Sei sulla pagina 1di 14

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI TORINO

SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTA’ IN SCIENZE MOTORIE

Analisi della potenza


aerobica tramite un test
a navetta e un test di
corsa lineare

RELATORE: Prof. Moisè Paolo CANDIDATO: Olivero Giulia

ANNO ACCADEMICO 2004 - 2005


Scopo:
Lo scopo di questo lavoro è stato verificare la
presenza di eventuali correlazioni fra un test
di corsa continua, quale il test di Cooper, e
uno di corsa a navetta, quale il test di Léger,
nonché evidenziare se vi sono differenze nella
valutazione tra i due.
TEST PER LA VALUTAZIONE DELLA
POTENZA AEROBICA:

• IN MODO DIRETTO: in laboratorio, con la


rilevazione di gas respiratori prodotti eseguendo
sforzi massimali;

• IN MODO INDIRETTO: sono i cosiddetti test da


campo, metodiche di valutazione funzionale più
semplici e veloci, si effettuano sul campo di gara o
comunque utilizzando esercizi molto simili a quelli
cui l’ atleta è abituato.(es. test di Conconi, test di
Gacon, test di Elenkov, Yo-Yo test, test di Cooper, test
di Léger).
SOGGETTI:
un gruppo di 45 allievi (9 femmine e 36 maschi)
dell’ istituto superiore
ITIS “Del Pozzo” di Cuneo
MISURE ANTROPOMETRICHE DEL GRUPPO:

DEVIAZIONE VALORE VALORE


MEDIA
STANDARD MASSIMO MINIMO
ANNI 17,04 ± 1,08 19 16
ALTEZZA 1,75 m ± 0,07 1,97 m 1,57 m
PESO 61,40 kg ± 8,45 84 kg 45 kg
ATTIVITA’ SPORTIVA DEL GRUPPO AL DI FUORI DI QUELLA
SCOLASTICA:

SPORT PRATICATI
51% 5% 5%
49%
5%
5%

1 NO
5%
49%
2 SI’
13%

8%
Gli allievi analizzati, nel complesso, 1 calcio
5%
dimostrano di poco una 2
3
basket
pallavolo
percentuale positiva rispetto all’ 4 tennis

attività sportiva al di fuori della 5 motocross


arrampicata
6
scuola, con una netta prevalenza 7 karate

per gli sport di squadra (calcio, 8 judo

pallavolo e basket). 9 arti marziali


Test di Cooper
Gli allievi sono stati portati al campo scuola “Walter Merlo”,
dove c’ è una pista d’ atletica regolare di 400m e, divisi in
gruppi, sono stati fatti correre per 12’.
Allo scadere del 12° minuto, gli atleti sono stati informati da
un segnale acustico e si sono fermati sul posto.
DEVIAZIONE VALORE VALORE
MEDIA
STANDARD MASSIMO MINIMO

FEMMINE 1913 m ± 0,21 2280 m 1700 m

MASCHI 2579 m ± 0,27 3030 m 1960 m

GRUPPO 2449 m ± 0,37 3030 m 1700 m


Test di leger
Questo test è stato svolto in palestra, dove è stato possibile tracciare
due linee a distanza 20 m l’una dall’ altra e dove è possibile sentire
in modo chiaro il “beep” del dettato sonoro.
I soggetti hanno fatto la spola tra le due linee, ad andature
crescenti imposte dal registratore(da una velocità di partenza di 8,5
km/h, con incremento di 0,5 km/h al minuto).
Il test è terminato quando l’ individuo non è più stato in grado di
sincronizzare la sua andatura con quella dell’ avvisatore acustico.
DEVIAZ VALORE VALORE
MEDIA
STANDARD MASSIMO MINIMO
FEMMINE 10,50 km/h ± 0,82 13,5 km/h 8,5 km/h

MASCHI 12,66 km/h ± 0,98 14,5 km7h 10,0 km/h

GRUPPO 12,23 km/h ± 1,29 14,5 km/h 8,5 km/h


CALCOLO DEL VO2MAX:
• Per il TEST DI COOPER si è registrata la distanza
percorsa dall’ allievo nei 12’, data dal numero
completo di giri percorsi, più quella del giro
parziale, per cui per il calcolo del VO2max ho
utilizzato la formula:
VO2max= 22,351 x distanza percorsa(km) – 11,288

• Per il TETS DI LEGER si è registrata la velocità


raggiunta nell’ ultimo periodo completato, per cui
per il calcolo del VO2max abbiamo utilizzato la
formula:
VO2max= 5,857 x velocità(km/h) – 19,458
VO2MAX TEST DI COOPER
VALORE VALORE DEVIAZIONE
MEDIA
MASSIMO MINIMO STANDARD
FEMMINE 39,6 26,7 31,64 4,68

MASCHI 56,4 30,1 46,61 6,13

GRUPPO 56,4 26,7 43,61 8,40

VO2MAX TEST DI LEGER


VALORE VALORE DEVIAZIONE
MEDIA
MASSIMO MINIMO STANDARD

FEMMINE 59,6 30,3 43,62 7,62

MASCHI 65,4 39,1 54,67 5,77

GRUPPO 65,4 30,3 52,46 7,55


RAPPORTO TRA LE VELOCITA’ RAGGIUNTE NEI
DUE TEST:
VELOCITA’ VELOCITA’
TEST DI TEST DI
COOPER LEGER Le velocità
1 12,7 km/h 11,5 km/h raggiunte nel test di
2 12,3 km/h 11.0 km/h
Cooper sono
3 14,0 km/h 13,5 km/h
4 15,5 km/h 14,5 km/h
maggiori rispetto a
5 14,7 km/h 13,0 km/h quelle del test di
6 15,1 km/h 14,5 km/h Léger.
7 14,5 km/h 14,0 km/h
8 14,9 km/h 14.0 km/h
9 14,3 km/h 12,5 km/h
10 14,1 km/h 12,0 km/h
CORRELAZIONE TRA I RISULTATI DI VO2 max
ottenuti con il test di Cooper e con il test di Léger

70
60
50

test di Lége 40
30
20

10
0
0 10 20 30 40 50 60
test di Cooper
R = 0,81 P < 0,001

Il risultato ottenuto è di r = 0,81, un numero positivo, maggiore di 0, il


che dimostra che vi è una correlazione diretta (P<0,001), ossia che ad
un aumento dei valori nel test di Cooper, corrisponde un aumento nel
test di Léger e viceversa, al diminuire di uno, diminuisce l’altro.
CORRELAZIONE TRA I METRI PERCORSI
con il test di Cooper e con il test di Léger

2500

2000

Test di Lége
1500

1000

500

0
0 500 1000 1500 2000 2500 3000 3500
Test di Cooper

R = 0,82 P<0,001

Il grafico è costruito nello stesso modo del precedente, ed


anche in questo caso r è un numero positivo, maggiore
di 0 (r=0,82), perciò vi è correlazione diretta.
Conclusioni:

•I due test sono altamente correlati, con


R = 0,81 per P < 0,001.
•Un test a navetta permette di raggiungere
un VO max più elevato, rispetto a un test di
2

corsa continua;
Al fine di questa ricerca sarebbe stato anche
interessante poter svolgere anche l’Intermittent
Endurance Test, per relazionare il test di corsa
continua di Cooper e quello a navetta di Léger con
un terzo sempre a navetta con periodi di recupero.

E’ proprio negli ultimi tempi che accanto ai


tradizionali test sono affiancati, soprattutto nella
preparazione d’inizio stagione, questi test.
Non si tratta di opporre il lavoro intermittente a
quello continuo, ma conoscere le rispettive
caratteristiche per meglio combinarle e utilizzarle.