Sei sulla pagina 1di 33

Dalla struttura atomica

alla nomenclatura
Forma delle molecole
Capitolo 4

e proprietà delle sostanze


Unità 12 La forma delle molecole
4.1 Angolo di legame e forma delle molecole
4.2 Il modello VSEPR

Unità 13 L’ibridazione degli orbitali e la risonanza


4.3 La teoria degli orbitali ibridi
4.4 Ibridi di risonanza

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 2


Forma delle molecole
Capitolo 4

e proprietà delle sostanze


Unità 14 Legami, polarità e solubilità
4.5 Forma e polarità delle molecole
4.6 Polarità e miscibilità
4.7 La formazione delle soluzioni
4.8 Soluzioni di un solido in un liquido

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016


4.1 Angolo di legame e forma delle molecole

Le proprietà delle sostanze dipendono


dal tipo di legame che unisce gli atomi
e dalla forma delle molecole.

La forma e le dimensioni delle molecole,


la disposizione degli atomi nello spazio,
la lunghezza e gli angoli di legame
definiscono la geometria molecolare.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 4


4.1 Angolo di legame e forma delle molecole

L’angolo di legame è l’angolo formato


dagli assi di due legami chimici
che partono dallo stesso atomo.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 5


4.2 Il modello VSEPR
La geometria molecolare dei composti
può essere ricavata dalla teoria VSEPR.
Secondo il modello VSEPR la forma di una molecola
viene determinata dalla repulsione
tra i doppietti elettronici presenti nel livello più esterno.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 6


4.2 Il modello VSEPR

Gli orbitali esterni occupano posizioni reciproche


che realizzano la massima distanza possibile
e quindi la minima interazione.

La geometria di una molecola


si ricava dalla struttura di Lewis
contando il numero totale di coppie elettroniche
presenti attorno all’atomo centrale.

I legami multipli si considerano


come una coppia elettronica unica.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 7


4.2 Il modello VSEPR
Molecole con due coppie elettroniche
attorno all’atomo centrale assumono
una geometria lineare con angoli di 180°.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 8


4.2 Il modello VSEPR
Molecole con tre coppie elettroniche
attorno all’atomo centrale assumono
una geometria triangolare planare.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 9


4.2 Il modello VSEPR
Molecole con quattro coppie elettroniche
attorno all’atomo centrale assumono
una geometria tetraedrica.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 10


4.2 Il modello VSEPR
La forma che la molecola effettivamente assume
si ricava invece dal numero di coppie di legame
e di non legame.

Molecole con lo stesso numero di coppie


elettroniche attorno all’atomo centrale,
ma con numero diverso di coppie elettroniche
di non legame, hanno stessa geometria
ma forma diversa.

La forma delle molecole è determinata


dal numero di atomi legati all’atomo centrale.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 11


4.2 Il modello VSEPR
Molecole con tre coppie di legame
attorno all’atomo centrale ma con solo due atomi legati
assumono forma piegata.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 12


4.2 Il modello VSEPR
Molecole con quattro coppie di legame
attorno all’atomo centrale ma con solo tre atomi legati
assumono forma piramidale triangolare.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 13


4.2 Il modello VSEPR
Molecole con quattro coppie di legame
attorno all’atomo centrale ma con solo due atomi legati
assumono forma piegata.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 14


4.2 Il modello VSEPR

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 15


4.2 Il modello VSEPR

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 16


4.3 La teoria degli orbitali ibridi
Secondo la teoria degli orbitali ibridi
i legami si possono originare anche da orbitali
diversi dagli orbitali s, p, d e f, gli orbitali ibridi.

Gli orbitali ibridi sono orbitali nuovi


ottenuti dalla combinazione,
ricavata matematicamente,
di più orbitali atomici di uno stesso atomo.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 17


4.3 La teoria degli orbitali ibridi
Un atomo di berillio
ha due elettroni
nell’orbitale 2s.
Quando viene eccitato,
un elettrone è promosso
in un orbitale p.
I due orbitali con singoletto
si mescolano per dare
due orbitali ibridi uguali.

L’atomo di berillio viene ad avere così due orbitali


con singoletto e può formare due legami covalenti.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 18


4.3 La teoria degli orbitali ibridi
In pratica:

più orbitali di tipo diverso


si possono mescolare per dare nuovi orbitali,
gli orbitali ibridi, isoenergetici tra loro;

l’ibridazione degli orbitali


permette di aumentare il numero
di legami covalenti che un atomo può formare
e rende così più stabili le molecole.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 19


4.3 La teoria degli orbitali ibridi
Il numero e il tipo di orbitali ibridi
determinano la geometria della molecola
formata dall’atomo ibridato.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 20


4.3 La teoria degli orbitali ibridi

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 21


4.4 Ibridi di risonanza
La risonanza è determinata
da una delocalizzazione degli elettroni
che spostandosi danno origine a strutture diverse
senza che gli atomi cambino di posto.
Un composto in cui gli elettroni sono delocalizzati
è detto ibrido di risonanza e deve essere rappresentato
tramite più formule di struttura dette formule limite.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 22


4.4 Ibridi di risonanza
Ciascuna possibile formula limite
contribuisce alla stabilità dell’ibrido
in relazione al proprio contenuto energetico.

L’ibrido assume per più tempo


la struttura rappresentata
dalla formula limite più stabile

Un ibrido di risonanza è tanto più stabile


quanto più numerose sono le formule limite
equivalenti dal punto di vista energetico
che lo rappresentano.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 23


4.4 Ibridi di risonanza
La rappresentazione degli ibridi di risonanza
privilegia la formula limite più stabile.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 24


4.5 Forma e polarità delle molecole
La polarità di una molecola dipende, oltre che
dalla presenza di legami covalenti eteropolari,
anche dalla sua forma.
Le molecole polari
hanno un dipolo permanente.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 25


4.5 Forma e polarità delle molecole
Le molecole in cui gli elettroni
sono equamente condivisi, o nelle quali
i dipoli annullano reciprocamente il loro effetto,
sono dette molecole apolari.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 26


4.5 Forma e polarità delle molecole
Le molecole apolari interagiscono con difficoltà
e con poca forza e si trovano in natura
come particelle isolate allo stato gassoso.

Le molecole polari interagiscono


fortemente tra loro e con altre molecole
o ioni attraverso legami ioni-dipolo,
legami idrogeno e interazioni di Van der Waals
e si trovano in natura in uno stato condensato.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 27


4.6 Polarità e miscibilità
Anche la miscibilità e la solubilità delle sostanze
sono influenzate dalla polarità delle loro molecole.

Le sostanze polari si sciolgono in quelle polari,


le sostanze apolari si sciolgono nelle apolari:
il simile scioglie il simile.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 28


4.7 La formazione delle soluzioni
Affinché il processo di solubilizzazione avvenga,
occorre che le interazioni tra soluto e solvente
riescano a compensare l’energia spesa
per allontanare le particelle.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 29


4.7 La formazione delle soluzioni
Solo sostanze con struttura simile
possono dar luogo a interazioni con forze uguali
o superiori a quelle presenti tra le molecole
di soluto e di solvente separati.

Tra le sostanze apolari che si miscelano


agiscono interazioni dipolo-dipolo indotto
o dipolo indotto-dipolo indotto,
mentre tra le sostanze polari che si solubilizzano
si instaurano interazioni dipolo-dipolo
o legami idrogeno.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 30


4.8 Soluzioni di un solido in un liquido
La dissoluzione di un solido ionico in acqua
avviene in quanto le forze di attrazione tra gli ioni
sono vinte dalle forze ione-dipolo, che si stabiliscono
tra gli ioni del cristallo e le molecole d’acqua
I singoli ioni sono separati
e circondati da molecole d’acqua.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 31


4.8 Soluzioni di un solido in un liquido
I legami idrogeno che uniscono le molecole
di un solido molecolare si rompono in presenza di acqua
a causa dei nuovi legami idrogeno
che si formano tra le molecole del solido
e le molecole d’acqua e il cristallo si scioglie.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 32


4.8 Soluzioni di un solido in un liquido
I solidi covalenti e i solidi metallici
non sono solubili in acqua.

L’acqua è un ottimo solvente per i solidi ionici


e per i solidi molecolari.

Mario Rippa – La nuova chimica di Rippa - © Italo Bovolenta editore 2016 33