Sei sulla pagina 1di 9
EVENTI CRONACA Le rosse a Siracusa La Ferrari a piazza Duomo Appello per il clochard:
EVENTI
CRONACA
Le rosse a Siracusa
La Ferrari
a piazza Duomo
Appello per
il clochard: “Dategli
degna sepoltura”
i
a pagina otto
a pagina sei
Quotidiano dELLa provincia di SiracuSa
www.libertasicilia.com
e mail info@libertasicilia.com
sabato 17 marzo 2012 •
mercoledì 18 giugno 2014 • anno XXVii • n.
anno XXV • n. 64 •
147 • direzione amministrazione e redazione: via Mosco 51 tel. 0931 46.21.11 - faX 0931 / 60.006 - puBBlicità: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 - Fax 0931/ 60.006 • € 0,50
direzione amministrazione e redazione: via Mosco 51 tel. 0931 46.21.11 - faX 0931 / 60.006 - puBBlicità: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 - Fax 0931 / 60.006 • € 0,50
fondato nel 1987 da Giuseppe Bianca

Beni culturali: mano pubblica incapace

l’esempio dai privati che valorizzano gli scavi di piazza della Vittoria

cronaca

distruzione schede: un indagato

La Procura di Siracusa ha emesso e fatto notifi- care un avviso di conclu- sione indagini nei con- fronti di un dipendente

del Tribunale, R. C., di 61 anni, indagato per avere soppresso e distrutto atti

e documenti, custoditi

nell’archivio del Palazzo

di Giustizia, dei plichi re-

lativi alla consultazione elettorale per l’elezione

diretta del presidente del-

la Regione e dell’Assem-

blea Regionale Siciliana dell’ottobre del 2012. L’inchiesta, aperta nel

dicembre scorso dal pro- curatore Francesco Pao-

lo Giordano, riguardava

presunti voti «dispersi» nelle nove sezioni.

a pagina sette

voti «dispersi» nelle nove sezioni. a pagina sette di Salvatore Maiorca I l Lions Club Siracusa

di Salvatore Maiorca Il Lions Club Siracusa Host, con il contributo della Erg e con la collaborazione della Sovrintendenza e del Comune, ha fatto installare nell’area archeologica di piazza della Vittoria dei pannelli informativi con la descrizione dei resti archeologici. E’ questa una iniziativa di grande utilità sia per i turisti, che nella zona sono numerosi, soprattutto per la vicinanza del santuario della Madon- na delle lacrime.

a pagina dodici

SovrintEndEnZa

“Micali non può tornare”

L’ ex soprintendente di Siracusa, Orazio Micali,

rimosso dall’incarico alla fine del 2013 nell’ambito della rimodulazione della struttura del Dipartimen-

to dall’allora assessore ai

Beni Culturali e identità siciliana, potrebbe essere reintegrato.

a pagina tre

cronaca

Sparatoria

a Lentini

condannato

a 10 anni

a pagina sei

a Lentini condannato a 10 anni a pagina sei cronaca Estorsione e rapine: in carcere S

cronaca

Estorsione e rapine:

in carcere

Si era reso protagonista,

insieme con altri complici

di aggressioni con bastoni

e altre armi improprie.

.

a pagine sette

canicattini Bagni

canicattini Bagni uccide la moglie per gelosia N on era la prima volta che marito e

uccide la moglie per gelosia

Non era la prima volta che marito e moglie litigas- sero per questioni di gelosia. Anzi, proprio per il suo carattere a volte violento, la donna aveva deciso in un primo momento di separarsi. Successivamente, però, i due si sono riappacificati. Quando tutto sembrava es- sere andato per il meglio, però, ecco il nuovo raptus di gelosia da parte dell’uomo, finito in tragedia.

a pagina cinque

2

2 18 GiuGno 2014, Mercoledì triBunaLE di SiracuSa VENDITEIMMOBILIARI EFALLIMENTARI COME PARTECIPARE Domanda in carta

18 GiuGno 2014, Mercoledì

triBunaLE di SiracuSa

VENDITEIMMOBILIARI EFALLIMENTARI

COME PARTECIPARE

Domanda in carta legale (euro 10,33) con indicazione del bene, del prezzo offerto e dai termini di pagamento, da presentare in busta secondo i tempi e le modalità stabilite dall’organo che procede alla vendita e può essere presentata anche nella stessa data dell’esperimento di vendita; nella busta va inserito anche un assegno circolare non trasferibile di importo pari al 10% del prezzo offerto, quale cauzione, che verrà trattenuta in caso di revoca dell’offerta. Nel caso di più lotti di tipologia omogenea nella stessa procedura, l’interessato all’acquisto di un solo lotto può formulare offerte d’acquisto per più lotti allegando un solo assegno circolare corrispondente alla cauzione richiesta per il lotto di maggior valore, espressamente subordinato all’efficacia delle offerte relative ai lotti, la cui gara si svolge successivamente, alla mancata aggiudicazione a loro favore del lotto precedentemente posto in vendita. Nella domanda l’offerente deve indicare le proprie generalità (allegando fotocopia doc. identità ovvero visura camerale per le società), il proprio cod. fiscale, se intende avvalersi dell’agevolazione fiscale per la 1° casa e, nel caso in cui sia coniugato, se si trova in regime di separazione o comunione dei beni. Sulla busta deve essere indicato solo lo pseudonimo o motto dell’offerente (che consenta allo stesso l’identificazione della propria busta al momento dell’apertura della gara) la data della vendita e il nome del giudice senza nessuna altra indicazione (né nome del debitore o del fallimento, né bene per cui è stata fatta l’offerta). Prima di fare l’offerta leggere la perizia e l’ordinanza del giudice. A chi intestare l’assegno: a nome di “Procedura” aggiungendo le parole in calce ad ogni annuncio dopo l’indicazione Rif (per es. “Procedura RGE 100/99 Rossi”). Dove presentare al domanda: in Tribunale all’ufficio Vendite Immobiliari. Come visitare l’immobile: rivolgersi al curatore o al custode giudiziario indicati in calce all’annuncio; se non indicati inviare richiesta per la visita dell’immobile all’ufficio vendite immobiliari per posta al Tribunale di Siracusa - Ufficio Vendite Immobiliari - Viale Santa Panagia 96100 Siracusa, indicando l’immobile, il n. di Rif., la data della vendita, il proprio nome e recapito tel. L’ufficio comunicherà la richiesta all’Avvocato ceditore affinchè presenti istanza al Giudice per la nomina del Custode. La partecipazione all’incanto è disposta dal giudice dell’esecuzione con l’ordinanza di vendita, cui viene data adeguata pubblicità sul quotidiano di Siracusa «Libertà». Le vendite giudiziarie possono essere disposte: o dal giudice della esecuzione del Tribunale di competenza; o, su delega di quest’ultimo, da un notaio; oppure dal giudice del fallimento.

Prossima inserzione:

22/06/2014

le Vendite giudiziarie

Tutti possono partecipare alle vendite giudiziarie, tranne il debitore esecutato - art.579 cpc - Non occorre l’assi- stenza di un legale o altro professionista. Ogni immobile è stimato da un perito del Tribunale. Oltre al prezzo si pagano i soli oneri fiscali (IVA o Imposta di Registro), con le agevolazioni di legge (1° casa, imprenditore agricolo ecc.). La vendita non è gravata da oneri notarili o di mediazione. Il decreto di trasferimento dell’immobile viene emesso dal giudice dopo 60 giorni - ex art.585 cpc - dal versamento del prezzo che va fatto entro 30 giorni dall’aggiudicazione definitiva. La trascrizione nei registri immobiliari è a cura del Tribunale. Di tutte le ipoteche e i pignoramenti, se esistenti, è ordinata la cancellazione. Le spese di trascrizione, cancellazione e voltura cata- stale sono interamente a carico della procedura. Per gli immobili occupati dai debitori o senza titolo opponibile alla procedura del Giudice, ordina l’immediata liberazione. L’ordine di sfratto è immediatamente esecutivo e l’e- secuzione non è soggetta a proroghe o a graduazioni. Eventuali spese legali sino a euro 516,46 sono a carico

della procedura. Le ASTE GIUDIZIARIE saranno inserite dalla data di pubblicazione del ban- do fino alla data prevista per l'asta sul sito:

www.astetribunale.com

inserzioni gratuite

ANIMALI E ACCESSORI ACQUARIO media gran- dezza, completo di tutti gli accessori. Prezzo affare E 50 Tel. 340/8946865

CUCCIOLI di Shitzu, genitori visibili E 250 Tel.

368/7602975

PER tutti gli amanti degli animali, casa immersa nel verde a 7km da Sr, diamo ospitalità con amore a qualsiasi animale x chi parte e x tutti coloro che hanno probl. di sistema- zione momentanea. Prezzi modici Tel. 328/8057615 - 328/5681091 REGALASI York Shire

di un anno, colore nero e

marrone, maschio, vacci- nato, sano e vivace. Solo ad amanti animali Tel.

348/9343915

VENDESI n. 2 cuccioli maschietti di York Shire

originali di 5 mesi. vac- cinati e sverminati, E 100 Tel. 338/3864306 VENDO due tartarughe femmine, piccole solo

a persone amanti degli

animali E 100 la coppia Tel. 340/6786249 YORK Shire originale, maschietto di 5 mesi E 100 Tel. 366/5336782

ENNA CARLINO Bellissime cucciole fulve con ma- schera nera, ottime linee

di sangue, genitori con Pe-

digree italiano ed esenti da malattie ereditarie. 2 mesi

e mezzo di età, sverm.,

vaccinazioni, microchip, iscrizione Enci. I nostri cuccioli sono nati a casa e sono già socializzati con

persone e altri animali. Solo amanti animali in grado di garantire ottima sistem. in famiglia. No allevatori o commercianti. E 400 Tel. 333/7879727

ELETTRONICA CERCO videoregistra- tore in buono stato Tel.

389/4779166

PARABOLA completa

di convertitore, staffa

e decoder Sky E 60. In ottime condizioni Tel.

392/7740187

RADIO stereo 7, Sony, 2 vani cassette per regi- strazione E 100 + radio stereo 7 a 3 colonne, casse con ufer medi twi-

ter, con equalizzatore ed

amplificatore incorporato, da camera, costruito arti- gianalmente E 200 Tel.

380/4386896

STEREO Panasonic 45x4 con cassetta. Buone con- dizioni E 40 tratt. Tel.

320/0289050

TELEVISORE piccolo,

schermo piatto, munito di tutto. Prezzo interessante Tel. 349/3556760 TELEVISORI n. 2 da 14 pollici E 50 in blocco Tel.

331/5785079

TV Philips Led, 46” 100hrz per mancato uti- lizzo, maggio 2013 Tel.

338/9605005

TV 14” schermo piatto con dvd incorporato +

antenna parabolica E 150 Tel. 329/0112990 VENDESI radio stereo shaider con telecoman- do + video registratore toshiba + decoder satel- litare goltbox pioner Tel.

348/9007995

VENDESI n. 2 casse Kenwood per stereo E 100 Tel. 333/3790090

VENDO n° 2 altoparlanti RCF 50 watt, 10cm, E 20,00 Tel. 320/0289050

OLTRE REGIONE COMPACT mixer Phonic Am 440 Cond Dfx otto canali con garanzia Tel.

330/980514

CELLULARI E ACCESSORI BLACKBERRYE 60, co-

lore nero, compreso di ac- cessori Tel. 347/1327177 C A S S E T T E Vi d e o VHS di vario genere vendesi offertissima

Tel.

328/8456972

-

0931/754955

CASSETTE musicali,

vari artisti italiani e si-

ciliani, anni 60/70 Tel.

0931/740774

CD con basi musicali E 5

cadaunoTel. 392/7740187

CD e singoli musicali

nuovi e mai utilizzati

ancora con la loro con- fezione originale di tanti artisti tra cui (Eminem, Justin Timberlake, Brit-

ney Spears Gigi D'Alessio

Max Pezzali e tanti altri)

ad un prezzo davvero

conveniente. Per qualsiasi informazione contattate-

mi Tel. 333/9065318 No

perditempo

NOKIA C5 come nuo- vo, fotocamera 3,2 mpx,

umts, possibilità di con- nessione internet, com- preso di auricolare e carica batteria. Affarone E 60 Tel. 333/6797445 NOKIA 610, garanzia 10 mesi E 100 tratt Tel.

338/9075896 mare Ortigia. C.E G Tel.

le Tunisi, 4 vani, vista

CERCO/OFFRO AFFITTASI apparta- mento piano attico via-

PC da Tavolo Win 7 con licenza, mouse, tastiera, monitor 17” piatto, ca- vetteria, 2gb di Ram, hard disk 80gb E 120. Non si accettano scambi o per- mute Tel. 327/4224612 STAMPANTE Ca - non 48/50 E 25 Tel.

331/8661398

VENDESI computer por- tatile Acer, prezzo basso E 150 Tel. 347/2746639

MACCHINE FOTOGRAFICHE MACCHINA fotografica Canon Matic con flash, E 50 Tel. 380/4386896 VIDEOCAMERA Sony Hd, dvd, professionale Tel. 320/9450735

AFFITTO

PER causa inutilizzo

AFFITTASI apparta-

mento composto da 7

ma per digitale terrestre,

vani + doppi servizi, 1°

piano, per uso ufficio,

340/6786249 studio professionale o

ambulatorio medico. C.E.

G Tel. 0931/39299 -

335/5265862

AFFITTASI apparta- mento elegantemente ammobiliato con vasca idromassaggio, 4 posti letto, climatizzato. Zona

Scala Greca + garage. Anche per brevi periodi.

C.E. G Tel. 340/8946865 AFFITTASI a privati o studentesse appartamento comp. da: cucina abita-

bile dotata di mobili ed elettrodomestici nuovi, bagno e 3 camere letto, n. 4 posti letto. Tutte le camere sono dotate di climatizzatori. C.E G

Telefonare 338/3609757

AFFITTASI appartamen- to non ammobiliato, in

+ regalo scheda vodafo-

imballato E 90 non tratt

per 4 anni, nuovo ancora

con estenzione di garanzia

antigraffio, radio fm, gps,

fi, gps, hot spot, schermo

neAndroid 4.0, 3mpx, wi-

SMARTPHONE Sony Experia St tipo 21, versio-

e caricatore E 10 Tel.

completa di telecomando

vendo presa scarter, otti-

348/3230107

ne con credito mai usata

e scheda micro sd Tel.

392/7740187

VENDO trasmettitore audio-video, compre-

so di cavetti E 20 Tel.

392/7740187

PC E ACCESSORI

COMPUTER da tavolo

con scrivania porta pc

color ciliegio. Completo

di stampante Canon, mo-

nitor piatto 19”, completo

di programmi E 250 Tel.

333/3790090

MASTERIZZATORE

esterno Asus, come nuo-

vo. Acquistato E 59, ven-

do E 35 Tel. 392/7740187

villetta composto da 2 camere grandi, una ca- meretta, cucina grande, saletta e bagno. Zona Villaggio Miano. C.E. G Tel. 338/3530028

tribunale disiracusa

aVViso di Vendita con prezzo ribassato 1/4 Procedura esecutiva immobiliare n. 440/1993 l’avv. francesca fontana, delegato ai sensi

dell’art.591 bis c.p.c. dal Giudice delle esecuzioni con ordinanza del 18.04.12, aVVisa che presso

il palazzo di Giustizia di siracusa, Viale santa

panagia, 109, alle ore 11,00 e seguenti in data 7.10.2014 senza incanto con offerta ai sensi dell’art.571 c.p.c. od eventualmente con incanto

alle ore 11,00 e seguenti del 14.10.2014, si venderà:

- Lotto unico: casa terrana sita in avola (sr), Via procida 126, censito al n. c. e. u. del comune di avola, siracusa, al foglio 84, p.lla 1311, cat. a/4, cl. 2, vani 5,5, mq 90, oltre giardino di pertinenza

di mq 60 circa.

Prezzo base ribassato di ¼ € 40.500,00. aumento minimo € 3.000,00. l’immobile viene venduto nello stato di fatto e di

diritto in cui si trova cosi come descritto e valutato dall’esperto nella relazione di stima. ogni concorrente, per partecipare, dovrà depositare domanda in bollo (€ 14,62), in busta chiusa, presso lo studio dell’avv. francesca fontana, Viale scala Greca, 199/c, entro le ore 12,00 del giorno antecedente a quello fissato per

la vendita, unitamente a 2 assegni circolari non

trasferibili pari al 10% a titolo di cauzione e al 20%

a

titolo di deposito spese del prezzo proposto e

in

caso di vendita con incanto, pari al 10% a titolo

di

cauzione e al 20% a titolo di deposito spese

del prezzo base d’asta fissato, intestato all’ordine

dell’avv. francesca fontana. nel caso di vendita senza incanto l’offerente dovrà depositare, altresì, nel termine suddetto dichiarazione contenente l’indicazione del prezzo, del tempo e modo del pagamento ed ogni altro

elemento utile alla valutazione dell’offerta, oltre a

copia di valido documento di identità.

l’offerentedovràindicareall’attodellapresentazione

dell’istanza di partecipazione se intende avvalersi delle agevolazioni fiscali, renedendo in caso di aggiudicazione la relativa dichiarazione. l’aggiudicatario dovrà depositare il prezzo di aggiudicazione, dedotta la cauzione, nelle forme previste per i depositi giudiziari, entro e non oltre 60 giorni dalla aggiudicazione, pena l’applicazione dell’art.587 cpc. le spese relative alla registrazione, trascrizione, voltura, formalità di cancellazione delle trascrizioni dei pignoramenti e delle iscrizioni ipotecarie nonché i relativi compensi saranno a carico dell’aggiudicatario. ulteriori informazioni su www.astegiudiziarie.it ove sono pubblicate l’ordinanza di vendita con le modalità di partecipazione e la relazione tecnica e di stima dei beni. siracusa, 10.6.2014

il professionista delegato avv. francesca fontana

AFFITTASI appartamen- to in Viale Sc. Greca, posto al piano terra com- posto da due camere, cucina, bagno, corridoio + piccola lavanderia. C.E. G Tel. 338/5000162

MONOVANI/BIVANI indip. ingresso privato dall’esterno, sulla Sira- cusa-Floridia, con angolo cottura 4 posti letto, bagno privato e posto auto. C.E. G Tel. 392/5824490

SIRACUSA

e-mail info@libertasicilia.com Cronaca di Siracusa online nel mondo

18 GiuGno 2014, Mercoledì

i u G n o 2 0 1 4 , M e r c o l

3

Per gli ambientalisti, la condanna subita dall’ex sovrintendente di Siracusa è pregiudizievole

Legambiente a crocetta «Micali non può tornare»

Chiesto l’intervento del Governatore dopo che il tribunale del Lavoro ha disposto la reintegrazione del funzionario regionale

L’ ex soprintenden -

te di Siracusa, Ora-

zio Micali, rimosso dall’incarico alla fine del 2013 nell’ambito della rimodulazione

della struttura del Di- partimento dall’allo-

ra assessore ai Beni

Culturali e identità siciliana, potrebbe essere reintegrato in qualità di soprinten-

dente a Siracusa a se- guito di un’ordinanza

del giudice del lavoro

di Siracusa.

La rimozione del soprintendente era stata salutata con sollievo dalle più importanti associa- zioni ambientaliste e

culturali di Siracusa,

tra cui Legambiente,

che, qualche mese prima, nell’ottobre

2013, avevano invia-

to una lettera al pre-

sidente della Regio-

ne Siciliana, Rosario

Crocetta, con la quale chiedevano la revoca dell’incarico ad Ora-

zio Micali per “gravi

irregolarità e ritardi inspiegabili nell’iter

di approvazione del

Piano paesaggistico

e di istituzione del

Parco archeologico

di

Siracusa”. Mica-

li

aveva concesso il

nullaosta per la rea- lizzazione di nuovi insediamenti in con- trasto con quanto di- sposto dalle norme

di salvaguardia del

piano paesaggistico adottato. È significa- tivo che contro la sua rimozione dall’inca-

rico, all’epoca, erano, invece, insorti alcuni professionisti del-

la città. Da qualche

mese alla direzione

della soprintendenza

è stata nominata Be-

alla direzione della soprintendenza è stata nominata Be- Orazio MIcali. atrice Basile, che in poco tempo

Orazio MIcali.

atrice Basile, che in poco tempo è riuscita a rimettere in moto le attività dell’istituzio- ne. Il primo risultato di questo lavoro è sta-

ta la perimetrazione del parco archeologi- co di Siracusa, decre- tata con atto dell’as- sessore Sgarlata il 3 aprile scorso.

“La decisione del giudice del lavoro e il reintegro del dott. Micali rischiano di riportare Siracusa agli anni bui dei de-

cenni passati – spiega in una nota Legam- biente – e di rende- re vane le azioni di tutela intraprese ne- gli ultimi mesi dalla

Soprintendenza di Siracusa, in un mo- mento molto deli- cato per la città che coincide con l’avvio

dell’iter di revisione dei PRG di Siracusa

e del territorio, dal

quale scaturiranno le linee per lo sviluppo

della città dei prossi-

mi anni”.

Le associazioni

ambientaliste e cultu- rali e personalità del mondo accademico

si stanno mobilitan-

do per chiedere al

presidente Crocetta,

di non sottovalutare i

profili di “incompati- bilità ambientale” del

funzionari. Di recente Micali è stato con- dannato in primo gra-

do per reati commessi

nell’esercizio della sua funzione: abuso d’ufficio e falso ide- ologico.

CULTO

venerdì il consiglio pastorale

diocesano di noto in riunione

Venerdi prossimo e sabato 21 Giugno presso il

Santuario della Madonna della Scala di Noto si

riuniranno il Consiglio Pastorale Diocesano, il

Consiglio Pre- sbiterale e il CO.PA.DI per un incontro di riflessione e

programma-

zione sul Pro- getto Pastorale della Diocesi. L’ i n c o n t r o prevede, dopo una verifica della pastora- le del triennio

appena tra- scorso, dedica- to al tema della misericordia di Dio, un confronto

per la programmazione del nuovo ambito pasto-

rale e delle attività connesse per lo svolgimento del nuovo triennio. Verranno formulate proposte per il convegno d’inizio anno pastorale ed infine verrà fatta la stesura del Ca- lendario diocesa- no 2014/2015. La riunione sarà importante mo- mento di condi- visione, di pre- sentazione e di coordinamento delle attività de- gli uffici pastorali diocesani per l’av- vio del prossimo anno pastorale. Ognuno sarà chia- mato a vivere da protagonista dentro le periferie esistenziali della no- stra Chiesa locale.

pastorale. Ognuno sarà chia- mato a vivere da protagonista dentro le periferie esistenziali della no- stra

4

4 18 GiuGno 2014, Mercoledì Il dato emerge da uno studio universitario sul fenomeno del femminicidio

18 GiuGno 2014, Mercoledì

Il dato emerge da uno studio universitario sul fenomeno del femminicidio

E’ dentro casa che si consuma la maggior parte delle violenze

L’età media delle vittime è di 47 anni e il fenomeno è molto più sviluppato al Notd Italia che nelle isole e al Sud. Sfatati alcuni luoghi comuni

134 casi di femminicidio (ucci-

sioni di donne avvenute per moti-

vi di genere) nel 2013. L’età me-

dia delle vittime è di 47 anni, 89

erano italiane, le restanti stranie-

re, e 13 di loro erano prostitute.

Sono stati 83 i casi di tentati omi- cidi ai danni delle donne. Questi sono solo alcuni dei dati diffusi dall’Università di Bologna e da alcune volontarie. Lo studio rac- coglie numeri del fenomeno pro- venienti dalla stampa per suppli- re alla mancanza di un database ufficiale dello Stato. Ma chi sono

le vittime e chi i loro carnefici?

Il fenomeno è cresciuto o rima- ne tendenzialmente uguale nel numero e nelle modalità? Che strumenti ci sono per contrastare queste violenze di genere? Sono queste alcune domande alle quali cercheremo di rispondere in que- sto speciale sulla violenza contro le donne, con i dati, le interviste, l’aiuto delle associazioni impe- gnate quotidianamente in questa lotta, riportando anche una testi- monianza diretta di una donna uscita dalla spirale di soprusi e dolore. Il fenomeno del femmi- cidio è più sviluppato al Nord (le vittime sono 45), seguito dal centro (34), dal Sud (38) e dalle Isole (17). Nella maggior parte dei casi l’autore dell’omicidio era il partner (86 casi) e il luogo

del delitto è la casa (86 casi), se- guita dalla strada (26 casi). In 94 casi l’autore del delitto è italiano mentre in altri 27 è straniero. In 9 occasioni l’autore non è stato individuato. Risultati confermati dall’indagine Eures sugli omi- cidi volontari in Italia del 2013. L’indipendenza della donna e l’incapacità dell’uomo di gestire la separazione è un fattore di ri- schio, nel 93,5% dei casi, unito poi a quello della storia di violen-

za della coppia: il 21,4% riporta

la certezza di maltrattamenti per- petrati in precedenza dall’autore alla vittima, denunciate nel 44% dei casi. Bastano questi per sfa- tare molti luoghi comuni, che vogliono la violenza di genere legata a un contesto sociale disa-

giato, straniero, slegato dalla no- stra cultura ed estraneo alle mura domestiche. È dentro casa che si consumano la maggior parte di questi crimini, spesso dopo anni

di violenze fisiche e psicologi-

che, spesso inascoltate.

di violenze fisiche e psicologi - che, spesso inascoltate. Maria Ton, la vittima della furia omicida

Maria Ton, la vittima della furia omicida del marito. Sotto, il sindaco di Canicattini.

il sindaco di canicattini

«La nostra comunità allibita e addolorata»

L’ intervento del Sindaco Paolo Amenta dopo

Rispetto ad un fenomeno di così vasta portata

il

tragico fatto di sangue accaduto nella serata

come Comune dovevamo e dobbiamo continuare

di

ieri a Canicattini Bagni che ha visto la bar-

a

fare la nostra parte, per questo proprio lo scor-

bara uccisione di una giovane donna rumena, Maria Ton di 36 anni. «Quanto avvenuto ieri sera a Canicattini Ba-

gni ci ha colti tutti di sorpresa, lasciando una intera comunità allibita e addolorata. Tutta Canicattini Bagni esprime sgomento

e dolore, e si strin-

ge ai giovani figli di Maria Ton, ai quali faremo sentire tutta la nostra vicinan- za non lasciandoli soli in questo dram- ma. Una famiglia proveniente dalla Romania, ben in- tegrata nella nostra cittadina, che aveva trovato a Canicatti-

ni Bagni una nuova

speranza per il futuro. Quanto accaduto, però, deve farci riflettere sul fenomeno del “femmi- nicidio” che il nostro Paese registra ormai da qualche anno, e sull’adeguatezza o meno delle

so mese di Aprile abbiamo sottoscritto un Proto- collo con l’Associazione Le Nereidi di Raffaella Mauceri, per la riapertura di uno Sportello anti- violenza all’interno del Palazzo Comunale di Ca- nicattini Bagni, gestito dalle volontarie dell’As- sociazione, dove sono a disposizione, 24 ore su 24, esperte, avvo- cate e psicologhe. Per stare vicino alle donne e far crescere quella

coscienza civile fina- lizzata alla tutela di donne e minori vitti- me di maltratta-menti e abusi. Non solo, ma anche per assicurare un so- stegno morale e mate- riale che consenta alle

vittime l’uscita dalla situazione di violenza e un possibile recupero del danno esistenziale subito. Un invito, dunque, a tutte le donne che vivono situazioni di violenza

o di molestie, di uscire dall’isolamento, di non

violenza o di molestie, di uscire dall’isolamento, di non nostre leggi a difesa delle donne e

nostre leggi a difesa delle donne e dei minori,

tenersi dentro problemi dal quale, se non si pone

in

particolare se lungo il percorso, come qua-

un argine, difficilmente si potrà uscirne da sole.

si

sempre avviene, ci sono denunce e segnali

Un invito a contattare lo Sportello e i nostri Ser-

di

violenze, il più delle volte all’interno delle

vizi Sociali per avere un sostegno e un aiuto e

stesse mura domestiche.

non restare sole».

18 GiuGno 2014, Mercoledì

In pochi attimi si è spenta la vita della 36enne cittadina romena Maria Ton

si è spenta la vita della 36enne cittadina romena Maria Ton 5 Prima la scenata di

5

Prima la scenata di gelosia poi l’accoltellamento

Ad ucciderla è stato il marito, acciuffato poco dopo dai carabinieri di Canicattini Bagni, accorsi nella centralissima via Garibaldi

Non era la prima volta che ma-

rito e moglie litigassero per que- stioni di gelosia. Anzi, proprio per il suo carattere a volte vio- lento, la donna aveva deciso in un primo mo- mento di sepa- rarsi. Successi- vamente, però,

i due si sono

riappacificati. Quando tutto sembrava esse- re andato per il meglio, però, ecco il nuovo

raptus di gelosia

da parte dell’uo-

mo, finito in tra- gedia. Un altro episodio di vio- lenza, consuma-

all’interno delle mura dome-

stiche, si è trasformato in sangue ieri sera a Canicattini Bagni. La cittadina collinare è stata scossa dalla morte di una donna ori- ginaria della Romania, ma da tempo residente in quel centro,

al culmine dell’ennesimo litigio

avuto con il marito, che l’avreb- be finita a coltellate. Vittima dell’ennesimo, tragico episodio di violenza è Maria Ton

di 36 anni, uccisa all’interno del-

la sua abitazione dal marito, che

poi è scappato a gambe levate.

Il cadavere della vittima è stato

scoperto ieri sera dai carabinieri nell’abitazione di via Garibaldi. L’uxoricida è stato fermato qua-

si subito, anche perché su di lui

sono sin da subito sono ricaduti

i sospetti di essere stato l’autore dell’insano gesto. L’uomo si è presentato alla caserma della lo- cale stazione dell’Arma intorno alle ore 21.30, circa un’ora dopo quanto accaduto. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, l’uomo, Gheorghe Florian Ton, 41 anni, anche lui romeno, in nottata ha confessa-

to di essere l’autore dell’uxori-

cidio, che sarebbe avvenuto al culmine di una lite, scoppiata per motivi di gelosia. Ha impu- gnato un grosso coltello da cuci-

na con il quale ha infierito contro

la vittima. La donna lavorava in

ospedale presso il reparto di Ge- riatria. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Magda

to

indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Magda to Nel riquadro, Gheorghe Ton. A fiasnco, la casa

Nel riquadro, Gheorghe Ton. A fiasnco, la casa in cui si è verificato l’uxoricidio.

Guarnaccia, che ha disposto il fermo di indiziato di delitto nei confronti di Florian Ton, tra- dotto nella casa circondariale di Cavadonna in attesa di compari-

re dinanzi al Gip. Lo stesso ma-

gistrato ha disposto l’esecuzione dell’autopsia sul cadavere della donna. Il romeno, che ha affidato la pro- pria difesa all’avvocato Junio Celesti, comparirà domattina al

cospetto del Gip del tribunale di Siracusa, Patricia Di Marco, per essere sottoposto all’udienza di convalida ed il successivo inter- rogatorio di garanzia. Giuseppe Bianca

Un mazzo di fiori e una poesia per salutare la povera Maria

Un mazzo di fiori ed una poesia dedicata alla vittima. Così si presentava ieri mattina

il luogo del delitto, una abitazione in stile liberty, come

tante ce ne sono a Cani- cattini Bagni. La coppia, che ha due fi- gli adulti, si era trasferi- ta nel centro collinare si- racusano da poco più di un mese e mezzo, proveniente da un altro centro del Siracusano. Un allonta-

namento che, secondo le prime indiscrezioni da fonti che indagano sull'omicidio, sarebbe stato origi- nato proprio dal sospetto - sin qui senza il benché minimo riscontro investigativo - che

l'uomo nutriva sul conto della moglie. Nume- rose le scenate di gelosia da parte dell’uomo, che lunedì sera ha superato ogni limite, finen- do con infierire sulla donna che amava e che gli aveva dato due creature. Una tragedia an- nunciata? Forse, ma certamente qualcosa è sfug- gita di mano. I vicini di casa rac- contano di una coppia affiatata, che in quel breve periodo di per- manenza in via Garibaldi non hanno mai dato

adito a lamente- le. Eppure, il fuoco covava sotto la cenere fino a quando è esploso con tutta la sua virulenza. Una vita spezzata ed un’altra che rischia di trascorrere il resto della vita in carcere.

con tutta la sua virulenza. Una vita spezzata ed un’altra che rischia di trascorrere il resto

6

6 18 GiuGno 2014, Mercoledì La condanna inflitta dal Gup del tribunale di Siracusa, Michele Consiglio

18 GiuGno 2014, Mercoledì

La condanna inflitta dal Gup del tribunale di Siracusa, Michele Consiglio

tredici colpi contro un’auto dieci anni ad un lentinese

Il fatto avvenne la sera del 5 maggio dello scorso anno quando da una Bmw partirono dei colpi all’indirizzo di una Citroen C3 con a bordo 4 persone

Dieci anni di reclusione: questa

la condanna inflitta dal Gup del

tribunale di Siracusa, Michele

Consiglio, a carico di un lentinese, che insieme con il fratello avrebbe esploso numerosi colpi di pistola contro una vettura sulla quale viaggiavano quattro persone, per pura fortuna rimaste illese. La sentenza è stata emessa a conclusione del processo che si è celebrato con il rito abbreviato, a carico diAlfio Scandurra, lentinese

di 23 anni, per il quale il pubblico

ministero Antonio Nicastro aveva invocato la condanna a 8 anni. Disattese le aspettative della di- fesa, rappresentata dall’avvocato Dario Saggio, che aveva chiesto l’assoluzione per il suo assistito, per mancanza di prove.

fatti si sono consumati la sera del 5 maggio dello scorso anno. Intorno alle ore 20.30, il primo episodio. I due Scandurra, a bordo di una Fiat Punto, avrebbero affiancato una Citroen C3, con a bordo un uomo, la moglie e la suocera,

I

Citroen C3, con a bordo un uomo, la moglie e la suocera, I In foto, pattuglia

In foto, pattuglia della polizia di Stato.

all’altezza di via Matteotti, costrin- gendo il conducente a fermarsi. I due contestavano i gestacci che il conducente avrebbe fatto al loro indirizzo al momento del sorpasso. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori del commissariato di Lentini, i due avrebbero promesso ritorsioni per quella reazione. Un’ora dopo, a bordo di una Bmw,

 

cronaca

 

L’appello per il clochard Marcello “dategli una sepoltura dignitosa”

Lascia due figlie Marcello, il clochard cin-

per rendere una degna sepoltura a colui che negli ul- timi quattordici anni della sua vita ha scelto il cielo come tetto di casa. Marcello ha vissuto una vita mol- to intensa e per certi versi rocambolesca. Spesso si trovava nei guai per questione di droga o di alcol. Per tale motivo la moglie aveva deciso di allontanarsi da lui, anche per tutelare le figlie, una delle quali vive oggi in Sardegna, mentre la minore vive con la madre a Siracusa. “Il mio ex marito aveva un cuore grande - spiega la donna che si è premurata a lanciare l’appello - Purtrop- po, la delusione amorosa lo ha abbattuto e dal 2000 ha deciso di vivere come un clochard. Non sappia- mo da quanti giorni fosse deceduto, ma non è giusto che finisca sotto terra den- tro a quattro legni per cassa da morto. Ecco perché credo che una città attenta e sensibile debba venire incontro alla richiesta di una persona che non faceva male ad alcuno e che tutti lo hanno visto in strada e qualche volta lo hanno anche aiutato”.

quantenne, originario di Palermo, trovato mor-

i

due fratelli Scandurra, in compa-

to

nella giornata di lunedì scorso nello scafo

gnia di altre persone rimaste non identificate, hanno intercettato nuovamente la Citroen C3, nella quale stavolta vi erano quattro ra- gazzi, i figli del proprietario della vettura e i loro due cugini. Sono stati esplosi i primi colpi di pistola contro la vettura, ingaggiando un inseguimento per le strade di Lentini, conclusosi all’altezza di via Agnone, all’altezza di una panineria che era chiusa. Le vit- time, che si erano rannicchiate nell’abitacolo, avrebbero visto scendere dalla Bmw i due fratelli, che continuavano a dire “Siete morti”. Scampato il pericolo, i quattro sono riparati al commissariato dove hanno raccontato l’accaduto. La perizia ha stabilito che la vettura era stata raggiunta da tredici bossoli di diversi calibro e che a sparare erano state due pistole. L’imputato si è sempre protestato estraneo ai fatti. F.N.

della motovedetta in disarmo della Capitaneria

di

porto, in mostra nel piazzale del parcheggio

sul molo Sant’Anto- nio. L’uomo aveva deciso

di

vivere ai margi-

ni

della società con

l’unica compagnia

di

un cane, che lo ha

vegliato per tutto il tempo in cui l’uomo

s’è

addormentato per

sempre. E non è stato facile per i soccorri-

tori, staccarlo dal suo padrone, tanto amore

 

lo

legava a lui.

In

attesa che venga

eseguita l’autopsia, disposta dal pubblico ministero Magda Guarnaccia, per stabilire le cause del decesso dell’uomo, l’ex moglie ha

lanciato un appello perché cittadini che abbia-

no

a cuore l’anima di Marcello, siano mossi a

compassione e partecipino alla colletta aperta

18 GiuGno 2014, Mercoledì

partecipino alla colletta aperta 18 GiuGno 2014, Mercoledì 7 Gli è stato notificato un avviso di

7

Gli è stato notificato un avviso di conclusione indagini

Estorsioni

e rapine:

in carcere

Si era reso prota- gonista, insieme con altri complici

di aggressioni con

bastoni e altre armi improprie ai danni

di suoi connazio-

nali. Asitk Kumara Bendarage (nella foto) di 41 anni, originario dello Sri Lanka, già sottopo- sto agli arresti do-

miciliari, si è visto notificare dai poli- ziotti della squadra mobile l’ordine

di carcerazione.

Deve scontare un residuo di pena di 2 anni, 6 mesi e 21 giorni di reclusio- ne, per i reati di estorsione, rapina

e lesioni personali.

I fatti oggetto della

contestazione si ri- feriscono all’estate del 2011, quando gli investigatori hanno avviato

le indagini per

comprendere come mai un cittadino cingalese fosse

finito in ospedale con gravi lesioni

in varie parti del

corpo. Le indagini sono culminate con l’arresto del Bendarage.

Distruzione schede elettorali Indagato operatore giudiziario

E’ accusato dalla Procura della Repubblica di Siracusa per avere soppresso e distrutto atti e documenti d’archivio

La Procura di Siracusa ha emesso

e fatto notificare un avviso di conclusio- ne indagini nei con- fronti di un dipen- dente del Tribunale, R. C., di 61 anni, indagato per avere soppresso e distrutto

atti e documenti, cu-

stoditi nell’archivio

del Palazzo di Giu-

stizia, dei plichi re- lativi alla consulta- zione elettorale per l’elezione diretta

del presidente della

Regione e dell’As- semblea Regionale

Siciliana dell’otto- bre del 2012. L’inchiesta, aperta nel dicembre scor-

so dal procuratore

Francesco Paolo Giordano, riguarda- va presunti voti «di- spersi» nelle nove

sezioni elettorali di Rosolini e Pachino.

Le indagini hanno

permesso di risalire al presunto autore della distruzione di alcuni plichi. Gli investigatori hanno ritrovato la massima parte del materiale elettorale ritenuto disperso, che era oggetto di operazio-

ni di verifica dispo-

ste dal Consiglio di

giustizia ammini-

strativo della Sicilia

a seguito della de-

nuncia dell’ex par- lamentare regionale Pippo Gennuso. È stato redatto, a

cura della polizia di Stato presso la poli-

zia giudiziaria della

Procura di Siracusa,

un elenco dettaglia-

to

degli atti ritrovati

e

di quelli irrime-

diabilmente perduti.

Nell’ambito dell’in- chiesta la Procura

di Siracusa aveva

disposto il disseque-

stro degli atti del fa-

scicolo del Cga, che

il disseque- stro degli atti del fa- scicolo del Cga, che Il palazzo di Giustizia di

Il palazzo di Giustizia di Siracusa.

è stato restituito nei giorni scorsi. Sono state indiriz- zate comunicazioni ufficiali alla Prefet- tura e alla Presiden- za del Tribunale di

Siracusa, per «ogni utile valutazione de- gli organi competen- ti». L’operatore giudi- ziario ha sempre ammesso di avere

rimosso quelle sche- de ma non di averlo fatto su indicazio- ne di terze persone. Una leggerezza, in- somma, della quale il dipendente pub-

blico dovrà rendere conto al cospetto del giudice, visto che la Procura chiederà il suo rinvio a giudi- zio.

R.L.

blico dovrà rendere conto al cospetto del giudice, visto che la Procura chiederà il suo rinvio

8

8 18 GiuGno 2014, Mercoledì Atteso appuntamento con la Ferrari e con i “paperoni” che ne

18 GiuGno 2014, Mercoledì

Atteso appuntamento con la Ferrari e con i “paperoni” che ne posseggono diverse

In piazza Duomo sfileranno le “rosse” di Maranello

La manifestazione si chiama “Ferrari cavalcade 2014” e punta i riflettori sulla nostra città a suggellare una collaborazione già avviata

Sarà Siracusa ed in particolare piazza Duomo, il luogo di parten-

za e di arrivo della kermesse auto- mobilistica denominata “Ferrari Cavalcade 2014”. L’evento più importante per i migliori clienti del Cavallino rampante si terrà sabato prossimo alla presenza annunciata del presidente della casa di Maranello, Luca Corde-

ro

di Montezemolo e il pilota

di

punta della rossa, Fernando

Alonso. La Ferrari Calvalcade

è strettamente riservata ai soli possessori di almeno 4 rosse, che saranno i protagonisti da sabato prossimo al 22 giugno di

un viaggio in Sicilia, che partirà

proprio dalla nostra città. Viene annunciata come un’espe- rienza unica all’insegna della guida sportiva e Gt sulle strade

della Sicilia attraverso un itinera-

rio che spazia tra natura, storia e

tradizione. Ottanta i super ospiti della Ferrari che hanno aderito all’iniziativa. Siracusa sarà la sede dei ferraristi che poi si tra- sferiranno verso l’Etna ed ancora a Taormina, Catania eAgrigento. Tappa all’autodromo di Pergusa, dove i cavalli del motore Ferrari potranno esibirsi in tutta la loro potenza con prove di regolarità in pista, infine a Modica e Noto prima del ritorno a Siracusa dove

infine a Modica e Noto prima del ritorno a Siracusa dove La Ferrari a piazza Duomo.

La Ferrari a piazza Duomo. Sotto, il sindaco di Floridia, Orazio Scalorino.

si svolgerà la serata conclusiva dell’evento. C’è quindi un ri- torno di fiamma tra la Ferrari e Siracusa: appena poco tempo fa è stato girato proprio nella nostra

città lo spot della nuova Califor- nia T, presentata ufficialmente a livello mondiale il 4 marzo scorso al Salone internazionale di Ginevra. I raid della casa del

Cavallino rampante potrebbero essere forieri di future collabo- razioni, anche nella prospettiva del completamento del circuito automobilistico.

POLITICA

Pd e sindaco di Floridia aperti

al dialogo e al

rimpasto

Clamorosa mossa politica del Partito democratico

di Floridia e del sindaco che nell’ultima seduta di

consiglio comunale hanno aperto al dialogo con

le forze politiche presenti in consiglio comunale

per dare vita ad una nuova fase politica anche con l’azzeramento della giunta comunale. “Noi intendiamo aprire – ha dichiarato il capogrup- po del Pd Salvo Russo – una nuova fase ammini- strativa coinvolgendo tutte le forze politiche dispo- nibili, passando eventualmente anche attraverso l’azzeramento dell’attuale giunta purchè si formi un governo di alto profilo e condiviso, con personalità riconosciute e riconoscibili per competenza, profes-

sionalità, senso etico e civico. La politica non passa

né attraverso gli insulti – aggiunge -, né attraverso

libelli fatti circolare più o meno anonimamente o peggio ancora clandestinamente. La sede naturale

del confronto è qui, ed è qui che si devono trovare

le soluzioni migliori per i cittadini di Floridia. Mi

auguro che analoga consapevolezza sia maturata

in tutte le forze politiche presenti in quest’aula,

per una stagione di dialogo e di collaborazione, per il bene comune”.

Sull’argomento abbiamo sentito il primo cittadino

di Floridia Orazio Scalorino che ci ha dichiarato:

“io per il bene della città sono disposto a sacrifi- care anche le professionalità di chi mi collabora

in questo momento. Tecnicamente ritengo che sia

arrivato uno snodo politico importante. Io devo per forza portare a termine il mio programma. In questo caso sono stato fortemente bloccato dal consiglio comunale.Aquesto punto voglio capire

se c’è la volontà politica di poter andare verso

in questa direzione. E’un’analisi fatta all’interno

del partito, ovviamente concordata con l’ammini-

strazione comunale. La nostra intenzione è quella

di tentare di ottenere in consiglio comunale un

maggiore appoggio”.

strazione comunale. La nostra intenzione è quella di tentare di ottenere in consiglio comunale un maggiore

vita di Quartiere

18 GiuGno 2014, Mercoledì

i Q u a r t i e r e 18 GiuGno 2014, Mercoledì 9 Nei

9

Nei consensi raccolti dalla manifestazione in difesa dei diritti delle persone a orientamento GLBT i promotori leggono un segno del mutare dei tempi

città: un“Flashmob” contro ogni pregiudiziodiffuso

In occasione della Giornata Internazio- nale contro l'omofobia

e la Transfobia, istitu-

ita per iniziativa del Parlamento Europeo nel 2007, molteplici sono state le mani- festazioni promosse dalle associazioni per

i diritti delle persone

Glbt, tutte con un uni- co obiettivo comune, quello di contrastare fenomeni di discri- minazione sessuale e atti di violenza contro gay, bisessuali e tran- sessuali. A Siracusa

la Bandiera Rainbow,

simbolo usato dal

sessuali. A Siracusa la Bandiera Rainbow, simbolo usato dal Sopra: una panoramica della nostra città. movimento

Sopra: una panoramica della nostra città.

movimento di libera- zione omosessuale, campeggiava presso il

balcone principale di Palazzo Vermexio. Il

Sindaco di Siracusa, Giancarlo Garozzo, aderendo alla richiesta avanzata da Arcigay Siracusa, ne ha auto-

rizzato l’esposizione, manifestando, ancora una volta, a nome di tutta l’amministrazio-

ne comunale, un’aper- tura alle richieste e alle rivendicazioni delle associazioni Glbt. La Bandiera Arcobaleno,

è stata protagonista di

numerosi flash mob che i volontari e le vo- lontarie dell’Associa- zione Stonewall, han- no eseguito in diverse

zone della città, a par- tire da Piazza Duomo, davanti la Cattedrale, dove sono rimasti immobili per cinque minuti tenendo in alto

i cartelli con la scrit-

ta “stopomofobia”, mentre la presidente dell’Associazione, Ti- ziana Biondi, regge- va orgogliosamente la bandiera rainbow. L’orgoglio gay, che si può sintetizzare in fierezza (di essere ciò che si è); diversità (ricchezza e non ver- gogna); e omosessua-

lità (innata e inaltera- bile), è simboleggiato proprio dalla bandiera arcobaleno che ha un significato ben preci- so a partire dai colori che la compongono,

il rosso indica la vita,

l’arancione la salute, il giallo la luce del sole, il verde la natura, il blu la serenità, e il viola lo spirito. “Non è stata solo la gior-

Ortigia: Stamani alle 10 conferenza stampa alla “Caritas”

Ortigia: Stamani alle 10 conferenza stampa alla “Caritas” O ggi, 17 giugno, alle 10, nella sede

Oggi, 17 giugno, alle 10, nella sede della Caritas diocesana di

Siracusa, in via della Conciliazione 6, si svolgerà una conferenza stampa per illustrare la convenzione tra il patronato Epaca, Ente

di patrocinio e assistenza per i cittadini, promosso dalla Coldi-

retti e la Caritas. All'incontro con i giornalisti parteciperanno il coordinatore regionale Epaca, Giuseppe Meringolo, il direttore della Coldiretti Siracusa, Pietro Greco, il responsabile provin- ciale Epaca, Emanuele Corallo e padre Marco Tarascio, coordi- natore della Caritas. La Caritas Italiana è l'organismo pastorale della Cei (Conferenza Episcopale Italiana) per la promozione della carità. Ha lo scopo cioè di promuovere «la testimonianza della carità nella comunità ecclesiale italiana, in forme consone ai tempi e ai bisogni, in vista dello sviluppo integrale dell'uomo, della giustizia sociale e della pace, con particolare attenzione agli ultimi e con prevalente funzione pedagogica» (art.1 dello

Statuto). È nata nel 1971, per volere di Paolo VI, nello spirito del rinnovamento avviato dal Concilio Vaticano II. Fondamentale il collegamento e confronto con le 220 Caritas diocesane, impe- gnate sul territorio nell'animazione della comunità ecclesiale e civile, e nella promozione di strumenti pastorali e servizi: Centri

di ascolto, Osservatori delle povertà e delle risorse, Caritas par-

rocchiali, Centri di accoglienza, ecc.

nata contro l’omofo-

bia – afferma Tiziana

Biondi - ma anche la giornata dell’orgo-

glio, dell’accoglienza

e dell’approvazione.

Infatti, durante il flash mob, che abbiamo eseguito al mercato

di Ortigia, mi ha col-

pito molto il gesto di

un venditore di frutta,

che interrompendo il suo lavoro, è uscito

dal banco e si è messo

vicino a me a reggere la bandiera rainbow.

Lo stupore, i gesti di

approvazione e di in- coraggiamento della gente ci hanno riem-

pito il cuore, sono or- mai veramente pochi coloro che fanno fin-

ta

di niente, e passa-

no

oltre”. Durante la

mattinata i volontari

di Stonewall, hanno

continuato la raccol-

ta di fotografie per la

campagna stopomo- fobia – Scatta l’ugua-

glianza, la tua faccia contro il pregiudizio

per le strade delle due

città, e raccolto le fir-

me per l’approvazione

di

una legge che rego-

li

la modifica dell’at-

tribuzione di sesso in Italia, sposando dun-

que la petizione nazio-

nale per i diritti delle persone transgender. Degni di nota dun- que questi eventi, che

mirando a ribaltare

il pregiudizio e far

comprendere quanto

difficoltoso sia vivere subendo continui atti

di violenza emotiva

e fisica dettati dall’o- mofobia, dimostrano

che qualcosa dal basso

sta cambiando, mentre

ancora il Parlamento

Italiano non è riuscito

ad

approvare una leg-

ge

contro l’omofobia.

L'omofobia è la paura e l'avversione irra-

zionale nei confronti dell'omosessualità e

di persone gay, lesbi-

che, bisessuali e tran-

sessuali, basata sul pregiudizio. L'Unione Europea la considera analoga al razzismo, alla xenofobia, all'an- tisemitismo e al sessi- smo.

Scenari:

“La paura

del diverso

che spesso

è paura

per se

stessi”

Intesa nel senso di "paura fobica e irra- zionale", l'omofobia non è inserita in alcun manuale di diagnostica

psicologica come pa-

tologia, è quindi errato pensare che sia medi- calmente una fobia, come invece il nome potrebbe portare a cre- dere. L'omofobia non

è espressamente legata

ad

una qualche creden-

za

politica o a un livello

culturale, ma piuttosto

al

del singolo individuo.

È stato infatti riscontra- to già dagli anni sessan-

ta il fatto che tendano

all'omofobia e ad atteg- giamenti palesemente omofobici le "persona-

lità autoritarie", rigide,

insicure, che si sentono

minacciate dal "diverso

da sé" (ovviamente non

solo omosessuale). Alti

livelli di omofobia sono stati riscontrati anche

in persone in lotta con

una forte omosessualità

latente o repressa. In questo secondo senso

l'omofobia può trarre nutrimento e soprat-

tutto legittimazione da condanne ideologiche,

religiose o politiche.

Per omofobia si può in-

tendere anche la paura

dell'omosessualità, ed

livello di equilibrio

in

particolare la paura

di

venire considerati

omosessuali, ed i con-

seguenti comporta-

menti volti ad evitare

gli omosessuali e le

situazioni considera-

te associate ad essi.

L'omofobia consiste

essenzialmente nel

giustificare appieno od

in parte, condonare o

scusare atti di violenza

o di discriminazione-

perpetrati contro una

persona in ragione del-

la sua reale o presunta

omosessualità.

10

10 18 GiuGno 2014, Mercoledì La vestigia corredata da un giardino tematico con essenze mediterranee Ortigia:

18 GiuGno 2014, Mercoledì

La vestigia corredata da un giardino tematico con essenze mediterranee

Ortigia: “Artemision”averde

Inaugurato il Giar- dino greco dell’Arte-

pianta se ne illustra l’origine mitologi-

trice del protocollo operativo, Maria

Anna Teresa Rossini, attrice di teatro, è

mision, nuovo spazio

ca.”

Carmela Vagliasindi,

stata poi affidata la

verde culturalmente

A

presentare il

si

è soffermata sui

emozionante lettura

integrato all’area

progetto Verdecit-

progetti di Verdecittà

di

alcuni epigrammi

archeologica sotto il

tà, avviato su scala

ultimati in 32 centri

dei

poeti classici.

Palazzo del Senato.

regionale, sono

della Sicilia.

Un angolo di antica

Il

progetto di riquali-

stati il vicesindaco di

“Abbiamo coinvol-

grecia ritrovato gra-

ficazione, realizzato

Siracusa, Francesco

to

tanti giovani e

zie

alla collaborazio-

dal Rotaract Club

Italia; l’assessore

meno giovani – ha

ne

tra il Fai Sicilia ed

Siracusa, dal Rota- ract Club Siracusa Monti Climiti e dalla

regionale all’Am- biente e Territorio, Mariarita Sgarlata;

detto – e trasformato angoli di cemento in spazi verdi. Abbiamo

il Rotaract Distretto 2110 Sicilia-Malta. L'Artemision oppure

Delegazione Fai di

il

presidente regio-

immaginato il verde

detto anche Tempio

Siracusa, ha riconse-

nale del Fai, Giulia

dove non c’era; la-

di

Artemide o Tem-

gnato alla città uno degli spazi più belli

Miloro; il rappre- sentante distrettuale

vorando su strutture abbandonate o luoghi

pio Jonico, si trova presso la Via Miner-

al

centro di Ortigia.

del Rotaract, Mirco

bile lasciti e donazio-

non valorizzati.”

va,

laterale e con-

“Il giardino di

visitatore una triplice

Alvano, Gaetano

Il

Giardino greco

giunta a Piazza del

ispirazione letteraria

Brunetti Baldi, Presi-

dell’Artemision, rea-

Duomo di Siracusa,

– come ha ricordato

dente Rotaract Club

lizzato con il suppor-

nel

punto più alto

questa mattina Gae-

Monti Climiti, Giulia

to

tecnico e culturale

dell'isola di Ortigia.

restituito i resti di un

tano Bordone, capo

Giambusso, Presi-

di

Vincenzo Latina

I sotterranei del pa-

delegazione del Fai siracusano – ha per il

dente Rotaract Club Siracusa; il responsa-

e Sergio Cilea, è stato inaugurato per diventare luogo di

lazzo invece hanno

primitivo tempio in

valenza culturale.

ni

del Fai, Cristina

incontro e nuovo

stile ionico.

La prima poetica attraverso la lettura

Gromo; l’attore

Antonello Fassari e il

spazio culturale. “Mi sembra un giar-

Il basamento misura 59 x 25 metri.

di

poesie di autori

musicista Giuseppe

dino zen – ha sotto-

Il Tempio Ionico, la

bucolici del periodo

Vessicchio, amici

lineato, evidenzian-

cui

dedica rimane

greco, una seconda botanica perché le

del Fai e testimoni delle iniziative che

done la bellezza e la suggestione, l’attore

tuttora ignota, fu probabilmente, come

specie arboree citate

il

Fondo Ambiente

Antonello Fassari –

quello che si conser-

sono state impiantate

Italiano sostiene in

Un luogo di storia e

va

a breve distanza,

nel giardino e una terza storica perché

tutta Italia. La delegata Fai di

memoria al centro di questo gioiello che si

Athenaion, il secondo in ordine

un

di

ogni nome di

Catania nonché rela-

chiama Ortigia.” Ad

di

tempo; è uno dei

rela- chiama Ortigia.” Ad di tempo; è uno dei rari esempi di questo ordine conservato in

rari esempi di questo ordine conservato in Occidente e risale

alla seconda metà del

VI secolo.

Il Tempio ionico in questione è l'Artemi-

sion; si pensa risalga

al periodo dei Gamo-

roi, i discendenti dei primi coloni greci

di Corinto giunti a

Siracusa, che go-

vernavano la città al tempo della costru- zione perché rappre- sentavano la classe

dei proprietari terrie-

ri. Costoro sarebbero

stati cacciati dai kil- lichirioi, discendenti

dei Siculi, popolo

nativo di Siracusa,

che rappresentavano

la

classe popolare.

Si

ipotizza che

l'Artemision fosse dedicato alla dea Artemide, protettrice greca di Siracusa, alla quale è legato il mito di Aretusa, la ninfa trasformata in fonte di acqua dolce che ancora oggi è il simbolo della città.

Città:“Nellacanicola dimenticato il maltempo”

città. Città:“Nellacanicola dimenticato il maltempo” Sopra, costellazione del cane. I l caldo canicolare

Sopra, costellazione del cane.

Il caldo canicolare influenzava, sempre secondo le credenze medievali, anche

la riuscita di alcune ricette tecniche, per

cui era il periodo propizio per procurarsi alcuni ingredienti e lavorarli adeguata- mente per ottenere particolari sostanze. Il termine "solleone" è sinonimo di cani- cola. La canìcola rappresenta il periodo di caldo afoso e opprimente delle ore cen-

trali della giornata, caratterizzato da alti

valori di temperatura e umidità e assenza

di vento. Il nome deriva dal latino Ca-

nicula ("piccolo cane"), ovvero la stella più luminosa (Sirio) della costellazione del Cane Maggiore, che sorge e tramon-

ta con il Sole (levata eliaca) dal 24 luglio al 26 agosto (il periodo appunto della "canìcola"). Il nome della costellazione

deriva probabilmente dagli antichi Egizi,

in quanto avvertiva (come un cane vigi-

le) l'arrivo del periodo delle inondazioni del Nilo. Nel medioevo essa iniziava il 25

luglio, festa di San Cristoforo e termina- va il 24 agosto. Questo periodo dell'anno aveva una particolare attrazione simboli-

ca nella cultura popolare: per esempio vi

cadeva la festa di San Guinefort, il santo cane. Il forte simbolismo di questo periodo era derivato da varie credenze: si pensava per esempio che la presenza di Sirio nel cielo fosse la causa della calura, sommandosi il suo calore a quello del sole; aveva ri- svolti malefici per il "surriscaldamento del sangue" che facilitava le malattie, in realtà causate dall'aumento delle zanzare malariche. Il caldo canicolare influenza- va, sempre secondo le credenze medieva-

li, anche la riuscita di alcune ricette tec-

niche, per cui era il periodo propizio per procurarsi alcuni ingredienti e lavorarli adeguatamente per ottenere particolari sostanze.

Il termine "solleone" è sinonimo di ca-

nicola. L'estate astronomica ha inizio il giorno del solstizio d'estate, il 20 giugno o 21 giugno nell'emisfero boreale (nell'e- misfero australe il 20 o 21 dicembre) e termina nel giorno dell'equinozio d'au- tunno.

18 GiuGno 2014, Mercoledì

d'au - tunno. 18 GiuGno 2014, Mercoledì 11 Città: “Differire ulteriormente la TASI” L’unica

11

Città: “Differire ulteriormente la TASI”

L’unica alternativa concreta alla triste realtà di file interminabili di contribuenti agli sportelli

“Preferibile, invero, portare la scadenza alla data del 31 luglio prossimo”

Dal consigliere co- munale Salvo Sorbel- lo, riceviamo e pubbli- chiamo quanto segue. “Il copione è sempre quello: prima si decide, con grande fretta, di far pagare ai siracusani i nuovi, pesanti balzelli, senza badare ai rilievi dei consiglieri di op- posizione sull’inoppor- tunità di alcune scelte, sia relative agli impor- ti gravosi delle nuove tariffe sia relative alle scadenze troppo ravvi- cinate. Poi, di fronte alla triste realtà di file inter- minabili agli sportelli comunali ed a quelli dei Centri autorizzati per l’assistenza fiscale, pre- si d’assalto da cittadini alle prese con nuove tasse da pagare in tempi assai ristretti, inizia il solito, stucchevole bal- letto di proposte di rin- vio, di proroga, che non si tramutano purtrop- po in decisioni imme- diate. Eppure” spiega Sorbello “la strada da percorrere è semplice, già seguita da altre am- ministrazioni comunali, come quella di Bolo- gna: non applicare al- cuna sanzione a chi pa- gherà la Tasi entro il 31

al- cuna sanzione a chi pa- gherà la Tasi entro il 31 luglio. Si adotti allora

luglio. Si adotti allora subito questa saggia scelta, così da tranquil- lizzare i tanti contri- buenti disorientati. Se poi l’amministrazione non volesse adottare da sola neppure questa decisione, la faccia ap- provare al consiglio co- munale, già convocato per i prossimi giorni”. Così si esprime il con- sigliere comunale Sal- vo Sorbello. Tasi 2014, siamo alla settimana finale. Tra sette giorni,

infatti, andrà comple- tato il pagamento nei Comuni che hanno de- liberato in tempo l’ali- quota sull’imponibile immobiliare. Vediamo, dunque, chi deve pa- gare e come calcolare l’importo. Innanzitut- to, ricordiamo che con la presentazione del decreto nel Consiglio dei ministri di vener- dì scorso, il governo ha cercato di cautelar- si con tutti i mezzi a propria disposizione,

sia

per i Comuni dove

esattamente l’importo

uffici (A/10) e Banche

si pagherà subito, che per quelli nei quali il saldo è stato rinviato a ottobre. Riprendendo esattamente il testo in- serito nel maxiemenda- mento al decreto Irpef, approvato nei giorni scorsi al Senato, il Cdm ha infatti dato l’ok a un decreto che procrastina immediatamente il pa- gamento nei municipi

da pagare il prossimo 16 giugno, gli interessa- ti dovranno cominciare annotandosi la rendita catastale dell’immobile, contenuta, di solito, nel rogito emesso per l’e- dificio e rivalutandola del 5%. A questo punto, andrà calcolato il valore catastale dell’immobile sottoposto a pagamen- to, tramite questa opera-

ritardatari al 16 ottobre, senza dover attendere la conversione del de- creto Irpef, in program- ma entro il prossimo 23 giugno, dunque a una ulteriore settimana

zione: rendita rivalutata del 5% X coefficiente della categoria. I coeffi- cienti sono così distinti:

(D/5): 80; Case: 160.

di

distanza dalla sca-

Negozi (C/1): 55. La tassa, nell'ordinamento

denza dell’acconto Tasi 2014. La Tasi, che ha sostituito l’Imu per le categoria esentate lo scorso anno, dunque anche le prime case, andrà pagata, però, sia

tributario italiano, è una tipologia di tributo ov- vero una somma di de- naro dovuta dai privati cittadini allo Stato che si differenzia dall'imposta in quanto applicata se-

dai proprietari che da-

condo il principio della

gli

inquilini. Essa è una

controprestazione cioè

delle due parti che vie-

legata a un pagamento,

ne

a comporre la nuo-

dovuto da un soggetto

va

Iuc, l’imposta unica

come corrispettivo per

comunale, suddivisa, al

la prestazione a suo fa-

proprio interno, appun-

vore di un servizio pub-

to

in Tasi – Tassa sui

blico offerto da un ente

servizi indivisibili – e la Tari – tassa sui rifiu- ti, che andrà a sostituire la Tares. Per calcolare

pubblico (ad es. tasse portuali e aeroportuali, concessioni, autorizza- zioni, licenze).

Il giornalista e scrittore incontrerà pazienti, operatori e volontari dell’HOSPICE di Siracusa

Città: domani conversazione con Piero Dorfles

Domani, giovedì 19 giugno 2014 alle 18 all’Hospice dell’Asp di Siracusa il giornalista e scrittore Piero Dorfles incontrerà pazien- ti, familiari, operatori e volontari per una conversazione sui temi a lui più cari e sui valori che posso- no dare spessore alla vita in tutte le sue condizioni. L’iniziativa è organizzata dai volontari delle as- sociazioni “Amici dell’Hospice Siracusa”, “Ciao” e “Insieme per Ciao” e rientra nell’ambito degli incontri “Conversando con…” che si svolgono periodicamente all’in- terno del presidio ospedaliero Riz- za, aperti al pubblico, con la par- tecipazione di relatori di spessore culturale e scientifico “a confronto con le istanze del dolore e del valo- re della vita – sottolinea il respon- sabile dell’Hospice Giovanni Mo-

– sottolinea il respon- sabile dell’Hospice Giovanni Mo- Sopra, il giornalista Piero Dorfles. ruzzi “poste da

Sopra, il giornalista Piero Dorfles. ruzzi “poste da chi vive nel proprio corpo o nel corpo dei propri cari la sofferenza e la fragilità della malat- tia”. Piero Dorfles (nato a Trieste, 29 dicembre 1946) è un giornalista

e critico letterario italiano. Nipote del critico d'arte Gillo Dor- fles, giornalista professionista dal 1975, è stato responsabile dei servi- zi culturali del Giornale Radio Rai

ed è poi divenuto noto al grande pubblico grazie alla sua partecipa- zione al programma televisivo di Rai 3 Per un pugno di libri nella conduzione del quale ha affiancato dapprima Patrizio Roversi e succes- sivamente Neri Marcorè, Veronica Pivetti e Geppi Cucciari. Ha curato inoltre, fino al 2007, la rubrica radiofonica Il baco del mil- lennio per Radiouno. Tra i suoi libri, sempre di argomenti legati al mondo della comunicazio- ne radiotelevisiva, si segnalano At- lante della radio e della televisione (Nuova Edizioni Radiotelevisione Italiana, 1988), "Guardando all'I- talia", Nuova Edizioni Radiotele- visione Italiana, 1991, e Carosello (Il Mulino, 1998) e Il Ritorno del Dinosauro, una difesa della cultura, pubblicato da Garzanti Libri, 2010.

12

1 2 18 GiuGno 2014, Mercoledì 18 GiuGno 2014, Mercoledì 13 l’osserVatorio BENI CULTURALI. Da Lions

18 GiuGno 2014, Mercoledì

18 GiuGno 2014, Mercoledì

1 2 18 GiuGno 2014, Mercoledì 18 GiuGno 2014, Mercoledì 13 l’osserVatorio BENI CULTURALI. Da Lions

13

l’osserVatorio

BENI CULTURALI. Da Lions ed Erg i pannelli illustrativi del sito

da piazza della vittoria un segnale per unasvoltanellagestione

Necessaria la collaborazione fra pubblico e privato

di Salvatore Maiorca

I l Lions Club Siracusa Host, con il contributo della Erg

e con la collaborazio-

ne della Sovrinten- denza e del Comune, ha fatto installare nell’area archeolo- gica di piazza della Vittoria dei pannelli informativi con la descrizione dei re- sti archeologici. E’ questa una iniziatia di grande utilità sia per i turisti, che nella zona sono numerosi, soprattutto per la vi- cinanza del santuario della Madonna delle lacrime, sia anche per i residenti. Questa iniziativa congiunta Lions-Erg riapre la questione della gestione dei beni culturali. E dà un primo embrio-

della gestione dei beni culturali. E dà un primo embrio- ne di risposta: la dev’essere affidata

ne

di risposta: la

dev’essere affidata

imprescindibili com-

gestione

dei

beni

a

privati operato-

petenze della tutela,

culturali

non

può

ri,

specialisti

del

della vigilanza, della

La mano pubblica incapace di gestire alcunchè. L'esempio del Colosseo dovrebbe esser seguito per tutti i siti d'interesse archeologico e beni culturali in genere. Sempre sotto controllo pubblico

rimanere ormai in

settore; alla

mano

ricerca. Ovviamen-

mano alla pubblica amministrazione:

pubblica devono invece rimanere le

te la gestione deve avvenire secondo

precise e rigorose norme di capitolato e

dev’esser sottoposta a controllo e verifica continua della mano pubblica.Altrettanto ovviamente vanno respinti con fermez-

za certi tentativi di

utilizzo improprio,

fuorviante, perico- loso, devastante: ad esempio il tentativo

di ottenere il teatro

greco per una cena di vip. Questo nostro

luogo è sacro. Ap- partiene all’umanità. Non può essere ol-

traggiato da una cena

di vip. Di oltraggio

infatti si tratterebbe.

E bene ha fatto la

soprintendente Bea- trice Basile a negare il nullaosta. L’iniziativa rientra nelle finalità del Lions, che preve- dono, fra l’altro, at-

La mancanza di risorse pubbliche non può (e non deve) causare la chiusura o la sottoutilizzazione di un patri- monio d'interesse mondiale. Il cauto utilizzo di risorse private può consentire fruizione e manutenzione altri- menti impossibili. Con il rischio di un degrado inarre- stabile e di un danno irreversibile

tività e iniziative di volontariato a favore delle comunità. “In particolare il Lions Siracusa Host - sot- tolinea il suo presi- dente Diego Bivona - è oggi particolar- mente impegnato nel promuovere lo sviluppo socio-eco- nomico di Siracusa, che non può passare attraverso la sola va- lorizzazione turistica del patrimonio ar-

cheologico, di cui la

città è ricca e per cui è famosa nel mondo, ma deve soprattutto perseguire la fruizio-

ne di questo prezioso

patrimonio”. Ovvia- mente, è da aggiun- gere, una fruizione

limitata, controllata, assennata. Gli scavi archeologi-

ci eseguiti tra gli anni

Settanta e Ottanta del secolo scorso hanno riportato alla luce

una delle zone più in- teressanti dell’antica Siracusa: l’area sacra del tempio dedicato alle divinità Demetra e Kore, edificato nel quinto secolo avanti Cristo. Ma questo monumento non è fruibile. Sta lì. Può esser guardato da lontano. Senza che l'eventuale visitatore sappia esattamente

di che si tratta.

Nell’occasione vo-

sappia esattamente di che si tratta. Nell’occasione vo- lontari del club Lions Siracusa Host , insie-

lontari del club Lions Siracusa Host , insie- me ai più giovani del Leo club di Siracusa, per migliorare la visibilità del sito e far comprendere il significato e l’im- portanza dei resti archeologici, si sono impegnati personal - mente per fare una pulizia generale ed eliminare le sterpa- glie che lo infestano. L’iniziativa è sta-

ta realizzata con il

contributo della Erg, innegabile testimo-

nianza di sensibilità

ed attenzione al terri-

torio della provincia

di Siracusa.

A questo punto non

sarebbe niente male

se la stessa Erg con-

tribuisse alla fruizio-

ne permanente del

sito sostenendone le spese. Non dovrebbe essere poi così one- roso se si riuscisse a istituire una proficua collaborazione fra la Soprintendenza dei Beni culturali e il partner privato. E sarebbe una effica- ce testimonianza di collaborazione fra pubblico e privato nella gestione dei beni culturali. E’quel che si dice “adotta- re un monumento”. Il privato impegna proprie risorse e ge- stisce direttamente il bene pubblico. Sotto il controllo del pubblico. Utopia? No. Altrove succede. Perché qui no? La risposta può esse - re molteplice e varia.

Ma ogni variante si riduce all’unica che tutte le riassume:

cedere la gestione, sia pure con tutti i controlli e le cautele del caso, significa, sempre e comun- que, cedere fette di potere. E nessuno vuol cedere potere. Magari poi non si hanno strumenti e risorse per condur- re efficacemente in

porto questa gestio- ne. Tuttavia nessuna cessione di potere avviene. Siti di rile- vante interesse mo- numentale, storico, culturale rimangono inutilizzati, chiusi? Chi se ne importa. Intanto non si cede spazio a nessuno. Poi

si

vedrà.

E

tutto rimane tale e

quale. Altrove monumenti, ambienti, siti d’in- teresse assai meno rilevante che non i

nostri, vengono fruiti

e danno anche un uti-

le. Qui sono una pas- sività. Non ci sono i soldi nemmeno per

la manutenzione or-

dinaria. E allora che si fa? Semplice: si chiude. Ma si dice in termine rassicu- rante, elegante: “si conserva”. Ebbene, con questo tipo di conservazione si langue, si muore. E alla radice di questi mali cosa c’è? Ma è

ovvio, signori: c’è la politica. Dovrebbe essere in- fatti la classe politi- ca a fare una legge per innovare nella gestione di questo sistema. Però ogni innovazione dà sem- pre fastidio a qualcu- no. E allora, per non infastidire nessuno

e non rischiare di

perdere voti il po- litico lascia tutto tale e quale. E tira a campare. Mentre la collettività, un po’ per volta, lentamente ma costantemente, muore.

un po’ per volta, lentamente ma costantemente, muore. In alto a sinistra l'ingresso chiuso dell'ipogeo di

In alto a sinistra l'ingresso chiuso dell'ipogeo di piazza Duomo. Sopra un suggestivo interno. In alto a destra i ruderi di piazza della Vittoria coperti dall'erba

s.m.

PALAZZOLOLO

Il Comune di Palazzolo condannato dal Tribunale civile di Siracusa per debiti nei

confronti dell’Enel. Il debito complessivo, per varie vicende, am- monta a quasi due mi- lioni e mezzo di euro. A questa somma, che è

il debito netto nei con-

fronti dell’Enel, vanno aggiunte le spese pro- cessuali e le consulen- ze tecniche d’ufficio per la quota parte a carico del Comune, nonché le somme da calcolare per rivaluta- zione monetaria e in-

teressi. L’altra quota è

a carico dell’Enel.

Si tratta di somme re- lative a un contenzio- so che risale al periodo 1993-’95: periodo di gestione provvisoria conseguente al pas-

chiuso un contenzioso del 1993 per la illuminazione pubblica

Il Tribunale dice sì all'Enel e dà torto al Comune

Il Tribunale dice sì all'Enel e dà torto al Comune La scenogra- fica piazza del Popolo,

La scenogra- fica piazza del Popolo, cuore di Palazzolo. Al centro la monumentale basilica di San Sebastiano, di- chiarata Patri- mio Unesco. A destra l'edificio del Comune

saggio della titolarità

di impianti tra Enel e Comune. Quest’ultimo aveva, fra l’altro, con- testato anche la stima dell’Ufficio tecnico erariale, che invece il Tribunale ha ritenuto

valida. Oggetto della conte- stazione della stima dell’Ute da parte del Comune erano i cri- teri adottati dall’uffi- cio per la valutazione degl’impianti in que-

stione. Il Tribunale ha infatti ritenuto cor- retta la valutazione fatta dall’Ute facendo riferimento al “valore di costruzione dell’im- pianto opportunamen- te deprezzato”. Moti-

vazione dell’adozione

di questo criterio: la

“mancanza di scrittu- re contabili regolar- mente tenute dall’ente locale”. L’Ute aveva infatti contestato (e il Tribunale ha confer-

mato) che “non si è

potuto applicare un se- condo metodo di stima degli impianti, basato sulla capitalizzazione del reddito, in quan-

to, come comunicato

dallo stesso Comune

di Palazzolo, per la

gestione dell’impian- to, non era stata tenuta

un’apposita contabilità separata da quella del-

la gestione della intera amministrazione co- munale”. Fra l’altro “l’Ute ha considerato (e il Tri- bunale ha confermato) la situazione di vetu-

stà e il grave degrado

degl’impianti di di- stribuzione di energia

elettrica, i costi di so- stituzione e gl’inter- venti manutentivi su-

biti dagl’impianti”.

Inoltre il Tribunale ha rilevato che “il Co- mune si è limitato a

sollevare generiche doglianze” mentre l’E- nel ha esposto “invece puntuali e specifiche deduzioni”. Ha quindi dichiarato “inammis-

sibile la richiesta del Comune di rideter- minazione del valore dell’azienda elettrica municipale (trasferita all’Enel, ndr.) secondo

il criterio della capita-

lizzazione del reddi- to”. Per questi motivi il

Giudice unico ha con- dannato il Comune

a pagare quanto ri-

chiesto dall’Enel e a

suo tempo contestato. Ha inoltre dichiara-

to “compensate fra le

parti le spese proces- suali” e ha “posto i costi delle consulenze tecniche d’ufficio a carico delle parti in via solidale”. s.m.

d’ufficio a carico delle parti in via solidale”. s.m. Premio Paladino la giuria ha varato le

Premio Paladino la giuria ha varato le prime nomination

Prime nomination per

la quarantaquattresima

edizione del Premio internazionale Sicilia-Il Paladino, organizzata, come di consueto, dal patron Aldo Formosa. Le nomination sono state già esaminate dalla giuria presieduta

dal giornalista Salva- tore Maiorca e riunita in seconda sessione. Riguardano i settori del

cabaret, della lirica, del-

la musica leggera e del

giornalismo emergente. Ospite d’onore del-

la serata di consegna

dei premi sarà Tuccio

Musumeci, il popolare

attore del Teatro stabile

di Catania. E’ inoltre

prevista la partecipa- zione dello showman Francesco Scimemi E’ stata già ratificata la candidatura del “Coro

Tuccio Musumeci sarà l'ospite d'onore

del “Coro Tuccio Musumeci sarà l'ospite d'onore Tuccio Musumeci in una scena con il compianto Turi

Tuccio Musumeci in una scena con il compianto Turi Ferro

delle donne” di Mariuc-

cia Cirinnà per il settore

del canto corale. Per la lirica è stata ra- tificata la candidatura

dell’associazione “Ar- cadia”, presieduta dal tenore Benito Nastasi. Con lui saranno in scena tre cantanti lirici del

Concorso internaziona-

le mediterraneo.

Per la musica leggera è stato scelto il cantante Lillo Minniti.

Infine il premio alla carriera sarà assegnato

al giornalista Tony Zer- mo, inviato speciale de

La Sicilia.

Ancora in esame le

prime valutazioni per il giornalismo emergente.

Su indicazione di Aldo

Formosa, presidente

del premio, è stata in- dividuata una terna di giovani giornalisti. La serata di consegna

dei premi, come informa

il presidente Formosa, anche quest’anno sarà ospitata nel salone delle feste del Circolo “I Del-

fini”, in contrada Spalla.

E sarà una gran serata,

con uno spettacolo di gala la cui conduzione sarà affidata all’attrice Giuliana Accolla. Il service sarà curato da

Paolo Greco. Il regista delle riprese televisive sarà Luigi Bianca. s.m.

14

14 18 GiuGno 2014, Mercoledì Vittoria: Nonostante il tentativo di “squagliarsela” i due individui sono stati

18 GiuGno 2014, Mercoledì

Vittoria: Nonostante il tentativo di “squagliarsela” i due individui sono stati acciuffati dai Carabinieri, che hanno anche provveduto al sequestro della “Neve”.

Cronaca: In fuga in BMW con le dosi di cocaina a bordo

Cronaca: In fuga in BMW con le dosi di cocaina a bordo Sopra, la cocaina sequestrata

Sopra, la cocaina sequestrata dal Carabinieri.

Continua senza sosta e con maggiore intensità l’attività di contrasto allo spaccio di so- stanze stupefacenti ad opera dei Carabinieri della Compagnia di

Vittoria. Dopo gli arresti dei fra- telli niscemesi Sentina trovati in possesso di oltre mezzo chilo di marijuana nel pomeriggio di sa- bato appena trascorso, nella se- rata di ieri, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Vittoria intercet- tavano sullo Stradale per Forco- ne una Bmw Serie 1 con a bordo dei giovani vittoriese che, alla vista dei militari tentavano di darsi alla fuga, venendo pronta- mente raggiunti dagli stessi, che li sottoponevano ad approfondi- to controllo. Nel corso della per- quisizione personale e veicolare veniva rinvenuta una bustina

in plastica contenente sostanza

stupefacente del tipo “cocaina” per un peso complessivo di gr.

10 (dieci) circa, occultata in uno squarcio praticato nel sedile lato guida.

A seguito della loro condotta,

i giovani identificati in Gali-

fi Giuseppe, vittoriese classe

1990, ivi residente, celibe, di- soccupato, già denunciato dal-

zioni. La droga veniva posta in sequestro e trasmessa al Labora- torio Sanita’ Pubblica di Ragusa per gli esami chimici analitici. Complessivamente, con l’attivi- tà odierna salgono a 29 le per- sone tratte in arresto nell’anno 2014, nell’ambito della “lotta alla droga” nella giurisdizione della Compagnia di Vittoria. Il dato preoccupante dell’ope- razione è la ricomparsa della “cocaina” sul mercato ipparino. I costi della cocaina variano di nazione in nazione, di città in città. La cocaina può costare un dollaro al grammo nel suo pae- se di origine (Colombia e Boli- via) e il prezzo raddoppiare ad ogni dogana superata. Secondo recenti stime, in Italia, il costo medio della cocaina al gram- mo si aggira intorno ai 65 euro al consumatore, mentre un Kg all'ingrosso si aggira intorno ai 33mila euro. Seppur negli ultimi anni si è registrato un calo verti- ginoso del costo della cocaina in quanto i clan organizzati la pre-

feriscono all'eroina, nel merca-

to ipparino può essere venduta anche 100 euro al grammo, non essendo facile da reperire. La cocaina al dettaglio solitamente

stica contenente la cocaina. La cocaina è una sostanza semi-

sintetica eccitante che si ricava

da una pianta che in botanica

viene chiamata Erythroxylon Coca. Tale pianta cresce pre- valentemente nelle regioni Sud Americane vicine alle Ande e all'Amazzonia. I principali paesi che producono la cocai- na sono Bolivia e Colombia. Originariamente le foglie della pianta della cocaina venivano masticate per via delle pro- prietà stimolanti che permette-

vano di sostenere sforzi fisici

e mentali decisamente oltre la

normalità. Questa usanza è sta- ta tramandata dal popolo degli

Incas, diverse migliaia di anni

or sono. La pianta della cocai- na sopravvive esclusivamente

in alcuni tipi di ambienti che

godono di una temperatura e

grado di umidità favorevoli. Le foglie della pianta di cocaina contengono una percentuale di principio attivo molto basso, che non supera neanche l'1%.

Il processo chimico che sin-

tetizza la cocaina è chiamato

raffinazione e consiste in diver-

se fasi e processi chimici. Per

ovvie ragioni la coltivazione di Erythroxylon Coca è proibita

in tutto il mondo ma è anche

vero che intere nazioni basano

la loro economia sulla produ-

zione di pianta della cocaina e sulla vendita del suo ricavato. Una caratteristica della cocai-

na è che non esiste un dosaggio

"standard" al quale il consuma- tore si abitua. La cocaina può essere usata quotidianamente

in piccole quantità o una o due volte alla settimana in gran-

di quantità o anche in grandi

quantità tutti i giorni. Il dosag- gio è soggettivo e può cambia- re nel tempo. Naturalmente alti dosaggi usati frequentemente portano velocemente al tracollo finanziario, alla perdita del la- voro, alla fine di un matrimonio

le

na Salvatore, vittoriese classe

forze dell’Ordine e La Per-

ove venivano tratti in arresto per

viene venduta in dosi che posso- no andare da 0,2 gr a 5 gr. Come

spesso alla morte. Per questi motivi una dipendenza è spes-

e

1991, ivi residente, coniugato,

in ogni mercato generalmente il

so

fatta di alti e bassi, periodi

venditore ambulante, anch’e-

prezzo della cocaina diminuisce

in

cui si abusa di più e perio-

gli già denunciato dalle forze

con l'aumentare della quantità

di

in cui si cerca di trattenersi.

dell’Ordine, venivano accom- pagnati presso la sede del Co- mando Compagnia di Vittoria,

acquistata. La cocaina viene venduta in confezioni di plastica termo sal- date o in buste di carta o carta

Questo è fuorviante in quanto il consumatore inizialmente ha la sensazione di avere il controllo della cocaina e della sua vita.

il

reato di detenzione ai fini di

stagnola. Spesso la confezione

Va

precisato che questa è solo

spaccio di sostanze stupefacenti

consiste in una pallina multi-

una sensazione e che ben pre-

e, al termine delle formalità di

rito, sottoposti agli arresti domi- ciliari presso le rispettive abita-

strato che è fatta di uno strato di plastica, uno di carta assorbente e l'ultimo verso l'interno di pla-

sto è la cocaina a comandare ed

a trascinare il consumatore in

una sicura spirale discendente.

Cronaca:agriturismo da mille euro al mese in nero percittadinirumeni

da mille euro al mese in nero percittadinirumeni I Carabinieri delle Stazione di Acate, al termine

I Carabinieri delle Stazione di

Acate, al termine di un’ attività di

controllo, effettuata con l’ausilio della Polizia Municipale di Acate, l’Ufficio tecnico e i Servizi Socia-

li comunali nonché dell’Azienda

Sanitaria Provinciale, all’interno

di alcuni casolari di un ex agri-

turismo, oggi in liquidazione, siti

in quella Contrada Piano Colla,

hanno segnalato alla Procura della Repubblica di Ragusa il

proprietario della struttura, ori- ginario di Palermo, incensurato, ritenuto responsabile di aver dato ospitalità a complessivi 63 citta-

dini rumeni, di cui 18 minorenni nelle citate strutture, omettendo

di darne comunicazione all’Au-

torità di Pubblica Sicurezza e percependo in nero circa mille euro mensili, senza alcune regi-

strazione di regolare contratto di affitto ed un rumeno, classe 1974, incensurato, residente ad Aca-

te, poiché individuato quale c.d.

“caporale” dei propri conna-

zionali. Nel corso del controllo,

i militari hanno proceduto all’i-

dentificazione di tutti i presenti

suddivisi per gruppi familiari, tra cui donne e bambini. Veniva ac- certato che la situazione igenico- sanitaria dei luoghi era pessima.

I casolari si presentavano privi di

servizi igenici al loro interno, con

la

presenza all’esterno di struttu-

re

fatiscenti in legno e plastica

utilizzate quali bagni, delle sorti

di latrine, con evidenti tracce di

escrementi, con presenza di mo-

sche, zanzare ed altri insetti. La struttura risultava inadeguata

a

contenere un così alto numero

di

persone e quindi sovraffolla-

ta. Per il futuro, questo tipo di controlli continueranno senza so-

sta, al fine di infrenare il sorgere

sempre più frequente di abitazio-

ni improvvisate nelle aree rurali

della giurisdizione, ove il rischio

di contrarre malattie ed epidemie

è all’ordine del giorno, soprat-

tutto per le fasce più deboli qua-

li donne e bambini. Al termine

dell’attività ispettiva, ogni ente intervenuto adotterà i provvedi-

menti più idonei per ripristinare

la situazione, a tutela principal-

mente dei dimoranti stessi.

situazione, a tutela principal- mente dei dimoranti stessi. SPORT Siracusa il Siracusa e le leggende metropolitane

SPORT Siracusa il Siracusa e le leggende metropolitane

18 GiuGno 2014, Mercoledì

Crescono come funghi in mancanza di fonti di notizie certe o comunque attendibili

15

La prima ci condurrebbe ad un emiro, l’altra ad una squadra di impronta“brasilera”

Il

mare di incertezza

in

cui naviga di que-

sti

tempi il Siracusa

fa

nascere vere e pro-

prie leggende metro- politane destinate a

durare lo spazio di un mattino e che ripor- tiamo al solo scopo di consentire al lettore

di farci sopra una so-

lenne risata. La prima di queste

leggende conduce ad un misterioso emi-

ro

che in occasione

di

una sua prossima

venuta a Siracusa con tanto di lussuoso yacht e di numeroso seguito di mogli e dignitari vari , desti- nerebbe qualche spic- ciolo del suo fornitis- simo portafoglio ad un’idea che accarez- zerebbe da tempo e cioè quella di partire alla conquista di po- sizioni di privilegio nel calcio italiano cominciando da una società di modeste dimensioni. Pensa al

cominciando da una società di modeste dimensioni. Pensa al Siracusa? Chissà chi lo sa ! L’altra

Siracusa? Chissà chi lo sa ! L’altra leggenda che circola con maggiore insistenza è quella di un prossimo Siracusa “brasilero” grazie all’inserimento di un quartetto di giovanis- simi giocatori brasi- liani disposti ad ini- ziare dall’eccellenza

la loro esperienza italiana. Possibile? Troppa grazia…! L’ultima delle leggen-

de , di tutte la più cre- dibile, sarebbe quella

di un’interscambio

fra il Siracusa che

verrà fuori dalla con-

fusa situazione attua-

le e il club maltese del Vittoriosa che ha

come direttore sporti- vo l’ex attaccante az- zurro Vincenzo Cosa. Ma come nasce una leggenda metropo- litana su una società di calcio? Nasce so- prattutto grazie alla fantasia di chi la met- te in giro ed è desti- nata ad esaurirsi nel giro di poche ore , ac-

compagnata magari da una sonora risata. Ma nasce soprattut- to quando le notizie certe scarseggiano e sul Siracusa di questi tempi c’è quasi una gara per rendere la sua situazione quanto più ingarbugliata. Una gara alla quale con- tribuisce fattivamente la mancanza di una segreteria efficiente anche se lo Sporting Club al momento del- la sua presentazione ai tifosi e alla stam- pa disponeva di una segreteria affidata a Paolo Bonaiuto che pochi giorni dopo se ne tornò a Palazzolo. D’allora, per chi fa il nostro lavoro , non è stato facile procurarci le notizie e la speran- za è che chiarito final- mente cosa il Siracusa voglia fare da gran- de, questa lacuna sia colmata . Con buona pace di tutti. Armando Galea

Pallavolo femminile. Holimpia e Unicef insieme nel segno della solidarietà

Un anno nel segno dell’Unicef. Il presidente dell’Holimpia Siracusa, Carmelo Messina, ha incontrato ieri pomeriggio la responsabile provinciale professoressa Carmela Pace.

Insieme a lui le bambine e le ragazze del settore minivol- ley, alle quali è stato consegnato un salvadanaio. “Quan-

do potete – ha detto Carmela Pace – inserite qualche spic-

colo, pensando ai tanti bambini meno fortunati di voi nel mondo. Anche pochi soldi possono contribuire a sfamare

tanti piccole creature malnutrite”. E a proposito di gesti di solidarietà, il presidente Messina ha donato un contributo all’Unicef. “Facciamo quel poco che siamo in grado di fare

con le nostre forze. Vogliamo radicarci sempre di più nel

territorio – ha detto – aiutando le organizzazioni caritative. L’Holimpia è molto impegnata nel sociale e lo dimostra con

atti concreti. Lo scorso dicembre, in occasione della partita

casalinga contro il Vittoria, abbiamo raccolto fondi che poi abbiamo destinato a Telethon”. “L’Holimpia – ha aggiunto la professoressa Pace – è stata l’unica società sportiva siracusana ad aiutarci, sponsoriz- zando in maniera assolutamente gratuita le nostre iniziative

sociali. Ringrazio il presidente Messina e tutto il suo staff

per averci sempre appoggiato.

Lo sport è anche questo e noi siamo fieri di aver collaborato quest’anno con l’Holimpia. Ripeteremo questa esperienza anche nella prossima stagione”.

fieri di aver collaborato quest’anno con l’Holimpia. Ripeteremo questa esperienza anche nella prossima stagione”.

16

16 18 GiuGno 2014, Mercoledì Calcio serie D. Ecco il tabellone completo delle aventi diritto, in

18 GiuGno 2014, Mercoledì

Calcio serie D. Ecco il tabellone completo delle aventi diritto, in lista anche il Noto

Con le finali degli spa- reggi play off naziona-

li di Eccellenza gioca-

te ieri, si è completato

il quadro del tabellone

delle squadre che han- no diritto a partecipare alla prossima Serie D 2014-2015. Sono 171 i club che hanno diritto all'iscrizione al mas- simo campionato di- lettantistico nazionale della stagione spor- tiv ache comincerà il prossimo 7 settembre. Questo ovviamente al netto di ripescaggi in Lega Pro, fusioni, fallimenti o mancate iscrizioni. Certo è che ora ci sono ben nove squadre in soprannu- mero rispetto alle 162, 18 per ognuno degli attuali nove gironi, che prevede l'attua- le format della Lega Nazionale Dilettanti. Stando così le cose sembra oggettivamen- te difficile prevedere dei ripescaggi dall'Ec- cellenza alla Serie D, dovrebbero liberarsi più di dieci posti per poter effettuare un

solo ripescaggio. Pur

vero è che l'estate che

ci attende sembra es-

sere davvero calda e

quindi tutto può acca- rede.

La regione più rappre-

sentata nella prossima

Serie D, restando così

le cose, sarà la Lom-

bardia con 19 club, se- guono Veneto con 17 e e Campania con 16,

un gradino sotto il La-

zio con 15. Riportia- mo di seguito regione per regione il quadro attuale. Abruzzo: Amiterni- na, Celano, Chieti, Giulianova e San Ni- colò:

Basilicata: Francavil- la e Rossoblù Potenza Calabria: Compren- sorio Montalto, Hin- terreggio, Nuova Gio- iese, Rende, Roccella Campania: Agropo- li, Arzanese, Aver- sa Normanna, Bat- tipagliese, Cavese, Gelbison, Mariano Keller, Neapolis Mu- gnano (Ex Turris), Nerostellati Frattese, Polisportiva Sarnese,

Progreditur Marcia- nise, Pomigliano, Pu- teolana Internapoli, Sorrento, Torrecuso e Virtus Scafatese Emilia Romagna:

Bellaria, Correggese, Fidenza, Fiorenzuola, Formigine, Imolese, Mezzolara, Piacenza, Ribelle, Rimini, Ro- magna Centro e Virtus Castelfranco

Friuli Venezia Giulia:

Fontanafredda, NK Kras Repen, Sacilese, Tamai e Unione Trie- stina Lazio: Anziolavi- nio, Aprilia, Astrea, Cynthia, Flaminia Ci- vita Castellana, Fondi, Giada Maccarese, Iso- la Liri, Lupa Castelli Romani, Ostia Mare, Palestrina, San Cesa- reo, Sora, Terracina e Viterbese. Liguria: Argentina, Chiavari, Lavagnese, RapalloBogliasco, Se- stri Levante e Vado Lombardia: Atletico Montichiari, Aurora Seriate, Caravaggio, Caronnese, Castella- na, Castiglione, Ci-

liverghe, Ciserano, Folgore Caratese, In- veruno, Lecco, Ma- pelloBonate, Olgina- tese, OltrepoVoghera, Pergolettese, Pontiso- la, Pro Sesto, Sanco- lombano e Seregno. Marche: Alma Ju- ventus Fano, Castel- fidardo, Civitanove- se, Fermana, Jesina, Maceratese, Matelica, Recanatese, Sambe- nedettese e Vis Pesa- ro. Molise: Campobasso, Olympia Agnonese e Termoli. Piemonte: Acqui, Asti, Borgomane- ro, Borgosesia, Bra, Chieri, Cuneo, Der- thona, Novese, Pro Settimo & Eureka e Sporting Bellinzago Puglia: Bisceglie, Brindisi, Fidelis An- dria, Gallipoli, Grot- taglie, Manfredonia, Martina Franca, Mo- nopoli, San Severo e Taranto Sardegna: Budoni, Olbia, Nuorese, Selar- gius e Torres. Sicilia: Akragas, Due

Torri, Leonfortese, Noto, Orlandina e Ti- ger Brolo Toscana: Arezzo, For- tis Juventus, Scandic- ci, Olimpia Colligia- na, Sansepolcro, Jolly e Montemurlo, Pog- gibonsi, Gavorrano, Ponsacco, San Donato Tavarnelle, San Gio- vanni Valdarno, Mas- sese, Pianese Trentino Alto Adige:

Dro, Mori Santo Ste- fano, Mezzocorona Umbria: Bastia, Ca- stel Rigone, Gualdo

Casacastalda, Foligno, Trestina, Voluntas Spoleto e Villabiagio Valle d'Aosta: Vallée d'Aoste Veneto: Abano, Arzi- gnanoChiampo, Bel- luno, Delta Porto Tol- le, Este, Clodiense, Giorgione, Legnago, Marano, Montebellu- na, San Paolo Padova, Thermal Abano Cec- cato, Trissino Valda- gno, Union Pro, Union Ripa La Fenadora, Villafranca Veronese

e Virtus Vecomp Ve - rona.

pallamano a1/M. Laudani confermato presidente dell'albatro

Si è svolta l’assemblea dei soci della Associazione sportiva Albatro con la conferma del Presidente Vito Laudani e con la rielezione nel direttivo anche di Placido Villari come vicepre- sidente, Giacomo Corsico, segretario e i consiglieri Giuseppe Vinci e Marco Bellavia. L’Albatro si prepara così al nuovo quadriennio e conferma Giuseppe Vinci come General Manager e responsabile tecni- co delle squadre e della scuola giovanile di Pallamano, accan- to a Placido Villari e Giacomo Corsico si affianca Masso Can- to e dirigente di segreteria viene confermata Angela Drago. Nello staff tecnico riconfermati Francesco Rosapinta, An- drea Cuzzupè, Salvo Signorelli e Angelo Bufardeci, mentre i nuovi innesti tecnici saranno rappresentati da Piero Ragusa, Sergio Prestia, Angelo Mincella e Luciano Brancaforte che la settimana scorsa hanno concluso il corso di allenatore di primo livello. Soddisfazione viene espressa dal riconfermato presiden- te Vito Laudani che nel ringraziare della rinnovata fiducia dell’assemblea conferma la politica di rilancio della nuova fase della associazione che ha ormai consolidato la propria posizione nel panorama sociale e sportivo di Siracusa e ma- nifesta grande fiducia del proprio staff tecnico - dirigenziale per poter affrontare un prossimo quadriennio di soddisfazioni e successi.

Interessi correlati