Sei sulla pagina 1di 36

NORMA

ITALIANA

CEI

GUIDA

Norma Italiana

CEI 64-100/1

Data Pubblicazione

2006-05

Edizione

Prima

Classificazione

64-100/1

Fascicolo

8288

Edizione Prima Classificazione 64-100/1 Fascicolo 8288 Titolo Edilizia residenziale Guida per la predisposizione

Titolo

Edilizia residenziale

Guida per la predisposizione delle infrastrutture per gli impianti elettrici, elettronici e per le comunicazioni

Parte 1: Montanti degli edifici

e per le comunicazioni Parte 1: Montanti degli edifici Title Residential buildings Criteria communications

Title

Residential buildings

Criteria

communications installations

Part 1: Vertical pathways

for

the

infrastructures

for

electric,

electronic

and

for the infrastructures for electric, electronic and 1 IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO CEI COMITATO
for the infrastructures for electric, electronic and 1 IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO CEI COMITATO

1

IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

electric, electronic and 1 IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO CEI COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO A E I

CEI COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO

AEIT FEDERAZIONE ITALIANA DI ELETTROTECNICA, ELETTRONICA, AUTOMAZIONE, INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CNR CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

SOMMARIO La presente Parte 1 della Guida CEI 64-100 è destinata principalmente ai progettisti edili,

SOMMARIO

La presente Parte 1 della Guida CEI 64-100 è destinata principalmente ai progettisti edili, e fornisce indicazioni sulla predisposizione delle infrastrutture da utilizzare per l'installazione delle condutture e degli apparati necessari agli impianti elettrici, elettronici e per le comunicazioni. Questa Parte 1 fornisce quindi le caratteristiche (numero, disposizione, lunghezza, sezione, dimensione minima), che devono avere i tubi e gli spazi necessari (cavidotti, vani, cavedi) ad una corretta ed agevole installazione degli impianti nell'ambito dell'edilizia ad uso prevalentemente residenziale, e in particolare gli edifici in costruzione o in fase di ristrutturazione radicale. Viene trattata in particolare la predisposizione nelle parti comuni degli edifici multi-unità:

montanti verticali, distribuzione orizzontale nei pianerottoli, spazi riservati agli impianti (locali tecnici, nicchie) nel sottotetto e nel piano interrato, ecc.

DESCRITTORI / DESCRIPTORS

Edifici residenziali - Residential buildings; Infrastrutture - Infrastructures; Impianti elettrici - Electrical installations; Impianti di ricezione TV - Cable networks for television; Impianti per le comunicazioni - Communication networks; Montanti - Vertical pathways

COLLEGAMENTI/RELAZIONI TRA DOCUMENTI

Nazionali

Europei

Internazionali

Legislativi

Legenda

INFORMAZIONI EDITORIALI

 

Norma Italiana

CEI 64-100/1

Pubblicazioni

Guida

Carattere Doc.

Stato Edizione

In vigore

Data Validità

2006-7-1

Ambito Validità

Nazionale

 

In data

In data

Varianti

Nessuna

Ed. Prec. Fasc.

Nessuna

Comitato Tecnico

CT 64-Impianti elettrici utilizzatori di bassa tensione (fino a 1000 V in c.a. e a 1500 V in c.c.)

 

Approvata da

Presidente del CEI

In data

2006-4-28

Sottoposta a

inchiesta pubblica come Progetto C. 944

 

Chiusura in data

2006-3-31

Gruppo Abb.

2

Sezioni Abb.

A

ICS

CDU

2

Gruppo Abb. 2 Sezioni Abb. A ICS CDU 2 © CEI - Milano 2006. Riproduzione vietata

© CEI - Milano 2006. Riproduzione vietata

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente Documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi senza il consenso scritto del CEI. Le Norme CEI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione sia di nuove edizioni sia di varianti. È importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso dell’ultima edizione o variante.

INDICE Premessa 1 1 Scopo e campo di applicazione 2 2 Riferimenti normativi e legislativi

INDICE

Premessa

1

1 Scopo e campo di applicazione

2

2 Riferimenti normativi e legislativi

3

3 Glossario

3

4 Tipologie di impianti

3

5 Impianti per le parti comuni degli edifici multi-unità

6

5.1 Introduzione

6

5.2 Impianti considerati

6

5.3 Problematiche edilizie

7

5.4 Distribuzione TV

10

6 Definizione delle dimensioni

14

6.1 Introduzione

14

6.2 Schemi

14

6.3 Tubazioni che rimangono costanti

26

6.4 Tubazioni e cassette per le varie tipologie di edifici

27

6.5 Sostegni per l’installazione delle antenne

28

7 Ubicazione dei montanti

29

Allegato A Impianti di protezione dalle scariche atmosferiche

31

TOC GUIDA CEI 64-100/1:2006-05 Pagina iv

TOC

Premessa Nell’edilizia residenziale è sempre più importante realizzare in maniera coordinata tutti gli impianti.

Premessa

Nell’edilizia residenziale è sempre più importante realizzare in maniera coordinata tutti gli impianti. L'integrazione degli impianti per l’edilizia residenziale comporta almeno due aspetti:

l'integrazione dal punto di vista fisico, cioè la predisposizione delle infrastrutture necessarie per tutti gli impianti (pre-cablaggio costituito da condutture, scatole e tubi vuoti, componenti edilizi e di arredo predisposti) e l'integrazione dal punto di vista funzionale, che riguarda esplicitamente le funzioni e le applicazioni di ciascun impianto, anche in relazione agli altri impianti dell'abitazione.

Tutte le Parti di questa Guida trattano il primo aspetto: sono rivolte soprattutto ai professionisti dell’edilizia e intendono fornire indicazioni riguardanti la predisposizione delle infrastrutture negli edifici ad uso prevalentemente residenziale, in costruzione o in fase di ristrutturazione radicale, con particolare riferimento agli impianti elettrici, elettronici e per le comunicazioni.

La presente Parte 1 della Guida tratta in particolare la predisposizione nelle parti comuni degli edifici multi-unità: montanti verticali, distribuzione orizzontale nei pianerottoli, spazi riservati agli impianti (locali tecnici, nicchie) nel sottotetto e nel piano interrato, ecc.

I principi presentati in questo documento sono basati sul presupposto che i servizi di comunicazioni possono arrivare all’edificio in punti diversi (tetto, cantina, ecc.). Tuttavia, negli esempi riportati, i locali tecnici relativi a tali servizi sono posizionati nei punti attualmente più comuni.

1 Scopo e campo di applicazione La presente Parte 1 della Guida CEI 64-100 è

1 Scopo e campo di applicazione

La presente Parte 1 della Guida CEI 64-100 è destinata principalmente ai progettisti edili, e fornisce indicazioni sulla predisposizione delle infrastrutture da utilizzare per l’installazione delle condutture e degli apparati necessari agli impianti elettrici, elettronici e per le comunicazioni. Questa Parte 1 fornisce quindi le caratteristiche (numero, disposizione, lunghezza, sezione, dimensione minima), che devono avere gli spazi necessari (cavidotti, vani, cavedi) ad una corretta ed agevole installazione degli impianti descritti nel cap. 4.

L’ambito di applicazione è l’edilizia ad uso prevalentemente residenziale, e in particolare gli edifici in costruzione o in fase di ristrutturazione radicale. Viene trattata in particolare la predisposizione nelle parti comuni degli edifici multi-unità: montanti verticali, distribuzione orizzontale nei pianerottoli, spazi riservati agli impianti (locali tecnici, nicchie) nel sottotetto e nel piano interrato, ecc.

Nota: per “Montanti” in questa Guida si intendono le parti di ogni impianto che hanno sviluppo verticale.

In questo ambito e con lo scopo anzidetto, la presente Guida si propone di essere un riferimento unico.

La realizzazione di un edificio secondo le indicazioni di questa Guida favorisce il godimento di un diritto costituzionale quale è l'accesso all'informazione. Fra l’altro, per gli impianti di ricezione TV, una infrastruttura adeguata consente di far giungere nelle varie abitazioni qualunque segnale televisivo, nel rispetto del D.L. 259/2003 [8], che nell’Art. 91 riporta:

“Il proprietario o il condominio non può opporsi all’appoggio di antenne, di sostegni, nonché al passaggio di condutture, fili o qualsiasi altro impianto, nell’immobile di sua proprietà occorrente per soddisfare le richieste degli inquilini o dei condomini”.

È importante sottolineare gli obiettivi che la Guida si propone in relazione:

alle esigenze dei diversi attori (committenti e/o utilizzatori, progettisti, ditte installatrici, imprese edili);

alle

problematiche

per

garantire

una

corretta

installazione

e

gestione

delle

diverse

tipologie d’impianti;

 

ai vincoli di natura normativa e di legge e alle esigenze dei diversi enti gestori della rete elettrica e dei servizi di telecomunicazioni, legate in particolare alle modalità di fornitura degli stessi (spazi idonei, diametri appropriati delle canalizzazioni, percorsi dei cavidotti negli spazi condominiali, ecc.).

Tali obiettivi riguardano sostanzialmente l’ottenimento di ambienti e infrastrutture idonei per una buona accessibilità e manutenibilità degli impianti e per una adeguata flessibilità.

Le indicazioni fornite nella presente Guida, indispensabili per la realizzazione di un edificio moderno, coinvolgono necessariamente tutti i diversi attori: dall’utilizzatore al progettista architettonico e delle strutture, ai progettisti degli impianti, alle ditte installatrici e agli enti di erogazione dei servizi.

Non seguire tali indicazioni può essere causa di problemi, in fase di realizzazione della costruzione, difficilmente risolvibili, se non con modifiche non previste; ma ancora di più durante la vita dell’edificio, anche piccole nuove modifiche potrebbero essere difficilmente realizzabili se non con interventi invasivi e costosi.

Diventa quindi sempre più importante pensare già nella fase di progetto ad una adeguata flessibilità dell’immobile in modo da offrire la possibilità di utilizzare i vari servizi disponibili senza per questo essere obbligati a “fare tutto e subito”, potendo effettuare ampliamenti degli impianti anche in tempi successivi, senza dover intervenire sulla struttura edilizia.

In virtù della predisposizione realizzata, si potrebbe conferire all’immobile una caratteristica aggiuntiva, utile anche nelle compravendite.

L’intento di questa Guida è quindi quello di fornire raccomandazioni utili a predisporre l’immobile fin dal momento della sua progettazione, in modo da ridurre al minimo interventi successivi sulle strutture.

2 Riferimenti normativi e legislativi [1] CEI 64-50 Edilizia residenziale. Guida per l’integrazione degli impianti

2 Riferimenti normativi e legislativi

[1] CEI 64-50 Edilizia residenziale. Guida per l’integrazione degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione per impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati negli edifici. Criteri generali

[2] CEI 64-53 Edilizia residenziale. Guida per l’integrazione nell’edificio degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione di impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati. Criteri particolari per edifici ad uso prevalentemente residenziale

[3] CEI 100-7 Guida per l’applicazione delle Norme sugli impianti di ricezione televisiva

[4] CEI 205-2 Guida ai sistemi bus su doppino per l'automazione nella casa e negli edifici, secondo le Norme CEI EN 50090

[5] CEI 306-2 Guida per il cablaggio per telecomunicazioni e distribuzione multimediale negli edifici residenziali

[6] UNI 8289 Edilizia. Esigenze dell'utenza finale. Classificazione.

[7] Legge N. 166 del 2002 Disposizioni in materia di infrastrutture e trasporti

[8] D.L. 259 del 2003 Codice delle comunicazioni elettroniche

[9] Decreto Ministeriale 11 novembre 2005 Regole tecniche relative agli impianti condominiali centralizzati d'antenna riceventi del servizio di radiodiffusione.

3

Glossario

DA

Dispositivo di Accesso (per fibre ottiche)

DP

Distributore Pubblico (dell’energia elettrica)

HBES Home and Building Electronic Systems

LAN

Local Area Network (rete dati di edificio o di comprensorio)

LNB

Low Noise Block converter (convertitore del segnale proveniente dal satellite)

PE

Conduttore di protezione

STB

Set Top Box (decodificatore)

TD

Trasmissione Dati

4

Tipologie di impianti

Tra gli impianti presenti negli edifici ad uso prevalentemente residenziale, quelli di competenza del CEI sono relativi a:

energia elettrica;

telefono;

ricezione TV;

(video)citofono;

distribuzione audio/video (Hi-Fi); trasmissione dati; sicurezza: antiintrusione/antifurto e allarmi tecnici;

distribuzione audio/video (Hi-Fi);

trasmissione dati;

sicurezza: antiintrusione/antifurto e allarmi tecnici;

domotica (integrazione delle automazioni domestiche).

Altri impianti presenti nelle parti comuni degli edifici sono relativi a acqua corrente, gas, riscaldamento e condizionamento.

Un riferimento per la classificazione delle esigenze degli utenti del sistema edilizio è la Norma UNI 8289 [6], che però non include l’impianto per la domotica.

Si possono fare le seguenti osservazioni di carattere generale:

l’energia elettrica deve essere fornita alle unità immobiliari e alle utenze presenti nelle parti comuni degli edifici;

la possibilità di utilizzare il telefono e la TV è in generale sempre presente nelle unità immobiliari, e la predisposizione per i relativi impianti è considerata in questa Guida come dotazione di base dell’edificio, insieme alla predisposizione per gli impianti per la trasmissione dati e per il (video)citofono;

gli impianti per la distribuzione audio/video, per i sistemi di sicurezza e per la domotica si possono considerare prevalentemente come dotazioni dell’unità immobiliare; quindi, in questa Guida, nelle parti comuni dell’edificio è stata prevista solo la predisposizione per almeno un cavo per sistemi HBES, nel seguito chiamato cavo bus (si veda par. 5.2).

Nella Tab. 1 è riportato l’elenco di tutti i tipi di impianti che possono essere presenti negli edifici. Di questi vengono presi in considerazione solo quelli relativi alle parti comuni degli edifici residenziali, come descritto nel par. 5.2.

Tab. 1 - Elenco dei tipi di impianti Gruppo Classe Sottoclasse     Impianti di

Tab. 1

- Elenco dei tipi di impianti

Gruppo

Classe

Sottoclasse

   

Impianti di riscaldamento

Impianti di climatizzazione

Impianti di ventilazione

Impianti di condizionamento

 

Impianti di sollevamento e distribuzione dell'acqua potabile

Impianti di produzione e distribuzione dell'acqua calda

Impianti di scarico dei rifiuti liquidi e di ventilazione

Impianti

meccanici

Impianti idrici e di scarico

Impianti di scarico delle acque meteoriche

Impianti di smaltimento delle acque sanitarie e piovane

impianti di irrigazione

 

Impianti di distribuzione del gas naturale

Impianti per la fornitura di servizi vari

Impianti di stoccaggio e distribuzione del GPL

Impianti per lo spegnimento degli incendi

 

Impianti fissi di aspirazione polveri

   

Impianti di produzione e trasporto dell'energia elettrica

Sistemi di trasformazione

Impianti elettrici di potenza

Impianti di distribuzione dell'energia elettrica

Sistemi di protezione e controllo

 

Impianti di illuminazione interna

Impianti di illuminazione

Impianti di illuminazione esterna

Impianti di illuminazione di emergenza

 

Impianti di sollevamento verticali

Scale mobili e tappeti

Impianti di trasporto

Impianti per il trasporto interno

Parcheggi meccanizzati

 

Impianti telefonici

Impianti citofonici e videocitofonici

Impianti antenne TV

Impianti elettrici, elettronici e per le comunicazioni

Impianti per la comunicazione

Impianti multimediali

Reti locali (LAN)

Impianti di diffusione sonora

   

Impianti di protezione contro le scariche atmosferiche

Impianti di messa a terra

Impianti per la sicurezza

Impianti di rilevazione degli incendi

Impianti di rilevazione fughe gas

Impianti di segnalazione

 

Impianti a circuito chiuso (TVCC)

Impianti di sicurezza interni

Impianti antiintrusione

Impianti di sicurezza esterni

Impianti per il controllo degli accessi

 

Automazione di serramenti

Impianti di automazione

Automazione di accessi e varchi

Automazione delle barriere esterne

Sistemi di gestione integrati (building automation)

Sistemi integrati per l’edilizia residenziale

Sistemi integrati per l’edilizia del terziario

5 Impianti per le parti comuni degli edifici multi-unità 5.1 Introduzione La legge 166 del

5 Impianti per le parti comuni degli edifici multi-unità

5.1 Introduzione

La legge 166 del 2002 [7] è un riferimento legislativo che riguarda l’obbligo di realizzare le infrastrutture edilizie per gli impianti tecnologici. Infatti all’art. 40 “Installazione di cavidotti per reti di telecomunicazioni” riporta:

“I lavori di costruzione e di manutenzione straordinaria di strade [omissis] devono comprendere cavedi multiservizi o, comunque, cavidotti di adeguata dimensione, conformi alle norme tecniche UNI e CEI pertinenti, per il passaggio di cavi di telecomunicazioni e di altre infrastrutture digitali. Nelle nuove costruzioni civili a sviluppo verticale devono essere parimenti previsti cavedi multiservizi o, comunque, cavidotti di adeguate dimensioni per rendere agevoli i collegamenti delle singole unità immobiliari”.

La legge obbliga quindi a realizzare cavedi o cavidotti verticali negli edifici multi-unità per le reti di telecomunicazioni e altre infrastrutture digitali.

Riferimenti già esistenti per la realizzazione di tali infrastrutture (telecomunicazioni, cioè telefonia e trasmissione dati, e ricezione televisiva), e delle infrastrutture necessarie per gli impianti elettrici, nelle parti comuni degli edifici, sono le seguenti Guide tecniche:

CEI 64-50 [1], cap. 3;

CEI 100-7 [3], cap. 9;

CEI 306-2 [5], par. 5.2.

Le indicazioni contenute in questo capitolo tengono conto delle esigenze complessive degli impianti elettrici, elettronici e per le comunicazioni nelle parti comuni degli edifici residenziali e trattano sia gli spazi necessari a impianti i cui punti di utilizzazione sono comuni (ad es. l’illuminazione delle scale), sia gli spazi dedicati a condutture che attraversano le parti comuni, per poi raggiungere i punti di utilizzazione all’interno delle unità immobiliari. Le indicazioni riguardano gli spazi che si sviluppano sia in senso orizzontale che verticale.

Per non ledere diritti di proprietà ed incorrere in possibili disservizi, si richiede che tutti i quadri elettrici, tutte le scatole rompitratta, tutte le scatole di derivazione, tutti gli apparecchi e dispositivi appartenenti ad impianti di parti comuni (es. montanti, impianto citofonico, impianto televisivo, ecc.) siano posizionati su spazi comuni accessibili.

5.2 Impianti considerati

Per la definizione degli spazi da destinare agli impianti elettrici, elettronici e per le comunicazioni nelle parti comuni degli edifici, sono stati considerati gli impianti sufficienti per garantire una disponibilità di servizi che possa essere considerata almeno “confortevole” dalla grande maggioranza delle persone.

Inoltre tali spazi sono stati pensati per garantire in futuro, per quanto ragionevolmente

prevedibile,

presenteranno.

si

una

flessibilità

che

permetta

di

adeguare

gli

impianti

alle

esigenze

che

Gli spazi definiti nei successivi paragrafi permettono di installare agevolmente le tipologie di impianti elencate nel seguito, con le caratteristiche indicate.

Impianto elettrico

Si è considerata la potenza elettrica da fornire ad ogni unità immobiliare pari a 4,5 kW monofase.

I servizi comuni che sono stati considerati sono almeno i seguenti:

alimentazione del terminale di testa TV (centralino) sia terrestre che satellitare, con prese a spina di tipo domestico e similare ubicate nella nicchia per il centralino (sottotetto) e alla base del montante nel piano cantina (1 circuito);

alimentazione nei locali sottotetto (1 circuito);

alimentazione dei dispositivi d’accesso (DA) per fibre ottiche, in genere al piano cantina (1 circuito);

illuminazione delle scale;

ottiche, in genere al piano cantina (1 circuito); illuminazione delle scale; GUIDA CEI 64-100/1:2006-05 Pagina 6

GUIDA CEI 64-100/1:2006-05 Pagina 6 di 32

ottiche, in genere al piano cantina (1 circuito); illuminazione delle scale; GUIDA CEI 64-100/1:2006-05 Pagina 6
eventuali prese a spina di tipo domestico e similare per la pulizia delle scale; alimentazione

eventuali prese a spina di tipo domestico e similare per la pulizia delle scale;

alimentazione del sistema videocitofonico;

alimentazione degli ascensori (due ascensori per gli esempi relativi a edifici di 6 e 8 piani con 4 unità immobiliari per piano; un ascensore per gli altri esempi);

alimentazione dell’aspirazione centralizzata per bagni ciechi.

Inoltre sono stati considerati gli impianti fotovoltaici.

Impianto telefonico e per la trasmissione dati

 

Si è tenuto conto dei collegamenti con cavi in rame (coppie simmetriche o doppini) alle unità immobiliari. È stata prevista inoltre la presenza di due operatori che utilizzano fibre ottiche; è stato considerato che dai dispositivi d’accesso per le fibre ottiche ciascuna unità immobiliare è raggiungibile da un cavo a fibre ottiche (piccolo tubo per due fibre per unità immobiliare).

Impianto TV

Gli spazi definiti garantiscono la possibilità di fornire a tutte le unità immobiliari i segnali della TV terrestre e della TV satellitare provenienti da due posizioni orbitali, ad esempio utilizzando la tecnologia multiswitch (si veda il par. 5.4.2); tali spazi permettono anche di raggiungere una parte delle unità immobiliari con distribuzione a stella (connessioni punto-punto fra unità immobiliare e sottotetto o cantina). Inoltre gli spazi previsti garantiscono la possibilità di fornire i segnali della TV satellitare in maniera completa e indipendente in almeno due postazioni per unità immobiliare, oltre ai segnali della TV terrestre a tutte le prese.

Impianto videocitofonico

 

Gli spazi sono riferiti alla possibilità di fornire il servizio videocitofonico e eventuali servizi di portineria tramite cavo a singola coppia, o collegamento similare.

Domotica

Trattandosi di parti comuni non è stata considerata l’automazione di appartamento, ma solo la possibilità di almeno un cavo bus che può essere utilizzato per implementare ad esempio le seguenti funzioni:

contabilizzazione

dell’energia

consumata

da

ogni

unità

immobiliare,

nel

caso

di

riscaldamento centralizzato;

 

gestione centralizzata di allarmi antiintrusione e/o tecnici (allagamento, gas ecc.).

 

5.3

Problematiche edilizie

 

Per le nuove costruzioni, un’analisi attenta permette un’agevole distribuzione sottotraccia con possibilità di predisposizione di cavedi tecnici di idonee dimensioni facilmente ispezionabili.

L’analisi spaziale delle percorrenze orizzontali e verticali negli edifici residenziali permette di evidenziare alcune peculiarità distributive che hanno diretta incidenza con l’installazione delle infrastrutture tecniche di cablaggio necessarie alla posa dei montanti principali verticali e delle tratte di piano orizzontali.

Dai locali tecnici sotterranei o a piano terra dipartono i montanti verticali principali che sono generalmente collocati in prossimità delle scale, mentre le tratte di piano rappresentano le distribuzioni orizzontali nei pianerottoli, nei ballatoi e nei corridoi, necessarie a servire le singole unità immobiliari.

Possiamo ricondurre, a livello generale, le tipologie residenziali a 6 schemi distributivi classici (si veda Fig. 1) da cui si possono derivare la maggioranza degli edifici abitativi. Le tipologie residenziali edilizie di base sono:

edificio in linea;

edificio a ballatoio;

edificio a corridoio;

edificio a torre;

edificio a schiera;

edificio unifamiliare.

Fig. 1 - Tipologie degli edifici residenziali. In questa figura la parola “alloggio” è da
Fig. 1 - Tipologie degli edifici residenziali. In questa figura la parola “alloggio” è da

Fig. 1 - Tipologie degli edifici residenziali. In questa figura la parola “alloggio” è da intendersi come “unità immobiliare”

Allo stesso modo è possibile classificare la maggioranza dei corpi scala in (si veda Fig. 2):

scale ad unica rampa, diritte;

scale a due rampe simmetriche e asimmetriche;

scale a pozzo a 3-4 rampe;

scale a pozzo circolari o ellittiche.

Fig. 2 - Tipologie di scale Le varie composizioni, tra le rampe, tra le dimensioni
Fig. 2 - Tipologie di scale Le varie composizioni, tra le rampe, tra le dimensioni

Fig. 2 - Tipologie di scale

Le varie composizioni, tra le rampe, tra le dimensioni delle alzate e delle pedate, permettono di classificare la maggioranza delle scale presenti negli edifici. Dal punto di vista strutturale e dei tamponamenti in muratura di chiusura della scala stessa, in grado di accogliere gli impianti, possiamo individuare:

le scale a sbalzo con canna in cemento armato che agisce da controventatura del telaio dell’edificio: nella muratura perimetrale della scale in cemento armato non possono essere alloggiati gli impianti, che possono essere distribuiti nei muri perimetrali degli atri, dei pianerottoli, dei ballatoi, ecc.;

le scale sorrette da una (a sbalzo) o due travi a ginocchio (rampanti): vi è una discontinuità della muratura di tamponamento perimetrale (tra le travi), che non permette il passaggio agevole di tubi o cavedi tecnici nel perimetro della scala; è necessario anche in questo caso utilizzare l’atrio, i pianerottoli, i ballatoi, ecc. per la distribuzione dei cablaggi;

le scale a soletta rampante in opera o prefabbricate: la muratura perimetrale della scala si

le scale a soletta rampante in opera o prefabbricate: la muratura perimetrale della scala si presta ad inserimenti di tracciature per accogliere i cablaggi insieme all’atrio ai pianerottoli, ai ballatoi, ecc. Questa tipologia è quella che dovrebbe consentire, a livello generale, la maggiore flessibilità nelle predisposizioni.

Per quanto concerne le tipologie edilizie residenziali, risulta importante la collocazione della scala sul corpo di fabbrica dell’edificio, in riferimento alla distribuzione delle unità immobiliari, ai fini della predisposizione dei montanti verticali e delle relative tratte di piano. Il vano dell’impianto ascensore in adiacenza alla scala, in muratura o prefabbricato con montanti in acciaio, non può essere utilizzato per questa tipologia di cablaggi.

Passando ad un’analisi più di dettaglio delle combinazioni scala/edificio, si può evidenziare che:

l’edificio in linea è caratterizzato da una pluralità di corpi scala che, tendenzialmente, servono 2 unità immobiliari bi-affaccio ciascuno; possono essere distribuite al massimo la terza e in rari casi esistenti la quarta unità immobiliare di piccole dimensioni, ma risultano monoaffaccio. In questo contesto risulta abbastanza agevole predisporre i montanti verticali nell’atrio anche se di non eccessive dimensioni. Le tratte orizzontali di derivazione dai montanti verticali, nel pianerottolo, hanno una lunghezza ridotta cosi come le tracciature da effettuare fino alla scatola di derivazione in prossimità della porta di ingresso;

l’edifico a ballatoio è caratterizzato, nel caso più semplice, da uno o più corpi scala che servono una molteplicità di unità immobiliari bi-affaccio mediante un ballatoio (possono essere in numero rilevante e distribuiti orizzontalmente in ambedue le direzioni). In questo caso l’atrio del corpo scala (cioè la superficie delle sue pareti) deve essere dimensionato in modo tale da poter accogliere agevolmente tutti i montanti. È anche possibile distribuire i montanti verticali suddividendoli in vari rami, collocandoli sottotraccia nella facciata del ballatoio in prossimità degli ingressi, proporzionalmente al numero delle unità immobiliari da servire. Nel primo caso si hanno, man mano che ci allontaniamo dall’atrio, tratte di piano che collegano le varie unità immobiliari sempre più lunghe fino all’ultima unità immobiliare in fondo al ballatoio. Nell’altro caso si può avere una distribuzione delle unità immobiliari con tratte di piano più ridotte, tipo quelle dell’edificio in linea;

l’edificio a corridoio è caratterizzato, nel caso più semplice, da un corridoio centrale e da una distribuzione delle unità immobiliari sui due fronti. Le unità immobiliari risultano monoaffaccio, escluse quelle di testa. È la tipologia degli alberghi e degli ospedali, ma vi sono anche edifici residenziali progettati in questo modo. Per questo edificio valgono grossomodo le considerazioni fatte per la tipologia a ballatoio. A seconda del posizionamento della scala si possono avere tratte di piano più o meno lunghe o si può adottare la strategia di suddivisione in più rami verticali;

nell'edificio a torre normalmente ci possono essere per ogni piano da 1 (grande) a 6 unità

immobiliari, in quest'ultimo caso 2 sono monoaffaccio

Nei casi standard le unità

immobiliari sono 2 o 4, servite da una scala centrale non necessariamente baricentrica. La struttura della scala è normalmente controventante. Lo sviluppo delle pareti dell’atrio deve poter contenere agevolmente i necessari montanti. Le tratte di piano risultano ridotte come lunghezza. In caso di torri molto alte è opportuno lo studio di cavedi tecnologici per tutti gli impianti;

gli edifici a schiera e unifamiliari normalmente sono caratterizzati da non possedere, se non in quelli con altezza superiore a 2-3 piani, montanti interpiano in quanto dal locale tecnico e/o centrostella dipartono direttamente le distribuzioni degli impianti elettrici, di telecomunicazione, domotici.

5.4 Distribuzione TV

5.4.1 Generalità

Le caratteristiche degli impianti di ricezione TV meritano alcuni approfondimenti. Gli impianti per la ricezione e distribuzione dei segnali televisivi negli edifici, possono essere realizzati con varie tecniche, aventi diverse prestazioni per l’utente ed in molti casi con diverse necessità infrastrutturali.

Dal punto di vista tecnico il riferimento è la Guida CEI 100-7 [3], dalla quale sono tratte le figure utilizzate nel seguito per illustrare meglio alcuni concetti particolarmente significativi in relazione agli argomenti trattati nella presente Guida.

Nella Fig. 3 è illustrata una possibile configurazione di impianto che permetta l’integrazione di tutti

Nella Fig. 3 è illustrata una possibile configurazione di impianto che permetta l’integrazione di tutti i servizi oggi disponibili in un’unica rete di distribuzione.

oggi disponibili in un’unica rete di distribuzione. Fig. 3 - Struttura generale di un impianto di

Fig. 3 - Struttura generale di un impianto di ricezione e distribuzione per i segnali TV

Per gli scopi di questa Guida si consiglia la predisposizione dell’infrastruttura che permetta di distribuire, oltre ai segnali della televisione terrestre (analogica e digitale), anche i segnali della TV satellitare provenienti da due posizioni orbitali, utilizzando la tecnica multiswitch, perché questa tecnica, fra quelle oggi più utilizzate, è la più flessibile. Inoltre, poiché la legge prevede il diritto di ogni cittadino ad accedere liberamente a tutte le informazioni disponibili, si è valutato ragionevole predisporre ulteriori spazi per permettere ad almeno una parte delle unità immobiliari di avere una connessione diretta verso i punti di posizionamento delle antenne o di connessioni a reti pubbliche (per i dettagli si veda il cap. 6). La adeguata predisposizione primaria prevista permette di ipotizzare che la richiesta di connessione diretta aggiuntiva non diventi una richiesta generale.

Per quanto riguarda la parte aerea, è opportuno predisporre già dalla fase progettuale dell’edificio gli ancoraggi adatti a poter fissare i sostegni per il posizionamento delle antenne, anche alla luce del DM 11/11/2005 [9]. Naturalmente, se esistono le condizioni tecniche necessarie, le antenne paraboliche possono essere ancorate allo stesso sostegno destinato a reggere le antenne dell’impianto per la TV terrestre. Nel caso non fosse possibile o conveniente posizionare sullo stesso sostegno tutte le antenne, è opportuno prevedere gli spazi necessari per tutti i sostegni.

Il posizionamento delle antenne paraboliche può avvenire in qualsiasi punto (tetto, cortile, ecc.) avente la visibilità diretta (senza ostacoli, tenendo conto anche delle fronde di alberi e simili) delle posizioni orbitali prescelte. Nella scelta della posizione è necessario considerare eventuali limitazioni fissate dal regolamento comunale.

5.4.2 Soluzione satellitare a multiswitch

La centrale di testa può essere composta da due sottocentrali, una per l’impianto TV terrestre, che normalmente trova posto nel piano sottotetto (si vedano figure da 6 in avanti), l’altra per gli impianti TV satellitare, che può essere posizionata nello stesso luogo o in un luogo più conveniente in funzione della posizione della antenna parabolica (ad esempio in cantina se l’antenna parabolica è in cortile).

Le dimensioni dello spazio per l’armadio contenente gli apparati variano in funzione delle dimensioni dell’impianto

Le dimensioni dello spazio per l’armadio contenente gli apparati variano in funzione delle dimensioni dell’impianto e della complessità del sistema ricevente. In ogni caso, se le antenne sono sul tetto, nel caso di impianto a multiswitch si consiglia di predisporre nel sottotetto lo spazio per un armadio almeno di 1 metro di larghezza per 70 cm di altezza per 20 cm di profondità, per edifici fino a 40 prese TV. Si consiglia di predisporre lo spazio per due armadi di tali dimensioni per edifici con più di 40 prese TV, e per un ulteriore armadio di questo tipo nel caso di distribuzione satellitare IF monocavo. Nel caso il segnale provenga da due posizioni diverse, è opportuno predisporre lo spazio per un altro armadio in corrispondenza del secondo ingresso dei segnali.

Negli impianti centralizzati, per trasportare tutte le informazioni dei segnali satellitari, sono necessari 4 cavi coassiali per ciascuna posizione orbitale. Seguendo le indicazioni del paragrafo 5.4.1 è necessario quindi predisporre spazi che consentano il passaggio di almeno 9 cavi TV (diametro 7 mm) lungo il montante (4 per ciascuna posizione orbitale più uno per la TV terrestre); inoltre è necessario predisporre gli spazi per poter connettere direttamente una parte delle unità immobiliari ai punti di posizionamento delle antenne.

Generalmente la soluzione adottata è quella illustrata nella Fig. 4.

la soluzione adottata è quella illustrata nella Fig. 4. Fig. 4 - Esempio di distribuzione con

Fig. 4 - Esempio di distribuzione con multiswitch

Ad ogni pianerottolo del palazzo sono posti gli apparati multiswitch che servono a coprire le

Ad ogni pianerottolo del palazzo sono posti gli apparati multiswitch che servono a coprire le necessità delle prese d’utente che sono presenti su quel piano. Esistono varie modularità nella capacità dei multiswitch, sia come ingressi che come uscite. Normalmente gli ingressi sono 4 o 8, oppure 4+1 o 8+1. Il “+1” è un ingresso per il segnale dei programmi terrestri, che viene miscelato con i segnali satellitari e portato alle prese d’utente. Le uscite verso le prese d’utente vanno da 2 a 16. Le dimensioni previste per le scatole di derivazione nella predisposizione indicata nei capitoli successivi prevedono multiswitch che hanno fino ad 8 uscite verso le prese d’utente.

In presenza di molti apparati in cascata, può essere necessario avere degli amplificatori per

mantenere il corretto livello di segnale alle prese.

Questi apparati possono essere alimentati da un alimentatore integrato e possono a loro volta alimentare sia gli apparati che seguono, sia quelli che precedono, compresi i convertitori Low Noise Block (LNB). Possono in alcuni casi anche essere alimentati dai Set Top Box (STB). In ogni caso è opportuno prevedere che l’infrastruttura permetta l’alimentazione degli apparati dell’impianto d’antenna piano per piano, mediante la predisposizione, ad ogni piano, di un tubo protettivo di collegamento all’impianto elettrico dei servizi di condominio.

Ogni 3 o 4 piani deve essere previsto lo spazio per armadietti che oltre al multiswitch possano

alloggiare degli amplificatori. Non è conveniente, per problemi di rapporto segnale/rumore, inserire più di 3 o 4 amplificatori in cascata. Pertanto negli edifici con più di 9 o 10 piani, deve essere prevista un’ulteriore canalizzazione per portare i cavi coassiali direttamente dal punto

di ricezione dei segnali al punto più lontano dell’edificio. In questo caso è opportuno che la

canalizzazione possa contenere cavi aventi diametro di almeno 7 mm, per mantenere

l’attenuazione della tratta nei limiti accettabili.

l’attenuazione della tratta nei limiti accettabili. Fig. 5 - Esempio di installazione di un multiswitch con

Fig. 5 - Esempio di installazione di un multiswitch con 8+1 ingressi, 8+1 uscite passanti e 8 uscite verso le prese d’utente

6 Definizione delle dimensioni 6.1 Introduzione Nella trattazione che segue vengono considerati gli spazi da

6

Definizione delle dimensioni

6.1

Introduzione

Nella trattazione che segue vengono considerati gli spazi da riservare agli impianti elettrici, elettronici e per le comunicazioni, mentre non vengono considerati i montanti per l’acqua potabile e il riscaldamento (normalmente con percorso interno alle unità immobiliari, anche se il montante riscaldamento a volte è ubicato nella zona scala), il montante gas, ubicato all’esterno dell’edificio, e la predisposizione per gli impianti di condizionamento.

Si segnala però che, nella zona interessata agli impianti considerati, in alcuni edifici (cioè almeno quelli con altezza superiore a 24 m) è presente il montante antincendio.

Gli impianti considerati sono quindi quelli già illustrati nel paragrafo 5.2 e riassunti di seguito:

impianto elettrico (con l’eventuale impianto fotovoltaico); è stato considerato un tubo protettivo aggiuntivo di riserva;

impianto telefonico e per la trasmissione dati;

impianto TV satellitare e terrestre;

impianto (video)citofonico;

impianto per la domotica (almeno un cavo bus);

Gli edifici presi in esame sono indicati nella Tab. 2.

Tab. 2

- Edifici considerati nella trattazione

N. Piani per edificio

N. Unità immobiliari per piano

Figure relative

2

2

Fig. 6

2

4

Fig. 7

4

2

Fig. 8

4

4

Fig. 9

6

2

Fig. 10

6

4

Fig. 11

8

2

Fig. 12

8

4

Fig. 13

6.2 Schemi

Gli schemi presentati in questo paragrafo sono relativi ai montanti verticali per tutte le tipologie di edifici indicate in Tab. 2, e alla distribuzione orizzontale (pianerottoli, ballatoi, corridoi) per gli edifici con 2 e 4 unità immobiliari per piano. È inoltre presente uno schema relativo all’ubicazione raccomandata per le cassette di derivazione o di smistamento (circa a 30 cm sopra il pavimento e circa 30 cm sotto il soffitto di ogni piano).

Vengono indicati il numero e i diametri dei tubi raccomandati, le dimensioni minime delle cassette di derivazione o smistamento e la loro reciproca ubicazione nella zona montante.

Fig. 6 - Edificio a 2 piani con 2 unità immobiliari per piano GUIDA CEI
Fig. 6 - Edificio a 2 piani con 2 unità immobiliari per piano GUIDA CEI

Fig. 6 - Edificio a 2 piani con 2 unità immobiliari per piano

Fig. 7 - Edificio a 2 piani con 4 unità immobiliari per piano GUIDA CEI
Fig. 7 - Edificio a 2 piani con 4 unità immobiliari per piano GUIDA CEI

Fig. 7 - Edificio a 2 piani con 4 unità immobiliari per piano

Fig. 8 - Edificio a 4 piani con 2 unità immobiliari per piano GUIDA CEI
Fig. 8 - Edificio a 4 piani con 2 unità immobiliari per piano GUIDA CEI

Fig. 8 - Edificio a 4 piani con 2 unità immobiliari per piano

Fig. 9 - Edificio a 4 piani con 4 unità immobiliari per piano GUIDA CEI
Fig. 9 - Edificio a 4 piani con 4 unità immobiliari per piano GUIDA CEI

Fig. 9 - Edificio a 4 piani con 4 unità immobiliari per piano

Fig. 10 - Edificio a 6 piani con 2 unità immobiliari per piano GUIDA CEI
Fig. 10 - Edificio a 6 piani con 2 unità immobiliari per piano GUIDA CEI

Fig. 10 - Edificio a 6 piani con 2 unità immobiliari per piano

Fig. 11 - Edificio a 6 piani con 4 unità immobiliari per piano GUIDA CEI
Fig. 11 - Edificio a 6 piani con 4 unità immobiliari per piano GUIDA CEI

Fig. 11 - Edificio a 6 piani con 4 unità immobiliari per piano

Fig. 12 - Edificio a 8 piani con 2 unità immobiliari per piano GUIDA CEI
Fig. 12 - Edificio a 8 piani con 2 unità immobiliari per piano GUIDA CEI

Fig. 12 - Edificio a 8 piani con 2 unità immobiliari per piano

Fig. 13 - Edificio a 8 piani con 4 unità immobiliari per piano GUIDA CEI
Fig. 13 - Edificio a 8 piani con 4 unità immobiliari per piano GUIDA CEI

Fig. 13 - Edificio a 8 piani con 4 unità immobiliari per piano

Fig. 14 - Distribuzione delle tubazioni tra montante ed unità immobiliare (in alto) e vista
Fig. 14 - Distribuzione delle tubazioni tra montante ed unità immobiliare (in alto) e vista

Fig. 14 - Distribuzione delle tubazioni tra montante ed unità immobiliare (in alto) e vista in pianta della distribuzione delle tubazioni (2 montanti di energia elettrica e 2 unità immobiliari per piano)

Fig. 15- Ubicazione raccomandata delle cassette dei montanti GUIDA CEI 64-100/1:2006-05 Pagina 24 di 32
Fig. 15- Ubicazione raccomandata delle cassette dei montanti GUIDA CEI 64-100/1:2006-05 Pagina 24 di 32

Fig. 15- Ubicazione raccomandata delle cassette dei montanti

Fig. 16 - Distribuzione delle tubazioni tra montante ed unità immobiliari (in alto) e vista
Fig. 16 - Distribuzione delle tubazioni tra montante ed unità immobiliari (in alto) e vista

Fig. 16 - Distribuzione delle tubazioni tra montante ed unità immobiliari (in alto) e vista in pianta della distribuzione delle tubazioni (2 montanti di energia elettrica e 4 unità immobiliari per piano)

6.3 Tubazioni che rimangono costanti Ci sono delle tubazioni per le quali il numero e

6.3 Tubazioni che rimangono costanti

Ci sono delle tubazioni per le quali il numero e il diametro rimangono costanti anche al variare del numero dei piani o delle unità immobiliari. Sono le seguenti:

Impianto di energia elettrica:

montante luce condominiale: 3 tubi PVC di diametro nominale 25 mm dal quadro generale del condominio normalmente ubicato al piano terra o al primo interrato fino al locale sottotetto (1 tubo per PE + 1 tubo per i 4 circuiti - 8 cavi unipolari di sezione 2,5 mm 2 + 1 tubo di riserva); per le cassette di derivazione si veda la Tab. 3;

montante ascensore: 1 tubo PVC di diametro nominale 32 mm dal quadro generale del condominio normalmente ubicato al piano terra o al primo interrato fino al locale cabina ascensore (4 cavi unipolari di sezione 6 mm 2 ) + PE, derivato dal montante PE, di sezione 1 x 6 mm 2 ; per le cassette di derivazione si veda la Tab. 3;

montante servizi vari: 3 tubi PVC di diametro nominale 32 mm dal quadro generale del condominio normalmente ubicato al piano terra o al primo interrato fino al locale sottotetto (1 tubo per eventuali aspiratori dei bagni senza finestra + 1 tubo per eventuale impianto fotovoltaico + 1 tubo di riserva); per le cassette di derivazione si veda la Tab. 3;

montante energia fornita dal distributore pubblico: 1 tubo di diametro nominale 32 mm per ogni unità immobiliare 1 ; per le cassette di transito si veda la Tab. 3.

Impianti di comunicazione:

montante del videocitofono e del bus: 1 tubo PVC (per i due cavi insieme) di diametro nominale 25 mm dal locale portineria e/o dal posto esterno al piano terra fino al sottotetto (con collegamento con il montante TV per eventuale trasformazione dell’impianto citofonico da analogico in digitale); per le cassette di derivazione in ogni caso è sufficiente una cassetta tipo C (si veda la Tab. 4);

impianto TV terrestre e satellitare: 3 tubi di diametro nominale 40 mm dalla base di sostegno delle antenne denominata “castello antenne” (che deve essere sempre facilmente accessibile) allo spazio o nicchia per il centralino, che deve avere misure minime 1000 x 700 x 220 mm, e deve essere in zona sempre accessibile, in generale nel sottotetto; inoltre 3 o 4 tubi di diametro 40 mm dal centralino nel sottotetto alla base del montante e cassette per i multiswitch come indicato in Tab. 3;

impianto telefonico e TD: 2 tubi PVC di diametro nominale 63 mm (oppure 1 tubo di diametro nominale 125 mm corrugato a doppia camera) dal locale tecnico o spazio (che deve essere sempre accessibile) al piano terreno o primo interrato ad un pozzetto all’esterno dell’edificio (suolo pubblico) per l’arrivo delle linee di telecomunicazione. Qualora la tratta sia molto lunga è opportuno inserire pozzetti rompitratta di dimensioni minime 550 mm x 550 mm per tubi interrati e scatole. Il locale tecnico o lo spazio devono avere dimensioni adeguate ad accogliere anche i dispositivi di accesso (DA) per fibre ottiche, prevedendo che possono avere accesso all’edificio più operatori e che ciascun operatore deve avere il proprio armadio. Comunque uno spazio non inferiore a 1,8 m x 1 m x l’altezza del piano oppure 2 m x 2 m x l’altezza del locale è idoneo a garantire l’accesso almeno ad un operatore che utilizza cavi in rame e a due operatori che utilizzano fibre ottiche (cioè gli operatori considerati in questa Guida, si veda il par. 5.2). Nel locale tecnico o spazio devono essere predisposti tubi per le alimentazioni delle apparecchiature che necessitano di presa a spina a 230 V. Per il diametro e il numero dei tubi del montante e delle cassette di transito si veda la Tab. 3.

1 Si noti che in questo caso al variare del numero delle unità immobiliari varia il numero dei tubi, ma rimane costante il loro diametro

6.4 Tubazioni e cassette per le varie tipologie di edifici 6.4.1 Tubazioni e cassette nei

6.4

Tubazioni e cassette per le varie tipologie di edifici

6.4.1

Tubazioni e cassette nei montanti

Tab. 3

- Montanti, tubazioni e cassette

N.

N. unità

Montante energia da DP

Montante TV

Montante telefoni e TD

piani

immobil.

unico

doppio

cassette

N. tubi

diam.

cassetta

N. tubi

diam.

cassetta

2

2

SI

 

B

3

40

D

1

40

B

2

4

SI

 

C

3

40

D

1

40

B

4

2

SI

 

B

3

40

D

1

40

C

4

4

 

SI

B

3

40

D

2

40

C

6

2

 

SI

A

3

40

D

2

40

C

6

4

 

SI

B

4

40

D

2

40

C

8

2

 

SI

A

3

40

D

2

40

C

8

4

 

SI

B

4

40

D

3

40

C

Per quanto riguarda le cassette per videocitofono/bus in ogni caso è sufficiente una cassetta

di

tipo C. Si vedano le dimensioni riportate in Tab. 4.

 
 

Tab. 4

- Dimensioni minime utili interne delle cassette

Tipo cassetta

Dimensioni (mm)

 

A

120

x 100 x 50

B

200

x 150 x 50

C

300

x 180 x 50

D

400

x 215 x 65

Il

numero di tubi per le telecomunicazioni raccomandati nella presente Guida, in particolare

nei montanti TV e telefonia/TD, non sempre coincide con quanto raccomandato per gli stessi impianti nella Guida CEI 306-2 [5]. La differenza è dovuta al numero di tubi relativi all’impianto TV; nella Guida CEI 306-2 non si fa riferimento alla tecnologia adottata, e quindi

vengono raccomandati i tubi necessari per collegare direttamente tutte le unità immobiliari con il centralino TV: ciò vuol dire che il numero di cavi TV presenti nel montante dipende dal numero di unità immobiliari. Invece nella presente Guida viene considerata la tecnologia a multiswitch (si veda par. 5.4.2) che prevede un numero fisso di cavi nel montante, che cioè non dipende dal numero di unità immobiliari. Nel caso di edifici con un numero elevato di unità immobiliari, la presente Guida richiede quindi un numero di tubi per l’impianto TV inferiore rispetto a quello indicato nella Guida CEI 306-2.

6.4.2 Tubazioni tra montante e unità immobiliare

Tab. 5

- Collegamento tra montante e unità immobiliare

Energia elettrica

1

tubo PVC Ø 32 mm per ogni unità immobiliare

TV terrestre + satellitare

tubo PVC Ø 32 mm per ogni centrostella di unità immobiliare (oppure 2 tubi PVC Ø 25 mm)

1

Telefoni + TD + videocitofono e bus

tubo PVC Ø 25 mm per ogni centrostella di unità immobiliare

1

Qualora il tratto necessario a raggiungere l’unità immobiliare dal punto di derivazione al piano sia molto lungo, occorre predisporre scatole rompitratta (dimensioni A o B della Tab. 4) avendo cura di evitare situazioni di “servitù”. Le scatole devono essere accessibili per interventi di manutenzione e/o integrazione. Si osserva che il percorso dalla derivazione di piano alla unità immobiliare può essere unico per la distribuzione TV e per i servizi di telefonia, modificando adeguatamente il diametro dei tubi.

6.4.3 Collegamento tra le cassette del montante Le varie cassette di derivazione o di transito

6.4.3 Collegamento tra le cassette del montante

Le varie cassette di derivazione o di transito devono essere collegate tra loro dalle seguenti

tubazioni:

collegamento con 1 tubo PVC di diametro nominale minimo 20 mm tra la cassetta di derivazione contenente il PE e tutte le cassette di transito o di derivazione;

collegamento con 1 tubo PVC di diametro nominale minimo 32 mm tra le cassette degli impianti di comunicazione.

6.4.4 Posa dei tubi per l’impianto elettrico

I tubi che contengono i cavi di energia elettrica per l’alimentazione delle unità immobiliari

richiedono una particolare attenzione nella posa, in relazione ai particolari fattori di riduzione delle portate dei cavi adottati.

Le sezioni dei conduttori sono state calcolate per una potenza contrattuale di 4,5 kW e con fattori di contemporaneità elevati, in conformità ad altre pubblicazioni del CEI, al fine di limitare la sezione dei cavi al massimo a 10 mm 2 .

I tubi sono raggruppati in generale in numero non superiore a 12 tubi in PVC di diametro 32

mm (contenenti al massimo 2 cavi unipolari senza guaina di sezione 10 mm 2 , oppure un cavo

multipolare avente sezione di 2 x 10 mm 2 ). I tubi sono previsti con posa incassata sotto traccia (predisposta nel cemento armato del vano scala di circa 50 cm) distanziati tra loro di circa 10 mm.

scala di circa 50 cm) distanziati tra loro di circa 10 mm. Fig. 17 - Tubi

Fig. 17 - Tubi per l’impianto elettrico

6.5 Sostegni per l’installazione delle antenne

Oltre alla predisposizione delle condotte per i cavi fra il punto di posizionamento delle antenne e il centralino TV, è sicuramente consigliabile prevedere, in fase di progetto dell’edificio, una serie di strutture che faciliti il successivo posizionamento delle antenne. Si raccomanda di pensare ad una struttura per una antenna centralizzata che serva per le necessità generali di tutti i condomini, sia per la ricezione dei segnali satellitari che per la ricezione dei segnali a propagazione terrestre. Si raccomanda inoltre di pensare anche alla possibilità di installare un certo numero di antenne supplementari sia satellitari sia terrestri per coprire le esigenze specifiche di singoli condòmini.

Le necessità sono estremamente variabili sia in funzione della località geografica ove è posizionato l’immobile, sia in funzione del tipo di copertura dell’immobile (terrazzi, tetti con

orditure in legno, tetti in cemento, ecc.), sia in funzione della presenza o meno di edifici vicini

che possano rendere difficoltosa la ricezione (questo è vero soprattutto per la ricezione dei

segnali a propagazione terrestre).

Si consiglia comunque di prevedere un certo numero di punti di fissaggio che permettano l’installazione di pali, zanche, ecc. in modo da garantire la sicurezza e la semplicità dell’installazione. La predisposizione deve tenere conto anche della facilità di accesso sia per l’installazione sia per la manutenzione dei sistemi riceventi; è opportuno inoltre evitare che l’accesso al castello di antenne comporti delle servitù di passaggio, situazione che potrebbe limitare o condizionare eventuali interventi di manutenzione o integrazione.

Per approfondimenti si rimanda alla apposita “Guida per la scelta e l’installazione dei sostegni

d’antenna per la ricezione televisiva” 2 del CT 100 CEI.

2 Al momento della pubblicazione della presente Guida, la Guida ai sostegni d’antenna è in fase di preparazione.

7 Ubicazione dei montanti I montanti possono trovare la loro ubicazione in corrispondenza dei vani

7 Ubicazione dei montanti

I montanti possono trovare la loro ubicazione in corrispondenza dei vani scala oppure in apposito cavedio in muratura con porta di accesso delle dimensioni indicate in Fig. 18.

Da 1,0 a 1,5 m
Da 1,0 a 1,5 m

1 mDa 1,0 a 1,5 m Spazi per il transito dei cavi

Spazi per il transito dei cavi

Da 1,0 a 1,5 m 1 m Spazi per il transito dei cavi

Fig. 18 - Cavedio

Altre soluzioni potrebbero consistere in vani o cavedi verticali con chiusura frontale mediante pannelli metallici verniciati (o altri tipi di pannelli che si intonino all’arredamento dell’edificio mantenendo le caratteristiche di sicurezza previste in questi casi) e fissati con viti o cerniere. Queste soluzioni vanno valutate in funzione del numero di tubi previsti e dell’accessibilità alle varie apparecchiature e alle cassette di derivazione installate.

In relazione alle varie tipologie di edifici presi in considerazione nel par. 5.3 si raccomanda l’ubicazione dei montanti illustrata nella Fig. 19 e Fig. 20.

dei montanti illustrata nella Fig. 19 e Fig. 20. Montante per ogni scala Possibile ubicazione montanti

Montante per ogni scala

Possibile

ubicazione

montanti

Fig. 19 - Ubicazioni consigliate per i montanti nelle scale

Montante per ogni scala Il montante in generale è sul disimpegno della scala con sviluppo
Montante per ogni scala Il montante in generale è sul disimpegno della scala con sviluppo
Montante per ogni scala
Il montante in generale è
sul disimpegno della
scala con sviluppo
orizzontale al piano in
quanto è difficile trovare
percorsi verticali che
possono alimentare le
varie unità immobiliari.
Montante per ogni scala
Possibile ubicazione
montanti

Fig. 20 - Ubicazioni consigliate per i montanti nei pianerottoli e/o ballatoi

Bisogna tenere presente che nella zona dei montanti per l’impianto elettrico, negli edifici di otto piani o più, c’è anche il montante antincendio, con la cassetta che contiene l’idrante che può avere notevoli dimensioni, ad esempio 537 x 350 mm.

che può avere notevoli dimensioni, ad esempio 537 x 350 mm. Fig. 21 - Cassetta che

Fig. 21 - Cassetta che contiene l’idrante

Qualora sia previsto un montante per il riscaldamento con rilievo delle ore di utilizzazione, è necessario realizzare il relativo impianto elettrico. Se viceversa esiste solo la predisposizione dei tubi del riscaldamento, è consigliabile posare sul montante un tubo di riserva di diametro 20 mm con collegamento alla centrale termica e ad ogni singola unità immobiliare.

Allegato A Impianti di protezione dalle scariche atmosferiche L’installazione dell’impianto di protezione contro le

Allegato A

Impianti di protezione dalle scariche atmosferiche

L’installazione dell’impianto di protezione contro le scariche atmosferiche è subordinata alla valutazione del rischio dovuto a tali scariche.

Qualora

il

risultato

di

tale

valutazione

indichi

la

necessità

di

realizzare

l’impianto

di

protezione,

è

buona

prassi

effettuare

il

progetto

dell’impianto

in

concomitanza

con

la

progettazione architettonica.

Per la valutazione del rischio dovuto alle scariche atmosferiche e per la progettazione del relativo impianto di protezione si rimanda alle Norme del CT 81 del CEI.

–––––––

La presente Norma è stata compilata dal Comitato Elettrotecnico Italiano e beneficia del riconoscimento di

La presente Norma è stata compilata dal Comitato Elettrotecnico Italiano e beneficia del riconoscimento di cui alla legge 1° Marzo 1968, n. 186.

Editore CEI, Comitato Elettrotecnico Italiano, Milano – Stampa in proprio

Autorizzazione del Tribunale di Milano N. 4093 del 24 Luglio 1956

Responsabile: Ing. A. Alberici

N. 4093 del 24 Luglio 1956 Responsabile: Ing. A. Alberici Comitato Tecnico Elaboratore CT 64-Impianti elettrici

Comitato Tecnico Elaboratore CT 64-Impianti elettrici utilizzatori di bassa tensione (fino a 1000 V in c.a. e a 1500 V in c.c.)

Altre Norme di possibile interesse sull’argomento

CEI 64-50 Edilizia residenziale - Guida per l'esecuzione nell'edificio degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione per impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati - Criteri generali

CEI 64-53 Edilizia residenziale - Guida per l'integrazione nell'edificio degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione di impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati - Criteri particolari per edifici ad uso prevalentemente residenziale

CEI 100-7 Guida per l'applicazione delle Norme sugli impianti di ricezione televisiva

CEI 205-2 Guida ai sistemi bus su doppino per l'automazione nella casa e negli edifici, secondo le Norme CEI EN 50090

CEI 306-2 Guida per il cablaggio per telecomunicazioni e distribuzione multimediale negli edifici residenziali

€ 20,00

multimediale negli edifici residenziali € 20,00 GUIDA Sede del Punto Ve ndita e di Consultazione CEI

GUIDA

Sede del Punto Vendita e di Consultazione

CEI 64-100/1:2006-05

20134 Milano

Via Saccardo,9

Totale Pagine 36

Tel. 02/21006.1

Fax 02/21006.222

http://www.ceiweb.it

e-mail cei@ceiweb.it

Saccardo, 9 Totale Pagine 36 Tel. 02/21006.1 Fax 02/21006.222 http://www.ceiweb.it e-mail cei@ceiweb.i t