Sei sulla pagina 1di 37

CAPITOLO

VOLTE SOTTILI RETICOLARI IRRIGIDITE CON SISTEMI DI FUNI: CONCETTI GENERALI ED ANALISI DI DUE ESEMPI SIGNIFICATIVI

CAPITOLO 3 VOLTE SOTTILI RETICOLARI IRRIGIDITE CON SISTEMI DI FUNI: CONCETTI GENERALI E ANALISI DI DUE ESEMPI SIGNIFICATIVI
La lotta tra gravit e solidit propriamente lunico proposito estetico della bella architettura; metterlo variamente in piena evidenza il suo compito. Tale compito adempie, togliendo a quelle indelebili forze la via pi breve del loro soddisfacimento, trattenendole col deviarle. Arthur Schopenhauer

3.1 La fune come elemento strutturale


Le funi sono elementi strutturali a dimensione longitudinale prevalente caratterizzati dal fatto di essere dotati di sola rigidezza estensionale, attiva in stato unilaterale di sollecitazione di trazione. A causa della mancanza di rigidezza tagliante e flessionale, la fune pu trasmettere i carichi agli ancoraggi solo con cambiamenti di forma, e pertanto pu essere definito un elemento ipostatico o, pi precisamente, a geometria variabile [1].

Figura 1: ipostaticit: la fune assume configurazioni geometriche differenti a seconda dei carichi cui sottoposta. La configurazione assunta corrisponde, per lappunto, alla funicolare dei carichi

Nel campo dellingegneria civile esistono molte tipologie di strutture nelle quali le funi assumono funzione portante, ad esempio nei ponti sospesi, nelle antenne e nei ponti strallati, nelle tensostrutture1. Pre-tese ed associate ad altri elementi strutturali esse hanno un ruolo importante anche nelle volte sottili.

Oltre ovviamente al ruolo che le funi hanno sotto forma di trefoli o cavi nel cemento armato precompresso.

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

54

3.1.1 Rigidezza estensionale di una fune trattazione di Dishinger


Il comportamento delle funi sotto carico di tipo non lineare ed unilaterale. In un diagramma che riporti in ordinata il tiro cui sottoposta la fune ed in ascissa un parametro di spostamento (ad esempio lo spostamento nella direzione congiungente le estremit della fune, oppure la freccia, oppure lo spostamento orizzontale) esso descritto da una retta coincidente con la parte negativa dellasse delle ascisse (rigidezza nulla in compressione) e da una curva tendente ad un asintoto nel quadrante positivo (rigidezza crescente in trazione).

La rigidezza della fune dipende dunque anche dallo stato di tensione, il suo comportamento essendo di tipo ad incremento di rigidezza (hardening), quasi nulla per basse tensioni e via via crescente fino ad arrivare asintoticamente alla rigidezza dellasta tesa equivalente. Ci dovuto al fatto che la fune non in grado di assorbire le azioni ad essa trasversali (come il peso proprio se la fune orizzontale) se non deformandosi per trasferirle sotto forma di sollecitazioni di trazione, non essendo dotata di rigidezza flessionale. Ne consegue che il comportamento di una fune influenzato anche dalla sua inclinazione rispetto allorizzontale. Per descrivere quanto visto sopra occorre ricavare una espressione analitica del modulo di elasticit tangente. Una trattazione sufficientemente approssimata quella del modulo di Dischinger. Considerando una fune orizzontale soggetta ad un tiro H = N 0 ed ad un peso uniformemente distribuito g verticale, ed ammettendo che la freccia sia sufficientemente piccola, s da poter confondere lequazione della catenaria con quella della parabola, andiamo a imporre lequilibrio: N cos( ) = N 0 (eq. orizzontale) (eq. verticale) dN sin( ) = gdx che con qualche passaggio diventano: N ( x ) = 1 + y 2 N 0 (1) dN y (2) =g dx 1 + y2 derivando la (1) rispetto ad x ed uguagliando

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

55

alla (2) otteniamo lespressione del tiro in funzione della curvatura e, con due integrazioni, lequazione della deformata: g g No = y= x( x L) y 2N 0 La deformata una parabola a causa delle semplificazioni fatte. Scrivendo il peso proprio g come prodotto del peso specifico dellacciaio per la sezione del cavo g = s As , ed imponendo una deformazione dx , andiamo a scrivere il teorema dei lavori virtuali:

( N 0 + dN 0 )dx + ( g dy)dx = L.E. L.I . = ik ik dV


0 v

che, dopo qualche passaggio, porge: 1 gL 2 1 gL 2 N + dN ( N 0 + dN 0 ) dx ( ) dN o L = ) ) dN L (1 + ( 3 2N 0 6 2N EA da cui, chiamando lallungamento unitario della corda d D = dx L ed approssimando N + dN N 0 + dN 0 e dN 0 = A d 0 A d (ci lecito se la freccia piccola):

d 1 s L s2 L2 E d = + 1 + E 6 2 12 3 da cui si ricava, attraverso la relazione d = E D d D , il modulo di Dischinger: E ED = 2 1 sL 1 sL E 1+ + 6 2 3 2 Tale modulo pari a quello di unasta equivalente lungo la direzione della corda della fune. Osserviamo che per tensioni molto basse la rigidezza tende ad annullarsi, mentre per tensioni alte essa tende asintoticamente al modulo del materiale: lim( 0) E D = 0 lim( ) E D = E Lespressione trovata rimane inalterata anche se consideriamo una fune inclinata (con estremit a livello differente), purch come lunghezza della corda si assuma la sua proiezione sul piano orizzontale.
D

3.1.2 Il ruolo della pretensione


Osservando lequazione del modulo elastico fittizio riportata nel paragrafo precedente facile intuire subito i vantaggi della pretensione (maggiore rigidezza e minore variabilit della stessa) legati al comportamento tipo hardening. In realt, anche in presenza di un comportamento elastico lineare la pretensione ha un ruolo favorevole. Essa infatti un modo per trasformare indesiderate sollecitazioni di compressione in sollecitazioni di trazione. Consideriamo infatti una fune verticale ( L = 0 E D = E ) ancorata alle due estremit e sottoposta ad una azione verticale F agente a met altezza. Se la fune non pretesa, a causa

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

56

della mancata rigidezza a compressione la sola parte superiore della fune contraster tale forza, la parte inferiore andr in banda. In presenza di un certo grado di pretensione invece, non solo entrambe le parti collaboreranno a contrastare tale forza fino ad esaurire la pretensione nella parte inferiore, ma, superato tale limite, a parit di deformazione la parte superiore assorbir una forza doppia (potremmo dire che il cavo conserva memoria della pretensione).

Figura 2: da sinistra verso destra: una fune in compressione non sopporta alcun carico; una fune pu essere utilizzata per sospendere un carico; in assenza di pretensione, tutto il carico va sulla parte superiore; a seguito della pretensione, met carico va sulla parte superiore, met va a scaricare la parte inferiore; con la pretensione il carico raddoppiato a parit di deformazione; il diagramma forza-spostamento mette in evidenza la differenza tra fune con e senza pretensione.

Nelle strutture dellingegneria civile le funi sono quasi sempre pre-sollecitate, a volte la presollecitazione imposta in modo tale che non venga mai meno neanche in condizioni ultime. Per questo spesso possibile, con sufficiente approssimazione, utilizzare nei calcoli un modulo di rigidezza costante. In ogni caso, occorre considerare che le funi hanno un modulo di rigidezza apparente comunque inferiore a quello del materiale di cui sono costituite, per il fatto di essere formate da pi fili intrecciati a elica che, tesati, si avvicinano tra di loro determinando una quota di deformazione longitudinale aggiuntiva. Conviene perci rifarsi ai cataloghi delle ditte produttrici, che forniscono il valore medio del modulo di rigidezza apparente ed il valore minimo della tensione nominale di rottura. Le tipologie di cavo pi utilizzate sono i trefoli spiroidali, che in genere2 hanno un modulo di rigidezza intorno ai 140 kN mm 2 ed una tensione nominale di rottura intorno a 1800MPa, e le funi spiroidali chiuse, dal modulo di circa 170 kN mm 2 . C da aggiungere che le funi subiscono un cedimento anelastico allatto della messa in tensione, ma ci non costituisce un problema perch esse vengono collaudate con tutti gli accessori di collegamento direttamente in stabilimento, mediante cicli di pretensione della fune al 50% del carico nominale di rottura.

I valori variano anche in funzione delle dimensioni e del numero di fili per trefolo

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

57

3.1.3 Le tensostrutture
Il senso stesso delle tensostrutture quello di impiegare i materiali al massimo delle proprie capacit di resistenza, instaurando esclusivamente sforzi di trazione, eliminando cio le sollecitazioni flessionali, che comportano un grosso spreco di materiale, e le sollecitazioni di compressione, che obbligano a sovradimensionare gli elementi strutturali rispetto alle esigenze di resistenza, a causa dei fenomeni di instabilit. Sfruttare la resistenza del materiale nella maniera pi adeguata significa alleggerire al massimo la struttura, abbassando quanto pi possibile il rapporto peso portante/peso portato. Le tensostrutture rappresentano le strutture leggere per eccellenza e, pur essendo state intuitivamente comprese ed utilizzate sin dai primordi della civilt (una tenda non che un semplice esempio di tensostruttura), esse hanno trovato una vera comprensione ed una importante evoluzione solo dopo la met del secolo scorso, a seguito dello sviluppo scientifico e tecnologico che ha fornito, da un lato, materiali ad elevato rapporto resistenza/peso quali gli acciai ad alta resistenza, e, dallaltro, i mezzi teorici e computazionali per far fronte alle nuove problematiche strutturali che tali strutture pongono (come ad esempio linstabilit aeroelastica). Se i vantaggi delle tensostrutture sono di per s evidenti (ottimo sfruttamento dei materiali, possibilit di coprire grandi luci, ottimo comportamento nei confronti delle azioni sismiche e dei cedimenti vincolari, libert formale), occorre comunque tener conto di due considerazioni importanti: La prima la elevata deformabilit di questa tipologia di strutture, legata essenzialmente alla sua ipostaticit o mancanza di forma propria. Tale deformabilit impone, oltre ad un attento studio, anche ladozione di elementi di stabilizzazione, che possono andare dai carichi appesi come nei ponti sospesi, a sistemi complessi di funi pre-tese a curvature contrapposte. In ogni caso, in questa necessaria funzione di stabilizzazione si spendono buona parte delle risorse di resistenza dei materiali. La seconda considerazione che non si pu parlare di tensostruttura isolata, ma piuttosto occorre considerare il sistema strutturale integrale dato da questa pi le strutture di bordo e/o di ancoraggio, le quali possono influenzare notevolmente il progetto essendo spesso sottoposte a compressione e/o flessione o comunque ad azioni che necessitano di elementi di grandi dimensioni (come puntoni o complessi sistemi di ancoraggio).

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

58

3.1.4 I metodi per la stabilizzazione e l irrigidimento delle tensostrutture


La intrinseca ipostaticit geometrica delle tensostrutture impone di ricorrere a dei sistemi di stabilizzazione; essi si dividono per lo pi in tre grandi famiglie (anche se non mancano dei sistemi misti): Metodi di stabilizzazione per accoppiamento con elementi dotati di rigidezza flessionale: la tensostruttura viene connessa ad elementi flessionalmente rigidi, quali archi o travi; il caso ad esempio dei ponti sospesi, dove limpalcato pu essere anche torsio-rigido per contrastare azioni trasversali ed instabilit flesso-torsionali; concettualmente analoghi ma con sollecitazioni invertite sono i ponti ad arco con impalcato rigido tipo Maillart. Stabilizzazione a gravit: viene sfruttato il peso permanente di elementi connessi alla tensostruttura per contenere le deformazioni causate da carichi asimmetrici; tali elementi devono avere un peso permanente superiore ai pi grandi carichi accidentali; con questo metodo sono realizzate alcune coperture, stabilizzate sia con elementi discreti, sia con elementi continui come gusci in calcestruzzo cementizio (in tal caso sfruttando anche una certa rigidezza flessionale) Stabilizzazione a mezzo di pretensione: il metodo in genere pi economico e, quindi, pi usato; consiste essenzialmente nellintrodurre una rigidezza artificiale attraverso una adeguata pretensione iniziale. In genere essa si realizza introducendo, in aggiunta alle funi portanti con curvatura rivolta verso lalto, altre funi stabilizzanti o di tensione a curvatura rivolta verso il basso: dal mutuo contrasto di questi due ordini di funi pretese si ottiene una valida opposizione alla deformazione. Questo principio pu essere applicato a sistemi piani di funi, nel qual caso si fa distinzione tra sistema aperto con fune portante disposta superiormente ed elementi di collegamento tesi, e sistema chiuso con fune portante disposta inferiormente ed elementi di collegamento compressi. Funi portanti e funi stabilizzanti possono anche essere disposte in piani distinti (in genere verticali intersecantisi ad angolo retto) a formare un sistema spaziale, ottenendo superfic a curvatura gaussiana negativa3. In ogni caso il ruolo della pretensione iniziale del sistema resta fondamentale, ed essa deve essere calcolata Figura 3: dall'alto verso il basso: opportunamente in modo da garantire anche nei sistema aperto, sistema chiuso, casi di carico pi gravosi un residuo di tensione sistema misto, sistema spaziale nelle funi stabilizzanti. Resta infine da osservare che in caso di combinazioni di carico con depressioni consistenti causate dal vento le funi portanti e quelle stabilizzanti possono scambiarsi di ruolo.
3

per la definizione di curvatura gaussiana vedi nota 1 capitolo V

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

59

3.1.5 Form-finding: progettazione dello stato geometrico-tensionale iniziale


Una fune, che pu essere considerata come una successione di nodi articolati, si dispone automaticamente secondo il naturale flusso delle forze, identificato dalla funicolare dei carichi. Vi dunque un chiaro rapporto tra configurazione geometrica e carichi applicati. Cos, ad esempio, sottoposta ad un carico uniformemente distribuito si dispone secondo una parabola, sottoposta invece al peso proprio assume una geometria a catenaria, sotto un carico concentrato una bilatera, etc.. Risulta pertanto necessario trovare la sua forma geometrica iniziale, lo stato 0 nel quale essa sottoposta al solo peso proprio e ad eventuali presollecitazioni. Trovata tale configurazione iniziale, si pu poi procedere con lanalisi delle varie storie di carico. Allo stesso modo di una fune isolata, anche una pi complessa tensostruttura richiede la definizione della sua configurazione geometrica iniziale. E un modo di procedere alquanto differente dalla tradizionale impostazione di progetto, che vede la geometria strutturale come dato noto del problema. Il metodo pi immediato per ottenere una struttura sottoposta ad esclusive sollecitazioni di trazione creare un modello in scala, costituito da elementi privi di rigidezza flessionale (reti di cavi, tessuti, etc..), dotarlo degli opportuni vincoli al contorno e lasciarlo, appeso, sottoposto al peso proprio. Una tensostruttura appesa di questo tipo per, floscia, non ammissibile nellingegneria civile, in quanto per carichi diversamente distribuiti anche di poco rispetto al peso proprio, tenderebbe ad assumere unaltra configurazione; necessario pertanto introdurre sistemi di irrigidimento (vedi sopra). Non si tratta quindi pi soltanto di determinare una configurazione geometrica naturale, bens [1] di determinare una configurazione geometrica associata ad uno stato coattivo di pre-trazione, che permetta di soddisfare lequilibrio statico in ogni parte della struttura, e sia idonea a garantire la stabilit statica e dinamica nelle diverse condizioni di carico. Il modello in scala ridotta perci diventa pi complesso, poich, oltre alla geometria, deve considerare lo stato tensionale imposto. In passato sono stati implementati ed utilizzati metodi che potessero tenere conto di uno stato tensionale imposto oltre a quello dato dal peso proprio: ad esempio i modelli a bolle di sapone con le quali, dato un certo contorno, si ottengono superfic sottoposte ad uno stato tensionale uniforme, grazie al fenomeno fisico della tensione superficiale (superfic minime a parit di perimetro spaziale chiuso); oppure i modelli in fili di acciaio armonico, che possono essere pretesi e dotati di estensimetri. Oggi per tali metodi, a causa della loro imprecisione e del loro costo, non sono pi utilizzati, se non nella fase di definizione architettonica di massima. Oggi si impiegano modelli di tipo matematico, che si dividono tra quelli con trattazione al continuo, in base alla teoria delle membrane, e quelli con trattazione agli elementi finiti, questi ultimi meglio implementabili al computer4 e pi versatili.

In particolare, il metodo del Rilassamento Dinamico si presta molto bene ad essere impiegato in questo senso

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

60

3.2 Le volte sottili


Le volte (e le cupole) sottili sono elementi portanti che sfruttano la loro geometria curva (a singola o a doppia curvatura)5 per lavorare, se caricate, come intere superfic portanti, con prevalenza di tensioni e sforzi membranali, ovvero agenti nel piano medio della superficie. Possono avere diverse forme: si hanno le cupole, o lastre di rivoluzione; le volte cilindriche o a botte; le coperture a facce piane; le lastre a doppia curvatura; le coperture ottenute per unioni di parti di volte a botte, quali ad esempio le volte a crociera e le volte a padiglione. Di fatto le volte sottili sono delle lastre curve, nelle quali il regime membranale si accompagna a sollecitazioni perpendicolari al piano medio che non sono trascurabili. Ciononostante, il loro preliminare studio come membrane esenti da sollecitazioni di tipo flessionale permette di comprenderne il funzionamento e il flusso di forze globale.

3.2.1 Il comportamento a membrana


Le membrane [2] sono strutture laminari sottilissime, in pratica prive di rigidezza a flessione e torsione, e perci soggette in ogni punto soltanto a sforzi agenti nel piano tangente. Nelle membrane curve le deformazioni elastiche non hanno una sensibile influenza sugli sforzi (a meno di casi di non linearit geometriche o materiali particolarmente deformabili), e lequilibrio sussiste anche in assenza di deformazioni. Perci si possono considerare in prima approssimazione inestensibili, e per calcolare gli sforzi bastano le condizioni di equilibrio, per cui il problema staticamente internamente determinato. Nei casi generali di forze non simmetriche e/o membrane di forma qualsiasi il problema richiede comunque la risoluzione di un sistema di equazioni alle derivate parziali, ma nel caso di membrane aventi la forma di una superficie di rivoluzione e caricate con simmetria radiale, le equazioni assumono una forma particolarmente semplice e significativa. In ogni punto di una qualsiasi membrana si ha uno stato piano di tensione, esistono cio le sole tensioni di membrana x ( x, y ) , y ( x, y ) , xy ( x, y ) , uniformi nello spessore e perci sostituibili con le loro risultanti S x ( x, y ) , S y ( x, y ) , Txy ( x, y ) detti sforzi di membrana e relative allintero spessore ed alla larghezza unitaria (dove il piano xy quello tangente in quel punto alla superficie media della membrana). Nel caso di assial-simmetria, Txy=0 e gli sforzi di membrana si riducono a S1 orientati secondo i meridiani ed S2 secondo i paralleli. Consideriamo di sezionare la membrana dotata di asse di simmetria rotazionale con una superficie conica coassiale e
5

ma anche superfici a facce piane opportunamente accostate

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

61

normale ai meridiani. La risultante verticale Q delle azioni che agiscono sulla parte superiore equilibrata dagli sforzi S1 distribuiti sul parallelo di raggio r in corrispondenza della sezione. Si ha perci la seguente relazione: Q S1 = (1) 2 r sin( ) dove (colatitudine) langolo che la tangente al meridiano fa con lorizzontale, ovvero il semiangolo di apertura del cono. Gli sforzi di membrana S1 sono indipendenti da S2 e distribuiti uniformemente lungo il parallelo. Consideriamo quindi un elemento infinitesimo abcd di membrana, limitato da due meridiani ab e cd di lunghezza dl1 = R1 d , e da due paralleli ac e bd di lunghezza rispettivamente pari a dl 2 = r d e d l 2 dl 2 , dove R1 il raggio di curvatura del meridiano nellintorno dellelemento, ed R2 la distanza del parallelo dal vertice del cono coassiale di sezione. Per lequilibrio dellelemento abcd in direzione della normale z alla superficie media della membrana, indicando con Z la risultante delle forze esterne, si ottiene, dopo qualche passaggio, lequazione: R S 2 = Z R2 S1 2 (2) R1 Si pu osservare come le strisce disposte secondo i paralleli siano in grado di funzionare come funicolari di una forza radiale uniforme, che assorbe una quota radiale delle forze esterne. Pi precisamente questa quota radiale assorbita tale da lasciare alle strisce meridiane (qualunque sia la forma del meridiano) quelle forze delle quali esse sono la funicolare. In pratica sussiste una azione di cerchiamento, delle strisce disposte secondo i paralleli nei confronti delle strisce meridiane, azione che fa s che queste ultime siano in grado di sopportare le forze esterne nonostante la loro rigidezza nulla o piccolissima. Dalla (1) e dalla (2) si pu anche osservare che variazioni termiche distribuite con simmetria radiale e variabili con continuit lungo i meridiani non provocano sforzi. In generale si pu dire che una membrana sempre in equilibrio qualunque sia la sua forma e quali che siano le forze esterne, e che lequilibrio possibile anche coi soli sforzi di membrana, ad esclusione di eventuali sollecitazioni locali. Le sollecitazioni locali che alterano il regime di membrana possono essere date da forze concentrate o, pi in generale, da tutte quelle azioni incluse le variazioni termiche che abbiano una distribuzione che presenta delle discontinuit. Le condizioni di vincolo poi sono molto importanti, poich, per conservare il regime di membrana fino al bordo, occorre che questultimo sia vincolato in modo da non alterare gli sforzi che si avrebbero con

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

62

membrana estesa indefinitamente. In altre parole, le reazioni dei vincoli non devono avere componenti nella direzione z normale alla superficie della membrana, n un momento rispetto alla tangente al contorno. In ogni caso, queste sollecitazioni che alterano localmente il regime membranale non si trasmettono a notevoli distanze dal luogo di origine, smorzandosi rapidamente al crescere della distanza6, e lasciano praticamente inalterato il regime degli sforzi nella maggior parte della membrana [2]. Possono tuttavia provocare tensioni locali pericolose.

3.2.2 La ricerca della forma ottimale quale anti-funicolare dei carichi


Un metodo per individuare geometrie staticamente efficaci per strutture spaziali che lavorano prevalentemente in compressione quello di creare un modello rovescio costituito da masse distribuite su elementi flessibili quali funi e tessuti opportunamente vincolati, sottoposte allazione di gravit. Si ottiene infatti una geometria che, invertita, corrisponde alla funicolare del sistema di forze relativo alla particolare combinazione di carichi introdotta nel modello attraverso le masse distribuite. Abbiamo visto in un precedente paragrafo che non lecito procedere in tal modo per la determinazione dello stato 0 di tensostrutture; ma nel caso di membrane resistenti anche a compressione, dotate di forma propria7, lutilizzo di modelli appesi risulta uno strumento pienamente valido per guidare il progettista nella definizione di una geometria ottimale. Questo perch strutture resistenti a compressione necessitano di una certa rigidezza flessionale (conferita per geometria o per massa) per evitare fenomeni di instabilit. Questa stessa rigidezza conferisce stabilit di forma, ed sfruttabile per assorbire quelle sollecitazioni flettenti, che inevitabilmente si producono per combinazioni di carico distinte da quella utilizzata per determinare la forma ottimale. Inoltre strutture laminari resistenti a compressione sono, seppur leggere, comunque pi pesanti di tensostrutture, e limportanza relativa dei carichi accidentali (variabili) rispetto a quelli permanenti diminuisce, diminuendo di conseguenza le differenze tra le varie possibili configurazioni della funicolare dei carichi.

questo vale tanto pi, quanto minore lo spessore della membrana reale e, conseguentemente, la sua rigidezza flessionale. 7 Si osservi che la pretensione iniziale delle tensostrutture necessaria affinch esse siano in grado di assorbire sollecitazioni di compressione, traducendole in una perdita di pretensione: in pratica in questo modo si riconduce il comportamento delle stesse a quello di membrane curve, resistenti sia a trazione che compressione, e per questo motivo dotate di forma propria e non pi ipostatiche.

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

63

Questo metodo di ricerca della forma quale anti-funicolare dei carichi stato utilizzato con successo anche in passato (famosi sono ad esempio i complessi modelli del catalano Gaud). Nel caso pi semplice di volte a singola curvatura appoggiate lungo i lati longitudinali (volte a botte), per carichi uniformemente distribuiti lungo le generatrici, il problema si riconduce ad individuare la funicolare piana della direttrice. Ad esempio, per volte di spessore costante sottoposte al peso proprio, la direttrice ideale corrisponde ad una catenaria; se invece la distribuzione di carico verticale uniforme, la funicolare una parabola; nel caso di azioni distribuite uniformemente e perpendicolari al piano medio della volta (come ad esempio il vento pensato agire in maniera uniforme) la funicolare corrisponde ad un arco di cerchio. Se la direttrice una funicolare del carico, la volta a botte funziona come una serie di archi in parallelo indipendenti tra loro. In caso contrario, mentre in un arco isolato si istaurerebbero delle sollecitazioni flettenti, in una volta sottile ideale (ovvero con i vincoli che instaurano quel regime di sforzi che si avrebbe se la stessa fosse illimitata lateralmente) lequilibrio sempre assicurato dal solo regime di membrana, ma, insieme agli sforzi S2 lungo le direttrici, si istaurano anche degli sforzi taglianti T12 che tendono a riportare le azioni verso i timpani (funzionamento a trave).

Figura 4: a sin: comportamento a trave di una volta sottile con timpani rigidi; a dxt: forme ottenute con modelli pneumatici.

Si osserva infine che spesso sono le considerazioni riguardo linstabilit locale che governano il progetto geometrico. In tal caso importante ad esempio che tutta la superficie abbia una certa curvatura minima. Forme adeguate possono essere trovate con modelli pneumatici vincolati in maniera opportuna da cavi [3].

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

64

3.2.3 Le volte sottili in calcestruzzo


Le volte sottili in calcestruzzo sono una tipologia strutturale di grande suggestione. Esse hanno avuto un discreto successo nel campo dellingegneria strutturale nonostante le problematiche legate al loro calcolo fino al secondo dopoguerra, grazie alle consistenti economie di materiale che possibile conseguire sfruttando la superficie portante e disponendo le armature nel modo pi opportuno. Sono state purtroppo abbandonate quando laccresciuto costo del lavoro le ha rese anti-economiche, a causa delle complesse centine e dellelevata cura che richiedono in fase di getto. Ci paradossalmente avvenuto quando lo sviluppo dellinformatica ha risolto molti dei problemi legati al loro calcolo e dimensionamento. Per descrivere le potenzialit anche estetiche delle volte sottili, basti pensare ad uno dei capolavori assoluti dellarchitettura strutturale, il Frontn Recoletos di Madrid, opera realizzata nel 1935 dal celebre ingegnere Eduardo Torroja [4], e purtroppo abbattuta a seguito di danni subiti durante la guerra civile spagnola. Tale edificio, progettato per ospitare un campo da gara della pelota basca, era caratterizzato principalmente da una grande copertura asimmetrica formata dallunione di due volte cilindriche di luce diversa e di lunghezza 55 metri, dallo spessore di soli 8 centimetri e prive di rinforzi o irrigidimenti intermedi.

Figura 5: sin: la volta dal profilo asimmetrico; dxt: comportamento ad archi affiancati e comportamento a trave, questultimo reso possibile dalla presenza di timpani rigidi.

Il particolare profilo asimmetrico, dettato da questioni di organizzazione degli spaz e di illuminazione, tende a negare alle forze il loro soddisfacimento pi rapido attraverso un comportamento ad arco, e fa s che la copertura scarichi essenzialmente sui muri frontali, secondo un comportamento a mega-trave, e solo in misura ridotta su quelli laterali, che possono essere cos alleggeriti al massimo e dotati di aperture estese longitudinalmente.

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

65

Leffetto di insieme, di grande semplicit ed eleganza, oltre ad essere mirabile per lintegrazione degli aspetti architettonici, funzionali e strutturali, lascia sbalordito il profano, e grandemente ammirato chiunque abbia dei rudimenti in tema di superfic portanti. Veri e propri virtuosismi sono gli enormi lucernar longitudinali, realizzati sostituendo la superficie continua della volta con un sistema reticolare di aste in cemento armato, a maglie triangolari per meglio sopportare le consistenti azioni di taglio e trasferirle verso i muri di estremit. Le intuizioni strutturali del progettista vennero da lui successivamente comprovate con una estesa e complessa relazione di calcolo8, e da una attenta sperimentazione eseguita su un modello in scala 1:10.

Figura 6: a sin: sezione trasversale del Frontn Recoletos, con particolari delle armature; al centro: alcune tipologie di strutture laminari; a dxt: pareti e coperture laminari in unopera di Dieste.

Oggi coperture di questo tipo trovano ben rara applicazione per i motivi detti sopra, anche se alcuni validi progettisti hanno trovato soluzioni economiche per poterle riproporre in tempi recenti. Tra essi, lingegnere svizzero Heinz Isler, che ha perfezionato le casserature e semplificato le operazioni di getto del calcestruzzo, e lingegnere costruttore Eladio Dieste, il quale, utilizzando volte in laterizio armato e sfruttando la manodopera a basso costo del suo paese, lUruguay, ha concepito e realizzato strutture laminari di particolare interesse e bellezza.

E.Torroja, Comprobacion y Comportamento de una Estructura Laminar, Memorias de la Real Academia de Cencias Exactas, Fsicas y Naturales de Madrid, Tomo III (1942), pp.10-168

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

66

3.2.4 Le cupole Schwedler e le cupole Dywidag


Allingegnere tedesco J.M.Schwedler si deve linvenzione, nella seconda met dellottocento, della cupola reticolare, che consiste in pratica nellestensione alla superficie tridimensionale del concetto della trave reticolare piana. Tale cupola composta da due ordini di aste, lungo i meridiani e lungo i paralleli, che intersecandosi danno luogo a maglie quadrangolari, triangolarizzate per mezzo di aste diagonali. Queste ultime hanno il ruolo di irrigidire la maglia e stabilizzare nel complesso la copertura nei confronti delle azioni prive di simmetria radiale. La differenza rispetto ad altre cupole costituite da elementi discreti la presa di coscienza dellesistenza di azioni membranali di taglio, precedentemente assorbite da elementi secondar9, qui razionalmente contrastate dalle aste diagonali. Molti degli accorgimenti e delle soluzioni adottate da Schwedler sono poi state utilizzate successivamente, aprendo la strada alla creazione di involucri comunque curvi spazialmente e costituiti da combinazioni di aste metalliche rettilinee. Un importante apporto allo sviluppo di coperture leggere dovuto alla ditta Dywidag, che negli anni venti del novecento realizz cupole estremamente sottili, con reticoli metallici destinati ad essere conglobati ed ulteriormente irrigiditi in un getto di calcestruzzo di ridottissimo spessore (6cm). Tali cupole sorpresero allepoca i tecnici per la straordinaria stabilit di forma (vedi figura) del leggerissimo reticolo metallico ancora privo del getto di calcestruzzo di completamento.

3.2.5 Le volte sottili costituite da elementi discreti


La superficie portante continua di una volta sottile pu essere sostituita con un reticolo di aste, cos come una trave reticolare pu sostituire una trave piena. Volte sottili reticolari possono essere in calcestruzzo armato (come i lucernar del Frontn Recoletos), ma pi frequentemente in materiali metallici. Oggi stiamo assistendo ad un positivo ritorno allutilizzo delle volte sottili, non pi sotto forma di superfici continue in calcestruzzo armato, bens sotto forma di reticoli spaziali di aste
9

vedi capitolo 1

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

67

in acciaio. Tali tipologie di coperture sono indicate nella letteratura anglosassone col nome di single layer grid shells (lett. gusci reticolari monostrato). Gli elementi strutturali sono le aste, collegate tra di loro attraverso dei nodi; esse possono essere curve per seguire fedelmente la superficie, oppure, pi semplicemente e pi comunemente, approssimarla con delle spezzate; linsieme pi piccolo di aste che, connesse, costituiscono una linea chiusa, forma una maglia; gli spaz lasciati vuoti possono essere coperti con pannelli, piani o curvi, la cui geometria dipende da quella della maglia. I vantaggi che derivano dallutilizzo di elementi discreti assemblati in opera sono dati dal risparmio sulla casseratura, dalla semplificazione delle operazioni da svolgere in cantiere, ma soprattutto dalla maggiore libert espressiva che le strutture reticolari presentano, grazie alla possibilit ad esempio di coprire le maglie con pannelli trasparenti. Le volte reticolari si dividono in base alla geometria della maglia, che pu essere triangolare o quadrangolare, ed a) b) c) in base alle condizioni di appoggio ed alla forma della superficie. Tutti e tre questi elementi (forma, appoggi, tipo e direzione della maglia) d) e) influenzano molto il comportamento statico. Ad esempio, allinterno della sola tipologia di volte a botte reticolari a maglie quadrangolari, si possono individuare almeno cinque distinti casi, ciascuno con un differente comportamento sotto carico, dovuto alle diverse condizioni di appoggio: si parler di volta ad archi affiancati (a) qualora lappoggio sia esclusivamente lungo i lati longitudinali; di volta a trave qualora esso sia esclusivamente in corrispondenza dei timpani, e potr essere lunga (b) o corta (c) a seconda della distanza tra i timpani rispetto alla luce coperta; di volta a guscio appoggiata agli angoli (d) qualora il sostegno sia solo in corrispondenza dei quattro angoli; di volta a guscio appoggiata ai bordi (e) quando il sostegno distribuito lungo tutto il contorno. Le maglie triangolari sono pi rigide e possono essere adattate a qualsiasi superficie doppiamente curva. Per contro, presentano dettagli pi complessi (nodi a sei bracci) e pannelli triangolari, dal comportamento staticamente meno efficace nei confronti delle azioni fuori dal piano (perci pi costosi perch necessariamente pi spessi). Le maglie quadrangolari sarebbero labili se incernierate ai nodi e pertanto devono avere nodi rigidi nel piano o, pi efficacemente, essere dotate di diagonali oppure pannelli portanti resistenti a taglio. Inoltre, non tutte le superfici sono discretizzabili con maglie quadrangolari piane poich i quattro vertici possono non giacere nello stesso piano. I punti di forza invece sono la minore complessit dei nodi (a quattro bracci) e lutilizzo di pannelli quadrangolari, staticamente pi efficaci e meno costosi.

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

68

Consistenti vantaggi economici si hanno perseguendo la standardizzazione dei pezzi. Uno degli obiettivi progettuali quindi quello di ottenere un numero quanto pi ridotto possibile di pezzi differenti (in particolare le aste, i nodi, i pannelli), anche se oggi, con le tecniche C.A.D./C.A.M. e le macchine a controllo numerico, pi facile produrre molti pezzi complessi diversi.

3.2.6 Il ruolo dei cavi pretesi nelle volte sottili reticolari


Funi e cavi possono avere un ruolo importante anche nelle volte sottili reticolari. In particolare, svolgono tre funzioni principali: irrigidire la volta nel suo piano; creare un effetto di cerchiatura precomprimendola radialmente; irrigidire la volta fuori dal suo piano conservandone la forma. Funzione di irrigidimento della volta nel suo piano medio. Le diagonali delle maglie quadrangolari possono essere efficacemente realizzate con cavi, passanti da maglia a maglia e opportunamente vincolati in corrispondenza dei nodi. Anche con nodi a cerniera, la presenza dei cavi disposti secondo le diagonali permette il trasferimento delle azioni di taglio. Grazie alla presollecitazione dei cavi, che mette in trazione gli stessi e precomprime le aste, entrambi i cavi collaborano al trasferimento delle azioni taglianti, e le maglie costituenti la superficie della volta risultano cos pi rigide.

Funzione di precompressione radiale. La curvatura dei cavi disposti lungo la superficie della volta fa s che, una volta tesati, essi impongano una precompressione di tipo radiale alla volta, precompressione che tende a centrare la funicolare dei carichi.

Funzione di diaframma (irrigidimento della volta fuori dal piano / conservazione della forma). I cavi possono essere disposti esternamente alla superficie della volta, in genere con la funzione di irrigidire localmente la volta stessa, in modo da creare dei

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

69

diaframmi. Questi ultimi hanno il compito di assicurare la conservazione della forma della volta sotto lazione dei carichi (in particolare nel caso di geometrie sviluppabili quali la volta a botte). Inoltre, hanno anche il ruolo di creare una zona pi rigida verso la quale convergono le azioni taglianti, ovvero svolgono il ruolo di timpani rigidi. Tali diaframmi possono essere formati da stralli disposti spazialmente, oppure da travi di funi, o ancora da opportune disposizioni piane di cavi a ventaglio.

Figura 7: a sin: diaframmi ottenuti con stralli disposti spazialmente; al centro: diaframma costituito da funi disposte a ventaglio; a dxt: diaframma costituito da una trave di funi.

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

70

3.2.7 Linstabilit di quarta specie o di tipo snap through


Il comportamento delle membrane compresse tipicamente caratterizzato da una diminuzione della rigidezza al crescere del carico (softening). La deformazione progressiva della struttura infatti fa s che la sollecitazione interna cresca pi rapidamente del carico interno, finch ad un certo punto questa continua a crescere spontaneamente, facendo crescere anche la deformazione, pur in assenza di carico. Per semplicit, consideriamo [5] il caso di due puntoni inclinati, articolati tra loro e col suolo, e caricati nel vertice da una forza verticale P(vedi figura).

Lo sforzo di compressione N nei puntoni molto maggiore di P, inoltre labbassamento d del vertice molto maggiore dellaccorciamento dei puntoni; per cui questo abbassamento non piccolissimo rispetto alla piccola freccia iniziale f0, e la fa diminuire sensibilmente. La diminuzione di f0 fa s che N sia maggiore dello sforzo N0 che si avrebbe nei puntoni se f0 non diminuisse, e questo fa ulteriormente accorciare i puntoni e aumentare labbassamento d del vertice. Ne risulta in definitiva che labbassamento del vertice non proporzionale a P, bens cresce pi rapidamente di P. La rigidezza del sistema va perci diminuendo, e, nel punto 1, K1 minore della rigidezza iniziale (K1< K0). Questa tendenza alla diminuzione della rigidezza porta ad un punto in corrispondenza del quale labbassamento del vertice tende a diminuire pur in assenza di un incremento della forza esterna P, ci che significa il raggiungimento del carico critico Pcr, oltre il quale si ha il collasso della struttura. Se si potesse idealmente seguire la deformazione ulteriore della struttura decrementando istantaneamente il carico imposto, osserveremmo una inversione della struttura. Ovvero, dopo labbassamento della freccia fino al valore nullo (punto 2) in corrispondenza del quale anche il carico applicato non potrebbe che essere nullo per questioni di equilibrio la struttura tenderebbe a disporsi in una configurazione quasi simmetrica di quella iniziale (punto 3), e da qui in poi funzionerebbe in trazione, iniziando ad avere un comportamento stabile ad incremento di rigidezza. Nei casi reali per il carico non diminuisce in funzione della deformazione, e perci si assiste ad un passaggio repentino dalla configurazione critica alla configurazione ribaltata (secondo la retta tratteggiata nel grafico in figura). Questo fenomeno definito nella letteratura tecnica anglosassone snap through ed caratterizzato da un rilascio repentino

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

71

dellenergia elastica accumulata. Tale rilascio di energia porta nella generalit dei casi10, al collasso degli elementi coinvolti nel fenomeno, ma pu anche coinvolgere gli elementi adiacenti, fino a portare al collasso globale dellintera struttura o di una larga parte di essa. Lo studio del fenomeno dunque di primaria importanza nella progettazione di membrane sollecitate a compressione, specialmente per geometrie fortemente ribassate. Daltra parte, la complessit del fenomeno, e la sua evidente non linearit, obbligano a svolgere analisi di instabilit con softwares specifici, in grado di tener conto dei fenomeni di non linearit geometrica. Linstabilit della struttura individuata dalla mancata convergenza numerica del calcolo.

3.2.8 Linfluenza della rigidezza dei nodi sui fenomeni di instabilit


Nel caso di superfic a doppia curvatura lequilibrio pu essere soddisfatto anche con una struttura monostrato costituita da aste connesse per mezzo di cerniere sferiche. Questo grazie al comportamento a membrana, che prevede pi percorsi di trasmissione delle forze secondo sforzi assiali e non richiede perci lausilio della rigidezza flessionale (come invece nel caso piano o a semplice curvatura, dove strutture incernierate nei nodi sono labili). Una struttura composta da aste perfettamente incernierate nei nodi non ha per un buon comportamento nei confronti dei fenomeni di instabilit tipo snapping. Per migliorare anche sensibilmente la stabilit di una struttura di questo tipo pertanto opportuno cercare di ottenere nodi rigidi. In questo modo si ottengono carichi critici pi elevati, ed anche un diverso comportamento post-buckling [6], caratterizzato da una diminuzione dellenergia cinetica liberata a seguito dellinstabilit locale (come nel diagramma in figura, nel quale rappresentato il comportamento della struttura al variare del parametro di rigidezza relativa)11. Lenergia associata con il fenomeno di snap-through, misurata dallarea W, un parametro importante perch determina la pericolosit del fenomeno: pi essa elevata, pi accentuato leffetto dinamico che coinvolge i nodi adiacenti, trasformando linstabilit locale in una pi pericolosa instabilit globale.

esistono infatti casi in cui il fenomeno opportunamente sfruttato e guidato, senza collasso, ma non nel campo di interesse dellingegneria civile 11 Per lesattezza, il diagramma fa riferimento ad una rigidezza k di tipo estensionale, non rotazionale. Ma essa pu essere considerata come lapporto delle altre aste afferenti al nodo di una generica struttura reticolare spaziale. Incrementando la rigidezza flessionale del nodo, aumenta anche la rigidezza nei confronti di una azione verticale e, pertanto, la k del diagramma.

10

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

72

Sono stati sviluppati negli ultimi anni svariate tipologie di nodo dotate di una certa resistenza e rigidezza nei confronti delle azioni flettenti; una buona panoramica delle soluzioni esistenti (sia bullonate che saldate) fornita in [7].

3.2.9 Linfluenza delle imperfezioni iniziali sui fenomeni di instabilit


I gusci reticolari sono strutture molto sensibili alle imperfezioni iniziali. Il carico critico calcolato su un modello ideale perfetto sempre consistentemente pi grande di quello della struttura reale. Per una sua stima accurata perci essenziale mettere in conto le inevitabili imperfezioni iniziali, che possono essere di tipo geometrico, oppure consistere in stati di tensione iniziali o disomogeneit del materiale. Le imperfezioni geometriche possono riguardare i singoli elementi (mancanza di rettilineit delle aste, tolleranze nella lavorazione dei pezzi, etc..), oppure possono essere dovute al montaggio. Stati di tensione iniziali sono causati dalla lavorazione (laminazione, formatura a freddo, saldature, etc..) oppure diretta conseguenza di distorsioni involontariamente imposte nella fase esecutiva [8,9]. Tener conto di tutti i possibili fattori di imperfezione non ovviamente possibile, perci in genere12, per le analisi di instabilit globali, vengono considerate le sole imperfezioni geometriche, sotto forma di campi di spostamento iniziali applicati alle coordinate dei nodi della struttura ideale. Per una certa entit della imperfezione massima, c una forma della distribuzione di imperfezioni iniziali che corrisponde al carico critico. Per trovarla, si pu seguire (per ogni combinazione di carico) un processo iterativo di questo tipo [9]: a)calcolare la forma di instabilit della struttura priva di imperfezioni; b)calcolare una geometria iniziale della struttura sommando, alle coordinate dei nodi, gli spostamenti proporzionali alla forma di instabilit trovata; c)calcolare la nuova forma di instabilit ed il nuovo carico critico; d)reiterare il procedimento tra b) e c) finch la differenza del carico critico tra due iterazioni successive risulti sufficientemente piccola. In realt questo modo di procedere, molto conservativo, non porta a sostanziali vantaggi, e non nemmeno corretto in termini di analisi probabilistica (una distribuzione di imperfezioni tale estremamente improbabile). Buone approssimazioni, comunque cautelative, si possono ottenere in due modi: Svolgendo prima una analisi modale per trovare la forma dei principali modi di vibrare della struttura (almeno i primi due), per poi utilizzarla come distribuzione delle imperfezioni iniziali. Oppure utilizzare come campo di imperfezioni iniziali una distribuzione proporzionale alla deformata della struttura priva di imperfezioni. Questo secondo metodo ha una valenza pi generale ed quello seguito in questo lavoro.

12

Anche nellEurocodice 3

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

73

3.3 La copertura del museo di storia della citt di Amburgo


Per comprendere meglio il comportamento di una struttura tipo grid shell abbiamo scelto di analizzarne una particolarmente significativa, la copertura del cortile del Museum fr Hamburgische Geschichte di Amburgo. La copertura in questione, gi descritta nel capitolo 1, ha una forma ad L ed costituita da due volte a botte, di cui quella pi corta di luce 13.70m e quella pi lunga di luce 17.55m, connesse da una zona di transizione a doppia curvatura di forma libera.

3.3.1 La geometria della copertura


Per avere dei risultati attendibili, abbiamo ricavato la geometria della struttura dalle tabelle e dalle sezioni riportate nellarticolo [10] del numero 2-90 della rivista Glasforum.

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

74

Per semplicit, abbiamo considerato solo una parte della copertura, ovvero una sezione della volta a botte di luce maggiore, quella compresa tra due diaframmi di irrigidimento. La geometria della direttrice della volta data da una spezzata che interpola una curva intermedia tra una parabola ed una catenaria. La luce L di 17,55 metri e la freccia f pari a 5,15 metri, per un rapporto di ribassamento dellarco pari a f/L=0,293. La lunghezza delle aste, letta come distanza tra due nodi successivi, pari a 1171 mm. Larco direttrice della volta composto da 18 aste, ed il numero di archi considerato pari a 14, per un totale di 18x13 maglie quadrate che coprono la superficie della volta per una lunghezza complessiva tra i due diaframmi pari a 15,22 metri. I diaframmi sono costituiti da cavi (cavi di diaframma) disposti a ventaglio a partire dal punto di mezzo della corda degli archi di estremit, verso tutti i nodi dellarco (19 cavi) con lunghezze variabili da 8,77 metri a 5,15. Due ulteriori cavi connettono il punto centrale del ventaglio ad opportuni ancoraggi disposti pi in basso nella muratura. Le maglie quadrangolari hanno diagonali composte da funi (cavi di parete), che non giacciono esattamente nel piano medio delle maglie, bens ne sono discoste di circa 4 cm, dal lato interno. Gli archi, incernierati alle imposte, appoggiano su una trave corrente lungo tutto il bordo della volta.

3.3.2 Il modello agli elementi finiti


Dalla geometria descritta sopra abbiamo ricavato un modello agli elementi finiti, prestando particolare attenzione alla modellazione dei nodi ed a quella dei vincoli al contorno, utilizzando il programma di calcolo GSA 8.0 della Oasys ed il relativo solutore GSRelax (vedi capitolo 2). Le aste, costituite da barre piene 40x60 di acciaio Fe 510, sono state modellate con elementi tipo trave (beam). Abbiamo inserito un nodo intermedio per leggere meglio

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

75

il comportamento deformativo e per avere un modello pi preciso per le analisi di instabilit. I cavi di parete, una coppia di trefoli in acciaio inossidabile dal diametro di 6mm, sono stati sostituiti nel modello da un unico cavo equivalente di area 43mm^2. Abbiamo utilizzato elementi resistenti esclusivamente a sforzi unilaterali di trazione (tie) per descriverne il comportamento, e la funzione pre-stress force per applicare le pretensioni iniziali. Elementi rigidi (rigid link) connettono nei nodi delle maglie queste ultime con i cavi di parete, simulando leccentricit tra i nodi e i baricentri dei morsetti che serrano i cavi. I cavi di diaframma sono stati modellati con elementi tipo tie, e la pretensione stata simulata con un accorciamento imposto (lack of fit). Infine, abbiamo modellato con elementi beam la trave HE160B corrente lungo il bordo e le aste CHS 127/10 che collegano questultima, una ogni 2.5m circa, a travi HE180A che a loro volta scaricano il peso della copertura sui solai delledificio. Per quanto riguarda i vincoli al contorno, occorre fare una distinzione tra larco 1 e larco 14, i due archi che delimitano la nostra sezione di struttura. Le aste di entrambi gli archi sono state modellate con met area rispetto alle altre. Lungo larco 1, quello lato volta a botte, ai nodi sono stati applicati dei vincoli alla rotazione rispetto allasse dellarco (per simmetria) ed intorno alla normale a questo nel piano dellarco. Lungo larco 14, quello dal lato della cupola di forma libera, abbiamo applicato dei vincoli elastici ricavati da un apposito studio di deformabilit della cupola a forma libera sotto carichi unitar diversamente orientati (vedi figura). Per lacciaio ordinario abbiamo assunto nei calcoli un modulo di rigidezza pari a 205GPa, per i cavi invece abbiamo adottato un modulo di rigidezza equivalente medio pari a 130GPa. Il comportamento dei materiali stato supposto linearmente elastico fino a rottura.

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

76

3.3.3 La scelta del modello del nodo


La modellazione del nodo della maglia un aspetto importante perch influenza i risultati del calcolo. Nel nodo convergono quattro aste, e, con una certa eccentricit, i cavi diagonali. Per consentire la connessione, le aste hanno le estremit di sezione ridotta e perci meno rigide (e a rigore esiste anche una piccola eccentricit). E possibile definire il modello del nodo in modo che tenga conto o meno di questi aspetti. Ovviamente, con un modello pi complesso si approssima meglio la realt, ma si hanno maggiori oneri di calcolo. Nella fase di definizione del modello, abbiamo testato tre soluzioni alternative: il modello 1, il pi semplice, non prevede leccentricit dei cavi rispetto al nodo n la diminuzione di rigidezza; il modello 2 tiene conto delleccentricit inserendo un elemento rigido; il modello 3 infine tiene conto anche della variazione di sezione inserendo altri quattro elementi di rigidezza ridotta in corrispondenza del nodo. Modelli pi complessi che tengano conto anche dellestensione dei morsetti serra-cavo o delleccentricit tra i due piani di funi [11] non portano sensibili variazioni, a fronte invece di grossi oneri di calcolo. Abbiamo infine scelto il modello 2 perch sufficientemente prossimo alla realt e buon compromesso tra accuratezza ed esigenze di calcolo, il modello 1 risultando troppo semplificato (bench a favore di sicurezza), ed il modello 3 risultando comunque approssimato data la difficolt di stabilire la lunghezza dei tratti meno rigidi (dipendente anche dallattrito sviluppato tra le superfici per mezzo dei bulloni).

3.3.4 Lanalisi dei carichi


Lanalisi dei carichi stata svolta secondo le indicazioni dellEurocodice 1, con riferimento ai DAN (Documento di Applicazione Nazionale) della Germania, e con laggiunta di alcune distribuzioni di carico previste dalle norme DIN tedesche ed NV francesi. Carichi permanenti: (XP ENV 1991-2-1) I pesi propr delle aste sono automaticamente calcolati integrando le aree dei profili in carichi lineari, considerando un peso specifico s=78.5kN/m^3. Il peso degli elementi secondar (bulloneria, piastrame, morsetti, elementi di appoggio in neoprene) calcolato forfetariamente pari al 5% del peso delle aste. Il peso dei vetri (laminati temprati 6+4+0.76PVB), calcolato facendo riferimento ad un peso specifico v=25kN/m^3, pari ad un carico gv=0.245kN/m^2, ovvero Pv=0.369kN per ciascun vetro. Carichi di esercizio: (XP ENV 1991-2-2)

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

77

La copertura non accessibile che per la manutenzione. I carichi di esercizio previsti, ovvero i carichi dovuti alle operazioni di pulizia dei vetri e sostituzione dei vetri, non sono stati presi in considerazione nei calcoli poich anche localmente inferiori ai carichi massimi da neve. Carichi climatici: carico neve (XP ENV 1991-2-3) Il carico neve supposto agire come carico verticale sulla proiezione orizzontale della copertura, ed definito in base al carico neve al suolo, che, per Amburgo (Germania zona III <200m) pari a Sk=1,13kN/m^2. Il carico neve in copertura proporzionale al carico neve al suolo secondo il coefficiente di forma che dipende dalla distribuzione di carico considerata (avendo preso i coefficienti di esposizione e termico unitar). Abbiamo considerato i seguenti casi: 1. carico neve uniforme S1=0,9kN/m^2. 2. ridistribuzione triangolare dovuta al vento prevista dallEurocodice per coperture cilindriche: distribuito sulla copertura secondo due triangoli asimmetrici, con due picchi in corrispondenza del primo e del terzo quarto, pari rispettivamente a S2x=2,26kN/m^2 ed S2xx=1,13kN/m^2. 3. ridistribuzione rettangolare prevista dallEurocodice per coperture a due falde: lato sovraccaricato S3x=1.24kN/m^2, lato meno caricato S3xx=0,9kN/m^2. 4. ridistribuzione rettangolare prevista dal regolamento francese NV65 per coperture a due falde: zona centrale sovraccaricata S5x=0,9kN/m^2, zone laterali S4xx=0,45kN/m^2. 5. ridistribuzione trapezoidale dovuta ad accumulo da zone pi elevate prevista dallEurocodice: distribuito secondo due trapez simmetrici, con minimo al centro S5x=0,9kN/m^2 e massimo alla base S6x=1kN/m^2. 6. ridistribuzione rettangolare dovuta al vento prevista dal regolamento tedesco DIN 1055 (versione antecedente al recepimento degli Eurocodici): carico distribuito uniformemente su met copertura S6=0,45kN/m^2. Di queste distribuzioni di carico, sono poi state utilizzate nelle combinazioni le S1 (simmetrica, uniforme), S2, S6 (asimmetriche). Carichi climatici: carico vento (XP ENV 1991-2-4) Il carico vento supposto agire perpendicolarmente alla superficie esterna, ed definito in base alla pressione di riferimento del vento qvref=0,47kN/m^2 (funzione della massa volumica dellaria e della velocit di riferimento del vento, questultima per Amburgo, Germania, zona II, pari a 27,6m/s). La copertura insensibile allazione dinamica esercitata dal vento, si pu quindi adottare una analisi statica equivalente ed un coefficiente dinamico unitario. La pressione totale del vento data dalla somma algebrica della pressione interna e di quella esterna. Il coefficiente di pressione interna calcolato nellipotesi di distribuzione omogenea di aperture ed pari a Cpi=-0,25. Per quanto riguarda la distribuzione dei coefficienti di pressione esterna, abbiamo considerato due direzioni di provenienza del vento, quella longitudinale e quella trasversale. Per quella longitudinale abbiamo utilizzato la distribuzione indicata dallEurocodice per coperture piane mansardate (per tener conto dellinsieme della copertura delledificio), ottenendo per la porzione di copertura considerata un coefficiente di pressione dovunque positivo e pari a Cpe1=0,2. Per vento agente trasversalmente si individuano lungo la superficie della copertura tre zone: il primo quarto, esposto al vento, con coefficiente di pressione pari a Cpe2x=0,25; il secondo e terzo quarto, in depressione, Cpe2xx=-0,93, lultimo quarto, in depressione, Cpe2xxx=-0,4. Sommando

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

78

algebricamente la pressione interna e quella esterna e tenendo conto dei vari coefficienti (di rugosit del terreno, topografico, etc..) si ottengono in definitiva due distribuzioni di carico significative: 1. vento agente longitudinalmente: carico uniforme W1=0,36kN/m^2. 2. vento agente trasversalmente: carico asimmetrico distribuito su tre zone, di cui una esposta al vento W2x=0,4kN/m^2, e due in depressione, W2xx=-0.57kN/m^2 la centrale e W2xxx=-0.13kN/m^2 la laterale. Queste distribuzioni di carico sono poi state entrambe utilizzate nelle combinazioni di carico. Carichi climatici: variazioni di temperatura (XP ENV 1991-2-5) Abbiamo considerato esclusivamente variazioni di temperatura uniformi nello spessore degli elementi, date le piccole dimensioni e lalta conducibilit termica degli stessi. Si possono presentare due scenar distinti, quello di massimo innalzamento di temperatura rispetto alla temperatura di costruzione, T+=+45C, e lo scenario di massimo abbassamento della temperatura, T-=-33C. Nel transitorio pu anche avvenire che, esposti allirraggiamento solare, i cavi si dilatino maggiormente rispetto alle aste, perdendo una quota di pretensione. Ne abbiamo tenuto conto allinterno del coefficiente di combinazione della pretensione. Pretensione iniziale dei cavi. Abbiamo supposto una pretensione iniziale dei cavi di parete pari a 5kN. Ai cavi di diaframma abbiamo imposto una pretensione per mezzo di un accorciamento pari a 10mm dei cavi di ancoraggio. Abbiamo tenuto conto di due coefficienti di combinazione della pretensione, di valore rispettivamente 0,8 se favorevole e 1,2 se sfavorevole.

3.3.5 Calcoli di resistenza e di stabilit locale delle aste


Abbiamo svolto analisi di tipo geometricamente non lineare per varie combinazioni di carico, tra le quali in particolare la combinazione simmetrica (1.5S1+1W1)13 e le combinazioni asimmetriche (1.5S2+1W1) e (1.5S6+1W1).

Figura 8: deformazioni (a sin) e momenti flettenti (a dxt) molto ridotti nella combinazione di carico uniforme.

Le verifiche sono state svolte in corrispondenza dei nodi (modulo di resistenza ridotto), ed a met delle aste per tener conto anche dei fenomeni di instabilit dei singoli elementi, attraverso la formula fornita dallEurocodice 3 (ENV 1993_1 par.5.5.1) (formula che include sia lo sforzo normale che i momenti flettenti, nonch le imperfezioni delle aste e gli eventuali
13

pi ovviamente le azioni permanenti, inclusa la pretensione, qui non indicate per semplicit.

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

79

effetti torsionali). La verifiche non sono state soddisfatte per la combinazione (1.5S2+1W1). Come gi detto nel capitolo 2, il carico neve S2 previsto dagli Eurocodici risulta particolarmente gravoso, e non era stato ancora recepito dalla normativa tedesca al momento della progettazione della struttura in esame, normativa che invece prevedeva un carico (S6) sotto il quale le verifiche sono soddisfatte. Daltra parte, la combinazione (1.5S2+1W1) effettivamente molto cautelativa, e studi in galleria del vento potrebbero averne consentito la sostituzione con unaltra ottenuta da valori sperimentali.

Figura 9: comportamento della struttura sotto carichi dissimetrici: nel caso della combinazione di carico (1.5S2+1W1) le verifiche di resistenza non sono verificate a causa dei momenti flettenti elevati (a sin). Una indicazione della gravosit di questa combinazione, per la struttura in questione, fornita anche dal fatto che, gi al 50% dei carichi totali, alcuni cavi si detensionino completamente (a dxt).

3.3.6 Analisi parametrica al variare della pretensione iniziale


Per verificare la correttezza delle assunzioni fatte, in particolare a riguardo del valore delle pretensioni iniziali, abbiamo svolto una analisi parametrica, variando lentit e la modalit di pretensione dei cavi di diaframma. La struttura risultata molto sensibile nei confronti di questo parametro, poich valori pi alti di pretensione determinano una maggiore rigidezza del diaframma e di conseguenza un pi spiccato comportamento a membrana (quadruplicando la pretensione si riducono del 50% i momenti flettenti massimi). In particolare, un aumento consistente della pretrazione dei cavi porterebbe la combinazione di carico (1.5S2+1W1) pi prossima ad essere verificata: rimarrebbero per in tal caso dei dubbi sulla possibilit di ancorare efficacemente i cavi cos fortemente tesati nella muratura del vecchio edificio sottostante.

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

80

3.3.7 Calcoli di stabilit globale con imperfezioni iniziali


Nelle analisi di stabilit globale della struttura abbiamo tenuto conto delle imperfezioni a mezzo di un campo di imperfezioni geometriche iniziali. Il procedimento che abbiamo adottato per determinare la sicurezza della struttura nei confronti dei fenomeni di instabilit il seguente: 1. Calcolo dellentit della massima imperfezione (eo,d) (utilizzando lipotesi di barra equivalente, secondo le indicazioni dellEurocodice 3, ed in funzione della forma della deformata). 2. Determinazione della deformata allo stato limite ultimo della struttura priva di imperfezioni. 3. Scalatura della deformata in base al rapporto tra la massima imperfezione e la norma della deformazione massima r = eo,d d max . 4. Applicazione delle variazioni di coordinate cos ottenute alle coordinate della struttura perfetta (a questo punto abbiamo la struttura affetta da imperfezioni iniziali). 5. Analisi (non lineare) ad incremento di carico del modello cos ottenuto (diagrammando lo spostamento di un punto significativo allaumentare del moltiplicatore di carico). 6. Proseguimento dellanalisi incrementando ogni volta i carichi di un fattore detto moltiplicatore di carico, fino alla perdita di stabilit (rigidezza), corrispondente sul piano analitico allinstabilit numerica del calcolo. Abbiamo infine ricavato dei diagrammi deformazione-moltiplicatore di carico per pi forme di instabilit (approssimate ciascuna da una diversa combinazione di carico). Tali diagrammi risultano molto significativi perch il moltiplicatore di carico (collasso) quello scalare per cui occorre aumentare omoteticamente tutti i carichi rispetto alla combinazione di stato limite ultimo affinch si produca una perdita di stabilit. E in pratica un ulteriore coefficiente di sicurezza, che moltiplica quello relativo alle resistenze. Un'altra indicazione fornita dalla derivata del diagramma in corrispondenza del moltiplicatore unitario, perch descrive la sensibilit della struttura nei confronti di variazioni dei carichi intorno ai valori della combinazione di stato limite ultimo. E importante per la sicurezza della struttura che la sensibilit alla variazione di sollecitazioni sia bassa. E infine opportuno ripetere il procedimento per diversi valori di imperfezione geometrica iniziale, per verificare la sensibilit della struttura alle variazioni di entit delle imperfezioni intorno al valore di progetto eo,d.

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

81

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

82

3.4 La copertura del chiostro dellabbazia di Neumnster


Una struttura tipo grid shell molto particolare ed interessante la copertura vetrata dellAbbazia di Neumnster, in Lussemburgo, gi descritta nel capitolo 1. Tale struttura, che copre una corte interna rettangolare di 31.8x15.6m, una suggestiva evoluzione nella direzione della massima trasparenza della tipologia di volta sottile reticolare a maglie triangolari equilatere [12, 13].

3.4.1 La concezione geometrica: il guscio ibrido


Lidea di base consiste nellutilizzo di una particolare maglia triangolare, nella quale lungo due direzioni le aste sono sostituite da cavi pretesi, ottenendo in questo modo una trasparenza ai limiti delle possibilit tecnologiche.

Figura 10: a sin: il reticolo triangolare equilatero composto da una famiglia di archi e da due famiglie di cavi; a dxt: il sistema di pretensione dei cavi trasversali.

Le tre direzioni della maglia sono quella longitudinale e le due trasversali inclinate di +30 e -30 rispetto al lato corto del cortile. Lungo una delle due direzioni trasversali sono disposti gli unici elementi resistenti a compressione, degli archi in acciaio a sezione piena di 80mm di diametro, disposti in obliquo, approssimatamente uno ogni metro, di luce pari a 19 metri, e freccia di 3 metri. Lungo laltra direzione trasversale le aste sono sostituite da dei cavi di 16mm di diametro, presollecitati per mezzo di un accorciamento degli elementi di connessione con gli archi, accorciamento che, avvenendo radialmente rispetto alla direzione delle funi, induce uno stato di pretensione nelle funi e di precompressione negli archi. Lentit della pretensione circa 15 kN tale da non essere annullata per nessuna combinazione di carico, consentendo

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

83

sempre quindi il trasferimento degli sforzi di compressione sotto forma di diminuzione della pretrazione. Gli altri cavi sono disposti infine lungo la direzione longitudinale, ed hanno il ruolo di assicurare la continuit strutturale e collaborare alla stabilit degli archi. Data la loro grande curvatura sono quasi rettilinei essi non assorbono grandi sollecitazioni, ed per essi sufficiente una pretrazione di soli 5kN. Il guscio reticolare che si ottiene pu essere definito ibrido (coque rsille hybride), in quanto composto sia da archi, dotati di rigidezza flessionale, che da cavi, che ne sono privi. La sostituzione di elementi resistenti a flessione con altri che non lo sono, non porta ad eccessive diminuzioni della rigidezza della struttura se la geometria adottata prossima alla funicolare dei carichi. Gli archi, pi rigidi anche nei confronti degli sforzi assiali, costituiscono la via preferenziale di trasferimento dei carichi; i cavi hanno il ruolo essenziale di trasferire gli sforzi membranali di taglio da arco ad arco, e la loro rigidezza governa i fenomeni di instabilit (sono infatti dimensionati in base ad un criterio di rigidezza, essendo sfruttati solo al 50% della loro resistenza).

3.4.2 La concezione geometrica: form-finding anisotropo


La diversit di rigidezza tra gli archi e i cavi permette, in un sistema iperstatico, di controllare il cammino degli sforzi, e di privilegiare una direzione rispetto allaltra. Rispetto ad un guscio reticolare tradizionale, che ha un comportamento isotropo, e nel quale gli sforzi si ripartiscono esclusivamente in funzione della geometria, il guscio reticolare ibrido ha un marcato comportamento anisotropo, con i cavi che a parit di geometria assorbono sollecitazioni minori rispetto a quelle degli archi, e richiedono affinch non si detensionino un livello di pretensione relativamente basso. Questo permette di adottare i cavi pretesi in una struttura filigranale come questa, che non potrebbe sostenere sforzi dovuti a presollecitazioni eccessive.

Figura 11: a sin: il form-fiinding in una volta reticolare isotropa fornisce una geometria cosidetta pillow shaped; a dxt: se la maglia reticolare ha delle direzioni prevalenti in termini di rigidezza, la geometria funicolare ben approssimabile con degli archi lungo tali direzioni. (form-finding anisotropo)

Nelle volte a doppia curvatura e pianta rettangolare, la ricerca di una geometria quanto pi prossima alla funicolare dei carichi pi gravosi (form finding) porta tipicamente a forme del tipo a cuscino (pillow shapes).

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

84

Tale forma, ottimale da un punto di vista delle resistenze, poich limita ad un minimo le sollecitazioni flettenti, non per altrettanto valida nei confronti delle instabilit locali, perch si hanno consistenti riduzioni del raggio di curvatura allapprossimarsi dei lati corti, per cui spesso necessario irrigidire e stabilizzare queste zone. Inoltre non sono forme descrivibili per mezzo di geometrie semplici, e portano quindi ad adottare elementi strutturali di dimensioni irregolari (e perci costosi). Tutto questo per nel caso in cui la maglia reticolare sia isotropa. Nel caso in cui essa non lo sia, ovvero quando ha un carattere marcatamente ortotropo o anisotropo, il formfinding individua delle conformazioni simili a volte dai raggi di curvatura variabili, profondamente influenzate nella loro forma dalla rigidezza orientata della maglia. La geometria ideale di un guscio reticolare anisotropo pertanto ben approssimabile con archi di raggio costante lungo la direzione pi rigida, mentre la definizione geometrica nelle altre direzioni relativamente pi libera. In base a queste considerazioni, la copertura di Neumnster stata impostata su una serie di archi di cerchio di raggio costante, disposti con un angolo di 60 rispetto alla direzione di traslazione. Tali archi mantengono inalterato il raggio di curvatura anche nelle zone di estremit, diminuendo progressivamente la lunghezza della corda. Il raggio di curvatura costante significa una notevole semplificazione, perch facilmente ottenibile per piegatura. Inoltre larco continuo, privo delle connessioni intermedie che in un reticolo tradizionale indeboliscono la struttura ad ogni nodo. Daltra parte, la curvatura continua dellarco non permette di appoggiarvi direttamente sopra i vetri, che pertanto sono sostenuti da rotules.

3.4.3 La modellazione
Il modello agli elementi finiti stato sviluppato in modo che tenesse conto di tutti i parametri che influenzano il comportamento della struttura nei confronti della resistenza e dellinstabilit, quali: le imperfezioni geometriche dellarco, la riduzione di rigidezza degli stessi in corrispondenza delle connessioni a saldatura parziale, i momenti nodali dovuti alla eccentricit dei carichi (punti di attacco dei vetri) rispetto ai nodi (intersezioni tra gli archi ed i cavi), leccentricit della superficie dei cavi rispetto a quella degli archi, (modellata con lintroduzione di elementi rigidi), la rigidezza dei cordoli in calcestruzzo sui quali appoggia la struttura, le tolleranze nella disposizione degli appoggi (modellati con spostamenti imposti di 5 mm). Il modello globale della struttura composto da 1930 nodi e 2678 elementi.

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

85

Lanalisi svolta del tipo geometricamente non lineare, con elementi resistenti esclusivamente a trazione (ties) per simulare i cavi. Il programma di calcolo adottato, Fablon, sviluppato dalla Oasys, un solutore basato sul metodo del rilassamento dinamico. Particolare attenzione stata posta nella modellazione della presollecitazione radiale, ottenuta simulando laccorciamento delle connessioni tra archi e cavi. Inoltre stata realizzata una simulazione completa della sequenza di montaggio, ivi inclusa la messa in tensione dei cavi e la messa in opera dei vetri.

3.4.4 Il calcolo non lineare


Il guscio ibrido una struttura sensibile agli effetti della deformazione, ai sensi dellEurocodice 3, parte 1.1, 5.2, dal momento che il moltiplicatore di collasso per instabilit globale (cr) inferiore a 10. I calcoli sono stati realizzati a partire da due modelli dotati di imperfezioni iniziali, la distribuzione delle quali stata ottenuta a partire dalla deformata della struttura per il primo ed il secondo modo di instabilit globale. LEurocodice 3 parte 1.1 non specifica il valore dellimperfezione iniziale da prendere in conto per le barre curve, per cui stato deciso di utilizzare le prescrizioni dellEurocodice 3 parte 2, appendice H per i ponti ad arco. Il valore massimo dellimperfezione cos calcolata risultato pari a 36mm, ma stato aumentato a 50mm per tener conto del coefficiente di combinazione agli stati limite ultimi (1.35), considerando le imperfezioni alla stregua di azioni permanenti.

Figura 12: a sin: gli sforzi assiali indicano chiaramente il comportamento a direzione di rigidezza prevalente; a dxt: i momenti flettenti.

La verifica delle sezioni stata cautelativamente svolta in campo elastico, per coerenza con lanalisi di instabilit. I momenti flettenti negli archi sono stati calcolati tenendo conto di tutti i possibili fattori di influenza (eccentricit degli archi, eccentricit degli appoggi dei vetri, tolleranze di montaggio), ed ulteriormente incrementati del 20%. La verifica nei confronti dellinstabilit locale stata svolta considerando lunghezze libere di inflessione pari alle distanze comprese tra i nodi del modello (nodi fissi), avendo gi

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

86

tenuto conto degli effetti degli spostamenti per mezzo dellanalisi non lineare con imperfezione iniziale.

3.4.5 Analisi globale della struttura


Lo studio dell'instabilit globale non esplicitamente richiesto dagli Eurocodici ma importante in una struttura di questo tipo. E stato svolto pertanto sotto forma di analisi ad incremento progressivo di carico, fino al raggiungimento dellinstabilit numerica del calcolo. Il rapporto tra il carico corrispondente alla perdita di stabilit ed il carico iniziale applicato alla struttura (combinazione di SLU) fornisce il valore del moltiplicatore di collasso per instabilit globale (coefficient deloignement): F cr = cr (prEN 1993-1-1 (2003) 5.2.1) FEd Tale rapporto risultato pari almeno a 1.9, nella combinazione di carico pi sfavorevole. Oltre che da tale valore, la sicurezza dipende anche dalla non-sensibilit della struttura nei confronti di variazioni del carico, in particolare in prossimit dei valori da SLU. Il controllo di questo parametro ottenibile dalla derivata del diagramma deformazioni ()-moltiplicatore di collasso () in corrispondenza del valore =1. La misura delle deformazioni stata presa in corrispondenza di un punto dellarco centrale (il punto di mezzo o un punto laterale a seconda del modo di instabilit relativo alla combinazione di carico considerata). In funzione di cr variabile da 0.8 a 1.9 sono stati rilevati anche gli sforzi normali ed i momenti flettenti in corrispondenza di tale punto, ottenendo perci tre diagrammi per ogni combinazione di carico: ((cr); N(cr); M(cr)).

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

87

3.5 Riferimenti bibliografici del capitolo 3

[1] M.Majowiecki: Tensostrutture, Manuale di ingegneria civile, vol.2, cap.XIII, Zanichelli/ESAC, Bologna 2001 [2] O.Belluzzi: Scienza delle costruzioni, vol.3 , Zanichelli, Bologna 1996

[3] A.Holgate: The Art of Structural Engineering the work of Jrg Schlaich and his team, Edition Axel Menges, Stuttgart 1997 [4] E.Torroja: La concezione strutturale Razn y ser de los tipos estructurales, CittStudiEdizioni, Torino 2002 [5] O.Belluzzi: Scienza delle costruzioni, vol.4 , Zanichelli, Bologna 1998

[6] V.Gioncu, P.Lenza: Propagation of local buckling in reticulated shells, Space Structures 4, Thomas Telford, London 1993 [7] A.Stephan, J.Snchez-Alvarez, K.Knebel: surfaces, Mero GmbH & Co., Wrzburg 2005 Reticulated structures on free-form

[8] O.Bacco, C.Borri: Post-buckling behaviour of perfect and randomly imperfect grid shell structures, Space Structures 4, Thomas Telford, London 1993 [9] H.L.Zhao, W.M.Huang, C.Q.Zhao: A method to calculate the critical loads of single layer shallow lattice domes with initial imperfections, Space Structures 4, Thomas Telford, London 1993 [10] V.Marg, J.Schlaich: Museum fr Hamburgische Geschichte, Glasforum 2-90, April 1990 [11] M.Zanchin (candidato), C.Amadio, O.De Luca, C.Fedrigo (relatori): Analisi di coperture in vetro-acciaio resistenti per forma, Tesi di Laurea, Universit di Trieste, Dipartimento di Ingegneria Civile sezione Scienza delle Costruzioni, A.A.2002-03 [12] N.Baldassini, S.Menerat: La couverture vitre de la cour principale de lAbbaye de Neumnster, Construction Mtallique 2/2004 [13] N.Baldassini, J.Raynaud: Structural behaviour Vs. skin geometry, in grid shell design, IASS Symposium 2004, Montpellier

Gabriele Del Guerra

CAPITOLO III

88

CAPITOLO 3 VOLTE SOTTILI RETICOLARI IRRIGIDITE CON SISTEMI DI FUNI: CONCETTI GENERALI E ANALISI DI DUE ESEMPI SIGNIFICATIVI 3.1 La fune come elemento strutturale ...........................................................................54 3.1.1 Rigidezza estensionale di una fune trattazione di Dishinger ............................55 3.1.2 Il ruolo della pretensione .....................................................................................56 3.1.3 Le tensostrutture ...................................................................................................58 3.1.4 I metodi per la stabilizzazione e l irrigidimento delle tensostrutture .................59 3.1.5 Form-finding: progettazione dello stato geometrico-tensionale iniziale .............60 3.2 Le volte sottili ..............................................................................................................61 3.2.1 Il comportamento a membrana ............................................................................61 3.2.2 La ricerca della forma ottimale quale anti-funicolare dei carichi.......................63 3.2.3 Le volte sottili in calcestruzzo ..............................................................................65 3.2.4 Le cupole Schwedler e le cupole Dywidag ...........................................................67 3.2.5 Le volte sottili costituite da elementi discreti .......................................................67 3.2.6 Il ruolo dei cavi pretesi nelle volte sottili reticolari .............................................69 3.2.7 Linstabilit di quarta specie o di tipo snap through.......................................71 3.2.8 Linfluenza della rigidezza dei nodi sui fenomeni di instabilit...........................72 3.2.9 Linfluenza delle imperfezioni iniziali sui fenomeni di instabilit .......................73 3.3 La copertura del museo di storia della citt di Amburgo .......................................74 3.3.1 La geometria della copertura ...............................................................................74 3.3.2 Il modello agli elementi finiti ...............................................................................75 3.3.3 La scelta del modello del nodo .............................................................................77 3.3.4 Lanalisi dei carichi .............................................................................................77 3.3.5 Calcoli di resistenza e di stabilit locale delle aste ............................................79 3.3.6 Analisi parametrica al variare della pretensione iniziale ....................................80 3.3.7 Calcoli di stabilit globale con imperfezioni iniziali ...........................................81 3.4 La copertura del chiostro dellabbazia di Neumnster ..........................................83 3.4.1 La concezione geometrica: il guscio ibrido .....................................................83 3.4.2 La concezione geometrica: form-finding anisotropo ...........................................84 3.4.3 La modellazione....................................................................................................85 3.4.4 Il calcolo non lineare............................................................................................86 3.4.5 Analisi globale della struttura ..............................................................................87 3.5 Riferimenti bibliografici del capitolo 3 .....................................................................88

INDICE

III