Sei sulla pagina 1di 26

II T

TEESST
TDDII V
VAAL
LUUT
TAAZ
ZIIO
ONNEEDDE EL
LLLE ECCA
APPAACCIIT
TAA
M
MO OTTOOR
RIIE
EE EDDE
ELLL
LEEAABBIIL
LIIT
TAA’’ T
TEEC
CNNIIC
CHHEE
Ogni attività lavorativa, quando viene svolta coscienziosamente, necessita dei termini di
confronto che evidenzino la bontà e l’efficacia del lavoro svolto.
Fondamentale per chi effettua una prestazione è la valutazione della stessa, sia in termini di
confronto con le proprie prestazioni precedenti, sia come confronto con le altre realtà che
esercitano la stessa attività.
L’istruttore di giovani calciatori, nello svolgimento delle sue mansioni di formatore e
perfezionatore dello sviluppo motorio e delle abilità tecniche calcistiche dei propri allievi, a
mio avviso, deve necessariamente inserire nella propria programmazione annuale dei punti di
controllo e valutazione della propria attività che esulano dai risultati delle gare di campionato.
Sia perché queste non possono essere l’unico parametro di valutazione del proprio lavoro, sia
per poter avere, anno dopo anno, dei parametri di valutazione dello sviluppo atletico e tecnico
dei propri atleti. Il confronto con le prestazioni precedenti e con le medie a livello nazionale
forniscono anche una base oggettiva per valutare il livello raggiunto sia singolarmente dai vari
ragazzi che quello medio del gruppo: usando un paragone automobilistico sono solito dire che
se un pilota guida la Ferrari ed arriva terzo ha sbagliato qualcosa, se guida la Minardi ed
arriva quarto ha fatto un miracolo.
Nelle schede di valutazione dei propri atleti che molti allenatori compilano entrano molte
valutazione soggettive: asserire che il proprio attaccante ha un calcio molto potente, è carente
nel colpo di testa ed ha una bella visione di gioco è elencare una serie di doti evidenti ma
frutto di valutazione soggettiva, e come tali, non possono avere valore assoluto.
I test di valutazione delle abilità motorie e di quelle tecniche possono invece dare indicazioni
più obiettive, facilmente verificabili e interpretabili soprattutto in relazione alla attività delle
scuole calcio.
Questa fonte di informazioni di natura scientifica diventa pertanto una delle basi per la
programmazione delle attività del singolo ragazzo e di tutto il gruppo dei bambini a
disposizione dell’Istruttore: il fatto di avere a disposizione una verifica attendibile ed obiettiva
mette quest’ultimo in condizione di quantificare gli interventi didattici, i mezzi da utilizzare e
gli esercizi da svolgere in funzione degli obiettivi da raggiungere.
Questo sia come individuazione degli obiettivi di lungo periodo sia come programmazione
delle tappe intermedie per raggiungere gli obiettivi stessi.
Se il rilevamento singolo può avere un significato relativo, l’andamento nel lungo periodo
dell’anno o ancora meglio negli anni, indica con buona precisione quelle che sono le capacità
motorie e le abilità tecniche del singolo allievo
Il confronto dei dati con l’utilizzo dei valori statistici della media aritmetica, della deviazione
standard e il calcolo dei percentili fornisce un quadro ben dettagliato, dove la singola
valutazione viene confrontata con le precedenti, con quelle dei compagni e con le varie medie
fornite dalle statistiche nazionali .
Questa sopra asserito è possibile e veritiero solo se i test di rilevazione mantengono le
caratteristiche fondamentali, che sono :
Validità: intesa come espressione della concordanza, esprimibile numericamente, tra il
risultato della misura da noi eseguita e la relativa misura reale.
Riproducibilità: come concordanza tra misure ripetute dello stesso gesto sportivo. La
riproducibilità è indice della precisione della metodica di rilevamento: misurando, cioè, più
volte la stessa prestazione nelle medesime condizioni un test dovrebbe in teoria dare sempre
lo stesso risultato. Riproducibilità e validità del un test sono due caratteristiche indipendenti,
garanzia primaria della affidabilità del nostro sistema di valutazione.
Attendibilità: nella pratica si fa generalmente riferimento a parametri fisiologici standard: nel
nostro caso vengono raggruppate classi di età anno per anno, considerando l’età della scuola
calcio compresa tra gli 8 ed 13 anni. Questo compromesso se da una parte non permette di
tenere conto della stretta individualità di ciascun valore consente di limitare i valori da
considerare nei parametri di valutazione complessiva. Sei mesi di crescita, soprattutto nelle
fasce di età da noi considerate possono creare differenza di prestazioni anche abbastanza
importanti: a questo però viene in ausilio la valutazione pluriennale dei vari test.
Obiettività: si è fin qui considerata la bontà interna del test ma è chiaro che, per quanto
valido e attendibile sia un test, la sua utilità può essere seriamente messa in dubbio se esso
non si presta a essere applicato e interpretato sempre nello stesso modo, sia da più osservatori,
che dallo stesso osservatore. Ciò è ancora più importante se si pensa ai «test da campo», che
vengono eseguiti in condizioni non sempre del tutto neutre e ottimali quali quelle di una
palestra o un laboratorio. L'obiettività può essere meno importante se l'osservatore che valuta i
soggetti è sempre lo stesso e ripete sempre i medesimi errori e nello stesso senso, sia nel far
eseguire un test che nel valutarne i risultati (errore di tipo sistematico). Il problema può
sorgere quando un atleta viene testato nel tempo da osservatori diversi o quando gli scarti di
un osservatore nella valutazione sono quantitativamente diversi, a volte in un senso e a volte
in un altro.
Protocollo di esecuzione: è la specifica procedura che si è scelta per testare una certa
caratteristica in un atleta di una certa disciplina. Il protocollo indica, quindi, tutti i tempi e le
modalità da rispettare affinché un test, valido, attendibile e obiettivo, e di conseguenza possa
dare dei risultati validi, attendibili, obiettivi. È quindi essenziale che la stesura di un
protocollo sia il più esauriente possibile. Pertanto, anche il protocollo di un test, come la
tecnica, deve essere comprensibile, rigido, standardizzato e ripetibile, al fine evitare
interpretazioni personali o modalità esecutive variabili che possano inficiarne i risultati.

In sintesi ecco alcune regole pratiche alle quali sarebbe opportuno attenersi nella esecuzione
dei vari test per garantirne la loro regolarità:
 Eseguire i vari test in una singola seduta, ad eccezione della prova di resistenza, alla
quale si può dedicare una seduta specifica
 Spiegare e sincerarsi della comprensione da parte dei ragazzi sulle motivazioni per le
quali si effettuano i test e sulle loro modalità di svolgimento
 Incoraggiare e motivare i ragazzi durante l’esecuzione delle varie prove
 Eseguire i test sulla stessa superficie di svolgimento (terra battuta, erba naturale o
sintetica, ecc) e possibilmente con condizioni atmosferiche di tempo buono,
compatibilmente col periodo di esecuzione
 Effettuare prima dell’esecuzione dei test di un riscaldamento normale, come per ogni
allenamento e poi eseguire anche alcune prove oggetto di test come esercitazione.

I TEST DA SVOLGERE
I numero dei test di valutazione a disposizione degli istruttori di tutte le discipline sportive è
molto elevato: la griglia di valutazione proposta si rivolge, per esperienza personale, ad una
squadra dilettantistica ed ad una fascia di età compresa tra i 10 ed i 14 anni: orientativamente
perciò nella fascia che va dall’ultima annata della categoria pulcini alle annate dei
giovanissimi passando per la categoria esordienti.
Per prima cosa è bene eseguire i rilievi antropometrici sul ragazzo, con le misure
dell’altezza, del peso e della circonferenza toracica.
I test di valutazione sportiva che negli anni di attività ho effettuato interessano le seguenti
capacità motorie:
Resistenza – Test di ½ Cooper – Cooper 12 minuti
Rapidità motoria – Velocità 50 metri
Resistenza alla velocità – Navetta 5x5
Forza rapida arti inferiori – Salto in lungo da fermo
Mobilità articolare del rachide
Capacità coordinative speciali – Equilibrio
Abilità calcistiche specifiche

LA LETTURA DEI RISULTATI DEI TEST


Dopo l’esecuzione dei test diventa importante la loro trascrizione e lettura in funzione delle
indicazioni che questi possono fornire all’istruttore in ausilio al suo lavoro.
La creazione di tabelle statistiche di confronto fornisce una visione sinottica sia delle
prestazioni di ciascun ragazzo che di quelle di confronto a livello nazionale. E’ importante
anche il confronto con le annate precedenti o con i gruppi di lavoro vicini, in quanto fornisce
anche un quadro della realtà locale del movimento sportivo.
Queste tabelle oltre che a livello del singolo, individuano anche le capacità collettive del
gruppo.
Il mio modo di classificazione prevede un quadro di raccolta dei dati per ogni singola seduta
di test, con a fianco di ogni risultato ottenuto dall’allievo le misure realizzate nelle prove
precedenti e la compilazione statistica di un quadro di insieme dove vengono effettuate le
valutazioni statistiche del gruppo.
I valori di ogni ragazzo vengono poi inseriti in una scheda personale insieme agli altri
rilevamenti effettuati nella stagione, come le presenze agli allenamenti, alle gare, i minuti
giocati e le prestazioni effettuate in gara, copia della quale viene consegnata i genitori a
chiusura della stagione agonistica.
La classificazione avviene con i parametri della media aritmetica, del calcolo dello scarto
quadratico medio e della deviazione standard dei risultati rispetto al valor medio: queste
elaborazioni statistiche consentono il calcolo dei risultati in percentili.
Un ragazzo che si colloca al 25° percentile vuol dire che su cento ragazzi della sua età 24
ragazzi hanno fatto peggio di lui e 75 hanno fatto meglio, pertanto è da considerare
abbastanza carente nella capacità sotto osservazione. Questi confronti possono essere relativi,
se la misura ottenuta nel test viene confrontata con i compagni di squadra oppure assoluti se la
misura viene confrontata con le medie nazionali fornite dai database .
Negli allegati che seguono ho inserito le schede che sono solito compilare per la valutazione
della singola batteria di test (scheda n° 1), per il prospetto sinottico dei dati annuali o
pluriennali (scheda n° 2) e della scheda annuale di report della attività svolte (scheda n° 3).
      
TEST DI VALUTAZIONE ANTROPOMETRICA - FISICA
Società: DLF - Le Giraffe Categoria: Esordienti 97
(10 x 5 mt.) (50 mt.)
Data di Antropometrici Navetta 1/2 Cooper Lungo Flessibiltà Velocità Età
Cognome e nome
nascita A ltezza %le_R %le_A P eso RA NGE VA L Torace Test %le_R %le_A Test %le_R %le_A Test %le_R %le_A Test %le_R %le_A

Progr.
A nni M esi

1 146 40 45 51,5 30,4 43,6 OV 80 19,2 80 85 1250 80 65 150 55 20 9,4 30 30 12 3


2 150 65 60 47,8 33,4 46,7 OV 78 19,0 85 85 1200 45 55 148 50 20 8,6 80 50 11 11
3 150 65 60 45,2 33,4 46,7 +3 79 19,8 55 85 1204 45 55 146 40 15 9,2 40 35 11 8
4 148 50 50 44,2 31,9 45,1 +3 75 21,0 15 80 1175 25 25 142 30 15 9,2 40 35 12 1
5 168 +95 +95 56,2 51,3 63,0 OK 81 21,3 10 80 1225 60 60 164 90 40 8,8 70 45 12 4
6 147 45 45 36,6 31,1 44,4 OK 69 19,1 80 85 1225 60 60 147 45 15 9,6 20 25 11 6
7 146 40 45 46,6 30,4 43,6 OV 80 19,6 65 85 1200 45 55 138 20 10 9,5 25 25 12 3
8 142 20 30 34,4 27,6 40,8 +1 65 18,9 90 90 1320 +95 80 140 25 10 9,1 50 40 11 7
9 141 20 30 33,6 27,0 40,1 +1 68 19,6 70 85 1200 45 55 167 +95 50 8,3 90 55 12 4
10 144 30 35 40,6 29,0 42,2 +3 76 21,6 -5 80 1175 25 45 133 15 10 10,2 -5 10 11 10
11 149 55 55 39,2 32,7 45,9 +1 69 20,1 40 85 1125 -5 35 170 +95 50 8,1 +95 65 11 9
12 147 45 45 36,5 31,1 44,4 OK 69 20,0 50 85 1200 45 60 136 20 10 8,8 70 50 11 8
[1] [2] [1] [2] [1] [2] [1] [2] [1] [2]
DATA 8/5/09 Media 148,2 148,1 42,70 19,93 27,3 1208 1184 148,42 173 9,067 8,7
Riccò del Dev.
CAMPO
Go lfo Standard 6,87 7,09 0,92 46,93 12,35 0,59
SUPERICIE erba Età     
naturale m edia 11,83 11,75 11,83 11,83 11,75 11,83 11,75 11,83 11,75 11,83 11,75
sereno
METEO
24°C Mediana 147,0 42,40 19,68 1200 146,50 9,15

Scheda n° 1 – Report di una singola sessione di test


[1] [2] [1] [2] [1] [2] [1] [2] [1] [2]
RILEVATORI -5 -5 136,9 129,8 31,1 -5 21,4 38,2 -5 1131,3 932 -5 128,2 129,0 -5 10,0 10,6 1,64
Erbetta M aurizio 10 10 139,4 133,8 33,6 10 21,1 35,8 10 1148,2 987 10 132,6 139,0 10 9,8 10,2 1,28
A rena Gaspare 20 20 142,3 138,6 36,7 20 20,7 32,8 20 1168,4 1055 20 137,9 150,3 20 9,6 9,8 0,85
Fio rino A lberto 30 30 144,6 142,2 39,0 30 20,4 30,8 30 1183,8 1104 30 142,0 160,0 30 9,4 9,4 0,52
Varo ne A lessio 40 40 146,4 145,2 40,9 40 20,2 28,9 40 1196,5 1146 40 145,3 165,5 40 9,2 9,0 0,25
50 50 148,2 148,0 42,7 50 19,9 27,3 50 1208,3 1184 50 148,4 172,5 50 9,1 8,7 0,00
60 60 149,9 150,8 44,5 60 19,7 25,5 60 1220,0 1224 60 151,5 179,5 60 8,9 8,2 0,25

Centilazione
70 70 151,7 153,8 46,4 70 19,5 23,7 70 1232,7 1265 70 154,8 186,8 70 8,8 8,0 0,52
80 80 154,0 157,4 48,7 80 19,2 21,6 80 1248,1 1314 80 158,9 195,0 80 8,6 7,7 0,85
90 90 157,0 162,2 51,8 90 18,8 18,7 90 1268,3 1381 90 164,2 206,3 90 8,3 7,5 1,28
95+ 95+ 159,4 166,2 54,3 95+ 18,4 16,3 95+ 1285,2 1437 95+ 168,7 216,3 95+ 8,1 6,8 1,64

[1} - Rilevam ento in percentili del gruppo DLF-Le Giraffe [2] - Percentili relativi alla statistica nazionale

ANNOTAZIONI E RILIEVI Calda giornata di fine primavera


Ordine di esecuzione dei test: - Velocità 50 metri - Navetta 5x5 - 1/2 Cooper - Non eseguito test flessibilità x mancanza del misuratore
Per il test di Cooper adottato come percorso il perimetro esterno del terreno di gioco, ragazzi suddivisi in due gruppi che girano contrapposti
dei test di
Prospetto
Scheda n°2

valutazione
pluriennale
US Don Bosco Spezia Calcio - Annata 1985 - 96/97 Esordienti - 97/98 Giovanissimi - 98/99 Giovanissimi US Don Bosco Spezia Calcio - Annata 1985 - 96/97 Esordienti - 97/98 Giovanissimi - 98/99 Giovanissimi US Don Bosco Spezia Calcio - Annata 1985
ALTEZZA PESO TORACE VALUTAZIONE CORPOREA Velocità 50 mt Navetta 5 * 5 mt Salto in lungo da fermo 1/2 Cooper Coordinativo Flessibilità articolare Equilibrio Resistenza 300 mt
set mar set feb set feb set mar set feb set feb mar set feb set feb set mar set feb mag set set mar set feb mag set feb set mar set feb mag set feb sett mar sett feb mag sett feb sett mar sett feb set mar set mag feb set mar set feb mag feb feb set mag set feb
96 97 97 98 98 99 96 97 97 98 98 99 97 97 98 98 99 96 97 97 98 98 98 96 97 97 98 98 98 99 96 97 97 98 98 98 99 96 97 97 98 98 98 99 96 97 97 98 96 97 97 98 99 96 97 97 98 98 98 99 97 98 98 99

1 * * * 146 150 150 * * * 50 50 50 * * 80 85 77? * * * 10°+8 * 10°+6 1 * * * * * 9,5 9,1 * * * * * 20,7 20,2 * * * * * 150 150 * * 864 * 1 * * * * 23 * * * * * * * * 67 75

2 153 156 161 * 172 175 42 45 47 * 58 62 74 76 * 80 +3 OK +4 OK +7 OK * * +10 OK 2 9,6 8,6 * 9,0 * 8,3 7,4 24,8 21,0 * 21,5 * 19,5 18,8 205 215 200 * * 200 210 1150 1300 1216 * 2 40 31 * * 21 * 13 11 * * * * * 58 59

3 157 158 161 161 170 171 55 61 62 66 69 69 90 88 * 91 88? +4 +4 +4 +8 +7 +7 90°+7 * +3 +1 3 11,6 11,0 10,8 10,0 9,7 9,4 9,3 24,4 21,8 24,1 22,8 20,7 22,3 21,6 145 150 150 165 200 170 170 1010 960 1000 * 3 46 31 35 34 * 4 4 0 4 * * 73 70 79

4 * * * 156 159 161 * * * 48 48 50 * * 77 77 77 * * * 75°OK * 75°OK 4 * * * 8,3 9,2 8,0 8,9 * * * 20,8 18,6 21,7 20,9 * * * 180 190 160 155 * * * * 4 * * * 29 19 * * * 6 11 9 * 75 72 69

5 138 144 149 153 160 162 27 33 35 39 44 45 68 70 72 73 75 15°OK 30°OK 40°OK 50°OK * 65°OK 5 10,0 10,3 10,0 8,0 * 7,4 8,0 20,8 22,0 21,6 21,3 * 20,9 20,5 160 160 165 180 * 200 180 1130 970 1100 1108 5 38 33 34 * 22 -3 -4 * -1 * 14 * * 57 58

6 * * * * 155 * * * * 44 * * * 69 * * * * * 65°OK 6 * * * * * * * * * * * * * * * * * 6 * * * * * * *

7 * * 151 152 156 156 * * 48 51 55 58 * * 83 86 * * 50°+4 40°+5 * 35°+6 7 * * 10,9 10,2 * 8,8 * * 26,3 19,9 * * 20,2 * * 145 170 * * 170 * * 1161 1143 7 * * * * 27 * * 4 -2 * 33 * * * 74

8 * 149 150 150 156 160 * 43 45 45 47 53 75 77 77 77 80 50°OK 40°OK 40°OK * 50°OK 8 10,9 10,2 10,1 9,7 9,1 9,6 8,5 24,5 21,3 21,8 19,7 18,8 21,6 20,3 155 165 160 185 195 175 180 1010 1050 * 1029 8 44 35 41 31 8 6 4 4 9 29 * 75 70 71

9 * * * * 153 156 * * * * 49 50 * * * 78 78 * * * * 30°+2 9 * * * * 9,0 * * * * * * 18,8 * * * * * * * * * * 9 * * * * * * * * * * * * * 67

10 * * 145 147 150 153 * * 32 34 35 37 * 69 69 66 71 * 25°OK 15°OK * 15°OK 10 * 10,0 8,8 * 9,4 9,4 * * 22,8 20,9 * 22,9 22,0 * * 160 175 * 170 165 * * 1043 1029 10 * * * * * * -2 -2 * 1' * * 70 70

11 * * 154 155 160 * * 50 55 60 * 50 * * 75°+4 60°+5 * 65°+3 11 * 10,6 9,2 9,5 9,9 * * 24,2 21,2 20,8 21,9 * * 160 180 195 170 * * 1122 * 11 * * * 34 * * 6 6 8 * * 75 73

12 * * * * 173 177 * * * * 68 74 * * * 84 92 * * * * +8 OK 12 * * * * 8,2 8,2 * * * * * 20,9 19,8 * * * * * 205 190 * * * * 12 * * * * 21 * * * * * * * * 68 64

13 * * * 167 173 174 * * * 54 60 60 * * 78 80 80 * * +7 OK * +7 OK 13 * * 8,4 * * * * 21,6 * * * * * 180 * * * * * 1142 13 * * * * * * * 6 * 8 * * *

14 * * 168 170 175 177 * * 48 49 54 57 * 78 78 77 87 * +6 -5 +10 -6 * +9 -5 14 * * 7,9 * 8,6 8,3 * * * * * 18,8 17,8 * * * 206 * 200 180 * * 1216 650 14 * * * * * * * 6 * 1' * * 60 59

15 144 147 150 150 153 154 32 35 35 35 40 41 70 71 72 73 74 40°OK 50°OK 50°OK 40°OK * 35°OK 15 9,2 * 8,9 8,6 9,6 9,4 * 21,0 * 17,8 20,0 21,9 20,9 * 175 * 177 175 175 170 * 1340 * 1180 15 * 37 * 33 -2 0 * -2 -4 9 * 72 66 66

16 * * * * 164 168 * * * * 66 71 * * * 89 * * * * * 80°+4 16 * * * * 7,8 * * * * * 20,1 * * * * * * 180 * * * * 16 * * * * 21 * * * * * * * * 65

17 * * 164 164 170 170 * * 63 66 72 75 * 86 90 * * +4 +3 90°+6 * 90°+4 17 * 8,9 7,6 * 7,0 * * * 18,9 * * 19,5 * * 170 210 * * 210 * * 1016 1220 17 * * * * 21 * * * -7 * 3 * * 61

18 * * 155 155 162 * * 49 55 56 * 80 86 81 * * 80°+3 75°+9 * 80°OK 18 * * 9,3 7,7 9,0 * * * 20,9 20,6 21,2 * * * 166 185 160 * * 1152 1180 18 * * * 31 * * * -4 0 10 * 70 72

19 * * * * 158 * * * * 61 * * * 88 * * * * * 45° +8 19 * * * 7,9 9,4 * * * * 20,0 20,9 * * * * 185 180 * * * * 19 * * * 28 * * * * 5 * * 76 74

20 * * * * 150 152 * * * * 37 39 * * * 70 71 * * * * * 15°OK 20 * * * * 9,2 * * * * * * 20,0 * * * * * * 155 20 * * * * * * * 67


21 167 59 82 21 9,3 21,0 150 21 22 66

Media 148,0 150,8 155,3 155,8 161,0 163,7 39,00 43,40 46,73 49,77 53,65 55,88 75,40 74,50 78,36 79,11 78,82 Media 10,53 9,86 10,19 8,87 8,81 8,95 8,60 23,63 21,42 23,47 20,61 19,93 21,17 20,15 166 173 164 181 189 178 174 1075 1124 1089 1076 Media 42 33,4 36,7 31,4 21,9 1 4 5 1 5 14,38 74 67 67
Dev. Standard 8,6 6,0 7,2 7,6 8,5 9,3 12,4 11,1 10,1 10 10,8 11,9 8,65 10,7 6,25 7,18 6,46 Dev. Standard 0,9 0,95 0,68 0,81 0,78 0,77 0,75 1,89 0,46 1,77 1,34 0,9 1,1 1,07 26,6 25,1 16,6 13,9 8,38 17,9 18,9 75,5 183 110 173 Dev. Standard 3,65 2,61 3,79 2,37 2,2 6,08 6,42 4,18 4,57 5,28 10,74 2,14 5,71 6,03
Età media 10,5 11 11,5 12 13 13 10,5 11 11,5 12 13 13 11 11,5 12 13 13 Età media 10,5 11 11,5 12 12,5 13 13 10,5 11 11,5 12 12,5 13 13 10,5 11 11,5 12 12,5 13 13 10,5 11 11,5 12 Età m edia 10,5 11 11,5 12,5 13 10,5 11 11,5 12 12,5 11,0 11,5 12 12,5
-5 134 141 143 143 147 148 19 25 30 33 36 36 61 57 68 67 68 -5 12,00 11,42 11,30 10,20 10,09 10,21 9,83 26,73 22,18 26,37 22,81 21,40 22,98 21,91 123 132 136 158 176 149 143 951 824 909 793 -5 36 29 30 28 18 -9 -7 -2 -7 -4 31,99 77,22 76,83 76,77
10 137 143 146 146 150 152 23 29 34 37 40 41 64 61 70 70 71 10 11,68 11,08 11,06 9,91 9,81 9,93 9,56 26,05 22,01 25,73 22,32 21,08 22,58 21,52 132 141 142 163 179 155 150 978 890 948 855 10 37 30 32 28 19 -7 -4 -1 -5 -2 28,13 76,45 74,77 74,60
20 141 146 149 149 154 156 28 34 38 41 45 46 68 65 73 73 73 20 11,29 10,67 10,77 9,56 9,47 9,60 9,24 25,23 21,81 24,97 21,75 20,69 22,11 21,06 144 152 150 169 182 163 158 1011 969 996 929 20 39 31 33 29 20 -4 -2 1 -3 0 23,51 75,53 72,31 72,00
30 144 148 152 152 157 159 33 38 41 45 48 50 71 69 75 75 75 30 10,99 10,36 10,54 9,29 9,22 9,35 8,99 24,61 21,66 24,39 21,31 20,40 21,74 20,71 152 160 155 174 185 169 165 1036 1029 1032 986 30 40 32 35 30 21 -2 0 2 -2 2 19,96 74,83 70,43 70,01
40 146 149 153 154 159 161 36 41 44 47 51 53 73 72 77 77 77 40 10,75 10,10 10,36 9,07 9,01 9,14 8,79 24,10 21,54 23,91 20,94 20,15 21,45 20,42 160 167 160 178 187 174 170 1056 1078 1062 1033 40 41 33 36 31 21 -1 2 3 0 3 17,06 74,25 68,89 68,38
50 148 151 155 156 161 164 39 43 47 50 54 56 75 75 78 79 79 50 10,53 9,86 10,19 8,87 8,81 8,95 8,60 23,63 21,42 23,47 20,61 19,93 21,17 20,15 166 173 164 181 189 178 174 1075 1124 1089 1076 50 42 33 37 31 22 1 4 5 1 5 14,38 73,71 67,46 66,88
60 150 152 157 158 163 166 42 46 49 52 56 59 78 77 80 81 80 60 10,30 9,62 10,02 8,67 8,62 8,75 8,41 23,15 21,30 23,02 20,27 19,70 20,89 19,88 173 179 168 185 191 183 179 1094 1170 1116 1119 60 43 34 38 32 22 3 5 6 2 6 11,69 73,18 66,03 65,37
70 152 154 159 160 165 169 45 49 52 55 59 62 80 80 82 83 82 70 10,06 9,36 9,83 8,45 8,41 8,55 8,21 22,64 21,18 22,55 19,91 19,46 20,59 19,59 180 186 172 188 194 187 184 1114 1219 1146 1165 70 44 35 39 33 23 4 7 7 3 7 8,79 72,60 64,49 63,74
80 155 156 161 162 168 172 50 53 55 58 63 66 83 84 84 85 84 80 9,76 9,05 9,61 8,18 8,16 8,29 7,96 22,02 21,03 21,96 19,47 19,16 20,23 19,24 189 194 178 193 196 193 190 1139 1279 1182 1222 80 45 36 40 33 24 6 9 8 5 9 5,24 71,90 62,61 61,75
90 159 158 165 166 172 176 55 58 60 63 67 71 86 88 86 88 87 90 9,37 8,64 9,31 7,83 7,82 7,96 7,64 21,20 20,83 21,20 18,89 18,78 19,76 18,78 200 205 185 199 200 201 199 1172 1358 1230 1297 90 47 37 42 34 25 9 12 10 7 11 0,62 70,98 60,15 59,15
95+ 162 161 167 168 175 179 59 62 63 66 71 75 90 92 89 91 89 95+ 9,05 8,30 9,07 7,54 7,54 7,69 7,37 20,52 20,66 20,56 18,41 18,45 19,36 18,39 210 214 191 204 203 207 205 1199 1424 1269 1359 95+ 48 38 43 35 26 11 14 11 8 13 0,00 70,21 58,10 56,98
Cognome e nome
IA
F NATO il A Esordienti - 96/97
A
R RESIDENZA VIA Esordienti - 97/98
G Ruolo Tel. Giovanissimi - 98/99
TO
FO
ATTIVITA' STAGIONE SPORTIVA 1997/98

23 Gare disputate dalla società Allenamenti


Stagione 97/98 Stagione 98/99 Lavoro differenziato proposto
(in base risultati test di valutazione)
Società 57 Società 77
Presenze 15 Presenze 61 Ciclo 4 sedute x 3 ripetizioni

 

Presenze
Titolare
Sostituzioni
Riserva
Riserva
non entrato
Malattia
Infortunio
Non disponibile
Minuti giocati
Campionato .
Regionale
RETI [ - subite ]
P resenze % *** P resenze % 79
22 22 7 0 0 1 0 1195 12 01 0-1 TEST 1 TEST 2 a) Resistenza aerobica
ASSENZE 0 ASSENZE 11 - (14%) b) Potenziamento muscolare
             A ss. scuo la 0 A ss. scuo la 0 c) Resistenza aerobica
nr 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Mal * Inf 0 Mal * Inf 5 d) Potenziamento muscolare
pres 11 7 2 2
Posizione occupata in campo nelle gare disputate e relativa percentuale Rilievi antropometrici e test di valutazione sportiva
set mar set feb mag set feb set mar set feb mag set feb
7 96 97 97 98 98 98 99 96 97 97 98 98 98 99
32 2 1/2 cooper

Scheda n° 3 - Report attività annuale per ogni singolo ragazzo


Altezza 300 metri
4 6 Peso Velocità 50 mt
9 50 Torace Navetta 5*5
5 1 Val.h Flex articolare
Val. w Lungo da fermo
11 8 Coordinativo
9
3 Numero del ruolo

10  Posizione in campo occupata dal ruolo


9 3 Parte di campo coperta dal giocatore
100 nelle gare disputate
Percentuale partite giocate nel ruolo
12 13 
RESISTENZA – Test di ½ Cooper
Denominazione CONI: COOPER 6’ COOPER 12’
Standardizzazione COOPER
Capacità motoria da testare: POTENZA AEROBICA

Tra le varie prove proposte ho adottato come prova di test i 6 minuti di corsa continua, o ½
Test di Cooper. Per le fasce più piccole la prova dei 12 minuti del test di Cooper intero è a
mio avviso troppo impegnativa ed anche i ragazzi appartenenti alle fasce più grandi delle
scuole calcio hanno difficoltà a volte a calibrare il loro sforzo nei 12 minuti di esecuzione del
test.

Spiegazione e suggerimenti per la prova


Effettuare una corsa continua di 6 minuti dosando lo sforzo in maniera uniforme nel tempo di
svolgimento della prova stessa.
Per comodità di rilevamento i ragazzi vengono raggruppati in due o più gruppi omogenei che
svolgono la prova in tempi diversi .
Il passaggio di ogni componente del gruppo ad ogni giro effettuato viene annotato sulla
scheda in dotazione al rilevatore
Al termine dei 6 minuti al fischio dell’istruttore l’atleta si fermerà e si siederà a terra per
consentire la misurazione della distanza percorsa.

Attrezzatura e percorso
Ogni percorso misurabile con precisione piano è accettabile
Per adeguarmi il più possibile agli standard da me consultati ho adottato “l’esagono”, per la
costruzione del quale si utilizza una fune di lunghezza 50 metri sulla quale viene evidenziata
la metà e 6 coni.
Costruzione dell’esagono
a) Appoggiando la corda a terra ben tesa alle sue estremità sistemiamo coni 3 e 6, quindi
evidenziamo a terra il punto medio della corda (figura1)
b) Prendiamo lo spago, lasciamo un capo fermo sul cono 6 e spostiamo l’altra estremità
della corda al punto medio individuato nel punto precedente. Ora impugniamo la corda nel
punto medio ed andiamo verso destra fino ad avere la corda ben tesa: in questo punto,
equidistante dai capi della corda posiamo il cono 5. (figura2 )
c) Con lo stesso procedimento, spostandosi verso sinistra, posizioniamo il cono 1
(figura 3)
d) La stessa procedura eseguita sostituendo il cono 3 al cono 6 ci consente di posizionare
i coni 2 e 4 (figure 4-5) e completare il nostro esagono equilatero con lato di 25 metri; ogni
giro compiuto equivale pertanto a 150 metri
1/2 Cooper
Media 1042,00 1083,50 1125,00 1164,50 1204,00
2500
DevSt 129,88 119,82 109,76 139,33 168,90 2400
2300
Età 8,00 9,00 10,00 10,50 11,00 11,50 12,00 2200 13,00 14,00
2100
-5 750,00 735,00 829,00 887,00 945,00 936,00 927,00 2000
10 796,00 789,00 876,00 930,00 984,00 986,00 988,00 1900
1800
20 852,00 854,00 933,00 983,00 1033,00 1047,50 1062,00 1700
1600
30 893,00 901,00 974,00 1020,50 1067,00 1091,50 1116,00 1500
1400
40 927,00 944,00 1009,00 1053,00 1097,00 1129,50 1162,00 1300
1200
50 960,00 979,00 1042,00 1083,50 1125,00 1164,50 1204,00 1100
60 992,00 1016,00 1074,00 1113,50 1153,00 1200,00 1247,00 1000
900
70 1026,00 1056,00 1109,00 1145,50 1182,00 1237,00 1292,00 800
700
80 1067,00 1103,00 1150,00 1183,50 1217,00 1281,50 1346,00 600
500
90 1123,00 1168,00 1207,00 1236,00 1265,00 1342,50 1420,00 8,00 9,00 10,00 11,00 12,00 13,00 14,00
95+ 1169,00 1222,00 1254,00 1279,50 1305,00 1393,00 1481,00

1075,00 1124,00 1089,00 1075,67 Media 1106,76 1117,45 1098,12


75,50 182,84 109,85 172,53 DevSt 131,98 102,02 198,50
10,00 10,50 11,00 11,50 12,00 Età 11,50 12,00 12,50
951,18 824,14 908,84 792,72 -5 890,31 950,14 772,58
978,36 889,97 948,39 854,83 10 937,82 986,86 844,04
1010,83 968,59 995,62 929,02 20 994,58 1030,73 929,40
U S D o n B o sco 1035,74 1028,92 1031,88 985,95 30 1038,13 1064,40 994,90
Spezia Calcio 1056,13 1078,29 1061,54 1032,53 40 1073,76 1091,95 1048,50 U S D o n B o sco

A nnat a 9 0 1075,00 1124,00 1089,00 1075,67 50 1106,76 1117,45 1098,12 Spezia Calcio

1995-96 1093,87 1169,71 1116,46 1118,80 60 1139,76 1142,96 1147,75 A nnat a 9 0

1996-97 1114,26 1219,08 1146,12 1165,38 70 1175,39 1170,50 1201,34 2000-01


1997-98 1139,17 1279,41 1182,38 1222,32 80 1218,94 1204,17 1266,85 2001-02
1998-99 1171,64 1358,03 1229,61 1296,50 90 1275,70 1248,04 1352,20
1999-2000 1198,82 1423,86 1269,16 1358,61 95+ 1323,21 1284,76 1423,66

1156,65 1201,35 1203,75 1256,90 2196,00 Media 1190,45


Riferito a Test di Cooper completo - 12

103,43 142,82 131,96 191,54 236,98 DevSt 73,50


12,00 12,50 13,00 13,50 14,00 Età 12,00
987,02 967,13 987,33 942,77 1807,35 -5 1069,91
1024,26 1018,54 1034,84 1011,73 1892,66 10 1096,37
A .S .D . 1068,73 1079,95 1091,58 1094,09 1994,57 20 1127,98 D LF La Sp ez ia
minuti

A rsenalSp ez ia 1102,87 1127,08 1135,13 1157,30 2072,77 30 1152,23 Le G iraf f e

A nnat a 9 0 1130,79 1165,65 1170,76 1209,02 2136,75 40 1172,08 A nnat a 9 7

2002-03 1156,65 1201,35 1203,75 1256,90 2196,00 50 1190,45 2009


2003-04 1182,51 1237,06 1236,74 1304,79 2255,25 60 1208,83
2004-05 1210,43 1275,62 1272,37 1356,50 2319,23 70 1228,67
2005-06 1244,57 1322,75 1315,92 1419,71 2397,43 80 1252,93
1289,04 1384,16 1372,66 1502,07 2499,34 90 1284,53
1326,28 1435,58 1420,17 1571,03 2584,65 95+ 1310,99

      

RAPIDITA’ MOTORIA – Velocità 50 metri


Denominazione CONI: MT. 20 RAP. MT. 30 RAP.MT. 50 RAP. MT. 80 RAP.
Standardizzazione: nessuna
Capacità motoria da testare: RAPIDITÀ LOCOMOTORIA

La prova di velocità prevede il rilevamento del tempo occorrente per percorrere 50 metri.
La partenza avviene in piedi, vengono effettuate 2 prove intervallate da almeno 10 minuti

Spiegazione e suggerimenti
E’ importante incoraggiare il ragazzo lungo tutta la durata del test.
Ribadire più volte la necessità di continuare a correre almeno per qualche metro dopo l’arrivo
sia perché il ragazzo mantenga la velocità per tutto il percorso, sia per evitare un brusco
attesto dopo l’arrivo.

Attrezzatura e percorso
4 paletti da infilare nel terreno o 4 coni, cronometro, gesso in polvere o altro per la tracciatura
delle linee
Percorso rettilineo di 50 metri
Velocità (8 anni) 30 metri - (9-12 anni) 50 metri
Media 8,12 8,95 8,88 8,78 8,65 12,0
DevSt 1,86 1,15 1,15 1,11 1,18
Età 8,00 9,00 10,00 10,50 11,00 11,50 12,00 11,0 13,00 14,00
-5 11,17 10,84 10,76 10,60 10,57
10,0
10 10,50 10,43 10,35 10,20 10,15
20 7,60 11,20 9,98 9,95 9,92 9,86 9,82 9,0
30 9,60 9,55 9,50 9,42 9,28
40 9,28 9,20 9,11 9,02 8,91 8,0

50 7,00 10,30 9,00 8,95 8,90 8,78 8,65


7,0
60 8,56 8,49 8,41 8,21 8,13
70 6,40 9,40 8,40 8,30 8,20 8,09 7,95 6,0
80 6,00 8,60 7,94 7,88 7,82 7,75 7,58
90 7,90 7,82 7,74 7,66 7,34 5,0
8,00 9,00 10,00 11,00 12,00 13,00 14,00
95+ 5,70 8,00 7,22 7,06 7,00 6,95 6,72

10,53 9,86 10,19 8,87 8,81 8,95 8,60 Media 9,19 9,43 9,61 8,98 8,96
0,90 0,95 0,68 0,81 0,78 0,77 0,75 DevSt 0,86 1,08 1,23 1,06 1,12
10,50 11,00 11,50 12,00 12,50 13,00 13,50 Età 10,50 11,00 11,50 12,00 12,50
12,00 11,42 11,30 10,20 10,09 10,21 9,83 -5 10,61 11,20 11,63 10,72 10,80
11,68 11,08 11,06 9,91 9,81 9,93 9,56 10 10,30 10,81 11,18 10,34 10,39
11,29 10,67 10,77 9,56 9,47 9,60 9,24 20 9,93 10,35 10,66 9,88 9,91
U S D o n B o sco 10,99 10,36 10,54 9,29 9,22 9,35 8,99 30 9,64 9,99 10,25 9,53 9,54
Spezia Calcio 10,75 10,10 10,36 9,07 9,01 9,14 8,79 40 9,41 9,70 9,92 9,25 9,24 U S D o n B o sco

A nnat a 9 0 10,53 9,86 10,19 8,87 8,81 8,95 8,60 50 9,19 9,43 9,61 8,98 8,96 Spezia Calcio

1995-96 10,30 9,62 10,02 8,67 8,62 8,75 8,41 60 8,98 9,16 9,30 8,72 8,68 A nnat a 9 0

1996-97 10,06 9,36 9,83 8,45 8,41 8,55 8,21 70 8,74 8,87 8,97 8,43 8,38 2000-01
1997-98 9,76 9,05 9,61 8,18 8,16 8,29 7,96 80 8,46 8,51 8,56 8,08 8,01 2001-02
1998-99 9,37 8,64 9,31 7,83 7,82 7,96 7,64 90 8,09 8,05 8,04 7,62 7,53
1999-2000 9,05 8,30 9,07 7,54 7,54 7,69 7,37 95+ 7,77 7,66 7,59 7,24 7,12

9,02 9,06 8,82 8,76 8,62 Media 9,05


1,21 1,17 1,35 1,07 0,78 DevSt 0,61
12,00 12,50 13,00 13,50 14,00 Età 12,00
11,00 10,98 11,03 10,51 9,89 -5 10,06
10,57 10,56 10,55 10,13 9,61 10 9,84
A .S .D . 10,05 10,05 9,97 9,67 9,28 20 9,58 D LF La Sp ez ia

A rsenalSp ez ia 9,65 9,67 9,52 9,32 9,02 30 9,37 Le G iraf f e

A nnat a 9 0 9,32 9,35 9,16 9,03 8,81 40 9,21 A nnat a 9 7

2002-03 9,02 9,06 8,82 8,76 8,62 50 9,05 2009


2003-04 8,72 8,77 8,48 8,49 8,42 60 8,90
2004-05 8,39 8,45 8,12 8,20 8,21 70 8,74
2005-06 7,99 8,07 7,67 7,85 7,96 80 8,53
7,47 7,56 7,09 7,39 7,62 90 8,27
7,04 7,14 6,61 7,01 7,35 95+ 8,05

      

RESISTENZA ALLA VELOCITA’ – Navetta 5x5 – 3x5


Denominazione CONI: non catalogato
Standardizzazione: nessuna
Capacità motoria da testare: RESISTENZA ALLA RAPIDITÀ

La prova di velocità prevede il rilevamento del tempo occorrente per percorrere una distanza
di 5 metri da ripetere in entrambi sensi 3 volte per i bambini fino a 10 anni e 5 volte per i
ragazzi di età superiore.
Ogni lato del percorso viene delimitato da due paletti o coni con una linea tracciata tra loro,
la quale dovrà essere superata con entrambi i piedi dal ragazza durante l’esecuzione della
prova
La partenza avviene in piedi, vengono effettuate 2 prove intervallate da almeno 10 minuti

Spiegazione e suggerimenti
Il percorso deve essere tracciato in maniera chiara sul terreno: in sostanza ci devono essere
due linee della lunghezza almeno 2 metri tracciate tra due paletti di delimitazione ad una
distanza di 3/5 metri tra loro.
L’istruttore deve scandire bene il numero delle andate e ritorni effettuati
Per la correttezza del test è necessario che l’allievo superi con entrambi i piedi la linea di
demarcazione del percorso
Dalla esperienza di esecuzione del test si vede come ciascun ragazzo interpreta in modo
diverso il test: i casi più comuni sono quello dove l’allievo effettua un percorso circolare,
praticamente senza discontinuità di ritmo e quello dove l’allievo inizia il cambio di direzione
ben oltre la linea di limitazione del percorso.
In entrambi i casi è notevole l’incremento di percorso, con ovvie ripercussioni sui tempi di
esecuzione del test stesso.
In questi casi, tramite il metodo dell’esperienza guidata, sarà compito dell’istruttore portare
ogni allievo a compiere il percorso nel modo più veloce e corretto.
Attrezzatura e percorso
4 paletti da infilare nel terreno o 4 coni, cronometro, gesso in polvere o altro per la tracciatura
delle linee
Percorso rettilineo di 3/5 metri a secondo dell’età degli allievi delimitato da due coni con linea
ben visibile di collegamento tra loro
Navetta (8-9 anni) 3x5 - (10-12 anni) 5x5
Media 22,20 30,50 29,20 27,90 26,60 60,0
DevSt 4,70 9,36 8,29 7,23 6,16
55,0
Età 8,00 9,00 10,00 10,50 11,00 11,50 12,00 13,00 14,00
50,0
-5 29,90 30,00 29,90 45,85 42,80 39,75 36,70 34,15 32,11
10 28,10 28,40 28,20 42,50 39,80 37,10 34,40 45,0

20 26,00 26,40 26,20 38,45 36,20 33,95 31,70 40,0

30 24,40 25,00 24,70 35,30 33,50 31,70 29,90 35,0


40 23,10 23,80 23,40 32,90 31,30 29,70 28,10
30,0
50 21,80 22,70 22,20 30,50 29,20 27,90 26,60 24,05 22,20
25,0
60 20,60 21,60 21,00 28,15 27,10 26,05 25,00
20,0
70 19,30 20,40 19,80 25,55 24,80 24,05 23,30
80 17,70 18,90 18,30 22,60 22,20 21,80 21,40 15,0

90 15,50 17,00 16,20 18,40 18,50 18,60 18,70 10,0


8,00 9,00 10,00 11,00 12,00 13,00 14,00
95+ 13,70 15,40 14,50 16,00 15,50 16,00 16,50 16,20 16,00

23,63 21,42 23,47 20,61 19,93 21,17 20,15 Media 21,81 22,19 21,91 21,56 20,78
1,89 0,46 1,77 1,34 0,90 1,10 1,07 DevSt 1,20 1,02 1,35 1,25 1,31
10,50 11,00 11,50 12,00 12,50 13,00 13,50 Età 10,50 11,00 11,50 12,00 12,50
26,73 22,18 26,37 22,81 21,40 22,98 21,91 -5 23,78 23,86 24,12 23,61 22,93
26,05 22,01 25,73 22,32 21,08 22,58 21,52 10 23,35 23,49 23,64 23,16 22,46
25,23 21,81 24,97 21,75 20,69 22,11 21,06 20 22,83 23,06 23,06 22,62 21,89
U S D o n B o sco 24,61 21,66 24,39 21,31 20,40 21,74 20,71 30 22,44 22,72 22,61 22,21 21,46
Spezia Calcio 24,10 21,54 23,91 20,94 20,15 21,45 20,42 40 22,11 22,45 22,25 21,87 21,11 U S D o n B o sco

A nnat a 9 0 23,63 21,42 23,47 20,61 19,93 21,17 20,15 50 21,81 22,19 21,91 21,56 20,78 Spezia Calcio

1995-96 23,15 21,30 23,02 20,27 19,70 20,89 19,88 60 21,51 21,94 21,57 21,25 20,45 A nnat a 9 0

1996-97 22,64 21,18 22,55 19,91 19,46 20,59 19,59 70 21,18 21,66 21,21 20,91 20,10 2000-01
1997-98 22,02 21,03 21,96 19,47 19,16 20,23 19,24 80 20,79 21,33 20,76 20,50 19,67 2001-02
1998-99 21,20 20,83 21,20 18,89 18,78 19,76 18,78 90 20,27 20,89 20,18 19,96 19,10
1999-2000 20,52 20,66 20,56 18,41 18,45 19,36 18,39 95+ 19,84 20,52 19,70 19,51 18,63

21,91 22,12 21,13 21,56 21,66 Media 19,95


0,89 1,07 1,14 1,75 0,79 DevSt 0,96
12,00 12,50 13,00 13,50 14,00 Età 12,00
23,37 23,87 23,00 24,43 22,95 -5 21,52
23,05 23,49 22,59 23,80 22,67 10 21,17
A .S .D . 22,67 23,03 22,10 23,05 22,33 20 20,76 D LF La Sp ez ia

A rsenalSp ez ia 22,37 22,68 21,72 22,47 22,07 30 20,44 Le G iraf f e

A nnat a 9 0 22,13 22,39 21,42 22,00 21,85 40 20,19 A nnat a 9 7

2002-03 21,91 22,12 21,13 21,56 21,66 50 19,95 2009


2003-04 21,69 21,85 20,85 21,12 21,46 60 19,71
2004-05 21,45 21,56 20,54 20,65 21,24 70 19,45
2005-06 21,15 21,21 20,16 20,07 20,98 80 19,13
20,77 20,75 19,67 19,32 20,64 90 18,72
20,45 20,37 19,26 18,69 20,36 95+ 18,37

      


FORZA RAPIDA ARTI INFERIORI – Salto in lungo da fermo
Denominazione CONI: LUNGO D.F.
Standardizzazione: Ricerca CONI-CAS
Capacità motoria da testare: FORZA RAPIDA

E’ il rilevamento della distanza saltata dal ragazzo partendo da una linea tracciata a terra e
flettendo le ginocchia e portando indietro le braccia, saltando il più lontano possibile,
slanciando le braccia in avanti ed atterrando a piedi uniti.
Il test viene ripetuto due volte e verrà considerata la misura migliore.
Spiegazione e suggerimenti
Il percorso deve essere tracciato in maniera chiara sul terreno: dalla linea di partenza,
parallelamente ad essa è utile indicare una serie di punti di riferimento, partendo da circa 1
metro e con la distanza tra loro di 20 centimetri,.
Effettuare la misura sempre perpendicolarmente alla linea di partenza.
Invitare il ragazzo che effettua la prova ad effettuare il movimento in maniera completa, onde
ottenere il massimo slancio dal movimento stesso.
Rilevare correttamente il punto di atterraggio più vicino alla linea di partenza
Se l’allievo cade durante la prova o atterra in posizione anomala per la perdita dell’equilibrio
occorre ripetere la prova. E’ invece consentito il balzo in avanti dopo l’atterraggio
Attrezzatura e percorso
2 paletti da infilare nel terreno o coni, metro lineare, gesso in polvere o altro per la segnatura
del terreno Linea di partenza di lunghezza 2 metri delimitata da due paletti o coni ed un’area
davanti di lunghezza circa 5 metri: da 1 metro dalla linea di partenza indicazioni sul terreno
delle distanze progressive ogni 20 centimetri fino a circa 2,6 metri.
Salto in lungo da fermo
Media 134,00 145,00 156,00 167,00 178,00 250
DevSt 21,95 24,70 27,44 26,83 26,22 240
230
Età 8,00 9,00 10,00 10,50 11,00 11,50 12,00 22013,00 14,00
210
-5 88,00 87,00 98,00 104,50 111,00 123,00 135,00 200
190
10 95,00 95,00 106,00 113,50 121,00 133,00 145,00 180
170
20 104,00 105,00 116,00 124,50 133,00 144,50 156,00
160
30 111,00 112,00 123,00 132,50 142,00 154,00 166,00 150
140
40 116,00 118,00 129,00 139,00 149,00 160,00 171,00 130
120
50 122,00 123,00 134,00 145,00 156,00 167,00 178,00 110
100
60 127,00 129,00 140,00 151,50 163,00 174,00 185,00 90
70 132,00 135,00 146,00 158,50 171,00 181,50 192,00 80
70
80 139,00 142,00 153,00 166,50 180,00 190,00 200,00 60
50
90 148,00 151,00 163,00 177,50 192,00 201,50 211,00 8,00 9,00 10,00 11,00 12,00 13,00 14,00
95+ 155,00 159,00 171,00 186,50 202,00 211,50 221,00

166,25 173,00 163,75 179,92 189,29 178,08 174,33 Media 126,44 137,83 144,65 152,34 163,03
26,58 25,15 16,64 14,09 8,38 17,86 18,89 DevSt 26,22 14,38 19,09 11,54 16,45
10,50 11,00 11,50 12,00 12,50 13,00 13,50 Età 10,50 11,00 11,50 12,00 12,50
122,67 131,75 136,47 156,82 175,54 148,79 143,36 -5 83,44 114,24 113,34 133,41 136,05
132,23 140,81 142,45 161,89 178,56 155,22 150,16 10 92,88 119,42 120,21 137,57 141,97
143,66 151,62 149,61 167,95 182,16 162,90 158,28 20 104,16 125,61 128,42 142,53 149,05
U S D o n B o sco 152,43 159,92 155,10 172,60 184,93 168,79 164,51 30 112,81 130,35 134,72 146,34 154,48
Spezia Calcio 159,61 166,71 159,59 176,40 187,19 173,61 169,61 40 119,89 134,24 139,88 149,46 158,92 U S D o n B o sco

A nnat a 9 0 166,25 173,00 163,75 179,92 189,29 178,08 174,33 50 126,44 137,83 144,65 152,34 163,03 Spezia Calcio

1995-96 172,89 179,29 167,91 183,44 191,38 182,54 179,05 60 133,00 141,43 149,42 155,23 167,14 A nnat a 9 0

1996-97 180,07 186,08 172,40 187,25 193,64 187,36 184,15 70 140,08 145,31 154,58 158,34 171,58 2000-01
1997-98 188,84 194,38 177,89 191,90 196,41 193,26 190,39 80 148,73 150,06 160,88 162,15 177,01 2001-02
1998-99 200,27 205,19 185,05 197,95 200,01 200,94 198,51 90 160,01 156,24 169,09 167,11 184,09
1999-2000 209,83 214,25 191,03 203,02 203,03 207,36 205,31 95+ 169,45 161,42 175,96 171,27 190,01

151,12 158,98 162,77 166,56 170,70 Media 148,64


14,65 16,64 11,58 15,51 15,21 DevSt 12,92
12,00 12,50 13,00 13,50 14,00 Età 12,00
127,09 131,69 143,78 141,12 145,76 -5 127,44
132,37 137,68 147,95 146,71 151,23 10 132,09
A .S .D . 138,67 144,84 152,93 153,38 157,77 20 137,65 D LF La Sp ez i a

A r senalSp ez ia 143,50 150,33 156,75 158,49 162,79 30 141,92 Le G iraf f e

A nnat a 9 0 147,46 154,82 159,88 162,68 166,90 40 145,41 A nnat a 9 7

2002-03 151,12 158,98 162,77 166,56 170,70 50 148,64 2009


2003-04 154,78 163,14 165,67 170,44 174,50 60 151,87
2004-05 158,74 167,63 168,79 174,63 178,61 70 155,36
2005-06 163,57 173,12 172,61 179,74 183,63 80 159,62
169,87 180,28 177,59 186,41 190,17 90 165,18
175,15 186,27 181,76 192,00 195,64 95+ 169,83
MOBILITA’ ARTICOLARE – zona del rachide
Denominazione CONI: MOBIRAC
Standardizzazione: Ricerca CONI-CAS
Capacità motoria da testare: MOBILITÀ ARTICOLARE

E’ il rilevamento della distanza misurata sulla punta delle dita rispetto alla posizione dei piedi.
La distanza è negativa se la punta della dita è arretrata rispetto ai piedi, positiva in caso
contrario

Suggerimenti
Il test viene generalmente inserito trai primi nella batteria e pertanto deve essere effettuato
dopo il normale riscaldamento che comprende anche alcuni esercizi di stretching.
Il ragazzo che effettua il test deve rimanere seduto con le gambe tese senza flettere le
ginocchia ed i piedi appoggiati alla panca di rilevazione.
Al via dell’istruttore deve flettere lentamente il busto con le braccia tesi in avanti e la testa
protesa in avanti entro le braccia stesse.
Cercare il massimo allungamento rimanendo, una volta raggiunta la massima estensione, in
posizione per qualche secondo.
Anche il movimento di ritorno in posizione normale deve essere eseguito gradualmente
La prova viene effettuata con l’atleta senza scarpe
Attrezzatura
Per l’esecuzione del test è stata costruita una scatola a forma rettangolare di dimensioni
approssimate cm 40x40 ed alta 35 centimetri. Sul lato superiore è stato incollato un cartoncino
rigido che oltre a coprire la scatola stessa sporge da un lato di circa 20 centimetri. Su questo
cartoncino è stata disegnata una scala in centimetri che parte dal bordo dove l’alunno
appoggia i piedi. Dallo zero così individuato occorre indicare circa 10 centimetri in
arretramento e 30 centimetri in avanzamento
Mobilità articolare
Media 12,00 11,70 11,40 11,70 12,00 35
DevSt 6,89 7,13 6,95 7,13 7,32
30
Età 8,00 9,00 10,00 10,50 11,00 11,50 12,00 13 14
-5 5,30 0,00 0,70 0,00 0,00 0,00 0,00 25
10 7,60 1,90 3,20 2,15 1,10 1,20 1,30
20
20 10,30 5,50 6,40 5,60 4,80 4,90 5,00
30 12,30 8,00 8,40 7,80 7,20 7,40 7,60 15

40 14,00 10,20 10,20 9,80 9,40 9,65 9,90


10
50 15,60 12,20 12,00 11,70 11,40 11,70 12,00
60 17,20 14,20 13,70 13,55 13,40 13,75 14,10 5

70 18,90 16,40 15,60 15,60 15,60 16,00 16,40


0
80 20,90 18,90 17,70 17,95 18,20 18,65 19,10
90 23,60 22,50 20,70 21,20 21,70 22,20 22,70 -5
8,00 9,00 10,00 11,00 12,00 13,00 14,00
95+ 25,90 25,40 23,20 23,95 24,70 25,25 25,80

1,00 3,80 4,50 1,69 4,71 Media 2,17 2,65 2,39 4,48
6,08 6,42 4,18 5,36 5,28 DevSt 6,32 3,78 3,10 5,59
10,50 11,00 11,50 12,00 12,50 Età 11,00 11,50 12,00 12,50
-8,98 -6,73 -2,36 -7,10 -3,95 -5 -8,20 -3,55 -2,69 -4,69
-6,79 -4,42 -0,85 -5,17 -2,05 10 -5,93 -2,19 -1,58 -2,68
-4,17 -1,66 0,94 -2,86 0,22 20 -3,21 -0,56 -0,25 -0,27
U S D o n B o sco -2,16 0,46 2,32 -1,09 1,97 30 -1,12 0,68 0,78 1,57
Spezia Calcio -0,52 2,20 3,45 0,35 3,39 40 0,59 1,71 1,62 3,08 U S D o n B o sco

A nnat a 9 0 1,00 3,80 4,50 1,69 4,71 50 2,17 2,65 2,39 4,48 Spezia Calcio

1995-96 2,52 5,40 5,55 3,03 6,03 60 3,75 3,60 3,17 5,88 A nnat a 9 0

1996-97 4,16 7,14 6,68 4,48 7,46 70 5,45 4,62 4,00 7,39 2000-01
1997-98 6,17 9,26 8,06 6,25 9,20 80 7,54 5,86 5,03 9,23 2001-02
1998-99 8,79 12,02 9,85 8,55 11,48 90 10,26 7,49 6,36 11,64
1999-2000 10,98 14,33 11,36 10,48 13,38 95+ 12,54 8,85 7,47 13,65

6,34 7,16 Media


3,09 1,45 DevSt
12,00 12,50 Età
1,27 4,78 -5
2,38 5,30 10
A .S .D . 3,71 5,93 20 D LF La Sp ez ia

A rsenalSp ez ia 4,73 6,41 30 Le G iraf f e

A nnat a 9 0 5,57 6,80 40 A nnat a 9 7

2002-03 6,34 7,16 50 2009


2003-04 7,11 7,52 60
2004-05 7,95 7,91 70
2005-06 8,97 8,39 80
10,30 9,02 90
11,41 9,54 95+

      

CAPACITA’ COORDINATIVE SPECIALI - Equilibrio


Denominazione CONI: EQU. STATICO
Standardizzazione Ricerca CONI-CARRARA
Capacità motoria da testare: EQUILIBRIO STATICO

Lo scopo del test è cercare di rimanere il tempo più lungo possibile in equilibrio su una trave
stando in posizione eretta sul piede preferito.
Il test dura 1 minuto ed il risultato è il numero di volte che il ragazzo perde l’equilibrio nel
minuto stesso: ad esempio un alunno che cadrà 5 volte otterrà come risultato del test 5
Spiegazione e suggerimenti
Il test viene inserito nella normale batteria e pertanto deve essere effettuato dopo il normale
riscaldamento.
Un piede appoggia sulla trave di legno mentre l’altra gamba viene tenuta piegata e sostenuta
dalla mano corrispondente.
Il test ha la durata di un minuto: il tempi viene interrotto ogni volta che il ragazzo perde
l’equilibrio, se cade dalla trave o se la mano lascia il piede.
In questo caso l’alunno viene riposizionato in modo corretto sulla trave e viene ripreso il
conteggio del tempo fino al trascorrere del minuto.
Da parte dell’istruttore è importante aiutare l’allievo a trovare una posizione stabile,
facendogli anche da appoggio e far partire il tempo solo quando questo sarà in posizione di
perfetto equilibrio.
Dopo 15 interruzioni nei primi 30 secondi il test viene interrotto ed assegnato il punteggio 15.
Attrezzatura
Per l’esecuzione del test è stata costruita una trave di equilibrio con rettangolo di legno lungo
circa 50 centimetri e largo 3 centimetri di spessore adeguato a reggere il peso dei ragazzi
(almeno 4 centimetri). Questa trave verrà appoggiata su supporti adeguati ma tali che l’altezza
del ragazzo rispetto al suolo non superi i 10 centimetri
Cronometro per la rilevazione dei tempi

Equilibrio
Media 11,60 10,60 9,60 9,30 9,00 30
DevSt 7,20 7,32 7,44 7,23 7,01
Età 8,00 9,00 10,00 10,50 11,00 11,50 12,00 25 13,00 14,00
-5 23,40 22,60 21,80 21,15 20,50
10 20,00 19,55 19,10 18,50 17,90 20

20 17,70 16,75 15,80 15,35 14,90


30 15,40 14,45 13,50 13,10 12,70 15

40 13,50 12,50 11,50 11,15 10,80


50 11,60 10,60 9,60 9,30 9,00 10

60 9,80 8,80 7,80 7,50 7,20


70 7,90 6,85 5,80 5,55 5,30 5

80 5,60 4,50 3,40 3,25 3,10


90 2,50 1,35 0,20 0,15 0,10 0
8,00 9,00 10,00 11,00 12,00 13,00 14,00
95+ 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

14,11 11,25 Media 2,17 10,04 9,46


10,08 8,94 DevSt 6,32 12,93 9,87
11,00 11,50 Età 11,00 11,50 12,00
30,64 25,91 -5 -8,20 31,25 25,64
27,01 22,69 10 -5,93 26,59 22,09
22,68 18,85 20 -3,21 21,03 17,85
U S D o n B o sco 19,35 15,90 30 -1,12 16,76 14,59
Spezia Calcio 16,63 13,49 40 0,59 13,27 11,93 U S D o n B o sco

A nnat a 9 0 14,11 11,25 50 2,17 10,04 9,46 Spezia Calcio

1995-96 11,59 9,02 60 3,75 6,81 6,99 A nnat a 9 0

1996-97 8,87 6,60 70 5,45 3,32 4,33 2000-01


1997-98 5,54 3,65 80 7,54 -0,95 1,07 2001-02
1998-99 1,21 0,00 90 10,26 -6,51 -3,17
1999-2000 0,00 0,00 95+ 12,54 -11,17 -6,72

Media
DevSt
Età
-5
10
A . S.D . 20 D LF La Sp ez ia
A rsenalSp ez ia 30 Le G iraf f e

A nnat a 9 0 40 A nnat a 9 7

2002-03 50 2009
2003-04 60
2004-05 70
2005-06 80
90
95+

      


TEST SPECIFICI DI ABILITA’ CALCISTICA
Denominazione CONI: non catalogato
Standardizzazione nessuna
Capacità motorie da testare : ABILITÀ TECNICA – CONTROLLO - RAPIDITÀ

Il circuito abbina una serie di gesti tecnici del gioco del calcio a capacità di coordinazione
motoria.
E’ in pratica un sunto delle capacità raggiunte dal ragazzo, mettendo insieme alcune delle
situazioni di gioco che il giovane calciatore può incontrare nel corso delle gare.
Il risultato del test è il tempo impiegato a percorrere il circuito.
Il mancato controllo della palla nei punti stabiliti, il mancato gol nella porta, la caduta di un
ostacolo o salto di un cono nello slalom sono da considerare errore che deve essere
evidenziato nella tabella di rilevazione
Spiegazione e suggerimenti
Il percorso, per giovani che siano in possesso di discreti fondamentali del gioco del calcio, è
più facile da fare che non da spiegare sulla carta. E’ opportuno però provare più volte il
percorso prima del test vero e proprio, anche per la validità degli esercizi proposti in fase di
allenamento.
E’ motivo di incoraggiamento e motivazione dei ragazzi dividere in due o più squadre i vari
partecipanti al test per una gara a squadre.
Attrezzatura e percorso

Per la costruzione del circuito sono necessari 10 coni in plastica, 3 ostacoli over dell’altezza
di 50 centimetri, un pallone, un triangolo ungherese o una panca di legno, un metro per la
misura delle distanze ed un cronometro di rilevamento
Il circuito inizia con il ragazzo in possesso palla dietro la linea di partenza.
Al via questi parte per una distanza di 5 metri in conduzione libera e poi per una distanza di 5
metri in slalom tra 5 conetti disposti linearmente ad 1 metro l’uno dall’altro.
Al termine dello slalom bisogna fare gol facendo passare tra due coni posti alla distanza di 7
metri, indi recuperare la palla e portarla in conduzione sopra il dischetto (nr.1) dal quale si è
calciato.
Il proseguo del test prevede il triangolo con la trasmissione e ricezione dal triangolo
ungherese e quindi facendo passare la palla sotto e saltando due ostacoli alla distanza di 5
metri tra loro. Un ulteriore dischetto (nr 2) indicherà il punto dove l’atleta dovrà girare per
dirigersi in conduzione palla verso un cono distante 5 metri con percorso di andata e ritorno .
Una volta tornati sul dischetto la parte finale consiste in una conduzione palla per 10 metri
fino all’arrivo .

Tecnica calcistica
Media 60
DevSt
Età 8,00 9,00 10,00 10,50 11,00 11,50 12,00
50
-5
10
40
20
30
40 30

50
60 20
70
80
10
90 8,00 9,00 10,00 11,00 12,00 13,00 14,00
95+

42,00 33,40 36,67 31,43 21,89 Media 30,19 29,78 29,93 28,13
3,65 2,61 3,79 2,37 2,20 DevSt 2,12 1,73 2,06 1,51
10,50 11,00 11,50 12,50 13,50 Età 11,00 11,50 12,00 12,50
36,01 29,12 30,46 27,54 18,27 -5 33,67 32,62 33,31 30,61
37,33 30,06 31,82 28,39 19,07 10 32,91 31,99 32,57 30,06
38,90 31,18 33,45 29,41 20,01 20 32,00 31,25 31,68 29,41
U S D o n B o sco 40,10 32,04 34,70 30,20 20,74 30 31,30 30,68 31,00 28,92
Spezia Calcio 41,09 32,75 35,72 30,84 21,34 40 30,72 30,21 30,45 28,51 U S D o n B o sco

A nnat a 9 0 42,00 33,40 36,67 31,43 21,89 50 30,19 29,78 29,93 28,13 Spezia Calcio

1995-96 42,91 34,05 37,61 32,02 22,44 60 29,66 29,35 29,42 27,75 A nnat a 9 0

1996-97 43,90 34,76 38,64 32,66 23,04 70 29,09 28,88 28,86 27,34 2000-01
1997-98 45,10 35,62 39,88 33,44 23,76 80 28,39 28,31 28,18 26,85 2001-02
1998-99 46,67 36,74 41,51 34,46 24,71 90 27,48 27,57 27,29 26,20
1999-2000 47,99 37,68 42,88 35,32 25,50 95+ 26,71 26,94 26,55 25,65

36,01 34,31 31,78 30,68 30,97 Media


8,56 6,34 7,13 4,44 2,85 DevSt
12,00 12,50 13,00 13,50 14,00 Età
50,05 44,71 43,47 37,96 35,65 -5
46,97 42,43 40,91 36,36 34,62 10
A .S .D . 43,29 39,70 37,84 34,45 33,39 20 D LF La Sp ez ia

A rsenalSp ez ia 40,46 37,61 35,49 32,99 32,45 30 Le G iraf f e

A nnat a 9 0 38,15 35,90 33,56 31,79 31,68 40 A nnat a 9 7

2002-03 36,01 34,31 31,78 30,68 30,97 50 2009


2003-04 33,87 32,73 30,00 29,57 30,26 60
2004-05 31,56 31,01 28,07 28,37 29,49 70
2005-06 28,73 28,92 25,72 26,91 28,55 80
25,05 26,19 22,65 25,00 27,32 90
21,97 23,91 20,09 23,40 26,30 95+

      


ALTRI TEST DI VALUTAZIONE SPORTIVA

TEST DI SARGEANT
Denominazione CONI: SARGEANT
Standardizzazione: SARGEANT
Capacità motoria da testare: FORZA RAPIDA

Attrezzatura e percorso
Un muro con zona centimetrata, gesso in polvere

Spiegazione e suggerimenti
Il ragazzo viene posto in piedi con il fianco ad una distanza di circa un palmo dal muro.
Viene rilevata l'altezza massima a braccio completamente disteso verticalmente ( AE =
altezza in estensione ).
Il ragazzo dopo essersi passato un po' di gesso sulle dita effettua un salto verticale cercando di
toccare il muro il più in alto possibile ( AM=altezza massima ), cercando il più possibile di
effettuare un salto potente e verticale con la completa estensione del braccio e della mano
verso l’alto
Nell'effettuazione della prova salto è consentito aiutarsi con il movimento oscillatorio delle
braccia ed il molleggio delle gambe prima del salto mentre non è possibile spostare i piedi
prima dell'effettuazione del salto o compiere un pre-saltello.

L'ideale sarebbe che la prova fosse seguita da due rilevatori, dei quali uno esegue la prima
misurazione (AE) e esorta e controlla il ragazzo mentre l’altro valuta l'altezza raggiunta AM,
esegue la differenza e la registra.
Viene rilevata la differenza fra l'altezza raggiunta e la prima misurazione ( E = AM - AE ).
Si registra la migliore delle 3 prove effettuate.
Far ripetere una prova in caso di errore sulla verticalità dell'azione.
Non considerare valida la misura ottenuta con caricamenti (spostamenti o presalti ) non
consentiti.
Per ridurre i tempi e facilitare il soggetto dal punto di vista nervoso far eseguire le tre prove di
seguito allo stesso soggetto.
      
TEST DI ABALAKOV
Denominazione CONI: ABALAKOV
Standardizzazione: Ricerca CONI-CAS
Capacità motoria da testare: FORZA RAPIDA

Attrezzatura e percorso
Apposito apparecchio per la misurazione, cerchio di 80 cm di diametro disegnato per terra.

Spiegazione e suggerimenti
La posizione di partenza del ragazzo è eretta all'interno del cerchio, piedi leggermente
divaricati, gambe tese e braccia distese lungo il corpo, con la cinghia alla vita, nastro
misuratore che passa nella fessura dell'apparecchio e sguardo in avanti
Non appena sussistono queste condizioni il nastro misuratore viene tesato e viene eseguita
la lettura della prima misurazione: alla partenza il ragazzo piega le gambe ed esegue un salto
in alto aiutandosi con l'azione delle braccia, ricadendo all'interno del cerchio disegnato.

I rilevatori controllano
la precisione della
posizione di partenza,
effettuano la prima
misurazione (MI) e
la fase di volo del salto.

Viene rilevata la misura finale (MF) eseguendo la differenza E = MF – MI, vengono


effettuate 3 prove e considerata la migliore delle tre.
Far ripetere la prova nel caso il soggetto fletta il busto in avanti durante la fase aerea od esca
dal cerchio, oppure nel caso vengano spostati i piedi o effettuare un presalto nella fase di
caricamento.
      

TRIPLO DA FERMO
Denominazione CONI: TRIPLO D.F.
Standardizzazione: ATLETICA LEGGERA
Capacità motoria da testare: FORZA RAPIDA

Attrezzatura e percorso
Decametro, picchetto di segnalazione e rastrello in caso di utilizzo di una pedana di salto in
lungo o atterraggio sulla sabbia

Spiegazione e suggerimenti
L’atleta viene posto con i piedi paralleli dietro la linea di partenza.
La distanza della linea di partenza dal bordo della buca dipende, ovviamente dalle potenzialità
dell'allievo. Vengono eseguiti tre balzi verso la sabbia alternando il piede di appoggio e
riunendo i piedi al momento dell'arrivo. Come per il lungo da fermo è consentito fare delle
oscillazioni con le braccia e dei molleggi con le gambe. e/o appoggiare le mani od altra parte
del corpo sulla sabbia nell'atterraggio.
Non è invece permesso spostare i piedi od effettuare un presalto nella fase di partenza.
Viene misurata la distanza fra la linea di partenza e l'impronta ad essa più vicina lasciata dal
soggetto. Effettuare 3 prove e registrare la migliore.
Se il ragazzo cade indietro troppo marcatamente fare ripetere la prova.
In caso di utilizzo della pedana per il salto in lungo o una buca con sabbia spianare bene la
sabbia senza creare buche o dislivelli.
      

CORSA A SPOLA
Denominazione CONI: SPOLA 5x5
Standardizzazione: O.CM. LIVORNO
Capacità motoria da testare: RESISTENZA ALLA RAPIDITA’

Attrezzatura e percorso
Gesso per eventuale delimitazione della linea di partenza, cronometro, 6 conetti

Spiegazione e suggerimenti
Si dispongono 6 birilli alla distanza di 5 mt uno dall'altro.
Il ragazzo partendo sulla linea del 1° birillo effettua delle corse a spola girando ogni volta
intorno al birillo successivo fino a completare la prova.

Viene rilevato il tempo come nelle prove di corsa veloce facendo scattare il cronometro nel
momento in cui l'allievo muove il piede dietro ed arrestandolo in quello di attraversamento
della linea di arrivo.
Vengono effettuate due prove con almeno 5 minuti di recupero e registrato il tempo della
prova migliore con approssimazione centesimale: l'allievo non deve toccare i birilli.
Soprattutto con gli allievi più piccoli sarebbe opportuno numerare i coni di delimitazione e
che l’istruttore che segue il test indichi a voce alta il numero del cono dietro al quale deve
girare il ragazzo in test. Fondamentale è anche l’incitamento a mantenere la velocità più
elevata possibile per tutta l’esecuzione del test.
CORSA PROLUNGATA SU DIVERSE DISTANZE
Denominazione CONI: MT 1000
Standardizzazione: 1200 CORSA
Capacità motoria da testare: POTENZA AEROBICA
Attrezzatura e percorso
Cronometro, gesso per eventuale delimitazione della linea di partenza,

Spiegazione e suggerimenti
Gli allievi percorrono la distanza prevista: viene registrato il tempo al decimo di secondo
      

CIRCUITO DI DESTREZZA CONI-CAS


Denominazione CONI: CIR. DESTREZ
Standardizzazione: RICERCA CONI-CAS
Capacità motorie da testare: COORDINAZIONE GENERALE – RAPIDITÀ.

Attrezzatura e percorso
6 bacchette a sezione rotonda, 6 paletti (h = 1.20 mt. ca.), 2 materassini, 4 Ostacoli (h = 50
cm.). cronometro.

Spiegazione e suggerimenti

Il ragazzo si schiera alla partenza; quando è pronto parete e corre alternando i piedi negli
spazi fra le bacchette, senza saltarne nessuna, quindi corre a slalom tra i paletti, effettua una
capovolta avanti ed una indietro, supera il primo ostacolo e poi passa sotto al medesimo,
supera quindi i due ostacoli, compie una corsa a navetta toccando con una mano i due ostacoli
che delimitano lo spazio della corsa a navetta ed infine corre in velocità fino all'arrivo.
I rilevatori verificano l'esattezza del percorso facendo ripetere la prova in caso di errore:
vengono effettuate due prove con registrazione della migliore con approssimazione al
centesimo di secondo. Occorre verificare bene le misure del circuito. E’ opportuno per una
buona comprensione del test far eseguire parti del circuito ed almeno una prova completa a
velocità ridotta.
CIRCUITO DI DESTREZZA DI HARRE
Denominazione CONI: DESTR. HARRE
Standardizzazione: D. HARRE
Capacità motoria da testare: COORDINAZIONE GENERALE E – RAPIDITÀ.

Attrezzatura e percorso

Materassina., pallone medicinale o cono, 3 ostacoli alti 50 cm. cronometro centesimale,


decametro.

Spiegazione e suggerimenti
L’alunno parte in piedi verso il materassino, esegue una capovolta in avanti, corre verso il
pallone medicinale e si dirige verso l’ostacolo 1, lo salta e poi vi passa di sotto ed ancora
pallone - ostacolo 2 - pallone - ostacolo 3 - pallone - linea di arrivo.
Il pallone quando il soggetto gira deve sempre trovarsi alla sua destra e non deve essere
toccato mentre la capriola deve essere effettuata solo una volta dopo la partenza. Viene
effettuato il cronometraggio verificando l’esattezza del percorso ed effettuando la misurazione
al centesimo di secondo.
Effettuare alcune prove di parti del percorso in forma separata ed una prova completa a
velocità ridotta per verificare la comprensione del compito da parte degli allievi.

      


ALTRI TEST SPECIFICI RIFERITI AL CALCIO

TIRO DI PRECISIONE
Denominazione CONI : TIRO PRECIS
Standardizzazione: O.C.M. LIVORNO
Capacità motorie da testare: COORDINAZIONE SPECIFICA – DIFFERENZIAZIONE

Attrezzatura e percorso
Pallone, 6 coni, decametro di misurazione e gesso in polvere

Spiegazione e suggerimenti
Vengono allineati 6 birilli alla distanza di 1 metro e segnate le zone di calcio a 6-8-10-12-14
metri.
Lo spazio compreso fra i birilli centrali
vale 3 punti, quelli adiacenti 2 punti ed
i laterali 1 punto, zero punti le parti
esterne
L’allievo calcia la palla con decisione
cercando di realizzare più punti
possibile.
Vengono effettuati 3 tentativi per 3
diverse distanze come indicato nella
tabella.

Età Distanze Tentativi


5 – 6 anni 9 – 8 – 10 metri 3
7 – 8 anni 8 – 10 – 12 metri 3
9 – 10 anni > 10 – 12 – 14 metri 3

Ogni allievo deve effettuare i 3 calci dalla stessa distanza uno di seguito all’altro, mentre si
passerà alla distanza successiva quando tutti gli allievi avranno effettuato i loro 3 tentativi.
Si conteggia e registra la somma dei punti da un minimo di zero ad un massimo di 27.
In caso di birillo preso in pieno ed in cui non sia possibile valutare il punteggio viene
assegnato quello minore.
Fare effettuare alcune prove dalla distanza minore.

      

DOSAGGIO DEL TIRO


Denominazione CONI : TIRO DOSATO
Standardizzazione: O.C.M. LIVORNO
Capacità motorie da testare: COORDINAZIONE SPECIFICA – DIFFERENZIAZIONE

Attrezzatura e percorso
Pallone, decametro di misurazione e gesso in polvere
Spiegazione e suggerimenti
Vengono disegnati con del gesso 3 quadrati
concentrici di 1 – 2 –3 metri di lato e le zone
di tiro a 3 – 5 – 7 – 9 – 11 metri come
indicato in figura.
L’allievo calcia la palla, dosando il tiro e
cercando di farla arrestare nel quadrato con
punteggio più alto.
Vengono effettuati 3 tentativi per 3 diverse
distanze come indicato nella tabella.

Età Distanze Tentativi


5 – 6 anni 3 – 5 – 7 metri 3
7 – 8 anni 5 – 7 – 9 metri 3
9 – 10 anni 7 – 9 – 11 metri 3

Ogni allievo deve effettuare i 3 calci dalla stessa distanza uno di seguito all’altro, mentre si
passerà alla distanza successiva quando tutti gli allievi avranno effettuato i loro 3 tentativi.
Si conteggia e registra la somma dei punti da un minimo di zero ad un massimo di 27.
Nel caso la palla si arresti perfettamente sopra una riga viene assegnato il punteggio minore.
Fare effettuare alcune prove dalla distanza minore.
      

CONDUZIONE RETTILINEA DELLA PALLA


Denominazione CONI : CONDUZIONE
Standardizzazione: O.C.M. LIVORNO
Capacità motorie da testare: COORDINAZIONE SPECIFICA – CONTROLLO – RAPIDITÀ

Attrezzatura e percorso
Pallone, decametro di misurazione,
cronometro e gesso in polvere
Spiegazione e suggerimenti
Viene disegnato un corridoio lungo 20 mt. e largo mt. 1.50.
L’allievo parte senza segnale di avvio con la palla posta sulla riga di partenza ed esegue una
conduzione rettilinea della palla, più rapida possibile.
Al termine della conduzione la palla
deve essere fermata nel quadrato
disegnato alla fine del corridoio.
La palla non deve uscire dal corridoio e
qualora ne uscisse deve essere fatta
rientrare nel punto stesso in cui è uscita.
Ogni allievo effettua 2 prove con un intervallo di circa 3 – 4 minuti.
Un rilevatore effettua il cronometraggio mentre l’altro avvisa l’allievo che è uscito dal
corridoio indicandogli tempestivamente il punto in cui deve rientrare.
Si cronometra al centesimo di secondo dal primo tocco di palla al momento dello stop nel
quadrato finale, registrando la migliore delle 2 prove.
Far effettuare una prova non cronometrata prima dell’esecuzione del test
RIMESSA LATERALE
Denominazione CONI : RIMESSA
Standardizzazione: O.C.M. LIVORNO
Capacità motoria da testare: FORZA RAPIDA
Attrezzatura e percorso
Tre palloni, decametro di misurazione,

Spiegazione e suggerimenti
L’allievo posizionato dietro una linea, esegue una rimessa laterale con le mani in modo
tecnicamente corretto cercando di lanciare la palla più lontano possibile.
Si effettua la misurazione dalla linea al punto in cui la palla tocca terra, registrando la
migliore di 3 prove effettuate in successione.
Fare effettuare alcune prove prima della rilevazione dei dati
      

POTENZA DI CALCIO
Denominazione CONI RIMESSA
Standardizzazione: O.C.M. LIVORNO
Capacità motorie da testare: FORZA RAPIDA – ABILITÀ TECNICA

Attrezzatura e percorso
Tre palloni, decametro di misurazione,

Spiegazione e suggerimenti
Sulla linea di partenza vengono posizionati 3 palloni.
L’allievo prendendo una rincorsa non più lunga di 5 metri effettua un calcio della palla
cercando di farla cadere il più lontano possibile dalla linea di partenza.
Si effettuano 3 prove in rapida successione.
Si effettua la misurazione dal punto di calcio al punto in cui la palla tocca terra, registrando la
prova migliore, arrotondata ai 10 cm.
Fare effettuare alcune prove prima della rilevazione dei dati
      

CAPACITA’ DI CONTROLLO PALLA


Denominazione CONI : PERCORSO A PERCORSO B
Standardizzazione: O.C.M. LIVORNO
Capacità motorie da testare: ABILITÀ TECNICA – CONTROLLO - RAPIDITÀ

Attrezzatura e percorso
Pallone, 10 conetti, 2 ostacoli altezza 50cm, decametro di misurazione, gesso in polvere,
cronometro

Spiegazione e suggerimenti
Sul campo di calcio in prossimità della porta viene preparato un percorso con le attrezzature
disposte nel modo ed alle distanze indicate nella figura.
L’allievo parte dalla riga di fondo; esegue uno slalom fra i birilli posti alla distanza di 1
metro; con un tocco fa passare la palla sotto il primo ostacolo e quindi sotto il secondo;
continua eseguendo un controllo all’interno del corridoio semicircolare; appena uscito dal
corridoio esegue una triangolazione con l’istruttore; ricevuto il passaggio esegue un tiro in
porta.
Il percorso deve essere eseguito nel minor tempo possibile assegnando le seguenti penalità:
Ogni birillo od ostacolo toccato 1 secondo
Uscita dal corridoio Rientrare nel punto di uscita
Mancato goal 2 secondi
Vengono individuati 2 percorsi diversi: il primo, chiamato percorso “A”, s’intende quello dal
lato favorevole, quindi con la curva verso sinistra per i destri e viceversa per i mancini.
Il secondo, , chiamato percorso “B”, è quello dal lato meno favorevole, con la curva verso
destra per i destri e viceversa per i mancini
Per seguire correttamente il test necessita la presenza di tre rilevatori, il primo dei quali
cronometra il tempo, il secondo conta le penalità ed indica il punto di rientro in caso di uscita
dal corridoio ed il terzo partecipa attivamente, effettuando il passaggio di triangolazione di
piatto nel modo più rapido possibile in relazione alle capacità tecniche dell’allievo.
Ogni allievo effettua 2 prove per il percorso A e 2 per il percorso B con un intervallo di 3 – 4
minuti: il tempo parte quando l’allievo effettua il primo tocco di palla e termina quando la
palla taglia la linea di fondo dopo il tiro in porta.
Vengono registrate le migliori prove per ogni tipo di percorso ed è necessario effettuare
almeno un percorso di prova a velocità ridotta: in caso di gravi errori ripetere la prova dopo
averla sospesa.
Attenzione alla corretta attribuzione dei percorsi in base alle caratteristiche di lateralità dei
ragazzi.

      


Si ringraziano le società USD Don Bosco Spezia Calcio, USD ArsenalSpezia e USD DLF-Le
Giraffe La Spezia per aver concesso l’utilizzo dei loghi sociali così come erano riportati
originariamente nelle schede di valutazione

Erbetta Maurizio
CONI Istruttore C.A.S. n° 5872 del 12/1995
FIGC Istruttore Giovani Calciatori n° 37439 del 03/1996
Attività svolta
Dal 1995 al 2001 US Don Bosco Spezia Calcio
Dal 2003 al 2007 GSD ArsenalSpezia 1913
Dal 2009 GS DLF Le Giraffe La Spezia

BIBLIOGRAFIA

Prof. Ignazio Argiolas


A scuola di calcio

Prof. Alberto Buonaccorsi


C.O.N.I. OSSERVATORIO NAZIONALE CAPACITÀ MOTORIE
Manuale di standardizzazione dei TEST ed. settembre 2001

CONI – Istituto della Enciclopedia Italiana fondazione G. Treccani


Programma multimediale - L’educazione motoria di base