Sei sulla pagina 1di 193

I l S e n t i e r o d e l C a p o s q u a d r i g l i a

L e o n B r a u n

i i
I
f

I .:y
originalc dell'opera : Tot, c P. Er ^ PATRoUII-LE Editionr Caslerman - ToRN,u Titolo Treduzione dal francese di ANmNro SoI-D,mdtidnirla

il

O [DI I'RIC NCORA \ILANO \. \. 2l8r . Febb'.rio i9;i Grafiche Pavoniane Islituti Artigianelli' Ntilano Scuole

r
tl

I I
PREFAZIONE Un libro proprio per te, Capo Squad,riglia; un libro che qualche volta e che sicuranente troveai lorse hai d,esiderato utile e stimolante. Certo, non un ornanzo thrilling, - o an western e - te lo d i c o s u b i t o - n o n c o n t i e n ef u m e r r i . trla stato sctitto e tradotto proprio pet te che - valorizzand,o le belle caratteristichedella tua e; - s;i un tipo in gomba, hai lo piena fid.ucia dei tuoi Capi e ti senti mpegnato ln una missione particolare, che non d,a tutti, neppu;e'tra agozzi scouts. Esserc Capo Squadriglia ialatti, esserecio il Capo rconosciulo e st;malo. I'animotorc, I'interprcte rli altn 6. ragazzi, p e r i q u a l i p u o i l a r t d n t o , n e l b e n - ec o m e n e l m a l e o \ e l l a mediocr;t, ueamente unq missione eccezonole ed, abbasson a n l e ,p i e n a d i l a s c t n oe d i r a p o n s a b i l i t , l i r u t l o B. p. .,; - d,ivc-n uto lamoso r Copo ricnosculo di tutti gti" tscouts del mondo - sentiva la nosllsa. Esserlo oggi, poi, in questo nostro ternpo grand,iosoe sconcertante, P;eno di luci e d.i ombre, tant dierso dal passato perch proteso veso un futuro dilficile a dimensionare;-in una societ che, inquieta e rastornata, cerca ansiosatnente la sua st.rad.a;-in un mondo che allronta < le piit gigantescetrasformazioni della sua storia > t, rapprcsentaua 1r"midabite e preziosa occasione che la Protuidenzn ti offre per realizuue il' meglio di te stessoal senizio d,i altri ragazzi,-peraiutarti a cosbire in te I'uomo di domani. , I giouani - si legge negli Atti d"et Concilio Ecumenico Vaticano II. - . dcbbon_o dfuenire i prmi ed mmed.atiapostoli dei gtoaant, esercitando essi stessil,apostolato fra di loro,,,,z.
' . Messaggto ai giovani ' dei padri Conciliari. 'Decreto sullApostoleto dei laici - 12.

sentien del .tPasquadriglid

Iagtilica imprtstt, suggcstinamissione che Ia Chiesa del i tuoi Cap - propona clkl i ttrat)etso C o n c t l o . c h i a r n o n t l o ta tua gtai,ineta l b r o - d e l q u a l c i n i e n e a t e s a m og a t i a l L ' A u t o r c , Qrtcsto asti L.dtori bclqi e(t il.alan(d al nostro ex Capo Riparlo Prot' f , I a t i a n i s t a , . h eI ' h a t r u d o t t o c o t t i l c u o r c p r i a s , n oS a c r r d , r t c , u a s c a t t oa l L a t u a c h t c o n l a p . n a - l i a i u l e t u , t i s u g g e r i r ud n e l l a g i u s t al u c e i l t u o r u o . [ o . , v e d e r e i i i z i a t u a , l i p e t s o a l ( f u r 'che ord'.ni, ,rtn qttcllo di ttn ltero comandanti che,impattsc.e ma dt ttn iratcllo al seruizio dei fratelli in lieta umilt; ti ti' [. ate... scattatcl' ' c o r d e t t r h e / a s i g l ad e l C s q . n o n : n a n t l a t e . . f a c c i a m oj n s i e m e . c o n m e . . r ' e n i r e bcnt quelln ch suona"
Sfgulteml '.

onroro da dre che questo non L)rtolesseeun l(sb uff.i' ciale rcome dicono i grandi...), ch potrtbbe allora aPparirc delpttu o meno diflorme Aa e Direttue e dalle consnettLdn i..tSCt. t, o spera esserlo,rtn sussdioal tuo louoro personalc e semmai - pprio nello spitito delle nuove frontiere, vuoL' otutarti ad'nmpliore i tuoi orzzonti, offrcndoti le esperienzt: particolt ' che allri rauzz Cnpisquadriglio uiuono in altrt 'contrrttlc d'Europa, con alcrotc diuersit csteriori e sccondari(' rna con gli sks;i ideali, nella nedesrna frolcrttitt scottt clu: ttott conosccconlini. E profrio qrtcst'ultimo penscto rni consigliodi rnunciare rt t"nlare di scrivereio il pezto a chiusura di q est(tsemplrt Prrai girr fa:ione, togliendolo di fesr.t dnl bcllissno . Xfessaggio ' r e n i' c c i l C o n c i l i o l ' ( t i c a n o I I h a r l i r c l on ( h ( a l e , r a ! n z ! , ' t . o t c a t t o l i c oc C a p o s q r t a d r i g l i a : . . . "c d i n n o m e d D i o t d i S u o F i g l i o G c s t ) tc, h e v i t s o r i t t nto ad allarqare i uostrcuor alle dimcnioni dtl mondrt'ad . . ' , o I t , ] r . I o p p l l o d i r o < t r t t r q t ,l l t c d o . l l r r . . o r o p g i o s o m e n l . a l l o r o s r n , i z i ol r : t t o s l r cl i o t t t t r t i. n . g i c . L o t a l e c o n l T t ) lutate di dar lbt:ro .olso dqli stittli rli tioknzu ogn c goisrno, r tlt odto clre ftrovocatto lt {tterrc cd i loro corte di mtsert s i n c e r i .E c o s t t u i t e n e l ' e r t l t r ' Sialeynerosi, Pur, TisP.ttosi, si,tsmo un mondo rn!ltore d qucllo dei uoslri maggiori,

F,pifaia1967

Gino,\nneni

RAMOSCELLI

(h' riarso " .lrga ci rtrunu ci clt' malato pe& ct clt' rigtdo riscolda ti ch' gelido correggi ci ch' errato; in chi si tonfido in Te h l o n d t l u o i s a c r i d o n . . .. . r A n d a t e , , d i s s eG e s u a g l i A p o s t o l i ; * v a ' , t i h a d e t t o i l Capo, affidancloti la nrrova missione, scegliendoti come . missionario , . Semplici rillessioni, leggcri ramoscelli. Ramoscelli con cui accenderai il fuoco. Possano le poche scorze che ho raccolto e sulle quali ho scritto per te i messaggi esposti in <luesto ibro, aiutarti a tener vivo questo fuoco. E quando I'ultima scorza lctta sat \'enuta a rayvivare la tui fiamma, possa tu costituire una grande fiammata ardente, raggiante di luce c calore. CAsroRo

PRIlIA

TAPPA

IL RITRATTO DEr CAPOSQUADRTGLTA

/z

PRIMO MESSAGGIO

IL MESSAGGIO DI B. P.
Un giorno chiesero a B. P. che qrado avrebbe scelto nello Scatttismose non fossestaLoCapo Scout del Nfondo. Risoose: .Se po_tessi scegliercoggi il mi posto nel Nfovimento, l:orrei essere. Caposquadriglia Ci significa che egli consirleravail ( o m p u o { l r c \ q . . ( o m e i". l 1 , i i rb c l l o . g i . r r l r r l e . s o r i n o n i m o t l i d o n o - ' l i \ c . r l i , l e . l i r i o n c \ e . r P r i s ( , r L i \ m o p e r r a g a r z i. a " pag. 60 r'i rrori il messaggiorli B. p. ai csq. , , l ',.. 1;t).ir C,lLt-glt(tdri! o. routin.uinta a tor. " l_o.--d-r;y!1y_ol!!-q t ,l/g4r:1. d, lta.,'\lt:! tqttnrlriglit !t,!: t 1.ry1,., !f__i.tt-:plL P t r ( n p . L _ A \ \ t b t t . 1 , t . ! r ! ) u s t t , i n u u n o d r i u p r t t i . r a g a z z tI l41e dlLltPL lnttttt. .',1o,t,, n., ,t in! nvte 1n.o--o ,1r12 r::*.zi,-!'1llll4, !-.t.!!.tli.llt al.tt! l"t,'ut-a.n!rtt!]. !-!9!!l:_ii-., "l a r c n t t . J l t _ . 1 tit |t| l tL , L , t , tz t t . I ' u ,t , tr Il .m.:'-L[ttt tlltttt, I t t . r r t t t , ,t r t i ) i / r , , . r l r , ,e { e m p i o , , r _ t cl l o, l t.r l a 'glJ!J!__t a.t y1-ct al t 1L, 1 r,. t.,,1,-i. --u12-11 14 pl:titUt!' "J
i r .{!

l:,ilc - : 1 4 , l i l . " t r '! ! : , ) p t t! . .p!bldir, o4 un ordinc.,ia rtt,:


a t t t o. : !. -u_!!:.! .1t,.t,. 11.1 _,!,. _,-u ,, t,t i 4 ur m t. st 4,nln t t,,, 11
L.

lc
rbt.talt14

n liri

dt

Qts(, t:d i rostri

tantl

t2

ll

scnliero dcl cdqosqadfiglia

s i a s e s u i r e b e r c h a m a t o , .

questo;nr"tttia

che sia il pit bello che si possa fare. S, caro csq., tu devi essereun "formatore". Conosci I'aneddoto dei muratori che lavoravano a costrulre una chiesa? Fu chiesto loro cosa stessero facendo' Il primo rispose: . Trasporto delle pietre'; l secondo pir realista: .Mi guadagno-da vivere,;-il terzo invece, che senza dubbio amavi gli ireali: . Costruisco una cattedrale che sar la Pi bella del mondo! '. Per te la stessa co6a: tu costruisci una cattedrale. E se un giorno quakuno ti chiederi (o,satu stia facendo, non risponilergli: i Facriodirerrire i miei scouts,' n: .Insegno loro la , ma digli: n Sto formando ta piu bella sq. del mondo, II classe sto formando degli uomini, sto formando delle anime'. S, proprio a t stata affidata questa - splendida missione e ci darai dentro con tutto se sari cnvinto della sua grandezza, il cuore e tutta l'anima.

csq. Percf mi sembra

Il titratto del caposquadiglia Ed ora, se rileggi i testi di B. P. e di Roland philips, noterai alcune parole sottolineate: . . . Iormare . . . esemPio - il tuo SCOPO . . . guidarli ... frarello maggiore - sono i ruoi NIEZZI In altre parole, tu devi essere: il primo scout dlla tua sq., il frarello maggiore dei tuoi scouts. il loro trascinatore; e quando tu sarai tutto ci, ti sar facile essereanche: il formatore dei tuoi scours.

l3
t1

t:

.1,

l. I i

E r c o t i i n t a n t o s l i a n i r o l i O . , l n o r r n " D i r e r r i v eA . S . C . I .1 9 6 4 che interessanoquanto ri verr detto in questa I. Tappa, cio relativi alla tua funzione di Capo squadriglia: . La squadriglia I'unira base del metodo scout. Essa formata da sei a otto ragazzi,sotto la diretta responsabilitdi un csq. consigliabile renr conro della libera scelra dei ra. gazzi nella formazione delle squadriglie ' (art. 248). -.Il Caposquadriglia ha I'incarico di guidare i ragazzi che gli sono stati afidati nella realizzazione dell'attivit scout. Der il raggiungimento degli scopi educarivi che il Movimenro si propone ' (art. 249). nominato dal Capo Riprrro, cl'a<. "ll Caposquarlriglia cordo con I'AssistenreEcclesiasrico. di regola tra gli Esplora. tori che abbiano conseguito almeno la seonda clisse; ion il consenso del Capo Ripano pu essere proposto dagli sressi membri delta..squadrigia.Deve es.er sceiro'fra i rag"azzi piu entusiasti e piir attivi, dotari di naturale ascendente di q;el l)restigio che viene dalla competenza recni(a e dalla generosit ' lart. 250). < Il Caposquadriglia propone rl Capo Riparto la nomina del suo Vice Caposquadriglia che lo cadiuv nelle sue man. sionir lart- 251).

l4

Il

scntiero del caPosquadrigla

inerenli r 's s e n d o gradi di Capo e Vi<e C:rpo^'quadriqlie "I se de(adono slessr. squ:,,lriglia dlla Per rrnr alla fo"rmazione q u a l s i a s ir a g i o n e , l a s q u a d r i f l i a t e : s a d i f u n z i o n a r e o 5 e i l ' {xrt 252). r i e r i t r a s [ e I i t o - a da l i r a . q u e t l r i S l i a r'irolare

NIASSINfE DI

CAPI

II maestro che pretende di ittscgnaresenza p.rima inlondere iI piacere del|istrzione ut labbio chc batte il lerto a freddo' (Dugas) fadere chiaro non molto. Darc un ordine Ia quarta parte che si deve lare: gli altri tre quarti stanno neL farlo ese'( u I r e . ( C o u r t o i s ) Lln rdin,' tmltorlilo sonzo rhe se nr son'e1i I evruzionr' un ordinc Jpr,,,/io. (C-ourtois) pt.it -, rrq,tta I u',ttntl t he gli ertori per t quali. un npo ., r a l m ! t l t t l t t tl l t I n . s o n o ! c n ' d i i n d i y n u r t i t r n t a t c t lorlcmpntc o,.pcr t'sscrsl r u i e g l i s t r s t oh a u n a p a r t c d t r e t p o n s a b i l i t . c5p7es5s malr o prr non a,tcr sapuro (ontorrornc ,.i#r.r1iJ,; - on si conlonda lermezui con durezut, Il rmprovero piil seueropu essere lomulaLo in term;ni cortesi'. " I'orliter tn rc, m o d o , . " M a n o d ' a c c i a i o n g u a n t o d i u e l l u t o ' . suaviterin (Courtois)

SECONDO MXSSAGGIO

I'IJ SEI IL PRIMO SCOUT

S, sei tu mio caro csq., tu che dal Capo hai appena riceruto il secondo gallone verde, sei tu, ripeto, che proprio per questo gallone, devi diventare il primo scout della tua sq., la guida dei tuoi scouts, il loro stendardo, il loro eroe. Dare l'esempio. No, megio, essereun esempv. Perch .dare I'esempio, pu far credere che si deve darlo solo quando gli altri ci veclno. " Essereun esempio, invece, suppone che tu sia ovunque e sempre il migliore degli scouts della tua sq. E per essere un esempig vivente dell'ideale scout, devi essere un ualore, (una cannonata' comc si dice oggi), un valore in " tuttor senza trascurare nulla, ondc realizzarein te I'equilibrio r l e l l u o m o < o m p l e t oe d e l c r i s t i a n o .

.. \.
. J

UN VALORE IN CA,IPO TECNICO

. t5

l:JS

indispensabile in{atti che i tuoi scouts abbiano la sicurezza chc con te se la caveranno sempre, che non resteranno m1i * in panne '... (giacchc la tecnica scout proprio questa corosccnza intelligente delle l00l maniere di cavarsela,di arrangiarsi in ogJnicircostanza, di essereutile agli altri sempre).

,+II
t<

t'r5

'.1-

l6

II sentiero dcl caqosquadriqlia

c Dunquc, - mi dirai ' esserescout scelto?

, devo proprio avere la In classe, ci!, ma quto non basta. Non ti te a nlente tu.t se cio non tecnrca, se tu non rlvl to, qsPerie,n?,a nello oi r ita L a i . t u a ren non sal Scautrsrno e d e r e i n f a t r i e s e r m p r e g n a t e quello che chiameremo u odore Scout ,.

Cos non ti sen'ir a nulla avere la speciatit d'Ambulanziere se, appena un tuo scout si ferisce (o tu stesso) non .lo curi, non itisinfetti la ferita, non gli fai una fasciatttra,anche se solo di fortuna. inutile avere la specialit di Pioniere se poi abbandoni I'accetta sotto la pioggia e la lasci cos arrugginire inutile avere la specialit di Guida se poi usi la bussola vicino ad una linea lettrica o se non sai indicare la strada ad uno straniero. .d anche l n s o m m a . n o n s e n e a n u l l a - a v e r eu n a s p e s i a l i t ao ln ognl non corrlqPonde la prima classe,se la tua condotta -i i s t a n t e a q u e l d i s t i n t i v o e s e n o n s e i i n g r a d o .d i m o s t r a r e4 t uoi-scol]Itlon tanto la . patacca ' che Polti ]Lbracclo, gllanro rriurro'r,, gli arri e- le _c_apa-c{a ehs_9!!Ll3ppr_ese!tq. . GaililFe non fanno lo scout n, tanto meno' il csq. '.

UN VALORE

IN

CAMPO FISICO

Non aver paura. Non ti si chiede di diventare un Ercole o un Tarzan, ma solo di aver cura del tuo corpo. B. P. annette tale importanza allo sviluppo fisico che gli dedica ben tre chiacchierate di bivacco in . Scautisrno pet ragazz '. Cerca cli sriluppare le tue attitudini siche assieme alle capacit intelettuali; il proverbio " Mens sana in corPore !ano, non di oggi: risale agli antichi romani. Evita le mollezze,la vita fra poltrone e divani. Viva la vita rude, I'alzarsi subito, il coricarsi puntuale, le camminate, le al mattino, aPPena alzati. uscite; viva Ia gir-ruastica . Anche se siete piccoli o gracili - dice B. P. - potete diven-

Il rtratto

d.l

ca?osqvadriglid

tare forti e vigorosi se vi preoccupate di far ogni giorno qualche esercizio fisico '. Si tratta solo di . preoccuparsi, a farlo, ma non certo questa difficolt che far indietreggiare un csq.: se terrai duro per un mese di seguito, alla fine ci non sara pi uno sforzo ma un vero piacere, giacch ti accorgerai che diventi sempre piir forte e resistente ed allora non sarai pi capace di smettere. E cos, forte e resistente, sarai davvero idoneo per servire il famoso motto dei rovers: < Essere forti per gli altri, s_econdo essereutrll r.

UN VALORE IN CAMPO INTELLETTUALE Sai cosasignificanole espressioni:. compiereil proprio de


vere verso... la Patria, e .essere sempre pronti a servire il prossimo '? Sai che esse,dopo la tua Promessa, esigono da te infatti, che sei imuna prestazione importante? lrarro-oll pesnato nella scuola o nell'avviamento i domani nella
2 - Il rc iqo a.l c.potqltdtiqliz.

l8

II scntieo del caposquaglia

4l servizio rlei tuoi concittadini. Che tu sia medico, ufficiale o impiegato, ingegnere o agricolrore..- 1._Ud!q!gn_14!]q thr il postq !lE_l!! 9!qu!914! jqlenuto da un tipo cle ci sa fare, cne n_e t. oePno S t r r i l e n t eo a p p r e n d i s t a ,

forrnazione generalc. c]re tu sappia cio inle-rqss4rlia Itua q u a l c o s ad ' a l t r o o l t r c l a t e c n i c a s c o u t . S \ i l u D p a a r m o n i o s a nlente, per !-rez7o dl colersallonr, conlcrenze e soPrattutto I e t t r r r e ,l a t u a c u l t u r a g e n e r a l e .s i u i n c a m p o l e t t e r a r i o c h e i n c a n r p o s c i e n t i f i c os , cx-jalc o rnoralc. Ricortlrti che 1,iir si tleve d;rte piir necessario avere. Sappi rrrt po di tutto, .one consiglia l. P., se non luoi cortere il rischio di non esserc in socjet... presentabile

T]N V.\LORE I\ ,

CA]\IPO N,fORALE

. Ricordatevi non tardera riflettersi chc il vostrocarattere -=-

lI].1l_S.Llj) oqllo\f n scouts !. in tr: S r . i n r o t ' r i o e r r ,r t a l , r t i r r n r i r( o \ . 1r l r c e . s i i m i t e r . r r r r r o

I.
I I

ini ruoi diletti. Cliacch, f e t t i , q t r c s t al l f a m o s ai n r e n z i o n ed i B . P . : c r e a r r r l o il sister n r t l i s c 1e . gli la in\en{ato (uno specchio che moltiplice per s e t t eI ' i r n r n a g i n c , ; s o r r i d i e p o i R u a r d i ,l . r t u a s c 1 . \ :e ( l r i i s e t l e ' r i s i s o r r i r l e n r i ;m o s t r a t i a . c i g l i a t o e r i \ e ( r l i c i r c o r r r l a t o cla '.. \ e I t ef n r ( c " , ] a [ r r r e r ; l e Per questo enonnc la lrrora cli fctrciache ti ha'ro (limo s t r a t a i C . a P i m e t t e n d o t i a l a r e s t a ( l i s e t t e r a g a z T i ,s o t t o i {uochi conrergenti dei loro sguardi \'\'aci s (el loro tlesiclerio t l i r l i v e r i r e ,c o m e t e . c l e i r i p i i n g a n r b l . Ifa rron temere: nel {atto sresso t l i t t r t t i q u e s t i s g u a r r l ic h e con\ergono sr (li te scoprirai ben presto un prezioso aiuto: . I n s e g n e n r l oq r r e s t e r i r t r ' r n o n t a r ( f f e t ea n o t a r e c h e l e e c q L r i s t a t e\ o i s t e s s i , ( B . P ) \ r r i r . r l m , n r e s . r r J I J L e s s e s r o r r t ( h e r i i r i g e r . rL r r r r . - r i r . r , dcri considerareogni mancanza ad essa corre una mancanza

II

littatto

del caPosq ndrigla

l9

alla ficluciache i tuoi Capi ed i tuoi ragazzihanno posta in te.


L i r a l u l r e I e d o t i t h e u n t a p o - r l e r e P o $ e t l e l e .t P l l c \ o n l r f \orrr.rtttttto the bisosna metterc in rrirlenz;: l,r Irlnclttzua

ione. I enersir, lr derlir


Fn.ercHlzz.l

Un pensiero soo, una parola sola. Non c' nulla tli piu belo che sentire uno scotlt che dice: .r q u i n d i v e r o , . D i l r o n t e a t e s t e s s oa L " ha derto il csq., trroi scorrts,ai t rri api, sempre ci chc tu clici cleve corrirrelloche e s a t L a m e n l ea o L l e l l o
I-NtRCIA

\el settembre del l9'1'1,quando i tedeschi tenelano a[cora salrlamcntela regione, un gruPPo di uomini della Resistenza avcva occuPato il rillaggio di '\llesur Semois.D'improrbelpJa \i"o il villaggio riene accerchiatoda un forte gruPPo di tede schi in ritir:ita; fra i partigiani tale la sorprcsa chessi perrlono il conrrollo rlela situazione e si ritirano in clisordine. comPrendendo il \fa in quel momento utt giolane seriente, p e r i c o l or l u n l r i t i r a t a s e n z ap r o t e z i o n ea l l e s p a l l e ,n o n e s j l a : ii piazza col suo Itrcile miragliarore di fronte al Ponlc sul all'attacco nenico' pro' Scrnoise tiene tesa coraggiosnmente cla solo la ritirata dei suoi. Egli resistettefinch non reggen<lo itr rrcciso sttl posto ma i suo gruppo frt savo. Quest'uomo r rrlorosoer;r rrno tlei nostti, era ttno scotlt e si chiamata f ames tle LiedekerLe. La via <el dovere gli apr le porte del cielo. L i m m a g i n e d e l l e n e r p l i a u n a s p a r l a d i a c c i a i o t e m P r a t o . Ouanclo 1o si tempera, I'acciaio rirent:r Ilessibile e turissimo' cipace di resisterea qualsiasi colpo. L immagine tlella mancanza di energia, cio clea mollezza. d e l l r p i g r i z i a , i n r e c e l a l u m a c a , g u c s t o p i c c o l o a n i m a l e c h e lo minaccia, si rinchiutlc rel suo guscio appena <lualcosa Non ti <lirir di sceglierefra i ttte..,giacch a scelta naluralmente gi. fittil. Pirrttosto, ti voglio rcorcareche -9.11919! Essa frutto d'un non dsutito lungo alleuamno d'ogJnigiorno, fatto d una serie di sforzi e

20

II scntico

del caposqltadiglia

t I

di abitudini semplici, ma con le quali non si transige: lavoro metodico, vita dura, nulla a meta, niente flemma, niente pigrizia. niente lasciar-correre. L'energia un grande combattimento che comincia su un minuscolo campo di battaglia: il cuscino, L'energia ti aiuter a restar smpre padrone di te stesso e ad appartenere sempre al .clan degli ottimisti '. DrorzloNr Dopo la sua cinquantesima vittoria e dopo esser stato gi: abbattuto una volta, l'aviatore Guynemer rientra irl licenza presso i suoi genitori. Suo padre, temendo che I'eroico frglio perisca un giorno in combattimento e pensando che aveva gi abbastanza rischiata la sua vita, gli consigli di volersi concedere un po' di respiro e di farsi assegarecome istruttore in qualche scuola aeronautica delle retrovie, dove poteva essere assai utile per formare i giovani piloti, con minor rischio personale. . Hai ormai raggiunto il limite', gli disse il padre. . No - rispose egli - c' sempre un limite che bisogna oltrepassare: finch non si dato tutto, non si dato nulla,, Ecco la parola d'un eroe, ecco un motto da csq. Dedicati ai tuoi scouts, datti corpo e anima, senza lesinare fatiche ed incoraggiamenti. UN VALORE IN CAMPO RELIGIOSO Anzitutto e soprattutto, niente pieta bigotta e innaturale. dato che i tuoi scouts ti osservano, ru sra b santo. macerato dalla questo il gliore e piir sicuro per farti ridere dietro da tutti e perdere sui tuoi ragazzi ogni influsso dal lato spirituale. Ji grcorrono invece delle convinzioni salde, che si rraducano in una piet seF[71-pr-61nffipotanec, accompr. gnata da una illimitata fiducia nella Divina Prowidenza. Il csq., che ulve con spontaneita e naturalezza la sua fede, ha sui suoi scouts una influenza comunicativa ben piu prq fonda che se mostrasse una grande religiosira superficiale,-

II r;trotto del caPosquadrglh

2l

Non avrai paura infatti di parlare ai tuoi ragazzi del Grande Capo e della sua Legge se tu stessone sei persona)mentecon'r rinto; i n v e c el a t u a f e d e n o n s o l i d a .m a s e m p l i c e m e n t e l "e ricoperta da un leggero ltrato di piet e.teriore. i tuoi scoutsl e e tue \uote Parole non( sarannoi primi ad a((orgersene I anima. porta della loro giungeranno alla rr-on basta avere delle credenze religiose; solo una vita religiosa t'innalzer al livello della tua missione di esempio e di capo. La preghiera, conversazionecon Dio, l'Eucarestia, unione regolare,sostegnodella vita, rafforzecol Cristo, la confessione ranno la tua personalit di fronte a te stessoed agi altri. Conosci le cure che esige il mantenere un acquario? Se lasci che l'acqua s'intorbidi anche solo un pochino, ti abituerai ben presto a veclerla torbida poi sporca, quindi poco per volta il foado si coprir di fanghiglia e le pareti ti retro si aPPanneranno fino a perdere tutta la trasparenza.Certo, una buona pulizia a fondo, rrna volta I'anno, le renclercli nuovo traspa' renti. ma ci vorr anche una bella fatical Se inrece tu cambi regolarmente I'acqua e di un leggero colpo di straccio alle pareti, cosa assai facile, avrai il tuo acquario puliro, con I'actlua limpica e ricca di ossigeno.Questo piccolo lavoro direrr presto per te un'abitudine e ti parr talmente Iacile, in conlronto alla pulizia annuale, che non ne risentirai il minimo clisturbo, Non creclereche questa digressionesia una introcluzione alla .guida del perlerto piscicultore,, tutt'altrol ho !oluto solo farti un paragone delle cure che esige la tua anima: rinnova regc conLinuamenteI'acqua dell'anima tua con la confessione lare e cos essaconserr,er sempre la sua purezzie trasparenza. La comunione lrequente ti dar rita: a te piace pranzare con un amico, con il quale chiacchieri a tuo agio <ei tuoi afiari, delle preoccupazioni, degli altri tuoi amici... Perch allor:r non fai il primo pranzo della giornata in compagnia del tuo GrancleAmico, parlandogli intimamente di te, dei tuoi genitori, dei tuoi scouts,di tutti que i che ti stanno a cuore? Un'ultima cosa: prega spessola Nfadonna. Dall'alto della cr(xe Ges ti ha affidato a Lei, dicendole: oDonna, ecco tuo

22

Il senliero del clposquadrigla

figlio,. Ama la tua }fadre del cielo, lctti tra le sue mani malcrne i tuoi progetti e lc tue pcnc, affinch Lei intercccla in trro favore presso il suo Figlio Divino. Carumina unito a Dio ch dentro di tel
i

l- sc ora ti chiedi come tu possa r e r r l i z z l r et l r r t o . i i ) . r i slnrrrliti che ( un ner7o, lln tezzo u n i c o e r l c l a t , l - ( l ( l E Che la Leggc sia in te, come I ecleraabbarbicata rllir qucrcia: o mcglio, clre la l,l.((E sia T[,, che tu sir una ,, l-egge ambulanre ), una ( Legge liventc , ; c_tls,llutri -seourlsi chic'

l!9lll*

9.,"? ,lt t."trt" ",

_,'| "\

O h e g i o i a p e r t e i l s a p e r ec h e c o n r r i b u i s r ee l l a l o r o g i o i a l P e r c h e q u c l l a c o s a c h e s i t r o ' , a t i r n t o p i i r i r c r : c , q r r a n t a piir se rre cerca pcr gli altri.


t

Ir-coti tracciato solo a parole l)rrtrol)l)ol, il lirello the tu clcri rrggirrngerc per rlirentarc il prinro rlei rrroi srouts, per corqrristare il valorc chc deri arcrc. [cco piantaro lo stenclarclo clrc tr: <levi costitr.rire Per loro. l, poich ti lrarlo rli stenrlarrlo, pu darsi rhe trr crerlu rli col.crsventol:rreatl un Prio <li metri solrra le teste (lci tuoi r r r g r r z r i ,o g g c t t o t l e l r r l o r o r e r r e r a z i o n e 1 ; r o l o r r c l a . I l v e r o c r l r o n o n t \ r u r o s t e n r l a r r l o ,r r n l r b l r r r t l i c r a ( l a J ) i t r i r t a clrc si tira ILrori clelle retrirc lli lln rlu\cl) lrcr qtrrrlclrt Icslr. c l r e l l g e n t e v e d c P a s s a r cs t r l l c n o t c t l i r r n l r i l r n f r i r . r . ( i e r t o , a n c h c q u c l l a u n l b l n , : l i e r r Lr r o l t o b c l l r . r t t : r : r s s a i piir bcllrr qtrella cla comllaLticnlo, (luellr (hc il lcggirnelto portu, (ir(on(l t'clifcrrrlc nella rrtischia. Lssa irorr nrartia al suono (li trrra frrD[ara, ro, rtir corte rrll essato in mczzo ai sol(lrti, sotto lo sguirrro rli trrtti, a//d horlala di lrlli: c5s.r la L'antlicr;r.he i sol(lati cirpis(ono,clte i solclati rirono. Pcr tc e lrr \te\\ir (osur il fatto <hc ttr abbie dellc qrr:rit, che trr rlebba cssere I esempio. o stendardo c pcrfino I eroe tlci tuoi scouts, non significa che clevi rilcre su un pieccstrllo.

II

rit

tto del .Posquadriglia

23

( f o. .'ii \emPlice. Iotr let)erti m'ri ttopPo 'oPr'r tli.loro rnrt ( a b b : r s s a ta i l l o r o l i r e l l t r ( \ { l ) l r r l r r l l ' t r o t rr l i l r l l n r ( l e l l c a r l e I Proprio come la Priml cirna che n giovirne apinista.r'uoe ,ielar non clele trtai e\sere troPPo artlua, perch egli non

si scorlggi in partenza. Ua sc il csq. evoca ai suoi scouts la retta clre essi dcvono conqrristare,a[li ittao.tt" anche l;r gritdn che tlcve aiutarli a rageiungerla ! r r r r r o n ' r i u t , . r r ei l p i . r , t r e r t e l l. r ' t r t r ' i " r r cr r c i g i o v e n i .rll,irri'ro i . r r , r t r e, i r r ' l r g t r i , t , t t t , r i g u ' t o -t r e l ' r r o l r r r o r o t h e k, faccia per sPort c toll Per mesliere' che cntri come Palte r g n or t i r r . r l q r o ( o n ' . l i \ i ' l e n { l o rirr irll lorogiu1,pr. o*e (nlP ' rrl,errnrlo /t'lr ' \\' ' lia\\rggl c J ' , l o r i . e i . ' r e r i t r t i , h e . gioie f , l i f t r , i l i .L r r S r t i ( l rt l i \ ' e \ . e r el r l t l l d l c l l P e l | \ ( r r( o m P a q l l ' ner ciascunJcli essi in parricolarc lr qtlesto ci porta con una : logica al secontlo rsl)etto (lel compito di cs<1 iorrc"tertnricrtre

i|-lJ,,lril" ,,*SY:-

ES-I'O i'IR lJsseruono, recli, signifca trion[arc sul riubbio, q u c s t o n e m i c o r n o r r a c ,l r a t e l l o d e l l a c l i s p c r a z i o n e ; s g n i l r a c e m n t i n i r r ef i n o ; r l l a n c t a Js e n r c l e r i a z i o n i , Isula stracla pcr il tlovere. clrc porra alla rirtir, passrrttclo S i g n i f i c at e l e r e l a f r o n t e a l t a n e i g i o r n i r l i : g o m c n t o , aanimc, r L b o l c z z co . v u r r l t r c l a g r a n c l c z zd llortil!-:,rnra nr.rtrire nel l)roprio sen() l:i lorue c lil tfncclla, arrarc i genitori, lir I'iltria c ltLrlto. c c r r a r s e r n p r el t ' s p i l t e t l c i l a r o s a , Signiliclr e s s c rg r i r n ( l i i n t e r r t p o, l i l t e t e , r a l o r o s i i n b a t t a g l i a , offrire il proprio bactio. il sangue alla cau-saliu Inobile esser soklato e apostolo! pregarc, parlare, Plolo l'tror!

TERZO MESSAGGIO

SII IL FRATELLO MAGGIORE


Ed ora clte abbiamo definito quello che dev'essere il . fondo, del csq., esaminiamo quale ne sia la . forma ', cioe ]a sua attitudine davanti ai suoi scouts. E vecliamo anziturto ci che eeli non deve essere. II crq. non un sottuflrciale uilalorc, che impartisee ortlini in tono secco, ne sorveglia I'esecuzione con le mani ai fianchi, urla rimproveri, distribuisce punizioni... e si fa logicamente detestareda tuttiIl csq. non una bambinaia ficcanaso che esige dai suoi pupi che facciano tutto a pennello, che stiano seduti a braccia conserte mentre lei parla; che non permette che essi facciano nulla da s, ma piuttosto ostacola ogni loro iniziativa delnendola una marachella e non osa mai distosiere il suo sguardo rorvo su di loro per paura che glien combinino qualcuna di grossa. Il csq. non un disumano e insensibileconduttorc di elelartti che pagato per far avanzare a colpi di pungolo i suoi animali recalcitranti. Il csq. non il " prolessorc, che ammaniscecorsi di tecnica ai suoi ragazzi, li manda nell'angolo se parlano e li porta fuori osni tanto a fare una breve escursione.se sono bravi'. Il csq. non in6ne neppure I uecchio < compagnone > che si diverte a sganasciarsi dalle risa coi suoi scouts, che ne racconta loro . delle belle ' e spilge la familiarit fino a " farsi pestare i calli ' da essi, che si interessa solo dei piu vecchi

II rilatto del caposqradriglia

25

della sq. perch n sono degli amiconi , e si dimentica completamente degli altri scouts. Grazie a Dio, questi tipi sono solo delle caricature, degli scarti di csq. e non vorrei neppur lontanamente doverti classificare lra di essiIl solo vero csq. - quello che t(r devi essere- il lrateLlo maggiore dei suoi scouts. E per togliere subito a qrrestaespressione ci crre porebbe avere di sentimentale, diciamo senza sottintesi che la fraternita scouts si basa su due fondamenti rssenziali: la fiducia scambieuolee la stim\ reciproca.

Abbi fiducia nei tuoi scouts ed essi alranno frducia in te. Stimali per le loro qualit ed essi ammireranno ed imitc' ranno le tue. Arnali ed essi ti ricambieranno. Dice un vecchio proverbio latino: . Si vis amari, ama ,, cio ( ama per primo se vuoi essereamato t. Ama i tuoi scouts ed ama ciascuno d'essi in particolare. . Ama tutti i tuoi scouts, tutti senzaeccettuarneo dimenticarne nessuno,giacch sarebbe vilt non occuparti del tal ragazzo percl non ha una bella faccia o perch strabico.

26

t l . , . n tr c . o d l

tpulutigtin

,\mali soprattutto per i loro <lifetti: piir uno scoul ttrt nosso 1lq1e ". Piu deri amrrlo c Piir egli sc nc dele accorgcre. . . . . \ n t r c i e s c r r n o i n l r a r t i c o l a r c : s , t i a s c r r n o c l e i r e g r r u z ic l e r c seDli.e la trra amicizia, fino al Prrnro <li crcrlcre cli arertte egli .ol,'.r..orbit.r trrtt:rI.r ,lu'e rli rrri rrr.rir.rl',',e. rncrlreiI r a : 1 i c \ s r n o l l ( h c u n s e t t i r n o . S f o r z a t i t l i a r e r r eD e l l a s q u a driglia un tale spirito cl intintiti c (li mulu Icluciache tLrlli i trroi scorrts 5irrno (erti che irr qtralsiasi nlomcnto tLr sci pronto acl airrrarli,.

T u t t a v i a n o r t e m i e o c l i c l i r e a q L l e s t o ) r r n t o c h e t a l c a m i . c i z i a r l e r ' e s s e r er i r i l e . . \ l c r r r r i l n t r e b b e r q ( c ( l e r c i r l i e t t i c l r e i l loro conrpito tli Iratelli rnaggiori consista ncl larsi conficlenzc s c r L i r c r l a l io p a r l r c t l i l a n t a s t i c h e r i c r l c h i a r o t l i l r r n a . \ o n t illtrrlcre: non:rrri\erai certo a lormale rlegli uornini con dclle r l o i n c o ( n u n s c nt i m e n t i rl i s r n o s l e n c \ o l c . - \ l l o n t a n , r ( a t e tutto ci rlte s.r ri rltorboso c tli cflcnrirrato c ricerca solo L r n l r l r ; r n c l ; u l i a i , / i l .s a n a e i m P i r l a , u n i u n i c i / i i r c h e n o D h a nrrlla cla nascor<lerc.

Il

rtratto

del caposquadrigla

2i

Questa fraternit non deve affatto escluclerc la Iermezza (fermezzainfatti non clurezza): trr sei il fratcllo maggiore, s, ma un fratello responsabile. trrtto qrri: essercfratcllo ntageiorc; ma, rraora trna volta. questo non basta. (lome potrcbbe i,rfatti la fraternit e l'intim i t r e g n a r ei n u n a s q . , s e i l c s c l . s e m p r c t l i u m o r n e t o o austero o troppo serio? Non si prendono le moschc con laceto... e neppure gli s(orts. c 5 q . .t l r d c v i S i p r e n r l o oi n l e c e c o n a g i o i a e l e n t u s i a s m o : rrn tr:rscinatore, devi csserccio capacc <li entr.rsiasmarel essere

n Non dire ma cht: tti nolo Lu7tr!.ra. Ed antltt Coraggi<-r: m o l l o p r o b a b i t c( l t c i u n o d i c a p i n r l l a , it q tslo (asosarL (Baden- Pou'cll) Estore Parari: " Ltrta squadritlia deue csseresetnpr(: pronla ad uccampasi comt i potnpitr soto scmpr. pronli od. tnl.r uenlrc ' (Ba(len-Powell)

QUARTO MESSAGGIO

SII UN TRASCINATORE

Froebel' ha (letto: ' La vita tlel fanUn saggio pe<tagogista, .,tti fettn continua': si deve, cio, formare cit,llo drl'essre del gioco, della gioia, clell'amicizia' mezzo il flnciullo Per h't sto: r q l r e \ lc \ i g e n / r t l e l - r a g a z r o l. P., l,cl ri.1,on,lere . e q l i q u J l e t r ( l t l r ' l . r r i q l i { , ' o r l i P r r os \ r " , e r t ol t n r ' p e r i e ttmore' btton di gioia rli e atmoslera una in ciescere iuprrarsi e ' cgli I h;r otLentrlosovrapponenclo scoui mera.'iglioso sto Qi " rre monrli pieni cli rttrattira: il monco tlell'ideale cavalle' rescoe quell della lita cli esploratore;cla essi risultata quella (le\e epopea iantastica che la rita scout. lfa t:le cPoPea rD il)Punto consiste romlrito tuo ecl il vissuta, eireie "nimata, questo: fare dei tr.roiragazzi gli attori tLi essa,in cui tu stesso l c g i s l i d a l l o r e rei .,s.ieme [ - r r r a P i : , ( i b e n i s s i m or h e p i u i l r e g i s t , rs a r r ' i v a c e e d e n r u . i . r \ t Jd e l ^ l r e l / o ! , p i u e s s or i u s r i t i a l l e F l o c P i J ( e \ o l e ' 1-rascinetore,comPagno allegro, suscitando gioia, col canto ecl il eioco, sorrideno, tu riuscirai a condure lontano i tuoi ragazzi sul sentiero scout.

II itatto dcl caposquadriglia

29

.//

,,7

Che pensare di quel csq. che fa esclamare ai suoi scours quando lo vedono arrivari nell'angolo di !q.: .Ci risiamo! di or nuovo con la ta una Iuna per traversol ,, ,r oppure . oggi la faccenda '.. L s e s { l pu sria! e n a :, Certo, erto, l ill ( cst1. lcte a puo e r dere ar're rere d e l l e pieoccupazioni, delle preoccrrpazioni, o e r S l a t t a ( a p t .m a t u a l - a r t e \ t i n e l n o n f a r a p p a r i r e n u l l a all'estemo. D'alrronde la gioia che deve regnare in sq. non dev e\\ere . torzata, ma spontanealdeve nasrerein te dal piacere che rrrova il capo a trovarsi in mezzo ai suoi scouts ed n essi dalli sod_ disfazione di sentire il capo accanto a loro. .Sappi entrrsiasmare, affascinare, magnetizzare i tuoi uomini - dieva Foch ellessi ti seguirannournq.,e ,. ,./,,1Eccoti alcuni esempi del genere. Durante Ia battaglia di Dixmude, nel bel mezzo della mi schia, un soldato va a lamentarsi dal suo capitano per aver perso il fucile. Questi, che sra an<Iando all'assalto, !.li gritla senza neppure voltarsi: "Fa come me, va sotto di testa!,...

30

Il

sentiero del c(tPosquadtiglt|

da un camI:rl un altro soltlato che sta scattando all'assalio bordo lungo.l solo' a!anzare il ca1;itano r'ecle ,lin"rttartro, i l t e nente c h i a m a r e clclle uirr<ea c poco dopo, ferito a morte' S' a loi I'onore! a voi '-I-encrle, ," t i. .-r" ^li" ,,o.rtt^n", esem\.ostro col cli gahanizzari uomini, gli rli grridare l onore tlel pericolo " r ' . , r , ,, r l . l s t , l e z r o Inon \orro m'ri rroppit: in \lqeri t, trn \,t,or.,'u', "''"m1, i9 i n r i rgenitliientle l'r (ima {li unit colllna I ' t r g t t ot l i c a r l l i e r i '.o,li.o (lel tenente tle Bournazel xla coiran,lo al nsorti, sti : ' l < t t n is i h if n"ntiio;rrrnu.t. gli intligtni anno prurr' e'itano \ullJ t rmJ e r l t i r r a n d o s r \ l l o r ' r ' l r r g e o n o . . ' rr t r r t l . r r t o . . , l t r i rosso' rlominanclo : battiiia avvolto nel stro alPio mantello. vlnsero' e ! re5larono' e tdtti il tenente griclir: * lo rcsto qui!--r r . r l r t o l t . r \ ,t l l i l o l e . l r l l i l l l l o ( J l ) o i l ' - - \ro . i I ' r , ' r ' \ \ c r t r a * i n . r t o r i s c n / a c \ \ e r e t n l r ' l p t tt t d t ' n t t i l c , l , o . r r e r ri P e n \ J l o ) o l ' r ' r b c t t e n o n t o l l e r a r e ,. o..'.e ,1,,.'1,"r..r ronotonrx lzio nd 1;,er se ne pcr gli altri, eritare ogni nli cli nuoro-' q u a l c o s a s e m p r e t r o v a r t l s q u a < l r i g l a , nelle attiriti rl in\L,nlnlJl .rl,lrre rt\.rnii \ott b'r't: rhe il 'sr1' m'rlrrcngl ' t l o l ( l l i e r l l r e l c l i ( l e l e I a l t i a L r r r o rrt t t n o r ei r r v l r l a , l r i q l ir . t l t e solo <luantlo itltpegno con gio<are tli ,-,,,r, "a.ott,a",nnclosi i C. R. lancia trn grantle gioco (li riParto'

Il

itratto

del .aposquadrigli4

Csrl-, devi tr. stessoessereintr;rprenclen te : - organizzaredei giochi, clei giochi nr.rovi, organizzare dele attivit (li tecnicascout, - lanciare delle gare fra gli scouts della tua sq., - prenrerc I iniziativa per riempirc i momenti \ uoti di unir riuniore, o di una giornata cli campo, con .rraali\ita (li sq., rron foss'altro che un can'.o in corol D a t t i d a f a r e , o r g a n i z z a l, n c i a t i : s p i r i t o t ' i n i z i a t i r a l ! ! tir vero <lpo comantla, parla poco, rliffirla come la pestc (li quel nemico mortale che la retorica. Nei consigli cli s<1., : r c a m p o , n e l l e r i u n i o n i , m o r t e a l l e r h i a c c h i c r c ,a l l c p a r o l e ruote, alle ciscussioniinutili. [-rna parola semplice, chiara, el rnornento girrsto, ne rale spessocieci oziose. (lirto (]c sono [ L r s c i ec h c t r r i p o r t i q u i u n a l t r o e s e m p i o , | | ,,1r1r,,n,o gli escmpi .hc f'.rnr,oiti colpo (usai spessoanchc p,:r i tuoi scotrts).\'iene riferito da -\nclrea \faurois u Ncl , " 1918, i n u n a n o s t r ac o m p a g n i a t , a t o c h e t u t t i i g r a c l u a t i crano stari uccisi, il comando pass acl un soldato. Nel suo rliscorsetto improvvisato, costui vole assicurarei suoi uomini che egli restara per loro ur compagno, che il suo potere r'or a \ r e b b e n u l l a d i a s s o l u t oc , h c I a c o m p a g n i as a r e b b e statauna 'sti rcpubblica. . Senti gli dissercgli altri - piintala ton l , < l i s c o r se i pensaa conandare'. Tascinotor(, lrattllo magtiorc, slendardo'. si trat|a cli un tutto unico che ti permetter di redicarti al tuo rcro compiro (li csg.: lormarc i luoi s(o1tts.

QUINTO MESSAGGTO

SII UN FORMATORE
Lrigt.i ch liarsa. risana ci ch' 'nlala, pega ci ch' gdo: scalda ci ch' gelido; c o r r c g g i . i c h ' e n a t o . - .' . (l{r Veni Sancte Spiritus) |

C forse preghiera piu bella <li questa per un csq.? tutta un'accolta di paroe d'ordine. Troscinatore Fratello maggiort: Fomatore Esempo " irriga ci ch riarso; risana ci ch' malato; piep;a ci ch rigido riscalcla ci ch gelido: coreggi ci ch' errato...'

La tua missione non pu esseretradottil con simboli piu adatti. Ti basta leggere qr.rcste parole, per capire meglio che mei, come per arrivare alla meta clevi essere ur esempio,tutto , l e l i z i u r r r 't.r r t t o l r . r n t h e z z l l,l r l t c , e r t l u \ i i r \ r r ot.u t t o e n e r g i a . giarch quest:r la prima conclizioneintlispensabileperche tu lxxra esercitars srri tuoi scouts un'azione lormatricc: il tuo ESL.IfPIO (li CAPO!

Il

rittatto d.el capasquadriglta

bcne clire ln d ora che ti occorrc pcr questo colaborare coi Capi, con l.\ssistente ed anrhe c()l tlro vice, dato che e\5i \ t a r r r ol a p p o s t aP e r a i u t a r t i n e l t u o c o m p i t o . I I a s o p r a t t u t t o , non devi mai dimenticare che la chiave cli volta del mctotlcr scorlf I'autocducuzionc , t cio i ragazzostcssoche si lorma, prr nczzo della .sua uolotttu persontle chc lo scout si ptrlczorta ed il csq. ha l unico scopo cli creargli I ambiente edu' ,.,tivo e fornirgli gi rirrti ncrt'.ari. Per questo occorre che la perronait dcl csq. non assorba n sofiochi quella degli altri, m;r.iascuno dcve sapere che il suo capo sempre pronto ild ascolt:rrlo e acl aiutarlo. In altre parole, formarsi lrn atto o meglio una seric (li itti dipendenti cialla volontt personale,proprio come carrrminare, correre, mangiare, ecc... Come ru non puoi milngire per i tuoi scouts,cos non puoi neppur Jrretenrlere di forrnare il loro carattere. Sono loro stessi .le tlevono farlo, 1xr proprio conto: tu per puoi preparare gii alimenti in modo graclevolee saporito, onde essine sentano un piir grande desiderio.
). - ll lentiqo del c.pot4t.dtsli'.

3-t

Il \entieto el mpo\tuatliiglia

ll csq. Iron ulr fabbro che forma il cararterc dei sttoi scouts allrr fiamma. rutolpi cli rnartello, dopo arerli resi incanclesccnti Lgli lisorniglia, pitrttosto, ad un fornaio che tlopo aver manipolato con cura Ia pasta ecl averle impressa la forma clesiclerata, la lascia lentamente lieritare al forno, regolando a tclltPcratura. lfeglio ancora, ,il csq. il contadino chc, dopo itver lavolato ccl irrigato il terreno (spiriLo ti stluadriglia), r'i semina il grano (il norizio). Poi lascia la pianticella germogliare e a t,cdtre se cssa insidiata clagli crescere, pur andttndo'spesso insetti o sofiocata clalle erbacce o piegata dalla grandine; ed allora distrugger gli insetti che Ia circondano, straPPer le erbacce,lr radclrizzerse ca(luta sotto la grandine. * Ad ogni modo, mi dirai tu, i miei scouts non sono tutti stinchi di santi e piu d'uno, anche senzirinsetti, senzaerbacce e senzagrandine, crescers, ma crcscern(li traverso,, dato che ce n' qualcuno che una bella testa dLrral ' Piega c ch' rigido, riscalda ci ch' gelido..., Cercando di raddrizzare la pianta , il tuo scout - sta ben attento a non romperla: piegala solo. Se ha fatto qualche stupidag8ine, se manc cli entusiasmo o di spirito scout non una doccia fredrla cle ci vuole, bens w consiglio fraterno. E se la mancanza proprio grave e ci vuole una bella doccia fretcla,non dimenticarti di ristabilire la circolazione, subito dopo, con una buona frizione amichevole. Facciamo il caso, per esempio, di uno scout che disobbedisca apertamente, che sia insolente, che provochi disordine alla riunione, che imbrogli al gioco... o che so io. La prima cosa da fare sar un richiamo all'orcline imrnecliato: senza grida n discorsi; basta una parola, utt segno, ll csq. che sul

t
I

f.

Il

ritntlo

dcl caposquddriglia

momento, alla presenzadi tutti, si mertessea fars un quare. i m a l c a l l i n t e r e s r a t o(,o r e r e b b ei l t i s r h i o r l i r e d e r : i m a n d a r o u quel paese da costui, che potrebbe aggra\are la mancanza con qualche altra stupidaggine. Csq., ascia passare il temporale ed aspetta il momenro adatto, che potrebbe esserela sera stersao nei giorni successivi, quando potrai parlargli con comodo. tr{a non dimenticarterrer Non sarebbe scout, e nppure psicoogico, volergli impone una punizione; occorre invece fargli capire che ogni mancanza t'sige riparazione e che sta a lui trovare il modo per riparare quella che ha commexo; tu puoi vedere con lui cli chi tip<r .ar.rtale tiparazione e rul al piu. seneressario s.u g g e r i r g l i e l : I e s \ e n / i a i e . i n l a t t i . c h e e s s a\ e n g a d a l u i . N o n d i m e n i i , a r t i poi di " ristabilire la circolazione,, di riscaldare cio il colpevole con qualche parola d'incoraggiamento. Egli deve sentire che il tuo atteggiamenronei suoi riguarcli, dettato solo dalla tua amicizia uerso di lui. Non distruggere mai, ma sempre costruire,. " S, costruire su tetreno sicuro: quello della volont. e con rrn {emento solido: quello dell amltizia. Uno dei sistemi migliori per suscirarenei tuoi scoursquello rpirito che permerrer alla rua arione rli portare i ,.uoifrurti, quello di prenderli per il loro laro piu sensibile. ri rhe li ha attirati allo scautismo, ci che li inreressa.Oualcuno r i e n e a l r i p a r r o p e r s p i r i r o d ' a v v e n r u r e ,a l r r i p e r e . i d e r i o d a m i r i u i a . a l r r i p e r r r g g i u n g e r eu n i d e : r l e . .e . r,. Bene. da questo lato che bisogna prenderli. Capisci allora che, prima di voler formare i tuoi scoutsc' una cosa importante (la fare: conoscerli. Conoscere i tuoi .tcoltts presuppone che fin dal loro ingresso in sq. t'interessi di loro, dei loro gusti e clivertimenti, dei i o r o s t u d i , d e l l a r i t a i n f a m i g l i a e f u o r i f a m i g l i . r .r h e t u r a d a a far conoscenza coi genirori... (Oh, non parlo di visite ufficiali in cui tu ti presenti come educatore del tuo scout, nol Si trartera piuttosro di una visita fattagli quando malato,

36

Il sentero dcl caPosquadriglia

di una spiegazioneda dargli Per le Prove di classe,del sacco ,la nrepjrare per il (.rmpo: e prima o poi. durante queste i i p a , l r eo l a m a d t e e d i r t t a c l i r i r r . t ' i r r r t , i t e r .. lr i t t . o n t i a r n e .o." Lo,torti con loro; ed anche se non ti capitassetli incotttrarne i senitori, ti renclerai facilmentc conto dell'ambiente familiare). E per i suoi studi, non potresti cercare d'informlrrti, nort fosse'che una sola volta presso i suoi professori?I risultati che trovi scritti sul libretto scoiasticonon Pe[nettono lntattr gindicare di rendersi 69n19 <lel lavoro personale. necessario non dell'intelligenza il dono tlato che sforzo, lo soDrattutto 'stato dato a tutti in grado uguale Ci che lo scout deve del suo dovere acouistare lo spirito dl lavor, la coscienza metodo di lavoro ed un di tato, l'applicizione alo studio, il qrralesar r i t r t o i l t u o r i r o l g e r s i ^ orerto r.po rlre dcte b c r i p i u e f f i i r , e q u r n ' l o e r r r i " r p u t o d a i p r o l e s : o r id e i t u o i scou; le loro difiiolt, i loro progressi,ci che va o non va' Ci sono anche altre pcrsone che conoscono il ttto scout e !ssi pure seguono da vicino- ognuno sono i Capi e I'Assistente. e son l apposta pcr lavorare con te (o piuttosto sei trr che clevi larorare con loro). Nla ne riparlcremo a suo temPo' Infine, ossen'a tu stessoi tuoi scouts durante le riunioni, i g i o t h i . t e a t r i r i t d i s q t r . r , l r i e l i r 'n e i l a r o r i , n e l l o s v o q i m n r o c l e l l el o r o m i s s i o n i : t i e n i I o t r h i o a p e r t o s u d i c s s i dei giehi, se necessario,Per ren Perche non orgianizzare derti conto della lealth dei novizi, del loro saper'fare, della l u r o g c n e r o s i t . .e .cr,: Tutte quste prese di contattO, tutte queste ossenazronl' t i p e r m c t t e r r n n o , l i c o n o . , c r ei r P o ( o a p o c o i t u o i r a g a z r i : sar questo il primo passo fatto. Il secondo passo (ma solo nell'ordine logico, non in quello cronologico) iara cli raggrupparli: di creare ci uno spirito attomo al loro tli squadriglia -seconco tale che li unir tutti insieme il motto: n Uno per tutti, tutti Per uno'. { Nfa csq., questa un'altra storia ' direbbe Kipling, c ne parleremo pure nella prossima taPPa.

I I

II ritratto dcl .aposquadriglia

Ed ora cerchiamo di riassumerc.Ci sono tre condizioni che devono ispirare il tuo atteggiamento e due che devono diri6;ere il tuo lavoro onde tu possa FORNIARE i trroi scouts: I l t u o a l t eg g i o m c n to esemPro fratello maggiore trascinatore conoscere raggruPPare

1 l t u o lat,oro

II tuo scopo

)-

formare clegli scouts, cio,legli uomini. dei rrirriani. dei cittadini.

Religione: <A lorza di viuere a stretto contatto con Ia natkro, si .omprpnd" scmpre piu . r(mpt neglio lordine sub I t m p ( h p t i r r q n a r d l C r e o l o r ar l t o v i p r r r e d e , . " In qualunquc situazione dilficile non sbaglieretema se ai porre.tela domand,a: che cosaaurebbc latto Gesi.t al mio posto? Fatelo anche vcti nella misura d.ellerostre ofte,. .Il cristianesimod.ello scout per la vta di tutti i giorn;, e non solamente una rcligione domenicale (Baden- Powell)

SESTO MESSAGGIO

TU SEI RESPONSABILE
.lla(aDrndo cote il tiglo ne..o di 'uc(?sn il sst(,]t rti sqMdriglia, cio di pi.coli 81upp llernnenti ditetti '' ciascuno da un lga.zo che ne il caPo resPonsal)ile (R. P.)

lirolrli in qualsiasi q9r'lintostrrrrerlte @ J l e a t l o r c r e , i f . r t t u t u t t o si S l t l \ t l h ( i r e P r o l , r l c / l o n l e q u e l l e clci subalterni con il fatto (lel dovere compittto. [n questo senso, ogni vero caPo un responsabile. II ciipitano cli una nale l'esemplare liverlts tlella rcspo-n. t r r . r t t l,r c . , r l r i l i t . rr-l:o p o D i o c g l i i i l s o l u p . r r l l , r r r r 'l.rto r , l o n i l r o l o t c r l r o n s r b i l e : , l e l l : r r r . r r e ., l e l l c t l t r i l , e g q i o r l e l lr r r r i ' sionc affirlatagli. Dcve badare il tLltto, a tutto cii) (he illte r e \ . . r L r n J \ e , I . r r n i r . i o r t e ,l c q u i P r g t i i o . t r g n i t r U m u i r r I ' r r r i ' ( o l i r r e . D e t e . r l t p r o F t t l r et l e q l i ' r r r l i p e r l r r r c i l p i e n ' r r l o g r r i cosa, star attenio alla provrista cli carbone, e di rntrnizioni ma anchc a quella di viveri c rli acqua dolce. f)eve pcnsare a l l a s a t r t ed e i s u o i u o m i n i e d a l l a l o r o i s t r u z i o n e B a t l a a l l a rorta c(l ile navi ncmiche. Dirige le manovre durante il con' battimeoto e comanda il tiro. \reglieri solo nella cabirr:r cli ( { ) r I l . U r l oq u . r r t l or ' a t l . l l e g r o \ \ o , 5 c n / a P e n \ r r e l t r i 1 ' r x : r t t i tli pcnona. Eqli i l ttlu t t i s o t l o ( o l r e r t a .P a g : n t l o m : r n < l a n r l lo l.t rrrre sc e\\1 .la a picto. Al ritortto tlallr limo :r I'rscirrre nissione consegnerai superiori un raPPorto dettagliato stt n Essereresponsabili' significa ".t.tcr

II

ritratto dcl nposquariglit

39

di essae comunicher loro tuttc le informazioni annotate su . giornale di borclo ". Egi l responsabile.

, l r r r r r r r r . r r c .r r c l l . r r n l r i tt,lre l l . r. l r r r , l r i g i i , r : c o r t t ci l r , r P i r a n o Doreri be<lare (lon r rr a tt ir t a tutto: cc Irrrrl ru L:tt:p o rc er i l c a el f lf i'( rli r iti ,u , e legnl sec.i rl coperto? i firo<hi sono stilti spcnti: il guartliano dcla tenrla ha allcntuto i tirarti Prina cli chirrclerlal non c per caso rlella cortcntc tl'aril rlso terra (carrsari tanti raflre(l(loril) e l:r rerrtlrri lx'n acreiri?\on tutti bcD co p e l t i ? S o o r l o P o r l r r e s t oc \ : n t c 1 l r t i s t e n ( l i t r e n q t r i l l o s r r l p a e l i e r r ' t r i oc , h e h a i e r r r r o r r r r a r l i p o r r c p r c s s oI c n t r a t a t l c J l a t e n ( i a , l ) c r e s s e rs c m p r e l ) r o n t o i r q u a l s i a s ic v c n i c n z a . -frr Prrrcti sentiri resl)onsal)ile. P t ,r i . t . r r r t q , :L , t\ rt . t r e \ l j o r r \ . r l , i l i t t . lri : r h i (li che cosa re spcxrsirbile il csq.?
L - TL' srr R!:sfo\sllll[ !: {\zlrt 'l'll) Dr
STESSO

Pensa r(o ) r Lr rl rt Lirn I ro r o c ia l ln l l lD ) (o ) :: : : : : : : - i _ La l t r t

no on n t li s e el t rlt\ il \ i eun l lc . lh l cc t tu l u lln n l)o

sla (onlc scorrt che c o m e c s q . , t a n t o I)ii (llc hai sempre addosso sette sglrardi c h e t i s p i a n o , t i sclutaDo, mettono a

40

Il sentero dcl ca?osqltadglia

nudo il tuo carattererti conosconomeglio che tu non conosca te stesso... e ti imitano. Tutto ci che ti potr capitare diPender quasi sempre e solo (la te: insuccessinello studio, imPreParazione tecnlca, mancanza d'autorit, squadriglia senza spirito scout, Tutto ci dipender da te, per il solo fatto che non avrai voluto. Prima di volere per gli altri, bisogna inatri voler per s. facile dire agli altri: . Voglio! ,, ma quanto piir difficile dirlo a se stessol Sgobbi come un mulo per lanciare i tuoi scouts in attivit tecnich per far loro vincere delle specialit e Poi ti meravigli del poco impcgno che ci mettono. Guarda a te stcsso: hai a mala pena la secondaclassee non senti affatto I'attrat tiva per la vita scout. La tua squadriglia sempre ultima nelle gare... ma non per caso colpa tua, dato che questt giochi . infantili ' non ti interessano piir (. roba da ragazzini ')? Non essereun vecchio prima del tempo..., gioca, e vedrai che anche gli altri giocheranno! l-o scout incaricato del resoconto della riunione non I'ha ancora fatto; tu non ne sei affatto contento ed hai ragione. \Ia perch poi tu stessonon hai ancora consegnatoal Capo quella dara lista, che ti ha chiesta da quindici giorni? L'incaricato dell'angolo non ha pulito bene pcr terra ed ha dimenticato di mettere le panche a posto dopo I'ultima riunione: tu glielo fai notare e fai bene. ]\la perch la mamma deve continuamente ricordarti cli tener ortline sul tuo tavolo tli lavoro? Ti lamenti, ed a buon diritto, dei ritardi di qualche scout alla riunione, ma perch ad ogni Consiglio dei Capi arrivi tu stessodieci minuti dopo gli alri? Una q. arriva in ritardo ad una adunata: si pu scusare. Un csq. in ritardo: nessunascusa! Da tutti questi esempi, che ti ho riferiti qui appositamente, ci sono due idee da ricavare: l) Non sei f_eale se esigi dai tuoi lcoutlrl) lhq non esiqi per te itesso, se imponi loro delle regole rhe -tu slej!g_!g!

Il

titatto

del coposq adriglia

4l

o s q e n i , U n ( a p o d e \ " s e m l ) r ce \ i g c r e p i u c l a s e r h e d a i s u o i 21-.\on r 2' ' mai nessuna s ru \ a p e r u n ( i p o .

Tl-sg--Btgrqls1lrllr",r*lru--:elilBlqlll

Deri infatti rispondere: - del ntateriale di sq. (che ha un valore); - della tenda di st1. (in caso tli pioggia non dimenticare cli allentare i tiranti perche la tenda non si strappi; dopo il campo, se essa umida, non dimenticare cli farla asciLrgarc per bene, se no la tela marcir); - del tuo angolo di squadriglia; - della cassadi sq.: denaro che gli scours e la sq. hanno rffidato a te (anche se c' il tesoriere incaricato di ci, in clefrnitiva sei sempre tu il responsabile)t - delle uniformi dei tuoi scouts (evira quindi i giochi che le riclucono a brandelli; - della riunione di sq.: ricorda che i tuoi ragazzi ci ven. gono per formarsi <ivertenclosi;se dolessero annoiarsi, la colpa tua; - dela salute dei tuoi scouts: ti preoccupi che non restino c<-ri pietli bagnati o che non stiano al frescoquando sono suclati? Quando la sq. atLralersa la stracla,cleri baclare chc non capitino incidenti: sei tu il responsabilc.Cos pure nei giochi o in altre atti\it, ron esscremai troppo temerario. \rai al bagno con la sq.: c qualcuno sempre lrronto ar aiutare chi .i trovasse i n r l i f h r o l r i S e , l u r . r r r r cu r ' r r . ( i l . r i n r o l \ r o r l ! \ i (omportano da cafoni, li lasci fare senza intenenire? Tutto questo senzaparlare del campo, in cui la tua resporrsabilit ancora piu grancle e va fino ai piu piccoli deLragli. Tu sei responsabilepure rello spiriro della squadriglia per il fatto che tocca a te crearlo. Se non sei capace di suscitare rrn'amicizi:r lraterna, uno slancio comune fra gli scouts, per mezzo di uscite, riunioni, campi, ecc., non riuscirai mai acl o(tenere un buono spirito di squadriglia.

II senti?1o del uqosq

adriglia

3 . @4B1e'
Il tuo posto alla Corte d'C)nore ecl al Consiglio dei Capi nou onrifico: sei 1 per collaborare alla direzione del Riparto. Se (lurante tali riunioni tu sogni o ti diverti, invecc di suggerire o discutere, sarebbe meglio che non ci andassi piu! Se il C. R. ratlrrna i csq., lo fa pcr chieclcreil loro parere o l)cr corrnicarc delle disposizioni, per creare l'armonia tra le ccl assicurarecos la vita e lo spirito clel Riparto srlrraclriglie e non certo per oflrir loro l'occasionecli criticare tutio ci che si fa nelle altre sq. e tutte le (lirettilc clei Capi, appena si usciti clalla riunione.
4. - Tu stt RlsroNSARILE r)r oc\u\o
DEt IIOI SCOUTS,

nel sensoche dipende (1.te se essi impiegano un temPo Pit o meno lungo per acquistare il vero spirito scout, lo sPirito della Legge. Non solo tu dcvi farli clivertire ma sei anche responsabile rlella loro formazione moralc, intellettuale, materiale, tecnica, fisica, religiosa... Sei responsabileanche tei ragazti che sono cntrati in sqttarlrislia e che poi hanno abbandonato il loro posto nel grande gioco rcout, che hanno ccdrto o, Piuttosto. che tu hai lirsci:rto ca(lere. Dice B. P. : . In- oqni lirRazzor' almeno rrn SlL dllog; . ro<ca a voi aiuiirlo a sviluJrparein bene quel 90-95t; che si trova ancora in lui ,. cla licino ciascuno Questl responsabiiti esigc (le ttt segLta clci tuoi scorrts,che tLr lclgr gli occhi e le orecchie sempre bene aperti. Per clarti un esempio rli tale responsabilita voglo raccort' rerti un [atro acca<uto in Francia rlualche anno [a: rutantc lrr caInpo, uno scortsap1;rofttadelh siesta per allontlnarsi D'improvliso lo prendono i crarnpi e farc un bagno ri n:rscosto. e<l unnegr. Pcxo tempo do1n, il Capo viene citato in triburale erl :rccrrsato clell'accarlutorinrano cqli obietta che il resola' mento <el cirmlro 1-'roibila etl ogtti scottt di allontanarsi senza \

I I

Il

tratto

del aposquadriglia

peffnessoed, a piu forte ragione, di andar a fare il bagno da solo. Fu condanrato ugualmente l)er non esserriuscito ad otte, nere da un suo scout una discipltna tdlc da fargli osservare il regolamen to del campo. esempio illustra chiaramentc la grale responsabilit Questo che pesa su rli te, sia dal laro rnarcriale e rnorale che clal laro educativo. * Per analizzarepir'r a fondo qucsto argomento, sJ)ecifichiano ora verso chi sei tu tesponsabilc: l \ . S e i a n z i t u t t o r e 5 p o n . . 1 b i lv ei r u o ./ / / / o j & ) / r / . ( . \ o n l o r o , clc e)tgoro d a l e ( h e l i r o r r , l u c l \ u l . e n l i e r og i u s r o e t h e r l i : r l o r o I e r e m l , i o .H a n n o 6 , l r r t i r . r n a , , o r r oe . i g c n t i . 2) ln seconcloluogo sei responsabile ^verso i Capi c I'As.q.rldr?le. Son loro infatti, che ti hanno nominato csq. e che, frima tli affidarti il suidone dcla nuova s!1.,ti hann chiesto sc prometreri(li drrti tutto ad essae se eri disposto a (lar l'esernpio n tutto. Ai Capi i genitori hanno affidato i loro figli ecl essihanno scelto te per aiutarli in questa gravosamissione: n o n d i s i l l u d e r l i .I n p r a t i c a : l) Il C. R. e l'Assistentedevono essere al corrente tli tutto quanto riguarda la sq. ed i tuoi scours. questo il tuo primo (lovere nei oro riguardi; tu sci soo I'interntedi:rrio rra essi cd i tuoi scouts e solo col tro aiuto essi ltossono seguire rla vicino i 30-.10 ragazzi di cui sono i prini rcsponsabili davanti a Dio e agli uomini. Non aspetrare chs ti clriaDino: r'a tu tla loro spontanea mente ed nforrna]j clei progressi o clcllc rilcolt rli ogntrno clei tuoi ragazzi. Prencli anzi I'abitucline ci anclarli a lrovirrc rcgolanente, ogni dtrq o trc settimane, a meno chc rlei casi syrecian l i o n e s i g a n oc h e e s s is i a n o i n f o r m a t i i m m e d i l t a m c n t e : sar qucsta la forma basilare cli risposta alla frclucia che essi ti hanno <lmostrata. 2) D'altronde il C. R non piir un novizio: forse non ti va giir il suo viso trol)po severo o il srro atteggiamento

44

II scnliero del coposquadriglia

troppo esigenteo.. i baffetti che gli spuntano; oppure gli rimproveri .he non lo si .!ede qrrasi mai? Nfa che t'interessa quesro? lui che ,-lirige il Riprto e se glielo hanno affidato, ci sar berr un motilol Lavora sempre d'accordo con lui e ti ac.orgerai ben presto che quello sguarclo,quell'atteggiamento, nascordono un cuore di lero fratello maggiore ed un'esperienza cli vecchio scout (proprio quello, cio, che i tuoi scouts \'ogllono trovale rn te). Vedrai come si intcressa a quel gioco, a quella attvita che Bli progetti, redrai soprattutto che la sua esperienzaprofonda seurpre pronta ad aiutarti e a consigliarti. Se tlurante la riunione di sq. uno scout d'improvviso si alzasse e sparirse clalla circolazione,che faccia farest) Bene, ricorcla che all ultima artilit di Riparto c'era uscira per squadriglia e ru re ne sei anclaro dalla sede snza neppure dire al (apo clove anclari! Pensa dunque acl inlormare il C. R. non solo sulla formazione clei tuoi ragazzi ma gli parlerai anche delle artivir e dello spirito clella squadriglia, gli esporrai i tuoi progerti ed i risultati ottenuti e gli chiecleraispessoconsglio. 3) Ricorda infine che il C. R. capo dell'Alta Squadriglia, cio il tuo csq. e perci comporrari con lui come desideri che i tuoi scorrtssi comportino con te. In rrna parola: SII l-E.\t,E VERSO I l'UOI CAPI (2o articolo della Legge). .y"" .:."osn]1." o.!!1l.lla. \.,ERSo L{ PrrRrA. T:: Dei tuoi sette raga/ri tu cle\'i fare degli uomini, uomini che siano buoni cittadini, consci del loro dovere sociale. isrruiti .rrlla grarrdezra r l e l l : r s r o r i a n , r z i o n . r l es .e m p r e p ' rontj ir drr.i i n t e r a m e n t ea l l a P . r r r i ae r l a i l o r o { . r t t . i , ' " . i i r r i . Allontana rla te la convinzione che la Patria abbia bisoeno s o l o d i L r o n r r r. ro i l i d i e r o b r r s t i< , rparirli tror.,rc un luiile e d i l r r e l r g u r r r r r . l s s x s . i g e b e r r c l i 1 , i u : e s i g ei n r e l l i g e n r e disposte ac istrLriregli altri cirtadini, laloratori che le assicurino la prosprir, uomini generosi che dedichino la loro vita 5 .

I I {

Il

l itrfltto del .aposquddriglia

.1,

t
L
i t

i c i t t a d i n i m e n o f o r t u n a t i : e s s av u o l e i n s o r n m ad e i c i t t a d i n i coscienti, capaci di renderle prospera in tcnpo di pace e di dilcncerla in guerr:r.


6. _fli sE RF.spo\s.\Rrlt Dlr-t.1 n { so. nt rlotlt .r Dro.

__--

)I.r sopra i genitori. sopr:r i Cupi, soprir la Perria, c'l 1)io, chc hu fissato s i r t c i l S u o s g u a r ( l oe d i h l s c e l t ol ) c r a m d a r t i r r n : rn i l s i o n e c l : t s l o l g e r c n c l p i n n o c l e l l ; rc r e a z i o n e . IlLLri che ti hrr fatto scegliere p c r c h t lr u L o f : r r ( i t ( o l o s c ( , r e e r l r m a r e . l ) e r c h c t t r s i a g t r i r l a s r r l l l r , i t r a r l at l r e l l r r t a a I - t r i . pcrcrr1 ttr sia Suo . nrissionario,. l a L r r i c h e t l o r r r r i s o p r a t t t [ t o r e n t e r c o n t o n r : Li ; r n c h e a Lrri the clolrli :rn..iturto c l r i c r l c r cl t ' g r a z i e c e f o r z c n e r c s s a r i e P e r g u i c l a r eL r t u a s q r r a c r i g l i a . Hxi gi: persato che Chi dissr:: n Io sono il Buor Piisroe c aoloscole nrie ltecorcle c(l es\e (oloJ(r)no me ,, 1u il primo (aposq rratlrigia? H a i c l J ) i t o c o r n e i r r l r n i l a l e a l r C o l r r i c h e , d r r . i a n r ia P i lrto. rllrebbe I)oLuto csser graui;rto sc avesscdclto una solil parola? ( i o n e i n r r m i i l c o r a g g i oC o l u i c h e < l i s i r r i r in r cl rleserto lrcr .11) gior-rli e 40 notri? , o l L L ic ,he(lopo ir\cr a\lto C o m c i n f i n c i n c a r n i l a c l c c l i u i o n(c i p i c t i d c g l i A p o s t o l i ( i s t r o i s q r r a d r i g l i e r i )s .rrlil (,alr:rrio ontlc morini per i peccatorii Ilcco il tuo Capo, il Cirat/nrle Cepo. Pensi :r prcgarLo abbastaDzaslresso? ad arrcl.rrloa trorarc: ne;r S. l\fcssa,a ricet erlo in te nell:r S. (omunionc, per prrrlar(;li di (e e dei tuoi scoutscli cui Egli ti ha alhdaro le anirnc? Hai, insomma, piena ficucia in Luii Qrr:rndo non cc lt fai \ e i s l l l I ' u n t . ) d i s ,o r a F q r . r r r i . .t.r:n P l r r , i r . r , Ir 1 , i u .r l u , r n r l o Lrri, fducioso n e l l ' a i u t o ( h ' E F I i ( e r t o n o n t i r i f i u r e r i . . .c s a r a i per ripartire, firro ;rli:r met:rl l)rolto n \on tcmcrc nrrla ma abbi f|tle '.

46

ll

sentero del uposquadiglia

PROPOSITI:
l) faf ogni giorno cinque ,rinrli d rflcseioncr pcnsc ai tl]iei scouts, soprattutto a queli che mi danno piir da fare e pregher per lorc. 2) Andr rcgolarmente dal Capo e dal Assistenre pcr parlare dclla squadriglia, dcgi squadriglieri e di mc stesso e li rerr a correnre di ru[o quanto intercssa la squadriglia Essi sranno apposra per aiutarmi. 3) La responsabiit:dcla mia carica esige che non prenda mai iniziative alla leggera, pur restando intraprendenre. Ho a chc fare con dele anime e dci corpi. Sar quiDdi cosciente di tirle rcsposabiit 6n nei ntinti pnrti.alari.

rL PE\SERO Dl UN CSQ. Non cosa di turri i giorni sentire un csq. che licnc una conferenzaai suoi colleghi sulla . figura e i doveri (lel csq.D; per questo voglio riportarti qui quanro ha detto al Convegno Regionale Csq., tenuto a Cascrta I'll febbraio 196.1. lo scorrr Bruno De Nfartino, <sq. tle Caserta 1,, sulla figura del csq.:
.Il csq. l'croe delle ar\cnrurc di sq.; per lui valido solo t'. uno p e r t u t t r ' : d e v c e s s e r es m p r c p r o n t o a g u i d a r e d e i r a g a z z i c h e n e l p i e n o sviluppo tro\ano in lui un elemcnlo che sa indicare la strada coo esemp i o ; p e r q u c s r o l a s a a z i o n c , s r g u i d a t a d a l c . r . , p i i r e f c a c ep e r u n a educazione tecnica, moralc, formativa; perran[o dc\e arere s\iluppara ]a s p i r i t u a l t i n t e r i o r e , c o n r i n t a e n o n f a l t a d i c o n r e n i e n z a i e s s r ed i l i g c n ! e s c o l a s t i c a m e n t ce c i o c o n s i d e r a r c l o s ( a u t i s m o n o n u n m o d o d i e v a s i o n e dalla realt quotidiana, ma la pacsrra pcf esscr prepararo atta vita dogni giorno. Sa acquistarsi il favore dei suoi squadrigjicri no cedcndo ai capri.ci ma suscirandostima per la sua digniros opcrosit c scrietii *nza asciarsi trascinalc dagli entusiasmi c scorgendo in ogni suo ragazzo il volro del fratcllo, 'immaginc di Gesir, dovendo dare conro del suo operato oggi agli uomini e domani a Dio, (E. P. 1961, p. 327).

SETTIMO MESSAGGIO

ALLA DIREZIONE DELLA SQUADRIGLIA


, \*att o!ti iana(i i laler ldt 1tto da sali: linit(tita col farrli:.d1e tutta. lllnalziauto tutta I'a,nbe/te che c .ircorda rl non Lutlb: il Le:.o tnigliorc ler i1)a : d r c n o i r 1 r r r j . . .I n g w s t o s ? " s o d a 1 ? t o \ o . 1 i t , ! . 1 t . t ? u mfa de1'( saPe la,e tutta, !l$so, cd. talora la cosa Piit dillicte, dere itnqorsi d non lare pi nuua,. (Gen. Gamclin)

FARE O r-ON FARE la caratteristici/ cli un cartivo capo il roler far trrtto d:r solo: infafti conlinto che in tal rnodo tuttc le coseriusciranno meglio, ma non
rro imparlr c a I I a!esse r l t c l r r i . r e . . o l t , r r o r t r t o r r t tq i ' , t -

m o,.o

C o r i , a n c h e r u oilri ar tuoi s(outs di facend ben ola te ln manlera p e r f e t t a . E i m tli piu se, cl
:ne non vanno e lc coneggerep assrerne

(he

tolt tfo

vcdenancol;

Dunque afficlaloro clegli incarichi, dei lar or, della rcsponsabilit, delle . missioni , ; in altre parole: dslribuisci il louoro.

48

Il sentierc del capasquadiglia

l - d o l r o r r rc r i l r l t o c l L r c r r o p , clsi rli potcrtene rcstare ron le lll iltt ln nlllo, scr/ir l l r r ' n i c r r t t ' \ [ o s t r e r c s t i c l i n o n a r e r c a piLo il pelsiero rlr (,er (rurclin, ritrro soyrlr. No, il ttro ' ( oml)lto vicino ed \ ralDo all attro al I (lt CrrlSlrte ilD l) tt ll fr I .sgggrjtg_ ( ( o n l ) i t ' ) r l e l , i r l ) , , .

,r'
t,

ncl . r.cifuira l) altrondc !c ( i n la\'(rro


t'n

: tlhAfArC'1.

o dintirq

//

.\tin fttrlt

"lil"i,'lli''ffi

brron cJpo t

aintlti() prr

s ( n z a f t t r . s ii . t d t r , . d a n e . s .

'I-[\

t_RE CO\s]CLf o

(omc Lrn (aiD non clcre roler frrr tutto rle solo, cos non (lere l ) r e t c n ( i e r ec h e t L l o e : c a r e l s u q c e l ' \ e l l o : D c u n t u r r tlittatore n una macchina tla irlee. D;rcrhierJere_r1uir4!_i

t
|

Il

ritrafto

del caposquadrigtia

19

l' tg!.-iJe-,*',,9i '*]1!!4' r l o r ' t e n e r ec o n s r G(l,

rmcelio: rlei .rroi ro]laborrrrori,.

il

!l

( ) l i s c o t r t s ,c l a l t r o n r l e , l l l l l c r a n n o ( . o n nrolto rttageiot sl:rn i r o l e r l c c i s i o n i l J r e s ed i c o r u n e a c c o r ( l o . r i s y r c t t a n < l oa n c h e i l r()ro l);rcte l ) e t - s o n a l e,e d c c i s i o n i r i o d i l l r t l l l a s q .

D,\RE ORDINI
a
De (lc\ r l r i . r r oc cotn (o
(leve al

(onslg

(Lr

lrr ,lerj ,L}111111,1 , ,,1 c \1 .r r ,. , r r r cr i r , r r r r 1 , , r 1 r j 1 , r , r r i , . rli, c r in i r , \ ' ,| | o D \ , r . r t I . r r i , , r r r r , ,r l i , l r r r l l i , l r e . i nlcrro o.i eti,l.rle: l ' . ' , , l u r - l l u r I r r ' l r i . o s r r . rl , , r e l S 1 , i ri,. r t c t ' i i li (l. \i.r tJ a , l ) C r l a l' . \ o . L r n ,i . r i l q r , i , l , 4 . i r l . r 1 . - er l r r , , r r r l o rlri \un frr.\enl. ,liii \ ' r l | l ' l r r F r n p r t e J l , ' h l ' i , , m oj . r l " glle.to lrrorU. renite ron me. Farcianto l)reslo c l)eneo. L larorr pcr prlmo. \ n r r l r . : i b i , o q r r r , , l ig r r , l . r r c o r , l i n i e , l ] r o r r r r . r l l . r r icl l . r r o r o vr/r l r . l n r r l l , r . f t . r 1 , 1 , r i r 1 i1 r ,l r liriri il ljj\nro c l)oi lon l)ri , l t . . l , o r r r r r i I t , r r rr r r i , r r r , l r ct u l l r . r l,. " I ' r r c o n o s t i i - t r r o i r : r s a , , u ie s t i ( l l r q c l i c h c rleri clire atl ('qnrrro l ) e r ( l r f . r c r i a i l s L r oI a r o r o n i e g l o p o s s i b i l c . C j i v u o l e t i r ( { oc t r r ( l e \ i a \ c r n e ) . t' .r'i .rlrirrr.rr. or , l , r l z . r r eL r r o , e i , , n r i n r r . r r , i , n trc - .e un i . .i::'11.", ti^.r l,t,tiq.rr, .) r r i r l r i . r r r r . r rl e l l o r , l i r r , r 1 r r . r l ,no piir r r l \ c l l " r ) r e l ; r f . r r . r i: r t i r r r e r , t r r , , n ; r l z i r , r ; , il . r l'r'\er',rrrcnr.. . \ q l l ' l r l . . r l r r e l ar o l r . r r l r e r l e r i j , r r l , rr i 1 , . r r c r : . rl l . r r l , l l\o'c I'cr r;l)p(na (ll l)o.o c srtrii obbctlito.
1 : i , i t r l r , r t l , : [ ' n o r r l i n e c l r r t o( l e \ ' e s \ e r e (hi s r r b i t oe s c g u i t o . r i n r i r r ,r l i r u e n t i c a .

r
I
i

nNon basta rlare orrlini: ltisogna controll:rrnc ..(;ontftllo: It.c, rzr,,rre, ,Fo,hr \orr ri rr.rrr.r , l i r o r r c g l i . r n z .rri C i r l . r r .lre r r r l l " , l l \ c o g r r i i n i z i . r r i r : rn . t , rs o l o r l i r . ' n \ t , i t r v , o g n i o r , l i r r e c slalo clcgutto a dovere.

a"nqa

det

cdpot4tual/igii..

50

II sentierc del o lo\qmd'

igli

PREP,\R,{ZIONT (le\''ciser Preparitl, ma bisogna risenarsi clj / Ogni atrivit di imprcristi /potei ogi.e e soPrattutto reagire in teso
t n ,.a detp rver semrrrc firttrir irl .e rte.ro.

drre Irri: iii ,,n.rttirit:r tornPren(e L; Ite-F;;;;; l) Preparazione relrota: sal)er molto ill anti'ipo quello ttre si iiifile-Ti?liGi-ii Progetti e pensrrci ol3tti tnnto' passano notando le idee che Per la tcsla come Pure I strggc clagli altri. si ricevono che rimenti l l l n l ' l o q li n ) n l al ' i lI i _ 3 I P r c p ; r r . r r i o np cr o . . i m . l: l ' r c lr : r r i P coareggiato,ptrr prevedenrloogni erentuait e contratlenPo PROGRAII]f '\ Lln blron clrPo h;r sempre itt testa rtn Progtirmrnlr' ma.ltr realizza poco pcr lolta, preocctrplnclosidi lascirlrne aPParlle r-nenopossibile la trama all'csterno. s e n z ar i r e l a r n e r t r t l . S a P e rq u e l l o c h e s i v t r o c e r e e l i z z a r l o I se stessi pcr iscritto qttca '. bcne r'olte ,,ft."n f to Precisare schiari' rcnccrcene ma nol dobbiamo ,to / lrrogt^ttt-, IL'T,'\C](JUINO DEL CSQ' dcl cstl': tlere tio'i' Questo tacctrino dcv elsere il r aclcnet_trnr ttttto ci cltc lrtrir annotare portarlo sempre con se, Per potcrr In particosqLradriglia. la irovarc tli rriilc sia per se che per rleve contenere: larc esso i r c s ci n A t a S q . e t l a l c o r r l ) N o t e , d i r e t t i r e e c l e c i s r o np t ii o l t e i n t l e l l e a t t i r i t i r t t e r e s s a r ts siglio clei capi. Riassrrnto tali riunioni.
2) \oie e s.opcrte interessanti fatte un po o\unqtle: rn (apo ocl rrn csq , I un litrro, in rrna rilisra, col\'er\rntlo con un l angolo cli un ltltrlr sg.: (irIti, danre, trrrtchi e tro lyisitanclo I vate cl'ogni genere... i

It rtratto del caposquod.rgtia

5l

, .. r,ffPrraztore oqni . u.: ,irr a . r , a m p o .S u l l a .di f p.grnr . ^ , : 1 (fr lronre, .riurrioDe lrsciatain bianco, si atnotano le osn,azionr I I farre dopo reli arrivira.
Quadro delle presenzeclegli scouts clella sq. 5) Tabella dei risultati atletici e fisici <ti ogrrrrno. Q,luU." .._,-,U ogrt scout. detragliato del liello tecnico raggirrnto da .1)

r e r o g r r i \ r . ' | | r , c o n l e n c n l e r i n d i r i z z o ,d a r a . , _l'-l-l, rg rl \ r, it l I.n o . (3 girn e.s oa l R i p a r r n . d e l l . r p r o m e . , l r . della ll e r, nrr\ ll)e(tattln. | (r \{ ( l.\ n n m e r o r l e l i tt e \ . e r . t . (,rml,i.
\or.l Pcf maggior chiarezzapotrcfi avee 2 accuinj: annotir da una parre: ir res.onro dclte riunioni dei capi . ,rl . l: : lu n t o c ), c, 1 : : p )j (lallaltrai Ie scopertc inreressanri. ecc. icio j punto 2); d a u n a p a r r e : p r c p a r a z i o n c c c t r ei u n i o n i c relarive osscr. -"n - lr .t:. :.0', ra .l r-o ( /punto 3);

..""", i 1,,,,t. ".1 ' li i \ i r \ , r , . i p u r r i , r .. i . 6 ; ' l r e l ' u :l , i r ) f . , r m a / j ,r, ,, I, J i \ , J , t , , A i s(out

lPuoro t).

CT,I ORG,\\I

DIRITTIVI

i :l:.i1*gi':f:,:,,, ,,,t""?"u,::l' L;j,,.J' i:,1 !;:;:;lj:: I) Corla d'onare., porerc

i:,Jii'ffi::1",j: .,,: -".", i ;:'il"#::1:ll':;,,1':i,.11,1" lU::i;,,:xlge-r

hil rllllTfiiiriiirui; ;ru,":r,i ; 1h[ ;;;,ji$:;: ;"':il:,;::":' T ::l'i.T:,i:,,;

legislarivo c giuctiziario: 2' C"tsiqli" d,t Lal.tt polerr e.crrrti.,'..,. \ . 1t , , 1 d r . ; t / : i ar o n r l , i r o l o r n . r r i \ , ) ed c,lucrrriro. -:J\.Alta

52

II sentierodel caposqradiglia

Ecco alcrtnc attribuzioni della Cortc cl Onore: annrissionc dei norizi al Riparto ecl alla Promessa; e r e n t u a l c a l l o n t a n a m e n t oc l i q u a l c h e s c o u t ; passaggicli classe.nomine, elogi, punizioni; es:rmedcl lirello seneralc raggiunto clal Riparto; direttire e suggerirnentigererali per il futuro. Competono inr cce rl Con-.iglio tlci capi : tlelle attiriti cli Riparto: i1 programnt:r i l c o n t r o l l o c l c l l er e l e t i r e a t t i r i t d i s c l t r a r r i g l i a : i u l l c : r t t i r i t i s r o l t c i s P e c i et l e i c r i t i c h e e r l o s s e r v l r z i o ns campil; . l e lc e n s i m e n t od , ei crrrnpo; q r r o t ed i t i p r r t o , c l i s t 1 .< parola clordine mensile o trinrestltle; tlistribrrzione degli incarichi di Riparto: e l r oi t t u a / i o n e . ron,or.j Ir.r\qltd,lriqli,
N ll.r 1-l..oli tl prttpo.sito i relalitti articoli dtlle r(l li1)( 1961'.
L\ CoRTr D'ONoRE . L a C o r t e d O r r o r c l a r i u n i o D c s o l c n n e d e l ( i 1 P , i R i P a r ' r . ( l 1 l . \ s s i s t c n ! c E c c l c s i a s t i c oe d c i C a p i s q t r ; d r i g l i a l n q u n t o c o l l r ) r a t ( r r i d e l Capo, pa(ccipano anche gli Ai to CuPi, ai qLrali !)no gcrtrilrnrrrr fl dati gli incari(li di srgretario, di custode dcl cerinotr!lc. t'cc ' i\. D. 218) D E r( 1 , \ r ' r IL CoNsrcr.ro . La prepara/ione cd i controllo dcllc attirit:r di Ril)lrro allid,r. r consiglio dci capi. chc si riuniscc di r.8ola. scltimanalrnrnrc ed al qrtrle prrtecipanoi il Capo Riparto, IAssistrnlc Ecclcsiarico. gli Aiu!o Capi, i Capi ed i \'i.e Capiquadriglia' r\.D. 201). 1,,{r,TA SerADRrcLrA . L'Ala SquadriSlia formara da Capo RiPurto, che trc il tlP(' c d a i C a p i s q u a d r i g l i a . F . s r : h r P e r s c o p o l a f o r m a z i o n e s P ( r i h c a s P i r i l u a l c e iglia perch m.:8lio attuino la loro missiorc e raptccnica dci Capsqua(i presc.ta rrn concrcto cscmpio di squadriglia efrcicnte. a scr!izio del Riprto'

t'ortnc I)t-

Il

rilratto del eposquadriglia

53

N _ o n d a e s c l u d e r s i I e . l e n t u a e i n s e r i m e n t o n c l l A l r a S q u a d r i g l i a a n c h e dci Vice Capi, qualora la siruazione parricolare dc Riparro lo faccia rire, ,rc ulile ed oppor.uno, (N.D. 262).

.Dl;,-*.E/
l) .I mcmbri della Corte d Onorc sono rrourj al s{rgr.ro sule dis.ussioni e sulle delibcrazionit qucfe ulrime saranno rcse pubbliche dal Capo Riparto soltanto quando riguardano o comunque intcressano tu!to il Riparlo, (\-. D. 260). 2) Sia per la C. dO. chc pr it Consigtio dci Capi .i loro membri sr larar)no u|r puntc d onor di smettere, alla tne di essi, ogi discussione s u l v o l o o i l p a r e r c d i q u a c u n o . O g n i d c c i s i o n e p r c s a d e v e s s ( , ri n f a t r i c o n siderata come opinione di rutri e non dc singoto, (R. phitips).

**r+t*

OTTAVO MESSAGGIO

IL TUO VICE
(Il tuo scudiero,, alrei intitolato questo caPitolo, se I'a' vessi scritto ai bei temPi degli antichi cavalieri. II tuo scudiero, cio colui che tu hai scello come comPaSro tl urmi. rolui t he tondir ide con te la (lire/ionc .e l:r lorm4zione dei tuoiffiostinrirti. Poi, nel aliere c che tu .levi PreParare all inrerti' "o ,;;pl;ii.ar tura. egli deve svolgere il comPito assar lmPegna'niisliere aiuto, sostituto e di luturo csq. Tuo AMtco Occorre anzitutto che colui per aiutarti a .hE lii-icelto JTiqerc lrr sqrra-tlrigliasia. le'

t#*##fl#fs

u,

clo con lui come con qualsiasi altro; 'amiciziarhe vi unisce dele rrascete dalla conoscenza intima di roi stessi, dalla comrrnione di iclee e soPrattutto d:,tlltr slj114-199iP1994 V c r i s i e t c r l L r cI r . r t e l l i 1 t u i l p i,-,,, n, i u,ro ) l-c, illclgtpqar,

Il

ritratto del c posquadrigta

55 rado)

Sarebbeun vero Fuaio (e perfortuna c a P l t a assat di se il \ic nel () rirnedio f t o cotlsrcr-tttrr

Carlo \Iagno are\a sempreaccantoa s un gruppo di * pari , , chc costituirano quello che oggi noi chiameremo lo "Stato \taggiore '. Ifa fra tutti ce ;'era particolir-rnen te uno, che a(lempiva il compito che il Vice dorebbe adempiere nei ruoi riguarcli: era il fecleleconsiglicre Oliviero il Saggio. Questo aiutava il sor.rano a preparre le campagne e gli (on qu:llclr brrona l r . r r o l r 'q i l n r l o . i n , r. 's li : l,r .a 1 .o incoraggiare lr l te t i'r q I. a sttua/tOne sembri\.t . r)mFrome\\,r e.d r l l o r a C , r r l O \fagno, animato <i nuovo slancio, riport;rr.:r all';rttacco I'eserrito. Nfa egli sapevaanche rrovare le pirole adatte per calmare 'nemiro. l i m l ; e r r t . o r e q r r , r n , l oq u e s r i , u r u r r l : r m e g i i o , r r l ri. .i lrrir\J rlr (omntc|,cte q r r . r r re er r o r et.a t t i r o ,e r t e c : r t o tli furor bellico. Cos rer"essere il tuo lice: lartr rlclle attivit di sq., e nella lbrm?rzrone scout, ma . rithrti la c;ri.a , i Jio;i; qrqa tloppo oPPO l lo(o\o. O(o\o. trr e, inlatti ll \(dl'll lroppO In rene o(ri].iu'ni. ia reaizzare attr\ l|J troppo tenrerar ilr, r r c a n o ol n rejonsabllrt o I rnreresse (ji ognuno dei tuoi scouts.
Tt.o.qILro

Sc

utto da solo
trtto... lrrrivera i dopo t^ro t",rt

da

a(l essere( a
to. men

f ) U e t e s l e e t r : r n n o t , i i r f i r t . r \ i .( rl i U | | r \ o l . t . q u i l t t r o a x r l ; ' efi;;;-m-Qio i-nue,iurruo m:rnr non s.,r.rnnr> inrrrili , 1r. , rr u

,o

Il

sentieo del caqosqadriglia

Sappi quin,li far lalorare il ruo rice, s:rl,pianui t.rlvolta lur: non ba5lt(ne lll lo @a lengi sempr. al correnlejgi tuoi progetti e_gli_(hiid:r il suq p r r e r e : t l e r i a n r h e- r a f l r d ; r r g lr ilelle attivit cla dirigele,giorhi r / d J o t g J n r / / a r e .l e r n r ( l l e u a \ p r e g i r e . . . Ricordati che ci si innalza veramente solo innalzantlo l'ambiente chc ci circonda: e non tlire clre u sarir un disastro' se il tuo vice organizza qualcosa al posto nto. E non limitarti atl affidartr;liresponsabilit t'orcline matema condiridi con lui la respon rialc (giochi, tecnica, c;tssl...), sabilit morae tlella squadriglia: pelche, per es., non lasciare che agisca lui direttamente sul tale scout, se sai chc arr piir influsso di te e che il suo intervento sir piu huttuoso del tuo? Contliridi doveri e responsabilit: tutta la sq. ne risentir il DCnenclo. Tuo sosrlTUTo Naturalmente
tutsc

te insieme I at nonno il meno col e la di

atra rol r ir e..La_1y3_g1g9ss$13,qyqip31D c r q u c \ r o ,i l r i c e d e r e c e r r a rd i f a r e e s a t .

lmente come avrebbe fatto il .rq. D_g!g.]rji.l1ds!!-o_!9pg1;r ritomi, chiecli al tuo vice come sono andate le cose... IL FUTURO cse. per te un dovere renderti conto (e pensarci ogni tanto) che il tuo vice deve sostituirti alla direzione della squadriglia, quando tu dovrai lasciarla. Preoccupati quinti in modo speciale della sua formazione scout, soprattutto della sua formazione come csq. Il che richiede da te due cose: l 1 m o l t o d i s t a r r o d a p a r t e t u a . ; r r a n t a g g i o. t r o : 2) condividere la responsabilitadi sq. nel mtxlo piu corn pleto possibile.

SCINTII-I,E l\lssrME Dr cAPr XChi non brucir, non incenrlirr. La rittoria arritlealle animc assctatc rli rcslrorrslbilit (Foch). .\mministrare signific;r: prerctlere, orgalizrre, (oor cinate, comantlarc. controllare ( G e n . d e l a P o r t e t l L rT h e i l ) . Non acldormcnrate \ i l)cnran(o che una cosa ' impossibile. Rischierestetl esseresregliati dal runorc (li qualcuno (he sta lpl)unto facendola. Per me, io comincio olni giornata Ia sera preccclente (L!a.re\'). { Nessuno sforzo i' inutilc (Crrr clc t,;rrigauclic). Il capo colui clte pensa con entusiasnib,<lecicle con ardore e trascina gli altri con la Prontczzarella sua scelta (Forestier). Trascinare... o strascicarci \tolere poche cosealla lolta, me rolerle a( ogni costo: il segreto tlella vittorirr (Foch). CIli non sa lincere naro per essere schiaro (Langois). S o l o c h i n o n f a m a i n t r l l i r n o n s b r g l i am r i ; n a t u r r a la sua vita che rrno sbaglio (Clird.lfercier). lNon Chi fa, sbaglia spcsso;chi ror fa. sbaglir sempre. s i d a t o n u l l a f i r r c l r n o n s i r l a t o t u n o (Guvrcnler).

XSi clirenta uomini solo a tre condizioni: conos.ersi, conquistarsi, donarsi (Card. Nfercir:r).

SECONDA TAPPA

LO SPIRITO DI SQUADRIGLIA

fu, f-y

l'ta *1L+

PRIMO MESSAGGIO

CHE COSA LO SPIRITO DI SQUADRIGLIA


-\bbianro gi cletto rhe il cst1.i' lo stentlar<lo, la bantliera dela vluaclrigia;cliciamoora che ri rale blntierir lo spirito di squarlrigia i I'antenna, cle \i (lrirr: r e r s o i l c i c l o ,s i m b o l e g g i a , , rrrclita ilo lc aspir:rzioni di trrtti. Potrebbe clarsiil crso, a\5ritrln o e < 1 u a siim m a g i n a r i o ,c h e t t n a lntennrr tlel generesliir in l)ie(li r l a s o l a . . .r , n a l ) o t e t es L a rc e r t i c h c il prnro soiio tli rento la btttler glLr. nfatti, una N o n s i c o n c e p i s c ei , anlenna che non sia soliclarnente assicrrretacotr dei tiranri e bctr piantata ncl terreno solitlo, onde e a qullsiasi ternpo. resistcr Cos, potrebbe darsi il caso cli un gnrppo di ragazzi che si regga su una scmplicc conosaenrr mtltua, ma un calo del tutto ipoteti(o c l accor(lo fra loro sarebbc a5sai prcc!rio.

tz
I

62

Il sentiera del caPosquadriglia

fina rera stluadriglia scout dele arere i tiranti - il slto spi' rito - beD pi:rntati ncl rerrcno solido ' lo spirito riella Lt: ggt - e solo cos potr resisterea qualsiasi prova. scr-rrrl \ q r r . r , l r i e l is .r e r t r a , ' p i r i t o .a .n . t c t n a\ e n / a t i r a n t i . Possiamo anche paragonare la squadriglia ad un'elettoca' lamita. I nucleo di questa formato da tante lamelle di {erro dolce, come la sqrraclrigliasi compone cli tanti ragazzi. Cos com', l'elettrocaamitl non esercita alcuna azione magnetica; ianciarnociper a corrente e srrbito I'azionenagnetica si (recri. P e r l a s q u a d r g l i al,a c o r r e n t e i l s u o s p i r i t o , i n d i s p e r s a b i l e Jrercr[rrrzioni. Senza corrente I'clettrocalamita non ser\c ir ntla; scnza spirito la squaclriglia non combina nulla. \fa tutto questo ron clcfinsceancora o spirito tli sqrraclriglia. Certo, guardando rrnl squaclrielia in azione. si 1.iure d e r e , e s o p r a t t u t t os e t i r e ,s e c ' u n o s p i r i t o c h e l ' a n i r n r o p ' un po' l ) u r e n o , m a t l e l n i r c r l u e s t os p i r i t o r r n a f a < c e n c l a a o m p l i c a i lc a s t r a L t i rc , o m c c l c f i n i r ei l c a r a t t e r er Lu n t r o t r t o . Il fonrlo su cui poggia tale spirito ericlentementcl;r Legge cere i:Pi' scorrt, l o s p i r i t o s c o u t .L a < o r n i c ei n c t r i s ' i n s e r i s c d rarsi allo spirito generalc rlel Riparto. llsso consisteessenziarnente ne fatto che osni mcmbro della squatlriglia metle in secondo piano e sacrifrcai srroi personali intercssi a vantltggio di queli di tutto insierne, che pass.rnoperciir irr 1;rilncr p i a n o . Q u e s t a a p p u n t o l a c o n r i z i o n ep r i m a t l e l r r r i L : r t l i s o ri c t e c o l l e t t i t i t u m l n e . . O g n i s c o u t d c l a s < l u a r l r i g l ir a e v es c n t i r s tp a r t c t l ' u n t t r t l o e lrr astrazionc cai srroi inLcressi1;elsolali crl cgoistici, on<lt realizzare l rrnit: e l ornogcncit: rlel tutto ' (R- Philipsl. Ogni membro dela squrrrlriglia I'anello (li una c:l1crre: se rtn anelosi spczza, t r r t t a l r i c a t e n as a r s p e z z a t l . Lc conclizioni csscnzialiclclla rita cl una squaclrigliasaranno d u n q u e i l c a m c r a t i s m oe a t l e c l i z i o n e :i n t c r m i n i c r i s t n r r i . la fraternite la rarit. L a p a r t e c h e s p e t t a a l c s q . n e l l l c r c a z i o n ct l e l l o s p i r i t o < l i s q u a c l r i g l i : r , p c r c i e s s c n z i a l ct : o c c l a u i s r t s r i t u r es , riluppure. coltir:rretrre s1>irito.

t,a spirito di sqtndt glid

63

( l r t t l i s , t t o i t t l t r a t r t i l l t t ) t i l ) t i ) t l t ' l i ( l t t f , 1 ) ) t l/1 t n l , t 1 t ) rl rrr',tr, r talJt)rurt lo tbrlo rli 'rltttlri-llia? l ) . . \ r / i t u l l o l r r p c r s o u ; r l i t i r l c l c r r 1 . ,i l \ i r ( ) c \ e l l ) i o . i l s l r ( ) ( r t u s i a s D r ( )( ( l r . l " t a l ) l ) i r J . 2 ) l - r r r l i s c i p i l r l \r( ( ) r i l i l ) c r i n ! r c r ! l1 '( ( a t t i r t i r . r l c g l i n c r r r i r l r ir l l i r r t r ' r ' n o tlcll;r'rlirrr i) La ri:tribrrriorrc rlrigli:r, allnchc ollni jcoLrt ibbja cllatli\lrrrcntc ir rtr P,trt(' rli rcrponrrbiliti. (irc re co\lilri. 1) Le tnrtlizioni prrlrrie rlcilr sqLrerlriglia. \(o(), 1)cr aos (lire. lo:slrlLrrlr lotenr, rrotto, gi(lo, stcInrljl,

6+

Il

scnt;cro dcl coPosquadigla

l,ibro d'Oro, regolamento, prcghiera, canto, santo patrono ed s1o, . giomale di bordo,, segeti e ( trucchi ' di squadriglia. 5) It poasesso di beni comuni e propri della sq.: ...1'angolo,in cui si creer rrr'atmosferaparticolare, sccondo i gusti dclla squadriglia: ...il materiale, tli cui ognrrno prenrer cura e si sen'ir al I'occorrenza. 6) Le specialit di squadriglia, scelte e corrquistate<li cc> mune accordo: vita rla c;rm1xr, senitio rlcl Prossiuto,attirit sportive, afii\ it artigiana, ccc. 7) Emulazionc fra gli scouts clclla squaclrigiia c fre e squadriglie del Rparto. 8) Attivit <li s<1.:riunioni, uscite, campi, I. 4..., crcc ranno un comune patrirnonio di ricordi, dai quali nas(eri spontanea I'amicizia (cfr. lll tappa). l,o sprito di squarlriglia... anchc ci che indu<e ciascuno scout, non solo atl crisere contento rlel buon anrlamento clella squaclriglia, ma anche rlei progrcssi c della sodtlisfazioncdi ognuno dei suoi frarclli tli squatlrigiia. Diarno la Jrarola acl un rcccrio scout che ci dipinge in mtxlo assai vivacc questo spirito. n Se voi formatc rrn;r piccol:r fanriglia attorno al guidone cd al <sq., r'rxtro fratcllo rn:rggiorc,che ce l ha in custmlia; se ognuno di voi si prcrxrupa dell'onore, dcl progrcsso,tlele attivit dclla squa<riglia; se vi scrrtite tutti tristi <luantlo rrno rli roi nanca alla Legge o al regolamento di sqr.radriglia; se sictc picni di gioia quando gualcuno rli roi la dei progrcssi nella tecnica, nella sua formazione o compie una bella B. A;

Lo spirito di squadrigla

ol)

se Yi incorag8iate a vicenda a yivere da veri rcouts, sempre ed ovunque davanti ai capi, davanti ai compagni, davanti ai genitori, davanti a Dio; se nella vostra squadriglia tutti lavorano per tutti; ebbene, allora s, siete animati da un profonclo spirito di . q u a d r i g l i ae r o r r c i a n r h i o f a r p , r r t ec l e l l a r o s t r e r o m b r i c c o l a elice..., (Peliicano Nero).

Scautismo: . Vogliamo steglare un certo scautismo ad,dornentato, oogliamo Tnettere in chiaro che lo scautismonon una tappola m& una libera comunit per ormarsi d,elle idee so Iide, per taere delle attitita robuste ' (impostaz. canpo per csq. . Operaz. Gurkhas, settembre 1963).
t . ll te,to dl .zlot4'a4tsh..

SECONDO MESSAGGIO

LA DISCIPLINA SCOUT
. L'abbedien.d non i4i L'abbass.nento d'un uomo dl lronte od u1 altro uo1o. t i l n d s c a t l d e l s id . ' n i n ( i i 1 ' d t o t l i l r o n t e d d u t a l u n z i o n e , (\faurois)

del trIaurois stabiliscea natura clei rap Questa espressione porti che clevono regnare tra superiore c< inferiore: tra colr-ti che comanda e colui che obbctlisce. La clisciplina scout ron b a n u l l a d i r n e c c a n i c o c i p a s s r r o : e s s e n z i a l m e n ta et t i l e . Lo stessoForh a pensara cosi: n Esser disciPlinati non siglrific tacere, rsterarsi dal fare, o fare solo rluel lroco che si crede di esser rrrrtorizzatia fare; significa betts agire nel sensodegli ordini riceruti c perci tror are in sc, con la ricerca e la rililessione, la pcxsibilit di realizzarc tali orclini. csigendo dal proprio crrattere il coraggio ri assumersii rischi che la loro esecuzionecomporta r.

La spirito di squadriglia

67

Ecco un piccolo parallelo tra la disciplina militare (della "r^i:t,), nal compresa e portata gli estremi, e la disciplina 5aout.
NArA 'l') ColleUn'a: vuol formare la DIsdPLtNA

"r@ur formare ia

l') lndtidltale: vuol personalit.

) ) Ittlosta: \iene dal'esterno. 3') seicra e spiact\olc . 1 " )S i o h b e d i s c e p e r p a u r a d i p u r)izioni. i') Esccu/ioDe mel:canica e cicca, 6') Cr(a uro spjrito ghrsn0. di rnenefte-

2") Accettata uolontarianteltte:\ ic. ne da dentro. 3') Gioiosa e piacevole. 4") Si obbedisae pcr amicizia. 5 " ) E s t c u z i c , n ei n t e l i g c n ! e . 6") Crca uno spirito del . ridnt,

La disripina scoLrt posa, cluntlue, soprartutto sul sensorellir ri'ri>onslbilir accettar:rclallo scout, sulla lolont ben decisa ( l i . o m l ) i e r eq u a r r t o g l i c s r r t o c o m a n d a r o [ g l i b a d a q u i n d i rrtl escguire1:r sua missior-,c non . al piu presto !, ma < il meglio possiLiie,. Tale disciplina non esclude nello scour una .erta iriziatila, anzi la suppone, onde alsicurareall'ortline ula perfetta. A tal lne occorre: -erecuTore lr,he Fli or,lini I "i.rno,hiari; 2) che se ne esponga brevemenreil motivo o almeno cle | Llo scout ne capisca l'utilit. Se lo scout si considera offeso dall'ordine o lo giudica inqirrsto,obbeclisca ugualmenre, prima di domanclarespieBazioni o arche cli rcclamare. sperabiie che egli abbia la franchezza c lu sempiicit di intendersi diretamente con clri gli ha dirro tlucl'orrine, invece cli andare a lamentarsi presro l'autorit -\rl)crlole. . La tlisciplina dice B P., - I'obbedienzacoscienreall'auroriti cd ri rappresentanti de clorerc. Presa ncl suo senso y>iirlrrgo essa la stessa autoeclucazione, messain pratica dall indiliduo. Non essainfatri quel dominio sugii istinti e sui

68

ll sentierc d?l .aPosqlndriglia

i l r i . P e t t od e l l o r r l i n e e l a ' u b o t caprir(i.(lre ispirr allo '.corrt . l i i r a z i o n eL I c l l i . r r . r v o l o n t . r a l l r i n c d i t r r r t i ? \ o t i t r " ' r i l (ot) (tll.re rttolci Iinr'rri,o fl\.egnit d o r e r er l i . o n t P i e r e "rtt DraDilestato altri, c degli di stessi il rispctto se Non anche con un conteillocrretLo,clegno e scnll)re cotttrollato? \on. Ia lotta a fonclo contro ogni menefreghismo e ogni rillLlllcii i \ e s r e \ \ i , l : r t or h e g l i a t l i e \ l e r n i P I ( \ J l g o t o . u j . t l l t i n t e t t t i . e che ogni rilassamentonella condotta csteriore, PQrta con sc anche Qucllo della condotta interiore? Non anclre il rispetto rei supiriori, manifestato nel modo di parlare ai Capi? Non in6ne il modo con cui si tr:rttano i propri simili, sia in Riparto che altror e?,. Sarebbe un grave errore credere chc la disciplina si lormi in blocco: alcune volte, certo, essasi manifesta in blocco, ma le sue cirettive si delono aclattare agli inclividui. anche in questo, il tatto (lcl ctq. L'essenziale, QUELLO CHE NON BISOGNA N'AI FARE

l) lfostrare allo scout che si pensa ch'egli possa disobbe<ire; 2) serr'irsi di strittagemni, esercitarela sorleglianza " dal buco dela serratu-a, (bisogna, certo, controllare l'esecuzione degli ordini, ma senpre apcrtamcntc): 3) abusare di preghiere: 4) far delle promesseche non si intende mantenere; andare in collera; 5) usare parole ingiuriose o sarcastiche; 6) rare rclini contrari a quctli dei Capi o allo spirito
SCOUt;

impossibile o pericolosa; 7) dare ordini la cui esecr.rzione 8) contraclclireil prroprio rice; 9) criticare il C. R. o gli atri csq. (art. 4" della legge). QTTELLO CHE BISOG\A SENPRE FARE

l) Dare I'esempio di clisciplina; 21 com.rntl.rrecon c.rlm;r e senzaPalsioni: 3) comand.rrecon clti.rrezrl:

Lo spirito di squadriglia

4) e_sigere sempre obbedienza immediata e complera; 5) dare fiducia allo scout; 6) comandare,piuttosto che proibire; 7) riconoscere i propri errorr; 8) far notare - ed eventualmentepunire - le disobbedienze e l'indisciplina; 9) dire: .Vieni, andiamo a far questo assieme,. qUELLO CHE TALVOLTA BTSOGNA FARE

l) Incoraggiare lo scout; considcrarlo migliore <ti quello , ane e; ?) rendere nota la sanzioneche comporter una disobbedienza prevista; 3) spiegarele ragioni degli ordini che si danno; 4) rallegrarsi con uno scour che lo merira, sia in privato . che in pubblico.

TERZO MESSAGGIO I

GLI INCARICHI DI SQUADRIGLIA


. Accanto atl ogni rtero c.lpo tauerele senpre " Ia rente "' co il Erup?o di specialsti ledeli e cotnqetent' ai quali egli d Piena libcrt d'azione, Perch certo 'hc Jnrttno in ogni circostanza ci chc vmtnamcnte possibile lar ' (Nfaurotu)

Abbiamo gi avuto occasionedi dire che uno dei principali p a l , t 'c i p t t z i o n.' a ' ttio ir t obd l a r r o r i c l e l l J s'p m ci m r ii \ q u , r ( l r i g l i r c l a 'tout o g n i ' , u o i d i e s ' r : i n d , r m e n l o b u o n a l d i r u L r ii arri quindi urr incrrico' ult:r resPon'rbiliti (li (lli dcrc lend e r e c n t o a l c s q . n e i 6 e n . i g l i , l i r q r r , r d r i q l i . r\.e l l r I r r ' e u e l (squadrl' Nfaurois, citata qui sopra' sostittlite (llente' con li quello ' i t n " s ( o u l s . e . - il t t l ( l c u n i ( l e : r glin', s "5pqqi2lj.t r h e t l e r ' c ' s e r ei l ' i ' t e n r a d e g l i i n r ' r r i c l r i d i : q L r r d r i g l i a Questo sistema si basa su due principi essenzi;'h: l) ogni scout ha in squactriglia un incarico, una respots a bi i t a ; 2) il csq. non ha incarichi I)articolari na: - a) barla alla distribuzione ed alla coc'rdinazione dele incombenze; - ) r'eriflca I esecuzione di tutti gli incarichi: - r) sempre irronto (e capace)acl aiutare qualsiasi scout nell'attuazione clel stto incarico.

1'I

i2

Il senteo del caqosquadriglia

ll grande vantaggio di questa rlistribuzione degli incarithi, (i questa decentralizzazione, consiste nello sviluppare le atti tuclini di ciascuno. QLTALT SONO QUESTI F.\\foSI 'fi tNcARicrII?

elenco qui i principai. Forse tu ne troverai altri o li t; tanto megliol Importante che ciaraggrupperai ciit ers,tmett scr,no di tuoi scours abbia il suo; se Poi alcuni di essi sono inrentati cla te di sana pianta, potrebbero alerc Piu successo rli qr.relli che trori stampati sui ibri. nche il nome con cttt rlcsignerai questi incaricli ha la sua imllortanzr, specie per (reare una particolare atmos[eLa<i squadriglia. Lltto scolrl pu benissimo rcoD'altra parte, se necessario, prire simultaneamcnte due cli questi incarichi. Non dcri tut ' tli cui parleremo sutavia confonderli con i u posti cl'azione bito dopo.
TESoRIERE

Responsabiledella cassadi squaclrigliae di ogni operazione monetaria. Tiene il libro tlci conti Pcr tutte le entrate e le trscite e Io fa controllare regolarmenre (ogni mese) dal csq. che vi appone il suo ulistoo. Rentle conto al consiglio di sc1. della situazione 6nanziaria e cl i stto Parere motilato stli Preventivi delle spese.Le sue attribuzioni ordinarie sono: raccolta delle quote e dei (loni Per la sqtradriglia; pagamento degli acquisti ti materiale, ecc.: - organizzazione della vendita cli calendari, cartoline d'atterrri, ibri, ccc.; - ricerca di tutti i mezzi utili Per accresccre gli introiti della sqrradriglia. II suo compito abituae al campo quello cli cambusiere.

Lo sPiito di squadriglia Ecco un esempio sul come tenere il libro di conti:

nn'
pot to

dala

xoce: ustrla

l2-l-65 rcnd.4 cal. l 5 - l 6 5 ! e n d . 5 c a l . (Pier(,) tm0 l 7 - l ' 6 5 ! e n d , l 0 c a l . (Ugo) 2000

l0 I 65 a.quisto I mestolo 20 l-65 acq. I lampadina 2 5 . 1 - 6 5 P a 8 a m .c a . c a s s aR i P . to!. u30tc

to,. ** "n,r"," tot. usite 3630 riporto li0

o Gu.rrur,rxo DLLETRADTZIoNT) CRoNrsrA (o SEGRETARIo Responsabiledel . Libro d'Oro ' che egli aggioma e arricchisce continuamente, o di persona o facendosi aiutare, spcie per le nminiature'. Sta attento a che essonon sia violato o aperto al'infuori dei momenti speciali, previsti dal regolamento o <alle traclizioni di squadriglia. Redige i verbali del consiglio di sq., raccoglie foto, disegni, ricordi, autografr ce' ebri; compone il codice segretoin uso nella sq. e lo insega ai novizi o ai piedi-teneri, secondole tradizioni. Insegna anche i segni di pista ed il sistema ideografico indiano.
\fAGAZZrr-rF.RE (o GUARDTANO DEr, TuATERTAI-E)

Garantisce l orrline e la consenazione di tutto il materiale di sq.: mobili, matcriale da campo (la tendal), da gioco, da lavoro, nareriale tecnico e< equipaggiamenro per i fuochi di bivacco. Tiene un inventario aggiornato, propone al consigio gli acquisti, prepara I'o<corrente per il campo e lo riorclina I unico, olal ritorno, proponento le riparazoni necessarie. tre al csq., autoriz2ato a prestare oggetti della sq. ad altri, fuori di essa,e ne tiene debita nota per la restituzione.. Questo incarico sembra a prima r ista piuttosto semplice,ma in esigein realt molta competenzae per questo lo si assegna

Il sntero del caposquadtigla

genere allo s.out che ha piu esperienzae lo si fa aiutare da . r r n n o r i , t i o r h e [ u n g e d a . a i u t o m a g a z z i n i e r,c


A\TBULANZTERE (o

Buo\

SArr.RrrA^-o)

incaricato di arricchire e curare la cassetta di Pronto S<xcorso,di porraria nelle uscite, al campo, in ogni attivit fuori sede. Ha possibilmente, Ia spe' cialit di Ambulanziere e induce gli tri a prenderla. Aiuta il csq. a far superare le prove <i . senizio,. Mcdica le ferite ed aiuta l'infermiere di Riparto al campo. ()u.lr<ut,sto DELLA tsAS!: Fa i piani e i progetti per le costruzioni e I'abbellimento dell'angolo di sq., li sottornette :rla tliscussionedel consiglio tli sq. ecl all'approvazione cicl Consiglio tlei (a1>i;ne assicura la realizzazione distribuenclo il lavoro {ra tutti. }Iantiene l'ortline e la pulizia nel'arrgoo e distribrriscc i turni tli pulizia, affiggenclolisu una lista. \'isila, con lc ilebitc rnaniere, altri angoli di sq., onde farsi venir-ealtre irlec brillanti da reaizzare. (-lc.lle (o \f^r:s'rRo DEr c,rr..Tr) responsabileclirettarncnte<lei canti cla escguire o da im parare, ma l)u esten(lere la sua conrpetenzaalle clanze, ai gochi sccnici o mimici per i fuochi al campo e Jrer e atti!it tli cspressionc in scdc. Raccogie, per questo, il trateriale nedicessario: c a n t i t r r r i z i o n a l io d e i p i o n i e r i , b a n s , l e g g e n d e ,

Lo s|ito

di squadriglia

i5

schi ecc. Compone infine il canto di squadriglia, che ne esprrm c i s e n t i m e n t ie g l i i d e . r l i . _Brgtro'rrc,rnlo un incarico spessoabbinato a quello di Cronisra, ma, se gli scouts sono a sufficienza, meglio tenerlo <istinto, anche perch le relative incombenze sono diverse. Egli conserta e orclina i libri rli sq., nc organizzala lctrrrra e<i prestiti, ricne uno scheclario aggiomato, cerca libri interessanti ne proponc l a t q r r i s t o a l c o n s i g l i o .H a i n c o n s c g n aa n c h e l e . " . i e i o p o . grafiche. I POSTI D'AZIONE Oltre a quesri incarichi fissi, r'i sono altri incarichi specificr, che entrano in funzione ogni lolta che la squarlriglia esce, particol arrnen te in occasioncdi imprese e missioni. Si rratta det "posti d'azionc, che rir.hietlono tutti una notevolc competen-zr tecnica. Dal buon funzionamenro ri essi dipencle il srrccesso clell'impresa e il buon renclimenro della squadrigia s t e s s aE . c c o t i i p i u c o m L r n it l i t a l i . p o s r i D , . o n l e r e l a t i v ei n conlbenre: l) llercurio (portaordirri messaggerc(cane pastorc cliri") ge i colegamentic porra a rurri gli squadriglieri gli ordini per la missione ca svolgere.All'occorren/t prr fungerc anche (lu ( guardiano clel tcmpo '. 2) .Scgrialalorc(conosceogIli sistena cli segnalarione, con tecnica e Jrrecisione). 3) Oricutalore (trota la giLtsta strida e la scgue scnza nrai perderla). . t o r t o t t . t l o , l j t o ru t . r l c { n t r e n e ( p \ . . r r i ( . )\ l)er . .Tofo;rolo l r \ l , c d l / t o n el.e i n \ c g r r a l r r . o e , l i r i q " l e o l , t r . r z i o nri l i r i l e . rarncnto topogralco). 5) Osscruatore(cercatorecli tracce; nulla dcrc sfuggire al suo sguardo...).

Il seterc del caposquodriglia

.
6) Ponicre (maestro delle cosrruzioni; dirige le cosrruz i o r r i n e < e s s a r ia el l a d e m p i m e n r o della missionef ,rocurandone prime il mareriale occorrenre). 7) Naturalina (conrxce ecl illustra la zona dove la sua squadriglia agisce; ricerca le rarir vegetali, animali c mine_ rJrie man(Jnti nel , l\fuseo, rli sg). 8) Cucitp ( convinto che anche gli scouts sono esseri ( o m p o : l i ( l i a n i m a e r l i ( o r p o e p e n s aq u i n d i a r a l m a m e g l i stimoli nel moclo piir adart; stabiliscei menu, d'accorclocol csq., procura i viveri e li cucina).

t
Servizio: Apritc gli occhi e cetcate una pesona, un'opera " per il benc dell'umonit che rchiedano un po' d.i tembo, un po' di nmicizia. un po' di laticd lrat,'rn4. Slorzatevi di irou4re un luogo in cui nuestre la uostra umanit,. (Albert Schweitzer)

QUARTO MESSAGGIO

L'IMPALCATURA DELLO SPIRITO DI SQUADRIGLIA


Piano su piano, l'impalcatura d'un edificio s'innalza sotto I'abile mano degli opeiai. Impresa su impresa, lo spiriro di squadriglia si verr pure formando sotto la direzione de csq. Il quale, pur senzavoler fare tutto cl'un colpo solo, non deve trascurar nulla di quanto pu aiutarlo a creare e consolidare lo spirito della sua squadriglia. IL troTENf O ANNfALE Dr SQUADRICLIA

Certo, non B. P. che I'ha inventato! Gi le lcgioni ronane si chiamavano: Allodola, Span'iero, ecc. Anche cerie tribu in' diane portano nomi di animali. Ci che B. P. ha inventato, invece,-di far vivere questo totem dai 7 8 ragazziche I'hanno scelto come emblema della loro squadriglia. Sar questa la prima preoccupazioned'una squadriglia ap pena fondata: scegliersiil totem, dal quale essaprende nome, la cui sagoma viene riprodotta sul guidone, da cui prende i colori il nastrino omerale1, d cui gli routs devono imitare t Eccotiil significato imbolico dei colori principali dalla cui combinazione risultano squadriSlia: compo6li i nastrini omerali, in relazione agli animali di

Azzuro chiaro Azttrro scuro Grgio Callo oro

Yiolctto

purezza e onest; alte.za d ideali ed intelligenza: inventiva rd osservazion; dolcezza c pazicnza; aboriosit, probita, abilit; furberia e capacitr; forza e sicurzza; gaiezza e buon carattere; coraSgio c generosirA; spranza e proclezza; icien/d del bosco e amore della natur, perseveranza e tenacia.

ll

senlero dcl caposquadriglia

a b i t u ( l i n i e q u a l i t f t l o p o a t c r n c l l r t t a l a t r a s i r o s i z i o ns e ul pia, n o m o r a l e ) , i l c u i g c n c r e c l i r i t a c l c c u i a l _ r i t u r l i nri e v o l o , i n s o m m a ,i m p r e g n a r et r r t t ; rl a r i t a d i s q r r a r l r i g l i ; r . eridente che se spingiamo il toternisno fino rr quesro p u n t o , n o n a r r i v i a t q t l r t t a ! i a i r ( o n ( f l ) i r l ( ) c r ) t cu D t : L r l t o e s c i r n i t i a m o l e r l L r r l i r ur l r r n a n i r n ; r e , l ) a g : r n oe i < o r i r r i c o sapJriemotlrrr loro rrn'crtcrrsjone clcgna tl Lrtr rrolDo: rrotr co] fondamo certo enlrlenae rnorlcllol Dclle roll-'i, pcr esempio, si dcrono inritrtrc i:r fLrrbizia c l arcortezzarrir non lir ho(le. Dai lconi irnparercmo il coraggio, aggitrngenrlori il rispcr{o per i tlcboli. L)cllc aquiie (li,.:rl)pro\ crcmo la raprcira, nra esse o s a l i r e s e m l ) l ep i i r i n a t o . c i n s e q n e r a n t ra O g n i s c o r r r, l e l 1 es c l u a r l r i q l i a c o t o \ . ea m e n e d i t o l c r r i t i t u c l i , i, il rcAiirre r i i i r : r , l l r t r b i t l t , e c c .r l e i t o t c m : l u o c i o ( l ' a l t r o r d e( l o \ r c l l ) r r( ) ( ( u J ) a l e urr posLo t l ' o n o r es u l . L i b r o r l ' O r o , cli ogni sgLraclligia.

Lo spirito di squadriglia Ogni scout deve sepere anche:

i9

irnitarne il grido; riconosceme le traccc; rlisegnarlo sul srro quaclerno ri caccia; ri1)rorlrrrrga segorna di csso corne fimra cli sqrradrigia i n f i r r l a s c o u to ) . I l t o L c r nc k : r ' c s s erra l ) l l e s c n t a r ob e n r i s i l - r i l e n c l l . r n g o l or l i s t l i r r r L r g l iirrr,. n t r r l o r h e l t n c t r a r r c l oi l e s s oc i s i r e n c l ac o n r o imrneriilt;rnrcrric.hc s i r r i r t ; r e l c - f i g r i e r o n ( l c i F r i n g r r c l l i i ll totenr orrc.ri il lregio che rirtontla l'argolo, sir ir)ta g l l 1 r ; o t L i s t ' g n ; r ts ou l l a n r P r r c l r r r is o:,r r r ' l p l ) r c s c n t i t o( l a u r . i r r i n l ei m b a l ' i i r n l t t o . s ( , t r o P P o i n g o m b r a n t e ,i l : t r r n m o < l e l , ilo il gesso o 1 e a . o t t a .L ' i g o l os t e s s oa , n z i , p o t r e b b er i p r o ( i u r r ( a q r a n . l i l i n e e i l n i r l o o l t t ; r n a r e l l. r n i r n r r l c - t o t c t n l t r r r : r l i t r t 1 oc i p a r l ' : r c r n oi n s c g r r i t o ) . l l t o t e r l s a r a n c t et l i P i n r o 5 l i r t c n ( l a r ( l o t n e r ) i l g u i r l o t r c rli sclLrarlriglia. ( . l u c s t og u i t l o n e , ! c n / e \ s c r eo g g c r t o r l i r r r r c L r l t o l c L i ( j \ r i ( o , (lr\( cssere l r i t t r t o( o t l a r u . s i n r t( ru i ( l i t l u t l e l t r s r l : t h c r l i s o n o r r ' r ' e r l e rr e r n g r r i d o n eu t e r r i r . ) l L r I r r r r r t I o r r ; irn t o L r r r; r r r g . ) l o .t l 1 t o i n f r r n s r l o o n a r c h i ; r t o l l f . r n l l u t z e c r i . r r ar l i s i r i r i t , t t 1 i s qL r : r r l r iig r lr I - \ r r r h c i l b a s t o n e t l r l f { u i ( l o n c ( l e \ ' c \ s e r ci r ( l o r r r ; r rr)- l c l l i t a r r n l e c ( l i n t e s l f u l o . o n i d e o g l r n l n j ,r l t r t cr i t : r n r p i . r , i l t ' r r i r ' t ! t t i l t t a l i t t . r o m i c i c i ( s q . .d i s r i r i \ i r l e i f l n t b o r e c ,e c c .

\f o rl'o

E cR )C) I)l srl.

Vecchir traclzione c h e c i r i c r r e r l r r l r rc a r . r l l e r r : r irnr(a.!-a in rnotloche l:r tua srlu:rrlriglia rror rbbil rrno cli qrrci :oliti ! 1 t i ( i i. h e s i l e n l o u o i r r o g n i 1 ; a l e ( l e l m o n ( l o : s r t g l i r l u a l c o s a r l i n r r o r o ,d i n c ( l i r ( )c . t e s n t b o c g gu i l l - \ . r n r i n t e n le o( l l r r a t t i t r , r l i r c ,c o n n e s s o c o n l a r l t t r l i t d c l l e r r i n l r l er o r c n r . Possiltilrlcnte Ouinrli nienrc i :oiii: sernPre sent J t r i r n i - s e n t p r e: r l l c n l " l c a l i s t r n p r e r e F i o ,, .hc risuorano i tutti i 1>re Piir. ( i r p i n g .c a m p e g gc i r o l o n i c t l c l l e n o s r r c\ a c a n z e :I l t l l o q r i ( l ( l
I

80

Il sentiero del caposquaiglia

(le\"essere tutto un programma, ma brele, incisivo, in se stesso nerto e deve esserscan(lito da tutta la sauadriqlia all'unisono, l e r i n d i (J r e c h e r o l o n t . r s , r r n r i \ o l t t r l n q u e l " m o m e n l o t u t t i rrniri attorno al loro simbolo, al loro capcl ,\"on basta che la tua squadriglir abbia il suo Srido; deve ivere anche un notto. Per il qtrelc il discorso lo stesso: (' m o l t o e m o o . R i c o r d ai ( r u ( i . i l i r h c l t t , l r r r n o i l l : rr u n q u i \ t d di (ierusalemme al grido di: n Dio lo ruolel '. PurtroPPo lc g e n e r a z i o nm i o , l c r n eh , r n n o r n i r l e r i r l i / / r l o q u c r t o m o t t o f J ( e n done uno slogan: qualche parolone che suona bne e che si biascica macchinalmente a scopi commerciai o politici... Rmettiamo in arrge qrresta bella tradizione cavalleresca. Concretizziamo in qualche parola I'uno o l'altro aspetto del nostro ideale. fccoti ttn paio tli esempi celebri: n f)io primo serrito '. ( Piuttosto morire che macchiarsi (( La morte ma non Pec cati ', disse S. Domenico Savio). Pcrche poi la tr.rasquaclriglia non potrebbe avere il suo stemma come le antiche famiglie patrizie? C,on i colori di squadriglia, simboleggianti emblema motto, esso sarebbe uno splendiclo ornamento per I'angolo di squaclriglia! IL LIBRO D'ORO Si potrebbe cle6nirlo: un libro ornato (der'esscreproprio un'opera cl'arte) e segreto (non deve aprirlo chiunquel) che contiene le tratlizioni della squadriglia, la sua storia, le sue il suo spirito,i suoi u antenati,. c o n s r r e t u r l i n li e , sue imprese, Insisti;rmo soplirttutto su queste due qualit: l) der"essere un'opera d'arte molto curata; 2) cler"essere segreto (lo si apre con una cerimonia clre rispetta il rito traclizionae;possono guardarvi solo gli scouts con la Promessa: magari riposto in un nascondiglio che solo pochi iniziati conoscono: il tesoro della squaclriglia!). Ecco in pratica quello che dele contcnerc:
l. 1\_otizie sull'animale di sq., abitudini, habitat, dcscrizrone delle im' pronte; Stemma di sq. (con Ia sua descrizione, a tergo, in termini araldici):

Lo sprto di squadiglia

8l

lf(fto di sq.j Regolamento di sq.; Prcghiera; Canro; Vita del Sanro Pa. trono (o dcllcro() della sq.-2. Lista dcgli anrichi csq.j \.ice csq.; scours delh sq.; Firma rlci membri llclla sq. ncl grrrno delia Promessat Firma scout d|'l . sachern, itccchi capi) risitatorit Elcnco dei campi ai quali h s q u a ( i g l i a h a p r c s o p a r r c ; L e d a t c i n ( u i c s s . h a r i n r o p r r i c o l a r i d i s l i n ti\i dor(r'ci Elenco dcgli ScoutsScelti r dclle Prime Classche ha vulo. 3. Storia della sq. pcr anno ed in rapporto alle missioni c grandi jnlpresc compiu(ri Qn.slullim Pate $prattutto sar abbellita ed ornata di diseg n i , s c h i T ? ie f o r o .

A l t t ; s u g g e r i m etn :
lL r GtoRNAr t DI BoRDo r

Accanto al * Libro cl Oro, augrrrabile che ogni sq. abbia il suo n Giornale di bordo,, dovc saranno riassunrele riunioni e le uscite ordinarie di squadriglia (le grandi uscite od imprese, gli hikes e i campi, sono infatti nateria propria det . Libro c l ' O r o , ) . E s s oc o n t i e n e : - le presenzea tutte le attivit; - le tlecisioni prese nei Consigli di sq.; - un breve riassunto della riunione o dell'uscita effettuata. Tale Giornale, reclatto a turno d:r rutri gli scoursdella " sq., i quali devono badare a due qualit, prima tli tutto: chiatezzae concisione. IL euADER]\..o (o r.lBRo)Dt cAcclA il . giornale di bordo, personale, che ogni scout inizia dal suo ingresso in Riparro. Esso contiene rurri i dari che interessanoil sentiero scout rlel suo autore e che in buona p a r t e s i m o v a n o g i e l e n c a t ia p r o p o s i t o d e l . L i b r o d ' O r o , . E r \ e n d o \ t e r t d m e n t ep e r s o l , , r l co . q n l t n o \ i : n n o r ae s f e l i e n z e , rrovate, astuzie,ossen,azioni cl ogni gencre, nuovi canti, danze, bans...,senzatroppe preoccupazionisrilistiche.Essodeve essere un documento eloquenre delle proprie contluiste personali per tutta la durata clel sentiero scout.
Il Ertq del .laiqtaAsltr

82

Il sentiero deI ra|osquadtglia

REGOLAN EN-I O DI SQUADRIGLL\ O . If AGNA CHARTA' la Legge propria della sq., che rLrtti I tr.,ni t.eu15 5i sfor di una seconda zano di osienare. Non si tratta, er'tlentemente, Leggc scout, ma soo un'appicaziortc pratica dello sPirito di tale Leggc alla vita di ogni giorno. l,o stile e lr forma con cui si retlige la . \fagna Charta ' ri carta qualsiasil n-oltocurati non un pez-zo delono essere Inoltre gli articoli (li essaderono csseretei Pnri ben prccir c d orditrc strctlaentc (:st.no, (rme attuazione Pratica dellir t,egge. ccoti un esempic cli coiitt potrebbero e;sere gli articoi:
azafsi ogni mattina appcni sreFiali o chiamati; fare la ginnastica se.oldo gli . cstrciri di B. P '; (buon tiro) di cui nessuno fare oFri sctlimana una B. A lipo . B. T., cio dc\e accorgeni, neppnrc linteressato; non lasciar mai ca.crf il grri(l('nea ltrai non rivelare mai j scgreri drlla sruadtiglial salutare i sacerdoti chc s irr.ontrano; scoprirsi o fare un fFo di croce pasvndo (avanli ad una chiesal non entrare nellangol(). o nella rona riscr\ata, di allre tquadrigic; criminciae conpiti e lczioni aPPcra lornati a casa dalc attrvrl.ri slar composli cd educali a talola: f a r s i l e n z i on c l l c a d l n a t e c s t a r c o m e s i ( l c i c a l . a i i c n t i l ' : dormirc con le locslr(] aPete: mangiare ci chc \cnc serriro a ra!ola, scnra far sloric o Piagnjstcir assistcrr ogni srllimana alla tfcssa (lj rua(riglisl a r i r " t e s e m l r . p u r t u d l rJ l l ( r r u ' , i 'I ' i

Q u e s t o e l e n c o a b b a s t a n r al u n g o . m a I h o f a t t o a P P o s t a , non rarto pcr Iacilitarti o sforzo di ricerca pcrsonale (sei gi abbastanzarcco di irlecl), quando piuttosto J)er mostrarti il tenore degli itrti(oli .hc deri recligere. In ogni caso, conpilcrai qrlesto regolanento solo quando 'poso ' cella sqtrarlriglia funzionir a dovere sentirai che il il p;rrere sia tlel C. R. che delc prima <li cominciarlo, chieclerrri potranno consigliarti srilla stta oPl)ortunit e l Assistente:es,ci sul modo pratico ci realizzarlo. Voglio insistere su questo

Lo spirito di sqltadrigtid

g3

.I
!
I
a
1 ; l

p u n r o . . p e r ( h i l l o r o p a r e r e i n r l i r p e n s a b i l c prim:r di inram_ mrna l su una stracta che impegnala rosrienza di ogni scout. ALTRr SUGGERII\f EN"r'r pER L,\ TuA SQUADRTGLTA

ll n Soalo di sq.: lo doveteronriclerrrrc ( o m e u r . tl . o s t r o . . u n r ( o( h e I r r l a s p e c i . r l i r a d i n r e r p r e t en e l R i p a r t o d e l G r a n d e Capo, Gesu. 2i Eroe dl .iq-; scegli di preferenza un eroe nazionale clte llrcirnl motto dr sq.; Preghiera di sq.; il messaggio che l a s q u a d r i g l i a i n r i a . ^31 al Gran<e Capo;
1) Canto dr'rq.; r'iene aggiot.nato clopo ogni grancle Im -arne presa, aggiungen(lo sempre no\e strofe fino a una vera i rl)oJ)ea ol sq. ,; Ciurntle di 'q.:,la non ronlon,lererol ,giotrr.rle tli , ,5) Dor,ru..t esro e llna \'era prrbblitazione the trene l r o l t ( o D i ta e (lrstrrburta a.tutti gli scouts e lmici: talora prenie anclc l:r lorm.r (li tlrc ri I.r pi5\ijre ir lllrno tra gli \.ouls qrre,lerno. r l e l l i \ q l r 'r ( l n g l r Je . ,l og uno ri rcrive un rrti(olo (lJ lui Lotn. l)osto per loccasione (giornalc .\'olante , o rotutorio ,...); " 6) Ij. A. di rl.; \edi in seguito, nel capitolo dedicatole. 'iJ F e , l a u n n u , t c d t s q . : p r r i , csserequclla del Sanro parrono o quella dell'onomaitic del csq.

8) Codice sesreto di
nlcaltone { IISeI\'ita t

utile per ogni specie di comu-

QUINTO MESSAGGIO

LA BASE DI SQUADRIGLIA
Crr,c,re L',{.lrsIrNrr L'intimit e I'accoglienza della base di sq. sono trna ga' ranzia per la riuscita delle riunioni e per lo spirito clella squadriglia. Niente riunioni riuscite senza base accogliente! D'altra parte, il laloro collettivo distribuito fra tutti gli squadriglieri per costruire e conservarela base (o angolo), costituir un grande stimolante Per lo sPirito di sq. Dunque la prima preoccupazionedel nuovo csq. quella della cstruzione del suo angolo di sq.; non deve darsi pace finch essonon sara realizzato. Ma come realizzarlo?Secondo quale stil? Un angolo senza stile infatti un ripostiglio. Tocca al consiglio di sq. sceglierelo stile che meglio corrisponde al tipo ed ai gusti della squadriglia:- cabina di nave, I a n a d a r o l p i . g t o t t a P r e i 5 t o r i ( i ,( J P a n n a d i t r a p p e u r . " t e e r rrsp e e ' i n , l i a r i o . , ' a p a n n i u f , i , a n r . p a g . - d at i n e t e . i < ' ' b u tm iulmana, sala feuale, cucina friuln, camera tirolese o locale moderno. La costuzione, la tlccorazione, il mobilio, I'illuminazionc devono naturalmente adattarsi al tipo scelto. Nota, a proposito dell'illuminazione, che piu essasar cliscretapiu l'angolo s a r i n t i m o : I i l l u m i n a z i o n et i p o n l a m p a d a s o l a r e , , i n f a t t i un ostacolo a tle intimit (oltre ad esserePoco art. !)") ma

Lo spirito di squodriglia

cr non significa che dobbiate ridurr i a vivere nella penombra o al lume di candela: sarebbe un guaio, almeno per la r ista!...

La decorazione n o n d e r e e s r e r c\ o \ r . r { r i j n ( J o n b a r o c c a ,: la,ngolo non una galleri.r d a n e l l ) t e l ( r i b i l cesporre piccol li\orr ornamenrali doruti all irrgcgno.ir._ r degli scouts piuttosro clre un seclicente( rippeto peisiano,l
-\lua cosa.imporrarrre i la pulizia tlclJ.rrrgolo: firr d.rll,inizio, , ld. squndlrglr,r clere abitrr:rr.i a tirere iIl r.ul dnrhr(,l e l,ulito c d o r t l i n r r o . , N o n b a s r a u r r . rr u p e r h t i ; r l c p r r l i r i n . r . r l 1,,;,i;";,;, \tralr dt,.pol\cre affioranti qua e l.l, rno\tri rrnn rlriaro lo \ P l I l t O d t n C q l r g c n z ae d e n r l r - r n n o \ c r n p r e pru Jumeorando... Un Iocae senza ordine solo un bazar. I ' n a l r r ; r . _ r o s .pr c , r l r n i r e : l a r r g n l e 1 l q 1 qt e n i r t i r rorr.,reil m e n o . . P o s \ r b r l eq i uincli rritnre spc\e pi//e o ,(quisti ,li ogcetti ( l e p l t . ! l . o L l t \. r e " " i p o r r e b b c r o l a b b r i ( ilre. D.alrionde c,c nrolra l)lu so{ktr\lallone ad utilizrare un oggetto <he noi rrcssiabbjamo fatto, piuttosto che uno acquistato bell,e nuoro!

66
DcoR^zIoNE

Il setttiero el arqotquadrglia

DELL ANGoLo

Dccorazione murala. [,ritare i colori troppo vivaci o troppo nchiassosi'; sono molto piir gradeloli ed intime le tinte dolci o sfumate. Oltr ai iversi disegni, piattini sottocoPPa,pirografre. , ci clovrebberoessere: al posto d'onore: - croci6sso,statuetta o quadro della Nfadonna e del S. Pa trono: - un qlradro indicante il liuello tecnco raggiunto dagli sr;ua' trglieri; - una tavola cei noci, dei scgni di pista, del Nforse ecc. il quadro dei turni di senizio e dei posti d'azione; I'emblema di squaclriglia; la r ira del suo totem;

A r e d a m ( nt o . - Sgabclli e ur tavolo (gli sgabelli potrebbero esserefatti in moclo rla scnire come ripostiglio o cassettapersonale); - arma<io per il materiale e gli archivi di sq. - ripostiglio se&rtoper * Libro d'oro'; - scafialeper i lavoretti vari (traforo, costruzioni, modellini) e museo; - angolo cl'onore per il guidone di squadriglia Non aggiunger altto: ora tocca a te ed ai tuoi scouts Pensare a costruirvi n la casa, in modo che ne risulti un locale intimo, rilniro e piacevole ma soprattutto utie. Nlettiti bene in testa, comunque, che un bcll'angolo indispensabileper la buona riuscita delle riunioni cli squadrigia

SESTOMESSArcIO

IL MATERIALE DI SQUADRIGLIA
Sc rogio consacrircun crrpitolo i questo soggctto, soprattutto pcr insistere srrlle cure che esige a conservirzione tlel rnateriae e c l e l l at e n d a . e r i c i e n t ei n f a t t i c h c , d a l s u o l ) u n t o c l i v i s t a , u n t c n c l am a l t e n u t e n o t r i r r r n o l t o a l r r n g o ,p r o I ) r i o c o m u n a c c e t t ao u n c o l t c l l o a r r u g g i n i r i . \fa necessario sol)rittturro i n s e g n a r ea g l i s c o u t si r l l o r e delle co.se,irbituarli a prenclersi cura clci loro oggerri e di clrreli altrui, a conservarli, l riJ)ar:rrli..,giacch piu tardi la trascutatezza contraLtain gloventil J)otrebbetrasformlrsi in ne_ gJigenzaassai cosrosae in rlisortline biasimerole. (l gi il magazziniercche in.ari.aro cli Pcrrsarcal rnate r i a l e c l e l l a s q . , m a t u t t i a s s i c m ed e r o n o < o n r r i b u i r e a m a n , tenerlo in buono stato.

CONSERV-\ZIONEDEI,LA TE\ I)A -\) DoPo tr, cArrr,o


La tenda (le\''esserinessa ad ilscillgare sll una corda, in locale b e n a e t e a t o : i n l a t t i , a n c h e s c I u l r i m o g i o r n o <lel campo non

plo!'uto, certe parti clella rencla conservanoscmPre un celto graclo di umidir e riporre la tencla irr taie st;rto, sarebbe il modo piu sicuro per larla infracidire. Dopo a-lerla fatta asciugarc,dev'esserspazzolataper bene; . dopo di che, se ne far un;accurala revisione per scoprire ogni

88

Il s.nti.ro dcl caPosqadiglia

a temPo piir pic.olo strappo - c oo n logorio e poter cosl rimediare. cura anthe i tiranti onde verihcamela Si eiaminerann resistenza(farli asciugarebene, ricordandosi che una corda ci mett piu tempo di un pezzo di tela per asciugarsi). Paleria: controllare se tiene e se innesta bene; Picchetti: toslierne la terra; non racchiuderli mai assieme a l l a t e n d a , m a n e l s a t c h e t t oa p p o s i t o . Tappetto: lavato, asciugato e ben aereato; Dopo di che, la tenda ben asciutta e pulita, viene. accuratantente piegata e messa al sicuro (fare attenzione ai toPil). Il magazzinieredeve controllarla ogni mese. Una volta finito un camPor occorre Pensare a quello che segulra...

B) Rrrar.azroxt Stra|pii ataccarc una pezza abbastanza larga e di tela solida, cucndola e orlandola ai 4lati e poi fare una seconda cucitura ai due labbri dello strappo. Se esso fosse piuttosto lungo, attaccare la pezza di tela sulle due facce della tenda.

Lo tpirito

di sqradriglia

89

Se lo strappo si fosseprodotto vicino al colmo della tenda, occorr che la pezza lo oltrepassi e penda un po' dall'altra Pafte. Occhelli d.e tianti: sono essi senza dubbio i punti piir clelicati della tenda, soprattutto se sono alle quattro cstremitir. Quando essi stanno cedendo (specie se si tratta degli anelli metallici fissati nella tela stessa), piuttosto che fare una riparazione sommaria vale a pena di farne una piu unga ma piu solida. Si pu, a questo scopo, cucirc una larga pezza di tela sopra e sotto il bordo della tenda e in secondo tcmpo fissaresulla pezzastessa, pure sopra e sottor una cinghia di cuoio nella cui ansa viene inserito I'anello, possibilmente triangolare, del tirante. Colmo. se esso logoro, cucire una striscia larga 50 cm. sopra e sotto la tela, eventuamenteper tutta la sua lunghezza. Nei luoghi in cui si devono inserire i pali, mertere spessore <luadruplo, praticare bene i buchi e orlarli con una striscia di cuoio fine (se ne trovano sempre nei vecchi cappelli!).
C) INTPERyEABTLIzzAZToNE

Immergere la tenda, asciutta, in paraffina sciolta nella ben' zina, in rapporto di 30/35 gr. di paralfina su un litro di ben zina (dopo aver agitato per bene). Lasciarla immersa per 20 minuti poi farla asciugare. Far attenzione a togliere ogni piega della tela, prima tli immergerla, se no I'impermeabilizzazioncrisulter imperfetta. Attenzione anche a non far questo lavoro accanto ad un fuoco: .ri rischia d saltare in aria! buona norma far impermeabiizzare la tenda in media ogni tre anni. Ricorda: se il tessuto nuovo, immergerlo prima di tutlo in acqua tiepida e soda (Solvay o Persil...),sciacquarlo per bene poi metterlo ad asciugare.

90

II scntiero del caposquadriglia

CONSERVAZIONE DEL NATERIAI,E

DA CUCINA

Il materiale da cucina richiede pure molre cure assiclue. Pcllole: pulirle a fondo con un buon detersivo; pulirle anche all'estcrno; ricorclarsiche i dctersivi spesso corrodono I'alluminio, quindi sciacquarc bcnel Coltell: t..Derli prrliti, affilati ed ingrassati. Strolnacc: lavarli con acqua bollente e so(la; strofinare bene e tiI asclugale. Sccch e recpictlt d tcla: lavare con acqua fresca e sapone, sciacquarepiu volte c lasciare asciugarea lungo. INVINT.\RrO DEL Nr_\TERIAI_E Dt SQU.{DRTGLIA

La lista che segue, basata su una sq. tli 7-8 ragazzi, conrprende I'equipaggiamento . ideale o rl quae si clevegiungere Poco l)er volta:
I I 2 I 6 bateria da cucina (con doppio di pentola e padclla)r sccchio di tea; catini di tcla; b r . ) c c ( l a l l u m i n i o c o n c o p e r c h i o t . 15 l i t r i ) ; c o l t e l i p c l a p i l l at r ; (oltclto .la pare con cusrrxia; accctta c custodlai

schiulnarJlai I 3 4 6 pcstal:rdo; cucchiaioni di le8oi astiugami; asciugatoida cucinal

2 spugne di fcrroi 6 sbarrerte da fuoco (in ferro); stgai martclkr casscrra di chiocli;

Lo spiito I sacchetto per spaghi e cordicelle;

di sqadriglia

9l

vari sacchcrri di tela o plastica per zucchero, sale, caff, ecc. barattoli pcr burro, grasso... taloletta per tagliarc il Pane; uncini da macellaio a forma di S griglia lpr pane o came); tclone antipioggia ltipo mililare); bandiere di segnalazioni (appaiatel): n c c c s s a r j oP e r f a m m e n d a e ; necessario per lucidare le scarPe o ingrassare gli scarponi I 2 / t d i q u e . r o , n a t e r i a l e d o 1 ) r c b b e r oe s s e l a b b r i c a t i d a g l i s c o u t s s t e s s i( l o r c h e t t o n e , t a a l a d e l F a n e , g i g l i d , c c ( n o n s i c o t n P f l n o nn si lanno!).

T u t t o q u c s t o m a t e r i a l e p t t e r s e r s i s t e m a t oi n u n a , a r r a apposita, che sar poi assai utile al camPo come.. dispensa ( l i r q . , o p p u r e j n s a r c h ir a t r a m a t i . narcato con le iniziali o i colori o Ogni oggetto deve essere lo stemma della sq. CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO

Contiene i medicinali e le cose necessariePer Prestare le che sia fornita come quclprime cure. tr..on quin<i necessario la del Riparto. Ecco quanto deve contenere: Ind,icazioni
comprese cli garza sterilizza; cotone idrollo; rotoli di garza di 3 5 7 cm. (crcntualmentc I di 12 cm.); rotolo di sparadrappo; spille di sicrczza; tavolette di Suttaperca; mercurocromo (o mercurocard)l); acqua ossigenata; astreptina in polverc;

i
.

{asci;rture.

puliria dclle ferite; disirfettantc.

92
asPrrlna: formol;;

II senteo del caposquadrigla

alcol canforato; vaselina; Inotlol (o simiii); alcol di menta; c o m p r c s s c( l i f c n o l f t a r ) c i n r ; adr;anoli c o m P r c s s ( l i c l o r a t o d i p o t a s s a l un paio di forbici.

fcbbri, mal di testaj Lure ai pirdi; n r a s s a S Sa i la pcllc; m r l r s i c t u r e ,s l e n i m c n t i j tr izioni; infiammazio',i dclla pelle; mali di stomacoi lassatir o; affrc(dorii

Per le uscite, e\iclcntemcnte, non necess:rrio che I ambu lanziere porti tutto quesro materiae; egli pu ritrrrsi al solo essenziale: un paio di rotoli ed alcrrnc cornpressecli garz;r, s p i l l e d i s i rr r r c z z . r . c r (r t r o r m r o m o . . r rq u . r o . s i g e n : r r le . t c t e .\ i r \ ( . lina, forbici. O g n i s c o u t ,i n f i n e , r l o r r e b b ee s s e r muniro rli un sacchettino cli Pronto soccorsointlirirluale di trri si tro.iano oggi in com, mercio lari tipi.

F
SETTIMO MESSAGGIO

SPIRITO DI EMULAZIONE
TRA L[ S Q U A i ) R I C ; l - lE

La prima manifestazioneclello spirito di squaclrglia rrna certa fierezzadi appartenerli, il che procluce ben presto tln rlesicleriospontaneo (li stlPerare tutte le altre squadrigiie clel Riparto. iPirito llrorerolc,laqtrc.to.erello it r.q. pui' rrrrreI'.ntirr) Lo rivalit. in di comptizione, pttrch esso tron si cambi

94

Il senriero del uposquadrgla

stcsso(1. R. pur), ogni tanto, approlttarne per organizzaredei concorsi intersquadriglie,onde rafforzare lo spirito (lclle stsse sen/a nuocere allo spirito (li Riparto, purche per I'emularione tra squadriglie sia fraterna. \LLA SqUADRTGLTA

Il csq. fa leva sull'amor proprio di ognuno dei suoi scouts per organizzareperiodicamentegare o piccoli concorsi interni. Onde clare a turti le stessepossibilit, cleve far in rnorlo che la portata cli tali concorsi sia abbastanzaestesae non limitata a solo due o tre campi, altrimenti ci sarebbe r;ualcuno che sarebbefarorito,in partenzacd altri invece quasi <eltutto K.O. Si lrotrebbero anche costituirc coppic di scours,con un enriano ed un novcllino assieme, mentrg si (lc\e evitare al massimo la ciivisionedella sq. in due parLiri, quello cio del csq. e quello del Yice. Si badi comunq.rea dare ugrrali possibiliti cli rittoria sia al nolizietto o al pi(letenero che al lecchio scout n impataccato ". Eccoti qui un esempio ti questi concorsi, progratrrmato per un periodo di due rnesi:

l ) ?ecnicn: superareuna pro\a cli classe o di specialit 50 pp. 2) Laborositu'. arer eseguito un lavoro utile 30 , 3 ) Risultan stolastci: tener conto dello sforzo fatto e
dei progressiottenuti 4) Regohritti alle riunion.. si tolgono 2 pp. per ogni ritarcio c 5 per ogni assenza non preavvisata 5) l-edelt al proprio ittcorico'. il csq. giudica nel modo con cui ognuno ha espletato l proprio incarico 6) Proaa seltimonale: ad ogni riunione o uscita, il csq. organizza una prola speciale valevole per il concorso: kim, percorso a tracce, schizzo,gioco di osservazione in citt, raccolta di diversi tipi di foglie d'albero, una serie tli nodi da fare, una prova di p. s., ecc.:ogni prova lale l0 pp. per rrn totale di ) Obbedienza al regolamento dl sg., specifrcandoil punro da curare 40 40 40 ' ' '

80 30

' '

Lo sprito di squadriglia

95

8) ,!litr: e spirito scout in genere, a giudizio del csq. 4{J PP e vice ciraggiunti le seconclo 91 Altri punti possono esser costanre... si totalizzano i punti e si -\lla fine clel perioclo prefrssato, ricompensa il vincitore con qualchs premio materi;rle o con una citazione d'onorc (per es. sul " Libro d'Oro,), tlobbiamo (erto utilizzare lo spirito di emulazione, ma non dobbiamo lbusarnemai! A proposito di concorsi nella squadriglia, eccoti un modello B.A.l di concorso
ogni scout si s.eglie una sigla o a.ro sgno sgreto; gcroglfico, (abaistico, nomignolo... e lo riproduce su una strie di bigliertit)i (a qucsto concor$ pu benissimo partecipare anche il csq.). Ciscuno ifnora il scBroscclt! dagli altri. (l' una sola reeoLt eerLziol? ne gioco: oBni giornl) al camPo o ad ogni riunione, durante lanno, ogni scout ilcte lare una B.A. sett farsi ftle dttgli dtuli e dcporrc un biglietto col suo s(gro. ncl luogo h cui ha fatto la B.A. vince i gioco chi conscgna al csq. I elen.o complcto dei segni segrcti di tutti gli scouts dclla squadrigia. Il(gole sc.ondarie: l) naturalmerte non si pu frugare di niiscrrsto nci sacchi o nelc tasche degli altri scouts onde scoprirne il s8nol 2) quan_ {to si lrova da qual.hc p:rte uI higlictljno per in(licarc chc c stala far(a una 8.A., lo si dele lasciarc sul posto perch anche gli al(ri possano costatare talc BA. questo gioco sviluppa co,ttmporaneamente lo spiriro dtlla B.A. e le d o t i d i o s s e r \ a z i o n ee d i d e d u z i o n e , s n z a o f i r i r e , c o m c q u e l l o d Z o r r o , l occasione di fare dci . tiri birboni '.

Puoi ottenere una sana emulazione in squaclrigliaanche ton altri sistemi:


IL NUMERO D'!}RDNE

B. P. consiglia al csq. di clare ad ognuno (lei suoi scouts un numero progressiro; il csq. n. l; il rice n.2; lo scout pi esperto o piu anziano n. 3; e cos ria fino all'ultimo entrato in sq. che sar n.8; costui per, pren<entlo coscienzapoco

96

II sente

del caposq adligha

p e r \ o l t a d e l s u o ( m e s r i e r e ' d i e s p l o r a r o r es ,a l i r t u t t i i g r a dini che lo portcranno prirua al n. 7 poi al {, al 5 ecc. fino r r l g i o r n o i n c u i s r r r i e g l i s r e s s o n. 2 o n, . nelle prcsentazioni (il licecsq. Questo orcline viene osservaro in cod:r, naturamente) ed in rutte le altre occasioni della vita cli squadriglia.
lL \.{s IRo D'orioRE

I'inscgna d'onore clclla sc1.: cssasi consegnaogni rneseallo scout che ha n frrnzionaro, mcglio, che ha ricoperto meglio il suo posto o incari(o. Di questi risultati si ticne nota ncl - Libto d Oto '. rn un.r '1'po'ir.r. 1,,reinr .r Ci satebbcro ancora altri sistemi: gara ilei quaclerni tli caccia, clei ibretti cli canti, rlei lavori di econoltia per la sq..., e t a n l i . i l t r i r l r " l . r t r r . rL l t r a \ i :\ln l r t ] \ ( u \ a r e .

Squa<lriglialibera: .,rl un cumpo di latoro ntravgloso ed appasstonatlte, vt:ra azione d, suiltlppo a endmento scuro, tlutetico oPostoldto rnoderno che respira nel rinnovato spirto ccum.nco dr:lh Chiesa, L,olla pt| che tnai ad oprre un p t i t i t r t s t od i a l o g o c o n i l m o n d o e c o n ; g : i o u a n ;i n s p e c i e . r:. l tl lt t c n t c(r t (r pre t azon e tn i ss ion ar i a d el l c.t scrt tt t isrno, . (Gino Armeni)

OTTAVO MESSAGGIO

PREPARARE ALLA PROMESSA


affrettata. QuanUna vittoria non corona mai una clecisione o rgrnirza l.r pler i t t o r i a . u n a d o u n g e n e r a l e\ u o l o r l e n e r e parazione in diversi stadi. Dapprima esamina la situazione (. di che si tratta? ' ' era la frase classicadi Foch). Dopo elabora il piano d'attacco. Quindi, lentamente e merodicamente,fa avanzare le truPP fino al punto stabilito per lanciarle all'attacco. In tal modo egli ha iutte le probabilit di vincere se non ( molla la presa' e se il suo piano stato concepito a dorere. ed a tra al (onrattacco fnfine,egli si prelrrrr a rispondere sformare il suo vantaggio iniziale in vittoria de6nitiva. * Ebbene, anche tu caro csq., non puoi cerro impegnare alla leggera un tuo novizio a pronunciare la Promessa.Anche tu dorrai prepararti all'attacco, a realizzare un assalto ed a prevedeie un contrattacco, se vuoi che la promessa dei tuoi ragazzi sia una vera Promessa.Per questo ho I'intenzione di analizzare assieme a te quella che deve essere una vera Pre' parazione ala Promessa,
i - U i..tso del .rlotalddtt\la.

98

sentiera del capasquadrigla

Dilicleremo, come rl ortlinario, questa preparazione irr raric lasi. \fa bcrcdr ryTg s i t r a t r a < i u n a t i r i s i o n e6 t t i ' i a c schematica.al solo scooo di larti vecler meglio qrrello q[e d9{ falg: e che in realt?r queste fasi si compenetrano tra loro tanto che il tuo novizio non clcrs accorgersi cli tappe o di ripiani, nela sua asccnsione. l" fase: ESAlfl- D[,LL-\ SITUAZIO\I]

Claudio entrato in Riparto da 3-.1 mesi ccl il C.R. ha pensato subito ad inserirlo nela rua bella sq. dei Camosci. < Pinguino saggio', il vecchio scout della squadriglia, I'ha iniziato ai primi misteri del Piecletenero. Tu stessouna volra gli hai spiegatola l-egge e gli hai <onsigliato cli ripetcria ogni sera per impararla bene; stato questo il ruo primo contatto personale con lui. L'lmt anche osservalonel gioco, nelle uscite, hai gtrar,lato i l s u o l i b r e i t o s ( o l r . t i ( o ,m e l o t o n o . r i . r n t o t , r troppo pocor dato che egli non si ancora <sbononato,, per {arsi conoscerenell'anirna. La clomanclache ti poni quindi questa: , h n - l , r ' , r . r r e C I a " , l i o ; a l r e t e ' , r l r , + + i - rr l i b r r o n o i ^,. Pi Che rosatcre .ttrror.r i (q u i s r u s : ' . L c I i r p o r t e r , o n i c ! l o r . e t ; r i rla solo o, almeno, :ron ti itccotrleDterai dele tue so]lao. II Consiglio di squortriglia, 6i6 rlegli scouts che hanno gi fatto la Promessa, l apposta per illuminatti. Tu porrai ;rcl 9,i9-91! d"rn,-nde q tol ess r:edrai quello che Clauclio ha se h:r gii gledegnrto. stando in Ripano e nslll .qu:rrlriglia. mostr119 di \per (omprendere e d q , l ) l i ' , r r e L r L c g g ec d i n h n e preciserai quello che 1a squadrigi:L{lesidre {.haaudi aqui s t i . . . ,d a t o c h e i n t e r e s s a a t u t t i C a m o s c ia c q u i s t a r e un nuo\o fratello.

Lo sp;rilo di sq{adigla

99

Col tuo aice, buon consigliere,cercherai di chiarire tutte le idee emerse dal Consiglio di sq. e getterai le prime basi del piano d'attacco, dei mezzi da impiegare per colmare le deicenze notate. al C.R. de altri csq. quello che ne pensi del tuo novizio g proI prepararlo a fare la Promessaentro due o tre mesi. esi. Non avrebbcro per caso anch'essi qualcosa da dire sul conto di Claudio, non hanno osservato nulla di bene o di male, a suo riguardo? Dopo di che, andando a casa di Claudio per convocarlo ad una riunione, approfitterai di un istante in cui egli " sta di l ' per vestirsi e dirai a sua mamrne, con molto tatto e naturalezza, che fra poco egli far la Promessa e che, quindi, lei noter di certo in lui un impegno particolare in tutto... e che Claudio molto sensibile agli incoraggiamenti materni. (Questi brevi inconti occasionalie intelligenti coi genitori dei tuoi ragazzi devi saperli ripetere ogni tanto e ci guadagnerai, se saprai esseresemplice e cliscreto,una certa collaborazione da parte loro). Da questi scambi di vedute col Consigio di sq., col tuo vice, col Consiglio dei Capi, coi genitori, potai trarre una conclusione: ;gprai chL _Qk4yLd1o. un ragazzino un po' viziaro (quegli spinaci lasciati ai bordi del piatto, gioved scorso, quando sei anclato a chiamarlo per la. riunione!), un po' addormentato e timido, che pensa assaipoco agi altri e molro a se sresso ed ai suoi comodi. E non molto ordinato (che guazzabuglio in carnera sual). Tuttavia c' molta buona volont (manca p - iuttostola volont!...\. " i n t e l l e t t u a l e " ( . . . s el a c a v a anche un tipo abbastanza bene in matematica!) e sa disegnare discretamente (ha gi scarabocchiatotende e cappelli scour un po' dapperrutto e quindi gii " entrato in orbita "). 2' fase: PIAtr\O D'ATTACCO
i#.+-:-

O m c o n o s c iq i m o l r i p u n r i r l e b o l i : s r r q u e s t i c h e d e v i

lavorare (Oaltlonde rn se8!lto ne s(oPntt an(ora pare((hil).

r00

Il sentiero del coposquadriglia

Occupiamoci solo dei principali. Conosci anche alcuni suoi gusti: devi saperli sfruttare.Stabilisci un piano (non certo Per iscrirto, su 4 iolonne, ma rol " in-esta J5asan<loti su tutto

reiitiaie i quello che conosci e suddividilo in progiei-lf nelle attivita scout. scuotal casa,ii sqq4difufia-

Curare al massimo i compiti, scegliendo ogni !ttimana un Punto meglio; curare Ia punleggiatura; precfuoi i titoli ben chiari; rrivere p/ogra$o: ordine, \olont; materia debole: l ingles; ogni giorno c,onsacrera dieci minuti per ripassare acune regole gi viste (e gi dimenticat...). in Piu,

Piccoli seriizi di rendcre: piccoe riparaziorri, inatriare i fio, chiudere le pe$iane, macinare il call, lucidar le scarpe, fare qualche spesa..) Progrcssoi sizio.. in camera: un po' di ordine; metiersi al lavoro senza pcrdere tempoi ginnasiica al mattino... alzarsi appena chamato... mangiare ci che non piace... IN squ^DRrclr^ qui che tu saprai sfrultare i suoi . hobby ' e capacil. Sa dis8nare bene: chiedigli di disgnarti un trl camoscio di cui hai la foto in un album. un lipo intellettuale: amdagli il . giomale di bordo '. progTerso: volont, energia. Ma non molto ordinato: lo incaricherai di aiutare il magazziniere perch impari cosa significano ordine e pulizia. chiedendo il timido: durante l'hike di sq. far da .mercurio, permesso di far il fuoco e di poter utlizzarc lacqua presso alcuni . indigeni ' deila zona.

Ecco il tuo piano ben definito (e il tuo sar certo piu approfondito ancora di quello che io ho sviluppato qui). A che punto sei ora?

L rpit ito di tquadtiBlin

l0i

I
l) Tu sai fin d'ora quali melzi dovrai usare o, meglio, Claudio dovr usare, per rincerc i suoi difetti. ulche 2) Clauclio per non sa anccra nulla; dovrai metrerlo al .orrentc: sar; la fase successiva della tattica. 3) \fa prima ancora di far ci, ora che hai le idee ben chiare, il momenro di andore e trallar( il Capo: gli esponi il tuo piano e i risultari che spcri di otrenerne. Vedrai che egli sapr rivelarti altri " nucchi " magici, per rilinirlo ancor piu ed allora tu ed il Capo srabilirete finalmente il piano d'attacco, definitivo e cornpleto. 3' fase: L'AVA-r-ZATA soldati non si lanciano all'assaltoa parecchi chilometri di <listanza dal nemico, no! : essi avanzanolenramente frno ad un ccrto punto, senzafarsi veclere, etl arrivati ad rrna cinquantina (li rnetri, scattano in un assaltoimpettroso e deciso. Noi dobbiamo fare :r stessa cosa: non si trlrra di sviluppare il nostro attacco cl'un colpo solo, ma progressivarnente. L'abbiamo gi r'isto in tre campi: Iamiglia, scuola, riparto,.. in ognuno di essiprocederemoper tappe successiye. Dobbiamo un chioclo <opo I'altro, mctodicamente; quindi metl)iantare teremo in atto i nezzi prer'sti dal piaDo da acco, successivam e n t e , m a ( o n u n a p r o g r e s \ i o n ei n i n t e r r o t t a e ( r e s . e n l e . Prendiamo ad esempio il campo dell'energia: ptima settimLn\ seconda settimana terza setlmana quarta settimana dormire con lq finestre aperte, lavarsi a torso nudo, alzarsi puntuali, ginnastica al mattino.

I tuoi colloqui con Claudio si son farri sempre piu frequenri e, grazie ad essi,gli puoi suggeriredi volta in voha, con molta naturalezza,uno o due punti del ruo programma e chiedergli a che punto si trova con quelli della volra precdente. Non c' assolutamenre bisogno di parlargli gi di Promessa prossima; rigli solo che tutto ci che ru gli chiedi e che lui

102

Il scntiero del caPosquadrigli.r

fa, serve a arlo diuentate un uero scout e ad essere Pronto a fare un giorno la sua Promessa che Claudio non abbia I'impressrone La cosa essenziale . h e r i t r e t t r r l i t r n p r o q r . r m n . r r h e t r r g l i - i m l . ' o t i 'n o : d e \ e chc sta miqlioralrdo direntrrrtlo pi.u a . c o r g e r \ ip e r s o n a l m n t e . n . . g . o , p i u o r d i n a t o , P i u s e \ i T j e r o l ep e r t h e " l u - i ' h P - l . o (he.quclle uuoiT: doire.ti quasi.rrril3reJ direli limfres\iont m idee. quegli e.pedientiche tu gli suggclr\'r Per rqlrornr\r' vengano da lui. che la tua attitudine nei suoi Altra cosa pure essenziale, almente naturale tla no4 4'(orlcrri np'. e r i g u a r . l i d e v ' s s e rt propr4mtnn i , r / ' l / d : n l e n l eq u l n r l l 'D au r ir ee c h e l , t h a i l u t t o u n ' r i ' S e n l i b e n i ' : ' i r n oc h e d ' r ' o l o n o t t ( o m e : t r r dortor.rli a che deciso ho quindi Partire da qucsta sctcombini niente, '. Capisci beaPerte fnestre con le drmire dovrai timana nissimo quello che ricaveresti da discorsi tlel genere' Pu tlarsi inlece chc le cose andrebbero meglio se gli clicessi: . Hai visto quel poveraccio che starnuta o6;ni clue minut? Scommctto che uno di quelli che dormono semPre con le finestre chiuse e quattro coperte addosso anche nel mese di agosto...Noi, invece, al campo dormiamo semPre con la tenda .t",,po' e non ci siamo mai preso il rafirecldorc ll fatto "p".t" abituiamo, tenendo le frnestre aPerte di norte per ce citutto l'anno. Dovresti cominciare anche tu a fare cos, se no al prossimo campo dovrai tenerti tutto il giorno il fazzoetto s o t t o i l n a s o . .,.. Toccher a te, dunque, trovare il discorsettoadatto per Claudio onde riuscire a convincerlo. A l l o r e , s i a m o i n t e s i : s e m p r e s r r g g e r i r cr. n a i i m P o l r e : - attuare il piano progressivamente(non devi mettere .il novizio di front ad una parete da scalare ma ad una scala da salire); - niente lunghi sermoni sui difetti da correggere,ma espedienti oositivi, E coi, poco per volta, il tuo piano verr realizzato. Pensi forse che, alla fine, il tuo uomo sar un modello, senza Piu

Lo spirito di squadriglia

103

difetti? Non credere! ma sar senza dubbio un ras^zzo che \ i \ t a p r o g r e s s i \ a m e n rle i b e r a n t l ot l e i s r r o i d i t e r r i e i h e s a p r r ( . u e d e g n a m e n t ei n s q u a d r i g l i a . Etl un bel giorno penserai che ormai Claudio ha capito cosa . i g n i 6 r a e s . c r c\ ( o u t e t i a r r o r g e r a iq r r i n r l i c h e i l m o m e n t o dell'assalto ormai imminente e sar un assaltoche prorette r i t t o r i . rd . rto rhe a qrresto p u n r o ,d i r e n u t ot u " g r a n d i a m i c o , , l i C l e u d i o r r o m e e g l i c l i ( e ) .i \ r d i t u t t e l e p o " l i b i l i r d i p a r largli piu intimamcnte ed in profondir; la sua scorza rufosa sl lentamente consumata ed ora puoi lavorare osul vivor. 4' fase: L'ASSALTO Lo Stato Nfaggiore s i r i u n i s c e e f l s s aI ' o r a . X , , menrre le truppe sono ormai pronte con le armi in pugno, Si spiega ai soldati I'obietrivo da raggiungere. Possiamoanche noi frssare I'ora o X , : il Consiglio dei Capi e,l il C. R.. renuri il (ouenre de re drgli :forii larri e dei l)roqre\\ir(.rli,,/ili dal tuo norizio. fi.sanolr dara dellr promt\\at e\\a ;rrr,rlrroqo [t:r tre .ettimane. Ora devi mosrr:lre a Claurio I'obietrivor la I-egge Scout; e l : t n ,i . r r l o : r l l . r . . , r l t o . e ller runo il rempo rhe esso"dltrat ,u r l e r i t e n e r ci l r r r o1 u ' . r o {li (ombJlrimenlo a ( ( i n t o J l u i L en o n clierto cli lui, minaccianclolo con la pistoa se indietreggia!). Una sera tunqrre, finito il tuo laroro, r'ai a trovare Claudio. Partite per urir passeggiaraall aperto e, camnin fa( c n ( l o .q l i r l i r a i r h e l r r r n o n m o l r o t i s r r a i n R i p a r r o u n ; r cerimonia ri Prorlessa, che hai notato i suoi migliotamenti e ( l ) e t p e n . i r h e e g l i p u r e l , o \ \ . r o n n J i a n d . r r er l : r l C : r 1 , o a chiedergli cli potere cmettere la Promessa,sicuro come sei che egli la manterr; che, comunque, tu sei frronto ad aiutarlo i n q r r : r l , ' i r ' im o m e n t o p e r (h e l ) o . i , r . l i r e n r a r r r n o , . c o u tc h e fiero dela sua Legge e che liie la sua Promessa. 1-utte <ltreste parole troieranno la ria dell'anima sua, se son clavrero clettate dal tuo cuore di csq. Ora ti resta ancora un < o m p i t od a s r o l g e r e :l a r g l i , a p i r e l a L e g g ee I i m p o r r a n z a clella P r o m e r s ae : gli dere 'npir bene infarri i che co.r ,,i impegna.

104

Il sentierc del aPosquadrillia

che ti preoccuperat Durante questo colloquio ed i successivi, gli spieghi la Lcgge punto per punto lpprodi intensifrcre, l i i l l e a s t u r i ee c l a l o r g i f o n d i s r i o r n i a r . o l . i n t e g n a n d r - ' gm m i g l i o e \oltolinelntloso1'rata d o r s e r r a r l i a i u t a r l o , menti, Der q u a l i trno slorzosPetiale rora u n t i d e r c f . r r e s u i r u t t o q i e i 'p abbastanza m'rintimo di lui ed egli abtrartrnz'r tleri e.,sere debolezue)' sue lc difficolt troPPe dirti senza turo, perche possa Gli parlerai delle virtir scout: lealt, serrizio cisinteressato, energii e coraggio. Gli presenterai la B. A, insistendo perch cominci fin dtria a larne una al giorno, per abituarsi Gli f a r a i c a p i r e( o m e b e l l o i l s o r l i ' o d e l l o ' t o t r t e q u r r t t o i g r r n ' r l e l a f r z a d e l b n o t t u m o t e .G l i . ; , i e g h c r r i r h e ' i r r o r ' r l r f e l i ' ola agi altri -((he cit non cercandola Per s ma l.rrocr.rrand grande soddisfazione aver dilluso la gioia attorno sc c dl!eniare, come Kim, " I'amico di trttti ' l). Parlargli anche del n sempre' del terzo articoo. F a g l i t a p i r e i n f i n e i l s e n . o l , r o l o n ' l o r l e l l . rP t r r r n e ' s t :r l t r e ' t u i m p e " g n oi o l e n n e t h q l e g : r f i a l o r o m i g l i a i . r t l i ' r o u t s n e l l a nostra Patria e milioni di scotlts nel mon(to; qlresto lml)egno reciproco di lui co Capo (il quale raPPresental',{ssociazione , del Cifo ron lui giart.lr".il d e l m o r r , l , , e tuti gli scottts d i L l r r r ' i o . s i m p c g n c r ' r' r ' l r i t r P r o m e . ' ' . r l i c e t t a n . l o l . r Crpo, tario perch la osservi semPre (( semel scotlt' semper scout-'); quest impegno assunto dilanti a Dio e a tutti i ProPri frasicuri di se, Per avere il coragtelli scouts (come si cler"essere gio di afiermar in tal moro, davanti a ttrtti, la ProPria deci' iione di voler rispettare un ireale!): quest irPegno a far sempre del proprio meglio per o\\(l\itc Ja I eqgt \ellire Dio e i a P a r r i a ,p r * i t e r e d a i e r o t r i . t i l n o f r e r o' l e l l a l ' r o l l r i . r I e J c e per .o-piere i propri doleri di stato, come frglio -e.stuclente, giaclo, , domani, di compiere quelli ben piir ossi. oSgr ' onde esserin graclo u o m o d e i buon cittadino. i m p e g n a t i v id i non piir Pacrortedi se stessoi la Promessa ha fatto Chi I ormei me!\o r diqlro!i/ione "i - del prossimo, per servirlo c renderlo feice: - della Patria, per amarla e renclerlir piu grande; - di Dio, di cui ormai testimonio e n missionario'.

Lo spiito di squadiglia

05

Lo Scautismo non un'uniforme: un corpo, un cuore, un anima. Ecco I'obiettivo dell'assalto, caro fratelo csq. Ah, com' b e l l o i l t u o t o m p i t o d i m o s t r a r ea l f u t u r o \ ( o u t l e g t a n , l e r z a d i q r r e r t i d e a l e lC h e m a g n i 6 r o i n r a r i r o q u e , r o . t l i g r r i d a r e il tuo novizio fino al giorno in cui potr, senza rirubanze, andare dal Capo a chiedergli, con gli occhi negli occhi, di accettate la sua Promessascout! Quel giorno potrai cantare vittoria, I'assalto sara riuscito! Nla non sarai tu solo ad accompagnare Claudio in tale assalto: tutta la squadrigia Camosci cleve seguirti, cercando di sforzarsi a meglio vivere la Legge e pregando per il nuovo fratello. Occone per che Claudio rrovi un appoggio ancor pi solido di quello che ha gi: quello cio del Grande Capo e Fratello, Gesu, assieme all'aiuto della lfamma tlel Cielo, N.laria. Affidi la sua Promessaalle loro mani onniDotenri: vada sDes\o a rrovarli per parlar Loro ,li essa. oflr.r ogni matrina gli sforzi che far nella giornata, ed alla sera, ai piedi del crocif i s . o ,e s a m i n i i l r r p p o r r o d i c a r ,i a d e l l a g i o r n a i a c l s r i q u e l J o dell'indomani. Ed anche tu andrai ad arringere forza pressoil Gran Cepo: Lui infatti la vera sorgente, alla quale atringerai I'ainorc e la dedizione necessariper cammnare, giorno per giorno, accanto al tuo Piedetenero, fino al giorno della vinoria. 5r fase: LA VITTORIA Staseta, una chiesetta 'ede raccolti attorno al suo altare un gruppo di ragazzi che domani faranno la loro Promessa scout, cos pure i loro csq. e Capi. Sono l in ginocchio, davanti al tabernacolo, come faceva, no una lolta i Cavalieri per la loro Vega cl'Armi: essi afi,i, tlano la loro Promssaal Grande Capo. Recitano assieme la Legge, lentamente, articolo per articolo, e l a m e d i t a n o ,o n d e m e g l i o ( o m p r e n d e r l a u n , , 1 r u a , , , o r r .

106

II scntiero del .lqotquodtiglia

tlt A loro volta il Capo e I'Assistenteparlano clella P-romessa clomani; ognuno s raccoglie davanti a Dio e riflette seriamente... ...e, solo nella sua cameretta, Claudio continuer e concluder la sua Veglia, prima d'andare a dormire' * Il Riparto schierato in gran quaclrato in mezzo alla radura' saluta. alla presenza-.di Clauclio, inginocchiato cavanti all'Assistente, (lietro con le tre dita lui, di Tu, li benedizione. riceve tutti, dei Camosci' unite nel saluto scout tocchi il guidone Claudio avanza ora verso il Capo' alla cui destra Ia Fiamma del RiParto, mene la clestrasi alza nel segno scout e g l i o c c h i( e r ( ; n o q u e l l i t l e l ( ' r p o q u i n ' i . l a r l r a \ o c e , ( o m mt,.arontpe il rilenzio fattosi' ,otne Per ln(anto' Plolondo e taccoltoI n Con I'aiuto di Dio, prometto sul mio onore ' ' Eccoo scout, e mentre gli armeggi attorno Per applicargli il nastrino omerale dei Camosci, il ttto cor<ialesorriso verr a por fine alla sua cmozione. * ,{desso i Camosci fanno festa ll ttro vice, ch' un tipo che ci sa fare, ha infatti organizzato un piccolo rinfrescosorpresa' mentre il . guarcliano dl angolo , ha ornato tutto I'anbiente ' ecl il o segreario, ha stesosul ravolo il grande ' Libro d'oro ' P I G n u o v a d e l l a f r r m a p r g i n a r i r e r e r e d e r e l a c h e .,narto i l "q u " l t " t i r d a l o u n m o m e n t i n o r l o rc n ' l o c o m P i e r e la m es s a ." la sua prima B.A. ti scout Ec appena la festicciola sar frnita, lo saluti stringendogli l a , . i n i " i . r .e s o r r i d i s o t t o i b a f f i . p e n s r n . l o a l ' b u o n . t i r o ' c h c g l i h a i g i o t a t o . a r v i s a n d o\ u ! m a m m i d i P r e P a r a r g lq l ualcosa di specialeanche a casa...

Lo spirto di squadrglia

t07

* DOPO Ormai Clauclio ha promesso. Durant le prime settimane .. (1i scout, il suo sforzo probabilnente continer, ma la tua ol)era non affatto conclusa.Attento al contrattaccol Se il fuoco non viene alimentato, la fiamma cala lentamente t r i r r h i a d i ' p e g n e r . i :i l r u o t l o r e r ed i r s q . . r 1 , 1 , r r nq rr or e l l o ri rn,rntenere i l f r r o t o a t r e s o .r l i a l i r n r n r i r r e1 . , l " ^ m r . i . r , , , l tc somaresllle braci per conserrarne il calore, se la pioggia o il temporale cercano di far scomparire il fuoco. Dei ion_ trnuare con tutto l'ardore nella tua missione cli ( guardiano del fuoco ,. ( l h e b e l l a m i s s i o n eI a t u a !

SCINTILLE ...Penseri di crstiani Aperte o congiunte: una bella massima per le -mani (Ghiko) I'ivente: Credo un La nostra vita dovrebbe essere i nostri pensieri: un atto di fede; le nostre paroler un arro di sPeranza; le nostreazioni: un aLto di carit. C' una sola felicit al mondo: quella degli alLri (Daudet). di quelli e piu ancora donano che La gioia di queli che si donano (Lecercq). Tutte Ie cose, anche le piu umili, hanno una parola cla tlirci sul Creatore (Hainaut). Dio che fa le croci, fa anche le spalle per portarle e nessunolo pu superare nell'arte delle proporzioni (Prin). La peggiore malattia <ell'anima il freddo (Clernenceau). ...come 5e un cristiano, ovunque si trovi, non fosse c h i a m a t o a l l e r o i r m o l l P e tr i n ) sso! (Guy de Larigauclie) llio Dio, io r i amo lo ste attorno alle cime che nasconole sorgenti (Langlois). Nulla raflorza le nostre convinzioni quanto I'affermarle (Leclercq). Quello che voi siete parla piu forte di quello che voi dite (Emerson). [Jn cristiano un uonro al quale il Cristo ha affidato tutti i suoi fratelli.

TERZA TAPPA

VITA DELLA SQUADRIGLIA

PRIMO MESSAGGIO

CHE COSA SI ASPETTA IL F.AGAZZ;O E COME ACCONTENTARLO


P e r s a p e r eq u a l i s i a n o l e p r i n c i p a l i a r r i \ i r i c l e i n r c r e s s a r r o e civertono i nostri scouts c che qLrindi noi t.crcheremo cli attuare pcr fonnarli, occorre conos.ere i gusti, i rlcsirleri, gli ...istinti. (per usare una parola piir generica bench trn po' l]aterialisra)cle rag:rzzon gcnerc. \orr.occorrc cerro farc rrna ltrofonda anaisi clella Psicologica mcntalit infantile; lascianoi are ai pecl:rgogisti o agli psi-

tt2

ll

senliera dcl cdqosquadriglia

colosi. Vosliamo olo ri(hiamar(i alla mente le direrre osservrriJni fare sui bambini. lq loro p.rrole i loro giochi' le loro attitudini e ne otterremo come conclusione alcunc < caratte' ri'li( he , del raFa//o, INfNfAGINAZiON E l l r a g r r r o i u n g r a n t l es o g a t o r e : t u l l o ( i u ( h e r e d e a r c o l ta, leggi, lo intcresia. E lo interessaal Punto che egli ne sogna, sogna di realizzare la stessacosa' la sua piccola testa si riemPie di immagini di eroi: Robinson, Toro Seduto, Sherlock Holmes... ed ognuno di essi rappresenta per lui una particolare qualita: coraggro, astuzra' ienialit.'Ma si tratta di un sognutoe,ricco di fantasia; nella ;ua fantasia I'eroe crescea tal punto che egli stesso,ancora bambino, vuol essercome il suo-eroe. Ricordiamo la parolina (come ), dato che essaguida la maggior parte degli atti del bambino e quasi tutti i suoi giochi. Di essaparleremo tra poco a propositodello spirito di imitazione Ln s,ra uitace immaginazione gli fa amare ogni Senere di storie, \'ere o inventate, purch siano naturali o possibili Essa gli permette anche di trsPortatsi,senzadifficolt, in qualsiasi un teueno abbanfarie ctel mondo: il bosco sar la giungla, e cos vra' una cavema, scuro un corridoio donato il descrto, Grazie alla sua fantasia, pu anche ricostruire qualsiasi am' biente... dire, inrecc, Nfa non questo che ci interessaora: c'interessa .ambiente', ragazzo si comil questo che una volta creato Dorter come se esso fossereale e lui stcssoci vivessedentro; d ,li q.,esto che noi dobbiamo saper approfittare. s P IR l t ( ) l J l l I I l T . \ Z l O \ E Abbiamo appena parlato dell'istinto che Porta. il rag-azzo ^ are come qlli ch egli chiama o consiclerasuoi eroi Non si mai potto provarJ che l'uomo discesorlalla scimmia' ma ossenndolo quanclo ancora bambino si potrebbero forse trovare delle rassomiglianze..!
I
I

La t)ita della squadriglia

ll3

t
:
i

II ragazzo imita ed imita turro: sia il bene che il rnale; egli imita tutto ci che gli sembra esserecaratteristico dell o uomo grande ': il moclo tli tossire, un tic nervoso, le parole, ed anche le quair e, purrroppo, i difetti moralil . Tale il padre, tale il figlio', come si dice. fa piir che una manifestazione ercditaria, qucsta una conseguenza dello spirito di imitazione che lo porta general, mente a ricacare le sue attituclini ed il suo carattere su queli r l e l l ep e r r o n e( o n ( u i \ i \ e o r d i n a r i a m e n r e . ll ragazzo imita dunque, ma non come fanno gli attori r l e l t e a r r o o , l e l r i n e m , r ,r l r e r a l r p r e . e n t a n o rrn personaggio: egli o incarna, lo vive. Se Charlot rappresentasulla scena il dittatore, resta sempre Charlot. Se invece Pierino Rossi rappresenta Robinson, non lriu Pierino Ro.ri, Rqbinsor.. Lo scautismodeve rispondere al suo desiderio di imirazione, come pure alla sua fantasia: miscugio di epopea cavalleresca e di epopea incliana, essooffrir infinite occasioni allo scout per . r'ivere nei panni di..., o per . fare come i grandi, q anzi, <i credersi gi grandel Il nostro scautismo deve dunque essereun Grande Gioco (bada che non ho derto che si devono fare molti giochi ma che tutto o scautismo dere essereun Grandc Gioco!). Capte, remo quindi la fantasia del ragazro e la guideremo su temi che sapranno conquistarla e formarla. Un csq. che ha capito tutto ci, non si mcraviglier affatto errorgendos ri h e t t n q i o , o i n r r r i i s t t o i \ c o l r t \r d p l ) r e \ e n t a n o . bianchi ' g n neri ' non avr i risultati tli un altro, prescntato come un attacco tra Rangcrs e I'ellirossc. Donde si lede che una delle prime condizioni per la riuscita rli un gioco la scelta del . tma t. SPIRIIO Dl AV\ l-\Tl R{ "i,' Non roglio dire con ci chc tutti i ragazzi siano degli ar. venturieri, ma credo che il miglior modo pcr caratterizzare questo spirito di avventura sia la riccrca tli t sensazioni nuove r.
8 Ii rcn1eo del 2arqkdd.!sI!.

I l4

I I sentieto del .apasquadtiglia

II ragazzo che si chiucle nel bagno per fumarc la prima vuol senza c l r r b b i oi r i r a r e * i g r a r n d i , a s o p r a t 5iEaretta, r u o l s a p e r e( c G tutto luol conosccrei l g u s t o d c l l e s i g a r e t t a , rne funziona ,. uno dei motili principrli per cui molti ragazzi cntrano nelo scautismo,qucsto dcllo spirito cli a\'\'entura.

Tale spirito prrr) carrtterizzarsi anche comt gusto tlc mistericso, dell'imprer isto, clel segreto (lo stessogusto (1el segreto che inclucc tanti ragazzi a lar delle cose di nascosto)e noi cercheremodi r.rtizzarlo e, se occorc, cli correggerlo. Un'ultma nanifestazione c i r l u e s t os p i r i t o t l i a \ r ' e n t u r as r la ricerca di ostacoli drr supcrrrte, cli cliffitrlt cla rincere. Il ragazzoscrte nascerecortiuulrrentc in se tlelle lorze nuore e cerca ogli occasiorre che si preserrtaper metterlc ala prova. 'Iocc:r a noi {ornirgli tali occasiorrie, clato chc la sua fantasia pu ricostruire qualsiasi ambientc, glicle oflrirerno tali che gli appaiano del tutto rerosimir Non sente crescerc, pcr, solo lc sue Iorze rla anchc le qua lir ed attitudini. ll dcsiccrio tli metterle in azionearriler: talora a [argli pro\'re una certa gelosia nei rigrrardi dei piir anziani, che, .loro s! ,, possono gii ilostrare qtrello <i cr.ti

IA

ita della squadriglia

I l5

questa Non sprechiamo I'occasione,non lasciamo sPegnersr fiamma o sotterrare questo tesoro: noi dobbiamo con ogni mezzo oflrire a ciascuno dei nostri scout l'occasionedi dimo starc quello che vale, fin dal momento in cui egli s'accorge, e noi costatiamo,che capacedi fare qualcosa. ! Diamogli quindi delle responsabilit

.. -r!' -"J\r sEI f l.)l s.\PERE


di sapere; ascolta le sue conll ragazzo cerca di imparare, -.perch?,, i suc'i n come?' frn da tinue aomancle, i suoi <luando piccolo. Man mano che cresce,per, cntra in gioco I'amor proprto a sofiocare strlle sue labbia tante domande; eh, gii!, Polrebbero prenderlo per un ragazzoche non sa nientel Tocca quindi a te csq. scoPrire quello che i tuoi scouts vorrebbero sipere, quello che vrrebbro imParare. Costata, dopo una buona rirrnione, come sono fieri d'arer imparaLo <lualcosa quando vieni a conoscerequalche bela cli nuolo. Tu stesso, ,battuta,, non ti preoccupi forse cli ripeterla, appena pr.roi, ai tuoi antici e quando rieni a conoscerequache nuovo giochetto da fare in societ non ti affretti forse a ripeterlo di fronte agli altri? La stessa cosa per i tuoi scouts: saranno felici e freri d'aver imparato un nuovo nodo, una nuova fasciatura,di saPerecome si {a il pane alla trappeur o come si cucina il polo Ircll arle loro gila...; ma saranno contenti anche di poter accrescerc nozioni generali, di conoscerele storie clei gran'li esPloratori, tli sapere come funziona un motore, cli riconoscerelo stile di una chiesa, la struttura di un insetto... Si pu dire, dunque, che saranno ben coDtenti di irDparirc una cosa, p u r c h es i t r a t t i d i . r o b a n u o v a , c h e r e n g a a d a c . r e scere la loro cultura generale. E se gustano il sapere,preferisconosempre cli piu il * saper fare,, c perci istruiscili con la pratica, per mezzo di gio<ri e ,i garc e norr ,!i (or\i o lr/ioni. cco analizzatii principali aspetti della mentalit del ragazzo.

I l6

II scntiero dcl caqosquadglia

Che conclusioni trarne? Almeno quella di saperli utilizzare per meglio formare lo scout. Rispondi alla sua immaginazione creandogli un ambiente da epoPea. Rispondi al suo spirito. di imitazione, permettendogli di rivi vefe tuttr l suol erol, . glocanoo at, Rispondi al gusto dell'avventura, creandogli un ambiente ricco di fascino e dandogli tutte le occasioni possibili di dimo' strare ci di cui capacee di cavarselada solo. Rispondi alla sua sete di sapere,insegnandogli sempre qualfare. cosa di nuovo e facen<oglielo Sono queste delle condizioni essenzialialla buona riuscita della vita di squadriglia. Giochi, avventura, mistero, novit, gioia, imprese dificili, amicizia intima e fraterna: sono le caratteristichedi una squadrielia che vive.

SECONDO MESSAGGIO

LA RIUNIONE DI SQUADRIGLIA
CONDIZIONI DI RIUSCITA

Perch una riunione di sq. sia degna di questo nomer perche rinforzi i vincoli che uniscono tra loro tutti sli scouts d e l l a s q u a d r i g l i a .r i s o n o d e l l e r o n d i z i o n i e \ s e n z i a l id a r i -

ll8

Il sentiero del caposquadriglio

- deve essere preparata; attfaente; cordiale; organizzata ed equilibrata; formativa; deve comprendere qualche attivit tiPica scout. PREPARAZIONE

Come ogni attirit di sq., anche la riunione in sede deve preparata con cura, non solo dal csq. ma anche <al vice essere e dagli alri squadriglicri. Ogni scout infatti deve avere qual' cosa da fare durante la riunione, non foss'altro che presentare l e o s s e r r a z i o nc ihe ha preprrate pcr il Conriglio Lli sq the si rerr) durante la riunione. Ila cridente rhe lr preparazione piu importante la deve fare il csq. Egli non deve credere, tuttavia, d'essere il solo ( attore, della riunione; non deve sognarsidi volerla fare tutta da solo e di parlare dall'inizio alla fine, come fosse un comizio. Il suo compito simile piuttosto a quello di un cirettoredi scena o <i un regista o di un n moderatore, di dibattiti, che dirige il convegno,ma non interviene ad ogni istante coi suoi ecc. sermoncini, le sue ossenazioni piu o meno arg'lte... Come per opJnialtra atti!it, il csq. deve risponderc ai famosi interrogativi: dole? quando? come? che cosa? (Impara a porti questi stessiinterrogatili pcr la soluzione di ogni problema, cos arriverai a risolverlo metodicamente ed a formarti uno spirito cliaro). La risposta comporta due stadi, che chiamer preparazione remota e preparazione immediata.
PREPR-{ZIoNE RrMorn

La prima parte di questa preparazione gi stata attuata, elaborando il programma trimestrale o mensile, Certi punti son tluindi gi stabiliti in anticipo: bisognera ricordarsene. Tale preparazionc si fa lungo tutta la settimana o la quindicina che prececlela riunione. Per questo, ogni volta che gli

La

ita della squad.rigla

I t9

passa per la testa qualche iclca dii lare o da esporre, i l c s q . se la appunta sul suo noLes;fa, in un certo sensori la brutta copia ' clella riunione. Noter cos anche e osserlazioni fatte clal Capo, clall'Assistente o dagli altri csq., sia casualmente sra clurante il Consiglio dei Capi. Sta-bilir, poco per volta, ci che desideraIare nella riunione, e questo suppone che egti ci pensi abbastanzaspesso,senza aspettare all'ulrimo momento a sprernersidal cervello . qualTutto questo non che urr abbozzo della riunione, ma occorre ch alla fine clel perioclo della preparazione remota si sir gi risposto agli interrogativi: dr.ne, quando e che cosa. Resta ancora da vedere il come, nta ci appunto oggetto clella preparazione imme cliata.
l ) R E P A R A Z I o . \ - EI \ r \ r t r D r { T A

La farai di prcfcrenz:rcol rice e tlualche vota con gli scours anziani di sq.; precisereteassiemeogni punto del programma c rlecirerete: - I'argomcnto della chiacchierata del csq. c la Parola cl'Ordine (quest'ultima clev'essere in armonia col programma cii Riparto o anche semplicernente cor quello clela squadriglia); - le osserrazioni,proposte, suggcrinenti di lare e le (lecisioni ra prenclere che costituiranno l argonento dcl consiglio rli squaclriglia; l e a t t i i i t t e c n i c h ee c h i l e r l e v c r e a l i z z a r e ; i giochi de fare c chi rerc ltrcsentarli; - e altre parti (lella rirrnione. Un cons{[io. abbi sempre dellc ltririta o clei giochi cli r i s e n a , c h e t i s e r v o n op e r ( r i e m p i r e i b u c h i , e r e n t u a l i d c l l a
Ilunl()ne.

PRO(;RA]\I}A

DELLA

RIU\IONE

Se diamo qui un prograrnrna rli riunione, non significa lrc e\.o \cDqi :rFu;to u prrntino: si , c r l o ( h e i r r t e n , l i r r m(u

120

Il sentero dcl caposq{adriglia

tratta solo di un programma di massima o programma-ripo, che indica come una riunione debba essere equilibrata e come l e d i v e r s ea t t i r i t d e b b a n o r t . r r c i n r a p p o r r o f r a l o r o . T o c c a ad ogni csq. formrrlare il programmr siondo le sue idee personali e talvolta anche di mettere da parte lo schemaabituale. ( o n a t t i v i t . f r r o r i s e r i ' c o m e u n g r a n , l eg i o c o pr sostitrirlo al chiuso o un fuoco di bivacco. Faccio notare che il sesuente programma conrepito per una riunione di circa uriora e mezza.
l Griclo rli squadriglia. Preghiera scout o, meSlio, Preghiera di sq. Lcttua e bte\e commento d'un bruno engelirc.

2. 3.

4 . Parla l csq.: egi presenta e spiega la Parola d Ordine dela serrimana, s e g u c n d o p r e s sa p o c o q u e s t i p u n t i : un esempio (storia o aneddoro) chc colpisca; la Ierione che s ne deve trarrei citarc i casi pre(isi in (ui esso inrgra (omc correggersi; far vederc in pratica, con casi molto concreli e numerosi, come si debba applicare la Parola d'Ordine ncl c.,rf) della sertimana.

Conte| L a p a r o l a d e l c s q . d e v ' e s s e r ca s i a i s e m p U c c , s e n z a l e r m i n i difrcili o astrusi ma che siano alla portata di rutti. Dcve anche sser piena di convinzione: un fratclio maggiorc che parta.

5 . Consiglio di squadriglia. la parte \cra e prop a della q., daro che


e s s or i g u a r d d e r l o ' m ( m b r i d e l l d t q . ( n r , I p r u p r r ! r i r , i . - Ricorda le decisioni de'utimr riunionc e la Parola dOrdjne lpuoi far leggere il verbae della riunione dal segrelario). Si sono ossnate tali decisioil E stata bn messa in pralica Ia Parola d Ordinc? - Comunca le direttive e le osseruazioni farte dal Capo e dal Consiglio dei capi. - Come metterle in pratica? Gli incarichi ed i turni di sq.: ciaruno ha farro quello chc dorc!a2 C forse qualcosa d altro da farei Ogni scout p prendere la parola in rclazione al suo incarico e fare osservazioni che giudica necessarie lcfr. messaggio III della Il tappa).

La vila della squadriglia -

t2l

Ogauno, a cominciare da csq., fa le ossenazioni che interessano il bon andamento dclla sq.; per qucsto occorrc badare a ch ogni scout partecipi altivamente al consiglio di sq.: s<'no in gioco gli interessi di tutti.

-4'? ffi
/

.v

A-

r.r

4J/

JZ

1(

716-,
o dal Maestro dei giochi;

NF2

nf2'

6. Gioco dktensiuo, organizzato dal iceq.

Attiuit tecniche coLlettilel - prove della I e II classe o preparazione di una specialit; - pu prcscntarle un < esperto ' oppure lo srcsso !iccsq.; - t a l e p r e s c n l a z i o n e d e v ' e s s c r ep i i r \ i v a c c o n c r e t a p o s s i b l e . Esmpio: spiegare comc si fa una fasciatura e..- tarla ledere (non ccrto necessario che per qucsto s sia... tagliato il braccio di qualche noviziettol).

8 . G i o . o t e . n i . o . i n a p p l i c a r i o n ea q u d n ( o d p p ( n r i m t d ' d ( o L Chacchzrata d inleresse genercle, pres.nrara dal csq. o da qualchc


altro scout. Essa risponde alla sete di sapere di cui abbiarno gi parlato c dcve sef!ire per introdurre o scour in argomenti che gli sono lgnoo, Naturalmente non deve essre una lezione scoastica astratta; si deve cercare di renderla piu concreta possibile onde evitar Ia monotonia e destare il massimo interesse; procurarsi quirdi documenti, foto, modelini, schizzi, tracciati ecc. che a attrvizzeranno. quanto al roggetto di tali chiacchierate, si pu variare all'infrnito:

t22
-

II sentiero del ca|osquad.rqlia

Educazione civica: come funziona un consiSlio comunalc, un tribunale...i - \atura: vita di un animalc; foto e tracce; IndLrstriai come flrnzona ura miniera, una ramneria di petrolio..; - feccanica: come funziona una moto, un tram; - Lettrre: riassunto di un bel libro atiPo . Libro Animalo ')i - Arre: comc si riconoscono i dirersi stili (ser!irsi di cartolint); come si riconosre una scuola di pittura (nostrare riProdu2ioni)i - Laboriosit: come si costruisce un teefono, una radio a gaenai - Araldica: origine c sig)ifrcato degli slemmi araldici: schizzi; -

Toponornastita: che origine hanno i nomi dcllc citt, regioni, ecc - F o I , ' g r J h a :, o m e s i d d o p ( t a h , i n F P t e s a : - Storia nazionale: racconti di imprcse di Suerra, di atti d eroismoi - Foklore: cggende, costumi, danzt, canti lradizionalii - Va e: si possono attuare o8ri tanto delle imprese Piu ricreative come: scenctte coi burattini, modellismo colletlivo, trucchi di Prcstigiatori; prcparazione di una sccnetta per il campo, spettacoo di ombre cinesi... 10. Teti,:a indiuidlrdle: si as.ia l temPo agli scours di far Pralica pcf supcarr le prove di classc,per rincerc una sPecialit, solto la dire_ zionr dci pnr anziani; il csq. ne approfitta per iniziare i novizi alle pro\e per la Promessa. ll. Gia.o anbiente chiso o in cortle rpurch non sia il solito ad ogni riunione e chc non si ridoca $mPe e soo a dar dei cal(i ad un palloncl).

19. Cdnlo i.ttrc a queui che il caq. a\ra saputo inserire tra le atti\iri piir impcgnatne della riunione)i 13. Richiamo delle dccisioni Pres al consiSlio di squadriglia e Parola d ordine; 1 1 . P e g h e r 6 c o n c l u s i t t a ,s e c o n d o q u a l c h e p a r t i c o l a r e i n t e n l i o n e e n u n c i a t a

Ricordo ancora una volta che questo solo uno schema e che qualsiasi altro potrebbe quin(li andare benissinlo,purche dosato ecl equilibrato a dovere. Dopo la riunione, fermati un istante col tuo vice e nota sul tuo taccuino personale un giudizio sommario su di essa: .ii)

L.t uita della squadriglia

r23

che non riuscito perch, ci cle riuscito bene - le reazioni dei tuoi scouts, i punti da curare maggiormente per le - gli sforzi da chiedcre a ciascuno degli riunioni successive squadriglieri.

Rif Leu prima della riunione, Datti da are durante la riunione, Concludi dopo la riunione, prendendo delle tlecisioni per la riunione s.rccessiva.

APPENDICE SUL CONSIGLIO DI SQUADRIGLIAI S e i l t o n r i g l i o c l i ' q . e i r r : e r i r oi n o g n i r i u n i o n c . ( o m ( p , r r r ( integrante di essa,il suo posto logico dopo la chiacchicrara tlel csq., come ha detto I'A. nel corso dcl capitolo; esso pu tuttavia esseredel tutto indipenrlente. Il Consiglio di Squadriglia la riunione periodica cli tutti gli elementi clella sq. che hanno fatto la Promessa;si tiene cli rcgola ogni 15 giorni sia nel'angolo di sq., sia in casa riel r.q. o (li uno degli squadriglieri, a turno; non drrra piir <li rrn ora. Si osservinoscrupolosantcnte qucste regole: l) esso diretto tlal csq. .otc presiclenteed ogni ilrro scout vi partecipa come responsabilcdel suo incarico di squa driglia: 2) la parola concessa a turno clal csq.; quindi chi non autorizzato a parlare tenuto a(l ascoltarein silenzio il reletore, senza disturbarc:
| \oia d. T.

t24

II sentiero del raposquadriglia

3) nelle discussioni,essetebrevi senza fare ostruzionismi di sorta; non ci sono "partiti al golerno r s . opposizioner; si esprima chiaramente e serenamenteil proprio parere, quando si interrogati; 4) ogni questione discussae messa ai voti; ognuno ha I voto; in casodi parit, prevale la parte in cui si trova il csq.; 5 ; f i n i r o i l C o n s i g l i o ,n o n s o n p e r m e \ s er e ( r i m i n a / i o n i : ogni decisione presa dal C.onsigliopu esseremodificata solo dal Consiglio, dopo aver sentito il parere del c.r.; ogni critica contro le decisioni e fuori del Consiglio negativa quindi da bandire. (Spunti basati su.relaz, del gia citato csq. Bruno de Mar!no. E. P. 1964,pagg. 328-9).

TERZO MESSAC,GIO

L' USCITA DI SQLIADRIGLIA


. LO SCAUTISN,fO NON SI STUDIA,

SI FA .

Uno dei principali fattori della formazione scout la vita all'aria aperta. f-o scautismo al chiuso non esiste,non sarebbe scautismo.La nostra prima sede Nfadre Natura, la natura creata da Dio. Riduciamo quindi allo strerto indispensabile l e r i u n i o n i a l c h i u s o e d , a p p e n a p o s r i b i l e ,u , , c i a n r o ailaperro. Ricordiamo anziturro che il csq. ha la responsabilirdella squadriglia e che deve quindi usare la maisima prudenza: n i e n t e a r t i r i r p e r i ( o l o s eo s r e g o l a r e T . occa a lui anche il vegliare sul comportamento dei suoi scouts,specie per quanto riguarda gli artr. 50 (cortesia con rutri) e 9" (laboriositi ed economra). Questo soo un richamo, ma della massima importanza nelle uscite e al campo. P e r f i n i r e . r i r e s t a n oa n c o r ad a s u g g e r i r e rltuni temi e oto6 r . r m m i p e r l e u s r i r e d i s q u a d r i g l i a : s s ii n f a t r i , p i u d e l l e o a t o l e . t i d a r a n n o l a p o s r i b i l i r d i g i u d i c a r ec i t h s p u i , q d e v q essere una vera uscira di squadriglia. C i l i m i r e r e m o a s r r g g e r i r r ru en p a i o q l l s t e \ s o , senzrdiffi colt, ne troverai in poco rempo anche di piu belli ed inte, ressanU.

126

ll sentiero del caPosquadriglia

US(;ITA DI SQ, PER MEZZA GIORNATA


. IL CORSARO ' TEv.{ l equipaSgio di La sq. rapprernta captano ed il vicc, nostrono.

(livello II classe)

ula nave corsara; il csq. ne il

I1 capitano ha raccolto I equipaggio e deve alenarlo ill'arte marinara. l) salita agli alberi della nare: arrampicarsi sulle Piante; orienta'nzntot ogni marinaio deve disegarc a terra una rosa dci renti (16 pnte) servendosidi bastoncini e orientandola scondo la posi zione del sole; lerificare poi con a bussola; 't2l 3) arte ndrtica: farc il nodo del bar.aiolo, il bolina... fare una scala a corda; 4 ) d g t l i l : p a s s a g g i oa l l a m a r i n a r a s u u n f o s s a t o , u n a t l i n c e a ; 5) salualaggiot impamre a lancire una corda, mettendosi su una piccola altura e lanciando Ia corda (nodo boina) ad uno scout lontano ua dcina di metri; 6 \ p i l o t a g g i o t c l i v i c l e r eI ' e q u i p a g g i o i n s . a l u P P e d i d u e u o m i n i ; o g n i scialuppa deve sguire cor Ia bussola un dato itinerario; Per esmpio: 150 metri a l.-ord, quindi 20o merri a N.-E. 100 mctri a Sud, ccc. Cacotare i pcrcorsi in modo che, ala fne, le scialuppc si trovino a circa ?0O meiri 'una dall altra; il segndla.ionit ogni cquipaggio .lclc trasmettere al ricino un messa8gio morse partito dal capitanor stazioni fra una s.ialuPPa e l'altra 8) lroro: dop.r un naufragio, gli uomini fanno il fu(rco Per asciLrgarsi; gara d relocitir pcr i fuochi: bruciare una cordicella sospesa a 70 cm. da terra; 9) anmutintlneltto: qualtro pirati s{appano col tcsoro (il guidonc) c si nascoudonosu unierla vi(ina; assalirli per riprcndere il tesoro rubato

Al ritorno dall'uscita, cantare canzoni marinare (repertorio napoletano...).

Lq uita della quadriglia

t27
(lilello I classe)

t'SCI'fA

DI

Sq. PER

t'\A

GIOR\A1'.{

. \-'EL PAESE DELLE PIRAtrfIDI ' Tu,{ Un gruppo di egittologi riene mandato in EBitro dal Diretrorc del \fuseo Nazionalcdi Egi[ologia.

La squadfiglia dirisa irr coppici il csq.ed l \icc v)ro disocarilibcri lungo il tragilto per prcparar. lc di\ers(.prore.
INTRoDUzrot[ DEf, Tr.vA Una lettera della llissione, inviata dal Direttore dcl Nfusco, \icnc con segnata ad ogni coppia di scout; cssa indica esalramrntc il luogo io cui la missionc avr inizio; tale luogo riene inclicalo da un percono a traccc. D u r a n t e i l p e r c o r s o s i p o s s o n oi n t e r c a l a r e l e s c g u e n t i p r o r e d a s u p r r a r e : - declrure dei gercglilici (messaggio in ideogrammi, tra(ciato su una pierra)i r t t , a r e f s a r e i l e l e : . t o : ' l ] , a r . i a a l l a z i m u t p e r c i r c a u n k m . i 5cap'irc dei ruderi: gioco di Kim (21 oggetti da ritcrcrc a mcmoria)i sup(1are un lassato t.ar una corda secondo il metodo .'Iarzan,)i .(rcare delle t/a.rc ltracheodrom4l - topa{ila: percorso rettlcato su una data distanzaj - botati.at attravcrsand.r un bosco, raccoglicrc ed identifcare il llagg' n u m c r o p { ) s s i b i l cd i t i p i d i p i a n t i c e l l e o d a l b e r i ; c u c n a i n d i t ' d u a l e: n e l l a g a v e t a j valutare Ia potata rlun allluente el rJh; - c t L l c o l a r eI o r a s c c a n d a i l S o l e . R h a ; d agnae u't bue dal Lteo (divinir egizana: bue Api)j - ui!ta dello totna di Tutanhhamon: stegliere un terreno abbastalza accidcniato con groatc o gallc e o forrei supcrare gli osracoli posli dallc divinit dcl faraone (il csq. ed i vice); - assalto alle Pramid. la squedriglia arriva ai picdi di Lna pirrmide (monticello, collina o ro.cia) e lc varie coppic di scours gareggiano fra loro pr a\ere il pririlegio di piantarc prr prinro il gudorrc sulla unr i!: esse agis.ono per proprio corto e si difenclono dae altre

O g n u n a d e i l e a t t i \ i t q u i p r o p o s t ed e l e e s s e r e i n t e g r a t an e l e m a g c n e r a l ed e l ' u s c i t ee ( l a \ \ ' o l t a q u i n d i i n u n r l o n c f a n l asiosocli cpoca faraonicir.

r a
128

Il scnticodel caPosqadriglia PROGRAM\I DIVERSI PER USCITE DI SQ.

uscitecli sq cou un programmaanche Puoi fare eccellenti piir semplice.


r : t r : t i r c 1 , e rl t r l t : r u n . t g i o t n . r t ; a l l a l's,tta tipo c n4lIlra ri(er(a di curio.ira per il \frr.'eori .q. (cattia aglt ln\et(1, pesca per I acquario, rilevamento di tracce) L'scita pre-caTnpo: Per montare e snontare una tenda in r e l o c i t f i n o a c h e s i r i e s c aa m o n t a r l a i n c i n q u e m i n u t i a l l a fine della giornata. \ , l e d a O l t m p i , a t . r l l e t t a t n e r r1 t, or r r o n r l , i l r r cl J ' ( h e d a P e r 'l .urr,rle r l i c l 1 ' , r t i t .h t r i r h e r n r i r t r r l i t l n ' r . 6 c l r d . r l . r t t c i . r tle trn altra squadriglia. l . r r o t a t e a t u a f i r n t a s i a . . . L r t . , e t c . ,* , . . [ . r t e n r l o C o m e r l o p o l e I i u n i o n i r i . t 1. concludi e decidi qtralcosa per l'uscitasuccessiva.

il

4S

QUARTO MESSAGGIO

MISSIONI (HIKES), IMPRESE, GESTA E SPECIALIT,\ Ot SqUAORIGLIA


qlrcsto capitolo manca comptamente nel testo originalci non potcn(losi t u t l a v i a , p a s s a r es o t t o s i l e n z i o a r g o m c n t i d i t a n l a m p o r t a n z a , s i p e n s a t o di rimediare in tal modo, in questa edizione iraliana. Per la qualc si fa notare che i paragraf lI e lII, che trattar)o dclle Impres e dclle Gest, sono tratti da una pubblicazione di Du Bo! - Ghctti, c(litr nel 1913 e re centemente ristampata a cura del Comrissariato Lombardo (cfr. inclicazione biblio8nfica in . Biblioteca scout dcl csq. ', in appendice); essa porta a p p u n t o o s t e s s o t i t o l o i . . I t l r e s e e C e s t a d i s q u a d r g L i a' ; i c a p i t o l i da noi riprodotli sono il II (lmpresa) X (Ges!a). Tale pubblica?ionc de\e essre consultata ad ogri momento dal csq. che voglia dare ai suc,i scouts il vero gusto dell a\lentua e quindi farli \ivere il \ero " Bio.o scout "; ersa dcchissima di spunti per attivit e imprese dogni genere e non possiamo quindi far altro che raccomandarla. tN.d.T.)

LA NfISSIONf A differenza dell'Impresa di squadriglia, che scelta dagli stessisquadriglieri, come vedremo lra poco, ed approvata dal c.r., I'Hike o Nfissionecli sq. una attivit lanciata ed orga nizzatadal c.r. stesso o da altro Capo, per una o piu squadriglie. ll aroro del csq. consistenella preparazionegenerale a tali hikes, dato che essi sono generalmente conosciuti molto il anticipo, e nella divisione della squadriglia secondole attivit richieste, con I'assegnazione dei .posti d'azione,; egli dirige l a s q . p e r t u t t o i l r e m p ot l e l l a l \ f i s s i o n e e. a missione conrpiura.
9. lerti.to Ael cato!4kl/isli..

130

II sentieto del caposquadriglia

organizzail laloro di J)rescntazionc di essaseeondole tlircttirc irnpartitc. Quest'ultma parte della missione, derta n RelaTio ne , tlella massimaimportanza. Ecco come pu essere svolta: la parte gcnerale, valevolc pcr ogni tipo di Nlissione; 2^ parte specifica,r'alevole pcr una data missionc (es. di _ Topografia) e quindi variabic di lolta in volta. Prntr- r;l:lrn ltr - c_opertina(dovrebbc essereun capolavoro, preparato in precedenza...); - pr\?nlnzon.ddls Squadriqlia {RipJno nome ,lella so.. r l e l ( \ . J . e r l c g l i s q u a r i r i g l i e i is e r o n r i oi i i o r o n u m e r o d . o r . i n ' e , con lx loro firma ed il loro . posto d'azione,); ' ( r e r r o( l e l l d l e r r e r . rd e l C r p o . r r l l a " u r d . i n (d t t r I i : s i o n e m r \ 5 l o n er l a s \ o l g e r e - r i r e t u t o i l r o m u n i c : r t oa l l a s q . i l . . . . .. . . . . . .).;. - cronaca dclla missione: data - condizioni del tempo _ dif, ficolt , sorpreseo incidenti - mezzi rli rrasporro _ irnerario segrrito-.spirito della squadriglia - risultati iecnici e morali _ equlpaggramento - viveri - tabella di marcia _ relazione finanziaria. l O g n i - s q u r d r i g l i e r e( o m p o n e l a p a r r e < h e l ^ r i g u a r , l a s e . conrlo rl po(ro_ assegnarogn l i e l l a m i s s i o n e :i l c s q . r e d i g e l a parte relativa alo spiriro, ai risulrati, alle osservazini sui-suoi uomini). Pattl-t spnclrlce Sucldividereil lavoro di presentazionesecondo l,Ordine tli missione e le richieste specifrchedel Capo che I'ha emesso; arricchirlo di foto, disegni, schizzi,calchi di tracce ecc. secondo il caso. C,oxcr-usro^*e Indice ed, elentualmente, un breve giudizio scritto da ogni squadrigliere,sulla missione comPruta.

La ta

della squadtigli.l

l3l

Inutile ricordare ch tutlo questo lavoro di rclazione, anch s deve esscrc consgnato eniro un lassr di tempo Piultosto breve, deve essre fatto .on r massima cura e stile scout, onde fa.cia bella imPressione fin dal suo S dcve tener fede al motto: .I-o rout non fa nulla :.*:r,"f:".t*

L'INfPRESA L'Impre!a scout una grande realizzazione che dimostra praticamente il lirllo tecnico della sq., I'affiatamentodei suoi membri e lo spirito scout di ognuno. . Vita di SqLradriglia
o moltel t...

Una squadriglia una banda di gioiosi e solidi ragazzi che, uniti, sono in gractodi reaizzarecosegrandiose le quali sareb' l - , e r ol o l l i e p e r o t t o r a g a r z i r o n u n i . Quasi tutti i ragazzi sognano di poter fate un giorno una grande impresa: costruire una zattera, e scenderecon essaun fiume, esplorare un sotterraneo, entrare in un'avventurar co' struirsi una capanna e vivere come Robinson Crusoe Solo gli scoutshanno, per, i mezzi per condurla veramente a termlne. lcco I'Impresa come manifestazionenormale di una squadrimatura. slia la specializzazione L'Impresa non comporta necessariamente della squadriglia richiedefinitiva della sq.: la specializzazione tecniragenerle inlarri altri [attori. rra (ui una preparazione rale cli l" classe.Le Imprese sono di tipi molto lari e tutte La squadriglia pu cos realizzarnepasono interessantissime. recchie, una dopo l'altra, e scegliere,dopo qualche tempo, la piir rispondente alle sue tendenzenaturali. Allora molti scouts . i t r o v r a n n od i I " ( l a s s es e n z ae \ s e r s e n e a((otli. * Cos un buon csq. che vuol far vivere veramente la sua squadriglia, la lancera sicuramentenelle Imprese. Un giorno il consiglio di sq., dopo aver studiato accuratamentetutte le possibilita, dopo aver ascoltato tutte le idee, e previsto tutte le dif-

t32

Il se tiero del capasqudriglia

lcolt;, sceglier:'r la sua impresir: sat un momento magnifico cli entusiasmo e cli ardore. Forse, solo da questo istante, la squaclriglia rivr fnalrnente il rero Gioco Scout. Quattro iono i momenti sostanziali dell'Impresa: Co;r-crzIo^*e Tutto viene deciso in Consiglio di squadriglia! L'Impresa der'csseteuna cosa seria e non un giochetto per bambini. Non si cleve temere I'insuccesso;se tutti ( rorrarno " si riuscir. Sar anche una cosa uori dell ordinario, quale i compagni di scuola o di aroro rron sarebberoin grado di fate; una cosa che u non f;rr sorricleregli impomatati del caff qrrando sen tono parlare degli Esploratori '. Ognuno nclla squadriglia portr le sue iclce: rrel Consiglio si ascolta tutto e tutti, e poi gti anziani della squadriglia prenderlnno quelle decisioni delnitive che verranno, secondo le t r a d i z i o n i ,i s c r i t t en e l L i b r o c l O r o : " . . . e c o s i n q u e l d c l e c i ' ,. demmo irrsiemecli operare la grande Impresa e fu quesra... PIrfPAR^zroNE Quando Amunclsen decise di intraprendere la sua secontla spedizionepolare, dopo il fallimento della prima, impieg due anni per immaginare, scegliere, collaudare il materiale e<alle nare i suoi comDasri. scout. rimasta famosa la compagni. Nel mondo scout, . ParigiSaigon ' in automobile di Guy de Larigaudie con un atro rover. interessantissimo leggere con quale meticolositii e quali cure gli ( esploratori ' preparavano e studiavano i piir minuti particolari per attrezzare Ia loro macchina, una vecchia * Ford ', aclattaraallo scopo. Cos, se veramente il vostro progetto un'Impresa scout, voi dovete prepararlo cla lontano, in ogni srro dettaglio. Nella squadriglia ognuno avr il suo compito ben sperificato: I'orientatore sar un'autorit indiscussain fatto cli orien' tanlento; anchc il csq. si varr del suo autorevole parere. Il pioniere sar lo specialistain nodi e legature: se ci sar un ponte da fnre, sar lui che avr la direzione dei lalori. Il sc-

I
La ta dclh tq$ad'idia

133

gnalatore sar quello scout che sa trasmettere in 227 modi il Morse e Semaforico; tocca a lui I'ultima parola in materia. Nfa la squadriglia inoltre rappresenterveramente un'unit orotesa verso lo stessoscopo: con la collaborazione di tutti, piani e progetti successivi-avranno avuto frequenti collaudi di riuscita. su scalaridotta ma tali da dare un'assolutasicurezza Ogni impresa ha bisogno di mezzi per essere tealizzata:. tocca al C.onsiglio di sq. afirontare anche questo problema e studiare come procurarseli. La squadriglia avra il suo tecnico del materiale, che si ocuper dell'acquisto di esso e trover il modo di costuire tutto quanto necessrta. ATTUAzToNtr Siamo nell'azione: ogni uomo, fattosi esperto nella sua specialita attraverso un'accurato allenamento, al suo posto di manovra conscio della propria responsabilita. Ognuno ha a disposizione il rnateriale occorrente il cui uso gli diventato familiare. Tutti sanno di poter contare sulla tecnica,sul valore e sullo spirito scout del compaglo. Nessunodubita del successo. Agli specialisti sono amdati man mano i compiti specifici, che richiedono particolari competenze; ma al csq. che spetta la direzione generale dell'Impresa ed su lui che grava tutta la responsabilita. Egli sicuro dei suoi uomini e questi si frdano di lui. L'art.7 non ammette in tali circostanzela minima trasgressione: una disciplina ferrea regge il piccolo gruppo di uomini lanciati nell'awentura. DocUMENTAZToNE Con il suo buon esito, I'Impresa per non finita. Bisogna che essapassi alla storia per esserdi esempio e di monito alle generazioni future. Inoltre necessario che ogni possibile dubbio sulla realt dei fatti venga facilmente smentito dalla presentazione di una documentazione seria,precisaed abbondante. Cosi sara stata stesa una relazione clei due primi momenti lConcezione- Preparazione;e saranno conservti gelosamente

13+

tl

\elttieio

ttl (t lo'q '1dl iBIi,t

i piani ed i progetti, gli elenchi dei materiali e le disposizioni ecc.,rclative a queste lasi. all'rropo sar cura di uno specialist:r Durante la realizzazione tlcsigneto,di raccoglieretutto (luanto (fotografie,disegni, atte, e r l i f r c a l ic l i c o n r p c t e n t i , s t a z i o n id i a u t o r i t a c i r i l i e r e l i g i o s e c e s t r a t t i c l i s l a n p eo r i v i s t e , e v e n t u a l i r i f c r i n i c n L ig i o r n a l i s t i c i , schizzi, carte topografche, ecc.) possa setrire a correclare ia cronaca clel'lrnprera,e a tlare rrtt'impronta cli rcalth inconltttabile. La squadriglia lascer, sc tlel caso, inoltre, sul teatro delle sue operazioni, segni indelebili dei risultati raggiunti. Con questi clementi, sar facile alla sqtrailriglia arricchile il suo . Libro d'C)ro,.

LA CESTA per Alcune Imprese, PCI il loro caratteredi eccezionaliL, I'assomrnarsi in essedi tecniche disparate cd impegnaLive,per a clurata clella prova e lo sforzo di qualsiasi natura richiesto, per la risonanza avuta nel mondo scout, per I'importanza clei senizi resi ;rl prossimo,pcr la genialit e l'originalit della con' cezione c per il coraggio e I'abnegazionedimostrati, lxrssono tlasformarsi in Ocsta. La Gesta un'Impresa cli vasto respiro, che clintoslte rrrt c((ezionrle s t i l c , l c l l a \ q u r ' r i q l i i i n t e t t t i t . re . l r i t i r o . , , ' r l frutto (li una intensa vita di squadrigli:r. Con essaa sgua clriglia supera se stessa. In simie cvenienra, una semplice rclazione, sia prrr clortt m e n t a t a s u l " L i b r o c l ' O r o " d i s q u a d r i g l i a ,r i s u l t e r : i n s L t f l t cente ecl incomplcta. Si rencercio inrlispensabilela pubblicazione cli vn " Lbro deLle Ccstu D, a l)arte, cle costitriri un clocumentofacente epoca per lo scautisoodi una cletcrminata rerone.
IL LIBRO DELLE GESTA Composto e rilegato dalla squaclrigliastessa, il o Libro <lellc Ccsta', soddisfer lnche nella sua presentazione,le esigenze arristiche piir ra{:linate.

La lita

della squadriglia

Anche qui la squatlriglia ha un'ottima occasionePer dmorrrare a sua originalit cd il suo lluon gusto. sue Pro' Sebbent ognuno cli qLrcstitcsti abbia caratteristi<he prie, r'ariabili cla paese a p:rese,tla stluaclriglia a stluadriglia, tll impresa ad irnpresa, si usa nelle loro compilazione scguire lc norure tracizionali qlri sotto indicatc: l") Prima pagirro in bianco. 2') Ser:ondapagina: testo rrfficiale dell'Imprcsa qualc la scluarlrigliasi era prelssarli compiere, r'idimato tlal Capo Riparto ccl eventualmenteralla Clortc tl'Onorc. 3") Sulle l(rztl f ag;na'. olr'c, motto, emblema dela squa' rlriglia e tutto quanto rientra ne patrimonio gi glorioso rli essa. Seguono i nomi dci componenti con l'ct, la <atadella Pro' mcssa, la classescout, e gi incarichi specilci di squaclriglia, l)articolarmente srolti nel corso dellir Gesta. 1") Comirtcitt la rclaziottc dcl c-sq. Da cssadevono risultare le varie fasi prepar:rtorie con speciale riguardo alla divisione r l e g l i i n c a r i c h ie c l a i r i s u l t a t i o r t e n u t i i r m e r i t o a l a r . i t a t l e l l a srlrratlrigliaeil al suo spirito scorrt. 5o) La documentazoneltitL t,ara Possibile. 6o) Le attettozon td i riccntoscirnenti ullicali di Autori, l \'enute a (onoscenzr<lella Cesta, scritti ci simpatizzanti,ecc. ftte le ntanlcslnzoniurtisticltc sbocciatedal7') Segucrno lq Gesta: la cronaca letteraria clello storico, i piccoli poenti clcl poet:r, le canzoni del mencstrello, le pitture tlell'artista, la musica ccl i sonetti nati ncl corso della Gesta o dopo il grenclegiorno. La preghiera cli squarlriglia ispirata alla Gcsta. 8.) Nell'ultima patina, rrr,eclei rnembri clella squadriglia che hanno partecipato alla Gcsta, 1>ossibilnrente con e loro fotografie (formato tesseri);luogo e <lata, o . . . e c o s f u . E d i o , , ; t o r c od t l l u s q u a t l r i g l f u , . l.t.o u s t o q u c stc co.rc, e sono 1xare, c lc ho rriltc perchc .siano rtotc cd

r36
.

II senliero del caPosquadigla

LE SPECIALIT DI SqUADRIGLIA (tesro dalle Norme Direttive 1964)

n Le specialit hanno lo scopo <i coltivare e sviluppare nei ragazzile loro naturali tendenzee <li aiutarli nell'orientamento ' (N.D. 294). professionale .Ogni squadriglia che abbia inizialmenre: a) il Caposquadriglia di prima classe; b) rrn minimo di tre Esploratori di seconda classe con almeno una specialit ciascun, pu impegnarsi a conseguire una specialit di Squarlriglia il cui distintivo concessodal CommissariatoCentrale,r'err porrato sul guidone (da enrrambi r latt). Per conseguirla: a) la Squadriglia deve aver compiuto due Imprese riguar, danti quella Specialir; b) gli sploratori di prima e seconda classedella Squa, driglia debbono conseguir una specialit fra quelle inerenti alla specialit di Squadrielia. Per mantenerla: a \ l a S q u a , l r i g l i ar l e r e r o m p i e r e o g n i riguarclante la specialita;
un lmPresi

i1 ogni momenro la Squatlriglia deve poter dimostrare - p) a l t o l i v e l l o d i t e c n i c a5 6 6 u 1 , (N.D. 4l). L e s p e c i a l i t d i s q u a d r i g l i as o n o l e s e g u e n t i : servizio di Dio; vita di campo; osservazione della Natura; arrivit artigiana; sen'izio del prossimo; lavori agricoli; attivit sportive; aeronautica; nautica; alpinismo_

QUINTO MESSAGGIO

IL CAMPO DI SQUADRIGLIA
I si tenSa pr$nte che in quesio . caPitolo ' IAutore non dislingue nettamentc tra fin-sfttimana (week'end) e campo di squadriglia e si no' terA ala fine che vi fa rientrare anche i campo di RiParto' consideren' dolo .ome piu campi di 3q. lenuti nello stesso luogo e sotlo un uniaa fesPonsabilita. argomenti bn Qualsiasi caq. sa bnissimo, pertanio, che si tralla di tr disiinti sui quali si richiamano solo i dati relativi a fattore ' durara ': a) il fine-settimana duta dal sabato PomeriSSio alla domenica sra (circe 50 ore); b) il ampo di sq. (he, in genele. non suPera i quattro Siomil c) il campo eslivo di RiParlo si tiene Per un minimo di l0 ad uD massimo di 20 giorni. l\.'. d. Ll

138

II scnticiu del capotqadtiglia

Tra gli scouts inglesi c I'abitudine che ogni squadriglia 1;r un week-end (frne-settimana) o6;ni quindici giorni circa, se non ognr settlmana. Da noi non rige tale abitudine; tuttaria inrispensabile <hc le s<luaclriglie facciano il campo, dato che esso il lerrice della lita scoutLa tua s<luadriglia dovrebbe partire per un fine-scttimana almeno (lue volte al trimestre. Ci sono evidentementedei Ri p a r t i i n c u i l e a b i t r r a l ic o n ( l i z i o r d i i lita non permerteranno di farlo, ma allora essi ltossono forse compensareci<),facenclo durante le vacanzeun piccolo campo cli .18 ore. Se il campo di squadriglie lascirto solto l: rorale respon, s e b i l i t r l e l c s < 1 . , t u t t a r i e i n t l i s p e n s a b i lc h e i l c . r . s i a a v v e r tito, on(le conoscaesattamerrtc i luogo preciso in cui la squadriglia accamp:r;il csq. gli reve anche far conoscere nei parti colari le con<izionicli tale luogo e sotromettergli il programma che intencle realizzare. Bara bene a ci! Spero ti parra normale tale procedmento, se giir sei abiruato ad informare il tuo C-apo su rurri i ruoi Progetti; se invece <lucsroa\'r'iene in moclo molto superficiale erl ilregol;rrc (mentre egli dolrebbe conoscereturro sula vita c e l l as q u a d r i g l i a ) d , e r i i s s o l u r a m e n rp er e s e n t a r g l i n a n t i c i p o lo;copo, il programma c quanto tl'altro pur\ riguirdire la sqrratriglia durante il camiro. Detto ci possiarnove(lete come sl otgint/z: lt DIauca un campo <li squadrigia. SC]LL'I'A DEL POSTO La prima cosa da sceglicrcsar il posro; non si pu infarri accamparsi <ove cpita; tanto varrebbe acc:rmparsinel iar, dino di casa...! Ci possono tuttavia esseredei lrroghi splendidi senza per rlrresto che siano a(latti pcr organizzarc lrn campo sano cd ortlineto. Ci vogliono delle conclizioni, la prima tlelle quali tbe il tcrreno .ta ascutto'. I umidit il peggior nemico per la rita al carnl)o.

La !ta

d.lla

squadriglia

139

TERRTNoAsclufio Eiitare le pratcrie di fondo valle, le erbe alte, i terreni pres..r lc tire rtei humi. il sotlobo\o fitto tla Itrgiatlare'ta a e r b e , . u l l ef o g l i ee l e I t k i c r o l o n e l l r t l r c l r m r t t t I u n g os t r l l e i t nnil , o t . r i e ' ( e r l . r r * u p o t . t . t r r t tr I u m i d i t u r c ( r r m u l a l a (lLrantla notte). Se proprio ci tieni acl accamParti in un bosco' scegliti una bella'raciura, abbastanzavasta in modo che fn tlall'alzata i raggi del sole vengano acl illuminarc la tenca e lc immediate r icinanze. Per etitnre I'umidit dell'atmosfero bisogna evitare le vallate nebbiosc, i piedi di pendii o le coline, in cui facilmente si raccoglie I'acqra pio.ana, e la vicinanza tli palrrtli'
AL RIPARO DEI YENTI

qrossa D i e t r o t r n d o ) \ o . J i m ; r l g i n i d r r n b o t t o P r e \ c or r n a slePe' ' l a l o l l a u n J r i p a r : I t i r ' a l t r o n o n a l m e n o , s e m a c c h i eo arderc tla Devi batlare anche alla (litponbilit tlella tegna c alla tidnanza dell'acqua potabilc (100 m al masslmo)' rn lavorl \c non luoi correrc il rischio di l)erdere ore Prezlose i camPegglatorr' inutilmente che stancano Irrticosi Evita anche I'immecliata vicinanza di abitazioni' sia Per non tlisturbare le persorte che per la tranquillita dei, campegdebba rllontanare Ai3roli :'te\.i (i non signiiitr rhe ri si i n fatti per i rircri' ( i \ e n o n . l e \ s i o b i t . r t i : l.oooo a.'i centti (li squat , ' t i m . i t c ( h e i l ( m b t r \ i e r e P o \ \ a ( c g r r i l el e a l l i \ i t i s l l e m arinare d e r e g r ' d i un uovoo 100 , l r i g t i a . el , e r c e r r i l e di strada! qrralche chilomero qitr. \ n r h e q u i , c o m e i n o g n i t o \ a o ( ( o r l e ' P e r s ( c g l i e r ei l s e r \lre \ t o m e / / o . [ ' n r f a t t o r i . rl b b a s t ; r n z l r i ' i n a p r r i t n ( h e o cli ricovero in caso di pioggia torrenziale Persistente' Inoltre, anche se lo scottt amico tlegli animali, deve tuttavia tenere la giusta distanza da cavalli, vacche,porci e coma loro' nello stesso Prato e non voer llormire assieme 1ragnia..., costrctto a prendcre parte a qualche gioco ic iror,,,,o1 essere rotturno irrprevisto e spiacevole.

140

Il sentiero del caposquadriglia

Occorre infrne mettersi d'accordo col Parroco del paese per la ilfessa,col proprierario clel terreno, coi fornitori di uiueii... e p r e n d e r n o r a d e l l i n d i r i z z o 1 e r e l e f o n o ;d e l m e d i r o e d e l Iarma(i\ta piu ritini. (ome pure del posro piir romodo per teletonare. Noln: prima del campo, ogni scout deye consegnareI'autor z a t i o n e s r r i t t a L l e i g e n i t o r i l r e t p a r t e ( i p a r e a d e s s o :a n r h e loro devono essere al corrente e d accordol L'ALINfENTAZIONE Si dice spessoche il cuore d'un soldato sta nello stomaco e che gli basta mangiare bene per avere un buon morale. Ance tra gli scout, parecchi .duri,, in nome della vita rude, vorrebbero pretendere che uno scout debba mangiare qualsiasi cosa ecl in qualsias modo. Da tal principio ala pratica c' un sole passoassaifacile a farsi: per questo si incontrano taora dei cosiddetti scours, alle prese con intrugli di c i b i e q r r i r o r i i n p a v e r r ea p p i c r i c o s e . r ,h . r'ira da crmpo-! - abbrancarecon dita sporcheed azzannarecoi denti vora(i pezzi di carne o bistecche,... quelo che facevanogia i nostri antenati all'er della piera! - sdraiarsi per tera, o n sbracarsi , chiss come, pr mang i a r e . . .q . u a n d o a n < h eg l i i n r l i l n i d e l l a p r a t e r i r h r n n l e l o r o b e l l e p o l r r o n e . . .a l l i n d i an al - e cos di seguito, frno a climenticare secoli di civilt e ridursi a vivere come degli animali. questo lo scautismo? m a n g i a r e m a l e e \ i \ e r e n e l l a s p o r < i z i a )N e p p u r e p e r s o g l o l Al camDo il cibo rler"essere: \ S;fl;cente ec anche abbondante..lo sforzo fisico che deriva dalla vita intensa tlel campo esigecbo sano e nutriente. Il campo non devs essereuna iura dimagrante! . 2) Buono: non basra mangiare cibi nutrienti; bisogna anche che siano pteparati bene. Perch non cominciare il'pranzo con una portata appetitosa,con una buona salsa? Questo inse_ gnera ai cuochi il gusto del riinito e permetter ai golosi di a v a n / a r n eL r n p o a n t h g p e r i v i ( i n i .

La tita

dclla squadriglia

l4l

i g h i r l i a b e t en e l l ' r 3 \ P t t l i t o .r l t e c i s t e n n oa I a t e q t t e s t a m c : ' \ oa l e r r J r l ( o P e r il (lro(o la minertra?llrrol,abilmente occhi nelle Patate? questi tutti i'oresciarlol;. Pcrch ;il;-;;"t^ con lo stessomevilande trrtte le assaggia quel cuoco Perche r l a l la1'trlizia.drrbbia? c o n r l t t cd i t a I't bi.recca .,oo I lo/lone dl lglene " a i n u g " " m i n i m a ( \ q h a Ia lon . . .F r r . e p e r i l r c i l c di pulizia? appo Ci sono le forchette aPPostaPer la carne, i cucchiai le sta per la minestra e i coperchi aPPosta Per Proteggere pentole. '"E'n, (le ' ' t , o n o t ,l,o t : r t l e l p r a n r o t h e t l i r e ' l c g l i . t o t t l : g a r c -tta l a d e n t r o n r t ' o ranni.r,'.lrriar'.i 50tlo lrn ;lhelo. tol letriempiono si e sbafano impinzano, di furia, s chiama ",r-*orr",to Lt"in"",", tlimenticanclosiche esisteun verbo che si ( manqiare ,? -iio it,o clegli uomini vivere alla macchia' dormire in buche giolno e l:r dinamite di .,.u.rt" natt" ,ara". u.,,r" il mitrlli allrn o t t e , p r o p r i o r o m e ' e f o s r e r od e i b a n ' l i t i m r q r r a n c l o qucsll era J)ronto' vava il'cuco acl annunciare che il pranzo stessi incliritlui si lavavano le mani, indossavano la casacca' la cravatta prima di avvicinarsi alla talola di ri-"!gi"t,"t"no l e q n o g r e / / o . A l e \ l a \ ( o P e r t i t r e ' i l a v a n o l a p r e t l l i c , r ap r i m ' r l loro tlbo mot-Ie d e l p a s t o e p o i p r e n d e r l n o . e ( l r r t i r l i m e n tl e t . . g e n l l l u o m l n l d e r s t o . , .e r a n o Ecco come si deve mangiare! Qulloo ntsoc:la MA:\GIRE?

l2'30 I-e ore piu inclicatesembrano essere:alle 8 (8'30) alle una intercalare ed aue l,30. Eventualmente si Pu -leggerir merencaverso le l6 e spostareli cena alle l9-19'30 Riparler e m o d i q t t e s t on e l l o r 3 l i o ( e l I r m l ) o . t lJr qi e c h e i p e s t i ' 1 1 n 9 : r r lo r e h \ \ e : b r s o g n Lessenjirle | e n g t n o ritrr i t h e llllt; Per eritare ;ra'ti tutto e pre\edere q o n o s o l o \ ( l u P a l e ( l i s t a l e r i m P o q u a n t e g i o r n a t r Prl(nc dati: salutc' l a a n c h e . p e r E p o i , c l e i p ^ r i l I o r a . i ' t i r p . t t u nn senza ora' qualsrasr non afitto consigliato di mangiare a regola.

149

lI senti.ro

dcl raposquadriElia

Crrn cos,L llettcrant? Non possiamo riporrarq q t r i , r ' r i r l e n r e m e n ttc u. t t e l e l i i e r t e tli zia Carolina; ri limiteremo e rirlriamare alcuni rrrinciui i m p o r t a n t i r e l ar i r i a l r i b o : - sempre meglio, quanclo possibile, mangiare frurta e \ e r d u r a a r u d ? r n o n p e r f r u r t a a r e i b a l p i u t t o s r o; h e ( o r r e , p e r . r h s o l o c o s is i r o n s e n a n o l e r i t a m i n e e t l i . , a l im i n e r a l i r h e ' t a l i cibi contengono; - la carne non il cibo piu nutriente; necessaria, ma in dosi ragionevoli. La media t ai tOO-lSO gr. al giorno (pesce uova - formaggio, la possono sostittrire); - B I i a b r r s id i r i b o d o g n _ g i c n e r es o n o p i u n o r i r i t h e p r o . " ( u r : r r o p p o p a n e . t r o p p a l r u l t a , t r o p p e p a t a t c . . .\ o n o : r p e s \ o n causa di disturbi. Il cibo dev'esscreproporztonato; - non mlngiare Irutta o lunghi rhi non .i (ono\(ono; g e t t a r v i . r I a < o n r e n a a n d a r aa m j l e e i c i b i a r a t i . r t i .E v i t a r e d acquistarecibi in scatola pressopiccole botreghe dove astuti rivenditori possonori6ar!i prodotii avanzati dall'an teguerra... L'abuso di tali cibi , rl'altionde, malsano e pu poitare la malattia chiamata " scotbuto ": - i cibi mal corti sono indigesti, speciese patate, cavoli, ecc.; . lo -stesso si dica per il pane fresco,le uova cotte, il grassocoa_ Rulato e la came fredda: - cefii cibi sono piu pesanti da digerire che non altri: non sl olano a cena. Per la cena sono pir\ adatti i latricini, che si faranno molto utilmente precedere da un'altra leggera portata. Si eviti so_ prattutto di mangiare troppo grasso la sera. Non lasciar mai mangiare fuori dei pasri, neppure dolciumi o gruottonerre. Brv.lvlr Non si deve bere la prima acqua che si rrova. Essapotrebbe e\sere,non.potabile p(r (au\c diverrc 1ro\1rr.a in putrefazione, microbi. rirjn;rnuc di olficine o di scarichi) e .au.r.e gravi mal . r t r i e .c o m e l a d i r r e n r c r i a .l a f e b b r e r i f o i d e a ,e c c . ,

I
i

t I

La lita

della squadriglid

1,13

renIn casotli dubbio bisogna sempresterilirzareI'acqua per derla potabile: lo metodo, mettere una goccia d'acqua cloturata (di Javel) per: litri ,lzrqrt.r; l.r:rirre riporare per ! ole Per loqllere i l g r , . t o m e t r e r c 2 g o ( ( e d i \ o l r t / i o n r r l i p o s o l f r t ot l i r o t l i o a l lOqa oppure l2 gocce cli acqua ossigenata; 2n metodo: 6 gocce di tintura di iodio Per I litro: 3n mclorlo'. far bollire l'acqtta per fl d'ora poi agitarla l o r l e r o n u n i \ P a r o l ap e r u n p ' i o t l i m i n u t i ; 4" metodo: rerslre nell acqua un porhino di permanganato di potassio: aPPena ti accorgi che l'acqua diventa rossastra pi che sufficinte.Se ne metti di piu, essadiventa rossa ed allora sen'e da antisettico. mai I'acqua perfetQuesti metodi tuttavia non purificano quindi sii tamente; Prudente!
IL CAMBUSIERx DI SQUIDRIGLII

D a t o < h e i l c r q . n o n p u p r e t e n d e r ed i r o l e r f a r t u t t o d a . o l o . d a c l u n o t l e g l i i q u a ' i r i q l i e r i I i n c a r i t o d i P e n s a r e l r e t t o r a g l i a m e n t oa , l l a t q t r i s t od e i r i r e r i , a l l a l o r o r o n " e r v l r t o n e e distribuzione ed a tenere i relatii conti tocca d'ordinario al lice Questo incarico assai impegnativo i Egli prestabilisce-serio. e o ad uno scout anzlano, caPace alla li. sortomette e acquistare da di vileri menu e la quantit del csq.: ttttto ci si deve fare prima del .campo' cliscussione comPrarein antrclPo certl vlvrl Probabilmente sara necessario Il cambusiere consegnaogni pJiornoi liveri da cucinare al cuoco. Deve star attento a non dar troPPo ma nePPure.troPPo an(oraqual(ora sl melte p o c o ; s e a l l a f i n e d i u n p a s t oa v a n T a da fare di quanto restr' p e r m i g l i o r e i u s o i l a , c o r t l oc o l r u o c o delle spe''eal catnpo; essi ll cambusieretieni anche i conti ' econdo il printipio p a r t i r o l a r e g g i a t i . chiari e rlerono esserc nulla in contrarto' di sq ; del tesoriere a proposiLo erporto gi 'ultrnde, chi eisi siano segati sullo stessolibro dei conti'

144

Il scntieo del caposquadriglia

U n b u o n c o n s i g l i o t l i p a g a r e i n c o n r a n r i ,s e s i r o g l i o n o , r i t a r e e l l a 6 n e d e l c a m p o s g r a d i r es o r p r e r e l Per consen'arei viveri, il cambusiere faccia ben attenzione acl alcuni nemici: il calore, il sole, la pioggia, i ropi, i gatti, Ie mosche e... i golosil -Iocca quindi a lui trovare le armi per difenderli! ORARIO Di CA\IPO Abbianro gi detto che il campo dovrebbe essereuna cura . ricostituenre e non dimagrante. er questo bisogna badare al riposo degli scouts. Se normale ch essi sian sranchi alla fine della giornata, non devono tuttavia essere sfrniti; non bis<> gna_passare i limiti della resistenzaumana col pretesto delI'allenamentol Due cose sono sacre nell'orario: le ore dei pasti e le ore d.e I riposo. Normalmente al campo oc(ortono 9 ore di sonno ed I ora rli siestaD . u r a n t e q u e s t eo r e d e r e r e g n a r si l s i l e n z i oa r . o l u t o : non ;t bare di .zitro, ma per .ruto<lir r l i n a l i b e r a m e n r ea < ip ( e l t J l a , l u t t l d e v o n os a p e r e rlre dopo il briona notre, del ( s q . . I a g r o r n a l a c h i u . a e c h e n o n c "p iir nulla da dire. .A.nche per la siesta, ciascuno dele isolarsi e riposare, e non distrarsi con pezzetti di legno o con le formich... euelli che erentuamente hanno biroqnorli rrrirere. po\rono ciedere di e s \ e r es v e g l r a l rr l o p o m e z z o r a d i s i e s t a . OnatIo-npo Ore 7,-: alzara (i 100 secondi tradizionali per... irrompere dalla renda; breve preghiera del matrino (si ion_ siglia di recitare l'Angelus a quesro momento ed al tramonto: una bella radizione cristiana da mantenere);

7,05: ginnastica, in calzoncini e scarpette; non si tratta di una lezione di educazionefriica, ma dei 5 eser, cizi di B. P., inrercalati da qualche corsa: )1,?0: pulizia personale;

La vita della squadrigla

145

Ore

7,40: stendere all'aria e al sole il materiale usaro per la notte; 7,50: riunirsi per la l\fessa; 8,-: Nfessa;se non festa di precetto il cuoco pu restare a prepararc il caff;

8,45: colazione; 9,15: preparazionedell'ispezione- pulizia det campo - ri fornimento dell'acqua; 9,45: ispezione; 10,-: alzabandiera; I0,10: attivit della mattinara: tecniche, fisiche, giochi o sport, lavori in legno, preparazione o prove dlle specialit. Il cuoco e il . guardiano del fuoco ' p o s s o n or e s a t re in cucina: 1 2 , 3 0 :p r a n z o ; 13,15: pdizia clelle sroviglie (per turri); 1 3 , 3 0 :s i e s t a ; 14,40: fine della siesta.Attivit pomeridiane (giochi, gare di squadriglia); ritorno al campo. Si accencle il fuoco per la cena. R a r r o l r a t l e i l a l e g n a p e r i l f u o r o s e r a l ee p e r i l luoro della tutina. Arririr talme in squadriglia (cfr. Campismo, mess. VII, rappa III); 1 8 , 3 0 :ammaina-bandiera. Cena, stoviglie, ordine in cu, cina (viveri e legna al riparo); 1 9 , 3 0 :tempo libero. Il csq. ed il vice fanno assiemela revisione rlella giornata e preparano il conrigtio o r s q u a o r l gtta ; 20,-: fuoco di bivacco, canti, danze, bans, mimica, racconti; 17,-:

, '

2t , - : c o n s i g l i o d i s q u a r l r i g l i . r D . irisione degli incarichi


per l'indomani, esamecritico della giornata, Parola d'Ordine;
' rt tentielo del .zpo!4rrn.idid.

146

Il sentiero del .aqdqttadrqlia

Ore 21,30: preghiera della sera: (a partire da questo momento si eviti ogni " 21,45t riposo rumore e ci si abitui a parlare a bassavoce); ' 22,-. copri-fuoco, silenzio.

Non ci si consideri vincolati da questo orario: csso Pu soggettoa variazionii ci che interessa rispertarc le ore essere del ripos e I'interrallo tra i pasti. Si potr anche'.secondola s r a B i o ; ei r r r t r i . i e f e t r u ai l t l m p o , . r \ a n / d r co t i t r r ' l r . t er i u n i m e / / o r d l u l t i 8 l i o l a l i \ e m l , l e t o n i e r \ a n ( l ol c ' u ( t d e l t e proporzioni. ,,\nche l'ora della \Iessa pu srtbire notevoli \arizioni (i per la cola' luogo a uogo e ci si rlcvc rcgoare in consegllenTa l-itLrrgica nuola Riforma La zione e I'ispezione. Pernlette ora di celebrare la llcssa anche al pomeriggio cd in nlolti paesi, speciein ocalit; di villeggiatura, oltre alla l\Iessade matrino ct anche quella della sera, al tramonto (r'erso le ore l7-18), la quale pu offrirc notevoli lantaggi per la programrazione <el1'orario (la \fessa ptr concltrcereI'attilitri pomericliana). Si ricordi anche la note\ole ficilitazione concessaPer la S. Comunione, dato che ora il tligiuno richiesto solo (li (tn ora prima cli accostarsia riccrerla. c quindi a tutti gli scotrtsdi brrona rolont facile potersi accostaread essacon trlli certa frequenza. tln buon csq. clc|rebbq tendere a fare, alrneno ll campo, la sua Comunione qtrorcliana,purchc sappi:r conser! a r s i , n a t t t t a l r n e n t en , e l l e d e b i t e d i s p o s iito n i . il clso ri Lrno scout te si tror i I)ertiaolarmentc Se capitasse stanco, doPo una giornata di arori gravosi, non si tcma ci a recarsi a corntirc priml <legli accorclar6Jli l auLorizzazione altri: l'orario e per l rrorlo e non l uomo Per l orariol Per prenclere il bagno, si richedc la pr.settzlt d ttn Capo adtrlto, perci,in qucsto otatio non lo si previsto; se il Capo presente,lo si putr farc prima clc pranzo. Cos ptrre si rirotto allo stretto necessarioil (emPo Pre' visto per la prepnrazione dell'ispezionc,<ato che non si clere perdere tempo preziosoa causa dea lentezzatli qualche scorrt

rl

La rta

.lella sqladrigtia

t47

a. fare. la de.bita pulizia. I I tempo lasciato tra la cola/ioDe e r rspezlone(lev essere tta I m o m e n t i ( l i p i u i r t ( n . d d t r i \ i t . r durante il campo,
PROGRA}IIf,A.

DEL

CA\IPO

capo rire rempre qualche orr in anriripo,: - ly.n,Lr,,on P e r ( l o l l a P r e \ l \ l O . P r e P , r r . t t o .. o p l , e . i r t O l r e r r e r r r t t O < i , , , l t e rl,\c l.rre o Iar larf. Cosi rrrrhr il ,(q. rreparil il 1,rogr:rrnm.r rlel 1.111no,.rhe s i , r b e n e r 1 r r i l i b r . r t o,., . , r , 1 , i , o, , , ,i , ; l l b c r o . L q l | | l r b r i t o s i a n t j l a q u a D r i t i r l i < o . e , l a r e . r"l;i,rrz "; . ;r;r;.; ' r n . r . r n r n e n e l g e n e r er l i a t l i \ i r . j p t e \ i \ t c . L : r l l c m m . r t j o r , l p \ r rn.ri tr9\.ar posto. nele giornare al campo (la flemna gencra ipo_ ( n . r , r ) ,m a \ t d o \ r a n n o i l i L r r i rr t . , i , i L r I , r e \ e r l c r ed c i n r o n r e r r r , r . , l l l l j r .e ( l e \ \ i s i j r J n n o \ i \ r e m a r i n o r r n a l m e r r r e rlopo le l, nel pomeriggio. 5 i p o ' . o n o . a n t h e p r e r e , l e t e, l e i r e m p i l i b c | i . m . r iroD .i.rno Irol)l'o lunght: rn 6s'i ogDi srcrrrs r i orr l),r.i 5lro pi.r,imcrrro /l(rnpo llbcro non signihr.r oziolT S, .rrrno. Irer e:., i nuIlclti ' l r 5 \ . a q ol r i i a r r . n , rr . l i l r o n . i g l i o L l i , q u i , l i q l i , , . r , s e ip r , r , l i r i l ( \ e n g o n { , I r : r l l e r r r . r r le I'Crr l n p o l i t c n r i o r r c , r e . r r . r, l r l l . r .ontiDua presenra tli un orario e lrrmettono allo scorrt di rirro_ larsi un po' con se sresso,liberlt dalle g."rora-,*,.h"a se a(cettate, clella lita comurre. "rig"rrra, qui qolo ur goqr;rmmij rli hnc-.eltinrrna, romc :l . ! r, iS re og , .u ae p l l t o . r i r o l o , i . l l g q c r i m l - r j r o . Le lrrrrit.r l)te\i.lc \i l l l r l l l i ' l r t n on e j l O r , r r i ' , giorn.rliero,l:rtO rOpr.r. PROGRA, l\lA Dt FI.\.-E-SE TTIUANA
PARoLT D ORDTNT: . ApRr L,occHro, L Dal punto di rista marcrialc: imparare arl osscnarc. 2. Dal punto di vista morale: ccrcrr dj scoprire le R. A. {11 fare ed i scnizi da rcnderc. 3. Dal puno di rista spirituar: nclla natura. cambusiere il \ice csq.; ntrovare Djo in s sressi,nei fratcli,

pER U\A

SQLADRIGLIA

148

Il sentiero del caqosqadriglia

magazziniere...(ptepara il materiale Per sabato alle l6)i cuoco sabato... domenica . guardiano dcl fuoco (o aiuto cuoco): sabalo domenrca., srvizio dell acqua: sabato.., domenica.. servizio legna lda fuoco): la squadrigliai r e s p o n s a b i l ed e l l a t c n d a . . ambulanziere..

Cenar minestronc _ insalata e Prosaiutto _ frutta. Colazione: cacao . pane ' burro. - foraggio Pranzo. Pastasciutta ' Patate arlosto e bistecca N{erenda: bisrolli con cioccolata.

ffu!!a'

Convegno in sede alle 13, Partenza alle 13,15Prendere pulman a.-. alle ore 1345; sul Pulman, gioco: s'oPrire i mani_ festi che comirciano con una data ettera. P i s t a 6 n o a c a m P o . P e i c o r s o a t r a c c e f r n o a l c a m P o ( P r e P a r a t od a l v i c e ) Arriro verso le ore 15,t0. I^slallazionei Nfontaggio tenda ' disPosizione sacchi e Paglicricci Installarione dclla cLrcina (latrina) W.{. sala da Pranzo. S e r v i z i d i c a n b u s a ,d e l l a l e g n a e d e l t a c q u a ' Dalle ti dte 18j0 l) su tclreno mobile far camminare gli scots avanti, indielro, carPoni; far corrcre, osscrvarc le di!rrse tracce; 2) trakcodromo lpreparato da...) ricostruirc una scena in base a tracce; 3) rilie\o di un orma col gcsso (Poarselo!) (o materassrnr);

La aita della squad.tigtia Dopo cenai l) tcmpo libero ya d'ora; 2) fuoco da campo (direrto da...) 3) .onsiglio di squadriglia. DoMrNrc{ U e s s aa l l a c h i e s a d i . . . a l e o r e . . . D o p o l a M e s s a ,\ i s i r a d e l l a c h i s a : l) scoprirc l'iscrrione piu anrica; 2 ) r i c o n o s c e r e o s t i l e i n b a s e a d a l c u n i p a r l i c o l a r i j 3) fare uno schizzo dli esterno; 4) calcolare I'altezza del campanile.

149

N.B-: (Subito dopo Messa il cuoco rornato al campo per preparare Ia colazione). Colazione: Le pagnorte sono nascosre (per es., appese ai rami del,albero). Durante Ia colazionel Tirare a sorte dei bigietrinit chi lrova quctlo coD una crocerla dve far sparire il guidone della sq. rra mezzogiorno e le rre e mezza e riport a r l o a p o s a o ,i l t u t t o s n z af a r s i v e d e r c ,

CIi scouts delono

scoprire sul uniforme del crq. qualcosa di insolilo.

Gioco di Kim. E s r c i z i d i v a l u r a z i o n e e m i s u r a d e l l e d i s t a n z e , a l r e z z c , l a r g h e z z e ,e c c . Osscnaziofri narura: raccolra di pariicotari per ] . Libro iti cacia, di sq.; gio.o di scalpo; dopo il pran/o: stovigie, che appena pulite si mertono subiro a posto

lo gioco: Aplrostamcrto

(rerreno a macchia fotra, fetci...)

La squadriglia divisa in due campi. AIle due estremita del terreno di gioco si collocano due bandierine ed accanto a loro, per tcrra, un foglio di carla d na madra. Ogni campo ceve prima del gioco un messaggio di 80 parole, di cui ogni scout dele imparare a memoria una parre (circa 20 parote). per oSni campo, l punto di partenza la base della bandierina.

150

II scnteo del coqosquadiglia

Al segnale d inizio, Sti scouts di ciascun camPo cercano di arnvare striscando presso la bandierina del camPo oPPosto e di trascrivere sul foglio la l0ro parte di meslaggio. ogni giocator riconos.iuto dall'avversario e chiamalo Pcr nome, delc ritomare al punto di Partenza e ricominciare I avanzata Nssun Blocatore pu rcstare a difendere la bandierina Propria esce a tras.rivee tutto il Proprio mcsvince iI campo che Per Primo saggio sul fo8lio acranro alld hJndierina atvercaria 2" gro(o: gio(o disl.n\rlo e di sfl,rlo si.o Presa del guidone allo scalpo; il guidone ed i difensori possono essere na3.osti lquesti Pcr debbono e s s r ea m e n o d i 5 m . d a l S u i d o n e ) . 3. gto.o (se c ancora temPo...): variante di . Guardie e ladri '. guardie lanno alla ricerca Q u a r t r o l a d r i v a n n o a n a s c o n d e r s ie q u a t t r o cominciando al s8nale d inilio. I ladri devono cercare di ggiungere il campo scn?a farsi Prendre (col semplice tocco) dalle gualdie. Rivincita: invertire le Pai. AII. oft l? i Consiglio di squadriglia AIle li,l-J - e$me critico del camPo.

smontaggio del camPo e Puizia.

AII? l',45i partenza. Ringraziamenti al proPrictario del terrno. Ritorno: rientiare allora fre tsta e non Prcvederc mai unora tardiva (dopo le 19,30 tuiti dotrcbbro cssre a casa)(roppo

La

ta della sqradriglia

l5 r

DIVISIONE DEGLI INCARICHI AL CA\PO


Tutti delono avere un lavoro, un postor come sulla nave. Il C,rrlrusrrxr: incaricato clella sua missione per tutto il lne-settimana, o il breve campo di squaclriglia (gi altri incarichi cambiano ogni giorno, alla stessa ora, seguenclo i turni aflssipressol entrata della tenda).
IL CUCI\IERE

Ha il compito gravosodi prepararc i cibi, buoni, cotti come si deve, appetitosi ed in orario. Tutta la sq. s'incaricadi pelare le patate, i piselli ecc., dato che il cuoco deve pensare solo a cucinare i cibi ricevuti dal cambusiere.II cuciniere paclrone assoluto in cucina dove nessuno deve entrare, salvo il guardiano del fuoco che lo aiuta. E ne I'unico responsabile. Questo sistema cel cuciniere unico assai pi fornativo clel, I'altro in cui tutti vanno ad arrneggiare tra le pentole. Esso inscgna ao scout a pensare unicamente al suo incarico ed a svolgerlo per bene. Il cuciniere responsabileanche clella pulizia permanente sia nell'angolo della crrcina che dell attrezzatura.
IL cuARDrA\o DEL FLoco

quello che pcnsa a mantenere il fuoco all'intensit voluta, che o accencle :rl martino e lo spegne alla sera, che fa asciugare la legna umida, ne spaccai ceppi, la mette ben in or<ine, tiene la riserva di legna sempre asciurra pcr l'inclomani. Si incarica ancle <i far riscalclarein tempo urile I acqrra pcr le storiglie.Infine, lrri che acceDde e tiene rivo il fuoro da campo. Se l'insegna tlel cuoco il uestoo, lui rnerita cone i n s e g n aI ' a c c e t t a . Non chc tocchi a lui far la ricerca della legna, ma clele avvisare pcr teDrpo il csq. quaDdo telllc <li non aterne piir a sufficienza.

52

1l scntiero deL ca|osquaiiglia

La srra permanenla in cucina sen'e ad iniziarlo ai segreti (lell'arte cuinaria dato che aiut:r il cuoco, quando ha dei momenti l i b e r i .
IL GUARDIA\O DELLA TENDA

Responsabiledcll'ordine in tenda per tutta la giornata-ma i,r moio speciale clurante l'Ispezion. Allenta i tiranti della tencla se piove e li tende se tira vento forte; chiude la tencla p e r l a n o i t e e n e l . t v i , r . r p e r t os o l o t t n a t t g o l i r t oi n . r l t o t o l a .om h n e . r r e l l r , r e r ' i J . r e r , rl i t c n t l a : r l m a t t i n o ' a P r e n c l o n e pletamente le clrtc facce, cavanti e clietro, e ne sollela i duc Lorcli; mette al sole il taPPeto della tencla per farlo asciugare sulle clue facce; al trarnonto del sole mette (lentro il taPPcto e chirrde la tenda da fuori. IL sERvrzloLEGNA Funziona a richiesta del guardiano rlel fuoco; impegnarri tutta la squadriglia, per evitare fatica eccessilaper uno o ttte soli. AceuA IL sERvrzro Il . coppiere' deve pensare all'acqua protabile (e se occorre deve renderla potabile) per i pasti e la ctrcina. Se <eveattingerla ad un ruscello o sorgente, lo faccia con una gavetta pulita o un mestolo, badanclo bene a non agitare l'acqua che deve esserecristallina. r lrrerso E g l i p r o v r e d ea n r h e a r h e r i s i ; r . e m P I e .i t t c u c i t t ' e il refetiorio una ghirba cl'acqua per lavarsi le mani (non climentichi sapone e asciugamano). lL sERvrzto TAvoLA Pu essereespletato a turno da trtti. Alri particolari incarichi possono essere assegnati Per il campo, se gi non ci sono nell'ambito della squadriglia: cicala

La lita

della sqradri4lia

(per i iuochi serali), ambulanziere; maestro di giochi e sport: storico (o cronista del campo), (si veda per tluesto il III messaggio della II tappa). I\f PIi\NTO
ALcu^-I tlI-r.'clpI

DEL CAt'f PO

i
L

DA ^"o.\- DTyENTIcARE

- la tenda al riparo tlal vento ma non troPPo vicina al ruscello; - la spiaggetta a valle della sorgente in cui si attinge I'acqua; - l latrine sotto lento e a ralle; - il refettorio contro vento in relazione alla cucina; - la cucina {uori clel bosco.
ALCLNI CoNSIGLI

, :
i

I
I I

I {

- tagliare I'erba attorno ai fuochi o meglio, levare le zolle e consetvarle; vicino al fuoco, mettele la legna r.rmida ad ascir.rgars sotto vento; - non dimenticare la riserva di legna secca; - secchi e pentole luote si lascino capovolti e senza coperchio; - i viveri al sicuro dal sole, dagli animali, dalle intemperie; - non sprecarela legna; - non utilizzare mattonelle o pietre per sostenereil fuoco, dato che si rompono al calore; utilizzare i mattoni, r? uNA.pENToLA NoRvEcEsE Cour rlnr ED urrI-rzzARE . Scavareper terra un buco quadrato di circa un metro di Iarghezzae profonclita; imbottirlo di paglia, fieno o giornali lasciando un posto in mezzo per la pentola. Quando essaco-

I
i

t5+

II scnlico

dcl cdPosquadriglia

mincia a bollire, metterla dentro, ricoprirla di uno spesso straro di paglia pressata,fino al livello di terreno. Porre un vetthio satco o un telone al di )oDrJ e Iicoprire lullo (on z o l l e b e n s c h i a r c i a t eL . a t e m p e r a t u i ad e l l a p e n t o l a s i a b b a r . ser lentamente, facendo cuocere il contenuto come a fuoco l e n t o . D o p o u n o r a a b b o n d a n t e .r i t i r . r r e ' . Si consigia questo sistema per il semolino e le patate per _ la cena.

F--^ <Jr"e

gff_^ Lrg \ vr
*gRJ .-__
*"'i-

dD's't ' Ar?A

| vEr$r eor^rHAr{r

--r-,r\'\\

SS-

La vta della squadriglia

1:)l)

Cne

rrpo

DI LEcf,-A urrllzzARE?
C II

Prcsto onano bctulla carpino quercra conilere frassino faggio nocciolo omo PloPPo salice
t iolio

framma r'ir':r

[orre calore

brace :rbbondante

Questi <ati riguarcano clci rami ben sccchi. Si not;r facilmente che il nigior combustibile il legno cli carpino; subito clopo liene il faggio. Le conifcre sono ottine per accenclerc o ravvivare il fuoco. L'olmo ecl il frassino sono adatti per un fuoco lento (arrosto, minestrone). Corrolr't.l l r i.taolr a), I " Le ttete comodil /ton si compano,.ti ao.rl - refertorio, tarolino, sedili; - dispensa,Iuoco rialzato, buca ri{uti; - scaffale,armaclio incliano, doccia; - asciu6Jatoio, sbarramento <i trn rusccllo. I ctr^-l Forsc pensi che questa vocc starebbc meglio in un rnnuilc tecnico di anbulanziere. Eppure no, perch a te csq. tocci vegliarc sulla salute clei tuoi ragarzi di cui sei resl)onsabilc.

tl
)

i1

150

Il

sentieo dcl .aPosquadiglia

Igiene dei cibi e bevande: cfr. par. 2o di questo capitolo; Igiene del sonno: Scelta del luouo Cucina L,rrrr^-,t Il sistema piu semplice e piir igienico una buca stretta scavataal riparo t'un boschettoo dietro un graticcio. Accanto ad essadelono esserci: - una paletta per gettare la terra dopo l'uso; - u n e p i c c o l a s c a r o l ac o n I a < a r t a i g i e n i c a ; - un catino d'acqua col sapone. anche necessariomettere poco lontano un segnale per indicare quando essa libera. Il csq. non deve farsi scrupolo r l i i n f o r m a r s i p e r \ a p e r e d a i s u o i s c o r r t sr,p e c i e i n e o - ( a m p e q dato che alcuni trovano diffigiatori, se ci vanno re6Jolarmente, cile adattarsi a questi mezzidi fortuna: per questo tali impianti devono essere sempre perfettamente puliti ( il csq. stessoche deve badare a questo). La latrina si installa un po' lontana dal campo, sotto vento. Deve essereregolarmente disinfettata, gettandovi un po' di calce o di creolina.
IctE^_E PER LE ESCURSIQNI

30' lo 6o

'

Scarpe: solide, ben allacciate e ben ingrassate;non si usino mai i sandali. Calze e calzerotti di lana, non di cotone. Si cerchi di non mettere calzerotti nuovi o tutti rattoPPati per dele lunghe camminate. Non si bagnino i piedi per strada ma solo alla fine della escursione (acqua fredda). Non tenere mai addossodegli indumenti bagnati: mettere sulla pelle delle magliette di lana.

La uita della squadiglia

LJI

Non bere quando si sudati o si ha caldo, tanto mno mettersi in una corrente d'aria col pretesto di rinfrescarsi: il metodo migliore per buscarsi una polmonite. Camminare a passo regolare con una sosta di dieci minuti ad ogni ora di marcia. Cure ai piedi: per indurire la pelle dei piedi, bagnarsi regolarmente con acqua e formol (5/c), lasciar asciugare da s. Vesciche: forare da parte a parte con un ago arroventato o immerso nell'alcoo. Non asportaremai la pelle. Disinettare in sesuito.

LA VII'A

SOTTO LA TENDA

Ecco montata la tenda di squadriglia: la sistemirzione falorevole, il terreno asciutto ed in leggero penclio, protetto da un bosco contro il vento forte; (appena tutto sistemato, rnetti un Crocifisso nella tenda: se occorre, lo fai fare). Perche il pentio del terreno non possa causare pericoli di inondazione, la prima cosa da fare di scavare un fossetto

158

Il sentiero del caposquadrglia

tutto attorno alla tenda e imrnediatamente sotto il bordo del cloppio-tetto;le zolle scalate vanno riroltate tra il fossettoed il bordo interno della tenda (si rimettono al loro posto quando la tenda viene tolta). Venuta la sera, il guartliano rela tencla Ia leggermente allentato i tiranti, badantlo che il cloppio tetto non tocchi la tencla sottostantee consnando una forza di trauione uguale per ogni tirante (il che suppone naturalmente che i piccletti aiano stati piantati tutti su una stessalinea, parallela all'asse della tenda). Il tappeto a terra slalo steso in rnoclo che a tela tlella tencla ion si bagni e marcisca (in llancanTadi tappeto, si pu usare clella plastica; il pagliericcio comunque non dere mai essrea diretto contatto col suolo). arrirata 'ora tli anclare a coricarsir ognuno si sltoglia badanclo bene a non conservaresu cli sd alcuno clegli indrr' menti che ha portaro durante la giornara, dato che essi imbevuti di sLrdore, impeclirebbero ai pori della pelle cli respilare durante la notte. Questa regola vale a piu forte ragione per calzini e t alzerotti cli qualsiasi genere. Se si teme di arer freddo, una rolta infi' lato il pigiama tli fanella sulla pelle, ci si pu mettere soPra un maglione di lana. Sc si ruole avet ben <alclo, si ricorrli anzitutto che cli notte il frecldo penelra sia di sotto the cli sopra; per questo, si pieghi la met dee coperte clirettamente sul pagliericcio,ci si metta sopra il saccoletto e si rivolti sopra tli essoI'altra mer dele copcrte. ( Ricordati - dice B.-P, - che il segreto per star calcli cli notte tli avere lo stessontlmero di coperte sia sopra chc sotto'. Si Pu infine stencleresopra tutto la propria giacca a vento o un impermeabile. In precedenza,il buon campeggiatore avri gii Pensato a rimuovere la paglia del paglielir:cio, rleltendone di piir sotto le anche; se abituato a clormire sul fianco, che certo la posizione rnigliore di tutte, pensa a scalare nel terreno la bu' chetta per le spalle e I'anca. o Sar proprio quesropiccolo trucco ch vi far dormire bene, (8.- P.). Spoglianclosi, ogni scout piega con cura i suoi inclumenti,

160

II sentierc del caPosquadriglia

Per evitare di sporcare il catino della tenda, se esso lsso si collochi davantilla tenda un netta'scarPe(tavoletta o simili) o un tappetino di tela ru\'ida; se mobile si pu ripiegare-a met, q;;ndo piove, oppure stendcre all'aperto se c il sole.

CO}f E CONIPORTARSI
IN cASo Dr vENTo FoRTE

- tcndere bene i riranti; - rinforzare ogni picchetto con un secondo picchetto sttpplementare, unito al primo con un cordino; - mettere le . corde-antivento r, cio delle cordicelle sup' p l e m e n t a r ir h e r i i n t r o r i a n o a d i a g o n a l e' ' t r l l e d u e P a r e t i ( l e l d o p p i e t t o .f i r s a t er t e r r a r o r r d e i P i ( c h e t t i P r o P r i .
IN cASo Dr PIoccIA ToRRf,NZIALE

- allentare i tiranti e tenerli di continuo sotto sorve6Jlianzar - se necessario, approfondire i fossetti attorno alla tenda; - non toccare il tetto ne il doppiotetto (perderebbero la impermeabilit); - la squadriglia sta sotto la tencla e si cl ad attivita calme (canti, giochetti). Il cuciniere col guarcliano tlel fuoco si occupano della -cucina, clebitamenteoperti da mantelli o teli impermtabili (ottimo il tipo < lupo di mare ,) ed hanno i piecli nudi dentro un paio di sandali o zoccoletti. L'arte ri mantenere il fuoco sorto la pittggia consisre nel ' e mettergi attorno reSolannente della legna . da asciugare (Beati.quelli calare accenna a fiamma nel caiicarlo, "pp.nil" a tenere della legna sempre all'asciuttol)' che avranno pnsato Appena cuciniere e o fochista, rilomano in tenda' si asciule membra c mettono ai Piedi gutri fririonu.to vigorosamente un paio di calzerotti ben asciutti. Le stesseprecauzioni-si clovrbbero prendere contro la rugiacla del mattino se I'erba ne ricoperra in modo sovrabbonrlante.

La vita della sq ddriglia

l6l

Se la tenda dito sr.rllatela fino al bordo: piu dentro la

sgocciola in qualche posto, basta tracciare col trna linea che va da punro di sgocciolamenro le gocce seguiranno tale linea e rron catlranno tende. DA CAI' Po

EQUIPAGGIAI ENTO

Ti ricordi quirndo hai fatto il Priro campoi I giorni pre' rcedenti la partenra li arevi pirssatiin un orgasmo lnclescrl\ bile, facendo e disfaccndopiir volte Io zaino, smistando,arrotolanclo, ammucchianclo,legando tra loro ntillc ecl uno oggettr, piu o meno utili * cianfrusaglie, , ti cui ti sci in segulto lolentieri. sbarazzato situazione e I tuoi n piecli-teneri, si rrovano ora nella stessa ' cc la fii ' se il sacco passanole ore a chietlersiansiosanente au e J l o . o r r t a r r a r "( t u t t o , . ] f a s a n n o ,a l m e n o , c o n e s a t t e z z q H . r i P e n \ a t o. t r l r r l o r o . l ' r d i ( r i i \ r ' r n r o b i . o g n o . r lr r r r n l ' o ? l i . t a t o m p l e t r t l c e . l io g q c t t i , l . r P o r t i t c i f p 9 i 1 o 1 n l r e \ t r t l o .'nto oc,nttt"ttt"tli di qLresto;i . novellini ' infatti non sanno ancora {are lo zaino e lei tu che devi aiutarli, dato che qttesta un'artc che solo un recchio campeggiatoreha imparato
ELENco DEcI-t occETrl D.\ PoRTARE AL crl\fPo

Indossare'.uniforme completa (scarponcini pirrttosto che le scarpe basse); In t.'scat carta d'i(lcntit e tesserascout, matita, fazzoletto, portamonete, temperino, dello spago, spille di sicurezza,bussola, rosario scout. N c l l o z a i n o : i n s a c c h e t tb i en distinti e riconoscibili: - biancheria di ricambio (camicie 2 - mutandine 4 ' cal' zini 5 p. - fazzoletti da naso 4 - toragliolo di ricambio); sac' chetto per biancheria sporca; - ncessarioper a notte: pigiama di flanella - maglionc di lana; - tenuta da campo: calzoncini di tela ' maglietta sPorti\a - scarPetteo sandali;
1\. ll rertielo del crlotatudrgh.

r62

Il scticro dcl cdposqtadriglia

- in fondo allo zaino: il sacco-lerto lse non c' posto, lo .i fissi solidamenteed esteticamente all esterno,sopra I zaino); scarpe di cambio. della N.B.: Si badi a mettere a contarro col dorso il sacchetto biancheria sofficel AlL'esterno dello zaino: la giacca a vento o impermeabile (ben fissatil); nelle tasche..i viveri per il viaggio, sacchettino . omnia ' (necessario per rammendi, pila e batrerie di ricam, bio, carta igienica, carta da lettera, cordino, lacci, libro di canti, messalino,forbici); il sacchetrodi pronro soccorsoper:onale, borrarr ia. carta topograhca. Se lo zaiuo non ha . armatura ', bisogna fare attenzione che r r n a r o l r a c h i u s o n o n n e r i s u l r i u n p l l o n c g o n f i a r o ,i l r h e , o l t r e c h e a n t i e s r e r i t o , q u a n t o m a i . < o m o d o : e 5 \ o i n [ a t t i , poggiando su un solo punto <ellaschiena, invece che su turta uniformemente, agisce da braccio di leva, tirando indierro le spalle e rolinando la schiena. Ricordiamo per finire che la buona rirrscita cli una atri\ir: dipende spessoda un buon equipaggiamen ro; si <ice sempre tta noi scoutsche " non esistebuono o cattivo tempo ma solo buono o cattivo equipaggiamento

\rl

calrro Dr RTPARTo

Abbiamo sempre parlato della tua squadriglia, tlelle sue rirrnioni, delle uscite, clei campi che exa fa... ma non dobbiamo dimenticare che essa parte integrantc del Riparto nel quale oeve vrvere ed aerre. Il che d'altrn<e di massima urilir sorro tanti punti <i r i s t a : g r a n d i g i o < h i .g r a n d i c a m p i . r a p p o r r i p i u e r t e i i d o n t l e deriva uno spirito piu aperto, emulazione e fraternit, direzione di capi esperti. renuri al corrente di tutto dal C,onsiglio C a p i . C , o r . r n r h e J r s q u a t l r i g l i aa r r l o r r a s i o n e d i ( o r o n a r e le attivit di Riparto con un campo. Il campo di Riparto ha dei vantaggi. e delle. esigenzenei..riguartli _-della squadriglia; ma essoconsistepraticamente nell'insieme di piu campi di sq.

Ia

vita dcllo sqttadriglio

163

che hanno lo stessoscopo, diretti da uno stesso capo-, animati dallo stesso spirito per-la realizzazione di giochi e di-attivita collettive a vsto raggio. Il campo di Riparto quindi essenzialmente il campo delle squadriglie. Per questo, quanto si detto vale, press'apocor anche per esso,salvo che Plogrammr e responsabilita gnerale ricadono sul c. r' che . Capo' Campo ,. Retano per il csq. le dirette responsabilit della sua squadriglia, oltre a quelle che deve assumerenei ripJuardidi tutto il Riparto (servizi vari, rapPorti tra squadriglie..). Egl deve anche provvedere per le attivit dei tempi libjri in squadriglia, per i fuochi serali, per le installazioni dj.Ri part affidte alla sua sq., per la divisione degli incarichi in iq., per le Parole d'Ordine giornaliere, per e attivita in caso di pioggia, per il programma di supeamento di prove di classee specialit dei suoi squadriglieri. Se il campo di Riparto dura un certo tempo (una quindi' cina di giomi), il c.r. far in modo di accortlare ai csq. una giomata o almeno mezza giornata di riposo; in essa i csq. affideranno la sq. ai loro rice e cercheranno di distrarsi e di rinfrescarsi le iclee nella calma. Io ho sempre notato che un csq., o un qualsiasi altro Capo, mezzo esaurito per il sovraccaiico di laloro, perde buona parte delle sue possibilita d'azione e la squadriglia o I'Unit a prima a risentirne. Ci sono due cose essenzialida rispettare in un campo di Riparto: - anzirutro il C.onsigliodei Capi; o8ni giorno; - in secondo luogo, il C-onsigliodi squadriglia. Dato che quest'ultimo non si pu fare dopo il fuoco serale, lo si far dopo cena ed allora il consiglio dei Capi trova il suo posto logico immediatamente prima della cena, cos i csq. possono comunicare in tempo utile alla sq. le direttive dei Capi, CONCLUSIONE Al camno piu che altrove tu hai I'occasione di vivere a .ont"tto d^ireto coi tuoi scouts e di imparare quindi a cono-

t64

Il scnlierc del (,tpsquadiqlia

scerli. Un ragazzonon riesce infatti a restare per oltre 48 ore di scsuito senza mostrare di s anche " il rovescio della medagli;,. Sia clal campo che dal fine-settimanasaprai qLrindi trarre delle utili informazigni:

a\ s\ ciascunoder tu<ri raqarri, sui qroqressiche rle.io\o


compiere sia rguardo alo spirito della Legge scour sia riguardo alle attivit tecniche; b) sule attivit da realizzare,da lanciare, da rianimare nella squadriglia. Il c.r. ti chiedera un rapporro su tutro ci; cerca di farlo il meglio possbile: essoti obblighera a riflettere, a metrere nero pensieri e idee che sono rimaste in su bianco, a concretizzare te, dopo il campo, allo stuo togu... * Eccoti ancora una volta, per concludere, il parere del csq. Bruno de Nfartino sul campo di squadriglia.
. Il campo di sq. non una cosa facilissima, tu!r'allro esso deve essere preparato con molra attenzionc, \issuro nello spirito scour (cosa basilarc), e con grande sensodi responsabili! da parte del csq., anch pcr I esempio che gli allri ragazziprendcranno d lui per arre una piir s.rlida base,pcr a p p r n d e r e n u o v e c o 8 n i z i o n i e s o p r a t t u t o p e r e s s e r ec e r t i d i n o n s b a g l i a r c . Infinc si devc ricordarc che il campo di sq. non ha niente a che ledere con u n w e e k - e n d i n c u i s i b a l l , s i s u o n a e s i c a n t a j e s s o u n a b e l l a a \ r o n t u r a d i a l l e g r i f r a t e l l i , a c . n t a t t o c o n l a n a t u r a , t a n t o g e n e r o s a. o n n o i e s p c s s o c o s p o c o c o n o s c i u t a e r i r n u n e r a r a . . .' ( d a s ! o ! c P a r a r i , a . 1 9 6 . 1 p , a8. 331).

SESTO MESSAC'GIO

LA B. A. DI SQUADRIGLIA
.Il primo tlotteredcllo scotlt la B.A. quotid,iana, Ciascuno dei tuoi scouts si impegnato con la Promessaa fare ogni giorno una B.A.; ragione di piir perche anche la tua squaclrigia non perda le occasioni che le si presntano per fare una B.A. collettiva. Gli scouts della squadriglia devono per questo cercare e trovare il mezzodi poter aiutare il prossimo in qualche modo. Non afiatto dificilel vuoi vedere?

t66
-

II senticro del caqosqradiglio

andare a cantare in un Ospedale; far giocare i bambini di un Orfanotrofio; visitre regolarmente ed aiutare una famiglia povera; raccogliere, aggiustare o fare dei giocattoli da regalare a Natale; - raccogliere francobolli, carta stagnola.Missioni; _per le _ - preparare un presepio o un albero di Natale per una famiglia povera e passare con essa la veglia di Natale; - vendita di oggetti di artigianato scout, di disegi, pitture... per un Istituto di beneficenza; - organizzazione di una cena per i poveri una volta al mese; -- raccogliere legna per poveri vecchi... - al campo, aiutare una squadriglia in ritardo o con un incarico molto gravoso; - raccogliere libri e riviste per malati, carcerati.., - to'glierc la neve dai marciapiedi; - pulire le tombe piu abbandonate in un Cimitero; - pulire e mettere frori in una Cappellina o edicola abbandonata, trovata nel corso di un'uscita. Non dimenticare mai di fare tutte le B.A. di cui ti si presenta l'occasionedurante un'uscita, un hike, al campo.

SETTIMO MESSAGGIO

ATTIVIT

DEGLI SCOUTS

. Uno scout non esta ma senzo fat niente, L'Associazione ha fissato ufficialmente il programma delle attivit da realizzaree delle conoscenze da possedere per aver diritto ai vari passaggi di Classee ai distintivi delle Specialita (Norme Direttive 196,1, pagg. 69-133).

t68

II s.ntiero del caposquadtigla

Non si tratta certo di un programma di esami da suPerare, ma solo l'espressione di un livello da raggiungerenei diversi campi, onde fare dei nostri scouts degli uomini equilibrati e completi nella vita di domani. Da parte tua, hai pensato ad intercalare queste dilerse attivit ni prograrnmi delle riunioni, uscite, campi, ad inserirle nei giochi in modo da poter costatare il livello che i tuoi ragaizi hanno raggiunto? Non ci sono da una parte i giochi e dall'altra i corsi e gli esami per i passaggi;no, si tratta di un tutto unico, il gioco scout. Tu puoi benissimo, per es., alla fine d'una riunione o di una uscita, dire ai tuoi scouts: {Gigi e Alberto, avete segtrito molto bene il percorso a tracce e potete considerarecome sur per la Ptomessa; e tlt perata la prova di . Osserrazione in modo magistrale il nome dato hai dirci Gianni, che saputo degli alberi incontrati per strada, sei pronto per la prova n Natura ' della II Classe;quanto a te Roberto, che hai saputo leggereIa carta topografica e guidarci cos bene, dovresti cercare cli prendere la specialit di Guida: si vede proprio che sei nato per questol '. Il Capo pu d'altronde organizzareper tutto il Riparto dei giochi tecnici, onde saggiare le capacit e la preparazione da degli scouts ed alla lne di essi pu consideraresr.tperate, parte dei migliori, le relative prove di Classeo di Specialit. Organizzandoli tu stesso ed inserendoli in diverse attivit, gli scouts saranno graduarnente ed insensibimente portati a superare quanto richiesto per la II o Ia I Classee l)otranno quindi rivolgersi al c.r. per la conferma uficiale di tai Classi e la facolt di potersi fregiare del relativo distintivo. Tuttavia non bisogna credete che esistano per gli scouts ce ne sono solo le prore ed attivit fissatedalla Associazione; rnoltissimealtre che rientrano nel quadro clello scautismoe che il crq. dere saperlro\are, scegliendolc )e(ondo i tempi e le necesslt. Ne elenchiamo qui una serie ma egli ne trover tre volte di piu nel suo cen'ello.

{
i

La vito della squadiAlia


EDUCAZIONECIVICA PATRIOTTISNfO

169

Rrcleare la carta della ptopia rcgione s.gnandoci soprd. - fiumi citti {irdcarlc con un monumenro caratreristico); - uo8hi ccebri per avvenimenri stoncii - i prodr)tti reSionali lcon un djsegno o un sjmbolo); - i lrogh adarti prr un campo. Cotlo scenza de I la pro pria .i t ttr : - pianta di essccn le chiese ed i monumcnri principali; - p i a n t a d c l l c \ i c d i c o n u n i c a z i o n e ,d e l l e g r a n d i a r r e r i e d i t r a f l c o , d c i s o b b o r g h ri - raccoglirre una docum.nrazione fotografica o arrisrica su di essal - fare modellini dei monumenri arristici. conos.enza delta prcptid regiane o na onel f a r e r a p p r c s e n t a z i o n em i m a t a d i u n c e l e b r c f a r r o s t o r i c o ; - racconlarc a vita di un croc, genio, esploralorc, scienziatoiralirto; - escguire danze folclorifiche e canri rcgionalii - fare una raccolta dci cosrmi regional d'Itaia; - ricer.are e disrglarc le divers uniformi milirari attraver$ i secoli; - c o n o s c e r ee d i s e g n a r e i d i l e r s i g r a d i d e l l E s e r c i l . r , l f a r i n a , A e r o n a u r i c a ; - disegnare o racroglicrc gli stemmi regionali e provinciali dlralia; - !isitare il ltfunicipio; - visitare una Fande fabbrica di prodotri nazionali.

SALU:TE ED IGII\E Farc la gnnastn del mattitro (insegnarei 5 escrcizi di B.-p.): - percorso Hbrt; - esrcizi dj forza mus.olare; - scheda dtllc propric capacir 6sich(, - o i m p i a d i ( l i s q r a d r i g l i a 1 ( o r s .s a l t o , l a n c i o d c l p e s o . . . ) r - m a r c i a r e a p a s s ( )e d e s e g u i r e m o \ i m e n r i d ' i n s i e m e . allampicarsi sugli alberi; scalare un muro sr!endosi di slafie, della scalelta rla rociatore, di attralercare o supcrare del filo spinato snza roccarlo; p a s s a r es u l l a s s d i e q u i l i b r i o j a t t r a v e r s n r c u n f u m e c o n u n a c o r d a i p a s s a g F i oa i l a m a r i n a r a ) j attrarersire un ruscllo, un canale, un crcpaccio con la corda a pndolo lmerodo Tarzan); arramPicarsi, fare corsa campesrrel

170

Il s.nticro dcl coPosquadiglia

capriole e salti mortali con o senza fiateaslo; nuoto, canottaggio, gare di nuoto (mai snza un CaPo adulto); - passo scout (marcia e corsa altemali); - tiro alla fune; cloluzioni ed esrcizidi brarura sulla bicicletta: - imparare i colpi principali delo Judo; - dare una mano in campagra per mictcre, raccoglercil fino... - tirare una slitta.

. DEDUZIONE OSSERVAZIONE
chiedere la descrizionc di una data persona incontrala, colore deSli occhi... gioco di Kim con dificolr crescenti ( . s m p r e p i u d i f f i c i l e l ' ) : 24 oggetti in un nirulo; 2 4 o g g c t t i p i c c o l i c a b b a s t a n ? as i m i l i i 24 oggetti.he spicano poo sullo sfondo; - Kim natum (foglie, fiori, gemme, cortecce) ' Kim a odorato, 8u3!o, laltor gioco di Morgan (descrivere mcglio possibile uria velrina, doPo averla o s s e r v a t ap e r 2 m i n u t i ; o u n a v e t r i n a s c e l t a f r a t r c o q u a i t r o ) ; - cercare di indolinare il mcstiere di qualcuno, dai diversi indiz.i: - descriverc o diseSare a memoria un Posto risitato; - darc un mcssaggio da imparare in pochi minuti e da riPelere l Siorno dopo; riconos.erc una macchina da s{ritcre dai tasti o dai caratteri; eseguire il gioco di Zorro; avanzafe su terreno scoPrto e trovare un Iascondiglio prima di averlr des.rivcre, anche nei particolari una chicsa. un castello !isitato; !alurarc un minuto (snzaorologiol); .. srguire la traccia di una bicicletta; - riconos.cre pcrf)nc trarestitc; - riconos{erc e marche delle auto o deSli aerei; - nascondere slr di un mcssaggio e farsi Perquisire; in campagna, ascoltare per 5 ninuti i rumori e sapcli idcntificare; - valutare distanzc, lunghczre, $uperfci, pcsi...r - per strada, scoprirc su caraclli, manifesli... tutti i nomi che cominciano per una data lettera; osserlarc come cammina o gakrppa un cavallo; - conre si comporta una donna Per acccndere un fiammiferoi pcr guardarsi le uDghir? qual la loro rcazn,ne sc, da sduli. cade loro qualcosa dalle m!niii

Ia * -

vita dclla squadiglia

l7l

ricono!,clre le impronle di un uomo che cammina normalmente, a ritro30, conendo. roppicando, carico di un peio;i influsro dei venti e delle piogge sulle rracce; rimuover un te!eno e farvi fare dellc impronte dagli scouts st$si; tracheodrorlro: ricostruire una scena basandosi sulle tracce rima3te sul lerteno; giochi polizieschi: s.op re dei fatti basandosi su indizi (tipo .Ispertore Rock '); studi sulle tracce di animali; come cammina un uccllo che vive sugli alberi d un alrro che vive a terra?; quanti artigli hanno gli uccelli e come sono disposri?; scguirc un prcor3o a tracce senz3 Sctni col gesso; nela neve; con macchie d'inchiostro o di colore; seguire la traccia di un animale; giochi di illuiione ottica c di memoria lisrva: giochi tipo . che dielenza c) ' (cercare differenze in due disgni siii); naare storie o racconti, inserendovi degli errori; indovinelli, enigmi, problemi da risolverc; gioco dell'ambasciatore lindovinare dai ge3ri ci che qualcuno vuol dire); (indovinare la pc$ona o la cosa alla quale si pensa, Bioco dei ritratti polendo risponde solo con dei . s ' o dci . no '); far paslare in mano delle monete ed indoviname darle; il valore, sn'l guar-

soltolineale in un articoo di siomale una dala lettera.

ORIENTAIlTENTO dilegn:re

- TOPOGRAFTA

o costruire una rosa dei ven(i (32 punte); saPer usare la bussola per orientalsi, per orientare la carla: lrovale il nord con orologio, col sole, la luna, le srelle; oppure oslervando i diversi indizi: muschio sugli albri, direzione dellc chies; saper leggere le ore usando la bussola, considerando la posizione del sole, dela luna e delle stelle; avanzare pe! 2 km. su terreno vario in una data dirzioDe, srlendosi della bussola o dell'orologio (marcia all'azimur); idem di notte; !,rPere la diflerenza tra ora legale ed ora solare; cono!,cer a linea di cambiamenro di dara;

172
-

ll sentierc dcl .aPosquadrglia

conoscere la diflercnza.tra polo nord magnetico c geografico; durante un'uscita: costruire una rosa dei vnti utilizznndo dei basron_ cini infissi a tcrra; il nome dell'albro da cui son tolti i bastoncini deve nocciolo); avere I'iniziale equivalente al Punto cardinale indicato (Nord: - calcolar la distanza tra due punti sulla carta; - calcolare la unghczza di un percorso, di na strada; - dsignarc esattamente con longitudine e laiitudine un punto sulla carta; - conoscre i regni convenzionali delle carte geoFafiche e toPografich; - il csq. descrive un itinerario con tutto ci che incontra a destra ed a sinistra e gli s.oul lo ricoslruiscono sulla carta; - gioco del domino con carton(ini rappresnaanti sgni toPoslalci; - in un uscita, far guidar la sq. da uno scout, seSuendo un dato iiinerario; - dare ad ogni scout un itinrario ricalcato sulla carla e da seguire da solo; - saper ritrovare sulla carta il pnto di arrivo; - farc un percorso rettificato; - fare uno shizzo topogafco secondo una data scala; - farc la pianta di un edilcio, di un parco; - riprodurre la facciata di una chiesa, di un edificio con un ditcgno dal vero; - fare Io rhizro panorami(o d un Pae$8sio; - riprodurre la serione vcrticale di un trreno, di una strada, di un Ponte; - in base ala carta, saper fare il profilo in rilievo di un tereno; - in base alla carla, dire se un punto visibile da un atro Punlo; - calcolare sulla carta alaimctria di un Punto; - calcolare coi diversi metodi onosciuti: a arghezza di un hume; I altezza di un campanile (base acessibile o no); la superfrciedi un laghetto, d'uno stagno; la velocit di un veicolo; la portata di un torrente; - costruire un . dendrometro ', pcr misurare le alte,ze d8li alberij -.alcolare altezza e larghezzaPer mezzo di un riShello millimetra(o; - conosccr le misure personali: alazza, Inghezza del pa$o, afrtura delle braccia, gomito, Piede. spanna; - fare dei piani d alta.co o di <ifesa Per un gioco sulla carta; - fare il plasliao in tilievo di una part della carta. ' NODI semPlice ' in un minuto;

PIONII,RISTICA -

far eseguire lutti i nodi di . fsPloratore oppure tlltt sulla steisa corda; oDDure con le mani dietlo il dorso;

La vta d.Ih -

tquadiqla

LIJ

fare ttorno a s il nodo . Bolina ' (o della sdia)i caare uno scout da un piano per mezzo del . bolina doppio,; calarc una trale con un nodo da muratorc (da palctto o a lcgno) portarc in due un pcntolone picno d acqu: c srnza nanici; tiro alla fune, cor uno scou! per capo; vince chi riesce a fare per primo un nodo frssatodal csq.; congiungere tra Ioro drc corde con sette nodi divesi; fare un manicotto di corda su un palo o bastonc incrinato o spac.aro; fare un'impiombatura ad una corda o ad un tirante; fare un pacco; trasmettcre ulr messaggio in morse con una cordicella semplicc; linea = nodo cappuccino)j (punro = nodo

teldclc una corda per attraversare un ostacolo; far passarc un fcrito sopa un fiume per mezzo di una corda, di una carrucoa e di cordini; f a r p a s s a r e t u t t a l a s q . c o n l o s l e s s os i s t e m a , s u p p o n e n d o c h e u n s o l o scot sappia nuotare e non possa atlravers:rre il fume piir di una volta; fare una diga in un ruscello; costruire un cavallettoi costruirc una passerella sopra un fossab; fare dci graticci per elitarc di camminare nel fango; cosl ire un ossenatorio abbasianzacomodo su un rlbero ed una scala a corda pcr arrivarci; sccndcre da un albro col nodo del evaso; circondare il terreno della squadriSlia con un portico costn re una capannr; fare una zattera o una < uba '; arrotare ed amlare un accetta; abbatterc un albro, tagliare i rami, scavareil ceppo, trasportark; (sce 8lire la direzione della caduta); costruirc un amaca; inlreccia un cordino; latori di costruzione al campo: fuoco riazato su tarolo; scafial - attaccapanni; doc.ia, spiaggetta, solario; sala da Pranzo, portascarpe; costruire modellini di pon(i: saper mostrare tutti i vari usi del baslone scout (ed altr ancora...). (o ponte levatoio)i

174

II sctrticro dcl cdposquodriglia


SEGNALAZIONI

studio del Morre col metodo delle parole.chiave (Alto - Bonaparle - ecc.); dividerc la 5q. in due g_ruppi e trasmrter a distnza mors con bandierine; organizzare tra due squadrigli una gara di lrasmissione a distanza; impararc il semaforico; segnali morse di notte con fuochi, lampade, pile; segnali molse col fumo, usando una coperta bagnala; nascondere un Dressaggio mors in un diseSlo o in una caricatura; scrivers in mofi lra scouts; i n u n p e r c o r s o a a c ( e l a s c i a r e m e s s a S 8 im o r s r : mediante intacchi sul bastone; disponendo foglie fandi e piccole (lina e punto); facendo dei nodi su una cordicella; scrrttute sgrete a bas di mors; coltruirc un apparecchio pr trasmettere il mos (sia tiPo telegrafo, o vibratorc, o luminoso, o a . pannelli ' pr Srandi distanzc).

SCOPERTA -

DELLA

NATURA

costluire un erbario di equadriglia: ogni scout s.eglie il suo albro (vicino a casa sua); ne segue lc varie fasi nel corso dell'anno; raccoglic Semm, foglie, fiori, frutti, cortccia; ne studia le malattie... e anda tulto al guardiano dell'erbario; si possono anchc disgnare due o tre alberi pcr s.outi allevare dlle epi; allcvarc animali domesti.i o s.lratici: collivare un angolo del Siardino; fare un terraio: allevarvi formiche, ragni, lucertcle; in un acquario alevare girini, spinelli... raccogliere n nido di vespe: toglier_i le larve a tutti difierenti sta(li di sriluppo e conscrvarle in tubetti di vetro sotto formoli riconoscere i canti degli uccelli e cecarc di imitarli; collezione di piume, di instti, di farfalle; impronta delle foglie su gesso o col carbone; rilevamento di tracce con gesso lo paraffina nella neve); costruire nidi artificiali per uccelli; visr o Zoo o il Muso di Storia naturale e farvi Siochi di ossrvazione; prcndere dal vivo fotoSrale di animali slvatici (appostamentol); collczionc di cortecc d'albero; far crescere una gemma nell'acqua (esporla al sole);

La aita dclla squadriglia -

I /3

sguire le tracce di animale nel bosco; disegnare Ie sagome degli alberi; oslelvare gli instti al microscopio o alla lcnte; conoscere gli usi induslriali delle divcs essnze degli albri; costruire un planetario; calcolare l'et di un albero; riconoscerc l uova degli uccelli; far ricerche suu origine del loro colore; battere le foglie seche con una sPazzola pet far risallarc la nen- alura; s.elta una lettra, trovare i nomi di piante, animali, ins.rti, uccelli che

.omrnoano Per essa i - imparare a prcvedere it tempo (informarsi presso i contadini); .- riconosaeE le Costelazioni: dapp ma con una carta drl cieloj in seguito snza carla, alla stessa ora; infine, in ore divne; - sapere 'ogine e la sPiegazione dci fenomeni mclcorologici o astrono_ mici quai: vento, pioggia, nc!e,.8randine, maree, notte, sele cadenti, eclissi,fasi lunarij conos.ere le Pianle commestibilii \'ita di una fattoria: allevamento, mrngitura delle mucche

PRONTO -

SOCCORSO

gioco di domino con e Parti di uno schelctro (tpo . Dracula '); spiegare il funzionamento dcl sistema sanguiSno- rcsPiratorio - nervoso ' digerente;

-=?a;
'---:
simulare n infortunio e insgnare a dare le prime curc; sapere come comportarsi in caso di incendi, allagamenti e fare qualclc gioco pr allenamen(o;

l?6
. -

II sentico dct caqosqtladrigliL

afiumicae un ambie,rte e salvarvi uD ferito; sapcl usare un estintore dincendioi ( , , s r r u i r eu n a ( r s r t t i . l i P \ . P F r l a s q u a L l ' i g l i r : virini: !cre nrl notes pel5onale indiriz./o dei pompieri me(li(i sacetdoti sapcr prendcre la t(nPeratura, il Polsor saper Praticare a resPirazione artilcialcl na nei gichi allo scalpo, farsi eslilujre h ' vita ' f!cendos curare ferita immaginaria (sPeriamol); in\itare un medico a vcnire a parlare in squadriSlii imparare a sahar un annegato, a lanciargli rna sagola; costruire barellc con materiali di fortuna; muri ; superar diftercnti ostacoli con u a barella: siepi, fossi' scale del nodo m e u l o f o s s a t o i n u n o u n a l n e s t r a d a Per .rirr" utt ferito boina smPlice o doPPio; telegrafare o telcfonare un mcssaggio di soccorso;

.\ola: in tutti qudri Siochi di P. S. gli scouts detono agirc e comportarsi come 3e si trattass della real!; e quando uno scout si feisce il csq ne aPProfrtti Per mostrare come dcv esserc curalo

VITA

AL

CAIIPO

i natrl(nti liberi del con['o, \AttiL'it adatte per rienpirc Ie mattinate, i Ponertggq c o m e a c c e n d e r ei l f u o c o s c n z a f i a m m i f e r i t s i s t e m i a u s t r a l i a n i e i n d i a n i ) ; aacenderc il fuoco senza carlal o p e r b o l l i r e u n a S a v c t t ad a c q u a i gare per bruciare una cordicrlla sospesa costruire una fuoia di Paglia, un letto da camPoi costruire un .andeliere (la camPoi scuoiare e squarlare un animale catturato; conciare una Pelle; farsi un alco e imParare ad us:rro; tiro col fucile a piombini; Pesca; caccia agli inslti; raccolta di foglie. Pianiicelle 'carne alla gliSlia' cucrna trappul: Palate sotto la cnerc _ mele colte ' n c l l ' arancio, ecc ; u o v o n e l l a r g i l l a p i e l r a s u l l a fdttate Pollo sapcr fare il pne da camPo; intagliare cucchiar, forchette, sPatole ecc. nl lcgno;

La dta -

dclla sqtadriglia

t77

rendere potabile l'acqua; dar la caccia allc farfalle rilerare e nccoglire tracce; afficchire lc raccolte di sq., dividendosi pcr sczionir minelali regetali - anrmali . oggetti ererogeneii costruire una meridiana; una banderuola per il iento; costruirc un mulino ad acqua e farlo funzionare; la\ori in argilla, cuocendo poi quanto fatto (terrccottc); fare un .eno-volante (far salire dei messaggi che poi cadranno per i giohi di ricerca); imparare a lanciare il . lazo ' intagliarc il proprio bastone scout; fare degli ostacoli pcr organizzare rrna corsa; costruire un altalena, un trapezio, una scala a corda; visilare una fattoria e chicder di poler aiutare a mungere.

FUOCHI

AL CAMPO

ESPRESSIONE

Non ci $no solo da realizzare i tradizionali spettacoli durante i fuochi del campo; si possono prevedere ed orSanizzare molte altre attivid di espressione ed anche la partecipazione ai fuochi deve essre quanto mai Per questo pero occorre che ogni scout interpreti suo personaggio, dia il meglio di se stesso. meglio possibile il

scene mimate e pantomimei canti mimali; racconti e parabole sceneggiati; presntarionc di una danza di squadriSlia; rapprcscntare fatti cclebri della storia, legSende reSionali, ecc.; rapprcsrnt:rc dei brevi drammi, commcdie, far!...; orchestra di squadrigia; sciaradcr ogri s.cna rappresnta una parola od una sillaba; rafiigurare monumerti s.onosciuti; gara di lravesrimenlo con giomali o carta colorata; giochi di prestiSio, di abilit manuale, di acrobazia; ombre cinesi; costruirsi in squadriglia gli abiti per il fuoco da campo, le maschere.

h tua squadriglia deve possedere uno . zibaldone > conknnte materiale do8ni genere per i fuochi, secondo le indicazioni date a piu ripres ir questo ibroi esso deve ssere aggiomato e consrvato con cura nel proprio angolo, in attsa di ntrare in servizio penanenle al campo.

12. - Il teitido tl.l crpoJ4tzd,isliz.

SCINTILLE: I

NfOTTI

DI CAVALIERI

Plus ultra! Avanti, se posso! Il riposo, dopol { Di bene in meglio. 1 ,y Su retto cammino, nessun ostacolo. Tale il quore, tale la bocca. Finch posso... A cuor intrepido nulla d'impossibie. ( Senza Dio nulla posso. Chi risica, rosica.

6r;r <hi. noffc ,

QUARTA TAPPA

< PI IN ALTO E PI LONTANO '>


(Motto del Jamboree di Maratona

1963)

PRIMO MESSAGCIO

PENSIERI SULLA LEGGE SCOUT


Art. I-LOSCOUT CONSITJERA S U O O } - O R E \ I E R I ' T - A R EF I D U C I A
L.r FtDUctA sI MERI'rA

Chi non la gocleruol clire che non Ia merita Capi e scottts, strperiori ecl infcriori hanno lruto fitlucia i n m e , q u a n c l om i h a n n o s c e l t o( o m e ( s q . : s o n o a n c o r r tr l e g n o ti questa frcltrcia?

t82

II sentero del caposquadrglia

Sulla parola di rrno scout si devc poter contare; chi manca alla sua parola, manca al suo ororc c cessapcr il f:rtto stcsso di essere un uomo rispettabile. I1 csq. dere a piu forte ragione tenere alla sua parola, realizzare la sua Promessa: non cli menticarlo! Essere primo in tutto, essr sempre puntuale un segno pratico che si sa mantenere la parola <ata. Onesto c retto, mostrati smpre quale deii essere: un capo. Art. II LO SCOUT LE,{LE

(rerso la Patria, i gcntori, i capi, i suoi dalori d latoro ed sttoi dipendenli) Essrtr lreLr: non signifrca solo non mentire.,. ma non lasciaresupporre nulla che sia contrario alla verit.... non fare, tlire o pensare nulla di nascosto.., C o m es i | . r r l a e i S i r e ( o m e s i p e n s r . . o r u n q u c . Pensirle
VrRSo L,l PATRTA:

essaattende che io sia pronto a dare per lei la mia vita, se occorre ma arrche che sia disposto a vivere per lei, a darle il cuore e l'anima; a divenire un cittircino ( preparato ' per assurneredegnamente nella societi il posto che mi spetta, per il bene di tutti; ad essere quincli fn <ora lo srudente o l'apprendista laborioso che sapr contribrrire un giorno a renderla grande c nsPerrara; a non criticare sempre e per principio le disposizioni delle Autorit pubbiche; ad interessarmi dei grandi problemi nazionali cd inrcrnazionali; ad arnare la sua storia, ad apprezzareil suo passato,i suoi geni, i suoi salri, i suoi croi, le sue bellezzenaturali e le con, quisrc dell'uomo;

' Pt in alto e Piu lontano '

183

(lcvo riuscirc a fare dei miei scouts dei membri efficienti della comunit naziotrale,al)erti \erso gli altri popoli.
YERSo I GENIToRI:

rendermi conto cli ciir che debbo loro: a rita naturale, I istnrzione, I'erlucrtzionee soPrattLtttoI'amore. lo posso fare ntoitissimo per renrlerli felici: sono il primo rtelce della loro feliciti. -ll io :ffetto 1;cr loro cerc tratlursi in atti. Ho mai Pensrtc, l)er cs., a rirtgraziarli anche tlttantlo mi rirnprolctano o correggono?Io clebbo oro non solo il corpo, come tutti gli a n i m a l i , m a s o p r a t t u t t o l a n i m a , e t l i l p r e z z o < l ' u n ' a n i m as i pag:r solo con l amorc.
\'RSo r CAPI: mi hirnno tlimostreto ficltrcia chiamandomi ail ailttarli a formlre clei tipi "in gambe,; ho saPrrto e so segttire le loro clirettive? consigli:rrli, sc occorre, inrece di criticarli? obbedirc prima tli comanclarei' collaborare, inrece di agirc da solo?

VERso r sono responsabiledi animc c di corpi. Debbo quindi pesare - ciascurro dei miei ortlni, - ciascuno clelle mie artivit di squadriglia. fjebbo renrermi conto dellir importanza del mio buon esempio, csser corscio tlella clignit del mio graclo etl esserneclcg n o : . N o b i l t o b b l i g a' . PrNSutRo: . Si da il rneglio tli se stessi solo al servizio di un grande q i g n o r ec n o n c s i g n o r c piir grande clel mio Dio n.

184

II scnlicro

dcl caPosquad,iglia

'#ffi
Art. I II LO SCOIIT S[l.f PRE PRO\'I'O A SERVIRI] IL PROSSINIO

Non sono rare le occasiotti tli tornlricre rtlta gran<lc B. A.; ognuno conos(equelle degli scollts ne Polesine,nel terremoto c l e t l ' I r p i n i a ,a [ , o n g a t o n e , n c l : r t r a g e t l i ar l i ) I a r s r r l a ,P e r d i r e solo le ultime piu note; tante altre, Dio solo le sa. Nf:r non ci sono grandi B. A. senzaquelle piccole. La mia B.A. di ogni giorno un gradino che mi f:r salire nelll scala clella carir. Per questo le attivita tecniche mi aiutano ad esser s e m p r el , r o n t o e r l r r t i l e i n o q n i ( i r ( o \ l : r n / . r . \{a non ci sono solo corpi tla sahare...ci sono anche anirne. a f)io un'anima! fosseinsomOh, se opgi cristiano conducesse ma, un piccolo . missionarior! E non poi tanto difficile: basta che viva a mia fede e la irradi attomo a me, che sia \r\ n pescalore di uomini,.

. Pi in alto e pi. Iontarc,

I85

Art. IV - LO SCOUT IIICO DI TUTTI E FRATELLO DI OGNI ALTRO SCOUT Fra i compagni di scuola o di lavoro non ce n' Per caso qualcuno che non possovedere, che (non mi va gir)'? Essere come Kim: I'amico di tutti. E fra i csq. c' qualcuno con cui non vado d'accordo?Eppure la concordia la forza cli un gruppo di capi! E fra i miei scouts, ce n' forse qualcuno che preferisco perch pi simpatico o piir allegro o piu docile alle mie diretive? E non ce n' invece qualche altro che lascio un po'da parte perch ( testa dura ' o perch osracola,col suo atteggiamento, I'andamento della squadriglia? Ippure tutta la dose di amore di cui sono capacedeve essetc divisa fra tutti in modo uguale e ciascuno deve sentire in me battere un cuore di fratello maggiore...soprattutto quelli che s o n o I ' i i r r l i f f i c i l i .A n c l r e G e . i r m o r t o p e r t r I l t i , s p e ( i c p e r i peccatori ed il Padre celesteo fa piorere ugualmente sui gitrsti e sui peccatori,. Art. V - LO SCOUT CORTESE E CAVALLERESCO La cortesia,che il rispetto degli altri, speciedei pi deboli (bambini, clonne, r'ecchi, invrlitli) era a virtir dei cavalieri antichi e quincli anche dei ca|alieri moderni che sono gli scorrts.i\fosrrirrsi sempre uguali, mai burberi, collerici, super ficiali. Amabilit e buona educazione. Semplicit di cuore e rli atteggiamenri.Sapersi mettere nei panni degli alri, cercando i oro interessi, il loro bene, la loro gioia. Saper sacrificare tutto per un ideale, cio: ttanit', frerezza per i miei due galloncini verdi; egoismo'. io, primo senito, dato che sono il capo (e . dopo di me, il dilurio! ,); della mia nportanza'. comandare per il gusto di coscenza veder gli altri obbedire; spetto umanot che cosa potrebbe pensare quel Tizio?

186

II sentiero del caqosquadtiglia

.o((iutagginc: \'oler avcre semPre ragione' anchc davanti all'ericlenzadel torto. Paura di riconoscerei ProPri torti, tcmendo rli perdere la stima.

I)ue atthtditi'. cavaliere corlcse o dittatore vanitoso? Capo o fantoccio? (Jrt pcnsiero', uLg buona .dltcazione consiste nella padro nanur di s e ncl rispetto degl altr, (J. Rimand). Art. VI - LO SCOUT BUONO CREATI.TRE DI DIO ANCHE CON G[.L{r-I}IALI I'articolo del'amore per la Natura, creazionedi Dio, gli animali che inQrresti grandi boschi in cui pJiochiamo... seguiamo... questa radura in cui spicca la nostra tenda di squadriglia...il cielo, il solc, il lento, a pioggia, le montagne, le sreile...tutta questa natura che Iddio cre prima dell'uomo e per l'uomo, ho gi saputo gustarla e {arla gustare?sort "gi riscito a scoprirri la llano creatrice di Dio? (come il fan ciullo in casa scopre ovunque la presenza della urano della rnamma...cone in rtna festa,una ccrimonia, un cantpo, si intraveclela mano organizzatrice...), Sentin i Dio, scoprin i Dio, aman i Dio. La foresta...tutta la Natura... la casa tli Dio.. un temllitl. I canti degli trccelli...una preghiera, che non 1>ulasciarmi insensibile. n Pleni sunt coeli et tcrra gloria ilua! ,. Art. VII - 1.O SCOUT OBBEDISCE PRONTAIf ENTE Obbedirc: 14, t5, l6 anni... credo forse di esseretroppo grande per essereancora costrctto ad obbedire " .orllc un ra' gazzino per bene '? Nfa forsc rni climentico chc nella sottotrolo una glnnastrca ec' missiorreche esige la mia obbcclierrza

. Pitt i

alto c pi

lonta^o.

l8i

cellent per la mia volont. Dimentico soprattutto che obbe' dire significa mettersi nell'ordinc divino, nella gerarchia chc Dio ha prevista. O b b e d i r es u b t o ' . - senza mormorare. - neppure mentilmente. Obbcdirc sa ai gcnitori che oi Capi'. - obbedire comc io vorrei essereobbedito; - obbe<liredato che anch'io comanclo; - obbedire per riconoscerel'autorit: di colui che comanda; - obbeclireper sottomettermi a colui che Dio ha scclto per comanclarmi; - obbedire conte un inviato, un napostolo,; come il Clri sto, n inviato del Padrc '. O b b c d i r e n o n s i g n i f i c af a r e u n m o r i m en t o n e { | J n i ru . L r n gesto da autma, <a n robot'; significa agire da uomo capace di apportare all'esecuzionedi un orcline tutta quella intelligente applicazione che gli pcrrnetter di ottenerne i risultati piir fruttuosi possibili. Significa agirq con tutta la propria intelligenza e volont; ( o n t l r n o i l l r r o p r i ot u o r e , a p r o l r r i aa n i m r . Uno scout non fn mai nulla a met, n il suo lavoro d'ogni giorno, n la B.A. quotidiana, n le preghiere, n le riunioni. le attivit, le uscite. Devo qrrindi non fare a met il mio dovere di csq., la prcdelle attivit. parazione Art. VIII LO SCOUT SORRIDI E CANTA ANCHE NILLE DIFFICOI-TA un altro mezzo [)er discipinarc il mio corpo (. frare asino,, come clicera S. Francesco). I)evo quincli dominare i rniei scntimcnti, cacciare da me ogri trisrer2a e ipocristia. Esserc sempre padrone di me, allegro e gioioso, e cos cospargcresulla lita tlegli altri i profumo della feicit.

188

ll

sentieo del coPosqtladrELia

Esseretrascinatore degli altri rerso I'entusiasmo. quando tutto va ( per traverso,, ttranclola squaclliglia ar' r a n c a e f a t i c a ,q u a n d o q u a l s i a s i2 1 1 1 6 " p i a n t e r e b b el t u t t o , , il capo non cede, tiene la testa alta, il sorriso sulle labbra. U n a b a t t u t a c l i s p i r i t o , u n ( a n t o , . .e l i a d i n u o v o ! Ah, il sorriso dello scout... che arma formidabile! Fa valere anche per la tua squ:rtlriglia il motto cli S. Filippo N e r i , i l s a n t o c l e l l r p J i o i a :" . \ c r u p o l e m a l i n c o n i a ,l u o r i d i casa mia! ". Art. IX - LO SCOUT LABORIOSO ED ECONOIO sono state falsate dalla guerra e dalle srre Quante coscienze rtella forNfolti, credendo che la felicit consistrr conseguenzel tuna economica,fatrno del clenaroI'unico scopo clella loro vitlr e trovano che tutti i mezzi per accumularlo sono buoni. N I a p e r < l u e l l ic h e c e l h a n n o , c a n c h e i l m o d o d i u s a r l o : Non tcmere di fare ci che si sa non gettarlo in sciocchezze. fare, anche se si pu acqrristarlo.Non gettare ci che si pu riparare ed utilizzare ancora. Ogni oggctto rappresenti,r ur \'alore: un chioclo, tln l)ez7o un valote, d i c o r d a ,u n m o z z i c o n e d i m e t i t a . . .t u t l o r a p p r e s e n t a non un ralore monetario in se ma soprattutto un valore uma' no, il ralore dell'operaio che ha lalorato per farlo c che io dero rispettare. E se un oggetto a me non serre piir, ci sono altri che pos<l;rrete!clllrrnente sono aveme bisogno (se i ricchi sapessero e rispettosamcnteai poreri, questi non satebbero costretti a cercare gli avanzi nelle loro pattumiere!). Dare s, gettar lia, nol (e non dare solo clel sr.tperflrro...). Il bene degli altri: ci che prendo in prestito non mio: ci che trovo, nppure... Eppure devo averne cura come se fosse mio, come vorrei che si facesse del mio (foderare un libro che ci hanno prestato e restituirlo appena lo si finito). C,ombattereda una partc 1o spreco e la negligenza,e dalI'altra l'avarizia o la mancanza di cure. Son io che devo metterlo in pratica per primo e poi esigerlo dagli altri.

. Piu in alto e piu lontano,

189

Saper rispettare anche I'onore degli altri: cos bello redere un uomo che parla degli altri Jolo in benel Un pensiero: nNon quello che si prende che arrccltisce, ma quello che si d, (.f. Flor,v) Art. X - LO SCOUT PURO DI PENSIERI, DI PAROLE, DI AZIONI * ll mio corpo il riflesso dell'anima e I'anima il riflesso di Dio,. Non debbo offuscarequesto rifleso divino cer manr a n r a d i r o l o n t , p e r t r a s < r r r a ' e r ro a per egoi\mo. E s s e rp r r r i r i g n i h r a c o m p r e n , l e r e i doni di Dio e renderGli o m a g g i o u r i l i z z a n d o l i. q l e n d s l o s c o p o p e r c u i E g l i r e l i h a dati. Dio ha creato il mio corpo e lo ha messoa vii ere in una natura splendida: sono i senii che mi permertono di gusrare questo splendore arrraverso ad esso,di giungere al Creatore. I n o c r r i s e n . i . l e f a c o l r i r p i r i r r r . r l i r i n r e l l i q e n z re p e n \ i e r o . lolonl...) \ono le Jnlen e ,lre ti permerrono di r.r|)r.rrI ee o n d e . t r r r r i D i o e m c r r e r l i c o n r i n i r o d e i m e : , , a g g ip e r m e . Ed allora, se per caso capt:rno una postazione nemic che si chiarna n Cinema vietato o, ( Letture pericoloseo frivole r. q Di\ c o r \ i p e \ a n r i' , n P e n s i e r im a l s a n i , , - d e v os a p e r g i r a r e i l b o t tore (li romando rlellr rolonri, u"r ,nnull"ai la trasmis" rione nemira. Pu darsi il caso,naturalmente, che il mio ricevitore si consumi un Jro (specie il bononc .r'olont,) e che qualchq.pa, r a : s i r a' r e n q : r . r r l i \ r u r b a r e I ' a s t o l r o . l \ f a a p p e n ; m e n e ; c c o r g o ,n o n t i e r o p i i r l r e r m e t r e r e the peggiori:-il mediro rlelle a n r m e .r l m r o A \ \ i \ t e n t e . a p o r r a r ad i m a n o i e q l i f . _ r r p i resto a distruggerei parassiti ed a iimetrere la mia anma sulla sius t r f r e q t r e n z rr l o n , a . Io voglio essereuna bandiera... ma una bandiera sporca un rifiutc, uno straccio. Di fronte ai miei scouLs il mio principale rovere di crear l o r o r r na t m o s f e r r g i o i o ' . r . r i r r , e , l a b o r i o . a . l r r r e r n . , . Creare il clima dell'ambiente, che der"essere il clina <ella loro anima.

190

II senliero del caqosquadriglia

semPre Pronto a servirli. Guidarli verso il Sacerdote, Lo scout virilmente puro; la sua purezza cio, non una rinuncia di timorosi ma una difficile conquista di valorosi' Senza la purezza nessuna sincerit, nessuna carlta, nessuna gioia, nessunavirtu possibile Per lo scout. trfa la purezza esige sacrifrcio. Per questo il nostro giglio scout fiorisce tra le spine, ai piedi dela croce. Un pcnsiero: . Essaredegni degli sguatdi che cercono Do tn mer.

SECONDO MESSAGGIO

LA TUA PREGHIERA, CSQ.


Sgnore e Capo Ges, (he molgado la nia dcbolezuL,mi ltai scelto per capo e pe cltstode dei miei lratcll scouts,fa' the Ia mis parcla ed i mici escmpi ri.schiarinola loro narcia nct sentier della Tua Legge,che io sappia nostrae loro lc 'fue tracce ditine nella nalura che Tu ha creato, insegnar loro ci ch'io deuo, e condurre quelli che mi hai elfida, d tappa. tn .toppa, fino t Te , o mio Dio, nt,l (atnpo del riposo e della gioia oue Tu, hai drizzato la Tua tcndt e kt nstra pcr tutta l'(tern;tu. Cos sia,

TERZO ED

ULTIMO MESSAGGIO
La montagna aspra e nuda tende la sua cima al cielo; s'al' mollemente larga ai suoipiedi ' n e i la rumorosa vallata del mondo, s u o i v i u i , l a s u a p i g r i z i a . i l s u o e g o i r m o .L a imfrigionata - r i r u " r " s"cli u. il corsodella *alle, illi rirerca di ci che mai una felicit the mai potr raggiungere.. poich trover, lr felicita,come I aquila, non abita nei tondovallema solo presso le alte vette. ...Sono pochi quelli che hanno abbanclonato la massa, e qtresta vola sono dei ragazzi. Hanno forse scorto un raggio rii sole che siorava la cima? flanno visto in sogno la grande massadi granito? Hancroce tlei cavalieri coronare la possente no voluto provare l'ebrezza,le vertigini del cielo? Sono pochi, sette'otto, che hanno afferrata la cqrda ed ora, intacco iu intacco, metro su metro, scalano la vetta sosPettosa' La roccia agtzza a sanguinare le mani.. ma forgia la loro energia. Il iettto tf".tu il loro viso.., ma essi respirano la piena franchezzae la libert. La corda sotto (i loro soPPorta il peso dei loro fratelli d'altentura, ma essi sono alcuni anelli di-una grande catena d'amore e di fratellanza. I piecli inesperti saggianola pietra.. ma i loro sguardi rivolti al cielo sono frssisulla guida, che indica loro I aPPoggiosicuro e mostra la roccia friabile o il muschio insidioso. tlssi ricor(a.ra i s\rai gesti e li dcopiano. Perch essi hanno fiducia nella loro guida, nel capo della

. Pir i4 olto c piu lonlano,

r93

cordata: il suo piede sicuro, la mano ferma, I'anima decisa, il coraggio a tutta prova, ...ed il peso di tutta la squadriglia che egli trascina verso I'alto gli pare leggero, giacch sa dove egli guida la sua cordata. E poi, laggi, poco sotto la sua, vede salire alre cordate, centinaia di cordate, centinaia, migliaia di squadriglie tutte meta, tutte attirate dallo stessoideale di luce, tese alla stessa tutte verso lo stesso punto, E questo punto una croce, che, brilla lassu ai raggi del sole. E sulla croce un Cristo si tende sorridendo veno i coraggiosi,invitandoli a salire frno a Lui, fino alla felicit. Guida, alla vetta! Csq., sempre piu in alto!

lt.

t.nti.ro

tt.l cdqot4t dtisla.

PENSIERI SPARSI E CONSIGLI Non accend.ere iI luoco a mcno d 100 met dal bosco. Strappare un ramo uerde ad, un albero come strapparc un braccio ad un uomo. Non lasciare segn; di p;sta onrmque tu passi. Cancellali. In caso d. incidenti: prime cure, atntertire il medico, un sacerdote, il Capo. Si pu giudicare di una squadriglia d"all'ordine che la ciTconda. Ntm ci sono.lauori forzati, al campo ma solo .sen);2i,. Il csq. d,eve sapere in qualsiasi momento dove si troua ciascuno dei suoi scouts. Quand.o una squadriglia si d.iuide n due per un gioco o per un lavoro, il csq. ste sernpre con il gruppo p dilJicile, il vice con I'altro. Non perch si mangia in una gavetta si deue mangiare nella sporciziaGIi scouts non d.euono mai correre o giocae con addosso oggetti di aalore (poarnonete, catenine, orologio...). Tutto ci si lascia in luogo apposto o nel sacco prima del gioco.

APPENDICE

La Biblioteca Scout del csq. Dizionarietto Scout dei termini esotici

L]\ BIBUOTECA SCOUT DEL CSQ.

I libri che trovi qui sotto elencati, limiiatamente alla Produzione n ingua italiana, non rono molti, ma dovrebbero essrci assolutameDte nella tua biblioteca frcrsonale o almeno in quela di squadriSlia. ANscIE U GILBE-RT:L'ami.o d.tta natura, Ed. La Scuola, Brcscia (L. 1300)' A.S.C.I.; Norm? Dircttie 1964. Ed. Fiordaliso, Roma, Pag 176 (L. ?00); Ed. Fiordalilo, Rooa, Prol)e di classc e sp.cialitL, estratte dalle N.D (L. r04 5s); Pag. Cerimoniale. Ed. Fiordaliso, Rome, Pa8. t04 (L 5OO); II mio libro di carcia (.14 fa3cicoti a schede). Ed. liordaliso, Roma A.S.C.L . I-oM BARDI^: Canti ili mez,anolt.. B^DF-PoWE!L RoBERT': Scaulismo per 1L. 1500). BAsrrN RoBEii B.-P., .ittadino Ed. Kift, Milano Ed (L. 5@). Pag. 488 (L 1200) 1500)

agazzi. II.

Ancora'

dcl nilo-

Ed. C L.I , Bologna

BEtroLrNI PIFro: Educaionc

e t.autisfio.

Ed. MaiPiero, Bologna (L Ed. LDC., Torino (L

BE^ULEU P. M.i Lo scautismo el

lang.lo.

(L. 450) 850)

couRrols G^sroN: L'artc iti cssce.dpo. Ed. Ancora, Milano - i La scuola dci 4pi.E. Ancore, Milano (L 400). Tappc. ]|,,anr^le di formazione DErsuc Prrrr: n.ora, Milaro (L. 1400). . GHrrrI: Du Bo4r e di

te@ica scout. Ed. (L. 600)

Impr.se . gcstd di squadrigla. Ed. Scin' Milano

FoRrsIEr P. M. - D.: Il mctoito cilucativo ilcllo tcaulismo. Ed. Le Scuola, Brescia (L. 1200). j|<\urN L'ciht.azion. ^tlaaeso it g;o.o. E. Ancora, Milano (L llm)' I,MB DI - Vl,Jrvri Roma lL. 550), Teoria . tccnica dcll'.spr.sriott. Ed Fiordalilo,

198

II scntico dcl caposquadriglia

Mrt^ GrusEppE: Noi c la Societ.Ed. fiordali3o, Roma (L. 250). PArJAt.DtL'.dutdzion. attrar.rso ld scoltrtd d.lla notrrro- Ed. Ancora, (L. 1200). Pslr-rppE Lurr-N i La mia squadrglio, Ed. Esploratore (gennaio 1960), pag. 64 (L. t00). PA.M^ (Comm. Prov,): Pronto Soccorso(per rpecialit di Ambulanriere). QuorsT Mr(rrEIl: Amare, Didto di Dancle. Ed. Borla, Torino, pag. 224 lL. 1000. - | In olo. Rifle$sioni3ulla Lgg scolrt. Ed. ElFrienze, FGsano (L. 40O). Consigliamoanche le aollane di scienzaper regazziche vengono edite da Mondadori e Principato, in bellisime edizioni illultrt; il plezzo ii eggira sulle L. t000 al volume; una blla collana sui gandi elploratori e navigatori dita da Paravia; volumi inlere$anti pr attivita di ogni grnere si trovano anche nlle ediz. La Scuola e S.E.I.

DIZIONARIETTO

SCOUT DI TTRMINI

ESOTICI

BAN: corrfuponde,in origine, al noltro . banilo,i core proclamazione pubblica di uo fatto che si vuole aftelmar decisamente; un gido, una fras dtIr'ala, di approvazione,di ewiva, di gioia e !rve anche per scaricarer.rnatensione. CHALLENGE: indica comuneEente una gara, una prova, che si sostiene in concorrenzacon alt, pe! affermare il proprio prestigio. Deriva dalla corruzione del verbo latino . calumniai, laccsarefakemente); il ch. ha I'incaric. di resliluirc al calunniato la sua fama, negata o messain dubbio dall'accusatorc. CIOCI{I DI KIM: tenere Eetlio possibile degli oSgetti, os!rvati per un tempo limitatoi MORGAN: ossryare3-4 luoghi (velrine) e sapeme poi descrivere uno a richiesta, nel miglior modo possibile, in turti i parricolari. ZORRO: compiere un azione rishiosacontro un avvenario ed a sua inlaPuta, lasciandosul luoSo un segnoche confermi il proprio pasraggio. HIILE: lunga Earcia, fatla per svago o pff allenamento; si intraprende lenza viveri di scorta, dato che si deve elsre in gtado di procurarseli per strada. cosl chiamato abituammle il . uia9gio di I classe, ed ogni altra . mi$ione ' saout. INDABA: il campo che raccoSlie i capi dello scautismo mondiale; it temine di origine zultl e indica l'as!mbleadei Epprclentanti delle rribir.

INDICE

Prefazione

. pag.

PRIMA TAPPA

IL RITRATTO
P mo MesoagSio

DEL CAPOSQUADRIGLIA '


' tecnlco fisico intellettuale morale religioso , ,

.{ Il messaggio di B. P.
scondoMessaggio x Tu sei il primo Scout Un ualore in campo Un aalore in campo Un valore in campo Un ualore in campo Un aalore in campo
I Ter2o Messaggio

II
15 l5 16 17 18 20
24

Sii il fratello maggiore r< Quarto Nfessaggio Sii un trascinatore r Quinto Messag8io Sii un formatore sesto Mesaggio d Tu sei responsabile

28

32

Propositi Il pensero di un CSQ.

.16 46

38

I I ;4

204

Indce

SttimoMessaggio Alla direzione della squadriglia Fare o non fare Tenere consiglio Dare ordini Preparazone Programma Il taccuino del CSQ. Gli organi direttivi >l OttavoMessaggio Il tuo vice
SECONDA TAPPA

.P39.

48 49 50 50 50 5l
55

LO SPIRITO DI SQUADRIGLIA
r, Primo Me$aggio Che cosa lo spirito llj Secondo Me$ag8io La disciplina Scout Quello che non bisogna mai lare di squadriglia

6l '66 ,68 ,68 ,69

Quello che bisogna sempre lare Quello che talvolta bisognafare


Me3laggio

Telzo

Gli incarichi di squadriglia Quali sono questi famosi incarichi I posli d'azione

|,

70
79 It

Quarto Messaggio L'impalcatura dello spirito di squadriglia Il totem o animale di squadriglia Motto e grido di squadriglia Il Libro d'oro Regolamento di squadriglia - < Magna charta > Altri suggerimenti pet la tua squadriglia

77 77 79 80 82 83

I ndicc Quinto Messaggio La base di squadriglia * sesto Me3saggio Il materiale di squadriglia

(o angolo)

. Pag. 84 87 87 90 90 9l

Conservazione della tenda del materiale di Conseruazone "u";no Inuent&rio d.el mate.rialedi squadriglio Cassctladi pronlo soccorso
Sitimo Messaggio

r Spirito di emulazione Tra Ie squadriglie Nella squadriglia


Ottavo Meslaggio

93 93 91
ot

- Preparare alla promessa 1o ase: Esame della situaztonc 2" lase: Piono d'atlacco ,o las?: L aonzata 4o lo^tc:L ossalto 5" losc: Ld viltorin Dopo
TERZA TAPPA

98 99 l0l r05 105 107

LA VITA DELLA SqUADRIGLIA


Primo Meseaggio Che cosa si aspetta il ragazzo e come accontentarlo

l 2 ll2 5 lt5
, , , ll? ll7 I l8

Immaginazione Spirito di imitazione Spirito di avrenlura Sete d.i sapere


Secondo Mesaggio

La riunione di squadriglia Condzioni di riuscita Preparazione

206 Programma della riunione Apfiendice sul consigliodi squadriglia


Trzo Melsa83io L'uscita di squadriglia

.P48. I l9

t23 , , , 125 t25 126

. Lo scautismo non si studia,si la , Uscito d; squarlriglia per mezu giornata . per una giotnata Uscita di squad.riglia Programmi diversi per uscite di squedrigl;a
Quarto Me$ag8io

,
'

r27
128

di squa. Gestae specialita Missioni (Hikes),Imprese, .,t29 driglia . . .,129 . . La Misstone


L'Impresa La Gesta Il libro delle Gesta Le specialit di squadriglia Quinro Mesaggio Il campo di squadrigia Scelta del posto L'alimentazione Orurio di cqmpo Programma del campo Divisione degli incarichi al campo lnpiano del runpo La aita sotlo la tenda Come comportarsi Equipaggiamento da cqmpo Il campo di riparto Conclusione Messagio S3to La B. A. di squadriglia
S' .. MelraBio

. . .

, , ,

l3l 154 154 136

t38 140 t47 l5l .,153 .,160 . , 16l t62 .,163 .,165 , , ' 167 169 169

Attivita degli Scouts Educazone ciuica - Patriottismo Salute ed igiene

t I
I

m7
Ossennzone - Deduzione Orientanento - Topografra Pionieristica - Nodi Segnalazioni Scoperta della natura Ponto soccorso Vita aI campo Fuochi al campo - Espressione
QUARTA TAPPA

.pag. 170 t7l 172 t74 t74


tt5

t I
I

t77

. PI IN AL:TO E PI LONTANO ' (Motto del Jamboreedi Maratona - 1963)


I I
PriDo Me6laggio

t
I

I i
I I
I

Pensieri sulla legge Scout l) Lo Scout consderasuo onore meritare liducia 21 Lo Scout leale 3) Lo Scout sempre pronto a servire l prossimo 4) Lo Scout amico di tutti e fratello di ogni altrc Scout 5) Lo Scout cortesee caualleresco 6) Lo Scout buono anche con gli animali creature tli Dio 7) Lo Scout obbedisceprontamente 8) Lo Scout sortide e canta anche nelle dificolt 9) Lo Scout laborioso ed economo 10) Lo Scout puro di pensieri, di patole e di
4ZtOnt .

l8l t8l 182 184 r85 185 186 t86 187 88 , , , 189 lgt t92 197 198 200

Secondo Messaggio

La tua preghiera, CSQ. Terzo ed Ulcimo messaggio Appendicr La Biblioteca Scout del CSQ. Dizionarietto Scout di termini esorici Massime di Capi

l
I

, '