopo la morte del Dittatore ; bens certo che tosto cominci egli la sua vita
pubblica, che si diede all'eloquenza, che esercit diversi magistrali, e che fu con
giunto in amicizia coi pi insigni uomini in quell et viventi, tra quali contansi
Gn. Pompeo, G. Cesare, Pomponio Attico , M. Marcello, Servio Sulpizio , G.
Fundanio, Appio Claudio, Turanio Negro ed altri molli.
Quelli i quali suppongono che il nostro Varrone sia stato console, non hanno
della loro asserzione fondamenti chiari abbastanza ; poich ne" Fasti Consolari
non trovasi altro che M. Terenzio Varrone Lucullo, il quale non certamente il
nostro. Ma se non ebb' egli l1onore del consolato in una et, nella quale ad otte
nerlo valeva pia la cabala, che il merito, ebbe per insigni cariche : imperciocch
toffezkmto a Pompeo fa da lui nella famosa guerra de1Pirati messo al comando
delle flotte greche, e per Mtraordmaria destinazione fatto governator di Glicia, da
lui chiamata perci provincia sua.
quanta intelligenza nella condotta dette navali cose egli avesse, e quanto
ardimento , chiaramente manifestasi da ci che siamo per dire. Primieramente
'votmdo dall' Italia passar coll' esercito in Grecia, pens di gittare un ponte sul
mare da Idrante ad Apollonia, onde quel tratto di verso cento miglia valicassero
a piedi le truppe : impresa che avanti di lui tentata avea pel primo il solo Pirro.
In secondo luogo trovatosi a battaglia coi Pirati nelle acque di Glicia, con tale
ingegno e militar valore si diport, che assaliti i nemici, si spinse il primo contro
la loro nave maggiore, la ferm, e armata mano in essa salito, la prese. Per cotale
bravura ottenne da Pompeo la corona rostrata ; onore dianzi da ninno ancora
avuto , e che dopo lui non si ebbe fino ai tempi di Vespasiano, che da Marco
Agrippa per favore di Augusto.
Avea Marco Terenzio Varrone settantotto anni, quando scoppi la guerra
civile tra Pompeo e Cesare , nella quale , comunque a cagion dell' et potesse
dispensarsi di prender parte, volle nondimeno seguir Pompeo, che lo mand suo
379 SAGGIO STORICO 38o
36i SOPRA M. T&RKNZIO VARRONE 302
legato in ispagna^ ore, quantunque vi fossero del medeiioio due altri legati; cio
Afranio e Pelreo , ebbe per sua maiuioDe la difesa di tutta la provincia detta
ulteriore.
Ma poco gli accadde di operare per codesto capo del partito de" nobili ; con*
dossiack avendo saputo che Pompeo aveva abbandonata l ' Italia, e che le cose
di lai piegavano male, cominci a diffidare della fazione del medesimo, e a parlar
bene di Cesare. Diceva egli conoscersi prevenuto della legazione affidatagli, sentire
la forza della fede che lo legava a Pompeo, ma non dissimulare la propensione
che tolta la provincia aveva per Cesare, e l ' amicizia che, non men che a Pompeo,
a Cesare lo stringeva. Per lo che n all' una, n all' altra parte declinando per
aleno tempo, si stette spettater tranquillo degli avvenimenti.
E poich egli ud sequestrato Cesare a Marsiglia %e,che Petreo ed Airanio
radunavano le loro truppe per meditar grandi operazioni, alle quali tutta la pro
vincia sembrava prestarsi; e poich ebbe lettere da Airanio, che non solo dell'ac
caduto ad Uerda intorno alle vettuaglie lo ragguagliavano , ma con fidanza mara-
vigliosa lo eccitavano ad agire, cominci anch' egli a darsi moto.
E primieramente reclut per tutta la provincia onde compir due legioni, ed
aggiunse da trenta coorti : raccolse quindi quantit di frumento da spedire ad Afra
nio ed a Petreo ; ammass in Gade tutto il denaro e tutte le supellettili preziose
del tempio di Ercole, e spedi col in presidio sei coorti, delle quali ne diede il
comando a G. Gallonio cavalier romano, nella cui casa depose quante armi tro
vate aveva di pertinenza privata o pubblica. Ci Catto, si mise ad arringar contro
Cesare; e spesse volte montato in tribunale annunziava saper di certo che la for
tuna delle armi non era a colui favorevole, e che gran numero di soldati disertando
dal medesimo volgevasi al campo di Afranio. Le quali cose gli giovarono per
modo, che avendo spaventati i cittadini romani di quella provincia, gl' indusse a
promettergli grossissime somme di denaro, e quantit enorme di grani, onde con
tali soccorsi reggersi nel governo di que' paesi. N di tali disposizioni Sa egli
contento, ma ad ogni minuto affare discendendo, procedeva con gran rigore,
imponendo esorbitami tasse alle citt che stimasse amiche di Cesare, confiscando
e facendo vendere all' incanto i beni di coloro che parlassero contro la causa di
Pompeo, chiamala da lui causa della Repobblica ; mettendo forti presidi! ovun-
qne temesse movimenti ; tenendo d'occhio ogni privalo e sentenziando severa-
e nte ; ed obbligando Urti nella provincia a giurare fedelt a s ed a Pompeo.
Appena fa ragguagliato delle cose succedute nella Spagna citeriore, che si
preparo alla guerra, meditando di portarsi a Gade con due legioni, e di tener i n
ferme tutte le navi e il frumento, perciocch comprendeva die tutta la provincia
favoriva Cesare.
Cesare intanto vedendo d ie , arrestate le navi e le biade radunate in Gade,
non era diffidle ridurre in quella parte le sue cose a buon esito, sebbene maggiori
afiari lo chiamassero in Italia, pure deliber di non lasdare guerra aperta -in Ispa*
gna ; tanto pi che gli era noto, come nella provinvia citeriore Pompeo aveva
grande partito. Spedite dunque due legioni nella Spagna ulteriore, alla testa delle
quali aveva posto Quinto Cassio tribuno della plebe, egli con sdcento uomini a
cavallo s'inoltr a marcia sforzata, facendosi precedere da un manifesto,nel quale
ordinava che tutt i magistrati e gli abitatori prinrpali delle dtt fossero in aiuto
a Cordova. Ora divulgatosi tale manifesto, n fuvvi d t t , la quale subitamente
non mandasse a Cordova deputati ; n fawi dttadino romano alcun poco noto,
che non s affrettasse dandarvi in persona. Accadde inoltre che Y assemblea di
Cordova di suo moto proprio chiuse le porte della dtt a Varrone, mettendo
guarnigione sulle mura e sulle torri , la quale aument di due coorti, che per
ordine di Varrone capitate a Cordova a presidio della dtt, contro Varrone furono
ritenute. In que* giorni altro simile sinistro caso era a Varrone sacceduto, percioc
ch gli abitanti di Carmona avevano discacdato dalla loro rocca tre coorti, colle
quali Varrone signoreggiava. In questo frattempo Varrone alla testa delle legioni
sue affrettava il cammino verso Gade, sia per non vedersene tagliato I accesso
ritardando, sia per mettersi in luogo forte e vantaggioso, poich tutta ornai la
provincia era sorta a favor di Cesare. Ma strada facendo, eccoti lettere di quella
isola, dalle quali intende die gianlo col il manifesto di Cesare, inaspettato movi
mento era nato fra9popolani, i quali d'accordo coi tribuni delle coorti del presidio
cacdato ne avevano Gallonio, ritenendo per Cesare la citt e il paese. Fu egli
per tale fatto in grande imbarazzo ; ma pi quando divulgatasi nel suo campo la
cosa, una delle legioni da lui comandata, sotto i suoi occhi stessi pieg le bandiere,
e si ritir, volgendosi ad Ispali, ove and ad accantonarsi, senza dare inquietezza
alcuna a quegli abitanti. Or vedendosi fuor di stato di operare, n avendo libera
la ritirata in alcun luogo, prese la risoluzione di scrivere a Cesare, c di dirgli,
essere lui pronto a consegnargli la legione che gli rimaneva, quante volte alcuno
spedisse, il quale ne assumesse il comando. Cesare in fatti spedi a tal uopo Sesto
383 SAGGIO STORICO 3*4
365 SOPRA M. TERENZIO VARRONE *86
Cesare, e Varrone i incammin a Cordova anchegli, dove onoratamente diede
conto de) denaro pubblico che aveva presso di s, e l1esatta Usta consegn dei
magazzini e delle navi ; poi prese il cammino di Roma.
Stett* egli in Roma aleno tempo aspettando il fine della guerra d* Africa : e
come seppe che Cesare veniva in Italia, part, ito a rifugiarsi in campagna, finch
passate fossero le allegrezze del trionfo civile, e gli affari pubblici avessero preso
alcun ordine. Gli ottimi studii da lui coltivati sempre gran servizio gli prestarono
in quella solitudine, ed essi incremento maggiore da lui ricevettero : n per avven
tura da porsi in dubbio che molti dei tanti suoi libri non sieno stati composti
da lui a quel tempo.
Ma cedette egli in breve sia al genio di vivere neHa citt, sia agl inviti dei
suoi amici ; e ritornato a Rma, in piena intimit visse coi pi distinti soggetti, e
con Oppio singolarmente, e con Balbo, e con Irzio, amici di Cesare, e con Cesare
stesso ; il quale d' alto animo essendo, in Varrone contempl sempre non il
partigiano di Pompeo, ma il cittadino onorato e il dottissimo uomo ; e a lui diede
la cura di mettere insieme e di ordinare le insigni librere greche e latine, che a
servigio pubblico intendeva d ' istituire.
I bei giorni di Cesare passarono rapidamente, e nuove discordie e tumulti
nuovi afflissero Roma ; e vennero aspre guerre e proscrizioni atroci, per le quali
i pi onorati cittadini perirono.
L1iracondia sanguinaria di Marcantonio segn decreto di morte anche per
Varrone, o perch fosse questi troppo di Cicerone amico, o perch Marcantonio
fosse avido dei beni di lui, che copiosissimi e doviziosissimi possedeva. Ebbe
infatti Varrone ricchezze di bestiami e di gregge : ebbe splendentissime ville ed
ubertose,' fra le quali ancora si rammentano e la Cumana, e la Tusculana, e la
Pontina. Ma fu celebre oltre le altre quella eh egli ebbe alle falde di Monte Cas
sino, la quale per la eleganza e per I' artificio tutte le pi famose vinceva. Eravi
in essa un uccelliera che dicesi per I ampiezza e per la maravigliosa sua strattura
avere superato non solo quella di Marco Lenio Strabone, stata il modello di tutte,
ma eziandio la vastissima, che nella Tusculana fece fabbricare Lucullo.
Or fu questa superba villa di Cassino, che l ingordigia di Marcantonio prepo
tentemente si usurp. Che se in qualche modo v da rallegrarsi, che contento di
essa p i non insistesse a volere eseguita l ordinata proscrizione ; ben molto poi
abbiamo a dolerci che pel sacco a quella villa dato perissero insigni monumenti
dll dottrina di Varrone, n le copie soltanto di molte opere da esso lai date alb
luce, ma esemplari di nuove non ancor pubblicate, siccome egli stesso di avvisa
nel libro primo delle Settima**.
Sopravvisse pertanto Varrooe alla Repubblica e a Marcantonio ; e poich,
Citta Roma stato di Angusto, negli aSari non poteva egli pi aver parte, alla
campagna si ritir, non di altro occupandosi che dello stadio. Nel che certo
maravigliosa cosa che giunto agli ottani" anni, tanto vigor ritenesse da scrvere i
tre libri delle cose Rustiche, senza che per 1 enorme numero delle altre opere dai
lui scrtte dianzi, le quali ascendevano a ^aattrocento novanta libri, apparisse
stanchezza alcuna nel sno spirito.
Per la quale cosa non a stupirsi, se presso i suoi contemporanei ebb egli
altissima riputazione, della quale grande argomento deve riputarsi e il panegirico
che di lui vivente scrisse Pomponio Attico, e che Cicerone dice d aver letto, e il
ritratto che di lui, divenuto il Nestore della romana letteratura, Asinio Pollione
colloc nella celebre sua biblioteca, unico di scrittore ancor vivo. Pare eziandio
che Poltiooe ci facendo non temesse di sospitare V invidia, sebbene a quella et
molti e chiarissimi aomini fiorissero in ogni maniera di discipline e di stdi] ; i
quali siccome per la langa carriera, cos per 1 ampiezza delle cognizioni e per la
profondit della dottrina il nostro Varrone super manifestamente. Noi, diceva
di lai Cicerone nelle Qaistioni Accademiche, al pari di viaggiatori forestieri in
questa citt siamo dai tuoi libri guidati a conoscere e lorigine e i costumi nostri,
e questi luoghi che abitiamo. Imperciocch tu hai spiegata 1 epoca della patria
nostra, tu ci hai descritti i tempi, tu ci hai esposti i riti religiosi e le funzioni
de sacerdoti ; e tu ne hai additata la domestica economia ; tu la disciplina militare;
tu la posizione de' paesi e de* luoghi ; tu i nomi, le specie, gli officii e le cagioni
di tutte le umane e divine cose ; e sommi lami hai tu somministrati ai poeti
nostri, e ai Latini tutti, sia scrivendo, sia parlando ; ed hai composto un poema
per variet e per eleganza pressoch perfettissimo ; ed hai a varie riprese tanta
filosofia indicata, che se non basta a farci dotti, assaissimo per giova ad eccitarcene
il desiderio, a
Ed in quanto alla erudizione Varroniana, lo stesso Cicerone nel Brato
asserisce, che seguendo Varrone le tracce di L. Elio, uomo versatissimo in
letteratura greca e latina, e dottissimo nella romana antichit, nelle invenzioni dai
vecchi, ne fatti e nella cognizione degli scrittori gi stati, aveva poi codesta sdenta
38? SAGGIO STORICO 368
3t y SOPRA U. TKIKUZIO VARRONE 390
di per s amplificata e pi elegantemente. spiegata cogli scrtti laonde del mede-
imo parlando ad Attico, lai chiama scrittore riversale.
N de1soli contemporanei sooi ottenne egli a si alto grado la stima, che ansi
crebbe questa col circolare delle sue opere nell'et susseguenti; e perci reggiamo
Seneca chiamarlo il pio dotto dei Romani, Dionigi d Aliearnasso, e Plutarco, e
Qmintiliano, e Adogellio, e Solino, ed Anobio, e Lattanzio per 1? eccellenza della
dottrina e per la perizia della storia commendarlo. Le testimonianne de9quali e di
altri molti riserbando noi alla sottoposta nota (*), d contenteremo di riferire qui
nn di s. Agostino nel libro tw della GttA di Dio per ogni maniera p Varrone
vantaggiosissimo : Chi, dioe il coltissimo vescovo d* Ippoaa, pi accoratamente
di Marce Varrone ricerc tali cose ? chi pi dottamente le scopr ? chi pia atten
tamente le consider, chi le distinse con maggiore acote^aa, e pio diligentemente
(*) MARCUS TERENTIUS VARRO* Claruit ole Christum Aon. jlxyiu.
Philosophus el Pota. Nascilur Ad. i. Olymp. 166 aule C. N. 114 Obiit Ad. i. Olymp. 166
aie C. N- a6. Euseb* iu Gbroo.
Composuit xxi? libro* de l'ioga Lalina, quos Ciceroni dedicaverat ; Satyras Menippeas :
Antiquitate* rerum humanarum diviaarumque; libro* de viu Populi Romani: Opus Hebdo
madum, quod continebat imagines et elogia doctorum virorum ; librum de polis el Scenica ori
ginibus, eie.
Farro Philosophus Romanorum plurimae fuit in historia lectioni#. Plutar. in Romul.
Herman, Crus er. i nireprei
Farro doctissimus Romanorum. Senec. de Consol. ad Hei?, c. 8. Vir accuratissime doctas
atqoe eruditus. Apul. iu. Apoiog.
Varro ille Romanus multiforia ibus minens disciplinis, e l i n vetustatis iudagalioue rima
tor. Arnob. advers. Gent. 1. v.
M. Varro, qao nemo uaquam doclior, ne apud Graecos quidem, nadum apnd Latinos
vixit. Lactant, l. 1, diviu. lnslitut. c. 6.
Vir doctissimus apud eos (Ethnicos) Varra$ et gratissimae sudorilatis. Augusi. l. iv de
Civit. Dei, c. 1.
Quis M. Varrone curioius ista (de Diis Gentium) quaesiti!? Quisiuveail doctius? Qub
consideravit atleu li us? Quis distinxit acu li 14*? Quis diligenUus pUniusque descripsit? Qui laroeUi
minas est snavis eloquio, doctrina tamen atque seu tenti is ita refertus est, ut in omni eruditione
qaara nos saecularem. \\U autem liberalem jocant, studiosum verum tantuin is te doceat, qoan~
tam studiosnm verborum Citer delectat. Idem ibid. 1. ?i, c. a.
Terentius Varro, ?ir Romanorum eruditissimus. Plorimos hic libros et doctissimos com~
passi L, perilissimus Jinguae latinae, et omai* Antiquitatis, et rerum gr aecarum nostrarumque ;
plue tamen scientiae collaturus quam eloqueutiae. Quintii. I. x, Inslit. c. 1.
M. Terentius Varro, scriptor inter togatos sine controversia long* doctissimas. Zumc.
Casaub. De Satyr. Graec. Pol. et Rom. Sat, 1.11, c. i.
Terentius quidem Varro, ? i r cum graocis littri* perfectus et latinis* feun Antiquitatis
cum primis imitator diligens. Lipt. 1. iu, Var. lcot. c. 19.
Unicum Varronem inter Lalinos habemus libris tribus de Re Rustica qoi ?ero ao
pfeiiasophatus ait, imo nullus est Graeeorum, qai tam beat , inter eos altem qai ad nos per?eue-
r u u t O excellens opus ex quo, qualia ejus reliqua erani opera, congedare quivis potest! Sed quod
ed abbondantemente le tcrsce? II quale quantunque non abbia latta quella soavit
d sermone, che altri perawentura potesse desiderare, pieno per di dottrina e
di sentenze a segno, che in ogni genere di quella erudizione, la qoale noi secola
resca diciamo, ed essi appellano liberale, tanto egli istruisce gK studiosi di cose,
quanto que' di parole Gcerone diletta. Il qual Cicerone stesso di lai parlando nei
libri Accademici, nomo lo chiama sopra ogni ahro acutissimo e senza eccezione
alcona dottissimo. E poco dopo aggiunge : Tanto egli lesse, da doverci noi
giustamente maravigliare che avesse poi tempo da scrivere : e tante cose scrisse,
quante appena crediamo che alcuno abbia potuto mai leggere: uomo insignemente
grande per ogni maniera e d ' ingegno e di dottrina.
Si estinse,dice Valerio Massimo, nello stesso letticduolo e lo spirito di lui e il
corso delle egregie sue opere. Egli mor nell' ottantesimo ottavo anno di sua vita
mirum, non minus in Poti valuisse, fragmenta Pomatum indicant. Scalile rana prima, pag.
*46, 147.
Varro octogesimum agens annum, scripsit libro* de Re Rustica, et ila scripsit, a t ex hi*
videatur adbac alacri animo fuisse, et sensisse stadiorum duloedinem. Erasm. I. xxiii, epist. 5.
Rerum antiquaram Varrone doctiorem neminem fuisse constat. Baron. Voi. 1, Annal. p. 35.
Pleni Varronis ( doctissimi alioqain viri ) libri ineptissimarum Etymologiarum : quem eo
nomine merito Quintilianus etiam reprehendit. Nihil enim plerumque insulsius. Mer. Casaub.
De qoat. linguis p. i 5a.
Vel Varro ipse quam interdum in Vocabulorum veriloquiis absurdus est? Tumeb. Ad
versar. 1. 111, c. 7.
Varro more suo anxie Etymologias commxuwxKuT.Jo. ScaU conject. in Var. de ling. lat. p.90.
Varro in Ktyroologiis Varro non videtur : itaque a Quintiliano ridetur merito. Manut.
i. 111, epist. a3.
Docli haud ignorant, quid de Platonis Cratylo sit statneadum; quemadmodum et de
Varronis Originibus, qui saepe in tuis de linguae latinae libris prudens sciens fallit, fallitur-
que. Gerard. Joan. Voss. de Arte Historica, p. a.
Varronis de lingua latina libri Ires, intricati, ex illo dicendi more ipsi peculiari. Lud,
Viv. do Tradeod. Discipl. p. 5s 5.
Vitruvius orationem peregrinatione et plebitate, id est, verbis loquendique generibus infi
mae plebi familiaribus, ant ad transmarini graecanici sermonis consuetudinem ineptiuaeule
conformatis passim infuscat. Quae vitia una cum archaismis et novitatibus etiam apud V a r -
ronem inveniuntur, coi propterea elegantiam defnisse notavit Petrus Lavinius in lib. De ver
bis Sordidis. Gasp. Sciopp. consuit. p. 4 *
Magnam iu Varrone Antiquitatis doctrinam, magnam Veteris ritus Sacrorum et Cere
moniarum cognitionem : euraque in Ennii lectione assideam fuisse observo. Andr. Schot.
i. 11, c. 14 observ. Human.
in Plauto et Lucretio plura, in Varrone et Terentio nonnulla occurrunt obsoleti1, quae
hodie verius pro metallo adorandae rubiginis9ut Juvenalis loqui amat, quam puro putoque
obryzo habenda, nlcumque fuerint id temporis satis elegantia, satis aurea. Olaus Borrich. i o
cogitat. De variis lat. ling. aetat. p. 4
Ejus opera sive potias operam frsymwt o collectore Ausonia Popma, notis illustrata m a t ,
Lugdun. Batmv. in of t eku Christoph. Plantini per Christoph. Raphelengium 1601, in 8.
SAGGIO STORICO 39
393 SOPRA M. TERENZIO VARRONE 3q 4
sotto il consolato di Angusto e di Servio Apnleo Y anno di Roma 721 e volle
esser sepolto all1aso pitagorico in ona olla di terra cotta, facendosi avvolgere in
foglie di mirto, di olivo e di pioppo nero.
E queste sono le poche notizie che intorno a Marco Terenzio Varrone la
storia d somministra.
M . T r i e i i i o V a k b o b *
CATALOGO
DELLE OPERE VARRONI ANE
-------- * # 4 ----------
parato a noi opportuna cosa il raccogliere qui, come a piena trattazione delle
cose appartenenti a Marco Terenzio Varrone* le memorie che delle opere di s
valentuomo in alcun modo ci rimangono, persuasi essere questa la migliore
maniera di render utili le notizie storiche di uno scrittore.
De utilitate sermonis libri i r .
De proprietate scriptorum liber /.
De similitudine verborum Ubri j i .
Popma crede che in quest1opera Varrone patrocinasse il sistema dell1Ana
logia, su del quale nell1opera della Lingua Latina ha sospeso il giudizio, conten
tandosi di allegare quanto pu per Y una parte e per V altra riferirsi. Io osservo
che quando una lingua comincia a fissarsi, sempre avviene che qualche valente
scrittore si dia pensiero di assegnarne i principii. Cos ha (atto, Dante fra noi nel
suo trattato della Eloquenza volgare.
nEPI XAPAKTHPHN libri in .
Popma crede che questa sia l'opera De formulis verborums la quale Varronc
nel libro ix della Lingua Latina promise a Cicerone di scrivere.
De pomatis libri ///.
De gradibus libri . . .
De compositione satyrarum liber /.
De comoediis Plautinis liber /.
Io questa opera imprese Varrone un esame critico sul genio e sullo stile di
Plauto, onde determinare l'autografia delle Commedie del medesimo; ed inerendo
ai principii da lui fissati, tiecise essere di Plauto non sojo le ventuna Commedie
che allora correvano come di quello scrittore, e che sono giunte fino a noi, eccet
tuatane una, ma ancora diverse altre, le quali correvano allora o senza nome , o
con nome di altri. Queste erano 1 Aditus, il Saturio, la Boeotia , V Astraba, il
Colax, la Comicularia, il Condalium, la Frivolaria, il Gastro, il Parasitus piger%
il Phago, il Sinteliturgus.
Plautinarum quaestionum libri //.
Epistolicarum quaestionum libri ir.
Epistolarum libri m i .
Non si sa se in questi fossero comprese, oppure formassero libri a parte Y Epi
stole ad Fabium, ad C. Caesarem, ad Fufium, ad Maruelium, ad Servium Sulpitium%
ad Neronem, alle quali va unita lEpistola Julii Caesaris, e Lucii Atinii a Varrone.
Complexionum libri ri.
Vengono citati da Diomede; ma si dubita che non sia stato esatto nel riferire
questo titolo, non intendendosi come Varrone abbia scritti i sei libri sopra una si
limitata materia, quale questa, in quanto appartiene alla Rettorica.
Disciplinarum libri m i .
Questa era un1opera, nella qaale Varrone accumul quanti lumi possedeva
intorno alla storia e ai principii generali del gusto.
De grammatica liber /.
J)e astrologia liber i.
Di queste due opere fa menzione Cassiodoro.
De arithmetica liber /.
Vetranio Alciato dice che quest opera trovasi manoscritta in Roma. Egli
aveva promesso di pubblicarla, ma poi non lo ha fatto.
De geometria ad M* Coelium Rufum Uber /.
Giovanni Arcerio comunic a Popma un frammento di questo libro scritto
in carattere longobardo e affatto mutilato. Non dispiacer a nostri leggitori che
ne presentiamo loro un passo. Eccolo :
A Casu quae p A nomen habet finis super p montem habent $ sinistra parte
aquam vivam significat p
399 CATALOGO {o
B orientates pflrtes x i B significat
B Casu p B nomen habet, finis grandis habentes ante seyfinis subjacet contra
sextantem runsm significai finis circa se
C Casu quae P C nomen habet fines super se non habentes proximum %>enit in
alia finis fontem habentes subtus flumini A indicat terminum, transit fluoium
transit vias multas, transit limitem ejus p co, transit labacrum significat colles
rigora seqris, etc.
De musica . . . .
Fa menzione di questo trattato di Varronc Claadiano Mamerto vescovo di
Vienna.
De lingua latina.
Fa qaesta un'opera vasta, della qaale rimangono ancora alcani pezzi non
piccoli. Varrone la scrsse sotto la Dittatura di Cesare. Ebbe essa tre parti. La
prima fa di libri vi, e in questi espose come fossero messi i nomi alle cose. La
seconda fa di libri y i parimente, e in essi tratt del come i vocaboli si declinino in
casi. La terza di xu libri, e in essi spieg come le parole bene unite fra di loro riferi
scano un senso. Secondo qaesta esposizione tatta lopera sarebbe stata di xxrv libri ;
il che sembra evidentemente provato dal sapersi 1' argomento di ciascheduno dei
medesimi. per altro opinione degli eruditi che l'opera intera fosse compresa in
x m libri, poich si trova che altri yn furono indirizzati a M. Marcello, i quali
assolutamente non entrano nel numero dei n i v accennati.
Antiquitatum libri xzr.
Ecco un altr opera pi vasta ancora, ma sventuratamente perduta tuttaquanta.
Fa ossa divisa in due volumi. Nel primo tratt delle cose amane, nel secondo delle
divine. Il primo volume fu intitolato Purum humanarum , e contenne xxv libri,
divisi in quattro parti. Nella prima parl degli uomini, nella seconda de' luoghi,
nella terza de1tempi, nella quarta delle cose. Questi furono XXiv in tutto. Ma ne
premise ano a modo di proemio, ove in generale parl di tatta la materia. Ogui
libro poi ebbe il suo titolo particolare, come 1 Xi che fa intitolato dei giorni, e il
xiz della gaerra e della pace.
Il secondo volume fu Rerum dmnarum; e Varrone lo indirizz a Giulio Cesare
allora pontefice massimo. Questo volume comprendeva xvi libri, Y ordine e la
materia dei quali vengonci esposti da s. Agostino. Nei primi tre libri, dice il
vescovo d Ippona, scriss'egli intorno agli uomini, ne* secondi tre deluoghi, negli
{or DELLE OPERE VARRONIANE 4,
altri tre delle cose sacre ; e qui espose chi sieno gli offerenti, ore offeriscano,
quando, e cosa. Ma perch bisognava anche dir a chi offerissero, ed era anzi questo
il capo principale ; perci gli aitimi tre libri consecr egli agli dei. Cosi questi
libri farono quindici. Ma tutti insieme, come dicemmo, sono sedici, ed ecco il
perch. Varrone ne premise ano sai principio, ove parla in compendio di tatte
codeste cose. Se vuoisi poi an pi minato ragguaglio della trattazione Varroniana,
eccolo. Nei tre primi libri appartenenti agli uomini parl de1pontefici, degli aagari
e de* quindecimviri soprantendenti alle cose sacre. Ne9secondi tre relativi ai
luoghi parl delle cappelle, de1templi e di altri luoghi religiosi Ne'tre riguardanti
i tempi, cio le festivit, parl delle ferie, de1giuochi circensi e delle rappresen
tazioni teatrali. Ne1tre susseguenti, che abbracciano le cose sacre, parl delle
consecrazioni, de' sacrifizii privati e dei pubblici. Parl poi degli dei ne1tre ultimi,
distinguendoli in dei certi, in dei incerti, e in dei principali e scelti, n Fin qai
s. Agostino.
Oltre a ci sappiamo che Varrone scrisse quest'opera (mentre temeva che gli dei
de1Romani perissero non per invasioni nemiche, ma per trascuratezza dei cittadini),
onde liberarli da una specie di ruina e repristinarli medianti questi libri nella
memoria degli uomini : con che si lusingava di prestare gran servigio a1suoi
cittadini. E protest sapere ben egli che i Romani erano stati gl inventori del
modo di venerare gli dei ; e che nel culto dei medesimi non aveva egli ascoltato
il suo proprio senso, ma bens seguite le costumanze e le leggi della sua patria.
La quale dichiarazione prova che voleva egli allontanare da s ogni sospetto
d innovazione. Petrarca nella sua lettera a Varrone dice di avere veduta da
giovinetto quest opera, smarrita poi quando era capace di leggerla con profitto.
D cultu Deorum lib. . . .
Augurum libri.........
Non ben noto se queste fossero opere a parte, oppure porzione dell opera
grande che abbiamo annunziata. Macrobio parla della seconda. La prima viene da
alcuni collocata fra i LogistoricL
De gente populi romani libri i r .
In questi Varrone espose 1 origine dei Romani, cominciando dai re di Sidone,
venendo agli Ateniesi, da questi passando ai Latini, e dai Latini ai Romani.
Nei primi due libri comprese tutte le favole della storia precedente la guerra
troiana, facendo capo dal diluvio di Ogige, che si sappone accadato mille trecento
4o3 CATALOGO 4<>4
anni prima della fondazione di Roma. I due ultimi comprendevano la storia troiana,
e le cose dei Latini e de1Romani progressivamente fino al consolato di A. Irzio
e di G. Vibio Pansa cadalo all anno di Roma 711.
D initiis urbis Romae.
Fa menzione di questo libro Qaintiliano. Noi non sappiamo se si debba consi
derare come ona cosa diversa dal precedente.
De vita populi romani Ubri i r ad T. Pomponium Atticum.
Nel primo libro Varrone tratt delle faccende domestiche, dell* antico oso del
rito e delle vecchie discipline necessarie alla vita. Nel secondo tratt del senato,
dei consoli, de* pretori, de censori e d ogni altro magistrato, ed in fine degiuochi
e de1conviti. Nel terzo espose le varie sorte degli ordini militari, i diritti della
paee e della guerra, lo splendor del trionfo e il rito di piangere e di seppellire i
morti 11 quarto ebbe per oggetto le sedizioni, le guerre civili e 1 esterne.
De rebus urbanis libri in .
Di quest opera non abbiamo traccia veruna.
De scaenicis originibus libri i n .
De actionibus scaenicis Ubri r.
probabilissimo che qaesta sia 1 opera dal grammatico Servio citata sotto la
denominazione di Theatrales libri.
De famiUis trojanis ad Libonem lib. . . . .
Non sappiamo in quanti libri fosse distribuita quest1opera, la quale probabil
mente era genealogica.
Annalis, ossia Ephemeris.
Era qaesta un opera, nella quale Varrone parlava degli anni e de' mesi dopo
la riforma del Calendario fatta da G. Cesare. Carisio quegli che ci d il primo
titolo ; Prisciano e Nonio l hanno indicata col secondo.
Tribuum Ub.........
De aestuariis liber 1.
Da Varrone stesso abbiamo notizia di queste due opere.
De Uttoralibus liber 1.
Era quest opera scritta parte in prosa, e parte in versi.
De potis libri 11.
De bibliothecis Ubri //.
* Siamo senza notizie affatto di queste due opere. Si crede che la seconda fosse
4o5 DELLE OPERE VARRONIANE 4o6
scritta da Varronc dopo T incombenza che gli diede Cesare di mettere insieme
doe biblioteche Y una latina, l altra greca.
Tricipitina liber i.
Trattava della cospirazione di Pompeo, di Crasso e d Cesare* Ne parla
Appiano nel libro i delle gaerre civili.
Aetia.
Intitol cosi Varrone quest' opera ad imitazione di Callimaco. Callimaco ayev?
trattato di oscurissime favole tolte dalla pi rimota antichit, e eh' egli diceva
d avere imparate dalle Mose, colle qaali era stato in sogno. Varrone spieg le
cagioni degli antichi riti, specialmente romani.
Admiranda liber h
Servio chiama quest opera Mirabilium. Anche Gcerone scrisse un libro
intitolato Admiranda, qualche volta citato da Plinio.
Poliandria liber /.
In quest1opera Varrone descrisse i sepolcri degli dei e degli eroi, cio, come
dice Arnobio, di qaai tempii sieno coperti, o quali ampie moli vi si sieno innalzate
sopra. Si pretende per da alcuni che quest1opera di Varrone fosse fatta sul
modello del Peplo di Aristotele, in coi oltre aH1indicare i sepolcri e le iscrizioni
fatte sui medesimi, esponeva la genealogia dei priqdpi Anento va ti da Omero, e il
numero delle navi da essi condotte a Troia*
Htbdomadon^ ossia De imaginibus libri j x .
In quest1opera Varrone diede il ritratto di pi di settecento nomini illustri,
ed aggiunse ad ognuno un epigramma. Da quest1opera noi ricaviamo nn singolare
argomento della incisione nota agli antichi, e da Varrone coltivata. Ecco il passo
di Plinio che prova questo fatto. Io lo riferisco in latino, affinch nessuno sospetti :
M. Varr benignissimo invento insertis voluminum suorum fecunditati non nomi
nibus tantum septingentorum illustrium^ sed et aliquo modo imaginibus, non passus
intercidere figuras, aut vetustatem aevi contra homines valere? inventione muneris
etiam diis invidiosus, quando immortalitatem non solum ddit, verum etiam in omnes
terras misit, ut praesentes esse ubique, et claudi possente Varrone scrisse questa
opera di ottanta quattro anni. Allora aveva scritti quattrocento nonanta libri
De vita sua liber /.
Alcuni altri Romani avevano scritto le loro proprie vite prima di Vairone :
fra gli altri P. Rutilio Rufo e Q. Emilio Scaoro. Se questo libro di Varrone non
4<>7 CATALOGO 4o8
si fosse smarrito, noi avremmo delle sue geste assai cose ; laddove pochissime e
staccate notizie ci sono rimaste.
De philosophia liber /.
S. Agostino avefa letta quest* opera di Varrone ; e sappiamo da eso lai che
in essa aveva compilate ed esposte le opinioni delle diverse sette filosofiche, e ne
aveva notate fino a a84. Varrone era della setta degli Stoici.
Deforma philosophiae libri il,
Di quest' opera non abbiamo traccia che da Carisio, il qaale ne fa menzione.
De rerum natura.
Qaintiliano ci attesta che qaesta fa un opera di Varrone scritta in versi, ma
non d dice se il piano di essa fosse diverso da quello di Lacrezio.
HPAKAEIAION.
Cosa fosse questo Eraclidion, di coi fa parola Cicerone nelle lettere ad Attico,
cosa difficile a sapersi. Si crede che fosse an1opera di politica, forse cos intito~
lata, perch in essa aveva imitato Eradide Pontico, il quale aveva scritto della
stessa materia.
Menippea.
Questa fu an1opera satirica parte in prosa, e parte in versi d' ogni metro.
Forse Petronio e Marziano Capella tolsero molto dalla Menippea di Varrone, della
quale ci restano varii frammenti. Ecco i titoli dd diversi pezzi componenti la
Menippea Varroniana :
4<k ) DEjLLE OPERE VARRONIANE 4io
Aborigines.
Agatho.
Age modo.
AAAOS OTT0 2 HPAKAHS.
Andabatae.
Ammon METPI2 .
A N Q p n n o T P r i A .
Armorum judicium.
Bajae.
Bimargus.
Caprinum proelium.
Cave canem.
11. T s a b s x i o V a i 10* *
Columna Herculis.
Cosmotorine.
Cras credo : hodie nihil
Cygnus.
Cynicus.
De Salute.
De officio manti.
412 nAlAES 01 rEPONTES.
Dolium, aut Serta.
Endymion.
E n i T A w n N .
E m TH / *AKH/ MTPON.
3
411 CATALOGO ijia
Est modus Matulae. NOS ATPAS.
ETPEN H AOIIAS TO TMMAj. iu n iA S n A i m o s ,
Eumenides. Parmeno.
Exn SE. nEPI AIPESEHN.
E x demctricus.
HEPI EAESMATX1N.
EXIS nOTE. HEPI ESATXirHS.
Flexibula.
nEPI KEPATNOT.
Gemini'. Plutoriae.
Geruntodidascalus.
Pransus paratus.
m n o i SEATTON. Pseudulus Apollo.
Hecatombe.
Pseudonea.
Hercules tuam fidem.
Quinquatria.
Hercules Socraticus.
Sardi Venales.
Hippocyon.
SKIOMXIA vel KPIOMAXIA.
It/tm Acci quod tibi.
Serranus.
KENOAOSIA nEPI flONOT. Sesquiulisses.
0% Moenia.
Sexagesis.
Logomachia. Synistor.
Longe fugit qui suos fugit.
Syncphebus.
Magnum talentum.
Tanaquil.
Manius.
TA$H MENinnOT.
Marcipor.
Testamentum.
Margopolis.
Tithonus.
Meleager.
TOT nATPOS TO nAIAION.
Modius.
TPIOAITI TPI<MlAlOS.
Mutuum muli scatunt Triphalus.
Mystagogi. Vae victis.
Mysteria. Vinalia.
Nescis quid vesper serus vehat* Virgula divina.
Octogenis.
TAPOKPTON.
Oedipo thfest es.
Logistorici.
Questi furono vani dialoghi, ne1quali tratt di alcune importanti massime di
filosofia, aggiungendo gli esempii di alcuni illustri nomini* coi nomi dei quali
intitol riaschedun dialogo. Eccone Y elenco :
4 >3 DELLE OPERE VARRONIANE 414
Tubero. De origine humana.
Cato. De liberis educandis.
Articulus. De numeris.
Gallus Fundanus. De miris aquarum.
Marius. De fortuna.
MesaUa. De valetudine.
Orestes. De insania.
Pappus. De indigitamentis.
f t w. De pace.
Saserna. De historia.
Laterensis Nepos.
i &aur ar .
IIEPinAOr <&IA020<MA2 Wr* //.
In quest* opera Varrone fece la descrizione di tutt i luoghi e di tutti gli nomini,
dai quali, *o ne' quali rispettivamente fu inventata e coltivata la filosofia.
Prometheus.
Varrone in questo libro ha descritto la formazione dell' uomo immaginata da
Prometeo, raccogliendo ed esponendo con istile poetico quanto di Prometeo si era
detto nelle favole, unendovi, molti fiori filosofici. Tanto la prima di quest' opere,
quanto la seconda sono scritte met in prosa, e met in versi.
Rerum rusticarum libri i n .
Quest' 1' unica opera di Varrone che ci sia giunta poco meno che perfet
tamente intatta. Del merito di questa possono giudicare tutti quelli che la
leggeranno.
A perfetto compimento di questo elenco conviene finalmente notare che esiste
una preziosa raccolta di sentenze comunemente attribuite a Varrone ; ma credono
alcuni eruditi che questa sia I' opera di qualche studioso dei libri Varroniani,
DELL AGRICOLTURA
L I B R I III
CON TRADUZI ONE E NOTE
DI GIAN GIROLAMO PAGANI
P REFAZI ONE
----------------
]M[eoo d quella di Catone gianta a noi sfasciata e rotta l'opera che sulle cose
agrarie scrisse Marco Terenzio Varronc, nomo, se altri v'ebbe mai, in ogni genere
d letteratura coltissimo, e dai contemporanei suoi e dagli scrittori susseguenti di
comune consenso predicato pel pi dotto dei Romani. Della cui dottrina in fatti
sommo argomento si il vasto catalogo delle opere sue, che unito ai brevi prole
gomeni avr riscontrato il lettore curioso.
Trasse Varrone il fondo dell'opera sua dai libri dei Saserna, cittadini romani
dell' agricoltura benemeriti oltre ogni dire, dei quali parla anche Marco Porcio
Catone. Si approfitt delle opere di Magone cartaginese, che correvano allora in
Roma tradotte per pubblica autorit ; ed credibile che il libro di Catone gli
giovasse assai, sia che parlisi della materia che poteva somministrargli, sia che
vogliasi dir dell' esempio. Imperciocch se Marco Porcio Catone, scrittore pro
fondo ed eloquente oratore, dopo una lunga e brillante carriera politica si era
dedicato agli studii della rurale economia ; ben poteva nascere in colto ingegno
ed in valente scrittore, siccome era Varrone, caldo desiderio d1imitare un tanto
nomo. Il che supposto, dobbiamo poi aggiungere che di molto egli avanz nella
prova quanti preceduto lo avevano. Conciossiach pi ordine egli pose nella trat
tazione ; la materia ripul stata fino allora piuttosto aspra e rustica veramente ; e
di tale eleganza e gentilezza la vest, che pot comparire con buona fortuna anche
in mezzo ai molli e schizzignosi Luculli. Sebbene non per questi veramente si
moss egli a scrivere il suo libro, ma per Fundania sua moglie, la quale avendo
acquistato un vasto corpo di terreno lasciato per lo addietro poco meno che
incolto, si rivolse al marito, affinch la istruisse interno al pi& acconcio modo di
trarne buon partito. Vairone sembra essere stato anche in ci buon imitatore di
%
Catone, il qaale il libro suo aveva diana! scritto pel sao figlinolo.
Io non so, se perch appanto scriveva direttamente per Fandania, scegliesse
egli di scrivere l'opera saa m dialogo ; genere di scrivere che fa coltivato in qaei
di anche da Cicerone, e che pi di ogai altro dimostra lo spirito dell' autore, e il
grado di coltura, che al suo tempo la sua nazione distingue. Siccome poi a Var
rone piaceva il grecizzare ; cos di molte maniere greche riemp codesti saoi
dialoghi, e di molti provrbii li sparse, e interlocutori introdusse mirabilmente
opportuni. Che se da codesto sao grecizzar frequente si volesse per avventura
argomentare che alquanto pi all' ingegno suo don, di quello che acconsentisse
la circostanza ; ben resta ogni dubbio sciolto, considerandosi che Fundania era
donna de' greci stadii pratica, e conoscitrice perfetta de' greci autori ; perciocch
se tale non fosse stata, non le avrebbe Varrone suggerito che a' greci agronomi
essa ricorresse, ove morto lui, che allora agli ottant' anni dell' eli sua era gianto,
alcana cosa le abbisognasse sapere o intendere. Per la qual cosa nel preambolo
stesso del libro una lunga enumerazione le fa dei greci letterati che scrissero
intorno all' agricoltura.
Noi pochi esempii abbiamo di dotti nomini dalle mogli loro pregati a scrivere;
e tfiuno certamente di quelli che dalla moglie sieno pregati a scrivere di cose di
agricoltura. 11 che, quanta sia la differenza del secol nostro da quello di Varrone,
facilmente dimostra.
Ma parlando ancora alcun poco dello stile Varroniano, pare a me che questo
ne sia singolarmente il carattere, eh' esso diletta colle frequenti metafore e colle
inaeri te allusioni a storie e favole, delle quali Varrone era eruditissimamente sta
dioso, siccome dagli avanzi delle altre opere sue apertamente si vede. Se non che
a me sembra che duretto alquanto sia egli nell' andamento suo e nelle sue parole,
e che astniso riesca qualche non rara volta ne' suoi fraseggi. Le quali cose non
debbono sorprendere alcuno, sol che si voglia considerare, che siccome quando
Varrone cominci a scrivere, la prosa latina non aveva ancora nn perfetto mo
dello ; cos nel crearsi egli ano stile, non poteva nascondere affatto le tracce dei
saoi sforzi. E tanto pia resteremo di ci persuasi, se per avventura avvenga che
la copia delle aae idee si trovi in contrasto colla ristrettezza di ana lingua, non
ricca per anche di quella lussureggiante pompa di fraseggi e di giri, che conda-
4a3 P R E F A Z I O N E 44
cendola a perfzione, k danno poi i sasseguenti scrittori. Che se i nostri amichi
Toscani, per paragonar cosa a cosa, vengono da noi trovati ordinariamente chiari
nella loro didtara ( il che io affermare} essere il loro distintivo pregio ), d non
viene al certo dall'essere stati aomini di profonda dottrina, parlando almeno dd
pio, o dall1avere trattato i primi astrosa materia di arti o di sdenze.
Abbiamo detto di sopra che Y opera di Varrone gianta a noi meno sfasdata
e rotta di quella che di Catone d rimane. Egli danqae da avvertire che hannovi
in essa aleoni laoghi, ove apparisce la stroggitrce mano del tempo. I dotti com
mentatori, per empio, non tntlasdarono di accennarli ; e noi senza tessere qai
una generale rivista del testo, ricorderemo nn passo del libro i, gi a sao tempo
indicato, e ricorderemo pare il fine ddl opera, che non oggi tale, qoal con
ragione presumiamo essersi da Varrone scritto. Oltre di che sappiasi che Plinio
loda nn passo di Varrone certissimamente attinente all opera agraria che qai
prodadamo ; il qual passo nc* libri Varroniani che d restano, in modo alcuno
non trovasi (*).
Ma fortunatissimo stato Varrone in quanto molti illustri e dotti aomini ha
avuti diligentissimi in purgarne i vecchi codia, in rettificarne le lezioni, e in
accondarne ogni pi piccola parte. Primo fra tatti vuoisi qui nominare Vittorio,
il quale consultando e confrontando codici antichissimi, molti laoghi del nostro
autore accuratamente corresse ; nel che fare discrezione molta d mostr, e fu
sobrio assaissimo, ed oltremodo cauto ; cosicch poche novit introdusse, e queste
soltanto da forti appoggi sostenute. Condannasi Giuseppe Scaligero di arditezza
soverchia e di predpitazione, come quegli che troppo concedette alle congetture.
Nondimeno di Varrone fu assai benemerito ; e le sue note danno prova singolare
dello stadio profondo che fece sopra questo scrittore. Condannasi eziandio Ursino,
perch pi sollerto apparve in levare, che in aggiungere al testo ; ma certa cosa
che molto agevol anch1egli Y intelligenza di Varrone, e che si serv di buoni
codia. E gli eruditi non cessano di fargli onore, singolarmente per un certo passo,
il quale verr indicato a suo luogo, e che da codesto repristinatore Varroniano
dobbiamo noi assolatamente riconoscere. Ma che dir di Ausonio Popma di tutte
4aS F R . E F A Z I O N E 4a6
(*) 11 patto, del quale parliamo, viene da Plinio riportato cos ; Farro auctor est, si fidi
culae occasu quod est initium auctumni, uva picta consecretur inter vites, minus nocere
tempestates.
M. Teai bki o V a e r o s i \
P a E F A Z I O N B 428
le Varroniane opere e di tatti i (rammenti raccoglitore laboriosissimo, e bene
merito illastratore di qaesta che pubblichiamo qai tradotta ? Ella per certo
amara cosa che le note di Popma sieno state s malamente stampate, che, come
a Gesnero accadato, pia fatica barri a riattar quelle, che lo stesso testo Varro
niano. A tatti poi va innanzi, cred io, il valentissimo nostro Pontedera, uomo
per ogni maniera di dottrina filologica ornatissimo, che tutti ha sovranamente
illustrati e schiariti i passi difficili, intorno ai quali con incerta fortuna si erano
applicati gli altri commentatori : e dove la lunga et e 1 ignoranza degli antichi
copisti aveva corrotto il testo, con acuta rettificazione ha restituito e senso e luce;
talch se Varrone oggi s intende, a Pontedera se ne debbe la lode. Noi non pos
siamo pretendere di venire a competenza con aomini s illustri. Con tatto ci, se
le combinazioni ci hanno portati nel medesimo campo, e se siamo divenati, dir
cos, i successori loro nello stadio e nel colto de1Rustici Latini ; a qualche parte
di gloria possiamo senza temerit anche noi aspirare, massimamente sapendosi
che s ampia la messe, che molto ancora rimane in che adoperarsi.
Ed ecco ci che intorno a quest1opera abbiamo creduto di dovere accennare,
persuasi che inopportuno sia quanto potrebbesi aggiungere, perch ai nostri leggitori
appartiene il vedere quei pia che qai tralasciamo di dire iutorno alla medesima.
Se non che alla perfetta intelligenza dell' opera di Varrone pu giovare, io
credo, un breve saggio dello stato dell agricoltura presso i Romani dalla fonda
zione della loro citt fino al tempo nel quale egli scrisse. Al quale uopo io mi
sono proposto di dirne qui in breve le cose pi importanti.
Furono i Romani fino dal loro principio agricoltori; e n chiarissima la
ragione, perciocch non avevano essi altro capo d industria, da cui trarre costan
temente e sicuramente la loro sussistenza; ed io credo che meno per amor di bot
tino, che per una speculazione di economia profonda facessero le loro prime guerre;
cio per ottenere de terreni migliori dei loro e pi ampii. Del rimanente avevano
legata 1 agricoltura colla religione ; ed avevano un collegio di sacerdoti chiamati
Arvali che offerivano le primizie agli dei, e ne chiedevano abbondanti raccolte. Era
in tanta estimazione questo sacro ministero , che morto uno di que1sacerdoti al
tempo di Romolo, egli volle arrogarsene il posto : e d allora in poi non pot
essere uno degli Arvali, se non chi provasse nobilt insigne di nascita.
Le frequenti guerre che Romolo fece, pregiudicarono forse ai progressi del-
1 agricoltura ; ma ben presto venne per quest arte salutare un pi propizio tempo.
quando afi al trono il pacifico Nomi. Egli infatti in pia maniere Y anim e
I1onor ; e se la vita pubblica di quel re osserviamo, parr facilmente che del-
T agricoltura piucch d1altra cosa egli si occupasse. Anche Marzio segu le orme
di Numa Pompilio ; ed era solito a raccomandare al suo popolo il rispetto alla
religione e alla coltura dei terreni e del bestiame. Allora non conoscevasi altra
ricchezza che quella, la quale procedeva dal frutto della terra ; e la porzione pi
nobile, pi potente, e pi rispettabile del popolo romaoo era nelle trib rustiche,
ale a dire ne1coltivatori. Essi erano la parte pi numerosa del senato ; essi
coprivano le pi eminenti cariche della repubblica ; generali e dittatori si traevano
da esse. Dopo la presa di Cartagine e la conquista della Macedonia e della Grecia,
il lusso entr in Roma, e ne scacci Y amore della fatica, la frugalit, la modera*
zione ; n 1*agricoltura fu pi bella, che nei libri.
Eccoci ai tempi di Varrone. celebre il rimprovero che veggiamo fatto da
un senatore ad Appio Claudio, il quale distinguevasi per la magnificenza introdotta
nelle sue case di campagna. Mostrando quel senatore ad Appio la rustica sua
abitazione, gli disse : Qui tu non vedi n quadri, n statue, n intarsiature, n
terrazzi a musaico, n tavolati a rimesso ; ma ci vedi bene quanto fa d uopo al
lavoro delle terre, alla coltura delle vigne, e al nutrimento del bestiame. In casa
tua tutto splende d oro, d* argento, di marmo ; ma niun vestigio vedesi di terre a
frutto ; n in parte alcuna incontransi buoi, o vacche, o pecore ; non fieno nelle
cascine, non nelle cantine gl indizii della vendemmia, non quelli delle raccolte
ne1granai. Come puoi tu dunque chiamare la tua una casa di campagna ? e in che
si rassomiglia a quella che possedevano tuo nonno e tuo bisnonno ?
Si vede che codesto senatore aveva bisogno di fare un gran passo indietro per
ritrovare fiorente l'agricoltura romana. Laonde convien dire che i libri di Varrone
intorno ad essa non sieno gi la prova degli usi della nazione, ma siwero di quei
pochi Romani che o 1 et, o la mala fortuna condannava nelle campagne. E forse
perci Catone e Varrone non si applicarono allo studio dell1agricoltura, se non
finita la carriera politica, e vecchissimi.
Checch ne sia, certo egli per, che provano vigente un ragionato sistema
di agricoltura ; e provano che il lusso e l1ambizione non avevano distaccati i
primarii uomini della repubblica dalla campagna, a segno che avessero peritata
ogni traccia del mestiere de1padri loro.
Ed ecco, dir cos, il prologo, dopo il quale ognuno pu mettersi ad ascoltar!
4>9 P R E F A Z I O N E
F interessante commedia che Varrone ci presenta ; giacch otia specte di com
media, per giustificare la metafora osata, pu dirsi che sia il dialogo scrtto da lai.
Io ho pensato che di alcon lame alla piena intelligenza di Yarrone esser possa
ona dissertazione del signor de la Lande intorno ai tempi, de* quali parla il nostro
autore. Se questa non ci mette a portata di rettificarlo, ove per noi resta tuttavia
oscuro, perch Y antica astronomia era assai difettosa ; al certo serviri a darci
de* lumi intorno a quanto egli accenna circa il nascere e il tramontare delle
costellazioni, alle quali egli e gli agronomi antichi riportavano le faccende della
campagna.
Di ci che intorno alla famosa uccelliera di Yarrone potrebbe dirsi, parlerassi
opportunamente, ove quella elegante composizione si pubblicher. Godi intanto,
lettor benigno, di quello che ti si presenta oggi ; ed incontrandoti in cosa, la quale
ti paia meno acconcia, abbi io considerazione, che se Y illustrare i Rustici Latini
fu grave opera pe pi valenti filologi d'Europa, opera gravissima e laboriosissima
era poi il volgarizzarli. Per la qual cosa applauso ed incoraggiamento, anzi che
riprensione ci si debbe, comunque possiamo noi essere imperfettamente riusciti
nel disegpo nostro. Ed abbi a mente soprattutto che ne" difficilissimi lavori il
tentativo solo gran merito. Poi vivi felice.
$3i P R E F A Z I O N E
SPECCHI O
DELLE MISURE, DEI PESI E DELLE MONETE ROMANE
COLLE LORO VALUTE ATTUALI
-------- * # 4 --------
A . c p . Secondo il Usto di Yarrone, questo era
il nome che i Lilioi davano all'acUti quadra
tus. Veggenti to di ci le nottre annoUiioni
el capitolo x del libro i di Varrone.
AcTut qu a d u t d . questa osa mitora della t o-
perfide. Cento Tenti piedi di larghezza ed al
trettanti di longbezza formano l1actus qua
dratus ( Vedi Pia in Catone ). Si chiamare
quadratus per dutiogoerlo dVactussimplex,
chiamato da Columella nel libro t , capitolo i
mimimus, il quale non he che quattro piedi
di larghezza e cento Tenti di luoghezxa. Plinio
nel libro x t i i i , capitolo n i non fa alcuna dif
ferenza tra queati due actus ; ma dice che
l ' actus generalmente lo tpazio che due booi
posto no laTorare in no tolo tratto. Cotale defi
nizione pu effettivamente applioarti tanto al-
I actus quadratus, quanto al simplex, te
non ti ha in Titta che la loro lunghezza, la
quale la ttetta s nell' uno che nell1altro.
Ao t i o e a . Veggasi qaesta parola in Catone trat
tandoti t di un1anfora di qualtTOglie capa
cit.
At ( Vedi Ncnuut in Catone ). Varrone non a
torto ha detto, che avanti la prima guerra pu
nica pesava dugento ollaolollo scripula, per
ch petava una libbra, o dodici once: ogui
oncia era di vntiquattro scripula.
Bipalmis. Quetla parola nasce da bis, due volte,
e da palmus. Esso aveva la lunghezza di due
palmi ( Vedi Palmus in Catone).
Bipxoalis ( Veggati Catone a quella voce ).
C l a m a , Mitora di superficie, oot chiamata
dalla parola centum, cento, perch contenCTa
cento haeredia ( Vedi HaeeediomJ. E quetla
una superficie quadrata, di cui ogouno dei
lati aveva duemila quattrocento piedi di lun
ghezza ( Vedi Pat in Catone); per conseguen
za comprendeva dugento iugeri (VediJuoa-
aum in Catone), perch I1hatredium era di
due iugeri.
CoHGict ( Veggati quetta voce in Catone).
Cuarrut. Quetta misura di dittanza era presa
aopra la lunghezza ordinaria del braccio del-
V uomo, cominciando dal gomito, e terminan
do all1apice del dito di mezzo : ai valutava un
piede e mezzo ( Vedi Pxt in Catone ).
De b a e iu s (Veggasi la parola Nu mmus in Catone).
Dig it u s (Vedi parimente questa voce in Catone).
Dodeam. Si prende da Varrone per tre quarti
di un piede : ad esso si applicavano le divisioni
della libbra in uncia, sextans, etc, in quelle
guisa che qaeate ti applicavano a qualunque
cosa che fotte lutceltibile di misura, o di divi
sone (Veggasi Liaaa e Poh d o in Catone).
Ha e e k d i u m. Misura di superficie cos chiamata,
perch quest1era la quantit di terra stala di
stribuita da Romolo a ciascun cittadino: que
tta doveva pattare agli eredi, ed era il doppio
del iugero ; per conseguenza conteneva 57,600
piedi quadrali ( Vedi Ju g e a u m in Catone ). t
J u g b a u m. Quest1era la misura adottata dai Ro
mani e in tutto il Lazio. Saterna pretendeva
che per larorar cento iugeri di terra ballasse
<35 SPECCHIO DELLE MISURE, DEI PESI, EC. 436
nn paio di buoi, e che an solo uomo potesse
in quittro giorni lavorare no iogero di terra,
ma in un paese piano. Per seminare on iogero
d1 erba medica bastata nn sesquimodius di
semenza ( reggasi Se s q u imo d iu s ), quando che
bisognavano comunemente quattro modii di
fava, cinqoe di biada, sei d orio, e dieci di
formeoto ( Vedi Mo d i c i ). Un iogero si poteva
mieterlo iu un giorno di lavoro. Dal libro iu,
capitolo li si pn concl udere cbe un ingero
produceva cencinquanta sestertii di rendila
(Vedi Sb s t b b t i u s ). Ai tempi di Varrone un
parco di quaranta iugeri era considerabilissi-
n o ; ed il pi grande, di cui siasi fatta men
zione, era quello di Ortensio, il quale ne con
teneva ciuquanW.
J u g u m. Misura di superficie. Quest1 quello spa
zio di terra, che possono lavorare in un giorno
due buoi insieme aggiogati: quest' era la mi
sura di terra adottata nella Spagna ulteriore.
Gli Avergnati danno anche oggid il nome di
giogo a una pari estensione di terreno.
L a pi s . Misura di distanze. C. Gracco aveva or
dinato cbe tolte le grandi strade, le qnali par
tivano da Roma, fossero marcate di mille passi
in mille passi da una pietra, sopra la quale si
colpisse la cifra indicante il nnmero dei passi
cbe si erano percorsi; e quindi la voce lapis si
prendeva per uno spazio di mille passi ( Vedi
P a s s u s ).
Mo d iu s ( Veggati questa parola io Catone). Da
quanto dice Varrone nel libro i, capitolo xxiv
t i pu valutare qual fosse la forza motrice del
torehio a olio dei Romani, perch in uoa sola
stretta si dovevano avere censessanta, o alme
no centoventi modii d1olio. Per seminare on
iogero di terra bisognavano quattro modii di
fava, cinque di biada, sei d1orzo, e dieci di
formeoto (Vedi J u g e b u m). Gli antichi per far
s, che le biade si conservassero sane lunga
mente, bagnavano mille modii all1incirca di
biade con nn quadrantal di morchia (Veggati
Q u a d b a h t a l ).
Nu mmu s . Per nummus debbesi intendere sester
tius nummus ( Vedi Se s t e e t i u s ).
P a l ma b i s , cio della lunghezza di un palmus
( Vedi Pa l mu s ).
P a l mipe d a l is , cio della lunghezza di un piede
e di on palmo ( Veggaoti P bs e P a l u d i ).
P a l mu s (Vedi questa parola in Catoo).
P a s s u s . Columella dice nel libro v, capitolo i che
la misura degl1intervalli di tal nome aveva
cinque piedi di lunghezza ( Vedi Pxs); perci
colai parola molto differente dal sostantivo
passus, preso per lo spazio che trovasi tra due
piedi, allora che si cammina, essendoch que
sto spazio comune non che di due piedi e
mezzo, quando ilpassus%del quale qui si t r at t a,
il doppio di questo spazio. Deriva dunqao
dall1aggettivo passus che Tuoi dire esteso,
perch suppone essere questa la lunghezza
prodotta dalle braccia e dalle mani distese.
P e d a l is ( Veggasi questa parola in Catone ).
Pe s ( Vedi parimente questa parola in Catone ).
P o n d o ( Vedi questa parola in Catone ).
Q u a d e a u s . Si prende pel quarto del sextarius,
cui applicavano le comoni divisiooi della lib
bra io u/icia, sextans, etc. (Vedi Lib b a e P o b
d o in Catone). Qoello costituiva parmenle il
valore di tre cyathi^ perch il sextarius ne
conteneva dodici ( Vedi Sb x t a b iu s e Cy a t h u s
in Catone.
Q u a d e a h t a l ( Vedi quetta voce in Catooe ). Si
versava un quadrantal di morchia sopra
mille moggia all incirca di biada, onde questa
divenisse atta a conservarsi lungamente ( Vedi
Mo d iu s ).
Sa l t u s . Quetta parola, la quale ti usava quando
traltavasi di terre eh1erano state pubblicamen
te divise tra i cittadini, si prendeva pel valore
di qoattro centuriae unite insieme con due
altre di faccia ( Vedi Ce b t u b i a ).
Sc e i pu l u m. Quest1era nna vigesimaquarta parte
dell1oncia. Or perch Pax, la libbra e il ingero
ti dividevano tutti egualmente in dodici onoe
( vedi Lib e a e P o n d o in Catooe ), tanto nell'a/,
quando pesava nna libbra, qnaoto net iugero
si trovavano dugento ottantotto scripula;
quindi il iugero conteneva ventottomila otto
cento piedi quadrati di superficie, e il tuo
scripulum era uguale a dieci piedi tanto in
lunghezza, quanto in larghezza.
Se mipe s (Vedi qneila parola in Catone).
Semis , vale a dire sei once, o la met dell ax
( Vedi As).
Se mo d iu s ( Vedi questa parola in Catone).
Se s q u i mo d iu s . Parola composta di sesqui e mo
dius. Staodo al significato della voce sesqui
( vedi Se s q il ib e a in Catone), bisogna dire che
tal misura conteneva un modius e mezzo
( Vedi Mo d i u s ). Era mestieri un sesquimodius
di grano di erba medica per seminare un iu
gero di terra ( Vedi J d g e e u m ).
Se s q u i pe s ( Vedi questa parola in Catone ).
Se s t e e t i u s (Vedi questa parola in Catone). Al
cuna volta i Romaoi sopprimevano la parola
sestertius, e ne esprimevano soltanto la quan
tit : quando poi si servivano di un avverbio
per esprimere un certo numero di sestertii,
sottintendevano sempre il numero di cento*
mila aggiunto a questo avterbio : cos il qua
dragies del libro ni, capitolo x v i i signifioa
437
SPECCHIO DELLE MISURE DEI PESI, EC. 438
quaranta folte c e r c h il a sestertii, o t vc t o
quattro milioni di sestertii.
Sextabi. Queat' il tetto del iogero ( Tedi Juoi-
i c a ) , coi ai tfdattaT* la diritione ricevuta
della libbra io ancia, seaHant^ eie. (Vedi
Libba e Povno in Catone ).
Tebcbi abl ab (vites). Viti che produceTano t r e
cento amphorae di Tino, o quindici cullei
( Vedi Cu l l e u i e Amf h o ba ).
TmiMDAut. lo tetto del tripedaneus di Ca
tone, o t c ?edi queat1ultima parola.
Vaatut. Era ona mitora di terre adottata dagli
abitanti della Campaoia. Etaa oonteoeTa eento
piedi tanto in longhezxa, qoanto in larghexsa,
e per conseguenza era di diecimila piedi qua
drati ( Vedi Psa in Catone ).
UaciA. Qoetl la dodiceaima parte del iogero
( t edi Jugebum )v al qoale ti adattaTa la rice-
yot a diTitione della li bbra in uneia9 sextans%
eie,( Vedi Luba e Povoo in Catone ).
M. TERENTII VARRONIS
D E R E R U S T I C A
LIBER PRIMUS
--------------------- ------------------------------------
CAPUT I
G b a b o t L t u i q u i d i b j m o s t i c a s c * i m e u h t .
Otium ii e n t n consecuto*, Fondini*, oommo-
dius tibi baco scriberem, quae none, ot potero,
exponam, cogitans eite properandum, quod ( ot
dicitor ) fi est homo bulla, eo magii senex : annoi
enim octogeaimos admonet me, u| sarrioas colli
gam ante qaam proficiscar e vita. Quare, quo
niam emisti fundum, qoem bene colendo fructuo
sum conficere velis, meque ot id mihi habeam
curare roges, experiar ; et non solum, ut ipse
quoad vivam, quid fieri oporteat ot te moneam,
sed etiam post mortem. Neque patiar Sibyllam
noQ solum cecinisse, qoae, dnm viveret, prodes
sent hominibus, sed etiam qoae cum perisset ipsa,
et id etiam ignotissimis quoque hominites; ad
cujus libros tot anois post publice solemus redi
re, cum desideramos quid faciendam sit nobis ex
liquo portento : me, ne dnm vivo quidem, neces
sariis meis quod prosit facere. Quo circa scribam
tibi tres libros indices, ad quos revertare, si qua
m re qoaeres, quemadmodum quidqae te in co-
leodo oporlnl hcere.
M. Ti u k n V i i a o i i
CAPITOLO I
A dtoxi G ebci * L atihi, c h * solissimo
DX AGIICOLTUIA.
I o t insegnerei, Fandania (i), ose migliori (a),
se avessi tempo di scrivertele eoo cmodo (3) 9
le qnali al presente le esporr in q'oella guisa
che mi $a possibile, ben permaso ohe mi me
stieri affrettarmi, essendoch ( come si dice ), se
P oomo una bolla, molto pi la l'uomo vec
chio: di fatti V anno ottantesimo di mia eia (4)
pur troppo mi avverte di piegare il fardello,
avanti che esca di vita. Laonde poich to hai
comprato on fondo di terra, che vuoi rendere
fruttifero per mezzo di una buooa coltura; e
perch mi preghi eh1io voglia assumere la cor*
di renderti istrutta so di ci (5), ecco che io mi
accingo : e non solo ti mostrer quello che con
verr che to faccia fino che io viva (6), ma ancora
dopo la mia morte : n laseer di non imitar la
Sibilla (7), la quale predisse oon solo quelle cose
cbe sarebbero state utili ai suoi contemporanei,
ma aocora quelle che fossero per esser tali ai sooi
posteri, quantunque da lei non conosciuti. Ai
quali libri antichissimi noi siamo soliti tuttora
ricorrere in nome della repubblica, quando de
sideriamo di sapere quello cbe da noi da farsi
443
U. TERENTII VARRONIS
4 4
Et quoniam ( ni ajont ) dei facientes adju
vant, prius invocabo eos: ftec, ut Homerus et
Ennius, Musas, aed 111 deos consertis: neque
tamen eos urbanos, quorum imagines ad forum
auratHe stant, sex mares, et foeminae totidem,
sed illos xii deos, qui maxime agricolarum du
ces sant. Primum, qui omnes fructus agricul
turae coelo et terra continent, Jovem et Tellu
rem: itaque quod ii parentes magni dicuntur,
Joppiler, pater appellator, Tellus, terra mater.
Secundo Solem et Lunam, quorum tempora
observantur, cum quaedam seruntur et condun
tur. Tertio Cererem et Liberum, qnod borum
frnctus maxime necessarii ad victum : ab bis enim
cibus et potio venit e fundo. Quarto Robigum ac
Floram, quibus propitiis, neque rubigo frumenta
atqne arbores corrumpit, neque non tempestive
florent: itaque publicae Robigo feriae robigalia ;
Florae ludi floralia instituti. Item adveneror
Minervam et Venerem, quarum unius procuratio
oliveti, alterius hortorum | quo n mu ine rustica
vinalia instituta. Nec non etiam precor Lympham,
ac Bonum Eventum, quoniam sine aqua omnis
arida afa misera aJjrcoTlura, siu successu ac bono
eventu, frustratio est, non coltura, lis igitur deis
ad venerationem advocatis, ego referam sermone
ep#v qoos de egrioultora habaiaius nuper, ex
quibus,quid te lacere oporteat, animadvertere po
teris* in queis quae non inerunt et quaeres, indi
cabo a qoibua scriptoribus reperiti et grtecis, et
nostris.
Qui graece scripserunt dispersim, alius de
alia re, sunt pias quinquaginta. Hi sunt, quos
tu habere iu consilio poteris, cum quid consulere
voles, Hieron Siculus, et Attalus Philometor : de j
philosophis, Democritus physicus, Xenophon I
dopo la comparsa di qu*Uhe prodigio. I o n o n
soffrir che si dica, che solamente fino a t a n t o
che io souo vissuto sia stato utile ainniei f a mi l i a
ri (8). Laonde ti scriver ' tre libri, quai s o m m a -
rii, ai quali potrai ricorrere ogniqualvolta c e r
cherai di sapere quello ohe ti cenvenga ure n e l l a
coltivazione.
E poich, come si dice, gli dei aiutano q u e l l i
cbe a loro s'indirizzano (9), perci mi f a r
dall1invocarli : n pregher di aiuto le Mose (xo) ,
come fece Omero (11) ed Ennio (ia), ma i do
dici dei consiglieri (13). Non tuttavia m i a
intenzione d invocar que' dodici dei, sei ma
schi e sei femmine (i4) le cui immagini dor ata
i veggono nella pubblica piazza ; ma que' dodici
dei, che presiedono in ispezial guisa sopra gli
agricoltori. Primieramente invocher Giove ( i 5)
e la Terra (16), nelle mani dei quali sta s in cielo,
che in terra ogni frutto dell'agricoltura (17), e
perch questi due si chiamano i gran padri (chia
mandosi Giove il padre, e la Terra la madre ) ( 18).
In secondo luogo invocher il Sole e la Luna, i
cui giri si osservano non solo allora cbe ai semi
nino alcune cose, ma ancora quando si raccolgo
no. In terzo luogo chiamer in mio aiuto Cere*
re (19) e Bacco (ao), perch i frutti, che questi ca
regalano, sono assolutamente necessarii alia vita ;
o perch in grazia di questi dei la terra produce
il cibo e la bevanda. In quarto luogo drizzer le
mie preghiere alle dee Robigine (ai) e Flora (12),
onde merc il loro padroci io le biade e gli alberi
sieno preservati dalla robigine, e i fiori non com
pariscano prima del tempo. Per la guai cosa furo
no instituite in onore di Kobigihe le pubbliche
feste robigali (a3), e a onor di Flora ' io iti Coi
rono i giuochi florali (a4). Invocher, altrea
Minerva (a5) e Venere (a6), una delle quali ha la
sopranteadenza all oliveto, e 1 altra agli orti, in
onor delle qual i furono instituite le feste rustiche
vinse (27). N mancher dal non pregare aocora
la Linfa (28) e il Buon Successo (29), poich sfeza
acqua ogni genere di c1iura riesce arido e mi
serabile; e senza una felice riuscita e un buon
successo, ogni coltivazione opera perduta. Invo
cati adunque questi dei con tuttala venerazione,
riferir quei discorsi che poco fa abbiamo teouti
sul l1 agricoltura, dai quali potrai raccogliere
quanto ti sar mestieri di fare : e se avviene che
in questi non ritrovi quello cbe tu cerchi, t*indi
cher da quali autori greci e latini (3o) potrai
trarre quei lumi che chiedi (3 i).
Sono oltre cinquanta quelli che hanno scritto
in greco ; e chi di nna cosa, e chi d un' altra.
Questi sono quelli che tu all'uopo potrai consul
tare: Jerone di Sicilia (3a) e Aitalo Filometore (33) :
tra i filosofi il fisico Democrito (34), il socratioo
aoera tieni, Aristoteles et Teophrastos peripate
tici, Archytas pythagoreas; itera Amphilochus
Atheniensis, Anaxipolis Thasias, Apollodoro#
Lemnius, Aristophanes Mfleotes, Antigonus Cy
maeos, Agatocles Chios, Apollonius Pergamenus,
Aristandrus Atheniensis, Bacchius Milesios, Bion
Soleus, Chaeresteus et Chaereas Athenienses,
Diodorus Priennaeus, Dion Colophonius, Dio*
phanes Nicensis, Epigenes Rhodi as, Evagon
Tbasim, Euphranii duo, unus Atheniensis, alter
Amphipolites , Hegesias Maronites, Menandri
duo, unus Priennaeus, alter Heracleotes, Nice-
aius Maronites, Pythion Rhodias. De reliquis,
quorum quae fuerit patria non accepi, sunt An-
drotion, Aeschrion, Aristomencs, Athenagoras,
Crates, Dadis, Dionysius, Euphiton, Euphorion,
Eu bol uj , Lysimachus, Mnaseas, Menestratus,
Pleuthiphanes, Persis, Theophilus. Ii, quos dixi,
ouones soluta oratione scripserunt ; easdem res
etiam quidam versibus, ut Hesiodus Ascraeus,
Menecrates Ephesius. Hos nobilitate Mago Car
thaginiensis praeteriit poenica lingua, quod res
dispersas comprehendit libris xxvm,quos Cassius
Dionysias Uticensis vertit libris x x , ac graeca
lingua Sextilio praetori misit: in quae volumina
de graecis libris eorum, quos dixi, adjecit non
pauca>et de Magonis dempsit instar librorum vm.
Hosce ipsos utiliter ad vi libros redegit Diopba-
nes in Bithynia, et misit Dejotaro regi.
445
Quo brevius de ea re conor tribus libris expo
nere, uno de agricultura, altero de re pecuaria,
tertio de villaticis pastionibus; hoc libro circumcisis
rebus, quae noo arbitror pertinere ad agricoltu-
ram. Itaque prius ostendam, quae secerni oporteat
ab ea; tum de his rebus dicam, sequens naturales
divisiones. Ea erunt ex radicibus trinis, et quae
ipse in meis fundis colendo animadverti, et quae
legi, et quae a peritis audii.
-----
CAPUT II
QuAB DISJDIfOEHDA SDUT AB AGBfCULTUBA.
Sementivis feriis in aedem Telluris veneram
rogatus ab aedi timo, ut dicere didicimus a patri
bus nostris ; ut corrigimur a recentibus urbanis.
Senofonte (35), i peripatetici Aristotele (86) eTeo-
frasto (37), il pitagorico Archila (38), come pure
l'Ateniese Anfiloco (3g), Anasipoli di Taso, Apollo-
doro di Stalimene, Aristofane di Mallo (4o), Anti
gono di Foia naova (4 0 , Agatocledi Scio, Apollo
nio di Pergamo, Aristandro di Atene, Bacchio di
Mileto, Bione di i lesoli, Cheresleo e Cherea di
A tene, Diodoro di Palazia, Dione di Altabosco, Dio*
fan di Nicea (4a)t Epigene di Rodi (43), Evagone
di Taso, i due Eufranii, uno Ateniese e l'altro di
Antiboli, Egesia di Marogna (44), i due Menan
dri, uno di Palazia e l ' al t r o di Eraclea, Njcesio di
Marogna, Pizione di Rodi. Gli altri, dei quali non
so la patria, sono Androzione (45), Eserione (46),
Aristomene, Atenagora, Crate, Dadis, Dionisio,
Eufitone, Euforione (47), Eubolo, Lisimaco (48),
Mnasea ^ 9)i Meneatrato, P leu tifane, Persi, Teo
filo. Tutti questi, che ho nominati, hanno scritto
in prosa. Altri hanno pure trattato le medesime
cose, ma in verso, come Esiodo d' As cr a( 5o) e
Menecrate di Efeso. Magone Cartaginese (5i) ha
superato tutti gli anzidetti nella fama, per aver
ridotto a ventotto libri, scritti in lingua punica,
quanto erasi detto avanti di loi : i quali libri
sono stati tradotti in greco e ridotti a venti libri
da Cassio Dionisio d' Utioa, e da questo poi spe
dili al pretore (52) Sestilio. In questi volumi vi si
trovano aggiunte uon poche cose estratte dai libri
greci di quelli che teste ho nominati, e dall' ope
ra di Magone lev via quanto agguaglia otto libri.
Diofane di Bilinia ha ridotto utilmente (53) a sei
questi stessi libri, e gli spedi al re Deiotaro (54).
Laonde per esser pi breve sul medesimo argo
mento, mi sforzer di esporlo in tre libri : il pri
mo de quali tratter sopra l ' agricoltura, il se-
coudo verser sol bestiame, e il terzo si aggirer
sui pascoli villerecci. In questo primo libro omet
ter quanto io credo che non appartenga alPagri
coli ara (55). Pertanto mostrer primieramente
quanto d ' uopo segregar dall* agricoltura, del
quale poi ne parler altrove, seguendo le divisio
ni le pi naturali. Tutto quello che io dir, o
sar dedotto da quanto io medesimo ho osservato
nel coltivar le mie terre, o sar il risultato di
quello che ho letto, o di quanto ho adito dagli
uomini periti.
---- ----
CAPITOLO n
Q u a l i c o s e sono d a s b p a b a b s i d a l l ' a g b t c o l t u b a .
Nelle feste delle sementi () entrai nel tempio
della Terra, cos pregato dal sagrestano, che i
nostri padri ci hanno insegnato di chiamar col
446
DE RE RUSTICA UB. I.
ab aedituo. Offendi ibi G. Fundanium socerum
menni, et C. Agrium equitem R. socraticum, et
P. Agrasium publicanum, spectantes ia pariete
pictam Italiam, Quid vos hic, inquam, nara fe
riae sementivae otiosos huc adduxerunt, ut pa
tres et avos solebant nostros ? Nos vero ( in
quit Agrius), ut arbitror, eadem causa, quae te,
rogatio aeditimi. Itaque si ita est, ut annuis, mo
rere oportet nobiscum, dum ille revertatur. Nam
accersitus ad aedile, cujui procuratio hujus tem
pli est, nondum rediit, et nos, ut expectaremus
se, reliquit qui rogaret. Vultis igitur interea
vetus proverbium, quod est, Romanus sedendo
vincit, usurpemus, dum ille venit? Sane, inquit
Agrius; et simul cogitans, portam itineri dici lon*
gissimam esse, ad subsellia sequentibus nobis
proccdit.
447
Cmn consedissetnns, Agrtsius : Vos, qai mul
tas perambulasti terras, ecquam cultiorem Ita
lia vidistis? inquit. Ego vero, Agrios, nullam
arbit ror esse, quae tam tota sit culta. Primum
cum orbis terrae divisus sil in duas partes ab
Eratosthene, maxime secundum naturam ad me
ridiem versus, et ad septentriones : et sine dubio
quoniam salnbrior pars septentrionali* est, quam
meridiana ; et quae salubriora, illa fructuosiora :
dicendum magis eam fuisse opportunam ad co
lendum quam Asiam, ibique Italiam ; primum
quod est in Europa : secundo, quod haec tempe
rati or pars est, qnam interior ; nam intus pene
sempiternae hyeme*, neque mirum, quod sunt
regiones inter circulum septentrionalem, et inler
cardinem coeli, ubi sol etiam sex mensibus cou-
tinuis non videtur : itaque in oceano in ea parte
lie navigari quidem posse dicunt propter mare
congelatum. Fundanius. Em ibi tu quicquam
nasci putas posse, aut coli natura ? Verum enim
est illud Pacuvii : Sol si perpeiuo sit, aut nox,
flammeo vapore, aul frigore, lerrae fmclus om
nes interire. L"o hic, ubi nox et dies modice
redit el abit, tamen aestivo die, si non diffinde
rem meo insitilio somno meridie, vivere uou
possem : illic in semestri die, aut nocte, quemad
modum quicquam seri, aut alescere, aut meti
possit? Contra quid in Italia utensile non modo
uon nascitur, sed etiam non egregium fit ? quod
far conteram Campano ? quod trilicum Appulo ?
quod vinum Fal u. o? quod^oleum Venafro? Non
nome Jtdilimus (a), e che i moderni cittadini d
dicono di nominar Aedituo. Ivi m ' imbattei i n
C. Fundanio mio suocero, nel socratico C. Ag r i o
cava lier Romano (3) e in P. Agrasio pubblica
no (4)> * quali guardivano l' Ital ia dipinta s u l l a
pareie (5). Che fate voi qui ? (6) dissi loro. F o r s e
che vi chiamarono a goder di quest' ozio le fest a
delle sementi, in quella guisa che solevano i n o
stri padri e nostri avi ? Noi ( rispose Agrio ), come
io penso, siam venuti qui per quella causa p e r
cui tu vi sei, cio perch cos pregati dal sagre
stano. Dunque se cos , come fai cenno col capo,
bisogna che tu resti con noi fino a che esso r i t o r
ni ; imperciocch essendo stato chiamilo dall' e -
dile, che ha la soprantendeoza di questo tempio,
non ancora ritornato ; e lasci chi ci pregasse,
onde l'aspettassimo. Volete dunque,lo dissi loro,
che, fino a tanto che ritorna, ci Appropriamo
quell'antico proverbio, il qual , che il Romano
Vince sedendo ? (7) Ben volentieri, disse Agrio ;
e in questo ne ut r e facendo riflessione che le ce-
remonie consumano pi tempo a passar per una
porta di qoello che s'impiega nella strada, oude
giungervi (8), s' avvi a dirittura verso i banchi,
e noi il seguimmo.
Seduti che fummo, Agrasio disse ; Voi, che
avete corsi molli paesi, ne vedeste per avven
tura uno, che fosse pi coltivalo dell' Italia ? (9)
Quanto a me, rispose Agrio, penso non esser-
vene alcuno, il quale in tutte le sue parli sia si
bene coltivato. Primieramente essendo stata di
visa la terra in due parti da Eratostene (10),
una delle quali, conformemente all' ordine na
turale, volta al mezzod, e l ' al t ra a etton
i none ; e poich senz' alcun dubbio la parte set
tentrionale pi salubre della meridionale, e
poich i luoghi pi salubri, sono anche i pi
fruttiferi ( n ) ; quindi da dirsi che la parte
settentrionale quella eh' pi iu i' tato di esser
coltivata, che l ' Asi a; e cbe l ' Italia, qual con
trada settentrionale, quella che maggiormente
gode quest1avvantaggio : primieramente perch
in Europa ; iu secondo luogo perch la parte
pi temperata dell' iulerua ; imperciocch nel
l ' int erno dell1Europa vi quasi un conti nuo
inverno. N ci deve recar maraviglia per esser
questi paesi tra il circolo settentrionale e il po
lo (a), ove il sole uon si vede per lo spazio di
sei mesi conlioui ; e perci dicono cbe non si pu
uavigare nemmeno sull' oceano verso quelle
regioni per essere il mare agghiaccialo. Funda
nio. Pensi tu cbe in questo paese possa nascer
alcuna pianta, o che naia si possa coltivare ? ( i 3)
essendoch vei\> quel che disse Pacuvio (i^),
cio, che ove il sole, o la nolte conlinua, ivi
muoiono t uti' i frulli dell# terra, sia pel troppo
4*
M. TERENTII VARRONIS
449
DE RE RUSTICA L1B. I.
45*
arboribus oonsiu Italia est, ot tota pomtrieni
videatur? An Phrygia mtgis ritibus cooperit;
quam Homerus appellat dfunXotaretvi quatti
haec? t o l Argos, quod ideai pota *o9U/Vityar? Ia
qua terra jugerum unum denos, et qnraoi denos
culleos fert rioi, qK quaedam m Italia regfones ?
n non M. Cato soribit in libre Originum sie t
ager Gallioos Romanas voettar* qai virttitn cis
Ariminum dttueet ultra agrum Pieentium? in eo
agro aliquotfariam in singula jo g radena culle
vini fiant? Nonne item In agro Fareutino, t quo
ibi trecenariae appellantur rites, qnod jugerum
treceoas amphoras reddat ? Simul aspieit me :
Certe, inquit, L. Martin praefectus fcbrom tuus
i n fando tuo Favea lite hanc maltitodinera diee-
b a t t u t t reddere viles. Duo in primis spectasse
vi dent ur IUlici homipee ooleodo, poasentne fru
ctus pro impeott t e labore redire, et atrum sa
l uber locos esset an non ? quornm si alterutrum
decollat, et nihilominus quis vult colere, mente
est captus, atque ad agnatos et gentiles est dedu
cendus. Nemo eaim sanus debet felle impensa na
t c sumptum faoere in culturam, si ridet non
posse refici: nec,si potest reficere fructu, si f i
det eos fore, ut pestilentia dispereant. Sed, opi
nor , qui haec commodius ostendere possint, ad>
annt. Nam C. Licinium Stolonem, et Cn. Tremet-
l ium Scrofam video ventre, unum cuja majores
de modo agri legem tulerunt. Nam Stolonis illa
lex, quae veteat pia n j agert habere citem R.
et qoi propter diligentiam culturte Stolonum
eonfirmtril cognomen, qnod nnllus in ejus fundo
reperiri poterat stolo, quod effodiebat 01 ream
arbores, e radicibus, quae ntscerentur e solo,
quos stolones appellabant. Ejusdem gentis C. Li
cinius, tribunus pleb. cum esset, post reges exa-
ctos tnnis c c c l x v , primus populum t d leges t c-
cipiuodas io septem jugera forensia, e comitio
eduxit. Alterum collegam tnora, xx f i r qui fuit
ad agrosdifidundos Campanos, rideo bue renire,
Cn. Treraellium Serofrra, Tirana omnibus r i rtu-
tibus polituro, qui de agricoltura Romanus pe-
ritissimus existimatur. An non jure, inqoam ?
Fundi enim ejus propter culturam jucutidiore
tpectaculo sunt multis, quam regie polita aedifi
cia aliorum, cura hujns spectatura veniant filias,
non ut apud Lucullum, ut r i det nt , pioacothecas,
ted oporothecas. Hujusce, inquam, pomaria sum
ma Sacra Vie, ubi pomt veneunt, contrt tuream
imtginem.
caldo, sit pel troppo freddo ( i 5). Se io sttndo-
mene in questo ptese, ore il giorno e It notte
tono mediocremente lunghi, e si succedono t l t e r -
nativamente, non potrei virere (16), quando bene
in tempo di estate non diridessi il giorno a mez
zod, intramettendofi il sonno (17); come mti
in que1paesi, ne*quali il giorno dura sei mesi (18),
si potrebbe semioar alcuna biada, farla crescere
e mieterla? E per contrario qual pianta fruttife
ra in ltalit non solo vi nasce e non vi di r ent t
tncor t eccellente ? Qual farro paragoner a quel
lo della Campania? qual fermento al Pugliese?
qual vioo a que) di Falerno ? e qual olio para
goner a quello di Yenafro ? (19) Non l ' Italia
piantata d' alberi in guisa, che tutta sembra un
giardino? Forse la Frigia, cbe Omero chiamt
rinoia (ao), pi coperte di fili dell Italia? or-
vero Argo, che dal medesimo poeta chiamato
fertile in biade, It supert ( ai)? In qual parte di
mondo un iogero di terre produce dieci ed an
che quindici cullei di fino, come fanno alcnni
paesi d' I t al i a? Forte che Marco Catone nel libro
delle Origini non iscrive nel seguente modo : Si
chiamt terre Gallo-Romana quella che trorasi tra
Rimini e il Piceno (aa), e eh1 stalt ripartita
sopra ogni testa di soldato (a3): ort in questa
estensione di terreno ecceduto alcuna volta che
ogni iugero abbia prodotto dieci cullei di vino(a4)?
Non egli vero altres che nel terreno Faentino
ogni iugero rende trecento anfore di vino, e che
per questo ivi le fili si chiamano trecento (a5)?
E ci diceudo rivolte gli occhi a me, e soggiunse :
Egli certo che il tuo amico Libo Marzio (a6)
soprantendente agli artefici, Mie ri va che le sue
vigne piantate nel suo terreno Faentino gli ren
devano trecento anfore per ogni iugero; Sembra
che gl Italiani non si sieno dati alla cottura di un
terreno* se non fi concorrevano prima questi
due oggetti ; cio, guardavano se i fratti com
pensavano le spese e le fatiche, e se il luogo era
sano, o no. Se uno, di questi oggetti manca (37),
e se non ostante alcuno vuole coltivar quella
terra, qual mentecatto deve mettersi sotto la tu
tela degli agnati (28) ; imperocch non vi alcuno
di sana mente, il quale debb* e foglia far neppur
la minima spesa nella coltivazione di quello terra,
se non quando fede che pu esserne compensato :
e ancorch la raccollt dei frulli fojse tale da* ri
sarcirlo (29), non dere incontrare alcuna jpes,
se vede che i frutti corrono il pericolo di morire
pel luogo pestilenziale. Ma ecco che qui si pre
sentano soggetti, i quali, per quel che io ne pen
so, saranno pi al caso di provar queste cose ;
imperciocch io reggo reoire C. Licinio Stolone
e Co. Tremellio Scrofa, l ' uno dei quali conta
tra i suoi t r i l 1tutore di unt delle leggi, cbe ht
45i M. TERENTII V AREO MS 45*
Illi interea ad noi. E t Stolo : Nora coena
corneti! inquit, venimus? nam non L. videmus
Fundi l i um, qui nos advocavit. Booo animo
ette, inquit Agrius. Nam non modo oram il-
l ad ta bla t ora est, quod ludit circentibus no rit
ti mi curricoli finem facit quadrigis, ted ne illud
quidem ovum vidimus, quod in oeriali pompa
aolet ette primum. Itaque dum id nobiscum nna
videat it, ac venit aedi limus, docete not, agricul
tura quam t uomam habeat,utilitatemne, an vo
luptatem, an utrumqne ; ad te enim rudem este
agriculturae nunc, oli m ad Stolonem fuitte dicunt.
Scrofa: Priut,inquit, diteemendum, atram qnae
aerantur in agro,ea tola t i n t i n cultura, an etiam
qnae inducantur in r ura, nt oves, et armen
ta. Video enim qui de agricultura teripserunt,
et poenice, et graece, et latine, latina vagatos,
quam oportuerit. Ego Tero, inquit Stolo, eot non
in omni re imitando! arbitror, et eo melius fe
d i t e quosdam, qui minore pomerio finierunt,
exclusis partibus, qnae non pertinent ad hanc
rem. Quare tota pallio, quae conjungitur a ple-
ritque cum agricoltura, magis ad paitorem,qoam
regolato la misura delle terre : di fatti qacUa
legga di Stolone (3o), la quale proibisce c h e
ogni cittadino Romano possegga pi di c i nque
cento inger di terra (3i), ed egli ha latto c h e
per la ina diligenza nella coltivazione, acquistas
sero i suoi discendenti il soprannome di Stolo
ni (3a), perch nel sue terreno non si p o t e r
giammai trovare aloono stolone, essendoch egli
estirpava attorno gli alberi latte l radici che
foster nate in terra a pi dei medesimi, e le quali
si chiamavano stoloni. C< Licinio, ano de1 mag
giori del nostro Stolone (33), essendo t r i buoe
della plebe (34)i trecento sestantacinqoe anni dopa
l'espulsione dei re (35), fa il primo che eaaan
il plebiscito, in vigor del qual*il popolo ricevette
la legge di non posseder pi di sette ingeri per
testa (36). Vedo avviarti a questa parte il t ao col
lega Tremellio Scrofa, il qual fu ano de venti viri
destinati alla distribuzione delle terre della Cam
pania (37), nomo adorno di tutte le virt, e quegli
che t r a i Romani si giudica il pi perito nclPa
gricoltnra (38). Forse che qaesta riputazione,
rispondo io, non la gode per giutlo titolo? po*>
sciach le sue terre s bene coltivale offrono a
molli ano spettacolo pi grato di quello che
loro presenterebbero gli edifiiii ornali regalmen
te degli altri : e tanto pi, poich eglino si por
tano a veder le sue ville per ammirare in este
non gi, come in quelle di Lucallo (39), le gal
lerie, ma beati i granai. Aggiungo inoltre che i
pometi di questo sono situali in fondo alla Via
Sacra (4o), ove le frotta si vendono a peso d ' o-
r o (4i).
In questo frattempo ti avvicinano a noi;
e Stolone ci dice: Arriviamo noi forse a sena
terminata ? imperocch qui non veggiamo L.
Fnndilio (4a), che c invit. Siate tranquilli, disse
Agrio, posciach non tolo ti levato quell* no
vo (43), che ne' giuochi circensi indica il fine
della corta delle quadrighe, ma non abbiamo
veduto ancora quell* uovo, che snoie esser il pri
mo nei banchetti delle feste cereali (44)* Sicch
frattanto che stiamo attendendo la comparsa del-
T novo (45) e fino a che sis di ritorno il sagre-
stano, intlruileci intorno l agricoltura, e diteci
se sia'pi pregevole per la sua utilit, e pel dir
letto che ci porge, ovvero per l1aoa e per Va l
tra ; perch ti dice che tu ora delti le leggi del-
lf agricoltura, come una volta le dettava Stolo
ne (46). Primieramente, dice Scrofd, bisogna di
stinguere, te solo quelle cote che t* introducono
nel teno della terra, appartengano all1agricoltu
ra, ovvero te questo nome abbracci ancor quelle
che si conducono dentro la villa, come le pecore
e gli armenti; perch ostervo che quelli, i quali
hanno tcritto di agricoltura, tanto in lingua p-
453 DE RE RUSTICA UB. I. 454
ad agrieolam perlinere ridetor. Qoocirea princi
pe s, qoiatriquerei praeponuntor, Tocabolisqao*
qoe tuoi diverti, qnod unas vocator vilicus, al-
ter magister pecoris. Vilicus agri colendi eaosa
constitutus, atque appellata* a villa qnod ab eo
io eam convehuntur fractas, e t evehantur, cam
veneunt : a quo nati ci etiam nono quoque Tram,
veam appellant, propter vecturas, et vellam non
villam, qao vehant, et onde vehant Item dican
tor, qui vectaris vi vaut, rellaturam facere. Certe,
i nqai t Fundania, aliud [pastio, et aliud agricul
t ur a, sed affinis : at ut dester tibia alia quam
sinistra, ita ut tamen sit quodam modo conjun
cta, quod est altera ejusdem etrmibli modorum
iaoaotiva* altera s u o Mt i f i . Et quidem lioet adji
cias, inqoam, pastorum vitam Me incentivam,
agricolarum succentivam, auctore dottissimo ho
mine Dicasa sobo, qai Graeciae Titi qualis fuerit
ab initio nobis ostendit, a t superioribus tempori
bus fuisse doceat, cum homines pastoriciam rrtanf
agerent, neqoc i cireat etiam *arare terram, aut
serere arbore, aut putare ; ab bis inferiore grada
aetatis' susceptam agriculturam. Quocirca et suc
cinit pastorali, qood est inferior, ut tibia sinistra
a dextrae foraminibus. Agrius : Tu, inqait, tibi
cen non solam adtmis domino pecus, sed etiam
servis peculium, quibus domini dant, nt pa
scant, atque etiam leges oolonIcas toRIs, In qui-
bu* scribimus: Cd o n n r t n agro snrcnliirio ne ca-
pra natnm pattai : qaas ethim astrologia h1 coe
lum recepit, non longe ab Tauro. Cui Fundanius:
Vide, inquit, ne Agri, istftc *Tt ab hoc, conr h*
legibus etiamscribataTpecttsqnoddaid. Quaedam
evrim pecu des culturae sunt inimica, ac'Veneno, irt
istae, qoas dixisti, caprae: eaeetiinr omnia novel
la sata carpendo corrumpant, non minimum
viles alqae oleas. Itaque propterea institntnm
diversa de causa, vt x caprina gnere ad alii dei
aram bostia adduoeretur, ad alii non sacrifteare-
i or, cum ab eodem odio alter videre nollet, alter
etiam ridere* pereuntem velleL Sic factum, ut
Libero patri repertori viti hirci immolarentur,
proinde ut capite darent poewas ; con Ira, ut Mi
nervae caprini generis nihil immolarent, propter
oleam, quod eam, quam laeserit, fieri dveunt ste
rilem: ejuf enim salivam esse fractuis venenum.
( Licinius,) hoc nomine etiam Athenis in arcem
non inigi, praeterquam seme! ad necessariam
sacrificium, ne arbor olea, qaae primam dicitar
ibi nata, a capra tangi possit: Nec aliae, inquam,
pecudes agricoltnrae sunt proprie, nisi quae
agrum opere, quo cultior sit, adjuvare, ut eae,
quae janctae arare possunt. Agrasius : Si stne ila
est, inquit, quomodo pecus removeri potest ab
agro, cum stercus, quod plorimum prodest, gre
ges pecorum ministrent ? Sic, inquit Agrias, ve-
nica, quanto ud* Idioma greco e latino, P hanno
estesa pi di qoello eV era mestieri. Io poi, dico
Stolone, sono di parer* cbe quegli autori non si
debbano imitar in tutto, e che meglio hanno
operato certuni, circonscrvendosi e limitandosi
certi dati oggetti, escludendo da questa mate
ria quelli che non r i appartengono. Laonde tutto
M che spetta ai pascoli, e che da parecchi si as
sociano all' agricoltura, sembra piottosto appar
tenere al pastore che all1agricoltore. Quindi
quelli che si fanno soprastanti a questi due og
getti, hanno del pari diverso nome, perch uno
si chiama castaido, e 1 altro maestro del bestia
me, o pastore. 11 castalda quello eh1 destinato
a coltivare il terreno, e trae la sua denominatione
dalla villa (47), perch da lui si oonducono den
tro la medesima i frutti (48), e dal medesimo sa
trasportano fuori, quando si vendono. Per lo che
i contadini anche oggid chiamano vea la strada,
e d in grazia delle retture ; e dicono altres
velia non pilla il luogo, in cui conducono i frutti,
e da cui gli estraggono (49) ) e per la stessa ra
gione quelli che vivono vettureggiando, si dice
che fanno la vellatura. Egli il vero, dice Fun
danio, che altro il pascolo, e altro l agricoltura,
quantunque 1*uno coll* altra abbia dell1affinit;
a un dipresso come il destro flauto differisce dal
sinistro (5o), ma in modo per che ambidue sono
in certa guisa coagiunti, cosicch V uno nel me
desimo pezzo di musica fa il primo, e I1altro il
secondo. E tu poi aggiungere aUres, gli dissi,
che la vita dei pastori corrisponde al primo flau
to, e quella degli agricoltori al secondo, giusta
la testimonianza del dottissimo Dicearco (5i), il
qoale dimostrandoci qua) genere di vita siasi
condotto nei primi tempi della Grecia, c insegna
che a que1tempi gli uomini menavano una vita
da put or i, c cbe non sapevano arar la terra, n
tampoco piantar gli alberi, n potarli, e cbe sol
tanto ne* tempi inferiori a qoelli si data mano
all1agricoltura. Laonde poich Vagricoltura
posteriore alla vita pastorale, cos quella subor
dinata a questa, come il flsuto sinistro subor
dinato al destro (5a). Col metter tu in campo,
dice Agrio, il sonatore di flauto, non solo togli
al proprietario di aver del bestiame, ma aocora
ne privi i servi, ai quali lo accordano non pure i
padroni, onde lo facciano pascolare, per quindi
ritrarne del peculio, come altres le leggi relativo
ai castaidi (le quali ta in cotal modo logli ), nella
qnali trovasi scritto : I l castaido non condurr
allora a pascolar le capre nel terreno piaatsto di
germogli (53), le quali anche 1*astrologia le ha
collocate nel cielo non lungi dal Toro (54). w
Guarda bene, o Agrio, gli rispose Fnndanio, t h
dal tuo discorso non s inferisca, cos trovandosi
paUora greges dicemus agriculturam ette, ti pro
pier isUm rem habendam statuerimus. Sed error,
hinc, quod pecui in agro esse potest, et fructns
non in agro f^rre : quod non seqaendam. Nam
sic etiam res aliae diversae ab agro erunt osso-
mendae: ut si habeas piares in fando .textores,
Qtqae insti latos histonas, sic alios artifices. Scro
fa : Dij ungamus i git or, inquit, pastionem a coltura,
e t si qnis quid volt aliad.
455
Anne ego, iaqaam, sequar Sasernarum patris
et filii libros ? ac magis putem perlinere, figlinas
quemadmodum exerceri oporteat, qaam argenti
fodioas, aut alia et alia metalla, quae sine dubio in
aljqno agro fiunt? Sed at oeqae lapicidinae, oeqoe
arenariae ad agriculturam perlinent, sic figlinae :
scritto nelle leggi* che ogni pascolo proibita ( 5 5 ).
Egli k il vero eh* alcane specie di bestiame s o n o
il flagello e il veleno della collora, come lo c a p r e
che hai nominata ; posdacfc queste col loro d e n
te distruggono i novelli germogli, come lo v i g a o
e gli olivi. E da qui veneto l'oso di i m m o l o r
gli animali della specie delle capre a quel tei d i o ,
e per oontrario di non immolarle a on tal a l t r o ;
0 ci per ragioni beo diverse, ma tratto l a t t e
egualmente dal medesimo principio d ' avversione
contro essi, in grazia di coi quel tal dio non vuol e
oemmeoo averli sotto i suoi occhi, e che tal a l t r o
ama di vedrli morire (56). Quindi n* v e n a t o
altres che al dio Bacco, il padre o l ' i nvent ore
della vigna, s immolano i capri, come qselli o h e
debbono perci pagar la pena eolia lotta, e che
per oontrario non ai sagrificano a Mioerva otti
mali di questa specie, per la ragione che qoano
le capre hanno addentato l ' ulivo* lo rendono
sterile, per qoello almeno, che se ne diee (5?),
poich la loro saliva on veleno per qoosti frotta
( Licinio (59) ) Per, Ul cagione pare anche i n
Atene non s'introduce la capra nel tempio (5^
se non se nna sola volta, qoando si in necessit
di sacrificarla, aeciocch dalla capra non ai poam
toccar l ' ulivo che dicesi aver avolo origine in
questa citt. Secondo la mia opinione non vi so
d o altre bestie pi proprie per l ' agricoltore (6o)
che qaelle le quali possono aiutare col loro lavoro
onde il terreno riesca pi coltivato (61), come
altres quelle che aggiogate possono arar la terra.
Se la faccenda cesi, dice Agrasio, come mai sfc
deve tener (ontano dal campo il bestiame, quando
il concime, che giova mollissimo alle terre, et
viene somministrato da quello? Per 1' istessa re
gione adunque, dice Agrio, diremo che anche
ooa troppa di schiavi (6a) costituisce ooa parto
dell' agricoltura, se giudicheremo a proposito di
trarne la medesima utilit. Ma il tuo errore naaeo
da qui, che nella tenuta vi pe esser bestiame,
qoantonqoe non serva alla coltivauone, e non
ostaule essere olile alla tenota io generale (63) ;
il che non da segoirsi ; perciocch per ano peri
ragione si potranno introdorre molte altre cose
assolutamente straniere al terreno, come per
esempio, se nella tenota stabilirai oo gran no
mer di tessitori, operai di drappi, e varii altri
artefici. Separiamo dunque, dice Scrofa, il pa
scolo del bestiame dall' agricoltura e tutto quello
che altri vorr che vi sia nel suo podere.
E vi sono altre cose ancora ? (64) Forse, io dico,
dovr seguire i libri deiSacerna padre c figlio(65)f
E penser forse, ugualmente che essi, esservi
maggior relazione tra l'agricoltura e l ' ar t e delio
stovigliaio, che tra quella e le miniere d argen
to (66), o Ira altra e altra miniera, come pure tra
4
M. TERENTI1 VARRONIS
DE AB RUSTICA L1B. I. 458
neque ideo non in quo af r o idoneo* possa ut esse,
( non ) exercendae atque ex eb capiundt fractos ;
a t etiam si ager secundam viam, ot opportunos
viatoribos locai, aedificandae tabernae diverto-
riae, quae tamen quamvis siol fructuosae nihilo
magis sunt agriculturae partes. Non enim si quis
propt er agrum, aut etiam in agro profectus do
mino agricallurae aoceptom referre debet, aed id
modo, quod ex satiooe terra sit nalum ad fruen-
dum. Suscipit Stolo : Tu, inquit, invides tanto
scriptori, et obstrigillandi causa figlinas repre
hendis, cum praeclara quaedam, ne laudes, prae
t ermittas, quae ad agriculturam vehementer per*
t ineant. Cum sobrisisset Scrofa, qood non igno
r a b a t libros, et despiciebat, et Agrasius se scire
modo putaret, ac Stolonem rogasse!, ot diceret,
coepit : Scribit cimices quemadmodum interfici
oporteat bis verbis. Cucumerem anguinum con
dito io aqoam, eamqoe iofundito quo voles, nulli
accedeot : tei fel bubulum cum aceto mixtum,
unguito lectum. Fundanius aspicitad Scrofam: Et
tamen vernm dicit, inquit, hic, ut hoe scripserit
in agricultura. Ille : Tam hercle quam hoc, si
quem glabrum facere velis, quod jubet ranam
luridam conjicere in aquam, usque quo ad ter
tiam partem decoxeris, eoque unguere corpus.
Ego quod magis, ioquam, pertineat ad Fundanii
valetudinem, et in eo libro est, talius dicam :
nam hujusce pedes solent dolere, et in fronte
contrahere rugas. Dic sodes, inquit Fundanius
nam malo de ineis pedibus audire, quam quemad*
modum pedes betaceos seri oporteat. Stolo subri
dens ; Dicam, inquit, eisdem, quibus ille verbis
scripsit, velTarquennam audivi. Cum homini pe
des dolere coepi>scnt, qui tui meminisset, ei me
deri posse. Ego lui memini, medere meis pedibus :
u terra pestem teoeto, salus hic maueto (in meis
pedibus), n Hoc ter novies cantare jubet, terram
Ungere, despuere, jejunum cantare. Multa, i n
quam, item alia miracula apud Sasernas invenies,
quae omnia sunt diversa ab agricultura, et ideo
repudianda. Quasi vero, inquam, noo apud cae-
teros quoque scriplores talia reperiantur. An
non in magni illius Catonis libro, qui de agri
cultura est editus, scripta sunt permulta similia?
ut haec, quemadmodum placentam facere opor
teat, quo pacto libum, qua ratione pernas sallire.
Illud non dicis, inquit Agrius, quod scribit : Si
elis in convivio multum bibere, coenareque li
beat er, ante esse oportet brassicam crudam ex
aceto, et post aliqua folia v.
--------
M. T&BK5U0 VsaaoNe
qualsivoglia altra cosa, le quali tutte si esegui
scono io qualche fondo (67) ? No ; e comech n
le cave di pietre, n quelle di arena non appar
tengono all agricoltura, cos nemmeno l ' a r t o
dello stovigliaio : n io son quello che voglia
bandir dal podere l ' esercirlo di quelle arti, ove
ci si possa fare comodamente, e che non voglia
che dalle medesime si ritragga dell' utile (68) ;
come nemmeno io voglio che essendo la tenuta
s i t i l a presso la strada e in luogo opportuno pei
viaggiatori, ivi non si fabbrichino osterie, le
quali per quantunque dieno dell' utile, non per
questo si pu dire che sieoo parti dell' agricol
tura. Imperciocch non deve dirsi che quel pro
fitto, che ne ritrae il proprietario a motivo della
sua tenuta, o ancora nella stessa tenota, appar
tenga all'agricoltura (69), ma quello solamente
potr godere il proprietario come appartenente
all'agricoltura, che la terra avr prodollo, dopo
essere siala semioata (70). Stolone prendendo la
parola (71), Tu, dice, porti invidia a un tanto
scrittore, e per uno spirito di critica il riprendi
sull'argomento delle stoviglie, e per non aver mo
tivo di lodarlo, passi sotto sileozio parecchie eccel
lenti cose che appartengono strettamente all* a-
gricoltura. Scrofa avendo sorriso, perch non
ignorava qoantb contenevano q u e ' libri, ma H
dispregiava (72) ; e Agrasio, che pensava di es
serne ugualmente instruito, avendo pregato Sto-
loue, acciocch parlasse, cos cominci a dire :
L' autore d la maniera di ammanare i cimici
nel seguente modo : Riponi del cocomero selvag
gio nell' acqua, e spargendola ove tu vorrai, ivi
noo si accosteranno pi i cimici : ovvero col fiele
bovino (7S) misto all' aceto frega il letto. Funda
nio guarda Scrofa, e gli disse : Egli il vero
quanto asserisce di quest' autore, cio che questo
metodo si trovi nella sua agricoltura (74) ? S in
verit, risponde Scrofa, com' vero altres che,
se tu vorrai render liscio e depelare ateuno, egli
prescrive d' immerger nell'acqua una rana ver
de, farvela cuocere sioo a che svaporino due
terze parti, e con quanto rimane ungerli il cor
po. Quanto a me, cos soggiunsi, dir pi volen
tieri quel che riguarda la maggior salute di Fun
danio, e che trovasi in questo libro; perciocch i
suoi piedi sogliono a motivo del dolore produr
gli delle rughe sul volto (75). Dillo tosto, se
niente v' che l ' impedisca, dice Fundanio ; per
ch amo pi volentieri senlir ragionare de' miei
piedi, che apprendere come vadano piantali i
piedi di bietola. Stolone sogghigoando: Lo dir,
disse, colle medesime parole scritte dall' autore,
e che udii pronunziarsi anche da Tarquenna (;G).
Clii si ricorda di te, vale a medicar i piedi do
lenti dell'uomo; poich adunque io mi ricordo
M. TERENTII VARRONIS 4 6o
CAPUT m
13t i A l l SIT AOltCOLTDAA.
Igi tar, inquit Agrafias, quae dijaugendi es-
fent a callara cajusmodi sint, quoniam discre-
tam, de iis rebas dicendam, qoae scientia sit, et
quid in colendo nos docet, ars an sit, an qaid
aliod et a quibus carceribas decnrrat ad metas.
Stolo cum aspexisset Scrofam: Ta, inquit, et ae-
tate, et honore, et scientia quod praestas, dicere
debes. Ille non gravatus : Primum, inquit, non
modo est ars, sed etiam necessaria ac magna: ea-
qae est scientia, qaae dooel, quae sint in quoquo
agro serunda ac faciunda, quaeque terra maximos
perpetuo reddat fractus.
CAPUT IV
Q u a s a o e i c u l t u b a b s i h t p b i u c t p i a b t rins.
Ejas principia sunt eadem, quae mnndi esse
Ennius scribit, aqua, terra, anima et sol. Haeo
enim cognoscenda prius, quam jacias semina,
qaod initium frucluam oritur. Hinc profecti agri-
aolae ad duas metas dirigere debent, ad utilit*
di te, raglio altres t medicare i piedi (77). a T e r r a
tienli il malanno, la sanit qui rimanga (78). w
Egli comanda ohe ventisette volte si dicano q u e
ste parole, che si tocchi la terra, che si spuli, a
che quell* incanto si faccia a stomaco digiuno (79).
Parimente, dico (80), molti altri secreti ri troverai
nei Saserne, quali tutti non* hanno alcuna r e l a
tione coll*agricoltura, e perci da rigettarsi.
Quasi che, io dico, simili cose (81) non si d o r a s
sero ancora negli altri scrittori. Forse cbe io q u e l
libro, che il gran Catone pubblic inlorno lagri
coltura, non si trovano scritte mollissime cose di
tal natura, come le seguenti : in qual maniera
convenga far la placenta (8a), in qual guisa il li
bo, come siasi da salare il prosciutto. Tu tralasci
di accennare, dice Agrio, quanto prescriva i o
altro luogo : Se tu vorrai in un banchetto b e r e r
molto e mangiar con appetito, bisogna mangiar
prima del cavolo crudo coll* aceto, e dopo il
pranxo mangiarne all' incirca cinque foglie.
-----
CAPITOLO in
Il QUAL MAOTBIA L* AQ&ICOLTUTA U AETB.
Poich adunque, dice Agrasio, si sono disgre
gate quelle cose che debbonri distinguere dalla
coltura, e poich si sono individuate ; chi c* in
fl uisce di quelle eose che sono necessarie a sa
persi nella coltivazione (1)? E desia un* arte, o
tutt' altro che arte, e da quali principii prende
le mosse, onde giugnere al suo scopo ? Stolone
avendo rivolto gli occhi a Scrofa : Tu, dice, devi
dircele, come quello che e per I* et, e per il po
sto che occupi, e per sapere sei superiore a tut
ti (a). Egli niente offeso di ci : Primieramente,
dice, Vagricoltura non solo un' arte, ma ancora
un' arte necessariae molto estesa : e dessa le
scienza di quelle cose che noi dobbiamo semina
re, e di quello eh' da farsi in qualunque ter
reno, e che dimostra da qual terra noi possiamo
trarre pi copiosi frutti (3).
CAPITOLO IV
Q u a l i sono 1 r a m a r r i b 1f i s i d b l l ' a g r i c o l t u b a .
I principii dell'agricoltura sono quegli stessi
che Eonio (1) scrive esser del mondo, cio l ' a
cqua, la terra, l' ari a e il fuoco: laonde questi ai
debbono prima conoscere, avauti che si spargane
le semenze, per esser queste i principii dei frulli
46 i DE HE RC3T1CA LIB. I.
t e a el tolapUtem. Utilitas quaerit froctum, vo-
lapta delectationem. Priore parte agit qnod
ut il e est, qaam qood delectat. Neo non ea quae
fa ciao t (cultori) honestiorem agrom, pleraque
non solum fructuosiorem euodem faciunt, ut
cum io ordinem sont consita arbusta atqne oli
veta, sed ellam vendibiliorem, atqoe adjiciunt
ad fondi preliam : nemo enim eadem olili tate
non formosius qood est, emere mavalt pluris,
quam si est fructuosos turpis. Utilissimus aotem
i ager qui salubrior est, quam alii, qood ibi
fructus certus : contra quod in pestilenti, calami
tas, quamvis io feraci agro, colonam ad fructus
pervenire non patitor. Etenim ubi ratio cam orco
habet or, ibi non modo fractus est incertos, sed
etiam colentium vita. Quare abi salubritas non
est, coltura non aliad est, atqae lea domici vi
tae, ao rei familiaris.
Nec haeo non diminnitnr adentia : ita enim
salubritas, qaae ducitur e coelo ac terra, non
est in nostra potestate, sed in natorae; ot ta
men multam sit in nobis, qaod graviora quae
snnt, ea diligentia leviora facere posiamo. Et
enim si propter terram, aat aquam, odoremve,
quem aliquo loco eructat, pestilentior est fun
dos, aat propter coeli regionem ager calidior
ait, aut vento non bonus flet; haec vitia emen
dari solent domini scientia ac sumptu: quod
permagoi interest, obi sint positae villae, quan
tae sint, quo spectent, porticibus, ostiis ac fe
nestris. An non ille Hippocrates medicus in ma
gna pestilentia, non unum agrum, sed multa op
pida scientia servavit? Sed quid ego illum voco
ad testimooiom? Non hic Varro noster, cam
Corcyrae esset exercito ae classis, et omnes do
mos repletae essent aegrotis ac faneribos, im
misso fenestris novi aquilone, et obstructis pe
stilentibus, janoaque permotata, caeteraqoe ejus
generis diligentia, soos oomites ac familiam in
coiarne redaxil ?
-----
da raccogliersi (a). Quindi gli agricoltori parten
dosi dalla cognizione di questi principii, debbono
diriger in progresso i lorostndii verso due scopi,
all' utilit e al diletto: V utilit va in cerca dei
frutti, e il diletto del piacere. Quello eh' utile,
deve primeggiare sopra il diletto, come altres
debbono anteporsi qnell cose che rendono pi
bello il terreno (3), parecchie delle quali non solo
reodono pi frolli fero il terreno, come aocade
quando gli olivi e gli altri alberi sono pian
tati con ordine; ma ancora fanno s che sia
pi facile a venderti, e che dalla teouta st ritrag
ga on maggior prezzo. Imperciocch non v'
alcooo, il quale, Ira doe poderi che sono ngaal -
mente utili, non ami di comperare a pi caro
prezzo quello e h ' di bell' aspetto, che quello il
quale ha una catti va apparenza (4). La tenuta poi
la pi olile quella eh' la pi sana, perch ivi il
prodotlo certo : per oontrario il fondo peslileo-
ziale, quantunque sia fertile, pieno di calamit,
e non lascia che il coltivatore giunga alla raccolta
dei frulli. Imperciocch dove mestieri lottar
colla morte, ivi non solo incerti sono i frutti, ma
mal sicura altres la vita dei coltivatori : laonde
ove non v ' sanit, la coltivazione non viene ad
esser altro che un rischio della vita del proprie-,
tario e della sua roba.
N a riparare a quesl' inoonveniente vale la
scienza (5) : cosi pure la salubrit locale, che
proviene dall' aria e dalla terra non in no
stro potere, ma dipende unicamente dalla na
tura (6). Non per altro che quegl' inconve
nienti, i quali sono i pi gravi, non si possano,
merc la nostra industria, render pi soppor*
tabili : imperciocch se il fondo pestilenziale
per la terra o per 1' acqua, o per 1' odore che
esala io qualche luogo, ovvero s' troppo caldo
in grazia del clima sotto il quale situato, ovvero
se ivi non soffiano buoni venti ; tutti questi ma
lanni si possono correggere dal proprietario, per.
mezzo della scienza e delle spese. dunque della
massima importanza che si esami i il paese, in
cui sono le tenute, la loro estensione e la loro
posizione relativamente ai portici, alle porte e
alle finestre. Forse che Ippocrate (7), quel gran
medico, non preserv colla sua scienza da ona
gran peste, non dico nn sol laogo, ma anche
molle altre citt ? Ma perch io vado in cerca di
straniere testimonianze ? 11 nostro Varrone qai
presente, non ha egli sapalo ricoodur sani e sal
vi i suoi compagni di viaggio e la sua famiglia
nel tempo che l'armata e la flotta erano a Corf,
quantunque ivi tutte le case fossero piene di am
malati e di cadaveri, facendo noove finestre, per
le quali potesse entrare il vento aquilonare, e
chiudendo quelle, per le qaali entrava I ana pe-
M. TERENflI VARRONIS
<64
CAPUT V
Q u o t v a i t b s h a b e a t d is c if l w a k c u l t o * a .
Sed quoniam agriculturae, quod esset initium
et finis dili, relinquitur quot partes ea [disciplina
habeat, a t sit videndum. Equidem innumerabi
les mihi videntur, inquit Agrius, cum lego libros
Theophrasti complures, qui inscribuntur, ptniiv
/fofictiy et alteri purtx** airiw. Stolo : Isti, in
quit, libri uoo tam idonei iis, qui agrum colere
volunt, quam qui scholas philosophorora : taeque
eo dico, quod non habeant et utilia, et commu
nia quaedam ; quapropter tu potius agriculturae
partes nobis expone. Scrofa : Agriculturae, in
quit, quatuor suat partes summae : e queis prima
cognitio fundi ; solum, partesque ejua quale*
sint : secunda, quae in eo fuudo opus sunt, ac de
beant esse culturae causa: lerlia, quae io eo prae
dio colendi causa sint faciunda : quarta, quo
quidque tempore in eo fundo fieri conveniat. De
his quatuor generibus singulae minimum in bi
nas dividuntur species ; quod habet prima ea,
quae ad solum pertinent terrae, et quae ad villas,
et stabula : secunda pars quae moveantur, atque
in fundo debeant esse culturae causa, est itero
bipartita : de hominibus, per qaos colendum, et
de reliquo instrumento : tertia pars quae de re
bus dividitur, quae ad qaamque rem sint prae
paranda, et ubi quaeque faciunda: quarta pars de
temporibus, quae ad solis circumitum annuum
fint referenda, et quae ad lunae raenslrnom cur
tum. De primis quatuor partibus priut dicam,
deinde subtilius de octo tecnndit.
tlilenztale, noti aha cangiando V apertura dell e
porte, a mettendo io opera altre diligente d i ai -
mil genere T
--- 0----
CAPITOLO V
Qearrfc aowo l i *AaTi d e l l 1a i t i agbabi a.
Dopo aver parlato dei principii e dei fini del-
T agrieoi tara, resta a dirsi di quante parti com
posta quest arte. Per verit mi sembrano innu
merabili, dice Agrio, quando io considero i molti
libri che ha eomposti Teofrasto, e che sono inti
tolali della Storia delle piante (i), e delle Cause
della vegetatione. Questi libri, dice Stolone, sono
pi utili per quelli che frequentano le scuole dei
filosofi, che per chi vuole coltivar la terra. N io
dico che (a) non contengano alcune cose utili, e
che alcune anche non possano giovare s agli uni,
che agli altri. Laonde tu piuttosto spiegaci le dif
ferenti parli dell1agricoltura. Quatlro sono, dice
Scrofa, le parti principali dell1agricoltore : delle
quali la prima la cognizione del terreno, cio
la cognizione del suolo e delle sue differenze. La
seconda la cognizione (3) di quanto fa mestieri Hi
on podere, onde sia coltivato. La terza la cogni
zione dei lavori, che sono da farsi per ben colti
var la tenuta. La quartale cognitione del tempo,
in cui debbonsi eseguire i lavori del podere.
Ognuna di queste quattro parti (4) fi suddivide
almeno in due altre. La prima parte ha di mira
non solo quanto riguarda le terre, ma ancora
quanto concerne le ville e le stalle.4 La seconda
parte che ha per oggetto le mobiglie, che deb
bono trovarsi in un fondo per la coltura, t i divi
de parimente in due parti ; la prima delle quali
comprende gli oomioi che servono alla coltive-
sione, e la seconda abbraccia gli attrezzi rurali
La terza parte, che si aggira sopra i lavori, ri n
chiude le preparazioni che si ricercano in ogni
lavoro, e la cognizione dei luoghi, ne' quali at
debbono fare. La quarta parte, che abbraocia i
tempi distinti ne1 quali sono da eseguirai i lavo
ri, comprende quello che sta in relazione al corto
annuo del sole, e al corao mestruo delia luna.
Dir primieramente delle quattro parti princi
pali, dippoi per minuto parler delle otto parti
seconde.
4G5 DE RE RUSTICA LIB. I.
46G
CAPUT VI
Da s o l o r m r o i q x j a b s t q o o t s n r r v i d b b d a .
Igitnr primum de solo fondi videndum haec
quatuor : quae sii forma, quo in genere terrae,
quanlus, quam per se tutus. Forma* com duo
genera sint, ooa qoam Datura dat, altera qoam
sationes imponant : prior, quod alius ager bene
natos, alios male ; posterior, qood alias fandus
bene consitas est, alius male : dicam prius de na
turali. Igitur cum tria genera siot a specie sim
plicia agrorum, campestre, collinum, et monta
num, et ex iis tribus quartum, ut in eo fundo,
in quo haec duo vel tria sunt, ut mallis locis licet
videri. E quibas tribus fastigiis simplicibus, sine
dubio infimis alia cultura aplior, qoam summis,
quod haec calidiora quam summa : sic collinis,
quod ea tepidiora quam infima, aut summa. Haec
apparent magis ita esie in lalioribus regionibus,
simplicia cum sunt. Itaque ubi lati campi, ibi
magis aestua. Et eo in Apulia loca calidiora ae
graviora. E t obi montana, ut in Vesuvio, quod
leviora, et ideo salubriora*
Qui colunt deorsam, magis aestate laborant ;
qui sursum, magis hierae : verno tempore in
ea u p e s tri bos maturius eadem illa ser ant ur ,
quam in superioribus: et celerius hic, quam
Ulic coguntor : oec non ursum, quam deorsum
tardius seruntur, ae metuntur. Quaedam in mon
tanis prolixiora nascuntur ac firmiora, propter
frigus, ut abietes ac sappini : hic, qood tepi
diora, populi ao salices : sursum fertiliora, at
arbutus ac quercus; deorsum, ot uucea grae-
ese ae mariscae fici. In coitibus humilibus so
cietas major cum campestri fructus, quam cum
montano : in altis contra. Propter haeo tria fa
stigia formae, discrimioa quaedam fiunt sationum,
quod segetes meliores existimantur esse campe
stres, vio eae collinae, silvae montanae : plerum
que hiberna iis esse meliora, qui colant campe
stria, qood tunc prata ibi herbosa, putatio arbo*
CAPITOLO VI
Q o a l i * QUAVTB cosa sono d a o s s k &v a &s i
IRTOENO IL SUOLO DBL FONDO
Dunque intorno il suolo del fondo sono da
esaminarsi queste quattro cose (i). Qual ia sua
forma, di qual natura la sua terra, quanto
esteso, e quanto sicuro in s stesso. Coraech
sono due le specie di forma, una delle quali vie
ne dalla natura, e 1 altra si procura per mezzo
delle piantagioni, perch in grazia della prima
un terreno di ottima qualit, uu altro di cat
tiva qaalit, e io grazia della seconda un foodo
beo piantato, e l ' al t r o malamente ; tratter per
ci prima della sua forma naturale. Poich dun
que vi sono tre generi di terre, che pi si acco
stano a quella specie di terra, eh' semplice (a),
cio le terre situate in pianura, sulle colline e sui
monti; havvi ancora un quarto genere misto, che
trovasi in quel fondo, ove si d ona mescolanza
di due o tre specie delle indicate terre, come si
pu vedere in molti luoghi. Tra questi tre ge
neri semplici, fuor di dubbio che la coltura, la
quale acconcia per le pianure, non conviene ai
luoghi elevati, per esser quelle pi calde di que
sti : del pari le colline, per esser tiepide, addi-
mandano quella coltivazione (3) che oon si ad
dice alle pianure ed ai monti. Queste differenze
si fanno pi manifeste nelle regioni pi estese,
soprattutto quando non vi sia nelle medesime
che terra di un sol genere. Sicch quanto pi
saranno estese le pianure, tanto maggiore sar
ivi il caldo ($). Per la qualcosa nella Puglia Paria
pi calda e pi grossa : e similmente ne' luoghi
montuosi, come sol monte Vesuvio, 1' aria pi
leggiera, e per conseguenza pi salubre.
Quelli checoltivanoi terreni bassi, soffrono pi
in tempo di esUte ; e per contrario maggiormente
patiscono in tempo d ' inverno quelli che coltivano
i luoghi montuosi (5). In tempo di primavera si
semina pi per tempo V islessa semente nelle
pianure che nei terreni elevati, e la raccolta si fa
pi presto io questi aitimi che in quelle : come
ancora si semina e si raccoglie pi o meno tardi
ne luoghi montuosi, in proporzione della loro
maggiore o minore altezza. Alcune piante che
nascono sulle monlsgoe, diventano pi lunghe e
pi solide pel maggior freddo, come sono gli
abeli ed i sapini : altri alberi non nascono che in
luoghi temperali, come sono i pioppi e i salci :
certuni non provano bene che nei terreni elevati,
come sono i corbtzoli e le querce ; qaaodo che
altri non alligoano che nelle terre basse, com'
il mandorlo e il figo inspido. Vi maggiore ana-
467 TERENTII VARRONIS 46*
rum tolerabilior. Contra aestiva montanis locis
commodiora, qaod ibi tum et pabulum mullum,
quod io campis aret : ac coitura arborum aptior,
qood tum illic frigidior aer. Campester locas is
melior, qni totos aequabiliter in uoara partem
vergit, quam is qui est ad libellam aequas, qaod
i t, cam aquae non babeot delapsum, fieri solet
uliginosus : eo magis si quis est inaequabilis, eo
delerior, quod fit propter lacunas aquosus. Haec
atque hujuscemodi tria fastigia agri ad colendum
dispariliter babent momentum.
CAPUT VII
Q n u i i t o v t u k u s , q u i s b t p e o x i m u s , e t q u i i
DBlSCBPS.
Stolo: Quod ad banc formam naturalem per
tinet, de eo non incommedeCato videtur dicere,
cum scribit optimam agrum esse, qui sub radice
montis situs sit, et spectet ad meridianam coeli
partem. Subjicit Scrofa: De formae cultura boo
dico, quae specie fiant venustiora, sequi, ut ma-
jore quoque fructu sint : ut qui babent arbusta,
i sata sunt io quincuncem, propter ordines at
que intervalla modica. Itaque majores nostri ex
arvo aeque magno, sed male consito, et mioos
mal tum, et minas bonum faciebant vinum et fru
mentum, qnod quae suo quidque loco sunt po
sita, ea minus loci occupant* et minas officit aliud
alii ab sole, ac luna, et vento. Hoc licet conjectu
ra videre ex aliquot rebos, ut noces integras,
qaas uno modio comprehendere possit, qaod
logia tra le fratta delle colline basse e quelle
delle pianure, che tra quelle delle montagne : i l
contrario accade nelle colline pi alte. In grazia
adunque di questi tre generi differenti di forma
naturale, hanno origine ancora le differenze che
si osservano nei prodotti delle seminagioni'e delle
piantagioni, essendoch le biade, che si raccol
gono nelle pianare, hanno rinomanza : cos pu r e
godono maggior fama le viti delle colline, e l e
foreste delle montagne. D* ordinario V inverno
il tempo il pi favorevole per quelli che colti
vano le pianure, perch esse allora hanno i pr ati
erbosi: cos il taglio degli alberi vi si pu ;fare
pi tollerabilmente in questa stagione. L' estate
per contrario pi awantaggioso (6) per quelli
che coltivano i luoghi montuosi di quello che
per le pianure, perch nei monti trovasi allora
molto pascolo, nel mentre che le pianure hanno
l ' erbe abbruciate, e la coltura degli alberi vi ai
t pi comodamente per esser ivi allora P aria
pi fredda, che nel piano. Quella pianura mi
gliore che latta uniformemente pende verso una
sola parte, di quel che sia quella eh' esatta
mente a livello ; e ci perch non avendo scolo
le acque, va soggetta a diventar maremmosa : e
qaesl inconveniente peggiore, quanto pi il
terreno ineguale, poich nelle parti basse si rac
colgono le acqoe e ristagnano. Per la qual causa
questi tre generi di forme naturali nelle t erre so
no altrettante ragioni che debbono determinare
a coltivarle differentemente (7).
c a p i t o l o v n
Q u a l s i a i l t b e b b e v o o t t i m o , q u a l b s i a i l p i
V1CIWO A QUESTO, E QUALI SlEffO I TEBBEH1 IB-
FBBIOE QUALIT.
Stolone. Pare che non mal a proposito ap~
partenga a questa forma naturale quanto dice
Catone (1), scrivendo che il miglior terreno
quello, il quale situato alle falde del monte,
volto al mezzogiorno. Scrofa soggiunge : I nl or oo
alla forma che un terreno riceve (a) dalla coltura,
io porto ferma opinione, che quanto pi offre
all occhio an aspetto elegante, debba segui r
ne (3) che dal medesimo si abbiano a r i t r a r r e
anche maggiori proveoti; come appuolo addivi**
ne nepiaoi di alberi piantati in quinoonce, i quali
rendono pi dei piani confusi, a motivo dell' o r
dine, col quale sono disposti questi alberi, e de
gl intervalli reciprochi moderati. Per la qa a l
cosa i nostri antichi da an terreno egualmente
grande, ma piantato e seminato malamente, rac-
puUmfoa ino loco quaeque babai natura compo
sita, cum easdem si fregerit, vix sesquimodio
concipere possis. Praeterea quae arbores in ordi
nem satae innt, eas aequabiliter ex omnibns par
tibus so! ac lona coqaaot :qao fit, ut uva et oleae
plores nascantur, el a t celerias coquantur, quas
res doas sequantur altera illa doo, at plus red
dant mosti et olei, et pretii piaris. Sequi l ar se
candam illud, qaali terra solam sit fundi, qaa
parte vel maxime bonos, aut non bonas appelle
tur. Refert enim, qaae res in eo seri nasciqae, et
eajusmodi possint. Non enim eadem omnia in
eodem agro recte possaat. Nam ut alius est ad
vilem appositas, alias ad frumentum, sic de cae-
teris lias ad aliam rem. Itaqae Cretae ad Gorty
niam dicitor platanus esse, qaae folia bieme non
a mi t t a t : itemqoe ia Cypro, ut Theophrestas ait,
una : item Sybari, qui nuno Thorii dicantor,
qaercas simili esse natura, qnae est in oppidi
conspecta. Item contra atque apud nos fieri ad
Elephantinen, ut neqoe ficos neqae vites amit
t ant folia. Propter eandem causam malta sant
bifera, a t vites apud mare Smyrnae : malas bifera,
ut in agro Consentino. Idem ostendit, quod in
locis feris plora ferant: ia iis, qaae sant culta,
meliora : eadem de causa sant, quae non possunt
vivere nisi in loco aquoso, aut etiam aqua : et id
discriminalim, at alia in Iacubut, a t arundines in
Reatino ; alia in fluminibus, ut in Epeiro arbo
res alni ; alia in mari, ut scribit Theophrastus,
palmas et squillas. In Gallia Transalpina intus ad
Rhenum, cam exercitam dacerem, aliqaot regio
nes accessi, ubi nec vitis, neo olea, neo poma
nascerentur; ubi agros stercorarent candida fos
sicia creta : abi salem nec fossiciam, neo mariti
mum haberent, sed ex quibusdam lignis combu
sti, carbonibus salsis pro eo terentur. Stolo: Cato
qnidem, inquit, gradatim praeponens, alium alio
agrum meliorem dicit esse in novem discrimi-
bus, quod sit primus, ubi vineae possint esse
bono vino et multo ; secundus, ubi hortus irri
guus ; tertius, ubi salicta ; qbartus, abi oliveta ;
quintus,abi pratum; sextus, ubi campus frumen
t arius; septimus, ubi caedua silva ; octavus, ubi
arbustum; nonus, ubi glandaria silva. Scrofa:
Scio, ioqoit, scribere illum : sed de hoc non con
sentiant omnes, quod alii dant primatum bonis
pratis, ut ego quoque: a quo antiqui prata parata
appellarunt. Caesar Vopiscos aedilicius, causam
cum ageret apud censores, campos Roseae Italiae
dixit esse sumen, in quo relicta pertica postridie
non appareret propter herbam.
----- * -----
469
coglievano vino e biada io minor copia, e di qua
lit pi inferiore, che in un terreno, in cui tutte
le cose sono al loro posto ; poich in pieno occu
pano minore spazio, e reciprocamente meno si
ouocono, per la ragione che le uoe non intercet
tano alle altre gl1influssi del sole, della luna e
delP aria. Ci ti rileva di leggieri da un para
gone preso da certi corpi ; imperciocch se esat
tamente si empie on moggio di noci intere, a
dappoi si rompono, appena possono capire in un
moggio e mezzo ; e ci perch i gasci e la sostan
za della noce erano disposti in ciascheduna nel
loro luogo, che naturalmente dovevano occupa
re (4)- Inoltre quegli alberi che sono piantati con
ordine, sono maturati egualmente da t uli' i lati
dal sole e dalla luna ; dal che ne nasce che pro
ducono molta uva e molte olive ; e che queste
frutta sono maturate pi presto : due effetti che
sono seguiti da due altri, rendendo cio pi mo
sto ed olio, e per conseguenza maggior denaro.
Ora viene il secondo articolo, cio di quale spa
zio di terra debba esser composto il suolo del
fondo, per esser chiamato o sommamente buono,
o non baoao ; poich importa che si sappia qaali
cose nel medesimo si possooo piantare, qoali vi
alligneranno, e come vada governato. Di fatti
ogni sorta di pianta non germoglia egualmente
bene nel medesimo terreno ; imperciocch tal
terreno proprio per la vigna, tal altro per la
biada ; e generalmente parlando un terreno ac
concio per una cosa, e un altro per un* altra. Cos
si dice che in Creta presso Cortioia vi un pla
tano, che uon si spoglia delle sue frondi in tem
po d1inverno (5) : parimente scrive Teofrasto es-
servene ano di tal natura nell1 isola di Cipro :
similmente in Sabaro, ohe oggid' chiamasi Cala-
mata, si dice esservi querce di tal natura, le quali
sono in faccia alla citt, l a pari guisa succede
ne' nostri paesi quel che accade presso Elefantine,
oio che i fichi e le vigne non si spogliano delle
loro foglie (6). Per la medesima causa molte
piante fruttano due volte alP anno, come sono
le viti di Smirne presso il mare (7), e i pomi che
vengono nel territorio di Cosenza. La medesima
cosa si fa palese nei luoghi selvaggi ed incolti
ove sono pi varie le produzioni : in quelli per
che sono coltivali, i prodotti sono migliori (8).
Per lo stesso motivo sono vi piante^ che non pos
sono vivere che in luogo acquoso, od anche che
non vivono che in mezzo alPacqua. Queste pianto
inoltre non tutte amaoo ogni specie di acqna,
perch alcune piante vivono meglio nei laghi,
come le caoue nel lago Reatino (9) ; altre nei fiu
mi, come gli alberi dell1alno nel fiume Epeiro ;
altre nel mare, come scrive Teofrasto (10) esser
le palme e le squille. Quando io era alla tetta
47*
DE RE RUSTICA L1B. I.
<7*
M. TERENTII VARRONIS
47*
CAPUT v r a
Q o o d s p e c i e s v i t i s p l u s i m a e i i h t .
Contra vineam aant qai patent sampta fru-
clam devorare. Refert, inquam, quod genus
vioeae sit, quod sunt multae species ejns ; aliae
enim humiles ac sina ridicis, ut in flispania: aliae
sublimes, ut qaae appellantur jugatae, ut plerae-
que in Italia : quarum nomina duo pedamenta,
et juga : quibus stat rectis vinea, dicuntur peda
menta : quae transversa junguntur, juga: ab eo
quoque vineae jugatae. Jugorum genera fere
qualuor, pertica, arundo, restes, vites : pertica,
u t in Falerno ; arundo, ut in Arpino : restes, ut
in Brundisino ; vites, ut in Mediolanensi. Juga*
tionis species duae, una direct, ut in agro Canu
sino : altera compluviata in longitudinem et lati
tudinem jugata, ut iu Italia pleraeque. Haec ubi
domo uascuntur, vinea non meluit sumptum;
ubi multa ex propinqua villa, non valde. Primum
genus, qnod di i, maxime quaerit salicta ; secun
dam , arundineta : tertium junceta, aat ejus
dell' armata, trovai dei paesi1situati nell i n t e r n o
della'Gallia Transalpina, pretto il Redo (i i ) , n e t
quali noo nascevano n vigne, n divi, n p o m i ,
ove non si letamavano i terreni che colla c r e t a
bianca estratta dalla terra, od ove non vi e r a n
sale fossile, n marittimo, ma si adoperava sol
tanto quello che somministravano i carboni s al s i
di certi legni brnciati (12). Stolone dice: Q u a n d o
Catone espoue gradatamente (i3) le varie s o r t e
di terreni, per dir poi quale il migliore, le d i r i d e
in nove classi : dice dunque chela prima , o r e
si possono piantar le vigne ,che abbondino d i
buon vino ; la seconda, ove vi un orlo eh s ' i n a
cqua; la terxa, ove si trovano sa Ice ti ; la quart a,
ove si danno degli oliveti ; la quinta, nella qual e
non mancano le praterie ; la sesta, ove t erreno
per biada; nella settima vi sono legne da taglio;
P ottava abbonda di albereti ; e la nona fornita
di querceti. So bene, dice Scrofa, che cos egli ha
scritto ( 14) ; lutti non tono del suo parere,
perch alcuni danno il primato alle buone pra
terie ; del che ne convengo ancor io. Da ci n*
venuto che gli antichi gli hanno chiamati prati
comech se fossero sempre preparali ( i 5). Cesare
Vopisco trattando una causa avanti i censori do
po la sua edilit (16), disse che le campagne (17)
di Rosea erano le pi grasse delP Italia (18), per*
ch se vi si lasciava una pertica, nel giorno dopo
non si poteva pi ritrovare per essere cresciate
1' erbe.
----- <.------
C A P I T O L O V i l i
Le s p e c i e d e l l e v i t i sono m o l t e .
Obbieltano alcuni contro la vigna (1), pen
sando che le spese, eh'essa ricerca, consumino
qnanto si ha di prodotto dalla medesima, i m
porla, io dico, distinguer le varie specie di
vigne, delle quali ve ne sono molte; imperocch
alcune sono basse e non bisognose di pali, come
nella Spagna : altre sono alte, come quelle che si
chiamano aggiogate, e delle quali ve ne sono
parecchie in Italia. Queste ullime sono di due
specie, chiamandosi P una vigna a palo, e l' altra
vigna a giogo : nella prima i pali si piantano
perpendicolarmente ; e quindi detta vite e
palo : nella secooda si piantano i pali vertical
mente, e poi in questi se ne ficcano degli altri
trasversali; e perci queste vigne si cbiamauo a
"iogo, e da questo nome han preso questo di
aggiogate ( a ). Sono prassappoco quattro le
specie di gioghi (3) : cio le pertiche, le canne,
le corde ed i sarmenti. Le pertiche si usano nel
g e o d i rem aliquam : quartum arbusta, ubi
traduoes poconl fieri viti**, ul Mediolanense
Ariani io arboribus, q u i voeant opuloi ; Canu-
ini in harandulalioiMi in fieia. PedamenUun item
fera qua taor generant. Unum robustum, quod
opli maa aolel afferri io vineam e quercu ae
janipercr, el vocatur ridica: alterum palus e
pertioa, melior e dura, qood diuturnior : quem
cum infimam terra voluit, puter evertitur, ei fit
aolum aamaeam: terjium quod horum inopiae
eobndio misit arundinetum ; inde enim aliquot
colligatas libris dimittant in tubulos fictile, cum
fundo pertuso, quos cuspides appcilaut, qua
buaaor adventicias transire possit : quartum eat
pedamentum nativum ejus generis; ubi ex arbo-
ribue in arbores traductis vitibus vinea sit; quos
traduces, quidam rumpos, appellant. Vineae alti
tudini modus, longitudo hominis. Intervalli
pedani en torum, qua bove juncti arare possint
Ea minos sumptuosa vinea, quae aine jugo mini
strat acratophoro vinum. Hujua genera duo :
unum, in quo terra cubilia praebel ovis, a t in
Aaia mullis locis, quae saepe vulpibus et bomini-
bos fit commuois | nee non si parit humus ma
res, minor fit vindemia, nisi tota* vineas opplea-
ri s muscipulis, quod iu insula Pandataria faciunt
Alterum genus vineti, ubi ea modo removetor a
terra vitis, quae ostendit se afferre uvam. Sub
eam, ubi nascitur uva, subjiciuntur circiter bipe
dales e surculis furcillae, ne vindemia pereat, et
vindemia f ot a denique discat pendere in pal
mam aut funiculo, aut vincla quod antiqui
vocabant eestum. Ibi dominns simnl ac vidil
occipitium vindemiatoria furcillas reducit hiber
natum in tecte, ul sine sumptu earum opera
allero anne oli possit Hae consuetudine in Italia
utnnlar Reatini. Haec ideo varietas maxime,
qood terra cojusmodi sit, refert : ubi enim natura
hamida, ibi altius vitis tollenda, quod in pario
et aliaaoaio vinum, non nt in calice quaerit
aquam, aed solem : itaque ideo ( ot arbitror )
primam e vinea in arborea ascendit vilis.
47*
M. Taaanio V a i a o s b
territorio di Falerno ; le canne nell1Arpinate ;
le corde nel territorio di Brindisi ; ed i sarmen li
nel Milanese. In due maniere si attaccano le
vigne al giogo : l una di aitaccarvele perpen
dicolarmente, come si fa nel territorio di Canosas
l ' altra di attaccartele a guisa df pergolato
facendo che i loro rami s' incrocicchino nel
mezzo, come sono la pi parte delle vigne d ' I t a
lia (4). Se questi gioghi nascono nel proprio ter
reno, non da temerli che la vigna costi ; quando
poi la maggior parte dei gioghi si traggono dalla
vicina villa, la spesa viene ad esser poca. La pri
ma specie di giogo spezialmente si trae dai sai-
ceti (5); la seoonda dai canneti; la terza dal
giuncheti, o da altra cosa equivalente ; la quarta
si usa in nn piano d ' alberi, ai quali si possono
attaccare i rami delle viti, come fanno appunto i
Milanesi con quegli alberi che chiamano oppii, e
quei di Canosa coi fichi, i coi rami sono soste
nuti dalle canne (6). 1 pali sono pure pressappoco
di quattro specie. La prima e la pi robusta, e la
migliore che si possa adoperar per la vigna,
quella che si trae dalla quercia e dal gioepro : e
questa sorta di palo si chiama palanca. La secon
da specie si chiama palo : questa pertica mi
gliore quanto pi dora, perch sussiste lungo
tempo; quando la parte piantala in terra si
marcisce, si volta, e si ficca in terra l ' altra estre
mit (7). La terza specie quella che sommini
strano i canneti, quando mancano le doe prime,
A) qual effetto unite medianli le scorte alcune
canne, le mattono io canaletti di terra aventi il
fondo pertugiato (8), detti in latino cuspidex,
onde l'acqua della pioggia possa uscire. La
quarta specie di palo ei viene somministrata
dalla natur a, quando da un' albero ad un altro
si tirano i rami della vite: alcuni chiamano que
st' intrecciamenti traduces, ed altri li nominano
r nm^i. L altezza delle vigne deve pareggiar
quella degli uomini; e le distanze rispettive dei
pali debbono esser tali, che i buoi aggiogati pos
sano passarvi, qaando si ara. La vigna meno
costosa quella che senza aver bisogrio di giogo,
rende nn acratophoron di vino (9). Di qaesta ve
ne sono due specie ; nell' una la terra serve di
appoggio ai grappoli, come si osserva in molti
luoghi dell' Asia, ove per sovente se ne appro
fittano non tanto le volpi (10), quanto gli uomi
ni ; e se ivi la terra genera dei sorci , chiaro
che viene a diminuirsi la vendemmia, quando
bene non si distribuiscano per tutto il vigneto
delle trappole, come si fa nell' isola di s. Maria.
L' al t r a specie di vigna quella, i cui rami che
promettono f r ut ta, s'inalzane sopra terra. In
quel luogo, ove pendono i grappoli (11), si met
tono sotto delle forcine d'albero, della lunghezza
1
474
DE &E RUSTICA L1B. L
4;5 M. TlRLNTll VHRONIS
CAPUT IX
Q o o d t b i b u s h o d i i t b b b a d i c a t o * b o i a , a u t b o i
BOBA, A UT CONMUBIS.
Terra, inquam, cu j usmodi sit refert, et ad
qoam rem bona, aut non bona sit ; ea tribos mo-
dii dicitar, communi, proprio, et mirto. Com
muni, at cum dicimus orbem terrae, et terram
Italiam, aut quam aliam ; in ea enim et lapis, et
arena, et caetera ejus generis sunt in nominando
comprehensa. Allero modo dioitur terra proprio
nomine, quae nullo alio vocabulo, ncque cogno
mine adjeoto appellatur. Tertio modo dicitur
terra, quae est mixta, in qna seri potest quid et
asci ; ut argillosa, aut lapidosa, sic aliae ; cum
in hao species non minus sint multae, quam in
illa commani, propter admixtiones : in illa enim,
cum sint dissimili vi ao potestate, partes permul
tae, in qneis lapis, marmor, rudat, arena, sabulo,
argilla, rubrica, pulvis, creta, glarea, oarbuneg-
lus ( id est, quae sole perferve ita fit, ut radices
satorum comburat ): ab iis, quae proprio nomine
dioitur terra, cum est admixta ex his generibas
aliqua re, tum dicitur aut cretosa, aut glareosa,
et sic ab aliis generum discriminibus mixta ; t
uti horum varietates, ita genera haec, ut prae
terea subtiliora sint alia; nam minimum in sin
gula freies terna, quod alia terra est valde lapi
dosa, alia mediocriter, alia prope pura. Sic de
aliis generibus reliquis admixtae Terrae tres gra-
di doe piedi allo incirca, acciocch la vendem
mia non tenga meno; e fatta che siasi la ven
demmia, si aacostuma insensibilmente il sarmento
a diventare on ratto a frutto, cb perci si
attacca alla pianta o per mezzo di una cordi
cella, o con quel legame che i nostri antichi
chiamavano cingolo (ia). Non s tosto sono partiti
i vendemmiatori, che il proprietario deve por
tare alla sua casa le forcine, ed ivi tenerle m
coperto nelP inverno, afBnch, sema incontrar
nuove spese, possa servirtene nel vegnente anno;
il che accostumano in Italia i Condoiani (i3).
Importa moltissimo meUere,in opra questi diffe
renti metodi, secondo la varia natura delle terre ;
imperciocch dove la terra naturalmente
umida 04), ivi mestieri inalxar molto la vigna,
acciocch il vino nella sua nascita e nel suo
'kocrescimento non cerchi P acqua, come quando
nel bicchiere, o\a il sole (i5) ; e perci , per
quel che io ne penso, i rami della vigna non si
tosto lo possono, che abbandonano la pianta per
arrampicarsi sugli alberi*
-----
CAPITOLO IX
Ih n a n i n n i si d ic b c s b l a t b b i a bimba ,
o c a t t iv a , ovvaao comma.
Importa dunque, oome dioeva ( 1), il saper di
qual natura la terra, e per qual cosa est
buona, o cattiva. Sotto tre aspetti si prende que
sta parola terra, la quale o comune, o propria,
o mista. Noi la prendiamo in senso comune, quan
do diciamo il globo della terra, la terra d ' Italia,
o qualunque altra regione | imperciocch sotto
questa denominatione ti comprendono e le pie
tre e la sabbia e le altre parli, delle qoali com
posta (2): la prendiamo poi in senso proprio,
quando diciamo aemplicemente terra, senza ag-
gioogervi alcun1altra denomiaazione. Nel terso
senso poi la prendiamo, quando alla parola terra
vi aggiungiamo un epiteto, per indicare il miscu
glio, di cui composta : in grazia di che riceve
io s le semenze e le fa crescere, com1 la terra
cretosa, o pietrosa, ovvero ogn1altra specie di
terra. 11 nome di terra, preso in quest1 ultimo
senso, non comprende pi poche differenze di
specie della terra, presa in senso comune ; e ci a
motivo delle mescolanze. Imperciocch nella ter
ra, presa in senso comune, essendovi mollissime
parli dolale di differente virt e polare,tra le quali
si annoverano la pietra, il marmo, i rollami di
pietra, P arena, la sabbia, l1argilla, la terra rossa,
la polvere, U creta, la ghiaia e il carbone (quelle
476
4 7 7 if e RK RUSTICA L1B. I. 475
das ascendant eosdem. Praeterea hae ipsae lr-
Die ipect Uroas in se habcnt alias, qaod par
tila sani humidiores, partim aridiores, partim
mediocres. Neqoe non haeo discrimina perlioent
ad frnctns vehementer. Itaqoe periti in loco ho-
midiore far adoream potias serunt, qoam triti-
cnm ; contra in aridiore hordeam potias, qaam
far, in mediocri otraoqae. Praeterea etiam dis
crimina omniam horqm generara sabtiliora alia,
u t in sabulosa terra, qaod ibi refert, sabato albas
si t , an rubicundus : quod sabalbas ad serendos
forcalo* alienas, cantra rabieondior appositas.
Sio magna tria discrimina terrae, qaod refert
a t r a m sit macra, an pinguis, an mediocris; qao
a d coituram pingais foecundior ad malta, macra
contra. Itaqae in iis, a t in Popinia, ncque arbo
res prolixas, neqoe viles feraces ncque stramenta
videre crassa possis, neqae ficam mariscam, et
arbores plerasqae, ac prata retorrida et muscosa.
ConLra io agro pingai, a t in Hetraria, licet vi
dere segetes fructuosas ac restibiles, et arborea
prolixas, et omnia sine mosco. In mediocri au-
tem terra, ot in Tiburti, quod proprias accedit,
at non sit macra, qaam ul sit jejana, eo ad om
nes res commodior, qaam si inclinavit ad illad
qaod deterius. Stolo: Non male, inquit, qnae sit
idonea terra ad oolendam, aat non, Diopbanes
Bithynias scribit, signa snmi posse aat ex iis qaae
nascantur ex ea ; ex ipsa, si sit terra alba, si ni
gra, si levis, qaae cum fodiatur, facile frielar,
naturaque non sit cineri lia neve vehementer
densa : ex iis autem, quae enata sant fera, si suat
prolixa, atqne ea, qaae ex iis nasci debent, earam
rerum feracia. Sed quod seqailnr, tertiam illad
de modis dice*
parti cio che il sole tanto riscalda, che giungono
ad abbruciare le radici delle piante) ; del pari
quando la terra, propriamente terra, mescolata
ad alcuna delle indicate parli, trae la denomina
zione dalla parte a cui si trova mista ; ed allora
si dice o terra cretosa, o ghiaiosa, o aHramenti,
secondo che mescolata ad altre parli (3) : e
quante sono le variet degl1ingredienti, altret
tante sono pare le specie di terra ; anzi ognuna
di queste specie pu esser ancora suddivisa al
meno in tre altre (4), poich una terra o moltis
simo pietrosa, o lo mediocremente, o non lo
che in minimo grado. In simile maniera ogni spe
cie di terra mista pa suddividersi in Ire altre
parti. Inoltre ognuna di queste tre parti pu es
sere in s suddivisa in tre altre, potendo essere
o umidissima, o secchissima, o esser tra l1umi
do e il secco. Tulle qaeste differenze influiscono
mollissimo sopra le frolla. Per la qual cosa le
persone perite in un luogo troppo umido semi
nano piuttosto il farro adoreo (5), che il fer
mento ; all* incontro nel terreno troppo secco
seminano piuttosto l 1orzo, che il Carro, ed am-
bidue in quello che non n troppo umida, n
troppo secco. Inoltre tutte queste specie di terre
hanno ancora ulteriori differenze : per esempio
nella terra sabbionosa importa molto a sapersi
se bianca o rossa, perch nella bianchiccia no
ai possono piantar gli alberi ; e per contrario
pi acconcia per questa piantagione quanto pi
rossa. Parimente vi sono tre altre grandi dif
ferenze nella terra che fa mestieri conoscere),
cio ae la terra sia o magra, o pingue, o me
diocre. Rigaardo alla coltura, la pingue uni
versalmente pi fertile della magra: sioeh m
questa terra, come appunto la campagna Po
pinia, n gli alberi diventano alti,, n le vigne
fertili ; n ivi potrai vedere paglie grosse, n
fichi insipidi : ivi pure la maggior parte degli
alberi sono pieni di muffa, come ancora i prati
che sono inoltre aridi (6). Per contrario nel ter
reno pingue, com1 qaeHo dell1Etraria, le terre
lavorate producono molto, quantunque nessun
anno si lascino in riposo: gli alberi sono siti, e
tutti senza muffa. La mediocre terra, com1
quella del territorio Tiburtino, pi adattala a
tutte le cose, secondo che si accosta pi alla gras
sa, che alla magra (7); e il contrario succede
quando il terreno si approssima maggiormente
alla terra magra. Non senza ragione, dice Sto
lone, Dio fan di Bitinia indica ebe per sapersi
se una terra atta alla coltura, o no, i segni
o sono da desumersi da quanto nasce nella me
desima, ovvero dalla stessa terra. Si osserva dun
que se questf sia bianca, se nera, se leggiera,
se, quando si smove, facilmente si sciolga (8) ;
479
M. TERENTII VARRONIS
480
CAPUT X
Q u o t m o d i s i i t u i t u i x o e a .
Ille, Modos, quibus metirentar r a r a , i l i a i
alios consti lai t Nam in Hispania ulteriore me
tiantur jugis, io Campania Tersibus, pad d o s ia
agro Romano ac Latioo jageris. Jugum vocant,
qaod juncti boves ano die exarare possint Ver
sam dicant centum pedes quoquoversum qua
dratum. Jugerum, qaod qaadratos duos actus
habeat. Actus quadratas, qai et latas est pedes
Cxx, et longas totidem; U modos aoaaa Latine
appellatur. Jugeri pars minima dicitar scripulum,
id est decem pedes in Koagiladinem et latitudi
nem qaadratam. Ab hoc principio mensores
noananqoam dicunt ia subsicivam esse andana
agri, aat sextantem, aat quid aliad, cam ad joge-
ram pervenerant; id habet scripula c c l x x x v i i i j
quantum as antiquus noster aote beltom Punicum
pendebat Bina jugera quod a Romulo primam
divisa (dicebantur) virilim, quae (quod) haeredem
sequerentur, haeredium appellarunt. Baec postea
(a) ccntum Centuria dicta. Centuria est quadrata
i n omnes qoatuor partes, at babeat latera longa
pedam od * D Hae porro qua tuor centariae
conjunctae, a t sint in utramque partem binae,
appellantor in agris divisis virilim poblice saltas.
CAPUT XI
Quo SIT VILLA ITATUBBTDA MODO, ST QUABIS VILLA.
In modo fandi non animadverso lapsi sunt
snnlti, qaod alis villam minas m^na m fecerunt
quam modos postulavit; alii majorcm, e o a olrum-
se di soa natora Don ia eenerioia, n molto
densa. Gli argomenti poi, che si desa mono dallo
prodaiioiy, *000, et i prodotti nati senta eoitara
sono alti, e se sono abbondagli le fratta che na
scono dai medesimi (9). Ma ora parlaci del t er s o
punto relativo al suolo, cio della sua misera.
CAPITOLO x
I* q u a s t b l A f r n i i ai m s u i A i o l b t k b b b .
Scrofa. Intorno alla misura delle terre ehi ha
adottato un modo, e ehi on altro ; imperciocch
nella Spagna di l dai monti si miserano per
jugum (1), nella Campania per versus, e noi a
nel territorio Romano, come nel Laiio le mba
riamo per iugeri. Si chiama jugum quello spatio
di terra che possono lavorare in un giorno duo
buoi aggiogali (a). Si dice versus uno spailo qua
dralo di eento piedi tanto in lunghetta, quanto
in larghetta. Il iugero il doppio delVactus qua-
dratus, e questo longo centoveoti piedi, a
altrettanti largo. Qaesta misura si chiama lati
namente aenua (3). La pi piccola parte aliquota
del iogero si dice scriptulum (4): essa equivale a
dieci piedi quadrati. Gli agrimensori partendo da
questo principio dicono per lo pi cbe sotto il
iugero (5) vi Vuncia, o un sextansy ovvero
qualche altra parte, come V ast perch il iogero i
composto (6), di dugentotlanta otto scriptula (7),
vale a dire che ne contiene tanti, quanti ne con
teneva il nostro antico as (8) avanti la guerra
Punica (9).Due di questi iugeri che, per quanto si
dice (io), sono stati anticamente distribuiti da
Romolo a ciascun cittadino, sono stati chiamati
haeredion, perch psssavano agli eredi. Cento
poi di questi haeredion si sono chiamati in pro
gresso centuria ( it). La centuria an quadrato,
del quale ognuno dei lati ha duemila quattrocen
to piedi di lunghezta (a). Quattro poi di queste
centurie onite, ma in maniera che sieno due in
ambi i lati, si chiamano saltus nelle terre eh*
sono state divise pubblicamente sui cittadini.
CAPITOLO XI
Q u a l g b a b d b z z a d e b b a a v b b b l a v i l l a , q u a l i
COSE d b b b a n s i b i t b o v a b v a l l a m e d e s i m a .
Molti sono caduti in errore non avendo beo
atteso (1) alla misura del fondo; perch alcuni
hanno diminaito la villa pi di qaello che reai-
qoe il oon Ira r t m b o i l i n t t ae fraetsm ; ma
fora oim tecta et aedificamns p l ani , e t taemar
j ampl a majore ; minora eom soni qaam posto
la! fondai, frotta solent disperire. ( Licinias. )
Dakism eaim non est, qain cella vinaria major
Il facinnda in eo agrp, obi vineta noi ampliora:
u t horrea, si fra mentano* ager est. Villam aedi
ficandam potissimom, ot intra septa villae ha
beat a qoam : si non qoam proxime; primam,
qnae ibi sii n a t a ; secandam, qoae iofloat pe
rennis. Si omnino aqoa non est v i t i , cisternae
Jackmdae sob tectis, et lacas sab dio, ex altero
loco a l bomines, ex altero ot pecoi ali posti!.
48i
CAPUT xn
Qvo s t r l o c o f o n s t a n n i s t a t u b v d a v i l l a .
Bandoni operam, ot potissimam sub r adia
bas montis silvestris villam ponas, nbi pastiones
rio! laxae, ila at contra ventos, qoi saluberrimi in
agro flaboot. Qoae posita es! ad exortas aequi
noctiales, aptissima, qaod aestate habet ombram,
hieme seleni. Sio eo gare secondo m flamen aedi
ficare, earaodom ne adversum eam ponas; hieme
enim fiet vehementer frigida* et aestate non sa
lebris. Advertendam etiam si qaa erant loca pa
lustria, et propter easdem caosas, et qood are-
eant, crescant animalia qoaedam minata, qaae
non possont ocoli eonseqoi, e per ara intas ia
corpo per os ac nares perveoioot, atqae efficiant
difficiles morbos. Fondanias:Qoid potero, ioqait,
facere, si istiosmodi mi fandos haeredite obve
nerit, qao mioas pestileotia noceat T Istoc vel ego
p o t s e a respondere, iaqait Agrias. Vendas quot
assibus potsis: aot si neqaeas, relinquas. At Sero-
fi : Vitandam, inqoit, ne in eas partes specte!
Yilla, ex qoibos veotos gravior afflare soltat ;
neve in ooovaUi cava; e! a! potias io soblimi
loco eedifioes ; qoi qaod perflator, si qaod est
qa od advereariam inforator, fccilius disootitar.
Praeterea, qaod ab sole toto die iMastrator, sala-
Brior est, qood et bestiolae, si qaae prope nascun
tor et inferuntor, ait efflantor, aat ariladine cito
menle Io era, e per conlratfo a l t r i T hanno in
grandita : I* ano e 1* altro inconveniente con
t r i t i o all interesse d d proprietario, come ai
fratti provenienti ^ t t a terra. Per verit e spen
diamo di pi qoaodo gli edificii sono pi grandi,
e si mantengono dbn maggiore spesa : e se si
faedaoo pi piccoli di quello che ricerca la te
nuta, i frolli corrono per ordinario il pericolo
di essere rovinati (a). Imperocch (3) oon vi
paolo dubbio che la cantina non si debba far
pi grande io quel terreno, ove i vignai sono
molli ; come del pari che converr fare i granai
pi grandi, se'il terreoo sia lotto a biada (4)- Ab
biasi attenzione particolarmente che la %jlla da
fabbricarsi conteaga nel suo recinto dell a-
cqoa (5) ; o almeno che l1acqua sia in vicinanza.
da preferirsi qoell1acqaa che ivi nasce, in se
condo luogo quella che d ' altronde si deriva. So
non vi si trova ponto di acqoa viva, si deb
bono far delle citeroe coperte e degli abbe
veratoi scoperti, alcuoi dei qaali serviranno per
gli uomini, e alcani altri pel bestiame.
c a p i t o l o x n
I n q u a l l u o g o d b b b a s i s p e c i a l e h t a
FABBB1CAB LA VILLA.
To devi fare in maniera (i) ohe la villa s!
trovi specialmente ai piedi di un monte selvag
gio, ove i pascoli sieno estesi, e che sia esposta ai
veoli i pi saoi che soffiaoo in qaella piaggia (a):
Quella villa migliore eh* situata all' oriente
equinoziale, perch nell' estate gode V ombra o
nell* inverno il sole. Se la necessit ci storia di
fabbricarla presso il fiome, de veti procurare di
non situarla rimpetto il corso del medesimo (3) ;
perche in inverno sarebbe freddissima, e malsana
in estate. Bisogna schivare ancora, ae ve ne sono,
i looghi paludosi noo solo per le caose allegate,
qoanto accora perch diventano aridi e vi nasco
no certi aoimali minali (4), che non si possooo
veder oogli occhi, e che nell1atto di respirar l1a-
ria eotraoo nel oorpo per la bocca e per le narici,
eqoiodi prodacono difficili malattie. Se oo foodo
di tal natura mi toccasse in eredit (5), che potr
mai (are, dice Fondanio, onde non mi nooccia
quest'aria pestilenziale? A questa dimanda posso
rispoodere aoeor io, dice Agrio : vendilo a qaa-
looqoe prezzo, o, se oon puoi, lascialo io abbao-
dooo. Ma Scrofa ripiglia, eh1 da schivarsi che la
viUa sia volta a qaella piaggia, da coi saole sof
fiare il vento che snerva (6) : come nemmeno si
deve fabbricarla in na valle troppo profonda,
DE RE RUSTICA L1B. I.
483 M. TERENTII VARRONIS 4 8 4
pereant. Nimbi repentini ac torrente* Antii* pe
ricolosi illis, qoi in humilibos ac cayis locis edi
fci a habent,etrepeolioae praedonum manas, j a o
improvisos facilius opprimere possunt. Ab hoc
utroque superiora loca tuliora.
CAPUT xm
Q u o d n r v i l l a , p e t v i t u s pa c t u h d a s i b t b u b i l i a , b t
OVILIA, BT CELLAE, VASAQUB VIBAEIA, OLBABIA
BT ALIA.
Io villa facionda stabola, ita ot babilia sint
ibi, hieme qoae possint esse calidiora. Fractus,
o t est T i n a m et oleam, loco plano io cellis, item
ut Tasa vinaria, et olearia potius faciandum. Ari
das, a t est faba, et foenum in tabulatis. Familia
ubi versetur providendum, si fessi opere aat fri
gore, ut calore obi commodissime possint se
quiete redperare. Vilici proxime januam cellam
esje oportet, eomqoe scire, qui introeat aat exeat
noeta, quidve ferat : praesertim si ostiarias est
nemo. Io primis colina videnda, ut sit adraota,
quod ibi hieme antelucanis temporibus aliqoot
res cooficinnlar, cibus paratar ao capitur. Fa-
ciuodum etiam plaustris, ac caetero instrumento
omni, quibus coelam pluviam inimicam, in co
horte, a t satis magna sint tecta ; haec enim si in
tra clausum in coosepto, et sob dio, furem mo
do non metuunt, adversas tempestatem noceo*
texn non resislaot. Cohortes ia fundo m a g n o
duae aptiores ; una, ot interius compluvium ha
beat lacum, obi aqua saliat, qui intra stjlobatas
cam venit, sit aemipisdna. Boves enim ex arvo
aestate redacti hic bibant, hic perfunduntor ;
nec raiaas e pabulo dum redierant anseres, sues,
porci. In cohorte exteriore lacomesse oportet, ubi
maceretur lupinum : item alia, quae demissa in
aqoam ad usum aptiora fiunt. Cohors exterior
crebro operta slrameotis ac palea ooculcata pe
dibus pecodom, fit ministra fundo, ex ea qaod
evehatur. Secandum villam doo habere oportet
sterqoilinia, aut unum bifariam divisam ; alte*
ma piuttosto in oo luogo elevato, perch e s s e n d o
ivi esposta ai venti, sopravvenendo qualche c o *
perniciosa, facilmente trasportata altrove ( 7 ) .
Inoltre qael luogo, ch illuminato tolto il g i o r n o
dal sole, pi salnbre, perch le bestioline, c h e
nascono ne' contorni o che d ' altronde vi s o n o
portate, o dal vento vengono portate a l t r o v e ,
ovvero per la t i c dt i muoiono tosto. Le p i o g g e
improvvise e che cadono eoo empito, come ancor a
i Borni rapidi (8) sono funesti per qudl i c h e
hanno fabbricali gli edifizii ne' looghi basti e d
incavati ; e tono pericolati allret, perch le ra
paci mani dei ladri possono facilmente sorpren
derci all' impensata. Dall1uno e dall' altro ma
lanno possiamo gaardard fabbricando la villa
ne1luoghi elevati.
--
CAPITOLO x m
CflB BELLA VILLA SI DEBBONO F0EMAB PRUSA I BO
VILI, GLI OVILI, LE CARTINE, I TOBCXI DA VIBO,
DA OLIO, ED ALTBB COSE.
Nel fabbricar la casa di villa devesi aver at
tenzione che le stalle pe buoi sieno sitoate io
quel luogo, in coi possono esser calde nel tempo
d ' inverno (1). Devesi aver V occhio altres che i
fratti, com il vino e Volio, possaoo ritrovarsi
io istaaze sopra terra, cos pure i torchi per (spre
mere il vino e 1' olio : inoltre devesi fare in gnisA
che il frutto, quando secco, ed il fieno si possa
no collocar sopra de1solai (2). Bisogna procurare
ancora che vi sieno due luoghi per la famiglia,
in uno de' quali si ricovrer o sia stanca per U
fatica, o tormentala dal freddo, o dal caldo ;
nell1altro ove possano coraodissimameote colla
quiete e col sonno ristorarsi (3). La camera dei
castaido bisogna che sia vicina alla porta, onda
egli sappia chi entra e chi esce di notte, e vegga
d ohe si porla ; e d rendesi necessario spe
cialmente se non vi portinaio. Primieramente
da farsi che la cucina (4) non sia lontana da
lui, perch ivi in tempo d* inverno nelle ore to
nami d si fanno alcuni lavori, si prepara il dbo,
e si mangia. Bisogna ancora far nel cortile dei
portici abbaslaoza grandi per riporvi i carri
tutti gli altri attrezzi rurali, oode la pioggia oon
arrechi danno ad essi : altrameoti se si rinchiu
dono soltanto nel recinto (5), e te si lasciano
esposti all' aria, corrono non solo rischio di estere
rubali, ma ancora non potranno resistere ai cat
tivi tempi. Quando la tenuta grande, faooo
molto a proposito due cortili, uno dei qnali ab
bia una fossa esposta alP aria aperta, ed ove con
rata enim pariem fierri oportet e villa novam,
lieram veterem tolli in agmen ; qaod enim in-
i er t ur recens, minaj bonam ; id cum flacuit* me
llas ; necnoo aierqailiniam mellas illud, cajas
latera et tammom virgis ac fronde vindicatam
ab sole. Non enim sucum* qaem qaaerit terra* so
le ante exagere oportet, l taqae periti (qai pos
sint ) a t eo aqaa influat* eo nomine faciant. Sic
enim maxime retinetor sacus, in eoqae qaidam
aelUs familiaricas po n a n t Aedificiam facere opor
tet* sub qaod tectam totam fandi abjicere posiis
messem* qaod vocant qaidam nobilarinm. Id
secandam aream faciundum* abi Iritaras sis fru
mentum, magnitadine pro modo fundi ex ana
par li apertam, et id ab area, qao et in tritaram
proroere facile possis* et si nabilare coeperit* in
de ut rorsos celeriter rejicere. Fenestras habere
oportet ex ea parli* onde oommedissime perflari
possit.
4*5
Fundanius: Frnetuosior, inqait* est certe fun
dus propter aedificia* si potias ad anliqaorum
diligentiam* qaam ad borom laxariam dirigas
aedificationem. Illi enim faciebant ad froclaum
rationem* hi faciaat ad libidines indomitas, lta
qae illorum villae rusticae erant majoris qaam
urbanae* qaae nunc suut pleraeque contra ; illic
laudabatur villa, si habebat culinam rasticam bo
nam, praesepias laxas, cellam vinariam et olea
riam ad modam agri aptam* et pavimento pro
clivi io lacum \ qaod saepe* ubi conditum novam
corra V acqaa piovana (6), e se vorrai che Ia fossa
diventi ana piccola cisterna, vi porrai attorno dei
piedistalli (7). Ivi i bovi* che ritornano dal campo
in tempo di estate* beveranno e vi si bagneranno:
cos pare vi s*imbagneranno, quando ritorne
ranno dal pascolo (8) le oche, le troie e i porci.
Nel cortile interno bisogna che vi sia ana segre
gata cisterna, ove si macerino i lupini, e tatto ci
che non pa essere acconcio pe nostri usi, se non
dopo eh' stato macerato nell* acqua (9). Il cor*
lite esterno sar continuamente coperto di strame
e di paglia per essere calpestata dai piedi del be
stiame* onde diventi concime, che si trasporter
poi ad ingrassare il terreno. Bisogna aver presso
la casa di villa due letami, ovvero un solo diviso
in due parti, nell' una delle quali si trasporter il
nuovo letame raccolto nella casa, e dall1altra si
lever il vecchio concime per trasportarlo sul
campo ; perch non troppo buono per le terr
quel letame che vi si trasporta ancora nuovo, e
quello eh1 infracidato migliore (10). Quel
letame inoltre migliore eh difeso dal sole la
teralmente e nella sommit per mezzo di rami e
di foglie, perch non bisogna che il sole lo spogli
prima di quel succo, di coi la terra avida. Per
la qaal cosa gli uomini periti* quando il possono*
fanno s che coll1oggetto di conservarlo umido
ivi concorra P acqua : di fatti in tal modo vi s
conserva ottimamente il suo sacco. A quest' og
getto pure certuni vi fabbricano per di sopra i
cessi comuni (11). Bisogna che l edilzio sia fatto
in guisa che vi si trovi an laogo coperto detto
da alconi porticale, sotto cui tu possa tenere a
coverto tutta la messe della tenuta. Questo da
fabbricarsi in vicinanza dell aia, ove t a hai da
trebbiare il grano ; sar di una grandezza pro
porzionata a quella del podere ; dovr essere
aperto in una parte, e i n quel luogo che corri
sponde all1aia, acciocch quando si sar per treb
biare la messe* ta possa di leggieri gettarla sul*
l aia* e per contrario con prestezza ritiramela
sotto il porticale* se l ' aria principia ad anongo-
larsi (ia). Bisogna che 1*edilzio abbia le fenestro
volle a quella parte* da cui possa facilissimamen
te essere esposto al vento.
Egli certo* dice Fundanio, che la tenu
ta reude maggiormente in grazia degli edificii ;
massime se nel fabbricarli avremo in vista pi
la diligenza usata dagli antichi che il lusso
dei nostri (13) ; imperciocch quelli facevano gli
edificii proporzionati alla quantit dei f r a t t i ;
laddove questi non guardano che alle loro sfre
nale passioni. Per la qual cosa le case ville
recce degli antichi erano di maggior prezzo
che le loro case di campagoa, parecchie delle
quali al presente sono per contrario di mag-
486
DE RE RUSTICA LlB. 1.
inani , orcae ia Hispania fervore matti ruptae,
neque non et dolia io Italia ; item caetera ot es*
aeot io Tilia hojuscemodi, qoae cultura quaere
ret, providebant. None con Ira T i lia m arbaoara
qaam maximam ac politissimam habeant, daot
operam : ac cum Metelli ao Luculli villis pessi
mo poblico aedificatis certant: qno hi laborant,
ot specteot soa a e s t i v a inclinane ad frigos orien
t , h i b e r n a ad solem occidentem, potius quam,
yit a n t i q a i , in qaam partem cella T i o a r i a aut
olearia feneslras haberet, cam fructus ia ea vina-
rios quaerat ad dolia ara frigidiorem ita olea
ria caldiorem. Item videre oportet, ai est collis
( nisi quid impedit ) a t ibi potissimam ponatur
villa.
<#7
CAPUT XIV
Q | )BPTIf, QOi> TUTANDI FCHDI CAUIA FI EU
DXBBANT, BT QUAUTIft*
Nane de aeplis, quae tatandi caasa fandi, aat
partis fiant, dicam. Earnm tatelaram genera iv;
n a m natorale, alleram agreste, tertiam militare,
quartum fabrile. Horum nnnmqaodqae specie*
habe! piares. Primam naturale sepimentum,
quod obseri solet virgultis aut spinis, qaod habet
radices, ac (vivae sepis) praetereuntis lascivi non
meluct facem ardentem. Secanda sepes est ex
agresti ligno, sed non vivit. Fit aat palis statutis
crebris, e virgultis implicatis; aut latis perforatis,
ct per ea foramina trajectis longariis fere biais
aut ternis : aut ex arboribos truncis demissis in
terram, deinceps eonstitutis. Tertiam militare
sepimeotum est fossa, et terreos agger ; sed fossa
ita idonea, si omnem aqoam, qoae e ooelo venit,
recipere potest, aut fastigium habet, ut eieat e
gior p r e t t o delle case rustiche. A que tempi ai
lodava una casa rusticana, se aveva una buona
rustica cucina, se le stalle erano vaste, se la can
tina e il cellario da olio era proporzionato alla
grandezza della tenuta, se la cantina era fornita
di un pavimento, che pendesse verso uoa fossa
ove potesse raccogliersi il vino, perch sovente
accade che quando il ooovo vino si rinchiuso*
net bollir che fa, rompe non solo gli orci in Ispa-
gna, ma ancora le botti in Italia ( i 4) Final menta
eglino avevano tutta le cura cbe la casa villeree
eia fosse provveduta di tutto qoello eh era ne
cessario per la coltura. Ora all' opposto i loro
stadii sono rivolti a far si che la loro casa di cam
pagna sia grandissima ed elegantissima, e vanno
a gara con quelle che Metello e Lncollo hanno
fabbricate oon grande seandalo della Repubblica,
perch i moderni aono intesi a rivolgere i loro
tinelli di estate al fresco dell oriente, a ^oeltt
d inverno al tramontar del sole, piuttosto eha
fare, in pari modo degli antichi, che nell* una a
nell altra piaggia si trovino le fenestre della can
tina, del cellario da olio, quando che se il vino
rinchiuso nelle botti fosse esposto alla prima
piaggia, godrebbe un' aria fresca, di eui abbiso
gna, e similmeote l'olio sarebbe esposto nella se
conda ad un' aria pi calda, di cui amante (i5).
da vedersi inoltre se nella tenuta siavi una col
lina per piantarvi specialmente la casa rusticana,
quando non siaovi impedimenti che vietino di
fabbricacela (16).
48
CAPITOLO XIV
Di i x s c i n t i c n ai d b b b o i o f a s e a m o t i v o di
D1FBBDB1 LA TBVUTA, I l QUAL MABIBAA SONO
DA FOBMA1SI.
Ora dir delle chiusure che si fanno a motivo
di mettere in sicuro o tutto il podere, o ona parta
del medesimo. Questi recinti sono di quattro spe
cie : uno naturale, l ' altro campestre, il terzo
militare, e il quarto artifiziale. La prima clausura,
che io chiamo natorale, quella che suolsi for
mare piantando virgulti o spine; e perch
fornita di radici e di una siepe vegetante, perci
non teme le fiaccole accese dell insolente p a t -
MfSero (0* U seoondo recinto, e h ' di qualit
campereccio, tratto dal legno, ma non vegeta (a).
Questo si fa o piantando de' pali spessi e i nt r o
mettendovi de' virgulti, ovvero si puntano l ar ghi
e si traforano, e dentro i fori si introducono due
o tre perticoni; ovvero sia si forma coi t r onchi
degli alberi distesi per terra e insieme uniti (3).
M. TLRENT1I VARRONIS
4*9 DE RE RUSTICA LID. I. 4 9 0
fondo; agger i t ^ onot , qui iotriosecas j a octus
fossa, ut ite ardbtv, ut eam rranscendere non
sit facile. Hoc geout epe* fieri secundum vias
publicas soleat, et secundum amoes. Ad viam Sala
riare, io agro Crutiumioo, videre licei l odi ali-
qoot coojunclos aggeres cum fossis, ne flumen
agris noceat. Aggeres qqi faciunt sine fossa, eos
qaidam Yoctnt muros, ut in agro Reatino. Quar
tam fabrile sepimenturo est novissimum, maceria:
hajus fere species quatuor ; quod fiunt e lapide,
ut in agro Tusculano; quod e lateribus coelili
bus, ut in agro Gallico ; quod e lateribus eradit,
ut in agro Sabino ; quod ex terra, et lapillis com
potitis in formi*, ut in Hispania, et agro Ta
rentino.
CAPUT xv
Ad q u i d i i v i i T i i u r b s .
Praeterea tino septit fines praedii, sationis,
nolit arborum lulioret fiunt, ne familiae risenlur
cum vicinis, ac limiles ex lilibns judicem quae
rant. Serant alii circum pinos, ut habet uxor in
Sabinis ; alii cupressos, ut ego habui in Vesuvio ;
alii ulmos, ut multi habent in Crustumino : quod
ubi id pote, at ibi, quod est campus, nulla potior
terenda, quod maxime fructuosa, quod et tasti-
net tepem, ac colit aliqnot corbulas uvarum, et
frondem jucundissimam ministr! ovibus ac bu
bus, ac virgas praebet sepibus, et foco, ac furno.
Scrofa ; Igitur primum haec, quae dixi, quatuor
videnda agricolae; de fundi forma* terrae natu
ra, de modo agri, de finibus tuendis.

AI. T i a a m o Vabbove
II terzo ricinto il militare, ed o d fosso e un
argioe di terra ; ma il fossato buono a questo
effetto se pu ricever tutta la pioggia, ovvero s
un poco in pendio, onde I acqua esca fuori del-
F alveo. Queir argine poi buono, che esterna
mente ha unito un fosso, e eh' tanto alto, che
non sia facile il saltarlo (4). Questa tpecie di chiu
sura suolti fare lungo le strade pubbliche e h
fiumi. Nella strada Salata, nel territorio di Pa
lomba r a, si possono vedere in alcuni luoghi gli
argini uniti ai fossi, acciocch i campi oon sieoo
danneggiati lai fiume (5). Gli. argini senza fosso
tono chiaaaati da alcuni mari, come nel territorio
di Campo Pendente (6). Il quarto ed ultimo re
cinto l'arlifiziale, ed fatto di mura, delle
quali ve ne tono pretto a poco di quattro tpecie;
peroh te ne fanno di pietrer come nel territorio
Tusculano; o di mattoni colti, come nel territorio
Gallico ; o di mattoni cri^di, come nel territorio
Sabino ; o di terra mista a sassi riposti tra due
tavole, come nel territorio Spagnuoloe in qoello
di Taranto (7).
--> --
CAPITOLO XV
A CHS OGGETTO SONO ITATI 15VB1VTATI I B1CIHTI.
Si postono ancora tenta chiusure mettere in
sicuro i confini della teouta, o di una porzione
di terreno, piantandovi degli alberi, i quali ser
viranno a fissarne i confini, onde tra quelli della
famiglia e i vicini non abbiano ad insorgere risse,
ed acciocch p* F incertezza dei confini non si
sia obbligati di ricorrere al giudice (1). Piantano
alcuni attorno i rido li dei pini (a), come ha
fallo mia moglie nel territorio Sabino: altri
de1cipressi, coroc io feci presso il Vesuvio (3):
altri degli olmi, come molli hanno fatto nel ter
ritorio di Palombara; il che, ove sia postibile a
farti, come in quest*ultimo territorio eh* posto
in pianura, F olmo da preferirsi (4), perch
l albero che rende pi di tutti, per la ragione
che e* sostenta la chiutnra, e t a quell* albero ti
collivan delle vigne che rendono alcuni corbel
loni di uva (5), e somministra frondi le pi gra
dile alle pecore e ai bnoi, e fornisce rami pei r i
cint i , pel fuoco e pel forno. Scrofa: Dunqne
primieramente F agricoltore deve esaminar le
quat t r o cote, delle quali ho parlato, cio la forma
del podere, la natura della terra, la tua eiteotio-
ne, e la ticurezza dei confiui (6).
8
49'
M. TERENTII VARRONIS
4 9 *
CAPUT XVI
D* BIS QUAS K1TBA FtJBDOM COMMODA FIAHT, AUT
IICOMMODA.
Relinquitor altera pars, q n e est extra fan
dam. Cajas appendices vehementer pertinent ad
celtaram propter affinitatem. Ejus species toti
dem : si Ticina refio est infesta; si qae oeque f r a
ctos exportare expediat, neque inde, quae opus
sont, apportare ; tertiam, ai viae aat flo vii qua
porUntnr, aut non suot, aut idonei n#n suot ;
quartam, si qaid ita est in confinibns fundis, ut
nostris agris prosit aat noceat. G qoeis quatuor,
quod est primam, refert, infesta regio sit, necne:
mnltos enim agros egregios colere non expedit,
propter latrocinia vicinorum, ut in Sardinia quos
dam qui sunt prope Cqliem, et in Hispaoia pro
pe Lusitaniam.
Quae vicinitatis invectos habent idoneos,
qoae ibi nascuntur ubi vendant, ct illinc inve
ctos opportaoos ad ea, quae io fondo opus sont,
qood proptefea sont fructuosa. Mulli enim ha
b e nt i a praediis, quibus frumentum, aut vioum,
aliudve quid desit importandum : contra, non
pauci, quibus aliquid sit exportandutn. Itaque
sub orbe colere hortos late expedit, sic violaria
ac rosaria, item multa, quae urbs recipit, cum
eadem in longiuquo praedio, obi non sit quo
deferri possit venale, non expediat colere- liem,
si ea oppida aul viciniae, aut etiam divitum co
piosi agri ac villae, unde non care emere possis,
quae opus soni in fundum, quibusque, quae su
persint, venire possiat; ut quibusdam pedamen
ta, aat perticae, aul arundo ; fructuosior fit fun
dus, quam si longe sint importanda, nonnunquam
etiam, quam si colendo in Ino ea parare possis.
Itaque in hoc genas coloni potius anniversarios
habent vicinos, quibus imperant medicos, fullo
nes, fabros, quam in villa suos habeanl : quorum
nonnonquam unius artificis mors tollit fundi
fractum: qnam partem latifandis divites dome
sticae copiae mandare solent.. Si enim ab fundo
longius abfant oppida aut vici, fabros parent,
quos habeant iu vilh : sic caeleros u e cessa rios
artifices, oe de fuodo familia ab opere discedat,
ac profestis diebus ambulet feriata potias, quam
opere faciundo agrum fructuosiorem reddat. Ita-
CAPITOLO XVI
DtQUXLLB c o s i CSBTBOTA99I HJOBI DELLA TEMI7TA,
B CHE AIBBCAKO COMODO BD (SCOMODO.
Resta a esaminarsi V altra parte, la qa al e si
aggira sopra ei che trovasi fuori del podere ; le
coi appartenerne esteriori per P intima connes
sione ehe hanno colla coltura, v* influiscono mol
lissimo. Questo artioolo si divide io tante parti,
quanto il primo. Bisogner esaminar se il vicino
paese alberghi malandrini : se questo sia un paeae,
in eui non ci lorni conto portarvi i nostri fratti,
n trarne quanto ci far mestieri ; in terzo luo
go, se non vi sieno strade o fiumi, col m e n o
dei quali agevolare il trasporlo dei fratti ; o se
par vi sono, se sieno al caso : in quarto luogo,
se ne' poderi limitrofi vi sieno cose che giovino
o nuocano alle nostre tenute. Quanto alla pri
ma di queste quattro parti, importante il sa
pere se il vicino paese sia infettato da malan
drini, o no, perch non giova talvolta coltivar
molte eccellenti terre pei ladronecci dei vici
come sono certe terre nella Sardegna in vici
nanza a Celie (i), e alcune altre della Spagoa
presso il Portogallo.
Quanto alla seconda, bisogna esaminare se le
terre abbiano comuuicazioni facili coi paesi allo
intorno, ove portarvi a vendere i fratti cbe na
scono nelle medesime, e da quelli t rarre qoelle
cose che fanuo di bisogno nella tenuta ; nel qual
senso le terre riescono utili (a). Perch molti abi
tano in terre (3), nelle quali bisogna portar bia
de, vino, o altre cose, delle quali mancano : per
contrario a1tri abitano in terre, dalle qu*li si
possa trarre alcuna cosa. Per lo che giova mol
lissimo coltivare i giardini in viciuauza della
citt : cosi pore piantarvi delle viole e delle rose,
e molti altri fiori che si smerciano in citt : al-
l' incontro non tornerebbe conto coltivare i fiori
in una terra lontana, ove non vi fosse un luogo,
in cui si potessero portare per venderli. Simil
mente se le citt, o i paesi viciui (4)i ovvero
anche se le terre e le ville vicine souo popo
late di persone ricche, dalle quali si possano
comprare a non caro prezzo quelle cose che fanno
di bisogno nella tenuta, e alle quali pure si pos
sano vendere quelle cose che sono superflue,
come vendere ad alcuni o de' pali, o delle per
tiche, o delle esime ; in tal caso la tenuta pi
utile di quello che lo sarebbe, se si fosse io ne
cessit di procurarsi le cose bisognevoli molto
luugi; e alle volle sarebbe anche pi utile, an
corch quanto fa di bisogno nel podere, si ri
traesse per mezzo della coltivazione dal fondo
qne ideo S u e r u e li ber pneeipit, ne qais de
faodo e x u t p h e t e t vificua et promana, et
onora, qaem vilicus legit : ti qais coatra exierit,
ne irapaoe abeat ; si abierit, vi in filicara ani
madvertatur. Qaod p o t i n s i u praecipiendam fait,
ne quis iojassu filici exierit, neque vilicas in
jussu domini loogias, quam al eodem die re
dierit, aeque id crebrius, quam opus esset fondo.
te
Ter fio eandem fandura fruclaosiorem faciant
veci arae, si vite sant, qua plaustra agi facile pos
sint ; aat flamina propinqua, qua navigari possit:
quibus atrisqae rebus evehi atque inveht, ad
mulla praedia sci mai. Quarto refert etiam ad
fructus, quemadmodum vicinas in confinio con
sitam sgram habeat : si enim ad limitem qoer-
oetum habet, non possis recte secandum eam sil~
v a n serere oleam, qood usque eo est contrarium
oatora, at arbores non solum minas ferant, sed
etiam fagiani, ut inirorsam io fundum se recli
nent, ut vitis adsita ad olus facere solet : at quer-
eas, sic juglandes magnae et crebrae finitimae,
fuudi oram faciant sterilem.
0*-
del medesimo. Cos i proprietarii delle terre, che
godono quest avvantaggio, amano stipendiar,
per cosi dire, all anno i loro vicini, onde questi
somministrino ad essi, qaaodo il dimandano, i
medici, i tintori e gli operai, piuttosto che man
tenerli a proprie spese nella villa (5), perch
alle volle la morte di an operaio fa perdere tutto
il profitto della tenuta : laddove i ricchi, che pos
seggono tenute estese, hanno ordinariamente al
loro comaodo quegli operai (6). Ma se il po
dere troppo lontano dalle citt o dai borghi,
hisogna necessariamente mantener nella villa gli
operai, e coti pare ogni specie di artigiano ne
cessario, acciocch si eviti che gli operai ooa
abbandonino il lavoro della tenuta, e che nei
giorni di lavoro non vadano a passeggiare oo-
rne se fosse festa, in veoe di rendere fruttifero
il terreno per mezzo della fatica. Per questo
appunto Saserna ordina nel sao libro ohe nes
suno esca fuori del podere, tranne 11 castaido,
quegli che fa le provvisioni (7), e chi avr scelto
il castaido per agire una qualche csa. Se alcuno
uscir non ostante che gli sia proibito, vuole
che sia punito; e se non ritorna pi,che il ca
staido abbia a portarne la pena. Ma avrebbe do
vuto piuttosto ingiungere che nessuno non avesse
ad uscire della tenuta senza ordine del Castal
do, come altres che il castaido non avfcsse ad
uscirne senza ordine del padrone, n che dovesse
andar pi lungi, onde non avesse a ritornar nel-
l islesso giorno, n pi frequeotemente di quello
che ricercasse il bisogno della tenuta.
In terzo laogo la oomodit del Irsporto fa
si ohe il fondo sia pi utile (8), come se le strade
sono tali, che i carri vi possano facilmente scorre
re, o se i fiumi vicini sono navigabili. Io quarto
luogo il profitto di ana terra (9) dipende incora
dalla maniera, con cui il vicino ha piantato l i
sua sai eoo fini della tua ; imperciocch se ani
confine trovasi piantato un querceto, tu non fa
rai saviamente a piantar presto il medesimo
l ulivo, essendoch qoeste due specie di alberi
^000 tanto reciprocamente contrarie, che non
solo gli alivi renderanno meno, ma aocora fug
giranno la vicinanza delle qaerce io guisa, che
ai ripiegheranno verso la tenota, come h l i
vigna piantata presso il cavolo (10). L* effetto
che producono le qaerce, lo pr decono pare
anche le noci, le quali, se sono grandi, e te molte
se ne sono piantate sull estremit del Ibrido, lo
rendono sterile (11).
49*
DE RE RUSTICA LB. I.
495
M. TERENTII VARRONIS
49
CAPUT XVII
Q u i b u s b e b u s a g i i c o l a r t i ?*.
De fundi i? partibus, quae cam solo haereat,
et alteris i t , quae extra fundum suut, et ad cul
turam pertinent, dixi. Nunc dicam agri qnibua
rebus colantor: quai res alii dmduut in duas
partea, in homines, et adminicula hominum, sine
quibus rebus colere non possunt. Alii in tres
paries instrumenti genus vocale, et semivocale, et
mutam : vocale, in quo sunt servi, semivocale, in
quo sunt boves, mutum, in qoo suot plaustra.
Omnes agri coluntur horaioibus servit aut libe
ris, aut utrisqoe. Liberis, aut cum ipsi colunt, ut
plerique pauperculi cum sua progenie ; aut mer
cenariis, cum conducticii* liberorum operis res
majores, ut vindemias, ac foenisicia administrant:
iiqoe quos obaeratos uostri vocitarunt, et etiam
nunc sunt In Asia, atque Aegypto, et iu Illyrico
comploret.
De quibas universis hoc dico: Gravia loca
utilius esse mercenariis colere, quam servis, et in
salubribus quoque locis opera rustica majora, ut
saot in condeodis fructibus vindemiae, aut messii.
De his cujosmodi esse oporteat, Cassius scribit
haec: Operarios parandos esse, qui laborem ferre
possint, ne minores aonorum xxn, et ad agricul
turam dociles. Eam conjecturam fieri posse ex
aliarum rerum imperatis, et more incolarum e
novitiis requisito, ad priorem dominum quid
factitarent. Mancipia esse oporlere aeque formi
dolosa, neque animosa. Qui praesint esse oporte
re, qui literis, aliqua sint hnmanitale imbuti,
frugi, aetate majore, quam operarios, quos dixi:
facilius enim his, quam minoribus natu sunt di
cto audientes. Praeterea potissimum eos praeesse
oportet, qoi periti sint rorum rusticarum; non
solum enim debere imperare, sed etiam facere,
ut facientem imitentur, et ut animadvertant eum
cam causa sibi praeesse, quod scieutia praestet et
usu : neque illi concedendum ila imperare, ut
verberibus coerceat |>otius quam verbis, si modo
idem efficere possis. Neque ejusden) naiiouis plu
re parandos es s e, ex eo eoini potissimum solere
offensiones domesticas fieri. Praefectos alacriores
faciundum praemiis, dandaque opera, ut habeaut
c a p i t o l o x v n
Di q u e l l e c o s e c h e sono v e c e s s a b i b p b b t*a
COr.TIVAXIOFB d e l t b b h e r o .
Fino ad ora ho parlato di quelle quattro d e l l a
teuula, che riguardano il suolo, come altres d i
quelle altre quattro parli che hanno relazione a
quanto v fuori del podere, e che egual ment e
appartengono alla collivaiione ; al presente t r a t
ter di quelle cose che si adoperano per colt i var
la terra (i) ; le quali alcuni dividono io due p a r t i ,
cio in uomiui, ed in cose che aiutano gli uomini,
e senza le quali non possono coltivar la terra.
Altri le dividono in tre parti, cio in istromento
vocale (2), io semivocale e muto. Nel vocale vi
entrano i servi, nel semivocale i buoi, e nel muto
i carri. Tutti i campi sono coltivati o da uomini
schiavi, o da liberi, o dagli uni e da/li altri :
si coltivano dai liberi, sia quando essi mede
simi collivano il proprio podere, come fanno
parecchi poverelli unitamente alla loro figliuo-
lanza, sia quando si prendono mercenarii, sia
quando si prendono a giornata uomini liberi per
far pi gagliardi lavori, come le vendemmie e il
tagliameulo dei fieni, sia quando si prendono
quelli che i nostri antichi chiamarouo indebi
tali (3), e dei quali ve ne sono molti anche al di
d oggi in Asia, in Egitlo e nellMIlirio.
Generalmente parlando di tutti questi lavo
ratori, dico essere pi utile che i luoghi malsani
sieno coltivati dai mercenarii, che dagli schia
vi (4), e che quelli sono da adoperarsi aoche nei
luoghi sani, quando nella campagna sieno me
stieri lavori gagliardi, come sono la raccolta dei
frulli della vendemmia, o delle biade. Cassio {5)
scrive che bisogna in queste sorte di genti si tro
vino queste qualit. Essere mestieri provvedersi
di quegli operai che possano sostener la fatica, che
non abbiano meno di venlidue anni, e che sieao
idonei per l agrieoi tor (6). Si potr congetturare
se sieno atti per i'agricullura, comandando ad essi
opere di un altro genere (7), e ricercando a que
sti nuovi operai quali faccende abbiano eseguite
nell* agricoltura presso il loro primo padrone (8).
Gli schiavi non bisogna che sieno n troppo pau-'
rosi, u troppo coraggiosi : quelli che presiedono,
bisogna che sappiano scrivere e che abbiano una
qualche cognizione (9), che sieno ouesti e di mag
gior et degli operai, dei quali ho parlalo ; per
ch quelli di maggior et obbediranno pi facil
mente che i giovani il padrone (10). Inoltre bi
sogna destinare a capi quelli che sono peliti nelle
cose rusticane ; poich non debbono aoltauto co
mandare, ma ancora agire, acciocch la famiglia
497
DE RE RUSTICA LIB. I.
49
peculi ino, e t eonjonelas conservas, e quibus ha-
beant filios: eo enim fiunt firmiores, ac conjun
ctiores fundo. Itaque propler has cognations
Epirotieae familiae saot illustriores ac canores.
Ad iojicieodam foluptatem hia praefecturae, ho
nore aliquo habendi anot : et de operariis, qoi
praestabunt a l i q u i , commooicaodum quoque
cum iis, qoae faciunda soot opera; quod ita cum
fit, minus ae putaut despici, alqne aliquo numero
haberi a domino. Studiosiores ad opus fieri libe
ralius tractando, aut oibariis,aut vestita largiore,
aut remissione operi*, concessioneve, ut peculiare
aliquid in fundo pascere liceat, aat hujuscemodi
rerum aliis, ut quibus quid gravius sit impera
tum, aut animadversum, qui consolando eorum
restituat voluntatem, ac benevolentiam in do
minum.
--o*--
CAPUT x v m
Db u n n o f a m i l i a s b c s t i c a l i s , q u o t o p i e i s q u i s -
QOI AGEB COLI POSSIT, BT N ISO DO CUJUSQUE.
De familia : Cato dirigit ad duaa roetas, ad
certum modum agri, et genua sationis, scribens
de olivetis e t vinetis ut duas formulas; unam, in
qua praecipit quomodo olivetum agri jugerum
c c i l instruere oporteat. Dicit enim in e o modo
haec, mancipia x j u i habenda, vilioum, vilicam,
operarios v, bubulcos ui, asinarium i, subulcum i,
opilio nem i. Alleram formulam scribit de vinea
rum j ugeribus centum, ut dioat haberi oportere
baec: xv saaaeipia, vilicam, vilicam, operarios x,
bobuknm, asinarium, subulcum. Saaerna scribit,
satis esse ad jugera vm hominem uaum ; ea de*
vedendoli operare, li imiti ; come altresi perch
oonosca che quegli il quale si destinato a suo
capo, lo io grazia del suo maggior sapere ( i t ) .
N a questi capi da permettersi che comandi
no in guisa, che facciano uso piuttosto del b a
stone , che della voce. B ( quando ci si possa
ottenere ) bisogna schivare di aver molti lavora
tori della medesima nazione, perch ci suole
d ordinario dar origine alle contese domesti
che (ia). Bisogna animar l attivit dei capi con
premii, onde eseguiscano quelle cose che loro fu
rono comandale (i 3). mestieri procurare inoltre
che abbiano del danaro e che si ammoglino eoa
conserve, affinch abbiano defigli; poich eoo
tal mezzo diventano pi strettamente attaccati
al fondo : e perci io grazia di cotali parentadi
gli schiavi dell Epiro sono celebri e di caro
prezzo. Bisogna creare in questi operai la spe
ranza di un qualche onore, e che qoelli, i quali
si distingueranno pi degli altri, potranno giu-
gnere anche ad essere capi: bisogna pure con
sultar coi medesimi intorno ai lavori che sooo
da Carsi ( i 4); il che facendosi, pensano che non
sieno tanto da diaprezzarai, e che dal padrone
ai tengano in qualche considerazione. Si rendono
pi amanti del lavoro trattandoli pi liberalme&le
o nel cibo, o nel vestilo, o sollevandoli aleuna
volta dalla fatica, o permettendo che nella tenuta
possano far pascolare qualche bestia che sia loro
propria, e altre oose di tal fatta ( i 5), acciocch
quando ad essi avr comandato qualche lavoro
troppo pesnle, ovvero quando gli avr corretti
troppo severamente, abbiano on qualche sollievo
che li consoli, e che rianimi io essi la loro buona
volont e benevolenza verso il padrone \i6).
c a p i t o l o x v m
D b l r u m b b o d e l l a f a m i g l i a b u s t i c a h a : coir
QUAffTE OPEBB SI PU COLTIVABB OGflI TEB
BERO : E QUAL BEGOLA K DA USABSI IH OG1TUHO.
Catone si era p r e f i s s o due scopi intorno il
n u m e r o della famiglia ; guardava cio all esten-
aione della tenuta, e al genere di*coltivazione,
cui era desliuala ; e propose il numero di peraone
per 1 oliveto e pel vigneto, quali formolo per
ogni altra specie di terreno (i). NeUuna prescri
ve il numero delle persoue, delle quali bisogna
fornire un oliveto di c c x l iugeri. Egli dice, che,
data questa estensione, si debbono aver xin schia
vi, cio uu castaido, una castalda, v operai, in bi
folchi, i asinaio, i porcaio, i pecoraio (a). I / altra
formola che prescrve, riguarda un vignaio di
499 M. TERENTII VARRONIS 5oo
bere e a m o o n f o d e r e diebus x l i , tamtlfi quaternis
operit lingula jugera poistt ; sed relinquere se
operat m i , valetudini, tempestati, ioertiae, indul
gentiae. Licio i at : Horum neuter talis dilucide
modulos reliquit nobi<. Quod Cato si voluit (ut
debuit) uti proportione, ad raajorem fundum ?el
minorem ndderemui vel demeremus, extra fami
liam debuit dieere vilicum et vilicam. Neqoe enim
ii m k i a t o c x l jugera oliveti 'colas, non possit
n i n u t uno vilieo habere : nec si bis tanto amplio
rem fundam, aat eo plut colas, ideo duo vilici,
aut tret habendi fuere. Operarii modo et bubulci
pro portiooe demeudi vel addendi, ad minores
majorette modot fundorum ; hi quoque ti timi Iit
ett ager ; n o ett ita dittimilit, d t totus arari non
ponit, ut ti it eonfragotut, alqae arduut clivis,
minus mulli opus t unt boves et bubulci. Mitto
iUud, quod modum, neque unum, nec modicum
proposuit c c x l jugerum. Modicut eoim centuria,
el ea cc jugerum, e quo qaum texla pars i i t ea x l ,
quae de c c x l demunlur, noo video quemadmo
dum ex ejut praecepto demam sextam partem :
et de xiii mancipiis nihilo magis si vilicum et
vilicam removero, quemadmodum ex xi Sextam
partem demam. Quod autem ait iu c jugeribus
vinearum opus esse xv maocipia, ti quit habebit
centuriaro, quae tit dimidium vioeti, dimidium
oliveti, sequetur, ut daos vilicot, et duas vilieat
habeat: quod ett deridieulum. Quars alia ratione
modus mancipiorum geoeratim est animadver
tendus, et magis in hoc Saserna probandus, qui
ait singula jugera quaternis operis uno operario
ad conficiendum talitetse. Sed ti hoc in Saieroae
fundo in Gallia talit fuit ; non continuo idem in
agro Ligustico moutauo.
Itaque de tamiliae magnitudine, et reliquo
instrumento commodissime scies, quantum pares,
si tria animadverteris diligenter. In vicinilate
praedia cujutmodi ftiut, et quanta, et quot quae
que hominibus eohtntur; et quot additis operit
aut demtis melius, aut deterius habeas cultum.
Bivium enim nobis ad culturam dedit natura,
experientiam, et imitationem. Antiquissimi agri
colae tentando pleraque oonstitueront, liberi e*
rum magnam partem imitando. Hot utnunqoe
cento ingeri, e dice che fanno mestieri xv s c h i a
vi (3) : un castaido, una castalda, 1 bifolco, i asi
naio, i pecoraio (4). Saseroa scrive che per v i t i
inger sufficiente mi uomo, e che dve lavorarl i
co ir x l t giorni, quantunque in quattro gi or na
te ti possa lavorare ogni iogero (5) ; ma egli di ce
che lascia da parte xm giornate pi casi di malat
tia, di cattiv tempo, di svogliatezza e di riposo.
Licinio : Nessun per altro di questi due autori ci
hanno lasciate formolo abbastanza chiare (6). Che
se Catone ha voluto (come deve averlo voluto) che
la formola foste iu proporzione della maggiore,
come pure della minor estensione del terreno,
debbonti donque accrescere e diminoir gli ope
rai. Inoltre non deve aver computato tra la fami
glia n il castaido, n la castalda (7). Imperciocch
te la devi coltivare un oliveto minor di c c x l in
geri, non potrai far di meno di nou avere almeno
uu castaido; n te tu coltiverai un podere due
o tre volle pi graude, devi perci avere due o
tre castaidi. Per lo pi gli operai e i bifolchi ti
debbono accretcere in proporzioue della gran
dezza del fondo (8). Parimente il numero di que
sti deve adattarti alla minore e alla maggiore
ettentione dei fondi, purch il terreno iia simile
per tutto ; ma te poi cosi dissimile, cbe non
posta ararti in tutte le tue parti, per easer pie
troso e interrotto da montagne, in allora si ri
cercano pi pochi buoi e bifolchi (9). Ci inter
pongo, perch proponendo c c l x ingeri per misura
comune, non si punlo servilo d1uoa misura
che avesse un nome noto, ed ha ecceduto i limiti
della pi graode pottettione (10) ; perch la pos
sessione la pi forte la centuria (11), e<f essa
di cc iugeri : ora te per formar questa ti levano
via x l iugeri, che tooo il tedicetimo della mitora
di c c x l , io oon veggo, fecondo it metodo di Ca
tone, in qual mauiera potrei levare la sesta parte
dai xm schiavi, conia nemmeno da xi, postoch
io levassi dal xm il cattaldo e la castalda. Quello
pai, eh egli dica riguardo ai c iugeri di vigne,
pei quali fanno mestieri xv tohiavi (ia), sa alcuno
avesse una centuria, di cui una met sia a vigne,
e l ' al t r a ad olivi, ne seguirebbe che dovrebbe
aver due castaidi o due castalde (i3) ; il che ana
ridicolosit.
Laonde in altra maniera bisogna determinare
in generale il numero degli schiavi 9 ed in ci
da lodarsi maggiormente Saserna, il qaal dice che
per lavorar on iogero sufficiente un solo opera
rio, il quale vi lavori dietro quattro giornate (i{).
Ma te ci aoeadde alla tenuta di Saserna situata
nella Gallia (15), non perci lo stesso succede nel
terreno naentuoso Ligustico (16). Sicch intorno
al numero della famiglia e ad ogn1altro i n s t i
mento saprai molto bene qoal mi cacto sia mestieri
facere debemus, et imitari alio, et aliter ot Cada
mi u experientia tentare qaaedam, sequentes ooa
altana, sed rationem aliquam: ut si altios repasti
naverimus, aut minus, qoam aliiv quod momenw
(um a rei hebeat; ut fecerunt ii, in sariende
ilerum, el tertio, et qui insitiones ficaloa ex
verno tempore in aeitjvaiB c o n t a k m n t
5oi
CAPUT XIX
Q d OT JUGA BOUM S1RGDL1S JUGEEIBUS SA TU SI0T ;
q o o d a r r a o M E a r u M a o e b s t b s e m i v o c a l i b u b -
COHTDB.
De reliqua parie instrumenti, quod semivo
cale appellatur, Saseroa ad jugera cc arvi, boum
j o g a duo satis esse scribit. Cito in olivetis c c x l
jogernm, bovts trioos : i u fit, ut Saerna dicat
verum, al ceolum jugera jugum opus esse, ai
Gaio, ad octogena. Sed ego ueutruni ho rum ad
omnem agrurn convenire palo, el ulrumque ad
aliquem, alia enim terra facilior aut difficilior
est alia. Ter r am boves proscindere oisi magnis
viribus non possunt, el uepe fracla bura relin
quunt vomeres ia arvo. Quo sequeudnm nobis
ia singulis fundis, dum sumus novicii, triplici
regula, superioris domini iustiluto, et vicinorum,
et experieutia quadam. Quod addit asiuos, qui
stercus vectent, treis, asinum molarium, in vinea
jugerum c jugum boam asinorum jugum, asi
num molariam : in h>c genere semivocalium,
adjicieodum de pecore, ea sola, qoae agri colendi
causa erunl, ut solent esse pecuaria, pauca ba-
benda, quo facilina mancipia, quae solent se (ae
ri, et assidua esse posiiot. In eo numero non
modo qui prata habenl, ut potias oves quam
sues habeant, curant, sed etiam qai prata non
habent, quia non solum pratorum causa habere
debent, sed etiam propter stercus*
'8 1
provvedere, se diligentemente farai attenzione a
tre cose (17) ; cio di qaal natura e di qual esten
sione sieno i poderi vicini ; e con quanti uomini
si coltivi ognuno di questi ; e quanti aggiungen
done, ovvero quanti togliendone, si reoda la col
tivazione migliore, o pi cattiva. Imperciocch
la natura ci ha mostrato il bivio da seguirsi nel-
l agricoltura, T esperienza e l imitazione. Gli
antichissimi agricoltori hnnno stabilito molte r e
gole collo sperimentar molle cose, e i loro figli
ne hanno stabilite una gran parte imitandoli. Noi
dobbiamo fere Funo e P altro ; e imitare gli altri,
e far qualche saggio da noi stessi, onde trovar
nuove cose. Non dobbiamo per altro camminare
a caso, ma esser guidati da una qualche ragio
ne (18): per esempio se tornando a pastinare pi
o meno (19) profondamente degli altri, quale uti
lit indi ne ridondi. In pari gaisa sperimentarono
quelli che sarchiarono e le due e le tre volle,
come pure fecero quelli che differirono gP innesti
dei fichi dalla primavera all* estate.
------
CAPITOLO XIX
Q o A S T l O l O f t l I DI BUOI s o n o SUFFICIENTI P I I O O l l
nJGEEO, OSSIA QUARTI STBUMEBTl CHIAMATI SE
MIVOCALI FA *HO MESTI E l i .
Riguardo agli altri strumenti, che si chiama
no semivocali, Saacrna scrive che per cc iugeri
di terreno sono sufficienti due gioghi di buoi.
Catooe dice ohe in na oliveto di c c z l iugeri
fanno mestieri Ire gioghi (1) di booi ; quindi ne
nasce che, se crediamo a Saserua (a), basta on
giogo per cento iugeri, e se a Catone, on giogo
mestieri per soli ottanta (3). Oda io peuso che n
l*una n l'altra formola di questi convenga a qual
sivoglia terreno (4), e che siauvene alcune, alle
quali convenga o 1 una o P altra ; imperciocch
vi sono alcune terre pi facili a coltivarsi, come
d'altronde ve ne sono altre pi difficili (5). Alcu
na voltai buoi non possono rompere ona terra,se
non con grandi sforzi, e sovente rompendosi gli
aratri, lasciano il vomere nella terra. Per la qital
con in tutti quei terreni che ancora non cono
sciamo, dobbiamo stare attaccati a tre regole,
cio alla pratica del precedente padrone, a quella
dei vicini, teular qoalcbe sperienza. Rispetto a
quello che Catone aggiunge, che nell oliveto bi
sogna aver tre asini che portino il letame, e un
asino per moliuo (6), e che uel vigneto di c iu
geri mestieri di un giogo di buoi, di un giogo
di asini e di un asino pel molino, parlaodo di
questi strumenti semivocali avrebbe dovuto
5oa
DE RE RUSTICA LIB. 1.
5o3 M. TERENTII VARRONIS
5o4
CAPUT XX
D * ELIGENDIS BUBUS, DB MODO PROBANDI BT
EDOMANDI NOVELLOS JUVENCOS.
Igitur de omnibus qaadrnpedibas prima est
probatio, qai idoDei sint boves, qui arandi causa
emaotur, qaos radis, neque rainoris trimos, nc
que roajoris quadrimos parandum ; ut viribus
magni siot, ac paret, ne in opere firmior imbecil
liorem cooficiat: amplis cornibus, et nigris potias
quam aliter : ut sint lata fronte, naribns simis,
lato pectore, crassis coxendicibus. Hos veterauos
ex campestribus locis non emendam in dura ac
montana : nec non, ita si incidit at sit, vitandum.
Novellos cam quis emerit juvencos, si eorum
colla in furcas deititutas incluserit, ao dederit
cibam, diebas paacis erunt mansueti, et ad do
mandum proni. Tam ita sabigeodum, ot minu-
tatim assuefaciant, et a t tironem cam veterano
adjangant; imitando enim facilias domatar. Et
primum in aequo loco, et sine aratro, tum eo
levi, et principio per arenam, aat molliorem
terram. Quos ad vectaras, item institaeodum, at
inania primam do eant plaustra, et si possis, per
vicum aut oppidum. Creber crepitas, ac varietas
rerum consueludine celerrima ad utilitatem ad
ducit. Ncque pertinaciter, queip feceris dexte
ram, in eo manendum. Quod si alternis fit sini
ster, fit laboranti in alterulra parte requies. Ubi
terra levit, at in Csmpaoia, ibi non bubus gra
vibus, sed vaccis aut asinis quod arant, eo faci
lius a d aratrum leve adduci possunt, a d molas, et
ad ea, si quae sunt, quae in fundo convehuntur.
In qaa re alii asellis, alii vaccis ac mulis utan-
t ar, exinde ut pabuli facultas est ; b a m facilias
asellus, quam Tacca alitar; sed fractaosior haec.
In eo agricolae hoc spectandam, quo fastigio sit
fundus ; in confragoso enim ac difficili haec va-
aggiungere che di bestiame non da m i D l e o e r s i ,
se non qoel solo che sar mestieri nella c o l t i v a
zione del terreno : come pure che gii schiavi a b
biano poco bestiame in loro propriet, Mc i oocb
questi non perdendo, com il solito, il t e m p o
intorno a quello che ad essi appartiene, p o s s a n o
essere pi assidui al lavoro (7). Per questo a p
punto non solamente quelli che hanno p r a t i
fanno in modo, che riguardo al bestiame, m a n
tengono piuttosto delle pecore, che de1p o r c i ;
ma cos pure fanno quelli, i quali non lo m a n
tengono, in grazia de' prati per motivo del l e
tame (8).
-----
CAPITOLO XX
D i l l a s c e l t a d e i b u o i , e d e l m o d o c o i c o i s i
ADDIMESTICANO E Si DOMANO 1 GIOVENCHI.
Tra tuti1i quadrupedi, sono i buoi cbe addi-
roandano la nostra prima attenzione. Quelli che
si comprano per arare sono a ci acconci, ae sono
nuovi pel lavoro, se hanno meno di tre aoni (1)
e se non oltrepassano i quattro, come pure se
sono robustissimi egualmente e di pari statura,
acciocch nel lavoro il pi forte non saperi il
debole; se hanno ampie corna, e piuttosto nere,
che altramente colorate ; se forniti di larga fron
te, di sari schiacciale, di largo petto e di grosse
cosce. Non bisogna comperar vecchi baoi assue
falli alla pianura, per quindi poi trasportarli iu
terreni duri e montuosi : n per altro, qaaodo
ci sia, da evitarsi il contrario (a). Se alcuno
avr compralo de* buoi novelli, in pochi giorni
li addimesticher, e facilmente li domer, se i
colli di questi staranno rinserrati tra la curvatura
di on legno fsso e stabile, e se in tale giacitura
dar loro il cibo (3). Indi poco a poco si dovran
no assuefare al giogo, e unire al giovane nn vec
chio bue, perch pi facilmente si doma quello
che vede l altrui esempio. E primieramente fallo
camminare soggiogato su d1un terreno piano e
senza aratro, poi attaccalo ad uno leggiero, e fa
che ari prima l' arena, o una lerra molto tene
ra (4). Quelli che destinerai alle vetture, gli am
maestrerai nel medesimo modo (5), cosicch pri
ma tirino carri vacui, e, se possibile, facciasi
che li menino per mezzo al borgo o alla citt :
lo strepito continuo e la variet degli oggetti fa
ranno s che prsstissimamente riescano utili (6).
N devi ostinarli a lasciar sempre alla destra quel
bne che da principio mettesti a questo lato ; che
se alternativamente il farai sinistro e destro, sar
DE HERUSTICA LIB. I,
5oG
lentiora piraod^m, t potias e, q u e plus fro*-
etam veddcre possint, caia idem opcris Cadant.
CAPUT XXI
Db c a v i b i ts , s u b q uibus u t i q u b v i l l a v a i u i
TUTA UT.
Canes potio* cora dignitate, et aqr^spaucos
b a b e n d o m , qoam molto* ; qaos consuefacias
potius ndcta vigilare, a t . interdia clausos dor
mire. De indomitis qoadrupedrbas, ac pecore
( facinndom ). i prata sant in* f ondo, neqoe
pecas habet ; danda opf ra ut pabulo vendil o,
alienam pecas in suo fondo pascal ac stabolet.
.CAPUT x x n
Qt A LI TB UinvBBSUS mSTBUHBlTTbBUV' FUHDI
APVABATUS IjrtTITATUB.
De reli qao instrnmento moto, in quo sant
corbulae, et dolia t i alia^.haeo praecipienda.
Qaae nasci in f a n d Q , ac fieri a domesticis pojne-
runt, eorum ne quid ematur, a l fere sant, qaae
vx viminibos et materia rustica fiunt, ni odrbes,
fisci pae, tribola, mallei, rastelli. Sic qu*e fiant
de cannabi, lino, jonco, palma, scirpo, o t fanet,
vtstes, tegetes. Qoae e fondo stimi non [>oternt,
a si empta er ant p o t i o i s d atilitatem, qoam ob
speciam, s a p p i a fractam non extenuabunt ; eo ]
M. T b b b b z i o Va b b o v b
aleno poco allegger lo neU' dno dei lati. Ove la
lenra leggiera, come nella Campania (7 ), ivi per
arare non faono mestieri booi frti (8), ma vac
che od asini (9); e qtfetti e quelle pi facilmente
si assoceranno a*tirar l ' aratro leggiero, a girar
la macina, come pat a trasportar nel fondo tolto
quello che vi occorre. Pel quale oggetto alcuni si
.servoqo di asinelli, e altri di vacche e di muli,
secondo la quantit de* pasooli cbe posseggo
no (10); perciocch si notrisce pi facilmente ao
afioello, cb una vacca ; ma questa rende di pi!
l o torno alla scelta di qoesti animali l agricoltore
dete fare attenzione alla nalara della superficie
del terreno, perch in quello, eh* montaoso e
difficile a lavorarsi, non occorre che questi ani
mali sieno da' pi robusti (11), e piottosto si deb-
bono provvedere quelli che possono rendermag*
gior/frutto, quando siano al caso di farcii mede
simo lavoro.
----- -----
CAPITOLO XXI
D b 1 c a v i , s ur zA d b q u a l i l a c a s a v i l l b b b c c i a
POCO I I SIUBO.
Torna conto mantener pochi cani, ma di va
lore c bruschi,, che averne molti : i qoali gli
assuefarai a vegliar*piuttsto la notte e a dormire
serrati tra il giorno (1). Intorno agli altri qua
drupedi, che non si addimesticano, come pure
rigoardo i bestiame ammaestrato e ai cani, de-
vesi far quello che ho detto (a). Se (3) il proprie
tario ha nella stia tenuta de prati, e se non ha
bestiame, deve procurar, di vendere i pascoli, e
che l alimi bestiame entri a pascolare nella soa
tepata, e che alia nelle sfalle della medesima.
----- ------
CAPITOLO x x n
COMB SI PBBPABANO TUTTI GLI STBUMBBTI
HBCBSSABU ALLA TENUTA.
Ioiorto agli strumenti muti, nel numero dei
quali vi sono le picciole corbe, le botti e le altre
cose, ci da prescriversi t ' che non bisogna
comprar niente di tutto quello che potr nascer
nel fondo e farsi dai domestici, come a un
dipresso quanto si fa coi vimini e col legno che
nasce nella tenuta: di questa fatta cono le corbe,
i panieri, le trebbie, i martelli e i aastrelli : pari
mente quanto si fa colla canapa, col lino * col
giunco, olla palma e collo sparlo (1) : tali sono
9
M. TERliNTU VARRONIS 5o8
rnagtf, ti iude empia erant poliuirnum, ubi ea et
bona, et proxime, et vilittimo mi poterant.
Cdjut in trameni, varia discrimina ac mollitudo
agri magnitudine finitur, qaod plora oput suat,
ti finet distant late. Itaque, Slolb inquit, propo
sita magnitudine fandi, de eo genere Cato acri-
bi t : Oliveti jugera c c x l qai coleret, eum intt rae-
r e ita oportere, a t faoeret Tata olearia juga t ,
qoae roembratim enomerat ; a t ex aere aheoea,
urceos, nassiternam, item alia; t i c * ligno et
ferro, a t plostra majora tria, aratra cam TOtoeri-.
b a t sex, cratet ttercorariaa qaatuor, item alia ;
aio de ferramentis qaae sint, et quet opat ad
roultiludiuem, ut ferreat octo, aaroala totidem,
dimidio minat palat, item alia. Item alteram
formulam Instrumenti fundi Tinarii fecit, ia que
scribit : Si ait centom jugerum, habere oportere
Tata torcularia instructa trina, dolia cuin oper
culis calleoram octingentorum , ocioaria xx ,
frumentaria xx; item ejusmodi alia: quae minut
molis quidem alii, ted tantam nuraeram culleo
rum scripsisse puto, ne cogeretur quotannis ven
dere vinum. Vetera eoim qutm noTa, et adem
alio tempore, quam alio pluris. Item sic de ferra
mentorum Varietate scribit permalfa, et genere,
et mollitudine qua sibi^ u t falces, palas, rastros.
Sic alit, quorum nonnulla genera species halient
plures, at falces; nam dicantur ab eodem scri
ptore vineaticae opus esse sex, tirpicalae T, silva
ticae t , arborariae in, et rntlariae x. Bic haec.
At Scrofa: Intlramentam, et sapellectilem rtti-
cam omnem oportet habere scriptam in urbe et
rare domiaam ; vilicum cntri e i rori omnia
certo tuo quaeque loco ad villam ( debent esse)
posita. Qoae non potsnt ette sub clavi, qaam
marfime facere, at sint in conspectu, oportet ;*eo
magis ea, qaae in rariore sunt uau, ut qaibos ia
Tindemia aluntnr, a t corbulae, et tic a l i a ; quae
enim res qaotidie vi dentur, minat metuunt
forem.
le corde, i canapi, 1 stuoia (a). R i g u a r d o m
quell* eoae, ' le quali non si potranno t r a r r e d a l
fondo, te nel comprarle ti avr pi occhio alla
utiliU, che alla bellezza, la apeta non d i m i n u i r
mollo II profitto del. fondo; e molto pi te si s a r a n
no comprate particolarmente dove e ti p o t r a n n o
comprare b a o n e , in vicintoxa, e a viliaamo
pretao. La grandezze del podere determina le
varie specie la quantit di questi strumenti, d
quali ne occorrono ittolti in ana tenuta che sia
molto Tasta. Per questo appunto, dice Stolone,
ch Catone (3) comincia dtl determinar la gran*
dezza -del fondo, dicendo che chi coltTa on
oliveto di c c x l iugeri, bisogna che in tal modo
lo fornitea, onde, faccia che >i sieno (4) v specie
di utensili per F olio, che parte a parte anno
vera, come pure (parlando di quelli di rame) (5)
delle caldaie, degli orci, un vaso a tre manichi,
ed altri utensili di rame : parimenti ne dorr
avere di lgno e di ferro, confe tre grandi carri,
sei aratri ei loro vomeri, quattro craticci da
telarne, ed altri attrezzi pure di legno e di ferro:
del pari ne dotr avere di ferro, i quali tieno
' tinti, qoanti taranno i lavoratori (6), de otto
forche (7), altrettanti tarchi, quattro badili alake*
no, ed altri attrezzi di Ul fatta. D ancor# un1al*
tra formoli.(8) per fornir di tiramenti ira terre
no piantato a rigne, dicendo, Che te di cento
inger, bisogna aver tre torchi (9) con tutte le
loro pertinenze, delle botti col loro covtrchio,
le quali oon tengano ottocento colei (10), xx botti
per riporvi gli acini, ed altrettante per mettervi
la biada, come pure altri utensili di simil genere.
Questi stramenti soao, per vero dire, pi pochi
negli altri autori ; ma pento che Catone abbia
sqriilo un s gr t n numero di clei, affinch non
si fosse qella necessit di vendere il vino tulli gli
anoi percioccl^ i vini vecchi ti vendono a pi
cato prezzo, che i nuovi, e parimente ti vendono
a pi prezzo in unt stagione,- che in un* altra.
Scrive pure iutorno gli tiramenti di ferro, dei
quali nc descrive le differenti specie e ne deter
mina il numero, quali ton le falci, i badili -e i
rastrelli. Vi sono alcuni di - quatti attrezzi, i
quali si tuddividopo i n . m o l t e 1 paci* : tali tono
le falci (11); imperciocch da quetlo scrittore t i
dice che. ftnno .mestieri x l ( i a) ronche da- tagliar
viti,- v per tagliare i legami della Trte, v per
tagliar la legna del bojco, i u coltellacci per
raondtr gli alberi, e x falci d a tagliare i rovi ( i 3).
Ci ditte Catone* Mt Scrofa soggiunge : Bisogna
che il proprietario abbia u t a nota dittinla e in
citt e in villa di ogni strumento e di ogni mo
bile ruslioano : per contrario il caalddo deve
nella casa villereccia disporli tatti con ordine ai
loro adattati luoghi (14). Quelli cbe non pottono
DE RE RUSTICA LIB. 1.
5i o
serrarsi sotto chiave, bisogna procurar sopra!*
t utt od fare in modo che sieno sotto gli occhi (i5),
e molto pi quelli <;he si adoperano rare f o l t e ,
come iono gli utensili ohe si adoperano nella
vendemmia y per esempio le piccole corbe ed
altri di tal fatta ; perch quelle cose che si t eg-
g?no ogni giorno, meno corrono rischio di essere
rubate.
c a p u t x x r a
Q u a * * r 900 QurDqui l o c o ma x ime i t i u i
OFOATKAT.
Sascipit A gradui : Et qoonijutt habemus illa
duo prima* ex di visione qdadriparlita, de fondo,
et de inslrumeoto, quo coli solct ; de lerlia par-
le expecto. Srofa : Quoniam fructum, inquit,
arbitror esse fundi eum, qoi ex eo satos nasci-
i u r utilis ad aliqoam reiq ; duo consideranda^
qpae^-el quo qnidqne loco mrxime expediat se
rere. Alia enim looa apposita sont d foenom,
alia ad frameotum, alia ad vhram, aUa ad oleum.
Sic .ad pabdlom qnae perfluent, in qu*est oci
mum, Carrago, vicia, mediefl, cytisum, lapimus. '
Ne qut in pingui terra omnia secpntur rect^
neque i n macra toihil. Recti as enitp in tenaiore
terra ea, qaae non multo indigeat saco, at eytl-
sam et legamioa, praeter cicer : hoc enim quo
que legumen,*at caetera, quae velluntur e terra,
nOn subsecantor t quae quod ita leguntur, le
gumina dicta. Io pingui rectius, quae cibi sunt
maioris, ot holos, trHieom, siligo, linam. Quae
dam etiem serenda non'tam propter praesentem
fructum, qaam ln annom prospidentem, quod
Ibi. sabsecta atqe relicta terram faciunt melio
rem. Itaque lupinum cum necdum siliculam cepit,
et noonunqnam fabalia, si ad siliquas non ita per-
teoiti at fiabam legere expediat, st ager macrior
est, pr o steroore toara^e olrt. Nec minus ea
discriminanda fio conserando, quae sunt fructuo
sa, propter totaptatem, ot quae pomaria ac (Io-
ralla a p p e l l a n t o r . Item illa quae j d botainum t i
f osa ae sensam, delectalionemque non perli
t ant, neque ab agri atiKtate itfnt dijuncta,
c a p i t o l o x x m
Q o a u p i a j t o , 3 m q u i i , l u o g o s p b c u l h b v t i
MSOGS A UMIIAU 00*1 IAHTA.
Agrario.imprende a parlare: E poich hai
finito di trattar delle dae parli della quadripar
tita ditisione ( 0 , cio del fondo e degli st ra
menti, eo' quali si coltiva, sto attendendo la trat-
taxione della terta. Siccome io penso, dice Scro
fa, che quello si debba dir frutto del fondo, il
qaale t i nasce in conseguenza di esservi semi
nato o piantato, e che a qualche cosa pa es
serci alile ; cosi su questo articolo sono da con
siderarsi due cote,, cio quali generi, e in qaal
luogo ognuno di questr contenga specialmente'
seminare o piantare; impercioedi alcuni luo
ghi sono adattati al fieno, altri alla biada, altri
al* vino, e altft all olio : lo stesso di tolto quel
lo die appartiene al pascolo, come Vofzlmo, la
farragine, la teecia, la cedrangola, U citiso, il l a-
pino m va bene seminare indistintamente quest!
foraggi nella pingue terra, come nemmeno noo
seminar niente nella magra; imperocch se si
fa bene a seminar nella debole terra (a) quelle
sementi che non abbisognano di molto succo,
come sono il citis e tatt* i legumi, tranne il
cece (3), essendoch anche questo legume, corno
tutti gli altri che si diradicano e non si tagliano,.
sono detti legumi, perch appunto Cos si raccol
gono (4) ; d' altronde si fa ottimamente a se
minar nella pingoe terra quelle semenze che ab- *
bisognano di molto nodrimento (5), come gli or
taggi, il frumento, la. siligine, il lino. Si deb
bono ''ancora seminare alcune piante, non tanto
per trarne fratto in quell* aano, quanto ancora
per provveder meglio alla terra nel tegnente
anno, perch tagliandole a pelo di terra, ed ivi
lasciandotele, la rendono migliore. Per la qual
cosa, se la terra magra, sogliono sotterrare,
arando, il letame misto al lupino, quando non
ancora (6) comparso il baccelletto, e alle tolte
ancora t i uniscono i fusti dalle fate, purch le
silique non sieno comparse, e quando non torni
pi conto raccoglier la fava medesima. N ai-
515 M. TEHENT1I VARRONIS 5 i C
CAPUT XXV
VlBEA QUO4GJ10 SBBURDASIT.
Vinea, quo Io agro seronda sit, sic observao~
dnm. Qai locas optimos vino sit, et ostentat soli, '
Amioaeam minascalum, et geminam egeneom,
helveolum minasculam seri oportere \ qai locat
crassior sit, siit nebulosas, ibi Aminaeunl mejas,
aat Murgentinum, Apicium, Lacsnum teri;. eae*-
terat viles, et de his miscellas maxime, in omne
genus sgri convenite.
CAPUT XXVI
Quo n LOGOBIDJCABIVVIBIA FISI DBBBABT,
BT At QUABPABTIM.
Id omni tinea diligenter observant, ot ridica
iti ab septentrione versas legitor ; et si cupres
sos vivas pro ridicis ioterunt, ' alternos ordinet
imponant : neque eas crescere fcltius, qaam'ridi
cas patiaotar, neqne propter ess adierunt vites,
qaod ialer se haec inimica. Agriar Fundanio: Ve
reor, iiiquil, ne ante aedi.timus veniat huo, qaam
hic. ad qaartum actum ; vindemiam enim exp-
cto. Bono Anim es, inqitit Scfofs, ac fiscinam
erpedi, et a r n a n .
c a p u t xxvn
Qu o t d iv i d a t u mbbs ibu s b t t e mf o b ib u s a w t j s ,
BT IB QUIBUS QUID SEBI OPOBTIAT,.. ACCOLLIGI
DB AGIO SOCIATA.
Et quoniam tempora duorum genertkn sunt
anum tonale, qaod sol circuitu sao finit : alie*
rum menstraum, qaod luaa circomieos compre*
htndit : prius dicam de sole. Ejos cursus annalis
primum fere circiter ternis mentibus ad fractus
est divisus in jv partes, et idem subtilius sesqui
mensibus in yiii. In qustuor, qood dividitur in
e r , et aestatem, et automnum, et hiemem. Vere
sationes quaedam fiuut, terram radem proscin
dere oportet, quae sont ex ea enata, prlasqaam
ex iis quid seminis cadat, at sint exradicata ; et
CAPITOLOxxv
T* QUAL TMBIBO ^ DA PIAKTBBSI LA t I G WJL*
Ci i da osservarti nel terreno, nel q u a l e ai
pianter la vigna. In quel luogo che sar o t t i m o
pl vino che sar esposto al sole, b i i o g n e r
piartarvi (i) la picciola Animine, ambedue Io
eugenie, le piccole elveotc-j e in quel laogo 'h*
pi'grasso^ pi nebbiosi, vi J i pianta 1*A r a m i -
neo maggire^ il Myrgentjno, 1 Apicio, jo il L a -
cano. Le altre viti; e particolacmente quelle c h e -
prodooooo neri grappoli, si adattino a qaal si vo
glia terreno (a).
CAPITOLO XXVI
iB 'QUAL LDOOO DBLLA VIGNASONODA PlJfcWABlr
LB PALABCHB, BDIrf QUA&PASTI.
.Scrupolosamente si osserva in ogni vigoeto,
cbe la vite sia coperta dalla palanca dalli parte
di settentrione ; e se in luogo*di palanche alcuni
piantane cipressi vivi, q u a l i li piantano alterna
tivamente tra gli ordini (i), n permettono che
crescano pi alti delle palanche, n in vicinam*
delle vili vi mettono cavoli, perch quetfe du
piante son antipatiche (a). Agrio dice a Funda
nio : Temo che qui se ne ritorni il sagrestano' pri
ma ohe non sia terminato il quarto alto, sospi
rando io moltissimo la vendemmia (3): Fatti co
raggio, dice Scrofa, e prepara i panierie le broc
c e (4).
CAPITOLO XXVII
In QUABTI VBSI B TBMPI SI DIVIDA L*AB*, B IH
QUALI TBMPI COHVBBOA SBMlrfAB QUELLI TALI
SBMBBTI, B BACCOGLIBBB I SEMINATI.
E poich il tempo d i dae maniere, ano an
nuo, nel quale il sole termina il suo corso, d ' a l
tro mestruo che comprende il gir della Iona,
perci dir prima del sole ; il coi -corso an
nuo (i), considerato rispettivamente ai fratti
della terra, si divide prima in iv parti, ognuna
delle quali a un dipresso di tre mesi : si pu
ancora dividerlo pi minatamente in vm parli
di uo mese e mezzo. La prima divisione in quat
tro parti abbraccia la primavera, l estate, 1' au
tunno e l ' inverno. In primavera bisogna arar la
DE RE RUSTICA LIB. I. 5f8
siimi) glaebis ab sole percalefactis aptiores faoere
ad accipiendum imbrem^ et ad opos faciliores,
relaxatas; neqne eam minos bis arando*, ter
melius. Aestate fieri messes oportere. Autumno
siccis tempestatibus vindemias, ae silvas excoli
commodissime : tane praecidi arbores oportere
secundam terram. Radices autem prioribas im
bribus at eflbdiaotur, ae quid ex bis nasci poa-
sit.' Hieme potari arbores damtaxat bis tempo
ribus, com gelo cortices et imbribus careant et
glacie.
CAPUT XXVIII
Q c o t d i b s h a b e a t q u a e l i b e t q u a b t a f a e s a v x i ,
ET IV QUIBUS COXL1 SIGEIS IETEEET.
Dies primas est veris in Aquario, aestatis ia
Tauro, aatomoi i n Leone, biemis in Scorpiooe.
Cum anioscujosqoe horum qoatuor signorum
dies tertios et vicesimas, quatuor temporali sit
primus ; efficitor a t ver dies babeat xci, aestas
xeiv, automnos.xci, hyems xxcix. Qaae redacta
ad dies civiles nostros, qui nunc sunt primi Verni
temporis ex a. d. t u Jd. Feb. aestivi ex a. d. iv
Idjb. Afaji : autumnales ex a. d. vul dib. Sext. hi
berni ex a, d. iv ld. Novemb.
Subtilius discretis temporibus obeervanda
quaedam sont, ea qoae in partes t u i dividuntur.
Primum a favonio ad aeqoinoelion vernam
dies x l ; hi ac a d Vergiliarum exortam dies x u v ;
ab boe ad solstltiom dies x l t i u ; inde ad Cani
culae sigoom dies xxix ; deit ad aeqomocliom
autumoale dies l x v h *, exin ad Vergiliarum occa
sum dies xxxii ; ab hoc ab bromam dies l v i i ;
inde ad Javoiyam dies x l t .
terra dora (a), non tanto perch si sradichino
latte le produzioni spontanee nate dalla terra*
prima che lascino cadere i loro semi, quanto
perch le zolle che nell istesso tempo s innalza
no dall1aratro siano al caso di essere riscaldate
dal sole, e pi disposte a ricever la pioggia, e
quindi essendo ammollite, pi facilmente fanno
il loro uffizio (3). N bisogna arar la terra meno
di due volte: sar meglio per ararla tre vol
te (4). Nell estate bisogoa far le raccolte ; nel
l' autunno bisogna vendemmiare nelle giornate
secche, e coltivare i boschi : opportunamente in
allora bisogna tagliar gli alberi appresso la ter
ra (5). Bisogoa poi fin dalle prime piogge strap
par le radici, acciocch non germoglino. Nel-
T inverno mestieri potar gli alberi, ma sola
mente j n qua tempi, nei qaali le cortecce non
saranno coperte di brine, di pioggia, o di
ghiaccio.
--C*--
c a p i t o l o x x v r a
Q o a h t i Gjoam a b b i a o g n i q u a b t a p a s t e b e l -
l ' ABHO, E m QUAtl SEGEI CELESTI COMIBCI
OGNUBA.
L i primavera principia qaando il sole in
Acqaario, 1 estate qaando in Toro, l autunno
quando in Lione, e V inverno quando nello
Seorpione. Siccome il primo giorno di qaeste
quattro stagioni non principia se non qoaodo
sooo passati ventitr giorni, dacch il sole en
trato in ognooo de mentovali segni, quindi ne
egue che k primavera ha xci giorni, l estate,
xciv, l autunno xci, e l inverno lxxxix (i). I
quali giorni se ai riferiscono ai nostri civili, quali
sono presentemente (a), il primo giorno di pri
mavera corrisponder all ottavo giorno avanti
gl1Idi di Febbraio (3), il primo giorno di estate
al quinto avanti gl idi di Maggio, il primo gior
no di autunno (4) allottavo avanti gl Idi di Ago
sto (5), e il primo dell inverno al quinto avanti
gl Idi di Novembre.
Se pi minutamente si divide l anno, cio in
otto parti, questa distribuzione porta seco alcu
ne osservazioni (6). La prima comprende x l
giorni, e principia dal tramontar del sole in quel
punto in coi spira il vento- favonio (7) sino all e-
quinozio di primavera: la seconda abbraccia
x l iv , e principia dall equinzio di primavera
sino al levar delle pleiadi : la terza ha x l v u i, ed
tra il le*ar delle pleiadi e il solstizio-: la qnarta
di xxix giorni, ed ha principio dal solstizio si
no al levar della canicola: la quinta di Lxvit
M. TERENTII VRRONS 6ao
CAPUT XXIX
Q u i d i i t u f a v o b i u m e t a r q i o c t i u m f i e u
OPOATEAT.
In primo intervallo, inler favooiom et ae-
qoiooctiom T e r n u m , haec f i e r i oportet. Semi
naria omne geuas ut serantor, putari io primis,
circom vites ablaqueari, radices, quae in summa
terra sont, praecidi, prata purgari, salicta seri,
segetes saliri. Seges dicitur, quod aratam satum
est: arvum quod aratum, nec dum salum est.
Novalis, obi satum fuit ante, quam secunda ara
tione renovelur. Rursum terram cum primum
a r a n t , proscindere appellant; cum iterum, of
fringere dicunt; quod prima aratione glaebae
grandes solent excitari ( cum iterator, offringere
vocant ) ; tertio cum arant jacto semine ( boves ),
lirare dicuntur : id est, cum tabellis additis ad
vomerem simul, et satum frumentum operiunt
io porcis, et soleant fossas, quo pluvia aqua de
labatur : nonnulli postea, qui segetes 'non tam
latas habent ( ut in Apulia ) id genas praedii per
saritores occare solent, si quae in porcis relictae
grandiores -sout glaebae. Qua aratrum vomere
laconam striam facit, solcus vocatur. Qaod st
ioter duos sulcos, elata terra, dicilur porca, qood
e t seges frumentum porricit. Sic quoqac exta
deis com dabant, porricere dicebant.
-----
giorni, e priocipia dal levar della canicola sino
alP equinozio aataonale : la sesta contiene x x i u
giorni, ed tra questo e il tramoptar delle ple
iadi : la settima ha l y i x giorni, e4 tra il tra
montar di qoeste e il solstizio d inverno : e Pol
lava comprende giorni x l v , e co mi nei a da que
sto, e termina qaando il sole tramonta al luogo
da coi spira il vento favonio (8),
CAPITOLO XXIX
Q u a l i c o s e s o n o d a f a i s i t e a i l t e m p o , i v c u i i l
SOLE TRAMONTA, DOVE SOFFIA IL FAVONIO,
L* EQUI80X10 DI PftULAVKBA.
Queste cose sono da farsi nel primo inter
vallo, in coi il sole tramonta, ove spira il fa
vonio, sino all equinozio di primavera. Biso
gna seminar de' vivai di ogni genere, potar nei
luoghi temperati (i), scalzare attorno le viti, ta
gliare alle medesime quelle radici che sooo sopra
la terr, nltare i prati, piantare i salceti, sar
chiar le terre arale che in latino si chiamano
segetes. Si dice seget quella terra che arata,
ma oon ancora seminata (a). Si chiama novale
quel terreno che si seminato senza aver avolo
bisogno di una seconda aratura. Inoltre chiamano
tagliar la terra, quando arano l prima volta, e
dicono romper le grandi zolle la seconda ara
tura,* perch la prima d* ordinario non fa che
alzarle (3). Quando si ara la terza, volta dopo
avere sparsa la semenza, si dice formare i sol
chi (4). Questa l ena operazione si fa quando at
taccano col vomere delle tavole, e quando nello
stesso tempo che coprono nelle porche il gramo
seminalo, scavano anehe i solchi, ove possa colar
P acqua piovana. Alcuni poi, che non hanno ter
reni mollo estesi (come i coltivatori della Puglia),
sogliono far erpicare siffatti terreni da quelli che
sarchiano, pstoch nelle porche sieno rimaste
delle zlle troppo grandi. Sr chiama solco quella
scanalatura diritta, e per totto uguale che for
ma il vomere dell* aratro (5); porca poi si dice
la terra ebe trovaci inalzata tra dae solchi, per
ch appuoto questa porzione di terra alta (6)
quella che in latino si direbbe porricit, o getta i a
allo il grano : cos pare dicevaao porricere%
quando sagrificavano agli dei le interiora delle
vi tt i me^).
5ai
DE RE RUSTICA LIB. I.
CAPUT XXX
Q o a b i r r u a e q u in o c t iu m v b b n u k b t Ve e o i l i a -
1 D1 BXOETUMFXBBI DEBBANT.
Secondo iotervallo iotcr vernam aeqnino-
e l i o n i , e l Tergiliiniffl exortam hiee fieri. Sege
tes r a o c a r i ( herbam segelibas ex porga ri ), bb-
ve* t e r r a m proscindere, salicem caedi, prala de-
f endi ; qoae soperiore tempore fieri oportoerit,
e t n o n i oni abtoloU, ante quam gemmas agaot
ac florescere incipiant, fieri : qaod ai, quae folia
a m i t t e r e solent, ante frondere inceperint, sta ti m
ad t er endam idoneae non sont. Oleam aeri, in-
t e r p o U n q o e oporlet.
----- -----
CAPUT XXXI
Q u a * u t t e b V b i g i l i a bu m b x o b t u w a d s o l s t i-
Tira FIBBT OFOBTBAT.
Ter l i o intervallo, Soler Vergiliarum exortom
e l solatili oro, haec fieri debeat. Vioess novellas
f o d e r e, aot arare, et poslea occare, id est coro-
voiooere, ne ait glaeba; qood ila ocddoot, occare
di ca nt . Vites pampinari, sed a seienle; nam id,
qaam potare majas, neqee io arbusto, sed io
viuea fieri. Pampioare est ex sarmento cole*, qai
nati j n n t , de iis, qai plurimam valeot, primum
ac secundam, nonnooquam eliam tertioro, relin
quere, reliqoos decerpere, ne relictis colibas
tarroenlum neqoeat ministrare succom. Ideo io
vitiario priroitos com exit vilis, tota resecari
aolet, u t firmiore sarmento e terra exeat, atqoe
io parieodis colibus vires habept majores. Ejun-
adora eoim aarmeotam propter infirmitatem
iterile, oeqoe ex se potest ejicere vilem ; qoam
vocaol mioorem flagellom, majorem eliam, no de
uvae nascuntor, palmam ; prior litera una mo
lata declinata a venti flato, simili ler flabellum ac
flagellum ; posterior, qoo ea vilis immitlilor ad
u t ** periendas, dicta primo ?idetor a parieodo
parilema : exio molatis literis, a t io mallis, dici
coepta palma. Ex altera parte cajprea dieta, qnod
parit capreolam ; is est colicalas viteos intortus,
ot cincinnos ; is eoim viles, ot teoeat, serpit ad
locato capiundam ; ex quo a capiendo capreolus
dictos.
M. Tebbit zio Ya e e o b e
CAPITOLO XXX
Q u a l i c o s b s i d e b b o n o f a b e t e a l ' e q u i n o z i o d i
FB1MAVEEA, B IL LEVAB DELLE PLEIADI.
Convien far le segatoli cose nel secondo in
tervallo, cio tra l1equinozio di primavera e il
levar delle Pleiadi. Bisogna nettar le terre (i),
tagliar la terra co1 buoi (a), tagliare il salceto,
proibir cbe entri l acqua nei prali (3), far qoello
che conveniva farsi nei tempi precedenti, e che
doveva essere terminato negli alberi, avanti che
compariscano le gemme e i fiori. Che se alcooi
alberi, i quali sogliono gettar le foglie, haooo
cominciato a frondeggiare, io allora non occorre
piantarli (4)- Bisogna pisolare e diramar 1' olivo.
CAPITOLO XXXI
Q g a l i c o s b b i s o g n a f a b b t e a i l l e v a * d e l l e
P l e i a d i e i l s o l s t i t i o .
Le seguenti cose sono da farsi nel terzo inter
vallo, cio tra il levar delle Pleiadi e il solstizio.
Bisogna zappare attorno le vigne novelle, ovvero
arare, e poi erpicare (i) cio ammazzare la terra,
onde non vi resti alcooa zolla. Quelli che in tal
modo distraggono le zolle, fanno quello che in
Ialino dicesi (a) occare, dalla parola occidere.
Bisogoa spampanare le vili ; il che deve farsi da
ooa persona istrutta, imperciocch qoest1ope
razione imporla pi cha il potare (3): e ci non
da farsi in una vigna maritata all'albero, ma in
quella eh1 isolala. Si spampana quando al sar
mento non si lasciano che due e alle volte aoche
tre pampaoi dei pi robusti, strappando gli altri,
acciocch, restando tulli, non sia pi in caso il
sarmento di somministrsre ad essi il nodrimento
necessario. Perci oel vigneto novello, quando la
vigna comincia ad alzarsi, suolsi tagliarla intera
mente, onde esca della terra fornita di uu robu
sto sarmento (4), il quale anche avr maggiori
forze in produrre de' robusti pampaoi ; imper
ciocch il sarmento sonile, quanto il giunco (5),
sterile per esser troppo debole: o po la vite,
che chiamaoo minore, produr luoghe e forti
verghe, dette in latinoflagella; quando chiamano
in latino palmae, o capi della vile quelli, dai
quali nascono anche i grappoli (6).l primi trag
gono il loro nome dal soffio del vanto, che in
Ialino si dioe flatus ; e ci in grazia del pangia-
mento di una lettera, onde si abbiano i sioonimi
flabellum e flagellum. 1 secoodi sembrano essere
io
AI. TERENTII VARRONIS 5 2 *
Omne pabulum, primum ocimum, farraginem,
viciam, novissime foenum secari; ocioom dictum
a Greco verbo tixiw, qood valet cilo. Similiter
quo ocimom in horto. Hoc amplios dictom oci
num, qood citat alvum bubas, et ideo iis datur
ut purgentur; id ex fabuli segete viride sectum
ante quam genat siliqoas. Cootra ex segete, ubi
sata admixta ordeum et vicia, et legumioa pa
buli caosa tiridia, quod (far) ferro caesa, farrago
dicta, aol nisi quod primum in farracia segete
seri coeptum. Ea eqoi et jomeota caetera verno
1empore purgantur ac aagioaotur. Vicia dicta a
vinciendo, qood item capreolos habet ot vitis,
quibus cum sursum vorsom serpit ad scapum
lupioi, alinrave quem, ut haereat, id solet vin
cire. Si prata irrigua habebis, simolac foenum
austoleris, irrigare. Iu poma, qoae insita erunt,
siccitatibus aquam addi quotidie; a quo, quod
indigent potu, poma dicta esse possunt.
alati chiamati prima parilcma dalla parola pro
durre, o parere in latino, perch sono dest inal i
a produr le ove (7); dappoi cangiatesi aleone
lettere, come si fa io molte etimologie, ai tono io
progresso detti capi di vite, o in latipo palmat.
La vite produce inoltre dei viticci, i qoali sono
piccolissimi aarmeoti di vite attortigliali, com' il
riccio ; questi di fatti, onde la vite col loro mezxo
ai attacchi ove serpeggia, s* iooalzano dalla me
desima, e si attorligliaoo, e abbracciano i rami
degli alberi ; e perci sono detti viticci, e in Iali
no capreoli dal preodere che faono, ossia dalla
parola Ialina capere (8).
Bisogoa tagliare ogni sorta di pascolo ; e pri
ma r ozzimo, poi la farragine, iodi la Yeccta, ed
ultimamente il fieno. E detto oziimo dalla pa
rola greca vxivfy perch vieoe presto (9). Simil-
meote si chiama ozzimo il basilico dei giardioi
per la medesima ragione (10). Si detto inoltre
ocinum, perch ai buoi sollecita gli scarichi di
ventre; e perci si d a questi per purgarli (11).
Questo ozzimo, che si trae da un terreno il
quale produce favuli, si taglia verde, avanti che
generi i baccelli (ia). Per contrario le mescolan
ze d* orzo, di veccia e di legami seminati insie
me nel medesimo terreno, onde servano di forag
gio (perch qoesti miscugli si tagliano verdi eoi
ferro), sono delti ferrana, e farrago io latino,
quando bene qoeste mescolaoze non ai dicano
cos, perch prima si seminavano in oa*terreno
destinato a prodar aoltaoto ferrana ( i 3). Con
questa si purgano e s*ingrassano in tempo di
primavera i cavalli e gli altri giomenli. La veccia,
detta in latino oicia, cos chiamata dalTavvio-
cigliarsi, ossia dalla parola latioa vincire, perch
essa ha dei viticci, come la vite, per mezxo dei
quali ascende in alto, e ai attortiglia attorno il
gambo del lupino (i4) o ad un' altra pianta, eoi,
acciocch vi si attacchi, suole attorcigliarla. Se
avrai prati che si possano adacqaare, non mancar
di irrigarli, sabito che ne avrai levato il fieno.
Bisogner ogni giorno verso la aera inacquare
in tempo di secchezza quegli alberi che produr
ranno fruita, e cha si saraooo innestati ( i 5), i
quali possono essere alati chiamati in latino, po
ma, perch hanno bisogao di bcYtnda che io
Ialino dicesi potus (16).
5a5 DE RE RUSX1CA MB. I. 520
Q u i d i n t e b s o l s t i t i u m e t c a n i c u l a m
FACIUNDUM SIT.
Quarto i nt e r ni l o inUr solstitium et canicu-
k m plerqae measem faciunt, qod frumentum
dicant quindecim diebos esse in vaginis, qainde-
eim florere, quindecim exarescere, cum sit matu
rum. Arationes abaolvi, quae eo fructuosiores
fionf, qao calidiore (erra aratur. Com proscide
ris, offringi oportet, id est iterare, ut frangantur
glaebae ; prima enim aratione grandes glaebae ex
terra scinduntur. Serendum viciam, lentem, ci
cerculam, ervilam, caeteraque, quae alii legumi-
na, alii ( ut Gallicani quidam ) legaria appellant,
utraque dicta a legendo, quod e non secantur, sed
feliendo leguntur. Vineas veteres iterum oceare,
noveJlas etiam terlio, si sunt eliara tum glaebae.
CAPUT xxxn
--0--
CAPUT xxxra
Q u i n t o i n t e e v a l l o i h t e e c a n i c u l a m e t a e q u i -
OCT1UM AUTUMNI QUAE FIBRI OPOITEAT.
Quinto intervallo inter canicnlam et aeqni-
noctium autumnale oportet stramenta desecari,
et aoervo construi, aratro offringi, frondem cae
di, prata i r r igua iterum secari.
< < -----
CAPUT XXXIV
S e x t o i n t e r v a l l o a b a e q u i n o c t i o a u t u m s a l i
QUID FIERI OFOETEAT USQUE AD BRUXAM.
Sexto intervallo ab aeqaiooctio autumnali
incipere ( scribunt ) oportere serere, usque ad
diem xci post brumam, nisi quae necessaria causa
coegerit non serere, quod tantum intersit, ut
ante brumam sata, septimo die; qoae a brama
sata, x l die vix existant; ncque ante aequinoctium
incipi oportere putant, quod si minus idoneae
tempestates sint consecutae, putescere semina
C o s a s i a d a f a r s i t e a i l s o l s t i z i o e l a c a n i c o l a .
Nel qainto intervallo tra il solstizio e la cani
cola alcuni fanno la raccolta, perch dicono che
il formento sta per quindici giorni rinchiuso nel
suo guscio, che in quindici'fiorisce, che in altri
quindici si secca, e che maturasi nel nono me
se (i). Bisogna terminar le arazioni, le quali sa
ranno tanto pi utili, quanto pi sar calda la
terra, quando si ara. Quando avrai tagliala la
terra, bisogner che tu la sminuzzi, cio che di
nuovo ari, onde si rompano le zolle ; poich nella
prima aratura non si fa altro che fendere le gran
di zolle. E da seminarsi la veccia, la lente, la ci
cerchia,.! piselli, quell* altre piante che alcuni
chiamano legumi, o legumina io latino, ed altri
(come certi Galli) legaria, ambe parole tratte
dal verbo legere, perch queste piaute non si
tagliano, ma si raccolgono, strappandole. Bisogna
nuovamente erpicare le vecchie vigne, e tre volte
le novelle, quando vi sieno ancora delle zolle.
c a p i t o l o x x x n
c a p i t o l o x x x r a
Q u a l i c o s e b i s o g n a f a e e b e l q u i b t o i n t e r v a l
l o , Cio TEA LA CABICOLA E l EQUINOZIO DI
AUTUBNO.
Nel quinto intervallo tra la canicola e l equi
nozio autunnale (i) bisogna tagliar la paglia, e
metterla in mucchi, sminuzzare la terra arata,
dibrusca re gli alberi, e segar di nuovo i prati che
si adacquano.
----- -----
CAPITOLO XXXIV
Q u a l i c o s e s o n o d a f a r s i n e l s e s t o i n t e r v a l l o ,
DALL* EQUINOZIO AUTUNNALE SINO AL SOLSTIZIO
d ' i n v e r n o .
Nel sesto intervallo, dopo V equinozio autan-
nsle, bisogoa cominciar a seminare (i), e progre
dire sino al giorno l x x x v i i i ( 2 ). Dopo il solstizio
d ' inverno non ben fatto seminare, quando non
ci sforzi a farlo la necessit. E tanto importa se
minare avanti il solstizio d' inverno (3), che queste
seminagioni spuutan dalla terra nel settimo gioruo,
laddove quelle che si fanno dopo, appena esceuo
5a7 M. TERENXII VARRONIS 5a8
soleant. Fabam oplimeieri ia Vergiliarum occasu.
Urat autem legere, e t vindemism facere io t e r ae
quinoctium autumnale, et Vergiliarum occasum.
Dein v i t e s putare incipere, et propagare, et serere
poma. Haec aliquot regiooibut, ubi maturius fri
gora fiunt asperiora, melius T e r n o tempore.
c a p u t x x x v
SiPTIMO 1HTEETALLO 1RTEB VbEGILIAEUM OCCASUM
BT BEUMAM, QUAE FIBBI OPOBTBAT.
Septimo intervallo inter Vergiliarum occa
sum et brumam haec fieri oportere (dicuat).
Serere lilium, et crocum, qaod jam egit radi
cem; r o s a m : ea conciditur radicitus in Ti r g o l a s
palmares, et obruitur ; haec eadem postea trans
fertur facta viviradix. Violaria in fundo facere
non est utile, ideo qaod necesseest terra adrueu-
da, pulvinos fieri, quos irrigationes et pluviae
tempestates abluunt, et agrum faciunt macrto-*
rem. Ab favonio asque d irct uri exortum re
fi te serpullum e Seminario transferri : quod di
ctum ab eo quod serpit. Fossas novas fodere,
T e t e r e s tergere, vineas arbuslumque putare, dum
in xv diebus ante et post brumam, ut pleraque
ne facias : nec non tum aliquid reete seritur, ut
ulmi.
C A P U T x x x v i
OcTATO IBTBBVALLO HfTBB BBUMAM BT PAVOVIUM
QUAB FLBB1 OPOBTBAT.
Oeta?# intervallo inter brumam et f a T o n i u m
haec fieri oportet ; de segetibus, si qua ett aqua,
deduci: sin siccitates sunt, et terra tcneritudi-
d e l l a terra d o p o x l giorni (4). Sono di opinione
che non sia mestieri seminare aranti l ' equinozio,
perch s o p r a T T e n e n d o tempi poco buoni, sogliono
m a r c i r e le semenze. Ottimamente si t e m i n e l e
faTa Te r s o il tramontar delle Pleiadi. E d uopo
poi raccoglier l ava e vendemmiare Ira l1eqoi-
nozio autunnale e il tramontar delle Pleiadi.
Dappoi occorre principiar a potare le Ti t i , pro
p a g a r l e , e p i a n t a r gli alberi ohe producon fratta.
In que paesi, ne' quali il freddo imperversa di
buon' ora, meglio far queste opertiiooi io pri
mavera.
c a p i t o l o x x x v
Q u a l i c o s e t o n o d a f a e s i b e l s e t t i m o i m a v a l
l o , c i o t b a i l t e a m o r t a e d b l l b P l e i a d i b i l
s o l s t i z i o d * i b v b e h o .
Nel s e t t i m o i n t e r v a l l o , t r a i l t r a m o n t a r d e l l e
Pleiadi e il s o l s t i z i o d ' i n v e r n o , b i t o g n a f*r le se
g u e n t i cose ( f ) : p i a n t a r e il g i g l i o e l o z a f f e r a n o ,
che a b b i a n o g i p r o d o t t e l e r a d i c i , come pure U
r o s a ( a) , le c u i r a d i c i a n c h e s i t a g l i a n o i n p i c c o l e
T e r g h e l u n g h e u n p a l m o , e si p i a n t a n o in t e r r a :
q u e s t a T e r g a , d i T e n t a t a c h e sia m a r g o t t a , t i t r a s
porta p o i a l t r o r e . Non u t i l e p i a n t a r ne l l a ( e n a
t a delle Ti ol e, p e r c h n e c e s s a r i o a m m u c c h i a r l a
t e r r a , o n d e f o r m a r d e l l e p o r c h e alte (3), d a l l e
q u a l i o le i r r i g a z i o n i , o l e s o p r a T v e n i e n t i p i o g g e
s t r a s c i n a n o s e c o l a t e r r a m i g l i o r e , e q a i o d i r e n
d o n o il t e r r e n o p i m a g r o (4). Dopo i l t e m p o ,
in coi il s o l e t r a m o n t a , ove soffia i l T e n t o fa
vonio, s i n o al levar d e l l a r t a r o o t t i m a m e n t e s i
estrae d a l m a i o il s e r p i l l o , c o s d e t t o , perch ser
peggia. Bisogna s c e T a r d e l l e nuove f os s e , nett ar
le vecchie, p o t a r le T i g n e e P a l b e r e t o . Quindici
g i o r n i a T a n t i , e altrettanti d o p o il s o l s t i z i o d* in-
verno ta devi f a r m o l t e di q u e s t e o p e r a z i o n i ; n
in q u e s t o i n t e r T a l l o va bene p i a n t a r e alcune p i a n
te, come g l i olmi.
-----
CAPITOLO XXXVI
Q u a l i c o s e s o n o d a f a b s i h e i . l o t t a v o i b t e b -
TALLO, Cio TEA IL SOLSTIZIO D* ltVEERO E IL
TEMPO IH CUI IL SOLE TBAMORTA, OTB SOFFIA
IL FAVOEIO.
NelP o t t a v o i n t e r v a l l o , cio tra il s o l s t i z i o d i
i n T e r n o e i l t e m p o in c u i il s o l e t r a m o n t a , a quel
p o n t o da c u i s p i r a i l T e n t o f a v o n i o , b i s o g n a f ai 1
DE RE RUSTICA LIB. I. 53o
nem habet, sarire ; vineas, arbuslaque potare.
Cum in agri* opus fieri ooo potest, qaae sab
teeto possunt, tane oonfidenda antelucano lem-
pore hiberno. Qaae dixi, scripla et posila ha*
ber e in villa oportet, maxime ui vilicus norit.
-----
CAPUT XXXVII
D LUVABIBOS DIBBU9
Dies lanares quoqne observandi, qai qnodam-
modo bipartiti. Qaod nora lana crescit ad ple
nam, et inde rursus ad novam lunam decrescit,
quod veniat ad intermenstruum, e qao die di
citur luna esse extrema, et prima; a quo eum
diem Athenis appellant ivnv xa vjavyTftaxafa
alii; quaedam faciunda ia agris potius crescente
luna quam senescente; quaedam conira, quae
metas, ut frumenta et caeduam silvam. Ego ista
eliara, inquit Agrasias, non solum in ovibus
tondendis, sed in meo capillo a patre acceptum
servo, ni decrescente luna tondens calvus fiam.
Agrius: Quemadmodum, inquit, luua quadripar
tita ? et quid ea divisio ad agros pollet? Tre-
meilius : Nunquam rure audisti, inquit, octavo
Janam ( lunam ) et crescentem, et contra sene
scentem ; et qoae crescente Inna fieri oporteret,
( e t ) tamen quaedam melius fieri posi octavo
Janam ( lanam ), qaam ante ? et si qaae sene
scente fieri conveniret, meli as quanto minus ha
ber et ignis id astrum ? Dixi de qaadripartita
forma culturae agri.
Stolo : Csl altera, inqnit, temporum divisio
conjuncta quodammodo cam sole et lana, quae
in sex partita, qaod omnis fere fructus qainto
denique grada pervenit ad perfectam, ac videt
in villa doliam, ac modium, onde sexto prodit
ad usam. Primo praeparandam, secando seren
dam, lerlio nutricandum, quarto legendum,
qainto condendum, sexto promendam. Ad alia
in praeparando, faciendi scrobes, aat repasti-
le seguenti cose. Se nelle terre arate vi del
l'acqua, questa bisogna derivarla altrove ; ma se
la terra secca, e se non tenace, mestieri sar
chiarla. Conviene potar la vigna e P albereto.
Quando nei campi non si pu lavorare, in allora
tutti que lavori, che si possono fare nella casa,
si debbono fare in tempo dinverno innanzi d (i).
Tatto quello che ho detto, bisogoa scriverlo e
metterlo in vista (a) nella casa villereccia, accioc
ch il castaido soprattutto nou lo ignori.
CAPITOLO XXXVII
Dsi GIOBBI LUtTAil.
Meritano pure osservazione i giorni lanari, i
quali sono come divisi in quattro parti, perch la
luna dal nono giorno cresce sino alla sua pienez
za, e poi per contrario decresce sino al nono
giorno, e da questo sino a che giunga alP inter
lunio, nel qual giorno si dice che la luna al
sao fioe e al suo principio (i), e che i Greci
chiamano ad Atene il giorno antico e nuovo, eJ
altri il trentesimo giorno della luna (a). Alcune
faccende vanno meglio fatte nelle terre a luna
crescente, che a luna calante, e ceri* altre quan
do cala ; come mietere le biade e tagliare i bo
schi (3). Io, dice Agrasio, secondo P insegnamento
di mio padre, pongo io esecuzione tal metodo
non solo nel tosar le pecore, ma ancora nel ta
gliarmi i capelli, poich non me li taglio che a
luna calante, onde non divenga calvo (4). In quat
maniera, dice Agrio, divisa in quattro parti?
e quale influenza ha questa divisione sopra le
terre ? Non hai forse mai udito in villa, ripiglia
Tremellio, parlar delP ottavo giorno avanti la
luna piena, e per contrario dell1ottavo giorno
dopo la luna piena, e dir di quelle operazioni che
sieno da eseguirsi a lana crescente, e che alcune
altre meglio farle dopo il gioroo ottavo di lana
piena (5), che avanti ; come altres che alcone al
tre va meglio farle a lana vecchia, e allorquando
qaesl astro d minor ! nme? E questo quell<j
die doveva dire di questi quattro quarti relativi
alla coltura delle terre (6).
Vi no altra divisione de* tempi, dice Sto
lone, congiunta in certa guisa col sole e colla
luna, la quale si divide in sei parti, per la ra
gione appunto che quasi tati* i frolli non arri
vano alla loro perfezione, e non riempiono le
botti e i moggi della villa che nel qainto grado,
e da questo non si traggon fuori pe' nostri usi,
che nel seslo grado. Questi frutti bisogna prima
prepararli (7), secondo seminarli, t e n o nodrirli,
531 m . t e Tr e n t i i v a r r o n i s 53a
nandum, aat sulcandam, at ti arbaslam aat po
mariam facere velis; ad alia arandam, aut fo
diendam, a t si segetes instituas; ad qoaedam
bipalio vertenda terra, plus aut minus ; aliae enim
radices angustius diffundant, a t cupressi, aliae
latius, ut platani, usqae eo, ut Theophrastus scri
bat, Athenis in Ljceo, cum etiam tane platanas
novella esset, radices trium et triginta cubitorum
egisse. Quaedam si bubus et aratro proscideris,
et iterandum ante , quam semen jactes. Item
praeparatio si quae fit in pratis, id est, at de
fendantur a pastione, quod fere observant a pi
ro fiorente: si irrigua sant, ut tempestive irri-
gentar.
----- -----
CAPUT xxxvm
Db s t e b c o e b b t s t b e q u i l i u o .
Qaae loca in agro stercoranda videndum, et
qai, et qoo genere potissimum facias ; nam dis
crimina ejus aliquot. Stercus optimam scribit
esse Cassias volacriam, praeter palastriom c
nantium. De hisce praestare columbinum, qaod
it calidissimam, ac fermentare possit terram.
I d a t semen aspergi oportere in agro, non ut
de pecore acervatim poni. Ego arbitror prae
stare ex aviariis turdorum ac meralarura, quod
non solum ad agrum utile, sed etiam ad cibum
ita bobus ac suibus, ut 6ant pingues. Itaque qui
aviaria condacunt, si caveat dominus, stercus ut
in fundo maoeat, minoris condacunt quam ii,
quibus id accedit. Cassi^ secundum columbinam
scribit esse hominis. Tertio caprinum, et ovil
lam, et asininum. Minime bonum equinum, sed
in segetes ; in prata enim vel optimum, ut caete-
rarum veterinarum, quae ordeo pascantur, quod
multam facit herbam. Sterquilinium secuudum
villam facere oportet, ut quam paucissimis operis
egeratar. In eo si in medio robusta aliqua ma
teria sit depacta, negant serpentem nasci.
quarto raccoglierli, quinto rinserrarli, sesto ca
varli fuori pe' nostri usi. Ve ne sono alcuni, U
preparazione de1quali rioerca delle fosse (8), o
ano sfondamento del suolo, o de'solchi, come
quando vuoi fare degli albereti o de' verzieri :
in prepararne altri conviene arare, o zappare,
come nelle biade ; per la preparazione di altri
mestieri voltar pi o meno la terra colla vanga ;
imperocch alcune radici non si estendono (9)
molto lungi, come sono quelle del cipresso ; altre,
come quelle del platano, vanno molto lontane,
e tanto che Teofrasto scrive esservi in Atene
nel Liceo (10) un giovane platano, le cui radici
non avevano meno di trentatr cubili di lun
ghezza. Alcuni altri frutti vogliono avanti d es
sere seminali non nna aratura, ma due (11). Pa
rimente se i prati addimandano alcuna prepara
zione, questa consiste nel difenderli dall' ingres
so del bestiame ; il che per ordinario si proibisce
quando il pero in fioritura : se si possono ada
cquare, ci da farsi a tempo opportuno.
----- 4* -----
CAPITOLO xxxvm
D e l LETAME B DELLO STEBQUIMBIO.
Ora da vedersi qua! terreno e quai luoghi
del medesimo sono da letamarsi, e di quale spe
cie di concime eonvenga particolarmente servirsi,
perch ve ne sono di varie sorti. Cassio scrive
che il migliore di tutti quello de* volatili,
tranne quello dei volatili, ohe soggiornano nelle
paludi o nell' acqua. Quello per de' colombi
da anteporsi a tutti (1), perch il pi caldo e il
pi acconoio a fermentar la terra. Questo bisogna
spargerlo sul terreno, come s fa del grano, n
occorre ammucchiarlo, come si usa eon quello
del bestiame. Io penso che sia da anteporsi a tutti
quello che si trae dalle uccelliere dei tordi e dei
merli, perch non solameute utile alle terre,
come ancora perch serve di cibo s ai buoi, che
ai porci, onde diventino grassi (a). Per lo che
quelli che prendono a pigione le uccelliere, le
prendono a un minor prezzo, se il proprietario
ritiene il letame per le sue terre (3), e danno
un maggior prezzo, se il concime vi compreso.
Cassio scrive che dopo il colombino viene lo
sterco nmano, e in terzo luogo quello delle ca
pre, delle pecore e degli asini (4)* H P' tfe*
riore di tutti quello dei cavalli, almeno nelle
terre lavorate (5), ma pei prati il migliore di
tutti, come anche quello delle altre bestie da vet
tura, le quali perch si pascono d' orzo, perci
questo letame produce molta erba. Bisogna fare
533 DE RE RUSTICA LIB. I.
CAPUT XXXIX
Q u a t u o r k m b g i r e r m i n M , f t q u a e q u o
TEMPORE AC LOCO SEBI DRBEANT.
Sationi* aotem gradus ecandoi hanc habet
na loram, ad quod tempas cujusque seminis apla
sii ad serandum. Nam refert in agro ad qaam
partem coeli quisque locas spectet, aie ad quod
quaeqae tempas rea facillime crescat Nonne vi-
demos alia fiorer veroo tempore, alia ae?tivo :
ncque eadem aatumoali, qaae hiberno t liaqae
alia aeraotur, atqae iaseruotar, et metantor ao-
te aat post, qaam alia ; et com pleraque vere
meli ut, qaam aatamno ioseraotar, circitet* sol-
titiom interi ficos, nec non bramalibaa diebas
ceraaoa. Qoara com semina fere qaatuor sint ge
ne r a i , quaa transferuntor e terra in terram, vi-
vira di ccs ; qnae ex arboribaa dempta dimittitor
in hamam ; quae inaerootur ex arboribus in
arbores ; de aingalis rebas videndum, qaae quo
que tempore locoqoe facias.
CAPUT XL
Q o A SINT GENERA SEMINUM, QURMADMODUM PROBA
GARI DEBEANT, QUIBUS BT QUO LOCO SBRI DR-
BEANT.
Primam semen qaod est prindpiam genen
di, id duplex ; unam, quod latet nostrum sen
sam ; alUram, qaod apertum : latet, si sani se
mina in atre, ot ail physicas Anaxagoras; el
si aqua qaae influit in agram inferro solet, at
scribit Theophrastus. Illad qaod apparii ad agri-
il letamaio presso la casa villereccia, onde par
trasportarlo a* impieghino pochissime opere. S
nel mezxo di questo si pianter un qualche pexzo
di rovere, non vi nascer il serpente, per quanto
se ne dice (6).
534
CAPITOLO XXXIX
Ch b QUATTRO SOHO LB SPBCIB DI SEVEN1E, B IH QUAL
LUOGO B IH QUAL TEMPO CONVENGA SBMIBARB CIA
SCUNA.
Riguardo al secondo grado (1), cio al semi-
namento, questo particolarmente da osservarsi,
che ogni semente devesi spargere in quel tempo
che pi le conviene. Imperciocch se importa a
sapersi a qual piaggia del cielo sono esposte le
differenti parti del campo, cosi pure essen
ziale a sapersi il tempo in cui ogni cosa cresce
pi facilmente (a). Forse che non veggiamo al-
enne piante fiorire in tempo di primavera, altre
in estate, e che quelle, le qaali fioriscono in
aatnnno, non sono le medesime di quelle che
fioriscono in inverno ? E dbs altre n seminano,
altre a innestano, e alcune si racoolgooo prima
0 dopo di altre : e poich parecchie piante ama
no meglio enere innestate iu primavera, che in
autunno, cos ve ne sono alcune, come i fighi,
1 quali a* innestano meglio verso il solstizio (3),
e alcune altre nello atesso solstizio, come le ci
liegie. Poich daoqae vi sono quattro specie di
semenze (4), ona formata dalla natara medesi
ma, e tre altre scoperte dall arte, cio le mar
gotte, che si trapiantano da una terra in un* al
tra (5), i rami che si prendono dagli alberi e
che si piantano in terra, e qnei rami di alberi,
che s' innestano in altri alberi ; cos da ve
dersi qual tempo e qual luogo convenga ad ogni
e singola specie.
CAPITOLO XL
QpALI SIERO LB SPECIE DI SEMENZE, IR QUAL MA
RI BEA SI DEBBANO PEOPAGARB, QUALI SIERO DA
USARSI, B IR QUAL LUOGO SI DEBEARO SEMINARE.
11 primo seme, eh' il principio della ge
nerazione (1), di due sorte, una delle quali
nascosta ai nostri sensi, e V altra facile a ve
dersi. Si sottraggono ai nostri sensi, se i semi
sono nell* aria, come dice il fisico Anassago
ra (a), e se, come scrive Teofrasto (3), vi sono
535 11. TERfcNTll VARRONIS
536
coit, id fidendam diligenter; quaedam enim
ad genendum ( pro plere* ) usque adeo parva, ui
sint obscura, al cupretsi ; non enim galbuli,
qui nascunlur, id esi lanquam pilae parvae cor
ti ciae id semen ; sed in iis intus. Primigenia
semina dedii natura, reliqua invenil experiealia
coloni. Num prima, quae tine colono, priusquam
sala, naia ; secunda, quae ex iis collecta, ueque
priusquam tata,nata. Prima teraina videre oportet,
ue veluslate t ini exsucta, ani ne tint admiita, aut
ne propter similitudinem tint adulterina. Semen
vetus tantum valet in quibusdam rebus, a t na
turam commatet ; nam ex temine brassicae ve-
tere talo nasci ajant r t p t , et contra ex rapo
rum brassicam.
Seconda semina viflere oportet, ne onde tol
las, nimiam cito, aat tarde tollat. Tempus enim
idoneam, qaod scribit Theophrastus, Tere et au
tumno, el eanicolae exorta : neqae omnibat
locis ac generibas idem. In sicco el macro loco,
et argilloso, Ternam tempas idoneam, quo mi
n a t habet bumoris. In terra bona ac piagai,
aulumoo, quod Tere multas humor, quam sa
tionem qaidam melianlar fere diebas xxx.
Terliam genas s e m i n i s , qaod ex a r b o r e per
s u r e a l o s d e f e r t u r i a t e r r a m , sic i n h u m a r a de
m i t t i t u r , a t i n q u i b u s d a m t a m e n s i t T i d e n d u m ,
u t e o t e m p o r e s i t d e p l a n t a t a m q a o o p o r t e t ; i d
e n i m f i t a n l e q a a m g e m m a r e a u t f l o r e r e q u i d
i n c i p i t : e t q u a e d e a r b o r e I r a o s f e r a t , u t ea d e
p l a n t e t p o l i u t q a a m d e f r i a g a s : q u o d p l a n t a e
s o l a m s t a b i l i a s , q a o l a t i a , a t r a d i c e s f a c i l i a s
m i t t a t ; ea c e l e r i t e r a n t e q a a m s u c a s e x a r e s c a t ,
i n t e r r a m d e m i t t a n t . Demum i n o l e a g i n i s se
m i n i b u s ( a r b o r e s ) T i d e n d a m , u t s i t d e t e n e r o
r a m o ex u t r a q o e p a r t e a e q u a b i l i l e r p r a e c i s a m ,
q u a s a l i i cl aTol as , a l i i t a l ea s a p p e l l a n t , a c f a
c i u n t c i r c i t e r p e d a l e s .
strascinali dalla pioggia che cade sai campo.
Gli altri semi, che cadono sotto i sensi degli
agricoltori, meritano di essere esaminati dili
gentemente ; imperciocch alcuni di questi prin
cipii generativi sono tanto piccoli, eh1 difficile
a vederli, come sono quelli del cipresso; poi
ch le noci che nascono dal cipresso (4), non
sono gi le semenze, ma qaali picciole palle, che
inviluppano il seme che dentro vi nasoosto.
I p r i m i s e m i g l i ha p r o d o t t i l a n a t u r a , e g l i
a l t r i g l i h a t r o v a t i 1* e s p e r i e n z a d e l l ' a g r i c o l
t o r e . Imperciocch i p r i m i s e m i s o n o n a t i senza
T o p e r a d e l c o l t i v a l o r e , e s e n z a che p r i m a f o s s e r o
s e m i n a t i (5) ; g l i a l t r i a l l ' i n c o n t r o , che t r a g g o n o
o r i g i n e d a i p r i m i , n o n s o n o n a t i s e n z a e s s e r e
s t a t i p r i m a s e m i n a l i . Bisogna a v e r ben 1* oc
c h i o a t t e n t o che i p r i m i s e m i non s i e n o s e c c h i
p e r troppa T e c c h i e z z a , cbe non sieno m i s t i a d
a l t r i , e che n o n sieno f a l s i f i c a t i i n g r a z i a d e l l a
r a s s o m i g l i a n z a . La Te e c hi a i a h a ai g r a n f o r z a
s o p r a certi semi, c h e n e c a n g i a l a natura ; i m
p e r c i o c c h s i d i c e c h e d a l l 1 aver s e m i n a t o l a s e
mente d i c a T o l i Teochi s o n o nate d e l l e r a p e , e
per contrario s o n o n a t i de* c a v o l i d a l l a s e m i n a
g i o n e d i s e m e n z a Te c c h i a di r a p e .
Bisogna aver attenzione c h e i semi seoonda-
rii (6) non si trapiantino n troppo presto, n
troppo tardi ; imperciocch il tempo opportuno
per quest' operazione , secondo quello che seri*
veTeofrasto (7), la primavera, l autunno e quan
do leva la canicola : n questo tempo da adot
tarsi indislintemente in t utt i luoghi e in tutte
le semenze. Il tempo acconcio per piantare nei
terreni secchi, magri e cretosi l a p r i m a T e r a ,
perch allora hanno poca umidit (8), e nel ter
reno baono e pingue 1 autunno il tempo pi
confacente, perch nella primavera abbonda di
troppo umido. Certaai limitano queste pianta-
gioni a xxx giorni all' incirca.
La terza specie di semeuza, la quale s i , trae
dai rami dell albero per piantarla in terra, ri
cerca che quando si pianta in terra, sia in quello
stesso momento lolla dall albero ; il che importa
mollo ad osservarsi (9). Queslo slrappamento poi
si fa avanti che gli alberi comincino a gemmare,
o a fiorire. Ed abbi attenzione che i rami, i quali
tu torrai dall albero per piantarli, sieno dis
taccali con diligenza, onde non si rompano (io),
perch quanto pi il piede dal ramo piantato
largo, tanto maggiormeole sodo, e perci pi
facilmente getta le sae radici. Questo ramo s i
deve piantare in terre con tulta la oelerit, a Tan
ti che si disecchi il sao socco. Riguardo ai semi
degli ulivi, abbiasi attenzione di scegliere an r a
mo tenero, e di tagliarlo uniformemente in ambe
le estremit. Questi rami, che alcuni li chiamano
537
DE RE RUSTICA UB. I.
538
Qoarlum genui seminis, qood traimi ex ar
bore i o aliam. Yi de odoa, qua ex arbore io q a a a
transferatur, et qao tempore, et quemadmodum
obligetur ( oon enim piram r edpit qaereos ; ne-
qae eoim ci malus piram. Hoe feqaaotar malli,
qai aruspices aadiaot maltam, a quibas prodi
tam, i n singulis arboribas qaol genera ioti la
fiat, oso iota tot fulmina fieri illad, qaod fal-
mea concepit ; si in piram silvatioam intereris
piram quamvis bonam, non fore tara jueundum,
qaam fi in eam, qaae silvestris oon sii. In quam-
cooqne arborem interas, t i ejasdem generis est
daotaxsit, n t sii ntaraqne maina, ita i ome r e opor
tet ref er nte ad froetom, meliori genere n t cit
torcala*, qaam est, qoo veniat, arbor. Est altera
spedes ex arbore ia arborem ioterendi naper
animadversa in arborbot propinquis. Ex ar
bore, e qaa qoit volt habere sor col am, io eam,
qaam interere vult, ramulum tradaci*, et in ejat
ramo praeciso ae difitto implicai eom locom
qai eoo tingit ; ex ntraqoe parte, qood in Ir ett,
falce extenuator,.ita nt ex ona parte, qood ooe-
lam vitarnm ett, orticem com oortice f i a t
qaatum habeat. Ej a t ramuli, qoem intereret,
eaenmen nt direetam t i t ad coelom, c a r a t Po
tier o anno com comprehendit, node propaga
tam e t t , ( ab altera arbore ) praecidit
CAPUT XLI
Da TBvpoaiaus r m a a t m t i f o o a u n s u a c u t o a u n , b t
q u i a p o c t s a t i o h b i i oasxavARDA t n r r .
Qno tempore qoaeqae transferat, haec in
primit videnda, qood qaae prot verno tempore
interebantur, nunc etiam toltlitiali, ot ficai,
qaod denta materia oon ett, et ideo teqaitar
caldorem. A quo fit, ut in locit frigidii fioeta
fieri non p o t t i a t . A qaa recenti imito inimica;
tenellam enim cito faeit patre. Itaque qaod io-
aeritar caniculae tigno, commodittime exislima-
lur interi ; qaae aatem natara minus sunt mollia,
M. Tx e b n z io Va e i o b b
in latino clavolae, ed altri talca*yli lagliano lun
ghi on piede all' iuciroa (i i).
Rispetto alla quarta tpecie di temenze, la qua
le da un albero patta in no altro, da farti at-
teuzione all albero da cui si trae, e a quello in
coi ti trapianta (ia), al tempo e al modo col
quale t* inneit ; imperciocch la quercia non ri
ceve il pero, come il pomo riceve I* innesto d d
pero (iS). A ci ahbedano quelli che confidano
molto negli arutpici (i4), i qutli danno per certo
che quanti tono gl* innetti che ti trovano t u
certi alberi capaci di attirare il fulmine, in un
tratto tante volte vi piomber ( i 5). Se topra an
pero talvalieo * innetta un pero anche di eccel
lente qualit, le fratta non taranno tanto tapo-
rite, come lo farebbero, te ti fotte fatto I1innetto
topra aa pero non lalvitico. Qaalanqae sia 1*al
bero che t* innetta, purch tia della medetima
tpecie, come te ambidue tono pomi (16), biso
gna che 1* albero da cui si toglie l innesto, sia
di miglior qualit di quello sopra cui *inne
tta. Vi- i un* altra maniera d* innestare un al
bero topra un altro, la quale ti scoperta poco
fa, e che non ti mette in opera che negli alberi
vicini. Dall* albero che ti vuole rimettere ti fa
pattare in quello che t i vnole inneit re un p i o
colo r a mo, e fendendo un ramo dell* albero
che ti vuole innestare, vi * interttee il ramo
dell* albero vicino per mezzo dell* et tremi l i , oon
eoi reciprocamente ti toccano : quella parte, febe
'introduce, t i assottiglia colla falce, e ti fa io
guita che quella parte, la quale retta all* aria
Ubera, t i unitea elettamente eolia tua toorza
alla i c o n a del ramo, nel quale imerifa (17)
Si fa in maniera che la dma del ramoscello, che
ti innestato (18), abbia la tua direzione verso
il cielo; e quando nel tegnente anno ha ben
preso topra Valbero innettato, ti separa da quel
lo dal quale si tolto per propagarlo (19).
----- 4-----
CAPITOLO XLI
Dai T i a n n* r n u i r a i l c p u b t s , a di qubl lb
COIB GHI 10*0 DA OSfBBVABJI DQPO L* OSSUTO.
Riguardo al tempo in cui l ' innestano le pian
te, tono da osservarti prindpalmeote queste om :
che quelle, le quali in avanti s* innestayano i n
tempo di primavera, oggid 1* innestano -anche
nel solstizio di. estate, om.e tono i fichi, perch
il loro legn non compatto* e perci*hanno bi
sogno di calore (1) ; dal che ne viene che nei*
luoghi freddi non s possono fare de7fichereti.
L* acqua arreca" grandi danni ai-novelli ioneiti,
i i
vas aliquod supra alligant, on Je stillet lente aqua,
oe prius exarescat sarculo i, qoam coalescat} cujus
sarculi oorliccm integram servandum, et cum sic
exacuendam, ut non denudes medullam; neexlrin-
secoj imbres ooceaot aut nimios calor, argilla
oblinendum, ac libro obligandum. Itaque vilem,
triduo antequam ioserant, desecaot, ut qui io ea
nimius est humor, diffluat ante, quam iaseratur;
at io qua inserant, io ea paullo infra, qoam insi
tam est*, incidunt : aude humor adventicius ef
fluere possit; contra io fico, et malo Punica, et
si qua etiam horum netura aridiora, continuo.
Io aliis translationibus videndum, ot qaod trans
ferat io cacuiBco, habeat gemmam, ut in ficii.
53r)
De his ( primis ) qua t oor generibus seminum,
qoaedam quad tardiora, urcalis potias uten
dum, ut ia ficetis faciunt. Fici enim semen natu
rale iotus in ea fico, quam edimus; quae tuot
minuta grana, e quibas parvis, quod enasci coli-
eoli vix queunt. Omnia enim minuta et arida
ad crescendam tarda ; ea quae laxiora, et foecun-
diora ; ot foemina, qoam mas : ex proportione
in virgoltis item ; itaque ficos, malus Pooica, et
vilis, propter foemioeam mollitiam ad crescen
dam pronat contra palma, et cupresaus, et olea,
in crescendo tarda; in hoc enim hamidiora
qoam tfridiora ; quare ex terra potius in semina
riis sarculos de ficeto, qoam grana de fico expe
dit obroere: praeter si aliter nequeas: ut si
qaando quis traos mare semina mittere, aut inde
petere vult ; tum enim resticulas per ficos, quas
edimus, maturai perserunt, et eas cum inarue
runt, complicant, ac quo volunt mittunt, ubi
obrutae in seminario pariaot Sic genera ficoram,
Cbiae, ac Chalcidicae, et Lydiae, et Africanae :
item eaetera transmarina in Italiam perlata. Si
mili de causa oleae semen cum sit naclens, qood
ex eotrdias enascebatur cotis, qoam e taleis,
id/eo potius in seminariis taleas, quas dixi, se
rimus.
poich essendo troppo teneri, di leggeri li fa
imputridire ; per lo che i giudica essere migliori
quegl* ionesti ohe li fanno al tempo della cani
cola (a). In qoelle piante poi, che sono di loro
natura poco umide, sopra l ' innesto vi attacca
on qualche vaso (3), da eui stilli goccia a goccia
1*aoqoa, acciooch 1*innesto non si disecchi pri-
ma di essersi incorporato all'albero. Bisogna
conservare intera la scoria dell* innesto, la quale
si deve assottigliare in guisa, che non fi metta
alto scoperto la midolla (4)* Per far poi, che
esternamente non nuocano le piogge e il troppo
caldo, bisogoa vestir 1*innesto di argilla e legarlo
strettamente colla scoria. Per la qaal causa o taglia-
' no la vite da innestarsi tre giorni avanti, aodoc-
cb svanisca il troppo umido, di cui essa sovrab
bonda ; ovvero sia, dopo averla innestata, land
nn taglio un poco al di sotto dell* innesto, onde
per quella parte possa nscire tutta 1*umidit che
vi si presenta (5). Per contrario s* innestano su
bito il fico, la melagrana, e tutti quegli alberi
ancora, che sono di una natura pi secca (6). Ne
gli altri traspiantamenti da tv venirsi che quella
semenza la quale si traspianta,, abbia la gemma
nella cima, come si osserva ne* fichi (7).
Tra queste quattro specie di semenza (8) ve
ne sono alcune che tardano a crescere; e perci
meglio piantare i germogli, oome si fa ne* fi
cheti : perciocch il seme naturale del fico na
scosto dentro quel frutto che noi mangiamo, i
quali semi per essere grani minali, possono ap
pena produrre piccoli fosti (9); perch lult i
semi minuti ed aridi sono tardi a crescere, e
quelli che sono pi grandi e meno secchi, fruttano
anche a buon* ora, come veggiamo accader nelle
femmine che sono pi primaticce de* maschi (10):
10 stesso luccede a proporzione ne* virgulti. Cosi
11fico, la melagrana e la vite crescono pi facil
mente, perch si accostano alla femminea mol
lezza ; per contrario tardano a crescere la palma,
il cipresso* 1*ulivo: laonde crescono pi di leg
gieri le semenze pi umide, che quelle le quali
sono pi secche (ii). E dunque meglio formare
un vivaio di fichi coi germogli di fico, che co
prire in terra i grani del medesimo (12), almeno
che oon si possa far diversamente, come quando
s in necessit di spedir oltremare le semenze,
o da di l farle trasportare: allora s* infilzano in
in una cordicella i fighi maturi che noi mangia
mo (i3), e qaando sono secchi,<* inviluppano e si
spediscono dove si vuole ; ed ivi si cuoprono di
terra io un vivaio (i4), onde germoglino. In tal
maniera sono stati trasportati io Italia i fichi di
Scio, di Calcide, di Lidia, di Africa e lutti gli
altri oltramarini. Per la medesima ragione, sic
come il seme di ulivo il nocciolo, quindi perch
54o M. TERENTII VARROWS
DE Bfc RUSTICA. LIB. I.
54a
CAPUT XLD
Di V1UCA, SBC m e d i c a .
De m<Iica io primij observes, oe io terram
nimiam aridam, sol variam, sed temperatam se-
racn demittas; io ingeram unum, si est natura
temperata terra , sribant opas esse medicae
sesquimodium ; id serilar ita, ut semen jactator,
quemadmodum scilicet cam pabulum et frumen
tum serilar.
----- -----
CAPUT XLUI
Dl CTTUO.
Cytisum seritur in terra bene subacta tan-
quam semen brassicae: inde differtur, et in
sesquipedem ponitur ; aut etiam de cytiso duriore
virgulae deplantantur, et ita pangitur in serendo.
--4--
CAPUT XLIV
Q u o t m o d i i s e r a r t u r f a b a e , t r i t i c i ,
HORDEI, PARRIS.
Seruntur fabae modii 111 in jugero, tritici v,
ordei vi, fabris x, sed nonnullis locis paulIo am
plias, aut minus : si enim locus crassus, pias ; si
macer, minos; quare observabis quantum in ea
regione consuetudo erit sorendi : ut tantum facias,
qaaotum valet regio, ao genus terrae ; ut ex eo
dem semine aliubi, com decimo redeat, aliubi
eam qointodecimo, ut in Hetruria, et locis ali
quot, in Italia ; in Sybaritano dicuot etiam cum
centesimo redire solitum ; in Syria ad Garada, et
in Africa ad Byzacium item e i modio nasci cen
tum. Illad quoque multum interest in rudi terra,
an in a seras, quae quotannis obsita sit, quae
vocatur restibilis : an in vervacto, qoae interdum
requierit. Cui Agrius: In Olynthia quotannis re
da questo nasceva pi laydi il fasto, ebe da un
ramo tagliato nelle due estremit, noi abbiamo
piantato ne1vivai' ( i 5) piuttosto di questi rami,
dei quali gi dicemmo;

CAWTOliO XLI1
De l l 1b r A m e d i c a *
Riguardo all1erba medica d ot servarsi spe
cialmente di non ^spargere f i suo sema in una
terra troppo arida, q frugola, ma temperata (i).
Scrivono che in un iogpro, quando il terrno sia
di sua natura temperato, fa mestieri uo moggio
e mezzo di erba medica (a). Questa si semina
gettando il seme in terra (3), in quella stessa guifa
che si fa quando si seminano i foraggi e ie biade.
CAPITOLO XLIII
D e l c i t i s o .
Si semioa il citiso in una terra bene* lavorati,
come appunto. suolsi fare pel seme dei cavoli:
dappoi si traspianta, e le piaote debbono avere
tra di loro la distanza di un piede e mezzo (i).
Si prendono anche sopra un forte citiso dei pic
coli rami che vanno piantati coll1acoennata dir
stanza.
--
c a p i t o l o x j l iv
Q u a r t i m o g g i d i p a v a , d i p o r m b r t o , d p o r z o ,
B DI PARR SI SE MI RARO I UH IUGBRO.
In un iugero si seminano tre moggi di fava,
cinque di formento, sei di orzo, e dieci di farro ;
ma in alcuni luoghi di queste semenze o se ne
sparge un poco di pi, o un poco di meno : poi
ch se il terreno pingue, se ne accresce la qoan-
tit, come si diminuisce in un magro (i). Laonde
intorno alla quantit della semenza osserverai
r uso del paese, aociocch tu semini quella misnra
che richiede la natura del paese e del terreno;
essendoch la medesima quantit di seme d in
certi luoghi il dieci, ed in altri il quindici per
uno, come nell1Etruria e in alcuni altri paesi di
Italia. Dicono ancora, che nel terreno Sibaritico
suolsi ritrarre il cento per uno, e che lo stesso
pure si avvera nella Siria presso Gadara (a), e in
543 M. TERENTII VARRONIS 544
slibilia t u e dionnt,;sed iU o Urlio quoque anno
uberiores ferant fractas Licinias: Agrum alternis
annis relioqui oportet, $o^panilo levioribus n -
tkmibas serere, id est, quae'minus sugunt ter
ram. Dicetur, inquit Agrius de tertio gradu, de
nutricationibus, atque alimoniis eorum. Liciniui:
Qaae naia iant, inquit, in fando alescunt, adulta
cncipiuot, praegftatatia cum fcunt, matura pa
r i a n t pomf , aut spicam :-sta alis. Simile ei, a qao
profectam, redit semen. l q a e *i florem, acer-
bamque pirum, aliure quid decerpseris, in eo
dem Jooo, eodero anno,, nihil. renascitor, qaod
praegoa^oois ideil bis ha bare non potest; ut
enim malieres habent a d p j r t a m diei certos, sic
arbores ae fragts.
CAPUT XLV
S a *A QUOTO* QOAE QUE DIB DB TEEEA PEODBAHT.
Primam plerumque t terra exit ordeum die
bus t u ; nec malto poit triticam ; legumina fere
quatri duo, aat quinione . diebus, praeterquam
faba; fa' eilim serius aliqoento prodit seges.
Ostendit Idem milium et sesama et caetera simi
liter aequis* fere diebut, praeterquam si quid
regio, aul tempestas filii attulit, quo mioui ita
fiat. Quae in seminario nata, si loca erunt frigi
diora, quae molli nalara sant, per brumalia
tempora tegere oportet fronde aut stramentis: si
erant imbres secali, fideodom neeabi aqaa eoo-
sistat; tenenam enim gelum radicibus teoellii
sub terra, et sapra f ir gallis, qaae neo eodem
tempore aeque creicunt; nam radioes aatamoo
aat hieme magis sub terra, quam sapra adole*
aeunt, qaod tectae terrae tepore propagantur,
capra terram aere frigidiore r inguntar; id que
iU esee docent silfestria, ad quae sator non acces*
ait ; nam prius radioes, quam ea qaae ez iis solent
nasa, cresca ot ; neqae radioes longias procedunt,
nisi quo tempore fenit sol ; his daplex causa,
Africa ael Bixado. Parimente importa molto a
sapersi se t a semini in ana terra incolta, o in ana
che si semina tolti gli anni, e che in latino m
chiama restibilis ; o t fero in ana che si lascia
quieta di tempo in tempo, che dai Latini si dice
vervactum, e da noi maggese o norale. Agrio
gli disse : Si pretende che in Olinto si seminino
le terre tatti gli anni, ma che per oon produca
no frutti copiosi che ogni t e n o anno. Licinio ri
piglia : Bisogna che la terra si lasci riposare an
anno si, ed ano no ; o almeno non caricarla ogni
seoondo anno che di semense leggiere, cio di
quelle ohe poco assorbano il sacoo della terra.
Parlaci dunque, dioe Agrio, del t e n o grado (3),
cio delle oolritioni e degli alimenti delle scanni
l e. Le eemenli che sono nate, crescono, dic' egli,
nel fondo ; fitte adulte concepiscono, e quando
sono pregne e mature partoriscono fratti, o spi
ghe. Similmente prodacoasi gli altri fratti. Ogni
semenza riproduce sempre una simile semente.
Per lo che se tu staccherai il fiore, o il fratto
immaturo del pero, o di qualsif oglia altro albero,
iu quel luogo dove i m i colto o l ' uno, o l'altro,
non f i nascer. niente in quell'anno, perch il
medesimo fratto non pu essere concepito dee
folte in an giorno (4) ; nella stessa gaisa che le
donne hanno i loro giorni Assi pel parto, coti gli
alberi e i frutti della terra.
CAPITOLO XLV
I h q u a l g i o b h o i v a b i i s e m i e s c a v o d e l l a t b e e a .
D'ordinario esce della terra primo di tatti
l ' orzo, il quale spunta sette giorni dopo essere
stato seminato. Il fermento esce Dn molto tempo
dopo. 1 legumi spantano fuori quasi dopo qoat*
tro giorni o cinque, tranne la (afa, perch que
sta esce di terra alcuu poco pi tardi (1). 11 campo
seminato fa apparire parimente tra i quattro o i
cinque giorni il miglio, il sesamo ed altri simili
graui, quando bene non sieoo ritardati o per di
fetto del paese, o per la catlira stagione. Se il
terreoo troppo freddo, bisogna coprire, ael
lejnpo d d solstiiio d1inferno, di foglie o di p
glia quelle piante che sono nate oel riraio, e che
sono di una natura dii ics U. Se ai freddo poi t er
ranno dietro le piogge, si faccia in guisa che l acqua
non ristagni io alcuo luogo ; perch il ghiaccio
un f eleno non tanto alle tenerelle radici che sono
sotterra, quanto ai fusti ohe stanno *1 di opra,
quantunque s le une, che gli altri non crescano
egualmente nel medesimo tempo, perch le radici
sotto terra crescono pi io aotaono o in inf er no
545 DE BE RUSTICA LIB. L 5 4 6
quod I radicum ma Urum aliam, qoam aliam
longius projicit D a t u r a ; el quod Ki t e r r a alia
facilius viam d a t .

CAPUT XLVI
Ex qunui r ot u i coevosa possint assi temtoea.
Pr opl e r ejuimodi rei admiranda discrimina
suoi naturalia, qood ex quibusdam folii propter
eorum versuram, quod i it anni tempo, dici pos
sit, ul olea, et populus alba, et salix. Horam
enim folia, cum converterunt se, solstitium dici
t u r fuisse; nec minua admirandum, qood fit in
floribus quoi vocant beliotropia, ab eo qood ad
olis ortum mane spectant, et ejus iter ita sequan
tur ad occasum, ut ad eum semper specient.
-----
CAPUT XLVn
Q u u a d m o d p m SATA TOENDA H I T .
Io seminario qoae surcolis comita, et eorum
molliora e r uot nator cacumina, ut olea ac ficus,
ea inmma integenda binis labellis dextra e t sini
stra deligatis, herbaeqoe elidendae, et dum tene
rae sunt vellendae*; prius enim aridae factae ri
xantur, ae celerius rumpuntur, quam sequuntur.
Contra berba in pratis ad spem foeniiiciae nata,
noo modo oon evellenda io outricatu, sed etiam
non calcanda ; quo pecus a prato ablegandum, et
mne jumentum, ac etiam homines ; lolum enim
bdminis exitium herbae, s t semitae fundamentom.
---0----
dei fosti che staono al di sopra (a), per la ragione
che coperte di terra, il calore di questa serve a
dilatarle ; laddove quanto havvi sopra la medesi
ma, viene ristretto dall* aria eh* pi fredda (3).
E che sia cosi, ce lo dimostrano le piante selvag
ge, delle quali il coltivatore non ha alcuna cura;
imperciocch crescono prima le radici di quanto
suole nascere dalle medesime : e le radici non si
estendono pi da lungi, se non in quel tempo, in
cui il sole le riscalda (4). Due sono le cause dei
maggiore allungamento delle radici: la prima
dipende dalla natura, la quale allunga pi alcune
radici, che altre ; e la seconda dipende dal terre*
00, essendovene alcuni che danno pi libero il
passaggio alle radici di altri.
CAPITOLO XLVI
Da q u a l i f o g l i e ti p o m a t o conoscati
1 TEMPI DELL* ANNO.
In grasia di consimili ragioni si osservano dif
ferenze meravigliose nella natura; perch dal ve
dere a qual parte sono rivolte alcune foglie, si po
sapere in qoal tempo di anno si (1). Tali sono le
foglie dell* ulivo, del pioppo bianco e del salice ;
perch quando la foglia di queste piante si sono
rivolte, si sa essere gi passato il solstizio di siate.
N meno maraviglioao quello che si osserva io
alcuni fiori,chiamati girasoli,! qoali oella mattoa
si volgono a quella parte, da cui nasce il sole, e lo
seguono nel suo corso sino a che tramonta, dimo
doch sono sempre rivolti verso il medesimo.
c a p i t o l o XLvn
l a QUAL KANIEtA SI DIPENDANO I SEMINATI.
Qoe* vivai che sono piantati di germogli, e le
cime de* quali sono di loro natura pi tenere,
come sono quelle dell* ulivo e del fi00, si debbono
coprire nella sommit per mezzo di doe tavole
insieme ooite, una delle quali sia a destra, ed
una a sinistra (1). Debbonsi ancora sradicare le
erbe ed estirparle prima, e fino a tanto che sono
tenere ; imperciocch, Citte adulte e forti, resi
stono e piuttosto si rompono che lasciarsi sradi
care (a). Per contrario, I*erba nata ne* prati, e
che d speranza di buona raccolta di fieno, non
solo non si debbe sradicare nel tempo che si nu
trisce, ma ancora non si debbe calpestare coi pie
di (3) : in allora si dovr tener lontano dal prato
M. TERENTII VARRONIS 545
il b u t t a n e ogni giumento non solo, ma anche
gli uomioi, perche il piede dell nomo 1 mina
dell'erba che calpesta, com1 il fondamento di
nuovi sentieri.
c a p u t XLvra
Q g a x s p i c s i n t o c s u l a , k t c a u s a i k o k u b .
In segetibus autem frumentum, quod cnlmus
extulit. Spica ea, quae mutilata non est, in ordeo
et tritico trja habet continentia, graoum, glu
mam, aristam : et etiam primitus spica cum ori-
tur, vaginam ; granum dictum, quod est intimum
solidum ; glnma, qtai est folliculus ejus ; arista,
quae ut acus tenuis longa eminet e gluma ; pro
inde ut grani theca sit gluma, et apex arista. Ari
sta et granum omnibus fere nolum : gluma pau
cis. Itaque id apud Ennium solum scriptam scio
esse in Evhemeri libris versis ; videtur vocabu
lum etymon habere a glubendo, quod eo folli
culo deglubitur granum; itaque eodem vocabulo
appellant fici ejus, quam edimus, folliculum Ari
sta dicta, quod arescit prima ; granum a geren
do; id enim seritur, uti spica gerat frumentum,
non ut glumam aut aristam gerat: ut vitis sari
t ur , non ut pampinum ferat, sed nvam. Spica
autem, quam rustici, ut acceperunt antiquitus,
vocant specam, a spe videtur nominata ; eam enim
quod sperant fore, seruut Spica mutica dicitur,
quae noo habet aristam : eae enim quasi cornua
aunt spicarum, qoae primitus cum oriuntur, nc
que plane apparent, qua sub latent herba, ea
vocatur vagioa, uti qua latet coodilum gladium.
Illud aulem somma in spica jam matura, quod
est minus quam granum, vocatur frit ; quod io
infima spica ad culmum stramenti summam,
Stem minus quam granum est, appellatur urrun
cum.
-----
CAPITOLO XLVni
Q u a r t i h o m i s i d u i o v i l l a s p i c a , k p e e c h oot)
CHIAMATI.
Tra i grani che si annoverano nella classe del
Tormento, quella parte che costituisce la sommit
della pianticella, si chiama spica (1). Questa che
nell or*o e nel fomento non troncata (a), ab
braccia tra parti, cio il grano, la lolla e la barba,
senta contare anche la vagina che porta la spica,
quando comincia a nascere. Si dice grano il
corpo solido rinchiuso nel guscio ; lolla il folli
colo del medesimo grano, e barba que fili che
escono dalla sommit del guscio, e che si pro
lungano come un ago fino; di maniera che la
barba come la corna del grano (3). La barba
ed it grano sono quasi noti a tulli ; ma la lolla
nota a pochi. Per quanto a me consta, so ohe
soltanto ne fa menzione Ennio nei libri di Eu
hemero (4)> eh egli ha tradotti. Pare che 1*eti
mologia della lolla, detta in latino gluma, derivi
da dilollare, ossia dal verbo latino glubere, per
ch si spoglia il grano del suo follioolo ; perei
questo medesimo vocabolo si d al follicolo di
quel fico che noi mangiamo. La barba detta in
latino arista, perch la prima a sfocarsi. Il
grano si chiama in latioo granum dal verbo ge
rere, o portare, essendoch si semina il fermen
to, onde questo porli la spica, non gi la lolla, o
la barba ; in quella guisa che si pianta la vite,
acciocch questa non porti i pampani, ma bens
1 uva. La spica poi, che i eontadini chiamano in
latino speco, parola antica,*eh eglino hanno con
servata, sembra essere stata cos delta dalla pa
rola spe (5), speranza, poich seminano il grano,
sperando che produrr delle spiche. Si chiama
spica scornata quella eh priva della barba,
perch le reste sono oome le corna delle spiche,
le quali, quando principiano anasoere, e qaando
distintamente non apparirono, tono inviluppate
dall erba, delta vagina, come pure si chiama cos
il fodero che rinchiude la spada. Quel oorpo poi,
che si trova nella aommit della spioa gi ma*
tura, e eh pi picciolo del grano, si chiama
f r i t ; t si dice urruncum (6) quel corpo eh
nella parte pi bassa della spica all estremit
superiore della paglia, e che parimente pi pic
ciolo del grano..
5.<9
DE B t RUSTICA Llfi. I. 55o
Di pb u c v ib u s l T v i r t c i p r e ms , d b f o e n is ic io
BT 9K3ILITIOHB FBATOBI7M.
Com conticuisset nec interrogaretur de nu
tricatu, credens nibil desiderari : Dicam, in qai I,
de fractiboc maturis capiendis. El ille, primam
de prati summissis, herbe cum crescere desiit,
et est a rese* t, subsecari falcibus debet, et qaoad
perarescat, furcillis versari ; cura peraruit, de
his manipulos Beri, ao vehi ad villam ; tam de
prlis stipulam rastellis eradi, atqae addere foe-
nisiciae cumojom. Qao facto sicilienda prata, id
est, falctbas consectanda, qaae foeniseces prae-
terieront, ac qoasi herba tuberosam reliquerant
campam A qaa sectione arbitror dictum sicilire
pratum*
CAPUT XLIX
CAPUT L
D i MESIS BT CAUSA HUJUS VOCABULI, QU^BB HBSS1S
APPELLATA, QUABB PALBAB AC FTBAMINTA.
Messis proprio nomine dicitor io i i s , qoae
metimur, maxime io frumento, et ab eo esse vo
cabulo declinata. Frumenta tria genera sunt mes
sionis, anum, at in Umbria, ubi falce secundam
terram succidunt stramentum; et manipulum, ut
quemque snbsecueruut, ponant in terra; ubi eos
fecerunt multos, iterum eos pereensent, ac de sin-
gulis secant inter spicas et stramentum : spicas
conjiciunt in corbem, atqoe in aream mittunt;
stramenta relinquunt in segete, onde tollantur in
acervum. Altero modo metunt, ut in Piceno, ubi
ligneum babent incarvamba tiliam, in quo sit ex
tremo serrula ferrea ; haec cum comprehendit
fascem spicarum, desecat, et atramenta stantia
io segete relinquit, ut postea subsecenlor. Tertio
modo metitur, ut sub urbe Roma et locis ple-
risque, ut stramentum medium subsecent, quod
manu sinistra summum prehendunt: a quo me
dio messem dictam puto; infra manum stramen
tum, quod terrae haeret, postea subsecatur. Con
t ra, quod cum spica stramentum haeret, cor bibas
D i l l a b a c c o l t a d b 1f r u t t i m a t u b i , d e l t a g l i a
v e n t o DEL FIENO, B DEL SECONDO TAGLIO DBI
PBATI.
Essendosi taciuto, n venendo ulteriormente
interrogalo, e credendo che intorno all* nutri
zione delle piante non vi sia altro a desiderare :
Dir, die1egli, della raccolta de1frutti maturi, e
primieramente de prali baisi (i). Quando 1*er
ba ba terminato di crescere, e che il caldo co
mincia a seccarla, bisogna tagliarla ralente, alla
terra, e moverla colle forche, finch sia intera
mente seccata : dopo di che li formano de1muc
chi, e si porta nella villa il fieno (2). Ci fatto,
col rastrello si rade 1' erba rimasta ne' prati, e li
aggiunge al mucchio (3) dell* erba tagliala. Dopo
questo, bisogner di nuovo tagliare quell1, erb
che si sar lasciata indietro nei prati dai segatori,
e la qual erba fa che il terreno sia come lube-
roio (4)> Da questo secondo taglio de* prati io
penso che sia derivila 1 parola latina sicilire,
ossia tagliare.
CAPITOLO L
D e l l a b a c c o l t a , b d e l l a b a g i o n b f e b c o i c o s
s c h i a m a ; c o m i a n c h e d e l l a b a g i o n b p e b c u i
LA FAGLIA . DETTA I I LATISt) P J L E J B STU-
MEitTuar.
La panHa raccolta, che in latino si dice mej-
sis, non si applica in senso proprio che alle cose,
le quali misariamo (1) : e questa voce derivata
dal verbo misurare, ossia dal latino metiri. Ti
sono tre maniere di raccogliere la biada : una che
si usa nell Umbria, e consiste in tagliare colla
falce a fior di terra la paglia, e nel mettere in
terra ogni manipolo che si tagliato rasente hi
stessa. Quando di questi manipoli se ne sono
tagliali molti, di nuovo si prendono per mano, e
si taglia ognuno tra la spica e la paglia : le spiebe
si pongono in una corba per farle portare sul-
1' aia, e le paglie si lasciano in terra, e dappoi si
ammucchiano. Nel Piceno si miete iu uu altra
maniera, adoperandoli una pala di legno incur
vata, nella cui eilremil si mette una seghetta di
ferro (a). Con questa si prende un fascio di spi
che, si tagliano, e si lasciano in piedi sopra il
terreno le paglie per essere dipoi tagliate rasente
terra. Nella terza maniera si miete ne* contorni
di Roma e in parecchi altri luoghi, tagliandosi
CAPITOLO XLIX
55t M. TERENTU VARRONIS 55i
io aream defertur ; ubi discedi! i n aperto loco
palam: a q u o potest D o m l o t l t esse palea. Alii
stramentum i stando, ot stamen dictura putant.
Alii ab stratu, quod id sobsteroator pecori. Cum
est matura seges, metendam, com ia e a jugerom
f e r e o o a o p e r a propemodom ia facili a g t o sitis
esse dicitor : messas spicis corbibus io areim
deferre debent.
CAPUT LI
Ab b u i q u a l i * b i s b o f o b t b a t .
Aretm esse oportet io egro, toblimiori loco,
qaam perflare possit veotos ; hanc esse modicam
pro migoitadine tegetis, potissimum rotundi m,
et meditor piallo exlamidtm ( at si plaerit, non
consistit i q a t , et qaam brevissimo itinere extra
aretm defloere possit ; orone porro brevissimam
in rotando e medio i d extremam ), solidi t e r n
pivitim, maxime si est t r gil l t, ne iet<a prtemi-
nosa io rimis ejus grana oblitescint, et recipiiot
qaam, et ostii iperiaot maribus te formicis.
Itaque amaret solent perfuodere ; et enim her-
bt r am (est inimici), et formictrom,et ttlptrum
veqenum. Qaidam t r et m ot habetnt solidam,
vnnniunt lapide, aut etiam Cadoot ptTimentam ;
npnnalli etiam tegunt treta, nt in Btgiennis, quod
ibi siepe id temporis inni oriantar nimbi ; abi e t
retecti, et loci calidi, prope aream faciundom
a mbncal t, qao sacoedint homines io testa tem
pore meriditno.
ivi Ii pi glit alla meti dellt sua a l l e t t i , e lenendo
nella mino sinistra It sot estremit : e perch si
taglia in medio> ossia per lo metto, credo percio
che si sit delta messis, o raccolti (3) : dopo ti
taglii fior di terra e tolto U miao la paglie
che i t i r i t t i sopri terra. Per oontrario quelli
paglia cui i l t i o c i t i l i spici, si porti per met t o
di orbe sali* aia, ore si septra di l l i spici, e l i
pigili si por t i io an laogo ipert o e t i l t scoper
t i ; e forse d i questo pu estere s t i t i detta pa
lea (4). Alcuoi pensano che la pt gli i t i di ci ia
latino stramentum di i verbo start, o restare
t opr t terra, nella stessa guisa che si dice stameJt,
o stime dillo stesto verbo (5) : altri vogliono che
'derivi da stratus, o steso, perch U pi gl i i st
stende sotto il bestiime. Qotndo l i bitda ma
tara , a debbe mietere. Si dice che bista quasi
on* opera per mietere on iogero di b i t d i , porche
il etmpo non sii difficile t mietersi. L t epiche
mietale si mettono in corbe, e poi si portano sol-
Paia.
-----
CAPTOLO LI
Q u a l e DEBBA BSS1BB L* AIA.
Bisogni che P t i t sii on campo aperto oel
laogo pi elevato del medesimo, e che possa es
sere esporta al vento. Questa debb* essere pro
porzioniti t i l t grandezze delle terre lavorate,
piuttosto r ot ondi , ed ilcon poco elevi ti o d
mezzo, cosicch piovendo l* acqua non vi si fer
mi, inzich possi usdre fuori dell* aia per la pi
breve strada (poich nella figura rotonda, la
strada la pi breve, qaella dal centro all* estre
mit). Bisogna che sia formata di terra solida
ben battuti, e spedai mente farli di ereti, accioc
ch il troppo ctldo non le nooet, e non vi n a
scano delle fissare, nelle qoali si nascondino i
grani, vi entri I* toqot, e vi possino entrare sorci
e formiche (t). Per l i qml cosi sogliono bt guar i i
di morchii, perch qoesti quii veleno per 1*er
be, per le formiohe e per le tilpe (a). Alcuni poi,
per tvere un* t i t pi solidi, l i listritno, o V am-
mtllonino. Non mtnctno altri, i qnali la coprono,
oome fanno i Bagienni (3) ; perch ivi, ne) tempo
appunto che il grano sull* t i t . Diacono sovente
de* nembi. Qutndo P t i t allo scoperto, e che il
paese caldo (4), bisogna fare in v i d n i n t i ad
essa degli ombracoli, ove possano andarvi sotto gli
uomini, quando infierisee il caldo del meitod.
-----
553 DE RE RUSTICA LIB. 1. 554
CAPUT LH
1 S SM BIT QUEMADMODUM SPICAS SBCBBVI OPOTBAT,
BT DB TRITURA.
Qaae seges grandissima atqae optima fuerit,
seorsum in aream secerni oportet spicat, ut semen
optimam habeat. E spicis in aream excali grana;
qao fit apud alios jamentis junctis, ac Iribulo; id
fit e tabula lapidibus, aut ferro asperata, quo
imposilo auriga, aut pondere grandi t rahitur ju
mentis junctis, at discutiat e spica grana : aut ex
assibus dentatis cum orbiculis, quod vocant plo-
stellum poenicum. In eo quis sedeat atqne agitet,
quae trahant, jumenta, ut in Hispania citeriore,
et aliis locis faciunt. Apud alios exteritur grege
jumentornm inacto, et ibi agitato perticis, qaod
ungulis e spica exterantur grana ; iis tritis, opor
tet e terra subjactari vallis, aut ventilabris, cum
ent us spirat lenis : ita fit, nt quod levissimam
est in eo, atque appellator acus, evannatur foras
extra irearo, ac frumentum qood est ponderosam,
parum veniat ad corbem.
0------
CAPUT un
D b STIPULA.
Messe facta spicilegium venire oportet, aut
domi legere stipulam : aut si sunt spicae rarae, et
optrae carae, compasci. Summa enim spectanda,
ne in ea re snmtus fractum saperet.
CAPUT LIV
D b V1EDEM1A FAC1BHDA.
Io vinetis uva caro erit matura, vindemiam
ita fieri oportet, ut videas a qao genere uvarum,
et a quo loco vineti incipias legere; nara et prae-
M. I s B i m o Va r r o n e
c a p i t o l o Ln
D e l l a m a n i e b a c o n c u i b i s o g n a s e p a r a r e d a l l e
SHCH8 LA SBMBNZA, B DELLA TREBBIATURA.
Onde li abbia un'ottima semenza, bisogna
mettere a parte nell' aia le spiche che saraono
state prodotte dalla pi bella e dalla migliore
pezza di terra (1). Nell'aia si traono fuori dalle
spiche i* grani ; il che si fa appresso alcuni coi
giumenti e colla trebbia. Questo stramento si fa
con una tavola armata sotto di pietre o di ferro,
sopra la quale salitovi il conduttore, o messovi
un peso considerabile, si fa strascinare da1giu
menti aggiogati, onde dalle spicbe si traggano
fuori 1 grani: ovvero composto di travicelli
forniti di denti e di picciole ruote; e questo
strameato si chiama carretta cartaginese (a). So
pra questa vi sede alcuno pe r condurre i giu
menti che la tirano, come si fa nella Spagna cite
riore e in altri luoghi. Appresso altri si separa il
grano, cacciando tra le spiche una truppa di
giumenti, e battendole nello stesso tempo con
pertiche, fino a che per mezzo delle ogoe siati
interamente separato il grano (3). Battute che
sieno le spicbe, bisogna trarre in alto il grano
con vagli, o con palle, quando soffia un vento
leggiero : con che si fa che quanto havvi misto di
leggiero, ossia la lolla, si getta fuori dell ' aia; e
in tal maniera la biada, per essere pi pesante,
si ripone senza alcun mescuglio nelle corbe.
--^ --
CAPITOLO LUI
DBLLE SPIGHE CHB LASCIAVO ADDIETRO I MIETITORI.
Fatta la raccolta, bisogna vendere (1), o co
glier le spiche lasciate addietro dai mietitori, e
portarle a casa : ovvero, se le spiche tono rare e
gli operai a caro prezzo, bisogna farle pascolare;
imperciocch si debbe aver tempre in vitta V u-
tile, onde in tale faccenda la ipeia non superi il
profitto.
CAPITOLO LIV
D e l l a m a n i e r a d i f a r e l a v e n d e m m i a .
Quando 1' uva sar matura ne' vigneti, cos
bisogner fare la vendemmia, esaminando prima
da quale specie di ava, e da qual luogo del vi
t a
555 M. TKRKNTU VARRONIS 556
oox, el miscella, quam vocant nigram, multo ante
coquitur ; qoo prior legenda i et qnae pars arbu
sti ac vineae magis aprica, prius debet descendere
de vite. In vindemiam diligentius uva non solum
legitur ad bibendum, sed eligitur ad edendum.
Itaque lectius defertur in forum vinarium, unde
in dolium inane veniat: electa in secretam corbu
lam, unde in ollulas addatur, et 1n dolia plena
vinaceorum contrudatur ; alia, quae in piscinam
in amphoram picatam descendat ; alia, qnae in
ream, ut in carnarium ascendat. Quae calcatae
uvae erunt, earum scopi cum folliculis subjiciendi
sub prelum, ut <si quid reliqui habeant musti
exprimatur in eundem lacum. Cum desiit sub
prelo fluere, quidam circumcidunt e i trema, et
rursus premunt : et rursus cum expressum, cir
cumcisi tum appellant, ac seorsum, quod expres
sum est, servant, quod resipii ferrum ; expressi
acinorum folliculi in dolia conjiciuntur, eoque
aqua additur : ea vocatur lora, quod lota aciua,
ae pro vino operariis datur hieme.

CAPUT LV
1>S OLIA L W I I I i .
De oliveto ; oleam quam maou tangere pos
sis e terra, ac scalis, legera oportet potius quam
quatere, quod ea, quae vapulavit, macescit, nec
dat tantum olei ; quae maou stricta, melior ea,
quae digitis nudis legitur, qutm illa quae cum
digitalibus; duricies enim eorum non solum
stringit bacam, sed etiam ramos glubit, ac relin
quit ad gelicidium relectos. Qui manu taogi non
poterunt, ita quali debeat, ut arundine potius
quam pertica feriantur ; gravior enim plaga rae-
dicum quaerit. Qui quatiet, ne adversam caedat ;
saepe enim ita percussa olea secura defert de
ramulo plantam ; quo facto, fruelnm amittunt
posteri anni ; ut haec non minima causa, quod
oliveta dicant alternisanois noa ferre fructus,aut
non aeque magnos. Olea ut uva per idem bivium
redit ia villam, alia ad cibum eligitur, alia ut
gnaio si debba cominciare vendemmiare ; im
perciocch e 1 ava primaticcia, e quella mista,
che chiamano negra, si matura lungo tempo
avanti 1' altra ; per il che debbe essere la prima
a raccogliersi. Parimente dovranno essere le pri-
me a distaccarsi dalle vili quelle ave, le qaali,
sieoo esse maritate agli alberi, o no, sono espo
ste al sole. Nella vendemmia che si fa sotto un
diligente proprietario, non solo si raccoglie 1*ava
per bere, ma si sceglie ancora quella che si mag
gia ; sicch l* ava raccolta (i) si porla nel luogo,
ove si spreme, per riempiere dappoi le botti ; e
la scelta si mette a parie oelle corbe, sia per
riempiere delle picciole olle che si cacci ano den
tro le bolli piene di vinacce (a), sia per conservarla
in anfore impegolate e che si mettono ia con
serve d acqua, sia per riporla io a a aito allo,
per poi attaccarla io alto nella dispensa (3). Quan
do poi i grappoli saranno stali pigiati, bisogne
r spremere nel torcolo i racimoli de* grappoli
in uno ai gusci delle uve, onde quel poco di mo
sto che oonlengono, si unisca nella fossa al pri
mo. Quando dal torchio non esce altro mosto,
alcuni sogliono tagliare attorno le vinacce, e
spremerle di nuovo : e quel vino che si trae con
questa seconda spremitura, si chiama in latioo
crcumcisitum(b)ye lo mettono a parte, perch sa
di ferro. 1 gusci dei grani spremuli si ripongono
in botti, e sopra vi si versa deir acqua. Questo
vino si chiama acquerello, perch s* innacquano
i gusci de* grani, e si d agli operai iu luogo di
vioo nell* inverno.
-----
CAPITOLO LV
D e l l a m a n i e r a o i a a c c o g u e e b l * o l i v a .
Dell* oliveto. Quell* oliva cha ta puoi, stando
ia piedi, o per roeuo di scale, toccare colle mani,
bisogna piulloslo raccoglierla colla maoo, che
abbacchiarla ; perch quella che si b a t t a s i sma
grisce e non d molto olio. Raccogliendola colla
mano, sar meglio coglierla colle dila nude (i),
che colle dita fornite di ditali ; imperciocch la
durezza di questi non solo stringe di troppo la
bacca (2), ma scorza ancora i rami, e li lascia
esposti al ghiaccio. Que* rami che oon si potranuo
toccare colle mani, si dovranno piuttosto battere
con canne, ebe ferire colle pertiche ; perch una
ferita considerabile non pu far di meno di me
dico. Chi batter gii olivi, guardisi dal batterli
rovescio, perch sovente abbacchiandoti in tal
modo T oliva, seco strascina anche dei ramo
scelli : dal che oe nasce la sterilit ae* vegnenti
DE EE RUSTICA L1B. I. 558
eliqoescat, ac non tolam corpos intns angaat, sed
edam extrinsecus : itaqne donimim et balneas,
et gymnasiam sequitor. Haec, de qaa fit oleam,
eongeri solet acervatiaa por dies singulos In la-
boiata uti ibi mediocriter fracescat, ac primus
qoisqne acervo* demittatur per seria, ao rata
olearia ad trapeta, in qoae eam tereot molae
oleriae doro et aspero lapide. Olea lecta si ni-
aaium dio fuit in acervis, caldore fracescit, et
olaom foetidam fit. Itaque si neqoeas malore
ooo fice re, io acervis jictaodo ventilare oportet.
Ex olea fractos duplex ; oleam, qood omnibus
notam, et amorca, cojus utilitatem qood igoo-
tant pleriqoe, licet videre e torculis oleariis
floere in agros, ao non solum denigrare terram,
sed moltitudine facere sterilem : cam is hamor
modicos, com ad moltas res, tomad agriculturam
pertineat vehementer, qood ei ream arboram ra
dices infondi solet, maximo ad oleam, t obicuo-
qoe in agro herbo nocet.
-----
CAPUT LVI
D* roaao COVDSIDO.
Agrios : Jam dadom, inquit, in villa sedens
expecto eom clavi te Stolo, dom flroctns io villam
referas. Illo : Em qoio adsum ; venio, inqoit, ad
Umeo, foros aperi ; primam foaoisteiae conduntor
melios sob tecto, qoam io acervis, quod ita fit
joco odio pabolum ; ex eo intelligitar, qaod
peen n t r oqae posito libentias est.
anni. E qaesta ana forte ragione, per eoi di
cono che gli oliveti non produoono fratti eho
ogai seeoodo anno, o che almeno non ne por
tano io eguale abbondante (3). L ' oliva, ugnai*
mente che 1* uva, si porta alla villa pei medesi
mo bivio ; cosicch per una strada si manda quel
la che si mangia, e per 1 altra quella che si spre
me (4), onde il liquore che se ne trae unga non
solo il corpo internamente, ma ancora esterna
mente ; poich questo liquore dee seguire il pro
prietario tanto nel bagno, quanto negli eserciiu
ginnastici (5). Qoella oliva, con coi si fa 1*olio,
si m macchia giorno per giorno sui tavolati (6),
acciocch ivi alcun poco si ammollisca ; e ra-
acun macchio si dee portare con vasi, adattati al
torchio ed al macinatoio, ove l ' oliva sar In
frante sotto alle maeine da olio, le coi pietre
dovranno essere aspre e dare (7). Se 1' oliva rac
colta si lancia lungo tempo in macchio, si am
mollisce col favore del caldo, e prodace an olio
raacido (8). Sicch se non paoi spremere V olio
a buon' ora, bisogoa spargere le olive ammac
chiate, e sventolarle. Dall' oliva si ritraggono
doe liquori ; l ' olio, eh' noto a lotti, e la mor
chia ; la coi utilit, perch molti la ignorano,
perci si vede colare dai torchi da olio sai cam
pi, ove oon solo annerisce la terra, ma collo
troppa qoantit la rende sterile; quando ohe
questo liquore, adoperato moderatameote (9),
pu giovare a molte 00se, e specialmente all* agri-
col tara ; poich si costuma spargerlo intorno allo
radici degli alberi, e particolarmeote intorno
all' ulivo (10), e io tutti qae' laoghi, ove l1erba
nuoce.
CAPITOLO LVl
Del i i f o &a b i l f i ano.
gi da lungo tempo, dice Agrio, che me ne
sto sedato in casa e che aspetto te, o Stolone, colle
chiavi,onde tointrodoca nella medesima i fratti.
Eccomi (1), dico Stolone, arrivato alla porta:
aprila. Primieramente meglio mettere il fieoo
sotto il tetto, che lasciarlo ammucchiato, perch
cosi riesce no pascolo pi grato al bestiame;
essendoch se a questo si metter avanti ddl'uno
e dell' altro, si comprender che proferisce il
primo (a).
M. TERENTO VARRONIS
D i TUTICO COHDEIDO.
Al triticum condi oportet in granaria subli
mia, qoae perflentur Te n t o ab exor lo, ac septen
trionum regione, ad quae nolla aora hnrnida ex
propinqui* locis adspiret ; parielet et s o l a m
opere tectorio marmorato loricandi f s i minus,
ex argilla mixto acere e frumento, et amurca,
qood murem et vermem non patitor e s s e , et
grana facit solidiora, ac firmiora; quidam ipsam
triticum conspergant, cum addant in circiter
ruille modium quadrantal amnrcae. Item alias
aliud adfriat, aat aspergit, ot Chalcidicam a a t
Caricam cretam, aot absinlhiom ; i lem hojas
genens alia. Qaidam granaria habent sab lerris,
speluncis, qaas vocant ot io Cappado
cia ac Thracia ; ali i , ot io Hispania citeriore,
pateos, ot in agro Carthaginiensi, et Oscensi.
Horam solum paleis sabsternuot : et curant ne
humor, aot aer tangere pos>it, nisi cana promitor
ad asum ; quo enim spiritus non pervenit, ibi
non oritur curculio. Sic conditam triticum ma
net vel annos quinquaginta : milium vero plus
annos centam. Supra terram granaria in agro
qaidam sublimia faciant,ut ia Hispania citeriore,
et in Appolia. Qoidam quae non solum a lateri
bus per fenestras, sed etiam sobtus a solo ventas
regelare possit.
CAPUT Lvn
CAPUT Lvm
De VABA ET LEGBMIE1B0S ET U?IS COIDBBDIS.
Faba, legumina in oleariis vasis oblita cinere
perdia incolnroia servantur. Cato ait, uvam amin-
neam minosculam, el rnajorem, et apiciam in ollis
commodissime condi ; eadem in sapa, et musto
recte; qaas sospendas opportunissimas esse du
racinas, et aminneas, et scantianas.
D e l b i p o e b i i l f o b m b b t o .
Ma il formento bisogna chiuderlo in granai
a l t i , i quali sieno esposti ai venti che soffiano
dalla piaggia orientale e occidentale, e fa mestieri
che sieno difesi da ogni aria umida che potesse
penetrarvi dai luoghi vicini. Le pareti e il suolo
debbono essere coperti di marroorino; se no,
quest'intonacato si faccia di argilla mista alla
paglia del formento e alla morchi ; e ci ad og
getto che i sorci ed i vermi non vi possano pene
trare, e che i grani diventino pi solidi e pi
resistenti. Alcuni spruzzano sopra lo stesso for
mento della morchia, di cui ne mettono in opera
an quadrantal (1) in mille moggi allo incirca.
Altri parimente vi trit ano, o vi spargono so
pra altre materie, come della creta diCalcide (a),
o di qaella di Caris, o dell'assenzio, ovvero con
simili cose (3). Certuni, invece di granai, hanno
sotterra delle spelonche che chiamano
come nella Cappadocia e nella Tracia. Altri
hanno de1pozzi, come nella Spagna citeriore e
nel territorio di Cartagioee di Osca. Qaesli cao-
prono il suolo di paglie , e procurano che n
T amido, n l ' aria vi penetrino, se non qaando
si estrae il formento per servirsene (4); posciach
dove non entra aria, ivi non nasce il gorgoglione.
Chiudendosi il formento en queste cautele, si
conserva anche per cinqoant1a n n i , e il miglio
poi per pi di cent' anni. Alcuni fanno aopra
terra, in luogo elevato e nello stesso campo, dei
granai, come gli abitanti della Spagna citeriore
e della Puglia (5) : e qaesli granai non solo pos
sono essere rinfrescati lateralmente dal vento
eh* entra per le fenestre, ma ancora per di sotto
dal vento ripercosso dalla terra (6).
----- -----
CAPITOLO LVm
D e l l a m a h i b e a d i c o h s e & v a e l a y a v a , . i l e g u m i
E L1 UVA.
La fi va e i legumi () si conservano lunga
mente sani nei vasi da olio coperti di cenere. Ca
tone dice (a), che molto bene si conservano nelle
olle 1' uva amminea maggiore e minore , come
anche Tfcpicia. Queste uve pare si coniervano
ottimamente sane nella sapa e nel mosto. Quelle
che pi di tulle si mantengono sane, sospenden-
dole, sono le duracine, le amminee le stanzia^
ne (3).
CAPITOLO LVII
561
DE RE RUSTICA LIR. I. 56
D b r o m i COVDBHDI9.
De pomis, conditiva mala struthea, cotone,
s c a nt i a na, qniriniana, orbiculata, eI qoae aotea
mas t e a vocabant, nunc melimela appellant, haec
omnia in loco arido, et frigido sapra paleas po
sita servari recte potant. Et ideo oporothecas qui
f aci aot ad aquilonem ut fenestras habeant, atqoe
a l eae perflentur, co raol ; neque tamen sine fori-
colis : a e cum humorem amiserint pertinaci vento,
vieta fiant. Ideoqoe in iis, camaras marmorato,
et parietes, pavimentaqoe (laudabiliter) faciunt,
qao frigidius sit : in quo etiam quidam triclinium
st er oer e solent coenandi causa. Etenim in quibos
l uxnr i a concesserit, ut in pinacothece faciant,
quod spectacolum datur ab arte, cur non qood
natura datum o t a ot ur i o venustate disposita po
morum ? praesertim quidem, cum id non sit
f aci endam, qaod qoidam fecerunt, ut Romae
compta poma ros intulerint ia oporothecen in
struendam convivii causa. In oporothece mala
manere potant satis commode : alii in tabulis, ot
in opere marmorato, ali i substrata palea, vel etiam
floccis : mala Punica demissis sois sarculis in
dolio arenae: mala cotonea, struthea io pensili
bus j un c t i s : contra in sapa condita manere pira
Aniciana, et sementiva ; sorba quidam dissecta,
et io sole macerata, nt pira ; et sorba per se ubi
cunque sint posita in arido facile durare. Servare
rapa consecta in sinape, noces joglaudes in arena,
Punica mala et in arena jam decerpta, ac matara,
nt dixi, et etiam immatnra com haereat in soa
virga, si demiseris in ollam sine fondo, eamqoe
si conjeceris in terram, et obteris circum ramum,
si xtrinsecos spiritus afflet, ea non modo integra
eximi, sed etiam majora, quam in arbore onqoara
pependerint.
CAPUT LIX
-----
D b LLA MAVIS* A DI COMBBVABE LB FRUTTA.
Parlando delle frotta i pomi che si serbaoo,
i cotogni, gli scanziani, i quiriniani,i rotondi (i),
e quelli che prima si chiamavano pomi dolci come
il mosto, o mustea, e che oggi si chiamano pomi
nani, o melimela(2) in latino: tolte qoeste frotta
si couservano ottimamente, per qoanlo si dice,
mettendole sopra la paglia distesa in on luogo
arido e freddo (3). E perci qoelli che faono
delle conserve per le f r a t t a , procorano che
queste abbiano delle feneslre verso aqoilo-
ne, e che il vento vi possa entrare libera
mente: n per trascurano di mettervi delle por-
ticelle, acciocch, in grazia della continuazione
del vento, non perdano tutto il succo, e non di
ventino appassite. Per la qoal cosa incrostano le
volte, le pareti e il pavimento di roarmorino (4)?
onde le couserve sieno pi fredde. In queste
sogliono pure alconi mettervi de* Ietti per man
giare. Imperciocch qoelli, i c^oali, a motivo di
lasso, mangiano (5) in tinelli forniti di quadri,
spettacolo che oon si riconosce se non dall* arte,
perch non potranno servirsi dello spettacolo
somministrato loro dalla natora, distribuendo le
frotta con ordine elegante? Ci p?r verit si po
fare, porche non s ' imilino qoelli, i qoali com
prano delle fratta in Roma, e le portano a for
nire i tinelli di villa col solo oggetto di on con
vito (6). Alconi pensano cbe le frutta si conservino
sofficieotemente sane nelle conserve: altri credono
che meglio si conservino sopra tavole, o sul xnar-
morino (7) ; e certuni sopra la paglia, o anche
sopra la tana. Le melagrane si conservano, met
tendole attaccate al loro ramo in una botte piena
di arena ; e i pomi cotogoi e quelli che si serba
no, attaccandoli in alto (8). Per contrario le pera
aniciane e quelle che sono mature, si mantengono
sane, mettendole nella sapa. Alcuni tagliano le
sorbe e le pera, e le fanno seccare al sole, onde
si conservino facilmente in qualunque luogo cbe
si mettano, purch sia secco ; e le sorbe ai man
tengono sane, sebbene si lascino nel loro stato
naturale. La rapa tagliata si conserva nel senape,
e la noce nell1arena : cos pure si conservano
nell arena le melagrane racclte non tanto ma
ture qoanto ancora immature, ma attaccate
al lor ramo, e poste in un' olla seosa fondo,
e sprofondate in terra : si calpesta all' intor
no del ramo la t e r r a , se dall1esterno pene
trasse l ' aria nell1olla (9). In cotale maniera
non solo si trarranno fuori intere e sane, ma
saranno diventale ancora pi grosse di quello che
se fossero state attaccate all' albero.
CAPITOLO LIX
5*5 M. TERENTII VAERONIS 564
D b o l b a c o b d b b d a .
De olivitate, oleas emi optime condi ieri bit
Cato, orchi tes, et paoses aridas, tei t irides io
nor i a, vel lenii $00 contata. Orchitei nigras, Mie
si tini confricatae dies qoinqoe, et tum tate es
cono biduum ti in iole potitae fuerint, maoere
idoneas solere; easdem line sale in defrutum
condire.
CAPUT LX
CAPUT LXI
Db a m u b c a c o b d b b d a .
Recte amurcam periti agricolae tam in dolili
condunt, quam oleum, aot tinum. Ejus conditio,
cum expressa effluxit, qood stalim de ea deco
quuntur doae partes, et refrigeratum conditur
in vasa. Sunt item aliae conditiones, ut ea, in
qua adjicitur m astum.
----
CAPUT LXH
Db p b o m b b d i s f b u g i b u s t u b b d i c a u s a .
Quod nemo fractus coodit, niti at promat,
de eoqooqoe vel sexto gradu animadvertenda,
panca. Promant condita aut propterea, quod
int tuenda, aut quod utenda, aut quod ven
denda. Ea quae dinimilia innt inter se, alind
alio tempore toendom et utendum.
D l U i I U I I 1 A DI COBSBBVABB LB OUVB.
Riguardo alla maniera dr conservare le olive,
Catone scrive (i), che tra quelle che si mangiano,
si conservano ottimamente le orchiti, o olive gros
se, eie paosee secche (a), mettendole nella salamo
ia, se sono verdi, o nell1olio di lentisco, ae sono
ammaocate. Egli aggiunge, che te le orchiti
nere si fregheranno dentro il tale, e vi si la
scino per cioque giorni, e, dopo scosso il sale,
si espongano al sole* per due giorni, si conser
veranno intere e buone (3). Dice inoltre, che
si possono conservare senza sale, mettendole
nel vino cotto.
----- -----
CAPITOLO LXI
D i l l a m a b i b b a d i c o b s b b v a b b l a m o b c b t a .
Ottimamente i periti agricoltori rinserrano
la morchia in botti (i), in quella guisa che fanno
coll' olio, o col vioo. La maniera di prepararla
, che appena spremuta si fa bollire sino alla
consumazione della met, e ti verta dappoi, raf
freddata, ne* vasi (a). Vi sono pure altre maniere
di prepararla, come quella, nella quale vi si
aggiunge del mosto.
CAPITOLO LX
c a p i t o l o L xn
DsL TBABBB tUOBI I FBUTTV, A MOTIVO DI FBB-
SIBVABL1 SAJII.
Comech nessuno oonserva i frutti che col-
l oggetto di trarneli fuori in progresso, di que
sti pure, ovvero del sesto .grado (i), sono da
avvertirsi alcune poche cose. Si eitraggono i
frutti rinchiusi o per preservarli da qualche
danno (a), o per mangiarli, ovvero per venderli.
I tempi ne* quali si debbono cavare fuori per
preservarli, o per mangiarli, debbono estere va
ni , secondo la differenza de' fratti.
565
D RE RUSTICA LiB. L 566
Q u e m a d m o d u m n u i u m i u t MLOMEVDUM.
Toendi cium promendam id frameotam,
qaod curculiones exeue ioespianl ; id enim cam
promptam est, ia ole ponere oportet qaae ca
lino, qaod eo coaveniuat, at ipsi m aecent cur-
caliooes. Sub terra qui habent frameotam io
iis, quos vocaat JfWf, quod cam pericolo io-
troitur recenti apertione, ita a t quibusdam sit
olerdasa i d m , aliqaaoto post prona ere, qaam
aperueris,, oportet. Far, quod ia spicis condi
deris pe r messem, et ad ojos cibatus expedire
alis, promendam hieme, a t in pistrino pisetur,
ac torreator.
CAPUT LXni
CAPUT LXTV
t ) s AMEBCA TUMIDA AC FBOMESDA.
Amorca cum ex olea expressa, qui est humor
aquatilis, ao retri meo tora conditum io vas fictile,
id quidam sic solent tueri diebus x y , eo, quod
est levissimum ao fammum, dtflatum at trajiciant
in alia vasa, et hoc idem intervallis, doodecies
sex measibai proximis, item faciant. Com id no
vissime, potissimam trajksaiit, cam senescit lana ;
tunc decoquunt in aheois levi igoi duas parte
qaoad regerunt, tam desiqoe ad usam recte
prteaitar.
CAPUT LXV
Da viso MLoauo.
Qood mostom conditur io doliam, a t ha-
beamas vinum, non promendum dam fervet,
neque etiam eam processit ita, ot sit vinom fa
cium. Si vetas bibere velis; qaod noa fit ante,
qaam acqesaerit annus, t am, cam foerit ennica-
I s QUALB M ABUSA SIA DA TSASS1 FPOBI
IL FOBMBBTO.
A motivo di preservarlo sano, si debbe estrar
re qoel formeuto che i gorgoglioui comiociano a
corrodere. Tosto che sia estratto, bisogna met
terlo al sole iu catiui pieni d' acqua, perch nella
medesima i gorgoglioni si ammazzeranno per s
stessi. Quelli che hanoo il fermento sotterra io
quelle caverne che si chiamano 9 % ooo deb
bono trarnelo fuori se non dopo qualche tempo,
dacch si sooo aperte ; perch appeoa fatta I*a-
pertura, si oorre uo grande pericolo a entrarvi
tosto ; e tanto grande, che alcuni hanoo per
dala la respirazione (i). Quel farro che avrai
rinchiuso io ispiche nel tempo della raccolta, e
che vooi preparare, oode cibartene (a), si dee
trar fuori io tempo d ' inverno, per pestarlo nel
pistrino, e per arrosiirlo.
---C---
CAPITOLO LXTV
D i l l a m a k i s i a d i c o s s s a v a s s l a m o o c s i a
S DI BSTSAMLA.
La morchia premula dalle olive, e che oon
altro se non se no liquore acquoso e il fondi-
gliuolo dell'olio rinchiuso in vasi di terra, in tal
modo sogliono alcoui conservarla: passali quin
dici giorni, soffiano sopra il vase, acciocch,
qoaoto vi di pi leggiero e di galleggiante,
passi io altri vasi : replicano parimente qaesta
operaziooe ogni quindici giorni fino a dodici
volte, e per sei mesi continui. Nel fare quest' o-
per azione l'ultima volta, hanoo specialmente at
tenzione di farla a lana vecchia : dopo ci la
(m m i o bollire a lieve fuoco io caldaie, fio tantoch
sia ridotta alla met, e finalmente si cava foori, e
a li Intente allora si pu adoperare.
------* ------
CAPITOLO LXV
D i l l a m a s i b b a d i e s t r a s s e i l viso.
Quel mosto che si mette nelle botti, oode Cara
del vioo, ooo si debbe estrarre quaodo bolle,
come nemmeno subito eh' fatto. Se vaoi beverlo
vecchio, il che oon ha da soocedere che dopo
passato Panno, in allora si po estrarre (i). Se
c a p i t o l o LXin
567
M. TERENTII VARRONIS 568
Ium, prodit* Si vero est ex eo genere a vae, qood
maiore coacescat, antevindemiam contami, aot
venire oportet. Geoera toni yini, io quo Falerna,
quae quanto plorea annos condita habaeroot,
tanlo, com prompta, sont fructuosiora.
CAPUT LXVI
D i OLIA PEOMBITOA.
Oleas albas, quas condideris novas, ti celeriter
promat, niti condideris, propter amaritudinem
illas respuit palatam. Item nigras, niti prius eis
sale maceraris, ut libenter in os recipiantur.
------
CAPUT LXVH
Da l u c a b t p a l m u l a .
Nocem juglandem, et palmulam, et ficum
sabinam quaoto ciliot promas, jucoodiore alare,
qood veluslate ficus fit pallidior, palmula cario
sior, nux aridior.
CAPUT LXVUI
D a UVIS, MALIS, I T SOIBIS POSILI BOt P10MEIDIS.
Pensilia, ut uvae,'mala, et sorba, ipsa osten-
dant, quando ad osum oporteat. promi : quod
colore mutato et contractu acinorum, si non dem-
seris ad edendam, ad abjiciendum descensarum
se minitantur. Sorbum matorum mite conditam
citius promi oportet, acerbam enim suspensam
lentias est ; quod prias domi maturitatem asse-
qoi vult, quam nequit in arbore qoam mitescat.
poi di quella specie di ifva, per cui inagrisca a
booo1o m , bisogoa beverlo avanti la vendemmia,
o venderlo. Vi sono alcune specie di vini, e tra
qoesti si annoverano quei di Falerno, i quali
quanti pi anni si tengono rinchioti (a), tanto
maggiormente rendono, qaando ti estraggono.
CAPITOLO LXVI
D l L TIMPO P I I BCTEAEIE LB OLIVI.
Le olive bianche che avrai rinchiuse, se trop
po presto le caverai ancora nnote, e se di nuovo
non le rinserrerai, a motivo della troppa ama
rezza, non saranno grate al palato (i). Parimente
le nere v se prima non le terrai taffete nel sale,
non saranno ricevale volentieri in bocca.
c a p i t o l o L xvn
D i l l a h o c b i d e l d a t t b i o .
Quanto pi per tempo si estraggono le noci,
i datteri e i fichi sabini, tanto pi riescono grati,
perch i fichi vecchi contraggono la muffa, i dat
teri si tarlano, e le noci si seccano.
----- -----
CAPITOLO LXVm
D l L TBMPO DI ISTEAEIE LB UVE, 1 POMI, L I t o a s t
SOSPESE I I AEIA.
Le fruita sospese in aria, come I* uva, i pomi
e le sorbe, dimostrano di per t tiesse, qaando
bitogna estrarle per mangiarle; perch il cangia
mento di colore e il diseccamento dei grani di
ava ci minacciano, che se non ci daremo premu
ra a distaccare queste frutta per mangiarle, ci
converr poi levarle di luogo per estere gittate
altrove. Le torbe mature e njolli rinchiuse (t),
debbouti et trarre pi pretto di quello che se si
fossero sospese acerbe, perch chi vuole che si
maturino in casa, non dee lasciare che le sorbe
diveolino prima molli soli* albero (2).
569
DE RE RUSTICA LIB. I.
Da r u i i p i o m i i d o v i l a d c i i a i u , v u a d s a -
TIOIEM, TI L AD VIIDUDUM.
Mena m far promendam hieme io pii trino ad
torreodom, qaod ad oibatam expeditam et se
velis. Qaod ad sationem, tam promendam, cam
egelet matarae tool ad accipieodam. Itera qaae
pertinent ad sationem, tuo qaoqae tempore pr-
menda. Qaae tendenda, fidendum, qaae quoque
tempore oporteat promi; alia enim, quae manere
oon pot ino t, ante qaam te commutent, a t celeri
ter promat, ao' T e n d a t : alia qaae ter Tari pouuot,
ut tom vendat, com caritas etl; taepe enim diu-
tiut servata non modo aiuram adjiciaut ; sed
eliam fractum duplicant, ti tempore promas. Cura
haec dicerei Stolo, T e n i t libertas aedilumi ad
not f l e n t , el rogai ot ig no tea mas quod timut
relenti, et nt ei ia funai poslridie prodeamas.
Oqmet cootargimat, ac timul exclamamus, quid
in f a n n t ? qaod faoat ? qnid est factam? Ule
flent n a r r a i , ab neteio quo percunara cultello
conciditte, qaem qai esset, animadvertere in
t or ba non potuiste, ted tantummodo exaaditte
vocem, perperam fecitte. I pse , cam patronam
d o m a m tuitaliiset, el paeros dimisisset ut medi*
com requirerent, ac mature addacerent ; .qaod
pot iot illad adrai istrtssel, qaam ad nos venisset,
aequum ette tibi ignotei. Nec ti eum serrare non
potuisset, q u i n non multo post animam efflaret,
tamen palare te fedite recte. Non moleste feren
te! deicendimot de aede, el de caso haraano ma
gia quaeren t e i , qaam admiranlet id Romae
factam, ditee dim a t omnet.
CAPUT LXIX
Del t e m p o d i i r r i A i i i i l p a i i o p e e m a i o i a i i i ,
O P I I IIM1IAISI, O P I I ' TI I DBISI .
11 farro mietuto, e che T u o i appretiare per
eitere mangiato, ti debbe etlrarre in tempo di
i n T e m o , e portare oel pitlrino per arroilirlo(i).
Quello che deitinerai alla temina, lo caverai al
lora che le terre arate taranno in iitato di rice-
Te r l o . Parimente tulli que grani che t o n o detti-
nati per semema, t i debbono eitrarre n e l mo
mento di etsere adoperati. Riguardo a qae* grani
che t o n o da T e n d e r t i , bitogna vedere quale t ar i
il tempo pi conveniente a ciatcheduno per
etlrarli ; imperciocch alcuoi che non poitono
durare lungamente senza guastarsi, bisogna ,
estrarli presto, e venderli; e quelli che si conier-
Tano tani lungo tempo, non Tanno venduti, te
non quando tono a caro prezzo; imperciocch
alcuni grani conservali lungamente, non tolo ci
danno l ' usura del Ta l or e, ma raddoppiano anche
il capitale, se a tempo opportuno si estraggono.
dicendo tali cose, ecco che a n o i ten Ti e n e
piangendo il liberto del cuttode del tempio, il
qaale a n o m e del tao padrone ci prega di perdo
nargli, perch si fallo-aspettare, e nello s t es s o
tempo ci prega di assistere a1suoi fanerali nel d
vegnente (a). Tulli ci lerammo, e insieme escla
miamo : che cosa mai la ci dici ? ai suoi funera
li? e di q n a l funerale t a parli? che mai acca
duto ? Egli colle lagrime agli occhi ci racconta
che i l suo padrone stato ammazzato da un in
cognito con an colpo di coltello ( che tra la folla
n o n ha potuto distinguere I*uccisore, e che tol-
tanto ha adito una voce, la quale diceva di avere
ci fatto inavTertentemente (3). Egli aggiunte
eh* era ben giuilo che gli ti dovette perdonare,
te prima d ' allora non era a noi venato, per
eisere stato occupatp in condurre a casa il
padrone, e in mandare per mezzo d e i fami
liari a ricercare un medico, acciocch met
tesse in opera qaanto era necessario. E quan
tunque con tatle queste care non abbia potuto
ottenere che da l a poco tempo non morisse,
credeva nonostante di aver fatto qaanto doveva.
Gli menammo per baone queste scuse e ci par
timmo dal tempio, pi intesi a deplorare qaeita
umana vicenda, che sorpresi di una catastrofe di
questi natura accaduti in Roma.
CAPITOLO LXIX
M. Tee sazio V Aiaosa i l
M. TERENTII VARRONIS
DE R E R U S T I C A
LIBER SECUNDUS
--------------------------------
PROOEMIUM
D t B t BBCQABIA.
V i r i magni nostri majores non sine cansa prae
ponebant rustico* Romanos urbanis ; ut rori
enim, qui in villa vivunt ignaviores, qaam qui in
agro versantor in aliquo opere faciuudo : sic qui
in oppido sederent, quam qai rura colerent, de
sidiosiores putabant. Itaque annum ita diviie-
rnnl, ut nonis modo diebus urbanas res usurpa
rent, reliquis vii ut rura colerent. Quod dum
servaverant institutum, utramque suut consecu
ti, nt et cultura agros foecundissimos haberent,
et ipsi valetudine firmiores essent : ac ne Grae
corum urbana desiderarent gymnasia, quae nunc
vix salis singula sunt : nec putant se habere vil
lam, si non multis vocabulis reliueant Graecis,
qanm vocent particolatira loca, vfoxoirvayva-
enro4tnrnftOfi 'Tif/<fu\ov, o ? t r i -
fifUSroj otmfolhixnv. Igitur quod nane intra
marum fere patres familiae correpseront relictb
falce et aratro, et manas movere maluerunt in
theatro ac circo, quam in segetibus ac vinetis,
frumentum locamus, qui nobis advebal, qui sa
tari fiamus ex Africa, et Sardinia : et navibos
vindemiaib condimus ex insula Coa, el Chia.
INTRODUZIONE
D l L BtSTIAHB.
]Von senia ragione i pi distinti nostri antenati
preferivano i Romani della campagna a quelli
di citt : parimente riguardavano come pigri
ed inerti quelli che vivevano nel recinto della
villa, in confronto di coloro che lavoravano alla
campagna ; e del pari coloro che sedevansi al-
1*ombra della villa, erano riputati infingardi a
petto di qaelli che lavoravano la terra. E per
questo motivo eglino divisero Tanno in maniera,
che non si dovessero trattare gli affari della villa
se non ogni nove giorni, e che negli altri sette si
dovesse attendere alla coltivazione della terra ( i ) .
Fino a tanto che si tennero a quest oso, due
beni ottennero ; quello di avere le terre coltiva
te, e quindi pi feconde, e di godere essi mede
simi una sanit pi robusta : e quello di ooo
desiderare gli esercizi! ginnastici che i Greci
hanno nelle loro citt ; perch oggid che li
abbiamo lutti, appena ci sono bastauli. E tanto
siamo andati oltre, che non crdiamo di avere
una villa, se essa non risuoua (a) di una folla di
nomi greci corrispondenti ai varii luoghi che
la compongono, come rfoxoirmra (3), xaXai'-
M. TLRENTU VARRONIS
Itaque in qua terra colleram agri docuerunt
pastores progeniem suam, qoi condiderunt ur
bem, ibi contra progenies eorum, propter avari-
tiara, contra leges, ex segetibus fecit prata, igno
rantes non idem esse agriculturam, et pastionem;
alins enim opilio, et arator : nec si possit in agro
pasci, armentarius non aliud ao bubulcus. Ar
mentum enim id, quod in agro natum non creat,
sed tollit dentibus; contra, bos domitos causa
iit, ot commodius nascatar frumentum in segete,
el pabulum in novali. Alia, inquam, ratio ac
scientia coloni, alia pastoris ; coloni, ut ea quae
in agricultura pascantur e terra, fructum faciant;
contra pastoris, ut ea quae nata ex pecore;
quarum quoniam societas inler se magna, pro-
ptereaquod pabulum in fundo compascere, quam
vendere plerumque magis expedit domino fundi ;
t stercoratio ad fructus terrestres aptissima, el
maxime ad id pecus appositum : qui habet prae
dium, habere utramque debet disciplinam, el
agriculturae, et pecoris pascendi, et etiam villa
ticae pastionis. Ex ea enijn quoqne fructus tolli
possunt non mediocres, ex ornithonibus, ac le
porariis, et piscinis. E queis quoniam de agricul
tura librum Fundaniae uxori propter ejus fun
dum feci : tibi Niger Turrani noster, qui vehe
menter delectaris pecore, propterea quod te
emtnrientem in campos Macros ad mercatum
adducunt crebro pedes, quo.facilius sumlibos
multa poscentibus ministres, quod eo facilius
faciam, quod et ipse pecuarias habui grandes, in
Appulia ovialias, el in Beatino equarias : ( Qua )
de re pecnaria breviter ac summalim percurram,
et sermonibus nostris collatis cum iis, qui pe
cuarias habuerunt in Epeiro magnas, tum cura
piratico bello inter Delum et Siciliam Graeciae
classibus prae essem, incipiam hinc.
(4) > ( 5), (6) > o f r i -
ScSva (7) > (8), qt vq (9). Per la
qual cosa oggid quasi tutti (10) i padri di fami
glia a poco a poco si sono introdotti dentro la
mura della citt, hanno abbandonato la falce
T aratro : e perch amiamo di oonsecrare lo
uostre mani al teatro e nel circo, piutlosloch
alla campagna o nei vigneti ; perci siamo ridotti
al caso di eleggere all'incanto (11) chi per satol
larci ci porti la biada dall1Africa e dalla Sarde
gna, e siariao nella necessit di ricorrere alla
navigazione per t rarre il vino dall1isola di
Coo (ia) e di Chio. Per tal motivo adunque quel
paese che fu fondalo da1pastori che insegnarono
ai loro figli I1agricoltura (iB), oggid i discen
denti dei medesimi, per avarizia e in disprezzo
delle leggi, porgono un esempio contrario, aven
do ridotto le terre lavorate in prati, senza far
attenzione che l1agricoltura molto differente
da quell arte eh1 in lesa a nodrire il bestiame;
imperocch altra cosa il pastore* ed altra cosa
l ' aratore: e quantunque il bestiame si possa far
pascolare ne1campi coltivali, nulladimeno diffe
risce il cnslode del medesimo, quando pascola,
dal boaro che Io conduce, quando lavora. Di fatti
le mandre del bestiame non producono biade,
anzich le distruggono coi denti: per contrario
il bue addomesticato, caosa che nascano pi
lietamente le biade nelle terre lavorate, ed i
pascoli nel maggese. 11 metodo, io dico, e ta
scienza dell1agricoltore, differisce da quella del
pastore : quegli fa in guisa che ritrae frulli dalla
*terra, mediante i prodotti originati dairagricoU
tura; per contrario questi trae profitto da quanto
nasce dal bestiame (i4)* Ma poich queste due
arti hanno un intimo legame Ira di loro, perch
d'ordinario giova pi al proprietario del terreno
che il pascolo sia consumalo dal bestiame sulla
tenuta, che venduto; e poich I1ingrasso della
terre molto acconcio a fare che la terra frutti,
e specialmente essendo mollo a proposito il con
cime del bestiame ; perci ogni possessore di
fondi debbe abbracciare questi due oggetti, Tarla
cio deli1agricoltura, e quella d1ingrassare non
tanto il bestiame, quanto ancora gli animali che
si allevano nel recioto della casa rusticaua (i5J.
Da quest1ultima arie si possono trarre egual
mente frutti non pochi, come dalle uccelliere,
dai parchi e dalle peschiere. E siccome di una di
queste, cio dell1agricoltura, ho composto gi
un libro per Fundania mia moglie, acciocch a
norma di questo possa coltivare la sua tenuta;
cos a te (16), o mio Niger Turranio, indirizzo
questo secondo trattato, perch ti diletti mollis
simo del bestiame, e per comperare il quale ti
porti sorente al mercato nelle terre bagnale dal
577
DE RE RUSTICA UB. II.
57S
CAPUT I
Ds VXCVDIBUf, AEIETISDS J t t AGHI.
Cam Menste diseessisset, Cossiniot raihi :
No te non dimittemus, inquit, snte qaam tria
ilia explicaris, qaae coeperas no per dicere, cum
soma ioterpelhti. Quae tria, inqoit Adorno?
An ea, qaae mih beri dixisti de pasloricia re ?
Ista, inqoit ille, qaae coeperat hic disserere, quae
easet origo, qoae dignitas. quae ar : cum Petam
fesnm visere venissemus, ni medici adventus nos
interrupisset. Ego vero, inquam, dicam duntaxat,
qood est / o-rofixor, de duabus rebus primi, quae
accepi, de origine, et dignitate ; de tertia parte,
abi est de arte, Scrofa suscipiet ; a t semigraecis
pastoribus dicam Graece,. . . osr<r'p fjut ro&or
aptirmv. Nam is magister C. Lucilii Hipri generi
toi, cujo nobile pecoariae in Brotii habeatur.
Sed haec iUi a nobis accipietis, inquit Scrofa, al
vos, qui estis Epirotici, pecaarii athletae, rema
neremini nos, ac quae sciti, proferatis in me-
dium. Nemo enim omnia potest scire. Cum acce
pissem conditionem,ot meae parte essent primae
(oon quo ion ego pecoarias in Italia habeam, sed
non omne qai habent citharam, sunt citharoedi).
Igitor, inquam, et homines et pecua cura semper
fuisse sit necesse natura (sive enim aliquod fuit
principium generandi sniraaliutg, ot puUvit
Thales Milesias, et Zeno Cittieus : sive contra
principium horum extitit nullum, ut credidit
Pythagora Samius, et Aristotele Stagerites),
necesse est humanae vitae a summa memoria gra
datim descendisse ad haoc aetatem, at scribit
Dicaearchus : et summum gradum fuisse natura
lem, cum viverent homines ex iis rehos, quae
inviolata altro ferret terra : ex hac vita io secan
dam descendisse pastoriciam, e feris atqae agre
Macra (17), onde con questo mezzo poter sup
plire facilmente alle molte spee che per vivere
si ricercano. Di leggieri soddisfar a questo,
perch io stesso ho posseduto numerose truppe
sia di pecore nella Puglia,sia di cavalli nel terri
torio di Campo Pendente. Laonde brevemente
sommariamente tratter del bestiame, riferen
do parimente non solo i discorsi (18) che ebbi
con qoelli, i quali allevarono nell1Epiro nume
rose truppe di bestiame, ma ancora quelli che
ebbi eoa altri, quando nella guerra dei Pirati
presiedeva alle flotte della Grecia tra Deio e Is
Sicilia (19). Dar dunque principio da qaesli
discorsi.
c a p i t o l o 1
Da l l *o b j o i s s s d e l l 1 e c c e l l e n z a d a l l a
SCIBffZA I>s FASTO EX..
Essendosi partito Lena (1), Cossinio volse il
discorso a me, e disse : Non ti lasceremo partire,
se prima non ci spieghi que tre punti che test
avevi presi per mano, quando fummo interrotti.
Quali sono questi tre p a o l i , dice Murrio ? Non
sono forse quelli, dei quali mi parlasti ieri, e che
riguardano la scienza dei pastori ? Appunto ci,
disse Cossinio. Yarrone aveva cominciato a disser
tare sopra questa materia presso Peto (a), cui
andammo a visitare, perch ammalato, e ad esa
minare quale fosse la origine di questa scien
za, quale l'eccellenza, e in quale classe di
arti si dovesse riporre, quando fummo interrot
ti (3) dalla venata del medico. Quanto a me, dissi
allora, tratter soltanto la parte storica, cio i
due primi punti, che sono l' origine e l'eccel
lenza di questa scienza, e dir tutto quello che
mi fu insegnalo. La terza parte poi, che riguarda
l ' arte (4), verr trattata da Scrofa ovnri? fxv xoX-
Xor fditviv (5), per adoperare uoa frase greca a
petto di pastori semigreci. Di fatti egli fu mae
stro di C. Lucilio Uipro (6), tuo genero, che si
reso celebre per la bellezza della gregge che pos
siede nella Calabria. Io vi consento, dice Scrofa,
purch voi altri che siete molto abili sull'articolo
delle gregge (7), vogliate ricompensare la mia
compiacenza, dicendo quanto ne sapete, perch
nessuno pu saper tatto. Avendo eglino accettata
la condizione (8) che io dovessi trattare primo di
tutti la parte storica (9) ( non gi perch non
avessi sneh' io delle gregge io Italia, ma perch
non lutti qoelli che hanno una cetra sanno sonar
la ), dissi adunque, che siccome necessario ohe
secondo l ' ordine della natura abbiano sempre
U. TERENTII VARRONIS
libas, al ex arboribus ac virgultis decerpendo
glaudero, arbutum, mora, pomsque colligerent
ad Qiom ; tic ex animalibus, cum propter eandem
utilit lem quae potient silvestria deprehende
rent, ac concluderent, at mansuescerent In queif
primum non tine causa potant ovet assum t as,
et propter utilitatem, et propter placiditatem ;
maxime enim hac natura quietae, et aptissimae
ad vitam hominum ; ad cibum enim lacie at ca-
aeom adhibitum, ad corpus vestitum el pelles
atloleront. Tertio deoiqqe gradu a vita pastorali
ad agriculturam desceoderqnt ; in qua ex duobus
gradibus superioribus retinuerunt multa; et qno
descenderant, ibi processerunt longe, duro ad
nos perveniret. Etiam nunc in locis moltis genera
pecudum ferarum sunt ajiquot, ot in Phrygia
ex ovibus, ubi greges vidntur complures ; ut in
Samothrace oaprarum, quas Latine rotas appel
lant; sunl enim in Italia, circum Fiscellam et
Tetricam montes, multae. De suibus nemini igno
tum, nisi qui aprot uoo putat tues vocari. Boves
perferi etiam nunc soni multi io Dardania, et
Media, et Thracia. Asini feri in Phrygia, et Ly
caonia. Equi feri in Hispaniae citerioris regio-
nibas aliquot.
Origo, quam dixi : dignitas, quam dicam.
De antiquis illustrissimus quisque pastor erat,
ut ostcodit Graeca at Latioa lingua, et veteres
podtae, qui alios vocant voAc/opra*, alios vo\v-
fufXtft, alios qoi ipsas pecudes pro
pter caritatem aureas hahuittepelles tradideruut,
ut Argis Atreus, quam sibi Thyestem subduxe
queritur : ut io Colchide Aeta, ad cojus arietis
pellem profecti regio genere dicuntur Argonau-
esistito uomini e animali (io) (sia che abbia do
vuto esistere an priocipio di generazione degli
animali, come pens Talete di Mileto ( n ) e Ze
none di Chite (ia) ; sia che questo principio ooo
abbia esistito, giusta l'opinione di Pitagora di
Samo (i 3) e di Aristotele di Stagira (i\) ) ; ne
cessario altres, come descrive Dicearco ( i 5), che
T umana vita, secondo le pi antiche memorie,
sia gradatamente ascesa sino all'et presente (16);
che il primo grsdo fosse conforme alla natura,
vivendo'gli oomini di qoe* frutti che spontanea
mente e seni' arte produceva la terra ; e che da
questo primo stato fiero e selvaggio (17) sono di
scesi gli uomini al secondo, cio alla vita pasto
rale, nella quale raccoglievano per gli usi della
vita sugli alberi e sui virgulti i frutti, come le
ghiande, i corbeztoli, le more ed i pomi, a
dagli animali traevano quanto poteva loro easer
olile, al quale oggetto li arrestavano, li rinserra
vano, e li addomesticavano. Non seoxa ragione si
crede ehc le pecore sieno state le prime ad essere
prese,nou tanto perch sono utili, quanto ancora
perch sono facili di essere ingaooate (18); im
perocch queste sono naturalmente molto quie
te e le pi olili per la vita deU a omo, sommini
strando per nostro cibo il latte e il formaggio, e
al nostro corpo la lana e la pelle (19). Finalmente
gli oomioi dalla vita pastorale sono discesi al
terzo grado, cio all agricoltura, nella quale ri
tennero molte cose dei due primi ; e quanto pi
si distaccarono da questi due gradi, tanto pi se
ne allontanarono nel modo del vivere, cosicch
a <jnel ponto in cui lo vegglamo oggid. Anche al
giorno d oggi si trovano in molti luoghi alcune
speci? di bestie selvagge, come nella Frigia, ove
veggonsi molte troppe di pecore selvagge, e nella
Samotracia, ove veggonsi delle capre selvagge,
dette dai Latini rotae (ao). Di queste se ne trova
no pure molte nell'Italia p necoutorni delle mon
tagne di Fiscello (ai) e di Telrica. Ognuno se
esservi de porci selvaggi quando non ti voglia
dire che ai cinghiali non convenga il nome di
porci. Anche oggid sooovi buoi selvaggi io
quantit nella Dardania, nella Medica (aa), e nella
Tracia ; cos pure degli asini selvaggi nella F r i
gia e nella Licaonia, e de carelli parimente sel
vaggi in alcune contrade dell* Spagna citeriore.
Ho parlato dell origine; ora dir dell eccel
lente del bestiame. Tra gli antichi, i personaggi
pi illustri erano pastori, come si vede dalle
esprettioni della lingua greca e latina, e dalla
lettura dei poeti, i quali chiamavano i loro eroi
ora voAt/ofitaf (a3), ora vo\u(i*\x( (a4), ora <ro-
Xvfin rat (a5). Questi medetimi poeti raccontano
eziandio ch eranvi del bettiame, le cui pelli era
no d oro, per dinotare il loro gran costo, come
DE RE RUSTICA LIB. II. 56a
toc: al in Libya ad Heiperidn, nude aurea mala,
id est, secati dora antiquata consuetudinem, ca
pras et oves, (qnas) Hercules ex Africa io . Grae
ciam exportari t. Ea enira sua voce Graeci appel
la nini fuxka* Nec multo secos nostri ab eadem
voce, aed ab alia litera ; vox earum non me, sed
bee tonare videtor ; ovei baciare vocem eflferen-
tes : a <pio belare dicunt, extrita litera, ul in
multis. Qaod si apud antiqaos non magoae digni-
tatis pecu* esset, in coelo describendo astrologi
non appellassent eorum vocabulis signa, quae
non modo non dubitarunt ponere, ed etiam ab
bis principibus xu signa multi nomerant : ut ab
ariete et tauro, cam ea praeponerent Apollini, el
Hercali ; ii enira dii ea seqauotur, sed appellan
tor Gemini. Neo salii putaront de xn signs
sextam parte obtinere pecodom nomina, nifi
adjecissent, ut quartam tenerent, caprieornnm.
Praeterea a pecuariis addiderant capram, baedos,
canes. An non etiam item in mari terraque ab bis
regionum notae? (a pecore) in raari, quod nomi
naverunt a capris Aegeam pelagns : ad Syriam
montem Tauram : In Sabinis Canterium mon
tem : Bocpborum ooum Thracium, alterum Cim
meriam. Nonne in terris multa, ul oppidam in
Graecia 19*109 afyojf Denique. Italia a vitulis,
ul scribit Piso. Romanorum vero popalnm a
pastoribus esse ortum quis oon dicit ? quis Fau
stulum nescit pastorem fuisse nutriciam, qni
Romulum el Remora educavit ? oon ipsos quo
que fuisse pastores obtinebit, quod parilibus
potissimum condidere or beni ? 000 idem, quod
multa etiam nunc ex Teiere instituto bobus et
ovibus dicitar? et qaod aes antiquissimum, quod
est Batum, pecore esi notatam? El quod urbs
cum condita est, tauro, et vacca, qui essent muri
et portae definitum ? Et quod populas Romanas
cam lustratur, suovitaurilibus circamaguntur ver
res, aries, taorus ? El quod nomina mulla habe
mus b utroque pecore : a ma jore, et a minore ?
minore, Porcius, Ovinius, Caprilios : sic a
majore Kquitias, Taafos cognomina adsigoifi-
cari,.quod dicuntur ut Annii Caprae, Statilii
Tauri, Pomponji Vituli: sic a pecndibus alii
multi. Reliqoom est de scientia pastorali, de qaa
est dicendam ; quo Scrofa noster, cui haec aetas
defert rerum rustiearum omnium palmam, quo
melius poles, dice.
quello d Argo, per coi Alreo (a6) st lamenta,
perch gli fa rubato da Tieste (37) ; quello di
Aeta (28) nel Coleo : ool eran vi degli arieti, e
per acquistarne il vello partirono de* principi di
regia stirpe, conosciuti sotto il nome di Argo
nauti (39). Tale era finalmente quello che trova*
vasi presso gli Esperidi nella Libia, paese dAfri
ca, da coi Ercole (3o) trasport in Grecia le mala
doro, le qoali, secondo l uso eolico di dire, oon
sono altro che le capre e le peoore. Queste si chia
marono, a motivo della loro voce /tinXo oome pres
sappoco i nostri, con un altra lettera bens, ma
a motivo della medesima voce (perch la voce di
queste non pare che noni me, ma bee) dicono
che le pecore esprimono la voce belare ; nel che
hanno levato una lettera, come sogliono fare in
molte etimologie (3i). Che se tra gli antichi non
fosse stato molto stimato il bestiame, gli astrono
mi non avrebbero nella descrizione del cielo
tolto da esso dei nomi per denotare i segni, e
non solo non ebbero alcun dubbio in ci fare,
che anzi molti nell eoumerasione..dei dodici
segoi misero alla testa qoelli che portano qoeate
specie di nomi, dando, per esempio, all* ariete
ed al toro la preferenza sopra Apollo ed Ercole :
e quantunque questi sieno dei, non sono collo
cati che nel secondo posto sotto il nome di Ge
melli (3a). N solameute hanno creduto sufficien
te che la sesta parte dei lodici segni traetsei
nomi dal bestiame, ma hanno aggiunto ancora il
C a p r i c o r n o , acciocch oocupasse (33) la quarto
parie. Inoltre dal bestiame trassero anche la
capra, il becco ed il cane. Forse; che molte con
trade del mare e della* terra (34) n o n si sono di
stinte con questi nomi? Trassero dal bestiame il
nome per contrassegnare il mare Egeo (35), il
monte Tauro (36) verso la Siria, il monte Canle-
rio(37) nel paese de* Sabini, ed i due Bosfori (38),
l uoo Tracio e l'altro Cimmerio. Forse che molti
paesi di terra non furono egualmente contraddi
stinti, come quello oella Grecia (39) chiamato
' r r / o r (40) Finalmente l Italia cosi
detta dai vitelli (4 0 , come scrive Pisone (4*). Chi
dir poi che il popolo roipano non tragga la sua
origine dai pastori ? E chi ignora che Faostulo (43)
non sia stato qoel pastore ohe abbia allevato Ro
molo e Remo ? E v luogo a dubbio che questi
medesimi non sieno stati parimente pastori (44)>
perch nella fondazione della citt scelsero spe
cialmente il giorno delle parilia (45) ? Non si
pu concludere lo stesso anche da ci, cbe oggid
si condannano i colpevoli, secondo I uso antico,
ad on ammenda in buoi ed io pecore (46) ? che
la pi antica moneta coniata aveva un improoto
di bestiame ( ^ ) ? che quando si fabbricata la
citt, si sono adoperati un toro ed una vacca,
58J
M. TERENTII VARRONIS
Cam convertissent io cam ora omnei, Scrofa :
Igitur, inquit, est scientia pecoris parandi, ac
pascendi, ut fructus quam possint maiimi capian
tur ex ea, a qoibuf ipsa pecunia nominata est;
u n omuis pecuniae pecus fundamentum. Ea
partes habet novem discretas, ter ternas.: ut sit
una da minoribus pecudibus : cujus genera tria,
ovi, capra, sos; altera de pecore roajore, in quo
suat item d tres species natura discreti, boves,
asini, equi ; tertia pars est in pecuaria, quae non
paratur, ut ex iis capiatur fructus, sed propter
eam; aut ex* ea sio t, muli, canes, pastores. Harum
unaquaeque in se generales partes habet novenas,
quarum in pecore paraodo neoessariae quatuor;
alterae in pascendo totidem; praeterea communis
una. lia fiunt omnes partes minimum octoginta
t una, el quidem necessariae, nec parvae.
Primum ut bonum pares pecus, anum scire
oportet, qua aelale quamque pecudem parare,
habereque expediat. Itaque in bubulo pecore
minoris emitis anniculam et supra decem anno
rum, quod a bima, ant trima fructum ferre inci
pit, oeque Jogius post decimam annum procedit.
Nam prima aetas omnis pecoris, et extrema, sle-
rilis. quatuor altera ars est cognitio formae
uniuscujosque pecudis, qualis sit. Magni enim
interst, cujusmodi quaeque sit, ad fructum. Ita
potius bovem emunt cornibus nigrantibus, quam
albis: capram amplam, quam parvam : sues pro-
oero corpore, capitibus ut sint parvis. Tertia pars
st, quo sint seminio quaerendum. Hoc nomine
enim asi i Arcadici in Graeoia uobilitati, io Italia
insieme Aggiogati (48), per descrivere il luogo
delle mura e delle porte? che quando il popolo
romano vuole purificarsi (49), le vittime solenni
chittm%le suoviiaurilia (5o), che si conducono
attorno di esso, sono un verre, Un ariete ed un
toro? e fiqalmente da ci, che noi medesimi ab
biamo tratto molti nomi da tultaddue le specie
di bestiame? Dal piccolo (5i), per esempio, si
sono tratti Porcius (5a), Ovinius (53), Capri
lius (54) ; e cos dal grande quelli di Equitius (55),
Taurius (56), Asinius (57); I cognomi eziandio
si trassero dal bestiame, chiamandosi gli Annii
Coprati gli Statilii Tauri, i Pomponii ^7/ii/i(58):
del pari molti altri cognomi si trassero dal be
stiame. Ora resta a parlare della scienza pasto
rale, di cui tratter il nostro Scrofa, come quegli
che a questet primeggia, e che per conseguen
za pu parlarne meglio di lutti (59).
Avendo'tutti rivolti gli occhi verso Scrofa,
cos disse : Quella scienza che insegna a compe
rare ed a nodrire ii.besliame in guisa che da
questa si traggano i maggiori frutti possibili si
chiama pecuaria per questi frutti medesimi;
imperciocch la base di tutta la scienza pecuaria
il pecuSs ossia il bestiame (60). ssa comprende
nove parli dislinte* o almeno tre. La prima si
aggira sopra il piccolo bestiame, di cui ve ne
sono tre specie, cio le pecore, le capre ed i por
ci : la secouda abbraccia il grosso bestiame, di
cui si coniano ugualmente tre specie distinte dal
la nalnra, che sono i buoi, gli asini ed i cavalli :
la terza parte comprende quel bestiame che non
si compera ad oggetto di. trarue. de' frutti, ma
coll oggetto solo che si abbiano (61) muli, cani
e pastori. Ognuna di queste nove parti ne com
prende altre nove (62) ; quattro delle quali ri
guardano la compera del bestiame, quattro il
mantenimento di questo, ed inoltre pna eh' co
mune. In tal modo si forma un totale di ottan-
tuna parte almeno, ma tutte necessarie, e non
picciole.
Primierameote per comperare on buon be
stiame, una cosa necessaria a sapersi 1 et, nel
la quale giovi pi provvedere le differenti specie.
Sicch, parlando de' buoi, si debbono comperare
a minore prezzo quelli di un anno, e quelli che
oltrepassano i dieci, perch non producono frut
ti che nel secondo, o terzo anno, e cessano di
fruttare oltre il decimo ; perch quel bestiame
eh' sterile nella sua prima et, lo parimente
anche nella sua ultima. La secooda delle quat
tro parti che hanno per oggetto la compera,
consiste nel conoscere la forma di ciascheduna
specie di bestiame ; importando mollissimo di
saperla, perch influisce sui frulli : per questa
ragione si compera pi volentieri un bue che
565 DE RE RUSTICA LIB. II. *86
Bottini, usque eo, ut mea memoria asinus venie-
rii extertiis millibai l x , et ante quadrigae Ro
rate constiterint quadringentis roillibns. Qoarta
per s est (de jure io parando), quemadmodum
quamque pecudem emi oporteat civili jure. Qood
enim alterius fuit, id ot fiat neam, necesse est
aliquid ioteroedere. Neqoe in omaibns satis est
stipulatio, aut solutio nomorum ad mutationem
domini. Io emtione alias stipulandam statim,
case e vale ladina rio, aliai e sano pecore,' alias e
neutro.
Alterae partes qoitoor sont, com jam emeris,
observandae, de pastione, de foetura, de nutricato,
de sanitate. Pascendi primus locas qoi est, ejus
ratio triplex. In qua regione quamqne potissi
mum pascas, et quando, et queis; ut capras io
montoni potius locis et fruticibus, quam in her
bidis o m o pis; equa* coatra; neque eadem loca,
aestiva et hiberna, idonea omnibus ad pascendum.
Itaque greges oviura looge abigantur ex Appulia
io Samnium aestivatum, atque ad publicanum
profitentur, oe, si iuscriptum pecus paverint, lege
sensoria committant. Moli e Rosea campestri
testate exigantur in Gurgures alios montes. Qui
potissimum qoaeque pecudum pascatur, habenda
ratio ; nec solum, quod foeno fit satura equa aut
bosf cum sa es hoc vitent et quaerant glandem :
sed quod ordeum et faba ioterdom sit quibus-
daaa objiciendum, et dandum bubos Inpinom, et
talariis medica et cytisom ; praeterea qnod ante
admissuram dis bos xxx arietibus ac tauris datur
pios cibi, ut vires habeant : foemiois bubus de*
nitar, qood maceseenles melius concipere dican
tar. Seconda pars est de foetura. Nunc appello
faturam a coneepto ad partum : hi enim prae-
gnatioflis primi et extremi fines ; quare primum
videndum de admissione, quo qoaeqoe tempore
at ioeaot facere oporteat ; nam, ut suillo pecori
s favonio ad aequinoctium vernora putant aptum,
ovillo ab arctari occasu osqoe ad aquilae
oteasom. Praeteret habenda ratio, quanto ante
M. T i u n i o V a t o i t
abbia le corna nericce, che bianche ; una capra
di grande corporatura, che una picciola ; e on
porco di corpo alto e di testa picciola. La terza
consiste nell1esaminare la razza, da coi deriva
il bestiame ; perch, io grazia di questa, nella
Grecia sono p stimati gli asini di Arcadia, e
nell' Italia quelli di Rieti: e tanto ci vero,
che io mi ricorJo di aver veduto vendere on
asino sessantan.ila leslerzii, e che ooa muta di
quattro cavalli si pagata in Roma quattro-
centomila. La quarta parte traila delle regolo
del diritto che bisogna seguire nella compera,
e delle forme prescritte dal diritto civile per
la compera di ogni specie di bestiame ; imper
ciocch, oude avvenga che quello, il quale fu
d altri, diventi mio, necessario che abbiano
luogo certe solennit : e generalmente parlando,
per trasferire il dominio non basta la stipula
zione del contralto, come nemmeno lo sborso
del danaro. Quando si compera del bestiame,
bisogna nell* alto della compera fare alcune di
co t a de, cio se esso proviene da un gregge mal-
saoo, o se da un gregge sano ; e le risposte del
veoditore dovranno essere scritte nel contratto:
alcuna volta anche non si fa al venditore al
cuna domanda (63).
Le altre quattro parti da esaminarsi dopo
la compera sono relative al pascolo, al portalo,
alla nutrizione dei parli, ed alla sanit. Riguardo
al pascolo, tre cose sono da considerarsi : il
paese, in cui convenga specialmente far pasco
lare ogni specie di bestiame, il tempo del suo'
pascolo, e il genere di pascolo che gli convie
ne : cos le capre si debbono piuttosto far pa*
scolare ne* luoghi di monte e coperti di frn-
tid, che nelle terre fertili di erbe : facciasi il
contrario relativamente alle cavalle. In secon
do luogo i medesimi terreni non sono ugual
mente buoni in estate ed in inverno pel pasoolo
di ogni bestiame. Per la qual cosa in tempo
di estate si fanoo passare le pecore dalla Pa
glia nell* Abrnzzo, dandole prima in nota ai fi
nanzieri, perch se si facessero pascolare senza
averle fatte registrare, incorrerebbero nella pena
pronundala dalla legge dei Censori (64). 1 muli
in tempo di estate dalle pianare di Rosea si
fanno passare sulle alte montagne Gurguri. Fi
nalmente bisogna avere in considerazione la
specie di pascolo, che conviene ad ogni bestiame:
n solamente da sapersi che si nodrisce it
cavallo o il bue di fieno, il qnale lo schivano
i porci che vanno iu cerca di ghiande ; ma ezian
dio che havvi del bestiame, cui alle volte da
darsi dell* orzo e della fava, che ai buoi da
darsi de* lupini, e dell* erba medica e del citiso
a quelli che allattano. Parimente di stptrsi
qaam incipiat admissura fieri, mares a foemiois
secretos habeant : qaod fere io omnibus biais
meosibus aole faciunt et armentarii el opiliones.
Altera pars est in foelora, quae sint observanda,
qaod alia alio tempore parere solet ; equa euiin
ventrem fert t u menses, vacca decera, ovis et
capra quinos, sus quatuor. In foelura res incredi
bilis est in Hispania, sed est vera, quod iu Lusi
tania ad oceanum in ea regione, ubi est oppidum
Olysippo, monte Tagro, quaedam e veuto couci-
piont certo tempore equae, ut hic gallinae quo
que solent, quarnm ova ornvi/ma appellant. Sed
ex his equis, qui nati pulli, oon plus triennium
vivunt. Qaae nata suut matura et chorda, ut
pare et molliter stent, videndum, et ne obteran
tur. Dicuntor agni chordi, qui post tempus na
scuntor, ac remanserunt in volvis intimis ; vocant
a quo chordi appellali. Tertia res est, de
oatricatu quid observari oporteat, in quo, qoot
diebas matris sugant mammam, et id quo tem
pore, et abi : et si parum habet laciis mater, ut
abjiciat sub alterias mammam, qai appellantor
subrumi, d est sub mamma ; antiquo enim voca
bolo mamma ramis, ut opinor. Fere ad quatuor
menses a mamma non dijunguntur agni, hoedi
tres, porci duo ; e quei*, qooniam puri sunt ad
sacrificium, ut immoleotur, olim appellati sacres,
quos appellat Plaatus, cam ait : Qaanti sunt porci
sacres? sic boves alliles, ad sacrificia publica
saginati, dicuntur opimi. Quarta pars est de sani
tate : res multiplex, ac necessaria ; quod morbo
sum pecus et vitiosum, et quando non valet,
saepe magna gregem afficit calamitate. Cujus
scientiae geoera duo : unum ut in bomioem, ad
quem adhibendi medici ; alterum, quo ipse etiam
pastor diligens mederi possit. Ejus paries sont
tres : nam animadvertendum, quae cujusque
morbi sint caosae, quaeque signa earum causa
rum sint, et quae quemque morbum ratio curan
di sequi debeat. Fere morborum causae erunt,
quod laborant propter aestus, aut propter frigora,
nec non etiam propter nimium laborem, aut
contra, propter nullam exercitationem, aut si
cam exercueris, statim sine intervallo cibum aut
potionem dederis. Signa autem sunt, ut eorum,
qui sive ex aestu, sive e labore febrem habent,
adapertum os, huraido spiritu crebro, el corpore
calido. Curatio autem, cum hic est morbui, haec:
perfunditur aqua, et perunguitor oleo et vino
tepefacto, et item cibo sustinetur, et injicitur
aliquid ne frigus caedat, sitienti aqua tepida
datur. Si hoc geuus rebus non proficitur, dimit
titur sanguis, maxime e capite. Item ad alios
morbos aliae causae, eliara alia signa in omni
pecore, quae scripla habere oporlet magistrum
pecoris.
58;
che per trenta giorni si d agli arieti ed ai t o r i ,
avanti che si accoppino colla femmina, un p i
copioso cibo, onde acquistino forze : per con
trario si sottrae alle vacche, pretendendosi cbe
concepiscano meglio quando sono magre. Lo se
conda parte versa sopra il porlato. Ora.io chiamo
foetura, o porlato, il tempo compreso tra il con
cepimento ed il parto, perch questi sono i p r i
mi e gli ullimi momenti della gravidanza. Laon
de primieramente da aversi in vista V ac
coppiamento, ossia il tempo, in cui bisogna che
il maschio monti la femmina : perch siccome
si crede che riguardo ai porci sia pi acconcio
il tempo eh' tramezzo al tramontar del sole,
nel punto da cui soffia il zaffiro e P equinozio
di primavera ; cos riguardo alle pecore credesi
essere il tempo che scorre tra il tramontare di
arlcro e quello dell' aquila. Inoltre i da sapersi
quanto tempo si debbano tenere separati i ma
schi dalle femmine, avanti che si accoppino per
la prima volta : questo d' ordinario io tutte le
specie di bestiame di due mesi ; e cos appunto
praticano i custodi del bestiame ed i pecorai.
L' altro punto da esaminarsi nel portalo , che
hannovi delle bestie, le quali partoriscono pi
per tempo di altre, perch la cavalla porla il
feto nel ventre dodici mesi, la vacca dieci, la
pecora e la capra cioque, e la troia quattro. Be
lati vameole al portato, io dir una cosa vera,
quantunque incredibile ; ed che nella Spagna
Lusitauica trovami verso I' Oceauo, e in quella
provincia ov1 la citt di Lisbona e il monte di
Sinara, alcune cavalle, le quali concepiscono in
certo tempo per mezzo del vento (65) ; in quella
stessa guisa che sogliono parimente essere fecon
dale qui le galline, le cui nova si chiamauo per-
, ci vvntipta (66). Ma i figli oati dalle anzidette
cavalle non vivono pi di tre anni (67). Sia poi
che i figli uascauo al tempo consueto, o pi tar
di, bisogna aver cura di lenerli netti e con mol
lezza, ed evitare che non sieno schiaociati. Si
dicono agnelli chordi quelli che nasoono dopo
il tempo stabilito dalla natura, e che sono rima
sti pi lungamente inviluppati nelle membrane
interne, chiamate quindi chordi chia
mati (68). Il terzo oggetto si aggira sopra quello
eh* da farsi per la nutrizione de' figli, cio
quanti giorni debbano succhiare le poppe alla
madre ; io qual lempo, ed ove ci sia da farsi.
Che se la madre avr poco latte, si metteranno
sotto le poppe di un' altra : questi ultimi si
chiamano subrumi, vale a dire che sono sotto le
mammelle ; perch, a quel che io penso, rumis
uo vocabolo salico che significava mammella.
Non si distaccano gli agnelli dalle poppe se non
quasi dopo quattro mesi, i capretti in capo a tre,
5M M. TERENTII VARRONIS
5S*
DE RE RUSTICA LIB. II.
.>90
Relinquitur nonura, quod disi, de numero,
utriusque partii commune. Nam et qui parat
pecus, neeesteeat constituat numerum, quot gre
ges, et quanto iit pasturai, ne aut saltus desint,
ant supersint, et ideo fructus dispereant. Praeter
ea scire oportet in grege quot foeminas habeat,
quae parere possunt, quot arietes, quot utri usque
gneris soboles, quot tejiculae sint alienandae.
In alimoniis si sunt plores nati* ut quidam fa
ciunt, sequendum, ut quosdam subducas ; quae
res facere solet, ut reliqui melius crescant. Vide,
inquit Atticus, ne te fallat, et novenae istae
partes non exeant extra pecoris minoris ac ma-
jorii nomen. Quo p e t o enim erunt in mulis
et pastoribus novenae partes, ubi nec admis
surae neo foetorae observantur f In canibus
enim video posse dici. Sed do etiam in homini
bus posse novenarium retineri numerum, quod
in hibernis habent in T i l i i s mulieres, quidam
etiam in aestivis, et id pertinere putant, quo
d i porci dopo due. Quando questi erano puri
per essere offerii in sacrifizio, si chiamavano una
volta sacres (69). Con questo nome si chiamano
da Plauto (70), quando dice : A qual presso sono
i porci sacri ? Parimente i buoi pingui ed ingras
sati pei pubblici sacrifizii, si chiamano opimL La
quarta parte versa lopra la sanit del bestiame ;
e quest' on oggetto diramato e necessario, per
ch il bestiame, quando ammalato, o ha dei
difetti (71), sovente arreca degran mali al gregge.
Questa scienza ha due oggetti : nell9uno si ado
pera il medico, comesi fa per l ' nomo, e oelPal
tro poisooo baita re le cure del pastore. Eisa ss
divide in tre parti, perch bisogna osservare le
cause di ogni malattia, i segni che le caratte
rizzano, e la maniera di medicare ogni malattia.
Quasi tutte le cause delle malattie o riconoscono
il troppo caldo, o il troppo freddo, o un ec
cessiva fatica, o per contrario on difetto di
esercizio, o il cibo e la bevanda data subito dopo
il lavoro senza laidar correre qualche tempo.
I segni poi per conoscere se la febbre nasca dal
caldo o dalla fatica sono la bocca aperta, l t
respirazione umida e frequente, e il corpo cal
do (72). Ecco come si guarisce questa malattia :
si bagna V animale coll' acqua ; si frega coll' olio
e col vino tepido 5gli si d poco cibo (73); si co
pre con qualche drappo, acciocch il freddo
non gli arrechi qualche danno ; e avendo sete,
gli si d dell acqua tiepida. Se questi me
dicamenti a nulla giovano, si cava sangue (74)
principalmente dalla testa. Ognuna' delle altre
malattie ha altres le proprie cause ed i proprii
segni differenti in ciascheduna specie di be
stiame ; del che il sovrantendente al gregge debbe
averne un regiitro in iscritto.
Reit la nona parte, la quale versa sul nu
mero del beiliame, come ho detto (75), ed
comune alle due prime divisioni ; imperciocch
chi compra del bestiame, bisogoa che ne fissi
il numero, che eiamini quante gregge potr
far pascolare, e di quante teste debba ognuna
essere composta (76), aociocch non vengano a
mancare i pascoli, ovvero che ne restino di su
perflui, e che perci vadano a male i frutti.
Inoltre biiogna sapere quante femmine ca
paci di partorire debbansi trovare io un gregge,
quanti becchi, quanti figli di ambi i sessi, e
quante teste sieno da vendersi a nfotivo della
et, o di qualche malattia (77). Riguardo al
nodrire i figli, se la madre ne ha partoriti pa
recchi, si segue il costume di alcuni, i quali li
diminuiscono di numero: e ci si suol Aire,
onde gli altri crdbeano meglio. Vedi, dice Atti-
co (78), di non ingannarti, e che queste nove
parti non escano dai limiti assegnati al bestiame
M. TERENTII VARRONIS
*9*
facilias ad gregei putore* retineant, el puerperio
familiam faciant majorem, et rem pecuariam fru
ctuosiorem. Si, inquam, oumerus non st, ul sit
adamassim, utnoa est, oum dicimus mille naves
iisse ad Trojam, centumvirale esse judicium Ro
mae ; deme (si ?is) duas res de molis, admissu
ram, el pariaram. Vaccins, Pariaram? inquit;
proinde ul non aliquoties dicator Roraae pepe-
risse mulam. Coi ego oi succinerem, sobjioio,
Magonem et Dionysium scribere, molam et
eqoam, cum conceperint, duodecimo mense pa
rere. Quare non, si hic io Italia cum peperit
mola sit portentum, adsentiri omne) terras. Ne-
qoe enim hirundines et ciconiae, qoae io Italia
pariant, io omnibus terris pariunt. Non scitis
palmulas, caryotas in Syria parere in Judaea, in
Italia non posse? Sed Scrofa: Si exigere mavis
sioe mularum foelura el nutricatu numerum
ctoginta et unum, est qui expleas duplicem
istam lacunam : qood extraordinariae fructuum
pecies duae accedunt magnae ; quarum una est
tonsura, quod oves ac capras detondent aat vel
lant: altera, qoae latins patet, est de lacte, et
caseo, qoam scriptores Graeci separatim rafo-
//* appellaverunt, ac acripseroot de ea re
permalta.
caput n
D b p e c u d i b u s , a b i b t i b u s b t a g h i s .
Sed quoniam nos nostrum pensom absolvi-
mps, ac limitata est pecoaria qoaestio : nunc
vnraoi vos reddite nobii, o Epei rotae, de una
qeaque re, ot videamus, quid pastores a Perga
mide, Maledove potis siol. Aflicas, qui tunc T.
Pomponius, nunc Q. Caecilias cognomine eodem :
Ego opinor, inquit, incipiam primos, quoniam
compreso sotto Ia denominatione di grande e
di piccolo. Di fatti, corae queste nove parti pot-
ono aver luogo nei muli e nei pastori, oe quali
non si esamina n accoppiamento, n portato?
Veggo bene che nei cani possono aver loogo;
ed acconsento anche che tutte nove possano
aver luogo negli uomini, perch hanno delle
donne nelle case villerecce d' inverno, e alcool
anche in quelle di estate ; e che ci facciasi ad
oggetto che pi facilmente i pastori non si di
partano dalle gregge, e che colla figliuolaoza ai
faccia pi nomerosa la loro famiglia, onde fratti
maggiormente il bestiame. Se, gli risposi, il ou-
mero non esattissimo, come non lo nem
meno quando diciamo che mille navi si sono
porlate a Troia (79), e che a Roma v ao
tribunale di cento giudici (80), toglieoe por doe,
se ti piace, dai muli, cio V accoppiameoto ed
il porlato. E perch toglierne il portalo ? dice
Vaccio, quasi che non si dica in Roma che al
cuna volta le mule hanno partorito (81). Ed
io, per fiancheggiare il suo detto, aggiungo che
Magone e Dionisio scrivono, che 1 mula e la ca
valla, ingravidandosi, partoriscono nel dodicesi
mo mese. Laonde se prodigio per I' Italia il
parlo della mula, non lo certamente per tolti
gli altri paesi; imperciocch nemmeno le rondi
nelle e le cicogoe partoriscono io tutti gli altri
paesi, quando iu Italia realmeote partoriscono.
E non sai che le palme ed i datteri frullano od
ia Siria e nella Giudea, e non gi nell1Italia? Ma,
soggiunse Scrofa : Anche togliendo il portato e
V allevamento de* figli delle mule, e volendo to
che sussista il numero di otlantooo, v' eoo che
compierlo, aggiongendo due specie considerabili
di fratti straordinari ; Puna delle quali la to
satura delle pecore e delle capre, aia tagliando il
pelo o strappandolo ; e I' altra eh1 pi estesa, e
che versa sul latte e sul formaggio. Queat' ultima
quella parte che gli aotori greci haooo special-
mente chiamata rtffCT9tteaf (83), e sulla qaala
hanno scritto mollo.
----
CAPITOLO n
D i L BBiTlAMB, DEG ABI STI B OBOLI ACHILLI.
Ma poich noi abbiamo terminato il lavoro
assegnatoci, e si limitata ogni questione relativa
al bestiame, ora tocca a voi, o Epirii, a parlare,
secondo l ' ordine da noi proposto, di ogni specie
di bestiame, e a farci vedere la capacit de4pa
stori di Pergamide o di Maledo (1). Io credo*
dioe Attico ( qoegli il qoale una volta ehiamavasi
5 9 $ DE RE RUSTICA LIB. II.
ia me fider coojeeissc oralo* : el dieam de pri
migenia pecuaria. E feris eoim pecudibus primam
dicis ore# compreheosas ab hominibus ao man-
soefactas; bat primom oportet bonasemere.Quae
ita ab aetate, ti ncque vetolae sunl, neqae mene
ago a e : qood alterae jam nondum, alterae jam
DOD possunt dare fractam; sed ea melior aetas,
qoam sequitor spes, qaam ea, qaam mors. De for
ma, ovem esse oportet corpore amplo, qaae lana
mulla sit et molli, villis altis et densis toto cor
pore, maxime circum cervicem et collum, ven
trem quoque ut habeat pilosam; itaque quae id
non haberent, majores nostri apicas appellabant,
ao rejiciebant; Mie oportet croribai hamilibns,
caudis observare, al sint ia Italia prolixis, ia Sy
ria brevibus. In primis videndam, al boni semi
nis pecas habeas; id fere ex duabas rebus potest
animadverti, ex forma, et progenie. Ex forma, si
arietes sint fronte lana vestili bene, tortis cornibus
pronis ad rostrum, ravis ocnlis* lana opertia aori-
bos, amplis pectore et scapulis, et clunibus latis,
cauda lata et longa : aniroadvcrtendorn quoqae
lioguaae nigra,aut varia sit, quod fere qoi ea ha
bent, oigros ant varios procreant agnos. Ex proge
nie autem animadvertitor, si agnos procreant for
mosos. Io emlionibas jare ali i d or eo, qaod lex
praescripsit;in ea enim alii plnra,alii pauciora ex
cipiant. Quidam enim pretio facto in singolas
oves, at agni chordi dao pro ana ove anoame-
reolor, et si cai vetustate dentes absont, itero
binae pro singnlis ot procedant; de reliquo anti
qua fere formala atuntur ; cam emtor dixit:
Tsuti sant mi emfae Tet ille respondit : Sant, et
expromisit numos : emtor stipulator prisca for
mula sio : lllasce oves, qua de re agitur, sanas
reste esse, oli pecas ovillum, quod recte sanam
est, extra luscam, surdam, minam, id est, ventre
glabro, neqoe de pecore morboso esse, habereqoe
rtcte licere, haec sio recte fieri spondesnef Cum
id faetom est, tamen grex dominum non muta
vit, nisi ai est adnui&eratum. Nec non emtor
pote ex enoto vendito illam damnare, si non tra
det, qaam'is noo solverit nomos : at ille emto-
rem simili jadicio, si non reddit pretium.
T. Pomponio, e che ora chiamssi Q. Ceeilio At
tico (a), perch ha conservato questo cognome ),
di dover essere il primo a parlare, poich veggo
che gli occhi sono rivolli verso di me ; e perci
parler del primitivo bestiame. Tra le bestie sel
vagge, ta dicesti, che le pecore sono le prime che
gli nomini abbiano prese e addomesticale. Queste
primieramente bisogna comperarle buone , le
quali si conoscono (3) se sono tali riguardo alla
eli, se non sono n troppo vecchie, n troppo
giovani ; perch queste non ancora sono al caso
di fruttare, quelle hanno cessato di partorire:
meglio per altro comperarle di quell* et, da
coi si possano sperare de' frutti, piuttosto che la
morte. Quanto alla forma, bisogna che la pecora
sia di statura alla, che sia fornita di copiosa lana
e molle (4), di vello lango e dens io tatto il
corpo, particolarmente attorno la cervice ed il
collo : bisogna eziandio che abbia peloso il ven
tre ; e perci quelle che non avevano questa qua
lit, erano chiamate dai nostri antichi apicae (5),
e le rigettavano. Bisogoa che abbiano le gambe
basse ; e facciasi attenzione che nell* Italia abbia
no la coda langa, e corta nella Siria. da pre
curarsi speoialmenle che si abbia on ariete (6) di
buona razza ; il che d ordinario si conosoe dal-
l esame della forma e della stirpe. Influir la
forma, se gli arieti avranno la fronte larga e folta
di lana (7), le corna torte e piegate sopra il ma so,
gli occhi rossi, le orecchie ooperte di lana, il petto
largo, le spalle e le natiche larghe, e la coda lan
ga : da esaminarsi ancora se hanno, la liogoa
nera o macchiata, perch d ordinario qaclli che
1*hanno tale, generano agnelli neri o macchiati.
Si pu arguire che la loro stirpe di boona razza,
quando generano de belli agnelli. Nelle vendite
si conformer alle condizioni dettate dal proprie
tario, in virt del soo diritto di propriet, poich
aleoni v' iuseriscono molte clausole, ed altri po
che. Ye ne sono di qoelli che fissano on deter
minato prezzo per ogni pecora ; come che due
agnelli nati dopo il tempo oonsneto, si oon ti no
per ona pecora, e che doe pecore mancanti di
denti per 1*et , non si contino che per una.
Per le altre condizioni, d* ordinario si sta all* an
tica formoli : vale a dire, che qaando il compra
tore ha detto al venditore: me le Tendi per tanto T
ed avutane 1*affermativa, egli promette solenne
mente di pagarne il prezzo ; indi il compratore
introduce questa stipulazione presa dall'antica
formola : mi prometti che qaesle pecore, delle
quali si parla, sieno sane, come debb essere que
sto bestiame (8), il quale sano a dovere, qaando
non cieco in oo occhio, non sordo, e qaando
non ha la mina (9), Tale a dire, ohe sia pelato
etto il ventre; oh esao non proviene da una
M. TERENTII VARRONIS
De alteris qualnor rebas deinceps di etra : de
pastione, foetara, nutricatu, sanitate. Primum
providendum, nt lotum annum recte pascantur
intos et foris: stabula idoneo loeo ut sint; ne
ventosa; qnae spectent magis ad orientem, quam
ad meridianum tempus : ubi steot, solum opor
tet esse eruderatum, et proclivum, nt everri fa
cile possit, ac fieri purum ; non enim solura ea
uligo lanam corrumpit ovium, sed etiam ungu
las, ac scabras fieri cogit. Cum aliquot dies stete
runt, subjicere oportet virgulta alia, quo mollius
requiescant, purioresque sint; libentius enim ita
pascuntur. Faciendum quoque septa secreta ab
aliis, quo incientes secludere possis, item quo cor
pore aegro; haec magis ad villaticos greges ani
madvertenda. Contra illae in ssltibus quae pa
scuntur, et a tectis abiunt longe, portant secum
crates aut retia, quibus cohortes in solitudine
faciant, caeteraque utensilia ; longe enim et late
in diversis locis pasd solent, ut multa millia absint
saepe hibernae pastiooes ab aestivis. Ego vero
seio, inquam; nam mihi greges in Appolia hiber
nabant, qui in Reatinis montibus aestivabant.
Cum inter haec bina loca, ut jogum continet
sirpi culos, sic calles publicae distantes pastiones:
easque ibi, ubi pascuntur in eadem regione,
tamen temporibus Julingunt, ut aestate quod
cum prima luce exeunt pastum, propterea quod
tunc herba roscida meridianam, qoae est aridior,
jucunditate praestat : sole exorto puto propel-,
lunt, ut redintegrantes rursos ad pastum alacrio
res faciant. Circiter meridianos aestus, dum de
fervescant , sub umbriferas rupes et arbores
patulas subjiciunt, quoad refrigerato aSre vesper
tino, rursus pascant ad solis occasum : ita pascere
pecus oportet, ut adverso sole agat ; caput enim
maxime ovis molle est. Ab occasu parvo inter
vallo interposito, ad bibendum appellunt, et rur
sus pascunt, quoad contenebravit ; iterum enim
tum jucunditas in herba redintegravit. Haec ab
Vergiliarum exortu ad aequinoctium autumnale
muxime observant. Quibos in locis messes sunt
factae, inigere est utile dnplid de causa, qnod ct
caduca spica saturantur, el obtritis stramentis
et stercoratione Cadant in annum segetes mdio-
res. Reliquae pastiones hiberno ac verno tempore
hoc mutant, qnod pruina jam exhalata, propel-
greggia malsana, e che liberamente passa in asso
luto mio potere ? Ci fatto, oulladimeno il gregge
non cangia padrone fino a cbe non si sia oontato
il danaro. Pu il compratore, per 1' axione della
compera e ddla vendita (io), far coodaonare il
venditore, se oon gli fa la consegna del gregge,
quantunque non 1*abbia ancora pagato ; e pari
mente questi, per un egoale diritto, pu far con
dannare quello, se non paga il pretto oonvenuto.
Ora parler degli altri quattro punti, che
sono il pascolo, la geoeraziooe, il nodrimento
de' figli, e la sanit. Primieramente da procu
rarsi (i i) che le pecore sieno ben nodrite tutto
Panno, tanto in casa, quanto fuori* Le loro stalle
debbono essere collocate io un luogo convenien
te, senza essere esposte al vento; e volte piuttosto
all1oriente, che al meriggio (12). Il suolo, sa coi
dimorano, deve essere uguale ( i 3) ed in pendio,
affinch di leggieri possa essere scopato e nettato
dair orina (14) ; perch l ' umidit guasta non solo
la lana delle pecore, roa ancora le unghie che ver-
rebbro attaccate dalla soahbia. Fa duopo disten
dere sul suolo dei virgolti o delle paglie ( i 5),
onde le pecore riposino su d' un letto molle, e si
mantengano pi nette. Dimorato ohe abbiano sa
questo letto per alquanti giorni, bisogna rifarlo
con altri virgulti. In tale maniera mangiano pia
volentieri. Risogna fare altres de'rednli separati,
onde poter segregare qudle che sono prossime al
parto (16), e anche qudle che sono ammalate.
Cotali atteoiioni le ricercano sperialmenle le
greggie che soggiornano nella casa rustica. Per
contrario qudli (17) che le fanno pascolare sulle
montagne, e che sono lontani dalle case, portano
seco de craticd o delle reti di ginestra di Spa-
goa (18) e degli altri uleusili per costruire dd
parchi nd luoghi di solitudine, perch saolsi con
durle a pascolare in luoghi lontani (79) ed anche
tra di loro distanti ; ed avviene non di rado che
i pascoli dell' inverno sieno distanti molte miglia
da quelli ddla stale. Lo so bene, io dico, perch
l e mie greggie passavano l ' ioverno ndla Puglia,
e la state sui monti di Rieti. Tra questi due laoghi
di pascoli lontani vi sono delle strade sdvagge
che li uniscono ; io quella guisa che un giogo
unisce due panieri (ao). Anche le pecore che pa
scolano sempre nella medesima contrada, cangia
no pascoli secoodo la stagione ; poich ndl* estate
si conducono a pascolare sul far del giorno, per
essere allora l ' erba coperta di rugiada, la qnale
fa che riesca pl grata al palalo di quelb dd
meuod, perch pi secca. Nato che sia il sole,
si conducono a bere (ai); acciocch ristorate,
ripiglino con allegria il pesoolo. A oggetto che
venga meoo il calore bruciante dd mestod, si
conducono sotto l*ombra ddle rocce sotto
597
DE RE RUSTICA UB. II.
59
Iu d I i n pabulum, el pascant diem totum, ac me
ridiano tempore semel agere polum salishabent.
Qood ad pastiones attinet, haec fere sont : qaod
ad foeturam, qaae dieam. Ariete , qaibas sis
asarusad foetaram, bimestri tempore anle secer-
uendum, et largius pabulo explendum. Cam re
dierant ad stabula e pasta, ordeam si est datum,
firmiores fiant ad laborem sustinendum. Tempas
optimum ad admittendum, ab arcturi oocasu ad
aqoilae occasam, qood qoae postea coocipiunt,
fiunt vegrandes, atqae imbecillae. Ovis praegnans
est diebus c l ; ilaqae fit partas exita autumnali,
com aer est modice temperatas, et primitus ori-
tur herba imbribus primoribas evocala. Quam-
dio adraissara fit, eadem aqaa oli oportet, quod
commutatio et lanam facit variam, et corrumpit
a ter am. Cam omnes conceperunt, rarsus arietes
secernendi: ita factis praegnantibos quod sant
molesti, ( obsunt ). Neque pati oportet minores,
quam bimas saliri, qaod neque natum ex his ido
neum est, neque non ipiae fiunt eliam delerio-
res : et non meliores, quam trimae admissae ;
deterrent ab saliendo fiscellis e junco, alia ve qua
re, qaod alligant ad uatarara. Commodius ser-
Tanlur, si secretas paicunt. In nutricatu cura pa
rere coeperunt, iniguot in stabula ea, qaae habent
ad eam rem seclusa, ibique oala recenlia ad ignem
prope ponunt, quoad convaluerunt, biduum aut
triduum relinent j dom agnoscant matrem agni,
et pabulo se satnrent ; deinde dum matres cura
grege pastura prodeunt, retineut agnos, ad quos
cum reductae ad vesperum, alunlur lacte, et rur
sus discernuntur, ue noclo a matribus conculcen
tur. Hoc ilem faciunt mane ante quam matres in
pabnlom exeant, ut agni satulli fiant lacie. Circi
ter decem dies cam praeterierunt, palos offigunt,
et ad eos alligant libro, aut qua alia re levi di
stantes, ne tolo die cnrsantes inter se teneri,
delibent aliqujd membrorum. Si ad matris mam
mam non accedet, admovere oportet, et labra
agni unguere butyro aut adipe suilla, et olfacere
labra lacte. Diebus posi paucis objicere his viciam
moli la m, aut herbam teneram, anle quam exeuot
paslum , et cum reverterunt. Et sio nutricantor
quoad facti sunt quadriemestres. Interea matres
eorum his temporibus non mulgent quidam,qui
ut melius, omnino perpetuo, quod et lanae plus
feruut, et agnos plures. Cum depulsi sunt agni a
malribus, diligentia adhibenda est, ne desiderio
senescaut; itaque dellniendum in nutricatu pa
buli bonitate : et a frigore et aestu ne quid labo
rent, curandum. Cum oblivione jam lactis non
desiderant matrem, tum denique compellendum
in gregem oviom. Castrare oportet agnum non
minorem quinque mensium, neque ante quam
calores aut frigora se fregerunt. Qaos arietes
quella degli alberi aventi i rami distesi, finch si
rinfreschi P aria (22), per far ad esse poi ripigliar*
il pascolo sino al tramontar del sole. Bisogna
che il bestiame pascoli, tenendo le parti di dietro
verso il sole, perch la testa del medesi/no, e
massimamente quella delle pecore, delicata.
Poco tempo dopo che il sole tramontato, si
conducono a bere ; e nuovamente si fanno pasco
lare fino alla notte, perch allora si rinnovella il
sapore nell'erba. E questo da osservarsi spe-
cialmenle dal levare delle Pleiadi sino all1equi
nozio autunnale. Giova per una doppia ragione
condurre (a3) le pecore, ove gi si fatta la rac
colta : la prima , perch si satollano delle spiche
cadute in terra ; la seconda, perch calpestando
la paglia, ed ingrassandola collo sterco, fanno s
che la terra si migliori per l1anno venturo. Gli
altri pascoli d1inverno e di primavera differisco
no (a4) dagli anzidetti in ci, che le pecore non
si conducono al pascolo, se non quando gi
esalata la brina, che si lasciano pascolare tolto il
giorno, e che basta condarle a bere uoa sola T o l t a
a mezzogiorno. E questo qaasi tatto ci che
riguarda il pascolo ; e quello che sar per dire,
riguarder la propagazione. Gli arieti che t o o
adoperare per la propagazione, separali due mesi
avanti, e d loro maggior copia di cibo. Se vuoi
renderli pi robasti per sostenere le fatiche della
propagazione, d ad essi dell1orzo, quando ritor
nano alla stalla dopo il pascolo. 11 miglior tempo
per I1accoppiamento dal tramontare di artnro
sino a quello dell1aquila (a5); e quegli agnelli
che nascono in progresso, diventano malamente
grandi e deboli (a6). La pecora porta centocin
quanta giorni ; per conseguenza partorisce alla
fine di autunno, qnando l'aria moderatamente
temperata, e quando comincia a nascere l 1erba
eccitata dalle prime piogge. Nel tempo che il
maschio si accoppia colla femmina, bisogna dar
gli a bere sempre la medesima acqua, perch il
cangiamento di questa*^) fa che la lana diventi
di vario colore e che si nuoca all1utero. Quando
tutte hanno concepito, bisogna segregare nuova
mente gli arieti ; perch, se sono molesti (a8),
noocono a quelle che hanno concepito. Non bi
sogna permettere I accoppiamento a qaelle che
hanno meno di due anni, perch il frollo non
sarebbe buono, ed esse medesime deteriorereb
bero. Le migliori di tolte, per essere montate,
sono qaelle di tre anni. Si garantiscono le fem
mine dall1accoppiamento, attaccando alle loro
parti genitali dei cestelli di giunco o di qualche
altra materia : meglio per si preservano, facen
dole pascolare separatamente. Riguardo alla nu
trizione de1figli, quaodo le peoore sono vicine
al parto, si fanno passare in istallo destinate a
59#
M. TERENTII VAERONIS
submittere volant, potissimum eligant ex ma
tribus, qose geminos parere tolenl. Plersqae
si osili ter faciendum in oviboa peli i lit, quae pro-
pter Unae booilatem, nt sunt Tarentinae et At
ticae, pellibus integuntur, ne lana inquinetur,
quo minus vel infici recte possit, vel lavari, ae
parari. Harum praesepia ao stabula ut sint pura,
majorem adhibeant diligentiam, quam hirtis ;
itaque faciunt lapide strata, ut urina necubi in
stabulo cousislat. His quaecunque jubentur, ve-
sountnr, ut folia ficnlnea, et palea, et vinaceae ;
furfures objiciuntur modice, ne parum aut
nimium saturentur; utrumque enim ad corpus
alendum inimicumj at maxime amicum cytisum
ct medica ; nam et pingaes facit facillime, et ge-
i t lao. De sanitate sunt multa , i<d e ( ut dixi )
in libro scripta magister pecoris habet : et quae
opus ad medendam, portat stcom. Relinquitur
de numero, quem faciunt alii majorem, alii mi
norem; nulli enim hojus moduli naturales; illud
fere omnes in Epeiro facimus, ne minus habea
mus in eentenas oves hirlas singulos homines :
io pellitas binos.
quest' operatione, cd iti si mettono presso al
fuoco i neooaii, e si obbligano a starvi per due
o tre giorni, finch si fortifichino, finch cono
scano la propria madre (29), e sieoo in istato di
mangiare, lodi, quaodo le maJri escono col greg
ge al pascolo, si trattengono gli agnelli in istalla ;
ai qnali si fanno passare, quando ritornano la
sera, acciocch li nodrisoano col latte ; e nuova
mente si separano, onde nella notte non sieno
calpestati dalla madre* Pariraeote si fa lo iteao
la mattina, avanti ohe U madri escano al pascolo,
acciocch gli agnelli diventino beu satolli di latte.
Passati dieci giorni all' incirca, piantano dei pali ;
e a questi si attaocano, a uua qualche distarne,
per metto di scorte d'alberi, o di qualsivoglia
altro leggiero legame, per evitare che, correndo
qua e l tutto il giorno, non si urtino tra di loro,
non si rompano qualche membro, perch sono
teneri. Se Vagnello noo si accosta alla mammella
della madre, bisogna avricinarvelo, ed ungergli
le labbra di burro o di grasso porcino, e fargli
annasare il latte per metto delle labbra. Pochi
giorni dopo, si d agli agoelli della veccia mari*
nata, o dell* erba tenera, tanto avanti di coodurli
al pascolo, quanto allora che ritornano (3o). E
cosi si nodriscooo finch abbiano quattro mesi.
Alconi noo mungono in questo tempo le loro
madri; e fanno meglio di quelli che conlinoa
mente le mungono ; perch nel primo modo esse
producono maggior copia di lana e parecchi
agnelli (3i). Quando gli agnelli aono ribattati
dalle madri, da procurarsi che oon vengano me
no pel desiderio, e perci, a oggetto di raddolcire
la loro pena, si nodrijcono con buoni pascoli, e
si ha la cura di preservarli del tutto dal freddo e
dal caldo. Quando uoo pensano pi al latte calla
madre, allora sar il tempo di uoirli alla troppa
delle pecore. Non bisogna castrare gli agnelli
avanti i cinque mesi, come nemmeno avanti che
si moderi il caldo od il freddo. Riguardo agli
stallooi, si scelgano quegli arieti che nacquero da
madri, le quali a un tratto furono solile di par
torire due agnelli. Pi'essappoco da farsi lo stesso
riguardo alle pecore che si coprono eoo pelH (3a),
it che si fa per la bont della loro lana : tali sono
le Tarentine e quelle dellAttka, le quali cosi si
coprono, onde la lana non si sporchi, e possa es
sere bene tinta, lavata e nettata (33). Osano mag
giore diligenza in tener nette le mangiatoie e le
stalle di queste, che quelle delle pecore di lana
grossa; e perci lastricano di pietre le stalle, af
finch non si arresti in alcun luogo I1orina. Man~
giane qualunque oosa che si metta nelle mangia
toie, come foglie di fico (34) P*0l>* vinacce : si
d ad esse dalla crusca, ma moderatamente, af
finch non ne mangino n in troppa, n in poca
6#i DE RE RUSTICA LIB. II.
CAPUT i n
D i c a p r i s , h i r c i s r t h o r d i s .
Coi Cossioius : Quoniam satis baiasti, inquit,
o Faustule noster, accpe a me cam Homerico
Melanthio Chordo de capellis, et quemadmodom
oporteat breviter dicere, disce. Qoi caprinum
gregem coottitaere vult, in eligendo animadver
tat oportet, primum aetatem, at eam paret, quae
jim ferre possit fractam, et de iis eam potias,
qaae diutios : novella enim qoam vetus utilior.
De forma videndam, at sint firmae, magnae, cor
pus lene at habeant, crebro pilo, nisi si glabrae
ont ; dao enim genera earum : sub rostra duas
ot mammulas pensiles habeaot; qood eae foecon-
diores sunt ; ubere sint grandiore, ut et lac mul
tum , et pingue habeant pro portione. Hircos
molliori et potissimum pilo albo, ac cervice et
collo breve, gorgulione longiore. Melior fit grex,
fi non est ex collectis comparatos, sed ex contue*
lis una. Oe seminio dico eadem, quae Atticus in
ovibos; hoc aliter, oviom semen tardios esse, quo
hae'sint placidiores; contra caprile mobilius esse,
de quarum velocitate in Originum libro Calo
scribit haec : Io Sauracti, Fiscello eaprae ferae
saot, quae saliunt e saxo pedes pias sexagenos.
Oves enim, quas pascimos, ortae saot ab ovibus
faris; sic caprae, qaas alimus, a capris feris sunt
ortae, a que is propter Italiam Caprasia insula est
nominala. De capris qood meliore aemioe eae,
qoae bis pariant, ex his polissimom mares solent
sobmitti ad admissuras ; qaidam etiam dant ope
ram, nt ex insula Media capras habeant, quod ibi
maximi ac pulcherrimi existimantor fieri hoedi.
De emlione aliter dico alque fit, quod capras
sanas sanus nemo promillit; nunquam enim sine
febri sunt. Itaque stipulantur paucis exceptis ver-
bis : ac Mamilius scriptum reliquit sic: HUs capras
hodie recte esse, et bibere posse, habereqae recte
M. Tl u e bi i o Va be o bb
copia ; essendoch loro nnoce il troppo il pooo
cibo. Ma particolarmente loro utile il citiso e
l erba medica, perch facilmente s ' ingrassano,
e generano molto latte. Riguardo alla loro sanit
vi sono moliealtrecose;ma queste, come dissi^S5),
debbe averle scritte sopra il suo libro il sovrao-
tendeote alla greggia, e portarle seco, quando
occorra medicare. Resta a parlare del numero (36)
che alcooi vogliono maggiore, ed altri minore ;
in ci la natura non ci d una regola fissa. Quasi
tutti nell' Epiro facciamo che abbiano un pastore
cento pecore di lana grosse, e due pastori altret
tante capre.
----- -----
CAPITOLO m
D e l l a c i p r i , d r i b b c c h i r d i i c a p i b t t i .
Cossinio gli disse : Poich, o nostro Faustu
lo ( i ), hailungamenle parlato intorno alle pecore,
qual Melanzio Cordo (2) di Omero', impara da me
ci che riguarda le capre, e come convenga par
larne brevemente. Quegli che vuole formare un
gregge di capre, dee nella scella badare primie
ramente all et, e provvedere qaelle che sono
gi al caso di fruttare, e preferire quelle che
frutteranno per lungo tempo ; perch le giovani
sono pi utili delle vecchie. Quanlo alla forma,
bisogna aver l attenzione che sieno di statura
grande e soda, di corpo sottile, di pelo denso,
quando 000 sieno di qaelle che sono pelate,
essendovene di tuttadue le specie ; che abbiano
due papille peodenti sotto il mento, il che
indizio di fecondila ; che abbiano grandi mam
melle, onde in proporzione il latte sia e copioso
e grasso. Quel becco migliore (3) , il quale ba
specialmente il pelo bianco, la testa e il collo
corto grosso, e protuberanie il capo dell1aspe-
rarteria (4) Quel gregge migliore, eh com
posto di capre solite a stare insieme, che riunite
per la prima volta. Quanlo alla razza, dico lo
stesso che ha dello Attico riguardo alle pecore,
cou questa differenza (5), che la razza delle pe
core pi quieta e tranquilla, perch sono pi
mansuete, e per contrario quella delle capre pi
spiritosa e leggera. Ecco quello che scrive Cato
ne nel libro delle Origioi in proposilo della loro
leggerezza. Nel monte Soralte e Fiscello (6) vi
s o d o delle capre selvagge, le quali saltano sopri
la rocca a una distanza di sessanta piedi e pi.
Siccome le pecore che noi alleviamo sono nate (7)
da pecore selvagge, del pari le capre che allevia
mo nacqoero da capre selvagge ; e per qaeslo
appunto si nominata Capraia quell isola eh
6 os
6o3 M. TERENTII VARRONIS
licere, haec spondesne ? De quibus admirandum
illud, quod etiam Archelaus scribit, oon ut reli
qua animalia Daribuf, sed aoribus spiritum daoere
aviere, pastores cariosiores aliquot dicuol.
De alteris quatuor , quod est de pastu hoc
dico : stabulatlhr pecus melius ad hibernos exor
tas si spectat, quod est alsiosum. Id ut pleraque
lapide, aut testa substerni oportet, caprile quo
minus sit uliginosum ac lutulentum. Foris cum
est pernoctandum, item in eandem partem coeli
quae spectent, septa oportet substerni virgultis,
ne oblinantur; nec multo aliter tuendum hoc
pecus in pastu, atque ovillum, quod tamen habet
sua propria quaedam, quod potius silvestribus
sallibus delectantur, quam pratis. Studiose enim
de agrestibus fruticibus pascuntur, atqae ia locis
cultis virgulta carpunt; itaque a carpendo caprae
nominatae: ob hoc in lege locationis fundi excipi
olet, ne colonus capra natum in fundo pascat.
Harum enim dentes inimici sationis, quas etiam
astrologi ita receperunt in coelum, ut extra lim
bum xii signorum excluserint. (Sunt duo hoedi
et capra non longe a tauro). Quod ad foeturam
pertinet, desistente autumno exigant a grege ili
campos, hircos in caprilia, item ut in arietibus
dictam. Quae concepit, post quartum mensem
reddit tempore verno. In nutricatu hoedi, trime
stres cum sint facti, tum submittuntur, et in gre
ge incipiunt esse. Quid dicam de earum sanitate,
quae nunquam sunt sanae ? nisi tamen illud
unum, quaedam scripta habere magistros pecoris,
quibus remediis utantar ad morbos quosdam
earum, ac vulneratum corpus; qaod usu venit iis
saepe, quod inter se cornibus pugnant, atque io
spinosis locis pascuntnr. Relinquitur denumero,
qui in gregibus est minor caprino, quam in ovil
lo, quod caprae lascivae, et quae dispergant se ;
contra oves, quae se congregent, ac condensent
io locum unum. Itaque iu agro Gallico greges
vicina ali' Italia. Le capre di miglior razza sono
quelle che partoriscono due figli in una volta ; e
perci i maschi nati da queste sono specialmente
quelli cbe si sogliono usare per istalloni (8) .
Alcuni procurano ancora di avere delle capre
dall isola Milo (9), perch sono persuasi esserli
col de' capretti grandissimi e bellissimi. Riguar
do alla compera di queste, bisogna (are altrimen-
te di quello che si usa in quella delle pecore (10),
perch nessun uomo di sana mente pu mante
nerle sane, essendoch non sono mai senza feb
bre (11) ; e perci si stipala il contratto, toglien
do dalla formola poche parole. Ecco la forinoti
lasciataci scritta da Manilio (ia) : Mi prometti lu,
che queste capre sono oggid in isfato di bea
mangiare e bere, e che potr possederle libera
mente? Alconi pastori curiosi raccontano una
singolarit sorprendente, scritta anche da Arche
lao (13) ; ed che le capre sogliono respirare per
le orecchie, non gi per le nari, come fanno gli
altri animali (i4)
QuaLto agli altri quattro punti, ecco quel
ch'io dico riguardo al loro nodrimento. La stalla
per questo bestiame meglio che sia volta all o-
rieute d1interno ( i 5) , perch sono sensibilissime
al freddo. Qaesta, come sono molte altre stalle,
debbe essere lastricata di pietre o di mattoni
cotti (16), onde non sia n umida, n fangosa.
Quando si faranno pernottare foori di qaesta, si
faccia che i recinti goardino parimente al mede
simo lato de) cielo, e sul suolo si distendano dei
virgulti, acciocch non si sporchino (-17). Riguar
do al pascolo, questo bestiame si tratta pressap
poco egualmente delle pecore: ha per questo
di particolare, che ama piultoato i luoghi selvag
gi e le rupi, che le praterie. Di fatti le capre con
grande avidit pascolano i frutici selvaggi, e nei
luoghi coltivati raccolgono (18) e addentano i
virgulti; e perci si sono chiamale caprae dal
verbo capere, o cogliere. Per questo, quando si
affitta pna tenuta, suolsi al finanziere eccettuare
nel contratto che non faccia pascolare nella me
desima la capra (19) ; perch i denti di questa
sono dannosissimi alle piantagioni ; e quindi gli
astronomi parimente la accolsero nel ciclo, ma la
esc lasero dal circolo dei dodici segni. 1 due ca
pretti e la capra non aono molto lungi dal
toro (ao). Per ci che spetta alla propagazione,
verso il fine di autunno si fanno passare nel
1 becchi, come si detto degli arieti (ai).
Quelle che hanno concepito, partoriscono dopo
il quarto mese (aa) in primavera. Quando i
beccherelli che si sono allevati, hanno compito
tre mesi, in allora si lasciano andare cogli altri, e
cominciano ad essere parie del gregge. Che dir
della loro sanit, poich esse non sono giammai
6o5 DE RE RUSTICA LIB. IT.
parts potius faciont, quam magnos, qood in ma-
gnu cito esisUI peitileoiU^ quae ad perniciem
tum perdiical. Satii magnam gregem pataol esse
circiter quinquagenas ; quibos atsenliri putant
jd, qaod aiu venit Gaberio eqoili R. la enim,
com in suburbano mille jugerum haberet, et a
caprario qnodam9qui adduxit capellaa ad orbem
x, sibi in dies tiognloa denarioa tingalo* dare,
audisset, coegit mille caprarum, sperant ae capta
ram de praedio io diea sioguloa denariam mille.
Tantam enim fefellerit, at brevi omnea amiserit
morbo. Contra in Sallentinis et in Casinati ad
centenas pascunt. De maribus et foeminis idem
Cure diictymeo, at alii ad deius capras singulos
parent hircos, at ego : alii etiam ad xv, at Me
nai : nominili etiam, at Marrins, ad figinli.
--
CAPUT IV
Di s v i .
Sd quii e portai poti Italico prodit, i c de
ilio pecore expedit ? tametsi Scrofam potissi
n a n de ea re dicere oportere, cognomen ejoj
tignili eat. Gai TremeUiaa : Ignorare, inquit, vi
dere, cur appeller Scrofa. Itaqae at etiam hi pro
pter te sciant, cognoaoe meam gentem satUum
eognomeu non habere, nec me esse ab Eamaeo
ortam. Arne mens primam appellatas est Scrofe,
qoi quaestor cam esact Licinio Nervae praetori
ia Macedonia provincia relictoa, qni prieesaet
exerutos dum praetor fedirai, hostes arbitriti
oeeaaionem ae habere victoriae, impressionem
laeere coeperant in eistra. Avos, cam cohorta re
tor milites, ot caperent arma atque exirent ooor
sane ? Questo solo dir, che i sovmntendehli 0!
bestiame bisogna th abbiano aerini certi rime
dii (a3), dei qnali si servano per guarire alcune
delle loro malattie, e le ferite, cai sono sovente
esposte, perch pugnano tra di loro eolie corni,
e perch pascolano in luoghi ripieni di spine.
Resla a parlare del numero, il quale debbe essere
minore in un gregge di capre, che di pecore,
perch quelle sono lascive e vagabonde, e queste
amano di stare unite e di raccogliersi in un solo
luogo. E per questo gli abitanti delle Gallie
fanno piuttosto parecchie troppe, che queste
stesse pi numerose ; perch nelle numerose fa
cilmente le epidemie vi allignano, e quindi muo
iono. Si considera essere un gregge numeroso
soffcienlemenle, quando si hanno circa cinquan
ta capre; e pensano di confermare ci con quanto
accadde a Gaberio cavaliere Romano ; impercioc
ch egli che possedeva mill^ ingeri di terra nel
sobborgo, avendo inteso dire da un certo capraio
che conduceva dieci capre alla citt, che ogni
capra gli rendeva al giorno nn denarius (24),
form quindi una truppa composta di mille capre,
colla speranza che il suo fondo di terra gli frul
lerebbe mille denari al giorno ; ma tanto a in
gann nel suo conio, che in breve tempo mori
rono tutte per malatlie. Per contrario, i Salenlini
e quelli di Cassino fanno le loro truppe di cento
teste. Quasi la medesima divertila di opinioni
havvi rispetto al numero de' maschi che deggio*
d o coprire le femmine ; perch alcuni, come io,
danno un clprone a dieci capre, altri nn caprone
a quindici, come fa Menes (25) ;.e alcuni altri,
come Marrio, fanno che basti an beoco per
montire venti capre.
-----
CAPITOLO IV
Dlt'tOlCO.
Mi qaal quell Italiano ingrassatore di por
ci (1), U quale comparisca, sulla scena a trai*
tare di questo bestiame? Egli senza dubbio
Scrofa, il coi soprannome annuncia (a) che que
st* argomento conviene a lui. A cui Tremo
lio rispose : Pare che tu ignori la ragione, per
la quale mi chiamo Scrofa.^ Laonde, accioc
ch ancora quelli che sono qui presenti il sap
piano nel mentre che il vieni r sapere ancor
ta, degg* io farli conoscere che la mia famiglia
non he acquistato questo soprannome fra1 porci,
e che io non discendo ponto da Eumeo. 11 mio
evo-A il primo che sii stato chiamato Scrofa.
Essendo egli questore (3) i Licinio Nerva (4)
6 on M. TERENTII VARRONIS 6 0 6
tra dixit, celeriter te illo ( nl scrofa porcos ) dis
jecturam ; id qnod fecit : nam eo proelio hostes
ita fodit ac fugavit, ot eo Nerva praetor Impe
rator sit appellatus* avos cognomen invenerit, ot
diceretur Scrofa. Itaque proavus, ac superiores
deTremelliisnemo appellatus Scrofa; nec minus
septimus snm deinceps praetorios in gente nostra.
JNec tamen defugio, qoin dicam qaae scto de suillo
pecore. Agri eoim culturae ab initio fui atndio-
tos : nec de pecore tuillo mihi el vobis, magnis
pecuariis, ea res non est communis. Quis eoim
fundum colit nostram, qain sue habeat, et qoi
00 audierit patret noitros dicere, ignavam et
lamptaosum esse, qai succidiam in carnario su
spenderit potias ab laniario, qaam ex domestico
fondo f
Ergo qui toum gregem valft habere idoneam,
eligere oportet primum bona aetate, secondo
booa forma. Ea est, cum amplitudine membro
rum, praeterquam pedibus, capite, anicoloris
potius quam variat. Cum haec eadem ut habeant
verres videndum, tam utique tint cervicibus am
plis. Boni seminis saes animadvertantur a facie,
et progenie, et regione coeli. A facie, si formosi
sint verres et scrofa ; a progenie, si porcos mul
tos pariunl ; a regione, si potius ex his locis, ubi
nascuntur, amplas qoarn exilis pararis. Emi solent
sic : Hiasce sues sanas esse, habereque recte licere,
noxiique praestare, neque de pecore morboso
esse, spondesue? Quidam adjiciunt perfunctas
esse a febri et a foria. In pastu locos huic pecori
aptus uliginosus, quod delectatur non solum
aqua, sed etiam luto ; itaque ob eam rem ajunt lu
pos cum sint oacti sues, trahere usque ad aquam,
quod dentes fervorem carnis ferre nequeant. Hoc
pecus alitur maxime glande, deinde faba, et or-
deo, el caelero frumento; quae res non modo
pioguitudinem efficiunt, sed etiam carois jucun
dum saporem. Pastum exigunl aestate mane, et
antequam aestus incipiat, subigunt in umbrosum
locum, maxime ubi aqua sit; post meridiem rur-
sos lenito fervore pasco ut ; hiberno tempore non
pretore (5) della provincia di Macedonia, que
sti il lasci col a comandare all1 armata fino
al tao ritorno. Immaginandosi gP inimici che
questa fosse ona buona occasione di riportare
la vittoria, cominciarono a sforzare il sao cam
po. Il mio avo, nell1atto che etortava i soldati
ad impugnare le armi, e ad andare con Ito fl
nemico, ditse loro che in un momento dissipe
rebbe gP inimici, in quella guisa che nna troia
dissipa 1 porci (6) : il che di falli esegui, perch
in quella battaglia tanto disfece gl* inimici, e
tauto li fug, che il pretore Nerva, in eonte-
guenza della vittoria, ebbe il titolo d imperato
re (7), e il mio avo il soprannome di Scrofa (8).
Laonde n il mio bisavolo, o gli altri Tremellii
miei antichi ai tono mai chiamali Scrofa ; ed io
tono il tetlimo pretore della mia famiglia, la
quale ha etercitata qaesta carica di padre in fi
glio. Io per non ricato di direqaanto ao intorno
il.bestiame porcino, perch fino dalla mia pri
ma et fui studioso delP agricoltura ; e quanto
riguarda i porci, appartiene non meno a me, che
a voi, perch alleviamo molto bestiame. Qual
di fatti quegli ohe coltiva le sue terre, senza che
abbia de* porci ? E chi non ha udito dire dai no
stri padri, che quegli negligente, e che fa tpete
considerabili, quando attacca nella diapente la
carne porcina salata o affumicata (9), preta piut
tosto dal beccaio, che tratta dal sao proprio
fondo ?
Dunque chi vnole avere an baon gregge di
porci, dee prima tcegliere ona buona et, e in
secondo loogo una bella forma. E questa ha
luogo nelle troie, quando hanno grandi membra,
oltre i piedi e il capo ; e quando tono piuttosto
di un solo colore, che screziate. da farsi atten
zione che queste medesime qualit ti trovino an
che nei verri, come altres che sieno di grande
cervice. Si conosce, se i porci tono di buona
razza, dalla loro figura, stirpe e paese (10). Dalla
loro figura, quando le troie tono belle (11); dalla
loro stirpe, qnando in un tratto partoriscono
molti figli ; e dal paese, quando si comprano
piuttosto grossi, che piccoli in quei laoghi, ove
nascono tali (ia). Ecco la formola osata nel con
trailo : mi prometti che qaeate troie sono sane ;
cbe esse passano in pieno mio diritto ; che sar
esente dai danni che avessero apportati ( i 3 ) ; e
che non derivano da un gregge ammalato ? Al
cuni aggiungono che sieno esenti dalla febbre e
dalla diarrea (14). Rispetto al pascolo, i laoghi
fangosi sono quelli che convengono a qaeslo be
stiame; perch ama non solo l'acqua, quanto
anche il fango: per la qual cosa corre il detto,
che quando i lupi trovano de* porci, gli strasci
nano nell* acqua, perebi loro denti noo potreb-
prioi exigunt pastum, quam pruina evanuit, ae
colliquefacta est glaciet. Ad foeluram Terres duo-
bui mentibut ante secernendi. Optimum ad ad-
jnissuram tempus a favonio ad aequiooclium
Ternum; ita enim contingit, ut aestate pariat;
quatuor enim menset est praegnans ; et tunc pa
ri t, cum pabulo abundat terra. Neque minores
admittendae quam anniculae ; melius xx menses
expectare, ut bimae pariant. Cum coeperunt, id
lacere dicuntur usque ad septimum anuum recte.
Admissuras cum faciunt, prodigunt in lutosos
limites ac lustra, ut Tolutentur in luto, quae est
illorum requies, utlaTatio hominis. Cum omnes
conceperunt, rursus segregant terret. Verris octo
mentium incipit talire : permanet, ut id recte
lacere possit, ad primum ; deinde il retro, quoad
perreniat ad lanium ; hic enim conciliator suillae
carnis dalut populo.
6o 9
Sut Graece dicitur <?;>olim thyias dictus, ab
illo verbo quod dicunt $itvyquod est immolare.
Ab suillo enim genere pecoris immolandi initium
primum aumptum videtur, cujus T e s t i g i a , quod
initiis Cereris porci immolantur, et quod initiis
pacis foedus cum feritur, porcus occiditur, et
quod nuptiarum inilio antiqui reges ac sublimes
viri in Hetruria in conjunctione nuptiali nova
nupta et novos maritus primum porcum immo
lant. Prisci quoque Latini, et etiam Graeci in
Italia idem faclilaise videntur. Nam et nostrae
mulieres maxime natrices, naturam, qua foerai-
nae sunt, io virginibus appellant porcum, et
Graecae X*Tfot, significantes esse dignum insi
gni nuptiarum. Suillum pecus donatum ab natura
dicunt ad epulandum. Itaque iis animam datam
ww proinde ac salem, quae servaret carnem. E
qoeia succidias Galli optimas et maximas facere
consueverunt. Optimarum signum, quod etiam
nunc quotannis e Gallia apportantur Romam
bero sopportare il calore delle earni jie' porci.
Questo bestiame si alimenta particolarmente di
ghiande, indi di fava, di orzo e di qualunque
altro grano. Cotale nodrimento non solo lo in
grassa, ma contribuisce ancora a rendere sa
porita la sua carne. 1 porci nella state si condu~
cono a pascolare la mattina, e avanti che princi
pii il gran caldo ; e sul mezzod si fanno passa
re ( i 5) in luoghi ombrosi, ed ove specialmente
siavi dell1acqua. Rattemperato il caldo dopo il
meriggio, si conducono nuovamente al pascolo.
Nell1inverno non si conducono al pascolo se non
dopo eh1 svanita la brina e ehe si squagliato
il ghiaccio. Per la propagazione, bisogna prima
metterli in disparte (16) per doe mesi. 11 tempo
migliore per Vaccoppiamento dal momento in
cui il sole tramonta al punto, dal quale soffia il
ventp favonio, sino all1equinozio di' primavera,
essendoch ne viene che la troia partorisca nella
stale, perch porta quattro mesi, e partorisce al
lora che la terra abbonda di pascoli. Non si la
scino coprire le troie che hanno meno di un an*
no ; ed meglio aspettare che abbiano venti mesi,
onde partoriscano di due anni. Si pretende che
dopo il primo accoppiamento, generino bene an
che per altri sette anni. Nel tempo dell1accop
piamento si conducono in siti fangosi e in lagune
fangose (17), onde si voltolino nel fango, il qual
un luogo di riposo per esse, come il bagno lo
per 1 uomo. Quando tolte hanno concepito, nuo
vamente si segregano i verri. Il verr di otto
mesi comincia a montare le troie; e continua a
generare bene sino all1et di tre anni (18) ; indi
ai diminuiscono le sue forze generatrici sino a che
cade nelle mani del beccaio, qual canale, per cui
la carne porcina passa al popolo.
11 porco in greco si chiam anticamente
ti diceva bus (19) dal verbo x/0/r, che tignifica
in latino immolare ; perch pare che dai porci
siasi cominciato a sagrificare l1altro bestiame (ao),
le cui tracce si ravvisano nei sagrifzii di Cerere,
nei quali a1 immolano i porci, come altres dal
tagritzio di un porco nella conclusione della
pace, e da un pari sagrifizio nel principio dei
matrimonii degli antichi re e dei personaggi il
lustri dell1Etruria (ai), nei quali la sposa ed il
marito facevano cotale cerimonia. Pare altres
che anche i Latini antichi ed i Greci d1Italia
abbiano fatto lo jtesso ; poich le nostre donne,
e specialmente le nutrici, chiamaoo nelle vergini
porcum la parte che distingue il loro testo,
e che le greche dicono fcaffor, come per fare
intendere che questa parte merita di essere in
signita dell1onore del matrimonio. Si pretende
che la natura abbia regalato all1uomo il porco,
onde vivesse lautamente, e cbe non abbia dato
6 1 0 DE RE RUSTICA LIB. II.
M. TERENTII VARRONIS
pernae tomacinae, el taniacae, et petasiones. De
magnitudine Gallicarum snccidiarom Cato seri-
bit his verbis : io Italia in scrobes Urna atque
quaterna millia anlia succidia. Vere sus uiquea-
deo pinguitudine crescere solet, ut se ipsa stans
sustinere non possit, neque progredi usquam.
Itaque eas si quis quo trajicere vult, in plostroin
imponit. In Hispania ulteriore in Lusitania sus
cum esset occisus, Attilius Hispaniensis, minime
mendax, et multarum rerum peritus in doctrina,
dicebat L. Volumnio senatori missam esse offu-
JUm cum duabns costis, qnae penderet iu et x i
pondo : ejusque suis a cute ad os pedem et m
digitos fuisse. Cui ego non mious res admiraoda,
quam mi esset dicta, in Arcadia scio me esae spe
ctatum suem, quae prae pinguitudine carnis non
modo sorgere noo poste t, sed etiam ut in ejus
corporo sorex exesa carne nidum fecisset, et pe-
perisset mures. Hoc etiam in vineta factum coepi.
Sui ad foetoram quae sit foeennda, animad
verto nt fere ex primo partu, quod non multum
In reliquis mutat. In nutricatu quam porculatio
nem appellabant, binis mensibus porcos sinunt
cum matribus ; sed eos, cum jam pasci possunt,
secernunt. Porci qui nati hieme, fiunt exiles pro
pter frigora,et quod matres aspernantur, propter
exiguitatem lactis, et quod dentibus sauciantur
propterea mammae ; scrofa in sua quaeque hara
uos alat oportet porcos, quo alienos aspernan
tur : et ideo si conturbali sunt in foetara, fit de
terius. Natura divisus earum annus bifariam ,
quod bis parit in anno; quaternis mensibus fert
ventrem, binis nutricat. Haram facere oportet
cirdter trium pedum altam, et latam amplius
paulo, ea altitudine abs terra, ne dum exilire velit
praegnans, abortet. Altitudinis modus sit ut subul
cus facile circumspicere possit, ne qui porcellus
a matre opprimatur, et ut facile purgare possit
cubile.In haris ostium esse oportet, et limen infe
rius (altum) palmipedale, ne porci ex hara, cum
mater prodit, traosilire possint. Quotiescunque
baras subulcus purgat, toties arenam injicere
oportet, aut quid aliud quod exugat humorem,
( in singulas injicere debet : ) et cum pepererit,
I' anima a quest1animale se non qtul sale che
conservasse la sua caroe (aa), I Galli accostumano
di tagliare in grande copia della carne porrina,
che poi salano ed affumicano, e eh1 molto
buona. Una prova della loro boui si , che an
che oggid si trasportano lutti gli anni dalla Gal
lia a Roma delle mortadelle, delle tania'cae (a3),
dei prosciutti. Intorno alla carne porcina fatta ia
pezzi e poi salata, o affumicata, ecco quello che
dice Catone : Nella Insobria (24) si trovano sino
a tre in quattromila pezzi di questa carne. Il
porco (25) snoie tanto crescere in grassezza, che
d'ordinario non pu reggersi in piedi, molto
meno camminare ; e perci quando si vuole farlo
passare in qualche luogo, si dee trasportare col
carro. Lo Spagnoolo Attilio, uomo veridico,
dotto a perito in molle cose, raccoutava di avera
spedito al senatore (26) L. Volumnio un pezzo
composto di due coste, che pesava ventitr lib
bre, tratto da un porco ammazzato nella Spagna
ulteriore in Lusitania, e che dal principio della
testa sino all' estremit del grugno eravi la lun
ghezza di un piede e tre diti (27). Cui io risposi
di sapere un fallo noo meno sorprendente di
questo, perch ho vedulo in Arcadia una troia,
la quale era tanto grassa, che non solo non po
teva alzarsi, ma aveva anche lasoiato che nel suo
corpo uu sorcio vi divorasse tanta carne per farvi
nido, e che ivi partorisse i suoi figli (28). Del
pari ho udito uua simile cosa essere accaduta
presso i Veneti (29).
Quasi dal primo parto si pu sapere se una
troia sar feconda, perch negli altri portali non
vi molta differenza (3o ) . Riguardo alla cura di
allevare i porci, che si chiama iu latino porcu
latio, si lasciano per due mesi seguire le madri ;
indi si separano, quando possono pascotar di
per si stessi (31). 1 porcelli che aasoono nell' in
verno, diventalo sten nati e pel freddo, e perch
le madri li maltrattano, a motivo che quaili fer*
scono coi denti le mammelle, nell? quali trovano
poco latte (3a). Inoltre ogni troia bisogna che no*
d risca i proprii porcelle Iti in separali recinti,
pereh flirtano anche gli altrui (33) ; e perci sa
sono nodriti promiscaamente, si fi mala ai figli*
P e r l e troie l ' anno diviso dalla natura in due
parti, perch partoriscono due volte all anno
impiegando quattro mesi nel portato, e due nel
nodrimento. Bisogna fare il porcile alto tra piedi
incirca, e largo uu poco di pi ; e che il suolo
non sia tanto sopra il livello della terra, che la
troia pregna, nell' uscire del porcile, non vada
soggetta a sconciarsi. L altezza sia tanta, che U
porcaio possa di leggeri guardare all' ingi (34)
per vedere se qualche porcellino in pericolo di
essere schiacciato Arila madre ; e per far s ohe
largiore cibatu sostentare, qua fatilo* Ite suppe
ditare pottit; in quibas bordei circi ter binas
libras aqtta madefactae dare solent , et hoc quo
que conduplicant, at tit mane et vespeti, si alia
qaae objidant non habuerint Com porci depulsi
sast a mamma, a qoibasdam delici appellantor,
neqae jan lactentes dicantor ; qai a parto dedmo
die habentor pori, ab eo appellantor ab antiquia
sacret, qaod lam ad sacrifidnm idonei dicontar
primom. Itaqae apad Plautam in Menaeehmis,
cum intanum qnem potai, ot pietor in oppido
Epidamno, interrogat: Quanti hic pord tont
sacret TSi fundot ministrat, dari tolent vinacea,
ac teopi ex ovit. Amisso nomine lactentis, dican
tar nefreodes ab eo qood nondom fabam fren
dere possunt, id est, frangere. Porcos Graecam
est nomea antiqnam, sed obscuratum, qaod
nane eam vocant In eorum foeto scrofae
bis die ot bibant, curant lactis caota. Parere tot
oportet porcos, qaot mammas habeat ; si minus
pariat, fructuariam idoneam non este ; si piares
pariat, esse portentam. In qao illad antiquissi
mum fuisse scribitor, quod sos Aeneae Lavinii
xzx porcos pepererit albot. Itaque quod porten
derit, factum xxx annia, ot Laviniensea condi
derint oppidum Albam. Hujus suis, ac poreorom
etiam d o o c vestigia apparent Lavinii : qnod et
timulacra eorum ahenea etiam none in publico
potita, et corpns matris ab sacerdotibus, quod in
saltare fuerit, demonstratur. Nutricare octonoa
porcos parvulos primo possunt: incremento facto,
a peritia dimidia pars removeri solet, qnod mater
neque potest sufferre lac, neque congenerati de
scendo roborari. A partu decem diebus proximis
oon producunt ex haris matrem praeterquam
potam ; praeieritis decem diebus, sinant exire
pastam in propinquum locum villae, at crebro
redito (laete) alere poasit porcos. Cum creve-
ruot, capiunt seqai matrem pastum : domi que
secernant s matribus, ac seorsum pascant, at
desiderium ferre possint parentis, quod decem
dieboa aatequontar. Suboleat debet consuefacere,
omnia at fadant ad bucinam. Primo cura inclu
serant, cam bucinatum est, aperiunt, ut exire
possint in eum locum, ubi ordeum fusnm in
longitudine. Sic enim minus disperit, quam si in
aeervot potituro, et pjures facilius accedunt, ideo
ad xii convenire dicuntur, ot silvestri loco di
spersi, ne dispereaot. Castrantor verres comodis
sime anniculi, utique ne minores, quam semestres:
quo facto oooaen motant, atque e verribus dicun-
flar majales. De sanilate tunm anum modo exem
pli e t a sa di eam. Porcis lactentibus si scrofa lac
oon potest suppeditare, triticum frictum dari
oportet, (or udum enkn solvit alvum) vd ordeum
objici e x aqua, quoad fi aut trimestres. De nume*
6i3
si posea nettare II covile, bisogna che nd porcile
tiavi nna porta, la eoi et tramiti inferiore aia alta
ao piede e aa palmo aopra il tivdlo dd suolo dd
pordle (35) , aodocch i porcellini non possano
saltare fuori del medesimo, quando la madre si
fa uscir foori. Qualooqoe volta il porcaio netta
porcili, tante volte bisogna cbe in ognono (36}
getti delParena, od alcuna altra cosa che assorbr
l'umidit. Quando la troia ha partorito, bisogna
sottenerla con molto dbo, acciocch possa fornire
pi facilmente del latte Sogliono dare anito a
questo cibo doe libbre all inoirca di orzo cotto
nell acqua (37) : raddoppiano altres l'orzo, per
ch lo danno la mattina e la sera, quando non
hanno altro da dare alla troia. Quando i porcel
lini sono slattati, da alcuni si chiamano deli-
ci (38) , non gi di latte. Nel giorno decimo dopo
la nascita (3g) si considerano come puri ; e perci
dagli antichi ci chiamavano sacres-, perch da
quel momento pottono essere adoperati ne'sa-
grifizii. Laonde Plauto nei Menechmi fa dire ad
uno de' suoi personaggi, che vuole purificare
nella citt di Durazzo un uomo che crede insen
sato : di quale prezzo sono qui i porcelle Iti
sacres ? Si danno ordinariamente ai porcdlelti
delle vinacce e dei racimoli di uva, se la tenuta 11
somministra. Perdendo il nome di lattanti, si
chiamano nefrendes (4o), perch non possono
ancora frendere, ossia frangere la fava. La voce
porcus un vecchio nome greco, ma disusato,
essendosi sostituito oggid quello di ^/for. Quan
do le troie allattano, si ha la cura di farle bere
due volte al giorno, affinch abbondino di latte.
Bisogna che le troie partoriscano tanti figli,quante
sono le mammelle (40 ; se ne partoriscono di me
no, non meritano il nome di fruttifere: se ne par
toriscono di pi, quest' un prodigio.Un esempio
antichissimo di questa fatta scrivesi essere stato
quello della troia di Enea, che partor trenta por-
celletti bianchi in Lavinia (42): e cos qaesto prodi
gio pronostic quanto avvenne, poich gli abitanti
ili Lavinia fabbricarono trentanni dopo la citt
d' Alba. Appariscono a Lavi ia anche oggid le
tracce di questa troia e de' tuoi porcellini, ove
le loro ttatue in bronzo sono ancora esposte ia
pubblico, ed ove i sacerdoti mostrano il corpo
della madre conservato nella salamoia. Nei primi
gioroi possono essere nodriti otto porcellini ; ma
quando sono cresciuti, suolai dai periti sottrarse
ne la met, perch n la madre pu sommini
strare sufficiente latte, n fortificare tutto il
portato nell'atto che cresce (43). Nei primi dier
giorni dopo il parto non si permette alla troia
eh' esca dd porcilo, se non per bere ; ma passati
questi dieci giorni, si lascia che vada a pascolare
in vidnianza alla casa, affinch spessa volte ritorni
6 1 4 DE RE RUSTICA L1B. IL
6i5 M. TERENTII VARRONIS 616
ro, incenium tues decem terret talit ette potant;
quidam etiam hinc demant. Greget majoret
inteqaabilft habent ; ted ego modicam poto cen
tenarium ; -aliquot mtjore faciant ita a t ter
qainqaagtnot habeant ; porcoram gregem alii
duplicant, alii eliam majorem faciant; minor
grex, qaam major, minat tumptaosus, qaod
comites tubulcus pauciore quaerit..Ilaqae gregis
numeram pastor ab ua utilitate constituit, non
a t quot verret habeat ; id enim a natura tumen
dum. Haec hic.
CAPUT V
D e BUBUS ET VACClt.
At Q. Lucienat senator, homo quamvis hama-
nat, ac jocosas, introiens, familiaris omnium no-
atrum, ctmtrtffvrcuy inquit, et Varro
nem nostram, inquit, <ro//udV Xaur, Scrofam
enim mane talutavi. Gum alius eum talulatset,
alias conviciatus esset, qai tam sero venisset ad
ad allattare (44) proprii figli. Qoando tono
cresciuti, desiderano (45) di seguire la madre al
pascolo : pia ritornati a casa, ti segregano dalle
madri, e ti di ad essi del iero di latte (46), ondo
si avvezzino a non desiderarle (47) ; il che ti
ottiene in dieci giorni. Il porcaio debbe attaefare
le nutrici a far tatto a suono di corno. Fino dalla
prima et si rinserrano i porcellini, e non ti
apre ad essi, m non dopo che si sonato il cor
no, affinch possano portarsi a quel laogo, ove ti
sar formata nna linea retta di orzo ; perch io
tal modo e meno si sparpaglia di quello che foste
ammucchia lo, e pi facilmente possono accostar*
visi molti porcellini. Laonde si ammaestrano a
raccogliersi al suono di corno, affinch non si
smarriscano, qaando si trovano sparti pei bo
schi (48). I verri si castrano molto bene di an
anno (49), non mai prima che abbiano sei mesi :
dopo quest operazione cangiano nome, e, da
verri che si dicevano, si chiamano majales (5o).
Intorno alla sanit dei porci, non dir che una
sola parola, la quale servir di esempio. Se la
troia non pu sommioistrare il latte ai porcelletti
lattanti, bisogna dare ad essi del formento arro
stito (perch il crudo scioglie il ventre), ovvero
dell1orzo stemperato nell1acqua finch abbiano
tre meti. Quanto al namero, ti crede che dieci
verri battinoper cento troie. Alcani diminuisco
no anche questo numero. Variasi altres nel
numero componente ooa greggia di differente
et e setio (5i) ; ma io penso che an centinaio di
teste un namero sofficiente ; altri la compon
gono anche di cencinquanta. Alenai fanno che il
gregge dei verri tia di nn doppio numero ; ed
altri il fanno ancor pi nameroto. Il gregge
piccolo di minore spesa del grande, perch il
porcaio toon ha mestieri che di pochi compagni.
Laonde il pastore, intorno al numero delle teste
componenti il gregge, non debbe consultare che
la sua utilit, e non la qoaatit dei verri che gli
sono nati, perch qaesta quantit on effetto
puramente fortuito della natura. Ecco quello che
dice Scrofa.
----- *0*-----
CAPITOLO V
Dei b u o i a d e l l e v a c c h e .
Ma il senatore Q. Locieno, oomo che mollo
amano, burlevole e nostro amico cornane, nel
l'atto di entrare ci dice : Miei compagni di Epiro,
io vi d il buon giorno ; ma ecco, soggiunge il
nostro Varrone (1), H pastore dei popoli, perch
gi questa mattina ho attutalo Scrofa. Alcuni gli
constitutam : Videbo jam vos, inquit, balatrones,
at hac oSeram meam corium et flagra. Tu T e r o ,
Murri, veni mi advocatos, dum astes solvo Palili
bus, si postea a me repetant, ut testimooiom per
hibere postis. Atticus Murrio : Narra isti, mqoit,
eadem, qui sermones sint habiti, et quid reliqui
sit, ut ad partes paratas T e n i a t : d o s interea se
cundum actum dt.majoribus adtexamus. In quo
quidem, ioquit Vaccius, meae partes, quoniam
boves ibi. Quare dicam, de bubulo pecora, quam
acceperim scientiam : ut si quia quid ignorat,
discat ; si quis scit, nuncubi labar observet. Vide
qoid agas, inquam, Vacci. Nam bos io peouaria,
maxima debet esse auctoritate: praesertim in
Italia, quae a bubus noupen habere sit existimata.
Graecia enim antiqua (at scribit Timaeus) taoros
vocabant /roXtJf; a quorum multitudine et pul
chritudine et foelu vitulorum Italiam dixerunt.
Alii scripserunt, quod e Sicilia Herculea persecu
tos sit eo nobilem taorum, qui diceretur Italus.
Hie socius hominum io rustico opere, et Cereris
minister. Ab hoc antiqui manus ita abstineri vo
luerunt, ut capite sanxerint, si quis occidisset;
qua in re testis Attice, testis Peloponoesos. Nara
ab hoc pecore Athenis Bozuges nobilitatus, Argis
vyufof. Novi, inquit ille, majestatem boam, et
ab his dici pleraque magna, ut /SaVc/aov, finrcu-
a, fittXtfioVf j W t / t ; uvam quoque bumammam;
praeterea scio hunc esse, in quem potissimum
Juppiter se convertit, cum exportavit per mare e
Phoenice amaos Europam ; hunc esse, qui filios
Neptuni e Menalippa servarit, ne in stabulo in
fantes grex boum obtereret; denique ex hoc pu
trefacto ?asct dulcissimas apes mellit matres, a
quo eas Graeci fittyotat appellant, el hinc Plau
tium locutum ease latine, cum Hirrium praeto
rem reonneiatum Romam in Senatum scriptum
habere. Sed bono animo es, non minus satisfa*
ciato tibi, quam qui Bugoniam scripsit.
6 1 7
Primum in bubulo genere aetatis gradus di
cuntur quatuor. Prima vitulorum,secunda juven-
M. T E R b B i i o V a b u o s i s
corrisposero col saluto, ed altri il rampognarono,
perch fosse Tenuto pi tardi dell* ora stabili*
ta. Eccomi ad appagarti, riprese egli, o balatro
nes (a) ; e qui t presento il mio dorso e la sferza
per espiare la mia colpa. Ma tu, o Murrio, aiata-
. mi e difendimi, e sii qual testimonio che possa
attestare eh' io pago la mia tangente in daoaro
a Pale (3), caso che dipoi me la raddomandassero.
Attico'dice a Murrio : .Narragli le cose gi dette ;
quali discorsi si sieno tenuti, e cosa rimanga a
trattai*, affinch egli si prepari per la sua parte,
che noi frattanto passeremo al secondo atto, cio
parleremo del grande bestiame. Questo argo
mento di mia pertinenza, diefe Vaccio (4), per
ch Centrano i buoi. Laonde io vi dir quant1io
so di questo bestiame, acciocch impari questa
scienza, se v1 chi la ignori ; e se alcuno la pos
sed, mi corregga. Guarda bene, 0 Vaccio, gli
dico io, intorno a quello che tu dirai, perch il
bue, tra il bestiame, quello che merita grande
stima, particolarmente in Italia, la quale credesi
che siasi cos chiamata dai buoi. Di fatti P antica
Grecia, come soriTe Timeo (5), chiaraaTa7 ra>*(
i tori, i quali perch erano molti e belli, e perch
geoera vano de1vitelli (6) in questo paese, perci
la chiamarono Italia. Altri scrissero che sia stata
cos chiamata, perch Ercole dalla Sicilia sino ia
questo paese insegu un famoso toro chimato
ltalus. Il bue il compagno dell1uomo ne lavori
camperecci, ed il mioistro di Cerere. Tanto gli
antichi ToleTano ohe fosse rispettato, che aTeTano
stabilita la pena di morte per chi ne aTPSse am
mazzato ono ; come lo attestano le leggi dell1At
tica e del Peloponneso (7). Per questo bestiame
si rese celebre in Atene Buznges, a oryvfof (8)
in Argo. Cooosco, dice Vaccio, la digoit del
buoi ; e so che da essi traggono il nome parecchie
cose grandi, come fitfeuxov (9), fiiivat&a (10),
fiisXt fJtov (11), $0**1* (12), e Bumammam ( i 3),
parlando dell1UTa: so inoltre che Giove prefer
quest' animale nella sua trasformazione, quando,
divenuto amante di ELoropa ( 14)>1* lev dalla Fe
nicia, ed attravers il mare : che on boe fa que
gli, il quale preserv nell*infanzia i figli che Net
tuno ( 15) ebbe da Menalippa, e che correvano il
rischio di essere schiacciali in istalla da un
gregge di buoi ; e che finalmente dal bue na
scono le api (16) madri del dolcissimo miele ;
per lo che i Greci lo chiamano fittyom (17):
espressione che Plaocio ha latinizzata, quando
disse al pretore Irrio, che denunci come autoro
di un libro scritto contro il Senato : Siate tran
quillo, io oon vi tratter con minore equit, che
se aveste composta una Bugonia (18).
Primieramente in questa specie di bestiame
si contano quattro et. La prima quella dei
i o
6 1 8 DE RE RUSTICA LIB. II. .
corura, (crii* boom novellorum, quarta vetulo*-
rum. Discernuntur in prima vitulus et vitata ; in
feconda juvencus et jnvenca ; in tertia et quarta,
taurus et vacca. Qaae iterilis est vacca, laura
appellata ; qoae praegnans, horda ; ab eo in faslia
dies hordicalia nominantur, qood tunc hordae
boves immolantur. Qui gregem armentoram
e mere vult, observare debet primum, ut tint hae
pecudes aetate potias ad fr oclus ferendo inte
grae, qaam jam expartae; ut tint bene composi
tae, ut integris membria, oblongae, amplae, ni
grantibus cornibus, latis frontibus, oealis magnis
et nigris pilosis aaribus, compressis malis, subfi-
raisve, gibberi spina leviter remissa, apertis nari
bus, labris subnigris, cervicibus crassis ac longis,
* colio palearibus demissas, eorpore amplo, bene
costatos, latis humeris, bonis clunibns, caudam
profusam usque ad calces ut habeant, inferiorem
partem frequentibus pilis subcrispam, cruribus
potias minoribus, rectis genibas, eminulis, di
stantibus inter se, pedibus non latis, neque ingre-
dieulibus qui displodantur, uec cujus ungulae
divaricent, et cujus ungues sint leves et pares,
corium attacta noo asperum ac durom, colore
potissimam nigro, dein rubeo, tertio heluo,
quarto albo ; mollissimas enim hic, ut durissimus
primus. De mediis doobus prior qaam posterior
melior : utrique pluris qaam nigri et albi. Neque
iion praeterea, at mares seminis boni sint, quorum
el forma est spectanda, et qui ex his orti suot, ut
respondeant -*d parentum speciem ; et praeterea
quibus regionibus nati sunt, refert; boni enim ge
neris in Italia plerique gallici ad opus: contra nu
gatorii ligustici. Transmarini epirolici non solam
meliores totius Graeciae, sed etiam Italiae; tametsi
quidam de italicis, quos propter amplitudinem
praestare dicunt, ad victimas farciunt, atqne ad
deorum servant supplicia ; qui sine dubio ad res
divinas propter dignitatem ampKtudiuis et coloris
praeponendi ; quod eo magis ft, quod albi in
Italia non tam frequentes, quam qui in Thracia
ad niXatua xoXvovy nbi alio colore pauci. Eos
r.um emimus domitos, stipulamur, sic: lllosce
boves sartos esse, noxisque praestari f cum emi
mus indomitos, sic : lllosce juvencos sanos recte,
deque pecore sano esse, noxisque praestari spon-
desne? Paulo verbosius haec, qui Mamilii actio
nes sequuntur. Lanii, qni ad cnltrnm bovem
emunt, et qui ad altaria, hostiae sanitatem non
colent stipulari.
G)
vitelli ; Ia seconda di giovenchi ; la lena dei
buoi giovani ; la quarta de' vecchi. Si distinguono
nella prima il vitello e la vitella ; nella seconda
il gio venoo e la giovenca; nella tersa e nella quarta il
toro e la vacca. La vacca eh' sterile, si chiama / a u
r a (ig); la pregna korda\ e quindi nal calendario si
nomina il giorno intitolato hordicalia (ao), per
dinotare la festa, in coi *' immolano queste vac
che. Quegli che vaole comprare ona troppa di
questo bestiame, dee prima esaminare se di nna
et piuttosto atta a fruttare, che indebolita ; se
di bella forma ; se di membra a^ne ed intere ;
se lunge e grosso; se ha le coraa nereggianti (a i ),
la fronte larga, gli occhi grandi e neri, le oreeebio
pelose, le guance compresse; se alquanto schiac
cialo dalla fronte sino alla bocca ; non protabe-
rante, ma bens lievemente com prosso nel dor
so (22); se ha le nari aperte, le labbra alcun poco
nericce, il collo carnoso, lungo e fornito di pelli
pendenti* alP ingi (a3), il petto ompio (a4), le
costole bene rilevate, le spalle larghe, le natiche
sode, la coda pendente sino aVtallone * e nella
parte inferiore folta di setole uo poco crespe, le
gambe piullosto picciole e ritte (a5),Ie ginocchia
un poco prominenti e tra di loro distanti, i piedi
stretti e che non fanno strepito qoando l' ani
male cammina (a6) : dee avere allre le unghia
lisce fd uguali:, -e la pelle non aspra e dora al
fatto ,1 colori tili filmati in questo bestiame sono
it aegro, poi il rosso, in terzo luogo il palKdo-
rosso, e 6nalmente il bianco. Tra i due colori
medii, migliore il primo delPultimo ; ed pi
stimato del negro e del bianco, perch qnest* ul
timo indica debolezza, come fortezza il primo (37).
Inoltre importa che i maschi sieno di buona
razza : e dee farsi attenzione ai figli che nscono
da questi, per vedere se la loro forma corrispon
da a quella dei genitori (a8). Importa ancora
sapere i l . paese, in coi sono nati ; perch, per
P Italia, sono di boona razza parecchi della Gal
lia (29), come quelli che resistono alla fatica ;
laddove i liguri sono pigri. Gli ollvamariui
dell' Epiro non solo sono i migliori di lotta la
Grecia, ma anche sono da preferirsi agl' italiani;
quantunque alconi pretendano che gP italiani
per la loro grossezza sieno da preferirsi ne'sagri-
fizii, e che si serbino quando occorra pregare gli
dei (3o) ; i quali senza dubbio sono da anteporsi
agli altri ne' sagrifzii, per la superiorit che
hanoo nella grossezza e nel colore : e ci si fa
tanto pi, perch nell' Italia non sono tanto co-
muoi i bianchi, come Io sono nella Tracia verso
il golfo Mela (3i), ove se ne trovano pochissimi
di un altro colore. Quando si comperano addo
mesticati, io tal modo si stipula il contratto : Mi
prometti che questi buoi sono sani, e eh' io non
C)2S> 11. TERENTII VARRONIS
<*21 DE Rp: RUSTICA LIB. II.
Pascantur armenta commodissime io oemo-
ribas, ubi virgulta et front malta : hiemc ( com
hibernent) sectindam mare; aetta abiguntur ia
montes frondosos. Propter foeturam haec servare
toleo : anta admissuram mensem uoum, ne cibo
et potione se impleant, quod existimantur faci
lius macrae concipere; contra, tauros duobus
roeosibas ante admissuram herba et palea ac
foeno facio planiores, et a foeminis secerno. Ha
beo taurototidem, quot Atticus, a d matrices l x x
duo, unum anniculam, alterum bimum. Hoc,
secundam astri exortum facio, qaod Graeci vo-
eant Xt/far9fidem noitri ; tum denique tauros in
gregem redigo. Mas an foemiua sil concepta, si
gnificai descensa taurus, cum iniit ; siquidem, si
mas est, in dexteriorem partem abit; si foemina,
in sinisteriorem ; cur hoc fiat, vos videritis, inquit
mihi, qui Aristotelem legitis. Non minores opor
tet inire bimas, ut trimae pariant, eo melius si
quadrimae. Pleraeque pariunt in decem annos,
quaedam etiam in piares. Maxime idoneum tem-
pos ad concipiendam a delphini exortu usque ad
dies XX., aot paulo plus ; quae enim ita concepe
runt, temperatissimo anui tempore pariunt; vac
cae enim mensibus decem sunt praegnantes. De
quibus admirandum scriptam inveni, exemptis
testiculis, si statim admiseris, concipere. Eas pasci
oportet in locis viridibus et a q u o s i s . Cavere
oportet, ne aut angustius stent, aut feriantur,
aot concnrrant. Itaqoe quod eas aestate tabani
concitare solent, et bestiolae quaedam minutae
sob eaada, ne concitentur, aliqui solent includere
septis; iis substerni oportet frondem, aliudve
quid in cubilia, quo mollias conquiescant. Aestate
ad aquatn appellendam bis, hieme semel. Cam
parere coeperunt, secundam s t a b u l a pabulum
servari oportet integram, quod egredientes de
gustare possint : fastidiosae enim fiunt. Et pro
videndum, quo recipiunt se, ne frigidus locus
sit ; algor enim eas et famis macrescere cogit. In
alimoniis armenticium pecus sic contuendum,
lactentes cum matribus ne cubent: obterantur
euim ; ad eas mane adigi oportet, et cam redie-
sr soggetto ad alcuna pena pei danni che po
tessero avere prodotti? Ma quando li compriamo
non ancora addomesticati, in tal modo si stipola
il contratto : Mi prometti che quei giovenchi tono
realmente sani, che provengono da nn gregge
sano, e che non sar soggetto ad alcuna pena pel
danni che potessero avere prodotti ? Quelli che
vogliono seguire la formola di Mamilio (3a),
danno maggiore estensione alle parole de! con
tratto. I beccai che comprano il bue per isc*n~
narlo, come altres quelli che lo comprano pel
sacrifizio, non soglion stipulare la condizione
che sia ano (J3).
Gli armenii si fanno pascolare molto bene nei
bosehi, ove souo dei virgulti e molte foglie : nel-
V inverno, e quando infierisce il freddo (34), ti
conducono presso il mare ; e nelle montagne co
perte di frondi nella stale. Riguardo alla propa
gazione, ecco quello eh* io soglio praticare. Un
mese avanti P accoppiamento, fo che le vacche
non mangino, n beano troppo ; perch si erede
comunemente, che quando sono magre, concepi*
scano pi facilmente: per contrario, due mesi
avanti P accoppiamento, fo che i tori si nodri-
scano bene di erbe, di paglia e di fieno, e II
separo dalle femmine. Nella stessa guisa di Attioa
fo che a settanta vacche bastino due tori, uoo
dei quali sia di un anno, e P altro di due. Fo che
si accoppino al levare della costellazione che i
Greci chiamano Xufavy ed i Latini fides (35). In
questo tempo adunque permetto che i tori passi
no nel gregge. Si conosce se la vacca ha conce
pito un maschio od una femmina, osservando da
qual parte discende il toro dopo il coito (36) ;
perch se un maschio, discende dalla parte de
stra ; e dalla sinistra, se una femmina. La ragio
ne di ci, disse volgeudo il discorso a me, la
saprete voi altri che leggete Aristotele. Non biso
goa che le vacche sieno montate prima che ab
biano due anni, affinch esse partoriscano dopo
i tre anni ; ma meglio sar che figlino sui quat
tro anni. Parecchie possono partorire sugli anoi
dieci ; e alcune atiche pi oltre. Il tempo pi
acconcio pel concepimento dal levare del delfi
no (37) sino a quaranta giorni dopo, o nn poco
di pi ; perch quelle che concepiscono in questo
tempo, partoriscono in una stagione dell* anno
temperatissima, atteso che esse portano per dieci
mesi. Io ho Ietto un fatto maraviglioso, ed che
se dopo la castrazione farai subito che il toro (38)
monti la vacca, questa concepir. Bisogoa con
durre a pascolare le vacche ne' luoghi coperti di
verzura ed acquidosi ; e bisogoa procurare che
non istieno troppo strette, che non si feriscano,
o che le ane non corrano dietro alle altre. E
pereh d ' ordinario i tafani le tormentino nella
Ga3 M. TfcRENTII VARRONIS
runt e pesta. Capo creverant vitali, levandae
matres, pabulo viridi objiciendo i praesepiis.
Item bis, ot fere in omnibus stabnlis, lapides
.substernendi, aut quid item, ne ungulae patre-
scant. Ab aequinoctio autunnali una pasountar
cam matribus. Castrare non oportet ante bima
tum ; quod difficalter, si aliter feceris, se reci
piant ; qai autem postea castrantur, duri et ino-
liles fiunt. Itera ut ia reliquis gregibus peeasriis,
delectas qaotaoois habendus, et rejiculae reji-
ciundae, quod locam occapaat earam qaae. ferre
possunt fructus. Si quaefcmisU vitulam, i suppo
nere oportet eos, quibus noa satis praebent
matres. Semestribas vitalis objiciant furfures
triticeos, et farinam ordeaceam, et teneram her
bam : et ot-bibanf mane et vesperi, carant. De
sanitate sant cora p lars, quae exseripta de Msgo*
Dis libris, armentarium meam crebro ut aliqnid
legat, caro. Numeras de tauris et vaccis sic ha
bendus, nt in sexaginta, unus sit anniculus, alter
bimas. Qaidam habent aut miaorera, aut roajo-
rem niimerum ( gregum ). Nam apud eum dao
tauri in septaaginta matribus sunt. Numerum
gregum alius facit aliom; qaidam centeoarium
modicam potant esse, ut ego. Atticas centamvi-
ginti habet, ot Ladenos. Haec ille.
state, e perch alconi piccioli insetti (39) le tor
mentano sotto la coda, quindi alcuni sogliono
rinserrarle ne1recinti, acciocch non a' irritino*
Bisogna stender sul saolo delle stalle o foglio
od altro, affinch riposino mollemente. Nella
state si conducono (4o) a bere due volta al
giorno, ed ona sola volta nell inverno. Qoando
sono vicine al parto, bisogna mettere in disparta
presso la stalla del foraggio fresco, acciocch
possano assaporarne qoando escono fuori della
medesima ; perch allora hanno molto in fastidio
il cibo. Bisogna procurare altres cbe il loogov
ove si ritirano, non sia freddo, perch questo a
la fame le fanno infallantemente diventare magre.
Qoaodo esse allattano i proprii figli, abbiasi la
cara che nella notte (40 non riposino colle loro
madri che gli schiaccerebbero : bisogna condurli
alle madri la mattina, e quando esse ritornano
dal pascolo. Qoaodo i vitelli crescono, convien
sollevare le madri, mettendo del foraggio verde
nelle loro mangiatoie. Le lro stalle, come quasi
tutte quelle degli altri animali, debbono essere
last ricate di pietre, o d* altra simile materia, affin
ch le unghie non si corrompano. NelPequinozio
autunnale si conducono i vitelli a pascolare colle
madri. Non bisogna castrarli avantj P et di due
anni, altrimenti difficilmente guariscono (fa) :
se poi si castrano pi tardi, diventano indocili ed
inutili al lavoro. Tatti gli anni bisogna fare una
scelta di questo bestiame, come si fa nelle altra
gregge, e rigettare qoeile femmine che sono di
fettose, perch occupano il luogo di quelle che
possono figliare. Se alcuna perde il sao vitello,
si mettono sotto di essa quei vitelli, ai quali le
loro madri non somministrano bastante latte.
Quando i vitelli hanno sei mesi, si d ad essi della
crusca di Tormento, della farina d orzo e dd-
l' erba tenera, e si fanno bere mattina e sera.
Havvi on gran numero di osservazioni relative
alla loro sanit, che ho trascritte dai libri di
Magone, e che sovente fo leggere (43) al custode
del mio armento. Il numero dei tori a delle vac
che da regolarsi nel seguente modo ; cio a
sessanta vacche si d un toro di un anno, ed uno
di due. Sonovi di quelli che ne hanno di pi, o
di meno (44) ; perch questi (45) non hanno che
due tori per settanta vacche. Il numero delle
bestie componenti il gregge voluto da alcuni
maggiore, e da altri minore : alcuni, come io,
pensano che bastino cento teste; ma Attico e
Lucieno fanno che il gregge sia di centoventi
teste. Ecco quello che disse Vaccio.
-- --
Ga5
DE RE RUSTICA LIB. II.
De isiwu.
Al Marnai, qui, dam loqaitar Vacci a*, cara
Lucieno rediisset : Ego, inquit, de asini polissi-
iDum dieam, qaod som Reatinas, abi optimi el
maiimi fiant, e qao seminio ego bio procreati
pullos, el ipis Arcadibus vendidi aliquoties. Igi-
lor asinorum gregem qai facere tul i bonum,
primam videndam, al maree foeminasqoe bona
aetate amai, utique al qaam diutissime fractam
ferre possiot: firmos, omnibus partibus honestos,
corpore amplo, seminio bono : ex his locis, unde
optimi exeunt, quod faciunt Peloponnesii, cum
potissimum eos ex Arcadia emaot ; io Italia ex
agro Reatino. Non enim si muraenae optimae
flutae sunt in Sicilia, el ellops ad Rhodon, con
tinuo bi pisces in omni mari similes nascantur.
Horum genera duo ; anum feram, qaos vocant
onagros, ia Phrygia et Lycaonia suul greges
multi ; alterum mansuetum, ot saot in Iialiii
omnes. Ad seminationem onagros idoneus, quod
e fero fit mansuetus facile, et e mansueto' ferns
nunquam. Quod similer parentum genuntur, eli
gendi et mas et foemina, com dignitate at sint.
In mercando itera ut caeterae pecudes emtionibus,
et traditionibus dominam matant, et de sanitate
ac noxa solet caveri. Commode pascantor farre,
et furfuribua ordeaceis. Admittuntur ante solsti
tium, ut eodem tempore alterius anni pariant ;
duodecimo enim mense conceptum semen red
dunt. Praegnantes opere letant; teoter enim
labore nationem reddit deteriorem. Marem non
dijoDgunt ab opere, quod remissione laboria fit
deterior. In pastu eadem fere observant, qoae in
equis. Secundam partam palio? anno non remo-
tent a ma tre ; proximo anno noctibus patiantur
esse cam his, et leniter capistris, aliate qaa re
habent tinctos; tertio anno domare incipiant
ad eas res, ad qaas quisque eos tul t habere in
usu. Relinquitur de namero, quorum gregei non
sane fiunt, nisi ii, qui onera portent. Ideo qood
plerique deducantur ad molas, aat ad agricultu
ram, ubi quid tehendum est; aut etiam ad aran
dam, ubi letis est terra, ut io Campania. Greges
fiunt fere mercatorum, at eorum, qui e Brandi
sco, aut Appulia asellis dossuariis comportant
ad mare oleum aut tinam, ilemque frumentum,
aot quid aliud.
---- fr
CAPUT VI
D e g l i a s i s i .
Ma Mnrrio, il quale, nel mentre che par
lata Vaccio, era ritornato con *Lucieno : lo,
disse, tratter particolarmente degli asini, per
ch io sono di Rieti, ove trotansi i migliori e i
pi grandi ; e appunto di questa razza, ed es
sendo ancora piccioli, ne ho fatti tenire qui (i),
ed alcuna tolta ne ho tendulo anche agli Arca
dici. Quegli adunque che vuole formare uti
buon gregge di asini, dee prima procurare di
prendere i maschi e le femmine di giotane eli,
affinch possano figliare per lungo tempo ; che
abbiano il passo ferino e sicaro, che sieno io tut
te le parti bene proporzionati, di grande cor
poratura, e che sieao di buoaa razza, tale a
dire che si traggano da qaei paesi, ote oascono
i migliori asini ; come fanno appunto que' del
Peloponneso, i quali comprano specialmente
quelli di Arcadia, e gl Italiaoi che comprano
quelli di Rieli ; perch dal trotarsi in Sicilia delle
ottime murene galleggianti (a) e degli ellops a
Rodi, non per questo ne segue che nascano que
sti pesci egualmente buoni io ogni mare. Sonott
due specie di asini : 1' asino seltatico, che si chia
ma onger, e di cui te ne sono molte greggio
nella Frigia ed in Cogni ; e I? asino mansueto,
come sono tutti quelli dell Italia. Per far razza
acconci V asino saltalico, perch da questo
si procreano facilmente asini mansueti, e dal
mansueto non si generano mai asini settaggi.
Perch i figli si generino simili ai genitori, si fa
in guisa che si scelgano maschi e femmine di
stinte. Quanto al commercio di questi animali,
cangiano padrone, egualmente dell* altro be
stiame, per mezzo di compere e di presenta-
gioni ; e suolsi garantire per la loro sanit e
pei danni che potessero avere arrecati. Si nodri-
s c o d o bene col farro e colla crusca di orzo. Si
fanno montare le asine avanti il solstizio, accioc
ch partoriscano nel vegnente anno (3) allo
stesso tempo, perch esse portano un anno. Le
pregne si dispensano dal lavoro, altrimenti si
danneggerebbe il feto (4) : i maschi per contrario
si fanno lavorare, perch il riposo l renderebbe
cattivi. Nel parto (5) si segue a un dipresso
quanto si mette in opera per le cavalle. Dopo
il parto, si lasciano i figli colla madre per un
anno ; e nell* anno dopo, uou si lasciano con essa
che la notte; e teugousi legati mollemente per
mezzo di cavezze, o con altra specie di legame.
Nel terzo anno si comincia a domarli, e si as
suefanno a quelle cosc, cui si vogliono destinare.
CAPITOLO VI
G2 7
M. TERENTII VARRONIS
G28
CAPUT VII
D b b q o i s e t b q u a b u s .
Lucienas: Ego qaoqoe advenient aperiam
carceres, inquit, et equos emittere incipiam, nec
solum mares, quos admissarios habeo, at Atticas,
singulos in foeminas denas, e qoeis foerainas Q.
Modius Eqaicalus vir fortissimas etiam patre
militari juxta ac mares habere solebat. Horam
eqaoram et equaram greges qai habere volue
rint, at babent aliqai in Peloponneso et in Ap-
pulia, primam spectare oportet aetatem, quam
praecipiant. Videndum ne sint minores trimae,
majores decem annorum. Aetas cogooscilar equo
rum, et fere omniam qai angalas indivisas ha
bent, et etiam comatarum, qaod equbs triginta
mensium primnm dentes medioi dicilar amittere,
duo superiores, totidem inferiores ; incipientes
qaartum agere annom itidem ejiciunt, et totidem
proximos eorum, quos amiserunt, et incipiunt
nasci quos vocant columellares. Quinto aono in
cipienti item eodem modo amittere bioos, quos
caniuos habent : tam reoasoentes eis, sexto anno
impleri : septimo omnes habere solent renatos, et
completos. His majores qui sant, intelligi negant
posse ; praeterquam cam dentes sint facti broc
chi, et supercilia cana, et sub ea lacanae, ex
observata dicunt eora equum hsbere annos sede
cim. Forma esse oportet magnitudine modica,
quod oec vastos, nec minutos decet esse; equas
clanibus ac ventribus latis, equos ad admissuram
quod velis habere, legere oportet amplo corpore,
formosos, nulla parte corporis inter se non con
gruenti. Qualis futaros sit equus, e pallo conje
ctari potest, si caput hahet noa magnam, nec
membris confusis: si est oculis nigris, naribus
non angustis, auribus applicatis, non angusta
juba, crebra, fusca, subcrispa, subtenuibus setis,
implicata ia dexteriorem partem cervicis, pectus
lattina et plenum, humeris latis, ventre modico,
Reata a parlare del numero : certamente che non
si formano troppe di asini,, perch molti si de
stinano a girare la macina, o alP agricoltura,
quando occorra portare qualche cosa, ovvero
anche ad arare, ove la terra leggera, come nel
la Campania (6). Alconi anche non li destinano
che a portare de' pesi. Sicch nou si fanrfo t rup
pe di asioi se non se quasi dai soli mercadanli,
i quali, per mezzo di asini che portano sai dor
so (7), da Brindisi o dalla Paglia fanno traspor
tare sino al mare delP olio o del vino, come an
che della biada o altre mercanzie.
-4--
CAPITOLO VII
Dei c a v a l l i b d b l l b c a v a l l e .
Io pare, dice Lacieno, alla mia venata aprir
la barriera, e principier a lasciare libero il corso
ai cavalli ; n soltanto ai maschi^ dei quali, ia
pari guisa di Attico, ne tengo ano per istalloot
per ogni dieci femmine, ma anche alle cavalle,
di cui il valoroso Q. Modius Equiculus era so
lito servirsene nelle armate (1), egualmente che
de' maschi. Quelli che vogliono formare delle
troppe di cavalli e di cavalle, come sono qaelle
di alcune persone nel Peloponneso e nella Puglia,
debbono prima esaminare P et ; e voolsi cbe si
procuri (a) che non abbiano meno di tra, n pi
di dieci anni. Si conosce P et de' cavalli, come
anche quella di quasi tolte le bestie che oon
hanno separate le unghie, o che hanno le cor
na (3), perch si dice che il cavallo di trenta
mesi perde prima i denti di mezzo, cio due in
alto e due abbasso. Quando entra nel qoarto
anno, parimente ne perde altre llan ti lateralmente
a quelli che ha gi perduti, e cominciano a na
scere quelli che si chiamano canini ; c nel princi
pio del quinto anno ne perde pure nella medesimi
maniera due. Que' denti che allora rinascono
incavati (4), si riempiono nel sesto anno ; e nel
settimo suole il cavallo averli tulli rinati e
riempiti. Passato qaest' anno, v' opioione che
manchiuo i segni per conoscere P et, fuorch
quando i denti diventano molto promineoli, le
sopracciglia bianche, gli occhi sprofondati nelle
occhiaie, perch allora si dice che il cavallo abbia
sedici anni (5). Bisogna cbe le cavalle nella forma
sieno di una corporatura moderata, perch non
hanoo ponto di grazia, quando sono troppo
grandi o troppo picciole (6), che abbiano U
groppa ed il venire largo. I cavalli che si voglio
no adoperare por istalloni, bisogna sceglierli di
grande corporatura, di bella forma, e bene pr-
DI* RE RUSTICI LIB. 11. G3o
lumbis Jeorsum vertam pressis, scapulis latis,
spina maxime duplici ; sin mino, non extanti,
coda ampla subcrispa, cruribus* rectis et aequali
bus, genibus roloodis, ne magnis, nec iotrorsa*
spectantibus, ungulis duris : toto corpore ut ha
beat venas, qnae animadverti possint, qood qni
hujuscemodi sit, et cum est aeger, ad medendam
est appositas : corpore malto. De stirpe magni
interest qoa sint* quod genera sont mulla ; itaque
ad hoc oobiles a regiooibos dicantur, io Graecia
Thessalici eqoi, a terra Appoli, ab Rosea Roseani.
Equi boni faturi signa sot, si cam gregalibas in
pabulo contendit in cprreodo, alia ve qua re, qao
polior sit : si, cum flameo travehaadam est,
gregi ia primis praegreditur, ac non respectat
alios. Emtio equina similis fere ac boam et asi-
norom, quod eisdem rebus io emptiooe domi
num mut ant, ot io Mamilii actionibos saot
perscripta.
Equinam pecas pascendum io pratis polissi-
faum herba ; in stabulis ac praesepibus, arido
foeno. Cum pepererant, ordeo adjecto bis die
daoda aqua. Horum foelurae ipilium admissionis
facere oportet ab aequioootio verno ad solstitlam,
ut partus idooeo tempore fiat ; duodecimo eoim
mense, die decimo, ajoot nasci, qoae post tempos
nascootur, fere vitiosa alqoe inutilia exislant.
Admittere oportet, cam tempas aooi venerit, bis
in die, mane et vespere perorigam ; is iU appel
latur ; qniqui admittit ; eo enim adjolaote equae
alligatae celeripi admittantur, neque eqai frustra
cupiditate impulsi semen ejidont. Quoad salis
sit admitti, ipsae significant, quod se defendooL
Si fastidiam salieodi est, scillae mediam conte
runt cum aqua ad mellis crassitudinem : tam ea
re nataram eqoae, cum menses fer uni, Ungant;
ntolrs, ab locis equae nares equi tangunt. TameU
ii incredibile, quod usa venit, memoriae man
dandum; cum eqous matrem uttaUret addaci
nuo pussct, et eum capiU obvolalo peroriga
portionali in tutto le parti del corpo. Si po
oongettorare cosa far per divenUre il giovane
puledro, osservando se ha la UsU picoola, lo
membra bene sviluppato (7), gli occhi neri, le na
rici aperte, le orecchie aderenti alla cote del
capo e diritte, la cervice molle (8), la chioma
larga, folta, bruna (9), alquanto erespa, formata
di crini nu poco sottili, piegati alla parte destra
della collottola ; se ha il petto largo p pieno di
muscoli, gli omeri diritti eie scapole larghe (10),
il ventre poco largo, i lombi verso il basso com
pressi .e larghi (11), la spina del dorso incavata,
0 almeno non promipeote, la coda laoga e al
quanto crespa, le gambe diritte, molli ed alte, fi
gioocchi rotondi, noo graodi, n volti .all in
dentro (12), le uoghie dure, e tutto il corpo
sparso di vene facili a vedersi, perch salUodo
facilmente all occhio, pi aoconcio ad essere
medicato, quaodo si ammala ( i 3). Importa molto
conoscere la razza, da coi derivano, perch hav-
vene molle specie ; e perci i pi stimati si chia
mano col nome del paese, da cui derivano, come
1Testatici nella Grecia, i Pugliesi nella PogUa (i{)
ed i Roseaoi che nascono nel territorio di Rosea.
Quaodo an cavallo oel pascolare co suoi com
pagni si sforza di superare gli altri sia nella
corsa, sia allramenti ; quando nel travalicare un
fiume il primo che cammina alla tesU de) greg
ge senza guardare gli altri ; questi sono segni
che diveoteri buono. La compera dei cavalli
presso a poco simile a quella de' buoi e degli
asioi ; cio che per far caogiare ad essi padrone
per mezzo della veudila, bisogoa adoperare
per gli ani e per gli altri le medesime formalit,
a norma delle prescrizioni di Mamilio.
1 cavalli debbono pascolare l erba pertico-
larmeote nei prati, e deggiono mangiare il fieno
secco nelle mangiatoie, quando sono io isUlla.
Quando le cavalle hanno partorito, si d ad esse
anche deli* orzo, e due volte del d si d loro a
bere dell acqua. Perci che spetta alla propaga-
ziooe di qaesli animali ( i 5), bisogna principiare
1 accoppiamento dall equinozio di primavera
contionare sino al solstizio, affinch il parto sac
ceda in tempo propizio (16), perch dicesi che il
feto nasca nel giorno decimo del mese dodicesi
mo dopo il coito ; e quelli che nasoono pi Ur-
di (17), sono quasi tutti difettosi ed* ioatili. Ve
nuto il tempo opportuoo, bisogoa che Yoriga (18)
faccia mooUre la cavalla dallo stallooe doe volte
del d (19), cio mattina e sera. Si chiama orga
quegli che fa qoesU funzione, e per la eoi
opera le cavalle sono tenute ferme,acciocch
sieno mnUte pi presumente, e lo a tallone non
perda invano il seme pel troppo ardore. Le stes
se cavalle se schivano ulteriormente il coito,
adduxisset, el coegisset matrem ioire, cam de-
scendenti demsisset ab colis, ille impetam fecit
ia eam, ac mordicas interfecit., Cam conceperant
eqaae, videndam ne aat lsboreat plascalam, aut
De frigidis locis sint, qaod algor maxime prae-
gnaotibos obest. Ilaqne io stabulis ab humore
prohibere oportet humbm, clansa habere ostia ac
fenestras, et inter singulas praesepibus interji
cere longurios, qai eas discernant, ne ioter s
pugnare possint. Praegnantem neque implere ci
bo, neqae esarire oportet. Alternis qui admit
tant, diuturniores equos, et meliores pullos fieri
dicuot, itaque ot restibiles segetes essent exactio
res, sic quotannis qaae praegnantes fiant.
031
In decem diebas secandum partam cam ma
tribus in pabalum prodigendum. Ne ugulas
com b a rat sterous cavendum. Quinquemestribus
pullis factis, cum redseti sant in stabalum, obji
ciendum farinam ordeaceam molitam cum furfu
ribus, et si quid aliud terra natum libenter edent.
Anniculis jam faotis dandum.ordeum et furfures,
usque qaoad erunt lactentes, neqae prius biennio
confecto a lacte removeodum ; eosque cum stent
cum matribus, interdum tractaodum, ue cum
sini dijuncti, exterreantur ; eademque causa ibi
frenos suspendendam, at eqaali consuescant et
videre eorum faciem* et e mota audire crepitas.
Cum jam ad manus accedere coosaerinfc, inter
dum imponere iis pueram, bis aut ler pronam in
ventrem, postea jam sedentem ; haec facere cam
sit trimas ; tam enim maxime crescere, ac lacer
tosum fieri. Suol qui dicant post annum et sex
menses equulum domari posse, sed melius post
trimum, a quo tempore farrago dari solet ; haec
eoim purgatio maxime necessaria equino pecori;
quod diebus decem facere oportet, nec pali alium
ullum cibum gustare. Ab uudecimo die usque ad
indizio che sono state bastantemente montate.
Se* lo stallooe ha a noia 1 accoppiamnto, ai
pesta della midolla di scilla (ao) nell* acqua
sino a che sia ridotta alla deosit del miele ; indi
con questo medicamento si fregano le parli na
turali della cavalla, quando io amore ( a i ) ; a
d' altronde si fa che le nari dello stallone toc
chino qaelle parti della cavalla. da eternarsi
la memoria di on avvenimento certissitno, quan
tunque appaia incredibile. Uno stallone negava
di montare la propria madre, e 1' origa gli
bend gli occhi, lo condusse presso di quella,
e T obblig a montarla : terminala cbe ebbe la
operazione, e quando ebbe gli occhi scoperti,
si gett sopra 1 origa, e coi denti lo ammaz
z (aa). Quando le cavalle sono pregne, biso
gna evitare che oon lavorino p i i del dovere,
e che non abitino in laoghi freddi, perch il
freddo nuoce moltissimo alle gravide. Per la
qual cosa bisogoa impedire che sai suolo delle
stalle si arresti P umido, e che entri per le porle
e per le finestre, le quali, a quest oggetto, si
tengono chiuse : bisogna ancora attaccare alle
mangiatoie delle lunghe stanghe, onde una ca
valla sia separata dall altra, e non possano bat
tersi insieme. Le cavalle pregne non debbono
mangiare troppo, n soffrire la fame. Qoelli che
le fanno montare ogni altro auao, asseriscono
che si conservsno pi lungamente (a3), e che ge
nerano migliori figli ; perch, siccome le terra
che frollano tatti gli anni, diventano saervate,
cos pare diventane tali le cavalle che figliano
ogni anno.
Dieci giorni dopo la nascita, si coodocono i
figli colle loro madri al pascol. Si abbia atten
zione che lo slerco non abbruci (a4) le unghie di
questi. Quando hanno cinqae mesi, bisogna, al
lorch ritornano alla stalla, dare ad essi della
farina d orzo unita colla crusca, come altres
qualche altra produzione della terra, cbe potes
sero mangiar con piacere. Quando hanno dodici
mesi, si d loro dell orzo e della crusca ; e ci
fino a tanto che poppano ; n bisogna slattarli
prima de due anni. Nel mentre ohe convivono
colle madri (a5), si toccano colle mani di tratto
in tratto, acciocch non si spaveolino, toccan
doli quando sono slattali. Per la medesima ra
gione si attaccheranno nelle stalle, ove dimorano
colle madri, dei freni, onde ipolledrucd si assue
facciano a soffrirne la vista, e ad adirne lo stre
pito, quando si muovono (26). Assuefatti che sono
al tocco delle mani, bisogner di tempo in tempo
mettere sai loro dorso an fanciullo, il quale
prima si sdraier col ventre per dae o tre volle,
e poi sedera sopra il dorso dei medesimi. Ci st
faccia quando il cavallo abbia Ue anni, perch
6Sa M. TERENTII VARRONIS
M3 DE RE RUSTICA L1B. 11. 634
qeqrtam d ed ma i dandum ordeum, quotidie
adjiciendo min alala j qaod quarto die fecerit,
io eo deum diebat proxiorit manendum, ab eo
tempore mediocriter exercendum : et cam roda
rti, perunguendum oleo. Si frigat erti, in equili
iaoaeodai ignit. Eqai qaod alii tool ad rem mili
tarem idonei, ahi ad vectaram, alii ad admitto-
ram, alii ad cursaram, non item tuoi speetaodi
atqae habendi. Itaque peritas beiti aliot digit,
alqae Kt, ac docet : aliter quadrigarias, ac desal-
tor ; neqae idem, qui vectarios facere vult, ad
ephippium, aat ad predam ; qaod al ( ad rem
ariti ta rem, qaod ) ibi ad castra habere volaat
scres, sic eoo Ira io viit habere malant placidot ;
propter qnod discrimen maxime inttitntom, ul
eaitrentor equi ; demplis eoim testiculis fiuot
quietiores, et ideo qaod temine carent, ii cantero
appellali, ul m sai ba roajatea ; gallis gallinaceis,
capi. De medicina, vd plorimi suol in eqoit el
sigoa morbo rara, et geaera coratiooam, qaae
pastorem scripta habere oportet. Itaque ob hoc in
Graecia poliaaimom lAedici pecoram / r r/ et rf o i
appellati.
CAPUT Vffl
Db b u l i s b t b i h i o j l i j .
Cam haec loqueremur, venit a Menate liber-
lui, qui dicat liba absolata esse, et rem divioam
paratam ; al velleot, veoirenl illac, el ipsi pr ae
aaeri fica ren la r. Ego vero, inquam, voa ire noo
patiar aot t, qaam mihi reddideritis tertiam a-
M. T i u n i o Va b b o b b
specialmente allora cresce e diventa robutto. So-
novi alcni, i quali pretendono che si potsa do
mare il puledro quando ha un anno e mezzo;
ma meglio far ci dopo i tre anni, oel <Juat
tempo saoiii dargli della farragioe, perch que-
ata an purgante necesaaristimo per cotale
bestiame. Qaetto mescuglio d erbe teoere biso
gna darlo per dieci giorni, e noh permettere
che mangi altro cibo. L undecimo giorno gli
ai dar dell1orto, Ja coi dose ai accrescer gr-
datamente ogni giorno sioo al decimoqaarrto :
e quella quantit d' orzo che si dar nd dci
mo quarto (27), la stesta si dia ogai giorno pt
altri dieci con secati vi : dopo di ohe bisogner
esercitarlo moderatamente (a8), e ungerlo dolio,
quando avr sudatpr'Se sar freddo, si accen
der fuoco nel fa alalia. Jfoo tatti i cavalli ri
cercano il medeaimo trattamento, n tutti tono
acconei alta medesima cosa ; e perd alcuni tono
atti alla guerra, altri alla vettore, altri alla pro-
pagaziooe, ed altri al eorao (9). Di falli, il pe
rito neH arte militare sceglie a quest effetto
que tali cavalli, ed altrameoti gli addestra (3o)
del cocchiere che se maneggia qoattro sotto il
cocchio, e di quello che salta da un cavalle al*
I altro: diveraamente ti fa per qoelli che si
destinano a vettura, a sella, ed a carrozza (3i ) :
quelli che ti deatloano atta guerra, vuoisi eh*
sieno vivi e spiri tosi : e per contrario placidi
queHi che ti adoperano pegli altri usi : e per
questa differenza appunto si imaginato di aa
strarli, perch tono pi quieti, qoando ai tol
gono ad essi i testicoli, per la ragione (3a) ohe
diventaoo privi di teme. Questi cavalli castrati
si chiamano canttrii (33), come majalti i porci
castrati, e capi i galli castrati. Quaoto all* arte
di guarirli, da sapersi ohe i cavalli hanno wm
gran numero di segni che indicano le loro ma
lattie, e che sooovi varii metodi di guarirti
(cose tolte che debbe avere scritte il pastore ), e
appunto per ci i medici in Grecia, che guari*
scono anche l ' altro bestiame, sono chiamati
/T*r/*Tfo#. (34).
CAPITOLO Vffl
Dai PIOLI VATI d a l c a v a l l o e d a l l a s m a ,
b d a l l a s i v o b d a l l a c a v a l l a .
E nel dire quette cose venne a noi il liberto
di Menate (1) ad avvertirci che le offerte delle
liba (a) erano terminate, e che tutto era proolo
pel sacrifizio, e per conseguenza che dovessero
col portarsi qoelli che avessero voluto sacrifica-
*7
635 M. TERENTII VARRONIS 636
ctoni, de molis, de canibus, de pastoribus. Brevis
oratio de istis, inquit Murrius ; nam malli et
bioni bigeneri, atqae insiticii, noo saople genere
ab radicibus ; ex equa enim et asino fit mulus ;
contra ex eqao et asina hinnus. Uterque eorum
id osum utilis, parlu fractos neuler.^ Pullum
asininum a parlu recentem subjiciant equae, cu
jas lacte ampliores fiant, quod id lacte quam asi
ninum, ac alia omnia dicant esse melius. Praeter
ea educant eum paleis, foeno, ordeo. Matri sup
positiciae quoque inserviunt, quo equa ad mini
sterium lactis cibum pullo praebere possit. Hic
ita eductas a trimo, pol est admitti ; neque enim
aspernatur, propter consuetudinem eqainam.
Hone minorem si admiseris, et ipse citios sene
scit, et quae ex eo concipiuntur fiunt deteriora.
Qui non habent eum atioam, qaem supposaerunt
equae, et asinum admissariam habere volunt, de
asinis,qnem amplissimam formosissimumque pos-
sant, eligunt ; quique seminio natas sit bono,
Arcadico, ut anliqai dicebanl, ut nos experli su
mas, Reatino : obi Ireceois ac quadrigenis milli
bus admissarii aliquot veoieruol ; quos emimus
item at eqaos, slipulamurque ia emendo, ac fa-
cimns io accipiendo idem, quod dicium est in
equis. Hos pascimus praecipne foeno atque or
deo, et id ante admissuram largius facimus, ut
cibo suffundamus vires ad foeturam. Eodem tem
pore, quo eqaos addocentes, iidemque ut ineant
qaas per origas curamas. Cum peperit equa
malum, aut mulam, uotricantes educamus. Hi, si
in palastribos locis, atque uliginosis nati, habeo t
angulas molles ; iidem si exacti sunt aestivo tem
pore io montes, qaod fit ia agro Reatino, duris
simis ungulis fiunt. In grege mulorum parando,
spectanda aelas et forma ; alleram, at vectaris
sufferre labores possint ; alterum, at oculos aspe
ctu delectare queant; hisce enim binis conjun
ctis omnia vehicala ia viis ducantur. Haec me
Reatino auctore probares, mihi, inquit, nisi tu
ipse domi equarum greges haberes, ac mulorum
greges vendidisses. Hinnus, qui appellatur, est
ex equo et asina, mioor quam mulus corpore,
plerumque rubicundior, auribus ut equinis, ju
bam et caadam similem asiui. Item in ventre est
(ut equus) menses duodecim. Hosce item ut
equulos et educaut et alunt, el aetalem eorum
ex denlibus coguoscuul.
re persoaalmeate per si stessi. Io, dissi loro, boa
permetter che partiale, ae prima oou terminate
il leno atto che versa sui mali, aoi caai e sai
pastori. Sooovi poche cose da dire io loro o ai pri
mi, dice Murrio, perch i muli, sia quelli che
sono generali da un cavallo e da un asina, sia
quelli che nascono da un asino e da una cavalla,
sono animali generati da differenti specie, ed in
nestati, per coi! dire, sopra an ceppo straaiero ;
perch il molo nasce dall asino o dalla cavalla, e
V hinnus dal cavallo e dall asina (3). L ano e
P altro possono servire a Varii usi : n V ano, n
l'altro per possono generare (4). L* asinelio ap
pena nato si di a nodrire alla cavalla, il cui latte
fa che diventi pi grande, perch iaolsi che que
sto Ulta sia migliore di quello dell asina, o di
ogai altro auimale. Oltreci si nodrisce di paglia,
di fieoo e di orxo. Oaooo parimente alla madre
posticcia una maggiore copia di cibo, onde essa
possa somministrare latte baslaote aoche al pro
prio figlio (5). Allevato in tal modo P asino, pu
soi tre anni montare le cavalle; n egli vieoe
rigettato, perch convive con esse. Se ai fari
montare pi giovane, invecchieri pi presto ; e i
figli che genereri, non saranno booni. Quelli
che non hanno un asino aHevato dalla cavalla, e
che vogliono avere nn asino stallooe, scelgano
Ira gli asini quello eh* pi grande e pi bel
lo (6), e eh di buona raxxa, come di Arcadia,
secondo quello che dicevano gli antichi, o di
Rieti, secondo la nostra esperienxa, ove alcuni di
questi stalloni si sono pagati trenta e quaranta-
mila sestertii (7). Noi comperiamo gli asini co
me i cavalli colla medesima formola di contratto,
e in pari gaisa de cavalli ne facciamo la coose-
gnaiione. Li uodriamo principalmente di fieno
e di orxo, ed in maggior copia avanti V acooppta-
mento, onde si somministrino forxe bastanti per
la generatione. Noi abbiamo cura che P origa
faccia montare le cavalle da questi in quel tempo
che i cavalli montano queste (8). Quaodo la ca
valla partorisce uo malo o una mola, noi li alle
viamo e li nodriamo. Se qaesli uascono in luo
ghi paludosi ed umidi, hanno le unghie molli ;
ma se si menano nella stale sai monti (9), 00me
si pratica nel territorio di Rieti, diventano du
rissimi nelle unghie. Nel (ormare un gregge di
muli, bisogoa avere in vista la loro el i e forma :
la prima, onde possano tollerare le fatiche della
vettura ; e la seconda, affinch possano piacere
alla vista ; perch non vi ha vettura che non si
possa condurre sulle strade da due di qoesti uniti
insieme. Tutto ci devi credermelo, disse, vol
gendo il discorso a me (10), perch sono di Rie
li ; e potresti accertartene, se tu non possedessi
che delle troppe di cavalle, e se noo avessi ven-
63;
DE RE RUSTICA LIB. 11.
638
doli i mali. Il molo chiamato hinnus, nasce da
o d cavallo e da un1asina ( u ) : pi picciolo di
corpo dell' altra specie, comunemente pi rosso,
ha le orecchie come il cavallo, la giubba e la co-
da simili a quelle delP asino (ta). Dimora, come
il cavallo, on anno nell aler. Si allevatio e si
nodriscono quesli moli, cornei cavalli, e pari
mente si conosce Ja loro et dai denti.
CAPUT IX
De c a n i b u s .
Relinquitur, inquit Atticus, de quadrupedi-
bos, qnod ad canes attinet, maxime ad nos, qoi
pecos pascimus lanare. Canis enim ila custos pe
coris, ut ejus, quod eo cortile indiget ad se de
fendendum ; in quo genere sunt maxime oves,
deinde caprae ; has enim lupus captare solet, cui
opponimus canes defensores. In suillo pecore
tamen sunt, quae se vindicent, sues, verres, ma
jales , scrofae ; prope enim haec apris, qui in
silvis saepe dentibus canes occiderunt. Quid
dicara de pecore majore? curo sciam mulorum
gregem cum pasceretur, eoque venisset lupus,
ultro mulos circumfluxisse, et ungulis caedendo
eom occidisse? et tauros solere diversos assistere
duoibus cootinuatos, et cornibus facile propul
sare lupos ? Quare de canibus, quoniam genera
duo, unum venaticum, etperlinel ad feras bestias
ae silvestres : alterum, quod custodiae causa pa
ratur, el pertinet ad pastorem : dicaro de eo ad
formam artis expositam in novem partes. Primum
aetate idonea parandi, quod catuli et vetuli neque
sibi, oeque ovibus sunt praesidio, et feris bestiis
noonunquam praedae. Facie debent esse formosi,
magnitudine ampla, oculis nigrantibus aut ravis,
naribus congruentibus, labris subnigris aut rubi
cundis, neque resimis superioribus, nec pendulis
subtus, mento suppresso, et ex eo enatis duobus
dentibus dextra et sinistra, paulo eminulis, supe
rioribus directis potius, quam brocchis : acutos,
quos habeant, labro tectos : capilibus et auricu
lis magnis ac flaccis: crassis cervicibus accollo:
internodiis articulorum longis: croribus rectis,
et potius varis, quam vatiis : pedibus magnis et
altis, qui ingredienti ei displodantur : digitis
discretis : unguibus duris ac curvis : solo nec ut
corneo, nec nimium duro, aed ut fermentato ac
molli : ac feminibus summis crpo re suppresso :
spina neque eminula, neque curva : cauda crassa :
latratu gravi: hiatu magno: colore potissimum
albo, quod in tenebris specie leonina. Praeterea
foeminas volunt esse mammosas aequalibus papil-
CAPITOLO IX
D e i c a v i .
Sull argomento dei quadrupedi, non ci resta,
dice Attico, che di parlare de* cani (i); punto in
teressante per noi che nutrichiamo del bestiame
lanoso ; poich il cane il custode del bestiame,
e particolarmente di quello che da esso accom
pagnato, e che ba mestieri di difesa (a), come le
pecor in primo luogo, e poi le capre : difatti il
lupo suole portarsele via; e perci mettiamo alla
loro difesa dei cani. Nella elasse dei porci per se
ne trovano di quelli che sanno difendersi, come i
verri (3), i maiali, 1 troie ; perch questi anfanali
si avvicinano ai cinghiali, i cui denti hanno so
vente ammazzati dei cani uei boschi. E che dir
del grosso bestiame ? Non so io forse che porta
tosi un lupo ove pascolava nn gregge di muli,
quesli, per un istinto natorale, lo circondarono,
e lo ammazzarono a colpi di calcio ? Non so io
forse che i tori separati si riuniscono reciproca
mente per di dietro, e che facilmente rispingono
i lupi colle coma (4)? Laonde dei cani (dei quali
ve ne sono due specie ; cio quelli da caccia che si
destinano a cacciare le bestie selvagge (5) e fiere;
e quelli che servouo a far guardia e che appar
tengono al pastore ) parler ; e particolarmente
di quesli ultimi : e per conformarmi (6) al tno
metodo, divider quest* argomento in nove parli.
Primieramente bisogna prendere cani di conve
niente el, perch i cagnolini ed i vecchi non
possono difendere n s slessi, n le pecore, anzi
alle volte sono preda delle bestie feroci. Deggiono
essere di bella figura, grandi nella corporatura (7),
di occhi uericci, o di colore tan (8); il colore del
nsso dee corrispondere a questo ; le labbra deb
bono essere nericce o rossicce, oon camuse (9)
superiormente, n pendenti in basso; il mento ha
da essere corto ; dalla mascella inferiore debbono
nascere a sinistra e a destra due denti uu poco
sporti allo iofuori ; e quelli della mascella supe
riore hanno da essere piuttosto diritti, che sporti
infuori : gli acuti denti poi hanno da essere co
perti dalle labbra : bisogna che abbiano la testa
639
Rf. TERENTII VARRONIS
4*
lis. Item videndum, ul bogi leminii sinL llaqae
* refiooibas appellai?lar Lacoues, Epirotici, Sal
lentini. Videndum, ne a vena tori bu* , aut laniis
cane* emas; alteri, quod ad pecua sequendum
inertes ; alteri, ai viderint leporem, aut cervum,
qnod enm. potius , quam oves aequentur. Quare
aot a pastoribus-emta melior, quae ovea sequi
consuevit : aut aine ulla consuetudine quae fue
rit; canis enim facilius quid assuescit, eaque con
suetudo firmior, quae sit ad pastores, quam quae
ad pecudes. P. Aufidius Pontiauus Amiterninus,
cum greges ovium emisset in Umbria ultima,
quibus gregibus sine pastoribus canes accessis
sent ; pastores ut deducerent in Metapontinos
saltus, et Heracleae emporium : inde cum domum
redissent, qui ad locum daduxerant, e desiderio
hominum diebus paucis postea canes sua aponte,
cuip dierum multorum via interesset, sibi ex
agris cibaria praebuerunt, atque in Umbriam ad
pastores redierant ; neque eorum quisquam fece
rat quod in agricultura Saserna praecepit: Qui
vellet ae a cane aectari, uti ranam objiciat coctam.
Magni intereat ex semine esse canes eodem, qnod
cognati maxime inler se sont praesidio. Sequitur
quartum deemtioue: fit alterius, cum a priore
dopino secundo traditum est. De sanitate et noxa
atipulaliones fiunt eaedem, quae io pecore, nisi
quod hic utiliter exceptum est. Alii pretinm fa
ciant in singula capita canum; alii ut catuli
aequantur matrem ; alii ut bini catuli unius ca
nis numeram obtineant, ui solent bini agni ovis ;
plerique ot accedant canes, qui consuerunt esse
nna.
grande, e le orecchie grandi e pendenti, la collot
tola ed il collo grosso (io) ; che siavi una larga di
stanza nella separatione de'nodi degli articoli; che
abbiano le gambe diritte, alte e piuttosto piegata
infuori, che indentro (i i ) ; le zampe larghe e eh*
facciano dello strepito nel camminare; ledila sepa-
rate; leunghie dure e curve (i a); la pianta del piede
non cornea, n troppo dura, ma molle, e per cos
dire, dilatabile ; che il corpo sia schiacciato supe
riormente ed internamente alle cosce ( i 3) ; che la
spina del dorso non sia n prominente, n curva;
che la coda sia groasa ; 4' abbaiamento forte ; 1*a-
pertra della boaca grande. 1 cani deggiono essere
specialmente bianchi, onde facilmente ai diatin-
guano (i4) nelle tenebre. Vuolai inoltre che le
femmine abbiano grandi zinne; e in ambe le
parti uo eguale numero di capezzoli ( i 5). Bisogna
procurare altres che sieoo di buona razza ; e
perci, secondo i paesi, da1quali sono tratti, si
chiamano Lacortes, Epirotici, Sallentini. Guar
dati dal comperare cani dai cacciatori o dai bec
cai ; questi perch non sono assuefatti a seguire
le pecore ; e quelli, perch vedendo una lepre,
od un cervo, vi corrono dietro, piuttosto che ae-
guire le pecore. 1migliori dunque sono quelli che
ai comprano dai paatori, e che sono aolili a aeguirt
le pecore, ovvero quelli che na sonoaasoe&Ui a
niente ; perch il cane di leggeri ai accoatnma *
tutto. 11fatto seguente mostra che hanno maggiore
atlacaroeoto pei pastori, che pel bestiame. P. Aufi
dio Ponziano(i6)diaap Vittorino compr nel foe
do deirUmbria delle gregge di pecore, e ooaveaaa
che i cani, e non i pastori, foaaero compreai nella
vendita, colla ooudiaione per, che questi doves
sero condurre le gregge ne' boschi meUpoqUnj
ed al mercato di Eraplfia (17) ; e che oi fatto,
dovessero ritornare alla propria caja (1.8) : ma i
cani, pochi giorni dopo, rammaricati per la pfr-
dita dei pastori, ritornarono a raggiungerli nella
Umbria, non nutricandosi che di quello che ritro
varono ne' campi, quaptnnqpe la dialanza da un
luogo all'altro foste di molte giornate, eaebbeoe
nessuno de' pastori uvesse messo in opera quanto
prescrive Saserna nella sua agricoltura cio, che
qpegli, il quale vuole essere seguilo dal cane, gli
presenti una rana cotta (19). Impqrta nipllisaimo
che i cani del gregge sieno di nna stessa razza,
perch quaudo souo parenti, si difendono in
iipecialit tra loro (20). Ma (parlando del quarto
punto, cio dell* vendila) il cane passa in altrui
potere, quando dal primo padrone ai conse
gua al McouflQ. IfltQrAo Mia sanit ed ai d^oni
che aveiaero prodpui, ai stipula 4 cqnljrattQ come
ai pratica qel he*li*me, quando ai faglia ec
cettuare u w quache azione gt^le (ai). Alcuni
y p w u > e ft w j *
D$ R*> RUSTICA m . a
Cibali canis propior hominis, qaam ovis ;
pat dt ar enim e culina el ostibat, noo berbij ani
frondibus. Diligenter ot habeaul cibaria provi-
deodum ; fames enim boa ad quaerendam eibnm
dncet, ti oon praebebitur, el a pecore abducet.
Niti ti (n i qjDuJam puUpt) etiam ili ac pervene-
riot, proferbiacn ot tollant antiquum : vel etiam
ot (ivy aperiant de Actaeone, atqoe in domi
nam afferant dentea. Nec non ita panem ordea-
ceom dandum, I non potint eum in lacte det
intritami qood eo contacii cibo oli, a peoore non
cito detcitcunl. Morlicinae ovis non patinntar
vetci carne, ne dncti tepore miout te abstineant
Dani etiam jot ex ottibut, et ea ipta otta contuta.
Dente# enim acit firmioret,et ot magii patulum :
propterea qood vehementius didocnntnr malte,
acrioresque fino! propter medullarum saporem.
Cibum capere consuescant interdia, ubi pascun
tor : vesperi, obi tlabalaniar. De foetura, prin
cipium adcqiUcodi faciunt verit principio: tunc
enim dicuntur catulire, id est, ostendere velle te
maritari. Quae cum admit*a*, pariunt circiter
aoJalitip; praegnanlct enim toleul ette ternot
antei. Io foetoca dandam potiat ordeaceot
quam trilioeoa paoet ; magit enim eo alantur, el
lecti* praebeat mejorem faoultalem. In nutricatu
secandam partnm ti plure* tool, ttalim eligere
portet quot babere velit, reliquot ab>icere;
qoam paucittimot reliquerit, tam optimi in alen
do fiant propter copiam laelit. Subtteroilur eia
acus, aut qaid item tliad, qaod molliore cubili
faciliat educantur ; catuli diebut xx videre inci*
pioni. Dnobat mentibut primit a parta non
di junguntur a matre, sed minutatim desuefiant.
Educant eos plures in anum locum el irritant ad
pugnandum, quo fiant acriores, neqae defatigari
patinntur, quo fiant segniores. Coutue quoque
faciant ut alUgari poatint, primo*' levibus vin-
dit : quae ti abrodere .conantur, ne id consae-
tcaol facere, verbaribat. tot deterrere tolenl
Ploviit diebut cubilia substernenda fronde aut
pabnki, doabut de oautis, ut ne oblinantur , ani
*perfrigescant. Qoidam eot castrant, qaod eo mi
nat putaat relioqnere gregem; qaidam noa
faciunt, qood eot credunt minat acret fieri
Qaidam aoabm Graecit ia aqaa triti perun
gant augete et .inter digitos : qood motcat, el
rieini, et palicat soleant (ti hae anguine non tit
atet) eepxnlterere. Ne vulnerentur a beatiia im-
p e n a t o r ku qua# m o n t a r maelium,
cagnolini fegyirtnno la m*dre, ed altri che da
cagnolini non saranno contati che per un cane,
coin due agnelli non ti contano d* ordinario che
per una pecora : parecchi sogliono comprendere
nella compera tutti que1cani che tono assuefatti
a convivere insieme.
11 ndrimento del cane ti avvicina pi a quello
dell* uomo, che della pecora, perch si nodrim
di brodo (aa) e di ossa, non gi di erbe o ili
frondi. Bisogna procurare con diligente che H
cibo non manchi mai ai cani, altraraenii diserta*
ranno dal gregge, e la fame li cotlringer a cer
care il cibo altrove : potrebbero anche, come al
cuni pensano, fare di peggio, e rinnovare T antico
proverbio (aS), od anehe scoprire il sento alle*
gorico della favola di Atleone, addentando il
proprio padrone (a4)> Si pu etiaodio dare ad
essi del pane d' orto, ma dopo averlo prima in-
triso nel latte, perch assuefatti a cotale cibo, non
istanno lungamente lontani dal gregge. Non ti
permette che mangino la carne delle pecore morte
da s, affinch, allettati dal sapore, non mangino
le vive. Si d altres a loro del brodo di ossa, ed
anche le otta medesime ridotte io petti : in laL
modo fanno i denti pi forti, e Vapertura della
bocca pi larga, perch con veemente aprono le
mascelle, ed il sapore che trovano oella midolla,
li reode pi aspri. Sono soliti maogiare di giorno,
ove pascola il gregge, e di sera, ove rientrato.
Quanlo alla loro propagatione, si priocipia ad
accoppiarli nell1ingresso della primavera : allora
s dice che le cagne vaono iu amore e che mo
strano il desiderio del maschio. Montate in quel
tempo (5), partoriscono verso il tolstiiio, perch
sogliono tiare grtvide per Ire mesi. Nel tempo
della gravidanta si d ad ette piultotto del pane
d orto, che di formento, perch il primo le no-
dritee meglio, e fa che abbiano anche maggiore
copia di latte. Riguardo al nutricare i cagnolini,
te qaetti tono parecchi, fino dal priocipio della
loro nascita bitogna scegliere quelli che si vogliouo
serbare, e gettare gli altri : meno che ne lascerai,
meglio saranno nodriti per la maggiore quantit
di latte. Si mette sotto di essi della paglia (*6),
od altra simile cosa, perch quando riposano pi
mollemente, cou maggiore facilit si allevano. I
caguolini principiano a vedere in capo a venti
giorni (37). Ne primi due mesi dopo la loro na
scita non ai separano dalla madre ; ed in pro
gretto ti fa ci poco a poqo. Molti ae ne condu
cono in an luogo, ove ti eccitano a pugnare
insieme per renderli pi vivi ed ardenti, n ti
permette che ti fianchino, onde oon diventino
pigri. Si avvettapo allreal a lasci irsi legare nel
principi? con legami leggeri; e quando fanno
degli storti per rodarli, apolli biMeclj, acefowbft
H. TERENTII VARRONIS
644
id est, cingulum circom collao ez corio firmo
cum clavulis capiUlis, qaae intra capita insuitur
pellis mollis, De noceti collo duritia ferri. Quod
ii lupus, aliasve quis his volueratas esi, reliqaas
quoque canes facit, quae id non babent, ot sint
in iulo. Namerue canum pro pecoris multitudine
solet parari ; fere modicum esse putant, ut sin
guli sequantur singulos opiliones: de quo nume
ro alius aliam modum contituiL Quod si sunt
regiones ubi bestiae sint mullae, debent esse
plures ; quod accidit iis, qui per calles silvestres
longinquos solent comitari in aestiva et hiberna.
Villatico vero gregi in fundum satis esse duo, et
id marem et foeminam. Ita enim sunt assiduio-
res, qood cum allero idem fit acrior, et si alter
indesinenter aeger est, ne sine cane grex sit. Cum
circumspiceret Allicas ne quid praeterisset : Hoc
silentium, inquam, vocat alium ad partes.
CAP UT X
Db p a s t o b i b u s .
Reliquam enim in hoc acia, quot, et qaod
genus sint habendi pastores. Cossinias: ad majo
res pecades aetate saperiores, ad minores etiam
poeros, et utroqae horum firmiores, qai in calli
bus versentur, quam, eos, qui io fundo quotidie
ad villam redeant, ltaqoe ia sal libas licet videre
javeatalem, et eam fere armatam, cam in fundis
noo modo pueri, sed etiam puellae pascaot. Qai
pascant, eoi cogere oportet, ia pastione diem to-
non ne contraggano I abito. Nei giorni di piog*
gi, si stendono sui loro canili delle foglie o del
foraggio ; e ci per due ragioni, perch non si
sporchino, e perch non abbiano troppo freddo.
Alcuni li castrano, perch cosi sono meno tentati
di abbandonare il gregge; ed altri ci non fanno,
pereh credono che cosi diventino meno corag
giosi. Alconi pestauo oelP acqaa delle mandorle
amare, e con queste fregaao le orecchie, e tra le
dita (a8), perch le mosche, le zecche, e le pulci
sogliooo ulcerare queste parti, quando non si
fregano con tate unguento. Per evitare che sieoo
feriti dalle bestie feroci, si adattano ad essi dei
collari che si chiamaoo milla (29), vale a dire
intorno il collo si mette una cintura, fatta di cuoio
forte, e fornila di chiodi a testa. Sotto questa testa
si cace una pelle pi molle, per impedire cbe la
durezza del ferro nuoca al collo. Che se il lupo, o
qualche altra bestia resta ferita dai chiodi, gli
altri caui si trovano in sicuro, quantunque non
abhiano il collare. Suolsi provvedere quel o a mero
di cani, che sia proporzionato a quello del bestia
me. Si crede comnoemenle che basti che un pastore
sia seguito da uo cane; ma generalmente, riguardo
al numero, ognano ha il suo metodo particolare.
Che se il paese abbogda di belie feroci, i cani
debbono estere parecchi; il che mettono in opera
quelli che fanno cammini lunghi per istrade t d -
vagge e strette (3o), a oggetto di condurre il
gregge ai quartieri di estale o d inverno. Pel
gregge che sta oetla casa rusticana (31), basta che
nella tenula si trovino due cani, cio un maschio
ed una femmina (3a) ; perch in tal modo diven
tano pi assidui, e per emulazione pi vivi ed
acri: d'altroode se V uno, o V altra ti amma
lano (33), il gregge non resta privo di cane. At
tico (34) guardava intorno come per dimaodare
se aveva ometta qualche cosa, e veggendo che 00:
Questo silenzio, io dico allora, annaozia che altri
dee trattare il sao soggetto.
---- 4-----
CAPITOLO X
De i p a s t o b i .
Per compiere quest atto, da parlarsi del
numero dei pastori e delle loro qaali l. Cossi-
nio. Pel grande bestiame si ricercano uomi
ni piuttosto di et avanzala, e pel piccolo, ba
stano anche i fanciulli. Deggiono poi i pa
stori essere pi forti e degli uni e degli altri,
quando hanno da passare per istrade rimole,
strette e selvagge, e deggiono essa re pi forti
di quelli che ogni giorno cooducoao il gregg*
645 DE EE RUSTICA L1B. II.
tom ciie, pascere commaniter;contra, pdrnootare
ad toam quemque gregem ; esse omnes sub ano
magistro peooris : cura esse majorem nata polias
qaam alio*, et peritiorem quam reliquos: quod
iis, qai elate et scientia praestant, animo aeqaio-
re reliqui pareot. Ila tameo oporle 1aetate prae
stare, ut ne propter senectutem minus sosti nere
possit labores ; neque enim senes, neqae paeri
calliam difficultatem, ae raoQlium arduilatem,
atque asperilatem facile ferant: quod patiendum
illis, qui greges sequuntur, praesertim armenti
cios sc caprinos, quibus rupes ac silvae ad pabu
landum cordi. Formae hominum legendae, at
sint firmae, ac veloces, mobiles, expeditis mem
bris: qai non solum pecus sequi possint, sed
etiam a bestiis ac praedonibus defendere: qui
onera extollere in jamenta possint, qai excurrere,
qai jaculari. Non omnis apia nalio ad pecnariam,
qaod neqae Basculus, neque Turdolus idonei:
Galli appositissimi, maxime ad jumenta. In no
tionibus dominum legitimum sex fere res perfi
ciant : si haeredi latera justam adiit: ai, ut debait,
mancipio ab eo accepit, a qno jure civili potuit :
aut si in jare cessit, cui potuit cedere, et id ubi
oportnit: aut si usu coepit : aut si e praeda sub
corona emit: lumve cum in bonis seclioneve co-
jus publice veoit. In horum emiione solet acce
dere pecalium, aut si excipiet, slipalatio interce
dere, sanam eum esse, furtis noxisque solutum :
aut si mancipio non datur, dupla promilti : aut
si ita pacli, simpla. Cibas eorum debet esse in
terdia separatine oniascujnsque gregis, vesper-
liaus in coena, qui sunt sob uno magistro, com
munis. Magistrum providere oportet, at omnia
sequantur inslrumenla, qaae pecori et pastoribus
opas sunt, maxime ad viciam hominum, et ad
medicinam pecudum : ad quam rem habent ju-
meata dossuaria domini, alii equas, alii pro bis
quid aliod, quod onas dorso ferre possit.
dalla tenuta alla casa, o da questa so quella (i).
E per queslo reggiamo ne boschi dei giovani
per lo pi armali, qoando nelle campagne il
gregge condotto al pascolo non solo da fan
ciulli, ma ancora da fanciolle. Quelli che fanno
pascolare ne luoghi selvaggi, bisogna ehe di
giorno tengano unite insieme lotte le gregge,
affinch pascolino unite (a) : per contrario si fa
che ogni gregge dorma separatamente. Bisogna
che tuti' i pastori sieno soggolii a an solo ed
anico sovranlendenle al bestiame, che deve es
sere il pi vcchio ed il pi sperimentalo de
gli altri (3), perch pi facilmente e volenlieri
obbediranno a quello che loro superiore di
ele di esperieosa. Bisogna per altro che l'et
noo aia tale, che per la vecchiaia non possa
sostenere le fatiche ; perch tanto i vecchi, quan
to i fanciulli non sostengono facilmente le fa
tiche originate dalla difficolti delle strade e
dai monti alti e dirupali ; al che debbono as
soggettarsi quelli che conducono le gregge,
particolarmente se sono di bestiame grosso e di
capre, come animali che ai dilettano di pasco
lare solle rupi e nelle selve. Bisogna scegliere
la forma di questi uomini, i quali debbono es
ser robusti, veloci, lesti ed agili nelle membra,
onde non solo possano seguire il bestiame, ma
ancor difendersi dalle bestie e dai ladri : deb
bono eziandio essere capaci d innalxare de pesi
per caricare le bestie da soma, di correre e di
lanciare. Non tutte le naiioni sono abili a qoe*
si uopo : tali sono i Vasco li ed i Tordoli : per
contrario i Galli sono molto acconci, e soprat
tutto per le bestie da soma. Vi sono quasi sei
maniere per fare che i pastori passino Iegiltima-
meute sotto un altro padrone : cio andando al
possessodi una legittima eredit, di cui facevano
parte ; ricevendoli, secondo le forme della man
cipatione (4), da una persona, cui il diritto
civile peribette di trasferirne la propriet ; ov
vero ricevendoli da chi pu farne la cessione,
e in presenza delle persone legali (5) ; acqui
standone il dominio per diritto di possesso (6) ;
comperandoli colla corona'in testa, perch sono
di preda (7); ovvero comperandoli all incanto,
quando fanno parte di beni confiscati. Quando si
vendono, il loro pecalio (8) suole, per diritto di
accessione, appartenere al compratore, ovvero
espressamente eccettuarsi (9). Il venditore stipu
ler che I uomo sano, che non ha rubato ed
apportato danni, e che in caso di eviziooe, pro
ra e ile di dare il doppio, o solamente il prezzo
ricevuto, se cos si conviene. Il cibo del giorno c
da prendersi separatamente dai pastori presso il
loro gregge (10), e la sera debbono cenare insie-
me sotto un solo sovranteodente (11). Questi
4?
* . TERENTII tARRONlS
4#
Quod ad foeturara humanam pertioet {festo-
frdm, qui in fundo perpetuo manent, facile est,
quod habeant conservam in villa; nec hae venas
pastoralis longius quid quaerit. Qai autem sunt
in saltibus et silvestribus locis pascunt, et non
villa, sed casis repentinis imbrei vitant : his mu
lieres adjungere, quae sequantur greges, ac ciba
ria pastoribus expediant, eosque assiduiores fa
ciant, utile arbitrati multi. Sed eas mulieres esse
oportet firmas, non turpes, quae in opere, ut iu
multis regionibus, non cedaot viris, ut in Illy
rico passim videre licet, quod vel pascere pe-
cos, vel ad focum afferre ligna, ac cibum coque
re, vel ad casas instrumentum servare possunt.
De nutricatu hoc dico, easdem fere et nutri
ces ct matres. Tremellius, simul asptdit ad-me,
et: Ut te addii dicere, inquit, cum in Liburniam
Tenisses, te vidisse matres iamilias eorum afferre
ligna, et simul pueros, quos alerent, alias singu
los, alias binos, quae ostenderent foetas nostras,
quae in conopeis jacent dies aliquot, esse levnn-
cidas, ac contemnendas. Cui ego: Certe, ioquam,
nam in Illyrico hoc amplius, praegdautem saepe,
eum venit pariendi tempus, non longe ab opere
discedere, ibique enixam puerum referre, quem
non peperisse, sed invenisse putes; nec non etiam
hoc, quas virginei ibi appellant, nonnunquam
annorum xx, quibas mos eorum non denegavit,
ante nuptias at succumbercnt quibus vellent, et
incomitatis, ut vagari liceret, et filios habere.
Qaae ad valetudinem perlinent hominum, ad
pecoris, ut tine medico curari possint, magistram
acripta habere oportet. Is enim sioe literis ido
neas non est, qaod rationes dominicas pecuarias
conficere nequidquam recte potest.
debbe avere cara che tatti gli stramenti neces
sarii pei pastori e pel bestiame seguitino il greg
ge, e particolarmente quelli che spettano al vitto
degli uomini e alla cura delle malatte del bestia
me : per la qaal cosa i proprietarii mantengono
deHe bestie da soma, o delle cavalle, ovvero altri
simili animali che possano portare sul loro dorso
gli anzidetti stramenti.
Qaanto alla propagazione de pastori, per
quelli che dimorano sempre nella tenuta, si fac
cia in guisa (ia) che abbiano nella easa rusticana
una compagna di servaggio, perch il pastore
non molto delicato ne*suoi amori. Quelli poi
che vivono ne* boschi e che fanno pascolare il
bestiame ne luoghi selvaggi, e che si difendono
dalla pioggia non sotto le case di villa, ma sotto
eapaone fabbricate sul momento, bisogna, se
condo il parere di molti, che abbiano delle donne
per compagne, le quali accompagnino il gregge,
ed apprestino il cibo ai pastori, onde attendano
questi continuamente al loro dovere. Ha convie
ne che queste donne sieno robuste, non difformi,
e che nel lavoro non la cedano agli uomini (i3),
come si pu vedere qua e l nell Illirio, ove o
fanno pascolare il bestiame, o raccolgono le le
gna pel fuoco onde cuocere il cibo, o faono
guardia agli strumenti nelle capanne. Per la nu
trizione de figli asserisco che comunemente
meglio che esse sieno e msdri e nutrici, la que
sto momento volge gli occhi a me (if), c dice :
Appunto io t intesi dire, quando ti portasti in
Croazia, che tu vedesti delle mogli dei pastori,
che portavano delle legna, e nello stesso tempo
anche degl infanti che allattavano ; che alcune ne
portavano uno, ed altre due ; e che queat esem
pio dimostra che le nostre donne da parto, le
quali per molti giorni giacciono dentro le u n a -
riere, sono deboli come il giuoco (t5) ; e perci
da disprezzarsi. Questo fatto, io gli rispondo,
certissimo ; anzi v di pi nell Illirio (16) ; per
ch, venuto il tempo che la donna gravida ha de
partorire, essa non si discosta molto dal lavoro ;
partorito che abbia, porta il nato ove era par
tita, cosicch tu diresti che 1 abbia piuttosto
trovato, che partorito. Ivi si vede ancora, che
aoveote delle donne d'anni venti ( i u c c h e in
quel paese si chiamano vergini, senza andare
contro l uso, si prostituiscono avaoti il matri
monio con chi piace loro, e che hanno la libert
di vagare senza compagnia a loro piacere, e di
farsk anche ingravidare. Cossinio (18). Quanto
alla sanit degli uomini, bisogna (19) che il so-
vrantendente al bestiame abbia uno scrtto re
lativo, affinch possano essere medicati senza
medico : per lo che non sarebbe al caso nn nomo
che non sapesse scrivere ; e questi non potrebbe
4*
DE RE RUSTICA LIB. II.
Di ramer pastorum iKi angusti ut, alii Iuhm
e o o i t i i i M r e solent. Ego in octogent birtas o t m
singulos pastores constitui, Alticus ia centeoas.
Io gregibus o i i a n , sed magnis, quos milliariof
fteiuot qaidam, facilina da summa hominum de-
trabere poesont, qaam de minoribas, ut suol et
Attici et foei. Septingenarii enim mei: tu opinor,
oetingenarios habuisti; nec tameo non ut nos
arietum decimam parleo. Ad equarum gregem
qainqaagenariatn bini homines ; otique aterque
bonim at seeum habeat eqnas domitas singnlas
in ii regionibus* in quibas stabulari solent equa*
abigere, ut Ja Appalla et m Lucanis accidit saepe.
CAPUT XI
Da l a c t x , g a s b o , l a v a .
Quoniam promissa absolvimus, inquit, ea
mus. Siquidem, inquam, adjeceritis de extraor
dinario pecudum fructu, ut praedictum est, de
lacte in eo, et tonsura lanae. Est omnium rerum,
quas oibi causa capimus, liquentium maxime ali
bile, et id ovillum, inde caprinum. Quod autem
maxime perpurget, est equinum, tum asininum,
dein bubalum, tum caprinum. Sed horum sunt
discrimina quaedam et a pastionibus, et a pecu
dum natura, et a m oleta. A pastionibus, quod
fit ab ordeo et stipula, et omnino arido et fir
mo cibo pecude pasta, id alibile ; ad perpurgan
dum id, quod ab viridi paseno, et eo' magis flo-
xe ex herba, quae ipsa sumta perpurgare cor
pora aoptra solet. A pecudnm natura, quod lac
melius est a valentibus, et ab iis qnae nondnm
veteres aant, quam si est contra. A mulgendo,
atque orta optimam est id quod neque emun
ctum looge abest a mulso, ueque a partu conti
nuo est aamtum.
Ex hoclaete oaiei qai fiant, maximi dbii unl
M. T u s u i o V a x i o i i
tenere il registro esatto dell* amministrazione
del bestiame, per renderne conte al propriet-
rio ; n potrebbe eseguire simili cose con intelli
genza (ao).
Riguafdo al nomero dei pastori, alcuni so
gliono averne un maggiore, ed altri un minor
numero. Io per ottanta pecore di lana grossa
mantengo un pastore; ed Attico uno percento
delle stesse. Nelle gregge composte di molte
teste (a i ), come qoelle di alcuni che le fanno di
mille, facilmente si pa diminuire il numero de
gli aomini, di quello che nelle piccole, come
sono appunto quelle di Attico,e le mie; perch
le mie sono di settecento teste, quando che io
credo che tu le faccia di ottocento, e che ugual
mente di me assegni an ariete a dieci pecore (aa).
Per on gregge di cinquanta cavalle, bastano due
aomini. Ognnno de* primi e dei secondi debbe
vere a sua disposizione ana cavalla addomesti
cata, per condurre le cavalle io que' luoghi, ove
si sogliono rinserrare nelle stalle, ovvero ove si
sogliooo condurre a passare la state o T inver
no (a3), come ordinariamente si f* nella Paglia
e Basilicata.
CAPITOLO XI
De l l a t t i , d b l p o i m a g g i o m d e l l a l a v a .
Poich abbiamo soddisfallo alla nostra pro
messa, dieegli, separiamoci. II faremo (i), sog
giungo io, quando tu abbia trattato, come si
convenuto di sopra (a), del frutto straordinario
che si trae dal bestiame, cio del latte, del for-
maggio (3) e del tosare. Il latte tra tutti i cibi,
e specialmente parlaodo di fluidi, quello che
nodrisce di pi : il pecorino il primo, ed il
secondo il caprino (4). Quello che pi di tutti
porga, quello di cavalla, poi di asina, indi di
vacca, e finalmente quello di capra. Ma le pro
priet di queste differenti tpecie di latte sono
varie, secondo la differenza de1pascoli, la na-
tura del bestiame, e il tempo io cui si munge.
Differisce in ragione del pasoolo, secondo che
il bestiame mangia orzo, paglia, o del foraggio
secco e solido (5). Differisce poi nel purgare, se
la bestia avr mangiato deir erba verde ; e mollo
pi se avr mangiato di quell erbe che prese
internamente sogliono purgare inostri corpi(6).
Riguardo alla natnra del bestiame, si trover
esser migliore quel latte eh tratto da bestie
sane e che noo sono ancora veoehie, di quello
che si traesse da bestie ammalale o vecchie.
Rispetto al tempo di mungere il latte, lottimo
j quello ohe noo si munge molto tempo dopo
il parlo, n subito dopo il parto (7).
1 formaggi pi nutritivi tono quelli di latte
651 M. TERENTII VARRONIS
bubuli, et qoi difficillime transeant anati ; fe
condo ovilli ; minimi cibi, et qai facillime deji-
ciaotar, caprini. Eil etiam discrimen, utram ca
sei molles ac recentes sint, an aridi et veteres.
Cam molles sont, magis alibiles, in corpore non
resides : veteres et aridi contra. Caseam facere
incipiant a Vergiliis vernis exortis ad aestivas
Vergilias; raulgent vere ad caseam faciundam
mane, aliis temporibus, meridiani* horis, tametsi
propter loca et pabulum disparile non usqae
qnaque idem 6t ; in laciis daos congios addant
coagulum magnitudine oleae, at coeat ; qaod
melius leporiaam et hoedinam qaam agninum ;
alii pro coagulo addant de fici ramo lac et ace
tum ; aspergunt ilem aliis aliqaot rebus, qaod
Graeci appellant alii Vd*, alii cfoxfi/o*. Non ne
garim, inquam, ideo apud divae Rumiae sacel
lum a pastoribus satam ficam ; ibi enim solent
sacrificari lacte pro vino, et pro lactentibus;
mammae enim ramis, sive rumae, ut ante dice
bant, a rumi : et inde dicuntur sabrumi agni;
lactentes, a lacte. Quin aspergi solent sales : me-
Kor fossilis qosm marinus.
De tonsura ovium, primum animadverto ante
quam incipiam facere, uum scabiem aut ulcera
habeant, ut, si opus est, ante curentur, quam
tondeantur. Tonsurae tempus inter aequinoctium
vernum et solstitium, cum sudare inceperunt
oves; a quo sudore recens laua lonsa sucida ap
pellita est. Tonsas recentes eodem die perungun
tur vino et oleo: oou nemo admixta cera alba,
et adipe suillo ; et si ea tecta solet esse, quam
habuit pellem injectam, eam intrinsecus eadem
re perinungunt, et tegunt rursus. Si qua in ton-
snra plagam accepit, euro locum oblinunt pice
liquida. Oves hirtas tondent circiter ordeaceam
messem: in aliis locis ante foenisicia. Qaidam
has io anno bis tondent, ut in Hispania citeriore,
ac semestres faciunt tonsuras ; duplicem impen
dunt operam, quod sic plus putant fieri lanae ;
quo nomine quidam bis secant prata. Diligen-
tiores tegeticulis subjectis oves tondere soleat,
nequi flocci intereant. Dies ad cam rem suman
tur sereni, et iis id faciunt fere a quarta ad de
cimam horam : quoniam sole calidiore lonsa ex
sudore ejus lana fit mollior, et ponderosior, et
colore meliore; quam demptam ac congloba*
di vacca, ma sono pi difficili a digerirsi ; ven
gono poi quelli di pecora; quelli di capra no-
driscono meno degli altri, ma pi facilmente
si digeriscono. V1 anche differenza tra i for
maggi molli e recenti, e quelli che sono sec
chi e vecchi. Quando sono molli, nodrisoono
di pi, e non si arrestano nel ventricolo ; ed
il contrario succede, quando sono vecchi e sec
chi. Si comincia a fare il formaggio dal levare
delle Pleiadi in primavera sino alle Pleiadi del
la stale (8). Per farlo io tempo di primavera
si roaogono gli animali nella mattina, e a mez
zod nelle altre stagioni ; quantunque altrove
non si faccia lo stesso, secondo la differenza dei
luoghi e dei pascoli. Per coagulare due congii
di latte, vi si mette dentro la grossezza di una
oliva di presame (9). Il caglio di lepre e di bec
co migliore di quello di agnello. Alcuni,
invece di presame, nsano del lalle eh1 esce dai
rami del fico e del l'aceto, ovvero altre cose (10).
I Greci chiamano il latte di fico ora ordr (11),
ora axqvw (12). Non negher, io dico, che
per questa ragione i pastori abbiano piantalo
il fico presso la cappella della dea Rumina ( i 3),
poich ivi sogliono sacrificare del latte e degli
animali lattanti, invece di vino e di animali di
due denti (i4)* essendoch le mammelle si chia
mano rumis ( i 5), ovvero sis, come dicevano
gli antichi, rumina ; e da qui nato ancora che
gli agnelli lallanti si chiamano subrumi (16)
da rumi. Cossinio. Suolsi spargere (19) del sale
sopra il formaggio : il fossile per migliore
del marino.
Intorno al tosare le pecore, esamino prima
di cominciare, se hanno della rogna o delle
ulcere, affinch, se sia d1 uopo, si medichino
prima di tosarle. 11 tempo della tosatura tra
T equinozio di primavera ed il solstizio, e quan
do cominciano a sudare le pecore: e appooto
per questo sudore U lana appena tosata si chia
ma sucida (18). Nel medesimo giorno che si
sooo tosate le pecore, si fregano con vino ed
olio : alcuni vi uniscono anche della cera bian
ca e del grasso di porco. E se si sono tosale
pecore che si sogliono coprire con pelle, si frega
questa internamente coll* indinata inescolan
za (19), e nuovamente si coprono. Se si feri
scono ueir allo di tosarle, sopra la ferita si fa
colare della pece. Le pecore di !ana grossa si
tosano verso la raccolta dell1 orzo ; ed in altri
luoghi verso il tsgliamenlo del fieno. Alcuni
le tyosauo due volte all1anno, come fanno quelli
della Spagua citeriore, cio le tosano ogni sei
mesi (20). Fanno una doppia tosatura, appunto
perch credono di raccogliere maggiore quan-
' tit di lana : per la stessa ragione alcuni ta-
| gliano i prati doe volte all' anno. 1 pi dili-
653 DE RE RUSTICA LIB. II. 654
tim alii veliera, a l i i T e l a m i Da appellaat ; ex quo-
ram vocabolo animadverti licet, prius lanae vul-
saram qaam tonsuram inventam. Qai etiam
none vellunt, ante triduo habent jejunas, qaod
laogaidae mino* radices Unae retinent. Omnino
tonsores in Italia primam venisse ex Sicilia di
cuntor post R. C. A. GCGCLim ; ut scriptura io
publico Ardeae iu literis ex tat, eosque adduxis
se P. Ticinium Menam. Olim tonsores oon fuisse,
adsignificant antiquorum statnae, quod plerae-
que habent capillum et barbam magnam. Susci
pit Cossinius : Ut fructum ovis e lana ad vesti
mentum, sic capra pilos ministrat ad usum nau
ticum, et ad bellica tormeoU, et fabrilia visa.
Neqqc non quaedam nationes harum pellibus
sunt vestiUe, ut in Gelulia et iu Sardinia ; cu
jus usum apud antiquos quoque Graecos fuisse
apparet, quod in tragoediis senes ab hac pelle
vocantur et in comoediis, qui in ru
stico opere morantur, ut apud Caecilium in Hy
pobolimaeo babet adolescens, apud Terentium
io Heautontimorumeno senex. Tondentur, quod
magnb villis suut, in magna parte Phrjgiae ;
unde Cilicia, et caelera ejns generis ferri solent.
Sed qaod primum ea tonsura io Cilicia sit in
stituta, nomen id Cilicas adjecisie dicunt. Illi
hoc : neque ab hoc, quod mutaret Cossioius ; et
simul Vitnli libertus in urbem veniens ex hortis
divertitur ad nos : Et ego ad te missus, inquit,
ibam domum rogatum, ne diem festum laceres
breviorem, et mature venires. Itaque discedi
mus ego et Scrofa in hortos ad Vitulum. Niger
io Turranii nostri; illi partira domum, partim
ad Lenatem.
genti sogliono mettere sotto le pecore che to
sano delle piccole coperte, onde non si perda
alcun fiocco di Una. Per quest' operazione si
scelgono giorni sereni ; e si fa verso la quarta
ora del giorno sino alU decima (21), perch
tosando la pecora nel tempo dell* ardore del
sole, essa suda (aa) ; e perci la lana diventa
pi molle, pi pesante e di miglior colore. La
Una tosata e ridotta in globi chiamata da al
cuni veliera, e da altri velumina (a3). Dalle
quali voci si pu raccogliere (a4) che prima si
trovato il modo di strappare la lana, e poi
di tosarla. Quelli che anche al presente la strap
pano, sogliono tenerle digiune (a5) per tre gior
ni, perch quando sono Ungoide e deboli, le ra
dici della Uoa sano meno attaccate. Di fatti, dico
io (26), i barbieri, per qoanto si dice, sono venuti
in Italia la prima volta dalla Sicilia quattrocen
to cioquantaquattro anni dopo la fondazione di
Roma (37), come trovasi scritto in on monumen
to pubblico nel tempio di Ardea (28), dal quale
si raccoglie che sono stali condottila Roma da
P. Titino Mena. Che i Romani non sieno sUti
anticamente barbieri, lo dimostrano le statue de
gli antichi, parecchie delle quali hanno i capelli
ed una lunga barba. Cossioio ripiglia il discorso:
Siccome la pecora somministra il frullo delU
Una pei vestili ; cos la capra somministra i peli
per la marina, per le macchine da guerra, che
lanciano i corpi da lungi, e per gli strumenti de-
gli artigiani (29). Vi sono alcune nazioni, le qua
li si vestono colle pelli di questi animali, come
quelli di Gelutia e di Sardegna (3o). Quest' uso,
per quanto apparisce, era in vigore anche presso
gli antichi Greci, perch i vecchi nelle tragedie, a
motivo di queste pelli, si chiamano fiat (3i):
e parimente si chUmano cos anche nelle com
medie quelli che lavorano alla campagna, come
raccogliesi dal giovane nell' Ipobolimeo di Ce-
cilio (3a), e dal vecchio nell' Eautontimorumeno
di Terenzio (33). NelU maggior parte delU Fri
gia si tosano le capre, perch hanno peli lunghu-
simi ; e da di l si porUno in Roma delle mani
fatture di questi peli, che si ohiamano Cilicia.
Ma perch colale tosatura si prima eseguita in
Cilicia, cos a quelle manifatture si aggiunto il
nome di Cilicie (34). Cos egli disae; n fuvvi
Icano che censurasse quanto aveva detto (35).
In questo un liberto di Vitulo, che dai gUrdini
era arrivato in citt, si accosta a me, e dice : lo
soao sUto spedilo per voi, e andava alU vostra
casa per pregarvi di non accorciare il giorno d|
fesU, e di portarvi per tempo presso il mio pa
drone. Partimmo dunque, o mio caro Nigro
Tarranio, Scrofa ed io verso gli orti di Vita-
Io (36) ; e gli altri parte si portarono alla propria
| casa, e parie presso Menate (37).
M. TERENTII VARRONIS
DE R E R U S T I C A
LIBER TERTIUS
--------------------------------
CAPUT I
D i VILLATICIS FASTIOIIBUS.
C o n doM vitae traditae sint hominam, rustica
et urbana, Q. Pimi, dubium b o o est, quia hae
ooa solam locom discretae sint, sed etiam tem
pore diversam originem habeant ; antiquior enim
malto rustica ; qood fok tempus, cam rara ede
rent homines, neqae arbem haberent. Etenim
vetustissimum oppidum eum sit traditum Grsc-
eum, Boeotiae Thebae, quod rex Ogyges aedifi
cant ; in agro Romano Roma, quam Romulas
rex : (Nara in hoc nunc denique est, ut dici pos
tit, non cam Ennius scripsit : Septingenti sunt
paulo plua aut minns anni, Augusto augurio post
quam inel ita condita Roma est ). Thebae, qoae
ante cataolysmon Ogygi conditae dicuntur, eae
tamen circiter duo millia annorum et centum
sunt ; quod tempus si referas ad iUud principium,
quo agri coli sunt coepti, atque in casis et tugu
riis habitabant, nec murus, nec porta quid esset
sciebant : immani numero annorum urbanos agri
colae praestant ; nec miram, quod divina nstura
dedit agros, ars humsna aedificavit orbes; eum
srtea omnes dicantur in Graecia intra mille anno-
nim taptrlae, agri nunquam non foerurt in ter-
CAPITOLO IO
Dell' i s g i a s s a b b o u a j u h a l i c h b n a o o i u c o a o
h b l l ' i o t i b h o d i l l i c a s i d i v i l l a .
ccome si contano due generi di vita adottati
dagli uomini, o Q. Pinnio (a), cio la villereccia
e l'urbana, cos non v1ha dubbio che queste non
sieno distinte tra di loro non solo per la differenza
di luogo, ma anche per quella del tempo, coi
sale la loro origine : di fatti la campereccia di
lunga mano pi antica, perch fuvvi un tempo,
in eai gli uomini coltivavano i campi, seoia che
vi fossero citt. E vaglia il vero, la pi antica
citt della Grecia (3), secondo la tradizione,
Tebe nella Beozia, che stata fabbricala dal re
Ogige (4), come la pi ntiea del territorio R*
mano Roma, ch' stata fabbricata dal re Romo
lo (perch soltanto adesso, e non gi al tempo in
cui scriveva Ennio (5), si pu dire con verit che
sooo settecento anni, un poco pi, no poco meno,
dacch sotto gli auspicii augosti stata fabbricata
P inclita citt di Roma). Quantunque si dica che
Tebe sia stata fabbricata avanti H diluvio di Ogi
ge (6), si po non ostaote far salire la fondazione
di qoesta citt a duemila e cento anni ali' i od rea.
Ma se questa antichit si confronti col principio
della coltivazione de1campi (7), e quando gli uo-
659 M. TERENTII VARRONIS
ris, qai coli possint. Neqae solam tnliqaior cul
tor* agri, sed etiam melior. Itaque non sine causa
majores nostri ex urbe in agrii redigebant suos
cives, quod et io pace a rusticis Romanis aleban
tur, et in bello ab bis toebantur. Nec sine causa
Terram eandem appellabant matrem et Cererem,
et qui eam colerent, piam et utilem agere vitaro
credebant, atque eos solos reliquos esse ex stirpe
Saturni regis. Cui consentaneum est, quod Initia
vocantor potissimum ea, quae Cereri funt, sacra.
Nec minus oppidi quoque nomen Thebae indi
cant antiquiorem esse agrura^quod ab agri gene
re, non a conditore nomen ei eit impositum. Nam
lingua prisca et in Graecia Aeoleis Boeoti i sine
afflatu vocant collis Tebas : et in Sabinis, quo e
Graecia venerunt Pelasgi, etiam nunc ita dicunt;
cujus vestigium in agro Sabino via Salaria non
longe a Reate milliarius clivus appellatur Thebae.
Cum agriculturam primo propter pauperta
tem maxime indiscretam haberent, quod a pasto
ribus qui erant orti, in eodem agro et serebant
et pascebant: qui postea creverunt, peculia di
viserunt, ac factum, ut dicerentur alii agricolae,
alii pastores. Quae ipsa pars duplex est, tamelsi
ab nullo satis discreta, quod altera est villatica
pastio, altera agrestis. Haec nota et nobilis, quod
et pecuaria appellatur, et multum homines locu
pletat, et ob eam rem aut conductos, aul emtos
habent saltus. Altera villatica, quod humilis vide
tor, a quibusdam adjecta ad agriculturam cum
esset pastio, neque explicata tota separatim, quod
sciam, ab ullo. Itaque cam putarem esse rerum
rusticarum, quae constituta sunt fructus causa,
tria genera, unum de agricultura, alterum de re
pecuaria , tertiam de villaticis pastionibus : tres
mini abitavano sotto capanne e tugurii, ae n a
sapere cosa si fosse un muro od una porta, gli
agricoltori precedono di uno smisurato numero
di anni gli abitanti di citt. N ci debbe recare
maraviglia, perch i campi ci sono stati dati dl-
T autore della natura (8), e perch le citt sono
state fabbricale dall* arte umana. E tanto ci i
vero, che si accerta cbe non sono pi di mille
anni dacch in Grecia son stale trovate tutte
le arti, quando che non si pu determinare uo
tempo, in cui non vi sieno stati sulla terra campi
suscettibili di coltivazione. N solo la coltura dei
campi il pi antico genere di vita, ma anche il
migliore. E per questo, non senza ragione, i no
stri maggiori facevano che i cittadini passassero
dalla citt alla villa, e perch in tempo di pace
venivano nodriti dai contadini Romani, e perch
in leropo di guerra erano difesi dai medesimi (9).
Non senza ragione davano alla Terra indistinta-
menle il uome di Madre e di Cerere; e credevano
che quelli, i quali la coltivavano, conducessero la
vita la pi innocente e pi utile, e che questi
fossero i soli cheraoo rimasti della stirpe del re
Saturno (10). Un'altra prova dell' antichit della
coltura de' campi si desume da ci, che Initia
(11) si chiamavano specialmente quei sacrifixii
che si offerivano a Cerere. Nemmeno il oome di
Thebae (ia) indica che sia questa citt pi antica
de' campi ; perch colai nome non le fu imposto
in grazia del suo fabbricatore, ma per una certa
specie di terra. Di fatti nell'antica lingua, e nella
Grecia gli Eolii che souo usciti dalla Beoiia,
danno, senza aspirazione, il nome di Tebae (13)
alle colline. Parimente i Sabini cbe abitano un
paese, ove i Pelasgi vennero dalla Grecia, anche
oggid chiamano in tal modo i colli ; del che ae
ne vede uo vestigio nel territorio Sabino, nella
via Salaria, non lungi da Rieti, ove si chiama
Thebae un colle luugo mille passi.
L'estrema povert ha fatto che l ' agricoltura
nella sua origine fosse indivisa, e che qoelli, i
quali erano nati da pastori, seminassero e faces
sero pascolare il medesimo terreoo; ma dopo che
si arricchirono (1 4 ), divisero il loro patrimonio ;
e quindi ne venne che alcuni furooo chiamati
pastori, ed altri agricoltori. I pastori per altro
vanno divisi in due classi, quantunque nessuno
fino ad ora le abbia beo distinte; comprendendo
la prima l ' ingrassare gli animali nell' interno
delle case di villa, e l'altra l'ingrassarli nella
campagna. Questa nota e nobile, e si chiama pe
cuaria; ed a quest' effetto gli nomini molto ric
chi o prendono in affitto, o comprano de'boschi
a pascolo ( i 5). L' altra, cio il pasturare gli ani
mali dentro la casa, perch sembrala nmile e
bassa (16), stata aggiunta da alcuni all* agrieoi-
6 6 i DE RE RUSTICA LIB. 111. 6 6 3
libro* io iti lui, e queis duo scripsi; primum ad
Fundaniam uxorem d* fricuilura, seoundam de
pecuaria ad Torranium Nigram ; qui reliquas
est tertia* de v i lia licii fructibus, in boo ad te
mitto, qood risus sum debere pro nostra Ticini-
tale et amore scribere potissimum ad te. Cum
enim villam haberes, opere tectorio et intestino,
ac pavimenti* nobilibus lithostrotis spectandam,
peram putesees esse, ui tais quoque literis exor
nati parie tea essent. Ego quoque, quo ornatior
ea esse posaet fructu qoam facta, quo ad facere
possem, haec ad te misi, recordatas de ea re ser
mones, quos de villa perfecta habuissemus; de
quibas expooendU iuiliam capiam bine.
--
CAPUT II
Da villa paaracTA.
Comitiis aediliciis, cum sole caldo ego et Q.
Axius senator tribulis suffragium tulissemus, et
candidato, cui studebamus, vellemus esse prae
sto, cam domum rediret, Axios : Mihi dum diri-
meator, io quit, suffragia, vis potius villae publi
cae olamur umbra, qoam privati candidati
tabella dimidiata aedificemus nobis ? Opinor,
ioquam, non solum quod dioitur: Malum consi
lium, consci tori est pessimam: sed etiam bonom
consilium, qui consulit, et qui consulitur, booum
habendum ; itaque imus, venimus in villam. Ibi
Appiam Claudium augorem sedentem invenimus
io subselliis, ut consuli, si quid usos poposcisset,
essft praeolo. Sedebat ad sinistram ei Cornelius
Merula consolari familia ortus, et Fircellius Pavo
Reatinus ; ad dextram Minutias Pica, et M. Pe
tronios Passer. Ad quem cum accessimus, Axius
Appio subridens : Recipi* nos, inquit, in tuam
ornithona, abi sedes inter aves ? Ille : Ego vero,
inquit, te praesertim, cujos aves hospitale* etiam
tora ; n , per qaanto io so, stala trattata da
alcuno in tutte le soe parti. E siccome io sono
persuaso che nell' economia rurale hannovi tre
strade per procurarsi de* fratti, cio l ' agricoltu
ra , il pasturare il bestiame, e l ' ingrassale gli
animali dentro le case di villa ; cos ho stabilito
di scrivere tre libri. E perch ne bo gi scritti
due, il primo de'quali, che versa sopra l ' agricol
tura, l ho intitolato a Fundania mia moglie, ed
il secondo, che tratta del pasturare il bestiame,
a Turranio Nigro, non mi resta che >1terzo, il
quale ha per oggetto i frutti che si traggono dal-
l'ingrassare gli animali nel riduto della casa rusti
cana, e che ho deliberato d ' indirizzare a te, cui il
doveva in {specialit intitolare e per la nostra vici
nanza e per lo squisito tao gusto. E possedendo ta
ana casa di campagna stimabile e per l'intonaoo in
terno delle muraglie e per gli eleganti pavimenti di
pietra, hai creduto che potesse esservi ana man
canza, quando le pareti non fossero anche fornite
di libri (17). lo pura a oggetto di contribuire,
per quanto in me, che sia pi elegante per
parte dei frutti che potrai ritrarne, che pel fab
bricato, ti spedisco quest' opera ; per comporre
la quale (18) ho dovuto richiamarmi alla memoria
i discorsi che ebbi unitamente ad altri intorno al
modo di rendere perfetta una casa villereccia. Da
quanto segue adunque comincer a ripigliare
questi discorsi.
-----
CAPITOLO n
Dilla piararrA casa rusticaha.
Dopo che da Q. Assio senatore della mia tri
b (1), e da me si diede il voto nei comizii (a)
per l ' elezione degli edili per quel candidato (3)
che ci stava a cuore ; e volendo noi essere a por
tala di accompagnarlo a casa : Vuoi tu, mi dice
Assio, che in tanto che si separano e si numerano
i voti, ci mettiamo, ora che il sole abbrucia, piut
tosto all' ombra della pubblica casa villereccia,
che al coperto sullo la privata casuccia del candi
dato (4) ? lo sono persuaso, gli risposi, che sia
vero non solo quanto si dice che un cattivo con
siglio pessimo per chi lo d, ma ancora che il
buon consiglio salutare e per chi il d, e per
chi il ricusa (5). Ci portammo dunque alla casa
villereccia, ove trovammo Appio Claudio augure,
sedente sopra uno scagno, ed in atteggiamento
di dare dei consigli, se il bisogno l ' avesse ricer
cato. Sedeva alla sua sinistra Cornelio Merula di
famiglia consolare, e F irceli io Pavo di Rieti ; ed
alla destra sedeva Miuuiio Pica * e M. Petro-
663 M. TKREinil VARRONIS
duo rector, quu mihi apposuisti paoeis sole
diebus in villa Eeitiot ad lacum Velini, eunti de
controversiis Interamnatium et Reatinorum. Sed
non haec, inqoit, t Ui qoanqoam aedificarunt
majores nostri, frugalior ac melior eat quam
lua iUa perpolita in Reatioo. Nuncubi hio videa
citrum aut aurum ? num minium aut arme
nium ? num quod emblema aut lithostrotum ?
quae illic omnia contra. Et cum haec sit com
munis universi popuK, illa solius tua ; haec quo
succedant e campo cives, et reliqui omnes, illa
quo equae et asini : praeterea com ad reinpubli-
cam administrandam haec sit utilis, ubi cohortes
d delectum consoli adductae eonsidant, ubi
arma ostendant, obi censores censo admittant
populum. Tua , inquit, haec in campo Martio
estremo utilis, et noa deliciis sumptuosior, quam
omnes omnium Reatinae? com et oblita tabulis est
pictis, nec minus signi* ornata. At mea*vestigium
ubi sit nullum Lysippi aut Anliphib, sed cre
bra satoris et pastoris. Etqpm villa a*n sit siae
fundo magno, et eo polito coltura, tua ista neque
agrum habet ullum, nec bovem, nec equam.
Denique quid tua habet simile villae illius, quam
tuos avus et proavos habebat ? nec enim, ut illa,
foenisicia videt arida in tabulato, nec vindemiam
in cella, neque in granario messim. Nam quod
extra orbem est aedificiom, nihilo magis ideo
est villa, quam eorum aedificia, qui habitant
extra portam flnmentanam, aut iu Aemilianis.
Appius subridens : Quoniam ego ignoro, io*
j|nit, quid sit ville, velim me doceas, ne labar
imprudentia quod volo emere a M. Sejo in
Ostiensi vittam Quod ai ea aedificia villae non
nio (6) Passero. Accostatici ad Appio, Astio gli
dice sorridendo 3 Vuoi riceverci nella Ina ncoel-
Kera (7), ora che siedi tra gii uccelli ? Al che ri
spose: lo vi ricever, e particolarmente, cbe alcu
ni giorni sono nella tua casa villereccia di Rieti
presso il lago di Piedilnoo (8) mi facesti mangiare
degli ooeelli forestieri, de1quali ne ho anoor* il
gusto in bocca, allora quando mi portava ad ag
giustare le differente eh1erano insorte tra qoelli
di Terni e di Rieti* Per altro questa, soggionge
egli ( quantunque i nostri maggiori abbiano fab
bricato piuttosto con ineleganza (9)), non forse
pi semplice e migliore di quella elegante e for
bita casa che tn possiedi nel territorio di Rieti T
Vedi tu qui alcuna opera di legno di cedro e di
oro (10) ? Ci vedi forse brillare 1*armenio (11) o
il minio ? o finalmente opere intarsiate o pavi
menti di pietra f In questa v' tutto il contra
rio (ia], quantunque sia comune a tutto il popolo
Romano, e quella appartenga soltanto a te : que
sta serve di ritiro ai cittadini che escono dai co-
mizii, non che a tutti gli altri ; e quella non serve
di ritiro che alle cavalle ed agli asini. Questa
inoltre di una utilit relativa all'amministra
zione della Repubblica, perch qui si conducono
le coorti (i 3) avanti i consoli (14)* foooo
la scelta, ove queste fanno la mostra delle loro
arme, ed ove i censori ( i 5) fanno passare il popolo
per farne la numerazione (16). Ma ripiglia Assio,
quale credi tu che sia pi rozza ed inelegante (17),
questa tua situata nell'estremit del campo di
Marte, e che accoppia in s una magnificenza ed
nna splendidezza, cui non istanno a pareggio tolte
quelle di lotti gli abitanti di Rieti insieme, per
ch ornata di pitture non solo, ma ancora di
statue ; ovvero la mia, ove non v' alcun vestigio
di Lisippo (18) o di Antifilo (19), ma aibbene ove
per tutto si trovano le tracee dell' agriooltore e
del putore (ao)? Se non pud darsi unacasa rusti
cana senaa on gran fondo di terra ben co! ti rata (ai);
e perch mai qaesta tua priva di terre, di buoi
e di cavalle? Finalmente questa tna easa in ehe
mai rssaomiglia a qoella che possedeva il Ino avo
ed H too bisavo ? Di filiti nella tua non si vede,
eome in questa de' tuoi maggiori, n fieno seeo
sopra il Amile, n vendemmia in cantina, n meste
sol granaio. Certamente ohe non ogni edifiaio, il
quale sia posto fuori della citt, da dirsi nna
casa campereccia, come non lo sono nemmeno gli
edifizii di quelli che gli hanno fabbricati fuori
della porta del Popolo, o fuori della porta degli
Emilii (ai).
Appio gli dice sorridendo : Poich lo ignoro
oosa sia una casa di campagoa, vorrei che tn me
lo insegnassi, affinch noo m ' inganni per igno
r ant i ara ohe veglio comprarne m i nel territorio
665
DE RE RUSTICA LIB. IH.
66G
sant, qaae asinam (aam, quemmihi quadra gin la
mDlibas emtom ostendebas apad te, non habent,
metao, ne pr villa emam Ostiae in litore Seja
nas aede. Qaod aedifidum hio me L. Merula
impulit at caperem habere, eam diceret nallam
te accepisse villam , qaa magis delectatai esiet,
cum apad eam diei aliquot fuiiset ; nec tamen
ibi se vidisse tabulam pictam, neque signum
ah e neam, aat marmoream alium : nihilo magis
torcala vasa vindemiatoria, aut serias olearias, aut
trapetas. Anxius aspicit Merulam, et: Quid igitur,
inquit, est ista villa, si nec urbana habet orna
menta, neque rustica membra ? Cui ille : Non
minus villa tua erit ad angulum Velini, quam
neque pictor, neque tector vidit anquam, quam
in Rosea, quae est polita opere tectorio elegan
ter, qoam dominus habet comroanem cum asino.
Cum significaste! nuto, nihilo minus esse villam
eam, quae eitet simplex rustica, quam eam, in
qua esset ulrnmqae (et ea, et urbana), et rogaste!
qoid ex his rebas colligeret : Quid ? inquit, si
propter pastiones tuus fnndus in Rosea proban
das sit; et quod ibi pasritnr pecus ac stabulatur,
recte villa appellatur : haec quoque simili de
causa debet vocari villa, in qua propter pastiones
fructus capiuntur magni. Quid enim refert, utrum
propter oves, an propter aves fructus capias ?
anne dulcior est fructus apud te ex bubulo pe
core, unde apes nascantur, quam ex apibus, quae
ad villam in alveariii opus faciunt? et num plu
ris nunc tu e villa illic natos verres lanio vendis,
quam hic apros macellario Sejus? Qui minus ego,
inqait Axius, istas habere possum in Reatina
villa? nisi si apad Sejam Siculum fit me), Corsi
cam in Reatino : et hic aprum glans cum pascit
emticia, facit pingaem ; illic gratuita exilem. Ap
pius. Posse ad te fieri, inquit, Seianas pastiones
non negavit Merula : ego, non esse, ipse vidi.
Dao enim genera cam sint pastionum : unum
agreste, i n quo pecuariae sunt, alterum fidati-
com, in qao sant gallinae, ac columbae, et apei,
et caetera, quae in villa tolent pasci ; de quibas
et Poenas Mago, et Cassias Dionysias, et alii qoid
separalim ao dispersim in libris reliquerunt, quos
Sejus legisse videtur, et ideo ex his pastionibus
ex una villa majores fractus capere, quam alii
faciunt ex toto fando.
M. Tssemzio Va b e u > e
di Ostia da M. Seio. Che se gli edifizii, i qaali
non rinchiudono asini, com1 appunto quel tuo
che mi mostrasti, e per coi pagasti quattrocento-
mila (a3) sesteirzii, non sono case di villa, temo
che invece di comprare una tal casa, faccia acqui
sto nel lidp di Ostia di una semplice casa di Seio.
E per questo L. Merola mi fece nascere il desi
derio di possederla, dicendomi che nessuna casa
di campagna, in cui sia entrato (2^), lo dilett
maggiormente di questa, allorch stette parecchi
giorni presso Seio, quantunque ivi non abbia
trovato n quadri, n statue di bronzo o di mar
mo, o molto meno torchi, vasi per la vendemmia,
orci da olio, o macinatoi. Assio goarda Merula, e
gli dice : E qual sorta di edifzio codesta casa (25),
priva com di ornamenti di citt e degli attrezzi
rurali? Merula gli risponde: Forse che (a6) non
sar una casa campereccia quella che possiedi
all angolo di Velino, quantuuque non abbia mai
veduto pittore e imbiancatore, ugualmente di
quell altra che hai nella campagna di Rosea, le di
cui muraglie sono elegantemente intonacate, e di
cui ne hai comune la propriet coll asino ? Ed
avendo fatto segno Assio che taoto era una casa
da villa quella che era semplice, quanto quella
ohe era elegante (27), interrog Merula quale
conseguenza quindi fosse egli per trarne. Quale
conseguenza ? dice Merula : che se da commen
darsi la tenota che possiedi nella campagna di
Rosea pei pascoli, e se a buon diritto essa si chia
ma una casa di villa, perch ili pascola il bestiame
e gli si d la stalla; per una pari ragione si debbe
chiamare ugualmente casa di villa ogni edifiiio,
da cui si traggaqo frutti considerabili, merc i
pascoli. Che imporla di fatti che i fruiti si trag
gano dalle pecore, o dagli uccelli ? Forse che
trovi pi dolci i frutti che ritrai dai buoi, ani
mali che generano le api, che qoelli delle api,
quando li lavorino negli alveari presso la casa
rusticana ? Forse che quegli che condisce le carni
porcine, vende a pi caro prezzo i verri, appan-
to perch sono nati nella tua casa di villa, di
quello cho Seio venda i cinghiali a quelli che
vendono il companatico (28)? Ma chi mi vieta,
dice Assio, di avere queste api nella mia casa di
villa di Rieti? E sar vero che soltanto Seio fac
cia il miele Siciliano, e che nel territorio di Rieli
non se n abbia che di Corso (29)? Che presto
Seio i cinghiali diventino pingui, perch nodriti
di ghiande comprate, e che presso me si sma
griscano, perch nodriti di ghiande non com
prate? Appio gli risponde: Merula non nega
punto che anche presso te non si possano ingras
sare gli animali, egualmente che presso Seio (3o):
io posso per altro accertare di avere veduto al-
I trameni; Baffi due specie di nodrimeati (3i) ;
M. TERENTII VARRONIS
G2 8
CAPUT VII
D b b q u i s b t e q u a b u s .
Lucienns: Ego quoque adveniens aperiam
carceres, inquit, et equos emittere incipiam, nec
solum mares, quot admissarios habeo, at Alticns,
singulos in foeminas denas, e qoeis foerainas Q.
Modius Equiculus vir fortissimas etiam patre
militari juxta ac mares habere solebat. Horam
eqaoram et equaram greges qai habere volue
rint, ut babent aliqai in Peloponneso et in Ap-
pulia, primam spectare oportet aetatem, quam
praecipiant. Videndum ne sint minores trimae,
majores decem annorum. Aetas cognoscitur equo-
rum, et fere omnium qoi ungulas indivisas ha
bent, et etiam comatarum, quod equbs triginta
mensium primnm dentes medios dicitur amittere,
duo superiores, totidem inferiores ; incipientes
qaartum agere annom itidem ejiciunt, et totidem
proximos eorum, quos amiserunt, et incipiunt
nasci quos vocant columellares. Quinto anno in
cipienti item eodem modo amittere bioos, quos
caninos habent : tum renasoentes eis, sexto anno
impleri : septimo omnes habere solent renatos, et
completos. His majores qui sont, intelligi negant
posse ; praeterquam cum dentes sint facti broc
chi, et supercilia cana, et sub ea lacunae, ex
observatu dicunt eora equum habere annos sede
cim. Forma esse oportet magnitudine modica,
quod oec vastos, nec minutos decet esse; equas
clunibus ac ventribus latis, equos ad admissuram
quod velis habere, legere oportet amplo corpore,
formosos, nulla parte corporis inter se non con
gruenti. Qualis futuros sit equus, e pullo conje
ctari potest, si caput hahet non roagonm, nec
membris confusis: si est oculis nigris, naribus
noo angustis, auribus applicatis, non angusta
juba, crebra, fusca, subcrispa, subtenuibus setis,
implicata io dexteriorera partem cervicis, pectus
lattina et plenum, humeris latis, ventre modico,
Resta a parlare del numero : certamente che non
si formano troppe di asini,, perch molti ai de
stinano a girare la macina, o alP agricoltura,
quando occorra portare qualche cosa, ovvero
anche ad arare, ove la terra leggera, come nel
la Campania (6). Alcuni anche non li destinano
che a portare de' pesi. Sicch nou si fanrio t rop
pe di asioi se non se quasi dai soli mercadanli,
i quali, per mezzo di asini che portano sol dor
so (7), da Brindisi o dalla Puglia fanno traspor
tare sino al mare dell1olio o del vino, come an
che della biada o altre mercanzie.
----0-----
CAPITOLO VII
D b i c a v a l l i e d b l l b c a v a l l e .
Io pure, dice Lacieno, alla mia venuta aprir
la barriera, e principier a lasciare libero il corso
ai cavalli ; n soltanto ai maschi^ dei quali, ia
pari guisa di Attico, ne lengo uno per istalloot
per ogni dieci femmine, ma anche alle cavalle,
di cui il valoroso Q. Modius Equiculus era so
lito servirsene nelle armate (1), egualmente che
de'maschi. Quelli che vogliono formare delle
truppe di cavalli e di cavalle, come sono qaelle
di alcune persone nel Peloponneso e nella Puglia,
debbono prima esaminare P et ; e voolsi cbe si
procuri (a) che non abbiano meno di tre, n pi
di dieci anni. Si conosce P et de cavalli, come
anche quella di quasi tolte le bestie cbe non
hanno separate le tjngbie, o che hanno le cor
na (3), perch si dice che il cavallo di trenta
mesi perde prima i denti di mezzo, cio due in
alto e due abbasso. Quando entra nel quarto
anno, parimente ne perde altrettanti lateralmente
a quelli che ha gi perduti, e cominciano a na
scere quelli che si chiamano canini ; c nel princi
pio del quinto anno ne perde pure nella medesimi
maniera due. Que denti che allora rinascono
incavati (4), si riempiono nel sesto anno ; e nel
settimo suole il cavallo averli tulli rinati e
riempiti. Passato qaest anno, v' op io ione che
manchiuo i segni per conoscere l et, fuorch
qoando i denti diventano molto prominooli, le
sopracciglia bianche, gli occhi sprofondati nelle
occhiaie, perch allora si dice che il cavallo abbia
sedici anni (5). Bisogna cbe le cavalle nella forma
sieno di una corporatura moderata, perch non
hanno punto di grazia, quando sono troppo
grandi o troppo picciole (6), che abbiano U
groppa ed il ventre largo. I cavalli che si voglio
no adoperare por istalloni, bisogna sceglierli di
grsnde corporatura, di bella forma, e bene pr-
pecore mortai ero ni antere*, aot pavone*. Coi
alle:Quid enim interest, otram morlicinatedilit
voloorea, an pisoes, qaot nifi morloot etlit nun-
qaam ? Sed oro l e , inquit, indace me in ? i a i
disciplinae villaticae patliooit, ac vim formam-
que ejo* expone, Merula, non gravale.
669
CAPUT i n
Q u i i v i l l a a a c u i r v K k n a l i v k l
VAICI POSSIHT.
Primum, inquit, dominnm tdealem et*e
oportet earum rerum, quae io villa, circum?e eam
aU ac pasci possint, ita at domino tini frodai ao
delectationi. Ejui disciplinae genera tunt Ina,
ornilhonei, leporaria, pitcinae. None ornithon*
dico omnium alilom, qaae inira pariete* villae
tolent pasci. Leporaria te accipere volo, non ea
qaae tritavi nostri dicebant, ubi soliti lepore*
lint, ted omnia sepia, afficta villae qaae sant, et
habent incluta animalia, qaae pateautnr. Similiter
pcinai dico eas, quae iu aqua dolci aut salta in
banchetti dentro le porte di Roma. L. Alba-
zio (39), uomo, come sapete, dottissimo, e le coi
satire hanno del carattere Laciliano (4o), non
diceva forae che la eoa tenuta nel territorio
Albano era tempre superata dai nod ri menti de
gli animali nella easa di villa; poich quella
non gli frollava nemmeno diecimila sestertii%
qaando che questa gliene rendeva pi di ven
timila ? Diceva ancora, che *e avesse potuto fab
bricare la caa di villa presso il mare, ed in
luogo di suo piacere, si sarebbe procurata ana
rendita oltre centomila sestertii (4 0 - Dimmi :
non forse vero che M. Catone (4*) accett ai
gioroi nostri la tutela di Lucullo (43), e che dalla
vendita del pesce delle peschiere di questo abbia
tratto quarantamila sestertii (44)? Mio caro
Merala, dice Astio, pregoti di accogliermi quale
scolare, ed insegnarmi Parte di nodrire gli ani
mali nel ricinto della casa di villa. Merula gli
risponde : Aniich dar principio noo s tosto
che mi avrai promesso il mio Minerval, cio un
pranzo (45). Assio dice : Io acconsento a ci an
che in ^ i , anzi sovente li far mangiare degli
animali nodriti in quella gaisa che la m inse
gnerai (46). Appio ripiglia : Sono permaso che
non s tosto moriranno nelle troppe degli ani
mali co nodriti de pavoni o delle oche, che
me li farai mangiare. Assio gli risponde : Che im
porla che si mangino gli ncoelli od i pesci morii
naturalmente, perch non si mangiano se non
quando sono morti ? Ma pregoti, o Merula, gli
dioe, d iniziarmi nell' arte di nodrire gli animali
nell* interno della casa di villa, e di espormi
tutti gli oggetti, sai qaali si aggira, non che i
metodi di praticarla. Merula di bnon animo coti
principia (47).
G j o
c a p i t o l o i n
D i g l i A n i L i a i a s i f o s s o v o aooaiaa o b i l l ' i i -
TUBO DELLA GASA DI VILLA, O IVTOABO LA H l -
DBSiaA*
Bisogna prima che il proprietario sappia qaa
li beatie pa nodrire e far pascolare nell io terno
di ana casa di villa, o ne suoi coutorni, onde ae
tragga profitto e diletto. Quest arte abbraccia
tre oggetti : le ucoelliere, i leporarii, le peschie
re. S intende nel nostro secolo per nccelliera on
luogo dentro la casa di villa, ove suolsi nodriro
ogni specie di volatile. Per leporarii tu non devi
intendere quelli che cos chiamavano i nostri an
tichi, ne quali mettevano soltanto le lepri (1),
ma lalli i recinti che tono annessi (a) alla casa di
DE RE RUSTICA LIB. III.
datos habent pisces ad villam. Haram singule
genera minimum in binas species dividi possunt;
In prima parie al fini, quae terra modo sunt con
ico It, ut sunt pavones, tortores, turdi; altera
Species sunt, quae oon sunt conteoU terra solano,
sed etiam aquam requirunt, ut sunt anseres,
querquedulae, anales. Sic alterum genus illud
venaticam duas babet diversas species : unam, iu
qua est aper, caprea, lepus. Altera item extra
villam quae sunt, ut apes, cocleae, glires. Tertii
generis aquatilis item species duae, partim quod
babent pisces in aqua dulci, parlim quod in ma
rina. De bis sex partibus: ad ista tria genera ar
tificum paranda, aucupes, venatores, piscatores,
aut ab bis emenda, quae tuorum servorum dili
gentia taearis in foelura ad partus, et naia nutri-
cere sagiuesque, in macellam ut perveniant. Ne
que non eliam quaedam assumenda in villam tine
reiibus aucopii, venatoris, piscatoris, ut glires,
cocleae et gallioae.
/
67
Earum rerum eultara institata prima, ea
quae iu villa habentur ; non enim solum aogares
Romani ad auspicia primum pararont pullos, sed
eliam patres familiae rare. Secunda, quae macerie
ad villam venationis causa eluduntur, et propter
alvearia ; apes enim subter sobgruodas ab inilio
villatico usae tecto. Tertia piscinae dalces fieri
coeptae, et e fluminibus captos recepere ad se
pisces. Omnibas tribas bis generibus suat bini
gradus : superiores, quos frugalitas antiqua ; in
feriores, quos luxuria posterior adjecit. Primus
enim ille gradas antiquus majorum nostrum erat,
in quo essent aviaria, duo dantaxat: in plano
cohors, in qua pascebantur gallinae, et earum
fructos erant ova et pulli ; alter sublimis, in quo
erant columbae in turribus aut summa villa.
Gonlra, nunc aviaria saot nomine motato, quod
vocantor ornithones, qaae palatam soave domini
paravil, ot tecta majora habeant, qaam tam ha
bebant totas villas, io quibus stabalentur turdi
ac pavones. Sic in secunda parli c leporario pa
ter tuos, Axi, praeterquam lepusculum e venatio
ne vidit nunquam. Neque enim erat magnum i(l
sepium, quod nunc, ut habeant multos apros ao
villa, e che rinchiudono io t degli animali che
si nodriscono. Similmente per peschiere inten
do quelle vische d'acqua dolce, o salsa, che
ono vicine alla casa di villa, e che rinchiudono
in s dei pesci. Ognuno (3) di questi oggetti si
saddivide almeno in dae classi; cosicch nella
prima v' entrano gli animali, cui basta la terra,
come i pavoni, le tortore, i tordi ; e nella se
conda quelli che oltre la terra ricercano anche
1 acqua, come le oche, le sarchetole e le anitre.
Del pari laltro oggetto, che appartiene alla cac
cia, si divide altres in due classi ; la prima delle
quali comprende i cinghiali, le capre selvatiche,
le lepri; e P altra quegli animali che si allevano
parimente fuori della casa di villa, come le api,
le lumache, i ghiri. II terso oggetto, che abbrac
cia gli acquatili, si divide egualmente in due
classi, perch parte dei pesci si nodriscono nel-
l ' acqua dolce, e parte nella salsa. da trattarsi
adunque di queste sei parti. Per ognuno dei tre
oggetti bisogna apprestare parimente tre specie
di artefici, cio uccellatori, cacciatori, pescatori,
ovvero da questi bisogna comperare quanto hi
d1uopo, affinch colla diligensa de1tuoi schiavi
tu possa provvedere a quelli animali dal oonee-
pimento fino al perto, nodrire ed ingranare i
loro figli fino che sieno in istato di essere por
tati sul mercato. Bisogna ancora allevare nel re
cinto della casa villereccia alcuni animali, come i
ghiri, le lumache e le galline, quali non si pren
dono colle reti dell1uccellatore, del cacciatore e
del pescatore.
Intorno a quest oggetto, gli uomini si sono
primieramente occupati (4) di qaegli animali che
i hanno nelP interno della casa villereccia ; im
perocch gli auguri Romani non sono stali sol
tanto i primi che sicnsi serviti di polli negli an-
spixii, perch anche i capi di casa ne ebbero nelle
loro campagne. Dopo si volsero ai recinti chiusi
di muri in vicinanza alla casa rusticana a motivo
della caccia ; e gli alveari (5) si eccettuarono;
perch le api in principio erano assuefatte a slare
sotto il tetto dei portici della casa campestre (6).
In lerxo luogo n occuparono in fare delle pe
schiere di acqua dolce, nelle quali si gittarono i
pesci presi nei finmi. In tutti quesli tre oggetti si
considerano due stati : lo stalo de nostri anti
chi, che si limitava alla frugalit ; e quello, coi
il lusso ,de posteri diede s grandi aumenti. Di
fiatli nel primo ed antico stato del primo ogget
to, i nostri antichi non destinarono che due luo
ghi pei volatili ; un luogo basso pel cortile, nel
quale nodrivano le galline, ed i frutti di queste
erano le uova ed i pulcini, ed un luogo elevalo,
come le torri o il tetto dell edifizio, ove mette-
vanii le colombe. Per contrario oggid si can-
6 7 M. TERENTII VARRONIS
capreas, complora jogera maceriis concludant.
Noo tam, inquit mihi, cam emisti fandam Tusca-
lanam a M. Pisone, io leporario apri fuerunt
ni t i ? In tertia parti qais habebat piscinam, nisi
dulcem, et io ea dantaxat squalos ac mugiles
pisces ? Quia contri none Rhinton oon dicit sna
nihil interesse, atram iis piscibus stagnam habeat
plenam, an ranis ? Non Philippus cum ad Immi-
diam hospitem Casini divertisset, et ei e tuo flu
mine lupom piscem formosam apposaisset, atque
ille goslasset, et expoisset, dixit: Peream, oi
piscem potavi esse? Sic nostra aetas, inquam,
luxuria propagavit leporaria, ac piscinas protulit
ad mare, et in eas pelagios greges piscium revo
cati!. Non propter hos appellati Sergios Orata, et
Licinias Marena ? Qais enim propter nobilitatem
ignorat piscinas Philippi, Hortensii, Localiorum ?
Qaare onde Telis me incipere, Axi, dic.
6^3
CAPUT IV
Di a v i b u s h i o b m r x .
lUe : Ego Tero, inquit, ( ot ajont ) post prin
cipia in castris, id eat, ab bis potius temporibos,
qoam superiori bos : qood ex pavooibos fructui
capiootor majores, quam e gallum. Atque adeo
non disaimoUbo, qaod volo, de ornilhooe pri-
id i ib , qaod lacri fecerunt boo nomea turdi, se-
xagiota enim millia Fircellioa ex cande me fece
rant eopidilate. Merula : Duo suot, ioqoit, orni
thonis geaera ; ooum delectationis causa, ot Var
ro hic fecit noster sub Casioo, qood amatore
ioveoit m altos ; alteram fractas causa, qao ge
nere macellarii, et io orbe quidam habent loce
giato nome al loogo destinato agli occelli, per
ch si chiama ornithon ; e questo appresta cibi
pi delicati al palato dei proprietario (7) ; ed
ora i tordi ed i pavoni albergauo in edifizii pi
grandi di quelli che ooa T ol ta occapavaoo le io-
tere case di villa. Parimeote riguardo al secoudo
oggetto, cio al leporario, il padre tuo, o Assio,
non vide certamente io questo altri aoimali da
caccia, fuorch i leprettini. Effettivamente allora
il parco non era tanto grande, quanto oggid, per
ch ora si cingono di mori molte jugera di ter-
reoo, affinch possano contenere molti cinghiali
e molte capre sabatiche. Forse che, mi dice, al*
lora quando to comprasti da M. Pisone (8) la te
nuta di Frascati, non vi erano nel parco molti
cinghiali ? Quanto al terso oggetto, noo forse
certo che a l l o r a 000 v' erano che peschiere di a-
eqoe dolce, e che queste noo albergavaoo altri
pesci, fuorch gli squali (9) ed i muggini Hav-
t per eoo Irario oggid un solo Ehinton (10), il
quale non dica ad a l t a voce che voole ed uoa pe
schiera pieoa di quei pesci, ed aoa piena di rane f
Filippo esseodo aodalo ad alloggiare a Cassino
presso Ummidio (11), ed avendogli questi appre
stato oo bellissimo pesce lapo (12) che aveva pe
scato nel tao ( t 3) fiume, dopo che l ' ebbe assa
porato e sputato, noo disse : Muoia, se oon l'ho
preso per oo pesce ? 11 lasso del nostro secolo
altres (i4) ha esteso i parchi, ed ha proluogato
sino 1 aure le peschiere, ed io queste si s o d o
trasportate molte troppe di pesci marioi. A que
sti pesci forse noo debbono il loro nome Sergio
Orata ( i 5) e Licinio Moreoa? E chi non conosce
per la loro celebrit le peschiere di Filippo, di
Ortensio (16), e dei Lucolli ? Merula (17)*
mi, o Assio, da quale parte t o o ta che io prin
cipii ?

CAPITOLO IV
Digli uccklli ih gbhekali.
Qaanto a me, dioe Assio, amo meglio, come
si dice, restare dopo le principia (1), vale a dire,
Tederli cominciare piuttosto dai preienti tempi,
che dai passati, perch i pavoni frullano pi del
le galline. Non ti dissimuler per altro che vo
glio che locomioci dalle uccelliere, perch i lor
di guadagoarono questo nome ; e il frullo dises-
santemila sestertii, che Fircellina (2) ritrasse da
qoesli, mi fa ardere di voglia di possederne. Me-
rela dice : Hannovi due specie di uccelliere ; una
che da piacere, oom1 quella che il nostro
Varrone qui presente ha fabbricata sotto Cas-
6 7 /, DE RE RUSTICA LIB. III.
6?5 M. TERENTII VARRONIS G;6
clausa, ct rare maxime condocta in Sabinis, qaod
ibi propter agri nataram frequentes appareo!
tordi. Ex bis tertii generis volait esse Lacullas
e o o j o D C t o m aviariam, qood fecit io Tuscolano,
nt in eodem tecto ornithonis inclusum triclinium
haberet, obi delicate coeoi tare t, et alios videret
io maxonomo positos coctos, alios volitare cir-
com fenestras captos. Quod inutile invenerant.
Nam non tantam in eo oculos delectaat intra fe
nestras aves volitantes, quantam offendit, qaod
alienas odor opplet na rea.
c a p u t v
D b t u b d i s .
Sed qood te malle arbitror, Axi, dicam de
boo ornithone, qood fractos caasa faciant, aode,
non obi, samaotnr pingues tardi. Igitar testudo
( a t peristylam teclom tegulis, aat rete) fit ma
gna, io qoa millia aliqoot turdorom ac merola-
ram incladere possiot. Qaidam com eo adjicioot
praeterea aves alias quoque, qoae pingoes veneant
care, nt miliariae ao coturnices. Io boc tectam
aqaam venire oportet per fistalam, et eam potias
per canales angastas serpere, qaae facile exter
geri possint ; si enim late ibi diffusa aqaa, et
inquinator facilias, et bibitor inotilius ; et ex eis
caduca ( qaae abundat, ) per fistulam exire, ne
lato aves laborent. Ostium habere bamile et
angustam, et potissimum ejus generis, quod
cocbleam appellant, ot slet ease in cavea, in qoa
taori pugnare soleo t. Fenestras raras, per qaas
poo videantar extrinsecus arbores, aat aves;
qood earum aspcctus ao desiderium macrescere
facit volocres inclusas. Tantam luminis habere
oportet, ot aves videre possiot abi assidant, obi
cibas, obi aqua sit. Tectorio tacta esse levi cir
cum ostia ac fenestras,ne aqua intrare, mos,
alia ve quae bestia possit. Circam bojas aedificii
parietes intrinsecos mullos esse palos, obi aves
assidere possint; praeterea e pertieis inclinatis
ex homo ad parietem, et in eis transversis grada-
tim modicis intervallis perticis annexis, (ad) spe
ciem cancellorum scenicorom ac theatri; deor
sam io terram esse aquam, qaam bibere possint ;
siuo (3) ; e di questa molti oe tono amanti : V al
tra da fratto : questa prescelta dai venditori
di commestibili : anzi alcuni hanno a quest* og
getto de luoghi chiusi in citt, e alla campagna
soprattutto nel territorio Sabino, ove le affit
tano, perch ivi sono frequenti i tordi, a motivo
della qualit del terreno (4). Lucullo dall'unione
di queste due specie, ha dato origine ad nn' altra
uccelliera, come ha fatto nel territorio di Fra
scati, ove nell' interno dell' uccelliera (5) e sotto
il medesimo tetto ha fabbricato un tinello (6),
affinch potesse mangiare morbidamente, e ve
dere dei tordi cotti disposti sul piatto, nel men
tre che altri imprigionali volavaoo d' intorno le
fenestre. Ma questo trovato non si accolto ;
perch Io spettacolo cbe offrono qaesti accetti
che volano tra le fenestre, non ricrea tanto la vi-
sta (;), quanto sono ammorbste la narici riem
piute di un odore s stravagante.
c a p i t o l o v
Dai t o b d i .
Ma come parrai che la voglia, o Assio, dir
primieramente di qoell' uccelliera che si fa per
trarne frutto, e da cui si traggono I tordi ingras
sati ; non gi di quella in cui si msogiaoo (i).
Si fa duoque una copola ( ovvero un peristi
lio (a) coperto di tegole, o di una rete) grande,
nella quale si possano rinserrare alcnne migliaia
di tordi e di merli. Quelli che vogliono, vi ag
giungono inoltre (3) degli altri occelli, i qoali,
qoaodo sono ingrassati, si vendono a caro pres
to, come gli ortolani (4), e le qoa gli e. Si fa ve
nire 1' acqua in qnesta sala a volta per mesto di
un canale, e si fa passar in piccioli canali (5) ser
peggianti, perch in tal modo possono facilmente
nettarsi ; laddove se I' acqua si spargesse in lar
go, di leggeri si sporcherebbe, e noo sarebbe
buona abeverai. Bisogna che 1' acqua caduta (6)
esca fuori per metto di un canale, affinch gli
uccelli non patiscano pel fango. Bisogoa che la
porla sia bassa e stretta, e sulla forma di quelle
cbe si chiamano cochleae (7) negli anfiteatri de-
atinati ai combattimenti dei tori. Le fenestre
haono da essere poche, e disposte in guisa, ohe
non si veggano n alberi, n uccelli al di fuori,
perch la veduta di questi e di quelli farebbe
smagrire di desiderio gli occelli rinserrati. Ha
da esservi tanta luce, quanta fa mestieri agli uc
celli per vedere ove possano reggersi in piedi,
ove siavi il cibo e 1' acqua. S ' intonacher 000
diligenza con un intonaco reso liscio I' esterno
<>77
DE RE RUSTICA LIB. III.
cibato! offu poti Ut; ete maxime glomerantor
ex ficii et farre mix lo. Dieboi vigiliti antequam
quis tollere Tult tardo, largius dat cibum, qaod
pio ponit, et farre sobliliore incipit alere. In
hoc tecto caveaque labalata habeaot aliqaot ad
perticae sapplementom. Contra hoc aviariam est
aliad minat So qao qoae mortuae ibi sant ave,
Qt domino oameram reddat, curator servare
solet. Ctim opos sunt, ex hoc aviario ut soman-
tor idoneae, excladantur ia minascalam avia
riam, qaod st conjunctam cam majore ottio,
lamine illustriore, qaod secla sori aro appellant.
Ibi com eam nomerum habet exclasom, qaem
amere vult, omnet occidit. Hoc ideo in teclaso
dam,ne reliqai, si videant, despondeant animam,
atqae alieno tempore venditoris moriantar. (Non
Qt advenae yolocres pollot faciant, in agro cico
niae, in tecto hirundines, sic aat hio aat illio
tordi, qai cam sant nomine roares, re vera foe-
minae quoque suot: neqae id non secatam a t
esset in merulis, qaae nomine foeminino mare
quoque sin t. Praeterea volocrescom partim adve
nae sint, ut hirondioes et groes ; partim verna-
colae, at gallinae ac colombae : de ilio geoere
sant tardi adventicio, ae qaotannis in Italiam
trans mare advolant circiter aeqainoctiam autu
mnale, et eodem revolant ad aeqalnoctiom ver
nam . Et alio tempore tortore ac coturnice!
immani namero ; hoc ita fieri apparet in insulis
propinquis Pontii, Palmariae, Pandatariae. Ibi
enim in prima volatura com veniunt, morantor
dies paucos requiescendi causa. Idemqae faciant
cam ex Italia trans mare remeant). Appias Axio:
Si qoinqae millia hac conjecerit, inquit, et erit
epulum ao triumphas, texaginta millia qaae vU,
statim in foenat des licebit.
giro delle porte e delle finestre, acciocch per
ivi (8) non posta avere ingresso n sorcio, n
alcuna altra bestia. Si ficcheranno molli pali den
tro ed intorno le pareti interne di questo edifi-
zio, sopra i quali possaoo poggiarsi gli uccelli:
inoltre si pianteranno in terra delle pertiche, ma
obbliquamente (9), cosicch la loro estremit su
periore tocchi la parete: sopra queste se ne at
taccheranno delle altre trasversalmente, che sa
ranno tra di loro parallele e poco dittanti, co
ree sono a un dipresso i cancelli (10) dei teatri.
Quaoto al cibo dei tordi (11), loro si daraono del
le masse formate specialmente di fichi misti alla
farina : inoltre si daranno ad essi di quei grani
che sogliono mangiare, particolarmente quelli
che mangiano con avidit. Venti giorni avanti di
levarli dall aceelliera, ti dar ad essi maggiore
copia di cibo, si comincer a nodrirl con fa
rina pi sottile (ia). In questo edifizioedin que
sta gran gabbia sianvi, oltre le pertiche, alcuni
tavoUti fi 3). Accanto a questo si fabbrica un'no-
celliera pi piccola ( i r n e l l a quale il custode
degli uccelli suole nerbare quelli che sono morti,
onde rendere al proprietario an conto esatto dei
medesimi. Quando occorre levarne dall uccel
ler, si traggooo fuori i boooi ( i 5), e ti mettono
nella picciola che vi attaccata, che ha ana por
ta (16) pi grande della prima, e che nello stesso
tempo anche pi lucida : questa picciola si chia
ma seclusorium (17). Quando ivi si sono fatti
passare quegli uccelli rho ai sono voluti estrar
re dall* uccelliera, tutti si aramaxzano, ma di
nascosto ; perch se gli altri vedessero questo
occisioni, fi dispererebbero, e morrebbero ; il
che non piacerebbe al venditore. Sonovi degli
Uccelli di passaggio, che partoriscono dei fi
gli (18), come le cicogne nelle campagne, e lo
rondinelle sotto il tetto ; ma non lo ttesto
dei tordi, i quali oon generano qui n in nn
loogo, n In on altro: e quantunque i tordi si
chiamioo turdi con nome mascolino, non per
questo da dirsi che non vi sieno anche delle fem
mine, come non da dirsi che non vi abbiano
dei merli maschi, quantunque portino on nome
femminino, cio merulae. Inoltre gli uccelli
sooo parte forestieri, come le rondinelle e lo
gru; e parte nativi, come le gallioe e le colom
be : della prima specie (19) sono i tordi, i quali
tutti gli anni volano in Italia da oltramare verso
I equinozio autunnale, e ritornano d onde tono
partiti verso quello di primavera (ao). lo un al
tro tempo comparisce iu Italia un numero ster
minato di tortorelle e di quaglie, il cui passaggio
osserva nelle vicioe isole di Ponza, di Pai ma-
rola e di s. Maria (ai), ove soggiornano pochi
giorni, a oggetto di riposarti, allora quando vea-
6 79 M. TERENTII VARRONIS
Tam mihi: Ta dic illad alleram genus orni
thonis, qui animi cama constitutus a te sub Casi
no fertur, in quo diceris longe vicisse non modo
rchetypon inventoris nostris pviborfopitiv M.
Laenii Strabonis, qui Brondusii hospes noster
primus in peristylo habuit exedra conclasas aves,
quas pasceret objecto rete, sed eliam in Tuscu
lano magno aedificio Luculli. Cui ego: Com ba-
beam sob oppido Casino flumen, quod per villam
fluat liquidum et altum, marginibus lapideis,
latum pedes l v i i , et e villa in villam poutibus
transealur, longum p. d c c c c l , directura ab insula
(ad Museum), quae est ab imo fluvio, ubi confluit
altera amnis ad summum flamen, ubi estMuseum.
Circum hujns ripas ambulatio sub dio, pedes
lata denos. Ab hac ambulatione in agraro versus,
ornithonis locas ex duabns partibus dextra et
sinistra maceriis altis conclusus. Inter quas locus,
qui est ornithonis, patet in latitudinem p. x l v i i i ,
deformatus ad tabulae lilerariae speciem cum ca
pitulo. Forma, qua est quadrata, patet in longi
tudinem p . l x x i i ; qua ad capitulum rotundus
est, p . xx?ii. Ad haec, ita at in margine quasi
infimo tabulae descripta sit ambulatio, ab orni
thone plumula, in qua media suot caveae, qua
introrsus iter in aream est. In limine, in lateribus
dextra et sinistra porticus sunt primoribus colu
mnis lapideis, intermediis arbusculis humilibus
ordinatae, cum a summa maceriae ad efflstylium
tecta porticas sit rete cannabina, et ab epistylio
ad slylobaten j hae sunt avibus omne genus op-
pletae,qnibus cibus ministrator per retem, et aqua
rivulo tenui affluit. Secundam stylobatis interio
rem partem, dextra et sinistra, ad summam aream
qnadratam, e medio diversae daae non latae, sed
oblongae sunt piscinae ad porticos versas. Inter
eas pisoinas tantummodo accessus semita in tho
lum, qui est altra rotundas oolumnatus, ut est in
aede Catuli, si pro parietibus feceris columnas.
Extra eas colamnas est silva mana sata, grandibus
arboribus tecta, nt infima perluceat, tota septa
maceriis altis. Intra tholi colamnas exteriores
lapideas, et totidem interiores ex abiete tenues,
locus est p . v latus. Inter columnas exteriores pro
pariete reticuli e nervis sunt, ut perspici in silva
possit, et quae ibi s u nt , neque avis eas transire.
Intra interiores columnas pro pariete rete avia
rium est objectum. Inter has et exteriores gra
datimi substructum, ul iar?/cf<or avium ; mu-
gotto ia Italia; ed ove dei piri soggiornano,
quando abbandonano V Italia per ripassare il
mare. Appio dice ad Asaio : Se porrai cinquemila
occelli in an' uccelliera, e che siavi qualche pub
blico banchetto od n trionfo, potrai tosto dare
ad interesse quei sesuntamila sestertii che tu so
spiri (aa).
Indi volgendosi a me : Descrivimi qneiraltra
specie di occelliera che, per quanto si dice, hai
formata per piacere presso Cassino, e nella costru
zione della quale si pretende che tu abbia dilunga
mano superato non solo il too modello, cio
M. Lenio Strabone (a3), inventore di qaeste uo-
celliere, e che fu il primo a Brindisi ( ove mi ac
colse qual ospite) a rinserrare edanodrirein un
gabinetto fatto a peristilio e coperto di reti degE
uccelli ; ma ancora q n e l l a che si ammira D e l l 'am
plissimo edifizio di Lucullo posto nel territorio
di Frascati. Tu sai, gli dissi, che ho presso la
citt di Cassino u n finme che passa per la mia
casa di villa, e ch ha un acqua chiara e profon
da : le ripe sono di pietra (24) ; largo cioqaa-
taselte piedi, e si passa dalla c a s a di villa al-
l ' isola per mezzo di ponti (a5) : fungo nove-
centocinquanta piedi, e si dirige dal!' isola verso
10 studio : qaesta situata nella parte pi bassa
del fiume, ove se ne unisce un altro. Nella parte
superiore del fiume e lateralmente alle ripe, hav-
vi un passeggio scoperto, .largo dieci piedi (26).
Tra questo passeggio e la campagna situata U
mia uccelliera, rinchiusa a destra ed a sinistra da
alte mura, le quali lasciano tramezzo un luogo
per T uccelliera, eh' ( che rappresenta a nn di
presso una tavoletta da scrivere fornita di una
lesta rotooda (37) ) di forma quadrato, largo qua
rantotto piedi, lungo settanladue, e che nella
parte rotooda ha ventisette piedi di pi. Inoltre
11 passeggio delineato in maniera di formare
come il margine inferiore della tavola, ed dis
giunto dIP uccelliera : nel mezzo del passeggio
havvi un ingresso cbe conduce nell'area dell1uc-
celliera (28). La principale facciata ha lateral
mente a destra ed a sinistra un portico regolare,
le cui colonue anteriori di pietra (29) hanno tra
mezzo dei piccioli alberi e poco alti. La sommit
dei mnri laterali a destra dell architrave interno
del portico, coperto da una rete formata di filo
di canape: ed unaltra simile rete pende dall ar
chitrave sino al piedestallo continuo (3o). Queste
sono le gabbie piene di ogoi specie di uccelli (31),
ai quali si d il cibo attraverso la rete, e la be
vanda loro somministrata per mezzo di on ru
scelletto. A qualche distanza (3a) dalla faccia in
terna del piedestallo continuo ( tanto da quella
che dall ingresso principale sino al muro a de
stra, quanto da quella che da questo medesimo
66
tali crtri oraoibut colUiafill Capotili, tedili
aviam. Ialra retem avei toni osine genos, max
fbe cantrices, ot lusciniolae ao merolee, quibui
sqaa ministrator per cafia)tculm, cibai objicitor
tab reter. Sabter columnarum stylobatem est
lapis a falere pedem et dodrantem alta ipsnm
flere ad dao pedes altom a stagno, latam ad
quinqoe, ot ia eafeitas et colamellas ooavivae
pedibos circumire possint. Infimo intra falere
est stagnm com margine pedali, et imnla in
medio parra. Circum falere et navalia sant exca
vata anatiom stabola. In insnl* est colameli#, in
qua intos axis, qai pr mensa sastinet rotam
radiatam, ita a t ad extremam, obi orbile solet
esse aeatnm, tabula cavata sit, ot tympanum in
latitudinem dao pedes et semipedem, in aitila-
dioem palmam. Haeo ab ano paero, qai ministrat,
ita vertitor,at omnia ana ponantar et ad biben
dam et ad edendam, et admoveantar ad omnes
convivas. Ex soggetto faleris, nbi solent esse
frifim+rarfActra, prodeant anates in stagnam,
ao nant, e qao rivas pervenit in dnas, qaas dixi,
piscinas, ac piscienti nitro ac citro commeant:
cam, et aqaa ealida et frigida ex orbi ligneo men
sa qo e, qaam dixi in primis radiis esse, epitoniis
versis ad unumquemque, factam sit, nt fluat in
convivam. Intrinseco* sab tholo steli* luciter in
terdi u, noeta hesperas,ita circameant ad infimam
hemisphaerium, ac moventor, at indicent qnot
sint horae. In eodeip bemisphserio medio circam
cardinem est orbis ventornm octo, ut Athenis in
horologio, qaod fecit Cyrrhestes ; ibiqae eminens
radias a cardine ad orbera ita movetur, at eam
tsogat ventam, qui flet, ot intes teire possis. Cam
haec loqueremur clamor fit in campo. Nos athle
tae comitiorum ana, cum id fieri non miraremur
propter studia suffragatorem , et tamen scire
vellemus, quid esiet, venit ad nos Paotalaeius
Parra. Narrai ad tabulam, cum diriberent, quen-
daoa deprehensum tesserolas conjicientem io lo
culum, eum ad consulem tractum a fautoribus
competitorum. Pavo surgit, qaod ejus candidati
costos dicebatur deprehensos.
63 r
---- <0----
M. Te ek r zio Va h o u *
ingresso tino al mur a sinistra), cominciano due
peschiere poco larghe, ma allungale, e situate io
direzione contraria a quella del portico : queste
si estendono sin pretto V estremit della parte
quadrangolare del piano. Tra queste due pe
schiere havvi un sentiere tanto largo, quanto
basta per poter passare oltre il piano quadran
golare, e portarsi nell* edifizio rotondo fatto a
colonne, e simile a quello di Catulo (33), se in
luogo di colonne si mettessero de'muri. Oltre
queste colonne, vi ha un bosco piantato colle
mani, coperto da altissimi alberi ; ma io guisa
che sia chiara tutta la parte inferiore: questo
bosco qoati tatto (3^) circondato da rpuri alti.
Tra la fila delle colonne esterne di pietra, e quella
di un pari numero di colonne interne, che sono
di tapino e svelte, havvi ano spazio largo sei pie
di. Tra le colonne, esterne vi in luogo di on
muro una rete fatta di crde di budella, accioc
ch fino da U possano gli uccelli (35) vedere il
bosco e quanto havvi nel medesimo, senza per
che possano passare nello stesso. Tra le colonne
interne, invece di moro, vi una rete cornane (36).
Tra le colonne interne ed esterne V innalza gra
datamente una fabbrica, qual piccolo teatro per
gli uccelli (37) : i pali sono frequenti, posti tra
tutti gl' intercolonni, e sono come i sedili degli
uccelli. Entro qoesl'qltima rete havvi ogni specie
di uccelli, e particolarmente quelli che cantano,
come gli usignoli ed i merli, ai quali si sommi
nistra l ' acqua per mezzo di un canaletto; ed il
cibo attraverso la rete. Ai piedi del piedistallo
continuo (38) vi una lapis (39), elevata sopra
il falere (fo) on piede e nove pollici ; e quello
stesso falere alto due piedi sopra la superficie
dello stagno (4 0 e largo cinque (42), affinch i
convitali possano camminare (43) a loro bell'agio
tra le colonne ed i letti. Abbasso del flere evvi
ono slagno circondato da un viottolo (44) largo
on piede ; e nel mezzo dello stagno bavvi una
picciola isola. Nella circonferenza del falere ao-
novi scavati, a guisa di porti, delle tane per le
anitre (45). Nel mezzo dell' isola t ' innalza ana
coloona, nella quale vi assodato on asse, il qna-
le, invece di ana tavola, porta una ruota a raggi >
ma questi raggi, invece di portare nejla loro cir
conferenza un circolo (4 6 ), sostengono una tavola
scavata oomc un tmpano (4 7 ), larga doe piedi e
mezzo, ed alla un palmo. Questa, dallo schiavo
che serve a-tavola, in tal modo si fa girare, che
in un momento si appresta quanto ipetta alla
bevanda ed al cibo, anzi ai mettono.anche presse
tali1i convitati. Dall' interno del falere (48), nel
quale si distribuiscono i letti (49) escono le anitre
nello stagno per nuotare : questo comunica per
mezzo di un ruscelletto colle due raentorate pe-
21
G&a DE RE RUSTICA LlB. i n .
633
i. TERtNTII VARtlONlS C8 4
CAP UT VI
Db PAVOMBUS.
Axius : De pavone, inqoit, libera fieel dfcas,
quoniam discessit FircelBas, qui secai ti quid
diceret de iii, gentilitatis elusa, fortasse t n tecum
daoeretsernm. Cui Heruli : De pavoibns nstri
memoria, inqoit, greges haberi coepti, et venire
magno. Ex iit M. Aufidlos LnrCo sopri tfexagena
millia nomam in inno didtur capere, li aliqaanto
panoiores se debent mares, qaam foemioae, si
ad fractam spectes ; s i d delectationem, contra :
formosior enim mas. Pafronum greges agrestes
transmarini esse dicantor in insulis, Sami in loco
Junonis, ilem in Plaasia insala M. Pisonis. t i ad
greges constituendos parantur bona aetate, et
bona forma ; baie enrm natura format e volucri
bus dedit palmam. Ad adnrisiaram hae minores
bimae non idoneae, nec jam majores nato. Pa-
Jcuotur omne genus objecto frumento, maxime
erdeo ; itaque Sejus iis dat io menses singulos
ordei singulos modios, ita nt io foeiura det ube
rius, ct ante quam salire incipiant. Is a procura*
schiere, ed i pesdolini vanno e vengono da que
ste a quello. DaHa tavola posta, come si detto,
alT estremit dei raggi della mota (5o) di legno,
esce i piacere dei convititi V aoqaa caldi o fred
da, secondo cbe si gira il turacciolo (5i). Inter
namente sotto la capoti, al vede di giorno l i
stella lucifer (5a), e di notte P hetperus; e que
ste stelle girano nel bisso dell emisfero (53) ; e
movendosi indicano le ore. Nel messo di mede
simo emisfro, ed all Intorno del centro, ri sono
dipinti, come fece io Atene ndP orologio P arte
fice di Cirro (54), in circolo gli otto venti (55) :
P indice prominente ; e movendosi alT intorno
del centr, indici netti dreonfrensi il vento cbe
soffia); e si si quii Tento domini, l nti osdre il-
P aria aperta. Nel mentre cbe da nei cosi paria-
vasi, si sente ddlo strepito nd campo di Marte.
Non fummo sorpresi per questo sUtpilo,che al-
triboimteo i l partito dd votanti, i quali fecero lo
nesso pure tolte le volte cbe noi concorremmo
nei cornisi] ; e nd mentre cbe volevamo sapere
chi fosse P eletto, viene a noi Piotatelo Parra (56),
e d dice che, nelP atto die si separa vino i voli,
fu trovato ooo che gettava dd bollettini in eoa
borsa (5^), e che perci i patrocinatori degli altri
candidati lo avevano tradotto evinti il console.
Pavone sorge, perche dicensi cbe era stato sor
preso il custode del candidilo eh' egli proteg
gevi.
c a p i t o l o v i
Dbi pa v o f i.
Astio dice : O n tu puoi liberamente parlare
del pavone, poich partito FI redi io, il qaafcse
fosse stato presente, e che tu avessi parlato con
qualch libert, forse sarebbe insorta qualche
alterazione tra P affinit che passa tra esso e que
sti animali (). Morula ripigli danqne cos : Ai
nostri tempi si cominci*to ad aver cori dd pa-
voui e a venderli a caro presso. Si dice che M.
Aufidio Lurco traeva dui pavoni ona rendita an
nuale almeno di sessantamila sesterni (a). Bisogoa
che i maschi sieno un poco meno di uumero delle
femmine (3), se non si ha in vista cbe il profitto ;
ma se poi si cerca il diletto, si faccia il oonlrario,
perch i maschi sono pi belli delle femmine. Si
dice che oltremare si trovano in alcune isole
delle gregge selvagge di pavoni (4), come per
esempio, nel bosco dedicato a Giunone in Samo (5)
e nelP isola Planasia (6) che appartiene a M. Piso
ne. Quando si vogliono formare ddle gregge, si
scelgono di buona et e di bdla forma ; tanto pi
605 DE RE RUSTICA MB. ni .
tore ternos pallos exigit, eosquC cara creverant,
quinquagenis denariis vendit, ut nulla ovis hunc
assequstur fractam. Praetera ova emir, ac sup
ponit gallinis, ex qaibas ( ex iis ) excusos pallai
refert in testadinem eam, in qaa pavopes habet ;
qaod tectam pro multitadine pavonum Beri de
bet, et habert cubilia discreta, teotorio levata,
qao aeqae serpens, neqae bestia accedere alla
possi L Praeterea habere locam ante se, qao pa
stam exeant diebus apricis. Utrumqoe locam
par am esse volunt hae volucres ; itaqae pastorem
earam cam batillo ci r cara ire oportet, ao stercas
tollere, ae conservare ; quod t t ad agricujtiirsm
idoneam est, et ad sobstramen palloram. Primus
Hos Q. Hortensias augurali adjictali coena porais
se dicitar; qaod potius factam tam luxuriosi,
qaam severi boni viri laudabant ; quem cito se
cati malti extulerant eoram pretia, ita ut ova
eoram denariis veneant quinis, ipsi facile quin-
quagenis, grex centenarias facile quadragena
millia sestertia a t reddat, at <(uidem Albutias
ajebat, si in singulos ternos exigeret pullos, per
fici sexagena posse.
CAPUT vn
Db o o l u v b i s .
Interea venit apparitor Appii a oon sale, et
aegares ait ettari. Ule Coni exit e villa. At in fiU
laaa intro involant oolnmhoe ; de qai bos Merala
Axio : Si unquam oonstituisses,
has toas ette putares, quamvis ferae essent. Dao
enim geoera earum in p esse sebat:
u a e a affaste, ul alii dicunt, saxatile^quod habe-
che la nafara ha dato a quest1noeello 1 palma
sopra gli altri in proposito di bellezza. Non
bene che le femmine sieno montate prima dei fra
anni (7), come nemmeno qoando sono vecchie. Si
nodriscono, dando ad essi ogni speoie di grano,
ma soprattutto dell'orzo; e perci Lareo sommi
nistra ogoi mese a sei pavoni (8) an modius di
orzo ; e ne accresce la quantit quando le*fem-
mine sono per partorire, come anche avanti che
i maschi le montino. Egli ripete dpi sovranten
dente tre pavoncini per ogni pavonessa (9) ; e
qoando sono cresciuti, li vende cinquanta denarii
T ano ; di maniera che non vi alcuna pecora
che dia tanto gaadagno. Egli compera inoltre
delle uova di pavonessa, e le mette a oovare sotto
le galline, e tosto che queste hanno (atto nasoere
i pavoncini (10), li porta in quella stanza a volta,
ove trovami gli altri pavooi. Questa stanza debbe
farsi grande, in proporzione del numero de pa
voni ; ed i letti dei medesimi debbono essere tra
di loro separati, ed alti da terra (11), acciocch
non entri negli stessi n il serpente, n alcana
altra bestia. Bisogna inoltre che avanti questa
stanza (ia) si trovi an luogo, ove possano andare
al pascolo ne* giorni sereni. Questi volatili amano
che questo laogo e la stanza sia netta ; e perci
a mestieri che il custode dei medesimi visiti so
vente e questo e quella per raccogliere col badile
lo stereo, e per conservarlo, perch giova molto
per P agricoltura, e perch pu servire di letto
a pavoncini. Si dice che Q. Ortensio augure ( i 3)
sia stato il primo a servirsene in uno splendido
pranzo; ma questa azione Cu piuttosto approvata
dai lussuriosi (i4K che dagli aomini onesti e seve
ri. 11 ano esempio Cd seguito da molti ; e quindi
n' venuto che il prezzo di questi cresciuto tal
mente, che le loro nova si vendono cinque dena
rii V uno, che ogni pavone si vende senza pena
ciuquanta denarii, e che ana truppa di cento (15)
potrebbe facilmente rendere quarautamila seste r.
/11, ed anche sessantamila,seper ogni femmina (iG)
si ripetessero tre pavoncini, eome diceva Albuzio.
c a p i t o l o v n
Dii c o l o m b i .
In questo frattempo si presanta un apparito-
re (1) d Appio ad avvertirlo per parte del eoo*
sole che gli angari erano citati Egli esce della
easa di villa ; e in queste mentre volano dentro
la stessa delle colombe : intorno a ohe disse Me
rula ad Assio : $c tu avessi giamaaai oosfarutlo una
colombaia) l1immaginarci li ohe fossero tue (a),
68; M. TERENTII VARKONIS 685
tur io torribus ac columinibus villae, qao ap
pellatae colamba e, quae propter Umorem natnra-
lem anima loca ia tectis captant; qao fit, at
agrettes maxime leqaaatur turres, in qaa ex agro
eTolant aaapte ponte, ac remeaot. Alteram genas
illad columbarum est clementias, qaod cibo do
mestico contentam intra limioa januae solet pasci;
hoc genus maxime est colore albo ; illad alteram
agreste sine albo, vario. Ex his duabas stirpibus
fit miscellum terliam genus frutus causa, atque
iaoedant in locum uoam, qaod alii Tocant
Siftwer alii 'rffJSff0Tfo$<iov ; in qao uao saepe
Tei quinque millia sont inclusae. ITff/g'fffaJr fit,
ut tcttado magna, camera tectus, ano ostio ao-
gusto, fenestris Punicanis, aut latioribus, reticu
latis utrinqae, at locus omnis sit illustris, neve
qaae serpens, fcliudve quid animal maleficum in
troire queat. Intrinsecus (piam levissimo marmo-
rato loti parietes ac camerae oblinantur, et
xtrinsecus, circura fenestras, ne mus, ant lacerta
-qua adrepere ad columbaria possit ; nihil eaim
timidius columba. Siagulis paribus colombaria
fiunt rotuada ia ordinem crebra ; ordines quam
plurimi e*e potino t a terra uqae ad cameram.
Columbaria siogala esse oportet, ut os habeant,
quo introire et exire possit ; intus ternorum pal
morum ex omnibus partibus. Sub ordiaes singulos
tabulae fctae ut sint bipalmes, quo alantur vesti
bulo, ac prodeant. Aquam esse oportet, quo in
fluat, unde et bibere, et ubi lavari possint ; per
mundae enim.sunt hae volucre. Itaque pastorem
columbarium quotquot mensibus crebro oportet
everrere; est enim quod eum inquinat locum
appositam ad agriculturam, ita ut hoc optimam
esse scripserint aliqaot ; sive quae columba quid
offenderit, ut medeatur; si qua perierit, ut effera
tur; si qui pulli idonei sunt ad vendendum,
proma L Item qaae foetae sunt, in certam locam
ot disclusum ab aliis rete habeant, quos transfe
rantur, e qao foras evocare possint matres. Quod
faciunt duabus de causis ; una, si fastidiunt ut
inclusae consenescunt, quo libero aere cum
exierint in agros, redintegrentur ; altera de causa
propter illicium ; ipsae enim propter pullos, quos
habent, utique redeunt, nisi a corvo occisae, aut
ab accipitre interceptae. Quos columbarii interfi
cere solent, duabus virgis viscatis defixis in ter
ram, inter se curvatis, cum inter eas posuerint
obligatum animal, quod item pelere soleant acci
pitres, qui ita decipiuntur, cum e obleverunt
Tisco. Columbas redire solere ad locum Ucet ani
m a d v e r t e r e , quod multi in theatro e sinu missas
faciunt, ( alqae ad locu<n r adeunt ) quae nisi re-
T e r t e r e n t u r , non emitterentur. Cibas appoditur
circum parietes in canalibus, qaas extrinsecus
per fistulae sappUnt. Delectantur milio, tritico,
quaolanque selvagge, perch in una colombaia
soglioTi essere da# specie di colombe; ima dalla
quali selvaggia, o, come altri dicono, sassaiuo
la (3), perch dimora sulle torri o opra il eotu-
men, o colme della casa di villa $ dal che n
Tentilo ohe a questi auimali si dato il Mine di
columbae, le qaali, a motiro della loro timidit
naturale, si ritiraao sopra i luoghi pi alti dei
tetti : e per questo i colombi selvaggi amano spe
cialmente le torri, dalle qaali seo volano spoota-
neamente sui campi, per ritornare poi alle stesse.
L*altra specie poi di colombe - pi domestica,
perch si contenta del cibo che si d ad essa nella
case, e si suole allevare nell interno della casi.
Qaesta specie particolarmente bianca, ma la
prima screiiata e senta tinta di bianco (4). Da
queste dae rane se ne tre una te rea, eh* di
colore mischio, e che si alleva, affinch frolli.
Questa s<rinserra in una specie di edifisio che
alcuni chamano rtftfHtra (5), ed altri artf/ySf Tf
(pitoy (6). Sovente in uno di questi luoghi se ne
rioserrano fino a cinquemila. Questi edifixii deb
bono essere coperti a guisa di uoa grande cupola,
non avere che una porta stretta e delle finestre
alla cartaginese, o pi larghe e graticciate di
dentro e di fuori, affinch tutto il luogo ia
chiaro, e non possa avervi ingresso il serpente, o
qualche altro animale nocivo. S intonacano di
marffio pesto tati i muri e le volte internamente;
e quest' intonaco si rende liscio pi che si pu :
del pari si fa le stesso esternamenle intorno le
finestre, per impedire che il sorcio, o la lucerla
possa aggrapparsi sino agli occhi della colombaia,
perch non vi ba animale pi timido della colom
ba. Per ogni coppia di colombi si distribuiscono
con ordine degli occhi rotondi e spessi : quesli
ordini di occhi possono essere molti, cominciando
da terra sino alla volta. Ogai occhio bisogna che
internamente abbia in tuli' i sensi tre palmi, e
che l ' ingresso*sia tal# che la colomba possa en
trare ed uscire (7). Sotto ciascua ordine di occhi
si attaccano alle muraglie delle tavolette, larghe
dae palmi, le quali servano di vestibolo, e so cut
possano i colombi poggiarsi avanti di entrare
negli occhi. Questi volatili sono nettissimi (5) :
per la qual cosa il custode della colombaia dea
nettarla parecchie volte tra il mese (9); e lo
sterco che lorda il luogo, tanto acconcio per
V agricoltura, che alcuni autori hanno scritto (1 0)
essere questo il miglior concime. Bisogna che
medichi le colombe ammalate (u ), che levi quelle
che sono norte, e che tragga fuori quei colom
bini che sono buoni a vendersi* Parimente il
custode della colombaia debbe fare in guisa, che
le colombe selvagge sieno ben separata dalle altre,
al quale oggetto le traspor ter in a a lt*ogo egre*
9
DE RE RUSTICA LIB. III.
ordeo, piso, fcteoUs, tiro. liem k m bu io tur-
ribos, e ranunii rillis, qui .habent, agrestes oo
lambas quoad possonl immittendum in if/-
aetate bona; parandam neque potlos,
neque letiliSi totidem mares qnot ioeminas.
Nihil columbis foecundios; ilaqne diebn
quadragenis concipit, et parit, et incubat, et
educat. Et hoc fere totam annnm (adaat : tan-
tammodo intervallum faciant a bruma ad aequi
noctium Ternum. Pulli nascuntur bini, qui si
mulae cr er erunt, et habent robur, cum matribas
pariunt. Qui solent saginare pullos columbinos,
quo pluris Tendant, secludunt eos, cum jam plu
ma sunt teeli ; deinde manduca to candido farciunt
pane : bieme hoc bis, aestate ter, mane, meridie,
Tesperi ; hieme demunt cibum medium. Qui jam
pinnas incipiunt habere,relinquunt in nido illitis
cruribus, et matribus, uberius ut cibo uti possint,
objiciunt; eo eoim loluaa diem se, et puUos
pascunt ; qui ita educantur, celerius pinguiores
fiuut quam alii, et candidiores. Parante eorum
Romae, si sunt formosi, bono colore, integri,
boni seminis, paria singola rulgo Teneunt doce-
ni numi, nec non eximia singolis millibus no
mum, qua nuper cum mercator tanti emere
rellet a L. Axio equite Romano mioori quadrin-
gsntis denariis daturam nega?it. Axiu: Si postem
aure, inquit, factam, quemadmodum
in aedibus cum habere vellem,-emi fiotilia colum-
bwu, jam i issem amlcuo, et miiimra ad filiam.
gato : dal pari dare e serri un luogo, a cui riehia^
mar possa dalla colombaia le madri. Ci i fa per
due ragioni : la prima, che Infastidendosi, od an
noiandoti di sltr rinchiuse, possan ristorarsi al-
l aria libera, quando roleranno ne campi (ia)|
e seoondariamente per adescare delle altre di por
tarti alla colombaia (iS), cui non mancheranno
di ritornare, per motiro dei loro figli, qaando
bene non sieno ammazzate dal corro, orrero ra
pile dallo sparriere. Quelli che hanno la cara
della colombaia, sogliono ammazzare questi ani
mali, piantando in terra due rerghe ineschiate,
currate tra di loro, e attaccando tra queste quel
li animale che gli sparrieri sogliono assalire (i4):
ia tal modo restano ingannati ed inrischiati.
facile il rarrisare che le colombe ritornano
donde sono partite ; poich molti nel teatro le
traggon fuori dal seno, e le lasciano in libert (i5);
e se non ritornassero, non le lascerebbero in li
berti. Il cibo si mette intorno le pareti. Biogna
che l'acqua ia netta ne truogoli (16), i qaali si
riempiranno per meiao di canaletti che sono al
di fuori, affinch possano bere e lavarsi. Amaoo
il miglio, il formento, l orzo, i piselli, i fagiuoli
e 1 orobo. Parimente chi possiede queste colom
be selvagge sulle torri e sui colmi delle case di
riila, dere aver cura, per quanto possibile, di
farle passare nella colombaia (17). Bisogna pren
derle di buona $( (18), cio n troppo gioranl,
n troppo recchie ; e si faccia che il nnmtro dei
maschi agguagli quello delle femmine.
Non ri animale pi fecondo delle oolombe,
poich nello spazio di quaranta giorni concepi
scono, partoriscono, Corano, ed alterano i colom
bini. Ci (anno quasi in tutto Panno; e sola
mente intralasciano (19) dal solstizio d inrerno
fino all equinoaio di primarera. Nascono i loro
figli s due alla rolla ; i quali, cresciuti che sieno
e fortificati, partoriscono colle loro madri (ao)t
Quelli che sogliono ingrassare i colombini per
reoderli pi cari, mettono da parte quelli che
pono gi coperti di piume ; dopo di che gl in
grassano eoo pane bianco masticato, di cui ne
danno ad essi due rotte nell inrerno, e tre nella
state, cio la mattina, al mezzod e la sera : nel
l inrerno, sottraggono la porzione del mezzo
d (ai). Quelli che cominciano ad arer le ale, ai
laaciano nel nido, ma i rompono ad etti le zam
pe, e da una delle loro ale si strappano alcune
penne (aa) : alle madri poi si d nn pi copioso
nodrimento, aociocch ed esse ed i loro figli pos
sano mangiare in tutto il giorno. I colombi alte
rati in tal modo, s ingrassano pi presto degli
altri, e dir cetano anche candidi (a3). Quando i
padri e le madri sono belli, di un bel oolore,
senza difetti, e di una buona rana, un paio si
Cnj i M. TERENTII VARRONIS frja
Qoasi Tero, inqoit Plet, non in urbe qnoqae sint '
molti. Ao tibi colombari* qui io tegolis babent
non videntor habere cam aliquot
supra xcen tu ; millium sextertium habeant instrn-
mentora ? e queis alicujos totam enat censeo, et
ante qaam aedifioas rare, magnam condiscas hie
io urbe quotidie lucrum, assem semissem condere
in locatos

caput vra
De TUBTumnos.
Tam Merula : Perge deinoeps. Ille : Tortori
bus item, inqoit, locum constituendovn proinde
magnnm, ac maltitodioem alere Telis ; eamqoe
item, at de colombi dictum est, at habeat ostiaro
ac fenestras, et aquam puram, ac parietes, ae ca
meras monitss tectorio. Sed pro columbariis in
pariete mutulos, aut palos in ordinem, sapra
quos tegeticulae canoabinae sint impositae. lofi-
num ordinem oportet abesse a terra noo minas
tres pedes, inter reliqaos dodrantes, a sommo
ad cameram ad semipedem, aeqae latam ao ma
ialai a pariete extare potest, io qaibas dies no-
ctesque pasountar. Cibatui qaod ait, objiciant
tritioam siooum in oeateuos fieeooi fartores fere
semodiam, qootidie CTerrentes eoram stabula, a
ataroore ne offendantur, quod item servator ad
agrum oolendam. Ad saginandum appositissimam
tempus circiter messem. Eteoim matres eoram
tooc optimae sont, cum pulli plurimi gigoontor,
qai ad farturam meliores. Itaqoe eoram fractas
id temporis maxime ooosistit
T e n d e comunemente In Roma dugento nummi,
ed anche mille, quando sono d i ona rara bellet
ta. Test un compratore esib questa somma a
L. Aaaio (m ca Tal iere Romano ; ma questi ooo
T o l e r a per un paio meno di quattrocento denarii.
Assio dice : Se potessi comperare uoa colombaia
bella e fatta colla medesima faciliti, eoa cui ho
comperato degli occhi di terra cotta per la co
lombaia, q o a o d o ToleTa averne presso di me, ben
T o l e n t i e r i andrei a comperarla, e la spedirei alla
mia caia di villa. Qoasi che, dice Pica, non t
fossero molti anche in citt, i qaali hanno delle
colombaie sotto il tetto (a5). Forse che a te non
pare che abbiano una colombaia quelli che in
colombe hanno an fondo di pi di oentomila
sestertii t E perci io penso che to compri, da
qoelli che ne possedono, un fondo intero di co
lombe, e che avanti che ta fabbrichi nella cam
pagna una colombaia, impari q o i in citt (16) a
mettere ogni giorno nella borsa nn mezzo as.

CAPITOLO v r a
DlLLB TOlTO&aiXI.
Poi Pica d is s e a Merala : Continua a t r a t t a r e
il Ino soggetto (1). Bisogna, d i c e Merula, a p p r e
s t a r e p e r le t o r t o r e l l e , i o p a r i guisa d e i c o l o m b i ,
un luogo c h e a b b i a u n a g r a n d e z z a p r o p o r z i o
nata al n u m e r o c h e T o r r a i n o d r i r e , i l q u a l e d e b
b e e s s e r e , u g u a l m e n t e d e l l e c o l o m b a i e , c o m e si
d e t t o , f o r n i t o d i u n a p o r t a , d i f e n e s t r e , d i a-
c q u a p a r a , d i m u r i , e d i T o l t e b e n e i n t o n i c a -
t e (a). Ma i n r e c e d i o c c h i d i c o l o m b a i a , si f i c c h e
r a n n o n e l m a r o , e si d i s t r i b u i r a n n o c o n o r d i n e
d e i p o s a t o i o d e i p e d o o c i , s o p r a i q a a l i ai d i s t e n
d e r a n n o d e l l e p i c c i o l e s t u o i e d i c a n a p e . Bisogna
o h e P a l t i m o o r d i n e sia a l t o d a t e r r a a l m e n o t r e
p i e d i ; c h e t r a g l i a l t r i s i a v i o n a d i s t a a z a r i s p e t
t i v a d i a o v e p o l l i c i (3) ; e c h e d a l p i a l t o s i o o
a l l a v o l t a (4), s i a v i un i n t e r v a l l o d i mozzo p i e d e .
1 p e d u c c i p o i u s c i r a n n o d a l m u r o tanto, q u a n t a
s a r l a r i s p e t t i v a d i s t a n z a d e g l i o r d i n i ; e a o p r a
q u e l l i s t a r a n n o giorno e notte. Per c i b o si d a
n o n u m e r o d i o e n t o v e n t i t o r t o r e l l e qoaai on se-
modius d i f o r m e n t o seoeo (5) ; e d o f ni giorno ti
s p a z z a n o le l o r o s t a n z e , oode non r e s t i n o offese
d a l l o s t e r c o , i l q u a l e , u g u a l m e n t e che q u e l l o dei
c o l o m b i , ai s e r b a p e r la o o l t n r a d e i terreoi- Il
t e m p o p i a c c o n c i o (6) p e r i n g r a s s a r l e , v e r s o
l a r a c c o l t a ; p e r c h in qnesto tempo le l o r o m a
d r i s o n o g r a s s e , ed a l l o r a (7) g e n e r a n o m o l t i f i g l i ,
i q u a l i s i n g r a s s a n o m e g l i o che in a l t r o t e m p o ;
e p e r c i i l frutto che si trae dalle tortorelle, con
siste specialmente in questo tempo.
DE RE RUSTICA UB. HI.
D i ALLIBII.
Aliai : Ego q n t nqoiro n n o m none
membra de palombi*, de gattini die sodes fl-
rtda : fon .de reliquia, si qoid idoneom foerit,
raeemari lioebit Igitr aanl gallinae quae vocan*
tur geoeniio Iriom, villetieee, et rusticae, et
Africanae. Gallioae Tillatioae sunt, q n u deiooeps
rora haboot io rtiUs. Debi qoi rffrj&q&tntfm
instituere volani, iidem adbibita scientia ae evira,
ot apsaot magb o i froctos fot maxime feetitave-
nini Deliaci) haec qotoque maxime animedver-
tant oportet: de emtioee, cajasmodi, et qoam
nraltas parent, de foetura, qaemadmodom admit
tant et pariant ; de ori, quetoadmodom incu
tetti et excudant ; de pallis, qaemadmodom, et
a qoibos edocentur. Hitcc appendix adjidtur,
pars qointa, qaemadmodam 3 agi nentor. E queis
triboa generibus proprio nomine tocantor foe-
mmae, qoae sont villaticae, gallinae ; mares galli ;
capi semimares, qood saot castrati. Galles ca
straci, ut smt capi, candenti ferro inerente* ad
infima crora, asqoe dam rampelur; at qood
extat ulcus, oblinant figline creta. Qui spettai ni
ot*i*9fir*$4 9Pperfetta habeat, siot licei ge
nera ei tria paranda, maxime villaticas gallinas ;
e queis in parando eligat oportet foecundas, ple*
rumque rubiconda pluma, nigris pinnis, impari
bus digitis, magniscapiiibu periata erecta, ampla;
hae enim ad partiones sont aptiores. Gallos sala
ces ; qui animadvertunt si sunt lacertosi, rubenti
crista, roeteo brevi, pleno, acato, oculis ravis, afct
nigris, palea rubra subalbicanti, coUo vario, aol
aureolo; feminibus pilosis, cruribus brevibus,
unguibus longis, caudis magnis, frequenltbns
ptnaie. Item qui elati sont, ac vociferant saepe,
in eertosnioe pertinaces, et qoi animalia, quae
noceat gallinis, uon modo noo pcrfaoeacant, sed
etiam pro gallinis propugnent. Nec tamen sequen
d o s in seminio legendo Taitagrioos, ac Medicos,
et Chalcidicos, qui sitic dubio sunt pulchri, et
ad proeliandum inter se maxime idonei, sed ad
partus sunt steriliores.
CAPUT IX
Dxixa GALLO.
Assio : Io ti chieggo in grazia d' inslrulrmi, o
Merula, intorno al modo d ' ingrassare i palombi
e le galline (1), die noi graspoleremo, se rimarr
alcuna cosa che sia buona da dirsi. Merula (a) : Ti
dir dunqoe che sonori tre specie di volatili
chiamati galline $ le galline ddla casa villereccia,
le sdvagge e le Africane. Le galline della casa
villereccia, delle quali parler poi (3), sono qaelle
che si mantengono alla campagna nelle case fatti
cene. Coloro che si propongono di allestirla*
gallinaio, acciocch ne traggano un gran frutto
( mettendo per altro in opera quanto si sa e tutta
la diligente ), in quella guisa che hanno (atto spe-
cia]mente qad di Ddo (4Kbisogoa che prindpal-
mente attendano a queste cinque cose. Nella com
pera debbesi guardare alla qualit ed al namero :
nd tempo del parto, come vadano nodrite (5), e
come partoriscano: nd tempo delta covatura,
come covino le uova e le facciano nascere ; ed
da sapersi come e da chi sieno da allevarsi i pul
cini. A qoste si aggiunge un appendice, cio,
come ona quinta parte (6), la maniera d* ingras-
sarle. Tra queste tre specie, si d specialmente il
nome di galline alle femmine che ai allevano nelle
case di villa ; i maschi si chiamano galli, e capponi
quelli che essendo castrati, non sono maschi che
per met. 1 galli si castrano, affinch diventino
capponi, bruciando con on ferro rovente i lombi,
ovvero gli sproni sino all* estremit delle zampe,
fino a che restino couaamati (7) ; indi si stropic
cia con creta da slovigliaio T ulcere che risalta
per questa operazione. Chi vuole formare un gal
linaio, dee provvedere le tre accennate specie (8),
ma singolarmente le galline Che si allevano nelle
casa campestre ; e nella compera di qaeste, pre
ferisca le pi feconde, le quali per lo pi hanno
le piume rosseggianti, le ale nere, le dita ineguali,
la testa grande, la cresta levata, la corporatura
ampia (9): le galline di tal fatta sono pi atte alla
propagazione. Bisogoa scegliere i galli i pi la
scivi (10); il Che ai giudica, quando sono musco
losi, qaando hanno la creata rossa, il becco corto,
grosso ed acuto (11), gli occhi di colore tan, o
negri, i barbigli di an rosso bianehicdo, il collo
screziato, od uu poco dorato, le cosce pelose, le
zampe corte, le nghie lunghe, la coda grande, e
tatto il corpo bea fornito di piarne. Del pari si
giudica che souo tali, quaodo sono fieri, quando
cauUno spesse volte, quaodo sono ostinati nel
combattimento, e quando, lungi dal temere gli
animali che nuocono ai polli, ii battono per
CAPITOLO IX
6y5
M. TEHEimi VARRONIS
6 9 6
Si doceatis Iere retis, loco septas attri
buendus , in qao date careae oonjunctae ma-
gnae constituendae, qote spectent td exorien
tem Te r s o s , utraeque in longitudinem circiter
decem pedes, lttitadine dimidio minores, (qotm
in) altitudine ptollo humiliores, ulraqae Cene*
slrt lat* tripedtli, et eo pede tltiores e timi-
nibos bette raris ita ot lomen praebeant mat
tam, neqae per eas quidquam ire iotro possit,
qoae nocere solent gallinis. Inter dots osliom
sit, qui gallintrius, curator etrnm, ire possit.
In ctveis crebrae perticae trijeoiie sint, ot
omnes sustinere possiot gtllinas. Contri singolas
perticis in ptriele exsculpti sint cobilit etrom ;
ante s i t (qt dixi) TCstibolom septam, in qoo
diorno tempore esse possint, atque in polvere
Tolutari. Praeterea sit celli gnndis, in qoi curi
tor hibitet, ita ot in ptrielibys droam omnia
plena sint cobilia gallinarum, tot ex scalpta, tot
afficta firmiter; motos enim com incobint nocet
In cubilibus, com pirtorient, acos substernen
dam ; com peperemo t , tollere substramen, et
recens aliud subjicere, qood polices el cieten
D i s c i solent, qute gtllinim conquiescere non pt-
tiantar; ob qotm rem ova tot inieqoibiliter
mitarescant, int consenescant. Qute relis ineo-
bet, negant ptos x x t oportere ova incubare,
qaamris propUr foecundititem pepererit plora.
Optimam esse ptriom teqoinoctio Terno, i d
autumnale. ltiqoe qate inte tat post niti sunt,
et etiim primi eo tempore, non supponendi : et
ea quae subjiciat, potius retulis, quam pullastris,
et quae rostra aot ungues non habent acutos,
quae debent potius in concipiendo occupatae
esse, quam incubando. Appoiilissimaead partum
sunt anniculae, aut bimae. Si ora gallinis pavo
nina sobjicies, cum jam decem1dies paTonina
fovere cofpit, luih denique gallinacea subjieere,
ut una excudant. GaUinSceis enim pullis bis deni
dies opos suot, pavoninis ter noreni. Eas inclu
dere oportet, ot diem et noctem iocubent, prae
ter quam a mane et Tespere, dum cibus tc potio
bis detur. Curitor oportet circumeat diebus in
terpositis tliqaof, tc Ter tere ovi uti aequabiliter
concalefiant. O n plent sint, itque utili a^becneT
animadverti ijont posse, si demiseris iu iquarn ;
quod insne, natat ; plenum, desidit. Qoi (ot boe
inteUigant) coocutiiut, errare, quod in eis vitiles
Tenas confundant In iis idem ajunt, cum id
lumen sustuleris, quod perluceat* id eise ob
inane. Qui haec t olunt Jiulius servire, perfri-
difendere questi. Non bisogni per altro nalUi
scelta delle raue prerirt i galli di A ni tona, di
Media (ia) e di Negroponte, quantunque sieno
senzt contradditione belli e atti penalmente
per battersi insieme, perch qoesti tono sterili.
$e Torrai alterare dogento polli, dividerai il
gallinaio in maniera, cbe trovimi unite due grandi
capanne che sieno folte a lerante : ognuna avr
una longhetti di circa dieci piedi, nna larghetti
minora della met, ed un* ilteiia alquanto minora
della lunghetta (i3). Ciascuna capanna i vr i la
fienestre lirghe tre piedi (if), ed alte nn piede :
saranno tessale di Tinehi tra di loro distanti, af
finch per le medesime entri molta Ine*, seatach
par diano il passaggio a cosi cbe possa nuocere
alle galline. Sit inoltre una capanna grande,
nella quale abiti il enstode del gallinaio ( i 5). Tra
le dne capanne si trovi una porta, per eoi passer
il custode del gallinaio. Siavi altres aranti queste
un piociolo cortile chiuso di usa rete, ove tra il d
polsino dimorare, e voltolerai nella polvere. Ogni
capanna sia attriTersata di molte pertiche, capaci
di portare tutte le galline; e dirimpetto ogni perti
ca, si scarioe nel muro i nidi per le galline ; ma
m maniera che sieno disposti con ordine intorno
i l muro, e cip sieno sodi e noa tremanti, tanto sa
sono s c i t i li nel muro, quinto te il medesimo
sono attaccali ; perch il menomo moto nuoce,
quando conno. Aranti il nido siiti an restiboto,
ore posstno posarsi, quando discendono o ascen
dono al nido. Quando le galline cominciano a
partorire, si mette della pagUa ne loro nidi ; e
qoando hanno terminato di partorire, ai Ieri la
paglia, e ie ne rimette di nuora, perch sogliono
nascere nella pigtia e pulci ed altri insetti (16), i
qnali non permettono che Ugallina trori riposo:
per la qual oosa le uovi o nascano inegualmente,
ovvero ai corrompano. Si mole che la gttin
non debba corare pi di renticinque nora, quan
tunque sii feoondt e ne tbbia partorite molle. Il
tempo migliore per furie covare, dall* equinozio
di primarera fino t quello di lulunno (i 7). Leoo-
de non mettonii 1 conre quelle nora cbe sono
nate aranti, o dopo quel tempo, come nemmeno
le prime nora delle galline novelle : e qoette oon
cbe si vogliono ftr nascere, si diano piuttosto 1
covare alle galline vecchie, e a quelle che non
hanno il becco o le unghie acute ; perch le pol
lastre deggiono piuttosto essere inteie a conce
pite e a partorire le uora, che a covarle (18). Per la
covaziooe sono molto acconce te galline di un
anno, o di due. Se tu darti a covare alla gattini
delle uora di parone, passali che sieno dieci gior-
ui dacch li con (19), metterai dQpo le oo n di
gallina, acciocch tutte sboccino n dl istesso tem
po ; perch quelle di gallina hanno bisogno per
cant sale minato, tal maria, tr# aat quatuor
horas ; eaque ablata condant ia farfares, aat
aoos. In supponendo ova observant, at sint na*
mero imparia. Ova,'qaae incubantur, habeantne
semen palli, caratar quatriduo, postquam incu
bari coepit, intelligere potest, si oootra lameo
tenuit, et param ankumodi esse animadvertit,
putant ejiciendum,t aliad subjiciet) dum.
6 #
Excusos pallos sabdaceadam ex singulis nidis,
et subjiciendam ei, qaae habeat paaeos; ab eaque,
ti reliqua sint ova pauciora, tollenda, et subji
cienda aliis, qnae nondum excuderunt, et minus
habent xxx pullos; hoc enim gregem majorem
non faciendum. Objiciendum pullis <}iebus i t
primis mane subjecto pulvere ( ne rostris noceat
terra dura) polentam mixtam cum naslurtii semi
ne, et aqua aliquanto aote facta intrita, ne tum
denique in eorum corpore turgescat; aqua pro
hibendum. Quando de clunibus coeperint habere
pinna*, e capile, et e collo eorum crebro eligendi
pedes; saepe enim propter eos consenescunt.
Circum caveas eoram incendendum cornum cer
vinum, ne quae serpens accedat : quarum bestia
rum ex odore solent interire. Prodigendi io
solem et in sterquilinium, ut (te) volutare pos-
liot, q*od ita alibiliores fiunt; neque pullos
tantnm, sed omne 8fvi&ofio*xi?oiry cum aestate,
tum utique com tempestas sit mollis, atque apri
cum ; intento supra rete, quod prohibeat eas
extra septa evolare, et in eas involare extrinsecus
accipitrem, aut quid aliud ; evitantem caldorem
et frigus, quod utrumque his adversum. Cum
jam pinnas habebunt, consuefaciendum, et unam
Qt duas sectentur gallinas, ceterae ut potius ad
patiendum sint expeditae, qoam Sn nutricata
ccupatae. Incubare oportet incipere secandam
M. T u b v x i o V a j j l o p b
nascere di Tenti giorni, e di trenta (ao) quelle
di pavone. Bisogna tener rinserrate le galline
acciocch covino giorno e notte ; e non si per
mette che escano se non la mattina e la sera,
tempo in cui si di ad esse (ai) da mangiare e da
bere. Fa mestieri che il custode del pollaio le t i -
siti ogni tanti giorni, per rivolgere le uova, affin
ch il calore le penetri egualmente in tutti lati (22).
Come mai si pu sapere se le aova sieno piene e
buone, ovvero se sieno il contrario f Si pretende
che ci si sappia, immergendole nell.acqna, per
ch le piene vanno abbasso, e le vote galleggiano.
Quelli che per accertarsi di ci, le scantono, fanno
male, perch in tal modo confondono le vene vie
tali dei germi (a3). Si dioe parimente che le nova
aono vote, qaando poste avanti il lume, compari
scono trasparenti (24). Qualii ohe vogliono con-
aervarle lungamente, le stropicciano col sale ben
pesto, ovvero le lasoiaoo nella salamoia per tre o
quattro ore (a5) ; indi le asciugano, e poi le met
tono nella crusca o nella paglia. Vogliono che le
uova, le qaali si danno a covare, sieno di nomero
dispari. 11custode del pollaio potr sapere, dopo
quattro giorni dalla eovaiione, se le nova abbiano
il germe, o no : credasi dunque he quell aovo
sia da scartarsi, e da sostituirsene un altro, se
guardato contro il tnme, il vegga trasparente ed
uniforme in tutte le sue parti (26).
Bisogna ritirare dai nidi i pulcini sbocciati, e
darli ad allevare a qaelle galline che ne hanno po
chi ; e se a queste restano poche uova (87), si
danno a covare a quelle che non ancora fecero
nascere le proprie : per altro non si d ad allevare
ad una sola gallina pi di trenta pulcini, essendo
ch non debbesi fare nn gregge maggiore drqae-
sto numero. Nei primi quindici giorni ai pulcini
ai getta sulla polvere e di mattina una polenta fatta
di grani di nasturzio (aS), ed impastata di alquanta
acqua ; ed acciocch questo cibo non gonfi il loro
corpo, si proibisce che bevano dellacqua. Qaando
cominceranno ad avere le ale (29), si toglier di
sotto la loro groppa lo sterco eh* vi si attacca, e
dalla testa e dal collo si toglieranno soventi volte
i pidocchi pollini, perch d ordinario quest in
setti gl indeboliscono. Si bracer iotorno alla
Joro capanne del corno di cervo, onde alle stesse
non si avvicinino i serpenti (3o) ; perch lodore
di questi animali suole ucciderli. Si condurranno
al sole e sul letamaio, ove possano voltolarsi, perch
cos diventano pi forti (31) ; nci si faccia sol tan
to coi pulcini, ma ancora con tutto il pollame, tanto
nella state, quanto allora che la stagione sar dol
ce, e risplender il sole. L ampio vestibolo (3a),
come ho detto* sar circondato da una rete, per
impedire che il pollame voli fuor del recinto, e
die dal di fuori voli dentro lo stesso lo sparviere,
ai
698 DE BE RUSTICA LIB. HI.
699 M. TERENTII VARRONIS 700
n o v a m l a n a m , q n o d f e r e q o a e a n t e , p l e r a q u e n o n
SQccedunt . Diebu f e r e x x e x c u d a n t .
De qaibus villaticis (qoooiam vel nimium
dictum ) brevitale reliqua compeniabo. Gallinae
rusticae sunt in orbe rarae nec fere mansuetae
aine cavea videntur 'Romae, similea facie non his
villaticis gallinis nostris, sed Africanis aspecta
ae facie incontaminata. In ornatibus publicis
solent poni cum psittacis ao meralis albis, ilem
aliis id genas rebus inusitati#. Neque fere in vil
lis ova ac pullos faciunt, sed in silvis. Ab his
gallinis dicitur insula Gallinaria appellata, quae
est in mari Thusco secandum Italiam contra
montes Ligusticos, Intemelium, Albium Ingaa-
nam | alii ab his villaticis invectis a nautis, ibi
feris fiaetis procreatis. Gallinae Africanae suot
grandes, variae, gibberae, quas ptXsa>f/<tof ap
pellant Graeci. Hae novissimae in triclinium ga
neariam introierunt e culina, propter Csslidium
hominom. Veneunt propter penuriam magno.
De tribas generibus, gallinae saginantur maxime
villaticae ; eas includunt in locum tepidum, el
augustum, et tenebricosam (qood molas earum
et lux pinguitndinLinimica), ad banc rem electis
maximis gallinis, neo continuo his, quas Melicas
appellant falso, qaod antiqui nt Thetin Thelim
dicebant, sio Medicam Melicam vocabant. Hae
primo dioebanlur, quia ex Media propter magni
tudinem erani allaUe, qaa eque e i iis generatae
poatea propter similitudinem. Amplas oriines ex
Us, evolsis ex alis pinnis et e osuda farciunt tu
rundis ordeaceis, parlim admistis ex farina lolia
cea, aut semine liui ex aqoa duld. Bis die cibum
dant, observantes ex quibusdam signis, ut prior
sit concoctus, quam secandum dent. Dato cibo,
quam perpurgarunt capat, ne quos habeant pedes,
rursus eas concludunt Hoe faciuol usque ad
dies xxv ; tunc denique pingues flunt. Quidam
ex triticeo pane intrito in aquam, mixto vioo
bono et odorato, farciunt, ita ut diebas xx pin
gues reddant ac teneras. Si in farciendo nimio
cibo fastidiunt, remittendam in datione, pro
portione, ac decem primis prooessit, in posterio
ribus, nt diminuat eadem ratione, ut vigesimus
dies et primas sit par. Eodem modo palambes
farciant, ae reddunt pingues.
o qualunque altro animale. Bisogna garantire al
tres il pollame (33) dal freddo e dal caldo, per
ch l1uno e l ' altro nuoce allo stesso. Quando i
pulcini cominceranno ad avere le ale (34), ai av
vezzino a seguire una o due galline, acciocch le
altre sieno pi intese a partorire, cbe ad allevarti.
Bisogoa priocipiare a far covare le nova dopo la
nuova luna, perch molte d i ^oelle che si f i s s o
covare avanli, d ordinario norf ischiudonsi. Na
scono le nova per lo pi nel periodo di venti
giorni.
Ma poich delle galline, eh* si allevano nelle
case di villa, si parlato di troppo (35), compen
ser questa prolissit, parlando pi brevemente
delle altre specie. Le gslline selvagge sooo mollo
rare in Roma, ove non se ne vedono gaari di
addomesticale che in gabbia. Qoi (36) non sono
simili nella testa alle nostre galline di villa9 ma
alle Africane. Seriza belletto e nella testa e nelle
altre parti soglionsi esporre nelle pompe pubbli
che (37) unitamente ai pappagalli, ai merli bian
chi, ed alle altre rarit di siffatta specie. Queste
d'ordinario non partoriscono le uova, n le fanno
nascere nelle citt, ma sivverone* boschi. Si dica
che a motivo di queste galline si chiamata Gal
linaria T isola che nel mare di Toscana, io vici
nanza all' Italia, dirimpetto i monti della Liguria,
e Vintimiglia ed Albenga (38). Alcuni vogliono
che P isola Gallinaria sia stata cos chiamata per
essersi quivi trasportate dai marinai le nostre
galline della casa di villa, la eui razza divenuta
selvaggia in progresso (39). Le galline Africane
sono grandi, screziate, ed hanno rilevate alarne
parli del loro corpo : i Greci le chiamano /nUn-
yf ifas (40). Queste altime dalla cucina tono pas
sate ne1tinelli voluttuosi (4> ), affine di togliere la
fastidiosaggine degli nomini. Si vendono a caro
prezzo per la loro rarit. Fra le tre speoie accen
nale, a*ingrassano specialmente le galline che si
allevano nelle case di villa, le quali si rinserrano
in un luogo tiepido, stretto ed oscuro ( perch il
moto e la luce impediscono ehe ingrassino ). A
quest effetto si scelgono le pi grandi galline,
senza per altro preferire quelle che si chiamano
Melicae per uoa oorrozione di lingua, originata da
ci che gli antichi dicevano ona volta Malica per
Medica, come dicevano anohe Tkelis per Tke-
tis (4*). Queste primieramente si chiamarono
medicae, perch si sono trasportate dalla Media,
a motivo della loro grande corporatura, e si
continuato a chiamarle oos, perch la ra n a ha
continuato sempre a rassomigliare alle praae,
cio, tutte sono nate grandi (43). Si strappano a
queste le penne dalle ale e dalla coda (44) c a' in
grassano eoo globetti un pooo lunghi (45), fitti di
farina d' orzo : altri (46) fanno entrare io q u a l i
7oi DE HE RUSTICA LIB. 111.
CAPUT X
Di AVSBAtBOt.
T r a m i , inquii Alias, du dc io illad genus,
qaod vos philograeci vocali qaod
noo est ulla filiate terra coptentom, sed requirit
piseioa% io quibas obi anseres aluntor, nomipe
X*vofio*xtov appellatis. Horum greges Scipio
Metellas, et M.Sejas habent magnos aliquot. Me
rula, Sejas, ioqait, ita greges comparati t anseram,
ut hos qainqae grados observaret, quos io galli
nis dixi. Hi saot de genere, de foclura, de ovis,
de pallis , de sagina. Primom jobebat servam io
legeodo observare, ot essent ampli et albi : qood
plerumque pullos similes sai facioot. Est enim
alterum genas variam, qaod feram vocator, oeo
cam iia libenter congregator, nec aeqoe fit man-
seotum. Anseri bos admittendis tempas est aptis
simum a bruma : ad parieodom et incubandam
a Kal. Martii usqoe ad solstitium. Saliant Care io
aqua, inunguntur in flamen, aot piscinam. Sin
gulae non plus quater ia aono pariante Singulis
obi pariant, fadoadum bar as quadratas circum
binos pedes, et semipedem ) eas substernendam
palea. Notandum earum ova aliquo signo, qaod
alieoa noo eifisdoot Ad incubandum supponunt
plerumque i x aot x i ; qai boo minus, v i i : qui
hoc plus, x v . Incubat tempestati bos dies xxx,
tepidioribus i i t . Cum excudit, quinque diebus
primis patiuntur esse eum matre; deinde quoti*
die serenum cum est, prodocunt in prata, item
globelti detta farina di loglio, o della semenza di
lino, e gl* impastano coll* acqua dolce. 11 pollame
si nodrisce due volte al giorno ; ma avanti (47) di
dare il aecondo nodrimeato, i dee sapere da certi
segni, se il primo aia digerito. Dato che siasi da
mangiare alle galline, t dopo che esse avranno
nettato il loro capo (48) dai pidocchi pollini che
possono avere, si rinserrano noovameote. Ci si
fa per venticinque giorni, in capo ai qaali esse si
trovano iograssate. Alcooi le ingrassaoo col paoe
di formeolo sminuzzato ed inzappato neiracqoa
mista al vino buono ed odoroso ; mediante che
diventano grasse e tenere nel periodo di venti
giorni. Se nell* atto che s* ingrassano, vien loro a
noia il troppo cibo, questo si scema a gradi, co
sicch ni dieci giorni posteriori, lo diminuiscono
in quella goisa che lo avevaoo accresdato nei
primi died ; talmente che il cibo dd vigesimo
giorno sio in quantit ogoale a quello del pri
mo (49). Nell1istessa maniera s ' ingrassano i co
lombi salvatici.
CAPITOLO X
De l l e o c h b .
Passa preseotemente, dice Assio, a q nella ape-
de di aoimali, che voi grecizzaodo, chiamate
dfitylfliov(1), perch oon si contentano soltanto
della casa villereccia e della terra, ma ricercano
ancora le peschiere, chiamale xirrojSorxe/oir (2),
qoando io qoeste si allevano le oche, delle qaali
Scipioo Metello (3) e M. Seio ne hanno gregge
considerabili. Seio, dice Merula, nel formare le
gregge di oche, attese a quei cinque articoli, dei
quali parlai trattaodo delle gallioe : vale a dire
alla loro specie, al portato, alle uova, ai figli uati
da queste, ed al loro ingrassamento. La prima
cosa che comandava al soo schiavo, era di osser
vare nella scelta, che quesli amfibii fossero gran
di e bianchi, perch d* ordinario le madri parto
riscono figli simili ad esse; e perch bavvene
on1altra specie screziata (4) che si chiama oca
selvatica, la qaale oon si ooisce fadlmente colla
prima, n si addomestica egualmente che questa.
Il tempo pi acoondo per 1*accoppiamento delle
oche (5) dopo il solstizio d'ioveroo; e per
partorire e covare, dopo le caleode di Marzo sino
al solstizio. D1ordinario ai accoppiano nell1acqua,
poi s1immergon nel fiume (6) o nella peschiera.
Esse non partoriscono pi di tre volte (7) alfan-
no. Per ogni oca si fanno delle loggette quadrate,
aventi in tott i lati (6) dae piedi e mezzo, ove
partoriranno : si far il loro letto di paglia. Le
no Z M. TERENTII VARRONIS 74
piscinas aat paludes : iisque faciant baras supra
terram aot subtus, io queis non includant plus
vicenos pullos ; easqae celiai provident, ne ba-
beaot in solo humorem, et at molle babeant sub-
stramen e palea, aliave qaa re, neve qua eo acce
dere possint mustelae, aliae ve bestiae, qoae no
ceant. Anseres pascunt io homidis locis, obi
pabulum serunt, quod aliquem fructum ferat,
serunt que his herbsm, quae vocatur seris, quod
ea aqua tacta etiam cum est arida, fit viridis.
Folia ejus decerpentes dant, ne si eo inegerint
obi nascitur, aut obterendo perdant, aut ipsi
eruditale pereant; voraces enim sunt natura;
quo temperandum iis, qui propter cupiditatem
saepe in pascendo, si radicem prenderunt, quam
educere velint e terra, abrumpunt collum ; per
imbecillum enim id, ut capnt molle. Si haec
herba non est, dandum ordeum aul frumentum
aliud. Cum est tempus farraginis, dandum ut in
seri dixi. Cnm incubant, ordeum iis intritam in
aqua apponendum. Pullis primum biduo polenta,
aat ordeum apponitur, tribus proximis nastur-
tiom viride consectum minotatim ex aqoa in vas
aliquod. Cam autem sunt inclusi in baras aut
speluncas, at dixi, victui objiciant bis polentam
ordeaceam aut farragioem , herbam ve teneram
aliquam concisam. Ad saginandum eligunt pullos
circiter sexqaimense qui sunt natu : eos indadunt
in saginario, ibique polentam et pollinem aqua
madefacta dant cibum, ita at per dies saturent;
fecundum cibam large nt bibant faciunt potesta
tem ; sic curati drdter duobus mensibus fiant
pingues. Quotiescanque sumse runt, locas solet
pargari : qaod ipsi ament locam param, neque
ipsi altam, abi fuerint, relinquunt purum.

uova di queste si contrassegneranno con qualche


sego, perch le oche non Canno nascere d|e
qudle della propria specie (9). Ad esse d* ordina
rio si danno arovare nove od ondid nova; il
minor numero di sette, come il maggiore di
quindid. Per fare che nascano, ricercanti trenta
giorni nella stagione fredda, e venticinque nella
tiepida. Nate cbe sieno le ocbe, si lascia che stiano
colle loro madri nei primi dnqoe giorni (10), pas*
sali i quali, ed essendo tempo .sereno, si condu
cono ne' prati, o nelle peschiere, ovvero nelle pa
ludi Per le oche si fauno sopra terra dd covac
cioli ovvero delle spelonche (11), nelle quali non
se ne cacciano dentro pi di venti ; e si ha la
cura che questoriliri' sieno preservati dtlT umi
dit del terreno, e che sieno forniti di an letto
molle di piglia o di qualuoque altra cosa,* e di
difenderli iu maniera che non possano entrarvi lo
donnole, o qualsivoglia altra bestia nodvt. L
oche si fanno pascolare ne' luoghi omidi, ove ai
seminano delle piante (ia), dalle quali si possa
trarre qualche profitto; come per esempio, T er
ba (13) chiamata seri*, la quale, quantunque dis
seccata, rinverdisce non si tosto che sente Paequa.
Si slrsppano le foglie da qaesta pianta (14) e si
danno alle oche, le quali se si cacciassero ove
nasce, la calpesterebbero e distruggerebbero coi
piedi, ovvero elleno stesse morirebbero, man
giando eccedentemente di qudle foglie, perch
tono di loro naturi vortd : laonde debbonsi mo
derare, perch hanno nna s grande avidit di
mangiare, che incontrandosi in una radice, e vo
lendola estrarre dalla terra col becco, sovente si
slogano il collo, pec. essere questa parte debolis
sima, ugualmente che il capo. Mancando questa
erba, diasi ad esse dell* orto, ovvro alcun* altra
specie di grano. Nel tempo ddla farragine, dia
sene alle oche in quella guisa che ho detto (i5)
rapporto all1erba s t r i s . Quando covano, va dato
P orto pesto nell' acqua. Alle oche nei due primi
giorni si d della polenta o deir orto (16); nei
tre conseca Livi, dd nasturtio verde tagliato mi
nutamente, e posto in on Ttse pieno d* acqua ;
ma quando poi ai rinterrano nelle loggette o
ndle spelonche, ddle quali disai di sopra si no
driscono di polenta d orto o di farragine, o fi
nalmente di qualche erba teoera tagliata minutsk-
mente. S* ingrassano le ocbe che hanno quattro
o sei meri (17) : si rinserrano nd luogo destinato
ad ingrassare il pollame, ed ivi loro si d della
polenta e della farina senta crusca, ma bagnata
di acqua : questo dbo diasi travolte al giorno (16).
Dopo il dbo si permette che possano bere copio
samente. Trattate io tal guisa, s ingrassano a nn
dipresso in due mesi. Tutte le volte che mangia
no (19), anobi nettar* il laogo, ove hanno man
DE RE RUSTICA LIB. 111.
CAPUT XI
Db AiATtin.
Qai autem volani gregei aoatiam habere,
ac oonstiluere vttraorfoQtior, primam locum
cai est facultas, eligere oportet palastrem, qaod
eo maxime delectantur ; si id non, potissimam
ibi, obi sii naturalis aut lacas, aat stagnum, aal
manafacla piscina, quo grada ti m descendere pos
sint. Septum altm esse oportet ubi versentar,
ad pedes xv, al vidistis ad villam Seji, quod ano
otlio claadatur; circum totam parietem ralrin-
secas crepido lata, io qua secnodum parietem
fiat tecta cabilia : ante eai vestibulum earam ex
aequatum tectorio opere testaceo. In eo perpe
tua canalicio qoam et cibus ponitor iia, et im
mittitor aqua ; tic euim ci barn capiuat. Omnes
parietes tectorio levigantor, ne facies, aliare quae
bestia in tratte ad nocendam possit, idque se
piam totum rete gfandibus.maculis integitur, ne
eo infoiare aquila posti!, neve ex ea evolare
anas. Pabulum iit datur It ili cam, ordeam, fina-
cei, arac ; nonnnnqaam etiam ex aqaa cammari,
et qoaedam ejusmodi aquatilia. Qaae in eo acpto
erant piscinae, in eas aqum large influere .opor
tet, at semper recens sit. Sunt item don dissi
milia alia genera, ut querquedulae, pbalarides ;
sic perdices, qae, ut Arcbelaus scribit, voce ma
ris aadita, concipiant; qaae, at superiore*, nc-
qac propter foccanditatem, ncque propler sua
vitatem saginantur, sed sic pascendo fiunt pin-
goes. Quod ad villaticarum pastinura primum
actum pertinere som rata, dixi.
giato, perch esse amano che il laogo sia netto,
e perch esse medesime imbrattano quei luoghi*
nei qaali si fermano.
-- --
CAPITOLO XI
DELLB ABITE B.
Quelli che vogliono avere delle troppe di
anitre, e formare un luogo per allevarle, debbono
primieramente, quando si possay scegliere un
terreno palustre, perch qacati animali amano
un tale terreno. Se noo si pu averne di tal fatta,
si scelga principalmente un luogo, ove siavi oo
l#go* formato dalla natura, ovvero uoo stagno,
od anche un serbatoio artifiziale d' acqua, in cui
possano discendere per mezzo di gradini. 11 ri
cinto ove si metteranno, debbe essere chiuso da
muri, alti quindici piedi ; come bai tu veduto
praticarsi nella casa di villa di Seio, ove non h
da esservi che una sola porta (i). Internamente,
lungo la muraglia, vi sar un largo marciapiede,
sopra il qiiale si fabbricheranno i loro covili che
deggiouo essere coperti, e precedali da on vesti
bolo (a) piano, lastricato di mattoni. Tutto il ri-
cinto sar diviso da un canale continuo pieno
d' acqua, dentro la quale si getter il loro nodri-
mento, perche non lo prendono che nell acqua.
Tuli i muri avranno.nn intonicelo liscio, affin
ch non possano entrare nella chiudenda n gatti,
n qualuoque altra bestia nociva. Si coprir tut
to questo r'icinto cou una rete a grandi maglie,
tanto perch non possano volare dentro le aquile,
quanto per impedire chele anitre fuggano. .A
qneste si d per cibo della biada, dell orzo, del
le vinacce (3), ed alle volte ancora dei gamberi
di acqua (4), ed altri animali acquatici di questa
specie. Bisogna che fuori del ricinto siavi dell a-
equa in copia, per far s che nei serbatoi della
chiudenda possa sempre rinnovarsi. Sooovi an-
. cora dei volatili della specie delle anitre, come i
germani e le phalerides (5). In tal maniera si
allevano anche le pernici, le quali, come scrive
Archelao, concepiscono al solo udire la voce del
maschio (6). Queste s ingrassano, coin si detto
riguardo ai precedenti volatili, e non si ha per
iscopo di renderle feconde, o pi squisite al gu
sto : nutricandole nella maniera che abbiamo
detto, diventano pingui (7). Io credo che non mi
resti a dire niente intorno al primo alto dei no-
drimenti che si fanno nelle case villerecce.
M. TERENTII VARRONIS
Db l k p o a i b u i .
lo le rea redit Appios, et percuotali nos ab
ilio, et ille e nobis, qoid esiet dictum ac factum,
Appius: Sequitor ioqoit, actus secuodi generis,
afficticius ad villam qui solet esse, ac noraioe au-
tiquo a parte quadam, leporarium appellatum*
Nam oeque solam lepores eo indaduotor silva,
ut olim in jugero agelli, aut duobus, sed etiam
cervi, aut capreae io jugeribus mallis. Q. Fulvio
Lippi nas dicitur habere in Tarquiniensi septa
jugera x l , in quo sunt inclusa non solum ea, quae
dixi, sed etiam oves /erae, etiam hoc ma jus hic
io Sutonensi, et quidam in locis aliis. In Gallip
Tero Transalpina T. Pompejus tantam septum ve
nationis, ut circiter ao ao oo oo passuum locum in
clusum habeat. Praeterea io eodem consepto fer?
habere solent (de animalibus) coclearia, atque
alvearia, atque etiam dolia, ubi habeant conclusos
glires. Sed horum omnium custodia, i ner emea
tam, et pastio aperta, praeterquam de apibos.
Qois enim igoorat septa e maceriis Ita esse opor
tere in leporario, ut tectorio tacta sint, et sint
alta? alterum ne faelis, aut maelis, aliave quae
bestia iotroire possit; alteram ne lupus transilire :
ibique esse latebras, obi \eports interdiu delite
scant in virgoltis atque herbis : et arbores patu
lis ramis, quae acjoilae impediant conatas. Quis
item ii esci t paucos si lepores, mares ut foeminas
intromiserit, brevr tempre fore ot impleatorf
taola foecooditas hojus quadrupedis. Qoataor
modo eoim intromisit in leporarium, brevi solet
repleri. Fit enim saepe com habent catulos recen
tes, alios ut in ventre habere reperiaotnr. Itaque
de his Archelaus scribit, aonorom quot sint si
quis velit scire, inspicere oportet foramina natto-
rae, qoae sioe dubio alius alio habet plura. Hos
quoque nuper inslitutbm ut saginarent pleraque,
cum exceptos e leporario cooclodant in caveis,
et loco clauso faciant pingues. Corum ergo tria
genera fere sunt. Unum Italicum hoc nostram
pedibas primis humilibus, posterioribus altis,
superiore parie polla, ventre albo, auribus longis ;
qoi lepas dicitur, cum praegnans sit, tamen con
cipere. Io Gallia Traosalpina et Macedonia fiant
permagni : io Hispania et io Italia mediocres.
Alterius generis est, quod in Gallia nascitor ad
Alpes, qai hoc fere motant, qood toti caodidi
sont; hi raro perferuntor Romam. Tertii generis
est, qood in Hispania nascitur, similis nostro
lepori ex quadam parie, , sed homile, quem cuni
culum appellant. L. Aelius palabat ab eo diclum
leporem, (a celeritudine,) quod levipesesset. Ego
CAPUT x n
De l l e u n i .
In questo frattempo ritorna Appio, ed aven
dogli noi dimandato -ci che era avvenuto, ed
egli pare aveodoci chiesto quanto da noi si era
detto e fatto, ci dice r Segue al preseole il secon
do alto (i), ciq i parchi, che sono d ordioario
adiaoenli alla casa villereccia, e cbe conservano
ancora il nome aolico di leporajria (a), qaaolan-
que le lepri ooo formioo cbe noa parte del parco,
perch oggid (3) noo ai rioserraoo soltanto delle
lepri io uo boaoo di questo, come faoevasi antica
mente, destinando a quest'oggetto un picciolo
terreno di uno o di due jugera, ma ancora dei
cervi e delle capre, per le qoali si destinano molte
jugera. Si dioe ohe Q. Fulvio Lupinus (4) ha nel
distretto Tarqoinieose ona chiodeoda di quaranta
jugera, nella, qoale ha rioserrato noo solo gli
animali, dei quali ho parlato, ma ancora delle
pecore selvagge. Evvi anoora ehi poaaiade nel
distretto Stalonense (5) ua pi grande pareo, ed
altri pure in altri luoghi ne posaedooo. Nella
Gallia poi Transalpina T. Pompeio (6) ha formalo
per la caccia un s considerabile ridnto, che con
tiene quarantamila passi all iocirca (7). Inoltre
nel medesimo riciato sogliono quasi sempre avere
dei luoghi destinati alle lumache, alle api, ed an
che delle dolia per tenervi rinchiusi i ghiri
Ma non porla sec difficolt quanto riguarda la
custodia, P accrescimento ed il nodrimento di
questi animali: non lo stesso per delle api
E chi mai ignora che il parco debb essere circon
dato di mora ben intonacate ed alte? perch
T intonico fa che il gatto domestico ed il salvsti-
co (9), od alcuna altra bestia non possano entrare
nel ricinto ; e l1altezza delle mora fi che no*
possa saltarle il lopo. Bisogna ohe nel parco
siaovi dei oascoodigU di virgolti e di erbe, ove
le lepri possaoo oascoodersi tra il d, come an
cora degli alberi a rami molto distesi, i qoali
impediscano gli sforzi delle aquile. E chi pari
mente ignora che introducendo nel parco poche
lepri mascoline, come anche femminine (10), in
breve tempo si riempir? taola la feconditi di
questo quadrupede. Difatti se alcuno iotrodar
ra (11) nel parco quattro lepri, d* ordinario si
riempir in breve tempo; essendoch sovente
quesli animali hanno dei figli appem} nati (ia)
nell' islesso tempo cbe ne portano altri nel ven
tre. Archelao scrive (i3), che volendosi sapere gli
anni di questi animali, basta guardare il numero
degli orefizii che hanno nel ventre, perch consta
che alcuni ne hanno di pi, ed altri di meno.
c a p i t o l o x n
DE RE RUSTICA LIB. III.
arbitror i Graeco vocabolo antiquo, qnod eum
Aeoles Boeotii Xiroftv appellabant. Cunicoli dicti
ab co, qaod sub. terra amicalo* ipti iuere soleant,
obi lateant io agrii. Horom omninm tria genera,
fi possis, in leporario babare oportet; duo qui-
dem ntique te habere poto, at qaod in Hispania
annis it* faisti multis, ot inde te cuniculos pene-
calca credam.
c a p u t xm
Da aravi.
Aproa quidem posie habere in leporario, nec
magno negotio ibi et capti voi, et ci care*, qui ibi
nati sint, pingnei solere fieri, icis inqusm Ai.
Nsm qoem fondum in Toiculano erait hic Varr
a M. Papio Pisone, vidisti ad buccinam inflatam
certo tempore apros et capreas oonvenire ad pa
bulum , cam e superiore loeo e palaestra apris
fonderetur glam, capreis vicia, ant quid aliud.
Ego vero, inqnit ille, a pad Q. Hortensiam coro
in sgro Laurenti essem, ibi istoe msgis
fieri vidi. Nsm silva erat (ut dicebat) sopra quin
quaginta jugerum maceria septa, quod non lepo
rarium , sed appellabat. Ibi erat
locus excelsus, ubi triclinio posito coeoahamus.
Quinius Orphea vocari jussit ; qui cum eo venis
set eam stola, et cithara, et cantare essel jussos,
buoeinam inflavit, ubi tanta circumfluxit nos cer
vorum, aprorum, et eoe te rarum quadrupedum
multitodo, ot non minbs formosum mihi visum
Test si inventato, dingrassare le lepri (14),
prendendole dal parco e chiudendole in gabbie,
perch rinserrate, diventano pingui. Sonovi pres
sappoco tre specie di lepri (i5). La prima com
prende la nostra lepre d'Italia, la quale hai
piedi anteriori (16) bassi ed alti i posteriori, il
'dorso bigio, il ventre bianco, e le orecchie lun-
*ghe. St dice che le femmine di questa specie con
cepiscano, quantunque sieno pregne. Nella Gallia
Transalpina e nella Macedonia le lepri diventano
grandissime, e mediocri nella Spagna e nell Ita*
lia. La seconda specie nasce nella Gallia presso le
Alpi (17), e non differisce dalla prima, se non
perch tutta bianca : rare volte si porta in
Roma. La terza specie nasce nella Spagna, la
quale in alcune parti simile alle nostre lepri ;
ma pi bassa (18), e si chiama cuniculus (19).
L. Elio pensava che la voce lepus derivasse da
epipes (ao), cio, perch corre velocemente. Io
sono d'opinione che derivi da un antioo vocabolo
greco, perch gli Eolii (ai) usciti della Beozia,
chiamavano quest' animale Ai-rof/r. Il nome di
cuniculus (aa) deriva dai bochi che i conigli
sogliono fare sotto terra per nascondersi nei
. campi. Quando si possa, bisogna avere nel par00
le tre specie di questi quadrupedi, lo penso, o
Varrone, che tu ne abbia due specie, perch di
morasti molti anni in Ispagna ; e per quanto io
credo, tu allora avrai avuto l'opportunit di
procurarti dei conigli (a3).
-- --
CAPITOLO xm
Dii a i o v i u .
Tu non ignori, o Assio, continu Appio (1),
che un parco pu essere popolato di cinghiali, e
che senza difficolt soglionsi ingrassare tanto
quelli che nel medesimo si sono rinserrali, quanto
coloro che ivi sono nati ; imperocch tu stesso
vedesti che nella tenuta, la quale Varrone qui
presente comper da M. Pupio Pisone (a) nel di
stretto di Frascsti, i cinghiali e le capre selvatiche
si raccolgono al suono del oorno in certi dati
tempi (3) per ricevere il cibo tutte le volte che da
un luogo elevato e destinato agli esercizii ginna
stici (4) si gettavano ai primi le ghiande, ed alle
seconde la veccia, od alcun'altra cosa. Io vidi
succder ci, rispose Assio, io un modo pi tea
trale (5), quando mi trovava presso Ortensio nel
territorio di s. Lorenzo (6); imperocch, com e
gli diceva, aravi una selva oltre i cinquanta j u-
gera, circondata da muraglie, Is quale non si chia
ma vs leporarium, ma (7). Eravi io
?i I. TERENTII VARRONIS 713
fi! i^eolfeolaiD, qoam m circo n i i i a o Aedilium,
tine Africani bestiis cam fiant ? coctione*.
CAPUT XIV
Db coca l u i .
Axias : Tass* partes ( inquit ) sublev avit Ap
pias, o Merula noster. Qaod ad venationem per
tinet, breviter secundus transactus cit aetns. Nec
de cocleis ac gliribus quaero, quod reliquam
st; neque enim magnum emolumentum esse po
test Non istuc tam simplex est, inquit Appias,
qaam tu putas, o Axi noster ; nam et idoneas
sub dio snmendus locas cocleariis, quem circara
totam aqua claudas, ne quas ibi posueris ad par
tum, non liberos earum, sed ipsas quaeras Aqua,
inquam, finiendae, ne fugitivarius sit parandus.
Lotas is melior, quem et non coquit sol, et tan
git ros. Qui si nataralis non est ( at fere non
saat in aprico loco ) neque habeas inopaco, ut
facias, ut sant sub rupibus ac monlibos, quorum
alluant radices lacus ac fluvii, manu facere opor
tet roscidum ; qui fit, si eduxeris fislulam, et in
eam mammillas imposueris tenues, quae eractent
aquam, ila ut in aliquem lapidem inoidat, ac late
dissipetur. Parvas iis cibus opus est, et is sine
ministratore. Et huoc, dnm serpit, non solum io
rea repent, sed etiam, si rivus non prohibet, in
parietes stantes invenit. Denique ipsae exgrami-
nantes ad propalam vitam diu producant, cum
ad eam rem panca laurea folia interjiciant, et
aspergant far fu res non multos. Itaque coquns
has vivas an mortuas coquat, plernmqae nescit.
Genera coclearum sunt plura, ut minutae albatae,
qaae afferuntur e Reatino, et maximae, quae de
Illyrico apportantur, et mediocres, qaae ex Afri
ca afferantur. No quo non in bis regionibus
quibnsdam locis, eae magnitudinibus ( non ) siot
dispariles : nam et valde amplae sunt, quamquam
ex Africa, quae vocantur solitaonae, ita ut in eas
l x x x quadrantes conjici possint, et sic in aliis
regiooibas eaedem inter se collatae et minores
saot, ac majores. Hae in foetura pariant innume
rabilia. Earam semen minatam, ae testa molli,
questa selva mhiogo elevato, ovi per mangiare
vi avea un letto da tre persone, ed ove Qainto
fece chiamare Orfeo (8) : -il quale essendosi pre
sentato in lunga roba e colla cetera, ed avendo
ricevalo V ordine di cantare, son la tromba, al
cui suono fammo tosto (g) circondati da s gran
de quantit di cervi, di eingbiali e di altri qua
drupedi, che tale spettacolo non mi parve men
bello di quello che danno gli Edili (10) net gran
de circo, qaando si fanno le cacce, ma seoza pan
tere (11).
--0--
CAPITOLO XIV
Dbl l b LUMICO*.
Tu, o nostro Menila, dice Assio, sei stato sol
levato nel tuo offizio da Appio ; poich breve
mente ha terminato il secondo atto che riguarda
la caccia. Dico terminato, perch non conto mol
to quaulo resta a trattarsi intorno alle lumache
ed ai ghiri, non essendo quest' articolo molto
difficile (1). Non peraltro tanto facile (a), ri
piglia Appio, come tu credi, o nostro Assio,
perch bisogna scegliere allo scoperto ao faogo
acconcio per le lumache, e circondarlo tutto
d'acqua, affinch quelle madri che ivi avrai po-
stc per ia propagazione, non vadano altrove, e
invece di cercare i loro figli, to non abbia an
che da cercare le stesse (3). Bisogna, diceva,
circondarlo d' acqua, onde tu non debba appre
stare an fugitivarius (4). Il luogo migliore
quello, il quale non bruciato dal sole, ed
irrorato (5). Che se non tale formato dalla
oatura ( come d ordinario accade nev luoghi
espoiti al sole ), e se si manca di uo luogo opa
co per farlo, come si potrebbe fare sotto le
rocce ed al basso dei monti, bisogna renderlo
rogiadoso per mezzo delle mani. 11 che si ot-
tiene ianalzaudo sopra terra un tubo coronato
da piccioli capezzoli, i quali gettino P acqua
in maniera che cada sopra qualche pietra, af
finch zampiHi da lungi. A queste fa d' uopo
pochissimo nodrimento, e non hanno bisogno
di chi lo porga ad esse, perch (6) sanno tro
varselo di plr s non solamente in terra, ma
ancora sopra i muri (7), qaando an qaalohe
ruscello non to impedisca. Finalmente vivono
lungo tempo, nutrendosi della loro propria so
stanza (8), a imitazione di qaelli che rivendono,
perch basta gettare ad esse di tempo in tempo
poche foglie di lauro e poca cresca : e per qoo-
sto il cooco per lo pi non aa se le {accia eoo-
eere vive o morte. Sooovi pareochie specie di
DE RE RUSTICI L1B. III.
7*4
dlutarnitate b d a m d t Miglili inoli* In reti
fretis, magnam bolom deferunt tris. Hat quo
que Mg inart tolent ita, ut ollam eum foramini
bus incrustent sape, et forre, o b i pascentur, quae
foramina habeat, at intrare air possit. Vifsx
eoim haeo natura.
CAPUT x v
Di o l i m u s .
Glirarmfai aatem dissimili ratione habetur,
guod non aqua, sed maceria loous sepilur. Tota
levi lapide, aut tectorio iotrinsecus incrustatur,
ne ex ea erepere possit. In eo arbusculas esse
oportet, quae ferunt glandem ; quae, cum fructum
non ferant, intra maceriam jacere oportet glao-
dem el castaneam, onde aaturi fiant. Facere bis
cavos oportet laxiores, ubi pullos parere possint;
aquam esae tenuem, quod ea non utuntur mul
tum, et aridam locum quaerunt. Hi saginantur
ia doliis, quae etiam ia villis bebent mulli, quae
figali faciunt, mallo aliter atque alia ; qood in
lsleribua eorum semitas Cadunt el cavum, ubi
cibam constituent. In hoc dolium addunt glan
dem, aut nuces juglandes, aat castaneam. Quibus
io tenebris, cum cumolalim positum est in doliis,
fiuut pingues.
lumache (9), come le piccolissime bianchieoe
le quali ci veogone dal territorio di Frascati,
le grandi che ci sono trasportate dall Mino,
e le medioeri che T en go n o dall Africa. Noo
gi che alcuni luoghi dei menzionati paesi
non (10) ne producano di differente grandez
za ; perch e sono grandissime alcune dell1-
friea (11), che si chiameno solttanae^ oosicch
la loro conchiglia pu contenere (ib) ottpnte
quadrantes di liquido ; e perch, paragonando
tra di loro le lumache degli altri paesi, alcuni
ne somministrano di piccole, ed altri di gran
di. Queste partoriscono ona quantit prodigiosa
di aova (i3), le quali sono minutissime e di
nn guscio molle, ma che col tempo s ioduri-
ac*. Formano delle grandi elevazioni di terra
* T olta, e lasciano una. grande apertura pel
passaggio dell aria (14)* Sogliono ingrassarle,
mettendole in un olla fornita di molti Cori (i5)
pel pestaggio del) scia, che incrostano ool via
(sotto misto alla Carina, affinch abbiano oon eho
aodrirsi. Le lumache seoo naturalmente vivaci.
- -
CAPITOLO XV
Dai ovai.
Il luogo destinato ai ghiri si costruisce ha un
nodo differente (1), perch non si circonda di
acqua, me di mura, le qusli si fanno di pietra
liscia, ovvero internamente s incrostano d ' into
nico, aociocch noa possano (a) arrampicarsi.
Bisogna cbe in questo luogo siaovi degli arbo
scelli che fruttino delle ghiande ; e nel tempo che
non ne produoono, se ne gettano, come oche
delle castagne, dentro il ricinto, affinch possano
nodrirsi. Bisogns che si facciano dei fori abba
stanza larghi, ore possaoo partorire i loro figli.
Non necessario che siavi molta sequa, di cui ne
fanno poco neo, perch emano i luoghi secchi.
S ingrassano nelle botti, come sono quelle che
hanno parecchi nelle loro case di ? illa : quelle
boti} che Canno a quest effetto i pentolai, sono
mollo differenti da queste, perch sono fornite di
sentieri nei lati, e di an loro, oel quale si mette
il nodrimento. Si gettano io queste botti (3) delle
ghiande, delle noci, 0 delle castagne ; e s ingras
sano all oscaro, mettendo un coverchio sopra le
boUitf).

M. IciBinio V,
7 i5
M. TERENTII VARRONIS
De a pi b u s .
Appius igllar : Bdinqoitor, inquit, de pastio
ne villtica tertias actus de piscini. Quid tertias ?
inqait Axius. An quia tu solitus es In adblescen-
tia ta domi mulsura non bibre propter parsi
moniam, nos mel negligemas? Appius: Nobis
verum dicit, inquit. Nam cum pauper cum duo
bus fratribus, et duabus sororibus essem relictus;
(quarum) alteram aine dote dedi Luoullo, a quo
baereditate me cesta primum, et primus mnlsuii)
domi meae bibere coepi ipse, cum interea nlhMto
vuinu* pene quotidie in convivio omnibus darem
nralsuih. Pi'aeterea tnem erat non tuum, erfi
novisse vottiefres, quibus pldrimum natura ingenii
atque artis tribuit : itaque eas melius me notte
quam te, ut scias, de incredibili earum viam
natara audi. Aierula, ot-eaeVera fecit /$#?/***>
quae sequi meKtUirgi toieant, demonstrabit. Pri*
mum apes nascuntur partim ex apibus, partim
ex bubulo corpore putrefacto. Itaque Archelaus
in epigrammate ait, eaf eisf nri-
troTtifuiva r / x v . l d e m crtyUxti ytvidj
t*4*X6sv futXtffo-a/. Hae apes non sunt solita-
ria natura, ut aqcrifae, s4d ut homines. Quod
si hoc faciuot etiam graculi, at non idem :
hic, societas bperit et aedifiioram, quod
itlia non est. Hicratio atque ars, ab his opot
facere discant, ab bis aedificare, afe his dbarit
condere. Tria enira harum, cibat, domai, opus.
I
c m j T x v i
Neqae idem qaod cibut cera, neo quod ea
mei, nec quod mei domus : non in favo tex an
gulis cella; totidem, quot babet ipsa pedes?
(quod geometrae 4%y*vov fieri in orbe rotnndo
ostendunt, ut plurimum lod includatur). Foris
phscuntur, intus opus faciunt: quod, dulcissimum
quod est, et diis et hominibus est acceptam; quod
favus venit in altaria, et mel ad principia convivii,
et in secundam mensam administratur. Hae at
hominum civitates, quod hic est et rex, et impe
rium, et societas, quod sequuntur omnia pura;
itaque nulla harum assidit in loco inquinato, aut
eo, qui male oleat, neque etiam in eo, qui bona
olet unguenta ; itaque his uncius qui accessit,
De l l k a p i .
Resta dunque, dice Appio; il tetto atto che
abbraccia i nodrimenti che si fanno nelle casa di
villa, cio delle peschiere (i). Che cosa intendi
mai tu pel terzo atto, dice Assio ? Forse noi avre
mo da trascurare il miele, perch fino dalla tua
giovent non sei solito di bere vino melato per
risparmio ? Egli dice il vero, rispose Appio (a) ;
perch avendomi i miei parenti lasciato povero
con due fratelli e sorelle, una delle quali (3) la
maritai senza dote a Lucullo ; e questi avendo
mi (4) instituito suo erede, fui il primo a bere
nella mia casa del vino melato, e a tati* i convi
tali ne do quasi ogni giorno. Inoltre spetta a
me (5) e non a te il conoscere a fondo qaesli vo*
laliH, favoriti dalla natura di molto ingegno e di
molta industria : e per questo, affinch la sappia
che io li conosco meglio di te, ascolta le incredi
bili cose eh' eglino operano (6). Lascer poi a
Merula la cura di mostrarci istoricamente, come
ha fatto degli altri-animali, cosa sogliano prati
care quelli che ne allevano. Primierameute le api
parte nascono da altre api, e parte dalla putrefa*
zione del corpo del bue : e perci Archelao nd
suoi epigrammi dice che esse u sono la genera
zione volante di un bue morlo. r>11 medesimo
autore (7) dice che le vespe son generale dai
cavalli, e le api dal vitelli. * Queste (8) non vi
vono solitarie, come le aquile, ma in societ,
Come fanno gli uemini : che se in ci convengo
no anche le cornacchie (9), V per questa dif
ferenza, che le api s uniscono colP oggetto di
formare insieme delle opere e degli edilizi, lad
dove le cornacchie non hanno questa vista. La
ragione e l industria raccoglie le api ; ed insegna
ad esse a lavorare, a fabbricare e a provvedere
dei cibi : di fatti esse haqpo trt Oggetti; il dbo,
la casa d il lavoro.
pei1dire il ver, vi differenza tra fa casa
ed il loro nodrimento, come V ha tra il roiele e
la cera, e tra la loro casa ed il miele. II favo (io)
ha cellelle osagone, e tanti lati quanti sonoi piedi
delle api ( questa figura si chiama dai geometri
esagono, i quali dimostrano che un esagono in
scritto in un drcolo contiene pi superficie di
qualsivoglia altra figura (11) ). Al di fuori si ci
bano, ed internamenle lavorano (ta) il miele, il
quale dolcissimo, e piace tanto agli dei, quanto
agli uomiui ; poich il favo si mette sulle art, ed
il miele si appresta nel principio del convito e
nella seconda mensa (i3). Esse hanno delle citt
simili a quelle degli uomini, essendoch fi si
c a p i t o l x v i
puqgoQl; non at muscae liguriant ; quoj nemo
ha* videi (pt illas) in carne, aat sanguine, eut
adipe : ideo modo ceoiidunt io qao est sapor
dulcis. Minime malefica, quod nollius opus velli
cans facit deterius : neque ignava, ot non, qui
ejas opus conetur disturbare, resistat. Neque
tamen nescia suae imbecillitatis; quae cam causa
rausarum esse dicantur volucres, quod et siqaan-
do displicatae sunt, cymbalis et plausibus, nu
mero reducunt in locum anum. Et ut bis diis
Helicona atque Olympon attribuerunt.homines,
sic his floridos et incultos patnra attribuit mon
tes. K egeto suum sequuntur quocunque i t , et
fessum sublevant; et, si nequit volare, succollant,
quod eam servare volunt. Neque ipsae sunt infi
cientes, nec non oderunt inertes ; itaque inse
ctantes a se ejiciunt fucos, quod hi neque adju
vant, et roel consanyint: qnos vocificantes plures
persequuntur etiam paucae. Extra ostium alvei
obturant omnia, qua venit inter favos spiritus ,
quam fi$axw appellant Graeci. Omnes ut in
exercita vivunt, atque alternis dormiunt, et opus
faciunt pariter, et ut colonias mittunt. Hique
duces conficiunt quaedam ad vocem ut imita
tione iobae ; tum id faciunt, cum inter se signa
pacis ac belli habeant. Sed, o Merula, Axius no
ster ne, dum baec audit, physicam addiscat, quod
de fracta nihil dixi, nane carsa lampada libi
trado,
7*7
Merula : De fracto, inquit, hoc dico, quod
forUsse an libi satis sit, Ax,i, in quo auctorem
habeo, non solam, qui alvearia sua locata babet
quotannis quinis millibus pondo mellis, sed etiam
hunc Varronem nostram, quem audivi dicentem,
duo.(nilitesse habuisse in Hispania fralrea Vejanio*
ex agro Falisco locupletes, quibas cum a patre
relicU esset parva villa, et agelhis non sane major
jugero uno, hos circum villam totam alvea
rium ferisse, et hortum habuisse , ac reliqnam
thymo et cylo obsevisse et apiastro, quod alii
trova nn re, nn governo ed una teeiel. Esse non
ricercano se non ci eh* puro ; per lo che non
vedesene alcuna arrestarsi in u q luogo impuro, o
di cattivo odore, come nemoeno in quello che
sparge soavi odovi : difalli esse pungono chi loro
si accosta profumato di buoni odori (i4)> Le api
non mangiano avidamente come le mosche ; ni
mai si vedono arrestarsi, io pari guisa di queste,
sopra la carne, sul sangue, o grasso, ma solamen
te sopra i corpi di un dolce sapore. Esse noo fan
no alcun male, .perch non guastano alcuna opera
che pungano ; d' altronde per sono coraggiosa
per far fronte a quelli che volessero minare la
loro opera, quantunque conoscano molto bene la
loro debolezza (i5).. A ragione si dice che sieno
gli uccelli delle muse, poich se qualche volta
accade che si spargano, subito si riuniscono ai
suono dei cembali e *1 batter delle mani : inoltre
siccome gli nomini hanno assegnato a queste dee
1' Elicona e 1 Olimpo, cosi la natura ha assegnalo
alle api i monti fioriti ed incolli. Esse seguono
per tutto il loro re, lo sollevano quando stan
co ; e se non pu volare, lo portano sulle spalle,
perch vogliono conservarlo. Codesti volatili noo
isporcano nulla, ed odiano gl inoperosi ; e per
questo si scagliano e scacciano (iG) da s i pec
chioni, perch questi non dauno alcun aiuto e
consumano il miele. Punto non le spaventa il ru
more strepitoso che questi fanno, anzi esse li
perseguitano, quantunque sienu meno numtrese
di loro, Esse otturano al di fuori V arnia in tult' i
luoghi pei quali polesse passare l aria ed insi
nuarsi nei favi con una materia che i greci chia
mano iftaxn* (17). Codeste vivono come fanno
i soldati all' armata, dormendo ognuna alternali -
vamente, e in tal modo del pari lavoraudo. Spe
discono pure anche delle colonie (18). Eseguisco
no le api alcune operazioni al suono della voce
dei loro capi, come fanno i soldati a quello della
tromba : ci si fa parlicolarmente quando tra di
loro havvi dei segni di pace e di guerra. Ma ao>
ciocch il noslro Assio non si annoi, sentendo (19)
questi racconti di fisica, e perch non ho detto
niente dei frulli che ci somministrano, ti pre
sento, o Merula, la fiaccola.
Quello che io dir dei loro frulli, dice Me
rula, sar forse sufficiente per te, o Assio. lo fian
chegger i miei delti non sok> oli autorit di
uno die trae tolti gli anni dall afftto de suoi
alveari dnquemila libbre d miele* ma ancora
con quella del nostro Varrone qui presente, dal
quale ho inteso che egli aveva sotto i.suoi ordini
nella Spagna due fratelli soldati, detti Veiani, e
del paese dei Falischi, i quali erano diventati
molto ricchi ( quantunque il loro padre non afes
ae lasciato aU e**i che nna piccola casa* rusticana
; i 3
DE RE RUSTICA L1B. 111.
ftiXfpolk**, alii quidam piXtvot,
ppellant. Hol nunquam minus, ut peraeque do
cerent, dena millia sexterlia ex nelle recipere
esse solitos ; tum eos et velie expectare, nt suo
potius tempore mercatorem admitterent, quam
celerius alieno. Dic igitur, inquit, obi et cnjns-
modi me frcere oportet alvearium, ut magnos
capiam fractas. Ille : (JUXirrAvas ita facere opor
tet , qaoa alii /uXtrfo^tict appellant, eandem
rem qaidam mellaria. Primam secandam villam,
potissimam ubi non resonent imagines ; bic enim
sonus harum fagae (causa) existimator este. Pro
ceram esse oportet aere temperato, neque aestate
fervido, neque bieme non aprico, ut spectet po
tissimum ad hibernos ortu* quae prope se loca
habeat ea, obi pabulom sit frequens et aqua
para. Si pabulum naturale non est, ea oportet
dominum serere, quae maxime sequuntur apes;
ea sunt, ros, serpyllum, apiastrum, papa t er,
faba, lens, pisam, ocimum, cyperam, Medica et
maxime cytisum, quod alentibus utilissimam
est. Etenim ab aeqoiuoctio verno florere incipit,
et permanet ad alterum aequinoctium autumni.
Sed ut boc aptissimum ad sanitatem apium, sic
ad mellificium thymam. Propter hoc Siculum
mei fert palmam, quod ibi thymum bonum et
frequens est. ltaqoe quidam thymum contundunt
in pila, et dilaunt in aqua tepida : eo conspergunt
omnia seminaria consita apium causa. Quod ad
locum pertinet, hoc genus potissimum eligendum
}uxta villam ; non quo non in villae porticu
quoqua quidam (qao tatius essent ) alvearia col
locarmi.
7 1*
Ubi sint, alii hciunt ex liminibus rotundas,
alii e HgUo ac corticibus, alii ex arbore cava, alii
fictiles, alii etiam ex ferulis qoadratas loogas cir
citer pedes ternos, latas pedem, sed ita,uti com pa
rum sit qua compleant,eas coangustent, ne in va*to
loco et inani despondeant ani uram ; haee omnia
vocant a mellis alimonio, atvos: quas ideo viden
tur medias facere angustissimas, at figuram imi
tentur earum. Vitiles fimo bubulo obKount falnt,
ed un csmpieeHo, non maggiore certamente di
un iugero ), perch avevano disposto all intorno
d tutta la casa della arnie, messo ad orto una
porzione del campiceHo, e piantata l altra di
timo, di citiso a di melisi che alcuni chiamano
ftsX/pu \ o f (ao), altri /ufXf*9o9irik' (ai), ed al
ca ni p 4\t * w ( 22). Qaesli fratelli, computando on
anno coll1altro, non ritraevano meno di diecimi
la sesterzi di miele ; ed aspettavano a venderlo,
amando di Carne la vendita in un tempo che fosse
favorevole ad essi, e si guardavano dal venderlo
troppo presto, acciocch non fosse pi favorevole
al compratore. Dimmi dunqoe, dice Assio, qual
laogo e qual forma io debb assegnare alle arnie
per ottenere in copia i frutti. Ecco, rispose Ufo
rota, quello che bisogna fare per gli alveari, delti
da alcuni /usA/mfrtt da altri /tisXrrpopf/a, ed
In latino mellaria (a3). Primieramente bisogna
collocanti presso la casa villereccia, soprattutto
10 an luogo, ove non si senta l eco ; perch si
giudica che il rumore dell eco te faccia fuggire.
Inoltre (24) bisogna metterli in un laogo tempe
rato, che sia fresoo iu estate ed esposto al sola
nell inverno ; e particolarmente debbe essere
volto al nascere del sole nell inverno e in vici
nanza a looghi, ove siavi molto pascolo edacqaa
pura. Se non vi sar pascolo naturale, il proprie
tario avr cara di piantare specialmente quetfe
piante che sono ricercale dalle api, come la rosa,
11 serraollino, la melissa, il papavero,-la fava, la
lente, i piselli, il basilico, il cipero (a5), l erba
medica, e particolarmente il citiso, il quale in
modo speciale conviene a quelle cbe sono poco
sane (26). Questo comincia a fiorire dall equino
zio di primavera, e dura sino a quello di autun
no (27). Ma ficco me il citiso contribuisce molto
per la sanit delle api, cos il timo per la coropo*
sizione del miele. Per la qoal cosa il miele di Si
cilia porta la palma sopra tutti gli altri, perch
col il timo buono ed in copia ; e perci alcuni
peitano il timo nel mortaio, e lo spargono aopra
tutte le seminagioni che si sono seminate per le
api, dopo averlo prima stemperato nell acqua te
pida. Riguardo al laogo da collocarsi gli alveari,
si preferir la vicinanza alla caia rusticana, quan
tunque alcuni li mettano anche volto il portico
della stessa, affinch fieno pi sicuri.
Ovunque ai mettano, alcuni Hfanno rotondi,
sia di vimine, sla di legno e di scoria, sia con un
tronco d albero scavato, gi di terra cotta, ed altri
li fanno quadrati di ferula, e danno agli alveari
la lunghezza di tre piedi allo incirca, e 1 lar
ghezza di un piede ; ma quando per le api sono
in piccolo numero per riempirli, li ristringono,
acciocch non si scoraggiscano in 00 luogo trop
po visto (8). A tulle queste sperfe di aleeri
11. TEfiEKTll VARRONIS
et extra, ae u p i r U U b i l t r m B t v j eatqne
tiro* ila collocent in malaHt perietft, ot ne gi-
tastar, nere inter te contiagant, cura io ordium
aint potitae} aie Intervallo interposito, illarum
et terliom ordinem infra faeton t, et afoni potiut
ki'M demi oportere^ quam addi qoartum. Media
aho, ia qaa introeant apet, faeioat foramina
parra destra, ae sinistri. Ad extrema,' qoa mel
larii favam eximere possant, operoola Imponant
alvis. Optimae fiaat eorbeiee, deterrimae fictiles,
qaod et frfgore hieme, et tettale oalore vehemeo-
t a i ae hie eommoveatkir.
9*1
Temo tempore el aettivo fere ter in mense
meQarnu faspicere debet fumigans leviter eat,
et a aparciriU purgare alt aro, et vermicaio* eji
cere. Praeterea at animadvertat, ne regali plores
exiftant : iaatiles enim fiant propter teditiones ;
et, ot qaidam dicant, tria genera cam tint daeom
in apibut, niger, r u b e r , variat ; ut Menecratet
scribit dao, niger, et varias : qai ita, melior ;
at expediat mellario, cam dao tint eadem alvo,
interficere nigram, quem scit cam altero rege
esse seditiosam, et corrumpere alvam, qaod
faget, aat cam maltitadloe fagetar. De reliquit
apibai optima est parva , varia , rotanda. For,
qai vocator ab aliis focos, alter eat, lato ventre.
Vespa, qoae timilitudinem babet apis, neqae
toda est operis, et nocere tolet mortu, qoam
apee a se seceraant, Eae differant inter te, qoae
ferae et cica res tant. Nane ferat dieo, qoae in
ailvcatribas locis patcilant ; ejeoret, qoae ia cal-
tii. Silvettrea minores tant magailudine, et pilo-
tae, tad opifioet magit. In emendo emtorem
videre oportet, valeant, ao tint aegra. Sani Ut it
tigna, ti tant freqaentet in examine, et ti nitidae t
ct ti opaa, qaod Caciant, ett aeqaabite, ae leve.
Miaat valentiam tigna, ti snnt pilosae et horri
dae, at pulveralenlae, niti opificii eas urget
lempas; tum eoim propter laborem asperantar,
ac maeeicant. Si traotferendae taul alvi in aliam
locam, id boere diligenter oportet, ct tempora,
qaiboa id potittimam faciat, animadvertendam ;
ct loca, qao transferaa, idonea providendam.
Tempora, at verao potiat qaam hiberno, qaod
hieme difficulter oootoeacaat,qao tant traatkataa
manere: itaqae fttgtanl plerumque. Si e bono
di (n latino 11 nome di a h i (*9), pereti il micia
ferve di nodrimeoto; e* pare appanto che gli
abbiano fatti atrettiisimi in netio, onde Imitino
la figura del ventre (3o). Gli alveari di vinchi (3 1)
ti vestono dentro e fuori di sterco bovino,*ccioc-
ch la loro asprezza non impedisca che le api vi
ti accostino. Sopra modiglioni piantati nel moro
ti mettono le arnie, ma in maniera che non ti
tmovtno, o cbe ti tocchino reciproca mente,
qoando tono disposte eoo ordine. Formato che
tiasi oo ordine, colla debita distante, ti fa di tolto
no tecoodo ed on terzo ordioe. Si pretende che
tia meglio formar toltanto due ordini, cheag-
giongerne un qnarto. Alla meli delPalveare, per
dove (3*), ea treno le api, si fanno de* piccioli fori
a destra e a sinistra. AIP estremit superiore
quelli che haono in cura il miele, mettono dei
coverchi, affioeh postano trar fuori i favi. I
migliori alveari sono qoelli di scorsa, ed i peggio
ri qnei di terra, perch oelP inverno vanno sog
getti al grao freddo, eome al gran caldo nella
alate (33).
Chi ha in core il miele, deve nella primavera
e nell'ette te viti tare gli alveari* qoati tre volte al
mete, profumarli leggermente ogni volta, nettarli
dalle tporcizie e acacciare i vermicelli. Inoltre
abbia T occhio attento, nde no ti trovino pa
recchi re nella medetima arnia, altrimenti frutte
rebbe scarsamente per le tediziooi ; 3 siccome,
secondo P attentane di alconi, ti contano tre
specie (34) di capi delle api, cio il nero, il rotto
e lo screziato ; e due fecondo Menecrate, vale a
dire il nero e lo tcreziato, coti, perch qnest al
timo migliore (35), giova, che trovandosi due
capi oelP it tetta arnia, che il aoprastante al miele
ammatzi il negro, perch sa che sedizioso coa
tro P altro re, e che inteso alla distrazione del-
P alveare, sia facendo fuggire le api, tia fuggendo
egli fletto e tirandosene dietro una gran quan
tit. Riguardo alle altre api, le migliori tono la
picciole, le screziate e le rotonde. I ladro, o pec
chione, che da altri ti chiama in latino faems,
nero (36) c largo nel ventre. La vespa, la quale
rattomiglia all ape, oon lavora panto inficino eoa
qoesta, anzi tuoi* nuocerle col morso ; per lo che
le api la scacciano dalla loro societ. Le api sd-
vagge differiscono dalle addomesticate (37). In
tendo per aelvagge quelle cbe vivono ne' luoghi
selvaggi, e per addomesticate quelle cbe vivooo
ne* luoghi coltivati Le prime tono pi picciole,
pelote e pi intese al lavoro. Bitogna che nelf at
to della compera ti esamini se fieno saoe od am
malate. segno cbe ooo tane, te formino uno
telarne nameroeo, te tono locidb, te il loro lavoro
uniforme e liteio : ed poi ttfgno cbe tono em
ettiate, se fono peldie, brutte, 0 pitae di poi*
72*
DB RE RUSTICA UBL i n .
M. TERENTII VARRONIS
loco transtuleris eo, obi idonei pabulatio non est,
fugitivae fiunt. Nec n ex alvo io ilrom in eodem
loco trajiciat, negligenler faciendam; sed si trans-;
itura* snnt apes ea, apiastro perfricanda, qaod
illicium hoc illis : et favi melliti intos ponendi,
faacibns non longe, ne, cam animadverterint,
ut inopiam escae habaisse dicantar, aut cam
aant apes morbidae propter primores vernos
pastas, qni ex floribus nncis Graecae, et corna
fiunt, coeliacas fieri, atque orina pota refici.
De his propolim Tocant, e quo faciant ad fo*
ramen introitai proteetam in ilvam maxime
estate. Qaam rem etiam nomine eodem medici
ntantur in emplastris ; propter qoam rem etiam
caricis in sacra via, qoam mei veoit. Erithacen
vocant, quo favos extremos inter se conglnlinant,
quod est aliud meile, propoli : itaqne in hoc vim
esse illiciendi ; quo circa txamen obi volant con
sidere, eam ramum, alia rave quam rem oblinunt
hoc, admixto apiastro. Favus est, quem fingunt
multicavatum e cera, cam cingala cava sena latera
habeant, quot -singulis pedes dedit natura. Neque
qnae afferuntur ad quatuor res facieodas, propo
lim, erithacen, favum, mei, ex iisdem omnibus
rebus carpere dicantor ; simplex, qaod a malo
punico, et asparago cibum carpant solam, et olea
arbore ceram, e fico mei, sed non bonum ; duplex
ministerium praeberi, ot e faba, apiastro, cocur-
bita, brassica ; ceram, et cibum ; nec non aliter
duplex, quod fit e malo et piris silvestribus,
cibum et mei ; item aliter duplex, quod e papa
vere ceram, et mei ; triplex ministerium quoque
fieri, uti ex nuce Graeca, et e lapsana cibum,
rael, ceram; item ex aliis floribus ita carpere, ut
alia ad singulas res sumant, alia ad plures ; nec
non etiam alind discrimen sequantur in carptura,
ant eas seqoatur, ut in meile, quod ex alia re
faciont liquidum nel, nt ex sisere flore : ex alia
contra, spissum, nt e rore marino. Sio ex alia re,
nt e fico mei insoave, e cytiso bonam , e thymo
optimum. Cibi pars, quod potio, et ea iis aqua
liquida ; onde bibant esse oportet, eamque pro
pinquam, quae praeterfluat) aut in aliquem locum
vere (38), qaando peraltro non sia il tempo,.ia
coi sono sollecitate al lavoro, perche io. allora il
lavoro le rende brnlte e dimagrate. Se le arnia
si debbono trasportare da oo luogo all altro, ci
si (accia eoo diligenza, e scelgasi il tempo ed il
luogo pi conveniente. Riguardo al tempo, acel-
gasi piuttosto la primavera, che I' inverno, perch
nell1inverno difficilmente si assuefanno a realare
dove si sono trasportate ; laonde per lo pi fng-
gono (39) : fuggooo parimente, se da nn boon
luogo si trasportano ove non siavi on paseoi
acconcio. Bisogna essere diligenti anche quando,
senza farle cangiare di luogo, si fanno passare da
un alveare all' altro ; nel qual caso si stropiccia
colla melissa l'alveare, in cui passano (4o), essen
doch quella pianta ha la virt di attirarle. Biso
gna altres mettere presso l ' apertura dell1arnia
dei favi, acciocch per iscarsezza di cibo non
dispiaccia loro la prima abitazione (40. Che se
accade che i primi nodrimenti di primavera, che
somministrano i mandorli ed i cornii, promova
no ad esse la diarrea, si ristorano dando loro a
bere dell' orina.
Si chiama propolis (42) la materia, con cui
cuoprono, particolarmente nella state, l'apertora
dell'arnia. I medici l'adoprano negli empiastri
sotto il medesimo nome (43) ; il che fa che si veoda
nella via sacra a pi caro prezzo pel miele. Si chia
ma erithace la materia, con cni essa conglutinano
insieme i favi nell' estremit ; e quella differisce
dal miele e dal propolis (44)* Si crede quindi che
1' erithace abbia la propriet di attirarle ; e per
ci, quando si vuole che uno sciame si poggi so
pra on ramo, od altrove, lo fregano con questa
materia mista alla melissa. Il favo un'operi
bucata di cera : ogni foro ha sei lati, quanti ap
punto sono i piedi che ad ognnna diede la oatura.
Si dice eh' esse non raccolgano (45) indistinta
mente sopra ogoi pianta quanto loro (a di bisogno
per la formazione del propolis, dell 'erithace,
del favo e del miele. Soddisfano ad un solo og
getto, cio raccolgono il cibo (46j sopra il granalo
e I' asparago ; dall' olivo traggono la cera, e dal
fico il miele, il quale per non buono. Altre
piante servono a due fini ; come la fava, la melis*
sa, la zucca ed il cavolo, dalle quali traggono la
cera ed il nodrimenlo. Servono altres a due fiui
il pomo ed il pero che sieno selvaggi; e questi
somministrano il cibo ed il miele ; lo stesso del
papavero, da cui traggono cera e miele. Sonori
pure delle piante, per mezzo delle quali soddis
fano a tre oggetti, come il mandorlo ed il cavolo
selvaggio, da cui traggono il nodrimenlo, il miele
e la cera. Parimente con altri fiori servono o ad
un solo fine, ovvero a parecchi. Havvi ancora
un'altra differenza ({7), cni abb&dano le api nel
inffuat, ita ut nt iltitodlni aicepdat duo tal
tre* digito* : ia qaa aqua jacesnt testa*, aat la
pilli, ita al exteot paulum, abi assidere, et bibe
re possint. In qo diligenter habenda cara , ut
aqua sit para, qaod ad mellificium bonam vehe-
meftter prodest. Quod non omnis tempestas ad
pastam prodire Ion gio patitur, praeparandus his
cibas, ne taro meile cogantur solo ri?ere, aat re
linquere exinanitas alvos. Igitur fi coram pin
guium circiter decem pondo decoquunt in tquse
congiis sex, qnss coctas in offas prope apponant.
Alii aqaam malsam in vasculis prope ut sit curant,
in qoae addunt lanam purpuream, per quam
sugant : nno tempore ne pota nimium implean
tur, hot ne incidami in aquam. Singula vasa po
nunt? ad alvos singulas, et hac snpplcntur. Alii
uvam passam et ficum, cum pinserunt, affundunt
saptm, atque ex eo factas offas apponunt ibi, quo
forai bieme q pabulum procedere tamen possint.
p 5
Com examen exiturum est, qnod fleri solet,
cum adnatae prospere sunt multae, ac progeniem
veteres emit ter volunt in coloniam, ut olim cre
bro Sabini factitaverant propter* multitudinem
liberorum ; hnjus quod dao soleat praeire signa,
citor. Unum, quod superioribus diebus, maxime
'vespertinis, rullae ante foramen (ot uvae) aliae
ex aliis pendent conglobatae. Alterum, quod cum
)amevolaturae sont, aut etiam inceperant, con
sonant vehementer, proinde ut milites faciunt,
com castra movent. Quae primo tum exierunt,
in eonspecta volitant, reliquas quae nondum
^ogregalae sont respectantes, dum conveniant.
Cum a mellario id fecisse suot animadversae,
jaciondo in eas pulverem, el circumtinniendo
*re, perterritas quo voluerit perdocet. Non lon-
gt inde oblinunt erithace, atque apiastro, caete-
risque rebus, quibus delectantor. Ubi oonsede-
nuit, afferunt alvum prope eisdem illiciis illitam
succhiare 1#piante, o per meglio dire, questa dif
ferenza forzata pr esse ; imperocch da alcune
piante traggono un miele liquido, come dal fiore
del cece (48), e per contrario da altre denso, co
me dal ramerino. Egli lo stesso delle altre pian
te : il fico d nn miele insipido, il citiso Io d
buono, ed ottimo il timo. Siccome la bevanda
una parte del nodrimento, e questa non consiste
ohe nell* acqua chiara (4g), cos bisogna che pos
sano trovarne e in vicinanza, sia poi di ruscello,
ovvero di fontana : non debbe per l'acqua essere
alta (5o) pi di* due o tre diti : si metteranno
dentro l'acqua dei mattoni o dei sassi, ma in
maniera che la sormontino un poco, acciocch
possano poggiarsi e bere. Abbiasi tutta la cura,
onde l'acqua sia purissima, perch giova moltissi
mo per la bont del miele. E perch non in ogni
tempo possono andare lungi a cercare il cibo, bi-
sogns tenerne di pronto, onde, esiedo cattivo
tempo, non sieno obbligate a vivere di solo miele,
ovvero ad abbandonare ed a laaciare vacui gli
alveari (5i). A quest'effetto si fanno bollire in
sei congii d'acqua dieci libbre allo incirca di
fichi graasi, i qoali ridotti (5a) in pasta, si mettono
presso di esse. Altri hanno la cura che in vicinanaa
si trovino dei vasetti oon entro dell'aeqoa mela
ta, in cui mettono della Una nettissima (53), at
traverso della quatte possano succhiare: in qoesto
modo e s'impedisce che bevano troppo, e si sciira
ohe cadano nell1-acqua. Avanti ad ogni arnia si
mette uno di questi vasi, che si mantengono som-
p r t pieni. Altri pestano insieme dell' uva passa a
dei fichi; e dopo avere bagnata questa massa
eolia sapa, formano delle offe, ohe mettono avanti
gli alveari (54), ma in maniera che possano, an
che iu tempo d ' inverno, andare a procurarsi del
cibo.
Qoando lo sdama par nseire dall' arnia, il
cbe suole succedere quando la propagazione
atata felice ed abbondante, e le vecchie api vo
gliono spedire una colonia, come una volta face
vano sovente i Sabini per la quantit dei figli, ci
d' ordinario precedalo da due segni. Il primo
si , cbe alouni giorni avanti, e particolarmente
la sera, si vedono innanzi l ' apertura molli grop
pi di api insieme appiccali, come i grani dei grap
poli di ova ; ed il secondo, che quando sono per
volare, ovvero che hanno gi cominciato, man
dano uo rombo straordinario, simile al tumulto
de' soldati che decampano. Le prime che sono
uidle deir arnia, volteggiano in faccia alla stesss,
ed aspettano che le altre, le quali non si sono
ancora raccolte, vengano a raggiungerle. Quando
vede ci quegli che ha in cura le api, getta sopra
di esse della polvere, e girando i contorni oon
qualche strumento di rame, sopra eui batte, la
72G DE RE RUSTICA LIB. III.
7*7 V. TERENTII VARRONIS 7*8
lotas : et prope appoiits, forno leni circamcuodo
cogunt eas iutrere : nt quse io noram coloniam
cum iotroierant, permanent deo libenter, at
etiam ti proximam posueris illam altum, ondi
exierunt* Umeo d o t o domicilio potitu fiat con
tentae.
Qaod ad pastiones pertinere som ratos, quo^
niam dixi, oooe jam cajas caesa adhibetor ea
cora, de fructu dicam. Eximendorum fetorum
sigoum somoot ex ipsis, cam plenas altos habent,
el eam iUos geminaverint; ex apicas eoojeoUiram
capiunt, si fotas ferie at bombano, et eam ia-
troant, ao foras' trepidant, et si opereala alvi
eom remota sint, favorum foramina obdoota
ridentor mellis membranis. Cam siot repleti
meile, in eximeodo qaidem dicaot oportere ao
em partes tollere, decimam relinquere; qood
ai omoe eximas, fere ot discedant Alii hoe pias
rdinqaunt, qaam dixi ; at in aratis, qoi fedunt
restibiles eegetes, plus Ullaot frumenti ex inter
valli : sic io alfis, ai non qaotaoois eximas, aat
non qooqae maltam, et magis his assidoas habeas
apes, et magis fractaosas. Eximendorum fa*oram
primam patant esse tempas Vergiliarum exorta ;
secandam aestate acta, ante qoam totas exoriatdr
Arctoros ; tertiam post Vergiliaram occasam, et
ita si foeoanda sit alvus, ot ne pias tertia pan
eximator mellis, reliqoom hiemationi relinquatur;
si tero alvos oon t fertilis, ubi qoid eximator,
exemtio cam est mejor, neqoe aoitersam, oeqoe
palam faeere oportet, ne defidant animam. Feti
qai eximantur, siqna pars nihil habet, aot habet
inquinatam, coltello proeseeetar. Providendum
ne infirmiores e reiculioribus opprimentur ; eo
enim mioaitar fractus, ltaqae imbecilliores se
cretas subjiciant sab alteram regem. Qaae cre
brius inter se pugnabant, aspergi ea oportet
aqua mulsa ; qao faeto neo modo desistant pu
gne, sed etiam conferciont se liegentos, eo magis
ai mulso snnt aspersae, qeo propter odorem iti-
dias applicant se, atque obstupescant poteutes.
Si ex alto mira* frequentes eradont, ac sobsidit
liqua pars, soffumigaodam, el prope apponen
dum bene olefetium herberum, maxime epiastrom
et tbymara. Protidendam rehementer oe propter
aestum, aot propter frigas dtspereaot. Si qaando
eubito imbri in pasta sont oppressae, aut frigore
sobito, ante quam ipsae providerint id fore
(qood aoeidit raro, at decipientur), et imbris
guttis uberibus offensae jacent prostiatae, et affli*
sparente, e le conduce o r e gli pUee. In q m l e t f
disteaza ange an ramo d* albero, o quakbe a l t r a
com (55) di fni ocs, di melissa o di altro drogo
che piaccia alle ap. Fermate che ai sieno, si tic
ticino ad esse an1arnia (56) pota di dentro s di
fuori colle indicate esche ; e girando I n t o r n o a l l e
medesimo con nn famo leggiero, si obbligano e
rientrare nell* arnia. Quaodo sodo entrate m
questa nuora colonia, tanto volentieri ti diaao-
rano, che se anche si arriciuasse ad esse P arnia*
da coi sono nsdte, preferirebbero non ostante
questo nuoto domicilio,
E poich ho terminato qaaoto creder di dire
intorno al modo di allevarle, ora parler del
loro fratto, oggetto per cai si preodono tento
cure. Esse.medesime danno a conoscere eoa dif
ferenti segni (57) qaaado bisogna levare i fati
gii ripieni. 11 primo quando sonori dot ladri
nell1arnia ; il che si congettura dal bisbiglio che
si sente internamente, e se le api entrando ed
uscendo tremolano. 11 secondo , che levando I
coverebi delle arnie, si vedono i fari ottarati da
picclole membrane di miele ; il che non accade
se non qaando sono interamente pieni. Alconi
togliono che quando si lere il miele dalT alreare,
si lasci dentro lo stesso una decima parte (58) ;
perch se si letasse tutto, le api fuggirebbero.
Altri ne lasciano in maggior quantit, in quella
guisa che i la foratori alla campagna lasciando
riposare le terre (59), raccolgono poi pi oopia
di biada. Lo stesso si fa nelle arnie: se nfen si
lete il miele tolti gli anni, o se in nn tratto non
letaseoe molto (60), le epi non faggirann, e
frutteranno di pi. Si crede ohe la prima sta
gione gec letare i fisti sia al nascere delle Pleiadi ;
la seconda al terminare della siate e aranti che
P Artaro sia ioteramente letato ; e la tersa dopo
il tramontare delle Pleiadi ; nel qual caso non si
debbono lerare pi di dae leni di miele (61),
supposto che P ernia sia fertile, e lasciare il di
pi . per V inverno. Se poi 1*arnia non fer
tile (62), non si tolga niente. Qaando poi togli*-
sene ana parte considerabile, non bisogna levarlo
tutto (63), n in palese, acciocch le api non per-
daoo il coraggio. Se nei fari che si (erano, trota fi
qualche parte senu miele, oppure se re n' di
aporco, si taglia oon un eoi tettino. Si proregga
onde le forti noo opprimanole deboli, perch
cosi si diminuirebbe il fratto ; e perci ai sepe-
rauo lo deboli, e si sottopongono ad an altro re.
Qaelle che sovente combattono tra di loro, si
bagoioo coll1 acqua melata, medicate dio noo
solo cerneranno di combattere, ma ancora si rio-
nirannfc tutte per leccarsi; e tanto pi se si saran
no spronate di rioo melato, perch V odore del
rino ha la rirt potente di riunirle, e diventano
ctae, colligendum u i ia ?ti ali qood, et rtpotwn*-
jam io taoto loco, a o tepido, pronta in die,
qaam maxime tempestate bone, et attere foto e
Icibeis -Jignis iefriandam penilo piai caldo
gasa tepidiore; deinde concutiendam leviter,
al manu noo tenges, et pooendte ia sole. Qaae
eoim tio concaluerant, restituant se, m revivi
scunt, al solet similiter fieri in moscia eque ne
catis. Hoc fadondam seeaadam alvo*, nt reeoo*
dliatae ad n on qnaeqoe opos el domidliom
redeant.
7 V
stupide nel suochtarlo. Se dall* arnia noo esoe ni
baoa no mero di api, e se dentro re ne resta uoa
boooa copia, ti faccia d o de suffumgi, ed in vici*
nanaa ti metta <64) qualche erba odorosa, spedai
mente delta melissa e del timo. Abbiati latta la
cara che il caldo od il freddo non le facda mo
rir. Se qeaado pascolano vengono sorprese da
una pioggia o da on freddo improvviso, avaoti
cbe esse abbiano potato prevedere questi acci
denti ([ cbe accade di raro) ; e seia folta pioggia
le avr gettate a terra e me languide, bisogna
raccoglierle, riporle in nn qualche vaso, e portarlo
in un luogo coperto e caldo (65), e non ritirarle
di l che qoando buon tempo. Avanti per altro
di ci fare, si getta sopra di esse della cenere di
legno di fico, che ha da essere piuttosto calda,
cbe tiepida: dopo si scuoter leggermente ii
vase (66), perch non vanno toccate colle mani,
e si esporr al sole. Qudle che in tal modo si sona
riscaldate, si rimettono e riprendono vita, come
snoie per appunto accadere alle mosche annegate.
Si facda quest operazione presso gli alveari, ao-
docch, quando avranno acquistate le forse,
possa ognuna ritornare alla sua caia e ripigliare
il lavoro.
73o
DB HE RUSTICA UB. TU.
CAPUT XVII
Da pisciata.
Interea redit ad nos Pavo : Et, si vallis, tq-
quit, ancoras tollere, latis fabalis sortitio fit tri
buum, ac coepti sunta praecone renuntiari, quem
quaeque tribas fecerint Aedilem. Appius con fe
stini sargi t, ul ibidem candidato suo gratulare-
ter, ac discederet in hortos. Merala : Tertium
actam de pastionibus villatids postea, inquit,
tibi reddana, Axi. Consurgentibus illis, Axius
mihi, respectantibus nobis, qnod et candida-
tum nostrane veniarum sciebamus : Non laboro,
inquit, boo loeo disoessisse Merulam; reliqua
eoim fere mihi sont nota. Quod cam piscina
rum genera sint duo, duldum et salsarum ; al
terum a pad plebem, et ( non ) sine fractu, ubi
Lymphae aquam piscinis nostris villaticis mini
strant, illae autem maritimae pisdnae nobilium,
quibas Neptunus, nt aqaam, sic et pisces mini
strat, magis ad oculos pertinent, qnam ad vesi
cam, et potius marsupium domini exinaniunt,
quam implent. Primum enim aedificantur ma
gno, secondo implentur magno, tertio alantar
magno. Hirrias drcam pisdnas suas, exaeiifidis
doodea* millia sextertia capiebat; eam omnem
aaereedei eids, quss dabat pttabus, consu
l i . Ttasitzio Yasokb
-------4 0
CAPITOLO XVII
Dbl l b pucaisai.
Frattanto ritorna a noi Pavone (i), e dice :
Se vi piace, levate pure le ancore, perch ai ti
ra alla sorte per torre 1 eguaglianza dei voti
delle trib (a), e si gi comindato dal Prae
co (3) a pubblicare i nomi di quelli che da ogni
e singola trib sono stati eletti Edili. Appio sorge
tosto per andare a congratularsi col suo candi
dato, e poi ritorna agli orti. Mernla dice ad
Assio: Io ti dir in nn altro momento il tene
atte dei nodrimenti ohe si Anno nelle case di
villa. Levatisi tutti, e nell atto che noli due,
Assio ed io, d guardavamo in volto, perch gi
eravamo prevenuti ohe il nostro candidato sa
rebbe venuto a trovarci (4), Assio mi dice : Sono
indifferente che Merula sia partito di queste
luogo, perch so quasi tutto quello che resta
a dire. Sonovi due specie di peschiere, di >leld
e di salse : Ve prime sono senzs spesa (5) ed
adottate dalla plebe, perch le Ninfe sono quel
le che somministrano le acque alle nostre pe
schiere di villa : le seconde poi sono quelle di
mare adottate dai nobili, alle quali Nettuni,
siccome somministra 1 aequa, cos ai pesci
somministri P esca : queste sono fatte piut-
?3i
M. TERENTII VARRONIS
mebat. Non tui rum ; uno tempore eoim memini
bane Caesari dao millia muraenarum maina de
disse io pondus, el propter pisoiam multitudi
nem quadragies sextertio tiliam veniste. Quare
nostra piscina ac mediterranea plebeja recte di
citor d alcis, et illa amara. Quis enim nostram
non ooa contentos est hao piscina f qais contra
maritimas non ex piscinis singolit plores conjoo-
etas babet ? Ploris : nam ot Pausias, et oaeteri
pictores ejusdem generis, loculatas magnas ha
bent arculis, obi discolore* sint cerae, sio hi lo*
colatas habent piscinas, obi dispares disclusos
babeant pisces, quot, proinde ut sacri sint, ao
sanctiores quam illi in Lydia, quos sacrificanti
tibi, Varro, ad tibicinem Graecum gregatim ve
nisse dioebas fd extremum litus, atque eram,
quod eos capere auderet nemo, cum eodem tem
pore insulas Ludinorum ibi choreosas vidisset ;
aie hos pitces nemo cocus in jus Tocare audet.
Q. Hortensios fcmtflarfi noster cum piscinas
haberet magna pecunia aedificatas ad Baulos, ita
saepe com eo ad Tiliam fui, ut illum sciam sem-
per in coenam pisoet Puteolos mittere emtum
aolitum. Neque salit erat eum non pasci piscinis,
nisi eos ipse pasceret ultro; ac majorem coram
jsibi haberet, ne ejus esurirent molli, qoam ego
habeo, ne met in Rosea esuriant asini; et qoidem
ntraqoe re, et cibo et potione, com non paullo
eomptoosios, qoam ego his ministraret victum.
go enim uno servulo, ordeo non multo, aqua
domestica, meos multino mos alo asinos. Horlen
tius primum, qoi ministrarent, piscatores habebat
comploret, ct ii piscicolos minutos aggerebant
freqoeater, ut a majoribos absomerentur. Prae
terea salsamenta in eat pitcioas em lilia conjicie
bat, cum mare tnrbaret, uti per tempestatem soit
piscibus e macello celariorom, uti e mari, obso
nium praeberet, cum neqne everriculo illi in li
tus educere potaent vivam saginam, plebejae coe-
tosto per piacere alla titia, ohe per profitto;
e contribuiscono pi a votare la borsa, che a
riempirla. Imperciocch primieramente costano
molto per fabbricarle, per popolarle di petci,
per nodrirle. Egli il vero che Irrio ritraeva
dodicimila sestertii dalle pertinenxe delle rat
peschiere ; ma tutto questo profitto il consu
mava in nodrire i pesci. N ci fia meraviglia;
imperciocch io mi ricordo che in una fola vol
ta prest a Cesare (6) duemila murene, col pat
to che gli fossero restituite a peto ; e che la
tua casa di villa fu venduta qoattro milioni di
sestertii per la gran quantit di pesci che con
teneva. E per questa ragione a buon diritto si
dice che le nostre petchiere mediterranee a
plebee sono dolci, e quelle de' nobili amare.
Chi di latti tra noi che ti contenti d una
sola peschiera della prima specie t e qual quel
nobile che si contenter di una sola peschiera
marittima, e non piuttosto di molte ? dico di
molte, perch siccome Pausia (7) e gli altri pit
tori nel medetimo genere (8) hanno varie gran
di cassette distribuite in nicchie, in ognuna
delle quali ripongono le cere di color dif
ferenti ; cos le persone delle quali io parlo,
hanno parimente delle peschiere distribuite ia
varii alvei contenenti variet di pesci che net-
tun cuoco ardisce di toccare (9), come se fos
foro sacri e pi rispettabili di que pesci, i quali
tu dici, o Varrone, che hai vedati in Lidia, e
che nel tempo che tu sacrificavi in quel paese,
ti attruppavano aul lido e fino presso V altare
al suono di flauto che tonava quel Greco, tenia
che alcuno osaste di prenderli. In questo me
desimo paese vedesti pure danzare nello stesso
tempo delle isole (ro).
Allorch 1' amico nostro Q. Ortensio pot i
dava queste peschiere fabbricate con grande
spesa presso Bauli, mi accaduto sovente dt
andar eon lui alla sua casa di villa per assicu
rarmi che aveva P oso di spedire a comprare
a Pozzuolo del pesce per la sua tavola. N so
lamente si rimaneva dal mangiare il pesce delle
sue peschiere, che anzi si dilettava di nodrrlo:
ed egli aveva pi a cuore che le sue triglie
non avessero fame, di quello che io m abbia
per i miei asini, acciocch non diventino fa
melici nella mia casa villereccia di Rosea. Inol
tre egli spende pi io oibo ed io bevanda
per i pesci, che io nel vitto degli asini; per
ch io, quanlunqoe tragga del profitto, non he
bisogno, per nutricarli, che d un picciolo schia
vo, di un poco d' orzo, e dell acqua che b
in casa ; laddove Ortensio aveva prima, per ser
vire i suoi pesci, molli pescatori occupati per
lo pi in raccogliere de* minati pesci, o*d
73
j 33 DE RE RUSTICA. UB. 111.
?34
nae plseea. Celerius volontate Hortensii ex equili
educeres rhedariat, at libi haberes, molai, qutm
e piscina barbatam mallam. Al, iuqail ille, non
mioor cara ejas erti de aegrotis piscibus, qoam
d e minas falco libas servii ; itaqae minai labore-
bat, ne servas aeger, qaam aqaam frigidam bi
berent sai pisces. Etenim haa incaria laborare
ajebal M. Lucnllam, et piscinas ejus despiciebat,
quod aeslivaria idonea non haberet, ac ( io ) re-
lidem aquam, et locis pestilentibus habitarent
pisces cjus. Conira ad Neapolim L. Localius po-
steaqaam perfodisset montem, ao maritima flu
mina immisisset in piscinas, qoae reciprocae
fluerent, ipse Neptuno non cederet de piscatu ;
lactum esse enim, ut amatos pisces suos videatur
propter aestas eduxisse in loca frigidiora, ut
Appuli solent pecnarii facere, quod propter ca
lores io montes Sabinos pecus'ducnnt. Iu Bajano
antem tanta ardebat cura, ut architecto permi
serit, ot saam pecuniam consumeret, dummodo
perduceret specas e piscinis in mare, objectacu
lo, quo aestus bis quotidie ab exorta luna ad
proximam novam introire, ac redire rursus in
maro posset, ac refrigerare piscinas. Nos haec.
At alrepitus a dextra, et eccum recta candidatus
noster designatus Aedilis. Cui nos occurrimus, et
gratulati in Capitolium prosequimur ; ille inde
condo tuam domani, nos nostram. Opinionis no
strae termonem de pastione villatica sommatim
hunc, quem expotoi, habeto.
Ser fissero di esca ai grandi. Inoltre comprata
del pesce salato, e lo faceva gettare nelle pe
schiere, quando il mare era agitato, e quando
appunto perci il mercato dei pesci non som
ministrava Pesca, in pari guisa del mare (11),
ed i pescatori non potefano tirare sulla rifa,
per mezxo delle reti, dei pesciolini vifi ehe so
no il nodrimenlo del popolo. Ortensio avrebbe
piuttosto acconsentito che dalla scuderia si le
vasse una muta di muli (ia) per fartene un
dono, che trarre fuori della peschiera una tri
glia barbata. Egli aveva pi cura de1 pesci am
malali, che de' servi parimente ammalati ; e
perci era meno inquielo se un servo ammalato
avesse bevuto dell1 acqua fredda, che se ne aves
sero bevuto i suoi pesci. E per questa ragione
diceva che Lucullo era an negligente, e disprei
zava le sue peschiere, perch non aveva quar
tieri acconci per la stale (i3) ; e perch lasciava
che i pesci albergassero in un1 acqua stagnante
ed io luoghi malsaoi. Per contrario L. Lucullo
ha fallo traforare an monte presso Napoli (i4)
e procurato che i fiumi vicini al mare im
mergessero nelle peschiere, e che quelli fluis
sero alternativamente (i5) ; periocha non la ce
deva per la pesca allo stesso Nettuno. Sembrava
quindi che avesse trasferiti t suoi cari pesci in
luoghi pi freschi, per difenderli dal gran cal
do , in quella guisa che i pastori della Puglia
sogliono difendere dal gran caldo il gregge,
conducendolo tui monti Sabini. Egli era tanto
appasaionato per le sue peschiere di Baia, che
diede ampia facolt al sug architetto di rovi
narlo ancora, purch facesse an canale totter
raneo, per meizo del quale potessero avere co
municazione col mare, affinch, mediante una
diga, il flusso potesse entrarvi due volte al gior
no, cominciando dal primo quarto sino alla
nuova vicina luna, a oggetto di rinfrescare le
peschiere. In questo frattempo si fa del rumore
alla parte destra ; ed ecco venirsene a noi io
porpora (16) il nostro candidato eh' era stalo
elello Edile, coi noi andammo iocontro (17) ;
e dopo averci congratulali seco lui, Io seguim
mo nel Campidoglio (18). lodi egli se n and
alla saa, e noi alla nostra casa. O nostro Pia
no (19), degnati di aggradire questo discorso
eh1 io ti tenni sommariamente intorno ai nodri-
1 menti che ai fanno nelle case di villa.
ANNOTAZIONI
AI LIBRI DE RE RUSTICA
DI
M. TERENZIO YARRONE
4
LIBRO PRIMO
Cai. I. (v) Quest' la moglie dal nostro auto*
r e , oome ai raeeoglie dal seguente capitolo, ore
parla di nn C. Fundanio woo toocero.
(a) Se ci fotte mancato l'appoggio ddl'edizlo^
ai Gentooiaoa, Bolognese, Reggente e deGiuoti,
cbe ha ooo potius essem consecutus, ooo ei ta-
remmo non ostante rimatti dal tradarre coeren
temente a questa Tarlante, essendoci sembrato
cbe io questo caso otium o commodius deano
b ttesso. Se ti traduceste se avessi mo, t i scri
verei queste cose con comodo, non ti fkrebbe
ahe ripeter l it tetta idea ; ed pi ragionevole
che ti t o n f a n o cote migliori con zio e co n Sen-
testa, che oon fretta originata dall'et avanzate,
onde oon rimanga V opera imperfette.
(3) Aldo ha potie in principio si, qoando ra
wo a qoosio foogo ; coti trovandoti appunto
nell' edizioni Gensoniane, Bologneae, Reggente,
a de'Giunti; onde fa letto si commodius tibi
haec scriberem.
(4) V' gran contea* tra gli eroditi, te debbe
leggerti annus enim xxci admonet me. Urtino,
Arduino e Ponteder ti eocordano in asterire che
Varrone ha acritto questo libro nell' anno ottan
tennio primo di toa eli : all' incontro Popma e
Stbooreox totteogono l'anno ottantesimo. I pri-
^ * fondano sull' asserzione di Plinio, il quale
dice che Varrone ha composto qnett'opera in et
d'anni oltanlono. Ma e perch non enppor piut-
tailo che l ' errore di Plinio, o de' suoi copisti ?
Foraeeh tutt'i codici di Varrone noo haaoo
che l'anno ottantedmo f Questa uniformit dei
codici ci sembrata di tal forza, che noo d hi
punto motti a seguir Plinio.
(5) In questo luogo vi sono moltissime varian
ti, le qoali per non differiscano sostanzialmente:
quella che d ritenuta nel testo, ha nn sepor
antico ed on grecismo Varroniano.
(6) In un antichissimo codice ha trovato Vit
torio , non solo in questo luogo, ma ancora in
molti altri, acritto quoad per quo ad: lo stesto
pure trovati nel codice Polizianeo. Vittorio per
altro ci ha dato questa pdlegrina notizia, senza
far alcun cangiamento. Qui si avverte una volta
per sempre, che il lodalo autore ha collalionato
molti eodid Varroniani; perci d varremo sovente
della sua autorit, oome quella che gode uo soli
do appoggio.
(7) I Pagani davano il nome di Sibille a tutte
le donoe cbe avevano il dono di predir l ' avvo-
nire. Ve ne sono state died, che d resero celebri
colle loro predizioni. Ai tempi di Varrone trova
vano tra k mani di lutti i libri che dalle Sibille
erano stati scritti ; ma perch erano confusi, e
ben non d sapeva quale delle died fosse I1autrice
di questo, o quell' altro libro, perci si conside
ravano come l ' opera di nna sola Sibilla. Non vi
erano che i soli libri della Sibilla Cornane ; ma
questi si guardavano con tutta la gelosie, e non
potevano essere consultati che dai quindicemviri.
(8) Ursino dispone le parole dd testo in altro
guisa, come altres fa oso di un* altra interpnn*
;39 ANNOTAZIONI AL LIB, 1 DE RE RUSTICA ri*
ione. buono veder M il senio riesci pi chia
ro. Neque enim patiar Sjrbillam non solum ce-
cinissty quae%dum viveret^ prodessent homi-
nibus, et id etiam ignotissimis quoque%sed
etiam quae%cum perisset ipsa (ad cujus libros
tot annis post publice solemus redi re, cum
desideramus, quid faciendum si t nobis ex ali
quo portento) : me, ne dum viIvo quidem, ne
cessariis meis quid prosit facere. Egli iggion-
ge che io vece di nobis si po leggere novisse,
perch li lettera b so?ente si cangi* in v dai librai.
Mi eoo fona per litro che da questa lezione noo
si po trarre on gioito senti mento.
Noi triboliamo la gioiti lode a Ponteders per
alerei appianata li itrada airiotelligeou di que
sto testo intralciito. Egli ragionevolmente pensi
che il debbi leggere : Mene dum veivo quidem
necessariis meis quod prosit, facere ? u Cum
frigidum quiddam, dice egli, alque inane enei
cusum, me, nedum vivo quidem, necessariis
meis quid prosit facere : alio modo, juncto id
me ne, ut seotentii Varrone digna fieret, scri
bendum dpximus. Quam ut aperiam, inperiora
repetenda sunt. Experiar, inqoit Varro , et non
solam dum vivo, quid in coleodo fando, quem
emisli, fieri oporteat, ut ti moneim, sed etiam
poit mortem. Nam si Sybilla acri pii t quae, non
solum dura viveret, sed etiam vita functa, igno-
tiasimis hominibus prodessent, mene (non pude-
bit) dum vivo tintom familiaribus meis quod
prpsit, lacere ? Virgilio! fortasse ex Varrone, nt
multi alia, non dissimili modo cinit :
........ Mene incoepto desistere victam f
(9) Gasnero erede che rida detto : Dii adjm-
pmnt saera tllis facientes.
(10) Queste ermo dee, ebe i poeti Unsero fi
glie di Giovo e dilli Mtmoria, alle quali diedero
1*imperio della poesia e della musici. I Pagani
ni contavano novi, quintunque in origine Giove
noo ne eveise croate ohe tre. Mi s. Agostino nel
tuo trattato delti Dottrini Cristiini neeonti che
ani citt, di cni non si ricorda il nome, comand
1 tre ilatuarii di icolpir lo tre Moie, per indi ool-
locar nel tempio di Apollo quelle tre ehe fosiero
meglio scelle. La bravnra degli ititoirii fu tale,
che ninno ii superava ; e la bellesu delle statue
colp in siffitti guiii, che tutte nove furono ere-
dote degne di mettersi nel tempio di Apollo. Il
poeti Esiodo diede poi 1 cadauna di qneste il
nome.
(11) 11 vero nome di qoesto primario poeti
delti Grecii era Meteiigene. Egli vivea 160 inni
primi dilli fondazione di Roma.
(12) Eoniooicque 1 Tirinto 5io inni dopo
li fondazione di Romi,
(13) Intorno 1 qaesli dodioi dei presidenti
all agrieoi tara ti hanno di belle notizie in Servio
e in 1. Agostino. Il primo dice ne1suoi commenti
al libro 1, verso at delle Georgiche di Virgilio :
11 Fabiui Pictor hos deoi enumerat, quos invocat
Flamen tacrum Cereale facieni Telluri et Cereri:
Vervactorem, Reparatorem, Imporcitorem, Ins
to rem , Obaralorem, Occatorem, Sarritorem,
Subruncinatorem, Meisorem, Convectorem, Con
ditorem, Promitorem. E se si computano
distintamente la Terra e Cerere, ii hanno peri
mento dodici dee. Pooo avanti avei detto Servio
ut ab occatione Deus occator dicatur ; a sar-
r itione deus Sarritor; a stercoratione Ster
culinius%ovvero Stercutus e Sterculius, come
ii chiami di Plinio, di Macrobio e da Lattanzio.
Pi pienamente per s. Agostino nel libro de Ci-
vitate Dei xv, 8 : MNec agrorum munos uni ali
cui deo committendum arbitriti sunt, sed ruri
deie Roiinae ; juga montium deo Jogalino; ool-
libas deim Collatinam ; vallibus Valloniim prae
fecerunt. Nec saltem potuernnt unim Segeliim
talem invenire, coi semel segttes commenda
rent: sed sita frumenta quamdiu sub terra essent,
praepositam voluerunt habere deam Sejaa; cum
vere jam supra terram eiseot^t segetem faoereat*
deam Segetiam; frumentis vero coileotii atqoo
reconditii, nt tuto servirentur, deam Tnlilioim
praepotuerunt. Cui non inffioere videretur illa
Segetis, quamdiu teges ib initiis herbidis usque
ad aristas acidas perveniret f ........Praofocental
(tamen) Proserpi mm fromentis germinanti boa ;
geniculis nodisque culmorum , deam Nodotno;
involumentis foUtcolorum, deam Volutinim; eum
folliculi patescunt, ot ipiea exeat, d*m Fatele
nam ; cup segetes bovis aristis lequintor, quia
veteres aequare hostire dixerunt, deam HoctHi-
nam ; flo reo ti bos fromentis deam Floram; la
ctescentibus deam Lacturtlam ; mitortsceolibos
deim Mituram ; cum rancantor, id est 1 lerra
inferuntur, deim Runcinam. Nec omnia comme
m o r o , quii me piget, qood itloe non pudet
(14) Questi dodici dei, che formino il consi
glio di Giove, ii trovino raeaxkmati in dna
versi ittribuiti il poeti Eooio:
Juno, Vesti, Minem, Ceres, Dirai, Venos, Man,
Mercurios, Jovi, Neptunus, Vulcanus, Apollo. *
(15) Qaeito il dio principale dei Pagani,ni
i poeti diedero il titolo di padre degli dei e dagli-
uomini.
(16) Quest il nome ehi i poeii d i na s alla
dei delle terra.
DI M. TERENZIO VARRONE
?4
(17) In tatto It edittali anteriori quella jU
Aldo e nel codice PoHiiarfea, come ancora in nn
altro Laarenzlano ti trova omnis fructus, in Ino*
f o di omnes f r u c tu s . Noi abbiamo Mg alto le
miche edizioni.
(18) ragionevole che I abbia da scrivere hi
per zi, come an pronome relativo Ticino ai og
getti Giove e Terra. Se non avessimo otto edi
zioni antiche, cbe leggono hi, un nuovo argo
mento ii ripeterebbe da Varrone medesimo, il
qnale poco sotto dice : Tectio Cererem el L i -
berum, quod ho rum fructus maxtume neces
s a r i ad pictum; ab heis enim ceibui et patio
v e n i te fundo.
Ursino sospetta che manchi la pertioella /,
che si debba leggere parentes et magni ; ina-
perciocch sono dae epiteti. Schoettgenio Tool
che ai legga assolatamente qaod due hi parentes
magni dicuntur%trovandosi quod e duo nel
nel codice Richiano. Questi mole inoltre ohe si
rigetti itaque.
Non tenia ragione ha contraddistinto il no-
atro autore coi titoli di parentes magni Giove e
la Terra ; perciocch il nome di padre e di ma
dre semplicemente sono oomnni a molti dai e a
molte dee. Di fatti Catone chiama Mars pater,
e lo ittsso Virgilio nel libro ni dell* Eneide lo
dica:
Gradivumqae patrem, Geticis qai praesidet
arvis. *
Nettano pura chiamato pater da Virgilio :
Qaidve pater Neptune parat. *
Padre parimente nominato Giano, Sommano,
Dita a Saturno. Nel libro n della Georgiche e
detto Bacoo :
a Hoc palar o Lenaee Teni.
Il anatro Varrone del per nel cap. 2 di questo
Kbro intitola padre il dio Bacco ; ufi Libero pa
t r i repertori pei ni ircei immolarentur. Tatti
quelli, cbe fino ad ora abbiamo nominati, sono
caratterizzati col nome di padre da Lucilio nei
seguenti Tersi :
Utnemo sit noitrum qain paleroptumu' Divom,
Ut Neptuoinu* pater, Liber, Saturni pater, Mars,
Janu*,Qairetun' pater, nomen dicatnrad unum,
N solamente furono onorati del nome di pa
dre gli dei, ma ancora i fiumi, tra i qoali ri
corderemo soltanto 8 flame Tarava, di ani aosl
dice Virgilio nel libro t i d delT Eneide :
Nymphae, Laurentea Nymphae, genus amafbua
onde est,
Tuque, o Tybri tuo genitor cam flumine sancto.
Accipite Aenean, et tandem arcete periclis*
Racconta Tito Livio Dee. 1, lib. n, che Orazio
Coclite qaando si gett armato nel Tevere, feoa
la seguente preghiera : Tiberine pater, te san
cte precor., haec arma, et hunc militem pro
pitio flumine accipias.
Similmente le dee si decorarono col nome di
madre, come la madre Vesta, la madre Afa luta*
Non senta ragione adunque si contraddistinto
Giove col titolo di gran Padre, a la Terra, ostia
Cibale, con quello di gran Madre.
Qoi si presenta una non lieve questiona, se
Jupiter, pater appellatur, Tellus, u r r mater
fieno parole introdotte nel testo. A ben esaminar
la faccenda, pare che queste fossero parola fcritta
a lato del tasto, a poi bonariamente iutrnse da
qualche ignorante copula. La qnal cosa per t
manifesta, perch ripetesi con poco bel garbo lo
stesso, e perch nei codici Cesenate e di a. Reparata
trovasi scritto io questa maniera : Japi ter pater
appellabatur, Tellus terra mater: dunque
raccogliesi che appellabatur cosi dagli antichi a
da quelli che adoravano gli dei. Non si sa inten
der, perch Vittorio abbia introdotto nel testa
Tellus e Terra. Forse Tellus e Terra non so
no la medesima cosa ? E stato pi avveduto Gen-
son, il primo cbe abbia stampato Varrooe, emet
tendo appellabatur, e cambiando terra in pero.
Ursino con noi nel dire che Jupiter pater ap
pellabatur, Tellus terra mater un1annota
tione di uno Scoliaste, lo fona dunque delle al
legate ragioni abbiamo creduto bene d ' includer
quelle parole tra parentesi.
(!9) Quest la dea delle biade: ella era figlia
di Satarno e di Opi, e madre di Proserpina.
(20) Quest* il dio del Tino, ed figlio di
Giove e di Semele.
(ai) Qaesta dea era adorata dai Romani, ac
ciocch preservasse le biade dalla nebbia.
E da notarsi che Varrone adopera io genera
mascolino questa dea, quantunque debba ehia-
marsi, secondo quello che dice Schoettgenio, Ru
biginem : egli si appoggia pirticolarmente a quel
ver*o di Oridio Fast. iv, 911 :
Aspera Robigo parcat cerealibus herbif.
Ma non potrebbe darsi che Varrone intendes-
! se parlare del dio Robigo, come quello eh* era
745
ANNOTAZIONI AL LB. I DE HE RUSTICA
744
inteso i preservsr dalli nebbia le biadi, e di eoi
parla Varroni nel lib. t de Lingua Latina, Gel*
lionellib. v,cap. ia?
(ai) Fiori en ani dono* che vendeva le tot
graiie pubblicimente. Con qaetto mestiere gua
dagn* mpilo soldo, ehe leg il popolo Romano,
con questi conditione per litro che 001 porzione
di diniro foste impiegata i celebrare il tuo gior
no natalizio coi giuochi florali. Il scosto beo si
aecorse ohe qoesti en ani fesli contraria ai boom
coitami ; e per nobilitarla ascrisse fra gli dei que
sti donna, eoi, i motivo del suo nome, si assegn
T'imperio sopri i fiori.
(aS) Queste feste farono instituite di Numi
scH'undecimo inno del suo regno, e tf celebrivi-
too ai i 5 di Aprile, tempo ia coi sode dordinario
la nebbia danneggiar le biade.
(a4) Questi giuochi si cdibnvmo il primo
i l Maggio.
(a5) Pretendono i Pagani che questa dei sii
citi dii cervello di Giove. Qaett1 l i dei di
latte le irti.
(26) Venere en figlii di Giove.
(27) Bisogni distinguere qaeste feste rustiche
vinose dalie vinose semplici, che si celebravano
In onor di Giove, e il cui oggetto en differente
da quello delle mitiche. Le vinose semplici ti
celebravano verso la fine di Aprile ; laddove le
rustiche si celebravano in onor di Venere ai a4
di Agosto, come si raccoglie da due luoghi di
Festo e da Varrone medesimo, u Rustica Vinalia,
dice Festo, appellantur mense Augusto xtv Kal.
Sept. ete., eodem autem die Veneri tempia suut
consacriti, al temiti ed Circum Maximum, lite*
rum in loco Libitinensi. Quia in ipsius tuteh
sant horti. E lo stesso sutore in un frammento
dice : u Rustici Vinilis mense Augusto xiv Rai.
Sept. Veneris dies festus, qood eodem illo die aedes
ei deae consecrati est. Jumenta qnoque et olitores
b opere cessant, quia omnes horti in tutela Ve
neris esae diouatur. Varrone poi oel libro v de
Lingua Latina scrive : Vinalia rustica dicun
tu r ante diem xiiKal. Sept. quod tunc Veneri
dedicata aedes, et horti ejus tutela assignan-
tur.
Potrebbe insorgere una questione, se vera
mente queste feste, si celebrassero nel giorno x n
Kal. Sept., come si ha in Varrone, ovvero nel
di xiv, in quella guisa che dice Festo in dueluo-
e come si raccoglie dal Calendario Romano
e dal lib. xvni, cip. 19 di Plioio. Noi siamo di
opinione che si sciolga la presente questione con
dire che al tempo di Varrone non si era ancora
ben segnato il corso del sole, mancando due
giorni, i quali si saranno poi aggiunti dopo la
sua morie.
(28) Sotto la Linfa si debbono intendere le Nin
fe che si credevano presiedere alle fontine e alle
equi dolci. Antieiiaenti li scrivivi Lympha
per Nympha, ed ibhmo incor oggid li parola
lymphatus.
(39) Credevano i Romani che questo dio fosse
quello ds tfoi dipeadesse l i feliee nasciti nelle
nostre imprese. In Roma gli fa eretto aa tempio.
Li sai ststaa tenevi selli mino destra li patera,
e nella sinistra li spfgs e il pspavero. Molti au
tori hanno parlato di questo dio, ma pi di tatti
iMoreia de Miatoar nel tomo iv, pag, 78 deir Ae-
cidemia delle Inacrisioni di Parigi.
(30) Varrone dice a saa moglie che al caso
che non trovasse nel suo libro di agricoltori
.quanto le facesse bisogno, si volgesse egli latori
greci e latini, dei quali gliene darebbe l i listi.
Ora in Virrooe non si trovi citilo in questo
luogo nemmeno Citone; dal che di congettu
rarsi che qoi siivi ani lieuni nel testo. E questa
conghiettura si fa pi forti dal vedersi che Pli
nio copiindo quasi piroli per piroli Varrone,
icoenni gli latori latini, come inehi i greci,
eccettuiti i tre aitimi. Saboureax crede di scio
gliere il nodo, dicendo: a Mais sana mpposer une
lacune aussi considrable, ne peut-on pas dire
que Virron n ' a pis fait mention des aoteurs
Ialina, com me tant su ffisamment conno* de ceux
pour qui il tfcrivnit.n Schoettgeoio e Gesnero
hanno procurato di supplire 1 questa reincinxi,
mettendo in ordine di alfabeto tutti gli autori
greci e latini.
(31) A quibus auctoribus reperias. Succin
tamente riferiremo le varie opinioni degli autori
sopra questo luogo. Pietro Vittorio ha trovato in
un antico manoscritto reperitas ; dal che argo
menta che reperias da scartarsi. Non per
eh' egli si acquieti a reperitas, proponendo in
aria di dubbio, se fosse bene leggere reperias.
Non da dubitarsi, soggiunge Scaligero, che il
testo non sia fallato; ma non si fconf coll'ele
ganza di Varrone, come di qualsivoglia altro an
tico scrittore la bassa espressione di Vittorio
reperire ab aliquo. Egli inclina 1 leggere indi
cabo a quibus scriptoribus reperitas; essendo
ch reperitare significa lo stesso che reparare.
E quando tu, ecco come egli spiega, cercherai
ne' nostri scritti ci ehe ti abbisogna, e non tro-
vandovelo, ti mostrer in qual guisa potrai sup
plire e riparare alle mie mancarne. Popma ama
di leggere reperites posto io luogo di repares%
cio, com'egli spiega, requiras, recuperes. Pon-
tedera finalmente vuole che si legga repetitas.
Ecco com'egli la discorre: quod ullimum (cio
reperias) in antiquis exemplaribus reperitas
invenerat Victorias, neque tamen probabat, com
antiquis haberet repetas^ qao<| nter excasa ab
Joanne Parvo vagalur. Id certe noo conlemoen-
dum; verumtameo aut vetustam reperitas potias
existimarem, aat aaa inversa literula, repetitas;
qnid eoim illa, quae proxima eonuectunlnr : qui
Graece scripserunt dispersim alius de alia
re, sunt plus quinquaginta : hi sunt quos tu
habere in consilio poteris, cum quid consulere
voles, aliud indicant, quam ab iisdem scriptori*
bas rusticarum rerum praecepta use saepias re
petenda ? r>
(3a) Questo re era oalo a Siracusa. Egli fa
innalzato al trono io grazia della sua bravura
nel comandare. Non ebbe alcuna educazione; e
solo si dedic allo studio della fisica, quando fu
colto da una malattia.
(33) Quest Aitalo era re di Pergamo, e fra
tello di Eumene. Fu tanto amico del popolo Ro
mano, che lo istitu suo erede. Aveva il sopran
nome di Flometore, a motivo che dimostrava
ana gran teuerezza per sua madre. Studi mollo
le piante, e in tutt i regni della natura cerc dei
rimedii traiti dal regno animale.
, Non lasceremo di accennare le contese degli
eruditi sopra questo passo. Ursino pretende cbe
i manchi la particella el, e cbe teda letto He-
ron Siculus, Attalus, et Philometor reges. Egli
si appoggia specialmente a Columella e a Plinio,
il primo dei quali nel lib. i, cip. i dice : Siculi
quoque non mediocri cura negotium istud
prosequuti sunt Hieron et Epicharmus, Aegy
ptii Philometor et Attalus. Il secondo nell in
dice del lib. xviii ha : E x auctoribus Philome
tore rege et Attalo rege. Popma amerebbe cbe
si leggesse : Hieron, Siculus r e a A t t a l u s , Phi
lometor. Questi furono, diss egli, tre re Sicilia-
nive celebri autori di argomenti agrarii, come ce
lo attesta Plinio nel lib. xvm con queste parole :
De cultura agri praecipere principale f u i t , et
apud exteros ; siquidem et reges fecere, Hie
ron, Philometor, Attalus, Archelaus: et duces
Xenophon, et Poenus etiam Mago. Adduce
inoltre la testimonianza di Columella allegata di
sopra.
L opinione di Cupero ci sembra la meglio
fondata di tutte; e noi la riporteremo coile sue
tesse parole : Ausonius Popma pulat scribi debe
re: Hieron, Siculus rex, Attalus, Philometor.
Quod si regis titulus excidit, ego crederem scri
bi debere . . . voles de regibus, Hieron . . . quia
mox sequitur de philosophis. Noq satis caute
autem vir doctus tres ex duobos regibus facit
duiioctionc sua. Hio tertius Attalorum fuit, po-
puloque Romano regoum suum testamento lega
vit; et Philometor etiam vocatur ab auctore
prologi in Justinum lib. xxxvi, et Appiaoo libro
M. Taaanio VAaaoa
?45
de bello Milhrid.eunderaque hortorum studiosum
fuisse patet ex Justino xxxvi, 4 quaoquam ne
quaquam regium fnit colere hortos ad amicos
interficiendus. Pliuius xvm, 3 binis dictis regi
bus jungit Archelaum; et Columella i, i ita
loquitur: Siculi quoque non mediofri cura
negotium istud prosequuti sunt, Hieron et
Epicharmus discipulus, Philometor et Att a
lus. Errat autem Columella, si el AlUlam Sicu
lis adscripsit ; deinde Philometor et Attalus est
idem, qui Attalus Philometor, quomodo et hoo
cognomen proprio praeponitur apud Plinium.
Sed quid sibi vult Epicharmus discipulus? An-
non scribendam Epicharmi discipulus ? ut sci
licet ab Hierone distingueretur. w
(34) Era nativo di Abdera in Tracia. Egli bt
viaggialo molto, ed ha scritto parecchie opere,
tra le quali ve ne sono anche di agricoltura.
(35) Quest' nato in Alene; e in grazia della
sua eloquenza si chiamava la Musa Attica. Egli
ha scrilto un' opera sopra l agricoltura.
(36) Era di Stagira, discepolo di Platone, e
maestro di Alessandro. E morto in et d* anni
sessanta tri.
(37) Questi l'allievo e il saooessore di Ari
stotele nelle scaole di Atene, e il maestro del
poeta comioo Menandro. Era dell isola di Lesbo,
e si chiamava Titamo, che gli fu cambiato in
quello di TeofrastQ, a motivo della sua eloquenza.
(38) Era di Taranto.
(3$) Questi aveva scritto uo trattato sopra
l avena e il citiso.
(40) Ursino coll appoggio di medaglie di ar
gento e di codici entichi legge Mallotes.
(41) Promiscuamente dicevano gli antichi Cy
maeus e Cumaeus, secondo che si scriveva alla
greca, o alla maniera latina.
(4a) Questi i quello stesso, di coi parla pi
abbasso. Egli dopo aver compendiato i libri di
Magone, ha pure scritto sopra I arte veterinaria.
(43) Plinio nel lib. vii, cap. 5<>gli d il titolo
di autor gravissimo.
(44) Quantunque in Poliziano e in tre antiche
edizioni si trovi scritto Agesias, nulladimeno
da leggersi Hegesias, perch cosi vuole l ordino
alfabetico usato da Varrone. Quest Egesia ha
scrilto sulle propriet dell acque.
(45) Plinio nell indice del lib. vm dice che
aveva composto un opera sull agricoltura.
(46) Parimente dall indice del libro vin di
Plinio ai racooglie aver composto unopera sopra
l agricoltura.
(47) Avanti Vittorio leggevasi Oades, Dio
nysius, <rtf/ porvy etc.y ove trovansi due errori
che si oppongono all ordine alfabetico tenuto da
Varrone. E quantunque in alcuni manoscritti di
4
746 DI M. TERENZIO VARRONE
747 ANNOTAZIONI AL LIB. I DE RE RUSTICA
Columella ti legga Eveton per Euphiton, non
pertanto si creduto di preferir quetto a qael di
Varrone.
<48) Dall* indice del lib. vm di Plinio ti ha
che questo autore di un opera di agricoltura.
(49) Colamella nel lib. xit, cap. 4 lo intitola
aulor celebre Ira i Greci.
(50) Esiodo era della citt di Cuba nella Eoli-
de, ree comunemente si chiama il porla d Ascra,
perch ivi fsso il suo soggiorno. Vi sono alcuni,
i quali pretendono che tia vissuto dopo Omero :
altri il fanno contemporaneo di questo, preten
dendo trovarne le prove nella descrizione eh e-
gli fa del levar di Arturo, nel qual caso sarebbe
vivaio mille auni allo iocirca avanti la venuta di
Cristo, tolto il regno di Stiamone in Giudea.
Plinio asserisce che Esiodo stato il primo che
abbia dato de' precetti di agricoltura.
(51) Colamella nel lib. 1, cap. 1lo chiama il
padre dell'agricoltura.
(5a) Il Pretore era il magistrato preposto Ila
giustizia.
(53) u Utiliter ( dice Scaligero) est vulgatis
simum verbuin juris hic. Nara j u t utile praeto-
ridm est, el opponitur legitimo. Sic infr, utili-
ter excipere. Elegantissime igitur traostulit ad
correctionem Diophanis. rt
(54) Questi quel Deiotaro che il senato Ro
mano avea eletto re di Galaiia a istanza di Pom
peo, e che Cesare colloc sul trono. Fu accusalo
di aver attentato alla vita di Cesare, ma fa difeso
da Cicerone.
Ursino pretende che questo fungo debba este
re iiiterpunto e letto nel seguente modo ; E t mi
sit Deiotaro ; ego quo breviut de ea re conor
tribus libris exponere, uno de agricoltura,
altero de re pecuaria, tertio de villaticis pa
stionibus, hoc circumcisis rebus, quas non
arbitror pertinere ad agriculturam, ita prius
ostendam, quae secerni oporteat ah ea.
(55) Rebus, quae non arbitror pertinere.
Non si penti alcuno di correggere qua in quas,
perch infiniti sono i luoghi di Varrone, ne' quali
coti parla, e che per brevit ti omettono. N solo
Varrone, ma lo stesso Cicerone ancora non ha
accordato il pronome relativo, come si racco
glie dalle Lettere Familiari xvi, 4 ; Sumptu ne
parcas ulla in re, quod ad valetudinem opus sit.
Cap. II. (1) Avanti Vittorio >i scriveva Semen-
tinis ; ma ti corretto in sementivis, si perch
nei codici e qui ed allrove trovasi scritto coti,
come anche perch in Catone ti ha pira volema,
Aniciana, et sementiva*
Qnette fette si celebravano verso la fine di
Gennaio ; e avevano per iscopo che 1frolli della
terra avessero a crescer bene.
(2) La parola Aeditimus non dinotava cbe il
posto di quel guardiano al tempio, e cbe noi di-
ressimo sagrestano, nella stesta guita che f i n i t i
mus voleva dire presso i confini, e legitimus
presso la legge, o conforme alla legge. La parola
Aedituus per contrario dinotava la sua funzione
derivante da aedes, (empio; e da t u e r if cio
guardate; dal che viene che Lucrezio 11, 1273
gli d il nome di Aedituens
(3) I cavalieri Romani erano dell' ordine dei
cittadini, e il loro grado trovavasi tra i seoa tori
e gli altri cittadini. Tra le altre prerogative go-
devan quella di avere no cavallo mantenuto a
spese della repubblica ; dal che veone loro H
nume di Equites.
(4) I pubblicani erano quelli che aveVano so
pra di s le imprese dei pnbbtici aggravii. Eglino
componevano un ordine numerosissimo, e i mem
bri erano tolti dalle pertone le pi dittiate della
repubblica.
(5) Erano dunque sin d* allora m oso le map
pe geografiche; anzi i conquistatori facevano di
pinger le provincie da loro acquatale, che mo
stravano al popolo nel giorno del loro iugretto
trionfale. Properzio v, 3, 35 :
u Et Jitco, qua parte fluat viocendus Arazes ;
Quot siue aqua Parthus millia currat equus:
Cogor el tabulis piclot ediscere mundos,
Qualis et haec docli sil positura dei.
Quae tellus sil lenta gelu,quae putris ab aestu,
Ventus in iUliam qui bene vela ferat. *
Ma Puto delle tavole geografiche pi antico,
poich esao rimonta ai tempi di Ciro, e furono
delineate da Anassimandro.